Sei sulla pagina 1di 133

Set Domande

LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Generato il 06/05/2019 11:53:26


N° Domande Aperte 143
N° Domande Chiuse 549
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Indice
Indice Lezioni ........................................................................................................................ p. 2
Lezione 002 ........................................................................................................................... p. 5
Lezione 003 ........................................................................................................................... p. 6
Lezione 004 ........................................................................................................................... p. 7
Lezione 005 ........................................................................................................................... p. 8
Lezione 006 ........................................................................................................................... p. 9
Lezione 007 ........................................................................................................................... p. 10
Lezione 009 ........................................................................................................................... p. 11
Lezione 010 ........................................................................................................................... p. 15
Lezione 012 ........................................................................................................................... p. 18
Lezione 013 ........................................................................................................................... p. 20
Lezione 014 ........................................................................................................................... p. 21
Lezione 015 ........................................................................................................................... p. 23
Lezione 016 ........................................................................................................................... p. 24
Lezione 017 ........................................................................................................................... p. 25
Lezione 018 ........................................................................................................................... p. 27
Lezione 019 ........................................................................................................................... p. 30
Lezione 020 ........................................................................................................................... p. 32
Lezione 021 ........................................................................................................................... p. 33
Lezione 022 ........................................................................................................................... p. 34
Lezione 023 ........................................................................................................................... p. 36
Lezione 024 ........................................................................................................................... p. 38
Lezione 025 ........................................................................................................................... p. 40
Lezione 027 ........................................................................................................................... p. 43
Lezione 028 ........................................................................................................................... p. 45
Lezione 029 ........................................................................................................................... p. 48
Lezione 030 ........................................................................................................................... p. 49
Lezione 031 ........................................................................................................................... p. 50
Lezione 032 ........................................................................................................................... p. 51
Lezione 034 ........................................................................................................................... p. 52
Lezione 035 ........................................................................................................................... p. 53
Lezione 036 ........................................................................................................................... p. 55
Lezione 037 ........................................................................................................................... p. 57
Lezione 038 ........................................................................................................................... p. 59
Lezione 039 ........................................................................................................................... p. 61
Lezione 040 ........................................................................................................................... p. 62
Lezione 041 ........................................................................................................................... p. 64

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 2/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 042 ........................................................................................................................... p. 67


Lezione 043 ........................................................................................................................... p. 68
Lezione 044 ........................................................................................................................... p. 69
Lezione 045 ........................................................................................................................... p. 70
Lezione 047 ........................................................................................................................... p. 72
Lezione 048 ........................................................................................................................... p. 74
Lezione 049 ........................................................................................................................... p. 75
Lezione 050 ........................................................................................................................... p. 76
Lezione 051 ........................................................................................................................... p. 78
Lezione 052 ........................................................................................................................... p. 79
Lezione 053 ........................................................................................................................... p. 80
Lezione 054 ........................................................................................................................... p. 83
Lezione 055 ........................................................................................................................... p. 86
Lezione 056 ........................................................................................................................... p. 89
Lezione 057 ........................................................................................................................... p. 90
Lezione 059 ........................................................................................................................... p. 91
Lezione 060 ........................................................................................................................... p. 93
Lezione 061 ........................................................................................................................... p. 95
Lezione 062 ........................................................................................................................... p. 96
Lezione 063 ........................................................................................................................... p. 97
Lezione 064 ........................................................................................................................... p. 99
Lezione 065 ........................................................................................................................... p. 100
Lezione 066 ........................................................................................................................... p. 101
Lezione 067 ........................................................................................................................... p. 102
Lezione 068 ........................................................................................................................... p. 104
Lezione 069 ........................................................................................................................... p. 105
Lezione 070 ........................................................................................................................... p. 107
Lezione 071 ........................................................................................................................... p. 108
Lezione 072 ........................................................................................................................... p. 109
Lezione 073 ........................................................................................................................... p. 110
Lezione 075 ........................................................................................................................... p. 111
Lezione 076 ........................................................................................................................... p. 112
Lezione 077 ........................................................................................................................... p. 113
Lezione 078 ........................................................................................................................... p. 114
Lezione 080 ........................................................................................................................... p. 115
Lezione 081 ........................................................................................................................... p. 116
Lezione 082 ........................................................................................................................... p. 117
Lezione 084 ........................................................................................................................... p. 119
Lezione 085 ........................................................................................................................... p. 120
Lezione 086 ........................................................................................................................... p. 122

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 3/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 087 ........................................................................................................................... p. 123


Lezione 088 ........................................................................................................................... p. 124
Lezione 089 ........................................................................................................................... p. 125
Lezione 090 ........................................................................................................................... p. 127
Lezione 091 ........................................................................................................................... p. 128
Lezione 092 ........................................................................................................................... p. 129
Lezione 093 ........................................................................................................................... p. 130
Lezione 094 ........................................................................................................................... p. 131
Lezione 095 ........................................................................................................................... p. 132
Lezione 096 ........................................................................................................................... p. 133

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 4/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 002
01. Quale dei seguenti tratti linguistici non caratterizza la lingua scritta?

Pianificazione sintattica

Presupposizione

Pianificazione testuale

Riflessione preventiva sulle strategie enunciative

02. Quale di queste risorse non è messa a frutto dalla lingua orale?

linguaggio paraverbale

possibilità di retroazione

linguaggio prossemico

pianificazione sintattica

03. In che modo la differenza fra lingua orale e lingua scritta impone un diverso utilizzo degli assi sintagmatico e paradigmatico

Nella lingua orale non si ricorre alla disposizione sull'asse sintagmatico

Nella lingua orale non si ricorre alla disposizione sull'asse paradigmatico

Nella lingua orale non si utilizza la selezione sull'asse paradigmatico

Lingua orale attua la selezione (asse paradigmatico) e la combinazione (asse sintagmatico) con una coerenza inferiore rispewtto alla lingua scritta, come dimostra nella
lingua orale la presenza di approssimazioni lessicali e sintattiche

04. Che cosa è la deissi?

La deissi è l'insieme dei tratti linguistici condivisi da emittente e destinatario del messaggio

La deissi è l'insieme delle conoscenze condivise da emittente e destinatario del messaggio

La deissi è il richiamo alla situazione spaziale in cui avviene la conversazione

La deissi è l'insieme dei tratti linguistici che fanno appello alla situazione spazio-temporale condivisa da emittente e destinatario del messaggio

05. Lingua orale/lingua scritta, scritti di carattere pratico/scritti letterari

06. Illustrate il significato di deissi e presupposizione come segnali linguistici dell'oralità.

07. Indicare i tratti distintivi nell'opposizione lingua orale/lingua scritta.

08. I testi analizzati dal punto di vista linguistico durante il corso sono testi scritti di carattere letterario: in che modo questa scelta condiziona l'analisi
linguistica?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 5/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 003
01. La raccolta di Arrigo Castellani, La prosa italiana delle origini. Testi toscani di carattere pratico, contiene

testimonianze processuali, atti di compravendita, opere letterarie in forma di dialogo

statuti, testimonianze processuali, opere di carattere storico

trattati, statuti, atti di compravendita

statuti, testimonianze processuali, lasciti testamentari, atti di compravendita, ricordi di carattere storico

02. Quale delle seguenti caratteristiche non è propria del testo letterario?

espressione di un messaggio (contenuto) che si avvale anche di requisiti formali funzionali alla intentio auctoris

Precisa e univoca individuazione di un destinatario

utilizzo di una lingua meno ancorata alla contingenza e all'uso contemporaneo all'autore

Espressione di una particolare intentio auctoris che non si esaurisce nelle contingenze spaziali e cronologiche in cui il testo è stato prodotto

03. La variazione diafasica

diversamente dalla variazione diastratica, non è legata univocamente al parlante

diversamente dalla variazione diastratica, è legata univocamente al parlante

come la variazione diastratica, è legata univocamente al parlante

come la variazione diastratica, non è legata univocamente al parlante

04. La variazione diamesica

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa e dall'appartenenza dei parlanti a diversi strati sociali

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa attraverso il tempo

indica la variazione della lingua condizionata dal mezzo di trasmissione del messaggio

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa

05. La variazione diafasica

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa attraverso il tempo

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa e dall'appartenenza dei parlanti a diversi strati sociali

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa, in relazione allo spazio

indica la variazione della lingua condizionata dalla situazione comunicativa, dalla funzione del messaggio e dal contesto

06. Definite e contestualizzate i livelli di analisi diafasico, diamesico, diastratico, diatopico

07. Illustrate in termini oppositivi i livelli diafasico e diastratico.

08. Livelli di analisi linguistica (assi di variazione) nella teoria di Coseriu

09. Illustrate le dicotomie saussuriane: sincronia / diacronia, asse paradigmatico / asse sintagmatico.

10. Elencare e descrivere i livelli di analisi linguistica utilizzati nella teoria variazionistica di Coseriu.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 6/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 004
01. Cosa si intende con idioletto?

È un uso particolare della lingua

È il risultato, in una certa regione, del mescidamento di lingua standard e di dialetto

È il mescidamento da parte di un individuo della lingua standard e del dialetto

È la varietà individuale di un codice linguistico, cioè le carratteristiche personali mediante le quali un individuo realizza la lingua standard

02. Qual è il significato moderno di stile (letterario)?

Con il termine di "stile" si definisce il coefficiente di distanza (scarto) con cui un autore utilizza in maniera personale lo strumento sociale della lingua

È l'insieme di caratteristiche ricorrenti di un autore

È ciò che caratterizza un autore

È il riflesso nell'opera letteraria delle abitudini di vita di un autore

03. Lingua e stile: quali dinamiche intercorrono in via generale fra questi due concetti?

04. Proponete una definizione di stile e tracciate in sintesi l'evoluzione del concetto.

05. Sintassi e stile: illustrarne il rapporto all'interno di uno dei testi analizzati durante il corso.

06. Stile: storia di una parola

07. Inserite il concetto di stile all'interno della dicotomia saussuriana fra langue e parole

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 7/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 005
01. A quale corrente culturale è associata la moderna concezione di stile?

Al Neoclassicismo

All'Illuminismo

Al Romanticismo

Al Barocco

02. Quali erano le componenti della retorica classica?

Inventio, elocutio, ornatus e actio

Elocutio e ornatus

Inventio, dispositio e actus

Inventio, dispositio, elocutio (e ornatus), actio

03. A quale atteggiamento deve essere associato il concetto classico e medievale di stile?

Ad un atteggiamento interpretativo

Ad un atteggiamento critico

Ad un atteggiamento precettivo (normativo)

Ad un atteggiamento descrittivo

04. Individuate l'affermazione errata fra quelle proposte

Già in latino classico stilus, oltre che 'bacchetta per incidere sulla cera', indica l'insieme di caratteristiche formali che accomuna gruppi o tipi di testi

In periodo medievale stilus, oltre che 'bacchetta per scrivere' e dunque sinonimo di 'penna', individua veri e propri generi letterari

Nel periodo romantico nasce il concetto moderno di stile come espressione linguistica dell'individualità

Nel Cinquecento italiano il concetto di stile non ha alcun valore, nonostante la riflessione innescata dalla scoperta della Poetica di Aristotele

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 8/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 006
01. Individuate l'affermazione errata fra quelle proposte

La storia della parola stile nella lingua italiana mostra un progressivo e armonico aumento dal Duecento al Novecento in qualsiasi contesto d'uso

La storia della parola stile nella lingua italiana mostra, entro un progressivo aumento d'uso nel corso dei secoli, una sostanziale preferenza nell'uso in poesia in antico (secoli
XIII-XV), di contro ad una preferenza d'uso in prosa nei secoli più recenti ((XVI-XX secolo)

La storia della parola stile nella lingua italiana mostra, entro un progressivo aumento d'uso nel corso dei secoli, due picchi significativi nel Cinquecento (in concomitanza
con il Classicismo) e nell'Ottocento (in concomitanza con il periodo Romantico)

Lungo la storia della lingua italiana si rilevano tre significati della parola stile, tutti compresenti nel Trecento: 1) 'modo di comportarsi secondo un'abitudine inveterata'; 2)
'bacchetta per incidere su un supporto duro, utilizzata dai pittori'; 3) 'modo di scrivere'

02. L'apocope è

la caduta delle vocali e e o (raramente i, in antico anche occasionalmente a) finali di parola davanti a parola che inizia vocale, ma solo quando la consonante precedente alla
vocale caduca è una sonante

la caduta delle vocali e e o (raramente i, in antico anche occasionalmente a) finali di parola davanti a parola che inizia per consonante, ma solo quando la consonante
precedente alla vocale caduca è una sonante

la caduta delle vocali finali di parola, ma solo quando la consonante precedente alla vocale caduca è una sonante

la caduta di una vocale in fine di parola

03. Per Torquato Tasso

lo stile è l'espressione del sentire dell'individuo e la retorica, insegnando l'imitazione di modelli, ne tradisce il significato

lo stile è lo scarto dalla norma sociale della lingua

lo stile è l'espressione letteraria più adatta in conformità agli argomenti trattati nel rispetto della tradizione retorica classica

lo stile è l'espressione del sentire dell'individuo ma la retorica, insegnando l'imitazione di un modello, collabora alla sua acquisizionelo stile è l'espressione del sentire
dell'individuo ma la retorica, insegnando l'imitazione di un modello, collabora alla sua acquisizione

04. Per Ugo Foscolo

lo stile è l'espressione del sentire dell'individuo e la retorica, insegnando l'imitazione di modelli, ne tradisce il significato

lo stile è l'espressione del sentire dell'individuo ma la retorica, insegnando l'imitazione di un modello, collabora alla sua acquisizione

lo stile è l'espressione letteraria più adatta in conformità agli argomenti trattati nel rispetto della tradizione retorica classica

lo stile è lo scarto dalla norma sociale della lingua

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 9/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 007
01. Quale di questi linguisti non ha contribuito alla nascita della stilistica?

Hugo Schuchardt

Ferdinand de Saussure

Wilhelm von Humboldt

Matteo Giulio Bartoli

02. Cos'è l'"etimo spirituale" di un'opera / di un autore?

Con "etimo spirituale" Karl Vossler indicava l'interpretazione di un fatto di lingua caratterizzante un'opera /un autore

Con "etimo spirituale" Leo Spitzer indicava l'interpretazione di un fatto di lingua caratterizzante un'opera /un autore

E' la molla propulsiva alla scrittura di un'opera da parte di un autore

Sono le motivazioni biografiche che hanno mosso l'autore a scrivere un'opera

03. Individuate l'associazione errata fra quelle proposte

Stilistica (genetica e descrittiva) > Leo Spitzer

Stilistica genetica > Karl Vossler

Stilistica descrittiva > Charles Bally

Stilistica descrittiva > Karl Vossler

04. Quando nasce la moderna disciplina della stilistica?

La stilistica è il risultato moderno di una lungua tradizione retorica che insegnava a scriver bene

Agli inizi del XIX secolo con il Romanticismo

Agli inizi del XX secolo, come sviluppo della linguistica sincronica di Ferdinand de Saussure

La stilistica nasce in evidente antagonismo con l'idealismo crociano

05. La stilistica descrittiva di Charles Bally e la stilistica genetica di Karl Vossler.

06. Illustrate la posizione teorica e il metodo stilistico di Leo Spitzer.

07. Illustrate i momenti e le figure principali della nascita della stilistica

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 10/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 009
01. Il passaggio da -AR- intertonico e postonico a -ER-

distingue il fiorentino dagli altri volgari toscani, ma è caratteristico anche di alcuni volgari non toscani

è caratteristico del fiorentino

è ignoto al fiorentino

è caratteristico di tutti i volgari toscani

02. Cosa è un dittongo?

La sequenza di due vocali appartenenti a due sillabe diverse

La sequenza di due vocali appartenenti ad una stessa sillaba

La sequenza di semivocale + vocale o di vocale + semivocale

La sequenza di due vocali

03. Una Ŭ

si evolve in ɔ sia in siciliano che in fiorentino

si evolve in siciliano in u, in fiorentino in ɔ

si evolve in siciliano in u, in fiorentino in o

si evolve in u sia in siciliano che in fiorentino

04. Una Ĭ

si evolve in ɛ sia in siciliano che in fiorentino

si evolve in siciliano in i, in fiorentino in e

si evolve in siciliano in i, in fiorentino in ɛ

si evolve in e sia in siciliano che in fiorentino

05. In che cosa si distingue il vocalismo atono siciliano da quello fiorentino?

I due vocalismi atoni sono entrambi trivocalici

Il vocalismo atono siciliano è pentavocalico, quello fiorentino è trivocalico

Il vocalismo atono siciliano è trivocalico, quello fiorentino è pentavocalico

I due vocalismi atoni sono entrambi pentavocalici

06. Il seguente vocalismo tonico

è il cosiddetto vocalismo sardo

è il cosiddetto vocalismo siciliano

è il cosidetto vocalismo pan-romanzo

è il cosiddetto vocalismo rumeno

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 11/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

07. Il seguente vocalismo tonico

è il cosiddetto vocalismo pan-romanzo

è il cosiddetto vocalismo rumeno

è il cosiddetto vocalismo siciliano

è il cosiddetto vocalismo sardo

08. Cosa è uno iato?

La sequenza di due vocali appartenenti ad una stessa sillaba

La sequenza di due semivocali appartenenti a sillabe diverse

La sequenza di vocale + semivocale o di semivocale + vocale

La sequenza di due vocali

09. La labiovelare iniziale latina

si evolve sempre riducendosi all'elemento occlusivo

si conserva davanti ad A, altrimenti si riduce perdendo l'elemento occlusivo (> /w/)

si conserva sempre

si conserva davanti ad A, altrimenti si riduce perdendo l'elemento labiale (> /k)

10. L'anafonesi è un fenomeno fonetico

che interessa le vocali toniche latine / Ĭ Ē Ō Ŭ / solo in alcuni contesti

che interessa le vocali toniche latine / Ĭ Ĕ Ŏ Ŭ / solo in alcuni contesti

che interessa le vocali toniche latine / Ĭ Ē Ō Ŭ / in ogni contesto

che interessa le vocali toniche latine / Ĭ Ĕ Ŏ Ŭ / in ogni contesto

11. Il dittongamento toscano avviene nel rispetto delle tre seguenti condizioni

da E e O brevi latine, fuori d'accento, in sillaba chiusa

da E e O brevi latine, sotto accento, in sillaba aperta

da E e O brevi latine, sotto accento, in sillaba chiusa

da E e O brevi latine, fuori d'accento, in sillaba aperta

12. Qual è la sorte romanza dei dittonghi latini?

Il monottongo

Il monottongo per AU in tutta la Romània, il monottongo per AE e OE solo in alcune zone della Romània, compreso il territorio italiano

Il monottongo per AE e OE in tutta la Romània, il monottongo per AU solo in alcune zone della Romània, compreso il territorio italiano

Il monottongo per AE in tutta la Romània, il monottongo per AU e OE solo in alcune zone della Romània, compreso il territorio italiano

13. In che cosa si distingue il vocalismo tonico siciliano dal corrispondente fiorentino (panromanzo)?

Il vocalismo tonico siciliano è pentavocalico, quello fiorentino è eptavocalico

Entrambi i vocalismi tonici sono eptavocalici

Entrambi i vocalismi tonici sono pentavocalici

Il vocalismo tonico siciliano è eptavocalico, quello fiorentino è pentavocalico

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 12/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

14. Rispetto al latino il vocalismo tonico sardo

perde la differenza fonologica di quantità (dieci vocali) e vi sostituisce una differenza di timbro (cinque vocali)

conserva la differenza fonologica di quantità (dieci vocali), ma associandovi una differenza di timbro, crea un sistema a sette vocali

perde la differenza fonologica di quantità (dieci vocali), conservando la differenza di timbro (cinque vocali)

perde la differenza fonologica di quantità (dieci vocali) e vi sostituisce in parte una differenza di timbro (sette vocali)

15. Indicate la risposta errata

L'anafonesi è un fenomeno fonetico che interessa la e chiusa e la o chiusa solo in particolari contesti fonetici

L'anafonesi è un fenomeno fonetico che riguarda la e e la o chiusa in contesto fonetico palatale e la sola e chiusa in contesto fonetico velare

L'anafonesi è un fenomeno fonetico che interessa la e chiusa e la o chiusa in tutti i contesti

L'anafonesi è un fenomeno fonetico di innalzamento della e chiusa e della o chiusa rispettivamente in i e u

16. L'anafonesi

distingue il fiorentino e i dialetti settentrionali dai dialetti meridionali

distingue il fiorentino e i dialetti meridionali dai dialetti settentrionali e dall'italiano

distingue il fiorentino e l'italiano dai dialetti settentrionali e meridionali

distingue il fiorentino dall'italiano e dai dialetti settentrionali e meridionali

17. Quale di queste affermazioni è falsa?

In siciliano le vocali latine Ē (e lunga) e Ō (o lunga) evolvono rispettivamente in /ɛ/ e /ɔ/

Il sistema fonologico del siciliano ha cinque vocali toniche

Il sistema fonologico del siciliano ha tre vocali atone

In siciliano le vocali latine Ĕ (e breve) e Ŏ (o breve) non dittongano

18. Perché aura < AURAM è un latinismo?

perché nel passaggio dal latino al volgare il dittongo AU si è evoluto in /ɔ/

perché nel passaggio dal latino al volgare -RA- avrebbe dovuto evolversi in /ja/

perché nel passaggio dal latino al volgare il dittongo AU si è evoluto in /o/

perché nel passaggio dal latino al volgare i nomi femminili diventano maschili

19. Il dittongamento toscano avviene nel rispetto delle tre seguenti condizioni

da E ed O brevi latine, fuori d'accento, in sillaba chiusa

da E ed O lunghe latine, sotto accento, in sillaba chiusa

da E ed O brevi latine, sotto accento, in sillaba aperta

da E ed O brevi latine, fuori d'accento, in sillaba aperta

20. Quale delle seguenti forme non presenta il fenomeno della chiusura delle vocali toniche in iato?

Ĕ(G)O > EO > io

SĔNIOREM > signore

DĔUM > Dio

TŬUM > tuo

21. Chiarire la differenza fra fonetica e fonologia, il significato rispettivo di fono e fonema, indicando almeno cinque coppie minime dell' italiano.

22. Illustrate ed esemplificate i seguenti fenomeni fonetici: a) chiusura delle vocali toniche in iato; b) evoluzione della labiovelare sorda latina.

23. Descrivete le condizioni in cui avviene il dittongamento toscano

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 13/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

24. Descrivete il fenomeno dell'anafonesi

25. Illustrare ed esemplificate a scelta uno dei seguenti fenomeni fonetici attinenti al vocalismo: a) chiusura delle vocali in iato; b) chiusura delle vocali
protoniche; c) riduzione dei dittonghi discendenti.

26. Indicate le principali differenze fra il sistema vocalico latino e i sistemi vocalici italo-romanzi?

27. Illustrate le diverse caratteristiche dei volgarizzamenti in Italia fra Duecento e Quattrocento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 14/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 010
01. L'articolo

deriva da un'attenuazione semantica del dimostrativo ILLUM (IPSUM in Sardegna)

deriva da un'attenuazione semantica dell'articolo ILLUM (IPSUM in Sardegna)

deriva da una specializzazione semantica del dimosttrativo ILLUM (IPSUM in Sardegna)

deriva da una specializzazione semantica di ILLUM (IPSUM in Sardegna)

02. Cosa si intende per "segno diacritico"?

Per segno diacritico si intende un segno alfabetico che serve a non confondere le parole

Per segno diacritico si intende un segno alfabetico che serve a distinguere parole omofone

Per segno diacritico si intende un segno che serve a distinguere l'etimologia della parola

Per segno diacritico si intende un segno alfabetico o paragrafematico che non ha significato fonetico autonomo, con lo scopo di indicare l'esatta pronuncia o distinguere
parole omografe

03. L'articolo

continua l'articolo latino

è una formazione romanza

è una formazione italiana

è una formazione della parte occidentale della Roània

04. In quali contesti nasce la forma debole dell'articolo determinativo maschile?

Dopo parola uscente in consonante

Davanti a parola uscente in vocale

Dopo parola uscente in vocale

Davanti a parola uscente in consonante

05. Dal latino all'italiano, nei nessi di consonante + L

la L diventa una sonante

la L si conserva

la L diventa la vocale /i/

la L diventa la semivocale /j/

06. Il piucheperfetto latino

in alcune zone del Meridione d'Italia è conservato per esprimere il condizionale

in alcune zone del Settentrione d'Italia è conservato per esprimere il congiuntivo

non ha avuto continuatori sul territorio italiano

in alcune zone del Meridione d'Italia è conservato per esprimere il congiuntivo

07. Qual è l'ordine delle parole imposto dalla perdita della declinazione nominale e dalla coniugazione verbale latine?

SCV

VSC

CVS

SVC

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 15/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. A quale caso della declinazione latina si fa risalire l'origine delle parole italiane?

All'accusativo

Per la maggior parte al nominativo

Per la maggior parte all'accusativo

Al nominativo

09. La perdita della declinazione nominale latina avvenne

progressivamente: in una prima fase il sistema a sei casi si ridusse ad un sistema bicasuale, poi anche esso si ridusse di solito con la perdita del caso nominativo e la
sopravvivenza del solo nominativo

in due fasi, con la perdita prima dei casi genitivo, dativo, vocativo, ablativo e poi degli altri

progressivamente: in una prima fase il sistema a sei casi si ridusse ad un sistema bicasuale, poi anche esso si ridusse di solito con la perdita del caso nominativo e la
sopravvivenza del solo accusativo

una volta per tutte, con la perdita di tutti i casi tranne l'accusativo

10. I fonemi italiani /ʧ/ (per es. cero) e /ʤ/ (per es. gelo)

derivano dalla palatalizzazione di /k/ e /g/ latine davanti a vocali posteriori o velari

esistevano già in latino

derivano dalla palatalizzazione di /k/ e /g/ latine davanti a vocali di grado medio chiuse

derivano dalla palatalizzazione di /k/ e /g/ latine davanti a vocali anteriori o palatali

11. Quale di queste parole non è un latinismo?

aura

laude

vezzo

tribulazione

12. Le forme dell'articolo determinativo maschile si sono prodotte secondo la sequenza cronologica

(ĬL)LUM > lo > 'l > il/el

(ĬL)LUM > 'l, da cui sono discesi contemporaneamente lo per un verso e il per l'altro

ĬL(LUM) > il > 'l > lo

ĒL(LUM) > el > 'l > il

13. La forma italiana quello deriva dal latino

QUILLUM

(EC)CUM ILLUM

CUM ELLUM

QUELLUM

14. Qual è l'origine del condizionale romanzo?

Il condizionale romanzo è la continuazione del congiuntivo latino che esprimeva il modo condizionale

Il condizionale romanzo è una forma perifrastica formata dalla forma monossillabica del perfetto indicatìvo di HABERE, *EI + l'infinito del verbo

Il condizionale romanzo è una forma perifrastica formata dall'infinito del verbo + la forma monosillabica del presente di HABERE, *AO

Il condizionale romanzo è una forma perifrastica formata dall'infinito del verbo + a forma monossillabica del perfetto indicatìvo di HABERE, *EI

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 16/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

15. Il passivo

latino viene affiancato da una perifrasi composta dal verbo "essere" + participio passato del verbo

latino ha diretti continuatori nelle lingue romanze

nel passaggio dal latino al volgare viene ricreato ex novo

latino viene sostituito da una perifrasi composta dal verbo "avere" + participio passato del verbo

16. Qual è l'origine del futuro romanzo?

Il futuro romanzo è la continuazione del futuro sintetico latino

Il futuro romanzo è una forma perifrastica formata dalla forma monosillabica del presente indicativo di HABERE, *AO + l'infinito del verbo

Il futuro romanzo è una forma perifrastica formata dall'infinito del verbo + la forma monosillabica del presente indicativo di HABERE, *AO

Il futuro romanzo è una forma perifrastica formata dall'infinito del verbo + la forma monosillabica del perfetto indicativo di HABERE, *EI

17. A quali fenomeni si allude con i termini di aferesi, sincope, apocope? Come si chiamano i loro contrari?

18. Illustrate ed esemplificate uno o più dei seguenti fenomeni fonetici: a) chiusura in protonia; b) anafonesi; c) assimilazione dei nessi consonantici latini; d)
palatalizzazione delle sequenze consonante + J

19. Indicare il significato delle seguenti coppie di fenomeni fonetici: aferesi/prostesi, sincope/anaptissi, apocope/epitesi.

20. Indicate un fenomeno ciascuno relativo a: a) vocalismo; b) consonantismo; c) morfologia; d) sintassi avvenuto nel passaggio dal latino volgare al volgare
italiano.

21. Illustrate la nascita, la storia e le regole d'uso antiche dell'articolo determinativo

22. Chiarite il significato di segno diacritico e esemplificate tramite il sistema ortografico italiano

23. Illustrate ed esemplificate i seguenti fenomeni morfosintattici: a) nascita dell'articolo; b) creazione del futuro e del condizionale romanzi

24. Illustrare la formazione del futuro e del condizionale romanzi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 17/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 012
01. La più antica produzione letteraria italiana

è sia in prosa sia in poesia, ma la poesia è maggiormente rappresentata da opere originali, mentre la prosa è piuttosto rappresentata da volgarizzamenti

è in poesia

è in poesia e in prosa indifferentemente

è in prosa

02. I volgarizzamenti del Duecento sono di preferenza

traduzioni di opere morali esclusivamente dal francese

traduzioni dal latino esclusivamente di oere romanzesche

traduzioni dal francese

traduzioni dal latino

03. In genere la prosa del Duecento è caratterizzata come

paratattica

stilisticamente variata

ipotattica

ricca dal punto di vista lessicale

04. Indicate la risposta errata.

Nel Duecento era viva l'alternanza fra forme toniche dittongate(per es. lieva) e forme atone non dittongate (per es. levasse)

Nel Duecento era viva l'alternanza etimologica fra forma dittongata del pass. rem. (puose /pwɔze/) e forma non dittongata del pres. Indicativo (pone /pone/)

Nel Duecento il dittongo toscano dopo cons. + r era ormai ridotto al monottongo

Nel Duecento il dittongo toscano dopo consonante palatale tendeva a ridursi al monottongo

05. La più antica produzione letteraria italiana

è in poesia

è sia in prosa che in poesia, ma la prosa è prevalentemente rappresentata da opere originali mentre la poesia è rappresentata da ttraduzioni

è in prosa e in poesia indifferentemente

è in prosa

06. La prosa letteraria italiana del Duecento è costituita per lo più

da opere tradotte dal francese per lo più di carattere romanzesco e di contenuto morale

da opere tradotte dal latino (per lo più di carattere romanzesco) e da opere tradotte dal francese (per lo più di contenuto morale)

da opere tradotte dal latino per lo più di carattere romanzesco

da opere originali

07. Quali sono gli ambiti tematici della più antica produzione in prosa letteraria italiana?

Retorico/oratorio, morale e più genericamente relativo al comportamento, scientifico, storico e infine di intrattenimento

Prevalentemente di intrattenimento, come per esempio i romanzi cavallereschi

Scientifico (e medico) e morale

Di impegno nel mondo cittadino e comunale

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 18/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quali sono i più antichi testi in prosa italiana di carattere letterario?

La traduzione di Vegezio di Bono Giamboni

I volgarizzamenti di alcuni trattati di Albertano da Brescia

Le opere di Guido Faba, l'Omelia padovana, il volgarizzamento veneziano del "Pamphilus", i romaneschi "Mirabilia urbis Rome" e il "Liber ystoriarum"

La "Rettorica" di Brunetto Latini

09. Elementi fono-morfologici e sintattici che contraddistinguono la lingua del Duecento.

10. Lingua e letteratura nel Duecento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 19/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 013
01. Cosa si intende per enunciato e per enunciazione?

L'enunciazione è l'atto linguistico, l'enunciato il suo prodotto

L'enunciazione è il prodotto linguistico dell'enunciato, cioè l'atto linguistico

Enunciato e enunciazione sono categorie narratologiche che pertengono allo statuto di autore implicito e rispettivamente autore storico

L'enunciato riguarda l'autore storico, l'enunciazione l'autore implicito

02. Quali sono le opere di Bono Giamboni

Bono Giamboni scrive due opere originali (il Trattato e il Libro) e traduce dal francese

Bono Giamboni scrive un'opera originale (il Libro de' Vizi e delle Virtudi)), traduce dal latino e dal francese e probabilmente compila un trattatello retorico (il Fiore di
rettorica)

Bono Giamboni scrive due opere originali (il Trattato e il Libro) e traduce dal latino (Orosio)

Bono Giamboni scrive due opere originali (il Trattato e il Libro), traduce dal latino (Vegezio e Orosio) e probabilmente compila un trattatello retorico (il Fiore di rettorica)

03. Quale delle seguenti forme non presenta il fenomeno della chiusura in protonia?

diletto

risposto

infermato

Dio

04. Bono Giamboni

appartenendo ad un ceto intellettuale medio-alto esprime un nuovo pubblico volgare nato all'interno della società comunale

appartenendo al notariato vuole fare un esercizio di stile

appartenendo ad un ceto che usa solo il latino nello scrivere in volgare fa un'operazione ispirata alla pietà e al desiderio di affrancare le masse popolari dall'ignoranza

appartenendo ad un ceto che usa solo il volgare, esprime le istanze di un pubblico nato in un contesto politico signorile

05. Bono Giamboni con il Libro de' Vizi e delle Virtudi

traduce da un originale latino

crea un'opera originale

volgarizza un'opera francese

unisce due fonti principali una latina e una francese che traduce

06. Illustrate l'opposizione fra enunciato e enunciazione formulata da Émile Benveniste

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 20/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 014
01. Qual è il significato di rizotonico e rizoatono?

E' rizotonica la parola accentata sulla desinenza, è rizoatona la parola accentata sulla radice

E' rizotonica la parola proparossitona, è rizoatona la parola piana

E' rizotonica la parola accentata sulla radice, è rizoatona la parola accentata sulla desinenza

E' rizotonica la parola proparossitona, è rizoatona la parola piana o ossitona

02. A quale data inizia a monottongarsi il dittongo toscano dopo consonante palatale?

Nel XV secolo

Nel XIV secolo

Nel XIII secolo

Nell'XI secolo

03. Perché nel sistema ortografico italiano si scrive "cielo" (e non "celo")?

Perché il dittongo -AE- si è regolarmente monottongato in e aperta che ha successivamente dato il dittongo toscano -ie-

Perché effettivamente si pronuncia con -i-

La -i- è introdotta come segno diacritico per distinguere il sostantivo dalla I pers. dell'indicativo presente del verbo "celare"

Perché il dittongo -AE- si è regolarmente monottongato in e aperta che ha successivamente dato il dittongo toscano -ie-; la grafia conserva traccia dell'antica pronuncia
sebbene oggi la -i- sia assorbita dalla affricata precedente e la -i- funzioni solo da diacritico

04. La regola del dittongo mobile consiste

nell'alternanza di forme dittongate e forme non dittongate nel paradigma di una parola a seconda della posizione dell'accento e, meno spesso, a seconda che la sillaba sia
libera o chiusa

nella libertà di esprimere o non esprimere il dittongo in sillaba tonica

nella libertà di esprimere o non esprimere il dittongo in sillaba atona

nell'alternanza di forme dittongate e forme non dittongate

05. Cosa si intende con pressione analogica?

Con pressione analogica si intende l'influenza esercitata da una parola su un'altra allo scopo di ridurne le analogi

Con pressione analogica si intende l'influenza l'una sull'altra di forme analoghe del paradigma allo scopo di esaltarne le differenze

Con pressione analogica si intende l'influenza esercitata da una categoria morfologica su un'altra categoria morfologica analoga

Con pressione analogica si intende l'influenza l'una sull'altra di forme differenti del paradigma allo scopo di ridurne o annullare le differenze

06. A quale fenomeno propriamente fiorentino è riconducibile la forma "sia" (cong. pres. del verbo essere)?

Alla chiusura in protonia

Alla apertura delle vocali toniche in iato

Al dittongamento toscano

Alla chiusura delle vocali toniche in iato

07. Illustrate la figura di Bono Giamboni e fornite alcuni elementi linguistici e stilistici della sua scrittura letteraria così come li abbiamo desunti dal brano
analizzato durante il corso.

08. Tracciate un quadro della prosa letteraria del Duecento

09. Nel seguente brano di Bono Giamboni individuate elementi (parole, sintagmi, caratteristiche fonetiche) ascrivibili alle tre componenti della sua lingua, latino,
francese, toscano:

“Considerando a una stagione lo stato mio, e la mia ventura fra me medesimo esaminando, veggendomi subitamente caduto di buon luogo in malvagio stato,
seguitando il lamento che fece Iobo nelle sue tribulazioni, cominciai a maladire l’ora e ’l dí ch’io nacqui e venni in questa misera vita, e il cibo che in questo mondo
m’avea nutricato e conservato.”

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 21/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

10. Analizzate dal punto di vista sintattico il seguente brano di Bono Giamboni:

“Considerando a una stagione lo stato mio, e la mia ventura fra me medesimo esaminando, veggendomi subitamente caduto di buon luogo in malvagio stato,
seguitando il lamento che fece Iobo nelle sue tribulazioni, cominciai a maladire l’ora e ’l dí ch’io nacqui e venni in questa misera vita, e il cibo che in questo mondo
m’avea nutricato e conservato”.

11. Paratassi e ipotassi nella prosa letteraria del Duecento

12. Descrivete cosa è e come funziona la regola del dittongo mobile

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 22/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 015
01. Nella lingua di Bono Giamboni a quale delle sue componenti va ascritta l'inversione del soggetto al verbo nella frase interrogativa (per. es. "perché mi facesti
tu venire in questo misero mondo?")?

al provenzale

al latino

alle lingue romanze

al fiorentino

02. Qual è il significato stilistico del gerundio in apertura del brano di Bono Giamboni analizzato durante il corso?

Il ricorso al gerundio ha lo scopo di introdurre considerazioni razionali e logiche fin dal punto di partenza del Libro

Il ricorso al gerundio ha lo scopo di indicare contemporaneità d'azione

Il ricorso ad un modo finito introduce una nozione di forte movimento all'avvio del Libro

Il ricorso ad un modo infinito introduce una nozione acronica e intima del punto di partenza del Libro

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 23/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 016
01. Indicate quale delle affermazioni seguenti è giusta

La forma meo non è toscana, ma compare nella poesia toscana per influsso della poesia siciliana

La forma Deo può essere solo un latinismo perché in siciliano la e tonica può derivare solo da Ī e Ĭ

La forma non dittongata core, non può essere un sicilianismo, bensì, mancando del dittongamento, solo un latinismo

La forma non dittongata mei è perfettamente fiorentina, perché pl. di meo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 24/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 017
01. Nel passaggio dal latino VIRIDEM all'italiano verde quale fenomeno fonetico generale riscontriamo?

L'epitesi

La sincope

L'apocope

L'epentesi

02. Il dittongo discendente è

un dittongo composto da due semivocali

un dittongo composto da due vocali

un dittongo in cui l'elemento semivocalico segue l'elemento vocalico

un dittongo in cui l'elemento semivocalico precede l'elemento vocalico

03. Cosa si intende con 'riduzione dei dittonghi discendenti'

La riduzione al solo elemento semivocalico

La caduta della vocale finale

La caduta di un dittongo in fine di parola

La riduzione al solo elemento vocalico

04. Come si chiama il fenomeno che compare in " de' tuo' " nel sintagma " la malizia de' tuo' riggimenti "

Riduzione del dittongo discendente

Riduzione del dittongo al primo elemento

Aferesi

Apocope

05. Qual era l'antica pronuncia della congiunzione "e" e della preposizione "per"?

Entrambe erano pronunciate, fino al XVIII secolo, con "e" aperta; poi la "e" si è chiusa per protonia sintattica

Entrambe erano pronunciate, fino al XVIII secolo, con "e" chiusa; poi la "e" si è aperta per protonia sintattica

Erano pronunciate con "e" chiusa come oggi (nonostante la derivazione da E lunga latina)

Erano pronunciate con "e" chiusa come oggi (nonostante la derivazione da E breve latina)

06. Il dittongo ascendente è

un dittongo composto da due vocali

un dittongo il cui elemento semivocalico precede l'elemento vocalico

un dittongo il cui elemento vocalico precede l'elemento semivocalicovocalico

un dittongo composto da due semivocali

07. L'elisione è

la caduta di una "e" di una "o" finali di parola davanti a parola che inizia per vocale

la caduta di una vocale finale di parola davanti a parola che inizia per vocale

la caduta di una "e" o di una "o" finali di parola

la caduta di una vocale finale di parola davanti a parola che inizia per consonante

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 25/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quali sono le condizioni che incoraggiano la riduzione dei dittonghi discendenti?

I dittonghi discendenti si riducono di preferenza nei polisillabi e in condizioni di tonicità sintattica

I dittonghi discendenti si riducono di preferenza nei monosillabi e in condizioni di tonicità sintattica

I dittonghi discendenti si riducono di preferenza nei polisillabi e in condizioni di proclicità sintattica

I dittonghi discendenti si riducono di preferenza nei monosillabi e in condizioni di proclicità sintattica

09. In quale di queste parole si riscontra il fenomeno della chiusura in protonia?

malvagio

lutto

abellire

nipote

10. In che cosa consiste il fenomeno dell'aferesi?

Nell'aggiunta di un elemento in posizione iniziale di parola

Nell'aggiunta di un elemento finale di parola

Nella caduta di un elemento finale di parola

Nella caduta di un elemento iniziale di parola

11. Quale di queste parole presenta un'apocope sillabica?

fu

quel

po'

bel

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 26/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 018
01. Indicate quale fra le parole proposte non è un francesismo fonetico

palagio

stagione

malvagio

Biagio

02. Nella locuzione "Per lo polso" che troviamo in Bono Giamboni agisce

il latinismo fonetico

la legge Tobler Mussafia

il latinismo semantico

la legge Groeber

03. Perché tribulazione è da considerarsi un latinismo?

Perché, partendo da TRIBŬLATĬONEM, avremmo dovuto avere il passaggio da -Ŭ- in /o/ e di -TĬ- davanti a vocale in /ʦ/

Perché, partendo da TRIBŬLATĬONEM, avremmo dovuto avere il passaggio di -Ŭ- in -/ɔ/

Perché è un termine non popolare

Perché, partendo da TRIBŬLATĬONEM, avremmo dovuto avere il passaggio di -TĬ- + vocale in /ʣ/

04. Le forme di imperfetto di I pers. singolare uscenti in -a

sono etimologiche ma coesistono a Firenze nel Duecento e nel Trecento con le forme analogiche in -o

sono di origine analogica e le uniche esistenti a Firenze fra Duecento e Trecento avanzato

sono analogiche ma coesistono a Firenze nel Duecento e nel Trecento con le forme etimologiche in -o

sono etimologiche e le uniche esistenti a Firenze fra Duecento e Trecento avanzato

05. Nei più antichi testi toscani le preposizioni articolate

si presentano con l intensa o l scempia in maniera casuale

si presentano con l scempia se davanti a parola che inizia per vocale tonica, con l intensa davanti a parola che inizia per consonante o vocale atona

si presentano con l intensa se davanti a parola che inizia per vocale tonica, con l scempia davanti a parola che inizia per consonante o vocale atona

si presentano con l intensa se davanti a parola che inizia per vocale , con l scempia davanti a parola che inizia per consonante

06. In che cosa consiste la Legge Gröber?

nella obbligatorietà, nel Duecento, di usare l'articolo forte lo davanti a parola uscente per vocale, di usare l'articolo debole (il o 'l) davanti a parola uscente in consonante

nella obbligatorietà, nel Duecento, di usare l'articolo forte lo dopo parola uscente per vocale, di usare l'articolo debole (il o 'l) dopo parola uscente in consonante

nella obbligatorietà, nel Duecento, di usare l'articolo forte lo davanti a parola uscente per consonante, di usare l'articolo debole (il o 'l) davanti a parola uscente in vocale

nella obbligatorietà, nel Duecento, di usare l'articolo forte lo dopo parola uscente per consonante, di usare l'articolo debole (il o 'l) dopo parola uscente in vocale

07. Il raddoppiamento fonosintattico

è un fenomeno di assimilazione progressiva

è un fenomeno di rafforzamento

è un fenomeno di dissimilazione

è un fenomeno di assimilazione regressiva innescato da monosillabi latini uscenti in consonante, da bisillabi volgari ossitoni e da alcune altre forme associate per analogia

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 27/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Come si spiegano le forme di imperfetto del tipo avea, dovea, venia?

Con il fenomeno del dileguo di -v- intervocalica derivante da -B- latina

Con il fenomeno della dissimilazione a partire da verbi che presentavano la sequenza v-v (aveva > avea, doveva > dovea etc.)

Per la caduta normale della -B- etimologica latina

Per il normale dileguo di -v- intervocalica

09. Le forme con consonante scempia del tipo abellire, apressarsi sono

fiorentinismi

latinismi

provenzalismi

francesismi

10. Quale delle seguenti forme verbali attesta il fenomeno del passaggio di -ar- postonico e intertonico a -er-?

scriverei

loderò

berrò

scriverò

11. La forma "fue" (III pers. sing. del pass. remoto del verbo "essere") presenta

il fenomeno dell'epentesi

il fenomeno dell'epitesi

vede il cambio di U breve latina in U lunga (per influsso della prima persona) e dunque -u-

vede il cambio di U lunga latina in U breve e dunque -u-

12. Qual è la più antica forma fiorentina della II persona del presente indicativo del verbo "essere"?

Sea

Sei

Si'

13. In quali condizioni etimologiche si verifica il raddoppiamento fonosintattico?

Dopo monosillabi uscenti in latino in consonante e dopo polisillabi che hanno subito apocope sillabica

Dopo monosillabi uscenti in latino in vocale e dopo polisillabi che hanno subito apocope sillabica

Dopo monosillabi uscenti in latino in consonante e dopo polisillabi che hanno subito apocope vocalica

Dopo monosillabi uscenti in latino in vocale e dopo polisillabi che hanno subito apocope vocaòlica

14. Come si spiega la presenza della doppia affricata palatale in "faccendo"?

Come rafforzamento espressivo

Non ha spiegazioni né fonetiche né analogiche

Per influsso di FACIO > faccio

Deriva regolarmente da FACIENDU(M)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 28/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

15. Qual è la giusta trafila cronologica fra quelle proposte?

FURUNT > furono > furo

FURUNT > furo > furono

FUERUNT > *FURUNT > furo > furono

FUERUNT > *FURUNT > furono > furo

16. In che modo si spiega la forma "boce" per 'voce' che troviamo in Bono Giamboni?

Come evoluzione dal lat. BOCEM con regolare passaggio da B- a v

Come evoluzione dal lat. UOCEM con passaggio della semivocale iniziale alla occlusiva bilabiale tramite un passaggio intermedio di spirante bilabiale

Come evoluzione dal lat. UOCEM con regolare passaggio di U a b

Come evoluzione dal lat. UOCEM con regolare passaggio di U a v e infine a b

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 29/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 019
01. La risalita del clitico avviene

quando l'infinito a cui il clitico si riferisce è retto da un verbo modale o da un verbo di movimento

quando l'infinito a cui il clitico si riferisce è retto da un verbo circostanziale o da un verbo di movimento

quando l'infinito a cui il clitico si riferisce è retto da un verbo modale o da un verbo di movimento (ma in questo caso deve essere interposta una preposizione)

quando l'infinito a cui il clitico si riferisce è retto da un verbo da un verbo di movimento (ma in questo caso deve essere interposta una preposizione)

02. In che cosa consiste la risalita del clitico

Nel fenomeno per il quale un elemento atono riferito ad un verbo al modo infinito retto da un verbo modale si dispone prima del verbo al modo infinito anziché dopo

Nel fenomeno per il quale un elemento atono riferito ad un verbo modale risale all'indietro fino a disporsi in prossimità di un modo infinito che lo precede

Nel fenomeno per il quale un elemento atono riferito ad un verbo è fatto dipendere dal verbo reggente anziché dal verbo a cui si riferisce

Nel fenomeno per il quale un elemento atono riferito ad un verbo al modo infinito retto da un verbo modale è fatto dipendere dal verbo modale anziché dal verbo a cui si
riferisce

03. Individuate in quale dei seguenti periodi è rispettata la legge Tobler-Mussafia

"Allora si levò la Filosofia, e puosesi a sedere in su la sponda del mio letto" (Bono Giamboni, Libro de' Vizi e delle Virtudi)

"quel gran teatro dov'era accolto il fiore di tutta la Grecia rivoltò gli occhi in lui e curiosamente mirollo" (Bartoli, La ricreazione del savio)

"perché la non si fugge ma si differisce a tuo disavvantaggio" (Machiavelli, De principatibus)

"E se si conduce e si guida bene" (Passavanti, Specchio di vera penitenza)

04. Nelle forme sanza, immantinente, incontanente

si assiste ad un fenomeno fonetico di carattere generale

si assiste ad un diffuso passaggio di apertura della vocale

si assiste al fenomeno caratteristicamente fiorentino -en- > -an-

si assiste al passaggio caratteristico del trapasso dal latino al volgare

05. La forma guerire è

un germanismo giunto in italiano tramite il francese

un francesismo

un germanismo

un francesismo giunto in italiano tramite l'antico tedesco

06. Quale di queste forme non è un latinismo fonetico?

cognizione

pezza

amplissimo

profundità

07. Nella dittologia sinonimica "piangendo e luttando" la parola "luttando" è

un latinismo semantico

un francesismo semantico

un francesismo fonetico

un latinismo fonetico

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 30/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quale fenomeno riscontriamo nella parola "maladire"?

Dissimilazione regressiva

Assimilazione progressiva

Dissimilazione progressiva

Assimilazione regressiva

09. Quali sono le condizioni di enclisi nell'italiano attuale?

L'enclisi avviene solo dopo modi finiti del verbo e dopo l'imperativo

L'enclisi avviene solo dopo modi non finiti del verbo

L'enclisi avviene solo dopo modi finiti del verbo e dopo l'imperativo

L'enclisi avviene solo dopo modi non finiti del verbo e dopo l'imperativo

10. Indicate la risposta giusta

In antico (come oggi) l'accordo con il complemento oggetto del participio passato di un verbo coniugato con "avere" è obbligatorio

In antico, diversamente da oggi, l'accordo con il complemento oggetto del participio passato di un verbo coniugato con "avere" non era obbligatorio se il complemento
oggetto precedeva il verbo

In antico (come oggi) l'accordo con il complemento oggetto del participio passato di un verbo coniugato con "essere" è obbligatorio

In antico, diversamente da oggi, l'accordo con il complemento oggetto del participio passato di un verbo coniugato con "avere" non era obbligatorio se il complemento
oggetto seguiva il verbo

11. Illustrate ed esemplificate uno o più dei seguenti fenomeni morfosintattici: a) nascita dell'articolo; b) perdita delle desinenze latine e nascita dei complementi
preposizionali; c) legge Tobler-Mussafia

12. Descrivete le condizioni in cui vige la legge Tobler-Mussafia

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 31/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 020
01. A quale studioso si deve la distinzione fra contenuto (significato) e espressione (significante)?

Hugo Schuchardt

Louis Hjelmslev

Ferdinand de Saussure

Emile Benveniste

02. Qual è la natura del destinatario del Libro de' vizi e delle virtudi di Bono Giamboni

Il destinatario è un lettore di cultura bassa a differenza del destinatore

Il destinatario è un lettore di cultura medioalto come il destinatore

Il destinatario si configura come ascoltatore piuttosto che come lettore

Il destinatario si configura come spettatore piuttosto che come lettore

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 32/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 021
01. Chi ha coniato la definizione di "fiorentino argenteo" per il fiorentino quattrocentesco?

Lionardo Salviati

Gli Accademici della Crusca

Luca Serianni

Arrigo Castellani

02. Quale dei seguenti elementi non è caratteristico della letteratura volgare trecentesca a fronte della letteratura del secolo precedente

nascita della novella come genere distinto dall'exemplum

aumento della poesia rispetto alla prosa

aumento della produzione prosastica rispetto alla letteratura in versi

volgarizzamenti dei classici latini senza l'intermediazione del francese

03. Poesia, prosa, volgarizzamenti nel Trecento italiano.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 33/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 022
01. Cosa erano gli "specula"?

Elenchi di doveri dei regnanti (specula principum)

Trattati comportamentali (per lo più destinati ai monaci) in cui veniva mostrato un modello morale o civile a cui attenersi

Raccolte di esempi morali

Trattati comportamentali (per lo più destinati ai principi) in cui veniva mostrato un modello morale o civile a cui attenersi

02. Che cosa è lo Specchio di vera penitenza di Iacopo Passavanti?

Una piccola summa dedicata al sentimento della contrizione e al sacramento della confessione che il Passavanti mise insieme dopo il ciclo di prediche quaresimali del 1354

Una raccolta di prediche recitate a Pisa

Una raccolta di exempla

Una raccolta di novelle scritta nel 1354

03. Uno dei massimi estimatori della prosa del Passavanti fu

Baccio Valori

Lionardo Salviati

Lorenzo il Magnifico

Pietro Bembo

04. Cosa è un'autotraduzione?

Un volgarizzamento autorizzato dall'autore

Un volgarizzamento commissionato dall'autore ad un traduttore appositamente scelto

Una introspezione di sé da parte dell'autore

La traduzione delle propria opera da parte dello stesso autore

05. Che cos'è la diglossia?

Una situazione di doppia opzione linguistica che prevede una lingua alta e una lingua bassa fra le quali esiste una differenza d'uso di tipo funzionale a seconda dei contesti

Una situazione di doppia opzione linguistica come in Italia l'alternanza di lingua standard e italiani regionali su base dialettale

Una situazione di doppia opzione linguistica senza differenza funzionale

Una situazione di doppia opzione linguistica (lingua/dialetto, lingua ufficiale/lingua minoritaria) a disposizione del parlante

06. L'opposizione parlato/scritto

si articola in una dicotomia netta e marcata a seconda del mezzo (asse diafasico)

si articola in quattro gradi: lo scritto-scritto, il parlato-parlato e due livelli intermedi cioè lo scritto-parlato (Protokoll) e il parlato-scritto (Vorlesen)

si articola in tre gradi: lo scritto-scritto, il parlato-parlato e un livello intermedio cioè lo scritto-parlato o parlato-scritto

si articola in una dicotomia netta e marcata a seconda del mezzo (asse diastratico)

07. Chi ha coniato il termine di diglossia?

Emile Benveniste nel 1959

Charles Ferguson nel 1973

Charles Ferguson nel 1959

Emile Benveniste nel 1973

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 34/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. A quale data in Italia la messa non è stata più recitata in latino?

Nel XIX secolo

Nel 1910 a seguito del Concilio Vaticano II

Nel 1980 a seguito del Concilio Vaticano III

Nel 1962 a seguito del Concilio Vaticano II

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 35/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 023
01. A quale contesto culturale vanno ascritti gli esiti semidotti -ANTIA > -anzia, -ENTIA > -enzia

Alla pronuncia filologica del latino

Alla pronuncia ecclesiastica del latino

Alla pronuncia del latino in ambito notarile

Alla pronuncia arcaizzante del latino

02. La forma "presunziosa" che si trova in Passavanti

esiste già in latino in epoca tardo-antica in autori pagani e si caratterizza come un termine di ambito filosofico

è una creazione del Passavanti composta con il suffisso -oso

esiste già in latino in epoca tardo-antica in autori cristiani e si caratterizza come un termine di ambito dottrinario

esiste già in latino classico e si caratterizza come un termine di ambito filosofico

03. Come si può spiegare la constatazione che in Passavanti l'esito semicolto -enzia (rispetto a -enza) è più frequente di -anzia (rispetto a -anza)

L'esito semicolto -anzia era sentito come diastraticamente basso

L'esito interamente volgare -enzia coincideva con l'esito galloromanzo

L'esito semicolto -enzia era sentito come diastraticamente alto

L'esito interamente volgare -anza aveva il conforto dell'esito -anza (da -ance) di diffusione galloromanza

04. Quali sono le cause storiche che determinano il passaggio dal fiorentino "aureo" al fiorentino "argenteo"?

La carestia, il conseguente calo demografico di Firenze e il ripopolamento da parte di popolazioni provenienti da altre città toscane

La Peste Nera, il conseguente calo demografico di Firenze e il ripopolamento da parte di popolazioni provenienti da altre città toscane

L'mpoverimento, il conseguente calo demografico di Firenze e il ripopolamento da parte di popolazioni provenienti da altre città toscane

La sifilide (il Morbo Gallico), il conseguente calo demografico di Firenze e il ripopolamento da parte di popolazioni provenienti da altre città toscane

05. Indicate la risposta non corretta.

La parola "refuggio" può essere considerata un latinismo per la mancata chiusura in protonia di re- in ri-

La consonante intensa di "refuggio" si spiega (a partire da FUGERE) per raddoppiamento della consonante successiva alla vocale tonica in parole proparossitone

La parola "refuggio" è un latinismo integrale

La parola "refuggio" è una forma semicolta

06. Indicate quale dei seguenti tratti non fa parte del fiorentino trecentesco

rispetto della regola del dittongo mobile

generale rispetto della legge Tobler-Mussafia soprattutto ad inizio assoluto di periodo

articolo il

riduzione del dittongo dopo consonante+ r

07. In che cosa consiste la cosiddetta estirpazione di iato?

Nell'introduzione per epentesi di un suono di passaggio (per lo più in italiano /g/ e /v/) fra gli elementi vocalici costituenti uno iato

Nell'introduzione per epentesi di un suono di passaggio (per lo più in italiano /g/ e /v/) fra gli elementi vocalico e semivocalico costituenti uno iato

Nell'introduzione per epitesi di un suono di passaggio (per lo più in italiano /g/ e /v/) fra gli elementi vocalico e semivocalico costituenti uno iato

Nell'introduzione per epitesi di un suono di passaggio (per lo più in italiano /g/ e /v/) fra gli elementi vocalici costituenti uno iato

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 36/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. La forma "prolago" che troviamo in Passavanti è

un caso di assimilazione progressiva

un caso di dissimilazione regressiva

un caso di dissimilazione progressiva

un caso di assimilazione regressiva

09. Quale delle seguenti parole non presenta il fenomeno -en- > -an-?

incontanemente

sanza

immantanente

mantenere

10. Indicate la risposta corretta.

Il passaggio di -en- postonico a -an- è un fenomeno che compare sistematicamente a Firenze e meno regolarmente in altre città toscane

Il passaggio di -en- a -an- è toscano

Il passaggio di -en- protonico e postonico a -an- è un fenomeno fonetico esclusivo del fiorentino

Il passaggio di -en- protonico e postonico a -an- è un fenomeno non sistematico che compare a Firenze e meno regolarmente in altre città toscane

11. Quale fenomeno accomuna le parole "femmina" e "voraggine"?

Il raddoppiamento della consonante successiva alla vocale tonica in parole parossitone

La mancata chiusura in protonia

Il raddoppiamento della consonante successiva alla vocale tonica in parole proparossitone

Il latinismo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 37/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 024
01. Nella frase del Passavanti Provocòmmi l'affettuoso priego di molte persone spirituali rileviamo

la coniunctio relativa

l'anacoluto

la dislocazione a sinistra

il tema libero

02. Quale fenomeno sintattico si riscontra nel periodo "Provocòmmi l'affettuoso priego di molte persone spirituali e divote, che mi pregorono che queste cose
della vera penitenzia ... le riducessi a certo ordine per iscrittura volgare"

Dislocazione a destra

Frase scissa

Dislocazione a sinistra

Inversione dei costituenti della frase

03. Come si spiega la forma "scriverrò"?

Per sincope e successiva assimilazione

Con l'attrazione analogica esercitata dal verbi nei quali (per sincope e successiva dissimilazione) si era generata regolarmente -rr-

Per sincope e successiva dissimilazione

Con l'attrazione analogica esercitata dal verbi nei quali (per sincope e successiva assimilazione) si era generata regolarmente -rr-

04. Che cosa è la dislocazione a destra?

Si tratta di quello che la retorica clasica chiamava anacoluto

Si tratta di un ordine invertito dei costituenti della frase

Si tratta di un ordine marcato dei costituenti della frase che posticipa un elemento rispetto all'ordine considerato normale, già presentato in forma pronominale ridondante,
mettendolo così in evidenza

Si tratta di un ordine marcato dei costituenti della frase che anticipa un elemento rispetto all'ordine considerato normale, ripreso poi in forma pronominale ridondante,
mettendolo così in evidenza

05. A quale fenomeno si riconduce la forma "sieno" ('siano')?

Alla chiusura in postonia

All'assimilazione

All'indebolimento di -a- dopo vocale tonica, purché seguita da altra sillaba

Alla chiusura delle vocali toniche in iato

06. Qual è il contesto fonetico in cui si produce la forma dell'art. maschile plurale "gli"?

In contesto velare

Davanti a parola che inizia per consonante

Davanti a parola che inizia per vocale

In contesto palatale

07. Le due forme "pericolo" e "periglio" sono

volgarismi (il secondo ormai desueto)

rispettivamente un francesismo e un latinismo

cultismi

rispettivamente un latinismo e un francesismo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 38/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quali fenomeni fonetici riconosciamo nella derivazione di "rigoglio" dal prov. "orgolh"

Prima dissimilazione regressiva (o-o > i-o) complice la reinterpretazione della prima sillaba come prefisso (ri-), poi metatesi (or > ro)

Prima dissimilazione progressiva (o-o > i-o) complice la reinterpretazione della prima sillaba come prefisso (ri-), poi metatesi (or > ro)

Prima metatesi (or > ro) poi dissimilazione regressiva (o-o > i-o) complice la reinterpretazione della prima sillaba come prefisso (ri-)

Prima metatesi (or > ro) e dissimilazione progressiva (o-o > i-o) complice la reinterpretazione della prima sillaba come prefisso (ri-)

09. Dal punto di vista della morfologia verbale il Trecento si caratterizza

per l'estensione analogica della desinenza -amo della I persona pl. del presente indicativo dei verbi della I coniugazione a quelli delle altre

per l'estensione analogica della desinenza -iamo alla I persona pl. del presente indicativo di tutte le coniugazioni

per l'estensione analogica della desinenza -emo alla I persona pl. del presente indicativo di tutte le coniugazioni

per la distinzione delle desinenze -amo, -emo, -imo della I persona pl. del presente indicativo a seconda della coniugazione

10. Negli avverbi composti con -mente in antico si verifica la regola secondo la quale

se l'aggettivo della II classe è parossitono, l'apocope in fine dell'aggettivo non viene mai attuata

se l'aggettivo della I classe è proparossitono, l'apocope in fine dell'aggettivo non viene mai attuata

se l'aggettivo della II classe è proparossitono, l'apocope in fine dell'aggettivo non viene mai attuata

se l'aggettivo della II classe è proparossitono, l'apocope in fine dell'aggettivo viene sempre attuata

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 39/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 025
01. In italiano la posizione prenominale degli aggettivi attributivi

è connotativa

è denotativa

è indifferente rispetto alla posizione postnominale

è più frequente della posizione postnominale

02. Il tema di una frase

è il punto di partenza della comunicazione e costituisce, dal punto di vista dell'emittente, l'elemento nuovo che si vuol far conoscere all'interlocutore

è l'argomento principale della frase

è l'elemento nuovo che si vuol far conoscere all'interlocutore

è il punto di partenza della comunicazione e costituisce, dal punto di vista dell'emittente, il dato già noto all'interlocutore

03. Cosa si intende per elemento "anaforico" o "cataforico"?

E' anaforico un elemento di ripresa di quanto già espresso nel discorso, è cataforico un elemento che rimanda alla realtà esterna non espressa nel discorso

E' cataforico un elemento di ripresa di quanto già espresso nel discorso, è anaforico un elemento che rimanda alla realtà esterna non espressa nel discorso

E' cataforico un elemento di ripresa di quanto già espresso, è anaforico un elemento che anticipa quanto si dirà

E' anaforico un elemento di ripresa di quanto già espresso, è cataforico un elemento che anticipa quanto si dirà

04. Il rema di una frase

è il punto di partenza della comunicazione e costituisce, dal punto di vista dell'emittente, il dato già noto all'interlocutore

è il punto di partenza della comunicazione e costituisce, dal punto di vista dell'emittente, l'elemento nuovo che si vuol far conoscere all'interlocutore

è l'argomento principale della frase

è l'elemento nuovo che si vuol far conoscere all'interlocutore

05. In che cosa consiste la tematizzazione?

Nell'anticipazione di un elemento della frase in prima posizione

Nella posposizione di un elemento della frase che dovrebbe stare in prima posizione

Nella messa in evidenza come elemento di avvio della frase di un elemento che, secondo l'ordine sintattico non marcato, non dovrebbe stare in prima posizione

Nella messa in evidenza come elemento di avvio della frase di un elemento nuovo, ignoto all'interlocutore

06. Qual è la modalità con cui si attua la tematizzazione nella prosa del Passavanti?

Il rema della frase riprende, anche in forma pronominale, il tema della successiva

Il tema della frase riprende, anche in forma pronominale, il rema della precedente

Il rema della frase riprende, anche in forma pronominale, il tema della precedente

Il tema della frase anticipa anche in forma pronominale, il rema della successiva

07. Qual è il significato stilistico dei periodi che iniziano con E nel brano del Passavanti commentato durante il corso?

corrisponde alla volontà del Passavanti di mantenere, in dipendenza dell'oralità originaria della predicazione, una forte coesione fra periodo e periodo

corrisponde alla volontà del Passavanti di mantenere, in dipendenza dell'oralità originaria della predicazione, una forte coerenzafra periodo e periodo

ha funzione coordinativa

indica la prevalente struttura paratattica del periodo del Passavanti

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 40/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. La prevalente collocazione prenominale degli aggettivi nel Passavanti ha funzione

connotativa

denotativa

corrisponde alla libertà antica della collocazione aggettivale e non ha alcun rilievo stilistico

è determinata dal significato dei singoli aggettivi

09. Nella frase del Passavanti La quale cosa non poté fare san Piero

abbiamo un esempio di stacco interfrasale

abbiamo un esempio di coniunctio relativa

abbiamo un esempio di connessione sintattica

abbiamo un esempio di anacoluto

10. Quale fenomeno sintattico ritroviamo nella frase del Passavanti "Del quale novero ci dobbiamo ingegnare d'essere noi peccatori"

Un uso improprio del verbo "ingegnare"

Estirpazione di iato in "novero"

Mancato rispetto della Legge Tobler-Mussafia

Risalita del clitico

11. Indicate l'affermazione errata.

Nel Trecento la desinenza della I persona plurale del presente indicativo -iamo sostituisce per tutte le coniugazioni le desinenze etimologiche

Nel Trecento è normale la forma "el" dell'articolo maschile singolare

Nel Trecento assistiamo ad una iniziale estensione della desinenza -ono della III persona plurale al presente indicativo di tutte le coniugazioni tranne la I

Nel Trecento è ancora costante la forma etimologica in -a della I persona sing. dell'imperfetto

12. Indicate quale delle seguenti frasi contraddice l'uso della legge Tobler-Mussafia

"e per le tempestose avversitadi e gravi pericoli che ci sono"

"Dove si dà ad intendere"

"Présela San Piero"

"E se si conduce e si guida bene"

13. Individuate la corretta definizione di "denotativo" e "connotativo"

Con "connotativo" si qualifica un uso (lessicale o sintattico) non marcato dello strumento linguistico, limitato all'indicazione del referente reale; con "denotativo" si
qualifica un uso (lessicale o sintattico) marcato, dalpunto di vista retorico, affettivo, espressivo di quello stesso utensile linguistico

Con "denotativo" si qualifica un uso (lessicale o sintattico) non marcato dello strumento linguistico, limitato all'indicazione del referente reale; con "connotativo" si
qualifica un uso (lessicale o sintattico) marcato, dalpunto di vista retorico, affettivo, espressivo di quello stesso utensile linguistico

Indicano rispettivamente l'uso postnominale e prenominale degli aggettivi attributivi

Indicano rispettivamente un uso denotato o connotato degli aggettivi attributivi

14. Definite in che cosa consiste la tematizzazione e illustratene le modalità di funzionamento nella prosa di Iacopo Passavanti.

15. Posizione degli aggettivi attributivi e ricadute stilistiche.

16. La sintassi e lo stile di Iacopo Passavanti.

17. Illustrate dal punto di vista linguistico (fono-morfologico, sintattico e stilistico) uno dei due brani riportati sotto, inquadrando gli autori (Bono Giamboni e
Jacopo Passavanti) nel contesto storico-culturale:

a) “– Figliuol mio, forte mi maraviglio che, essendo tu uomo, fai reggimenti bestiali, in ciò che stai sempre col capo chinato, e guardi le scure cose della terra,
laonde se’ infermato e caduto in pericolosa malatia”;

b) “Così avviene degli uomini che vivono in questo mondo, il quale è appellato mare per lo continovo movimento e inistabile istato, e per le tempestose avversitadi e
gravi pericoli che ci sono, ne’ quali la maggiore parte della gente perisce.”

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 41/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

18. Tema e rema: tematizzazione come tratto stilistico in Iacopo Passavanti.

19. Durante il corso abbiamo connesso la prosa di Jacopo Passavanti ad uno stile caratteristicamente omiletico. Perché?

20. Indicate sommariamente alcuni fenomeni fonetici, morfologici o sintattici del seguente brano (da Iacopo Passavanti, Specchio di vera penitenza):

“Solo Iesu Cristo salvatore, Iddio e uomo, sanza peso di peccato, leggiermente notando, passò il mare di questo mondo. E ciò significò egli, quando, essendo i
discepoli suoi nella nave nel mare di Galilea, e avendo grande fortuna per la forza del contrario vento, egli venne a loro andando leggiermente sovra l’onde del
turbato mare”.

21. Analizzate dal punto di vista linguistico e stilistico il seguente brano tratto dallo Specchio di vera penitenza di Iacopo Passavanti:

“Secondo che dice el venerabile dottore messere santo Ierolimo, Poenitentia est secunda tabula post naufragium: la penitenzia è la seconda tavola dopo il pericolo
della nave rotta. Parla il santo dottore della penitenzia, per somiglianza di coloro che rompono in mare, de’ quali spesse volte interviene che, rotta la nave per
grande fortuna e per tempestade che sia commossa in mare, coloro che sono più accorti prendono alcuna delle tavole della rotta nave, alla quale attegnendosi
fortemente, soprastando all’acqua, non affondano; ma giungono a riva o a porto, iscampati del periglio del tempestoso mare”.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 42/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 027
01. La grammatica di Leon Battista Alberti è

una grammatica della lingua degli scrittori più autorevoli della tradizione

una grammatica del fiorentino contemporaneo

una grammatica del fiorentino trecentesco

una grammatica del fiorentino di Dante, Petrarca e Boccaccio

02. Quale fra questi personaggi non testimonia, con i suoi scritti, l'ampliamento dell'ambito d'uso del volgare nel Quattrocento?

Pier Candido Decembrio

Matteo Palmieri

Alessandra Macinghi Strozzi

Cennino Cennini

03. La disputa sul latino parlato a Roma si svolse

a Firenze nel 1441

a Roma nel 1476

a Firenze nel 1435

a Roma nel 1435

04. A determinare la posizione di Leonardo Bruni sulla questione del latino parlato a Roma stava

la convinzione che il volgare fiorentino non avesse una tradizione letteraria

la convinzione che latino e volgare fossero troppo diversi

la convinzione che il volgare fosse privo di una struttura grammaticale

la convinzione che il volgare fosse troppo variegato in Italia dal punto di vista diatopico e che non poteva costituire un modello

05. Indicate quale delle seguenti affermazioni è falsa

Nel secondo Quattrocento il recupero di prestigio del volgare deve un forte impulso alla figura di poeta e di uomo politico do Lorenzo de' Medici

Nel secondo Quattrocento il prestigio del volgare viene messo ulteriormente in discussione dalla riscoperta della lingua e letteratura greche

Nel secondo Quattrocento il recupero di prestigio da parte del volgare avviene nell'ambito della poesia e della filosofia

Nel secondo Quattrocento la sempre maggiore conoscenza del greco, relativizzando il prestigio del latino, contribuisce ad un recupero di prestigio del volgare

06. Quale delle seguenti affermazioni è erroneamente attribuita a Leon Battista Alberti?

Rivendicazione dell'esistenza, nella Roma antica, di due lingue distinte usate rispettivamente dagli intellettuali e dal volgo

Scrittura della prima grammatica italiana (Grammatichetta Vaticana)

Dichiarazioni esplicite a favore del volgare considerato strutturalmente non inferiore al latino

Organizzazione del Certame coronario

07. Il tema del latino parlato a Roma fu oggetto di uno scambio epistolare tra due importanti umanisti

Biondo Flavio e Poggio Bracciolini

Poggio Bracciolini e Cristoforo Landino

Biondo Flavio e Leonardo Bruni

Cristoforo Landino e Leonardo Bruni

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 43/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quale dei seguenti eventi non contribuì allo studio e alla conoscenza del greco e della letteratura greca in Occidente nel Quattrocento?

Caduta di Costantinopoli (1453)

L'insegnamento pubblico del greco

Concilio dell'Unione (1439)

La pratica dei volgarizzamenti

09. In quale nuovo ambito d'uso scritto il volgare del primo Quattrocento conosce un ampliamento rispetto al secolo precedente?

Nello scambio fra dotti europei

Nella trattatistica filologica

Nella trattatistica d'arte

Nell'insegnamento universitario

10. Quale di queste affermazioni è falsa?

Con l'Umanesimo il latino diventa il principale strumento espressivo in ogni campo della cultura

Nel Quattrocento il volgare viene tendenzialmente relegato alle scritture pratiche e ai generi letterari popolari

Nel Quattrocento il volgare attraversa una fase di crisi

Con l'Umanesimo si diffonde l'idea della superiorità della cultura moderna su quella antica

11. Nel primo Quattrocento

il volgare prosegue trionfalmente il processo di ampliamento nell'ambito d'uso iniziato nei secoli precedenti

il volgare corrobora l'ambito d'uso conquistato nel Trecento

il volgare subisce un momento generale di regresso nell'ambito d'uso

il volgare entra in aperta competizione e sopravanza l'ambito d'uso del latino

12. Cosa è il Certame Coronario?

Un concorso poetico organizzato sul tema dell'invidia da Piero de' Medici a Firenze nel 1441

Un concorso poetico organizzato sul tema dell'amicizia da Leon Battista Alberti a Firenze nel 1441

Un concorso poetico organizzato sul tema dell'amicizia da Leon Battista Alberti a Roma nel 1441

Un concorso poetico organizzato sul tema dell'amicizia da Leonardo Bruni a Firenze nel 1441

13. Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

Nella disputa sul latino parlato a Roma Leon Battista Alberti sosteneva che il volgare era nato dal latino la cui purezza e la cui diffusione nell'Impero Romano erano state
incrinate dalle invasioni barbariche

Nella disputa sul latino parlato a Roma Leonardo Bruni sosteneva che il volgare era nato dal latino

Nella disputa sul latino parlato a Roma Leonardo Bruni finiva per riconoscere la parità in termini di antichità e in termini di utilizzo fra latino e volgare

Nella disputa sul latino parlato a Roma Flavio Biondo sosteneva che il volgare era nato dal latino la cui purezza e la cui diffusione nell'Impero Romano erano state incrinate
dalle invasioni barbariche

14. Dalle due lingue dei secoli precedenti (latino/volgare) alle tre lingue del Quattrocento (greco/latino/ volgare)

15. Illustrate le dinamiche intercorrenti fra latino e volgare nel Quattrocento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 44/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 028
01. Quale dei seguenti fenomeni della morfologia verbale non appartiene ai tratti innovativi del fiorentino quattrocentesco?

La radice fo- del verbo "essere" si trasforma in fu-

La I pers. plurale del presente indicativo esce in -no

Le forme in -ss- del passato remoto di "mettere"

La desinenza della III pers. plurale del presente è -ono per tutte le coniugazioni

02. Indicate quale delle seguenti evoluzioni del fiorentino trecentesco verso il fiorentino quattrocentesco non è corretta.

dieci > diece

fossi > fussi

stea > stia

milia > mila

03. Indicate quale delle seguenti evoluzioni del fiorentino trecentesco verso il fiorentino quattrocentesco non è corretta.

dicessette > diciassette

avrò > arò

sia > sea

misi > missi

04. Riguardo l'ordine delle parole

l'enclisi nella Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese è sovrabbondante

l'enclisi della Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese si adegua alla legge Tobler-Mussafia

l'enclisi della Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese si adegua alla legge Tobler-Mussafia solo all'inizio di principale preceduta da subordinata

l'enclisi della Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese talvolta si adegua ai criteri del cursus

05. Quale delle seguenti caratterizzazioni non si attaglia alla Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese?

La lingua della Lettera dimostra nei tratti fonetici l'aderenza al fiorentino argenteo

La prosa della Lettera ha come modelli il latino e la tradizione letteraria fiorentina del Trecento

La prosa della Lettera è connotata da citazioni esplicite ed implicite agli autori classici e alla tradizione volgare

La lingua della Lettera dimostra una tenue infiltrazione dei tratti morfologici del fiorentino argenteo

06. La Raccolta Aragonese fu compilata

nel 1500

nel 1477

nel 1480

ne 1497

07. Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

La Raccolta Aragonese fu inviata da Lorenzo de' Medici a Federico d'Aragona

La lettera che funge da prefazione alla Raccolta Aragonese fu firmata da Angelo Poliziano

La Raccolta Aragonese è un'antologia della poesia toscana dei primi secoli

I compilatori della Raccolta Aragonese vogliono proporre ai contemporanei un modello linguistico-letterario

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 45/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Quale dei seguenti tratti 'argentei' non è stato accolto dall'italiano?

La riduzione dei dittonghi /wɔ/ e /jɛ/ dopo consonante + r

La sostituzione delle forme declinate (glielo, gliela, glieli, gliele) all'indeclinabile gliele

La desinenza -o alla I persona dell'imperfetto indicativo

La desinenza -ono alla III persona del presente e dell'imperfetto indicativo estesa alla I coniugazione

09. A quali cause sono associate le innovazioni fonetiche e morfologiche rispetto al fiorentino trecentesco che si è soliti definire come "fiorentino argenteo"?

L'emigrazione dei fiorentini in seguito alla Peste nera

L'inurbamento delle popolazioni del contado fiorentino e da altre città toscane in seguito al calo demografico prodotto dalla Peste nera

Il minor prestigio di Firenze nel panorama regionale toscano conseguente alla peste nera

La caduta di prestigio letterario del fiorentino quattrocentesco, che non poteva competere con le Tre Coronedata la scarsa

10. Quale dei seguenti tratti non è caratteristico del fiorentino del Quattrocento?

l'apocope di -e e -o dopo l, n, r

l'articolo definito maschile singolare el

la velarizzazione di l preconsonantica

la desinenza di III pl. -on(o) invece di -ano

11. Quale dei seguenti gruppi di fenomeni/forme è ascrivibile alle innovazioni del fiorentino argenteo rispetto al fiorentino del Trecento?

riduzione dei dittonghi wɔ/ e /jɛ/ dopo consonante + r e dopo consonante palatale, /skj/ > /stj/, ragghiare > ragliare, fosse > fussi

riduzione dei dittonghi /wɔ/ e /jɛ/ dopo consonante + r, /skj/ > /stj/, ragghiare > ragliare, fosse > fussi, milia > mila

riduzione dei dittonghi wɔ/ e /jɛ/ dopo consonante + r, /skj/ > /stj/, ragliare > ragghiare, fusse > fossi, mila > milia

riduzione dei dittonghi /wɔ/ e /jɛ/ dopo consonante palatale, /skj/ > /stj/, ragghiare > ragliare, fosse > fussi

12. La diffusione a Firenze nel Quattrocento dell'articolo maschile "el"

fu lenta ma inesorabile, tanto che alla fine degli anni Settanta "el" aveva soppiantato la forma antica

fu lenta ma negli anni Settanta "el", sentito come diastraticamente più connotato, era maggioritario nei testi letterari di carattere comico

fu lenta e non riuscì mai a soppiantare la forma antica; ancora negli anni Settanta "il" è maggioritario rispetto a "el"

fu immediata e travolgente, tanto che in poco tempo soppiantò la forma antica "il"

13. Quale dei seguenti fenomeni appartiene ai tratti innovativi del fiorentino quattrocentesco?

Riduzione del dittongo palatale dopo elemento palatale

Velarizzazione della -l- preconsonantica

Riduzione del dittongo dopo elemento palatale

Creazione della forma "gli" dell'articolo maschile plurale

14. Quale dei seguenti fenomeni fonetici non appartiene ai tratti innovativi del fiorentino quattrocentesco?

L'indeclinabile "gliele" sostituisce le forme declinate "glielo, gliela" etc

Le forme declinate "glielo, gliela" etc. sostituiscono la forma indeclinabile "gliele"

L'uscita -que degli indeclinabili perde l'elemento labiovelare

Palatalizzazione dei plurali uscenti in -lli

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 46/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

15. Quale delle seguenti forme dei numerali non è ascrivibile al fiorentino quattrocentesco

undici

dieci

duo

dua

16. Quale evoluzione prevede il fiorentino quattrocentesco per una forma come "dunque"?

Dunqua

Donque

Donqua

Dunche

17. Quale dei seguenti tratti morfologici non è attribuibile al fiorentino quattrocentesco?

Alla forma "sè" di II persona del presente del verbo "essere" si sostituisce la forma "sei"

All'articolo "il" si affianca l'articolo "el"

Alla forma "avrò" del futuro si sostituisce la forma "arò"

Alla forma "aveva" si sostituisce la forma "avea"

18. Quale delle seguenti forme è attribuibile al fiorentino quattrocentesco?

"milia"

"dea"

"missi"

"diece"

19. Quale dei seguenti tratti morfologici non appartiene ai tratti innovativi del fiorentino quattrocentesco?

Sostituzione della forma analogica in -o alla forma etimologica in -a nella I persona dell'imperfetto

L'uscita in -e dei nomi plurali femminili della III classe latina

La desinenza -orono (o -orno) per la III persona pl. del passato remoto nella I coniugazione verbale

Sostituzione della forma etimologica in -o alla forma analogica in -a nella I persona dell'imperfetto

20. Quale dei seguenti fenomeni fonetici non appartiene ai tratti innovativi del fiorentino quattrocentesco?

Evoluzione di /w/ iniziale in /vw/

Riduzione del dittongo dopo occlusiva + r

Conservazione del dittongo -AU-

Evoluzione di /skj/ in /stj/

21. Come si spiegano le forme teglia (da TEGULA) e vegliare (da VIGILARE)

Con la regolare evoluzione dal latino GL

Come reazione ipercorretta all'innovazione non cittadina che pronunciava migliaio come migghiaio o famiglia come famigghia

Come la penetrazione nella città di Firenze di una pronuncia del contado

Con la confusione fra l'esito volgare di GL e di LJ del latino

22. El / il; mila / milia; fusse / fosse; quali termini di queste coppie appartengono al fiorentino aureo e quali al fiorentino argenteo?

23. Fra fiorentino aureo e fiorentino argenteo (indicate alcuni dei fenomeni distintivi).

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 47/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 029
01. Quale di questi poeti non è presente nella Raccolta Aragonese?

Poliziano

Guido Guinizzelli

Dante

Lorenzo de' Medici

02. Quale dei seguenti tratti non compare nella Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese ed è invece testimoniato nei Detti piacevoli?

l'alternanza nella desinenza -e/-i di III persona del congiuntivo imperfetto

le forme del verbo avere con riduzione del nesso -vr-

uscita in -o della I persona dell'imperfetto

l'adozione di lui e lei in funzione di soggetto

03. Chi ha stabilito che la Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese è di Poliziano?

Arrigo Castellani

Michele Barbi

Carlo Dionisotti

Gianfranco Contini

04. Indicate quali dei seguenti fenomeni fonetici presenti nella "Lettera proemiale" della "Raccolta Aragonese" non può essere considerato un fenomeno di
latinismo

Chiusura in protonia

Conservazione di -AU-

Mancato raddoppiamento in "publico" e "abundante"

Adesione al timbro vocalico etimologico in "singulare", "sepultura"

05. Indicate quale delle seguenti forme presenti nella "Lettera proemiale" alla "Raccolta Aragonese" non può essere considerato un latinismo lessicale

rozzore 'rozzezza'

prossimo 'il più vicino'

intermesso 'interrotto'

uno 'uno soltanto'

06. "Può" rispetto a "puote"

è la variante con apocope sillabica

è la variante con apocope vocalica

è la variante senza epitesi sillabica

è la variante senza epitesi vocalica

07. Quale dei seguenti tratti non compare nella Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese ed è invece testimoniato nei Detti piacevoli?

i latinismi fonetici e lessicali

l'adozione di lui e lei in funzione di soggetto

la forma el dell'articolo

le forme fusti, fussi del perfetto del verbo essere

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 48/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 030
01. L'uscita in -uto del participio passato

nel Quattrocento si formò per pressione analogica esercitata da ausiliari e verbi modali come "avere", "potere", volere"

dal Duecento al Quattrocento si era formata per pressione analogica esercitata da ausiliari e verbi modali come "avere", "potere", volere"

dal Duecento al Quattrocento si era estesa dai verbi con vocale tematica -U- ad altri verbi, per pressione analogica esercitata da ausiliari e verbi modali come "avere",
"potere", volere"

nel Quattrocento si estese dai verbi con vocale tematica -U- ad altri verbi, per pressione analogica esercitata da ausiliari e verbi modali come "avere", "potere", volere"

02. Quale delle seguenti forme presenti nella "Lettera proemiale" alla "Raccolta Aragonese" non è un francesismo?

Schifare

Masnada

Ruvido

Ostello

03. Come sono connotati i latinismi lessicali nella Lettera proemiale e nei Detti piacevoli di Poliziano?

I latinismi lessicali della Lettera sono di ambito prevalentemente retorico e di tradizione medievale, mentre quelli dei Detti sono di ambito giuridico-amministrativo ma di
tradizione classica

I latinismi lessicali della Lettera sono di ambito prevalentemente retorico e di origine classica, mentre quelli dei Detti sono di ambito giuridico-amministrativo e di
tradizione medievale

I latinismi lessicali della Lettera sono funzionali al contesto, mentre quelli dei Detti sono esornativi

I latinismi lessicali della Lettera sono di ambito prevalentemente ufficiale, mentre quelli dei Detti sono di ambito ecclesiastico

04. Indicate i latinismi lessicali e sintattici nel seguente brano della Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese:

“Ripensando assai volte meco medesimo, illustrissimo signor mio Federico, quale in tra molte e infinite laudi degli antichi tempi fussi la più eccellente, una per
certo sopra tutte l’altre esser gloriosissima e quasi singulare ho giudicato: che nessuna illustre e virtuosa opera né di mano né d’ingegno si puote immaginare, alla
quale in quella prima età non fussino e in publico e in privato grandissimi premi e nobilissimi ornamenti apparecchiati”.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 49/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 031
01. Nella "Lettera proemiale" alla "Raccolta Aragonese" l'enclisi

rispetta la legge Tobler-Mussafia

rispetta la legge Tobler-Mussafia solo in posizione assoluta

risponde ad esigenze espressive

risponde ad esigenze prosodiche

02. Come si comporta Poliziano in relazione alle forme verbali composte (per esempio il passato prossimo)?

Ne esalta l'evidenza, sebbene neo-formazioni volgari, ponendole in posizione finale di periodo

Data la sua attenzione nei confronti della tradizione volgare, le accetta senza particolari censure, sebbene siano neo-formazioni volgari

Ne attenua l'evidenza (in quanto neo-formazioni volgari) separando l'ausiliare dal participio passato

Le evita in quanto neo-formazioni volgari sostituendo al passato prossimo il passato remoto

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 50/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 032
01. Che cosa connota, dal punto di vista del genere epistolare, la Lettera proemiale?

La divisione in differenti sezioni (argomentativa, storico-critica e conclusiva)

La stretta connessione fra le differenti sezioni in cui la Lettera si divide

L'uso del tu

L'iniziale allocuzione al destinatario e il saluto finale

02. A quale categoria principale appartengono le parole che escono in -anzia, -enzia nella prosa del Poliziano?

A termini filosofici

A termini giuridici

Ai nomi astratti

Ai nomi concreti

03. L'adozione del campo metaforico delle arti figurative nella sezione storico-critica della "Lettera proemiale" alla "Raccolta Aragonese" di Poliziano

discende dalla tradizione retorica latina

è un tratto critico tradizionale

è un tratto critico nuovo e moderno

discende dalla tradizione retorica medievale

04. Quale dei seguenti tratti sintattico-stilistici non compare nella prosa del Poliziano?

Iterazione della congiunzione "e" e "né" davanti ad entrambi i termini di una dittologia

Presenza della coniunctio relativa

Tematizzazione

Costruzione alla latina delle subordinate oggettive e soggettive implicite

05. Poliziano fra istanze umanistiche e istanze ‘popolari’: la Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese e i Detti piacevoli.

06. Latino, greco e volgare nell'Umanesimo quattrocentesco.

07. Illustrate in che misura i tratti del fiorentino argenteo si manifestano nella prosa del Poliziano esemplificando dalla Lettera proemiale alla Raccolta
Aragonese e dai Detti piacevoli.

08. Illustrate la presenza e la natura dei latinismi nella scrittura di Agnolo Poliziano.

09. Analizzate dal punto di vista linguistico il seguente brano estratto dalla Lettera proemiale alla Raccolta Aragonese:

"Imperocché, essendo la sacra opera di questo celebratissimo poeta dopo la sua morte per molti e vari luoghi della Grecia dissipata e quasi dimembrata, Pisistrato,
ateniese principe, uomo per molte virtu? e d'animo e di corpo prestantissimo, proposti amplissimi premi a chi alcuni de' versi omerici gli apportassi, con somma
diligenzia ed esamine tutto il corpo del santissimo poeta insieme raccolse, e si? come a quello dette perpetua vita, cosi? lui a se stesso immortal gloria e clarissimo
splendore acquistonne"

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 51/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 034
01. Indicate l'affermazione errata

Le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo ebbero fortuna perché il loro autore era un intellettuale di prestigio indiscusso

Le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo ebbero fortuna perché proponendo come modello della poesia Petrarca andava incontro al petrarchismo inaugurato nel
secondo Quattrocento e che in quegli anni raggiungeva il proprio apogeo

Le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo ebbero fortuna perché l'impianto arcaizzante che esse proponevano forniva una regola certa e immobile

Le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo ebbero fortuna perché l'autore era fiorentino

02. Quale dei seguenti fattori storici contribuì e rafforzò l'esigenza di una norma linguistica nel Cinquecento?

L'aspirazione ad un'unità politica italiana

Le invasioni francesi e spagnola alle quali si sentiva l'esigenza di opporre una precisa identità linguistica italiana

La scoperta prima e la diffusione poi della stampa a caratteri mobili

Un pubblico sempre maggiore di dotti

03. La prima grammatica dell'italiano, dopo quella di Leon Battista Alberti, si deve a

Pier Francesco Giambullari

Lionardo Salviati

Pietro Bembo

Giovan Francesco Fortunio

04. La grammatica del Fortunio non riscosse particolare successo perché

di prevalente impianto filologico

andava contro il processo di konéizzazione iniziato nel Quattrocento a favore del tosco-fiorentino

aveva un impianto scarsamente normativo e non affrontava le questioni ortografiche

l'autore era un friulano

05. Le Prose della volgar lingua di Pietro Bembo furono pubblicate

nel 1555

nel 1525

nel 1535

nel 1540

06. Quali erano le caratteristiche delle "Regole" del Fortunio? Indicate la risposta errata.

Prescindeva dalla questione dei modelli letterari

La descrizione del volgare era modellata sulle categorie della grammatica del latino

Aveva un frte impianto filologico, tanto da discutere dela correttezza o meno di una lezione

Dedicava molto spazio al problema ortografico

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 52/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 035
01. Nella polemica sul ciceronianesimo

Pietro Bembo assunse posizioni analoghe a quelle avanzate nel secolo precedente da Agnolo Poliziano, a favore dell'unicità dei modelli latini da imitare

Pietro Bembo assunse posizioni analoghe a quelle avanzate nel secolo precedente da Agnolo Poliziano, a favore dell'unicità dei modelli letterari da imitare

Pietro Bembo assunse posizioni analoghe a quelle avanzate nel secolo precedente da Agnolo Poliziano, a favore della massima libertà dei modelli letterari da imitare

Pietro Bembo assunse posizioni analoghe a quelle avanzate nel secolo precedente da Paolo Cortesi, a favore dell'unicità dei modelli latini da imitare

02. Indicate l'associazione errata fra posizione teorica nel dibattito linguistico cinquecentesco e suo esponente

teoria arcaizzante > Pietro Bembo; teoria cortigiana > Baldassar Castiglione; teoria fiorentinista > Niccolò Machiavelli

teoria arcaizzante > Pietro Bembo; teoria cortigiana > Vincenzo Calmeta; teoria fiorentinista > Niccolò Machiavelli

teoria arcaizzante > Pietro Bembo; teoria cortigiana > Benedetto Varchi; teoria fiorentinista > Niccolò Machiavelli

teoria arcaizzante > Pietro Bembo; teoria cortigiana > Gian Giorgio Trissino; teoria fiorentinista > Niccolò Machiavelli

03. Nelle Prose della volgar lingua Pietro Bembo fa dire al fratello Carlo

che non è un vantaggio conoscere il fiorentino come lingua materna per saper ben scrivere fiorentino

che è un vantaggio essere fiorentino per saper parlare fiorentino

che è un vantaggio conoscere il fiorentino come lingua materna per saper ben scrivere fiorentino

che non è un vantaggio essere fiorentino per saper parlare fiorentino

04. La confutazione di Pietro Bembo della teoria cortigiana verte

sulla mancanza di prestigio letterario della lingua di conversazione nelle corti

sulla fiorentinità solo parziale della lingua delle corti

sulla mancanza di modelli letterari che autorizzino la lingua cortigiana

sulla mancanza di uniformità della lingua delle corti, che ne determina la difficoltà di essere insegnata ed appresa

05. La teoria cortigiana fu sostenuta per la prima volta

da Vincenzo Colli detto il Calmeta

da Gian Giorgio Trissino

da Baldassarre Castiglione

Da Dante Alighieri

06. La polemica relativa alla imitatio sul versante latino aveva visto contrapposti

nel Quattrocento Agnolo Poliziano e Giovan Francesco Pico, nel Cinquecento Paolo Cortesi e Pietro Bembo

nel Quattrocento Agnolo Poliziano e Paolo Cortesi, nel Cinquecento Giovan Francesco Pico e Pietro Bembo

nel Quattrocento Agnolo Poliziano e Pietro Bemboi, nel Cinquecento Paolo Cortesi e Giovan Francesco Pico

nel Quattrocento Giovan Francesco Pico e Paolo Cortesi, nel Cinquecento Agnolo Poliziano e Pietro Bembo

07. Chi ci tramanda notizia del contenuto dei libri perduti di Vincenzo Colli detto il Calmeta?

Carlo Lenzoni

Pietro Bembo

Niccolò Machiavelli

Gian Giorgio Trissino

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 53/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Chi fu il rappresentante del ciceronianesimo nella disputa cinquecentesca sull'imitazione?

Giovan Grancesco Pico

Paolo Cortesi

Agnolo Poliziano

Pietro Bembo

09. Chi fu il rappresentante del ciceronianismo nella disputa quattrocentesca sull'imitazione?

Giovan Francesco Pico

Agnolo Poliziano

Paolo Cortesi

Pietro Bembo

10. Per Pietro Bembo

il prestigio del fiorentino dipende dalla sua eccellenza naturale, presente nel Trecento, ma non puù presente nel fiorentino successivo

il prestigio del fiorentino dipende dalla sua eccellenza naturale come lingua parlata e scritta

il prestigio del fiorentino dipende sia dalla sua eccellenza naturale sia dal prestigio delle Tre Corone

il prestigio del fiorentino è il risultato della precedente tradizione letteraria

11. Quali problemi vengono affrontati e quali soluzioni vengono proposte nelle prime grammatiche del volgare, in particolare nelle Regole del Fortunio e nelle
Prose del Bembo?

12. La posizione linguistica di Pietro Bembo e il ciceronianismo.

13. Pietro Bembo: la posizione teorica vista alla luce del dibattito quattrocentesco e contemporaneo sul ciceronianesimo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 54/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 036
01. Qual è il significato che il lettori del Cinquecento dettero del "De vulgari eloquentia" dantesco?

I primi lettori cinquecenteschi lo intesero come un trattato di linguistica (piuttosto che come un trattato di poetica), e, adattandolo alle questioni allora vive, lo intesero
come una conferma della teoria cortigiana

I primi lettori cinquecenteschi lo intesero come un trattato di poetica (piuttosto che come un trattato di linguistica), e, adattandolo alle questioni allora vive, lo intesero
come una conferma della teoria cortigiana

I primi lettori cinquecenteschi lo intesero come un trattato di linguistica (piuttosto che come un trattato di poetica), e, adattandolo alle questioni allora vive, lo intesero
come una conferma della teoria arcaizzante

I primi lettori cinquecenteschi lo intesero come un trattato di linguistica (piuttosto che come un trattato di poetica), e, adattandolo alle questioni allora vive, lo intesero
come una conferma della teoria fiorentinista

02. Quando fu composto e qual è l'argomento di partenza del "Discorso intorno alla nostra lingua" di Niccolò Machiavelli?

Nel 1513; come si dovesse denominare la lingua in cui hanno scritto le Tre Corone: fiorentina, toscana o italiana, optando per la denominazione di volgare

Nel 1513; come si dovesse denominare la lingua in cui hanno scritto le Tre Corone: fiorentina, toscana o italiana, optando per la denominazione toscana

Nel 1524; come si dovesse denominare la lingua in cui hanno scritto le Tre Corone: fiorentina, toscana o italiana, optando per la denominazione fiorentina

Nel 1525; corregge l'interpretazione del "De vulgari eloquentia" chiamando in causa lo stesso Dante

03. Per Machiavelli

il prestigio del fiorentino è il risultato della precedente tradizione letteraria

il prestigio del fiorentino dipende dalla sua eccellenza naturale, presente nel Trecento, ma non puù presente nel fiorentino successivo

il prestigio del fiorentino dipende sia dalla sua eccellenza naturale sia dal prestigio delle Tre Corone

il prestigio del fiorentino dipende dalla sua eccellenza naturale come lingua parlata

04. Chi riscoprì, nel primo decennio del Cinquecento, il "De vulgari eloquentia" dantesco?

I partecipanti alle discussioni degli Orti Oricellari

Lodovico Castelvetro

Gian Giorgio Trissino

Vincenzo Colli

05. La posizione di Niccolò Machiavelli all'uscita delle Prose della volgar lingua fu

di accettazione della teoria bembiana

in un primo tempo fu favorevole, poi, dopo la scrittura del Discorso, contrario

di ironica ma netta opposizione

di accettazione della posizione bembiana pur con notevoli distinguo

06. Niccolò Machiavelli sosteneva

l'eccellenza letteraria del fiorentino stabilita dalle Tre Corone nel Trecento

l'eccellenza intrinseca del fiorentino e proponeva la sua adozione nella varietà parlata a lui contemporanea

l'eccellenza della lingua scritta su quella parlata

l'eccellenza della lingua parlata su quella scritta

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 55/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

07. Nel Discorso intorno alla nostra lingua di Niccolò Machiavelli

l'argomento di discussione principale è se la lingua usata dagli scrittori fiorentini e in primo luogo Dante sia il fiorentino, il toscano o l'italiano e prende posizione per la
prima opzione

l'argomento di discussione principale è se la lingua usata dagli scrittori italiani e in primo luogo Bembo sia il fiorentino, il toscano o il veneziano e prende posizione per la
prima opzione

l'argomento di discussione principale è se la lingua usata dagli scrittori fiorentini e in primo luogo Dante sia il fiorentino, il toscano o l'italiano e prende posizione per la
seconda opzione

l'argomento di discussione principale è se la lingua usata dagli scrittori fiorentini e in primo luogo Petrarca sia il fiorentino, il toscano o l'italiano e prende posizione per la
prima opzione

08. Niccolò Machiavelli: prassi e teoria linguistiche.

09. La nascita della grammatica della lingua italiana.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 56/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 037
01. Quale dei seguenti elementi fono-morfologici del fiorentino argenteo non troviamo nel De principatibus?

Velarizzazione di l preconsonantica

Riduzione del dittongo dopo consonante + r

Passaggio da /skj/ a /stj/

L'esito palatale -gli < -lli

02. La presenza dei tratti del fiorentino argenteo nel De principatibus è maggiore

nella fonetica

nella sintassi

nello stile

nella morfologia

03. I pronomi soggettivi "gli" e "la" (per "egli" e "ella") che compaiono in Machiavelli

sono forme epitetiche

sono forme sincopate

sono forme apocopate

sono forme aferetiche

04. Indicate quale di queste forme non è un latinismo lessicale

accidenti

lasciare

estrinseco

suppellettile

05. Indicate quale di queste forme non è un latinismo fonetico

antiquo

clausule

osservato

facultà

06. In Machiavelli

il sistema degli articoli maschili è simmetrico: le forme antiche non vengono soppiantate da quelle moderne né nel singolare né nel plurale

il sistema degli articoli maschili è asimmetrico: la forma innovativa soppianta l'antica nel singolare, la forma moderna è minoritaria nel plurale

il sistema degli articoli maschili è simmetrico: le forme innovative soppiantano le antiche nel singolare e nel plurale

il sistema degli articoli maschili è asimmetrico: la forma innovativa non soppianta l'antica nel singolare, la forma moderna è esclusiva nel plurale

07. Indicate quale di queste forme non compare o è minoritaria nella prosa di Machiavelli

fussi (anziché fossi)

el (anziché il)

pronomi e aggettivi possessivi plurali indeclinabili (mia, tua, sua anziché miei/mie, tuoi/tue, suoi/sue))

arò (anziché avrò)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 57/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Indicate quale dei seguenti tratti innovativi del fiorentino argenteo non compare nella prosa del Machiavelli.

Riduzione del dittongo dopo consonante + r

Uscita in -e dei femminili della III classe latina dei nomi e della II classe degli aggettivi

Desinenza -ono per la III pers. plurale del presente e imperfetto dell'indicativo

Velarizzazione di "l" preconsonantica

09. Analizzate nei suoi tratti fonomorfologici la lingua di Machiavelli utilizzando il breve brano tratto dal De principatibus:

"[III] DE PRINCIPATIBUS MIXTIS. [De' principati misti] - [1] Ma nel principato nuovo consistono le difficultà. E prima, s'e' non è tutto nuovo, ma come
membro - che si può chiamare tutto insieme quasi misto -, le variazioni sue nascono in prima da una naturale difficultà quale è in tutti e' principati nuovi. Le
quali sono che li uomini mutano volentieri signore credendo migliorare, e questa credenza li fa pigliare l'arme contro a quello: di che e' s'ingannano, perché
veggono poi per esperienza avere piggiorato".

10. Individuate nei due brani di Poliziano e Machiavelli riportati qui sotto l'affioramento dei tratti del fiorentino argenteo:

a) "Conosceva questo egregio principe li altri suoi virtuosi fatti, comeché molti e mirabili fussino, tutti nientedimeno a quest'una laude essere inferiori";

b) "E sempre interverrà ch'e' vi sarà messo da coloro che saranno in quella malcontenti o per troppa ambizione o per paura: come si vidde già che li etoli missono
e' romani in Grecia, e, in ogni altra provincia che gli entrorno, vi furno messi da' provinciali".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 58/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 038
01. L'ambito metaforico cui ricorre Machiavelli di preferenza

attinge agli astratti

è simbolico

attinge al mondo vegetale

è realistico e concreto

02. Come abbiamo definito la frequente ricorrenza nello stile machiavelliano della disgiuntiva ("o ... o")

parallelismo definitorio

antitesi classificatoria

iterazione classificatoria

struttura binaria

03. In Machiavelli la sequenza dei pronomi atoni

alterna il modello antico (compl. ogg. + compl. indiretto) al modello più recente (compl. indiretto + compl. ogg.)

alterna il modello antico (compl. ogg. + compl. indiretto) al modello più recente (compl. indiretto + compl. ogg.), ma con verbo impersonale la particella pronominale
precede direttamente il verbo

si adegua al modello antico compl. ogg. + compl. indiretto

si adegua al modello più recente compl. indiretto + compl. oggetto

04. Il latineggiamento della lingua di Machiavelli va addebitato

alla ricerca di quelli che lui stesso chiama "lenocinii" e "ornamenti"

ad un interesse antiquario

ad uno spiccato gusto retorico

alla sua formazione culturale

05. In antico la sequenza dei pronomi atoni

è compl. ogg. + compl. indiretto

è indifferente

dipende dal contesto

è compl. indiretto + compl. ogg.

06. Indicate quale dei seguenti tratti stilistici non fa parte dello stile machiavelliano

è una lingua spontanea e molto semplice dal punto di vista sintattico e retorico

è una lingua spontanea e viva, non esente però da latinismi fonetici e sintattici

è una lingua che esprime la volontà di classificare e distinguere la realtà attraverso continui correttivi introdotti da ma

è una lingua che esprime la volontà di razionalizzare e categorizzare la realtà attraverso antitesi classificatorie (uso della disgiuntiva o)

07. La parziale adesione alle regole della legge Tobler-Mussafia da parte di Machiavelli è da interpretarsi

come adesione consapevole ad un tratto caratteristico della tradizione

come un arcaismo

come un superamento della tradizione municipale

come un'innovazione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 59/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. La legge Tobler-Mussafia è rispettata nel De principatibus

dopo e e dopo ma

solo all'inizio di principale preceduta da subordinata

in inizio assoluto di periodo e dopo ma

in inizio assoluto di periodo e dopo e

09. Nell'uso dell'art. masch. la prosa del De principatibus di Machiavelli

mostra la predominanza della forma tradizionale il mai completamente soppiantata da el

mostra la predominanza dell'innovazione el che ha ormai quasi definitivamente soppiantato il

mostra la parità nell'uso di el e il

mostra la predominanza della forma tradizionale el mai completamente soppiantata da il

10. Indicate la risposta errata. Gli elementi del parlato presenti nella lingua di Machiavelli sono

l'accordo a senso

i deittici (in particolare "qui" e "tu")

le formule di cortesia

la ridondanza pronominale

11. In Machiavelli

non compare più la legge Tobler-Mussafia

compare solo in posizione iniziale assoluta di periodo

la legge Tobler-Mussafia non compare più solo in una principale preceduta da subordinata

la legge Tobler-Mussafia non compare più in una principale preceduta da subordinata e dopo "ma"

12. Analizzate dal punto di vista linguistico e stilistico il seguente brano tratto dal De principatibus di Machiavelli:

"[14] L'altro migliore remedio è mandare colonie in uno o in dua luoghi, che sieno quasi compedes di quello stato: perché è necessario o fare questo o tenervi assai
gente d'arme e fanti. [15] Nelle colonie non si spende molto; e sanza sua spesa, o poca, ve le manda e tiene, e solamente offende coloro a chi toglie e' campi e le case
per darle a' nuovi abitatori, che sono una minima parte di quello stato".

13. Parlato e scritto, tradizione e innovazione nella lingua di Niccolò Machiavelli.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 60/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 039
01. Nella prosa di Machiavelli

la legge Groeber è rispetta in maniera oscillante

la legge Groeber è sistematicamente rispettata

la legge Groeber è rispetta in maniera minoritaria e occasionale

la legge Groeber non è più rispettata

02. Analizzate dal punto di vista linguistico il seguente brano estratto dal De principatibus: "[42] Aveva dunque fatto Luigi questi cinque errori: spenti e' minori
potenti; accresciuto in Italia potenza a uno potente; messo in quella uno forestiere potentissimo; non venuto ad abitarvi; non vi messo colonie. [43] E' quali errori
ancora, vivendo lui, potevono non lo offendere s'e' non avessi fatto il sesto, di to?rre lo stato a' viniziani".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 61/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 040
01. Lionardo Salviati trasformò la teoria di Bembo

ampliando il canone anche ad autori minori del Trecento

prendendo in considerazione anche il fiorentino vivo

prendendo in considerazione anche la lingua del Duecento

prendendo a modello la lingua di Dante

02. Nel 1542 la trasformazione dell'Accademia degli Umidi in Accademia Fiorentina

fu un'evoluzione interna all'Accademia sempre più interessata ad aspetti politici e linguistici di supremazia di Firenze

fu voluta da Lionardo Salviati che mirava alla redazione di una grammatica scritta da fiorentini

fu voluta da Cosimo I come strumento di autopromozione politica e linguistica

fu voluta da Lionardo Salviati che mirava alla redazione di un vocabolario fiorentino

03. Indicate quale delle seguenti affermazioni è vera

Nell'Accademia Fiorentina si fronteggiavano tendenze classicheggianti e filobembiane come quella di Pier Francesco Giambullari e tendenze filofiorentine come quella di
Benedetto Varchi

Nell'Accademia Fiorentina si fronteggiavano tendenze classicheggianti e filobembiane come quella di Benedetto Varchi e tendenze filofiorentine come quella di Pier
Francesco Giambullari

Nell'Accademia Fiorentina tutti i membri erano convinti asserori della eccellenza del fiorentino contemporaneo

Nell'Accademia Fiorentina tutti i membri erano convinti assertori della tesi arcaizzante e classicheggiante del Bembo

04. Quando nasce la "brigata dei Crusconi" (poi Accademia della Crusca)?

1542

1584-1586

1582

1612

05. Il Salviati sosteneva

la sovranità dell'uso parlato, educato però tramite l'esercizio letterario

la sovranità dell'uso, la priorità del parlato nel funzionamento della lingua, la purezza del fiorentino

la sovranità dell'uso letterario limitato però alle scritture degli autori fiorentini che avevano esaltato la purezza del loro volgare

la sovranità dell'uso letterario, il maggior prestigio dello scritto sul parlato, la purezza del fiorentino

06. Indicate la risposta errata. Secondo il volere di Cosimo I granduca di Toscana l'Accademia Fiorentina

avrebbe dovuto patrocinare l'uso del volgare anche per la scienza

avrebbe dovuto patrocinare l'uso del volgare tramite i volgarizzamenti

avrebbe dovuto svolgere i suoi lavori all'interno della corte evitando il contatto con il popolo indotto

avrebbe dovuto stendere una grammatica del fiorentino

07. A quale data Cosimo I granduca di Toscana trasformò l'Accademia degli Umidi in Accademia Fiorentina?

1540

1542

1582

1559

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 62/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Indicate la risposta errata.

Anche dal punto di vista linguistico è utile annettere il secondo Cinquecento al Seicento, caratterizzati dalla nascita delle Accademie (rispettivamente della Crusca e
dell'Arcadia)

Anche dal punto di vista linguistico è utile annettere il secondo Cinquecento al Seicento, caratterizzati dal punto di vista culturale dal Manierismo e rispettivamente dal
Barocco contrapposti al razionalismo primo-cinquecentesco

Anche dal punto di vista linguistico è utile annettere il secondo Cinquecento al Seicento, perché entrambi contraddistinti dal Manierismo e dal Barocco

Anche dal punto di vista linguistico è utile annettere il secondo Cinquecento al Seicento, durante i quali furono fortissimi gli effetti del Concilio di Trento

09. Qual è la data della fine del Concilio di Trento?

1517

1559

1560

1563

10. Quale delle seguenti affermazioni non è contenuta nell'Orazione in lode della fiorentina favella di Lionardo Salviati?

alle lingue per imporsi non bastano le virtù naturali né un'illustre tradizione letteraria

a Firenze l'Accademia Fiorentina rappresenta il luogo e l'occasione per rendere consapevole la città del valore della propria lingua

il fiorentino possiede sia virtù naturali sia una illustre tradizione letteraria

i Fiorentini non avevano bisogno dell'intervento del veneziano Pietro Bembo per accorgersi dell'eccellenza del proprio volgare

11. Tracciate un quadro dei rispettivi ambiti d'uso del latino, del volgare e del dialetto nel secondo Cinquecento e nel Seicento.

12. Pietro Bembo e Leonardo Salviati (quali sono le analogie e le differenze nelle rispettive posizioni linguistiche?)

13. L'Accademia fiorentina e la nascita dell'Accademia della Crusca.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 63/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 041
01. Quali sono le edizioni del Vocabolario della Crusca che il Bartoli poté utilizzare?

Le edizioni I-IV

La I e la II edizione

Le prime tre edizioni

La prima edizione

02. L'influsso dello spagnolo sulla lingua italiana

era già iniziato nel Quattrocento con la dominazione aragonese nel Sud d'Italia, ma riceve nuovo impulso nella seconda metà del Cinquecento

era già iniziato nel Quattrocento con la dominazione nel Nord d'Italia, ma riceve nuovo impulso nel primo Cinquecento

era già iniziato nel Quattrocento con la dominazione aragonese nel Nord d'Italia, ma riceve nuovo impulso nella seconda metà del Cinquecento

era già iniziato nel Quattrocento con la dominazione nel Sud d'Italia, ma riceve nuovo impulso nel primo Cinquecento

03. Con la pace di Cateau-Cambrésis

del 1563 inizia il periodo di dominazione francese in Italia

del 1565 inizia il periodo di dominazione aragonese in Italia

del 1559 inizia il periodo di dominazione aragonese in Italia

del 1559 inizia il periodo di dominazione spagnola in Italia

04. Indicate la risposta errata.

Nel Seicento, per effetto delle dottrine del Concilio di Trento la lingua della predicazione è sempre più vicina alle parlate locali

Nel Seicento la messa viene per la prima volta recitata in volgare

Nel Seicento si assiste all'inizio della scrittura dei trattati scientifici in volgare

Nel Seicento si assiste all'inizio dell'insegnamento universitario in volgare

05. Individuate l'affermazione errata fra quelle proposte

La terza edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca cominciò a segnalare come tali gli arcaismi e accolse anche termini della scienza e della tecnica

La seconda edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca fu sostanzialmente una ristampa della prima edizione

La terza edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca fece tesoro delle reazioni degli oppositori rendendo meno rigido il canone degli autori spogliati

Fin dalla seconda edizione il Vocabolario degli Accademici della Crusca mutò profondamente la sua natura

06. I più importanti oppositori o critici dell'impostazione linguistica dell'Accademia della Crusca nel Seicento furono

Paolo Beni, Alessandro Tassoni, Daniello Bartoli

Paolo Beni, Daniello Bartoli, Carlo Maria Maggi

Paolo Beni, Alessandro Tassoni, Carlo Maria Maggi

Alessandro Tassoni, Daniello Bartoli, Carlo Maria Maggi

07. Il Vocabolario degli Accademici della Crusca

fu redatto dando seguito ad una esplicita richiesta del Granduca

fu redatto per esclusiva volontà degli Accademici che individuarono autonomamente il corpus dei testi da spogliare

fu redatto autonomamente dagli Accademici utilizzando spogli di Lionardo Salviati

fu redatto dando corpo ad un progetto e a un'impostazione filologica e linguistica di Lionardo Salviati

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 64/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. La prima edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca uscì nel

1612

1623

1582

1691

09. La reazione alla norma impostata esclusivamente su base fiorentina si manifestò nel Seicento

con il risorgere del latino nella predicazione

con la nascita del barocco

con la nascita della poetica della meraviglia

con la rinascita in sede letteraria del dialetto

10. Qual è l'atteggiamento di Lionardo Salviati nei confronti dei latinismi?

Di parziale accettazione, come opzione linguistica sempre possibile in italiano

Di rifiuto, perché contrassegnano la decadenza del fiorentino aureo durante l'Umanesimo del Quattrocento

Di accettazione perché esprimenti le origini neolatine del fiorentino

Di parziale accettazione, come male inevitabile

11. Cosa sono gli "Avvertimenti della lingua sopra 'l Decamerone"?

Un'opera in cui Lionardo Salviati, a margine della lingua di Boccaccio che aveva studiato in occasione della "rassettatura" del Decameron del 1582, affrontava questioni
grammaticali, ma anche più generali relative al dibattito linguistico coevo

Un'operetta breve e non sistematica su questioni filologiche relative al "Decameron" stesa da Lionardo Salviati

Un'operetta breve e non sistematica su questioni filologiche relative al "Decameron" stesa da Vincenzio Borghini

Un'opera in cui Vincenzio Borghini, a margine della lingua di Boccaccio che aveva studiato in occasione della "rassettatura" del Decameron del 1572, affrontava questioni
grammaticali, ma anche questioni più generali relative al dibattito linguistico coevo

12. All'interno dell'Accademia Fiorentina chi rivendicava il prestigio del fiorentino contemporaneo anche parlato?

Pier Francesco Giambullari

Benedetto Varchi

Pier Francesco Giambullari e Giovan Battista Gelli

Pier Francesco Giambullari e Benedetto Varchi

13. Fra il secondo Cinquecento e il Seicento si assiste ad un generale mutamento nella funzionalità d'uso del volgare rispetto al latino

nella lingua della liturgia, nella lingua utilizzata nelle lezioni universitarie, nella lingua utilizzata per i trattati di carattere scientifico

nella lingua della predicazione, nella lingua utilizzata nelle lezioni universitarie, nella lingua utilizzata per i trattati di carattere morale

nella lingua della predicazione, nella lingua utilizzata nelle lezioni universitarie, nella lingua utilizzata per i trattati di carattere scientifico

nella lingua della predicazione e nella lingua utilizzata nella liturgia

14. Indicate l'affermazione errata. Il Concilio di Trento impose

che la lingua della predicazione abbandonasse la pratica del mescidamento linguistico fra latino e volgare

che la lingua della predicazione si ispirasse ad un nuovo spirito di evangelizzazione

che la lingua della predicazione fosse il latino

che la lingua della predicazione adottasse uno stile chiaro ma anche sostenuto e nobile

15. Lionardo Salviati, l'Accademia della Crusca e la nascita del Vocabolario.

16. La lessicografia della Crusca: storia de Vocabolario e le reazioni alla Crusca (qualche esempio nei secoli XVII e XVIII).

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 65/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

17. La lingua in Italia nel Seicento fra volgare, latino, dialetto.

18. Illustrate il contesto storico e storico-linguistico che porta dall'Accademia degli Umidi all'Accademia Fiorentina e infine all'Accademia della Crusca.
Tracciate infine un profilo di Lionardo Salviati e il suo contributo alla creazione del Vocabolario degli Accademici della Crusca.

19. La Crusca fra adesioni e reazioni dal Seicento al Settecento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 66/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 042
01. "Il torto e il diritto del non si può" è

un vero e proprio trattato grammaticale

un insieme di considerazioni che valutano il grado di affidabilità di forme accolte nel Vocabolario della Crusca

un'opera di linguistica di carattere sistematico

un insieme di considerazioni relative agli autori spogliati per redigere il Vocabolario della Crusca

02. Qual è la posizione linguistica espressa dal Bartoli ne Il torto e il diritto del non si può?

Lungi da da essere fautore cieco dei dettami della Crusca, ritiene però utile seguire una norma univoca di cui la Crusca è il garante

Lungi da una preconcetta avversione ai dettami della Crusca, il Bartoli mette in guardia dai rischi di assolutizzare ciò che si può o non si può scrivere, stabiliti sulla base di
una documentazione non esaustiva

Le scritture devono essere ispirate ai dettami della grammatica e rispettose di ciò che si può o non si può scrivere

Le scritture si devono adeguare ai dettami della grammatica (il 'non si può'), ma il parlato ha maggiori libertà

03. La produzione letteraria di Daniello Bartoli

comprende opere di carattere licenzioso

comprende opere di carattere ameno

comprende opere di carattere filosofico e scientifico

comprende opere di carattere storiografico, retorico, linguistico e scientifico

04. Quali sono le opere di interesse linguistico scritte da Daniello Bartoli?

"Il torto e il diritto del non si può" e la "Ricreazione del savio"

Il "Trattato di ortografia" e una grammatica dell'ìitaliano

"Il torto e il diritto del non si può", un "Trattato di ortografia", e, relativa alla privata attività di scrittore, la "Selva di parole" rimasta inedita fino a poco tempo fa

"Il torto e il diritto del non si può" e gli "Avvertimenti della lingua sopra 'l Decamerone"

05. La prosa di Daniello Bartoli e le sue posizioni linguistiche

06. Daniello Bartoli: teoria e prassi linguistica.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 67/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 043
01. Individuate quale fra i seguenti tratti fonetici non compare nella prosa del Bartoli

tratti 'arcaici' dal punto di vista fonetico come la conservazione del dittongo dopo consonante + r

rispetto della regola del dittongo mobile

conservazione esclusiva del nesso latino di consonante + l

latinismi fonetici sebbene non particolarmente marcati

02. Individuate quale fra i seguenti tratti morfologici non compare nella prosa del Bartoli

L'uscita in -e dei nomi femminili della III classe latina

Desinenze -ano e -ono per le III persone pl. del presente indicativo a seconda che si tratti della I coniugazione o delle coniugazioni II e III

Uscita in -a della I persona dell'imperfetto

L'articolo il

03. Dall'analisi delle occorrenze lessicali nel brano della Ricreazione del savio di Daniello Bartoli possiamo desumere

una ampia indipendenza da quanto registrato nel Vocabolario degli Accademici della Crusca

una integrale fedeltà del Bartoli a quanto è registrato nelle due edizioni del Vocabolario degli Accademici della Crusca che egli poté consultare

una sostanziale indifferenza nei confronti della precedente attività lessicografica

una sostanziale fedeltà al lessico toscano registrato nel Vocabolario degli Accademici della Crusca pur con un aggiornamento che attesta non cieca sottomissione

04. Indicate la risposta errata. La lingua del Bartoli dimostra la vittoria della tesi arcaizzante del Bembo

utilizzando l'uscita in -e dei plurali femminili della III declinazione latina dei nomi e della II declinazione latina degli aggettivi

rispettando la regola del dittongo mobile

conservando i dittonghi dopo palatale e dopo consonante + r

accettando forme come "lieva" e "siegua"

05. Come si spiega la presenza del dittongo in sillaba atona nella forma "primieramente"?

Con l'ascendenza francese del dittongo e soprattutto con la consapevolezza della natura di composto degli avverbi in -mente (nel primo elemento il dittongo era sotto
accento)

Con la regola del dittongo mobile

Per estensione analogica dato che Bartoli usa anche "primiera"

Con le regole del dittongamento toscano

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 68/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 044
01. Rispetto alle edizioni del Vocabolario della Crusca che egli poté consultare, il lessico di Daniello Bartoli

mostra anticipazioni rispetto alla I edizione

mostra anticipazioni rispetto alla II edizione

mostra anticipazioni rispetto alla IV edizione

mostra anticipazioni rispetto alla III edizione

02. Individuate la risposta errata

Nella prosa del Bartoli l'enclisi a forme finite del verbo avviene di preferenza in presenza di forme verbali monosillabiche

Nella prosa del Bartoli l'enclisi è sostanzialmente libera e soggiace a scelte di tipo stilistico

Nella prosa del Bartoli l'enclisi è molto frequente dopo infinito dato l'alto numero di occorrenze di questo modo verbale

Nella prosa del Bartoli il rispetto della legge Tobler-Mussafia è assoluto in tutte le condizioni

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 69/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 045
01. Indicate la risposta errata. Qual è la situazione dell'enclisi nella prosa di Daniello Bartoli?

Sostanzialmente coincidente con le condizioni moderne (enclisi dopo modi infiniti e dopo imperativo)

L'occasionale adesione alle condizioni della legge Tobler-Mussafia è motivata da ragioni contestuali (forme monosillabiche toniche e polisillabi ossitoni)

L'occasionale adesione alle condizioni della legge Tobler-Mussafia è motivata da ragioni contestuali (forme monosillabiche atone e polisillabi parossitoni)

E' possibile dopo avverbi

02. In quale modo è possibile distinguere il valore nominale dal valore verbale di infiniti e participi?

Sulla base dell'associazione o meno dell'articolo o della preposizione articolata al participio, della assenza o presenza di un elemento sintatticamente dipendente nel caso
dell'infinito

Sulla base dell'associazione o meno dell'articolo o della preposizione articolata all'infinito, della assenza o presenza di un elemento sintatticamente dipendente nel caso del
participio

Sulla base della collocazione nella frase

Sulla base del significato

03. Indicate quale delle seguenti figure retoriche non è presente in maniera caratteristica e rilevante nella prosa del Bartoli.

L'iterazione anche coniugata alla variatio

La metafora

Asindeto e polisindeto

L'antitesi anche nella forma dell'ossimoro

04. Indicate quale, fra le seguenti caratteristiche, non può essere attribuita alla prosa di Daniello Bartoli

Presenza sporadica della risalita del clitico adottata come opzione di carattere stilistico

Presenza di infiniti e participi sostantivati

Prosa secca improntata al ragionamento e alla riflessione

Presenza di latinismi che tendono ad affiancare le forme non latineggianti come variante tecnicizzata

05. In quale forma si presenta il parlato nella prosa di Daniello Bartoli?

Attraverso la retroazione

Attraverso la deissi

In forma mimetica, attraverso la prosopopea, mediante l'uso di interrogazioni, esclamazioni, interiezioni

Attraverso la presupposizione

06. Cosa si intende per stile nominale?

La presenza di frasi prive del verbo non espresso esplicitamente o non replicato; il verbo omesso può essere rappresentato dagli ausiliari o da un verbo facilmente
integrabile mentalmente sulla base del contesto

La presenza di frasi prive del verbo non espresso esplicitamente o non replicato; il verbo omesso può essere rappresentato dal verbo di esistenza e dagli ausiliari

La presenza di frasi prive del verbo non espresso esplicitamente o non replicato; il verbo omesso può essere rappresentato dal verbo "essere" o da un verbo facilmente
integrabile mentalmente sulla base del contesto)

La presenza di frasi prive del verbo, non espresso esplicitamente o non replicato; il verbo omesso può essere rappresentato dal verbo di esistenza, dagli ausiliari o da un
verbo facilmente integrabile mentalmente sulla base del contesto

07. Individuate la risposta errata

Nella prosa del Bartoli sono molto frequenti forme infinite del verbo, e in particolare il participio presente

Nella prosa del Bartoli è frequente lo stile nominale

Nella prosa del Bartoli sono molto frequenti gli infiniti sostantivati

Nella prosa del Bartoli sono molto frequenti i gerundi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 70/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Individuate quale delle seguenti figure retoriche non compare nella prosa del Bartoli come elemento di coesione testuale

ellissi

anafora

figura etimologica

iterazione sinonimica

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 71/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 047
01. Cosa si intende per ordine diretto e ordine inverso?

Per ordine diretto si intende la sequenza VCS dei costituenti della frase, per ordine inverso l'inversione fra V e C

Per ordine diretto si intende la sequenza SVC dei costituenti della frase, per ordine inverso l'inversione fra V e C

Per ordine diretto si intende la sequenza SVC dei costituenti della frase, per ordine inverso la loro libera disposizione (VCS, VSC, SCV, CSV, CVS)

Per ordine diretto si intende la sequenza VSC dei costituenti della frase, per ordine inverso l'inversione fra V e C

02. Il paragone con la Francia e il francese

innescò in Italia riflessioni importanti sul legame tra condizioni linguisitche e situazione politica

imbarbarì i costumi e la lingua italiana

determinò un tentativo vano di imitazione pedissequa delle condizioni politiche e culturali francesi

fu motivo di scoraggiamento e aumentò la dipendenza alla moda francesizzante

03. Nel Settecento, il francese venne considerato 'lingua della ragione'

perché era stato descritto in diverse 'grammatiche ragionate'

perché ammetteva ordini marcati diversi da quello diretto

perché era la lingua degli illuministi

perché ammetteva solo l'ordine diretto dei costituenti della frase

04. Quali furono le condizioni storiche e culturali che incoraggiarono la moda francesizzante del Settecento italiano?

la fine del predominio spagnolo in italia per l'intervento militare francese

il lungo regno di Luigi XIV (il Re Sole)

il prestigio politico e culturale della Francia e viceversa il frazionamento culturale e politico italiano

la nascita del romanzo in Francia

05. Indicate quale delle seguenti affermazioni è giusta

Nella querelle des anciens et des modernes Racine sosteneva l'uguaglianza di natura fra antichi e moderni

Nella querelle des anciens et des modernes Jean Racine sosteneva la superiorità dei moderni in fatto in fatto di letteratura e di poesia

Nella querelle des anciens et des modernes Bernard de Fontenelle sosteneva l'uguaglianza fra antichi e moderni

Nella querelle des anciens et des modernes Bernard de Fontenelle sosteneva l'uguaglianza di natura fra antichi e moderni, la superiorità dei moderni in fatto di scienza e
filosofia, l'uguaglianza o la superiorità degli antichi in fatto di letteratura e di poesia

06. Indicate quale delle seguenti affermazioni è falsa

Nella polemica fra Dominique Bouhours e Gioseffo Felice Orsi l'italiano e il francese furono caratterizzati il primo come incline a libertà sintattica e disponibile all'ordine
inverso, il secondo come incline alla fissità sintattica stabilita da un ordine diretto che il Bouhours considerava naturale

Nella polemica fra Dominique Bouhours e Gioseffo Felice Orsi il secondo qualificò l'ordine inverso come segno di propensione di una lingua all'espressione
dell'immaginazione, l'ordine diretto come segno di propensione di una lingua all'analisi

Nella polemica fra Dominique Bouhours e Gioseffo Felice Orsi il primo condannava tutta la tradizione letteraria italiana, in difesa della quale il secondo scrisse le
Considerazioni sopra un famoso libro franzese

Nella polemica fra Dominique Bouhours e Gioseffo Felice Orsi il primo condannava l'artificiosità della letteratura italiana barocca, ma in difesa delle libertà sintattiche
dell'italiano scesero, oltre all'Orsi, Ludovico Antonio Muratori e Anton Maria Salvini

07. Indicate la risposta errata. Quali sono le condizioni socio-politiche che facilitarono l'influsso del francese in Italia dall'inizio del Settecento

gli importanti rapporti commerciali o gli scambi di varia natura fra alcune città italiane e la Francia

il prestigio letterario di Racine e Corneille

l'insediamento in Toscana, a Napoli e nella Savoia di principi francesi o filofrancesei

la fine della dominazione spagnola con la pace di Utrecht

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 72/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Fontenelle sosteneva

la superiorità degli antichi in fatto di letteratura, ma la cultura moderna superava l'antica per quanto riguarda la scienza e la filosofia

la superiorità della cultura moderna

la superiorità della cultura antica

la superiorità degli antichi in fatto di scienza e filosofia, ma la cultura moderna superava l'antica per quanto riguarda la letteratura e la poesia

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 73/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 048
01. La polemica Orsi-Bouhours

innescò una riflessione positiva sulla natura delle lingue e i loro differenti caratteri intrinseci (il "genio delle lingue")

inasprì gli animi

innescò una riflessione positiva sulla natura delle lingue fondando la linguistica generale

creò tensioni diplomatiche fra Italia e Francia

02. Quale dei seguenti intellettuali non scese in campo per difendere la posizione dell'Orsi contro il Bouhours?

Francesco Algarotti

Anton Maria Salvini

Eustachio Manfredi

Ludovico Antonio Muratori

03. A quale periodo risale la polemica Bouhours-Orsi?

Al primo decennio del XVIII secolo

Alla metà del XVIII secolo

All'ultimo decennio del XVII secolo

Alla metà del XVII secolo

04. Indicate la risposta errata.

Francesco Algarotti mostrava come in Italia l'Accademia della Crusca, non essendo un organo istituzionale, non aveva potuto svolgere la medesima funzione dell'Académie
française

Francesco Algarotti affermò la superiorità dell'Accademia della Crusca sull'Académie française in quanto la prima aveva costruito con il Vocabolario un tesoro della
tradizione letteraria italiana

Il paragone fra Académie française e l'Accademia della Crusca evidenziava nelle due istituzioni finalità divergenti: rivolta verso il futuro la prima, verso il passato la
seconda

Francesco Algarotti individuava nell'Académie Française un importante istituto di regolamentazione e promozione della lingua e della letteratura francesi

05. Francesco Algarotti, l'Accademia della Crusca e la Francia

06. Quali sono i piani linguistici più permeabili ai francesismi introdotti nel Settecento?

07. Illustrate i temi e le posizioni della querelle des anciens et des modernes e di quella correlata fra Dominique Bouhours e Giovan Gioseffo Orsi.

08. Il genio delle lingue: sintassi lineare e ordine inverso nel Settecento

09. Illustrate la posizione di Francesco Algarotti nei confronti della situazione linguistica italiana a lui contemporanea e nei confronti dell'Accademia della
Crusca in particolare.

10. Le polemiche linguistiche del Settecento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 74/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 049
01. Nella Rinunzia avanti notaio al Vocabolario della Crusca di Alessandro Verri si afferma

che ogni lingua moderna necessita di una precisa codificazione grammaticale

che ogni parlante ha il diritto di inventarsi la sua lingua personale

che per arricchire una lingua è necessario ricorrere a prestiti da altre lingue

che nel Settecento la lingua italiana è giunta al suo massimo livello di perfezione

02. Indicate la risposta errata

Dopo il 1767 il sodalizio intellettuale fra i due fratelli Pietro e Alessandro Verri si interrompe

Il giornale "Il Caffè" fu pubblicato fra il 1764 e il 1766

Pietro e Alessandro Verri furono i promotori dell'Accademia dei Pugni (1762-1763)

Pietro Verri si era laureato in Lettere ed era un letterato puro a differenza del fratello Alessandro

03. Chi incoraggiò la stesura del trattato Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria e ne corresse la lingua?

Alessandro Manzoni

Alessandro Verri

Giuseppe Parini

Pietro Verri

04. Alessandro Verri milanese e romano.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 75/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 050
01. "Dispotico"

è un francesismo settecentesco

è un latinismo

è una parola di tradizione ininterrotta

è un termine attestato per la prima volta nel XVII secolo, ma che nel Settecento vede la nascita anche del derivato "dispotismo"

02. L'uso dell'apocope nella "Rinunzia" di Alessandro Verri

indica un uso linguistico ben educato alla tradizione letteraria

indica il rifiuto di Verri dei dettami puristici della Crusca

indica l'adeguamento di Verri alla lingua del Trecento

indica l'adeguamento alle caratteristiche fonetiche del francese

03. Indicate la risposta errata. In che cosa consistono le caratteristiche grafiche e interpuntive settecentesche non coincidenti con quelle moderne?

Nel differente uso, rispetto alle abitudini moderne, della maiuscolizzazione di nomi e aggettivi

Nell'uso dell'unico accento acuto

Nell'uso del grafema j in trittonghi interni e in dittonghi iniziali e finali di parola

Nell'uso della virgola davanti a "e" e "che"

04. Pedantismo

è un arcaismo

è un francesismo settecentesco

è un termine nato nella commedia del Cinquecento

è un neologismo verriano che si fa forte del successo del suffisso -ismo proprio dell'Illuminismo

05. Nella Rinunzia avanti notaio d di Alessandro Verri la standardizzazione della lingua è meno forte

sul piano ortografico e interpuntivo

sul paino sintattico

sul piano fonetico

sul piano morfologico

06. Indicate la corretta definizione di "calco" e "prestito"

il prestito (che si distingue in formale, semantico e sintattico) è la 'traduzione' di un termine forestiero mediante parole già esistenti nella lingua d'arrivo; il calco è
l'adozione di una parola straniera, adattata o acclimatata, nella lingua d'arrivo

il prestito (acclimatato o adattato) è la 'traduzione' di un termine forestiero mediante parole già esistenti nella lingua d'arrivo; il calco è l'adozione di una parola straniera
nella lingua d'arrivo secondo modalità formali, semantiche o sintattiche

il calco (acclimatato o adattato) è la 'traduzione' di un termine forestiero mediante parole già esistenti nella lingua d'arrivo; il prestito è l'adozione di una parola straniera
nella lingua d'arrivo secondo modalità formali, semantiche o sintattiche

il calco (che si distingue in formale, semantico e sintattico) è la 'traduzione' di un termine forestiero mediante parole già esistenti nella lingua d'arrivo; il prestito è
l'adozione di una parola straniera, adattata o acclimatata, nella lingua d'arrivo

07. Nella Rinunzia avanti notaio al Vocabolario della Crusca Alessandro Verri non usa

francesismi fraseologici

francesismi fonetici

neologismi

arcaismi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 76/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Nella Rinunzia avanti notaio al Vocabolario della Crusca di Alessandro Verri si afferma

che lo scrittore ha diritto ad una libertà lessicale assoluta

che lo scrittore ha diritto ad una libertà lessicale autorizzata dagli scrittori precedenti

che lo scrittore ha diritto ad una libertà lessicale nella misura in cui il lessico sia autorizzato dall'uso

che lo scrittore ha diritto ad una libertà lessicale in dipendenza delle esigenze del messaggio

09. Indicate l'affermazione errata

La Rinunzia avanti notajo di Alessandro Verri attesta l'esistenza nel Settecento di usi interpuntivi non più in uso nell'italiano moderno

La Rinunzia avanti notajo di Alessandro Verri attesta che nel Settecento non è ancora avvenuta la generalizzazione dell'uso dell'accento sui monosillabi a solo scopo
diacritico

La Rinunzia avanti notajo di Alessandro Verri attesta che nel Settecento è ormai raggiunta la scomparsa dell'uso grafico di j nei dittonghi iniziali di parola e nei trittonghi
all'interno di parola

La Rinunzia avanti notajo di Alessandro Verri attesta che nel Settecento non è ancora rigidamente normato l'uso delle maiuscole iniziali secondo le regole moderne
dell'italiano

10. Indicate quale dei seguenti tratti non caratterizza la prosa della Rinunzia di Alessandro Verri

È regolare l'alternanza di e davanti a parola che inizia per consonante e di ed davanti a parola che inizia per vocale

L'esito di -TJ- è univocamente l'affricata dentale -z-

Uso di un lessico di tradizione che non si preclude l'uso di francesismi

Misurato uso delle apocopi di tradizione letteraria

11. Quale delle seguenti affermazioni è falsa?

il neologismo è una forma che viene creata ex novo attraverso le regole di formazione di parola dell'italiano

il prestito è la riproduzione di un elemento linguistico alloglotto nel duplice aspetto del significato e del significante

il calco linguistico è la riproduzione di un elemento linguistico alloglotto nel solo aspetto del significato

il calco linguistico è un prestito adattato sia fonologicamente che morfologicamente

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 77/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 051
01. Nella sintassi la Rinunzia di Alessandro Verri

si caratterizza, pur con qualche eccezione, per l'ordine diretto

si caratterizza per periodi ampiamente ipotattici

si caratterizza, pur con qualche eccezione, per l'ordine inverso

si caratterizza per anastrofi e iperbati

02. Cosa si intende per laconismo e style coupé?

Lo style coupé (propriamente settecentesco) mediante l'ellissi degli snodi logici e sintattici mira a stupire il lettore; il laconismo (propriamente seicentesco) mediante la
riduzione o l'assenza dell'ipotassi mira alla massima chiarezza del messaggio

Il laconismo (propriamente seicentesco) mediante l'ellissi degli snodi logici e sintattici mira a stupire il lettore; lo style coupé (propriamente settecentesco) mediante la
riduzione o l'assenza dell'ipotassi mira alla massima chiarezza del messaggio

Lo style coupé (propriamente seicentesco) mediante l'ellissi degli snodi logici e sintattici mira a stupire il lettore; il laconismo (propriamente settecentesco) mediante la
riduzione o l'assenza dell'ipotassi mira alla massima chiarezza del messaggio

Il laconismo (propriamente settecentesco) mediante l'ellissi degli snodi logici e sintattici mira a stupire il lettore; lo style coupé (propriamente seiecentesco) mediante la
riduzione o l'assenza dell'ipotassi mira alla massima chiarezza del messaggio

03. Cosa si intende per style coupé?

Una sintassi caratterizzata da periodi brevi e lontani dall'ipotassi

Una sintassi continuamente spezzata ed ellittica

Una sintassi lineare che esprime povertà di idee e di immaginazione

Una sintassi tagliata (coupée) da continue parentetiche

04. Qual è la figura retorica che caratterizza la "Rinunzia" di Alessandro Verri?

L'iperbato

L'ironia

L'anastrofe

La dittologia sinonimica

05. La costruzione in + gerundio

è una formazione moderna

è una costruzione ben nota nell'italiano antico, che riprende vitalità nel Settecento per influsso del francese

è un arcaismo

è un francesismo

06. Illustrate un argomento a vostra scelta fra quelli studiati nel volume di Roberta Cella o, a seconda dell'anno di corso, nel volume di Francesco Bruni

07. Illustrate dal punto di vista linguistico, stilistico e ideologico il seguente brano tratto dalla Rinunzia avanti il notaio di Alessandro Verri:

"Cum sit, che gli Autori del Caffè siano estremamente portati a preferire le idee alle parole, ed essendo inimicissimi d'ogni laccio ingiusto che imporre si voglia
all'onesta libertà de' loro pensieri, e della ragion loro, perciò sono venuti in parere di fare nelle forme solenne rinunzia alla purezza della Toscana favella, e ciò per
le seguenti ragioni".

08. Commentate dal punto di vista grafico, fono-morfologico e sintattico il seguente brano della Rinunzia di Alessandro Verri:

"6. Porteremo questa nostra indipendente libertà sulle squallide pianure del dispotico Regno Ortografico e conformeremo le sue leggi alla ragione, dove ci parrà
che sia inutile il replicare le consonanti o l'accentar le vocali, e tutte quelle regole che il capriccioso Pedantismo ha introdotte, e consagrate, noi non le rispetteremo
in modo alcuno. In oltre considerando noi che le cose utili a sapersi son molte, e che la vita è breve, abbiamo consagrato il prezioso tempo all'acquisto delle idee,
ponendo nel numero delle secondarie cognizioni la pura favella, del che siamo tanto lontani d'arrossirne, che ne facciamo amende honorable avanti a tutti gli
amatori de' riboboli nojosissimi dell'infinitamente nojoso Malmantile, i quali sparsi quà e là come giojelli nelle Lombarde cicalate, sono proprio il grottesco delle
belle Lettere".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 78/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 052
01. Qual è la data della proclamazione del Regno d'Italia?

1859

17 marzo 1861

20 settembre 1870

25 settembre 1865

02. Quando avvenne la conquista di Roma da parte del Regno d'Italia?

1881

1870

1875

1880

03. Quali sono le date indicate tradizionalmente a delimitare il XIX secolo considerato 'secolo lungo'?

La Restaurazione (1815) e lo scoppio della prima Guerra Mondiale (1914-15)

Il periodo giacobino in Italia (a partire dal 1796) e lo scoppio della seconda Guerra Mondiale (1914-15)

Il periodo giacobino in Italia (a partire dal 1796) e lo scoppio della prima Guerra Mondiale (1914-15)

Le guerre d'indipendenza e le due guerre mondiali

04. Quando la Sicilia viene annessa al Regno di Sardegna?

Nel 1866 (con l'impresa dei Mille e la terza guerra d'indipendenza)

Nel 1860 (con l'impresa dei Mille e il successivo plebiscito dell'ottobre di quell'anno)

Nel 1859 (con l'impresa dei Mille e la seconda guerra d'indipendenza)

Nel 1870 con la presa di Porta Pia

05. Nella periodizzazione è utile a distinguere

il primo Ottocento (come un periodo di continuità con il secolo precedente) dal secondo Ottocento (caratterizzato dalla svolta unitaria)

il primo Ottocento (come un periodo di discontinuità con il secolo precedente) dal secondo Ottocento (caratterizzato dalla svolta unitaria)

il primo Ottocento (come un periodo di continuità con il secolo precedente) dal secondo Ottocento (in cui si affronta e risolve la questione meridionale)

il primo Ottocento (come un periodo di indifferenza ai problemi politici unitari) dal secondo Ottocento (caratterizzato dalla urgenza di quei problemi)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 79/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 053
01. In quale periodo la capitale del Regno d'Italia fu Firenze?

1865-1870

1861-1863

1880-1890

1870-1872

02. Individuate quale descrizione si attaglia alla Legge Casati

Due gradi di istruzione, elementare e medio; il grado elementare organizzato in due bienni di cui il primo soltanto è obbligatorio, il grado medio diviso in due indirizzi
(classico e professionale)

Due gradi di istruzione, elementare e medio; del grado elementare, a ciclo unico, il primo triennio è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai bambini che eludono
l'obbligatorietà

Due gradi di istruzione, elementare e medio; del grado elementare, a ciclo unico, il primo triennio è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai genitori che eludono
l'obbligatorietà

Due gradi di istruzione, elementare e medio; il grado elementare organizzato in due bienni di cui il primo soltanto è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai genitori
che eludono l'obbligatorietà

03. Qual è la data dell'annessione al Piemonte della Toscana e delle ex-legazioni pontificie di Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì?

1865

1860

1870

1848

04. A caratterizzare la coscienza dei grandi mutamenti intervenuti nell'Ottocento c'è chi ha scritto: "Io nacqui veneziano [...]; e morrò per la grazia di Dio
italiano". Chi è l'autore di queste parole?

Antonio Fogazzaro

Francesco Guerrazzi

Ippolito Nievo

Giuseppe Mazzini

05. Nel 1911, a cinquant'anni dall'unificazione, l'analfabetismo

si era in media dimezzato (aggirandosi intorno al 50%)

si era in media ridotto di un terzo (aggirandosi intorno al 40%)

si era in media dimezzato (aggirandosi intorno al 40%)

si era in media ridotto di un terzo (aggirandosi intorno al 50%)

06. Quale fu il successo attuativo della legge Casati?

Negli anni 1862-1863 la frequenza scolastica si attestava intorno al 55% per i maschi e intorno al 66% per le femmine

Negli anni 1892-1893 la frequenza scolastica si attestava intorno al 13% per i maschi e intorno al 15% per le femmine

Negli anni 1862-1863 la frequenza scolastica si attestava intorno al 47% per i maschi e intorno al 39% per le femmine

Negli anni 1882-1883 la frequenza scolastica si attestava intorno al 43% per i maschi e intorno al 39% per le femmine

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 80/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

07. Individuate quale descrizione si attaglia alla Legge Coppino

Due gradi di istruzione, elementare e medio; del grado elementare, a ciclo unico, il primo triennio è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai genitori che eludono
l'obbligatorietà

Due gradi di istruzione, elementare e medio; il grado elementare organizzato in due bienni di cui il primo soltanto è obbligatorio, il grado medio diviso in due indirizzi
(classico e professionale)

Due gradi di istruzione, elementare e medio; il grado elementare organizzato in due bienni di cui il primo soltanto è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai genitori
che eludono l'obbligatorietà

Due gradi di istruzione, elementare e medio; del grado elementare, a ciclo unico, il primo triennio è obbligatorio; gravi sanzioni sono comminate ai bambini che eludono
l'obbligatorietà

08. Individuate la risposta corretta

La legge Coppino (1877) fu emanata dal Regno di Sardegna e successivamente estesa al Regno d'Italia

La legge Casati (1859) fu emanata dal Regno d'Italia; pur rendendo obbligatoria la frequenza scolastica non comminava pene severe ai genitori che non mandassero i figli a
scuola

La legge Casati comminava sanzioni severe ai genitori che non mandassero i figli a scuola

La legge Coppino (1877) riformò la scuola elementare, ora di durata quinquennale, rendendo obbligatoria la frequenza del primo triennio, comminando pene severe ai
genitori che non mandassero i figli a scuola

09. Qual era la percentuale degli italofoni in Italia al momento della proclamazione del regno unitario?

84 %

9,2 %

25 %

33%

10. In quali scuole si insegnava il latino?

Le Scuole Pie

Le scuole dei Gesuiti

Le scuole dei Lasalliani

Le Scuole dei Redentoristi

11. L'istruzione superiore nel XVII secolo

era prevalentemente tenuta dalla Compagnia di Gesù, fondata da Ignazio di Loyola

era prevalentemente tenuta dai Redendoristi, fondati da Alfonso de' Liguori

era prevalentemente tenuta dalla Scuole Pie istituite da Giuseppe Calasanzio

era prevalentemente tenuta dalla Compagnia di Gesù, fondata da Alfonso de' Liguori

12. Prima della riforma scolastica del Regno d'Italia

l'insegnamento scolastico di base era per lo più affidato a istituzioni religiose quali i Gesuiti

l'insegnamento scolastico di base era per lo più affidato a istituzioni religiose quali le Scuole Pie

l'insegnamento scolastico di base era per lo più affidato a singoli maestri

l'insegnamento scolastico di base era per lo più gestito dalle istituzioni locali

13. Nel quadro di generale frammentazione linguistica del primo Ottocento

il problema didattico più importante era censurare il dialetto in classe

il problema didattico più importante era insegnare il fiorentino e come censurare il dialetto degli alunni

il problema didattico più importante era come insegnare a leggere e scrivere agli alunni

il problema didattico più importante era quale italiano insegnare e in che modo gestire la dialettofonia degli alunni

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 81/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

14. Qual è la data dell'annessione al Piemonte della Lombardia?

1848

1859

1870

1865

15. Illustrate la situazione dell'insegnamento scolastico che il nuovo stato unitario si trovò a riformare, la natura e i contenuti del sistema scolastico unitario, i
problemi linguistici affrontati.

16. Illustrate le differenti posizioni linguistiche che si fronteggiano nell'Ottocento.

17. La legislazione scolastica del Regno d'Italia.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 82/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 054
01. A quale corrente linguistica appartiene Vincenzo Monti?

Purismo

Neotoscanismo

Classicismo

Manzonismo

02. Secondo Niccolò Tommaseo

la norma linguistica risiede nella tradizione letteraria italiana, senza rinnegare l'uso italiano contemporaneo

la norma linguistica risiede nell'uso toscano vivo laddove sia confermato dalla lingua degli scrittori

la norma linguistica risiede nell'uso toscano vivo, senza però rinnegare la tradizione letteraria italiana

la norma linguistica risiede nell'italiano del Trecento

03. Basilio Puoti

esprime la medesima posizione puristica di Antonio Cesari

si pone in posizione antitetica al purismo

è un classicista

pur riconoscendo nel Trecento un modello linguistico e letterario, rispetto alle posizioni di Antonio Cesari mostra aperture verso il Cinquecento e introduce censure per gli
stili comici trecenteschi

04. Indicate la risposta errata. L'abate Antonio Cesari

afferma la superiorità di natura del fiorentino trecentesco

afferma che nel Trecento tutti parlavano e scrivevano bene pur con gradazioni differenti a seconda degli strati sociali

la lingua a lui contemporanea della città di Firenze non è un modello da seguire

ritiene che non sia utile essere fiorentini di nascita per scrivere e parlar bene

05. Melchiorre Cesarotti con il suo "Saggio sulla filosofia delle lingue" (1800)

si colloca in una tradizione cruscante di tipo puristico

anticipa la rivalutazione romantica del patrimonio linguistico nazionale proponendo un dizionario di tecnicismi e termini scientifici

anticipa le posizioni dei neotoscanisti

si pone in posizione antagonistica con il Romanticismo proponendo un dizionario di tecnicismi e termini scientifici

06. Il padre Onofrio Branda esprimendo le sue posizioni linguistiche nel 1759 si dimostra

un seguace del neotoscanesimo

un anticipatore delle posizioni romantiche a favore del patrimonio linguistico nazionale

un anticipatore del neotoscanesimo

un purista

07. Il classicismo ottocentesco

impersonato da Vincenzo Monti rifiutava la lingua del Cinquecento

impersonato da Vincenzo Monti auspicava l'immissione nelle scritture di tratti del parlato

impersonato da Vincenzo Monti si opponeva al purismo

impersonato da Vincenzo Monti rifiutava la lingua del Trecento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 83/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. I massimi esponenti del neotoscanismo ottocentesco furono

Niccolò Tommaseo e Alessandro Manzoni

Vincenzo Monti e Pietro Giordani

Niccolò Tommaseo e Giovan Battista Niccolini

Pietro Giordani e Niccolò Tommaseo

09. Chi scrisse la Proposta di alcune giunte e correzioni al Vocabolario della Crusca?

Niccolò Tommaseo

Pietro Giordani con la collaborazione di Leopardi

Vincenzo Monti con la collaborazione di Giulio Perticari

Antonio Cesari

10. Qual era il grado di analfabetismo degli italiani al momento dell'Unificazione italiana?

75% per gli uomini, 84 % per le donne

90% per ambo i sessi

45% per gli uomini, 60 % per le donne

45% per gli uomini, 39% per le donne

11. Cosa è la cosiddetta Crusca veronese?

una nuova edizione (1806-1811) del Vocabolario degli Accademici della Crusca accresciuta di voci del Trecento

una ristampa della IV edizione (1729-1738) del Vocabolario degli Accademici della Crusca

un'accademia simile alla Crusca, ma con sede a Verona

una ristampa della III edizione (1691) del Vocabolario degli Accademici della Crusca

12. Il purismo ottocentesco

impersonato da Basilio Puoti riconosceva la purezza della lingua italiana soltanto nella lingua del Trecento

impersonato da Antonio Cesari riconosceva la purezza della lingua italiana nella lingua del Trecento

impersonato da Antonio Cesari riconosceva la purezza della lingua italiana soltanto nel toscano e in modo particolare nel fiorentino del Trecento

impersonato da Basilio Puoti riconosceva la purezza della lingua italiana soltanto nel toscano e in modo particolare nel fiorentino del Trecento

13. Individuate qual è l'associazione errata fra posizione teorica e suo esponente?

Neo-toscanismo > Niccolò Tommaseo; Purismo > Antonio Cesari; Classicismo > Giulio Perticari

Neo-toscanismo > Alessandro Manzoni; Purismo > Antonio Cesari; Classicismo > Basilio Puoti

Neo-toscanismo > Niccolò Tommaseo; Purismo > Antonio Cesari; Classicismo > Pietro Giordani

Neo-toscanismo > Giovan Battista Niccolini; Purismo > Basilio Puoti; Classicismo > Vincenzo Monti

14. Sul quadro dell'insegnamento linguistico conseguente alle riforme scolastiche del Regno d'Italia siamo informati

da oppositori della monarchia sabauda

da precise indagini statistiche svolte nelle scuole

da inchieste giornalistiche

da numerose ispezioni volte alla verifica del rispetto dei programmi scolastici

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 84/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

15. Indicate la risposta errata. Il classicismo

rifiuta gli arcaismi e i termini popolari

accoglie il contributo non toscano alla formazione della lingua letteraria

rifiuta i latinismi

accetta l'arricchimento linguistico tramite l'analogia

16. Indicate la risposta errata. Niccolò Tommaseo

come Manzoni indica nell'uso vivo della lingua un modello

attribuisce notevole importanza al gusto personale dello scrittore

coniuga istanze dell'uso vivo con la tradizione letteraria

come Manzoni considera un modello la lingua incontaminata degli incolti

17. L'Ottocento: l'Unificazione e la scuola

18. Teorie e modelli linguistici nel secondo Ottocento: classicismo, purismo, neo-toscanismo.

19. L'Ottocento: le condizioni linguistiche dell'Italia pre-unitaria.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 85/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 055
01. Nell'edizione finale dei Promessi sposi Manzoni si orientò

verso una lingua genericamente toscana

verso il fiorentino dell'uso colto

verso il fiorentino delle classi popolari

verso la lingua letteraria

02. Qual è l'anno di pubblicazione della relazione manzoniana Dell'unità della lingua e dei mezzi per diffonderla?

1872

1873

1847

1869

03. Qual è l'anno di pubblicazione della Lettera a Giacinto Carena?

1873

1847

1880

1868

04. Quali sono gli argomenti principali che Manzoni espone nella Lettera a Giacinto Carena?

Il toscano è la lingua italiana, la sinonimia è una risorsa della lingua

Il fiorentino è la lingua italiana, la sinonimia è una disgrazia, piuttosto che una risorsa della lingua

Il fiorentino è la lingua italiana, la sinonimia è una risorsa della lingua

Il toscano è la lingua italiana, la sinonimia è una disgrazia, piuttosto che una risorsa della lingua

05. Quale di queste idee non rispecchia le idee di Manzoni espresse nella relazione Dell'unità della lingua e dei mezzi di diffonderla?

Ai parlanti e agli scriventi non toscani doveva essere proposto come modello il fiorentino dell'uso colto

L'unificazione linguistica doveva procedere 'sostituendo' a ciascun dialetto la lingua fiorentina

L'unificazione linguistica non poteva essere raggiunta proponendo agli italiani una lingua già esistente e omogenea

La diffusione del fiorentino vivo doveva avvenire tramite l'invio di insegnanti elementari toscani

06. Qual è la scelta linguistica di Manzoni nell'ultima redazione dei Promessi Sposi (1840)?

Il fiorentino non plebeo

La lingua scritta in Toscana dalle classi medie

Il fiorentino parlato dalle classi colte

Il fiorentino di tradizione letteraria

07. La lingua del Fermo e Lucia è caratterizzata

da un fondo di fiorentino contemporaneo e da vari elementi lombardi e francesi

da un fondo di lombardo e da vari elementi toscani e francesi

da un fondo di italiano parlato e da vari elementi lombardi e francesi

da un sostanziale ibridismo fra toscano letterario e vari elementi lombardi e francesi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 86/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Le scelte linguistiche operate da Manzoni nella prima edizione dei Promessi sposi sono determinate dalla volontà di

avvicinarsi il più possibile alla lingua dell'uso medio

avvicinarsi il più possibile alla lingua letteraria di base toscana

avvicinarsi il più possibile all'uso toscano, pur attingendo a materiali libreschi

avvicinarsi il più possibile alla lingua parlata

09. Il Proemio di Graziadio Isaia Ascoli all'"Archivio Glottologico italiano"

prende spunto dalla pubblicazione della lettera manzoniana a Giacinto Carena

prende spunto dalla pubblicazione del Dizionario dei sinonimi di Niccolò Tommaseo

prende spunto dalla pubblicazione del Nòvo Vocabolario di Giorgini-Broglio

prende spunto dalla relazione manzoniana Dell'unità della lingua e dei mezzi per diffonderla

10. Il purista ottocentesco Basilio Puoti

riconosceva la purezza della lingua italiana esclusivamente nella lingua del Trecento

riconosceva la purezza della lingua italiana nel fiorentino del Trecento

riconosceva la purezza della lingua italiana negli scrittori del Trecento

riconosceva la purezza della lingua italiana nel fiorentino del Trecento con alcune aperture verso autori del Cinquecento

11. Indicate quale delle seguenti considerazioni non è espressa da Ascoli nel Proemio all'"Archivio glottologico italiano"

La situazione sociolinguistica dell'Italia è ben diversa da quelle della Francia e della Germania

La lingua è un prodotto della società e le imposizioni linguistiche dall'alto sono destinate al fallimento

In Italia, a fronte di tante eccellenze letterarie ed intellettuali, troppo ristretto è il ceto dei minori e minimi

In Italia il centro culturale non è Firenze, ma al massimo potrebbero ambire a quel ruolo Milano o Roma

12. Graziadio Isaia Ascoli

fu un dialettologo, che, prima della polemica con Manzoni, si era sempre occupato solo di lingue moderne

fu un comparatista, che, prima della polemica con Manzoni, si era sempre occupato solo di lingue classiche

fu un linguista dilettante, fondatore dell'"Archivio glottologico italiano", seguace di Saussure

fu un linguista e dialettologo, fondatore dell'"Archivio glottologico italiano", seguace delle teorie Neogrammatiche

13. Fra le seguenti risposte indicate quella errata. Alla proposta manzoniana di identificare nel fiorentino contemporaneo parlato dalle persone colte la lingua
della nuova nazione furono contrapposte differenti obiezioni.

Piuttosto che nel fiorentino di città, parlato dalle persone colte, la lingua della nazione va ricercata nella purezza arcaica dei parlanti meno colti.

L'italiano esiste già e va identificato con l'italiano scritto di tradizione letteraria.

La città di Firenze, come non esprime il centro culturale della nazione, non può esprimere la lingua nazionale

L'italiano esiste già e va identificato con l'italiano parlato da un capo all'altro della Penisola.

14. Secondo Graziadio Isaia Ascoli, l'unificazione linguistica

doveva essere raggiunta attraverso il sistema scolastico

doveva essere raggiunta attraverso un intervento guidato dalle istituzioni

doveva essere raggiunta attraverso la diffusione della lingua letteraria di base fiorentina

dipendeva da fattori extralinguistici

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 87/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

15. Indicate la risposta errata. Per la revisione della I minuta dei Promessi sposi Manzoni

consultò il Vocabolario milanese di Francesco Cherubini

consultò la produzione comica cinquecentesca

consultò la III edizione del Vocabolario della Crusca

consultò la Crusca veronese

16. Alessandro Manzoni e la lingua: dal primo abbozzo del romanzo, alla prima edizione dei Promessi Sposi, all'edizione definitiva.

17. Graziadio Isaia Ascoli e il Manzoni della Relazione.

18. Alessandro Manzoni e la Lettera a Giacinto Carena.

19. Manzoni romanziere e Manzoni linguista (le proposte avanzate da Manzoni per l'unificazione linguistica nella Relazione per la commissione ministeriale).

20. Graziadio Isaia Ascoli e il problema della lingua nazionale.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 88/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 056
01. Caratterizzano lo "stile giornalistico" ottocentesco

lo svecchiamento linguistico, lo stile ipotattico, le frasi nominali, tutti funzionali ad un approccio divulgativo

l'accettazione di inversioni nell'ordine dei costituenti della frase, la parziale accettazione di arcaismi, le frasi nominali, tutti funzionali ad un approccio divulgativo, ma
preciso e chiaro

lo svecchiamento linguistico, lo stile paratattico, le frasi nominali, tutti funzionali ad un approccio divulgativo

l'accettazione di neologismi e francesismi, lo stile paratattico

02. La revisione che porta dall'edizione Ventisettana dei Promessi sposi alla Quarantana comporta sistematicamente la sostituzione

di forme arcaiche e letterarie con espressioni dell'uso vivo

di forme arcaiche e letterarie con cultismi

di forme genericamente toscane con espressioni tipicamente fiorentine

di forme del fiorentino popolare con espressioni del fiorentino dell'uso colto

03. Indicate la risposta errata. Alla nascita del nuovo giornalismo ottocentesco contribuirono

una nuova imprenditorialità nel campo dell'editoria

la fine dell'interesse sei- e settecentesco per discipline erudite

la nascita di un pubblico più ampio e diversificato

la creazione di un mercato nazionale e non più cittadino conseguente all'unificazione politica

04. Sono espressione della nuova stampa periodica ottocentesca

la "Biblioteca italiana", il "Conciliatore", l'"Antologia"

le "Novelle letterarie", l'"Antologia", la "Biblioteca italiana"

la "Biblioteca italiana", le "Novelle letterarie", il "Journal des Savants"

le "Novelle letterarie", il "Journal des Savants" e il "Conciliatore"

05. In che senso cambia la fisionomia dei periodici fra Seicento e primo Ottocento?

Nel Seicento il periodico è la gazzetta, alla quale nel Settecento si affianca il periodico di cultura che conoscerà il massimo sviluppo nell'Ottocento

Nel Seicento il periodico è un mezzo di diffusione di notizie di cronaca politica (la gazzetta); nel Settecento è un mezzo, destinato ad un pubblico ristretto, per la diffusione
di nozioni scientifiche; nel primo Ottocento nasce invece il periodico di cultura mentre non esiste ancora il giornale d'opinione

Nel Seicento e poi nel secolo successivo il periodico o è un mezzo di diffusione di notizie di cronaca politica (la gazzetta) o un mezzo, destinato ad un pubblico ristretto,
per la diffusione di nozioni scientifiche; con il primo Ottocento nasce invece il periodico di cultura e il giornale d'opinione

Nel Seicento e poi nel secolo successivo il periodico è un importante strumento di informazione politica; nel primo Ottocento invece c'è un arretramento e una diminuzione
del pubblico in seguito alla Restaurazione

06. Qual è la connessione che esiste fra storia della lingua e nascita di un giornalismo moderno nel XIX secolo?

Il lettori dei giornali sollecitano la creazione di una lingua fiorentina pura e indenne da forestierismi

I lettori dei giornali, in quanto particolarmente esigenti, rifiutano una lingua sciatta e pretendono una prosa alta sebbene con inserti del lessico moderno

I lettori dei giornali sollecitano la creazione di una lingua meno retoricamente impostata, caratterizzata da una sintassi meno artificiosa e da un lessico moderno

Il lettori, che nei giornali cercavano il passatempo, sollecitano la creazione di una lingua bassa e comica

07. Indicate quali furono i mezzi principali per una crescita dell'alfabetizzazione nel nuovo stato unitario e quali categorie di lettori furono coinvolte nella nascita
della nuova stampa periodica.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 89/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 057
01. Indicate l'affermazione errata

Nel Seicento il romanzo è un genere alto

Nel Seicento nasce il genere del romanzo

Nel Seicento il romanzo presenta tratti formali di generale trascuratezza

Il romanzo seicentesco ha caratteri fantastici e avventurosi

02. La fortuna dei romanzi di Walter Scott in Italia si manifesta

tramite le parodie che ne vennero scritte

tramite la fortuna del romanzo storico nel secondo Ottocento

tramite la fortuna dei loro personaggi a livello popolare

tramite le precoci traduzioni o le riscritture nel melodramma

03. Perché esiste una connessione fra evoluzione della lingua italiana e la grande fortuna del romanzo nell'Ottocento?

Perché il romanzo, la cui diffusione anche tramite i giornali aveva un pubblico medio, obbligava alla scelta di una lingua media, lontana dalla tradizione aulica e letteraria

Perché il romanzo, introdotto nel Settecento dalla Francia, portò con sé anche il modello della lingua francese

Perché il romanzo, essendo un genere lungo, metteva a dura prova l'inventività degli scrittori

Perché il romanzo trattava di ambienti e personaggi popolari

04. La polemica relativa al romanzo e in particolare al romanzo storico

si intensifica nella seconda metà dell'Ottocento

si concentra subito dopo la prima edizione dei Promessi sposi

occupa tutto il secolo XIX

si esaurisce nella prima metà dell'Ottocento

05. Indicate la risposta errata

Il 1827 è una data cruciale per la storia del romanzo in Italia perché esce la prima edizione dei Promessi sposi

Il 1827 è una data cruciale per la storia del romanzo in Italia perché esce la Storia di Benevento di Domenico Guerrazzi

Il 1827 è una data cruciale per la storia del romanzo in Italia perché escono le Ultime lettere di Jacopo Ortis

Il 1827 è una data cruciale per la storia del romanzo in Italia perché esono il Castello di Trezzo di Giovan Battsita Bazzoni, la Sibilla Odaleta di Carlo Varese e altri ancora

06. Indicate la risposta errata

Quale esempio indicativo di una rivalutazione del genere romanzo alla fine del Settecento si possono citare le Ultime lettere di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo

Quale esempio indicativo di una rivalutazione del genere romanzo alla fine del Settecento si può citare il Viaggio di Platone in Italia di Vincenzo Cuoco

Quale esempio indicativo di una rivalutazione del genere romanzo alla fine del Settecento si possono citare i romanzi di Pietro Chiari

Quale esempio indicativo di una rivalutazione del genere romanzo alla fine del Settecento si possono citare le Avventure di Saffo e le Notti romane di Alessandro Verri

07. Tracciate per sommi capi l'evoluzione del genere romanzo in Italia dal Seicento all'Ottocento e collegate tale genere alla problematica linguistica
dell'Unificazione politica.

08. L'Ottocento: la nascita del romanzo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 90/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 059
01. Quale dei seguenti termini/costruzioni che compaiono nella letterina allo zio Salvatore Catalano Verga è da considerarsi un cultismo di origine libresca?

"della di Lei" in luogo di "della Sua"

da canto mio

"spiegare" nel senso di 'avere chiara'

favorire

02. In quale dei seguenti tratti presenti nella letterina che Verga unidicenne scrive allo zio Salvatore di Mauro individuiamo la presenza della fonetica siciliana?

Nell'uscita in -i di mani (in dipendenza di un vocalismo atono siciliano a tre gradi di apertura)

Nell'uscita in -i di cosi per 'cose' (in dipendenza di un vocalismo atono siciliano a cinque gradi di apertura)

Nell'uscita in -i di cosi per 'cose' (in dipendenza di un vocalismo atono siciliano a tre gradi di apertura)

Nell'uscita in -i di mani (in dipendenza di un vocalismo atono siciliano a cinque gradi di apertura)

03. Quale dei seguenti termini che compaiono nella letterina del 1851 di Giovanni Verga è un francesismo?

"foglio" nel significato di 'lettera'

favorire

da canto mio

adempiere

04. Come può essere definito l'errore nell'uso dei tempi "abbiamo ricevuto ... nel quale avemmo rilevato" che troviamo nella letterina del verga unidicenne?

l'uso del passato prossimo tenta, impropriamente, di esprimere l'anteriorità rispetto al trapassato remoto

l'uso del trapassato remoto tenta, impropriamente, di esprimere l'anteriorità rispetto al precedente passato prossimo

l'uso del trapassato remoto tenta, impropriamente, di esprimere la posteriorità rispetto al precedente passato prossimo

l'uso del passato prossimo è un errore indotto dal dialetto siciliano

05. Quale dei seguenti termini che compaiono nella letterina del 1851 di Giovanni Verga è un toscanismo?

"pigliare" nella locuzione "pigliarsi premura"

"foglio" nel significato di 'lettera'

"divertirsi" nel senso di 'allontanarsi dalle occupazioni principali'

"adempiere"

06. Qual è il personaggio che meglio ci informa sulla formazione scolastica e culturale del giovane Verga?

Antonio Abate

Federico De Roberto

don Mario Torrisi

Domenico Castorina

07. Tramite la letterina inviata nel 1851 allo zio Salvatore Verga Catalano possiamo desumere che le letture dello scolaro Giovanni Verga

sono particolarmente stimolanti e aperte verso le novità che provengono dalla Francia

sono particolamente aggiornate

sono particolarmente stimolanti e aperte verso le novità che provengono dall'Inghilterra

sono tradizionali ed invecchiate

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 91/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Individuate fra le seguenti affermazioni la sola corretta

Giovanni Verga nasce nel 1840, lo stesso anno della seconda edizione dei Promessi sposi

Giovanni Verga nasce nel 1827, lo stesso anno della prima edizione dei Promessi sposi

Il Regno d'Italia viene proclamato nel 1870

Graziadio Isaia Ascoli pubblica il proemio all'«Archivio Glottologico Italiano» lo stesso anno della relazione manzoniana Dell'unità della lingua e dei mezzi per diffonderla

09. Caratteristiche linguistiche della scrittura giovanile di Giovanni Verga.

10. Illustrate la lingua di Giovanni Verga nella letterina trascritta qui sotto:

"Caro Sign.r Zio, | Ieri abbiamo ricevuto il suo gratissimo foglio nel quale avemmo rilevato l'amore che V.E. nutre per noi; da canto mio La ringrazio della
premura che V.E. si piglia per lo studio nel quale dobbiamo fondare i nostri pensieri per la nostra riuscita. | Abbiamo inteso che V.E. verrà fra poco in questa, e
desideriamo sapere il giorno della di Lei venuta onde adempiere il nostro dovere venendoLa ad incontrare. | Intanto desidererei che con la venuta di V.E. porterà
qualche libro di storia per divertirmi, essendo quasi in fine della Storia romana di Rollin che mi ha favorito questo mio Sig. Zio Don Salvadore. | Io studio la
Lingua Latina, ed in due mesi che ho dimorato in questa incomincio a spiegare tale Lingua. | Le baciamo le mani come pure alle Sign.r Zie alle quale non scrivo
per farmi le cosi della Scuola, non che alla Zia D.nna Francesca, mi dico Suo nipote da figlio | Giovan Carmelo Verga"

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 92/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 060
01. Cosa offre a Giovanni Verga la scuola di Antonino Abate?

La conoscenza approfondita della letteratura trecentesca italiana, che viene additata come modello di lingua in senso puristico

La conoscenza diretta della produzione letteraria nazionale e internazionale contemporanea che viene letta in classe additata come modello

La conoscenza approfondita della letteratura italiana nelle sue varie declinazioni di genere, che viene recitata in classe e additata come modello di lingua

La conoscenza di una letteratura romanzesca alla moda e di una rimeria coeva non particolarmente impegnata; vengono additati come modelli i testi letti in classe dello
stesso Abate o di autori romantici del primo Ottocento, affidando dunque l'insegnamento linguistico all'emulazione di modelli letterari non aggiornati o non impegnati

02. La lingua della lettera scritta da Giovannino Verga undicenne allo zio

è sostanzialmente eclettica, inconsapevolmente aperta a istanze differenti (arcaismi, francesismi, toscanismi)

è improntata all'insegnamento puristico dell'Abate di cui è succube

è ispirata, secondo l'insegnamento dell'Abate, al fiorentino parlato dalle classi colte secondo i dettami manzoniani

è sostanzialmente eclettica, consapevolmente aperta a istanze differenti (arcaismi, francesismi, toscanismi)

03. L'insegnamento dell'italiano in Sicilia nella metà dell'Ottocento

accostava in maniera contraddittoria e talvolta addirittura stridente le istanze puristiche alle posizioni del classicismo contemporaneo

rinnegava le scelte operate da Manzoni nella seconda edizione dei Promessi sposi per aderire a rigide posizioni puristiche

accostava in maniera contraddittoria e talvolta addirittura stridente le istanze puristiche alle aperture, di ascendenza manzoniana, nei confronti del fiorentino parlato
contemporaneo

si ispirava in maniera cosciente alle scelte operate da Manzoni nella seconda edizione dei Promessi sposi

04. Il modello che Antonino Abate proponeva ai propri allievi tramite le sue opere personali

era quello di uno stile pieno di attardati rinvii al repertorio mitologico, linguisticamente oscuro e grammaticalmente poco corretto, per di più ricco di antitesi ed artifici

era una buona produzione linguistico-letteraria di matrice classicista

era una produzione buona dal punto di vista letterario, ma linguisticamente e grammaticalmente scorretta

era una produzione modesta dal punto di vista letterario, ma linguisticamente corretta

05. Antonino Abate illustrava i sinonimi e le loro differenze d'uso

adducendo riscontri precisi sui testi letterari del Trecento

sulla base di evidenti ragionamenti grammaticali

adducendo riscontri sui testi letterari

sulla base di considerazioni impressionistiche

06. Alla scuola di Antonino Abate l'insegnamento propriamente linguistico

era articolato in una raffinata pluralità di esercizi grammaticali

era orientato all'insegnamento della lingua parlata

era limitato all'esercizio sinonimico

era orientato in senso puristico

07. Quale dei seguenti sussidi linguistici non si trovano nella biblioteca di casa Verga?

Il Vocabolario degli Accademici della Crusca

il Saggio intorno ai sinonimi della lingua italiana di Giuseppe Grassi

Le Istituzioni di rettorica e belle lettere di Ugo Blair

Il Dizionario dei sinonimi della lingua italiana di Niccolò Tommaseo

08. I sicilianismi irriflessi nella scrittura giovanile di Giovanni Verga.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 93/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

09. L'apprendimento verghiano dell'italiano: maestri e strumenti grammaticali e lessicografici.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 94/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 061
01. Qual è il contesto culturale della famiglia in cui nasce Giovanni Verga?

La famiglia aveva alle spalle un'importante tradizione culturale, ormai venuta meno nella prima metà dell'Ottocento

Significativamente aggiornato e aperto verso il continente e verso l'estero

Depresso

La famiglia può vantare una tradizione di dignitoso impegno culturale, da valutarsi comunque alla luce della generale arretratezza e marginalità siciliana della prima metà
dell'Ottocento

02. Del più antico romanzo di Giovanni Verga, Amore è patria, è noto poco più del titolo

perché l'autografo è andato perduto (solo Federico De Roberto aveva potuto leggerlo)

perché il nipote Giovanni Verga Patriarca non aveva voluto consegnare l'autografo di quel romanzo alla Biblioteca Universitaria di Catania, come aveva fatto per altri
autografi

perché rimasto inedito, l'autografo è stato detenuto impropriamente da Lina e Vito Perroni, fino al recente recupero (2012)

perché Verga ne aveva donato l'autografo agli amici Lina e Vito Perroni, chiedendo loro di non renderlo pubblico

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 95/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 062
01. Quali sono gli eventi contemporanei all'autore che si intersecano con la scrittura dei "Carbonari della montagna"?

Il trattato di Compoformio e la delusione per i risultati della prima guerra d'indipendenza

L'armistizio di Villafranca (1859) e la conseguente delusione per la mancata annessione della Lombardia al Regno di Sardegna; la spedizione dei Mille e i movimenti
insurrezionali siciliani (che assunsero i caratteri di movimenti di brigantaggio) fomentati dai Borboni contro l'annessione siciliana

La spedizione dei Mille e i movimenti insurrezionali siciliani fomentati dai Garibaldini a favore dell'annessione siciliana

L'armistizio di Villafranca (1859) e la conseguente delusione per la mancata annessione del Veneto al Regno di Sardegna; la spedizione dei Mille e i movimenti
insurrezionali siciliani (che assunsero i caratteri di movimenti di brigantaggio) fomentati dai Borboni contro l'annessione plebiscitaria siciliana

02. Di che tipo è il narratore dei Carbonari della montagna?

Il narratore di I grado è onnisciente e omodiegetico e conduce una narrazione opaca, ma nei capitoli del Memoriale di Corrado è eterodiegetico e conduce una narrazione
opaca

Il narratore di I grado è onnisciente e eterodiegetico che conduce una narrazione opaca, ma nei capitoli del Memoriale di Corrado è omodiegetico e conduce una narrazione
opaca

Il narratore di I grado è onnisciente e omodiegetico ma nei capitoli del Memoriale di Corrado è eterodiegetico e conduce una narrazione trasparente

Il narratore di I grado è onnisciente eterodiegetico e conduce una narrazione opaca, ma nei capitoli del Memoriale di Corrado è omodiegetico e conduce una narrazione
trasparente

03. Quale delle seguenti caratteristiche linguistiche e stilistiche non è desumibile dai pochi frammenti noti del romanzo Amore e patria?

La sostanziale verosimiglianza di una lingua tendenzialmente italiana e moderna

L'enfasi retorica

Gli errori di forma

L'immaturità narrativa

04. Qual è la data di pubblicazione dei Carbonari della montagna?

1870

1865

1861-1862

1869

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 96/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 063
01. L'analisi delle III persone sing. e pl. degli imperfetti dei verbi di II-IV coniugazione dimostra che Verga, all'altezza dei "Carbonari della montagna",

utilizza solo le forme non dissimilate -eva(no), -iva(no)

alterna in misura paritaria le forme dissimilate in -ea(no), -ia(no) e le forme non dissimilate -eva(no), -iva(no)

utilizza la forma dissimilata "avea" come una forma fossile

utilizza di preferenza le forme dissimilate in -ea(no), -ia(no) rispetto alle forme non dissimilate -eva(no), -iva(no)

02. Come si spiega la presenza in Verga della forma "intieramente"?

Come un fiorentinismo

Come un arcaismo

Come un mancato rispetto, erroneo, della regola del dittongo mobile

Con la conservazione del dittongo anche fuori d'accento data la coscienza della composizione dell'avverbio con -mente

03. Qual è l'origine delle forme forti della I pers. pl. del pass. remoto del tipo "ebbimo", "fecimo", "ripresimo" etc.

Tali forme nascono per dissimilazione dalla forma della I pers. singolare, con l'aggiunta della desinenza -mo

Tali forme influenzano per analogia la forma della I pers. singolare, formata con l'eliminazione della desinenza -mo

Tali forme seguono la regolare evoluzione etimologica

Tali forme nascono per analogia, e sono costruite sulla base della forma della I pers. singolare con l'aggiunta della desinenza -mo

04. Alla metà del Settecento la "Grammatica" di Francesco Soave giudica la forma in -o della I persona dell'imperfetto

meno "regolare" dell'uscita in -a anche se consente di distinguere la I persona dalla III, e ricorda che è utilizzata dai migliori scrittori

più "regolare" dell'uscita in -a perché consente di distinguere la I persona dalla III, e ricorda che è utilizzata dai migliori scrittori

meno "regolare" dell'uscita in -a anche se consente di distinguere la I persona dalla III, ma avverte che non è utilizzata dai migliori scrittori

più "regolare" dell'uscita in -a perché consente di distinguere la I persona dalla III, ma avverte che non è utilizzata dai migliori scrittori

05. Verga, nei "Carbonari della montagna"

non si adegua alla scelta manzoniana in fatto di riduzione del dittongo dopo elemento palatale, né, tanto meno, al monottongamento recente proprio di Firenze, in tutte le
sedi, che anche Manzoni aveva accolto occasionalmente con attenzione alle differenti connotazioni diastratiche

si adegua alle scelte manzoniane in fatto di riduzione del dittongo dopo elemento palatale, ma non al monottongamento recente proprio di Firenze, in tutte le sedi

non si adegua alla scelta manzoniana in fatto di riduzione del dittongo dopo elemento palatale ma accetta il monottongamento recente proprio di Firenze, in tutte le sedi

si adegua alla scelta manzoniana in fatto di riduzione del dittongo dopo elemento palatale e al monottongamento recente proprio di Firenze, in tutte le sedi

06. Da una ricerca sulle banche dati si desume che nell'Ottocento l'esito con conservazione del dittongo finale nel plurale dei nomi in -io

è più frequente rispetto all'assorbimento in un'unica vocale

è normale e si alterna in maniera paritaria con l'assorbimento in un'unica vocale

è talmente raro da essere considerato a questa altezza un'anomalia

è meno frequente rispetto all'assorbimento in un'unica vocale

07. Quali giudizi di carattere linguistico vengono espressi dai recensori dei "Carbonari della montagna"

Scarsa eleganza, sgrammaticature, stile laconico

Lingua non pura, scarsa eleganza, stile gonfio, qualche sgrammaticatura

Presenza di arcaismi e fiorentinismi

Stile gonfio, correttezza grammaticale, lingua pura

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 97/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Le forme dippiù, diggià che troviamo nella produzione, non solo giovanile, di Giovanni Verga devono essere interpretate

come forme colte e della poesia

come estensioni analogiche del raddoppiamento fonosintattico caratteristiche dell'italiano di Sicilia

come forme arcaiche

come tracce del dialetto siciliano

09. Sulla base del corpus ottocentesco interrogabile nella banca dati della Biblioteca italiana possiamo dire che la forma sagrifizii usata da Verga per es. nei
Carbonari della montagna

è forma meno diffusa e di uso più colto, rispetto alla forma priva di sonorizzazione e di dittongo finale

è forma più diffusa e di uso meno colto per quanto riguarda la conservazione del dittongo finale

è forma più diffusa e di uso più consueto, rispetto alla forma priva di sonorizzazione e di dittongo finale

è forma meno diffusa e di uso più colto per quanto riguarda la sonorizzazione

10. Individuate alcuni elementi della lingua del giovane Verga nel breve brano riportato qui sotto, tratto dai Carbonari della montagna:

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 98/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 064
01. Lo stile dei Carbonari della montagna mostra

una notevole e pervasiva presenza del modello manzoniano

una antagonistica contrapposizione con la prosa manzoniana

una netta prevalenza dello style coupé di ascendenza settecentesca (influenzato anche dallo stile dei proclami)

una netta prevalenza dello style coupé di ascendenza settecentesca (influenzato anche dallo stile dei proclami) nel brano iniziale, ma nelle descrizioni è evidente la lezione
manzoniana

02. Quale, fra le seguenti caratteristiche incontrate nei Carbonari della montagna è da considerarsi un sicilianismo?

complemento oggetto costruito con la preposizione "a" quando il compl- ogg. è + ANIMATO

Alternanza dell'imperfetto e del presente

Inversione del soggetto

L'uso della preposizione "a" per introdurre le date (per es. "Al 1810")

03. Quale, fra le seguenti caratteristiche incontrate nei Carbonari della montagna è da considerarsi un meridionalismo?

Sostituzione dell'imperfetto al passato prossimo

L'inversione del soggetto

Forme analogiche (sui perfetti sigmatici) del tipo "svolse" ('svoltò')

La sostituzione dell'indicativo presente o del congiuntivo imperfetto al congiuntivo presente

04. La sintassi semplice e i periodi brevi che caratterizzano la prosa dei Carbonari della montagna

sono un segnale di poetica modernista

sono segno di esclusiva dipendenza di Verga dai modelli letterari francesi settecenteschi

sono un ripiego per la nota incapacità del giovane Verga a gestire periodi ipotattici

sono imputabili allo stile spezzato di ascendenza settecentesca, alla brevità e linearità dello stile giornalistico e alla secchezza dei proclami

05. All'altezza dei Carbonari in quale modo Verga reagisce al sistema a due tempi (presente/passato remoto) del suo dialetto?

Creando un sistema a tre tempi introducendo l'imperfetto

Creando un sistema a tre tempi introducendo il passato prossimo

Censurando il passato remoto e sostituendolo impropriamente con l'imperfetto

Censurando il presente e sostituendolo impropriamente con l'imperfetto

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 99/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 065
01. "Sfogliazzare" e "sfogliare"

sono attestati in italiano per la prima volta nel XVI secolo

sono francesismi nati nell'Ottocento

sono termini originariamente inglesi giunti in Italia tramite la Francia

sono attestati in italiano per la prima volta nel XV secolo

02. Indicate la corretta caratterizzazione della lingua verghiana all'altezza dei "Carbonari della montagna"

Nella lingua dei "Carbonari della montagna" sono accostati, senza alcuna distinzione funzionale, forestierismi e arcaismi, forme moderne e colloquiali a forme culte

Nella lingua dei "Carbonari della montagna" i forestierismi sono pochi e si indulge invece ad una lingua arcaizzante, raramente inquinata da forme più moderne

Nella lingua dei "Carbonari della montagna" si indulge ad una lingua moderna, raramente inquinata da forme più arcaiche o culte

Nella lingua dei "Carbonari della montagna" sono accostati, con precisa distinzione funzionale, forestierismi e arcaismi, forme moderne e colloquiali a forme culte

03. La forma "aggiornare" nei "Carbonari della Montagna" ha

il significato moderno di 'rinviare'

il significato antico di 'far giorno'

il significato antico di 'rinviare'

il significato moderno di 'fissare una data'

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 100/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 066
01. Le forme utilizzate da Verga "conchiudere", "acchiudere"

sono forme latineggianti, a differenza delle forme interamente volgari "concludere", "accludere" che si stabilizzeranno nella lingua italiana solo nella seconda metà
dell'Ottocento

sono forme interamente volgari, a differenza delle forme latineggianti "concludere", "accludere" che si stabilizzeranno nella lingua italiana solo nell'Ottocento

sono forme latineggianti, a differenza delle forme interamente volgari "concludere", "accludere" che si stabilizzeranno nella lingua italiana solo nella seconda metà del
secolo scorso

sono forme interamente volgari, a differenza delle forme latineggianti "concludere", "accludere" che si stabilizzeranno nella lingua italiana solo nella seconda metà del
secolo scorso

02. In "Sulle lagune" troviamo

la specializzazione funzionale della forma letteraria "ve, vi" per la forma pronominale e della forma "ce, ci" per l'avverbio

l'indistinzione e l'alternanza fra la forma "ve, vi" e la forma letteraria "ce, ci"

l'indistinzione e l'alternanza fra la forma letteraria "ve, vi" e la forma "ce, ci"

la specializzazione funzionale della forma letteraria "ve, vi" per l'avverbio e della forma "ce, ci" per la forma pronominale

03. In Sulle lagune compare la forma barcarolo che è

probabilmente un venetismo, dovuto all'ambientazione del romanzo

un toscanismo

un sicilianismo

un termine panitaliano

04. Qual è la data di pubblicazione di Sulle lagune?

1869

1870

1866

1862-1863

05. Il romanzo Sulle lagune

presenta un narratore onnisciente che conduce una narrazione opaca

presenta un narratore omodiegetico che conduce una narrazione opaca

presenta un narratore onnisciente che conduce una narrazione trasparente

presenta un narratore eterodiegetico che conduce una narrazione trasparente

06. Perché si può affermare che "Sulle lagune" fu pensato da Verga per essere pubblicato come romanzo d'appendice?

Perché fu effettivamente pubblicato sulla rivista "La Nuova Europa" nel 1862

Perché è suddiviso in capitoli

Perché è organizzato in sezioni

Perché alla ripartizione in capitoli (che è normale in Verga) si sovrappone la suddivisione in sezioni corrispondenti alle 'puntate' della pubblicazione in rivista

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 101/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 067
01. L'incertezza nelle scelte delle reggenze pronominali

si manifesta esclusivamente nei Carbonari

accomuna Sulle lagune al precedente I Carbonari

contraddistingue senza alcuna variazione cronologica tutta la produzione verghiana

si manifesta esclusivamente in Sulle lagune

02. "Garzone"

nel significato di 'giovane aiutante' è un francesismo recente

nel significato di 'cameriere' è un francesismo recente

è un francesismo antico ripreso da Verga dalla Crusca

è un francesismo antico che Verga recupera dai "Promessi sposi"

03. L'insistito ricorso ai deittici e agli aggettivi possessivi in "Sulle lagune"

denota gusto di variatio da parte dell'autore

denota un desiderio di chiarezza da parte dell'autore cosciente della propria imperizia a gestire il periodo

indica una prima aspirazione alla mimesi dell'oralità da parte dell'autore

denota un uso sapiente degli strumenti linguistici

04. Nell'uso lessicale di Sulle lagune

si assiste ad un tendenziale attutimento delle tre componenti letteraria ed arcaica, fiorentina e francese a favore di una lingua lessicalmente più omogenea

si assiste alla ricercata contrapposizione delle tre componenti, letteraria ed arcaica, fiorentina e francese, della lingua verghiana

si assiste ad una tendenziale distinzione funzionale, a seconda dei diversi contesti narrativi, delle tre componenti della lingua verghiana, letteraria ed arcaica, fiorentina e
francese

si assiste ad una incondita indistinzione delle tre componenti, letteraria ed arcaica, fiorentina e francese, della lingua verghiana

05. All'interno della sezione epistolare di Sulle lagune il ricorso ad una sintassi breve e spezzata accompagnata da frequenti puntini di sospensione

indica, a differenza dell'analoga sintassi dei Carbonari, un tentativo di mimesi emotiva

indica, come già verificatosi per l'analoga sintassi dei Carbonari, la volontà di adeguamento ad uno stile brillante di carattere giornalistico

indica, come già verificatosi per l'analoga sintassi dei Carbonari, un tentativo di mimesi emotiva

indica, a differenza dell'analoga sintassi dei Carbonari, la volontà di adeguamento ad uno stile giornalistico brillante

06. Quale delle seguenti caratteristiche linguistiche del giovane Verga troviamo ancora in Sulle lagune?

Incertezze nelle reggenze preposizionali

Periodi fortemente ipotattici

Assenza del passato prossimo

Fiorentinismi appresi dalla viva voce dei contemporanei

07. La struttura sintattica di "Sulle lagune"

raramente si articola oltre il quarto grado di subordinazione

raramente scende sotto il terzo grado di subordinazione

raramente si articola oltre il primo grado di subordinazione

raramente usa la subordinazione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 102/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Individuate alcuni elementi della lingua del giovane Verga nel breve brano riportato qui sotto, tratto da Sulle lagune:

09. Illustrate dal punto di vista sintattico (tenendo conto delle due parti narrativa e epistolare che vi si alternano) il seguente brano tratto da Sulle lagune:

"Quelle date dovevano molto parlare al cuore del giovane ungherese, poiche? dopo aver baciato l'immagine, egli baciava ognuna di quelle date. | Poscia comincio?
a rileggere, forse per la ventesima volta, quelle lettere, mentre insieme ad altre carte le andava ordinando dentro una grossa sopracoperta, nella quale avea scritto
in antecedenza l'indirizzo di Collini. [...] Mio buon amico, | Vi scrivo la prima volta dal mio paesello nativo, seduta innanzi la mia finestra, da cui un raggio allegro
di sole si riflette sul mio tavolino, frastagliato dalle foglie del vecchio pergolato che incorona il davanzale. Ho dinanzi a me quest'immenso orizzonte, inondato di
luce splendida e cerulea, che si stende sino alla laguna, ove voi dovete essere a quest'ora... fors'anche affacciato alla vostra finestra e cogli occhi rivolti verso...".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 103/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 068
01. Quando fu scritto "Una peccatrice"?

Fra il 1864 e il 1866 a Catania

Nel 1865 a Firenze

Fra il 1864 e il 1866 a Firenze

Nel 1866 a Catania

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 104/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 069
01. L'uso del condizionale in luogo del congiuntivo imperfetto

è un tratto del dialetto siciliano

è un uso toscano a cui Verga si adegua, gestendolo però in maniera impropria

è da spiegare come ipercorrettismo, data l'assenza di condizionale nel dialetto siciliano

è un modulo sintattico d'importazione francese

02. Indicate l'affermazione errata. Con "Una peccatrice" assistiamo

all'adeguamento dal punto di vista lessicale ad un modello sempre più correttamente fiorentino

alla conquista da parte di Verga di una lingua più sciolta, comunque non ancora indenne da incertezze morfo-sintattiche

all'alternanza da parte di Verga di una struttura sintattica variegata che da periodi brevi e monofrasali sa estendersi fino periodi con plurisubordinate

alla conquista da parte di Verga di un lessico più articolato che gli consente anche esercizi di variatio

03. Quale fra le seguenti parole, utilizzate da Verga in "Una peccatrice", è da considerarsi un sicilianismo?

rozza 'cavalla'

mortorio

discolo

stradone

04. Secondo Francesco Branciforti le forme "ricevetti", "credetti" sono censurate da Verga

perché sentite come troppo arcaiche

perché riconosciute di formazione analogica

perché sentite come troppo colloquiali

perché percepite come cultismi

05. All'altezza di "Una peccatrice" Verga utilizza (ad esclusione di altri)

il discorso indiretto e diretto legato

il discorso diretto e indiretto libero e legato

il discorso indiretto legato e il discorso diretto libero e legato

il discorso diretto libero e legato

06. Riguardo alla forma della prima persona dell'imperfetto, in Una peccatrice,

Verga alterna la forma analogica in -a alla forma etimologica in -o

all'altezza di Una peccatrice Verga ha adottato la forma etimologica come unica soluzione della sua lingua

Verga alterna la forma etimologica in -a alla forma analogica in -o

all'altezza di Una peccatrice Verga ha ormai adottato la soluzione fiorentina e manzoniana

07. L'uso del condizionale passato in luogo del trapassato congiuntivo in proposizioni ipotetiche o ottative (per es. mi promise di comunicarmeli…, dopo che avrebbe
consultato")

è una forma di ipercorrettismo perché il trapassato del congiuntivo è sentito come troppo formale

è una forma di ipercorrettismo perché il trapassato del congiuntivo è sentito come troppo marcato in senso toscano

è una forma di ipercorrettismo perché il trapassato del congiuntivo è sentito come arcaico

è una forma di ipercorrettismo perché il trapassato del congiuntivo è sentito come dialettale

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 105/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. Luigi Russo notò in Una peccatrice l'uso di "Ella"

connotandolo, nella funzione di soggetto, come una scelta di massima formalità, in funzione esclamativa come traduzione del siciliano idda

connotandolo come un arcaismo

connotandolo, nella funzione di soggetto, come traduzione del siciliano idda, come una scelta di massima formalità, in funzione esclamativa

connotandolo come un sicilianismo

09. La forma abbi del congiuntivo presente del verbo avere

è indicata come la sola forma corretta dalla "Grammatica" di Francesco Soave, perché è ben documentata nella produzione letteraria

è censurata dalla "Grammatica" di Francesco Soave, ma è ben documentata nella produzione letteraria e non

è censurata dalla "Grammatica" di Francesco Soave, perché non è documentata nella produzione scritta

è indicata come la sola forma corretta dalla "Grammatica" di Francesco Soave, nonostante compaia sporadicamente nella produzione letteraria

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 106/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 070
01. Dove fu scritto Frine?

a Milano, durante il primo soggiorno milanese nel 1872

a Firenze, durante il secondo soggiorno fiorentino di Verga, nel 1869

a Catania, ma dopo il primo soggiorno milanese del 1872

a Catania, ma dopo il primo soggiorno fiorentino di Verga, nel 1865

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 107/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 071
01. A quale delle seguenti evoluzioni del genere romanzo si assiste nel periodo catanese di Giovanni Verga?

Dal romanzo propriamente storico, collocato a notevole distanza nel tempo e nello spazio, progressivamente Verga confeziona romanzi intimi relativi a vicende vicine nello
spazio e nel tempo

Verga alterna vicende intime e vicine nello spazio e nel tempo a vicende collocate in uno spazio e in un tempo remoti

Dopo un periodo iniziale di fedeltà all'imperante genere del romanzo storico, collocato a notevole distanza nello spazio e nel tempo, si rivolge momentaneamente a vicende
intime contemporanee, per poi tornare, con maggiore sapienza letteraria e definitivamente al romanzo storico

Dal romanzo intimo contemporaneo Verga si rivolge sempre più al romanzo storico, collocato a notevole distanza nel tempo e nello spazio

02. Filologia e analisi linguistica: in che modo la condizione di non finito di Frine rappresenta una risorsa e/o una limitazione per l'analisi linguistica del romanzo
inedito?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 108/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 072
01. La parola equipaggio

è un forestierismo

è un francesismo ottocentesco

è un francesismo entrato in Italia nel XVII secolo

è un francesismo entrato in Italia nel XVIII secolo

02. L'inizio di Frine si caratterizza come

letterariamente atteggiato, come mostrano la posizone prenominale degli aggettivi e la ricca serie di dittologie

spontaneo e colloquiale, particolarmente scorrevole

letterariamente atteggiato, come mostrano la posizone postnominale degli aggettivi e la ricca serie di dittologie

poco attento alla lingua contemporanea, come mostra la serie di arcaismi

03. Nei riguardi dei forestierismi si nota che

Verga è molto attento a rispettarne la grafia originaria

Verga spesso li riproduce con grafie fonetiche

Verga è molto attento a rispettarne la grafia originaria, ma non la pronuncia

Verga è molto attento a rispettarne la pronuncia originaria

04. La forma quistione,

non è utilizzata da Verga nella produzione giovanile, mentre viene adottata a partire dagli anni Ottanta

percepita come un latinismo, è utilizzata da Verga fino a tutti gli anni Ottanta, in seguito sostituita con questione

percepita come fiorentina, è utilizzata da Verga fino a tutti gli anni Ottanta, in seguito sostituita con questione

non è utilizzata da Verga nella produzione giovanile, mentre viene adottata a partire dagli anni Settanta

05. In Manzoni, nel passaggio dall'una all'altra delle redazioni del romanzo, si assiste

all'adozione sistematica di "immagine" nel "Fermo e Lucia" e poi nella Quarantana, mentre nella Ventisettana "imagine", pur minoritaria, alterna con "immagine"

all'adozione sistematica di "immagine" nel "Fermo e Lucia" e nella Ventisettana, mentre nella Quarantana "imagine", pur minoritaria, alterna con "immagine"

all'adozione sistematica di "imagine" nel "Fermo e Lucia" e nella Quarantana, mentre nella Ventisettana "imagine", maggioritaria, alterna con "immagine"

all'adozione sistematica di "immagine" nel "Fermo e Lucia" e poi nella Quarantana, mentre nella Ventisettana "imagine" è maggioritaria rispetto a "immagine"

06. La forma imagine

è dal punto di vista fonetico un latinismo, ma sebbene alla nostra percezione sia ormai una forma fortemente connotata in senso letterario e poetico, nell'Ottocento era di
uso comune e non connotato

è dal punto di vista fonetico un latinismo, e per noi come nell'Ottocento è di uso letterario e poetico

è una forma fortemente connotata in senso letterario e poetico perché utilizzata solo in prosa d'arte e in poesia

è dal punto di vista fonetico e lessicale un latinismo, e perciò è fortemente connotata in senso letterario e poetico

07. Una ricerca sulle banche dati informa che la forma imagine

è attestata nell'Ottocento solo in poesia

è attestata nell'Ottocento solo in prosa

è attestata nell'Ottocento in varie tipologie testuali in prosa (storiografia, epistolari, romanzo e novella etc.) oltre che in poesia

è attestata nell'Ottocento in poesia e in prosa solo nei generi più alti e formali

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 109/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 073
01. Indicate la risposta errata. All'altezza di Frine

Verga incrementa la presenza dell'uscita in -o della I persona dell'imperfetto

Verga sostituisce la desinenza di I pers. sing. -ei con -etti

Verga sostituisce le forme dei perfetti forti (tipo "rimasimo", "ebbimo") con le forme arizotoniche

Verga cancella il dittongo dopo elemento palatale

02. All'altezza di Frine Verga dimostra

di rispettare la regola del dittongo mobile

di non rispettare la regola del dittongo mobile

di non rispettare la regola del dittongo mobile solo in casi di specializzazione semantica

di rispettare la regola del dittongo mobile in maniera occasionale

03. Le forme niega e tuono (di voce) che compaiono in Frine

sono dei fiorentinismi

fanno parte della lingua d'uso ottocentesca

sono dei latinismi

sono degli arcaismi

04. Nell'uso delle consonanti scempie/intense

Verga si fa spesso guidare dall'orecchio

Verga si fa spesso guidare dalla pronuncia siciliana

Verga si fa spesso guidare dalla moda francesizzante

Verga si fa spesso guidare dall'etimo latino

05. Cangiare

è un antico francesismo fonetico che Verga usa occasionalmente

è un antico francesismo fonetico che Verga usa sistematicamente

è un latinismo fonetico che Verga usa occasionalmente

è un latinismo fonetico che Verga usa sistematicamente

06. Riguardo le preposizioni articolate

Verga utilizza di frequente le forme sintetiche (in particolare con "con", meno sistematicamente con "per")

Verga utilizza di frequente le forme sintetiche (in particolare con "per", meno sistematicamente con "con")

Verga utilizza raramente le forme sintetiche con "con" e "per"

Verga utilizza di frequente le forme sintetiche con "con", mai le corrispondenti con "per"

07. Le componenti straniere della lingua del giovane Verga (quali le lingue usate, quale l'ambito di provenienza)

08. Varianti diatopiche in Verga (fra siciliano, fiorentino e lingue straniere).

09. Tracciate un quadro dell'evoluzione e delle persistenze della lingua verghiana nel periodo catanese (da I Carbonari della montagna a Frine)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 110/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 075
01. Durante il secondo soggiorno fiorentino chi fu il principale mentore di Giovanni Verga?

Luigi Capuana

Mario Rapisardi

Francesco Dall'Ongaro

Salvatore Farina

02. A quale periodo risale la scrittura di Storia di una capinera?

Al primo soggiorno fiorentino del 1865

Al periodo milanese

Al secondo soggiorno fiorentino del 1869

Al periodo catanese

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 111/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 076
01. In quale periodo si svolge la storia di Maria narrata in Storia di una capinera?

Durante il colera che colpì l'Italia nel 1870

Durante il colera che colpì la Sicilia nel 1867

Durante il colera che colpì la Sicilia nel 1854-1855

Durante il colera che colpì l'Italia nel 1865

02. La presenza o l'assenza di dati topici e cronici in capo alle lettere della protagonista Maria

accennano ad un 'editore' delle lettere da identificarsi con l'autore implicito

accennano ad una pubblicazione delle lettere senza alcun intervento editoriale

accennano ad un 'editore' delle lettere, la cui identità rimane però incerta

accennano ad un 'editore' delle lettere da identificarsi con la loro destinataria Marianna

03. Quando fu pubblicato Storia di una capinera?

Nel 1873, prima in rivista e poi in volume

Nel 1869, a Firenze

Da Treves nel 1871

Nel 1871, prima in rivista e poi in volume, infine ristampato da Treves nel 1873

04. A chi si indirizzava Francesco Dall'Ongaro nella prefazione di Storia di una capinera?

All'autore

A Caterina Percoto

A Ludmilla Assing

A Emilio Treves

05. Quali sono le condizioni storiche e sociali che contribuirono al successo di Storia di una capinera?

La fortuna di romanzi storici incentrati sulle monacazioni forzate

Il contemporaneo dibattito sulle monacazioni forzate, inasprito dalle soppressioni delle corporazioni religiose e dalla confisca dei loro beni

La pubblicità che del romanzo fecero, ciascuno a suo modo, Emilio Treves e Caterina Percoto

Lo spirito anticlericale di Verga e il suo impegno sociale contro le monacazioni forzate

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 112/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 077
01. Indicate la risposta errata. A quali livelli si dimostra l'incremento di toscanismi nella lingua verghiana all'altezza di Storia di una capinera?

Nella formazione della parole (incremento degli alterati)

A livello morfosintattico (uso della forma impersonale in luogo della I persona plurale))

A livello fonetico

A livello lessicale

02. Dal punto di vista complessivo l'introduzione a Storia di una capinera

si struttura unitariamente sebbene vi si intersechino i temi della capinera, della giovane monaca e il commento dell'autore

si configura a struttura quadripartita: la prima parte riferita ai bambini che torturano la capinera, la seconda riferita alla 'figura' della capinera, la terza parte riferita alla
giovane monaca, la quarta parte contenente il commento dell'autore implicito

si configura a struttura binaria: la prima parte (ulteriormente bipartita) riferita alla 'figura' della capinera, la seconda parte (anch'essa bipartita) riferita alla giovane monaca

si configura a struttura ternaria: la prima parte riferita alla 'figura' della capinera, la seconda parte riferita alla giovane monaca, la terza parte con il commento dell'autore
implicito

03. La coesione fra le parti in cui si suddivide l'introduzione a Storia di una capinera è ottenuta mediante

i diminutivi

tramite le interiezioni

l'anafora

iterazioni letterali fra una parte e l'altra

04. Indicate l'affermazione errata.

In Storia di una capinera si affiancano l'uno all'altro un lessico colto ed arcaico ed un lessico toscano

Con Storia di una capinera la componente colta e letteraria della lingua verghiana scompare una volta per tutte

Con Storia di una capinera la componente toscana della lingua verghiana è notevolmente incrementata

Storia di una capinera non rappresenta una frattura netta con la lingua verghiana precedente dal punto di vista fonetico

05. Individuate alcuni elementi della lingua di Verga nel breve brano riportato qui sotto, tratto da Storia di una capinera:

06. Indicare alcuni fiorentinismi adottati da Verga in Storia di una capinera

07. Illustrate il significato linguistico e stilistico che Storia di una capinera rappresenta nel percorso verghiano

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 113/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 078
01. I più accusati forestierismi nella lingua di Verga

sono anglicismi pertinenti alla moda

sono anglicismi e francesismi di importazione letteraria

consistono in anglicismi attinenti al mondo della moda

consistono in francesismi attinenti al mondo della moda e all'abbigliamento femminile e maschile

02. Nelle modifiche linguistiche introdotte nel passaggio da Frine a Eva Verga muove

verso una lingua più pura

verso una maggiore appropriatezza e una lingua tendenzialmente asinonimica

verso una lingua più ricca di sinonimi

verso una lingua più letterariamente atteggiata

03. Qual era la posizione linguistica di Pietro Fanfani?

Pietro Fanfani si collocava su posizioni antimanzoniane, sostenendo che l'italiano già esisteva e che andava identificato nell'italiano scritto di ascendenza fiorentina e
toscana

si collocava su posizioni moderatamente filomanzoniane, sostenendo che l'italiano andava identificato con il fiorentino, da innovarsi però con l'immissione di parole
straniere

Pietro Fanfani si collocava su posizioni filomanzoniane, sostenendo che l'italiano già esisteva e che andava identificato nell'uso toscano contemporaneo delle campagne

si collocava su posizioni moderatamente filomanzoniane, sostenendo che l'italiano andava identificato con il fiorentino anche degli strati più bassi della città

04. I più accusati forestierismi nella lingua di Verga

sono presenti in Una peccatrice e risalgono al periodo catanese

sono presenti nella produzione verista

sono presenti in Eva e risalgono al periodo milanese

sono presenti in Frine e risalgono al primo soggiorno fiorentino

05. Indicate la risposta errata. Nel passaggio da Frine a Eva si assiste a

una riduzione della ricca aggettivazione

un incremento dei forestierismi alla moda

una riduzione dei dettagli descrittivi

un incremento di toscanismi

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 114/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 080
01. Cotesto

è un toscanismo che distingue ciò che è vicino all'emittente da ciò che è vicino al destinatario (quello) e da ciò che è distante da entrambi (questo)

è un toscanismo che distingue ciò che è vicino al destinatario da ciò che è vicino all'emittente (questo) e da ciò che è distante da entrambi (quello)

è un toscanismo che distingue ciò che è vicino al destinatario da ciò che è vicino all'emittente (quello) e da ciò che è distante da entrambi (questo)

è un toscanismo che distingue ciò che è lontano sia dall'emittente sia dal destinatario da ciò che è vicino all'emittente (questo) e da ciò che è vicino al destinatario

02. A cosa si devono gli insistiti interventi di Verga sui sinonimi o parasinonimi secondo, istante, momento nel passaggio da Frine a Eva?

Ad una costante incertezza fra sinonimi

Ad un tentativo di specializzazione che attribuisce a secondo il valore cronologico puntuale, a momento e istante quello durativo

Ad un tentativo di specializzazione che attribuisce a momento il valore cronologico puntuale, a secondo e istante quello durativo

Ad un tentativo di specializzazione che attribuisce a istante il valore cronologico puntuale, a secondo e momento quello durativo

03. Indicate quali dei toscanismi indicati non viene inserito da Verga nel passaggio da Frine a Eva

uso dell'articolo davanti al nome proprio femminile

cotesto

mica

terrazzo

04. Per quale motivo Verga sostituisce viottolo con viottola nel passaggio da Frine a Eva?

Perché viottola è fiorentino

Perché percepisce viottolo come dialettale, coincidente nel maschile con il sic. violu

Perché percepisce viottolo come demotico

Perché viottola è panitaliano

05. Da Frine a Eva: interventi narratologici e modifiche linguistiche.

06. Collocate Eva nel percorso linguistico e letterario di Verga e illustrate gli aspetti linguistici interessanti del seguente brano:

"Sotto un di quegli alberi c'era una poltrona colla spalliera appoggiata al tronco; un mucchio di guanciali le dava l'aspetto doloroso che hanno le poltrone degli
infermi. Vidi una scarna e pallida figura quasi sepolta fra quei guanciali, e accanto alla poltrona un'altra figura canuta e veneranda - la madre accanto al figliuolo
che moriva. | Corsi a lui con una commozione che non sapevo padroneggiare. Com'egli mi vide mi sorrise di quel riso così dolce degli infermi, e fece un movimento
per levarsi".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 115/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 081
01. La diffusione della designazione della narrazione breve tramite campi metaforici di ambito figurativo quali "bozzetto" e simili

viene datata alla fine dell'Ototcento

viene datata agli avanzati anni Novanta del XIX secolo

viene datata alla metà del secolo XIX

viene datata nel primo ventennio dopo l'Unificazione italiana

02. La novella Nedda

fu considerata una scoperta da Verga che si accorse subito delle potenzialità di quell'esperimento

fu sempre considerata da Verga un episodio minore, ed egli tardò a comprendere le potenzialità insite nella scoperta della narrazione breve

fu scritta nella convinzione artistica della superiorità della novella rispetto al romanzo

fu sul momento sottovalutata, ma subito dopo Verga si rese conto della sua importanza di svolta nel proprio percorso artistico

03. La fortuna editoriale di Nedda

fu modesta (fu stampata solo una volta nel 1874)

fu mediocre (alla prima edizione in rivista, ne fece seguito una in volume nello stesso anno)

fu consistente, ma non immediata

fu straordinaria (alla prima pubblicazione in rivista ne seguirono almeno altre cinque entro il secolo XIX)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 116/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 082
01. In Nedda si assiste ancora all'uso occasionale

dell'uscita etimologica in -o della I persona dell'imperfetto

dell'uscita analogica in -o della I persona dell'imperfetto

dell'uscita analogica in -a della I persona dell'imperfetto

dell'uscita etimologica in -a della I persona dell'imperfetto

02. La novella Nedda

rappresenta un momento di vera e propria conversione narrativa e linguistica

rappresenta la scoperta da parte di Verga del mondo degli umili, ma la distanza dal mondo narrato si configura come paternalistica

rappresenta la scoperta da parte di Verga del mondo degli umili, e un primo saggio dell'impersonalità

rappresenta la scoperta dell'indiretto libero che in Nedda viene usato sistematicamente

03. Fanno parte della composita lingua di Nedda

fonetica di tradizione letteraria e morfosintassi del fiorentino parlato

lessico fiorentino, sintassi siciliana, morfologia letteraria

elementi del fiorentino parlato, sicilianismi e inserti in siciliano, elementi fonomorfologici e lessicali del toscano di tradizione letteraria

lessico siciliano e fonetica fiorentina

04. In "Gli occhi avea neri, grandi, nuotanti in un fluido azzurrino" "nuotanti" è

un participio passato con funzione verbale (sostituisce una relativa)

un participio passato con funzione verbale (sostituisce una dichiarativa)

un participio presente con funzione verbale (sostituisce una dichiarativa)

un participio presente con funzione verbale (sostituisce una relativa)

05. Indicate la risposta errata. La natura letteraria della lingua di Nedda si manifesta

nella presenza dell'enclisi a verbi di modo finito

nella presenza dell'enclisi a verbi di modo infinito

nella presenza di aggettivi participiali con funzione verbale

nella presenza di toscanismi di matrice libresca

06. Cosa è concio 'conciato'?

Un participio rizotonico

Un aggettivo participiale con funzione verbale

Un'apocope sillabica

Un participio arizotonico

07. Quale dei seguenti tratti presenti in Nedda è da ascrivere al fiorentino parlato?

L'apocope

L'uso di "O" come elemento introduttivo delle interrogative

L'uso del dittongo dopo elemento palatale

L'enclisi pronominale

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 117/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. In Nedda assistiamo alla prima comparsa inconsapevole ma non occasionale in Verga

dell'impersonalità

della regressione

della narrazione trasparente

dell'indiretto libero

09. In Nedda la lingua del narratore e la lingua dei personaggi

sono funzionalmente distinte

sono reciprocamente distinte l'una dall'altra dal punto di vista diacronico

sono distinte l'una dall'altra dal punto di vista diastratico

sono indistinte funzionalmente l'una dall'altra dal punto di vista diastratico, ma non da quello diafasico

10. A parlare per primo di Nedda come il luogo di una 'conversione' artistica di Verga

fu Luigi Russo, che lo additò come l'avvio della stagione veristica

fu Benedetto Croce, che lo additò come l'avvio della stagione veristica

fu Benedetto Croce, che ne riconobbe però importanti 'difetti' di natura narratologica e formale

fu Luigi Russo, che ne riconobbe però importanti 'difetti' di natura narratologica e formale

11. Nedda: la scoperta della novella, la scoperta del mondo degli umili e le strategie linguistiche verghiane.

12. Illustrate il significato di Nedda nel percorso letterario e linguistico di Verga, soffermandovi anche sull'interpretazione datane da Luigi Russo.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 118/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 084
01. Quale delle novelle indicate non fa parte della raccolta di Vita dei campi?

Rosso Malpelo

La roba

Fantasticheria

Guerra di santi

02. Come è composta la raccolta di Vita dei campi?

Vita dei campi nell'edizione del 1880 è composta da otto novelle; nell'edizione dell'anno successivo fu aggiunta anche Il come, il quando ed il perché

Vita dei campi nell'edizione del 1880 è composta da nove novelle; nell'edizione dell'anno successivo fu eliminata Il come, il quando ed il perché

Vita dei campi nell'edizione del 1880 è composta da otto novelle; nell'edizione dell'anno successivo fu eliminata Il come, il quando ed il perché

Vita dei campi nell'edizione del 1880 è composta da nove novelle; nell'edizione dell'anno successivo fu aggiunta anche Il come, il quando ed il perché

03. Qual è, dopo l'esperienza di Nedda, il primo tentativo verghiano di narrazione breve?

Rosso Malpelo (1878)

Le novelle di Primavera ed altri racconti (1876)

Il "bozzetto marinaresco" intitolato Padron 'Ntoni (1875)

L'Amante di Gramigna (1875)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 119/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 085
01. Le apocopi presenti in Pentolaccia

e che riguardano per lo più aggettivi, vanno mentalmente integrate con le forme piene (non elise) degli infiniti davanti a parola che inizia per vocale

e che riguardano per lo più infiniti, vanno mentalmente ridotte eliminando dal computo le forme elise

e che riguardano per lo più aggettivi, vanno mentalmente ridotte eliminando dal computo le forme elise

e che riguardano per lo più infiniti, vanno mentalmente integrate con le forme piene (non elise) degli infiniti davanti a parola che inizia per vocale

02. La forma vegga (per 'veda') e simili

è in netto progressivo aumento nella produzione verghiana a partire da Eva, anche se in Pentolaccia essa è cancellata in una correzione d'autore a scopo evocativo

convive nella scrittura verghiana con la forma oggi invalsa, ma utilizzata con connotazione espressiva

è in netta progressiva diminuzione nella produzione verghiana a partire da Eva, anche se in Pentolaccia essa è reintegrata in una correzione d'autore a scopo evocativo

convive nella scrittura verghiana con la forma oggi invalsa, senza particolari connotazioni

03. All'altezza di Pentolaccia Verga utilizza come pronomi soggetto di III persona singolare

egli e (in misura sempre più crescente) lui

egli, ei, lui

egli (e in misura sempre più ridotta ei) e lui

egli e lui (quest'ultimo però usato con parsimonia perché sentito come diastraticamente basso)

04. Indicate l'affermazione errata. Fra le correzioni linguistiche d'autore cui si assiste in Pentolaccia si annoverano

aumento delle apocopi

riduzione della risalita del clitico

riduzione dell'enclisi

aumento delle elisioni

05. Nel seguente brano di Pentolaccia

gli elementi linguistici dell'oralità sono

il che polivalente (chè gli avevano messo quel bel nomignolo)

ora, a questo, e a quell'altro (segnali deittici); per la brutta cosa che sapete (presupposizione)

la ripetizione il fatto suo, un brutto fatto in verità

tutti coloro, parlare, che dice, dirgli (segni di discorso)

06. In Pentolaccia

l'impersonalità assume i caratteri corali di un intero paese

l'impersonalità assume caratteri propriamente grammaticali

l'impersonalità assume i caratteri di un narratore popolare

l'impersonalità assume caratteri fonetici

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 120/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

07. Nella seconda metà dell'Ottocento le forme dissimilate dell'imperfetto dei verbi di IV coniugazione in -ìa (per es. "venìa")

sono ancora vitali

sono maggioritarie rispetto alle forme in -iva

sono ancora vitali sebbene in lenta diminuzione

sono quasi del tutto scomparse

08. Individuate le tipologie di discorso (diretto e indiretto, libero e legato) nel seguente brano:

"Don Franco allora si sfogava mettendosi a ridere come una gallina, all'uso di don Silvestro, rizzandosi sulla punta dei piedi, coll'uscio spalancato a due battenti,
che per questo non c'era pericolo d'andare in prigione; e diceva che finché ci sarebbero stati i preti era sempre la stessa cosa, e bisognava fare tavola rasa,
s'intendeva lui, trinciando colla mano in giro. | - Io per me li vorrei tutti arsi! rispondeva don Giammaria, che intendeva anche lui di chi parlava".

09. Analizzate dal punto di vista linguistico il seguente brano, estratto dalla novella Pentolaccia
:

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 121/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 086
01. Indicate la risposta errata. Allo scopo di caratterizzare la propria lingua in senso colloquiale Verga, in Pentolaccia,

usa la proclisi

utilizza consapevolmente l'iterazione lessicale

persegue sistematicamente un abbassamento di tono

utilizza frasi idiomatiche

02. Quale di queste affermazioni è falsa?

Una delle affermazioni teoriche verghiane dell'impersonalità è affidata alla novella Rosso Malpelo

Una delle affermazioni teoriche verghiane dell'impersonalità è affidata ad una lettera a Luigi Capuana

Una delle affermazioni teoriche verghiane dell'impersonalità è affidata alla prefazione a L'amante di Gramigna

Una delle affermazioni teoriche verghiane dell'impersonalità è affidata alla novella Fantasticheria

03. In Pentolaccia non abbiamo esempi

del discorso indiretto libero

della presupposizione

delle dislocazioni a destra e a sinistra

del "che" polivalente

04. Negli usi lessicali di Pentolaccia si nota

una sostanziale indifferenza alla caratterizzazione diatopica degli elementi e una particolare sensibilità per la loro connotazione diastratica (Verga tende a optare per la
soluzione diastraticamente più bassa)

una sostanziale indifferenza alla caratterizzazione diatopica degli elementi e una particolare sensibilità per la loro connotazione diastratica (Verga tende a optare per la
soluzione diastraticamente più alta)

una sostanziale indifferenza alla caratterizzazione diastratica degli elementi e una particolare sensibilità per la loro connotazione diatopica (Verga tende a optare per la
soluzione siciliana)

una sostanziale indifferenza alla caratterizzazione diastratica degli elementi e una particolare sensibilità per la loro connotazione diatopica (Verga tende a optare per la
soluzione non siciliana)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 122/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 087
01. Quando furono scritti I Malavoglia?

A partire dalla prima idea del bozzetto marinaresco Padron'Ntoni, del 1874, Verga elaborò il romanzo, con alterni momenti di accelerazione o interruzione, durante i sei
anni che lo separano dalla pubblicazione, nel 1881

A partire dalla prima idea del bozzetto marinaresco Padron'Ntoni, del 1875, Verga elaborò il romanzo, con alterni momenti di accelerazione o interruzione, durante i sei
anni che lo separano dalla pubblicazione nel 1881

A partire dalla prima idea del bozzetto marinaresco Padron'Ntoni, del 1875, Verga elaborò il romanzo, dopo un momento di stasi, con grande velocità

A partire dalla prima idea del bozzetto marinaresco Padron'Ntoni, del 1875, Verga elaborò il romanzo, dopo un momento di stasi, in due anni

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 123/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 088
01. Quale fra le seguenti censure non fu rivolta alla prosa dei Malavoglia dai primi recensori?

Assenza di narrazione

Eccesso di proverbi

Assenza di dialogo

Sovrabbondanza di dialogo

02. Qual è la funzione del dialetto in rapporto alla lingua nei Malavoglia

Il dialetto convive con la lingua comune

Il dialetto, pressoché assente a livello superficiale, forza la lingua e la scompagina dall'interno

Il dialetto è predominante rispetto alla lingua comune

Il dialetto è assente

03. Nei Malavoglia

l'impersonalità assume i caratteri corali di un intero paese

l'impersonalità assume caratteri fonetici

l'impersonalità assume i caratteri di un narratore popolare

l'impersonalità assume caratteri propriamente grammaticali

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 124/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 089
01. Indicate la risposta errata. Quale degli elementi indicati non fa parte dei rilevatori secondari dell'indiretto libero individuati da Giovanni Nencioni?

Elementi del parlato quali le dislocazioni a sinistra

Elementi del parlato quali le formule enfatiche

Elementi del parlato quali le frasi interrogative ed esclamative

Elementi del parlato quali le formule idiomatiche

02. Il discorso indiretto libero può stabilire con l'indiretto legato o con il discorso diretto

un rapporto di frattura oppure un rapporto di fusione

un rapporto di continuità

un rapporto di integrazione

un rapporto di discontinuità

03. Quale di questi procedimenti è tra quelli impiegati da Verga per produrre l'impressione di un'oralità popolare?

il ricorso a sicilianismi lessicali

il ricorso a sicilianismi morfologici e fonetici

la dislocazione a destra e a sinistra

il discorso indiretto libero

04. In che cosa consiste il rilevatore primario dell'indiretto libero che Nencioni chiama della trasposizione?

Nello spostamento degli elementi della frase nel passaggio dal discorso diretto all'indiretto

Da un processo di modifica che interessa i tempi (ed eventualmente i modi) verbali nel passaggio dal discorso diretto all'indiretto

Nella trasposizione dei modi verbali da finiti a infiniti nel passaggio dal discorso diretto all'indiretto

Nel processo di modifica che interessa i tempi (ed eventualmente i modi), l'espressione delle persone grammaticali e di altri elementi deittici nel passaggio dal discorso
diretto all'indiretto

05. Charles Bally afferma che l'indiretto libero è

assente dall'oralità e che in letteratura rappresenta il rapporto immaginario e convenzionale che la lingua scritta stabilisce con l'oralità

è un tratto della lingua colloquiale

è un elemento dell'oralità che penetra nella forma scritta

è un fenomeno linguistico presente solo nell'oralità

06. La lingua del romanzo I Malavoglia

è un italiano di tipo fiorentino, caratterizzato da vari tratti tipici del parlato

è un siciliano caratterizzato da vari tratti tipici del parlato

è un italiano ricco di termini dialettali siciliani, e caratterizzato da vari tratti tipici del parlato

è un italiano caratterizzato da vari tratti tipici del parlato

07. Quale fra le seguenti censure non fu mossa dai critici contemporanei alla lingua dei Malavoglia?

Abbondante uso di arcaismi e cultismi

Uso del che polivalente

Abuso dell'imperfetto

Abuso del ci attualizzante

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 125/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

08. I sicilianismi integrali nei Malavoglia

riguardano la sola realtà materiale della vita dei pescatori di Trezza

sono collocati in luoghi strategici dal punto di vista della narrazione

riguardano solo termini per i quali non esiste corrispondente italiano (tarì, onza etc,)

sono collocati in luoghi strategici dal punto di vista emotivo

09. Indicate l'affermazione errata. L'adozione di inserti dialettali nel romanzo ottocentesco è testimoniata nei romanzi di

Antonio Fogazzaro

Cletto Arrighi

Arrigo Boito

Emilio De Marchi

10. Tecniche dell'impersonalità: I Malavoglia e Pentolaccia

11. Individuate nel brano seguente de I Malavoglia gli esempi di ci attualizzante e del che polivalente; illustrate inoltre altri elementi utili alla caratterizzazione
linguistica.

"Una sera si fermò nella strada del Nero Alfio Mosca, col carro, che ci aveva attaccato il mulo adesso, e per questo aveva acchiappato le febbri alla Bicocca, ed era
stato per morire, tanto che aveva la faccia gialla e la pancia grossa come un otre; ma il mulo era grasso e col pelo lucente. | - Vi rammentate quando sono partito
per la Bicocca? diceva lui, che stavate ancora nella casa del nespolo! Ora ogni cosa è cambiata, ché «il mondo è tondo, chi nuota e chi va a fondo». - Stavolta non
potevano dargli nemmeno un bicchiere di vino, pel ben tornato."

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 126/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 090
01. Nell'indiretto legato qual è il ruolo del connettore?

Il connettore assicura la grammaticalità della frase

Il connettore marca il punto di trapasso dal discorso riferito alla narrazione

Se il connettore manca il messaggio non è più pienamente comprensibile

Il connettore marca il punto di trapasso dalla narrazione, entro la quale è espresso il verbo del dire, al discorso riferito

02. Nell'indiretto libero gli elementi deittici contribuiscono

al riconoscimento del destinatario

al riconoscimento del locutore

alla diagnosi sulla natura del messaggio

al riconoscimento della situazione comunicativa

03. Nei "Malavoglia" l'alta frequenza di "questo" e "quello"

contribuisce ad attenuare, tramite la deissi, l'effetto provocato dall'immissione repentina (senza la tradizionale descrizione preventiva) del lettore entro il sistema di luoghi e
personaggi

contribuisce ad accrescere, tramite la deissi, l'effetto provocato dall'immissione repentina (senza la tradizionale descrizione preventiva) del lettore entro il sistema di luoghi
e personaggi

collabora con il discorso diretto ad assuefare progressivamente il lettore con il sistema di luoghi e personaggi del romanzo

collabora con la descrizione ad assuefare progressivamente il lettore con il sistema di luoghi e personaggi del romanzo

04. Il discorso indiretto libero è

una tipologia di discorso riferito

un modo del narratore di riferire il discorso orale senza introdurre segnali linguistici espliciti (verba dicendi) di trapasso dalla narrazione

un modo con cui l'autore implicito riferisce il discorso dei personaggi introducendo i verba dicendi

un modo opaco del narratore di condurre la narrazione

05. Discorso diretto e discorso indiretto liberi e legati.

06. Illustrate la categoria di discorso, distinguetene le particolari tipologie soffermandovi in particolare sul discorso indiretto libero e sui suoi rilevatori primari e
secondari.

07. Individuate il discorso indiretto legato e il discorso libero nel seguente passaggio de I Malavoglia (cap. XV):

"La gente diceva che la Lia era andata a stare con don Michele; già i Malavoglia non avevano più niente da perdere, e don Michele almeno le avrebbe dato il
pane".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 127/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 091
01. Le strategie verghiane dell'impersonalità

sono le stesse per tutto il periodo verista

consistono nella regressione

sono diversamente raggiunte a seconda delle opere verghiane

consistono nella mimesi dell'oralità

02. I Malavoglia: i tempi verbali e i deittici

03. In che rapporto sta l'uso dell'imperfetto con il discorso indiretto?

04. Uso dei tempi verbali nella lingua letteraria verghiana in genere e nei Malavoglia in particolare.

05. Tratti linguistici dell'oralità nella produzione matura di Verga

06. Analizzate, dal punto di vista del discorso, il seguente brano dei Malavoglia, individuando nell’indiretto libero i connettori, e illustrandone il rilevatore
primario della trasposizione e i rilevatori secondari (per es. deissi, enfasi, formule idiomatiche, esclamative e interrogative).

“Alessi tornava a casa il sabato, e gli veniva a contare i denari della settimana, come se il nonno avesse ancora giudizio. Egli rispondeva sempre di sì, col capo; e
bisognava che andasse a nascondere il gruzzoletto sotto la materassa, e gli diceva, per farlo contento, che ci voleva poco a mettere insieme un’altra volta i denari
della casa del nespolo, e fra un anno o due ci sarebbero arrivati. | Ma il vecchio scrollava il capo, colla testa dura, e ribatteva che adesso non avevano più bisogno
della casa; e meglio che non ci fosse mai stata al mondo la casa dei Malavoglia, ora che i Malavoglia erano di qua e di là”.

07. Analizzate, dal punto di vista del discorso, il seguente brano de I Malavoglia, individuando nell’indiretto libero i connettori, e illustrandone il rilevatore
primario della trasposizione e i rilevatori secondari (per es. deissi, enfasi, formule idiomatiche, esclamative e interrogative).

“Gli parlava pure di quel che avrebbero fatto quando arrivava un po’ di provvidenza, per fargli allargare il cuore; gli diceva che avrebbero comprato un vitellino a
San Sebastiano, ed ella bastava a procurargli l’erba e il mangime per l’inverno. A maggio si sarebbe venduto con guadagno; e gli faceva vedere pure le nidiate di
pulcini che aveva messo, e venivano a pigolare davanti ai loro piedi, al sole, starnazzando nella polvere della strada. Coi denari dei pulcini avrebbe anche
comperato un maiale, per non perdere le buccie dei fichidindia, e l’acqua che serviva a cuocere la minestra, e a fin d’anno sarebbe stato come aver messo dei soldi
nel salvadanaio. Il vecchio, colle mani sul bastone, approvava del capo, guardando i pulcini”.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 128/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 092
01. Qual è la consistenza della raccolta Novelle rusticane?

Novelle rusticane raccoglie 11 novelle

Novelle rusticane raccoglie 8 novelle

Novelle rusticane raccoglie 9 novelle

Novelle rusticane raccoglie 12 novelle

02. Qual è la data di pubblicazione di Novelle rusticane?

Pubblicate in rivista (tranne Di là dal mare) fra il 1879 e il 1882, furono raccolte in volume nel 1884

Pubblicate in rivista fra il 1880 e il 1882, furono raccolte in volume nel 1883

Pubblicate in rivista (tranne Di là dal mare) fra il 1880 e il 1882, furono raccolte in volume nel 1883

Pubblicate in rivista (tranne La roba) fra il 1879 e il 1882, furono raccolte in volume nel 1883

03. La scrittura del Mastro-don Gesualdo

coinvolge Verga nel periodo 1885-1889

coinvolge Verga nel periodo 1885-1888

coinvolge Verga nel periodo 1881-1890

coinvolge Verga nel periodo 1882-1889

04. L'analisi degli abbozzi del Mastro-don Gesualdo mostra

un avanzamento della scrittura verghiana nella strada intrapresa con I Malavoglia

un regresso della scrittura verghiana alla lingua dei romanzi giovanili

un regresso della scrittura verghiana al bozzettismo di Nedda

un regresso della scrittura verghiana alla tipologia narrativa dei romanzi mondani

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 129/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 093
01. Nel 1885 Luigi Capuana caratterizzava la lingua della stagione verista

come una lingua inappropriata e inadatta anche a incarnare l'ideologia del movimento che l'aveva creata

come una lingua pura, che si sarebbe imposta come lingua comune dell'Italia

come una lingua arcaizzante e letteraria, che non aveva saputo liberare la lingua dalle pastoie della tradizione letteraria

come una lingua composita e estemporanea, che aveva però liberato la prosa italiana dalle pastoie arcaiche e letterarie

02. Quale fu il giudizio di Luigi Pirandello sul Mastro-don Gesualdo?

Nel 1890 Pirandello evidenziò come la lingua di Verga era rappresentativa, per la Sicilia, della ormai conclusa unificazione linguistica su base nazionale secondo le
indicazioni svolte da Graziadio Isaia Ascoli nel "Proemio" all'"Archivio Glottologico Italiano"

Nel 1890 Pirandello evidenziò come la lingua di Verga era rappresentativa, per la Sicilia, della ormai conclusa unificazione linguistica su base nazionale nella direzione
indicata da Manzoni

Nel 1890 Pirandello evidenziò come la lingua di Verga era rappresentativa, per la Sicilia, della ormai conclusa unificazione linguistica su base nazionale in direzione
puristica

Nel 1890 Pirandello evidenziò come la lingua di Verga era rappresentativa, per la Sicilia, della nascita dell'italiano regionale, segno di un'unificazione linguistica imperfetta
e 'compromissoria'

03. Qual è la struttura interna del Mastro-don Gesualdo nella redazione in rivista e nella redazione in volume?

Il Mastro-don Gesualdo in rivista consta di 16 capitoli organizzati in quattro parti, ciascuna delle quali corrispondente ad un periodo della vita del protagonista; il
Mastro-don Gesualdo edito in volume è suddiviso in 21 capitoli, ordinati in un'unica sequenza

Il Mastro-don Gesualdo in rivista consta di 16 capitoli ordinati in un'unica sequenza; il Mastro-don Gesualdo edito in volume è suddiviso in 21 capitoli, organizzati in
quattro parti, ciascuna delle quali corrispondente ad un periodo della vita del protagonista

Il Mastro-don Gesualdo in rivista consta di 21 capitoli ordinati in un'unica sequenza; il Mastro-don Gesualdo edito in volume è suddiviso in 16 capitoli, organizzati in
quattro parti, ciascuna delle quali corrispondente ad un periodo della vita del protagonista

Il Mastro-don Gesualdo in rivista consta di 21 capitoli organizzati in quattro parti, ciascuna delle quali corrispondente ad un periodo della vita del protagonista; il
Mastro-don Gesualdo edito in volume è suddiviso in 16 capitoli, ordinati in un'unica sequenza

04. Dai materiali elaborati per il Mastro-don Gesualdo

alcuni furono riutilizzati per la redazione della Duchessa di Leyra

alcuni furono riutilizzati per la redazione di Cavalleria rusticana e di Vagabondaggio

alcuni furono riutilizzati per la redazione di alcune novelle di Novelle rusticane e di Vagabondaggio

alcuni furono riutilizzati per la redazione di alcune pièces teatrali

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 130/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 094
01. Quale fu il giudizio di Policarpo Petrocchi sulla lingua del "Mastro-don Gesualdo"?

Il Petrocchi, da una posizione di stretta osservanza manzoniana, censurò una serie di inappropriatezze lessicali, idiomatiche e sintattiche

Il Petrocchi riconobbe nel "Mastro-don Gesualdo" l'incarnazione del neonato italiano regionale di Sicilia

Il Petrocchi riconobbe nel "Mastro-don Gesualdo" l'incarnazione artistica dell'italiano come lingua comune parlata

Il Petrocchi, da una posizione di stretta osservanza puristica, censurò una serie di inappropriatezze lessicali, idiomatiche e sintattiche

02. Per fare il punto della lingua verghiana all'altezza del "Mastro-don Gesualdo" Francesco Bruni confronta la lingua del romanzo

con la coeva scrittura epistolare di italiani semicolti

con la coeva scrittura epistolare di vari letterati italiani

con la coeva scrittura epistolare di Verga, in particolare utilizzando il carteggio con Luigi Capuana

con la scrittura epistolare di Verga

03. Il problema della lingua dopo I Malavoglia.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 131/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 095
01. L'uso di assai posposto all'elemento a cui si riferisce

è un fiorentinismo

è un arcaismo

è un sicilianismo

è un tratto comune all'italiano parlato

02. Indicate la risposta errata. Rispetto alla lingua dei "Malavoglia" nel "Mastro-don Gesualdo"

non c'è più la forma dissimilata dell'imperfetto di "avere"

scompare "ei" allotropo di "egli"

non ci sono più toscanismi e fiorentinismi

compare occasionalmente il monottongamento del fiorentino contemporaneo

03. Indicate la risposta errata. Rispetto alla lingua dei Malavoglia nel Mastro-don Gesualdo

ricompare un corretto uso dell'aspetto imperfettivo dell'imperfetto e perfettivo del passato remoto

ricompare l'enclisi pronominale

non compaiono i toscanismi "cotesto" e "costì"

ricompare il rispetto della regola del dittongo mobile

04. Verga e Manzoni davanti alla lingua di Firenze.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 132/133
Set Domande: LINGUISTICA ITALIANA
LETTERATURA, LINGUA E CULTURA ITALIANA
Docente: Bertolini Lucia

Lezione 096
01. Nel Mastro-don Gesualdo

l'impersonalità assume caratteri fonetici

l'impersonalità assume caratteri propriamente grammaticali

l'impersonalità assume i caratteri corali di un intero paese

l'impersonalità assume i caratteri di un narratore popolare

02. Dal punto di vista stilistico un elemento di innovazione del Mastro-don Gesualdo è rappresentato

dall'ampio uso di frasi nominali

dalla ridondanza pronominale

dall'uso del "che" polivalente e del "ci" attualizzante

dalle dislocazioni a sinistra

03. Strategie linguistiche dell'impersonalità nella prosa del Mastro-don Gesualdo.

04. Individuate alcune caratteristiche linguistico-stilistiche del seguente brano del Mastro-don Gesualdo.

05. Illustrate brevemente il contenuto di uno dei volumi a scelta (Daria Motta, La lingua fusa; Fulvio Leone, La lingua dei Malavoglia rivisitata; Gabriella Alfieri,
Giovanni Verga) o, a seconda dell'anno di corso, uno dei capitoli del volume di Gabriella Alfieri indicati nel programma

06. Analizzate dal punto di vista linguistico il brano, estratto dal Mastro-don Gesualdo:

"Era un correre a precipizio nel palazzo smantellato; donne che portavano acqua; ragazzi che si rincorrevano schiamazzando in mezzo a quella confusione, come
fosse una festa; curiosi che girandolavano a bocca aperta, strappando i brandelli di stoffa che pendevano ancora dalle pareti, toccando gli intagli degli stipiti,
vociando per udir l'eco degli stanzoni vuoti, levando il naso in aria ad osservare le dorature degli stucchi, e i ritratti di famiglia: tutti quei Trao affumicati che
sembravano sgranare gli occhi al vedere tanta marmaglia in casa loro. Un va e vieni che faceva ballare il pavimento".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 06/05/2019 11:53:26 - 133/133
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)