Sei sulla pagina 1di 20

Il premier decide improvvisamente di bombardare

Gheddafi. Prima gli baciava le mani. Come reagirà il raìs? y(7HC0D7*KSTKKQ( +=!"![!$!.
www.ilfattoquotidiano.it

Il tuo 5x1000
per EMERGENCY
codice fiscale
971 471 101 55
EMERGENCY
w w w. e m e r g e n c y. i t

Martedì 26 aprile 2011 – Anno 3 – n° 98 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

VOGLIONO ELIMINARE Ciancipietro


di Marco Travaglio

n evidente imbarazzo per l’arresto di Ciancimino jr,

QUEST’UOMO
Antonio Ingroia visto
da Emanuele Fucecchi
I issato agli onori delle cronache dal suo Panorama
nel 2007, Maurizio Belpietro scrive: “Non sappiamo
da chi abbia imparato a manipolare i documenti. Ma
quale che sia il suo maestro, non sarà mai
sufficientemente abile da competere con Travaglio”.
Troppo buono. Ma, come si suol dire: prego, dopo di lei.
Ciancimino è stato arrestato per aver taroccato un
Il bersaglio è il pm Antonio Ingroia documento contro De Gennaro. Accusa ancora tutta da
Per lui Ferrara e i berluscones chiedono provare (per ora si sa solo che il documento è stato
falsificato, ma non da chi né perché), anche se i
il carcere. Con la scusa del falso di “garantisti” Pdl l’hanno già condannato in via definitiva.
In compenso è ormai fatto notorio che da 17 anni gli
Ciancimino, vogliono bloccare le inchieste house organ di B., diretti o vicediretti da Belpietro, han
che coinvolgono il padrone e non solo preso per oro colato una serie innumerevole di panzane.
Nel ‘95 il Giornale rilancia le “notizie agghiaccianti” che
di Giuseppe Lo Bianco Udi Marco Lillo Udi Gianni Barbacetto B. dice di aver appreso sul pool Mani Pulite, denunciato a
Brescia per “attentato a organo costituzionale” (art. 289
iuliano Ferrara chiede la
Gcarcere
condanna a dieci anni di
per Antonio Ingroia,
DI MATTEO:
STATO-MAFIA
STRATEGIA
DELLA
Codice penale, pena massima 10 anni di carcere).
Naturalmente – vedi pagina 2 – il pool viene assolto,
mentre i supertestimoni delle notizie agghiaccianti, i
colpevole di “attentato ad or- ECCO I FATTI CALUNNIA marescialli Strazzeri e Corticchia, vengono arrestati e
gani costituzionali”. Il sena- condannati per calunnia. Sempre nel ‘95 il Giornale
ccolo qui “l’attentatore” alla hi parla oggi di “voluttà della
tore Luigi Compagna vuole
una commissione d’inchie- EMatteo
Costituzione. Antonino Di C calunnia”, a proposito di Mas-
con il procuratore ag- simo Ciancimino, farebbe bene
vicediretto da Belpietro avvia una lunga campagna per
dimostrare che Pacini Battaglia ha corrotto Di Pietro con
sta sulla gestione dei pentiti.
“una valigetta con 5 miliardi”. Poi, nel novembre ‘97, i
Maurizio Gasparri sollecita la giunto Ingroia sta portando a ricordare la storia delle “rive-
lettori del Giornale trovano in prima pagina un articolo di
Procura di Palermo a spo- avanti le indagini più delicate lazioni agghiaccianti”. E dovreb-
Feltri: “Caro Di Pietro, ti stimavo e non ho cambiato idea”.
gliarsi dell’inchiesta sulla dell’ultima stagione palermitana be ripensare a una vicenda avve-
E due pagine di ritrattazione completa: “Di Pietro è
trattativa tra mafia e Stato. come quella sulla trattativa Sta- nuta nel 1996, in cui la calunnia
immacolato”, “i famigerati miliardi di Pacini” sono una
pag. 2 - 3 z to-mafia. pag. 3 z ci fu. pag. 2 - 3 z
“bufala”, una “ciofeca”, una “smarronata”, “dissolto il
grande mistero: non c’è il tesoro di Di Pietro”. Cioè: Il
Giornale vicediretto da Belpietro “dissolve” un mistero
GUERRA x Governo spaccato su richiesta Nato 25 APRILE x In 60 mila a Milano, oltre 15 mila a casa Cervi che ha inventato lui, per salvarsi dalle denunce dall’ex pm
(Paolo Berlusconi deve pure sborsare 700 milioni di lire).

B. SVOLTA: “BOMBE L’ITALIA FESTEGGIA Anche Giuliano Ferrara porta la sua acqua al mulino della
calunnia: nel ’97, direttore di Panorama, allega il
pamphlet di Giancarlo Lehner “Attentato al governo

SULLA LIBIA” LA LIBERAZIONE


Berlusconi. Art. 289 Codice penale” che rilancia le
“notizie agghiaccianti” e che viene puntualmente
condannato per aver descritto fatti mai accaduti. Ora
Ferrara ripesca l’articolo 289 per mandare in galera i pm

LEGA IN RIVOLTA LUI È A VILLA CERTOSA di Palermo. Ed è perfino costretto a difendere De


Gennaro, che il Foglio insulta da 15 anni per la penna di
Lino Jannuzzi, lo stesso che nel ’91 scriveva: “Falcone e
De Gennaro sono i favoriti per la Dna e la Dia... È una
coppia la cui strategia... ha approdato al più completo
Nota di Palazzo Chigi: sì ai raid mirati. fallimento: sono Falcone e De Gennaro i maggiori
Calderoli: “Non avrete il mio voto” responsabili della débâcle dello Stato di fronte alla mafia.
Bocchino: “Ormai è crisi aperta” Quando si arrivasse a queste nomine, dovremo guardarci
da due ‘Cosa Nostra’, quella che ha la Cupola a Palermo e
Gramaglia pag. 13 z quella che sta per insediarsi a Roma. E sarà prudente
tenere a portata di mano il passaporto”. Del resto
Roberto
Calderoli gl’investigatori prediletti da Ferrara sono altri: per
e Silvio esempio Squillante, che lui definisce “uomo probo”
Berlusconi anche quando finisce dentro per un conto in Svizzera con
(FOTO DLM) .
10 miliardi, comunicante con quello di Previti. Quando
A destra, la
manifestazione
poi Igor Marini infanga Prodi & C. per Telekom Serbia, Il
nazionale Giornale di Belpietro rilancia pure le sue balle, almeno
per il 25 aprile, finché Marini non viene arrestato per calunnia. Ora, a
ieri a Milano corto di fornitori di bufale, deve inventarsele in proprio:
(FOTO EMBLEMA)
tipo l’attentato subìto per mano della “sinistra dell’odio”
o il progetto di un falso agguato a Fini per accusare B.
Sapete come sono finite? La Procura ha appurato che
l’attentato a Belpietro non è mai avvenuto e quello a Fini è
una patacca rifilata al direttore di Libero da un
imprenditore pugliese che voleva dimostrare come sia
nrestiamo umani CATTIVERIE Fischi per Letizia Moratti di L. Galeazzi e D. Milosa
facile ammollare patacche a certi giornali. Infatti mica era
Gli altri Arrigoni a Milano e Ignazio La Russa a a Costituzione non si tocca, andato a casaccio: si era rivolto proprio a Belpietro (di cui
e l’utopia
Napolitano: “L’equilibrio dei
poteri è una preziosa eredità Roma. Parla l’autore “L la difenderemo con la lot-
ta”. È questo uno degli slogan
il pm Spataro ha chiesto la condanna per procurato
allarme). Quel dilettante di Ciancimino, con un solo
della Costituzione”. Ma prima dell’insegna di Auschwitz al
di cambiare il mondo c’è da occuparsi delle esequie più cantati a Milano per la festa documento falso, non si monti la testa: deve farne di
pag. 6 - 7z (www.spinoza.it) Pigneto: io incompreso pag. 4 - 5 z della Liberazione. pag. 4 z strada, per diventare un Belpietro.
pagina 2

“C
IL BERSAGLIO

he cosa aspettiamo a tirare fuori parte, anche temporaneamente: 1) al presidente della


Sul “Giornale” si invoca l’articolo 289 del codice penale?”. Repubblica o al governo l’esercizio delle attribuzioni o
Così Ferrara su Il Giornale contro prerogative conferite dalla legge; 2) alle assemblee
Ingroia. Ecco cosa recita l’articolo: “Attentato contro legislative o ad una di queste, o alla Corte costituzionale
“l’attentato contro gli gli organi costituzionali e contro le assemblee regionali. o alle assemblee regionali l’esercizio delle loro funzioni.
È punito con la reclusione non inferiore a dieci anni, La pena è della reclusione da uno a cinque anni se il fatto
qualora non si tratti di un più grave delitto, chiunque è diretto soltanto a turbare l’esercizio delle
organi costituzionali” commette un fatto diretto ad impedire, in tutto o in attribuzioni, prerogative o funzioni suddette.

La prima indagine L’odore dei soldi La tresferta a Roma L’ombra dei boss
Concorso esterno Gli ispettori Dia e Il premier-teste L’inchiesta
a Palermo nel 1994 le holding del Capo non risponde su Schifani

N el 1994 Berlusconi e Del-


l’Utri sono indagati dal-
la Procura di Palermo (tra i
N el 1998 i pm Ingroia
e Gozzo inviano due
investigatori della Dia a
N el 2002 Berlusconi, testi-
mone nel processo Del-
l’Utri, rifiuta di rispondere ai
C oncorso esterno in as-
sociazione mafiosa. Per
questa ipotesi di reato sareb-
pm c’è Ingroia) per concorso Milano per indagare sui pm. Il 26 novembre Ingroia, be indagato proprio a Paler-
esterno in associazione ma- conti delle 22 holding che a Palazzo Chigi, rivolge inva- mo il presidente del Senato
fiosa e riciclaggio. Per il pri- custodiscono la cassafor- no un appello al teste: “Mi ap- Renato Schifani. I magistrati
mo reato la posizione di Ber- te dell’impero finanziario pello al suo senso dello Stato hanno acquisito a suo carico
lusconi viene archiviata nel del presidente del Consi- e all’interesse di tutti all’ac- anche le dichiarazioni di
1997, per il secondo nel 1998. glio. certamento della verità”. Campanella e Spatuzza.

OPERAZIONE INGROIA
IL PM NEMICO PUBBLICO
Berluscones scatenati. Ferrara: in galera
di Giuseppe Lo Bianco no fatto un oracolo”. Il vicepre- di don Vito sono solo un prete- ringa da un palco centinaia di mi-
sidente dei deputati Pdl, Osval- sto: dal randello mediatico all’i- gliaia di persone, parlando della
iuliano Ferrara chiede la do Napoli, chiede addirittura un niziativa parlamentare il passo è “controriforma della giustizia”

G condanna a dieci anni di


carcere per Antonio In-
groia, colpevole di “atten-
tato a organi costituzionali”. Il
senatore Luigi Compagna vuole
intervento del Csm sul procura-
tore aggiunto di Palermo. Per Fa-
brizio Cicchitto “la Procura di
Palermo arresta Ciancimino e lo
interroga escludendo quella di
breve. Gasparri annuncia per
domani una riunione dei sena-
tori del Pdl per quella che defi-
nisce “un’offensiva di verità, in
commissione Antimafia e nel
progettata dal governo Berlusco-
ni. La frontiera mediatica più
avanzata è, ancora una volta, Fer-
rara sulla prima pagina del Gior-
nale – (che all’interno titola: “Gli In prima linea
una commissione d’inchiesta Caltanissetta”. Si alza pure la vo- Paese”. altri chiacchierano, il governo la- Antonio Ingroia, procuratore aggiunto a Palermo (FOTO ANSA)
sulla gestione dei pentiti. Mau- ce di Sgarbi: “I pm di Palermo vora e cattura i latitanti”, citando
rizio Gasparri sollecita la Procu- continuano a tutelare Ciancimi- ECCO OGGI il nemico pubbli- l’arresto del boss Raccuglia, ma
ra di Palermo a spogliarsi dell’in-
chiesta sulla trattativa mafia-Sta-
no, icona dell’antimafia”. Ma le
acrobazie lessicali, le giustifica-
co numero uno per il centrode-
stra: il procuratore aggiunto An-
omettendo che questi meditava
un attentato probabilmente a In-
Il Pdl usa sto dovere se tacessi. Mi piace-
rebbe che io, come altri miei col-
to: “Non possono indagare su
Ciancimino coloro che ne han-
zioni surreali (e il copia-incolla
documentale) del giovane figlio
tonio Ingroia, allievo di Paolo
Borsellino, titolare delle inchie-
groia e che la cattura è avvenuta
proprio grazie a un’inchiesta di
l’arresto di leghi messi nel mirino solo per-
ché esprimiamo opinioni, potes-
ste più scottanti sui segreti di
questo Paese (non solo sulle trat-
Ingroia): a suo dire il pm paler-
mitano ha “la libido da conve-
Ciancimino jr. simo avere un diritto di replica
agli attacchi che spesso ricevia-
tative del 1992-‘94, sotto i gover- gno” e “usa il suo delicatissimo mo da alcune reti televisive”. Og-
per fomentare
L’ALTRO incubo: ni Amato, Ciampi e B., ma anche
sul presidente del Senato Schifa-
potere d’indagine e di accusa
mescolando con un attivismo
la guerra
gi che il centrodestra lo accusa di
avere trasformato il figlio di un
ni). Lo accusano di frequentare i politico fazioso in forma incom- sindaco mafioso in un’“icona an-
il Lodo Mondadori convegni e redigere le prefazioni
di libri, come quello di Maurizio
patibile con la Costituzione e la
legge della Repubblica”. Sono le contro timafia”, Ingroia ricorda di esse-
re stato il primo a mettere in
dura da matti, mi stanno attaccando sul piano pa- Torrealta, Il Quarto livello: ma in stesse accuse mosse un mese fa,
“É trimoniale, in una maniera indecente”. È il 14 no-
vembre 2009 quando Berlusconi, tra una bordata e l’al-
quella prefazione non c’è traccia
delle indagini su Ciancimino (se
quando il procuratore aggiunto
parlò dal palco di piazza del Po-
i magistrati guardia dalla sua “metamorfosi
mediatica”.

tra contro Annozero, si sfoga con l’allora commissario non una presa di distanze pro- polo, a Roma, definendo la rifor- E CIOÈ la sovraesposizione di
dell’Agcom Giancarlo Innocenzi: “Mia moglie mi chie- prio dalla teoria del “Quarto li- ma della giustizia del centrode- gare a un magistrato il diritto di un teste dal cognome “pesante”,
de tre milioni e seicentomila euro al mese e De Be- vello”). Lo indicano come il per- stra una “controriforma”. Può replica: “Rivendico il diritto alla portato in giro, per giornali, tv e
nedetti ha già avuto una sentenza a favore, 750 più i secutore di Berlusconi, il pm che piacere, o meno, la sua esposi- libertà di espressione, e quando presentazioni di libri, scortato
danni morali”. Una vicenda, quella decisa in primo gra- si ostina a inseguire favolette me- zione mediatica, anche davanti a si tratta di riforme che riguarda- come un magistrato, ed esaltato
do nell’ottobre 2009 dal giudice Raimondo Mesiano diatiche come la trattativa ma- centomila persone), ma - ribattè no la giustizia quel diritto diven- come una star dopo avere deciso
(in seguito attenzionato con il celebre “scoop” sui cal- fia-Stato, il pm populista che ar- lo stesso Ingroia - non si può ne- ta un dovere. Mancherei a que- di rompere, nei modi e per ragio-
zini turchesi) che si avvia a concludersi anche in se-
condo grado.
IL PRECEDENTE Le “rivelazioni agghiaccianti” contro il pool di Milano nel 1996
MERCOLEDÌ 4 MAGGIO, salvo rinvii, la Corte
d’appello civile di Milano deciderà se confermare o me-
no il risarcimento di 750 milioni di euro che la Fininvest
dovrebbe pagare a Carlo De Benedetti per lo scippo
della Mondadori. Una sentenza che - se confermata -
I professionisti (veri) della calunnia
rischia di intaccare pesantemente il patrimonio di fa- di Gianni Barbacetto mento: “Sarà una verità traumatica bre 1994”, racconta Strazzeri, “Di congiurati per eliminare Berlusconi
miglia e non solo. Com’è noto, infatti, la Corte di Cas- per tutti gli italiani, e anche per la Pietro mi chiese di procurargli un per via giudiziaria avrebbe fatto par-
sazione ha condannato in via definitiva gli avvocati Ce- hi parla oggi di “voluttà della ca- democrazia”. E il 29 novembre: “Ho pass per Palazzo Chigi dove avrei do- te anche Luciano Violante, allora
sare Previti, Giovanni Acampora e Attilio Pacifico e il
giudice Vittorio Metta perché la sentenza del 1991, che
CCiancimino,
lunnia”, a proposito di Massimo
farebbe bene a ricorda-
notizie gravi che getteranno una luce
chiara sugli intendimenti e i compor-
vuto scrivere ‘Avvocato Massimo
Maria Berruti per il presidente Ber-
presidente della Camera. Intanto il
settimanale “Panorama” diffonde
annullò il “lodo Mondadori” consegnando la casa edi- re la storia delle “rivelazioni agghiac- tamenti di certe procure”. lusconi’. La cosa mi puzzava e dopo un libretto firmato da Giancarlo
trice di Segrate nelle mani del futuro presidente del cianti”. Chi, come Giuliano Ferrara, Che cosa sapeva, Berlusconi? Sape- due giorni gli dissi che non ero in gra- Lehner, dal titolo “Attentato al gover-
Consiglio, era stata comprata: “Una corruzione - scrive invoca contro i magistrati di Palermo va che due mesi prima, il 16 settem- do di esaudire la sua richiesta. Lui si no Berlusconi. Articolo 289 codice
il giudice Mesiano nelle motivazioni della sentenza di l’articolo 289 del codice penale (co- bre, un maresciallo dei carabinieri, alterò e mi disse: ‘Non siete buoni a penale”, che intende dimostrare l’e-
primo grado - che rifluì a tutto vantaggio di Fininvest spirazione contro organi dello Stato), Giovanni Strazzeri, si era presentato fare un cazzo, devo fare tutto io’ ”. Il sistenza di “un piano organico, un
che, grazie a una sentenza ingiusta resa dalla Corte d’ap- dovrebbe ripensare a una vicenda ai magistrati di Brescia e aveva rac- pass di Berruti, poi trovato in un’a- progetto strategico con finalità poli-
pello di Roma, ebbe la possibilità di trattare con la Cir la avvenuta nel 1996, in cui la calunnia contato di aver assistito alla prepa- genda dal magistrato Gherardo Co- tiche”. Il golpe bianco di Di Pietro, in-
spartizione del Gruppo L’Espresso Mondadori da po- ci fu, ma seminata da “Ciancimini” in razione di un grande complotto: i lombo, era la “prova regina” del pro- somma, il complotto di Mani pulite.
sizioni di forza”. Berlusconi è uscito dal processo pe- erba al lavoro per sostenere Silvio magistrati di Mani pulite avevano cesso sulle tangenti Fininvest alla Peccato che le “rivelazioni agghiac-
nale grazie alla prescrizione, ma secondo la giustizia Berlusconi. È il 23 novembre 1996 ideato un piano per rovesciare Ber- Guardia di Finanza, quello che, se- cianti” si rivelino presto soltanto ag-
civile è “corresponsabile della vicenda corruttiva”, poi- quando il fondatore di Forza Italia, lusconi e il suo governo. “Vedi, Straz- condo la versione di Berlusconi, gli ghiaccianti bufale. E non solo perché
ché i conti correnti da cui fu prelevato il denaro per allora messo sotto inchiesta da parte zeri, abbiamo fatto fuori Dc e Psi, era costato a fine 1994 la poltrona di Lehner viene subissato di condanne
corrompere il giudice Metta “erano conti accesi su ban- dei magistrati di Mani pulite, lancia adesso dobbiamo far fuori Berlusco- presidente del Consiglio. Quella per diffamazione. Dopo indagini ac-
che svizzere di cui era beneficiaria economica la Finin- un’oscura allusione: “Sono venuto a ni”: così, secondo il maresciallo, par- “prova regina”, rivela Strazzeri, era curate, i giudici di Brescia ordinano, il
vest” e non è “assolutamente pensabile” che una tale conoscenza di notizie agghiaccianti lava Di Pietro. E poi, via con le accuse: falsa. Il 23 ottobre 1996 si presenta 31 gennaio 1997, l’arresto di Straz-
somma potesse essere erogata all’insaputa del legale riguardanti il prima e il dopo della irregolarità nelle indagini, fughe di alla Procura di Brescia un collega di zeri e Corticchia. Le loro accuse sono
rappresentante e amministratore della Fininvest. decisione della Lega” (cioè il presun- notizie pilotate, perfino avances ses- Strazzeri, il brigadiere Felice Maria false, calunnie senza fondamento.
to ribaltone di fine 1994). Due giorni suali di Di Pietro a giornaliste. Fino Corticchia, che conferma il complot- Lubrificate da aiuti e aiutini. Cortic-
dopo, Berlusconi torna sull’argo- alla grande rivelazione: “Nel novem- to e aggiunge nuovi particolari. Dei chia, per esempio, era in rapporti
Martedì 26 aprile 2011

M
IL BERSAGLIO

assimo Ciancimino, figlio dell’ex “parte di foglio A4 manoscritto contenente lamentando il fatto che nessuno l’abbia mai
L’uomo dei misteri: sindaco di Palermo Vito, viene richieste all’on. Berlusconi per mettere a sentito sul punto. La Procura di Palermo (retta
indagato per la prima volta nel disposizione una delle sue reti televisive”, ma il da Francesco Messineo, succeduto a Piero
2005 per riciclaggio. Ciancimino, al telefono con documento scompare dagli atti del suo Grasso nel 2006) lo convoca immediatamente.
dal riciclaggio alla la sorella, parla di un assegno di 35 milioni di lire processo. Nel dicembre 2007 la svolta. Ciancimino consegna molte carte autografe del
che Berlusconi avrebbe staccato nei primi anni Ciancimino racconta a Gianluca Nuzzi di padre e il celebre “papello”. Giovedì scorso
80 a don Vito. Durante una perquisizione i Panorama (direttore Maurizio Belpietro) il suo Ciancimino jr. è stato arrestato con l’accusa di
consegna del “papello” carabinieri trovano a casa del figlio di don Vito ruolo nella trattativa fra il Ros e il padre aver falsificato documenti su De Gennaro.

“I documenti sulla trattativa,


ni ancora tutte da chiari-
re, l’omertà paterna. Una
sovraesposizione che
non inficia, però, la cre-
dibilità delle sue dichiara-
zioni confermate da peri-
zie e riscontri. In realtà,

su B. e su Dell’Utri sono autentici”


crocefiggendo Ingroia ai
giochi di prestigio di
Ciancimino, la maggio-
ranza raccolta attorno al
premier cerca di raggiun-
gere tre obiettivi: 1) tenta
di gettare il bambino (le
indagini riscontrate sulla
trattativa) con l’acqua IL GIUDICE DI MATTEO E IL FIGLIO DI DON VITO: “LO PROVA
sporca delle parole inqui-
nanti del teste; 2) delegit-
tima il magistrato (e la
LA POLIZIA CHE HA SCOPERTO IL FALSO SU DE GENNARO”
Procura) che oggi (assie-
me a quelle di Firenze e di di Marco Lillo de professionalità e impegno Il centrodestra vi attacca
Caltanissetta) si sta avvi- dalla Polizia scientifica. C’è una duramente. Vi sentite tute-
cinando ai segreti dell’o- ccolo qui l’altro “attenta- perizia dei funzionari della Po- lati dai vostri colleghi magi-
rigine della fortuna finan-
ziaria (e della conseguen-
te discesa politica) di Ber-
lusconi; 3) sferra una
nuova offensiva contro la
E tore” alla Costituzione.
Antonino Di Matteo – ma-
gistrato in prima linea
contro la mafia, una vita blin-
data per le minacce dei boss –
lizia scientifica che hanno de-
posto nel processo Mori, nella
quale è consacrato un dato: al-
cuni documenti portati da Mas-
simo Ciancimino non sono ma-
strati?
Siamo speranzosi e curiosi di
vedere se e come prenderanno
posizione la Giunta nazionale
dell’Anm e il Csm.
magistratura – dopo i ma- con il procuratore aggiunto nipolati e sono stati scritti da Il comportamento di Cian-
nifesti sulle Br in procura Antonio Ingroia sta portando Vito Ciancimino di suo pugno. cimino è anomalo: prima
– individuata, attraverso avanti le indagini più delicate Quali sono i documenti di fabbrica un falso e poi lo fa
Ingroia, da Ferrara addi- dell’ultima stagione palermita- Ciancimino che la polizia scoprire. Voi lo arrestate e
rittura come “eversiva”, na come quella sulla trattativa scientifica considera genui- lui denuncia i candelotti di
tradendo uno spirito da Stato-mafia che vede alla sbarra ni? esplosivo nel giardino. Qual
resa dei conti lontano an- il generale Mario Mori, o come Sono documenti come il cosid- è il suo movente?
ni luce dalla serenità ne- l’inchiesta sul presidente del detto “contropapello” (un te- La situazione è estremamente
cessaria per riformare la Senato Renato Schifani. Insie- sto manoscritto nel 1992 da complessa. Mi sorprende la vo-
Costituzione. me a Ingroia è stato accusato di don Vito per addolcire le pre- lontà di troppi commentatori e
ogni nefandezza negli ultimi tese del papello di Riina, ndr) di soggetti con incarichi istitu-
OGGI INGROIA è il giorni e ha accettato di parlare ma anche le annotazioni che zionali di liquidare tutto come
“simbolo-bersaglio” di con Il Fatto “solo per ricordare fanno riferimento all’onorevo- se Ciancimino fosse solo un im-
un controllo di legalità alcuni fatti incontestabili, sen- le Silvio Berlusconi e a Marcel- broglione che si mette l’esplo-
che oltrepassa le vicende za esprimere alcun convinci- lo Dell’Utri e poi altri docu- sivo a casa.
di corruzione e tangenti mento personale che riserverò menti in cui si afferma che il Non pensa a una messa in
che hanno segnato il pas- alle sedi opportune”. Generale Mori e il capitano De Il pm Nino Di Matteo (a sinistra) con il collega Roberto Scarpinato (FOTO ANSA) scena?
saggio dalla Prima alla Se- Dottor Di Matteo, che effet- Donno avevano dichiarato il C’è molta superficialità nel da-
conda Repubblica e si aggira fa- to le fa essere additato sulle falso. La stessa Polizia scientifi- ma. E non parla mai di Berlusco- una congerie di documenti nei re per certo che l’esplosivo se
ticosamente in quel “Labirinto prime pagine dei giornali co- ca che ha scoperto la manipo- ni e Dell’Utri. Solo il 30 giugno quali si faceva riferimento all’o- lo sia messo lui. Noi continuia-
degli Dei”, mirabilmente descrit- me un pericolo per la demo- lazione sul documento riguar- del 2009, dopo che noi scopria- norevole Berlusconi, abbiamo mo a indagare e l’ipotesi della
to dallo stesso magistrato nel suo crazia? dante De Gennaro, si era mo nelle carte del processo avuto l’attestazione della certa minaccia a me pare abbia alme-
ultimo libro, il labirinto di un’I- Quando abbiamo iniziato a in- espressa in termini altrettanto contro Ciancimino del quale riconducibilità a Vito Cianci- no la stessa plausibilità dell’al-
talia profondamente mafiosizza- dagare sulla trattativa tra pezzi chiari sulla genuinità dei docu- non ci eravamo occupati, il fo- mino. tra.
ta dove troppe domande atten- delle istituzioni e la mafia era- menti forniti o sequestrati rela- glio A4 nel quale si faceva rife-
dono ancora risposte: come vamo perfettamente consape- tivi alla trattativa o contenenti rimento a Berlusconi e a un tri-
quella che lo stesso Ingroia non voli che saremmo stati esposti passaggi relativi al presidente ste evento, in un interrogatorio L’OFFENSIVA
fece in tempo a rivolgere a palaz- a questa reazione. Non siamo Berlusconi e al senatore Dell’U- condotto da me e da Antonio
zo Chigi al presidente Berlusco- sorpresi e continueremo ad an- tri. Ingroia contestiamo a Massimo
ni (che si avvalse della facoltà di
non rispondere), interrogato co-
dare avanti sui temi posti dalle
dichiarazioni di Massimo Cian-
Politici e giornali berlusco-
niani affermano che Massi-
Ciancimino quel foglio, che
nessuno mai gli aveva contesta- GIUSTIZIA RIFORMATA
E PORCATE ELETTORALI
me indagato di reato connesso cimino e non solo: la prima fase mo Ciancimino avrebbe tro- to. E Ciancimino cosa fa? Prima
nel processo Dell’Utri, il 26 no- della trattativa, coincidente vato udienza presso la Pro- mente, poi dice che non ne
vembre del 2002: “Presidente, con le stragi del 1992-93, ma cura di Palermo perché ha vuole parlare. La cronologia
ammesso che all’inizio non si sa- anche la seconda fase, nel pe- accettato di attaccare Ber- dei fatti dimostra la falsità delle
pesse nulla sul conto di Manga- riodo successivo. lusconi. ricostruzioni pubblicate in di Sara Nicoli approvato entro i primi di giu-
no, Cinà, e adesso Dell’Utri, che Massimo Ciancimino po- Io rispondo con i fatti. Massimo questi giorni. gno, probabilmente in contem-
risultarono tutti poi collegati alla trebbe avere mentito su tut- Ciancimino viene arrestato Secondo Il Giornale di Berlu- un’emergenza che diventa poranea con le intercettazioni.
mafia, le chiedo: perché non se
ne liberò subito? Perché per tanti
to, come ha fatto accusando
falsamente il capo dei servi-
nell’ambito di un’altra indagi-
ne per riciclaggio nel 2006 e tra
sconi ci sono altri documen-
ti falsi contenenti il nome di
ÈDopoogni giorno più incombente.
la raffica di proposte di leg-
In questa corsa contro il tempo
degli uomini del Cavaliere a ga-
anni se li è tenuti accanto? Le ser- zi segreti Gianni De Genna- i documenti sequestrati c’è una Berlusconi che, a differenza ge costituzionale per abbattere rantire ogni sorta di blindatura
virono a qualcosa?”. ro? parte di un foglio A4 scritto a di quanto accaduto con De la Carta articolo per articolo, tor- legislativa per il leader e chi lo
Noi facciamo i magistrati e sia- penna nella quale si fa riferi- Gennaro, non sono stati na ora in primo piano la stretta sorregge, a preoccupare più di
mo abituati a valutare le dichia- mento all’onorevole Berlusco- contestati come calunnia da sulla giustizia e la nuova legge altro è la proposta della nuova
razioni sulla base dei riscontri. ni. Nelle intercettazioni effet- parte vostra a Masssimo elettorale che i berluscones legge lettorale. “Per eleggere il
Nel momento in cui abbiamo tuate prima dell’arresto ci sono Ciancimino. presenteranno oggi al Senato. nuovo presidente della Repub-
avuto la prova che una sua di- le conversazioni con i familiari Abbiamo vagliato con grande Una morsa che tiene soggiogato blica – ha detto ieri Bersani – ba-
chiarazione era falsa abbiamo nelle quali si parlava di Berlu- attenzione tutti i documenti e il Parlamento, diviso tra le leggi sta un voto in più alla Camera”. E
reagito nella maniera più forte sconi come un finanziatore. abbiamo chiesto il fermo per per salvare il premier dai proces- non è per niente un caso se la
possibile, con il fermo per ca- Ebbene, Massimo Ciancimino calunnia solo per quel docu- si e le altre per salvaguardare le “porcata bis” targata Pdl pro-
lunnia. Questo non ci fa dimen- inizia a rispondere alle nostre mento perché avevamo le pro- rendite di posizione dell’intera porrà un premio di maggioranza
ticare che parti importanti del- domande solo nel 2008. Non lo ve. Se non lo abbiamo fatto per casta politica di centrodestra. nazionale anche al Senato (ben-
le sue dichiarazioni sono ri- fa spontaneamente ma solo do- altri documenti è perché que- Ecco, allora, che già da martedì ché anticostituzionale, ma ve-
scontrate da altre dichiarazio- po che noi lo chiamiamo a se- sto non è avvenuto. Per la ve- prossimo si ricomincerà a parla- dranno come dribblare la Carta)
ni, da documenti e in qualche guito di un’intervista a Panora- rità, proprio con riferimento a re di processo breve e in- e una riscrittura dei perimetri dei
caso da intercettazioni. Conti- tercettazioni. Così, mentre colleghi alla Camera per farli più
nueremo a utilizzarle solo lad- oggi Alfano dovrebbe presentare piccoli e, dunque, per garantire
dove ci siano riscontri. La realtà L’obiettivo della alla Camera la riforma “epo- elezioni pilotate con meno voti.
Il falso di Massimo Ciancimi- capovolta campagna contro cale” della giustizia (pare Insomma, un percorso a tappe
con Emilio Fede, che gli aveva pro- no sul nome di De Gennaro che il Quirinale la stia ancora va- forzate per arrivare ad approva-
messo una mano per diventare sce-
neggiatore tv. E, lasciata l’Arma, rac-
conta agli ex colleghi di essere diven-
tato ricco, tanto da potersi permet-
tere un appartamento a Brera, af-
non fa saltare anche l’auten-
ticità del famoso ‘papello’
con le richieste di Cosa No-
stra?
C’è tanta voglia di buttare an-
“ La cronologia
dei fatti “ C’è tanta
voglia di buttare
lutando), il Pdl si organizzerà –
sempre a Montecitorio – per
chiedere la calendarizzazione in
aula del ddl intercettazioni che il
Capo vuole approvato in tempi
re, entro l’estate, processo bre-
ve, intercettazioni, nuova legge
elettorale e garantire almeno un
passaggio della riforma della
giustizia. Il motivo di tanta fretta
fittato per 2 milioni e 200 mila lire al che il bambino con l’acqua dimostra quello che, con rapidissimi. Già passato in Sena- sul quadro delle leggi ad perso-
mese. I due volonterosi funzionari sporca. C’è tanta voglia di con- to l’11 giugno 2010, il provvedi- nam? Nel Pdl c’è chi ha annusato
della macchina del fango saranno siderare carta straccia tutto la falsità delle grande fatica, mento avrebbe il via libera senza l’aria di elezioni anticipate; la vit-
condannati. Oggi sono dimenticati quello che, con grande fatica, è scosse perché nessuno ha inten- toria al secondo turno di Letizia
da quelli che, ribaltando i rapporti, stato acquisito sulla trattativa ricostruzioni è stato acquisito zione di cambiare una sola vir- Moratti a Milano potrebbe esse-
accusano i magistrati di Palermo di Stato-mafia. Si dimentica che gola. Stessa sorte per il processo re, infatti, il segnale di via verso
aver voluto fare, attraverso Cianci- noi abbiamo sempre disposto pubblicate in sul patto breve che a Palazzo Madama, un voto nazionale a primavera
mino jr, quello che Strazzeri e Cor- accertamenti tecnici comples- dopo un passaggio solo formale del prossimo anno. E il Cavaliere
ticchia hanno fatto davvero. si che sono stati fatti con gran- questi giorni Stato-mafia in commissione Giustizia, sarà ci vuole arrivare blindato.

” ”
pagina 4

I
25 APRILE

l 25 aprile di Silvio Berlusconi? In vacanza riusciti a raggiungere il premier in vacanza con le


Il premier in Sardegna in Sardegna, a Villa Certosa. Come sue ospiti. Le celebrazioni per la Liberazione sono
raccontato da Libero, il premier si sarebbe lontane, e anche i 25 aprile come quello dello
concesso “tre giorni senza rotture di balle”. Pochi scorso anno, con weekend lunghi trascorsi in
con pochi ospiti “e selezionatissimi” ospiti, e i lavori di compagnia di Ruby Rubacuori e altre ragazze, Villa Certosa
ampliamento e ristrutturazione da seguire, in vista come raccontato dalla escort Nadia Macrì. sarebbe in vendita
di una vendita della tenuta sarda, ritenuta troppo Il rientro previsto oggi per l’incontro con Nicolas per una cifra intorno ai 500
“selezionatissimi” vulnerabile dopo che gli obiettivi dei fotografi sono Sarkozy. milioni di euro (FOTO ANSA)

IL DISERTORE
A Milano sfilano in sessantamila per la Liberazione
Berlusconi, ancora una volta, non c’è
di Lorenzo Galeazzi I fischi romani sono stati ripe- Brigata ebraica (anche loro fini-
e Davide Milosa tuti, ma questa volta in maniera ti oggetto di fischi), seguite da
bipartisan anche a Milano. A far- quelle palestinesi. Bande musi-
a Costituzione non si cali che intonano i canti della

“L
ne le spese il segretario del Pd
tocca, la difendere- Pierluigi Bersani e il sindaco Le- Resistenza che si sovrappongo-
mo con la lotta”. É tizia Moratti. I due si sono con- no ai sound system che sparano
questo uno degli slo- fortati l’uno con l’altra con una a tutto volume gli Ska-P e i Mo-
gan più cantati dai 60 mila cit- laconica stretta di mano sul pal- dena City Ramblers.
tadini che hanno sfilato a Mila- co montato in piazza del Duo-
no per la festa della Liberazio- mo, ma le contestazioni dimo- COME OGNI 25 aprile, la cit-
ne. E così se dalla Capitale è ar- strano, ancora una volta, come tà medaglia d’oro, ha accolto
rivato il richiamo del presiden- la politica non sia in grado di in- una moltitudine di cittadini di
te della Repubblica Giorgio Na- tercettare i sentimenti dei citta- età e culture politiche molto di-
politano per un cammino di ri- dini. Lo dimostrano anche le pa- verse tra loro. Dagli ormai vec-
forme che non violi la Carta co- role del vicesindaco Riccardo chi militanti dell'Anpi ai giovani
stituzionale, nel capoluogo De Corato che ha bollato il cor- del Leoncavallo. Uno degli slo-
lombardo è sfilato l’orgoglio teo milanese come una parata gan che ha unito tutti i parteci-
partigiano e democratico. anti-Berlusconi. Ma il presiden- panti al corteo è stato “siamo
La giornata si è aperta a Roma te del Consiglio, come capita da noi i nuovi partigiani”, concet-
in piazza Venezia, dove Napo- anni, si è tenuto bene alla larga to che dimostra, secondo i ma-
litano ha deposto una corona dalle celebrazioni della Libera- nifestanti, come il Paese sia di
di fiori davanti al monumento zione ed è rimasto in Sardegna a fronte a una nuova emergenza
del milite ignoto. Quindi ha prepararsi, a modo suo, al ver- democratica. “Noi abbiamo
preso la parola invitando, an- tice con Nicolas Sarkozy. combattuto per dare all'Italia
cora una volta, ad abbassare i una Costituzione – dice Anto-
toni: “È nell’interesse comune A TENERE unite le due città, nio, ex partigiano di 89 anni – E
che le esigenze della competi- oltre alle contestazioni della
zione in vista del voto non fac- piazza, sono stati anche i rigur-
ciano prevalere una logica di
acceso e cieco scontro”. Non
giti fascisti. Alcune scritte col
simbolo di Forza Nuova sono
Napolitano:
deve averla pensata così una
parte dei manifestanti che ha fi-
comparse su un monumento al-
la Resistenza a Milano, mentre
“No allo scontro
schiato l’intervento del mini-
stro della Difesa Ignazio La Rus-
nella Capitale, una scritta in sti-
le Auschwitz (che si rivelerà es-
cieco” Tafferugli a Milano durante
sa. sere opera di un artista “preca-
rio”) ha fatto arrabbiare addirit-
Nella Capitale la manifestazione (FOTO EMBLEMA) A destra,
Bersani stringe la mano a Letizia Moratti na – Ma è durato solo un atti- un ex partigiano, classe 1920 –
UNA CONTESTAZIONE
in parte inaspettata, vista la li-
tura il sindaco Gianni Aleman-
no e il governatore del Lazio Re-
fischiato (FOTO ANSA) e la scritta comparsa ieri a Roma mo”. Solo scorie che la giornata
primaverile e l'atmosfera di fe-
Non è cattivo, ma deve fare
un'opposizione più robusta”.
nea morbida del ministro. La
Russa si è limitato a ricordare
nata Polverini. A rigor di crona-
ca però vanno segnalate anche
il ministro delegittimare la magistratura,
sta hanno subito cancellato. Nessuna attenuante invece per
il sindaco Moratti che, saltando
che la Liberazione è anche me- stelle a cinque punte verniciate come fanno Berlusconi e Lassi- AD APRIRE il corteo lo spez- la manifestazione, si è palesata
rito delle forze armate. Un con- sui simboli della Resistenza di della Difesa , ni (l'autore dei manifesti “fuori zone dell’Anpi, l’Associazione direttamente in piazza Duomo.
cetto ripreso anche dal presi- Livorno. le Br dalle procure”, ndr) vuol nazionale dei partigiani, accol- “Con quale faccia si presenta
dente della camera Gianfranco Una volta concluse le celebra- nella città dire essere contro la democra- to dagli applausi della folla. Die- qui – dice Nica dell'Anpi – Lei
Fini che ha deciso di trascorrere zioni capitoline, la festa si è spo- zia”. tro di loro un serpentone colo- che ha messo in lista molti espo-
la giornata nella base militare stata sotto le guglie del Duomo meneghina Il corteo si è aperto con qualche rato fatto di tantissima gente. In nenti della destra più nera di Mi-
italiana di Herat in Afghanistan. dove hanno sfilato 60mila citta- momento di tensione fra i mi- mezzo alla folla anche qualche lano”. Insomma, per dirla con
Al riparo dalle contestazioni dini. Già dal primo pomeriggio, contestati litanti del centro sociale Il Can- politico con cui la piazza non è le parole di Susanna Camusso,
della piazza, Fini ha voluto ri- via Palestro, luogo del concen- tiere e le forze dell'ordine che stata tenera. Bersani è stato ac- segretario generale della Cgil,
cordare che la lotta per la liber- tramento, è stracolma di gente. Bersani e Moratti hanno impedito al loro camion colto da pochi timidi applausi e anche lei in piazza: “Ci sono va-
tà non conosce limiti geografici Vessilli dell’Anpi al fianco dei di prendere posizione ai posti da molti “sveglia” accompagna- lori immodificabili che le istitu-
e che i militari italiani sono “te- cartelloni dei centri sociali. Fini si “rifugia” di partenza. “C'è stato un po' di ti dai fischi. “Quello lì è un bo- zioni non difendono”. E, come
stimoni dei valori della Libera- Bandiere con la stella di David, parapiglia – racconta Toni, un lognese (in realtà è piacentino, nel 1945, la storia italiana passa
zione”. sventolate con orgoglio dalla in Afghanistan giovane che ha assistito alla sce- ndr) – dice in perfetto milanese sempre prima da Milano.

Don Ciotti: “La Resistenza non finisce”


A GATTATICO, NELLA CASA DEI FRATELLI CERVI, IL FONDATORE DI LIBERA RILANCIA: “RAFFORZARE LA DEMOCRAZIA”
di Enrico Bandini Resistenza sono nel futuro”. A teri costituzionali, Ciotti ha ri- sinistra, a cui Ciotti chiede più cercano di riabilitare anche i re-
Gattatico (Re) dirlo è il giornalista e autore Lo- cordato che le persone che coraggio, li sprona a “darsi una pubblichini”. C’erano pochissi-
ris Mazzetti, che crede che sia commemorano con forza e or- mossa”. È a loro che chiede do- me bandiere di partito a Gatta-
l 25 aprile è ancora vivo e importante non cullarsi in un
Iquella
parla con un’unica voce:
della legalità, della liber-
sentimento di romantica no-
stalgia, ma proseguire nel cam-
goglio il 25 aprile “sono di par-
te, della parte dalla quale do-
vrebbero stare tutti quelli che si
ve siano finite le battaglie per le
politiche sociali. “Il vero regi-
me è quello che nasce dall’ane-
tico, ma tantissimi tricolori nel-
la terra in cui la bandiera è nata.
Ciotti ha da dire qualcosa anche
tà e della partecipazione. Era- mino intrapreso dai partigiani, battono per legalità, diritti, pa- stesia delle coscienze, dal cini- ai ministri del Carroccio, che si
no in 15 mila alla festa della li- che oggi significa tradurre la ce, giustizia e dignità umana”. smo. È necessario un impegno sarebbero volentieri puliti il de-
berazione che si è tenuta a Gat- lotta antifascista in un’opposi- Essere da quella parte oggi si- culturale, educativo costante”. retano con la bandiera nata in
tatico (Re) alla storica casa dei zione intransigente alle mafie. gnifica per Ciotti “rafforzare lo queste terre e lo ha fatto richia-
7 fratelli Cervi, martiri della Re- spirito democratico per contra- E ALLORA è normale che si mandosi alla carta costituziona-
sistenza. Ieri i partigiani lotta- HA TOCCATO davvero tanti stare la criminalità”. “Più fragile parli di scuola e dei tagli che le: “Nella nostra costituzione –
vano per la liberazione dal na- temi Ciotti: la prescrizione bre- è la democrazia – continua - più stanno smantellando l’istruzio- ha detto - non si parla di nord o
zifascismo, oggi quel testimo- ve, il lavoro, la scuola, l’ambien- forti sono le mafie e questo non ne pubblica. “L’anagrafe è im- di sud, ma di un Paese rafforzato
ne lo hanno raccolto quanti ap- te, il prossimo referendum di deve essere dimenticato ora pietosa” ricorda Mazzetti e “ora dai diritti e saldato dai doveri”. re, a emigrare eravamo noi ita-
poggiano Libera, l’associazione giugno. L’invito comune era a che la politica è quanto mai de- che gli ultimi partigiani stanno Don Ciotti affronta anche il te- liani”. La sessantaseiesima festa
di Don Ciotti, nella lotta contro resistere e a indignarsi, come la bole e autoreferenziale”. Il rife- morendo bisogna ricordare ai ma dell’immigrazione, parten- della Liberazione è stata davve-
le mafie e l’illegalità. Ed è stato voce del partigiano Stéphane rimento non è solo al governo ragazzi che cosa ha significato do da una cifra: 16265. Tanti so- ro una festa. Questa l’atmosfera
il combattivo uomo di chiesa, Hessel ha gridato ai francesi e al che ha eletto nuovo ministro la Resistenza per l’Italia. C’è bi- no dal 1988 i cadaveri dei mi- che si percepiva: dalle 10 di
col tricolore dell’Anpi al collo, mondo intero. dell’Agricoltura Francesco Sa- sogno di testimonianze autenti- granti che è stato possibile re- mattina alle sette di sera un
a incendiare una platea festan- In questi giorni in cui gli attac- verio Romano, indagato per che, per riappropriarsi di una cuperare in mare “mentre ten- grande raduno intergenerazio-
te, piena di giovani e volontari chi di Roberto Lassini alla ma- concorso esterno in associazio- verità nazionale in questo clima tavano di espugnare la fortezza nale ha unito tutti, i ragazzi di
che ricordava lo spirito delle gistratura hanno costituito l’en- ne mafiosa e corruzione, ce n’è di revisionismo in cui perso- Europa, ma fino al ’45 almeno, allora e quelli di oggi. Nel po-
feste dell’Unità. “Le radici della nesimo sfregio ad uno dei po- anche per i rappresentanti della naggi pubblici come La Russa non ce lo dobbiamo dimentica- meriggio un intermezzo satiri-
Martedì 26 aprile 2011

F
25 APRILE

esta della Liberazione con polemica Tutta la politica espressa nella manifestazione è ipotesi di modificare la Carta, ma anche i
Aosta: parla un 18enne ad Aosta. A metà del discorso riassunta nel discorso ufficiale del più giovane manifesti con i fasci littori apparsi a Roma nei
tenuto dal rappresentante dell’Anpi, iscritto all’Anpi della Valle d’Aosta, il giorni scorsi e l’episodio di Trezzano sul
l’associazione dei partigiani, i militari diciottenne Andrea Lamberti, che ha fatto Naviglio, dove l’Anpi stessa aveva denunciato la
dell’Anpi, i militari dell’Esercito presenti hanno sciolto il picchetto riferimento ai recenti avvenimenti della politica volontà dell’amministrazione comunale di non
abbandonando la cerimonia contestando di italiana come la proposta di abolire la far intervenire l’associazione dei partigiani per
non poter partecipare “a manifestazioni disposizione transitoria della Costituzione che la festa. Abbastanza per essere considerato
se ne vanno politiche”. vieta la ricostituzione del partito fascista, le reazionario in un paese come il nostro.

Partigiani
ì
Carlo Smuraglia
“Ci vuole una
grande alleanza”

C arlo
Smura-
glia, presi-
dente del-
l’Anpi da una
settimana, dal palco di
Piazza Duomo a Mila-
no, ha invocato la na-
scita “di una grande al-
leanza democratica”

“Roma è un lager”
per promuovere di
cambiare il Paese.
“Propongo che tutti i
cittadini di buona vo-
lontà che credono nel-

e issa l’insegna di Auschwitz


la democrazia si metta-
no insieme per costrui-
re un cambiamento”.

Massimo Rendina
È UN ARTISTA PRECARIO DEL PIGNETO L’AUTORE “Non rispettano
DELLA SCRITTA “NEONAZISTA” la storia”

cario: insegna Grafica e fa corsi


di formazione ai disoccupati. È
to in una periferia, abitata da
giovani precari ed extracomu-
le periferie, vado e installo le
mie creazioni senza rivelarmi.
Non vorrei commentarlo, tran-
ne che per questo paradosso. Il
“M i di-
spia-
ce per questo
insieme alla sua fidanzata (an- nitari oggi diventati clandestini, Per decine di volte nessuno si è sindaco che ha deportato i ro- decadimento
che lei storica dell’arte, anche tutti riflettessero sul fatto che accorto di nulla. meni, e ha diviso i padri dai figli, della demo-
lei precaria). Ha lavorato una un pezzo di lager è nelle nostre Sapevi che se ne sarebbe di- è lo stesso che rilascia dichiara- crazia, c’è il tentativo
notte, sulla ferrovia del Pigneto, città, mentre noi ce ne passeg- scusso! zioni indignate contro il neona- pesante di cambiare la
per montare la sua installazio- giamo spensierati. A dire il vero, se non fossi stato zismo e mette al primo posto le Costituzione e di inter-
ne. In quelle stesse ore, poco di- C’era bisogno del cancello di inseguito da un sospetto così in- politiche per la famiglia. Chi pretare la politica, che
stante dal luogo incriminato, è Auschwitz, per dirlo? famante, non avrei mai parlato: sbaglia, io o lui? invece dovrebbe essere
stato persino fermato dai cara- Intanto vi voglio dire che il mio ho un sito in cui non metto nem- L’Olocausto è un orrore diffi- servizio per i cittadini”.
binieri (che però non hanno richiamo è innegabile. Ma che, meno la mia foto, lavoro nei luo- cilmente comparabile alle Il vicepresidente del-
collegato la sua presenza al can- volutamente la mia installazio- ghi dimenticati dalla città, figu- parole di un sindaco. l’Anpi, Massimo Rendi-
cello). Lo chiameremo “Dome- ne è diversa: ho studiato la storia ratevi se cercavo notorietà. Adorno ha detto che dopo Au- na, lo ha detto ieri mat-
nico”, ma la sua identità, alme- di quel terribile manufatto, La denuncia contro la preca- schwitz fare arte è diventato im- tina a Porta San Paolo a
no per oggi, non si può rivelare. commissionato dalle SS e co- rietà non è un alibi? possibile. Volevo esprimere Roma. “Il governo non
di Luca Telese Ha appena deciso, infatti, che struito da un fabbro ebreo inter- Al contrario. Vivo in questo questo sentimento di ironia ha rispetto nè per la sto-
e David Perluigi domani mattina andrà di sua vo- nato nel campo... quartiere. L’idea mi è venuta amara e disperata, anche estre- ria nè per i cittadini”.
lontà presso una stazione dei ca- E questo che c’entra? passeggiando su quel ponticel- ma, per far riflettere sulle con-
a quale apologia di rabinieri per raccontare la sua Il materiale che ho usato è diver- lo, un anno fa. Ho pensato che dizioni di schiavitù e privazione Giovanna Marturano

“M Olocausto? Non
scherziamo. Se c’è
uno che odia il nazi-
smo sono io. Ho deciso di par-
lare per questo. Sono un artista
versione dei fatti.
Domenico, ti rendi conto che
questa tua installazione ha
ferito tutti coloro che sono
stati colpiti dall’Olocausto?
so: quello era ferro battuto, que-
sti sono tubi industriali.
E poi?
I caratteri delle lettere sono di-
versi! Questo è un font moder-
l’ironia sprezzante e oscena del-
le SS si prestava bene per rac-
contare anche un frammento
dei tempi che stiamo vivendo.
La scritta era la stessa.
dei diritti che abbiamo accetta-
to come inevitabili.
Sapevi che avresti potuto of-
fendere qualcuno, però.
L’arte, per come la penso io, ha
“Non voglio
morire sotto B.”
che ha voluto aprire un dibatti-
to, non posso e non voglio es-
sere confuso con teppisti o fa-
Sapevo che si trattava di un ge-
sto duro, una provocazione. Ma
non volevo minimamente che
no, sia chiama Sugo. Anche la
scritta l’ho fatta in inglese, per-
ché doveva essere compresa da-
Ma in un’altra lingua, e per di
più rielaborata: costruendo
questo arco avevo in mente le
il dovere di sollevare problemi e
suscitare dibattiti. Volevo que-
sto, senza offendere nessuno.
“H o
vis-
suto per 20
natici”. L’uomo che ha costruito l’effetto fosse questo, anzi, se gli immigrati. Ho voluto dare insegne dei luna park anni Ses- Se l’ho fatto, mi scuso. anni sotto
il cancello di ferro che ha fatto ho colpito le vittime o i loro fa- corpo a un pezzo di sterminio e santa. Era una contaminazione. Mussolini.
esplodere la paura di un rigur- miliari sono mortificato. deportazione che esiste nelle Chi l’ha costruito? Oggi ho 99 anni e
gito neonazista (e gridare allo Sapevi benissimo che l’effet- nostre città, anche se non si ve- Io, con le mie mani, in un labo- non voglio morire
scandalo i politici di ogni segno to sarebbe stato questo. de. Quello dei diritti. ratorio di amici. Sul Fattoquotidiano.it sarà sotto Berlusconi”. Fa-
e colore) è seduto di fronte noi. Per nulla. Io volevo che guar- Volevi farti pubblicità? Che impressione ti ha fatto il oggi online l’intera videointervista ceva parte della bri-
Ha 32 anni, è lucano, è un pre- dando questo cancello, installa- Scherzate? Io lavoro da anni nel- coro dei politici? all’autore dell’opera gata Garibaldi Gio-
vanna Marturano: 99
anni. Ieri dal palco di

5 per mille, istruzioni per l’uso Porta San Paolo a Ro-


ma ha tuonato: “Cer-
to questo non è il Pae-
se per cui abbiamo
COME DONARE PARTE DELLE TASSE ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E ALLA RICERCA lottato nella Resisten-
za”.
n vista della consegna delle migliaia di organizzazioni in ma alla fine anche quest’anno vostro 730 o sul modello uni-
Inecessario
dichiarazioni dei redditi, è
ricordarsi di desti-
questo modo riescono ad ave-
re un piccolo ma importante
il tetto sarà quello dei 300 mi-
lioni. Altri 100 saranno desti-
co l’associazione Libera, di
Don Luigi Ciotti, come desti-
Comandante Otello
nare il 5 per mille a una delle finanziamento. Purtroppo nati alla ricerca e alla cura del- nataria del beneficio, dovete “Azione forte per
associazioni riconosciute dal non c’è ancora una stabilizza- la Sla, malattia gravemente in- firmare sotto il riquadro dedi-
ministero dell’Economia. zione legislativa, per cui di an- validante per cui le associazio- cato ed inserire il codice fisca- salvare la Carta”
La lista completa è pubblicata no in anno l’iniziativa viene in- ni di malati avevano chiesto at- le di Libera, 97116440583.
sul sito Internet dell’Agenzia
delle Entrate, e anche un pic-
colo contributo può aiutare
trodotta in Finanziaria. Ciò si-
gnifica doversi riferire alle ta-
belle dell’anno precedente e
tenzione e finanziamenti, ma
non certo a discapito dei be-
neficiari del 5 per mille.
Il codice per donare il contri-
buto ad Emergency è
97147110155. Per Save the
“V ogliono
toccare
l’articolo 1 del-
una realtà di volontari a so- non assolvere quindi agli ob- “Il 2011, anno europeo del vo- children, 97227450158 men- la costituzio-
pravvivere. Le sigle sono le blighi di legge. Ma speriamo lontariato, è cominciato ma- tre per Amnesty Internatio- ne? Io dico che
più disparate, da Emergency che il governo tenga conto lissimo, con una riduzione del nal, 03031110582. Per quan- occorre subito un’azione
all’Airc, passando per asili ni- delle richieste delle associa- 25% delle risorse per il 5 per to riguarda la ricerca, il codice forte, non dico cruenta,
do, associazioni sportive, atti- zioni per una stabilizzazione mille – sostiene Marco Granel- dell’Associazione italiana non coi mitragliatori, ma
co di Antonio Cornacchione ha vità comunali ed enti di ricer- in merito”. li, presidente della rete dei per la ricerca sul cancro è con la stessa convinzione
anticipato l’intervento più atte- ca scientifica e sanitaria. La polemica sulla gestione sta- centri di servizio per il volon- 80051890152, quello del- dei partigiani quando do-
so della giornata, il discorso di “Il 5 per mille è l’unico stru- tale del 5 per mille in realtà è tariato – siamo delusi e aspet- l’Associazione italiana scle- vettero liberare l’Italia dai
oltre un’ora di Don Ciotti. mento di sussidiarietà fiscale lunga: Tremonti aveva pro- tiamo risposte dal governo an- rosi multipla è nazi-fascisti”. Lo dice il co-
Il 25 aprile oggi è ancora più im- che è venuto incontro alle as- messo di riportare la disponi- che sulla legge ad hoc che è 97116440583. mandante “Otello”, Placi-
portante di ieri. A ricordarcelo sociazioni in questi anni di cri- bilità per le associazioni a quo- ferma al Senato dal 2009, no- Nel 2010 le associazioni bene- do Armando Follari, 88
sono le 26 mondine che salgo- si economica – spiega Andrea ta 400 milioni nel 2011 (cifra nostante l’accordo di tutte le ficiarie del Terzo settore sono anni, a capo del distacca-
no sul palco all’imbrunire can- Olivero, presidente del Fo- che corrisponde alle reali do- forze politiche”. state 33.633, più circa 50 mila mento della nona Brigata
tando in coro “Bella ciao”. rum Terzo settore – decine di nazioni indicate dagli italiani) Per indicare per esempio sul associazioni sportive. Santa Justa, a Palermo.
pagina 6

x
RESISTERE x

RESTIAMO UMANI
GLI ALTRI VIK CHE
AMANO IL MONDO
L’utopia di Arrigoni di Roberta Zunini
Bulciago (Lecco)
morte ma di vita coerente. “Mi ha sempre so-
stenuto il ricordo di mia zia Stella, la sorella di
e di chi lascia mia mamma che durante la notte, su una bar-

D
A UN INTERNET POINT chetta, andava sull'altra sponda del lago a por-
DEL TERRITORIO occu- tare aiuto ai partigiani. Avrebbe potuto morire,
una vita normale pato di Gaza, il 24 aprile dello
scorso anno, Vittorio Arrigo-
ma per lei era più importante perseguire i suoi
ideali di giustizia e libertà”. Concludendo il suo

per contrastare ni aveva ricordato il valore


della Resistenza ai lettori del
suo blog Guerrilia Radio. Aveva suggerito di par-
scritto – letto da un amico durante la cerimonia
laica – Vittorio Arrigoni diceva di avere ere-
ditato dai suoi familiari il bisogno di schierarsi
il padre, perché non volevo farli stare troppe
ore in treno, vengo da Verona. Non conoscevo
ingiustizie tecipare alle celebrazioni del 25 aprile per ono-
rare e non dimenticare il sacrificio di tanti gio-
vani partigiani che avevano dato la vita per to-
contro gli oppressori, i soprusi, a favore della
libertà di parola e di movimento. Il ragazzo che
rappresentava l'Anpi di Como ha letto un mes-
Vik, non avevo visto nemmeno mai visto i vi-
deo da Gaza che caricava sul suo blog. Quando
ho letto della sua morte così orribile e della sua
e difendere diritti gliere all'Italia e all'Europa il cappio del nazi-
fascismo, della dittatura, del pensiero unico.
saggio in cui l'associazione di partigiani dichia-
rava di dedicare la giornata del 25 aprile a Vik
vita così esemplare, sono andata a comprare il
suo libro Restiamo umani. Ho scoperto una real-
Un cappio sempre pronto a essere rimesso al Utopia. La cerimonia è durata quasi tre ore alla tà, quella di Gaza di cui sapevo poco”.
La madre: “Vittorio collo di chi si oppone alle ingiustizie, alla lo-
gica del più forte, alle verità dogmatiche. Non
presenza di più di 2000 persone, arrivate da
ogni parte d'Italia e d'Europa. C'erano anche i
Giovanni, un quarantenne di bell'aspetto, non
vorrebbe commentare: “Mi pare evidente per-

non era un eroe, solo metaforicamente: Vittorio Arrigoni è stato


strangolato il 14 aprile scorso, forse da una cel-
lula di estremisti islamici, sicuramente da una
rappresentanti della Mezzaluna rossa palesti-
nese, numerose famiglie di immigrati egiziani e
libanesi. Molti hanno cantato Bella Ciao. “Siamo
ché sono qui”. È arrivato da solo, con l'Eurostar
da Roma. “Dico solo che in un momento in cui
ci si deve solo vergognare di essere italiani, Vit-
ma una persona visione distorta dei principi religiosi, dalla bra-
ma di potere e dalla violazione sistematica dei
qua da tanti anni – dice il signor Azizi – co-
nosciamo il significato di questa canzone, l'ab-
torio Arrigoni è uno dei pochi esempi di cui
andare orgogliosi”. Antonio è un informatico
diritti umani taciuta da troppi, Onu compre- biamo sentita tante volte”. Tanti ragazzi erano di Milano e Sonia una giovane antropologa to-
coerente” sa. arrivati in pullman da Roma, Torino, persino
dalla Grecia e dalla Spagna. Molte persone era-
rinese: “Avevamo invitato Vik a presentare il
suo libro durante un dibattito. Alcuni lo rite-
Esattamente un anno dopo dal palaz- no arrivate da sole, da Firenze, da Verona, da nevano troppo personaggio, troppo protago-
zetto dello sport di Bulciago, dove si è tenuto il Genova. Alcuni da Napoli. Alla stazione Gari- nista. Vik non avrebbe voluto esserlo, ma ha
suo funerale italiano, il volontario dell'Inter- baldi di Milano, dopo aver fatto già parecchie dovuto usare il video per mostrare ciò che la
national Solidarity Movement è riuscito ancora ore di treno, erano saliti su un vecchio trenino maggior parte dei giornali e delle televisioni
più efficacemente a ricordare il 25 aprile. Lo ha regionale. Karina, una trentacinquenne di ori- non fa vedere: la brutalità dell'embargo israe-
fatto attraverso la sua bara. Non simbolo di gine argentina, dice: “Ho lasciato i bambini con liano nei confronti della popolazione di Gaza.

Avere trent’anni e giocarsi tutto


baracche, le bande criminali che Lavoriamo con persone che capiscono il valore
Chiara, Haiti continuano a dominare il territorio. Ma
Chiara non ci pensa a muoversi da lì, da
Diana, Pakistan della nostra presenza e ci sostengono, cercando
di portare soccorsi ai più vulnerabili senza
quel comune che si chiama Citè Soleil, distinzioni, coinvolgendo sempre le comunità in
“FELICE DI SENTIRMI UTILE” nell’arrondissement della capitale “NON PENSARE MAI AI PERICOLI” modo da effettuare un intervento coordinato.
Port-au-Prince, ma che vive nel buio della Non vogliamo dare l'impressione di imporre
miseria e dell’abbandono più totale. Un dall'alto. In questo momento la vicenda di
uoi la verità? Per me è più semplice posto dove si rischia anche la vita. “Io ra i paesi più instabili e geopoliticamente Arrigoni è sotto gli occhi di tutti e voglio dire che
“V vivere qui che in Italia. Mi interessa
lavorare con le persone, difendere il loro
mando un grande abbraccio a Vittorio e ai
suoi, dicendo che lui è morto per quello
Tdi persone
cruciali, c'è il Pakistan. Quasi duecento milioni
a maggioranza musulmana. Le donne,
lui era anche un attivista per i diritti umani. Noi li
promuoviamo ma più indirettamente”. In ogni
diritto al rispetto, proteggere la dignità di che amava, e che non avrebbe mai lasciato specie cristiane, non godono di alcun diritto. Una caso si lavora in un paese che, lo scorso anno, ha
tutti. E da noi è molto difficile farlo, perché la Palestina - dice la D’Onofrio –. È solo di queste, Asia Bibi, si consuma da mesi dietro le visto morire oltre 5 mila persone. Non si sente
ci sono strutture, vincoli, burocrazie. In questo che ci spinge a fare quello che altri sbarre di una prigione, condannata a morte per mai la paura di morire o di rimanere feriti in un
missione invece sei sempre in mezzo alla trovano strano: una passione incontenibie, aver forse detto che Maometto ha fatto poco per attentato? “Certo, il rischio di rimanere coinvolti
gente che ha bisogno di te, e la aiuti ogni una vera serenità. Basta quell'attimo di aiutare i poveri. Che sono ancora la maggioranza. in un attentato è ben presente ma ci sono luoghi
giorno. Non è bellissimo?”. Chiara coraggio per buttarsi, per rispondere a Diana Bassani è una giovane volontaria del Cesvi, più pericolosi di altri e di conseguenza vengono
D'Onofrio ti spiazza. Ha 28 anni, gli occhi un'esigenza che ti tormenta dentro. Tutto il una Ong laica di Bergamo che opera nelle zone evitati”. Diana tiene a sottolineare che ritiene il
azzurri e un sorriso che potrebbe resto è facile, giuro”. E non ti manca più “calde” del pianeta. “L'obiettivo non è solo suo impegno una grande opportunità per
conquistare qualsiasi cacciatore di (belle) davvero niente, Chiara: la pasta, la mamma, portare aiuti materiali ma aiutare le popolazioni a crescere e migliorare anche la propria
teste. Invece sta ad Haiti da quasi un anno, la tua città? “Mi dà fastidio solo una cosa, emanciparsi. Sotto l'aspetto economico, consapevolezza. Insomma, la sua esperienza è
lavora con gli sfollati del terremoto per certe volte. Sentire l'indifferenza di chi sta culturale e sanitario”, spiega al cellulare questa per lei uno scambio paritetico. Anche lei si sente
Vis, una onlus del circuito Agire, e da dall'altra parte e non vede alcun nesso tra intrepida venticinquenne, mentre si sta beneficiata. “Sto imparando ad apprezzare e
mediatrice culturale qual era quando ha la sua vita e quello che succede in giro per spostando in macchina da Islamabad a Pastun, un rispettare le diversità culturali senza averne
lasciato Roma, adesso è diventata il mondo. Da quando mi sveglio la mattina villaggio tribale al confine con l'Afghanistan. Per paura. Mi ritengo fortunata di avere iniziato
assistente sanitaria. “La prima puntura che fino a sera non faccio altro che indurre i genitori a mandare i figli a scuola, a questo percorso proprio in un paese come il
ho fatto non me la dimenticherò mai – ride domandarmi come risolvere un problema, portarli dai medici, anche se a molti chilometri di Pakistan, considerato così difficile e pericoloso.
Chiara con un'eco che il telefono dove trovare aiuto per superare un distanza, è fondamentale conquistare la fiducia Una volta arrivata qua, mi sono resa conto che
satellitare fa rimbalzare a lungo –. Stiamo ostacolo, chi interpellare per pretendere dei capi villaggio. Nonostante sia una donna, molto spesso se qualcosa spaventa è anche
vaccinando tutti contro il colera, che è una risposta – dice con un pizzico di Diana ne è stata in grado. Lombarda, laureata in perchè non lo si conosce. In Pakistan le persone
adesso la vera emergenza nei campi amarezza la volontaria –. Ma le facce delle scienze politiche, sottolinea che il suo impegno è sono estremamente gentili e la presenza di
d’accoglienza. Ma ho anche imparato a fare persone che ho intorno sono tutto il mio nell'ambito della cooperazione. Ma cosa spinge formazioni estremiste islamiche è in percentuale
altre cosette: misuro la pressione, posso mondo. Nomi, storie, sofferenze, una una persona ad affrontare situazioni così minima rispetto all'intera popolazione”. La
medicare piccole ferite, dare una mano grande felicità che mi trasmettono nel pericolose? “Sicuramente non è un mestiere comunicazione cade dopo averci detto che è
come serve nell’ambulatorio”. Perché di momento in cui capiscono che c’è tranquillo, ma aiutare le persone rende più piena cattolica credente, ma non praticante. “Credo
Haiti ormai non si parla quasi più, ma tutto qualcuno lì per loro. Ci sono io per loro, e la mia vita. Non ho l’impressione di affrontare nei valori della solidarietà e dell'umanità. E questi
è peggio di prima. La ricostruzione che loro stanno meglio. È tutto qui”. situazioni pericolose, prevale la consapevolezza valori sono comuni a tutte le religioni”.
non parte, le famiglie ancora stipate nelle Chiara Paolin di lavorare in un paese con enormi difficoltà. Roberta Zunini
Martedì 26 aprile 2011

Gaza: il testimone
passa a Silvia
T
ELECAMERINA E GILET GIALLO Al suo arrivo aveva trovato ad attenderla Vik. Ora è
FOSFORESCENTE. Se qualcuno pensa questa giovane padovana, assieme ad altri tre ragazzi
che siano armi, allora sì, Silvia Todeschini, americani e belgi a portare avanti il suo impegno
da 6 mesi combatte una guerra all'interno contro “gli effetti collaterali” del conflitto israelo- pa-
della Striscia di Gaza. “Noi dell'International Solida- lestinese sulla popolazione della Striscia. “Mi sono
rity Movement, a cui apparteneva anche Vik, com- laureta due anni fa e subito dopo sono andata in Ci-
battiamo contro l'occupazione israeliana della Pale- sgiordania per cercare di rendermi conto di persona
stina. Lo facciamo però in modo non violento, per- della situazione. Mi domandavo se fosse del tutto ve-
ché non crediamo nella guerra e nell'uso delle armi ro ciò che avevo letto circa le vessazioni subite dai
per risolvere i conflitti. Il gilet fosforescente mi serve palestinesi. Ho dovuto constatare che è così. Ma nel-
per essere riconoscibile come scudo umano, per far la Striscia è peggio”.
sapere ai soldati israeliani disposti permanentemen-
te lungo il confine terrestre e marino della Striscia Silvia dovrebbe ripartire a giugno ma non
che i contadini e i pescatori gazawi sono difesi da noi ne è più certa. Dopo ciò che è accaduto a Vittorio
che siamo stranieri ”. Silvia Todeschini, spera che la Arrigoni forse rimarrà. “Se ce ne andiamo chi ri-
sua nazionalità italiana costituisca un deterrente. marrà a testimoniare? Voglio anche dimostrare
Dal novembre scorso tutte le mattine di buon ora di non avere paura. Ho paura solo quando i sol-
imbraccia la sua digitale e accompagna i contadini dati israeliani ci sparano dalle torrette dal con-
nei campi vicini al corridoio di sicurezza stabilito fine non appena ci avviciniamo al corridoio. L'al-
unilateralmente da Israele all'interno della Striscia di tro giorno stata inaugurata una barca, Oliva: ha
Gaza. “Il corridoio è largo 300 metri ma la zona pe- degli strumenti di bordo che riescono a moni-
ricolosa inizia a circa un chilometro dal confine. L'al- torare cosa succede attorno ai pescherecci dei
tro giorno però una bomba è arrivata vicino a casa gazawi. Così se le pattuglie della marina israeliana
mia che dista più di un chilometro”. Silvia ha 26 anni, gli sparano prima che oltrepassino le tre miglia
Illustrazione è laureata in fisica ed è l'unica volontaria italiana del- nautiche, noi possiamo provarlo con certezza”.
di Doriano l'International Solidarity Movement rimasta a Gaza. L'International Solidarity Movement è un movi-
mento fondato da una giovane donna
ebrea israleiana, Neta Golan e da una
giovane americana di origine palestine-
se Huwaida Arraf. “Volevamo trovare
un sistema pacifico per aiutare i pale-
stinesi a difendersi. Cerchiamo di cam-
Era costretto a fare da scudo umano per difen- che ha distinto questa famiglia in due settima- biare le dinamiche della lotta – dicono
dere i contadini e i pescatori, perché le forze di ne di strazio, ciò che aveva detto poco prima, al Fatto le fondatrici – che deve essere
interposizione dell'Onu non esistono per i ga- durante le esequie religiose il vescovo emerito non violenta. L'idea ci è venuta durante
zawi”, sottolineano pacatamente . di Gerusalemme, monsignor Cappucci: “Vit- la seconda intifada nel 2000. Con la vio-
torio è stato, come noi vescovi, un pastore per lenza non si risolverà mai nulla. Noi
Vittorio “non è stato un eroe o un mar- una popolazione schiacciata e massacrata. Vit- pensiamo che la presenza di stranieri
tire, è stato un ragazzo con una vita un po' spe- torio per noi è un martire, un santo”. Il rap- accanto ai palestinesi possa aiutarli a
ciale che ha lottato con coerenza per difendere presentante di Libera, l'associazione di Don manifestare senza il pericolo di essere
i diritti umani che devono valere per tutti, sem- Ciotti, ha deposto sulla bara un sacchetto di uccisi. Noi facciamo loro da scudi uma-
pre”. Con queste parole la madre di Arrigoni, terra di una cascina del torinese confiscata alla ni, in cambio i palestinesi non devono
ha chiuso la cerimonia, ringraziando tutti co- ‘Ndrangheta. “Vittorio, oggi noi facciamo un tirare nemmeno una pietruzza contro i
loro che l'hanno sostenuta in questo momento patto: aiutaci ad andare avanti come hai fatto tu soldati israliani”. La solidarietà dei vo-
“di dolore ma anche di orgoglio”. Parole che nella lotta per liberare le terre oppresse dal- lontari dell'Ism, che non percepiscono
hanno ridimensionato, secondo la sobrietà l'ingiustizia e dal crimine”. alcun compenso per ciò che fanno,
nemmeno un rimborso spese, dovreb-
be inoltre aiutare psicologicamente i
palestinesi. “Uso sempre questa metafora per
spiegare ciò che cerchiamo di fare – dice Silvia
Todeschini – Imaaginate una bottiglia bucata: an-
che se ci metti l'acqua in continuazione non ri-
marrà mai piena. Ecco noi cerchiamo di tappare
il buco. Noi non diamo i semi ai contadini, li aiu-
tiamo a coltivare i loro campi”.
Rob. Zun.

Chiara D’Onofrio ad Haiti; Vittorio Arrigoni


. Bambini di strada al Cairo; sopra la
(FOTO LAPRESSE)
posa della prima pietra della scuola dedicata ad
Arrigoni a Gerico (FOTO G. CALAPÀ)

Altri, come il sindaco, in tende, perché la loro essere paragonato alla figura di Vittorio
Andrea, Cisgiordania casa è stata abbattuta dai soldati. Anche la
moschea è stata tirata giù, poi ricostruita e ora
Matteo e Lara, Egitto Arrigoni. Come lui, “c’è chi lavora in contesti
difficili, di conflitto o di emergenza, ed è una
c'è un nuovo ordine di demolizione”, racconta scelta che comporta un cambiamento di vita
“LA VIOLENZA È INACCETTABILE” Andrea che ha deciso di spendere così i suoi 24 “UNIRE PASSIONE E LAVORO” totale”, spiega questo lavoratore che non si
anni, una laurea in fisica alle spalle. Questo definisce umanitario. “Io non soffro così tanto,
impegno si rinnova ogni tre mesi da dicembre: al Cairo posso avere una vita simile a quella che
ndrea guarda con attenzione il passaggio dei “Concluso il trimestre torno in Italia. Il atteo Valli, 31 anni, di Roma, vive e lavora al avevo in Italia”. Anche se di sacrifici ne fa ed
Avillaggi
bambini dalla strada che porta dagli altri
della South Hebron Hills, estremo sud
secondo giorno del mio secondo turno, a
marzo, appena alzato mi ritrovo steso per
M Cairo da ormai 3 anni e in questo
momento gestisce un progetto dell’Ong
esiste sempre la possibilità di essere pedinato o
espulso dai servizi segreti. Lara Colace, 41 anni,
della Cisgiordania, a quello di At-Tuwani, dove terra davanti alla porta un ragazzo di trent'anni. Ricerca e Cooperazione per aiutare i bambini di Catanzaro, ad esempio ha provato entrambe
c'è la scuola (6-15 anni). Due volte al giorno, Un abitante del villaggio che aveva commesso più indifesi e deboli, soprattutto quelli di le cose: è stata in una zona a rischio, in
quando i bambini arrivano e quando ritornano l'imprudenza di camminare troppo vicino al strada, un vero problema in Egitto. Pensa che il Palestina, ed ora si dedica a progetti di sviluppo
alle loro case. Il passaggio è pericoloso, perché boschetto qui davanti, dentro il quale ci sono le suo sia un lavoro come un’altro, però dice che sostenibile al Cairo da tre anni. All’inizio era
numerosi sono stati gli attacchi, documentati case dell'avamposto illegale dei coloni. Era non avrebbe voluto fare niente altro nella vita, impiegata in un ufficio commerciale e usava le
da Operazione Colomba (l'ong di cui Andrea fa stato accoltellato. Per fortuna si è salvato, ma perché la sua è una vocazione: per aiutare gli sue vacanze per andare a fare da scudo umano
parte), da parte dei coloni dell'insediamento di non sono episodi sporadici”. Mentre Andrea altri e per essere aiutato, anche. “La cosa che ai palestinesi durante la seconda Intifada. La
Ma'on e dell'avamposto Hill 833 (considerato racconta la sua esperienza a una delegazione più mi piace è la relazione con le persone, lo stessa missione di Vik, anche se però dice di
illegale anche dai militari israeliani). Questi internazionale (tra cui il gruppo di italiani scambio quotidiano che ti permette di crescere sentirsi “piccola” al confronto: “La mia era una
coloni sono i più fanatici e integralisti della guidati dall'ex eurodeputata Luisa Morgantini) personalmente, il contatto con quelli che la militanza soft”, spiega Lara, che ha poi deciso di
West Bank, più volte hanno attaccato e ferito in visita al villaggio, un furgone della polizia pensano diversamente”, spiega Matteo. “Forse dedicarsi professionalmente alla cooperazione
anche i volontari di Operazione Colomba che israeliana si avvicina. Marco, un altro per questo si chiama cooperazione”, riflette. Il all’interno dell’ong Cospe. “Questo mi ha
scortavano i bambini. Infatti, Andrea (che volontario, va a sentire di che si tratta. L'agente lato umano del suo lavoro è quello che lo permesso di unire i miei interessi al mio lavoro,
preferisce non dire il suo cognome “per evitare chiede: “Chi è quella gente, cosa fanno? Voglio gratifica di più, le piccole cose che non si che però resta pur sempre un lavoro, non una
problemi di qualsiasi tipo quando rientro qui parlare col responsabile”. Ecco Margrete possono valutare nei rapporti finali dove si vocazione o una scelta di vita. Sono arrivata alla
dall'Italia”) non può più farlo, ma è il risultato di Auken, eurodeputata del gruppo Verde, che si riportano i risultati di ogni progetto. La parte cooperazione per caso, avevo fatto altre cose e
un accordo con esercito e polizia di Tel Aviv: la presenta alla polizia, spiegando le ragioni della più noiosa è senza dubbio quella amministrativa non so se lo farò per sempre”. Certo, però “è
scorta la fanno loro. Però Andrea continua, visita umanitaria. Il poliziotto, prima chiede i e burocratica. E in Egitto ancora di più: le ong un lavoro che si fa con passione”. La stessa
insieme agli altri volontari di Operazione documenti alla Auken ma poi dice che non devono essere autorizzate e registrate dalle passione che nutre per la Palestina dove si
Colomba, a guardare con apprensione fino a importa: “Però andate via da qui, è pericoloso. autorità competenti, che limitano e a volte sentiva “più libera” e non aveva così tante
quando non vede i bambini sparire dietro la Potrebbe bruciare tutto”. Si tratta soltanto “di ostacolano il loro lavoro, perché fino alla difficoltà a svolgere il suo compito come in
collinetta. At-Tuwani è un poverissimo villaggio intimidazioni”, ci spiega poi Andrea: caduta di Mubarak, queste organizzazioni Egitto, dove i lavoratori umanitari e cooperanti
sotto il totale controllo dei militari israeliani, “Preferiscono che la condizione dei villaggi a rappresentavano una minaccia per il regime. non erano così ben accetti dal dittatore
dove duecentocinquanta persone, contadini e sud di Hebron e Yatta, circondati da colonie e “Quello che pesa di più è di dover arrivare a un Mubarak. E questo, per il momento, non è
le loro famiglie, vivono in casette modeste avamposti israeliani, non emerga, che non se compromesso pur sapendo quale sia la verità”, ancora cambiato, nell’Egitto
(tutte con l'ordine di demolizione ne parli in Europa”. ammette Matteo, che dice di essere più post-rivoluzionario.
dell'esercito). “Alcuni vivono ancora in grotte. Giampiero Calapà razionale che idealista e non crede di poter Francesca Cicardi
pagina 8 Martedì 26 aprile 2011

ITALIANI

B.? NO, GRAZIE


La firma per il programma di Sgarbi era pronta
Ma dopo una cena ad Arcore, Francesca molla tutto
di Carlo Tecce sera di aprile, nella villa che fu dopo, confida a Elisabetta lusconi, le barzellette, le foto-
di Ruby e del Bunga bunga, Sgarbi di aver trascorso una grafiche: “Era lavoro, tutto
na cena nella villa di Ar- bella serata. Un viaggio a Ro- tranquillo. Arcore non c'en-

U
c'era una riunione di lavoro:
core con le solite ragaz- un conduttore di Rai1 parla di ma, un colloquio, una firma e tra. Barzellette? Non le ha rac-
ze e le solite barzellet- una trasmissione pubblica poi il palcoscenico di Rai1 sa- contate a me”. Ma Sgarbi è
te. La sensazione di ri- con il presidente del Consi- rà suo. Ecco l'imprevisto nel convinto: “Se non fosse anda-
conoscere quel mondo che glio, primo azionista dei con- pomeriggio: “Mi chiama e mi ta dal Cavaliere avrebbe accet-
avevi rinnegato. Francesca correnti Mediaset: “Non è mi- parla di contaminazioni, ri- tato. Non ci si può vergognare
Lancini, ex attrice e modella, ca un delitto”. Non è un con- schi e paure dopo aver visto di aver visto il presidente del
è ormai Senza tacchi (Bompia- vegno per soli esperti, ci sono Berlusconi. Alla terza frase la Consiglio, grande esperto di
ni), fedele al titolo del suo ro- Nicole Minetti, Barbara Fag- mando a quel paese”, dice televisione, e temere che si
manzo che tratteggia la vita gioli e due o tre ragazze che Sgarbi. Francesca evita il cor- possa avere l'etichetta di rac-
forsennata, intensa e forse Sgarbi non ricorda. E poi un po a corpo con l’ex ministro comandati. L'avevo scelta
malata di Sofia Martini, una pezzo di redazione de Il mio berlusconiano. Al telefono io!”. Sgarbi cerca la ragione,
donna che si mostra con le canto libero con Carlo Vulpio e con il Fatto è diplomatica: ma non la trova. Francesca l'ha
sfilate e si confonde con le Diego Volpe Pasini. “Non sono in grado di fare te- scoperta, ma non la rivela.
paranoie. Francesca ha rinun- levisione”, ripete. E prova a Forse pensa che una carriera
ciato al programma Rai di Vit- FRANCESCA ascolta B. camuffare l'imbarazzo su Ber- Senza tacchi sia migliore.
torio Sgarbi che, tra provoca- che commenta l'interrogato-
zioni e ispirazioni, l'aveva rio di Ambra Battilana e Chiara
presentata a Silvio Berlusconi Danese, testimoni nel proces-
per misurare la sua forza te-
legenica. “Lui mi suggeriva
so di Milano che svelano il gio-
co erotico con la statuetta di RAVE Bastonate a due
Piero Chiambretti ed Elenoi- Priapo. Poi il Cavaliere pesca
re Casalegno, io sono andato
ad Arcore con la Lancini”.
dal cilindro centinaia di foto di
Anna Fallarino, la marchesa di
carabinieri, poi la fuga
Francesca incontra Berlusco- Casati Stampa che fu ammaz-
ni, riflette, tentenna, rifiuta:
“Non sono in grado di fare te-
levisione, scrivo e vorrei con-
zata dal marito Camillo e che
davanti a lui si dilettava in orge
con passanti e sconosciuti. Ar-
EMarano appena usciti da un rave nelle campagne di
Grosseto, ovvio che l'alcol test desse esito positivo.
quando i carabinieri hanno comunicato ai ragazzi
tinuare. Io non ho collocazio- core è proprio la villa del mar- che stavano per ritirare la patente al guidatore, quelli
ni politiche”. E Sgarbi s'infu- chese, che l'avvocato Cesare hanno preso a bastonate gli agenti, mandandone uno in
ria: “Mi fa schifo! Ha cenato a Previti strappò agli eredi per fin di vita. Prima con calci e pugni, poi usando un
casa di Berlusconi, era felice, pochi spiccioli. Il discorso ar- paletto da recinzione trovato sul ciglio della strada e
poi ci ha ripensato – dice a In riva lì dove Berlusconi è un più volte sferrato contro i carabinieri. Dopo di che,
mezz'ora di Lucia Annunziata maestro. L’artista Sgarbi trova hanno preso dall'auto dei militari il blocco dei verbali
– perché si sentiva contami- le somiglianze: “Le immagini su cui era scritto il loro nome e hanno tentato la fuga.
nata e non voleva passare per non erano pornografiche, c'e- Per fermarli, una seconda pattuglia dei cc ha dovuto
raccomandata. Era pronto il Francesca Lancini, ex modella oggi scrittrice. Sopra, Vittorio Sgarbi (FOTO ANSA) ra la Marchesa a una festa o in sparare alle gomme.
contratto, aveva un appunta- costume da bagno. E il clima
mento con i miei collabora-
tori, ma in cinque ore è sal-
Dopo l’invito e scrittrice. La trasmissione di
Sgarbi è un mistero, autori che
negli anni 70, sei o sette ra-
gazze per il marchese Camillo,
A BORDO dell'auto, c'erano tre minorenni, oltre al
guidatore. Tra loro anche una ragazza di 16 anni, l'unica
tato tutto”. a cena arrivano e partono, nomi che
ruotano, date che slittano.
era un modello anticipato di
Berlusconi. Con una differen-
in lacrime, mentre gli altri spiegavano impassibili di aver
“perso la testa”. “Li ho potuti osservare per almeno venti
LA STORIA è lineare con un
enorme vuoto in pagina: pos-
dal premier Manca poco al debutto, però.
E il critico d'arte ha bisogno di
za: lui non è geloso, ma le sue
amanti sì, quindi al massimo
minuti mentre davo supporto ai colleghi dell’Arma -
racconta un’agente - e mi hanno fatto impressione per la
sibile che il Cavaliere sia con- una figura femminile o di un sarebbero loro a ucciderlo”. freddezza. Sembravano normali, e nemmeno mezz'ora
tagioso, perché la Lancini al- la Lancini teme giornalista esperto, preferisce Tutte zitte: “Le ragazze erano prima hanno fatto un massacro”. Tutti e quattro sono
l'improvviso ha mollato Sgar- la prima e inizia la trattativa così giovani che non avevano stati arrestati e dovranno rispondere dell’accusa di du-
bi? Rimettiamo le scene in fila. di passare per con Francesca. Sgarbi decide mai sentito la storia della mar- plice tentato omicidio. Uno dei carabinieri è stato ope-
Elisabetta Sgarbi, direttore con la sua testa e chiede il con- chesa, ci ascoltavano molto in- rato per un ematoma alla testa ed è in rianimazione.
editoriale di Bompiani, consi- “raccomandata” tributo di molti. Così prepara teressate”. L'altro rischia di perdere un occhio.
glia Francesca al fratello, una la cena di Arcore. E Francesca Due e mezza di notte, la festa è
ragazza di talento, giornalista E cambia idea accetta l'invito. Quel lunedì finita. E Francesca, il giorno

IL ROTTAMATORE

RENZI: “IL SINDACATO È UNA BALLA SPAZIALE”


di Fabrizio d’Esposito biare le cose. Da lui mi sentirei rappresentata. serrande alzate il Primo Maggio: “Si sta giocan- la linea del giovane Renzi, che si autocolloca tra
Credo che ad avvicinarci non siano le idee po- do un derby tra l’ideologia e il buon senso e io Blair e Obama, alla ricerca di terze, quarte e quin-
n attesa del Primo maggio coi negozi aperti a litiche ma la stessa cultura generazionale”. sto con il buon senso. La Camusso mi accusa di
Ie celebra
Firenze, il giovane Matteo Renzi non si ferma
degnamente la sua Pasqua di rottama-
Incensato poi, sempre a Pasqua, dal Giornale di
famiglia con un’intervista anti-Cgil che ha or-
cercare visibilità. In realtà è lei che me la dà con-
tinuando a polemizzare con me”. In pratica, il
te vie. Continua il giovane narratore Renzi: “Tra
un carrello e l’altro il sindacalista incontrò Mar-
co, il mio portavoce, anche lui impegnato a fare
zione. Il giovane sindaco del capoluogo tosca- ganizzato “uno sciopero ad personam” contro giovane Renzi si è messo in testa di rottamare la le spesa. Il sindacalista appoggiava il candidato
no si conferma sempre più il giovane campione di lui, quello delle commesse, ieri il giovane sin- “casta del sindacato”, dopo il tentativo fallito dalemiano, naturalmente, quello che il giorno
della sinistra che piace alla destra del premier. daco di Firenze è tornato sulla questione delle coi vertici del suo partito, il Pd. dopo, per mille motivi, sarebbe quarto su cin-
Le invettive contro la Cgil di Susanna Camusso que. ‘Allora, come andiamo secondo te domani?’
gli hanno procurato l’autorevole nomination di DEL RESTO, tracce di questa ossessione-bis so- domandò Marco. ‘Il mio uomo va al ballottaggio
Vittorio Sgarbi: “Penso a Renzi come candidato no rinvenibili nel suo ultimo libro: Fuori, edito da di sicuro’, rispose spavaldo il sindacalista. ‘Va al-
del centrodestra”. Investitura che rappresenta Rizzoli e uscito nel febbraio scorso. Primo esem- meno al ballottaggio perché se così non fosse
l’ultima variazione su un tema aperto cinque pio: “La concertazione è diventata una parola vorrebbe dire che noi di questa città non abbia-
mesi fa da Barbara Berlusconi, dopo il pranzo di vuota. In alcuni casi, addirittura, la scusa per ri- mo capito proprio nulla’”. Commenta sarcastico
Arcore tra il Cavaliere e il giovane Renzi: “Mi è mandare le decisioni”. Il giovane sindaco di Fi- il giovane sindaco-scrittore: “Preciso. Analisi
sembrata una persona che vuole davvero cam- renze fa la storia della pedonalizzazione di piazza perfetta. Non ci hanno capito nulla, proprio nul-
del Duomo: “Dopo anni di concertazione che la effettivamente, però sono bravissimi a dimen-
aveva lasciato le cose uguali e ferme come prima, ticarselo subito”.
decidemmo senza concertare. Chiudemmo al Nella lista dei tabù da abbattere per costruire la
traffico alla fine di ottobre dopo averne dato scar- sinistra del terzo millennio, il primo riguarda
Il sindaco na comunicazione in Consiglio comunale il me- proprio il sindacato: “Primo tabù da combattere.
Matteo Renzi e se precedente. I commercianti e i sindacati lo La frase, spesso ripetuta e quasi sempre pratica-
il segretario
della Cgil, Susanna
Altro che festa lessero sui quotidiani il giorno dopo”.
Il giovane Renzi sogna una sinistra con una “vi-
ta, per cui il ‘il sindacato ha sempre ragione’. Bal-
la, balla spaziale. Oggi le varie sigle hanno lo stes-
Camusso (FOTO ANSA) dei lavoratori, sione desindacalizzata” non solo su piazza del
Duomo, ma anche sull’istruzione e sulle pensio-
so problema di rappresentanza che viene con-
testato ai partiti o alle associazioni di categorie.
per il sindaco ni. Su tutto. La Cgil è descritta come una rocca-
forte conservatrice fuori dalla realtà. Secondo
Però hanno meccanismi di iscrizione e di ren-
dicontazione del bilancio che consentono loro
esempio, le primarie che lo designarono a gio- di essere forti anche se sono poco rappresenta-
di Firenze “la vane candidato sindaco di Firenze: “Firenze, zo- tivi. Abbiamo il dovere di liberarci dal riflesso
na Gavinana, centro commerciale Coop. A fare la condizionato per cui prima di dire la nostra sulle
concertazione spesa c’è il sindacalista più in vista della Cgil to- questioni economiche aspettiamo il comunica-
scana. Quello che una volta al mese sulle crona- to delle rappresentanze dei lavoratori”. Ovvia-
è una scusa per che locali ci spiega come va l’economia, cosa do- mente, il giovane Renzi è stato a favore di Mar-
vrebbe fare la politica, come gira il mondo in- chionne nel referendum Fiat, tanto per precisa-
non decidere” somma”. L’episodio deve aver ispirato parecchio re.
Martedì 26 aprile 2011 pagina 9

CRONACHE

N
“IO CHE HO VISTO CAMORRA
Preso Schiavone
“o copertone”

L’INFERNO L o cercavano da tre


anni: ieri Vincenzo
Schiavone, killer e
cassiere dei Casalesi, è
stato arrestato, mentre
era ricoverato sotto falso

DI CHERNOBYL” nome in un centro clinico


in Irpinia. Il 37enne era
soprannominato
“copertone”, perché pare
firmasse i suoi omicidi
dando fuoco alla vittima
Un documentario mostra la centrale con gomme di auto.

25 anni dopo l’incidente


di Elisabetta Reguitti È il racconto di un inferno
sulla terra quello fatto da Da-
venticinque anni dallo ria de Benedetti, fotorepor-

A scoppio nella centrale


nucleare a Chernobyl
non è cambiato niente.
Anzi. Il peggio deve ancora
arrivare.
ter freelance al suo primo im-
pegno come regista, che ha
deciso di dare voce all’assor-
dante silenzio in cui vive
quella popolazione.
“Fall out”
La copertina del film
documentario
di Daria De Benedetti INCIDENTE
Il grado di radioattività è lo in uscita sabato
stesso di allora, ma in com- NASCE COSÌ il film docu- 7 maggio con fago di cemento che do- ta l’autrice che ha voluto de- Auto su panchina
penso sono stati cancellati mentario Fall-out: una finestra Il Fatto Quotidiano vrebbe impedire l’uscita di dicare Fall out a Rimma e Ale- tre morti a Carpi
tutti i sussidi per la popola- spalancata sulle zone inter- ulteriori sostanze nocive. xander.
zione e per i superstiti di
quella tragedia.
Oggi la seconda generazione
dette bielorusse e realizzato
durante due viaggi fatti, il pri-
mo a novembre del 2004 e il
raccontano i silenzi di ieri, i
problemi di oggi e le paure di
Oggi, a ricordare agli occhi,
l’eredità lasciata dallo scop-
pio rimangono le carcasse dei
“Entrambi conosciuti durante
il primo viaggio e scomparsi,
a distanza di soli pochi mesi,
U n botto fortissimo,
seguito da una
nuvola di fumo che si
di chi, nella notte tra il 25 e il secondo a febbraio dell’anno domani. Immagini che ac- veicoli serviti per le fasi di al mio ritorno. Rimma era ma- alzava. Molti i testimoni
26 aprile 1986 era nel raggio successivo. compagnano lo spettatore evacuazione che coinvolsero dre e faceva la guida - raccon- che hanno assistito al
dell’esplosione del quarto “Inizialmente doveva essere nei luoghi dimenticati a co- 200 mila persone. ta -. Mi diceva che non aveva tragico investimento
reattore, deve subire ancora un progetto di sole immagini - minciare proprio dalla centra- “Lo chiamano il cimitero del- altra scelta di lavoro per poter avvenuto ieri a Carpi
tumori e modifiche del Dna. spiega l’autrice - ma quando le. le macchine. Bus, auto, mezzi crescere la sua bambina”. hanno raccontato di aver
Gli animali (ormai alla quinta ho iniziato ad ascoltare quelle “Ancora funzionante nono- accatastati e abbandonati. Poi c’è la storia di Yuri Iva- pensato a una bomba
e sesta generazione) invece persone ho capito che ripren- stante si trovi in uno stato di Scheletri metallici”. novich Bandazhevsky con- esplosa proprio nel cuore
vengono allevati e studiati dere con la telecamera le loro semi-abbandono - dice -. Ci la- dannato a 8 anni di lavori for- della città. A stroncare le
per cercare di capire quale testimonianze avrebbe signi- vorano operai che fanno turni IL PARADOSSO è che in- zati in Siberia solo perchè ave- vite di Enzo Grossi, 79
sarà la prossima alterazione ficato ridare dignità alla veri- di un mese e poi vengono la- torno la natura sembra pro- va denunciato alcune delle anni, Gianfranco
genetica che attende chi an- tà. Perché Chernobyl è una sciati a casa per altri tre per- segue il suo corso in modo verità di Chernobyl. Bencivenni, di 69, e
cora deve nascere. Ieri come grande bugia. Ieri come oggi ché l’organismo non riesce a del tutto normale. La vegeta- “Perché ancora oggi tutti so- Giovanni Faglioni, 78, è
oggi, continuano i tentativi per la vicenda di Fukushima. sopportare un tale grado di ra- zione cresce addirittura rigo- no chiamati al silenzio” affer- stata un’auto impazzita
di minimizzare l’incidente È un grande inganno sulla pel- dioattività”. gliosa. “Molte zone un tempo ma Daria de Benedetti che si è piombata dal nulla su una
che sprigionò un quantitati- le di tutti”. A peggiorare le cose poi la de- abitate da persone oggi sono autoprodotta Fall out, il dvd panchina. Alla guida c’era
vo di radioattività superiore a Il lavoro di Daria de Benedetti cisione del governo ucraino popolate solo da animali, co- che uscirà nelle edicole, sa- una settantaduenne
200 volte quello dello scop- è fatto di testimonianze, volti, di rallentare i lavori di costru- me nel caso della riserva ra- bato 7 maggio, con Il Fatto disabile, rimasta a sua
pio di Hiroshima. storie di donne e uomini che zione del fantomatico sarco- dioattiva di Poliesse” raccon- Quotidiano. volta ferita.

ROM

Milano, il tatticismo contestato dei grillini Niente sgomberi


(questa settimana)
IDV E RADICALI CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE: RUBA VOTI A PISAPIA E AIUTA LA MORATTI
di Chiara Paolin Sulla stessa linea Massimo Do- messo al suo posto. Io, per
“E ra già stato
preventivato, da
tempo, di non procedere a
nadi, Idv: “Grillo finge di met- esempio, sono perfettamente sgomberi di campi
no potrebbe essere il pa- tersi fuori da tutto e da tutti, in intercambiabile. Al posto mio nomadi abusivi durante la
Utrambi
dre, l’altro il nonno: en-
vogliono insegnargli
realtà fa soltanto un’operazio-
ne cinica di affermazione per-
ci potrebbe stare un altro che
la pensa come me. Lo sa che
settimana della
beatificazione di Papa
come si fa la politica. “Ah ah, sonale e di speculazione sul- abbiamo ottomila sostenitori Wojtyla”. La notizia è in
Donadi e Pannella dicono l’insoddisfazione e sulla vo- attivi a Milano? Architetti, in- una nota diffusa dal
che la sinistra perderà a Mi- glia di cambiamento radicale gegneri. Non sono solo, c’è sindaco di Roma, Gianni
lano per colpa mia? Non han- di tanti giovani. Seguendo una squadra dietro di me”. Alemanno. “Tutte le forze
no capito proprio niente. Mi- Grillo, Berlusconi e il centro- dell’ordine saranno
ca vogliamo mettere una fac- destra vincono per i prossimi MA C’È ANCHE il prof concentrate sulla buona
cia nuova nella politica, cioè cinquant’anni”. che lo controlla dall’alto. Pao- riuscita di questo evento
la mia, tanto per fare. È che Risposta ridanciana di Davide lo Natali, docente di metodi quindi, è impensabile
bisogna proprio rivoluziona- Bono, consigliere regionale della ricerca sociale all’Uni- qualsiasi altro intervento
re tutto. Ah aha”. in Piemonte del Movimento: versità di Milano, ha spiegato se non di pura emergenza.
“Fanno proprio ridere questi su Europa che in realtà Mattia Sottolineo ancora una
MATTIA CALISE ha la vecchi politicanti. L’Idv do- è “Il grillino non decisivo”. In volta – ha detto Alemanno
spensieratezza dei suoi ven- vrebbe preoccuparsi delle sistesi: le 5 stelle portano al in polemica con la
t’anni mentre aspetta di salire Il candidato ombre mai fugate sul passato Il capogruppo Idv voto giovani e schifati dalla comunità di S. Egidio – che
sul palco del 25 aprile a Mila- Mattia Calise di Di Pietro. E Pannella deve Massimo Donadi politica, cioè astenuti croni- non possiamo accettare
no. Tutti lì a spiegare che la capire che l’unico voto utile è ci. Il loro peso (insieme al ter- ultimatum da parte di
Resistenza quest’anno si farà
nelle urne, che la sfida tra la
sciura Moratti e il compagno Pi-
sapia sarà il momento di svol-
ta per liberare l’Italia dal gio-
“ Gli lasciamo
ancora un giro a
quello per i nostri candidati:
non avremo sindaci, ma nuo-
ve persone dentro le istituzio-
ni. A Bologna abbiamo rad-
doppiato i consensi in pochis-
“ Grillo
specula
zo polo) affosserà la Moratti
quel tanto che basta per co-
stringerla al secondo turno.
Poi, nel rush finale, può suc-
cedere di tutto. Anche se la
nessuno”.

go berlusconiano, ma il can- questi: entriamo simo tempo, se adesso sfon- sulla voglia vena conservatrice della vec-
didato del Movimento 5 Stelle diamo il gioco cambia. E per chia Milano rischia di spun-
per Palazzo Marino vede già
molto più in là: “Gli lasciamo
nel palazzo, le politiche del 2012 faremo
sul serio”.
di cambiamento tarla come al solito, mentre le
nuove leve del grillismo tor-
ancora un giro a questi - con-
tinua a sorridere pensando
rompiamo STRATEGIA di lungo pe-
dei giovani. Con neranno in sonno. Ma così co-
me si catturano i seggi al Co-
agli sfidanti -. Intanto cerchia- riodo, ma per il momento vin- mune? Si dovrà pur far la fa-
mo di prendere tre posti al gli equilibri ce la tattica distruttiva: un sin- lui B. vince altri tica della doppia scheda per
Consiglio comunale, entria- daco vale l’altro, l’importante minare alla base il sistema del-
mo nel palazzo e cominciamo Poi si vedrà è mettere un piede nella sala cinquant’anni la casta, o no?
a rompere gli equilibri. Poi si
vedrà”.
Insomma l’ipotetico danno
che i grillini possono fare alla
sinistra milanese non turba af-

po democratico, o liberale, o
libertario” ha spiegato il lea-
der radicale ricordando il pre-
consiliare. Anche se il giova-
ne Calise una debolezza se la
lascia sfuggire, forse com-
mosso da bandiere e bella
ciao di rito: “Non è proprio lo
turno”.
Però si capisce che un mini-

mo di simpatia in più c’è per
Sul punto Grillo non ha forni-
to lumi. E Bono, due secondi
dopo esser stato intervistato,
esplica via facebook: “Mi han-
no appena chiamato dal Fatto
fatto il Movimento. Nono- cedente delle Regionali in stesso se vince la Moratti o Pi- Pisapia: perché non ammet- su Calise che rovina la sinistra
stante la ramanzina lanciata Piemonte, quando pochi mi- sapia - ammette -, una mia pre- terlo? “Il problema vero è la a Milano. Ma chi se ne frega!
ieri da Pannella: “ll cinque per gliaia di voti diedero la vitto- ferenza ce l’ho. Ma non la di- coalizione - si scusa Calise -, la Parliamo di programmi inve-
cento attribuito a Grillo ri- ria al leghista Cota condan- co. Perché non siamo un par- logica del potere che cono- ce”.
schia di essere determinante, nando la piddina Bresso, tito, non diamo indicazioni ai sciamo bene, un sistema che Il programma, come sempre,
e a favore del potere, toglien- completamente abbandona- nostri iscritti: ognuno vota non dipende dall’individuo è vincere. Sul nemico, e so-
do voti all’elettorato di stam- ta dai grillini. chi vuole. Anche al secondo ma dal meccanismo che l’ha prattutto sul concorrente.
pagina 10 Martedì 26 aprile 2011

ECONOMIA

A SINISTRA DEL BUCO


In arrivo la manovra da 40 miliardi di Tremonti
ma l’opposizione non ha pronta un’idea alternativa
nativo per la crescita” (107 pagi- ziarie (come il Pd, ma non si può
ne), da contrapporre al Piano na- fare su base nazionale) e chiede
zionale delle riforme del gover- l’aumento della tassazione sulle
no, da presentare a Bruxelles. Al rendite finanziarie (dal 12,5 per
netto delle cose impraticabili (l’a- cento al 20 per cento), oltre a una
genzia europea del debito e i pia- patrimoniale sulle “grandi ric-
ni europei di investimenti farao- chezze”. Ma propone una lista di
nici) e dei buoni propositi senza misure di spesa per sostenere la
tempo (l’informatizzazione della crescita talmente lunga da legit-
pubblica amministrazione), la ri- timare il sospetto che i saldi di bi-
cetta del Pd si riassume in questo: lancio non migliorerebbero di
fisco più equo e aumento dell’oc- molto, almeno a breve.
cupazione femminile. Con una ri-
duzione dal 23 al 20 per cento LE RICETTE di emergenza,
dell’aliquota del primo scaglione quelle in stile ‘92-‘93 per ora ven-
Irpef, imposta negativa (cioè pa- gono vagheggiate solo da chi cri-
gamento delle detrazioni cui si ha tica il governo Berlusconi da de-
diritto) a chi è senza reddito, e ri- stra. Carlo Lottieri, filosofo li-
duzione del carico fiscale sul la- berista dell’Istituto Bruno Leoni,
voro dipendente. Idee analoghe, sul Giornale ha suggerito vie pen
per la verità, a quelle sostenute in più drastiche per abbattere subi-
alcune occasioni dall’Idv. Le 41 li- to il debito pubblico: privatizzare
beralizzazioni riguardano i soliti completamente Enel ed Eni e di
settori, dall’RC Auto alle farmacie tutte le municipalizzate control-
Una recente protesta contro i tagli all’Università (FOTO ANSA) ai carburanti alle banche. È chia- late dai Comuni, cessione delle
ro però che se il Pd fosse al go- case popolari, cancellazione del-
di Stefano Feltri Tacciono zio: nell’archivio dell’agenzia An-
sa non si trova una sua sola dichia-
questo caso niente analisi com-
plessive sulla politica di bilancio
verno non potrebbe limitarsi a
questo, ma per risolvere l’emer-
le province. E per la crescita dra-
stici aumenti della concorrenza
assate le feste pasquali e ar- Di Pietro e e su chi deve pagare il risanamen- genza immediata dovrebbe ragio- (scorporando, per esempio, la re-

P
razione sul Def, il Documento
chiviate le rumorose pole- economico e finanziario che evi- to. nare su politiche lacrime e san- te ferroviaria dal gruppo Fs) e im-
miche sui manifesti mila-
nesi che equiparano i giu-
Vendola, il Terzo denzia la necessità della manovra
da 40 miliardi. Zero interviste in IL PD E LA CGIL ci hanno pro-
gue che nei documenti ufficiali
restano tra le righe. La Cgil è più
mediata trasformazione degli or-
dini professionali in semplici as-
dici alle Br, la priorità tornano a materia. Nel concreto le idee di vato. Il partito di Pier Luigi Ber- esplicita, nel documento presen- sociazioni di categoria. Nessuno,
essere i conti pubblici: “Nel bien- polo è inquieto, politica economica di Sel restano sani, con la consueta verbosità, tato in Parlamento. Il sindacato di nell’esecutivo e nell’opposizio-
nio successivo (2013-2014), l’o- un mistero, così come quelle di ha elaborato 41 proposte di libe- Susanna Camusso auspica la ne, sembra pronto a ricette così
biettivo programmatico di so- il Pd pensa Antonio Di Pietro, leader del- ralizzazioni e un “progetto alter- tassazione sulle operazioni finan- drastiche. Per ora.
stanziale pareggio del bilancio ri- l’Idv, più attento ai temi del lavo-
chiederà una correzione struttu- alla crescita ma ro e delle crisi industriali che alla
rale dei conti pubblici di oltre finanza pubblica. Anche il Terzo
due punti di prodotto interno poco al debito Polo, in materia, è un po’ un enig-
lordo (poco meno di 40 miliardi ma: “La linea del governo rischia
di euro)”, ha ribadito la Corte dei di portare il Paese in una gravis-
conti. E la Banca d’Italia ha chia- Corte dei conti ha riassunto così sima crisi recessiva in cui la scar-
rito che il momento in cui il go- l’atteggiamento del governo sulla sa crescita aggraverà la crisi finan-
verno deve annunciare le prime crescita: “Nelle scelte governati- ziaria alimentando una pericolo-
manovre drastiche è molto vici- ve il biennio 2011-2012 restereb- sissima spirale”, hanno dichiara-
no, settembre 2011. be affidato all’andamento sponta- to Pier Ferdinando Casini
neo dell’economia”. Incrociano (Udc), Italo Bocchino (Fli) e
NEL MEZZO il ministro del Te- le dita e sperano. Francesco Rutelli (Api). Ma poi
soro Giulio Tremonti deve pre- non spiegano cosa farebbero lo-
sentare il cosiddetto decreto Svi- ALL’OPPOSIZIONE non va ro, se fossero al governo, per af-
luppo, la manovrina estiva (che lo molto meglio, non c’è nessuno frontare questi conti pubblici.
scorso anno doveva essere di 5 che sembra pronto a raccogliere Idem la Cisl di Raffaele Bonan-
miliardi e poi si è trasformata, al- l’appello di Giorgio Fidel sul ni, che in audizione parlamenta-
l’improvviso, in una mazzata da Corriere della Sera: “Uomini di Sta- re ha presentato uno striminzito
25 miliardi). Il problema si può af- to da lacrime e sangue, ecco cosa documento di 8 pagine molto
frontare da due lati: da quello “ta- serve alla nostra politica”. C’è chi prudente che però nota come nei
gli&tasse” o dal lato crescita. L’o- preferisce tacere e chi, con l’ec- testi del governo “nessuna indi-
biettivo è ridurre il rapporto tra cezione della Cgil, parla più di op- cazione si trova su dove tagliare
debito e Pil come richiesto dal portunità mancate che di sacrifi- gli sprechi e le inefficienze delle
“Patto per l’euro” (approvato an- ci, nessuno spiega bene dove è di- pubbliche amministrazioni e i co-
che dall’Italia nel Consiglio euro- sposto a tagliare. In fondo la cam- sti abnormi della politica”. E
peo) di un ventesimo all’anno per pagna elettorale per le ammini- quello dei costi della casta è il te-
la parte che eccede il 60 per cento strative e l’attesa delle politiche è ma prioritario anche per l’asso-
del debito sul Pil (in teoria, per l’I- un problema condiviso, meglio ciazione di Luca Cordero di
talia, 45 miliardi all’anno, in pra- lasciare il guaio in mano a Tre- Montezemolo, ItaliaFutura, che
tica sarà un po’ meno). Trattando- monti. ha appena lanciato una campa-
si di rapporti in percentuale, o si Nichi Vendola, leader di Sinistra gna per ridurre gli sprechi nei 4,6
cresce di più (e aumenta il Pil) o si ecologia e libertà, sull’argomen- miliardi di euro che finiscono alla
taglia (e si riduce il debito). La to custodisce un rigoroso silen- politica ogni anno. Ma anche in

SENTENZA FIOM Federmeccanica


vuole cancellare gli aumenti del 2009
Ldi apia)
Fiom ha incassato una vittoria (dop-
in tribunale ma ora gli industriali
Federmaccanica hanno dichiarato
stanno valutando di sospendere il paga-
mento dei 68 euro di aumento mensile
(stabilito dal contratto 2009 rispetto a
guerra. I tribunali di Torino e Modena quello 2008) agli iscritti alla Fiom. E la
hanno, in sostanza, dichiarato ancora va- Fim-Cisl, che il contratto del 2009 l’ha
lido il contratto collettivo nazionale dei firmato, è d’accordo. Sarebbe una misura
metalmeccanici del 2008, a cui era se- senza precedenti, un ulteriore indebo-
guito nel 2009 un altro meno favorevole, limento dell’universalità del contratto
negoziato secondo nuove regole, non fir- collettivo nazionale. Ma, secondo il se-
mato dalla Fiom. Federmeccanica, su ri- gretario Fiom Maurizio Landini, sarebbe
chiesta Fiat, nei mesi scorsi aveva disdet- anche incostituzionale: “Se Federmecca-
tato il contratto 2008 riconoscendo nica bloccasse gli aumenti contrattuali
quindi solo quello 2009, proprio per evi- violerebbe l’articolo 36 della Costituzio-
tare grane in tribunale dalla Fiom. Non ha ne e si aprirebbe un altro inutile con-
funzionato. “Se vogliono seguire quella tenzioso. È la pratica degli accordi se-
strada devono subirne le conseguenze”, parati che con i ricorsi viene messa in
dice il presidente della Federmeccanica discussione”. La battaglia legale, comun-
torinese, Vincenzo Ilotte. Gli industriali que, è solo agli inizi.
Martedì 26 aprile 2011 pagina 11

ECONOMIA

BPM, I SINDACATI
SI AGGRAPPANO
ALLE POLTRONE
L’aumento di capitale apre la strada
a nuove regole e a nuovi soci
di Vittorio Malagutti soldi. Ma rispettare le diretti- che nominò Ponzellini al po-
Milano ve della Vigilanza diventa sto di Roberto Mazzotta i voti
un’impresa più impegnativa espressi furono quasi 10 mila.
a questione vera, quella di un tappone dolomitico se si Adesso però ci si chiede quan-

L più importante, adesso è


la seguente: chi ci mette
i soldi? Chi è disposto a
investire su un istituto di cre-
dito messo all’indice da Ban-
pensa che la popolare presie-
duta da Massimo Ponzellini,
meglio conosciuto come il
“banchiere della Lega” (Bossi
dixit) di questi tempi vale in
ti degli azionisti siano disposti
ad aprire ancora il portafo-
glio.

NELL’ULTIMO ANNO il
Il presidente della Banca Popolare
di Milano (e di Impregilo)
Massimo Ponzellini (FOTO EMBLEMA)

1,2 mld
dei tre istituti controllati fini-
rebbero per scomparire. Peral-
tro solo la Banca di Legnano
kitalia, con i conti in utile solo Borsa qualcosa meno di un titolo ha perso in Borsa oltre il I tantissimi presenta un bilancio in forte
grazie a proventi straordinari
e una massa di crediti a rischio
miliardo. Immaginando che il
prezzo di offerta delle azioni
50 per cento e il dividendo di
10 centesimi per azione che dipendenti
L’AUMENTO DI utile (105 milioni). La piccola
Popolare Mantova, solo 11 fi-
che impongono nuovi sostan-
ziosi accantonamenti? Eppu-
in sede di aumento sia pari o
di poco inferiore a quello cor-
sarà distribuito nelle prossime
settimane non sembra davve- azionisti
CAPITALE PREVISTO liali, viaggia in pareggio, men-
tre Alessandria è in perdita di
re da qui a qualche mese la Po- rente sul mercato, intorno a ro una gran consolazione. Peg- 11 milioni.
polare di Milano (Bpm) dovrà
trovare sul mercato qualcosa
2,3 euro, significa che dovrà
essere collocato un numero di
gio ancora, migliaia di soci nel
2009 hanno sottoscritto i 400 temono 958 mln FACILE PREVEDERE, a
come 1,2 miliardi di euro, così titoli addirittura superiore a milioni di obbligazioni con questo punto, che modi e tem-
come richiesto, anzi imposto, quello attualmente in circola- conversione obbligatoria (nel di perdere il loro CAPITALIZZAZIONE pi dell’aumento di capitale sa-
dagli ispettori inviati dal go- zione. 2013) in azioni Bpm a un prez- ranno ancora al centro di un
vernatore Mario Draghi. I soci della Bpm sono un eser- zo compreso tra 6 e 7 euro, peso politico DI BORSA dibattito a dir poco acceso al
Una somma simile rappresen- cito. Nella combattutissima quasi il triplo della quotazione vertice della banca, che giusto
ta di per sè una montagna di assemblea del 2009, quella corrente. Un’altra circostanza, nella gestione un mese fa (29 marzo) si spac-
cò con i contrari all’operazio-
ne che mandarono in minoran-
quest’ultima, che non funzio- denti. Si potrebbe arrivare a za i favorevoli capeggiati dal
ARGENTO Qualcuno gantesco deficit pubblico. na esattamente come un in-
centivo a rispondere alla nuo-
cinque contro le tre previste,
ma non ancora applicate, dalla
presidente. Il diktat di Banki-
talia ha messo tutti d’accordo e

sta facendo incetta Anche l’argento quindi vie-


ne considerato un bene ri-
fugio al pari dell’oro, ma la
va chiamata alle armi della ban-
ca.
Logico allora che nelle ultime
banca. Questo fatto finirebbe
per ridurre ulteriormente il
peso dei sindacati. I quali, do-
lo scontro si sposterà su temi
come il piano industriale e il
prezzo delle nuove azioni.
n’ impennata simile non si era mai quotazione del primo viaggia molto settimane siano stati soprattut- Sabato prossimo è in program-
Usegnare
vista. Con l’ennesimo rialzo fatto più veloce di quella del metallo giallo,
ieri sui mercati asiatici le quo- pure in forte rialzo da settimane. Sui
to i sindacati dei dipendenti a
opporsi ad ogni ipotesi di au-
po decenni di potere assoluto,
adesso si sentono nel mirino. ma l’assemblea dei soci per
l’approvazione del bilancio e
tazioni dell’argento sono ormai arriva- motivi di una corsa (più 160 per cento mento. A loro fa capo infatti TRA I SEVERI rilievi degli l’aumento di capitale, anche
te ai massimi storici. Un’oncia viene negli ultimi 12 mesi) che ha ben pochi circa il 10 per cento dell’azio- ispettori alcuni riguardano il se non è all’ordine del giorno,
scambiata per quasi 50 dollari. Un au- precedenti nella storia recente dei nariato, ma grazie alle regole di taglio di costi operativi, com- sarà sicuramente al centro di
mento eccezionale se si pensa che il mercati si sono diffuse le spiegazioni governo interno e alla massic- presi quelli per i compensi del- molti interventi. E non solo
prezzo medio del 2010 superava di po- più diverse. La maggior parte degli cia e disciplinata presenza in le pletoriche strutture dirigen- per l’entità della somma ri-
co i 20 dollari e quello registrato nel operatori, da Londra a Zurigo, è con- assemblea riescono a esprime- ziali. Banca d’Italia vedrebbe chiesta. Il timore quello vero,
2009 non arrivava a 15 dollari. Un rial- vinta che sui mercati sia all’opera una re la maggioranza del consiglio con favore anche la fusione tra tra i soci della Popolare, è che
zo di questa portata si spiega col fatto mano molto forte che sta accumulan- di amministrazione. Il rischio la capogruppo e le tre banche l’operazione imposta da Ban-
che anche l’argento, come l’oro è di- do argento. I sospetti si concentrano concreto, per i sindacati, è che controllate: Banca di Legnano, kitalia diventi lo strumento
ventato l’investimento principe degli sulla banca centrale cinese. Non sono la diserzione in massa dei soci Cassa di Alessandria e Popola- per favorire l’ingresso di nuovi
speculatori che fuggono dai titoli di ben chiari però i motivi che spinge- nel prossimo aumento mon- re Mantova. Se ne parla da tem- azionisti di peso, per esempio
stato in Europa ma anche negli Stati rebbero Pechino a muoversi in questo stre, porti a una diminuzione po ma finora i sindacati sono banche. Il passo successivo sa-
Uniti, dove il dollaro è penalizzato dal- modo. Di sicuro c’è che la bolla del- del loro peso politico nella ge- riusciti a bloccare tutto, nel ti- rebbe l’abolizione della forma
la politica di tassi bassi delle Federal l’argento ormai sembra pericolosa- stione. Non solo: Bankitalia ha more che l’operazione porte- cooperativa e la fusione con
Reserve e dai timori crescenti sul gi- mente vicina a esplodere. imposto di aumentare il nume- rebbe a tagli di personale e an- un altro istituto. E allora addio
ro di deleghe possibili in as- che di poltrone, visto che i indipendenza. E addio strapo-
semblea per i soci non dipen- consigli di amministrazione tere dei sindacati interni.

Degiovanni, dal bidone Freedomland ai sogni su Internet


L’EX TRUFFATORE DELLA NEW ECONOMY, CONDANNATO A RISARCIRE 2MILA AZIONISTI, È TORNATO: ORA VENDE AUTOSTIMA ONLINE
di Giovanna Lantini devo i primi contratti Infostrada, comprare i suoi corsi – si va dai 29 Millionaire è del 1991, mentre per i in Borsa sono indicati decine di mi-
Milano quota di ingresso nella rete 180 mila euro di “Riprendi a Sognare” ai 298 lettori più sofisticati cui non bastano gliaia di abbonamenti che in realtà
lire. Sapendo che tra migliaia di per- del “Programma completo PPM”, i trucchi per arricchirsi del mensile, non sono stati stipulati. In sede pe-
irgilio Degiovanni è tornato a passando per i 99 di “Svolta vita” – poco dopo arriva il settimanale Borsa nale la condanna, patteggiata, è di 10
Venfant
vendere sogni. Su Internet. L'ex
prodige della new economy
sone si annidano sempre venditori
veri, inventai la quota da 9,9 milioni:
chi sa lavorare ha bisogno di colla-
prima di aver utilizzato tutto il ma-
teriale gratuito. Liberi tutti, però, di
& Finanza focalizzato sugli investi-
menti finanziari oggi nell'orbita del-
mesi. Lui ama ricordare “di aver ri-
sarcito 35 milioni spontaneamente”
che i risparmiatori ricordano bene boratori e di merce in quantità. Di- accedere al negozio virtuale per ac- l'ex furbetto del quartierino Danilo a circa 15 mila agenti di vendita.
per il bidone Freedomland, del re- cevo: cominciate con 180, arroton- quistare i piani “omnicomprensivi Coppola. E poi la rete commerciale
sto, è uno che non molla facilmente: date lo stipendio, lasciate perdere il per la propria crescita personale”, Millionnaire che raduna 30 mila distri- SONO però almeno 30 mila i rispar-
non è la prima volta che passando 9 e 9. Chi non vende non guadagnerà dei vademecum per capire se stessi e butori di prodotti. Il passo successi- miatori che hanno perso il 92 per
da una vita all'altra come i gatti ri- una lira. Ma tutti facevano i matti per poi passare all'azione per guadagna- vo è nel Millionnaire market cui ade- cento del loro investimento, per un
comincia da capo. Sempre sugli avere le quote da 9 milioni. Subito”. re un mucchio di quattrini. riscono centomila esercizi nei quali controvalore di circa 315 milioni. È
stessi filoni. Come quello del guru Con la stessa aura rassicurante oggi si può usare la membership card di una goccia nell'oceano, quindi, la
filantropo, che per cinquemila lire Degiovanni invita i cybernauti a non PROPRIO come lui, l'editore della Degiovanni distribuita in tre milioni sentenza civile di primo grado del
negli anni Novanta insegnava come rivista Millionaire e inventore di un si- di pezzi. Salvo poi evaporare nei due 2008, con cui il Tribunale di Milano
diventare Millionaire all'uomo della Virgilio Degiovanni (FOTO OLYCOM) stema multimarketing piramidale, ri- anni successivi. Ma la vera chicca ar- ha condannato Degiovanni in primo
strada e che oggi, allo stesso uomo battezzato ironicamente la catena di riva nel 2000 quando Degiovanni at- grado, in solido con Consob, Banca
della strada, vende lezioni di vita e San Virgilio, che sulla falsa riga delle traverso Freedomland vende in Bor- Leonardo e Deloitte & Touche, a ri-
programmi per imprimere una svol- catene di Sant'Antonio prometteva sa il sogno di Internet via tv. Senza sarcire ai quasi 2mila azionisti rap-
ta alla propria impresa. guadagni facili in cambio di un inve- dubbio un’avanguardia per l'epoca. presentati dal Siti l'80 per cento del
stimento iniziale. Del resto erano gli E le banche, tra cui Banca Leonardo, loro investimento iniziale (4,5 milio-
A PARTE le strutture di vendita pi- anni del boom dei mercati finanziari, non esitano a quotarla a 105 euro per ni). Ma c'è un dato rivoluzionario, la
ramidali oggi vietate, la tecnica per- quelli in cui a Milano i sogni erano azione. La società incassa 350 milio- condanna della Commissione, che è
suasiva è più o meno la stessa di ven- facili. All'epoca Degiovanni si pre- ni, ma i titoli tracollano sin dal primo ricorsa in Appello e che all'inizio di
t'anni anni fa, quando riempiva i pa- sentava come il padre dell'analisi tec- giorno e nel giro di pochi mesi per- quest'anno ha subito il pignoramen-
lazzetti dello sport di venditori-fan. nica, lo studio dell'andamento dei ti- dono il 90 per cento del valore ini- to di 3 milioni. Nel frattempo Free-
“Impressionava pure me che salivo toli in Borsa come strategia di inve- ziale. Degiovanni viene accusato di domland, dopo alterne vicende, è fi-
sul palco, ma se parli col cuore la stimento. La tecnica è già nota, ma abusivismo finanziario e falso pro- nita in pancia a quell'Eutelia il cui re-
gente ti crede – ha raccontato lui Degiovanni si vanta di averla impor- spetto informativo: nel documento cente crac è finito sotto il lentino del-
stesso alla stampa anni dopo – ven- tata da Wall Street. La fondazione di che ha accompagnato Freedomland la magistratura.
Martedì 26 aprile 2011 pagina 13

DAL MONDO

N
B. HA DECISO: ELEZIONI USA
De Niro vs Trump:
”Venditore d’auto”

BOMBE SULLA LIBIA “F a solo una grande


confusione, è come
un venditore d’auto”.
Robert De Niro boccia la
discesa in campo di
Donald Trump nella corsa

MA LA LEGA DICE NO per la Casa Bianca nelle


fila dei Repubblicani.
Parlando a margine del
Tribeca Film Festival,
l’attore ha criticato la sua
crociata contro Barack
Bocchino: “La posizione Obama. E Trump ha subito
replicato ai microfoni
Un edificio vicino al bunker della Fox News: “Mi piace
dei leghisti apre una crisi di governo” di Gheddafi, a Tripoli, colpito da un
raid Nato (FOTO LAPRESSE) Berlusconi (FOTO ANSA)
De Niro come attore, è
bravo. Ma quando leggo o
vedo le sue interviste
di Giampiero Gramaglia ma il segretario dell’Alleanza Ra- della difesa Frattini e La Russa i leghisti. Se i finiani plaudono capisco che non ho a che
smussen e il premier britannico sono pronti a riferire alle com- alla fine d’una politica estera fare con una delle menti
l quarantesimo giorno d’u- Cameron, mentre al presidente missioni congiunte. “I nostri ambigua – dice Bocchino – il mi- più brillanti del pianeta”.

A na guerra incompiuta, l’I-


talia di Berlusconi dice sì
all’Alleanza atlantica e agli
Stati Uniti: “Parteciperemo con
i nostri aerei ad azioni mirate”.
francese Sarkozy lo dirà di per-
sona oggi al Vertice italo-france-
se. Il presidente Napolitano vie-
ne informato poco prima che
Palazzo Chigi pubblichi il suo
Tornado non hanno bombarda-
to e non bombarderanno mai”,
aveva detto, all’inizio del con-
flitto, Mr B. Dichiarazioni scrit-
te, come tante, sulla sabbia del
nistro Calderoli che, se fosse per
lui, tirerebbe via i soldati dal Li-
bano per proteggere le frontie-
re dagli immigrati, è contrarissi-
mo. “Non se ne parla. Il mio vo-
dafi è salvo, non come i tre morti.
Ora, che cos’è cambiato dopo
che per settimane ci raccontava-
no che noi in Libia non poteva-
mo bombardare per il passato
Lo dice ad Obama, in una lunga comunicato. Quanto al Parla- deserto libico. A ricordarsene, to non l’avranno mai. Ero e resto coloniale e per i rischi di ritor-
telefonata. Poi Berlusconi chia- mento, i ministri degli esteri e però, non è l’opposizione: sono contrario a qualsiasi ulteriore sione? La Russa dice che, bom-
intervento in Libia, rispetto a bardare o meno, i rischi sono gli
quello che abbiamo già fatto”. stessi: “Prima avevamo un ruolo
Bocchino ci va a nozze e rilan- in squadra, ora ne abbiamo un al-
SIRIA Centinaia di morti invita alla moderazione le au- cia: “La posizione della Lega
apre la crisi di governo”.
tro”. Dunque non cambia nulla;
prima giocavamo all’ala, ora fac-
torità di Damasco. E gli Stati ciamo il centrattacco. E come ci FRANCIA
L’Onu batte un colpo Uniti stanno esaminando
“sanzioni mirate” contro il go-
FRATTINI, CHE PRESTO
andrà a Bengasi, tampona: “I raid
siamo arrivati? Dopo giorni di ri-
flessione, perché “la situazione a Cinque feriti
opo cinque settimane di repressione san- verno siriano. Washington valuta “una gam- a Eurodisney
D guinosa, la Siria esce dal cono d’ombra, un ma di possibili opzioni, per sottolineare che – dice – sono una risposta alle ri-
chieste degli insorti”. La Russa:
Misurata è diventata terribile”. E
gli alleati ci premevano addosso.
mix di timore e d’indifferenza, in cui l’Occi- questa condotta non è accettabile”. Parole
dente l’ha pavidamente confinata. Le ennesi-
me stragi, a Daraa, culla del movimento an-
forti, che, però, non paiono impressionare il
presidente Bachir al-Assad e il suo governo,
“I nostri non saranno bombarda-
menti indiscriminati”, bensì
“missioni con missili di precisio-
La questione sarà centrale, oggi,
a Roma, nel Vertice Berlusco-
ni-Sarkozy, con codazzo di mini-
I l Train de la minè
(Treno della miniera)
ha rovinato la gita a
ti-regime, e altrove smuovono l’inerzia della che, nel giorno in cui cessa lo stato d’assedio ne su obiettivi specifici”, evitan- stri. La Francia faceva la ruota cinque turisti rimasti feriti
comunità internazionale che finora guardava in vigore da quasi 50 anni, chiudono la fron- do “ogni rischio di colpire la po- della sua leadership nell’impe- per il distacco di un pezzo
alla Siria come a una Budapest 1956 o a una tiera con la Giordania e fanno vittime a Daraa polazione civile”. Peccato che la gno militare in Libia. Ora ci pos- di plexiglass e legno,
Praga 1968: condanne e deprecazioni, ma di (25 morti), e altrove. La spirale della tragedia è cronaca della giornata mostri siamo pavoneggiare pure noi. precipitato sul trenino di
muovere un dito neppure l’ombra di un’in- rituale: proteste, repressione, vittime. E poi, che la Nato non si limita proprio Certo, resta la questione degli una delle attrazioni più
tenzione. Vero, però, che la Siria è crocevia ai funerali, nuove proteste, ancora repressio- ad operazioni chirurgiche: men- immigrati dalla Tunisia, del ri- frequentate di
cruciale delle tensioni mediorientali, snodo ne e vittime (300 da venerdì). Questa volta, tre il regime libico scopre il bluff spetto delle norme di Schengen, Eurodisney, vicino a
non solo geografico tra Israele, Libano, Gior- però, il regime compie un’escalation: a Daraa, su Misurata, che torna a essere della ricerca di una politica del- Parigi. Ricoverato in
dania, Turchia e Iraq e raccordo tra l’Iran e il intervengono 3mila soldati con carri armati, l’epicentro di combattimenti l’immigrazione europea, dopo ospedale un uomo di 38
Mondo arabo. Quattro paesi europei del Con- mentre le forze di sicurezza fanno retate d’ar- con decine di vittime, gli aerei al- che il Papa a Pasqua ha invitato anni: per lui un trauma
siglio di Sicurezza dell’Onu – Gran Bretagna, resti. È l’opzione militare per stroncare una leati distruggono a Tripoli un ad accogliere cono solidarietà i cranico grave, ma nessun
Francia, Germania e Portogallo – fanno circo- ribellione senza precedenti, che scuote il Pae- bunker del Colonnello, in quello profughi dall’Africa e ha chiesto pericolo di vita. Accuditi
lare al Palazzo di Vetro una bozza di condanna se dalla metà di marzo. Obiettivo dichiarato, che il regime definisce “un ten- che in Libia la diplomazia preval- sul posto gli altri
della repressione in Siria. Resta però da vede- sventare la nascita di un Emirato islamico. tativo di assassinio”, e un centro ga sulle armi. Ma una bomba su malcapitati.
re se Russia e Cina avalleranno il testo, che G. G. di telecomunicazioni usato per Tripoli val bene un barcone a
attacchi contro civili. Ma Ghed- Lampedusa. AFGHANISTAN
Maxi evasione
I SEGRETI DI GUANTANAMO di 500 talebani

WIKILEAKS: “IN QUELLA PRIGIONE ANCHE UN RAGAZZINO” M axi-evasione di


talebani dal carcere
di Kandahar, nel sud
dell’Afghanistan. Dopo
di Angela Vitaliano berati nell’arco di quel perio- Afghanistan nel 2003, nei corriere della centrale terro- giorni scorsi, intanto, Bra- aver scavato un tunnel,
New York do o consegnati ad altri Paesi pressi dell’area di un atten- ristica in contatto con una dley Manning, il soldato ac- 478 detenuti del braccio
fossero considerati “perico- tato, si era immediatamente fondazione di beneficienza cusato di aver fornito migliaia politico sono fuggiti. La
n orologio Casio da cin- cecena, sospettata di compli- di documenti a Juliane Assan- notizia è stata confermata
Usimbolo
que euro poteva essere il
dell’appartenenza
losi”. La decisione di non trat-
tenerli nel carcere cubano,
dunque, risulta apertamente
dichiarato estraneo ad al Qai-
da. Nonostante dagli interro-
gatori fosse emersa la sua as-
cità con il terrorismo. ge, è stato trasferito nella pri-
gione di Quantico, una strut-
dal portavoce del
governatore provinciale,
all’organizzazione di al Qae- in contraddizione con le stes- soluta ignoranza relativamen- DAL PENTAGONO è ar- tura meno restrittiva di quella che ha detto che molti
da e, dunque, l’elemento dal se raccomandazioni del Pen- te a “semplici concetti mili- rivata piena condanna alla in cui era stato detenuto fi- sono già stati ripresi. I
quale partire per indagini e tagono. Raccomandazioni tari e politici”, come confer- pubblicazione dei documen- nora, sottoposto, come de- talebani lo hanno negato.
interrogatori. È uno dei tanti che, invece, sembrano essere mato dai documenti, l’uomo ti “la cui diffusione potrebbe nunciato spesso dai suoi le- La galleria, lunga 320
particolari contenuti nei 779 state applicate alla lettera per (in realtà un semplice pasto- mettere a rischio la sicurezza gali, a trattamenti ai limiti del- metri, era stata scavata in
documenti militari top se- almeno 150 detenuti, tratte- re), non venne liberato fino al degli americani”. Proprio nei la tortura. cinque mesi.
cret sui prigionieri detenuti nuti per un tempo più o me-
nella base di Guantanamo, no prolungato e poi risultati
diffusi da Wikileaks, tramite
il New York Times e il Washin-
completamente innocenti. I
casi piu’ eclatanti sono quel-
Secondo i file Scampoli pasquali
gton Post. “Si sa – si legge in
un file – che il Casio veniva
lo di un ragazzino quattordi-
cenne, imprigionato dopo
almeno 150 L’Italia “fede e folklore”
dato agli studenti dei corsi di esser stato rapito e costretto detenuti erano
al Qaeda per la fabbricazione
di bombe in Afghanistan, do-
ad arruolarsi in una banda ta-
lebana e quello di Moham-
e il mausoleo sotto l’immondizia
ve agli allievi erano date med Sadiq, un contadino af- del tutto innocenti
istruzioni su come far fun- ghano, all’epoca di 89 anni, È UN’ITALIA TUTTA fede e folklore, quella assicurazione; e, da Napoli, El Pais e
zionare il timer. Un terzo dei malato di demenza senile. Sa- Tra loro che la stampa estera propone ai suoi Libération narrano la storia di “un tesoro
detenuti catturati con que- diq era finito a Guantanamo lettori in quest’assaggio di vacanze archeologico sotto una montagna
sto modello al polso aveva dopo che, durante una per- un afgano primaverili (e pazienza se il maltempo poi d’immondizia illegale”. A Pozzuoli, la
collegamenti con esplosivi, quisizione, in casa sua erano si mette in mezzo): il Papa che risponde polizia ha scoperto un mausoleo del
o perché avevano fatto corsi, stati trovati documenti so- di 89 anni in tv ai fedeli, il Papa alla Via Crucis e alla Secondo secolo con volte, marmi,
o perché collegati a luoghi spetti appartenenti a suo fi- benedizione urbi et orbi, il Papa – Les stucchi e decorazioni, “sotto una
dove venivano costruite glio. Dopo quattro mesi in Echos – che mercoledì 4 maggio farà un discarica con 58 tonnellate” di rifiuti
bombe o per aver avuto rap- prigione in Afghanistan, era 2006. Fra i casi più emblema- collegamento satellitare con la Stazione ammassati. Anche il mausoleo faceva la
porti con persone identifica- stato trasferito a Cuba e in- tici c’è anche quello del ca- spaziale internazionale; e tante cartoline sua parte: dentro, c’erano accumulate
te come esperti di esplosi- terrogato per sei settimane al meraman di Al Jazeera, Sami della Bella Italia, gli Uffizi a Firenze, la batterie d’auto consumate. Che fare?
vi”. termine delle quali era stato al-Hajj, trattenuto per ben sei mostra su Nerone a Roma, e via Berci sopra come hanno fatto, in gita in
giudicato “non affiliato ad al anni nel carcere militare e visitando. Ogni cartolina ha, però, la sua Italia, gli studenti di un liceo
I FILE, RACCOLTI fra il Qaeda e privo di valore di in- sottoposto ad interrogatori ai magagna: Venezia – Le Monde, NYT e altri dell’Alabama, che, al ritorno a casa, sono
2002 e il 2009 (contenenti le telligence per gli Stati Uniti”. limiti della tortura. Di origini – mantiene intatta la sua “attrazione”, ma stati sospesi per un bicchiere di vino. In
schede di valutazione relati- L’uomo, tuttavia, era stato sudanesi, Sami al-Jamii viene “sprofonda nel dubbio”; Roma “attende America, a 18 anni, puoi comprarti una
ve a circa un decennio di in- rimpatriato solo quattro mesi arrestato dopo l'11 settem- l’apocalisse”, il terremoto dell’11 maggio, pistola, ma non ordinare un rosso al bar,
terrogatori effettuati su pre- più tardi. Stesso destino per il bre in Pakistan e trasferito che i francesi sospettano essere “una manco a tavola.
senti terroristi), rivelano co- prigioniero “numero 1050”, nella famigerata prigione per- trovata pubblicitaria” di qualche G. G.
me circa 600 dei detenuti li- un certo Sharbat: arrestato in chè sospettato di essere un
pagina 14 Martedì 26 aprile 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

“GLI ULTIMI PADRINI”

Falcone: Kirsten Dunst


Ancora a
Gio’ Ponti
In maggio a
“Vincere”
Il Festival di
Jeff Bridges
Ha inciso il

Roma-Capaci
fianco della Milano due Pechino non primo disco
Coppola nel mostre ha voluto e debutta
prossimo film sull’architetto il film su come
di Sophia del Pirellone Mussolini cantante

solo andata La storia del clan dei Corleonesi,


la famiglia mafiosa più conosciuta
al mondo, in un saggio in uscita di cui anticipiamo il primo capitolo
Esce oggi in libreria “Gli ultimi dall’invidia dei colleghi e dall’o- do da un argomento all’altro.
padrini” (Mondadori, pag. 340, stilità di coloro che preferiscono È così vicino all’autocolonna
22 euro) in cui John Follain negare la mafia ignorandola. Ha i che riesce a distinguere gli uomi-
ricostruisce la vera storia del nervi a pezzi. Una campagna di ni della scorta con le mitraglia-
clan dei Corleonesi sulla base franchi tiratori l’ha accusato di trici pronte. Dal sedile posterio-
di un’inedita documentazione aver voluto creare il nuovo ruolo re Costanza, l’autista di Falcone,
storica. Qui di seguito ne di procuratore nazionale antima- domanda al giudice quando avrà
proponiamo un’anticipazione. fia, battezzato “superprocurato- ancora bisogno di lui. “Lunedì
re” dalla stampa, al solo scopo di mattina” risponde Falcone.
di John Follain presiederlo personalmente. Al- “Quando arriviamo al suo appar-
cuni giorni prima, il giudice ave- tamento, mi restituisce le chiavi

S
va scherzato con amarezza sugli così posso riportarle l’auto lune-
attacchi degli avversari, com- dì?” domanda Costanza. Con suo
mentando con un collega: “In grande stupore, Falcone estrae
fondo, a uno come me, che sa di le chiavi dell’accensione e gliele
dover essere ammazzato, cosa porge. “Ma cosa fa? Ci ammazze-
vuoi che importi di fare il super- remo!” lo rimprovera Costanza
procuratore?”... quando si accorge che l’auto co-
e dovrà trascorrere in Sicilia. mincia a rallentare.

ALLE QUATTRO E MEZZO FORSE FALCONE voleva


Falcone telefona a Giuseppe Co- scambiare subito il suo mazzo di
stanza, che gli fa da autista a Pa- chiavi, che comprendeva anche
lermo, per avvisarlo del suo ar- quelle dell’appartamento, con
rivo. Costanza si dirige alla vec- le chiavi di Costanza. Si volta ver-
abato 23 maggio 1992, poco do- chia casa di Falcone per preleva- so l’autista, scambiando un’oc-
po le quattro del pomeriggio, il re l’auto blindata del giudice. chiata con Francesca. “Mi dispia-
giudice Giovanni Falcone, per- Mezz’ora dopo un jet del SISDE ce” dice. “Mi dispiace”. Sempre
sonaggio di spicco dell’antima- decolla dall’aeroporto romano alle calcagna dell’autocolonna,
fia italiana, sua moglie France- di Ciampino, con un volo segre- La Barbera si accorge che i mezzi
sca e la scorta si fanno strada nel to e non registrato, per traspor- viaggiano a ottanta chilometri
traffico perennemente caotico tare Falcone e Francesca a Paler- l’ora, la metà della velocità pre-
di Roma. A sirene spiegate e con mo. Quattrocento chilometri Capaci, 23 maggio 1992: vista dal commando dei killer, e
i lampeggianti blu, la colonna di più a sud, proprio a Palermo, un l’attentato al giudice Giovanni continua la conversazione tele-
auto sfila accanto al Colosseo, capoclan e ricco uomo d’affari, Fiat Croma blindata di Falcone. Il dell’autostrada che conduce al- Falcone (FOTO LAPRESSE) fonica. Si augura che i due uomi-
monumento in rovina alla cru- che possiede un’azienda per la boss capisce che l’auto si sta di- l’aeroporto. Da quel momento, ni sulla collina si rendano conto,
deltà umana, prima di dirigersi a lavorazione delle carni, una ca- rigendo all’aeroporto di Paler- tutti i tasselli del complesso pia- 17.48 telefona a un complice, dalla lunghezza della telefonata,
sud verso l’aeroporto e di lì a Pa- tena di ristoranti e una macelle- mo per andare a prendere Falco- no orchestrato dal padrino Salva- Gioacchino La Barbera, e gli co- che l’autocolonna non si sta av-
lermo, città natale di Falcone. ria, sta bevendo un drink al bar ne, si precipita nella vicina ma- tore Riina, capo della famiglia munica il breve segnale concor- vicinando alla velocità prevista.
Ciro’s, affacciato su una larga celleria, dove il figlio sta serven- criminale dei corleonesi, si inca- dato: “Tutto ok”. “Che fai stasera?” domanda La
NEL CAPOLUOGO siciliano, strada trafficata di fronte al con- do i clienti, e gli impartisce un streranno con precisione al loro Un minuto dopo La Barbera te- Barbera. “Niente. Se sei libero,
Falcone, nella sua veste di pub- dominio dove abita Falcone. Alle ordine sbrigativo: “Muoviti, l’au- posto, uno dopo l’altro. lefona a un altro boss, Antonino potremmo andare a farci una piz-
blico ministero, aveva consegui- quattro e tre quarti circa il boss to è uscita, seguila!”. Montato in Gioè, che fuma nervosamente za” risponde Gioè guardando
to una nutrita serie di vittorie vede uscire dal garage di fronte sella alla sua Vespa, il ragazzo tal- ALLE 17.43 il jet con a bordo una sigaretta dopo l’altra e tiene nel cannocchiale. “Ok” replica
culminate con la più importan- una macchina bianca, che rico- lona la vettura di Falcone e la se- Falcone atterra all’aeroporto pa- d’occhio un tratto di autostrada La Barbera. Di punto in bianco
te, il processo conclusosi con di- nosce immediatamente come la gue fino alla rampa di accesso lermitano di Punta Raisi, a pochi da un’altura a cinque chilometri gli dice: “Ne parliamo dopo,
ciannove condanne all’ergasto- metri dalla costa del Mediterra- dall’aeroporto. Di fianco a Gioè ciao”.
lo e 2665 anni di carcere per ben neo. Sulla pista, ad attendere lui c’è Brusca in persona, il cervello Alle 17.54 interrompe brusca-
trecentotrentotto mafiosi. Il ma- e la moglie, ci sono tre macchine del piano, che ha in mano un ra- mente la telefonata, durata cin-
gistrato, dalla corporatura mas-
siccia e con un bel paio di baffi, si RAGUSA Dal Barocco blindate con i motori accesi e sei
guardie della scorta con le armi
diocomando di quelli utilizzati
dai bambini per far volare gli ae-
que minuti. Gioè ha capito. Vede
l’autocolonna avvicinarsi alla
era trasferito a Roma l’anno pri- pronte sotto i giubbotti. Falcone romodelli. Con quel semplice bomba. Secondo i piani di Bru-
ma per assumere la guida della
sezione Affari penali del ministe-
alla letteratura chiede a Costanza di lasciargli
guidare l’auto e questi gli porge
strumento innescherà la bomba
nascosta in un canaletto di scolo
sca, questi deve premere l’inter-
ruttore del radiocomando appe-
ro di Grazia e Giustizia. Con par- opo il successo dell’anno scorso, Ragusa rilancia. “A che passa sotto l’autostrada: cin- na l’auto di Falcone arriva all’al-
ticolare determinazione e asso-
luta dedizione al lavoro, il giudi-
Dteratura,
tutto Volume”, primo festival siciliano dedicato alla let-
torna dal 29 aprile al primo maggio. Attesi tanti
le chiavi. Al giudice piace guida-
re quando è in viaggio con Fran-
cesca e approfitta dell’occasio-
quecento chili di esplosivo con-
tenuti in tredici bidoni di metal-
tezza di un frigorifero abbando-
nato ai margini dell’autostrada
ce, allora cinquantatreenne, ave- autori di rilievo, narratori, giallisti, saggisti e poeti, tra cui ne per avere uno scampolo di vi- lo. I due mafiosi sono all’ombra che il boss ha scelto come indi-
va istituito due nuovi uffici desti- Antonio Nicaso, Mario Giordano, Innocenzo Cipolletta e ta normale. Un uomo di vedetta di un mandorlo. Hanno tagliato catore. Non ha ancora visto l’au-
nati a coordinare in tutto il ter- l’anglo-siciliana Simonetta Agnello Hornby (foto). Presenti staziona all’uscita dell’aeropor- un ramo a un altro albero per ave- to quando sente l’incitazione di
ritorio italiano le indagini sia del- agli incontri (tutti a ingresso libero) anche Giovanni Mi- to riservata alla polizia. Ha rice- re una migliore visuale sull’auto- Gioè: “Vai!”. Brusca non si muo-
la polizia sia della magistratura noli, Aldo Cazzullo, Vito Mancuso e Achille Bonito Oliva. vuto istruzioni precise dal boss strada. Siedono a turno su uno ve. “Vai!” ripete Gioè. Brusca
sulla mafia, strumenti grazie ai Un’occasione per scoprire le bellezze Giovanni Brusca, un uomo paf- sgabello per guardare con un non si muove ancora. Gli sembra
quali, finalmente, lo Stato si met- della città barocca, visto che gli eventi futo, dall’espressione amichevo- cannocchiale. di essere imbalsamato come una
teva in condizione di contrastare invaderanno gli spazi più disparati della le, che si è specializzato nello mummia egiziana. Un attimo do-
la diffusione della criminalità or- città, teatri, palazzi storici, piazze, vicoli scioglimento dei cadaveri nell’a- GIOÈ CHIAMA con il cellula- po, avvista la Croma bianca di
ganizzata, ammesso che l’avesse e cortili, fino a luoghi più insoliti come cido solforico. “Guarda dentro la re La Barbera, che sta percorren- Falcone e, sorpreso, si rende
voluto. caffè, botteghe e chiese sconsacrate, macchina di Falcone, dobbiamo do una via parallela all’autostra- conto che ha rallentato. L’auto
Un’ombra, tuttavia, offusca l’ul- dove troveranno spazio anche laborato- essere sicuri che non ci sia qual- da per tenere d’occhio l’autoco- ha raggiunto il frigorifero, ma
timo successo di Falcone. Come ri organizzati dagli stessi cittadini. cun altro. Non possiamo incasi- lonna di Falcone. Temendo di es- Brusca esita ancora. “Vai!” gli gri-
già molte altre volte nel corso nare tutto. Controlla se c’è lui” sere intercettato, La Barbera da Gioè per la terza volta.
della sua carriera, è amareggiato gli ha ordinato Brusca... Alle chiacchiera di cose futili, passan- Brusca preme l’interruttore.
Martedì 26 aprile 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

OGNI / MALEDETTA DOMENICA

I GIOCHI SONO FATTI


Gli acquisti preelettorali di B. hanno dato i loro frutti
Solo il verdetto Champions resta in forse
di Olivieo Beha ancora pochissimo: solo ora do- frode in un’associazione per de- coinvolti, emersi dalle telefona- lo” veneto Guidolin (la citazione terzo, in un campionato in cui
vrebbe risultare evidente che se linquere penalmente ancora tut- te intercettate, sì, ma emargina- è da Goffredo Parise per un ci- solo due squadre avevano fatto
oltanto un anno fa la lotta ta in discussione, “solo perché” te non si capisce bene perché tanti punti, alla fine forse più del

S
il calcio è marcio, la questione è clista come Francesco a suo tem-
per lo scudetto era o pare- più complessa del trattare Mog- condannati dalla giustizia spor- dall’indagine dei carabinieri e po eccellente regista dai piedi Milan vincente di oggi e mate-
va apertissima, tra Inter e gi da “discarica indifferenziata”, tiva. dalla curiosità dei sostituti pro- buoni sottovalutato in campo maticamente alcuni più della se-
Roma, fino a decidersi al- alla luce di tutte le altre telefo- curatori. E il tutto rimarrebbe in- come fino a ieri in panchina), conda di oggi. Quest’anno Ber-
l’ultima giornata: oggi a quattro nate emerse. Mentre sullo sfon- MA LA GIUSTIZIA sportiva, castonato nelle sentenze del gente seria che sa come allenare lusconi ha anche elettoralmente
domeniche o sabati dalla fine, ti- do si agita preoccupante il fan- cosa che vado ribadendo da sem- 2006 della giustizia sportiva ar- e come parlare, non montati, messo mano ai denari, e avere
tolo già pre-assegnato. Se saba- tasma della prescrizione, la cosa pre naturalmente nell’indiffe- rivate con il tempismo e la “di- non compromissori più di tanto, Ibra al posto di Ronaldinho va-
to l’Inter non vince a Cesena e peggiore che potrebbe capitare: renza generale anche dei cultori pendenza” di cui ho appena rias- civili nei modi forse perché, canziere fa la differenza, così co-
per farlo contro una squadra in rimarremmo con l’idea che della materia a livelli istituzionali sunto il significato. Pulizie pa- estremo complimento, “di me la fa l’altra schiera di acquisti
salute e in preoccupazione da B Moggi e un manipolo di figure in- un pochino più alti, nella Repub- squali finte per un calcio sporco, un’altra epoca”, sta facendo ri- senza i quali oggi Allegri invece
dovrebbe giocarsela agonistica- tiere o mezze, fossero i colpevoli blica del pallone non gode affat- alla cui guida rimangono sempre nascere il Palermo, e si vede. Co- che in fuga decisiva starebbe vi-
mente alla Mourinho (o anche di tutta la sporca faccenda, dai to di quell’autonomia che si ten- gli stessi. È un po’ come per i rap- sì come è vero che Mazzarri ha cino a Inter e Napoli come fino a
solo alla Leonardo di sabato contorni oscuri, senza che anco- ta di difendere nella democrazia porti tra mafia e “pezzi dello Sta- estratto dal Napoli tutto quello un mese fa.
scorso in 10 contro la Lazio), il ra siano venute fuori le contro- italiana. In essa o nei suoi postu- to”, ma applicati alla Rontondo- che poteva dare, con la confer-
Milan facendo 3 punti domeni- partite eventuali per gli arbitri mi, negli scontri tra potere ese- crazia: siamo curiosi sulla mafia, ma che è Lavezzi (alla Prevert, lo ADESSO la bagarre è per due
ca col Bologna avrebbe chiuso (denaro, automobili, scatti di cutivo e potere giudiziario pas- ma ignoriamo volentieri tutto, si misura quando non c’è) il vero posti in Champions: sì, ho scrit-
già i conti. Possibile, no? E in carriera, sponsorizzazioni sando per il legislativo troppo da nesci o da tifosi oppure da grimaldello di ogni giocata na- to due perché l’Inter dovrebbe
fondo l’anno scorso per la vola- ecc.?) che avrebbero architetta- spesso ridotto a scranni vuoti o “azionisti del male”, sui “pezzi poletana pur finalizzata da Cava- del tutto sbracare per rimettersi
ta finale ci volle la sorpresa paz- to la consenzienti, in ballo è la sepa- dello Stato” coinvolti, in questo ni. Così come è vero che tra i gio- in dubbio, mentre il Napoli i se-
zinesca della Sampdoria sulla razione dei poteri. Embè? Nessu- caso riconducibili al potere isti- vani allenatori Montella sta am- gni della fatica li mostra eccome,
Roma all’Olimpico e la farsa di no si domanda se nella Repub- tuzionale, alla Federazione, alla ministrando la Roma tottesca, e quindi Lazio, Roma e Udinese
Lazio-Inter per fare andare le co- blica Rotondolatrica questa se- Lega dei grandi club. Grandi con una maturità che magari premono, anche se si toglieran-
se come sono andate. Intendia- parazione ci sia stata e ci sia oggi, club che sono ormai arrivati alla non gli si sarebbe accreditata: di- no punti tra loro.
moci, l’Inter di Mourinho aveva sia nella forma che nella sostan- “frutta” negli strappi per divider- venterà su queste basi un tecni- La Juventus spreca, e si autopol-
meritata stamina come il suo za, se cioè i giudici non siano in- si i soldoni dei diritti tv. Riman- co di valore. Su Leonardo, mana- verizza annullando Del Piero e il
trainer, ma ricordare i contorni vece filiazioni del potere federa- gono le 5 società più importanti ger motivatore quanto Rafa Be- suo talento e applicandosi a Lodi
dell’insieme di allora non gua- le, oppure da chi dipendano dav- e gli altri fuori... Pensate a quan- nitez, era sottovalutato e irri- che ne ha preso esempio. Della
sta. Per esempio, può parere di vero gli arbitri magistrati termi- to incidano i soldi su scudetto, spettato norcino da campo, ri- Roma oltre che i punti si aspet-
cattivo gusto ri- nali in mutande, insomma se Pla- Champions, retrocessione ecc. cordo che aveva pagato dazio al- tano le virgole sul contratto di
membrar l’oc- tini (per dire, lo conoscete tutti, E intanto in campo ci vanno i l’inesperienza e a Berlusconi un acquisto da parte della cordata
chio di riguar- nevvero?) sia parente di Monte- “fortunati”, gli eroi di domeni- anno fa arrivando comunque americana: per ora solo dubbi,
do avuto dai “fi- squieu (chi era costui)? che sempre più spezzettate e se- contratti fasulli, cifre
schietti” nella Così rischiamo 1) di non sapere gnate se non determinate (vedi il enormi per cui dalla
marcia verso la
Champions di
davvero nulla da Napoli, se non
si va a sentenza in tempo nella
sabato di Pasqua) anche da una
serie di nequizie arbitrali da far
E Calciopoli? Un precedente gestione
a carico di Unicredit
Madrid, dopo
che il Bayern ave-
guerra guerreggiata tra il presi-
dente del Tribunale e un giudice
paura: penso al famoso “rigore
su gol è gol” di noi ragazzi non
anno fa se ne sapeva (quotata in Borsa: e
gli azionisti?) usciva-
va letteralmente a latere e i pm, 2) di ritenere che applicato a favore del Palermo. no stipendi favolosi,
derubato la Fio- la prescrizione sia un sinonimo ancora pochissimo, da Rosella Sensi in
rentina a Monaco (do you re- di colpevolezza per gli imputati, A PROPOSITO del Palermo: giù, in un mare di de-
member tal Ovrebo? E adesso 3) di rimanere all’oscuro Delio Rossi, uno dei migliori al- oggi la prescrizione biti della vecchia Ro-
dov’è, il simpaticone? A casa, a sui comportamenti te- lenatori italiani, come Reja, co- ma (quotata in Bor-
rivedersi le cassette, oppure ci nuti da tutti gli altri me Ventura, come il “prete bel- è dietro l’angolo sa: e gli azionisti?). In
sono altri risvolti dopo quella fondo, giù il Bari e
decisione sesquipedale che in- Sampdoria ancora
flitta all’Inter, al Milan o alla Ro- appesa: in quattro
ma avrebbe fatto gridare allo Alex Del Piero. partite può accadere
scandalo per settimane?). Nella Juve tutto di tutto, e come det-
sembra perduto to gli interessi sono
MA ANDÒ COSÌ. E per esem- meno lui. In enormi, e ingestibili
pio per associazione di idee l’an- basso a destra, in una Lega calcio in
no scorso di questi tempi dello Antonio Cassano cui neppure Bossi
scandalo di Calciopoli si sapeva (FOTO AP-ANSA) riuscirebbe a co-
mandare davvero ed
equilibratamente.
Non si ricorda da an-
PALLONATE
di Pippo Russo I PADRI DELLA PATRIA MILANISTA ni un presidente del-
la stessa dalla sago-
matura indiscutibi-
le. O conflitti di inte-
e telecronache di Massimo Marianella su solo a parole, dell’Evertonna [le pronunce ovviamente
L Sky Sport sono un esercizio di
straniamento cui l’appassionato di calcio
marianelliane meriterebbero uno studio
neurolinguistico a parte, ndr] quando può va
come tifoso
dell’Evertonna,
ressi, o prestanomi,
o Caronti di profilo
non entusiasmante,
televisivo dovrebbe sottoporsi almeno una più o meno in incognito a vedersi una partita a vedere la mentre maiora pre-
volta al mese. Si tratta infatti di puri viaggi nel al Goodison Park, ricordo come al figlio ha finale di FA Cup del millenove… munt e nessuno vuole razional-
‘fuori sincrono’, uno spettacolo di testi disegnato su una parete della cameretta la mente considerare il campiona-
novecentonovantacinque, quando l’Evertonna to come una cosa di tutti, tanto-
intersecanti e scarsamente comunicanti: da tribuna principale del Goodison Park, è con un gol di Paul Rideout, vinse il trofeo meno dei tifosi.
una parte le immagini della partita che andato a vedere la finale di FA Cup come CONTRO [enfatizza con la voce, come se Dunque occhio agli arbitri, se si
scorrono, dall’altra la voce del telecronista che tifoso dell’Evertonna, anche se i tifosi stesse dando un’informazione fondamentale, pensa che perfino un industriale
invece di raccontare il gioco parla di tutt’altro. dell’Evertonna non gli hanno esattamente ndr]… bè ovviamente il Manchester United”. rotondissimo come il padrone
Sembra d’essere capitati per sbaglio su “Nido perdonato il tradimento, nei tempi non nella E a quel punto, mentre il cronometro segna 1 dell’Udinese, Pozzo, alla vigilia
del Cuculo”, l’esilarante sito livornese di sostanza, parlate con un tifoso minuto e 24 secondi di gioco, finalmente di Udinese-Parma di sabato ave-
doppiaggi parodistici. L’ennesima replica dello dell’Evertonna… uno qualsiasi, vi dirà sempre Marianella decide di occuparsi della partita. va contestato preventivamente
schema è andata in onda il 23 aprile. Sul la stessa cosa, è chiaro che sarebbe andato a l’arbitro designato, Valeri, per-
Sulla Gazzetta dello Sport del 24 aprile, com-
teleschermo scorrevano le immagini di un club più importante prima o poi, ma c’è ché romano e dunque contiguo
mentando la vittoria del Milan a Brescia, Marco a due squadre concorrenti per
Manchester United-Everton, e intanto andato troppo presto, avrebbe potuto aiutarci Pasotto ha messo in evidenza una curiosità: i
Marianella seguiva percorsi mentali e verbali ancora un paio d’anni prima... di cercare poi un posto in Champions. E sabato
giocatori milanisti diventati padri di recente che ti capita? Due gol appena
tutti suoi. Per esempio, nel momento in cui si l’avventura importante, in questo caso con la hanno fatto gol alla prima partita successiva. È dubbi, e dalla parte del Parma.
stava per battere la palla al centro, ecco cosa maglia del… Manchester United... [segue un stato così per Cassano (in gol contro l’Inter), Così che il discorso si ricollega a
ha preso a dire: “United che toccherà il primo silenzio di 10 secondi d’orologio, mentre le Emanuelson (che ha segnato in Coppa Italia “Tutto il calcio giochetto per
pallone proprio con Wayne Rooney, dicevo squadre giocano già da un minuto, ndr] con giochetto” di cui scrivevo pri-
contro il Palermo) e Robinho (a Brescia). Così
per lui questa non è una partita come le altre, Wayne Rooney che ad esempio a Wembley ma. Ma nessuno intende affron-
Pasotto ha spiegato la cosa: “Benvenuti nella
lui… è rimaaaasto un tifoso, ma con i fatti, non per la prima volta nella sua vita c’è andato, tare la questione alla radice, l’im-
nursery rossonera dei papà goleador. Ormai il portante è che l’arbitro fischi co-
nesso è automatico: chi diventa (o ridiventa) munque a favore e non contro la
“CASSANO, EMANUELSON, ROBINHO: BENVENUTI padre, la butta dentro”. Bè, al loro posto ci sa- tua squadra. Rilevo una vaga as-
rebbe stato da preoccuparsi se fossero diven- sonanza con altre vicende del
NELLA NURSERY ROSSONERA DEI PAPÀ GOLEADOR” tati padri senza averla buttata dentro. Paese, ma remote, eh, intendia-
moci, assolutamente niente di
serio...
pagina 16 Martedì 26 aprile 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ Roberto Maroni: chi può cre-
dere al loro trasporto resisten- di Fulvio Abbate
Chiedo asilo
a Rai Storia
sanghe dai grandi nodi, così sotto l’egida del Comitato di

La festa ziale? Fischi alla Moratti, che


ha troppo spesso dimenticato
di essere sindaco della città do-
ve il 25 aprile 1945 Sandro Per-
tini salutò l’Italia libera. Fischi
ai Storia è un pianeta a par-
Rpianeta
te del flusso televisivo, un
azzurro che tuttavia,
fra le pieghe dei suoi crateri,
come i veicoli di passaggio
sullo sfondo, Fiat 850 e Lam-
brette, materiali di riflessio-
ne storica messi al mondo
con un’idea che oggi sarebbe
liberazione nazionale. Parri
che nelle parole dello scrit-
tore Carlo Levi, con il senno
di poi, riflettendo sul tradi-
mento delle speranze dell’a-

del fischio ad Alemanno, che non ha pro-


prio un passato di “resistente”
e un “venduto” a Bersani che
molti vorrebbero più cazzuto
(pardon). Il Tg2 passa in rasse-
custodisce come fosse un te-
soro, un giacimento il bianco
e nero della memoria, lo stes-
so bianco e nero suggestivo
delle antiche fototessere. Ver-
ritenuta inconcepibile: tem-
po e ancora tempo a dispo-
sizione di signori brizzolati
che sembrano presidi o vice-
presidi, gli stessi che proprio
prile della Resistenza o co-
munque rispetto alla sua in-
compiutezza, apparirà “co-
me un fiore su un letamaio”.
Un giacimento nel quale an-
di Paolo Ojetti gna tutte le contestazioni, ci aggiunge un Ga- so Rai Storia, prendo a pla- dopo l’8 settembre del 1943, dare a scavare quando la mi-
sparri che continua a parlare, povera anima, nare ogniqualvolta mi ritrovo e così fino alla fine di aprile sura della programmazione
g1 di “estremismo rosso”, ma dimentica la do- stremato dallo zapping for- del 1945, vestirono l’unifor- “reale” è davvero colma, così
T L’operazione 25 aprile del Tg1 deve essere
stata studiata con cura. Prima mossa: si presenta
manda delle domande: dov’era Berlusconi? sennato che, prova e riprova,
non mi dona nulla, nonostan-
me delle formazioni partigia-
ne, ora garibaldini, ora giel-
ho detto. Un tesoro di sug-
gestioni in bianco e nero. La
Napolitano che invita a un “nuovo senso di re- g3 te tutta la buona volontà di listi, ora socialisti delle “Mat- sensazione di un’intatta con-
sponsabilità nazionale” come uno – il Tg1 lo fa
sempre - che esorta a non disturbare il governo.
T Certo, qualche demente c’è sempre, è fi-
siologico. Ma i dementi che nel quartiere ro-
questo mondo, dopo uno sla-
lom fra spot e format che
teotti” ora autonomi rimasti
fedeli al re. Nello stesso rullo,
sapevolezza civile, civica, la
sensazione che non possano
Seconda mossa, non si sa mai, un servizio tutto mano del Pigneto hanno issato un cartiglio di sempre e comunque all’este- anche volti di figure eminenti esserci dubbi fra la vera so-
per Fini in mimetica da Herat, superfluo, basta- ferro come quello di Auschwitz (Arbeit ma- tica (e all’ideologia) commer- della storia repubblicana e stanza morale delle rispettive
vano due secondi in redazione. Terzo servizio, i cht frei in inglese: Work will make you free) ciale fanno ritorno. Sempre del pensiero democratico parti in causa. Già, dopo aver
fischi, tutti messi assieme, come se un paio di in- sono di primissima qualità. Il Tg3 mette in Rai Storia, dove temporanea- che dovrebbero essere anco- trascorso un pomeriggio im-
sulti a Bersani (“Venduto”) potessero bilanciare evidenza l’insulto d’acciaio e spazia poi sulle mente mi sono trasferito, in ra adesso noti, Riccardo merso nel bianco e nero delle
tutte le altre contestazioni. Ma dov’era il vero 25 manifestazioni di Roma e Milano. Ma non c’è questi ultimi giorni mi ha ri- Lombardi, Sandro Pertini, fototessere di Rai Storia, tra i
aprile? Il 25 aprile visto con gli occhi del Tg1 po- passione, tutto è un po’ rituale. Difficile da cordato l’esistenza trascorsa Giorgio Amendola, Alessan- volti dei “padri della patria”
teva essere anche la festa del vino nuovo, uno spiegare, ma è come se il Tg3 si vergognasse del 25 aprile 1945, anzi, il suo dro Galante Garrone, Paolo repubblicana, in tutto simili a
sciopero di precari, un corteo di ex alunni. E do- delle contestazioni contro i vari La Russa, più significativo portato sto- Emilio Taviani, Cino Mosca- maschere di presidi e vice-
v’era l’amato “premier”, festeggiava il 25 aprile Moratti e compagnia. E nemmeno ha il co- rico e morale, così come da in telli, tutti lì a raccontare cosa presidi, di anziani parenti cui
nel seminterrato di Arcore? Il resto era “gita fuori raggio di porsi (e proporre ai telespettatori) nessun altro belvedere tele- furono “I giorni dell’insurre- solo di rado si decide di far
porta con tempo capriccioso”. la domanda: dov’è Berlusconi? Si è nascosto visivo avrei potuto, sarei riu- zione” (così il titolo dell’an- visita, volano via lontano i
perché raffreddato, per legittimo impedi- scito a ritrovare, a compren- tico programma nel 1975 ri- dubbi d’ogni possibile revi-
g2 mento o per pura viltà? Non c’è stato nem- dere. Si tratta, tutto vero, di proposto), a cominciare da sione storica. Rai Storia? Un
T Ricorderemo che la celebrazione del 25 apri-
le di ieri è stata la festa del fischio. Avveduti po-
meno un comunicato, uno di quei comuni-
cati dei quali Bonaiuti è prodigo: “Il presiden-
antichi documentari di quasi
quarant’anni fa, fotogrammi
Ferruccio Parri, primo pre-
sidente del Consiglio di un
atollo sul quale al momento
non sembra che Berlusconi
litologi e altrettanto avveduti intellettuali hanno te è in Sardegna, a pesca di sarde”, che forse occupati da volti e abiti di governo di unità nazionale sia intenzionato a prendere
piùvolte avvertito: guardate che gli italiani ne sarebbe stato un po’ ambiguo, ma doveroso. una moda ormai tramontata, casa, a trasferire il suo stupi-
hanno le scatole piene. Bisognava dare retta a tali La figura da ricordare è quella di una vigorosa fra giacche a due bottoni Le- Ferruccio Parri, presidente del do circo della grande zona
persone perché ieri c’è stata una prova generale: partigiana di 99 anni: “Non voglio morire sot- bole e cappotti aderenti Fa- Consiglio del primo governo di grigia.
fischi da cime tempestose per La Russa, fischi a to Berlusconi”. cis, insieme alle cravatte a lo- unità nazionale www.teledurruti.it

LA TV DI OGGI
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 (R) 11.00 REAL TV Forum 13.40 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TELEFILM Cuore e
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 20.00 RUBRICA Il caffé - 13.00 NOTIZIARIO TG5 - 14.55 TELEFILM E alla fine Meteo batticuore
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- Noi e loro (REPLICA) Meteo 5 arriva mamma! 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo 20.30 RUBRICA Consumi e 13.40 SOAP OPERA Beauti- 15.25 TELEFILM Zack e poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 15.00 NOTIZIARIO TG3 consumi ful Cody sul ponte di coman- 13.00 TELEFILM Distretto 13.30 NOTIZIARIO TG La7
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 L.I.S. 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.10 SOAP OPERA Cento- do di Polizia 8 13.55 FILM Una strada, un
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.05 ATTUALITÀ Tribune teo Vetrine 16.25 TELEFILM Zeke e 13.50 REAL TV Sessione amore
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- Elezioni Amministrative 21.00 NOTIZIARIO News 14.45 TALK SHOW Uomini Luther pomeridiana: il tribunale 15.55 DOCUMENTARIO
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT lunghe da 24 e Donne 16.50 SIT COM Camera di Forum Atlantide - Storie di uomi-
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè 15.10 TELEFILM Flikken ni e di mondi
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TALK SHOW Mauri- 16.00 DOCUMENTARIO riggio Cinque 17.25 SIT COM Camera coppia in giallo 17.40 TELEFILM J.A.G. -
PO Meteo
in diretta zio Costanzo Talk Cose dell'altro Geo 18.50 GIOCO Chi vuol Cafè Ristretto 16.15 SOAP OPERA Sentieri Avvocati in divisa
21.30 RUBRICA Tempi
18.50 GIOCO L'eredità 19.40 REALITY SHOW 17.40 DOCUMENTARIO essere milionario 17.35 SIT COM Love Bugs 16.40 FILM Texas oltre il 19.40 VARIETÀ G' Day
dispari
20.00 NOTIZIARIO TG1 L'isola dei Famosi 8 Geo & Geo 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 18.10 RUBRICA Cotto e fiume 20.00 NOTIZIARIO TG La7
22.30 NOTIZIARIO News
20.30 ATTUALITÀ Qui 20.25 Estrazioni del Lotto 19.00 NOTIZIARIO TG3 - Meteo 5 mangiato - Il menù del 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 20.30 ATTUALITÀ Otto e
lunghe da 24
Radio Londra 20.30 NOTIZIARIO TG2 - TG Regione - Meteo 20.30 ATTUALITÀ Striscia giorno Meteo mezzo
20.35 GIOCO Affari tuoi 20.30 20.00 VARIETÀ Blob 22.57 PREVISIONI DEL TEM-
la Notizia - La voce del- 18.30 NOTIZIARIO Studio 19.35 SOAP OPERA Tempe- 21.10 ATTUALITÀ Niente
21.10 TELEFILM Il commis- 21.05 REALITY SHOW 20.10 TELEFILM Cotti e PO Meteo l'improvvidenza Aperto - Meteo sta d'amore di personale
sario Montalbano L'Isola dei Famosi 8 - mangiati 23.00 RUBRICA Il punto 21.10 TELEFILM R.I.S. 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 20.30 TELEFILM Walker 0.00 NOTIZIARIO TG La7
23.10 ATTUALITÀ Porta a Finale 20.35 SOAP OPERA Un 23.27 PREVISIONI DEL TEM- Roma 2 - Delitti imperfet- VO Studio Sport Texas Ranger 0.15 DOCUMENTARIO La
Porta 1.00 NOTIZIARIO TG2 posto al sole PO Meteo ti "Sulle orme di stinco" 19.30 TELEFILM C.S.I. Miami 21.10 FILM Lo chiamavano vita segreta delle donne
0.45 NOTIZIARIO TG1 1.15 ATTUALITÀ TG Par- 21.05 ATTUALITÀ Ballarò 23.30 NOTIZIARIO News "Il mistero della bambola" 20.30 GIOCO Trasformat Bulldozer 1.10 ATTUALITÀ Prossima
Notte - TG1 Focus - Che lamento 23.15 RUBRICA SPORTIVA brevi 23.45 ATTUALITÀ Matrix 21.10 FILM Harry Potter e 23.30 RUBRICA I bellissimi Fermata
tempo fa 1.25 TELEFILM Justice 90° Minuto Champions 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.30 NOTIZIARIO TG5 il calice di fuoco di R4 1.25 ATTUALITÀ Otto e
1.20 ATTUALITÀ Qui 2.05 PREVISIONI DEL TEM- 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte 0.05 FILM The Avengers - 23.35 FILM Gunny mezzo (REPLICA)
Radio Londra PO Meteo 2 Linea notte PO Meteo 2.00 ATTUALITÀ Striscia Agenti speciali 2.20 FILM La gabbia 2.05 VARIETÀ G' Day (R)
1.25 RUBRICA Appunta- 2.10 RUBRICA Appunta- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News la Notizia - La voce del- 1.55 RUBRICA SPORTIVA 3.55 TELEVENDITA 2.55 DOCUMENTI La7
mento al cinema mento al cinema mento al cinema lunghe da 24 l'improvvidenza (REPLICA) Poker1mania Mediashopping Colors

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ Lo chiamavano Bulldozer  Il commissario Montalbano  90° Minuto Champions
Bud Spencer è un ex giocatore profes- L’inchiesta più dura del commissario Al via le semifinali di Champions Lea-
sionista di football americano, sopran- Montalbano comincia con un cadavere gue senza più formazioni italiane in
nominato Bulldozer, ormai ritiratosi a galleggiante nel quale il commissario si corsa, dopo l’inattesa eliminazione nel
vita privata dopo aver scoperto diversi imbatte nel corso della sua consueta turno precedente dell’Inter per mano
episodi di corruzione nel mondo dello nuotata mattutina. E’ il corpo di un dello Schalke 04. Proprio i tedeschi
sport. Ora che fa il capitano di una pic- uomo in stato di decomposizione avan- sono i protagonisti della prima sfida,
cola imbarcazione si trova bloccato al zata, con polsi e caviglie profondamente contro un altro avversario di grande
porto di Livorno per via di un'avaria al incisi. Montalbano giunge alla conclu- prestigio come il Manchester United.
/ Gifted Hands / Gunny  R.I.S. Roma 2
motore. Qui viene contatto da un grup- sione che l’uomo sia stato assassinato Per i Red Devils l’occasione per far
Il dottor Ben Carson si reca in Germa- Al sergente dei Marines Tom Highway Nel primo episodio, Ghirelli fa i conti
po di ragazzotti locali che stanno orga- un paio di mesi prima e le correnti ab- valere la maggiore esperienza e assicu-
nia per fare visita a una coppia, Peter e detto “Gunny”, eroe e veterano delle con la scoperta che il suo amico Stinco
nizzando una squadra di football. biano trascinato il corpo sulla spiaggia. rarsi la finale di Wembley.
Augusta Rausch, genitori di due gemelli guerre di Corea e del Vietnam, viene sia un membro della Banda del Lupo.
siamesi nati uniti per la testa. Carson sa Rete 4 21,10 affidato il compito di preparare un
Rai 1 21,10 Un nuovo omicidio, inoltre, porta i RIS
Rai 3 23,15
bene che in questi casi un intervento gruppo di soldati lavativi per lo sbarco vicino all’identificazione di un altro
chirurgico significa una condanna a a Granada, dove si consumerà la batta- membro della banda. Nel secondo epi-
morte per uno dei due pazienti. Nono- glia lampo che vedrà il suo plotone sodio Bianca indaga sulla morte di un
stante i rischi, però, Ben accetta di ope- combattere contro le forze cubane. riparatore di giocattoli, ucciso nella sua
rare. Ma si prende quattro mesi di tem- Quel che si dice un incarico punitivo, bottega “ospedale delle bambole”. Ed è
po per studiare una tecnica che gli per- visti i suoi metodi bruschi e la sua con- proprio una bambola che nasconde la
metta di salvare entrambi i gemelli. tinua inosservanza delle regole... soluzione del mistero...
Sky Cinema Passion 21,00 Rete 4 23,35 Canale 5 21,10
Martedì 26 aprile 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedback$
MONDO
CRISI GRECA
WEB
a cura di Carlo Tecce
è GREENPEACE CONTRO INQUINAMENTO
PUBBLICATA CLASSIFICA DELLE AZIENDE CARBONIVORE
Crediamo che gli utenti abbiano diritto di sapere, se la
loro attività in Rete contribuisce ad alimentare le
ceneri tossiche della combustione del carbone, a
surriscaldare il pianeta, a mettere in conto per il futuro
nuove Fukushima; o se invece poggia su un’energia
pulita” ha commentato Gary Cook, analista di
Commenti all’articolo
“25 aprile, la nostra
festa” di Paolo Flores
d’Arcais sul
Fattoquotidiano.it

Greenpeace in merito alla decisione di pubblicare una è OK OGGI è il 25 aprile e

Il web finanzia è UN ANNO DI “MI PIACE”


LE PREFERENZE SU FACEBOOK
Il pulsante “mi piace” di Facebook compie in
classifica delle aziende carbonivore, cioè di
quelle che, per alimentare le loro attività
online, fanno maggior ricorso alla fonte
fossile più inquinante e più dannosa per il
clima e per la salute pubblica: al primo
va bene facciamo delle
connessioni con l’Unità
d’Italia La lotta antifascista
ovviamente e’ una delle
tappe piu’ importanti della

il documentario questi giorni un anno di vita. Non ci sono dati


ufficiali, ma sembra che ogni giorno viene
cliccato un miliardo di volte dagli oltre 500
milioni di iscritti del social network più
popolare al mondo. Un successo che a
posto della top five troviamo la Apple
seguita da Facebook, poi da IBM, Hewlett
Packardbell e da Twitter.
nostra storia. Però se
un’identità nazionale si basa
interamente su qualcosa che
e’ “anti” non implica forse
che l’opposto da cui tanto
di Pasquale Rinaldis conti delle amministrazioni cen- qualcuno non è piaciuto al punto da vogliamo allontanarci invece
trali del Paese per capire quale considerarlo come una sorta di bassa ci caratterizza? che ci
n video realizzato grazie alla fosse lo stato approssimativo del frequenza fastidiosa, un pulsante che in
Usoltanto
solidarietà (economica) che
il web può offrire: la re-
deficit di bilancio, per osservare
come si moltiplicassero gli ac-
fondo si preme d’istinto, ma che
subdolamente tratteggia i nostri gusti e
appartiene? E soprattutto,
che l’anti non dice invece chi
siamo, eccetto che esclude
gista Katerina Kitidi è l’autrice quisti di armi e come lievitassero li tiene a mente. D’altronde l’impero di una, tra le potenzialmente
assieme ad Ares Hadjistefanou, i costi per ospitare le Olimpiadi Marc Zuckerberg si fonda soprattutto tanti, possibilità? E di questo
del cortometraggio intitolato del 2004. Confrontando i costi su ciò che ci piace. anche l’ ”anti berlusconismo”
Debitocrazia, un documentario com- sostenuti con le disponibilità di Virgi105
pleto, prodotto, grazie alle libere bilancio e le riserve della Banca
offerte fatte dagli internauti e vi- centrale greca, anche uno scola- è IN QUESTO paese,
sibile sul sito http://www.debtocra- retto avrebbe capito che il debi- grazie ai vecchi analfabeti,
cy.gr e su Youtube, che ha lo sco- to ufficiale non era certo quello che hanno vissuto e vivono
po di spiegare la crisi del paese dichiarato. Adesso c’è chi sostie- come formiche alla continua
“dalla parte di chi guarda”, cer- ne che la Grecia alla fine ristrut- ricerca di cibo, che per
cando di individuare le cause e turerà il proprio debito pubblico vivere, hanno strisciato, si
proporre soluzioni “nascoste tagliando dal 30% al 50% capitale sono svenduti e venduti ai
dal governo e dai media domi- e interessi, cosa che preoccupa poteri, che hanno coltivato
nanti”. Intervistando economi- molte banche europee e in par- una ingratitudine profonda,
sti, giornalisti ed esperti di tutto ticolar modo la Bce che da tem- verso La Resistenza, votando
il mondo, Katerina e Ares hanno po è l’unico acquirente di titoli DC più per convenienza che
cercato di capire cosa c’è all’o- greci; altri sostengono invece ot- per convinzione, covando
rigine della crisi del debito gre- timisticamente che come avve- questo sentimento fascista
co. Si scopre così che nel 2001, i nuto finora la Grecia ha rispetta- che é riesploso nella sua più
più accesi sostenitori della Gre- to gli impegni presi, e dunque ignobile volgare
cia erano la Francia (secondo for- non c’è motivo di preoccuparsi rappresentazione, siamo qui
nitore di armi in ordine d’impor- che non lo farà in futuro o che a festeggiare i veri eroi della
tanza) e la Germania; che le ban- ricorrerà a misure drastiche in patria, a cui non è stato mai
che dei due Paesi possiedono og- futuro. Un dubbio viene instilla- realmente dato un vero
gi l’80% del debito ellenico e che to: e se la crisi non fosse altro che Un’immagine del video riconoscimento che
sarebbe bastato uno sguardo ai un business? sul Referendum contro altrimenti si troverebbe
la privatizzazione dell’acqua. scolpito nella Costituzione
La marcia della Basell di Terni in modo inequivocabile e
non criticabile e non
I FILM LO SPORT modificabile! Provo
repulsione per quei
SC1=Cinema 1 SCF=Cinema Family SP1=Sport 1
LA LUNGA MARCIA vecchietti che toccati sul
SCH=Cinema Hits SCC=Cinema Comedy SP2=Sport 2 DELLA BASELL DI TERNI punto di ex balilla ancora
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
Se in Italia c’è un settore oggi senza vergogna ne
19.05 Sono un fenomeno 18.30 Calcio, Liga 2010/2011
abbandonato dal governo - rivendicano una dignità,
paranormale SCC 33a giornata Barcellona - Osa-
Germania e Inghilterra ringraziano - è inqualificabile, e da queste
19.05 Green Zone SC1 suna (Replica) SP3
quello chimico: non basta la Vinyls parti mi succede purtroppo
19.10 Nativity - 19.00 Wrestling, WWE Expe- (10.000 posti di lavoro), c’è anche la Lyondell-Basell troppo spesso, lasciandomi
La recita di Natale SCF rience Episodio 43 SP2 di Terni. Mille operai in cassa integrazione basito di quanto poco
19.10 Scrittore per caso SCP 20.00 Wrestling WWE Dome- dall’agosto 2010, a rischio anche le aziende dell’enorme sacrificio di
19.15 Calendar Girls SCH stic Raw Episodio 44 SP2 collegate: Meraklon, Treofan, e Novamont. La giovani 18enni sia arrivato ai
19.20 Trappola in fondo al 20.40 Calcio, UEFA Champions Basell, azienda olandese-americana, dopo una grave nostri giorni a quelli che
mare 2 SCM League 2010/2011 Semifinale, crisi nel 2009 decide di chiudere Terni, stabilimento nascosti nelle loro case con i
21.00 Scuola per canaglie SCC gara di andata Schalke 04 - con utili da 9 milioni. A questa situazione si aggiunge loro fasci littori e le loro
21.00 Robin Hood - Manchester United (Diretta) SP1 la vicina Meraklon: L’8 aprile il proprietario ridicole divise sono
Il principe dei ladri SCF 21.00 Rugby, AVIVA Premiership Giampaolo Fiorletta è stato arrestato dalla finanza sopravvissuti e con
21.00 Gifted Hands - 2010/2011 London Irish - Nor- per truffa e appropriazione indebita. I lavoratori in arroganza e livore ancora
Il dono SCP thampton Saints (R) SP3 sciopero da 40 giorni, all’uscita della volante, hanno sputano su questi eroi, un
21.00 Timeline SCM 22.15 Basket, NBA 2010/2011 esultato. L’8 marzo c’era stata la lunga marcia altro motivo per odiare di
21.10 Il collezionista di Playoff - Primo turno, Gara 4 degli operai da Terni a Roma, con bandiere e cuore un Paese che non è
ossa SCH Denver Nuggets - Oklahoma megafoni, fino ad essere ricevuti da Paul proprio capace di onestà
21.10 What women want SC1 City Thunder (Replica) SP2 Romani. Che insiste: “Mi impegnerò per intellettuale, morale, etica,
22.35 Brothers SCP 22.45 Calcio, UEFA Champions risolvere la vostra situazione, come per la storica, dove prevale un
23.00 The opposite of sex SCC League 2010/2011 Semifinale, Vinyls”. Parole infauste, dopo 2 mesi la Vinyls è individualismo da affamati
23.05 Turistas SCM gara di andata Schalke 04 - al tramonto e per Terni non è cambiato nulla. Il della seconda guerra
23.10 I pilastri della Terra Manchester United (Replica) SP3 23 marzo la visita di Bersani, il 26 dal Papa e il 13 mondiale e dove l’idea di
"Quarta parte" SCH 0.30 Poker, Heads Up Poker aprile la Camusso. Intanto l’unica possibilità “mors tua , vita mea” è
23.20 Paranormal Activity SC1 Club Tournament Episodio 6 SP2 rimane il progetto Eni-Novamont sulla chimica ancora cosi radicato nelle
23.30 Elf SCF 0.45 Calcio, Serie A 2010/2011 verde, acclamato da diversi politici e dalla CISL, ma maggioranza della
0.25 Schegge di April SCP Posticipo 15a giornata ritorno su carta c’è molto poco. Il 21 aprile il ministro popolazione.
0.40 Il Messaggero SCM Juventus - Catania (Replica) SP3 Sacconi, accompagnato da Bonanni, ha ribadito che J.R. Gentile
“Il governo è
impegnato a è NO PRIVATIZZAZIONE ACQUA è STAVO ascoltando a casa
dare un futuro al IL VIDEO SUL REFERENDUM di un amico il discorso del
RADIO polo chimico”. Il 12 e 13 giugno si voterà il referendum
Parole davvero poco sulla privatizzazione dell’acqua. Per
attente. sensibilizzare il grande pubblico al riguardo,
nostro Ministro degli Interni
in merito alla “liberazione
d’Italia”. Ha parlato di
è PLAYSTATION NETWORK
A “Radio3 Scienza” BLACK OUT CHE DURA DA GIORNI
(Michele Azzu, è stato lanciato uno spot prodotto dal
www.isoladi Comitato acqua pubblica di Velletri, con la
antifascismo e Unità d’Italia.
Chissà se qualche col-lega è
Chernobyl, 25 anni dopo Continua il black out del PlayStation
Network: è dal 20 aprile, infatti, che il
cassintegrati.com) regia e montaggio a cura di Luca D’Annibale d’accordo con quanto ha
e ideato da Astrid Lima. In una sala buia detto. Altro tema : ma il
Nessuno ne aveva sentito parlare fino a 25 anni fa. Poi canale online della Sony che
pochi loschi figuri partecipano a un’asta: il papà della Sindaco di Milano,
la città ucraina di Chernobyl finì su tutti i giornali per permette ai giocatori della PS3 e della
bene che sta per essere venduto è “un bene cosa ha insegnato alla figlia (il
l’incidente alla sua centrale nucleare.Ancora si sa poco PSP di incontrarsi e sfidarsi in Rete,
essenziale per la vita, garantito dallo Stato e padre, un sopravvissuto di
sulle conseguenze del disastro di Chernobyl, la più grave oltre a permettere di usufruire dei contenuti video on
non ha rischio d'impresa. Un affare che ha Dacau)
catastrofe nucleare della storia. Era il 26 aprile del demand della piattaforma Qriocity, è fuori uso. Chiunque
un ritorno sul capitale del 7 per cento e un Renta
1986. Nel tentativo di quantificare con la maggior pre- provi a collegarsi si imbatterebbe nella scritta “PlayStation
business grande e in espansione”.
cisione possibile i danni, soprattutto per la salute uma- network is currently undergoing maintenance” oppure
Ci si aspetta un'offerta interessante, dice il è OGGI c’è chi fa lo
na e ambientale, e per capire che cosa debba ancora “the PlayStation Network has been suspended”.
banditore dell'asta, che però riceve schizzinoso, ma quando c’è
essere fatto, si sono riuniti a Kiev scienziati ed esperti Nonostante il colosso nipponico continui a non
solamente l'ammonimento di una bambina stata la liberazione grazie ai
di tutto il mondo. Come sta oggi Chernobyl e come si ammettere la propria vulnerabilità informatica, è ancora in
che avanza con passo breve ma deciso: partigiani, grazie agli alleati,
vive nei suoi dintorni? E che cosa ci ha insegnato quella corso la caccia al colpevole e, inoltre, la stima iniziale di
“Signore, l'acqua non si vende, è di tutti!”. gli Italiani hanno tirato un
storia, oggi che la vediamo ripetersi in Giappone? Se ne due giorni necessari a riparare i server potrebbe allungarsi
Agire attivamente e mobilitarsi è sospiro di sollievo, i nostri
parla con il giornalista Franco Foresta Martin, Sandro e il black out perdurare anche per questa settimana.
fondamentale perché il quorum venga padri o nonni o fratelli sono
Sandri, presidente dell’Associazione italiana di radio- Intanto 70 milioni di giocatori continuano a essere offline.
raggiunto, si tratta di difendere il diritto dei morti per liberare l’Italia,
protezione, e Fabrizio Bianchi, epidemiologo del Cnr di cittadini a far sentire la loro voce. non è possibile oggi criticare
Pisa.Al microfono Elisabetta Tola. Naturalmente votate Sì! quel periodo, non è onesto.
Radiotre 11,00 pas. rin. Zanna
pagina 18 Martedì 26 aprile 2011

SECONDO TEMPO

noi e loro
PIAZZA GRANDE É di Maurizio Chierici

PRIMO MAGGIO,
VINCE LA P2
L’eterno trasformismo italiano N ella piazza Grande di Bologna (ex più rossa d’Italia) Cisl e
Uil disertano l’incontro del Primo Maggio e la solitudine
della Cgil conferma una spaccatura ormai drammatica. Anche la
festa divide anziché unire chi parla a nome dei lavoratori.
di Nicola Tranfaglia lo di guida. Un mondo in tra- come facce distinte e indipen- tura della modernizzazione. In Bonanni e Angeletti volevano sfumare il significato della
sformazione nella prima metà denti, ma necessariamente le- questo senso il trasformismo celebrazione, ma il sindacato della sinistra non si è arreso al
è un giudizio storico dell’Ottocento e che, nel pas- gate tra loro, di una lotta che non è solo una prassi di gover-

C’
revisionismo che striscia e separa di contratto in contratto: dal
nel libro che l’editore saggio dalla società di ancien ré- non diventi (come di fatto è di- no in una data congiuntura sto- disastro Alitalia alla Fiat di Marchionne continua la
Einaudi ha pubblicato gime alla costruzione dell’Italia ventata) rissa scomposta alla rica, ma si ripresenta periodica- “collaborazione” di Cisl e Uil con governo e Confindustria.
di nuovo, dopo 18 an- unita, obbliga a connettere “go- conquista del potere e del de- mente ogni qualvolta la moder-
Diritti tagliati, precari senza speranza, ragazzi senza lavoro:
ni (L’Italiano. Il carattere naziona- verno dell’economia”, tenuta naro, soprattutto a causa dell’i- nizzazione obbliga, in relazio-
le come storia e invenzione) di della società, definizione del gnoranza del mondo e del pas- ne al ritardo, a produrre “una l’invito è portare pazienza. Stringete la cinghia, poi si allargherà.
Giulio Bollati (foto) che mi comando. Ovvero formazione sato da parte di molti tra i mag- manipolazione onnipotente”. A Bologna vanno a parlare nel cortile di una fabbrica da due
sento di condividere fino in di una classe dirigente espres- giori esponenti della classe po- In altre parole, la retorica e il anni in cassa integrazione. La maschera della solidarietà
fondo e vorrei spiegare ai let- sione del ceto nobiliare e del- litica. trasformismo la fanno da pa- sacrosanta può nascondere ombre meno onorevoli. Mentre
tori perché. l’imprenditoria terriera di cui droni nella modernizzazione, scrivo, il Pd sta tentando l’ultima mediazione perché a Bologna
L’autore scrive: “In conclusio- Bollati analizza l’ideologia so- E QUINDI il tema del trasfor- lenta e contraddittoria, che ca- si vota il sindaco e i popoli della liberta e le leghe inseguono
ne il Risorgimento tramanda ciale, le culture e le letture su mismo che per Bollati “non è ratterizza il nostro paese. Sono senza badare ai colpi, confortati dalla devozione cieca, pronta e
alla nazione unita un patrimo- cui si forma, un tema che, nel una tara, né un vizio né uno elementi non marginali ma assoluta della stampa locale. Rompere la concretezza della
nio di principi morali e spiri- profilo di Giulio Bollati, signifi- scandalo ma la necessaria mo- centrali e ricorrenti nella no- ragione può dare una mano a chi al momento è in coda. E per la
tuali, una delega di missione ci- ca indagare come prenda for- dalità del governo a fronte di stra storia nel periodo liberale, prima volta ecco i sindacati divisi proprio nella capitale della
vile, una rinverdita idea di pri- ma e come si costruiscano una una condizione di ritardo. Una in quello fascista e nel lungo opposizione. La festa del maggio tutti assieme era tornata nel
mato, insomma un “retaggio retorica e una cultura del mo- condizione che non è stata su- settantennio repubblicano. In 1945 dopo il purgatorio del fascismo. Nel ’90 organizzano
ideale”, che, a guardarlo spas- deratismo. Laddove il modera- perata con l’industrializzazio- questo senso vorrei ricordare assieme il concerto di San Giovanni, quel primo maggio che
sionatamente e riconosciuta- tismo è una forza politica omo- ne e che chiama in causa la cul- (il saggio di Bollati conforta una arriva in Italia da Stati Uniti e Canada 110 anni fa. A volte le
gli la sua parte di funzione pa- simile affermazione) che è so-
ricorrenze si incrociano nell’irrazionale, eppure la coincidenza
triottica e i suoi momenti di de- prattutto da questi caratteri
coro culturale e decidersi a Un libro di Giulio storici degli italiani che occor- risveglia cattivi pensieri. Proprio 30 anni fa, sempre maggio,
considerare per quello che è re, anche oggi, difendersi. Ban- Giuliano Turone e Gherardo Colombo, magistrati di Milano,
una riserva di fondo nei con- Bollati ci ricorda dire la retorica e il trasformi- rendono pubblici i nomi degli iscritti alla loggia massonica P2 del
fronti della civiltà moderna. Il smo mi sembrano essenziali, venerabile Licio Gelli autore del Piano di Rinascita Democratica
passivo dello spirito di conser- che voltare nella cultura come in politica, che programmava la spaccatura del sindacato con l’obietticvo di
vazione e della tendenza evo- gabbana in Italia se si vuol uscire dal buio attuale “normalizzare il Paese”. L’emarginazione della Cgil, sindacato
lutiva, di cui quella eredità è e riguadagnare i momenti mi- più importante, è il dogma primario. “Necessaria una rottura
impregnata, supera di gran non è un difetto, gliori della storia nazionale: seguendo le linee già esistenti dei gruppi minoritari Cisl e
lunga l’eventuale attivo di un verrebbe da pensare alle spe- maggioritari Uil, per agevolare la fusione coi sindacati
contributo alla critica della ci- ma una prassi ranze della resistenza, all’ela- autonomi”. Non é semplice, ma la ricetta Gelli semplifica:
viltà industriale borghese, genea e consapevole di sé che borazione della costituzione, “Acquisire con strumenti finanziari i più disponibili fra gli attuali
quale Marx ed Engels poteva- testimonia di una continuità fin di governo e una alle riforme importanti soprat- confederati allo scopo di rovesciare i rapporti di forza all’interno
no apprezzare in un Sismon- dal momento in cui si affaccia reazione tutto negli anni 60. Ma, per rag- delle tre Confederazioni. E con quali disponibilità? Il maestro
di”. alla ribalta come tale all’arrivo giungere obbiettivi degni di non si scompone”. La disponibilità necessaria per politici,
degli eserciti francesi in Italia.” ai momenti questo nome, è necessario pri-
stampa e sindacati prevede cifre non superiori ai 30 e 40 miliardi
GIULIO BOLLATI (di cui fui Di qui le pagine dedicate nel li- ma di tutto battere il populi-
a Torino, negli ultimi anni, un bro al vice presidente della re- di svolta politica smo autoritario che ci governa (17-18 milioni di euro) sufficienti a permettere a uomini ben
amico assiduo) scrive un limpi- pubblica napoleonica France- da troppo tempo. selezionati di conquistare le posizioni chiave necessarie al
do, documentato saggio sul ca- sco Melzi d’Eril e a Federico controllo. Primario e indispensabile presupposto
rattere nazionale degli italiani e Confalonieri su “il Conciliato- Scritte inneggianti alla P2 sulla lapide in memoria della strage di Bologna (FOTO ANSA) la costituzione di un club di natura rotariana ove
pone al centro della sua origi- re” che ne continua il pensiero siano rappresentati i migliori livelli… “In vista
nale riflessione tre personaggi e al “Giornale italiano” dello della scissione della Confederazione Trilaterale, e
importanti nella nostra storia e storico meridionale Vincenzo successiva integrazione con gli autonomi, sembra
innanzitutto Alessandro Man- Cuoco. Quindi a Manzoni, che preferibile la costituzione di un vero (unico)
zoni che, con I promessi sposi, ha diventa a poco a poco centrale, sindacato che agiti la bandiera della libertà e del
lasciato agli italiani il romanzo nella costruzione di quel libro lavoro”. Coincidenze superate, fantasmi del
più importante del diciannove- sulla “ideologia italica” che passato. Trent’anni dopo l’ Italia è cambiata, ma
simo secolo, un affresco straor- aspettavamo e che Bollati, alla cambiata come? Resiste l’idea di svuotare il Primo
dinario dell’Italia del Seicento fine (purtroppo per chi lo Maggio, antico suggerimento di una P2 decisa a
da cui emergono antichi carat- aspettava con grande interes- ridurre le feste infrasettimanali a “Natale ,
teri storici del nostro popolo, se) non scriverà.
Capodanno, Ferragosto e 2 giugno”. Per carità il
da don Rodrigo e i suoi “bravi”
prepotenti e illegali al vecchio MA I TEMI essenziali del li- 25 aprile, figuriamoci il giorno delle tute blu.
sacerdote dominato dalla pau- bro attuale, quello che ne fan- Bisogna dire che il passato a volte torna. Quando
ra, l’indimenticabile figura di no ancora oggi un punto di ri- il Renzi di Firenze alla ricerca dello spot Tv
don Abbondio. ferimento obbligato, una sorta propone ai suoi negozi di lavorare nella festa dei
Quello di Bollati “è uno schema di straordinario punto di par- lavoratori, Bonanni fa l’occhiolino con l’austerità
– ricorda David Bidussa nella tenza per qualsiasi futuro lavo- che l’essere leader sindacale impone: “Bisogna
sua introduzione – che fa della ro in questa direzione, sono cercare soluzioni convenienti per imprese e
società contadina un luogo del- chiari nel saggio che abbiamo lavoratori in modo da non affidarsi agli umori dei
la lunga storia italiana, intravve- di fronte. Prima di tutto, il pro- sindaci o alla voglia o meno di esasperazioni per
dendola come un cosmo ordi- blema del confronto politico stare sui giornali”. E tutti e due finiscono in bella
nato, gerarchicamente ordina- che si è perduto ormai da alcu- vista nelle vetrine illuminate proprio dove
to, controllabile in cui la nobil- ni decenni come rapporto sano volevano apparire. mchierici2@libero.it
tà si candida a esercitare il ruo- tra la politica e la cultura, viste

Salman Rushdie
Personal booker? ha preparato una
lista di titoli da far
to abbastanza signore da non
consigliare se stesso, si po-
trebbe osservare che L'urlo e il
furore sembra alquanto impe-
regioni del gusto che ancora
tentano di resistere alla meta-
stasi del consumo. Una regio-
ne dove il pret-à-porter dell'e-
più difficile ammetterlo a noi
stessi (ci sentiremmo come se
volessimo sfidare Nadal a
Wimbledon), e comunque

No, grazie trovare ai clienti


di un Grand Hotel
gnativo per una sola notte, ma
anche per un weekend, o più
in generale che la lettura è una
cosa troppo seria per lasciarla
decidere agli scrittori; ma non
sperto è non solo superfluo
ma perfino dannoso. E mai
quanto in albergo, in quel mi-
crocosmo anonimo e standar-
dizzato dove siamo più vulne-
non sarebbe la stessa cosa. Al-
meno quello che ci fa venire il
latte alle ginocchia, vorrem-
mo poterlo decidere in auto-
nomia. La lettura, ha detto Na-
di New York. rabili ma anche più liberi, e bokov, è la vera repubblica
di Nanni Delbecchi sione di un festival letterario può accadere che la cosa più dell'immaginazione, e quindi
promosso dal Pen Club, ha Ma la lettura è veramente nostra di tutta la della libertà individuale. Se i
ell'epoca più massifica- commissionato a Salman Ru-

N
un piacere troppo camera sia proprio quel libro libri di carta sopravviveranno
ta della storia dell'uma- shdie (foto) una lista di volumi che abbiamo messo in valigia, vittoriosamente ai loro nipoti
nità, si moltiplicano a di autori statunitensi da piaz- privato per o che abbiamo comprato al- elettronici, sarà perché refrat-
pieno ritmo le cosiddet- zare sui comodini dei clienti, l'ultimo momento all'edicola tari a ogni “personalizzazio-
te “personalizzazioni”. Dopo insieme alla televisione HD e delegarlo a dell’aeroporto, o in una ban- ne”. Gli ebook sono testi che
il personal shopper e il per- all'iPod. Da bravo commissa- carella sconosciuta, e di cui si sono montati la testa; i libri
sonal trainer, assistiamo con rio tecnico, Rushide ha stilato qualsiasi esperto abbiamo pregustato la lettura in carta e ossa invece sono in-
un certo senso di angoscia alle la sua nazionale, includendo per tutto il giorno. Magari per dividui come noi, che sceglia-
prove tecniche di “personal titoli celeberrimi, come Il accorgerci dopo tre pagine, mo anche per l'insostituibile
booker”, come si potrebbe Grande Gatsby di Scott Fitzge- nor fino a Thomas Pynchon. è questo il punto. Il punto è quando finalmente abbiamo piacere di sfogliarli, sottoli-
definire il consigliere privato, rald, L'urlo e il furore di William Come si vede, ce n'è per tutti i che del personal booker, il cominciato a leggerlo nel no- nearli, strapparli e piazzarli
e possibilmente griffato, di Faulkner o Il lamento di Portnoy gusti: buonanotte romantica, consigliere dei libri, non si stro letto d'albergo, che è più sul comodino del nostro hotel
quali libri leggere. Si appren- di Philip Roth (quest'ultimo onanistica, sperimentale o ad- sente alcun bisogno, e anzi, il soporifero di un mogadon o come una coperta di Linus ta-
de che lo Standard Hotel di riservato alle camere singole, dirittura posmoderna, dove suo stesso proporsi provoca che è una boiata pazzesca. scabile. O per il dispiacere
New York (cinque stelle in si presume), ma anche autori non sempre è così facile dire l’orticaria, perché invade una Certo, potrebbe accaderci an- non meno insostituibile di
piena Downtown, camere da dal culto decisamente meno se si sogna o si è desti. sfera ancora intatta della no- che con quelli suggeriti da Ru- scoprire, il giorno dopo, che
300 a 1.800 dollari), in occa- nutrito, da Flannery O' Con- Fatto salvo che Rushide è sta- stra intimità, una delle poche shie, o chi per lui; ma sarebbe li abbiamo dimenticati lì.
Martedì 26 aprile 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX A DOMANDA RISPONDO


Furio Colombo

7 LA VENDETTA
DI GHEDDAFI
Il Misfatto è vivo
LA VIGNETTA aro Colombo, ti pare che una non solo fa sapere che "il trattato riprenderà
e lotta insieme a noi
Leggendo l’inserto di domenica
C nave arrugginita con seicento
profughi, tutti africani, 62 donne,
vigore così com'è", dunque inclusa la mancia
ai libici per i morti in mare, dunque con il
ho trovato due articoli di com- alcune incinte, una che partorisce divieto, pena la fine fra le onde, di ogni
miato che sembrerebbero de- sulla banchina di Lampedusa, una legittimo tentativo di chiedere asilo politico.
nunciare la chiusura del Misfat- quarantina di bambini in cerca di Quel ministro ci fa anche sapere che se per
to o comunque qualche impor- protezione, possano essere definiti, caso qualcuno ce la fa e riesce ad approdare
tante cambiamento in corso. da un ministro degli Esteri normale a Lampedusa e a Pantelleria, e persino se si
Che c’è di vero in tutto que- "la vendetta di Gheddafi"? tratta di giovani madri con i bambini e di
sto? Nicolò donne incinte o partorienti, sempre i bravi
Lorenzo Neri cittadini italiani hanno il diritto (il dovere,
NO, FRANCO Frattini non è un secondo la Lega Nord che il ministro ha
Ma siamo matti! Il Misfatto ministro degli Esteri normale. Altrimenti non pensato bene di rappresentare) di sospettare
continuerà a compiere misfatti, si sarebbe prestato a usare il suo ufficio e la che si tratti di ergastolani messi a bella posta
ogni domenica, bello e cattivo sua reputazione per stanare dall'isola di sulle navi-carretta al solo scopo di riempire
come e più di sempre. Quanto ai Santa Lucia il segreto della casa monegasca l'Italia di criminali. Colpisce la lungimiranza
cambiamenti, risse tra satirici a di Gianfranco Fini, cosa che ha fatto in piena del pensiero, l'ampiezza della veduta, la
parte, aspettiamo e vediamo. tempesta, finanziaria, politica, militare che perspicacia nel considerare l'immagine
stava già sconvolgendo il mondo. E non è un dell'Italia nel mondo e soprattutto di fronte a
Il 25 aprile ministro degli Esteri normale perché ha un mondo per noi indispensabile come
inventato il "trattato congelato", che sarebbe amicizia e collaborazione, come con il
che non interessa a B. uno strettissimo e dettagliatissimo trattato di Nordafrica. In imprese di questo genere un
Alla commemorazione del 25 alleanza perenne e totale (dunque ministro di Berlusconi non è mai solo. Accanto
aprile, ricorrenza della Libera- economica, dunque politica, dunque militare, a Frattini e al suo generoso avvertimento
zione dell'Italia dal fascismo, da fino allo scambio di intelligence e all'offerta ("quando vedete un rifugiato ricordavano che
cui è sorta questa Repubblica, Quanto rendono genere meriterebbe la prima delle nostre basi militari per la protezione è un criminale") compare subito l'iperattivo
non ho visto sui filmati la pre- pagina. Se il lavoro e la crisi eco- della Libia di Gheddafi) che all'improvviso si ministro della Difesa La Russa e fa sapere
senza di Berlusconi che di que- due giorni di lavoro nomica sono ormai in cima alle può sospendere in attesa di tempi migliori. che dieci consiglieri militari italiani
sta Repubblica è nientemeno A marzo ne abbiamo sentite di preoccupazioni di un numero Ma subito rassicura: "Poi ritorneremo al patto affiancheranno a Bengasi gli insorti che
che il presidente del Consiglio! tutti i colori sui danni che ha sempre maggiore di cittadini così com'era" (parole di Franco Frattini alla strenuamente combattono contro Gheddafi e
Che cosa gli è successo per di- subito l’economia del nostro italiani e di lavoratori immigrati, Commissione esteri della Camera, 18 aprile). le armi italiane di cui è stracarico. Dieci
sertare una cerimonia così si- Paese dall’introduzione della forse chi dice di avere a cuore i Qualcuno ricorderà che "il trattato così consiglieri militari nell'ambito, si deve
gnificativa per la sua altissima festività del 17 marzo 2011. problemi legati al mondo del la- com'era" è stato contestato e non votato, in supporre, di quel famoso "trattato congelato"
carica? Esisteva un "legittimo Grazie al provvidenziale calen- voro, oggi sfigurato ed in balìa ciascuna sua parte e nel voto finale, dai che solo pochi di noi, deputati al Parlamento,
impedimento"? si è scusato con dario 2011 in questa settimana di trasformazioni continue e deputati radicali e da alcuni deputati del Pd hanno rifiutato di votare unendosi
il presidente della Repubblica e la sovrapposizione delle festi- repentine, nonché dei grandi che, come i radicali, lo hanno trovato all'iniziativa ostinata dei Radicali. Dieci
con i cittadini? O in sua vece è vità religiose e civili (Pasquetta interessi globali e dei pirati e indecente. Infatti il cuore di quel trattato era consiglieri come i dieci voti contro, avranno
andato l'ex (?) picchiatore, il e Liberazione, domenica e Fe- strateghi che li gestiscono, po- da un lato un immenso affare petrolifero, non pensato a questo I due condottieri Frattini e
ministro La Russa, non troppo sta del Lavoro) avrà come ef- trebbe cominciare a ribaltare le si sa quanto statale e quanto privato. E La Russa? Intanto però dovrebbero dirci,
bene accolto dai presenti "per fetto ben due giornate di lavoro priorità in agenda, come dico- dall'altro un accordo di pagamento alla Libia anche ad uso di coloro che sono adesso
la contraddizion che nol con- in più. I lavoratori dipendenti si no spesso i nostri benparlanti al fine di fermare in ogni modo l'arrivo di studenti di scienze politiche o si preparano a
sente"? Che strano Paese. Spe- faranno in questo 2011 due politici. L'emergenza democra- immigrati via mare in Italia. Dicono sia un concorso per la Farnesina: che cosa è un
cie visto dalla Germania. giorni di lavoro in più, ma sarei tica e civile non mi sfugge e dun- l’Agenzia rifugiati dell'Onu che le agenzie trattato congelato? E perché puoi fare a
Giuseppe Alù curioso venissero quantificati i que l'attenzione va tenuta alta. internazionali di monitoraggio dei diritti meno di cancellarlo, però lo puoi violare, e
benefici che trarrà da questo Però le vite umane devono ve- umani che "non sapremo mai il numero dei alla fine riprenderà intatto, amici come
Lassini, le BR surplus di lavoro la nostra eco- nire prima di tutto. Tutte le vite morti in mare, compresi molti bambini prima?
nomia (e i lavoratori autonomi umane: quelle normali di gente fermati prima di poter raggiungere l'Italia".
e la Moratti che ne tengono le redini). Di- straordinariamente comune; Ma i numeri indicati per difetto, decine di Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano
Non male la tattica elettorale stinti saluti quelle dei giovani svantaggiati, migliaia, sono impressionanti e disumani. Ma 00193 Roma, via Valadier n. 42
adottata da Mr B. Consapevole Giuseppe Barbanti delle famiglie in difficoltà, dei il ministro degli Esteri non proprio normale, lettere@ilfattoquotidiano.it
del calo generalizzato nei son- migranti, dei disabili, dei bam-
daggi, sta sparigliando il campo Chi muore bini, degli anziani, autosufficien-
come un esperto giocatore di ti e non.
Risiko. di cassintegrazione Andrea Di Meo
A Milano ha sguinzagliato il so- Un uomo di 30 anni si è tolto tutte le cancellerie del mondo. ciali. E ho ricevuto solo porte in rienza non ce’è nessuno dispo-
lito Signor Nessuno a fare l'e- ieri la vita gettandosi sotto un I pedoni Svegliamoci da questa ipnosi faccia, ovunque andassi. Tutti sto ad accogliermi, in virtù del
stremista (vedi alla voce: ma- treno Eurostar, a poca distanza prima che sia troppo tardi. O ripetevano che per problemi fatto che esistono molti posti
nifesti "Fuori le Br dalla Pro- dalla stazione di Livorno; era un dello scacchiere forse lo è già. politici, in mancanza del sinda- vacanti e centinaia di coop so-
cura"), per spacciare l'avvilente ingegnere in cassa integrazio- Nel mondo stiamo diventando Anilo Castellarin co, non si poteva fare nulla. ciali che pagano le persone a
signora Moratti come "mode- ne. È l'ennesimo episodio tra- sempre più insignificanti. Siamo L’immobilità è assoluta e a oggi basso costo e propongono
rata", "responsabile" e "ragio- gico di morti per il lavoro, sul la settima od ottava economia Il posto sono passati circa due anni e contratti di lavoro indegni a
vevole". Funzionerà? lavoro o per la mancanza di la- mondiale ma politicamente dopo diversi mesi di pendola- persone molto meno qualifica-
Alberto Antonetti voro. Credo che una notizia del non contiamo più nulla. Berlu- che vorrei rismo il mio fisico non ha più te di me.
sconi, Maroni e Frattini, duran- Mi chiamo Marylu, ho 34 anni e retto la distanza ed è entrato in Mar ylù
te la “crisi di Lampedusa”, a più dopo un’infanzia difficile e una un vortice ansioso depressivo.
IL FATTO di ieri26 aprile 1937 riprese hanno tuonato contro
l’Unione europea minacciando
vita familiare disastrosa, ho stu-
diato Scienze del comporta-
L'idea di non poterli amare e di
condividere il mio tempo tutti i
“La prima strage degli innocenti del nostro tempo” scrisse di uscirne. Immaginate le stesse mento cercando successiva- giorni con loro mi ha fatto an-
il Times, il giorno dopo l’eccidio di Guernica, la città santa dichiarazioni in bocca alla Mer- mente di laurearmi in Psicolo- dare fuori di testa. Vi racconto IL FATTO QUOTIDIANO
dei Baschi rasa al suolo il 26 aprile 1937 dagli stormi di aerei kel oppure a Sarkozy Il giorno gia. Ho deciso di occuparmi del la mia vita perchè vorrei capire via Valadier n. 42 - 00193 Roma
tedeschi della Legione Condor. Tre ore e mezzo di dopo sarebbero crollate le bor- mondo dell’handicap fisico e perchè dopo 16 anni d’espe- lettere@ilfattoquotidiano.it
bombardamenti a ondate, 2000 persone falciate, uomini e se europee. Il mondo econo- comportamentale e inizio il
donne che nel lunedì di mercato si affollavano nella piazza mico e finanziario internazio- mio cammino presso una strut-
portando bestiame, olio vino. Un macabro test
nale sarebbe stato messo in tura pubblica di Piacenza, dove Direttore responsabile
forte fibrillazione. I mercati lavoro da molti anni come pre-
dell’aviazione nazista, come rivelerà poi lo stesso Goering, Antonio Padellaro
mondiali avrebbero passato caria e capisco che è la mia sal-
per “sperimentare la nuova tattica delle bombe a tappeto”.
momenti difficili. Mentre dopo vezza: amavo e amo dedicarmi Vicedirettore Marco Travaglio
Guernica e l’orrore puro. Come lo vedrà, coi suoi le affermazioni dei nostri tre a loro.
chiaroscuri spettrali, Picasso, nella sua tela orizzontale eroi, non è successo nulla. Le Dopo una decina di anni sono Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
infinita, una risposta alla viltà della strage, un “quadro borse, i mercati hanno conti- passata di ruolo, felice ed en- Progetto grafico Paolo Residori
deformato, schiantato, esploso”. Il cubismo esasperato al nuato tranquilli, non c’è stato tusiasta ho cominciato a piani- Redazione
servizio della memoria, geometrie e simmetrie che si nessun terremoto. Questo è ficare la mia vita: ho comprato 00193 Roma , Via Valadier n°42
incrociano e si dilatano in una luminosità afona, dando vita un chiaro esempio per chi non casa e sono entrata nell’ottica tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
a squarci disperati. Una donna urlante col figlio morto tra le ha portato il cervello all’am- di mettere su famiglia. Ma il de- e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
braccia, il cavallo impazzito che nitrisce di dolore, il sito: www.ilfattoquotidiano.it
masso: il nostro Paese non con- stino ha voluto farmi incontra-
cadavere smembrato di un guerriero con la spada spezzata ta più nulla nello scacchiere in- re Fabrizio, un ragazzo padre di Editoriale il Fatto S.p.A.
nella mano, bocche spalancate che gridano al cielo, ternazionale. Siamo ancora una Bologna. Dopo qualche mese Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
l’immagine totemica del toro illuminato da un bagliore potenza economica, ma siamo con lui ho chiesto il trasferi- Presidente e Amministratore delegato
lunare. Scene di un’apocalisse. Il conato di dolore di un nano politico. Anzi, siamo mento in mobilità presso co- Giorgio Poidomani
Picasso per Guernica. diventati con Berlusconi al go- muni, ospedali, pubbliche am- Consiglio di Amministrazione
Giovanna Gabrieli verno, una barzelletta in quasi ministrazioni e anche coop so- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
con il pacchetto relax superSemplice puoi gestire
senza pensieri il gas e la luce di casa grazie a:
- solo 3 voci di costo in bolletta per monitorare meglio le spese di gas e luce:
• piccolo contributo fisso mensile di 5,99 euro per il gas e da 1,99 euro per la luce
• corrispettivo su metricubi e chilowattora consumati
• sconto sul corrispettivo a consumo del 15% per il gas e del 40% per la luce per i consumi annui
che non eccedono quelli di una famiglia media italiana, pari a 1.200 Smc/anno e 2.700 kWh/anno
- prezzi di gas e luce bloccati per due anni, comprensivi di tutte le voci di costo a esclusione delle imposte
- stesso prezzo della luce sia di giorno sia di notte, senza preoccuparsi della tariffa bioraria
In più, sottoscrivendo relax superSemplice entro il 14/07/2011, potrai avere al costo di soli 3 caffè al mese la manutenzione
annuale programmata del tuo climatizzatore effettuata da un tecnico specializzato degli energy store eni.

eni gas e luce la soluzione più semplice


visita i negozi energy store eni, chiamaci al 800 900 700 o vai su eni.com

eni.com

Potrebbero piacerti anche