Sei sulla pagina 1di 176

-Pag.

2 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

“LA RAGIONE DELL'ESITO”

Questa opera ha raggiunto durante la vita del suo autore una diffusione poche volte eguagliata: 14 edizioni in

Cile, 14 in Messico, 2 in Argentina, 2 in Spagna. una in Portogallo ed una negli Stati Uniti. Attualmente si stanno

preparando una edizione in Francia ed una in Germania. Questa e la diciottesima edizione italiana.

La Dottrina Termica della Salute, che qui si insegna,apre un nuovo cammino per il benessere di tutti e va contro

gli interessi creati intorno alIa malattia. Questo libro e stato avversato dalle autorita mediche, però la sua pubblicazione

e stata possibile tramite l'autorizzazione dei Tribunali che ne hanno riconosciuto la vitale importanza.

Senza l'appoggio delle Accademie e senza il patrocinio della propaganda diretta, questa opera si e imposta al

pubblico che soffre, il qua!e ha incontrato in queste pagine gli insegnamenti adeguati per

liberarsi dalle malattie, comprendendo il valore dell'esperienza dell'Autore che,nella sua gioventù ,dovette interrompere

gli studi di medicina (presso l'Universita del Cile) perche vittima di una grave malattia per guarire dalla quale, dopo

nove anni di insuccesso della medicina ,dovette ricorrere alla semplice pratica naturale raccomandata da PADRE

TADDEO DE WINSENT (Cappuccino).

Gli insegnamenti della Dottrina Termica sintetizzano, completano, unificano e spiegano i diversi sistemi naturali

che si sono immortalati con i nomi di Priessnitz, Kneipp, Kuhne, Just, Rickli, padre Taddeo ecc,dando loro un contenuto

filosofico e ponendo con loro la salute alla portatadi tutti.

L'EDITORE
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 3 di 176

A.C.N.I.N.
ASSOCIAZIONE CULTURALE NAZIONALE
DISCIPLINE IGIENISTICHE NATURALI
CODICE FISCALE 91003340261 . C.C. P. 16832313

L'A.C.N.I.N. e una associazione voluta da ex ammalati, da persone che hanno sperimentato su di loro gli
insegnamenti e le metodiche di M. Lezaeta e L. Costacuna.
Si basa sul principio della mutualita e non ha alcun scopo di lucro. Potrebbe subito sorgere una domanda:
Perche una associazione culturale sul tema salute?
La risposta a questa domanda si puo trovare in ogni libro, in ogni pagina delle opere di L.Costacurta. Anche
molte conferenze da lui tenute in tutta Italia partivano dal concetto "LA MALATTIA COME FATTO
CULTURALE".
Questo perche alla base di tutto c'e un atteggiamento di fondo che puo essere la consueta delega della nostra
salute ad altra persona (medico) oppure la partecipazione diretta e completa alla conoscenza della propria
salute e delle Leggi Naturali che ci consentono di mantenerla o recuperarla.
C'e, quindi un aspetto di CULTURA personale, di conoscenza.
In questo ambito, l'A.C.N.I.N. si propone ed attua un programma esclusivamente naturalistico per la
prevenzione e la normalizzazione delle condizioni di salute; programma che scaturisce direttamente ed
esclusivamente dagli insegnamenti Lezaeta Costacurtiani.
In sintesi, l'azione normalizzante e rivolta verso due direzioni:
1) disintossicazione degli organi interni (sangue, intestino, polmoni, ecc.) eliminando le impurita che li
avvelenano;
2) rivitalizzazione dei sistemi di difesa (sistema nervoso, linfatico, ecc.) affinche possano agire con
efficacia, con le metodiche igienistiche naturali.
Per purificare gli organi interni e rivitalizzare le difese organiche le metodologie applicate consistono in:
-una corretta alimentazione che tanga conto dell'effetto che il cibo produce nel nostro organismo;
-applicazioni di acqua fredda, frizioni e fango sulla pelle, per risvegliare la indispensabile attivita
circolatoria epidermica e nervosa.
L'A.C.N.I.N. opera su tutto il territorio nazionale con 18 sezioni provinciali. L'attivita dell'Associazione, pur
con i mezzi dei soli soci, ma saldamente ancorata ai principi ed obiettivi statutari, si e concretizzata in
particolare in due importanti realizzazioni:
I) La scuola interna per Naturopati e iridologi fondata nel 1985 da L. Costacurta (del quale conserva il
nome). che ha formato i discepoli del Maestro, sicuri e fedeli continuatori del pensiero
Lezaetacostacurtiano e attuali docenti della Scuola.
2) L'Accademia G. Galilei fondata anch'essa per volonta dello stesso L. Costacurta e di suoi piu stretti
collaboratori, ha come scopo la formazione di operatori simili agli Heilpraktikers della Germania che
possano seguire ed aiutare le persone che a loro si rivolgano per portarle gradualmente alla salute e
all'autogestione della stessa.
L'importanza deIl'A.C.N.I.N. sotto l'aspetto del rapporto personale con le Metodiche Igienistiche Naturali e
evidentemente nella necessita che si avverte di un continuo scambio e confronto con le esperienze di altri
nel momento in cui si decide di incamminarsi sulla strada della salute intesa come MODO DI VIVERE e
come SCELTA DI VITA IN SINTONIA CON LA NATURA, INTESA COME ARMONIA,
CONOSCENZA ED USO RISPETTOSO DEGLI ELEMENTI NATURALI DI CUI POSSIAMO
DISPORRE (aria, acqua, terra, ecc.).
-Pag. 4 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

C'e anche un aspetto di cultura SOCIALE, non meno importante e vitale.


Finora la scelta della Medicina Naturale e stato un fatto personale, a proprio rischio e spese, esposto,
peraltro, al giudizio poco incoraggiante della opinione corrente. Ultimamente l'atteggiamento generalizzato
verso l'insieme delle cosiddette medicine alternative e decisamente cambiato.
In questo ambito e di vitale importanza "azione di una associazione come l'A,C.N.I.N. per superare
rapidamente l'attuale fase che possiamo definire di "simpatia" per tutte le cose "diverse", al fine di costruire
un ampio movimento culturale orientato al rispetto ed alla dignita delle scelte personali nell'ambito della
salute, senza alcuna prevaricazione di comodo della integrita della persona.
E quindi molto evidente l'importanza di essere in tanti, in un momento in cui le voci di confusione sono
molte e quasi mai disinteressate, per poter incidere favorevolmente su decisioni che riguardano la salme e la
liberta inviolabile della persona in questo delicato aspetto della vita umana, nel rispetto delle immutabili ed
inviolabili Leggi della Natura.
Tutti coloro che fossero interessati ad iscriversi possono compilare e spedire il modello incluso al libro e
versare la somma per l'anno in corso sul conto corrente postale riportato qui sotto. Si ricorda che l'iscrizione
da diritto a frequentare le sezioni A.C.N.I.N. e ricevere gratuitamente il periodo informativo "VIVI CON
GLI AGENTI NATURALI"
La sede centrale A.C.N.I.N. e in Via Carpene, 12 31015 Conegliano (TV), telefono 0438 370 155.
Numero di c.c.p. 16832313.

A CHI CHIEDERE INFORMAZIONI


Scrivendo o telefonando alla segreteria al n° 0438/370155 si potranno avere notizie aggiornate sull'attivita
delle sezioni nazionali o sulle disponibilita dei tecnici iridologi interni dell'associazione.
I tecnici sono discepoli di Luigi Costacurta, formatisi alla scuola interna A.C.N.I.N. di iridologia e
naturoiglenotrofopatia sotto l'attenta guida dell'illustre maestro. Gli stessi operano esclusivamente come da
statuto A.C.N.l.N. e vengono riconfermati annualmente con tessera di riconoscimento.
Riportiamo inoltre, ad uso dei lettori, il recapito dell'Istituto "Palatini" presso il quale ci si potra rivolgere
per avere informazioni riguardanti le terapie naturali varie, praticate in Istituto ed esposte in questo ed altri
testi alla nostra bibliografia. Allo stesso recapito si potranno avere anche notizie sui Medici che hanno
frequentato e concluso i corsi tenuti da Luigi Costacurta.
Per evitare malintesi ed eventuali recriminazioni, la persona che si rivolge ad uno di questi medici per avere
indicazioni e consigli in sintonia con cio che ha letto sui libri dj L. Costacurta, deve richiedere
espressamente che gli venga fatto un esame iridologico e che gli vengano impartiti solamente consigli e
prescrizioni trofonormalizzanti ed idrotermo-fangonormalizzanti piu confacenti al suo specifico caso, come
vengono consigliati nei libri di L. Costacurta.

ISTITUTO DI TERAPIE NATURALI: ISTITUTO "ALFONSO PALATINI"


Direttore Sanitario: Dott. LEONARDO CAMPAGNARO
Via Roma, 222 . SALZANO (VE)· Tel. 04115745108
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 5 di 176

MANUEL LEZAETA ACHARAN


Traduzione curata da LUIGI COSTACURTA
naturopata e discepolo dell'autore

La medicina naturale
alla portata di tutti

L'uomo allontanandosi dalla Natura perde


progressivamente la sua salute. Questo libro offre a
Lei pratiche di vita sana, per compensare gli inganni
della civilizzazione e del progresso.
L'AUTORE

DICIASETTESIMA EDIZIONE ITALIANA

EDIZIONI DI MEDICINA NATURALE di BACCICHETTI FANNY e C. s.n.c.


Casella Postale 81 31015 CONEGLIANO (Treviso) Tel. (0438) 32425-4011680
-Pag. 6 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Attenzione!
I suggerimenti igienistici esposti nei testi che compongono la nostra biblioteca di medicina
naturale, non precludono la consultazione medica, la quale è bene sia condotta da un medico
dell'A.C.N.I.N., poiché questo si è formato presso la Scuola di Iridologia e Naturopatia L.
Costacurta.
Questo consiglio viene esteso in particolar modo a quel lettore che, isolato dai decentramenti
A.C.N.I.N. non si sente psicologicamente e culturalmente preparato ad autogestire la sua salute.

Premio Internazionale

ERCOLE D'ORO
1989

RIconoscimento per l'attività editoriale


relativa all'autogestione delfa salute con
gli elementi naturali.

Rappresentante esclusiva per l'Italia


l'editrice Fanny Baccichetti
Stampato dalla LITOCENTER . LIMENA (PDI
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 7 di 176

MANUEL Lezaeta ACHARAN

Alla benemerita memoria dell'immortale Maestro della


salute Don Manuel Lezaeta Acharan, dedico questa
traduzione, fedele in tutti i suoi particolari affinché,
anche in Italia, si possano conoscere e praticare tutti gli
insegnamenti descritti in questa Opera, che non ha
precedenti, per godere della vera salute. Beneficiato
personalmente nella salute dal grande Maestro, con
eterna riconoscenza dedico.

IL TRADUTTORE
-Pag. 8 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

NOTIZIA EDITORIALE
ATTENZIONE!
Benché in questo testo la metodica applicativa venga esposta sufficientemente, si è riscontrato che la
maggior parte dei lettori non la interpreta correttamente, o per meglio dire, l'esposizione della stessa puo
dar atto ad interpretazioni diverse e personali.
Per ovviare a questo pregiudiziale inconveniente, il traduttore di questo libro, Luigi Costacurta, ha
scritto altri tre specifici trattati:

"LA NUOVA DIETETICA", nella quale espone informa pedagogica lo studio di ogni alimento, la
programmazione trofoterapica o trofodietetica in relazione all'alterazione dello stato di salute la quale,
secondo la patologia medica, viene presentata con nomi diversi.
Vengono trattati inoltre anche i periodi delle gravidanza, dell'allattamento, dello svezzamento del
neonato, ecc.
Una casistica di casi di normalizzazione (guarigione) verificatisi in Italia evidenzia ulteriormente la
validita scientifica di quanto esposto in questo testo.
Una guida pratica nell'elaborazione di cibi cotti meno tossici per l'organismo aiuta infine a
comprendere il pensiero prandiologico (o della corretta associazione degli alimenti), arricchito da un
ricettario trofogastronomico.

Nel secondo libro "VIVI C O N GLI AGENTI NATURALI", vengono trattate, sempre informa
pedagogica, tutte le discipline idrotermo-fangoterapiche (normalizzanti) il cui compito è quello di
preparare l'attivita organica e coadiuvare quanto programmato nella trofodieta.
Piu di 100 illustrazioni con relativa didascalia arricchiscono il testo offrendo una chiara ed
inequivocabile esemplificazione dell'esecuzione di dette discipline.
Le stesse sono indispensabili al processo di normalizzazione, in quanto, come dice Costacurta: "A
nulla serve mettere acqua pulita in un vaso sporco: l'acqua si sporcherebbe".
Inoltre, questo libro è corredato da un'interessante sintesi storica che ci presenta i Maestri che
diedero vita alla medicina naturale; da un prontuario che indica quanto di piu preciso e specifico viene
suggerito all'interessato e, come nel testo precedente, da una casistica di ulteriori casi di normalizzazione
avvenuti in Italia e trasmessi all'autore.

Il terzo libro "IL NOSTRO BAGNO DI VAPORE", pur essendo un breve trattato monografico,
rappresenta un ulteriore ma necessario approfondimento per tutti coloro che, dalla lettura delle precedenti
pubblicazioni sono stati stimolati a capire i veri meccanismi che regolano il buon funzionamento del nostro
corpo. Diventa inoltre anche un importante strumento pedagogico e pratico per gli operatori di istituti di
estetica medica, centri di salute, ecc. evidenziando l'importanza di alcuni legami fondamentali fra i processi
di interscambio umorale dell'organismo ed i vari sistemi sanguigno, linfatico e nervoso. Corredato da
22 illustrazioni, fornisce tutte le indicazioni e controindicazioni per autogestire la propria salute
relativamente alle modalita applicative dei bagni di calore, vapore e saune in genere.
Fedele al dottrinario concetto dell'equilibro termico ed alla bio-chimico fisiologia organica del
corpo, Luigi Costacurta, con questi tre libri, che costituiscono un enorme vanto editoriale per la nostra
Casa Editrice, ci consente di ottenere una corretta interpretazione ed applicazione delle varie metodiche e
cio ad esclusivo vantaggio di un migliore conseguimento nel ripristino e mantenimento di quel bene che si
chiama salute.

LA CASA EDITRICE
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 9 di 176

INDICE DELLE MATERIE (interattivo) Pag.


Introduzione - La Salute Per Distinto Cammino 11
Capitolo I°
La scienza della salute 13
Capitolo II°
La legge naturale 15
Respirare sempre aria pura 16
Mangiare esclusivamente prodotti naturali 16
Essere sobri costantemente 17
Bere unicamente acqua naturale 19
Avere somma pulizia in tutto 20
Dominare le passioni e mantenere la maggiore castita 20
Giammai si deve stare oziosi 21
Riposare e dormire solo il necessario 22
Vestire semplicemente con vesti sciolte 23
Coltivare tutte le virtu cercando di essere sempre allegri 24
Capitolo III°
Storia e dottrina 25
La Dottrina Termica della Salute 26
Come ho concepito la Dottrina Termica 27
La sregolatezza funzionale dell'organismo per lo squilibrio termico del corpo 29
Riassunto della mia dottrina 30
Quadro sinottico della Dottrina Termica 33
Capitolo IV°
Medicina Naturale e Medicina Medicamentosa o ufficiale si oppongono 34
Leggi assolute e non teorie 36
Capitolo V°
Le temperature nel corpo umano 38
L'uomo e l'unico essere del creato che vive squilibrando le temperature del corpo 39
Febbre locale 40
Capitolo VI°
Tutte le malattie sono di natura funzionale e non microbica 42
L'infermita acuta e cronica 44
Tutte le malattie suppongono febbre e la febbre gastrointestinale costituisce la natura intima di tutti i processi 45
morbosi
Capitolo VII°
La salute e le sue manifestazioni 46
Capitolo VIII°
Infermiamo per lo squilibrio termico del corpo 48
L'origine della febbre interna 49
Gli effetti della febbre interna 50
Capitolo IX°
Febbre curativa e febbre distruttiva 53
Come produrre febbre curativa 53
Capitolo X°
Malato per conseguenza del disordine funzionale l'infermita e il sintomo di tale disordine 56
Capitolo XI °
Non ci sono malattie distinte, bensi malati a causa del disordine funzionale dell'organismo 59
Capitolo XII°
Come si investiga lo stato di salute 61
Capitolo XIII°
L'arte di curare e questione di temperatura e non di medicamenti 68
Disinfiammando si cura 70
Capitolo XIV°
Parassiti e microbi 74
L'infezione e la putrefazione 77
Capitolo XV°
La natura cura collocando il corpo in equilibrio termico 80
Capitolo XVI°
La nutrizione 84
La nutrizione polmonare 84
-Pag. 10 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

La nutrizione cutanea 86
La nutrizione intestinale dipende dalla temperatura dell'apparato digerente 88
Capitolo XVII°
Trofologia 92
Gli alimenti: specie, quantita, combinazione 93
Alimenti che rinfrescano e alimenti che febbricitano 95
La combinazione degli alimenti 99
Capitolo XVIII°
Le eliminazioni difendono la vita 102
Capitolo XIX°
La propria forza vitale e l'unico agente curativo 104
La difesa organica 104
La vita consiste nella rigenerazione 105
Gli elementi vitali 106
Il fango e l'agente della salute perche combatte la febbre interna e locale 111
Come si prepara il fango 114
Capitolo XX°
L'acqua fredda e un agente della salute 115
Sistema nervoso 115
La pelle 116
Come ottenere l'equilibrio termico 117
Traspirazione e reazione 117
L'acqua fredda 119
Come l'acqua fredda conserva e ristabilisce la salute 119
Regole comuni per tutte le applicazioni di acqua all'esterno del corpo 121
La fregagione o bagno di asciugatoio 122
Le sei frizioni 123
Fasciature ed avvolgimenti 124
Getto a spruzzo freddo 127
Bagni 129
Vapori 132
Il lavaggio del sangue 132
I vapori parziali 135
Il clistere o enteroclisma 135
Capitolo XXI°
Le piante e la frutta 137
La ricotta, il miele d'api ed i purganti 141
Capitolo XXII°
Indicazioni ed avvertenze 143
Per ottenere esito 145
Come controllare la cura 146
Punto di partenza della cura e conseguente guarigione 147
Il regime di salute 148
Innocenza o penitenza 150
Capitolo XXIII°
Casi di guarigione 152
Capitolo XXIV°
Viviamo nell'epoca dei grandi errori della medicina 164
L'ignoranza del pubblico permette alla falsa medicina di prosperare 165
Una medicina in sostituzione della religione nello Stato 167
Perche si complicano le infermita o malattie 167
Medicina di guerra in tempo di pace 168
Le infermita incurabili o inguaribili 168
Il perche degli insuccessi della medicina 169
Come l'autorita medica difende la salute pubblica 170
La trascendenza di questo verdetto 172
L'uso o l'utilizzazione degli agenti naturali non e soggetto al controllo medico giuridico 172
La tecnica medica 174
L'Omeopatia 174
Gli altri sistemi 175
La Dottrina Termica e fonte di salute 175
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 11 di 176

PARTE PRIMA

INTRODUZIONE
LA SALUTE PER DISTINTO CAMMINO

I piu grandi successi, le piu grandi idee, (le piu grandi idee
sono i piu grandi successi) si comprendono molto tardi e le
generazioni contemporanee non le vivono, anche se ci vivono
da vicino.
Accade nella vita, come nel regno degli astri. La luce delle
stelle piu lontane tarda ad arrivare a noi e, frattanto, l'uomo
nega tale esistenza.
Quanti secoli ci vogliono perche uno spirito possa essere
compreso?
Federico Nietzsche
Il vero titolo di questo libro dovrebbe essere «La salute alla portata di tutti». Noi purtroppo
non abbiamo cura di tale tesoro e lo apprezziamo solo quando l'abbiamo perso, cercando di sanarlo
con l'ausilio delle medicine, per allontanare i dolori. Ho adottato il titolo che porta, per far
conoscere ai sani ed agli infermi i mezzi piu adeguati che ci offre la Natura (aria, luce, terra, acqua,
sole e vegetali), per mantenere e ricuperare la salute senza la necessita di interventi estranei e tanto
meno di prodotti artificiali, confezionati dall'uomo nei suoi laboratori chimici, o mediante l'azione
della chirurgia, dell'elettricita o del radium, del cobalto, ccc. ecc.
La medicina, qualsiasi sia il suo nome, poggia sempre sopra due fondamenti convenzionali:
Patologia, che e lo studio delle malattie e Terapeutica, che insegna il procedimento per combattere
dette malattie.
Il professionismo medico, con questi due fondamenti, e condannato all'insuccesso, perche
opera sopra «La malattia» che e l'alterazione della salute in grado variabile e con manifestazioni
diverse. Si dirige cosi verso un fenomeno negativo, mentre gli insegnamenti di questa opera hanno
come fine la salute, che e la normale funzionalita dell'organismo, fenomeno positivo. Cosi l'unico
rimedio per allontanare tutte le malattie consiste nel saper coltivare la salute, cio che ci proponiamo
di insegnare al lettore.
«Non ci sono malattie, ma solo malati» lo comprovo Ippocrate.
E cosi che dobbiamo insegnare al malato, perche possa ristabilirsi e conservare la salute
integrale, e non combattendo il dolore, che e l'effetto della mancanza di essa, in quanto tutte le
malattie hanno la stessa origine, cioe l'alterazione della salute in maggior o minore grado. Si muore
solo per mancanza di salute.
Come si vedra piu avanti, il malato e quell'individuo che difetta della salute e malattia e la
manifestazione variabile di questa anormalita.
Lottando contro le «malattie», la medicina e come il pugile impotente nel distruggere la
propria ombra, lottando con essa alla luce della luna o al chiarore di un fanale; perche un fenomeno
negativo e intangibile, inattaccabile e indistruttibile.
Al margine di quello stabilito come scientifico, il mio sistema non prende parte, in assoluto,
ne alla Patologia ne alla Terapeutica, ma si dirige solo verso la normalita funzionale, cioe verso la
salute, insegnando al soggetto a recuperarla o conservarla mediante l'Equilibrio Termico del Corpo.
Per ottenerlo, bastera l'uso adeguato degli agenti naturali della vita: Aria, acqua, sole, terra ed
una conveniente alimentazione a base di frutta e di insalata cruda.
Stando al concetto dei miei insegnamenti, l'unica malattia esistente si chiama «ignoranza
-Pag. 12 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

della salute» e l'unico rimedio razionale e logico e costituito dall'istruzione dell'individuo, affinche
sappia praticare una vita sana con buona digestione e attiva eliminazione cutanea; fattori questi
indispensabili per ottenere l'integrale salute del corpo ed allontanare in tal modo tutte le
indisposizioni fisiche.
Con il loro istinto, gli irrazionali conoscono il cammino della salute e, pertanto, sono liberi
dalle attivita estranee, come quella di ricorrere a medici, ospedali e farmacie. Stando a questi
principi e l'interessato che deve agire in difesa della propria normalita organica, che e la salute
integrale. Come la fortuna e il frutto della attivita quotidiana dell'interessato, cosi la salute e il
risultato degli atti di ogni giorno, in accordo con la legge della Natura, della quale noi facciamo
parte. La salute, risultato dell'origine universale, non puo essere opera del convenzionalismo di
titoli ne di fama consacrata per Accademie.
Gli insegnamenti dati in questo libro, si riferiscono a consigli di vita sana, perche, ognuno di
noi, sappia scegliere gli alimenti adeguati. E necessario saper masticare, insalivare e digerire bene,
praticare esercizi fisici, attivare la pelle; in poche parole, mantenere l'attivita normale del corpo
nelle funzioni di nutrizione ed eliminazione che costituiscono la vita medesima.
Poiche sotto questo aspetto salute e attivita funzionale dell'organismo, malattia e depressione
funzionale e morte e paralisi funzionale dello stesso, si deduce che il problema della salute e di
carattere funzionaIc e non microbico. Come ripeto, invece di curare ricettando medicine per
cancellare o soffocare i sintomi e manifestazioni per mancanza di salute, il mio sistema procura il
miglioramento di questa, mediante un regime di vita diretto ad ottenere buona digestione, normale
respirazione ed attivita funzionale della pelle del soggetto. Con buona digestione nel corpo si
genera sangue puro e, con attiva eliminazione della pelle, si espellono tutti gli umori malsani e
pregiudizievoli.
Costituendo la digestione la base della salute, ed essendo questa una fermentazione degli
alimenti che, per essere sana, necessita una temperatura di 37 gradi centigradi, essa e piu o meno
alterata in tutti i malati perche, come rivela l'iride degli occhi e, in generale conferma il polso, non
esistono malati senza febbre gastrointestinale.
La respirazione normale in un adulto richiede 70 pulsazioni al minuto, affinche il flusso
sanguigno si muova normalmente nei polmoni e questo polso e possibile solo con 37 gradi di
temperatura tanto alla superficie del corpo quanto nell'interno di esso.
Cio detto, rimane spiegato questo mio nuovo concetto della salute che, essendo la normalita
funzionale dell'organismo garante della temperatura normale ed uniforme del corpo, diventa una
questione «Termica» e non di medicine, magnetismo, sieri, vaccinazioni, chirurgia, raggi X,
radium, ecc. ecc.
Percio il mio sistema si disinteressa di «Diagnostici e di medicine», e si dirige solo verso la
salute che, come ripetiamo, e normalita funzionale dell'organismo il quale richiede Equilibrio
Termico del corpo, come si vedra in questo libro.
La mia Dottrina Termica toglie il problema della salute dal campo della Patologia e della
Terapeutica, e lo colloca nel terreno della temperatura.
Infine, il lettore deve comprendere che, in questo libro, non si offre uno dei tanti mezzi per
curare malattie, bensi un distinto e sicuro cammino per godere di salute senza necessita della
medicina.
L'AUTORE
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 13 di 176

CAPITOLO I°

LA SCIENZA DELLA SALUTE


Possedere buona salute lo considerate come il maggior bene
sulla terra?
Dico di no; la felicita e nel sapersi conservare sano.
Padre Taddeo
La malattia e un'offesa a Dio. La salute invece e il miglior
tributo che l'uomo possa offrire al suo Creatore.
Cardinale Verdier

Definendo: la scienza e una costruzione spirituale che tende ad organizzare razionalmente il


complesso dei fenomeni, ossia stabilire le leggi dell'esperienza.
Nella vita del progresso, per la salute esistono tre principi: 1° conoscere la verita, 2°
comprenderla e 3° realizzarla.
Per arrivare alla gloriosa meta della salute e necessario conoscere le leggi della natura,
comprenderle e saperne applicare per ogni caso i relativi agenti, cio che l'artificialita della nostra
vita ha collocato invece all'ultimo posto. La sapienza esiste solo nella Natura e non nel laboratorio
farmaceutico.
Per essere un vero saggio e necessario essere un osservatore dell'Opera del Creatore, vale a
dire della Natura, praticare le sue immutabili leggi ed acquistare una sufficiente esperienza
personale.
Il laboratorio biologico, le sue osservazioni ed esperienze formano solo un sapere
convenzionale; i saggi di laboratorio giammai potranno possedere la scienza che da la felicita agli
irrazionali che vivono con salute, senza altra guida che il loro istinto.
La salute vale piu della vita, perche questa, senza quella, non vale la pena di essere vissuta.
«L'ignoranza della salute» e l'unica e vera causa di tutte le malattie che l'uomo sopporta nel
corso della sua esistenza. Cosi si consacra l'importanza di questo libro, che ha per oggetto
l'istruzione dal bimbo all'intera famiglia su tanto importante materia.
L'uomo, nell'affrontare tutti i dolori che per mancanza di salute gli tendono un continuo
agguato ad ogni istante della sua vita, si ritrova impotente, malgrado il baule delle sue esperienze
faticosamente acquisite nelle scuole, nelle officine e con la pratica, ad affrontare tale nemico, che
con lento ma assiduo passo lo soffoca di giorno in giorno, lasciandolo esposto alla rovina fisica.
Nella scuola il bimbo ed il giovane imparano vari insegnamenti che si considerano
indispensabili; pero questo bimbo, questo giovane, iniziano la loro giornata senza conoscere i
mezzi piu adeguati per avere cura della delicatissima macchina che il Creatore ha posto a
disposizione di ognuno di noi per determinare il proprio destino fisico e morale. Es.: se
consegnassimo ad un inesperto viaggiatore una automobile nuova per compiere un lungo viaggio
su vie con differenza di fondo stradale senza avergli prima insegnato il modo di guidare e di
riparare l'auto stessa, dobbiamo convenire che il nostro viaggiatore potrebbe arrivare al termine del
viaggio solo per miracolo.
Cosicche quello che nessuno accetta trattandosi di cosa frivola, e accettato e consacrato per
una questione fondamentale come la vita stessa dentro all'attuale organizzazione che noi
chiamiamo civilta. I padri ignoranti, che sono quasi la totalita, credono che per preparare il loro
figlio ad intraprendere la vita, basti consegnarlo ai maestri, i quali sovrabbondano di conoscenze
teoriche ed artificiali. (Se tutto il mondo agisce in tal modo, sembra logico procedere cosi).
-Pag. 14 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

In questo modo il bimbo, dopo aver vissuto con grandi sforzi per imparare insegnamenti poco
meno che inutili, si lancia nella vita con un organismo che non conosce, e che non sa curare e tanto
meno sanare in caso di accidenti e di alterazioni della salute.
Pero, come pretendere che il bimbo o il giovane imparino ad evitare le malattie, quando
queste non dipendono da loro, bensi sono considerate opera di un agente misterioso, maligno e
capriccioso denominato «microbo» e della sua opera «l'infezione»?
Se ogni giorno rischiamo di essere vittime della infezione che ci tende l'agguato in casa, per
le strade, nei teatri, nelle chiese, nei mezzi di trasporto collettivo ecc. a cosa ci servono le
conoscenze di vita sana, quando per combattere questo invisibile e poderoso nemico e necessario
possedere l'occulta scienza di laboratorio riservata solo ai sacerdoti di tale scienza? Non c'e altra
soluzione che abbandonarsi al capriccio del destino e, arrivato il momento, ricorrere al sacerdote
della scienza microbica, al «medico» perche ci liberi da questa minaccia, predisponendo in tal
modo il nostro organismo ad un'altra futura e forse peggiore disgrazia.
Questi sono gli errori consacrati dalla civilizzazione che e arrivata, per mezzo di una legge,
ad imporre all'uomo una tale ignoranza e uno stato di indifesa che vergognerebbe anche il piu
modesto degli irrazionali.
L'uomo di oggi e un povero peregrino che vive i giorni della sua vita senza conoscere il
sentiero che conduce alla felicita, inseparabile alleata della salute. Gli irrazionali, in cambio, stando
in piena liberta, conoscono la via del loro benessere, realizzando in tal modo il loro destino.
Non pretendiamo di liberare il mondo dagli errori, nei quali tanto allegramente vive perche
ne riderebbe; pero crediamo di fare bene ai nostri simili mostrando loro gli errori di cui siamo
vittime, e insegnando a coloro che soffrono il vero cammino. L'uomo, nella sua ignoranza, rende
perfino Iddio responsabile delle sue disgrazie, dimenticando che ognuno ha quello che si merita.
Noi ci ammaliamo non per opera di forze estranee, bensi per i nostri errori, ossia per il nostro modo
sbagliato di vivere.
Insegnare la semplice verita e l'oggetto di questo libro che, una volta in possesso di ogni
famiglia, aprira gli occhi ai padri, insegnando quello che fin'ora non e stato loro insegnato, dando
poi la felicita di poterlo insegnare a loro volta ai figli. In questo libro insegno la mia Dottrina
Termica che non ha nulla a che vedere con il volgare naturismo, attorno al quale nome prosperano
tanti errori. L'autentico naturismo fu praticato da Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre, pero quella
vita paradisiaca e impossibile oggi, data la generazione in cui viviamo; per di piu costituirebbe un
delitto nell'attuale civilizzazione, che ha imposto «l'artificialita» in tutti i principi, creando poderosi
interessi alle spalle della malattia (mancanza di salute) dell'uomo.
Il mio regime di salute, spiegato in questo testo, costituisce «una artificialita» piu che mai
necessario oggigiorno per combattere I'artificialita della vita moderna.
Questo sistema ha per oggetto la riattivazione calorifica della pelle che, progressivamente, si
raffredda a causa del sempre piu artificioso vestiario che copre il nostro corpo. Si dirige poi a
rinfrescare ogni giorno le viscere sempre piu riscaldate dai prolungati sforzi digestivi che
realizzano stomaco ed intestino nell'elaborare alimenti inadeguati ed indigesti.
Lasciando a parte il «personalismo», tutto cio che si va insegnando in questa opera e una
scienza personale, frutto delle mie osservazioni e di una lunga esperienza.
Ai sani e malati offro tutto questo, affinche possano avere il piacere di vivere.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 15 di 176

CAPITOLO II°
LA LEGGE NATURALE
Nelle elevazioni della vita S1 incontra con la verita la vita,
cosi come negli abissi dell'errore, solo si incontra con
l'errore la morte.
Abdan Cifuentes

Le medesime leggi che stabiliscono l'orbita degli astri, che segnano le stagioni dell'anno e che
dirigono la vita del regno animale, dall'elefante al piu piccolo microorganismo, non sono altro che
la da noi detta «Legge-Naturale», che regge pure la vita dell'uomo dove, solo l'essere irrazionale, e
l'unico osservatore di questa legge che lo guida per il suo istinto, permettendogli cosi di vivere sano
e morire di morte naturale poiche, l'uomo ignorante e ribelle la trasgredisce continuamente.
La Legge Naturale e la volonta del Creatore, che impone alla creatura una regola perche
compia il suo destino morale e fisico; inoltre e un indice di virtu e di salute cosicche, l'uomo sano e
buono, mentre l'infermo per apparire buono, e obbligato con grande sforzo a frenare le sue
inclinazioni morbose. La vita dell'uomo civilizzato, degenerando il suo istinto e ignorando
l'imposizione della Legge Naturale, si sviluppa senza altra guida che quella dell'imitazione degli
errori altrui o del proprio capriccio. Da questo si deduce la necessita di indirizzare ogni persona,
specialmente i padri di famiglia, allo studio della scienza della salute, poiche questa e in stretta
osservanza con la Legge Naturale.
L'uomo abusando del suo arbitrio, contravviene generalmente alla legge naturale,
sanzionando in tal modo la sua vita con dolori e malattie che terminano con la morte prematura e
dolorosa.
La Legge Naturale ha stabilito la durata della vita dei mammiferi in un periodo pari a sei o
sette volte il loro sviluppo, vale a dire che, se un cavallo impiega cinque anni dalla nascita per
completare il proprio sviluppo, normalmente dovrebbe vivere dai trenta ai trentacinque anni, cosi
l'uomo che impiega venticinque anni per il proprio sviluppo, dovrebbe raggiungere una eta di
centocinquanta o piu anni.
L'uomo sano produce di piu di quel che consuma; offre figli sani alla societa e i suoi costumi
all'economia ed alla previsione, edifica la propria pensione per trascorrere una vecchiaia tranquilla
e felice, senza ricorrere alla societa.
I precetti che la Legge Naturale impone all'uomo, come condizione per mantenere la
normalita organica del corpo, sono raccolti in questi dieci comandamenti:
1° Respirare aria pura.
2° Mangiare esclusivamente prodotti naturali.
3° Essere sobri costantemente.
4° Bere unicamente acqua naturale.
5° Avere somma pulizia in tutto.
6° Dominare le passioni, procurando la maggior castita.
7° Non essere mai oziosi.
8° Riposare e dormire solo il necessario.
9° Vestire semplicemente con vestiti sciolti, evitando fasce e cinture che alterano il movimento
peristaltico dell'intestino e del sistema circolatorio del sangue.
10° Coltivare tutte le virtu, cercando di essere sempre allegri.
La trasgressione di uno solo di questi comandamenti puo essere la causa di una malattia,
perche altera il normale funzionamento dell'organismo, come vedremo piu avanti.
-Pag. 16 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

RESPIRARE SEMPRE ARIA PURA


Diceva Ippocrate: L'aria pura e il primo alimento e il primo medicamento.
In effetti si puo vivere per diverso tempo, senza mangiare e ingerire alcun alimento.
Possiamo ricordare (fra tanti uomini) il sindaco di Cork in Irlanda che, facendo lo sciopero della
fame nella sua prigione, ha prolungato di 72 giorni la sua esistenza senza consumare nessun
alimento, bevendo solo dell'acqua. Pero mai nessuno ha potuto mantenersi in vita senza respirare
per un periodo di otto o dieci minuti; con questo e dimostrato la saggezza del precetto ippocratico.
In cambio, nella vita pratica, la maggior parte degli uomini non da grande importanza all'aria
perche, dopo aver trascorso una giornata di fatiche cerca riposo o diversione rinchiudendosi in
abitazioni, teatri, club, taverne ecc. ecc.
Bisogna imparare che, come alimento, l'aria pura rifornisce la maggioranza delle nostre
necessita fisiologiche percio nei campi, nei boschi, in montagna ed al mare, si puo vivere
principalmente di aria e, secondariamente, di alimenti destinati allo stomaco; al contrario, con le
errate abitudini l'uomo, per la inadeguata elezione degli alimenti, carica lo stomaco mantenendosi
cosi in uno stato di insufficienza vitale.
L'aria nell'economia del corpo umano deve entrare per due condotti e questi sono: polmoni e
pelle.
La pelle e un secondo polmone e, a sua volta, un secondo rene; infatti assorbe normalmente
la quarta o quinta parte dell'ossigeno di cui abbisogniamo ed espelle, in analoga proporzione, i
residui del consumo organico.
Perche la pelle disimpegni la sua funzione, e indispensabile che sia a contatto diretto con
l'atmosfera; si conferma cosi l'importanza dei bagni di aria riconoscendo la pregiudizi aIe
dell'indumento intimo, specialmente oggi che e costruito con fibre sintetiche.
La respirazione polmonare deve essere eseguita per mezzo del naso, con la bocca chiusa,
poiche il naso e il guardiano dei polmoni, in quanto riscalda l'aria troppo fredda e ne filtra le
impurita. Mentre piu ci alimentiamo di aria, meno necessita abbiamo degli alimenti stomacali. Cio
e dimostrato dalle persone che hanno un'insufficienza polmonare, come i tisici che sviluppano una
grande attivita digestiva, manifestando il loro classico appetito mai soddisfatto.
Cosi, come per ottenere una buona digestione e necessario saper mangiare, per respirare
dobbiamo saperlo fare; per questo si consiglia della ginnastica respiratoria, facendo piu volte al
giorno, e soprattutto alla mattina all'aria libera, respirazioni ben profonde per alcuni minuti,
aspirando per il naso ed espellendo per la bocca.
Dobbiamo cercare a tutte le ore l'aria pura, essendo questa l'alimento piu preciso per
conservare la nostra salute, dormendo tutto l'anno con le finestre aperte, e d'estate, se e possibile,
sotto i pergolati, sotto gli alberi, coricati sopra la terra.
Tutte le persone e specialmente quelle che soffrono di malattie polmonari, devono seguire
questi consigli senza preoccuparsi dell'aria fresca, che e piu tonica di quella tiepida, poiche l'aria
pura e il primo medicamento.

MANGIARE ESCLUSIVAMENTE PRODOTTI NATURALI


L'alimento naturale e quanto ci offre la Natura in ogni ambiente e latitudine, nei vari periodi
dell'anno, essendo la cosa piu conveniente alla nostra struttura organica ed alle necessita
fisiologiche e potendosi mangiare allo stato in cui viene offerta dalla Natura stessa.
L'alimento naturale e tanto desiderato (in special modo dai bimbi, poiche in essi il flusso
della Natura non e ancora svanito), e puo essere mangiato allo stato naturale senza alcuna cottura o
previa elaborazione.
Saper scegliere gli alimenti e indispensabile per conservare la salute, poiche e l'alimento
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 17 di 176

ingerito che forma il nostro sangue, la cui qualita dipende dall'alimento stesso.
L'ordine naturale stabilisce che il regno minerale alimenta il vegetale, e quest'ultimo
l'animale; per tanto risulta che, ingerendo sostanze minerali, come lo sono quasi tutti: i prodotti
farmaceutici e la maggioranza degli alimenti ora in commercio, vuoI dire introdurre nell'organismo
materie estranee che questo non puo assimilare.
L'animale in piena liberta, con l'ausilio dell'istinto, cerca l'alimento che piu gli conviene; pero
l'uomo, degenerando il suo istinto, crede di poter mangiare quanto gli piace senza altro limite che
quello dei propri capricci.
Come vedremo piu avanti, la trasgressione a questo precetto della legge naturale, sara la
causa principale delle malattie e infermita dell'essere razionale. Un celebre biologo ha detto: «Con i
suoi denti l'uomo scava la propria sepoltura»..
Grandi savi come Cuvier, Slikyssen, Carrington, Lahmann, Cristian, ecc. dimostrano, senza
alcun dubbio, che l'uomo e frugivoro, la sua costituzione organica deve essere alimentata con frutta
e verdura. Lamarck, Darwin, Haeckel, ecc. comprovano l'analogia fisiologica dell'uomo con la
scimmia che e frugivora e, questa, e una verita che non ha contraddittori.
Come dice il dottor Amilcar De Souza, la pratica e superiore a tutte le teorie; lo dimostrano
migliaia di indigeni che vivono nei boschi cibandosi solo di frutta. Facendosi cuoco, l'uomo si
ammalo, cambio la sua integrita biologica, abbrevio la sua esistenza.
Cibandosi di frutta e di verdura, le malattie acute e croniche non possono incontrare nel
nostro corpo l'ambiente adeguato, in quanto la frutta e la verdura sono alimenti elaborati dalla
Natura, poiche le piante, succhiando dalla terra l'acqua ed i minerali, li dosano nei loro frutti,
arricchendoli dell'essenza, coadiuvata dall'azione benefica del sole.
I vantaggi del regime frugivoro sono manifesti. Oltre ad evitare le malattie,s sono il mezzo
piu sicuro per curarle. Oltre a questo benefico vantaggio, la persona che vive esclusivamente di
frutta e dotata di un raziocinio mentale piu chiaro e libero in quanto il sangue, immune da tossici,
irriga con migliore succo le cellule nervose che servono da organo per le facolta dello spirito.
La carne degli animali non e stata destinata come alimento per l'uomo, perche piu che
alimento e un eccitante a causa dei tossici che possiede, fra i quali si annoverano la creatina,
creatinina, cadaverina, ecc. ecc. che se iniettate in un coniglio anche in piccole proporzioni causano
la morte fulminea.
Se per natura l'uomo fosse carnivoro, si sentirebbe attratto dalla carne cruda e la mangerebbe
cosi; pero, malgrado il degenerato istinto, inorridisce solo a pensarlo e cerca di trasformarla
mediante l'azione del fuoco e l'arte della cucina, dandole altro aspetto ed altri gusti per renderla
desiderabile al sensi
Con questo inganno, l'uomo va alterando le proprie funzioni vegetative, che non dipendono
dalla volonta, e che cosi obbligate alla disarmonia organica ci condurranno alla malattia e
all'infermita.
Il dottor Amilcare de Souza dice con ragione: la menzogna piu convenzionale della nostra
civilizzazione, e quella dell'alimento cotto, e soprattutto quello della carne.
Per terminare questo tema, ci domandiamo: che cosa andiamo cercando nei prodotti
cadaverici dell'animale, che questo non abbia preso dal regno vegetale? Se il bue forma e mantiene
il suo corpo con le sostanze estratte dalla debole foglia d'erba, tanto meglio l'uomo potra
alimentarsi con le sostanze concentrate nella frutta e nelle sementi che, per un periodo da sei a nove
mesi, accumulano energia solare, magnetica, elettrica ed altre qualita sconosciute estratte dalla terra
e dall'atmosfera.
ESSERE SOBRI COSTANTEMENTE
Per sobrieta si intende: mangiare poco, masticare bene, ingerire lentamente e all'ora
opportuna. Mangiare eccessivamente e tanto pregiudiziale come ingerire alimenti non naturali
-Pag. 18 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

perche, ingerendo eccessivo alimento, l'organo digerente aumenta il suo lavoro, congestionando
cosi e aumentando la temperatura interna e producendo in tal modo fermentazioni malsane che
sviluppano tossici che avvelenano il sangue.
L'uomo per natura e uno degli esseri piu frugali del Creato perche non abbisogna di grandi
quantita di alimenti. L'importante e saper approfittare di quello che si mangia perche, per
l'economia dell'organismo, non e necessaria una grande quantita di alimenti, che lasciano residui
che lo intossicano. Non dobbiamo mangiare senza aver fame: cio varrebbe a dire, sforzare lo
stomaco ed esporlo ad una cattiva digestione.
Per la nostra alimentazione sono sufficienti tre pasti al giorno, ritenendo come principale
quello del mezzogiorno.
Sedersi a tavola con allegria, liberi da ogni preoccupazione, mangiare masticando bene ed
insalivando molto il cibo, ingerirlo lentamente cercando di bere poco perche i liquidi diluiscono i
succhi stomacali, rendendo piu debole la loro azione e rendono difficile in tal modo il processo
digestivo.
Non dimentichiamo che meta della digestione si ottiene in bocca, e che le fecole si
digeriscono principalmente con la saliva che, senza tale mezzo, una volta introdotte nello stomaco,
produrrebbero degli acidi velenosi che irriterebbero i reni ed il fegato.
Il miglior posto per mangiare e all'aria libera e sotto gli alberi, pero, non potendo fare cio,
basta un ambiente allegro con aria, luce e sole, in quanto, la piacevole funzione del mangiare e
tanto importante per mantenere la vita.
Un grande errore, abituale nelle famiglie, e quello di servire lo stesso cibo agli adulti, ai
giovani ed ai bambini poiche ogni epoca della vita ha le sue differenti necessita; per ora diremo
solo che la stessa quantita di albumine conveniente ai bimbi pregiudica gli adulti.
La sobrieta ci consiglia di mangiare moderatamente, di non riempire eccessivamente lo
stomaco, bensi di alzarsi da tavola ancora con appetito.
La fame insaziabile, la necessita di mangiare a tutte le ore perche ci si sente deboli, e indice
sicuro di gravi frastorni digestivi, in quanto non viene usufruito dal corpo quanto si mangia.
Il digiuno e uno dei mezzi piu sicuri per curare le malattie di indole digestiva, in speciale
modo di quella febbrile.
Osservando gli animali vediamo che, quando si sentono male o sono feriti non cercano
nessun cibo per diversi giorni, ingeriscono solo acqua finche non ritorna l'appetito, che e indice di
normalita.
Il digiuno puo essere assoluto, senza ingerire nient'altro che acqua, o relativo, consumando
solamente frutta. Il primo conviene nella febbre degli adulti e, il secondo, nelle malattie febbrili dei
bambini.
Il digiunare una volta alla settimana o una volta al mese, e una cura di grande profitto per
qualsiasi persona perche, oltre a permettere un riposo all'apparato digerente, favorisce
l'eliminazione delle materie morbose, dato che tutta l'attivita organica rimane dedicata a una sola
funzione: l'eliminazione.
Tutte le religioni praticano il digiuno come un mezzo di perfezionamento morale e, in tal
caso, il corpo si libera dalle tossine che perturbano le funzioni nervose specialmente le cerebrali.
Esiste pure un semi-digiuno che consiste nel cibarsi di pura frutta una volta alla settimana od
ogni quindici giorni, sia essa data da uva, mele, aranci o noci. Inoltre, la regola fondamentale
nell'igiene dell'alimentazione e di mangiare vegetali crudi, in special modo frutta e semi di alberi,
con moderazione e bene masticati.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 19 di 176

BERE UNICAMENTE ACQUA NATURALE


La Natura ci ha dato l'acqua come unica bevanda.
Acqua, aria, luce e terra, sono gli elementi indispensabili per la vita animale e vegetale; dei
primi tre approfittiamo direttamente per mezzo dei nostri organi, mentre ingeriamo la terra
indirettamente, cibandosi di prodotti vegetali.
L'acqua oltre ad essere una bevanda e un alimento ed e pure una medicina tanto per l'interno
come per la parte esterna del nostro corpo poiche purifica tutto e, il suo effetto si ottiene usandola
come bevanda e per bagni.
La salute per mezzo dell'acqua fredda e la scoperta che ha immortalato il nome di un
campagnolo austriaco, Vincenzo Priessnitz, in quanto con tale scoperta, ha aperto un nuovo
cammino che marca l'ora d'oro della medicina Naturale.
La idroterapia, migliorata e popolarizzata dall'insigne monaco di Woerischoffen, Sebastian
Kneipp, e arrivata al suo perfezionamento per mezzo dell'immortale Luis Kuhne, fabbricante di
mobili di Leipzig, che oggi figura tra gli immortali benefattori dell'umanita.
lo, autore di questa opera, ebbi l'onore di conoscere un grande apostolo della idroterapia,
discepolo di Kneipp, il conosciuto e tanto ricordato in Cile Padre Taddeo di Wisent nostro maestro
e, dopo Dio, solo a questo umile religioso devo la mia' salute e la vita che stavo perdendo malgrado
tutti gli inganni della medicina facoltativa.
Lasciando la descrizione sull'acqua fredda come agente di salute (che tratteremo nel capitolo
opportuno) diciamo che, come bevanda, ci fornisce non solo gli elementi chimici ma anche gli
agenti energetici in dissoluzione che sono: energia solare, effluvi magnetici, potenza elettrica e aria
oltre ad altre sostanze non ben conosciute che vengono prese dalla terra, dall'aria e dal sole,
spiegandosi cosi che, la migliore acqua per bevanda e quella che scende dai monti poiche, grazie al
suo irregolare ed accidentato percorso, si arricchisce degli elementi ed agenti sopra detti che la
caratterizzano in «acqua viva», atta a soddisfare le nostre necessita fisiologiche, al contrario
dell'«acqua morta» di pozzo o di laguna ferma, che e pregiudiziale alla salute1.
Per approfittare delle condizioni salubri dell'acqua, dobbiamo berla a sorsi ed in piccole
quantita e giammai bollita, cercando di trattenerla in bocca poiche e stato comprovato che la parte
energetica degli alimenti si assimila principalmente in bocca, cosi come la parte chimica si assorbe
nel tubo digerente.
Come purgante l'acqua e insostituibile; Kneipp raccomanda alle persone stitiche di berne un
cucchiaio ogni ora. Le indigestioni spariscono in una o due ore bevendo l'acqua a sorsi corti, ogni
tre o quattro minuti.
Un bicchiere d'acqua a digiuno e uno alla notte al coricarsi sono il mezzo facile e sicuro per
mantenere pulito ed attivo lo stomaco e l'intestino.
Gli intossicati, gli ammalati, incontreranno nell'acqua bevuta con frequenza e moderazione
un eccellente mezzo per facilitare l'eliminazione delle tossine. Le fatiche, le impressioni, i dolori,
passano con un bicchiere d'acqua fresca.
L'acqua si deve bere lontano dai pasti, almeno due ore dopo un'abbondante pasto. Giammai
berla ghiacciata con il corpo riscaldato od agitato, perche potrebbe produrre un raffreddamento dei
polmoni causando una polmonite, o colpire lo stomaco, producendo catarro stomacale.
Per terminare questo capitolo esclamiamo con il ricordato padre Taddeo: «lodato, mille volte
lodato Dio nostro Signore che, in cosi semplice elemento, ci ha proporzionato un ricco tesoro».

1 Le acque minerali non sono raccomandabili, perche tengono in dissoluzione sostanze inorganiche che il corpo non puo
assimilare, obbligandolo ad un lavoro straordinario di eliminazione per mezzo dei reni, che si indeboliscono.
-Pag. 20 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

AVERE SOMMA PULIZIA IN TUTTO


La pulizia organica e salute. Come il funzionamento di un motore dipende dalla pulizia di
tutte le sue parti, cosi il funzionamento dell'organismo e normale se questo e pulito, cioe libero dai
residui accumulati nel fondo delle nostre viscere, che sono il prodotto di una cattiva alimentazione.
Un motore e potente quando e ben pulito, e perde la sua forza quando e sporco; cosi
l'organismo impuro perde la sua forza vitale che aumenta solo con la purificazione organica.
La sporcizia della pelle e assorbita per mezzo dei pori, quindi la pulizia esterna purifica pure
il mezzo interno; per questo, e con ragione, Priessnitz diceva: «le malattie si curano meglio per di
fuori che per di dentro».
In base alla medesima ragione per cui giornalmente ci laviamo la faccia e le mani, dobbiamo
pure lavarci tutto il corpo, e questo lo si deve fare appena scesi dal letto con il corpo ancora caldo.
Si prenda un asciugamano e si immerga in acqua fresca, lo si strofini lungo il corpo, incominciando
dai piedi fino al collo e dal collo ai piedi lungo la parte posteriore.
E incredibile come, con questa pratica tanto semplice, si ottenga un magnifico effetto, in
quanto si mantiene il corpo agile, leggero e resistente ai cambi atmosferici del giorno; quindi
raccomando cio tanto ai malati quanto ai sani, siano essi giovani o vecchi.
La pulizia che dobbiamo avere, non si riduce solo alla nostra persona ma anche in tutto cio
che ci circonda.
La casa in cui abitiamo deve essere ben pulita anche nell'ultimo angolo; non devono restare
all'interno recipienti con residui. La casa deve essere bene arieggiata e soleggiata, in special modo
le camere da letto, non dimenticando il vecchio detto popolare «Dove entra il sole non entra il
dottore».
Le camere da letto non dovrebbero contenere altri mobili oltre al letto, al comodino e ad
alcune sedie in quanto armadi e cassettoni che contengono indumenti e vestiti, emanano sostanze
nocive perche impregnati di elaborati chimici impiegati per preservare gli indumenti dall'azione
degli insetti.
Per mantenere la pulizia interna del corpo, una persona nello stato normale di salute, dovra
quotidianamente praticarsi l'abluzione con acqua fredda appena svegli, dormire con finestre aperte
(al minimo socchiuse), fare la colazione a base di frutta, evitare nei pranzi i prodotti animali,
specialmente carne ed eccitanti come bevande fermentate, te, caffe, tabacco ecc. ecc.
Gli adulti che vivono la vita in citta avranno con il mio lavaggio di sangue il ricorso
indispensabile per mantenere la purezza organica.

DOMINARE LE PASSIONI E MANTENERE LA MAGGIORE CASTITA


Essendo il nostro sistema nervoso l'agente che trasmette l'energia vitale, qualsiasi alterazione
delle sue funzioni colpisce la normalita generale del corpo ed e pertanto causa di malattie. Per
questo tutte le malattie suppongono una alterazione nervosa e, questa, e a sua volta la causa di
quelle.
La nostra mente controlla la nostra attivita effettiva e questa, a sua volta, impressiona il
sistema nervoso. E da qui che risulta l'importanza che ha l'educazione della forza mentale nel
dominio sui nostri nervi.
Lo studio della forza mentale e considerato di grande importanza, tanto per conservare la
salute come per ricuperarla, e questo stato ha dato origine al «Mentalismo».
La forza mentale e un attributo dell'uomo e ad essa si devono molti fenomeni che in tempi
lontani erano inesplicabili, quali l'ipnotismo, il magnetismo animale, la trasmissione del pensiero e
di energia vitale ecc. ecc.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 21 di 176

Si sa che una paura, una pena o una gioia producono una disfunzione nella digestione che
equivale ad una anormalita generale, comprendendo facilmente che, per mantenere l'equilibrio
nervoso, si deve evitare ogni sorta di impressioni forti. La vita piena di emozioni e gli eccessi
sessuali indeboliscono il sistema nervoso e rovinano la digestione, cagionando cosi la grave
mancanza di salute.
Il male che molti chiamano «passione» e che, in svariati casi, e causa di morte, non e altro
che uno squilibrio funzionale per mancanza di controllo mentale.
La vita tranquilla, senza sproporzionate ambizioni, e libera da intense preoccupazioni, e la
condizione indispensabile per conservare una buona salute. Fare l'amore, se non e controllato, e una
causa di malattia e di morte.
E stato stabilito che l'odio, l'orgoglio e l'invidia avvelenano il sangue; l'ira colpisce
direttamente le funzioni dello stomaco e del fegato; la lussuria poi, e la causa di mali senza
annoverazioni per l'individuo e la razza stessa, compromettendo l'avvenire di questa fino alla quarta
generazione.
L'uomo civilizzato, specialmente quello della citta, quasi senza eccezione, viene al mondo
piu o meno tarato poiche i padri, quasi sempre deficienti di salute, trasmettono ai figli la loro
deficiente costituzione fisiologica. Questo stato di malattia congenita mantiene lo squilibrio
funzionale che colpisce il sistema corrispondente alla funzione genetica, stimolando
prematuramente il desiderio, e porta il giovane alla lussuria, causa delle proprie disgrazie.
Le cattive abitudini della gioventu e, con maggior ragione, quelle dell'infanzia, hanno come
principale causa le anomalie del sistema nervoso, dovute ad alterazioni del sangue ereditato. Sono
queste perturbazioni che potranno sparire purificando il sangue con un regime alimentare a base di
frutta cruda e con un'attiva eliminazione delle tossine attraverso la pelle del soggetto.
L'uomo lussurioso e malato e, lasciando le redini sciolte al vizio, si getta piu profondamente
nella propria anormalita, dalla quale potra uscire solo mediante uno sforzo mentale che gli faccia
concentrare le proprie energie, nel proposito di ritornare sul cammino della legge naturale.
Gli animali che vivono in liberta, ci danno l'esempio della castita poiche usano le loro facolta
genetiche solo poche volte all'anno.
Quindi la legge che governa gli animali impone pure all'uomo le sue norme; da qui risulta che
la trasgressione di questo precetto sulla castita e causa costante di squilibrio nelle funzioni
organiche e mancanza di salute.
Normalmente l'uomo non dovrebbe pensare a riprodursi fino all'eta di 25 anni, poiche e con
questa eta che termina il suo sviluppo fisico. Pero, dato lo stato di degenerazione della specie
umana che ha ridotto di molto la durata della vita, si puo anticipare il tempo stabilendo a 21 anni
l'epoca propizia dell'uomo per la riproduzione, essendo inconveniente il coito prima dei 17 anni.
La durata della vita dipende in gran parte dal saper conservare la castita durante la
giovinezza, poiche sono queste le vitali riserve che ci permettono di affrontare con esito la crisi
dell'eta matura e la decadenza della vecchiaia.
Termineremo questo tema con le seguenti parole di Angelats: «un corpo infermo e incline
ordinariamente a pensieri contrari alla ragione ed alla verita, dirige la volonta per cose basse, gusti
animali, ed atti di ribellione perche il cattivo sangue infetta il cervello e il cuore, lo annulla, lo
eccita e precipita».

GIAMMAI SI DEVE STARE OZIOSI


Il lavoro e una doppia legge imposta all'uomo: Legge fisiologica perche il movimento e vita,
legge morale perche e l'ordine che Dio ha dato all'uomo: «mangerai il pane con il sudore della
fronte».
-Pag. 22 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Il lavoro e la sorgente del benessere morale e materiale, al contrario l'ozio e causa di miseria
fisica e di depravazione morale, poiche ci conduce alla mancanza di salute, alla poverta ed al vizio
Oltre ad essere una sorgente di virtu e beneficio materiale, il lavoro offre allo spirito quella
soddisfatta sensazione di aver compiuto il proprio dovere.
Il movimento e vita e la inazione e morte. Dobbiamo allora muoverei, operare, sudare, perche
senza sudare, il corpo s'inferma non espellendo tutti i residui del consumo organico (si sa pure, che
una macchina che non lavora, arrugginisce e si rovina prima del tempo).
L'esercizio fisico e uno degli stimoli dell'energia vitale, pertanto e un agente valido per la
cura delle malattie.
La ginnastica, possibilmente a corpo nudo, e raccomandata a tutte le persone che esercitano
una professione sedentaria; deve essere praticata alla mattina alzandosi dal letto e alla sera prima di
coricarsi, combinandola con bagni di acqua fresca, aria e sole, sempre all'aria libera o in camera
con le finestre aperte.
Senza alcun dubbio la ginnastica piu naturale e il lavoro agricolo, perche sviluppa le attivita
del corpo e, nello stesso tempo, fa riposare lo spirito, fortificando il sistema nervoso.
Pure il nuoto e una buona ginnastica, pero non bisogna trattenersi molto in acqua perche si
raffredderebbe la superficie del corpo congestionando cosi le viscere. L'ascensione ai colli ed ai
monti e un esercizio molto salubre e completo ed e facilmente realizzabile nel nostro paese. Infine
si raccomanda di vogare o remare, poiche il lavoro con il remo sviluppa le attivita di tutto
l'organismo in forza ritmica e pausata, attivando tutte le funzioni vitali.
Terminiamo con le parole di Monsignor P. Poveda: «stando oziosi rubiamo gloria a Dio,
profitto al prossimo e merito a noi stessi».

RIPOSARE E DORMIRE SOLO IL NECESSARIO


Come la legge naturale ci impone il lavoro ed il movimento, cosi ci comanda il riposo allo
scopo di riparare le energie guastate dall'attivita organica. Si suppone che il riposo e subordinato al
lavoro tanto che, chi non e stanco, non deve riposare. La natura ci indica le ore di attivita che
incominciano con l'alba e terminano con il tramonto del sole. La maggiore attivita della natura
incomincia a mezzanotte e termina a mezzogiorno, declinando poi gradatamente fino alla
mezzanotte.
Le ore piu favorevoli per il sonno sono quelle precedenti la mezzanotte; si afferma cosi che
un'ora di sonno prima delle 24 vale piu di due ore dopo la mezzanotte. Cosi il migliore e piu
soddisfacente riposo e quello dalle ore 20 alle 4 del mattino.
Sette o otto ore di sonno sono piu che sufficienti per il riposo di un adulto, mentre il bimbo
necessita di qualche ora in piu.
L'eccesso di sonno snerva ed intossica.
Il letto deve essere un po' duro, con materassi di crine vegetale, e orientato possibilmente con
la testiera verso il nord, per avere un migliore profitto dai flussi magnetici.
E pregiudizievole coprirsi con eccesso a letto, in quanto il corpo deve essere nudo, o coperto
con una camicia sciolta, senza cintura od elastici che stringono perche, in tal caso, diverrebbe
difficoltosa la libera circolazione del sangue.
Con il riposo si acquistano nuove energie e si eliminano le tossine che impediscono il
normale funzionamento dell'organismo.
Per un sonno riparatore, sono consigliabili le finestre aperte o socchiuse, secondo il tempo.
La posizione di spalla, con le membra distese, favorisce la circolazione del sangue; e pure
favorevole dormire di fianco (destro), pero e da evitare il coricarsi sul sinistro, poiche in questa
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 23 di 176

posizione le viscere comprimono il cuore, rendendo difficili le sue funzioni.

VESTIRE SEMPLICEMENTE E CON VESTI SCIOLTE


L'uomo ha la pelle per stare permanentemente al contatto dell'aria, cosi come i pesci l'hanno
per vivere nell'acqua. La pelle possiede, a tale scopo, organi che le permettono di valersi degli
elementi indispensabili per la vita, quali l'aria, la luce, la terra ed il calore del sole. Con questo si
deduce che l'uomo dovrebbe vivere a corpo nudo od al massimo leggermente protetto, per non
rimanere isolato dagli elementi che sono fonte di vita.
La nostra pelle, per mezzo di milioni di pori, esercita una doppia funzione, elimina ed
assorbe. Attraverso la pelle eliminiamo residui organici, in una proporzione pari al 30% rispetto a
quella dei reni. Il sudore e un prodotto equivalente all'orina; con cio risulta esatto dire che la pelle e
un secondo rene. Piu si attivano le funzioni eliminatrici della pelle, meno lavorano i reni e
viceversa. Ed ecco l'importanza che ha la traspirazione quotidiana; sia essa solo di una ora, ma piu
che sufficiente per evitare malattie renali, e per mantenere pulito il sangue.
Oltre alla funzione eliminatrice, la pelle ha la capacita di assorbire l'ossigeno dell'aria, il
calore e la luce del sole e le emanazioni magnetiche ed elettriche dell'ambiente. Con questo si vuole
dire che la pelle e un secondo polmone e, se le sue funzioni si paralizzano anche per pochi minuti,
si produrrebbe nel soggetto un'intossicazione e quindi la morte. Per realizzare questa doppia
funzione, la pelle deve essere libera ed abbisogna del quotidiano bagno di luce, aria e sole,
applicando in questi bagni l'adeguata frizione di acqua fredda, che riattiva il sistema funzionale.
Conoscendo ora le funzioni della pelle, si comprende quanto sia nocivo coprirsi troppo 2.
Sopra la pelle dobbiamo usare solo indumenti di filo o di cotone, e giammai lana e fibre
sintetiche perche, solo cosi, si facilita l'assorbimento delle materie espulse dai pori. La terra, che e
un accumulatore di energia vitale, e allo stesso tempo un agente purificatore e, data la sua facolta
assorbente e trasformatrice delle materie scomposte dovrebbe stare sempre a contatto con i nostri
piedi. Sarebbe quindi ideale, almeno per poco tempo al giorno, preferibilmente al mattino,
camminare a piedi scalzi sulla terra umida e sopra la rugiada dell'erba, cercando poi la reazione con
una attiva passeggiata di qualche chilometro.
Le scarpe devono essere comode, e di materiale poroso; sono sconsigliate le scarpe con le
suole di gomma, perche impediscono il passaggio delle correnti elettriche e magnetiche che
vivificano e purificano il corpo.
Una delle cause che pregiudica la salute nelle citta, e soprattutto alle donne, e la mancanza di
cura della pelle poiche il grande uso delle creme di bellezza impedisce la normale funzione di
questo organo, mantenendo cosi il corpo in uno stato di impurita, che e focolaio di ogni male.
Il mezzo piu semplice per riattivare le funzioni della pelle, messo alla portata anche del piu
umile, consiste nella frizione di acqua fredda applicata sul corpo alla mattina appena scesi dal letto;
essa consiste nel bagnare un asciugamano e passarlo lungo il corpo dalla pianta dei piedi al collo
sulla parte anteriore, dal collo ai piedi sulla parte posteriore, senza strofinarsi troppo, vestendosi poi
senza asciugarsi.

2 Nell'antichita i popoli di Egitto, Caldea, Israele, Grecia e Roma non conoscevano le scarpe, i calzini, le mutande, le camicie, i
cappelli ed altri indumenti superficiali ora di moda; bastava loro una tunica, un paio di sandali ed un mantello e, con questo,
mantenevano il loro corpo in contatto con l'aria e con gli agenti fisici della Natura.
-Pag. 24 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

COLTIVARE TUTTE LE VIRTU CERCANDO DI ESSERE SEMPRE ALLEGRI


La prima virtu dell'uomo e quella di amare il Supremo Creatore, autore della Natura, fonte di
tutti i beni di cui usufruiamo.
Il corpo sano gode di pace spirituale, ha la mente chiara e il cuore allegro poiche in lui regna
l'armonia delle funzioni fisiologiche e dello stato d'animo.
L'uomo che gode della salute fisica e morale, procura il bene al prossimo poiche desidera che
il suo benessere sia benessere comune.
La cattiveria ed i vizi sono generalmente conseguenza di stati patologici del nostro organismo
e, giacche l'anima nostra opera attraverso i nostri organi corporali, il sangue viziato ed avvelenato
mantiene uno stato di irritazione e congestione dei centri nervosi, che li fa operare fuori dell'ordine,
cadendo cosi in atti delittuosi.
L'uomo che sente ed approfitta quotidianamente dei benefici naturali, ha il cuore
costantemente elevato verso il Creatore, collocandosi in un piano piu alto, che lo allontana dalle
miserie e dai vizi; possiede inoltre energie tanto vigorosamente sufficienti a dominare le passioni e
sopportare le avversita della vita.
D'altra parte, una vita regolata alla legge della Natura, permette all'uomo di condurre una vita
senza privazioni, in quanto consuma meno nell'alimentarsi ed approfitta meglio di quanto consuma,
mantenendo cosi uno stato d'animo soddisfatto che fa sentire il piacere di vivere.
Non dimentichiamo: salute e virtu, allegria e benessere. Malattia invece e vizio, pena, dolore
e disgrazia in tutto l'ordine delle cose.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 25 di 176

CAPITOLO III°
STORIA E DOTTRINA
Il Naturismo e tanto antico quanto la Creazione, pero e
arrivato da solo fino ai giorni nostri, prendendo posizione
nella belligeranza per difenderci dalla Teoria Microbica,
che attribuisce ai microbi la causa delle malattie dell'uomo.
L'autore

La Medicina Naturale, o scienza della salute, e nata con l'uomo; fu praticata dai sacerdoti
Egiziani e Caldei e coltivata pure dai filosofi dell'antichita.
Ippocrate ha formulato le regole della vera arte di curare, la cui chiave e ricordata dalla
classica frase «Natura medicatrix», ossia «E la Natura che cura», normalmente dimenticata dai
professionisti che, con il loro modo di agire anti-naturale, mutilano il corpo, rendendolo una
farmacia. L'azione tossica dei veleni di farmacia (medicine), e precisamente l'agente che deprime
ed annulla la forza curativa e naturale di cui e possessore lo stesso organismo, paralizzandone in tal
modo tutta la reazione salvatrice. Cosi pure la mutilazione parziale o totale di qualsiasi viscera od
organo, rende impossibile la normalizzazione funzionale dell'organismo.
Le forze della Natura non possono agire su di un corpo che si trovi sotto l'azione
medicamentosa dei farmaci, poiche le droghe sopprimono i sintomi che costituiscono sempre la
difesa organica.
Di fronte alle attivita mediche dei filosofi e sacerdoti, che agivano in piena luce impiegando
agenti naturali, i fattucchieri crearono nella penombra la diabolica e misteriosa arte, prescrivendo
agli infermi l'uso di tossici, stimolanti o calmanti, a base di punture di serpenti, di rospi, di
escrementi ed altre immondizie che magistralmente loro stessi preparavano dissimulandone la
ripugnante natura od origine. Questi veleni attuavano, calmando od eccitando, i sintomi del
disturbo organico lasciando pero sempre in piedi la loro causa, che cambiava solo nelle
manifestazioni.
Abbiamo cosi spiegato l'origine delle due medicine che, secondo il dottor Paul Carton, si
disputano l'attenzione degli infermi: Medicina Bianca o filosofica e Medicina Nera o di stregoni.
Preparati opoterapici a base di estratti ghiandolari, vaccini e sieri di coltivo di microbi e
umori corrotti non servono, come non servivano i preparati degli stregoni, anzi sono contrari alla
salute. Contro questa medicina doveva venire una reazione, per salvare l'umanita. Questa reazione
oggigiorno e in piena attivita, non perche e uscita dalle file dei Facoltativi (medici), bensi dal
campo degli infermi.
Infermi furono Priessnitz, Kneipp, Kuhne, Rikli, Just, Padre Taddeo e l'autore stesso di
questo libro.
Comprovando personalmente l'insuccesso della Medicina, che pretende di ristabilire la salute
con tossici di farmacia, agenti di laboratorio e con sanguinosi interventi chirurgici questi infermi,
ribelli a tutto cio che e pregiudizio, lasciarono da parte la routine medica, cercando il cammino
della vera salute, null'altro che con la luce della loro ragione.
L'esito ottenuto dall'esperienza, al margine di quello consacrato ufficialmente come
scientifico, non e stato altro che quello della ragione che si definisce una scienza vera e che, ogni
giorno, si prestigia sempre piu con i suoi successi ottenuti al capezzale degli infermi, sui quali la
scienza medica e chirurgica ha esaurito i suoi ricorsi.
La medicina creata dagli infermi s'innalza liberatrice di fronte a quella dei professionisti, che
e concepita da errate teorie.
E naturale l'antagonismo di questi due sistemi poiche, l'interesse del medico e quello del
malato, vanno per due cammini opposti.
-Pag. 26 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

La Medicina Universitaria e inadeguata per soddisfare le necessita dell'infermo che


abbisogna dell'auto-controllo per difendere la propria normalita funzionale, che e la salute integrale
del corpo.
Cosciente della fragile ed illogica sorgente delle proprie conoscenze e scoperte, e
necessitando di imporre una autorita ed un prestigio senza base reale, la Medicina Facoltativa si e
organizzata in associazioni ferreamente disciplinate, non solo in ogni paese, bensi nel campo
internazionale. La forza dell'Associazione supplisce poi il potere della scienza che manca.
Di fronte a questo potere dell'Associazione d'interessi, in complicita con l'ignoranza ed il
fanatismo del pubblico, l'individuo si trova senza riparo ed impotente nel salvaguardare la salute e
la vita. .
Anche i Governi si sentono diretti e dominati da quest'interessi organizzati, che reclamano
protezione e numerosi ricorsi in nome della Salute Pubblica che giammai potranno servire
utilizzando agenti di morte, come tossici, bisturi, raggi X, radium, ecc. ecc.

LA DOTTRINA TERMICA DELLA SALUTE


Nel 1899, anno in cui studiavo alla facolta di Medicina dell'Universita del Cile, diretta in quel
tempo dal Dottor Polhamer, fui vittima della cosi detta malattia sociale, che mi obbligo ad
interrompere gli studi di medico che non ripresi piu, essendomi reso conto che la Medicina
Facoltativa, nel ristabilire la salute, e un vero fiasco.
Durante lunghi anni, fui curato da professori e da specialisti di Santiago che, con i loro
dispendiosi servigi, non fecero altro che aggravare le mie malattie complicandole di anno in anno.
Di fronte a tale insuccesso della cosiddetta scienza medica, mi demoralizzai a tal punto da
rassegnarmi a morire nel piu breve tempo. Fuggendo da me stesso, un'estate arrivai in un paesetto
al sud del Cile e, alla vigilia del mio ritorno a Santiago, all'uscita dell'hotel m'imbattei in un
monaco cappuccino che scrutandomi insistentemente negli occhi mi disse: Sei venuto a vedermi?
No, padre, risposi. Ebbene, devi venire perche sei molto ammalato. Queste furono le sue parole.
Era padre Taddeo che la Divina Provvidenza mi metteva nel cammino per salvarmi la vita.

Fig. 1 Padre Taddeo di Wisent

Vincendo l'orgoglio professionale che si inculca agli alunni nella scuola di medicina, andai a
vedere padre Taddeo che, dopo aver osservato bene la mia gola disse: «Dai grazia a Dio per essere
qui, poiche sei tanto ammalato e, se non eseguirai subito questo trattamento, morirai presto.
Malgrado comprendessi la grande verita di questo giudizio e, sapendo che ogni giorno poteva
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 27 di 176

essere l'ultimo della mia vita, manifestai di possedere i referti medici dove, dagli esami dei miei
professori, si stabiliva l'assenza di microbi della infezione sifilitica nel mio corpo, e che non si
trattava altro che di nevrastenia. «Ti sbagli, e si sbagliano i medici poiche hai la malattia nel
sangue» replico il padre.
Ricevetti la «ricetta» che prescriveva passeggiate a piedi nudi e getti di acqua fredda ad ore
distinte del giorno, fasciature umide su tutto il corpo alternate con vapore di cassone, escursioni ed
ascensioni in collina ecc. ecc.
Malgrado mi sembrasse difficile poter ricuperare la perduta salute con questa originale
pratica, mi sottomisi ad essa con costante puntualita.
Con questo trattamento, prima di quindici giorni comparve in me un orizzonte di speranza e
benessere da tempo sconosciuto pero, nel medesimo tempo, riapparve abbondante il. fluido uretrale
che i medici mi «avevano curato» anni prima, soffocandone l'espulsione dal corpo ed obbligandolo
a ritenere queste materie corrotte che mi causarono un'infiammazione prostatica, il restringimento
dell'uretra e perfino il ristagno dell'urina. Si gonfiarono pure le ghiandole inguinali, ascellari e del
collo, e, inoltre, comparvero in tutto il corpo eruzioni e piaghe.
Con questa novita ritornai da padre Taddeo dicendogli: «sto morendo ... Veda quello che mi
sta succedendo». «Sei salvo, ora vai ad espellere la malattia che i medici ti misero nel sangue».
Questa fu la sua risposta.
Per piu di un anno il mio corpo espulse attraverso l'uretra, le piaghe e pustole senza accusare
alcuna complicazione, bensi sentendo ogni giorno maggiore felicita di vivere e, grazie a Dio, ho
tutt'ora l'eta di settantasette anni.
Di fronte all'eloquenza di questi fatti, mi resi conto che le droghe erano incapaci di ridare la
salute perduta, e che questa si poteva recuperare e mantenere mediante l'azione degli agenti vitali
che ci offre la Natura, come l'aria, la luce, il sole, l'acqua fredda, la terra, la frutta ed i vegetali
crudi. Da allora decisi di dedicare la vita intera allo studio, alla pratica e diffusione della verita in
quanto si riferisce alla salute, poiche venni a conoscenza di essa al margine della Medicina
Facoltativa.
Per nove anni studiai, a fianco di padre Taddeo, e facendo tesoro della saggezza dei suoi
consigli ed insegnamenti, in quanto questo saggio cappuccino dovette abbandonare il Cile per
recarsi in Columbia a curare i lebbrosi. In seguito mi dedicai allo studio delle opere dei suoi
maestri specialmente del celebre sacerdote di Woerishoffen, Monsignor Sebastian Kneipp.

COME HO CONCEPITO LA DOTTRINA TERMICA


La salvatrice esperienza del sistema Kneipp, mi porto allo studio degli altri grandi maestri,
Priessnitz, Kuhne, Rikli, Just, Bilz, Nauns, Lust, Angelats, Amilcar de Souza, Wander,
Bidaurrazaga, ecc. ecc. Pero, non incontrai in questi geniali intuitivi la dottrina filosofica che
spiegasse il recupero della salute e radunasse i vari punti di vista da loro esposti.
Impegnandomi per molti anni, conobbi felicemente la Iridologia. Lo studio di numerose
opere su questo tema mi porto alla conclusione che nulla e nuovo in un esame dell'iride degli occhi
eseguito con criterio anatomico e patologico.
In cambio il frutto delle mie osservazioni ed esperienze sveglio in me l'idea, che ando
progressivamente radicandosi, portando mi a formulare la Dottrina Termica come base di normalita
nel funzionamento del corpo umano. Questa idea fu ogni giorno comprovata dall'esame dell'iride
degli occhi di mille infermi e sani che ho potuto osservare nel corso di quarant'anni.
E nata cosi la mia Dottrina Termica, che viene ad essere la pietra angolare che raggruppa e
cerne in forma evidente i vari sistemi dei geniali intuitivi, che hanno dato vita al Naturismo
Universale, e ne spiega gli esiti.
Come espongo nel mio libro, «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute», la mia Dottrina
-Pag. 28 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Termica, per la prima volta nella storia della medicina, toglie il problema della salute dal campo
della Patologia e della Terapeutica, fino ad ora disputato nel mondo, e lo colloca nel terreno della
temperatura. Questo nuovo concetto, che conquistera il campo della salute, viene a dar fisionomia
propria al Naturismo, togliendolo dal naturale confusionismo e dall'anarchia.
Alla luce della mia Dottrina il pubblico sapra come attenersi, poiche rimangono ben delineati
i campi della Allopatia con le sue convenzionali teorie, e il Naturismo con la sua Dottrina Termica
perfettamente comprovata dall'iride degli occhi umani, solidamente assodata e dimostrata dalle
leggi della Natura.
La vita civilizzata porta l'uomo allo squilibrio delle temperature del suo corpo, riscaldando
quotidianamente le viscere con la cucina, e debilitando il calore della pelle con vesti ed indumenti
inadeguati. Hanno cosi origine tutti i disturbi funzionali che incominciano con indigestioni e
raffreddori.
Con ragione Kuhne affermo: «non esiste infermo senza febbre interna», e Kneipp ha scoperto
che tutte le alterazioni della salute, non sono altro che la conseguenza di una pelle effeminata e
inattiva. Questa e la ragione per cui i sistemi naturisti in uso, si dirigono a conservare e ristabilire la
salute; alcuni fortificando la pelle con applicazioni fredde, altri rinfrescando le viscere del soggetto
con bagni derivativi del basso ventre, applicazioni di terra, diete rinfrescanti di frutta ed insalata
crude.
Secondo questo, i distinti sistemi naturisti di idroterapia, fisioterapia, trofologia, nudisti,
dietisti, vegetariani, ecc., ottengono i loro esiti intervenendo sulla temperatura del corpo pero, in
forma abitudinaria, che conduce ai sistemi empirici. Invece la mia Dottrina Termica permette di
stabilire con l'esame dell'iride, la necessita per ogni infermo di riscaldare la pelle e rinfrescare le
viscere. E sempre necessario realizzare questa doppia finalita, per poter arrivare alla normalita
funzionale dell'organismo, poiche in tutti i casi una sola e la meta che si deve conseguire, variando
solo l'intensita delle applicazioni adeguate ad ogni singolo caso, d'accordo con le necessita che si
scoprono osservando l'iride e con le condizioni personali del soggetto.
La Dottrina Termica viene a completare gli aforismi gia conosciuti come fondamentali nella
scienza della salute. «Non esistono malattie bensi malati» e tutto questo a causa dello squilibrio
termico in grado variabile. Con questo, e stato comprovato l'unita delle malattie e che solo la
Natura, coadiuvata dall'equilibrio termico, puo curare,
La verita della mia Dottrina Termica, come soluzione del problema della salute dell'uomo e
debitamente provata in questa opera; manca solo diffonderla al massimo perche possa arrivare alla
conoscenza delle masse quale bandiera liberatrice della schiavitu moderna, imposta dalla attuale
medicina i cui interessi prosperano all'ombra dell'ignoranza, per quanto riguarda la salute.
Tutta la forza e la organizzazione della medicina professionale si basa e si difende con la
teoria microbica; la forza e l'organizzazione del Naturismo devono fondersi nella Dottrina Termica.
Su questa base, assolutamente inamovibile e scientifica, dobbiamo intraprendere la conquista della
salute, presentando un fronte unico ed unito, che permetta di vincere l'errore illustrando al pubblico
la superiorita dei nostri principi e procedimenti, che servono per raggiungere i benefici della salute
individuale e collettiva.
Ed ora ritornando al mio caso personale; il disinganno sperimentato in carne propria, mi fece
voltar le, spalle alla medicina, portandomi cosi allo studio delle leggi ed al conseguimento del titolo
di avvocato che ottenni nell'anno 1904.
Pero il destino non volle che la mia professione fosse esercitata nei tribunali di giustizia,
bensi dedicata alla difesa dei diritti della salute e della vita dei miei simili. Puo darsi che i
condannati a morte dalla medicina necessitino di un avvocato per salvare la loro esistenza.
Termino ripetendo: la Dottrina Termica e quella scienza che insegna all'uomo il modo per
mantenere o ricuperare la salute mediante l'equilibrio delle temperature interne ed esterne del
corpo.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 29 di 176

LA SREGOLATEZZA FUNZIONALE DELL'ORGANISMO


PER LO SQUILIBRIO TERMICO DEL CORPO
Questo e il fenomeno caratteristico dello stato della malattia, senza distinzione di nomi e di
sintomi.
Sulle orme di Priessnitz, padre della idroterapia, Kneipp con i suoi bagni freddi risveglia la
reazione termica della pelle, produce febbre artificiale su di essa e, contemporaneamente, rinfresca
e decongestiona le viscere febbricitanti in tutti i malati. Si ristabilisce cosi l'equilibrio termico che
precisa il corpo sano, cioe che funziona normalmente.
Con i suoi bagni freddi del basso ventre, Kuhne rinfresca l'interno della cavita addominale ed
indirettamente ristabilisce il calore normale della pelle, facendo affluire il sangue dall'interno alla
superficie del corpo, ottenendo in tal modo l'equilibrio termico indispensabile per la normalita
funzionale dell'organismo.
Risultati analoghi si ottengono con i bagni freddi di aria di Rikli, con le fasciature di terra di
Just e con i bagni di vapore e di sole, in combinazione con applicazioni fredde, ossia con il mio
lavaggio di sangue.
Mentre Kuhne combatte la febbre interna, punto di partenza ed appoggio di tutte le malattie,
e Kneipp fa reagire la pelle fredda ed inattiva in tutti i malati, la mia Dottrina insegna a combattere
contemporaneamente la febbre interna ed il freddo esterno del corpo, rinfrescando l'interno del
ventre e riattivando il calore della pelle.
Da qui si deduce che, l'arte di conservare e ristabilire la salute, e questione di temperatura e
non di medicamenti, erbe, omeopatia, chirurgia, massaggi, applicazioni elettriche, raggi X o
radium.
Ora definiamo quello che si intende per febbre secondo la mia Dottrina Termica. Febbre e un
fenomeno di natura infiammatoria e congestizia. Si origina per reazione nervosa e circolatoria,
quando i nervi sono irritati o sottoposti ad un lavoro maggiore del normale. Il calore febbrile e un
effetto della reazione nervosa e circolatoria.
La malattia, ossia la mancanza di salute, non e opera del microbo, bensi e in tutti i casi una
anomalia funzionale, prodotta dalla febbre gastrointestinale in uno stato piu o meno variabile come
lo dimostra l'iride degli occhi di tutti i malati, e come generalmente conferma il polso.
Alterando gli alimenti, questa febbre indebolisce e distrugge per denutrizione ed
intossicazione progressiva le sue vittime, come spieghero.
La febbre interna altera e rende incapaci le funzioni di nutrizione e di eliminazione dei
polmoni, perche accelera l'attivita del cuore che, costretto ad inviare con eccessiva frequenza la
onda sanguigna in essi, ne congestiona i tessuti, riducendo cosi la loro capacita d'aria.
Infine, la febbre interna indebolisce le funzioni della pelle che e il secondo rene ed il secondo
polmone, e produce l'anemia causata dalla deficiente circolazione del sangue in questo organo,
aumentando contemporaneamente la congestione delle viscere.
La febbre e non il microbo si deve combattere in tutti gli infermi ed in tutte le malattie. I libri
antichi attribuivano, con ragione, alla febbre la morte dei loro personaggi, ed e frequente trovare
scritto in essi questo: Fu preso da febbre e mori. In realta si muore di febbre e non di infezioni.
«Buone digestioni e non iniezioni» costituiscono il ricorso curativo che trionfera in tutte le
malattie. Non dimentichiamo mai che la digestione sana anzitutto richiede temperatura normale
nell'apparato digerente, come si vedra piu avanti.
L'agente che realizza il ritorno alla salute, e la forza vitale del malato e, questa forza, si
mantiene attiva solo con buone digestioni e con l'attivita funzionale della pelle (ossia buone
eliminazioni), ambedue sono funzioni che richiedono l'equilibrio fra temperatura interna ed esterna
-Pag. 30 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

del corpo.
Con la mia Dottrina «dell'Equilibrio Termico» come base per la salute del corpo si formula,
per la prima volta nella storia della medicina, un principio fondamentale che unisce definitivamente
tutti i sistemi curativi naturali gia conosciuti e consacrati dagli esiti.
D'ora innanzi abbiamo la Medicina Naturale come scienza unica e completa, con dottrina
filosofica che viene a stabilire il vero concetto sulla «infermita». Cosi la mia Dottrina Termica, per
mezzo dell'iride degli occhi, permette di dirigere il criterio del medico ed ottenere una
investigazione esatta delle necessita atte a soddisfare l'organismo del malato.
Infine, questa stessa Dottrina portera il medico filosofico a scegliere i procedimenti adeguati
per ogni caso, collocando il malato in posizione tale da normalizzare le sue funzioni digerenti ed
eliminatrici mediante il recupero dell'equilibrio termico del corpo.

RIASSUNTO DELLA MIA DOTTRINA


Senza pretendere di inventare niente per quanto concerne la salute, la mia dottrina stabilisce
un nuovo concetto sulla salute stessa, basato sulla rivelazione dell'iride degli occhi di mille e mille
individui, osservati per piu di 40 anni, determinando quando segue:
1° La salute e la normale funzionalita dell'organismo nei processi di nutrizione e di eliminazione,
che si realizzano simultaneamente nell'apparato digerente, polmoni e pelle.
2° Tutte le malattie sono la manifestazione di «mancanza di salute», ossia di disordine funzionale e,
con questo, si vuol insegnare che, qualsiasi sia il suo nome o la sua manifestazione, la malattia e
puramente di natura funzionale e non microbica.
3° Solo la salute ha carattere positivo. Tutte le malattie sono un fenomeno negativo, perche
rivelano la mancanza di salute in grado variabile. Percio le infermita non si «curano» ma
spariranno mediante il recupero della salute cioe della normalita funzionale.
4° La Patologia non e altro che una semplice classificazione convenzionaIe o nomenclatura dei
sintomi o manifestazioni per mancanza di salute, come a dire dello stato di malattia. Si deduce
allora che non esistono malattie, bensi malati.
5° Pero, se vogliamo dare personalita positiva alla «malattia», e necessario convenire che, qualsiasi
sia il nome o la manifestazione, tutte le malattie sono costituite da febbre gastro-intestinale in
grado piu o meno variabile. Questa febbre e la causa ed anche il punto di appoggio del disordine
funzionale dell'organismo; e cioe il nemico della salute e l'unica causa di morte. Non esistono
malati senza febbre.
6° Quelli che la Patologia classifica come mali diversi, non sono altro che la semplice
manifestazione del disordine delle funzioni di nutrizione ed eliminazione dell'organismo colpito.
La diversita dei sintomi per «mancanza di salute» dipende dal soggetto, dagli antecedenti ereditari,
dal genere di vita, dall'occupazione, dall'eta, dal sesso, dal clima, ecc. ecc.
7 ° La febbre e il nemico che si deve combattere negli infermi (qualsiasi sia il nome o la
manifestazione della patologia), e non il microbo, poiche, a parte gli incidenti, si muore solo di
febbre.
8° La febbre e un fenomeno di natura infiammatoria e congestizia. Si origina per reazione nervosa
e circolatoria quando i nervi sono irritati o sottoposti a un lavoro maggiore del normale.
Esiste febbre quando la temperatura supera i 37 gradi centigradi. Questo aumento di temperatura e
l'effetto della reazione nervosa e circolatoria dei tessuti colpiti.
9° La febbre che giunge alla superficie del corpo e curativa perche, per mezzo della pelle, favorisce
l'eliminazione delle impurita. Basta controllarla con applicazioni fredde di acqua e di terra. La
febbre locale si deve combattere perche altera i processi di nutrizione e di eliminazione dei tessuti
attaccati.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 31 di 176

Infine la febbre interna indebolisce ed annienta le sue vittime per denutrizione ed


intossicazione, alterando i processi di nutrizione e di eliminazione, che si realizzano
simultaneamente, tramite l'apparato digerente, polmoni e pelle.
In effetti, la febbre gastro-intestinale altera la digestione, processo fermentativo che, per
essere sano, abbisogna di 37 gradi centigradi di calore.
A misura che il calore aumenta nell'apparato digerente, progressivamente si altera la
digestione, che degenera in putrefazione, fonte di tossici che, invece di nutrire avvelenano il
sangue, infettando tutta l'economia del corpo.
La febbre interna altera pure le funzioni di nutrizione e di eliminazione che devono realizzare
i polmoni.
In effetti l'attivita del cuore e stimolata dal calore e il ritmo cardiaco, a misura che questo
aumenta nell'interno del ventre, accelera lanciando con maggior frequenza l'onda sanguigna ai
polmoni, congestionando in tal modo i loro tessuti e riducendone la capacita respiratoria.
Infine, la febbre interna congestiona le viscere, producendo deficiente circolazione sanguigna
nella pelle e nelle estremita del corpo. Con una deficiente circolazione sanguigna nella pelle si
riducono e si indeboliscono le importanti funzioni di secondo rene e di secondo polmone.
Rimane cosi spiegato come la febbre gastro-intestinale altera la salute e come arrivi a dar
fine alla vita dell'uomo con denutrizione ed intossicazione progressiva.
10° Stando a quanto detto, tutte le malattie sono di carattere generale e non locale. Ripeto che la
loro natura e «funzionale» e non microbica. Con questo, il mio concetto si dirige a normalizzare le
funzioni di nutrizione e di eliminazione negli infermi, senza soffocarne i sintomi. Non curare ma
normalizzare, collocando il corpo in equilibrio termico.
11° Non esistono malattie di natura diversa tra loro; vi sono pero distinte manifestazioni di
irregolarita funzionale dell'organismo, ossia mancanza di salute. Esistono si malati diversi, in base
alla loro costituzione organica, allo stato di impurita del sangue ed il grado di cronicita della loro
anormalita funzionale.
Il corpo e un solo organo e la vita e funzione3.
L'unico essere del creato che squilibra la temperatura del corpo e, come ho detto, l'uomo.
In effetti l'essere umano effemina la pelle perche la copre esageratamente, congestiona le
viscere con il grande sforzo che fa fare all'apparato digerente per elaborare gli alimenti inadeguati.
Questo e rivelato in grado variabile dall'esame dell'iride degli occhi di tutti i malati.
13° I microbi sono agenti di vita e di salute, giammai agenti di malattia o di morte. Essi
contribuiscono all'armonia ed all'ordine dell'Universo. Agendo dentro l'ordine universale, e assurdo
incolpare il microbo delle irregolarita funzionali dell'organismo, caratteristiche in tutte le malattie
in grado differente.
14° L'arte del curare, vale a dire di ristabilire la salute, deve in tutti i casi rinfrescare l'interno del
ventre del malato e riscaldare la sua pelle, per equilibrare cosi la temperatura del corpo.
15°-L'agente che realizza la cura, ossia il ritorno alla normalita funzionale dell'organismo, e la
forza vitale che possiede il malato.
16°-Il sistema nervoso e il motore della vita. La forza vitale e l'energia nervosa e dipende dalla
salute stessa dei nervi, che sono nutriti dal sangue.
Con questo vuoI dire che un sangue puro mantiene i nervi sani. L'impurita del fluido vitale
(sangue) indebolisce la potenza nervosa.
3 Mi verra obiettato che nel corpo esistono funzioni «di nutrizione e di eliminazione»; queste «due funzioni» sono causate da
tre organi: Intestino, polmoni e pelle. Dove rimane allora l'unita funzionale e organica? Rispondo: Un organo puo consistere
di varie parti. Come l'occhio ha l'iride, il cristallino e la retina; il corpo ha l'apparato digerente, i polmoni, la pelle, senza
perdere In propria unita ornanica. Tutte le parti realizzano una sola funzione; in modo analogo, una stessa funzione puo
tenere due ~ettj distinti, come il cuore che e ad un tempo, una pompa aspirante ed impellente del sangue.
-Pag. 32 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Dato che il sangue e il prodotto della digestione e questa puo essere sana solo se elaborata a
37 gradi di temperatura, la febbre gastro-intestinale indebolisce e distrugge l'energia nervosa, cioe
la vitalita dell'organismo.
17° - La causa dell'indebolimento dell'energia nervosa non e altro che l'impurita del sangue dovuta
alle irregolarita funzionali dell'organismo, prodotto dalla malsana respirazione, dall'elaborazione di
putrefazioni intestinali e dalla deficiente eliminazione della pelle, reni ed intestino.
Pure le droghe, iniezioni, sieri, vaccini, radium, elettricita, interventi chirurgici, finiscono per
deprimere l'attivita nervosa e, pertanto, la forza vitale dell'individuo, accorciandone la vita per
intossicazione, degenerazione o mutilazione dell'organismo.
18° - Cio che cura e la «Natura» disse Ippocrate e, secondo la mia Dottrina affinche questo sia
possibile, e necessario collocare il corpo in Equilibrio Termico.
19° - La Dottrina Termica non diagnostica malattie, non da medicine e tanto meno cura.
Disinteressandosi della Patologia e Terapeutica, essa si dirige a normalizzare le funzioni digerenti
ed eliminatrici del malato, riscaldando la pelle e rinfrescando le viscere per ottenere l'equilibrio
termico del corpo sempre alterato in tutte le malattie.
Il corpo viene trattato come un solo organo, entita indivisibile.
20° Terminando questo riassunto, riconfermo che la mia Dottrina Termica toglie il problema della
salute dell'uomo dal campo della Patologia e della Terapeutica collocandolo nel terreno della
temperatura, d'accordo con la rivelazione dell'iride degli occhi, interpretata secondo gli
insegnamenti della mia opera «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute».
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 33 di 176

QUADRO SINOTTICO DELLA DOTTRINA TERMICA DELLA SALUTE


Definizione: DOTTRINA TERMICA e quella scienza che insegna all'uomo a vivere sano o recuperare la sua salute mediante
l'equilibrio termico del corpo.
Il suo obiettivo: E LA SALUTE, che essendo la normalita funzionale dell'organismo, dipende dall'equilibrio fra temperatura interna
ed esterna del corpo.

Il corpo è solo un organo Irrigato da un solo fluido vitale: il sangue


e
ha una sola funzione: la Vita vegetativa Nutrizione
vita e eliminazione
vita emotiva riproduzione
Infermi congeniti
Non ci sono infermita, ma Infermi acuti
solo infermi infermi cronici e
infermi in decomposizione organica
la fortifica Buona digestione ed
I principi su cui si basa: eliminazione cutanea
Il sole
L'aria
Unico agente curativo: La luce
la forza vitale Il sangue puro
La Natura e quella che
cura normalizzando la deprime Vaccini, sieri e iniezioni
Unica azione: Cattive digestioni
la rinnovazione organica Intossicazione intestinale e
respiratoria
la distrugge Il veleno: droghe, chirurgia,
radium
Con il polso
Si comprova Nell'iride degli occhi
Con le evacuazioni intestinali e con i casi di reale guarigione integrale

Tutte le malattie sono di natura funzionale e non microbica Parassiti


Microbi
La salute è la normalita funzionale, che precisa l'equilibrio termico del corpo. - La infermita è la
anormalita funzionale con diverse manifestazioni secondo le condizioni personali dell'infermo. - la
morte è la paralisi funzionale per intossicazione e degenerazione
per incidenti (causa esterna)
Conclusione Il funzionamento si altera o
per squilibrio termico (causa interna)
Si deve normalizzare, invece di curare, perché quello che si ha perduto è la normalita. Non vi sono
malati senza febbre gastrointestinale e tanto meno con buona digestione. Come non vi possono essere
persone sane con cattiva digestione. La salute dell'uomo dipende solo dalla lotta contro i l calore
interno del corpo. L'uomo è l'unico essere del Creato che vive, riscaldando le sue viscere con la cucina
e raffreddando la pelle con troppi indumenti inadeguati. Questo è lo squilibrio termico che origina tutte
le malattie, senza necessita dell'intervento microbico.
-Pag. 34 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO IV°
MEDICINA NATURALE E MEDICINA MEDICAMENTOSA
SI OPPONGONO
Esistono due medicine: la Medicina Naturale e la Medicina Professionale.
La Medicina della Natura e parte della legge della vita, e collabora costantemente per il
benessere dell'uomo; con questo deduciamo che l'organismo tende sempre alla salute.
La Medicina Professionale non e altro che una invenzione dell'uomo e beneficia solo coloro
che la praticano. La Medicina della Natura, difendendo sempre la salute e la vita delle creature,
lascia senza clientela la Medicina Professionale.
Tutte le attivita difensive dell'organismo sono, per la Medicina Professionale, manifestazioni
negative e pertanto le denomina «Infermita».
Cosi e un male avere il vaiolo, l'eruzioni della pelle, il raffreddore, il catarro, i flussi
(emorragia, diarrea) ecc. ecc.
Secondo questo criterio, la salute perfetta sarebbe quella del cadavere, dove non esiste
nessuna anormalita come le indicate.
Al contrario, per la Medicina Naturale o scienza della salute, qualsiasi sintomo rappresenta
una attivita difensiva e salvatrice dell'organismo colpito. Tutte le attivita del nostro organismo
lavorano in propria difesa, governate dalle leggi immutabili della Natura che, se favorita, ci porta
alla salute integrale. Pero contrariando la Natura nella sua azione di difesa si ostacola la salute,
convertendo le malattie acute ed ancora curabili in mali cronici ed incurabili.
Non potendo disconoscere gli esiti della Medicina Naturale, i facoltativi affermano che pure
loro usano applicare bagni freddi, di sole, di vapore e impacchi umidi. A questi facciamo osservare
che, per raggiungere favorevoli risultati, non basta impiegare un buon sistema salutifero, ma
occorre possedere anche un preciso concetto filosofico per applicarlo adeguatamente4.
Per quest'ultimo sono necessarie la «comprensione e l'intuizione» e, con queste doti, anche
la meno erudita persona puo comprendere piu facilmente di un facoltativo i semplici insegnamenti
di Kneipp e degli altri maestri sulla cura naturale.
In effetti gli studi universitari divorziano dalla piu elementare filosofia, complicando i
problemi in relazione con la salute e la vita umana, sviando il criterio del medico chirurgo che si fa
sempre piu oscuro e labirintico.
D'altra parte la Medicina Naturale porta con se il sigillo della ribellione contro il
convenzionalismo della scuola (i malati ribelli sono stati i nostri fondatori e maestri) ed essa
costituisce la liberazione per coloro che soffrono, contro interessi che prosperano alle spalle della
mancanza di salute e delle sofferenze.
Medicina Naturale, secondo la mia Dottrina Termica, e Medicina Medicamentosa, non hanno
alcun punto in contatto, e presto lo vedremo; procedono lungo cammini opposti dal principio alla
fine.
1° - Idea fondamentale - Salute spirituale e salute corporale suppongono entrambe uno stato
comune, cioe: Normalita dell'anima e del corpo.
Il catechismo cristiano dice che i peccati capitali, cioe le malattie dell'anima, si
combattono con la virtu opposta, ossia, la anormalita morale sparira coltivando la normalita
spirituale, che e la virtu.
Lo stesso avviene nel fisico. Tutte le malattie sono date dall'anormalita funzionale
4 Ritornando dalla sua campagna a Gerusalemme, l'Imperatore Tito fu vittima di una crudele congestione. Il
fratello Domiziano. vedendo che Tito era consumato dalla febbre gli fece fare un bagno, immergendolo
nell'acqua gelata. Il risultato di tale pratica, benche fatta in buona fede,' condusse Tito alla morte immediata
perche inadeguata. Nonostante la febbre sia un incendio che puo essere combattuto solo con l'acqua fredda,
questa risulta pregiudiziale se non e applicata in modo opportuno o adeguato.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 35 di 176

dell'organismo e possono sparire solo ristabilendo la normalita funzionale del nostro corpo,
che e la salute integrale.
Questa e l'idea fondamentale della mia Dottrina. Come l'avarizia, malattia dell'anima si
combatte con la prodigalita, virtu dell'anima cosi tutte le malattie, che sono la manifestazione
di anormalita organica, possono essere combattute solo con la salute, normalita funzionale
«rimedio» unico di tutti i mali.
2° - L'Obiettivo - La Medicina Medicamentosa e la Medicina Chirurgica hanno per obiettivo
l'infermita. Secondo la mia Dottrina Termica, la Medicina Naturale invece ha per obiettivo la
salute. Le prime osservano con interesse le mille anormalita dell'infermo, senza interessarsi
della normalita del sano. Sono gli infermi e non i sani che danno il benessere.
Mentre la Medicina Professionale inventa, cataloga, investiga, diagnostica e combatte
«le infermita», la Dottrina Termica che insegno, ristabilisce la «Salute» dell'infermo
normalizzandone la digestione ed attivando le eliminazioni attraverso la pelle, mediante il
ricupero dell'Equilibrio Termico del corpo. Invece di droghe, vaccini, iniezioni, radium ed
interventi chirurgici, per ristabilire la salute dell'ammalato, il mio sistema prescrive regime di
salute che, se eseguito alla lettera, permette all'organismo di «rigenerarsi» integralmente
azionando la propria difesa organica, senza intervento estraneo e, tanto meno, di agenti
distruttivi quali i sopra nominati.
3° - Il concetto delle infermita - Per la Medicina Facoltativa la malattia si confonde con il
sintomo, e ci sono tante e distinte malattie, come esistono pure manifestazioni diverse di
alterazioni della salute.
La mia Dottrina nega l'esistenza di infermita diverse fra di loro, ma vede solamente
distinte manifestazioni dello stato dell'infermo, vale a dire del disordine funzionale
dell'organismo. Con ragione diceva Ippocrate: Non ci sono malattie bensi malati.
4° - L'origine delle malattie - La Medicina Medicamentosa attribuisce tutti i mali dell'uomo
all'azione del microbo, conosciuto o sconosciuto che sia. Secondo la mia Dottrina Termica,
questi mali, costituiscono solo manifestazioni diverse del disordine funzionale dell'organismo
in grado variabile, originate e mantenute dallo squilibrio del corpo. Con questo si deduce che,
tutte le malattie senza distinzione di sintomi, sono di natura funzionale e non microbica.
5° - Investigazione sulla malattia - Mentre la Medicina Universitaria, basandosi sulle sofferenze
dell'infermo e con l'ausilio di apparati che mancano di criterio, insegna a scoprire il bacillo
causa del male, la mia Dottrina Termica insegna ad osservare il corpo stesso dell'infermo,
l'espressione del viso, le linee anatomiche, l'iride degli occhi, lo stato della lingua, l'aspetto
della gola, l'attivita del polso ed i caratteri fisici delle evacuazioni per stabilire lo stato
funzionale dell'organismo, che e quello che si deve normalizzare in tutti i casi per poter
ristabilire e conservare la salute.
6° - I procedimenti curativi - La Medicina Facoltativa combatte la malattia che e il sintomo o la
manifestazione del disordine organico, con droghe, sieri, radium, vaccini, iniezioni, tutti tossici
destinati a sterminare i microbi stimati colpevoli del male, e con sanguinosi interventi
chirurgici mutila il corpo dell'infermo senza ristabilire la sua normalita funzionale.
Invece la mia Dottrina Termica, combattendo la febbre interna, ristabilisce la digestione
che deve elaborare sangue puro, «rimedio» infallibile per portare salute e vita in tutti i tessuti
ed organi del corpo colpito. Inoltre esso con la sua reazione nervosa e circolatoria, attiva
l'eliminazione cutanea congestionando la pelle del soggetto, ossia cercando l'Equilibrio
Termico dell'organismo indispensabile per un normale funzionamento.
In altri termini, mentre la Medicina Medicamentosa e Chirurgica soffoca i sintomi del
disordine organico, la mia Dottrina ristabilisce la salute integrale del corpo normalizzando la
funzione digerente e la funzione eliminatrice della pelle. Tutto questo e questione di
«temperatura», come si spieghera in seguito e l'uomo e l'unico essere del Creato che squilibra
la temperatura del suo corpo.
-Pag. 36 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

7° - L'igiene - L'igiene naturale consiste nel mantenere l'Equilibrio Termico mediante


l'osservazione ed il compimento dei precetti della Legge Naturale. In cambio, l'igiene medica,
consiste nel fuggire dai microbi e sterminarli. Come vedremo, questi agiscono sempre dentro
l'ordine universale, collaborando alla vita organica.
8° - L'azione opposta - Mentre la Medicina Professionale opera introducendo nel sangue del
paziente materie estranee sotto forma di iniezioni, sieri, vaccini, ecc., la mia Dottrina Termica,
asporta tutto l'inutile e pregiudiziale, favorendo le eruzioni della pelle, i catarri, i flussi uretrali
e vaginali ecc.
9° - I risultati - Attaccando e soffocando i sintomi, la medicina medicamentosa e chirurgica lascia
in piedi la causa del male cioe del disordine funzionale dell'organismo. Combattendo di fronte i
sintomi, si impedisce o si impossibilita la tendenza curativa della Natura, dando posto a
complicazioni sempre piu frequenti. Inoltre, paralizzando con tossici le difese naturali del
corpo che agiscono sempre nel sintomo, le malattie acute sempre curabili, si trasformano in
mali cronici, incurabili con medicamenti, operazioni chirurgiche o radium.
Invece la mia Dottrina si dirige a ristabilire l'Equilibrio Termico del corpo, alterato in tutti gli
infermi, con il quale si normalizzeranno le funzioni di nutrizione e di eliminazione in cui riposa
tutto il processo vitale.
In questa forma si evitano complicazioni, perche l'organismo viene condotto per mano verso
la normalita funzionale che e la sua naturale tendenza.
L'agente curativo di cui disponiamo, e la forza vitale dell'infermo la quale risiede nel sistema
nervoso, si stimola naturalmente, evitando di esaurirla con veleni e mutilazioni.
Secondo la mia Dottrina Termica, non si curano le infermita, bensi si rigenerano organismi
infermi, ristabilendo la loro salute totale mediante il ritorno alla normalita funzionale del corpo, che
si otterra con l'equilibrio fra la temperatura interna ed esterna.
Sotto altri aspetti, possiamo dire che, mentre la Medicina Naturale e «eliminatrice» perche
favorisce l'espulsione di tutte le materie morbose del corpo, la Medicina Medicamentosa e
«soffocatrice» perche con l'impiego dei farmaci, impedisce l'eliminazione di queste morbosita,
come accade con il trattamento abortivo delle purghe, dei flussi, delle fistole, dei vaioli, degli
eczemi, della rosolia, eruzioni della pelle ecc. ecc. Se ritenute nel corpo, le materie morbose in
unione con iniezioni, sieri, e vaccini, avvelenano l'organismo, rendendo incapace la medicina di
purificare il sangue dei malati. Al contrario, cio e realizzato dalla Dottrina Termica.
Come si spieghera piu avanti, invece di «curare» pensiamo di «normalizzare» collocando il
corpo in Equilibrio Termico, d'accordo con la rivelazione dell'iride degli occhi del soggetto. Questo
deve essere il punto di vista in tutti i casi ed in tutti i malati.
Termino confermando che la mia Dottrina Termica toglie il problema della salute dell'uomo
dal campo della Patologia e Terapeutica, collocandolo nel terreno delle Temperature.

LEGGI ASSOLUTE E NON TEORICHE


LaMedicinaNaturale, secondo la mia Dottrina, ha il suo funzionamento nelle leggi assolute,
la sua verita ed efficacia si comprova con la rivelazione dell'iride degli occhi e con le reazioni
organiche, governate dalle stesse leggi immutabili.
Nella mia Dottrina dell'Equilibrio Termico, si spiega come la legge fisica dei vasi
comunicanti realizzi il ristabilimento della normalita funzionale dell'organismo.
Nel nostro corpo esistono due vasi comunicanti: la rete dei capillari della pelle e la rete dei
capillari delle mucose, che tappezzano le cavita interne dell'organismo.
Quando il sangue (congestione per vasodilatazione) sale nella rete della pelle si abbassa la
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 37 di 176

sovrabbondanza sanguigna nella rete capillare delle viscere per anemia o viceversa. Questo si
realizza per mezzo della reazione nervosa e circolatoria, mediante il conflitto termico.
Naturalmente, la salute che precisa l'equilibrio termico del corpo dipende dal mantenimento del
livello in questi vasi comunicanti, giacche il sangue porta calore.
Come rivela l'Iridologia, tutto il processo morboso degli organi interni e sempre di natura
congestizia. Nella stessa proporzione in cui aumenta la pletora sanguigna all'interno del corpo
diminuisce, di conseguenza, l'attivita circolatoria del sangue nella pelle e nelle estremita.
Come il fluido vitale (sangue) segue la temperatura, rinfrescando l'interno del ventre e
sviluppando calore nella pelle, quando si decongestionano gli organi interni del corpo si attivano le
funzioni della pelle anemica, eliminando per i pori tutto quello che e malsano. In altre parole,
congestionando la pelle mediante la reazione nervosa e circolatoria che il conflitto termico risveglia
con il freddo, si decongestionano le mucose che tappezzano le cavita interne del nostro organismo.
Lo stesso meccanismo della cura, che la Natura stessa realizza per rigenerazione mediante il
cambio organico, si spiega facilmente nel concetto sopra ricordato.
Possiamo cosi definire che una affezione gastro-intestinale di qualsiasi denominazione o
sintomo, come lo rileva l'iride, non e altro che una infiammazione (congestione variabile delle
mucose dello stomaco ed intestino). Questa congestione, difficoltosa l'irrigazione sanguigna dei
tessuti, indebolisce la loro vitalita alterando il normale funzionamento, per eccesso di temperatura.
Congestionando la pelle, provocando la reazione nervosa e circolatoria per conflitto termico, si
decongestioneranno le mucose dello stomaco, attivando in loro l'irrigazione sanguigna ed il cambio
organico, che dara nuova vita ed attivera gli organi indeboliti e degenerati. Questa stessa cosa si
puo dire per qualsiasi altra malattia, localizzata in qualsiasi organo interno del corpo, come la
polmonite, la bronchite, l'infiammazione del fegato, dei reni, ecc. ecc.
Si spiega cosi che le malattie si curano meglio dal di fuori che dal di dentro del corpo, al
contrario di quanto pretende la Medicina Medicamentosa, che agisce all'interno dell'organismo e
nel sangue, inquinandolo sempre piu con tossici farmaceutici.
Da quanto ho spiegato si vede che la Medicina Medicamentosa e chirurgica, e la Medicina
della Natura secondo la mia Dottrina Termica vanno per cammini opposti, perche la prima agisce
in base alla manifestazione di alterazione della salute, che denominiamo «infermita», la seconda si
dirige sempre ad ottenere la normalita funzionale dell'organismo, cioe la «salute» integrale del
corpo.
Una soffoca i sintomi, l'altra normalizza le funzioni digerenti ed eliminatrici mediante
l'Equilibrio Termico del corpo.
La prima e la Medicina «togli dolori», la seconda e.Ia Medicina «rigeneratrice».
-Pag. 38 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO V°

LE TEMPERATURE NEL CORPO UMANO

Il nostro corpo ha due rivestiture: la prima e l'esterna, ci isola dall'ambiente che ci circonda e
si chiama «pelle», la seconda e l'interna, copre le cavita del nostro organismo e si denomina
«mucosa». La salute ossia, la normalita funzionale del corpo, dipende dall'equilibrio termico fra
pelle e mucosa.
L'uomo e un animale a sangue caldo, il cui calore allo stato di salute, e di 37 gradi centigradi.
La circolazione sanguigna, risultato dell'attivita nervosa, determina nel corpo la temperatura
che sara normale se il sangue circola uniformemente. L'alterazione circolatoria del fluido vitale,
prodotta da uno squilibrio termico, origina e mantiene nell'organismo congestioni e anemie.
La temperatura sara maggiore nella zona congestionata e minore in quella regione del corpo
in cui la circolazione sanguigna e deficiente, perche la pletora di questa e il risultato di una
maggiore attivita nervosa, e la deficiente attivita di questa energia determina invece la scarsa
irrigazione di sangue.
Come rivela l'iride degli occhi, piu accentuata e la congestione nelle viscere del corpo, piu
deficiente e la circolazione del sangue nella pelle, estremita e cervello. Questo e lo squilibrio
termico che caratterizza lo stato di alterazione variabile della salute umana, qualsiasi siano i
sintomi e le sue manifestazioni.
Nella sua attivita normale, l'organismo umano mantiene sempre una temperatura uniforme:
37 gradi centigradi, tanto sulla pelle quanto nelle mucose intestinali. Questa normalita termica e la
conseguenza di una uniforme irrigazione sanguigna nei tessuti che vengono riscaldati dal calore
dello stesso sangue.
Questo equilibrio termico, permettendo il normale funzionamento della macchina umana, e
fonte di salute.
Tutte le infermita costituiscono sempre uno squilibrio termico in grado variabile per
l'aumento della temperatura interna del corpo, per congestione delle viscere con diminuzione del
calore della pelle e delle estremita per deficiente irrigazione sanguigna. Questo squilibrio della
temperatura, origina disturbi variabili alle funzioni organiche perche gli organi congestionati
lavorano male per la sovrabbondanza del sangue, e cosi pure gli organi anemici alterano il loro
lavoro, per scarsa irrigazione sanguigna.
Essendo la malattia una manifestazione del disordine funzionale dell'organismo per squilibrio
termico, e sempre caratterizzata dalla febbre, non puo quindi esistere un infermo senza febbre.
Quando questa e constatabile per mezzo del termometro applicato sotto l'ascella e perche si trova
rifugiata nell'interno del corpo.
Nelle affezioni acute, la febbre, la cui origine e sempre nell'interno del ventre, si propaga a
tutto l'organismo, manifestando reazioni salutari delle difese naturali, che procurano la
purificazione organica.
La febbre interna che non viene alla superficie del corpo, e caratteristica in tutti gli infermi
cronici; essa rivela l'insufficiente difesa dell'organismo ed e causa di denutrizione ed intossicazione
perche favorisce le putrefazioni intestinali.
Con la febbre alla superficie del corpo si manifesta la reazione salvatrice; invece con la
febbre interna, che raffredda la pelle e le estremita del corpo, si denuncia la deficiente attivita
organica, vale a dire l'indebolimento dell'energia vitale del soggetto.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 39 di 176

L'UOMO E L'UNICO ESSERE DEL CREATO CHE VIVE SQUILIBRANDO


LE TEMPERATURE DEL CORPO
In effetti il vestito inadeguato effemina la pelle, e gli alimenti indigesti generano febbre nelle
viscere.
La pelle, continuamente sottratta al conflitto termico che l'atmosfera ci offre, si indebolisce
progressivamente e si raffredda. Gli indumenti inadeguati, attorniano il corpo di un calore
artificiale, risparmiandogli la necessita di produrre costantemente il proprio calore mediante l'attiva
irrigazione sanguigna della pelle. D'altra parte, gli alimenti cotti ed indigesti, esigendo uno
straordinario e prolungato sforzo digestivo, per reazione nervosa, congestionano le mucose e le
pareti dello stomaco e degli intestini, aumentando la temperatura interna del corpo, alterando in tal
maniera il calore della pelle e delle estremita. Insisto! Il lavoro forzato e prolungato, che esige nello
stomaco ed intestini l'elaborazione degli alimenti inadeguati, significa reazione nervosa e
circolatoria che aumenta la temperatura interna del corpo a spese del calore stesso, per
indebolimento delle attivita della pelle, attorniato di un calore prestato da un vestiario che lo sottrae
al conflitto che l'atmosfera offre a tutti gli esseri viventi.
La febbre interna, che consuma la vita delle genti, ha origine in queste due cause:
congestione dell'apparato digerente a causa dei continui sforzi. giornalieri che esigono gli alimenti
inadeguati per essere digeriti; indebolimento della pelle per mancanza del conflitto con gli agenti
atmosferici dovuto all'inconveniente vestiario.
Piu debole e la temperatura della pelle, maggiore e il calore nelle mucose nell'interno del
ventre. L'indebolimento della pelle ricarica il lavoro delle mucose, ed e in queste che si dirigono le
sostanze malsane non asportate dai pori per la deficiente irrigazione sanguigna della superficie del
corpo. Forzate le mucose a realizzare un lavoro straordinario, per reazione nervosa e circolatoria si
irritano e congestionano progressivamente producendo la febbre. Con quanto esposto, si spiega
facilmente il perche dei raffreddori, dei catarri, delle polmoniti e di tutte le infiammazioni interne
in generale.
Il raffreddore e precisamente un acuto squilibrio termico, caratterizzato da freddo esterno e
febbre delle viscere. Il processo congestizio ed infiammatorio si accentua di preferenza negli organi
piu deboli per predisposizione personale e per mal regime di vita.
Nel moribondo lo squilibrio termico arriva al suo massimo grado poiche, mentre il freddo si
impossessa della sua pelle e delle sue estremita, la febbre lo consuma internamente come lo
comprova il polso o l'infiammazione interna, che si riflette nell'iride degli occhi.
Come alla pelle anemica corrispondono mucose congestionate e febbricitanti, cosi l'attivo
lavoro della pelle decongestiona, rinfresca e vitalizza le mucose che coprono le cavita interne del
nostro corpo.
Malattie eruttive come la rosolia, il vaiolo, la scarlattina, ecc. ecc. sono destinate a purificare
l'organismo che si trova allo stato di infermita cronica. Nella stessa misura in cui fiorisce il male
sulla pelle, si scaricano le materie morbose all'interno del corpo. Al contrario, quando si soffocano
le eruzioni della pelle, la materia perniciosa si dirige cercando un'uscita attraverso le mucose,
producendo gravissime infiammazioni e congestioni nei tessuti polmonari, bronchiali, renali e nei
sistemi circolatorio e nervoso. Con quanto ho detto, si spiega come le affezioni acute senza febbre
esterna siano le piu gravi e piu difficoltose da curare.
In infermi cronici, estremamente indeboliti la cui vitalita e consumata per intossicazione e per
impotente sforzo difensivo della Natura incompresa, mutilata e soffocata con farmaci, e comune
vedere che il termometro sotto il braccio accusa 35 gradi centigradi mentre la febbre interna e
all'incirca sui 40 gradi e piu e si manifesta, per la inusitata attivita del cuore, con un polso di 120
battiti al minuto.
Come si vede in questo caso, e lo abbiamo comprovato una infinita di volte, il termometro
serve solo per perturbare il criterio, in quanto si riferisce a febbre. Invece il polso e la guida piu
sicura per comprovare la temperatura normale o anormale del corpo umano, secondo la mia
-Pag. 40 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Dottrina, sempre che i nervi non siano addormentati per intossicazione intestinale o
medicamentosa.
Esiste una relazione stabile fra l'attivita del cuore e la temperatura interna del corpo. Nello
stato di riposo, in un adulto 70 pulsazioni al minuto corrispondono ad un calore pari a 37 gradi
centigradi all'interno del ventre; 80 pulsazioni accusano temperatura sopra i 37½ ; 90 pulsazioni per
minuto rivelano una febbre di 38 gradi; 100 pulsazioni corrispondono a 39 gradi di febbre, con 110
pulsazioni si aumenta a 39½ ; con 120 si hanno 40 gradi di febbre e, quando si aumenta i 120 battiti
al minuto, si ha la certezza che il calore interno del corpo si e elevato sopra i 40 gradi. Man mano
che la temperatura aumenta all'interno del ventre, accelera proporzionalmente l'attivita del cuore,
che si manifesta con un polso rapido sempre piu, anche quando il termometro posto sotto l'ascella
non registra calore normale.
Il polso inferiore ai 70 battiti denuncia una debolezza nervosa dovuta ad intossicazione
intestinale o medicamentosa.
Nei bambini appena nati, normalmente le pulsazioni arrivano fino a 150 battiti al minuto, a
tre anni il numero normale e di 100 e a quattordici di 75, per ridursi a 70 a vent'anni. Passati i
sessanta il polso accelera fino a 80 pulsazioni al minuto; cio e dovuto all'aumento di calore interno
del corpo per anemia della pelle degli anziani.
La febbre interna che, come abbiamo detto si origina per lo sforzo digerente che esige
l'elaborazione degli alimenti inadeguati, si fa cronica per i continui abusi che si commettono
nell'alimentazione e per l'effeminamento della pelle.
Salvo una privilegiata costituzione organica, se costantemente per varie volte al giorno
forziamo il lavoro dell'apparato digerente con alimenti indigesti, congestioneremo in forma
permanente, piu o meno grave, le mucose, le pareti dello stomaco e gli intestini. I tessuti di questi
organi si fanno spugnosi in grado variabile ritenendo maggiore quantita di sangue del normale,
come rivela l'esame dell'iride degli occhi dell'infermo.
Equivalenze secondo i termometri usati
Centigradi Fahrenheit Reamur
Fusione o disgelo 0° 32° 0°
35° 95° 28°
Normale del corpo 37° 98,6° 29,6°
40° 104° 32°
45° 113° 36°
Ebollizione dell'acqua 100° 212° 80°

Questo stato congestizio degli organi della digestione, eleva in loro la temperatura normale,
poiche il sangue porta calore e la sua maggiore affluenza si traduce in aumento della temperatura
interna con la diminuzione del calore della pelle e delle estremita del corpo.
Rimane cosi spiegato lo squilibrio termico costituente lo stato dell'infermo, senza distinzione
dei sintomi, come vedremo. Si spiega pure l'esistenza della febbre interna, che non viene rivelata
dal termometro e che e caratteristica negli infermi cronici, ed inoltre la febbre esterna, propria delle
affezioni acute.

FEBBRE LOCALE
Oltre alla febbre interna, che si origina e mantiene nell'intestino, si presenta generalmente
negli infermi, una febbre locale nella zona o organo del corpo direttamente compromesso dal
disordine generale, che inizia sempre nell'apparato digerente. Cosi, se si piantasse una spina in un
dito, si noterebbe ben presto un'infiammazione locale con aumento della temperatura precisamente
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 41 di 176

nel punto affetto. Fenomeno analogo si produce nella polmonite, nella nefrite, nell'appendicite, nel
reumatismo acuto ecc. ecc. Il trattamento curativo dovra quindi contemplare questi due aspetti
dello squilibrio termico che permettono una immediata normalizzazione se si vuole ottenere una
perfetta guarigione o, per meglio dire, un ritorno alla salute.
Il freddo abituale alla pelle, piedi e mani denuncia febbre interna, con deficiente circolazione
sanguigna nelle estremita e superficie del corpo; il sangue che manca in queste regioni, si trova
stagnante all'interno dell'organismo, di preferenza nel ventre.
In queste condizioni di squilibrio termico del corpo, le funzioni organiche si alterano
fondamentalmente sempre piu, rovinando la vitalita dell'infermo e portandolo infine alla morte per
denutrizione ed intossicazione, a causa delle putrefazioni intestinali elaborate nel ventre
febbricitante.
La febbre interna - E il nemico che dobbiamo combattere in tutti gli infermi poiche solo con
essa si da vita al microbo; quindi teniamo presente che, con 37 gradi di calore nel corpo non vi e
virulenza microbica, come spieghero piu avanti.
-Pag. 42 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO VI°

TUTTE LE MALATTIE SONO DI NATURA FUNZIONALE


E NON MICROBICA5
«Al posto di studiare alimentazione e disintossicazione del corpo
umano, abbiamo dedicato lo studio ai germi.
Il mondo si trova in un cammino errato.
Liberiamo il corpo dalle tossine, alimentandolo correttamente e sara
fatto il miracolo della salute».
Dr . Arbuthnot Lan

Come definisce il Dizionario «Salute e lo stato di normalita funzionale del nostro


organismo». Essa costituisce il fenomeno positivo di natura unica. «Infermita» e la
manifestazione del disordine funzionale del corpo, ossia la alterazione della salute, fenomeno
negativo, pure di natura unica. Con questo si stabilisce che non vi sono infermita, bensi infermi, e
tantomeno ci sono infermita locali, bensi effetti del disordine generale. La diversita dei sintomi o
manifestazioni dell'infermo e determinata dall'eredita, dall'eta, dal sesso, dall'occupazione, dal
clima, ecc. ecc. Salvo agli incidenti, il corpo non ha infermita localizzate in un punto; o e sano, o
integralmente infermo. Incidenti e infermita hanno un effetto comune: ambedue i casi si
caratterizzano per alterazione maggiore o minore del funzionamento dell'organismo affetto.
Pero, se l'infermita e l'incidente hanno effetti analoghi, la loro origine e diversa, poiche
l'incidente suppone una causa esterna estranea all'individuo, come un colpo, mentre l'infermita
obbedisce ad una causa intima, propria del soggetto che la soffre, come una indigestione prodotta
da una alimentazione inadeguata ed 'eccessiva.
Le infermita non vengono dal di fuori, come le tanto credute infezioni, bensi si originano
nell'interno del corpo, e sempre per alterazione digestiva.
L'infermita, ossia alterazioni della salute, sono le sanzioni imposte dalla Natura per la
trasgressione delle leggi che regolano la vita. Mediante il dolore noi ci vediamo obbligati a
cambiare le nostre abitudini. Essa rappresenta pure una crisi; reazione difensiva dell'organismo che
procura di espellere tutte le impurita che lo pregiudicano, e che sempre si acquisiscono per mezzo
della nutrizione innaturale.
Attribuire l'infermita, ossia la mancanza di salute, alla infezione microbica, vuol dire dare
all'infermita un'origine analoga all'incidente, il che significa contraddire la ragione e le nostre
proprie osservazioni ed esperienze.
Come vedremo piu avanti, i microbi sono agenti di vita e non di morte.
Anche l'eredita non e causa di una infermita specifica. L'iridologia dimostra che i padri
trasmettono ai propri figli la qualita del loro sangue e il concatenamento del loro organismo, non
una malattia determinata. Se le infermita si ereditassero sarebbe come dire che, se i figli nascessero
con i disordini funzionali che rovinarono la vita dei loro padri, o venissero al mondo con lesioni
organiche analoghe a quelle dei loro progenitori, la specie umana sarebbe gia sparita dalla faccia
della terra.
Una vita giudiziosa, con nutrizione adeguata e con attiva eliminazione, modifichera la
composizione del sangue ereditato e rigenerera l'organismo intossicato per la vita piena di errori e
di vizi dei genitori.
La rigenerazione dei popoli giammai potra essere opera di medicamenti, di vaccini, di sieri, e
di iniezioni, e tanto meno frutto della chirurgia, dei raggi X o radium; essa si otterra mediante la
pratica delle conoscenze della vita igienica, con alla base una conveniente nutrizione ed

5 Questo concetto si riferisce alle infermita acquisite. Esiste pero l'infermita costituzionale, ossia l'alterazione della normale
formazione della cellula di concepimento. Queste malattie di nascita sono incurabili, come i casi di cecita, idiozia,
deformazione, paralisi ecc. La loro causa si trova nel sangue guasto dei genitori.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 43 di 176

eliminazione. Questo e quanto si dovrebbe insegnare nei primi anni di scuola, affinche il bimbo
impari ad essere il guardiano della propria salute.
Vivendo liberi, gli irrazionali sono continuamente diretti dal loro istinto, il quale li conduce a
operare sempre in tono con le leggi naturali, specialmente per quanto si riferisce a nutrizione, ed e
con questo che si spiega il perche della normalita del loro stato di salute.
Invece l'uomo, avendo degenerato il suo istinto, e la vittima di errori individuali e collettivi
che lo portano a vivere un quotidiano conflitto con la Natura; con questo si dimostra che la
mancanza della salute e uno stato abituale e corrente nell'essere razionale, e che la sua morte e un
effetto di annichilimento vitale per intossicazione, risultato di una nutrizione inconveniente e di
eliminazioni difettose della pelle, polmoni, intestini e reni.
La vita innaturale poi, e l'origine di tutti i mali che l'uomo infligge alla sua salute, e questa e
pure la causa delle infermita che colpiscono gli irrazionali in schiavitu.
Il concetto che attribuisce la colpa di uno stato di infermita all'infezione microbica, pretende
di far sparire i mali dell'uomo mediante procedimenti estranei al corpo, come i medicamenti, la
chirurgia, i vaccini, le iniezioni. Invece il nostro concetto, che in tutti i processi morbosi scopre una
alterazione funzionale dell'organismo infermo per mal regime di vita, cerca nel regime igienico
dell'individuo il rimedio ai suoi mali, qualsiasi sia il loro nome. Perche quello che cura la salute,
cura l'infermita.
La vita organica e una funzione del corpo, ed essa e l'organo di tale funzione.
Quando la funzione corporale si sviluppa senza ostacoli esiste normalmente lo stato di salute
e, in caso contrario, e l'infermita o mancanza di salute con diverse manifestazioni.
La vita si sviluppa e si mantiene per l'incorporazione nel nostro organismo delle energie e
sostanze necessarie alla sua economia, e inoltre per l'opportuna eliminazione del corrotto che e
inservibile e pregiudiziale.
Con questo concetto si definisce che la vita organica ha la sua base nella nutrizione e
nell'eliminazione, e che con la loro normale funzione il corpo umano si manterra sano.
Il nostro organismo e analogo ad un motore a combustione interna, il cui normale
funzionamento dipende dallo stato di manutenzione, di alimentazione e di eliminazione. Affinche
un motore funzioni normalmente, e necessario che abbia una buona alimentazione (aria, benzina,
olii adeguati); inoltre necessita di una pulizia generale, una attiva eliminazione dei gas e residui
combusti possibilmente con uno scappamento libero, e una indispensabile e adeguata
refrigerazione, onde evitare il blocco dei cilindri ed organi vari che avverrebbe in seguito alla
dilatazione prodotta da un eccessivo calore.
Lo stesso avviene neI corpo umano, che per mantenersi in salute necessita di una buona
nutrizione con aria e alimenti adeguati, di una eliminazione attraverso la pelle, reni, intestini, ed
infine di una refrigerazione dell'interno del ventre per evitare le putrefazioni intestinali che, allo
stesso tempo, rendono denutrito ed intossicano l'individuo indebolendone la forza vitale o
anticipandone la morte.
L'attiva eliminazione della pelle dell'infermo e specialmente la «refrigerazione» interna del
ventre, sono condizioni indispensabili per evitare le putrefazioni intestinali, compagne
indispensabili di tutte le malattie e agenti di morte che giammai mancano in tutti i decessi.
Sappiamo bene che l'eccessivo riscaldamento interno del motore produce una dilatazione nei
suoi organi, obbligandoli ad una frizione nei loro movimenti, che impedisce il lavoro della
macchina e la distrugge. Nella stessa maniera la febbre interna che, in grado variabile e comune a
tutti gli infermi, congestiona, indebolisce e distrugge gli organi del corpo contemporaneamente,
altera ed ostacola le importanti eliminazioni della pelle e dei polmoni.
Le infermita, qualsiasi sia il loro nome o la loro manifestazione, sono sempre costituite da
un'alterazione, maggiore o minore, delle funzioni di nutrizione e di eliminazione, causate dalla
-Pag. 44 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

febbre interna del ventre.


L'effetto del disordine funzionale e l'indebolimento dell'energia vitale per denutrizione ed
intossicazione variabile dell'individuo. La «debolezza» che caratterizza l'infermo cronico,
manifesta lo stato di denutrizione e di intossicazione.
Insistiamo nel ripetere che in tutti i malati, la digestione e piu o meno alterata da una febbre
interna che origina fermentazioni putride che distruggono le proprieta nutritive degli alimenti,
producendo sostanze tossiche che avvelenano il sangue in proporzione variabile.
Con quanto detto, si comprende che il punto di partenza e il laboratorio che origina e
mantiene tutte le malattie si trova nel ventre.
Da questa deduzione si conclude: Perche la alimentazione dell'uomo sia corretta, e necessario
che il processo digestivo si realizzi ad una temperatura di 37 gradi centigradi, cioe la temperatura
ideale per formare un sangue puro.

L'INFERMITA ACUTA E CRONICA


L'alterazione della salute puo essere acuta o cronica. La prima denuncia l'attivo sforzo che
l'energia vitale fa per ristabilire la normalita organica alterata o perduta da una vita innaturale. Essa
costituisce una crisi curativa che, se favorita e non soffocata, ristabilisce la salute integrale del
corpo. Le malattie acute sono proprie dell'infanzia e delle persone robuste.
L'organismo dell'infermo cronico convive con il disordine funzionale, in quanto manca della
sufficiente energia vitale per poter operare una crisi curativa, vale a dire produrre un processo di
purificazione. I mali cronici predominano nella vecchiaia e negli individui indeboliti per
denutrizione, ed intossicazione o, trattamenti medicamentosi.
Solo la infermita acuta puo sanare, perche solamente essa manifesta le difese naturali
adeguate, e capaci di liberare l'organismo dall'impurita che altera il suo normale funzionamento.
Per sanare dall'infermita cronica e necessario convertire questa in acuta e, affinche cio sia indice di
guarigione, praticando un trattamento naturale bisogna che nell'infermo riappaiano i sintomi della
malattia soffocati in antecedenza con medicamenti o interventi chirurgici.
Una gonorrea che si soffoca mediante medicamenti o lavaggi astringenti e caustici della
uretra o vagina, venendo trattata secondo la mia Dottrina Termica riapparira nell'organismo come
se fosse recentemente contratta perche, normalizzando la nutrizione e attivando le eliminazioni,
l'organismo pone energicamente in azione le proprie difese per espellere, mediante la suppurazione
delle mucose uretrali o vaginali, le immondizie accumulate nell'interno del ventre per disordini
digestivi.
La mia Dottrina Termica, favorendo la tendenza curativa dell'organismo, attiva i sintomi
acuti che difendono la vita del corpo. Invece la Medicina Medicamentosa, confondendo il sintomo
con il male stesso, pretende di combattere questo sopprimendo ne le manifestazioni mediante
tossici che abbassano l'energia vitale e ostacolano l'attivita difensiva dell'organismo.
Febbre esterna, eruzioni, diarrea, dolori, suppurazioni, ecc. ecc. di per se, non sono attivita
pregiudizi ali, bensi manifestazioni difensive dell'organismo che accusano i n lui l'esistenza di
materie morte, di sostanze estranee al corpo vivo che reclama la loro distruzione ed eliminazione
per essere liberato dalla loro presenza. La composizione e circolazione del sangue si altera con la
presenza di queste materie morbose, causando frastorni diversi che si classificano erroneamente
come altre malattie.
La Medicina Sintomatica, che si pratica come scienza ufficiale, e anti-scientifica perche
disconosce il fatto che, essendo il nostro corpo governato da immutabili leggi, ha reazioni naturali
che portano ad attuare la propria difesa. Combattere di fronte queste reazioni manifestate nel
sintomo, vuoI dire disarmare la Natura e obbligare l'organismo alla convivenza con i propri nemici.
Non ci si deve meravigliare se, sopprimendo i sintomi con droghe e calmanti, le malattie acute,
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 45 di 176

sempre curabili, si convertono in mali cronici, incurabili poi con questi mezzi. Si spiega cosi che,
mentre le statistiche accusano la progressiva diminuzione della mortalita per affezioni acute come
il vaiolo, la scarlattina, il tifo, ecc. ecc. i mali cronici come la tubercolosi, il diabete, il cancro, la
pazzia, la sifilide, le malattie cardiache, cerebrali, epatiche e renali, aumentano ogni giorno la cifra
della nostra morbilita e mortalita.
Una persona che scarseggia di sintomi acuti puo essere piu inferma di un'altra che in
apparenza e malaticcia. Questo si spiega perche, mentre la prima tiene assopita la sensibilita
dell'intossicazione cronica, la seconda e sensibile, in quanto possiede difese organiche attive ed
energiche.
Con questo si spiegano le inaspettate morti di quelle persone che non hanno mai accusato una
malattia, al contrario di quelle che per tutta la vita si sono lamentate per infermita diverse e che
muoiono poi di vecchiaia.

TUTTE LE MALATTIE SUPPONGONO FEBBRE, E LA FEBBRE GASTRO-INTESTINALE


COSTITUISCE LA NATURA INTIMA DI TUTTI I PROCESSI MORBOSI
Sappiamo che, secondo la mia Dottrina, la febbre e un processo infiammatorio e congestizio
dei tessuti affetti per reazione nervosa e circolatoria. Essa ha origine e si mantiene in seguito a
irritazione e congestione delle mucose e delle pareti del tubo digerente, come rivelano l'iride degli
occhi ed il polso di tutti gli infermi. Dobbiamo tenere presente sempre che non esistono infermi
senza febbre, anche se questa non viene rivelata dal termometro. Nelle crisi acute, lo stato febbrile
appare alla superficie del corpo mentre nei mali cronici la febbre, in grado variabile, si trova
sempre rifugiata all'interno del ventre. Con questo si vuole asserire che, solo la febbre esterna e il
segno della difesa organica e che la febbre interna denuncia la incapacita difensiva dell'organismo,
ragione per cui si definisce questa febbre come compagna inseparabile dell'infermo senza sintomi.
La febbre esterna puo essere rivelata dal termometro posto sotto il braccio, pero la febbre
interna si constata solo per mezzo del polso e tramite l'osservazione dell'iride degli occhi, come si
spieghera quando tratteremo dell'investigazione dello stato dell'infermo. Con questo e evidente
l'errore della Medicina che cerca la febbre sotto l'ascella del paziente, quando invece essa si
raccoglie nell'interno delle viscere.
Come vedremo piu avanti, non esistono malattie di natura diversa, perche tutto il processo
morboso, qualsiasi sia il suo nome o la manifestazione, suppone in generale frastorni variabili
prodotti dalla nutrizione e dalla digestione ed in particolare dalla febbre gastro-intestinale.
Come comprova l'iridologia, tutti i processi morbosi, senza distinzione di nome, sono
analoghi fra di loro ed hanno un'origine comune, perche tutte le infermita incominciano sempre per
un disordine digestivo; hanno in comune pure la tendenza a procurare la difesa organica mediante il
sintomo, ed infine il cammino per far allontanare tutte le anormalita del corpo ristabilendo le
funzioni di nutrizione ed eliminazione, mediante l'equilibrio del corpo.
Tutto il processo morboso abbraccia l'organismo intero, in forma piu o meno accentuata,
compromettendo le sue difese generali.
Errore profondo quindi, parlare di infermita all' udito, all' appendice alla vescichetta biliare,
al fegato, agli occhi, al cuore, ai reni, perche il corpo non si ammala in una parte, in quanto
costituisce un tutto, un complesso indivisibile, irrigato dallo stesso sangue e attivato dal fluido
vitale.
Infine, le «infermita» non sono contagiose perche in tutti i casi sono originate da un disordine
funzionale e percio personalissime.
Cosi, una cattiva digestione non contamina una persona che conviva con un infermo affetto
da questa.
-Pag. 46 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO VII°

LA SALUTE E LE SUE MANIFESTAZIONI

Nell'osservazione dell'iride dell'occhio umano si notano due aspetti: Uno e la Salute


Costituzionale che si manifesta per mezzo di un tessuto iridale compatto e di colore unico,
dimostrando cosi la buona struttura dell'organismo. Il secondo denuncia lo stato della Salute
Funzionale che, malgrado presenti un'iride di qualita inferiore per il tessuto irregolare delle sue
fibre, se di colore limpido e uniforme in tutta la zona iridale, rivela la normalita digerente,
respiratoria ed eliminatrice del soggetto, grazie all'equilibrio termico del corpo.
Secondo quanto ho esposto, una persona puo possedere contemporaneamente una salute
costituzionale e un disordine funzionale, presentando nell'iride degli occhi una congestione,
precisamente nella zona digerente che e periferica alla pupilla, e una deficiente circolazione
sanguigna nella zona del cervello, pelle ed estremita. In questo caso esiste la salute costituzionale
(cioe un fisico forte) pero non la salute funzionale, essendo presenti i disordini delle funzioni
digerente e circolatoria, in contrasto con l'equilibrio termico del corpo. Inversamente, un complesso
costituzionale organico si puo presentare di qualita inferiore, pero il funzionamento dell'apparato
digerente e circolatorio nel cervello e pelle puo manifestarsi normale grazie all'equilibrio termico
del corpo. In questo caso si ha la salute funzionale, malgrado esista la deficienza nella salute
costituzionale. La chiave per conservare la salute sta nel saper mantenere l'equilibrio fra la
temperatura interna ed esterna del corpo, cosa che si otterra mediante l'adempimento delle regole
citate nel secondo capitolo.
Non esisterebbe uomo sano, o potrebbe anche esistere ma in questo caso fuori dell'ambiente
civilizzato. Molte persone che si credono in possesso di una salute forte e ideale, convinte quindi di
poter vivere una vita senza privazioni e giammai notando disturbi o malesseri, muoiono
repentinamente e prematuramente manifestando cosi, che erano inferme; se non si rendevano conto
della malattia era perche i loro nervi si trovavano in uno stato letargico, e le loro difese naturali
vinte dall'intossicazione cronica.
E errato quel concetto della salute e dell'infermita che giudica dai sintomi e dalle apparenze
in quanto porta generalmente a qualificare sana e robusta qualsiasi persona che si distingua per le
sue condizioni di muscolatura e forza. E errato pure dedicarsi con esagerazione ad esercizi ginnici
per conseguire una forma e muscolatura eminente, pensando con questo di perfezionare le
condizioni organiche poiche, in realta, quello che si ottiene non e altro che uno squilibrio organico
cioe uno stato di infermita cronica.
Con questo si consiglia di non esagerare con nessuna facolta organica, poiche gli organi che
vengono sollecitati da uno stato anormale pregiudicano le attitudini o condizioni fisiologiche degli
altri, producendo con questi lo squilibrio organico che e l'alterazione della salute. .
Non si creda che con quanto abbiamo detto si condannino lo sport e gli esercizi ginnici che
attraggono tanto la gioventu; li consigliamo, in special modo alle persone della citta, in quanto
queste conducono una vita troppo sedentaria. Condanniamo pero la esagerazione che porta ad
abusare delle capacita fisiologiche, fino ad ottenere uno sviluppo corporale sproporzionato alle
necessita del soggetto; condanniamo pure la box che degenera il cervello con i continui colpi.
Per giustificare il nostro punto di vista, basta citare il caso del conosciuto atleta Eugenio
Sandow che, per la sua bella muscolatura, in Europa fu considerato il modello della salute e della
energia fisica e che malgrado cio, mori per un attacco cardiaco a meta della sua esistenza,
precisamente a 52 anni.
Qualsiasi anormalita frequente nella digestione, processo che costituisce il centro del
funzionamento del nostro organismo, ci rivela una falla che, se non e debitamente normalizzata
originera con sicurezza mali maggiori.
Nello stato di salute, l'uomo deve liberare l'intestino almeno due volte al giorno e
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 47 di 176

precisamente alla mattina quando si alza ed alla sera quando si corica.


Gli escrementi devono essere abbondanti, compatti, di colore bronzeo e liberi di odori
ripugnanti. Gli escrementi scarsi, ritardati, diarroici, induriti, biancastri o nerastri e mal odoranti
rivelano putrefazioni intestinali che avvelenano il sangue e intossicano e rendono denutrito il
soggetto.
Gli occhi dell'individuo riflettono lo stato interno del suo corpo. Come si vedra piu avanti,
l'iride degli occhi di una persona e uno specchio meraviglioso che riflette tutta la costituzione
organica, lo stato di purezza del sangue le anomalie organiche congestizie e l'anemia degli organi e
tessuti del corpo.
Pure il viso con le sue espressioni rivela lo stato generale di salute. Il corpo dell'uomo sano
possiede le seguenti caratteristiche: colore uniforme e roseo, perche un sangue puro e rosso e fluido
e non denso ed oscuro; pelle umida (non sudata) e calda, pero non eccessivamente perche un calore
temperato e uniformemente distribuito nel corpo e indice di normalita; carne asciutta pero vigorosa,
perche il grasso costituisce materie estranee e dannose; flessibilita muscolare, capelli rigogliosi,
dentatura forte, sguardo chiaro e sereno, orecchie carnose e rosee, collo fine e cilindrico, bocca
sempre chiusa, petto alzato e ventre liscio, spalle diritte ed omeri simmetrici, andatura disinvolta e
svelta; escrementi inodori e di colore bronzeo, evacuazioni due o tre volte al giorno senza sforzi;
pure il sudore deve essere inodore; lingua sempre pulita e piedi sempre caldi.
Tutti i corpi sani possiedono resistenza al freddo ed al calore, non si affaticano con lavori o
esercizi moderati; pure uno stomaco sano, senza venir meno, resistera alla sete e alla fame. Si
mangia con fame e si riposa tranquilli e sereni, svegliandosi animosi e ottimisti.
Per conservare la salute e la bellezza, e necessario formare un sangue puro mediante
digestioni normali. Affinche la digestione sia normale, occorre una temperatura normale all'interno
del ventre, cosa che si ottiene solo con alimenti naturali e di facile digestione; almeno nella prima
colazione del mattino ed in quella della sera, si deve mangiare soltanto frutta cruda. Attivare poi
l'eliminazione delle sostanze malsane per l'economia organica mediante esercizi corporali e
traspirazioni al sole o al vapore, possibilmente ogni giorno. Mantenere sempre i piedi caldi
combattendo il freddo con una vita all'aria libera, ed infine respirare aria pura sia di giorno che di
notte, dormendo con le finestre aperte. Con questo sistema si dara al viso quel colore bellissimo
senza necessita di prodotti artificiali.
Se l'uomo vivesse ignudo o semi-scoperto, se si cibasse solo di 'alimenti crudi, come la frutta,
le sementi o le verdure, e se dormisse all'aria libera sopra la terra, morirebbe da vecchiaia circa
all'eta di 150 anni.
-Pag. 48 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO VIII°

INFERMI AMO PER SQUILIBRIO TERMICO DEL CORPO

Secondo la mia Dottrina Termica, la salute dell'uomo dipende dalla sua lotta contro il calore
interno del corpo, poiche l'uomo e l'unico essere del Creato che vive infermo squilibrando le sue
temperature; con la cucina, produce febbre nelle viscere, e con l'eccessivo vestiario raffredda la
pelle sottraendola al conflitto termico dell'atmosfera. Secondo questo, la salute non si conquista,
bensi si forgia quotidianamente mediante l'equilibrio termico del corpo. Come si e detto, solo
l'infermita funzionale e non la microbica e la caratteristica di tutte le malattie dell'uomo.
Noi ci infermiamo, ossia perdiamo la salute, cioe la normalita funzionale dell'organismo, solo
per l'alterazione del calore che deve essere uniforme in tutto il corpo. In altri termini, le funzioni di
nutrizione e di eliminazione si alterano, a seconda che sia maggiore o minore il calore negli organi
corrispondenti.
Abbiamo visto che lo stato di infermita suppone febbre gastro-intestinale ed e proprio questa
che altera la salute e uccide, perche rende denutrite ed intossica le sue vittime.
In effetti; la febbre dell'apparato digerente trasforma in putrefazione il contenuto intestinale,
ed altera pure le funzioni di nutrizione e di eliminazione dei polmoni e della pelle. Dato che il
cuore, nella sua attivita, segue la temperatura, la febbre gastro-intestinale ne accelera il ritmo
aumentando la frequenza della onda sanguigna nei polmoni, e precisamente congestiona i tessuti
riducendo lo spazio destinato all'aria, compromettendo quindi il lavoro degli organi respiratori. La
pelle, che e il vero secondo polmone e secondo rene, viene resa incapace nel compimento delle sue
funzioni per mancanza della normale irrigazione sanguigna alla superficie del corpo dovuta alla
febbre che congestiona le viscere. Con questo si spiega il frastorno generale sofferto dalla
macchina umana, e cagionato dalla febbre gastro-intestinale propria di tutti gli infermi in grado
variabile. Con questo si spiega che la morte dell'uomo e causata da una grande febbre e non
dall'opera dei microbi.
La salute, ossia il normale funzionamento dell'organismo, richiede temperatura normale e
uniforme nel corpo. I brividi, che alcune volte si sentono lungo il corpo, rivelano l'acuto squilibrio
termico dell'organismo e preparano il disordine generale che verra poi diagnosticato in base
all'organo piu colpito.
Il nostro corpo possiede due rivestimenti: quello esterno si chiama «pelle» e quello interno
«mucosa», quest'ultimo copre le cavita interne del nostro organismo. La salute, ossia la normalita
funzionale organica, e solo possibile con una temperatura equilibrata fra pelle e mucose.
Esistendo una temperatura di 37 gradi nelle mucose dell'apparato digerente, otterremo
digestioni sane che saranno fonte di un sangue puro; inoltre, se detta temperatura esiste anche sulla
pelle, le eliminazioni attraverso i pori saranno adeguate alla necessita del corpo. Eccetto che per
intossicazione con aria viziata, tutte le malattie, qualsiasi sia il nome o la loro manifestazione, si
originano e mantengono per lo squilibrio termico del corpo che puo essere di variabile intensita.
Ripetiamo che la lebbre interna causa la putrefazione degli alimenti che corrompendosi,
invece di nutrire, avvelenano l'organismo. La febbre interna accelera il ritmo cardiaco e fa si che il
cuore lanci nei polmoni con maggiore frequenza l'onda sanguigna, congestionando gli organi
respiratori e indebolendone le funzioni di nutrizione e di eliminazione. La febbre interna,
congestionando le viscere, produce l'anemia della pelle. La deficiente circolazione sanguigna nella
pelle, rende incapace quest'organo a compiere la tanto importante funzione eliminatrice dei pori.
Con questo risulta che lo squilibrio termico, mentre favorisce l'elaborazione dei tossici
nell'intestino accalorato, impedisce l'espulsione di detti veleni a causa di una pelle anemica e
fredda. Con questo abbiamo spiegato «l'indebolimento» caratteristico di tutti gli infermi, la cui
forza vitale si deprime per denutrizione ed intossicazione progressiva.
Si vedra piu avanti come l'iride degli occhi riveli l'esattezza di quanto abbiamo esposto.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 49 di 176

Secondo questo, l'origine di tutte le infermita sta nei disordini digestivi che si generano e
mantengono con la febbre dello stomaco e degli intestini dell'infermo. Questo calore anormale si
sviluppa in seguito ai continui e prolungati sforzi prodotti da una obbligata elaborazione di alimenti
inadeguati nell'apparato digerente. Si spiega cosi la definizione della febbre secondo la mia
Dottrina Termica: essa e un fenomeno di natura infiammatoria e congestizia, originata per reazione
nervosa e circolatoria quando i nervi sono irritati o sottoposti ad un lavoro maggiore del normale.
Oltre a congestionare le mucose all'interno del ventre con un'alimentazione innaturale, l'uomo
effemina la pelle con l'esagerato uso di indumenti e con una vita troppo sedentaria, vissuta in
ambienti chiusi. E cosi che si prepara e si mantiene lo squilibrio termico del corpo che, per mezzo
dei sintomi delle manifestazioni, determina lo stato d'infermita. Mangiando arance o altra frutta
cruda in qualsiasi quantita e osservando il polso prima e dopo aver ingerito questo alimento, si
potra constatare che con si e prodotta alcuna alterazione apprezzabile nell'attivita cardiaca.
Pero se facessimo questa osservazione prima e dopo un'abbondante cena o pranzo in cui si
abbia ingerito carne, conserve, intingoli, dolci e liquori, ci richiamerebbe l'attenzione l'aumento
delle pulsazioni che, se prima di mangiare erano a 70, a pranzo consumato saranno circa 100 al
minuto. E proprio questo che ci rivela l'aumento della temperatura interna del corpo, perche
l'attivita cardiaca si accelera con il calore.
La sensazione di freddo ai piedi e di calore alla testa che accompagna le buone mangiate, ci
rivela lo squilibrio termico del corpo, con l'aumento del calore interno per effetto del forzato lavoro
dello stomaco e degli intestini.
La frutta cruda e l'alimento naturale dell'uomo; lo dimostra la digestione che non impone un
lavoro anormale agli organi digerenti. Cio significa che, con una elaborazione di alimenti adeguati,
anche l'equilibrio termico del corpo non si altera.

Fig. 2 - La febbre interna distrugge, annichilisce la vita per


denutrizione ed intossicazione. Come si vedra, questo e il nemico -
e non il microbo - che dobbiamo combattere in tutti gli ammalati,
prescindendo dal nome o manifestazione della loro malattia.

L'ORIGINE DELLA FEBBRE INTERNA


Come si e detto, la febbre interna si origina e si mantiene per la reazione nervosa e
circolatoria provocata dai prolungati sforzi digestivi nell'elaborazione di alimenti inadeguati.
Una legge fisica definisce che tutto il lavoro sviluppa calore (quindi maggior lavoro, maggior
-Pag. 50 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

calore). Cosi se con una sega a mano seghiamo della legna, osserveremo che i muscoli del braccio
progressivamente si scalderanno congestionandosi, e arriveranno a gonfiarsi se si esagerera
nell'esercizio. Cio dimostra che si e prodotta una febbre muscolare per reazione nervosa e
circolatoria, poiche i nervi sono stati sottomessi a un lavoro forzato.
Un analogo fenomeno si produce nell'apparato digerente dell'uomo. La Natura ha destinato lo
stomaco e gli intestini dell'essere umano all'elaborazione digestiva di frutta, insalata e semi d'albero
(quali le noci, le mandorle ecc.) allo stato naturale. Con questi alimenti l'apparato digerente realizza
un lavoro che dura al massimo due ore, senza eccessivo sforzo. Pero, se queste sostanze sono cotte,
prolungano il lavoro digestivo a tre o piu ore, generando un principio di congestione e maggiore
calore. Ora, se al posto degli alimenti vegetali ci cibiamo di alimenti cotti a base di prodotti animali
e cadaverici, con condimenti irritanti e per di piu mescolati a bevande alcooliche, obbligheremo le
mucose dello stomaco e dell'intestino a forzare il loro lavoro che sara tre o quattro volte piu lungo
del normale. Questo maggiore e prolungato lavoro si trasforma in maggior calore, il che vuoI dire
in febbre gastro-intestinale che favorisce le putrefazioni degli alimenti ed e fonte di veleni, che
intossicano il sangue, attaccano gli organi vitali del corpo e producono in tal modo i differenti
sintomi costitutivi delle diverse malattie classificate dalla Patologia.
Ripetiamo che, i prodotti cadaverici o di fabbrica, i liquori, i piatti prelibati e molto conditi
impongono un lavoro forzato agli organi digerenti; sforzo che si trasforma in congestione delle
mucose, delle pareti dello stomaco e degli intestini, elevando cosi la temperatura interna del ventre
e indebolendo quella della pelle e delle estremita. Il polso che, come gia si sa e in relazione con la
temperatura interna del corpo, con la sua accelerazione denuncia l'effetto febbrile causato da una
alimentazione malsana.
Da quando l'essere umano lascia il grembo materno, incomincia ad introdurre nello stomaco
alimenti inadeguati che congestionano, producono febbre, indeboliscono e degenerano le mucose
ed i tessuti. D'altra parte egli fa eccessivo uso di vesti, raffreddando progressivamente la pelle alla
superficie del corpo che, al contrario, abbisogna del conflitto con il freddo dell'atmosfera per poter
sviluppare il calore per mezzo della reazione nervosa e circolatoria.
L'iride rivela questi processi, dimostrando la disgregazione e lo stato spugnoso dei tessuti
corrispondenti alla zona dello stomaco e intestini, e la opacita del circolo corrispondente alla zona
della pelle che denuncia anemia per effeminamento di essa e per congestioni interne.
Se ogni giorno, per lo spazio di anni, si produce questo processo di congestione interna ed
effeminamento della pelle, si spiega con facilita come la pelle e le estremita siano sempre fredde,
sintomo caratteristico negli anziani. in quanto l'accelerazione del loro polso rivela la febbre nelle
loro viscere.
Iniziata la febbre interna, la vittima e progressivamente racchiusa in un circolo vizioso poiche
l'anormalita del calore del ventre favorisce la decomposizione degli alimenti e la fermentazione
putrida di questi, elevando la temperatura locale che origina nuove putrefazioni.

GLI EFFETTI DELLA FEBBRE INTERNA


Gli alimenti di origine animale, come la carne e i succhi derivati, il latte, le uova, i frutti di
mare, se introdotti nello stomaco e intestini congestionati, si corrompono originando fermentazioni
malsane che, oltre a privare questi alimenti delle loro proprieta benefiche, caricano il sangue e i
tessuti vivi del corpo con sostanze tossiche e con materie estranee.
Queste sostanze estranee, che si trasmettono pure alla discendenza con il sangue, cambiano la
forma del corpo e specialmente del viso e del collo, confermando cosi la teoria formulata da Kuhne
sulla diagnosi della faccia, come sara spiegato nel capitolo XII°.
Queste sostanze morbose irritano, congestionano, indeboliscono e distruggono i tessuti e gli
organi del corpo meno resistenti, dando posto alle malattie localizzate nelle diverse parti
dell'organismo, il cui nome viene catalogato dalla Patologia.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 51 di 176

D'altra parte, come effetto della febbre interna si producono due fenomeni che dobbiamo
considerare: uno generale, la «debolezza» che subentra per denutrizione ed intossicazione,
caratteristica in tutti gli infermi in grado variabile; l'altro locale, infiammazione generalmente
dolorosa nella parte del corpo direttamente affetta, ed e il sintomo localizzato del disordine
generale.
Le materie inadeguate, incorporando si nell'economia del corpo, introdotte con alimenti
innaturali o derivanti dalle fermentazioni putride dell'intestino, alterano la normale composizione
del sangue che si acidifica; inoltre, questo carico di sostanze estranee fa si che il sangue alterando
la sua fluidita, scorra nel sistema circolatorio con piu difficolta, come rivela l'iride di tutti gli
infermi cronici.
D'altra parte, le fermentazioni malsane sviluppano gas tossici che, penetrando attraverso i
tessuti porosi del corpo, generalmente salgono verso l'alto attaccando con la loro azione irritante e
corrosiva gli organi del petto, collo e capo. Condensandosi nel cervello e negli organi respiratori,
queste sostanze gassose, producono irritazioni, infiammazioni e dolori locali che erroneamente si
attribuiscono all'azione microbica. Tanto la chiamata tubercolosi polmonare quanto la paralisi, sono
curabili solo se si agisce sopra il ventre, poiche nel ventre si originano.
Gli alimenti inadeguati, in individui differenti, non producono lo stesso disastroso effetto
riguardo alla salute, poiche questo dipende dalla potenza digestiva di ogni singolo organismo.
Si spiega cosi, come lo squilibrio termico del corpo, che si origina per effetto degli
straordinari sforzi che esige l'elaborazione degli alimenti inadeguati, vari secondo la costituzione
dello stomaco e degli intestini di ogni singola persona. In modo analogo, lo squilibrio termico puo
essere passeggero o stabile, in quanto e uniformato ai ripetuti disordini digestivi.
Con quanto detto, si spiega come quelle persone che vivono commettendo continui errori con
una eccessiva alimentazione, sembrano vivere in apparenza sane, raggiungendo eta avanzata.
Queste persone godono una vitalita che fu accumulata dai loro progenitori e che vanno esaurendo,
a scapito e pregiudizio della loro discendenza, che sara condannata a pagare gli errori dei loro
padri.
Inoltre, la mia Dottrina Termica mette in evidenza come la causa del disordine funzionale
organico faccia si che gli infermi cronici sentano aggravarsi le malattie nel periodo freddo e
alleviarsi nel periodo caldo.
D'altra parte la febbre interna, convertendo il ventre in un laboratorio di putrefazioni che
avvelenano il sangue, caricandolo di sostanze acide, irritanti e corrosive, obbliga gli organi
incaricati di purificare e far circolare il fluido vitale, ad un lavoro costante e forzato che irrita e
congestiona, indebolisce e distrugge i tessuti del cuore, fegato, reni, milza, vene e arterie. Tutte le
infermita di questi organi, hanno la loro origine nei disordini digestivi, originati e mantenuti da
quella febbre interna che si deve combattere per riconquistare la salute. Pure le affezioni nervose
sono un effetto dell'impurita che e nel sangue, prodotta sempre dai disordini cronici della
digestione.
Gola, occhi, organi uditivi, naso e cuoio capelluto, si infermano in seguito all'azione irritante
e corrosiva dei tossici derivati dalle putrefazioni intestinali, che salgono alla testa attraverso i
tessuti porosi del petto e del collo.
Le infiammazioni ghiandolari, le irritazioni della pelle e delle mucose, non sono altro che un
effetto delle materie tossiche, dalle quali l'organismo cerca di difendersi, ritenendole nel sistema
gangliare o espellendole per mezzo di questo.
Tutti i processi morbosi localizzati nell'organismo, dalla semplice infiammazione al tumore,
rappresentano la difesa organica che deposita in una zona del corpo materie elaborate in
putrefazioni intestinali e ritenute a causa della deficiente eliminazione della pelle, reni e intestini.
Le affezioni veneree o di qualsiasi altra natura, suppongono l'esistenza di un terreno impuro,
preparato e mantenuto nell'organismo da gravi e cronici disordini digestivi; effetti questi di una
-Pag. 52 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

putrefazione intestinale e di febbre interna.


Possiamo quindi affermare con certezza, che tranne ad intossicazioni causate per aria
malsana, droghe e iniezioni, i disordini digestivi originano e mantengono le infermita, qualsiasi sia
il loro nome e la loro manifestazione. L'iride degli occhi rivela che dalla zona digerente parte
l'offensiva infermante l'organo affetto da qualsiasi malattia.
Lo stomaco, secondo la frase dell'immortale Cervantes, e la fucina dove si forgia la salute e la
vita.
Pure Kuhne avvalora questo detto, affermando che «non esiste infermo con buona digestione
e nemmeno persone sane con cattiva digestione», perche il processo digestivo pone il suo sigillo
sullo stato di salute o infermita dell'individuo.
La febbre, favorendo le putrefazioni intestinali che rendono denutrito e intossicano l'uomo,
costituisce il vero nemico della salute. Essa converte il ventre in laboratorio di tutti i mali che
affliggono l'essere umano, preparando il terreno impuro e la temperatura febbrile adeguata alla vita
microbica.
La vita e la prosperita del microbo richiedono due punti di appoggio: terreno malsano e
febbre. Entrambi questi elementi sono originati da una nutrizione inadeguata. Mancando uno
qualsiasi di questi fattori, la vita microbica non puo esistere ne mantenersi.
Con questo, di fronte alla teoria dell'infezione microbica oppongono il mio concetto sul
disordine funzionale dell'organismo che contempla lo squilibrio delle temperature, come causa di
tutti i mali dell'uomo.
Non dimentichiamo poi, che la salute dell'individuo dipende dalla lotta contro il calore
interno del corpo, perche l'essere umano giornalmente colpisce le viscere con la buona mensa e
raffredda la propria pelle con l'uso di vesti inadeguate.
Infine, la salute non si conquista, pero si coltiva giorno per giorno mediante l'equilibrio
termico del corpo.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 53 di 176

CAPITOLO IX°

FEBBRE CURATIVA E FEBBRE DISTRUTTIVA

Per la medicina che si serve del termometro non esistono «due febbri» come non esistono due
calori. D'accordo, il calore animale e un fenomeno unico, pero la sua distribuzione puo essere
uniforme o squilibrata. Con il primo caso avremo la salute, e con il secondo l'infermita, vale a dire
il disordine funzionale dell'organismo. Questo squilibrio termico, caratteristico nello stato
d'infermita, si rivela nell'iride degli occhi del soggetto, come spiego nel mio trattato di iridologia.
Malgrado si sia gia parlato della febbre, come caratteristica dello stato di infermita, una volta
ancora vogliamo insistere su questo tema, poiche e di capitale importanza.
Secondo la mia Dottrina Termica, esistono tre tipi di febbre: l'esterna, che puo essere
controllata dal termometro posto sotto l'ascella dell'infermo; l'interna, che domina all'interno del
ventre e va unita alla mancanza di calore normale della pelle e delle estremita, e non puo essere
controllata dal termometro, ma si scopre per mezzo. del polso e dell'iride degli occhi; per ultimo, la
febbre locale, che di preferenza colpisce una zona o un organo determinato del corpo e si manifesta
con battiti, con un continuo punzecchiare, con una noia localizzata o con bruciore.
La febbre esterna rivela l'attivita delle difese dell'organismo, la/interna accusa l'incapacita
difensiva della Natura. Da parte sua la febbre locale, che costituisce sempre un'irritazione,
infiammazione e congestione per incidenti o per materie morbose (ascessi, tumori, colpi, ecc.) e
pure pregiudiziale perche altera ed ostacola la libera circolazione del sangue nell'organo o tessuto
affetto.
La febbre esterna, caratterizza l'infermo come vittima di una crisi acuta; la febbre interna
invece, mantiene uno stato d'infermita cronico.
Solo la febbre esterna favorisce la cura perche, mediante il calore esteso a tutto il corpo,
attiva i processi vitali ed aiuta la purificazione del sangue e dei tessuti, distruggendo ed espellendo
attraverso i pori le materie organiche morte accumulate nel corpo per eredita o per inconveniente
nutrizione.
Invece la febbre interna, cioe delle viscere, e distruttiva perche altera la composizione del
sangue, corrompe gli alimenti convertendoli in veleni, rende deficiente la circolazione del fluido
vitale nella pelle e nella. estremita del corpo, accorcia e pone fine in tal modo all'esistenza per
effetto della denutrizione ed intossicazione. Questa febbre interna, oltre ad alterare la nutrizione e
l'eliminazione intestinale, altera pure i medesimi processi che avvengono nei polmoni e nella pelle.
In effetti, il calore interno del ventre accelera il cuore, la cui forzata attivita congestiona i
polmoni e riduce l'irrigazione sanguigna della pelle e delle estremita del corpo.
Si comprende allora quanto sia grande la necessita di portare alla superficie del corpo la
febbre interna e produrre, di conseguenza, la febbre artificiale sulla pelle per normalizzare in tal
modo la circolazione del sangue, e favorire la sua purificazione per esalazione cutanea o per
traspirazione attraverso i pori.

COME PRODURRE FEBBRE CURATIVA


Attaccando la pelle con il freddo; la obblighiamo a sviluppare del calore che si produce
tramite una reazione nervosa e circolatoria. Esponendo la pelle al conflitto con il freddo dell'aria e
dell'acqua, obblighiamo l'organismo a sviluppare del calore esterno per difendersi dall'attacco del
freddo stesso, asportando dall'interno delle viscere tutto quel sangue che ivi si trova a causa della
congestione. Il freddo attiva il ricambio organico con il calore che risveglia la reazione nervosa
tramite il conflitto termico; piu attiva e prolungata e questa reazione di calore che precede
l'applicazione fredda piu intenso e duraturo sara il beneficio ottenuto. Si avra un'ottima reazione se
il corpo si trova in traspirazione, e se l'acqua che si impiega per le abluzioni sara la piu fredda
-Pag. 54 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

possibile, cercando poi di mantenere la reazione del corpo con gli esercizi ginnici o con vesti
adeguate.
Con il calore del sole o del vapore si combatte pure la febbre interna, che si trasforma cosi in
febbre benefica alla superficie del corpo dell'infermo, sempre se questo calore viene alterato con
delle abluzioni fredde, (come e spiegato nel mio lavaggio del sangue).
L'azione del sole sulla pelle debitamente coperta, congestiona questo organo scaricando in tal
modo la congestione interna. Lo stesso effetto si produce con l'azione del vapore che,
congestionando la superficie del corpo, decongestiona gli organi interni.
E gia noto che tutte le applicazioni fredde sulla pelle generano una reazione di calore su di
essa; e noto pure l'effetto contrario delle applicazioni calde, in quanto generano una reazione
fredda, sempre che non terminino con una doccia o con fregagioni fredde seguite da esercizio
adeguato.
Il sole ed il vapore, oltre a produrre la benefica febbre sulla pelle, attraggono dall'interno del
corpo tutte le materie malsane che si espellono attraverso i pori.
E errato quindi pensare che basti solo traspirare per eliminare efficacemente le impurita
organiche. Affermo che possono esistere abbondanti traspirazioni con scarse eliminazioni di
materie morbose dall'organismo; questo lo conferma la persona tisica, la cui traspirazione non
permette di migliorare il sangue, in quanto questo circola debolmente nella pelle a causa della
grande congestione interna. Per ottenere una buona eliminazione cutanea e necessario
congestionare la pelle perche, solo cosi, il sangue puo portare ai pori le impurita organiche. Come
si e detto, l'azione del sole e del vapore, oltre ad aumentare il calore sulla pelle, producendo febbre
curativa, offre il vantaggio di attirare e di eliminare attraverso i pori tutte le materie malsane
dell'interno del corpo. Questo stesso effetto si ottiene con le reazioni di calore che il freddo dell'aria
e dell'acqua producono sulla pelle.
Possiamo infine produrre la febbre artificiale sulla superficie del corpo, mediante
l'organicazione con ortiche fresche, seguita poi da frizioni fredde. Con queste applicazioni si
risveglia l'energica reazione nervosa e circolatoria, indicata quando la pelle dell'infermo si presenta
fredda e cadaverica come nei casi di polmonite, asma e paralisi.
Secondo la mia Dottrina Termica, la reazione termica e il risultato della maggiore attivita
nervosa e circolatoria che si risveglia nella pelle, provocata dal conflitto freddo dell'acqua; questa
fa si che tutti i tossici generati dalla congestione interna, e che avvelenano il sangue, vengano
espulsi attraverso i pori per mezzo della traspirazione o per esalazione.
Per quanto riguarda la febbre locale, e necessario agire sopra la parte o organo colpito,
rinfrescando localmente, asportando attraverso i pori le impurita accumulate, a causa
dell'infiammazione febbrile.
Nelle applicazioni fredde e calde, abbiamo i disinfiammanti adeguati per trattare la febbre
localizzata in tumori, congestioni, irritazioni, ferite o ulcere, siano questi originati dal deposito di
materie estranee, da colpi od altri incidenti. Per i casi cronici e con pelle fredda, si indicano le
applicazioni calde e, nelle infiammazioni acute con pelle calda, si raccomandano applicazioni
locali fredde.
I cataplasmi caldi di fiori di fieno (Sernen herbae) e di farina di lino, si applicano sui tessuti
freddi, previa una frizione locale fredda; questa risveglia la reazione dei tessuti, ed il calore del
vapore di questi cataplasmi attrae alla superficie la congestione interna, aprendo i pori che
lasceranno uscire le materie morbose che cagionano l'infiammazione locale. Questa combinazione
di caldo e freddo, e il migliore calmante dei dolori localizzati.
Le compresse fredde che si pongono e tolgono ogni dieci minuti, per un tempo di una o due
ore, combattono pure con efficacia l'infiammazione e le febbri locali e, pertanto, allontanano i
dolori.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 55 di 176

Il cataplasma di ricotta rinfresca rapidamente i tessuti e li decongestiona dalla febbre con


incredibile efficacia.
Infine, il cataplasma di terra fresca decongestiona, disinfiamma, purifica e vivifica i tessuti
febbricitanti; inoltre, la terra e il miglior calmante per tutti i dolori acuti e infiammatori. (Piu avanti
spiegheremo come si preparano questi elementi indicati).
Per concludere quanto ho esposto, affermo che le malattie si possono curare solo mediante la
febbre esterna perche, solo essa, e capace di attivare attraverso i pori l'espulsione delle materie
dannose all'economia organica e, nello stesso tempo, decongestionare gli organi interni del corpo,
combattendo cosi la febbre distruttiva delle viscere in grado variabile ma comune a tutti gli infermi.
Termino richiamando l'attenzione all'errore che si compie impiegando borse di ghiaccio per
combattere la febbre locale e le infiammazioni locali. Invece di decongestionare, il ghiaccio
paralizza la circolazione del sangue nella zona della applicazione, impedendo la normalita che si
cerca di conseguire.
Figura A - SANO Figura B -AMMALATO
Uomo primitivo Uomo civilizzato

Fig. 3 - Manifestazione della febbre curativa Febbre distruttiva, caratteristica di tutti gli
caratteristica delle crisi acute, sintomo in- infermi cronici. Questa febbre ammazza la vita
dispensabile di una attiva di- fesa organica per effetto della denutrizione ed intossicazione
che, per milioni di pori della pelle, espel-le il progressiva perche favorisce le putrefazioni
calore malsano delle viscere, come pure le intestinali ed ostacola l'azione eliminatrice della
impurita del sangue. pelle che si fa anemica e cadaverica.
-Pag. 56 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO X°
MALATO IN CONSEGUENZA AL DISORDINE FUNZIONALE,
L'INFERMITA E IL SINTOMO DI TALE DISORDINE

La salute, che significa normalita funzionale dell'organismo, si mantiene solo con un sangue
puro e con la normale circolazione di esso in tutto il corpo. Se esponiamo una mano ai raggi solari,
noteremo nella sua semitrasparenza, un colore rossastro; cio vuoI dire che tutti i suoi tessuti, senza
distinzione, sono impregnati di sangue. Lo stesso avviene nel resto del corpo, dalla pelle al midollo
delle ossa e, se cio non fosse, si produrrebbe cancrena, perche un tessuto privo della circolazione
sanguigna muore.
Stando a questo, si comprende come il sangue sia la vita del corpo e, pertanto, lo si denomina
«fluido vitale». Esso e il prodotto della nutrizione in generale e della digestione in particolare. Si
elabora nell'apparato digerente, circola nelle arterie e viene pompato dal cuore; si purifica per
azione dei polmoni, della pelle e dei reni. Il sangue si filtra pure nel fegato e nella milza,
quest'ultima poi, con la sua notabile azione, denuncia nell'iride sinistro qualsiasi eventuale
alterazione che venga ad intossicare la sua armonia e composizione organica per effetto
dell'impurita, causata dalla presenza di veleni iniettati, come le droghe o i farmaci creduti
miracolosi.
Oltre che per una malsana eredita, il sangue si contamina anche respirando aria impura, con
disordini digestivi e soffocando la pelle con vesti inadeguate che indeboliscono il suo miracoloso
lavoro di secondo polmone e di secondo rene.
Il sangue impuro, caricandosi di materie estranee, perde la sua fluidita ed altera pure la sua
circolazione nel corpo, rendendola sempre piu scarsa nella pelle, nelle estremita e nella zona
cerebrale.
Con l'alterazione della composizione e circolazione del sangue, tutto il corpo perde la sua
vitalita. In effetti il sistema nervoso, che e come il padrone di casa nell'organismo, dipende dalla
qualita del fluido vitale. Il sangue puro da nervi sani, il che significa vigore generale e normalita
funzionale di tutto il corpo. Al contrario, un sangue impuro deprime la vitalita 'nervosa e, per tanto,
le difese organiche e la salute integrale dell'individuo. Infine, un sangue intossicato a causa delle
putrefazioni intestinali, dei vaccini, dei sieri e delle iniezioni medicamentose, conduce alla paralisi
per torpore dell'energia nervosa.
Tutti gli infermi, in grado variabile, sono vittime della loro vitalita indebolita a causa
dell'impurita e della cattiva circolazione del sangue. Cosi, per far sparire qualsiasi malattia, basta
purificare il sangue mediante una buona digestione ed un'attiva eliminazione cutanea, il che si
otterra congestionando la pelle dell'infermo e rinfrescando le sue viscere; infatti noi ci infermiamo
per lo squilibrio termico del corpo, come e stato spiegato nei capitoli precedenti.
Con quanto ho esposto, si comprende benissimo che la Dottrina Termica che insegno ha un
obiettivo solo e prefisso per curare qualsiasi infermo indistintamente. Questo obiettivo ha lo scopo
di purificare il sangue e normalizzare la circolazione nella pelle e nelle estremita del corpo. Questa
doppia finalita, ripeto, si otterra rinfrescando l'apparato digerente e riscaldando la pelle.
La mia Dottrina poi dirige la sua azione su tutto il corpo, come fosse un organo solo, senza
considerare i sintomi o le manifestazioni che sono indici della mancanza di salute.
Il sangue puro e alcalino, fluido, di colore vermiglio e si manifesta in una pelle tersa, fresca,
rosea e uniforme, senza macchie ne venature.
Nella gola si puo apprezzare lo stato del sangue di una persona. Quando il velo del palato,
l'ugola e le tonsille si presentano di un colore rosso piu o meno pronunciato, o i tessuti di questi
organi appaiono infiammati, possiamo affermare che il sangue di questa persona e inquinato da
tossici, in grado maggiore o minore, secondo l'intensita dei sintomi.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 57 di 176

Nello stato di alterazione prodotto da materie estranee, il sangue si acidifica, prende un colore
oscuro e perde la sua fluidita e, in questo caso, rende difficoltosa la circolazione, generando
disturbi per l'inadeguata nutrizione dell'organismo e per l'intossicazione generale, piu o meno
grave, delle cellule in modo particolare, attaccando infine il sistema nervoso che governa l'attivita
funzionale dell'organismo.
Quindi per possedere un sangue puro, e di conseguenza una circolazione sanguigna normale,
bisogna mantenere il corpo in perfetto equilibrio termico come ho spiegato nei capitoli precedenti.
Con quanto e stato detto, abbiamo spiegato l'origine e lo sviluppo di tutti i sintomi che
denunciano l'alterazione della salute. Un sangue puro, povero degli elementi adatti alla vita delle
cellule, e abbondante di sostanze tossiche, produce la denutrizione e l'intossicazione generale di
tutto l'organismo, il che significa l'origine dello stato dell'infermo. D'altra parte, le reazioni
difensive dei tessuti o degli organi affetti da materie morbose, creano congestioni ed infiammazioni
che caratterizzano l'infermita locale.
Cosi si definiscono i due termini: Infermo e quel soggetto il cui organismo soffre un frastorno
generale del suo funzionamento per cattiva nutrizione e deficienti eliminazioni; infermita e il
sintomo o la manifestazione morbosa localizzata dallo stato anormale che affetta tutto l'organismo
e che sempre costituisce un processo infiammatorio di intensita variabile.
Benche non esista una infermita specifica, uno puo essere infermo ugualmente.
Questo lo vediamo quotidianamente in tutte le persone giovani, il cui corpo abbonda di
gonfiore nelle sue forme; e questo il prodotto di una esteriorizzazione delle sostanze estranee,
fornite al corpo con pranzi e cene inadeguate (veri veleni che intossicano). Grazie alla buona
costituzione organica, la forza vitale di queste persone mantiene un'apparente normalita, senza
sentire la necessita di produrre una crisi. Questi sono i vari infermi ignorati perche senza malattia.
L'infermo si caratterizza per l'affievolimento della forza vitale, in grado variabile, per
denutrizione ed intossicazione provenienti dalle fermentazioni malsane che si producono
nell'apparato digerente. Tutte le infermita si caratterizzano con l'infiammazione dell'organo o zona
del corpo direttamente affetti; questo processo infiammatorio e congestizio puo essere acuto, sub-
acuto, cronico e distruttivo.
L'iride degli occhi dell'infermo rivela questi due aspetti: l'impurita generalizzata a tutto
l'organismo e la localizzazione del processo morboso che si manifesta con irritazione,
infiammazione, congestione e distruzione delle fibre del tessuto iridale, nella zona corrispondente
al punto affetto.
Il processo che determina lo stato dell'infermo e costituito sempre dalle stesse cose:
Respirazione di aria malsana, mancanza di ventilazione alla pelle e alimentazione con prodotti
indigesti, facendo si che il corpo riceva tutte quelle sostanze inadeguate alla sua economia,
ritenendole fra i tessuti vivi come materie estranee. Dal momento che l'organismo accumula queste
materie morte, piu o meno tossiche, entra gia nello stato d'infermita anche se non si presenta alcun
sintomo. Con l'aumentare dei disordini nella nutrizione, le eliminazioni si indeboliscono per il
forzato lavoro degli organi corrispondenti, aumentando progressivamente il ricarico morboso del
corpo.
Il sangue, caricato di materie senza vita, inadeguate alla formazione dei tessuti vivi, deposita
queste sostanze tossiche e dannose negli organi o zone piu deboli dell'organismo dove minore e la
difesa originando irritazioni, dolori, congestioni, infiammazioni croniche e tumori, che vengono poi
classificati come cancro e tubercolosi, ecc. ecc.
La difettosa circolazione del sangue nell'organo o zona del corpo affetto da sostanze estranee,
indebolisce la vita cellulare, affamando ed intossicando i tessuti dove si produce poi un deposito
sanguigno. Inoltre la congestione, elevando la temperatura locale, favorisce la putrefazione delle
materie organiche morte ivi depositate, e deprime progressivamente per intossicazione la vita dei
tessuti che le albergano, causando infine la morte delle cellule (processi distruttivi).
-Pag. 58 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Quindi, tutte le malattie o affezioni localizzate si spiegano nel seguente modo: I tessuti che
ospitano le sostanze estranee si irritano per l'azione acida e caustica di esse; trascurando questo
processo infiammatorio, la congestione diviene cronica e genera una cattiva irrigazione sanguigna,
indebolisce gradualmente la vitalita e la resistenza dei tessuti affetti fino a produrre la morte per
denutrizione ed intossicazione delle cellule. La malattia poi viene classificata in tumori sifilitici,
tubercolotici e cancrenosi.
Come spieghero a suo tempo e con quanto e gia stato esposto, si comprende che, per
ristabilire la salute di qualsiasi individuo infermo, e necessario seguire questo doppio cammino:
1° - dirigere l'azione curativa alla normalizzazione della digestione;
2° - attivare le eliminazioni collocando il corpo in equilibrio termico. Inoltre, trattare
l'infermita o il processo morboso localizzato, vuol dire decongestionare e portare tutte le materie
malsane alla superficie del corpo e alle vie di espulsione del basso ventre.
Terminiamo questo capitolo facendo notare una volta ancora che, come in tutti gli infermi e
alterata la composizione del sangue, cosi e alterata la circolazione. Quando il sangue viene attratto
all'interno del ventre, congestiona tutti gli organi, depositando nella zona del corpo particolarmente
colpita. Inoltre, la pelle si fa anemica ed inattiva, nello stesso tempo in cui si congestionano le
viscere.
Poiche il sangue porta il calore, abbiamo lo squilibrio termico del corpo, in grado variabile e
comune a tutti gli infermi. Rimane quindi indicato il cammino verso la normalita: riscaldare la
pelle e rinfrescare le viscere.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 59 di 176

CAPITOLO XI°
NON CI SONO MALATTIE DISTINTE BENSÌ MALATI
A CAUSA DEL DISORDINE FUNZIONALE DELL'ORGANISMO
L'unita della Natura si e perduta nella solitudine del laboratorio.
Haeckel
Esiste un aforisma (che pero non e conosciuto da tutti) e che dice: Non esistono malattie,
bensi malati.
Questo vuoI dire che non esistono malattie di differente natura, bensi vi sono solo
manifestazioni diverse di mancanza di salute. Ecco perche la Patologia non e altro che una
semplice classificazione convenzionale dei sintomi o delle manifestazioni dello stato «d'infermita»,
il che vuoI dire del disordine funzionante dell'organismo affetto.
Caratterizzato lo stato d'infermita per disordine funzionale dell'organismo, generato dallo
squilibrio termico del corpo, tutte le malattie hanno una sola ed unica natura malgrado presentino
fisionomie diverse. Come la salute, che e la normalita funzionale, costituisce un fenomeno unico,
cosi lo stato d'infermita e un fenomeno unico perche, in tutti i casi, significa alterazione della salute
in grado variabile.
Malgrado si sappia che l'infermita e un fenomeno negativo, se vogliamo dare significato
positivo all'alterazione della salute, dobbiamo convenire che, in tutti i casi, essa non e altro che
febbre gastro-intestinale, di intensita variabile come si e spiegato. Le diverse manifestazioni o
sintomi dello stato d'infermita, costituiscono variate sembianze del disordine organico, sempre
originato e mantenuto dalla febbre interna del corpo come rivela l'iride degli occhi.
Il nostro corpo costituisce un organo unico, un tutto indivisibile irrigato dallo stesso fluido
vitale, il sangue, strettamente unito nella sua attivita dalla funzione nervosa. Ecco perche si
stabilisce che la malattia localizzata e un effetto del disordine generale.
La Vita e la funzione del corpo, l'infermita e l'alterazione di questa funzione. Si determina
percio che i diversi processi morbosi sono sempre di natura funzionale e non microbica, poiche non
esistono infermita distinte, bensi manifestazioni diverse del disordine organico dovute sempre alla
denutrizione ed intossicazione in grado variabile.
La sifilide, la tubercolosi, l'asma, il diabete, il cancro, il tifo ecc. sono solamente nomi con
cui si catalogano i sintomi della mancanza di salute. Cattiva digestione e deficienti eliminazioni,
variabili per gravita e cronicita, sono la fonte di tutti questi sintomi diversi che si classificano come
mali distinti.
Nell'iride degli occhi non si rivelano affezioni di natura diversa fra di loro. In altri termini,
l'iridologia denuncia gli infermi, non le infermita, le quali esistono sotto la falsa personalita di un
nome convenzionale.
Il corpo non si ammala in punti localizzati, non puo avere malato il cuore o il fegato ed avere
nel medesimo tempo sani gli altri organi. Tutti i processi morbosi attaccano l'organismo intero in
forma piu o meno accentuata, compromettendo tutte le difese organiche; si cade quindi in un
profondo errore quando si definisce un sintomo con il nome di malattia, ad esempio: Malattie
dell'udito, degli occhi, del sistema nervoso, del fegato, del cuore o reni ecc. ecc.
Per esempio un'affezione agli occhi, non puo rimanere isolata dal resto dell'organismo,
perche il sangue che in un momento' circola nell'organismo infermo, pochi secondi dopo circolera
nei piedi, dopo essere passato per il cuore, per il fegato, per i reni e polmoni.
Le specialita mediche quindi fanno supporre un madornale errore e una visione antiscientifica
poiche il facoltativo, senza curare la normalita digestiva, pretende curare una gonorrea mediante
lavaggi astringenti destinati a soffocare la suppurazione delle mucose uretrali che liberano il corpo
da quelle immondizie accumulate per putrefazioni intestinali. Cio rivela ignoranza sull'origine del
processo morboso, ed una inesatta valutazione del valore delle difese naturali dell'organismo.
-Pag. 60 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

(Se non si purifica il sangue mediante la normalita digestiva e l'attiva eliminazione della pelle
giammai una infermita, qualsiasi sia il suo nome, potra sparire veramente). L'unico rimedio
efficace e costituito dal sangue puro che circola attivamente, portando in ogni punto del corpo le
sostanze vitali e riparatrici, ritirando da ogni cellula le materie inservibili e pregiudiziali.
Le ossa, i muscoli, i nervi, il cervello e i tessuti, costituiscono il corpo umano e sono formati
e mantenuti dal sangue; essendo questo il prodotto della normale nutrizione e eliminazione,
dobbiamo riconoscere che dalle funzioni digerenti, polmonare e cutanea, dipendono la vita e la
salute integrale dell'uomo.
Le infermita del cuore, del fegato, dei reni, del sistema nervoso, dei polmoni, degli occhi,
della gola ecc. ecc. possono esistere solo per effetto di un sangue corrotto ed inquinato per
disordini digestivi acuti o cronici, come rivela l'iridologia.
E quindi deplorabile l'abituale criterio medico che in ogni sintomo morboso scopre una
infermita diversa. Pero, ancora piu deplorevole e il desiderio di certi infermi di trattare pazzamente
le loro affezioni. Colui che soffre agli occhi, va dall'oculista perche intervenga sopra l'occhio
infermo; la medesima cosa fa l'individuo che soffre all'udito, ai denti, agli organi sessuali, al fegato,
ai reni, ai nervi, ecc. cercando lo specialista che trattera direttamente questi organi affetti. Ebbene,
come e stato detto, questo e un errore che si deve evitare e combattere. Dobbiamo tenere sempre
presente che il corpo e un organo solo, e se alcuna delle sue parti e anormale, cio e dovuto alla
deficiente difesa della parte ammalata, la cui vitalita e diminuita. E' necessario appellare tutte le
forze del corpo, per togliere dalle parti piu sane gli elementi difensivi e porli in ausilio alla parte
inferma.
Si comprende quindi che tutto il trattamento deve essere generale, diretto a ristabilire la
salute integrale del corpo, per far si che un sangue puro possa irrigare i tessuti e ridare la vitalita
difensiva alle cellule della parte ammalata. Il trattamento locale e secondario, ed il suo scopo e solo
quello di evitare la congestione e facilitare l'irrigazione sanguigna, indispensabile alla riparazione
delle lesioni e al ristabilirsi della salute.
Ripetiamo una volta ancora che la natura di tutte le malattie e solo di origine funzionale e non
microbica, che le manifestazioni di queste anormalita, o sintomi, variano secondo la
predisposizione di ogni singolo individuo, di cio che ha ereditato, dal regime di vita, dall'eta,
dall'occupazione, dal sesso, dalle abitudini, dal clima ecc. ecc.
Ippocrate proclamando: «Non esistono infermita ma solo infermi» ha tolto tutte le basi alla
Patologia, fondamento della cosi detta scienza medica professionale. La Terapeutica, che insegna il
trattamento di tutte le infermita, e respinta poi con la mia Dottrina Termica che si dirige verso la
salute.
Secondo i miei insegnamenti nessuno muore di vaiolo, di tifo, di scarlattina, di polmonite, di
tubercolosi, di cancro, di cancrena, di tumore ecc. ecc., bensi l'uomo muore per «mancanza di
salute» cioe per disordine funzionale dell'organismo causato dallo squilibrio termico del corpo.
Teniamo presente bene, che per tutte le infermita esistono rimedi, tranne che per (tenere e)
conservare la «salute».
Infine esiste un abisso fra la medicina medicamentosa e la mia Dottrina Termica perche le
droghe, i sieri, i vaccini, le iniezioni e le trasfusioni avvelenano il sangue del soggetto. Invece
normalizzando la digestione e attivando l'eliminazione dal corpo si purifica il fluido vitale. Si
realizza cosi il saggio aforisma che dice: «Quello che da la salute, cura l'infermita».
Cosi la salute e la risultante d'una costante respirazione d'aria pura, del mantenimento
permanente della buona digestione e della attivita della pelle; questi mezzi, che sono poi quelli che
ristabiliscono la salute, si ottengono solo mantenendo il corpo allo stato di Equilibrio Termico.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 61 di 176

CAPITOLO XII°

COME SI INVESTIGA LO STATO DI SALUTE


E gia ora che volgiamo gli occhi verso l'immensa chiarezza di
tutto il creato, abbandonando le abituali osservazioni che si fanno al
microscopio.
Dott. E. Leonardi

Secondo la mia Dottrina Termica, la diagnosi medica della malattia, oltre ad essere inutile e
anche pregiudiziale in quanto devia l'investigazione dall'unico obiettivo che interessi all'infermo,
cioe il saper curare e recuperare la salute, poiche e quella che gli difetta. In effetti, quello che perde
ogni infermo e la normalita funzionale dell'organismo e, per poterla riavere e godere di essa, a nulla
serve la conoscenza del nome della malattia. Nello stesso modo, in una battaglia a che serve
conoscere il nome del nemico se, per difendersi e vincerlo, ci occorrono armi adeguate?
La diagnosi medica di una malattia porta ad agire sul sintomo o sulla manifestazione di
alterazione della salute; cio e insegnato dalla abituale Terapeutica, che non ristabilisce e non
normalizza. Si, poiche malattia e anormalita funzionale, cioe alterazione della salute che si potra
normalizzare solo con il ripristino equilibrato fra temperatura interna ed esterna del corpo.
Il controllo medico e inutile, in quanto solo l'interessato puo determinare il funzionamento
del proprio intestino, (officina dove si forgia la salute e la vita del corpo, secondo l'immortale
Cervantes). Teniamo poi presente che non esiste infermo con buona digestione, ne persona sana
con cattiva digestione. Infine, sappiamo che il processo digestivo e possibile solo se la temperatura
all'interno del ventre e normale ..
Tutto questo si comprova solo tramite le rivelazioni dell'iride degli occhi di ogni singolo
individuo osservati secondo i principi della Dottrina Termica.
Nell'iride si osserva la normalita o la anormalita organica, quest'ultima dovuta alla impurita
ed alla cattiva circolazione del sangue, pero non si possono eseguire diagnosi di infermita perche,
qualsiasi sia il loro nome queste costituiscono fenomeni negativi e di conseguenza alterazioni della
salute in grado variabile.
La congestione delle viscere e la deficiente circolazione sanguigna nella pelle, si rivelano
nell'iride degli occhi di ogni infermo in grado maggiore o minore. Questa congestione febbrile si
presenta sotto forma spugnosa del tessuto iridale che circonda la pupilla di ogni occhio. Il
deficiente calore della pelle, si rivela invece per mezzo dello scoloramento alla periferia del disco
iridale.
L'abituale diagnosi medica classifica solo i sintomi, o le manifestazioni di alterazioni della
salute, con i nomi convenzionali dei trattati di Sintomatologia e Patologia. Nella Natura invece, non
esistono nomi, bensi fenomeni normali e anormali.
Dalla osservazione dell'iride degli occhi di un infermo, secondo la mia Dottrina Termica, si
stabilisce che lo squilibrio termico del corpo di costui e originato dal disordine funzionale
dell'organismo, caratteristica questa dello stato d'infermita con o senza sintomi.
Cattive digestioni, di conseguenza impurita organica e anormale circolazione del sangue in
grado variabile, sono le cause di questo disordine.
L'alterazione della salute si distingue per il variabile disordine delle funzioni organiche
quindi, l'osservazione del corpo e delle sue attivita, deve essere la base di tutte le investigazioni. La
classe e la qualita degli alimenti che ingerisce l'infermo, le condizioni e il modo in cui avvengono o
susseguono le eliminazioni della pelle, dei reni ed intestino, la circolazione del sangue e l'attivita
del polso, debbono essere i punti di vista che ci guideranno per stabilire la natura del disordine
organico che si vuole normalizzare.
-Pag. 62 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Mediante l'esame dell'iride degli occhi, conosceremo pure la qualita dell'organismo e la


vitalita dell'individuo; inoltre si avra la possibilita di comprovare lo stato di ogni singolo organo e il
grado di purezza o impurita del sangue e dei tessuti.
Comprovate le deficienze dell'organismo infermo, rimane indicato il cammino che dobbiamo
seguire per ristabilire il normale funzionamento, vale a dire la salute integrale. Questo cammino,
diciamolo subito, e l'Equilibrio.Termico e si ottiene riscaldando la pelle e rinfrescandole viscere del
corpo. Nell'errato concetto sull'infermita, il facoltativo attribuisce ai microbi la causa del disordine
organico, quindi, classificando e combattendo questi, si pone fuori della questione che interessa
l'infermo, cioe ristabilire le funzioni di nutrizione e di eliminazione, la cui normalita allontana ogni
malattia. La Medicina Medicamentosa dimentica che tutti i sintomi e le manifestazioni di
alterazione della salute, sono il fenomeno che procura la difesa della vita organica quindi, lungi
dall'investigare la causa che obbliga la natura dell'infermo a operare in forma determinata, si dirige
a soffocare detti sintomi. Con procedimenti artificiali si peggiora il conflitto esistente fra Natura e
infermo, quindi e assurdo pretendere che con questi procedimenti si possa correggere il corso dei
processi fisiologici alterati da una vita innaturale, poiche questi obbediscono alle immutabili leggi
della Natura. Il medico, agendo con questi mezzi, viola le leggi della Natura stessa. Con tutti i
mezzi che possiede per la diagnosi, la medicina facoltativa non fa altro che dare un nome alla
manifestazione del disordine organico, poiche cosi il criterio patologico tratta l'infermita. La
conclusione di cio non si relaziona con la necessita che l'infermo ha, cioe sapere come
normalizzare la sua funzionalita organica (la salute integrale). Al paziente non serve niente
conoscere il nome del bacillo considerato colpevole delle sue malattie; tanto meno gli servira la
nozione sulla proporzione di urea, di zucchero, di globuli bianchi e rossi contenuti nel sangue, ne la
pressione o la reazione positiva o negativa di questo. Invece gli sara utile conoscere i mezzi
adeguati per normalizzare la sua digestione poiche questa coadiuvata dalla buona respirazione,e il
mezzo piu sicuro per la formazione di un sangue puro, unico elemento di salute per tutto il corpo;
inoltre si rivelera necessario conoscere i mezzi adeguati per attivare l'eliminazione cutanea e renale
ed espellere dal corpo quanto c'e di malsano e pregiudiziale per l'economia organica.
Investigando attraverso reattivi e apparecchi di laboratorio, il medico annulla le proprie
osservazioni abdicando dalla sua ragione, agente indispensabile per scoprire l'origine e la natura del
disordine organico costituente tutte le malattie, qualsiasi sia il loro nome e la loro manifestazione.
Il facoltativo, diffidente di tutto cio che differisce dalla scienza acquisita nei libri, di per se
stesso si sente impotente nell'investigare e pensare; quindi, prima di violare i dogmi scientifici
preferisce assoggettare il proprio criterio ricorrendo al laboratorio, perche questo gli indichi la
soluzione del problema. Con l'investigazione di laboratorio, il medico abbandona il proprio criterio
ed agisce ciecamente. Cosi l'infermo perde tutta la direzione razionale che sarebbe favorevole per il
recupero della salute.
Le osservazioni sulla pressione arteriosa, le radiografie, gli esami del sangue, del liquido
cefalo-rachideo, del succo gastrico, dell'orina, dello sputo, degli escrementi, ecc. sono mezzi che
conducono a constatare un fenomeno, la cui origine rimarra nel mistero per il facoltativo che ne
deve conoscere la causa, poiche il vero obiettivo dell'investigazione rimane nella cattiva digestione
e nella deficiente eliminazione de1la pelle dell'infermo.
Questi errori si spiegano con l'errato concetto di infermita che ispira la medicina
professionale. Attribuendo i disordini organici all'opera del microbo, e necessario investigare con il
microscopio e con gli apparecchi di laboratorio. Pero, guidati dal nostro criterio che in tutti i
processi morbosi si constata un disordine funzionale dell'organismo, cercheremo la causa di questa
anormalita negli atti propri dell'infermo e nella sua deficiente nutrizione ed eliminazione.
Per arrivare a conoscere l'origine dei disordini organici, che costituiscono l'alterazione della
salute, e necessario investigare nello stesso corpo infermo e non fuori di esso come avviene quando
si effettuano ricerche di laboratorio.
Gli stessi raggi X constatano solo gli effetti di una causa che Sl manterra fuori della portata
dei raggi luminosi.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 63 di 176

Facendo del cadavere oggetto di studi medici, non e strano che la medicina facoltativa ignori
la causa che produce l'alterazione della salute nel vivo. Essendo ogni malattia una manifestazione
di disordine dell'organismo vivo si possono conoscere l'origine e gli effetti di questa, solo
studiando il corpo in vita, osservandone le funzioni e ristabilendone le temperature.
Smarrito il criterio nel campo dei pregiudizi, si analizza l'alterazione della salute nelle sue
manifestazioni e si perde di vista l'infermo e l'unita del suo organismo. Si investigano
separatamente affezioni veneree, del cuore, dei polmoni, del fegato, dei reni e del sistema nervoso,
come se ognuno di questi fosse affetto da molestie diverse, e la loro anormalita avesse distinta
natura.
.D'altra parte, l'investigazione eseguita tramite laboratorio, sviluppa nel medico un criterio
analitico che complica la delucidazione dei problemi, impossibilitandolo quindi a dominarli con
logica ed efficacia. Siamo cosi arrivati alla medicina sintomatica, destinata a contrariare l'opera
delle difese organiche che, con la loro attuazione in salvaguardia della vita del corpo, ci devono
guidare per scoprire le necessita di questo per ristabilire la sua normalita funzionale.
Secondo la mia Dottrina Termica, la mancanza di salute si investiga mediante lo studio e
l'osservazione dell'espressione del viso dell'infermo, dell'iride degli occhi e dall'attivita del polso.
Le rivelazioni di questi mezzi sono assolutamente scientifiche, in quanto obbediscono alle
leggi immutabili della Natura.
La gente di campagna sa apprezzare con facilita e certezza, lo stato di salute degli animali,
solo osservando l'aspetto generale, i movimenti, l'espressione degli occhi e la natura dei loro
escrementi.
Analogamente con questi mezzi e facile stabilire il grado di salute dell'uomo. In generale
diremo che tutte le imperfezioni della faccia e del corpo dell'uomo sono la manifestazione di una
anormalita organica, ossia malattia acquisita o ereditata (ad eccezione dell'infortunio).
Tutte le anormalita delle forme esterne del corpo accusano l'anormalita degli organi interni,
ossia uno stato di alterazione nella salute poiche e stato comprovato che, se un corpo si gonfia
esteriormente, proporzionalmente si dilatano i tessuti degli organi interni, degenerando la loro
vitalita ed alterando le loro funzioni.
Si sa che piu grassa e una persona, piu e inferma; si puo quindi assicurare che rimanendo in
questo stato, non raggiungera mai eta avanzata.
Generalmente, la persona grassa non supera le malattie acute, poiche i suoi organi degenerati
cedono maggiormente di fronte alle complicazioni cerebrali, del cuore, dei reni, ecc. causando una
morte violenta. Pure le persone molto magre denunciano una anormalita organica, in quanto i loro
organi soffrono di denutrizione e di debolezza generale.
Con le osservazioni riguardanti il peso non si puo provare lo stato di salute in quanto cio che
si deve apprezzare e la qualita dei tessuti del corpo, non la quantita.
Il viso dell'uomo sano si distingue per l'armonia delle sue fattezze che devono essere normali
e regolari, una fronte ampia, una capigliatura abbondante e folta, occhi brillanti e tranquilli, naso
regolare senza gonfiori ne congestioni sanguigne, bocca regolare con le labbra fine e chiuse,
dentatura sana, mento regolare senza piegature laterali ne inferiori, orecchie carnose e rosee. Il
colore della faccia deve essere uniforme, senza macchie, senza eruzioni, direi quasi rispecchiare la
trasparenza dell'attiva circolazione del sangue.
Nello stato di salute normale il collo e cilindrico, senza gonfiori nei suoi muscoli, separato
bene dal resto della faccia, lungo una linea che marca la . mascella inferiore e che termina sotto le
orecchie e non dietro di esse. Il punto d'unione del collo con il cranio forma un angolo retto o
leggermente ottuso.
Se notiamo che in una persona le linee della faccia sono alterate con rughe o altre anomalie
nella bocca, nel naso o negli occhi, questa persona deve avere caricato di impurita o di materie
estranee tutto il piano anteriore del corpo, essendo quindi propensa alle affezioni degli organi
-Pag. 64 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

anteriori della faccia quali la gola, la trachea, i bronchi, lo stomaco, gli intestini, la vescica e gli
organi genitali.
Invece un'alterazione strutturale della parte posteriore del collo e della linea della testa ci
indichera uno strato variabile di accumulazioni morbose nel piano dorsale, e colpira gli organi di
questa regione: Cervello, cervelletto, midollo della spina dorsale, polmoni e reni.
Il gonfiore e l'ingrossamento dei muscoli laterali del collo denunciano un'esuberante esistenza
morbosa su tutto il piano, destro o sinistro, o su ambedue le parti, facendo sentire il suo pernicioso
effetto agli organi del lato corrispondente: Udito sinistro, cuore e milza dalla parte sinistra; udito
destro, fegato, intestino cieco ed appendice dalla parte destra. Inoltre l'eccesso morboso laterale
scompensa pure gli omeri lasciandoli uno piu alto dell'altro, e talvolta li alza portandoli fuori del
loro asse normale. Avviene molte volte, quando sussiste una morbosita dorsale, che si alzino le
spalle.
Con l'ispezione della gola conosceremo lo stato di purezza o impurita del sangue di ogni
singola persona poiche, nel velo del palato, della ugola, delle tonsille, e in tutta la parete periferica
interna, si manifesta il colore del sangue viziato, con l'evidente irrigazione dei tessuti che produce il
consueto stato infiammatorio delle ghiandole tonsillari. Cosi, come il rossore del naso denuncia
l'infiammazione dell'apparato digerente, e in special modo dello stomaco, la gola piu o meno rossa
ci conferma l'inquinamento del sangue in rapporto con l'alterazione del color roseo che dovrebbe
essere uniforme in tutta la cavita della bocca. Lo stesso si puo constatare nelle gengive.
Ci sono persone che quando sentono parlare di sangue guasto pensano alle affezioni veneree,
come se fosse questo l'unico caso in cui si altera la qualita del fluido vitale. Da parte mia, ho potuto
constatare che in certi casi i sifilitici avevano un sangue meno impuro di certe persone considerate
modello di virtu morale, che pero conducevano una vita meno igienica, o perche intossicate da
vaccini, sieri, ed iniezioni.
Dato l'argomento, annoto l'assurdita di estirpare le ghiandole tonsillari, in quanto queste,
infiammandosi, rivelano lo stato d'intossicazione sanguigna. Quindi madornale errore commette la
medicina facoltativa nell'estirpare le tonsille affette da un sangue guasto poiche, con esse estirpa
una parte di difesa organica in quanto la saggia Natura ha dato ad esse un valore difensivo per
l'integrita del corpo. Quindi, invece di estirparle, e necessario approfondire la ricerca della causa (o
della origine) per cui si e intossicato il sangue che in esse incontro il suo sfogo, normalizzando la
disfunzione senza mettere cosi a soqquadro la salute del paziente.
Nella lingua si specchia tutto il tubo digerente, di conseguenza, la punta corrisponde allo
stomaco, la parte media all'intestino tenue e la base all'intestino crasso Nello stato di salute, la
lingua si presenta di un colore rosa e ben pulita.
La lingua sporca, con patina sulla superficie, denuncia fermentazioni putride nell'apparato
digerente e, quando la patina e troppo carica e di color caffe, indica pericolo di ulcere.
Anche il polso e un mezzo valido per la conferma di queste osservazioni. La temperatura
interna del corpo, che e la piu importante, si puo determinare solo con il polso insieme con la
rivelazione dell'iride degli occhi.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 65 di 176

Alto ventre Fronte Udito


Tonsilla Ganglio inguinale Occhio
Appendice Ghiandola ascellare Ombelico
Zona degli organi sessuali Ghiandola carotide Ovaia
Zona dello stomaco Ghiandola linguale Pancreas
Ascella Ghiandola pineale Gamba
Basso ventre Ghiandola tiroide Pleura
Milza Fegato Polmone
Bocca Zona iliaca Retto
Braccio Inferiore Regione dorsale
Bronchi Intestino tenue Regione lombare
Cervello Intestino crasso Rene
Cervelletto Laringe Superiore
Colonna vertebrale Lingua Timo
Cuore Mascellare inferiore Trigemino
Coccige Mascellare superiore Tromba di Falloppio
Collo Medio Uretra
Corpo calloso Naso Utero
Esofago Nervo vago Vescica

Come gia si e detto, in un adulto nello stato normale di riposo, 70 pulsazioni al minuto
corrispondono ad un calore interno di 37 gradi centigradi; 80 pulsazioni accusano una temperatura
di 37 gradi; 90 rivelano l'aumento della febbre a 38 gradi; 100 battiti corrispondono a 39 gradi; con
-Pag. 66 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

110 si arriva ad una temperatura di 39 gradi; con 120 la febbre raggiunge i 40 gradi. Se le
pulsazioni aumentano, abbiamo la certezza che il calore interno del ventre ha superato l'ultima cifra
indicata.
Nei bambini appena nati, le pulsazioni normali possono arrivare fino a 150 al minuto, a tre
anni raggiungono i 100, per diminuire progressivamente fino a 70 a 20 anni. Passati i 60 anni, il
polso accelera a 80 pulsazioni al minuto, perche lo stato infiammatorio dell'apparato digerente si fa
cronico.
Nello stato di infermita, il polso rapid o annuncia la febbre, e pi u è rapido, maggiore e
l'infiammazione. Il polso irregolare e indice di pericolo e, quando e intermittente. il pericolo e
ancora maggiore; se poi si fa molto debole denuncia un'intossicazione pericolosa, soprattutto
quando e rapido e debole con poca temperatura alla superficie del corpo.
I segni e le linee del palmo della mano e le unghie, sono pure segni che permettono di
stabilire uno stato di salute. Pero, il mezzo piu sicuro ed efficace per conoscere lo stato fisiologico
del nostro corpo, e l'esame dell'iride degli occhi; scienza che si conosce con il 'nome di
«Iridologia» e che e relativamente nuova. La Medicina Professionale non puo osservare niente nel
meraviglioso specchio dell'iride, in quanto, la diagnosi medica si impegna solamente di scoprire
infermita diverse, al contrario di cio che avviene osservando l'iride che smentisce l'esistenza
dell'infermita, rivelando solo la costituzione organica dell'individuo, lo stato dei processi morbosi
infiammatori o anemici del corpo, la purezza o meno del sangue e dei tessuti.
L'infermo ignorato che manca di sintomi acuti, che consuma la sua vitalita in conseguenza
dei disordini cronici, si scopre solo con l'esame dell'iride degli occhi osservati secondo i criteri
della mia Dottrina Termica.
Ci sono alcuni individui che in apparenza sono possessori di una salute perfetta (come dire:
aventi salute da vendere), pero se si osserva l'iride dei loro occhi possono risultare infermi gravi,
come abbiamo riscontrato un'infinita di volte.
La iridologia, oltre a farci conoscere il processo attuale di alterazione della salute, ci fa
conoscere la costituzione organica dell'infermo, le affezioni che lo minacciano, i processi morbosi
anteriori mal-curati o soffocati e quasi sempre dimenticati.
Nell'iride degli occhi si riproduce come in uno specchio tutta la nostra costituzione
fisiologica, denunciando le nostre infrazioni alla Legge Naturale, e quelle dei nostri padri.
Tutte le alterazioni dei tessuti e degli umori organici appaiono nell'iride degli occhi, e cio e
dovuto alla reazione nervosa, poiche ogni parte del corpo e rappresentata dai nervi che direttamente
o indirettamente hanno nel disco iridale la loro terminazione.
I segni iridologici variano col variare del colore, con le macchie, con le linee e puntini neri;
indicano i processi infiammatori acuti, sub-acuti, cronici o distruttivi, e permettono all'investigatore
di stabilire con esattezza il punto compromesso e la natura dell'affezione.
La Medicina Facoltativa disconosce e disdegna questo sistema tanto scientifico e sicuro per
le diagnosi, poiche essa si allontana da cio che e semplice, e preferisce cercare in modo complesso i
mezzi necessari per esercitare le sue attivita.
Lasciando da parte i dettagli, diremo che a semplice vista, qualsiasi persona potra rendersi
piu o meno conto dello stato del proprio organismo osservandosi l'iride degli occhi. Se il tessuto e
compatto e le fibre regolari, senza rotture ne deviazioni, possiamo stare sicuri di possedere una
buona costituzione organica; in caso contrario in relazione alla maggiore o minore alterazione di
detti tessuti, la salute sara piu o meno buona.
Pure il colore e un segno eloquente; piu chiaro, uniforme e trasparente e il colore dell'iride
degli occhi, piu puro sara lo stato del sangue e degli umori organici. I popoli con occhi azzurri
vanno considerati come i migliori in fatto di costituzione organica. Il color verde o indefinito su
questo tono, indica degenerazione di costituzioni migliori.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 67 di 176

Pure il color castano e buono, sempre che sia chiaro e trasparente, in quanto gli occhi oscuri e
opachi sono la manifestazione di una impurita organica, il che vale a dire cronica mancanza di
salute per gravi disordini digestivi e per deficiente attivita eliminatrice del soggetto.
Se nell'iride vi sono zone in cui il colore e piu carico, specialmente nella parte periferica della
pupilla, vuoI dire che esiste una alterazione nei tessuti dell'apparato digerente, cagionata da un
processo infiammatorio o per accumulazione di sostanze estranee. Se la linea che delimita
esternamente l'iride e cancellata o velata come da una specie di nube grigia, possiamo assicurare
che la pelle e inattiva e che la circolazione del sangue in essa e alterata o deficiente a causa della
congestione cronica degli organi interni del corpo. Questi sono i due indici che rivelano la cronicita
dello squilibrio termico del corpo.
Infine, se noteremo delle disgregazioni nel tessuto iridale con fondo oscuro, comproveremo
l'esistenza di lesioni organiche nell'organo corrispondente rappresentato in chiave iridologica.
Prima di terminare questo argomento diremo che, come l'iride denuncia tutte le anomalie,
cosi e l'accusatore implacabile degli errori della Medicina Facoltativa, poiche in essa appaiono le
affezioni della milza per l'opera di droghe credute miracolose o (per altri) veleni che ammazzano la
cellula nervosa. Pure il cambio del colore iridale e prodotto dai tossici, che sotto forma di rimedi
fustigano con caratteri indelebili che rimangono nell'iride denunciando le lesioni organiche che
permanentemente impediranno la normalita fisiologica. Per sempre quindi rimarra negata la vera
salute alla vittima degli errori della medicina che impiega il tossico, il bisturi o il radium per aiutare
gli infermi.
La mia opera «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute», spiega dettagliatamente come
conoscere lo stato costituzionale del corpo, lo stato di purezza o impurita generale del sangue, gli
stati congestizi o anemici. In poche parole rivela tutta l'alterazione funzionale dell'organismo che
caratterizza lo stato dell'infermo, la maggiore temperatura interna delle viscere cagionata dalla
congestione e dalla mancanza di calore sulla pelle e sulle estremita, dovuta alla deficiente
irrigazione sanguigna. Tutto cio e esattamente quello che vuoI dimostrare la verita assoluta della
mia Dottrina Termica.
-Pag. 68 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XIII°

L'ARTE DI CURARE E QUESTIONE DI TEMPERATURA E NON DI MEDICAMENTI

Come tutti gli esseri viventi anche l'uomo fa parte della Natura cosicche, tutte le leggi che
governano il movimento degli astri, la vita vegetale e l'istinto degli irrazionali, dirigono pure le
attivita organiche del suo corpo, procurandone la normalita funzionale che e la salute integrale, e
difendendone in tal modo la vita.
Come gli alberi del bosco dirigono le loro cime verso la luce ed il sole, e le loro radici con
vera scienza si diramano nel suolo cercando l'umidita necessaria per l'esistenza, cosi il corpo
umano e governato dallo stesso principio, ed il suo sistema nervoso e come un buon padre di
famiglia, sempre attento a soddisfare tutte le necessita per un'esistenza felice. Con questo si intende
dire che tutte le attivita organiche sono rispettabili, perche in loro vi e sempre una finalita difensiva
per la salute e la vita del corpo. La Natura non si equivoca nelle sue attivita poiche sono governate
da immutevoli leggi. I dolori, le febbri, i catarri, le eruzioni, le pustole, i tumori, gli attacchi di
nervi, l'epilessia o come si vuol chiamare, l'emorragie, diarree, pressione arteriosa ecc. sono tutte
attivita che rivelano la difesa organica e, in se stesse, sono rispettabili perche la Natura non opera
contro le sue creature.
Secondo questo principio e un errore voler combattere i sintomi suddetti perche,
combattendoli, si impediscono le difese naturali del corpo. Piu logico e scientifico sara allora
cercare la causa che obbliga l'organismo ad agire in tal forma, senza soffocare su due piedi questi
processi che spariranno una volta rimossa la causa, cioe una volta raggiunta la normalita.
Si comprende quindi l'importanza della mia Dottrina Termica, poiche determina sempre
l'azione che sviluppa la normalizzazione in qualsiasi infermo, affetto da qualsiasi malattia,
collocando il corpo in equilibrio termico.
Abbiamo visto che la Patologia e una semplice nomenclatura di sintomi e di manifestazioni
di mancanza di salute. Nella Natura pero non esistono nomi, bensi «fenomeni».
Cosi all'infermo non servira nulla sapere che la sua malattia si chiama «artrite o appendicite».
Invece, conoscendo per mezzo dell'iride degli occhi la impurita del suo organismo, sapra a che
attenersi per purificare il sangue e liberarsi in tal modo dalla malattia che colpisce il suo sistema
circolatorio. Procurera pure di rinfrescare le viscere sapendo che l'infiammazione dell'intestino e
causa del dolore all'appendice.
Nella mia Dottrina Termica non esistono diagnosi delle infermita, non si ricettano rimedi e
tanto meno si cura. Essa si dirige in ogni caso a normalizzare la digestione e le eliminazioni
dell'infermo, collocando il corpo in «equilibrio termico».
Qualsiasi sia il suo nome, la Medicina e quell'arte che cura, ossia cancella i sintomi che sono
indice dell'alterazione della salute. In cambio la mia Dottrina ha per oggetto la normalizzazione
delle funzioni organiche di nutrizione e di eliminazione costituenti la vita del corpo.
Ogni malattia costituisce la manifestazione variabile dell'anormalita funzionale
dell'organismo affetto, e sparira solo ripristinando la normalita perduta. Quindi il verbo «curare»
non si coniuga nel mio sistema di salute, poiche «curare» suppone l'intenzione di modificare o
soffocare le attivita difensive dell'organismo, manifestatesi con il «sintomo» che e la difesa
organica che dobbiamo rispettare in quanto la Natura, governata da leggi d'ordine universale,
assolute ed immutabili, agisce sempre in beneficio del proprio individuo.
Non la cura, ma la normalizzazione, collocando il corpo in equilibrio termico e quanto dice la
mia Dottrina. Essa cerca la realizzazione di tale obiettivo in ogni infermo affetto da qualsiasi
malattia, poiche questo criterio tende ad ottenere la salute, vero rimedio di tutte le infermita.
Quindi, la mia Dottrina non cura cancellando i sintomi del disordine funzionale, bensi
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 69 di 176

ristabilisce integralmente la salute, normalizzando le funzioni di nutrizione e di eliminazione che


sono l'unico pilastro su cui si basa la vita.
Dato che questa normalita funzionale puo esistere solo con l'equilibrio termico, cioe con
37 gradi centigradi di calore tanto sulla pelle quanto all'interno delle viscere, risulta che la salute e
questione di temperatura e non di medicamenti e di chirurgia.
Insisto quindi che, per ristabilire la salute di ogni infermo, e necessario normalizzare la
digestione ed attivare le eliminazioni della pelle, dei reni e degli intestini. Questo si otterra
producendo la febbre curativa sulla superficie del corpo, e combattendo la febbre distruttiva delle
viscere. In altri termini cio vuol dire portare la febbre interna alla superficie della pelle.
Cosi il miglior rimedio e una buona digestione, perche con essa l'individuo elabora un sangue
puro elemento vitale del corpo.
Ripeto, con il mio sistema non si esegue la «diagnosi dell'infermita», bensi l'investigazione
dello stato di salute. Non si prescrivono «rimedi» e tanto meno si «cura». Si normalizzano invece le
funzioni di nutrizione e di eliminazione, collocando il corpo in equilibrio fra temperatura interna ed
esterna. Invece di dare un nome ai sintomi della alterazione di salute, stabilisco le cause
dell'anormalita funzionale dell'organismo infermo, soddisfacendo alle sue necessita per
normalizzare i processi di nutrizione e di eliminazione, la cui normalita costituisce lo stato integrale
del corpo. Quindi, al posto di «rimedi» prescrivo un «regime di vita sana» nel quale deve
intervenire solo l'interessato.
Non esiste medico al mondo che sia capace di ristabilire o conservare la salute di un infermo
qualsiasi, perche lo stato di salute e la conseguenza delle attivita puramente personali, come il saper
scegliere gli alimenti, saper masticare, digerire, attivare la pelle, dormire, far esercizi adeguati,
eliminare, ecc. ecc., atti questi in cui puo intervenire solo l'interessato, avendo cura di mantenere
quotidianamente il corpo in equilibrio termico.
Una volta ancora insisto: non combattere il sintomo d'una alterazione di salute, bensi
ristabilire la normalita funzionale dell'organismo con l'equilibrio termico del corpo, poiche e cio
ch'essa richiede. Cosicche, «curare», consiste nella possibile normalizzazione delle funzioni
organiche, mediante il ristabilimento dell'equilibrio termico del corpo, perduto in tutti gli infermi in
grado variabile come rivela l'iride degli occhi.
Non dimentichiamo che tutte le malattie suppongono «febbre», e che non esiste infermo che
non abbia febbre interna, anche se non accusata dal termometro. Questa febbre va unita alla
mancanza di calore nella pelle, come e spiegato nei capitoli precedenti.
Da quanto detto si comprende che l'arte di ristabilire la salute ha per oggetto combattere la
febbre distruttiva dell'apparato digerente che, in grado variabile, e comune a tutti gli infermi, e di
produrre la febbre curativa nella loro pelle. Richiedendo le funzioni digerenti ed eliminatrici della
pelle una temperatura normale e uniforme, tanto del ventre quanto alla superficie del corpo, risulta
che l'arte di curare e una questione di temperatura, unico cammino per condurre alla normalita
funzionale, che equivale alla salute integrale del corpo.
Rinfrescare l'interno del ventre e congestionare la pelle sono le necessita di ogni infermo, in
grado variabile come rivela l'iride degli occhi e come conferma il polso. Questo meraviglioso
specchio che e l'iride, presenta gli stati morbosi interni come processi congestizi, che solo possono
sparire decongestionando i tessuti colpiti. Oltre alle infiammazioni e congestioni di carattere acuto,
cronico o distruttivo, l'iride degli occhi di tutti gli infermi rivela pure lo stato d'impurita maggiore o
minore che e necessario eliminare attraverso i pori della pelle. Si comprende quindi che
decongestionare e purificare sono gli obiettivi che devono guidare l'azione del medico in tutti i
casi, cosa che sara ottenuta solo mediante il ristabilimento dell'equilibrio termico del corpo
dell'infermo. Stando a quanto detto, e necessario attuare su tutto l'organismo e non solo sul punto o
organo affetto in quanto cio che si deve curare e tutto il corpo, come un organo indivisibile. In altri
termini, secondo la mia Dottrina si ristabilisce la salute integrale dell'infermo invece di combattere
parzialmente i sintomi del disordine organico, come fa la medicina professionale.
-Pag. 70 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

L'agente curativo e la forza vitale del soggetto, che si stimola mediante il conflitto termico
del corpo, ed e per questo che ci serviamo del freddo dell'aria o della terra, come del calore del sole
o del vapore in unione con l'acqua fredda nel «Lavaggio del sangue». Non potendo ottenere la
reazione di calore con questi agenti, si produrra nella pelle un'irritazione artificiale a base di
punture di ortica fresca, come si vedra piu avanti.
Abbiamo poi la frutta cruda come alimento o medicina, percio si proibisce l'uso di droghe, di
antibiotici, chirurgia o radium.
Affinche un trattamento curativo sia efficace, si devono realizzare i due aspetti di ogni
processo morboso, dirigendosi all'infermo con un regime generale, e alla infermita o malattia, che e
la manifestazione localizzata del disordine generale organico, con applicazioni locali.
Per soddisfare la necessita dell'infermo, e necessario intervenire su tutto l'organismo, avendo
per oggetto la purificazione del sangue, che avviene con la normalizzazione della digestione e con
l'attiva eliminazione della pelle. Pero, non basta migliorare la qualita del fluido vitale con i mezzi
indicati, poiche si necessita pure la normalita della circolazione sanguigna in tutto il corpo, che si
otterra solo equilibrando le due temperature, interna ed esterna.
E necessaria pure l'applicazione locale, in quanto decongestiona e disinfiamma la parte
affetta. Decongestionare equivale a dire disinfiammare ed e il secondo aspetto dell'arte per
ristabilire la normalita funzionale dell'organismo.

DISINFIAMMANDO SI CURA
Come rivela l'iride degli occhi, tutte le malattie dell'interno del corpo sono di origine
infiammatoria. La febbre, come sappiamo, e la conseguenza di un processo di infiammazione che
inizia con la congestione o irritazione delle mucose dell'apparato digerente e che si estende agli
altri organi affetti da qualsiasi malattia, determinando «un'infermita», come e classificata dalla
Patologia.
Come rivela l'iride, dalla zona digerente parte l'offensiva infiammatoria dell'organo colpito da
qualsiasi malattia.
Secondo questo, I'arte di curare e l'arte di disinfiammare, cosa questa che giammai si otterra
con la chirurgia, con le droghe, con le iniezioni o radium. Allora, disinfiammare e rinfrescare, ossia
e questione termica solamente. Questo sara possibile solo riscaldando la pelle per decongestionare
l'interno del corpo o togliendo direttamente il calore delle viscere con bagni genitali, di tronco, con
applicazioni di terra sul ventre ecc. ecc.
Passando in rivista le piu conosciute malattie dell'uomo, vedremo comprovato quanto e stato
detto.
Polmonite: e l'infiammazione dei polmoni.
Pleurite: e l'infiammazione della pleure.
Bronchite: e l'infiammazione dei bronchi.
Gastrite - dispepsia: e l'infiammazione delle mucose stomacali.
Enterite: e l'infiammazione dell'intestino tenue.
Colite: e l'infiammazione dell'intestino crasso.
Appendicite: e l'infiammazione dell'appendice.
Tonsillite: e l'infiammazione delle tonsille.
Angina tonsillare: e l'infiammazione delle mucose delle fauci o della laringe o delle tonsille.
Epatite: e l'infiammazione del fegato.
Meningite: e l'infiammazione del cervello e delle meningi.
Nefrite: e l'infiammazione dei reni.
Orchite: e l'infiammazione dei testicoli.
Metrite: e l'infiammazione dell'utero o matrice.
Ovarite: e l'infiammazione dell'ovario.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 71 di 176

Cistite: e l'infiammazione della vescica.


Sinusite: e l'infiammazione dei seni frontali o mascellari.
Prostatite: e l'infiammazione della prostata.

Spiegheremo ancora un po' quanto e stato detto in precedenza, poiche ricapitola il nostro
punto di vista su tutte le malattie.
L'origine di qualsiasi manifestazione di disturbi organici in una persona, e sempre causata da
disordini digestivi di intensita variabile, a loro volta derivati dallo squilibrio termico del corpo.
Sappiamo che il normale funzionamento del nostro organismo richiede l'esistenza di una
temperatura uniforme di 37 gradi centigradi, tanto sulla pelle quanto nelle mucose dell'apparato
digerente. Cosicche, lo stato dell'infermo e caratterizzato da un calore piu intenso nell'interno del
corpo che sulla pelle ed estremita.
Naturalmente, dall'intensita di questo squilibrio termico dipende pure il grado d'alterazione
funzionale dell'organismo, ossia la gravita dell'affezione.
Come gia sappiamo, la febbre gastrointestinale e la radice e il punto di appoggio di tutte le
malattie. Negli infermi cronici, in cui e evidente l'indebolimento della energia nervosa, la febbre
non esce alla superficie del corpo in quanto si concentra nell'interno del ventre dove origina e
mantiene le putrefazioni intestinali che affamano ed intossicano progressivamente, dando posto alle
diverse manifestazioni morbose che erroneamente si classificano come mali differenti.
Abbiamo detto che quello che cura, e l'infermita acuta, caratterizzata da febbre esterna. Cosi,
per far si che l'infermita cronica possa sparire, e necessario attirare alla superficie del corpo la
febbre interna, equilibrando la temperatura (interna ed esterna), e normalizzando in tal modo le
funzioni di nutrizione e di eliminazione su cui si basa tutto il processo vitale.
Mediante le "reazioni nervose e circolatorie provocate nella pelle dal conflitto con il freddo
dell'aria, dell'acqua o per orticazione (punzonatura d'ortiche), si produce la «febbre artificiale
esterna» e, di conseguenza, con tale reazione si combatte la febbre distruttiva delle viscere poiche,
man mano che aumentiamo il calore alla superficie del corpo, diminuisce l'eccesso di calore
malsano che si trova all'interno di esso. Si otterra cosi l'Equilibrio Termico, indispensabile per la
normalita organica (che e la salute integrale del corpo).
Decongestionando i visceri mediante la febbre curativa della pelle, si otterra l'eliminazione di
tutte le sostanze morbose che intossicano il corpo infermo e che alterano la composizione e
circolazione del sangue.
Lo stato dell'infermo e caratterizzato dall'eccesso di calore nei visceri, maggiore del calore
esterno, ossia della pelle o superficie del corpo. Di conseguenza l'arte di curare deve dirigere la sua
azione alla normalizzazione di questo equilibrio termico, rinfrescando l'interno del ventre e
congestionando la pelle del soggetto.
Per poter raggiungere questi due obiettivi, dobbiamo seguire due cammini diversi:
Rinfrescare l'interno del ventre, attuando direttamente su di esso, e inoltre attivare la circolazione
sanguigna nella superficie del corpo, mediante le reazioni di calore che si producono per il conflitto
della pelle con il freddo dell'acqua, dell'aria o combinando il freddo dell'acqua con il calore del sole
o del vapore, come spiego nel mio «Lavaggio del sangue».
Quando la pelle dell'infermo e fredda ed inattiva, difficilmente si potra far reagire con il
freddo. Il calore su di essa puo essere pure pericoloso, specie se il polso e agitato. Allora
volgeremo la nostra attenzione all'impiego delle ortiche fresche, il cui succo caustico produce
un'irritazione che e la generatrice della febbre curativa.
Clistere di acqua naturale, bagni genitali e di tronco, compresse fredde, meglio ancora
cataplasmi di terra fredda sul ventre, sono i mezzi adeguati per rinfrescare l'interno del corpo. Pure
i bagni di aria fresca, frizioni e getti d'acqua fredda, fasciature bagnate e fredde, orticazioni, il mio
Lavaggio del Sangue al vapore o al sole, sono mezzi adeguati per congestionare la pelle, e nello
-Pag. 72 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

stesso tempo decongestionare e rinfrescare l'interno del ventre, petto e cervello dell'infermo.
Con quanto e stato esposto, rimane definito il criterio che ci guida nella cura di ogni infermo.
Qualsiasi sia il nome con cui si classifica una malattia, il trattamento salvatore deve sempre
procurare la normalizzazione della digestione del paziente, e attivare le sue eliminazioni,
compresa la cutanea. Tutto questo si otterra equilibrando il calore interno del corpo, e prescrivendo
una dieta di frutta, o insalata cruda) per tutta la durata della cura.
Il mio regime di salute per adulti e costituito da tre applicazioni: Lavaggio del Sangue,
cataplasma di terra sul ventre e reni, e alimentazione a base di frutta o insalata cruda. Naturalmente
l'esito dipende dalla costanza con cui questa cura si effettua.
Ristabilendo la normalita digerente dell'infermo questo elabora sangue puro, e attivando la
sua eliminazione cutanea espellera dall'organismo quanto e inservibile e pregiudiziale alla sua
economia organica.
Agendo in questa forma, con la rigenerazione organica e possibile debellare tutti i mali
dell'uomo, senza distinzione di sintomi o classificazioni, tranne il caso di lesioni nervose o di
mutilazioni chirurgiche, di affezioni di nascita e di esaurimento della energia vitale, dovuta alle
intossicazioni medicamentose. I processi morbosi che si denominano cancro, tubercolosi, sifilide,
diabete, lebbra, pazzia, spariranno sempre se si otterra la rigenerazione del fluido vitale
dell'infermo mediante buona digestione e attiva eliminazione della pelle.
In tutti i casi, l'agente che ristabilisce la salute è la forza vitale dell'organismo affetto. Quello
che non fa la natura dell'infermo non lo fara nessuno. Solo la Natura cura, poiche solo essa
possiede la necessaria forza di reazione per ristabilire la normalita funzionale dell'organismo. Pero,
affinche la Natura possa curare, stando a quanto dice la mia Dottrina e necessario collocare il corpo
in equilibrio termico, congestionando la pelle e rinfrescandone le viscere.
Gli interventi chirurgici, le droghe; gli antibiotici, i sieri, i vaccini, le iniezioni, l'elettricita, i
raggi X o radium, lontani dal favorire l'energia curativa dell'organismo, la deprimono
definitivamente anche quando la stimolano momentaneamente. E necessario sapere che il
trattamento medicamentoso degli infermi, specialmente se inoculato nel sangue, ribassa la vitalita
perche la sua azione va a impossibilitare tutta la reazione salvatrice.
Gli agenti naturali, invece favoriscono e aumentano l'energia vitale dell'infermo, attivandone
la resistenza e le difese naturali, favorendo nell'organismo il ritorno della normalita funzionale, che
e la salute integrale. Cosi, l'aria pura vivifica e purifica il sangue, la luce ed il sole attivano la
funzione nervosa, distruggono le impurita organiche e favoriscono la loro espulsione dal corpo.
L'acqua fredda ed il vapore, combinati nel mio lavaggio del sangue, combattono la febbre interna,
equilibrando le temperature interna ed esterna dell'infermo, favoriscono le eliminazioni generali; la
terra in unione con l'acqua, ossia il fango, e il miglior decongestionante, calmante e vivificante di
cui disponiamo per intervenire in ogni parte del corpo; infine la frutta cruda, le insalate miste, i
semi d'albero (quali noci, mandorle ecc. ecc.), costituiscono l'alimento e la medicina, in quanto
nutrono, rinfrescano e purificano nello stesso tempo.
Teniamo presente che l'organismo infermo, seguendo le immutabili leggi della Natura cerca
sempre di sanare e non di aggravare, perche la legge della vita comprende la legge della difesa. Le
cosiddette complicazioni non sono opera della Natura, bensi l'effetto di un trattamento inadeguato e
pregiudiziale della chirurgia, delle droghe, dei vaccini, delle iniezioni, del radium che, senza
rimuovere il frastorno organico, combattono i sintomi, ossia le reazioni difensive dell'organismo,
impedendo o paralizzando l'opera salvatrice di questo.
Bloccando con questi mezzi il cammino difensivo la Natura si vede obbligata ad aprirne altri,
dando origine alle cosiddette complicazioni.
Curare senza recar danno e l'oggetto conseguente la normalizzazione delle funzioni
organiche. Disintossicare l'infermo invece di avvelenare il sangue con medicamenti, e il mezzo piu
sicuro ed efficace per rinvigorire la sua forza vitale, unico agente curativo.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 73 di 176

Poiche ogni processo morboso e originato da disordini digestivi, e logico che, per far
ritornare la salute in un infermo, si debba incominciare con la normalizzazione delle sue facolta
digestive, cioe dell'apparato digerente, mediante applicazioni rinfrescanti l'interno del ventre
affetto. Congestionando la pelle inattiva si favorira l'eliminazione attraverso i pori di tutto cio che
di malsano si trova nei tessuti; infine, la dieta rinfrescante e vivificatrice di frutta e insalate crude
formera un sangue puro, evitando in tal modo le putrefazioni intestinali che affamano ed
intossicano nello stesso tempo tutti gli infermi.
Priessnitz con le sue abluzioni e compresse umide, Kneipp, Just e Padre Taddeo con i loro
getti di acqua fredda e fasciature umide, Kuhne con i suoi bagni freddi al basso ventre e i vapori,
Rikli con i bagni di aria fredda e di sole, Just con le sue fasciature e cataplasmi sul ventre, hanno
immortalato i loro nomi, realizzando miracolose guarigioni mediante semplici procedimenti
destinati a equilibrare le temperature interna ed esterna del corpo infermo per poter normalizzare le
funzioni di nutrizione e di eliminazione.
Con quanto esposto, possiamo affermare che la salute non si conquista ma si coltiva giorno
per giorno, mediante l'equilibrio termico del corpo, in accordo con le rivelazioni dell'iride degli
occhi.
La mia Dottrina Termica procura la salute all'uomo, al margine della Patologia e della
Terapeutica, orientando l'Umanita verso un nuovo orizzonte per la conquista del benessere,
mediante la normale funzionalita ottenuta dall'equilibrio termico del corpo.
Infine teniamo presente che cio che da salute cura l'infermita. Cosicche respirando aria pura,
mantenendo buona digestione ed attivando l'eliminazione cutanea nessuno puo morire tranne che
per incidenti, anche se vive fra i microbi
-Pag. 74 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XIV°

PARASSITI E MICROBI
Nulla di cio che da fuori entra nell'uomo lo rende immondo,
bensi gli atti che provengono dal suo operato sono cio che lasciano
macchia in lui.
Marco VII - 15.

Il capitolo evangelico, che inizia con questo passo, e largamente conclusivo contro la teoria
dell'infezione microbica.
Agli Scribi e Farisei, tanto meticolosi nella pulizia, e che vituperavano i discepoli di Gesu
perche mangiavano con le mani sporche, il Sapientissimo Maestro disse: nulla di cio che da fuori
entra nell'uomo lo rende immondo, bensi gli atti che provengono dal suo operato sono cio che
lasciano macchia in lui.
Come cio che non distingue la legge e aforisma giuridico, tanto meno e lecito all'uomo
distinguere la sapienza di questo concetto nello spirituale, che e verita come concetto fisiologico.
L'immondizia che inferma l'uomo non entra nel suo corpo per opera dei microbi, bensi si elabora
con putrefazioni intestinali del suo ventre surriscaldato. Queste putrefazioni intestinali sono i
prodotti che lasciano macchia nel corpo e avvelenano il sangue.
Secondo quanto ho detto, quando sentiamo parlare di «infezioni» dobbiamo pensare sempre
alle «putrefazioni» elaborate nell'apparato digerente surriscaldato. Allora, invece di combattere i
microbi nel corpo infermo, combatteremo la febbre, rinfrescando le viscere e decongestionando la
pelle. Si comprende quindi che la salute dell'uomo e imperniata sulle temperature, e di conseguenza
sull'equilibrio termico del corpo.
La mia Dottrina non disconosce l'esistenza dei microbi e dei batteri, nega pero che siano
questi la causa del disordine funzionale dell'organismo che caratterizza l'infermo, qualsiasi siano le
manifestazioni.
Respirando aria pura, mantenendo buone le digestioni e l'attiva eliminazione della pelle, dei
reni e intestini nessuno puo morire, salvo per incidenti anche se vive fra i microbi.
Mentre si istruisce il pubblico riguardo al pericolo che il microbo presenta per la vita
dell'uomo, poca o nessuna importanza si da all'azione dei parassiti, la cui contaminazione e funesta
per l'umanita. Piu avanti tratteremo di questo, per ora sviluppiamo uno degli aspetti di questo tema.
La differenza essenziale che esiste fra parassiti e microbi, consiste nel fatto che i primi si
nutrono degli alimenti di cui si nutre l'individuo che li alloggia a spese dirette, cioe a danno del
sangue e delle altre materie vive del corpo, come avviene con i vermi, la trichina, l'acaro della
scabbia, il pidocchio ecc. ecc. Invece i microbi si sviluppano nelle putrefazioni delle materie
organiche, originate da sostanze morte e da febbre. Il microbo si nutre di queste materie putrefatte
favorito dalla loro disgregazione, svolgendo nel corpo un'opera sanatoria, analoga a quella degli
uccelli che si alimentano di cadaveri in decomposizione.
Vediamo quindi che i parassiti sono per l'uomo elementi di perturbazione e di morte, e che i
microbi si possono considerare come alleati della vita organica, poiche essi si nutrono delle
sostanze pregiudiziali all'organismo, favorendone in tal modo la rimozione e l'eliminazione il che
equivale ad aiutare l'opera risanatoria nel sangue e nei tessuti del corpo.
Questo si rivela nell'iride degli occhi di tutti gli infermi. La presenza del microbo non appare
nell'occhio come anormalita, invece i parassiti, come i vermi, l'acaro della scabbia, si manifestano
con chiari segni di anormalita, come spiego nella mia opera «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua
salute». Questa e la migliore prova contro la teoria microbica dichiarata causa dei mali dell'uomo.
Il microbo sta sempre bene dove si trova in quanto le sue attivita e la sua vita in ogni
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 75 di 176

momento si sviluppano in armonia con le leggi immutabili della natura. Cio che intendiamo dire e
che la sua missione consiste nel pulire i tessuti, divorare tutte quelle sostanze organiche morte in
decomposizione introdotte nell'organismo con una alimentazione cadaverica, e dovute a
putrefazioni intestinali, le quali non sono espulse a causa della deficiente eliminazione della pelle,
reni e intestino6.
Le stesse leggi che dirigono il movimento degli astri, che regolano le stagioni dell'anno e che
mediante l'istinto, guidano l'irrazionale per il cammino della normalita, collocano il microbo al suo
posto, dandogli una missione adeguata, per contribuire all'armonia universale, fondamento della
vita.
L'infermita, che vuol dire anormalita e disordine, non puo avere per causa un'azione armonica
e ordinata, come quella disimpegnata dai microbi, operano obbedendo alla legge naturale.
Attribuire un effetto anormale come l'infermita a una azione normale come quella sviluppata dal
microbo vuol dire cadere nell'assurdo e accettare un effetto contrario alla natura della causa che lo
produce.
Incolpando il microbo dei propri mali, l'uomo non riconosce l'opera di questo. Andando
contro le leggi naturali, ognuno di noi si costituisce il peggior nemico di se stesso.
La Natura offre all'essere razionale un'alimentazione a base di frutta e semi d'albero, ma
l'uomo abbandona questi alimenti vivi, puri ed energetici, preferendo un'alimentazione a base di
sostanze cadaveriche e, conseguentemente, accumula nel corpo sostanze estranee che devono
essere rimosse per forza dal microbo. Dimenticando i propri errori, l'uomo incolpa il microbo delle
putrefazioni che gli avvelenano il sangue, che sono l'origine di tutte le infermita, e che gli
preparano una tragica e prematura morte per autointossicazione.
La vita organica, per sussistere e svilupparsi, necessita dell'azione microbica. Senza i microbi
la vita vegetale e animale e impossibile, cioe non puo esistere. In effetti le piante e gli alberi hanno
le loro radici nella terra, pero non si nutrono di questo elemento. Se gli alberi incorporassero la
terra, si formerebbe intorno ad essi un buco; e strano, pero avviene il contrario.
Le radici degli alberi e delle piante in generale, incorporano invece tutte quelle sostanze
misteriose elaborate dai micro-organismi che vivono nella terra, a un certo grado di calore e di
umidita.
Analogo fenomeno avviene con gli alimenti ingeriti dall'essere animale. Noi non ci
alimentiamo con quanto mangiamo, bensi di quanto digeriamo. La digestione e una fermentazione
microbica degli alimenti che puo essere benefica solo quando si sviluppa a 37 gradi, calore normale
del corpo umano.
Ripetiamo, le piante e gli alberi, di per se stessi non sono capaci di incorporare le sostanze
della terra. Sono i micro-organismi, che vivono in essa che disgregano ed elaborano gli alimenti
che la terra contiene, favorendo in tal modo la funzione assorbente delle radici. Questa
disgregazione ed elaborazione si produce nella terra, per mezzo di una fermentazione microbica
che necessita un certo grado di calore e di umidita.
Cosi, pure i micro-organismi dell'intestino dell'uomo disgregano gli alimenti in sostanze
semplici, affinche vengano incorporate nel corpo umano, mediante una fermentazione che, per
essere sana, richiede nell'intestino la temperatura di 37 gradi centigradi.
Il microbo, ben lungi dall'attaccare l'organismo, lo difende distruggendo le sostanze morte,
accumulate in esso.
Secondo la teoria che attribuisce al microbo le infermita, un uomo sano puo convertirsi in
infermo per una repentina «infezione». La Natura pero non fa nulla a salti quindi, per passare dallo
stato di salute a quello di infermita, necessitiamo di un processo di disorganizzazione e di sviluppo,

6 Come e possibile che tutti i medici si siano ingannati per tutta la loro vita unanimemente? Non si deve prendere per
«unanimita» di opinioni solo una semplice «uniformita» di insegnamento. Che cosa possono opinare quei giovani collegiali
attenti solo imparare bene la lezione, e poter essere ben presto splendidi «uomini di scienza»? Alfred Helsbi
-Pag. 76 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

piu o meno lungo o lento.


Il sangue si intossica respirando aria impura, con prolungati disordini digestivi e per la
deficiente funzione eliminatrice della pelle. Si comprende quindi che l'infermita ha un'origine
interna e non esterna al corpo, come succede con un incidente.
E opportuno ricordare che tutte le infezioni che attaccano l'organismo sono originate solo da
due fattori basilari: I° Terreno impuro, formato per la accumulazione di sostanze morte, introdotte
mediante un'alimentazione malsana; 2° Temperatura febbrile, fattore adatto alla decomposizione,
fermentazione e putrefazione delle materie estranee ai tessuti vivi del corpo7.
Mancando il terreno impuro (cioe la fermentazione putrida), o la febbre interna, si esclude
ogni possibilita di sviluppo dell'infezione microbica, ed e cio che vediamo giornalmente. In una
casa, per quanto sporca essa sia, durante l'inverno, per mancanza del calore adeguato, non vi sono
pulci, mosche, scarafaggi ed altri insetti che si creano nell'immondizia e sudiciume; cosi non si
vedono e non si sviluppano questi ospiti in una casa ben pulita, malgrado sia piena estate, con il
calore piu che elevato.
Infatti vediamo che durante l'estate, se si lascia del cibo preparato o no dalla mattina alla sera
senza alcun trattamento, questo irrancidisce ed entra in fermentazione putrida. Per evitare detto
inconveniente fu inventato il ghiaccio artificiale e il frigorifero casalingo.
Con quanto e stato detto, si comprende con facilita che se si vuol combattere in un corpo
infermo «un'infezione» microbica, bastera favorire o aiutare la pelle, i reni e gli intestini nella loro
opera di evacuazione ed eliminazione di tutte quelle impurita accumulate in esso, e combattere la
febbre interna del ventre. Quindi si esclude ogni possibilita di caccia ai microbi con l'uso dei veleni
(gli abituali farmaci).
I sintomi acuti di tutte le «infezioni» accusano solo la fermentazione» del terreno impuro,
esistente in precedenza nel corpo affetto. Questa fermentazione che, per essere tale, richiede una
febbre interna, viene favorita dal raffreddamento della pelle che concentra il calore all'interno del
ventre. Si spiega cosi come i raffreddori abbiano origine nelle «infezioni intestinali», le quali non
sono altro che «putrefazioni», compagne inseparabili di ogni malattia8. L'argomento che si fa valere
per dimostrare che il microbo produce l'infermita e il seguente: Se si inietta la spirocheta sotto
forma di sifilide, secondo la Patologia apparira la sifilide; se sara il germe della tubercolosi,
apparira la tubercolosi, e cosi per tanti altri mali. Pero questo non dimostra nulla di strano perche,
se con la inoculazione del microbo e apparsa la sifilide o la tubercolosi, cio vuol dire che questo
microbo ha incontrato un terreno favorevole al suo sviluppo, ossia gia esisteva «l'infermo ignorato»
e di conseguenza e logico che il microbo inoculato abbia posto in fermentazione il terreno malsano
esistente. Questo e dimostrato dalla Iridologia, che rivela come i cosiddetti casi di sifilide, di
tubercolosi, di cancro ecc. non sono altro che uno stato cronico di grande impurita organica, dovuta

7 Pasteur, poco prima di morire, ponderando sul problema dell'infermita disse: Bernard aveva ragione, il germe non e nulla,
ma il terreno e quello che conta. Quando da ragazzi, per consiglio paterno ci applicavamo ragnatele sulle ferite, malgrado la
sporcizia di queste ragnatele prese dagli angoli piu sporchi, coperte di polvere e di insetti, giammai ci «infettavamo», anzi
con tutto cio guarivamo rapidamente. Nessun pericolo esisteva, malgrado il sudicio intervento, e nessuno immaginava perche
(non esisteva il terreno adatto); per di piu non era ancora stata conquistata l'inesauribile credulita del pubblico con la teoria
microbica, oggi tanto diffusa ma allora ancora sconosciuta. Parlo di 70 anni fa.

8 Il celebre batteriologo russo Metschnicott, dell'istituto Pasteur di Parigi, dopo varie e prolungate investigazioni, arriva alla
conclusione che la morte e dovuta alle «putrefazioni intestinali» dell'individuo. Queste sono pure la causa di una vecchiaia
prematura. Erroneamente questo savio di laboratorio attribuisce l'origine di queste putrefazioni all'azione dei microbi,
quando invece non sono altro che un effetto della febbre dell'apparato digerente. Mantenendo una temperatura normale
all'interno del ventre, gli alimenti non possono trasformarsi in fermentazioni putride, di conseguenza non possono esistere le
putrcfazioni intestinali. Abbiamo visto come questo fenomeno si osservi bene in casa, e precisamente nei giorni caldi. Se
vogliamo far si che un cibo preparato alla mattina per la sera o per il giorno successivo, non si corrompa per fermentazione
putrida, dobbiamo porlo in un ambiente fresco o nel frigorifero. Ebbene, un caso analogo si manifesta nel corpo umano.
Quindi, se si rinfresca tutto il tubo digerente, si eviteranno tutte le putrefazioni intestinali che erroneamente si attribuiscono
all'azione dei microbi, denominandole «infezioni», Quindi, solo con il sistema, che costituisce la vera refrigerazione
dell'apparato digerente, si puo evitare la morte per « putrefazione intestinale» come riferito nella conclusione di
Metschnicott.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 77 di 176

ad una permanente cattiva digestione.


D'altra parte bisognera sapere che i microbi non possono vivere separati dal terreno malsano
che loro stessi preparano; percio, per inocularli, devono trovarsi gia nel virus che si coltiva. Quindi,
quello che produce l'infermita dell'individuo inoculato e l'avvelenamento del sangue, a causa della
iniezione di questo virus e non del microbo.
Il ventre febbricitante e pieno di materie in putrefazione, costituisce l'ambiente adatto alla
vita ed allo sviluppo dei differenti microbi, le cui specie variano, come i vermi, secondo la qualita
del terreno e la temperatura. Cosi con l'intestino a 37 gradi centigradi di temperatura, abbiamo i
benefici bacilli della digestione e, mano a mano che questa febbre interna aumenta, appariranno
quei microbi dannosi che si generano nella putrefazione, ed infine appariranno quelli
dell'intossicazione, come nel caso del tifo addominale.
A 37 gradi centigradi, nel corpo umano non puo esistere alcuna virulenza microbica. Con cio
si vuole dire che l'azione virulenta del microbo, che con le sue tossine attacca la vita organica, si
sviluppa solo con la febbre, cioe oltre i 37 gradi. Quindi, proporzionalmente all'aumento della
temperatura interna maggiore e la tossicita del microbo, in quanto si nutre di sostanze piu corrotte,
di conseguenza nella sua eliminazione vi e piu veleno e si fa piu pericolosa la sua presenza nel
corpo infermo. Con questo si deduce che, per salvare un paziente dall'intossicazione microbica,
dobbiamo combattere la febbre invece di perseguitare i microbi.
Ogni «infezione microbica» sparira rinfrescando l'interno del ventre dell'infermo e
riattivando l'attivita eliminatrice della pelle, dei reni e degli intestini.
Non esiste alcuna dimostrazione logica che possa comprovare scientificamente come
un'infezione, che suppone una impurita organica, possa sparire introducendo nel corpo tossici, sotto
forma di droghe, sieri, vaccini ed iniezioni che, in tutti i casi, aggravano l'impurita gia esistente,
attaccando piu facilmente la vita del corpo che quella del microbo che si perseguita.
Quando sentiremo parlare di infezioni, non dimentichiamo che esse suppongono putrefazioni
di sostanze organiche morte, in un organo febbricitante.
Con il nostro concetto affermiamo quindi che l'origine e la natura di ogni malattia e dovuta
alla putrefazione intestinale e non all'infezione.

L'INFEZIONE E LA PUTREFAZIONE
Secondo la Dottrina Termica, Infezione vuol dire corrompere l'organismo per mezzo di
un'azione estranea, e Putrefazione rendere putrido per causa intima, propria del corpo colpito.
In altri termini, l'infezione viene dal di fuori, e la putrefazione si genera ed attua nel ventre
stesso dell'infermo. Per la Medicina professionale, le sopraddette infermita sono la risultante
dell'infezione microbica, malgrado non si conosca o non si accerti la presenza del bacillo
colpevole.
Cosi, poiche il vaiolo viene definito con la parola «infezione» malgrado manchi dell'esistenza
del microbo trasmettitore del male, si pretende con l'inoculazione del vaccino anti-vaiolo, curarlo,
poiche questa malattia e classificata fra le malattie infettive.
Mentre la Medicina (ortodossa) vede il vaiolo trasmissibile per «infezione» da un infermo ad
una persona sana, anche quando non intervengono questa malattia ne microbi ne parassiti, secondo
la Dottrina Termica il vaiolo costituisce una crisi purificatrice, che suppone un'attiva difesa
organica del sofferente e si dirige ad espellere dal corpo tutte le sostanze corrotte accumulate
nell'organismo, mediante pustole in suppurazione di odore malsano, caratteristiche di questa crisi
purificatrice.
In effetti, il vaiolo e caratterizzato da pustole o grani sulla pelle in tutto il corpo, che
maturano ed espellono sostanze corrotte accumulate nell'organismo infermo. L'azione di questa
crisi e dovuta al sangue guasto, e puo avere origine ereditaria, oppure per putrefazioni intestinali
-Pag. 78 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

croniche della vittima.


Sappiamo che nella sua azione difensiva la saggia Natura, governata da leggi immutabili,
lavora sempre in difesa della salute e della vita di ogni essere vivente. Le stesse leggi che dirigono
il movimento degli astri ed il meraviglioso istinto degli irrazionali, come pure la vita vegetale,
queste stesse leggi guidano la vita fisiologica del corpo umano. Cosicche tutta l'attivita naturale del
nostro organismo e diretta a mantenere, difendere e ricuperare la propria salute e la propria vita
mediante le difese organiche che obbediscono alle leggi della Natura di cui facciamo parte.
Tanto il temuto vaiolo quanto tutte le altre affezioni eruttive della pelle, conosciute con i
nomi di rosolia, allergia, scarlattina, erisipela o risipola, foruncolosi, rosolia sifilitica, orticaria,
piaghe, cancri, ecc. ecc. rivelano le attivita difensive dell'organismo generalmente giovane, che
possiede la sufficiente vitalita per provocare alla superficie crisi eliminatrici di sostanze corrotte,
accumulate nell'interno del corpo a causa del sangue guasto di origine ereditaria o per croniche
putrefazioni intestinali dell'infermo.
Secondo quanto ho detto, con queste attivita purificatrici, agisce una forza propria dell'organismo
affetto, che espelle all'esterno tutte le sostanze estranee e pregiudiziali alla sua economia. Si spiega
cosi l'inesistenza del microbo causante il vaiolo e tanto meno non si e scoperto il bacillo delle altre
nominate febbri eruttive.
In tutte queste crisi si manifesta un'azione benefica che agisce dall'interno verso l'esterno, al
contrario di cio che avviene in tutte le infezioni poiche queste agiscono dal di fuori all'interno.
Si dira innegabilmente che il vaccino ci preserva dal vaiolo, come afferma la propaganda
medica. Non volendo polemizzare su questo punto, sosteniamo che il vaccino possiede la triste
proprieta di paralizzare le difese organiche, poiche indebolisce la vitalita nervosa incaricata di
proteggere la salute del corpo. Sappiamo che il sistema nervoso e il padrone di casa dell'organismo,
e come buon padre di famiglia, e attento a tutte le sue necessita e sempre disposto a difendere la
sua salute e la vita. Se questo fedele e diligente potere vitale e vittima della debilitante e mortifera
azione dei vaccini, dei sieri o iniezioni, cessa di agire come forza difensiva; come accadrebbe ad un
padre di famiglia addormentato per intossicazione alcoolica.
Pero, per vincere la Natura bisogna sottomettersi alle sue immutabili leggi. Se con
l'inoculazione di vaccini, sieri o iniezioni soffochiamo paralizzando o cancellando la difesa
organica che espelle dal corpo mediante eruzioni della pelle tutto cio che e pregiudiziale alla sua
economia, accorciamo la vita del soggetto, conducendolo verso una miserabile esistenza carica di
infermita e dolori.
Si spiega cosi il carattere maligno del vaiolo e delle altre febbri eruttive le quali, se trattate
secondo la mia Dottrina Termica, per mezzo dell'eliminazione vengono espulse quelle sostanze
estranee al corpo, lasciando per tanto in migliori condizioni di salute la persona affetta da una di
queste crisi.
Errato e poi il concetto medico che attribuisce all'infezione microbica (che agisce all'esterno)
l'alterazione o perdita di salute dell'uomo. Precisamente l'incidente si differenzia dall'infermita in
quanto la sua causa e estranea al corpo colpito; l'infezione invece e l'effetto di una causa intima che
parte sempre dal ventre febbricitante dell'infermo, come rivela l'esame dell'iride degli occhi di
questo, esaminata secondo il criterio della mia Dottrina Termica.
Le cosiddette «infezioni» possono essere attribuite a una contaminazione parassitaria, pero
mai al microbo. Una persona si puo infettare di rogna (scabbia), vermi, piattole, pidocchi ecc. ecc.
pero non con i microbi che, per prosperare, abbisognano di un terreno impuro e di una temperatura
febbrile nel corpo. Cio avviene anche nel regno vegetale; le infezioni infatti non sono altro che
l'opera dei parassiti. Vaccini, sieri, iniezioni ed anche trasfusioni di sangue sono le vere «infezioni»
perche corrompono l'organismo con azioni esterne. Lo stesso si puo dire dell'aria avvelenata e degli
alimenti tossici.
Evitando le putrefazioni intestinali mediante l'Equilibrio Termico del corpo, si eviteranno
pure le cosiddette «infezioni microbiche» poiche, con l'Equilibrio Termico, si normalizza la
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 79 di 176

temperatura interna e di conseguenza il terreno non e piu adatto alla vita del bacillo, cioe sparira la
putrefazione vero focolaio di ogni male.
Quindi la Putrefazione e non l'Infezione e l'origine di tutte le malattie dell'uomo.
Vaccini, sieri, iniezioni, ed anche le trasfusioni di sangue sono le vere «infezioni», perche
corrompono l'organismo con un'azione estranea ad esso. Cosi pure si puo dire riguardo all'aria
avvelenata ed agli alimenti tossici.
-Pag. 80 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XV°
LA NATURA CURA COLLOCANDO IL CORPO
IN EQUILIBRIO TERMICO
Esistono rimedi per tutte le specie di infermita, pero non per
possedere e conservare la salute. L'autore

Abbiamo visto che la legge della vita si compendia nella difesa. Percio il nostro organismo e
sempre incline alla normalita, e le cosiddette infermita non sono altro che reazioni o crisi curative
che, favorite nella loro tendenza purificatrice, manterranno l'individuo in uno stato di vita normale,
cioe in uno stato di salute integrale.
Cosi, come i vizi si curano con la virtu e la poverta con la ricchezza, l'infermita sparira solo
con la salute.
Sappiamo che curare significa normalizzare le funzioni organiche; per tanto, non abbiamo
nulla a che vedere con i microbi e con i rimedi, bensi con la temperatura.
Curare significa far sparire l'infermita e, poiche questa e un'alterazione funzionale
dell'organismo, per poter riavere la salute e necessario ristabilire la normalita funzionale, che
richiede l'equilibrio termico del corpo.
E quindi molto saggio l'aforisma che dice: «la Natura e quella che cura».
Secondo questo, non esiste alcun agente di laboratorio, o preparato farmaceutico, capace di
ristabilire la salute perduta. In altri termini, avendo ogni malattia una causa intima propria
dell'infermo, puo sparire solo modificandone l'origine mediante un'attivita pure interna, propria
dell'organismo affetto.
Si spiega cosi l'insuccesso delle droghe, dei sieri, dei vaccini, delle iniezioni, delle erbe,
dell'omeopatia, della chirurgia, della radiologia, delle applicazioni elettriche, delle trasfusioni di
sangue, dei massaggi ecc., elementi e attivita tutti incapaci di ristabilire la salute perduta, perche
non attendono alla funzione organica, bensi al sintomo accusato dal disordine funzionale.
Pero non sempre la Natura puo curare, e lo dimostrano le morti a diversa eta.
Ebbene, la mia Dottrina colma questo vuoto con la specifica affermazione: «la Natura cura,
ossia ristabilisce la salute, sempre che collochiamo il corpo in equilibrio termico».
Il corpo ristabilisce la sua normalita funzionale, cioe la salute, con una temperatura uniforme
di 37 gradi, tanto all'interno quanto alla superficie. Perche con la salute c'e pure una buona
digestione con una temperatura adeguata nell'apparato digerente; salute significa poi normalita
respiratoria, e cio e possibile solo con 70 pulsazioni al minuto in un adulto; infine salute e l'attivo
lavoro della pelle, che esige pure una temperatura di 37 gradi.
La vita civilizzata squilibra giornalmente le temperature del corpo umano, indebolendo il
calore naturale della pelle e riscaldando i visceri come abbiamo visto nei capitoli precedenti. Di
conseguenza, si deduce che, per normalizzare il disordine funzionale di un organismo, e necessario
produrre una febbre curativa sulla pelle e rinfrescare le viscere del soggetto, e cio si ottiene solo
con il mio sistema contemplante l'equilibrio termico del corpo.
Nessuno cura nessuno, né esistono rimedi con virtu curative, perche la salute e l'infermita
sono i risultati dei nostri atti, sottomessi o no alla Legge Naturale. L'infermita che si origina con un
regime anormale di vita, puo sparire solo mediante un regime di vita sana che mantenga l'equilibrio
termico del corpo. Si comprende cosi che quello che da la salute cura l'infermita.
Quindi il primo agente della salute e la volonta di ciascun individuo; di conseguenza, se tale
volonta manca, e se l'individuo e indeciso ad agire in prima persona per il ristabilimento della
propria salute, anche il miglior trattamento sara vano.
Tutte le droghe, i sieri, le iniezioni o agenti esterni come la chirurgia, l'elettricita, o il radium,
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 81 di 176

sono inefficaci per ristabilire la salute; infatti non agiscono normalizzando la digestione e
riattivando le eliminazioni, bensi combattono il sintomo o la manifestazione del disordine
funzionale dell'organismo colpito. L'effetto che si consegue con questi procedimenti artificiali e
quello di stimolare o calmare momentaneamente l'attivita organica manifestata nel dolore, nelle
eruzioni, nelle febbri, nelle diarree, nella tosse, nei tumori ecc., ottenendo solo perturbazioni e
soffocamento delle difese naturali del corpo, impossibilitandolo ad uscire dalla anormalita, e
trasformando cosi l'infermita acuta di facile guarigione in cronica, sempre inguaribile con la
medicina che utilizza tali mezzi.
Questi procedimenti artificiali non solo ostacolano e paralizzano l'azione difensiva della
Natura, ma sono fonte di nuovi disturbi organici, poiche le sostanze estranee che, in forma di
droghe, iniezioni, vaccini, sieri ecc. ecc. si introducono nel sangue e nei tessuti del corpo umano,
invece di dar profitto alla vita ed alle attivita corporali, perturbano le sue azioni nervosa e
circolatoria, quando non attaccano pure la vita delle stesse cellule, come avviene con l'uso
dell'arsenico e di tutta la classe dei derivati dai metalli. Quest'ultimo accade pure con le
applicazioni d'elettricita, raggi X o radium.
Insensibilmente ed inconsciamente, varie persone cadono in questo madornale errore,
originando un male di tale gravita che spesse volte, direi quasi con frequenza, l'iride manifesta
buona costituzione organica, in organismi piu o meno paralizzati nel loro funzionamento, per
l'azione deprimente della vitalita organica caratterizzata da tutti i tossici.
Essendo la vita un'attivita nervosa, l'agente che deprime ed annichilisce questa attivita e il
veleno delle droghe o delle iniezioni che, invece di essere un elemento di vita, e fautore di morte9.
Proprio come i nemici pericolosi che per sviluppare la loro azione piu nefasta accarezzano ed
adulano la loro vittima, i veleni contenuti nelle droghe ingannano e tradiscono l'infermo con un
passeggero benessere, che prima o poi si trasforma in una maggiore disgrazia, cagionando infine la
distruzione della vita stessa.
Fra tutte le infermita che possono attaccare una persona, la piu ribelle, e pericolosa e
l'intossicazione medicamentosa.
Naturalmente, la mutilazione delle viscere ci allontana definitivamente dalla salute; sarebbe
come voler normalizzare il lavoro di un orologio togliendogli una ruota. (Il paragone si addice).
Questo si comprende tenendo ben presente che tutte le malattie o infermita Naturali, diciamo
cosi anche se di naturale c'e solo la salute, rappresentano sempre l'azione difensiva della Natura
dell'infermo che, coadiuvata dagli agenti naturali, ristabilira la perduta armonia nell'organismo.
Pero l'infermita artificiale e prodotta dai tossici che lungi dal far supporre una reazione difensiva
della Natura, indeboliscono la forza vitale e, essendo questa forza l'unica capace di operare una
guarigione o un ritorno alla salute, non c'e reazione perche l'agente curativo si e intorpidito'
nell'organismo.
Prenderemo, per esempio, un mal di testa: la persona affetta ricorre all'aspirina o a qualche
altra pasticca e, ingerendo questi medicamenti (preparati farmaceutici), in poco tempo constata la
sparizione del dolore. Ora ci domandiamo se con questo medicamento la persona si e curata
l'infermita alla testa. La risposta e no, perche con tale pratica non e stata rimossa la causa, sempre
interna, e proveniente dal ventre, pero ha fatto si che il dolore, indice di una reazione difensiva
(cioe campanello d'allarme) sparisca per avvelenamento della cellula nervosa, la cui attivita
manifestata nel dolore si paralizza per l'azione deprimente del tossico iniettato o ingerito. In questo
caso, i nervi sensitivi perdono il controllo della loro funzione, come avviene nello stato di
ubriachezza; infatti, un ubriaco e incapace di camminare, di parlare, di vedere e sentire, e tutto
questo per intossicazione alcoolica.

9 E stato obiettato che la Dottrina Termica che insegno e un errore, perche la vita organica dipende dal sistema
nervoso c non dalla temperatura del corpo. Rispondo che, poiche l'energia nervosa e una forza analoga alla
elettricita, possiamo controllarla solo attraverso i suoi effetti o manifestazioni e, in tale caso, abbiamo il calore
come suo attributo e di conseguenza e piu facile da apprezzare.
-Pag. 82 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Piu si ricorre all'uso delle droghe e piu insensibile si fa l'organismo all'eccitazione del veleno,
piu si aumentano le dosi e piu si fa insensibile, arrivando in tal maniera all'intossicazione
medicamentosa e, di conseguenza, alla disfunzione della vitalita organica.
S e l'infermita acuta rappresenta l'attiva difesa della Natura, e infermita cronica significa
impotenza difensiva della stessa a causa degli antibiotici, delle iniezioni, dei sieri, dei vaccini, del
radium ecc., scemando l'energia organica si sopprimono i sintomi attivi che caratterizzano gli stati
acuti dell'infermita il cui male per nulla rimosso, si radichera nell'organismo, trasformandosi cosi
da un male acuto e curabile in cronico ed incurabile.
Altro esempio e quello di voler trattare con un sistema abortivo un giovane affetto da un
sintomo di purga blenorragica. Questo e l'errore della medicina allopatica perche sopprimendo la
suppurazione uretrale che e difesa organica si e ben lungi dal curare il male, in quanto cio
impedisce l'opera che la Natura realizza in questo senso. Iniettando nel sangue veleni che
paralizzano le attivita dell'organismo, che cerca di espellere dal suo interno con la suppurazione
tutte le materie corrotte accumulate nel basso ventre, accade che queste sostanze si concentrino
nell'interno del corpo e nel sangue.
Considerata erroneamente la suppurazione uretrale come infermita, il facoltativo la soffoca
con veleni iniettati, paralizzando in tal modo la difesa organica. Se questa supposizione fosse stata
dannosa e costituente l'infermita da combattere, rimarrebbe chiaro il trionfo del medico, perche e
riuscito a fermare il fluido uretrale. Pero, dato che il nostro organismo e governato da leggi
immutabili, che lo dirigono ad operare sempre in propria difesa e giammai in sfavore, il processo
suppurante, lungi da essere pregiudiziale, e l'azione salvatrice della Natura, destinata a purificare il
corpo dalle immondizie da tempo accumulate, generalmente nel basso ventre a causa di una vita
innaturale con disordini digestivi cronici.
Soppresso il sintomo della malattia, e sparito il flusso uretrale o vaginale considerato come
processo pericoloso e dannoso, il medico e l'infermo si rallegrano entrambi proclamando il trionfo
della scienza.
Purtroppo, con la soffocazione dell'opera difensiva della Natura, e con l'arresto del fluido
uretrale, si e invertito il corso dell'infermita obbligando nel corpo la ritenzione di tali sostanze
corrotte, che, con la loro proprieta intossicante e corrosiva, producono la depressione generale
dell'energia vitale, con frastorni variabili al cerebro, al sistema nervoso e circolatorio, al fegato, ai
reni, allo stomaco, ai polmoni, al cuore ecc. e specialmente l'infiammazione della prostata, degli
ovari e della matrice.
Quindi, a una distanza di tempo maggiore o minore, e subordinatamente alla vitalita
posseduta dall'infermo, arriva il momento in cui si esaurisce questa sua resistenza organica
producendo la morte prematura e violenta, quasi sempre per emorragia cerebrale, attacchi di angina
e affezioni renali.
Pero il nostro giovane non e morto di gonorrea; di conseguenza sussiste il trionfo del
facoltativo. Allora, che colpa si potra dare a questo medico se l'antico cliente gonorroico, alcuni
anni dopo, muore per mal di cuore o cervello?
Uomo ignorante, credi di appartare dalla tua vista la malattia, effetto di una vita di errori e di
vizi, ricorrendo al facoltativo, perche con le droghe o iniezioni stimolanti o calmanti abiliti
nuovamente il tuo corpo, per continuare un'esistenza di conflitto costante con la legge naturale.
Pero non si puo ingannare la Natura con ricorsi artificiali, bensi dobbiamo sottometterei alle sue
immutabili leggi.
Si, le droghe, i sieri, i vaccini, tutte le classi di iniezioni, raggi X o radium, sono ben lungi dal
sanare gli infermi, rendono difficile tutte le vere cure; le operazioni chirurgiche poi sono la
negazione della stessa arte di curare e la loro pratica e accettabile solo in caso di incidente.
Non e necessario quindi insistere su questo tema perche il lettore si renda conto che, se un
organo o membro del nostro corpo viene asportato o mutilato, e perche non si e saputo curare. Pero
dato il mezzo o l'ambiente in cui si svolge l'attivita del medico chirurgo, giustifichiamo i
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 83 di 176

procedimenti operatori in quanto esistono persone che non intendono coltivare la salute
contrariando gusti e piaceri morbosi (cioe non vogliono privare il loro palato e i loro sensi di cio
che la degenerazione considera come unico valore di esistenza), e di conseguenza, per non perdere
tempo, devono liberarsi dai dolori con qualsiasi mezzo, sempre che non presenti alcun sacrificio.
Quindi, la nostra critica va contro il sistema e non contro i medici, perche questi fanno cio
che il pubblico vuole e paga, di conseguenza il pubblico ha quello che si merita.
E necessario convincersi che la salute e il tesoro piu grande che possediamo, e questo lo puo
acquisire e conservare solo l'interessato, conducendo una vita cosciente e sottomessa alla legge
naturale. Prodotta l'infermita, vi e una sola via per recuperare la salute perduta, ed e quella di
abbandonare la vita libertina ritornando alla vita giudiziosa, ordinata dalla legge naturale.
Esiste oggi giorno un fanatismo per la medicina imperante e si e giunti al culto delle droghe,
dei sieri, dei vaccini, delle iniezioni, dei raggi X, del radium, delle operazioni; ebbene cio sparira se
l'uomo aprira gli occhi alla luce della logica e della ragione. Esse infatti ci dicono: la salute non puo
essere un risultato di agenti mortiferi, quali il veleno delle droghe, delle iniezioni e del bisturi che
estirpa quello che non si sa curare.
La Medicina Medicamentosa, convertita nell'arte che va alla caccia dei microbi nel corpo
umano, dimentica l'organismo in cui opera e per tanto, ne minaccia la vita con i tossici che in lui
introduce.
Per far si che il lettore possa apprezzare la differenza di criterio che guida i diversi sistemi di
cura esponiamo un esempio:
In una casa infestata da insetti e da parassiti vediamo il proprietario che, deciso a sterminare
questa infezione, cerca un tecnico della scuola allopatica e costui, seguendo la teoria microbica,
installa in detta casa un laboratorio di veleni e con essi giornalmente ripete fumigazioni e
irrigazioni. Al principio sembra assicurato l'esito del procedimento, in quanto si incontrano nella
casa a mucchi i cadaveri degli incomodi ospiti pero, non molto tempo dopo, ne riappaiono di nuovi
che, attaccati nuovamente con il veleno, ritornano a scomparire. Il proprietario constatato
l'insuccesso e la deteriorazione della casa a causa di tali sistemi, affida a un tecnico naturista il
problema. Questi, sapendo che il microbo vive solo di impurita e di conseguenza di sporcizia,
senza attaccare direttamente gli insetti e i parassiti, decide per una minuziosa pulizia,
incominciando dai soffitti per finire alle pareti, ai pavimenti, in tutti i piu reconditi angoli ed infine
nelle adiacenze della casa, ottenendo in breve tempo la sparizione totale degli incomodi ospiti,
senza produrre alcuna deteriorazione all'edificio.
Con questo volgare esempio si spiegano il modo e i mezzi ricercati ed impiegati dai due
criteri, allopatica e naturalista, per poter sanare o purificare un organismo interno. La medicina
allopatica si impegna nella persecuzione del microbo, che crede causante l'infermita e, per
distruggerlo, rovina e distrugge l'organismo che lo alberga. Invece la mia Dottrina, che nel microbo
vede solo un effetto dell'infermita, costituitasi per accumulazione di immondizie nel corpo, procede
a pulire l'organismo togliendo cosi al microbo il terreno favorevole al suo sviluppo e, di
conseguenza, fa sparire con questo la malattia costituita dall'impurita organica
contemporaneamente al suo effetto, il microbo.
E un errore attribuire al microbo l'origine della mancanza di salute, cercare di ristabilirla
mediante l'impiego delle droghe, degli antibiotici e delle operazioni chirurgiche. La Natura
denuncia graficamente questo errore attraverso l'iride degli occhi.
Quindi collochiamo il corpo in Equilibrio Termico, e la sua stessa natura lo rigenerera
integralmente, mediante le buone digestioni e l'attiva eliminazione della pelle. Ricordiamo sempre
il nostro punto di vista: «curare no, normalizzare si» producendo in tutti i casi febbre curativa nella
pelle dell'infermo e rinfrescando l'interno del suo ventre, perche la febbre distruttiva lo consuma.
Solo in questo modo ristabiliremo la normalita funzionale dell'organismo e la salute integrale.
Non dimentichiamo che il miglior «rimedio» e una buona digestione, e questa si puo ottenere
e mantenere solo con l'Equilibrio Termico del corpo.
-Pag. 84 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XVI°
LA NUTRIZIONE
«Che il tuo alimento sia la tua medicina, e che la tua medicina sia il
tuo alimento». Ippocrate

La nutrizione costituisce la funzione fondamentale del processo vitale, e con essa si forma e
si conserva il corpo.
E necessario proporzionare al nostro organismo gli elementi per il suo sviluppo e
mantenimento, rinnovando costantemente questa somministrazione, giacche il logorio della
macchina umana ed il consumo delle sostanze e delle energie si produce, senza interruzione, di
giorno e di notte. La nutrizione quindi, sviluppa mantiene e ripara il nostro corpo,
contemporaneamente alimenta la sua attivita.
Come la vita rappresenta un costante consumo di energie ed un logorio ininterrotto, cosi la
nutrizione, destinata a queste necessita del nostro organismo, non puo interrompersi neanche un
istante senza porre in pericolo l'esistenza.
Viviamo nutrendoci, e dalla qualita degli alimenti che incorporiamo dipendono la specie del
sangue e dei tessuti, l'attivita e la normalita delle sue funzioni.
Il corpo umano per incorporare gli alimenti di cui necessita per vivere, possiede tre vie;
queste sono: i polmoni, la pelle ed il tubo digerente. Quindi la nutrizione si divide in polmonare,
cutanea ed intestinale. Infine, per queste stesse vie e per quelle renali, il corpo espelle eliminando i
residui del consumo organico.
Non e possibile che esista normalita digerente, se questa normalita non c'e anche nel lavoro
della pelle e dei polmoni.
Qualsiasi alterazione nelle funzioni di nutrizione, oltre a caricare di impurita l'organismo,
rende piu laboriose le funzioni di eliminazione. Invece la normalita della nutrizione contempla pure
normalita nell'eliminazione, ed e per questo che la normalita generale delle funzioni organiche si
dice salute, in definitiva dipende sempre dalla nutrizione.
Non dobbiamo dimenticare mai che tanto le funzioni di nutrizione come quelle di
eliminazione sono normali solo a 37 gradi centigradi, temperatura questa che deve essere uniforme
tanto sulla pelle quanto all'interno dell'apparato digerente.
L'igiene naturale, o scienza della salute, si limita ad insegnare all'uomo la maniera di nutrirsi
normalmente, con aria pura a tutte le ore, non solo per i polmoni ma anche per la pelle. Inoltre gli
alimenti dovranno essere naturali e crudi, con sostanze vive, quindi si sceglieranno fra la frutta, le
sementi, come le noci e mandorle, gli ortaggi, insalate con tutti i tipi di verdura e radici. Infine, ci
insegna che e indispensabile mantenere l'attivita della pelle, le cui funzioni sono analoghe a quelle
dei polmoni e dei reni. Questa attivita si otterra vestendo con abiti leggeri e sciolti, che permettano
al corpo una ventilazione e mediante la giornaliera stimolazione dell'acqua fredda, dell'aria fresca e
con l'energica azione della luce e del sole.
Come si spieghera piu avanti, il mio lavaggio del sangue e la piu adeguata e insostituibile
applicazione per attivare il lavoro della pelle degli adulti e degli infermi cronici.

NUTRIZIONE POLMONARE
I polmoni disimpegnano una funzione di tale importanza che, interrompendola per qualche
minuto, produce la morte della persona.
L'uomo puo vivere quaranta e piu giorni senza alimenti stomacali pero, senza respirare, puo
vivere solo qualche minuto.
L'aria che si respira deve essere sempre pura, e non dimentichiamo che noi respiriamo in un
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 85 di 176

giorno una quantita d'aria pari a sei volte la somma del peso degli alimenti solidi e liquidi ingeriti.
L'aria pura e l'alimento dei polmoni, ed e il principale alimento dell'organismo, cosi com'e
pure il principale «medicamento».
In effetti l'aria e un alimento, perche con essa introduciamo nel nostro corpo energie
atmosferiche e sostanze gassose (ossigeno e azoto) che nei polmoni si combinano con il sangue,
nutrendolo e purificandolo, per questo si attribuisce all'aria il valore di alimento basilare della vita
organica.
L'aria e pure un «medicamento», perche trasforma nei polmoni il sangue venoso e impuro in
sangue arterioso e puro.
Affinche l'aria sia un alimento conveniente alle necessita del nostro organismo, ed un
medicamento efficace come purificatore del sangue nei polmoni e necessario che sia pura, cioe di
composizione normale, tale come e offerta dalla Natura, libera da contaminazioni ed esente di
odori e di esalazioni corrotte, di gas tossici, di polveri, di fumo o di altre sostanze estranee.
Noi troviamo l'aria buona e pura fuori dalla citta e dalle zone industriali e precisamente in
aperta campagna, in collina o meglio ancora in montagna e al mare.
Nelle vicinanze dei boschi, specialmente dove predominano il pino e l'eucalipto, si puo
respirare un'aria ricca di aromi salubri e balsamici che, coadiuvata dall'effetto benefico del sole, ci
fornisce un'infinita di elementi utili alla vita organica.
Per approfittare degli elementi vivificatori dell'aria pura, e necessario saper respirare. Le
persone che conducono una vita sedentaria e che fanno poco esercizio, si puo dire che respirano a
mezzo polmone, poiche le vescicole polmonari si distendono solo con respirazioni prolungate e
profonde.
Una buona nutrizione polmonare richiede respirazioni ampie, profonde, aria sana sia di
giorno che di notte; percio si consiglia molto esercizio fisico, anche se il mezzo piu adeguato e
l'ascensione sui monti (pero a piedi).
Le persone che non possono fare movimento all'aria libera, devono praticare in casa una
ginnastica respiratoria di fronte alla finestra o porta aperta. Per poter aiutare meglio il movimento
respiratorio, queste persone appoggeranno le mani sui fianchi, sollevando contemporaneamente gli
omeri portando il petto all'infuori e, nel medesimo tempo, eseguiranno con il naso e la bocca chiusa
la respirazione che sara ampia, profonda e pausata, espirando poi attraverso la bocca.
Con queste profonde respirazioni e questi sospiri, si permette ai polmoni una maggiore
distensione che, contemporaneamente intensifica in loro la ossidazione del sangue, espellendo
abbondanti sostanze gassose pregiudiziali alla vita del corpo.
Queste respirazioni profonde si devono ripetere con frequenza durante il giorno, specialmente
alla mattina alzandosi, e alla sera prima di coricarsi. Praticando quotidianamente per qualche
minuto questi esercizi respiratori, si favorira la purificazione del fluido vitale, si incorporera
nell'organismo una quantita di energie che l'atmosfera ci offre e si espelleranno abbondanti
sostanze pregiudiziali alla vita del corpo.
Inoltre, le respirazioni profonde attivano la circolazione sanguigna nel corpo, poiche i polmoni
sono per il sangue una pompa aspirante ed espellente, in quanto il more disimpegna solo l'attivita
regolatrice della circolazione sanguigna.
Da una buona respirazione dipende la parte piu importante della nutrizione dell'organismo,
poiche con essa si distribuisce la normale circolazione sanguigna agli organi e tessuti del corpo.
\L'aria deve arrivare ai polmoni passando per il tubo respiratorio che incomincia nel naso. Affinche
le respirazioni siano normali devono essere eseguite a bocca chiusa; quindi le persone che
respirano per la bocca, denunciano un'anormalita, e questa puo essere nei polmoni, nel naso o in
gola Se l'aria pura e necessaria per conservare la salute, e ancora piu indispensabile per recuperarla,
percio la si consiglia a tutti gli infermi, i quali incorporando nella loro economia questo elemento di
-Pag. 86 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

vita, espelleranno dal loro corpo con maggiore facilita le impurita che ne inquinano il sangue e
perturbano le funzioni organiche.
Come tutti gli organi del corpo umano, i polmoni nel loro sviluppo e funzionamento,
dipendono dal processo digestivo. Un ventre sovraccarico, o con un contenuto in fermentazione
pressando il diaframma,che e la membrana o parete di separazione fra gli organi del petto e quelli
del ventre, riduce la capacita respiratoria, impedendo in tal modo una respirazione ampia,
soddisfacente e completa.
D'altra parte, i vapori del ventre che sono una conseguenza delle fermentazioni putride
dell'intestino febbricitante, ascendono attraverso i tessuti porosi, penetrando nei polmoni, ed ivi,
condensandosi per differenza di temperatura, depositano nel vertice di questi organi, sostanze
organiche, dato che in tale circostanza incontrano una scarsa ventilazione ed una piu debole
circolazione sanguigna.
Le sostanze organiche ivi depositate, rendono sempre piu difficoltosa la circolazione dell'aria
e del sangue nei tessuti polmonari, indeboliscono progressivamente la loro vitalita e resistenza,
preparando il cammino per le affezioni di questi organi.
Con l'esame dell'iride degli occhi in tutti gli infermi ai polmoni, si denota uno stato piu o
meno avanzato di antichi, gravi e prolungati disordini digestivi.
Con questo facciamo notare ancora una volta che la febbre interna, in grado variabile comune
a tutti gli infermi, accelerando il ritmo cardiaco, congestiona i tessuti polmonari e, di conseguenza,
rimane convalidato che tutte le persone vittime di affezioni febbrili intense praticano una
difficoltosa ed angustiata attivita respiratoria.

LA NUTRIZIONE CUTANEA
Come abbiamo detto, non possono esistere infermi con buona digestione, e tanto meno con
un buon funzionamento della pelle. La pelle pallida e fredda conferma l'irritazione delle mucose
intestinali, febbricitanti e congestionate, il che vuoi dire malate. La pelle calda invece indica il
contrario, cioe una buona irrigazione sanguigna e la normalita delle mucose nell'apparato digerente.
Come abbiamo detto, il nostro corpo possiede due rivestimenti: L a pelle per proteggersi
dall'ambiente in cui viviamo, e le mucose che tappezzano le cavita interne del nostro complesso
organico Tanto la pelle quanto le mucose hanno una costituzione organica porosa.
Precisamente attraverso questi pori della pelle, l'organismo assorbe le sostanze utili
all'economia che sono contenute nell'aria e nell'energia atmosferica, e sempre con questi piccoli
orifizi espelle, sia per traspirazione che per semplice esalazione, tutte le sostanze pregiudiziali alla
vita organica.
Come i polmoni e l'apparato digerente, la pelle e quell'organo che svolge
contemporaneamente due attivita, precisamente quella di secondo polmone e di secondo rene.
La momentanea paralisi del funzionamento della pelle, potrebbe causare disturbi piu o meno
gravi nell'organismo, e causare anche la morte di una persona, come avviene nei casi di bruciature
e scottature che distruggono gran parte di essa.
La nostra pelle e l'organo destinato a mantenersi in permanente contatto con l'atmosfera,
poiche questa e il mezzo adatto alla vita, come l'acqua per i pesci; per questo insisto nel dire che la
sua costituzione e le sue funzioni s'indeboliscono quando si copre il corpo con troppi vestiti.
Quindi, coprire esageratamente il corpo con vesti, specialmente se molto aderenti per non
dire attillate, e un errore, perche la pelle che per i pori espelle tutti gli umori malsani, non
incontrando ventilazione, e costretta a riassorbirli per gli stessi; di conseguenza il sangue si ricarica
di queste sostanze pregiudiziali che perturbano le funzioni organiche ed indeboliscono la potenza
vitale dell'organismo.
D'altra parte, il calore artificiale mantenuto sulla pelle da vesti inadeguate, indebolisce il
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 87 di 176

calore naturale della superficie del corpo, poiche in essa manca lo stimolo per la sua riproduzione.
Questo calore e il risultato dell'attivita funzionale dell'organismo, e noi sappiamo bene che,
per quanto si cerchi di riscaldare e coprire un cadavere, non potremo mai mantenere la temperatura
in lui.
L'eccessivo vestiario, oltre ad indebolire l'attivita della pelle, riduce la circolazione sanguigna
in essa, obbligando il sangue all'interno del corpo che, producendo una congestione, altera tutti gli
organi interni. Mentre la deficiente circolazione sanguigna della pelle altera l'eliminazione dei pori,
la congestione delle viscere origina febbre interna, generando putrefazioni intestinali che
avvelenano il sangue.
Con questo si conferma che l'effeminamento della pelle, dovuto alla mancanza del conflitto
termico con il freddo dell'ambiente atmosferico, e la causa maggiore delle affezioni croniche che
consumano in gran parte la vita degli abitanti delle citta, poiche in esse la vita e troppo sedentaria,
troppo riparata e rinchiusa, evitando al corpo il quotidiano conflitto termico, vero tonico per
purificare la pelle.
Dato che non vi e possibilita per una vita ideale, cioe per una vita adamitica, dobbiamo
attivare per qualche ora al giorno le funzioni della nostra pelle risvegliando le sue attivita per
mezzo del conflitto con l'aria e l'acqua fresca, con la luce ed il sole.
Con l'indebolimento della pelle, si riduce l'espulsione attraverso i pori delle sostanze morbose
che si depositano nelle mucose intestinali. Queste sostanze, con la loro -azione acida e irritante,
producono infiammazioni e congestioni interne che sono la causa delle affezioni ai polmoni, allo
stomaco, agli intestini, al cuore, ai reni, al sistema nervoso e circolatorio, ecc. ecc. Infine i disordini
digestivi si aggravano e si mantengono per indebolimento delle funzioni della pelle.
Si comprende quindi che, per dar sollievo agli organi del nostro corpo, il cammino piu logico
e sicuro e quello di attivare la pelle, in modo che la congestione e le impurita interne vengano alla
superficie del corpo con il fresco dell'aria e dell'acqua, che provocano una reazione termica. Il sole,
il vapore e la terra, sono pure agenti che agiscono sulla pelle.
Il piu poderoso tonico e costituito dai bagni d'aria e di acqua fredda, come pure di luce e di
sole. L'ambiente freddo, attuando sulle terminazioni nervose della pelle nuda, obbliga il corpo a
difendersi dal freddo producendo maggior calore, attirando alla superficie la febbre interna. Questa
attivita difensiva dell'organismo attiva il processo vitale e ossidando piu intensamente i residui
inservibili, rende piu energica e completa la circolazione del sangue in tutto il corpo, migliora la
nutrizione e attiva l'eliminazione.
Si consiglia quindi di vivere il piu possibile in ambienti ventilati, dormire con le finestre
aperte e, al mattino alzandosi, praticare degli esercizi ginnici a corpo nudo; questo si pratica in
ambienti arieggiati e, se possibile, all'aria aperta, terminando poi con una frizione fredda in tutto il
corpo e in seguito vestendosi.
Le reazioni nervosa e circolatoria, risvegliate nella pelle dal conflitto dell'aria e dell'acqua,
obbligano l'organismo ad accelerare le sue funzioni, incorporando attraverso i pori e i polmoni
energie atmosferiche come l'ossigeno, destinato ad aumentare la combustione interna delle sostanze
estranee.
D'altra parte la maggior attivita circolatoria del sangue facilita I'espulsione dei prodotti
morbosi, cosa che avviene per mezzo della pelle, dei polmoni, dei reni e intestini. Tutto cio e
dovuto alla benefica reazione del calore che si produce sulla pelle, in conseguenza alla lotta con il
freddo dell'aria e dell'acqua; con questa reazione si decongestiona l'apparato digerente, ristabilendo
la temperatura normale, condizione per una buona digestione in quanto fa sparire la febbre interna
che produce le putrefazioni intestinali, origine comune a tutte le malattie.
Per concludere: la febbre interna, causa di tutti i disordini digestivi, e caratterizzata in tutti gli
infermi, sparira con l'attivita della pelle, sottoposta alla reazione fredda dell'aria e dell'acqua, e
coadiuvata dalla luce e dal sole. A suo tempo spiegheremo cio che concerne i bagni di aria, di luce
-Pag. 88 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

e di sole.

LA NUTRIZIONE INTESTINALE DIPENDE DALLA TEMPERATURA


DELL'APPARATO DIGERENTE
«Lo stomaco e l'officina dove si forgiano la salute e la vita». Non otterrai nulla, se
non digerisci bene. Cervantes Voltaire

Innanzi tutto dobbiamo tener presente che non e quello che mangiamo che ci alimenta, bensi
quello che digeriamo.
Si possono ingerire buoni alimenti in grande quantita pero, se si corrompono per
fermentazione malsana, invece di nutrire avvelenano.
La nutrizione intestinale si effettua per la trasformazione degli alimenti nell'apparato
digerente, mediante un processo di fermentazione conosciuto con il nome di digestione. Definiamo
quindi: la digestione è la trasformazione in sangue degli alimenti ingeriti. Essa avviene mediante
un processo di fermentazione microbica, e questa puo essere sana solo se viene effettuata ad una
temperatura di 37 gradi centigradi. Ne consegue che la digestione dipende:
1° - Dalla temperatura dello stomaco e degli intestini.
2° - Dagli alimenti, subordinatamente alla loro specie, quantita, e combinazione.
3° - Dalla completa insalivazione, dalla perfetta masticazione e dalla lenta deglutizione.
Per il momento tratteremo solo il n° 1, lasciando l'esame degli altri due al capitolo di
Trofologia.
Il tubo digerente incomincia dalla bocca e termina nell'ano. Analogamente, il processo
digestivo incomincia in bocca con la masticazione, l'insalivazione e la deglutizione degli alimenti e
termina con l'espulsione dell'inservibile e pregiudizievole.
Oltre alla bocca, l'apparato digerente si
compone dall'esofago, quel tubo allargato che unisce
la bocca allo stomaco, dello stomaco, dell'intestino
tenue e dell'intestino crasso. Pero e nell'intestino tenue
che si effettua la parte principale del processo
digestivo che e conseguente alla preparazione ottenuta
in bocca e nello stomaco.
La costituzione ed il funzionamento del nostro
corpo dipendono fonda mentalmente dalla funzione
digerente; quindi, possiamo affermare che la
digestione costituisce il centro di tutte le attivita
organiche, e la natura di questo processo pone un
sigillo sullo stato di salute e di infermita del nostro
organismo.
Siamo un apparato digerente con membra, e
nello stomaco ed intestini si elabora la salute e si
origina l'infermita, qualsiasi sia il suo nome o
manifestazione.
Non c'e infermo con buona digestione, come
non puo esistere uomo sano con digestione
cronicamente alterata.
Fig. 6 - Apparato digerente
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 89 di 176

La cattiva digestione puo rappresentarsi sotto due aspetti: Cattiva elaborazione o cattiva
eliminazione. Si puo avere una elaborazione stomacale senza disturbi (cioe creduta normale) e
ritenere nel ventre gli escrementi per 24 ore e piu; al contrario si puo avere una elaborazione
stomacale malsana, cioe difficile e con sviluppo di gas o acidi, e liberare il ventre ogni 8 ore o 10 (il
che e normale).
Tutte le malattie hanno sempre come origine e fondamento un disordine acuto o cronico della
funzione digestiva.
L'iride degli occhi conferma in forma evidente questa affermazione poiche nel tessuto iridale
di tutti gli infermi, la zona corrispondente al tubo digerente appare piu o meno alterata per
irritazione o infiammazione dei tessuti, il che vuoi dire febbricitante. Cio dimostra che dalla zona
digerente parte l'offensiva infermante l'organo o parte del corpo affetto da malessere.
Qualsiasi persona che si senta inferma puo comprovare questo fatto indipendentemente dal
nome della sua malattia. Osservando allo specchio l'iride dei propri occhi, una persona comprova
che, precisamente nella parte periferica della pupilla, il tessuto iridale si presenta piu o meno
spugnoso, di colore piu oscuro e disgregato, determinando un contrasto con il resto del colore
naturale dell'occhio che si presenta piu o meno liscio, compatto, e di colore uniforme. Per il fatto
che nell'iride degli occhi la zona del tubo digerente e al centro e tutt'intorno il resto degli organi del
nostro corpo, si capisce quanto sia grande e fondamentale l'importanza della funzione digestiva
nella nostra economia organica.
L'alterazione maggiore o minore, del tessuto iridale nella zona dello stomaco e degli intestini,
con la disgregazione e la spugnosita delle sue fibre, rivela un processo infiammatorio piu o meno
congestizio delle mucose e pareti del tubo digerente, il che vuoI dire febbre interna.
Tutte le congestioni, alterando la irrigazione sanguigna, indeboliscono per denutrizione ed
intossicazione delle cellule la vitalita dei tessuti colpiti. Cosicche, il processo infiammatorio e
congestizio, che in grado variabile colpisce lo stomaco e l'intestino di tutti gli infermi, denuncia la
loro debolezza funzionale ed il loro calore anormale.
La digestione e un processo di fermentazione microbica che, per elaborarsi convenientemente
ed in forma normale, richiede una temperatura determinata. Questa temperatura, per il corpo
umano, e di 37 gradi centigradi, e solo con questa temperatura la digestione puo essere sana e fonte
di sangue puro.
La temperatura febbrile del tubo digerente favorisce le putrefazioni degli alimenti poiche
questi, con l'azione del calore malsano, si corrompono facilmente. La prova di cio si ha nei giorni
d'estate quando vediamo che un piatto di cibo, preparato o no e per quanto sia all'ombra, in poche
ore si fa acido ed immangiabile. E' per questo che insisto nel dire che con il mio sistema si refrigera
l'interno del ventre del soggetto evitando cosi le putrefazioni intestinali.
L'organismo, privato delle sostanze di cui necessita a causa della putrefazione degli alimenti,
provocata dal calore anormale dello stomaco (febbre interna), incorpora nel sangue quelle sostanze
prodotte dalle fermentazioni, inservibili e pregiudiziali, poiche determinano in grado variabile in
ogni infermo, intossicazione e denutrizione.
Il processo di irritazione, infiammazione e congestione delle mucose e pareti dello stomaco
ed intestini, la cui origine e dovuta alla febbre interna, si genera nell'uomo con l'abbandono del
petto materno, e lentamente con ritmo progressivo a causa di prolungati sforzi digestivi dovuti ad
una inadeguata alimentazione, si va sempre piu accentuando.
Gli alimenti innaturali, richiedono nella loro elaborazione un lavoro piu o meno forzato.
Questo sforzo, per reazione nervosa e circolatoria si produce in congestione che, ripetuta durante
l'infanzia, l'adolescenza e la gioventu, si fa cronica, degenerando i tessuti delle mucose, delle pareti
dello stomaco e intestini.
E in questa elaborazione forzata che i vasi capillari si dilatano ritenendo maggiore volume di
-Pag. 90 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

sangue che a sua volta, genera una maggiore temperatura febbrile interna. Con questa febbre la
digestione degenera in fermentazioni putride che, con il loro sviluppo di gas tossici acidi e
corrosivi, invece di fornire al sangue sostanze nutritive, lo caricano di veleni che originano nuove
irritazioni, congestioni ed infiammazioni, caratteristiche dei diversi stati patologici classificati dalla
medicina facoltativa come infermita distinte.
Possiamo dire con questo che tutte le infermita catalogate dalla Patologia obbediscono, in
forma positiva, a una causa unica: Nutrizione inadeguata. Queste rappresentano pure un effetto
unico, cioe: Denutrizione ed intossicazione, maggiore o minore dell'infermo.
Se sin dall'infanzia l'uomo incomincia il processo di degenerazione del suoi organi digerenti
per alimentazioni inadeguate, aggravando questo disordine durante il corso della vita, dobbiamo
convenire che la Natura e piu che generosa con lui, in quanto gli permette di vivere fino a 30 anni e
piu.
Arrivando all'eta matura, l'individuo accusa nel corpo sintomi diversi, in base al suo stato
fisico costituzionale e al genere di vita vissuta.
Le perturbazioni nervose, cardiache, visuali, epatiche o renali, che il facoltativo attribuisce
all'azione del microbo, e che tratta con droghe e farmaci, o sottopone ad interventi chirurgici, ci
dicono il contrario perche, se sottoponiamo questi infermi ad un esame iridologico, noteremo in
loro uno stato infiammatorio e degenerativo degli organi digerenti, i quali si sono trasformati in un
laboratorio di malattie a causa delle fermentazioni putride degli alimenti che, senza nutrire, hanno
caricato lentamente il sangue di acidi e sostanze dannose causanti i mali che ora il facoltativo
attribuisce all'opera del microbo.
Con quanto abbiamo detto si dimostra ancora una volta che siamo un apparato digerente con
membra. e che nello stomaco ed intestini si elabora la salute e si origina l'infermita, qualsiasi sia il
nome o la manifestazione.
Insisto ancora nel dire che la causa stabile e fondamentale dei disordini digestivi risiede nella
temperatura anormale dello stomaco e degli intestini, febbre interna che favorisce persino la
putrefazione degli alimenti piu naturali, quali la frutta e la verdura.
Le infezioni intestinali che la medicina facoltativa attribuisce al microbo, non sono altro che
putrefazioni intestinali, generate da una fermentazione malsana originata da un calore anormale
all'interno del ventre.
Dato che i disordini digestivi sono il punto di partenza ed appoggio di tutte le malattie,
qualsiasi trattamento curativo deve orientarsi alla normalizzazione della digestione, combattendo la
febbre interna. Questo si otterra rinfrescando direttamente i visceri con bagni freddi al basso ventre
o con il cataplasma di terra sopra questa parte del corpo e, indirettamente, portando sulla pelle il
calore interno, mediante le reazioni che avvengono con applicazioni combinate di acqua fredda e
con il calore del sole o con il mio lavaggio del sangue. Anche l'irritazione della pelle prodotto
dall'orticazione (con ortiche fresche), sviluppa una febbre curativa che e salvatrice nei casi di
polmonite, bronco polmonite e di paralisi, come vedremo a suo tempo. La mia lunga esperienza mi
ha permesso di provare che, per fare una buona digestione, e necessario mantenere calda la pelle
del ventre e, a tale scopo, consiglio la compressa addominale e meglio ancora il cataplasma di
fango su di esso. Un eloquente insegnamento e dato quotidianamente dal maiale (l'avete mai
osservato?). Mangia di tutto e a crepa-pancia, pero dopo queste mangiate cerca la pozzanghera, il
fango, e vi si sdraia. Saggio istinto; con questo sistema cerca di asportare tutto il calore che si
produce per l'elaborazione del cibo ingoiato, e rimane sdraiato fino a digestione compiuta.
Terminando, voglio dire che la vita dell'apparato digerente e nelle nostre mani e, finche questa
funziona bene, si potra morire solo per incidente o vecchiaia. Nessuno muore per tubercolosi,
sifilide, cancro o altre malattie, bensi per cattiva digestione, per febbre gastro-intestinale acuta o
cronica.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 91 di 176

COMPROVAZIONE
Verso la meta dell'anno 1955 venne da me la signora Ester Morales Cornejos per chiedermi
consiglio su come guarire la sua nipotina che stava morendo. Mi disse: e ridotta uno scheletro,
vomita la pappa, e le sue evacuazioni fecali sono pura diarrea fetida ed oscura. - Che eta ha la
piccina? domandai. - Due mesi, mi rispose. - Che alimento le date? - Latte in polvere, quello che si
compra in farmacia. - La state ammazzando, non capite che lo stomaco di una creatura di due mesi
non puo digerire altro che latte succhiato dal petto materno? - Pero la madre della bambina e
rimasta senza latte e non e riuscita a trovare una nutrice. - Sentendo cio consigliai la pratica che
insegno in questo libro e che dice: la digestione dipende innanzi tutto dalla temperatura
dell'apparato digerente. Si deve rinfrescare l'interno del ventre e riattivare il calore della pelle e
delle estremita della piccola inferma. Questo si otterra mantenendo involto il corpo, specialmente il
ventre e reni, con cataplasma di fango da cambiare ogni 5 o 7 ore, cercando di mantenere la
reazione di calore che si produce sulla pelle e sui piedi. Inoltre, fra una fasciatura e l'altra, cioe ad
ogni cambio, si pratichera su tutto il corpo della creatura una frizione di acqua fredda. I cataplasmi
di fango devono susseguirsi ininterrottamente di giorno e di notte e per di piu, la piccola dovra
rimanere all'aria libera almeno di giorno se c'e sole, con le gambette coperte in relazione alla
temperatura dell'ambiente, ricevendo su di esse l'azione del sole.
Il 14 dicembre dell'anno seguente domandai alla signora Morales come stava la sua nipotina;
mi risposte che le aveva applicato il fango per un anno intero e che dopo tre giorni erano spariti i
vomiti e dopo sei mesi si erano normalizzati gli escrementi. Ora mangiava di tutto e non accusava
altri disturbi in quanto dormiva ancora .con le fasciature di fango. Come si vede, la febbre
gastrointestinale e stata combattuta e la digestione normalizzata, malgrado gli alimenti indigesti.
-Pag. 92 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XVII°
TROFOLOGIA
L'uomo si nutre con quello che digerisce, non con quello che mangia.
L'autore
La Trofologia e quella scienza che ci insegna a coltivare, o per meglio dire, a ristabilire la
salute, mediante un'alimentazione adeguata alle necessita del nostro corpo. Sapersi alimentare e
condizione indispensabile per conservare e recuperare la salute. Tutte le funzioni organiche
dipendono dalla qualita del sangue, ed essendo questo il prodotto della nutrizione generale, in
special modo della digestione, come igiene, l'alimentazione naturale e il mezzo piu sicuro, poiche
solo gli alimenti adeguati producono sangue puro, che da vita ai tessuti ed agli organi, cosa che non
avviene con l'alimentazione inadeguata che avvelena il sangue e altera le funzioni organiche.
Il nostro corpo, ossia la nostra costituzione fisica, dimostra la qualita degli alimenti che lo
formano e lo sostentano. In altre parole, un sangue nutrito con frutta sara fluido, vivificato,
alcalino, ed infine esente da materie acide, perche anche la frutta piu acida provoca nel sangue una
reazione alcalina. Sono gli acidi provenienti dalle fermentazioni putride dell'intestino che
inacidiscono il sangue, irritano, infiammano e congestionano i tessuti e gli organi piu nobili del
nostro corpo, generando poi quei disturbi catalogati con diversi nomi, che si classificano nei
sintomi o manifestazioni varie dell'unica infermita esistente: Impurita del sangue, per cattiva
nutrizione e deficiente eliminazione. Digerire gli alimenti vuoI dire formare un sangue puro quindi,
valendosi di cio che abbiamo detto, definiamo la digestione, normale come fonte unica del fluido
vitale puro e, l'indigestione, anormale origine di sangue impuro.
Tutte le malattie hanno le loro radici nel ventre, percio si deduce che non possono esistere
infermi con buona digestione.
E abituale credere che la buona digestione consista nel liberare l'intestino tutti i giorni, pero
questo non comprova la normale elaborazione degli alimenti, perche malgrado la buona
eliminazione, possono esistere nel ventre fermentazioni putride che avvelenano il sangue alterando
le funzioni organiche. Esiste pure un'elaborazione intestinale apparentemente normale, pero
l'eliminazione dei suoi residui e deficiente e tardiva.
La cattiva digestione si presenta sotto due aspetti: cattiva elaborazione o cattiva eliminazione,
pero nei casi piu gravi queste anomalie possono avere una esistenza unica.
La digestione normale si manifesta con una buona elaborazione, con un'abbondante
evacuazione intestinale, ripetuta almeno due volte al giorno, mattina e sera, con escrementi inodori,
cilindrici e di colore bronzeo. Una evacuazione giornaliera e insufficiente, perche i residui della
digestione, come pure la bile, se ritenute nel ventre per piu di venti ore originano impurita nel
sangue. La funzione fisiologica piu normale e quella di evacuare completamente il ventre ogni otto
ore.
All'infermo non bisogna fare domande e tanto meno ascoltarne la storia e le lamentele,
perche questo non sa cio che ha, tanto meno possono saperlo gli apparati o le reazioni risultanti da
indagini di laboratorio, fiaccola e vera luce del facoltativo, che in tutte le malattie incontra l'opera
misteriosa del microbo.
Esaminando l'iride degli occhi dell'infermo, non si riscontra solo lo stato dell'organismo e le
cause dei suoi disordini, bensi la storia della sua vita e quella dei suoi progenitori, come e spiegata
nella mia opera «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute» .
L'infermo non sa quello che ha, perche nella insensibilita va perdendo progressivamente il
controllo della salute; inoltre, stando al mito che non possono esistere infermita senza dolore, non
accusandone alcuno si crede libero da ogni male.
E quello che succede con i frastorni digestivi, fonte inesauribile di mali senza annoverazioni.
Vi sono persone che si vantano di poter mangiare di tutto senza che nulla faccia male, non
accusando alcun disturbo per quanti disordini facciano. Pero queste persone avranno certamente
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 93 di 176

conosciuto piu di un amico che senza aver trascorso un giorno a letto, o senza accusare mai un
dolore, in piena gioventu e rimasto fulminato da una morte repentina.
Al contrario esistono altre persone che vivono lamentandosi e curandosi, raggiungendo
tuttavia un'invidiabile vecchiaia.
Poiche il dolore e difesa organica, rappresenta l'attivita vitale; di conseguenza se si fa una vita
disordinata senza accusare alcun dolore, vuoI dire che la sensibilita dell'organismo e intorpidita per
intossicazione, caratteristica dell'infermo cronico.
In queste persone che possono mangiare di tutto senza sentire alcun malessere, la frutta cruda
causa frastorni digestivi, cosi come l'acqua pura inferma I'alcoolizzato.
La stitichezza, infermita caratteristica delle persone che abitano in citta e specialmente di
sesso femminile, e l'origine dei peggiori mali che affliggono la nostra epoca. Si puo dire che la
medicina vive per mezzo delle cattive digestioni del pubblico, e la chirurgia ammassa fortune
aprendo il ventre di donne stitiche.

GLI ALIMENTI: SPECIE, QUANTITA, COMBINAZIONE


Il valore di un alimento non consiste nella sua composizione chimica, bensi nel suo grado di
digeribilita. L'alimento indigesto, invece di nutrire, intossica.
Oggi giorno e di moda la «superalimentazione» come trattamento fortificante. Ebbene, anche
questo e un errore in piu da annoverare fra quelli della medicina medicamentosa, poiche
l'organismo utilizza solo quello che digerisce e non quello che mangia.
L'unico regime fortificante consiste nel mantenere una buona digestione.
Abbiamo visto che una buona digestione dipende, per prima cosa, dalla temperatura normale
nel tubo digerente. Ora studieremo le altre condizioni indispensabili per una buona nutrizione
intestinale. Queste sono: Mangiare alimenti adeguati per qualita e quantita con combinazioni
convenienti.
Si dice alimento adeguato quello che conviene alla nostra struttura organica ed alle nostre
necessita fisiologiche.
La saggia Natura, per sopperire all'artificio e per una nutrizione adeguata, ha dotato tutti gli
esseri di mezzi opportuni, affinche possano sovvenire alle loro necessita. Vediamo infatti che
l'animale carnivoro e dotato di denti, artigli, di un istinto sanguinario e con l'agguato caccia le sue
vittime. Vediamo la giraffa che e dotata di un collo lungo, perche il suo alimento e costituito dalle
foglie degli alberi; la foca ed il tricheco sono dotati di denti canini a forma di gancio che servono
per staccare dagli scogli i molluschi che costituiscono il loro alimento.
L'uomo, come la scimmia, e dotato di mani con dita lunghe che gli permettono di cogliere la
frutta dagli alberi e portarla alla bocca. Diciamo una volta per sempre che l'uomo, come la
scimmia, e frugivoro, ossia e destinato dalla Natura ad alimentarsi di sola frutta e di semi d'albero
al loro stato naturale. Lo si deduce dalla comunita di certi organi adatti a cogliere, masticare e
digerire gli alimenti.
L'uomo non possiede gli artigli dell'animale carnivoro, c tanto meno l'istinto sanguinario e
traditore del gatto. Al contrario del felino, che gode alla vista del sangue e delle spoglie palpitanti
di un cadavere, l'uomo prova orrore, sente ribrezzo nel contemplare le viscere del ventre aperto di
un animale, provando pena per quella morte. Al contrario, la frutta ci attrae e il suo odore, i suoi
profumi e i suoi colori risvegliano e stimolano in noi appetito.
Gli animali carnivori hanno il muso con una bocca la cui struttura permette di introdursi nei
muscoli e visceri della vittima. L'uomo difetta di tale condizione, e la sua bocca, piu piccola e piu
entrante del naso, non permette di mangiare altri alimenti che quelli raccolti con le mani, come la
frutta e sementi. La dentatura dell'uomo non e simile a quella dell'animale carnivoro che ha i canini
a forma di gancio a punta, e i molari taglienti, bensi e formata da denti piani atti a triturare proprio
-Pag. 94 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

come quelli della scimmia.


Se la carne fosse un alimento naturale e adeguato all'alimentazione dell'uomo, questo la
mangerebbe allo stato cadaverico, cioe cruda, senza sentire quindi la necessita di trasformarla con
l'arte della cucina che, ingannando i nostri sensi, tradisce le nostre necessita trasformando il nostro
ventre in un laboratorio di malattie.
I bambini, non avendo ancora degenerato il loro istinto naturale, risolvono definitivamente i
latenti dubbi suggeriti agli adulti dalla mentalita corrente, senza base nelle leggi naturali, e formata
solo nell'imitazione di errori collettivi.
Portate un piccolo in una macelleria ed istintivamente questo retrocedera, perche la vista e
l'odore di quei cadaveri sanguinanti appesi al muro lo disgusta e lo terrorizza. Se portato invece in
un negozio di frutta e verdura, entrera allegro e sorridente, poiche quei svariati colori e diversi
aromi risvegliano in lui il senso dell'appetito. Osservando la reazione di questo essere, ancora
guidato dall'istinto, si comprende che l'alimento adeguato alle nostre necessita fisiologiche e fra
quegli elementi che la Natura ci ha destinato.
Lo stomaco dell'uomo manca degli acidi propri dell'animale carnivoro; certo, se lo stomaco
viene abituato a digerire carne, per degenerazione arriva a prodursi un eccesso di acidi che poi
attaccano le mucose originando ulcere e degenerando i tessuti, in quanto la Natura ha destinato lo
stomaco dell'uomo solo alle reazioni alcaline prodotte dalla digestione della frutta.
Bisogna sapere che l'intestino dell'animale carnivoro e piu corto di quello del vegetariano.
Essendo il nostro intestino molto piu lungo, la carne, che e una sostanza che con il calore si
decompone piu facilmente delle altre, ingerita nel nostro intestino frugivoro, rimane molto a lungo
in esso, e di conseguenza con il calore prodotto dall'elaborazione digerente, si decompone e con
questa decomposizione intossica ed avvelena l'organismo.
Il latte di vacca o di altro animale costituisce per l'uomo un alimento inadeguato, in quanto la
Natura lo ha dato alla femmina perche possa alimentare il suo neonato. Se eccezionalmente e
tollerato dal bimbo, per un adulto e sempre tossico, poiche con il calore intestinale si decompone
facilmente dando origine alle fermentazioni putride che, a loro volta, producono il velenoso acido
lattico. Invece il siero del latte, la ricotta fresca e lo yogurt sono alimenti sani e molto
raccomandabili nell'alimentazione dei ragazzi; anzi, questi alimenti dovrebbero essere
somministrati al posto del latte e degli altri alimenti elaborati in fabbrica.
Le vacche delle grandi latterie sono piu o meno inferme, poiche la loro funzione lattea
esagerata artificialmente indebolisce le altre funzioni dell'organismo, producendo una disarmonia
funzionale, cioe mancanza di salute.
Il latte e un prodotto organico che, per nutrire, dovrebbe essere succhiato direttamente dalle
ghiandole lattee, poiche a contatto con l'aria si decompone, rendendosi tossico ed indigesto.
Se il latte di vacca e un alimento innaturale per il bimbo, per l'adulto e sempre pregiudiziale,
ed il suo consumo significa una trasgressione alla legge naturale che destina questo alimento agli
animali giovani, quando ancora non possiedono i denti necessari per elaborare un alimento
appropriato. L'uomo e l'unico essere che nella eta matura ed anche nella vecchiaia beve latte,
prodotto da animali d'altra specie e, per di piu, denaturato dal fuoco con la cottura.
Mentre gli animali che vivono in liberta, guidati dal solo istinto, si alimentano adeguatamente
e vivono sani, l'uomo, degenerando il suo istinto, non sa scegliere gli alimenti appropriati alle sue
necessita e tanto meno cercare la qualita e definirne la quantita. Come abbiamo detto, questa e la
causa principale delle malattie umane.
Dobbiamo tener sempre presente che l'alimento piu nutriente e quello che si digerisce piu
facilmente e, questo lo troviamo nella frutta, nelle sementi d'albero e in tutte le varieta d'insalate e
verdure, comprese le radici.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 95 di 176

ALIMENTI CHE RINFRESCANO


E ALIMENTI CHE FEBBRICITANO O FEBBRICOSI
Secondo la mia Dottrina Termica gli alimenti si dividono in due gruppi e sono: Alimenti che
rinfrescano e alimenti che surriscaldano l'apparato digerente.
Gli alimenti che rinfrescano sono quelli che si mangiano crudi allo stato naturale come la
frutta, le sementi degli alberi (quali le noci, le mandorle ecc.), tutti i tipi di verdura, ortaggi e radici.
Gli alimenti cotti invece, sono quelli che riscaldano e surriscaldano, in quanto richiedono un
prolungato sforzo digestivo che congestiona le mucose dello stomaco elevando la temperatura
interna.
Il polso, cioe il mezzo con cui si controlla la febbre interna, lo dimostra.
Se mangiamo frutta cruda, questo non subisce alcuna variazione; pero se introduciamo
alimenti cotti, conservati e conditi, noteremo in noi una digestione lenta, quasi ostacolata, e tutto a
causa della temperatura interna che si e elevata, come comprova l'aumento delle pulsazioni.
La dimostrazione che i vegetali sono il vero alimento naturale dell'uomo ci viene data dai
bimbi. Questi, molto piu vicini di noi alla Natura, sentendone il richiamo, sono inclini alla frutta e
alle sementi, tutto questo perche il loro istinto non e ancora contaminato dalla degeneratrice
evoluzione della cosiddetta civilizzazione.
Come nel regno animale l'uomo e la creatura piu perfetta, cosi nel regno vegetale la frutta e le
sementi sono i prodotti piu nobili e perfetti. Da tale confronto, si comprende bene che si meritano e
completano l'un l'altro.
Nella frutta e nelle sementi si concentrano tutti i doni e le energie della Natura. Con lo
sbocciar dei fiori sugli alberi siamo attratti e incantati dal loro incomparabile profumo. E' con
questo delicato e sorridente fiore che l'albero comincia la sua nobile missione, preparando con
questo lento sviluppo l'elaborazione delle privilegiate sostanze che la madre terra serba nelle sue
viscere, convertendole in alimento per il Re del Creato. Con il cadere dei primi petali del fiore,
incomincia lo sviluppo prolisso del frutto comparabile alla gestazione dell'uomo nel ventre
materno, poiche le arance impiegano nove mesi per offrirsi all'uomo come alimento degno della
sua specie.
Per lunghi mesi la frutta riceve ed accumula il succo dell'albero, composto di sostanze
estratte dai materiali piu scelti della terra in modo analogo, durante la maggior parte dell'anno
accumula tutte le energie dell'atmosfera, specialmente sotto forma di forza elettrica e magnetica ed
infine, con l'azione dei raggi solari che l'accarezzano, riceve quelle energie che sono fonte di vita
poiche, oltre all'appetitoso profumo, il delizioso cibo contiene nella sua polpa tutti gli zuccheri
fortificanti i muscoli ed i nervi dell'uomo.
Che altro necessita l'organismo umano che non sia contenuto nella frutta e nelle sementi?
Prodotti in cui la Natura ha posto tutte le sue risorse, concentrando tutti i succhi e accumulando
tutte le energie?
Cecita incomprensibile e quindi quella dell'uomo che disprezza i tesori che con tanta
generosita e semplicita gli offre la Natura, per abbandonarsi a cio che e artificiale, complicato e
mortale, perche suggerito dalla vanita e da una mente inferma.
La falsa scienza, che abdica alla ragione e deduce le sue conoscenze dalle osservazioni al
microscopio, dai reagenti di laboratorio e dalle luci degli apparecchi, ha falsificato il criterio
dell'uomo cori erronee ed artificiali teorie, come quelle delle calorie, delle albumine, delle
vitamine ecc. ecc., fondate sulla chimica organica ancora tanto oscura ed impenetrabile.
Secondo i principi di questa scienza da laboratorio, bisogna dosare la razione alimentare di
ogni persona, produrre il calore adeguato negli anemici, dare carne e grasso ai magri, far dimagrire
i grassi, somministrare calcio agli organi deboli, albumine ai bambini, grassi ed altro, ecc. ecc.
Pero vediamo che una vacca produce carne, cuoio, pelo, grasso, latte, albumine ecc. ecc.,
-Pag. 96 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

malgrado un solo alimento: l'erba che cresce in pochi giorni con un po' di calore e umidita, le cui
radici sprofondando nella terra qualche centimetro.
Basta cio che abbiamo esposto per comprendere che il laboratorio dell'organismo animale
contempla misteri impenetrabili che si possono decifrare solo osservando la Natura che ci circonda.
L'alimentazione frugivora, e quella piu conveniente per l'uomo sin dal momento che
abbandona il petto materno. Molte persone pero trovano insufficiente l'alimentazione a base di
frutta, perche poco dopo averla mangiata, si sentono nuovamente affamate. Invece un piatto di
carne o un piatto di fagioli lascia «sazia» una persona per gran parte del giorno; per questo il volgo
predilige il piatto di fagioli al grappolo di uva o alle arance, in quanto stima che per alimentarsi
bene sia necessario tener zeppo lo stomaco e non accusare appetito dopo qualche ora.
Il concetto che definisce insufficiente l'alimentazione frugivora e errato, in quanto la frutta, le
sementi e la verdura cruda vengono digerite in poco tempo, cioe assimilate senza alcuno sforzo da
parte dell'organismo digerente, e non lasciano residui malsani. Il contrario avviene cibandosi di
carne, altri alimenti preparati, o per meglio dire elaborati in cucina, che obbligano tutti gli organi
digerenti ad un lavoro prolungato, facendo si che un individuo senta lo stomaco carico per un
periodo di 4 e piu ore. E logico quindi, che una persona cibatasi di tali alimenti non possa
interrompere con nuovi alimenti questa «digestione», che definiremo meglio «indigestione»,
Questo e l'errore, perche tale processo di «indigestione» viene confuso con alimentazione
sufficiente, senza pensare che la sua lunga ed ostacolata elaborazione digestiva e cio che altera la
vera funzione nutritiva e che, se ripetuta quotidianamente, va costituendo un 'grande pericolo per la
salute, poiche intossica progressivamente l'organismo costringendolo a manifestare una od altra
malattia.
Per questo insisto nel dire che solo l'alimentazione frugivora e adeguata anzi e l'unica che si
addice al corpo umano, in special modo nello stato di infermita, poiche i suoi prodotti sono gli
unici che si prestano ad essere assimilati dall'organismo, ed il loro residuo viene piu facilmente
eliminato, senza lasciare delle impurita nel sangue.
Vi saranno stomaci degenerati che non potranno sopportare un'alimentazione cruda, come
l'alcoolizzato che non tollera l'acqua cristallina, pero, in questi casi si procedera con prudenza. Da
principio si cambiera la sola razione del mattino; a distanza di qualche giorno si cambiera anche
quella della sera, ed infine quella del mezzogiorno, ottenendo cosi in meno di un mese il risultato
voluto, cioe il cambio totale del regime alimentare. La frutta fresca o secca, come i fichi, l'uva
passa, le prugne ecc. ecc., le sementi d'albero, come le noci, le mandorle ecc., le insalate di lattuga,
radicchio, cavoli crudi, sedano, carote ecc., devono costituire il nostro cibo in tutte le epoche,
facendo attenzione a non mescolare l'insalata con la frutta e tanto meno le noci e le mandorle con la
frutta dolce. D'inverno ai bambini e preferibile somministrare mandorle, noci e miele d'api.
Per continuare esponiamo un elenco delle proprieta di alcuni frutti:

Albicocche: Frutto che si addice alle persone che abbisognano contemporaneamente di un


trattamento tonico e depurativo.

Anguria: Frutto che mangiato lontano dai pasti aiutera i reni ad espellere l'urea; aiutera anche
il sistema di gerente ad espellere le scorie dell'alimentazione.

Arancia: Frutta preziosissima perche, oltre ad essere ricostituente e fortificante, e anti-


scorbuto, vermifuga, febbrifuga, sedativa e purificante.

Cachi e corniole: Frutta con grande potere astringente, consigliata in talune forme ostinate di eccessive
evacuazioni intestinali.
Ciliege e marasche: Fortificano il sangue, danno un bel colorito alla pelle e favoriscono le funzioni renali.
Datteri, fichi,
banane, castagne, Frutta con un elevato valore nutritivo.
carrube:
Fragole: Frutta squisita e aromatica, ha proprieta anti-gottosa, antireumatica, vermifuga,
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 97 di 176

inoltre la specie silvestre dissolve le concrezioni articolari dell'acido urico.


Questo frutto ha un'infinita di proprieta; aiuta il lavoro degli stomaci pigri e dei reni,
Limone: e disintossicante, astringente, disinfiammante, anti-scorbuto, combatte la gotta, il
reumatismo, l'arteriosclerosi, il diabete ecc

Mele: Frutto preziosissimo, innanzi tutto perche ripara le perdite subite dal cervello; si
raccomanda poi nelle affezioni allo stomaco, vescica e reni.
Melone Si usa in casi speciali come emolliente, lassativo e diuretico.

Noce: Oltre ad essere un grande alimento, possiedono la capacita di eliminare dal nostro
corpo tutte le tossine e di renderlo refrattario all'azione di molti veleni.
Pera: Specialmente le qualita succose, sono molto digestive e diuretiche
Pesca: Ha le stesse proprieta delle albicocche.
Prugna: Ha pregi speciali, e lassativa, diuretica e purificante.
E un frutto completo, oltre al grande valore nutritivo, e un ricostituente dei tessuti ed
Uva: influisce nell'equilibrio del ricambio. E disintossicante, aiuta le funzioni gastriche, la
secrezione biliare e l'assimilazione degli alimenti, combatte la stitichezza e la obesita
Pomodoro e olive: Entrano nella categoria della frutta, come la zucca, il cetriolo, la melanzana ecc.

Riassumendo, la frutta consumata in grande quantita e giudiziosamente scelta (cioe


combinata bene) costituisce, nel medesimo tempo, alimento e medicina insostituibile.
Nell'ordine immediato degli alimenti adeguati all'uomo, vengono poi le foglie verdi, come il
radicchio, la lattuga, la cicoria, il cardo, gli spinaci, le erbette, il cavolo e cavolfiore, il carciofo, il
sedano in foglia ecc. Seguono le radici, come le rape, il rapanello, le carote, le barbabietole, le
patate, ecc. ed infine i bulbi, come la cipolla, il porro, l'aglio, il sedano, i finocchi, gli asparagi ecc.
La maggioranza di questi prodotti della Natura puo essere mangiata cruda; gli altri si
cuociono al vapore, approfittando poi dell'acqua della cottura per preparare zuppe di cereali.
Vi sono pero certi alimenti che, malgrado provengano dal regno vegetale, sono difficili da
digerire; certo, non presentano i gravi inconvenienti della carne, pero, e consigliabile non eccedere
nel loro uso. Questi sono i legumi secchi, come i fagioli, le lenticchie, i ceci, i piselli, le fave.
Se freschi o verdi, questi prodotti sono sempre raccomandabili pero, una volta essiccati, sono
indigesti e favoriscono le fermentazioni malsane. (Eccezione fatta per quelle persone che svolgono
una attivita pesante all'aria libera, poiche con il movimento aiutano la digestione).
Invece per gli infermi, specialmente se obbligati all'immobilita, i farinacei secchi sono un
alimento nocivo.
Infine il frumento, il mais, l'avena, la segala, il riso, tutta la gamma dei cereali, sono piu
digeribili, pero il loro uso deve essere moderato e per di piu mescolato ad altre verdure. Se verdi
sono adatte a tutte le persone. Specialmente il frumento germinato e un alimento molto
raccomandabile se mescolato ad insalata di foglie verdi, (si prepara inumidendo i grani di
frumento, fino a far apparire il germoglio), ed in queste condizioni si aggiunge all'insalata in
ragione di uno o due cucchiai da zuppa per persona, ottenendo in tal modo le migliori vitamine mai
preparate in laboratorio.
La farina, la pasta (tagliatelle, spaghetti ecc.) sono piu o meno indigeste, quindi, per evitare
tale inconveniente, conviene consumare nel medesimo tempo grande quantita di foglie verdi ed
ortaggi in generale.
Il pane bianco e un alimento nocivo se preso come base nella nostra alimentazione, quindi si
deve usare con moderazione e possibilmente ben tostato. Invece, cio che si raccomanda e il pane
ottenuto con tutto il frumento, cioe l'integrale, sempre che sia ben cotto e tostato.
Il latte non lo raccomandiamo, bensi consigliamo il suo siero, ossia quell'acqua che risulta dal
-Pag. 98 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

latte cagliato, come la ricotta e lo yogurt, poiche costituiscono un alimento sano, specialmente per i
bambini.
Lo zucchero artificiale e i dolci elaborati con esso, si devono considerare come uno dei
prodotti piu pregiudizi ali alla salute, poiche favoriscono le fermentazioni acide nell'apparato
digerente producendo di conseguenza l'acidosi nel sangue.
Il miele di api invece, non presenta gli inconvenienti dello zucchero di fabbrica, perche viene
incorporato rapidamente dal corpo, generando calore ed energia muscolare. Inoltre, riunisce
preziose proprieta toniche e fortificanti e, mescolato con patate o zucche bollite, con fiocchi di
avena crudi, d'inverno costituisce un alimento nutritivo di primo ordine.
L'uovo, sempre che sia sodo e tagliuzzato, unito ad insalata o verdura cotta al vapore, e un
buon alimento e di facile digestione, ed in questo modo lo raccomandiamo specialmente ai bimbi.
La cioccolata, il cacao, il te, il caffe, sono prodotti che stimolano ed eccitano senza nutrire, di
conseguenza si devono escludere dalla nostra alimentazione.
Tutti i condimenti piccanti, come il sale, la senape, il peperone forte ecc. sono sempre
pregiudiziali per il sangue, poiche il loro effetto per le mucose del tubo digerente e analogo ad una
frustata a dorso nudo.
L'abuso del vino produce l'irritazione delle pareti dello stomaco e degli intestini, conduce alla
degenerazione organica.
Il formaggio vecchio e indigesto, favorisce l'artrite, in quanto produce acido urico e la acidosi
del sangue. Il formaggio fresco non genera tali inconvenienti, pero puo essere mangiato con
moderazione solo dai sani, mai dagli infermi e tanto meno dagli stitici. .
Il pesce e di facile putrefazione, pero se fresco e preferibile alla carne di vacca o selvaggina.
La carne dei pennuti, in generale, e meno pregiudiziale di quella di vacca o d'agnello, pero e
sempre nociva alle persone inferme.
Piu pregiudiziale di tutte le carni e il brodo da esse estratto con la bollitura, poiche costituisce
un prodotto escrementizio analogo all'orina. (L'orina e il lavaggio della carne viva del corpo, ed il
brodo e il lavaggio delle spoglie cadaveriche di un animale che incomincia la sua decomposizione).
Approfittiamo dell'occasione per render noto quanto sia inconveniente e pregiudiziale
l'abitudine consacrata di attendere il parto per regalare ad una madre una dozzina di galline,
destinate a preparare quei brodi e quelle pietanze credute atte ad alimentare una puerpera nei suoi
primi giorni di crisi. Questi brodi non hanno le proprieta alimentari che la gente attribuisce loro,
poiche le carni non dissolvono nell'acqua l'albumina che contengono, bensi gli umori e i prodotti
del consumo organico dell'animale e le materie estranee al corpo vivo, accumulate con una
alimentazione innaturale.
Con l'alimentazione tossica a base di brodo di gallina, la madre elabora un latte impuro, che
incomincia a sottomettere lo stomaco ed intestini della creatura ad un lavoro anormale e laborioso,
preparando cosi la via alle prime crisi dell'infanzia che si generano nello stato di irritazione ed
infiammazione del tubo digerente, causa comune di tutte le malattie.
La dieta di una madre che ha appena dato alla luce una creatura, deve essere esclusivamente
di frutta di stagione, al massimo insalate con noci o mandorle dolci e uova sode. Con questo tipo di
alimentazione viva e pura, la madre fornira alla sua creatura un latte sano, nutriente e purificatore,
dimostrando in tale modo di disimpegnare con esito la sua missione.
Dalla nostra alimentazione si deve escludere il grasso animale, in quanto non necessitiamo di
quello cadaverico, bensi di quello puro e vivo che ci forniscono proporzionatamente le noci e le
olive.
L'olio di oliva si deve mangiare crudo condendo le insalate e le verdure cotte al vapore
poiche, tanto il grasso quanto gli oli cotti durante la cottura si decompongono, e con questa
alterazione producono il velenoso acido butirrico. Per questo tutti i tipi di fritture sono indigeste.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 99 di 176

Gli acidi, come l'aceto e i prodotti marinati, sono pregiudizi ali perche favoriscono l'acidosi
in quanto acidificano il sangue che deve essere sempre alcalino. Al loro posto e preferibile usare il
succo di limone, pero e da tener presente che questo si oppone alla fecola del pane e all'amido delle
patate cioe, se mescolato con questi alimenti, produce una reazione di fermentazione. Si consiglia
quindi di essere parchi nell'uso di questo durante i pasti. (Lo consigliamo solo a digiuno, o ben
lontano dai pasti).
Come ho detto, il sangue deve essere alcalino e tale composizione e fornita solo dalla frutta e
dalla verdura cruda in genere. Invece ,il sangue acido, caratteristico dello stato di acidosi comune a
tutti gli infermi, e il prodotto di un'alimentazione a base di carne e brodo, poiche le spoglie
cadaveriche possiedono acidi velenosi come la creatina, la cadaverina, e la creatinina che,
incorporandosi nel sangue danno una reazione acida, causa delle irritazioni, delle infiammazioni e
congestioni caratteristiche di qualsiasi processo morboso localizzato.
Il sale e irritante, ed il corpo deve espellerlo per sentirsi libero dalla sua pregiudiziale
presenza. Per questo l'orina, il sudore, le lacrime e tutte le nostre secrezioni sono salate.
La temperatura degli alimenti cotti che mangiamo non deve superare mai quella del corpo.
Tanto il freddo, quanto il caldo, congestionano le mucose dello stomaco, che reagiscono
immediatamente alla temperatura anormale. Quindi i gelati e i cibi caldi predispongono lo stomaco
all'ulcera.
E da tener presente che, le energie accumulate negli alimenti crudi si assorbono
principalmente in bocca. Le fecole e gli amidi si devono trasformare in glucosio mediante la
insalivazione, che deve essere lenta ed abbondante, altrimenti si produrranno nello stomaco
fermentazioni acide. Per questo insisto nel dire che bisogna masticare molto, poiche e con il
maciullamento in bocca che la saliva sgorga abbondantemente; raccomando infine di ingoiare il
cibo lentamente e a pause, dando cosi la possibilita allo stomaco di riceverlo e accomodarlo. Pure
l'acqua e tutti i liquidi si devono bere sempre a sorsi.

LA COMBINAZIONE DEGLI ALIMENTI


Con alimenti naturali, con una buona insalivazione ed una lenta deglutizione l'esito del
processo digestivo, sara completamente assicurato, sempre che siano stati combinati a modo
perche, malgrado si tratti di frutta o verdura, se la loro combinazione non e ideale puo dar luogo a
sottoprodotti tossici.
Ad esempio, frutta oleosa e frutta dolce mangiate in uno stesso pranzo, non sono digerite
bene, perche mescolando l'olio di una con gli zuccheri dell'altra si producono fermentazioni
alcooliche che caricano il sangue di sostanze nocive.
Un processo analogo avviene mescolando frutta acida con i cibi a base di amido. Un caso:
Arance e pane; in questa combinazione gli acidi, impedendo lo sdoppiamento normale dell'amido
in maltosio e glucosio, originano una fermentazione acida che favorisce l'acidificazione del sangue.
E' pregiudiziale pure cibarsi contemporaneamente di frutta acida e dolce, perche si originano
inconvenienti fermentazioni.
Invece la frutta acida si combina bene con la oleosa, mangiando per prima la acida, ad
esempio aranci con noci.
La frutta dolce e sugosa combina a meraviglia con gli amidi contenuti nelle castagne, le
banane, il pinocchio (seme di pino).
Le patate non devono essere mangiate mescolate con i cereali come il frumento, il mais, il
riso, l'orzo, ecc., perche la fecola delle patate e l'amido dei cereali generalmente non si digeriscono
contemporaneamente, cosicche quello che e stato elaborato per primo deve attendere la digestione
dell'altro per essere assorbito, cio significa che nell'attesa entra in fermentazione malsana. Per la
stessa ragione, non si deve mangiare pane con le patate.
-Pag. 100 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Anche per il latte e le uova vale la stessa cosa, cioe queste non devono venire mai mescolate
o mangiate contemporaneamente, poiche uno di questi alimenti, venendo digerito prima dell'altro,
entrera in decomposizione.
Gli alimenti di natura opposta non si devono mangiare mescolati, come il sale minerale con
gli acidi e gli zuccheri. Cosi, la verdura che contiene in gran parte sali minerali, non deve essere
mangiata con la frutta che contiene acidi e zuccheri, se vogliamo evitare le facili e dannose
fermentazioni.
Per rendere piu chiara l'idea presentiamo alcuni esempi di combinazioni pregiudiziali e
buone:
1° ALIMENTI CHE NON SI COMBINANO:
Latte, formaggio e uova: con miele, frutta fresca o secca
Cereali, e legumi: con castagne o banane
Cereali, frumento, mais, riso, avena, ecc.: con patate e tutti i tipi di pasta (spaghetti, tagliatelle
ecc.)
Cereali e alimenti ricchi di fecola: con frutta acida
Frutta oleosa o olio: con frutta dolce e zuccheri
Carne di tutti i tipi, crostacei, pesce: con frutta fresca e dolce
Vini e sale: con cocomeri, anguria e latte
Limoni, altra frutta acida ed aceti: con pomodori, castagne, banane, cereali, alimenti
ricchi di fecola, latte e legumi
Latte: con verdura cruda, ortaggi o frutta sugosa
Uova: con formaggio o latte
Frutta miele e zucchero: con ortaggi
Olive o noci: con miele, zucchero o frutta dolce

2° ALIMENTI CHE SI COMBINANO:


Frutta secca o miele: con frutta fresca o dolce.
Latte formaggio e uova: con cereali, fecole e legumi.
Cereali, frumento, mais, riso, avena: con verdure, radici o frutta dolce.
ecc.
Alimenti ricchi di fecola o tuberi farinacei: con verdure e succo d'uva.
Legumi. con verdure e burro
Pane, formaggio, tuorlo d'uovo e panna: con frutta fresca, dolce in composta
Verdure, radici e pomodori: con olii, frutta oleosa e uova
Frutta dolce: con tuorlo d'uovo e pane
Legumi: con pomodori, melanzane, insalate e zucca
Olii e frutta oleosa: con pomodori, melanzane, insalata e zucca
Olio, verdura e radici: con uova, patate, cereali o legumi secchi
Banane e frutta farinosa: con latte, uova e frutta dolce
Ortaggi (lattuga, sedano, cicoria, ecc.): con cereali o patate
Insalata di foglie verdi, radici: con olio, cereali o patate
Noci o olive: con cereali e ortaggi
Formaggio, meglio fresco che stagionato: con cereali, pane o patate
Piselli, lenticchie, fagioli, ceci: con ortaggi
Cereali (frumento, mais, riso, avena, ecc.): con frutta secca dolce
Uova, sempre sode: con tutta la classe di vegetali
Pane, meglio se integrale: con frutta dolce, ortaggi, latte, miele, uova e olio
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 101 di 176

Per evitare gli inconvenienti delle combinazioni non adeguate, la regola migliore sara quella
di semplificare la preparazione di ogni pasto con solo due prodotti, cercando di variare la loro
combinazione ogni volta si preparino, per poter in tal modo presentare all'organismo la svariata
gamma di sostanze di cui necessita, e che sono albumina (poca per gli adulti), idrato di carbonio e
sali minerali.
La qualita e pure un altro fattore in cui interviene la digestione. In via di massima, per
ottenere una buona e rapida digestione si consiglia di alzarsi da tavola ancora con qualche
desiderio, in poche parole a tavola non si deve riempire lo stomaco fino a dire «non mi va giu piu
niente», perche la persona sobria e parca vivra a lungo.
L'altra combinazione indispensabile per una buona digestione e la tranquillita nervosa, che
consiste nell'evitare il disgusto e le preoccupazioni, prima, durante, e immediatamente dopo i pasti.
Riassumendo cio che abbiamo esposto in questo capitolo, affermiamo:
1° - La digestione e la base del processo vitale; di conseguenza se buona assi cura la salute
dell'individuo, giacche tutte le malattie sono l'effetto di una cattiva digestione, acuta o
cronica.
2° - Nella compattezza degli escrementi, che devono essere inodori, abbondanti e di color
bronzeo, abbiamo l'esponente della buona digestione.
3° - Tutto il regime curativo deve dirigersi a normalizzare la digestione, che e l'unico cammino
obbligato per il ripristino della salute.
4° - La digestione richiede:
a) La temperatura normale nel tubo digerente;
b) Alimento adeguato a base di frutta cruda, semi d'albero e verdura in insalate;
c) Mangiare solo avendo appetito;
d) Una insalivazione completa, ed una lenta deglutizione;
e) Semplificare i cibi in ogni pasto, evitando le cattive combinazioni degli alimenti;
f) Essere sobri, cercando di non riempire troppo lo stomaco;
g) Mangiare con animo tranquillo e allegro.
Che il tuo alimento sia la tua medicina e la tua medicina il tuo alimento, perche solo con una
alimentazione razionale si potra sanare l'infermo, ammalatosi solo per cattiva nutrizione.
Sapersi nutrire e quindi la migliore igiene, come la scienza basilare per far ricuperare la
salute dell'infermo, se comparata ai principi che insegna la mia Dottrina Termica, poiche solo in
essa, vengono dogmatizzate, l'arte e la tecnica per curare ogni singolo caso d'infermita rimuovendo
ed espellendo tutte quelle materie estranee che l'organismo e andato accumulando con il tempo a
causa della inadeguata nutrizione o per intossicazione medicamentosa, ed in taluni casi, anche per
eredita, ristabilendo l'equilibrio termico del soggetto.
-Pag. 102 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XVIII°
LE ELIMINAZIONI DIFENDONO LA VITA
Viviamo intossicandoci e, moriamo avvelenati.
L'autore
L'uomo civile vive per mangiare, mentre l'animale mangia per vivere.
La gente, ogni giorno pende sempre piu dall'ora dei pasti, ma con noncuranza, trascura o
meglio non si interessa di curare le eliminazioni corporali. Pero, per conservare la salute, la cosa
piu importante e disoccupare, liberare l'intestino, e non ingerire gli alimenti, poiche un essere
umano puo vivere parecchi giorni senza mangiare, ma non puo stare 24 ore senza evacuare
l'intestino, perche si avvelena. Malgrado non si mangi, ogni giorno dobbiamo eliminare dal nostro
corpo tutti i residui organici.
I corpi che non eliminano le loro impurita si avvelenano, e fatalmente muoiono. Passati i
cinquanta anni, nell'essere umano la salute dipende solo dal problema della disintossicazione.
Essendo la vita un'attivita nervosa, e dipendendo questa forza, o potenza, dalla purezza del
sangue, si comprende quindi quanto sia grande ed importante la purificazione del fluido vitale, che
si ottiene solo con le evacuazioni giornaliere.
Per l'uomo esistono tre cause di morte: l'incidente, la vecchiaia, e l'intossicazione.
La morte per vecchiaia, ossia la morte naturale, al tempo attuale e una eccezione, perche essa
e il risultato dell'esaurimento della energia vitale che si manifesta solo passati i cento anni. Invece,
la morte che vediamo giornalmente, e una morte innaturale, prematura, violenta e tragica. Essa
significa, o manifesta, l'interruzione del processo vitale a causa dell'intossicazione o
avvelenamento.
La morte che tronca la vita di una creatura ancora prima che nasca, o quella del giovane
pieno di illusioni, quella che arresta la carriera dell'uomo in piena attivita, non e la morte preparata
dalle leggi che governano la vita umana, bensi il risultato della ignoranza della vittima e degli
errori che ci portano a vivere una vita in costante conflitto con la Natura.
La vita urbana e una intossicazione continua. Si vive introducendo
veleni con l'aria corrotta che si respira, con l'alimentazione a base di cibi
cadaverici, cotti o crudi, con cibi preparati nelle fabbriche, ed infine con
il vestiario eccessivo che, costruito con fibre sintetiche e per di piu
troppo aderenti al corpo, impedisce agli organi il loro movimento e le
loro funzioni.
Questi sono i fattori basilari che mantengono il nostro corpo in
costante squilibrio termico, poiche invece di alimentare e nutrire,
originano fermentazioni tossiche, paralizzando le eliminazioni intestinali,
renali, polmonari e cutanee.
Le statistiche confermano quanto ho detto, perche la maggioranza
delle morti registrate, non risulta causate da vecchiaia, bensi da
raffreddori, da esantema, da peritonite, da tubercolosi, da sifilide, da
diabete, da affezioni cerebrali, epatiche, renali, da tumori, da cancro ecc.
Ebbene, tutte queste malattie suppongono gravi frastorni nella
composizione e circolazione del sangue, e trattate con droghe, vaccini,
sieri, iniezioni, radium, ecc. ecc. conducono alla morte prematuramente,
Fig. 7 – Via e mezzi di poiche invece di disintossicare e di aiutare le eliminazioni, i farmaci ed il
eliminazione dei radium aumentano l'intossicazione originante la malattia dovuta sempre
residui organici
alle fermentazioni putride ed alla deficiente eliminazione.
Non dobbiamo dimenticare che mantenendo pura e normale la circolazione del sangue
mediante la normalita funzionale del corpo, ottenuta solo con le attive eliminazioni e con
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 103 di 176

l'equilibrio fra temperatura interna ed esterna, eviteremo la morte prematura, e tutte quelle malattie
classiche della vecchiaia.
Quindi, ricordando quanto e stato detto nei capitoli precedenti, la disintossicazione si ottiene
mediante l'attivita della pelle con il conflitto termico del freddo dell'aria e dell'acqua, con esercizi
all'aria libera e con il lavaggio del sangue al vapore o al sole, con la nutrizione ed eliminazione
polmonare, utilizzando l'aria ed i suoi componenti, con la nutrizione ed eliminazione intestinale e
renale per mezzo di cibi nutrienti e a suo tempo rinfrescanti (frutta cruda, ortaggi crudi e semi
d'albero) cercando nel medesimo tempo di unire tale regime ad applicazioni fredde, per asportare
alla superficie del corpo tutto il calore interno generatore delle fermentazioni putride che, a loro
volta, sono la fonte di tutti i tossici
Su questo punto voglio rendere noto il sintomo o per meglio dire la reazione che si manifesta
in un corpo che si disintossica rapidamente. Il soggetto nota una mancanza di forze ed una
indisposizione al lavoro. Queste reazioni vengono erroneamente classificate come «debolezza»,
invece non sono altro che l'indice di recupero della vitalita organica.
In effetti, il tossico nell'organismo sprona l'attivita nervosa, esaurendone le riserve vitali. Man
mano che vengono espulsi i veleni diminuisce lo stimolo nervoso; di conseguenza trovandosi il
corpo in questo nuovo stato, riposa dall'eccitazione pregiudiziale ed incomincia a recuperare tutte
quelle energie esaurite in precedenza. Quindi, passando dal trattamento medicamentoso, o dal
regime di vita inadeguato, al regime disintossicante, e logica la depressione che avverte l'infermo;
pero, questa non si chiama debolezza, bensi benefica reazione di recupero della vitalita organica e,
a disintossicazione avvenuta, la Natura pone in atto le sue difese per salvare l'organismo dal
disordine funzionale.
Per vivere sani, bisogna considerare e dar valore al titolo di questo capitolo. E necessario
liberare il ventre quotidianamente, al mattino, dopo il pranzo e prima di coricarsi.
Il processo digestivo degli alimenti cotti, termina dopo quattro o sei ore, di conseguenza ogni
otto ore dovrebbero essere espulsi. Una evacuazione ogni 24 ore e indice di impurita organica,
perche con gli escrementi vengono trattenute pure la bile ed altri rifiuti organici. La bile, elaborata
dal fegato, e un prodotto velenoso quanto l'orina, e in un adulto raggiunge la quantita di un litro al
giorno, che deve essere espulsa dall'intestino malgrado si contempli un digiuno.
Affinche l'intestino, i reni, la pelle, i polmoni disimpegnino normalmente il loro lavoro, e
necessario che il sangue circoli con normalita, e cio si ottiene con il calore normale sulla pelle, con
mani e piedi caldi in ogni epoca dell'anno, e con la testa fredda.
Se sulla pelle appariranno eruzioni, foruncoli, ulcere o pustole, sara nostro dovere rispettare
queste attivita proprie della Natura e, lungi dal soffocarle e sopprimerle con medicamenti
farmaceutici, si cureranno con un regime alimentare a base di frutta, e con l'attivazione delle
eliminazioni organiche; sui bimbi si praticheranno fasciature umide e fredde, e invece gli adulti
effettueranno il lavaggio del sangue ogni giorno. Localmente, su questi foruncoli si applicheranno
cataplasmi di fieno greco o di fango.
Possiamo ben dire che oggi, l'uomo non muore, ma si avvelena. I laboratori della morte sono:
la cucina, perche prepara l'alimento dell'uomo con spoglie cadaveriche, i laboratori farmaceutici,
che elaborano veleni come rimedi dei nostri mali.
Tutto questo e tanto normale che la vita dell'uomo civilizzato e una prematura morte in
cammino, e questo lo vediamo perche, invece di arrivare a cento anni e piu, il termine medio di vita
si aggira sulla terza parte di questa cifra, tutto perche viviamo in costante conflitto con la Natura.
Viviamo intossicandoci e moriamo avvelenati.
-Pag. 104 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XIX °

LA PROPRIA FORZA VITALE E L'UNICO AGENTE CURATIVO

Sappiamo quindi che salute. e l'attivita funzionale dell'organismo, che infermita e la


depressione funzionale, e che la morte e la paralisi dello stesso.
Ogni individuo possiede una forza che lo mantiene in vita. Questa forza si chiama «energia
vitale» e la sua natura si puo comparare alla molla di un orologio, oppure alla batteria elettrica
dell'automobile, poiche da essa dipende l'accensione del motore. Il sistema nervoso e
l'accumulatore ed il distributore dell'energia vitale; non si trova nei muscoli, nei grassi, nelle ossa o
nella pelle, bensi risiede nel cervello e nel midollo spinale.
Questa forza costituzionale di ogni organismo, tende sempre a difendere la propria vita; di
conseguenza, in un disordine organico caratteristico di ogni malattia, essa reagisce manifestandosi
con uno o piu sintomi, cercando di eliminare o scaricare in queste affezioni tutta l'intossicazione
organica che ne compromette l'esistenza. Tutte queste affezioni, la Patologia, le classifica come
morbo o malattia, dando distinti nomi.
La Natura, che in questo caso e l'energia vitale, e quella che cura, ossia e quella che
ristabilisce la normalita funzionale dell'organismo, cioe la salute integrale.
Cosi il ristabilimento della normalita funzionale dell'organismo infermo, cioe il ritorno della
salute, e opera esclusiva della propria forza vitale, che, ogni individuo possiede in grado variabile,
e non delle droghe, delle iniezioni o interventi estranei incapaci di attuare in sostituzione di essa.
Per questo possiamo dire che esistono un'infinita di rimedi, ma non ne esiste alcuno per conservare
la salute.
L'energia vitale dell'uomo nasce nel momento in cui viene concepito, la sua intensita dipende
dalla salute dei padri, la sua forza si mantiene solo mediante nutrizione ed eliminazione normali.
L'energia vitale dell'individuo si indebolisce per l'anormale e deficiente attivita funzionale dei
polmoni, dello stomaco, e della pelle; infine, questa energia soccombe per intossicazione intestinale
e medicamentosa.
Quindi, tanto nei casi di creduta salute, quanto nell'infermita, il fattore basilare consiste
nell'aiutare questa forza vitale, e tale aiuto lo puo dare solamente l'equilibrio fra temperatura
interna ed esterna che, come gia sappiamo, alternato con un regime rinfrescante e disintossicante a
base di frutta e verdura cruda e semi d'albero produce la riattivazione delle eliminazioni intestinali,
renali, cutanee e polmonari. Tutto cio si otterra solo con l'impiego degli elementi ed agenti naturali
piu volte descritti nei capitoli precedenti.

LA DIFESA ORGANICA
Nella Natura, tutto e subordinato alle immutabili leggi che mantengono l'ordine universale,
dal movimento degli astri al piu piccolo insetto. Percio tutti gli esseri che vivono in liberta
permanente seguono queste leggi della vita a difesa della salute, solo l'uomo ne vive al margine,
guidato dal proprio capriccio o dall'imitazione degli errori altrui con i quali rende artificiale la
propria esistenza, abbandonando cosi i benefici che offre la Natura, fonte unica di salute e vita, per
rendersi cosi vittima della infermita.
Malgrado questa vita di errori, la Natura, per mantenere la normalita funzionale, agisce in noi
con la difesa organica, diretta in tutti i momenti dalla forza vitale, per mezzo del sistema nervoso
che e il vero guardiano della salute del nostro organismo.
Quindi, l'attivita di questo sistema nervoso si manifesta con il dolore, con il sintomo tanto
combattuto della medicina allopatica, o per meglio dire, scientifico-facoltativa. Ebbene, tutte le
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 105 di 176

infermita che la Patologia annovera nei suoi trattati, incominciando dal semplice mal di testa fino al
cancro e leucemia, non sono altro che una difesa organica provocata dal meraviglioso sistema
nervoso, che con esse denuncia, accusa e sfoga tutte le impurita del sangue e dell'organismo in
generale. Tutte queste malattie dimostrano di sfruttare la vitalita eliminatrice, fenomeno questo che
non si produce nel cadavere, poiche in esso e cessata ogni difesa.
L'origine di queste materie malsane che obbliga il corpo alla crisi eliminatrice, si trova nel
sangue corrotto; ereditato dai padri percio che riguarda i bambini e, negli adulti, e il risultato di
cattive digestioni e di una deficiente attivita eliminatrice della pelle per cronico squilibrio termico,
come rivela l'iride degli occhi.
L'organismo umano, oltre alle tonsille, fegato, milza, pancreas e appendice, conta di un
sistema gangliare distribuito nel collo, nelle ascelle, nell'inguine, nei gomiti ed in altre articolazioni
il cui compito e di raccogliere dal sangue le materie estranee che si scompongono in sostanze di
facile eliminazione. Di conseguenza, quando uno di questi gangli si gonfia, invece di estirparlo
chirurgicamente, e consigliabile purificare il sangue con buone digestioni, e riattivare la
eliminazione cutanea con compresse, frizioni fredde e meglio ancora, con il mio lavaggio del
sangue al vapore o al sole.
Errore madornale e quindi soffocare o paralizzare le attivita eliminatrici del sistema gangliare
e ghiandolare, perche con questa azione creduta preventiva si impedisce la difesa organica,
obbligando il corpo a ritenere quelle materie pregiudizi ali che lo mantengono al margine della vera
salute, e che finiscono col troncarne la vita.
Teniamo ben presente quindi, che per vincere la Natura bisogna sottomettersi alle sue immutabili
leggi, e cio ch'essa non fara, tanto meno potranno fare le attivita estranee, con il veleno, con il
bisturi, l'elettricita, il radium o cobalto.

LA VITA CONSISTE NELLA RIGENERAZIONE


Rigenerarsi significa vivere, e questo processo e costituito dall'incorporazione delle energie e
sostanze di cui necessita il nostro organismo, in combinazione alla contemporanea ed opportuna
eliminazione di cio che e inservibile e pregiudiziale, cioe di tutto cio che con il ricambio organico
si converte in residuo e rifiuto.
In tutti gli infermi, e piu o meno alterato il ricambio organico, cioe la costante rinnovazione o
rigenerazione del nostro corpo, attribuita alla disordinata nutrizione ed eliminazione.
Piu attivo e questo processo di rinnovazione, ossia il ricambio organico, piu normale sara lo
stato di salute nell'individuo, e man mano che subentra l'alterazione in questo ricambio organico, si
va originando uno stato d'infermita, che se non e trattato secondo le istruzioni della Dottrina
Termica, finira per paralizzare il processo di ricambio, portando l'individuo alla conseguente morte
prematura.
Normalizzando la digestione, l'infermo formera sangue puro, e se nello stesso tempo attiva le
proprie eliminazioni, espellera tutte le impurita, ristabilendo la purificazione organica, cioe la
salute integrale.
Se persevera su questo principio, a una distanza di sette o otto anni, arrivera alla completa
rigenerazione del corpo.
Questo, e il cammino logico e sicuro perche ogni infermo possa vedersi restituita la salute,
indistintamente dal nome con cui la infermita stessa viene classificata. In poche parole, attivando il
ricambio organico si rigenera il corpo, cosicche il mio sistema non cura cancellando il sintomo,
bensi rigenera integralmente il corpo infermo, senza distinzione di sintomi o manifestazioni della
malattia che lo affetta.
Normalizzando le funzioni polmonari, riattivando quelle della pelle, e ristabilendo la
normalita digestiva, possiamo dire di aver ridato la salute all'infermo, sia esso affetto da raffreddore
o scarlattina, diabete, asma, tubercolosi, sifilide o cancro. Naturalmente nei casi di infermita acuta
-Pag. 106 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

il ristabilimento si ottiene con maggiore rapidita e facilita che nelle affezioni croniche. Per questo,
in quest'ordine, l'esito della cura dipende dalla costanza con cui si segue il regime normalizzante la
funzione digerente, la riattivazione delle eliminazioni per la pelle, reni ed intestino del soggetto, ed
e cio che insegniamo nella Dottrina Termica.
Con quanto abbiamo esposto, si comprende l'assurdita delle «cure di riposo», oggi giorno di
moda, poiche sono il mezzo piu adeguato per ostacolare ed impedire la rinnovazione organica cioe
la salute integrale del corpo.
Infine, si tenga presente che normalizzando la digestione dell'infermo e riattivando le
eliminazioni per la pelle, nessuna infermita e incurabile.
Ora, tratteremo brevemente degli elementi vitali, quali l'aria, la luce, il sole, la terra e degli
esercizi fisici, tralasciando la conversazione sull'acqua come elemento vitale, poiche verra illustrata
in un capitolo a parte che parlera sul tema della salute per mezzo dell'acqua. In questo capitolo
parleremo pure del digiuno, mezzo atto a ristabilire la normalita organica.

GLI ELEMENTI VITALI


L'aria pura, non solo e il primo degli alimenti, ma il primo dei medicamenti.
Ci nutre fornendoci le sue energie chimiche, magnetiche, solari, elettriche, ecc. ecc. Inoltre,
ossidando i nostri prodotti consumati, favorisce la loro combustione ed eliminazione, realizzando
in tal modo il doppio processo di nutrizione e purificazione. Dato che in un organismo infermo,
queste funzioni sono sempre alterate, si comprende l'importanza che ha l'aria nel ristabilimento
della normalita, percio sani o malati, si deve cercare a tutte le ore l'aria pura, fuggendo da cio che ci
rinchiude.
Abbiamo visto come la pelle realizza una parte importante nella funzione respiratoria ed
eliminatrice, e quanto sia necessaria la ventilazione della superficie del corpo per far si che i pori
possano disimpegnare le loro importanti funzioni, se vogliamo mantenere o recuperare la salute.
Il bagno d'aria sostituisce le abluzioni o frizioni di acqua fredda, poiche produce ugualmente
il conflitto termico che obbliga l'organismo ad una attivita difensiva. Naturalmente, per raggiungere
tale scopo occorre approfittare dell'aria fresca, specialmente al mattino prima dello spuntare del
sole, meglio ancora se d'inverno.
La tecnica del bagno d'aria consiste nell'esporsi nudo all'azione dell'aria libera, o in camera
da letto davanti ad una finestra aperta praticando esercizi per dominare il freddo. La durata di
questo bagno va da qualche minuto ad un'ora e piu. Terminato il bagno d'aria, bisogna procurare la
reazione, che si ottiene ritornando a letto o vestendosi rapidamente.
Rikli, faceva i bagni d'aria al mattino con 10 gradi sotto zero, tagliando legna nel bosco per
lunghe ore; con tale pratica e riuscito a sanarsi da incurabili malattie.
L'effetto di questo bagno e fortificante e purificatore, e si dovrebbe praticare quotidianamente
soprattutto d'inverno. Questo bagno sostituisce con vantaggio le applicazioni di acqua fredda,
perche e meno violento. Si addice alle persone indebolite e nervose.
Il modo piu semplice per prendere questo bagno d'aria consiste nello scendere dal letto e, a
corpo nudo, mettersi di fronte ad una finestra aperta (se non si ha la possibilita di praticarlo fuori,
all'aria libera) ed eseguire flessioni accompagnate da respirazioni profonde, eseguite per il naso,
emettendo poi per la bocca l'aria respirata. Si eseguiranno pure delle frizioni asciutte con le palme
delle mani su tutto il corpo, per la durata del bagno, che deve essere da 5 a 15 minuti al minimo.
La luce - La luce e l'alimento piu sottile del sistema nervoso, di conseguenza e un alimento
indispensabile per la nostra salute, in quanto le nostre funzioni organiche sono associate al sistema
nervoso.
Con lo stesso fervore con cui cerchiamo a tutte le ore l'aria fresca e pura, dobbiamo esporci
continuamente alla luce. Specialmente gli infermi dovranno occupare camere bene illuminate dalla
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 107 di 176

luce solare.
Abbiamo osservato piu volte che, quando si pone una pianta all'oscuro, questa indebolisce,
ingiallisce e muore; ebbene lo stesso avviene nell'uomo e specialmente nei bimbi si nota tale
carenza, in quanto si sviluppano deboli, sparuti e malaticci. Si addice bene quindi il saggio detto:
«fra tutte le piante, la pianta umana e quella che abbisogna di piu luce per il suo sviluppo».
La luce favorisce le reazioni fisiche e chimiche del nostro organismo, in quanto e un agente
indispensabile per il ricambio organico, cioe per il processo di rinnovazione delle cellule e del
sangue.
Il bagno di luce si prende nudi, all'aria libera, sotto un albero od in altra parte ombreggiata
sempre che permetta la maggiore quantita di luce, oppure nella stessa stanza da letto con finestre
aperte ed in condizioni analoghe a quelle indicate per il bagno di aria.
La differenza fra il bagno d'aria e quello di luce consiste nel fatto che il primo, cioe quello
d'aria, opera ed agisce per mezzo del freddo, come stimolo organico; il secondo, cioe quello di
luce, ha una temperatura piu moderata, perche generalmente si prende all'ombra, e la sua azione e
vivificatrice.
Naturalmente, in ambedue si beneficano le funzioni respiratorie ed eliminatrici della pelle,
poiche quest'organo si colloca nell'elemento piu propizio per l'attivita che deve disimpegnare
L'associazione del potere fortificante e purificatore del bagno d'aria, con il potere vivificante
della luce, forma un rimedio tonico, raccomandabile ai bambini ed alle persone anemiche.
Il sole - Senza alcun dubbio, si giustifica il culto dell'umanita per l'astro re, e l'adorazione che
certi popoli hanno per lui, poiche in sua presenza tutto prospera e vivifica. .
La Natura viva canta il suo inno al sole, in quanto si alza maestoso sull'orizzonte, dissipando
le tenebre della notte e le pene dell'anima. Gli infermi, al giungere del primo raggio di sole, sentono
reagire la loro vita ed alleviare le loro sofferenze, come pure il lavoratore con i primi bagliori solari
si sente attratto verso l'attivita giornaliera.
Pero, molte volte l'uomo civilizzato fa eccezione in questo culto universale per il sole, in
quanto impedisce la benefica azione che questo esercita su tutto il corpo, coprendosi con vesti
impenetrabili, costruendo talvolta abitazioni irrazionali, trascurando il valore dell'ambiente
soleggiato.
Bisogna saper approfittare dei benefici che il sole ci offre, condizione questa indispensabile
per conservare la salute o per ricuperarla.
Per istinto, la gente si rende conto delle proprieta purificatrici del sole quando espone ai suoi
raggi le coperte ed altro, per liberarle dagli odori e umori malsani; si, perche i raggi solari,
penetrando ovunque, distruggono' quanto di mortale c'e, e danno vita a cio di cui l'uomo necessita.

Fig. 8 - Dimostrazione di come si effettua il lavaggio del sangue al


sole. Dopo di aver congestionato la pelle, su tutto il corpo, con un
asciugamano si applica una abluzione d'acqua fredda seguendo il
sistema circolatorio del sangue. Questa abluzione si ripete ogni 5
minuti
Esporre il proprio corpo al sole, e una pratica che deve essere esercitata da tutti i sani per
-Pag. 108 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

mantenere la salute, e dagli infermi per poterla recuperare. Con il bagno di sole possiamo ottenere
due risultati principali: un effetto vivificatore, approfittando direttamente dei raggi luminosi, e un
effetto depurativo, col suo calore che ci permette la traspirazione.
Come vivificatore e nutritivo il bagno di sole si prendera, con le dovute precauzioni, a
qualsiasi ora del giorno preferendo le ore del mattino perche l'azione magnetica e vivificante e piu
potente. La durata di questo bagno va da alcuni minuti, per arrivare progressivamente ad un'ora e
piu, pero e consigliabile tenere la testa riparata, possibilmente all'ombra. Di grande beneficio e pure
dormire al sole, pero sempre con la testa all'ombra e con il corpo coperto da un lenzuolo per evitare
l'irritazione della pelle.
Come purificatore e depurativo, il bagno di sole e consigliabile nelle ore dello zenit, quando
l'azione dei raggi ultravioletti e piu energica. Con la testa sempre all'ombra, si esporra al sole il
corpo nudo, coperto solo da un lenzuolo o da una coperta di lana bianca, per poter produrre la
traspirazione. Queste bagno durera da 20 a 60 minuti, e dovra essere combinato con abluzioni
fredde su tutto il corpo, ogni cinque minuti. Questo sistema, secondo la Dottrina Termica,
costituisce il lavaggio di sangue al bagno di sole.
Le parti o organi del corpo affetti da dolori, congestioni, infiammazioni, tumori o ulcere,
devono essere coperti con fango o foglie verdi, o con un panno umido e fresco poiche, agendo
direttamente il sole su questi processi infiammatori, aumenta la congestione e la febbre locale, con
pregiudizio della cura o della normalita. Inoltre, e benefica la reazione chimica che si produce nella
combinazione del sole con la clorofilla delle foglie e con gli elementi che la terra possiede.
Il rachitismo, i processi ulcerosi, la degenerazione dei tessuti, ed in generale le affezioni
acute o croniche, reagiscono favorevolmente ai giornalieri bagni di sole, se praticati
adeguatamente.
Malgrado le loro benefiche virtu, i bagni di sole possono essere pericolosi, come qualsiasi
altro agente, se non impiegati con metodo o prudenza. Quindi, la condizione migliore, ossia il
modo con cui prendere il bagno di sole a corpo nudo, e il seguente: Si comincera con l'esporre al
sole i piedi, poi le gambe ed infine tutto il corpo, con esposizioni iniziali di 15 minuti, che si
prolungheranno progressivamente di 5 in 5, arrivando all'ora e piu. La pigmentazione ottenuta dalla
pelle e indice positivo in quanto ci conferma l'assorbimento dell'energia solare.
Se si hanno piu di 90 pulsazioni al minuto, i bagni di sole dovranno essere combinati con
frizioni di acqua fredda ogni cinque minuti. Per una migliore reazione, dopo la frizione fredda, si
coprira il corpo con una coperta bianca, come ho gia spiegato nel mio lavaggio del sangue.
La terra. - L'uomo, come tutti gli esseri animati, e figlio della terra, poiche di essa e formato
il nostro corpo e, come tale, ad essa dobbiamo ritornare. I nostri alimenti sono terra trasformata e
vivificata dalle piante, ed e questa l'unica forma in cui il minerale puo essere assimilato
dall'organismo animale.
La terra, come buona madre, ci offre pure tutte le proprieta salutari di maggiore importanza,
tanto se usata internamente quanto esternamente.
La terra, come elemento di grande potere purificatore, disinfiammante, assorbente,
vivificante e cicatrizzante, e consigliata e raccomandata dai piu grandi maestri del Naturismo.
Alcune di queste proprieta si comprovano quotidianamente. Quando un cadavere in
decomposizione infetta l'aria con le sue emanazioni putride, basta interrarlo a 10 o 30 centimetri
per fare si che cessi il cattivo odore. Questo perche la terra assorbe i gas deleteri che poi
trasforma. Vediamo pure che per far sanare una ferita di un animale, la gente di campo la copre con
la terra, e l'animale guarisce rapidamente.
Un caso di mia esperienza: per difetto della bardatura o per un carico inadeguato, ad un cavallo si
infiammo il lombo nella sua estremita, tanto che non poteva sopportare la piu leggera pressione
della mano. Ebbene, di sera si applico a questo animale un grosso cataplasma di fango lasciandolo
fasciato per tutta la notte. Ottimo fu il risultato, perche il giorno seguente l'animale non accusava
piu nessun indice d'infiammazione.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 109 di 176

Nelle congestioni renali, del fegato, dello stomaco, del ventre ecc. il cataplasma di terra o di
fango e di effetto prodigioso.
Nei disordini digestivi con flatulenze, acidita, alito cattivo, nelle dispepsie generali, nelle
ulcere e tumori, il cataplasma di fango applicato quotidianamente o, almeno di notte, e l'effetto piu
sicuro di benessere. Analoghi risultati si ottengono nelle affezioni febbrili e nelle affezioni
polmonari.
Nelle eruzioni generalizzate in eczemi, si consiglia di coprire l'infermo con 10 o 15
centimetri di terra soleggiata (ben s'intende con la testa libera e all'ombra) setacciando previamente
quella parte che va a contatto del corpo. Per un adulto l'applicazione iniziale e di 15 minuti, e
progressivamente si allunga fino ad un'ora e piu. Ogni applicazione termina con l'abluzione di
acqua fredda, cercando poi la reazione al sole con esercizi.
Il bagno di sole con sudorazione, seguito da un bagno di tronco con fango e con frizioni al
basso ventre, e un disintossicante poderoso.
Camminare a piedi scalzi sulla terra, specialmente quando e umida e rimossa, e una pratica
fortificante del sistema nervoso, perche mentre fa espellere per i piedi le sostanze malsane, purifica
e facilita l'assorbimento delle correnti magnetiche ed elettriche dell'atmosfera, attraverso il nostro
corpo. Percio si consiglia ai sani ed agli infermi di camminare a piedi scalzi sulla rugiada, allo
spuntare del sole, almeno 5 o 10 minuti ogni giorno, cercando poi la reazione con lunghe
passeggiate specialmente in collina.
La terra, in special modo l'argilla in pillole, ingerita con acqua al mattino appena alzati e un
agente purificatore.
Prima di terminare questo capitolo XIX° , dedicheremo un appunto esclusivo sulla terra come
elemento salutare per eccellenza.
L'esercizio fisico. - Il movimento e vita, e nella Natura vediamo che tutti gli esseri animati
vivono muovendosi.
L'esercizio fisico e uno degli stimolanti della forza vitale, perche mettendo in attivita tutte le
funzioni del corpo, favorisce il ricambio organico. Ogni movimento attiva la circolazione del
sangue, la respirazione, la digestione, e favorisce l'eliminazione dei prodotti consumati. Quindi, il
nostro corpo, per avere un buon funzionamento, necessita giornalmente, come minimo, di alcune
ore di esercizio. Nel caso che non si possa disporre di tale tempo, si consiglia di praticare qualche
movimento ginnico al mattino alzandosi, a mezzogiorno e alla sera prima di coricarsi.
I migliori esercizi sono quelli naturali, come camminare, praticare ascensioni ai monti,
lavorare la terra ecc. Non potendo fare cio giornalmente, ripeto che si devono praticare esercizi con
flessioni delle gambe, di busto, e in generale tutto quello che e necessario per porre in attivita tutte
le parti del corpo.
Il digiuno - Con questa parola si contempla l'astensione dai cibi, cioe non ingerire alcun cibo
per un tempo determinato; le bevande non dimezzano il digiuno.
Come agente di salute, il digiuno fa riposare l'organismo dal giornaliero lavoro digerente
..facendo in modo che le energie necessarie alla elaborazione degli alimenti agiscano nelle funzioni
di eliminazione e purificazione organica.
Poiche la vita e il risultato del doppio processo di nutrizione ed eliminazione, semplificando
il primo, si attiva il secondo.
Per questa ragione, il digiuno costituisce per gli adulti, il mezzo purificatore piu efficace e
semplice; di conseguenza, tanto nelle affezioni acute, quanto in quelle croniche si deve imporre.
Nei bimbi il digiuno viene regolato dall'istinto. Quando un bambino non vuole mangiare,
bisogna attendere fino a quando lo chieda, e in nessun caso obbligarlo a mangiare, tanto meno con
minacce. Nei casi di inappetenza, si offra al bambino, e pure all'adulto, frutta cruda perche, oltre ad
essere un alimento, e pure una medicina appropriata a questa incapacita digestiva originata dalla
-Pag. 110 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

febbre gastro-intestinale.
Il digiuno e il regime di salute che praticano gli irrazionali, guidati solo dal loro istinto, e la
cura del cane quando si sente con febbre. Quando un animale e infermo o ferito, non cerca cibo, ma
rimane in astinenza fino a quando la sua normalita organica si riprende.
La «debolezza», che oggi si dice male generale, erroneamente si attribuisce alla mancanza di
alimenti e, pertanto, si cerca di combattere con una super-alimentazione a base di sostanze
«tossiche», carni, brodi di carne, uova, latte, formaggio, succhi di carne ecc. Il risultato di questo
falso concetto e che l'infermo di debolezza deve mangiare copiosamente tutto il giorno, poiche si
sente lo stomaco vuoto ed e nuovamente vittima della debolezza che lo consuma.
La spiegazione di questo fenomeno, che confonde gli stessi facoltativi, e semplicissima. La
«debolezza» e la depressione dell'energia vitale per denutrizione ed intossicazione. La denutrizione
non avviene per mancanza di alimenti, bensi per il cattivo profitto degli stessi, a causa delle
putrefazioni intestinali che fanno incorporare nell'organismo sostanze alterate e corrotte. Le
sostanze cadaveriche, ingerite come alimento fortificante, trovandosi nell'apparato digerente, ed in
special modo nell'intestino febbricitante dell'infermo, seguendo il loro processo di disintegrazione
organica, a causa di questa febbre intestinale entrano in rapida decomposizione e putrefazione, e
passano poi al sangue come materie tossiche che, lungi dall'aiutare il mantenimento della vita delle
cellule, ne deprimono la vitalita e, di conseguenza, deprimono l'organismo in generale. Poiche le
putrefazioni intestinali elevano la temperatura interna, le carni ed il loro succo o brodo, le uova e di
latte, arrivano allo stomaco e dagli intestini febbricitanti come legna sul fuoco. Voglio dire che
entrando questi cibi in un intestino febbricitante, con rapidita si decompongono, generando una
sostanza fermentante che aumenta la gia anormale temperatura dell'intestino, e preparando in tal
modo il cammino a nuovi disturbi.
Chiuso in questo cerchio vizioso, e fermo in questo fanatico errore, l'infermo consuma la
propria vita. Se questo infermo aprisse gli occhi e guardasse un pochino nella Natura, vedrebbe
come l'animale infermo si normalizza astenendosi da ogni alimento.
Conosco un caso di un uomo giovane e grasso che, per curare la propria impotenza sessuale,
dopo essere ricorso infruttuosamente alla superalimentazione, ai tossici ed alle droghe, regime
questo chiamato «fortificante», si normalizzo in poco tempo seguendo digiuni e praticando un
regime prettamente frugivoro (a base di frutta e verdura), in combinazione con bagni freddi di aria
e d'acqua e con il giornaliero «lavaggio del sangue».
L'impotenza sessuale ha per causa la deficienza organica per denutrizione ed intossicazione
cronica. Con il regime della superalimentazione, con le vitamine e tossici di farmacia, il corpo si
ricarica sempre piu di impurita che deprimono l'energia vitale. Invece con un regime purificatore
che contempla digiuni a base di frutta cruda, sole, esercizi ed eliminazioni, l'organismo ricupera le
sue energie e la sua piena vitalita.
Il digiuno puo essere di uno o piu giorni di seguito, o periodico, cioe di un giorno alla
settimana o, ogni quindici giorni, oppure un giorno al mese. Puo essere assoluto, cioe astensione
dai cibi solidi, bevendo solo acqua o succhi di frutta, oppure puo essere relativo, cioe a base di sola
frutta ed insalata cruda. Il digiuno con sola acqua o succhi di frutta, conviene agli adulti ogni
qualvolta si noti alcuna anormalita organica, prolungandolo fino al ritorno dell'appetito. Il digiuno a
base di frutta, e indicato e obbligatorio per i bimbi in caso di inappetenza, e agli infermi prostrati a
letto per tutta la durata di qualsiasi affezione o malattia.
Il digiuno non paralizza la nutrizione del corpo, bensi lascia disponibili quelle energie che, il
processo digerente si vede obbligato a consumare per attivare le eliminazioni; rimuove dal corpo
tutto l'inservibile o pregiudiziale, attenua la congestione di qualsiasi organo poiche, non esistendo
l'abituale lavoro forzato e prolungato dell'apparato digerente, non si origina lo squilibrio termico.
Di conseguenza normalizza e purifica il sangue, attiva le eliminazioni generali e favorisce la
distruzione delle sostanze morbose, lavoro questo eseguito dal complesso cellulare organico che,
una volta liberato da tutte le ostruzioni estranee, determina il ritorno della salute.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 111 di 176

Oltre alla salute, il digiuno offre al cervello la possibilita di elaborare le idee con piu
chiarezza e con prontezza di riflessi. Questo e noto perche le piu grandi opere eseguite dal cervello
umano, giammai sono state il risultato di laboriose digestioni.
Per terminare questo tema, citeremo l'esperienza personale vissuta dal medico allopatico
nord-americano Dott. Enrique S. Tanner, che digiuno quarantadue giorni.
Il Dott. Tanner di Leluth, affetto da reumatismo al cuore e da un'asma di forma insidiosa,
soffriva intensi e costanti dolori. Dichiarato incurabile da sette autorita mediche di Minneapolis,
risolse di cercare la morte con il digiuno totale, cioe con l'astensione da qualsiasi cibo e bevanda,
per un periodo di dieci giorni, tempo sufficiente per provocare la morte per inanizione secondo gli
insegnamenti dell'Universita Medica. Pero lasciamo la parola al Dottor Tanner.
«Senza previa preparazione intrapresi il digiuno, sempre con la speranza che la sua lenta e
benevola azione mi liberasse da questo mondo. Pero, quale fu la mia sorpresa nello scoprire che
dopo ogni giorno di digiuno il mio stomaco riposava sempre piu, liberandomi il corpo dagli
insopportabili dolori e, come una conseguenza naturale, al quinto giorno mi sentii tanto migliorato
che mi coricai in posizione naturale, rimanendo addormentato per un po' di tempo, cosa che non
facevo da anni. Continuai con fervore il digiuno, perche ogni giorno che passava maggiore
benessere invadeva il mio organismo. Infatti, all'undicesimo giorno, ricomparve l'equilibrio di tutte
le forze, dandomi la possibilita di respirare normalmente come nei miei giorni di giovinezza.
(In quel tempo avevo 47 anni). Approfittando di tale stato di salute, decisi di coricarmi per
riposare e dormire qualche ora, pero il risveglio fu una nuova sorpresa: avevo dormito per 14 ore
consecutive, cosa che non avveniva da molto tempo.
Ben riposato andai dal Dottor Mojer, malgrado fosse uno dei sette medici che mi avevano
dichiarato incurabile, pero era quello che apprezzavo di piu. Lo pregai di visitarmi coscientemente.
Mi esamino minuziosamente e, preso da una grande confusione, a stento mi domando come era
possibile un tale cambiamento di stato in quanto il mio cuore stava funzionando perfettamente
bene, e questa era la prima volta da quando mi conosceva. Cosa ha fatto, Dottor Tanner? ...
Semplicemente gli risposi che avevo fatto riposare il mio stomaco per 11 giorni, e che io stesso mi
meravigliavo di continuare a vivere. Riavutosi dallo stupore, il dottor Mojer disse che il mio
esperimento non aveva precedenti nella storia della Medicina, in quanto, secondo la prognosi delle
sette autorita mediche, mi trovavo sulla soglia della morte. Mi prego quindi di portare a termine
una discussione sul fenomeno che presentava il caso. Continuai il digiuno per altri trenta giorni,
cosicche digiunai per un totale di quarantadue giorni. Da quella data ad oggi, e conto ottanta anni,
non ho sofferto alcuna ricaduta, ne attacchi di cuore, reumatismo e asma».
Una volta ancora si prova eloquentemente che la Natura cura con la propria forza
medicatrice.
Malgrado l'eloquenza del caso riferito, posso assicurare che un digiuno assoluto prolungato e
pericoloso, e anche fatale, come ho potuto comprovare.
Raccomando al lettore solo il digiuno con frutta o insalata cruda.
In casi molto rari e per pochi giorni si digiunera con soli liquidi, perche l'intestino abbisogna
della cellulosa per poter espellere le sue impurita, poiche con esse viene espulsa la bile, la cui
ritenzione intossica.

IL FANGO E L'AGENTE DELLA SALUTE


PERCHE COMBATTE LA FEBBRE INTERNA E LOCALE
Abbiamo visto che tutte le malattie sono dovute alla febbre gastrointestinale, in grado piu o
meno variabile, poiche non esiste infermo senza febbre. Quando la congestione, o febbre, si
manifesta esternamente, vuoI dire che si trova gia nelle viscere. La temperatura anormale del tubo
digerente favorisce la putrefazione intestinale, ed e la causa di tutte le infermita catalogate dalla
Patologia. Cosi, come tutte le alterazioni della salute hanno la loro origine e punti di appoggio nei
-Pag. 112 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

disordini digestivi, tutto il ristabilimento organico si deve basare sulla normalizzazione della
digestione e, per far cio, bisogna combattere la febbre interna del ventre. Quindi, il fango e il
mezzo piu adeguato per rinfrescare, o per meglio dire, decongestionare le viscere, perche con la
reazione termica ch'essa provoca, si porta alla superficie del corpo l'afflusso del sangue,
ristabilendo in tal modo l'equilibrio termico, salute integrale del corpo stesso. Questo agente
salvatore si prepara con terra di qualsiasi regione sempre che non sia inquinata ma libera da corpi
estranei) mescolata con acqua fresca.
Le proprieta salutari del fango sono basate sul potere rinfrescante, disinfiammante,
decongestionante, cicatrizzante, assorbente e calmante che possiede la terra. Tutti conosciamo le
cure che si realizzano in tutte le terme del nostro globo, come in Italia presso le terme di Abano, di
Acqui, di Castrocaro, di Salso Maggiore ecc.
Nelle infiammazioni superficiali acute, quali le punture, i colpi o bruciature, il fango agisce
per mezzo del freddo, e perde la sua azione decongestionante man mano che si riscalda. Invece
nelle congestioni degli organi interni del corpo, piu si riscalda il fango applicato sulla pelle, piu si
porta all'esterno il calore interno da combattere.
Qualsiasi processo morboso localizzato costituisce un'infiammazione di carattere acuto,
cronico o distruttivo. Quindi per normalizzare il frastorno circolatorio e necessario decongestionare
i tessuti o organi interni. Questo lo si ottiene con il fango fresco, applicato direttamente sulla
regione affetta, mantenuto e rinnovato costantemente, fino a che non sia sparito il dolore o il
gonfiore. Nelle infiammazioni acute, il fango si cambiera ogni qualvolta sia troppo caldo,
possibilmente ad intervalli di un'ora, piu o meno.
E da tener presente che, oltre all'applicazione locale, cioe sulla regione affetta bisogna
applicare il fango contemporaneamente su tutto il ventre, fino alla zona dei reni. Ad esempio: in
caso di polmonite, oltre ad applicare il fango sulla regione dei polmoni, bisogna applicarlo sul
ventre e reni, perche solo cosi si combatte la febbre gastro-intestinale, focolare questo, che ha
predisposto l'organismo all'infermita. Vedremo che solo con questo sistema si normalizzera la
digestione e si otterra la vera guarigione senza creare nell'infermo lo stato di indebolimento.
Nelle bruciature, ferite da arma bianca o da fuoco, antiche o suppuranti, e specialmente nelle
contusioni, nelle fratture e colpi, il fango applicato sotto forma di cataplasma, direttamente sulla
parte colpita e rinnovato ogni ora, piu o meno, e un balsamo incomparabile e insostituibile, che
disinfiamma, purifica e cicatrizza, calmando i dolori ed evitando tutte le complicazioni.
Esempi di guarigioni avvenute: anni fa mi ferii ad una gamba producendomi una grave
lesione. Mentre lavoravo una trave di legno, l'accetta scivolo andando a conficcarsi nella mia
gamba sinistra, producendo un taglio sull'osso, profondo mezzo centimetro. Immediatamente
applicai sulla ferita fango in abbondanza, e precisamente fango di una pozzanghera della strada,
poiche era quello che avevo piu a portata di mano. Il risultato che ottenni fu che, a distanza di
un'ora, il sangue si era fermato e il dolore sparito. Il giorno seguente mi sentivo meglio.
Un altro caso: un giovane, cadendo da cavallo, veniva da questo trascinato per terra.
Nell'incidente riporto lacerazioni alla testa, al corpo e contusioni interne, tanto che orinava sangue.
Ebbene, guari in sei giorni mediante fasciature totali del corpo, dalla testa ai piedi, con cataplasmi
di fango rinnovati ogni tre ore. Naturalmente, questa terapia venne coadiuvata dalla stretta
osservanza del digiuno a base di frutta cruda.
Nel fango si trovano uniti i due agenti generatori della vita organica, terra e acqua. La unione
di questi due agenti fa prosperare tutto cio che e germe di vita, e scomponendo distrugge la materia
morta per trasformarla in elementi nuovi di vita.
La terra e il misterioso laboratorio della vita, giammai agente di morte, poiche e destinata a
ricevere nel suo seno quanto si distrugge e muore, per trasformarlo in nuovi elementi di vita
organica. Sotterrando un cadavere vicino alle radici di una pianta appassita, questa dopo poco
tempo riprende vita.
Quanto e errato il concetto medico che nella terra vede l'agente dell'infezione, portatore del
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 113 di 176

germe del tetano! La terra, come il sole, l'aria e l'acqua, giammai sono agenti di morte, poiche
senza di essi non e possibile la vita. Lo stesso tetano si cura con fasciature di fango intorno al
ventre e reni, perche anche questa malattia, come tutte, suppone febbre gastro-intestinale.
Un celebre microbiologo afferma: Quando alla terra si aggregano micro-organismi
patogeni, vengono rapidamente sterminati, non perché la terra di per se stessa sia incapace di
sostenerli e moltiplicarli, ma solo per il semplice fatto che in essa sono presenti altri
microorganismi, mortali nemici dei patogeni. Sembra strano, pero si verifica la curiosissima
circostanza che, quanto maggiore è il numero dei patogeni introdotti nella terra, maggiore è la
riproduzione dei loro nemici.
Come abbiamo detto, la terra e il laboratorio della vita, e nel suo seno costantemente si
trasformano in vita i prodotti della morte. Un esempio chiaro e lampante l'abbiamo nell'agricoltura
e nell'ortofrutticoltura, perche solo con un'adeguata concimazione a base di letame otteniamo dei
buoni raccolti. Pure l'acqua putrefatta ritorna cristallina e salutare solo per il semplice fatto di
essere passata attraverso le viscere della terra. Le attuali generazioni di uomini, animali e piante,
vivono approfittando dei resti di altri milioni di esseri, che alla terra diedero i loro corpi senza vita.
Ragionando su quanto esposto, si comprendera bene quanto sia grande e benefica l'azione del
fango, applicato sul corpo umano, perche gli anti microorganismi agiscono sui patogeni di una
malattia o di una piaga putrefatta nella stessa maniera, evitando al sangue l'assorbimento delle
materie in decomposizione.
Il fango, non solo toglie quello che e di piu pernicioso nelle ferite, nei tumori, negli eczemi,
ecc., ma vivifica pure i tessuti infermi e, decongestionandoli, normalizza la circolazione del sangue
in essi, formando le cellule di forze misteriose che, solo la terra possiede come accumulatore di
energie magnetiche, elettriche, solari e di qualita non ancora definite.
Inoltre il fango, applicato sulle parti doloranti, calma i dolori piu acuti in breve tempo, non
esiste calmante piu sicuro e inoffensivo.
Se in un infermo e manifesta la febbre, bastera avvolgere il tronco in una fasciatura di fango
da cambiare ogni sei o otto ore, fino alla scomparsa della febbre.
Come le ferite, le bruciature, le contusioni e tutti i processi esterni vengono curati con il
fango, pure le alterazioni profonde del corpo scompaiono con applicazioni esterne. Ad esempio,
l'ulcera allo stomaco o agli intestini cessa in forma sicura e definitiva dormendo tutte le notti con
cataplasma di fango sul ventre e reni.

Fig. 9 - Dimostrazione di come si prepara il cataplasma di fango


Il cataplasma di fango su tutto il ventre decongestiona l'interno e riattiva la circolazione
sanguigna nella pelle ed estremita (cio si comprova col calore che viene prodotto e uniformemente
distribuito su tutte le parti del corpo).
Diremo inoltre che il fango, non solo ripara gli incidenti e ristabilisce la salute dalle affezioni
acute o croniche, ma rende superfluo l'intervento chirurgico, e posso affermare che se il fango
-Pag. 114 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

venisse usato debitamente negli ospedali, i degenti si ridurrebbero notevolmente.


Tanto nobile, efficace e semplice e la cura con il fango, che pure nostro Signor Gesu Cristo la
impiego. Dice ilVangelo che quando si presento un cieco di nascita, Gesu prese la terra e con un
po' di saliva fece del fango che applico sugli occhi dell'infermo il quale recupero la vista. Senza
porre in dubbio il miracolo, chiamiamo l'attenzione sull'elemento impiegato dal Medico
Sapientissimo che e tutto un insegnamento.

COME SI PREPARA IL FANGO


La stessa terra dove camminiamo e appropriata, sempre che sia libera da immondizie, da
concimi, da letame e da corpi estranei.
Estratta la terra, si passa al setaccio per liberarla dai sassolini e dagli eventuali corpi estranei,
ottenendo una polvere. Dopo di che, si mette in un recipiente (possibilmente di plastica) e si
mescola con l'acqua fresca, fino ad ottenere una pasta simile alla malta che i muratori impiegano
per intonacare i muri. Questo fango si stendera su di una tela di cotone, della grandezza necessaria
per coprire la parte del corpo che si deve trattare.
Lo spessore sara di 4 o 5 millimetri per la fasciatura completa, ventre e reni compresi; invece
per fasciature parziali di malattie localizzate, lo spessore dovra superare i 10 millimetri, arrivando
ai 20 o 25 millimetri (in relazione al calore della pelle sulla parte affetta).
Il modo piu pratico per stendere il fango e il seguente: Si mette su di un tavolo un giornale
doppio, su di esso si distende il telo di cotone o lino, quindi, con una spatola si applichera il fango,
cercando di ottenere un rivestimento ben liscio, dello spessore richiesto. Terminata questa
operazione, si procedera ad applicare la fasciatura, facendo si che il fango rimanga a contatto con la
pelle. Il giornale che di conseguenza rimane dalla parte esterna, aiutera ad assorbire l'eccesso di
acqua del fango. Quindi, con un'accappatoio si fascera il tutto, cercando di fissare le estremita con
degli spilli di sicurezza.
Il fango si applichera sulla zona in cui e localizzato il dolore, e contemporaneamente su tutto
il ventre e reni, in quanto questo e il centro di tutta l'attivita organica. E da tener presente che il
cataplasma sul ventre si estende dalla regione del petto alla zona inguinale.
Nei processi infiammatori acuti si rinnovera ogni ora, fino alla scomparsa del dolore o
molestia; invece nella fasciatura del ventre e reni si manterra fino a che si conservera umido e
caldo, generalmente tutta la notte.
L'applicazione del cataplasma di fango sul ventre si puo fare in qualsiasi momento, cioe
mentre si mangia, dopo mangiato o quando si preferisce, perche questa applicazione favorisce il
lavoro digerente.
L'apparizione di foruncoli o eruzioni sulla pelle in seguito alle applicazioni del fango,
specialmente sul ventre, invece di allarmarci, dobbiamo considerarla come una benefica
eliminazione di morbosita.
Se si presentano piaghe o pustole, si applichera del fieno greco per attivare la eliminazione
delle materie malsane.
La terra che e stata impiegata nel cataplasma, se posta al sole ed alle intemperie per una
settimana, puo essere nuovamente utilizzata.
Avvertenza: l'applicazione del cataplasma sul ventre e reni, non si effettuera mai con il corpo
freddo quindi, nel caso che il ventre e i piedi siano freddi, si praticheranno delle frizioni su tutto il
corpo, avendo l'accuratezza di mantenere i piedi del paziente ben caldi, magari con l'aiuto di una
borsa di acqua calda. Ottenuto tale effetto, si procede per l'applicazione del cataplasma di fango.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 115 di 176

CAPITOLO XX°
L'ACQUA FREDDA E UN AGENTE DELLA SALUTE
Prima di considerare il tema indicato da questo titolo, studieremo l'importanza del sistema
nervoso e della pelle, perche sono gli organi del corpo umano su cui principalmente la mia Dottrina
Termica dirige la sua azione.
SISTEMA NERVOSO
Il sistema nervoso non solo e l'organo della sensibilita e del movimento, ma e pure la forza
che dirige tutta l'economia nei processi di nutrizione e di eliminazione, che costituiscono la vita del
corpo.
Se il sangue e il fluido vitale, il sistema nervoso costituisce l'energia che mantiene il normale
funzionamento della macchina umana.
La funzione che disimpegna il sistema nervoso nel corpo, si puo comparare a quella di un
buon padre di famiglia nella propria casa. Reagisce a tutte le necessita prevenendo le reazioni; sa e
vede, ordina e ripara, ed e sempre pronto nella difesa contro i nemici della salute e della vita
organica.
Cosi, se camminando si fa un passo falso o si inciampa in qualche cosa, istantaneamente la
difesa nervosa mette in azione i muscoli dell'altra gamba, onde evitare la caduta del corpo. Se vi e
un pericolo di lesione, istintivamente, il sistema nervoso lo accusa, presentando la difesa adeguata.
Se il processo digestivo degenera in putrefazione intestinale, la difesa nervosa espelle il malsano
mediante le diarree. Se qualche corpo estraneo penetra per la bocca o per il naso, per espellerlo si
eccitano i nervi corrispondenti, producendo tosse, starnuti e vomiti. Se il sangue si carica di materie
guaste o di umori malsani, la difesa nervosa procura la loro espulsione mediante eruzioni della
pelle, piaghe suppuranti, pustole o ulcere. Anche i flussi nasali, i catarri bronchiali, vaginali e le
suppurazioni purulente che fuoriescono dalla uretra, rivelano la buona difesa organica mediante
l'attivita nervosa, che procura la purificazione del corpo. Infine, anche il dolore e una forma di
difesa che dobbiamo valutare cercandone la causa, senza soffocarlo con veleni che deprimono
l'energia nervosa, fonte in cui e riposta la difesa del corpo.
L'opera del sistema nervoso incomincia dall'attivita della cellula organica, e si estende fino al
meraviglioso funzionamento degli apparati respiratorio, digerente, circolatorio, come pure alle
funzioni cerebrali della pelle, fegato, reni, e milza, sempre attento per soddisfare tutte le necessita
dell'economia organica, per mantenere la salute e la vita del corpo.
Ora, questo agente vitale dipende dal sangue che lo nutre e vivifica. Il
sangue puro mantiene i nervi sani, invece quello impuro indebolisce la vitalita
e l'energia; ed infine, un sangue intossicato intorpidisce l'attivita dei nervi
conducendo il corpo alla paralisi e alla morte. Questo, diciamolo pure, e il
pericolo che offrono i vaccini, i sieri, le iniezioni, gli antibiotici e le droghe
miracolose, che producono la paralisi delle difese naturali.
Sappiamo che il sangue si elabora nell'apparato digerente e si purifica nei
polmoni, attraverso la pelle ed i reni. Pure il fegato e la milza sono filtri del
sangue, anzi, e con quest'ultimo organo che l'iride degli occhi accusa la
presenza nel sangue delle droghe, dei sieri e vaccini che si iniettano nel fluido
vitale con ignoranza, ottenendo con questi prodotti l'indebolimento e, peggio
ancora, la paralisi dell'attivita salvatrice del sistema nervoso. Quanto ho detto,
spiega sufficientemente l'azione calmante dei medicamenti, o farmaci iniettati
attraverso la pelle.
Proteggere e difendere la vitalita del sistema nervoso, che e la meraviglia del creato, e il
mezzo piu sicuro per raggiungere una vita lunga. Questo lo otterremo solo mantenendo
permanentemente buona digestione, respirando a tutte le ore aria pura e attivando quotidianamente
l'eliminazione cutanea delle sostanze estranee al corpo (con il lavaggio del sangue al vapore o al
sole, passati i 40 anni di eta).
Si evitino pure tutte le classi di tossici ,quali il tabacco, l'alcool, e gli alimenti inadeguati, e
-Pag. 116 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

per nessun motivo si inoculino nel corpo vaccini, sieri, iniezioni, medicamenti o altri prodotti di
laboratorio perche, avvelenando il sangue, si addormenta quella attivita nervosa salvatrice, che e la
difesa organica.
Cogliendo l'occasione, condanniamo quella puntura lombare ora tanto di moda, perche con
essa si inoculano nel corpo veleni mortali, e si ruba il tesoro vitale protetto e difeso dalla Natura
nell'astuccio della spina dorsale.

LA PELLE
Si definisce pelle quel tessuto, o membrana, che copre tutto il corpo dell'animale. La pelle
possiede milioni di orifizi (detti pori) che servono a una doppia funzione:' La prima è assorbente,
ed agisce assorbendo gli elementi esterni che l'atmosfera ci offre, contribuendo in tal modo alla
nutrizione del corpo. Per questo si definisce come un secondo polmone, in quanto attraverso essa si
introduce nell'organismo una gran parte di ossigeno, che e cio di cui il corpo necessita. Certo che in
taluni casi, puo essere causa di intossicazione del sangue, e questo avviene se si trova a contatto di
gas o liquidi velenosi. La seconda funzione è eliminatrice, cioe attraverso i pori elimina le
secrezioni delle ghiandole sudorifere e, per tanto, si definisce come secondo rene.
Perche questa doppia attivita sia normale, e necessario che la pelle rimanga permanentemente in
contatto con l'atmosfera, essendo essa destinata a vivere per mezzo dell'aria, come per il pesce e
vitale l'acqua. Da cio si comprende quale sia l'importanza dei bagni di aria, di luce e di sole.
La condizione indispensabile perche la pelle realizzi adeguatamente le due vitali funzioni di
nutrizione ed eliminazione, e che in essa il sangue circoli attivamente. Questo organo possiede una
doppia rete di capillari sanguigni e di terminazioni nervose, che sono connesse ad una
organizzazione uguale a quella delle mucose che coprono le cavita interne del corpo, le vie
respiratorie e digerenti.
Dalla Iridologia, secondo il principio termico, apprendiamo che la zona della pelle e situata
nella periferia del disco iridale, e le mucose dello stomaco sono circoscritte alla pupilla di ogni
occhio. Secondo questo, il corpo umano ha due superfici: l'esterna, costituita dalla pelle, l'interna
dalle mucose. Tanto queste quanto le altre, possiedono una doppia rete di vasi sanguigni e di nervi,
che mantengono la loro attivita funzionale. Di conseguenza perche la circolazione del sangue sia
normale in tutto il corpo e necessario l'equilibrio termico, tanto sulla pelle quanto sulle mucose
delle viscere.
Siccome la circolazione del sangue e azionata dal sistema nervoso, affinche essa sia
equilibrata nel corpo, e richiesto che, tanto i nervi della pelle, quanto quelli delle mucose e
dell'apparato digerente, abbiano un'eguale attivita, e siano sottomessi ad un analogo stimolo. Gli
alimenti indigesti, eccitando prolungatamente i nervi delle mucose dell'apparato digerente,
provocano la congestione sanguigna delle viscere, aumentando la temperatura in esse, il che vuol
dire febbre interna. Questo maggior afflusso di sangue all'interno del corpo, indebolisce
l'irrigazione sanguigna della superficie, ossia nella pelle ed estremita alterando di conseguenza la
loro temperatura esterna. Invece, se si eccita l'attivita nervosa della pelle, si ottiene una reazione
inversa, in quanto l'afflusso del sangue avviene alla superficie e origina febbre esterna, che
determina per reazione termica il rinfrescamento delle viscere, generando la decongestione delle
mucose interne. Quindi possiamo dire che dove c'e piu sangue c'e piu calore, perche tutta la pletora
sanguigna, e il risultato di una maggiore attivita nervosa, e di conseguenza e causa della maggiore
temperatura, perche aumenta la combustione organica.
Come ho spiegato nella mia opera «L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute», il disco iridale
di tutti gli infermi dimostra sempre una congestione variabile nella zona digerente, ed una
deficiente circolazione sanguigna alla superficie ed estremita del corpo.
Cosi tutte le malattie, qualsiasi sia il nome o la manifestazione, sono originate dallo
Squilibrio Termico. Si deduce quindi che, mantenere o recuperare la salute, e questione di
temperatura, come definisce la mia Dottrina Termica che insegna a mantenere e recuperare la
salute mediante l'Equilibrio Termico del corpo.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 117 di 176

Con quanto abbiamo esposto, il lettore si rendera conto della vitale importanza che ha per la
vita quell'organo che noi chiamiamo pelle. Inoltre date le sue importantissime funzioni di secondo
polmone o di secondo rene, possiamo agire su tutta l'economia dell'organismo, perche la sua sede
nervosa si trova in connessione diretta o indiretta con ogni organo interno del corpo.
Cosi, una congestione polmonare o bronchiale sparira congestionando la superficie e le
estremita del corpo. Lo stesso si puo dire per l'infiammazione dell'apparato digerente, reni, fegato,
cervello, organi del basso ventre ecc.; decongestionando la pelle, non solo si decongestionano i
sopracitati organi, ma si purifica il sangue per mezzo della semplice esalazione o traspirazione
cutanea.
Non si esagera quindi, dicendo che la salute dell'uomo e basata sull'attivita funzionale della pelle,
quando con quest'organo che abbiamo a portata di mano si puo intervenire nell'intimo del corpo,
senza avere la necessita di ricorrere alla chirurgia, radiologia e medicamenti. Con ragione il savio
Priessnitz diceva: «le infermita si curano meglio dal di fuori che dal di dentro del corpo». Pure
l'esito che ha immortalato i nomi di Kneipp, Rikli, Just e padre Taddeo in quest'epoca-
contemporanea, si deve ai loro sistemi destinati ad attivare il lavoro della pelle, sempre indebolita
in grado variabile in tutti gli infermi, come lo rivela l'iride degli occhi osservati con il criterio
termico.
Con quanto esposto si comprende la ragione dell'esito della mia Dottrina Termica, che in tutti
i casi, provoca la febbre curativa nella pelle dell'infermo, riportando alla superficie del corpo la
febbre distruttiva delle viscere, e conseguendo in tal modo l'Equilibrio Termico indispensabile per
la normalita funzionale dell'organismo, cioe per la salute integrale

COME OTTENERE L'EQUILIBRIO TERMICO


L'iride degli occhi di qualsiasi infermo denuncia una congestione variabile delle viscere ed
una anemia, il che vuoI dire deficiente circolazione sanguigna nella superficie del corpo, estremita
e cervello.
In questo modo si comprova l'esistenza della febbre gastro-intestinale, e la deficienza di
calore nella pelle ed estremita del soggetto.
Per equilibrare le temperature del corpo e necessario risvegliare la reazione nervosa e
circolatoria nella superficie esterna, e decongestionare l'interno; cio si otterra con le applicazioni
che elencheremo.
Per riscaldare la pelle, abbiamo la reazione che produce il freddo dell'aria e dell'acqua sotto
forma di frizioni, getti, fasciature e compresse. Una piu energica reazione di calore e generata dalla
irritazione nervosa, causata dall'orticazione con ortiche fresche. Infine, il mio Lavaggio del
Sangue, con il contrasto del calore e del freddo sulla pelle prodotto alternativamente, attrae e
respinge il sangue dall'interno alla superficie del corpo e viceversa.
Se vogliamo decongestionare direttamente le viscere del corpo, oltre alle applicazioni
annotate abbiamo i bagni genitali, di tronco, di sedile e di vasca di Just. Per gli infermi costretti a
letto, disponiamo di fasciature e cataplasmi di fango (assicurando prima che corpo e piedi siano
sempre caldi).
E da tener presente che, per ottenere l'esito nell'equilibrio termico, si devono coadiuvare le
applicazioni con una dieta a base di frutta e insalata cruda e di semi d'albero (quali noci e mandorle,
ecc.). Ottenuto l'equilibrio termico, l'organismo normalizza le sue funzioni di nutrizione ed
eliminazione, cioe acquista la salute integrale per azione della propria forza vitale, che e la legge
della vita.

TRASPIRAZIONE E REAZIONE
Abbiamo visto che la condizione indispensabile perche la pelle possa realizzare
adeguatamente le sue vitali funzioni di nutrizione ed eliminazione, consiste nell'attiva e normale
circolazione del sangue.
Analizzeremo ora altri aspetti dell'attivita funzionale della pelle, che si manifestano per
-Pag. 118 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

traspirazione o reazione termica. Questi due fenomeni costituiscono un'attivita nervosa che
determina la circolazione del sangue nella pelle.
La traspirazione e il liquido secreto per mezzo delle ghiandole sudoripare, e questa e la
risultante dello stimolo del calore e di una reazione nervosa. La reazione termica e il risultato
dell'attivita nervosa e circolatoria dovuta al conflitto termico del calore o freddo sulla pelle. La
traspirazione raffredda la pelle per conseguenza dell'evaporazione; invece la reazione termica,
ottenuta per conflitto con il freddo, la riscalda.
La traspirazione puo essere benefica all'organismo, perche con essa si eliminano le materie
estranee alla economia organica, se prodotta con la pelle congestionata e con attiva irrorazione
sanguigna; invece, se non avviene in tali condizioni, e pregiudiziale perche raffredda la pelle,
allontanando da essa per vaso-contrazione il torrente sanguigno. Con questo fenomeno si genera lo
squilibrio termico, poiche il sangue, che e quello che porta il calore, si dirige a congestionare le
viscere lasciando la pelle anemica, originando e mantenendo in tal modo «la febbre distruttiva»,
secondo l'insegnamento della mia Dottrina Termica.
Invece, la reazione di calore prodotta dal conflitto termico dell'acqua o dell'aria fredda sulla
pelle favorisce l'esalazione cutanea delle impurita del sangue, mediante il lavoro dei pori, realizzato
dalla pelle calda e congestionata.
La pelle, benche si definisca come secondo rene, quando e pallida e fredda e incapace di
purificare il sangue per azione dei pori, nonostante siano le vie dell'eliminazione cutanea, e tutto
perche difetta della circolazione sanguigna.
Invece la congestione della pelle, caratteristica questa della reazione, solo per mezzo della
semplice esalazione, favorisce la espulsione per i pori delle impurita di sangue.
Dato che la traspirazione e l'effetto del calore, la reazione termica favorevole si ottiene
mediante il freddo dell'aria o dell'acqua, adeguatamente applicati sulla pelle.
Attaccando la pelle con il freddo, la obblighiamo a difendersi con il calore delle viscere,
asportato alla superficie del corpo dal sangue per reazione nervosa e circolatoria. Questo aumento
di temperatura sulla superficie del corpo, effetto della maggiore irrigazione sanguigna, e
denominato «Febbre curativa», perche favorisce la circolazione e purifica zio ne del fluido vitale.
Il calore sulla pelle determina una reazione fredda, perche non agisce come tale, quindi non
provoca la reazione termica desiderata. In effetti, dopo avere praticato un bagno caldo, notiamo che
la temperatura della pelle si e abbassata, ossia sentiamo la pelle piu fredda. Ebbene, proprio questa
sensazione fresca e un sintomo molto pregiudiziale alla salute, poiche con la diminuzione della
temperatura della pelle aumenta quella interna, cioe delle viscere, dando cosi origine alla «febbre
distruttiva» comune a tutti gli infermi in grado variabile, come rivela l'iride degli occhi.
Tutti gli infermi cronici, malgrado pratichino delle copiose traspirazioni, non potranno essere
liberi dalle loro malattie perche, se queste traspirazioni non vengono accompagnate da fregagioni
fredde, accentuando la diminuzione della temperatura della pelle, cioe la loro caratteristica.
I bagni caldi o di vapore, come abbiamo detto, sono debilitanti a ragione della seguente
reazione fredda, che favorisce l'aumento della temperatura interna del corpo, che si trasforma in
febbre interna. Quindi, per evitare tali inconvenienti, raccomando il mio lavaggio del sangue, in cui
il calore del vapore o del sole, in combinazione alle frequenti abluzioni di acqua fredda. provoca
alternativamente vaso-contrazione e vaso-dilatazione nella rete dei capillari sanguigni della pelle,
cosi si favorisce la circolazione e purificazione del sangue attraverso i pori.
Questo bombardamento del fluido vitale, dall'interno alla superficie del corpo e viceversa, e il
mezzo piu efficace per favorire la circolazione e purificazione del sangue per la pelle, e si ottiene
dalla reazione delle conseguenti abluzioni fredde, anche se non si traspira.
Per mantenere la reazione dopo una applicazione fredda, e necessario evitare la traspirazione,
perche il sudore raffreddando la pelle la decongestiona, e con questa decongestione, da fine alla
benefica attivita circolatoria e purificatrice del sangue.
Cosicche, per assicurare una buona reazione, dopo un'abluzione o getto di acqua fredda,
come dopo una fasciatura umida o un bagno del basso ventre, e consigliabile un moderato esercizio
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 119 di 176

fisico, per evitare la traspirazione che distruggerebbe i benefici che si ottengono con la reazione.
Per evitare il raffreddamento della pelle ed il conseguente pregiudizi Aie risultato, quando si
traspira raccomando di lavare il sudore, passando su tutto il corpo un panno bagnato con acqua
fredda, vestendosi poi senza asciugarsi o ritornando a letto per 20 minuti circa.
Quindi teniamo sempre presente che il nostro oggetto prefisso non e il raffreddamento della
pelle, da determinare con applicazioni fredde, bensi la reazione che esse determinano, perche
questa benefica la salute, in quanto crea febbre curativa di cui parlo in questo libro.

L'ACQUA FREDDA
Dopo dell'aria, l'acqua fredda e il migliore alimento e «medicamento». Senza mangiare
l'uomo puo vivere quaranta e piu giorni pero, senza bere, non puo resistere molto. Il nostro corpo,
per due terzi e piu, e composto di acqua e quindi, rinnovando questo elemento, si favorisce pure la
rinnovazione organica.
Cosi, come tutta l'aria non e favorevole al nostro organismo, tanto meno e l'acqua. L'acqua di
mare carica di sostanze minerali corrosive, intossica, come l'acqua degli stagni, classificata «acqua
morta». Solo «l'acqua viva», cioe quella di sorgente, di ruscello o di fiume, che nasce dalla
montagna, precipita a valle e si infrange contro le irregolarita del suo letto ed assorbe tutti gli
elementi atmosferici, e la migliore acqua pura per mantenere la salute, poiche in essa, si trovano
combinate aria, energie magnetiche, solari ed elettriche.
Questi elementi energetici dell'acqua vengono assorbiti dall'organismo, principalmente nella
bocca. Per questo motivo si consiglia di berla a sorsi, praticando la funzione di sorseggio e di
degustazione, evitando l'introduzione rapida che fa produrre, per reazione nervosa e termica,
disturbi nei polmoni e nello stomaco. Per la sua proprieta assorbente, la pelle approfitta pure
dell'acqua oltre che degli elementi chimici, cioe le energie in dissoluzione che in essa si trovano.
Da cio si deduce l'importanza che ha non asciugare il corpo dopo un'applicazione di acqua fredda.
L'acqua piu pura, e nello stesso tempo vivificatrice, e quella contenuta nella frutta e verdura
crude. Per questo motivo, quando una persona si ciba di sola frutta e verdura cruda, non accusa
sete.
In questo capitolo tratteremo della proprieta dell'acqua applicata esternamente, quale mezzo
per mantenere o recuperare la salute organica dell'uomo. Come agente esterno, l'acqua fredda e lo
stimolante della forza vitale, perche ponendo in conflitto termico l'organismo, lo obbliga a
sviluppare una maggiore attivita per difendersi dal freddo. Questo sforzo, definito come reazione,
attrae alla pelle il calore dell'interno, accelera il ricambio organico, mette in azione le difese
naturali e favorisce le eliminazioni morbose. Essendo la forza vitale,l 'agente che realizza il ritorno
alla salute, l'acqua fredda, saggiamente applicata, stimola l'organismo nella sua tendenza curativa.
L'aria, l'acqua e la terra, sono gli elementi che piu abbiamo alla portata come agenti vitali
poiche, senza essi, non v'e esistenza. Per servirsi dell'acqua non c'e bisogno di un gran che, basta un
solo recipiente, una spugna, un panno o la semplice mano, per poterla applicare sulla pelle, e questa
e la «medicina» piu adatta a tutte le condizioni sociali.
Infine, l'acqua deve agire parzialmente sul corpo, perche la pelle e un organo destinato a
rimanere permanentemente a contatto con l'aria e la luce, e non per affogarsi nell'acqua della vasca
da bagno, del fiume, del mare o delle terme.

COME L'ACQUA FREDDA CONSERVA


E RISTABILISCE LA SALUTE
Vincenzo Priessnitz e quel geniale uomo di campagna austriaco al cui spirito di osservazione
si deve la scoperta delle proprieta salutari dell'acqua fredda. Per Priessnitz tutte le maniere di usare
l'acqua fredda si giustificano in un unico principio: «Quando si impiega l'acqua fredda, non e il
freddo quello che cura, bensi il calore prodotto dalla reazione che il freddo origina, e l'agente
curativo e la stessa Natura». Il meccanismo della cura consiste «nell'eliminare i residui e
assimilare» per mezzo del calore nuovi elementi, ossia si riattiva il ricambio organico. Le
-Pag. 120 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

applicazioni fredde per reazione nervosa e circolatoria attraggono alla pelle il calore malsano
dall'interno del corpo equilibrando le temperature. In tal maniera si ottiene il ristabilimento della
normalita organica, che caratterizza l'Equilibrio Termico del corpo. Con ragione Priessnitz diceva:
le infermita si curano meglio per di fuori che per di dentro.
Dovutamente applicata sulla pelle, l'acqua fredda normalizza: 1° perche risveglia l'attivita
funzionale dell'organismo; 2° perche, mediante la reazione termica, asporta alla superficie del
corpo la congestione delle viscere, che e febbre distruttiva; 3° perche favorisce l'espulsione per i
pori, delle impurita del sangue.
Una abluzione generale di acqua fredda, risvegliando la reazione nervosa, genera un maggior
impulso al sistema circolatorio, che aumenta la frequenza dell'onda sanguigna per la reazione di
calore causata dall'azione del freddo. Il freddo dell'acqua sulla pelle produce un doppio effetto:
contrazione vascolare, che scarica dall'interno il sangue dei capillari; reazione decongestionante
degli organi interni, con il riempimento dei vasi della pelle, dove affluisce l'eccesso di calore
interno con le impurita del sangue, che si eliminano poi attraverso i pori.
Valorizzando il concetto, possiamo dire che la reazione prodotta da un'applicazione fredda
sulla pelle, equivale all'effetto di una ventosa che porta all'esterno la congestione o la impurita
interna.
Si comprende cosi il pericolo che rappresenta il bagno freddo di immersione rapida. In
un'immersione rapida, il fenomeno poco anzi spiegato, si produce violentemente, generando una
immediata congestione degli organi interni con effetti perniciosi, specialmente per i polmoni e per
il cuore; ragion per cui si constatano con frequenza sincopi cardiache, che producono la morte
istantanea in quei bagnanti che si lanciano di colpo nell'acqua fredda.
Per evitare gli inconvenienti detti, e regola generale che, tutte le applicazioni d'acqua fredda,
si facciano in parti distinte e in linea, con movimenti rapidi. (Il modo e metodo per tali applicazioni
verra spiegato in un capitolo a parte).
Tanto piu fredda e l'acqua, tanto piu energetica e duratura sara la reazione di calore, il che
vuoI dire che i benefici ottenuti saranno superiori.
Per ottenere i migliori risultati da un'applicazione fredda, bisogna riunire le seguenti
condizioni: 1° che il corpo sia caldo il piu possibile, meglio ancora se in traspirazione, 2° che
l'acqua sia molto fresca, come quella di pozzo, 3° che l'applicazione sia breve, da uno a cinque
minuti al massimo. Naturalmente d'inverno questi precetti si osserveranno meno rigidamente.
La donna, in generale nel periodo mestruale, si asterra da qualsiasi bagno freddo per circa tre
giorni, tutto per non perturbare questo processo, per se stesso purificatore.
Sul corpo si deve usare solamente acqua fredda, perche solo con essa si ottiene la reazione
nervosa, circolatoria e termica. L'acqua tiepida o calda, non produce reazioni favorevoli, poiche e
solo sedativa e calmante. Mentre l'acqua fredda attiva il calore della pelle, asportando alla
superficie del corpo il calore malsano dell'interno del ventre, l'acqua calda produce una reazione
fredda sulla pelle, e aumenta la febbre interna.
Il bagno freddo fortifica, al contrario del bagno caldo che indebolisce. Quello freddo aumenta
il calore animale risvegliando l'attivita nervosa e circolatoria. Con il bagno caldo invece esiste
questa super-attivita, anzi per irradiazione si perde il calore della pelle.
Le applicazioni di acqua fredda non limitano i loro effetti alle funzioni della pelle, ma si
ripercuotono profondamente su tutto il corpo per il risveglio della reazione nervosa.
Per comprovare il potere stimolante dell'acqua, basta spruzzare il viso di una persona svenuta
perche questa ritorni subito in se. L'impressione del freddo sulle terminazioni nervose della pelle,
produce nell'organismo una vera scarica elettrica che, se ripetuta, accelera le funzioni vitali e, in
conseguenza, il ricambio organico. Se dopo avere orinato si pratica un'abluzione di acqua fredda, si
sente la necessita di ripetere questa funzione fisiologica a causa della maggiore attivita funzionale
dei reni, per effetto della reazione nervosa e circolatoria.
Al potere stimolante della circolazione del sangue e delle eliminazioni, prodotto dall'acqua
fredda bene applicata, si aggiunge pure un effetto calmante degli eccessi del sistema nervoso e del
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 121 di 176

cuore. Cio si comprova quando si ha un sonno irrequieto, poiche basta praticare una frizione di
acqua fredda su tutto il corpo per godere di un riposo gradevole e riparatore.
Questo conferma che, per gli infermi di cuore, l'acqua fredda ben applicata e il maggior
beneficio, al contrario di quello che crede il volgo.
I benefici effetti dell'acqua fredda aumentano se non si asciuga il corpo si asciugheranno solo
le pieghe della pelle, poiche l'acqua che rimane su di essa permetta all'organismo di sfruttare tutti
gli elementi energetici che possiede, come l'aria in dissoluzione, energie solari, effluvi elettrici e
magnetici, ecc., i quali, assorbiti attraverso i pori, passano ad incrementare la nostra energia vitale.
D'altra parte, la combinazione chimica dell'idrogeno e ossigeno dell'acqua viene scomposta nei suoi
elementi per la reazione elettrica dell'applicazione, permettendo cosi l'assorbimento dell'ossigeno
che va ad aumentare l'ossidazione organica, e combina l'idrogeno con i prodotti del carbonio
espulsi dal corpo. Si spiega cosi come l'umidita della pelle, dopo il bagno freddo, favorisca la
reazione termica.
Riassumendo quanto e stato detto sulle proprieta salutari dell'acqua fredda, possiamo dire
che, con l'ausilio di questo prezioso elemento, abbiamo il miglioramento degli infermi, poiche ci
permette di eliminare l'impurita e la febbre interna, causa di tutte le malattie. I suoi effetti sono
tonici, derivativi, dissolventi, calmanti, purificatori e vivificatori, non esistendo preparati di
farmacia che forniscano tali benefici. Il gelo all'interno del corpo, o il ghiaccio applicato sopra la
pelle, sono sempre nocivi e di effetti malsani, poiche paralizzano la circolazione sanguigna e
nervosa. Condanniamo quindi l'uso delle borse di ghiaccio sul ventre, sulla testa o in ogni altra
parte del corpo.

REGOLE COMUNI PER TUTTE LE APPLICAZIONI


DI ACQUA ALL'ESTERNO DEL CORPO
Si otterranno risultati positivi se si osserveranno, rigorosamente le seguenti norme che
determinano l'equilibrio Termico.
l ° ) Il corpo si deve trovare in condizioni di reagire con il freddo dell'acqua. Per questo e
necessario assicurarsi, prima dell'applicazione di acqua fredda, che la pelle e i piedi del
soggetto siano ben caldi e, se non sono tali, si effettuera il riscaldamento del corpo in modo
artificiale, cioe con fregagioni asciutte mediante un panno di lana, oppure con massaggi e
frizioni eseguite con le mani, o praticando esercizio fisico, o con l'orticazione, con il calore
del sole, del vapore, ed infine con l'impiego di borse di acqua calda. Al contrario, se la pelle
denuncia febbre, le applicazioni di acqua fredda, prescritte in tali circostanze, saranno sempre
opportune. Questa regola presenta una sola eccezione: Il bagno ai piedi che puo essere fatto
con piedi freddi, pero osservando sempre le norme indicate per detto bagno.
2° Dopo un'applicazione di acqua fredda si deve ottenere la reazione di calore su tutto il corpo.
Le applicazioni di acqua fredda non sono fatte per raffreddare il corpo, bensi per risvegliare in
esso la reazione di calore. Questo si otterra se, oltre all'osservanza della regola anteriore, si
cerchera la reazione coprendosi con indumenti adeguati, o con esercizi fisici moderati, come
camminare, praticare ginnastica o lavori che richiedono il concorso di tutti gli arti del corpo.
Contravvenendo a detta regola, si possono originare raffreddamenti o raffreddori.
3°) Le applicazioni di acqua fredda si devono praticare con lo stomaco vuoto, ossia a digestione
compiuta, la quale, se si hanno ingeriti alimenti cotti o conservati, impiega tre ore piu o meno.
Se invece ci siamo cibati con frutta, insalata e semi, la digestione si compie in un tempo
minore. Pertanto, l'applicazione puo essere piu vicina ai pasti. Come unica eccezione a questa
regola, si deve annotare la fascia umida, o compressa derivativa al ventre che si puo fare come
il cataplasma di fango subito dopo i pasti.
4°) Osservare fedelmente tutti i tempi indicati per la durata di ogni singolare applicazione di
acqua fredda, che deve essere eseguita con le modalita determinate e spiegate in questa opera.
Osservazione. Le donne sospenderanno le applicazioni di acqua fredda per tre giorni nel
periodo delle mestruazioni. Pero, in questo periodo, potranno praticare i cataplasmi di fango sul
-Pag. 122 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

ventre.
L'acqua fredda puo essere applicata a sani ed infermi, perfino al neonato dal momento in cui
si libera dell'ombelico, cioe a pochi giorni dalla nascita.

LA FREGAGIONE O BAGNO DI ASCIUGATOIO


A un infermo, nulla puo fare meglio di una frizione di acqua
fredda.
Padre Taddeo
Con questo nome, benche improprio, si definisce la semplice ma molto importante
applicazione di acqua fredda. Essa consiste nel passare su tutto il corpo, dal petto alla punta dei
piedi (per quanto riguarda la parte anteriore), e dal collo ai piedi (per la parte posteriore), un
asciugamano piegato in quattro ed inzuppato d'acqua, piu o meno strizzato (scolato) in ragione
della caloria del corpo, tenendo presente di girarlo ogni qualvolta lo si passi per il corpo, per evitare
che la parte riscaldata o insudiciata dalle secrezioni della pelle agisca su di esso.
Questa applicazione, che mantiene attive le funzioni organiche, che fa evitare raffreddori e
dolori, e che ci pone sul cammino per curarli, deve essere praticata quotidianamente, sia dai sani
che dagli ammalati.
Se di notte ci svegliamo con qualche disturbo, la cosa migliore e quella di praticare qualche
frizione di acqua fredda, ad intervalli di un'ora piu o meno. Un sonno irregolare accusa
un'anormalita funzionale, di conseguenza l'acqua fredda, normalizzando la circolazione del sangue
e favorendo le eliminazioni malsane, produce un benessere generale che si manifesta pochi minuti
dopo con sonno tranquillo e profondo.
Questa applicazione non ha prescrizioni speciali, puo essere praticata tanto in piedi quanto a
letto. Terminata l'applicazione, il soggetto ritornera a letto senza asciugarsi, oppure si vestira
rapidamente, dopo di che pratichera qualche esercizio fisico o camminera con buona andatura.
All'infermo degente a letto, la frizione verra praticata sul letto stesso, avendo cura di ricoprirlo
subito senza asciugarlo.
1 - Bagnare l'asciugamano gia piegato.
2 - Appoggiare l'asciugamano su piano destro del
petto scorrendolo poi fino alla punta del piede
destro.
3 - Analoga operazione viene effettuata sul plano
sinistro.
4 - Appoggiare l'asciugamano su tutto il piano frontale del
petto, scorrendo lo poi su tutte e due le gambe fino alla
punta dei piedi.

5 - Dalla spalla si scorre l'asciuga. mano sopra e sotto


il braccio passandolo su tutto il fianco destro del
corpo fino al piede.
6 - Analoga operazione va ripetuta sul fianco sinistro.

7 - Appoggiare l'asciugamano sulle spalle e scorrerlo


su tutto il piano posteriore del corpo fino ai talloni.
8 - Si termina la fregagione appoggiando i piedi ali
'asciugamano bagnato.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 123 di 176

9 - Vestirsi senza asciugarsi e curare la reazione di


calore con esercizio fisico, oppure coricarsi a letto
ben coperti.
Per rendere piu efficace la frizione, conviene eseguirla nel modo indicato nella figura 11,
onde evitare inconvenienti al cuore, nel caso fosse questo l'organo infermo.
Gli effetti derivati da tale applicazione sono:
1°) Il risveglio delle difese naturali dell'organismo, permettendo di lottare vantaggiosamente con
l'anormalita, che e sempre febbre interna in grado variabile.
2°) Favorisce le eliminazioni, attivando i reni, polmoni, pelle e intestino.
3°) Risveglia la febbre curativa alla superficie del corpo, facendo diminuire la febbre distruttiva
delle viscere, ristabilendo l'equilibrio termico.
4°) Calma l'eccitazione nervosa, e tranquillizza l'eccessiva attivita del cuore, permettendo a
quest'ultimo e ai nervi un riposo. Tali benefici si manifestano col miglioramento del polso, e
da un sonno tranquillo e riparatore.
5°) Normalizza la circolazione del sangue, derivando alla pelle ed estremita la congestione
interna, essendo pertanto il miglior sollievo nella polmonite e congestioni interne.
6°) Attiva la funzione digerente, favorendo la nutrizione.

Di fronte a questi benefici derivati dalla semplice applicazione, si comprende che non esiste
droga, iniezione o siero, che faciliti il cammino per il ricupero della salute. Aveva ragione padre
Taddeo, quando facendo vedere l'inganno costituito dalle iniezioni di canfora, di digitalina, di
stricnina, di adrenalina e di tutti i terminanti in ina, diceva: «per un infermo, nulla potra essere piu
favorevole di una frizione d'acqua fredda. Anche per morire tranquillo e utile la frizione di acqua
fredda, perche con la sua applicazione si evita un'agonia dolorosa, e si passano gli ultimi momenti
di vita senza provare quello stato di angustia caratteristico dell'infermo intossicato per droghe e
iniezioni».
Nel caso che non sia possibile la frizione intera, si puo fare parzialmente, cioe alle gambe,
alle braccia, al petto, sulle spalle e schiena ecc. uniformandosi per questo all'effetto che si desidera.
Terminando, richiamo l'attenzione sulla distinzione che vi e tra fregagione e abluzione. La
differenza consiste che, nell'abluzione l'asciugamano viene passato per il corpo inzuppato d'acqua e
gocciolante, mentre nella frizione si passa dopo averlo strizzato (scolato) un pochino per togliere
l'eccedenza di acqua, avendo l'avvertenza di girarlo ad ogni passata.

LE SEI FRIZIONI
Una delle pratiche piu efficaci per promuovere l'attivita funzionale dell'organismo e favorire
la purificazione e circolazione, e l'applicazione delle sei frizioni, praticata all'infermo degente a
letto. Queste applicazioni si t;seguono ad intervalli di un'ora cercando la reazione sotto le coperte, e
coricati di spalla per favorire la circolazione sanguigna. In caso di febbre molto alta, quando si
denuncia gran calore alla pelle, le frizioni possono essere ripetute ad intervalli minori, cioe ad ogni
mezz'ora o quarto d'ora, se lo esige il calore febbrile.
Pulizia interna, ossia fisiologica, si puo dire l'effetto delle sei frizioni, poiche con esse tutte le
impurita interne vengono espulse attraverso i pori e cio lo si comprova con il calore tiepido
dell'acqua impiegata per tali pratiche.
E conveniente insistere su questo tema, perche la pulizia favorevole alla salute e quella che si
effettua dall'interno all'esterno, e che si ottiene principalmente per mezzo delle reazioni nervose
della pelle prodotte dall'acqua fredda, e non con il bagno tiepido o caldo che non produce alcuna
reazione, in quanto non realizza la purificazione del sangue malgrado pulisca la pelle.
Il potere eliminatorio delle sei frizioni e analogo a quello sperimentato con il mio lavaggio
del sangue, che denuncia una perdita di peso nel soggetto; pertanto, il loro effetto purificatore viene
equiparato.
-Pag. 124 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Generalmente, dopo la seconda o terza frizione il corpo dovrebbe entrare in traspirazione. Se


cio non fosse, bastera reagire recuperando il calore normale dopo ogni frizione. Agli infermi con la
pelle fredda e cadaverica si pratichera prima di ogni frizione fredda un'orticazione.
In generale, le sei frizioni costituiscono il migliore trattamento delle infermita acute; di
conseguenza, senza ricorrere al facoltativo, si corica l'infermo a letto e, dopo averlo ben scaldato,
specialmente ai piedi, si praticheranno le frizioni, una ogni ora com'e stato spiegato poc'anzi. Se la
febbre e troppo alta, si ridurra a mezz'ora o quaranta minuti il tempo dell'intervallo.
Se la febbre non diminuisce con le sei frizioni, e se la pelle e sufficientemente calda, potremo
ripeterne altrettante per due giorni consecutivi, ed anche durante la notte se l'infermo non riesce a
dormire.
Ripetendo le frizioni, e riducendo l'alimentazione a frutta o insalata cruda, l'infermo
migliorera, e dopo la crisi rimarra molto meglio di prima.
Ai bimbi che, per regola generale, nascono indeboliti per aver ereditato il sangue alterato dei
loro genitori, infermi cronici per una vita innaturale, si dovra praticare quotidianamente e appena
svegli la frizione di acqua fredda su tutto il corpo, perche solo cosi potranno attivare il ricambio
organico che permettera di eliminare le tare ereditarie e, se non alimentati con latte materno,
ricostituire la loro salute.
La frizione di acqua fredda, sia quindi per tutta la vita, la nostra inseparabile compagna,
almeno ogni giorno quando ci svegliamo.

FASCIATURE E AVVOLGIMENTI
Come il nome dice, la fasciatura o avvolgimento consiste nell'avvolgere il corpo in una tela di
filo o cotone, bagnata in acqua fredda e previamente strizzata.
L'avvolgimento totale si ha quando il corpo viene fasciato dal collo alla pianta dei piedi.
Avvolgimento lungo e quella fasciatura che copre il corpo dalle ascelle alla pianta dei piedi.

Fig. 12 – Fasciatura lunga Fig. 13 – Seconda fase della fasciatura lunga

Fig. 14 – Terza fase della fasciatura lunga


Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 125 di 176

L'avvolgimento medio e quella fasciatura umida che copre il corpo dalle ascelle alle
ginocchia.
L'avvolgimento delle estremita inferiori e quello che copre dalla cintura, cioe dai fianchi alla
pianta dei piedi.
L'avvolgimento delle ginocchia e quella fasciatura che comprende la zona sopra le ginocchia,
fino alla pianta dei piedi.
L'avvolgimento di cintura, o fascia derivativa, e quella fasciatura che avvolge ventre e reni,
passando per il dorso, e termina doppiata sul ventre. La sua estensione comprende la zona del petto
fino a quella dell'inguine.
Come tutte le applicazioni fredde, anche le fasciature o gli avvolgimenti si praticano con il
corpo e i piedi caldi. Quindi, come si e detto nei capitoli precedenti, se i piedi sono freddi si trattera
di riscaldarli con esercizi, o praticando delle fregagioni con un panno di lana asciutto dalle
ginocchia in giu; se e possibile, con un'orticazione.
La parte del corpo, sottoposta al trattamento delle fasciature, viene coperta da un doppio
avvolgimento, per prima cosa il panno di cotone umido a contatto della pelle e poi sopra di questo
un panno di lana asciutto, ben aderente.
Il metodo per praticare una fasciatura e il seguente: lenzuola e coperte vengono tirate e
adagiate sulla spalliera bassa del letto, quindi sopra il materasso si pone un foglio di plastica, onde
evitare che l'umidita passi ad esso, sopra di questo si stende il primo lenzuolo, poi sopra si mette un
panno di lana, che puo essere una coperta o uno scialle, e il panno di cotone umido, piu o meno
strizzato in ragione del calore del corpo dell'infermo. Tanto il panno di lana, quanto quello di
cotone, dovranno avere una misura proporzionata al tipo della fasciatura voluta. Preparato tutto
questo, l'infermo si corichera per essere avvolto, prima con il panno umido, che sara ben aderente
al corpo, poi con quello di lana, che verra assicurato con degli spilli di sicurezza per evitare
filtrazioni d'aria; infine, si coprira con le coperte stesse del letto.
Esistendo febbre alta, la fasciatura o avvolgimento totale si puo praticare una volta al giorno,
per due o tre giorni consecutivi; pero per regola generale non conviene praticarlo piu di una volta
alla settimana, di preferenza al mattino dalle ore 11 alle 12. Nel pomeriggio si praticheranno da 3 a
6 frizioni una ad ogni ora.
Le altre fasciature o avvolgimenti si possono praticare con piu frequenza, soprattutto i piu
piccoli; pero in tutti i casi si procedera con prudenza per evitare raffreddamenti.
L'oggetto della fasciatura, o avvolgimento, e quello di attirare alla pelle le impurita
dell'interno del corpo, facendo affluire ad essa il sangue ed il calore interno in modo migliore
quando e piu caldo il corpo e piu freddo il panno umido. Il freddo del panno umido risveglia la
reazione della pelle che si congestiona; l'umidita che evapora con il calore circonda il corpo di
un'atmosfera calda che, aprendo i pori, provoca l'espulsione delle impurita interne che vengono
assorbite dalla fasciatura. Per comprovare questo effetto, basta solo lavare il panno di cotone
umido, in cui e stato avvolto il corpo, per vedere che l'acqua si intorbidira, cosa che non avviene
quando si bagna prima dell'applicazione.
L'effetto della fasciatura, o avvolgimento, e analogo a quello del bagno di vapore; in ambedue
opera l'acqua con la sua umidita, quindi la fasciatura totale puo rimpiazzare il bagno di vapore, ed il
vantaggio su quest'ultimo e dovuto alla funzione calmante. Pertanto, e molto consigliato alle
persone nervose.
Nelle febbri, le fasciature ci offrono inapprezzabili benefici; oltre a rinfrescare l'interno, che
con esse perde parte del suo calore malsano, provocano l'eliminazione delle sostanze morbose, che
sono la causa della malattia. Quando la febbre e molto alta, la fasciatura puo essere preceduta da
una frizione, cioe prima si pratichera una frizione ed immediatamente si applichera la fasciatura,
che per regola generale, durera un'ora.
Nel togliere la fasciatura bisogna far attenzione a non raffreddare il corpo dell'infermo, che si
trova con i pori aperti; di conseguenza, si ritirera il panno dal di sotto delle coperte, lasciando
-Pag. 126 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

involto l'infermo nel panno di lana per venti minuti e, una volta trascorso tale tempo, si togliera
pure questo, sempre con la avvertenza di non scoprire l'infermo.
La fasciatura o avvolgimento totale e conveniente. nei casi di febbre interna o di
intossicazione.
La fasciatura lunga rimpiazza la fasciatura totale, ed e piu vantaggiosa in quanto e di piu
facile applicazione.
La fasciatura media e molto raccomandabile per i suoi effetti profondi, decongestiona i
polmoni, il fegato, i reni, il cuore e le viscere in generale.
La fasciatura delle gambe attrae alle estremita inferiori la congestione del petto e della testa,
scaricando le morbosita accumulate in queste regioni.
La fasciatura delle ginocchia, oltre all'effetto anteriore, opera sugli organi del basso ventre
decongestionandoli e liberandoli dalle impurita.
L'avvolgimento di cintura o fascia derivativa, opera sul fegato, reni, intestino, milza, vescica
e organi genitali, decongestionandoli e purificandoli; favorisce la digestione, e assicura un sonno
tranquillo se si applica durante la notte.
Il panno di filo o cotone, che si impiega nelle fasciature, per poter essere utilizzato
nuovamente, deve essere lavato e steso al sole, affinche si liberi dalle impurita assorbite nella
precedente applicazione.
Dormire con mutandine umide e coperti con un panno di lana asciutto e pure una buona,
pratica, perche con essa si arriva a decongestionare la testa, il collo, il petto e gli organi genito-
urinari.
Le compresse sono costituite da un panno di filo o di cotone, piu o meno umido, ricoperto da
un panno di lana asciutto; si possono applicare in qualsiasi parte del corpo.
Varie sono le compresse, o per meglio dire, vari sono i nomi dati a loro, come varie sono le
parti del corpo, pero ci riferiremo solo, alle-principali.
La compressa dorsale consiste in un panno di filo o di cotone, bagnato e strizzato, che si
applica dalla testa al limite inferiore della spina dorsale, con una larghezza non inferiore ai 20
centimetri, e coperto poi da un panno di lana asciutto. Il soggetto si distendera con il dorso sopra la
compressa, questa verra cambiata ogni 15 o 20 minuti per ben quattro volte. Di conseguenza, la
durata dell'applicazione sara di un'ora o poco piu. Bisogna far attenzione che la compressa non si
scaldi troppo, perche il suo oggetto e quello di rinfrescare e decongestionare i centri nervosi.
L'effetto di questa applicazione e calmante, in quanto decongestiona il cerebro e la spina
dorsale. Per tanto, si addice alle persone affette al sistema nervoso e a quelle che soffrono di
perturbazione mentale. Si puo applicare due o tre volte al giorno, soprattutto prima della frizione
mattutina e al coricarci, perche i suoi effetti, placando l'eccitazione nervosa, predispongono il
soggetto a un sonno tranquillo.
La compressa addominale, come definisce il nome, si estende su tutto il ventre, dalla zona
del petto a quella dell'inguine e fianchi; puo essere piegata in due o in quattro parti, sempre in
relazione al grado di calore del soggetto. Deve essere bagnata e strizzata, perche il suo effetto e
quello di rinfrescare e decongestionare l'apparato digerente, combattendo la febbre interna; produce
un effetto efficace ed assicura una buona digestione. Si puo applicare subito dopo mangiato, come
e conveniente dormire tutta la notte con essa, avendo cura di coprirla con un panno di lana asciutto,
perche deve mantenersi calda.
Quindi, quando non si ha la possibilita di dormire con il cataplasma di fango sul ventre,
consiglio la compressa addominale, perche anch'essa ci assicura buona digestione.
Nei colpi, nelle ferite, ed in generale in tutti gli incidenti che per natura compromettono la
salute del corpo (siano essi esterni od interni), la compressa di acqua fredda, cambiata ogni
qualvolta sia calda, applicata per una o due ore decongestiona la parte colpita e favorisce il suo
ristabilimento. Pero il fango e migliore.
Avvolgimento e fasciatura al sole. Quando si voglia produrre un'attivissima eliminazione
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 127 di 176

attraverso i pori della pelle, invece della traspirazione al vapore, si puo traspirare al sole, praticando
un avvolgimento o fasciatura lunga, cioe dalle ascelle ai piedi compresi, ed eseguendo poi una
frizione. Certo che per questo tipo di pratica e necessario scaldare bene il corpo al sole prima di
applicare la fasciatura.

GETTO A SPRUZZO FREDDO


Fra le applicazioni di acqua fredda, le piu energiche sono quelle dei getti, e, fra essi, si
distingue per la sua efficacia il getto folgorante, ossia quello prodotto con beccuccio a lancia,
In questa applicazione e maggiore la necessita di
accumulare gran calore prima e dopo il bagno, perche
solo cosi si assicura alla pelle una buona reazione
termica, che e cio che equilibra la temperatura del corpo.
Getto folgorante o di beccuccio a lancia Come
abbiamo detto questo e il piu importante fra i getti perche
scuotendo il corpo, produce un'energica e duratura
reazione termica nella pelle; questa, regola la circolazione
del sangue con cui si combatte la febbre interna; inoltre,
Fig. 15 – Getto folgorante o di si decongestionano le viscere e i centri nervosi, e si
beccuccio a lancia favorisce un'attiva eliminazione del sudiciume interno.
Il suo effetto stimolante produce benefici incomparabili, specie nel periodo di calore, e una
volta provato non si tralascia piu.
In generale lo si raccomanda a tutte le persone, sane ed inferme. E molto indicato nei casi di
anemia e per i corpi carichi di grassi, cioe per le persone affette da pinguedine che, sotto l'azione
del getto, vedranno sparire a poco a poco il loro grasso eccessivo. Kneipp, in una sua
comparazione, definisce l'azione del getto pari al battipanni che, battuto su di un vestito, ne fa
uscire la polvere.

I getti di beccuccio a lancia, quanto i parziali,


si applicano con il principio delle frizioni, quindi, il
corpo deve essere ben caldo tanto meglio se si trova
allo stato di traspirazione. L'operazione incomincia
dal tallone destro facendo ascendere lentamente il
getto dalla parte posteriore del ginocchio, tracciando
una linea verso l'esterno dell'arto che arriva
all'altezza della natica, per discendere nuovamente
nel tallone descrivendo un'altra linea verso l'interno
dell'arto stesso. La medesima operazione verra
ripetuta per la gamba sinistra, dopo di che, si passera
alla parte anteriore e si ripeteranno le stesse
operazioni, incominciando sempre dal piede destro
per arrivare alle altre parti del corpo, a seconda delle
applicazioni che si desiderano fare.
Fig. 16 - Prima fase: descrizione grafica di come si
pratica il getto folgorante sul piano posteriore del corpo
Solo nel getto di cane, rappresentato nella figura n° 19, l'operazione cambia di procedura, in
quanto si irriga prima il braccio destro, poi il sinistro, ed infine la zona delle spalle (senza bagnare
la testa).
La tecnica del getto folgorante, o di beccuccio a lancia, insegnata dal Padre Taddeo, e la
seguente: la durata di questo bagno non deve superare i due minuti. Il getto deve essere prodotto da
un beccuccio con un diametro molto ridotto, affinche sia sottile e penetrante, e non deve essere
lanciato da oltre 4 metri.
Un avvertimento - perche questo bagno sia realmente benefico e non pregiudiziale, si
-Pag. 128 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

consiglia di praticare molto esercizio fisico e di scaldare bene il corpo prima di applicarlo.
L'operazione incomincia sulla parte posteriore del soggetto, e precisamente con la spruzzata
contemporanea delle piante dei piedi, obbligando la persona a sollevarsi sulle punte dei piedi stessi.
Dopo di cio, si passa alla gambe destra e, partendo dal tallone, si descrive una linea ascendente
esterna fino all'altezza dell'anca, ritornando poi al tallone con una linea discendente interna; quindi
si passa al tallone sinistro, e si ripete l'operazione. A questo punto conviene osservare il profilo
contrassegnato dalla lettera A della figura 16, dove il punto 3 indica una nuova ascesa del getto ai
punti 5-6 e 7, per poi ridiscendere, sempre per la parte posteriore del braccio, fino al punto 8. Ora,
osservando il profilo contrassegnato dalla lettera B, vedremo che la seconda sequenza
dell'applicazione incomincia dal punto 8, cioe dal fianco posteriore della mano destra, per risalire
nuovamente con una linea fino al punto 9, che da inizio ad una serie di linee tracciate verticalmente
fra la zona delle spalle e quella della cintura, terminando nel punto 10 che, a sua volta, congiunge il
punto 11 sul fianco posteriore della mano sinistra. La terza sequenza la vediamo nel profilo
contrassegnato dalla lettera C dove il punto11 e la partenza dell'ascensione al 12, che e la partenza
di una serie di linee tracciate in senso orizzontale su tutta la schiena o dorso, e che terminano sulla
natica destra (punto 13), che da inizio alla discesa verticale che termina sul punto 14 del tallone
destro.
La seconda fase la vediamo nei profili
della figura n° 17, ed e analoga alla prima.
Infatti, osservando il profilo contrassegnato
dalla lettera D, vediamo che l'applicazione
incomincia dal punto 1 della gamba destra, e
dopo che il getto passa per il 2, ritorna al punto
di partenza. Quindi, con il getto si parte
nuovamente dal piede sinistro ripetendo
l'operazione anteriore; poi, sempre dal punto 3,
si inizia una nuova ascesa ai punti 5, 6 e 7 per
ridiscendere al punto 8 che, a sua volta, e punto
di partenza della seconda sequenza, vista nel
profilo contrassegnato dalla lettera E. Quindi,
per questa seconda sequenza si riparte dal
punto 8 arrivando con il getto al punto 9 che da
inizio ad una serie di linee verticali tra la zona
degli omeri e quella ombelicale, e che
terminano nel punto 10, inizio della discesa al
punto 11.
Fig. 17 Seconda fase: Descrizione grafica di come si pratica
il getto folgorante sulla parte anteriore del corpo

La terza sequenza ha inizio nuovamente dal punto 11, passa al 12, che e l'inizio della serie di
linee tracciate in senso traversale, e passando per il punto 13 dirige il getto al piede destro
(punto 14).

La terza fase porta l'applicazione del getto sul fianco destro; quindi il soggetto alzera il
braccio e, partendo sempre dal fianco del piede, con il getto descrivera una linea su tutto il fianco
del corpo, arrivando alla palma della mano destra. A questo punto, il soggetto abbassera il braccio,
quindi il getto colpendo la parte superiore della mano iniziera l'ascensione del braccio, fino
all'altezza dell'omero, per ridiscendere rapidamente al piede. Per il fianco sinistro si ripetera una
analoga operazione. Infine, il paziente rivolgera la schiena o le spalle al praticante (infermiere
naturista) che gli applichera, dai piedi alla testa, una specie di doccia provocata tappando
leggermente con un dito il beccuccio a lancia. La medesima operazione verra ripetuta per la parte
anteriore; dopo di che, il paziente si vestira e pratichera qualche esercizio fisico per completare la
benefica applicazione.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 129 di 176

Solo il getto folgorante si applica con beccuccio a lancia; per gli altri getti si impieghera un
innaffiatoio, oppure una gomma senza beccuccio,
A) -Getto sulle ginocchia - Questo getto viene applicato dalle ginocchia
in giu, prima per la parte anteriore, poi per la posteriore senza altra
prescrizione. Il suo effetto e decongestionante del basso ventre, del collo
e della testa, ed e indicato nei casi di affezioni degli organi compresi in
queste regioni.
B) - Getto sulle gambe Come dice il nome, si applica solo su questi arti;
la sua azione opera come derivativo del petto e della testa, agendo in
forma favorevole ed efficace, sullo stomaco, reni e vescica.
C) - Getto sulle spalle – Questa applicazione si pratica su tutto il piano
posteriore del corpo, dai talloni agli omeri, ed il suo effetto e quello di
promuovere un'energica reazione circolatoria.
Fig. 18 - Getto d'acqua sulle gambe

D) - Getto di cane- Per praticare questo bagno basta scoprirsi il busto


ed inclinarsi in avanti, appoggiando le mani sul fondo di una vasca per
ricevere prima l'irrigazione sul braccio destro che incomincia dalla
mano, poi sul sinistro, partendo sempre dalla mano. Infine sopra le
spalle senza bagnarsi la testa, come si vede nella figura n° 19. L'effetto
di questo bagno e specialmente tonico per gli organi del petto, polmoni
e reni.
La durata dei bagni a getto parziale varia da uno a quattro minuti,
secondo la costituzione dell'infermo.
Fig. 19 - Getto di cane
Per regola generale, i getti parziali si devono alternare fra loro, e devono essere combinati
con il getto folgorante di beccuccio a lancia o con la frizione.
La pratica ideale consiste nell'applicare il getto parziale al mattino, e quello totale nel
pomeriggio (a digestione avvenuta).
La ragione in cui si stabilisce questa regola sta nel fatto che, ripetendo quotidianamente il
getto locale, si puo perturbare la normalita circolatoria del sangue che, per effetto della
applicazione, viene attratto con frequenza nella regione delle membra bagnate.

BAGNO DI ]UST
Questo e l'unico bagno che piu si raccomanda, e che
si puo praticare comodamente in casa, perche per esso,
basta una vasca da bagno o una delle normali vaschette di
plastica, oggi tanto di moda.
Riempita la vasca con dell'acqua fredda, per
un'altezza di l0 centimetri, il bagnante si siedera sul fondo,
in modo che le natiche, gli organi genitali e i talloni
rimangono quasi sommersi (vedi fig. n° 20).
Fig. 20 - Bagno di Just
Rimanendo sempre con il corpo nella posizione rappresentata dalla figura, con una mano si
bagna il ventre, le anche, le cosce, la zona inguinale e gli organi genitali esterni (specialmente le
donne), con l'altra si strofina con forza tutte queste parti, per un tempo di 5 minuti nel periodo
freddo e di 10 nel periodo caldo.
Trascorso questo tempo stabilito, frizionandosi, il bagnante terminera il bagno stendendo le
gambe e bagnandole rapidamente con le mani, si bagnera pure il petto, spalle e braccia.
Dopo di cio uscira dalla vasca e si asciughera, solo frizionandosi con le mani; asciutto che
sara, si vestira, e con una camminata cerchera di aiutare la reazione (senza traspirare), oppure
-Pag. 130 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

pratichera qualche lavoro manuale o esercizio ginnico, o si esporra al sole. Se cio non sara
possibile, si corichera a letto coprendosi bene.
Questo bagno si puo praticare quotidianamente, e allo stato febbrile gli infermi possono
ripeterlo piu volte nello stesso giorno.
Certo che, avendone la possibilita, questo bagno e piu salutare se si prende allo stato naturale,
cioe all'aria libera, nel campo, in un qualsiasi corso d'acqua, al mare, ai laghi o fiumi.
Bagno freddo di piedi - Questo bagno consiste nell'immergere in un recipiente d'acqua fredda
le gambe, fino all'altezza dei polpacci, per uno spazio di tempo che va dal mezzo minuto ai due
minuti, cercando poi la reazione con una passeggiata, o avvolgendo in un panno di lana la parte
bagnata delle gambe, che non dovra essere asciugata. I suoi effetti sono decongestionanti della
testa, collo, petto e ventre (sono analoghi a quelli del getto alle ginocchia). E indicato nei casi di
raffreddore, di tosse, di affezioni alla testa, all'udito e gola. Si puo applicare alle persone degenti a
letto, e a chi si sveglia durante la notte perche favorisce il sonno; si raccomanda alle persone
nervose, e a quelle che soffrono freddo ai piedi, le quali possono applicarlo ogni qualvolta lo
desiderino, certo che il suo effetto sara migliore se verra alternato con il getto alle ginocchia.
Bagno freddo di sedere Questo bagno si pratica introducendo nell'acqua fredda solo il sedere.
La durata puo variare da uno a cinque minuti; pero, per tutto il tempo dell'applicazione, il soggetto
dovra frizionarsi il basso ventre con una mano bagnata. Per tale applicazione non occorre scoprire
tutto il corpo, poiche basta solo la parte che si deve bagnare. I suoi effetti sono decongestionanti
delle viscere e favoriscono la funzione digerente; pertanto, e molto indicato per le persone che
soffrono di stitichezza, le quali possono applicarlo due o piu volte al giorno fino a normalizzazione
ottenuta.
Bagno di tronco o di busto - Per questo bagno si impiega una vasca appropriata, ossia
funzionale per tale scopo; osservando la figura 21 noteremo che una parte delle cosce e due parti
del busto rimangono sommerse dall'acqua. La durata di questo bagno e da 5 a 15 minuti e, come il
bagno di sedere, per tutta la durata dell'applicazione si deve frizionare il basso ventre con una mano
o con un pannolino, per derivare il calore interno.

Questa applicazione e di grande effetto rinfrescante e


revulsivo, ed agisce su tutto il ventre, attraendo ai condotti di
scarico naturale, quelle sostanze morbose accumulate in tutto il
corpo. Come rinfrescante dell'interno del corpo, il bagno di
tronco supera tutte le altre applicazioni, pertanto viene
consigliato come ricorso salvatore nei casi di febbre alta e nei
casi di tifo.
Fig. 21 - Bagno di tronco o di busto
Si puo ripetere due, tre o piu volte al giorno per far abbassare il polso a 100 battiti al minuto
(perche in generale nei casi sopra citati e molto superiore). Per i casi di febbre alta, si consiglia che
l'acqua del bagno sia ad una temperatura di 28 o 30 gradi. Durante l'applicazione che puo essere
prolungata a mezz'ora, si aggiunga continuamente dell'acqua fresca, cospargendola in forma di
getto leggero sul ventre del paziente, ed avendo l'avvertenza di togliere dalla vasca in quantita
proporzionale l'acqua che si va riscaldando con il calore del corpo. Bagno genitale Con questo
semplice ed efficacissimo bagno che fu ideato da Kuhne, si ristabilisce la salute in ogni infermo
perche i suoi effetti, provocando una maggiore eccitazione nell'attivita degli intestini e ,dei reni,
senza causare alcuna fatica in essi, regolarizzano e ristabiliscono la digestione, punto chiave per la
salute dell'uomo.
Con questo bagno si rinfresca immediatamente l'interno del corpo di ogni infermo, che in
grado variabile e sempre consumato dalla febbre, cio che nell'iride degli occhi si rileva per mezzo
dell'irritazione infiammatoria e congestizia delle mucose e pareti dello stomaco e degli intestini.
Si pratica rinfrescando esternamente la piccola parte del corpo corrispondente agli organi
genitali, cosicche l'infermo non sente freddo con l'acqua fresca, bensi un gradevole tepore su tutto
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 131 di 176

il corpo, dovuto alla decongestione delle viscere, dove (in grado variabile piu o meno comune a
tutti gli infermi) alloggia la pletora sanguigna, cioe la febbre distruttiva che si rivela sempre
nell'iride degli occhi, anche se non accusata dal termometro applicato sulla pelle.
La donna - Disponendo del bide, si siedera sui bordi, in modo che l'acqua non le bagni il
sedere, e pratichera il bagno passandosi lievemente ed esternamente sulla parte genitale un panno
di cotone, imbevuto nell'acqua corrente. Non disponendo del bide, lo pratichera in un recipiente che
contenga per lo meno trenta o quaranta litri d'acqua e, per sedersi, si servira di uno sgabello. La
durata di questo bagno va dai 20 ai 60 minuti. Avvertenza: Durante il periodo mestruale il bagno
verra sospeso tre giorni prima, e riprendera a mestruazioni finite.
L'uomo Per il bagno genitale dispone degli stessi mezzi, cioe
del bide o altro recipiente. Pero, data la diversa sostituzione degli
organi genitali, l'applicazione sara piu noiosa. Si tratta che il glande,
o parte estrema del pene virile, rimanga coperto con la pelle del
prepuzio, quindi con due dita della mano sinistra si stirera la pelle,
affinche copra la testa del pene che immerso nell'acqua si lavera
delicatamente. Vedi figura n° 22. Il bagno durera dai 20 ai 60 minuti.
I bimbi e i giovani sostituiranno il bagno genitale con le
Fig. 22 – Bagno genitale per fregagioni, oppure con il bagno di sedere, di tronco o con il bagno di
uomo -Perche si possa capire
meglio come si pratica il bagno Just.
genitale, ho ritenuto opportuno
disegnare la figura senza la Gli israeliti, che con la circoncisione hanno soppresso il
gamba sinistra, Si osservi il
livello dell'acqua, essa deve prepuzio, non potranno godere i benefici che offre il bagno genitale.
rimanere 1 – 2 cm sotto il piano
dello sgabello. Parte del pene Con frequenza, fin dal primo bagno, l'infiammazione o febbre
deve rimanere immersa. Non e interna si abbassa rapidamente, e si presenta sulla parte frizionata o
necessario denudare tutto il
corpo. nelle adiacenze.
Si puo presentare sotto forma di flussi vaginali o uretrali, di eruzioni o piaghe, o con
infiammazioni; ebbene, questi non sono che sintomi favorevoli manifestati dalla difesa organica,
quindi non devono allarmare, bensi devono essere uno stimolo per continuare i bagni.
Prescindendo dalla manifestazione ed ancor piu dal nome, quando si accusa un dolore, come
prima pratica si scelgono le parti genitali per intervenire con l'acqua fredda, poiche gli effetti
derivati da queste applicazioni, sono di doppio beneficio per l'infermo. Come prima cosa si
rinfresca l'interno del corpo, combattendo in tal modo l'eccessivo calore che si definisce febbre
distruttiva, che e la caratteristica dell'alterazione della salute, come si riscontra nell'esame dell'iride
degli occhi del paziente. Rinfrescando l'interno, per reazione termica si riproduce simultaneamente
il riscaldamento della pelle e delle estremita del corpo, ed e noto che un corpo sempre freddo e la
caratteristica lampante dello stato d'infermita cronica. Da cio si nota che l'azione del bagno genitale
si dirige a equilibrare le temperature alterate del corpo umano per cronici disordini digestivi, che
originano e mantengono sempre tutte le malattie senza distinzione di nome o di manifestazione.
Rinfrescando le viscere, si smuove dall'interno del corpo la pletora sanguigna, determinando una
normale circolazione del sangue nella pelle ed estremita; cio vuol dire che si ristabilisce e si
mantiene l'equilibrio termico, che e l'unica condizione indispensabile per la normalita funzionale e
per la salute integrale. Questo rinfrescamento del tubo digerente, arresta la fermentazione malsana
di cio che contiene o la previene.
Oltre a questa azione termica, i bagni genitali fortificano i nervi attivando la forza vitale del
corpo interno e, pertanto, le sue difese naturali. E nel prepuzio del pene dell'uomo, e nelle grandi
labbra della vulva della donna, che si incontrano le terminazioni nervose di tutto l'organismo
umano, specialmente dei nervi del midollo spinale e del nervo simpatico, che per la loro
connessione con il cervello influiscono su tutto il sistema nervoso, che nell'organismo e come il
padrone di casa, poiche dirige tutte le funzioni che costituiscono la vita del corpo. Come dice
Kuhne, nelle parti genitali e radicata la radice dell'albero della vita.
Il rinfrescamento di queste parti fortifica i nervi e stimola l'attivita vitale dell'intero corpo,
ravvivando le forze fino nelle parti piu piccole. Questo effetto sparisce quando si interrompe la
connessione dei nervi con l'intervento della chirurgia, con l'azione derivata da materie tossiche
-Pag. 132 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

ereditate od acquisite, o per mezzo dei veleni di farmacia, o per azione dei raggi X o del radium.
L'esito di questa applicazione, che ha immortalato il nome di Luigi Kuhne, conferma la verita
della mia Dottrina Termica, che insegna ed afferma che la salute dell'uomo dipende dalla lotta
contro il calore malsano dell'interno del corpo.
Questo bagno si pratica generalmente al mattino a digiuno, o mezza ora prima dei pasti. Si
prende cibo solo 20 minuti dopo.
La sua prescrizione va da uno a tre bagni al giorno.

I VAPORI
Secondo la mia Dottrina Termica, l'unico bagno caldo che si puo raccomandare, e quello di
vapore, poiche gli svantaggi di tutte le applicazioni calde vengono compensati dall'effetto
purificatore del vapore d'acqua, i cui benefici sono di incomparabile uguaglianza nei casi di
intossicazione cronica dei cosi detti sifilitici, diabetici, artritici ecc., che, se applicato secondo gli
insegnamenti del mio lavaggio del sangue, si puo definire la salvezza di questi infermi
Il vapore puo essere applicato in forma totale o parziale pero, nei casi di grande accelerazione del
polso, e propriamente nelle febbri alte che denunciano piu di 120 pulsazioni al minuto, e preferibile
praticare la fasciatura umida, oppure le 6 frizioni che vengono praticate ogni ora all'infermo
degente a letto.
Quest'ultima applicazione, di per se, soddisfa le necessita di tutti
gli infermi cronici. In effetti, congestionandola pelle, si
decongestionano le mucose e gli organi interni del corpo, equilibrando
le temperature. Inoltre, attivando l'eliminazione cutanea si purifica il
sangue.
N e l mio Lavaggio del Sangue, l'agente salutare non e
precisamente il vapore, bensi l'acqua fredda. Il freddo dell'acqua e lo
stimolo che produce la reazione nervosa e circolatoria che attiva il
ricambio organico. Il vapore favorisce solo la rapida reazione di calore
nella pelle obbligando la ad eliminate per i pori le impurita.
Fig. 23 - Semplice Il vapore totale produce quella febbre curativa che e
dimostrazione di come si puo indispensabile per ristabilire la salute degli organismi infermi o
applicare il vapore caldo per il
lavaggio del sangue in casa
degenerati dalla febbre distruttiva delle loro viscere.

IL LAVAGGIO DEL SANGUE


Con questa denominazione definisco la pratica piu adeguata per ottenere la purificazione del
fluido vitale, che in tutti gli infermi cronici e piu o meno alterato.
La personale e quotidiana esperienza, praticata per piu di trent'anni, e i risultati di mille casi
incurabili, mi autorizzano a denominare questa applicazione «Lavaggio del Sangue sistema
Lezaeta»,
Definendo: il mio Lavaggio del Sangue consiste in una serie di reazioni nervose e
circolatorie, provocate da frequenti abluzioni di acqua fredda sulla pelle riscaldata dal vapore, dal
sole o previa orticatura.
Questa e l'applicazione fondamentale del mio sistema di salute, e la sua pratica quotidiana
costituisce per gli adulti una assicurazione di benessere e di lunga vita. La sua azione
nell'organismo soddisfa quella necessita di purificare e normalizzare la circolazione del sangue che,
in grado variabile, e alterata in tutti gli infermi cronici, come sempre si riscontra esaminando l'iride
degli occhi.
Il mio Lavaggio del Sangue ha ben poco in comune con i conosciuti bagni al vapore di
Kuhne, e tanto meno con i bagni di traspirazione del sistema russo o turco, o della famosa sauna
nordica ora tanto di moda, e che puo produrre anche degli shock. In questa applicazione, che
raccomando, e l'acqua fredda che agisce, non il calore. Questo serve solo per favorire la rapida
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 133 di 176

reazione che si puo ottenere con il vapore, con il sole o con l'orticazione sulla pelle del soggetto. -,
Tutti i bagni caldi, siano essi di acqua o di vapore, indeboliscono e con il tempo divengono
dannosi per l'organismo perche, come sappiamo, producono una reazione fredda nella pelle, e
favoriscono la febbre interna del ventre. Invece, con il mio lavaggio, le frequenti ed alterne
abluzioni di acqua fredda, risvegliano l'attivita nervosa che accelera il ricambio organico e che e il
principio ideale di rigenerazione integrale del corpo.
Sappiamo che il sistema nervoso e quel motore che governa e mantiene in azione le funzioni di
nutrizione e di eliminazione, su cui e basato tutto il processo vitale. L'energia nervosa dipende dalla
qualita del sangue che, se puro, mantiene i nervi sani e vigorosi e quindi l'attivita funzionale del
corpo, che a sua volta e salute integrale. Invece, un sangue impuro indebolisce la vitalita nervosa e,
pertanto, deprime l'attivita funzionale dell'organismo, originando lo stato d'infermita. Infine, un
sangue intossicato paralizza l'azione del sistema nervoso, ossia le difese organiche, conducendo il
soggetto alla morte.
Congestionando la pelle con il vapore, con il calore del sole o con l'irritazione prodotta
dall'orticazione, gli organi del corpo lavorano con un minimo di sangue; di conseguenza, si genera
nell'organismo sollievo, e pertanto anche i malati di cuore, di asma e polmoni, possono approfittare
di questi benefici. Questi stessi vantaggi rendono necessario tale bagno all'abitante della citta, che
per il troppo vestiario e per le troppe comodita quotidianamente effemina la pelle, e per mezzo di
un'alimentazione sbagliata riscalda le viscere, producendo lo squilibrio termico nel corpo,
caratteristica questa del disordine funzionale dell'organismo, che si definisce come alterazione della
salute.
Con il mio Lavaggio del Sangue, si produce la «febbre curativa» nella pelle, e si combatte la
«febbre distruttiva» delle viscere che, come sappiamo, e in grado variabile caratteristica di ogni
infermo.
Alternando il calore ed il freddo sulla pelle, si ottengono successive congestioni ed anemie
nella superficie e nell'interno del corpo, che generano un flusso ed afflusso sanguigno dall'interno e
viceversa, permettendo in tal modo un vero lavaggio del sangue attraverso i pori della pelle. Per
tale scopo si devono applicare ogni 3 o 4 minuti delle abluzioni di acqua fredda, praticata con il
sistema delle fregagioni, per un periodo che va dai 40 ai 60 minuti, terminando poi con un getto
folgorante.
Oltre a normalizzare la circolazione del fluido vitale, questa applicazione e eminentemente
purificatrice, perche libera il corpo dai veleni quali l'acido urico, i sali minerali inorganici, i
medicamenti e le tossine, che vengono tutti espulsi attraverso i pori della pelle, mediante la
traspirazione e per esalazione. Con questa spiegazione, si comprende il grande valore del Lavaggio
del Sangue che, invece di indebolire, e tonico che purifica ed irrobustisce il corpo intero.
I sifilitici, i gonorroici, gli artritici, gli anemici, i diabetici, i reumatici, gli infermi ai reni, al
cuore, al sistema nervoso ecc. se eseguono quotidianamente questo bagno, incontreranno la loro
salvezza. Si puo affermare che, senza l'aiuto di questo bagno, e impossibile ristabilire la salute
degli infermi cronici e di quelli dichiarati incurabili dalla medicina medicamentosa e dalla
chirurgia.
Gli adulti, specialmente dopo i quarant'anni, tanto uomini quanto donne, dovrebbero
applicarlo quotidianamente e definitivamente, perche questo Lavaggio del Sangue e il ricorso piu
sicuro per mantenere la vitalita dell'organismo, in quanto lo libera dalle impurita che originano
l'alterazione nella composizione e circolazione del fluido vitale, unica causa dell'anormalita
pressoria del sangue, dell'arteriosclerosi e di tante altre malattie oggi di moda nelle citta. Inoltre,
favorendo quotidianamente la normalita funzionale, si favorisce pure l'equilibrio del peso; pertanto,
si spiega perche le persone grasse dimagriscano e quelle magre ingrassano.
Come eseguire il mio lavaggi o del sangue a vapore: Il bagnante, a corpo nudo entra nel
cassone, si siede sullo sgabello, chiude il cassone rimanendo con il capo fuori per respirare aria
pura. Una volta chiuso il cassone ed avvolto il collo in un asciugamano, si immettera gradatamente
il vapore che esce da un tubo dal basso, regolandolo secondo la propria resistenza, senza scottarsi.
(Questo vale per il vapore prodotto da un caldaia a pressione, vedi figura 24. Invece, la figura 25
-Pag. 134 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

dimostra una caldaia a vapore costante, cioe a getto continuo, introdotto senza regolazione).
Sentendosi il corpo ben riscaldato, specialmente alle estremita, cioe mani e piedi, il bagnante uscira
per applicarsi un'abbondante abluzione di acqua fredda, con un asciugamano inzuppato ad ogni
passata lungo le spalle. (L'abluzione si pratica con il sistema delle fregagioni). Finita l'abluzione,
senza asciugarsi si rientrera nel cassone per ricevere nuovamente il calore per un tempo che va dai
2 ai 3 minuti, quindi si ripetera l'abluzione di acqua fredda. Queste operazioni, cioe presa di vapore
ed abluzioni, si ripeteranno fino a completare un tempo compreso fra i 40 e 60 minuti, durata
massima di questo bagno. All'ultima uscita, invece dell'abluzione si applichera su tutto il corpo il
getto folgorante. Dopo di cio, il soggetto si asciughera solo sotto le ascelle, le parti genitali, piedi,
la testa e si vestira, cercando di mantenere la reazione con degli esercizi, per un tempo di 20
minuti; coperto questo tempo, al paziente si potra servire qualche frutto fresco, oppure un succo di
frutta.

Fig, 24 - Dimostrazione di un bagno di vapore

Non disponendo dell'apparecchiatura rappresentata nelle figure 24


e 25, questo bagno si potra praticare ugualmente. Osservando la figura
23, ci si rendera conto che anche in questo modo si puo eseguire un
Lavaggio del Sangue. L'acqua nelle pentole puo essere mantenuta in
ebollizione da due fornelli elettrici, e meglio ancora con 2 scalda-acqua
elettrici ad immersione. Finito il bagno, dopo sei o sette abluzioni, il
Fig. 25 - Costruzione di un soggetto si corichera a letto, e ben coperto cerchera di reagire; si cibera
bagno pieghevole a due di sola frutta o insalata cruda.
generatori

Un altro sistema per il Lavaggio del Sangue puo essere il bagno di sole nel periodo caldo. Si
puo eseguire tanto in montagna quanto al campo, lungo i corsi d'acqua o sulla spiaggia, pero per le
abluzioni si impieghera sempre acqua dolce.
La figura n° 8 del capitolo XIX°, dimostra come si deve praticare un Lavaggio del Sangue
con il bagno di sole. Le abluzioni si eseguiranno sempre allo stesso modo. Attenzione ... in questo
bagno si devono tralasciare tutte le comodita, intendo dire: sedie a sdraio, panche ecc..., perche solo
sdraiati sul terreno riscaldato dal sole si puo riscaldare uniformemente il corpo.
Nei casi di polmonite, paralisi, attacchi cardiaci o cerebrali, ed in generale quando un infermo
e degente a letto ed e impossibilitato ad alzarsi, si pratichera il Lavaggio del Sangue con il sistema
delle sei frizioni, che ogni volta verranno precedute dall'orticazione che obblighera l'organismo alla
reazione (come detto, l'orticazione precedera ogni singola frizione che puo essere applicata secondo
lo stato di gravita, o difficile reazione, a ogni ora, mezz'ora o quarto d'ora).

Terminando questo tema su cio che e Lavaggio del Sangue, ricordiamo che la persona che
non muore in un incidente o di vecchiaia, termina la propria esistenza a causa dell'intossicazione
intestinale o medicamentosa, cioe per l'effetto delle droghe o farmaci, pericolo che puo scomparire
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 135 di 176

solo praticando quotidianamente il mio Lavaggio del Sangue10

I VAPORI PARZIALI
Considerando che il corpo, secondo la Dottrina Termica, e organicamente definito (come
organo) unico, e che il Lavaggio del Sangue e il piu potente sistema curativo, i vapori parziali non
hanno motivo, pero in certi casi di morbosita si praticano come revulsivi e sedativi.
Il vapore di busto Come dice il nome, vuoi dire che il vapore si dirige sulla parte superiore
del corpo" operando sulla faccia, collo e petto" come revulsivo delle congestioni abituali nelle
infiammazioni alla gola, trachea e bronchi.
Si pratica esponendo al vapore il petto, la faccia,coprendosi la schiena con un asciugamano, e
appoggiando la testa fra le braccia incrociate e protese in avanti. La durata di questo bagno va dai
15 ai 20 minuti. Si puo praticare stando a letto. Terminato il bagno, per asciugare la traspirazione si
passera sulla pelle un pannolino imbevuto d'acqua.
Nelle affezioni dell'udito, o nelle lesioni esterne, specialmente nelle affezioni alla pelle o alle
ossa, nei tumori freddi e cronici, il vapore dovra essere prodotto con un decotto di coda cavallina
(Equisetum Arvense), o fiori d'arnica, oppure di Fieno greco. Questi sono elementi del mondo
vegetale e le loro sostanze hanno proprieta purificatrici ed emollienti, pertanto si devono impiegare
in questi casi specifici.

IL CLISTERE
Poiche tutte le malattie sono caratterizzate dal processo febbrile dello stomaco e degli
intestini, si dirige la cura a rinfrescare l'interno del ventre, quindi l'enteroclisma costituisce il mezzo
adeguato per ottenere tale scopo.
Nella Dottrina Termica si indica il clistere per due funzioni ben specifiche: funzione
evacuativa e funzione curativa. La prima e indicata nei casi di stitichezza (ribelle o no), perche un
corpo non deve passare un giorno senza defecare. La seconda si riferisce ai casi di febbre anche
ribelle; specie in quest'ultimo caso, l'enteroclisma si puo ripetere due o piu volte nelle 24 ore.
L'effetto del clistere e decongestionante, rinfrescante e purificante.
Per il clistere si impiega solo acqua naturale, cioe appena uscita dal rubinetto, e il suo calore
deve essere quello ambientale. (Non deve essere bollita). La quantita di acqua si aggira da una
tazza, per il lattante, e progressivamente va aumentando secondo l'eta, arrivando ad un litro e
mezzo per l'adulto.
Per rendere piu stimolante l'azione di questa applicazione, si aggiunge un cucchiaio di olio di
glicerina o di limone.
Il clistere si applica con il corpo coricato sul fianco destro o sinistro,per poter attuare piu o
meno in profondita.
Nei casi di stitichezza ribelle, il sistema piu efficace e quello di applicare con sonda nel retto
mezzo litro di acqua naturale. Evacuata questa, si ripete immediatamente l'applicazione con un litro
e piu di acqua. Con questa seconda applicazione l'intestino si liberera degli escrementi e,
automaticamente, si notera nell'infermo una diminuzione dello stato febbrile ed un senso di
sollievo.
Il digiuno o la dieta a base di frutta e di insalata cruda, sara il completamento di questa
applicazione, fino al ristabilimento dell'infermo, cioe fino alla riabilitazione della funzione
peristaltica dell'intestino.
RIASSUNTO
Bisogna ricordare sempre, che la mia Dottrina Termica esclude l'uso delle droghe, o per
meglio dire dei farmaci, poiche le applicazioni di acqua fredda o di vapore, combinate con i

10 Qualche facoltativo fece obiezione sul mio giornaliero Lavaggio del Sangue, perche fa riposare i reni, e pertanto conduce
all'atrofia. (Questo vale solo per il concetto: «l'organo che non lavora si atrofizza»). Pero, con la mia esperienza rispondo:
Sono piu di trent'anni che pratico questo bagno, e posso garantire che dopo qualche abluzione si produce lo stimolo e si
vuota la vescica. Cio dimostra e comprova l'attivita generale che questa applicazione risveglia nel corpo
-Pag. 136 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

farmaci, perdono ogni virtu curativa in quanto questa risiede nel sistema nervoso dell'individuo.
L'azione degli agenti vitali, quali l'aria, l'acqua, la terra e il sole, servono solo per risvegliare
e mantenere l'attivita difensiva e rinnovatrice dell'organismo, che· siede nel suo sistema nervoso. A
loro volta, i nervi dipendono dalla qualita del sangue che li nutre e purifica. Infine, il sangue
dipende dalla digestione che richiede sempre una temperatura normale nell'apparato digerente.
E nostro dovere, insistere nel dire che la «Natura cura», perche solo essa puo ristabilire la
normalita funzionale del nostro organismo, cioe la salute integrale, sempre che si collochi il corpo
infermo in «Equilibrio Termico», il che significa uguaglianza fra la temperatura della pelle e quella
interna delle viscere.
Secondo questo principio, il mio sistema ristabilisce e conserva la salute di ogni persona,
sempre che, non sia stata avvelenata con droghe, mutilata dalla chirurgia o bruciata dal radium. Per
raggiungere tale scopo, e ovvio produrre nel corpo la febbre curativa della pelle e combattere la
febbre distruttiva delle viscere.
Per produrre la febbre curativa nella pelle, disponiamo delle orticazioni, delle fregagioni, dei
bagni d'aria fredda, fasciature umide, getti parziali e totali d'acqua fredda, specialmente il getto
folgorante con beccuccio a lancia, ed infine il mio lavaggio del sangue al vapore o al sole.
Per combattere la febbre distruttiva delle viscere abbiamo i bagni genitali, di tronco, le fasciature di
fango intorno alla cintura, e i cataplasmi di fango su tutto il ventre.
Per ultimo, abbiamo i clisteri o enteroclismi di acqua naturale fredda che, oltre a favorire
l'evacuazione degli escrementi, rinfrescano le viscere, e la dieta a base di frutta e di insalata cruda,
quale alimento nutriente e rinfrescante.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 137 di 176

CAPITOLO XXI°
LE PIANTE E LA FRUTTA
Trattiamo questi due prodotti, poiche entrambi riuniscono qualita che sono insuperabili, come
alimento e medicamento.
L'ordine della Natura ha stabilito che il regno minerale serva al vegetale, e questo all'animale.
Il vegetale e quindi l'intermediario obbligato fra il minerale e l'animale, perche elabora le
sostanze di cui quest'ultimo abbisogna per formare i tessuti del proprio corpo. La nostra struttura
organica e formata da terra e acqua (fango) e, poiche la vita e il ricambio organico, ossia il rinnovo
costante della materia, necessariamente dobbiamo appellarci alla terra per mantenere la nostra
natura, o origine materiale.
La pianta e il laboratorio in cui si accumulano e vivificano le sostanze minerali che la terra
possiede, ossia e la terra, organizzata e vivificata, che in questo modo si trasforma in alimento
obbligato per l'uomo.
I frutti degli alberi, come abbiamo visto, oltre a possedere sostanze minerali, contengono
energie magnetiche, elettriche e solari.
L'associazione della frutta fresca con la frutta oleosa ci da un alimento completo, il piu
razionale ed il piu sano, capace di mantenere ed accrescere l'organismo umano, di dar forza e
salute, poiche quello che cura alimenta e nutre. In questa associazione, noi troviamo infatti ogni
elemento nutritivo e, se vogliamo parlare nel gergo che affascina, che seduce, possiamo dire che in
questa associazione si annoverano: proteine, idrati di carbonio, grassi, sali minerali, cellulosa,
vitamine, biogenine. (La frutta non e un lusso, ma e una necessita).
Innegabile e il beneficio che le piante medicinali offrono agli infermi, pero non conviene
esagerare con questa fede sulle proprieta curative, perche in generale la loro azione si limita a
stimolare o calmare e non a curare.
L'infermita ha una causa interna che puo sparire solo per opera di una forza ch'e pure interna,
la reazione organica. A questo punto non esiste rimedio alcuno che possieda virtu curative, poiche
tutte le cure sono opera della forza vitale dell'infermo, la quale si irrobustisce mediante una buona
nutrizione ed un'attiva eliminazione di cio che e malsano, pertanto e necessario mettere il corpo in
equilibrio termico, secondo i principi della mia Dottrina.
La benefica virtu delle piante, riconosciuta ed apprezzata da che l'uomo esiste sulla terra, si
deve alle sostanze stimolanti, calmanti, dissolventi, purificatrici, O di natura non ben definita, che
favoriscono le reazioni e la purificazione organica.
La allopatia (medicina scientifica e facoltativa), non potendo negare le proprieta benefiche
delle piante, confessa che si serve di esse, pero in forma concentrata, approfittando solo degli
agenti attivi che vengono trasformati nei laboratori farmaceutici.
Il risultato di questo errato concetto e che la pianta disorganizzata cessa di essere l'agente che
la Natura ha posto per il bene dell'uomo, e rimane ridotta a un prodotto isolato, piu o meno tossico,
quasi sempre pregiudiziale.
Malgrado i progressi della chimica e la fabbricazione su larga scala di innumerevoli farmaci
che con nutrita letteratura ed attiva propaganda vengono offerti al pubblico, l'umanita con una
specie di istinto di conservazione seguita a credere nel benefico potere delle piante, e le cerca con
costante fiducia.
L'effetto delle piante nel nostro organismo e generalmente tanto misterioso quanto lo e ogni
processo che mantiene la vita. L'acidita di stomaco si calma subitamente mangiando foglie di
quercia; i gas o aria intestinale vengono espulsi con l'assenzio e con il seme di finocchio o di anice;
i dolori di stomaco spariscono con la menta o salvia; le emorragie si arrestano con la coda
cavallina, e cosi si potrebbe continuare per tutte le altre piante, modesti agenti naturali che prestano
sempre all'uomo un'infinita di servigio
-Pag. 138 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Per quanto sia molto utile ed interessante lo studio di tutte le piante, in questo capitolo
tratteremo solo alcune di esse che, per la loro efficacia e facilita, si trovano nei prati, nelle
erboristerie e nelle farmacie.
Pero insisto che, per normalizzare qualsiasi anomalia funzionale, e per ristabilire la salute
integrale del corpo in un infermo, bastano le applicazioni esterne di acqua fredda, praticate con
fasciature, compresse, orticazioni, cataplasmi di fango, fregagioni, con lavaggio del sangue al
vapore o al sole, in combinazione con un adeguato regime a base di frutta ed insalata crude.

CODA CAVALLINA
(Equisetum Arvense)
(Purifica il sangue, pulisce lo stomaco, il fegato e i reni; arresta le emorragie, cura le ferite recenti e antiche, le
ulcere maligne. Ai tubercolosi e anemici si somministrano il succo e la polpa fresca 2-3 volte al giorno per aumentare il
numero dei globuli rossi).
Diamo il primo posto a questa pianta perche, senza dubbio
alcuno, e la piu efficace ed ha maggior valore.
Cresce di preferenza in terreni umidi e sugli argini dei
ruscelli. Per le sue proprieta si appresta a moltissime applicazioni,
e puo essere combinata con quasi tutte le altre piante,
aumentandone la efficacia. Di questa pianta si usa l'acqua ottenuta
dal decotto, il vapore, e la pianta stessa.
La sua azione e purificatrice nelle ferite e nelle ulcere, e
derivativa o revulsiva se impiegata in compresse e vapori, e
cicatrizzante nelle lesioni.
Se con il decotto di coda cavallina si lava e si cura una
ferita, per quanto antica essa sia, si rimane sbalorditi nel vedere
con quale meravigliosa facilita cicatrizza, al contrario di cio che
avviene con i «disinfettanti» che, per ammazzare i microbi,
distruggono pure le deboli cellule dei tessuti in formazione,
prolungandone pertanto il processo curativo.
Padre Taddeo dice: l'azione di questa umile pianta e piu che
Fig. 26 - Coda Cavallina
(Equisetum Arvense) prodigiosa, e sarebbe un racconto interminabile voler elencare
tutte le stupende guarigioni effettuate con l'ausilio di essa.
Voglio citare due casi di cura: - Qualche tempo fa un ragazzo si taglio il dito indice della
mano destra con la macchina segatrice, pero il taglio non fu totale, perche il dito rimase penzolante
per la base, Per vedere fino a che punto arrivasse l'efficacia della coda cavallina, presi subito il
ragazzo e gli steccai il dito applicando solamente compresse di questa pianta.
Pochi giorni dopo il dito si era perfettamente unito e si muoveva in tutte le direzioni
consentite dall'articolazione normale, senza alcun sintomo di dolore.
Un'altra volta, con il vapore di questa pianta tolsi dalla morte una persona che soffriva di forti
emorragie, gia dichiarata dai medici insalvabile. Cosi potrei continuare annoverando centinaia di
casi ammirabili.
Per contusioni, gonfiori, ferite e piaghe putride o cancerose, il rimedio piu efficace sotto ogni
punto di vista e il lavaggio con l'acqua ottenuta dal decotto di coda caval1ina, ed il cataplasma con
la polpa o pasta della stessa, ottenuto maciullandola in un mortaio.
Nelle emorragie nasali non c'e un migliore rimedio che quello di aspirare per il naso il vapore
o l'acqua di questa erba, ed in tutti i frastorni, quali decomposizioni e vomiti di sangue, come casi
di febbre alta, il te di coda cavallina produce un efficacissimo risultato.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 139 di 176

Infine, per le infermita dei reni, del fegato, della milza, della vescica, per le ostruzioni delle
vie urinarie, per i calcoli, arenella, emorroidi, ristagni di sangue, per un alito fetido, purificazione
delIo stomaco, nei casi di cancro, di lupus ed altre infermita cutanee, si ottengono effetti piu che
sicuri con l'acqua, il vapore e le compresse di coda cavallina.
La coda cavallina si prepara in decotto, con un tempo di ebollizione che va da 5 a 15 minuti.
Per uso lavanda e lavaggio si impiegano 100 grammi per litro di acqua. La stessa erba maciullata in
un mortaio serve per i cataplasmi. Come bevanda bastano 30 grammi per un litro d'acqua.

FIORI DI FIENO E SEMENTI DI SALCERELLA


(Semen berbae)
(Usato in compresse calde, da sollievo nelle coliche intestinali, epatiche, renali, ed in qualsiasi altro dolore).
I fiori di fieno, o per meglio dire le sementi di fieno, sono i residui
che si ottengono dall'essiccazione dell'erba dei pascoli. (Cioe tutte
quelle sementi e foglioline che rimangono per terra dopo aver raccolto il
fieno).
Pasto miele o Salcerella, questa pianta cresce sugli argini dei
torrenti e nei posti umidi. D'estate si raccolgono le sementi, che sono
formate da piccoli grappoli e si essiccano all'ombra, conservandole in un
posto asciutto. Come i fiori di fieno, queste si applicano con cataplasmi.
Il cataplasma si prepara introducendo le sementi in un sacchetto di
cotone con le dimensioni necessarie per coprire la zona colpita; dopo
averlo chiuso, lo si fa bollire per 15 minuti immerso nell'acqua, poi, con
una tavoletta, per non scottarsi, lo si spreme, quindi si procede
all'applicazione sulla regione dolorante del corpo previamente frizionata
con un panno bagnato in acqua fredda.
Questa applicazione va preceduta dalla frizione fredda, dura
20 minuti, e si ripete fino alla scomparsa del dolore. Le stesse sementi
servono per altre applicazioni.
Ogni casa dovrebbe essere provvista, come minimo, di quattro
sacchettini di queste sementi, perche • in un caso urgente, quale puo
essere un dolore colico, intestinale o epatico, nefritico, o dolori
reumatici ecc., per la persona che viene colta da una di queste affezioni i
fiori di fieno, o il pasto miele, sono un benefico sollievo.
Lino - La farina del seme di lino si puo usare per i cataplasmi,
supplisce con ottimo effetto i semi del pasto-miele. Il seme di lino,
Fig. 27 Salcerella - combinato con le prugne secche o fresche, e un ottimo regolatore
(Lithrum Salicaria L.)
dell'intestino, e si prepara mettendole in"macerazione con acqua fredda
per 7 o 8 ore.

FIENO GRECO
(Trigonella Faenum Graecum)
(Mollifica, cioe e emolliente, poiche matura ed estrae il pus e le materie corrotte dei tumori, dei gonfiori, delle ulcere e
piaghe putride, tubercolose e cancerose).
Il Fieno Greco e di origine orientale, cresce in clima temperato, da noi si coltiva nei prati e
giardini. La pianta e di stelo un po' ramificato con foglie trifogliate, produce fiori gialli e biancastri,
le sue sementi ridotte in polvere hanno un odore sui generis.
-Pag. 140 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Con la polvere ricavata da queste sementi, c


combinata con l'acqua del decotto di coda cavallina,
si prepara una pomata di incomparabile efficacia
come emolliente, e risolutiva di tumori e gonfiori. Il
fieno greco estrae gli umori corrotti, e produce la
cicatrizzazione dei tessuti solo ad avvenuta
eliminazione totale delle sostanze malsane,
impedendo in tal modo la setticemia o
avvelenamento del sangue nell'antrace che, se
operato, puo produrre la morte del paziente.
Il pasto miele, o salcerella, produce un effetto
analogo; pero dato che per le sue proprieta attrae
fortemente il sangue alla superficie, non si puo
impiegare sulle piaghe o ulcere, perche con certezza
causerebbe delle emorragie, inconveniente questo
non prodotto dal fieno greco La pomata di fieno-
greco, come gia detto, si prepara riducendo in
polvere le sementi e impastandola con l'acqua del
decotto di coda cavallina. Si porra al calore del
fuoco per due o tre minuti mescolando sempre fino
Fig. 28 Fieno Greco a darle una consistenza di crema non troppo dura, e
(Trigonella Faenum Graecum) si applica come una pomata qualsiasi.

La polvere di fieno-greco disciolta in acqua e pure un eccellente preparato per gargarismi,


specie nei bruciori e irritazioni della gola. Si prepara sciogliendo un cucchiaio di polvere in una
tazza d'acqua previamente bollita e, per aumentare la sua efficacia, si aggiungera un po' di miele. Il
tempo dell'ebollizione sara di mezzo minuto circa.

ORTICA COMUNE
(Urtica Dioica)
(Le punture dell'ortica producono sulla pelle, un'irritazione che sostituisce tutti i
vescicatori e senapismi. La sua azione revulsiva la rende efficace per combattere le
congestioni interne, i dolori reumatici, la paralisi generale e locale).
Come dice Padre Taddeo, tutti conoscono questa umile erba
che cresce abbondantemente in tutte le parti; pero, non tutti sanno
fino dove arriva la sua virtu curativa, soprattutto nei casi di
reumatismo. Il caratteristico pizzicore che produce questa pianta, se
posta a contatto della pelle, e causato dal succo caustico che si trova
nei peli delle sue foglie.
Orticare la pelle prima di ogni frizione, o fregagione, e il
mezzo piu sicuro per ottenere una buona reazione. Si raccomanda
alle persone dalla pelle anemica, come gli anziani, i tisici e gli
asmatici.
Nei casi di polmonite e broncopolmonite, l'orticazione di tutto
Fig. 29 Ortica Maggiore il corpo, seguita dalla fregagione fredda ripetuta ogni ora, e un
(Urtica Dioica) mezzo infallibile per decongestionare gli organi respiratori e
ristabilire rapidamente la salute di questi infermi.
E pure un ricorso salvatore nei casi di paralisi e nelle affezioni cerebrali, quali meningite ecc.
In primavera, per purificare il sangue, ci si puo cibare con questa erba, che puo essere
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 141 di 176

preparata come ortaggi bolliti. L'infusione delle foglie secche e ottima per dissolvere le mucosita
del petto (bronchi e polmoni), e per pulire lo stomaco dalle sostanze in esso ritenute.

LA FRUTTA
Nel capitolo XVII°, che tratta della trofologia, abbiamo accennato al valore che ha la frutta,
come alimento, pero ora elencheremo le sue proprieta benefiche per la salute del nostro corpo,
annoverando i valori dall'aspetto curativo.
In ogni latitudine ed epoca dell'anno, la frutta cruda costituisce il maggiore alimento ed il
migliore medicamento, tanto per le persone sane quanto per le persone inferme. Specie per
quest'ultime, se degenti a letto, l'unica dieta che dovrebbero osservare e proprio quella di frutta
cruda.
Elencando avremo:
L'albicocca - combatte l'obesita e le nausee.
L'amarena - alcalinizza il sangue, e diuretica e dissolvente.
L'anguria - e rinfrescante e diuretica.
L'arancia - alcalinizza il sangue, attiva l'intestino e dissolve l'acido urico.
La banana - e alimentare e lassativa.
Il cachi - e nutriente e anti-diarroico.
La carruba - e nutriente e regola le funzioni intestinali.
La castagna - e alimentare, attiva l'intestino e da sollievo ai reni.
La cerimolia - e molto nutriente.
La ciliegia - e tonificante.
Il cocco - ha il latte che e un regolatore dell'intestino.
Il dattero - aumenta il calore organico e l'energia nervosa.
Il fico - e tonico, lassativo e purificatore degli organi respiratori.
Il fico d'india - e rinfrescante, lassativo e decongestionante del fegato.
La fragola - e ricostituente, rinfrescante, diuretica, lassativo e dissolve l'acido urico.
Il lampone - e rinfrescante e diuretico.
Il limone - e disinfiammante e purificatore.
La mandorla dolce - e un alimento completo, forma carne sana e neutralizza l'acidita del sangue.
La mela - e anti-acida, attiva il fegato e dissolve l'acidita del sangue.
Il melograno - e anti-diarroico.
Il melone - e nutriente e lassativo.
Il mirtillo - (bacca), e astringente, rinfrescante e antisettico.
La nespola - e anti-acida, lassativo e anticatarrale.
La noce - e molto nutriente.
L'oliva - fa aumentare il peso, combatte la stitichezza e i calcoli biliari.
La pera - e diuretica, e purificatrice del sangue.
La pesca - e lassativo, diuretica e alcalina.
Il pomodoro - e lassativo e anti-artritico.
La prugna - diuretica, lassativo, stimola il fegato e l'intestino.
L'uva - e un grande alimento, e lassativo, diuretico e calmante.
La pera avocado - e un alimento completo, combatte l'anemia e la stitichezza.

LA RICOTTA, IL MIELE D'API ED I PURGANTI


La ricotta - e un ottimo disinfiammante e decongestionante se applicata sotto forma di
cataplasma.
-Pag. 142 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

In qualsiasi processo infiammatorio e congestizio la ricotta, come il fango, e un espediente


sicuro per combattere questi stati di anormalita.
Applicata in forma di cataplasma, in poco tempo decongestiona la regione infiammata e,
attivando la distribuzione del sangue in tutte le parti del corpo, fa cessare il dolore e le fitte locali.
Rari sono i casi in cui ci si trova nella necessita di rinnovare il cataplasma, poiche il suo effetto
dura dalle 8 alle 10 ore.
Per il cataplasma, tutta la ricotta e buona, tanto quella prodotta in casa acidificando il latte,
quanto quella di caseificio; per applicarla, prima di tutto deve essere fredda, poi ben sbattuta fino
ad ottenere una consistenza di pomata, ed infine si avvolge in un pannolino di cotone con la forma
necessaria per l'applicazione. Lo spessore di questo avvolgimento non deve essere inferiore ai
25 millimetri.
Questo unguento casalingo si puo applicare sulle ulcere, sulle bruciature, sugli ascessi, sulle
articolazioni addolorate, e specialmente sugli occhi e nei casi di incidente.
Il miele d'api - E contemporaneamente un alimento energetico di grande importanza e
disinfiammante e purificatore. Per le sue grandi proprieta e molto indicato nelle affezioni della
vista e della gola.
Per addolcire bibite e bevande si dovrebbe usare sempre il miele, e non lo zucchero che e un
prodotto artificiale e di difficile digestione.
Le persone che non tollerano il miele crudo possono consumarlo cotto, anche perche talvolta
e di piu facile digestione.
Purganti - I purganti e lassativi agiscono per irritazione delle mucose del tubo digerente, le
congestionano e le riscaldano, aggravando in tal modo il disordine funzionale dell'organismo,
benche in apparenza diano un senso di sollievo, di benessere. Dopo aver ingerito un purgante,
qualsiasi persona accusa una costante sete, sintomo caratteristico dello stato di infiammazione
interna, o per meglio dire, della febbre interna, confusa con la disidratazione. Con questo, vediamo
ancora una volta che le cure, si realizzano meglio per di fuori che per di dentro.
Come lassativo efficace ed inoffensivo, raccomando due cucchiai di semi di lino, messi a
bagno in acqua naturale la sera precedente e, per rendere maggiormente efficace questo lassativo,
consiglio di mettere assieme in bagno 6 o 7 prugne fresche o secche. Al mattino a digiuno si
ingerira il tutto (meno l'osso). Le persone stitiche (senza pregiudizio alcuno) potranno far uso di
questo lassativo per tutta la vita, perche non reca inconvenienti, anzi, da grandi vantaggi.
(Dose minima - 2 cucchiai da tavola in un ottavo d'acqua).
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 143 di 176

CAPITOLO XXII°
INDICAZIONI ED AVVERTENZE
Secondo la mia Dottrina Termica, solo con l'igiene si mantiene l'equilibrio fra temperatura
interna ed esterna del corpo e, per ristabilire questo equilibrio sempre alterato in tutti gli infermi, si
orientera il trattamento curativo a ristabilire la normalita funzionale dell'organismo, cioe la salute
integrale. Il lettore deve rendersi conto che, secondo la mia Dottrina, «le infermita non si curano»,
bensi si ristabilisce e mantiene la salute. Questo e cio che differenzia il mio sistema dalla Medicina,
perche questa opera sull'infermita, mentre il mio regime di salute ha come finalita la normalita
funzionale dell'organismo, che puo esistere solo con l'Equilibrio Termico dello stesso.
Nella mia Dottrina Termica non esistono diagnostici di infermita, non si danno rimedi e tanto
meno si cura; si normalizzano solo le funzioni organiche mediante l'Equilibrio Termico del corpo,
d'accordo con le rivelazioni dell'iride degli occhi del soggetto.
Piu di qualche volta abbiamo sentito dei medici dire: anche noi cerchiamo nella nutrizione
adeguata il ritorno della salute nei nostri infermi, pertanto raccomandiamo un regime vegetariano.
Pero la mia risposta e: Che cosa credono di ottenere prescrivendo alimenti adeguati se questi si
corrompono nel ventre febbricitante dell'infermo?
Fino a che non si comprendera che la condizione fondamentale per una buona digestione
dipende dalla normale temperatura intestinale, esisteranno malattie incurabili.
Il bagno freddo e proibito agli infermi di cuore, perche si ignora il modo piu adeguato per
applicare l'acqua fresca senza produrre frastorni cardiaci.
Il bagno di vapore si considera pericoloso, perche non si conosce la sua conveniente
applicazione, cio che invece e raccomandata nel mio lavaggio del sangue.
Prendendo il vapore di cassone combinato con abluzioni di acqua fredda ogni 3 o 4 minuti, si puo
dire che non esiste alcuna controindicazione.
Questo bagno costituisce il vero lavaggio del sangue, ed e un'applicazione salvatrice
affermata dalla lunga esperienza dell'autore di queste righe, che con essa ha ottenuto i migliori esiti
in materia di cure e guarigioni.
Come ho detto, questo bagno costituisce il ricorso piu efficace per purificare il sangue ed
attivare la circolazione, pertanto il suo impiego significa sollievo per il cuore sempre affetto da
sostanze tossiche che alterano la normale composizione e circolazione del fluido vitale. Conviene
che il lettore sappia che la medicina professionale e incapace di purificare e normalizzare la
circolazione del sangue di qualsiasi infermo, e che tale obiettivo si ottiene solo con la mia Dottrina
Termica.
La frutta cruda, che costituisce il miglior alimento ed il miglior medicamento per l'uomo,
viene considerata dannosa dalla medicina professionale e tutto per la reazione salvatrice che
produce negli infermi cronici che, con la diarrea, si purificano (poiche questa e una delle prime
reazioni che l'infermo cronico accusa). Ebbene, questa diarrea sparira insistendo sempre con la
frutta cruda sola e con il cataplasma di fango sul ventre. In questi si preferira frutta acida e non
molto matura.
Per ottenere risultati convenienti, non basta applicare i nostri principi, ma e necessario saperli
applicare ed interpretare razionalmente i loro effetti. L'infermo che inizia il mio regime di salute,
attendendone i vantaggi, con frequenza viene preso da un certo pessimismo, perche non ottiene
rapidamente i risultati voluti, dimenticando che la Natura non fa nulla a salti, e che chi va piano va
sicuro.
Generalmente, all'inizio del mio trattamento il sintomo favorevole e che piu si interpreta
male, e la depressione delle forze dell'infermo, poiche questo comunemente sente il desiderio di
riposare e dormire a tutte le ore. Non manca allora l'osservatore superficiale, quella o quelle
-Pag. 144 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

persone che per disgrazia loro, sono imbevute di principi e concetti errati e che vedono in questo
sintomo, un indebolimento costituzionale che, con semplice ignoranza, e definito «esaurimento».
Certo, il criterio di queste persone e basato sulla super- alimentazione creduta utile e necessaria per
il ristabilimento dell'infermo, poiche secondo loro il latte, le uova, la carne, i brodi di origine
animale e i loro surrogati sono stati sostituiti dalla frutta, dalle sementi o da vegetali della stagione.
Queste persone devono sapere che il decadimento, o la perdita delle forze, di solito si
presenta nei primi giorni del regime termico, ed e dovuta all'essenza dello stimolo che offrivano i
tossici che abbandonano il corpo.
Questa crisi non e altro che il recupero dell'anticipato e costante consumo delle riserve vitali,
origine dovuta alla somministrazione dei tossici, la cui azione nell'organismo e pari ad una sferzata.
Eliminando questi tossici, si porta l'organismo a quel riposo necessario per recuperare tutto il
consumo anticipato delle sue energie difensive; quindi, questa crisi e lungi dall'essere qualificata
come «indebolimento», ma deve definirsi come recupero.
Gli infermi, per restaurare o recuperare le loro forze, chiedono i tossici, e dimenticano che il
miglior tonico e costituito da una buona digestione.
I flussi vaginali e uretrali, le eruzioni della pelle, le suppurazioni, i raffreddori, le diarree, le
punture, i dolori, i pruriti e altri sintomi acuti che appaiono negli infermi cronici pochi giorni dopo
aver iniziato il mio regime, sono manifestazioni favorevoli, che promettono il sicuro e completo
ristabilimento della salute.
Mentre la medicina medicamentosa o ufficiale, pretende curare sopprimendo i sintomi acuti,
che costituiscono la difesa della Natura, la pratica della mia Dottrina Termica risveglia queste
difese attivandone i sintomi acuti, poiche sono l'unico mezzo che possiede l'organismo infermo per
liberarsi dalle impurita che alterano il suo normale funzionamento. Cosi, le malattie croniche si
trasformano in acute per poi sparire definitivamente.
Le terribili complicazioni che aggravano gli infermi, e terminano con la loro vita, sono la
conseguenza della smania di combattere e soffocare i sintomi acuti con medicamenti, radium e
interventi chirurgici che sopprimono le difese organiche e che intervengono sul «sintomo». Sarebbe
come volere eliminare o sterminare una nidiata di topi senza attirarli nella trappola, bensi tappando
il buco del nido. Questi romperebbero altre parti aggravando la situazione.
Generalmente, si crede che con i sistemi della mia Dottrina Termica ci voglia molto tempo
per ottenere una guarigione. Questo e un errore, poiche e sorprendente la rapidita con cui
reagiscono quegli organismi che non sono stati sottoposti a trattamenti medicamentosi, radiologici
o chirurgici; solo gli infermi che hanno accumulato nel loro sangue iniezioni, sieri, vaccini, droghe
e tossici sono ribelli a sanare, perche la potenza vitale, unico agente curativo che possiede l'uomo, e
stata addormentata e indebolita per intossicazione maggiore o minore. Pure l'opera della chirurgia
rende generalmente impossibile il ristabilimento della salute, in quanto non e possibile
normalizzare il funzionamento di un organo che e stato mutilato. Lo stesso affermo per quanto si
riferisce a Radium, Raggi X ed altri ricorsi di laboratorio. Tanto il veleno quanto il bisturi ed il
fuoco, sono agenti di morte e non di vita. Secondo la mia Dottrina, si ristabilisce e si mantiene la
«salute», invece di combattere «l'infermita», fenomeno negativo che si pretende presentare con
personalita positiva nella sua origine, quando non e altro che l'effetto di un disordine funzionale
dell'organismo.
Ripeto, il mio sistema ristabilisce la normalita digerente ed eliminatrice del corpo, poiche con
essa si normalizza e rigenera integralmente l'organismo intero. «La Medicina togli dolori», e quella
che interviene con medicamenti che combattono i microbi ed i sintomi disinteressandosi del
funzionamento organico, unico e vero fine che interessa realizzare.
Si dice che il mio sistema di Equilibrio Termico e difficile, ed agisce sacrifici e tempo.
Rispondo a proposito: Cio che vale qualche cosa nella vita richiede sforzo e costanza, per
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 145 di 176

tanto, la salute non scappa alla legge dello sforzo11.


I favorevoli risultati del mio regime di salute si otterranno a seconda che le affezioni siano
acute o croniche. Se l'infermo da affezione acuta non ha usato prodotti di farmacia, e non e stato
mutilato nelle viscere, per regola generale dopo otto giorni otterra il ristabilimento della salute. Con
la stessa condizione indicata, gli infermi cronici si vedranno liberi dai loro mali in 4 o 6 settimane,
salvo eccezioni. In tutti i casi il mio «Regime di Salute», che piu avanti spieghero, puo essere
seguito indefinitamente per assicurare una vita lunga alla persona che lo pratica.
Secondo la mia Dottrina, la salute non si conquista, ma si coltiva giorno per giorno, mediante
l'equilibrio termico del corpo.

PER OTTENERE ESITO


La salute, che e la regolare funzionalita dell'organismo, e lo stato normale degli esseri che
agiscono secondo la legge Naturale. L'uomo civilizzato deve vedere il problema della mancanza
della salute come una conseguenza dei propri errori di vita, poiche sono quelli che lo conducono a
squilibrare la temperatura del corpo. L'infermo, per ritornare a godere della salute, o si attiene allo
stretto compimento, cioe alla osservanza della legge Naturale, oppure si deve valere dell'adeguato
uso degli agenti naturali di vita, applicando il criterio della Dottrina Termica Lezaeta, poiche non
gli rimane altro cammino.
Tutti gli infermi devono tener presente che l'esito del trattamento termico e possibile solo
osservando le seguenti condizioni:
1) Ricorrere al trattamento opportunamente: Ai primi sintomi di disordine funzionale, si
deve applicare il trattamento integrale senza perdita di tempo. Se l'infermo ha
incorporato nel sangue medicamenti, droghe, iniezioni o antibiotici, la possibilita di
ristabilimento sara tanto minore quanto maggiore e stato il volume ed il grado di
tossicita di detti veleni. Le applicazioni degli agenti naturali saranno opportune ed
effettive in un corpo che conservi la sua integrita organica e fisica, cioe che non sia stato
sottoposto ad interventi chirurgici per estirpazioni di uno o piu organi; altrimenti si
allontanerebbe ogni possibilita di ristabilimento funzionale. Piu volte l'organo e operato
o estirpato, piu inopportuno e il momento di ricorrere alla Dottrina Termica in cerca di
salute. L'uso dell'elettricita, dei raggi X, del radium, o di qualsiasi altro agente del
genere, lascia definitivamente il corpo dell'infermo al margine della normale
funzionalita.
2) Che il trattamento sia di intensita adeguata ad ogni singolo caso: Pertanto, si deve
tener presente l'eta, il sesso, l'occupazione, ecc. L'iride degli occhi ed il polso sono le
migliori guide per indicare l'intensita delle applicazioni degli agenti naturali. Cosicche,
prescindendo dalla Dottrina Termica ed attuandolo con criterio curativo, si giunge
all'insuccesso, cioe ad un esito negativo.
3) Che le applicazioni siano ben fatte per ottenere lo scopo prefisso, cioè l'equilibrio delle
temperature del corpo: L'uso degli agenti naturali e delicato poiche questi non sono
specifici, e la loro applicazione non produce un determinato effetto, in quanto la
reazione dipende da determinate circostanze e fattori personali. Cosicche, la benefica
reazione di calore che produce una abluzione di acqua fredda, dipende dallo stato di
calore del corpo sulla quale si applica, e dalle posteriori precauzioni che si sono prese:
Come vestirsi, coprirsi adeguatamente, o praticare esercizi appositi. Se non si riesce
prima a condizionare l'equilibrio termico che permetta la normale funzionalita
all'infermo, questi non otterra alcun beneficio.
11 «Mangerai il pane con il sudore della tua fronte» e la legge della vita. Pero il pane non e solo l'alimento del
corpo, e pure la virtu e la salute. L'uomo si sacrifica ogni giorno per arricchirsi? Si sacrifica per santificarsi?
Ebbene, se vuole recuperare o conservare la salute, si deve pure sacrificare.
-Pag. 146 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

4) Che il trattamento sia praticato con costanza, tenendo presente che e un regime di
salute, e non un agente specifico per soffocare sintomi o manifestazioni morbose.
5) Che le reazioni dell'organismo e gli effetti del trattamento si interpretino
razionalmente, non dimenticando che l'organismo umano e soggetto e governato dalle
leggi naturali che sempre reagiscono in beneficio proprio. Si deve tener presente pure
che la Natura non agisce su due piedi, ma che il suo processo e evolutivo, pertanto
dobbiamo lasciarla agire, e dobbiamo convincerci che, quello che lei non puo fare, non
lo fa nessuno.

COME CONTROLLARE LA CURA


Molto sovente, persone entusiaste del mio sistema ricorrono al medico ufficiale o facoltativo
per conoscere la diagnosi, ossia, il nome del male da cui sono afflitte12.
La gente crede sia necessario sapere se si tratta di polmonite e di appendicite per applicare
convenientemente il mio regime di salute. Questo e un errore fondato nel criterio medico empirico.
Ripeto che secondo la mia Dottrina non esiste natura diversa fra malattia e malattia, ma esistono
solo «infermi», ossia organismi che mancano di salute in grado variabile, cosicche il mio sistema
nulla ha da vedere con la soffocazione di uno o altro sintomo, ma si dirige a normalizzare
totalmente il funzionamento della macchina umana, mediante le buone digestioni e l'attivita
eliminatrice della pelle dell'infermo. Questa «Normale Funzionalita» si ottiene nel corpo solo con
l'equilibrio fra la temperatura interna ed esterna di esso, di conseguenza, ed in tutti i casi, l'effetto
del mio «regime di salute» e quello di produrre la «febbre curativa» nella pelle del soggetto e
combattere la «febbre distruttiva» dalle viscere, rivelata sempre dall'iride degli occhi e dal polso.
Collocando cosi l'organismo in equilibrio termico, si ristabilira la normalita funzionale, il che vuoi
dire, ripristino della salute integrale.
Come piu volte si e detto, ristabilendo o normalizzando la funzione dell'apparato digerente in
un infermo, questi recuperera la salute. Cio dimostra che non esiste alcun infermo con buona
digestione e tanto meno possono esserci persone sane con cattiva digestione.
Dato che la digestione sana richiede anzitutto la temperatura normale nell'apparato digerente,
e poiche questa a sua volta va combinata col calore normale della pelle, ristabilendo l'equilibrio
termico del corpo, si otterra la normalita della funzione digerente ed eliminatrice. Investigando
quindi su come si realizzano queste funzioni, si otterra la dimostrazione del cammino che segue la
cura, ossia il ristabilimento della normale funzionalita del corpo alterato nella sua salute.
Osservando il polso e le evacuazioni intestinali dell'infermo, avremo il controllo del processo
restauratore.
Man mano che le pulsazioni di un adulto si avvicinano a 70 battiti al minuto possiamo essere
certi che la temperatura interna del corpo sta seguendo il cammino verso la normalizzazione. Il
ritorno del calore sulla pelle ed estremita dimostra la diminuzione della febbre interna, unico e vero
nemico da combattere senza tregua, giorno e notte.
Se l'intestino si libera con un'abbondante defecazione al mattino e alla sera, avremo ottenuto
una buona eliminazione intestinale, mezzo questo indispensabile per il ripristino della salute
integrale del corpo.
Non basta pero eliminare bene per ottenere la buona digestione, unico cammino per la salute,
occorre pure una buona elaborazione digerente. La compattezza e l'abbondanza delle feci di colore
bronzeo e libere da odori malsani, dimostrano che l'organismo ha approfittato dovutamente degli
alimenti ingeriti e che con essi il sangue ha incorporato elementi adeguati alla salute integrale.
Inversamente, escrementi scarsi, diarroici o induriti e di colore scuro e puzzolenti, indicano

12 Questo ci fa ricordare il caso della favola dei due conigli che, invece di fuggire ai cani, persero la vita
discutendo se questi erano levrieri o bassotti.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 147 di 176

l'esistenza della putrefazione intestinale, fonte di denutrizione ed intossicazione per effetto della
febbre interna.
La maggiore resistenza al freddo, il calore alla superficie del corpo ed alle estremita, una
facile traspirazione, riveleranno che le importanti funzioni della pelle si stanno normalizzando,
poiche in tutti gli infermi sono sempre piu o meno inattive.
Le eruzioni cutanee, i flussi, le fistole ed altri processi suppurativi, rivelano l'attiva difesa
organica che si manifesta con queste eliminazioni salvatrici. L'aumento della tosse, le lacerazioni,
l'urina torbida e carica di sedimenti, dimostrano l'espulsione di sostanze nocive all'organismo. Il
ritorno dell'appetito significa il ristabilimento della capacita digerente, indebolita precedentemente
dalla febbre interna che sempre causa anoressia, ossia inappetenza.
Perdere del peso durante il trattamento, manifesta l'attiva eliminazione delle sostanze estranee
dai tessuti vivi del corpo. Questo sintomo non deve allarmare l'infermo, poiche quello che vale e la
qualita, non il peso ed il volume. Non dimentichiamo che l'organismo elimina solo quello che lo
pregiudica, e giammai cio di cui necessita.
I dolori, le fitte, i bruciori, il prurito e molestie analoghe, che si manifestano seguendo il
regime di salute descritto in questo libro, ci rivelano la reazione che la difesa organica effettua
rimuovendo ed espellendo le materie morbose.
Qualsiasi sia il nome o la manifestazione delle malattie di un infermo, il processo morboso
sparira con la rigenerazione del suo sangue che puo solo avvenire in conseguenza di buone
digestioni e ad una attiva eliminazione cutanea. Per poter ottenere questa normalita funzionale
dell'organismo, come abbiamo visto, bisogna ristabilire l'equilibrio fra temperatura interna ed
esterna del corpo colpito.
Quanto e stato detto, puo essere diretto e controllato, solo dalla persona interessata, poiche la
salute non si ottiene per mano estranea, e tanto meno, per mezzo degli agenti di laboratorio; solo la
volonta. e la comprensione dell'infermo sono agenti della salute.
Infine, nel corso del trattamento la salute avra delle migliorie e dei recessi, cioe vi saranno
periodi con scale ascendenti e discendenti per cio che concerne il valore normale della salute, ma
tutto questo non deve allarmare, perche alla normalita si arriva a tappe, ed e cio che avviene
nell'ambito della Natura che dall'inverno, per arrivare all'estate, abbisogna prima della primavera.
Terminiamo questo paragrafo presentando un modello di trattamento per adulti, infermi
cronici. Seguendo questo Regime di Salute, qualsiasi persona che abbia perso la salute potra
ristabilirla, e potra mantenersi sana finche pratichera detto regime. Tutte le applicazioni che
prescriviamo in questo regime hanno come fine non curare, bensi normalizzare la digestione e le
eliminazioni, collocando ogni giorno il corpo in Equilibrio Termico.

PUNTO DI PARTENZA DELLA CURA


E CONSEGUENTE GUARIGIONE
La cura dell'infermo incomincia dalla conseguente normalizzazione delle funzioni organiche,
cosicche l'unica nostra preoccupazione sara di ottenere nell'infermo la regolazione della digestione,
del lavoro della pelle, dei reni, dei polmoni, e cio lo otterremo equilibrando le temperature del
corpo mediante il trattamento naturale indicato in questa opera.
Oltre alla rivelazione dell'iride degli occhi, la manifestazione sicura del ristabilimento della
salute si puo avere osservando:
1. - Il polso, che deve riprendere il ritmo normale di 70 pulsazioni al minuto in un adulto, e
qualche cosa di piu in un ragazzo. Devono sparire inoltre tutte le irregolarita, come le
intermittenze ecc.
2. - La digestione. Il bolo escrementizio deve essere evacuato almeno ogni 12 ore. Dagli
escrementi si denota l'elaborazione di un sangue puro che, per essere buono, essi si devono
-Pag. 148 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

presentare abbondanti, compatti, di colore bronzeo e liberi da odore malsano.


3. - l calore della pelle, deve essere uniforme su tutta la superficie del corpo, specie nelle mani
e piedi, che generalmente nella persona inferma sono sempre freddi.
4. - L'urina. Se la sua produzione si regolarizzera prendendo il colore e l'odore normale, ci
indica il buon lavoro dei reni.
5. - La respirazione. Deve riprendere il ritmo normale e il respiro deve essere prodotto con
facilita.
6. - L'appetito, il sonno e le forze. Ritorneranno lentamente.
7. - Lo stato della lingua. Con il ritorno alla normalita, deve essere pulita, e l'espressione del
viso deve essere gaia e serena.

Tutti questi progressi si manterranno e si accentueranno con il ricupero del peso corporeo e la
sparizione dei sintomi morbosi, se si persiste con costanza nel Regime di Salute.
\Presentandosi la normalita segnalata nelle funzioni poc'anzi descritte, mai dobbiamo allarmarci per
l'aumento della tosse, per la comparsa di suppurazioni, per la perdita di peso, per dolore, febbre
esterna, ecc., perche questi sono stati transitori, che si modificheranno con la normale funzionalita.

IL REGIME DI SALUTE
I consigli, che si danno in questo paragrafo, hanno per oggetto mantenere la salute della
persona che li pratica, e servono per ristabilire la salute che si e alterata. Cio che si consiglia, dovra
essere praticato quotidianamente, apportando quelle piccole ed eventuali variazioni a seconda che
si tratti di estate o inverno.
Essendo in piedi, cioe non degente a letto, il soggetto potra praticare questo regime
indefinitamente e con qualsiasi clima. Per le persone degenti a letto, si osserveranno le istruzioni
che si indicano nel paragrafo intitolato «Primi ausili» della seconda parte di questo testo.
Appena svegli - Prescindendo dall'eta, il soggetto si applichera la frizione di acqua fredda su
tutto il corpo, vestendosi poi senza asciugarsi, o ritornando a letto per reagire fino a che l'umidita
passi.
Seguiranno poi respirazioni profonde con esercizio all'aria libera e se possibile con
passeggiate in collina.
Prima di mezzogiorno - Gli adulti con piu di quarant'anni, eseguiranno il mio Lavaggio del
Sangue al vapore o al sole (se e possibile quotidianamente). I bambini e i ragazzi invece
applicheranno come preventivo, almeno una o due volte alla settimana, la fasciatura lunga, o
meglio ancora il bagno al sole, se il tempo permette.
Sono pure raccomandabili i getti parziali, alternati con frizioni per equilibrare la circolazione
sanguigna.
Nel pomeriggio - Si applichera il getto folgorante con beccuccio a lancia, molto gradevole nel
periodo d'estate. Per i bambini e i ragazzi e sufficiente un'abluzione fredda se traspirano e sentono
malessere.
Il bagno genitale a 15 a 30 minuti, a quest'ora e molto indicato per gli infermi di ambo i sessi,
specialmente se si accusa malessere al corpo o al ventre. Infine, il bagno di Just che e rinfrescante e
vivificante per tutti.
Dormire - Se si accusa stitichezza o gas, se gli escrementi sono diarroici o di mal odore, si
dormira con cataplasma di fango su tutto il ventre. Come misura preventiva, o se non e possibile il
fango, si applichera la fasciatura umida o la compressa addominale, mantenendola durante il sonno,
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 149 di 176

(sempre con la pelle e i piedi caldi).


Non mangiare senza appetito - Non esistendo questo, si mangera solo a crudo, frutta o
insalata mista.
La prima colazione del mattino - Dovra essere solamente frutta cruda di stagione, o secca se
non esistesse la prima. In mancanza di questa, e sufficiente un piatto di fiocchi crudi di avena,
messi a mollo in acqua fredda per 20 minuti, addolciti con miele o con frutta dolce (uva passa, fichi
o banane).
A mezzogiorno - Se c'e appetito il pranzo puo essere libero, preferendo insalata mista e cruda
accompagnata da olive, da un uovo sodo, da noci o mandorle dolci; seguono poi gli ortaggi di
stagione cotti al vapore o in minestre, conditi con solo olio crudo, ricotta o formaggio magro
fresco, e pane integrale. (Si devono evitare i ripieni di carne, le fritture ed il condimento a base di
pepe e senape).
La cena - Avendo appetito, puo essere come il pranzo, pero in minor quantita, generalmente
basta un po' di insalata o frutta cruda.
Il pane deve essere di preferenza integrale o tostato, per evitare che produca stitichezza.
In questo regime, sono da evitare i dolci, le conserve, il latte, il formaggio vecchio, le uova
non sode, il brodo e i succhi di carne, come pure tutte le bevande eccitanti (di conseguenza
intossicanti) come il caffe, il te, l'alcool. Non fumare.
A letto - Dormire con le finestre aperte o almeno in libro anche d'inverno.
Tanto alla persona sana, quanto alla inferma (sempre che non sia obbligata a letto) si
raccomanda un moderato esercizio fisico all'aria libera, e di non coricarsi mai durante il giorno.
Considerando che, l'organismo necessita del riposo almeno un giorno alla settimana, sani e
infermi si ciberanno esclusivamente di pura frutta cruda, mangiandone quanta se ne desideri e a
tutte le ore, cercando solo di non mescolare i vari tipi di. frutta contemporaneamente.
Accusando stitichezza, quotidianamente a digiuno, o durante la notte, si ingeriranno due
cucchiai da pasto di semi di lino messi a bagno in acqua fresca il giorno prima; perche l'efficacia di
questo lassativo sia maggiore, si possono aggiungere ai semi di lino 5 o 6 prugne secche, che con il
loro sapore rendono piu gradevole tale rimedio. (Questo tipo di lassativo regolatore si puo prendere
definitivamente, in quanto non irrita e nel contempo funge da alimento).
Non avendo ottenuto la giornaliera evacuazione fecale, prima di cena (30 minuti prima) si
pratichera un clistere di acqua fredda per scaricare il ventre.
Com'e abituale, il critico opportunista dice: «Lezaeta usa ricette standard per tutti gli infermi,
sapendo che ogni infermo presenta necessita diverse». A questo rispondo opportunamente: la
necessita comune a tutti gli infermi e il«ristabilimento» o ripristino della salute, cioe la normale
funzionalita e, poiche questa dipende esclusivamente dall'equilibrio termico fra temperatura interna
ed esterna del corpo, l'unico mezzo per attenerla e cio che si precisa in questo regime di salute.
Alla profana obiezione di come si possono curare tubercolosi, sifilide, o espellere un tumore
con «l'acqua fredda» rispondo: non si tratta di «curare», bensi «normalizzare» digestione ed
eliminazione per mezzo dell'attivita nervosa e circolatoria che si risveglia con il conflitto termico
dell'acqua fredda.
Il mio sistema quindi, genera sempre in tutti gli infermi la febbre curativa nella pelle, e
rinfresca le loro viscere, per ristabilire la loro digestione ed attivare le loro eliminazioni. Questo e
l'obiettivo dell'Equilibrio Termico e, per realizzarlo, i mezzi sono sempre gli stessi, solo che
secondo il caso variano di intensita. Per questo, in questo testo si prescrivono due regimi, uno per
le persone in piedi (capitolo XXII°), e l'altro per gli infermi degenti a letto (descritto nella seconda
parte).
Mi si domanda: quanto tempo si deve praticare questo regime di salute?
-Pag. 150 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Rispondo con un'altra domanda: per quanto tempo un'autista dovra aver cura della propria
macchina?
Infine, non dimentichiamo che si muore solo per «mancanza di salute».
Termino questo paragrafo richiamando l'attenzione del lettore sul concetto di Kuhne: si
curano tutte le infermita, pero non tutti gli infermi.
In effetti vi sono infermi che per la loro decomposizione organica non ottengono alcuna
reazione salvatrice, benche saltuariamente accusino qualche miglioramento praticando il mio
Regime di Salute. In questi casi, la forza vitale si trova addormentata a causa della intossicazione
intestinale cronica e molto avanzata, generalmente dovuta alle iniezioni, ai sieri, ai vaccini e peggio
ancora, se l'infermo e stato sottoposto ad interventi radium o chirurgici nelle viscere.
Per questo, il mio regime di salute proibisce assolutamente, ed in tutti i casi, l'uso delle
droghe e dei farmaci, dei raggi X e trasfusioni, tanto meno l'intervento della chirurgia. Essa viene
accettata solo in casi specifici.

INNOCENZA E PENITENZA
Cosi come la salute spirituale si ottiene con innocenza o penitenza, la salute del corpo si
possedera con un regime di vita conforme alla legge Naturale, specialmente per quanto riguarda
l'alimentazione, oppure con la penitenza, cioe espellendo quotidianamente per mezzo del mio
Lavaggio del Sangue, tutte le impurita provenienti dal disordine funzionale dell'organismo, o
accettando con rassegnazione le reazioni della difesa naturale che si manifesta con sintomi di
morbosita quali eruzioni, dolori, gonfiori, infiammazioni e malattie acute. Facendo la penitenza,
cioe praticando quotidianamente questo bagno, unico e vero purificatore del fluido vitale, si puo
essere piu liberali nell'alimentazione. Se si introducono nel corpo sostanze estranee, e se ogni
giorno si espellono per i milioni di pori della pelle, e evidente che la salute non soffrira. La pelle e
quell'organo meraviglioso che piu lavora, meglio si disimpegna, al contrario di cio che avviene in
tutti gli altri organi infermi del corpo che, con l'eccessivo lavoro, si congestionano e si degenerano.
Comunemente si afferma che il mio Lavaggio del Sangue, praticato quotidianamente,
indebolisce perche estrae dal corpo le sostanze organiche necessarie alla propria economia. Questo
e un errore, perche il bagno di traspirazione, se alternato con abluzioni fredde, non estrae nulla.
Con esso si pone l'organismo in grado di attivare le proprie funzioni e di espellere da se stesso le
sostanze estranee che lo pregiudicano. (In nessun caso si possono espellere dal corpo elementi
vivi).
Come ho detto, il mio sistema costituisce una «artificialita» destinato a combattere
l'artificialita della vita «civilizzata». La medicina e pure una artificialita, pero cura le infermita
invece di procurare la normalita funzionale dell'organismo, come la Dottrina Termica fa.
Infine, sempre che non sussista intossicazione medicamentosa, o esistano lesioni chirurgiche
o bruciature da radium o cobalto, tutte le malattie (quali la sifilide, la tubercolosi, l'asma, il diabete,
il cancro ecc.) perderanno la loro forza e termineranno di essere una minaccia per la vita
dell'individuo che con costanza seguira il mio regime di salute.
Termino questo capitolo richiamando l'attenzione del lettore affinche non incorra nell'errore,
pretendendo di voler ristabilire la salute di un infermo cronico con il digiuno o con il regime
purificatore a base di frutta cruda o insalata cruda. Non dimentichiamo che in un apparato digerente
febbricitante anche il-miglior alimento si corrompe; di conseguenza, la prima necessita per ottenere
il vero effetto e di combattere la febbre interna, che in grado variabile e comune in tutti gli infermi,
come gia sappiamo.
I problemi da risolvere per il ripristino della salute in un infermo sono due: l°) Ristabilire la
sua.digestione: 2°) Rimuovere ed eliminare tutte le impurita che il corpo ha accumulato nello
spazio di lunghi anni, di disordini nutritivi, talvolta anche accompagnati da intossicazioni
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 151 di 176

medicamentose, e cio non deve meravigliarci poiche in questi tempi imperano: la penicillina,
streptomicina e tutte le droghe «miracolose» che terminano in «ina».
Dunque, teniamo ben presente che la salute non si conquista, ma si coltiva mediante
l'Equilibrio Termico del corpo, poiche l'uomo con la cucina quotidiana sfebbrar le proprie viscere e
con l'inadeguato vestiario raffredda la propria pelle.
-Pag. 152 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XXIII°

CASI DI GUARIGIONE
Poiche il proposito di questo libro e di insegnare il cammino verso la salute, nel presente
capitolo esporremo alcuni casi di guarigione, realizzati con la pratica della mia Dottrina Termica.

TUMORE CEREBRALE CHE NON ESISTEVA


Il bambino di sette anni E. M., figlio di un albergatore di questa capitale (l'autore si riferisce
alla citta di Santiago del Cile), gia da 22 giorni si trovava a letto vittima, o per meglio dire, in preda
a terribili dolori alla testa con suppurazione all'orecchio destro.
Famosi specialisti sottoposero l'infermo a trattamenti di punture, di applicazioni di diatermia,
di radioterapia, di lavaggi disinfettanti, di iniezioni con somministrazioni di tonici ricostituenti,
pero senza alcun risultato.
L'esame eseguito con i raggi X, secondo i facoltativi rivelo l'esistenza di un tumore al
cervello con la lesione dell'osso.
Risultati nulli i trattamenti sopra descritti, come ultimo ricorso fu considerato necessario
l'intervento chirurgico per l'apertura del cranio.
Essendo stata stabilita l'operazione per il lunedi, il venerdi precedente fu chiesto il mio
parere. Esaminando l'iride degli occhi dell'infermo provai l'errore dei facoltativi guidato dai
raggi X. Non esistevano ne tumore ne lesione all'osso. Esisteva solamente una infiammazione
locale con abbondante accumulazione di materia purulenta, la cui origine si trovava nell'apparato
digerente per fermentazione putrida.
Seguendo le mie indicazioni, si combatte la febbre dell'interno del ventre, come quella locale
dell'infiammazione dell'orecchio, con un risultato tanto buono che la domenica, quando i medici si
riunirono in consulta, con grande sorpresa constatarono la scomparsa dei dolori e della febbre.
«Non crediamo ai miracoli!» furono le loro parole alla vista di un cambio radicale in cosi breve
tempo.
Per 20 giorni stettero ad osservare il bambino, perche non potevano comprendere come
poteva essersi liberato dall'intervento chirurgico, trattandosi di un processo distruttivo dell'osso,
chiaramente provato dai raggi X.
Venti anni dopo incontrai l'allora bambino, ormai un giovane uomo, sano e vigoroso.

ERNIA SCOPERTA DAI RAGGI X E SMENTITA DALL'IRIDE


Il signor M. G., cittadino spagnolo, commerciante di professione, abitante a Santiago, fu
condannato ad un pericoloso intervento chirurgico per eliminare un'ernia diagrammatica che,
secondo i medici, era stata riscontrata con ripetuti esami radiologici.
Precisata cosi la lesione della parete a forma di nicchia, che separa la cavita toracica
dall'addominale, si considero inevitabile la corrispondente operazione.
Per consiglio di amici, all'ultima ora l'infermo chiese di essere visitato dall'autore di queste
righe. L'esame dell'iride degli occhi non rivelo alcuna lesione al diaframma, di conseguenza
l'interessato fu messo al corrente.
Grande lavoro costo convincerlo ad accettare la mia opinione e adottare il mio trattamento.
Ebbene, sottoposto a questo, a distanza di quattro settimane l'infermo si vide libero dai suoi dolori.
Due anni dopo, ottenni il sommo piacere di vedere che quella persona che un tempo era stata
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 153 di 176

sul punto di sopportare un'operazione per una creduta ernia al diaframma, denunciata dalla
osservazione con i raggi X, godeva di una perfetta salute senza aver subito l'intervento.

TUMORE UTERINO
La signora S. R. de A. di S. E. doveva sottoporsi ad un intervento chirurgico per estirpazione
di un tumore interno. Chiese la mia opinione ed io consigliai l'inferma di evitare l'intervento,
·prescrivendo un trattamento destinato a decongestionare profondamente l'interno del ventre e a
riattivare la circolazione sulla pelle.
Alla sesta settimana di stretto trattamento, l'inferma fu presa da forti dolori e da malessere
generale, quindi si vide obbligata a chiamare d'urgenza il Dottor M.
Obbedendo alla chiamata, il facoltativo si presento per praticare un esame al ventre
dell'inferma pero, con grande sorpresa, non fece altro lavoro che ricevere con le proprie mani un
tumore duro della grossezza di una testa di un bambino recentemente nato, che l'organismo
espelleva per proprio conto.
Due anni dopo questo avvenimento, ricevetti la visita della signora che completamente sana,
veniva a ringraziarmi per averla aiutata a liberarsi da un tumore senza l'intervento del bisturi.

LE GRAVI CONSEGUENZE DELL'INFLUENZA TRASCURATA


N. C. C. di Renca13, a 26 anni di eta, e stato vittima di una influenza trascurata. Dopo una
settimana, questo giovane non si poteva piu muovere dal letto. L'alta febbre interna produsse
nell'infermo il mortale e caratteristico raffreddamento esterno di tutto il corpo. Mentre le mani e i
piedi si presentavano gelati, la congestione all'interno del petto, ventre e testa aumentava di
momento in momento.
Si produsse l'abituale stato comatoso, poiche lentamente ma progressivamente la congestione
aveva colpito e indebolito le funzioni importanti dei polmoni, fegato, reni, e cervello, paralizzando
l'intestino e ritenendo l'orina.
Essendo in pericolo di morte, fu sollecitata la mia presenza. Ascoltando il polso rapido e
debole, ed osservando l'iride degli occhi del paziente, comprovai il gravissimo squilibrio termico e
circolatorio di cui era vittima.
Per cagionare una reazione salvatrice, era necessario decongestionare gli organi interni ormai
incapaci di funzionare liberamente a causa della pletora sanguigna immobilizzata nel petto, ventre
e testa.
Dato che il corpo esternamente, cioe alla superficie, era freddo, la cosa piu logica sarebbe
stata quella di intervenire con il vapore sulla pelle; pero essendo il cuore agitato e debole, non potei
far uso del vapore generale. Risolsi quindi di attrarre alle estremita la pletora sanguigna dell'interno
del corpo, avvolgendo polpacci, piedi, avambracci e mani con cataplasmi caldi di fiori di fieno,
praticando previamente la frizione fredda su tutto il corpo.
In meno di un'ora, con questa semplice applicazione si pote ristabilire lo squilibrio termico
del corpo e l'infermo, riprendendo conoscenza, incomincio a respirare liberamente.
Uscito dallo stato di coma, per tutto il giorno l'infermo fu sottoposto, con intervalli di un'ora,
a frizioni fredde su tutto il corpo e durante la notte, gli fu applicato il cataplasma di fango sul
ventre.
Come dieta, prescrissi frutta cruda e con tutto questo si normalizzo il funzionamento organico
e ritorno la salute.

13 Renca e una citta posta 80 km a sud di Santiago del Cile.


-Pag. 154 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

LE OPERAZIONI CHIRURGICHE NON SONO NECESSARIE


Il signor R. A. di 30 anni era condannato ad un immediato intervento chirurgico per
l'estirpazione di un supposto ascesso nel basso ventre che gli causava terribili dolori e lo obbligava
a letto.
Prima di portare l'infermo all'ospedale, fu chiesta la mia opinione sul caso. Osservando l'iride
degli occhi ed ascoltando il polso, constatai nel paziente un'alta febbre interna ed una grande
infiammazione dei tessuti del basso ventre. Abbondanti materie morbose (provenienti dalla cattiva
nutrizione e dalla deficiente eliminazione della pelle, reni ed intestini) si erano accumulate in
prossimita delle uscite dell'intestino e vie urinarie, facendo pressione sulla prostata e sul retto,
spostando dal suo posto l'ano e rendendo difficile l'espulsione dell'orina.
Il processo infiammatorio del basso ventre era tanto intenso che i gangli inguinali si
presentavano gonfi e doloranti.
Opinai che la progettata operazione, non solo non era necessaria, ma era sommamente
pericolosa, perche le sostanze corrotte causanti la crisi non si trovavano isolate in una borsa, ma
impregnavano tutti i tessuti prossimi all'ano; di conseguenza, con la eventuale operazione,
avrebbero cercato di uscire dalla ferita invadendo facilmente il peritoneo, il che avrebbe causato la
morte per intossicazione del sangue.
Con questa spiegazione fu accettato il mio criterio. Dopo aver seguito per due giorni le mie
istruzioni, tra acuti dolori all'infermo si aprirono due fistole sul lato sinistro dell'ano, permettendo
in tal modo l'uscita di piu di un litro di materia corrotta.
Con tale procedimento si ottenne una operazione senza sangue, realizzata dalla saggia
Natura. Dopo sette giorni l'infermo abbandono il letto, allegro e animoso, con il corpo purificato
oltre che dalla locale suppurazione, da abbondanti traspirazioni e con una dieta di frutta cruda.

TUBERCOLOSI POLMONARE SCOPERTA DAI RAGGI X E SMENTITA DALL'IRIDE


Mi fu presentata un'inferma di 50 anni, il cui respiro affannoso la obbligava a camminare con
molta fatica. Era un'istitutrice e dovette abbandonare la propria occupazione, perche considerata
incurabile e contagiosa. Era inferma da piu di sei mesi, e dopo essere stata sottoposta ad una
operazione, era stata dimessa dall'ospedale del Salvador come incurabile, perche affetta da
tubercolosi alla pelle del dorso, secondo l'espressione e il parere dei medici facoltativi che, dai
ripetuti esami ai polmoni per mezzo di raggi X, riscontrarono lesioni polmonari incurabili.
Indipendentemente dall'opinione medica, esaminai l'iride degli occhi di questa inferma,
riscontrando totalmente sani i tessuti polmonari, pero l'iride denunciava una grande impurita dovuta
all'effetto della stitichezza cronica.
Il polso con piu di 110 battiti al minuto, accusava una febbre interna attorno a 39 gradi
centigradi. Con questo calore nell'interno del ventre, era evidente che gli escrementi ivi sistemati
fossero in continua putrefazione, e che i gas che essi continuamente generavano salissero verso il
petto e la testa, rendendo difficile in tal modo la funzione polmonare e irritando i bronchi, i quali
con persistente tosse dovevano espellere le abbondanti mucosita provenienti dall'intestino.
Sottomessa al mio trattamento, questa inferma normalizzo la sua digestione e due mesi dopo,
si vide curata dei propri mali, ritornando all'abituale occupazione.
Una volta ancora, l'iride smentiva il laboratorio.

LE INFERMITA DELL'INFANZIA
Mi portarono una creatura che aveva sette mesi di vita, e che dopo averne trascorsi quattro
all'ospedale, era stata dimessa come incurabile.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 155 di 176

Un ventre gonfio e voluminoso predominava su di un corpicino tanto magro da sembrare


scheletrico; gli occhi gia non si aprivano per mancanza di forze, la respirazione faticosa e ansante
denunciava la febbre che stava consumando le viscere, e annunciava la morte. Per di piu, l'intestino
e la vescica erano in uno stato di rilassamento poiche i loro muscoli, per l'infiammazione, avevano
perso tutta la elasticita, permettendo la continua uscita di materie fetide e acquose.
Come di consueto, anche in questo caso l'origine di tutto il frastorno organico si trovava
nell'apparato digerente, in cui si era originato lo stato di aumento di febbre a causa dei continui
sforzi per l'elaborazione degli alimenti inadeguati. In effetti, a causa di una infermita, la madre
allatto questa creatura per soli tre mesi poi, su consiglio del medico, la nutri con alimenti di
fabbrica e con latte di vacca che, invece di nutrire, mantennero in uno stato cronico di irritazione le
mucose dell'apparato digerente, facendo dello stomaco ed intestino un laboratorio di veleni che
stavano per troncare la vita del bambino.
Il trattamento salvatore doveva combattere la febbre interna, rinfrescare l'interno del ventre e
attivare il calore della pelle ed estremita. Inoltre, era necessario che lo stomaco ricevesse alimenti
freschi e vivi onde evitare putrefazioni. Tutto questo si ottiene in poche settimane, mettendo il
bimbo per lunghe ore con le gambette esposte al sole, e con il resto del corpo all'ombra (cioe non a
contatto diretto dei raggi del sole), avvolgendo tutto il tronco con cataplasma di fango, giorno e
notte, cambiandolo ad intervalli di quattro ore durante il giorno. Prendendo latte di mandorle dolci,
allungato con acqua fresca e senza zucchero, ogni qualvolta lo desiderava (per i primi giorni) e poi
frutta cruda di stagione .preparata in frullati; questi furono gli alimenti salvatori.
Dopo un anno, questo bambino era un esemplare di salute, poiche aveva ristabilito la
digestione con l'Equilibrio Termico.

CASI DI MATERNITA DICHIARATI DALLA SCIENZA IMPOSSIBILI E OTTENUTI


MEDIANTE L'EQUILIBRIO TERMICO
La signora Garcia, spagnola di 27 anni, in tre anni ebbe due gravidanze e, malgrado le avesse
portate a termine normalmente, in entrambi i casi il medico fu obbligato a praticare l'orribile taglio
cesareo, per estrarle dal ventre due creature che non nacquero normalmente.
La scienza medica ufficiale nego a questa povera signora la possibilita di essere madre,
perche gia era stato provato che le dimensioni della sua pelvi erano ridotte in modo anormale e
poiche le sue creature si presentavano straordinariamente grandi, al momento del parto si rendeva
necessaria l'estrazione con i ferri.
Questa fu la triste storia che i Garcia mi vennero a raccontare, chiedendo un possibile
conforto da parte mia.
Per poter decidere esaminai l'iride degli occhi della signora e riscontrai in essa una grave
intossicazione del sangue, derivata dalla stitichezza cronica. Per mezzo dell'iride, notai pure che i
tessuti del ventre erano cronicamente infiammati per l'accumulazione di sostanze malsane che non
incontravano libera uscita nell'intestino.
Malgrado si trattasse di una persona il cui corpo era delicato, sottile, e che a prima vista
poteva indurre a confermare l'opinione dei medici facoltativi, il mio giudizio fu ottimista. Affermai
che la saggia Natura non poteva cadere in errore, dando alla madre un figlio sproporzionato alle sue
forme; cio si comprova osservando le galline, nelle quali la grandezza dell'uovo e in relazione alle
dimensioni del corpo.
Facilmente, l'iride degli occhi di questa giovane sposa rivelava il mistero della sua disgrazia.
La grande stitichezza cronica caricava di veleni il sangue di quest'inferma; queste sostanze
tossiche, irritando i tessuti del feto, progressivamente lo gonfiavano; di conseguenza, al termine
della gravidanza questo si presentava straordinariamente ingrandito. D'altra parte le materie
escrementizie, insufficientemente eliminate dall'intestino, si andavano accumulando fra i tessuti del
basso ventre, producendo l'infiammazione che di conseguenza, riduceva lo spazio di uscita del
-Pag. 156 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

prodotto della concezione.


Con un feto gonfio, e con i tessuti della pelvi infiammati e producenti il gonfiore dei bordi,
l'apertura doveva ridursi; era logica quindi l'impossibilita del parto. Il rimedio ideale indicato fu il
seguente:
La purificazione del sangue dell'inferma mediante un'alimentazione adeguata, attivare le
eliminazioni per la pelle, reni e intestini, onde evitare l'azione irritante del sangue nei tessuti del
corpo in formazione, per far sparire il suo voluminoso gonfiore.

Inoltre, decongestionando gli organi del basso ventre materno, si facilitava l'uscita,
permettendo il libero passaggio del feto.
Accettato il mio punto di vista, l'inferma si sottomise ad un regime alimentare a base di frutta
cruda, di insalate, noci e mandorle dolci, oltre ad un giornaliero trattamento idrotermo-terapico che
procurava la riattivazione della pelle con frizioni d'acqua fredda, al mattino e durante la
traspirazione del bagno di sole. Per la decongestione e riattivazione del ventre prescrissi due bagni
genitali della durata di 20 minuti ognuno.
Seguendo questo regime fino all'ultimo giorno della nuova gravidanza che, si presento senza
vomiti ne molestie, la signora ottenne un parto normalissimo che non solo si realizzo senza ausilio
estraneo, ma si puo dire che si presento quasi senza dolore.
Questa signora mi fece una visita di riconoscenza, presentandomi un bellissimo bambino
nutrito da un sano ed abbondante latte di una madre che, collocando il suo corpo in Equilibrio
Termico, aveva incontrato la salute e la felicita negatale dalla scienza facoltativa.
Venti anni dopo, era madre di quattordici figli sani.

ATTACCO CEREBRALE
Una signora sposata in Ch., che da anni soffriva di paralisi in tutta la parte sinistra del corpo,
venne colpita da un attacco cerebrale. Dopo vari trattamenti a base di iniezioni e droghe, fu
dichiarata incurabile. Chiamato dai familiari per formulare un'opinione, mi resi conto della gravita
del caso; l'inferma, aveva perso la conoscenza per il disordine circolatorio del sangue, che aveva
provocato una forte congestione al capo e un'anemia nelle estremita, in special modo ai piedi.
Si doveva quindi normalizzare la circolazione attraendo il sangue alle estremita, e scaricare la
testa, cio si ottenne nel giro di poche ore, avvolgendo le gambe dell'inferma dal ginocchio alla
punta dei piedi e le braccia dal gomito alle mani comprese, con cataplasma di fiori di fieno,
mantenendo nello stesso tempo il capo fasciato con cataplasma di ricotta fresca.
Con questo semplice trattamento, dopo quattro ore si ridono vita all'inferma che, recuperando
i sensi, si sedette sul letto per conversare della sua infermita.

FRATTURA DI UNA GAMBA


L'operaio Vincenzo Rojas, cadendo da un'impalcatura si fratturo una gamba, la sinistra, e
precisamente in prossimita della caviglia.
La rottura fu tale che le ossa, spezzandosi, ruppero la pelle, e nella caduta toccarono il suolo.
Portato all'ospedale San Juan de Dio, fu ricoverato nella sala del Santissimo Sacramento.
Dopo venti giorni di martirio, gli comunicarono che dovevano amputare l'arto infermo, dato che
non v'era altro rimedio.
Chiamato a visitare l'infermo, compresi la gravita del caso; esisteva gia nella ferita il
processo di decomposizione cancrenosa, denunciata dall'odore nauseante. Consigliai all'infermo di
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 157 di 176

farsi portare a casa per poter applicare il mio trattamento purificatore.


A prima vista sembrava inumano voler far uscire un paziente in gravissimo stato da un
ospedale che offriva, apparentemente tutti gli elementi richiesti dall'igiene, per condurlo in una
catapecchia e coricarlo su di un immondo letto, perche questa era l'abitazione del mal fortunato.
Pero, malgrado questi inconvenienti, il nostro infermo dopo 20 giorni pote alzarsi e camminare
aiutato dalle stampelle, e appoggiando sempre piu il piede. Prima di due mesi camminava con
l'ausilio di un solo bastone.
Come prima cosa, segui la riposizione delle ossa al loro posto (operazione eseguita da un
capace compositore). Dopo che l'infermo si trovo immobilizzato a letto gli praticai la frizione di
acqua fredda quattro volte al giorno, come meglio potevo. Al mattino appena sveglio e alla sera
prima di dormire, gli curai la ferita applicando su di essa vapore di coda cavallina con fiori di
arnica, per un tempo di 10-15 minuti poi, sempre sulla ferita, con una teiera versai in forma di getto
l'acqua del decotto con il quale avevo prodotto il vapore; infine, coprii la parte inferma con l'erba
del decotto stesso e con un cataplasma di fieno greco.
Con le frizioni di acqua fredda praticate su tutto il corpo, dal collo ai piedi, si risveglio
l'attivita vitale e si posero in azione le difese organiche; il vapore purifico i tessuti morti, e favori la
eliminazione delle sostanze estranee, le erbe aiutarono la cicatrizzazione, ed il fieno greco espulse
il pus, impedendo cosi il passaggio nel sangue.
Con la dieta esclusiva di frutta di stagione, noci ed insalate, si procuro all'organismo il
materiale sano per la ricostruzione. Tutto cio, aggiunto alla respirazione di aria pura, in quanto la
stanza rimase con porta e finestre aperte giorno e notte, mise l'organismo nella condizione
favorevole per realizzare la guarigione.
Dopo che la ferita fu cicatrizzata, il.paziente accuso forti dolori al tallone, vedendosi
impossibilitato a camminare; con vapori locali e fieno greco, in pochi giorni riusci a far uscire una
scheggia di osso nero: era cio che l'organismo espelleva, senza necessita di aiuto estraneo,
normalizzandosi cosi definitivamente.

TUBERCOLOSI DELLA PELLE


Il ragazzo Carlos Gonzales di 13 anni, da circa nove anni soffriva di processo tubercolare
sulla pelle del viso, collo compreso. Si puo dire che questo poveretto fin dall'eta di quattro anni,
entrasse e uscisse dagli ospedali e dispensari della citta di Santiago, sottoponendosi ad operazioni
chirurgiche, nelle quali fu effettuato anche il raschiamento dell'osso. Per meglio precisare, cinque
furono gli interventi chirurgici oltre alle varie applicazioni di raggi ultravioletti e altri procedimenti
«scientifici»; pero, ebbero risultato negativo. Sottomesso al mio trattamento la ribelle lesione, che
faceva la disgrazia di questo infermo, in quattro mesi si cicatrizzo definitivamente.
La guarigione si ottenne intervenendo sopra tutto l'organismo, con le applicazioni di acqua
fredda, e precisamente praticando frizioni, getti con beccuccio a lancia, fasciature umide alternate
con bagni di sole, per generare la sudorazione. Con tutti questi ricorsi, si stimolarono le difese
naturali e si favorirono le eliminazioni morbose. D'altra parte, con l'aria pura giorno e notte, e con
un'alimentazione prettamente vegetariana a base di frutta, semi ed insalate crude, si offrirono
all'organismo quelle sostanze sane indicate come idonee per la ricostruzione del sistema cellulare.
La cura locale della ferita venne praticata due volte al giorno, applicando vapore di coda cavallina e
fiori di arnica per la durata di dieci minuti, lavando poi la ferita con la stessa acqua del decotto, e
applicando la stessa erba sulla parte inferma, aggiungendo a questa un cataplasma di fieno greco
per mantenere il continuo assorbimento delle emanazioni putride.

LA SIFILIDE
Dopo aver trascorso sette mesi in mano di famosi specialisti il signor E. V. P. di 30 anni, si
trovava prostrato a letto ed incapace di compiere qualsiasi movimento, a tal punto che per mangiare
-Pag. 158 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

doveva ricorrere all'aiuto di una seconda persona. I medici facoltativi erano impegnati a far sparire
un eczema ribelle, che ritornava a presentarsi su tutto il corpo dopo esser stato curato con
applicazioni di Neosalvarsan, di cianuri e ioduri di mercurio. L'abbattimento morale e lo squilibrio
nervoso producevano nell'infermo uno stato di depressione tale da indurlo per lunghe ore al pianto,
tanto che una volta cessato, si trasformava in malumore rasente la follia; inoltre era subentrata la
insonnia e di conseguenza la perdita dell'appetito.
Quando i medici decisero di «provare» nuovi medicamenti per arrestare il male, fui chiamato
dai familiari di questo giovane. A prima vista potei accertare che la principale causa di cio che
stavo vedendo era dovuta al trattamento medicamentoso. In effetti l'attiva reazione della Natura
procurava, o meglio cagionava, l'espulsione attraverso la pelle dell'infezione sifilitica manifestata
con l'eczema che, secondo l'opinione medica, si combatteva con l'arsenico e il mercurio.
Cio che rendeva impossibile l'azione della difesa organica erano proprio questi prodotti;
pertanto l'organismo dovendo tollerare questi prodotti, che nel suo interno agivano attaccando i
centri nervosi, veniva addormentato nella sua attivita nervosa, quindi era propenso alle
manifestazioni di paralisi.
Procedetti immediatamente escludendo categoricamente il trattamento medico a base di
farmaci, e prescrivendone un altro che potesse provocare le eliminazioni morbose.
Prima di tutto, trattai di risvegliare la rovinata digestione dell'infermo, facendolo digiunare un
giorno intero, e permettendogli solo acqua naturale. I tre giorni successivi, l'infermo si cibo con soli
succhi d'uva, di carote, di mele e di orzata di mandorle dolci; dopo di che, segui una dieta
strettamente vegetariana a base di frutta cruda, insalata e mandorle dolci.
Poiche l'infermo era incapace di movimenti, e dato che la sua pelle si era trasformata in
crosta e rompendosi procurava dolori acuti, per tutta la durata della degenza a letto, giorno e notte,
pratico la fasciatura totale di fango. Quando l'infermo pote alzarsi dal letto, prescrissi la frizione del
mattino, tre bagni genitali al giorno di 20-30 minuti ognuno, e data la possibilita della stagione
estiva, approfittai per fargli praticare il seppellimento nella terra umida del giardino, per uno spazio
di tempo fra i 20-40 minuti, lasciandogli libera solo la testa. La pratica terminava lavando il corpo
con l'acqua fredda e naturale.
Dopo otto giorni di questo trattamento, l'infermo pote dormire regolarmente e riacquistare
l'appetito. Il corpo si riempi di eruzioni, dalla testa alla pianta dei piedi, apparirono veri tumori
nelle regioni della milza, del fegato, dell'inguine, del collo e ascelle, che si obbligarono alla
suppurazione con applicazioni di vapore e con sacchetti di fiori di fieno, dando luogo a una
abbondante espulsione di sostanze morbose. Fino all'esaurimento aiutai l'eliminazione morbosa con
il cataplasma di fieno greco. Dato che il corpo si era trasformato in una piaga unica, durante la
notte all'infermo si praticavano le fasciature bagnate nel decotto di fieno greco e di coda cavallina,
avvolgendo tronco, braccia e gambe.
Dopo aver trascorso tre settimane in questo stato acuto, nelle quali l'infermo elimino piu di un
litro e mezzo di sostanze corrotte, incomincio ad asciugare e cicatrizzare gli ascessi, con la
ricostruzione della pelle che cambio totalmente dal cuoio capelluto alla pianta dei piedi.
Alla quarta settimana, l'infermo si sentiva bene, benche la magrezza l'avesse reso quasi
irriconoscibile. Alla sesta settimana usci di casa, e riprese la sua attivita, accettando pure del lavoro
straordinario, cosa che prima di ammalarsi non poteva fare.
Il nostro infermo oggi vende salute, si sente pieno di allegria e di ottimismo, e per di piu ha
recentemente contratto matrimonio.
E accertato quindi che, favorendo l'opera curativa della Natura, si arriva con certezza alla
vera guarigione, benche si tratti di una malattia tanto ribelle come la sifilide, cio che la medicina
ufficiale non solo non cura, ma aggrava con l'azione dei veleni, quali il mercurio, l'arsenico, la
penicillina, la streptomicina e tutte le altre droghe oggi di moda, perche dichiarate infallibili dalla
propaganda.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 159 di 176

AVVELENAMENTO PER OSSIDO DI CARBONIO


Sul quotidiano di Santiago «La nazione», il giorno 3 luglio 1928 venne pubblicato il seguente
articolo: Straordinaria guarigione ottenuta con i metodi Naturisti.
«Lunedi 18 giugno scorso, sul giornale in oggetto, fu pubblicato e commentato il caso di
asfissia del mio amministratore e della sua sposa che, coricandosi, lasciarono il braciere in camera.
«La coppia morente venne portata al pronto soccorso dove, accertata la gravita delle vittime,
si procedette a curare per prima la donna perche ritenuta meno grave e con maggior possibilita di
reazione, dati i suoi 22 anni.
«Il marito che aveva 6 anni di piu, e che quasi non dava segni di vita, fu tenuto in
osservazione.
«Secondo la medicina ufficiale, l'avvelenamento per ossido di carbonio colpisce direttamente
il sangue perche, penetrando nei polmoni, si fissa con l'emoglobina del fluido vitale; e di
conseguenza, tale combinazione cagiona la morte dei globuli rossi.
«Secondo questo concetto, l'unico rimedio in questi casi di alterazione chimica, si trova nella
rinnovazione totale del sangue, cioe praticando una trasfusione, estraendo questo liquido ad un'altra
persona. Incontrato il soggetto che, generosamente offerse il proprio sangue, ebbe luogo la
trasfusione. Disgraziatamente, e malgrado tutte le attenzioni di cui fu oggetto nel pronto soccorso,
l'inferma si aggravo quasi subito, e spiro due ore dopo la trasfusione.
«Dato che il mio amministratore si trovava ancora in vita, ed essendo questi uno dei miei
impiegati piu utili e meritevoli, mi sentii in dovere di provare tutti i mezzi prima di abbandonarlo al
suo destino; quindi, come ultimo ricorso, sollecitai una visita all'infermo da parte del signor
Manuel Lezaeta Acharan.
«Accettata la mia richiesta, l'infermo fu trasportato nuovamente a casa, e sottoposto al
trattamento prescritto dal signor Lezaeta. Il risultato fu piu che soddisfacente. Dopo poche ore si
noto una reazione che, a ogni momento si faceva piu franca fino a essere definitivamente salvatrice
in meno di cinque giorni, dando all'infermo la possibilita di alzarsi e riprendere il suo lavoro
normalmente.
«Testimonio di questa guarigione quasi miracolosa, realizzata al margine di tutti i pregiudizi
che esistono contro tutto cio che non viene realizzato per mano della medicina ufficiale, mi sento in
dovere di esporla al pubblico, affinche si possa approfittare di tutti i benefici che la cura naturale ci
offre, e nello stesso tempo far conoscere a tutti i lettori di questo quotidiano l'opera umanitaria in
cui e impegnato il Signor Manuel Lezaeta Acharan, che pubblicamente ringrazio ed
entusiasticamente elogio».
firmato: Domingo Artega Infante

TUMORE TUBERCOLARE AD UNA CAVIGLIA


Il ragazzo Julio Orrego, di 14 anni affetto alla caviglia destra da un tumore tubercoloso del
peggiore aspetto, si sottomise per tre anni ad un trattamento medico ospedaliero.
L'infiammazione dei tessuti era straordinaria, e comprometteva la pelle, i muscoli e pure
l'osso. All'altezza dell'articolazione si erano aperte pustole, che costantemente espellevano sostanze
corrotte e putrefatte. Queste pustole attirarono l'attenzione del personale medico dell'ospedale, che
si prodigo per cicatrizzarle e saturarle, con applicazioni caustiche, raggi X e ultravioletti. Fu tentato
perfino il raschiamento dell'osso, pero senza alcun risultato.
Dato che la malattia si era dichiarata ribelle ai trattamenti praticati nei vari ospedali del sud,
secondo i medici facoltativi, questo ragazzo venne condannato all'amputazione della gamba.
-Pag. 160 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Come ultimo ricorso, il padre lo condusse a Santiago e, per consiglio di un conoscente, lo


porto da me.
Esaminando l'iride degli occhi, riscontrai una grave impurita del sangue dovuta alla
conseguente stitichezza cronica. La deficiente eliminazione dell'intestino, riteneva nel ventre
sostanze corrotte che, assorbite dal sangue, si accumulavano nella parte colpita dal tumore.
Il tumore e le sue secrezioni non costituivano alcuna cosa pregiudiziale, anzi, denunciavano
l'esistenza della difesa organica, che non doveva essere soffocata come fino a quel momento aveva
fatto la medicina ospedaliera.
Il trattamento curativo fu diretto a normalizzare la digestione da tempo alterata e ad attivare
le eliminazioni dell'intestino, pelle e reni. Si favori l'uscita delle sostanze corrotte attraverso le
pustole del tumore, e con un regime alimentare a base di frutta cruda si evito la produzione di
nuove impurita.
Otto mesi dopo, con grande gioia l'infermo aveva gia ricuperato completamente la salute. Il
tumore spari, le fistole si chiusero definitivamente, e la gamba ritorno allo stato normale, sana
quanto l'altra. Cio che e piu interessante da segnalare in questa cura, e «l'operazione chirurgica»
che realizzo la Natura.
L'osso dell'articolazione della caviglia, rimanendo per lungo tempo a contatto con le sostanze
corrotte depositate nei tessuti periferici marci trasformandosi in una massa spugnosa e suppurante.
In seguito al trattamento naturale, il sangue si purifico e, a loro volta, le difese naturali alimentate
dal fluido rigenerato, iniziarono la loro opera di eliminazione e con questa, un po' per volta,
espulsero l'osso imputridito, formandolo di nuovo. Durante il corso del trattamento, ogni 8 o
10 giorni appariva periodicamente un corpo estraneo, che si alzava come una spina per una pustola
del tumore, e da un giorno all'altro usciva aderendo al fieno greco, che costantemente si manteneva
sulle lesioni. Come testimonianza, conserviamo undici schegge d'osso tarlato dalla putrefazione,
che il tumore espulse senza ausilio estraneo, durante il corso della citata cura.
Con questo caso, vediamo una volta ancora che le operazioni chirurgiche non sono
necessarie; specie in questo caso, un'operazione sarebbe piu che pregiudiziale.
Quante signore si lasciano aprire il ventre, perche il chirurgo estragga i tumori formati da
sangue alterato, intossicato, che sono originati solo dalla stitichezza cronica e dalla deficiente
eliminazione generale, unica causa della loro origine.
Con il caso del tumore sopracitato, si prova quanto sia irrazionale il procedimento chirurgico,
di conseguenza non necessario poiche la Natura ha provveduto da se all'espulsione di un osso
putrido procurando la nuova formazione dello stesso. In modo analogo potra piu facilmente disfarsi
di tumori di carne e di liquido.
Il ragazzo Orrego, poco tempo dopo la guarigione, riconoscente alla infermiera naturista che
lo aveva assistito scriveva queste righe.
«Ricordata signorina,
Le comunico che la mia gamba si e sanata, e che nessun altro osso e uscito; le ferite si sono
cicatrizzate bene e la gamba e rimasta uguale all'altra. Cammino e corro perfettamente, come se
non avessi avuto nulla.
Sempre riconoscente, La ringrazio infinitamente e la saluto, suo devotissimo Julio Orrego R.

AVVELENAMENTO CON OSSIDO DI MERCURIO


La signora N. N., abitante in Santiago via Generale Velasquez, la cui eta non superava i
30 anni, aveva ingerito due pastiglie di ossicianuro di mercurio. I medici le propinarono contro-
veleni, le praticarono il lavaggio dello stomaco, degli intestini e dei reni, le applicarono sieri
antitossici e numerose iniezioni come palliativo dei diversi sintomi che man mano si presentavano
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 161 di 176

nell'inferma. Disgraziatamente, dopo una settimana di vari sforzi, l'inferma si trovava fra la vita e la
morte, senza speranza di salvezza.
Mi chiamarono per «salvare» la signora, che accetto di praticare il mio trattamento come
ultimo tentativo.
Cio che vidi fu un corpo insensibile, senza calore e con il respiro debole e sforzato; il polso
era rapidissimo e quasi impercettibile. Nonostante tutti gli sforzi dei medici, per una settimana
intera l'inferma non riusci ne a traspirare, ne a orinare, ne ad evacuare.
Compresi che l'azione corrosiva del veleno ingerito aveva attaccato il tubo digerente, reni e
vescica, prodotto l'infiammazione delle mucose, e irritato i tessuti degli organi che, sovrabbondanti
di sangue, si trovavano impossibilitati nel loro movimento, obbligati quindi alla inattivita.
Questa forte irritazione degli organi interni, aveva attirato nell'interno del corpo un eccesso di
sangue sottraendolo alla pelle ed estremita; di conseguenza, le difese della pelle trovandosi prive di
irrigazione sanguigna, si paralizzarono, come si paralizzarono gli organi infermi per eccesso di
sangue, manifestato con la pletora sanguigna.
Perche l'organismo potesse uscire dallo stato di impotenza difensiva in cui si trovava, era
necessario l'Equilibrio Termico del corpo; di conseguenza, bisognava produrre la decongestione
degli organi interni e attivare la congestione-della pelle ed estremita.
Con fasciature calde di fiori di fieno applicate sulle gambe e sulle braccia, prima di mezz'ora
si provoco nella inferma la traspirazione, processo che si mantenne per cinque ore consecutive,
producendo un'abbondante eliminazione di veleni, e con questo l'inferma pote recuperare l'uso dei
sensi precedentemente paralizzati.
Con la disintossicazione prodotta dall'abbondante traspirazione si risvegliarono le difese
naturali; di conseguenza si manifesto la febbre esterna (curativa), la quale ci permise di praticare,
con intervalli di un'ora, le sei frizioni di acqua fredda. Tale procedimento stimolo l'attivita generale
dell'organismo infermo, attivando le eliminazioni attraverso pelle e reni.
Durante la notte, l'inferma dormi con la fasciatura di fango freddo su tutto il tronco,
disinfiammando cosi i reni e gli organi del ventre e provocando l'eliminazione di piu di un litro di
orina. Si produsse pure un'abbondante evacuazione intestinale, e quello che e piu ammirabile, piu
sorprendente, fu l'espulsione di un feto in decomposizione, poiche gia da sette giorni si trovava
morto all'interno del ventre.
Durante questo trattamento, l'inferma rispetto un digiuno assoluto, ingerendo solo ripetuti
sorsi d'acqua fredda.
Equilibrando le temperature del corpo, in otto giorni l'inferma pote abbandonare il letto.
Dopo due anni, ebbi il piacere di ricevere la sua visita, accompagnata dallo sposo e da un
bellissimo bambino.
-Pag. 162 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

TUBERCOLOSI OSSEA
Il ragazzino Dario Sierra di sei anni affetto da tubercolosi ossea, albergo per tre anni nei vari
ospedali di Santiago senza poter guarire malgrado i due interventi chirurgici subiti.
Un giorno, per caso, il distinto amico signor Manuel Sala
Rodriguez, che in quel tempo era amministratore dell'ospedale
Huemul, considerandola come una cosa straordinaria, mi
descrisse il caso del povero ragazzino che, gia dichiarato
incurabile e contagioso, veniva dimesso dallo stabilimento
ospedaliero che lui amministrava.
Ansioso e desideroso di vedere fino a dove poteva
arrivare l'efficacia del mio sistema, chiesi al signor Sala di
conoscere l'infermo. Mi fu presentato un bambino coperto di
piaghe del peggior aspetto, dalla faccia ai piedi; pero, cio che
mi interesso di piu, fu un tumore al gomito destro, le cui
dimensioni erano paragonabili alla grandezza della testa, e in
esso sette fistole, che continuamente emanavano umore fetido.
Bench e le pers one che c onos ce vano i l ca s o
considerassero la mia decisione come una stravaganza,
Fig. 30 - Dario Sierra, otto anni dopo risolvetti di prendere per mio conto il bambino, assicurando che
la sua guarigione. Si osservino le sarebbe guarito.
impronte del dito indice della mano
sinistra e del dito corrispondente al Il mio ardire nell'ospedale fu tacciato presuntuoso, di
cuore della mano destra salvati con il conseguenza ero visto di malocchio specialmente dai chirurghi,
mio trattamento. che presentarono un reclamo all'amministratore, per cui questo,
per evitare maggiori inconvenienti, per questo caso specifico
affitto una casa nel rione Huemul, dove isolo Dario Sierra con
la sua infermiera naturista, la signorina Maria Rodriguez.
Dopo due mesi di trattamento, si produsse nell'infermo una crisi acuta con febbre alta
accompagnata da una eruzione generale su tutto il corpo, tanto da costringerlo a letto. Sottoposto a
una dieta di frutta cruda, curato con applicazioni locali di fieno greco, con fasciature umide, con
frizioni e vapori, dopo venti giorni l'infermo si alzo dal letto in uno stato di magrezza
impressionante. Si continuo con il regime prescritto, pero un po' piu attenuato, dopo otto mesi la
salute di quest'infermo si era ristabilita, in quanto tutte le lesioni si erano cicatrizzate. Piu
ammirabile fu la scomparsa del tumore al gomito, dci quale rimasero solo le cicatrici delle sette
pustole.
Trenta anni sono gia trascorsi e quel miserabile relitto umano di allora e oggi padre di figli
sani, ed e un utile elemento per la societa.
\Questa straordinaria guarigione, eseguita con l'impiego di elementi naturali, e secondo un concetto
prettamente naturista, e stata riconosciuta e certificata dai medici dell'ospedale Huemul, Dottor
Carlos Illanes Beytia, dopo essere diventato direttore Generale di Sanita, e da Alberto Santander
redattore del «Bollettino Sanitario». Le loro dichiarazioni sono manifestate nei seguenti termini:
«Certifico che il ragazzino Dario Sierra di sei anni, con antecedenti ereditari di scrofolosi, verso la
meta dell'anno 1924 fu da me visitato, ed in quel tempo presentava una serie di fistole la cui origine
era di osteoperiostiti, che sembravano di carattere tubercolare; nella regione del gomito sul lato
destro, presentava una osteoartrite della stessa specie. La diagnosi formulata tanto dal sottoscritto,
quanto dagli altri colleghi e compagni dell'ospedale, per cio che riguardava la conservazione del
braccio destro, fu sfavorevole.
«Venni a conoscenza che l'infermo Dario Sierra era stato sottomesso ad un trattamento
speciale, con agenti fisici e una alimentazione selezionata e sostanziale. Oggi, dopo piu di un anno,
ebbi il piacere di vederlo completamente guarito.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 163 di 176

Rilascio la presente dichiarazione, su richiesta del signor Manuel Lezaeta Acharan che, con il
suo sistema, curo l'infermo sopracitato.
Santiago 25 novembre 1925
firmato: Dott. Carlo A. Illanes B.»
Santiago 25 novembre 1925
Il medico che sottoscrive, dichiara di essere stato testimone della cura del
ragazzo Dario Sierra, affetto da lesioni tubercolari ossee multiple. Questi, dopo aver
peregrinato per gli ospedali di Santiago, fu ricoverato all'Ospedale Huemul e
consegnato al signor Manuel Lezaeta, che desiderava sperimentare nel ragazzino
Sierra un trattamento da lui denominato "Naturista". Il risultato non poteva essere piu
soddisfacente, poiche oggi l'ex infermo manifesta solo le cicatrici di quelle che furono
lesioni ossee suppurative, di cui si riscontra la piena guarigione. Per terminare, non mi
resta che lasciar scritto le mie felicitazioni nei confronti del signor Lezaeta.
firmato: Dott. Alberto Santander medico dell'ospedale di Huemul
-Pag. 164 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

CAPITOLO XXIV°
VIVIAMO NELL'EPOCA DEI GRANDI ERRORI
DELLA MEDICINA
Oh! salute, quanti crimini si commettono in nome tuo.
L'Autore
La stessa legge che proibisce di ammazzare, proibisce pure
l'avvelenamento e la mutilazione.
Padre Taddeo

L'infermita, cioe l'alterazione variabile della salute, manifesta l'ignoranza delle sue vittime,
che vivono una vita errata, fondata su di un criterio oscuro. La scienza medica che vive e prospera
su questa fatidica ombra, invece di correggere detta ignoranza, si accorda con essa, complicando il
problema della salute, cio che gli irrazionali dominano solo con l'istinto.
La medicina Professionale osserva con interesse le mille anormalita dell'infermo, non cosi la
normalita del sano, di cui non si interessa14.
Tutte le moderne conquiste di cui si inorgoglisce la Medicina Ufficiale, sono esiti della fisica,
della chirurgia, dell'elettricita, e perfino della meccanica, pero sono mezzi inadeguati per migliorare
la salute pubblica e quella dell'individuo, in quanto non consultano la normalita funzionale
organica, che si puo ottenere solo mediante l'equilibrio fra temperatura interna ed esterna del corpo.
La medicina medicamentosa non considera la funzione, non cerca di ristabilire la normalita
digestiva e l'attivita eliminatrice della pelle del paziente, bensi cerca di combattere il sintomo, cioe
l'opera difensiva della Natura che invece si deve considerare sempre come una cosa buona, dato
che il nostro organismo, e soggetto e guidato da immutabili leggi, che non lavorano mai in proprio
pregiudizio.
Questa medicina repressiva delle difese naturali, si esercita per mezzo del farmaco, iniettato o
ingerito, e mediante l'intervento del bisturi, dei raggi X, del radium, che con tutto cio, e senza
rimuovere la causa del disordine' organico, da origine a nuove alterazioni nelle funzioni costituenti
la vita.
Combattendo di fronte i sintomi, si soffocano le difese organiche impedendo l'opera curativa
della Natura, e convertendo le malattie acute e curabili in croniche ed incurabili.
Non c'e modo con cui dimostrare logicamente che la vita e la salute vengano beneficate
dall'impiego di agenti distruttivi, quali il veleno fornito da droghe, sieri, iniezioni e vaccini, bisturi
del chirurgo, fuoco dell'elettricita o emanazione di radium15.
D'altra parte, si ignorano le cause dei dolori, e si attribuiscono ad agenti invisibili, quale il
microbo. Tutto questo non rappresenta grande progresso nei confronti della scienza dei selvaggi,
che attribuiscono i loro mali al potere del demone. (Il mistero e sempre una parte di speculazione).
Ben lungi dal procurare la normale funzionalita del corpo infermo, ossia la salute, si persegue
e si caccia il microbo e, per ammazzarlo, si ammazza la vitalita dell'organismo in cui si rifugia.
La teoria microbica, come causa di alterazione organica, e oggi abbandonata dai veri savi,
poiche difetta di base filosofica e, pertanto, non e scientifica. Pero, tutto l'edificio della medicina
facoltativa si innalza sulla teoria dell'infezione microbica, e la sua terapia si riduce alla caccia dei

14 Helsbi ha detto: «Quando per la via vedo una targa di medico chirurgo, penso che questo professionista deve
conoscere molte maniere per amputare un braccio, una gamba o mutilare le viscere, ma penso pure che ignora i
mezzi per conservare sani detti organi».
15 Nel 1944 gli indici medi di mortalita negli U.S.A. furono i piu bassi che si siano potuti registrare, malgrado la
scarsita del personale medico, e la mancanza di ospedali a causa della guerra. (Da note brevi del giornale «El
Imparzial» del 12 marzo 1946).
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 165 di 176

microbi nel corpo infermo.


Invece sarebbe logico procurare la normalita del corpo, ossia buone digestioni ed attiva
eliminazione cutanea, normalita questa che puo esistere solo con l'uniformita della temperatura in
tutto l'organismo cioe l'Equilibrio Termico.
Si «diagnostica» ossia si catalogano i sintomi della mancanza di salute, senza procurare di
ottenere, come sappiamo la normalita in tutto l'organismo. I vecchi medici muoiono disillusi della
loro «scienza» e pentiti per i loro errori, e forse, per il danno che fecero generalmente in buona
fede; pero l'idolo che rappresenta la scienza medico chirurgica, continua retto e sfidante sui suoi
piedi di fango, perche ogni anno esce dall'Universita una valanga di giovani, che si incaricano di
puntellare una volta di piu il colosso condannato a rotolare per terra sotto il peso dei propri errori.
La salute individuale e collettiva e un fattore di grande importanza, e deve essere trattata da
quelle persone che comprendono e intuiscono che la salute e il tesoro piu valido, piu importante
sulla terra. Pertanto, la sua cura corrisponde esclusivamente ad ogni singolo individuo. Sono le
generazioni che insorgono, incaricate di imporre la liberta fisiologica, facendo capire il sacro diritto
di vivere sano, e di essere quindi padroni del proprio destino, cosa sconosciuta e minacciata
costantemente dalla attuale nostra organizzazione sanitaria, che impone vaccini e medici, tecnici in
tossicologia e chirurgia solamente.
L'epoca degli errori della medicina dovra terminare, se non si vorra vedere la nostra razza
soggiogata dal predominio di popoli piu sani, dove si riconosce all'individuo il diritto di curare la
propria salute nel modo che considera migliore e conveniente, cio che la nostra attuale legislazione
sanitaria proibisce ponendo nel dimenticatoio i principali fondamenti di una vita sana, dataci
dall'immortale dottrina lppocratica.

L'IGNORANZA DEL PUBBLICO PERMETTE


ALLA FALSA MEDICINA DI PROSPERARE
La medicina e una vecchia commedia che, di tempo in tempo, ritorna
sullo scenario con vesti appropriate all'epoca.
Dott. Semmola

La medicina e figlia degli interessi creati nell'ambito della mancanza di salute, e prospera con
le malattie della umanita, pero si rovina con la salute di questa.
La difesa della salute e operata da interessi commerciali, che si avvantaggiano con la sua
mancanza, e con i suoi errori fondamentali trasforma in infermi cronici, individui la cui natura
reagisce con crisi acute curative, che si soffocano con il pretesto di normalizzare il processo vitale.
Un tempo, Helsby disse: se si vuole risolvere la crisi economica della medicina professionale,
bisogna diminuire i medici e aumentare gli infermi.
Abbiamo cosi l'individuo, la famiglia, e i popoli condannati alla cronica mancanza di salute,
schiavi del medico ufficiale che non puo darla, soffocando o arrestando le reazioni salvatrici della
Natura, manifestate nel sintomo.
Il medico e incapace di dare o ristabilire la salute altrui, poiche la normalita funzionale
dell'organismo e il risultato dei nostri atti quotidiani, e dipende esclusivamente dalla vita normale o
anormale che conduciamo.
Come dice Kuhne, la prova piu eloquente e piu evidente nell'insuccesso, l'abbiamo nel
concetto che determina il metodo per combattere i sintomi dell'alterazione della salute senza prima
normalizzarla; l'abbiamo nel numero sempre piu aumentato ed insufficiente di ospedali, cliniche,
case per alienati mentali, asili per menomati ecc. ecc... che disgraziatamente vediamo in tutte le
parti, come un progresso della scienza che vive degli infermi. Qualsiasi uomo chiaroveggente vedra
in tutto questo, una triste decadenza e una deplorevole incapacita per quanto si riferisce a salute,
vedra pure un aumento di prigioni per infermi. Se la medicina diffondesse la salute, dovrebbero
-Pag. 166 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

diminuire queste istituzioni che tanto costano al tesoro nazionale.


Al concetto «dell'infezione», come causa di alterazione della salute, oppongono quello del
«disordine funzionale» dell'organismo, come origine e natura di tutti i mali dell'uomo.
Il Dottor Federico Treves, che fu medico del defunto Re Edoardo d'Inghilterra, in una
conferenza tenutasi nell'Associazione Filosofica di Edimburgo disse: «le basi fondamentali di
qualsiasi sistema di medicina sono il possesso di un esatto e ragionevole apprezzamento di cio che
e l'infermita. Mi azzardo a dichiarare che i principi della medicina alla moda, basati sull'impiego di
sieri, iniezioni e vaccini, non sono d'accordo con i fatti, poiche se un individuo e infermo,
l'infermita gli viene repressa o soffocata; se ha la tosse, si combatte la tosse; se non ha appetito, si
combatte l'inappetenza con eccitanti per farlo mangiare, e cosi via.
In una ferita o in un colpo, la prima che si manifesta e l'infiammazione; questo e il processo
di cura della Natura, che non deve essere mai combattuto.
Nei casi di raffreddore, i persistenti starnuti sono praticamente il mezzo che la Natura usa per
liberare le fosse nasali; con la tosse e la espettorazione, l'organismo si libera del catarro e delle
impurita che risiedono nella laringe.
Le manifestazioni della tubercolosi sono il disperato sforzo che il corpo fa per opporsi alla
decomposizione dei tessuti».
Diciamo quindi che, se i sintomi vengono considerati come una infermita, la salute perfetta
sarebbe quella del cadavere, perche in esso non si manifestano ne dolori, ne eruzioni, ne crisi.
Termino questa breve critica, rendendo palesi due giudizi di uomini celebri.
Il geniale Bernard Shaw dice: «se a una principessa di casa reale viene una leggera raucedine,
e se il medico per curarla applica delle fasciature umide al collo, puo darsi che il giorno seguente si
svegli guarita, pero nessuno annuncerebbe tanto questa cura fatta dalla Natura. Se il medico la tiene
un paio di settimane fra la vita e la morte, e poi con qualche siero la fa guarire, possiamo star certi
che tutto il mondo conoscerebbe il miracolo della scienza e al medico sorriderebbe la fortuna e la
fama.
Il celebre medico di Bismark, dottor Shwenninger, professore dell'Universita di Berlino, ha
detto: «la pratica medica e una farsa; il 90% dei medici e composto da ciarlatani, il 10% e idoneo a
praticare la medicina. I medici occultano la loro ignoranza con il nome di «scienza», le loro cure
sono puro empirismo, e quello che dicono «scienza», non merita tale definizione.
Lo stesso medico tedesco, in una conferenza data in Berlino, diceva ai suoi colleghi: «il
prestigio della tanto poderosa ricetta e gia molto decaduto, ed oggi siamo pochi a credere nelle
svariate virtu dei nostri multicolori medicamenti. Bisogna confessarlo, non possiamo ingannarci
piu; con tutto cio, seguiamo elogiando di fronte agli ignoranti, quello che noi stessi ridicolizziamo.
Dove prima in buona fede sbagliavamo, oggi persiste un solenne inganno16. Infine, la permanente e
variata propaganda che poderosi interessi di fabbricanti e commercianti di medicinali, strumenti
chirurgici, apparecchiature da laboratorio, ortopedia ecc. sostengono oggi giorno con giornali,
riviste, radio, televisione, conferenze, congressi di associazioni mediche, impedisce all'individuo di
pensare da se stesso per quanto si riferisce alla salute, abbandonandolo indifeso in mani estranee. Si
spiega cosi il progresso della medicina che vive sull'infermita.
Con ragione Adolfo Hitler disse: «quanto piu grande e la menzogna, maggiore e la credulita
perche le candide masse popolari sono con maggior facilita piu vittime delle grandi menzogne che
delle piccole».

16 Licutand, medico della corte di Francia, mentre stava morendo rispose al sacerdote che gli domandava se
credeva in Dio: credo in tutto meno che alla medicina.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 167 di 176

UNA MEDICINA IN SOSTITUZIONE DELLA RELIGIONE


NELLO STATO
In quest'era contemporanea esistono Nazioni che non danno grande valore a quanto e
spirituale, cioe non considerano il fattore religione, pero adottano una medicina.
E logico che, se lo stato non ha un'anima da salvare, non pratichi o professi una religione;
quindi, per analogia si deduce che non avendo un organismo fisiologico esposto a dolori, tanto
meno dovrebbe adottare una medicina. La medicina che rappresenta una funzione dello stato, e
un'assurda istituzione, perche invade il campo delle piu intime attivita dell'individuo, nelle funzioni
di nutrizione e di eliminazione.
La medicina ufficiale era conosciuta in quelle civilta che furono la culla di questa scienza e
che ancor oggi ammiriamo. Nella antica e prospera Babilonia, non esisteva il medico con titolo di
stato. Le persone che guarivano da una malattia, per un certo periodo di tempo, erano obbligate a
presentarsi in un determinato posto pubblico, per far conoscere i mezzi impiegati per la cura,
affinche gli altri infermi in cerca di sollievo potessero trarne profitto per recuperare la salute.
Mi si dira che non siamo piu in quei tempi, e che con la nostra evoluzione ed emancipazione
e cambiato il concetto ed il criterio, passando dall'empirismo al campo della scienza pura.
A questo rispondo che, evoluzione o no, il corpo umano e come allora, solo che oggi si trova
piu che mai in uno stato di degenerazione fisiologica, e questo lo dobbiamo proprio all'evoluzione,
alla emancipazione ed a quella scienza che tanto si glorifica.

PERCHÉ SI COMPLICANO LE INFERMITA


La nostra scienza e molto povera.
Dott. Mantlel Calvo Mackenna

Sappiamo che ogni malattia acuta costituisce una crisi curativa, e che mediante la reazione
difensiva l'organismo infermo cerca di ristabilire la propria normalita funzionale, cioe la salute
integrale.
Interpretando i sintomi come reazione della difesa organica, dobbiamo cercare di soddisfare
le necessita della Natura, favorendo il processo di digestione e di eliminazione mediante il
ristabilimento del]'Equilibrio Termico del Corpo. Solo cosi spariranno questi sintomi o
manifestazioni di anormalita.
Invece, la medicina ufficiale confonde il sintomo con il male stesso, lo combatte direttamente
con tossici, chirurgia, elettricita o radium, soffocando in tal modo le difese naturali dell'infermo che
obbliga il proprio organismo a reagire in modo diverso e propriamente con le abituali
complicazioni.
Nei casi che continuamente espongo, il lettore vedra come l'azione dei medicamenti, senza
ristabilire le funzioni organiche alterate nell'infermo, aggravi queste perturbazioni, fino a
paralizzare la vita stessa del corpo.
La bambina H.R.A., di 14 anni, fu obbligata a letto a causa di un raffreddore pero la febbre
esterna spari quasi subito per effetto dei farmaci. Qualche giorno dopo questa apparente
«guarigione» si manifesto una tosse che, per i suoi sintomi, fu qualificata «convulsiva». Anche
questa, come il raffreddore precedente, fu soffocata con l'uso di iniezioni e sieri. Nuovamente,
qualche tempo dopo questa piccola dovette rimanere a letto vittima di una «broncopolmonite» che,
a sua volta, fu combattuta con iniezioni e vaccini; pero Le complicazioni continuarono, prima con
diarrea, che, come logico fu soffocata con i farmaci, poi appari nei piedi di questa piccola una
cancrena che fece decretare l'amputazione delle gambe. La disgraziata mori.
Ed ecco un altro caso: il signor R.L. di Valparaiso mi dice: io fratello Teodoro, di 45 anni, fu
vittima di un reumatismo acuto. Gli raccomandai di praticare quotidianamente il Lavaggio del
-Pag. 168 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

Sangue sistema Lezaeta, pero preferi vedere il «Medico». Il facoltativo gli ordino per ogni giorno,
grande quantita di Salicilato di Sodio, Aspirina ed altri calmanti. Dopo tre mesi di questo
trattamento a base di «calmanti», mio fratello fu colto da paralisi generale agli arti ed alla lingua;
infine, una broncopolmonite lo pose per sempre al margine dei propri dolori. Tanti rimedi e
calmanti lo portarono alla paralisi di tutta l'attivita nervosa, il che vuol dire alla calma della morte.
II cadavere non accusa dolori.

MEDICINA DI GUERRA IN TEMPO DI PACE


Si pubblica l'esito degli interventi chirurgici, pero Si tacciono i
risultati post-operatori.
Padre Taddeo

La grande guerra ha posto la medicina ufficiale in condizioni privilegiate, per


l'imprescindibile valore dei suoi servizi.
Una portavoce della nostra facolta medica ha detto che «senza i meravigliosi progressi della
scienza medico chirurgica, quella insanguinata crisi non sarebbe durata un anno. Resta pero da
osservare che pur avendo contribuito a prolungare la piu dolorosa tragedia mai conosciuta
dall'umanita, la medicina chirurgica non e la piu adatta a tutelare la salute dei popoli.
Innumerevoli furono gli sfortunati che, dopo aver vissuto e sofferto gli orrori del campo di
battaglia, si convertirono in vittime a causa di quei procedimenti che si praticano negli ospedali,
dove il piu delle volte un ferito e costretto a sopportare mutilazioni non necessarie. Solo nel caso di
un pronto soccorso su di una persona sana, che abbia avuto un incidente, si ammette l'intervento,
pero sempre che si tratti di ricomposizione di tessuti lacerati, di legatura o sutura di vasi, di ferite;
in questi casi si puo accettare l'uso di iniezioni calmanti per sopprimere il dolore, oppure di
eccitanti per rianimare una persona svenuta.
Questi procedimenti di emergenza che contemplano solo necessita impellenti del momento,
senza considerarne le conseguenze, trovano spiegazione solo nei casi di guerra, di cataclismi o di
incidente.
Gli eserciti, che sono esposti agli incidenti propri della loro missione, richiedono servizio del
medico chirurgo. Cio spiega come lo stato formi nelle sue scuole questi professionisti, e ne difenda
il titolo.
Pero questi procedimenti, che il soldato sano e vigoroso puo sopportare senza immediato
pericolo per la sua vita, sono inadeguati, e perfino possono essere fatali, se applicati su di un
infermo, in quanto non possiede un organismo accidentato, bensi indebolito e degenerato per
denutrizione ed intossicazione, in grado variabile.
I metodi in voga negli ospedali, applicati sull'infermo che consuma la sua vita a causa di
gravi disordini digestivi, di deficienti eliminazioni della pelle, reni e intestini, sono condannati
all'insuccesso, perche non contemplano le necessita dell'organismo infermo.
Verra il giorno in cui l'Istituto di Salute rimpiazzera e sostituira l'ospedale, che si potrebbe
definire casa dell'avvelenamento e della mutilazione, in quanto i suoi benefici si riducono a veleno
e bisturi.

LE INFERMITA INCURABILI O INGUARIBILI


«Dio!!! Liberami dalla medicina, che dalle infermita mi libero io».
Alfredo Helsby

Il concetto di «infermita incurabile» e l'ultima ragione che i facoltativi espongono, per


spiegare l'insuccesso dei procedimenti che impugnano di fronte alle necessita dell'infermo.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 169 di 176

Risultando infruttuosa l'erudizione e la conoscenza acquisita nei libri, non rimane altro
ricorso che qualificare il male con la semplice parola di «incurabile». Pero l'infermo non si
soccorre ne si consiglia con le «conoscenze convenzionali», bensi con la scienza acquisita dalle
proprie osservazioni e dalla propria esperienza nel campo vivo della Natura.
Se al medico hanno insegnato che per «curare» l'appendicite e necessaria l'estirpazione
dell'appendice, come si puo esigere che, pensando cosi, procuri un altro mezzo per disinfiammare
l'organo affetto, senza mutilare le viscere dell'infermo?
La mia lunga esperienza mi ha convinto che esistono solo due categorie di «infermi
incurabili», i primi sono gli infermi dalla nascita, i secondi quelli avvelenati con iniezioni o mutilati
nei loro organi nobili. In quest'ultima categoria di «incurabili» annovero le vittime del radium, dei
raggi X o di lesioni gravi prodotte con l'elettricita.
Non dimentichiamo che tutte le malattie sono curabili, pero non lo sono tutti gli infermi, ed
ecco perche costa fatica riconoscere la grande verita sul concetto del mio maestro Padre Taddeo:
felice quell'infermo che, per la sua poverta non ha potuto pagare il «medico» e per ristabilire la
salute si vede obbligato a cercare l'aiuto degli agenti naturali.

IL PERCHÉ DEGLI INSUCCESSI DELLA MEDICINA


Non esiste una Dottrina della Medicina. Esistono solo
innumerevoli conoscenze, pero non relazionate.
Dott. Pier Winter

1. - Perche non e capace di «purificare» il sangue che e alterato in grado variabile in tutti gli
infermi, come rivela l'iride degli occhi. Con l'inoculazione di vaccini, sieri, iniezioni e droghe, si
avvelena il fluido vitale dell'individuo, come avviene con le operazioni chirurgiche, le trasfusioni,
le applicazioni di raggi X o di radium, incapaci di purificare il sangue.
2. - Perche con detti ricorsi, la medicina non e capace di normalizzare la circolazione
sanguigna, che abitualmente si presenta piu o meno alterata in tutti gli infermi, come rivela l'iride
degli occhi, poiche in essi appare evidente la congestione delle viscere e la deficiente circolazione
del sangue nella pelle ed estremita.
3. - Perche per la medicina esiste solo il gergo «infermita», invece l'infermo cerca la «salute»,
la quale esclude interventi estranei, ed e possibile solo rispettando un regime diretto a mantenere
buone digestioni, ed attiva eliminazione cutanea.
4. - Perche la medicina difetta di mezzi per ristabilire la digestione dell'infermo, unico
cammino verso una buona salute. Il fattore basilare del processo digerente e la temperatura, e
questa e sempre alterata in tutti gli infermi perche, osservando l'iride degli occhi, si riscontra
sempre nella zona degli organi digerenti, un'irritazione congestizia ed infiammatoria,piu o meno
accentuata, il che vuoI dire calore febbrile, che puo sparire solo rinfrescando i visceri.
5. - Perche la medicina ignora la natura della «-febbre» che controlla con il termometro, il
quale non denuncia altro calore che quello della parte del corpo dove viene applicato, senza
evidenziare il processo infiammatorio e congestizio che costituisce il fenomeno febbrile, al
contrario di cio che si scopre nell'iride che, in grado piu o meno variabile, denuncia proprio la
esistenza di questa febbre nello stomaco ed intestino di ogni singolo infermo.
6. - Perche la medicina manca di mezzi per controllare la temperatura del corpo umano, e per
combattere la febbre attacca l'attivita nervosa, che e l'effetto di essa, impiegando veleni che
paralizzano detta energia, che si chiama difesa organica.
7. - Perche la medicina non conosce l'arte di «normalizzare» le funzioni di nutrizione e di
eliminazione del corpo umano, che sono solo un problema di «temperatura» e non di chimica, di
chirurgia, raggi X o radium.
-Pag. 170 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

8. - Infine, la mia Dottrina Termica colma i vuoti sopraelencati, e insegna: «non curare ma
normalizzare, ponendo il corpo in Equilibrio Termico».

COME L'AUTORITA MEDICA


DIFENDE LA SALUTE PUBBLICA
La luce illumina colui che vive nelle tenebre.
San Paolo

Leggendo quanto segue, il lettore potra conoscere le misure della Direzione di Sanita, prese
nei confronti dell'autore con l'oggetto di impedire al pubblico la lettura, la conoscenza e gli
insegnamenti di questo libro.
Mentre si proibisce la diffusione di questa opera che insegna all'uomo a curare, e controllare
da se stesso la propria salute e quella della sua famiglia, l'autorita incaricata di vegliare per la salute
pubblica permette la sfrenata propaganda, che raccomanda, consiglia e offre droghe calma-dolori,
composte di veleni che distruggono la vita organica.
Una volta resosi conto del concetto della Dottrina Termica, del valore dei suoi principi, dei
metodi o mezzi per curare e conservare la salute esposti in questo libro, il lettore comprendera in
modo plausibile il motivo per cui le potenti ragioni di morale medica sono intervenute per arrestare
la pubblicazione di questo testo.
Trascrivo la sentenza dei Tribunali di Giustizia, che lascio senza effetto la proibizione
decretata dalla Direzione di Sanita della Repubblica del Cile. Per meglio comprendere il valore di
detta sentenza, trascriviamo,l'appello, per non dire difesa dell'autore:
Santiago 27 settembre 1932 -Visto il fasc. 2, Manuel Lezaeta Acharan, avvocato di
professione, abitante in Via Santo Domingo 2361 esprime che, con decreto n° 2567 del Ministero
della Salute Pubblica (che allega), il Direttore Generale di Sanita notifica che, se entro un tempo di
sessanta giorni non ritira dalla vendita al pubblico i quattro libri di cui e autore, cioe «La Medicina
Naturale alla portata di tutti», «La salute senza farmacia ne chirurgia», «La sifilide e gonorrea» e
«L'iride dei tuoi occhi rivela la tua salute», verra applicata una sanzione a termini di leggi in base
all'articolo 77 del Codice Sanitario, approvato con decreto legge n° 226 del Ministero del
Benessere Sociale.
Aggiunge che, malgrado il Direttore Generale di Sanita applichi il criterio piu stretto,
giammai potra considerare le opere menzionate in difetto con la disposizione citata, e non potrebbe
farlo neanche nel caso che non esistesse l'articolo 78 dello stesso codice, che viene a determinare in
forma precisa e categorica la portata della riprodotta disposizione, che permette di cercare nei suoi
libri, con la maggiore minuziosita, e con la decisa intenzione di incontrare in essi qualche cosa che
permette l'applicazione della prescrizione legale in cui si fonda l'intimazione. Non si potra
incontrare nulla perche non solo i libri non contengono idee contrarie ai principi di igiene, ma in
essi si insegna e propaga il piu minuzioso e stretto principio che incammina l'individuo per una vita
fisicamente sana, in modo che la guarigione venga effettuata dall'organismo malato secondo il
principio Ippocratico che dice: solo la Natura cura.
Esprime per ultimo che i suoi libri non pregiudicano in alcuna maniera la salute collettiva o
individuale, anzi in essi si insegna ripetutamente come mantenere la normalita funzionale
dell'organismo, la caratteristica della vera salute, senza interventi estranei, ma solo per mezzo di
una vita sana ed igienica.
Dichiara, che per conseguenza l'intimazione decretata dal signor Direttore di Sanita non solo
e in violazione delle prescrizioni citate dal Codice Sanitario, ma va contro i piu elementari principi
stabiliti nella Costituzione Politica dello Stato, i quali garantiscono la liberta di parola, di pensiero,
di scritto e la inviolabilita della proprieta senza distinzione.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 171 di 176

Il fondamento legale del suo reclamo e l'appello alle disposizioni degli articoli 261 del
Codice Sanitario, e al 10 della Costituzione Politica; conclude che si tenga interposto questo
reclamo e, in definitiva, lo si accolga dichiarando nulla l'intimazione decretata nei suoi riguardi.
Citate le parti a comparire, si presento solo il reclamante che, vista la ribellione della
Direzione di Sanita, chiese che il suo reclamo venisse accolto in tutte le sue parti e che, trattandosi
di una vertenza il cui giudizio doveva essere breve e sommario, si accogliesse lasciando senza
effetto l'ammonizione decretata nei suoi confronti.
Considerando l'appello di difesa, il giudice ha redatto la sentenza nei seguenti termini:
1° - Che la notifica fatta dalla Direzione Generale di Sanita al Signor Manuel Lezaeta
Acharan, trascritta nel fascicolo I, deve essere considerata come una sentenza emessa dal Direttore
Generale di Sanita, che impone all'autore dei libri in essa citati, il ritiro del commercio dei suddetti
in un tempo stabilito di sessanta giorni, previa citazione giudiziaria oltre alle sanzioni
corrispondenti.
2°- Che nel Codice Sanitario esiste un articolo in cui la parte lesa dalla sentenza del Direttore
Generale di Sanita, puo appellarsi con un ricorso.
3° - Che l'articolo 77 del Codice Sanitario proibisce qualsiasi forma di pubblicazione o
propaganda concernente igiene, medicina preventiva o curativa, e a tutto cio che, a giudizio della
Direzione di Sanita, venga considerato come inganno o pregiudizio della salute collettiva o
individuale.
4° - Che l'articolo 78 dello stesso gruppo di legge, determina i casi con cui si inganna il
pubblico e si pregiudica gli interessi della salute pubblica, manifestando che questo avviene
quando, per mezzo di pubblicazioni, avvisi, manifesti, o con qualsiasi altro mezzo di propaganda
scritta o orale, si offrono i servigi di guaritore, flebotomo, ipnotizzatore ecc. persone queste che
non possiedono titoli professionali, legalmente riconosciuti per prevenire o trattare le infermita.
5° - Che i libri di cui e autore il signor Lezaeta e che hanno motivato la sanzione di ritiro
della vendita, non si possono catalogare fra le pubblicazioni annoverate nell'articolo 78, in quanto il
signor Lezaeta non offre i suoi servigi come guaritore, flebotomo ecc., ma in essi da norme di
igiene, che prevengono e curano necessariamente le differenti infermita per mezzo di una vita
fisicamente sana, in modo che la cura o guarigione venga realizzata dalla Natura stessa.
6° - Che le dottrine descritte in questi libri siano contrarie alle convenzioni sulle infermita, e
al modo di curarle dei professionisti titolati dall'Universita del Cile, non vuoI dire che siano
dannose alla salute pero seguono un cammino diverso per arrivare allo stesso risultato, cioe alla
salute fisica individuale e collettiva.
7° - Che l'articolo lO della Costituzione Politica dello Stato garantisce la liberta di
espressione del pensiero umano (sia esso orale o scritto), e lo dice molto bene la relazione del
Consiglio di Difesa Fiscale accluso nel Fase. 2, che questo e un diritto garantito dalla Costituzione
dello Stato, ed universalmente riconosciuto.
Per queste considerazioni e disposizioni citate, si dichiara che viene accettato, e ha valore in
tutte le sue parti il reclamo a fasc. 2.
firmato: Osvaldo Herrera Z. - Giudice Titolare.
Arturo Puelma - Segretario

Contro questa sentenza, ilDirettore Generale di Sanita interpone ricorso di appello.


Alla Corte d'Appello, la Direzione Generale di Sanita fece valere una estesa relazione sul
valore di questi libri, effettuata dall'Ispettorato per le Professioni Mediche. Dopo aver discusso e
riprodotto capitoli interi di questi libri, la relazione conclude che queste opere rivelano un grande
sforzo dell'autore, un talento battagliero, una personalita perseverante, irriducibile e unilaterale.
Conclude la relazione il giudizio dei periti medici, espresso con questi termini: come spirito
-Pag. 172 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

tendenzioso, lo consideriamo pregiudizi aIe per la salute pubblica:


I° - Perche fondato su Dottrine che non sono accettabili dai metodi scientifici, i quali sono
l'unico mezzo per conoscere la verita.
2° - Perche inducono a pratiche contrarie alla salute pubblica, tutelata e controllata dalla
Direzione Generale di Sanita e dal suo Codice Sanitario, che e legge della Repubblica.
firmato: Dott. Luis Fuenzalida
Dott. Riccardo Puelma

Ebbene, con data 28 novembre 1932, la illustrissima Corte d'Appello, disapprovando la


relazione anteriore, confermo in tutte le sue parti la sentenza determinata nella prima istanza.
Firmano questa seconda e definitiva sentenza i ministri signori Carvajal Arrieta, D. Del Real y
Arcadio Erbetta.

LA TRASCENDENZA DI QUESTO VERDETTO


Le dittature, che per lungo tempo hanno usurpato il Potere Pubblico in Cile, per mantenersi
servirono gli interessi di quelli che le potevano proteggere.
Dette dittature, con un semplice decreto legge, imposero quel Codice Sanitario che ci
governa. Si e percio alla merce dell'Associazione Medica Internazionale, la cui autorita e aiutata
dalla forza del potere, ed il suo vero fine o scopo e quello di servire e difendere gli interessi della
corporazione medica.
Con il pretesto di salvaguardare la salute pubblica, con questo Codice si stabili in Cile la
tirannia medica, le cui assurde conseguenze sono peggiori di quella che fu tirannia religiosa che,
come questa, aveva eretto i suoi pilastri sull'ignoranza e sul fanatismo, non solo del volgo, ma
anche dalla classe dirigente.
Il criterio, predominante in questa legge sanitaria, e che solo il medico-chirurgo e idoneo a
pensare, ad agire nei confronti di cio che concerne la salute collettiva e individuale; inoltre, in essa
rimane stabilito che «solo il medico puo fiscaleggiare il medico».
Secondo questo, tutta l'attivita relazionata con l'arte di curare o di prevenire le infermita, per
proprio diritto appartiene esclusivamente ai titolari, o per meglio dire ai laureati della facolta di
Scienze Mediche. Questi solo sono i sacerdoti di questa impenetrabile scienza bandita ai profani.
Questi solo sono incaricati di definire e insegnare la verita per quanto si riferisce a salute. Pene e
castighi inesorabili si applicano agli intrusi che si arrischiano a pensare o agire nel campo della
salute, attivita tecnica che puo essere controllata solo dall'autorita medico-sanitaria.
Ebbene, questa assurda tirannia e stata abbattuta con la sentenza d'appello che leggeremo piu
avanti. Secondo questo verdetto giudiziale, che possiamo definire salvatore, si riconosce il diritto
all'individuo nel pensare ed insegnare le proprie idee nel campo della salute o dell'infermita;
benche queste idee siano contrarie alle convinzioni che sulla materia hanno i medici professionisti
dell'Universita del Cile, non vuoI dire ch'esse siano dannose per la salute individuale e collettiva.
Il potere giuridico ha salvato quindi l'esercizio del diritto piu sacro dell'uomo, permettendo
che l'individuo possa essere il guardiano della propria salute e della propria famiglia.

L'USO DEGLI AGENTI NATURALI


NON E SOGGETTO AL CONTROLLO MEDICO GIURIDICO
La illustrissima Corte d'Appello di Santiago, il 30 agosto 1937 accetto il reclamo dell'Autore
di questo libro, che era stato multato per un importo di L. 6.000 pesos, per «esercizio illegale della
medicina», estendendo la seguente sentenza che dice:
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 173 di 176

«Il fatto che alcune persone consultino un propagandista dei regimi Naturisti, non comporta
da parte di questo propagandista alcun atto illegale della professione medica, poiche questi sistemi
sono posti al margine della medicina classica e ufficiale».
5° - La presentata testimonianza del reclamante nelle citta di Santiago e di Concepcion, -
composta dalle dichiarazioni dei testimoni signori Alfredo Cafias, Joselin de la Maza, Luis
Valencia, Alfonso Aguirre A., Carlos A. Novoa, Samuel Alvarez, Jose Scwer, Carlos Vergara e
Alfredo Lavanchy, - stabilisce che in varie occasioni, questi signori hanno consultato il Lezaeta,
che si sono imposti la lettura e lo studio dei suoi libri, che hanno seguito i suoi consigli arrivando
alla convinzione; confermano inoltre che il Lezaeta, nei suoi metodi curativi non si vale di prodotti
medicinali, e tanto meno di interventi chirurgici, che e avversario della medicina ufficiale in quanto
la sua Dottrina ed i suoi metodi di cura non avvengono con i mezzi che essa impiega. Pertanto, non
puo professarla prescrivendo quei mezzi curativi e applicando i principi che detta scienza
stabilisce. Le prescrizioni del signor Lezaeta si riferiscono al metodo di vita che piu si addice con
la Natura; si consigliano metodi di cura naturale, bagni di vapore, frizioni di acqua fredda,
cataplasma di fango, bagni di sole, alimentazione adeguata, astensione dell'alcool, dal fumo; infine
prescrivono una vita igienica e sobria usando gli agenti naturali come il sole, l'acqua, la terra e
l'aria per conservare la salute e ottenere la guarigione da una infermita.
6° - La ricetta medica ha un grande valore come documento, perche in essa si prescrivono
medicamenti, ossia prodotti medicinali elaborati, destinati alla immunizzazione o prevenzione delle
infermita dell'uomo. Questi prodotti medicinali possono essere fabbricati solo nei laboratori
farmaceutici e nelle farmacie e, a loro volta, venduti al pubblico solo su ricetta medica.
7° - Si differenziano dai documenti, quelle che si dicono ricette presentate dal reclamante,
poiche in esse non vi e precisazione alcuna di prodotti medicinali elaborati e di natura artificiale
destinati agli scopi della medicina; di conseguenza non possono essere giudicate secondo il
concetto giuridico, come le inquadra il Codice di Sanita, poiche in dette ricette mediche, rilasciate
dal reclamante Lezaeta, come si e detto, sono stampate solo prescrizioni di prevenzione per una
vita sana, mediante l'uso degli elementi naturali, che non sono soggetti al giuridico controllo
medico.
8° - Con la sentenza pronunciata da questo tribunale il 12 novembre 1935 rimane stabilito
che i sistemi naturisti, piu che un sistema curativo, vengono considerati come regime di vita.
D'accordo quindi con le disposizioni legali che si citano, la Ill.ma Corte accolse in tutte le sue
parti il reclamo dell'autore di questo libro e ordino la restituzione dei 6.000 pesos, gia depositati
come multa presso la Direzione Generale di Sanita. Firmano questa sentenza i signori Ministri:
Moises Bernales Z., Arcadio Erbetta y Jose L. Lopez.
Come vede il lettore, la sentenza pronunciata e stabilita con questo verdetto, svincola dal
controllo giuridico del medico le applicazioni degli agenti naturali in sani ed infermi, collocandole
al margine del Codice Sanitario; in poche parole, queste applicazioni, queste pratiche non possono
essere tacciate da nessun articolo di legge.
Resta stabilito che l'esercizio della medicina suppone l'impiego di farmaci elaborati artificialmente
nei laboratori farmaceutici, e di interventi chirurgici. Per questo solo si richiede il titolo
universitario.
La sagacita di questo verdetto e notoria, perche riconosce all'uomo un diritto inalienabile,
comune a tutti gli esseri viventi e precisamente quello di approfittare dei benefici degli agenti
naturali, senza ricorrere agli interventi dei Laureati.
-Pag. 174 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

LA TECNICA MEDICA
I medici non ammettono che nessuno entri nel loro orto. Tutto
quello che li circonda e tecnico.
Definiscono come ignorante colui che pretende obiettare, e lo
confermano quando uno pensa il contrario di cio ch'essi pensano,
in nome e rappresentanza della «Tecnica».
A. Tinsly

Gli studiosi della scuola di Medicina formano «Tecnici» in anatomia, chirurgia, batteriologia,
parassitologia, microscopia, radiologia, ortopedia, in attivita di laboratorio, in Patologia e
Terapeutica.
Ebbene, tutte queste conoscenze non hanno alcuna relazione con la salute individuale e
collettiva, che e il risultato della normalita dell'organismo, che richiede Equilibrio Termico del
Corpo.
Per assicurare la salute di un popolo, al posto di «Tecnici» in «Medicina», necessitano
maestri ben preparati per difendere le conoscenze vere della salute, incominciando dal bambino
nelle scuole elementari, poiche sin dall'infanzia l'uomo deve imparare a scegliere i propri alimenti:
masticare, insalivare, digerire, respirare, attivare la pelle con la reazione dell'aria e dell'acqua, usare
indumenti adeguati, praticare un quotidiano e moderato esercizio fisico. Riassumendo, saper vivere
mantenendo ogni giorno la normalita funzionale dell'organismo, per mezzo dell'Equilibrio
Termico.
Solo in questo modo si risolverebbe il problema della salute pubblica senza medici e senza
ospedali che, proprio oggi, rappresentano un preoccupante problema per i governi. (Kuhne li
definisce carceri per infermi).
Goethe ha scritto: attualmente, nella scienza si considera verita solo quello che si insegna
nelle Universita e, se qualcuno si permette di presentare o indicare una novita che contraddica o
minacci di distruggere le credenze rispettate durante tanti anni, tutte le passioni si ribellano e si
sforzano per distruggere, o far tacere, l'ardito annunciatore. Delle nuove idee si e diffidenti, si
sottovalutano, si vedono con disprezzo e sotto un cinico sarcasmo. Esse non meritano una
investigazione, ed e per questo che una verita tarda molto prima di venire alla luce, e si perde tutto
cio che essa offre di utile e vantaggioso. I peggiori nemici della scienza sono i suoi specialisti; di
conseguenza, il fiorire di una nuova teoria o dottrina nei circoli ed associazioni professionali, viene
complottato e boicottato con quanto c'e di piu volgare, grossolano ed egoista, commercialmente
parlando.

L'OMEOPATIA
Tanto meno la Omeopatia e una scienza, perche e assurdo il principio su cui si basa, e perche
incorre negli stessi errori e contraddizioni della Allopatia che pretende di «curare» cancellando i
sintomi, senza arrivare alla causa di tutto il male fisico che, come sappiamo, si trova nel disordine
variabile delle funzioni digerente e eliminatrice della pelle di ogni singolo infermo. Con le pillole e
impossibile normalizzare la digestione di un infermo perche e questione di temperatura e, gia lo
sappiamo, questa normalita e la condizione indispensabile per la salute.
Il principio Similia similibus curantur, su cui si basa la Omeopatia, e assurdo, perche non c'e
modo di dimostrare con logica che i mali del corpo si possono togliere con l'impiego od uso di
veleni, che producono gli stessi mali.
Se la Omeopatia ha qualche rimedio ed incontra simpatia nel pubblico, e perche offre rimedi
«facili» e non carica l'organismo di forti e velenose medicine. Se questo trattamento da qualche
esito, e perche alle dosi omeopatiche si aggiunge sempre dieta parca e vegetale, combinata ad altre
pratiche tolte dal campo naturista, come bagni revulsivi di vapore, cataplasmi di fango, ecc.
Manuel Lezaeta Acharan - La medicina naturale alla portata di tutti - Pag. 175 di 176

Pur questa scuola pretende di conoscere la necessita che il corpo infermo ha, investigando
nell'iride degli occhi, pero nulla otterra con questo esame, poiche lo specchio iridale rivela solo la
impurita organica, le congestioni, le anemie, tutte anormalita impossibili da rinnovare con le pillole
multicolori.
Non dimentichiamo che la salute e pure questione di temperatura, e non di chimica.

GLI ALTRI SISTEMI


L'Assuerismo - (deriva da Assuero, medico spagnolo), consiste in applicazioni di
terrnocauterio al sistema nervoso, di preferenza al trigemino. I suoi esiti sono passeggeri, perche
cagionano solo lo stimolo, senza normalizzare le funzioni organiche.
L'Osteopatia - attribuisce le manifestazioni morbose alla difettosa circolazione del sangue,
cagionata dal parziale spostamento di una o varie ossa del corpo che, spostandosi, esercitano una
pressione sui vicini vasi sanguigni. I metodi di cura impiegati sono certe manipolazioni sulla
struttura ossea, sui muscoli, sui nervi e centri nervosi.
La Chiropratica - attribuisce i disordini organici allo spostamento di una o piu vertebre della
spina dorsale le quali, esercitando una pressione sopra i nervi, ne arrestano la vitalita. Il rimedio
che prescrive, si riduce al riassetto delle vertebre con una manipolazione locale.
La Spondiloterapia - (Vertebre-terapia) consiste nello stimolare uno o piu centri nervosi della
spina dorsale per mezzo di delicate percussioni, profonde pressioni, o con l'azione elettrica,
affinche nella parte colpita si origini il riflesso nervoso.
La Neuropatia ricorre alle manipolazioni ed applicazioni termiche, avendo per oggetto di
normalizzare la circolazione sanguigna e nervosa nella spina dorsale, per attuare cosi sugli organi o
parti anormali.
I soprannominati ed altri sistemi curativi sono inadeguati per ottenere la salute integrale
dell'organismo, perche intervengono sull'effetto, lasciando in piedi la causa di tutta l'alterazione
della salute, che e originata solo dal disordine funzionale per squilibrio termico del corpo, come si
manifesta in grado variabile con l'esame dell'iride degli occhi di tutti gli infermi.

LA DOTTRINA TERMICA E FONTE DI SALUTE


Come igiene e medicina, questa Dottrina mantiene e ristabilisce la salute con il solo
intervento dell'interessato; basta che costui osservi strettamente gli insegnamenti che essa da.
Riassumendo, voglio evidenziare una volta ancora, le ragioni di questo concetto.
1° - La Dottrina Termica e l'unico metodo adatto a soddisfare le necessita che si manifestano
nell'iride degli occhi di ogni singolo infermo, e che abitualmente sono intossicazione generale,
variabile congestione cronica della zona digerente, e deficiente circolazione sanguigna nella pelle,
estremita e cerebro. Queste anomalie impongono all'infermo la necessita di normalizzare le
funzioni, rinfrescando l'interno del corpo e riscaldando la pelle. Solo cosi l'infermo potra vincere
l'anormalita funzionale manifestata con la malattia o per meglio dire con l'infermita prescindendo
dal nome.
Qualsiasi sia la manifestazione, la causa si trova sempre nella variabile congestione cronica
dell'apparato digerente. E'on questo concetto che la Dottrina Termica fa scomparire il sintomo di
alterazione della salute, poiche con esso procura sempre il ristabilimento integrale, mediante
l'Equilibrio Termico del Corpo.
2° Questa Dottrina offre l'unico mezzo esistente per purificare e normalizzare la
composizione e circolazione del sangue che in ogni infermo e sempre alterata, in grado variabile
nei due aspetti, come si riscontra dall'esame dell'iride degli occhi. Aggiungiamo poi che la
medicina ufficiale e assolutamente impotente per ottenere questi benefici, in quanto agisce in senso
-Pag. 176 di 176 Volume 1° - Indice – Capitoli I° - XXIV° Vai all'indice interattivo delle Materie

opposto, impurificando il fluido vitale con vaccini, sieri, iniezioni, medicamenti, trasfusioni di
sangue conservato, vitamine di laboratorio, ecc.
3° Il sangue si purifica respirando aria pura e con le buone digestioni, che si ottengono
solamente con temperatura normale nell'apparato digerente. Tutto questo lo insegna la Dottrina
Termica, con le sue pratiche destinate a rinfrescare le viscere febbricitanti del corpo infermo
4° - In queste pratiche si insegna a purificare e normalizzare la circolazione del sangue,
mediante l'attivita della pelle, provocando in essa la febbre curativa che, con reazioni nervose e
circolatorie, favorisce l'eliminazione delle sostanze malsane, delle tossine, cio che e impossibile
ottenere con l'uso dei farmaci.
Con quanto e stato detto ed esposto, il lettore comprendera che la Dottrina Termica, e fonte di
salute, al margine della Medicina.