Sei sulla pagina 1di 25

Genius Loci

Dalla storia a Norberg-Schulz


Indice

1 Genius loci 1
1.1 Attestazioni del Genius loci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Trasposizione del concetto in architettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.4 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.5 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.6 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.7 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

2 Genius loci (saggio) 3


2.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2.2 Edizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

3 Christian Norberg-Schulz 4
3.1 Biografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.2 I suoi scritti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.3 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3.4 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

4 Fenomenologia 6
4.1 Storia del termine fenomenologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4.2 Concetti fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.3 La fenomenologia della prima edizione delle Ricerche Logiche (1900/01) . . . . . . . . . . . . . . 7
4.4 La fenomenologia trascendentale e costitutiva dopo le Idee (1913) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.4.1 Esponenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.5 La fenomenologia realista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.5.1 Esponenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.6 Le principali divergenze fra la fenomenologia di Husserl e di Scheler . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4.7 La fenomenologia esistenzialista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4.7.1 Esponenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4.8 Movimenti influenzati dalla fenomenologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
4.9 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
4.10 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

i
ii INDICE

4.11 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10


4.12 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4.13 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

5 Esistenzialismo 11
5.1 I problemi di definizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
5.2 Etimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
5.3 I precursori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
5.4 Concetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
5.4.1 Tipologie di esistenzialismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
5.4.2 Dall'essere all'esistere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.5 Esistenzialismo e nichilismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.6 L'esistenzialismo in letteratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.6.1 Postilla su Albert Camus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.7 Risvolti culturali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.7.1 Teatro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.7.2 Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.8 Personaggi associati al movimento esistenzialista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.8.1 Scrittori e autori teatrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.8.2 Filosofi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.8.3 Psicologi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.8.4 Cantanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.9 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
5.10 Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
5.11 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.12 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.13 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.14 Fonti per testo e immagini; autori; licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.14.1 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.14.2 Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.14.3 Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Capitolo 1

Genius loci

Il Genius loci è un'entità naturale e soprannaturale lega- • Genius coloniae Ostiensis (CIL, XIV, 9; G. c.
ta a un luogo e oggetto di culto nella religione romana. Ostiensium CIL, XIV, 8)
Tale associazione tra Genio e luogo fisico si originò forse
• Genius corporis pellionum Ostiensium (CIL, XIV,
dall'assimilazione del Genio con i Lari a partire dall'età
10)
augustea. Secondo Servio, infatti, nullus locus sine Genio
(nessun luogo è senza un Genio) (Commento all'Eneide, • Genius corporis splendidissimi inportantium et nego-
5, 95). tiantium vinariorum (AE, 1955, 165)
Nel neopaganesimo, secondo il Movimento Tradizionale • Genius municipi cultorum (AE, 1965, 193)
Romano, il Genius loci non va confuso con il Lare per-
ché questi è il Genio del luogo posseduto dall'uomo o che • Genius municipi Segusini (CIL, V, 7234; 7235)
l'uomo attraversa (come i Lari Compitali e i Lari Perma- • Genius municipi Castrimoeniensis (CIL, XIV, 2454)
rini), mentre il Genius loci è il Genio del luogo abitato
e frequentato dall'uomo. Inoltre quando si invoca il Ge- • Genius municipi Praenestini (CIL, XIV, 2889)
nius loci bisogna precisare sive mas sive foemina (“che sia
maschio o che sia femmina”) perché non se ne conosce il
genere[1] . 1.2 Trasposizione del concetto in
architettura
1.1 Attestazioni del Genius loci Nel tempo moderno, genius loci è divenuta un'espressione
adottata in architettura per individuare un approccio
• Attestazione generica di un Genius loci (CIL, VI, fenomenologico allo studio dell'ambiente, interazione di
247; 30884; 30885) luogo e identità. Con la locuzione di genius loci si intende
individuare l'insieme delle caratteristiche socio-culturali,
• Genius horreorum (CIL, VI, 235; 236; 237; 238) architettoniche, di linguaggio, di abitudini che caratteriz-
zano un luogo, un ambiente, una città. Un termine quindi
• Genius loci et stationis (CIL, VI, 36779)
trasversale, che riguarda le caratteristiche proprie di un
• Genius venalici (CIL, VI, 399) ambiente interlacciate con l'uomo e le abitudini con cui
vive questo ambiente. Suole indicare il “carattere” di un
• Genius stationis aquarum (CIL, VI, 36781) luogo.

• Genius Caeli Montis (CIL, VI, 334)

• Genius fori vinarii (Ostia: CIL, X, 543) 1.3 Note


• Genius curiae (CIL, VI, 5996) [1] Punto 2 del Massimario del Mos Maiorum in Movimento
Tradizionale Romano (a cura del). Memoranda et agenda.
• Genius decuriae (CIL, VI, 244) La Spezia, Edizioni del Tridente, 1996.

• Genius familiae monetalis (CIL, VI, 239 [2] Genius Loci, pag.11

• Genius pagi livi (CIL, V, 4909)


1.4 Bibliografia
• Genius pagi Arusnatium (CIL, V, 3915)

• Genius colonae aquiliae (AE, 1934, 234) • Georges Dumézil. La religione romana arcai-
ca. Milano, Rizzoli, 1977, pp. 262-263. ISBN
• Genius coloniae Florentiae (CIL, XI, 7030) 88-17-86637-7.

1
2 CAPITOLO 1. GENIUS LOCI

• Anonimo Romano (Marco Baistrocchi). Il Genio di


Roma, Politica Romana, 1996, 3, pp. 96-97.
• Christian Norberg-Schulz. Genius Loci. Paesaggio
Ambiente Architettura, Electa, Milano 1979. ISBN
88-435-4263-X.

• Marco Cestari. Genius Loci, La Radice del Turi-


smo Sostenibile. Firenze, Maschietto Editore, 2008,
ISBN 88-88967-78-8.
• Turi Angilella. Il genius loci nei processi di tra-
sformazione del territorio del sud-est della Tunisia,
Palermo, Università degli Studi, 1989.

• Francesco Bevilacqua. Genius Loci, il dio dei luoghi


perduti, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2010, ISBN
978-88-498-2591-6.

1.5 Voci correlate


• Genio (divinità)
• Genio di Palermo

• Numen

1.6 Altri progetti

• Wikiquote contiene citazioni di o su Genius


loci

1.7 Collegamenti esterni


• http://www.peacelink.it/ecologia/a/4248.html
Capitolo 2

Genius loci (saggio)

Genius loci. Paesaggio ambiente architettura è un saggio dei modelli dei maestri dell'architettura quali Le Corbu-
di Christian Norberg-Schulz. sier, Wright o Louis Kahn. Il risultato è stato quello di
creare dei non-luoghi che, come chiarito da Kevin Lynch,
Christian Norberg-Schulz scrisse questo libro con il pre-
ciso scopo di ovviare a una lacuna fino ad allora pre- portano necessariamente, secondo uno schema marxista
di struttura e sovrastruttura, all'alienazione.
sente: creare una fenomenologia dell'architettura. Certa-
mente influenzato dal clima esistenzialista che pervadeva
l'Europa e profondamente interessato alle problematiche
intimiste studia l'architettura e soprattutto il suo modo di 2.1 Note
inserirsi nel territorio e le modalità in cui questa può tra-
sformarlo in luogo. Proprio il luogo è il centro della sua [1] p.11
riflessione ed è visto come un sito con una precisa identi-
tà, sempre riconoscibile, con caratteri che possono essere
eterni o mutevoli. Fondamentale è la distinzione tra luogo 2.2 Edizioni
naturale e luogo artificiale, entrambi distinti nelle cate-
gorie romantico, cosmico e classico. È romantico ciò che • Christian Norberg-Schulz e Anna Maria Norberg-
colpisce e spaventa, esprime le forze ctonie della natura Schulz, Genius Loci. Paesaggio, ambiente, archi-
e per questo motivo tocca gli aspetti più profondi della tettura, Documenti di architettura, Milano, Electa,
psiche umana. Ciò avviene in genere per paesaggi e città 1992, ISBN 978-88-435-4263-5.
nordiche come Praga. Il paesaggio cosmico è vastissimo,
lo sguardo si perde nell'orizzonte infinito e indistinto co-
me quello del deserto. Il cielo altissimo e perfetto sembra
necessariamente espressione di un ordine cosmico. Non a
caso sono questi i paesaggi che hanno ispirato le religio-
ni monoteiste. Un esempio di luogo artificiale cosmico è
l'affascinante città di Khartoum sorta nel punto di incon-
tro di Nilo blu e Nilo bianco. Il paesaggio classico è tipi-
camente quello greco o italiano: vario, a misura d'uomo a
differenza del microcosmo romantico o del macrocosmo
cosmico.
L'architettura deve rispettare il luogo, integrarsi con
esso, ascoltare cioè il suo genius loci. Quest'ultima è
un'espressione tipicamente romana collegata a tutto ciò
che il luogo è e che vuole essere. Non a caso un architet-
to molto apprezzato da Schulz quale Khan si chiede cosa
voglia anche un singolo determinato materiale. Quello di
Schulz, come lui stesso chiarisce, non è un determinismo
naturale, non sostiene che in un determinato luogo esiste
una sola architettura possibile, tuttavia l'architettura deve
interpretare ed essere compatibile con il luogo. L'ultimo
capitolo degli otto che compongono il libro si addentra di-
rettamente negli aspetti dell'urbanistica fino a quale punto
sono deducibili.
Il suo è un duro attacco alle città del ventesimo secolo sor-
te attraverso la riproposizione sconsiderata su larga scala

3
Capitolo 3

Christian Norberg-Schulz

Christian Norberg-Schulz (Oslo, 23 maggio 1926 – 3.2 I suoi scritti


Oslo, 28 marzo 2000) è stato un architetto norvegese,
importante critico e teorico dell'architettura. • Intenzioni in architettura, Lerici, Milano 1967

• Architettura Barocca, Electa, Milano 1971

• Architettura Tardobarocca, Electa, Milano 1972

• Esistenza, Spazio e Architettura, Officine Edizioni,


Roma 1975

• Alla ricerca dell'architettura perduta. Le opere di P.


Portoghesi e V. Gigliotti, Roma 1975
La sua firma
• Genius Loci. Paesaggio Ambiente Architettura, Elec-
ta, Milano 1979

• Louis Kahn, idea e immagine, ed. Officina, Roma


1980

3.1 Biografia • L'abitare. L'insediamento, lo spazio urbano, la casa,


Electa, Milano 1984
Si laureò in architettura al Politecnico di Zurigo nel 1949, • Il mondo dell'architettura. Saggi scelti, Electa,
dove ebbe come professore Sigfried Giedion. Tornato Milano 1986
in Norvegia, nel 1950, assieme a Arne Korsmo, Sverre
Fehn, Peter Andreas Munch Mellbye, Geir Grung, Odd • “Architettura: presenza, linguaggio e luogo”, Skira,
Østbye, Håkon Mjelva e Robert Esdaile e all'architetto Milano 1996
danese Jørn Utzon, fondò il gruppo PAGON (Gruppo
degli Architetti Progressisti di Oslo Norvegia) che era il • Il significato nell'architettura occidentale, Electa,
ramo norvegese dei CIAM (Congressi Internazionali di Milano 2003
Architettura Moderna). Durante gli anni '50 con alcuni
membri di questo gruppo ideò numerosi progetti per Oslo • Con Henrik O. Andersson, Lisbet Balslev Jørgen-
e Bergen, sebbene questi non furono mai realizzati. sen, Simo Paavilainen, Classicismo Nordico. Ar-
chitettura nei paesi scandinavi 1910-1930, Electa,
Cominciò la sua carriera accademica come assistente di
Milano 1988
Arne Korsmo al Collegio di Arti Applicate di Oslo, poi
dal 1963 al 1994 fu professore alla scuola di architettura • Con Gennaro Postiglione, Sverre Fehn. Opera
di Oslo. completa, Electa, Milano 1997
Ha costruito pochissimi edifici, ma come teorico
dell'architettura ha avuto un'influenza notevole. I suoi li-
bri sono stati tradotti in numerose lingue e Norberg-
Schulz fu invitato come professore a contratto in
3.3 Altri progetti
prestigiose università degli Stati Uniti.
Sua figlia, Elizabeth Norberg-Schulz (n. 1959), italo- • Wikiquote contiene citazioni di o su Christian
norvegese, è un soprano. Norberg-Schulz

4
3.4. COLLEGAMENTI ESTERNI 5

3.4 Collegamenti esterni


• (EN) Biografia e opere, meamnet.polimi.it.
Capitolo 4

Fenomenologia

La fenomenologia è una disciplina fondata da Edmund esperienze e l'essenza di ciò che sperimentiamo.
Husserl (1859 - 1938), un membro della Scuola di Bren- È appunto chiamata “fenomenologia trascendenta-
tano, specificamente un discepolo sia di Franz Bren- le”. Il punto di vista di Husserl parte dalla Scuola
tano sia di Carl Stumpf. La fenomenologia ha avuto di Brentano ed è stato ulteriormente sviluppato da
una profonda influenza sull'esistenzialismo in Germania e filosofi come Maurice Merleau-Ponty, Jan Patoč-
Francia, ma anche sulle scienze cognitive odierne e nella ka, Hannah Arendt, Dietrich von Hildebrand, Edith
filosofia analitica. Stein e Emmanuel Levinas.
• Max Scheler nello scritto del 1914 Fenomenologia e
teoria della conoscenza propone di superare la con-
4.1 Storia del termine fenomenolo- cezione della fenomenologia come metodo, spostan-
gia do piuttosto l'attenzione al darsi del fenomeno stes-
so: il primato non spetta più al metodo conoscitivo
Il termine fenomenologia fu introdotto originariamente che oggettiva l'attività del vedere, ma a ciò che si
dal filosofo tedesco di origine svizzera Johann Heinrich dà a vedere nella modalità dell'autodarsi (Selbstge-
Lambert: nella sua opera Novum Organon, apparsa nel gebenheit). Per ottenere questo risultato è necessa-
1764, la fenomenologia designa lo studio delle apparenze rio un cambiamento di atteggiamento (la riduzione)
illusorie, ossia delle fonti d'errore. Kant, a sua volta, ri- capace di spostare la visuale dalla prospettiva pre-
prende il termine nei Primi princìpi metafisici della scien- dominante con cui ci si rapporta al mondo. Que-
za della natura (Metaphysische Anfangsgründe der Na- sto cambiamento non è intellettuale ma riguarda il
turwissenschaft, del 1786), per indicare una parte della centro di orientamento della sfera emozionale della
teoria del movimento che considera quest'ultimo soltan- persona, l'ordo amoris, e si traduce in una capacità
to in rapporto alle modalità in cui appare nella sensibilità passiva o recettiva di aprirsi al mondo. Senza que-
esterna. sta recettività “attiva” si rimarrebbe ciechi nei con-
fronti dell'attività manifestativa del fenomeno che si
Convenzionalmente, il termine ha quattro significati prin- autodà (Selbstgegebenheit).
cipali nella storia della filosofia, uno desunto da Hegel
(1807), uno da Husserl (a partire dal 1900), uno da • Per Martin Heidegger, la visione fenomenologica
Scheler (1914) e infine uno da Heidegger (1927). del mondo delle cose deve essere superata attra-
verso la comprensione dell'Essere che è dietro tut-
• Per Hegel, la fenomenologia è un approccio alla fi- ti gli enti, e può considerarsi come un'introduzione
losofia che inizia con l'esplorazione dei “fenome- all'ontologia. Questa è stata denominata “fenomeno-
ni” (che si presentano a noi nell'esperienza con- logia esistenzialista”, anche se Heidegger ha rifiu-
scia) come mezzo per cogliere lo Spirito Assoluto tato sempre la definizione di esistenzialismo attri-
che è dietro il fenomeno. Nel caso della fenomeno- buita in particolare alla prima fase del suo percor-
logia hegeliana si parla dunque di “fenomenologia so filosofico. Nella parte introduttiva di “Essere e
dialettica”. Tempo” inoltre, Heidegger, dopo aver passato al va-
glio le etimologie greche dei termini “lògos” e “phai-
• Per Edmund Husserl, la fenomenologia è un ap- nòmenon”, sottolinea l'importanza insita nella riela-
proccio alla filosofia che assegna primaria rilevan- borazione del concetto di fenomenologia, allo sco-
za, in ambito gnoseologico, all'esperienza intuiti- po di renderla una “apophàinestai ta phainòmena”,
va, la quale guarda ai fenomeni (che si presenta- evidenziando così l'obiettivo squisitamente rivelati-
no a noi in un riflesso fenomenologico, ovvero da vo dell'essenza insita negli enti e nella loro essenza.
sempre indissolubilmente associati al nostro pun- Egli pone inoltre l'accento sul concetto meramente
to di vista) come punti di partenza e prove per husserliano di fenomenologia, che deve essere intesa
estrarre da essi le caratteristiche essenziali delle come “scienza” mirata ad andare “alle cose stesse!".

6
4.5. LA FENOMENOLOGIA REALISTA 7

4.2 Concetti fondamentali per la prima volta, e istigarono Husserl a intraprendere


una seconda edizione delle Ricerche logiche.
Un elemento importante che Husserl prese da Brentano è Dalle Idee in poi Husserl concentrò sempre più la sua in-
quello dell'intenzionalità, l'idea che la coscienza sia sem- dagine sulle strutture ideali ed essenziali della coscienza.
pre intenzionale, cioè che sia diretta ad un oggetto, che Volendo escludere ipotesi sull'esistenza di oggetti esterni,
abbia un contenuto. Brentano definì l'intenzionalità come utilizzò il metodo di riduzione fenomenologica per eli-
la caratteristica principale dei fenomeni psichici (o men- minarli. Ciò che rimane è l'ego trascendentale, opposto
tali), tramite cui essi possono essere distinti dai fenome- all'ego empirico, concreto nel qui ed ora. Ora la fenome-
ni fisici. Ogni fenomeno mentale, ogni atto psicologico nologia trascendentale è lo studio delle strutture essenzia-
ha un contenuto, è diretto a qualche cosa (l'oggetto inten- li che rimangono rivelate nella coscienza pura: in pratica
zionale). Ogni credere, desiderare etc. ha un oggetto: il questo è lo studio dei noemata.
creduto, il desiderato.
In un periodo successivo, Husserl si avvicinò ancor di
più ad una posizione espressamente idealista, come è for-
mulata nelle sue Cartesianische Meditationen Meditazioni
4.3 La fenomenologia della prima Cartesiane (1931).

edizione delle Ricerche Logiche


(1900/01) 4.4.1 Esponenti
• Oskar Becker
Sotto l'influenza di Brentano, Husserl concepisce la fe-
nomenologia ancora come psicologia descrittiva. Husserl • Aron Gurwitsch
analizza la struttura intenzionale degli atti mentali e come
essi possano essere diretti ad oggetti sia reali che ideali. • Alfred Schutz
Le ricerche logiche iniziano con una devastante critica
dello psicologismo ovverosia il tentativo di assorbire la
logica nella psicologia. Husserl rivendica per la logica, la 4.5 La fenomenologia realista
filosofia e la fenomenologia un campo proprio di ricerche,
non sottostante le scienze empiriche. Pochi fenomenologi seguirono Husserl sulla strada
della fenomenologia trascendentale. Soprattutto i
fenomenologi monacensi, influenzati da Max Scheler,
4.4 La fenomenologia trascenden- furono restii ad adottare la riduzione fenomenologica, o
epoché come proposta in Idee I. Da ciò nacque la cor-
tale e costitutiva dopo le Idee rente della fenomenologia realista, che rimase più vicina
al progetto originario della prima edizione delle Ricerche
(1913) logiche. Ai fenomenologi realisti la svolta trascendentale
di Husserl pareva un tradimento del motto “ritornare alle
Alcuni anni dopo la pubblicazione della sua opera princi- cose stesse”, che avevano trovato nelle Ricerche logiche
pale, le Logische Untersuchungen Ricerche logiche (pri- e che li aveva allontanati dallo psicologismo di Lipps.
ma ediz. 1900 - 1901), in cui le idee base della fenome- L'idea della inattingibilità del noumeno unita a quella
nologia presero forma per la prima volta, Husserl fece al- di una riduzione del filosofare allo studio delle forme
cune scoperte essenziali per l'ulteriore sviluppo della fe- del conoscere sembravano essere tramontate di fronte al
nomenologia, che lo portarono alla distinzione tra l'atto progetto di un ritorno alle cose stesse, cioè di fronte allo
mentale (noesis) ed il fenomeno a cui tale atto è diret- sviluppo di un metodo che rendesse rigorosa la ricerca
to (noema). La conoscenza di essenze o idee pure sareb- delle essenze.
be possibile solo eliminando tutte le assunzioni riguar-
Il realismo fenomenologico si applica a temi e problemi
do all'esistenza del mondo come esterno ed indipenden-
del mondo attuale, p.e. all'analisi del linguaggio, dell'arte,
te. Questa procedura è chiamata epoché, ma viene spesso
dell'etica, etc., piuttosto che al dato della coscienza pura
interpretata come una forma di solipsismo metodologico e
e trascendentale.
somiglia a certi esperimenti mentali di Hobbes e Cartesio.
Oltre a questo, Husserl introdusse il metodo del-
la riduzione fenomenologica, che procede attraverso 4.5.1 Esponenti
l'epoché e la riduzione trascendentale a non solo so-
spender il giudizio sull'esistenza del mondo, ma anche a • Max Scheler
ricondurlo alla soggettività pura o assoluta.
• Adolf Reinach
Queste nuove scoperte furono alla base della pubblicazio-
ne delle Ideen (Idee) nel 1913, in cui furono incorporate • Alexander Pfänder
8 CAPITOLO 4. FENOMENOLOGIA

• Johannes Daubert da un lato viene descritto come un Sosein, cioè un oggetto


ideato dalla riduzione, dall'altro viene considerato come
• Roman Ingarden una Tatsache esemplare, cioè un dato di fatto reale capa-
ce di mettere in moto un processo di funzionalizzazione.
• Dietrich von Hildebrand
Queste ambiguità vengono in parte risolte considerando
• Eugenio Borgna il senso ultimo che Scheler conferisce alla riduzione: non
un metodo conoscitivo, quanto una vera e propria tecnica
di trasformazione del proprio stile esistenziale. In que-
sta prospettiva l'essenza diventa qualcosa di molto simi-
4.6 Le principali divergenze fra la le a una matrice della propria formazione (Bildung): di-
fenomenologia di Husserl e di venta cioè un'esperienza esemplare capace di funzionaliz-
zare una trasformazione (Um-bildung) del proprio modo
Scheler di vivere, trasformazione che nel caso limite può essere
descritta come vera e propria ri-nascita.
Scheler rientra solo per certi aspetti all'interno del movi-
Altrettanto il concetto di Entwirklichung, la derealizza-
mento fenomenologico. Ad es. sul problema dell'a prio-
zione alla base della riduzione, viene inteso non come so-
ri materiale (o “apriori” come scrive Scheler) Husserl e
spensione di tutta la realtà, bensì come sospensione solo
Scheler non pensano esattamente la stessa cosa, anche
della realtà che fa riferimento alla sfera dell'Io per consen-
se tuttavia sono più vicini di quanto lasci supporre la
tire la rinascita socratico-maieutica del centro personale.
violenta polemica innescata nel 1913 da Scheler contro
In questa prospettiva il fenomeno riuscirebbe a esprime-
l'“idealismo” di Husserl.
re e coincidere con l'essenza (diventando finalmente quel
Quando Husserl, nelle Ricerche Logiche, scrive che le for- Vorbild e Tatsache forse già intuiti da Scheler) solo se in-
me categoriali si danno nell'intuizione categoriale, Sche- teso non tanto come il venire alla luce oggetto di un me-
ler, fraintendendo, pensa di poter leggere che esistono ro metodo conoscitivo, quanto come processo ontologico
riempimenti materiali “empirici” che possono essere colti del venire alla luce nel senso del nascere o, nel caso della
indipendentemente dalla percezione sensibile, ma quan- persona, del rinascere una seconda volta. Per tutti questi
do Husserl, in Ideen I, fa supporre che le forme catego- motivi nel caso di Scheler più che di “riduzione fenome-
riali siano da intendere nel senso di Bolzano, cioè in ter- nologica” sarebbe allora più corretto parlare di “riduzione
mini di essenze distinte dai dati empirici e basate su da- kathartica” [2] .
ti sensibili, Scheler bolla troppo frettolosamente tutto il
discorso come idealismo. Per venir fuori da questi frain-
tendimenti è opportuno valutare se quella di Husserl e di
Scheler possano essere considerate come due posizioni
4.7 La fenomenologia esistenziali-
complementari. sta
Le divergenze derivano principalmente dalla differente
teoria della realtà e dal differente concetto di sensazione. Dove Husserl concepiva la fenomenologia come prima
Scheler fra il 1912 e il 1917 è in grado di elaborare una filosofia, quindi come una disciplina fondamentalmente
compiuta fenomenologia della corporeità in cui il corpo- epistemologica, alcuni dei suoi studenti, tra cui Martin
vivo (Leib) grazie alla propria struttura pulsionale (Trieb- Heidegger, la presero come una disciplina ontologica ed
struktur) viene visto come il vero “apriori materiale” della erano più interessati all'esistenza delle cose, piuttosto che
sensibilità. In questa prospettiva la sensibilità non coinci- alla loro essenza.
de con l'esperienza, ma solo con la sfera dell'esperienza
delimitata dalla rilevanza vitale dell'organismo.[1] .
4.7.1 Esponenti
Questo porta Scheler a criticare il rapporto che Hus-
serl viene a stabilire fra intuizione categoriale e sen- • Karl Jaspers (1883 - 1969)
sibile. Scheler teorizza un riempimento non sensibile
ma tuttavia empirico, un ambito “materiale puro”, nel • Martin Heidegger (1889 - 1976)
senso di non sensibile e non ideale, ma caratterizzato
dall'autodatità: se la datità è la forma in cui si manife- • Hannah Arendt (1906 – 1975)
sta la sensibilità organica, l'autodatità è il modo inogget-
• Emmanuel Levinas (1906 - 1995)
tivabile di rivelarsi della persona e di tutta una sfera della
realtà che trascende la rilevanza organica (ad es. tutta la • Gabriel Marcel (1889 - 1973)
dimensione estetica). Husserl e Scheler aprono così sul
concetto di “essenza” due prospettive molto diverse, ma • Jean-Paul Sartre (1905 - 1980)
forse complementari.
• Maurice Merleau-Ponty (1908 - 1961)
È da notare però che il concetto scheleriano di essenza
risulta caratterizzato da una ambiguità di fondo in quanto • Eugenio Borgna (1930)
4.10. BIBLIOGRAFIA 9

4.8 Movimenti influenzati dalla fe- • Hubert Dreyfus, ed. Husserl, Intentionality and Co-
gnitive Science. MIT press, Cambridge (Mass.),
nomenologia 1982.
• Ermeneutica • Herbert Spiegelberg. The Phenomenological Mo-
• Strutturalismo vement. Phaenomenologica 5/6. Nijhoff, The Ha-
gue/Boston/London, 3 ed., 1982.
• Esistenzialismo
• Karl Schuhmann. ""phänomenologie”: Eine be-
• Decostruzionismo griffsgeschichtliche reflexion”. in Husserl Studies,
• Costruttivismo 1(1):31–68, 1984.

• Psichiatria fenomenologica • Dallas Willard. Logic and the Objectivity of Kno-


wledge. Ohio University Press, Athens (Ohio),
• Psicologia della Gestalt 1984.

• Kevin Mulligan, ed. Speech Act and Sachve-


4.9 Note rhalt: Reinach and the Foundations of Realist Phe-
nomenology. Nijhoff, Dordrecht/Boston/Lancaster,
[1] Da notare che i testi relativi a tale fenomenologia 1987.
della corporeità, principalmente la seconda parte del
Formlismus, precedono cronologicamente la pubblicazio- • Hans Rainer Sepp, ed. Edmund Husserl und die Phä-
ne dei corrispondenti testi husserliani e avranno un in- nomenologische Bewegung (Zeugnisse in Text und
flusso decisivo, non ancora adeguatamente indagato, su Bild). Alber, Freiburg/Mnchen, 1988.
Merleau-Ponty

[2] Guido Cusinato, La Totalità incompiuta. Antropologia • Karl Schuhmann. “Husserls idee der philosophie” in
filosofica e ontologia della persona, Milano 2008. Husserl Studies, 5:235–256, 1988.

• Rudolf Bernet, Iso Kern, and Eduard Marbach. Ed-


mund Husserl: Darstellung seines Denkens. Meiner,
4.10 Bibliografia Hamburg, 1989.

• Handbook of Phenomenological Aesthetics. Edited • Dieter Lohmar. “Phänomenologie der Mathema-


by Hans Rainer Sepp and Lester Embree. (Series: tik”. Phaenomenologica 114. Kluwer, Dordrecht,
Contributions To Phenomenology, Vol. 59) Sprin- 1989.
ger, Dordrecht / Heidelberg / London / New York
2010. ISBN 978-90-481-2470-1 • Eduard Marbach. Mental Representation and Con-
sciousness: Towards a Phenomenological Theory
• Karl Schuhmann. Die Fundamentalbetrachtung der
of Representation and Reference, Contributions To
Phänomenologie. Zum Weltproblem in der Philo-
Phenomenology 14. Springer, 1993.
sophie Edmund Husserls. Phaenomenologica 42.
Nijhoff, Den Haag, 1971. • Robert Sokolowski Introduction to Phenomenology.
• Karl Schuhmann. Die Dialektik der Phänomenolo- Cambridge University Press, Cambridge, 2000
gie I (Husserl über Pfänder). Phaenomenologica 56.
Nijhoff, Den Haag, 1973. • Steven Galt Crowell, Lester Embree, and Samuel
L. Julian, ed. The Reach of Reflection: Issues for
• Karl Schuhmann. Die Dialektik der Phänomenolo- Phenomenology’s Second Century. Center for Ad-
gie II (Reine Phänomenologie und phänomenologi- vanced Research in Phenomenology, Electroni-
sche Philosophie). Phaenomenologica 57. Nijhoff, cally published at [www.electronpress.com www.
Den Haag, 1973. electronpress.com], 2001.
• Roman Ingarden. 'On the Motives which Led Husserl • Steven Galt Crowell. “Is there a phenomenological
to Transcendental Idealism. Phaenomenologica 64. research program?" in Synthese, 131(3):419–444,
Nijhoff, Den Haag, 1975. 2002.
• Francesco Dentoni. Alle radici del la fenomenologia.
Abete, Roma, 1978. • Hubert Dreyfus. “Intelligence without Represen-
tation – Merleau-Ponty’s Critique of Mental Re-
• Herbert Spiegelberg. The Context of the Phenomeno- presentation. The Relevance of Phenomenology to
logical Movement. Phaenomenologica 80. Nijhoff, Scientific Explanation” in Phenomenology and the
Den Haag/Boston/London, 1981. Cognitive Sciences, 1(4):367–383, 2002.
10 CAPITOLO 4. FENOMENOLOGIA

• Dan Zahavi and Frederik Stjernfelt, ed. One Hun- • (EN) Center for Advanced Research in Phenome-
dred Years of Phenomenology (Husserl’s Logical nology (CARP), flinet.com.
Investigations Revisited). Phaenomenologica 164.
Kluwer, Dordrecht, 2002. • (DE) Deutsche Gesellschaft für phänomenolo-
gische Forschung (DGPF), phaenomenologische-
• Kevin Mulligan. “Searle, derrida, and the ends of forschung.de.
Phenomenology”. In Barry Smith, ed., John Searle.
Cambridge University Press, Cambridge, 2003. • (EN) Husserl-Archives Leuven (Internatio-
nal Centre for Phenomenological Research),
• Richard Tieszen. Phenomenology, Logic, and the hiw.kuleuven.ac.be.
Philosophy of Mathematics. Cambridge University
Press, 2005 • (DE) Max Scheler Gesellschaft, max-scheler.de.

• Lorenza Gattamorta, Teorie del simbolo. Studio sulla • (EN) Journal of the British Society for Phenomeno-
sociologia fenomenologica, Franco Angeli, Milano, logy, phenomenology.marjon.ac.uk.
2005 • (DE) Österreichische Gesellschaft für Phänomeno-
• Angela Ales Bello, L'universo nella coscienza. In- logie, hhobel.phl.univie.ac.at.
troduzione alla fenomenologia di Edmund Husserl, • Romanian Society for Phenomenology
Edith Stein e Hedwig Conrad Martius, ETS, Pisa
2003. • Sociedade Brasileira de Fenomenologia,
ultra.pucrs.br.

• (EN) Research in Phenomenology, brill.nl.


4.11 Voci correlate
• (EN) Society for Phenomenology and Existential
• Husserl Philosophy (SPEP), www-hl.syr.edu.

• Scheler • La fenomenologia come metodo di ricerca filo-


sofica e la sua attualità - un'introduzione alla
• Fenomenologia di Monaco fenomenologia, swif.it.

• Fenomenologia, in Thesaurus del Nuovo soggetta-


rio, BNCF, marzo 2013.
4.12 Altri progetti
• (EN) Edward N. Zalta (a cura di), Phenomenology,
in Stanford Encyclopedia of Philosophy, Center for
• Wikiquote contiene citazioni sulla the Study of Language and Information (CSLI),
fenomenologia Università di Stanford.

• Wikizionario contiene il lemma di dizionario


«fenomenologia»

• Wikiversità contiene lezioni sulla


fenomenologia

• Wikimedia Commons contiene immagini o


altri file sulla fenomenologia

4.13 Collegamenti esterni


• (IT) (Phenomenologylab - Blog del Centro di
ricerca in Fenomenologia e Scienze della Persona)

• (EN) Newsletter of Phenomenology.


(online-newsletter)

• (EN) Studia Phaenomenologica ISSN 1582-5647

• (FR) Bulletin d'analyse phénoménologique, po-


pups.ulg.ac.be.
Capitolo 5

Esistenzialismo

ottimista, influenzando numerose altre filosofie parallele


e successive.[1]
A seconda della definizione data al “movimento”, un filo-
sofo o un indirizzo filosofico può essere o meno conside-
rato come espressione dell'esistenzialismo. Questo spiega
perché alcuni dei filosofi che sono considerati tra i rappre-
sentanti maggiori dell'esistenzialismo (come Heidegger
e Jaspers) ne abbiano rifiutato la qualifica, assunta in-
vece come bandiera da altri, come Jean-Paul Sartre e
Simone de Beauvoir. In particolare è Sartre a rendere
celebre il termine nel lessico filosofico e nell'accezione
popolare, con la sua conferenza L'esistenzialismo è un
umanismo.[1][2]
Benché fin dall'antichità possano individuarsi numerosi
precursori dell'esistenzialismo (come Tito Lucrezio Ca-
ro, Socrate o lo stoicismo), l'inizio dell'esistenzialismo in
senso stretto è collocabile nel periodo del romanticismo,
già a partire dalla cosiddetta filosofia positiva di Friedrich
Schelling: secondo Luigi Pareyson, infatti, «gli esi-
stenzialisti autentici, i soli veramente degni del nome,
Heidegger, Jaspers e Marcel, si sono richiamati a Schel-
ling o hanno inteso fare i conti con lui».[3] È quindi con la
figura di Søren Kierkegaard (morto nel 1855), assieme ad
Quattro celebri e importanti esistenzialisti, da sinistra a destra, e Arthur Schopenhauer, Giacomo Leopardi e al successivo
dall'alto in basso: Kierkegaard, Dostoevskij, Nietzsche, Sartre Friedrich Nietzsche che l'esistenzialismo si afferma come
corrente; per altri è con Heidegger e Jaspers che esso ha
L'esistenzialismo è una variegata e non omogenea inizio, a partire dal decennio 1920-1930, per altri [4][5]
ancora
corrente di pensiero che si è espressa nella filosofia, dal secondo dopoguerra con Jean-Paul Sartre.
nella letteratura, nelle arti e nel costume, afferman- Tra il 1928 e il 1940 Martin Heidegger è stato il più
do, nell'accezione più comune del termine, il valore importante rappresentante dell'esistenzialismo su base
dell'esistenza umana individuale, in opposizione ad altri fenomenologica e il suo Essere e tempo può essere con-
principi filosofici.[1] siderato una pietra miliare dell'esistenzialismo moder-
Nato tra il XVIII e il XIX secolo, trovando ampio svi- no. Verso il 1936 egli opera nel suo pensiero quella
luppo nel XX secolo, diffondendosi e affermandosi prin- che può essere definita una “svolta” in senso nettamen-
cipalmente tra la fine degli anni venti e i cinquanta, es- te spiritualistico e da quel momento la sua filosofia as-
so insiste sul valore specifico dell'individuo e sul suo sume nette connotazioni teologiche in senso panteistico,
carattere precario e finito, sull'insensatezza, l'assurdo, il volta principalmente alla speculazione sull'Essere, anzi-
vuoto che caratterizzano la condizione dell'uomo mo- ché sull'umanismo come nella corrente francese, suben-
derno, oltre che sulla «solitudine di fronte alla mor- do l'influsso del pensiero greco arcaico (Anassimandro,
te» in un mondo che è diventato completamente estra- Eraclito), di Hölderlin, della [1]
mistica renana e delle
[2]
neo oppure ostile. Esso nasce anche in opposizione filosofie orientali (taoismo).
all'idealismo, al positivismo e al razionalismo, assumendo Altra figura importante è Karl Jaspers, che partendo da
in alcuni rappresentanti un'accentuazione religiosa, in al- basi psicologistiche nelle prime opere approda a una spe-
tri un carattere umanistico e mondano, sia pessimista sia

11
12 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

culazione specificamente filosofica tra il 1946 e il 1962, come l'analisi esistenziale, incentrata sull'essenza, deb-
su una linea che ripropone alcuni temi che erano già di ba in ogni caso essere innestata primariamente sulla
Kierkegaard.[1] domanda esistentiva circa il senso concreto e attuale
[8]
Un momento importante nell'evoluzione del pensiero esi- dell'esistenza.
stenzialistico è rappresentato dalla presa di coscienza
degli orrori della prima guerra mondiale e dalla crisi
della coscienza intellettuale che si ebbe nell'immediato 5.2 Etimologia
dopoguerra. A cominciare dagli anni 1944-1945 è stato
l'esistenzialismo ateo di Sartre a ricevere le maggiori at- Il termine “esistenzialismo” è stato coniato dal filosofo
tenzioni, anche in rapporto al marxismo e al materialismo francese Gabriel Marcel verso la metà degli anni '40.
storico da lui abbracciati e sostenuti, mentre la compro- Venne adottato da Jean-Paul Sartre il quale, il 29 otto-
missione con il regime nazista da parte di Heidegger ha bre 1945, discusse la propria posizione esistenzialista du-
pesato notevolmente sulla sua immagine dopo la seconda rante una conferenza al Club Maintenant di Parigi. La
guerra mondiale, facendo sì che ritrovasse maggiore at- lezione fu pubblicata come L'existentialisme est un hu-
tenzione solo negli anni sessanta. Al seguito di Sartre manisme («L'esistenzialismo è un umanismo»), un picco-
(ispirandosi anche ad Edmund Husserl), numerosi altri lo libro che contribuì molto a diffondere il suo pensiero
pensatori del XX secolo sono stati avvicinati alla corrente esistenzialista.
o ne hanno fatto parte, come Simone de Beauvoir, Albert
Alcuni studiosi sostengono che il termine dovrebbe es-
Camus, Maurice Merleau-Ponty, Raymond Aron e, al di
sere utilizzato solo per riferirsi al movimento culturale
fuori del “circolo sartriano”, Emil Cioran, Nicola Abba-
europeo tra gli anni '40 e '50 associato con le opere dei
gnano, Emanuele Severino (che riprende temi di Heideg-
filosofi Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir, Maurice
ger) ed altri.[1] Interessante è l'evoluzione del concetto
Merleau-Ponty e Albert Camus. Altri studiosi estendono
“L'inizio del buio” in chiave esistenzialista di compren-
il termine a Kierkegaard e altri ancora lo estendono lonta-
sione artistico-letteraria del reale. Fenomeno vivo della
no nel tempo fino a Socrate. Tuttavia, il termine è spesso
cultura contemporanea, soprattutto in linguaggi mediati-
identificato con la visione filosofica di Jean-Paul Sartre
ci, ma di origini arcaiche, l'inizio del buio può assurge-
(esistenzialismo ateo, umanista e marxista).[1]
re al ruolo dell'arte poetica nel mondo e raggruppare i
movimenti letteral-borghesi di fine Ottocento.
5.3 I precursori
5.1 I problemi di definizione
Non c'è mai stato un accordo generale sulla definizione
di “esistenzialismo”. Il termine viene spesso usato co-
me convenzione storica dato che in primo luogo fu ap-
plicato a molti filosofi da parte di studiosi e interpreti
a quelli posteriori. Mentre generalmente si ritiene che
l'esistenzialismo abbia avuto origine con Kierkegaard, il
primo illustre filosofo ad adottare il termine per descri-
vere se stesso fu Jean-Paul Sartre. Secondo il filosofo
Steven Crowell, definire l'esistenzialismo è relativamen-
te difficile, ed egli sostiene che è meglio intenderlo come
un approccio generale utilizzato in contrapposizione alla
speculazione teorica privilegiata da alcune correnti filo-
sofiche, piuttosto che come una filosofia sistematica essa
stessa.[1]
Anche il filosofo John MacQuarrie ritiene che
l'esistenzialismo vada inteso più che altro come
uno stile di vita.[6] Egli adotta inoltre la distinzione,
sottolineata da Heidegger, tra due diversi tipi di analisi
che possono essere condotti al suo interno: «esistenziale»
ed «esistentiva». L'analisi esistenziale intende studiare
le strutture trascendentali dell'esistenza, i suoi aspetti a Arthur Schopenhauer
priori, mentre quella esistentiva si rivolge alla concretezza
dell'esistenza, partendo dalla situazione individuale in Nell'ambito dell'esistenzialismo del '900 sono state indi-
cui si trova colui che è consapevole di esistere e si viduate delle figure anticipatrici, chiamate anche “esi-
pone la domanda sul proprio essere.[7] È stato rilevato stenzialisti in retrospettiva” o pre-esistenzialisti, tra cui
5.4. CONCETTI GENERALI 13

motivi di angoscia esistenziale e concorrono a determi-


nare l'atteggiamento degli esistenzialisti in generale, reali
o sedicenti.[1]
Si consideri anche che non tutti gli autori solitamen-
te classificati come esistenzialisti accettarono tale clas-
sificazione, ritenendola riduttiva o deformante rispetto
all'originalità della loro riflessione. Tra questi è noto il ca-
so di Heidegger, soprattutto dopo la kehre (o «svolta») del
1935-1936,[1] il quale nella Lettera sull'umanismo (1947)
accusò Sartre e i filosofi francesi di soffermarsi su tema-
tiche meramente esistentive, anziché rivolgersi ad una vi-
suale davvero esistenziale, che si occupi cioè del rapporto
dell'ente con l'Essere.[10]

I precursori, o secondo altri, i fondatori, dell'esistenzialismo


moderno (in senso orario, da sinistra in alto): Kierkegaard,
Nietzsche, Kafka e Dostoevskij.

Tito Lucrezio Caro, Michel de Montaigne, il Marchese


de Sade, Blaise Pascal, Jean-Jacques Rousseau, Friedrich
Schelling,[3] Arthur Schopenhauer, Søren Kierkegaard,
Max Stirner, Giacomo Leopardi, Ralph Waldo Emerson,
Henry David Thoreau, Fëdor Dostoevskij, e Friedrich
Nietzsche (talvolta, a seconda del limite temporale che
si accetta come inizio dell'esistenzialismo, Kierkegaard,
Dostoevskij e Nietzsche sono considerati iniziatori della
corrente, e non precursori, come anche Stirner, Thoreau
e Schopenhauer).
Nicola Abbagnano (anch'egli avvicinato
all'esistenzialismo) indica come precursori anche
Platone, Socrate, Giambattista Vico, Niccolò Machia- Karl Jaspers
velli, Agostino d'Ippona, Immanuel Kant, la corrente
stoica.[9]
L'esistenzialismo rifletteva sulla problematicità del senso
dell'essere, in particolare in relazione al nichilismo, sui
limiti e le possibilità della libertà individuale, incen-
5.4 Concetti generali trando queste riflessioni intorno alle domande: “che co-
s’è l'essere?" e “che cosa vuol dire esistere?", che do-
Per la sua natura complessa, più che di una corrente fi- minano il pensiero dei filosofi e letterati a vario tito-
losofica unitaria, si può parlare di un insieme di posi- lo inquadrabili nella corrente. Ciò, ovviamente, riguar-
zioni filosofiche singole, anche molto differenziate, va- da anche i filosofi Martin Heidegger, Jean-Paul Sartre,
riamente coinvolte nell'atmosfera di crisi e malessere in- Karl Jaspers e Maurice Merleau-Ponty, ma non Edmund
dividuali delle epoche e dei contesti in cui si manifesta. Husserl, pur essendo colui che ha posto con la epoché
L'esistenzialismo quindi risponde solo in parte a una co- fenomenologica e la intuizione eidetica le basi concettuali
scienza panica, universalistica o solidaristica, prevalendo su cui l'esistenzialismo novecentesco sarebbe nato.[1]
in esso piuttosto la riflessione sull'individualità, la soli- Le domande sull'essere e sull'esistere, pur essendo distan-
tudine (ma anche l'unicità e infinità interiori) dell'io di ti dalla realtà del singolo nella sua quotidianità, lo riguar-
fronte al mondo, l'inutilità, la precarietà, la finitudine, il dano nella sua interiorità, nel suo sentirsi un "ego" rispetto
fallimento, l'assurdo dell'esistere.[1] al mondo. Queste domande sono quindi avvertite e po-
Malgrado ciò, anche elementi di crisi implicati di origine ste come fondamentali nel momento in cui l'io è in cri-
economica, culturale e di costume, sociale e politica pre- si rispetto al vivere e all'"essere nel mondo”, e si chiede
senti tra le due guerre mondiali in molte nazioni europee, la ragione del proprio esistere come sua parte e del suo
a cominciare dalla Francia e dalla Germania, diventano rapporto con esso. L'individuo, percependosi come en-
14 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

te particolare, ovvero unico fra tutti gli enti, si interroga rifiuta di considerarle garantite dall'Essere o ridu-
sul senso della parola essere, ma fallisce la risposta. È da cibili tutte a impossibilità, e perciò si dedica a
questo problema, che assilla, impegna e talvolta tormen- cercare criteri che consentano la scelta tra esse e
ta la coscienza dei pensatori esistenzialisti, che occorre progetti che non siano preliminarmente condanna-
partire per capire l'esistenzialismo.[1] Altri temi di rifles- ti all'insuccesso». Questo è l'indirizzo, originato da
sione tipici dell'esistenzialismo sono il progresso umano Stirner e dal post-illuminismo (es. Leopardi), che
nella storia, la paura della morte collegandosi al filone fu seguito dall'esistenzialismo italiano, da Maurice
irrazionalista precedente con Schophenauer, Nietzsche, Merleau-Ponty e, parzialmente, da Albert Camus,
Bergson ecc.... da Simone de Beauvoir e dallo stesso Jean-Paul Sar-
Va notato che Heidegger prese le distanze tre. L'esistenzialismo ateo è situato all'interno di
questa corrente.
dall'esistenzialismo, anche se alcuni inclusero (in
particolare Abbagnano) la sua opera principale (Essere
e tempo) in tale filone, sulla base del fatto che essa si Vi sono poi le figure che sfuggono a questa classificazione,
interrompe bruscamente proprio dove termina la cosid- come Friedrich Nietzsche o Emil Cioran.
detta analisi esistenziale, preparatoria. La seconda parte,
che doveva essere scritta nella forma sistematica della
prima, non ebbe mai la luce in quanto tale. Heidegger L'esistenzialismo cristiano
trattò in modo meno sistematico e molto frammentario
il seguito di Essere e tempo, costituito da scritti vari, che Nell'esistenzialismo religioso, vi è quello cristiano, di
mettono in luce il tentativo di individuare un linguaggio tipologia fideista oppure ontologica; una delle varianti
diverso, meno compromesso con la metafisica, per cristiane dell'esistenzialismo è quella del filosofo russo
affrontare in modo più diretto il tentativo di pensare Nikolaj Aleksandrovič Berdjaev (1874-1948), ispirata
il senso dell'essere e la sua verità (di qui l'avvicinarsi alla sua profonda fede ortodossa e alla narrativa di
di Heidegger al pensiero dei mistici, ma anche alla Dostoevskij, al quale fa riferimento il suo saggio del 1923
scrittura poetica e all'arte). È noto come per lui fosse La concezione del mondo di Dostoevskij. Per Berdjaev la
proprio questa seconda parte del suo percorso, quella in figura di Gesù è al centro di ogni speculazione sull'essenza
cui si espresse il suo più autentico pensiero. L'indagine del vivere in rapporto all'immanenza e alla trascendenza.
speculativa di Heidegger si realizza in definitiva come L'esistenzialismo cristiano ha continuato ad avere svi-
una ricerca ontologica sull'"essere” rispetto alla quale luppi interessanti nel Novecento in figure come Gabriel
l'analisi dell'esistenza, relativa all'esserci (l'individualità Marcel, che ha i suoi punti di riferimento in Heidegger
umana), ha solo carattere introduttivo.[1] e Jaspers, e in Karl Barth, che si riallaccia piuttosto a
Dostojevskij e Kierkegaard.[1]

5.4.1 Tipologie di esistenzialismo La teologia della Chiesa cattolica ha talvolta tocca-


to temi di esistenzialismo cristiano,[8] in particolare di
umanesimo cristiano fideistico, ad esempio in Joseph
Nicola Abbagnano distingue tre tipi di esistenzialismo[1]
Ratzinger (poi papa Benedetto XVI).[11]

• l'esistenzialismo ontologico, «per il quale le possibi-


lità esistenziali sono soltanto impossibilità di esse- L'esistenzialismo ateo
re l'Essere e, tuttavia, manifestano in qualche modo
l'essere stesso». Parte di questo gruppo sono le dot- Specialmente all'interno dell'esistenzialismo umanisti-
trine di Martin Heidegger, Karl Jaspers e, in parte, co, vi è la variante atea dell'esistenzialismo, che risen-
Jean-Paul Sartre; tra i precursori, gli stoici, Socrate, te anche dell'ideologia marxista, ma trova i suoi pre-
Platone e i filosofi della Scolastica (in particolare cursori in Lucrezio, Schopenhauer, Nietzsche, Stirner
Tommaso d'Aquino). e Leopardi, ed è rappresentata specialmente da Jean-
Paul Sartre (1905-1980). L'opera teorica fondamentale
• l'esistenzialismo fideistico, sulla scia di Dostoevskij
dell'esistenzialismo ateo di Sartre, L'essere e il nulla, del
e Florenskij e in parte anche di Kierkegaard, «per
1943, è un trattato che traduce in linguaggio filosofico
il quale le possibilità esistenziali sono garantite
ciò che, più autenticamente e spontaneamente, egli espri-
dall'essere stesso, identificato con Dio, o includo-
me nella drammaturgia e nella letteratura.[1] Prima della
no una possibilità privilegiata che è un diretto do-
“svolta” teologica e ontologica, Sartre considerava anche
no di Dio, quella della fede». Questo indirizzo è
Heidegger, che pure non si disse mai ateo, parte di questa
stato quello di Gabriel Marcel, Louis Lavelle, René
corrente.[12]
Le Senne, Nikolaj Aleksandrovič Berdjaev e Rudolf
Bultmann; Differente da quello di Sartre, almeno dal 1950, è
l'esistenzialismo ateo di Albert Camus, che parte dal mar-
• l'esistenzialismo umanistico, «che mantiene alle pos- xismo per approdare all'anarchismo. Egli, alla fine del
sibilità esistenziali il loro carattere problematico, saggio Il mito di Sisifo, precisa il suo esistenzialismo ateo,
5.4. CONCETTI GENERALI 15

con la natura[1] :
In un orizzonte umano che non sa che farsene di Dio per-
ché ha solo sé stesso su cui fondarsi per realizzare un sen-
so dell'esistenza, Camus rifiuta però il buio del nichilismo
per la solarità di una lotta indefessa al non-senso. Bisogna
ribellarsi al non-senso in nome della solarità e della “mi-
sura”, le caratteristiche migliori dei popoli mediterranei
pre-cristiani. Si legge nel 5º capitolo dell'Uomo in rivolta
(sottotitolo: Il pensiero meridiano):
L'esistenzialismo ateo ha avuto nel Novecento qualche
nuovo sviluppo in senso edonistico in Michel Onfray, che
ha il suo maggiore ispiratore in Camus. In qualche misu-
ra si rifà all'atomismo antico, ma in questo è l'elemento
etico e utilitaristico a prevalere.[1]

5.4.2 Dall'essere all'esistere

Albert Camus

Martin Heidegger

L'esistenzialismo si ricollega alla questione ontologica


fondamentale, ovvero «che cos’è l'essere?», questione af-
frontata più che altro da Martin Heidegger (ma non solo).
Essa può essere posta in altri modi: cos’è che determina la
nostra esistenza? Come si chiese Heidegger, riprendendo
una questione posta da Leibniz: "Perché l'ente e non piut-
tosto il niente?" ("Warum ist überhaupt Seiendes und nicht
vielmehr Nichts?" in Was ist Metaphysik?, 1929). L'essere
Simone de Beauvoir, femminista, compagna di Sartre ed è il fondamento da cui deriva tutto ciò che è, ovvero
esponente dell'esistenzialismo ateo l'ente e dunque anche l'uomo, in quanto unico ente che
esiste? Heidegger, che per primo si pose compiutamen-
te la domanda, intuì che in tutta la storia della metafisica
che nega il divino e lo sostituisce col rapporto dell'uomo l'essere era stato sempre più completamente identificato
16 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

con l'ente, subendo l'irreparabile cancellazione della co- • la seconda è che l'essere sia quello che Sartre chia-
siddetta differenza ontologica: in altre parole, l'essere non ma il per-sé, cioè la nostra coscienza, il nostro io
è Dio o le Idee platoniche, concetti ontologici, manifesta- che si pone come altro rispetto al resto del mondo,
zioni fisiche più che metafisiche. L'essere è trascendente è soggetto e non oggetto;
e conserva una differenza irriducibile con qualsiasi ente,
compreso l'Ente supremo se identificato in Dio o in un • infine può essere in-sé, ossia l'essere nelle cose e nei
valore astratto.[1] fenomeni che ci appaiono, negli oggetti che ci cir-
Heidegger accusa Sartre di soffermarsi su tematiche me- condano, a cui però diamo un senso noi, e quindi in
ramente “esistentive”, anziché rivolgersi ad una visua- qualche modo derivano da noi.
le davvero esistenziale, che si occupi cioè del rapporto Nessuna di queste tre è una risposta completa:
dell'ente (cioè l'Essenza) con l'Essere. Con la sua ope- l'essere, per Sartre, è come se si manifestasse in
ra Essere e tempo il pensatore tedesco, spesso accusato parte in ogni cosa ma si cela sempre nella sua
di essersi compromesso col nazismo, afferma invece di compiutezza.
avere tracciato i veri punti di riferimento del movimento.
Per Heidegger l'Essere e l'Essenza sono due cose diverse, Heidegger e Jaspers indicarono tuttavia una parziale ri-
ed entrambe precedono gerarchicamente l'Esistenza.[13] sposta al quesito. Il fatto che noi ci poniamo la doman-
Per Sartre invece è solo l'esistenza che conta, l'essenza è da “che cos’è l'essere?", il fatto che andiamo in cerca di
decisa dall'uomo e l'essere si identifica col nulla se non una risposta e riflettiamo per raggiungerla, comporta ne-
c'è un sé che si percepisce come tale.[14] In questo modo cessariamente l'essere già in possesso di una risposta. Si
egli risponde alla domanda leibniziana affermando che può dire, quindi, che si è, si esiste nel momento in cui ci
non esiste una risposta, poiché l'esistenza è frutto del ca- si pone la domanda “perché esisto?", “che cosa significa
so fortuito, della probabilità o è l'unica realtà possibile. Il esistere?". In questo modo, infatti, noi esistiamo perché
nulla è definito come l'«essere-per-sé», coincidente con il significato etimologico di esistere è ex-sistere, cioè in
la nostra coscienza che agisce liberamente e mette in atto latino “essere fuori da": in qualche modo cerchiamo di
realtà che nella loro entità sono nulla. Gli enti del mon- uscire fuori da noi stessi e guardare l'essere come qual-
do invece sono «essere-in-sé» in quanto nella loro essenza cosa di altro, che non ci appartiene, lo analizziamo “fuori
priva di determinazioni ben identificano l'essere. L'essere da noi” e questo è già un primo passo. Concetto comun-
afferma Sartre precede il nulla ma come quest'ultimo di- que che si avvicina molto al “Cogito ergo sum” (“Penso
scenda dal primo non rimane chiarito. Sulla scia “esisten- dunque sono”) concepito da Cartesio, nonostante fosse un
tiva” di Sartre anche la moderna filosofia della scienza si razionalista e non un esistenzialista.[1]
spesso è cimentata.[15]
Il filosofo Gabriel Marcel pose l'accento sul fatto che
l'esistenza non è un problema, bensì un mistero. Un pro- 5.5 Esistenzialismo e nichilismo
blema è infatti un qualcosa che si pone davanti a noi come
un ostacolo (in tedesco gegen-stand, latino ob-jectum, nel
senso di “stare contro”, “obbiettare”) e di cui noi possia- Sebbene l'esistenzialismo e il nichilismo siano due di-
mo perlomeno delimitarne la portata e quindi compren- stinte correnti filosofiche, molto spesso vengono confu-
derlo in via di massima. L'esistenza non si pone di fron- se tra loro. Una causa primaria della confusione è dovuta
te a noi, è anche in noi stessi, ci penetra, e dunque noi a Friedrich Nietzsche, il quale fu un importante filoso-
siamo sia soggetti che oggetti della domanda “che cos’è fo in entrambi i campi, ma anche all'insistenza da parte
l'essere?". Heidegger spiegava questo concetto in questo dell'esistenzialismo sull'intrinseco non senso del mondo.
modo: di ogni cosa noi possiamo dire cos’è categorizzan- Sovente i filosofi esistenzialisti sottolineano l'importanza
dola, possiamo farla rientrare tassonomicamente in un in- dell'Angoscia a significare l'assoluta mancanza di alcun
sieme (ad esempio il cane è parte dell'insieme 'animali'). motivo oggettivo per l'azione, una mossa che è spesso ri-
Invece il concetto di essere non può venire categorizzato, dotta a un nichilismo morale o esistenziale. Un tema per-
perché esso stesso è l'insieme più ampio di tutti, di cui tut- vasivo all'interno delle opere dei filosofi esistenzialisti è
ti gli altri insiemi fanno parte. Il fatto quindi che l'essere è tuttavia il persistere di fronte agli incontri con l'assurdo,
sia in noi che fuori di noi non ci permette di dare mai una come si può vedere nel saggio di Camus, Il mito di Sisifo
risposta definitiva al problema (o, meglio, al mistero).[1] (“Bisogna immaginare Sisifo felice”)[16] , ed è solo molto
raramente che i filosofi esistenzialisti respingono la mo-
Questa questione è meglio marcata nelle riflessioni di rale o il proprio senso della vita: Kierkegaard ritrovò una
Sartre, il quale alla domanda dà tre risposte: sorta di morale nel sentimento religioso (anche se non
sarebbe stato d'accordo nel definirlo etico; il religioso so-
spende l'etica), e le ultime parole di Sartre in L'essere e il
• la prima, la più evidente, è che l'essere sia costi- nulla sono “Tutti questi problemi che rinviano alla rifles-
tuito dall'insieme di tutti gli esseri - cose e perso- sione pura e non complice, non possono trovare la loro
ne - presenti nel contesto spazio-temporale in cui risposta che sul terreno morale. Vi dedicheremo un'altra
viviamo; opera.”[17]
5.7. RISVOLTI CULTURALI 17

5.6 L'esistenzialismo in letteratura 5.7 Risvolti culturali


A partire dagli anni trenta fino alla metà degli anni settan-
ta questo vero e proprio stile di vita influenzò le scelte di
numerosissimi gruppi culturali, gruppi musicali e singo-
li individui, che ne diedero una personale interpretazione
non solo attraverso le loro scelte artistiche, ma anche at-
traverso la propria biografia. Il climax del movimento si
ha però negli anni cinquanta, a Parigi (quartiere di Saint-
Germain-des-Prés sulla rive gauche) in particolare, grazie
soprattutto a Jean-Paul Sartre, che divenne una specie di
profeta di questo tipo di esistenzialismo.[19]
L'atteggiamento esistenzialistico ha indubitabili meriti
culturali[20] , ma è anche divenuto nel sentire comune, da
fenomeno culturale, una sorta di estetismo decadente e
nichilista, in cui l'abbigliamento nero, la malinconia di
fondo, la ribellione alle convenzioni sociali, alle istitu-
zioni, la professione di individualismo e immoralismo (in
stile nietzscheano), e un comportamento estremo, spes-
so autodistruttivo, costituiscono la costellazione interiore
ed esteriore di molti gruppi e individui per più generazio-
ni; tutto questo è però tipico di un certo esistenzialismo
culturale e popolare, nichilista e neodecadente, e poco
consono alla vera morale esistenzialistica di Sartre; spes-
so tali “esistenzialisti per moda” non avevano mai letto
Emil Cioran
né Sartre, né Nietzsche e meno che mai Heidegger, ma si
limitavano a imitare superficialmente quello che secon-
do i giornali e l'immaginario collettivo era lo stile di vita
In letteratura autori esistenzialisti furono Franz Kafka
sartriano, con la sigaretta e la pipa, l'alcol, le droghe e
(avvicinato anche al surrealismo), il precursore Fëdor Mi-
l'atteggiamento anticonformista e bohémien, o addirittu-
chajlovič Dostoevskij, Emil Cioran ed Albert Camus. I
ra copiando persino il modo di vestire del filosofo o di
primi due sono da vedere principalmente come ispirato-
altri pensatori coevi, come Albert Camus e Simone de
ri o precursori, mentre Camus e Cioran appartengono al
Beauvoir.[21] Si possono trovare questi elementi pseudo-
periodo storico in cui si sviluppa l'esistenzialismo. A Ca-
esistenzialisti nella musica punk, nella New wave e nel
mus, insieme al già citato Sartre si attribuisce la variante
Goth, oltre che, più fedele all'originale filosofia, nella
dell'esistenzialismo ateo. Cioran fu invece una figura so-
canzone d'autore francese e italiana, in particolare in
litaria ed isolata, un agnostico nichilista per cui la lettera-
Juliette Gréco, considerata la «musa dell'esistenzialismo»
tura filosofica è uno sfogo in prosa, una forma di terapia
parigino in ambito musicale e in altri come Luigi Ten-
per lenire il proprio male di vivere, ma privo di impe-
co. Importante è anche l'influenza sul cinema e sulla
gno sociale a differenza della forte politicizzazione che
pittura.[21]
troviamo in Sartre, politicizzazione che Cioran rifiuta do-
po l'infatuazione giovanile per il fascismo, dichiarandosi
astrattamente "liberale" ma senza alcuna velleità politica
5.7.1 Teatro
pratica.
Anche Primo Levi, che, con la sua testimonianza auto- Il Teatro dell'assurdo viene solitamente conside-
biografica sull'internamento nel Campo di concentramen- rato un'articolazione artistica dei concetti filo-
to di Auschwitz è considerato principalmente un espo- sofici dell'esistenzialismo. In questo filone, oltre
nente del neorealismo memorialista, è stato avvicinato all'universalmente riconosciuto maestro del genere,
all'esistenzialismo. Eugène Ionesco, è da ricordare quantomeno Aspettando
Godot di Samuel Beckett. Anche Jean Genet, Camus
(Caligola) e Sartre (A porte chiuse, Morti senza tomba,
5.6.1 Postilla su Albert Camus Le mani sporche) si cimentarono nel teatro, ma in forma
più convenzionale.
La figura di Camus è stata da alcuni resa esterna
all'esistenzialismo, per evidenti discordanze filosofiche
e di soluzione esistenziale (ad esempio nel saggio di 5.7.2 Cinema
Jacqueline Lévi-Valensi[18] nella recente edizione delle
opere complete di Camus della Pléiade, Gallimard) • Il processo (1962)
18 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

• La peste (1992) • Søren Kierkegaard

• Lo straniero (1967) • Emmanuel Lévinas


• Tutte le mattine del mondo (1991)
• Gabriel Marcel

• Friedrich Nietzsche
5.8 Personaggi associati al movi-
mento esistenzialista • Michel Onfray

5.8.1 Scrittori e autori teatrali • Luigi Pareyson

• Fëdor Michajlovič Dostoevskij • Blaise Pascal

• Albert Camus • Maurice Merleau-Ponty


• Simone de Beauvoir
• Jean-Paul Sartre
• Carlo Cassola
• Lev Šestov
• Ralph Waldo Emerson
• Emanuele Severino
• Franz Kafka

• Alberto Moravia • Arthur Schopenhauer

• Henrik Ibsen • Max Stirner


• Samuel Beckett
• Henry David Thoreau
• Jean Genet
• Peter Wessel Zapffe.
• Eugène Ionesco

• Hermann Hesse
5.8.3 Psicologi
• Primo Levi[22]
• Ludwig Binswanger
• Herman Melville

• Alberto Moravia • Medard Boss

• José Saramago • Viktor Frankl


• Jack Kerouac
• Rollo May
• Carmelo Bene

• Emil Cioran
5.8.4 Cantanti

5.8.2 Filosofi • Giorgio Gaber

• Enzo Paci • Juliette Gréco

• Nicola Abbagnano • Francesco Guccini


• Nikolaj Aleksandrovič Berdjaev
• Claudio Lolli
• Henri Bergson
• Fabrizio De André[23]
• Ralph Waldo Emerson

• Martin Heidegger • Luigi Tenco

• Karl Jaspers • Georges Brassens[24]


5.10. BIBLIOGRAFIA 19

5.9 Note [18] J. Lévi-Valensi, Albert Camus ou la naissance d'un


romancier, Paris, Gallimard, 2006
[1] Nicola Abbagnano, Esistenzialismo, Enciclopedia del
Novecento, Treccani.it [19] Ulderico Munzi, Quando vestivamo all'esistenzialista

[2] Esistenzialismo, Dizionario di filosofia, Treccani.it [20] I suoi concetti sono ancora oggetto di approfondimenti e
sviluppi teorici: un tema è quel dell'“individuo” e della
[3] Federico Guglielmo Giuseppe Schelling, 56, in «Gran-
sua presa di coscienza esistenziale: “La propria coscien-
de antologia filosofica», vol. XVIII, Milano, Marzorati,
za, e quindi “la presa di coscienza”, richiede il proprio es-
1971.
sere sociale come “produttore” di essa; “la presa di co-
[4] Enciclopedia filosofica, riflessioni.it scienza”, (...), ha il suo nocciolo originario e fondatore
nell'essere sociale, persona, soggetto, che ha maturato un
[5] Marino, Gordon. Basic Writings of Existentialism (Mo- livello di consapevolezza, del suo stesso “essere sociale”,
dern Library, 2004, p. IX, 3) tale che, da questa consapevolezza, si avvia il processo di
coscientizzazione/consapevolezza/presa di coscienza che
[6] J. Macquarrie, Existentialism, New York (1972), 19732 , investe tutta l'esistenza della persona in ogni manifesta-
pp. 1-5. zione del suo vivere, da quella direttamente sociale a quel-
la più introspettiva e individuale.” (Cfr. Francesco Barba,
[7] Manuel Enrique, Barrios Prieto, Antropologia teologica: Testo a fronte. Appunti per un percorso esistenziale. An-
temi principali, pag. 69, Gregorian Biblical BookShop, tologia filosofica (e non solo), Firenze, 2012, pag. 21 in
1998. http://badabing-it.webnode.it/ )
[8] Anche in ambito cattolico papa Pio XII intese evidenziare,
nell'enciclica Humani generis (DS 3878), l'esigenza della [21] Cultura giovanile: gli esistenzialisti
filosofia esistenzialista di privilegiare l'esistenza rispetto
all'essenza. [22] Girolamo De Michele, Gettare Martin Heidegger giù dalla
torre?
[9] Giovanni Fornero, Recensione a “Le origini storiche
dell'esistenzialismo” di Nicola Abbagnano.
[23] Giuseppe Cirigliano, Fabrizio De André: hanno detto di lui
[10] Michele Lenoci, in Aa.Vv., Manuale di base di storia del-
la filosofia. Autori, indirizzi, problemi, pag. 176, Firenze [24] «Esistenzialismo», Dizionario di storia moderna e contem-
University Press, 2009. poranea

[11] In un'omelia sul relativismo affermò: «Si va costituendo


una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come
definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio 5.10 Bibliografia
io e le sue voglie. Noi, invece, abbiamo un'altra misura:
il Figlio di Dio, il vero uomo. È lui la misura del vero
umanesimo» (Papa Benedetto XVI, allora cardinale Jo- • Jean-Paul Sartre, L'essere e il nulla, Il Saggiatore,
seph Ratzinger, Omelia per la Missa pro eligendo romano Milano, 1984
pontifice).
• Pietro Prini, Storia dell'esistenzialismo, Studium,
[12] J.P. Sartre, L'esistenzialismo è un umanismo, «Ciò che ren-
de le cose complicate i sono due specie di esistenziali-
Roma, 1989
sti: gli uni che sono cristiani, e fra questi metterei Ja-
spers e Gabriel Marcel, quest'ultimo di confessione cat- • Jean-Paul Sartre, L'esistenzialismo è un umanismo,
tolica; e gli altri che sono esistenzialisti atei, fra i quali Mursia, Milano, 1990
bisogna mettere Heidegger, gli esistenzialisti francesi ed
io stesso.» • Giovanni Invitto, Esistenzialismo e dintorni, Angeli,
[13] Michele Lenoci, in AA.VV., Manuale di base di storia
Milano, 1992
della filosofia. Autori, indirizzi, problemi, p. 176, Firenze
University Press, 2009. • Albert Camus, Il mito di Sisifo, Bompiani, Milano,
1994
[14] SARTRE: L'ESSERE E IL NULLA - A cura di Giuseppe
Tortora
• Nicola Abbagnano, Introduzione all'esistenzialismo,
[15] Lawrence M. Krauss, L'Universo dal nulla, in cui il fi- Mondadori, Milano, 1995
sico sostiene che c'è l'universo anziché il nulla perché il
cosiddetto “nulla” è instabile. • Eugenio De Caro, Esistenzialismo, Editrice Biblio-
grafica, Milano, 1997
[16] Albert Camus, Il mito di Sisifo, Bompiani (2001).

[17] Jean-Paul Sartre, L'essere e il nulla. La condizione umana • Andrea Gentile, Sulla soglia. Tra la linea-limite e la
secondo l'esistenzialismo, Il Saggiatore Tascabili (2008). linea d'ombra, IF Press, 2012. ISBN 8895565967
20 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

5.11 Voci correlate


• Esistenzialismo ateo

• Umanismo
• Libertarismo

• Postmodernismo

• Strutturalismo (filosofia)
• L'esistenzialismo è un umanismo

• Ressentiment

5.12 Altri progetti

• Wikiquote contiene citazioni di o su


esistenzialismo

• Wikizionario contiene il lemma di dizionario


«esistenzialismo»

5.13 Collegamenti esterni


• Che cos’è l'esistenzialismo, biblio-net.com.

• L'esistenzialismo ateo di Jean-Paul Sartre, mondo-


domani.org.

• Esistenzialismo positivo, nicolaabbagnano.it.


• L'esistenzialismo ateo nel dualismo antropico reale,
esistenzialismo-ateistico.bravehost.com.
• Esistenzialismo, in Thesaurus del Nuovo soggetta-
rio, BNCF, marzo 2013.
5.14. FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE 21

5.14 Fonti per testo e immagini; autori; licenze


5.14.1 Testo
• Genius loci Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Genius_loci?oldid=84568096 Contributori: Snowdog, Marcok, Galessandroni, MM, Iva-
na51, FlaBot, SunBot, CivviBot, CruccoBot, Esculapio, Daviboz, WinstonSmith, Codas, Turi, Sailko, Lucio Di Madaura, Lordmark,
JAnDbot, Guru11, TXiKiBoT, VolkovBot, Marcol-it, Giovanni986, Kamata, BotSottile, ArcheoBot, YaFKBOT, Luckas-bot, MystBot,
FrescoBot, Er Cicero, Veikia, Franco3450, Rubinbot, Юрий Педаченко, DrQuantum, Carlocuppini, ZéroBot, Aacugna, Giorgiabertani,
Pil56-bot, Dexbot, Botcrux, ValterVBot e Anonimo: 10
• Genius loci (saggio) Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Genius_loci_(saggio)?oldid=84040910 Contributori: Davide, Ary29, Daviboz,
Mauro742, Codas, Eumolpo, Sailko, Marcol-it, Giovanni986, Balfabio, No2, FixBot, Discanto, Oberon474, FrescoBot, GBG, AttoBot,
Paopp e Anonimo: 3
• Christian Norberg-Schulz Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Christian_Norberg-Schulz?oldid=84355996 Contributori: Ary29, Si-
cilarch, Alfiobot, ZeroBot, Pap3rinik, FlaBot, Codas, Paulatz bot, Grillo1987, CommonsDelinker, Pask77, Biobot, Giovanni986,
Alecs.bot, Nightshadow28~itwiki, LaaknorBot, Salvatore gioitta, Luckas-bot, Oberon474, FrescoBot, Fpittui, Xqbot, Samtsimon, Botcrux,
AlessioBot, ValterVBot, JarektBot, SamoaBot, Arcalimon88, ImPERtinente e Anonimo: 7
• Fenomenologia Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Fenomenologia?oldid=83382503 Contributori: Snowdog, Suisui, Robbot, Blakwolf,
Carlo.Ierna, Clovepower, Truman Burbank, ZeroBot, Luki-Bot, YurikBot, Nick1915, Vipera, Zwobot, LeonardoRob0t, FlaBot, CruccoBot,
Chlewbot, Eumolpo, Firegas, SashatoBot, Thijs!bot, Filbot, Tassobot, .anacondabot, JAnDbot, Gierre, MelancholieBot, Oximoron~itwiki,
Rhockher, Mau db, TXiKiBoT, VolkovBot, Antiedipo, Veneziano, Abisys, Olandobot, AlnoktaBOT, Spinoziano, SieBot, Consbuonomo,
Roberto Frana, Phantomas, OKBot, Mauro Lanari, Bottuzzu, Alexbot, DumZiBoT, Nalegato, IagaBot, Tanhabot, Muro Bot, Luckas-bot,
FrescoBot, Ptbotgourou, Sergio dn, Xqbot, Rubinbot, RibotBOT, Josef Papi, RCantoroBot, SPKirsch, LoStrangolatore, Ripchip Bot, Teo
Orlando, Psico pp, Meinolf Wewel, MerlIwBot, Snaevar-bot, Caarl 95, Aplasia, Bciaghi, Botcrux, MNepi, AlessioBot, ValterVBot, Ulisse
e Anonimo: 51
• Esistenzialismo Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Esistenzialismo?oldid=86436059 Contributori: Hashar, Suisui, Robbot, Giomol, Bla-
kwolf, Carlo.Ierna, Archenzo, Irvius, Marcok, M7, Marius~itwiki, Truman Burbank, Luki-Bot, Alec, YurikBot, OrbiliusMagister, Filip-
pof, Tinette, Bouncey2k, Zwobot, FlaBot, L'osservatore, R.Paura, SunBot, CruccoBot, Jacopo Seno, Eskimbot, Elwood, Chlewbot, Codas,
Paulatz bot, SashatoBot, Absinthe, Nemo bis, Thijs!bot, BimBot, Tassobot, Wikit2006, MSBOT, JAnDbot, Gaux, Gierre, Rael, Melancho-
lieBot, Askeron, RolloBot, Castagna, Matafione, Bot-Schafter, Paolof76, Plink, Verdimero, TXiKiBoT, Darkarix, VolkovBot, Ripepette,
Antiedipo, Abbot, Marcol-it, Wento, Veneziano, Olandobot, Synthebot, Leopold, AlnoktaBOT, BotMultichill, Gerakibot, Spinoziano, Sie-
Bot, Gazal Cotre, Phantomas, Pracchia-78, Hxhbot, Airon90, Utonto, M&A, DragonBot, Grigio60, SteveR2, Brunirob, Bottuzzu, No2,
Ticket 2010081310004741, Quandary, IagaBot, IncolaBot, Antenor81, Guidomac, Zagreus, Luckas-bot, FrescoBot, ArtAttack, AttoBot,
Continua Evoluzione, ArthurBot, Alessandro bertoli, Noproblem60, Voze, Federico Tortorelli, Luca Tassoni, RCantoroBot, TobeBot, Nu-
bifer, Maria Pia Cerulo, EmausBot, Taueres, Salv0m92, Fcarbonara, Massimiliano Panu, MerlIwBot, NewLibertine, Custeped, Atarubot,
WhiteFox90, Apollineo!, Botcrux, AlessioBot, ValterVBot, Francesco barba, Club2birre, Folto82, First knight first, Daimona Eaytoy e
Anonimo: 89

5.14.2 Immagini
• File:Camus3.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e6/Camus3.jpg Licenza: Public domain Contributori: Nobel
Prize.org Artista originale: sconosciuto<a href='https://www.wikidata.org/wiki/Q4233718' title='wikidata:Q4233718'><img alt='wikidata:
Q4233718' src='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/20px-Wikidata-logo.svg.png' wid-
th='20' height='11' srcset='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/30px-Wikidata-logo.svg.png
1.5x, https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/40px-Wikidata-logo.svg.png 2x'
data-file-width='1050' data-file-height='590' /></a>
• File:Christian_Norberg-Schulz_(signature).jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a1/Christian_
Norberg-Schulz_%28signature%29.jpg Licenza: Public domain Contributori: Kilde: Signert utgave av Intensjoner i arkitekturen
dedikert til Erik Karlsen. Artista originale:
• Signature: Christian Norberg-Schulz (1926-2000)
• File:Cioran_in_Romania.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/de/Cioran_in_Romania.jpg Licenza: Public
domain Contributori: http://tysm.org/wp-content/uploads/2013/07/emil_cioran.jpeg; Used also in: Letters On the Summits of Despair (1930-
1934), italian edition for Mondadori; Artista originale: Photographer of Keyston agency/Getty Images before Rivarol Premium. Photo taken
in the last years of Cioran’s life-in-Romania, before his definitive transference in France (1947); first publication 1955-1960s; for Romanian
law the artistic and non-artistic photo realized before 1956, or between the years 1956-1996, have their copyright expired.
• File:Commons-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Con-
tributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
• File:Crystal_Clear_app_Login_Manager.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/ca/Crystal_Clear_app_
Login_Manager.png Licenza: LGPL Contributori: All Crystal Clear icons were posted by the author as LGPL on kde-look; Artista originale:
Everaldo Coelho and YellowIcon;
• File:Draig.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e9/Draig.svg Licenza: Public domain Contributori: Based on
Image:Flag of Wales 2.svg Artista originale: Liftarn
• File:Exquisite-kfind.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
• File:FourExistentialPrecursors.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/7e/FourExistentialPrecursors.jpg Li-
cenza: Public domain Contributori:
22 CAPITOLO 5. ESISTENZIALISMO

• Image:Kierkegaard.jpg Artista originale: Various


• File:Heidegger_4_(1960).jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5d/Heidegger_4_%281960%29.jpg Licenza:
CC BY-SA 3.0 Contributori: Landesarchiv Baden-Württenberg Artista originale: Willy Pragher
• File:Karl_Jaspers-BA.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/cf/Karl_Jaspers-BA.jpg Licenza: Public domain
Contributori: Bundesarchiv, http://www.bild.bundesarchiv.de/cross-search/search/_1253966464/?search[view]=detail&search[focus]=1
Artista originale: sconosciuto<a href='https://www.wikidata.org/wiki/Q4233718' title='wikidata:Q4233718'><img alt='wikidata:
Q4233718' src='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/20px-Wikidata-logo.svg.png' wid-
th='20' height='11' srcset='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/30px-Wikidata-logo.svg.png
1.5x, https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/40px-Wikidata-logo.svg.png 2x'
data-file-width='1050' data-file-height='590' /></a>
• File:Kierkegaard-Dostoyevsky-Nietzsche-Sartre.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/02/
Kierkegaard-Dostoyevsky-Nietzsche-Sartre.jpg Licenza: Public domain Contributori: Kierkegaard.jpg: <a href='//commons.wikimedia.
org/wiki/File:Kierkegaard.jpg' class='image'><img alt='Kierkegaard.jpg' src='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/
8/89/Kierkegaard.jpg/50px-Kierkegaard.jpg' width='50' height='74' srcset='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/
8/89/Kierkegaard.jpg/75px-Kierkegaard.jpg 1.5x, https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/89/Kierkegaard.jpg/
100px-Kierkegaard.jpg 2x' data-file-width='310' data-file-height='459' /></a> Artista originale: Kierkegaard.jpg: Neils Christian
Kierkegaard
• File:Nota_disambigua.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bc/Nota_disambigua.svg Licenza: Public domain
Contributori: Trasferito da it.wikipedia su Commons. Artista originale: Krdan Ielalir di Wikipedia in italiano
• File:Owl_of_Minerva.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f5/Owl_of_Minerva.png Licenza: CC-BY-SA-3.0
Contributori: File:Owl of Minerva.png Artista originale: --SGOvD webmaster (talk) 19:11, 24 July 2006 (UTC)
• File:SPQRomani.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bb/SPQRomani.svg Licenza: Public domain Contri-
butori: Opera propria Artista originale: Piotr Michał Jaworski (<a href='https://pl.wikipedia.org/wiki/Wikipedysta:Piom' class='extiw'
title='pl:Wikipedysta:Piom'>PioM</a> EN DE PL)
• File:Schopenhauer.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8a/Schopenhauer.jpg Licenza: Public domain Contri-
butori: sconosciuta Artista originale: Jules Lunteschütz (1822–1893)
• File:Simone_De_Beuvoir2.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5e/Simone_De_Beuvoir2.jpg Licenza: Pu-
blic domain Contributori: Archivo del diario Clarín. Fotografía publicada en 1983 (subjects: Sartre and de Beavoir) en la
revista dominical del periodico ilustrando un artículo sobre el poeta, en Buenos Aires, Argentina Artista originale: scono-
sciuto<a href='https://www.wikidata.org/wiki/Q4233718' title='wikidata:Q4233718'><img alt='wikidata:Q4233718' src='https://upload.
wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/20px-Wikidata-logo.svg.png' width='20' height='11' srcset='https://
upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/30px-Wikidata-logo.svg.png 1.5x, https://upload.wikimedia.
org/wikipedia/commons/thumb/f/ff/Wikidata-logo.svg/40px-Wikidata-logo.svg.png 2x' data-file-width='1050' data-file-height='590'
/></a>
• File:Tempietto_tipo_2.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/8/82/Tempietto_tipo_2.png Licenza: Cc-by-sa-3.0 Contri-
butori: ? Artista originale: ?
• File:Wikiquote-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fa/Wikiquote-logo.svg Licenza: Public domain
Contributori: Opera propria Artista originale: Rei-artur
• File:Wikiversity-logo-It.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b5/Wikiversity-logo-it.svg Licenza: CC BY-SA
3.0 Contributori: Opera propria Artista originale: Skyluke
• File:Wiktionary_small.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f9/Wiktionary_small.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: ? Artista originale: ?

5.14.3 Licenza dell'opera


• Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0