Sei sulla pagina 1di 13

REALIZZA

IL TUO SAPONE

www.maghelladicasa.it
Introduzione

In questa guida ti mostrerò in pochi semplici ma efficaci passi, come


realizzare in casa il tuo primo sapone.

Si tratta di informazioni di base che potrai ampliare ed approfondire a


seconda delle tue esigenze. Ti renderai conto di quanto è facile produrre in
casa un sapone di elevata qualità per te e la tua famiglia, e la soddisfazione
che ne ricaverai dopo avere prodotto il primo ti riempirà di gioia e voglia
di fare.

Ti invito a completare la lettura di questa guida per avere un quadro


completo, prima di metterti al lavoro.

Ultima raccomandazione: rispetta con precisione tutte le precauzioni che


ho dettagliatamente elencato in merito all'impiego della soda caustica.

Buon sapone!

Stefania

1
Perché produrre da sé il sapone
La produzione di saponi e detergenti su vasta scala a livello industriale, ha
come scopo principale quello di soddisfare un numero sempre maggiore di
richieste, con conseguente ritorno economico.

Per accontentare il cliente ma allo stesso tempo contenere i costi, le


materie prime, che vengono scelte senza particolare riguardo alla qualità,
vengono poi trattate chimicamente per renderle più gradevoli ed efficaci,
quindi arricchite di additivi sintetici, coloranti artificiali, conservanti,
stabilizzanti, tutte sostanze pericolose per l’ambiente e nocive per il
corpo.

Tranne poche eccezioni anche i saponi venduti come ‘naturali’ o


‘biologici’ non si presentano poi tanto diversi da tutti gli altri saponi, se
non per il costo; purtroppo la grande distribuzione ha le sue esigenze
tecniche e commerciali anche per la ‘cosmesi naturale’.

Alcuni di questi prodotti contengono in aggiunta alcune sostanze naturali,


che sono ben amalgamate alle componenti sintetiche (con particolare
riguardo alle profumazioni).

Io produco il mio sapone per poter disporre di un prodotto di qualità, che


posso adattare alle mie esigenze e a quelle della mia famiglia.

Un detergente che ha cura della pelle, ne rispetta la delicatezza e che


posso realizzare ad un costo contenuto.
Come produco il mio sapone

Eliminare dal budget familiare le spese per gli acquisti di sapone e


detersivi per la cura personale e per la casa, non significa solo abbattere un
costo ed una dipendenza dalla grande distribuzione, ma soprattutto avere
prodotti migliori in termini di qualità e meno inquinanti.

Per la realizzare il mio sapone io utilizzo il metodo a freddo; puoi leggere


in un dettagliato articolo sul mio sito perché lo considero il metodo
migliore per produrre sapone.

Gli ingredienti

Gli ingredienti di base per produrre un sapone sono davvero pochi e


facilmente reperibili.

-SODA CAUSTICA (base alcalina) ci permette di ottenere saponi solidi.


La puoi acquistare nelle ferramenta, ma anche nei supermercati o nei
negozi di detersivi per pochi euro.

Attenzione a controllare sull’etichetta che si tratti di soda caustica


pura al 98-99%!

Capisco benissimo il timore che si prova quando si pensa di dover


maneggiare una sostanza “problematica” come la soda caustica. In realtà si
tratta per lo più di paure infondate; se seguirai tutte le indicazioni che ti
fornirò nel prossimo paragrafo non avrai nessun problema.
-OLI O GRASSI olio di oliva, di arachidi, di semi di girasole, di cocco, di
mais, di riso, ma anche sego e strutto.

I grassi sono distinti in genere in:

 grassi di base che costituiscono l’elemento fondamentale nella


produzione del sapone e sono utilizzati in quantità maggiore,
facilmente reperibili e a basso costo.

Il principe tra i grassi di base è senza dubbio quello di oliva.

 nutrienti definiti convenzionalmente in tale modo perché più


pregiati, ma anche più costosi.

Aumentano la qualità finale del sapone, anche se vengono utilizzati in


quantità ridotte.

-ACQUA O ALTRO LIQUIDO che funge da solvente per la soda.

E' preferibile utilizzare acqua distillata oppure osmotica (se hai un


depuratore in casa), ma non avrai problemi neppure impiegando semplice
acqua di rubinetto.

Vi sono poi degli ingredienti ‘facoltativi’ che rendono più accattivante un


sapone, più gradevole per la vista e l’olfatto, quali: essenze, profumi e
coloranti che potrai aggiungere a tuo piacere.
Qui Puoi Acquistare a Prezzo di Lancio Il Manuale
Completo
“Il Sapone di Ste”

Norme di sicurezza
Prima di iniziare a preparare il sapone in casa, ti ricordo ancora una volta
che la soda caustica è un materiale che deve essere trattato con
cautela; a contatto con la pelle è fortemente irritante e mescolata con
l’acqua sprigiona fumi tossici.

Non è il caso però di farsi prendere dal timore in quanto è sufficiente


rispettare alcune semplici precauzioni, per poter lavorare in tutta sicurezza.

Ricorda che il sapone ottenuto dalla combinazione di acqua, soda, e


oli, come prodotto finale non contiene assolutamente tracce di soda
caustica.

Il prodotto finito è dato dalla trasformazione delle sostanze impiegate per


la sua realizzazione, ed ha caratteristiche molto diverse da quelle delle
materie prime impiegate.

Si tratta di un sapone di alta qualità, di gran lunga superiore a quelli che si


trovano comunemente nei supermercati.
Diffida di tutti coloro che ti propongono di produrre sapone senza la
soda caustica; il risultato infatti è un prodotto di scarsa qualità, unto e
molle. Ti spiego il perché in questo articolo: sapone fai da te senza
soda caustica? Si può?.
1) Conserva la soda caustica in luogo sicuro al di fuori della portata di

bambini e animali.

2) Indossa sempre occhialini protettivi (anche da piscina, o quelli che si

trovano in ferramenta), mascherina e guanti di gomma quando maneggi la

soda caustica, la miscela di liquido e soda e quella di grassi e soda.

3) Pesa la soda in contenitore usa e getta, con estrema precisione,

possibilmente nel lavello, così che eventuali cristalli finiti fuori potranno

essere facilmente eliminati.

4) Copri con dei vecchi giornali il piano di lavoro in modo da proteggerlo

da eventuali schizzi che potrebbero rovinarlo.

5) Versa sempre la soda nell’acqua e mai viceversa, perché potrebbe

fuoriuscire per reazione chimica. Se possibile fai questa operazione nel

lavello e comunque sempre in luogo areato, in quanto si sviluppano in

questa fase i vapori più fastidiosi.

6) Versa sempre la soluzione di soda nell’olio e non viceversa per evitare

reazioni chimiche indesiderate.

7) Utilizza gli utensili del sapone solo per questo scopo e non per cucinare.
Materiali ed attrezzatura
La lista degli ingredienti per preparare il tuo sapone non è lunga né
costosa; alcune di queste attrezzature puoi infatti trovarle nella tua cucina
(dovrai però utilizzarle solo per questo scopo), oppure al supermercato o
nei negozi di bricolage.

 almeno un termometro da cucina che arrivi 100°


 un bollitore graduato in pirex
 una bilancia di precisione
 un cucchiaio di legno o in plastica resistente al calore
 un frullatore ad immersione
 una pentola in acciaio inox
 stampi per il sapone (in legno, silicone, vaschette di plastica)

Le fasi della fabbricazione


1) Prendi la pentola in acciaio e versa gli oli, dopo averli pesati con
precisione.

2) Indossa guanti, occhiali e maschera. Pesa la soda nel contenitore usa e


getta e l’acqua (possibilmente distillata od osmotica) nel bollitore graduato
in pirex.

3) Possibilmente molto vicino ad una finestra aperta o comunque in


ambiente areato, versa a poco a poco la soda nell'acqua, mescolando bene
sino al suo completo scioglimento.

A questo punto la temperatura della soluzione di alzerà a 75/85°.


Davvero troppo per innescare il processo di saponificazione.

Pertanto occorre fare in modo che la temperatura si abbassi sino a 45°


circa. (Puoi immergere il contenitore in una pentola di acqua fredda per
rendere il processo più veloce).

4) Quando la temperatura della soluzione sodica si sta avvicinando a


quella ottimale, scalda gli oli e porta anche loro ad una temperatura di
circa 45°.

5) Quando la soluzione caustica e gli oli avranno più o meno la stessa


temperatura, versa la soluzione di soda negli oli a filo sottile e continuo,
mescolando continuamente.

6) Aziona il frullatore ad immersione a velocità media. Frulla per 30/60


secondi, spegni e mescola, poi di nuovo 30/60 secondi e così di seguito
sino al raggiungimento del nastro, ovvero sino a quando il composto non
avrà raggiunto una consistenza cremosa.

Il composto infatti si addensa, tanto è vero che se si solleva il frullatore e si


lascia cadere una goccia, questa non viene assorbita subito ma tende a
rimanere in superficie.

7) Al momento del nastro andranno aggiunti gli altri ingredienti previsti


dalla ricetta (oli nutrienti, oli essenziali, fiori ed erbe secche, farine),
dopodiché sarà possibile versare il sapone negli appositi stampi.

Sistema gli stampi all'interno di uno scatolone, chiudi e copri il tutto con
una coperta.
8) Il sapone dovrà riposare per 24/48 ore.

Trascorso questo tempo, inserisci i guanti, togli il sapone dallo stampo e


taglialo con un coltello per ottenere la dimensione che desideri.

A questo punto posiziona le forme su un ripiano foderato di carta non


stampata, in luogo areato e lascia maturare per almeno 30/40 giorni.

Non utilizzare il sapone prima di questo periodo che è strettamente


necessario affinché il processo di saponificazione giunga a termine.

Guarda come hanno fatto già, più di 300 donne, a


realizzare il proprio sapone in casa.
♦♦♦

Nelle prossime pagine troverai alcune ricette con cui potrai dare l’avvio ai
tuoi esperimenti.

Ne ho scelte 2 per la loro semplicità e perché puoi realizzarle con


pochissimi ingredienti facilmente reperibili.

Se hai dubbi, domande o necessiti di chiarimenti puoi scrivermi a:

infomaghelladicasa@gmail.com, ti risponderò con piacere.


SAPONE DA BUCATO ALL’OLIO DI OLIVA

Ingredienti

800 g di olio di sansa di oliva (oppure olio di oliva)


200 g di olio di cocco
144 g di soda caustica
330 g di acqua
10 ml di olio essenziale di eucalipto
SAPONETTA FAI DA TE BALSAMICA

Ingredienti

850 g di olio di oliva


150 g di olio di cocco
132 g di soda
300 g di acqua
15 ml di oli essenziali di menta, pino, eucalipto (divisi in parti uguali)
Se non vuoi acquistare tutti gli oli essenziali puoi anche inserirne uno solo
oppure abbinarne 2 a piacere.
Se vorrai approfondire le tue conoscenze ed entrare nel fantastico mondo
dell'autoproduzione di sapone ti consiglio di acquistare la mia guida:

Scoprirai come:
➤conoscere tutte le strategie per fare un sapone in casa, in poco tempo e
con una spesa minima;
➤apprendere tutti i trucchi per ottenere un sapone senza difetti, sia per il
bucato che per l'igiene personale;
➤personalizzare le ricette per adattarle alle tue esigenze e a quelle della
tua famiglia.

Per saperne di più CLICCA QUI.