Sei sulla pagina 1di 1

22 / Valnure e Valdarda Giovedì 2 luglio 2020

L’ANNIVERSARIO LA TRAGEDIA DELL’ARANDORA STAR

La nave dei deportati


affondata 80 anni fa
Fra le vittime 65
di origine piacentina
La Arandora Star, nave da crociera che deportava “soggetti pericolosi” in Canada, fu affondata il 2 luglio 1940

di 1500 italiani considerati perico-


losi poiché appartenenti al Partito
A perdere la vita anche Giovanni Ferdenzi, oriundo di Vernasca, fascista o ad organizzazioni colle-
che aveva avviato con il fratello un negozio di fish and chips a Londra gate.
Tale lista però, metteva sullo stes-
so piano gli ardenti fascisti con
munità dei nostri connazionali. giugno 1940, ed interessò circa quelli che aderivano solo nominal-
Claudio Oltremonti
Con l’avvento del fascismo, le divi- 4mila uomini di età compresa tra mente al Partito. Il risultato fu che
● Oggi, 2 luglio, ricorre l'80° anni- sioni che laceravano gli italiani in i 16 ed i 70 anni, ed anche oltre, nella lista finirono per errore per-
versario dell'affondamento dell' patria si manifestarono anche a considerati “dangerous cha- sone le cui simpatie erano intera-
Arandora Star, nel quale persero la Londra dove nel 1921, al n. 27 di racters”, soggetti pericolosi. Tra mente per la Gran Bretagna, come
vita 446 deportati italiani in viag- Holland Road, a casa del Prof. An- questi, lo stesso Decio Anzani, che nel caso di Decio Anzani, segreta-
gio dall'Inghilterra verso la loro de- tonio Cippico, si riunirono i primi aveva dedicato gli ultimi vent’an- rio della Sezione italiana della Le-
stinazione di internamento in Ca- simpatizzanti di Mussolini. ni della sua vita alla causa dell’an- ga dei diritti dell’Uomo. Inoltre, in
nada. Nondimeno, la Capitale del Regno tifascismo. almeno una dozzina di casi, i no-
Di questi, considerando che Bar- Unito era già stata meta del fuoriu- Come ulteriore misura di sicurez- minativi degli imbarcati non coin-
di passò alla provincia di Parma nel scitismo del periodo Crispino, e di- za fu disposto il trasferimento de- cidevano con quelli nella lista
1923, ben 65 erano di origine pia- veniva ora meta di quello antifa- gli internati al di fuori dei confini dell’MI5, un margine d’errore co-
centina. scista che andò raggruppandosi della Gran Bretagna. munque ammissibile, secondo
Una vicenda dimenticata, se non intorno a figure come gli anarchi- Il I° luglio 1940 un numero impre- Lord Snell, considerato il quadro
rimossa, per tanti anni, e riscoper- ci Decio Anzani, Pietro Galasso ed cisato di internati, forse circa 1560, complessivo della deportazione.
ta in Italia grazie ad un pregevole al giornale “Il Comento” (sic). di cittadinanza italiana, austriaca Rimane il dubbio che l’MI5 colse
documentario di Alfio Bernabei ed La fascistizzazione della comuni- e tedesca, fu imbarcata a Liverpool l’occasione per internare, senza
Oriella Foresta, realizzato nel 1987, tà italiana si svolse con i medesimi sulla nave da crociera Arandora troppi problemi, qualche elemen-
ed alle approfondite ricerche di modelli culturali ed assistenziali Star per essere inviati in Canada. to estremista scomodo, che fosse
Maria Serena Balestracci. della madrepatria. Il risultato di Il secondo giorno di navigazione anche fascista, comunista, socia-
Ricordare la vicenda dell’ Arando- questo processo riscosse il plauso la nave, dipinta di grigio, senza al- lista od anarchico.
ra Star significa ripercorrere la sto- degli ambienti politici conserva- cuna insegna della Croce Rossa, e Il 7 novembre 1940 la relazione di
ria della comunità italiana insedia- tori ed apprezzato da statisti come priva di scorta, fu scambiata per Lord Snell venne discussa dal War
ta in Inghilterra sin dalla prima me- Austen e Neville Chamberlain e un’imbarcazione da guerra quin- Cabinet, il quale, dato che non ne
tà dell’ ’800. Alla fine di quel seco- Winston Churchill. Gli antifascisti, di colpita ed affondata al largo era stata prevista la pubblicazione,
lo, un terzo dei 20mila italiani che con il benestare delle autorità in- dell’Irlanda da un sommergibile e visto che l’interesse sulla faccen-
risiedevano in Gran Bretagna era- glesi, furono messi sotto il control- tedesco, l’U-47 comandato da da era scemato e che sarebbe sta-
no passati attraverso la scalinata di lo dell’OVRA, grazie ad infiltrati co- Gunter Prien. Nel cimitero di Clonmany la tomba di Giovanni Ferdenzi, oriundo to “un peccato” ravvivarlo, stabili-
Vine Hill, nel centro di Londra, per me Fritz Yohann Glass ed Alessan- Il numero esatto delle vittime non di Vernasca, vittima dell'affondamento dell’Arandora Star va per il momento, ed in ogni ca-
spargersi nel reticolo di strade tra dro Consani. è mai stato accertato definitiva- so, di non intraprendere alcuna
Clerkenwell Road, Mount Plea- mente. Alcune fonti indichereb- tragica fine dei passeggeri dell’ul- Secondo quanto appurato da Lord azione.
sant, Summer St. e Saffron Hill, Una pugnalata bero che, su un totale di 712 citta- timo viaggio dell’ “Arandora Star” Snell, le direttive imposte al War Da allora la tragedia viene ricorda-
dando vita al vivace quartiere ita- Nonostante la politica di appease- dini italiani imbarcati, 446 manca- contribuì ad una parziale revisio- Office erano state quelle di dare la ta dalla comunità italiana in Inghil-
liano, poi sviluppatosi anche ver- ment verso Mussolini, le simpatie rono all’appello; circa 700 era il to- ne delle politiche di gestione degli precedenza nella deportazione ai terra e con una cerimonia che si
so Holborn e Soho. del dittatore per il regime Hitleria- tale dei dispersi. internati, con un moderato allen- “soggetti pericolosi”.I tempi ristret- tiene il 2 luglio nella cappella del
Una comunità operosa composta no misero in allarme gli Inglesi, i Tra le vittime, Giovanni Ferdenzi, tamento dei provvedimenti coer- ti e la situazione di emergenza in cimitero di Bardi, eretta espressa-
da ristoratori, gelatieri, chefs, ca- quali iniziarono a guardare la co- originario di Vernasca, il cui corpo citivi. Le famiglie delle vittime non cui gli uffici preposti si trovarono mente per ricordare la memoria
merieri, sarti, ambulanti, artigia- munità italiana come una possibi- fu ritrovato sulla spiaggia di Clon- ricevettero alcun indennizzo e fu- ad operare, portarono ad indivi- delle vittime dell’ “Arandora Star”,
ni, commercianti, persone che le “quinta colonna”.La dichiarazio- many e sepolto nel locale cimite- rono costrette a pagare anche il duare dei criteri di classificazione e dove esiste anche una via a loro
avevano lasciato la loro patria in ne di guerra del 10 giugno 1940 fu ro. Ferdenzi, insieme al fratello, certificato che dichiarava il proba- dei “soggetti pericolosi” italiani che dedicata.
cerca di un futuro migliore. Giu- vissuta dall’opinione pubblica in- aveva avviato un noto negozio di bile annegamento dei propri cari. non furono “soddisfacenti”. Un ultimo pensiero. Quando i pri-
seppe Mazzini, durante il suo esi- glese come una pugnalata alla fish and chips a Londra, “The In particolare, mentre i tedeschi e gionieri inglesi fuggirono dal cam-
lio nella capitale inglese, nel 1864, schiena. La comunità italiana fu Fryer’s delight”, che esiste ancora Indagini gli austriaci da imbarcare sull’ po di concentramento PG29 di
insieme a Garibaldi, fondò al n. 10 fatta segno di manifestazioni di oggi in Theobalds Rd., nel quartie- Il 12 agosto 1940 Churchill affidò a Arandora Star furono scelti dai Veano, dopo l’armistizio dell’8 set-
di Laystall St., dove ancora oggi esi- odio, anche contro persone che vi- re di Holborn. Lord Henry Snell l’incarico di in- campi di internamento di tipo “A”, tembre 1943, trovarono aiuto ed
ste una targa commemorativa del- vevano in quel Paese da decenni. Il drammatico episodio sollevò po- dagare sul metodo usato per sele- dedicati ai “soggetti pericolosi”, gli ospitalità proprio sulle colline, tra
lo statista italiano, la “Società per Churchill diede l’ordine di depor- lemiche all’interno del Parlamen- zionare gli stranieri imbarcati a italiani non erano stati categoriz- quelle montagne da cui un giorno,
il progresso degli Operai italiani in tazione: “Acciuffateli tutti!”. to britannico e lo stesso Churchill bordo dell’ “Arandora Star”, ed in zati e furono individuati secondo tanto tempo prima, erano partite
Londra”, primo nucleo di assisten- Il rastrellamento degli italiani ini- arrivò ad ammettere che la “quin- generale, sulle responsabilità le uniche informazioni disponibi- le vittime dell’Arandora Star. Ma
za intorno al quale crebbe la co- ziò subito, nella mattina dell’11 ta colonna” non era mai esistita. La dell'operazione. li, cioè, una lista redatta dall’MI5, questa è un’altra storia.

LE VITTIME DI ORIGINE PIACENTINA

Furono 65 le vittime dell’Aran- fasso, London Ferdenzi Giovanni, 15/6/1879, Bardi, London Rabaiotti Antonio, 20/10/1885, Sidoli Giovanni, 17/8/1894,
dora Star di origine piacentina Carini Francesco, 15/7/1893, Vernasca, London Marenghi Giovanni, 23/4/1897, Bardi, Newport Bardi, Glyncorrwg
(considerando che Bardi era Bardi, Pontypridd Ferdenzi Giovanni, 20/5/1884, Bardi, Pontypridd Rabaiotti Bartolomeo, Sidoli Luigi, 29/12/1882, Bardi,
passata alla provincia di Parma Carini Giuseppe, 21/5/1898, Vernasca, London Marenghi Luigi, 21/7/1893, Pia- 23/3/1881, Bardi, Pontypridd London
solo nel 1923). Le ricordiamo. Bardi, Ebbw Vale Ferrari Luigi, 19/10/1907, Bet- cenza, London Rabaiotti Domenico, Solari Federico, 5/9/1914, Ver-
Carpanini Giovanni, 5/1/1919, tola, Aberdare Mariani Pietro, 3/10/1921, Bar- 12/2/1912, Bardi, Ogmore Va- nasca, London
Affaticati Riccardo, 02/08/1893, Bardi, Britton Ferry Ferri Giovanni, 12/7/1884, Ver- di, London le Solari Luigi, 24/4/1888, Bardi,
Caorso, London Carpanini Giuseppe, nasca, Hull Menozzi Gioacchino, Rabaiotti Francesco, 6/3/1894, Neath
Albertelli Carlo, 30/5/1899, 17/7/1892, Bardi, Cwmcarn Franchi Giacomo, 6/8/1896, 24/8/1894, Bardi, London Bardi, Swansea Spagna Antonio, 10/10/1894,
Morfasso, Pontypridd Casali Giuseppe, 3/8/1909, Bardi, New Tredegar Minetti Giacomo, 11/7/1905, Rabaiotti Luigi, 11/12/1910, Bardi, Maesteg
Antoniazzi Bartolomeo, Morfasso, London Fulgoni Giacomo, 19/7/1894, Bardi, Neath Bardi, Swansea Sterlini Giuseppe, 31/5/1900,
20/1/1908, Bardi, Newton Castelli Antonio, 18/10/1894, Grezzo di Bardi, Hirwaun Moruzzi Ernesto, 12/8/1879, Raggi Luigi, 15/8/1880, Bardi, Bardi, Wellington
Basini Bartolomeo, 12/10/1908, Bettola, Aberdare Fulgoni Giovanni, 4/7/1900, Bardi, Neath London Sterlini Marco, 17/10/1891,
Bardi, TreHerbert Cavacciuti Pietro, 6/6/1893, Grezzo di Bardi, Pontry Gwarth Moruzzi Peter, 31/5/1887, Bar- Ricci Lazzaro, 24/3/1891, Bar- Bardi, Tenby
Belli Antonio, 8/11/1885, Bar- Morfasso, London Gadeselli Vincenzo, 15/9/1885, di, Neath di, Treharris Strinati Giovanni, 26/3/1880,
di, Maeslag Cavalli Giovanni, 4/2/1889, Bardi, London Moruzzi Pietro, 24/11/1917, Rossi Flavio, 15/6/1902, Bardi, Bardi, Cwmaman
Bellini Pietro, 8/7/1878, Mor- Bardi, Neath Gazzi Andrea, 2/8/1900, Bardi, Bardi, London Port Glasgow Taffurelli Giuseppe, 29/3/1892,
fasso, London Conti Guido, 26/12/1908, Bar- Gorsewinin Notafalchi Lorenzo, 8/8/1885, Rossi Giovanni, 11/9/1923, Bar- Bettola, Dowlais
Berni Attilio, 10/5/1899, Bardi, di, Newport Gazzi Francesco, 12/1/1922, Piacenza, London di, Cardiff Tambini Giovanni, 13/3/1899,
Weston-Sp-Mare Conti Giuseppe, 19/3/1898, Bardi, Pont Newydd Prati Carlo, 4/11/1877, Luga- Rossi Luigi, 14/8/1908, Bardi, Bardi, Newport
Bersani Carlo, 7/6/1889, Sar- Bardi, Treharris Gazzi Lino, 3/6/1881, Bardi, gnano, Hull Swansea Zanelli Ettore, 3/11/1893, Bar-
mato, London Ferdenzi Carlo, 12/6/1897, Ver- Ferndale, Previdi Lodovico, 12/6/1895, Sartori Luigi, 14/4/1885, Mor- di, Tonypandy
Bragoli Pietro, 23/5/1880, Mor- nasca, London Giovanelli Luigi, 24/4/1890, Gropparello, London fasso, London