Sei sulla pagina 1di 8
Mt. 5, 37: a a Ma il vostro pla Parlare vien dal sia maligno, Anno XII - n. 13 Ubi Veritas et lustitia, ibi Caritas Onin Cattle + ANTIMODERNISTA = Direttore: See. Emmanuel de Tevess Luglio 1986 TOUASORATIONE APERTA A TUTTE UE = FEMME TON VOIER SAPENE Gm URE DEO MA PON MENTE A GIO GNE BENTO L’AVVENIRE DELLA CHIESA IN GERMANIA Lehman, Vescovo e membro della Congregazione per la Fede ione teologica mente «i fanno aleuni nomi H Norbert Greinacher, Karl Le ter Kasper, uno pit liberaloide dell altro, tutti fautori della teologia della iberazion ne, tutti pity meno famosi per la pubbli- tita che godon a cata del loro comune ( antiromano. Era impensabile che uno di questi steologi» potesse diven- tare Vescovo. Impensabile? 123 giugno 1983 Sua Sant mnato di eleggere Karl Lehman Vescovo della importante sede di Magonza. Come mai? Dato che ormai tutti sanno co ato ingane mare il Papa, la nostra storia non neanche pitt segret Lehmann aveva talmente corteggiato il suo predecessore, il teologorcardinale Hermann Volk, che 1stui con grande ingenuith fece il nome Ai Lehmann perlasueeessione di Magore lk tutti i numeri Paolo Illa cosa and lamente in porto senza che nessuno si chiedesse se Tostacolo molto conereto, che aveva impedito la nomina di Lele ‘mann ad Arcivescovo di Friburgo,fosse improvvisamente sparito meno. Quello, oy poteva sempre essere ritenuto una [cahumian un articolo;invece, che Fat tuale vescovo Lehmann aveva seritto appena due anni prima di questa sua miracolosa nomina, certamente non era tuna «calunnias, ma era probabilmente sfuggito agli attenti collaboratori del Pom- tefice in Segreteria di Stato e nel Consi- alo per eli Affari Pubblici, Una volts di chille Silvestrini ha fatto fare brutta figura al Papa: il Ponte iliaris Consort ha nos cezione ¢ della pillola! Per il «grande teologo» Lehmann, infatti, tra la conti nenza periodica e la contraccezione art- ficiale non ce differenza aleuna (ef. M. Zalba, Innovatum tentamen aequiparan- di usum continentiae periodicae et recur sum ad media artifictalia pro regulanda natalitate, Periodiea de re Mora nica liturgica, 72 (1983) 141-180). Dun- aug un Vescove aati per temp moderni. E, pereits lacarriera delteologo Karl Lehinann non t ancora finite, Re- Vescovi tedeschi Phanno Presidente della Conferenza episcopate (con, peri, la maggioranza di > voto) e— 0 temporao mores! — 5 1986 il Papa Tha annove pet nbri della gazione per la Dottrina della Fede, Evidente- mente, Sua Santita si fida troppo del suo veechio amico Volk, dal quale il Leh- mann si era fatto ampiamente racco- mandare. Giovanni Paolo II sembra non sapere che Lehmann in eristologia fautore di una eresia simile alfadozio- nismo. L’ha seritto recentemente su u giomnale tedesea: «Uno di noi ? diventato Dio!>. nn, che aveva git firmato tuna dichiarazione contro «il controllo di Romar nel 1969 (ef. Concilium 1/1969) insieme con Kang e Schillebeeckx dunque rimasto fedele ai suoi errori di sempre. Soltanto che gli altri se ne sono accorti troppo tardi. Pertanto, sembra pitt che probabile che Lehm: anche lo scopo della sua se zione: lasede di Colonia, diventando coa Arcivescovo de mondo cattolico, capace di ricattare il Pi di non aiutare piit la Santa Sede nella sua attivita caritar tivae governativa. La Chiesa sara in mano maltro amico di Silvestrinie.. compar bella L altro candidate: Fepiscopalista W. Kasper Tl Lehmann, peri, non ¢ Funico aspi- rame alla Sede di Colonia, Forse pi furbo e certamente molto pit intelligente 4 presenta un altro, candidate: Water Kasper, professore a Hans King fino ala sua condanna. Se anche lui si % dichiarato contro Kis juando la condanna era imminent Tha fato perché & troppo intelligente pernon capre che avere ancl cada in ogra iuoce facilmente alla propria carriera. Le wo particol ‘mente interessant: ha i suoi dubbi quan- o alla sacramentalita del +e interpreta piuttosto come un proces s0 che uno stato (Theol Jahrbuch 1971): (con Kiing) dichiarato contro il «Giuridismo, Assolutismo, Trionfalismo» della Chiesa e del Dirito canonico (DT 22-6-71); secondo lui «certi dogmi por sono extere totalmente welaterls, ost nati nel volere avere sempre ragione, stupidi e precipitosamente prematuri sua dottrina sulla resurrezione di Cristo non rtiene necessariaT affermazione del la storicita delfevento pasquale; Kasper % fautore della demitologizzazione dei miracoli ¢ dei racconti evangelici e ha iccolto tutte Ie istanze della pitt spinta cesegesi protestante (cf. st no no, ottobre 1985, p. 4 ¢ Chiesa viva, aprile 2 1986). Ma tutte ben «pocor, ga sulle fonti del suo penstero. Ci si twovano tre ispirazioni fondamentali, T tuna pi distruttiva def altra: 1) Kasper si rivela hegeliano per la pelle e, secondo lui, la verita sta nel divenire (ef. il suo Secondo lui, la seolastica zata dalla filosofia moderna auraverso Fevoluzione sorea, Di com seguenza, il suo storicismo relativizza tutti i dogmi. 2) Kasper si professa de- cisamente per un'immagine episcopal stiea della Chiesa. Abilmente egti ta i documenti del Vaticano iave unilateralmente orizzontale e git a1 Te cosiddette «chiese localis pitt importanti della «finzione» della Chiesa universale (ef. tutte le sue pubblicazioni siologiche recent). Annienta quasi totalmente tutte le prerogative del Papa, spingendo ad oltranza la teoria della collegialita. 3) Kasper & assertore di un ‘ecumenismo tanto spinto da essere pron: tw a cedere su tutta la linea, Un uomo certamente da allontanare da ogni ufficio di esponsabilita, dunque? Manat al mote error teologici, si affidato a Kasper la stesura del tiovo.ccatechismo tedescon che anche dopo un esame molto severo a Roma, che ha portato a pity di 600 correzioni, contiene sempre delle mezze_ si si_no no verita © quasiveresie sulla eucaristia, lat resurrezione, ordine etc. Certamente a causa di questi «meritis, Kasper ® stato nominato dal Papa segretario generale del recente Sinodo dei Veseovi. Coa, eg, cche fa anche parte della commissione tcologica, viene preparato dai i in Germania e a Roma, tra i quali strini, afare ulteriormente carriera: Dum © Lehmann sara il futuro ® aiutera come que, 0 Kasp reivescovo di tule Silvestrini nelT opera demolitrice i Data autoritateologica soprattutto date le I Arck- ingent some a diepsitone d yescovo di Colonia. il progres anzera ancora di pit i tate il mondo, Se si pensa alle sovvenzioni che quasi tutte le Diocesi del sterzo mondos rice vono dalle opere tedesche «Adveniat» “Misereors ¢-Miasiow si capiaee che sarebbe proprio Fideale avere quale Pre- nte della Conferenza episeopale te desea un teologo della liberazione come Lehmann 0 un episcopalista come Ka- sper. Se Sua Santita ha Vintenzione di far sparire per sempre il suo Primato di glurisdizione e di convertirlo definite Yamente in un bello ¢ insignifieante Primato donore, si deve affrettare a cU. Anno XII n. 13 importante dicastero roman vanni Paolo IL avrebbe la serp Un brutto tiro gioeato bene Alina i questo artical abbiamo ‘enumerato uno dopo Faltro i teologi Kiing Greinecher, Lebnsann ¢ Kasper Abbise mo commesso uno sbaglio facendo cos, rerché potrebbe sembrare che tutti sono fellastewalinew ilche non aflatt vero King e Greinacher e tanti altri dicono apertamente la loro opinione e si profes sano ssinceramente> contro il Magistero. Poverini, mancano veramente ¢ abilith! Dovrebbero.piuttosto imitare il gioco. degli altri due, che clandestinamente, restando ufficialmente «dentro», ipocri lamente come dei serpenti savvieinano tlpotere. Non compiono get clamoroa, non si espongono alla critica ufficiale, fanno perfino finta di essersi un pot convertiti daghi inquieti an Male loro opinioni sono rimaste’ Vogliono una snuova teologia», una «uo va Chiesas, «una nuova fede>, e pensan fede» ® un’ altra fedes. Purtroppo, sem- brerebbe che a Roma quasi nesstmo se ne sia accorto fino adesso. Hanno giocato © il loro brutto gioco. Vineeranno? Germanicus COMUNISMO E CHIESA CATTOLICA Una «nuova» teologia: «teologia e pastorale di liberazione» Manovre propagandistiche Cuba ed il ano despota barbuto (In) Fidel Castro, in questi ultimi tempi, sono stati alfordine del giomo stamp, del mondo cattle Hany inato la scena in particolare due religior il domenicano' brasiiany Carlos AF tern Libanio Chris pi noto come Frei Betta, ¢ il padre Renato Dayi raleare ne Sobtato Hoggan San Carlos de L’Avana (Cuba). Ne parla, ad esempio, il mensile.Crie stianita, organo ufficiale di Aleanza Cat toliea, (apmle 1986, pp. 13-15): Cuba il Gulag sconosciuto: » sconcertante com fronto tra la scandalosa intervista del domenicano Frei Bettoa Fidel Castro ele memorie di prigionia dello serittore ew Thano Armando Valladares che hapaseato pitt di ventidue anni nei lager dellisola ccaraibiea (cfr. sino no, 15 marzo 198 PO: rmatari f . ‘. Lo afferma, come premessa, R. David: «La teologia della liberazione non po- trebbe essere applicata a Cuba, perché essa parte da una situazione d ingiustizia diswmaniszante, di siolensa isttusiona- lizzata dal potere politico 0 economico, e la situazione a Cuba? tuttaltray. Affer mazione gratuita, in netto contrasto con la dura esperita realta, come documenta ad esempio, Armando Valladares nel suo libro. Se ¢ un’oppressione da cui «libe- rarsiv & appunto quella comunista e, nel nostro caso, cubana, Non si pud essere coal meno sloiein, come questo padre David che raggunge nel so trattatell cad usum delphinis, il culmine delim prontitudine. «Per la contraddizion che nol consente» Fidel Castro — serive Valeurs A- ctuelles sopra citato — ha un obiettivo politico ben preciso: ottenere, grazie alla collaborasione della Chiesa [0 ancor meglio, grazie alla faziosa stupidita di element del Clero indegni del loro carat- tere}, una visita del Papa a Cuba. Per ridare qualche apparenza di rispettabe lita al paese del gulag tropicale. E offrire cost una sua immagine candida [si!] a tutta U'America latina». Sempre a tale scopo il «ministro per Ji altar religiosis(?) a Cuba, Jost Felipe Eameado he visiato di recente la sede a onsiglio ecumenico delle Ces Ha parla dav al penonale del-centro sul tema «ll fatto religioso nella prospettiva rivolusionaria. cuba na». A sentirlo, il rapporto tra governo rivoluzionario © chiese protestanti «@ sempre stato corretto e, con alcune di esse, molto cordiales: un idilio! «4 Cuba religios.(o" commercial?) — noms ancora maturo il tem rire i artito comunista, et cristia jase non lo comprenderebbe [“perla contradaision che nol conseate", blsogaa ripetere con Dante: la significativa am- missione “a buon intenditore” & pregna di significato. E° la natura stessa, oltre che Porigine del comunismo, del soci lismo marxista, che vi ripugna ¢ oppone]. Ma si tratta [Cicero pro domo sual] di una decisione congiunturale, non di una questione di prineipion. Ecco il falso! Ml cministro» bara. La mercede dell’infedelta alla dottrina sociale della Chiesa José Felipe Carmeado ha coneluso, perorazione ebotto finale, citando Castro € Guevara. Castro: of cristiani non tranno liberarsi senza il socie- smo, e il socii struirsi senza ie tiamo noi, Tesempio dei s ‘Nicaragua, col risultato che tutti sanno: la viperasalvata dl gelo dalfincauto ortr Jano, appena col caldo riprende vigore e sicurezza, morde ed uceide il suo salve tore. Ben # attaglia al caso, il detto del grande uomo politico: il tradito puid esse- re uningenuo, mail traditore ® sempre un infame! E’ quel che & accaduto anche a Cuba: come abbiam visto, lo stesso Car stro deve la sua vita ad un vescovo cattolico, Teattolici, vescovi efedeli, siaa Cuba che a San Salvador, hanno avuto la mercede della loro insipienza ¢, soprat- tutto, dela loro mancanza di fedelta alla dottrina sociale della Chiesa, alla con- 1 solenne del comunisma, da parte i Pontefici. Vedi a riguardo: F. Spadafora Fatima e la peste del sociee lismo, ed, Volpe (adesso Ciarrapico), Roma 1978 (III ed.), pp. 93-9 cattolici, ett gli italiani onestiriflettano, mm ci tuole molto a rickiamare, a prew re la dottrina chiarssina della 1a docente circa Fassoluta incompa- tibilita tra marxismo (socialismo e comu- niismo) e Vinsegnamento evangelico; in- compatibilita. sempre e solennemente riaffermata, dimostrata dal Magistero. Beco qualche documento tra i nume rosi che da Pio IX in poi han messo in guardia i fedeli contro il veleno antie~ vangelico del marxismo, Si badi bene, si tratta anche ed espressamente del socia- lismo, distinto dal comunismo. in dallinizio del nostro pont {ficato segnalammo la micidiale pestilere za che serpeggia per le intime viscere della societa e la riduce all estremo peri colo di rovina... Intendete che Noi par liamo della setta di coloro che con nomi barbari e diversi si chiamano Socialist, Gomunisti ¢ Nichilisti. E' noto a tutti con quali gravissime parole... il Papa Pio IX.. abbia combat- tuto contro gli iniqui sforzi delle sette ed in particolate contro fa peste del social Che sebbene i Socialisti, abusando dello stesso Evangelo per meglio ingare rare gli incauti, abbiano in costume di Jorzarlo ai loro intendimenti, tattavia ® tanta la discordanza delle loro perverse opinioni dalla purissima dottrina di'Cre sto che non si pud immaginare la maggior re, Perché qual consorzio della giustizia con la iniguita? qual societt della luce con le tenebre?.." E’ Leone Xill ch Encictica Quod apostol dicembre 1878, I fautori del centro- sinistra han creduto dipotere operare, nel loro disegno, Fabbinamento mostrata luce e tenebra, giustizia e iniquita: evan- gelo ed anticristo. Eppure Leone XHT? lo stesso Pontefice della Rerum Novarum (15 maggio’ 1891), documento fonda- ‘mentale della Chiesa per gli operai ¢ i loro diritti. ise Alla Rerum Novarum fece eco, il 15 ‘maggio 1931, la grande encielica di Pio XT Gradragesins sana Eeco come esve parla del socialismo (ef. Denzinger, 2270: “Ma che dire nel caso che, rispetto alla lotta di classe e alla proprieta pré- uta, il socialismo sia cos realmente Iitgat ¢coreto da non aver pit nulla che gli si possa rimproverare su questi punt? Hla ton ci rinunciato forse ai suoi rincipi, alla sua natura contraria alla DDottrina Cristiana? Qui sta il punto, su cui molte anime sono esitant. Ora... proclamiamo che il socialismo, sia come azione, seresta realmente socia- lismo, sia come dotrina, anche dopo aver ceduto su quei punti che abbiamo detto, d si si_ no no non pud conciliarsi con gli insegnamenti della Chiesa Cattolica. Che sel sociale ‘sma, come tutti gli error ammette quat che parte di vero, esso tuttavia si fonda su tuna doterina della societt umana tutta propria e discordante dal vero Cristiane- imo. Socialismo religiose, socialismo ert ‘stiano sono dunque termini contraddit- tor In ia termini, socialomo ¢ eis nnesimo fanno a calcé: il socialismo a} Portions olla cits di tana, in tote ‘aperta e perenne con la Citta di Dio Edecco, nel del 1949, Pappl= cazione esplicita di questa chiara dottre na alla situazione italiana, da parte del P Messineo S. J. ne La Civilta Cattolica Incompatibili sens'altro sono marxismo e cristianesimo. “E si noti bene— scrive P. Messineo — come Vinconciliabilita ideo logica da noi affermata non riguarda fran seialoma fom al ipostr zione datagli da Carlo Marx, al tradizior nale materialismo storico e dialettico e alle conseguenze che ne derivano, ma si estende @ qualsias forma di socialism anche mitigata, giacché secondo quanto Pio XT ha dichiarato con la sua atria di maestro universale delle genti cristiar ne, qualsiasi forma di socialismo, se rimane vero socialismo, ® contrario alla concezione cristiana della societt, La politica della mano tesa, Vapertura a ‘sinistra, propugnate e sostenute da alcu- ne correnti cattoliche, che fremono ¢ si ‘agitano, scrivono e lavorano per stabilire tuna collaborazione politica e sociale col socialisma, in linea di massima edi wincipio, urtano contro un divieto for ale ela morale catalcg™s ‘Questo ® appena un saggio; la docu mentazione ricca e bene illustrata al uardo, da G. Scantare Coneilio non ha no”, apparsonnel Fagosto 1967 ad opera” delleditrice “L'Appennino”, Roma». Le (ir)riflessioni del card. Pironio Ma questi anni trstissimi, dalfinfaur sto coneilione in poi, hanno offuseato troppe ments fin nelle lve di comando — che & il pit grave — della Chiesa Cat tolica, Si mpigh L’Osservatore Romano, 2, del22 marzo u.s, cone «iflessioni> li Eduardo card. Pironio «sull incontro rasionale eclesile cubanor: Je, non perch ha soffertoe stir soto iltallone comunista, ma perché ha deciso di «vivere intensamente il present. reparando il futuro, senza cullarsi Er outili nostalgie ne in ineffi sente la necessita di purificarsi pitt yrofondamente in una auter jelta a Gestt Cristo, Ma, per 360, sperimenta I’ urgen: minare insieme agli uomi Anno XII n, 13 gli uomini: di collaborare posit ‘Yamente alla costruzione di una #o- cieth pitt giusta e pitt umana>. Il Gardinele, che ha ascohato gi interventi pit alieni dalla dottrina eattolica, in far yore della eteologia della riconeiliazicr ne», cio del connubio marxismo castri- smorcristianesima, ha fatto suo e ha suggellato.con la sua approvazione l” trgensa dicanuminareinsiome og om ni— tutti persecutori i feroe sti di Cuba, e scollaborare positivamentes, non al rr torno di quella popolazione a Gest: No yore, parson dt una scristianizzazione annosa perseguita con Sivlenca eferocia ma walla costsione di una sovieta: pitt giusta e pitt umana», iluminata dal sol delfavenie. Il eard Eduardo Pironio fa quindi le cess per la visita a Cuba di Paolo IL, il Pontefice itinerante. Cos, con la compiacenza de L’Osser- ratore Romano, il card. Pironio dona il suo contributo alla propaganda ed ai disegni di Fidel Castro, il fedifrago tradi- tore del Cristianesimo, divenuto— come quasi di norma aceade— uno dei suoi pia feroci persecutori. ‘CHt conosee la carovana di, questo povero,.. prete, cui la seienza teologica ® stata sempre poco familiare, messo acapo della conferenza episcopale delf Amer ca latina solo per il suo sinistrismo — 0 era conosciuto € reclamizzato 10 dei «Montoneross, i iin armi contro il Govern — elevato, quindi, per questi suoi «meriti» alla Porpora (1976) dal sinistror Papa delle tante su coll 0 cardinalizio, € ve cancludere hela Cat fon > mai stat tanto mal diretta ¢ rappresentata. In tina delle sue prediche i huvem il grande Savonarola sidoleva: «lin tempo la Chie~ sa aveva li ealici di legno e li eardinali di ‘oro: oggi ha i cali cardinal di legnon Tutta la stampa di sinistra latino- americana, in preparazione ai due ultimi ceonclavi, auspicava in tutti i toni Pele zione del Pironio alla Cattedra di San Pietra Puipessere, comune ogngios di vedere il suo pupillo preposta, dopo sare. ata inereiiients pefeto della Sacra Congregazione con vera soffeenza degli ottimt terni di quel dicastero, al Consiglio d aici e mandato in missione per un tema ieee coat Natanaele Il pastore ponga ogni sua di- ligenza di non lasciarsi dalla tentazione di Anno XII n. 13 si si_no no PANEGIRICI DI HEIDEGGER 1 decime anniversario della seo isa di Heidegger provocher’ la 3 Colluvie di sce celebrate qualche