Sei sulla pagina 1di 159

Università degli studi di Roma “La Sapienza”

Facoltà di Filosofia

Cattedra di Semiotica

Tesi di Laurea

La Metafora nelle Scienze Cognitive

Relatore:
prof. Caterina Marrone

Correlatore: Candidato:
prof. Sara Fortuna Diomira Cennamo
matr. n. 981255

Anno Accademico 2004/2005


Indice
PARTE I - Storia del concetto di metafora......................................................................................1
Introduzione.....................................................................................................................................1
1. Cenni di Retorica .................................................................................................................3
2. Metafora: etimologia e definizione del termine...................................................................5
CAPITOLO 1. Dalle teorie tradizionali alle teorie contemporanee della metafora.....................11
1. Antichità classica e Medioevo ...........................................................................................14
2. Rinascimento ed Età moderna............................................................................................23
3. Età contemporanea.............................................................................................................30

PARTE II - La Metafora nelle Scienze Cognitive........................................................................45


CAPITOLO 2. Le Scienze Cognitive..............................................................................................47
1. Le discipline...........................................................................................................................51
1.1. Linguistica e Filosofia.....................................................................................................51
1.2. Intelligenza artificiale .....................................................................................................52
1.3. Neuroscienze...................................................................................................................53
2. Strumenti e metodologie di studio.....................................................................................53
2.1. La progettazione alla rovescia........................................................................................53
2.2. I moduli...........................................................................................................................55
2.3. I modelli ..........................................................................................................................56
2.4. Le tecniche......................................................................................................................57
2.5. I filtri cognitivi................................................................................................................58
2.6. Il concetto di razionalità limitata e l’inconscio cognitivo..............................................59
2.7. Le protesi cognitive.........................................................................................................60
3. Lo “stato dell’arte” in Italia ...............................................................................................61
CAPITOLO 3. La Metafora in Linguistica Cognitiva e Semiotica................................................64
1. La Linguistica Cognitiva....................................................................................................64
1.1. Tecniche e metodi della Linguistica Cognitiva...............................................................69
1.1.1. La categorizzazione......................................................................................................69
1.1.2. Le immagini-schema....................................................................................................71
1.1.3. L’allineamento Trajector-Landmark ...........................................................................73
1.1.4. La metafora..................................................................................................................73
2. Linguistica Cognitiva: il dialogo/dibattito mancato con la contemporaneità e con la
grande tradizione filosofica................................................................................................83
2.1. Meriti teorici della Semantica Cognitiva e posizioni critiche.........................................83
2.2. Chomsky e Fodor: i linguisti della “prima generazione” cognitiva................................86
2.3. Locke, Vico e Kant: i grandi riferimenti “mancati” dalla Linguistica Cognitiva...........88
2.3.1. Locke e l’analogia.......................................................................................................91
2.3.2. Kant e i concetti di intuizione, simbolo e schema.......................................................94
2.3.3. Vico e la logica poetica ...............................................................................................99
3.1. Marcel Danesi e la metafora come elemento di interconnessione semiotica ...............103
3.1.1. La metafora linguistica...............................................................................................105
3.1.2. Metafora e gestualità..................................................................................................106
3.1.3. Metafora e sistemi culturali........................................................................................107

PARTE III - Risvolti scientifici degli studi sulla metafora........................................................111


CAPITOLO 4. La metafora in Psicologia, Intelligenza Artificiale e Neurofisiologia.................111
1. Psicologia.........................................................................................................................111
1.1. I quadri di riferimento ei modelli teorici......................................................................111
1.2. L’indagine sperimentale................................................................................................115
1.3. Un caso sperimentale: le metafore sinestesiche............................................................120
2. Intelligenza Artificiale .....................................................................................................122
3. Neurofisiologia.................................................................................................................126
3.1. Metafore nel cervello? ..................................................................................................127
CAPITOLO 5. La metafora in Epistemologia..............................................................................131
CAPITOLO 6. Approcci “extra-cognitivi” alla metafora...........................................................137
1. Psicoanalisi.......................................................................................................................137
2. Antropologia ....................................................................................................................142
2.1. L’analisi sperimentale: il metodo etnografico ..............................................................146
Conclusioni..................................................................................................................................149

BIBLIOGRAFIA............................................................................................................................152
PARTE I - STORIA DEL CONCETTO DI METAFORA

Introduzione

Nel presente lavoro si analizzerà la complessità del concetto

di metafora, partendo da un excursus storico-teorico che

mostrerà sia l’enorme variazione del significato del termine

che le grandi intuizioni del passato riprese da più parti negli

studi attuali e con gli strumenti metodologico-scientifici del

presente.

Quello che sarà maggiormente evidenziato è il passaggio

dalla metafora come “figura retorica” alla metafora

considerata, in maniera sempre più esplicita, “figura” del

pensiero.

A questo riguardo si analizzerà la sua posizione nel grosso

ambito (inter-)disciplinare delle Scienze Cognitive, che la

collocano all’interno della cognizione in una maniera

estremamente centrale.

La centralità del processo metaforico (o dei processi

metaforici) nella sfera cognitiva dell’essere umano è

evidente nella sua pervasività all’interno dei nostri processi

di comunicazione, dei nostri schemi di azione e delle nostre

1
creazioni culturali.

A riprova della crucialità cognitiva della metafora saranno

prese in considerazione alcune delle discipline che toccano

più da vicino i problemi della cognizione, discipline al cui

interno questa “figura del pensiero” si rivelerà – non a caso

– di fondamentale importanza teorica.

2
1. Cenni di Retorica

Si definiscono figure retoriche quelle forme espressive

‘devianti’ rispetto al linguaggio corrente. Si tratta di

accorgimenti linguistici che servono ad attribuire ai

vocaboli un significato diverso da quello convenzionale, ad

enfatizzare, colorire o attenuare l’impatto del discorso,

agendo sulla struttura della frase per conferire ad essa un

particolare effetto comunicativo, omettendo una o più parole

lasciandole sottintese, alterando la sintassi regolare.

La codificazione complessiva di tali accorgimenti prende il

nome di Retorica. Le origini di questa disciplina coincidono

con lo sviluppo dell’eloquenza giuridica, filosofica e

politica in epoca greca e romana. Da ciò scaturisce il suo

carattere inizialmente strumentale-persuasivo e solo

successivamente espressivo-artistico. Le sue origini greco-

latine spiegano anche l’utilizzo di una nomenclatura quasi

interamente composta di grecismi e latinismi.

La Retorica greco-latina si articolava in cinque partizioni,

secondo la suddivisione operata da Cicerone e Quintiliano.

Tali partizioni dovevano corrispondere ad altrettante abilità

possedute dall’oratore:

- l’inventio, ossia la capacità di addurre argomenti a favore


3
delle proprie tesi (utilizzando exempla, luoghi comuni o

tópoi, il ragionamento sillogistico o entimema);

- la dispositivo, o la capacità di ordinare tali argomenti in

maniera efficace;

- l’elocutio, il saper dare al discorso una forma espressiva

ed estetica adeguata;

- l’actio, la componente prosodica, gestuale e la dizione;

- la memoria, ossia la capacità di utilizzo di tecniche per

memorizzare l’orazione.

La Retorica moderna, invece, superato il fine utilitaristico

tipico degli esordi della disciplina, si è rivolta alla

classificazione funzionale delle figure del discorso.

In base alle loro funzioni, le figure retoriche si possono

suddividere in tre tipi, seguendo la partizione proposta dai

linguisti del Gruppo µ di Liegi, che negli anni Settanta

hanno elaborato una moderna teoria generale della retorica:

- figure semantiche (o tropi), che modificano il significato

usuale dei singoli termini;

- figure logiche, che agiscono sulla logica complessiva

dell’enunciato;

- figure sintattiche, che riguardano la funzione sintattica o


4
grammaticale dei singoli termini della frase.

Le operazioni che danno vita alle diverse figure retoriche

sono le seguenti:

- sostituzione di una parola o un’espressione con un’altra

parola o espressione;

- insistenza su un elemento lessicale o semantico o su uno

schema sintattico;

- opposizione fra termini o elementi sintattici;

- omissione di termini o frasi;

- infrazione della sintassi.1

2. Metafora: etimologia e definizione del termine

Il termine metaphorá era già utilizzato nella Grecia antica.

La parola è, infatti, testimoniata per la prima volta

nell’Evagora (9-10) di Isocrate (370-365 a.C.) e adoperata

per identificare una tipologia di figure del discorso

(«abbellimenti verbali» di cui esclusivamente «i poeti

possono giovarsi»).

La parola greca è un composto di metá (termine di origine

oscura, il cui senso iniziale doveva essere ‘in mezzo a’, ma

con successive e notevoli estensioni semantiche: ‘fra’,

1 Falaschi G., Fedi R. (1998)

5
‘con’, ‘dietro’, ‘oltre’) e phorá (trasferimento), derivato di

phérein (portare, porre). Entra poi in latino dotto nella

forma metaphorā, metaphorikòs (documentata in

Quintiliano), da metaphérō (io trasporto). Latino è anche il

calco translatio, da cui deriverà l’italiano traslato. La parola

italiana metafora è, invece, documentata a partire dal XIV

secolo (Boccaccio, 1375).

Il nucleo semantico del termine è dunque il ‘(tras)portare

oltre’, ma è importante notare la complessità del prefisso

metá-, complessità che si estende al significato dell’intero

termine-concetto metafora, come vedremo passando in

rassegna le varie teorie sull’argomento.

La definizione tradizionale della metafora come tropo o

figura del discorso è quella di processo linguistico

espressivo basato sull’utilizzo di un vocabolo o espressione

per designare un concetto diverso da quello che

normalmente esprime, sulla base di un rapporto di analogia

tra i due concetti (quello originario e quello metaforico).

Secondo la moderna partizione della Retorica,

precedentemente illustrata, la metafora rientra tra le figure

semantiche per sostituzione. Essa serve a creare delle

immagini accostando campi semantici diversi. La parte

6
comune ai due campi semantici costituisce il cosiddetto

veicolo della metafora. E’ dunque fondata sull’analogia, ma

si distingue dalla similitudine (altra figura retorica) in

quanto è priva di particelle di raccordo tra i due termini del

paragone (es. “come”) ed è individuabile perché, di

conseguenza, si percepisce una incompatibilità tra le parti

che compongono l’enunciato. Incompatibilità che scaturisce

proprio dall’accostamento di due ambiti semantici diversi.

In alcune metafore i termini di paragone sono entrambi

espressi e collegati grammaticalmente. Ad esempio: «La

pace della vecchiaia è un placido golfo che apre a poco a

poco il varco dell’oceano immenso infinito, e infinitamente

calmo dell’eternità» (I. Nievo, da Le confessioni di un

italiano). In altre viene espresso un solo termine (metafore

dirette). Esempio: «Voze, che sciacqui al sole la miseria /

delle tue poche case» (C. Sbarbaro), in cui resta implicito il

legame tra la distesa delle case e i panni della lavandaia.

In entrambi i casi, utilizzando una forma di parallelismo

implicito, la metafora crea accostamenti inusuali,

impossibili nella realtà.

La metafora è utilizzata nel linguaggio poetico, in cui

abbondano le metafore dirette, ma anche nella cosiddetta


7
prosa d’arte, che utilizza alcuni aspetti della poesia. Senza

contare la sua diffusa presenza nel discorso quotidiano,

dove si è rivelata essere una delle forze più attive nella

lingua, come mezzo di arricchimento non solo espressivo e

stilistico, ma anche semantico e lessicale. Ne sono

testimonianza le metafore lessicalizzate o spente (metafore

talmente valide da essersi diffuse largamente e da non

essere più riconosciute come tali, come nelle locuzioni “il

braccio della lampada”, “la gamba del tavolo”).

Il termine metafora è spesso sovraordinato, in quanto è

utilizzato anche per rappresentare l’intero insieme dei tropi.

Consuetudine, questa, che si è affermata già ai tempi di

Aristotele.

Le metafore possono coinvolgere elementi linguistici

diversi:

- uno o più termini (sostantivi, aggettivi avverbi, verbi,

ecc.), come ad esempio in “è nata una stella”, “uno

sguardo angelico”, “giunge la nebbia su piccole zampe

di gatto”, “volare a casa”;

- catene di due o più termini, come ad esempio in: “voci di

tenebra azzurra”;

8
- nessi predicativi e intere frasi, come in: “trema un

ricordo” o nella frase di Virginia Woolf: “permise che

la sua vita si disperdesse come un rubinetto lasciato

aperto”.2

Si possono avere metafore continue o miste (cioè costituite

da più metafore in successione, come in: “questa donna

tende le reti delle sue grazie per adescare la selvaggina

degli ingenui”) e metafore interrotte (quando si accostano

nozioni incompatibili, come in: “il carro dello Stato naviga

su un vulcano”).

Le funzioni fondamentali della metafora sono le seguenti:

a) esprimere qualcosa di inesprimibile attraverso il

linguaggio letterale (si prendano ad esempio le

espressioni utilizzate per descrivere le esperienze

sensoriali);

b) predicare in modo compatto, spesso con una sola parola,

un fascio di proprietà che richiederebbe, se espresso

letteralmente, circonlocuzioni prolisse e sovente non

esaustive;

c) evocare immagini, che sono più adeguate del linguaggio

2
Cacciari C. (2001)

9
letterale a esprimere l’esperienza soggettiva, in

particolare per quanto riguarda emozioni e stati

d’animo. Da ciò scaturisce anche il carattere ambiguo e

plurivoco della metafora.3

A seguito di queste classificazioni linguistiche, è però

fondamentale precisare che non esistono soltanto metafore

verbali, ma anche visive, musicali, rituali… Ciò da un lato

ci porta nel campo della concettualità, dall’altro, è però

perfettamente in linea con la nostra prospettiva di studio,

prospettiva essenzialmente semiotica. Entrambi gli sviluppi

teorico-metodologici saranno affrontati nel corso del lavoro.

3OrtonyA. (1993)

10
CAPITOLO 1. Dalle teorie tradizionali alle teorie contemporanee

della metafora

Il termine-concetto di metafora si pone oggi all’attenzione

di molteplici discipline, dal momento che è stato in generale

riconosciuto – come vedremo – il suo ruolo di elemento

costitutivo del pensiero umano.

La Linguistica è sicuramente l’ambito privilegiato di studio

della metafora, soprattutto a livello della Semantica (lo

studio del significato).

Questi i diversi approcci adottati nel corso del tempo:

a) approccio della sostituzione: la metafora viene

confinata al ruolo di mero espediente estetico e

immaginifico; di conseguenza, potrebbe essere

parafrasato da una equivalente espressione letterale,

senza perdere nulla in termini di significato;

b) approccio del ‘paragone condensato’ (o similitudo

brevior): la metafora non è altro che una similitudine

privata dell’elemento che introduce formalmente il

secondo termine di paragone (p. es. “come”);

c) approccio dell’interazione: la metafora è un processo


11
associativo di due poli semantici, che, nel mettere in luce

determinati tratti semantici di un termine, sfocia in una

fusione e trasformazione dei due termini stessi. E’

dunque un’ipotesi più forte delle precedenti, nelle quali i

due termini conservano comunque la loro identità

semantica;

d) approccio cognitivo: la metafora non semplicemente

mette in risalto degli aspetti di un soggetto tramite il

paragone con un altro soggetto ma, nel fare ciò,

costituisce una nuova prospettiva o realtà cognitiva. Ha,

dunque, un ruolo attivo nel processo di conoscenza.4

Nei recenti studi sulla metafora (almeno a partire dal saggio

di Ivor Angstrom Richards del 19365), è diventato usuale

considerare la metafora storicamente oggetto di due filoni

teorici diametralmente opposti:

Gli studi “classici” sulla metafora - e sulle figure del

discorso in generale – che se ne sono occupati secondo un

punto di vista essenzialmente tassonomico. Tale tradizione

trova il suo culmine storico nel trattato di Dumarsais6,

secondo il quale la metafora è da considerarsi un fenomeno

4 Calvi G. (1996)
5 Richards I. A., The philosophy of rhetoric, New York, Oxford University Press, 1936 (tr.it. La filosofia della retorica,
Milano, Feltrinelli, 1967)
6
Dumarsais C., Des tropes ou des différents sens, Paris, Flammarion, 1988 (ed.orig. Traité des tropes, 1730)

12
di sostituzione di un termine “proprio” con un termine

“figurato”. Concezione da cui discendono due conseguenze:

- il fenomeno metaforico è situabile a livello della singola

espressione lessicale;

- il fenomeno metaforico è un puro procedimento

stilistico-ornamentale all’interno del discorso, privo di

qualsiasi connotazione conoscitiva.

Le cosiddette “teorie contemporanee” hanno, invece,

affrontato il problema della metafora per la sua portata

essenzialmente e intrinsecamente cognitiva, come

apportatrice di una innovativa categorizzazione della realtà.

In realtà, come vedremo, questa classificazione delle teorie

della metafora non corrisponde alla loro esatta cronologia,

ma piuttosto a una tendenza generale, in quanto si possono

riscontrare elementi di grande modernità in autori del

passato, a cominciare dal primo vero teorico della metafora

che è Aristotele, la cui lezione, pur essendo considerata

capostipite di tutta la tradizione retorica, può già dirsi, per

certi aspetti, cognitiva.7

7
Manetti G., “Aristotele e la metafora” in: Lorusso A.M. (2005)

13
1. Antichità classica e Medioevo

Le riflessioni tradizionali circa il linguaggio figurato e la

relazione mente-linguaggio sono state condotte

principalmente da filosofi.

La prima trattazione articolata della metafora e la sua

definizione canonica si ritrovano nel cap. 21 della Poetica di

Aristotele (384-322 a.C.)8. Ma già prima della teorizzazione

aristotelica appaiono ben definite la collocazione e lo statuto

stilistico della metafora nella Retorica antica:

- è un elemento ornamentale;

- appartiene alla lingua d’arte e non a quella quotidiana o,

meglio, è un fenomeno interessante solo in rapporto alla

prima;

- è strumento principe di nobiltà d’espressione ma, siccome

presuppone un forte “scarto” dalla norma linguistica, va

esclusa da contesti in cui la tensione stilistica che ne deriva

potrebbe disturbare i canoni classici dell’equilibrio formale.

Inoltre, per lo stesso motivo, è preoccupazione costante dei

trattatisti antichi ridurre la potenziale aggressività del

linguaggio metaforico, che resta quindi una manifestazione

8Aristotele tratta in maniera sistematica della metafora in: Poetica, 21, 22, 1457-1459 a e in: Retorica III, 1405 b, 1410-
1412 b.

14
artificiosa del linguaggio.

Nella Poetica (cap. 21), Aristotele definisce la metafora

come il “trasferimento a un oggetto del nome che è proprio

di un altro”9, definizione rimasta canonica fino alle soglie

della contemporaneità. Distingue poi quattro tipi di

trasferimento:

a) dal genere alla specie (come in: “Qui è ferma la mia

nave”, dove è ferma è utilizzata al posto di è ormeggiata,

che ne è specie o caso particolare);

b) dalla specie al genere (come in: “mille e mille gloriose

imprese”, dove mille e mille è genere della specie molti,

in luogo della quale è utilizzato);

c) da specie a specie (come in: “con l’arma di bronzo gli

attinse la vita” e “con la coppa di bronzo recise

l’acqua”. In questi casi attingere è utilizzato al posto di

recidere e viceversa. Si tratta in entrambi i casi di specie

del genere togliere, privare di);

d) per analogia, attraverso una proporzione fra quattro

termini come in questo caso, in cui, a partire dalle

relazioni “proprie”: la sera (D) sta al giorno (C) come la

9
Aristotele, Poetica, Milano, Bompiani, 2000, 21, 1457 b

15
vecchiaia (B) sta alla vita (A), possiamo invertire i

termini ed avere le proporzioni D : A = B : C. Otteniamo

così le metafore: “la vecchiaia è la sera della vita” e “la

sera è la vecchiaia del giorno”.

Un tipo particolare di metafora per analogia è l’utilizzo di

una espressione metaforica per designare qualcosa per cui

non esiste un termine proprio. Ad esempio, dalla

proporzione: disseminare (B) sta a chicchi di grano (A),

come lasciar cadere i raggi (D) (azione che non ha un

proprio nome) sta a sole (C) possiamo formare

l’espressione: disseminando la divina fiamma, dove

disseminare (i raggi) ha funzione di catacresi, vale a dire

semantica - in quanto nuova designazione per un significato

- piuttosto che semplicemente stilistica. Altri esempi di

catacresi sono le espressioni: polypous per ‘animale dai

molti piedi’ e divortium per il ‘voltarsi indietro’ dei coniugi.

Queste ultime si sono poi talmente stabilizzate all’interno

della lingua da vederne oscurata l’origine metaforica.10

Questa classificazione pone in evidenza come in Aristotele,

e del resto in tutta la Retorica antica, il termine metafora

10 Va specificato che Aristotele non usa mai il termine “catacresi”, quale appare, invece, in Quintiliano (Institutiones
oratoriae, 8, 6, 34), ma anche che il filosofo utilizza questo particolare tipo di metafora per riferirsi allo stesso concetto
che la parola “catacresi” giungerà in seguito a designare.

16
racchiuda in sé tutte le figure della retorica. In effetti, la

metafora propriamente detta corrisponde a quella per

analogia.

Nella Retorica (libro III, cap. 2), Aristotele presenta i

requisiti di una buona metafora: la chiarezza, la

piacevolezza, e l’essere fuori dal comune. 11

In un altro passo, il filosofo allude alla portata

gnoseologica della metafora, il farci vedere (o renderci

chiari) aspetti nuovi delle cose designate («noi apprendiamo

soprattutto dalle metafore», in quanto esse hanno il ruolo

fondamentale di «portare l’oggetto sotto gli occhi»12),

aspetto strettamente collegato con il requisito dell’essere

fuori dal comune, ossia, di evidenziare nessi insoliti tra gli

oggetti, ma anche con il requisito della piacevolezza:

imparare e ammirare, inoltre, sono per lo più cose piacevoli, perché

nell’ammirazione è insito il desiderio di imparare – e di conseguenza

ciò che è oggetto di ammirazione lo è anche di desiderio –

nell’imparare un riferirsi a una condizione naturale.13

Sempre nella Retorica, Aristotele assegna alla metafora

funzioni molto diverse oltre a quella gnoseologica e di

catacresi: le funzioni eufemistica, di epiteto, di arguzia, di

11
Aristotele, Retorica in: Opere, vol. 10, Bari, Laterza, 1997, III, 2, 1405 a
12 ivi, III, 10, 1411 a
13 ivi, I, 11, 1371 a, 1371 b

17
similitudine, di iperbole. A proposito della similitudine,

Aristotele sostiene che vi sia una stretta relazione tra

quest’ultima e la metafora:

tutte quelle [cose] che, dette come metafore, hanno successo, potranno

divenire anche similitudini; e le similitudini divengono metafore, se si

omette la spiegazione.14

La definizione di metafora come similitudo brevior

(similitudine abbreviata) è data esplicitamente dal grande

retore romano Quintiliano (c. 35-100 d.C.) nelle

Institutiones oratoriae15. Questi la considera come

ornamento retorico, utilizzato semplicemente per “abbellire”

il linguaggio letterale. Più in generale, nella Retorica antica,

similitudine e metafora sono costantemente associate come

due facce dello stesso fenomeno. C’è un’identità sostanziale

tra le due figure, che si differenzierebbero solo

formalmente, tanto che la stessa idea può indifferentemente

venire espressa come metafora oppure come similitudine.

Eppure, Aristotele intuisce che la metafora implica

un’operazione mentale diversa, e più elevata, della

similitudine (da lui considerata come una “specie” della

metafora). Mentre la metafora ha un valore teoretico, in

14 ivi, III, 4, 1407 a


15
Quintiliano M.F., Istituzione oratoria (a cura di Faranda R., Pecchiura P.), Torino, UTET, 1996

18
quanto allena la mente a cogliere le analogie (in questo

senso, è più vicina alla filosofia), la similitudine è mezzo

essenzialmente poetico, estraneo ai processi superiori della

conoscenza, essendo inadeguato a sostenere una visione

esatta della realtà.

In ciò, Aristotele si distacca da una tradizione di pensiero

(dai presocratici a Platone) per cui enigma, mito, analogia e

allegoria formavano un sistema compatto di interpretazione

del reale, il cui legame era costituito dal pensiero

metaforico.

E’, in ogni caso, evidente come in Aristotele la metafora sia

essenzialmente un processo di sostituzione (immutatio) tra

singole parole (in verbis singulis).

Dopo Aristotele, la teoria della metafora pare

sufficientemente consolidata in tutta la Retorica antica,

sebbene solo alcuni aspetti del suo discorso siano sviluppati

dagli autori successivi, mentre siamo di fronte a una

posizione in realtà molto articolata e problematica.

Aristotele, infatti, non tratta l’argomento in modo organico e

definitorio (come fa, al contrario, Quintiliano16), ma vi

riflette frammentariamente in diverse opere (dagli Analitici

16 ivi

19
ai Topici alle Confutazioni Sofistiche e, infine, nella Poetica

e poi, più ampiamente, nella Retorica), lasciando, inoltre,

aperte molte questioni e presentando delle proposte (come la

quotidianità del fenomeno metaforico), anche di estrema

modernità, che non sono state accolte dai teorici dei secoli

successivi.

In sostanza, comunque, le definizioni di Aristotele come

quelle di Quintiliano hanno fatto testo addirittura fino al

XVIII secolo. Umberto Eco è giunto persino ad affermare

che «delle migliaia di pagine scritte sulla metafora, poche

aggiungono qualcosa a quei due o tre concetti fondamentali

enunciati da Aristotele»17.

Nella retorica medievale la metafora è assimilata

all’allegoria o confusa con il simbolo. Si tratta di una

retorica ormai ben diversa da quella aristotelica:

l’importanza delle prove e dell’argomentazione nella

trattazione del procedimento metaforico si riduce sempre di

più, a favore dell’aspetto più letterario, quello di un’arte

dedicata al «bello scrivere», come osserva Roland Barthes18.

Anche i filosofi scolastici, seguendo questa linea,

17
EcoU. (1997, p. 142)
18Barthes R., “L’ancienne rhétorique” in: Communications, n.16, Paris, Seuil, 1970 (tr.it. La retorica antica, Milano,
Bompiani, 2000)

20
considerano di scarso valore il ruolo della metafora nel

pensiero umano. In contrapposizione a questa tendenza,

Tommaso d’Aquino (1224-1274) attribuisce alla metafora un

ruolo conoscitivo, in quanto essa consentirebbe di afferrare

le verità spirituali attraverso l’operazione della translatio in

divinis, le quali non sono esprimibili direttamente,

attraverso il linguaggio letterale. Egli non si distacca dalla

visione aristotelica nel considerare la metafora

sostanzialmente come manifestazione della similitudine19.

Un contributo orginale è dato nel XII secolo da Geoffroi de

Vinsauf20, antesignano dell’analisi grammaticale dei tropi,

con il suo tentativo di fornire regole logico-semantiche per

la generazione di buone metafore.

In generale, la trattazione medievale della metafora continua

ad attribuire ad essa un carattere essenzialmente

ornamentale e non conoscitivo (almeno a livello teorico), e

questo, secondo Eco, a causa di precisi limiti teologici:

(i) per il Medioevo chi, parlando per metafore ‘reali’ (in rebus), ci

insegna qualcosa, è Dio, e all’uomo non resta che scoprire il

linguaggio metaforico della creazione e (ii) se l’uomo parla di Dio,

allora nessuna metafora è efficace e, tanto quanto il linguaggio

19
Tommaso d’Aquino, Summa Teologica (a cura di Lantrua A.), Padova, CEDAM, 1942
20Vinsauf G., Poetria nova, Documentum de arte versificandi in: Faral E. Les arts poétiques du XIIme et du XIIIme
siècle.Récherches et documents sur la technique littéraire du moyen âge, Paris, Champion, 1924

21
letterale, non riesce a rendere conto della sua insondabile natura.21

Inoltre, sempre secondo Eco, il motivo per cui, nonostante

la ricchezza in metafore della prosa e della poesia

medievali, non si sia allora prodotta parallelamente una

teoria, filosofica o poetico-retorica, che rendesse conto di

tale ricchezza, risiede nel peso della traduzione aristotelica

da parte di Porfirio, caratterizzata da un modello particolare

– e probabilmente più rigido rispetto all’originale

aristotelico – di interpretazione delle Categorie

aristoteliche: la cosiddetta arbor porfiriana. Senza voler

entrare nel merito dell’argomento, va sottolineato che

filosofi e teologi,

[…] nel momento in cui avrebbero potuto costruire una teoria

dell’invenzione metaforica (visto di quali finezze erano capaci quando

si trattava di discutere problemi di logica), si trovavano a mancare di

un modello classificatorio – e quindi di un modello semantico –

sufficientemente agile, e non se la sentivano di mettere in crisi il

modello canonico dell’albero di Porfirio, che è quello su cui ciascuno

di loro si era formato.22

D’altro canto, però, vi sono delle innovazioni (se poche, non

certo marginali), come la tendenza a superare l’indistinzione

dei tropi sotto il comune denominatore metaforico, che

21
Eco U., “La metafora nel Medioevo latino” in: Lorusso A.M. (2005), p.159
22
ivi, p. 195 sgg.

22
porta ad individuare come figure separate metonimia,

sineddoche e catacresi, laddove la metafora si riduce

progressivamente al tipo aristotelico “per analogia”. Inoltre,

come si è visto in Vinsauf, accanto a una retorica

sull’argomento comincia anche a svilupparsi una

grammatica.23

2. Rinascimento ed Età moderna

Nei secoli XVI e XVII la metafora continua ad essere

considerata come poco più che un aspetto decorativo della

lingua dai filosofi, che tendono anche a condannarla come

una sorta di meschino “inganno linguistico”. Thomas

Hobbes, ad esempio, la considera come un vero e proprio

ostacolo alla comunicazione, responsabile di una discorso

ambiguo e oscuro, cosicché sarebbe opportuno, per il

filosofo, eliminarla totalmente dall’espressione linguistica,

dal momento che essa è anche incompatibile con le leggi

matematiche che, secondo Hobbes, sosterrebbero il pensiero

umano (posizione, questa, di origine pitagorica).

La prospettiva di Hobbes viene ripresa da John Locke,

padre dell’empirismo inglese, nel suo Essay on Human

23
Calcoli G., “La metafora tra Aristotele e Cicerone, e oltre” in: Lorusso A.M. (2005)

23
Understanding del 168924, che si scaglia esplicitamente

contro l’utilizzo della metafora nel linguaggio filosofico. Lo

stesso Locke, però, parlando del “trasferimento” delle

parole da un senso all’altro (e riferendosi, di fatto, al

processo metaforico), ne fa il principio basilare della

creatività semantica, funzionale alla generazione di idee

astratte a partire dalle “idee sensibili”25. E questo

“trasferimento” sembra non essere altro che il processo della

metaforizzazione. Senza considerare, inoltre, che per Locke

tutte le parole nascono per catacresi (espediente, anche

questo, di tipo metaforico, secondo la visione aristotelica

precedentemente analizzata) che, oltre ad essere dispositivo

semantico universale, è anche il principio alla base del suo

modello gnoseologico26.

Emanuele Tesauro, scrittore gesuita, nel Cannocchiale

aristotelico (1670)27, che è considerato il maggior trattato

italiano sul concettismo, da un lato conferma la dimensione

conoscitiva della metafora proposta già da Aristotele,

dall’altro insiste sulla qualità barocca di “ingegno” (o

creatività) che opera attraverso il rinvenimento di

24 Locke J., (tr.it.) Saggio sull’intelligenza umana, Bari, Laterza, 1988


25 Locke J., ivi
26 Formigari L. (2003)
27
Tesauro E., Il cannocchiale aristotelico, Torino, Artistica Piemontese, 2000

24
somiglianze e sulla caratteristica (di ascendente aristotelico)

delle buone metafore dell’”essere fuori dal comune” (quindi

di destare meraviglia). Nella sua trattazione, Tesauro

compie un importante slittamento: a determinare il diletto

associato a una buona metafora non sono più le qualità

dell’oggetto su cui si istituiscono i nessi analogico-

metaforici, ma è il soggetto che, spaziando piuttosto

liberamente tra le categorie aristoteliche (e non più secondo

un rigore logico, come voleva l’interpretazione porfiriana

delle Categorie), inventa metafore. L’estetica dipende ora

dalla semiotica (dalla conoscenza e creatività semiotiche del

parlante).28

Sempre nel XVII secolo, la Scuola di Port-Royal, di

orientamento razionalista, apre la strada allo studio delle

leggi universali della grammatica che, secondo questi

studiosi, sarebbero alla base di tutte le lingue umane. Questo

orientamento della ricerca è però tralasciato dagli studi

successivi sul linguaggio, mentre si accende, a partire da

alcuni decenni più tardi, un rinnovato interesse per la

metafora in particolare: Etienne Bonnot de Condillac,

Wilhelm von Humboldt e altri linguisti e filosofi

28
Lorusso A.M., “Tra cannocchiali, lenti, riflessi e specchi: la lezione aristotelica nel Cannocchiale di Tesauro” in
Lorusso (2005)

25
cominciano a ipotizzare che la metafora possa essere alla

base delle categorie di pensiero.

A metà del XVIII secolo, il pensatore napoletano

Giambattista Vico propone nella sua Scienza Nuova

(1725)29 la posizione più radicale del momento, rompendo

per primo con la tradizione retorica classica nel definire i

tropi, e in particolare la metafora, componente originaria

della lingua e del pensiero umani. Secondo il filosofo

napoletano, gli esseri umani sono dotati di una capacità

naturale di metaforizzare, che utilizzano quando non sanno

riferirsi direttamente a qualcosa. Non solo, ma, nella sua

innovativa e ancora attualissima concezione, il linguaggio e

il pensiero negli esseri umani sono strutturalmente e

originariamente metaforici. Nella formazione dei concetti,

infatti, opererebbe, piuttosto che una serie di processi

logico-razionali (o matematici, come voleva Hobbes), quella

che Vico chiama logica poetica, la quale utilizzerebbe

stratagemmi metaforici per trasformare le esperienze

concrete in un sistema concettuale e riflessivo basato su

immagini del mondo che l’individuo si è formato

personalmente. Il pensiero e il linguaggio astratto e

29
Vico G., La scienza nuova (a cura di Cristofolini P., Sanna M.), Napoli, Guida, 2003

26
razionale, che Vico chiama stile in prosa, si

raggiungerebbero, invece, in una fase posteriore

dell’evoluzione della specie umana.

Per Vico, dunque, l’uomo primitivo deve aver colto la realtà

animisticamente e attraverso nessi analogici (si pensi, a

titolo di esempio, al simbolismo dei totem, stilizzazioni di

animali o, più raramente, di vegetali, pietre e altri oggetti,

ognuno dei quali veniva ad essere l’emblema e lo spirito

custode di un clan e, in alcuni casi, il suo leggendario

fondatore).

La metafora, secondo Vico, è attiva già nella fase

prelinguistica della filogenesi, vale a dire nell’espressione

gestuale (ad esempio, l’anno viene indicato dal gesto del

falciare, in quanto la mietitura è considerata l’evento più

rilevante dell’intero ciclo delle stagioni). Il procedimento

metaforico è evidente quindi in questa fase della filogenesi,

detta “degli dèi”, in cui le forze naturali vengono

ipostatizzate in divinità. Le fasi seguenti, quella “eroica

delle nazioni” e quella “degli uomini”, hanno invece perso

l’identità tra le sostanze naturali e gli dèi, ma la metafora

conserva il suo ruolo di strumento semantico per eccellenza,

sia nella mitopoiesi che nella formazione delle idee astratte,

27
ossia le “cose spirituali”, originate dalle “cose de’ corpi”

(una sorta di traduzione psicologico-antropologica delle idee

lockiane astratte e di sensazione30).

Ma Vico introduce un ulteriore elemento di novità rispetto

alla tradizione retorica: mentre quest’ultima, dopo

Aristotele, si era limitata a inventariare e definire

idiosincraticamente i vari tropi, Vico ricerca le origini

comuni dei tropi e i legami basati sugli stessi processi

mentali che li generano. Una posizione di grande modernità

e comunque rimasta isolata nel Settecento, tant’è vero che

Dumarsais (autore dell’Encyclopédie e del Traité des

tropes del 1730)31 pone ancora la metafora sullo stesso piano

della similitudine e considera le figure del discorso alla

stregua di pure forme, le quali restano indipendenti sia dal

segno che dal senso.

E, in effetti, a parte qualche interesse per la metafora che

possiamo ritrovare in pensatori quali Jean-Jacques

Rousseau e Friederich Nietzsche, successivamente alla

proposta vichiana, lo studio della metafora nel Sette

ottocento si limita all’analisi stilistica, quella di un elemento

ornamentale, che costituisce pur sempre uno scarto dall’uso

30 Formigari L. (2003)
31
Dumarsais C., Des tropes ou des différents sens, Paris, Flammarion, 1988

28
comune.

Si pone in quest’ottica anche Pierre Fontanier, a cui si

deve la distinzione tra metafore d’invenzione e catacresi

(metafore di denominazione). Il criterio distintivo è dato dal

valore sostitutivo della metafora, assente, ovviamente, nel

processo di catacresi che è, invece, fondativo. Fontanier è

anche autore di un manuale di retorica del 1830 che è

rimasto classico ancora nel XX secolo32.

Sempre nel XIX secolo, G. W. F. Hegel e John Stuart Mill

liquidano la metafora come un semplice accessorio stilistico

del linguaggio letterale-denotativo. Opinione seguita ancora

nel Novecento da Ferdinand de Saussure, padre della

linguistica strutturalista, paradigma prevalente negli studi

del linguaggio per gran parte del Novecento.

Dunque, nel corso del secolo scorso, la metafora era ancora

sbrigativamente caratterizzata come un elemento di

sostituzione o paragone dalla funzione esclusivamente

ornamentale.

Non solo, ma ancora negli anni Settanta Ducrot e Todorov,

membri del Circolo Linguistico di Praga, pongono le figure

del discorso al livello del linguaggio percepito come tale, al


32
Fontanier P., Les figures du discours, Paris, Flammarion, 1968

29
di là della funzione di significazione33.

3. Età contemporanea

Il XX secolo ha visto una vera e propria esplosione degli

studi sulla metafora, anche a livello interdisciplinare.

In effetti, la ricerca psicologico-sperimentale in questo

ambito venne avviata proprio nei primi anni del secolo da

Karl Bühler (1908), che cominciò ad osservare

sperimentalmente il modo in cui i soggetti parafrasavano i

proverbi, costruzioni linguistiche di natura essenzialmente

metaforica.

Per quanto riguarda, invece, l’aspetto più propriamente

filosofico-linguistico, è Ivor Armstrong Richards ad aver

segnato la rinascita degli studi sulla retorica nella filosofia

del Novecento. Relativamente alla metafora, nella Filosofia

della Retorica (1936) Richards abbozza la cosiddetta

“teoria interattiva”, che basa la metafora sulla presenza di

«due pensieri di cose differenti contemporaneamente attivi e

sorretti da una singola parola o frase»34, e ne individua il

significato come risultante della interazione tra tali pensieri.

La metafora sarebbe, in questo senso, la coppia indivisa di

33
Dictionnaire encyclopedique des sciences du langage (a cura di Ducrot O., Todorov T.), Paris, Seuil, 1972 (tr.it.
Dizionario enciclopedico delle scienze del linguaggio, a cura di Caravaggio G., Milano, ISEDI, 1972)
34 Richards I.A. (1967, p. 89)

30
due elementi: il tenore, ossia l’idea sottesa, e il veicolo, cioè

l’immagine che la trasmette (ad esempio, in: “Andrea è un

leone”, Andrea è il tenore e leone il veicolo). Nel

procedimento metaforico, tenore e veicolo cooperano nella

creazione di un significato del tutto nuovo rispetto ai

rispettivi significati dei due elementi interagenti.

L’interazione può essere fondata su rapporti di somiglianza

fra i due termini, ma anche su relazioni di altro tipo

(causalità, contiguità, differenza, ecc.).

La teoria di Richards parte dall’assunto della metaforicità

del linguaggio stesso e, prima ancora, del pensiero: il senso

di una parola non è canonico, ma è determinato dal vissuto

dei locutori, ossia, dal rinvio tra elementi di un contesto

(teorema contestuale del significato). Dunque, l’interattività

è caratteristica di qualsiasi operazione semantica, che

consiste sempre in una transazione tra contesti.

Negli anni Cinquanta la ricerca sperimentale sulla metafora

viene ripresa dagli psicologi della Gestalt (Osgood e Suci35,

Asch36 e Brown, Leiter e Hildum37), che iniziarono un lavoro

pionieristico sulle relazioni tra metafora, concetti e


35
Osgood C. E., Suci G. E., “Factor Analysis of Meaning” in: Journal of Experimental Psychology n. 49, 1953
Interpersonal
36 Asch S., “The Metaphor:
Behavior, A Psychological
Stanford, Inquiry”Press,
Stanford University Tagiuri, L. Petrullo (a cura di), Person Perception and
in: R.1958
37
Brown R.n.W.,
Psychology 1957 R. A., Hildum D. C., “Metaphor from Music Criticism“ in: Journal of Abnormal and Social
54, Leiter

31
linguaggio. Essi mostrarono che le metafore che esprimono

sensazioni fisiche (come ad esempio, quelle di caldo e

freddo), in lingue diverse non imparentate

filogeneticamente, vengono utilizzate per riferirsi ad

esperienze dello stesso tipo (in questo caso, stati di

maggiore o minore eccitazione emotiva, come ira,

entusiasmo, eccitazione sessuale). Questi studiosi

dimostrarono anche la grande varietà del fenomeno

metaforico, presente non solo nel linguaggio verbale, ma

anche in altri sistemi simbolici, per cui non è possibile una

teoria unitaria della metafora o, comunque, una teoria che

non sia interdisciplinare.

I filosofi Caïm Perelman e Lucie Olbrechts-Tyteca38

trattano della metafora all’interno del problema

dell’analogia, intesa come “similitudine di struttura”, il cui

meccanismo logico è dato dalla proporzione A : B = C : D.

La metafora è il prodotto di una fusione di un elemento del

foro (che è dato dalla somma degli elementi C e D, i quali

servono per appoggiare con “immagini” piu concrete il

ragionamento) con un elemento del tema (la somma degli

elementi A e B, sui quali verte la conclusione). Le metafore,

38
Perelman C., Olbrechts-Tyteca L., Trattato dell‘argomentazione. La nuova retorica, Einaudi, Torino, 1989 (ed.orig.
Traité de l’argumentation, Paris, Presses Universitaires de France, 1958)

32
dunque, non sono mai immagini, perché la fusione

metaforica non ci restituisce un oggetto dai contorni definiti,

ma un di più concettuale.

Negli anni Sessanta, sull’onda del successo delle teorie del

linguista statunitense Noam Avram Chomsky39, si assiste a

una tendenza a scartare la metafora come fenomeno di

studio semantico da parte di molti linguisti. Nell’ambito del

suo modello di Grammatica generativa, la metafora viene,

infatti, considerata come un fenomeno “semi

grammaticale”, che viola le regole semantiche, operando

uno scambio di significato tra i referenti40. Dunque si ha – in

quest’ottica - una ripresa dell’idea di metafora come

fenomeno deviante, tipica della retorica tradizionale.

Anche in questo decennio si riscontrano, tuttavia, alcuni

contributi importanti alla ricerca sulla metafora, come quelli

che seguono.

Roman Jakobson41, linguista e critico russo tra i fondatori

del Formalismo e dello Strutturalismo, individua due

direttrici all’interno del discorso: quella metaforica, secondo

39
Chomsky N. A., Aspects ofthe Theory ofSyntax, Cambridge, Mass., MIT Press, 1965
40 Chomsky N. A., “Degrees of Grammaticalness” in: Fodor J. A., Katz J. J. (a cura di) The structure of Language,
Englewood Cliffs, N.J., Prentice-Hall, 1964
41
Jakobson R., Essais de linguistique générale, Paris, Editions de Minuit, 1963 (tr.it. Saggi di linguistica generale, a
cura di Heilmann L., Milano, Feltrinelli, 2002)

33
l’asse sintagmatico, che sarebbe guidata dalla facoltà di

selezione, e quella metonimica, lungo l’asse paradigmatico,

guidato dalla facoltà di combinazione. La metafora opera

un’astrazione in base alla selezione, appunto, dei tratti in

comune tra due entità linguistiche. Inoltre, secondo

Jakobson, il polo metaforico e quello metonimico

prevalgono di volta in volta nelle diverse arti (ad esempio,

pittura e cinema privilegiano la metafora, la letteratura la

metonimia).

Roland Barthes42, altro esponente centrale dello

strutturalismo, sostiene una posizione del tutto simile a

quella di Jakobson su metafora e metonimia.

Jean Cohen43 attribuisce – come già aveva fatto Aristotele –

un ruolo sovraordinato alla metafora, cui tutte le altre figure

si riconducono. Inoltre, per Cohen, la pertinenza semantica

del termine usato metaforicamente non riguarda il piano

sintagmatico, come avviene per la denotazione, ma il piano

paradigmatico, che è quello su cui si svolge la

connotazione. La metafora opera, come le altre figure, una

riduzione dello scarto semantico tra due lessemi,

42
Barthes R., Elementi di semiologia, Torino, Einaudi, 1966 (ed.orig. Eléments de sémiologie, Paris, Seuil, 1964)
Cohen J., Structure du langage poétique, Paris, Flammarion, 1966 (tr.it. Struttura del linguaggio poetico, Bologna, Il
Mulino, 1982)
43

34
esaltandone i tratti (o semi) isotopi (appartenenti allo stesso

campo semantico). Ad esempio, l’espressione metaforica

“capelli d’oro” congiunge termini non isotopi sul piano del

codice normale, sfruttandone le caratteristiche in comune

(ossia, la possibilità di avere un colore e una lucentezza) e

adombrandone quelli non condivisi (come la flessibilità e la

metallicità rispettive). La riduzione dello scarto è di primo

grado per la sineddoche, in quanto si ha un’astrazione

interna alla lingua, e di secondo grado per la metafora,

perché qui l’astrazione sarebbe esterna al piano del

significato, coinvolgendo la realtà extralinguistica. Inoltre,

nella metafora come in altri costrutti linguistici, la

connotazione cancella la denotazione nel caratterizzare il

significato del termine.

Una posizione diversa, su questo punto, è quella di Gérard

Genette44, che sostiene la presenza simultanea di

connotazione e denotazione, evidente soprattutto

nell’ambiguità poetica. Genette, inoltre, individua un

legame tra metonimia e metafora, presente, ad esempio,

nelle metafore diegetiche, ossia narrative, che sono costruite

su base metonimica.

44
Genette G., Figures III, Paris, Seuil, 1972 (tr.it. Figure 3, Torino, Einaudi, 1976)

35
Negli anni Settanta veniva pubblicato uno studio condotto

dallo psicologo americano Howard Pollio e alcuni suoi

colleghi, in cui si dimostrava empiricamente che la

metafora, lungi dall’essere una semplice tecnica stilistica,

costituisce una abilità creativa preponderante nella

comunicazione umana. Questi studiosi, infatti, calcolarono

che i parlanti di una lingua producono, in media, circa

tremila nuove metafore e settemila espressioni idiomatiche

alla settimana.45

Il lavoro ebbe una notevole ripercussione sugli studi

linguistici in generale, in quanto diffuse tra gli studiosi una

certa insoddisfazione per i modelli basati

sull’interpretazione puramente letterale e convenzionale

della parola e del discorso.

Inoltre, in seguito alla pubblicazione della ricerca di Pollio e

dell’ampia antologia curata da Ortony nel 197946, ma

soprattutto sull’onda delle forti implicazioni cognitive insite

nella teoria della metafora presentata da Lakoff e Johnson

all’inizio degli anni Ottanta47 nell’ambito della Linguistica

Cognitiva (si veda il cap. 3 del presente lavoro), il numero

45 Pollio H. et al., The Poetics of Growth : Figurative Language in Psychology, Psychotherapy and Education,
Hillsdale, N.J., Lawrence Erlbaum Associates, 1977
46 Ortony A., op. cit.
47 Lakoff G., Johnson M., Metaphors We Live By, Chicago, University of Chicago Press, 1980 (tr.it. Metafora e vita
quotidiana, Milano, Rizzoli, 1988)

36
di seminari, studi, corsi, incontri sulla metafora realizzati

fino ad oggi ha acquisito proporzioni incredibili. Nel solo

periodo che va dal 1970 al 1990, tre repertori bibliografici

contano oltre undicimila titoli, tra articoli, monografie e altri

scritti sull’argomento in discipline diverse, dalla Filosofia,

alla Linguistica, alla Psicologia, all’Intelligenza Artificiale,

all’Antropologia e alla Critica letteraria.48

Come sostiene Marcel Danesi,

il solo fatto che la metafora si manifesti regolarmente nel discorso

umano e che possa essere facilmente compresa dimostra che è

qualcosa di più di una opzione stilistica o un’anomalia.

Effettivamente, la metafora viene oggi studiata allo stesso modo di

aspetti più razionali della mente, come le scoperte scientifiche, la

letteratura, il pensiero filosofico e i processi cognitivi quotidiani, di

cui si stanno studiando le basi intellettive.49

In Linguistica, oggi, si utilizza la parola metafora per

riferirsi a qualsiasi fenomeno figurativo, vale a dire,

qualsiasi processo che comporti l’associazione di un’entità a

un’altra, essendo tutte le figure retoriche considerate

manifestazione di questo unico processo mentale, che

possiamo rappresentare con la formula [A = B] (intendendo

per A il tenore e per B il veicolo). Fanno eccezione la

48
M. A. Gernsbacher (a cura di), Handbook of psycholinguistics, New York, Academic Press, 1994
49 Danesi M. (2004, p. 27)

37
metonimia e l’ironia, le quali implicano processi differenti:

la metonimia (dal greco metonymía, “scambio di nome”) è

un processo referenziale consistente nell’estensione

semantica del significato tradizionale del termine a un altro

elemento che abbia con il primo una relazione di contiguità

o dipendenza (contenitore per contenuto, causa per effetto,

autore per opera, materiale per oggetto, ecc.); l’ironia (dal

greco eironéia, “finzione”) consiste, invece, nella

dissimulazione del proprio pensiero attraverso

l’affermazione del contrario.

Albert Henry50 considera la metonimia, la sineddoche e la

metafora come il prodotto di un’unica operazione mentale:

la focalizzazione (o sintesi appercettiva). La metafora è il

secondo grado della figura di contiguità

metonimia/sineddoche, in quanto sintesi di una doppia

metonimia, vale a dire una doppia focalizzazione a partire

da due campi semici. Mentre la metonimia è una figura

costante e irreversibile, in quanto rispecchia i rapporti logici

della realtà, la metafora è una figura reversibile (in quanto

agisce su entrambi i termini), un corto-circuito – nel senso

dell’impressione legata all’identificazione tra due termini

50 Henry A., Métonymie et Métaphore, Paris, Klincksieck, 1971 (tr.it. Metonimia e metafora, Torino, Einaudi, 1975)

38
per molti aspetti incompatibili – che ricrea la realtà

attraverso nuove sensazioni. L’entità del corto-circuito è

propozionale alla distanza tra i campi semantici accostati

nella metafora: più questi sono lontani semanticamente,

maggiore è l’effetto dirompente della metafora.

Gli studiosi del Gruppo µ di Liegi, autori di un altro

manuale classico di retorica pubblicato nel 197051 (sulla

linea dell’analisi componenziale strutturalista), riprendono

l’idea della metafora come intersezione semica o

lessematica, in cui le proprietà dell’intersezione tra i due

termini si estendono all’unione dei termini stessi che, in

questo modo, risultano come “fusi” insieme (Fig. 1).

Per questi studiosi la metafora sarebbe il prodotto di una

doppia sineddoche. Abbiamo due tipi di sineddoche: Σ o

“endocentrica” (quando gli elementi sono accostati per

Figura 1

comunanza semantica) e Π o “egocentrica” (quando gli

elementi accostati sono parti comuni, così come nella

51 Groupe µ, Rhétorique générale, Paris, Larousse, 1970 (tr.it. Retorica generale. Le figure della comunicazione,
Milano, Bompiani, 1976)

39
realtà); a loro volta queste si distinguono in:

“generalizzante” e “particolarizzante”. Ad esempio: Sg Σ :

ferro per spada; Sg Π: uomo per mano; Sp Σ: zulù per nero;

Sp Π: vela per nave (Fig. 2).

g g g

p p p
Sg + Sp Sp + Sg

Figura 2

Dalla somma di due sineddochi (Sg + Sp) di tipo Σ si ha una

metafora concettuale (o semantica); dalla somma (Sg + Sp)

Π si ha una metafora referenziale (o per immagini).

Il passaggio dalle teorie interattive alle teorie cognitive

della metafora ha il suo precursore in Max Black, che ha

sviluppato, a partire dagli anni Settanta, la teoria di Richards

in direzione specificamente semantico-cognitiva,

riformulandola come teoria proiettiva. Anche per Black

l’effetto metaforico è un interscambio tra un soggetto

primario e un soggetto secondario e, come per Richards, la

metafora non risulta dalla sostituzione o comparazione di

due significati, di cui uno letterale e uno metaforico, ma

40
dall’interazione tra due pensieri, da cui scaturisce un nuovo

significato. La novità è nell'intendere il processo metaforico

come una interazione tra due schemi, e precisamente, come

la proiezione su un nuovo schema concettuale di uno

schema concettuale preesistente. Ad esempio, nella

metafora “homo homini lupus” si evoca un sistema di

luoghi comuni condivisi circa i lupi, selezionandoli a

scapito di altri, in quanto inessenziali al nuovo significato di

“uomo”.

La metafora […] organizza la nostra visione dell’uomo. […]

Possiamo dire che il soggetto principale è “visto attraverso”

l’espressione metaforica, o – se così si preferisce – il soggetto

principale è “proiettato sul” campo del soggetto sussidiario.52

Tale operazione, d’altronde, trasforma anche il soggetto

secondario, per cui, in questo caso,

se chiamare lupo un uomo significa metterlo in una luce speciale, non

dobbiamo dimenticare che la metafora fa anche apparire il lupo in una

luce più umana […]53

Occorre sottolineare che il livello d’azione della metafora,

nella prospettiva di Black, non è più quello della parola, ma

dell’enunciato.

Infine, la funzione cognitiva della metafora non consiste


52
Black M., (1972, p. 41)
53 ivi, p.44

41
semplicemente nel mettere in luce aspetti di un soggetto: è

qualcosa di più, una funzione costitutiva, che ci aiuta vedere

aspetti della realtà che essa stessa concorre a costituire.

Paul Ricoeur54, filosofo francese, qualifica la metafora

come parte essenziale del discorso filosofico. Il linguaggio

filosofico ricorre alla metafora per ricavare e far emergere

significati e aspetti nuovi della realtà. Essa è “viva” proprio

per il fatto che fornisce, attraverso l’immaginazione e la

forza espressiva ed emotiva ad essa connessa, un “pensare

di più concettuale”.

Ricoeur, come Black, mette in luce l’appartenenza della

metafora non alla circoscritta dimensione della parola ma,

piuttosto, alla semantica e alla dinamica del discorso,

posizione che ha contribuito in maniera importante al

superamento della tradizionale dicotomia tra letterale e

metaforico 55.

Anche il noto semiologo italiano Umberto Eco considera la

metafora come una identità fra semi piuttosto che una

relazione fra un significante e un referente. Essa è il frutto di

connessioni semiotiche (non semplicemente semantiche)

54
Ricoeur P., La métaphore vive, Paris, Seuil, 1975 (tr.it. La metafora viva: dalla retorica alla poetica, Milano, Jaka
Book, 1997)
55 Ricoeur P., Il Paris,
d’herméneutique, Seuil,
conflitto 1969)
delle interpretazioni, Milano, Jaka Book, 1986 (Le conflit des interpretations. Essais

42
culturalizzate (non naturali o fattuali), e ciò in linea con la

sua concezione del significato come unità culturale, cioè

come elemento dell’enciclopedia (intesa come conoscenza

del mondo) dei parlanti. Secondo il semiologo, la metafora

si differenzia dalla metonimia, in cui si ha una

interdipendenza (non identità) semica. Interdipendenza che

si limita alle relazioni: sema per semema (es. vela per nave)

e semema per sema (es. albero per salice).

In quest’ottica, il “corto-circuito” della metafora è solo

apparente, in quanto operante nell’ambito del linguaggio,

che è esso stesso una rete polidimensionale di metonimie,

espressione della cultura, vale a dire, la possibile struttura

del sistema semantico globale.

Anzi, proprio la metafora può costituire una chiave

d’accesso al funzionamento del linguaggio:

per troppo tempo s’è pensato che per capire le metafore occorresse

conoscere il codice (o l’enciclopedia): la verità è che la metafora è lo

strumento che permette di capire meglio il codice (o l’enciclopedia).56

Come altri autori, anche Eco insiste molto sul valore

conoscitivo della metafora. La metafora, cioè, non serve

solamente per stupire o abbellire, ma soprattutto per farci

56
EcoU. (1997, p. 197)

43
conoscere nuovi aspetti delle cose, stimolando la nostra

riflessione su opposizioni e analogie.

Tra l’altro, va detto che negli anni Settanta, con i lavori del

Gruppo µ (1970), di Eco57, di Henry58 sull’intera area degli

studi di retorica si afferma definitivamente un approccio

linguistico-semiotico, che si concentrerà soprattutto sui

tropi: «la retorica è un sistema di figure»59.

57
Eco U., Le forme del contenuto, Milano, Bompiani, 1971
58 Henry Albert, Métonymie et métaphore, Paris, Klincksieck, 1971
59 Genette, Figures, Paris, Editions du Seuil, 1966, p. 190

44
PARTE II - LA METAFORA NELLE SCIENZE COGNITIVE

Un’analisi puramente linguistica del fatto metaforico può

descrivere e formalizzare la metafora come fatto di discorso,

ma non spiegare come essa funzioni in quanto processo di

conoscenza. E’ questo il motivo per cui il campo di studio

della metafora si è allargato notevolmente, giungendo a

comprendere discipline diverse ma interconnesse sulla base

di un fertile scambio interdisciplinare di contributi

scientifici e apporti metodologici.

In quanto fatto concettuale, infatti, sul meccanismo

metaforico si è rivolto l’interesse di filosofi, logici,

psicologi, antropologi e non solo.

Tra coloro che hanno sfruttato il potenziale delle teorie

interattive, vi sono i filosofi della scienza, interessati a

definire il ruolo della metafora nel linguaggio e nelle teorie

scientifiche, e gli psicologi cognitivi, preoccupati di

costruire modelli della mente che spieghino il ruolo della

metafora nella cognizione.

La ricerca sulla metafora è, inoltre, diventato uno dei campi

di indagine dell’Intelligenza Artificiale. Le ricerche in

questo campo hanno condotto allo sviluppo di modelli

45
teorici anche attraverso l’utilizzo degli strumenti formali

della Linguistica contemporanea, come l’Analisi

Componenziale, la Semantica delle Condizioni di Verità, la

Logica Fuzzy e le Reti Semantiche.

Tali discipline rientrano tra le cosiddette Scienze Cognitive.

Vedremo di cosa si tratta nel prossimo capitolo di questo

studio.

46
CAPITOLO 2. Le Scienze Cognitive

Le Scienze Cognitive sono un insieme di discipline diverse

tra loro, che condividono lo stesso oggetto di studio, la

cognizione, con un apporto proprio e specifico di metodi e

di saperi. La loro sinergia è, però, così stretta e i rispettivi

contributi talmente interdipendenti che alcuni studiosi

preferiscono parlare di “Scienza Cognitiva”, al singolare.

Secondo la definizione di Paolo Legrenzi,

l’obiettivo della Scienza Cognitiva […] è quello cercare di capire

come funziona un qualsiasi sistema, naturale o artificiale, che sia in

grado di filtrare e ricevere informazioni dall’ambiente circostante

(percezione e selezione delle informazioni), di rielaborarle creandone

di nuove (pensiero), di archiviarle e cancellarle (ricordo e oblio), di

comunicarle ad altri sistemi naturali o artificiali e, infine, di prendere

decisioni e di agire nel mondo adattandosi ai suoi cambiamenti

(decisione e azione) e adattando il mondo a se stesso grazie alla

creazione di artefatti. Questo obiettivo è simile a quello della

psicologia cognitiva, ma quest’ultima si occupa esclusivamente degli

esseri naturali: l’uomo e gli animali.60

La riflessione sulla conoscenza risale ai primordi della storia

del pensiero filosofico, ma l’acuirsi dell’interesse verso i

problemi della cognizione negli ultimi decenni è dovuto

60
Legrenzi P., (2002 p. V-VI)

47
all’introduzione di innovazioni culturali, scientifiche e,

soprattutto, tecnologiche.

In questo rinnovato panorama teorico e culturale, la Scienza

Cognitiva rappresenta forse la più ardita impresa scientifica

e intellettuale dai tempi di Galilei e Newton, nel suo

progetto di costruire una scienza integrata della conoscenza,

della sua acquisizione e della sua elaborazione negli esseri

umani.61

La nascita delle Scienze Cognitive risale convenzionalmente

al Convegno intitolato “Cognitive Science”, tenutosi

all’Università di La Jolla a San Diego, in California, nel

1978 (esisteva già, tuttavia, dal 1977, la rivista Cognitive

Sciences), in cui si posero le fondamenta di un nuovo

ambito scientifico che studiasse «i principi attraverso i quali

le entità intelligenti interagiscono col loro ambiente»62,

ambito che, proprio in relazione al suo oggetto di studio,

doveva essere necessariamente multidisciplinare.

In realtà, si trattava solo del sigillo istituzionale di una

collaborazione interdisciplinare già avviata a partire

dall’introduzione dei calcolatori (che hanno determinato una

61 ivi
62TabossiP. (1994, p. 17)

48
vera e propria rivoluzione intellettuale) e della vulgata delle

teorie chomskiane della fine degli anni Cinquanta la quale,

prendendo spunto dalle possibilità di formalizzare i processi

mentali sottostanti l’uso del linguaggio individuati da

Chomsky, proponeva il computer come modello possibile

della mente umana.

Le precondizioni concrete della “fondazione” delle Scienze

Cognitive si hanno però nell’affermazione della Psicologia

Cognitiva che, negli anni Cinquanta, cominciò a scalzare

l’orientamento della ricerca psicologica predominante in

tutta la prima metà del secolo: il Behaviorismo (o

Comportamentismo). Quest’ultimo sosteneva l’impossibilità

di effettuare ipotesi scientificamente fondate sui processi

mentali che stanno dietro ai comportamenti degli individui,

poiché la mente, per questi studiosi, era considerata una

sorta di “scatola nera”: qualcosa di non osservabile, sulla

quale si possono fare solo congetture. Il paradigma di questo

tipo di ricerca è basato sul meccanismo diretto stimolo-

risposta, che ha prodotto una mole di dati sperimentali, le

cui conclusioni restano però limitate, in quanto ancorate a

situazioni semplificate e non ripetibili.

Ed è proprio sotto la stella della Psicologia Cognitiva da un

49
lato e dell’Intelligenza Artificiale classica dall’altro, basata

sull’approccio computazionale simbolico (che considera il

pensiero come calcolo), che è venuta delineandosi una

Scienza Cognitiva «classica», fondata quasi

esclusivamente sui linguaggi e sui metodi delle suddette

discipline scientifiche.

A partire dalla metà degli anni Ottanta, con l’irruzione

nell’ambito degli studi neurofisiologici del nuovo

paradigma del Connessionismo, si è invece andata

sviluppando una Scienza Cognitiva «non classica», che ha

preso le mosse dal modello connessionista delle reti neurali,

per cui l’esecuzione di determinati compiti cognitivi

implicherebbe l’intervento di aree diverse del cervello,

interconnesse tramite fasci neuronali. Tale nuova

interpretazione dell’attività cerebrale ha avuto ripercussioni

anche sull’elaborazione dei modelli psicologici, relativi cioè

alle varie funzioni coinvolte in particolari attività cognitive

e ai particolari contenuti mentali implicati.

Questo secondo sviluppo delle Scienze Cognitive ha aperto

la porta a discipline quali la Fisica Teorica e la

Neurofisiologia. Si è cioè passati dalla prospettiva statica,

digitale, discreta, tipica della Logica a una prospettiva

50
analogica, dinamica, propria della Fisica e della Biologia.63

1. Le discipline

Non esiste un elenco preciso delle discipline che fanno

attualmente parte della famiglia delle scienze cognitive.

Ragionando, però, per grandi aree, possiamo includervi,

oltre alla Psicologia Cognitiva, l’Intelligenza Artificiale, la

Linguistica, la Filosofia, le Neuroscienze, la Fisica Teorica

e la Matematica, toccando i confini con discipline quali

l’Antropologia, la Genetica, l’Etologia, l’Economia (in

particolare la Teoria dei Giochi) e le Scienze Sociali, l’Arte

e, in generale, la creazione di artefatti. In tale concezione

ampia, le Scienze Cognitive diventano il campo di studio

della mente e della creatività umana.

Estremizzando, si può anche arrivare a sostenere che

le scienze cognitive non procedono per ambiti disciplinari. Al

contrario, sono i problemi, dei grumi di teoria e di fatti, che

attraversano quelle che una volta erano discipline distinte […].64

Vediamo le principali aree disciplinari coinvolte.

1.1. Linguistica e Filosofia

Uno psicolinguista, Noam Chomsky, è stato uno dei primi

63
Pessa E., Penna M. (2000)
64
ivi, p. 100

51
studiosi a occuparsi di scienze cognitive. Con la sua teoria

generativo-trasformazionale, Chomsky ha fornito un

tentativo di formalizzazione delle regole implicite che

utilizziamo per comprendere e produrre enunciati

linguistici.

Ma, anche al di là di Chomsky, sono molto importanti i

contributi forniti da quella componente della Linguistica che

è la Semantica nella spiegazione della natura e

dell’organizzazione del significato, condizione preliminare

allo sviluppo di “sistemi intelligenti” (peculiarità

dell’Intelligenza Artificiale).

La Filosofia, alveo tradizionale della riflessione su

linguaggio e conoscenza, è un altro importante campo

d’indagine per quanto riguarda l’elaborazione di sistemi

teorici e modelli astratti (in cui sono coinvolte, in

particolare, la Filosofia del linguaggio, della mente e della

scienza). E’ proprio un filosofo, Jerry Fodor, il padre

dell’idea di mente modulare, una delle più diffuse

nell’ambito delle Scienze Cognitive.

1.2. Intelligenza artificiale

Si tratta dell’ambito di studi che cerca di sviluppare

52
macchine intelligenti (o sistemi esperti, come si preferisce

chiamarli oggi) che:

a) svolgano in maniera affidabile compiti specifici;

b) simulino i processi cognitivi umani, allo scopo di

verificare le teorie elaborate precedentemente in

proposito dagli studiosi.

1.3. Neuroscienze

Sono tutte le discipline che si occupano di spiegare il

funzionamento del sistema nervoso. Tra queste, ricordiamo

soprattutto la Neuropsicologia e la Neurofisiologia.

Attualmente, la loro influenza sulle scienze cognitive è

enorme, in quanto mirano a fornire le basi neurofisiologiche

dei processi cognitivi.

Di derivazione neuroscientifica è l’ipotesi delle reti neurali,

molto battuta dagli attuali studi sulla cognizione.

2. Strumenti e metodologie di studio

2.1. La progettazione alla rovescia

Il metodo generale che costituisce l’architrave delle Scienze

Cognitive è la progettazione alla rovescia (reverse

engeneering).

Per progettazione alla rovescia si intende il ripercorrere a


53
ritroso la progettazione in avanti (forward engineering),

vale a dire il processo di progettazione e realizzazione di un

dato meccanismo (naturale o artificiale), decomponendolo

in sotto-parti e ricostruendone le funzioni e i passaggi che

ne hanno determinato la configurazione attuale.

Come ha sostenuto Steven Pinker, direttore del Centro di

Neuroscienza cognitiva del MIT di Boston, la prima

formulazione di questo metodo nell’ambito degli studi

sull’uomo e sugli animali risale a Charles Darwin e alla sua

ipotesi per cui alla base degli organi e degli organismi

biologici vi sarebbe una evoluzione dei meccanismi di

replicazione. Nel corso di questa evoluzione lungo intervalli

di tempo grandissimi, infatti, possono emergere errori di

replica che finiscono per migliorare la sopravvivenza del

sistema e, così, stabilizzarsi nella progenie.65

Oggi, con l’avvento delle Scienze Cognitive, l’ipotesi

darwiniana – o, meglio, neodarwiniana – ha trovato il suo

compimento. E ciò anche attraverso il contributo della

“Rivoluzione cognitiva”, che si è rivolta allo studio delle

singole funzioni mentali, e della Genetica, che ha svelato i

meccanismi della replicazione.

65
Pinker S., How the mind works, New York, Norton, 1997 (tr.it. Come funziona la mente, Milano, Mondadori, 1998)

54
La Scienza Cognitiva applica il metodo della progettazione

alla rovescia in modo sistematico, per capire il

funzionamento dell’uomo, del suo corpo, della sua mente e

dei suoi artefatti. E lo fa cercando di capire come si possa

simulare una mente (attraverso dei programmi per

computer). Per fare ciò, c’è bisogno di spiegare perché

abbiamo proprio questo tipo di mente naturale. E questo

percorso deve essere compiuto all’indietro, lungo la storia

dell’evoluzione.

2.2. I moduli

Scomporre un sistema complesso (naturale o artificiale) in

moduli significa individuarne componenti semi-indipendenti

che non siano cioè né troppo piccoli né troppo comprensivi

rispetto ad esso.

Quanto più piccole sono le componenti, tanto più sono semplici e,

quindi, più facili da manipolare mentalmente o materialmente. Però,

se suddividiamo un problema in componenti troppo piccole, il

vantaggio della maneggevolezza viene superato dallo svantaggio

costituito dalla perdita delle interdipendenze tra le varie componenti.

Esiste una decomposizione ottimale, sia per la progettazione in avanti

sia per la soluzione di problemi «a rovescio».66

La loro individuazione, dunque, deve necessariamente

66
Legrenzi P. (2002 p. 56)

55
accompagnarsi alla comprensione della struttura del

sistema.

Nel caso della mente, definiamo moduli delle componenti

automatiche e autonome, che sono indipendenti dalle

conoscenze dell’individuo. Ad esempio, la visione umana

ha una sua propria “grammatica”, segue, cioè, delle regole

fisse indipendenti dall’attenzione cosciente e da convenzioni

apprese dalla cultura.

2.3. I modelli

Il nocciolo delle scienze cognitive consiste nel costruire

modelli che riproducano il funzionamento di un particolare

sistema cognitivo. Come intuiva già agli inizi del secolo

scorso il grande filosofo Ludwig Wittgenstein, la nostra

mente si avvale spesso di «immagini» semplificate del

mondo67. Sono semplificazioni della realtà in quanto ne

tralasciano aspetti non essenziali o non rilevanti mentre ne

inglobano le «proprietà emergenti». I modelli non devono

mai contenere, dunque, né troppe né troppo poche

informazioni. L’oggetto di cui si vuol costruire il modello si

chiama prototipo.

67
Wittgenstein L., Tractatus logico-philosophicus, London, Routledge and Kegan Paul, 1961 (tr.it. Tractatus logico-
philosophicus e Quaderni 1914-1916, Torino, Einaudi, 1964)

56
Da un certo punto di vista il modello corrisponde al software, cioè alle

procedure di realizzazione dell’idea, che sono indipendenti

dall’hardware, e cioè dalla concreta materializzazione dell’idea stessa


[…].68

2.4. Le tecniche

Le scienze cognitive operano, dunque, su tre livelli

interconnessi (secondo la distinzione standard introdotta

dallo studioso David Marr69):

- capire le basi neurofisiologiche che sottostanno ai

processi cognitivi (livello della teoria computazionale);

- simulare i processi cognitivi (livello dell’algoritmo);

- replicare i processi cognitivi in sistemi artificiali

(livello dell’implementazione).

Potrebbe sembrare paradossale, ma sono proprio le

disfunzioni cognitive, provocate da lesioni dell’organismo

(in particolare, della corteccia cerebrale) – come, del resto,

da traumi psichici – a offrirci ottime possibilità di

comprensione dei meccanismi cognitivi normali. Se, infatti,

una lesione in una data area corticale si accompagna a un

deficit in uno specifico meccanismo cognitivo, è probabile

68 Legrenzi P., op.cit., p. 72


69 Marr D., San
information, Francisco,
Vision: WH Freeman, Investigation
A Computational 1982 into the Human Representation and Processing of Visual

57
che quella parte sia coinvolta nella produzione di

quell’attività mentale. Per procedere in questo modo, è

necessario disporre preliminarmente di modelli precisi del

funzionamento dei processi mentali, che identifichino i

moduli coinvolti.

Negli ultimi anni, a queste metodologie centrate sullo studio

delle lesioni e delle loro conseguenze si sono affiancate

tecniche di neuroimmagine (neuroimaging), tra le quali

ricordiamo la PET (tomografia a emissione di positroni) e la

fMR (risonanza magnetica funzionale). Queste tecnologie

consentono di ottenere delle vere e proprie immagini del

cervello mentre è impegnato in una data attività cognitiva.

In realtà, non vi è una corrispondenza biunivoca tra aree

cerebrali e funzioni mentali, bensì si registra solitamente

l’attivazione di aree interconnesse in circuiti neuronali

complessi.

2.5. I filtri cognitivi

Una delle caratteristiche fondamentali della cognizione che

sono emerse dagli studi condotti fino ad oggi dalle Scienze

Cognitive è il fatto che filtriamo le informazioni provenienti

dall’esterno. I filtri cognitivi più periferici (più prossimi ai

58
recettori delle informazioni sensoriali piuttosto che ai

sistemi di elaborazione centrale), come quelli della visione e

della memoria iconica ad essa associata, agiscono al di fuori

del controllo consapevole, anche se possono essere guidati

dall’attivazione delle nostre conoscenze. Abbiamo bisogno

di filtri perché il nostro sistema cognitivo è limitato e

funziona “a imbuto”: man mano che passiamo dalla

periferia al centro abbiamo sempre meno spazio in cui

depositare le informazioni. Dopo la memoria iconica, il

filtro più potente è costituito dalla memoria a breve termine

(MBT).

2.6. Il concetto di razionalità limitata e l’inconscio

cognitivo

La presenza dei suddetti limiti cognitivi è evidente anche in

problemi di elaborazione cognitiva più centrale, per cui

tendiamo a costruirci modelli incompleti della realtà che, se

da un lato sono alla base della nostra efficienza

computazionale, sono però a volte responsabili di errori e

defaillances. L’incompletezza delle rappresentazioni non è

consapevole, così come è difficile persino spiegare quale sia

la rappresentazione corretta dei problemi. Per dar conto di

questa “inconsapevolezza” è stato introdotto dagli scienziati

59
cognitivi il concetto di inconscio cognitivo, nozione del

tutto teorica, in cui rientrano meccanismi cognitivi specifici

e diversi: le grammatiche percettive, la memoria iconica,

l’attenzione, il ragionamento e così via.

E’ ormai saltata la nozione di coscienza propria del senso comune,

anche se essa resta un caposaldo della psicologia ingenua della vita

quotidiana. Le ricerche degli scienziati cognitivi hanno contribuito a

frammentare la coscienza in una miriade di meccanismi che a noi sono

celati tanto quanto lo è la struttura della materia del mondo che ci

circonda. Non abbiamo un accesso spontaneo e diretto neppure a ciò

che governa i singoli e più comuni atti quotidiani: vedere, comunicare,

pensare. […] Le scienze cognitive […] ci mostrano i limiti della

razionalità umana quando analizzano il funzionamento della nostra

mente, limiti invalicabili perché di origine biologica. Ci mostrano la

fragilità delle grandi illusioni del secolo scorso, basate sui tentativi di

padroneggiare e plasmare i meccanismi della mente umana per

progettare un «uomo nuovo».70

2.7. Le protesi cognitive

Nel corso dei quarant’anni circa di vita delle Scienze

Cognitive sono stati analizzati i filtri che agiscono dalla

periferia al centro del nostro sistema cognitivo. E ciò ci ha

consentito di rilevare i limiti che derivano da tali processi “a

imbuto”.

70
Legrenzi P. (2002, p.150 sgg.)

60
Ma parallelamente alla comprensione di tali vincoli

biologici (e già prima della nascita delle scienze cognitive),

sono state introdotte delle procedure di “arricchimento

cognitivo”, degli ausilii esterni alla mente, vere e proprie

“protesi cognitive”, come i telefoni (fissi e poi mobili) che

hanno azzerato i vincoli spazio-temporali, oppure le banche-

dati (enormi memorie artificiali esterne), cui possono

accedere contemporaneamente molte persone (pensiamo, ad

esempio, ai sistemi di prenotazione di alberghi e mezzi di

trasporto). E’ stata, inoltre, creata una fittissima e

articolatissima rete di informazioni di diffusione mondiale:

Internet.

Insomma, quanto più conosciamo i nostri limiti cognitivi,

tanto più ci diamo da fare per compensarli, creando supporti

esterni più potenti e condivisibili da più menti.

In questo ambito, altro problema cruciale delle Scienze

Cognitive è quello delle analogie e differenze, nonché delle

interazioni tra mente naturale e “menti” artificiali.

3. Lo “stato dell’arte” in Italia

In conclusione, è doveroso aggiungere che il livello

transdisciplinare propugnato dagli scienziati cognitivi è

ancora un traguardo da raggiungere, in un settore scientifico


61
che, data la complessità del suo oggetto di studio, necessita

sì della cooperazione di approcci disciplinari e tecnico-

metodologici differenziati, ma pone altresì l’esigenza di

trovare un linguaggio comune, che al momento sembra non

esistere. E tra gli stessi approcci teorici sembra esservi poco

dialogo.

Per quanto riguarda lo stato attuale degli studi in Italia,

bisogna inoltre ammettere che il dibattito sulle tematiche

della Scienza Cognitiva e l’interesse per esse sono molto

recenti e andrebbero ulteriormente incrementati in quasi

tutti gli ambiti di studio di competenza della comunità

scientifica nazionale71, come fa auspicare la nascita, negli

ultimi anni, dell’Associazione Italiana di Scienze

Cognitive (presieduta dal prof. Domenico Parisi, del CNR

di Roma), dell’Istituto di Scienze e Tecnologie Cognitive

(Roma-Padova), del Centro di Scienza Cognitiva di

Torino72, dell’Istituto Internazionale per

gli Alti Studi Scientifici “E. Caianiello” di Salerno e di

diversi Corsi di Laurea, Dottorati di Ricerca e Master nelle

71 Pessa E., Penna M.P. (2000)


72 che ha organizzato, in collaborazione con la Cognitive Science Society, la 27a Conference of Cognitive Science, che
si è tenuta a Stresa, in Piemonte, tra il 21 e il 23 luglio 2005. A questo, come ai precedenti appuntamenti susseguitisi
annualmente dal 1979, hanno partecipato i più importanti ricercatori nel campo delle Scienze Cognitive per fare il punto
dello stato attuale della situazione. Tra questi, Jerry Fodor e James McClelland, i quali sono stati insigniti del
tradizionale Mind&Brain Prize, per gli importanti contributi apportati allo sviluppo della disciplina.

62
varie Università italiane (Genova, Bari, Bologna, Firenze,

Roma, Siena, Trieste, Macerata), con una intera Facoltà

dedicata presso l’Università di Trento. Senza contare

diverse iniziative culturali ed editoriali, come la

pubblicazione di quattro riviste (Cognitivismo clinico,

Sistemi intelligenti, Rivista di Filologia Cognitiva,

Neuroingegneria.com) da parte dell’AISC, oltre

all’organizzazione di incontri e convegni a livello nazionale

ed internazionale.

E proprio in Italia, dove la Scienza Cognitiva ha tardato ad

affermarsi rispetto all’area anglosassone, questo nuovo

settore di studi può sicuramente avere un ruolo importante

nel superare la «frattura tra cultura umanistica e scientifica,

frattura che trova in Italia uno degli ultimi ambienti in cui

sopravvivere»73.

73
Penco C. (2004)

63
CAPITOLO 3. La Metafora in Linguistica Cognitiva e Semiotica

1. La Linguistica Cognitiva

Fu proprio lo studio del linguista George Lakoff e del

filosofo Mark Johnson sulla metafora, intitolato Metafora

e vita quotidiana e pubblicato nel 198074 (di cui parleremo

più avanti), a inaugurare una nuova disciplina, la

Linguistica Cognitiva, dove il termine cognitivo riflette

l’idea di lingua come sistema conoscitivo, che consente di

realizzare concretamente e sistematicamente i processi

all’origine della conoscenza (come la percezione, il

ragionamento, ecc.). Tale approccio era, in realtà, già stato

proposto all’inizio del XX secolo dalla Linguistica

Antropologica, fondata da Franz Boas e dai suoi seguaci

Edward Sapir e Benjamin Lee Whorf, in cui si volevano

analizzare le relazioni reciproche tra categorie linguistiche,

pensiero e schemi culturali.

Nel loro studio, Lakoff e Johnson riprendono l’opera

pionieristica di Richards e Black, mirando a studiare le

relazioni tra metafora, pensiero e linguaggio. Le

generalizzazioni che regolano le espressioni metaforiche

74
Lakoff G., Johnson M., op.cit.

64
sono mappature generali tra due dominii concettuali. Tali

processi non si situano a livello del linguaggio, ma del

pensiero, vale a dire del modo in cui concettualizziamo un

dominio mentale nei termini di un altro. Essi, inoltre, non

solo riguardano il linguaggio quotidiano, oltre a quello

poetico, ma contribuiscono alla formazione delle categorie

semantiche di base, come tempo, quantità, stato,

mutamento, azione, causa, fine, mezzo, modalità, categoria

(ad esempio, il concetto di categoria sarebbe compreso nei

termini della metafora del contenitore; quello di quantità nei

termini della scala verticale o lineare). Dal momento che

questi concetti sono a fondamento della grammatica di una

lingua, la metafora assume, come si vedrà più avanti, un

ruolo centrale anche per il livello grammaticale, oltre che

semantico75. E ciò, oltre a introdurre un elemento di rottura

rispetto alla tradizione retorica, mette in discussione una

delle tesi più diffuse e indiscusse nella Linguistica del

Novecento: la separazione tra semantica e sintassi.

Uno dei sostenitori di quest’ultima tesi è stato invece Noam

Chomsky, con il suo approccio formalista, che considera la

sintassi come la manipolazione di simboli semanticamente

75
LakoffG. (1993)

65
neutri e colloca l’analisi della lingua su un piano

prettamente intralinguistico.

Contro questa posizione si stagliano i funzionalisti76,

secondo i quali il linguaggio sarebbe influenzato dalle stesse

funzioni alle quali è adibito e da una serie di fattori correlati:

ambientali, biologici, psicologici, evolutivi, storici,

socioculturali.

In effetti, mentre la posizione chomskiana continua ad

essere dominante nell’ambito della Linguistica teorica,

dall’inizio degli anni Settanta sono state avanzate dure

critiche ad essa, parallelamente all’emergere di un interesse

per gli aspetti pragmatici degli atti linguistici che riprende,

tra l’altro, la visione boasiana-sapiriana del linguaggio come

fenomeno culturale per eccellenza. E ciò

contemporaneamente a un tipo di ricerca, in Psicologia, che

tendeva a descrivere la natura storico-sociale del mondo

psichico dell’individuo. Tali studi furono inaugurati dalla

scuola di Vygotskij, che inseriva il processo comunicativo

nell’ambito delle attività psicofisiche, ampliando così

notevolmente il campo di indagine della Linguistica

76
Ci riferiamo qui al Funzionalismo americano, legato ai nomi di Givón, Hopper e Thompson, e non al Funzionalismo
europeo (dallo Strutturalismo di Saussure a Jakobson).

66
attuale77.

Le prime reazioni al modello chomskiano provengono da

una corrente di studi che si sviluppò negli anni Sessanta e si

definì polemicamente Semantica Generativa, la quale

contestava proprio il formalismo e il disinteresse per gli

aspetti semantici da parte della Grammatica Generativa, ma

che riconosceva ancora due caratteristiche fondamentali del

generativismo:

- la separazione tra livelli di rappresentazione superficiale

e profondo e le regole trasformazionali che li connettono;

- la concezione modulare del linguaggio, che veniva visto

come separato dal resto delle attività cognitive.

La Semantica Generativa, però, non essendo basata su una

solida definizione di metodi e teorie, si disperde già nel

corso degli anni Settanta.

Sin dagli inizi degli anni Ottanta, però, alcuni studiosi, tra

cui, oltre a Gorge Lakoff, Ronald W. Langacker,

elaborano le teorie alla base della Linguistica Cognitiva. Il

nuovo filone di studi ha come caratteristiche:

- una sintassi a tendenza più marcatamente cognitiva;

77
Vygotskij L., Pensiero e linguaggio, Bari, Laterza, 2003 (ed. orig. russa 1934)

67
- un approccio olistico, e non modulare, al linguaggio, che

viene connesso strettamente alle altre esperienze percettive

e cognitive.

E’ Langacker che fonda il nuovo approccio teorico agli inizi

degli anni Ottanta, denominandolo Space Grammar78. Il

nuovo modello si differenzia per questi aspetti dalla

Grammatica Generativa:

- il rifiuto dell’idea di una struttura profonda soggiacente

all’enunciato effettivamente pronunciato e, di conseguenza,

del concetto di trasformazione, che implica le operazioni

mentali che consentono il passaggio da un piano all’altro nel

corso della produzione e comprensione del linguaggio;

- l’esistenza di un continuum tra lessico, morfologia e

sintassi.

E’ lo stesso Langacker che inizia a parlare,

successivamente, di Cognitive Grammar (Grammatica

Cognitiva)79. Lo studioso approfondisce il rapporto tra le

categorie semantiche di base e le categorie grammaticali

delle lingue che, come abbiamo visto, è stata l’innovazione

introdotta dalla Linguistica Cognitiva rispetto alle altre

78 Langacker R. W., Space Grammar, Analysability and the English Passive in: “Language“, 57, 1982
Stanford,
79 Langacker R. W.,
Stanford University Press,of1991
Foundations Cognitive Grammar, vol. I, 1987, Stanford, Stanford University Press, vol. II,

68
correnti della Linguistica del Novecento (quella

strutturalista, quella analitica e quella pragmatica di

ispirazione wittgensteiniana), che riducevano il significato

linguistico a fattori intralinguistici o all’uso80, negando

qualsiasi mediazione concettuale e rappresentazionale nella

genesi del significato81.

Il lavoro di Langacker ingloba uno sforzo fondativo, che

risiede nel fornire una cornice teorica alla LC, sulla base del

principio della corrispondenza diretta tra pensiero e

linguaggio.82

1.1. Tecniche e metodi della Linguistica Cognitiva

1.1.1. La categorizzazione

L’idea di categorizzazione alla base della LC è avanzata da

Eleanor Rosch, nella teoria dei prototipi83, che supera la

rigidità delle categorie concettuali classiche, proponendo un

modello di categorie concepite come degli insiemi sfumati e

scalari, centrati attorno a un elemento prototipico, vale a

dire il membro più rappresentativo della categoria.

L’appartenenza a una categoria da parte di un elemento

80 La metafora è considerata da Davidson (1979), Searle (1975) e Grice (1979) come una sorta di atto linguistico,
pertinente dunque alla sfera della pragmatica e non della semantica.
81 Ronald W. Langacker, Universals of construal, inedito, in: Formigari L. (2003); Concept Image and Symbol, Berlin-
New York, Mouton de Gruyter, 2002 (1a ed. 1991)
82
Il nucleo accademico della LC è costituito dall’Università della California e dall’Università dell’Oregon, negli USA.
83 Rosch E. (1978)

69
sarebbe data dal grado di condivisione dei caratteri che

appartengono al prototipo. Inoltre, ogni elemento può

appartenere a categorie diverse. Tra i membri delle categorie

esiste perciò quella che Wittgenstein chiamava “somiglianza

di famiglia”, vale a dire una condivisione di tratti

differenziata sia dal punto di vista quantitativo che

qualitativo e non - come nella teoria tradizionale delle

categorie, di origine aristotelica - la condivisione di una

serie di proprietà necessarie e sufficienti, rigidamente

definite ed evocate dal nome stesso della categoria, per cui

tutti i suoi membri lo sono allo stesso titolo. Mentre,

dunque, le categorie aristoteliche sono reali (ontologiche),

discrete e non strutturate internamente, quelle descritte dalla

Rosch sono, seppur corrispondenti a qualcosa nella realtà

esterna, dipendenti dalle caratteristiche cognitive degli

esseri umani, dai contorni sfumati (cioè, sovrapponibili

marginalmente ad altre categorie: pensiamo, ad esempio, al

concetto di pinguino che, relativamente alla categoria degli

uccelli, è sicuramente più marginale di quello di passero e

dotato altresì di alcune caratteristiche tipiche della famiglia

dei pesci). In esse, gli elementi più marginali presentano dei

problemi di classificazione, mentre gli elementi prototipici

70
sono anche i primi che richiamiamo alla mente come esempi

di una data categoria.

Uno sviluppo di tale teoria è insito nella nozione di

categoria radiale, secondo la quale la struttura delle

categorie sarebbe sostenuta non dalla condivisione dei

caratteri del prototipo, ma dalla proiezione metaforica delle

caratteristiche dell’elemento centrale su quelle degli

elementi periferici.

Se l’intervento attivo della mente nel processo di

categorizzazione del reale non è un concetto nuovo nella

storia del pensiero, è invece una reale innovazione

introdotta dalla LC l’idea di embodiment, sulla quale il

processo di conoscenza si fonderebbe, l’idea, cioè, di una

mente non astratta o separata dal corpo (secondo il

tradizionale dualismo cartesiano), ma incarnata, inserita

cioè nella dimensione fisico-biologica dell’essere umano,

con ripercussioni anche sulla concezione del significato

linguistico.

1.1.2. Le immagini-schema

Un’altra importante nozione è quella di immagine-schema

(o schema di immagine), elaborata da Lakoff e Johnson per

71
dare conto del processo di categorizzazione semantica. Per

schema si intendono quelle strutture cognitive che

determinano l’organizzazione dell’esperienza. Queste non

sono però trascendentali nel senso kantiano (vale a dire non

condizionate dall’esperienza), ma strutturati proprio sulla

base di esperienze e memorie cinestesiche e sensomotorie.

Si tratta, in particolare, di proiezioni metaforiche di natura

topologica. Questo perché le immagini-schema sono

radicate nella geometria corporea, nello spazio delineato

dalla posizione e dal movimento del proprio corpo. Sono il

frutto di tale proiezione metaforica le polarità semantiche di

base, ad esempio: dentro-fuori, parte-tutto, centro-periferia,

sopra-sotto. Un esempio di immagine-schema ampiamente

utilizzato nella categorizzazione del reale è quello del

contenitore. Una ulteriore generalizzazione basata sulle

immagini-schema costituisce, poi, un archetipo concettuale,

uno schema complesso, di carattere olistico (vale a dire, una

concezione globale, piuttosto che una somma di parti), che

si riflette direttamente sulle singole costruzioni

grammaticali84.

84
Lakoff G., Johnson M. (1998)

72
1.1.3. L’allineamento Trajector-Landmark

Un altro concetto alla base della LC è quello della relazione

figura-sfondo, derivato dalla Psicologia della Gestalt, teoria

sorta nei primi decenni del Novecento e interessata

principalmente ai problemi della percezione. Secondo

questa visione, noi organizziamo le nostre percezioni

articolandole in una figura (Trajector, in LC), l’elemento

maggiormente mobile e saliente, e uno sfondo (Landmark),

l’elemento più stabile.

Ad esempio, nelle frasi:

a) “Il libro è vicino al quaderno”

b) “Il quaderno è vicino al libro”

abbiamo due prospettive diverse, che scelgono come figura

rispettivamente il libro e il quaderno.

A volte sono le stesse proprietà fisiche degli oggetti

(maggiori dimensioni, maggiore stabilità) a eleggere una

prospettiva piuttosto che l’altra, altre volte le motivazioni

sono piuttosto soggettive.

1.1.4. La metafora

In quest’ottica si spiega anche il ruolo fondamentalmente

cognitivo della metafora, e solo secondariamente


73
linguistico, in quanto espressione delle strutture di pensiero.

La metafora è dunque una delle strategie cognitive utilizzate

per concettualizzare la realtà, attraverso la proiezione di una

mappa cinestesica a un livello cognitivo più astratto. Il

“trasferimento” non avviene, come si sosteneva nella

tradizione, da un significato letterale a uno improprio, ma da

un livello cognitivo ad un altro.

Queste procedure non si verificano a livello cosciente, ma

fanno parte dell’inconscio cognitivo, che regolerebbe

almeno in parte il linguaggio.

Nel saggio del 1993 “The contemporary theory of

metaphor”85, Lakoff sostiene che le espressioni metaforiche

non sono altro che la realizzazione superficiale delle

sottostanti metafore concettuali, vale a dire, strutture

costantemente attive nel nostro sistema cognitivo. In ciò i

Linguisti Cognitivi si distanziano polemicamente dal

generativismo chomskiano, che considera le strutture

linguistiche alla stregua di risultati di calcoli algoritmici

compiuti da quel sottosistema cognitivo preposto al

linguaggio che è la Grammatica Universale86. Per chiarezza,

occorre però precisare che la struttura-metafora non è

85 Lakoff G., “The contemporary theory of metaphor” in: Ortony A. (1993)


86 Langacker R.W. (2002)

74
esplicitamente contemplata dalla GU: inserita in un contesto

prettamente sintattico-formale come quello teorico

chomskiano, infatti, la metafora ne risulterebbe svilita,

ridotta alla sua componente più superficiale che violerebbe

necessariamente le regole di tale sistema e che, comunque,

non potrebbe dare pienamente conto della totalità del

fenomeno metaforico, per il quale non si può affatto

prescindere da aspetti semantici (sensi e significati). Aspetti

che sono, invece, presenti nella teoria di Lakoff, la quale

rientra in un livello di analisi molto diverso – che tiene

conto dei caratteri dell’esperienza fisica, emotiva e

cognitiva dell’essere umano – in cui la produzione e la

comprensione metaforica non possono che rappresentare un

aspetto normale della semiosi umana.

Le strutture metaforiche, come ad esempio:

AMORE = VIAGGIO87

sono modi di concettualizzare una tipologia di fenomeni (es.

l’amore) nei termini di un’altra (es. i viaggi). Tali modalità

hanno carattere convenzionale, dunque culturale, mentre i

contenuti specifici delle proiezioni metaforiche si

87
La formulazione [maiuscoletto = maiuscoletto] è utilizzata per indicare le metafore concettuali nella teoria della
metafora della LC.

75
differenziano da persona a persona e sono il frutto delle

conoscenze che ognuno ha sull’amore e sui viaggi, nonché

della creatività personale. Inoltre, proprio la loro attivazione

costante ci permette di comprendere facilmente usi nuovi e

originali della proiezione (es. Stiamo percorrendo la corsia

veloce dell’autostrada dell’amore).

Tali schemi metaforici hanno il carattere di corrispondenze

topologiche, in quanto la struttura delle relazioni del

dominio-target rispecchia sempre quella del dominio-fonte

(secondo il cosiddetto “principio d’invarianza”). Essi,

proprio come tutti gli altri schemi cognitivi, guidano

quotidianamente non soltanto i nostri processi linguistici,

ma anche i nostri pensieri e le nostre azioni.

Un altro valore cognitivo centrale del processo metaforico è

da ravvisare nel fatto che molti concetti di base del nostro

sistema concettuale (come le categorie di tempo, quantità,

stato, cambiamento, azione, causa, scopo, mezzo, modalità,

categoria) sono compresi metaforicamente. Ad esempio, le

categorie in termini di regioni o contenitori; il tempo in

termini di cose e movimento reciproco o rispetto

all’osservatore; le quantità in termini delle metafore: SCALA

LINEARE = PERCORSO e PIÙ = SU / MENO = GIÙ.

76
Infine, essendo la metafora una struttura concettuale, le sue

realizzazioni fisiche non sono unicamente linguistiche, ma

vi sono anche altri tipi di oggetti attraverso i quali le

metafore concettuali strutturano la nostra vita reale: grafici,

opere letterarie, rituali, sogni, miti, pratiche e istituzioni

sociali, leggi, politica estera e addirittura sintomi

psicosomatici.88 Tali realizzazioni si candidano a divenire a

loro volta la base esperienziale da cui si attingeranno

metafore di nuova formazione.

La metafora così concepita, dunque, assume un ruolo

centrale in LC, settore che, secondo Lakoff, si articola su tre

livelli:

- identificare il significato delle forme grammaticali e le

generalizzazioni nell’ambito delle strutture linguistiche

(secondo il generalization commitment);

- rintracciarne le basi fisico-percettive e cognitive

(rispondendo così al cognitive commitment);

- integrare le prospettive diacronica e sincronica nello

studio della lingua, studiandone non solo le strutture attuali,

88Alcuni esempi: i grafici di borsa rispettano la convenzione PIÙ = SU / MENO = GIÙ; una pratica anglosassone consiste
nel portare il neonato al piano superiore, in segno di salita, quindi augurio di realizzazione sociale (ancora PIÙ = SU); nei
cartoni animati si utilizza spesso l’immagine del “fumo dalle orecchie” per indicare l’imminente esplosione di rabbia
(secondo la metafora RABBIA = LIQUIDO PRESSURIZZATO); il camminare curvi è a volte la somatizzazione di un peso
psicologico; nelle società occidentali l’industrializzazione ha avviato l’istituzione del principio della retribuzione
commisurata alle ore di lavoro (secondo la metafora TEMPO = DENARO).

77
ma anche il modo in cui si sono evolute nel corso del tempo.

La prima esposizione organica della suddetta teoria della

metafora risale al testo del 1980 Metafora e vita quotidiana

di George Lakoff e Mark Johnson89, i quali affermano una

tesi radicale: non solo la metafora appartiene al livello del

pensiero, oltre e prima che a quello del linguaggio, ma il

nostro sistema concettuale è essenzialmente di natura

metaforica. Inoltre, essendo la comunicazione basata sullo

stesso sistema che regola il nostro pensiero e le nostre

azioni, il linguaggio diventa il luogo privilegiato per

osservare la dinamica delle proiezioni metaforiche.

Gli autori argomentano anche l’ipotesi che le metafore

convenzionali di cui facciamo uso siano radicate da un lato

in una determinata cultura, dall’altro nella nostra esperienza

fisico-percettiva e sensomotoria (e quindi universali). Del

secondo tipo sono le metafore di orientamento e le metafore

ontologiche, basate su categorie fisiche di base, come la

dimensione su/giù e la delimitazione dello spazio in regioni

fisiche; del primo tipo sono invece le metafore strutturali, in

cui ci serviamo di concetti altamente strutturati e delineati

per comprenderne altri più sfuggenti (es. DISCUSSIONE =

89Lakoff G., Johnson M., Metaphors We Live By, Chicago, University of Chicago Press, 1980 (tr.it. Metafora e vita
quotidiana, Milano, Rizzoli, 1988)

78
GUERRA; TEMPO = RISORSA, che scaturisce da TEMPO =

SOSTANZA). Centrale è l’idea che il possesso di tali metafore

condizioni anche il nostro modo di pensare un determinato

concetto e di comportarci di conseguenza. Ad esempio,

considerare uno scambio linguistico come una battaglia può

portarci ad “evitare lo scontro”, a “coalizzarci” o

“cooperare” “contro il nemico”, oppure a “costruire

strategie” discorsive per poter imporre le proprie idee, e così

via.

Riprendendo un’idea già avanzata, come si è visto, da

Black, la metafora ci consente, sovrapponendo due dominii

concettuali (mai completamente, altrimenti avremmo non

una relazione metaforica bensì di identità), di «mettere a

fuoco»90 alcune caratteristiche dell’elemento metaforizzato,

a scapito di altre. Unite tra di loro, metafore diverse ci

restituiscono una comprensione coerente, gestaltica, del

concetto in questione (e che può anche tradursi, a livello

linguistico, in metafore miste, presenti anche in una stessa

frase). Inoltre, quando vengono resi salienti aspetti meno

comuni, otteniamo metafore originali, “vive”, anche se tutte

le metafore possono essere considerate “vive”, cioè attive,

90
LakoffG., Johnson M. (1998, p.113)

79
in quanto sistemi da cui si possono far scaturire sempre

nuovi collegamenti metaforici.

Per inciso, va detto che, in LC, metonimia e sineddoche

sono considerate sempre dei procedimenti proiettivi, ma

all’interno di uno stesso dominio concettuale: la metonimia

istituisce una mappatura (proiezione) tra due entità dello

stesso dominio, mentre la sineddoche la pone tra un’entità e

l’intero dominio.91

Concludendo, data la radicalità delle trasformazioni insite

nel concetto di metafora, sopravvenute soprattutto nel

secolo scorso (e di cui continueremo la rassegna), c’è chi ha

addirittura azzardato che

la stessa definizione di “metaforico” è, oggi, in buona parte

fuorviante, proprio per la pesantezza della storia che questo termine

reca con sé e per il fatto che la dimensione metaforica “profonda”, di

base, si è dilatata a processi di tipo semantico generale –

abbandonando qualunque tipo di definizione aprioristica (come

quella tradizionale di tipo analogico, il “trasportare oltre”) –

processi legati alla dimensione della corporeità e al modo in cui il

nostro corpo è immerso nel mondo, ne produce e orienta i significati e

la nostra percezione sensibile.92 (corsivo mio)

91
Lakoff G., Johnson M., op. cit.
92 Montanari F. (2002, p. 181-182), in relazione alla possibilità di definire “metaforici” i processi di interpretazione e di
traduzione mesosemiotica (intrasemiotica ed eterosemiotica): «Se in modo un po’ ingenuo prendiamo ancora “alla
lettera” la definizione stessa di metafora, e la sua etimologia, intesa come trasporto, oltre che conferimento di nuovo
senso, è chiaro che il legame con la traduzione si pone immediatamente» (ivi, p. 180) e invita a considerare i «processi

80
Anche se, a mio avviso, il termine si è arricchito (non

stravolto) nel corso della storia umana di nuove sfumature e

accezioni – come insegna l’amplissimo fenomeno

dell’”estensione del significato”93 – fermo restando il nucleo

semantico originario del metaphérein, che non si può dire

refutato nella sua sostanza dagli studiosi attuali.

Infine, una considerazione di ordine teorico generale:

premettendo che, in virtù di quanto detto,

[…] non sarebbe esagerato sostenere che gran parte di ciò che

chiamiamo Linguistica o Grammatica Cognitiva è, in ultima analisi,

Semantica Cognitiva94,

possiamo considerare la Semantica Cognitiva come la più

valida alternativa attuale alle altre due grandi correnti

semantiche predominanti nel panorama della Linguistica

contemporanea, vale a dire, la Semantica componenziale

di derivazione strutturalista e la Semantica formale di

matrice logico-filosofica.

La Semantica formale è fortemente avversata dalla

Semantica Cognitiva, che ne critica l’intero impianto

interpretativi essenzialmente di tipo “metaforico”, tenendo comunque conto dell’avvertimento a cui abbiamo sopra
accennato: si tratta di processi metaforici di tipo cognitivo-percettivo (ed emotivo-passionale) “profondi”.» (ivi, p. 181)
93 De Mauro T. (2003)
94
Casadei F., Per un bilancio della Semantica Cognitiva in: Gaeta L., Luraghi S. (2003)

81
teorico, basato sulle condizioni di verità, ovvero, la

relazione degli elementi linguistici e lessicali degli enunciati

con il mondo esterno, attribuendo il significato finale

dell’enunciato alla relazione tra i suoi costituenti e

ignorando del tutto il livello lessicale, ossia il problema del

significato dei singoli termini linguistici. Mentre la LC parte

dal presupposto che la descrizione del significato lessicale

sia fondamentale per l’intera analisi linguistica e sia

imprescindibile dagli aspetti cognitivi dei parlanti.

La Semantica componenziale, che riunisce tutti quei modelli

che propongono un’analisi del significato delle parole in

unità di senso più piccole, o tratti semantici, è invece

criticata per il suo basarsi sulla teoria aristotelica delle

categorie. Questa, secondo i Linguisti Cognitivi, non è,

come abbiamo visto, psicologicamente verosimile, in quanto

i significati lessicali sarebbero, in base alla teoria di Rosch,

gruppi polisemici organizzati in forma radiale attorno a un

nucleo prototipico e frutto dell’interazione tra le salienze del

mondo percepito e l’attività percettiva e cognitiva umana.

82
2. Linguistica Cognitiva: il dialogo/dibattito mancato
con la contemporaneità e con la grande tradizione
filosofica

2.1. Meriti teorici della Semantica Cognitiva e

posizioni critiche

I meriti teorici che vanno riconosciuti alla LC, e che sono

invece assenti in altre prospettive di studio della metafora,

sono il fatto di aver condotto un lavoro di raccolta

sistematica delle espressioni linguistiche oggetto di studio95

e l’aver posto una importante distinzione (quanto meno

ontologica) tra il livello concettuale e quello

dell’espressione linguistica.

D’altro canto, una delle critiche più frequenti e accese ai

sostenitori della Semantica Cognitiva riguarda la loro

presunzione nel considerare il loro nuovo approccio teorico

come una radicale novità rispetto a una tradizione di

pensiero non ben precisata o addirittura rispetto all’intera

storia del pensiero occidentale. Secondo questa posizione, i

Linguisti Cognitivi dimostrano superficialità nei confronti

della letteratura esistente, anche relativamente a figure

autorevoli della tradizione del pensiero occidentale.

95
Nel caso della metafora, Lakoff ha tra l’altro pubblicato un database di metafore concettuali su Internet (sul sito
cogsci.berkeley.edu/lakoff/MetaphorHome).

83
Lakoff afferma che il pensiero occidentale sin da Aristotele

ha adottato un punto di vista oggettivo, in quanto considera

la conoscenza della realtà indipendente dalle caratteristiche

della mente umana, dimenticando però la posizione già

gnoseologica di Aristotele, nonché quella di Kant e del suo

schematismo trascendentale96 (per citare solo il più grande

pensatore della tradizione a riguardo); Langacker, invece,

accusa la riflessione tradizionale sul linguaggio di aver

sopravvalutato l’arbitrarietà dei segni linguistici (ma

confondendo spesso quest’ultima con la convenzionalità)97.

Altra critica rivolta alla Semantica Cognitiva è quella di

costruire esempi ad hoc, piuttosto che mettere le teorie alla

prova di dati reali, e di evitare, per contro, di approfondire i

risultati sfavorevoli98.

E’ forse una conseguenza di ciò il fatto che la stessa

letteratura prodotta nell’ambito della LC venga ad essere

ignorata dagli approcci teorici avversi, probabilmente anche

in risposta al suo sottrarsi a un confronto dettagliato con

questi ultimi, con il risultato di moltiplicare inutilmente le

96 Fa eccezione il suggerimento di Mark Johnson di interpretare gli schemi trascendentali kantiani non astrattamente ma
in termini di “immagini sensoriali” o “schemi di immagine” (Johnson, 1988, p. 29).
97 Saussure F. de, Corso di linguistica generale, Bari, Laterza, 1967 (ed.orig. Cours de linguistique générale, Paris,
Payot, 1916)
98 Si veda, a questo riguardo, Ortony, “Are Emotions Metaphors Conceptual or Lexical?” in: Cognition and Emotion,
n. 2, 1988.

84
terminologie in questo settore di studi.

Inoltre, molte descrizioni della Semantica Cognitiva non

sono ancora state verificate per quanto riguarda la loro

plausibilità cognitiva. Ciò vale per stessa teoria della

metafora, che considera le metafore concettuali come

strutture cognitive reali99.

Infine, un altro aspetto discusso della Semantica Cognitiva è

l’insistenza sull’aspetto concettuale piuttosto che su quello

linguistico delle rappresentazioni semantiche. Prendendo

sempre in considerazione la teoria della metafora,

considerare il linguaggio metaforico epifenomeno dei

processi metaforici cognitivi può avere come conseguenza il

ridurre l’analisi del linguaggio a verifica sperimentale delle

strutture concettuali associate, evadendo in questo modo

molti problemi strettamente linguistici (o linguo-specifici,

vale a dire, relativi a una determinata lingua storico-

naturale) implicati.

In conclusione, sempre secondo i detrattori,

la teoria cognitivista fa un buon lavoro, per così dire, nel delineare la

mappa delle relazioni metaforiche disponibili e le loro possibili

99Si vedano gli esperimenti di Glucksberg, Keysar e McGlone (“Metaphor Understanding and Accessing Conceptual
Schema: Reply to Gibbs” in: Psychological Review, 1992) che hanno dimostrato che, pur sottoponendo ai soggetti
espressioni (come percorso, strada, viaggiare) correlate alla metafora AMORE = VIAGGIO, non hanno ottenuto
l’evocazione di concetti relativi alla suddetta metafora parlando dell’amore in determinati contesti evocativi. Ciò li
porta a concludere che le metafore concettuali non sempre vengono utilizzate nella comprensione.

85
motivazioni; ma appare illusorio pensare che con ciò si possa rendere

conto di tutti gli aspetti salienti della metaforicità o del fenomeno

dell’estensione semantica nel suo complesso.100

2.2. Chomsky e Fodor: i linguisti della “prima

generazione” cognitiva

Noam Chomky si ricollega, nella tradizione, alla

grammatica e alla logica portorealista, che anticipano il suo

progetto di Grammatica generativa, quello, cioè, di

individuare le leggi universali che regolano la struttura

profonda alla base di tutte le lingue umane. Egli si richiama

anche a quel filone della Linguistica che definisce

‘cartesiano’, in cui raccoglie tutta una serie di pensatori che

si possono definire razionalisti, ossia concentrati sugli

aspetti cognitivi, mentali, dei fenomeni del linguaggio:

da questo punto di vista la grammatica d’una lingua è una teoria dello

stato del cervello, quale risulta dal processo di acquisizione d’una

lingua. Quanto a ciò che viene talora chiamato «grammatica

universale», […] si tratta d’uno stato iniziale della facoltà del

linguaggio prima che sia affetta da una qualsivoglia esperienza

esterna.101

rientrando, con queste premesse, a pieno titolo nell’impresa

delle Scienze Cognitive:

100
Casadei F. op.cit.
101
Chomsky N.A., Introduzione a: Pollock J.-Y. Langage et cognition, PUF, Paris, 1998, pp. XIV-XV

86
lo studio di questi stati del cervello pertiene a pieno diritto alle scienze

della natura e deve in linea di principio poter integrare fatti

provenienti da diverse fonti. Gli stati, rappresentazioni, principi e

condizioni postulate descrivono le proprietà del cervello facendo

astrazione dai meccanismi cerebrali che le realizzano, oggi ancora

sconosciuti, come di frequente avviene nelle scienze della natura.102

Vi è, tra queste righe, anche una polemica rivolta al

Comportamentismo, che considerava il linguaggio come un

comportamento, appunto, frutto di un apprendimento

condizionato e insondabile nel suo “retroterra” mentale.

Chomsky, oltre alla possibilità di indagare le strutture

cognitive alla base del linguaggio, postula anche l’esistenza

di una facoltà del linguaggio innata, che predisporrebbe gli

esseri umani all’apprendimento delle lingue: un modulo,

come lo definirebbe Jerry A. Fodor nella sua teoria della

mente103, vale a dire una funzione automatica e autonoma del

sistema cognitivo. Di certo, tali ipotesi dovranno essere

confermate dagli studi neurofisiologici e genetici, con la

scoperta di un gene specifico per il linguaggio.

Ciò che a noi interessa in questa sede è capire quali siano le

reali differenze tra questa “prima generazione” di

cognitivisti e la “seconda”, in cui rientrano proprio gli

102 Chomsky N.A., ibid.


103 Fodor J.A., Mente e linguaggio, Roma-Bari, Laterza, 2001

87
studiosi della Linguistica cognitiva.

Del cognitivismo chomskiano, Lakoff e Johnson rifiutano

il dualismo mente-corpo di ascendenza cartesiana, secondo

cui la mente è definita attraverso le sue funzioni formali,

indipendenti dal corpo, e grammatica e semantica in

maniera separata da tutte le componenti sensomotorie,

figurative e gestaltiche. «In questa nuova linguistica

cognitiva […], il significato non è una relazione astratta tra

simboli o tra questi e i loro referenti»104, così come la

grammatica non è un insieme di strutture formali e

algoritmiche, ma «un insieme di routines cognitive in

continua evoluzione, che vengono configurate, mantenute e

modificate dall’uso linguistico»105, che si radica nelle nostre

strutture corporee e non può essere separato dal lessico e

dalla morfologia, con le quali costituisce un continuum di

strutture simboliche.

2.3. Locke, Vico e Kant: i grandi riferimenti

“mancati” dalla Linguistica Cognitiva

Da circa trecento anni molti filosofi e linguisti europei

hanno anticipato i principi centrali e le scoperte della teoria

104 Formigari L. (2001, p. 271)


105 Langacker R.W., Foundations of Cognitive Grammar, Stanford, Stanford U.P., 1987-1991, p. 57

88
cognitiva della metafora, anche se di ciò, come si è visto,

non hanno tenuto conto gli stessi iniziatori della teoria

cognitiva. Ma, secondo lo studioso Olaf Jäkel106, recuperare

questi contributi dimenticati non sarebbe soltanto una

questione di giustizia storica, ma un’operazione

d’importanza scientifica, in quanto essi potrebbero

apportare sostanziali apporti ed emendamenti alla teoria

cognitiva della metafora.

Sono diversi i contributi antecedenti che hanno parlato della

metafora facendo riferimento a dominii o modelli

“cognitivi”, contributi totalmente trascurati dalla LC, tra i

quali cito di seguito solo alcuni dei più importanti e

conosciuti (qualcuno è già stato menzionato nel corso di

questo lavoro):

John Locke, Essay on Human Understanding (1690);


Giambattista Vico, Princìpi di una scienza nuova (1744);
Immanuel Kant, Kritik der Reinen Vernunft (1781);
Prolegomena zu einer jeden Metaphysik, die als
Wissenschaft wird auftreten können (1783); Kritik der
Urteilschaft (1790);
Johann Gottfried Herder, Abhandlung über den Ursprung
der Sprache (1770);
Ernst Cassirer, Philophie der simbolischen Formen, vol. I
Die Sprache (1923);
Benjamin Lee Whorf, The relation of habitual thought and

106
Jäckel O., “Kant, Blumenberg, Weinrich: Some Forgotten Contributions to the Cognitive Theory of Metaphor” in:
Gibbs R.W., Steen G. (1999), pp. 9-27

89
behavior to language (1939);
Hannah Arendt, Vom Leben des Geistes, vol. I Das Denken
(1971);
G.A. Miller, P.N. Johnson-Laird, Language and Perception
(1976).

Non mi soffermo qui su ognuno dei suddetti lavori ma,

seguendo l’indicazione di Jäkel, è difficile non rimproverare

a Lakoff e Johnson la dimenticanza di uno degli “antenati” a

loro più vicino, il linguista americano Benjamin Lee

Whorf (tra gli iniziatori della Linguistica comparativa),

quando scrive:

[…] possiamo difficilmente riferirci alle più semplici situazioni non

spaziali senza il costante ricorso alle metafore fisiche […] Il nostro

sistema metaforico, definendo esperienze non spaziali tramite

esperienze spaziali, attribuisce a suoni, odori, gusti, emozioni e

pensieri qualità come colori, luminosità, forme, angoli, strutture e

movimenti dell’esperienza spaziale107.

Essi lo citano nella Prefazione di Metaphors We Live By108,

ma solo per la sua famosa ipotesi sul ruolo del linguaggio

nella strutturazione della visione, mentre altrove109 egli è

schedato come un drastico relativista. Non viene mai presa

in considerazione, invece, la posizione sopra citata, che

107
Whorf B.L. (1939, p. 146, 155)
108 Lakoff G., Johnson M. (1998, xi)
109 Lakoff G. (1987, p. 304 sgg)

90
potrebbe essere giustamente considerata precorritrice delle

assunzioni di base della loro teoria della metafora.

2.3.1. Locke e l’analogia

Ancora peggiore è forse il trattamento riservato ad un

pensatore molto più antico e famoso: il filosofo inglese John

Locke, che è condannato da Johnson per il suo rifiuto della

metafora come dispositivo retorico all’interno del discorso

filosofico110, trascurando la possibilità che l’autore alludesse

alle evoluzioni stilistiche del tropo artistico111.

Nel primo capitolo della sua filosofia del linguaggio,

esposta all’interno del Saggio112, Locke espone invece quello

che è forse il principio centrale della LC, vale a dire il

radicamento delle idee astratte nelle sensazioni:

ci aiuterà anche un poco a intendere l’origine di tutte le nostre azioni e

di ogni conoscenza l’osservare quanto sia grande la dipendenza delle

nostre parole dalle idee sensibili comuni; e come quelle di cui si fa uso

perché stiano per azioni e nozioni del tutto remote del senso, abbiano

da quello il loro nascimento, e da idee sensibili ovvie siano trasferite a

significati più astrusi, e portate a stare per idee che non cadono sotto la

cognizione dei nostri sensi; ad esempio, immaginare, apprendere,

comprendere, aderire, concepire, instillare, disgustare, turbamento,

110
Johnson M., “A Philosophical Perspective on the Problems of Metaphor”, in: R.P. Honeck, R.R. Hoffman (a cura di)
Cognition and figurative language, 1980, p.47-67
111 Jäkel O., op.cit.
112 Locke J. (1988)

91
tranquillità, ecc., sono tutte parole tolte dalle operazioni di cose

sensibili e applicate a certi modi del pensiero.113

Ma – e questo è il passo che più ci interessa – il pensatore

inglese si spinge oltre, nel sostenere che tale passaggio dalle

idee sensibili a quelle astratte sia in sostanza fondato

sull’analogia:

[…] le idee delle persone colle quali i bambini (per prendere solo

questi ad esempio) hanno commercio, sono, come le persone stesse,

soltanto delle idee particolari […] e, come se fossero là dentro dei

ritratti di quelle persone, rappresentano soltanto questi individui. […]

Più tardi, quando il tempo e una conoscenza più vasta hanno fatto loro

osservare che ci sono tante altre cose nel mondo, le quali in certe

comuni concordanze di forma, e in molte altre qualità, rassomigliano

al loro babbo e alla loro mamma, e a quelle persone che hanno avuto

l’abitudine di frequentare, essi vengono a formarsi un’idea, della quale

trovano che partecipano quei molti particolari; e a quest’idea,

conformemente ad altre persone, essi danno per esempio il nome di

uomo. E così vengono ad avere un nome generale, un’idea generale.114

(corsivo mio)

«Detto sarcasticamente, l’unico errore di Locke sarebbe

stato quello di non aver parlato di queste “parole tolte dalle

operazioni delle cose sensibili e applicate a certi modi del

pensiero”115 esplicitamente come di metafore concettuali».116

113 Locke J., ivi, p. 454


114 Locke J., ivi, p. 463
115 Locke J., ibid.

92
Inoltre, credo si possa affermare che la generale concezione

empirista della conoscenza proposta da Locke sia

traducibile (e sviluppabile) nel concetto di mente incarnata

(embodied mind) proposto dai teorici della LC:

[…] noi non abbiamo alcuna idea che non ci sia venuta originalmente

dagli oggetti sensibili che sono fuori di noi, o da ciò che sentiamo

dentro noi stessi, dall’interiore operare del nostro spirito, di cui siamo

interiormente consapevoli di fronte a noi stessi117,

un “operare” che è, direttamente o indirettamente, una

elaborazione delle “idee di sensazione”.

Esempi di idee complesse sono i concetti di “durata” ed

“estensione”, sulla cui origine Locke si sofferma, giungendo

a conclusioni che, in maniera semplificata, sono del tutto

simili a quelle sulla proiezione metaforica tra due dominii

concettuali – in questo caso quelli di durata (tempo) e di

estensione (spazio) – nella LC (e con la differenza che

Locke non parla di “metafora” ma di “analogia”):

E se i nomi delle cose possono in alcun modo orientare i nostri

pensieri a scoprire l’origine delle idee degli uomini […], si avrà forse

motivo di pensare che sia ritenuto esistere una qualche analogia fra la

continuazione dell’esistenza, […] e la continuazione della solidità,

[…]; e ciò ha dato origine a parole così simili come durare e durum

116
Jäkel O., ivi, p. 12
117
Locke J., ivi, p. 455

93
esse. E che durare sia applicato all’idea di durezza quanto a quella di

esistenza lo vediamo in Orazio, Epod. XVI, ferro duravit secula. 118

(corsivo mio)

Altro ruolo fondativo della lingua e della conoscenza

proprio della metafora è ravvisato da Locke, come si è già

accennato, nel processo della catacresi, con cui prendono

forma tutte le parole, nonostante nemmeno in questo caso

egli utilizzi il temine “metafora”.

Concludendo, credo si possa affemare, in termini attuali,

che Locke consideri il meccanismo analogico-metaforico

come un processo linguistico fondativo, non solo dal punto

di vista del significato ma anche del significante (con la

catacresi).

2.3.2. Kant e i concetti di intuizione, simbolo e

schema

Immanuel Kant sostiene che la conoscenza umana abbia

due radici:

- la comprensione concettuale;

- l’intuizione sensibile.119

L’”intuizione” (Anschauung) è, nell’epistemologia kantiana,

118
Locke J., ibid.
119Kant I., Critica della della ragion pura (a cura di Chiodi P.), Torino, UTET, 1986 (tit.orig. Kritik der reinen
Vernunft, 1781)

94
momento cruciale della conoscenza:

In qualunque modo e con qualunque mezzo una conoscenza possa

riferirsi a oggetti, certo il modo in cui vi si riferisce immediatamente,

ed a cui ogni pensiero tende, come suo mezzo, è l’intuizione. Ma

questa si riscontra soltanto quando l’oggetto sia dato; il che è, a sua

volta, possibile, per noi uomini almeno, solo se l’oggetto agisce, in

qualche modo, sul nostro animo. […] ogni pensiero, mediante certe

note, deve, direttamente o indirettamente, riferirsi, infine, a intuizioni,

e quindi, in noi, alla sensibilità perché, diversamente, non ci può esser

dato oggetto alcuno.120 (corsivo mio)

Vi sono però anche concetti privi di una diretta

corrispondenza con l’esperienza sensibile. Tali concetti

devono allora essere “sensibilizzati” indirettamente. E’

questa una funzione della mente umana definita da Kant

intuizione simbolica. Non mi sembra esagerato affermare

l’esistenza di una corrispondenza tra quest’ultima e la

metafora concettuale di Lakoff e Johnson, anche se il

termine utilizzato nella trattazione kantiana non è – come

non lo è in Locke – quello di “metafora”, ma quello di

“simbolo”:

Tutte le intuizioni che sono sottoposte a concetti a priori sono dunque

schemi o simboli, e le prime contengono esibizioni dirette del

concetto, le seconde indirette. Le prime procedono dimostrativamente,

120
Kant I., ivi, par. B 33

95
le seconde per mezzo di una analogia (per la quale ci serviamo di

intuizioni empiriche), in cui il Giudizio compie un doppio ufficio, in

primo luogo di applicare il concetto all’oggetto di una intuizione

sensibile, e poi, in secondo luogo, di applicare la semplice regola della

riflessione su quella intuizione ad un oggetto del tutto diverso, di cui il

primo non è che il simbolo.121

Il filosofo parla però anche di analogia. Si prenda ad

esempio questo passaggio, innegabilmente attualissimo,

sulla concettualizzazione del “tempo”:

Il tempo non è altro che la funzione del senso interno, ossia

dell’intuizione di noi stessi e del nostro stato interno. […] Ed è

proprio perché questa intuizione interna non ha alcuna figura che noi

cerchiamo di porvi rimedio con analogie, rappresentando la

successione temporale con una linea che va all’infinito […] Dal che

risulta chiaro che la rappresentazione del tempo è un’intuizione essa

stessa, essendo possibile esprimere tutti i suoi rapporti per mezzo di

una intuizione esterna.122 (corsivo mio)

Qui è proposta l’analogia:

TEMPO = LINEA INFINITA

Nelle opere kantiane troviamo, però, diversi altri esempi di

“analogia”, tra i quali:

- RELAZIONI LEGALI IN UNA COMUNITÀ = ATTRAZIONE

121
Kant I., Critica del giudizio (trad. di Gargiulo A.), Roma-Bari, Laterza, 1996 (tit.orig. Kritik der Urteilschaft, 1790),
par. 59
122
Kant I., ivi, par. B 50

96
MECCANICA E REPULSIONE DI CORPI (1783, par. 58123);

- CREAZIONE DIVINA = OPERA D’ARTE (1781, par. B 655;

1783, par. 57; 1790, par. 90).

Viene anche sottolineata da Kant la funzione epistemologica

di tali concettualizzazioni:

attraverso tale analogia io posso raggiungere una concettualizzazione

relazionale di cose che mi sono completamente sconosciute124,

il che è ancora meglio esemplificato in queste altre analogie:

- STATO = MACCHINA

- STATO = ESSERE VIVENTE (1790, par. 59),

che il filosofo tedesco sostiene servano a sottolineare aspetti

differenti del concetto di Stato (nel primo caso gli aspetti

dispotici e assolutistici tipici del regime monarchico, nel

secondo gli aspetti democratici della repubblica). Inoltre, la

similarità non è ontologica, vale a dire, non è tra uno Stato

dispotico e una macchina:

in tutti e due i casi la rappresentazione è soltanto simbolica. Non c’è, è vero,

alcuna somiglianza tra uno stato dispotico e un mulino a braccia; ma

l’analogia sta tra le regole con cui riflettiamo sulle due cose e la loro

causalità. Questo fatto è stato finora poco chiarito, sebbene meriti un più

123
Kant I., Prolegomeni ad ogni futura metafisica (traduzione italiana di Carabellese P.), Roma-Bari, Laterza, 1995
(tit.orig. Prolegomena zu einer jeden Metaphysik, die als Wissenschaft wird auftreten können, 1783)
124
Kant I., Prolegomeni ad ogni futura metafisica (traduzione italiana di Carabellese P.), Roma-Bari, Laterza, 1995,
par. 58

97
profondo esame […].125

Rifacendoci al gergo della LC, tale somiglianza potrebbe

tranquillamente stare per le relazioni analogiche tra gli

elementi e le loro connessioni funzionali nel dominio-target

e nel dominio-fonte istituite attraverso la metafora

concettuale.

Più diretta, anche terminologicamente, mi sembra essere la

relazione tra il concetto di schema in Kant e nella LC:

[…] io chiamo schema di un concetto la rappresentazione del

procedimento generale mediante cui l’immaginazione appronta al

concetto stesso la sua immagine126,

seppure con alcune differenze relative alla sua radice

(“pura” o “a priori” in Kant, empirico-esperienziale in

Lakoff e Johnson)127:

[…] lo schema di concetti sensibili (come delle figure nello spazio) è

un prodotto, e per così dire un monogramma, dell’immaginazione

pura a priori, tramite il quale e secondo il quale le immagini

acquistano la loro stessa possibilità128.

Ciò nonostante, resta valido anche in Kant il riferimento

ultimo dello schematismo “trascendentale” e della nostra

capacità di pensiero alla nostra struttura fisico-corporea:

125
KantI. (1996, par. 59)
126 Kant I. (1986, par. A 140, B 180)
127 cfr. nota 96
128 Kant I., ivi, par. B 181, A 142

98
E’ tuttavia chiaro che gli schemi di sensibilità, benché realizzino

primieramente le categorie, nel contempo, però, anche le restringono

ossia le vincolano a condizioni che stanno fuori dell’intelletto (cioè

nella sensibilità). Perciò lo schema è propriamente soltanto il

fenomeno o il concetto sensibile di un oggetto in accordo con la

categoria.129 (corsivo mio)

Con quest’ultima considerazione, Kant sembra voler

ridimensionare la “purezza”, la non empiricità degli schemi,

che a questo punto, a mio avviso, presentano una notevole

somiglianza concettuale con gli schemi cognitivi adottati in

LC e nelle attuali Scienze Cognitive.

L’apporto kantiano alla LC può essere sicuramente quello

del radicamento epistemologico della teoria della metafora

mentre, viceversa,

quella “più profonda investigazione” che il fenomeno linguistico e

cognitivo della metafora merita secondo Kant [cfr. il sopra citato

passaggio 1790, par. 59] può essere preteso da Lakoff e Johnson come

loro autentico risultato.130

2.3.3. Vico e la logica poetica

Come si è visto in precedenza, Giambattista Vico è il

pensatore moderno che più si avvicina all’attuale

interpretazione dei processi metaforici in senso cognitivo. E,

129 Kant I., ivi, par. B 186, A 147


130JäkelO. (1999, p. 14)

99
a differenza degli altri autori appena analizzati, egli utilizza

esplicitamente il temine “metafora”. Essa, insieme agli altri

tropi, fa parte della logica poetica, modalità di

interpretazione del reale, fondata essenzialmente

sull’istituzione di analogie tra oggetti anche molto differenti

tra loro, che è una capacità originaria nell’uomo:

di questa logica poetica sono corollari tutti i primi tropi, dei quali la

più luminosa e, perché luminosa più necessaria e più spessa è la

metafora, ch’allora è vieppiù lodata quando a cose insensate ella dà

senso e passione […] ch’i primi poeti dieder a’ corpi l’essere di

sostanze animate, sol di tanto capaci di quanto essi potevano, cioè di

senso e di passione, e sì ne fecero le favole; talché ogni metafora sì

fatta viene ad essere una picciola favoletta131;

[…] i fanciulli con l’idee e nomi d’uomini, femmine, cose, ch’hanno

la prima volta vedute, apprendono ed appellano tutti gli uomini,

femmine, cose appresso, c’hanno con le prime alcuna somiglianza o

rapporto […] questo era il naturale gran fonte de’ caratteri poetici, co’

quali naturalmente pensarono e parlarono i primi popoli132 (corsivo

mio).

Anche per Vico la metafora ha funzione di catacresi, nel

suo originario nominare le cose astratte attraverso termini

già attribuiti alle cose sensibili:

[…] tutti i tropi […], i quali si sono finora creduti ingegnosi ritruovati

131
Vico G., La scienza nuova, secondo l’edizione del 1744 (a cura di Rossi P.), Milano, Rizzoli, 1977, p.263
132
Vico G., ivi, p. 269

100
degli scrittori, sono stati necessari modi di spiegarsi di tutte le prime

nazioni poetiche, […] ma poi che, col più spiegarsi la mente umana, si

ritrovano le voci che significano forme astratte, o generi comprendenti

le loro spezie, o componenti le parti co’ loro intieri, tai parlari delle

prime nazioni sono divenuti trasporti [= traslati]. E quindi

s’incomincian a convellere que’ due comuni errori de’ grammatici:

che ‘l parlare de’ prosatori è proprio, improprio quel de’ poeti; e che

prima fu il parlare da prosa, dopoi del verso.133

Ché la prima maniera ch’usarono gli uomini di rozzamente filosofare

fu la αύτοψία o l’evidenza de’ sensi134.

Qui è evidente anche il rifiuto della metafora come figura

appartenente esclusivamente al discorso poetico, posizione

estremamente innovativa rispetto a quelle degli autori

contemporanei.

Il procedimento metaforico non produce però solo nuove

parole, ma anche nuove idee, ed è questa la funzione

cognitiva che Vico pare ravvisare nella metafora:

[…] da questi principi: di concepir i primi uomini della gentiltà l’idee

delle cose per caratteri fantastici di sostanze animate, e, mutoli, di

spiegarsi con atti o corpi ch’avessero naturali rapporti all’idee (quanto,

per esempio, lo hanno l’atto di tre volte falciare a tre spighe per

significare “tre anni”) […]: da questi prinicìpi, diciamo, tutti i filosofi

e tutti i filologi dovevan incominciar a trattare dell’origini delle lingue

133 Vico G., ivi, p. 267


134 Vico G., ivi, p. 327

101
e delle lettere.135

Inoltre, la logica poetica è originaria non solo nella

filogenesi, ma anche nell’ontogenesi umana:

[…] questa prima età del mondo si può dire con verità occupata

d’intorno alla prima operazione della mente umana.136

Il contributo che Vico può dare alla teoria cognitiva della

metafora è, a mio avviso, il richiamo alla diacronia (anche

attraverso il recupero dell’etimologia delle parole), che è

invece un tipo di analisi assente nella LC, la quale si

focalizza piuttosto sulle strutture sincroniche prodotte dalla

metafora concettuale.

In ultimo, è importante citare un autore a noi

contemporaneo ma precedente l’opera dei Linguisti

Cognitivi: il tedesco Harald Weinrich137, che si è spinto

forse più di tutti vicino alla teoria della LC, nell’elaborare i

concetti di image donor field (che equivale al dominio-

fonte) e di image recipient field (che corrisponde al

dominio-target). La teorizzazione di Weinrich può essere

considerata la vera e propria anticipazione europea attuale

della teoria cognitiva della metafora.

135
Vico G., ivi, p. 281
136
Vico G., ivi, p. 326
137 Weinrich H. “Münze und Wort: Untersuchungen an einem Bildfeld“ (1958) (’Denaro e parola: ricerche su di un
image field’) in: Weinrich Sprache in Texten, Stuttgart, Klett, 1976

102
La componente che è importante ravvisare in Weinrich è

l’invito a non trascurare un approccio più propriamente

linguistico, se è vero, ad esempio, che nella loro analisi

della metafora Lakoff e Johnson non distinguono mai

neppure tra nome e verbo.138

Una considerazione finale: si tratta di studiosi non

primariamente coinvolti nello studio del linguaggio, che

“inciampano” nel problema della metafora a un certo punto

delle loro ricerche gnoseologico-epistemologiche. Possiamo

considerare ciò come un’ulteriore conferma della necessità

di una definizione non soltanto linguistica ma anche

cognitivo-concettuale della metafora.

3.1. Marcel Danesi e la metafora come elemento di

interconnessione semiotica

E’, a mio avviso, Marcel Danesi che si inquadra nel filone

di studi della Linguistica Cognitiva, a rompere l’isolamento

delle teorie metaforologiche della LC, operando – in

maniera diffusa ed esauriente – un raccordo tra queste

ultime e la tradizione della riflessione sul linguaggio. Egli,

138
JäkelO. (1999)
Lawler J. “Metaphors We Live By, by George Lakoff, & Mark Johnson” in Language, n. 59 pp.201-207

103
concentrando i suoi studi nell’area cognitiva, connette gli

esiti delle ricerche linguistiche, neurologiche, psicologiche,

psicopedagogiche, di filosofia del linguaggio (tra le altre

discipline), e propone la nascita di un settore di studio

interdisciplinare imperniato proprio sulla metafora.

Vediamo di seguito su quali basi teoriche.

Nel suo saggio Metáfora, pensamiento y lenguaje139, il

semiologo e metaforologo canadese propone di adottare una

posizione teorica che, ripresa da studiosi attuali come i

Linguisti Cognitivi, e che gli ultimi studi neurofisiologici

sembrano confermare, egli considera nella sua sostanza già

esposta, come si è visto, da Vico140: il discorso metaforico è

il frutto del pensiero immaginativo (logica poetica), nel

senso che i concetti astratti necessitano di un processo di

tipo iconico-analogico per poter essere costruiti. Dunque, il

ponte tra pensiero logico-simbolico ed esperienza sensoriale

è proprio la metafora.

Tale procedimento metaforico – che Lakoff ha idoneamente

definito concettuale – è per Danesi all’opera in tutti i sistemi

simbolici, verbali e non verbali (cinesico, prossemico,

gestuale, musicale, figurativo…). Anzi, è proprio la

139 Danesi M. (2004)


140
Vico G., La scienza nuova, secondo l’edizione del 1744 (a cura di Rossi P.), Milano, Rizzoli, 1963

104
metaforizzazione il processo alla base della concatenazione

semiotica tra i diversi codici rappresentativi elaborati e

utilizzati dagli esseri umani.141

3.1.1. La metafora linguistica

La relazione tra pensiero e lingua è dunque sostanzialmente

iconica e questa iconicità caratterizza tutti i livelli del

discorso:

- a livello fonetico abbiamo fenomeni di iconicità fonica

(analizzati, tra gli altri, da Morris Swadesh142) nei termini

che esprimono i concetti di [lontananza] e [vicinanza]: nel

primo caso troviamo più spesso suoni chiusi come [e] o [i]

(italiano qui, vicino, questo, inglese here, near, this); nel

secondo suoni aperti come [a], [ε] (italiano là, lontano,

inglese there,far);

- a livello morfosintattico abbiamo l’esempio delle parole

numerabili e parole non numerabili che si comportano

diversamente nella pluralizzazione: le prime, la cui

costruzione è ricavata metaforicamente dall’immagine della

regione delimitata, sono quantificabili e formano il plurale

141 Va detto che lo studio dell’interconnessione tra sistemi simbolici di una cultura fu iniziato negli anni ’20 da Sapir e
ed è tipico dell’Antropologia Culturale contemporanea. Più in generale, le interrelazioni tra linguaggio, cultura e realtà
sono oggetto di studio dell’Antropologia Cognitiva, disciplina nata negli anni ’60 negli USA e che si occupa di studiare
i processi cognitivi di base degli esseri umani.
142
Swadesh M., The Origin and Diversification ofLanguage, Chicago, Aldine-Atherton, 1971

105
(es. foglia/foglie); le seconde, che riflettono regioni senza

confini, non sono individuabili in singole unità e non hanno

la forma plurale (es. grano)143;

- anche la grammaticalizzazione è evidentemente basata

sul processo metaforico-concettuale. Solo un esempio: in

italiano la preposizione in (che riflette l’immagine

dell’inclusione in un [contenitore] o [territorio]) si utilizza

per i concetti di [competenza], [ragione], [idea] (es.

“questo non rientra nella mia competenza”; “non mi viene

in mente la ragione per cui lo ha detto”; “questa idea è in

uso da molto tempo”).

3.1.2. Metafora e gestualità

La gestualità (che Ekman e Friesen144 hanno distinto in tipi

funzionali diversi) è un codice di comunicazione non

verbale che può accompagnare il procedere del discorso

orale (gesto illustrativo), disegnando nello spazio forme

precise, quasi a voler “illustrare” ciò di cui si sta parlando.

Alcuni gesti, oltre a darci informazioni sulla provenienza

etnica e sullo stato socioculturale ed emotivo del parlante,

fungono da segnali regolatori del discorso, che esprimono il

143
Langacker R.W. (2002)
Ekman P., Friesen W., “The Repertoire of Nonverbal Behavior: Categories, Origins, Usage and Coding” in
Semiotica n.1, pp. 49-98
144

106
grado di accettazione, partecipazione o interessamento

all’intervento dell’interlocutore. Ruolo simile, e più o meno

consapevole, hanno anche le espressioni del viso.145

Le varie manifestazioni della gestualità, anche quelle

convenzionali (come, per esempio, agitare la mano in segno

di saluto) o rituali (pensiamo ai riti religiosi), insieme a tutta

una serie di segnali di tipo cinesico, prossemico,

paralinguistico, intonazionale, sembrano suggerirci che «il

corpo parla metaforicamente»146, trasmettendo significati

anche attraverso il canale non verbale, significati a volte

ulteriormente informativi rispetto a quelli espressi

verbalmente.

3.1.3. Metafora e sistemi culturali

Un modo ancora più calzante per illustrare la metafora come

interconnessione tra diversi sistemi rappresentativi è quello

di analizzare il comportamento di uno stesso termine o

veicolo metaforico in ambiti culturali diversi. Prendiamo

l’esempio della parola “punto”:

- geometria (dominio originario): ente geometrico

fondamentale non ulteriormente scomponibile, privo di

145
Danesi M. (2004), Cacciari (2001)
146 Danesi M. (ivi, p. 98)

107
dimensioni (es. punto di intersezione);

- musica (es. punto di valore);

- ortografia (es. punto e virgola), da cui derivano diverse

espressioni linguistiche (es. “mettere un punto”, “punto e

basta”);

- percezione (es. “la nave è ormai un punto

all’orizzonte”);

- dato il suo utilizzo in cartografia, si sono imposti diversi

modi di dire metaforici (es. “punto panoramico”, “punto

vendita”, “punto nevralgico”, “punto d’incontro”, “punto

vita”, “punto di forza”), da cui si sono sviluppate ulteriri

espressioni metaforiche, che esprimono il concetto di

“momento, istante in cui qualcosa si verifica” (es. “siamo

arrivati a un punto morto”; “è cotto al punto giusto”;

“posso resistere fino a un certo punto”; “siamo ancora al

punto di partenza”).

- linguaggi tecnico-scientifici di vari settori: aeronautica

(punto aereo); geografia (punto cardinale); meccanica

(punto morto); fisica (punto di fusione); termodinamica

(punto critico); contesti di valutazioni (esami, concorsi,

prove di vario tipo).

108
Tutte queste espressioni deriverebbero dalla metafora

concettuale [IDEE = ATTIVITÀ VISIVE], di cui è caso

particolare la metafora [IDEE = FIGURE GEOMETRICHE]. Dalle

caratteristiche fondamentali del concetto nel suo dominio

iniziale (quello geometrico, appunto) scaturirebbero poi i

suoi usi metaforici negli altri dominii culturali.

Un altro tipo di interconnessione si ha nell’utilizzo di un

temine come tenore, metaforizzato da termini appartenenti a

dominii diversi. Ad esempio, il concetto di [giustizia], che

può dar luogo alle seguenti metafore: [GIUSTIZIA =

QUANTITÀ] (es. “soppesare con giustizia”; l’elemento

figurativo della bilancia), [GIUSTIZIA = ENTE] (es. “operare

nel rispetto della giustizia”, l’immagine simbolica della

donna bendata), [GIUSTIZIA = PIANTA] (es. “coltivare

l’ideale della giustizia”).

Infine, un esempio di interconnessione tra linguaggio

corporeo e linguaggio verbale può essere ravvisato nel

linguaggio (di recente elaborazione) degli “emoticons” (in

italiano “faccine”), utilizzato nei sistemi di comunicazione

elettronica (email, sms), simboli che rappresentano dei volti

che esprimono una determinata emozione (Fig.3, si

“leggono” ruotando la testa verso sinistra di 90°).

109
:^) :^( ;^>

Figura 3

Queste sarebbero, come le maschere teatrali e rituali

utilizzate un po’ in tutte le culture umane nelle varie epoche

storiche, una formazione metonimica che rappresenta nel

solo viso l’intera persona.

Per concludere, la manifestazione sistematica dei fenomeni

di connessione nel simbolismo umano implica, per ciò

stesso, che la rappresentazione (verbale o non verbale) non

sia nulla di più di una strategia segnica che permette di

“organizzare” le strutture associativo-metaforiche che

sostengono il pensiero, trasformandole in strutture “esterne”

lineari, nel caso del linguaggio, e/o modulari, nel caso del

gesto, delle arti visive, della musica, ecc., in modo tale da

poterle esprimere fisicamente.147

147
Danesi (ivi, p. 95)

110
PARTE III - RISVOLTI SCIENTIFICI DEGLI STUDI SULLA METAFORA

CAPITOLO 4. La metafora in Psicologia, Intelligenza Artificiale e

Neurofisiologia

1. Psicologia

L’interesse per la metafora in Psicologia non è affatto

recente ed è vivo in diversi settori: nella teoria e nella

pratica clinica – e, in particolare, nel colloquio terapeutico,

dove la ricostruzione dei riferimenti allusivi e metaforico-

simbolici del paziente risulta centrale – così come nelle

ricerche sperimentali, soprattutto per quanto riguarda le

metafore sinestesiche, che rimandano al problema più

generale dell’integrazione dei processi sensoriali; un ruolo

non secondario coprono le metafore ‘pittoriche’, che

chiamano in causa il rapporto tra visione e linguaggio.

Inoltre, la metafora interessa agli psicologi in quanto base

della creatività umana, nella quotidianità come

nell’espressione artistica e scientifica.

1.1. I quadri di riferimento e i modelli teorici

Le due prospettive che attualmente forniscono il quadro di

111
riferimento degli studi sulla metafora come evento

psicologico sono quella di matrice semantico-cognitiva di

Lakoff e quella strettamente psicologica di Glucksberg.

Gli psicologi iniziano ad indagare sistematicamente i

processi metaforici dalla fine degli anni Settanta. Una ben

nota raccolta di tali studi è il già citato testo di Ortony,

Metaphor and Thought, del 1979 (e la seconda edizione del

1993, in cui compaiono nuovi contributi anche di stampo

psicologico).

I modelli psicologici diventati canonici nell’ambito degli

studi psicologici sulla metafora sono i seguenti.

a. Il modello della salience imbalance (sbilanciamento

della salienza) di Ortony (1979), basato sull’idea della

metafora come similitudine metaforica abbreviata (es. “i

sermoni sono come sonniferi” è una similitudine metaforica,

mentre è una similitudine letterale “le api sono come

calabroni”. Di conseguenza, solo la prima può dar luogo a

una metafora, omettendo il “come”). La metafora è

parafrasabile solo a costo di perdere degli aspetti del suo

significato (es. “i sermoni fanno dormire”) e non è

reversibile (es. “il mio chirurgo è un macellaio” ha un

significato diverso, in questo caso opposto, da il mio

112
macellaio è un chirurgo). In certe metafore, ai predicati del

vehicle possono anche essere aggiunti, arricchendoli, dei

predicati ex novo, data la natura olistica dell’immagine

metaforica, che è frutto di un vero e proprio insight. Ciò

aggiunge ad una teoria psicologico-cognitiva della metafora

una componente emotiva non prescindibile, anzi, originaria

nella creazione della metafora148. Così come non si può

trascurare la dimensione immaginativa della comprensione

metaforica, che è evidente anche nella sua influenza sulla

percezione, nel vedere cioè le cose ‘in modo diverso’.

b. Il modello dell’interazione tra dominii di Tourangeau e

Sternberg149, in cui la metafora si basa su un’analogia (del

tipo delle proporzioni che abbiamo visto in Aristotele). Ad

esempio, “Clinton è un pasticcino alla crema” si baserebbe

sull’analogia: Clinton (A) sta agli uomini politici (B) come

un pasticcino alla crema (C) sta a un cibo particolare (I).

Se si rappresentano le parole in uno ‘spazio semantico’

multidimensionale, esiste un concetto I che risolve

l’analogia in modo ottimale, per cui la distanza tra C e I è la

stessa che intercorre tra A e B.

148 Ortony(1993, p. 335)


Tourangeau R., Sternberg R.J., “Aptness in Metaphor” in: Cognitive Psichology, n. 13, 1981; “Understanding and
appreciating metaphors” in: Cognition, n. 11, 1982
149

113
La comprensione della metafora è relativa

all’individuazione delle somiglianze tra le proprietà dei

punti nei rispettivi dominii, mentre la bontà della metafora

dipende proprio dalle differenze tra i dominii. Inoltre,

alcune caratteristiche del vehicle possono essere trasformate

prima di essere applicate al topic, nel qual caso il topic e il

vehicle possono non avere caratteristiche comuni.

Quest’aspetto spiegherebbe il carattere emergente del

significato delle metafore.

c. Il modello della trasposizione di struttura di Gentner e

Clement150, secondo il quale nella trasposizione metaforica

dal dominio del vehicle sul dominio del topic, è rilevante

non solo la sovrapposizione tra le parti ma anche la

coerenza globale delle relazioni. Questo modello è stato

molto impiegato negli studi sul ragionamento (in particolare

di tipo induttivo) e sulla scoperta scientifica.

Si tratta di modelli nati in ambito psicologico che risentono

chiaramente delle suggestioni della ricerca filosofica e

linguistica precedente (da Aristotele a Black e Richards,

fino a Lakoff e Johnson).

150 Gentner D., Clement C., “Evidence for relational selectivity in the interpretation of analogyand metaphor” in: Bower
G.H. (a cura di), The Psichology of Learning and Motivation, Advances in Research and Theory, vol. 22, New York
Academic Press, 1988

114
1.2. L’indagine sperimentale

Lo studio empirico della metafora in psicologia è affidato a

due metodi generali:

a. l’uso di compiti off-line (valutazione della ‘bontà’ della

metafora; il completamento di frase, il ricordo di testi

precedentemente letti), che consentono di stabilire i

fattori che facilitano o inibiscono la comprensione delle

metafore e di monitorare la conoscenza esplicita relativa

a un dato fenomeno;

b. l’uso di compiti on-line (registrazione dei tempi di lettura

e dei tempi di elaborazione di stimoli in particolari

condizioni di facilitazione/interferenza, generalmente

con la tecnica del priming, ossia la presentazione di

stimoli particolari proposti al soggetto prima di quelli su

cui verte il compito), che permettono il monitoraggio in

tempo reale delle modalità di elaborazione cognitiva

della metafora.

Fino agli anni Ottanta, le ricerche psicologiche sulla

comprensione del linguaggio erano basate su una

concezione di tipo lineare (che si riallacciava all’idea di una

distinzione tra linguaggio letterale e linguaggio figurato e

115
alla teoria della metafora di Searle151), per cui la

comprensione di frasi metaforiche si considerava articolata

in tre fasi:

- riconoscimento dell’inadeguatezza del significato

letterale del termine;

- rifiuto di tale significato;

- ricerca di un nuovo significato (figurato), in grado di

dare senso alla frase.

Tale ipotesi si inseriva anche nel quadro teorico fornito

dalla teoria delle massime conversazionali di Paul Grice152,

per cui la metafora, interpretata come asserzione falsa,

sembrerebbe violare la massima della qualità (‘devi dire

sempre ciò che è vero’).

A livello sperimentale, ciò avrebbe dovuto trovare conferma

nella maggior durata dei tempi di elaborazione delle

espressioni metaforiche rispetto a quelle letterali.

Tuttavia, tale posizione è stata smentita a livello

sperimentale per due motivi:

151
Searle J.R., Speech Acts, Cambridge, Cambridge University Press, 1969
Grice H.P., “Logic and conversation” (1969) in: Colee P. e Morgan J. (a cura di) Syntax and Semantics, vol. 3,
Speech Acts, New York, Academic Press, 1975
152

116
a. Sarebbe un’interferenza sperimentale (Glucksberg153),

presente nel compito di dichiarare la verità/falsità

dell’enunciato metaforico, a determinare tempi di

risposta maggiori dovuti alla confusione tra valenza

pragmatica e valenza logica del significato. Ad esempio,

la frase “Il mio avvocato è un pescecane” è falsa dal

punto di vista logico, ma vera dal punto di vista

psicologico-pragmatico. E, in effetti, cambiando le

condizioni sperimentali, le differenze nei tempi di

risposta si annullano.

b. Gli studi sull’accesso al lessico mentale sembrano

concordare su una modalità di elaborazione dei

significati in parallelo, piuttosto che modulare e

sequenziale.

In definitiva, l’elaborazione psicologica della metafora

sembra fondarsi sugli stessi meccanismi alla base

dell’elaborazione del senso letterale. Inoltre, in condizioni

sperimentali ‘neutre’, senso letterale e senso metaforico

verrebbero elaborati parallelamente dal soggetto.

A partire dagli anni Novanta, due teorie si impongono nel

153 Glucksberg S., “How people use context to resolve ambiguità: implications for an interactive model of language
understanding” in: Kurcz I., Shugar G.W., Danks J.H. (a cura di), Knowledge and Language, Amsterdam, North
Holland, 1984

117
panorama attuale degli studi psicologici sulla metafora:

a. La teoria di Lakoff e Johnson, in cui la metafora è – come

si è visto – il fondamento della cognizione umana. L’ipotesi,

affascinante sul piano filosofico, non è però supportata da

verifiche sperimentali, che dovrebbero riguardare campi

linguistici e non linguistici.

b. La teoria di Glucksberg e Keysar154, che considera la

metafora come fonte di nuova conoscenza non ancora

codificata a livello linguistico, in quanto gli aspetti salienti

del vehicle formerebbero il prototipo di una nuova categoria

sovraordinata, a cui spesso non corrisponde un nome, e di

cui il topic stesso entrerebbe a far parte. Ad esempio, nella

metafora: “il mio lavoro è una prigione”, il vehicle

’prigione’, oltre alla sua referenza letterale (di luogo fisico),

ne acquista una nuova (di costrizione psicologica), di cui il

termine prigione diventa l’elemento prototipico. E ciò ha

una conseguenza importante: una volta che il topic e il

vehicle entrano a far parte della nuova categoria

sovraordinata, non c’è più conflitto tra il significato letterale

e quello figurato, e quest’ultimo è letteralmente vero in

relazione alla nuova categoria. In tale ottica, è il livello del


154
elaborata a partire da: “Understanding metaphorical expressions: Beyond similarity” in: Psichological Review, n. 97,
1990 e sviluppata in lavori successivi.

118
discorso e del contesto extralinguistico a entrare in gioco nel

processo di interpretazione, inoltre, la bontà della metafora

dipenderebbe da quanto il vehicle è emblematico,

prototipico, della categoria a cui dà luogo.

In generale, i recenti studi psicologici sulla conoscenza

concettuale hanno portato a considerare i concetti come

degli aggregati estemporanei di caratteristiche, funzionali

agli scopi del momento, che ne determinano l’attivazione

(Barsalou155). Tali categorie ad hoc (come ad esempio ‘regali

di compleanno’ o ‘cose da portar via se la casa va a fuoco’)

rendono conto di fenomeni come la combinazione e il

movimento concettuale, nonché della predicazione

metaforica.

Altrettanto recente e influente è la teoria della

concettualizzazione come blending (Fauconnier, Turner156),

‘mescolanza’, ‘miscela’, secondo la quale si stabiliscono

corrispondenze tra dominii concettuali diversi, che portano a

produrre mescolanze di concetti negli spazi mentali. Tale

capacità cognitiva faciliterebbe la comprensione di analogie,

155 Barsalou W., “Ad hoc concepts” in: Memory and Cognition, n. 11, 1983; “Ideals, central tendency, and frequency of
instantiation as determinants of graded structure in concepts” in: Journal of Experimental Psychology, n.4, 1985;
“Intraconcept similarity and its implications for interconcept similarity” in: Vosniadou S., Ortony A. (a cura di),
Similarity and analogical reasoning, Cambridge, Cambridge University Press, 1989
156 Fauconnier G., Mental Spaces, Cambridge, Cambridge University Press, 1994; Turner M., “Blending as a central
process of grammar” in: Goldberg A. (a cura di), Conceptual Structure, Discourse, and Language, Stanford, CSLI,
1996

119
controfattuali, metafore e l’elaborazione di influenze di

diverso tipo. In quest’ottica, la comprensione di analogie e

metafore è considerata come un caso particolare del

processo di “mescolamento” concettuale.

Ad esempio, la frase (controfattuale):“In Francia il

Watergate non avrebbe danneggiato Nixon” fa sì che si

stabiliscano delle corrispondenze tra elementi della politica

francese e di quella americana, creando anche strutture

parallele nei due spazi; vengono inoltre suggerite inferenze

sul sistema politico francese e sul temperamento dei

francesi.

Gli esiti degli attuali studi sulla metafora in Psicologia

sperimentale sembrano condurre a questa conclusione: la

differenza tra frasi letterali e metaforiche non risiederebbe

tanto in una diversa modalità di comprensione, ma

soprattutto nel tipo di informazione concettuale attivato.

1.3. Un caso sperimentale: le metafore

sinestesiche

Uno tra i più frequenti tipi di metafora è rappresentato dalla

sinestesia. La sua frequenza è tale che spesso se ne

dimentica l’origine figurata. Per inciso, va detto che se tutti

120
siamo in grado di utilizzare metafore sinestesiche (quando

affermiamo, ad esempio, che “un colore è caldo” o “un

suono è acuto”), pochissimi sono i sinesteti, coloro, cioè,

che trovano naturale associare a uno stimolo proveniente da

un canale sensoriale un altro stimolo appartenente a una

modalità sensoriale diversa. Tale capacità, comunque, avalla

fortemente l’ipotesi di un’architettura percettiva fortemente

interconnessa, sia a livello unimodale (cioè nell’ambito di

una stessa modalità sensoriale) che a livello cross-modale.

Due sono i principali approcci della ricerca sul linguaggio

sinestesico:

a. l’approccio tassonomico, che mira a individuare le

modalità sensoriali verso cui più frequentemente si

sposta il trasferimento sinestesico;

b. l’approccio psicofisico, che descrive le caratteristiche

fisiche degli specifici segnali di volta in volta utilizzati

nell’associazione sinestesica (es. l’altezza o il timbro del

suono, la luminanza di un segnale luminoso, ecc.).

Gli studi recenti in questo campo d’indagine hanno

dimostrato che, accanto a un profondo radicamento nel

nostro sistema percettivo e cognitivo, vi è però anche una

121
componente culturale che influisce sulla formazione delle

sinestesie. Ad esempio, noi occidentali - seguendo la linea

esplicativa del De Anima di Aristotele - siamo portati a

considerare centrali gli stimoli visivi, che consideriamo più

affini alla conoscenza concettuale. Pensiamo, ad esempio, a

espressioni quali “illuminazione”, “vederci chiaro”. Ciò

non avviene nel mondo ebraico, dove - come è evidente

dalla lettura della Bibbia - la base della conoscenza è

rappresentata dall’udito. La Rivelazione, ad esempio, è un

evento principalmente acustico.

2. Intelligenza Artificiale

Nell’Intelligenza Artificiale (IA) la metafora è stata sempre

un po’ bistrattata e questo in quanto si presentava come una

violazione delle regole di buona formazione semantica, in

un settore in cui la regola, l’istruzione da impartire

all’elaboratore, è praticamente tutto.

Sono due le grandi linee teoriche che hanno influenzato e

influenzano gli studi sulla metafora in IA:

a. l’approccio composizionale (Fodor e Katz157), che

considera le regole di elaborazione semantica delle

regole di natura composizionale in senso stretto. In

157
Fodor J.A., Katz J.J.,“The Structure of a Semantic Theory” in: Language, 1963

122
quest’ottica, l’interpretazione metaforica, violando le

regole semantiche letterali, deve fondarsi su regole

composizionali specifiche per ogni metafora;

b. l’approccio concettuale (Lakoff e Johnson 1980; Lakoff

1993; Gibbs 1980158), che considera le metafore non

come una violazione di regolarità, ma come ciò stesso

che rende possibile il processo di significazione

attraverso una lingua, in quanto rappresenta il ponte tra

la semantica astratta del linguaggio e la base cognitiva in

cui questa affonda.

L’elaborazione di modelli teorici e computazionali della

metafora risulta importante nell’elaborazione dei motori di

ricerca, che non sono ancora in grado di interpretare frasi

dal senso figurato. Ma c’è di più: la metafora costituisce

oggi un banco di prova per l’intera disciplina (nonché per

l’intero ambito delle Scienze cognitive), lanciata verso le

nuove frontiere della simulazione (robotica situata, agenti

autonomi), che iniziano a considerare la metafora come il

cardine della cognizione: un’operazione cognitiva

fondamentale che consente ad agenti autonomi di ricavare

un modello del proprio ambiente in base a un processo di


158
Gibbs R.W., “Spilling the beans on understanding and memory for idioms in conversation” in: Memory and
Cognition, n. 36, 1980

123
acquisizione di una sua descrizione metaforica

(metaforizzazione dell’ambiente). Il settore che se ne sta

occupando è quello della cosiddetta machine learning,

centrato sullo sviluppo di sistemi artificiali di elaborazione

di metafore basati sull’apprendimento analogico.

Da questo punto di vista, è centrale la teoria di Indurkhya159

che, basandosi sull’approccio interazionista alla metafora

nella tradizione filosofica (Black 1962, Ricoeur 1975),

sostiene che, data l’innegabile pervasività del fenomeno

della metafora nella conoscenza umana, essa vada inserita

all’interno di un quadro teorico generale sulla cognizione.

Della sua teoria Indurkhya fornisce una versione

matematica (nel quadro della Semantica formale), che si

può schematizzare come segue.

L’interazione è costituita da un lato dalle rappresentazioni

interne dell’agente cognitivo (reti concettuali, CN),

dall’altro dai dati sensomotorii (SDS), la cui ontologia è

determinata dalle capacità percettive e motorie dell’agente

cognitivo. Tra CN e SDS si instaurano le relazioni cognitive

(RC), che diventano così il collegamento tra i concetti

dell’agente e gli elementi della realtà. La rete concettuale

159
Indurkhya B., Metaphor and Cognition: an Interationist Approach, Kluwer Academic Publishers, 1992

124
formata dalle relazioni cognitive è detta modello cognitivo.

Nel suo sforzo di mantenere la coerenza allo scopo di

progettare azioni efficaci, l’agente cognitivo cerca di

mantenere le strutture di CN e dell’ambiente più vicine

possibile, in modo da farle idealmente combaciare. La

coerenza viene preservata mediante due meccanismi:

a. l’accomodamento: viene cambiata la struttura di CN e

tenuta ferma quella di RC;

b. la proiezione: viene mantenuto fisso CN e modificato

RC.

Un modello di tale teoria è dato da Spinner, un agente

semplice che abita un mondo bidimensionale in cui incontra

(e percepisce) solo linee verticali o oblique di una certa

lunghezza. Se Spinner incontra linee di lunghezza diversa, il

vecchio modello concettuale si dimostrerà incoerente, per

cui dovrà utilizzare un nuovo raggruppamento degli

elementi dell’ambiente sulla base di una CN esistente,

compiendo così un’operazione metaforica (Fig. 4).

125
RETE
DOMINIO
CONCETTUALE
SORGENTE
SORGENTE

RELAZIONE COGNITIVA METAFORICA

RETE
DOMINIO
CONCETTUALE
OBIETTIVO
OBIETTIVO

Figura 4 (Stojanov, 2002)

In un modello di questo tipo, è facile capire come alcuni

studiosi interpretino l’instaurazione dell’analogia come una

sorta di percezione di alto livello.

3. Neurofisiologia

Classicamente la corteccia cerebrale è stata distinta in aree

separate, in base alla funzione da esse svolta. Tra queste,

venivano identificate aree motorie, che si occupano del

movimento, aree sensoriali, per l’elaborazione

dell’informazione sensoriale, e aree associative, coinvolte

nella percezione.

Oggi questa visione localistica del nostro cervello è stata

abbandonata, in favore di quella che considera le funzioni

cognitive a carico di circuiti che coinvolgono più aree del

cervello e che operano in maniera parallela. Tali

126
collegamenti reciproci si instaurano anche tra aree motorie e

aree sensoriali, cosicché viene a cadere una separazione

netta tra azione e percezione.

3.1. Metafore nel cervello?

Un’architettura neurale, costituita da un gran numero di

nodi (o neuroni) altamente interconnessi, sembra avere –

come si è visto nel paragrafo precedente – un principio di

economia funzionale del tutto simile a un procedimento

metaforico. Ciò che i modelli in IA hanno cercato di

descrivere sembra avvenire effettivamente nel cervello:

quando l’individuo si trova di fronte a situazioni nuove che

evocano schemi di attività neurale parzialmente

sovrapponibili (dal punto di vista spaziale e temporale) a

schemi precedenti, tali schemi sembra vengano rinforzati e

progressivamente perfezionati e differenziati. Per questo

possiamo dire che una rappresentazione non si costruisce

mai ex novo, ma sempre a partire da qualche

rappresentazione preesistente. Un esempio di ciò è

l’apprendimento di una capacità sensomotoria nuova come,

per esempio, suonare il pianoforte. All’inizio, la mano

sinistra (nel destrimane) non riesce a muoversi

autonomamente e tende a seguire la destra, come se, in

127
assenza di circuiti specifici per la sinistra, il nostro cervello

tendesse a utilizzare quelli della mano dominante, almeno in

maniera provvisoria fino allo sviluppo – per via analogica –

dei nuovi circuiti specializzati per la mano non dominante.

Consideriamo ora un altro esempio di procedimento

metaforico a livello cerebrale: nella scimmia, il circuito

parieto-frontale della corteccia cerebrale è responsabile del

riconoscimento pragmatico dell’oggetto. Tale

riconoscimento avviene determinando le caratteristiche di

afferrabilità e manipolabilità dell’oggetto. L’area F5 della

corteccia premotoria ventrale, che è coinvolta nel suddetto

circuito, contiene due tipi di neuroni visuomotori:

a. i neuroni canonici, che si attivano durante l’esecuzione

di azioni finalizzate ma anche se al soggetto vengono

presentate azioni interessanti. In questo momento, il

soggetto realizza una rappresentazione pragmatica che a

livello neurologico può essere considerata come una

“metafora” dell’oggetto in termini motori. Si tratta di una

capacità che si origina nel periodo infantile, quando il

sistema visivo non è ancora sviluppato e la conoscenza

del mondo esterno si basa prevalentemente sulla

esplorazione motoria manuale. Il processo di

128
metaforizzazione dell’oggetto sembra avvenire attraverso

il collegamento, all’interno della corteccia premotoria

ventrale, tra l’area F5 e l’area intraparietale anteriore

(AIP), che contiene neuroni manipolatori simili a quelli

diF5;

b. i neuroni mirror, un’altra classe di neuroni presenti in

F5, che si attivano quando il soggetto esegue un’azione

finalizzata o quando osserva un altro individuo compiere

quell’azione.

Ulteriori studi neurofisiologici hanno determinato la

presenza del sistema mirror anche nell’uomo, nel quale,

durante l’osservazione di azioni eseguite da altri individui,

si attivano l’area di Broca (considerata omologa alla F5

nella scimmia), l’area frontale del linguaggio, un settore del

lobo parietale e un settore del lobo temporale. Il

coinvolgimento dell’area di Broca (che è implicata anche

nell’elaborazione del linguaggio) appoggia l’ipotesi per cui

il linguaggio sarebbe derivato dalla comunicazione gestuale,

basata proprio sulla comprensione reciproca delle azioni

osservate. Nel corso dell’evoluzione, a tale sistema non

verbale si sarebbe poi associata la modalità fono-acustica.

L’aspetto interessante per questo lavoro, come si è detto, è


129
che anche il sistema mirror può essere considerato, in

termini biologici, un sistema metaforico, in quanto utilizza il

repertorio motorio noto per interpretare analogicamente

qualcosa di ignoto, vale a dire, le azioni svolte da altri. Una

configurazione visiva (ad es. una mano che si muove

velocemente chiudendosi all’improvviso su un oggetto)

viene interpretata in termini motori, che l’individuo conosce

meglio.

Tali rappresentazioni metaforiche sono importanti anche

perché sono coinvolte nel riconoscimento del significato

delle azioni, nell’attribuzione di intenzionalità a un altro

individuo, nell’apprendimento di nuove abilità motorie.

Esse, inolte, come si è visto, costituiscono probabilmente un

sistema proto-linguistico, per cui il sistema mirror sarebbe

anche all’origine del linguaggio.

130
CAPITOLO 5. La metafora in Epistemologia

L’Epistemologia nasce formalmente all’inizio del XX

secolo come regolamentazione del linguaggio scientifico (e

metascientifico)160. Ma, nel corso della riflessione filosofica

precedente, non è certo mancato questo tipo di contributi.

Da Cartesio, che fonda il metodo scientifico sulla base delle

“idee chiare e distinte”, si afferma un punto di vista che – in

opposizione alla conoscenza del mondo pre-rinascimentale,

di tipo metaforico (in cui le analogie erano considerate nessi

ontologici, cioè presenti nel mondo reale) – attribuisce alla

scienza un linguaggio formale ed univoco, basato su temini

teorici incontrovertibili, simili agli enti matematici. In tale

concezione, la metafora, ambigua e polivalente, non trova

spazio.

Tuttavia, negli anni Cinquanta del XX secolo (in

corrispondenza con la fase finale del Neopositivismo), si

inizia a sostenere che il principio della formalità e del rigore

non può essere applicato alla fase ideativa della scoperta

scientifica (il cosiddetto contesto della scoperta

160Wittgenstein L., Tractatus logico-philosophicus, Torino, Einaudi, 1964 (ed.orig. 1961); Carnap R., Testability and
Meaning (1937) in: Feigl H., Brodbeck (a cura di), Readings in the Philosophy of Science, New York, Appleton-
Century-Croft, 1953

131
scientifica161), i cui processi mentali non solo non sono

sottoponibili al rigore dimostrativo, ma sembrano essere

caratterizzati da una logica più aperta, fondata

sull’approssimazione, sulla creatività e sull’immaginazione

e che può attingere a termini e concetti di ambiti anche

molto diversi tra loro, fra cui quello del linguaggio

quotidiano. Si tratta di processi di pensiero meno formali e

più euristici, spesso di tipo metaforico e analogico.

E’ solo nelle fasi successive che un nuovo termine-concetto

viene comunicato e, se ha successo, si cristallizza come

nuovo termine scientifico. Si pensi ad esempio al “big

bang” (“grande botto”) che era nato in un contesto di critica

e di ridicolizzazione della nuova teoria sull’origine

dell’universo e che si è poi imposto a designarla

“istituzionalmente”. Altri esempi sono l’utilizzo di “codice”

(un concetto semiotico) in biologia o la formazione del

termine “intelligenza artificiale” (che fonde un concetto

legato agli studi sulla cognizione con un concetto relativo

agli studi sui computer).

La comparsa di un nuovo concetto scientifico, inoltre,

comporta una ridefinizione delle categorie circostanti e dei

161
Popper K.R., Logica della scoperta scientifica, Torino, Einaudi, 1970 (ed.orig. 1934)

132
loro significati, fino a sconvolgere l’intero ambito

disciplinare, ritagliandolo diversamente e riorganizzandolo

nei campi tematici.

Il primo ad aver giustapposto l’uso delle immagini e dei miti

al ragionamento astratto e non figurato è stato Platone, per il

quale la descrizione delle verità più alte spettava comunque

alle immagini. Ancora oggi, gli scienziati più brillanti si

servono di immagini per descrivere entità e fenomeni che

altrimenti sarebbero difficili da comprendere se non

attraverso un linguaggio altamente tecnico. Si pensi, ad

esempio, ai “buchi neri”.

Quanto si è detto porta a negare la tradizionale

incompatibilità tra il linguaggio quotidiano e quello

letterario da un lato, più liberi e informali, e quello

scientifico dall’altro, visto come mezzo di informazione

tendente a un’ideale assoluta assiomatizzazione.

Anche nella scienza, «la metafora comporta nel suo darsi

proprio il metá-phérein del suo etimo, sposta al di là, fuori

dal campo originario.»162

Negli anni Settanta, si diffonde un nuovo interesse

epistemologico per la metafora, alla quale viene attribuito


162
Gagliasso E. (2002)

133
un ruolo sui generis in campo scientifico, diverso da quello

che svolge in campo letterario.

Max Black (1964) distingue tra metafore sostitutive (o

esegetiche o pedagogiche) e metafore costitutive (o

interattive). Le prime sono una sorta di esemplificazione,

perché servono a spiegare meglio un fenomeno scientifico,

mentre le seconde creano nuovi concetti o addirittura nuovi

territori del sapere. Ma lo stesso intento pedagogico-

didascalico delle metafore interattive può agire nella mente

del singolo soggetto come elemento chiarificatore e

determinare degli insights metaforici alla base di nuove

formulazioni, assumendo così un ruolo parzialmente

costitutivo.

Va, inoltre, sottolineato come lo stabilizzarsi di un termine

metaforico sia un processo negativo in letteratura (le

metafore morte sono meno interessanti e hanno perso il loro

impatto iniziale), ma positivo in ambito scientifico, in cui

una metafora cristallizzata acquista efficacia esplicativa e

può dar luogo a una vera e propria genealogia di “metafore

figlie”.

Il risvolto negativo degli usi metaforici in campo scientifico

può però essere quello di identificare il linguaggio con la

134
realtà, mentre attenzione va sempre fatta a mantenere il

piano linguistico-descrittivo separato da quello ontologico

(dal momento che il linguaggio non è mai il fenomeno).

Bisogna, insomma, evitare che lo slittamento progressivo tra

metafore, concetti e termini teorici finisca per determinare

una loro reificazione ontologica. E’ un esempio di metafora

reificata il termine “organon” che nella sua origine greca

designava una parte della strumentazione di macchine

balistiche e che è poi passato a designare l’essere vivente

(“organismos”), fino ad arrivare all’organicismo attuale che

si contrappone paradossalmente al riduzionismo fisico

(dimenticando che il suo etimo metaforico è, invece, proprio

legato al concetto di macchina).

Infine, la flessibilità dei concetti metaforici sembra più

consona al funzionamento reale della mente umana.

Attraverso la loro caratteristica di “indecidibilità

connotativa”, queste figure del discorso congiungono fattori

mentali tradizionalmente contrapposti in ambito filosofico e

scientifico: descrizioni vs. motivazioni, astrazione vs.

corporeità. Inoltre, la loro funzione di collegamento tra

l’esperienza fisico-corporea e quella concettuale163 sembra

163
Lakoff G., Johnson M. (1998)

135
rispecchiare le modalità effettive attraverso cui noi esseri

umani esperiamo la realtà.

Il ritardo, nel mondo occidentale, con cui si è giunti alla

scoperta di questo radicamento biologico sarebbe proprio

alla base di un “analfabetismo da propriocezione”, cioè di

una scarsa sensibilità, nel sentire diffuso, nei confronti della

propria corporeità164.

164
Gagliasso E., op.cit.

136
CAPITOLO 6. Approcci “extra-cognitivi” alla metafora

A ulteriore riprova della pervasività del fenomeno

metaforico, riporto alcuni esempi di studio della metafora in

settori esterni alle Scienze Cognitive, ma che rientrano

comunque, nella sfera della cultura, la quale può essere

considerata diretta espressione delle capacità e delle attività

cognitive degli esseri viventi umani e animali.

1. Psicoanalisi

Un interessante esempio di funzionamento del procedimento

metaforico nell’ambito dei processi inconsci del pensiero e

dell’emotività umani si ritrova nella teoria psicoanalitica di

Sigmund Freud165, che è anche la prima proposta di lettura

della metafora in chiave non puramente linguistica né logica

né retorica.

La nuova tecnica di cura dei pazienti nevrotici e psicotici

fondata da Freud alla fine dell’Ottocento era basata

essenzialmente sulla parola, vale a dire, sulla narrazione

della propria esperienza di dolore. Attraverso la tecnica

delle associazioni libere, in cui il paziente poteva evocare

165Freud S., L’interpretazione dei sogni, Torino, Boringhieri, 1997 (ed.orig. 1899); Introduzione alla psicoanalisi,
Torino, Boringhieri, 1994 (ed.orig. 1915-17); Psicopatologia della vita quotidiana, Torino, Boringhieri, 1998 (ed.orig.
1904); Il motto di spirito e la sua relazione con l’inconscio, Torino, Boringhieri, 1905; “Il poeta e la fantasia”, in Opere
complete 1905-1908, vol. V, Torino, Boringhieri, 1972 (ed.orig. 1907)

137
liberamente sensazioni, concetti, sentimenti, si giunge

all’interpretazione del sintomo, che è il percorso opposto a

quello realizzato dall’inconscio nel “celare” l’oggetto del

dolore, rendendolo inaccessibile alla coscienza. Questo

contenuto inaccettabile non può però scomparire, ma rimane

latente nella psiche assumendo altre forme, più o meno

patologiche.

Freud parla di due meccanismi fondamentali utilizzati

dall’inconscio, che agiscono non solo nel malato con la

formazione del sintomo nevrotico o psicotico, ma sono

presenti anche nelle persone sane, ad esempio nel lapsus o

nel motto di spirito. Tali meccanismi sono lo spostamento e

la condensazione.

a. Lo spostamento consiste nel trasferimento

dell’accentuazione e dell’intensità di una

rappresentazione psichica ad un’altra, collegata ad essa

da una catena di legami associativi. Nel sogno, ad

esempio,

il risultato di questo spostamento è che il contenuto onirico non

somiglia più al nucleo dei pensieri del sogno e che il sogno riflette

soltanto una deformazione del desiderio onirico esistente

138
nell’inconscio166.

Nella nevrosi ossessiva, invece, lo spostamento

circoscrive l’angoscia a una serie di rituali

insignificanti. Il meccanismo della censura utilizzato

dall’inconscio privilegia, infatti, a scopo di difesa, le

rappresentazioni affettivamente indifferenti, molto

distanti dal conflitto reale.

b. La condensazione, invece, è la concentrazione di più

elementi psichici in un’unica raffigurazione, dotata di

forte intensità. Nel sogno,

è come se agisse una forza che sottopone il materiale a una pressione,

a una concentrazione. A causa della condensazione, un elemento del

sogno manifesto può quindi corrispondere a numerosi elementi dei

pensieri onirici latenti; e, viceversa, un elemento dei pensieri onirici

può essere rappresentato nel sogno da più immagini167.

La condensazione lavora in stretta associazione con lo

spostamento: le energie psichiche legate ai singoli pensieri

vengono spostate altrove e poi condensate in un unico

elemento. Sempre nel sogno, ad esempio, si può avere la

condensazione di più persone (o di loro caratteristiche)

in uno stesso individuo, oppure due parole possono

fondersi in un neologismo. Ciò avviene anche nella


166
Freud (1997, p. 284)
167 Freud (1994, p. 135)

139
formazione dei sintomi, nei lapsus, nelle dimenticanze e

nei motti di spirito.

Uno degli allievi di Freud, Jacques Lacan, è il primo

analista a interpretare la logica dell’inconscio come un vero

e proprio linguaggio, anzi, più correttamente, alla stregua

del linguaggio cosciente, in cui l’operazione dello

spostamento è considerata un’operazione metonimica,

mentre quella della condensazione è l’equivalente di

un’operazione metaforica.

Ma già Freud, in Al di là del principio di piacere (1919),

parla di un “linguaggio immaginifico” e di un “lavoro della

fantasia”, essenziali non solo alla pratica clinica, ma alla

stessa teoria psicoanalitica. Secondo Francesco Orlando168,

la figuralità e la logica mitica, irrazionale e simbolica

utilizzata dalla Psicoanalisi, la avvicinano alla narrazione

letteraria. Anche perché le figure non attingono soltanto al

patrimonio affettivo dell’individuo, ma anche al contesto

culturale e storico in cui è inserito e che è ricco di simboli,

che sono il frutto di trasferimenti di tipo metaforico (nella

concezione ampia di metafora che si è qui considerata).

Ritornando a Lacan, considerare l’inconscio come una sorta

168
Orlando F., Per una teoria freudiana della letteratura, Torino, Einaudi, 1973

140
di “capitolo censurato” del libro della storia personale del

paziente, che non gli è più – o non ancora – disponibile,

vuol dire vedere l’interpretazione psicoanalitica come un

tentativo di ricollegare un significante (il sintomo, il sogno,

il lapsus, ecc.) al suo significato reale. Le formazioni

dell’inconscio sono tutte strutturate linguisticamente, ma

come una sorta di linguaggio cifrato, che occorre

decodificare.

Anche se le […] leggi [dei pensieri dell’inconscio] non sono affatto

quelle dei nostri pensieri, nobili o volgari, di ogni giorno, sono però

perfettamente articolati169.

Dire che l’inconscio è strutturato come un linguaggio vuol

dire, in prima istanza, che esso è una combinatoria di

elementi discreti. Lo psicoanalista è l’interprete di questo

luogo Altro, che custodisce significati che riguardano la

propria sofferenza, e dal quale il paziente si attende appunto

il recupero del senso dei sintomi di cui soffre.

Alla base di tale concezione dell’inconscio vi è il ricorso

alla linguistica saussuriana (attraverso le categorie di

significante e significato) da una parte e a quella di

Jakobson (attraverso i concetti di metafora e metonimia)

169
Lacan J., Una questione preliminare ad ogni possibile trattamento della psicosi in: Scritti, Torino, Einaudi, 1974
(ed.orig. 1955-56), p. 544

141
dall’altra. Il discorso inconscio è dunque strutturato secondo

due assi: l’asse della sostituzione e della sincronia (quello

della metafora) e l’asse della combinazione e della

diacronia (quello della metonimia).

In virtù di tutto ciò, il sintomo è metafora, in cui è

condensata la significazione inaccessibile al soggetto,

significazione che riemerge, attraverso l’interpretazione,

risalendo a monte della catena significante che va dal

trauma profondo (il represso) al sintomo.

Infine, per Lacan, non tutto dell’inconscio diventa sapere

(anche per questo la Psicoanalisi non è una scienza esatta) e

per questo motivo egli afferma che la sua non è una vera e

propria linguistica, ma una “linguisteria”170.

2. Antropologia

La metafora, in quanto aspetto fondamentale della

comunicazione umana, svolge un ruolo centrale nel

rafforzare costrutti culturali o nel modificarli. Per questo

motivo essa fornisce informazioni fondamentali all’analisi

antropologica.

Come gli studi antropologici attestano continuamente, non

sempre le metafore hanno forma linguistica: nei rituali tipici


170
Lacan J., Radiofonia. Televisione, Einaudi, Torino, 1982, p.69

142
di una cultura, ad esempio, esse sono espresse da azioni.

Inoltre, ogni artefatto umano può avere sia una valenza

“letterale” che metaforica. Un recinto, ad esempio, serve sì

a delimitare una proprietà e a tenere fuori ospiti indesiderati,

ma può anche veicolare, metaforicamente, informazioni

sullo stato economico e sociale del proprietario.

All’interno di un rituale religioso, una metafora può essere

utilizzata per descrivere una forza cosmica e veicolare una

vera e propria visione del mondo. Nella Grecia antica, ad

esempio, la ragione veniva descritta dai filosofi come “il re

del cielo”.

L’antropologo non dà importanza eccessiva alla singola

metafora, ma all’insieme delle metafore utilizzate da un

gruppo umano. Anzi, pare proprio che una concezione del

mondo abbia difficilmente un sistema concettuale unificato,

nel senso che spesso le metafore che lo costituiscono sono

contrastanti, dando vita così a un sistema flessibile.

Ogni gruppo sociale sviluppa nel tempo una “cultura” o

insieme condiviso di categorie e concetti interrelati, che

influisce sulle esperienze comuni della collettività e sulle

143
azioni del singolo. Tale cultura è a sua volta in continuo

adattamento alle condizioni esterne: ecologiche,

economiche, sociali. L’antropologo può così studiare questo

adattamento all’ambiente da parte di un gruppo sociale

attraverso l’uso e lo spostamento dei contenuti delle

metafore. Più concretamente, le associazioni metaforiche –

che si snodano solitamente dall’astratto al concreto e hanno

lo scopo di colmare lacune logiche o di conferire maggiore

intensità emozionale ai concetti – si trovano, ad esempio,

nei proverbi, negli indovinelli, nelle sinestesie, nel teatro e

nelle attività rituali. La logica preverbale, analogica e legata

alla sensibilità tipica del linguaggio metaforico, associata al

linguaggio verbale razionale (nella metafora linguistica),

supera le divisioni categoriali tipiche di quest’ultimo, come

le dicotomie animato vs. inanimato, cosmico vs. biologico,

umano vs. animale.

Gli indovinelli, basandosi sull’inganno che ci spinge a

considerare un dominio concettuale piuttosto che un altro,

sembrano proprio uno “scherzo”, un prendersi gioco

dell’eccessiva rigidità delle nostre categorie concettuali. Ad

esempio, l’indovinello “What is black and white and red all

over?” è indecifrabile se lo traduciamo così: “Cosa è bianco

144
e nero e rosso ovunque?”, mentre la frase acquista un altro

senso e l’indovinello viene risolto nel momento in cui la

sequenza fonetica [rεd] viene interpretata come il participio

passato di read, cioè “letto”: la risposta è a questo punto “il

giornale”.

Molte culture hanno utilizzato l’immagine dell’uovo che si

schiude e dà vita a un uccello che vola, trasferendola in

contesti rituali. In Nuova Guinea, ad esempio, la

progressione uovo-uccello viene connessa per analogia alle

tombe-santuari degli antenati, per cui il teschio di un parente

morto viene considerato simile a un uovo, mentre lo spirito

si libera dal guscio per volare via, come un uccello. Si è così

realizzata una metafora. In India meridionale, il processo

uovo-uccello viene collegato analogicamente a un mito sulla

nascita di un essere primordiale da un universo

indifferenziato, collegamento che si concretizza

nell’utilizzo, in alcuni rituali, di una pignatta rotonda piena

d’acqua (considerata analoga all’uovo) che, attraverso la

recita di versi magici e il compimento di gesti rituali, si dice

venga trasformata in un corpo cosmico, il quale si unisce

alle forze spirituali del mondo che sta al di sopra, così come

l’uccello, uscito dall’uovo, si congiunge al cielo.

145
Questi rituali, con il loro ricorso a input sensoriali, sono

creativi ed energizzanti e fungono da mezzo di

comunicazione con una realtà soprannaturale che non si

conosce. Dunque, le metafore servono a estendere la nostra

comprensione oltre i confini verbali, attraverso una

potenzialità concettuale che il pensiero analogico-sensoriale

e quello logico-verbale presi singolarmente non possiedono.

E il meccanismo della metafora/metonimia rappresenta uno

dei mezzi principali per mantenere il collegamento tra questi

due livelli del pensiero.171 E’ forse un modo, per gli uomini

di tutte le culture, di riavvicinarsi, animisticamente,

all’ambiente che abitano.

2.1. L’analisi sperimentale: il metodo etnografico

Il modo migliore per cercare di rinvenire i nessi associativi

alla base delle metafore in Antropologia è il metodo

etnografico. L’etnografo si reca per un certo periodo presso

la popolazione che intende studiare e, attraverso l’utilizzo di

tecniche specifiche come l’osservazione e l’intervista, ne

studia i riti, i rituali, le cerimonie, le norme, le credenze, i

comportamenti, gli artefatti (tra cui le opere d’arte).

171
BeckB.E. (1991)

146
In uno studio sugli indiani Apache Occidentali172 sono state

studiate una serie di metafore (definite “parole sagge” dalla

popolazione oggetto di studio). Tali parole, che sottendono

sempre un’analogia, sono proferite dagli anziani, che sono

esonerati dai compiti quotidiani ed hanno più tempo per

conversare ed elaborare queste analogie. Esse veicolano in

modo indiretto giudizi negativi su alcuni comportamenti. Un

esempio: i ragazzini sono fulmini, nel senso che sono

imprevedibili e, dal momento che saltano da un posto

all’altro senza riflettere, spesso causano danni.

Il raro dono di chi produce una metafora (che già Aristotele

considerava come un segno del genio) consente di

intravedere nuove categorie di significato prima di altri e,

per questo motivo, è apprezzata non solo dai filosofi o dai

critici letterari, ma anche dalla gente comune. E’

interessante, a questo proposito, riportare il discorso di un

consulente Apache pronunciato nel congedare l’etnografo:

Peccato che tu non abbia cercato prima di imparare qualcosa sulle

parole sagge. Quando ero giovane, gli anziani qui ne inventavano

continuamente di nuove. Solo alcuni lo facevano ed erano quelli che

parlavano meglio di tutti. Alcuni volevano provare ma non ci

riuscivano, e così smettevano. Adesso tu sai che cosa voglono dire

172
Basso K.H. (1991)

147
alcune “parole sagge” – è quello che ci hai chiesto di insegnarti. Ma

non ne hai ancora inventata nessuna. Forse quegli anziani ti avrebbero

insegnato come facevano. E’ difficile farlo e devi sapere molte cose su

tutto. Questi anziani erano arguti: uno di loro ne inventava una nuova

e subito altre persone incominciavano a usarla. Non l’avevano mai

sentita prima, ma quando era buona li faceva contenti e li faceva

ridere. Va ancora così quando qualcuno ne inventa una. Ma solo i

buoni parlatori possono inventarle in quel modo. Sono quelli che

davvero parlano Apache. Sono quelli che inventano le “parole sagge”

senza aver bisogno di usare quelle di qualcun altro. Io non so come

facciano: è qualcosa di speciale che loro sanno.

Concludendo con le parole di un etnografo:

nella metafora – forse in maniera più plateale che in qualsiasi altra

forma di espressione simbolica – linguaggio e cultura si riunificano e

mostrano la loro fondamentale inseparabilità. Una teoria dell’uno che

escluda l’altra finirà inevitabilmente per danneggiare entrambi 173.

173
Basso K.H., op.cit.

148
Conclusioni

Fin qui si è mostrata la pervasività del fenomeno della

metafora nei processi cognitivi dell’essere umano. Ma la

metafora rimane essenzialmente un oggetto semiotico, in

quanto processo di spostamento di significanti e,

specularmente, di significati. E’ questa sua caratteristica

relativamente astratta il motivo per cui i modelli linguistico-

semiotici della metafora sono, come si è visto, un costante

punto di riferimento per l’elaborazione di nuovi costrutti

teorici da parte di studiosi di discipline diverse, come la

Psicologia, la Neurobiologia, l’Intelligenza Artificiale,

l’Antropologia, l’Epistemologia.

Oggetto semiotico dunque, ma anche elemento di

interconnessione tra le discipline, al punto che

sarà forse attraverso lo studio della metafora che si potrà sviluppare

una nuova interfaccia tra i loro diversi punti di vista.174

Ho parlato di oggetto semiotico (e non prettamente

linguistico) perché la metafora, come si è dimostrato,

permea di sé i linguaggi più diversi utilizzati da un essere

multiformemente intelligente come l’Homo Sapiens

174
BeckB.E. (1991, p. 319)

149
Sapiens. Vi è metafora nel linguaggio verbale quotidiano,

nel linguaggio politico e istituzionale, nell’espressione

artistica (letteraria, figurativa, musicale, corporea) e,

come abbiamo visto, persino nel linguaggio scientifico,

che si è a lungo presunto razionalmente distaccato,

univoco e formale.

Vi è metafora nel metalinguaggio, quando si tenta di

tradurre un linguaggio diverso o un diverso livello di

discorso in parole idonee. Anche qui, spesso, ci

soccorrono immagini metaforiche come, per esempio, nel

descrivere un brano musicale come cupo o come

brillante, come “imponente” o “maestoso”.

Ho, infine, parlato – riprendendo l’omologo concetto di

Marcel Danesi – di metafora come oggetto di

interconnessione semiotica. Lo reputo assumibile in due

sensi diversi ma correlati:

- a livello del fenomeno descritto, dove è evidente una

connessione transdisciplinare, nel senso di una pluralità

di svolgimenti di una stessa struttura metaforica in forme

di espressione diverse: linguistica (nei diversi tipi di

gergo), gestuale, musicale, tecnico-scientifica, ecc.

150
- a livello della descrizione del fenomeno, per cui la

metafora – alla luce della rassegna di studi che in questo

lavoro si è presentata e che ha cercato di mettere in luce

la proficuità e interdisciplinarità dell’oggetto scientifico –

può essere proposta come tematica centrale nel processo

di ricongiungimento dei diversi contributi apportati dalle

varie discipline di studio al perseguimento di un obiettivo

unico, che risale ai primordi della storia della civiltà e che

resta – al di là della sofisticatezza dei mezzi e delle

tecniche con cui lo si persegue – profondamente

filosofico: quello della conoscenza di se stesso da parte

dell’Uomo. E il concetto di metafora è uno degli

strumenti probabilmente più proficui offerto a questo

vastissimo e, anche per questo, ambiziosissimo cammino

di riflessione.

151
BIBLIOGRAFIA

Aristotele, Poetica, cap. 21 in Opere, vol.10/2, Bari, Laterza, 1997

Aristotele, Retorica, libro III in Opere, vol. 10, Bari, Laterza, 1991

Asher R.E. (a cura di), The Encyclopedia of Language and Linguistics, Oxford, J.M.Y. Simpson,
1994

Basso Keith H., “Le “parole sagge” degli Apache Occidentali: metafora e teoria semantica” in:
Cacciari C. Teorie della metafora. L’acquisizione, la comprensione e l’uso del linguaggio figurato,
Milano, R. Cortina, 1991

Battisti Carlo, Giovanni Alessio (a cura di), Dizionario etimologico italiano, Firenze, G. Barbera,
1968

Beccaria Gian Luigi (a cura di), Dizionario di linguistica, Torino, Einaudi, 1994

Beck Brenda E., “La metafora come mediatore tra pensiero semantico e pensiero analogico” in:
Cacciari C. Teorie della metafora. L’acquisizione, la comprensione e l’uso del linguaggio figurato,
Milano, R. Cortina, 1991

Black Max, “More about metaphor” (1962) in: Ortony Andrew (a cura di) Metaphor and Thought,
Cambridge, Cambridge University Press, 1993 (1a ed. 1979)

Black Max, ”Metaphor” in: Models and Metaphors. Studies in Language and Philosophy, Ithaca,
Cornell University Press, 1972 (tr.it. Modelli e metafore, Parma, Pratiche, 1983)

Bühler Karl, “On Thought Connection” (1908) in: Rapaport David (a cura di), Organization and
Pathology of Thought, New York, Columbia University Press, 1951

Cacciari Cristina, “Il rapporto tra percezione e linguaggio attraverso la metafora” in: Lorusso A.M.
(a cura di), Metafora e conoscenza. Da Artistotele al cognitivismo contemporaneo, Milano,
Bompiani, 2005

Cacciari Cristina, Psicologia del linguaggio, Bologna, Il Mulino, 2001

Cacciari Cristina, Teorie della metafora. L’acquisizione, la comprensione e l’uso del linguaggio
figurato, Milano, R. Cortina, 1991

Calvi G., ‘Metafora’ in: Politica, vocabolario, a cura di Lorenzo Ornaghi, Jaka Book, 1996

Caramelli Nicoletta, “ Psicologia e metafora. Interpretazioni e problemi nella ricerca recente” in:
Lorusso A.M. (a cura di), Metafora e conoscenza. Da Artistotele al cognitivismo contemporaneo,
Milano, Bompiani, 2005

Chiazza Silvana, La metafora tra scienza e letteratura, Firenze, Lemonnier, 2005

Coccoli Guido, Marrone Caterina (a cura di), Simbolo metafora linguaggi, Roma, Gutenberg, 1998

152
Cortelazzo Manlio, Zolli Paolo, Dizionario etimologico della lingua italiana, Bologna, Zanichelli,
2004

Danesi Marcel, Metáfora, pensamento y lenguaje – Una perspectiva viquiana de teorización sobre
la metáfora como elemento de interconexión, Sevilla, Minima del CIV, 2004

Davidson Donald, “What Metaphors Mean” in: Sacks S. (a cura di) On Metaphor, Chicago, The
University of Chicago Press, 1979

De Mauro Tullio, Linguistica elementare con esercizi di verifica, Bari, Laterza, 2003

Di Ciaccia Antonio, “Simbolo, metafora, linguaggio” in: Coccoli G., Marrone C. (a cura di)
Simbolo metafora linguaggi, Roma, Gutenberg, 1998

Dizionario enciclopedico italiano Treccani, vol. VII, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana,
1970)

Dizionario etimologico della lingua italiana, Rusconi Libri, 2003

Dubois Jean, Dizionario di linguistica, Bologna, Zanichelli, 1979

Eco Umberto, La metafora nel Medioevo latino in: Lorusso A.M. (a cura di) Metafora e
conoscenza, Milano, Bompiani, 2005

Eco Umberto, Semiotica e filosofia del linguaggio, Torino, Einaudi, 1997 (1a ed. 1984)

Falaschi Giovanni, Fedi Roberto, Avviamento alla letteratura e manuale di stile (Collana Studi sul
Linguaggio, sulla Comunicazione e sull’Apprendimento, diretta da Roberto Fedi e Marcel Danesi),
Perugia, Guerra, 1998
Fogassi Leonardo, “Il sistema motorio come metafora della realtà” in: Morabito C., La metafora
nelle scienze cognitive, Milano, McGraw-Hill, 2002
Fogassi Luigi, “La metafora nel cervello: il punto di vista neurofisiologico” in: Lorusso A.M. (a
cura di) Metafora e conoscenza. Da Aristotele al cognitivismo contemporaneo, Milano, Bompiani,
2005

Formigari Lia, Teorie della metafora (Dispense universitarie, Università di Roma “La Sapienza”),
2003

Freeman Sharpe Ella, “Esame della metafora” in: R. Fliess (a cura di), Letture di psicoanalisi, 1972

Gaeta Livio, Luraghi Silvia (a cura di), Introduzione alla Linguistica Cognitiva, Roma, Carocci,
2003
Gagliasso Elena, “Usi epistemologici della metafora e metafore cognitive” in: Morabito C., La
metafora nelle scienze cognitive, Milano, McGraw-Hill, 2002

Galimberti Umberto (a cura di), Enciclopedia di Psicologia, Milano, Garzanti, 1999

Gibbs Raymond W.Jr., Steen Gerard J. (a cura di), Metaphor in Cognitive Linguistics – Selected
papers from the 5th International Cognitive Linguistics Conference (Amsterdam, July 1997),
Amsterdam-Philadelphia, John Benjamin Publishing Company, 1999

153
Gola Elisabetta, La metafora nell’intelligenza artificiale in: Morabito C. (a cura di), La metafora
nelle scienze cognitive, McGraw-Hill, 2002

Grice Herbert Paul, “Logic and Conversation” in: Cole P., Morgan J.J. (a cura di), Syntax and
Semantics, vol.3, New York, 1975

Guidorizzi Giulio, Testi antichi sulla metafora, Milano, Unocopli, 1984

Johnson Mark, “Some constraints on embodied analogical understanding” in: Helman D.H. (a cura
di) Analogical Reasoning. Perspectives of Artificial Intelligence, Cognitive Science, and
Philosophy, Kluwer Academic Publishers, 1988

Johnson Mark, The body in the mind: the bodily basis of meaning, reason, and imagination,
Chicago, University of Chicago Press, 1987

Kant Immanuel, Critica del giudizio (trad. di Gargiulo A.), Roma-Bari, Laterza, 1996

Kant Immanuel, Critica della della ragion pura (a cura di Chiodi P.), Torino, UTET, 1986

Kant Immanuel, Prolegomeni ad ogni futura metafisica (traduzione italiana di Carabellese P.),
Roma-Bari, Laterza, 1995

Lakoff George, Johnson Mark, Metafora e vita quotidiana (Collana Strumenti Bompiani diretta da
Umberto Eco), Milano, Bompiani, 1998 (ed.orig. Metaphors We Live By, 1980)

Lakoff George, The Contemporary theory of metaphor in: Ortony Andrew (a cura di), Metaphor
and Thought, Cambridge, Cambridge University Press, 1993

Lakoff George, Women, Fire, and Dangerous Things: What Categories Reveal about the Mind,
Chicago-London, University of Chicago Press, 1987

Langacker Ronald W., Concept Image, and Symbol, Berlin-New York, Mouton de Gruyter, 2002

Lawler John M., “Metaphors We Live By, by George Lakoff, & Mark Johnson” in Language, n. 59
pp. 201-207

Legrenzi Paolo, Prima lezione di scienze cognitive, Roma-Bari, Laterza, 2002

Locke J., Saggio sull’intelligenza umana (traduzione di Pellizzi C., revisione di Farina G.), Bari,
Laterza, 1988

Lorusso Anna Maria (a cura di), Metafora e conoscenza. Da Artistotele al cognitivismo


contemporaneo (Collana Studi Bompiani - Il campo semiotico diretta da Umberto Eco), Milano,
Bompiani, 2005

Montanari Federico, Tradurre metafore? Metafore che traducono in: “Versus 85/86/87 Quaderni di
studi semiotici gennaio-dicembre 2000 – Sulla traduzione intersemiotica” (a cura di Nicola Dusi,
Siri Nergaard) , Milano, Bompiani, 2002

Morabito Carmela, La metafora nelle scienze cognitive, Milano, McGraw-Hill, 2002

Ortony Andrew (a cura di), Metaphor and Thought, Cambridge, Cambridge University Press, 1993
(1a ed. 1979)

154
Pagnoni Giuseppe, “Metafore e neurofisiologia” in: Morabito C. La metafora nelle scienze
cognitive, Milano, McGraw-Hill, 2002

Penco Carlo, Uomini, topi e formiche: riflessioni sulla scienza cognitiva, dispense pubblicate su
internet (Sito dell’Università degli studi di Genova), 2004

Pessa Eliano, Penna M. Petronilla, Manuale di scienza cognitiva, Bari, Editori Laterza, 2000
Rey J.M., Le doublet de la métaphore in: “Littérature” n.18, maggio 1975

Richards Ivor Angstrom, La filosofia della retorica, Milano, Feltrinelli, 1967 (ed.orig. The
philosophy ofrhetoric, New York, Oxford University Press, 1936)

Ricoeur Paul, La metafora viva: dalla retorica alla poetica : per un linguaggio di rivelazione,
Milano, Jaca Book, 1976 (ed.orig. La metaphore vive, Seuil, Paris 1975)

Rosch Eleanor, “Principles of Categorization” in: Rosch E., Lloyd B.B. (a cura di), Cognition and
Categorization, Hillside, N.J., Lawrence Earlbaum, 1978

Savoca Giuseppe, Introduzione allo studio della metafora, Catania, Libreria Ed. Bonaccorso, 1976

Searle John, “Metaphor” in: Ortony A. (a cura di), Metaphor and Thought, Cambridge, Cambridge
University Press, 1993 (1a ed. 1979)

Stojanov Georgi, “Metafora e analogia nell’Intelligenza Artificiale” in: Morabito C. (a cura di), La
metafora nelle scienze cognitive, Milano, McGraw-Hill, 2002

Tabossi Patrizia, Intelligenza naturale e intelligenza artificiale. Introduzione alla scienza cognitiva,
Bologna, Il Mulino, 1994 (1a ed. 1988)

L’Universale. Enciclopedia tematica, vol. 9 Filosofia, Milano, Garzanti, 2005

Vico G., La scienza nuova, secondo l’edizione del 1744 (a cura di Rossi P.), Milano, Rizzoli, 1977

Siti web consultati:

http://digilander.iol.it/pieropolidoro (Piero Polidoro, “Metafora: retorica, semiotica e scienze


cognitive”, Università di Roma “La Sapienza”, a.a. 2002/2003)

www.cognitivelinguistics.org (Sito ufficiale della ICLA - International Cognitive Linguistics


Association)

cogsci.berkeley.edu/lakoff/MetaphorHome.html (Sito di Gorge Lakoff sulla metafora concettuale)

http://www.sssub.unibo.it/documenti/seminario_metafora/basso.doc. (Pierluigi Basso, “La metafora


come fenomeno cognitivo nella modernità”, Università di Bologna, a.a. 2001/2002)

155

Potrebbero piacerti anche