Sei sulla pagina 1di 6

Dott. Ing Simone Caffè

VERIFICA DELLE MENSOLE TOZZE E DEI PLINTI SU PALI

1) Mensola tozza con meccanismo di rottura tirante – puntone (ferri dritti)

a P l = a + 0.2d Ψ d h
a P
l = a + 0.2d
Ψ
d
h

Equilibrio verticale:

Equilibrio orizzontale:

Resistenza della biella compressa:

Resistenza dell’armatura tesa:

Definendo

λ =

cot

ψ =

l

l

z

d

= 0 9

.

Resistenza della biella compressa:

Resistenza dell’armatura tesa:

N

c

N

t

sinψ + P = 0

+ N

c

cosψ = 0

N

c

P

= sin ψ

N = P cotψ

t

P

c,Rd

=

N

c

sin

ψ = 0 2

.

 

d

b

f

cd

sin

ψ ≥

P

P

t,Rd

=

N

t

=

A

f

1

P

 

cot ψ

 

s

yd

cot ψ

 

e ricordandosi che

sin ψ =

1 2 1 + cot ψ
1
2
1 +
cot
ψ

P

c,Rd

=

.

0 2

d

b

f

cd

1

⋅ 2 1 + λ
2
1 + λ

P

 

1

 

P

t,Rd

=

A

s

f

yd

λ

P

Dott. Ing Simone Caffè

2) Mensola tozza con meccanismo di rottura tirante – puntone (ferri inclinato)

l P α z h
l P
α
z
h

Equilibrio

verticale:

Equilibrio

orizzontale:

Resistenza dell’armatura piegata:

Resistenza biella compressa :

Definendo

~

λ =

cot

α =

l

l

z

d

= 0 9

.

Resistenza dell’armatura piegata:

Resistenza biella compressa :

N

t

N

c

sinα − P = 0

+ N cosα = 0

t

N t

N

c

=

P

sin α

= −P cotα

= N ⋅ sin α = A ⋅ f ⋅ sin α ≥ P P
=
N
sin
α =
A
f
sin
α ≥
P
P w,Rd
t
sw
yd

N

1

P c,Rd

c

.

0 2

 

d

 

b

 

f cd

 

P

= =

cot α

cot α

e ricordandosi che

sin α =

1 2 1 + cot α
1
2
1 +
cot
α

P

w,Rd

=

A

sw

f

yd

1

⋅ ~ 2 1 + λ
~
2
1 + λ

P

P

c,Rd

=

.

0 2

d

b

f

cd

1 P

~

λ

Dott. Ing Simone Caffè

3) Mensola tozza con meccanismo di rottura tirante – puntone (ferri inclinato + armature tese dritte)

l P l P 1 ψ ψ 3 2 4 z l' N = P
l P
l
P
1
ψ
ψ
3
2
4
z
l'
N
=
P cot
45°
ψ
1
N
+ N
cos
ψ = 0
1
2
P
P
+ N
sin
ψ = 0
N
= −
2
2
sin ψ
N 3
Ψ
N
⋅ cos
ψ +
= 0
2
= =
N
sin
ψ ⋅
2
P
2
N 3
2
2
l
N
N
= = −
P
(
cot
ψ +
1
)
P
3
− N
cos
ψ +
N
+
= 0
4
2
4
z
2
1
N 1 = P ⋅ cotψ
=
A
f
P t,Rd
s
yd
cot ψ
P
=
→ P
=
0 2
.
⋅ b ⋅ d ⋅ f
⋅ sinψ
N 2
c,Rd
cd
− sin ψ
f yd
N
=
P ⋅
2
= A
3
P w,Rd
sw
2
l
z
N
= −P ⋅
→ P
= 0 2 ⋅
.
b
d
f
4
c,Rd
cd
z
l
45°
z
h

Il meccanismo di rottura in questo caso è la sovrapposizione dei due meccanismi precedenti:

Resistenza dell’armatura tesa:

P t,Rd

=

N

t

cot ψ

=

A

s

f

yd

P

t,Rd

λ′ =

=

l

z

A

s

f

yd

1

λ′

P

1

cot ψ

P

Dott. Ing Simone Caffè

Resistenza dell’armatura piegata:

Resistenza biella compressa :

P = N ⋅ sin 45° = A ⋅ f ⋅ sin 45° ≥ P
P
=
N
sin
45° =
A
f
sin
45° ≥
P
w,Rd
t
sw
yd
1
P
=
A
f
w,Rd
sw
yd
2
1
sin 45 °
=
2
1
P
=
0 . 2
d
b
f
≥ P
c,Rd
cd
λ′′
l
λ′′ =
z

Dott. Ing Simone Caffè

4) Meccanismo di rottura per plinti su pali

4P L z a P a a a P P P θ
4P
L
z
a
P
a
a
a
P
P
P
θ

Il meccanismo è analogo a quello di una mensola tozza rovesciata con ferri tesi e corrente compresso inclinato (punto 1).

Si analizza la sezione diagonale:

N

c

θ P
θ
P

N

t

Equilibrio

verticale:

Equilibrio

orizzontale:

N

c

N

t

sinθ + P = 0

+ N

c

cosθ = 0

P

= sin θ

c

N

N

t

= P cotθ

Dott. Ing Simone Caffè

Ora si proiettano le trazioni secondo le quattro direzioni dei plinti, in pratica è come se fossero le catene di un tetraedro compresso:

P N ′ = N ⋅ cos 45 ° = ⋅ cotθ t t 2
P
N
=
N
cos 45
° =
⋅ cotθ
t
t
2
N ′ ⋅
2
1
t
=
=
A
f
2 ⋅
P t,Rd
s
yd
cot θ
cot θ
P
= N
⋅ sinθ =
0 2
.
⋅ B ⋅
⋅ d ⋅ f
c,Rd
c
cd
B
+
c
)

Resistenza dell’armatura tesa:

Resistenza della biella compressa:

Definendo:

λ =

cot

θ =

Resistenza della biella compressa: Definendo: λ = cot θ = ( a − 0 5 .

(

a

0 5

.

z

z

a metà dell’interasse dei pali

B lato del pilastro

c

z a metà dell’interasse dei pali B lato del pilastro c minimo tra B 4 e

minimo tra B 4 e 0.2 d

Resistenza dell’armatura tesa:

Resistenza della biella compressa:

P

t,Rd

=

A

s

f

yd

1 ⋅ 2 ⋅
1
2

λ

 

P

=

0 2

B

⋅ 2 ⋅
2

d

f

1

c,Rd

.

cd

c,Rd . cd 2 1 + λ

2

1 + λ

sinθ

Qualora si adottassero plinti con orditura tesa dritta e ferri piegati a 45° il

meccanismo di rottura è confrontabile con il punto 3, utilizzando b = B

è confrontabile con il punto 3, utilizzando b = B ⋅ 2 . ′ N t

2 .

N

t

N 2

N

3

N

4

=

P cot ⋅ ψ 2
P cot
ψ
2

P

= − sin ψ = P ⋅ 2 l = −P ⋅
=
− sin ψ
=
P ⋅
2
l
= −P ⋅

z

P t,Rd

P c,Rd

P w,Rd

P

c,Rd

2 = A ⋅ f ⋅ s yd cot ψ = 0 2 . ⋅
2
=
A
f
s
yd
cot ψ
=
0 2
.
⋅ B ⋅
2
⋅ d ⋅ f
cd
f yd
= A
sw
2
= 0 . 2 ⋅
B
2 ⋅
d
f
cd

sinψ

z

l

Il minore tra i quattro valori di resistenza dovrà essere confrontato con il carico P agente sul palo.