Sei sulla pagina 1di 61

Set Domande

PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE


SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo
Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 000 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 001 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 48
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 49
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 52

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 2/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 53


Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 54
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 58
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 60
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 61

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 3/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 000
01.     A livello generale il corso è possibile distinguerlo in due macro argomenti: il primo caratterizzato da una legittimazione epistemologica della pedagogia e
l’altro dalla sua operatività. Si scelga un argomento dell’uno e dell’altro aspetto ed in maniera sintetica, cioè in né più né meno di sette righe, si rifletta sulla
relazione che intercorre tra gli argomenti scelti.

02.   L’educazione è sempre più una urgenza sociale planetaria. Si rifletta, in né più né meno di sette righe, sul valore che oggi assume lo sviluppo delle potenzialità
che ognuno di noi custodisce e della necessità di una costante valorizzazione dell’essere umano.      

03.   L’educazione è prima di tutto salvaguardia delle diversità e tutela delle potenzialità che ognuno di noi custodisce e che non aspettano altro che essere espresse.
Si rifletta, in né più né meno di sette righe, su tale principio.

04.   Molti argomenti all’interno del corso vengono ad essere affrontati più volte, ognuna della quali analizzati secondo una determinata prospettiva. Questa
trasversalità, oltre a generare collegamenti costanti tra i vari temi educatici, porta necessariamente ad uno studio non lineare. Su tali assunti si prenda in
considerazione una di queste tematiche che abbracciano più prospettive, analizzandola, in né più né meno di sette righe.

05.   All’interno del lessico appartenente alla letteratura pedagogico si possono incontrare svariati termini che sostanzialmente vengono adottati anche a livello
comune. Si rifletta, in né più né meno di sette righe, sul significato di uno di questi termini.

06.   Il secolo trascorso è stato caratterizzato fin dai primi anni da illustri Maestri dell’educazione. In questo modo, se ne prenda in considerazione uno,
determinandone, in né più né meno di sette righe, l’apporto offerto all’epistemologia pedagogica. 

07.   Molti sono stati gli argomenti che sono stati affrontati all’interno del corso e tutti apparentemente di uguale importanza. Di certo, però, alcuni hanno colpito
di più e risultati maggiormente interessanti. Tralasciando una possibile gerarchia, si rifletta, in né più né meno di sette righe, su uno di questi macroargomenti,
determinando le motivazioni scientifiche che hanno determinato tale scelta.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 4/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 001
01.   A chi appartiene l'opera "Didattica Magna"?

 Platone

 Comenio

 Mencarelli

 Dewey

02.   A cosa si riferisce Comenio con il termine "lumicino"?

 alla stoppa per il fuoco

 alla pscologia

 al nostro potenziale educativo

 alla luce della saggezza

03.   Come viene definita la famiglia secondo l’idea di Alberoni?

 Movimento collettivo a due

 Prospettiva andragogica

 Dogma eterno

 Elemento sociale e solipsistico

04.   Testo Domanda

 Testo Risposta Errata

 Testo Risposta Corretta

 Testo Risposta Errata

 Testo Risposta Errata

05.   Qual è l’opera del Vescovo Comenio richiamata a fondamento della pedagogia?

 Didattica del domani

 Didattica pratica

 Didattica e pedagogia

 Didattica Magna

06.   Testo Domanda

 Testo Risposta Corretta

 Testo Risposta Errata

 Testo Risposta Errata

 Testo Risposta Errata

07.   A cosa si riferisce Alberoni quando definisce "un movimento colletivo a due"?

 alla pedagogia e la didattica

 alla docimologia e valutazione

 al qualitativo e quantitativo

 alla famiglia

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 5/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Quale scienza è possibile definirla come lo studio dell'educazione umana?

 la pedagogia

 la psicologia

 la didattica

 la filosofia

09.   Cosa si intende con il termine pedagogia?

 la prassi formativa

 la scienza che studia l’educazione umana

 la storia filosofica dell’individuo

 la scienza della didattica

10.   La Pedagogia come disciplina a sé stante, viene costantemente esaminata e criticata a seconda delle prospettive scientifiche, assiologiche e deontologiche. Ma
quando la Pedagogia diventa scienza, cosa si intende esattamente?

11.   Qual è l’apporto del Vescovo Comenio alla pedagogia?

12.   Testo Domanda

13.   Testo Domanda

14.   Come mai sempre più spesso si parla di “Pedagogie” piuttosto che di “Pedagogia”, a cosa è dovuta questa molteplicità?

15.   Si definisca cosa è giusto intendere con il termine pedagogia?

16.   Tutti i soggetti sono dotati di potenzialità interiori profonde che devono poi essere liberate ed espresse. Quale valore assume in questo processo la pedagogia?

17.   I quanti modi e per quali ragioni abbiamo scisso la pedagogia in pedagogie?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 6/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 002
01.   Qual è il primo significato che ha assunto il termine pedagogia?

 l'educazione popolare

   la competenza in un determinato settore del sapere 

 la formazione di una professionalità docente

   l’educazione dei rampolli delle case nobiliari 

02.   Secondo quale principio la pedagogia deve essere una scienza e non solo un’arte?

   ha l’obbligo di determinarsi 

    l’azione deve essere sempre sorretta dalla tassonomia

   la sua matrice sociale

 non può affidarsi al caso 

03.   Secondo quali prospettive/orientamenti la persona sviluppa il proprio essere?

   otomistica/solipsisitica

 deterministica/fenomenologica

 esistenzialità/essenzialità

 nichilistica/alchimistica

04.   Da dove deriva il termine “pedagogia”? 

05.   Da un punto di vista storico, come si sviluppa la pedagogia?

06.   Come si è evoluto il concetto di pedagogia?

07.   Se è pur vero che la pedagogia è la scienza che studia l’educazione, appare doveroso investigare su cosa sia più giusto intendere con tale termine. In questo
modo, oltre a d offrire una giusta chiave di lettura dell’educazione, si evidenzi, in né più né meno di 7 righe, cosa significa educare l’essere umano e di quali aspetti
richiama.

08.   Secondo quale principio la pedagogia deve essere un'arte e non solo una scienza?

09.   Quale è la genesi e lo sviluppo della pedagogia?

10.   Secondo quale principio la pedagogia deve essere una scienza e non solo un’arte?

11.   Secondo quali prospettive/orientamenti la persona sviluppa il proprio essere?

12.   Il termine persona è presente in tutto il percorso didattico riferito al corso di pedagogia generale e sociale. Il candidato rifletta, in né più e né meno di 7 righe,
su tale assunto educativo, determinandone le caratteristiche e gli elementi che lo contraddistinguono e dell’importanza che esso riveste all’interno del panorama
pedagogico.

13.   La pedagogia è l’arte e la scienza dell’insegnamento. Si definisca, in né più né meno di 7 righe in quali termini è considerabile arte e in quali scienza.  

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:45 - 7/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 003
01.   Quale tipo di ideale è espressione di un uomo custode di potenzialità da far esprimere attraverso l'opera educativa?

 prospettiva fenomenica

 ideale illiministico

 ideale pansofico

 prassi didattica

02.   Quali caratteristiche deve possedere una scienza per definirsi autonoma?

 indipendenza, legittimazione, autovalutazione

 strumenti, tecniche, leader

 campo di applicazione, oggetto di studio, statuto epistemologico

 correnti di pensiero, impresa, linee guida

03.   Quali sono i due termini che vengono richiamati nella semantica pedagogia?

   maggiorenne/determinare

 anziano/prossemica

 adulto/andragogia

 fanciullo/condurre

04.   A cosa ci riferiamo se affermiamo:  "la scienza che ha per oggetto l’esame critico della ricerca scientifica e della stessa nozione di scienza"?

 alla filosofia

 all'epistemologia

 alla didattica

 alle neuroscienze

05.   Come è possibile sintetizzare il termine epistemologia?

 riflessione sulla metafisica

   pensiero debole

 studio del sapere

 studio della didattica

06.   In quale modo è possibile definire l’epistemologia?

 l’azione che ha per oggetto lo studio sistematico e/o analitico della valutazione e della docimologia

   la scienza che si occupa di stabilire le risorse, l’articolazione curriculare e della didattica di ogni processo educativo 

   il pensiero che legittima l’agire educativo attraverso il metodo della falsificazione 

   la scienza che ha per oggetto l’esame critico della ricerca scientifica e della stessa nozione di scienza

07.   Qual è l'oggetto di studio della pedagogia?

 l'educazione

 la prassi

 la persona

 la didattica

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 8/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Cosa si intende con la semantica “ideale pansofico”?

   la salvaguardia dell’ecosistema

 l’utopia della formazione

 la bellezza del creato

 il soggetto custode delle potenzialità educative

09.   Qual è il campo di applicazione della pedagogia?

 l'epistemologia

 l'educazione

 la filosofia

 la persona

10.   Quale triade rappresenta le correnti di pensiero attraverso cui è possibile tassonomizzare i grandi Maestri?

 analitica, olistica, rivoluzionaria

 mistica, scientifica, filosofica

 pragmatica, esperienziale, oligarchica

   mistica, ancestrale, antropologica

11.   Cosa sono il campo di applicazione, l'oggetto di studio e lo statuto epistemologico?

 le fasi del lavoro di gruppo

 gli elementi della filosofia

 la prassi didattica

 gli elementi di una scienza autonoma

12.   Si definisca cosa si intende con la semantica “ideale pansofico”?

13.   Quali caratteristiche deve possedere una scienza per definirsi autonoma?

14.   Si definisca in quali termini la pedagogia è considerata una scienza autonoma

15.   In quale modo è possibile definire l’epistemologia?

16.   La pedagogia si rapporta costantemente con le altre scienze umane e dell’educazione. Si definiscano i termini di tale relazione in né più né meno di 7 righe.

17.   Si definiscano gli elementi, i principi e le funzioni della pedagogia sociale

18.   Quali possono essere le relazioni ed i confini che si determinano tra pedagogia ed educazione? 

19.   Cosa sono e quale ruolo sociale rivestono la pedagogia dell’infanzia, della terza età e dell’adulto?

20.   Quali tipologia di pedagogia si sono prese in considerazione? Si definiscano i caratteri e le funzioni di ognuna

21.   Quale contributo offre l’epistemologia alla scienza pedagogica?

22.   Cosa è e quale valore assume l'epistemologia all'interno di un quadro pedagogico?

23.   La pedagogia è ormai divenuta a pieni titolo una scienza autonoma all’interno delle scienze umane e dell’educazione. Si spieghi, in né più né meno di 7 righe
quali caratteristiche deve possedere una scienza per definirsi autonoma.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 9/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 004
01.   Qual è il principio universale del Maestro Rousseau?

   l’educazione secondo natura

   la poliformia della formazione 

   la nomenclatura delle scienze

 la fatica dell’istruzione

02.   Cosa può essere mistica, scientifica, filosofica?

 le fasi della didattica

 le fasi della ricerca pedagogica

 gli elementi filosofici della pedagogia

 le correnti di pensiero attraverso cui è possibile tassonomizzare i grandi Maestri

03.   Quale triade rappresenta le correnti di pensiero attraverso cui è possibile tassonomizzare i grandi Maestri?

 analitica, olistica, rivoluzionaria

 pragmatica, esperienziale, oligarchica

 mistica, scientifica, filosofica

   mistica, ancestrale, antropologica

04.   Quale esigenza educativa incarna la Maria Boschetti Alberti?

   la personalità dell’educatrice

   la didattica tecnologica

   il laboratorio formativo

 la formazione del personale 

05.   Quale grande maestro appartiene alla corrente filosofica?

 Gardner

   Goleman

 Mencarelli

   Dewey

06.   Nel corso dei secoli si sono susseguiti molti studiosi che hanno contribuito a fornire una serie di riflessioni sulla pedagogia che hanno formato diverse correnti
di pensiero. Oltre a definire la corrente mistica quali autori-maestri sono stati i più rappresentativi?

07.   Si definisca come è possibile tassonomizzare i grandi Maestri?

08.   Nel corso dei secoli si sono susseguiti molti studiosi che hanno contribuito a fornire una serie di riflessioni sulla pedagogia che hanno formato diverse correnti
di pensiero. Oltre a definire la corrente scientifica, quali autori-maestri sono stati i più rappresentativi?

09.   Nel corso dei secoli si sono susseguiti molti studiosi che hanno contribuito a fornire una serie di riflessioni sulla pedagogia che hanno formato diverse correnti
di pensiero. Oltre a definire la corrente filosofica quali autori-maestri sono stati i più rappresentativi?

10.   Quali sono e come si caratterizzano le correnti di pensiero attraverso cui è possibile suddividere i grandi Maestri della pedagogia?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 10/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 005
01.   Quale principio universale è portato come fonte di legittimazione del positivismo da Kelly?

 tutto si determina secondo una logica progressiva

 tutto ciò che è conoscibile è anche misurabile

 tutto avviene secondo un modello alchimistico

   tutto si compie per volontà divine

02.   A cosa è sempre orientata la ricerca positivista?

   alla visione autoreferenziale

 alla determinazione della trascendenza umana

   all’osservazione e all’analisi del reale

   alla salvaguardia della corrente mistica

03.   Quale corrente si fondo sull'assunto che   tutto ciò che è conoscibile è anche misurabile?

 l'attivismo

 il misticismo

 l'esprienza

 il positivismo

04.   Quale argomento è posto al centro della teorizzazione del Circolo di Vienna?

   di prospettiva

   di verificabilità

 di determinazione

 di assuefazione

05.   Quale grande trasformazione determinò l’attivismo?

   la determinazione delle variabili nel processo educativo

 il passaggio da una visione magistrocentrica ad una puerocentrica

 la formulazione di piani curriculari fondati nella società

   la presa in carico delle risorse economiche volte alla riorganizzazione della didattica

06.   In quale periodo ebbe inizio l’attivismo?

 sul finire del XIX secolo

 da un lustro

 alle soglie del XXI secolo

   da più di un ventennio

07.   Cosa ebbe inizio sul finire del XIX secolo di così importante per la pedagogia?

 il progressismo

 la filosofia

 l'attivismo

 il misticismo

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 11/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Secondo Morselli cosa rivaluta il positivismo come fondamento della conoscenza?

 il gruppo

   la didattica

   l’esperienza

 l’origine fenomenologica

09.   Quale etimologia richiama il positivismo?

 ciò che è educato

 ciò che è posto

 ciò che è espresso

 ciò che è messo

10.   Si argomenti il principio universale portato come fonte di legittimazione del positivismo da Kelly: tutto ciò che è conoscibile è anche misurabile.

11.   Quali sono le caratteristiche del positivismo? E come si relazione con la pedagogia?

12.   Quali sono le caratteristiche dell’attivismo? E come si relazione con la pedagogia?

13.   Cosa è il positivismo e quale contributo offre alla pedagogia?

14.   Quali sono i principi, i caratteri e gli elementi che fanno del positivismo una corrente profondamente influenzante la scienza pedagogica?

15.   Quali sono i principi, i caratteri e gli elementi che fanno dell’attivismo una corrente profondamente influenzante la scienza pedagogica?

16.   Quali sono le critiche che è possibile muovere al positivismo?

17.   La pedagogia moderna è il risultato di profonde lotte teoriche e pratiche che hanno segnato la sua evoluzione in particolare durante tutto il Secolo trascorso.
In particolare si prenda in considerazione, in né più né meno di 7 righe, l’attivismo ed il positivismo e di quale apporto hanno offerto all’epistemologia pedagogica.

18.   Cosa è l'attivismo e quali indicazioni fornisce all'educazione?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 12/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 006
01.   Come era definite la colonia di Gorkij di makarenko?

 la casa popolare

 la trappola

 la comune

 la casa di tutti

02.   Per quale grande Maestro il fine dell'educazione era l'uomo collettivo?

 Tolstoj

 Mencarelli

 Dewey

 Makarenko

03.   Chi utilizza le cianfrusaglie per far giocare i bambini all’asilo di Mompiano?

 Erik Hill

 Maria Montessori

 John Dewey

 Sorelle Agazzi

04.   Quale scuola diresse Maria Boschetti Alberti?

 la scuola di mezzo

 la scuola pedagogica

 la scuola serena

 la scuola del partito

05.   Come veniva comunemente chiamata la Maria Boschetti Alberti?

   la prodigiosa conoscenza

   l’orgoglio italiano ed europeo

 la maestra dalla penna rossa

 la sapiente istruttrice

06.   Quale era il fine dell’educazione secondo il Makarenko?

 l'uomo totalitario

 l'uomo integrale

   l’uomo collettivo

 l'uomo sapiens

07.   Quale principio è alla base del credo educativo del Toltoj?

 il futuro

   l’oppressione 

 l’obbligo sociale

 la libertà

08.   Su quali principi si basa il pensiero educativo della Maria Boschetti Alberti?

09.   Su quali principi si basa il metodo educativo delle sorelle Agazzi?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 13/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

10.    Qual è il contributo alla letteratura pedagogica della Maria Boschetti-Alberti?

11.   Quali sono i principi educativi espressi dal Makarenko?

12.   Quali differenze esistono tra il modello educativo espresso dal Tolstoj e quello del Makarenko? 

13.    Qual è il contributo alla letteratura pedagogica del Tolstoj?

14.   Qual è il contributo alla letteratura pedagogica del Makarenko?

15.    Qual è il contributo alla letteratura pedagogica delle sorelle Agazzi?

16.   Quali sono i principi educativi espressi dal Tolstoj?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 14/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 007
01.   Come definisce i sensi Maria Montessori?

 la trascendenza divina

   la porta dell’anima

   lo spirito universale

 lo scalino del paradiso

02.   Quale caratteristica possiede il bambino per la Montessori?

 appartenere ad una determinata classe sociale

 evolversi in maniera solipsistica

 sfruttare al meglio le risorse che i genitori mettono a disposizione

 avere una mente assorbente

03.   Cosa aprì nel 1096 Maria Montessori?

 la Casa dei bambini

 la Casa di cura

 la Casa del futuro

 la Casa scuola

04.   In quale anno Maria Montessori aprì la Casa dei Bambini?

 1854

 1954

 1906

 1996

05.   Il movimento del positivismo nasce, a livello culturale, come risposta a quale corrente?

 funzionalismo

 idealismo

 associazionismo

 kantismo

06.   Per la Montessori, cosa sono la porta dell'anima? 

 la pedagogia

 i sensi

 i bambini

 i soldi

07.   Qual è il metodo che contraddistingue il pensiero di Decroly?

   metodo globale

 metodo anarchico

   metodo fenomenologico

 metodo euristico

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 15/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Quale autore indaga il metodo di lavoro libero per gruppi?

 Cousinet

   Dewey

 Aristotele

   Platone

09.   Dove si colloca il maggiore contributo del Freinet alle scienze dell’educazione?

   stili cognitivi e di comportamento

   tecnologie e FAD

 tecniche e strumenti

 associazione e risorse

10.   A quale criterio associamo il lavoro del Claparede?

   osmotico

 associazionismo

 nichilismo

   funzionalismo

11.   Quali principi universali dell’educazione si estrapolano dal pensiero del Decroly?

 centri d’interesse/globalismo conoscitivo

 metodologia antropologica/esistenzialismo

   metodo euristico/approccio essenziale

   lassismo/meritocrazia

12.   A quale pedagogia offre il maggiore contributo il positivismo?

 alla pedagogia sperimentale

 alla pedagogia della famiglia

 alla pedagogia sistemica

 alla pedagogia umanistica

13.   Quale elemento educativo rivaluta il positivismo?

 l'esperienza

 l'illusione

 la matematica

 la trascendenza

14.   Si determini, in né più né meno di 7 righe, il valore che Maria Montessori ha avuto per la pedagogia e l’educazione in genere

15.   Qual è il metodo che contraddistingue il pensiero di Decroly?

16.   Quali principi universali dell’educazione si estrapolano dal pensiero del Decroly?

17.   La Pedagogia Speciale deve il suo massimo contributo in particolare  ad un’Autrice, di chi si tratta? Si definisca tale apporto.

18.   Su quali assunti educativi si basava il metodo Montessori?

19.   Quale caratteristica possiede il bambino per la Montessori?

20.   Qual è il contributo del Freint alla pedagogia?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 16/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

21.   Si definisca il rapporto che lega la Montessori alla pedagogia speciale.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 17/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 008
01.   A chi appartiene principalmente il credo educativo "imparare facendo"?

 Freinet

 Paltone

 Dewey

 Goleman

02.   Come può essere riassunto il credo educativo del Dewey?

 liberare l'uomo

   legalizzare il pensiero

   studiare i principi

   imparare facendo

03.   Per John Dewey il fine dell’agire educativo è riassumibile i quale delle seguenti affermazioni?

 valorizzare l’essere umano da un punto di vista alchimistico 

 asegnare il posto giusto per ogni persona

   dare una visione europea dell'educazione

 ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo

04.   Come deve essere organizzato l’apprendimento per Bruner?

 secondo una progressione ottimale

 secondo la prospettiva deterministica

  secondo modelli stadiali e separati 

 secondo il modello prossimale

05.   Piaget ha il grande pregio di aver elaborato

 un metodo sperimentale

   un modello integrale dello sviluppo del bambino

   un assioma dell’educazione interculturale

   un metodo di intervento in presenza di deficit

06.   Quale metafora utilizza per spiegare il valore del cuore e dei sentimenti nell’educazione il Bruner?

   la metafora della gamba destra

   la metafora del braccio armato

   la metafora della mano sinistra

   la metafora delle digressione della mano

07.   Qual è la seconda fase dell’evoluzione del bambino per il Piaget?

 finale-sommatoria

 operazioni formali

   senso-percettiva

 operazioni logiche

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 18/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Quali leggi regolano l’evoluzione e l’apprendimento per Piaget?

 assimilazione/accomodamento

   entropia/empatia

   anarchia/libertà

    prossimità/tecnologie

09.   A chi dobbiamo  l'aver ideato  un modello integrale dello sviluppo del bambino?

 Gardner

 Bruner

 Pieget

 Mencarelli

10.   Per quale autore l'apprendimento deve avvenire secondo una progressione ottimale?

 Kant

 Piaget

 Hill

 Bruner 

11.   Quale teoria elabora il Bruner per spiegare i suoi principi educativi?

 teoria della fisica

 teoria dell’educazione permanente

 teoria delle fasi della vita

   teoria dell’istruzione

12.   A quale grande Maestro associamo i natali del concetto di educazione permanente in Italia?

 Makarenko

 Goleman

 Visalberghi

 Mencarelli

13.   Su quale settore dell'educazione risiede il contributo offerto dal Mencarelli? Si argomenti la risposta

14.   Per John Dewey il fine dell’agire educativo è riassumibile nella semantica: assegnare il posto giusto per ogni persona. Si definisca il contributo del Dewey alla
pedagogia partendo proprio dalla frase espressa. 

15.   Su quali principi educativi si erige il pensiero del Dewey?

16.   Quale contributo offre il Piaget all’educazione? 

17.   Si determinino le fase dell’evoluzione del bambino per il Piaget?

18.   Quale teoria elabora il Bruner per spiegare i suoi principi educativi? Su quali assunti si basa tale modello?

19.   Quale metafora utilizza per spiegare il valore del cuore e dei sentimenti nell’educazione il Bruner?

20.   Lo statuto epistemologico appartenente alla pedagogia generale è ricco di grandi Maestri dell’educazione, ognuno dei quali con determinate teorie e pratiche.
In questi termini si si richiede di analizzare, in né più né meno di sette righe, le varie correnti di pensiero attraverso cui è possibile compiere una classificazione.

21.   Come deve essere organizzato l’apprendimento per Bruner?

22.   Quale argomento pedagogico definisce il pensiero del Mencarelli? 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 19/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

23.   All’interno del corso si sono analizzati diversi grandi Maestri della pedagogia, in particolare riferita al ‘900. Si analizzi, in né più né meno di 7 righe, un
Maestro che ha determinato il progredire pedagogico. 

24.   Si riassuma il credo educativo del Dewey

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 20/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 009
01.   A chi appartiene la metafora del cerchio delle scienze?

 Mencarelli

 Kant

 Spencer

 Piget

02.   Cosa si intende con il termine “vigilanza epistemologica”?

   la costante tensione a codificare le informazioni che ci provengono dall’ambiente

   l’abilità a uniformarsi al pensiero convergente

   l’incessante capacità umana di dirigere

 la propensione a sapere e spartire il traffico 

03.   Quale metafora adotta il Piaget per descrivere le scienze dell’educazione?

   il quadrato dell’istruzione primaria

   il cerchio delle scienze

 il triangolo della formazione

   il cubo educativo

04.   Quale posto occupa la pedagogia all’interno della metafora piagettiana del “cerchio delle scienze”?

 è fuori dal cerchio in quanto garante di scientificità

 è in mezzo tra l’uomo e le altre scienze 

 è al centro del cerchio

   è un punto della circonferenza

05.   Per Durkheim cosa si rischia lasciando solo l’uomo nel suo evolversi?

 che cada vittima dei propri desideri senza fine

 che si emargini e si isoli dalla scuola materna

 che divenga un esploratore 

   che non possegga le ricchezze da adulto

06.   Secondo Durkheim, l’educazione quale errore non deve commettere?

   uniformarsi con la società

   lasciare in solitudine il soggetto in apprendimento

   perdere di vista i principi tecnologici

   girare le spalle alla scienza

07.   Piaget utilizza una metafora per definire la relazione che possiedono tra di loro le scienze umane e dell’educazione. Si rifletta su tale idea, in né più né meno di
7 righe, cercando di porre in evidenza quali caratteristiche possiede e di quale posto occupa la pedagogia e l’essere umano all’interno della metafora.

08.   Si spieghi la metafora che adotta il Piaget per descrivere le scienze dell’educazione? 

09.   Presentare la pedagogia come scienza vera e propria, la induce tuttavia a non risolvere completamente alcuni aspetti. Cosa intende Mencarelli con la
“Vigilanza epistemologica”?

10.   Cosa si intende con la semantica "cerchio delle scienze"?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 21/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 010
01.   Secondo il Mialaret, cosa è l’educazione?

   una determinazione universale

   una scienza e un’arte

 una parafrasi della vita

   una alchimia omologante 

02.   Secondo Comte e Durkheim come possiamo definire la pedagogia?

   la parafrasi della formazione umana

   la teoresi dell’istruzione secondaria

   la teoria pratica dell’educazione

   la manifestazione umana

03.   Comte e Durkheim definivano in sostanza la pedagogia come “la teoria pratica dell’educazione”, distinguendo nettamente pedagogia ed educazione. Cosa
intendevano con questi due termini?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 22/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 012
01.   Cosa si intende per metodo sistematico?

   una fase del metodo universale

   le norme con le quali il sapere viene ordinato

   il sistema educativo

   la sintesi dei metodi educativi

02.   Cosa è  il compiere uno studio sistematico con il quale ci si propone di aumentare il sapere?

 il metodo

 la didattica

 il problem solving

 la ricerca

03.   Cosa si intende per metodo?

 una determinazione dell’istruzione scolastica

   il processo individuale del pensiero sociale

   le fasi, gli strumenti, etc, che si attivano per giungere a nuova conoscenza

 un apparato scientifico su cui riflettere in modalità alchimistica

04.   Cosa indica da un punto di vista epistemologico il termine metodo?

   la via docimologica da intraprendere in ogni processo pedagogico

   la via da percorrere per giungere ad un determinato obiettivo

   un problem solving scolastico

   la salvezza della progettazione didattica

05.   Cosa è   la via da percorrere per giungere ad un determinato obiettivo

 la ricerca-azione

 il problem solving

 la ricerca

 il metodo

06.   A chi risale il lavoro dal titolo “Discorso sul metodo”?

 Spencer

 Cartesio

 Kant

 Platone

07.   Come è possibile definire la ricerca?

   studio sistematico con il quale ci si propone di aumentare il sapere

   analisi delle variabili di caso

 un’azione coercitiva su un determinato sapere

 l’omologazione del laboratorio didattico ed epistemologico

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 23/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Cosa determina il metodo inventivo?

   i procedimenti

 l’intuizione energica

 la fase dell’osservazione

   le risorse

09.   Quali caratteristiche assume il metodo nelle scienze umane e dell’educazione?

10.   Metodo e Metodologia sono due aspetti assai diversi nello studio pedagogico. A quali problematiche si fa riferimento?

11.   La pedagogia è un elemento di mediazione tra ciò che è già esistente (la persona nel suo stato di quiete) e ciò che essa potenzialmente può diventare attraverso
un processo di ricerca ed educativo di tras-forma-zione. Cosa vuol dire questo processo? 

12.   Pensando alla definizione di “ricerca pedagogica” si intende lo studio sistematico con il quale ci si propone di aumentare le nostre cognizioni in una
determinata disciplina. Quali sono gli aspetti principali ai quali la pedagogia deve ricorrere nel campo della sua ricerca?

13.   Quali metodi sono principalmente usati in pedagogia?

14.   Cosa si intende per metodo?

15.   Come è possibile definire la ricerca?

16.   In quali termini si deve fare un vero e proprio discorso sul metodo in pedagogia?

17.   Su quali principi si fonda la ricerca in pedagogia?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 24/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 013
01.   Quale paradigma di riferimento si adotta nella ricerca teorica?

 filosofico

 alchimistico

 naturalistico

 ecologico

02.   In quale rapporto devono stare la ricerca teorica e quella applicata?

 in parallelo

   in costante relazione

 in speculazione

 in modo derivato

03.   Qual è l’ottava fase della ricerca per il Mialaret?

   la sommatoria delle variabili

 la pubblicazione

 la discussione dei risultati

   la valutazione

04.   Secondo il Mialaret, qual è prima fase della ricerca? 

   identificazione del problema 

 studio del problema

   analisi dei risultati  

 determinazione della didattica 

05.   Qual è la sesta fase della ricerca secondo il Mialaret?

   la standardizzazione delle procedure

 l’omologazione delle fasi

   la determinazione dei requisiti

   l’applicazione del piano sperimentale

06.   Quanti fasi della ricerca prevede il Mialaret?

 15

 5

 3

 8

07.   Quali sono le fasi della ricerca?

   valutazione, analisi, speculazione, omologazione e definizione

 identificazione del problema, analisi della situazione, costruzione di un piano sperimentale, applicazione, interpretazione-valutazione

   verifica, progettazione, programmazione, risorse e definizione degli obiettivi

 conoscenza del problema, definizione dei requisiti, apparato docimologico e autodeterminazione

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 25/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

08.   Qual è la quarta fase della ricerca secondo il Mialaret?

 l’acquisizione delle abilità di ricerca

   dall’analisi alla valutazione

   dalla stipula del contratto alla formazione

   la sintesi delle risorse

09.   Mialaret identifica otto macro fasi della ricerca, si definiscano le ultime 4

10.   Il termine metodo è argomento spinoso in tutte le scienze. In particolare il metodo assume caratteristiche e principi del tutto particolari quando tenta di
investigare sull’essere umano. In questi termini si definisca, in né più né meno di 7 righe, il concetto di metodo, di quali metodi sono presenti all’interno del
panorama pedagogico e di quali elementi si connotano.

11.   Molti autori hanno riflettuto circa il concetto e la prassi della ricerca. All’interno dello scenario pedagogia ed in generale educativo, Mialaret definisce le
caratteristiche e le fasi della ricerca. Si relazioni, in né più né meno di 7 righe, su tale argomento.

12.   Ricerca e metodo sono due termini che caratterizzano il progredire pedagogico ed in generale di tutte le scienze. Si determini, in né più né meno di 7 righe,
quale relazione instaurano tra di loro, di quali principi si fanno carico e di quale apporto offrono alle scienze umane e dell’educazione.

13.   Si definiscano le fasi della ricerca per il Mialaret

14.   Mialaret identifica otto macro fasi della ricerca, si definiscano le prime 4

15.   Quali sono le fasi della ricerca in pedagogia?

16.   In quale rapporto devono stare la ricerca teorica e quella applicata?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 26/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 014
01.   Tra quelli elencati qual è un fattore influenzante la situazione educativa?

 Programmi generali e particolari

 la scienza andragogica

 l'alessitimia

   l’atteggiamento religioso

02.   Tra quelli elencati qual è un fattore influenzante la situazione educativa?

 nichilismo ancerstrale

 prevenzione 

 architettura scolastica

 atomismo sociale

03.   Tra quelli elencati qual è un fattore influenzante la situazione educativa?

 le variabili antropologiche

 il gap tra scienza e metodo

   la prospettiva atomistica

   il sistema educativo

04.   Cosa può essere discorsivo/sperimentale?

 la teoria

 il metodo

 la prassi

 la prospettiva ecologica

05.   A quale metodo ci riferiamo se cerchiamo di far confluire più prospettive su un determinato argomento? 

 ermeneutico

 parlato

 sperimentale

 discorsivo

06.   Su quale assunto si fonda il metodo discorsivo?

 sul tacere se non conosciamo la risposta

   sul parlare il più possibile

 sul far confluire più prospettive su un determinato argomento 

 sull’elaborare mentalmente la soluzione del problema

07.   Quali sono i due principali metodi della ricerca pedagogica?

 utopico/alchimistico

 discorsivo/sperimentale

   olistico/utopico

   analitico/fattoriale

08.   La situazione educativa rappresenta un argomento di fondamentale importanza in particolare per la pedagogia. Si ponga in evidenza, in né più né meno di 7
righe, cosa è giusto intendere con tale semantica e di quale siano i fattori che la influenzano

09.   Cosa si intende per metodo discorsivo?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 27/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

10.   Su quale assunto si fonda il metodo discorsivo?

11.   Quali sono i fattori influenzanti la situazione educativa?

12.   Quali caratteristiche possiedono il metodo sperimentale e quello discorsivo?

13.   Quali sono i due principali metodi della ricerca pedagogica?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 28/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 015
01.   Tra quelli elencati qual è un fattore influenzate la situazione educativa?

   l’atteggiamento religioso

   la prospettiva utopica

   la scienza andragogica

   il tipo di società

02.   Quale slogan dell’UNESCO definisce il processo di maturazione permanente ed espressione umana in ogni contesto/ambiente educativo?

 educarsi per raccontare 

 studiare lo studio

 crescere continuamente la propria impresa

 imparare ad imparare

03.   Qual è il valore dello slogan UNESCO imparare ad imparare?

04.   Quale slogan dell’UNESCO definisce il processo di maturazione permanente ed espressione umana in ogni contesto/ambiente educativo?

05.   Su quali principi pedagogici si fonda lo slogan UNESCO imparare ad imparare?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 29/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 016
01.   Quale, tra le competenze evidenziate, è riferibile all’educatore?

   formare al nichilismo ed all’introspezione

 cogliere i cambiamenti sociali

   determinare la scala di interventi predittivi

 istruire secondo il modello degli obiettivi oggettivi

02.   Secondo Freud l’educatore è

 un soggetto capace di entrare nella psiche umana

   un’azione classificatoria

   un mestiere impossibile

 una prassi sperimentale

03.   In quali termini Freud definisce l’educatore come un mestiere impossibile?

04.   Quali competenze deve possedere l’educatore moderno?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 30/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 017
01.   Quale problematica solleva il fenomeno dei ragazzi Hikikomori?

   una sindrome valutativa

   la tendenza ad isolarsi

   la volontà a parlare continuamente

   la percezione di soggetti estranei

02.   Cosa deve trovare necessariamente il bambino all’interno delle agenzie di ogni ordine e grado?

 beni materiali

 servizio di mensa

 stimoli a fare

 i genitori ad accudirli

03.   Secondo il Gisle George, qual è il maggiore problema che l’educazione del bambino deve affrontare nella società moderna e che determina l’esaurimento della
vitalità?

  l’iperfunzionamento

 la mancanza di fabbisogno di nutrimento

   una educazione progressiva

 una dieta ricca di fibre

04.   Secondo il Gisle George, il maggiore problema che l’educazione del bambino deve affrontare nella società moderna e che determina l’esaurimento della
vitalità è l’iperfunzionamento. Si determini quali riflessioni educative genera tale deduzione. 

05.   Quale problematica educativa solleva il fenomeno dei ragazzi Hikikomori?

06.   Secondo il Gisle George, il maggiore problema che l’educazione del bambino deve affrontare nella società moderna e che determina l’esaurimento della
vitalità è l’iperfunzionamento. Si determini quali riflessioni educative genera tale deduzione. 

07.   

Secondo il Gisle George, il maggiore problema che l’educazione del bambino deve affrontare nella società moderna e che determina l’esaurimento della vitalità è
l’iperfunzionamento. Si determini quali riflessioni educative genera tale deduzione.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 31/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 018
01.   Quale, tra quelli indicati, non è una tipologia di gioco espressa dal Piaget

   quello antagonista della terza età

 quello simbolico dell’infanzia

 quello specifico dell’età scolare

   quello senso motorio dei primi anni di vita

02.   Come può essere definito il gioco nell’attività e nell’educazione umana?

 una risorsa economica da sfruttare indipendentemente dalla fase della vita 

 un’attività naturale volta alla preparazione della vita

 un obbligo del bambino che si oppone ad essere educato

   una competenza da acquisire con consapevolezza da adulto

03.   Quale, tra le seguenti caratteristiche, è indispensabile per il gioco?

   la libertà di espressione

   ingenti quantità di materiali

 spazi immensi

   tempi minimi

04.   Come può essere definito il gioco nell’attività e nell’educazione umana?

05.   Quale valore assume il gioco nello sviluppo umano?

06.   Quali tipologie di gioco evidenzia il Piaget?

07.   5. L’educazione del bambino possiede caratteristiche proprie. In particolare il gioco assume un valore formativo senza pari, tale da dover essere analizzato e
scandito in ogni sua più intima peculiarità. Si esamini, in né più né meno di 7 righe, tali assunti.   

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 32/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 019
01.   Come può essere sintetizzato da un punto di vista pedagogico il concetto di miracolo formativo?

   un traguardo in direzione del quale si cresce 

 un intervento divino nel voler formare qualcosa

   una prospettiva trascendentale del positivismo

 un filone di ricerca che ha origine nel 1862 in Inghilterra

02.   Quale tassonomia della pedagogia presenta il King?

   deterministica, valida, vera

 scientifica, assoluta, oggettiva

 valoriale, metafisica, obiettiva

 pura, applicata, sociale

03.   Cosa può essere per il Kink pura, applicata e sociale? 

 la pedagogia

 il metodo

 la didattica

 la ricerca

04.   Come può essere sintetizzato da un punto di vista pedagogico il concetto di miracolo formativo?

 un intervento divino nel voler formare qualcosa

   un traguardo in direzione del quale si cresce 

 un filone di ricerca che ha origine nel 1862 in Inghilterra

   una prospettiva trascendentale del positivismo

05.   Teoria e prassi sembrano occuparsi di settori del sapere differenti e quanto mai distanti. Si analizzino, in né più né meno di 7 righe, il valore che assumono
all’interno di una prospettiva pedagogica ed educativa.

06.   Quale tassonomia della pedagogia presenta il King?

07.   Come suddivide la pedagogia il King?

08.   Come può essere sintetizzato da un punto di vista pedagogico il concetto di miracolo formativo?

09.   Secondo quali elementi e principi il Bruner sintetizza il rapporto tra teoria e prassi con questi termini: teorie ingenue e pratiche popolari. Si analizzi, , in né
più né meno di 7 righe, tale problematicità.

10.   Il King rappresenta per molti pedagogisti un punto di riferimento teorico di indiscutibile valore epistemologico. Si analizzi, in né più né meno di 7 righe, il
contributo offerto alla pedagogia ed in generale a tutte le scienze umane e dell’educazione da parte di questo scienziato.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 33/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 020
01.   Qual è il limite del modello didattico dell’apprendimento?

 la prassi risulta troppo articolata ed eterogenea

   la teoria e la pratica si dirigono in direzioni opposte piuttosto che comunicare

 non si esprime in modo scientifico

   la didattica non è solo apprendimento, ma anche insegnamento

02.   Su quali campi di indagine si fonda il modello didattico delle tre I?

 informatica, inglese, impresa

 intellettivo, induzione, impressione

 incubazione, intenzionalità, integrazione

   intuito, innovazione, interdipendenza 

03.   Su quale principio didattico si fonda il modello della comunicazione?

 insegnare è obbligare per mezzo della parola

 insegnare è inculcare

 insegnare è comunicare

   insegnare è travasare

04.   Quali sono gli elementi che definiscono il modello didattico delle tre I?

05.   Su quali campi di indagine si fonda il modello didattico delle tre I?

06.   Quali modelli didattici si sono presi in considerazione? Su quali assunti si basano? Quali limiti presentano?

07.   La didattica e la pedagogia si relazionano per studiare in profondità le situazioni che possono influenzare le condizioni di insegnamento-apprendimento. In
questo contesto come può essere definito lo “Spazio pedagogico”?

08.   Quali modelli didattici si sono presi in considerazione? Su quali assunti si basano? ?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 34/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 021
01.   Qual è l’ultimo stadio dell’apprendimento per il Bloom?

 la soggettività

   la determinazione

   la sintesi

   la valutazione

02.   Quali sono gli storici saperi basilari dell’istruzione?

   conoscere, uniformarsi e parlare

 leggere, scrivere e far di conto

   ascoltare, narrare ed informarsi

 istruirsi, creare e determinare

03.   Qual è il primo livello di apprendimento per il Bloom?

   comunicazione

   consapevolezza

   empatia

   conoscenza

04.   Cosa determina il Bloom con il quarto livello dell’apprendimento specificandolo con la sintesi?

   l’abilità a formare dei diagrammi di flusso capaci di associare gli eventi 

 la capacità di cogliere l’implicito non direttamente comprensibile

   la competenza nel padroneggiare tutte le variabili in gioco

   la capacità riassuntiva letteraria

05.   Secondo quale tassonomia è giusto definire gli obiettivi dell’apprendimento?

   conoscenza, classificazione, tassonomia, bisogni e calibrazione

   progettazione, programmazione, realizzazione, valutazione

   determinazione, consapevolezza, analisi, verifica, abilità

 conoscenza, comprensione, applicazione, analisi, sintesi, valutazione

06.   Il sesto e ultimo livello degli obiettivi dell’apprendimento è la “Valutazione”, di cosa si tratta?

07.   L’apprendimento è una parola chiave all’interno del panorama educativo e pedagogico. Quali caratteristiche, di quali elementi è corredato, e quale è la scala
degli apprendimenti? Si esamini tale concetto, in né più né meno di 7 righe.

08.   Bloom ci indica una tassonomia degli obiettivi dell’apprendimento. Quanti e quali sono questi livelli? 

09.   Quali sono gli storici saperi basilari dell’istruzione? Come si sono modificati nel corso del tempo?

10.   Da quali fasi è composto il modello dell’apprendimento per il Bloom?

11.   Secondo quale tassonomia è giusto definire gli obiettivi dell’apprendimento?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 35/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 022
01.   Di quale ambito del sapere si occupa la pedagogia speciale?

 dell’esperimento educativo

   dei soggetti diversamente abili

 della didattica delle case di riposo

 della comparazione tra i sistemi educativi

02.   Di quale ambito del sapere si occupa la pedagogia speciale?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 36/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 023
01.   Quale duplice valore assume ciascuna connotazione culturale

   stacanovismo/deficit

   verità/certezza

   valenza/ricchezza

 espressione/significato

02.   In quali sensi è possibile distinguere la cultura?

   in senso biologico e ecumenico

 in senso speculativo e anarchico

   in senso classico e antropologico

 in senso mistico e oggettivo

03.   Come deve essere sostituita la pedagogia dell’avere?

   con la pedagogia dell’essere

 con l’antropologia dell’accumulare

 con la filosofia tecnocratica

   con la didattica della ricchezza

04.   Qual è lo slogan coniato da Peters nel 1977?

   studiamo per vivere e viviamo per leggere

   viviamo per imparare e impariamo per vivere

   bisogna prendere sul serio l’educazione

   analizziamo tutto quello che ci capita e ci capita tutto quello che analizziamo

05.   Quale specificità d’azione appartiene la metodologia didattica?

 la formazione di una classe elitaria

 le migliori strategie di insegnamento-apprendimento 

 la formazione di una capiente abilità umana

 la richiesta economica dell’istruzione

06.   Cosa è la prassologia?

 un sapere fittizio e incerto

 un elemento dell’istruzione mistica

 la scienza che studia la condotta della persona in apprendimento

 un’azione coercitiva della prassi didattica

07.   Il concetto di cultura si lega in modo indissolubile a quello della pedagogia divenendo così pedagogia della cultura. Si indaghi, in né più né meno di 7 righe, su
tale modello pedagogico e sulle finalità che intende perseguire.

08.   Quale valore pedagogico assume il termine cultura?

09.   Si definisca la prassologia ed il valore che assume nella pedagogia

10.   Cosa è un uomo colto?

11.   In quali sensi è possibile distinguere la cultura?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 37/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

12.   All’interno di uno scenario pedagogico il termine cultura si definisce secondo caratteristiche proprie e definite. Si rifletta, in né più né meno di 7 righe, su
quale definizione è stata data a tale termine e quali implicazioni pedagogiche determina.

13.   Quale valore educativo assume lo slogan coniato da Peters nel 1977 viviamo per imparare e impariamo per vivere? 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 38/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 024
01.   Quale tassonomia della pedagogia presenta il King?

 deterministica, valida, vera

 valoriale, metafisica, obiettiva

 pura, applicata, sociale

 scientifica, assoluta, oggettiva

02.   Quale tra quelle elencate non è una pedagogia presente nella tassonomia del King?

 pura

 sociale

 sperimentale

 applicata

03.   Come può procede il processo educativo?

 molteplice per il molteplice/particolare al particolare

 oggettivo/deterministico

 anarchico/collettivo

 variabile/classificatorio

04.   Quale tassonomia della pedagogia presenta il King?

05.   Il King rappresenta per molti pedagogisti un punto di riferimento teorico di indiscutibile valore epistemologico. Si analizzi, in né più né meno di 7 righe, il
contributo offerto alla pedagogia ed in generale a tutte le scienze umane e dell’educazione da parte di questo scienziato.

06.   Secondo quali elementi e principi il Bruner sintetizza il rapporto tra teoria e prassi con questi termini: teorie ingenue e pratiche popolari. Si analizzi, , in né
più né meno di 7 righe, tale problematicità.

07.   Secondo quali principi basilari si orienta la pedagogia?

08.   Teoria e prassi sembrano occuparsi di settori del sapere differenti e quanto mai distanti. Si analizzino, in né più né meno di 7 righe, il valore che assumono
all’interno di una prospettiva pedagogica ed educativa.

09.   Cosa vuol sottolineare il Bruner con l’affermazione: teorie ingenue e pratiche popolari? Si risponda in né più né meno di 7 righe

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 39/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 025
01.   Per giungere alla completa comprensione di un testo il lettore utilizza due tipi di informazioni, quali?

   uditivo/non uditivo

   visivo/non visivo

 tattile/non tattile

 olfattivo/non olfattivo

02.   Qual è la seconda fase della lettura?

   leggere il titolo

   memorizzazione

 sfogliare le pagine da studiare

 comprare il libro

03.   Tra le seguenti problematiche, quale non è una difficoltà della lettura?

   determinazione oculistico/alchimistica

   vocalizzazione

 disturbi specifici dell’apprendimento

 arco di riconoscimento limitato

04.   Quali elementi dello studio abbiamo analizzato all’interno del corso?

 leggere, scrivere, ascoltare

   narrare, produrre, creare

 scrivere, contare, intraprendere

 attivare, educare, memorizzare

05.   Quali tipi di approcci si sono evidenziati nella lettura?

 prassico/teorico

   analitico/ecumenico

   afferente/estetico

 nomotetico/fenomenologico

06.   Quali sono le fasi di una corretta metodologia di lettura?

07.    Quali tipi di approcci si sono evidenziati nella lettura? Quali informazioni utilizza? 

08.   Si definiscano quali sono gli elementi e le caratteristiche di una corretta metodologia di lettura.

09.   Si analizzino, in né più né meno di sette righe, come si ascolta, come si scrive e come si legge.

10.   Per affrontare un testo nella sua lettura, Zwaan fa riferimento all’approccio afferente e Kintsch all’approccio estetico. Di cosa trattano questi due approcci?

11.   Quali elementi dello studio abbiamo analizzato all’interno del corso?

12.   Si descrivano, in né più né meno di sette righe, gli elementi che compongono una corretta metodologia di studio. 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 40/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 026
01.   Quale, tra quelle elencate, non è una funzione di un testi scritto

  poetica

 espressiva

   transazionale

  diacronica

02.   Come bisognerebbe porsi per ascoltare in modo proficuo?

   nella confusione

   passivamente

   isolatamente

   attivamente 

03.   Parlando di metodologia dello studio si fa riferimento a due specifiche finalità, poiché il percorso formativo è volto a formare una persona cosciente e capace
di una propria collocazione sociale. Quali sono le fasi di un corretto studio?

04.   Lo studio risulta di fondamentale importanza in qualsiasi processo educativo e di apprendimento-insegnamento. In questi termini si analizzi le fasi, gli
elementi e le variabili che sono state analizzate nei confronti della metodologia dello studio

05.   Quali possono essere le funzioni di un testo scritto? 

06.   Come bisognerebbe porsi per ascoltare in modo proficuo?

07.   Se è pur vero che sostanzialmente lo studio prevede sia la scrittura che l’ascolto, si chiede di determinare, in né più né meno di sette righe, cosa è giusto
intendere con la fase di lettura, e come sia giusto compierla.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 41/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 027
01.   Parlando di neuroscienze, quale contributo fornisce lo studio del cervello nella ricerca didattico-pedagogica?

02.   Quale contributo offrono le neuroscienze al discorso pedagogico?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 42/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 028
01.   Quali tra le seguenti affermazioni riferita alle caratteristiche che possiede l’atteggiamento metacognitivo ritieni vera?

   è un pensiero umile e distaccato dalla realtà

 è un atteggiamento di chiusura costante e permanente

   è un’azione che spinge a riflettere sulla propria azione cognitiva

 una sfera del sapere che si occupa della docimologia

02.   Qual è il rapporto che l’educazione stabilisce con la metacognizione?

03.   Qual è il contributo della prospettiva metacognitiva alla pedagogia?

04.   Come si relazione la pedagogia alla metacognizione?

05.   Quale può essere considerato come fine dell’approccio didattico metacognitivo?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 43/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 029
01.   In quale rapporto stanno il leader e la leadership?

   memoria/ricordo

   causa/effetto

 abilità/operosità

   soggetto/funzione

02.   Qual è il primo stadio della scala di socializzazione 

 ecumenico

 dell'IO

 primitivo

 pratico

03.   Come è possibile distinguere la leadership?

   anarchica/liberale

   formale/informale

  strutturale/funzionale 

   analitica/sintetica

04.   Quale orientamento concepisce la leadership come un fenomeno legato al raggiungimento di un determinato obiettivo?

    deterministica

   per obiettivi

   funzionalista

   strutturale

05.   Si definisca la scala di socializzazione

06.   Come è possibile distinguere la leadership?

07.   In quali termini il leader, la leadership e la socializzazione sono così importanti in un discorso educativo?

08.   Quali orientamenti di leadership si sono posti in evidenza?

09.   Si definiscano cosa è il leader e cosa è la leadership

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 44/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 030
01.   Qual è la seconda fase di un corretto lavoro di gruppo?

 valutazione dei risultati

   definizione degli obiettivi

   ammaestrare gli studenti

 obbligare allo studio del problema

02.   Quale definizione è riferita al leader se lo si descrive come “la figura di riferimento che riceve il maggior numero di scelte sociometriche”?

 anarchica

 statico-strutturale

 osmotica

   atomistica

03.   Qual è la terza fase di un lavoro di gruppo?

   realizzazione del programma

   analisi dei soggetti

   valutazione dei risultati

   somministrazione del test

04.   Quale definizione è riferita al leader se lo si descrive come un “individuo che possiede i tratti caratteriali necessari per la leadership”?

   funzionale

   parassitaria

   personologica

 antropologica

05.   Come può essere definita la leadership?

 funzione parallela

   funzione autoritaria

 funzione osmotica

 funzione di contatto

06.   Quale, tra quelli indicati, non è uno stile di leadership?

   presunta

   adeguata

 manifesta

 soggettiva

07.   La leadership è una funzione in continua evoluzione soprattutto perché legata al raggiungimento di determinati obiettivi. In questo senso si prendano in
considerazione, in né più né meno di sette righe, i vari orientamenti ed approcci con cui è possibile determinare le varie tipologie e direzioni che può assumere tale
funzione.

08.   Quali definizioni possiamo dare al leader?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 45/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

09.   Si definiscano le fasi di una corretta metodologia del lavoro di gruppo

10.   Quali caratteristiche devono possedere i partecipanti di un gruppo?

11.   Quali caratteristiche possiede l’animatore?

12.   Quali fasi prevede un corretto lavoro di gruppo?

13.   Si analizzino le funzioni manifesta, presunta, reale e adeguata riferita al leader

14.   Il gruppo rappresenta un elemento imprescindibile di ogni percorso educativo e formativo. All’interno di questo si delineano alcune figure che influiscono in
maniera determinante nel raggiungimento o meno di un determinato obiettivo. Per queste ragioni si analizzi, in né più né meno di sette righe, cosa è la leadership e
di quale valore assume all’interno di un panorama pedagogico-didattico.

15.   Secondo quali assunti la leadership è definibile come una funzione osmotica?

16.   Il gruppo rappresenta un elemento cardine all’interno di ogni percorso educativo e formativo. Per tali ragioni si definiscano, in né più né meno di sette righe,
gli elementi che lo contraddistinguono.

17.   Si analizzino le definizioni personologica, descrittivo rappresentativa, situazionalista e statico-strutturale riferita al leader

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 46/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 031
01.   Come descrive Marx la relazione educativa?

 permanente stato di azione

 asimmetria di opinioni 

 scambio di amore con amore, fiducia con fiducia

 interscambio di pensieri e parole

02.   Cosa è il cooperative learning?

   una forma didattica di insegnamento in rete

   la funzione tecnologica all’interno dell’educazione

 l'uso delle tecnologie nelle didattica

   una metodologia di insegnamento collaborativo

03.   Dove e a quando risale il cooperative learning?

   XXII/Francia

   XIIII/Germania

   XIX/Italia

 XVIII/Gran Bretagna

04.    Come definisce il Frenet la relazione educativa?

 azione di coercizione culturale

   oscillazione del pensiero astratto e quello concreto

 determinazione univoca degli obiettivi comuni

 movimento di cooperazione educativa

05.   Cosa si vuol intendere con “il vampirismo dell’anima”?

 la corretta concezione dell’educazione permanente

 l’errabonda necessità di gettare l’anima oltre l’ostacolo nell’educazione

 l’urgenza di dotare di anima le tecnologie

   il succhiare l’anima dei discenti da parte dei Maestri nella relazione educativa

06.   Cosa è la relazione educativa? Quali caratteristiche presenta?

07.   Cosa si intende con la semantica “relazione educativa”?

08.   Marx descrive la relazione educativa come uno scambio di amore con amore, fiducia con fiducia. Su quali assunti pedagogici si fonda tale concetto?

09.   Come si è evoluto nel corso del tempo il cooperative learning?

10.   Quale valore educativo e pedagogico assume il concetto di “vampirismo dell’anima”?

11.   Di quali elementi è connotata la relazione educativa?

12.   Freinet definisce la relazione educativa come movimento di cooperazione educativa. Su quali assunti pedagogici si basa tale concetto?

13.   Cosa è il cooperative learning?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 47/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 032
01.   Quale ruolo svolge il tutor nel modello educativo on-line wrap around? 

   di supporto

   di margine

 di valutazione

   emotivo

02.   Cosa significa l’acronimo FAD?

 formazione a distanza

   fare a domande

 fare didattico

   formare a docimologia

03.   Tra le triadi elencate, quale rappresenta i modelli educativi on-line?

   modal, intuitive, wrap

   single, dual, mixed

 about, approach, transmission

 learning, support, whit

04.   Per Crispiani e Giaconi, su quale tecnologia punta le terza generazione delle FAD?

 tecnologie prassiche/paritarie

   tecnologie di elevata standardizzazione

   tecnologie telematiche

 tecnologie prassiche

05.   Cosa significa il termine e-learning?

 elemento tecnico

   insegnamento elettronico

 formazione classica

   apprendimento esperienziale

06.   Quali modelli educativi tecnologici abbiamo presentato?

07.   L’utilizzazione dell’e-Learning comporta un forte impatto sull’organizzazione e sui processi di formazione, come mai?

08.   L’alfabetizzazione informatica, secondo alcune teorie, riduce gli spazi di una creatività personale, tuttavia è possibile arginare questo problema, attraverso
quale orientamento dell’apprendimento? 

09.   Come si è evoluto il concetto di FAD nel corso del tempo?

10.   Qual è il contributo offerto dalle tecnologie al sapere pedagogico?

11.   La tecnologia è diventata ormai parte integrante di ogni processo formativo, ma qual è il suo peso effettivo nell’apprendimento? Quale valore gli viene
attribuito?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:46 - 48/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 033
01.   Cosa si intende con l’acronimo TIC?

 tecnologie dell’informazione e della comunicazione 

   tecniche informatiche commutative

 tassonomie interattive codificate

   tecnologie informatiche e del cliet

02.   Cosa sono e quale valore educativo assumono le TIC?

03.   Le tecnologie hanno generato una vera e propria rivoluzione educativa. All’interno di questa metamorfosi le TIC hanno avuto e avranno un ruolo sempre più
decisivo. Si determini, , in né più né meno di sette righe, cosa significa l’acronimo TIC e di quale valore assumono nella prassi pedagogica.

04.   Le tecnologia sono sempre più strumento per educare e risorsa didattica di fondamentale importanza. Si analizzino questi due assunti, in né più né meno di
sette righe, partendo proprio da cosa significa e di quale valore assume l’e-learning all’interno della società moderna.

05.   Come si possono evitare i rischi di alienazione nel lavoro utilizzando la tecnologia?

06.   Le tecnologie stanno sempre più divenendo punto nodale di ogni processo di insegnamento-apprendimento. Si analizzi, in né più né meno di sette righe, quali
possono essere i pregi ed i difetti del modello didattico-pedagogico legato alle tecnologie. 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 49/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 035
01.   Quale valore assume il termine sfida all’interno di un percorso educativo?

   autolesionismo consapevole

   limitazione d’azione

 ingresso di nuove forme di autorità

   crescita continua

02.   Quale valore assume il termine sfida all’interno di un percorso educativo?

03.   Quali sono le sfide del nostro tempo che riguardano questioni legate all’educazione? 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 50/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 036
01.   Come può essere tradotto il concetto di humanitas ?

    uomo in pedagogia

   amor dell’uomo/paideia

 concezione estetica dell’essere umano

   la teoresi dell’individuo

02.   Secondo Lombardo Radice, come può essere definita l’educazione?

 compenetrazione tra anime

   la prima azione di governo 

 la salvezza del paradiso

   la discesa verso gli inferi

03.   In una prospettiva epistemologica la Pedagogia ha origini molto lontane, ma a cosa deve la sua connotazione di “humanitas"? 

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 51/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 037
01.   Cosa è la famiglia?

   un sistema di sussidio

 una barricata contro la tecnologia

 sistema emozionale plurigenerazionale

   un agenzia deputata al nutrimento

02.   Quale valore educativo assolve la famiglia?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 52/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 038
01.   Quali parti del cervello abbiamo preso in esame da un punto di vista educativo?

02.   COSA SONO E A QUALE FUNZIONE ASSOLVONO I NEURONI SPECCHIO?

03.   Come è possibile distinguere il cervello?

04.   Cosa si intende sottolineare con la semantica “plasticità neuronale”?

05.   Bauman definisce la società odierna così complessa da essere “liquida”, cosa intende? A cosa fa riferimento questa riflessione applicata alla Pedagogia?

06.   DESCRIVI IN POCHE RIGHE, COSA SI INTENDE  CON ECONOMIA DEI VALORI?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 53/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 039
01.   Cosa si intende sottolineare con la semantica “plasticità neuronale”?

 la forza del cervello di estendersi e dilatarsi

 la capacità insita dell’ippocampo di migrare

 la fantasia in opera a livello biologico

   l’efficienza ed elasticità dei neuroni

02.   Quale, tra le seguenti affermazioni, definisce il cervello?

   trasmettitore di energia

 gioco simbolico-biologico

 pilota automatico

   anarchia sinaptica

03.   A quali funzioni è deputato l’emisfero sinistro?

 fantasia

 emozioni

 affetti

 logica

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 54/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 041
01.   Cosa cerca di definire il Cei quando afferma: non è una cosa astratta né un tratto del carattere o un’abilità tecnica o una capacità che coinvolga una sola
dimensione dell’essere umano (cognitiva, affettiva o organica)?

 la creatività

 la pedagogia

 l'intelligenza

 la didattica

02.   Qual è il maggiore contributo alla creatività offerto da Serge Moscovicì?

   la psicologia delle minoranze attive

   la valorizzazione dell’educazione creativa in Russia

   le tecniche sociometriche

   la teoria dei gruppi

03.    Come definisce la creatività Mario Mencarelli?

   un’azione di governo

 uno stato di interfuzionalità

   un processo che si compie solo in momenti di crisi

 uno stato di uguaglianza

04.   Qual è il quarto stadio della creatività?

   analizzare

 confluire

 fantasticare

 determinare

05.   Qual è la prima fase della creatività?

 incubazione

   sintesi

 preparazione

 analisi

06.   Qual è il valore educativo della creatività?

07.   Cosa è la creatività?

08.   In quale rapporto stanno la creatività e l’intelligenza?

09.   Quali sono le fasi di sviluppo del processo creativo?

10.   Di quali elementi è costituita la creatività?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 55/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 042
01.   Qual è la definizione offerta da Boezio nei confronti della persona?

 essere quantico con logica 

 essere individuale di natura ragionevole

   espressione di trascendenza divina

   insieme di atomi aventi un cervello

02.   Il termine persona è presente in tutto il percorso didattico riferito al corso di pedagogia generale e sociale. Il candidato rifletta, in né più e né meno di 7 righe,
su tale assunto educativo, determinandone le caratteristiche e gli elementi che lo contraddistinguono e dell’importanza che esso riveste all’interno del panorama
pedagogico.

03.   Quali caratteristiche possiede il concetto di persona?

04.   Quale peculiarità sottolinea la singolarità della persona?

05.   Quando è possibile definire una persona autonoma?

06.   Quali elementi sono presenti all’interno del concetto di apertura della persona?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 56/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 043
01.   A quale domanda risponde la fase della realizzazione?

   perché si determinano le variabiali?

 quanto sono bravo?

 quanto voglio ricavare?

 come voglio fare?

02.   Come è chiamato lo studio che precede la programmazione?

 sintesi creativa delle azioni

 determinazione delle risorse in modo univoco

 analisi dei bisogni formativi

 espressione della fasi complementari

03.   Qual è la maggiore espressione della realizzazione da un punto di vista didattico?

   la lezione

 la sociometria

   la docimologia

   l’esperimento

04.   Quando nasce la programmazione?

   nel 1920

  prima decade del secolo

 seconda metà degli anni Settanta

   durante il periodo fascista

05.   Cosa è l’analisi dei bisogni formativi all’interno di un discorso sulla programmazione? Si stabiliscano, in né più e né meno di sette righe, cosa si intende con
tale semantica e su quali principi educativi si fonda.

06.   Cosa è la progettazione?

07.   Quali sono le fasi di una corretta lezione?

08.   Come è possibile distinguere la programmazione?

09.   Quali sono le caratteristiche della programmazione?

10.   Quale valore assume la programmazione nell’azione educativa?

11.   Cosa è la realizzazione all’interno della programmazione?

12.   La realizzazione è la fase che unisce il progetto alla sua valutazione. La concretizzazione è un momento assai critico all’interno di uno scenario educativo,
tanto da richiedere profonde riflessioni. In questi termini si analizzi la realizzazione progettuale, in né più e né meno di sette righe.

13.   La progettazione è la prima fase della programmazione. Quali sono le sue caratteristiche essenziali? Si risponda in né più e né meno di sette righe.

14.   La realizzazione è una fase di cruciale importanza per la riuscita o meno di un progetto, basti porre a mente la funzionalità e l’efficienza che può avere o non
avere un lezione. Proprio da questo espresso deriva la necessità di determinare le caratteristiche e i principi di una buona lezione. Si risponda, in né più e né meno
di sette righe. 

15.   La programmazione è la legittimazione della prassi educativa. Secondo tale principio si determinino, in né più né meno di sette righe, le fasi e gli elementi che
entrano in gioco nella programmazione.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 57/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 044
01.   Cosa significa secondo don Milani bocciare un discente?

   approfondire la conoscenza 

   dargli il giusto valore

 bocciare se stessi

 educarlo al domani

02.   Cosa è la docimologia?

   la scienza che studia la valutazione

 la scienza pratica dell'educazione

   la scienza che studia gli esami

   il sapere che determina il processo didattico

03.   Come definisce il Bruner la valutazione?

   forma di intelligenza pedagogica

 valorizzazione dell’espressione umana

   prospettiva utopica dell’educazione

   processo che non ha mai fine

04.   Cosa sono, a livello matematico, la moda, la mediana, la media, la curva di Gauss e lo scarto quadratico?

05.   Cosa è e quale valore assume nella valutazione la docimologia?

06.   Secondo quali peculiarità il Bruner definisce la valutazione come una forma di intelligenza pedagogica?

07.   Quali caratteristiche possiede la valutazione?

08.   Cosa è la valutazione?

09.   Cosa e quali sono le scale di valutazione?

10.   Molti sono i modelli valutativi che nel corso del tempo si sono susseguiti. All’interno del corso ne abbiamo preso in considerazione particolarmente uno: il
modello delle 4C. Si descriva, in né più e né meno di sette righe, su quali assunti poggia tale teorizzazione della valutazione. 

11.   La valutazione è un argomento che si pone da sempre sul crinale della ricerca educativa, in particolare nel momento in cui è chiamata in causa ad assegnare
voti a determinate performance. Proprio all’interno di questo panorama si pone la docimologia. Si spieghi, in né più e né meno di sette righe, cosa si int5ende con
questo termine e di quale funzione assolve nello scenario valutativo.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 58/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 045
01.    A cosa ci riferiamo se affermiamo: attribuire un valore a fatti, eventi, oggetti e simili, in relazione agli scopi che colui intende perseguire

 misurare

   valutare

 educare

 verificare

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 59/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 046
01.   Qual è l’obiettivo dell’educazione permanente?

   annichilire la creatività

   elevare la qualità della vita

   obbligare l’uomo ad educarsi

   promuovere la ricchezza materiale

02.   171. A cosa ci riferiamo se affermiamo: un’educazione totale (in quanto educazione democratica rivolta a tutti); integrale (in quanto mirante alla realizzazione
della capacità di composizione delle antinomie insite nella vita personale); educazione alla critica (in quanto capacità di esercizio della responsabilità morale insita
nella chiara coscienza della centralità dell’uomo); alla sintesi operativa personale di valori guida per la propria vita; al dialogo ed alla tolleranza?

   alla formazione degli adulti

  all'educazione permanente

   alla prassi didattica 

 al fine dei corsi di aggiornamento

03.   Come può essere sintetizzata l’opera dell’educazione permanente?

 crescere e credere

 svilupparsi senza fine

   studiare per studiare

   imparare ad imparare

04.   Quale valore assume l’educazione permanente all’interno di un discorso pedagogico?

05.   Cosa è giusto intendere con il concetto di educazione permanente?

06.   L’educazione è da sempre considerata un bene prezioso decontestualizzato, cioè privo di vincoli spazio temporali nei suoi principi universali. All’interno di tali
riflessioni si pone il concetto di educazione permanente. Si rifletta, in né più né meno di sette righe, su tale tematica.

07.   L’educazione e la formazione sono principi universali per lo sviluppo del potenziale che ognuno di noi custodisce e che bisogna far esprimere. In particolare
tale simbiosi e osmosi diviene fondamentale quando è considerata all’interno dell’adultità. Si rifletta, in né più né meno di sette righe, sulle differenze e similitudini
che si generano nella relazione educazione permanente e formazione degli adulti. 

08.   Si definisca il concetto di educazione permanente e di formazione degli adulti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 60/61


Set Domande: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Mancini Riccardo

Lezione 048
01.   Secondo il modello espresso da Bacone quale non è una modalità di approccio ad un testo scientifico?

 annusare

 assaggiare

 masticare/digerire

 inghiottire 

02.   Come bisognerebbe porsi per ascoltare in modo proficuo?

 in modo obbligato

 attivamente

 passivamente

 durante il sonno

03.   Tra le seguenti problematiche, quale non è una difficoltà della lettura?

 arco di riconoscimento limitato

 disturbi motori

 vocalizzazione

 determinazione oculistico/alchimistica

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 17/11/2016 16:30:47 - 61/61