Sei sulla pagina 1di 8

It (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce o sezione sull'argomento romanzi fantasy non cita le
fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.

It è un romanzo horror scritto da Stephen King e pubblicato nel It


1986. Titolo originale It
It è una lunga e sinistra saga corale che si espande tra orrori Autore Stephen King
inquietanti e drammi umani senza speranza, trattando i temi che 1ª ed. originale 1986
in seguito diventeranno il simbolo dell'autore: la forza
1ª ed. italiana 1987
soverchiante della memoria, la profonda incisività dei traumi
infantili, il prezzo della violenza occultata dietro una fragile Genere Romanzo
maschera di felicità, la grettezza e la bassezza umana nascosta Sottogenere horror, avventura,
dietro le apparenze di una ridente e piccola cittadina.
romanzo di
Per quanto It sia considerato principalmente un romanzo horror, formazione, fantasy
in esso sono presenti molti elementi comuni al romanzo di Lingua originale inglese
formazione.
Ambientazione Derry (città
Il romanzo è la storia di sette amici provenienti dalla fittizia città immaginaria del
di Derry, nel Maine, ed è raccontata alternando due diversi Maine)
periodi temporali. Dal libro sono stati tratti un'omonima miniserie Protagonisti Il Club dei Perdenti
televisiva nel 1990 e una trasposizione cinematografica divisa in
Antagonisti It
due parti: It (2017) e It - Capitolo due (2019).

Indice
Trama
1957-1958
1984-1985
Personaggi principali
Genesi dell'opera
Dedica
Temi
Reazioni
Altri media
Richiami ad altre opere
Adattamenti
Televisione
Cinema
Edizioni
Note
Voci correlate
Altri progetti
Collegamenti esterni

Trama

1957-1958

Ottobre 1957. Una misteriosa entità multiforme si risveglia da un letargo di 27 anni trascorso nelle viscere della
città di Derry, nel Maine, e assume la forma del clown Pennywise. Il primo incontro avviene con Georgie
Denbrough che sta tentando di recuperare una barchetta di carta da un canale di scolo. Pennywise avvicina
Georgie al tombino per rendergli la barchetta, poi lo uccide brutalmente, divorandogli il braccio sinistro.

A giugno, Ben Hanscom, un ragazzo obeso, viene attaccato dalla banda di bulli locali, capitanata da Henry
Bowers (che incide sulla pancia di Ben una H). Ben si salva inoltrandosi nelle lande, dove fa conoscenza con
Eddie Kaspbrak e Bill Denbrough, il balbuziente fratello maggiore di Georgie. I tre ragazzi stringono amicizia
con Richie Tozier, Stan Uris, Beverly Marsh e Mike Hanlon (l'ultimo a unirsi al gruppo), con i quali formano il
gruppo dei "Perdenti" (costruiranno anche un piccolo rifugio). Presto si rendono conto che ciascuno di loro ha
avuto un incontro personale con It: a Ben è apparso come un clown-mummia sulla superficie del fiume, a
Eddie come un vagabondo lebbroso, a Bill come Georgie nell'album sanguinante di quest'ultimo, a Richie
come la statua animata del leggendario boscaiolo gigante Paul Bunyan e come lupo mannaro, a Beverly come
le voci dei bambini scomparsi in un lavandino sanguinante, a Stan come i fantasmi dei bambini morti alla
cisterna cittadina e a Mike come un mostruoso uccello gigante.

Prima di andare nella casa abbandonata, sulla struttura della quale Bill si sta informando, i Perdenti (a cui
manca ancora Mike) decidono di andare nei Barren (una zona disabitata ai confini di Derry, dove hanno
impostato la loro base) per far scoppiare petardi, vengono però raggiunti da Henry e dalla sua banda (a cui si
sono uniti altri due ragazzi), che stanno inseguendo Mike, essendo un ragazzino di colore. I Perdenti decidono
di difendere Mike e ingaggiano una battaglia a colpi di sassi e petardi (di cui anche Henry è rifornito),
vincendo e mettendo in fuga la banda di bulli, e trovando così il settimo e ultimo membro: Mike.

It minaccia di morte i Perdenti se proveranno a fermarlo, prendendo la forma delle loro paure in una foto di un
album del padre di Mike, consultato dai Perdenti nei Barren mentre costruiscono il loro complesso rifugio
sotterraneo. Bill non si lascia intimidire e percepisce che It ha paura di loro. I Perdenti, sotto consiglio di Ben,
si sottopongono a un'antica prova indiana, la prova del fumo, al termine della quale Richie e Mike scoprono
che It esiste da milioni di anni ed è giunto sulla Terra, in un non meglio identificato meteorite o su
un'astronave. Richie e Mike lo descrivono come una sfera luminosa avvolta da fiamme e scariche elettriche,
definendolo simile all'Arca dell'Alleanza cristiana, a differenza che nel vederlo intuiscono subito che non
avrebbe portato niente di buono.

Quattro giorni dopo, Eddie (dopo aver saputo da un farmacista che la medicina della sua asma non è altro che
un placebo a base di acqua e canfora) viene attaccato e pestato a sangue da Henry e dalla sua banda, composta
da Victor, Belch e Patrick, un ragazzo sociopatico (si scoprirà che da piccolo ha ucciso il fratellino neonato)
che spezzano il braccio al bambino, scatenando le eccessive preoccupazioni della madre iperprotettiva che
cerca di impedirgli di frequentare i suoi amici, per lei responsabili dell'accaduto; Eddie riesce a contrastare per
la prima volta la madre ed è libero di vedere i suoi amici.
Il giorno dopo, mentre Beverly cammina per la discarica, scorge la gang di Henry e si nasconde. Dopo che
Victor e Belch se ne sono andati, Patrick svela ad Henry un suo segreto, ma Henry minaccia di dirlo in giro:
Patrick rinchiude degli animaletti in un piccolo frigorifero per soffocarli. Henry si allontana e Patrick decide di
dare un'occhiata al suo frigorifero, ma quando lo apre viene brutalmente ucciso da It che ha preso la forma di
sanguisughe alate. Esse sono la concretizzazione della paura di Patrick, rimasto traumatizzato una volta che
andò a fare il bagno nel lago uscendone con molte sanguisughe attaccate al corpo. I Perdenti tornano nella
discarica e scoprono all'interno del frigorifero un messaggio di It, scritto con il sangue di Patrick, che intima
loro di fermarsi adornato con pompon arancioni e palloncini. Bill tuttavia, alla vista del messaggio, urla furente
che lo ucciderà, e che niente lo fermerà dal portare a compimento la sua vendetta, per la perdita del fratellino
ucciso da It.

Percependo che il mostro ha molta paura di loro, i Perdenti, guidati da Bill, forgiano dei proiettili di argento
usando delle monete di Ben: secondo Bill, lanciando uno di questi proiettili contro It usando la fionda "Alta
Precisione" di Bill, ucciderebbero il mostro. I Perdenti si incontrano nella casa abbandonata di Neibolt Street
dove Eddie ha incontrato It nell'aspetto di un barbone divorato dalla lebbra. I Perdenti percepiscono che la casa
è uno dei passaggi principali di cui si serve It per venire in superficie. Mentre la ispezionano, l'interno della
casa magicamente si ingrandisce e si distorce. Bill capisce che It sta cercando di separarli per indebolirli e
reagisce infrangendo così le sue malie. Giunti nella stanza del bagno trovano un buco grande un metro dove
prima c'era il water, percependo che è da lì che It è uscito quando Bill e Richie giunsero la prima volta, quando
per poco non vennero uccisi dalla creatura sotto forma di lupo mannaro. Ben si accorge improvvisamente che
It stava risalendo lo scarico correndo verso di loro a grande velocità, scorgendo per un breve istante la sua vera
forma. I Perdenti si preparano ad affrontarlo; It giunge fuori nuovamente sotto forma di lupo mannaro
puntando su Bill. Ma i Perdenti riescono a salvarsi e costringono It alla fuga; infatti Beverly usa la fionda e
colpisce It con il proiettile d'argento, il mostro è ferito e si ritira ma Bill capisce che i proiettili d'argento non
saranno più utili.

In agosto, It fornisce a Henry un coltellino, con il quale egli uccide il padre Butch (Henry ha raggiunto la
follia, le sue condizioni mentali sono peggiorate perché It ne ha preso il controllo). Henry richiama Victor e
Belch e insieme inseguono Beverly, fuggita da casa dal padre che voleva violentarla guidato dalla volontà di It.
Beverly capisce in quel momento che It occupa ogni spazio vuoto della città e che nessun luogo è sicuro.
Beverly si nasconde infine nella base dei Perdenti e poi fugge con il gruppo intero. Henry insegue i Perdenti
costringendoli ad inoltrarsi nelle fogne di Derry (Bill ha capito che It sta strumentalizzando Henry perché ha
paura che i Perdenti lo uccidano nel caso si mostri personalmente). Qui It uccide brutalmente Victor e Belch
prendendo le sembianze del Mostro di Frankenstein, mentre Henry riesce a fuggire. Tornato a casa, Henry
trova la polizia pronta ad arrestarlo, credendolo colpevole degli omicidi per colpa delle macchinazioni di It
(che nasconde gli indumenti delle vittime nella camera di Henry). Intanto i Perdenti si scontrano con It, sotto
forma di un gigantesco occhio con tentacoli e di un enorme ragno. Bill, praticando il Rito di Chüd, riesce a
entrare nella mente di It; il mostro tenta di trascinarlo nella sua vera forma, i Pozzi Neri, per ucciderlo, ma, con
l'aiuto di un'entità benefica chiamata La Tartaruga, Bill lo sconfigge, battendo la paura e la balbuzie e
costringendolo a ritirarsi nelle profondità del mondo. I Perdenti si convincono che It sia morto e Beverly
permette a ciascuno dei ragazzi di fare sesso con lei per riuscire ad andarsene dalle fogne, che sono diventate
labirintiche per via della presenza di It. Una volta usciti, i Perdenti suggellano un patto col sangue, giurando di
tornare a Derry ad affrontare It nel caso ritorni.

1984-1985

Giugno 1984. Una coppia gay, Adrian Mellon e Don Hagarty, viene attaccata da tre teppisti omofobi che
scaraventano Adrian dal ponte. I tre giovani vengono più tardi arrestati per omicidio quando viene trovato il
cadavere orribilmente mutilato di Adrian, nonostante uno dei tre affermi di aver visto un pagliaccio divorare il
corpo di Adrian sotto il ponte. Nei tempi seguenti, quando un massiccio numero di omicidi di bambini affligge
Derry, Mike (l'unico dei Perdenti rimasto in città e che lavora come bibliotecario) chiama gli altri componenti
del gruppo per tener fede alla promessa fatta 27 anni prima.
Bill adesso è uno scrittore di libri horror, vive in un cottage di Londra ed è sposato con l'attrice Audra Phillips.
Beverly, che vive a Chicago, è una nota designer di moda, sposata con il sadico Tom Rogan caratterialmente
violento come suo padre. Eddie, ipocondriaco, si è trasferito a Manhattan dove dirige un'azienda di noleggio
limousine ed è sposato con una donna chiamata Myra, ansiosa e protettiva nei suoi confronti come sua madre.
Richie vive a Los Angeles dove conduce un proprio talk show comico alla televisione. Ben è dimagrito, è
divenuto un famoso architetto e vive in una fattoria nel Nebraska. Stan è un ragioniere commercialista ad
Atlanta ed è sposato con un'insegnante di nome Patty. Nessuno di loro ha concepito figli. I Perdenti si
riuniscono, ma all'appello manca Stan, che si suicida nella vasca da bagno per paura di dover riaffrontare le
proprie paure infantili, e ha scritto sul muro "IT" con il proprio sangue.

I Perdenti scoprono che It si risveglia ogni 27 anni circa, per un periodo di 16-17 mesi, per nutrirsi di bambini
e tornare poi a dormire nelle fogne di Derry. Ogni volta che It torna in letargo, a Derry accade sempre un
incidente tragico. Nonostante i nuovi incontri con la creatura (a Ben appare come un vampiro in biblioteca, a
Eddie come i bambini morti nei Barren, a Beverly come una strega e poi come suo padre Alvin, Richie trova
un Pennywise gigante al posto della statua di Paul Bunyan, Bill non lo incontra ma ritrova le sue paure nello
scioglilingua Stanno stretti sette spettri sotto i letti a denti stretti, Mike lo vede come Stan uccisosi; It usa anche
dei biscotti della fortuna con dentro sangue e insetti alla cena di ritrovo dei Perdenti, che scoprono che le ferite
che It aveva procurato loro 27 anni prima sono riapparse), i Perdenti decidono di affrontare di nuovo It ed
eliminarlo per sempre. Purtroppo altre tre persone vengono coinvolte negli avvenimenti surreali di Derry:
Audra, la preoccupata moglie di Bill; Tom, il violento marito di Beverly (che la rintraccia picchiando una sua
amica da cui lei si era rifugiata quando era scappata) e pure Henry Bowers, che fugge dalla sua prigionia nel
manicomio di Juniper Hill grazie all'aiuto di It. It convince Henry che può vendicarsi dei Perdenti aiutandolo
ad ucciderli. Henry penetra nella biblioteca dove lavora Mike e lo pugnala, ma questi reagisce e lo ferisce
gravemente con un tagliacarte, costringendolo alla fuga. Mike riesce a chiamare soccorso, nonostante It tenti di
ostacolarlo. Intanto Bill tradisce sua moglie avendo un rapporto sessuale con Beverly. Henry, guidato da It,
viene trasportato all'hotel dove si trovano i Perdenti a bordo della macchina stregata Christine. Dopo un
estenuante corpo a corpo con Eddie, Henry viene ucciso, mentre Eddie si rompe nuovamente il braccio che
però si fa semplicemente immobilizzare con una stecca senza ricorrere a cure mediche.

It si allea con Tom e gli ordina di rapire Audra (perseguitata dagli incubi inviategli da It). Tom esegue l'ordine
e porta la donna nella tana di It. Alla vista del vero aspetto di It, Audra rimane in stato catatonico mentre Tom
muore d'infarto dall'orrore. Dopo aver soccorso Mike, Bill, Ben, Beverly, Richie ed Eddie decidono di
scendere nelle fogne alla ricerca di It, lasciando Mike in ospedale (mentre si avviano alle fogne Bill trova la
borsetta di Audra e capisce che la moglie è bloccata nelle fogne). Raggiunta finalmente la tana di It (nel
frattempo Bill è riuscito a sconfiggere mentalmente la creatura vincendo la sua paura e il senso di colpa, anche
datogli dai genitori, riguardo alla morte di George), Bill e Richie lo affrontano praticando il Rito di Chüd. It,
che ha nuovamente preso le sembianze di un ragno gigante, ferisce mortalmente Eddie quando questi aiuta Bill
e Richie in un momento di difficoltà. Mentre Beverly rimane con il morente Eddie e la traumatizzata Audra,
Ben, Richie e Bill inseguono It (intanto Mike deve resistere a un infermiere che, sotto controllo di It, vuole
ucciderlo). I tre scoprono che il mostro ha deposto delle uova che sono sul punto di schiudersi. Ben si incarica
di distruggere le uova, mentre Bill e Richie terminano il Rito di Chüd: Bill finalmente uccide It strappandogli il
cuore a mani nude. Bill, Beverly, Ben, Richie e Audra riescono a fuggire dalle fogne.

Alla morte di It però, si scatena una furiosa tempesta che distrugge tutta la città di Derry. Mike conclude che It
e Derry fossero un solo organismo. I sopravvissuti del gruppo dei Perdenti tornano infine ciascuno alla propria
vita (Ben si fidanza con Beverly, Bill, che non balbetta più, porta Audra su Silver, la bicicletta che possedeva
da bambino e che aveva ricomprato appena giunto nuovamente a Derry per farla guarire dallo stato
catatonico), cominciando a dimenticare nuovamente tutto non appena si allontanano da Derry e dai loro vecchi
incubi per l'ultima volta.

Personaggi principali
Genesi dell'opera
Nel 1978 King e la sua famiglia vivevano a Boulder, in Colorado. Una sera, King andò da solo a ritirare la
macchina dall'officina e si imbatté in un vecchio ponte di legno, con una strana forma a gobba, che decise di
percorrere. Mentre camminava, gli ritornò in mente una favola norvegese dei tre caproni burberi che dovevano
attraversare un ponte per arrivare al pascolo di montagna, superando il blocco di un troll.
King decise di trapiantare lo scenario della fiaba in un contesto di vita reale di proprio interesse, applicandovi il
testo di Three Billy Goats Gruff, come era stato raccolto da Peter Christen Asbjørnsen e Jørgen Moe, e
successivamente tradotto da George Webbe Dasent. King fu ulteriormente ispirato dal racconto di Marianne
Moore riguardante "rospi reali che camminavano in giardini immaginari", che egli trasformò in autentici troll
collocati nel medesimo prato verde.

Il progetto editoriale fu ripreso due anni più tardi, con le idee maturate gradualmente nel frattempo, in
particolare quella di intrecciare la vicenda degli animali con quella dei bambini e della loro vita adulta.

Il romanzo è stato cominciato a Bangor, nel Maine, il 9 settembre 1981[1] e completato sempre a Bangor, nel
Maine, il 28 dicembre 1985[2][3], trovando influenza anche nei miti e leggende metropolitane che
accompagnarono la costruzione della chiavica fognaria locale.[4]

Dedica
Il romanzo è dedicato ai figli dell'autore:

«Dedico questo libro in segno di gratitudine ai miei figli. Mia madre e mia moglie mi hanno
insegnato a essere uomo. I miei figli mi hanno insegnato a essere libero.
NAOMI RACHEL KING, a quattordici anni;
JOSEPH HILLSTROM KING, a dodici anni;
OWEN PHILIP KING, a sette anni.
Ragazzi, il romanzesco è la verità dentro la bugia, e la verità di questo romanzo è
semplice: la magia esiste.[2]»

Temi
It tratta il mito dell'innocenza perduta, mettendo in discussione il confine fra necessità e libero arbitrio. Il critico
Grady Hendrix di Tor.com notò l'unidirezionalità che obbliga i fanciulli a passare per la porta di nome "Sesso",
impedendo ai nuovi adulti di tornare indietro.[4] Christopher Lehman-Haupt del New York Times riconobbe in
It i tratti storici dell'America del XX secolo, fatta di criminalità, bigottismo razziale e religioso, difficoltà
economiche, conflitti di lavoro e inquinamento industriale.[5] Il racconto sarebbe un museo della cultura
popolare degli anni cinquanta: marchi di tendenza, canzoni e star del rock 'n' roll, battute e luoghi comuni dei
più giovani.[5]
Secondo James Smythe del The Guardian, Pennywise non è l'incarnazione del male e del suo consapevole
rifiuto, che invece risiederebbe nel Club dei Perdenti, nel passato famigliare e nei beni che li trasformarono in
paria.[3]

Reazioni
It è entrato a far parte dei best seller dell'epoca, ed è diventato uno dei libri più popolari tra i fan dello scrittore.
Il romanzo è ispirato ai suoi miti di gioventù sul quale prevale l'ottenebrante presenza di H.P. Lovecraft
soprattutto nella figura del personaggio di It e nella presenza "dell'altro" oltre ad It e la tartaruga. L'antagonista
è un mostro assassino di bambini e senza un aspetto preciso. Nonostante prenda maggiormente le connotazioni
di un classico della letteratura horror, la fine della storia svolta decisamente verso un tipo di ambientazione
fantasy, che King delineerà meglio e in tutta la sua totalità durante la stesura della saga della Torre Nera.

Altri media
Il romanzo è presente nei primi minuti del film fantastico del 2001 Donnie Darko, dove il personaggio Rose
Darko (Mary McDonnell) ne legge un'edizione paperback mentre sta seduta in giardino.

Richiami ad altre opere


Il personaggio di It rimanda all'universo fantastico di Howard Phillips Lovecraft e ai miti di
Cthulhu e in particolare al racconto Il modello di Pickman, un personaggio di tale nome
indicato come originario di Boston è nominato in una pagina del romanzo.
I condotti fognari dei Barren vengono spesso paragonati da Ben Hascom ai condotti sotterranei
dei Morlock, facendo riferimento al romanzo La macchina del tempo di H.G. Wells.
In una pagina del suo libro lo scrittore inserisce il nome di un personaggio di Shining: il cuoco
di colore Dick Hallorann, che grazie alle sue doti paranormali, riuscirà a salvare alcuni dei suoi
amici (tra cui il padre di Mike Hanlon) dal terribile incendio del Punto Nero, una scalcinata
locanda adibita a luogo di ritrovo per persone di colore.
La città dove si svolge la storia, Derry, viene citata in diversi altri libri di King (es. Insomnia,
L'acchiappasogni o 22/11/'63).
Derry e Pennywise appaiono brevemente anche nel romanzo, sempre di King, Le creature del
buio (The Tommyknockers).
Una delle vittime di Pennywise è una ragazza madre di sedici anni il cui compagno (o uno dei
tanti che frequentava) è rinchiuso per rapina a Shawshank, carcere in cui è ambientato il
racconto Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank.
Ne L'acchiappasogni (2001) compare la scritta "PENNYWISE VIVE" sul monumento alla
memoria dei bambini uccisi.
I "Pozzi Neri" sono menzionati molte volte nella serie La torre nera.
Nel romanzo Insomnia (1994) ci sono molte analogie tra Pennywise e il Re Sanguinario.
La macchina stregata Christine, sulla quale Henry Bowers raggiunge in hotel i Perdenti nella
seconda parte del romanzo, è un riferimento ad un altro romanzo di King: Christine, la
macchina infernale (1983).
Lo scioglilingua ripetuto da Bill Danborough "Stanno stretti sette spettri sotto i letti a denti
stretti" viene usato anche da Mark Petrie nel romanzo Le Notti di Salem (1975)
In una pagina del libro viene citata una strage fatta da un poliziotto a Castle Rock, la catastrofe
menzionata all'inizio del romanzo di Stephen King Cujo (1981) e su cui si incentra la prima
parte de La zona morta (1979).
In una pagina del libro viene menzionata una cittadina con un tasso di criminalità quasi
inesistente, fatto attribuito ad una sostanza presente nell'acqua. Questa cittadina fa riferimento
a quella nel racconto La fine del gran casino inserito nella raccolta di Stephen King Incubi &
deliri (1993).
In una pagina del libro viene menzionata una strage di bambini ad Atlanta. Questo
avvenimento è un fatto di cronaca nera; ovvero l'omicidio di 24 ragazzini ad Atlanta avvenuto
negli anni 1979, 1980 e 1981.
Adattamenti

Televisione

Nel 1990, dal libro è stata tratta una miniserie televisiva con Tim Curry nella parte di It/Pennywise,[6][7]. John
Ritter in quella di Ben Hanscom, Harry Anderson in quella di Richie Tozier, Richard Masur in quella Stan
Uris, Tim Reid in quella di Mike Hanlon, Annette O'Toole in quella di Beverly Marsh, Richard Thomas in
quella di Bill Denbrough, Olivia Hussey in quella di Audra Phillips, Dennis Christopher in quella di Eddie
Kaspbrak e Michael Cole in quella di Henry Bowers. Le versioni dei protagonisti sono state interpretate da
Brandon Crane (Ben), Seth Green (Richie), Ben Heller (Stan), Marlon Taylor (Mike), Emily Perkins
(Beverly), Jonathan Brandis (Bill), Adam Faraizl (Eddie) e Jarred Blancard (Henry). La miniserie è stata
diretta da Tommy Lee Wallace e scritta da Wallace e Lawrence D. Cohen.

Cinema

Nel 2014 la New Line Cinema ha avviato l'adattamento del romanzo di Stephen King. Il produttore Seth
Grahame-Smith ha confermato che il film sarà diviso in due parti, la prima ambientata nel 1988-89 e la
seconda ai giorni nostri. Per la stesura della sceneggiatura sono stati contattati Chase Palmer, David Kajganich
e Cary Fukunaga. Quest'ultimo avrebbe dovuto dirigere il film ma, in seguito al sorgere di forti divergenze
creative con la produzione, abbandonò il progetto al termine della realizzazione della sceneggiatura. La New
Line ha contattato Andrés Muschietti, già regista de La madre, in sostituzione di Fukunaga. Il ruolo di
Pennywise è stato ricoperto da Bill Skarsgård. La prima parte è uscita il 19 ottobre 2017 in Italia, la seconda il
5 settembre 2019.

Edizioni
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Narrativa, Sperling & Kupfer, 1987,
pp. 1248, ISBN 88-200-0705-3.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, Euroclub, 1988, pp. 904.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Superbestseller Paperback, Sperling &
Kupfer, 1990, pp. 1238, ISBN 88-7824-081-8.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, Club degli Editori, 1991, pp. 1240.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Pickwick, Sperling & Kupfer, 2013,
pp. 1315, ISBN 978-88-6836-026-9.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Pandora, Sperling & Kupfer, 2017,
pp. 1216, ISBN 978-88-200-6290-3.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Pickwick Big, Sperling & Kupfer, 2018,
pp. 1200, ISBN 978-88-6836-464-9.
Stephen King, It, traduzione di Tullio Dobner, collana Pickwick Big, Sperling & Kupfer, 2019,
pp. 1216, ISBN 978-88-6836-562-2.

Note
1. ^ StephenKing.com – IT Inspiration, su stephenking.com.
2. Stephen King, It, Sperling & Kupfer, 1990. ISBN 8878240818
3. James Smythe, Rereading Stephen King, chapter 21: It, The Guardian, 28 maggio 2013.
4. Grady Hendrix, The Great Stephen King Reread: It, Tor.com, 25 settembre 2012. URL consultato il
14 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2019).
5. Christopher Lehman-Haupt, Books of the Times: It, New York Times, 21 agosto 1986.
6. ^ Lilja's Library – The World of Stephen King [1996 – 2017], in liljas-library.com. URL consultato il
30 marzo 2017.
7. ^ IT arriverà sul grande schermo, Filmissimo.it, 3 luglio 2010. URL consultato il 3 luglio 2010
(archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2012).

Voci correlate
It (personaggio)
It (miniserie televisiva)
It (film 2017)
It - Capitolo due

Altri progetti
Wikiquote contiene citazioni da It

Collegamenti esterni

(EN) Edizioni e traduzioni di It, su Open Library, Internet Archive.


(EN) Edizioni di It, su Internet Speculative Fiction Database, Al von Ruff.
(EN) It, su Goodreads.
Bibliografia italiana di It, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com.
(EN) Recensione del libro, su king-stephen.com (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2006).
Controllo di VIAF (EN ) 184071146 (https://viaf.org/viaf/184071146) · GND (DE) 7723444-3 (https://
autorità d-nb.info/gnd/7723444-3)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=It_(romanzo)&oldid=114992249"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 19 ago 2020 alle 16:58.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi
condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.