Sei sulla pagina 1di 61

Set Domande

CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE


LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO
Docente: De Blasio Antonella

Generato il 27/09/2018 15:33:28


N° Domande Aperte 94
N° Domande Chiuse 228
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 46
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 48
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 49

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 2/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 50


Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 53
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 60
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 61

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 3/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 002
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Aristotele la bellezza non coincide con l'armonia e la proporzione

lo studio sui generi condotto da Aristotele ha una finalità normativa

Aristotele individua modelli di perfezione rispetto ai quali le opere vanno misurate

Per Aristotele la creazione artistica è imitazione del mondo

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Lo studio sui generi condotto da Aristotele non ha una finalità normativa

Lo studio sui generi condotto da Aristotele individua dei modelli da seguire

Lo studio sui generi condotto da Aristotele ha finalità di catalogazione

Lo studio sui generi condotto da Aristotele fornisce gli strumenti per valutare le opere

03. Secondo Dante l'allegoria:

deve essere usata con parsimonia

nasconde solo i significati politici

nasconde il messaggio poetico autentico

deve essere sempre affiancata da una metafora

04. L'esegesi medioevale distingue:

un senso letterale, un senso storico, un senso morale, un senso anagogico

un senso letterale, un senso allegorico, un senso morale, un senso anagogico

un senso letterario, un senso metaforico, un senso comune, un senso anagogico

un senso letterario, un senso allegorico, un senso morale, un senso storico

05. Indicare quale di queste affermazioni è vera:

L'Arcadia è stata fondata da Gravina e Crescimbeni nel 1690

L'Arcadia è stata fondata da Gravina nel 1790

L'Arcadia è stata fondata da Gravina e Crescimbeni nel 1890

L'Arcadia è stata fondata da Gravina nel 1590

06. Chi ha scritto "Degli eroici furori" (1585)?

Pietro Bembo

Ludovico Castelvetro

Baldassarre Castiglione

Giordano Bruno

07. La critica letteraria nell'antica Roma:

ha un carattere precettistico e normativo

è una critica storica

studia il concetto di finzione

non ha finalità pedagogiche

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 4/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Nella produzione letteraria Aristotele distingue:

modi, mezzi e oggetti

modi, luoghi e tempi

modi, esempi e classi

modi, personaggi e azioni

09. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Aristotele la creazione artistica è imitazione di una imitazione

Aristotele distingue tra modo narrativo e modo drammatico

Secondo Aristotele è soprattutto la commedia ad avere una funzione catartica

Secondo Aristotele la tragedia racconta di grandi uomini

10. Chi ha scritto l'"Institutio oratoria"?

Quintiliano

Aristotele

Cicerone

Orazio Flacco

11. Secondo Platone, la composizione poetica:

è un dono divino

è frutto di una ricerca

è una illusione

deve seguire un modello

12. La Scuola di Alessandria:

nasce nell'antica Roma

nasce nel Medioevo

sviluppa la critica come analisi dello stile

sviluppa la critica come esegesi e commento

13. Secondo Aristotele uno dei criteri di valutazione dell'opera letteraria è:

L'unità e la coerenza fra le parti

Il numero di pagine

Il numero di personaggi

Il carattere dei personaggi

14. Le prime teorizzazioni sull'arte e la letteratura si sviluppano:

Nell'antica Grecia

Nell'antica Roma

In Francia

In Inghilterra

15. Come veniva intesa la critica nel mondo classico?

16. Che caratteri assume la riflessione sulla creazione letteraria nel Settecento?

17. La critica e i modelli tra Seicento e Settecento

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 5/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

18. La critica come esegesi e commento

19. Quali sono le considerazioni sul testo fatte da Platone e Aristotele?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 6/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 003
01. Il periodico "Il Caffè" viene fondato a Milano da:

Pietro e Alessandro Verri

Aristarco Scannabue

Cesare Beccaria

Giuseppe Baretti

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

Lo "Spectator" affiancava i temi letterari a questioni di costume e moda

Lo "Spectator" affiancava i temi letterari ai temi politici

Lo "Spectator" affiancava i temi letterari ai storici

Lo "Spectator" affiancava i temi letterari ai temi religiosi

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Lo "Spectator" ha inaugurato il genere della letteratura periodica

Lo "Spectator" otteneva una tiratura molto bassa

Lo "Spectator" dava spazio a temi di costume

Lo "Spectator" era un giornale della borghesia

04. I periodici a sfondo culturale e letterario si sviluppano soprattuto a partire dal:

Settecento

Seicento

Ottocento

Novecento

05. Quale studioso distingue discorso ordinario, discorso oratorio e discorso poetico?

Schleiermacher

Schlegel

Diderot

Spinoza

06. "Il Caffè" era il periodico culturale dell'illuminismo:

friuliano

emilano

veneto

lombardo

07. Come si chiama la rivista quindicinale fondata nel 1763 fa G. Baretti?

"La Frusta letteraria"

"Il canale"

"La Gazzetta veneta"

"Il foglio"

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 7/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il periodico "Il Caffè" era contrario ai vocabolari troppo restrittivi

Il periodico "Il Caffè" contrastava il purismo linguistico della Crusca

Il periodico "Il Caffè" era caratterizzato da uno stile aristocratico

Il periodico "Il Caffè" rifiutava l'erudizione accademica

09. Chi ha scritto il saggio "Sulla poesia ingenua e sentimentale" (1795)?

Goethe

Schiller

Madame de Staël

Schlegel

10. Da chi è stata fondata la rivista "La Voce"?

Croce

Prezzolini

Verri

Soffici

11. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

M. Proust è in parte favorevole al metodo critico di Sainte-Beuve

Le "Causeries du lundi" di Sainte-Beuve sono esempi di critica giornalistica

In "Contre Sainte-Beuve" M. Proust nega che l'opera letteraria possa essere compresa esclusivamente a partire dalla biografia dell'autore

Sainte-Beuve si concentra sulla soggettività dell'autore presentando sei ritratti letterari

12. Giovanni Papini e Ardengo Soffici sono i fondatori della rivista:

Il Verri

Lacerba

La Voce

Il Caffè

13. La critica militante: la rivista "La voce"

14. La critica e la nascita dei periodici nel Settecento

15. La critica e la nascita del giornalismo saggistico nel Settecento

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 8/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 004
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Madame de Staël non considerava la letteratura unicamente sul piano spirituale

Madame de Staël ha indagato i rapporti tra un popolo e la sua produzione letteraria

Madame de Staël segna la nascita della letteratura sociologica

Madame de Staël esaltava i canoni del classicismo rifiutando la spontaneità del fatto poetico

02. Chi ha scritto "Della letteratura considerata nei suoi rapporti con le istituzioni sociali" (1803)?

Schiller

Madame de Staël

Coleridge

Schlegel

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Attraverso la "Lettera al signor Chauvet riguardo l'unità dei tempi e dei luoghi nella tragedia" (1820) Manzoni motiva le sue scelte poetiche

Nella "Lettera al signor Chauvet riguardo l'unità dei tempi e dei luoghi nella tragedia" (1820) Manzoni si interroga sul rapporto tra storia e poesia

La "Lettera al signor Chauvet riguardo l'unità dei tempi e dei luoghi nella tragedia" (1820) è scritta in forma di saggio in risposta a un critico francese

Nella "Lettera al signor Chauvet riguardo l'unità dei tempi e dei luoghi nella tragedia" (1820) Manzoni esalta la regola delle unità aristoteliche (di tempo, luogo e azione)

04. Secondo De Sanctis:

La critica letteraria deve analizzare anche il momento storico in cui un testo è stato prodotto

Occorre analizzare il rapporto tra forma e contenuto

La critica letteraria deve analizzare soprattutto lo stile dell'autore

La critica letteraria deve analizzare la struttura dell'opera

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il Romanticismo considera l'artista come un demiurgo

Il Romanticismo riconosce all'artista una sensibilità fuori dal comune

Il Romanticismo considera il bello come ideale ed eterno

Il Romanticismo ritrova la bellezza nella libertà espressiva dell'artista

06. La critica romantica:

Dà importanza alle norme di scrittura

Si concentra sull'ambientazione delle storie

Valorizza l'impulso, lo slancio e la genialità dell'artista

Valorizza le regole della tecnica

07. Il romanticismo e le riflessioni sulla produzione letteraria e artistica

08. Madame de Staël e le riflessioni sulla letteratura

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 9/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 005
01. Indicare quale di queste affermazioni è vera:

Benedetto Croce sottolineato la rilevanza estetica dei generi letterari

Secondo Benedetto Croce la critica deve interessarsi all'artista in quanto creatore e non in quanto uomo

Secondo Benedetto Croce la critica deve interessarsi alla biografia dell'artista

Benedetto Croce ha apprezzato l'arte come ispirazione irrazionale

02. Secondo H. Taine l'opera d'arte è il risultato di condizionamenti riconducibili essenzialmente:

alla razza, all'ambiente sociale e al momento storico

alle opere degli altri autori

al periodo storico in cui scrive l'autore

alla biografia dell'autore

03. Spiegare la teoria di Hippolyte Taine

04. Hippolyte Taine e la legge dei tre fattori

05. Positivismo e critica letteraria

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 10/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 006
01. Chi ha dato origine alla cosiddetta "semanalisi"?

Marie Bonaparte

Charles Mauron

Gaston Bachelard

Julia Kristeva

02. Chi ha dato origine alla psicocritica?

Gaston Bachelard

Gustave Jung

Charles Mauron

Northrop Frye

03. Chi ha scritto "Totem e tabù" (1913)?

Marie Bonaparte

Jung

Saint-Beuve

Freud

04. Quale dei seguenti studiosi è stato un allievo di Debenedetti e ha utilizzato le teorie di Freud per analizzare autori come Saba e Svevo?

Lavagetto

Orlando

Luzi

Agosti

05. Nell'ambito della critica italiana uno dei primi studiosi a utilizzare le teorie di Jung e Freud è stato:

M. Fubini

G. Debenedetti

C. Segre

G. Contini

06. Chi ha scritto "Anatomia della critica"?

G. Jung

N. Frye

Marie Bonaparte

J. Kristeva

07. Freud e Jung: opere letterarie e spetti psicologici

08. Aspetti psicologici e critica letteraria

09. Psicanalisi e letteratura

10. Le teorie psicanalitiche nella critica italiana

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 11/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 007
01. Chi ha scritto i "Saggi sul realismo"?

Marx

Lukács

Auerbach

Balzac

02. Quale studioso, rivendicando l'autonomia dell'intellettuale, dichiara di non essere disposto a "suonare il piffero della rivoluzione"?

Togliatti

Vittorini

Alicata

Gramsci

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Marx l'arte restituisce la «falsa coscienza» dell'ideologia borghese

Secondo Marx l'arte è espressione dei rapporti socio-economici

Secondo Marx l'arte deve essere realista

Secondo Marx l'arte deve essere simbolista

04. La critica marxista: Lukács e la teoria estetica del nonostante che

05. Caratteri della critica marxista

06. Spiegare la teoria lukàcsiana del rispecchiamento e del tipico

07. La critica marxista e il realismo nell'arte

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 12/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 008
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

Con l'avvento della società di massa viene meno il valore cultuale dell'opera d'arte

Con la riproducibilità tecnica l'opera d'arte viene messa sul piano di una qualsiasi altra merce

Con l'avvento della società di massa cresce l'alone di fascino e di mistero che avvolge la singola opera di un artista

La riproducibilità tecnica ha come conseguenza per l'arte la perdita dell'aura

02. Chi ha parlato della trasformazione del critico in intellettuale organico?

Alicata

Gramsci

Vittorini

Marx

03. Chi ha scritto "Quaderni dal carcere"?

Gramsci

Lukács

Marx

Vittorini

04. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Gramsci il critico non deve esprimere il proprio punto di vista

Secondo Gramsci il critico deve concentrarsi sui contenuti etico-ideologici dell'opera d'arte

Secondo Gramsci il critico deve considerare l'arte come mezzo di diffusione di una nuova coscienza

Secondo Gramsci l'intellettuale deve diffondere una nuova concezione del mondo in grado di trasformare la società

05. Chi ha parlato di perdita dell'aurea dell'opera d'arte in conseguenza alla riproducibilità tecnica?

Benjamin

Gramsci

Pollock

Fromm

06. Chi ha parlato di "ricezione nella distrazione" dell'opera d'arte in conseguenza alla riproducibilità tecnica?

Benjamin

Gramsci

Pollock

Fromm

07. Gramsci: l'intellettuale organico e l'egemonia

08. La critica marxista e la Scuola di Francoforte

09. W. Benjamin: la riproducibilità tecnica e la perdita dell'aura dell'opera d'arte

10. La Scuola di Francoforte: Benjamin e la riproducibilità tecnica

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 13/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 009
01. Secondo Vittorni la cultura:

doveva essere pedagogica

doveva essere consolatoria

doveva essere poco operativa

doveva essere illusoria

02. Vittorini ha contribuito a diffondere in Italia la narrativa:

americana

inglese

tedesca

francese

03. L'antologia "Americana" viene curata da:

Pavese

Vittorini

Faulkner

Moravia

04. Indicare quale delle seguenti riviste è stata fondata da Vittorini e Calvino nel 1959:

Il Menabò della letteratura

Il Politecnico

I Gettoni

La Voce

05. Vittorini cura l'antologia "Americana" per l'editore:

Mondadori

Einaudi

Bompiani

Feltrinelli

06. L'antologia "Americana":

proponeva racconti in lingua inglese

esaltava il realismo psicologico ottocentesco

fu censurata prima della sua uscita in libreria

si poneva in maniera critica rispetto alle novità proposte dagli scrittori americani

07. La critica militante dei dopoguerra: la rivista «Il Verri» e i critici-scrittori

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 14/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 010
01. Quale studioso ha parlato dell'uomo come di un animale che racconta storie?

Gottschall

Kellog

Scholes

Abelson

02. Quale studioso ha definito la narratività come la rappresentazione di avvenimenti e situazioni reali o immaginari in una sequenza temporale

Stanzel

Barthes

Abelson

Prince

03. Pensiero narrativo e narratività

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 15/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 011
01. La linguistica diacronica studia:

gli aspetti statici della lingua, in un tempo preciso

gli errori dei parlanti

il principio di arbitrarieta?

l'evoluzione di una lingua nel tempo

02. La linguistica sincronica studia:

gli aspetti statici della lingua, in un tempo preciso

la lingua in una prospettiva storica

gli aspetti evolutivi della lingua

i cambiamenti della lingua

03. Per I formalisti la "letterarietà":

rappresenta lo stile dell'autore

rappresenta ciò che rende un determinato scritto un'opera letteraria

rappresenta il grado di astrazione di un'opera letteraria

rappresenta il grado di adesione dell'opera alla realtà

04. Secondo Saussure il segno e?:

un'entita? psichica a tre facce

un'entita? psichica a due facce

un'entita? psichica a una faccia

un'entita? psichica a quattro facce

05. Secondo Saussure il significato:

coincide con l'atto di fonazione

coincide con il linguaggio

e? un modello collettivo che l'individuo apprende nella comunita? in cui cresce

è un qualcosa di individuale

06. Secondo Saussure il valore di un segno linguistico e? determinato:

dai suoi aspetti concreti, materiali

dali studiosi

dalla sua frequenza nell'uso quotidiano

dai suoi aspetti relazionali, differenziali, oppositivi

07. Formalismo e strutturaismo linguistico

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 16/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 012
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il formalismo si afferma tra il 1915 e il 1930

Il formalismo adotta un punto di vista antistoricista

Il formalismo si interessa a fattori extra-testuali come la biografia dell'autore

Il formalismo è interessato a capire il funzionamento interno di un testo

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il metodo formale dello "straniamento" favorisce l'automatismo della percezione

Con il metodo formale dello "straniamento" il lettore prova un senso di "spaesamento"

Il metodo formale dello "straniamento" è stato introdotto da Sklovskij

Attraverso lo "straniamento" viene deostruita la percezione usuale del lettore che dunque scopre lati inediti della realtà

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

I miti sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

I motivi sono costituiti da nuclei tematici

I temi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati motivi

I motivi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

04. Che cos'è il formalismo?

Scuola letteraria affermatasi in Russia tra il 1914-15, fiorita fino al 1930, influì profondamente sullo strutturalismo e sulle correnti critiche posteriori.

si diffonde nell'Europa occidentale e negli USA a partire dal 1930. I suoi terreni privilegiati sono la linguistica e l'etnologia.

Movimento che ha per massimo esponente Roland Barthes

movimento che ha per massimo esponente Claude Lévi-Strauss

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è corretta:

Il formalismo si concentra sulla trama

Il formalismo vuole capire come funziona il testo indipendentemente dal momento storico in cui è stato prodotto

Il formalismo non trascura la biografia dell'autore

Il formalismo si concentra sullo stile dell'autore

06. Il formalismo:

vuole capire come funziona il testo indipendentemente dal momento storico in cui è stato prodotto

si concentra sulla trama

si concentra sullo stile dell'autore

non trascura la biografia dell'autore

07. I formalisti:

adottano un approccio diacronico allo studio dei testi letterari

considerano in testo in relazione alle contingenze storiche

considerano i testi in relazione ai fatti extraletterari

adottano un approccio sincronico allo studio dei testi letterari

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 17/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

L'intreccio può essere costruito modificando la fiaba

La fabula è l'ordine logico e cronologico di un insieme di fatti narrati

La fabula è l'organizzazione dei fatti narrati così come è stata strutturata dall'autore che può decidere di anticipare o posticipare alcuni eventi

La fabula può essere ricostruita a partire dall'intreccio

09. Indicare quale delle seguenti affermazioni è corretta:

L'intreccio e le anticipazioni fanno parte della fabula

La fabula è l'organizzazione dei fatti che si ottiene modificando l'intreccio

L'intreccio è l'organizzazione dei fatti narrati così come è stata strutturata dall'autore che può decidere di anticipare o posticipare alcuni eventi

L'intreccio è l'ordine logico e cronologico di un insieme di fatti narrati

10. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

I motivi sono costituiti da nuclei tematici

I miti sono elementi che emergono dalla scomposizione dei racconti fiabeschi e delle saghe

I motivi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

Temi e motivi sono strutture interpretative della realtà

11. Indicare quale delle seguenti affermazioni è corretta:

Come Saussure i formalisti utilizzano un approccio sincronico all'opera letteraria

I formalisti considerano il testo in relazione alle contingenze storiche e ai fatti extraletterari

Il formalismo è stato influenzato dal Positivismo

I formalisti utilizzano un approccio diacronico all'opera letteraria

12. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La struttura è un modello teorico costruito dal ricercatore per spigare i fenomeni che analizza

La struttura è un sistema poiché ogni modifica di uno degli elementi che la compongono comporta una variazione di tutti gli altri

Lo strutturalismo ha alla base il modello di lingua come sistema di analogie tra i suoi diversi elementi

Il formalismo evolve nello strutturalismo

13. Il principio di straniamento e il concetto di dominante secondo i formalisti russi

14. Quali sono i caratteri principali del formalismo?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 18/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 013
01. Secondo i formalisti russi, i motivi legati:

sono blocchi narrativi relativi all'aiutante

sono elementi narrativi relativi all'incipit della storia

sono elementi portanti dello sviluppo della trama

sono blocchi narrativi potenzialmente superflui

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

L'intreccio è l'insieme dei motivi legati da un rapporto causale e temporale

I motivi legati sono relativi alla durata degli eventi

I motivi sono unità minime del tema

I temi sono unità minime dei motivi

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La fabula è l'insieme dei motivi legati da un rapporto causale e temporale

I temi sono unità minime dei motivi

I motivi sono unità minime del tema

I motivi non sono relativi alla durata degli eventi

04. La differenza tra fabula e intreccio e la distinzione tra temi e motivi secondo i formalisti

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 19/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 014
01. Secondo la teoria della comunicazione di Roman Jakobson, quale funzione del linguaggio verbale si attiva quando il mittente cerca di influire sul destinatario
mediante l'uso di frasi imperative o del vocativo?

conativa

fàtica

poetica

metalinguistica

02. Secondo la teoria delle funzioni linguistiche di Roman Jakobson, quando la comunicazione si focalizza sul messaggio prevale:

la funzione referenziale

la funzione metaliguistica

la funzione conativa

la funzione poetica

03. Chi ha scritto "Saggi di Linguistica generale" (1963)?

Roman Jakobson

Ferdinande De Saussure

Karl Bühler

Claude Lévi-Strauss

04. Secondo la teoria della comunicazione di Roman Jakobson, quale funzione della comunicazione si attiva quando il mittente cerca stabilire, prolungare o
mantenere un contatto con il destinatario?

metalinguistica

conativa

fàtica

poetica

05. Secondo la teoria della comunicazione di Roman Jakobson, quale funzione è legata al codice condiviso tra mittente e destinatario?

conativa

fàtica

poetica

metalinguistica

06. In un articolo scientifico, che ha lo scopo di fornire informazioni, quale tra le funzioni della comunicazione individuate da Jakobson, sarà la funzione
prevalente?

contestuale

referenziale

metalinguisitca

conativa

07. «Pronto?» è una frase in cui prevale:

la funnzione metalinguistica

la funzione referenziale

la funzione fàtica

la funzione poetica

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 20/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. La funzione «fàtica»:

si riferisce a una comunicazione stentata

si riferisce a un'affermazione

è relativa al contatto

è incentrata sul codice

09. Lo strutturalismo letterario in Europa: Jakobson e la funzione poetica

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 21/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 015
01. Chi ha scritto "Morfologia della fiaba" (1928)?

Barthes

Propp

Greimas

Lüthi

02. Lo schema narrativo individuato da Vladimir J. Propp è:

partenza - smascheramento - risoluzione - nozze

rottura iniziale - peripezie - equilibrio intermedio - peripezie - conclusione

situazione iniziale - rottura dell'equilibrio - peripezie - conclusione

arrivo in incognito - svelamento - rottura dell'equilibrio - ritorno alla situazione iniziale

03. Quante sono le funzioni individuate da Propp nelle fiabe di magia?

31

30

39

41

04. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

Secondo Propp tutte le fiabe contengono le funzioni da lui individuate

Secondo Propp la successione delle funzioni nella fiaba è sempre la stessa

Secondo Propp nelle fiabe di magia è possibile individuare 30 funzioni

Secondo Propp la successione delle funzioni nella fiaba è sempre variabile

05. Come viene definita da Propp la funzione riferita al danno che l'antagonista riesce a procurare all'antagonista?

Trasfigurazione

Mancanza

Persecuzione

Mediazione

06. Secondo lo schema di Propp in quale momento al protagonista viene fornito l'oggetto magico?

dopo che ha superato la prova

dopo il trasferimento

dopo la marchiatura

dopo la rimozione

07. Nella fiaba "Cappuccetto Rosso" quale momento possiamo riconoscere come fase dell'investigazione?

quando il Lupo chiede alla bambina dove stia andando

quando il cacciatore cerca la bambina

quando la mamma fa le sue raccomandazioni a Cappuccetto Rosso

quando Cappuccetto Rosso si interroga sul perché la nonna abbia occhi e orecchie particolarmente grandi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 22/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Vladimir J. Propp, studiando alcune fiabe russe, individuò delle costanti ovvero:

un medesimo schema narrativo articolato in quattro fasi, otto ruoli essenziali, trentuno azioni o funzioni ricorrent, otto ruoli essenzialii.

trentuno ruoli dei personaggi e e otto funzioni.

Un numero x di personaggi e funzioni, ovvero individuò l'estrema varaibilità del genere.

differenti schemi narrativi con ruoli costanti dei personaggi.

09. Lo studio di V. Propp sulla morfologia della fiaba

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 23/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 016
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La Nouvelle critique è interessata soprattutto al Nouveau Roman

La Nouvelle critique raccoglie un'insieme di tendenze emerse in Francia negli anni Ottanta

Dalla Nouvelle critique critique nascono diversi filoni critici che condividono la matrice strutturalista

La Nouvelle critique rinnova la critica letteraria tradizionale attraverso il contributo di discipline come la linguistica, la sociologia, l'antropologia, l'etnologia e la psicanalisi

02. Chi ha scritto "Il grado zero della scrittura" (1953)?

Claude Bremond

Roland Barthes

Roman Jakobson

Tzvetan Todorov

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Lo strutturalismo ha alla base il modello di lingua come sistema di differenze tra i suoi diversi elementi

Lo strutturalismo è un metodo d'analisi che si è affermato in diverse discipline

Lo strutturalismo evolve nel formalismo

La struttura è un sistema poiché ogni modifica di uno degli elementi che la compongono comporta una variazione di tutti gli altri

04. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La struttura è un insieme organico i cui elementi assumono valore nelle relazioni oppositive

Lo strutturalismo è un metodo d'analisi che si è affermato in diverse discipline

La struttura è un modello teorico costruito dal ricercatore per spigare i fenomeni che analizza

Lo strutturalismo ha alla base il modello di lingua come sistema di analogie tra i suoi diversi elementi

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il poststrutturalismo si dimostra critico nei confronti dei significati stabili del testo

Il poststrutturalismo rappresenta il superamento dello strutturalismo più rigido

Lo strutturalismo affida al lettore un ruolo importante nell'interpretazione del testo

Lo strutturalismo un movimento filosofico, scientifico e critico letterario che si sviluppa soprattutto in Francia durante gli anni Sessanta

06. Il termine "narratologia" è stato introdotto da:

Todorov

Saussure

Barthes

Greimas

07. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

ll modello di una struttura costante della lingua introdotto dal linguista de Saussure, e poi sviluppato da Jakobson, costituisce il riferimento primario dello strutturalismo
antropologico di Lévi-Strauss

Lo strutturalismo non riguarda esclusivamente la teoria letteraria

La struttura è un insieme organico i cui elementi assumono valore nelle relazioni oppositive

Il concetto di struttura inteso come sistema di relazioni sviluppato dall'antropologo Claude Lévi-Strauss ha influenzato la teoria linguistica di Saussure

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 24/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Chi ha scritto "Antropologia strutturale" (1958)?

Jakobson

Durkheim

Barthes

Lévi-Strauss

09. Secondo Lévi-Strauss la struttura dei miti rivela che il mondo viene analizzato e classificato in base a una logica:

ternaria

con poche costanti

casuale

oppositiva binaria

10. Indicare i caratteri principali dello strutturalismo e spiegare in che modo lo strutturalimo ha influenzato la critica letteraria

11. Quali sono i caratteri della narratologia classica?

12. Dalla strutturalismo alla semiologia: R. Barthes e l'analisi narrativa

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 25/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 017
01. Secondo Greimas la struttura generale della fiaba è:

comunicazione - presenza - spostamento

prove - rottura - restaurazione dell'ordine

prove - comunicazione - spostamento

rottura dell'ordine - prove - restaurazione dell'ordine

02. Chi ha parlato di attanti come categorie astratte che corrispondono alle sfere d'azione dei personaggi?

Greimas

Eco

Booth

Propp

03. Nel sistema dei personaggi, chi si schiera con uno dei contendenti, con l'antagonista, è chiamato:

aiutante

oppositore

protagonista

attore

04. Facendo riferimento al sistema dei personaggi di Greimas, Lucia dei "Promessi sposi" è:

l'oppositore

l'oppositore che diventa aiutante

il mezzo

l'oggetto del desiderio

05. Facendo riferimento al sistema dei personaggi di Greimas, l'Innominato dei "Promessi sposi" è:

protagonista

antagonista

oppositore

l'oppositore che diventa aiutante

06. Algirdas Julien Greimas è stato:

il massimo teorico dello strutturalismo applicato agli studi antropologici

linguista svizzero elabora le dottrine fondamentali della fonetica e della fonologia indieuropee

uno degli studiosi più importanti di narratologia, linguista e semiologo lituano.

studioso di floklore russo, esponente del formalismo

07. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Greimas vuole costruire un modello narrativo che possa spiegare ogni tipo di racconto

Propp elabora il modello attanziale

Greimas riprende e rielabora le funzioni di Propp

Secondo Propp tutte le fiabe hanno una struttura costante

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 26/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Greimas definisce come attanti:

i ruoli tematici

i personaggi

i ruoli principali

i tipi narrativi

09. Il modello attanziale di Greimas è uno schema che prevede:

Manipolazione, Performanza, Lotta, Premio

Soggetto, Oggetto, Aiutante, Opponente, Destinante e Destinatario

Soggetto, Oggetto, Manipolazione e Performanza

Manipolazione, Abilità, Speranza, Lotta e Sanzione

10. Il modello attanziale di A. J. Greimas

11. Da Propp a Greimas: la struttura del testo

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 27/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 018
01. Il dover-fare è una modalità:

sia virtualizzante che realizzante

attualizzante

realizzante

virtualizzante

02. Lo schema narrativo canonico di Greimas prevede i seguenti momenti:

prova qualificante - prova decisiva - prova glorificante

promessa - minaccia - provocazione

manipolazione - competenza - performanza - sanzione

rottura - prove - performanza - premio

03. Il poter-fare è una modalità relativa:

alla sanzione

alla manipolazione

alla compentenza

alla performanza

04. La provocazione è una figura che rientra nella:

performanza

manipolazione

sanzione

competenza

05. Lo schema narrativo canonico di A. J. Greimas

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 28/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 019
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il quadrato semiotico rappresenta le categorie differenziali che fondano la significazione

Il Destinante interviene nella fase si Manipolazione

Il quadrato semiotico viene collocato al livello più superficiale del percorso generativo del senso

Secondo Greimas in ogni narrazione c'è un oggetto di valore da conquistare

02. Il quadrato semiotico:

rappresenta i programmi narrativi

rappresenta la disposizione degli attanti

rappresenta i vaori fondamentali che sono alla base di una narrazione

rappresenta le azioni principali della narrazione

03. A. J. Greimas: il percorso generativo del senso

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 29/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 020
01. Chi ha introdotto il concetto di semiosfera?

Eco

Barthes

Lotman

Greimas

02. Chi ha scritto "Opera aperta" (1962)?

B. Terracini

M. Corti

A. Banfi

U. Eco

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Eco lo schema di un'opera può spiegare le diverse interpretazioni dei lettori

Cesare Segre sottolineava l'importanza di analizzare il contesto storico in cui nascono i testi

Maria Corti crede ha creduto in una possibile integrazione tra strutturalismo e storicismo

Avalle ha sottolineato che strutturalismo francese e strutturalismo italiano andavano di pari passo

04. Chi ha dato origine alla cosiddetta "semanalisi"?

Julia Kristeva

Gaston Bachelard

Charles Mauron

Marie Bonaparte

05. Lotman e il concetto di semiosfera

06. Lo strutturalismo e la critica: differenze tra l'Italia e la Francia

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 30/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 021
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Lo strutturalismo affida al lettore un ruolo importante nell'interpretazione del testo

Il poststrutturalismo si dimostra critico nei confronti dei significati stabili del testo

Il poststrutturalismo rappresenta il superamento dello strutturalismo più rigido

Lo strutturalismo un movimento filosofico, scientifico e critico letterario che si sviluppa soprattutto in Francia durante gli anni Sessanta

02. Chi ha scritto "S/Z" (1970)?

Saussure

Barthes

Eco

Balzac

03. Chi è l'autore di "Sarrasine"?

Balzac

Saussure

Eco

Barthes

04.
Chi è il principale esponente del Decostruzionismo?

Derrida

Hjelmslev

Barthes

Eco

05. Zambinella è un personaggio di:

"Le illusioni perdute"

"S/Z"

"I Lanty"

"Serrasine"

06. Chi ha scritto "Frammenti di un discorso amoroso"?

Balzac

Lacan

Barthes

Kristeva

07. Chi è l'autore di "C'è un testo in questa classe?"

J. Derrida

S. Fish

R. Barthes

S. Sontag

08. Dal poststrutturalismo al decostruzionismo

09. Dallo strutturalismo al poststrutturalismo

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 31/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 022
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

I motivi sono costituiti da nuclei tematici

I temi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati motivi

I motivi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

I miti sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

I motivi sono costituiti da nuclei tematici

I motivi sono elementi di contenuto ricorrenti, in genere di carattere astratto, composti da aggregati semantici minori chiamati temi

Temi e motivi sono strutture interpretative della realtà

I miti sono elementi che emergono dalla scomposizione dei racconti fiabeschi e delle saghe

03. Chi ha scritto "Ritratto dell'artista da saltimbanco" (1970)?

C. Mauron

J. Starobinski

N. Frye

J. P. Weber

04. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

I motivi non sono relativi alla durata degli eventi

I temi sono unità minime dei motivi

I motivi sono unità minime del tema

La fabula è l'insieme dei motivi legati da un rapporto causale e temporale

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è vera:

L'intreccio è l'insieme dei motivi legati da un rapporto causale e temporale

I temi sono unità minime dei motivi

I motivi sono unità minime del tema

I motivi legati sono relativi alla durata degli eventi

06. Chi ha parlato di "polifonia" nel romanzo?

I. Richards

F. Dostoevskij

M. Bachtin

F. Dostoevskij

07. Chi ha scritto "Letteratura europea e Medio Evo latino"?

Praz

Croce

Paris

Curtius

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 32/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Chi ha parlato di "dialogicità" nel romanzo?

E. Auerbach

F. Dostoevskij

G. Poulet

M. Bachtin

09. La Stoffgeschichte:

è un filone di ricerca inaugurato dallo studioso Gaston Paris

è la storia dei contenuti tematici nel loro passaggio da una tradizione all'altra

è un filone di ricerca che nasce nel Settecento

non è un filone di ricerca che nasce nel Novecento

10. Evoluzione della critica tematica

11. Lo studio dei temi in letteratura

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 33/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 023
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Secondo Auerbach lo stile biblico richiede un maggiore sforzo interpretativo da parte del lettore

Secondo Auerbach lo stile omerico non predilige lo sviluppo storico dei fatti

Secondo Auerbach lo stile biblico si basa sul non detto

Secondo Auerbach lo stile omerico è caratterizzato da descrizioni particolareggiate

02. Chi ha parlato di "spie stilistiche di un autore"?

Spitzer

Bally

Vossler

Croce

03. L'autore di "Mimesis" (1953) è:

E. R. Curtius

L. Spitzer

E. Auerbach

K. Vossler

04. Chi è l'autore di "Critica stilistica e semantica storica"?

E. Auerbach

L. Spitzer

E. R. Curtius

K. Vossler

05. Spiegare quali sono le caratteristiche della critica stilistica facendo riferimento agli studiosi di cui si parla nelle lezioni

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 34/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 024
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

L'ermeneutica studia l'orizzonte di ricezione dei testi

L'ermeneutica studia le mosse interpretative del lettore

L'ermeneutica si concentra su un'analisi stilistica dei testi

L'ermeneutica si interessa del modo in cui il lettore è condizionato dalle istruzioni d'uso previste dal testo

02. Quale dei seguenti autori fa parte del Gruppo 63?

Poulet

Dilthey

Hirsch

Anceschi

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

In base all'ermeneutica il significato di un'opera letteraria può essere indagato a partire da una serie di circoli interpretativi

In base all'ermeneutica il significato del testo è univoco e stabile

L'ermeneutica si interessa del modo in cui il lettore è condizionato dalle istruzioni d'uso previste dal testo

L'ermeneutica studia l'arte interpretativa

04. Lettura e interpretazioni: l'ermeneutica del Novecento

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 35/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 025
01. L'orizzonte di attesa:

in genere è sempre confermato dalla lettura integrale del testo letterario

è un sistema di aspettative relative al genere, allo stile e alla forma

resta solitamente immutato nel tempo

non è collegato al successo dell'opera

02. Chi ha critto "La metafora viva" e "Tempo e racconto"?

Auerbach

Blumenberg

Starobinski

Ricoeur

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

L'orizzonte di attesa del lettore è un fattore che si collega al successo e all'insuccesso dell'opera letteraria

L'orizzonte di attesa del lettore in genere è sempre confermato dall'opera letteraria

L'orizzonte di attesa dei lettori cambia nel tempo

L'orizzonte di attesa del lettore è un sistema di aspettative relative al genere, allo stile e alla forma

04. La teoria della ricezione

05. L'interpretazione testuale secondo Jauss e Iser

06. La Scuola di Costanza: studiosi e caratteri principali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 36/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 026
01. Il lettore modello è:

un lettore in carne e ossa che si lascia guidare dalle regole dettate dall'autore all'interno del testo

un lettore immaginario, che è il risultato della strategia messa in atto dall'autore per la buona riuscita della comunicazione

Un lettore della società postmodernista

Un lettore in carne e ossa, colto e attento: il lettore ideale che ogni scrittore vorrebbe

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

"I misteri di Parigi" di E. Sue è un feuilleton

"I misteri di Parigi" di E. Sue rappresenta un esempio di testo chiuso

"I misteri di Parigi" di E. Sue nasce come romanzo per il pubblico colto

"I misteri di Parigi" di E. Sue rappresenta un esempio di "uso" del testo

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

I mondi possibili verosimili alternano solo alcune delle leggi fisiche del nostro mondo di riferimento

I mondi possibili testuali sono costruiti progressivamente dal lettore attraverso le sue ipotesi

La teoria dei mondi possibili permette di confrontare i fatti narrati nel testo con il mondo della nostra esperienza

I mondi possibili possono o meno alterare le leggi fisiche del nostro mondo di riferimento

04. Il lettore modello è:

un lettore immaginario, che è il risultato della strategia messa in atto dall'autore per la buona riuscita della comunicazione.

Un lettore in carne e ossa, colto e attento: il lettore ideale che ogni scrittore vorrebbe.

Un lettore della società postmodernista.

un lettore in carne e ossa che si lascia guidare dalle regole dettate dall'autore all'interno del testo.

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Il Lettore Modello è il lettore ideale che coglie i vari significati del testo

Il Lettore Modello possiede le competenze necessarie a disambiguare il significato del testo

Il Lettore Modello coincide con il lettore reale

Il Lettore Modello è il lettore previsto dal testo

06. La cooperazione testuale secondo U. Eco

07. Il concetto di enciclopedia nella teoria di Eco

08. Lettore modello e autore modello nella teoria di U. Eco

09. U Eco: il ruolo del lettore

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 37/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 027
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

"I misteri di Parigi" di E. Sue è un feuilleton

"I misteri di Parigi" di E. Sue nasce come romanzo per il pubblico colto

"I misteri di Parigi" di E. Sue rappresenta un esempio di "uso" del testo

"I misteri di Parigi" di E. Sue rappresenta un esempio di testo chiuso

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

I mondi possibili verosimili alternano solo alcune delle leggi fisiche del nostro mondo di riferimento

I mondi possibili possono o meno alterare le leggi fisiche del nostro mondo di riferimento

I mondi possibili testuali sono costruiti progressivamente dal lettore attraverso le sue ipotesi

La teoria dei mondi possibili permette di confrontare i fatti narrati nel testo con il mondo della nostra esperienza

03. Quale dei seguenti testi viene analizzato da U. Eco "Lector in fabula"?

Un dramme bien parisien

La Paix du ménage

L'assomoir

La horla

04. U. Eco: la teoria dei mondi possibili

05. La differenza tra testi aperti e testi chiusi secondo U. Eco

06. Il lettore ingenuo e il lettore critico secondo U. Eco

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 38/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 028
01. I cambiamenti nell'ordine temporale del racconto vengono definiti:

sincronie

anacronie

discronie

pluricronie

02. Genette articola l'analisi del racconto sulla base delle seguenti categorie:

tempo, modo, voce

tempo, ordine, anacronie

racconto, storia, narrazione

tempo, durata, voce

03. L'analisi della temporalità secondo G. Genette

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 39/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 029
01. Come si chiama il processo narrativo che consiste nel far precedere un elemento che nella storia si trova dopo?

prolessi

metalessi

flashback

analessi

02. L'anacronia riguarda:

unicamente le anticipazioni

l'epoca della narrazione

unicamente le analessi

l'ordine del discorso

03. Come si chiama il processo narrativo che consiste nel far seguire un elemento che nella storia è anteriore?

prolessi

analessi

flashback

metalessi

04. In un libro che narra in duecento pagine una sola giornata del protagonista:

il tempo del racconto ha una durata maggiore del tempo della storia

il tempo del racconto è uguale al tempo della storia

il tempo del racconto ha una durata minore del tempo della storia

il tempo del racconto ha una durata eccessiva

05. Quale dei seguenti non è un esempio di anacronia?

ordine

prolessi

analessi

ellissi

06. Le anacronie nella narrazione secondo G. Genette

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 40/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 030
01. L'anacronia eterodiegetica:

ha come contenuti eventi posteriori alla fine del racconto primo.

ha contenuti che anticipano in parte il racconto primo e in parte sono consecutivi all'avvio della narrazione

si basa su contenuti differenti rispetto al racconto primo

si basa sui medesimi contenuti del racconto primo

02. L'anacronia omodiegetica:

racconta una storia che è parte integrante della storia nella quale si innesta

prevede un narratore che racconta di qualcuno che racconta

prevede un narratore esterno all'intreccio

racconta una storia che non appartiene alla storia narrata dal discorso

03. La portata di una anacronia:

è il modo in cui l'anacronia viene esplicitata

è la distanza tra tempo della storia e tempo del racconto

è data dal grado di comprensione dell'anacronia

è l'entità della distanza del segmento dell'intreccio inserito in analessi o prolessi rispetto all'intreccio principale

04. Che cos'è l'ampiezza di una anacronia?

è la distanza tra tempo della storia e tempo del racconto

è lo spazio narrativo che l'analessi o la prolessi occupano nel racconto

è il modo in cui l'anacronia viene esplicitata

è data dal grado di comprensione dell'anacronia

05. Analessi, prolessi, sillessi e ritmo narrativo secondo G. Genette

06. Spiegare cosa sono le anacronie (anche attraverso degli esempi) e come influiscono sul ritmo del racconto

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 41/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 031
01. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Sono i cugini Vigna quei due? "
"Sì, proprio loro".
"E perché stanno correndo verso il fiume?"

pausa

ellissi

scena

sommario

02. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Pensi che arriveremo in tempo?"
"Se non affrettiamo il passo ne dubito".
"Non credo di potercela fare"

sommario

ellissi

pausa

scena

03. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Avevo lasciato la città con l'intenzione di non tornarci più, ed ero stata due anni nell'ufficio reclami di una compagnia a Roma. Finché, dopo il matrimonio, mi
ero licenziata e avevo seguito Mario lì dove lo portava il suo lavoro di ingegnere. Luoghi nuovi, vita nuova".

scena

sommario

pausa

ellissi

04. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Di solito camminava col mento alto, guardando le terrazze degli ultimi piani, portava una giacca forse troppo abbondante, sorrideva poco, non affrettava mail il
passo".

sommario

scena

pausa

ellissi

05. "Tommaso, che un tempo era un buon confidente, doveva far fronte ai tanti problemi in famiglia" è un esempio di:

riassunto

flashback

prolessi

sommario

06. «Laura, che un giorno sarebbe diventata più saggia, in quei giorni si dimostrava troppo poco riflessiva» è un esempio di:

sommario

analessi

pausa

prolessi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 42/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

07. «Cominciò con un numero sbagliato, tre squilli di telefono nel cuore della notte e la voce all'apparecchio che chiedeva di qualcuno che non era lui. Molto
tempo dopo, quando fu in grado di pensare a ciò che gli era accaduto, avrebbe concluso che nulla era reale tranne il caso. Ma questo fu molto tempo dopo.
All'inizio, non c'erano che il fatto e le sue conseguenze. La questione non è se si sarebbero potuti sviluppare altrimenti o se invece tutto fosse già stabilito a partire
dalla prima parola detta dallo sconosciuto. La questione è la storia in sé: che abbia significato o meno, non spetta alla storia spiegarlo». In questo brano è possibile
individuare:

un'anacronia

un racconto iterativo

una narrazione sospesa

una sillessi

08. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Dal 1952 al 1957 la vita di Anna, per la sua fitta e compatta semplicità rimase impenetrabile, non diremo dunque cosa le era accaduto".

pausa

scena

sommario

ellissi

09. Quando si ha una scena:

Il tempo della narrazione scorre pi veloce di quello della storia

La durata della storia e quella della narrazione sono equivalenti (per esporre gli eventi o i dialoghi si impiega lo stesso tempo che essi occupano nella realtà)

Arco temporale e durata narrativa non coincidono

Il narratore tralascia solo gli eventi che coinvolgono i personaggi secondari

10. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"Così il padre di Ludovico passò i suoi ultimi anni in angustie continue, temendo sempre d'essere schernito, e non riflettendo mai che il vedere non è cosa più
ridicola che il comprare...Fece educare il figlio nobilmente, secondo la condizione de' tempi, e per quanto gli era concesso dalle leggi e dalle consuetudini...e morì
lasciandolo ricco e giovinetto"

ellissi

scena

pausa

sommario

11. Quando si ha un sommario:

La narrazione si ferma per lasciare spazio a opinioni o riflessioni

Il lettore non riesce a ricostruire le relazioni tra fatti e personaggi

Il tempo della narrazione scorre più veloce rispetto a quello della storia

Il ritmo narrativo rallenta

12. Quando si ha un'ellissi:

Il lettore non riesce a ricostruire le relazioni tra fatti e personaggi

l tempo della storia trascorre, ma la narrazione si ferma completamente

Il narratore tralascia solo gli eventi che coinvolgono i personaggi secondari

La durata della storia e quella della narrazione sono equivalenti

13. G. Genette: la durata del racconto

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 43/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 032
01. La frequenza:

È relativa alla portata dell'anacronia

Indica le relazioni tra le capacità di ripetizione della storia e quelle del racconto

È relativa all'ampiezza dell'anacronia

Indica quante volte i fatti si ripetono nel passato

02. La frequenza:

Indica se qualcosa viene detto secondo una modalità singolativa o ripetitiva

È relativa alla portata dell'anacronia

Indica quante volte i fatti si ripetono nel passato

È relativa all'ampiezza dell'anacronia

03. Il racconto ripetitivo:

racconta più volte ciò che è accaduto più volte

racconta più volte ciò che è accaduto una sola volta

racconta più volte ciò che è accaduto più volte

racconta una storia senza variazioni

04. G. Genette: la frequenza narrativa

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 44/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 034
01. Il modo riguarda

il ritmo narrativo

il tempo della narrazione e i rapporti tra il tempo del discorso e quello della storia

la scelta stilistica e retorica

Il tipo e la quantità di informazioni presenti nel testo, comprende la distanza, la prospettiva e la focalizzazione.

02. Indicare quale tecnica narrativa viene usata nel seguente brano:
"E le falene bianche e grigie che giravano sopra la vaniglia, sopra le margherite serotine, come le piacevano! "Non può essere, non può essere" ella diceva a se
stessa andando con Miss Pym da un'aiuola all'altra ma sempre più debolmente, come se tanta bellezza, e quel profumo, e quei colori, e la simpatia e la fiducia che
Miss Pym le dimostrava fossero un'ondata che la invadeva tutta e vinceva quell'odio, quel mostro, vinceva tutto, e la sollevava sempre più in alto, quando - oh! un
colpo di pistola, fuori, in strada!"

monologo interiore

ellissi

prolessi

analessi

03. «Il Generale Cork, che aveva la lodevole abitudine di occuparsi persoalmente delle minime cose, aveva domandato al maggiordomo che qualità di pesce si
sarebbe potuto pescare nell'Acquario per il pranzo in onore di Mrs. Flat» (C. Malaparte). Il brano riportatoo è un esempio di:

dicorso indiretto legato

discorso diretto

discorso raccontato

discorso indiretto libero

04. G. Genette: i modi del racconto secondo G. Genette

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 45/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 035
01. Se una storia viene raccontata da un narratore onnisciente, che conosce cioè tutti i fatti e che legge i pensieri e gli animi dei personaggi e li giudica, avremo
una focalizzazione:

esterna

interna

mista

zero

02. Se il narratore è onnisciente nel racconto prevale la focalizzazione:

esterna

interna

mista

zero

03. Quando il narratore assume il punto di vista di un personaggio avremo un racconto a focalizzazione:

interna

mista

esterna

zero

04. La focalizzazione secondo G. Genette: tipologie ed esempi

05. Che cos'è l'aspettualizzazione?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 46/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 036
01. Riconoscere la focalizzazione nel seguente brano:

"Una sera me ne stavo a sedere sul letto della mia stanza d'albergo, a Bunker Hill, nel cuore di Los Angeles. Era un momento importante nella mia vita, dovevo
prendere una decisione nei confronti dell'albergo: o pagavo o me ne andavo: così diceva il biglietto che la padrona mi aveva infilato sotto la porta. Era un bel
problema, degno della massima attenzione. Lo risolsi spegnendo la luce e andandomene a letto ":

esterna

zero

interna

mista

02. Se un racconto a focalizzazione interna, ci nasconde ciò che il personaggio conosce benissimo, siamo di fronte a un caso di:

parallissi

narrazione ulteriore

parallessi

narrazione intercalata

03. Se il narratore dice di più rispetto a quanto sarebbe coerente con la focalizzazione adottata, siamo di fronte a un caso di:

narrazione ulteriore

parallessi

narrazione intercalata

parallissi

04. Riconoscere la focalizzazione nel seguente brano:

"Un trapezista - come si sa quest'arte che si pratica in alto nelle cupole dei grandi palcoscenici di varietà è una delle più difficili tra tutte quelle in cui gli uomini
possano cimentarsi - all'inizio soltanto per la ricerca della perfezione, in seguito anche per abitudine divenuta tirannica, aveva regolato la sua vita in modo da
restare giorno e notte sul trapezio, per tutto il tempo in cui restava in una stessa compagnia. Si faceva fronte a tutte le sue necessità, invero molto modeste, con
l'ausilio di inservienti che si alternavano, vigilando in basso e mandando su e giù tutto quello che serviva in alto, in appositi contenitori":

mista

interna

esterna

zero

05. Nella focalizzazione interna fissa

il punto di vista varia durante la narrazione, passando da personaggio a personaggio

lo stesso evento è narrato più volte attraverso personaggi-riflettori diversi, si ritrova soprattutto nei romanzi epistolari

si adotta il punto di vista di un solo personaggio per tutta la durata della narrazione.

Il punto di vista è quello di un narratore impersonale

06. La focalizzazione esterna si ha:

se il narratore ne sa meno dei personaggi

se il narratore ne sa più dei personaggi

se il narratore ne sa quanto i personaggi

se il narratore possiede solo informazioni generiche rispetto alla storia

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 47/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 037
01. Spiegare la differenza tra narratore autobiografico e narratore onnisciente

02. G. Genette: l'io protagonista e l'io testimone

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 48/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 038
01. Quando il narratore è un personaggio della storia narrata si definisce:

intradiegetico

onnisciente

eterodiegetico

omodiegetico

02. «Ero stato malato per molto tempo. Il giorno in cui lasciai l'ospedale camminavo a fatica e quasi non ricordavo più chi avrei dovuto essere. Usi la volontà, mi
disse il medico, e in tre o quattro mesi tornerà come prima. Non gli credetti, ma seguii lo stesso il suo consiglio. Mi avevano dato per morto, e ora che avevo
smentito i pronostici evitando misteriosamente di morire, che scelta mi restava se non vivere come se mi aspettasse una vita futura?». Il brano riportato è un
esempio di:

narrazione in prima persona

narratore eterodiegetico

narratore impersonale

narratore onnisciente

03. Quando il Narratore è una voce fuori campo, vale a dire è un narratore esterno si definisce:

omodiegetico

intradiegetico

eterodiegetico

onnisciente

04. Il narratario è:

il narratore ideale

il lettore modello

il narratore

il destinatario al quale il narratore racconta la storia

05. G. Genette: narratori attendibili e narratori inattendibili

06. G. Genette e l'analisi della voce narrativa

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 49/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 039
01. «Il mio vecchio amico (capita di avere degli amici più anziani), il dottor Bonnet, m'aveva invitato più di una volta ad andare a passare alcuni giorni nella sua
casa a Rioni. Non conosco l'Alvernia, sicché, verso la metà dell'estate del 1876, decisi di andarci». Nell'incipit della novella "Berta" di Maupassant riportata a
lezione 22, possiamo individuare:

un narratore extradiegetico-autodiegetico

un narratore extradiegetico-omodiegetico

un narratore extradiegetico-eterodiegetico

un narratore intradiegetico-omodiegetico

02. L'analisi della voce: i livelli narrativi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 50/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 040
01. G. Genette: la voce narrante e le sue funzioni

02. Spiegare, anche attaverso degli esempi, quali possono essere le diverse tipologie di narratore (considerando sia il livello narrativo che il rapporto tra narratore
e storia)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 51/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 041
01. «E poi attacca a ordinare uova e tè e merluzzo affumicato e crostini caldi imburrati mi dà l'idea che lo vedremo troneggiare come il padrone del vapore a
pompare su e giù dentro l'uovo col manico del cucchiaino ma da chi l'ha imparato e ci godo quando inciampa per le scale la mattina con le tazze che schiacceranno
sul vassoio e poi a giocar con la gatta ti si strofina addosso per suo piacere chissà se ha le pulci è peggio di una donna sempre a leccare e allacciare ma non posso
soffrire le grinfie chissà se vedono cose che non vediamo noi a guardar fisso in quel modo quando se ne sta per un certo tempo in cima alle scale e ad ascoltare io
aspetto aspetto che la ladra poi quella bella sogliola fresca che avevo comprato forse prenderò un po' di pesce domani anzi oggi è venerdì vero sì e poi un po' di
crema con marmellata di ribes...» (Joyce, Ulisse). In questo frammento possiamo individuare:

un flusso di coscienza

un monologo interiore

una narrazione eterodiegetica

una narrazione in terza persona

02. «Il cameriere. Il tavolo. Il mio cappello sull'attaccapanni. Togliamoci i guanti; devono essere gettati negligentemente sul tavolo accanto al piatto; o meglio
nella tasca del soprabito; no, sul tavolo; queste piccole cose rientrano nella correttezza del comportamento in genere. Il mio soprabito sull'attaccapanni; mi siedo;
uff! ero stanco. Metterò i guanti nella tasca del soprabito. Illuminato, dorato, rosso, con gli specchi, questo sfavillio; cosa? Il caffè; il caffè in cui mi trovo». In
questo frammento possiamo individuare:

una narrazione eterodiegetica

un flusso di coscienza

un'ellissi

un monologo interiore

03. La voce del personaggio: monologo interiore e flusso di coscienza

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 52/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 042
01. L'uso di uno pseudonimo da parte di uno scrittore:

deriva solo da ragioni legate alla trama del libro

è una pratica che non viene più utilizzata

non avviene mai in caso di plagio

può rientrare in una strategia editoriale

02. Il frontespizio fa parte:

del peritesto solo se riporta notizie redazionali

sia del peritesto che dell'epitesto

dell'epitesto

del peritesto

03. Quale delle seguenti non è una funzione del titolo?

identificare l'opera

dare indicazioni sul tema

designarne il contenuto

promuovere l'opera

04. La quarta di copertina di un romanzo fa parte:

dell'epitesto

del peritesto

sia del peritesto che dell'epitesto

del peritesto solo se riporta la biografia dell'autore

05. La copertina di un romanzo fa parte:

sia del peritesto che dell'epitesto

dell'epitesto

del peritesto solo se riporta la biografia dell'autore

del peritesto

06. Le fascette di un libro fanno parte:

del peritesto solo se riporta la biografia dell'autore

sia del peritesto che dell'epitesto

dell'epitesto

del peritesto

07. Le interviste rilasciate da uno scrittore fanno parte:

dell'epitesto

sia del peritesto che dell'epitesto

del peritesto

del peritesto solo se rilasciate da autori che sono ancora in vita

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 53/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. La dedica dell'autore fa parte:

del peritesto solo se riporta la biografia dell'autore

sia del peritesto che dell'epitesto

dell'epitesto

del peritesto

09. L'indice di un libro fa parte:

del peritesto solo se riporta anche il titolo dei paragrafi

del peritesto

sia del peritesto che dell'epitesto

dell'epitesto

10. Il paratesto: caratteristiche e funzioni

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 54/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 043
01. indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Le note possono avere una funzione esplicativa

Le note non fanno parte del testo ma del paratesto

Le note non vengono mai poste alla fine di un capitolo

Le note possono contenere delle digressioni

02. Gli elementi peritestuali: esempi

03. Gli elementi epitestuali: esempi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 55/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 044
01. L'intertestualità:

è la presenza effettiva di un testo in un altro testo (citazioni, allusioni, ecc.)

si ha in tutti i casi in cui testo diviene oggetto di commento o di interpretazione da parte di un secondo testo

è data dalle relazioni tra il testo e il suo paratesto, vale a dire elementi come la quarta di copertina

è la relazione che un testo intrattiene con le diverse tipologie di generi discorsivi

02. La paratestualità:

è la presenza effettiva di un testo in un altro testo

si ha in tutti i casi in cui testo diviene oggetto di commento o di interpretazione da parte di un secondo testo

è la relazione che un testo intrattiene con le diverse tipologie di generi discorsivi

è data dalle relazioni tra il testo e il suo paratesto, vale a dire elementi come la quarta di copertina

03. Chi ha scritto "L'angoscia dell'influenza"?

Kristeva

Freud

Bloom

Barthes

04. L'intertestualità:

è la relazione tra un testo e il suo paratesto

è la relazione tra un testo e il suo peritesto

è data da tutti i casi in cui testo diviene oggetto di commento o di interpretazione da parte di un altro testo

è la presenza effettiva di un testo in un altro testo (citazioni, allusioni, ecc.)

05. Tipologie di transtestualità secondo G. Genette

06. Le relazioni intertestuali: tipologie ed esempi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 56/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 045
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La citazione è una forma di intertestualità

La citazione può invocare una autorità

La citazione può avere l'effetto di una parodia

La citazione non ha mai una funzione ornamentale

02. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La citazione può invocare una autorità

La citazione può avere una funzione parodica

La citazione può essere indice di erudizione solo se non è in nota

La citazione può avere una funzione ornamentale

03.
L'intertestualità inter-generica

spiega i rapporti tra i generi letterari e i singoli testi

è relativa alle variazioni e le trasformazioni di un modello rappresentativo di un genere

è relativa alla riproduzione di un genere testuale e della sua struttura caratteristica

spiega le variazioni tra i generi

04.
L'intertestualità intra-generica

è relativa alla riproduzione di un genere testuale e della sua struttura caratteristica

spiega i rapporti tra i generi letterari e i singoli testi

spiega le variazioni tra i generi

è relativa alle variazioni e le trasformazioni di un modello rappresentativo di un genere

05. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La citazione può avere una funzione ornamentale

La citazione può avere una funzione parodica

La citazione non è una forma di intertestualità

La citzione a margine è della anche glossa

06. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

La nuova narratologia è aperta agli apporti scientifici

Gli schemi cognitivi possono avere una funzione predittiva

Lo storytelling è la nuova narratologia

La sinestesia spiega la connessione tra il linguaggio e le nostre percezioni corporee

07. L'allusione

consiste nell'accennare a qualcosa senza tuttavia nominarlo direttamente

è rappresentata da ogni elaborazione comica di un testo

è rappresentata da ogni elaborazione satirica di un testo

non è una forma di intertestualità

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 57/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

08. Indicare quali dei seguenti fenomeni non rientra nelle forme di intertestualità:

pastiche

metalessi

trasposizione

parodia

09. Citazione, allusione e parodia: definizioni ed esempi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 58/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 046
01. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Gli schemi cognitivi sono microsceneggiature

Gli script sono sequenze di azioni ("copioni")

Gli schemi cognitivi ci permettono di classificare i dati dell'esperienza

Gli script sono microsceneggiature

02. Come possiamo definire uno 'schema cognitivo'?

come microsceneggiature

come una successione di avvenimenti

come un modello stereotipico della realtà attraverso cui registriamo un'esperienza e la conserviamo in memoria

come l'insieme delle situazioni reali o narrate

03. Indicare quale delle seguenti affermazioni è falsa:

Gli schemi cognitivi ci permettono di interpretare le nuove informazioni

Lo schema è un modello stereotipico della realtà attraverso cui registriamo un'esperienza e la conserviamo in memoria

Per comprendere un testo letterario attiviamo un insieme di schemi che abbiamo in memoria

Gli schemi cognitivi non hanno mai una funzione predittiva

04. Come possiamo definire lo 'schema'?

come un modello stereotipico della realtà attraverso cui registriamo un'esperienza e la conserviamo in memoria

come i modelli che si attivano grazie alla sinestesia

come l'insieme delle situazioni reali o narrate

come una successione di avvenimenti

05. Narrazione e neuroscienze

06. Spiegare i caratteri principali e i protagonisti delle diverse fasi di sviluppo della narratologia

07. Quali sono le fasi di sviluppo della narratologia?

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 59/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 047
01. I processi di lettura alla luce della neuronarratologia

02. La teoria degli schemi cognitivi

03. La teoria degli schemi cognitivi applicata alla letteratua

04. Il lettore e la teoria dei frame e degli script

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 60/61
Set Domande: CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE

LINGUE E CULTURE EUROPEE E DEL RESTO DEL MONDO


Docente: De Blasio Antonella

Lezione 048
01. Chi ha scritto "Teoria del romanzo"?

N. Frye

G. Lukács

R. Jakobson

G. Genette

02. Il romanzo di formazione: caratteri principali (fare riferimento al paragrafo 4.2 del libro "La comunicazione narrativa")

03. Il romanzo rosa: caratteri principali (fare riferimento al paragrafo 4.5 del libro "La comunicazione narrativa")

04. Il romanzo giallo: caratteri principali (fare riferimento al paragrafo 4.5 del libro "La comunicazione narrativa")

05. Forme narrative contemporanee: l'adattamento intermediale (fare riferimento al paragrafo 5.2 del libro "La comunicazione narrativa")

06. Le narrazioni visive: esempi e caratteri principali (fare riferimento al paragrafo 5.3 del libro "La comunicazione narrativa")

07. Le pratiche narrative dopo il digitale: caratteri principali (fare riferimento al paragrafo 5.4 del libro "La comunicazione narrativa")

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 27/09/2018 15:33:28 - 61/61
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)