Sei sulla pagina 1di 26

Antonella Grillo

MMPI-2 e
MMPI-2-RF
Dalla teoria all’interpretazione pratica del test
con esempi di protocolli in ambito clinico e forense

Galton
G

Psicologia e Neuroscienze
© 2020 by Edizioni Galton
Edizioni Galton è un marchio di Galton s.r.l.
Via Antonio Salandra 18 - 00187 Roma
Tel. 06 42272332 - Fax 06 91659336
email: info@galton.it - http://www.galton.it

ISBN 978-88-98805-09-9
Antonella Grillo

MMPI-2 e MMPI-2-RF
Dalla teoria all’interpretazione pratica del test, con esempi
di protocolli in ambito clinico e forense

Galton
G

Psicologia e Neuroscienze
A mio marito Orazio
e ai miei figli Ruggero e Giorgio,
capaci di realizzare i miei sogni
e di non smettere mai di farmi sognare
INDICE

Introduzione ............................................................................................. 15

Cap. 1 - Storia e sviluppo del Minnesota Multiphasic Personality


Inventory................................................................................................... 17
1.1 Nascita e sviluppo del MMPI .....................................................................17

1.2 La necessità di una revisione: dal MMPI al MMPI-2 ...........................19

1.3 Lo sviluppo della versione per adolescenti: MMPI-A ...........................22

1.4 Dal MMPI-2 al MMPI-2-RF ....................................................................23

Cap. 2 - Modalità di somministrazione e scoring..................................... 25


2.1 Chi può somministrare il MMPI-2 ...........................................................25

2.2 Modalità di somministrazione....................................................................25

Cap. 3 - Struttura e modalità interpretative del MMPI-2 ....................... 27


3.1 La struttura del test .......................................................................................27

3.2 Modalità interpretative ................................................................................29

Cap. 4 - Le Scale di Validità ..................................................................... 31


4.1 Il punteggio “Non so (?)” .............................................................................32

4.2 Scala VRIN - Incoerenza nelle risposte.....................................................33

4.3 Scala TRIN - Incoerenza nelle risposte “Vero” .......................................34

4.4 Scala F – Frequenza.......................................................................................35

4.5 Scala FB - F Back.............................................................................................37


4.6 Scala FP - Frequenza Psicopatologia ..........................................................38

4.7 L’indice di Dissimulazione F - K ...............................................................39

4.8 Scala L - Menzogna .......................................................................................40

4.9 Scala K - Correzione .....................................................................................43

4.10 Scala S - Superlativa Presentazione di Sé ...............................................44

4.11 Configurazioni delle Scale di Validità che determinano la


non validità del profilo ...........................................................................................46

4.11.1 Risposte casuali.........................................................................................47

4.11.2 Risposte tutte “Vero” o tutte “Falso”....................................................48

4.11.3 Quadro esagerato dei sintomi e simulazione di patologia ...............50

4.11.4 Simulazione di buon adattamento .......................................................52

4.11.5 Profilo di atteggiamento difensivo .......................................................53

Cap. 5 - Le Scale Cliniche ......................................................................... 55


5.1 Scala 1: Ipocondria (Hs) ..............................................................................56

5.2 Scala 2: Depressione (D)..............................................................................58

5.3 Scala 3: Isteria (Hy) .......................................................................................60

5.4 Scala 4: Deviazione Psicopatica (Pd).........................................................63

5.5 Scala 5: Mascolinità Femminilità (Mf ) ....................................................66

5.6 Scala 6: Paranoia (Pa) ...................................................................................67

5.7 Scala 7: Psicoastenia (Pt)..............................................................................70

5.8 Scala 8: Schizofrenia (Sc) .............................................................................71

5.9 Scala 9: Ipomania (Ma) ................................................................................74

5.10 Scala 0: Introversione Sociale (Si)............................................................77


Cap. 6 - Interpretazione del profilo per codici tipo (code type) ............. 81
6.1 Codici a due punte ........................................................................................84

6.2 Codici a tre punte ..........................................................................................106

Cap. 7 - L’interpretazione del MMPI-2 attraverso le Scale di Contenuto


e le loro componenti ................................................................................. 113
7.1 Gruppo dei sintomi internalizzanti ...........................................................116

7.2 Gruppo dei sintomi esternalizzanti ...........................................................119

7.3 Autopercezione negativa ..............................................................................121

7.4 Gruppo dei problemi generali.....................................................................122

Cap. 8 - Le Scale Supplementari ............................................................... 125

Cap. 9 - La configurazione PSY-5 (Personality Psychopathology Five


Scales) ...................................................................................................... 133

Cap. 10 - Gli item critici .......................................................................... 135

Cap. 11 - MMPI-2-RF: sviluppo e struttura del test ............................... 143


11.1 Modalità di somministrazione e scoring ...................................................145

Cap. 12 - Validità del protocollo .............................................................. 147


12.1 Stile di risposta che non considera il contenuto ...................................147

12.1.1 Scala CNS (Non so - Cannot say) ........................................................147

12.1.2 Scala VRIN-r (Inconsistenza nelle risposte – Variable Response


Inconsistency) ..........................................................................................................148

12.1.3 Scala TRIN-r (Incoerenza nelle risposte “Vero” – True Response


Inconsistency) ..........................................................................................................149

12.2 Esagerazione dei sintomi .........................................................................150

12.2.1 Esagerazione generale dei sintomi ........................................................151


12.2.2 Esagerazione dei sintomi somatici e cognitivi ...................................155

12.3 Minimizzazione dei sintomi ....................................................................159

Cap. 13 - Le Scale Sostanziali .................................................................. 165


13.1 Le Scale H-O (Sovraordinate - Higher - Order ...................................166

Scales) ........................................................................................................................166

13.1.1 EID (Disfunzione Emozionale/Internalizzante – Emotional/Inter-


nalizing Dysfunction) ............................................................................................167

13.1.2 THD (Disfunzione Del Pensiero – Thought Dysfunction) .........168

13.1.3 BXD (Disfunzione Comportamentale/Esternalizzante – Behavio-


ral/Externalizing Dysfunction) ............................................................................168

13.2 Le Scale RC (Scale Cliniche Ristrutturate – Restructured Clinical


Scales) ........................................................................................................................170

13.2.1 RCd (Demoralizzazione – Demoralization) .....................................171

13.2.2 RC1 (Lamentele somatiche – Somatic Complaints) .......................173

13.2.3 RC2 (Bassa emotività positiva – Low Positive Emotions)..............174

13.2.4 RC3 (Cinismo – Cynism) .....................................................................176

13.2.5 RC4 (Comportamento antisociale – Antisocial Behavior) ............177

13.2.6 RC6 (Idee di Persecuzione – Ideas of Persecution) .........................178

13.2.7 RC7 (Emozioni Negative Disfunzionali – Dysfunctional Negative


Emotions) .................................................................................................................179

13.2.8 RC8 (Esperienze Aberranti – Aberrant Experiences)......................181

13.2.9 RC9 (Attivazione Ipomaniacale – Hypomanic Activation) ..........182

13.3 Le Scale SP (Scale dei Problemi Specifici – Specific Problem Scales) .....
184

13.3.1 Le Scale Somatico Cognitive (Somatic/Cognitive Scales) ............184


13.3.2 Le Scale di Internalizzazione (Internalizing Scales) .........................188

13.3.3 Le Scale di Esternalizzazione (Externalizing Scales) ........................195

13.3.4 Le Scale Interpersonali (Interpersonal Scales) ...................................199

Cap. 14 - Le Scale PSY-5 (Personality Psychopathology Five Scales) ..... 207

Cap. 15 - Interpretazione del profilo ........................................................ 213


15.1 La struttura della relazione psicodiagnostica ........................................217

Cap. 16 - Caso clinico MMPI-2 .............................................................. 221

Cap. 17 - Caso clinico MMPI-2 forma ridotta ........................................ 239

Cap. 18 - Caso MMPI-2-RF valutazione del danno ................................ 245

Cap. 19 - Caso MMPI-2-RF denuncia per mobbing ............................... 259

Cap. 20 - Caso MMPI-2-RF valutazione capacità genitoriali ................ 273

Riferimenti bibliografici .......................................................................... 287


Parte Prima
MMPI-2
Introduzione

Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 (MMPI-2) è tra gli stru-


menti psicodiagnostici più utilizzati a livello mondiale. Il test permette una valutazio-
ne delle principali caratteristiche di personalità e del loro eventuale grado di psicopa-
tologia. Tradotto in molte lingue e oggetto di moltissime ricerche e pubblicazioni, è
utilizzato regolarmente in ambito clinico, con pazienti ambulatoriali e ricoverati, in
campo forense e nella selezione del personale.
Da quando è nato, negli anni Trenta, il MMPI ha subito molti cambiamenti,
ampliamenti e revisioni, rimanendo sempre un punto fermo nell’ambito della psico-
diagnostica clinica e forense mondiale.
Nel 2008 in America e nel 2011 in Italia, una nuova versione del test: il
Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2 Restructured Form (MMPI-2-RF) si
è affiancata al MMPI-2, apportando delle sostanziali modifiche al test. Non si tratta
di una versione ridotta del MMPI-2, cosa a cui si potrebbe ingenuamente pensare
considerando il numero inferiore di item e i tempi di somministrazione notevolmente
ridotti, bensì di una forma completamente nuova, basata su modalità di costruzione
delle scale completamente differenti.
Attualmente entrambe le versioni, il MMPI-2 e il MMPI-2-RF, sono ampia-
mente utilizzate in ambito clinico e peritale.
Nel mio lavoro come docente sul MMPI e come consulente all’interno del
Tribunale, mi sono resa conto di come questo generi spesso una grande confusione
sia tra chi si approccia per la prima volta allo studio del test, sia tra i professionisti
consulenti e periti del Tribunale. Costoro si trovano a dover leggere e interpretare tal-
volta un profilo MMPI-2, talvolta un profilo MMPI-2-RF e, per tale ragione, hanno
quindi bisogno di competenze e conoscenze approfondite e aggiornate su entrambe
le versioni del test.
Questo lavoro nasce proprio con l’obiettivo di fornire una guida teorica e
pratica in grado di accompagnare il lettore in tutte le fasi: dalla somministrazione,
all’interpretazione, alla stesura della relazione finale del MMPI-2 e del MMPI-2-RF
in ambito clinico e forense.
Il libro si rivolge agli studenti che decidono di approfondire lo studio del

15
MMPI e a professionisti psicologi, psicoterapeuti e psichiatri che già utilizzano il test
e vogliono aggiornare le proprie conoscenze a livello teorico e applicativo.
Il testo è strutturato in tre parti. La prima parte si focalizza sul MMPI-2.
Dopo una prima rassegna storica che descrive le origini del test, le sue modalità di co-
struzione e sviluppo, vengono illustrate le modalità di somministrazione e scoring, la
struttura del test, le scale che lo compongono, le varie configurazioni che determinano
la validità o non validità e le varie strategie interpretative.
La seconda parte del libro si focalizza sul MMPI-2-RF. Oltre ad approfondire
tutte le scale che compongono il test, verrà illustrata la peculiare strategia interpretati-
va, che porta all’integrazione delle informazioni ottenute dall’analisi dei vari profili di
scale, secondo un criterio di tipo gerarchico, alla creazione di un profilo di personalità
in cui vengono analizzate le possibili disfunzioni a livello emotivo, del pensiero, soma-
tico-cognitivo e comportamentale e in cui vengono date delle possibili indicazioni di
tipo diagnostico e relative al trattamento.
Nella terza parte vengono presentati alcuni esempi di protocolli MMPI-2 e
MMPI-2-RF somministrati sia in ambito clinico che in ambito forense, con una det-
tagliata spiegazione della procedura seguita per giungere all’interpretazione del test e
alla stesura della relazione psicodiagnostica finale.

16
CAPITOLO 1
Storia e sviluppo del Minnesota Multiphasic
Personality Inventory

In questo capitolo analizzeremo il percorso storico che ha portato dalla nasci-


ta della prima versione del MMPI (Hathaway e McKinley, 1940) allo sviluppo delle
versioni successive: il MMPI-2 (Butcher, Dahlstrom, Graham, Tellegen e Kaemmer,
1989), la versione per adolescenti (MMPI-A, Butcher e Wiliams, 1992) e il MMPI-
2-Restructured Form (MMPI-2-RF, Ben-Porath e Tellegen, 2008), gli sviluppi e il
metodo utilizzato dagli Autori per la costruzione delle scale componenti il test.

1.1 Nascita e sviluppo del MMPI

Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI) è un questionario


ad ampio spettro, che permette di valutare le principali caratteristiche di personalità
del soggetto e l’eventuale presenza di psicopatologia.
Fu sviluppato dallo psicologo clinico Starke R. Hathaway e dal neuropsichia-
tra Charnley McKinley intorno alla fine degli anni Trenta, presso l’Ospedale dell’U-
niversità del Minnesota, per disporre di uno strumento che aiutasse il clinico nella
formulazione delle diagnosi psichiatriche più appropriate ai vari pazienti.
Per l’individuazione degli item da inserire nel test i due Autori attinsero a testi
sull’intervista psichiatrica, sulla diagnosi differenziale, sulla personalità e a scale su-
gli atteggiamenti sociali e personali, selezionando preliminarmente circa 1000 item.
Da questa lunga lista di potenziali item eliminarono quelli simili e quelli espressi in
maniera ambigua o poco chiara, giungendo così ad una selezione di 504 item ritenuti
sufficientemente indipendenti gli uni dagli altri. Tali item erano scritti nella forma di
affermazioni in prima persona, in modo che fossero più comprensibili.
Il primo articolo sul MMPI, in cui gli Autori spiegavano le modalità di sele-
zione degli item, fu pubblicato nel 1940 (Hathaway e McKinley,1940).
Il campione di riferimento per la validazione dello strumento era costituito

17
principalmente da un gruppo di 724 parenti e visitatori dei pazienti dell’Ospedale
del Minnesota, che si prestavano a compilare il test. Si trattava di un campione rap-
presentativo della popolazione del Minnesota negli anni Trenta, con un’età compresa
tra i 16 e i 65 anni, un’età media di 35 anni, principalmente coniugati e residenti in
piccole città o comunità rurali. Per lo sviluppo delle Scale Cliniche furono utilizzati
altri gruppi normativi aggiuntivi che permettevano di valutare l’influenza di alcune
variabili come l’età o lo status socio-economico: un gruppo di 265 giovani diplomati
che stavano partecipando a conferenze nell’Ospedale, un altro di 265 dipendenti del
settore amministrativo e infine un gruppo di 254 pazienti non psichiatrici. Il gruppo
clinico di riferimento era invece costituito da 221 pazienti psichiatrici dell’Ospedale,
che furono suddivisi in sottogruppi in relazione alla diagnosi che avevano ricevuto.
Nella costruzione delle varie Scale Cliniche componenti il test, gli Autori
utilizzarono un approccio empirico: i 504 item furono somministrati al campione di
riferimento dei soggetti “normali” e ai diversi gruppi di pazienti psichiatrici. Furono
così individuati tutti quegli item che permettevano di discriminare in maniera statisti-
camente significativa i vari gruppi clinici e il gruppo di controllo dei “normali”. Utiliz-
zando questo approccio i 504 item furono suddivisi in 8 Scale Cliniche, denominate
secondo il tipo di psicopatologia a cui erano associate e identificate da una sigla e un
numero: Scala 1: Ipocondria (Hs), Scala 2: Depressione (D), Scala 3: Isteria (Hy), Scala
4: Psicopatia (Pd), Scala 6: Paranoia (Pa), Scala 7: Psicoastenia (Pt), Scala 8: Schizofre-
nia (Sc), scala 9: Ipomania (Ma).
Il tipo di approccio seguito per la costruzione dello strumento, rappresentava
allora un’importante innovazione, dal momento che la maggior parte dei test del pe-
riodo era costruita utilizzando un tipo di validazione definita razionale o di contenuto,
in cui, cioè, gli item venivano selezionati presupponendo una corrispondenza tra alcu-
ni sintomi e alcune tipologie psicopatologiche, spesso facendo riferimento ai principi
di alcune teorie di personalità.
In seguito furono aggiunti altri item relativi al ruolo sessuale, con lo scopo ori-
ginario di distinguere i maschi omosessuali ed eterosessuali. Tali item andarono a con-
fluire in una nuova scala di base: la Scala 5 “Mascolinità Femminilità” (Mf ), portando
gli item totali del questionario a 550. Un’ulteriore scala di base: Scala 0 “Introversione
Sociale” (Si), fu sviluppata da Drake (Drake, 1946; Drake e Thiede, 1948) presso l’U-
niversità del Wisconsin, utilizzando item già presenti nel questionario.
Nel 1942, quando fu pubblicata la prima edizione del MMPI, gli Autori in-
serirono anche 3 Scale di Validità, deputate a individuare particolari atteggiamenti o
modalità di risposta al test che potrebbero alterarne o inficiarne la validità: la Scala
“Non so” (?), corrispondente al numero di item lasciati senza risposta o a cui il soggetto
ha risposto contemporaneamente sia vero che falso; la Scala “Lie” (L), costruita per
individuare tentativi poco sofisticati di presentarsi in una luce socialmente positiva,
e la Scala “Frequenza” (F), volta a individuare modalità di risposta devianti o casuali.

18
In seguito fu inserito un ulteriore indicatore di validità, la Scala “Correzione” (K),
deputata a individuare tentativi più sofisticati di nascondere o dissimulare le proprie
difficoltà (Meehl e Hathaway, 1946; McKinley, Hathaway e Meehl, 1948).
Nel riferirsi alle varie Scale Cliniche del test è consuetudine utilizzare il nume-
ro identificativo piuttosto che la denominazione, allo scopo di evitare l’enfatizzazione
dell’etichetta diagnostica e giungere alla conclusione erronea che un individuo che, ad
esempio, ha ottenuto i punteggi più elevati nella scala 8 — Schizofrenia (Sc), sia per
questo da diagnosticare come schizofrenico.

Tab. 1.1 Scale di Base

Nome della scala Numero Sigla


Ipocondria 1 Hs
Depressione 2 D
Isteria 3 Hy
Deviazione Psicopatica 4 Pd
Mascolinità/Femminilità 5 Mf
Paranoia 6 Pa
Psicoastenia 7 Pt
Schizofrenia 8 Sc
Ipomania 9 Ma
Introversione Sociale 0 Si

1.2 La necessità di una revisione: dal MMPI al MMPI-2

Dopo la sua prima pubblicazione, avvenuta nel 1943, il MMPI cominciò a


diffondersi in maniera esponenziale, oltrepassando i confini nazionali e cominciando
ad essere applicato anche in contesti diversi da quelli per cui era stato originariamente
creato (nelle scuole, per la selezione del personale, con personale militare, agenti di
polizia, ecc.) Fu tradotto in moltissime lingue: nel 1976 le traduzioni superavano la
cinquantina (Butcher e Pancheri, 1976) e già nel 1989 se ne contavano oltre 140 in 46
paesi. Era il test più utilizzato negli Stati Uniti, sia con pazienti ricoverati che ambu-
latoriali; era ampiamente utilizzato anche con gli adolescenti, nonostante fosse stato
sviluppato per gli adulti.
Le ragioni di questo grande successo sono molteplici ma, secondo Hathaway
(1965) vanno ricercate principalmente, oltre che nella sua validità, nella sua facilità di
somministrazione e scoring, nel linguaggio semplice con cui sono formulati gli item

19
e nella possibilità di individuare la tendenza a falsificare il test e a rispondere in una
maniera deviante o casuale.
La grandissima diffusione del MMPI nei più svariati contesti e il suo permane-
re invariato per lungo tempo, lo esponevano da più parti a varie critiche, che rendeva-
no sempre più evidente la necessità di una revisione dello strumento.
Un primo problema rilevante era la popolazione su cui era stato standardiz-
zato: si trattava di un campione costituito da 724 persone tra parenti e visitatori dei
pazienti dell’Ospedale del Minnesota, in maggioranza bianchi e appartenenti al ceto
contadino del Minnesota. Con il passare del tempo tale campione era divenuto sem-
pre meno rappresentativo della popolazione contemporanea e poco adeguato per l’u-
tilizzo del test con popolazioni e gruppi etnici diversi.
Un altro aspetto oggetto di critiche era il contenuto o le modalità di espres-
sione di molti item: spesso il linguaggio era considerato obsoleto, sessista o si faceva
riferimento a pratiche ormai desuete; l’utilizzo della doppia negazione rendeva alcuni
item di difficile comprensione per persone con un basso livello di istruzione. Alcuni
item che facevano riferimento a credenze religiose, a comportamenti sessuali e funzio-
ni corporee, erano giudicati poco pertinenti ai fini di una valutazione della personalità
o intrusivi in relazione al contesto. Inoltre, sarebbe stato utile disporre di più item per
valutare aspetti molto rilevanti, come i tentativi di suicidio, l’abuso di alcool o droghe.
Con il passare del tempo questi punti di debolezza diventarono sempre più
evidenti e poco accettabili, motivo per cui, nel 1982, la University of Minnesota Press
nominò un Comitato di Ristandardizzazione, costituito da N. Butcher e W. Grant
Dahlstrom, coadiuvati più tardi da John R. Graham e Auke Tellegen. Lo scopo del
Comitato era quello di predisporre un campione normativo più attuale, cancellare
gli item giudicati opinabili, modificarne altri e scrivere nuovi item che indagassero
contenuti poco esplorati dalla versione originaria dello strumento. Era inoltre stre-
nua volontà del Comitato il mantenimento di una continuità con il MMPI originale,
in modo tale che la grandissima mole di ricerche e pubblicazioni accumulate in cin-
quant’anni non andasse perduta.
Per raccogliere i dati necessari per la revisione del test, il Comitato sviluppò un
fascicolo sperimentale: la forma AX (Adult Experimental), in cui furono inclusi tutti
i 550 item originari, furono eliminati i 16 ripetuti in alcune versioni per facilitare lo
scoring e furono riscritti 82 item, cercando di eliminare i vocaboli obsoleti, le espres-
sioni idiomatiche e il riferimento ad un unico genere o a una specifica cultura. A questi
furono aggiunti 154 item sperimentali, che andavano ad indagare nuove aree, come
il comportamento suicidario, la disponibilità al trattamento terapeutico, il comporta-
mento del tipo A, l’abuso di alcool o droghe, l’adattamento coniugale, le attitudini la-
vorative e il funzionamento familiare. Con queste aggiunte gli item totali della forma
AX diventarono 704. Le Scale Cliniche e di Validità rimasero relativamente intatte,
per mantenere una continuità con il MMPI. In questo modo era possibile ottenere

20
nuove informazioni preziose senza alterare le scale originarie.
Per ottenere un ampio campione normativo che fosse rappresentativo della
popolazione americana furono individuati sette tra gli Stati Uniti d’America (Cali-
fornia, Minnesota, North Carolina, Ohio, Pennsylvania, Virginia e Stato di Washin-
gton). I potenziali partecipanti furono selezionati principalmente attraverso elenchi
telefonici e contattati attraverso delle lettere in cui si spiegava la natura del progetto
e si chiedeva la partecipazione. Si cercò di coinvolgere anche molte coppie, in modo
da poter disporre anche di una descrizione del soggetto testato da parte del partner.
Dopo un periodo di prova fu deciso che, per la loro collaborazione, i partecipanti
sarebbero stati pagati 15 $ e le coppie 40 $.
In questa maniera ad oltre 2.900 persone fu somministrata la forma AX con
704 item. Per ottenere dei dati aggiuntivi furono somministrati dei questionari sup-
plementari riguardanti alcune informazioni biografiche ed eventi significativi degli
ultimi sei mesi, per comprendere se ci fossero delle variabili in grado di influenzare i
risultati al test. Alle coppie fu anche somministrato il Dyadic Adjustment Question-
naire (Spanier e Filsinger, 1983) e una versione rivista della Katz Adjustment Scale
(Katz, 1968), in modo da ottenere informazioni sulla percezione del partner e sul
grado di soddisfazione percepito nella loro relazione.
Dopo aver eliminato i partecipanti i cui test erano ritenuti non validi o le cui
informazioni erano incomplete, si giunse ad un campione normativo di 2.600 persone
(1138 uomini e 1462 donne), di cui 841 erano coppie. I partecipanti componenti il
campione avevano un’età compresa tra i 18 e gli 85 anni, erano in maggioranza sposa-
ti, possedevano un grado di istruzione che andava dai 3 ai 20 anni ed erano rappresen-
tati in maniera equilibrata in quanto a caratteristiche demografiche e gruppo etnico:
l’81% erano Caucasici, il 12% Africani americani, il 3% ispanici, il 3% nativi americani
e l’1% asiatici americani (Graham, 2012).
I soggetti del nuovo campione normativo tendevano a rispondere in una ma-
niera più patologica, facendo così innalzare il punteggio medio delle Scale Cliniche di
circa 5 punti T. Ciò era dovuto probabilmente al fatto che, a differenza del passato, si
incoraggiavano maggiormente i soggetti testati a rispondere a tutti gli item.
Nell’interpretazione dei profili del MMPI era stato scelto il punteggio di 70
punti T (due deviazioni standard sopra la media) come soglia per ipotizzare la pre-
senza di disturbi psicopatologici, perché si riteneva che tale punteggio cadesse al 95°
rango percentile di ogni scala, anche se in realtà il percentile equivalente per un de-
terminato punteggio variava nelle diverse scale. Con la ristandardizzazione del test
venne risolto questo problema della non equivalenza dei valori percentili nelle diverse
scale, attraverso la derivazione di punti T uniformi (Tellegen e Ben-Porath, 1992). Il
punteggio soglia, in grado di discriminare il gruppo normativo dai gruppi clinici, fu
individuato in 65 punti T (corrispondente al 92° percentile per le otto Scale Cliniche
e per le quindici Scale di Contenuto del MMPI-2).

21
Oltre alla costruzione di un campione normativo erano stati fatti molti studi
per la validazione delle Scale Cliniche e delle nuove Scale di Contenuto su pazienti
psichiatrici (Ben-Porath, Butcher e Graham, 1991), alcolisti (Greene, Weed, Butcher,
Arredondo e Davis, 1992), madri che tendevano a maltrattare i figli (Egeland, Erick-
son, Butcher e Ben-Porath, 1991), coppie con disagi coniugali (Hjemboe e Butcher,
1991), pazienti con personalità antisociale (Lilienfeld, 1996), veterani con Disturbo
post-traumatico da stress (Litz, Penk et al., 1991), anziani (Butcher, Aldwin et al.,
1991), militari (Butcher, Jeffrey et al., 1990) e studenti del college (Butcher, Graham,
Dahlstrom e Bowman, 1990).
Dalla versione sperimentale AX fu creato il nuovo questionario MMPI-2,
pubblicato per la prima volta nel 1989 e costituito da 567 item: molti item che faceva-
no riferimento a credenze e pratiche religiose, funzioni corporee e preferenze sessuali,
furono eliminati ed altri furono modificati.
I cambiamenti apportati rispetto alla prima versione includevano dunque: un
campione normativo aggiornato e maggiormente rappresentativo, un nuovo metodo
per il calcolo dei punteggi standardizzati, item con contenuti aggiornati e con un lin-
guaggio più attuale, l’eliminazione di alcuni item dal contenuto discutibile.
Furono inoltre introdotte due nuove Scale di Validità, che permettevano di
verificare la coerenza delle risposte (scala VRIN e scala TRIN), una nuova Scala di
Validità che individuava modalità di risposte devianti o infrequenti nella seconda par-
te del questionario (scala Fb – F back) e nuove Scale di Contenuto che sostituivano
quelle del MMPI. Si trattava quindi di una serie di cambiamenti che non alteravano
la struttura originaria del test, ma la ampliavano e la miglioravano, pur mantenendo
un’effettiva continuità.
Per un periodo la University of Minnesota Press continuò a pubblicare en-
trambe le versioni del MMPI, per favorire una transizione graduale, fino a interrom-
pere definitivamente la distribuzione del MMPI originario nel 1999.

1.3 Lo sviluppo della versione per adolescenti: MMPI-A

Nonostante il MMPI fosse stato sviluppato e ideato per un utilizzo con gli
adulti, nella pratica era sempre più utilizzato anche con gli adolescenti e i profili otte-
nuti venivano interpretati facendo riferimento alle ricerche effettuate sugli adulti. Per
tale ragione, il Comitato di Ristandardizzazione decise di valutare la possibilità dello
sviluppo di una nuova forma separata del test, specifica per gli adolescenti.
Come per gli adulti, fu creata una forma sperimentale, la forma TX (Teenager
Experimental), di 704 item, che includevano i 550 item del MMPI (molti riscritti),
alcuni item della forma AX e nuovi item che andavano a indagare aree rilevanti nel
mondo adolescenziale, quali l’adattamento scolastico, l’atteggiamento verso i genito-

22
ri, i comportamenti alimentari, il gruppo dei pari.
Il campione normativo del MMPI-A era costituito da 1.620 adolescenti (805
ragazzi e 815 ragazze) con un’età compresa tra i 14 e i 18 anni, selezionati in diver-
se scuole del Minnesota, California, North Carolina, Ohio, Pennsylvania, Virginia e
Stato di Washington.
Grazie alla costruzione del campione normativo e a molti studi clinici com-
piuti, nel 1992 fu pubblicato il MMPI-A, costituito da 478 item (Butcher e Wiliams,
1992).

1.4 Dal MMPI-2 al MMPI-2-RF

Subito dopo la pubblicazione del MMPI-2, è iniziato un intenso processo di


elaborazione di un set di nuove Scale Cliniche Ristrutturate, ad opera di Tellegen e
colleghi (2003), che si prefiggevano lo scopo di aumentare la validità discriminante e
convergente e rafforzare la validità di costrutto delle scale del test. Una caratteristica
del MMPI-2 è, infatti, la grande eterogeneità e multidimensionalità delle Scale Cli-
niche, che fa sì che per la medesima scala, punteggi elevati possano essere associati
a molteplici interpretazioni. Altro punto di debolezza del MMPI-2 è rappresentato
dalla forte correlazione esistente tra le Scale Cliniche, che fa sì che più Scale Cliniche
si elevino in concomitanza, a causa della loro forte correlazione, riducendo così la
capacità del test di discriminare tra differenti quadri nosologici.
Il processo di revisione delle Scale Cliniche si è concluso nel 2003. Lo sviluppo
di una versione completamente ristrutturata del MMPI, con la creazione delle altre
Scale Sostanziali, occuperà gli anni successivi, per concludersi con la pubblicazione
finale, nel 2008, del MMPI-2-RF (Tellegen e Ben-Porath, 2008). In Italia il MMPI-2-
RF è stato pubblicato nel 2011, da Giunti Psychometrics.
Il MMPI-2-RF è costituito da 338 item, che sono stati selezionati dai 567 item
del MMPI-2. Si tratta di una forma completamente nuova del test e non di una ver-
sione ridotta e semplificata del MMPI-2. Previo accertamento della validità del proto-
collo, il test permette un assessment approfondito di un ampio spettro di elementi di
rilevanza clinica, come sintomi, tratti di personalità, funzionamento interpersonale,
livello di adattamento e interessi.

23
CAPITOLO 2
Modalità di somministrazione e scoring

2.1 Chi può somministrare il MMPI-2

L’utilizzo del MMPI-2 è ristretto a personale qualificato. In Italia il rivendito-


re autorizzato è la Giunti OS. L’acquisto del test è consentito a psicologi iscritti alla
sezione A dell’Albo e a medici con specializzazione in psicoterapia, psichiatria, psico-
logia clinica e neuropsichiatria infantile. Per un corretto e proficuo utilizzo del test è
opportuno conoscere adeguatamente le modalità interpretative del MMPI-2, nonché
avere delle buone conoscenze di psicometria, psicodiagnostica e psicopatologia.

2.2 Modalità di somministrazione

Il MMPI-2 può essere somministrato a persone che abbiano dai 18 anni in su,
mentre il MMPI-A ad adolescenti dai 14 ai 18 anni. A un diciottenne potrebbe essere
quindi somministrata sia la forma per adolescenti che quella per adulti. In questi casi,
per decidere quale sia la forma più appropriata, è opportuno valutare lo stile di vita del
ragazzo: se studia o lavora, se vive ancora in famiglia o è già indipendente. In molti
casi non è semplice determinare se il ragazzo ha uno stile di vita adolescenziale o più
adulto (ad es. ragazzi che lavorano e pur avendo una certa indipendenza vivono con la
famiglia), ma i colloqui precedenti la somministrazione del test e la sensibilità clinica
dello psicologo aiuteranno nella scelta più appropriata, caso per caso.
In merito alle abilità richieste per la comprensione del test, alcuni autori
(Dahlstrom et al., 1994; Schinka e Borum, 1993) hanno sottolineato come la maggior
parte degli item del MMPI-2 richieda una capacità di lettura che si colloca tra i 5 e i 7
anni di scolarità. La stessa indicazione vale anche per la versione italiana.
É possibile somministrare il MMPI-2 sia individualmente che in gruppo.
Prima della somministrazione è importante accertarsi che il soggetto sia vigile e in
grado di comprendere il questionario. Alcune condizioni patologiche o deficit visivi

25
potrebbero infatti compromettere tale capacità. In questi casi è possibile procedere
con l’utilizzo di un altro strumento psicodiagnostico o eventualmente interrompere e
posticipare la somministrazione del test.
É molto importante cercare di fare sentire il soggetto a proprio agio, creando
un setting confortevole e riservato; è inoltre opportuno spiegare le motivazioni che
hanno indotto alla somministrazione del test, l’utilizzo che sarà fatto dei risultati e
quindi leggere insieme al soggetto le istruzioni per la compilazione del questionario.
Data la lunghezza del test, alcuni psicologi potrebbero essere tentati di chiede-
re al soggetto di completarlo a casa per poi restituirlo. Si tratta, tuttavia, di un modo
di operare che deve essere sempre evitato, da un lato perché il test dovrebbe essere
compilato secondo le modalità con cui è stato standardizzato, dall’altro perché questa
modalità espone sempre al rischio che il compito non sia svolto seriamente e che il test
non sia compilato in maniera autonoma.
Il completamento di tutto il test richiede generalmente un tempo che va da
un’ora a un’ora e mezza. Tuttavia, persone con una limitata intelligenza, scarsa dime-
stichezza nella lettura di test o particolarmente indecise, ansiose o depresse, potrebbe-
ro impiegare anche più di due ore. Generalmente è preferibile somministrare il test in
un’unica sessione, ma in alcuni casi, data la lunghezza del test, è possibile suddividere
la somministrazione in due sessioni, o somministrare il test in forma ridotta, ossia fino
all’item 370. In questi casi è possibile, però, interpretare esclusivamente le Scale stan-
dard di Validità, le Scale Cliniche e le Sottoscale di Harris e Lingoes.
Nel caso in cui, invece, si suddivida la somministrazione del test in due sessio-
ni, è importante che la seconda somministrazione avvenga a distanza di pochi giorni,
in modo da minimizzare la possibilità di eventuali cambiamenti significativi nello sta-
to psicologico del testando (Green, 2011).
É possibile effettuare lo scoring del MMPI-2 attraverso la piattaforma della
Giunti (www.giuntitesting.com), che restituisce il profilo grafico, i punteggi e il rap-
porto narrativo Gonzàlez-Gòmez.

26