Sei sulla pagina 1di 8
Mt. 5, 37: fl a a cid che Ma it ain vostro pia parlare : vien dal sia maligno. Aivolatione © Religions Altuarone « Informazione Anno XII n. 18 Ubi Veritas et lustitia, ibi Caritas ‘uinicinale Catolico ANTIMODERNISTA « Fondatore: Sac. Francesco Putt Direttorg: S3e. Emmanuel de Tavens 31 Ottobre 1986 COUIABORABIONE MA PONT MENTE A OO ONE GETTO™ Um Co) L’ELOGIO FUNEBRE PER IL PADRE LYONNET S. J. sanziona il tradimento dell esegesi cattolica? ‘incredibile elogio LOsservatore Romano, 9-10 i 1986. pe 2. di io della del padre Sta 5. in fondo a destra. pubblicava bene in'evidenaailaequente usd: Cordoglio del Santo Padre per ta morte af padre Lyonnet Seguiva un corsivie «E morto jeri domenica 8 giugno, a Roma, all eta di84 uni. padre Stanislao Lyonnet, S. J illustre[2 biblista, per moltianni docente presso il Poniificio Istituto Biblico, Ap presa la luttuosa notizia. Giovanni Paolo I ha inviato un messaggi di cordogtio al Rettore del Pomtficio Istituto Biblico, padre Albert Vankoye, del quale pubr Blichiamo guid seit i este: ‘Ho appreso con profonda emo- one ta notisia della dipartita del -verendo Padre Stanislao Lyonnet per lunghi anni docente presso co- desto Pontificio Istituto Biblico e, ignore fervide pre. uo diuturno impegno nello nella meditazione della Par pide tedtimonianza di autentico fighio di sant Ignazio di Loyola. Unendomi sinceramente al luito dei suoi com fratelli ¢ dei suoi alunni, invio di cuore la confortatrice Benedizi Apostplica segno della mia part Pisiobe al foto dolore. Toannes Paulus PP I”>. «Corda troppo tesa spezza Tarcor Questa volia ® superata ogni misuray: spno aleuni dei commenti, che ei ® stato dato di cogliere al riguarda, benehé vi via npi in cui «i messi di sventura piovon come dal cel. Perehe con viva reazione Jogio funebre, che poteva pass: trates L'Ouservatore Romano nin Fosse premurato di metterlo im risalto? Le i defn Padre genta be oto nut earriera di etudiasn tttaliro lar Un glorioso Istituto Avbiamo accuratamente _riviste il caso del padre Lyonnet S.J. Frequent il Pontifieiw Istituto Biblieo negli anni 1936-1939. Era il periodo mighiore per quell Latitute. il culmine della via tanto feracemente percorsa dal 1907, anno della saa fondazione. Sotto i retto el padre Agostino Bea. I Istitito slimpo bev fla sina ditt it mond eon ‘nomi di prestigiosi professor. insuperati fare Wherts Vaccark pad eto Primed padre Ale essina, pad Powere tantialtri. came il padre Boe eo Spadatora, a delle stesso corso trienn Lyonnet. cod serive nel Disionario BE blico da tui diretto (ed. Stadium, Roma M1 ed. 1963. % x}: «Degli alunni dell Istituto (dal 1909 fino al Fsemestre 1952 =n, 1853), 628 hian proso la licenza inre biblica dal 1916 ad ogg # ren 30 Ht dottorato; ca. 800 sono professori nelle jacolta tologiche (ca. un centinaio), nei fear ole sol tt tro orn Una vera falange bene addestrata wr la diffusione della sana esegesi siete ele eta all ne fissate dal Magisters per Tesegesi (vedi il testa, spesso da noi citater Spadafora, Leone XII e gli studi biblici, Rovigo, Istituto Padano Arti Grafichs 1976, pp, 282 ss. € le voci Istituto Biblico, Commissione Biblica Erme- nneutica nel Dizionario Biblico, diretto dallo stesso Spadafora. editrice Stadium, ML ed.. Roma 1963). La svolta ‘Tea il 1950 i 1960, perin ebbe to Istituto lasvolta.. a ime del prvinuso seri com Ia tite abrogae zine. il prateo annullamedto delle nor tnedellatecgrsi catolia traced quella prince: di natura dogonatia, formulata Lal Cancitio di Trento ¢ Bpreca. dal Comeitte-Vaticario Ie sin rebus fei et morn it senso dei testi della Sacra os fissato ate nel henem » bibl «questo fogtia.rimandando alla espos sie do ia che ne fa lo Spadafora nel valtme eitate Leone XI e gli studi biblici. pp. 105: el Disionario Biblio dello stesso autore alla vor Ermeneutica. Questo principio do cr richiede necessaramente Tae rieerea della es Tutto questo & invece, vanif solv metodo eriticerstoriea, adottato « proprgnato dai «nuovie professori, che han preso il posto dei grandi loro maestei net Ponte Itt Bibles bast ri cordare Fesegesi soltanto filologiea, pror tsa sent da haar {ib padre Alonso Schokel rappresenta tiv professore del Pontifieto Istituto 2 Biblco redial guard bro cats Leone XIII ¢ glé studi biblici, pp. 139° 164), [ " Tl tradimento Come di consueto, iGesuiti del co — i antovir clementi, “intende presero ad operare queste devastazi heiFaninw degH alanis senza che nll nelle loro pubblie pericolosa in atto, in p con gli tuire quel chiaramente_per Tadempin compito cos importante per tutta la hits’ I padre ied Viti nel 1954 faceva ad un suo exalunnio, che lo aveva invitato a parlare in un convegno di Sacerdoti, questa amara confidenzae La Compagnia di Gesi, peril Ponti Istituto Biblico ha tradito la fiducia cil mandato confidatile dalla Chie to momento iG vatorin, « meglio affossatori dell Istituto loro affidato © dell esegesi cattoliea, ere= dettero di poteruscire allo scoperto, forse sembri loro il momento opportuna, per muettere le mani avanti e parare gli e rntuali contraccolpi_delf annunziato prossimo Concilio Ecumenico. E eo: ima del padr viltar Cattolica il 3 5 449-400) pubblicava larticolo Dove vaa Pesegesi cattolica? Tutta a sinistra: hhagagli. come scrivera lo Spadae fora, passava dal campo cattolico al eam po acattolico e razionalista Avrebbe voluto essere il suddetto vazione degli incred- atto in quegli anni ad ‘opera del Pontificio Istituto Bibliew, prox fessor ed ex alumni, Se ne veda un’ ‘esemplificazione nel libro Leone XIII € gli studi biblici pp. 125-134 e prince ppalmente nelf erudito, preciso e eritiew Articola, che, in risposta al proclama del padre Alonso-Schikel, pubblieato dalla Civilta Cattolica e i eui estratto — si adi — fu mandato a tutti i Veseovi italiani, mons. Antonino Romeo serisse € uubblied su Divinitas + (1960) 378-456: “enciclica “Divino Afflante Spiritu” ¢ le Seine, nocce” tentatone piena della tesi dei Gesniti del Bibliea, che tentavano di coprire il loro «tradimento» sotto il manto della enciclica di Pio XI. Lianima del tradimento: il padre Lyonnet S. J. olgimento, di jento — per adoperare il to espresso dal padre prope il padre iaveva dato Pes Anima di questo seo questo tradi li 156) 63-84 Le péché inel et Uexégése de Rom. 5, 12. il celebre versetto, il cui senso & espli- si si_no no citamente definito dal Concilio Triden tino in ben due canoni, nel Ie nel TV, che danno Tinterpretazione autentica del? espressione di San Paolo: «tutti muoiona, pre tt han pecator come dak ver fetti seguenti, che ne sono il eontesto immediato, risulta ineceepibilmente. Il padre Lyonnet,invece. non teneva conto Hel Magistero Infallibile della Chiesa e, addue otivi filologici, affermava 1 peecato originale, ma di peceati personal Per di pitt i pretesi Argomenti filologi odo soltanto critico — non aveva ferano assolutan La rea: Francesco Spadafora, gia compagno di classe del Lyonnet ed ora profeccore di Esegesi presso [Universita del Laterana, to dist nelTarticolo Ri, 5,12: et gesie riflessi dogmatici (Divinitas 4. 8) eb ati Fattenzione sul dovere delfesegeta cattolico di tenere spre presente nel so lavore— come a stella oa faro che fa evitare la rotta sbagliata — il Magistero della Chiesa, fenutaa dare sano la doyrina sul peceato originale. Lrarticolo era stato richiesto allo Spax dafora daifllors mons. Parente, ase: sore al S meravigliato, che ness vasse la voce contro nte ripror posta st una rinomata rivista da. un professore al Pontificio Istituto Biblio. Lintervento dello Spadafora x siti le ire degli interessati, che, volendo correre ai nipari per la profonda ime jpressione prodotta dovungue anche dalla ocumentazione ineceepiile offer de mons, Romeo, git professore di Sacra Serittura ex alanno del Biblio ed allora anima della Sacra Congregazione dei Seminari e delle Universit, accumuna- rono mons, Romeo e mons. Spadafora n loro inutile tentative di difesa Lintervento del Sant Uffizio Intervenne il S. Uffizio, che avocd & sé il caro, I-due Monsignor’ furono inv {ati a presentare al Supremo Dicastero le loro eritiche 0 acense con la relativa documentazione ¢ furono ascoltati per sonalmente gli incriminati. Il principale ‘era appunto padre Stanislao Lyonnet S. J. il vero ispiratore del «nuovo» indiriz- 20, e i suo confratello il padre Zerwick. Entrambi rsutarono sre confess sono dati Ia zappa sui piedi», fu allora Fesatto commento, I Sant Uifzi, pee tanto, allontand da Roma e dallinsegna- mento i due padri Anno XII n. 18 * Il cardinale protettore La documentazione offerta da mons, Romeo e dal professore del Laterano contro il padre Lyonnet € il suo com fratello gesuita era davvero ineecepiile. Tl padre Lyonnet aveva ereduto, ine {atti dt potere agire, come abile talpa, dal di dentro, sicuro della protezione assor tut del card, Tisserant refetto autor taria, purtroppo a vita, della Pontificia sn iia, et late aiele peril padre Lyonnet S.J, del quale Condividevd Tintento di afossare Pope- rato di quella Commissione dal 1902. allorché fu istituita da Leone XITL fino al 1937, quando comineid Fazione nefasta del Tisserant, eulminata con la fine inr ¢loriosa della suddetta Commissione, dor po anni di inerzia dannosa, favorevole Alf opera nefasta condotta dal Pontificio Istituto Biblico. I frutti del tradimento ta si sa, attraggono rutto proibite, speci vengono presenta sot li onpll dll sticerca scientificas, della. stilologian, dele sevtienstrieay. Bandito lo st grandi esegeti cattolict il padre A. Vac- i i. tanti anni, professore al hen enn di fama intermazionale p. Marie Joseph Lagrange con ta colle Fone Etudes Bibliques, TAllo il Braun lo Spieq e com via bbtamo coal of jovani ex alunni del P iblicar nuovo indirizzc: don Rinaldo Far brig protetto dal Vescovo di Udine, Bate tisti ‘il cappuccino padre Ortensio da Spinetoli, tanto per fare qualche nome e per tacere deght ex alunni sacerdoti¢ feign’ che han perduto i fede, finendo col secolarizzarsh I deus ex machina Tomando al padre Lyomnet 8. te i peygio avvenne cirea due anni dopo, ‘quando, appena eletto Papa, Paolo VI— Z questa‘Findice del au modernism, della sua avversione contro il Sant Uff ziv, che si concretizzera poi sempre pitt inni successivi del suo pontif- ato — fece richiamare a Roma ¢ reine tegare nelfinsegnamento press il Pom io Istituto Biblico i due cesiliati». Cos. senza revisione, senza ragi cuna Un trionfo per il padre L mannato dag luna’ eorne un vncitore trionfo sul Sant Uffizio, tacitamente tac- ciato Ciguoranza: trionfo che lo stesso Lyonnet celebrd enfaticamente in una velina mandata al Corriere della Sera e alla Stampa e che fa pubblicata sinmuk Anno XII n. 18 taneamente da quei quotidiani, Per gle luni fa purtrappa. la conferma nell frrata via imboceata. Leesegesi cattolica non e piu! i» peggio di prima, sempre nit, Cod per OF Riss, nd La letert ai oman ye 1-6, La Morcelliana Brew 1p 300 al west 512 peceats originale: Ly Algisy_ nel con mento a Rom, nella Bibbia in tre vol ada Marit (IML. pe 533), nom fa shin’, IC al potealo E: Terrata esegesi del Lyonn che ogi tiene il 6 Sh. Contre il Concilio di Trento, contro il Vaticano I 11 padee Ortensio da Spinetoli OFM Capp difendendo la Padri ei document del Max ne i de csiliatos serive. abi ta della Mado presi al Bibi padre Zi atello padre Lyonnet S.J.) Ora visto, contro la Vergi 1a, ad incominciare dalla la concezione verginale di F gingno 1986 pp [esegesi eat non existe pit, E cod si comprende Tammissione sfuigita al card. Bea «L’ ‘ccumenismo @ git un fatto nella Eegesin. Nom ee, infatt pts differ eeseyeti> ricopiano if Bornkann, lascian an Paolo soltanto 7 e del Nuove Testam si sone secolarizzati, Non &® da Un fatto gravis cro grave se Femozione ypressi dal nostro Pontefice fuoryiato Canimo di ‘a affidato al Pontificio n tuttaltro intend nto, tipo Fabris, padre Ortensio, Algisi © tanti altri che continuano nella loro 3 ‘opera di dissacrazione dei Libri Sac. sl incominciare dai nostri santi quattro F- angel, Saree un sanzignite Fao samento delfesegesi cattolica. Eppure. gua Govan Pale Hist pare Evonnet'S. J. a predicare gli Esercizi Spiritual in Vaticano, ha avuto un saggio del tipo di esegesi prediletta dal suddetto Padre. professore al Biblieu um sa delle fonti cui si affidava. ePreso Faceto, Gesic disse: tutto & compiuto. Ei ileapo tradidit spiritums (Gio. 19. 30): il Ly taandost a senpritore del Gian : Ed i il capo, diede lo Spirito Santo». Wa «esta era stata una... sp tosainvenzione di Alfredo L del staya infatti compulsare la ifn egl alt re evange ‘oeabolar de a grand Fsggerit diriazanecoa male. per Pavol reeano imente irrimediabile, Ezechiele UN DEGNO DISCEPOLO: il p. Ignazio de la Potterie S. J. I paulre Ignazio de la Potterie, gesuita anche Ini accanito sostenitore ‘che il Vaticano I nelly Dei Verbum aveebbe sancito la restrizione délla inerranza sella Sera Serta a sli brant che rileriscono verita di fede o riguardano i prineipi della ale perl resto:la Sacra Serittura contiene... erori (vedi st Sno no V5 febbraio 1986) — & stato al iasta del padre Lyonnet S.J ced ora ® anch egli profescore al Biblico Anch’egli, naturalmente, tesse Telogio del defunie:rivista 30 giornis 7 pp. 70-71, Ebbene dell ellustre be bista» puis citare la srivoluziones operata nell exegesi della letera ai Romani, spie~ ano che la. givin (dkaiostne) i Bin di cui si parla nel prologa © la ancy ina aca. : eco rendelebraica emer «Dio Ma il de la Poteredimentica che questa eseges i Lyonuet Tha ricopiata dal Theologisches Wonerbuch ZN T, voce Dikaiosine. Tasciamo stare. Lasciamo che i morti seppelliseano i morti, Senza Fedfaticn clogio fanebre, ele sue gravissime i tun po’ tutti eselae dell’ infausto card, Bea: —Errare hue padre Ignazio de la Pot teri, degno ditepulo fod serve deleue naestro defuntu: «Le sue molte ricerche sull’epistola ai Romani che di interpretare m (erpretare meglio? icemente falso: la. risposta dello Spadafora, dayvero esauriente, dit mo + punto Tinconsstenra degli argomenti addotti: ¢ solo una ripro- posta dalla eplegasione di Erumo- Pel i: vedi sopra la citazione delFarticolo daforal, Tuttavia questi suoi studi ¢ Tuso che voleva fare dei generi letterar ahi abt ly negaione dell storicita degli Evangeli? Ta negazione della inerranaa della Sacra. Seritur? tee. eve non prancarono di insospettire certi ambienti. Ci furono contro di lui (anche contro attriprofessori dell Istituto Biblico) degli attacchi che arrivarono ad finan snc il Papa (era alle “iovanni yonnet venne sospeso per due anni dail’ mostra punto per Liinfluenza che... avrebbe colpito il Papa ¢ un eapolavoro gesuitico, I Sa Uffizio che avoca a sé una causa, che vuole pertanto avere in mano tut gli clementi, Farticolo della Civilta, Gattor lica che il Pontificio Istituto Bibliew invia, documento uffieiale. a tutti i Ve- tata Tispostar di mons. A Ror spicco della Sacra minari¢ Professore werd Laterano, mons. Francesco Spadafora, tutto compare in’ quei «certi ambiontin che ei impreseionand deg ‘studis originali del padre Lyonnet S.J, ‘sui testi paoliniry ¢ comunicano.. «l influenza a quel semplicine del Papa che allora era Giovanni XXII Che cosa ne deh i card Parente, ancora vivo vegeta, il quale, come assessore del Sant Uffizi co izic: conosee benissimo come le case effettivamente si svolsers? Sono anni che il tradimento si per petua al Biblico da parte dei Padri della ‘Compagnia di Gest, € eon tuttiimezzi in danny della Chiesa, Se venisse do mentato quanto i Padri del Pont 4 si si_no no Anno XII n, 18 Istituto Biblica, con in testa il rc 6.4 Roma pupillo del Tisserant. i Stanislao Lyonnet. han fatto per snbri del Concilin alt fe Domus Marine — @ solo un vse mumerosi Veseovi, coli ospitati, avevan come «prefettor un ex alunno del Biblica. piovuto appositamente a Roma, se ben Ficordo, dl Brasle, che prendeva ordini dal Biblico e li trasmetteva ai Presuli Nelle istruzio venivan lor priv Pinate, il padre Marcozai vi esponeva i iol testi per inculeare loro che lo nione ® Fa padre Teilhan negavione del pecea dletto ex alunno vigilaya ¢ pe per segnalarenelf aula conelliare Ia presenza di chi potesse neutralizzare o rare Ie loro manovre. Mons, Set Gipiriani (1962) ebbe a palesare in pit Pensonato Romano opi de Padri del Biblicw: abe i Vescovi ' PAOLO V e Concilio tratteranno della Sacra Serit tura © della storicita degli Evangeli, no daremo battagliae! venuto fuori pretende dla'il testo coneciliare @ in stridente con trasto con Fautentica dottrina cattoliea € con le fonti della Rivelazione (vedi ad fesempio, il n.d della Dichiarazione Now stra Aetate sul Giudaismo...) Barnaba i problemi ecclesiologici al Concilio rapa Si legen Oraxio Peteosillo nel ano serviaio wer Il Tempo 20 settembre 1986 p25. Dal canto au Carlo De Lina per LO. sercatore Romano. 20 settembre. ps 5 Ta sti felazione peril prin giorno del seulouion: la complete. iri i 21 Pr te ecnel sia torso ed ultigne ‘etmpre per L-Ossercatore Row tembre fe Gli «apporti originali» di papa Montini” I presenti «140 studiosi, in prever lenza' strict e telogiprovenient da diverse parti del mondo... hanno anima- to tre giorni di dibattto e di seambio di idee..». Presidente del «colloquies il card. Poupard. ‘Quale fu Fapporto di papa Montini al Convio? Legian nl resoconta i Carlo De Lucia det 20 settembre pi «Giovanni Paolo Tk nel messugeio inviato at Presidente del nttuto Casey: se Caan ha sttolineato come Paolo Tabbia manifestato “la convinzione che tuno degli obietivi primari del Concitio tra la “presa di coscienza” che la Chiesa doveva intimamente acquisire di se ster sa. delle proprie origini ¢ della propria indalinordine una ereatente feet «al disegno del suo divino fondatore, che la rolle strumento quasi ‘sacramento di sulvezza’ degli uomini di ogni tempo e di vant inogo's Nella viflessione sa ve stessa la Chiesa non pud mai fer marsi— ha ribadito nel suo messaggio il Santo Padre — deve incessantemer progredire: questo era, s snsiero dominante del cabile Pontefice”. Tl Cardinale Poupard — nel corso della sua introduzione — ha ricordato ‘anche un altra domanda che Paolo VI si poneva: “Quale cosciensu ha maturato la {Chew mse stessa, dopo venti secoli di storia € dopo innumereroli esperienze ¢ studi e trattati”. Bla sintetica risposta lata allo stesso Papa Montini: “La Chiesa una comunione. Ela comunione dei santi lo VI divenne poi contribute al Concilio It Card pard ha ricordato come la dimistich i Montini con la cultura francese aresse contribuito alla formazione di una tale tisionedella Chiesa. Tuttiigrandi teologi filosofi di lingua francese erano stati leiti e studiati con passione: Journet ¢ la sua “Teologia della Chiesa”, de Lubac e Ta sua “Meditazione sulla Chiesa", Har mer ¢ la sua “La Chiesa 2 una comur hione”, Congar e la sua “Vera ¢ falsa riforma della C Maritain ¢ la sua ‘La Chiesa di ‘Paolo VI ebbe a dire — ha ricordato ancora Poupard — che ilconetto i comunione i eementa tunitivo che collega le singole parti dell” io della Chiesa, sie nella compos? ‘mistica, la comunione dei sant, sia nella sua espressione comunitaria la ‘comunione cattolica”. : “4 me pare — ha poi affermato Poupard— che sia questa visione globale deta Cheat rome mister ‘munione’, il contributo specifico di Paolo Fal Conciio Vaticano Ie alla elabor razione della sua ‘magna carta’, la Cor stituzione dottrinale ‘Lumen Gentium’. Luapporto originale di Papa Montini al Contig ha precvato il Cardinale — fa quello di offrire una sintesi teologicu e di dare forma culturale al progetto gion Tune her Chess “agora tempi nuovi e ‘rinnovata’ nella sua spir= tual enol sua slancio misignario Tl recente Sinodo straordinario. sul Concilio = ha ricordato il Card. Pow purd —*ne ha rilanciato i grandi orien= famentie ha sottolineato con vigore — come afferma il messaggio dei Padri sinodali al popolo di Dio — che il Concilio Vaticano I un dono di Dio alla Chie ¢ al mondo It Sino inate nella sua relazione finale, a messo in tele Jehe Tecsetbleeacovmtens? Tiddea centrale ¢ fondamentale nei, do- cumenti det Concilio’e che in essa ‘non ui essere ridotta a pure question’ orga Asctive 0 a problent che riguardano f clesiologia di comunione ® la visione piu profonda della Chiesa — ha proseguito il Cardinale —. Essa deve dungue generare nella Chiesa uno stile di Comunione a tutti i livelli tra fedeli e sacerdoti, tra sacerdoti ¢ vescovi, tra rescori e Papa, Ma anche per la Chie- sa ‘ad extra’ questo stile di comu nione, che signifiea di rispetto e di comprensione, carat terlzzern sempre piu Tazione della Chiesa verso tutta la cultura e verso I Jean Pierre Torel del Universi i ine el ate tant es SuPavle VI snonancorasuffcientemente uae spetamene da quel delle wuienze del mercoledin Tecclesilogia di rma ancore ela Chie unga nel tempo e come pertura alm (relativism uo in continua evolue la concezione della (pp. | indel jo ad esi signi- hanno nei test Si enta ancora i prot Geran «E” exidenteinfatti che proprio 'uso ‘nleriminat ioe pars] produce i suo contrario, Si sarebbe tentati di osser~ tare che mai ci fu meno comunione di ‘oxgi, nonostante il gran parlare che se ne {fara proposito ed a sproposito. C2 spessa, in questa santa e meravigliosa parola, un wwono falso, 0 comungue ambiguo che rivela'un suo uso di comodo e pereid di parte. Anche la comunione soggiace alla polemica, Serv una caus, per ta juale non ® nata e dinanzi alla quale dite in contraddicione. Cisono “teori= zatori” della comunione. Chia distingue dalle comet lafonde concn oh inalizza luna all altray (ici feat consent dl lore. abuse, attribu posteoneiliae Ma la enon ere logia proveniva: «merce esterae, dalla Francia cra una novita che si adattava alle idee modernistiche, ¢ questo aveva ymato G. B. Montini, del tutt tevlogia non avendo mai » regolare di filosofia seolae aben «istruito» nelle s0, regolarmente frequentato il salotto di Tommaso Gallarati Seott, acceso fautore del huodernisto in Halia(. 8 8 no n0 30 settembre 1986, p. 4) del Montini: J. Marita concezione socialistoi trocinatore delle brigate internazion nella guerra civile spagnola, nonostante ieehituedisrutt,iVercontiSacerdatst religiosi, le suore massuvrate (v. George Bemanos Seandalo della erita, acura di Luigi Castighione, Bdizioni Logos, Roma 1980, pp. 104; Foriginale francese del 1939}: De Lubac, eol suo Cattolicesimo 6 Anno XIE n. 18. integrale ovvero riduaione del cattolr ceaimo a semplice San Pio X, Pascendi jo f sisi_no no Anno XII n, 18 SEMPER INFIDELES © Francia A primo colpo stupisco- no, cori hanno stupite il eard. Decour tay del sondaggn fatale ia del viaggio papale e secondo i Giovanni Paolo II godrebbe tra i asta opolar I Papato, dung er quella la Chiesa? Ie fia prnogenita del Tidentita cattoi che cosa si nas simpatia, le peesona di Giovan «Pits della meta: dei francesi che si dlicono cattolici non vanno mai in chiesa salvo che per cerimonie eccesionali: un ‘matrimonio, un battesimo, wn funerale Linchiesta Sofres — le Monde rivela il carattere massiccio ¢ brutale di questa disaffezione, Tra coloro che hanno la- sciato la Chiesa, pur continuando a dirsi ‘cattolici, uno su due avevano dei genitori regolarmente praticanti e nove su dieci ‘andavano a Messa da bambini». Per quanto riguarda. poi la fede gli tess ca anti pur doa eredere in Dio o nella e «di Gesiy Cristo, non eredono pit alla vita cetera. alfinferno, al diavola, al peceato originale! Le Monde, 1 ottobre 1986, pubblicando irisultatidelfinchiesta seri teva: ull Papa ® popolare, ma poco obbedito». c an Fo questo — © non diveramente— il yer volta della Cl Francia: hizaante, E Giovanni Paolo Ui To a Nel suo precedente viaggio. infatti, egli der manila «Francesi, che avete fatto det tostro Battesimo?» ¢ recentemente ha insistito: «Cristiani di Lione, di Vienne, di Francia, che cosa fate delleredita dei tostri gloriosi martiri2», Ma la domanda pit urgente, pit esatta & «Vescovi di ‘rancia, che avete fatto della fede dei cattolici frances? dell eredit dei vostri gloriosi predecessori?» © Diocesi di Concordia: Porde none. Che il ministro della Difess. re- pubblicano e laicista. abbia detto che il tenente calomel suid a San Vito a ‘Tagliamento (efr. Tempo | ottobre u.s) ‘eum amarties del seule laico del onore militares ¢ normale. Non nonnale, peri che Fabhia potato de da pulpit in jes, durante i funerali religiost per messi dall Ordinario local " Ancor meno normale % che un Sa- ccerdote, il Cappellano eapo del ¥ Corpo Tarmata. don Angelo Santaressa, ab bia esaltato nelfomelia il gesto dell infelice ufficiale, che cha amato i suoi uuomini fino al sacrificio della vita». Se “non andiamo errati, Dio e la Chiesa, nel eui nome il eappelh be doyuto parlare, sul suicide la tun po’ diversamente: peeeato contro il V comandamento della Legge, col quale Tuomo si arroga il diritto, proprio di Div, di porre termine alla sua vita terrena. Il Vescovo di Pordenone, mons, Abramo Fresehi, costretto suo grado a riflettere su queste anomalie, dopo che un teology moralista seitino di Venezia ha parlato di ssteu politica del suicidi programa 3) ell Sacerdote aveva direttive pre= cise per Tomelias, ma poi sha detto qualche parola in pit [tutto 4 3) Fer quant iguarda religiosi scosl euole oggi il Concilio Vat- ca i Chine og pil attenta a problemi psicologicie bisogna super com prendere> (Il Tempo 3 ottobre te +). Effettivamente dal Nuovo Codice & scomparsa la norma che espl e privava della sepoltura ecclesiastica «qui se ipsi_occiderint deliberato consilio» (can. 1240 § 3), ma i suicidi ri Ovviamente tra | «peceatori manifest, ai quali non sstileconcrtrelersequt Senza pubblico seandalo dei fedeli» (can. 1189 § n. 3). «Occorrendo qualche dul bio— continual Nuovo Cod si consult 'Ordinario del luogos. come, nel caso & stato fatto. Ma il vescove Fresehi, mentre ha it nut che la sua ali sarebbe stata i seandalo per i fedeli (snom sarebbe stato capito, sarei sempre stato un Vescor to al funerale di un suicidas) logiea tutta personae ha rite attenzione ai problemi sesciula compre sega Vaticano Tl aliro nen sono che il tonto del nggetivsnvo morale che gover ‘lo ogni punto oggettive di riferimenta, genera la confusione delle lee eT ncoee at nici comportamenti. ‘metterettoapost ha provseduto io militare per Talia mons. jetano Bonicelli: «il rito nella nom ma, Nulla di scandaloso nel rito religion so. né nellallocuzione pronunciata dal Ministro della Difesa Giovanni Spadole ni, E" quanto afferma una nota diffusa dalerdinariate.miltare per ale in risposta ulle polemiche di questi giorni Pha lsciphna dela chie per dai di suicidio, vi si legge, mulla innocando sul piano dei principi. preferisce usare la medicina della misericordia, cio® della comprensione verso gestiestremi 9X gu perinplicaston’pscologiche ¢ amber tala il giudizio umano diventa éstremar mente diffciles (II Tempo, 6 sttobre 1986) ron P riguarda, 1& emedicina della misericordian rimandianve a quanto ne serive Rot o Amerio in Tota Crum, viamw che a ini i Ii sfugge che nel caso lo seandalo tn proprio dal epudizioe che del sgesto estremo» delfufficiale suicida stato dato; giudizio positive, anzi elogiati- vo, vera e propria esultazione di un atte che la Chiesa ha sempre condannato, Ela nota delf Ordinariato militare ® venuta soll ad aggravare lo scandal SOLIDARIETA’ ORANTE | Perseveriamo nel dedicare’ il Rosario del Venerdi a quest'uni- ca intenzione : che il Signore salvi la Chiesa dalle conseguen- ze delle colpe degli uomini del- la Chiesa. se. Abb, Post, Gr. II 70% ALWATTENZIONE OEGLI UFFICI POSTAL: In ease di mancato recepit 0 se reapito RINVIARE ALL UFFIGIO POSTALE vous VELLETRL onto Cashes. Stud. Antmodernst ‘Son Pio X Vis dalla Censuta 1/8 1° piano int 5 > fot Moma» Yt (oe) W82186 1 ined de! mess neat tesla desta Via "Appin Numa al Jon $00) 0a Wate tet (08) 963.55.68 ‘Dette Sac Emmanuel de. Tevess Direttore Responsobile. Mara CeS0 ‘Quote J: aderione al = Centro = minima t. 3000 annue {anche in frascoball ‘Conte core post n 60226008 imostio ‘nat Tio, Boma T5708 / 12.1874