Sei sulla pagina 1di 6

LABORATORIO DI TECNOLOGIE MUSICALI

Teoria e Pratica per i Licei Musicali, i Conservatori e le Scuole di Musica - volume 1

TEST DI VERIFICA 1
• CATENA ELETTROACUSTICA
• MIXER
• MONO VS STEREO
• ACUSTICA (PERIODO E FREQUENZA)

Data Classe Nome


ELETTROACUSTICA

1. Indica quale operazione (acquisizione, elaborazione, diffusione) viene compiuta dai seguenti dispositivi elettroacustici

a) microfono b) mixer c) amplificatore

d) altoparlante e) cuffie

2. Cos’è una catena elettroacustica? Fai un esempio.

3. Indica se le catene elettroacustiche in elenco sono corrette e “suonano” oppure no


(la freccia indica il collegamento tra i dispositivi e la direzione del segnale)

microfono → cassa passiva Sì No


lettore mp3 → coppia di casse attive Sì No
microfono → mixer → casse attive Sì No
lettore cd → mixer →amplificatore → coppia di casse passive Sì No
casse attive → microfono → mixer Sì No

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati
2 Laboratorio di Tecnologie Musicali - Test di Verifica 1

4. Forma 3 diverse catene elettroacustiche collegando i dispositivi in elenco (….. = facoltativo)

a) microfono b) coppia di casse attive c) coppia di casse passive d) lettore mp3 e) mixer attivo

f) mixer passivo g) amplificatore h) lettore cd i) cuffie

a) → → →

b) → → →

c) → → →

5. I diffusori attivi

a) non necessitano di alimentazione elettrica V F

b) non necessitano di amplificazione esterna V F

c) si collegano direttamente al mixer passivo V F

6. Trasduttore

Il mixer è un trasduttore elettroacustico V F

La cassa è un trasduttore elettroacustico V F

Il microfono è un trasduttore elettroacustico V F

7. I canali d’ingresso di un mixer

a) presentano diverse tipologie di connettori V F

b) servono per inviare i segnali ai diffusori V F

c) possono essere mono o stereo V F

8. I canali d’uscita di un mixer

a) possono essere solo due V F

b) si distinguono in principali e ausiliari V F

c) di solito sono in numero superiore rispetto ai canali d’ingresso V F

9. Quale controllo del mixer utilizziamo per regolare il livello del segnale in ingresso?

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati
3 Laboratorio di Tecnologie Musicali - Test di Verifica 1

10. Il Pan (1 sola risposta)

• regola la quantità di segnale inviata alle due uscite principali V F

• regola la quantità di segnale in ingresso sul canale V F

• regola il livello delle frequenze acute V F

11. Il Pan

a) si trova nei canali mono V F

b) si trova nei canali stereo V F

c) è un controllo di uscita V F

12. Il Gain

• regola il livello delle uscite principali V F

• controlla la pre-amplificazione del segnale V F

• regola il livello delle frequenze gravi V F

13. Il Main Out (o L/R)

• regola il livello del segnale in ingresso V F

• regola il volume delle uscite principali V F

• regola il livello delle frequenze medie V F

14. Il Mute

• chiude i canali di uscita del mixer V F

• chiude il canale sul quale viene attivato V F

• spegne tutti i canali tranne quello sul quale è attivato V F

-34Low Cut
15. Il tasto

80 • taglia le frequenze al di sotto dei 80 Hz V F


low cut
• taglia le frequenze al di sopra dei 80 Hz V F

• aumenta la potenza delle frequenze basse V F

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati
4 Laboratorio di Tecnologie Musicali - Test di Verifica 1

16. Completa la frase

controlla la quantità di segnale inviata sui due

di uscita principali determinando così il posizionamento del suono nel panorama stereo.

MONO vs STEREO

17. Un segnale mono

a) contiene delle differenze tra i canali sinistro e destro V F

b) può viaggiare su due canali formando un segnale stereo V F

c) può viaggiare su due canali formando un segnale doppio mono V F

18. Un segnale stereo

a) è formato da una coppia di segnali identici V F

b) è formato da una coppia di segnali diversi V F

c) si ottiene sdoppiando un segnale mono su due canali V F

19. L’ascolto dual-mono si verifica

a) se ascoltiamo alternativamente i due canali di un segnale stereo V F

b) se ascoltiamo su un impianto stereo un segnale mono V F

c) se ascoltiamo un segnale stereo su un unico canale V F

20. Inserisci i termini segnale e canale negli spazi vuoti.

Nel campo dell’audio si definisce mono un segnale che viaggia su un solo ____________________;

esso è costituito da un’unica onda. Si definisce stereo una coppia di ____________________ audio

aventi delle differenze anche minime fra loro, che viaggia su due ____________________ indipenden-

ti: il ____________________ sinistro e il ____________________ destro; il ____________________

audio stereo è pertanto costituito da due onde.

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati
5 Laboratorio di Tecnologie Musicali - Test di Verifica 1

ACUSTICA

21. L’unico elemento necessario alla produzione del suono è la sorgente V F

22. Un’onda aperiodica è :

a) un’onda in cui le zone di compressione e rarefazione si ripetono V F


a intervalli di tempo uguali

b) un’onda in cui le zone di compressione e rarefazione non si ripetono V F


a intervalli di tempo uguali

c) un’onda che produce una sensazione di altezza indefinita V F

23. Inserisci gli aggettivi periodico e aperiodico negli spazi vuoti.

Generalmente, quando un’onda è ____________ , riusciamo a percepire in essa un’altezza definita. [...]

Al contrario, nelle onde ____________, l’irregolarità produce una sensazione di altezza indefinita, come nel caso

delle percussioni ad altezza indeterminata (wood block, piatto etc.).

24. Unità di misura della frequenza

a) 13.000 Hz kHz

b) 2 kHz Hz

c) 16.5 kHz Hz

25. Se la frequenza di un’onda passa da 100 a 1000 Hz, il periodo

aumenta diminuisce

26. Possiamo calcolare il periodo di un’onda aperiodica? Sì No

27. Quali sono i limiti (superiore e inferiore) della banda udibile dell’uomo? Un segnale stereo

20 Hz 200 Hz 200 kHz 20 kHz 200.000 Hz

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati
6 Laboratorio di Tecnologie Musicali - Test di Verifica 1

28. Indica se le seguenti frequenza rientrano nella banda udibile dell’uomo

a) 100 Hz Sì No

b) 17.000 Hz Sì No

c) 12 Hz Sì No

d) 5 kHz Sì No

e) 12 kHz Sì No

f) 22 kHz Sì No

29. Calcola periodo e frequenza dell’onda sottostante


  





      


 


T = _________ f = _________ Hz

30. Frequenza e periodo (esprimi il periodo in secondi e in millesecondi dove richiesto)

a) f = 100 Hz T= sec..

b) f = 1 Hz T= sec.

c) f = 20 Hz T= sec.

d) f = 1000 Hz T= sec. = ms

e) f = 500 Hz T= sec. = ms

Cancella Modulo Stampa

da “Laboratorio di Tecnologie Musicali” vol. 1 di G. Cappellani, M. D’Agostino, L. De Siena, S. Mudanò, G. Paolozzi - © ConTempoNet 2014 - Tutti i diritti riservati