Sei sulla pagina 1di 17

G.

Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

34. CILINDRI IN PRESSIONE


Equazioni del problema elastico
In questo capitolo è esposto il problema elastico relativo a solidi geometricamente assialsimmetrici di forma
cilindrica, spessore h costante, soggetti a carichi agenti parallelamente al piano ortogonale all’asse di simmetria. La
geometria si presta ad essere descritta in coordinate cilindriche r, θ e l con il sistema di riferimento disposto come in
fig.1.
Un’ipotesi semplificativa è quella di considerare il problema come piano anche se in genere l’ipotesi è realmente
verificata solo nel caso di elementi sottili (rapporto h/re basso, con re raggio esterno). Le equazione principali del
problema elastico in coordinate cilindriche possono essere ottenute da quelle in coordinate cartesiane mediante una
trasformazione di coordinate. Le equazioni di equilibrio e di compatibilità nel piano r-θ diventano rispettivamente:
∂σ r σ r − σθ 1 ∂τ rθ ∂τ rθ 1 ∂ σθ τ
+ + + Fr = 0 + + 2 rθ + Fθ = 0 (34.1)
∂r r r ∂θ ∂r r ∂θ r
∂u u 1 ∂v ∂v v 1 ∂u
εr = εθ = + γ rθ = − + (34.2)
∂r r r ∂θ ∂θ r r ∂θ
essendo σr e σθ le tensioni normali agenti in direzione radiale e circonferenziale (o tangenziale), τrθ le tensioni
tangenziali nel piano r-θ, εr, εθ e γrθ le corrispondenti deformazioni, u e v gli spostamenti radiali e circonferenziali.
In generale possono essere presenti anche tensioni e/o deformazioni longitudinali σl ed εl.
Le equazioni costitutive nel caso assialsimmetrico possono essere derivate direttamente dalle (3.7) relative ad
assi cartesiani sostituendo direttamente le componenti di deformazione (εr, εθ, γrθ) e di tensione (σr, σθ, τrθ)
corrispondenti.
Una ulteriore semplificazione può essere ottenuta nel caso in cui il problema elastico sia assialsimmetrico nel
suo complesso, ipotesi che risulta verificata se:
• la geometria dell’elemento è assialsimmetrica,
• il materiale è isotropo o ortotropo assialsimmetrico,
• il carico è assialsimmetrico.
Nell’ipotesi di assialsimmetria tutte le grandezze emisimmetriche devono essere considerate nulle (τrθ=γrθ=v=0)
e le altre risultano funzioni della sola variabile r.
In molti casi la teoria esposta, basata sullo stato piano, può essere accettata per elementi con spessore
leggermente variabile con legge h(r). La presenza di piccole irregolarità, come fori, attacchi ecc, rende l’ipotesi di
geometria assialsimmetrica meno realistica, ma, in molti casi, ancora accettabile.
Il teorema di Mitchell consente di affermare che, in assenza di forze di massa e sollecitazioni termiche, le ipotesi
di tensioni e deformazioni piane portano a soluzioni coincidenti.
Determinazione diretta dell’equazione di equilibrio radiale
L’equazione dell’equilibrio radiale nel caso assialsimmetrico può essere ottenuta direttamente considerando
l’equilibrio di un elementino delimitato da due archi di circonferenza di lunghezza rispettiva rdθ e (r+dr)dθ, con lati
di lunghezza dr e altezza h costante. Nel caso di elementi in pressione l’unica forza di massa è il peso che può essere
trascurato, per cui, considerando positiva la direzione radiale uscente, le forze agenti sono:
1. forze in direzione radiale dovute alle tensioni σr:

 dσ r 
per r+dr: dF1a =  σ r + dr  ( r + dr ) hdθ = (34.3)
 dr 
= σ r h r d θ + σ r h dr d θ +
dσ r dσ r
h r dr d θ + h dr dr d θ
dr dr
per r: dF1b = −σ r h r dθ (34.4)

trascurando gli infinitesimi di ordine superiore, la risultante delle forze dovute alle tensioni radiali è
dσ r
dF1 = σ r h dr dθ + h r dr dθ (34.5)
dr
2. forze in direzione radiale dovute alle tensioni σθ:

dF2 = −2 σ θ h dr sin dθ 2 (34.6)

essendo sen dθ/2≈dθ/2 si ha:

dF2 = − σ θ h dr dθ (34.7)

34.1
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Sommando tutte le forze e dividendo per dV=h r dr dθ si ottiene


dσ r σ r − σ θ
+ =0 (34.8)
dr r

z
σr+dσr
r
P σθr σθ
σθ σθ
l≡z dθ/2
y r+dr
σr
dθ/2
r θ r
x

Fig.34.1 – Sistema di coordinate cilindriche ed equilibrio dell’elementino di volume nel piano r-θ.

Determinazione diretta delle equazioni di compatibilità


Nel caso assialsimmetrico le equazioni di compatibilità dipendono dall’unica funzione di spostamento diversa da 0,
lo spostamento radiale u(r) e possono essere ricavate direttamente. Se u è lo spostamento di un punto a distanza r dal
centro del cilindro, l’incremento del raggio coincide con tale spostamento e la deformazione radiale risulta data da:
du
εr = (34.9)
dr
A seguito della deformazione tutti i punti appartenenti ad una circonferenza di raggio r, di lunghezza iniziale
2πr, si spostano in direzione radiale della stessa quantità u e la nuova lunghezza della circonferenza risulta 2π(r+u).
La variazione di lunghezza della circonferenza risulta quindi essere 2π(r+u)−2πr=2πu e la deformazione
circonferenziale εθ, costante lungo la circonferenza stessa per l’ipotesi di assialsimmetria, può essere espressa, a sua
volta, come rapporto tra la variazione di lunghezza e la lunghezza iniziale:

2π ( r + u ) − 2π r u
εθ = = (34.10)
2π r r
L’allungamento circonferenziale può essere espresso come 2πrεθ e l’incremento del raggio può essere espresso
in funzione della deformazione circonferenziale invertendo la (10):

u = r εθ (34.11)

L’equazione di congruenza interna mette in relazione εθ ed εr ed è data dalla seguente espressione:

du d ( rε θ ) dε
εr = = = r θ + εθ (34.12)
dr dr dr
Equazioni costitutive
Le equazioni costitutive possono essere scritte in base alle due ipotesi possibili di stato di tensione piano e stato di
deformazione piano.
La prima ipotesi è adatta al problema dei dischi nei quali lo spessore longitudinale non è elevato. In questo caso,
essendo nulla la tensione agli estremi, si può considerare tale anche lungo lo spessore, mentre il piccolo spessore
permette la presenza di deformazioni longitudinali. La legge di Hooke per materiale omogeneo ed isotropo nel caso
piano di tensione per σl=0 fornisce:

εθ = 1 (σθ − νσ r ) + αT ε r = 1 (σ r − νσθ ) + αT (34.13,14)


E E
essendo α il coefficiente di dilatazione termica e T la variazione di temperatura. In forma matriciale le equazioni
(13-14) assumono la forma:

34.2
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

ε θ  11 −ν  σθ  1


ε  = E  −ν    + αT   (34.15)
 r  1  σ r  1
La deformazione longitudinale per σl=0 è data dalla seguente equazione indipendente
ν
εl = − (σ θ + σ r ) + α T (34.16)
E
Il caso di deformazione assiale nulla risulta verificata se essa è impedita da vincoli posti nelle sezioni di
estremità che impediscono gli spostamenti longitudinali o nel caso di elementi di grosso spessore (longitudinale) ed
elevati gradienti di tensione. In questo caso la tensione longitudinale è data dalla seguente espressione

σ l = ν (σ r + σ θ ) − Eα T (34.17)

Utilizzando la (17), il legame deformazioni-sforzi tra le variabili principali σr, σθ ed εr, εθ risulta espresso dalle
seguenti equazioni:

1 +ν 1 +ν
εθ =  −νσ r + (1 −ν ) σ θ + Eα T  εr = (1 −ν ) σ r −νσ θ + Eα T  (34.18,b)
E  E 
In forma matriciale le equazioni (18) assumono la forma:

ε θ  1 +ν 1 −ν −ν  σθ  1
ε  = E  −ν 1 −ν   σ  + (1 + ν ) α T 1 (34.19)
 r   r 
Soluzione
La soluzione consiste nel determinare σr, σθ ed u funzioni di r. Per la determinazione delle tensioni abbiamo a
disposizione l’equazione di congruenza (12) e l’equazione di equilibrio radiale (8); la funzione degli spostamenti
può essere ottenuta successivamente mediante l’eq.(11).
Per la determinazione delle tensioni è opportuno ricondursi ad un’equazione differenziale in una sola incognita.
Utilizzando la formulazione agli spostamenti:
• con le equazioni costitutive e le equazioni di congruenza si esprimono le tensioni in funzione degli
spostamenti σ=σ(u);
• si introducono le espressioni ottenute nell’equazione di equilibrio che, in questo modo, risulta espressa in
funzione degli spostamenti.
Formulazione alle tensioni (equazioni di Michell-Beltrami)
Utilizzando la formulazione alle tensioni:
1. si scrive l’equazione di congruenza interna (12) in funzione delle tensioni sostituendo alle deformazioni le
espressioni (15) o (19),
2. dall’equazioni di equilibrio (8) si ottiene l’espressione della tensione circonferenziale in funzione della
tensione radiale e della sua derivata,
3. si sostituisce anche questa espressione nell’equazione di compatibilità ottenendo un’equazione in funzione
della sola σr che può essere risolta agevolmente.
Stato di tensione piano
Nel caso di stato di tensione piano si sostituiscono le espressioni delle deformazioni in funzione delle tensioni
(13-14) nell’equazione di congruenza (12) che viene così riscritta in termini di tensioni:

1 1 d (σ −νσ r + Eα T ) 1
(σ r −νσ θ + EαT ) = r θ + (σ θ −νσ r + Eα T ) (34.20)
E E dr E
da cui
dσ θ dσ r dT
(σ θ − σ r )(1 +ν ) + r −ν r + α Er =0 (34.21)
dr dr dr
In assenza di variazioni di temperatura la (21) diventa
dσ θ dσ r
(σ θ − σ r )(1 +ν ) + r −ν r =0 (34.21b)
dr dr
Una di queste equazioni accoppiata all’equazione di equilibrio (8) fornisce un sistema di equazioni differenziali
del primo ordine nelle incognite σr e σθ.

34.3
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Stato di deformazione piano


Nel caso di stato di deformazione piano si sostituiscono le espressioni delle deformazioni in funzione delle tensioni
(18a,b) nell’equazione di congruenza (12) che viene così riscritta in termini di tensioni

1 +ν 1 +ν  d  −νσ r + (1 −ν ) σ θ + Eα T  
(1 −ν ) σ r −νσ θ + Eα T  =
 r −νσ r + (1 −ν ) σ θ + Eα T 
E E  dr 
(34.22)
da cui
dσ θ dσ dT
σ θ − σ r + (1 −ν ) r − ν r r + α Er =0 (34.23)
dr dr dr
In assenza di variazioni di temperatura la (23) diventa

(σ θ − σ r ) + (1 −ν ) r dσ θ −ν r dσ r =0 (34.23b)
dr dr
Una di queste equazioni accoppiata all’equazione di equilibrio (8) fornisce un sistema di equazioni differenziali
del primo ordine nelle incognite σr e σθ. Sebbene le (21b) e (23b) siano differenti, conducono alla stessa soluzione.
Soluzione per spessore costante in assenza di forze di massa e dilatazione termica
Il caso di spessore costante, assenza di forze di massa e dilatazione termica è utile a descrivere il caso di cilindri
sottoposti a pressione interna ed esterna. L’equazione differenziale che si ottiene è l’omogenea associata alle
equazioni che si ottengono nei casi in cui sono presenti forze di massa e dilatazioni termiche. In questo caso le
soluzioni (le funzioni σr e σθ) per stato di tensione e deformazione piano coincidono.
Le equazioni a disposizione per la soluzione in termini di tensione sono l’equazione di congruenza in termini di
tensioni (21b) o (23b) e l’equazione di equilibrio (8). Per la soluzione è opportuno scrivere l’equazione di
congruenza (21b) in termini della sola σr con i due seguenti passaggi:
1. dall’equazione di equilibrio (8) si esprime σθ in funzione di σr,
2. si sostituisce l’espressione ottenuta nell’equazione di congruenza (21b).
Portando la σθ al primo membro della (8) e moltiplicando ambo i membri per r si ottiene
dσ r
σθ = σ r + r (34.24)
dr
Sostituendo la σθ nella (21b) mediante la (24) si ottiene:

d 2σ r dσ r
2
+3 =0 (34.25)
dr r dr
La (25) è una equazione omogenea a variabili separabili; ponendo dσr/dr=f si può scrivere
d f df
f = −3 = −3 dr (34.26,27)
dr r f r
Risolvendo la (27) e sostituendo f=dσr/dr si ottiene
dσ r
dσ r ln dσ r
ln = −3 ln r + C e dr
= e −3ln r + C = e −3ln r eC = e C r −3 (34.28a-c)
dr dr
Integrando ulteriormente si ottiene
r −3+1 eC 1
σ r = eC +A σr = A− (34.29a,b)
−3 + 1 2 r2
Infine, ponendo B=eC/2 nella (29b) e sostituendo l’espressione ottenuta nella (24) si ottiene rispettivamente:
B B
σr = A− σθ = A + (34.30,31)
r2 r2
Si osserva che la somma delle tensioni radiali e circonferenziali è ovunque costante (σr+σθ=2A): questo implica
che in caso di stato piano di tensione, la deformazione assiale (16) risulta costante in tutti i punti del piano.
Le costanti A e B possono essere determinate nei vari casi imponendo che la (30) rispetti le equazioni di
equilibrio al contorno, cioè assuma valori opportuni ai raggi interno ed esterno.

34.4
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Cilindri in pressione
Le equazioni presentate nei seguenti paragrafi sono valide per tubi e serbatoi cilindrici soggetti a pressione interna
e/o esterna. Introducendo le tensioni espresse mediante le (30-31) nella (16) è possibile vedere che la deformazione
longitudinale ottenuta è costante al variare del raggio, cioè tutti punti del cilindro, a causa delle sole tensioni radiali
e circonferenziali, sono soggetti alla stessa deformazione longitudinale. In questo caso, nonostante lo spessore
longitudinale possa essere elevato, poiché non vi sono zone indeformate che si oppongano alla deformazione
longitudinale delle zone più sollecitate nel piano, in assenza di sollecitazioni esterne o di vincoli in direzione
longitudinale, la σl risulta nulla e si verifica lo stato piano di tensione.
Nel caso dei tubi si considera l’elemento come indefinito nel senso della lunghezza e la presenza di una σl
dipende solitamente da eventuali vincoli posti sulle sezioni estreme. Nel caso dei serbatoi la presenza dei fondi crea
una tensione longitudinale costante σl nello spessore, indipendente da quella radiale e circonferenziale. Il problema
elastico rimane piano per la determinazione di σr e σθ (variabili principali del problema) e la tensione σl può essere
determinata a parte.
La geometria viene descritta dai seguenti parametri:
• re raggio esterno,
• ri raggio interno,
• β=ri/re, con β<1,
• ρ=r/re, essendo β ≤ ρ ≤ 1.
In particolare la variabile adimensionale ρ sarà utilizzata al posto di r, in modo da rendere β l’unico parametro
necessario a descrivere la geometria del cilindro. Naturalmente le (30-31) possono essere riscritte sostituendo ρ al
posto di r, utilizzando successivamente i valori assunti dalla variabile ρ (ρ=β e ρ=1) nella determinazione delle
condizioni al contorno.
Nelle espressioni ottenute nel seguito, la pressione agente deve essere introdotta utilizzando come unità di
misura il Megapascal [MPa=N/mm2]. In appendice è riportata una tabella di conversione tra le unità di misura più
utilizzate per quantificare la pressione.
Tensione longitudinale
L’equazione di equilibrio tra la forza dovuta alle tensioni longitudinali agenti nello spessore
(re−ri) e la forza agente su uno dei fondi è:

 re + ri 
σ l 2π   ( re − ri ) = π ( pi ri − pe re )
2 2
(34.32)
 2 
da cui si ricava
pi β 2 − pe
σl = (34.33)
1− β 2
Pressione esterna
Nel caso di pressione esterna agente le condizioni al contorno da imporre alle (30,31), avendo sostituito ρ al posto di
r, sono le seguenti:
σr=−pe ρ=1 (r=re)
σr=0 ρ=β (r=ri) (34.34)
Imponendo tali condizioni nelle (30,31)

− pe = A − B 0 = A− B β 2 (34.35)

si ottiene
1 β2
A = − pe B = − pe (34.36,37)
1− β2 1− β2
Le espressioni delle tensioni al variare di ρ (fig.2a) sono date da:

1  β2  1 1 + β 
2
1
σ r = − pe 1− σθ = − pe σ l = − pe
1 − β 2  ρ 2 
(34.38-40)
1 − β 2  ρ2  1− β 2
Tutte le tensioni agenti risultano negative e la tensione massima in valore assoluto è quella circonferenziale
agente al bordo interno.

34.5
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Tensioni massime ed equivalenti


Le tensioni radiali e circonferenziali massime agenti nello spessore del cilindro sono:

σr = − pe ρ=1 (r=re), σθ = − pe 2 ρ=β (r=ri) (34.41,42)


1− β2
Il punto critico in genere si trova sul diametro interno (ρ=β) dove le tensioni sono:

σr = 0 σθ = − pe 2 σ l = − pe 1 (34.43-45)
1− β 2 1− β2
Considerando che la massima tensione principale è la σθ e che la tensione tangenziale massima agisce nel piano
θ-r, il criterio di Navier per i materiali fragili, il criterio di Tresca per i duttili e il criterio di Von Mises nel caso in
cui sia nulla la tensione longitudinale, forniscono la stessa tensione equivalente
2
σ e = σ θ = pe (34.46)
1− β 2
Imponendo che la tensione equivalente sia uguale alla tensione ammissibile σam è possibile determinare il valore
di progetto da assegnare a β:
pe
β = 1− 2 (34.47)
σ am
In alternativa, il criterio di Von Mises per materiali duttili e tensioni longitudinali diverse da 0 fornisce:

pe2  1  
2
1 2  
2
2  
2
3
σe =  0 + 2 
+− + 2 
+ 0 + 2 
 = pe (34.48)
 1 − β   1 − β 1 − β   1 − β   1− β 2
2
2

Dalla (48) può essere ricavato il seguente valore di progetto per β:

pe
β = 1 − 1.732 (34.49)
σ am

Spostamenti radiali
La funzione degli spostamenti radiali può essere ricavata dalle (11) e (13)
r
u = εθ r = (σ θ −νσ r ) (34.50)
E
dalla quale, introducendo le (38) e (39), si ottiene:

pe re 1  β2 
u = −ρ 2  (1 − ν ) + 2 (
1 +ν ) (34.51)
E 1− β  ρ 

Pressione interna
Operando come nel caso precedente, cioè imponendo le opportune condizioni al contorno (σr=−pi per ρ=β e σr=0
per ρ=1), si ottengono le seguenti espressioni delle tensioni al variare di ρ per pressione interna:

β2  1  β2  1  β2
σ r = − pi 2 
− 1 σ θ = pi 2 
+ 1 σ l = pi (34.52-54)
1− β  ρ 2
 1− β  ρ 2
 1− β 2
In fig.2b è mostrato l’andamento delle tensioni radiali e circonferenziali normalizzate al valore della pressione
interna pi, insieme alla tensione equivalente di Tresca per il caso di β=0.625. È facile notare come la tensione
circonferenziale risulti positiva e maggiore in valore assoluto rispetto a quella radiale, con valore massimo al
contorno interno.
In fig.3 sono mostrati andamenti delle tensioni radiali e circonferenziali normalizzate al valore della pressione
interna pi al variare del raggio r per cilindri con ri=1 e diversi valori di β. È possibile notare come le tensioni
circonferenziali crescano notevolmente al crescere di β e quindi al diminuire dello spessore del cilindro, mentre per
le tensioni radiali si ha sempre −1<σr/pi<0 dovendo essere rispettate le condizioni al contorno.

34.6
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Tensioni massime ed equivalenti


Le massime tensioni in valore assoluto si hanno sulla superficie interna dove ρ=β:

1+ β2 β2
σr = − pi σθ = pi σ l = pi (34.55-57)
1− β2 1− β 2
La σθ al bordo interno risulta sempre la massima tensione per qualsiasi valore di β. Essa tende al valore pi per
β→0 (spessore→∞) e ad infinito per β→1 (spessore→0) (fig.4). La tensione tangenziale massima agisce nel piano
r-θ, essendo le tensioni circonferenziali e radiali di segno opposto.
Per materiali duttili, il criterio di Tresca (fig.2b) fornisce la seguente tensione equivalente al bordo interno

1+ β2 2
σ e = σ θ − σ r = pi + pi = pi (34.58)
1− β 2
1− β2
Introducendo la tensione ammissibile σa, è possibile determinare il valore di progetto da assegnare a β:

pi
β = 1− 2 (34.59)
σ am
Il criterio di Von Mises fornisce lo stesso risultato del criterio di Tresca per tensioni longitudinali nulle, mentre
per tensioni longitudinali diverse da 0, fornisce la seguente espressione della tensione equivalente

pi2  1 + β 2  1+ β 2  
2 2 2
β 2
  β2 3
σe = 
 −  +
2   + 1 +  + 1  = pi (34.60)
2  1 − β 2
1− β  1− β 2
 1− β
2
  1− β 2

che consente di determinare il valore di progetto da assegnare a β con la seguente espressione:

pi
β = 1 − 1.732 (34.61)
σ am
Nel caso dei materiali fragili la tensione equivalente di Navier al bordo interno coincide con la sola σθ (56) e
l’equazione di progetto diventa
σ am − pi
β= (34.62)
σ am + pi
Spostamenti radiali
La funzione degli spostamenti radiali può essere ottenuta operando come nel caso precedente:

pi re β 2  1 
2 (
u=ρ 1 −ν ) + 2 (1 +ν )  (34.63)
E 1− β  ρ 
4 3.5
σ/pe σ/pi Circonferenziale

σe=|σθ | 3 Radiale
3 Tresca

2.5
2 σe=|σθ−σ r|
Circonferenziale
σθ
2
1 Radiale
Tresca ªNavier
1.5
0
σr 1
-1
0.5

-2
0
σθ
σr
-3 -0.5

-4 -1
β 0.65 0.7 0.75 0.8 0.85 0.9 0.95 ρ 1 0.6 β 0.65 0.7 0.75 0.8 0.85 0.9 0.95 ρ 1
(a) (b)
Fig.34.2 - Tensioni normalizzate (σ/pi) radiali, circonferenziali ed equivalenti di Tresca in cilindri soggetti a pressione esterna (a) ed interna (b)
nel caso di β=0.625.

34.7
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Pressione esterna ed interna


In caso di simultanea presenza di pressione esterna ed interna le tensioni radiali e circonferenziali possono essere
ottenute mediante la sovrapposizione degli effetti, ottenendo le seguenti espressioni:

1  2 2 pi − pe  1  2 2 pi − pe 
σr =  β pi − pe − β σθ =  β pi − pe + β
ρ 2  ρ 2 
(34.64,65)
1− β 2  1− β 2 
Le tensione radiali al raggio interno e al raggio esterno sono date rispettivamente da:

σ r = − pi (ρ=β) σ r = − pe (ρ=1) (34.66a,b)

Le tensione circonferenziali ai raggi interno ed esterno sono date rispettivamente da:

σθ =
(1 + β ) p − 2 p
2
i e
σθ =−
(1 + β ) p 2
e − 2 β 2 pi
(34.67a,b)
1− β 2 1− β 2
Da notare che le tensioni dovute alla simultanea presenza di pressione interna ed esterna sono inferiori a quelle
prodotte dalla massima delle due agente da sola. Lo spostamento radiale diventa:

re 1  p −p 
u=ρ 2 (
E 1− β 
( )
1 −ν ) pi β 2 − pe + (1 +ν ) β 2 i 2 e 
ρ 
(34.68)

Cerchiatura
Nel caso di pressione elevata l’aumento dello spessore non è sempre sufficiente ad evitare la crisi del materiale al
bordo interno del cilindro. Nel caso di pressione interna, la relazione (61) non fornisce soluzioni se pi>σa/1.732 e
valori della pressione vicini a tale livello a producono valori di β tendenti a 0 (cioè re→∞). In fig.4 è possibile
osservare l’andamento delle tensioni circonferenziali e di Tresca (normalizzate rispetto alla pressione), agenti al
bordo interno di un cilindro sollecitato a pressione interna, al variare del rapporto β. Si nota come, per β→0 (re→∞),
la tensione circonferenziale non scende al di sotto di pi e, conseguentemente, la σe di Tresca al di sotto di 2pi.
Elevate pressioni interne possono essere sopportate mediante la cosiddetta cerchiatura che consiste nel forzare
un cilindro esterno sul primo. Con riferimento alla fig.5, il cilindro esterno (2) deve avere un raggio interno ri2
leggermente inferiore al raggio esterno del cilindro interno (1) re1 (cioè re1>ri2); la differenza tra tali raggi δ=re1−ri2 è
definita interferenza. Per eseguire l’operazione di forzamento si genera una differenza di temperatura fra i due
cilindri che rende temporaneamente re1<ri2. Dopo il montaggio e il successivo raggiungimento dell’equilibrio
termico i due raggi diventano coincidenti (cioè re1=ri2): il cilindro interno risulta contratto e quello esterno dilatato.
Tale deformazione è legata ad una pressione pf al contatto tra i cilindri (tipicamente tale da rendere praticamente
impossibile lo smontaggio; questo è lo stesso metodo con il quale si calettano i mozzi sugli alberi). La pressione pf
viene vista come pressione esterna dal cilindro interno e viceversa; nel cilindro interno, in particolare, le tensioni
circonferenziali dovute al forzamento sono di compressione e si sottraggono a quelle dovute alla pressione (interna)
di esercizio rendendo lo stato tensionale meno severo.
I punti critici dell’accoppiamento sono ai raggi interni di entrambi i cilindri, poiché la pressione di forzamento può
risultare eccessiva per il cilindro esterno. Per il massimo sfruttamento del materiale, il forzamento deve essere
effettuato in modo che le tensioni equivalenti in detti punti siano uguali tra loro e pari alla tensione ammissibile. In
aggiunta alle ipotesi formulate è necessario assumere che i due cilindri abbiano la stessa lunghezza.

10
10
σ/pi
9
σ/pi β=0.91
8
8
β=0.88 7

6 6

β=0.81 5
4
4
σe
2
β=0.63 3

2
σθ
0 1
β
0
1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 r 1.6 0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9

Fig.34.3 – Tensioni radiali e circonferenziali normalizzate in funzione Fig.34.4 – Tensioni di Tresca e circonferenziali per pressione interna
di r per diversi valori di β con ri=1. σθ linea continua, σr linea per ρ=β, al variare di β.
punteggiata.

34.8
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Interferenza e pressione di forzamento


Siano ri1, re1 e β1 i raggi interno ed esterno e il β del cilindro interno (1), ri2, re2 e β2 le analoghe grandezze del
cilindro esterno (2). Come detto l’interferenza δ provoca una pressione di forzamento pf fra i due cilindri al raggio
re1=ri2 che viene vista come esterna dal cilindro interno e viceversa. Ci si propone di determinare la relazione tra la
pressione di forzamento pf e δ.
Siano:
• δe1 la diminuzione del raggio esterno del cilindro interno in base all’eq.(51)

p f re1  1 + β12 
u (1) = δ e1 = −  −ν 1  (34.69)
E1  1 − β1 2

• δi2 l’incremento del raggio interno del cilindro esterno in base all’eq.(63)

p f re1  1 + β 22 
u ( β2 ) = δ i 2 =  + ν  (34.70)
E2  1 − β 22
2

L’interferenza δ è:

 1  1 + β 22  1  1 + β12 
δ = δ i 2 − δ e1 = p f re1   + ν 2 +  −ν 1   (34.71)
 E2  1 − β 2  E1  1 − β1
2 2

In queste equazioni E1 ed E2 e ν1 e ν2 sono, rispettivamente, i moduli di elasticità e i coefficienti di Poisson dei
materiali dei due cilindri; se i materiali sono uguali la relazione si semplifica in

2 p f re1 1 − β 22 β12
δ=
( )( )
(34.72)
E 1 − β 22 1 − β12
L’inversa consente di ottenere la pressione assegnata l’interferenza

δ E (1 − β 2 )(1 − β1 )
2 2

pf = (34.73)
2 re1 1 − β 22 β12
In fase di progetto i parametri geometrici da determinare per il forzamento sono β1, β2 e δ. Quest’ultimo viene
ricavato dalla (72) una volta determinata la pressione di forzamento pf con le relazione mostrate nel seguito.

1 re1 re2
ri2 δe1
ri1 δi2

Fig.34.5 – Dimensioni dei cilindri nella cerchiatura.

Tensioni ai raggi interni


Le tensioni agenti in corrispondenza del raggio interno dei due cilindri a causa del solo forzamento si ottengono
rispettivamente dalle (43,44) e (55,56), ponendo rispettivamente β=β1 e β=β2:
2
σ rf 1 = 0 σθ f 1 = − p f (34.74,75)
1 − β12

1 + β 22
σ rf 2 = − p f σθ f 2 = p f (34.76,77)
1 − β 22

34.9
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Le analoghe tensioni dovute alla sola pressione interna si ottengono considerando i due cilindri come un unico
cilindro di raggio interno ri1 e raggio esterno re2, avente, quindi, β=ri1/re2=(ri1/re1)(re1/re2)=β1β2. In particolare al
raggio interno si ottengono dalle (55,56) ponendo β=β1β2, mentre al raggio interno del cilindro esterno si ottengono
dalle (52,53) ponendo β=β1β2 e ρ=β2:

1 + β12 β 22
σ ri1 = − pi σ θ i1 = pi (34.78,79)
1 − β12 β 22

β12 (1 − β 22 ) β12 (1 + β 22 )
σ ri 2 = − pi σ θ i 2 = pi (34.80,81)
1 − β12 β 22 1 − β12 β 22
Gli 8 valori di tensione (74-81), relativi ai 2 cilindri e alle sole pressioni di esercizio e di forzamento, sono
visualizzati in fig.6. Le tensioni dovute alla presenza simultanea del forzamento e della pressione interna per i due
cilindri si ottengono sommando i singoli contributi (o dalle 64-67):

1 + β12 β 22 2
σ r1 = σ ri1 + σ rf 1 = − pi σ θ 1 = σ θ i1 + σ θ f 1 = pi − pf (34.82,83)
1 − β1 β 2
2 2
1 − β12

β12 (1 − β 22 ) β12 + β12 β 22 1 + β 22


σ r 2 = σ ri 2 + σ rf 2 = − pi − pf σ θ 2 = σ θ i 2 + σ θ f 2 = pi + p (34.84,85)
1 − β12 β 22 1 − β12 β 22 1 − β 22
f

Nel caso dei materiali fragili le tensioni equivalenti di Navier dovute alla presenza simultanea del forzamento e
della pressione di esercizio in corrispondenza del raggio interno dei due cilindri coincidono con le tensioni
circonferenziali espresse dalle (83) ed (85). Nel caso dei materiali duttili, le tensioni equivalenti di Tresca, in base
alle (82,83) e (84,85), risultano:
2 2
σ e1 = σ θ 1 − σ r1 = pi − pf (34.86)
1− β β
1
2 2
2 1 − β12

2 β12 2
σ e 2 = σ θ 2 − σ r 2 = pi + pf (34.87)
1 − β1 β 2
2 2
1 − β 22
Scelte di progetto
Nel caso più generale i parametri da determinare sono 3, cioè β1, β2 e pf, mentre le equazioni disponibili sono 2, cioè
le (83) e (85) per i materiali fragili e le (86) e (87) per i materiali duttili. Come anticipato, si deve operare in modo
che le tensioni equivalenti di esercizio al raggio interno dei due cilindri risultino uguali e pari alla tensione
ammissibile, cioè si abbia σe1=σe2=σam. Affinché si abbia σe1=σe2 la pressione di forzamento deve assumere valori
appropriati.
Per i materiali fragili, uguagliando i termini di destra delle (83) e (85) ed esplicitando rispetto a pf, si ottiene:

p f = pi
1 − β12 (
1 − β1 1 − β 2 2
)( 2
)
( )( ) ( )
(34.88)
1 − β12 β 22 1 − β12 1 + β 22 + 2 1 − β 22

Per i materiali duttili, uguagliando i termini di destra delle (86) e (87) ed esplicitando rispetto a pf, si ottiene:

pf = pi
1 − β12 (
1 − β 22 1 − β12 )( )
( ) ( )
(34.89)
1 − β12 β 22 1 − β12 + 1 − β 22

Queste relazioni permettono di ricavare il valore della pressione di forzamento necessaria a rendere uguali le
tensioni equivalenti σe1 e σe2, assegnati i valori di β1 e β2, per dato valore della pressione interna pi. Un’altra
equazione di progetto può essere ottenuta imponendo che le tensioni equivalenti di esercizio a raggi interni siano
pari alla tensione ammissibile, cioè si abbia σe1=σam e/o σe2=σam. Utilizzando le espressioni delle tensioni
equivalenti per materiali fragili (83) e duttili (86) e sostituendo pf con le (88) ed (89), si ottiene rispettivamente:

β12 (1 + β 22 ) + β 22 + 1 2 pi
σ e1 = − pi = σ am σ e1 = = σ am
β12 (1 + β 22 ) + β 22 − 3 (1 − β ) + (1 − β )
2 2
(34.90,91)
1 2

34.10
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

Poiché, in entrambi i casi, le incognite sono 3 e le equazioni 2, l’operazione più opportuna consiste
nell’assegnare il valore di β1 o di β2 determinando l’altro tramite la (90) o la (91) e pf con la (88) o la (89). Ottenuto
il valore di pf, l’interferenza δ da assegnare ai cilindri si determina mediante la (72). Al variare dei valori di β1 e β2 si
ottengono differenti valori del prodotto β=β1β2 che determina lo spessore complessivo dei cilindri accoppiati.
Scelta ottimale
Si può dimostrare che i valori più bassi dello spessore complessivo dei cilindri (corrispondenti a più alti valori di
β=β1β2) si ottengono se si impone β1=β2=β0. In questo caso le (88-91) e la (72) diventano rispettivamente

1 − β 02 1 pi 1 − β 02
p f = pi pf = (34.92,93)
1 + β 02 3 + β 02 2 1 + β 02

2 β 02 + β 04 + 1 pi
σ e1 = − pi σ e1 = = σ am (34.93,94)
2 β 02 + β 04 − 3 1 − β 02
p f 2 re1 1 + β 02
δ= (34.95)
E 1 − β 02
In questo caso le (93) e (94) consentono di determinare l’unica incognita β0 e da essa β=β02

σ am pi
β0 = 2 −1 β0 = 1 − (34.95,96)
σ am + pi σ am

σ am pi
β = β 02 = 2 −1 β = β 02 = 1 − (34.97,98)
σ am + pi σ am
Le (92) e (93) si trasformano rispettivamente in
pi pi 1
pf = 1 + pi σ am pf = (34.99,100)
2 2 2 σ am pi − 1
Sostituendo le (95, 99) e le (96, 100) nella (95), si ottengono i valori di interferenza in funzione delle sole
variabili pi e σam:
pi re1 1 + pi σ am pi re1
δ= δ= (34.101,102)
E 1 + pi σ am − 1 E
In fig.6 sono mostrati un esempio delle tensioni che si ottengono determinando β0 con la (95), mentre in fig.7 è
mostrato un confronto tra i valori del diametro esterno ottenuti utilizzando l'equazione di progetto (59) per singolo
cilindro e l'equazione di progetto (96) per coppia di cilindri forzati.

σ/p a) σ/p b) Ten. Eq. complessiva


1.5 2.5 Ten. Eq. pressione
Ten. Eq. forzamento
σθi
σei
1 2

σθf2 σe1 σe2


0.5 1.5

0
σrf2
1
σrf1

-0.5 σef1 σef2


0.5
σθf1 σri
-1
0
50 55 60 65 70 75 80 85 90 95 r 100 50 55 60 65 70 75 80 85 90 95 r 100

Fig.34.6 – Tensioni normalizzate (σ/pi) nella cerchiatura nel caso di ri=50mm, pi=100 MPa, σam=200 MPa. I valori ottimali di progetto risultano
β=β1=β2=0.707. a) tensioni radiali e circonferenziali dovute al solo forzamento (σrf e σθf) e alla sola pressione interna (σri e σθi); b) tensioni
equivalenti dovute al solo forzamento (σef), alla sola pressione interna (σei) e tensioni equivalenti totali di esercizio (σe).

34.11
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

4.5

4
ren/rec
3.5

re/ri=1/β
2.5
normale cerchiato
2

1.5

0.5

0
0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 pi/σam 0.8

Fig.34.7- Andamenti del rapporto tra raggio esterno ed interno (re/ri=1/β) determinati con l’eq.(59) per cilindro normale e l’eq.(96) relativa al
criterio di Tresca, per coppia di cilindri forzati (aventi β1=β2=β0), al variare del rapporto tra la pressione interna pi applicata e la tensione
ammissibile σam. Si osserva come tale rapporto diverga per pi/σam=0.5 per cilindro normale. Con linea tratteggiata è indicato il rapporto tra i raggi
esterni ottenuti con la (59) (cilindro normale) e la (96) (cilindro forzato); ovviamente l’andamento ha significato sino al valore pi/σam=0.5 oltre il
quale non è possibile dimensionare il cilindro singolo.

Soluzione in presenza di dilatazione termica


Utilizzando le equazioni (23) e (24) e operando in modo analogo al caso di assenza di dilatazione termica si ottiene
la seguente equazione differenziale:

d 2σ r 3 dσ r α E dT
+ + =0 (34.103)
dρ 2
ρ d ρ (1 −ν ) ρ d ρ
Nella (103) compare la derivata prima della temperatura rispetto all’ascissa ρ, da cui si deduce che variazione
uniforme di temperatura, per materiale isotropo, non provoca alcuna alterazione dello stato tensionale.
Come già visto, la soluzione dell’omogenea associata alla (103), cioè la (25), è data dalla (30) qui riscritta:
B
σr = A− (34.30)
r2
Per ottenere la soluzione completa della (103) è necessario ricavarne una soluzione particolare conoscendo
l’andamento della temperatura in funzione del raggio. I due casi di principale interesse sono il caso in cui la
funzione temperatura è di tipo logaritmico e il caso in cui è esprimibile come polinomio di grado n.

Transitori termici
Nei transitori di temperatura è necessario conoscere la funzione T(ρ) in funzione del tempo e risolvere,
conseguentemente, la (103) istante per istante. Se si provoca una variazione termica istantanea al bordo interno o
esterno, cui corrisponde il massimo gradiente teorico di temperatura, cioè lo shock termico, il materiale che si trova
ancora alla temperatura iniziale impedisce al materiale che ha subito la variazione di temperatura di deformarsi in
direzione circonferenziale ed assiale. Le corrispondenti tensioni possono essere calcolate ponendo εl=εθ=σr=0 nelle
equazioni costitutive complete, ottenendo:
α E (Tβ − T1 )
σ S = σθ = σ l = − (34.104)
1 −ν
nella quale σS è la tensione di shock termico, che verrà utilizzata nel seguito come valore di riferimento.
Questa espressione può essere utilizzata per verificare se il tubo è in grado di sopportare transitori termici
onerosi.

T(ρ) di tipo logaritmico


Nel caso di flusso termico stazionario, dovuto a differenza di temperatura tra raggio interno ed esterno costante nel
tempo, la distribuzione della temperatura lungo il raggio è di tipo logaritmico (fig.8):
ln ρ
T ( ρ ) = T1 − (T1 − Tβ ) (34.105)
ln β
La derivata della (105) può essere espressa come

34.12
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

220 0.4
T σ/|σS|
200

σθ
0.2
180

160 0
σr
140
-0.2
120
σl σl
-0.4
100

80 -0.6

60
-0.8
40

20 -1
0.5 0.55 0.6 0.65 0.7 0.75 0.8 0.85 0.9 0.95 ρ 1 0.5 0.55 0.6 0.65 0.7 0.75 0.8 0.85 0.9 0.95 ρ 1

Fig.34.8 – A sinistra l’andamento della temperatura di tipo logaritmico nello spessore per il caso di Tβ=220°, T1=20° e β =0.5, a destra le tensioni
termiche nello spessore per cilindro in acciaio (E=210.000 N/mm2, α=11 10−6). La σl tracciata con linea a tratto e punto è quella relativa al
cilindro vincolato agli estremi (eq.104). Le tensioni sono normalizzate rispetto al modulo della tensione per gradiente massimo espressa
dall’eq.(104) e pari, in questo caso, a 641.7 N/mm2.

= − (T1 − Tβ )
dT 1
(34.106)
dρ ρ ln β
La (103) diventa

d 2σ r 3 dσ r 1 α E (Tβ − T1 )
+ + =0 (34.107)
d ρ 2 ρ d ρ ρ 2 ln β (1 −ν )
Una soluzione particolare della (107), ricordando la (104), è data in questa forma:

α E (Tβ − T1 ) ln ρ σ ln ρ
σr = =− S (34.108)
2 (1 −ν ) ln β 2 ln β
La soluzione generale si ottiene sommando questa funzione alla soluzione relativa all’omogenea associata (30) e
imponendo le condizioni al contorno. Nel caso di sola variazione di temperatura, quindi in assenza di pressione, le
condizioni al contorno prevedono che sia σr=0 sia per ρ=β che per ρ=1. In definitiva, ricordando la (104), le
espressioni delle tensioni dovute a gradiente di temperatura nel caso stazionario (fig.8) sono date da:

σ S  β 2 ρ 2 − 1 ln ρ  σ S  β 2 ρ 2 + 1 ln ρ 1 
σr = −  +  σθ = −  + +  (34.109,110)
2  1− β 2 ρ 2 ln β  2  1− β ρ
2 2
ln β ln β 
Al contrario di quanto visto nel caso della sola pressione agente, la somma delle tensioni radiali e
circonferenziali (109) e (110) non risulta costante nel piano e, in base alla (16), anche la deformazione assiale, in
assenza di vincoli, avrebbe tale caratteristica. Per elementi di piccolo spessore (longitudinale) tale deformazione è
trascurabile, mentre per elementi piani di grosso spessore essa darebbe luogo a notevoli ingobbamenti delle superfici
di estremità. Poiché si osserva che la deformazione assiale εl in questi casi risulta praticamente costante sulla
superficie, cioè tende a rispettare l’ipotesi di stato piano, a sufficiente distanza dalle estremità deve essere presente
una tensione longitudinale opportunamente variabile rispetto al raggio che compensi gli effetti della variabilità
rispetto a ρ delle (109) e (110) e della dilatazione termica derivante direttamente dalla distribuzione di temperatura
(105). In base a questa considerazione è possibile dimostrare che, per cilindro libero alle estremità, la tensione
longitudinale a sufficiente distanza dalle estremità risulta data dalla somma della σr e della σθ (fig.8):

σ S  2β 2 1 ln ρ 
σ l = σ r + σθ = −  + +2  (34.111)
2  1− β 2
ln β ln β 
In fig.9 sono riportate la deformazione longitudinale complessiva (costante) e le varie componenti.
Nel caso di cilindro vincolato alle estremità, viceversa, un’eventuale deformazione longitudinale costante
rispetto al raggio, ammessa nello stato di deformazione piano, verrebbe impedita per cui, essendo εl=0, in base alla
(17) l’andamento della tensione longitudinale (fig.8) risulta data da

34.13
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

-3
x 10
2.5
ε
2
ε3=αΤ(ρ)
1.5
εl=ε1+ε2+ε3=cost
1

0.5
ε2=−ν(σr+σθ)/E
0

-0.5

ε1=σl/E
-1

-1.5

-2
0.5 0.55 0.6 0.65 0.7 0.75 0.8 0.85 0.9 0.95 ρ 1
Fig.34.9 – Deformazioni longitudinali nel cilindro di grosso spessore soggetto a variazione di temperatura di tipo logaritmico. εl deformazione
totale, ε1 deformazione termica, ε2 deformazione dovuta alle tensioni nel piano, ε3 deformazione dovuta alla tensione longitudinale.

σS  2ν β 2 ν ln ρ 
σ l = −α ET1 −  + +2  (34.112)
2  1− β 2
ln β ln β 

Soluzione per il caso generico


La soluzione completa della (103) per il caso generico, considerando pressione interna ed esterna nulle, ha la
seguente forma:
ρ
αE 1  ρ2 − β 2 1 
σr = ρ ρ ρ ρ
1 −ν ρ  1 − β ∫β ∫β
2 
T d − T d  (34.113)
2 

da cui
ρ
αE 1  ρ2 + β 2 1 
σθ = ρ ρ ρ ρ ρ
1 −ν ρ 2  1 − β 2 ∫β ∫β
 T d − T d − T 2
 (34.114)


αE  2 1 
σl =  2 ∫
T ρ dρ −T  (34.115)
1 −ν 1 − β β 
Conoscendo la funzione T(ρ) è possibile valutare gli integrali nelle (113-115) in forma chiusa o numerica.

34.14
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

APPENDICE
A1 La formula di Mariotte
La formula di Mariotte è una formula semplificata per il dimensionamento di contenitori e tubi cilindrici di piccolo
spessore. Nel caso di cilindri soggetti a pressione interna, il valor medio della distribuzione della tensione
circonferenziale (52) si ha per ρ = β e può essere espresso come segue

1+ β 2  1  β pR
σ θ = pi  + 1  = pi = i i (A.1)
1− β   1 − β Re − Ri
 β
2 2

Introducendo lo spessore del cilindro s=Re−Ri, la (A1) può essere riscritta come segue
β pi Ri pi Di
σ θ = pi = = (A.2)
1− β s 2s
Nel caso in cui lo spessore del cilindro è sufficientemente piccolo rispetto alle dimensioni (i raggi interno e/o
esterno), cioè per β≥0.9, l’errore commesso considerando la tensione circonferenziale costante e pari alla tensione
media risulta inferiore al 5% e la tensione radiale diventa trascurabile. Il numeratore a destra della (A2) è pari alla
spinta che la pressione interna esercita su metà del cilindro considerato di altezza unitaria. Tale spinta tenderebbe a
separare le due metà del cilindro tra loro ed è equilibrata dalla tensione circonferenziale agente sulle 2 sezioni del
cilindro stesso.
La (A2) è nota come formula di Mariotte ed è largamente utilizzata per il calcolo dello spessore di tubi e
contenitori cilindrici di piccolo spessore; introducendo la tensione ammissibile σam ed esplicitando rispetto allo
spessore si ottiene:
pi Di
s= (A.3)
2 σ am

A2 Fattori di conversione delle unità di misura della pressione

Fattori di conversione delle unità di misura di pressione


1 MPa 1 at 1 psi 1 Pascal 1 bar 1 atm 1 Torr
MPa [N/mm2] 1 10,2 145,038 100 10 9,87 7506
at [kg/cm2] 0,0981 1 14,2 98 100 0,981 0,968 736
psi [lbf/in2] 6,89×10-3 7,02×10-2 1 6,89×97 6,89×10-2 6,8×10-2 51,71
Pa [N/m2] 10-6 0,96×10-4 1,45×10-4 1 10-5 0,987×10−5 0,0075
bar [daN/cm2] 0,1 1,02 14,5 100 000 1 0,987 750
atm [760 torr] 0,953 1,0332 14,7 95 325 1,013 1 760
torr 1,33×10−4 1,36×10-3 1,93×10-2 133 0,00133 0,00132 1

Tab.A2.1 - Tabella dei fattori di conversione delle unità di misura della pressione. Utilizzare i fattori nella prima colonna per ottenere la pressione
in MPa a partire da valori di pressione indicati nelle varie unità di misura (at=atmosfera tecnica, psi=pound square inch, atm=atmosfera
fisica).

34.15
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

CILINDRI IN PRESSIONE
• σr, σθ, σl tensioni radiali, circonferenziali, longitudinali • pi, pe, pf pressione interna, esterna e di forzamento
• σe, σam tensione equivalente ed ammissibile • ri, re raggio interno ed esterno
• εr, εθ deformazione radiale e circonferenziale • β=ri/re, (β<1)
• u, δ spostamento in direzione radiale, interferenza • ρ=r/re (β ≤ ρ ≤ 1)
• α, T coeff. dilatazione termica, variazione di temperat.
Equazione di equilibrio Equazioni di compatibilità-congruenza
Def. radiale Def. circonferenziale Spostamenti Equazione di congruenza
dσ r σ r − σ θ du u d ( rε t ) dε
+ =0 εr = εθ = u = r εθ εr = = r t + εt
dr r dr r dr dr
Stato piano di tensione (eq.costitutive, compatibilità )
1 1 ν
εθ = (σ θ −νσ r ) + α T ε r = (σ r −νσ θ ) + α T ε l = − (σ θ + σ r ) + α T
E E E
ε θ  1  1 −ν  σθ  1
ε  = E  −ν 1   σ  + α T 1 σl = 0
 r   r 
dσ dσ dT dσ dσ
(σ θ − σ r )(1 +ν ) + r drθ −ν r drr + α Er dr = 0 (σ θ − σ r )(1 +ν ) + r drθ −ν r drr = 0
Stato piano di deformazione (eq.costitutive, compatibilità)
1 +ν 1 +ν
εθ =  −νσ r + (1 −ν ) σ θ + Eα T  εr = (1 −ν ) σ r −νσ θ + Eα T  εl = 0
E E 
ε θ  1 + ν 1 −ν −ν  σθ  1
ε  = E  −ν 1 −ν   σ  + α T 1 σ l = ν (σ r + σ θ ) − Eα T
 r   r 
dσ dσ dT dσ dσ
σ θ − σ r + (1 −ν ) r θ −ν r r + α E r =0 (σ θ − σ r ) + (1 −ν ) r θ −ν r r = 0
dr dr dr dr dr
PRESSIONE ESTERNA
Tensione radiale Tensione circonferenziale Tensione longitudinale

1 1 − β  1 1 + β 
2 2
σ r = − pe  σθ = − pe σ l = − pe 1
1 − β 2  ρ 2  1− β 2  ρ2  1− β2

Spostamento radiale
ρ=β σr = 0 σθ = − pe 2
1− β2
pe re 1  β2 
1+ β 2 u = −ρ 2  (1 − ν ) + 2 (
1 +ν )
ρ=1 σr = − pe σ θ = − pe E 1− β  ρ 
1− β 2
Criteri di Tresca e Navier ρ=β Criterio di Von Mises ρ=β

2 2 pe  3  1.732 pe
σ e = pe β = 1− σ e = pe  
2 β = 1−
1− β 2 σa 1− β  σa
PRESSIONE INTERNA
Tensione radiale Tensione circonferenziale Tensione longitudinale
β  1
2
 β  1
2
 β2
σ r = − pi 2 
− 1 σ θ = pi 2 
+ 1 σ l = pi
1− β  ρ 2
 1− β  ρ 2
 1− β 2
1+ β2
Spostamento radiale
ρ=β σr = − pi σθ = pi
1− β2 pi re β 2  1 
2 (
2β 2 u=ρ 1 −ν ) + 2 (1 +ν ) 
ρ=1 σr = 0 σ θ = pi E 1− β  ρ 
1− β 2
Criterio di Navier ρ=β Criterio di Tresca ρ=β Criterio di Von Mises ρ=β

1+ β 2
σ a − pi 2 2 pi 3 1.732 pe
σ e = pi β= σ e = pi β = 1− σ e = pi β = 1−
1− β 2 σ a + pi 1− β 2 σa 1− β 2
σa

34.16
G. Petrucci “Lezioni di Costruzione di Macchine”

CERCHIATURA
Interferenza δ materiali differenti Interferenza δ materiali uguali (β1≠β 2 e β1=β2=β0 )
 1  1 + β 22  1  1 + β12  2 p f re1 1− β β 2 2
2 p f re1 1 + β 02
δ = p f re1  + ν 2+ −ν 1   δ= 2 1
δ=

 E2  1 − β 2
2 
 E1  1 − β1
2
 E ( )(
1 − β 22 1 − β12 ) E 1 − β02
Pressione pf per assegnata interferenza

δ E (1 − β 2 )(1 − β1 )
2 2

pf =
2 re1 1 − β 22 β12
Tensioni ai raggi interni per i cilindri 1 e 2 per pi e pf
Radiali r Circonferenziali θ ed Equivalenti Navier Equivalenti Tresca e

1+ β β 2
2 2
2 2
σ r1 = − pi σ θ 1 = pi − pf 1 2 σ e1 = pi − pf
1− β β 1 − β12
1
2 2
2
1− β β 1
2 2
2 1 − β12
β12 (1 − β 22 ) β12 (1 + β 22 ) 1 + β 22 2 β12 2
σ r 2 = − pi − pf σ θ 2 = pi + pf σ e 2 = pi + pf
1 − β12 β 22 1 − β12 β 22 1 − β 22 1 − β1 β 2
2 2
1 − β 22
Scelte di progetto σ e1 = σ e 2
NAVIER TRESCA

p f = pi
1 − β12 (
1− β 1− β 1
2
)( 2
2 ) p f = pi
1 − β12 (
1 − β 22 1 − β12 )( )
( )( ) (
1 − β1 β 2 1 − β1 1 + β 22 + 2 1 − β 22
2 2 2
) (
1 − β12 β 22 1 − β12 + 1 − β 22 ) ( )
β (1 + β ) + β + 1
2 2 2
2 pi
σ e1 = − pi
1 2

2
σ e1 = =σa
β (1 + β ) + β − 3
1
2 2
2
2
2
am
(1 − β ) + (1 − β )
1
2 2
2

Scelta ottimale β1=β 2=β0


NAVIER TRESCA

1− β 2
1 2β + β + 1
2 4
pi 1 − β 2
pi
p f = pi 0
σ e1 = − 0
pi 0
pf = 0 σ e1 =
1 + β 3 + β 02
2
0 2β + β − 3
2
0
4
0
2 1+ β 2
0
1 − β 02

σ am σ am pi pi
β0 = 2 −1 β = β 02 = 2 −1 β0 = 1 − β = β 02 = 1 −
σ am + pi σ am + pi σ am σ am

pi pi re1 1 + pi σ am pi 1 pi re1
pf = 1 + pi σ am δ= pf = δ=
2 E 1 + pi σ am − 1 2 2 σ am pi − 1 E

34.17