Sei sulla pagina 1di 39

MANUALE D’USO

PlaTav desk 1.5

PlaTav desk
Sommario
INTRODUZIONE.................................................................................................................................. 5
PREMESSA .....................................................................................................................................................5
GLOSSARIO ....................................................................................................................................................6
DESCRIZIONE GENERALE..................................................................................................................... 8
STRUTTURA DELL'APPLICAZIONE ........................................................................................................................8
Informazioni funzionali ...........................................................................................................................8
Installazione ............................................................................................................................................8
Requisiti di sistema ............................................................................................................................................................... 8
Struttura dati ..........................................................................................................................................9
INTERFACCIA ................................................................................................................................................10
Schermata principale ............................................................................................................................10
Barra Multifunzione ..............................................................................................................................11
Schede ...................................................................................................................................................11
IMPOSTAZIONI ..............................................................................................................................................12
Configurazione utente ..........................................................................................................................12
Impostazioni dell’applicazione ..............................................................................................................13
Gestione del bilinguismo .................................................................................................................................................... 13

USO DEL SOFTWARE ........................................................................................................................ 15


GESTIONE DEI LAVORI ...................................................................................................................................15
Nuovo ....................................................................................................................................................15
Scheda metadati ................................................................................................................................................................. 16
Apri........................................................................................................................................................17
Elimina ..................................................................................................................................................18
Salva......................................................................................................................................................18
Esporta ..................................................................................................................................................18
Importa .................................................................................................................................................19
Stampa ..................................................................................................................................................19
PLANIMETRIA .................................................................................................................................. 20
INTRODUZIONE .............................................................................................................................................20
Interfaccia di gestione planimetrie .......................................................................................................20
COMANDI ....................................................................................................................................................21
Inserisci .................................................................................................................................................22
Stato di visualizzazione .........................................................................................................................23
STAMPE ......................................................................................................................................................24
Stampa fogli..........................................................................................................................................25
ALLEGATO DOMANDA...................................................................................................................... 26
FILES PRODOTTI ............................................................................................................................................26
XML .......................................................................................................................................................26
Crea documento XML ........................................................................................................................................................ 26
Elimina documento XML .................................................................................................................................................... 26

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  2
P7M ......................................................................................................................................................26
Crea documento firmato P7M ........................................................................................................................................... 26
Trova documento firmato P7M ......................................................................................................................................... 26
Elimina documento firmato P7M ....................................................................................................................................... 26

PLANIMETRIA CAD ........................................................................................................................... 27


TEMPLATE DXF ............................................................................................................................................27
Struttura del file DXF.............................................................................................................................27
Contenuto ........................................................................................................................................................................... 27
Unità di misura ................................................................................................................................................................... 27
Layer ................................................................................................................................................................................... 28
Tipi di linea ......................................................................................................................................................................... 29
Stili di testo ...........................................................................................................................................30
Stili di quota ........................................................................................................................................................................ 30
Blocchi ................................................................................................................................................................................ 30
Entitità (primitive grafiche)...................................................................................................................31
Immagine raster (sfondo) ................................................................................................................................................... 31
Entità “maschera”............................................................................................................................................................... 33
Shape (forme) ..................................................................................................................................................................... 34
STESURA PLANIMETRIA (PIANO DI CASA MATERIALMENTE DIVISA) .........................................................................35
Creazione nuova planimetria ................................................................................................................35
Creazione planimetria di modifica ........................................................................................................36
Stato attuale ....................................................................................................................................................................... 36
Stato di raffronto ................................................................................................................................................................ 36
Stato finale.......................................................................................................................................................................... 36
APPENDICE: PROPRIETÀ DELLE ENTITÀ PREVISTE SUI LAYER ...................................................................................37
Entità previste per il layer RASTER_* .................................................................................................................................. 37
Entità previste per i layer ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO ................................................................................................. 37
Entità previste per i layer di tipo *_TRATTO (attuale, finale, raffronto) ............................................................................. 37
Entità previste per i layer di tipo *_RETINO (attuale, finale, raffronto).............................................................................. 37
Entità previste per i layer di tipo *_TESTO (attuale, finale, raffronto) ............................................................................... 38
Entità previste per il layer RAFFRONTO_CANCELLA ........................................................................................................... 38
Entità previste per i layer RASTER:_MASCHERA e FINALE_MASCHERA .............................................................................. 38
Entità previste per il layer ESTRATTOMAPPA ..................................................................................................................... 38
Entità previste per il layer SQUADRATURA ......................................................................................................................... 39

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  3
PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE

Data Versione guida Modifiche apportate


19/02/2010 1.0 Prima edizione – Geopartner srl
17/09/2010 1.1 Aggiornamento Template - Geopartner srl
29/11/2010 1.2 Integrazione manuale - Geopartner srl
6/04/2011 1.3 Aggiornamento per release 1.4.2 - Geopartner srl
20/09/2011 1.4 Aggiornamento per release 1.4.3 - Geopartner srl
28/12/2012 1.5 Aggiornamento per release 1.5 - Geopartner srl
7/08/2015 1.5.4 Aggiornamento per release 1.5.4 - Geopartner srl

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  4
Introduzione

Premessa
La presente guida si riferisce al software PlaTav desk, una soluzione applicativa che permette la
predisposizione di un documento in formato elettronico (XML) atto ad essere allegato ad una domanda
tavolare; in tale documento sono compresi sia i dati alfanumerici identificativi della particella (metadati) che i
dati di tipo grafico (planimetria).
L’allegato alla domanda sarà elaborato direttamente dal sistema gestionale in uso presso gli uffici del Libro
Fondiario. Il software PlaTav desk è rivolto agli utilizzatori (professionisti) sia della provincia di Bolzano che
della provincia di Trento.

Esempio di planimetria - Stato di Raffronto:

Esempio di planimetria- Stato Finale:

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  5
Glossario

CAD Computer Aided Design, acronimo che indica una applicazione software che
permette di realizzare disegni tecnici vettoriali tramite un computer.
Firma digitale La firma digitale, o firma elettronica qualificata, basata sulla tecnologia della
(.P7M) crittografia a chiavi asimmetriche, è un sistema di autenticazione di
documenti digitali analogo alla firma autografa su carta. Il risultato del
processo di firma digitale di un file è un altro file, di formato diverso. Ad
esempio il file in formato Microsoft Word ‘Documento.xml’, al termine del
processo di firma diventa il file ‘Documento.xml.p7m’.
Raster La grafica bitmap, o grafica raster (in inglese bitmap graphics, raster
graphics), è una tecnica utilizzata in computer grafica per descrivere
un'immagine. Un'immagine descritta con questo tipo di grafica è chiamata
immagine bitmap o immagine raster.
La grafica bitmap si contrappone alla grafica vettoriale.
Nella grafica raster l'immagine viene vista come una scacchiera e ad ogni
elemento della scacchiera, chiamato pixel, viene associato uno specifico
colore. I dati raster possono essere memorizzati attraverso tipologie di file
che sfruttando algoritmi di compressione diversi (TIFF, JPG, …).
.DXF DXF (Drawing Interchange Format, o Drawing eXchange Format) è un
formato di file generato da CAD che permetto lo scambio di dati tra
l’applicazione software CAD e altre applicazioni.
.JPG JPEG (Joint Photographic Experts Group) è lo standard di compressione
delle immagini fotografiche più utilizzato
.PDF PDF (Portable Document Format) è un formato di file basato su un
linguaggio di descrizione di pagina sviluppato da Adobe Systems per
rappresentare documenti in modo indipendente dall’hardware e dal software
utilizzati per generarli o per visualizzarli. Un file PDF può descrivere
documenti che contengono testo e/o immagini a qualsiasi risoluzione. È un
formato aperto, nel senso che chiunque può creare applicazioni che leggono e
scrivono file PDF senza pagare i diritti.
.TIF TIF (Tagged Image File Format) è un formato immagine di tipo raster;
largamente utilizzato per lo scambio di immagini raster fra stampanti e
scanner; sono possibili anche diversi formati di compressione tra cui l'LZW
.XML XML (eXtensible Markup Language) è un linguaggio marcatore che consente
di definire in modo semplice dati da usare in ambito Web e utilizzato per
scambio di dati tra sistemi diversi.
.ZIP ZIP è un formato di compressione dei dati molto diffuso nei computer IBM-
PC con sistemi operativi Microsoft e supportato di default nei computer
Apple con sistema operativo Mac OS X. Supporta vari algoritmi di
compressione, uno dei quali è basato su una variante dell'algoritmo LZW.
.PLX PLX è il file di backup del software PlaTav desk che consente di trasferire un
intero lavoro (planimetria e metadati) su una diversa postazione in cui è
installato il software.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  6
Planimetria completa E’ la planimetria che riporta tutte le porzioni materiali della particella
edificiale materialmente divisa con la relativa rappresentazione dello stato
attuale.
Planimetria di E’ la planimetria che riporta tutte le porzioni materiali una particella edificiale
modifica materialmente divisa con evidenza delle porzioni materiali e/o parti comuni
modificate; può comprendere anche lo stato vecchio delle porzioni materiali
interessate e/o lo stato finale delle porzioni materiali interessate.
La planimetria di modifica può essere a sua volta completa (nel caso riporti il
disegno di tutte le porzioni materiali in cui è divisa la particella edificiale)
oppure parziale (nel caso in cui riporti solamente alcune porzioni materiali
della particella edificiale).
Template DXF E’ un file grafico in formato DXF con tutte le specifiche tecniche che una
planimetria deve rispettare; viene fornito al professionista vuoto per la
creazione di una planimetria ex-novo oppure contenente il riferimento a uno
sfondo raster di una planimetria esistente.
Sfondo raster E’ la planimetria in formato raster JPG rilevata dalla base dati del sistema di
Gestione Libro Fondiario; viene resa disponibile al professionista che la
utilizza come base per le proprie modifiche; può essere di planimetria
completa o di planimetria di modifica.
Planimetria parziale E’ la planimetria che rappresenta solamente alcune porzioni materiali della
particella edificiale materialmente divisa con la relativa rappresentazione dello
stato attuale.
Lavoro Cartella contenente il file XML con i metadati alfanumerici e il file DXF
(opzionalmente con file raster referenziato) con la planimetria esistente in
formato grafico.
Metadati Dati alfanumerici associati alla planimetria da presentare al Libro Fondiario.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  7
Descrizione generale

Struttura dell'applicazione
Informazioni funzionali
PlaTav desk è un’applicazione che permette di agevolare l’attività del tecnico professionista che deve
presentare una planimetria relativa ad una particella edificiale divisa in porzioni materiali.
In particolare PlaTav desk permette di partire da una planimetria raster (scansione della planimetria cartacea)
fornita dagli uffici del Libro Fondiario (non obbligatoria) e di predisporre un documento XML (che verrà in
seguito firmato e allegato ad una domanda tavolare) comprensivo di:
- Metadati: dati di tipo alfanumerico (identificativo della particella, comune catastale, partita tavolare,
ecc.), atti ad identificare il bene nel sistema tavolare;
- Planimetria: dati di tipo grafico, in formato vettoriale e raster, atti a descrivere dal punto di vista
planimetrico il bene.
Tale documento verrà predisposto in un formato idoneo alla successiva elaborazione dal parte degli uffici del
Libro Fondiario, tramite apposite funzionalità del sistema gestionale.

Installazione
Il setup del software guida l’utente nella procedura di installazione. L’installazione crea di default la seguente
cartella: C:\Programmi\PlaTav2\PlaTav.Desk2 e la sottocartella PlaTav2 nei Documenti dell’utente
corrente.
Il setup trasferisce i file a una cartella del software in C:\Programmi di Windows e crea la cartella PlaTav
(cartella dei lavori) nella cartella Documenti dell’utente Windows.
Per avviare il software PlaTav desk scegliere:
Start > Tutti i Programmi > PlaTav.Desk2\PlaTav desk2

Requisiti di sistema
Per installare e avviare il programma PlaTav desk occorrono i seguenti requisiti hardware e software:

Minimo : CPU 1.7 Ghz – RAM 512Mbyte – Video con risoluzione 16bit a 1024 x 768 pixel
Consigliato : CPU 2.0 Ghz Dual Core – RAM 1Gbyte – Video con risoluzione 32bit a 1280 x 1024 pixel

Windows XP Home con Service Pack 2 o superiori


Windows XP Professional con Service Pack 2 o superiori
Windows Vista Home (Edition: Basic/Premium)
Windows Vista (Edition: Business/Ultimate/Enterprise)
Windows 7 - 32 o 64 bit (Edition: Starter/Home Premium/Professional/Ultimate)
Windows 8 - 32 o 64 bit
Windows Server 2003 con Service Pack 1 o superiori
Windows Server 2008
Windows Server 2008 R2
Microsoft .NET Framework 3.1 SP1
Connessione a Internet

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  8
Struttura dati
All’atto dell’installazione del software viene creata la directory PlaTav nella cartella Documenti dell’utente, in
tale directory sono presenti 4 files XML:
 UfficiTavolari.xml: contiene l’elenco degli Uffici Tavolari della provincia di Trento e Bolzano
selezionabili all’atto della creazione del lavoro.
 ComuniCatastali.xml: contiene l’elenco dei Comuni Catastali della provincia di Trento e Bolzano
selezionabili all’atto della creazione del lavoro.
 Declarant.xml: contiene i dati del dichiarante visualizzabili e modificabili in “impostazioni utente”
 JobsList.xml: contiene l’elenco dei lavori
La cartella Attachements contiene:
 files XML da firmare digitalmente e allegare alla domanda tavolare.
La cartella Export contiene:
 files di backup (.Plx)
Le cartelle dei lavori contengono:
 file DXF;
 file JPG (nel caso in cui si utilizzi il file di sfondo)
 file Job.XML contenente i metadati del lavoro;
La cartella Printings contiene:
 eventuali stampe in formato PDF.

Esempio di contenuto della cartella di lavoro PlaTav:

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  9
Interfaccia
Schermata principale
Lo schermo dell’applicazione si presenta sempre come nella figura seguente. In questa figura si possono
distinguere i settori che contengono la funzionalità del software che sarà poi descritta nei capitoli seguenti.

Help

Download
da Openkat

Barra multifunzione
Schede (pannelli)

Apri e salva

Barra di stato
Schermata di riepilogo

 Barra multifunzione: permette di avere accesso ai comandi previsti dal software, in Home sono
posizionati i comandi del software divisi in Lavori, Planimetria e Allegato domanda. In Impostazioni
troviamo i comandi per impostare i parametri del software;
 Schede: permettono di rendere attive le schermate di lavoro previste dal software (Stato, Metadati,
Planimetria, Stampe), attivando alternativamente i comandi previsti nella scheda scelta;
 Schermata di riepilogo: evidenzia lo stato di avanzamento del lavoro corrente in funzione dei file
prodotti (Lavoro, Planimetria, File XML, File Pm7) colorando alternativamente il logo del tipo di file
prodotto;
 Apri e salva: comandi per salvare i file prodotto e per accedere alle directory che li contengono;
 Barra di stato: presenta la directory di memorizzazione del lavoro corrente;
 Help (?): comando per aprire il file PDF della presente guida.
 Download da Openkat: pagina di download prodotti software Catasto e Libro fondiario da
consultare per aggiornamenti del software PlaTav desk e informazioni.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  10
Barra Multifunzione

La barra multifunzione permette di avere accesso ai comandi previsti dal software PlaTav desk, presenta i
comandi relativi alla scheda attiva (Stato, Metadati, Planimetria, Stampe).
Non sempre tutte le icone (e quindi le funzioni associate ad esse) sono attivate in quanto specifici comandi
saranno possibili solo in determinate situazioni come verrà spiegato negli capitoli successivi. Quando il
comando non è utilizzabile le icone sono rappresentate in grigio.
Schede

Il software PlaTav desk presenta al suo lancio la schermata di Stato che evidenzia lo stato di avanzamento del
lavoro corrente in funzione dei file presenti (Lavoro, Planimetria, File XML, File Pm7).

 Metadati presenta la schermata che permette di associare alla planimetria i dati richiesti dall’ufficio
del Libro Fondiario.
 Planimetria presenta un’interfaccia di tipo CAD che consente di visualizzare e stampare la
planimetria nello stato scelto (Attuale, Raffronto, Finale). In essa è presente un cursore a forma di
croce che è anche lo strumento di selezione. Nel momento in cui ci spostiamo dalla area grafica il
cursore a croce viene sostituito dal classico puntatore a freccia. Tale cursore può anche assumere la
forma di un piccolo rettangolo chiamato riquadro di selezione, che serve per selezionare i fogli di
stampa.

Righello

Cursore
o

Sui bordi dell’area grafica è presente opzionalmente il righello (parametro presente nella
configurazione di sistema che ne determina la visualizzazione) che permette di riscontrare visivamente
la dimensione degli elementi presenti nella planimetria.
 Stampe presenta la schermata per consultare le stampe grafiche (PDF, JPG o TIF) complete e
parziali della planimetria.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  11
Impostazioni
Configurazione utente
I dati inseriti nella configurazione utente saranno utilizzati per ogni nuovo lavoro creato. Nel caso in cui la
presente scheda non venga compilata il nuovo lavoro richiederà ogni volta la compilazione dei dati del
dichiarate.

Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac

Nome Nome del professionista Fac.


Cognome Cognome del professionista Fac.
Codice fiscale Codice fiscale del professionista Fac.
Albo Qualifica del professionista Fac.
Provincia Provincia del professionista Fac.
Nro Iscrizione Numero iscrizione Albo Fac.
Email Email del professionista Fac.
Indirizzo Indirizzo del professionista Fac.
Indirizzo (tedesco) Indirizzo del professionista (attivo Fac.
se impostata la lingua tedesca)
Città Città Fac.
Città (tedesco) Città (attivo se impostata la lingua tedesca) Fac.
CAP Codice di avviamento postale Fac.

Fare clic su: Per:

Conferma i dati inseriti e imposta il dichiarante corrente.


Chiude la maschera di dialogo annullando i dati inseriti

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  12
Inserisce un nuovo dichiarante
Elimina in dichiarante selezionato.

Impostazioni dell’applicazione
Con questa maschera di dialogo è possibile impostare i parametri che influenzano il funzionamento del
software, in particolare le cartelle in cui il software posiziona i file e la lingua di colloquio.

Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac

Cartella dei lavori Imposta la cartella in cui il software posiziona Obb.


il file .XML che rappresenta il Lavoro;
Cartella degli allegati alla Imposta la cartella in cui il software posiziona Obb.
domanda tavolare i files da presentare all’ufficio del Libro
Fondiario;
Cartella di esportazione dei Imposta la cartella in cui è possibile esportare Obb.
lavori un lavoro (salvato in formato PLX) allo scopo
di caricarlo presso un’altra installazione del
software;
Programma per la firma Indicando l’eseguibile del software utilizzato Fac.
digitale per apporre ai files la firma digitale si consente
a PlaTav desk di gestire la firma del file .XML
da presentare all’ufficio del Libro Fondiario
generando un file P7M.
Lingua Interfaccia Imposta la lingua di colloquio del software Obb.
(vedi paragrafo “gestione del bilinguismo”;
Provincia di default Parametro che determina la provincia
impostata all’avvio del software.
Mostra righello nella Imposta la visibilità del righello nella schermata Obb.
planimetria CAD di consultazione della planimetria;

Fare clic su: Per:

Conferma i dati inseriti chiudendo la maschera di dialogo

Chiude la maschera di dialogo annullando i dati inseriti

Gestione del bilinguismo


Il software PlaTav desk dispone di interfaccia utente bilingue: italiano e tedesco. La scelta della lingua di
colloquio può essere effettuata in qualunque fase di lavoro. In mancanza di una scelta esplicita da parte
dell'operatore il linguaggio di default è l'Italiano.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  13
La scelta della lingua tedesca attiva i campi Indirizzo (tedesco) e Città (tedesco) nelle schede di configurazione
dell’utente e metadati.
La scelta della lingua tedesca imposta i toponimi della provincia di Bolzano in lingua tedesca. In realtà,
tutte le prerogative legate al bilinguismo, interessano solamente gli utenti della Provincia Autonoma di
Bolzano.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  14
Uso del software

Gestione dei lavori


Nuovo
Alla creazione di un nuovo lavoro si presenta una maschera di dialogo predisposta per la compilazione dei dati
relativi alla planimetria prodotta.

Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac

Provincia Scelta della provincia (Trento o Bolzano) Obb.


Ufficio tavolare Scelta dell’Ufficio tavolare (in lista Obb.
alternativamente quelli della provincia di
Trento o di Bolzano);
Comune catastale Scelta del comune catastale in funzione Obb.
dell’Ufficio tavolare scelto;
Particella edificiale Numeratore e denominatore della particella Obb.
edificiale;
Tipo di planimetria Tipologia della planimetria prodotta: Obb.
Completa (tutte le PM rappresentate) o
Parziale (solo una parte delle PM sono
rappresentate);
Lingua usata per i testi Indica la lingua in cui sono espressi i testi Obb.
descrittivi descrittivi (italiano o tedesco);
Descrizione Descrizione breve del Lavoro (utilizzata per la Obb.
denominazione del lavoro).

Fare clic su: Per:


Conferma la creazione della lavoro

Annulla la creazione del lavoro

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  15
Scheda metadati
Successivamente alla creazione del lavoro, passando nella scheda metadati, troviamo la sezione relativa al
dichiarante compilata in quanto vengono automaticamente riportati i dati compilati nelle impostazioni
dell’utente. In questa fase è possibile modificare tali dati. I campi “Indirizzo (tedesco)” e “Città (tedesco)” saranno
attivi nel caso in cui il software sia impostato in lingua tedesca.

Contenuto Auto/Obb/Fac
Nome campo
Nome Nome del professionista Obb.
Cognome Cognome del professionista Obb.
Codice fiscale Codice fiscale del professionista Obb.
Qualifica Qualifica del professionista Obb.
Email Email del professionista Obb.
Indirizzo Indirizzo del professionista Obb.
Adresse Indirizzo del professionista (attivo se Obb.
impostata la lingua tedesca)
Città Città Obb.
Stadt Città (attivo se impostata la lingua tedesca) Obb.
CAP Codice di avviamento postale; Obb.
Albo Qualifica del professionista Fac.
Provincia Provincia del professionista Fac.
Nro Iscrizione Numero iscrizione Albo Fac.
Versione Versione della base dati gestita dal software Auto
installato. Qualora il lavoro non sia allineato
alla versione gestita dal programma lo
troveremo evidenziato di giallo nell’elenco;
Identificativo Rappresenta l’ID del lavoro nella base dati Auto
(numero progressivo);

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  16
Data creazione Data di creazione del lavoro; Auto
Lingua Lingua scelta per i testi descrittivi;
Descrizione Descrizione estesa del lavoro (automaticamente Obb.
il software copia la descrizione breve digitata
all’atto della creazione del lavoro
Descrizione breve Descrizione breve digitata all’atto della Auto
creazione del lavoro
Ufficio tavolare Scelta dell’Ufficio tavolare (in lista Auto
alternativamente quelli della provincia di
Trento o di Bolzano);
Comune catastale Scelta del comune catastale in funzione Auto
dell’Ufficio tavolare scelto;
Particella edificiale Numeratore e denominatore della particella Auto
edificiale;
Porzioni materiali Porzioni materiali interessate al piano di Obb.
divisione materiale;
Nome del file di disegno Nome del file DXF incluso nel lavoro Auto
Planimetria con sfondo raster Flag impostato nel caso in cui il file DXF Auto
contenga un’immagine raster;
Planimetria con stato di Flag da selezionare nel caso in cui l’elaborato Obb.
raffronto grafico rappresenti anche lo stato di raffronto;
Scala nominale Riporta la scala con cui si rappresenta l’edificio Obb.
nella planimetria inclusa nel lavoro;
Scala sfondo raster Riporta la scala con cui l’edificio è Auto
rappresentato nella planimetria raster contenuta
nel file DXF;
Tipo di planimetria Indicazione del tipo di planimetria inclusa nel Obb.
lavoro (completa o parziale).

Fare clic su: Per:


Conferma la creazione della lavoro

Annulla la creazione del lavoro

Apri
La maschera di dialogo che propone di aprire un lavoro creato presenta il riepilogo dei file presenti (DXF,
XML, P7M) e un avvertimento nel caso in cui il lavoro si presenti danneggiato (evidenziato in rosso) o non
allineato alla versione del programma installata (evidenziato in giallo).

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  17
Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac

Id Numero identificativo del lavoro; Auto


Comune catastale Comune catastale selezionato all’atto della Auto
creazione del lavoro;
Particella Particella catastale digitata all’atto della Auto
creazione del lavoro;
Descrizione breve Descrizione breve digitata all’atto della Auto
creazione del lavoro;
Data creazione Data della creazione del lavoro;
Data ultima modifica Data ultima modifica del lavoro; Auto
DXF, XML, P7M Flag che identifica la presenza dei files; Auto
Evidenza in rosso Indicazione di lavoro danneggiato; Auto
Evidenza in giallo Indicazione di lavoro di versione non allineata Auto
al programma installato.

Fare clic su: Per:


Conferma l’apertura del lavoro

Annulla l’apertura del lavoro

Elimina
Il comando propone l’eliminazione del lavoro aperto, rispondendo No presenta l’elenco dei lavori
consentendo di selezionare il lavoro da eliminare. Nel caso in cui non si abbia nessun lavoro aperto il
comando presenta l’elenco dei lavori consentendo di selezionare il lavoro da eliminare.
Rispondendo SI viene cancellata l’intera directory del lavoro corrente e i relativi files da allegare alla domanda
tavolare presenti nella directory “attachments”.

Salva

Il comando consente di salvare i dati inseriti nel lavoro fino a quel momento. Nel caso si decida di uscire dal
software o di cambiare il lavoro prima di eseguire il comando salva il software propone automaticamente il
salvataggio del lavoro corrente.
Esporta

Il comando esporta il lavoro corrente in un file di backup con estensione Plx nella directory “export” allo
scopo di trasferire il lavoro in una diversa installazione del software PlaTav desk.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  18
Importa

Il comando importa il backup di un lavoro precedentemente esportato (file con estensione Plx). E’ possibile
importare nuovamente un lavoro anche se già presente, in questo caso il software automaticamente affida al
lavoro un nuovo identificativo. La funzione importa consente di ricreare un lavoro dal file Xml firmato
(.P7M) o da un file .Zip contenente il file firmato (.P7m).

Stampa
Il comando esegue la stampa dei dati alfanumerici associati al lavoro. La stampa viene presentata in anteprima
con appositi comandi per la consultazione a video o per l’esportazione in formato PDF (vedi immagine).

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  19
Planimetria

Introduzione
Le planimetrie sono essenzialmente classificabili in due tipologie distinte:
 Planimetria completa – elaborato tecnico che riporta il disegno dell’intera particella edificiale
materialmente divisa dove sono rappresentate tutte le porzioni materiali e tutte le parti comuni.
 Planimetria parziale – elaborato tecnico che riporta il disegno della particella edificiale
materialmente divisa dove solo alcune porzioni materiali sono rappresentate.

Tutte le planimetrie (complete o parziali) sono sempre rappresentate nello “Stato Finale”, sarà compito
dell’operatore dichiarare (utilizzando l’apposito flag nella scheda metadati) la presenza di un eventuale “Stato
di Raffronto” qualora abbia prodotto una planimetria di variazione di un piano di casa precedentemente
esistente. Lo “Stato Attuale” presentato nell’interfaccia di gestione delle planimetrie non è oggetto di
consegna al Libro Fondiario, il software gestionale in uso presso il Servizio Tavolare quindi non lo produce
sotto forma di documento.
Interfaccia di gestione planimetrie
L’interfaccia che presenta la planimetria DXF successivamente al suo inserimento nel lavoro corrente si
presenta in maniera del tutto simile alla schermata tipica dei sistemi CAD; in questa fase possono essere
utilizzati i comandi per la visualizzazione, la stampa e la gestione dei tre stati di visualizzazione (ATTUALE,
RAFFRONTO, FINALE).

Help
Impostazioni

Schede (pannelli) Barra


((pannelli) multifunzione
Righello

Barra di stato
Planimetria
inclusa

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  20
Comandi
I comandi presenti nella barra multifunzione Planimetria
consentono di inserire nel lavoro corrente una nuova
planimetria DXF controllata in base alle specifiche stabilite
dal Libro Fondiario, di consultarla e di stamparla e gestirne gli
stati di visualizzazione.

Icona Funzione
 INSERISCI
Inserisce una planimetria DXF (con sfondo raster qualora esistente) nel
lavoro corrente;
 ELIMINA
Elimina la planimetria dal lavoro corrente (eliminando i files dalla
directory del lavoro);

 ZOOM -
Consente di allargare la visualizzazione per step.
 ZOOM +
Consente di restringere la visualizzazione per step.
 ZOOM Finestra
Consente di visualizzare un'area definita da due angoli opposti di una
finestra rettangolare.
 ZOOM Tutto
Consente di visualizzare l'intero disegno.
 PAN
Sposta la vista nella finestra corrente.
 STATO DI VISUALIZZAZIONE
Menù a discesa che consente di scegliere i tre tipi di visualizzazione
della planimetria (Attuale, Finale, Raffronto);
 ATTUALE
Visualizzazione della planimetria nella modalità Attuale;
 FINALE
Visualizzazione della planimetria nella modalità Finale;
 RAFFRONTO
Visualizzazione della planimetria nella modalità Raffronto;
 INSERISCI FOGLIO
Menù a discesa predisposto per inserire formati (A4, A3 orizzontali e
verticali) allo scopo di eseguire stampe grafiche PDF. I fogli vengono
inseriti sulla planimetria utilizzando la scala nominale impostata nella
scheda metadati del lavoro corrente;
 CANCELLA FOGLIO
Elimina fogli dalla planimetria;
 STAMPA FOGLI
Stampa i fogli (tutti o in parte) predisposti sulla planimetria con il
comando inserisci foglio;
 STAMPA
Stampa graficamente l’intera planimetria nelle modalità Attuale, Finale
o Raffronto in formato PDF o JPG o TIF. Lo stesso tipo di stampa
verrà utilizzato per aggiornare la planimetria nella banca dati del Libro
Fondiario;
 DISTANZA
Consente di misurare distanze sulla planimetria visualizzata;

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  21
Inserisci
Inserisce nel lavoro corrente una planimetria DXF (con sfondo raster JPG, qualora esistente). All’atto
dell’inserimento viene eseguito il controllo formale del file DXF in base alle specifiche stabilite dal Libro
Fondiario (consultare il capitolo della presente guida dedicato alle specifiche CAD per conoscere in dettaglio i
controlli eseguiti).
I controlli eseguiti dal programma PlaTav desk corrispondono a quelli che saranno poi eseguiti presso gli
uffici del Libro Fondiario all’atto della consegna. L’esito positivo quindi fornisce la garanzia dell’accettazione
del file DXF da parte del Libro Fondiario. La seguente schermata rappresenta un esito positivo:

Qualora il file DXF non dovesse rispettare le specifiche stabilite il software rifiuterà l’inserimento della
planimetria nel lavoro corrente fornendo l’elenco delle “non conformità” (da risolvere con il proprio sistema
CAD prima di un nuovo caricamento). La seguente schermata rappresenta un esito negativo:

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  22
La seguente schermata rappresenta l’elenco delle “non conformità” del file DXF scartato (da risolvere con
il proprio sistema CAD prima del successivo tentativo di inserimento della planimetria DXF). Cliccando il
tasto destro nell’area di testo è possibile copiare nel Clipboard l’elenco delle “non conformità”. Per agevolare
l’individuazione delle entità non conformi presenti nella planimetria DXF, PlaTav desk produce un file nella
directory del lavoro (error.dxf) contenente le entità oggetto della “non conformità”.

Stato di visualizzazione
La planimetria DXF costituita con sistemi CAD in base alle specifiche stabilite dal Libro Fondiario contiene
entità posizionate su layer specifici. Combinando opportunamente la visualizzazione dei layer si ottengono i
tre stati della planimetria (ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO).

ATTUALE

RAFFRONTO

FINALE

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  23
Stampe
Con i comandi di stampa grafica è possibile ottenere la stampa dell’intera planimetria o di specifici fogli in
formato A4 o A3 nei tre stati di visualizzazione (ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO).
Nella stampa dell’intera planimetria viene calcolato l’ingombro massimo in funzione della dimensione
dell’immagine posizionata sul layer RASTER e delle entità posizionate sul layer SQUADRATURA.
Nella scheda Stampe sono elencate le stampe prodotte. La planimetria con sfondo JPG verrà stampata
conforme alle dimensioni originali della planimetria scansita (immagine JPG). Qualora la planimetria sia priva
di sfondo JPG verrà stampata utilizzando la scala nominale impostata nella scheda metadati del lavoro
corrente.

Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac

Data creazione Data di creazione della stampa; Auto


Dimensione (MB) Occupazione del file su disco; Auto
Altezza (mm) Larghezza del foglio in millimetri; Auto
Larghezza (mm) Altezza del foglio in millimetri; Auto
Scala Scala nominale in cui è stata prodotta la Auto
stampa;
Vista Stato di visualizzazione della planimetria; Auto
Tipo file Tipo di file (PDF o JPG o TIF); Auto
Apri Tasto che consente di aprire il file prodotto; Auto
Numero foglio Numero progressivo del foglio stampato che Auto
trova riscontro nella visualizzazione dell’elenco
dei fogli (vedi immagine);

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  24
Stampa fogli
Dopo aver posizionato sulla planimetria i fogli (A3 e A4) è possibile stamparli tutti o in parte utilizzando
l’interfaccia rappresentata nell’immagine.

Nome campo Contenuto Auto/Obb/Fac


Numero Numero progressivo del foglio stampato che Auto
trova riscontro nella visualizzazione dell’elenco
dei fogli;
Formato Formato (A4 o A3); Auto
Orientamento Orientamento del foglio; Auto
Scala Scala di stampa; Auto
Stampa Flag per determinare la selezione del foglio da Fac.
stampare con il comando Stampa fogli
selezionati;
Elimina eventuali file di Elimina dalla directory “printings” del lavoro Fac.
stampa esistenti corrente gli eventuali file precedentemente
stampati;

Fare clic su: Per:

Stampa i fogli selezionati

Stampa tutti i fogli

Chiude la maschera di dialogo

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  25
Allegato domanda
Files prodotti
XML
PlaTav desk produce un documento in formato XML da firmare e allegare ad una domanda tavolare;
in tale documento viene incorporata la planimetria in formato DXF 2000. Il file XML prodotto contiene i
metadati e la planimetria con l’eventuale sfondo raster, pronto per essere firmato digitalmente (.PM7).

Crea documento XML


La creazione del documento XML è possibile nel momento in cui si sia inclusa una planimetria e si siano
compilati in maniera completa i dati associati. Utilizzando il comando viene creato il file XML nella directory
“Attachments”.

Elimina documento XML


Il comando elimina il file XML dalla directory “Attachments”. Eliminando il file XML vengono
automaticamente eliminati gli eventuali files P7M riferiti all’XML del lavoro corrente.
P7M
Il software PlaTav desk non contiene la funzionalità per firmare digitalmente il file XML. Impostando
nelle opzioni del software il riferimento al software di firma digitale installato sul PC del professionista verrà
generato il file P7M direttamente nella directory “Attachments”.

Crea documento firmato P7M


Il comando utilizza l’eseguibile del programma di firma digitale (compatibile con le indicazioni CNIPA)
indicato in “impostazioni dell’applicazione” mettendo in pausa il software PlaTav desk. Dopo l’apposizione
della firma digitale (creazione del file P7M) mediante il software in uso presso il professionista troveremo nella
scheda stato del software PlaTav desk l’indicazione del documento firmato (file P7M).

Trova documento firmato P7M


Utilizzando questa funzione sarà possibile indicare un file P7M generato esternamente all’applicazione
ottenendo come risultato il posizionamento del file P7M nella directory “Attachments” con il nome file
corretto.

Elimina documento firmato P7M


Il comando elimina il file P7M dalla directory “Attachments”.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  26
Planimetria CAD
In questo capitolo si definiscono le regole generali per la creazione dei disegni tecnici rappresentanti le nuove
planimetrie in formato DXF. Sarà necessario seguire scrupolosamente tali regole in quanto saranno oggetto
di verifica mediante un apposito servizio installato nel sistema informatico del Libro Fondiario. Lo scopo è
quello di inserire correttamente le nuove planimetrie nel sistema informativo del Libro Fondiario.
Gli attuali sistemi CAD consentono integrare le immagini raster con dati vettoriali e poi effettuare la stampa
ibrida in un unico elaborato, con questa modalità il Libro Fondiario è in grado di fornire l’immagine
dell’eventuale planimetria cartacea esistente in formato Raster referenziate in un file DXF (derivato dal
Template predefinito).
Le modalità di visualizzazione della planimetria (ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO) dipenderanno
alternativamente dall’attivazione dei gruppi di layer rappresentanti le varie tipologie di entità grafiche (linee,
polilinee, testi, retini, ecc.) necessarie alla costituzione del disegno.
Qualora le planimetrie prodotte con il proprio sistema CAD non rispettino le regole imposte saranno
automaticamente scartate. Il software fornirà l’elenco delle “non conformità” su cui intervenire per
rendere le planimetrie compatibili con il sistema.

Template DXF
Il file di template DXF è il file di disegno con impostazioni prestabilite fornito dal Libro Fondiario per la
creazione di nuove planimetrie (con o senza sfondo). Il file DXF formato 2000 è stato scelto per
garantire compatibilità con buona parte dei software CAD diffusi tra i professionisti.
Struttura del file DXF
Lo standard DXF rappresenta il formato più diffuso per lo scambio di informazioni tra i diversi programmi di
grafica vettoriale. Le specifiche DXF sono state di fatto universalmente accettate nel campo della grafica
tecnica.
Il file è articolato nelle seguenti sezioni:
- HEADER In questa sezione sono precisate le variabili generali associate al disegno (limiti, estensione,
variabili di quotatura, ecc...)
- CLASSES Vengono definite le classi (dizionario, tratteggio, wipeout, immagini raster, ecc..)
- TABLES Contiene delle tabelle contenenti le caratteristiche di diversi oggetti (layer, stili di quota, tipi di
linea, viste, ecc...)
- BLOCKS (Blocchi) Vengono descritti i singoli blocchi contenuti nel disegno.
- ENTITIES (Entità) E' la sezione che contiene tutti gli oggetti grafici presenti nel disegno (linee,
polilinee, archi, cerchi, tratteggi, ecc...)

Contenuto
Le convenzioni e le impostazioni memorizzate nel Template DXF includono:
- Precisione e tipo di unità
- Nomi dei layer
- Impostazione di modalità di supporto al puntamento (snap, griglia, puntamento polare, ecc.)
- Limiti di disegno
- Stili di quota
- Stili di testo
- Tipi di linea

Unità di misura
Le coordinate e le dimensioni visualizzate muovendo il cursore, sono espresse in unità disegno. Il significato
di unità disegno è puramente convenzionale ma di importanza rilevante. Nel template la convenzione
utilizzata è la corrispondenza: 1 unità disegno = 1 metro.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  27
L’unità di misura lineare è impostata con l’impostazione “decimali” e il sistema angolare nella modalità
“gradi decimali”. Il numero di decimali è impostato di default a 4 per le misure lineari e 2 per le misure
angolari.
Gli elementi grafici descrittivi presenti nel disegno (testi, formati, tratteggi) dovranno essere rappresenti con
dimensioni (espresse in Unità di disegno) che permettano la loro stampa (espressa in millimetri) in funzione
della scala di rappresentazione scelta (1:200, 1:100, 1:50, ecc.).

Layer
Il principale strumento di strutturazione del disegno offerto dal formato DXF è il Layer. Una definizione
comune di Layer è: fogli di carta lucida sovrapponibili sui quali disporre le entità del disegno. Il disegno dovrà
quindi risultare organizzato con la creazione di queste strutture orizzontali (Layer) corrispondenti a insiemi
logici di entità grafiche
In una planimetria si collocheranno su Layer distinti (raster, squadratura, *-attuale, *-finale, *-raffronto)
entità di tipo omogeneo allo scopo di poter isolare nel proprio sistema CAD i singoli elementi su cui
intervenire semplicemente operando nel sistema di gestione dei Layer.
Nel momento in cui la planimetria sarà presa in consegna del Libro fondiario i Layer saranno gestiti dal
software gestionale con meccanismi che consentiranno di controllarne la visibilità individuale come se si
trattasse di fogli trasparenti sovrapponibili. Il meccanismo appena descritto sarà possibile a condizione che
l’elaborato CAD corrisponda in maniera scrupolosa alle specifiche descritte nel presente capitolo.
Per tutti i layer è prevista la modifica discrezionale del colore di rappresentazione a video; in fase di output
tutti i layer saranno rappresentati con il colore nero, ad eccezione dei layer di tipo *-RAFFRONTO dove è
previsto il colore rosso.
Nel template sono stati previsti 3 gruppi di layer specifici per rappresentare gli stati ATTUALE, FINALE,
e RAFFRONTO. Si rimanda al paragrafo “Entità” per la descrizione del contenuto (RETINO, TESTO,
TRATTO, MASCHERA, CANCELLA, ecc.). Non è permesso l’utilizzo di layer diversi da quelli
espressi nella sottostante lista.

Di seguito l’elenco dei layer presenti nel file di template:


Nome layer Stato Colore Tipolinea Spesslinea
------------------ ----------- ------------- ------------ ------------
"0" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"ATTUALE-DERZEITIGER_STAND" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"ATTUALE_RETINO-DERZEITIGES_GEFUELLT" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"ATTUALE_TESTO-DERZEITIGER_TEXT" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"ATTUALE_TRATTO-DERZEITIGER_STRICH" on 7 (nero) "HIDDEN" Default
"RAFFRONTO-VERGLEICH" on 1 (rosso) "CONTINUOUS" Default
"RAFFRONTO_CANCELLA-VERGLEICH_LOESCHUNGEN" on 1 (rosso) "CONTINUOUS" Default
"RAFFRONTO_RETINO-VERGLEICH_GEFUELLT" on 1 (rosso) "CONTINUOUS" Default
"RAFFRONTO_TESTO-VERGLEICH_TEXT" on 1 (rosso) "CONTINUOUS" Default
"RAFFRONTO_TRATTO-VERGLEICH_STRICH" on 1 (rosso) "HIDDEN" Default
"DEFPOINTS" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"ESTRATTOMAPPA-MAPPENAUSZUG" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"FINALE-ENDSTAND" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"FINALE_MASCHERA-ENDSTAND_EINGABEMASKE" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"FINALE_RETINO-ENDSTAND_GEFUELLT" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"FINALE_TESTO-ENDSTAND_TEXT" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"FINALE_TRATTO-ENDSTAND_STRICH" on 7 (nero) "HIDDEN" Default
"RASTER" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"RASTER_LOWRES-RASTER_NIEDRIGAUFLOESUNG" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"RASTER_MASCHERA-RASTER_ EINGABEMASKE" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default
"SQUADRATURA-BILDAUSSCHNITT" on 7 (nero) "CONTINUOUS" Default

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  28
- 0 – In ogni disegno CAD è presente un layer di default denominato "0", colore bianco, tipo di linea
“continuous”; è un layer predefinito che non si può né eliminare né rinominare. Non è previsto il suo
utilizzo per il disegno di planimetrie.
- Defpoints - contiene eventuali punti di definizione, utilizzati per la creazione di quote (AutoCAD). Ogni
oggetto che risiede sul layer Defpoints non viene stampato.
- Attuale_* - Rappresentazione vettoriale della planimetria stato Attuale.
- Raffronto_* - Rappresentazione vettoriale degli elementi di raffronto in rosso della planimetria.
- Finale_* - Rappresentazione vettoriale della planimetria stato Finale.
- Raster_* – Layer predisposto per referenziare l’eventuale immagine della planimetria cartacea fornita da
LF, il layer Raster_Maschera è stato predisposto allo scopo di sbiancare eventuali parte dell’immagine
estranee alla rappresentazione finale (intestazioni, estratto mappa, timbri, macchie, ecc).
- Estrattomappa – Contiene l’estratto mappa ricavato dalla mappa catastale.
- Squadratura – Contiene la squadratura del disegno che rappresenta il limite massimo in cui sarà possibile
disegnare, l’intestazione e i titoli descrittivi delle planimetrie.

Tipi di linea
Il template DXF contiene il layer “Squadratura” e 3 layer di tipo “*-Tratto”; su tali layer sarà possibile
posizionare entità forzando (modificando l’impostazione “Dalayer”) l’impostazione del tipo di linea a
discrezione dell’utente. Il template DXF propone un insieme di tipi di linea con denominazione inglese. Tutte
le entità presenti su layer diversi si vedranno impostata l’impostazione “Dalayer” all’atto dell’inserimento della
planimetria nel lavoro corrente. Sarà cura dell’operatore modificare il fattore di scala per i tipi di linea, sia per i
nuovi oggetti che per quelli esistenti.
Nome Descrizione
---------------- ------------------
"BORDER" Border __ __ . __ __ . __ __ . __ __ . __ __ .
"BORDER2" Border2 __.__.__.__.__.__.__.__.__.__.__.
"BORDERX2" Borderx2 ____ ____ . ____ ____ . ___
"CENTER" Center ____ _ ____ _ ____ _ ____ _ ____ _ ____
"CENTER2" Center2 ___ _ ___ _ ___ _ ___ _ ___ _ ___
"CENTERX2" Centerx2 ________ __ ________ __ _____
"DASHDOT" Dashdot __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __
"DASHDOT0" Dashdot __ . __ . __ . __ . __ . __ . __ . __
"DASHDOT2" Dashdot2 _._._._._._._._._._._._._._._.
"DASHDOTDOT0" Dashdot __ . . __ . . __ . . __ . . __ . . __ . .
"DASHDOTX2" Dashdotx2 ____ . ____ . ____ . ___
"DASHED" Dashed __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ _
"DASHED0" Dashed0 __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ _
"DASHED2" Dashed2 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
"DASHEDX2" Dashedx2 ____ ____ ____ ____ ____ ___
"DIVIDE" Divide ____ . . ____ . . ____ . . ____ . . ____
"DIVIDE2" Divide2 __..__..__..__..__..__..__..__.._
"DIVIDEX2" Dividex2 ________ . . ________ . . _
"DOT" Dot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
"DOT0" Dot0 ........................................
"DOT2" Dot2 ........................................
"DOTX2" Dotx2 . . . . . . . . . . . . . .
"HIDDEN" Hidden __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __
"HIDDEN2" Hidden2 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
"HIDDENX2" Hiddenx2 ____ ____ ____ ____ ____ ____ ____

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  29
"INVISIBLE" Invisible( )
"PHANTOM" Phantom ______ __ __ ______ __ __ ______
"PHANTOM2" Phantom2 ___ _ _ ___ _ _ ___ _ _ ___ _ _
"PHANTOMX2" Phantomx2 ____________ ____ ____ _

Stili di testo
Gli stili di testo sono un insieme di impostazioni salvate e contrassegnate da un nome che stabiliscono
l'aspetto dei caratteri di testo, ad esempio il font, le dimensioni, l'angolo d'inclinazione, l'orientamento e le
altre caratteristiche del testo. Il testo viene creato in base allo stile di testo impostato come corrente.
Di seguito l’elenco degli stili di testo predisposti di default nel Template DXF:
Nome stile: "STANDARD" File di font: txt.shx
Altezza: 0.00 Fattore larghezza: 1.00 Angolo di inclinazione: 0.00
Nome stile: "TESTI" File di font: simplex.shx
Altezza: 0.00 Fattore larghezza: 1.00 Angolo di inclinazione: 0.00
Nome stile: "TITOLI" Tipo di carattere del font: @Arial Unicode MS
Altezza: 0.00 Fattore larghezza: 1.00 Angolo di inclinazione: 0.00
Nome stile: "QUOTE" File di font: simplex.shx
Altezza: 0.00 Fattore larghezza: 1.00 Angolo di inclinazione: 0.00

Le fonti di carattere “Arial” (di tipo True Type) e “simplex.shx” (di tipo lineare) sono state incluse in
quanto fonti alternative in assenza di specifici files di Fonti installate nel proprio sistema.

 Qualora sia necessario utilizzare caratteri speciali si raccomanda di verificare che successivamente
all’acquisizione in PlaTav vengano correttamente interpretati. Un esempio significativo è
rappresentato dal carattere ÷ utilizzato nelle planimetrie come separatore di PM non contigue che in
caso di problemi di visualizzazione può essere sostituito con “da PM a PM”.

Stili di quota
Uno stile di quota è un gruppo di impostazioni con nome che controlla l'aspetto delle quote. Nel Template
DXF è stato predisposto uno stile di quota denominato “Quote” normalizzato in base alla grafica utilizzata
mediamente dai professionisti. Sarà cura dell’operatore impostare graficamente le quote in funzione dalla scala
di stampa.

Blocchi
Questa sezione contiene le definizioni di blocchi utilizzati nel disegno.
All’atto del caricamento della planimetria in PlaTav desk i blocchi
saranno esplosi, per questo motivo è indispensabile che le entità che
li costituiscono siano posizionate sui layer corretti e conformi alle
norme definite nella presente guida. Nel file template è stato
predisposto un blocco “intestazione” che dovrà essere inserito
esploso nel disegno, opportunamente compilato (modificando i testi
esistenti) e provvisto dell’estratto mappa. Il blocco “intestazione”
dovrà essere utilizzato nelle nuove planimetrie o in planimetrie esistenti
che richiedono la sostituzione dell’intestazione. In alcuni sistemi CAD
si raccomanda l’impostazione delle unità nella modalità “Senza Unità”
per poter inserire il blocco “intestazione” nella corretta dimensione
(predisposta di default per la rappresentazione nella scala 1:200).

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  30
Per quanto riguarda la frase relativa alla conformità allo stato reale si precisa che:
 se vengono modificate tutte le PM della p.ed. o si tratta di planimetria ex novo, si deve lasciare la frase
standard già indicata nel frontespizio:
- SI ATTESTA CONFORME ALLO STATO REALE IN DATA gg/mm/aaaa”
 se vengono ridisegnate tutte le PM della p.ed., anche se la modifica è relativa solo a parte delle PM, al
posto della frase standard, il frontespizio deve riportare le seguenti due frasi:

- SI ATTESTA CONFORME ALLO STATO REALE PER LE SEGUENTI P.M. xx, xx, xx, xx,
xx IN DATA gg/mm/aaaa
- PER LE P.M. RIMANENTI SI RIMANDA ALLE PLANIMETRIE GIA' DEPOSITATE

Entitità (primitive grafiche)


E' la sezione del DXF che contiene tutte le entità (primitive grafiche) che costituiscono un disegno
bidimensionale realizzato con un sistema CAD.
ùLe entità sono riconducibili ad un limitato numero di primitive grafiche di tipo semplice (linee, archi,
cerchi, testi) e di tipo complesso (polilinee, tratteggi, blocchi, quote, immagini raster).
Tutte le entità utilizzate per il disegno della planimetria dovranno essere di tipo bidimensionale (con
coordinata Z a impostata a 0).
Tutte le entità verranno impostate da PlaTav desk nella modalità “DaLayer” ad eccezione degli oggetti
presenti sul layer Squadratura, sul layer Estrattomappa e sui layer di tipo *TRATTO che potranno avere
uno specifico Tipo di linea (vedi paragrafo “Tipi di linea”).
Qualora si voglia utilizzare graficamente spessori differenziati si consiglia l’uso di polilinee con spessore in
quanto in fase di stampa dell’immagine non è prevista la differenziazione degli spessori (ne in base al colore ne
in base al layer di appartenenza dell’entità disegnata).
Sono stati creati 3 gruppi di layer (ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO) predisposti per ospitare entità
CAD specifiche le quali saranno oggetto di controllo da parte del Libro Fondiario.
Per tutti i layer è stato prevista la rappresentazione di output (immagine) di colore nero ad eccezione del
gruppo di layer *-RAFFRONTO previsto di colore rosso.
All’atto della presentazione della nuova planimetria (opzionalmente compresa di sfondo raster) al Libro
Fondiario, verrà utilizzato un servizio automatico che genererà la nuova immagine TIF da memorizzare
in base dati.
Per garantire il corretto funzionamento di tale servizio tutte le entità CAD (linee, testi, retini, ecc.) permesse
dovranno avere le caratteristiche descritte nella presente guida.
Nel caso di utilizzo di blocchi tutte le entità contenute nei blocchi stessi dovranno essere posizionate sul layer
in cui viene posizionato il blocco, in sintesi, esplodendo un blocco le entità risultanti dovranno trovarsi sul
layer di posizionamento corretto.
Per chiarire il concetto sopra esposto si consideri che il disegno deve essere perfettamente riproducibile nel
sistema informatico del Libro Fondiario in quanto dovrà poi essere stampato come immagine TIF.
Un disegno non sarebbe perfettamente riproducibile nel sistema informatico del Libro Fondiario se non
seguono le specifiche indicate.
 In fase di acquisizione il software PlaTav desk assegnerà automaticamente colore nero ai
layer di tipo ATTUALE e FINALE e colore rosso al layer di tipo RAFFRONTO.
Immagine raster (sfondo)
Una planimetria cartacea esistente, qualora presente, verrà fornita dal Libro Fondiario come sfondo sotto
forma di immagine .JPG inclusa in un file DXF.
L’immagine viene inserita nel file DXF (sul layer RASTER_LOWRES-RASTER_NIEDRIGAUFLOESUNG)
utilizzando la scala di rappresentazione originale allo scopo di presentare gli elementi grafici (piante
dell’edificio) in scala reale in metri.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  31
Qualora non sia presente l’informazione SCALA di rappresentazione nell’archivio del Libro Fondiario si
presuppone scala 1:200.
Nel caso in cui l’utente riscontrasse anomalie nella scala di rappresentazione sarà libero di applicare
all’immagine un diverso fattore di scala (scalando l’immagine con il proprio sistema CAD) allo scopo di
rappresentare le piante nella dimensione corretta.
L’immagine raster (.JPG) fornita dal Libro fondiario avrà lo stesso nome (prodotto automaticamente dal
Libro Fondiario) del disegno (DXF) che la contiene.
Entrambi i files sono posizionati nella stessa cartella. E’ obbligatorio mantenere tale stato in quanto sarà
oggetto di controllo da parte del software PlaTav Desk all’atto dell’inserimento della planimetria nel lavoro.

 Qualora l’operatore dovesse riscontrare problemi nel percorso dell’immagine raster dovrà
intervenire con gli appositi comandi del proprio sistema CAD (vedi es. nella figura sottostante) allo
scopo di visualizzare correttamente l’immagine.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  32
Entità “maschera”
All’atto della creazione di una planimetria di modifica ci si trova di fronte alla necessità di “sbiancare” alcune
parti dello stato attuale (sia esso raster o vettoriale) allo scopo di consentire il disegno dello stato finale. A
questo scopo è stato previsto l’utilizzo di una ”Maschera” che ha la funzione di coprire parte del disegno con
un'area della forma voluta. In pratica è lo stesso effetto che si ha nei fumetti quando viene scritto il testo nella
nuvoletta, la nuvoletta nasconde il disegno sottostante e permette di evidenziare il testo su fondo bianco.
PlaTav desk genera automaticamente “Maschere” da polilinee generate sui layer di tipo *-Maschera.

 La decisione di generare automaticamente le maschere da semplici polilinee in PlaTav desk


è stata presa per ovviare alle diverse modalità utilizzate dai sistemi CAD più diffusi per
assolvere a tale funzione (wipeout, figure, hatch, ecc.). PlaTav desk crea automaticamente
“maschere” partendo da polilinee chiuse generate sui layer:

 FINALE_MASCHERA: predisposto per la creazione di maschere visualizzate nella modalità di


visualizzazione “STATO_FINALE” allo scopo di sbiancare parti della pianta stato attuale per fare
spazio alla rappresentazione delle parti nuove;
 RASTER_MASCHERA: predisposto per la creazione di maschere visualizzate nelle modalità
“STATO_FINALE” e “STATO DI RAFFRONTO” allo scopo di sbiancare parti della
planimetria che non devono essere rappresentate quali vecchie intestazioni, estratto mappa, timbri,
macchie, ecc.
Dovrà essere quindi cura dell’operatore verificare che le superfici che dovranno risultare “sbiancate” siano
rappresentate sul disegno sotto forma di polilinee chiuse sui layer sopra citati. Tutte le entità diverse da
polilinea verranno scartate automaticamente

 Nella rappresentazione FINALE le maschere saranno posizionate automaticamente sopra ai layer


di tipo *-ATTUALE e RASTER e sotto ai layer di tipo *-FINALE
 Nella rappresentazione RAFFRONTO le entità coprenti saranno rappresentate automaticamente
come polilinee con tratto rosso tratteggiato per agevolare all’atto il controllo da parte del Libro
fondiario l’evidenza delle parti dell’immagine raster o del disegno dello stato attuale sbiancate.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  33
Shape (forme)
Le planimetrie devono essere provviste dell’estratto dalla mappa catastale. Le mappe catastali sono disponibili
in Openkat in formato DXF; per la corretta visualizzazione dei simboli, delle graffe e dei punti fiduciali è
necessario aggiungere al proprio sistema CAD il file di forma (shape) rtaa.shx per le mappe prodotte prima
dell’anno 2008 o del file catasto.shx per le mappe prodotte successivamente all’anno 2008.

 Non tutti i sistemi CAD supportano l’utilizzo delle forme (shape), per ovviare all’inconveniente si
suggerisce di convertire le forme (shape) in blocchi (es: funzione presente nella categoria di comandi
Express di AutoCAD per la trasformazione una-tantum delle forme (shape) in blocchi).

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  34
Stesura planimetria (Piano di Casa materialmente divisa)
La planimetria che rappresenta il piano di casa materialmente divisa è un documento grafico che rappresenta
le Porzioni Materiali di una P.ed. Le planimetrie devono essere prodotte, secondo le regole correnti dei disegni
edili su formati cartacei multipli del formato A4 (con il limite di 840 mm in altezza) nella scala di 1:200
tenendo presente che, per immobili di dimensioni contenute, è consentita l’adozione della scala 1:100. Per casi
particolari è consentito l’uso nella rappresentazione grafica della scala 1:500.
Creazione nuova planimetria
Spesso i professionisti estrapolano la planimetria da progetti architettonici forniti dal costruttore o dal
progettista, questo tipo di operazione, alla luce delle specifiche illustrate deve essere fatta con le cautele
descritte nel presente documento; di seguito riportiamo alcuni suggerimenti in merito:
 Creare un nuovo disegno utilizzando dal CAD Template fornito dal Libro Fondiario;
 Inserire il blocco dell’intestazione (provvedendola di testi ed estratto mappa) e creare una squadratura
delle dimensioni adatte a contenere la planimetria (multiplo del formato A4 con dimensioni massime
in altezza di 840 mm);
 Caricare il file contenente il progetto architettonico del fabbricato, congelate o spegnete i layer che
non interessano per l’elaborato catastale (impianti, quote, ecc.);
 Verificare che il disegno (piante) sia realizzato nelle dimensioni corrette (1 unità disegno = 1 metro);
 Copiare la porzione di disegno che interessa all’interno della squadratura del nuovo disegno mediante
copia/incolla;
 Assegnare alle entità i layer corretti del gruppo *-FINALE predisposti nel CAD template;
 Pulire il disegno da tutto ciò che non serve, eliminando tutti gli elementi non in uso (blocchi, blocchi
nidificati, layer, stili, ecc.) e controllando che il disegno sia compreso di entità distribuite sui layer
corretti conformi alle specifiche contenute nella presente guida;
 Integrare il disegno degli elementi mancanti (retini, testi, simbologie, ecc.)

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  35
Creazione planimetria di modifica
Stato attuale
Per creare una planimetria si partirà necessariamente da una planimetria che rappresenta l’esistente fornita
dal Libro Fondiario. Questa pratica potrà essere portata a termine in due modalità:
 Utilizzare la planimetria cartacea esistente sotto forma di immagine raster fornita dal Libro
Fondiario come sfondo del file DXF basato sul file di template e sbiancare le parti estranee alla
rappresentazione mediante MASCHERA (vedi paragrafo “Entità maschera”) generate sul layer
“RASTER_MASCHERA”;
 Riprodurre nel proprio sistema CAD lo stato attuale utilizzando i layer di tipo *-ATTUALE presenti
nel file DXF di template.

Stato di raffronto
Lo stato di raffronto consiste nella planimetria di comparazione che sovrappone la rappresentazione dello
stato finale disegnato in rosso (sui layer di tipo *-RAFFRONTO) con lo stato attuale (sui layer di tipo *-
ATTUALE) disegnato in nero. Le parti dello stato attuale non più esistenti nello stato finale saranno barrate
in rosso con tratti sull’apposito layer RAFFRONTO_CANCELLA.

Stato finale
Al fine della rappresentazione dello stato finale sarà necessario utilizzare apposite entità di tipo MASCHERA
(vedi paragrafo “Entità maschera”) create per “sbiancare” le parti della planimetria oggetto di modifica
(raster o vettoriali) da sostituire con le parti rappresentate sui layer di tipo *-FINALE. A tale scopo sarà
sufficiente copiare in luogo le entità rappresentate sui layer di tipo *-RAFFRONTO (fatta eccezione delle
barre rappresentate in rosso sul layer RAFFRONTO_CANCELLA) allo scopo di rappresentare in nero la
planimetria compresa delle parti nuove.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  36
Appendice: proprietà delle entità previste sui layer
Nel seguente paragrafo si elencano le proprietà che dovranno assumere le entità previste sugli specifici layer
contenuti nel Template DXF. Tali caratteristiche dovranno essere scrupolosamente rispettate in quanto
saranno oggetto di verifica automatica da parte del software PlaTav desk e di conseguenza risulteranno
determinanti per l’accettazione da parte del Libro fondiario della planimetria presentata.
 Nel caso di non conformità il software PlaTav desk elencherà tutte le caratteristiche dell’entità
non conforme. Se, ad esempio, dovessimo disegnare erroneamente su un layer di tipo *-TESTO un
cerchio la difformità:
 Entità Cerchio sul layer *Testo non è sul layer previsto

Entità previste per il layer RASTER_*


Qualora si riceva dal Libro Fondiario l’immagine di una planimetria esistente (file di tipo raster) la ritroveremo
referenziata nel file DXF sul layer RASTER_*.
L’immagine è definita come riferimento esterno e posizionata nel file di disegno senza che tuttavia faccia
effettivamente parte di esso. Analogamente ai riferimenti esterni (xref), le immagini vengono infatti collegate
al disegno mediante un nome di percorso (è previsto come obbligatorio il posizionamento dell’immagine .JPG
nella stessa directory del disegno in formato DXF).

Entità previste per i layer ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO


I layer ATTUALE, FINALE e RAFFRONTO sono stati concepiti per ospitare le parti che si riferiscono
all'organismo architettonico. Su tali layer è permesso l’uso delle seguenti entità:
- Linea (line)
- Polilinea (polyline)
- Cerchio (circle)
- Arco (arc)
- Blocco (insert)

 Colore e Tipo di Linea nelle entità presenti sui layer ATTUALE, FINALE, RAFFRONTO verranno
impostate nella modalità Dalayer.

Entità previste per i layer di tipo *_TRATTO (attuale, finale, raffronto)


I layer di tipo TRATTO sono predisposti per ospitare le parti che si riferiscono all'organismo architettonico.
Su tali layer è permesso l’uso delle seguenti entità:
- Linea (line)
- Polilinea (polyline)
- Cerchio (circle)
- Arco (arc)

 Il Colore nelle entità presenti sui layer *_Tratto verranno impostate nella modalità Dalayer, il Tipo di
Linea rimarrà impostato nella modalità scelta dall’utente.

Entità previste per i layer di tipo *_RETINO (attuale, finale, raffronto)


I layer di tipo RETINO sono stati concepiti per ospitare campiture e riempimenti generati per evidenziare
servitù o semplicemente riempire le murature rappresentate in pianta. Su tali layer è permesso l’uso delle
seguenti entità:

- Polilinea (polyline)
- Retino (hatch)
- Solid (solid)

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  37
- Linea (line)
- Cerchio (circle)
- Arco (arc)

 Il Colore nelle entità presenti sui layer *_Retino verrà impostato nella modalità Dalayer, il Tipo di
Linea rimarrà impostato nella modalità scelta dall’utente.

Entità previste per i layer di tipo *_TESTO (attuale, finale, raffronto)


Su tali layer è stato previsto l’utilizzo delle seguenti entità:
- Testo (text)
- Testo multilinea (mtext)
- Quote (dim)

 Colore e Tipo di Linea nelle entità presenti sui layer *_Testo verranno impostate nella modalità
Dalayer.

Entità previste per il layer RAFFRONTO_CANCELLA


Su tale layer è previsto l’uso di linee rosse che evidenziano in RAFFRONTO (barrandole in rosso) le parti
attuali che non saranno presenti nello stato FINALE.
Su tale layer è stato previsto l’utilizzo delle seguenti entità:
- Linea (line)
- Polilinea (polyline)

 Colore e Tipo di Linea nelle entità presenti sul layer Raffronto_Cancella verranno impostate nella
modalità Dalayer.

Entità previste per i layer RASTER:_MASCHERA e FINALE_MASCHERA


Su tale layer è previsto l’utilizzo di polilinee chiuse con lo scopo di sbiancare parte delle piante che
costituiscono la planimetria per fare spazio alle entità rappresentanti lo stato FINALE o eliminare parti della
planimetria raster per pulirla da vecchie intestazioni, estratto mappa, timbri o macchie.
Sarà compito del software PlaTav desk trasformare all’atto dell’acquisizione della planimetria le polilinee in
entità maschera posizionate sopra l’immagine raster o sopra la rappresentazione attuale.

 Le entità maschera realizzate saranno evidenziate nello stato “RAFFRONTO” con linee rosse
tratteggiate per garantire all’atto del controllo da parte del Libro fondiario l’evidenza delle parti
dell’immagine raster sbiancate.

Entità previste per il layer ESTRATTOMAPPA


Su tale layer è previsto il posizionamento dell’estratto mappa (solitamente ricavato da Openkat). Le forme
(shape) comprese nella mappa (graffe, ecc.) dovranno essere preventivamente trasformate in blocchi per
essere visibili in PlaTav desk.

Le entità previste sono:


- Polilinea (polyline)
- Linea (line)
- Cerchio (circle)
- Arco (arc)
- Testo (text)
- Testo multilinea (mtext)
- Blocco (insert)
- Retino (hatch)

 Il Colore nelle entità presenti sul layer EstrattoMappa verrà impostato nella modalità Dalayer, il Tipo
di Linea rimarrà impostato nella modalità scelta dall’utente.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  38
Entità previste per il layer SQUADRATURA
Il layer SQUADRATURA è stato concepito per disegnare il frontespizio e per tracciare l’ingombro massimo
della planimetria (indispensabile qualora manchi l’immagine raster di una planimetria esistente).
Per l’impaginazione è previsto l’utilizzo dei formati UNI A4 (210x297) e dei relativi multipli. E previsto il
limite in altezza di 840 mm.

Su tale layer è previsto l’uso delle seguenti entità:


- Testo (text)
- Testo multilinea (mtext)
- Polilinea (polyline)
- Linea (line)
- Cerchio (circle)
- Arco (arc)
- Blocco (insert)
- Solid (solid)

 Il Colore nelle entità presenti sul layer Squadratura verrà impostato nella modalità Dalayer, il Tipo di
Linea rimarrà impostato nella modalità scelta dall’utente.

PlaTav desk – Presentazione piano di casa materialmente diviso


Manuale d’uso  39