Sei sulla pagina 1di 4

PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La rivoluzione industriale, inizialmente intervenuta in Inghilterra, a cavallo tra la met del


Settecento e linizio dellOttocento, ha comportato trasformazioni talmente radicali nel modo di
produrre, di distribuire e consumare i beni, nei cambiamenti sociali e di mentalit cos profondi da
giustificare luso di un termine di solito riservato ai rivolgimenti politici. Dalle economie
preindustriali, ancora basate sulla sussistenza e sulla produzione non mercantile, si pass allora
allet dellagricoltura capitalista e delle fabbriche, dei trasporti, delle comunicazioni veloci ,del
lavoro sempre pi produttivo. In Europa il primo Paese a industrializzarsi fu lInghilterra seguita poi
da quasi tutti i Paesi europei . Le principali conseguenze della prima rivoluzione industriale furono:

1. Le due politiche economiche del libero scambio e del protezionismo


2. Crisi economica
3. Rivoluzione dei trasporti, navi e treni a vapore
4. Grandi citt industriali
5. Ascesa della borghesia industriale
6. Movimenti operai e legislazione sul lavoro
7. Meccanizzazione dell'agricoltura, concimi chimici
8. Societ industriale

1 Libero scambio e protezionismo.

Grazie ai nuovi macchinari che si erano diffusi durante la rivoluzione industriale, le industrie
potevano produrre le merci con minori costi di produzione e quindi potevano esportarli in altri Stati
e venderli a prezzi minori facendo crollare leconomia degli Stati in cui venivano esportate. Per
contrastare questo problema gli Stati potevano adottare due politiche economiche diverse: libero
scambio e protezionismo. Il libero scambio prevedeva la libera circolazione delle merci
attraverso labolizione dei dazi doganali; e in questo modo tutti gli Stati potevano usufruire delle
merci al minor costo possibile. Il protezionismo puntava invece sulla protezione dellindustria
nazionale, scoraggiando la popolazione ad acquistare le merci straniere che erano molto costose a
causa degli alti dazi doganali.

2 Crisi economica

Lo sviluppo economico, provocato dalla prima rivoluzione industriale non avvenne in maniera
continua in tutti gli Stati. Quando cera tanta richiesta di merci, gli imprenditori facevano
investimenti per aumentare la produzione, per, quando si producevano pi merci di quelle che si
potevano vendere, avvenivano crisi di sovrapproduzione. Quindi in tutti gli Stati europei si
alternavano periodi di crescita economica a periodi di crisi.

3 Navi e treni a vapore

I primi treni e le prime ferrovie si svilupparono in Inghilterra grazie allinvenzione del motore a
vapore da parte di James Watt. In un primo momento i treni erano utilizzati solo per il trasporto
delle merci; successivamente vennero utilizzati per trasportare i passeggeri. In questo periodo tutti
gli Stati europei incominciarono a costruire ferrovie. Il principale vantaggio dei treni a vapore era
quello di trasportare grandi quantit di merci in modo rapido e agevole e, in questo modo,
diminuire i costi di trasporto.

4 Citt industriali
Le industrie, durante la rivoluzione industriale, sorsero soprattutto vicino alle citt. I treni
collegavano le citt fra di loro e permettevano di spostarsi da una citt allaltra.

5 Ascesa della borghesia industriale

Durante la rivoluzione industriale prende piede una nuova classe sociale chiamata borghesia
industriale, che comprendeva funzionari statali, grandi mercanti , banchieri , magistrati , avvocati,
medici ed imprenditori industriali. La borghesia industriale ha avuto una notevole importanza nello
sviluppo industriale perch grazie alle sue industrie riuscita a far sviluppare uneconomia
prevalentemente agraria in un economia industriale con scambi di merci in tutto il mondo.

6 Movimenti operai e legislazione sul lavoro

Un'altra classe sociale che si svilupp durante la rivoluzione industriale fu il proletariato ovvero
tutti gli operai che lavoravano principalmente nelle industrie. Questa classe definita proletariato
perch lunica ricchezza che possedevano era la prole, cio i figli. La classe operaia fu molto
sfruttata durante la rivoluzione industriale, infatti gli operai erano obbligati a lavorare per pi di 12
ore e venivano pagati pochissimo. In questa situazione gli operai si rivoltarono contro la borghesia
con vari scioperi al fine di creare una nuova societ basata sui principi del socialismo. Come
primo passo verso questo obiettivo , in Inghilterra , venne approvata una legislazione che
permetteva lo sciopero , vietava il lavoro minorile e fissava lorario di lavoro maschile di 10 ore.

7 Meccanizzazione dell' agricoltura, concimi chimici

Durante la rivoluzione industriale, grazie allinvenzione del motore a vapore, lagricoltura divenne
meccanizzata ; infatti furono inventati nuovi macchinari che trebbiavano e mietevano. Lagricoltura
si svilupp anche grazie allinvenzione di nuovi concimi chimici che incrementarono la produzione
di cereali.

8 Societ industriale

Durante la rivoluzione industriale la vita della societ miglior generalmente grazie alla
meccanizzazione dellagricoltura che fece aumentare la produzione di cibo e alla scoperta di nuovi
vaccini che diminuirono il tasso di mortalit della popolazione. Infine grazie ad alcune innovazioni
tecniche come la scoperta delle fibre tessili artificiali, che avevano fatto scendere i prezzi dei capi
dabbigliamento.

SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE


Nella seconda met del XIX secolo lindustrializzazione si differenzi da quella del secolo
precedente. Gli storici chiamano questa nuova fase seconda rivoluzione industriale.

Differenze fra prima e seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale si caratterizz e si differenzi dalla prima per vari aspetti.
Innanzitutto, mentre dapprima lindustria si era concentrata solo in alcuni Paesi (Europa
occidentale e Stati Uniti), ora si diffondeva in quasi tutto il continente europeo e anche in Paesi
periferici come la Russia e il Giappone. In particolare, in questo periodo lenergia elettrica sostitu
il vapore come forza motrice, e di conseguenza si afferm lindustria produttrice di energia
elettrica. Nacque il motore a scoppio applicato sulle automobili e si perfezion la produzione
dellacciaio.

Invenzioni e innovazioni tecnologiche

Negli anni fra il 1870 e il 1900 fecero la loro prima apparizione una serie di strumenti, di macchine,
di oggetti duso domestico che sarebbero poi diventati parte integrante della nostra vita
quotidiana: la lampadina , lascensore elettrico, il motore a scoppio e i pneumatici, il telefono, la
macchina per scrivere, la bicicletta, il tram e lautomobile. Nel 1895 ci furono due avvenimenti
fondamentali nella storia moderna delle invenzioni: litaliano Guglielmo Marconi effettu il primo
esperimento di telegrafo senza fili e i fratelli francesi Lumire inventarono il cinema.

La nuova rivoluzione energetica

Uno dei principali campi di innovazione della seconda rivoluzione industriale fu quello dellenergia,
con la diffusione dellelettricit che molto rapidamente sostitu il vapore e il carbone. La scoperta
della lampadina elettrica nel 1878 permise luso domestico dellelettricit. Il petrolio, utilizzato fino
ad allora per lilluminazione, divenne il combustibile essenziale del motore a scoppio. Questo tipo
di motore consent linvenzione di un nuovo mezzo di trasporto: lautomobile.

I nuovi metodi di produzione

Alle cresciute dimensioni delle imprese si accompagn un nuovo modo di produrre. Per venire
incontro ai desideri di una larga massa di consumatori nel mondo, cera bisogno di prodotti
standardizzati, con caratteristiche identiche e facilmente riconoscibili. Per far fronte a questa
domanda sempre pi imponente, le industrie svilupparono principalmente due metodi di
produzione che presero il nome di coloro che per primi li applicarono: Taylorismo e Fordismo. Lo
scopo era aumentare la quantit dei prodotti e diminuire i tempi di produzione. Il primo consiste
nello studiare i movimenti, rispetto al tempo, degli operai durante la produzione di una determinata
parte del prodotto, per ridurre al minimo i movimenti inutili e per selezionare gli operai pi veloci,
aumentando cos la produzione utilizzando meno tempo possibile. Il secondo consiste nella
catena di montaggio, in cui ogni operaio ha soltanto unoperazione da fare, cio un solo compito
da svolgere. Questo per tutta la giornata lavorativa. La prima catena di montaggio fu introdotta nel
1903 nelle officine automobilistiche Ford di Detroit.

I cambiamenti sociali e la societ di massa

Siccome il lavoro richiedeva sempre una maggiore specializzazione, e quindi unadeguata


istruzione, nacquero cos le scuole pubbliche. Grazie alle scuole pubbliche e allobbligo della loro
frequentazione, venne ridotto il tasso di analfabetismo, favorendo cos anche una pi larga
divulgazione dei quotidiani, che portarono al crearsi di unopinione pubblica sia nel campo politico
che in quello sociale. Venne inoltre esteso, negli ultimi anni dell 800 e nei primi del 900, il diritto
di voto, che divent cos un suffragio universale.

UNA DELLE PRIME AUTOMOBILI CON


IL MOTORE A SCOPPIO.

OPERAI CHE LAVORANO A UNA CATENA DI MONTAGGIO.