Sei sulla pagina 1di 1

Le

 Georgiche  
 
Le  Georgiche  sono  un  poema  didascalico,  diviso  in  quatro  libri,  ognuno  dei  quali  svolge  un  
argomento  distinto:    
1. coltura  dei  campi,    
2. coltivazione  delle  piante,    
3. allevamento  del  bestiame,    
4. le  api.    
 
Virgilio  vi  lavorò  per  sette  anni,  dal  37  al  30  a.C.,  quand'era  nel  pieno  della  sua  maturazione  di  
uomo   e   di   artista,   dividendo   la   sua   giornata   in   due   distinte   parti:   al   mattino   dettava   di   getto   e  
per   il   resto   della   giornata   riprendeva   il   lavoro   per   correggerlo   e   limarlo,   magari   anche  
eliminando   versi   che   gli   sembravano   imperfetti   o   imprecisi   sul   piano   dell'espressione   e   dei  
contenuti.  
 
L'opera   fu   scritta   nella   Campania   e   a   Napoli   in   particolare,   dove   poteva   godere   di   un   clima  
certamente   migliore   rispetto   alla   sua   Mantova   e   di   una   maggiore   tranquillità   sentendosi  
certamente  più  a  proprio  agio  che  nella  caotica  Roma  che  viveva  anni  intricati  e  confusi  che  
stavano  segnando  il  declino  dell'età  repubblicana.  
 
Proprio  in  quegli  anni  da  Azio  giunse  ad  Atella,  un  borgo  tra  Capua  e  Napoli,  fermandosi  per  
una   cura   alla   gola.   Qui,   dopo   essere   stato   presentato   al   pubblico   da   Mecenate,   il   suo   grande  
protettore,  lesse  in  quattro  giorni  i  quattro  libri  dell'opera  ormai  terminata.  
 
L'argomento   delle   Georgiche   era   assolutamente   nuovo   nella   poesia   romana.   A   farglielo  
scegliere   contribuì   la   sua   stessa   inclinazione,   che   lo   portava   ad   amare   la   vita   dei   campi;   ma  
anche  un  largo  intendimento  civile  ve  lo  spinse.    
 
L'agricoltura,  rovinata  per  le  guerre  intestine,  gli   apparve  come  un  mezzo  efficace  per  fornire  
un   esempio   si   attività   onesta,   salutare,   integerrima;   un’attività   che   potesse   arrestare   la  
decadenza  dei  costumi  ed  a  rimettere  i  Romani  sul  cammino  tradizionale  della  loro  grandezza.  
Lo  stesso  Mecenate  era  conscio  dei  vantaggi  universali  che  sarebbero  derivati  da  un  ritorno  ai  
campi  e,  probabilmente,  condizionò  moltissimo  la  sua  scelta.  
 
Il  poema,  benché  rimanga  all'interno  del  genere  didascalico,  non  vuole  solo  spiegare  il  lavoro  
dei   campi   o   fornire   indicazioni   tecniche   sull’agricoltura:   mira   anche   a   esaltare   l'attività  
agricola   come   palestra   di   virtù   civili   e   partecipazione   del   cittadino   a   vantaggio   della  
collettività,   in   accordo   con   l'ideologia   augustea.   Virgilio,   in   alcuni   punti,   sembra   rifarsi   a  
Lucrezio,   il   poeta   latino   autore   del   poema   didascalico   De   Rerum   Natura,   anche   se   non  
condivide  pienamente  la  sua  visione  della  natura.  Sotto  certi  aspetti  preferisce  l’orientamento  
stoico;   per   altri,   come   la   suddetta   esaltazione   del   mondo   agricolo   e   la   sua   minuziosa  
descrizione,   il   poeta   latino   sembra   avvicinarsi   molto   al   greco   Esiodo,   con   le   sue   Opere   e   i  
giorni.  Si  avverte  in  lui  la  volontà  di  costruire  intorno  all’uomo  un  mondo  “complice”:  il  mondo  
della   natura   campestre   è   l’unico   adatto   ad   una   vita   sana   e   virtuosa   in   contrapposizione   alla  
vita  cittadina  e  alla  sua  corruzione.  

Potrebbero piacerti anche