Sei sulla pagina 1di 84

REGIONE LAZIO

LE STRADE
DEI PARCHI
Itinerario dei Parchi Montani
nelle Aree Protette del Lazio
Route of the Mountain Parks

GUIDA
GUIDE
REGIONE LAZIO
Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli
Assessore Ambiente e Cooperazione tra i Popoli
Angelo Bonelli
Direttore Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli
Raniero V. De Filippis

ARP
Agenzia Regionale per i Parchi
Commissario Straordinario
Antonio Galano
Direttore
Giuliano Tallone
Dirigente del Settore Sviluppo Sostenibile
Claudio Di Giovannantonio

COLLANA VERDE DEI PARCHI - Serie Informativa n.5

Coordinamento editoriale Progettazione e realizzazione grafica


Vito Consoli, Erica Peroni Raffaella Gemma

Testi e traduzioni Illustrazioni


Filippo Belisario Federico Gemma

Ideazione del progetto Le strade dei Materiale fotografico


parchi Filippo Belisario, Luigi Quattrin,
Maurizio Aiello, Maurilio Cipparone Erica Peroni, Fondo ARP

Coordinamento del progetto Le strade Stampa


dei parchi Arti Grafiche Grillo
Anna Maria Basso, Erica Peroni

Aspetti storico architettonici Si ringraziano per la collaborazione


Anna Maria Basso, Erica Peroni, offerta:
Germana Villetti Valerio Aloi, Guglielmo Arc, Irene
Bottaro, Marco Ciucci, Stefano
Aspetti naturalistici e geologici Cresta, Isabella Egidi, Pierluigi Fiori,
Dario Capizzi, Cristiano Fattori, Maria Paola Fratticci, Rino Fusi,
Dario Mancinella, Stefano Sarrocco Maurizio Martucci, Daniela
Maurelli, Andrea Pieroni, Leonardo
Aspetti tecnici e cartografici Pucci, Alfonso Ricci, Claudio
Silverio Basilici, Luigi Quattrin Speroni, Simone Virdia.

La presente pubblicazione finanziata dallAssessorato allAmbiente e Cooperazione tra i


Popoli della Regione Lazio nellambito del DOCUP Ob. Lazio 2000-2006 , misura III.3
L
e Strade dei Parchi un progetto di promozione degli
itinerari naturalistici nato dallidea che le aree naturali
protette della Regione Lazio costituissero un sistema
interconnesso, non solo ai fini della conservazione della natura e della
biodiversit, ma anche ai fini della fruizione secondo modelli di turismo
sostenibile.
Sulla scorta della programmazione dellAssessorato Ambiente e
Cooperazione tra i Popoli, lAgenzia Regionale Parchi cura la
caratterizzazione degli itinerari dellintero sistema regionale delle Aree
Naturali Protette: con questo volume viene proposta la guida relativa al
primo intervento, che ha avuto per oggetto i Parchi dei Monti
Simbruini e dei Monti Lucretili e la Riserva dei Monti Navegna e
Cervia, ovvero lossatura del sistema appenninico centrale, col maggiore
indice di boscosit e la grande ricchezza di corsi dacqua.
La proposta di fruizione, non trascurando le ricche valenze storico-
architettoniche delle aree interessate, centrata sulle emergenze
naturalistiche delle tre aree protette: basti ricordare che ai Simbruini si
registra la massima concentrazione di specie-bandiera: dai grandi
rapaci, come laquila reale e il falco pellegrino, ai grandi carnivori come
il lupo e lorso marsicano, sono tanti gli indicatori di una eccellente
qualit degli habitat tutelati.
Le tre aree protette ospitano attrattori storicamente sempre attivi
(soprattutto in relazione al turismo religioso) ma mai assurti a siti di
valenza primaria per il turismo naturalistico; pertanto la dimensione
della scoperta rimane integra per tutti, e viene alimentata dalla proposta
di una viabilit secondaria che enfatizza anche le valenze
paesaggistiche, monumentali e storiche distribuite lungo i 180
chilometri del tracciato.
I 42 pannelli informativi distribuiti lungo il percorso, il sito www.
lestradedeiparchi.parchilazio.it e la presente guida rappresentano un
tangibile supporto informativo per quanti si avvicinano alle aree interne
della nostra regione accantonando il provincialismo che ha spesso
impedito di riconoscere nellAppennino laziale un territorio di grande
importanza naturalistica, che si presta a forme di fruizione differenziate
nei tempi e nelle modalit di spostamento, e che grazie alla progressiva
introduzione di servizi ricettivi ed informativi si presenta con le carte in
regola per attrarre i visitatori pi esigenti.
Angelo Bonelli
Assessore allAmbiente
e Cooperazione tra i Popoli
Indice
INTRODUZIONE / INTRODUCTION
Il Progetto Le Strade dei Parchi / The Roads of the Parks project . . . .5
LItinerario dei Parchi Montani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
Il perch di una scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
I territori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
Carta dellItinerario / Route Map . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Litinerario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
Questa guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12
The Route of the Mountain Parks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
The territories . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
The route . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14
This Guide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14

DESCRIZIONE DELLITINERARIO / ROUTE DESCRIPTION


Tratto Vicovaro - Varco Sabino / Vicovaro - Varco Sabino Stretch . . . .15
Da Vicovaro a Orvinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15

Il Parco Regionale dei Monti Lucretili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18


The Lucretili Mountains Regional Park . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19
From Vicovaro to Orvinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25
Da Orvinio a Collalto Sabino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
From Orvinio to Collalto Sabino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
Da Collalto Sabino a Varco Sabino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35

La Riserva Regionale Monte Navegna e Monte Cervia . . . . . . . . . . . .40


The Navegna and Cervia Mountains Regional Riserve . . . . . . . . . . . . . .41
From Collalto Sabino to Varco Sabino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45
Da Varco Sabino ad Ascrea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35
From Varco Sabino to Ascrea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55
Tratto Vicovaro - Jenne / Vicovaro - Jenne Stretch . . . . . . . . . . . . . . .57
Da Vicovaro a Arsoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .57
From Vicovaro to Arsoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .65
Da Arsoli a Jenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .67

Il Parco Regionale dei Monti Simbruini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .70


The Regional Park of the Simbruini Mountains . . . . . . . . . . . . . . . . . . .71
From Arsoli to Jenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75
Da Jenne a Subiaco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .77
From Subiaco to Jenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .85

Informazioni Utili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .87


Useful Information . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .87
Servizi Turistici e Numeri Utili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .96
Tourist Services and Useful Telephone Numbers . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .96

4
Il progetto Le Strade dei Parchi
Le Strade dei Parchi un progetto del Sistema delle Aree Protette
della Regione Lazio per sperimentare nuove forme di fruizione e
promozione del turismo lungo itinerari di pregio ambientale, stori-
co e culturale che collegano parchi e riserve regionali valorizzando la
viabilit minore. Gli interventi sui diversi tracciati sono finanziati
con fondi DOCUP 2000-2006 appartenenti alla tipologia Svilup-
po di attivit sostenibili allinterno delle aree protette.
Le Strade dei Parchi fa parte del pi ampio programma di Sistema
Natura in Viaggio, avviato per promuovere lo sviluppo del turismo
sostenibile nelle aree protette regionali.
Oltre a questo, obiettivi collaterali del progetto sono:
stimolare le attivit ricettive, artigianali e agricole tradizionali nei
luoghi lambiti dai diversi itinerari;
favorire la scoperta, o riscoperta, di angoli nascosti della nostra re-
gione, dei quali i parchi molto spesso conservano lidentit pi au-
tentica;
diffondere una maggiore consapevolezza sui valori naturali e cultu-
rali del Lazio attraverso azioni di interpretazione di paesaggi e ter-
ritori e di educazione ambientale.
Con Le Strade dei Parchi, in definitiva, le aree protette del Lazio in-
tendono proporre un modo pi lento e riflessivo di andare in giro
per la nostra regione, lontano dal mordi e fuggi e legato, invece, a
curiosit, sapori, profumi, alla conoscenza delle persone e degli
aspetti pi remoti dei luoghi, ad una fruizione consapevole e gratifi-
cante degli ambienti naturali.

The Roads of the Parks project


The Roads of the Parks is a project of the Lazio Region Protected Areas System in order to
experience new ways of enjoyment and promotion of tourism along routes of environmental,
historical and cultural value that connect Parks and Nature Reserves of the Region through a
minor road system. The Roads of the Parks is part of the wider System Program Nature on
Tour that has been started to promote the development of sustainable tourism in Regional
Protected Areas.
Further objectives of the project are:
To develop accommodation facilities, traditional handcrafts and agricultural activities in
the areas run by the various itineraries.
To support the discovery, or the rediscovery, of hidden places of our Region, whose most
authentic identity is often preserved by parks.
To spread knowledge of natural and cultural values of the Lazio Region through actions of
landscape and territory interpretation and environmental education.
Through The Roads of the Parks the Lazio Protected Areas would like to propose a slower and
more thoughtful style of travelling around our Region, connected to curiosities, flavours, fra-
grances and to the acquaintance of people as well as to a responsible and rewarding access to
the environment.

5
LItinerario dei Parchi Montani
Il perch di una scelta
Quanto pu essere utile sapere che a pochi chilometri dalle ingorga-
te periferie metropolitane si libra il volo maestoso dellaquila reale,
scorrono torrenti di limpide acque sorgive, vi sono montagne am-
mantate da ininterrotte faggete secolari?
E poi, qual il valore aggiunto se a questi aspetti, per cos dire, na-
turalistici si sommano quelli storici, artistici, culturali, e quelli lega-
ti alle tradizioni, alle identit, ai saperi e ai sapori delle genti e dei
luoghi?
per dare una risposta a queste domande, e allo stesso tempo
iniziare ad affrontare concretamente la sfida del cosiddetto turi-
smo di massa, che abbiamo pensato di costruire il primo itinera-
rio di Le Strade dei Parchi come tracciato di collegamento fra tre
delle nostre pi belle aree protette montane: la Riserva dei Monti
Navegna e Cervia, il Parco dei Monti Lucretili e il Parco dei
Monti Simbruini.
Abbiamo scelto di iniziare dal cuore appenninico del Lazio perch
riteniamo che custodisca paesaggi e ambienti emozionanti, inaspet-
tati e per lo pi poco conosciuti. Luoghi ideali, dunque, dove anche
il visitatore pi distratto e disilluso pu scoprire o recuperare, anche
solo per poche ore, il senso della bellezza, dello spazio, del silenzio.

I territori
Le aree interessate dallitinerario rappresentano un mosaico di am-
bienti caratteristici dellAppennino centrale. Dorsali e cime mon-
tuose di altezze variabili fra i 1200 e i 1800 metri, altipiani,
valli fluviali, piccole pianure intermontane, un sistema di
modesti insediamenti diffusi, stabilizzatosi nei secoli e oggi
profondamente in crisi a causa delle grandi trasformazioni in atto
nella societ post industriale.

Una valle il sostegno dei monti che la formano;


una montagna il respiro dilatato del mondo;
una pianura il suo riposo.
(Mario De Quarto; Grande Raccordo Anulare)

Dal punto di vista geologico ognuno dei tre parchi toccati dallitine-
rario caratterizzato dalla presenza di particolari tipologie di rocce

6
formatesi secondo meccanismi complessi durante loroge-
nesi (processo di formazione delle montagne, dal greco
oros, monte, e genesis, nascita) degli Appennini.
I calcari massicci e compatti dei Monti Simbruini si sono for-
mati nel Mesozoico sui bassi fondali di un mare tropicale dove
si deponevano gusci e scheletri calcarei di moltissimi organismi
simili a quelli che abitano le attuali barriere coralline. Una vol-
ta emerse, queste rocce sono state interessate dai processi carsi-
ci che le hanno scolpite in superficie e scavate in profondit
allinterno.
I Monti Lucretili sono il regno di calcari eterogenei e stratificati,
derivanti dal consolidamento di fondali pi profondi dove, sem-
pre nel Mesozoico, si decantavano le particelle sottili trasportate
dalle correnti e microscopici gusci di organismi planctonici di
mare aperto. Anche queste rilievi sono stati plasmati soprattutto
dal carsismo, ma in misura minore e meno vistosa rispetto ai
Monti Simbruini.
Con leccezione del versante occidentale calcareo, sui Monti Na-
vegna e Cervia affiorano rocce pi recenti, principalmente arena-
rie stratificate miste ad argille (flysch), derivanti dalla deposizio-
ne lungo le coste di grandi quantit di detriti prodotti dallerosio-
ne sulle prime catene montuose emerse durante lorogenesi. Es-
sendo modellabili superficialmente in maniera pi facile rispetto
ai calcari, queste rocce formano dolci ondulazioni e sistemi di
valli molto ramificate.

I gruppi montuosi sono delimitati o solcati da unimportante rete


idrografica che vede nel fiume Aniene il suo elemento pi noto.
Litinerario lo affianca per alcuni segmenti sia nella parte alta del-
la valle (tratto Jenne Subiaco), sia in quella media (tratto Vico-
varo - Arsoli). Le acque pescose del Turano, con lomonimo
lago artificiale, segnano il confine occidentale della dorsale
montuosa Navegna Cervia, delimitata a nord est, ma in po-
sizione pi distante, dal fiume Salto e dal grande lago che an-
che da esso derivato. Sul lato orientale dei Lucretili il torrente
Licenza forma una valle costellata di piccoli borghi, che appare
quasi come un sistema paesaggistico a s stante.

Le aree attraversate dallitinerario sono ricoperte da unampia


ed uniforme coltre boschiva, in parte ancora utilizzata per tagli
periodici, eterogenea per composizione e struttura e con caratte-
ristiche specifiche a seconda delle zone.

7
Sui versanti temperati predominano i boschi di caducifoglie con
cerro, roverella, acero e carpino. Nelle aree pi impervie i lembi di
lecceta rappresentano i residui di quello che un tempo doveva
essere un tipo di foresta molto pi diffuso. Il castagno, specie
favorita dalluomo per il legno e soprattutto per i frutti, domi-
na le quote intermedie soprattutto nellarea del Monte Cervia.
Nelle fasce pi alte, sopra i 1000 metri, si incontrano estesissimi bo-
schi quasi puri di faggio, per lo pi governati a ceduo, ma con note-
voli esempi di formazioni forestali dalto fusto.
In alcune limitate aree agricole sopravvivono i sistemi di chiusura
dei campi con le siepi, o la tecnica della vite maritata allacero, ra-
re testimonianze di un paesaggio rurale decisamente in declino.
La fauna di questi territori quella tipica dei boschi del-
lAppennino, con significative rarit e specie oggetto di
particolari misure di conservazione.
Per diversi uccelli sono molto importanti gli habitat rupestri dove,
oltre allaquila reale, trovano le condizioni per riprodursi il falco
pellegrino e il corvo imperiale, e quelli delle praterie daltura, fon-
damentali ad esempio per lo spioncello e la coturnice. Il legno in
decomposizione di vetuste foreste di faggio o di castagno costituisce
lhabitat ideale per la vita di alcuni rari coleotteri tra cui la rosalia al-
pina e il cerambice maggiore. Tra i grandi carnivori spiccano il lupo
e la elusiva presenza dellorso marsicano.
I vari ambiti territoriali hanno in comune paesaggi profonda-
mente plasmati da quelle che, fino a qualche decennio fa, era-
no le pi importanti attivit antropiche: la pastorizia transu-
mante, le colture estensive su piccoli appezzamenti (oggi spesso in-
colti a causa del progressivo abbandono delle terre) e lo sfruttamen-
to delle risorse del bosco. La dimensione capillare e diffusa di queste
pratiche sta ormai venendo meno a favore di una ripresa di natura-
lit che determina la ricolonizzazione dei terreni da parte di boschi e
arbusteti. Sopravvivono alcune colture tradizionali che danno origi-
ne, soprattutto nei parchi, a produzioni tipiche, di qualit, forte-
mente legate ai luoghi: farro, legumi, ecc.
Riguardo alla storia del territorio, in epoca pre romana tutte le aree
a nord della Tiburtina Valeria (Monti Lucretili e Monti Navegna e
Cervia) erano sotto linfluenza dei Sabini, mentre la zona dei
Monti Simbruini apparteneva agli Equi. Con il predominio
di Roma i popoli italici vennero inglobati e inizi una siste-
mazione degli spazi aperti che vedeva nelle villae, come la

10
villa di Orazio a Licenza o quella di Nerone a Subiaco, dei poli di
organizzazione e coordinamento delle attivit agricole circostanti.
Nel primo medioevo, con lespansione benedettina partita
dalla valle dellAniene, tutte le terre erano sotto linfluenza del-
le grandi abbazie. Le pi importanti e potenti erano quelle di
Farfa e Subiaco, ma degne di rilievo erano anche S. Maria del
Piano presso Orvinio e S. Salvatore Maggiore nei dintorni di
Longone Sabino.
Con il cosiddetto incastellamento (processo di diffusione di castelli
e villaggi fortificati), tra il X e il XII secolo nacque la maggior parte
degli insediamenti conservatisi fino ad oggi, per lo pi come borghi
difesi organizzati attorno a chiese rurali o per la protezione delle de-
boli popolazioni contadine.
Nel periodo feudale si ebbe laffermazione di alcune famiglie che
per secoli hanno controllato molti paesi della zona: gli Or-
sini nellarea dei Lucretili e i Mareri nella valle del Turano.
Vennero poi in parte sostituite, dal XVI secolo in avanti,
dalle grandi famiglie protette dalla Chiesa, come i Borghe-
se e i Barberini. Nel frattempo, attraverso listituto della commen-
da, lo Stato Pontificio ottenne anche il controllo diretto del grande
feudo di Subiaco e dei territori circostanti, sottraendoli alla giuri-
sdizione degli abati di S. Scolastica.
Dopo la parentesi napoleonica, lo Stato Pontificio mantenne il con-
trollo dellarea fino al 1861, quando le popolazioni scelsero plebisci-
tariamente di entrare a far parte del regno dItalia. Gli assetti pro-
duttivi e sociali erano sostanzialmente invariati rispetto ai secoli pre-
cedenti, e destinati a rimanere tali fino ai grandi mutamenti degli
anni 60 e 70 del secolo scorso.
Nel 1939, la realizzazione per scopi idroelettrici dei laghi artificiali
del Turano e del Salto provoc una delle pi grandi trasformazioni
del paesaggio della zona.

Litinerario
LItinerario dei Parchi Montani lungo circa 180 km, attraversa
24 comuni e si articola in due tratti che partono entrambi dallu-
scita Vicovaro Mandela dellautostrada A24 Roma LAquila.
Un tratto percorre la valle del Licenza (Parco dei Monti Lucretili),
passa per Orvinio e si dirige verso la valle del Turano dove, poco
prima di Collalto Sabino, inizia un ampio anello che borda il peri-
metro della dorsale montuosa Navegna Cervia. Il secondo tratto
percorre la valle dellAniene lungo la Tiburtina Valeria fino ad Ar-
soli, da cui entra nel Parco dei Monti Simbruini per salire a Cerva-

11
ra di Roma e raggiungere la strada verso M. Livata; da qui parte un
secondo anello che, passando per Jenne, si chiude a Subiaco.
Il percorso, oltre a congiungere le tre aree protette, attraversa e fa co-
noscere i corridoi viari di collegamento fra di esse e alcuni prege-
voli territori contigui ai loro confini. Il tracciato, individuato da ap-
posita segnaletica, si svolge tutto sulla cosiddetta viabilit seconda-
ria composta dalle strade provinciali, comunali e dalle vecchie
consolari. Lungo di esso sono stati posti 42 pannelli informativi, di
diverse tipologie, dimensioni e contenuti, che corrispondono ad al-
trettante tappe di interesse naturalistico, storico o paesaggistico.
Questi pannelli sono collocati in contesti visibili presso siti partico-
larmente significativi, affacci panoramici o nei centri storici dei pae-
si. In alcuni casi (pannelli mappa), le indicazioni da essi offerte ri-
guardano luoghi di interesse situati nelle immediate vicinanze, o co-
munque raggiungibili con pochi chilometri di strada.
Litinerario nel suo complesso dedicato a diverse tipologie di visi-
tatori, motorizzati escursionisti o cicloturisti, dal pi attento e con-
sapevole al pi distratto e occasionale, che pu trovare nel piacere
inaspettato di interpretare un panorama lo stimolo per guardare con
occhi diversi il contesto in cui si trova. Il denominatore che vorrem-
mo accomunasse tutti questi possibili fruitori la capacit di dare
voce a quellintima curiosit verso ci che ci circonda di cui ciascu-
no di noi portatore.
Questa guida
Questo vademecum per il visitatore dellItinerario dei Parchi Mon-
tani ha il duplice scopo di diffondere presso un pubblico vasto va-
lori e specificit delle aree attraversate, sia protette che non, incen-
tivando allo stesso tempo la dimensione della scoperta per coloro
che gi si trovano sul territorio.
La guida parte dai luoghi e dalle notizie contenute nei pannelli
informativi disposti lungo il percorso, ampliandole, arricchendole e
consentendo un loro uso versatile e maneggevole. Come i pannelli,
tuttavia, non pretende di essere esaustivo o completo, configuran-
dosi semplicemente come un ulteriore strumento a disposizione del
turista. Non un manuale enciclopedico, dunque, ma una piccola
fonte di informazioni e notizie in pi che, volendo, pu integrare le
indicazioni di altre guide o le segnalazioni raccolte nei centri visita
dei parchi, negli uffici del turismo, nelle pro loco.
Dopo la descrizione dei diversi tratti e delle caratteristiche dei tre
Parchi, la sezione finale contiene una selezione di servizi disponibili
presso le varie tappe: ricettivit, ristorazione, centri visita, ecc.

12
The Route of the Mountain Parks
The territories
The three Protected Areas involved in the route are: The Navegna and Cervia
Mountains Nature Reserve, the Lucretili Mountains Park and the Simbruini
Mountains Park. These territories are a mosaic of typical habitats of the Cen-
tral Apennines. Ridges and mountain peaks of variable heights between 1200
and 1800 metres, plateux, river valleys, small plains among mountain slopes, a
system of small widespread settlements, become stable through the centuries and
that nowadays is having problems because of the big transformations of post-in-
dustrial society.
From a geological point of view, the three Protected Areas are characterized by
the presence of rocks that rose out of the sea during the birth and building process
of the Apennines. It is mostly a matter of limestones formed during the Mesozoic
era in the depth of tropical seabeds where shells and skeletons of many organisms
used to lay down. Once they cropped up, these rocks have been interested by karst
phenomena that sculpted their surface and deeply dug them inside.
Along many stretches of the route one finds vast forests, still partially used for
wood cutting. On the temperate slopes deciduous woods with oaks, maples and
hornbeams prevail; in the most inaccessible areas stands the holm-oak. Chest-
nut trees, favoured by local communities because of their wood and fruits, are
dominant at an intermediate height mostly in the area of the Cervia mountain.
At higher altitudes, 1000 metres and over above the sea level, vast woods with
the presence of beech trees can be found.
The fauna of these territories is typical of the Apennines, with some rarities and
species that are matter of specific measures of nature conservation.
For several birds rupestrian habitats are very important; its here that, besides the
golden eagle, the peregrine and the raven find their way to breed. High grass-
lands are in the same way essential for the rock partridge. The decaying wood
of old beech and chestnut trunks represents the ideal habitat for some rare
coleoptera such as the Rosalia alpina. Among the greatest carnivorous animals
the wolf and the elusive Marsican bear stand out.
The landscapes are deeply shaped by those anthropic activities that, until a few
decades ago, used to be the most prominent: sheep-farming, extensive cultiva-
tions on small plots of land and exploitation of wood resources. These activities
are nowadays disappearing in favour of a nature recovery that allows shrubs and
trees to gain ground. Some traditional cultivations survive, mostly in the parks,
providing typical quality products deeply connected to the local places: for in-
stance spelt, legumes, etc.
As regards to the history of places, during the pre-Roman period (Italic peoples)
the whole areas to the north of the Via Valeria (Lucretili mountains and Naveg-
na and Cervia mountains) were under the influence of the Sabines, while the
Simbruini mountains area belonged to the Equi. Due to the supremacy of Rome

13
these peoples were conquered and roman villae, such as the one of Horace in Li-
cenza or Neros in Subiaco, began to rise all around.
During the early Middle Ages, with the Benedictine expansion, all the lands
were under the influence of the major abbeys. The most important and powerful
were those of Farfa and Subiaco. Between the X and XII century a lot of settle-
ments, nowadays still preserved, were built, usually as fortified villages set
around rural parishes or in order to protect the undefended country people. In
the feudal period the most influential families established themselves and, under
the Church control, ruled for centuries over the villages around. The Papal State
kept the control of the area until 1861, when the peoples chose to be part of the
new Kingdom of Italy.

The route
The Route of the Mountain Parks is about 180 kilometres long and is com-
posed of two stretches, both starting just off the tollgate of Vicovaro-Mandela on
the A24 Roma-LAquila motorway. The route runs through the above men-
tioned three Protected Areas, but also gives a chance to know the connecting
road network between them and some remarkable lands close to their borders.
Along the way, that is completely indicated by a specific sign system, 42 infor-
mation posters of variable typologies, dimensions and contents can be found,
placed by sites of particular relevance corresponding to stages of naturalistic, his-
torical or landscape interest.

This Guide
The Guide enriches and completes the contents of the posters. It is a further in-
strument for the tourist, a little source of information and extra news able to in-
tegrate those of other guides or the information collected by the Visitors Centres
of the Parks and the tourist agencies.
After the description of the various parts of the route, the last section of the
Guide includes a selection of facilities and options available by the different
stages: accommodation capacity, restoration, crafts, typical products, etc.
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

Da Vicovaro a Orvinio

Chi percorre lautostrada A 24 da Roma verso lAbruzzo e volge


lo sguardo a destra appena prima delluscita di Vicovaro, percepi-
sce uno scorcio di rara bellezza: un complesso di antichi edifici
religiosi adagiati su una rupe di travertino a strapiombo sullA-
niene.
il Convento di S. Cosimato, che merita una sosta per la visita
delle cavit rupestri in cui vivevano i primi eremiti o per adden-
trarsi nei meandri dellantico acquedotto Claudio, possibilmente
con una torcia. Larrivo dei visitatori sempre bene accetto e la
struttura attrezzata per ricettivit e ristorazione. Nel chiostro
sono esposti dei pannelli, realizzati dai gruppi speleologici, con le
mappe di tutte le cavit della zona.

15
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

Linsediamento di Vicovaro (Varia) fu fondato dagli


Equi, di cui restano tracce nelle antiche mura poli-
gonali. Dopo la conquista da parte dei roma-
ni nel 304 a.C. il villaggio divenne un im-
portante centro fortificato di et repubbli-
cana.
Il suo ruolo strategico nei secoli successivi
sempre stato legato alla posizione lungo la
via Valeria, luogo naturale di sosta o in-
contro per sovrani, pontefici, con-
dottieri, uomini di fede.
Nel centro cittadino, affacciato sul-
la piazza principale, il Tempietto di
S. Giacomo a pianta ottagonale
rappresenta, nel contempo, un bellissimo esempio di architettu-
ra gotico - rinascimentale e una celebrazione dei fasti della fami-
glia Orsini.
Attorno ad esso, girando per il nu-
cleo storico, si pu sentire il profu-
mo delle pagnotte appena sfornate,
autentico vanto cittadino, o della
pizza di pane che ne rappresenta
la prova di cottura.

Da Vicovaro lingresso nella valle del torrente Licenza (o val-


le Ustica) accompagnato da una sequenza di appezzamenti
irregolari di olivi, che ammantano i pendii fino alle massime
quote consentite dalladattabilit di questo generoso albero
mediterraneo.
La strada Licinese corre lungo il fondovalle, ma dopo circa due
chilometri necessario girare a sinistra per salire lungo i tornanti
verso Roccagiovine.
Il paese appare piccolo, con le case addossate le une alle altre,
tutte raccolte attorno al castello e alla chiesa di S. Nicola di Bari
del XVII secolo, che conserva una pala daltare della scuola del
Perugino. Sulla piazza da poco restaurata il silenzio interrotto
dal rumore dellacqua della fontana dedicata alla dea Vacuna. In
epoca imperiale il culto di questa benevola divinit rurale, para-

16
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

gonabile alla dea Vittoria dellOlimpo romano e cantata da Ora-


zio, Ovidio e Varrone, era molto praticato nei dintorni, proba-
bilmente anche in un santuario appositamente consacratole.
A causa dellestrema e perdurante essenzialit della vita e delle
consuetudini locali, Roccagiovine ha mantenuto un aspetto so-
stanzialmente immutato
nei secoli, riuscendo ad
evitare la moderna e im-
pattante proliferazione dei
nuovi edifici. Il suo terri-
torio comunale (di circa
18 chilometri quadrati) ri-
cade interamente nel Par-
co dei Monti Lucretili. Ad
oggi, un terzo utilizzato per scopi agricoli (seminativi e pasco-
li), mentre i restanti due terzi sono coperti da boschi: di roverel-
la, carpino e orniello alle quote pi basse, castagneti da frutto
intorno allabitato e formazioni miste di acero, cerro e faggio sui
versanti delle aree pi elevate.

Da Piazza Vacuna lungo la strada intercomunale verso Licenza,


dopo circa due km si incontra sulla sinistra il seicentesco Ninfeo
degli Orsini, una fontana nei boschi costruita come una sceno-
grafia rinascimentale e alimentata da una cascatella artificiale. Si
tratta di unopera creata per convogliare le acque sorgive di quel-
la che si ritiene fosse lantica Fonte Bandusia, cantata dal poeta
latino Orazio e che alimentava la sua villa posta poco pi a valle.
Oh sorgente pi tersa della cristallina purezza di quella di Bandusia (...)
tu porgi lamabile frescura ai tori stanchi dellaratro ed al gregge errabondo. (Ora-
zio - Odi)

Le incrostazioni calcaree che ricoprono la struttura e la fitta vege-


tazione di muschi, capelvenere e farfarac-
cio, favorita dal vapore acqueo, non
consentono di cogliere alcuni parti-
colari architettonici originari del-
lopera, quali il timpano e le
colonnine.
Il Parco Regionale dei Monti Lucretili

C
omprende le montagne alle porte di Roma, le cui sago-
me familiari si vedono dalle tangenziali, dal Gianicolo,
da Monte Mario. Rilievi modesti ma sorprendentemen-
te ricchi di natura e paesaggi, attraversati da una fitta rete di per-
corsi a tutto vantaggio degli escursionisti pi Faggio
esigenti.
Per la loro vegetazione varia e particolare i Lu-
cretili sono da secoli oggetto di attenti studi
botanici. Qui infatti, le notevoli diversit clima-
tiche hanno contribuito a far vivere insieme, in
una sorta di mosaico verde, gruppi di piante di origini mediter-
ranee, centroeuropee e balcaniche. Il pi tipico rappresentante di
queste ultime lo storace, un arbusto il cui fiore bianco simbo-
lo dell'area protetta.
Gli ambienti pi caratteristici del Parco sono i vasti pratoni carsi-
ci d'altura circondati da boschi di faggio, pa- Aquila reale
scolati da mandrie brade di cavalli e vac-
che maremmane e frequentati da lepri
e coturnici. Non mancano tutta-
via gli ambienti rupestri, ideali
per alcuni rapaci come il falco
pellegrino e l'aquila reale (che qui ni-
difica ormai da parecchi anni).
Le testimonianze dell'influenza dell'uomo sul territorio
sono molte e diffuse. Dai borghi e dai luoghi di culto ab-
bandonati ai centri storici dei 13 comuni del Parco, disposti
quasi tutti a raggiera intorno al suo perimetro, ciascuno con un
nucleo fortificato ed una lunga storia da raccontare. I resti della
grande Villa di Orazio a Licenza fanno inoltre capire che l'area
esercitava una notevole attrattiva
fin dai tempi dei romani, proba-
bilmente anche in virt della sua
vicinanza con l'Urbe.
Ricco e vario il calendario delle
manifestazioni. Gli appuntamenti
pi importanti sono la Sagra delle
Cerase di Palombara Sabina (prima o seconda domenica di giu-
gno), l'Infiorata del Corpus Domini di Poggio Moiano e la Sagra
delle Sagne di Farro a Licenza (terza domenica di novembre).
Tra i sapori pi autentici di queste terre il primo quello dell'olio
extravergine di oliva della Sabina (DOP), leggerissimo e sapori-
to, derivante da olive raccolte a mano in piccoli appezzamenti di-
stribuiti lungo diverse fasce pedemontane. Nelle aree collinari che
guardano la campagna romana sono coltivate, ormai da quasi due
secoli, le ciliegie Ravenne, grandi, tardive e dalla polpa consi-
stente. Il farro, antichissimo cereale coltivato dall'uomo, ha trova-
to discrete aree rifugio sui Lucretili, dove non stato soppianta-
to da altre colture pi redditizie riuscendo a sopravvivere e a co-
stituire la base per ottime produzioni artigianali di pasta e dolci.

The Lucretili Mountains Regional Park


Due to notable climatic differences, the Lucretili mountains have a varied and par-
ticular vegetation, as a sort of green mosaic that consists of groups of plants with
Mediterranean, Middle European and Balkan origins. The most typical example of
this latest variety is the storax, a shrub whose white flower is the symbol of the pro-
tected area. The Park is run through by a dense net of pedestrian trails. Its most
characteristic environments are the high ground grasslands, surrounded by beech
woods, where the cattle graze around and one finds hares and rock partridges. The
rock cliffs are ideal places for birds of prey such as the peregrine and the golden ea-
gle (that nests by since several years). The Park has 13 main villages, set with a ra-
dial arrangement around its perimeter, each one with a fortified historical core and
a long story to tell. Many festivals are connected to the local agricultural products,
like the Fair of the Cerase (cherries) in Palombara Sabina (on the first or
second Sunday of June) and the Fair of the Spelt Pasta in Licen-
za (on the third Sunday of November). Anyway the most au-
thentic flavour of this area belongs to the Sabina extra vir-
gin olive oil, very light, coming out from a olive hand-har-
vest in small plots of land spread on the slopes of the mountains.
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

Come qualsiasi raccolta dacqua, ferma o corrente, la vasca semi-


circolare del Ninfeo rappresenta unopportu-
nit di vita per molte specie di piccoli ani-
mali invertebrati. Oltre a Plecotteri, Tri-
cotteri ed Efemerotteri, la cui presenza
indica una buona qualit dellacqua,
vi si possono trovare, ad esempio,
anche le sanguisughe, ver-
mi acquatici con due ven-
tose alle estremit. Utiliz-
zati nella medicina
popolare per i salassi fi-
no agli anni 50 60,
questi animali venivano raccolti nei fossi dai cosiddetti mignat-
tari, che immergevano le gambe nude nellattesa che essi vi si at-
taccassero.

Seguendo le indicazioni, dopo alcune centinaia di metri si arri-


va allingresso dei ruderi della Villa di Orazio.
Il podere venne donato al celebre poeta da Mecenate nel 33 a.C.
perch potesse godervi ameni giorni di svago lontano dallUrbe
sovraffollata. Linsieme degli edifici costituiva un grande com-
plesso multifunzionale. Una parte era dedicata alla residenza vera
e propria, con annesso giardino; vi erano poi un settore termale e
uno riservato alle attivit agricole del fondo circostante.

Ecco quel che volevo: un pezzo di terra non tanto grande, dove ci fosse un orto e una
fonte di acqua perenne vicina alla casa e un po di bosco oltre a questo. Pi e meglio
hanno fatto gli dei. (Orazio - Satire)

Si scende fino ad incontra-


re la S.S. Licinese dove si
prende a sinistra per rag-
giungere, dopo poco pi di
1 chilometro, il borgo di
Licenza.
Situato in posizione rilevata
sopra un dosso affacciato sul

20
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

torrente omonimo, circondato da boschi, oliveti e qualche lem-


bo di pianura, dominato dal Palazzo Baronale che un tempo era
il castello degli Orsini e oggi ospita il Museo Oraziano, il paese
il pi popoloso e dinamico della valle Ustica.
A Licenza gli ultimi decenni hanno portato alla riscoperta di
un cereale molto antico: il farro. Specie pura e resistente alle
malattie, nel corso della storia la sua coltura fu soppiantata
dal frumento, dalla resa sicuramente migliore ma dalle pro-
priet nutritive decisamente pi scarse.
Utilizzando farina di farro, acqua pura di sorgente, trafile in
bronzo e un processo di essiccazione a temperatura ambien-
te, un locale laboratorio artigianale produce diversi tipi di
pasta, dalle tipiche sagne alle tagliatelle, dai rigatoni agli
strozzapreti.

Il maestro di pittura di Goethe


Tra i personaggi illustri che hanno soggiornato in questi territori vi il
famoso incisore e paesaggista tedesco Jacob Philipp Hackert, maestro di
pittura di Goethe, che verso la fine del 700 percorse la valle alla ricerca
della villa di Orazio, dipingendovi una serie di suggestivi scorci.
Ammirare una successione delle sue vedute rappresenta un percorso di
lettura unico di questi luoghi, ancora attuale nonostante le trasforma-
zioni degli ultimi due secoli.

Proseguendo lungo la Licinese, dopo qualche centinaio di metri


si gira a sinistra per affrontare i tornanti che si inerpicano verso
Civitella di Licenza.
Prima di giungere nellabita-
to pu valere la pena soffer-
marsi qualche istante a con-
templare il paesaggio della
valle, sempre pi completo
man mano che si sale, o in-
camminarsi sul Sentiero del-
lAquila, che dalla fonte in
localit La Posta conduce di
fronte alle rupi del M. Pellec-
chia, ad un capanno di osser-
vazione da cui possibile ve-

21
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

dere il grande nido di una coppia di aquile reali. Per il rispet-


to che si deve a questi maestosi ed elusivi rapaci e per garan-
tire la loro permanenza nellarea necessario arrivare al ca-
panno in gran silenzio e non tentare di proseguire oltre, n
di avvicinarsi in altro modo al loro prezioso nido.
Dai 735 metri slm del punto pi alto di Civitella si pu godere
di un panorama spettacolare a 360 gradi. Verso sud il colle pie-
troso di Saracinesco, i Monti Ruffi e, in lontananza, i Simbruini.
A nord la dorsale del M. Pellecchia e la parte alta della valle del
Licenza fin oltre Percile.
Il Pellecchia, con i suoi 1368 metri, il rilievo pi alto dei Lucre-
tili e non esistono altre quote paragonabili cos vicine a Roma.
Ci ha determinato, soprattutto negli ultimi secoli, un costante
interesse verso lutilizzazione delle risorse naturali di questa mon-
tagna, e di quelle vicine, che si sostanzialmente tradotto nella
nascita di due importanti economie parallele: quella del carbone,
per linverno, e quella della neve, per lestate. La prima ha porta-
to ad un notevole sfruttamento dei boschi e alla diffusione della
pratica delle carbonaie, le cui piazzole circolari si possono scorge-
re come testimonianze residue, ancora ben visibili nel paesaggio
forestale. Il commercio della neve approfittava invece dello spes-
so manto nevoso invernale, che veniva fatto accumulare in de-
pressioni naturali o artificiali lungo il crinale montuoso (pozzi
della neve), con laccortezza che non si sciogliesse durante la
stagione calda. Fino a quando non iniziarono a diffondersi frigo-
riferi e congelatori, dalle vette del Pellecchia file di carri portava-
no la preziosa risorsa a Roma lungo una via della neve che pas-
sava per Monteflavio e la Salaria.

Tornati sulla Licinese si


procede per circa tre chilo-
metri verso nord lungo la
valle che man mano si re-
stringe, fino alle prime ca-
se di Percile e ad una gran-
de peschiera riempita
dalle acque limpide e velo-
ci del torrente Licenza.

22
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

In questa zona una brevissima deviazione sulla sinistra porta


verso il cimitero; costeggiandone il lato destro si arriva alla
Fonte degli Aliucci da cui sgorga unacqua leggerissima, oligo-
minerale, usata fin dallepoca romana e indicata per curare i
calcoli renali o come coadiuvante nelle diete per lobesit.
In una nota del 1960 su una piccola guida turistica di Percile lal-
lora parroco scriveva: uneventuale industrializzazione dellacqua
degli Aliucci, nel futuro, e una lottizzazione dei bei prati a scopo di
villeggiatura (...) donerebbero uno sviluppo pi ampio ed un tono
pi elevato. Oggi, grazie al parco e ad una consapevolezza am-
bientale completamente diversa, a poche persone verrebbe anco-
ra in mente di immaginare simili prospettive di sviluppo.
Il nucleo storico del paese, sovrastato dal Palazzo Baronale del
XIII secolo, molto
raccolto e curato. Sulla
piazza, ripavimentata
di recente, si trova un
punto informativo
fornitissimo di de-
pliant e pubblicazioni
anche sul parco.
Imperdibile e di tut-
to riposo, fra boschi
di acero, orniello e
albero di Giuda, la passeggiata ai laghetti, o lagustelli. Il
pi piccolo (Marraone) si vede solo dallalto perch occupa la
base di una ripidissima depressione circolare. Il maggiore (Fra-
turno) compare fra gli alberi come una sorta di miraggio ina-
spettato. Entrambi, essendo di origine carsica, sono privi di
immissari e vengono alimentati solo da sorgenti perenni di
portate molto variabili.

Da Percile a Orvinio la strada diventa pi stretta, entra nella


provincia di Rieti e arriva a valicare, in maniera appena percet-
tibile, lo spartiacque fra il bacino idrografico del Licenza e
quello del fiume Turano.
Fino al 1863, anno di ingresso nel Regno dItalia, Orvinio si
chiamava Canemorto. Secondo alcune fonti lorigine di questo

23
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

bizzarro toponimo
collegata ad una vitto-
ria degli eserciti di Car-
lo Magno sui Saraceni
che terrorizzavano le
popolazioni locali, con
uccisione di un loro ca-
po, o khan.
Adagiato su unaltura
calcarea, il paese ha un nucleo storico ordinato e pia-
neggiante con una via principale, quasi un corso
cittadino, che conduce dalla porta di accesso fi-
no al castello. Questultimo, di propriet dei
marchesi Malvezzi Campeggi, formato da un
complesso di edifici costruiti in epoche diverse
e ristrutturati ai primi del 900, di cui restano
come elementi originari il maschio ci-
lindrico e le mura di cinta merlate.
Di Orvinio il pittore seicentesco
Vincenzo Manenti, la cui fama stata
recuperata solo agli inizi del 900,
ma che ai suoi tempi era un artista
noto e affermato in tutto il centro Italia,
soprattutto presso confraternite ed ordini religiosi. Alcuni
suoi affreschi rivestono le pareti della chiesa di S. Maria dei Rac-
comandati, il cui esterno presenta una facciata curiosamente
obliqua rispetto al suo asse, aggiunta alla fine del 700 per ren-
derla perpendicolare alla principale via daccesso alledificio.

Le meteoriti di Orvinio
In un giorno di fine agosto del 1872 uno sciame di meteoriti invest
tutto il Lazio provenendo da sud. Nei dintorni di Orvinio ne caddero
diverse di cui 6 sono state recuperate, per un peso complessivo di circa
3 chili e mezzo. Si tratta di frammenti rocciosi molto pesanti, denomi-
nati orvinite, ricchi di silicati e leghe di ferro nichel, probabilmen-
te simili alle rocce che si pensa costituiscano le parti pi interne della
Terra. Il campione pi grande, oltre 7 etti, conservato nel Museo di
Mineralogia dellUniversit La Sapienza a Roma.

24
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

From Vicovaro to Orvinio


The Monastery of S. Cosimato, located on a travertine cliff falling sheer to the
Aniene river, is worth a stop to visit the rupestrian cavities, in which the first her-
mits used to live, or to venture into the maze of the ancient aqueduct of Claudio.
The complex has accommodation facilities and restoration is offered too.
The settlement of Vicovaro (Varia), funded by the Equi and later conquered by the
Romans in 304 b.C., has always had a historical importance due to its position
along the Via Valeria, a natural stopping place and a meeting point for monarchs,
popes, troop leaders and faithful people. In the centre of the town the small church
of S. Giacomo with an octagonal plan, built by the powerful Orsini family, is a
beautiful example of Renaissance - Gothic architecture.

Starting from Vicovaro the Licinese road runs along the Licenza river valley floor.
Within two kilometres, turning on the left, the little village of Roccagiovine is
reachable. The settlement is small, with the houses leaning one another, all of them
standing around the Castle and the Church of S. Nicola dating to the XVII centu-
ry. On the square, recently refurbished, the silence is just broken by the water sound
of the fountain dedicated to the Vacuna Goddess. During the Roman Empire the
cult of this benevolent divinity of the fields was very popular in the neighbourhood.
Roccagiovine is surrounded by woods: especially those of oak, flowering ashes and
hornbeams at the lower altitudes, chestnut trees around the built-up areas and
maples, Turkey oaks and beech trees on the highest slopes.

Starting from the square and going along the road across the mountainside to-
wards Licenza, after a couple of Kilometres the seventeenth-century Orsini
Nymphaeum is met on the left side, a fountain in the woods built as a Renais-
sance scenery and supplied by a small artificial waterfall. As any other aquatic
habitat, the semicircular pool
of the Nymphaeum is a life
opportunity for several species
of small invertebrates. One
finds, for instance, Ple-
coptera, Tricoptera and
Ephemeroptera insects; their
presence indicates healthy
water.

Following the signs, after a few


hundred metres you can reach
the entrance of Horaces Villa, given as a gift to the famous Latin poet by Mecenate
in 33 b.C. All the buildings were part of a great complex made of a residential
property with a garden, a thermal unit and a sector for agricultural activities.
Going back to the valley floor on the Licinese road, turning on the left, one gets to
the village of Licenza. Located on top of a hill and surrounded by forests, olive

25
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Vicovaro Orvinio

groves and some patches of plain, dominated by the Baronial Palazzo (that once
used to be the Orsini Castle), the village is the most populated and dynamic of the
valley. Using spelt flour, an ancient cereal cultivated in this area, spring water and
a traditional drying process, a local workshop produces several types of pasta, from
the typical sagne to the tagliatelle. Among the renowned figures that stayed for
some time in these territories there is the famous German artist Jacob Philipp
Hackert, Goethes painting master, who by the end of the XVIII century went
through the valley painting some charming views.

Going further along the Licinese road, after a few hundred metres it is possible to
turn on the left towards Civitella di Licenza. Along the road, nearby a spring
named La Posta, the Trail of the Eagle starts, leading to a hide from which it is
possible to watch the nest of a couple of golden eagles, built on a cliff of the Pellec-
chia Mountain. From the highest place of Civitella a spectacular round view can be
seen. In foreground to the north stands the Pellecchia Mountain that, with its 1368
metres, is the highest peak in the surroundings of Rome. Till the half of the past cen-
tury the woods of these mountains were cut in order to obtain coal. The snow accu-
mulated on their peaks was gathered in specific holes (snow pits) and then deliv-
ered to Rome during the warm summers.

Once back on the Licinese road, going to the north for about three Kilometres
along the valley you can reach the first houses of Percile. In this area, by the ceme-
tery, there is the Spring of the Aliucci from which gushes out a very light water,
with low mineral content, that was used by the Romans and is indicated for re-
nal diseases.
The historical core of Percile, dominated by the Baronial Palazzo of the XIII cen-
tury, is quiet and well-kept. Very interesting is a few kilometres walk to a couple of
small lakes of karst origin. The smaller can be seen only from a high position being
on the bottom of a deep circular bowl. The major appears through the trees as a sort
of unexpected mirage.

From Percile one goes on to Orvinio. Until 1863 this village was called Canemor-
to, probably related to a local victory of the armies of Charlemagne against the
Saracens that used to terrorize the populations, with the killing of one of their lead-
ers, also known as Khan. The small town of Orvinio has a tidy-looking and flat
core with a main road, almost a
city corso, leading from the en-
trance door to the castle. The
celebrity in town is the seven-
teenth century painter Vincenzo
Manenti that, at his time, was a
very popular artist in Central
Italy. Several of his frescoes cover
the walls of the small church of S.
Maria dei Raccomandati.

26
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

Da Orvinio a Collalto Sabino

Usciti da Orvinio si prosegue verso nord sulla Licinese fino


al chilometro 18 dove, prendendo la strada sterrata sulla de-
stra (occorre fare attenzione alle buche), si giunge ai resti del-
lantica Abbazia di S. Maria del Piano.
Il complesso benedettino posto silenziosamente al bordo di
un ampio e fertile piano carsico interrotto qua e l da alberi e
orli di siepi. La scarna e armonica facciata della chiesa, in pie-
tra calcarea scurita dal tempo, i lembi di mura perimetrali, il
profilo allungato e vigile del campanile romanico, spuntano
quasi allimprovviso dalla vegetazione.
Si pensa che lorigine della struttura possa risalire al IX secolo,
collegata ad una vittoria dellesercito di Carlo Magno sui Sara-

27
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

ceni nella pianura adiacente. Dopo un periodo di notevole di-


namismo e operosit, quando i monaci benedettini, legati alla
potente abbazia di Farfa, estendevano i loro possedimenti su
diversi paesi dei dintorni, a partire dal 500 inizi una lunga
fase di declino e abbandono in cui il sito veniva frequentato
solo per alcune celebrazioni e le consuetudini rurali.
Un uso temporaneo come cimitero durante l800, sommato a
ripetuti crolli e
saccheggi che i
vari restauri non
sono riusciti ad
arginare, hanno
condotto alla-
spetto attuale. Il
monumento,
per quanto affa-
scinante e armo-
nicamente inse-
rito nel paesaggio, risulta ormai privo di molti elementi archi-
tettonici impiegati per la sua costruzione e provenienti da resti
di edifici romani e medievali della zona (capitelli, stipiti, fregi,
bassorilievi). interessante notare come per questi materiali,
che in gergo tecnico vengono definiti di spoglio perch deri-
vano dallo smantellamento di qualcosa di preesistente, il desti-
no tenda a ripetersi.
Oggi di propriet dello Stato, fino agli anni 70 la struttura era
del Comune di Orvinio, anche se dal punto di vista ammini-
strativo larea ricade nel comune di Pozzaglia Sabino. In tempi
remoti, fra gli abitanti di questi due paesi si sono accese diver-
se contese per il possesso dellabbazia e delle sue terre.

Tornati sulla Licinese, si prosegue verso nord per circa un chi-


lometro e mezzo fino ad un bivio dove si gira a destra sulla
provinciale verso Pozzaglia Sabino.
Il territorio di passaggio fra larea montuosa dei Lucretili e la
valle del fiume Turano e, a partire dal IX secolo, costituiva la
frontiera fra il ducato longobardo di Spoleto e quello bizanti-
no di Roma.

28
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

La patrona di Pozzaglia S. Ulpia, martire cristiana sotto Dio-


cleziano, ma in paese, da pi di un secolo a questa parte, si
affermato un culto molto profondo e sentito per una concitta-
dina suora, Livia Pietrantoni, uccisa appena trentenne nel
1894 a Roma, dove lavorava come infermiera in un ospedale.
La sua recente santificazione col nome di S. Agostina e la pro-
clamazione a patrona degli infermieri dItalia hanno concen-
trato su questo borgo una forte attenzione spirituale.
Le spoglie della santa sono raccolte in una cappella della Chie-
sa di S. Nicola. Altri luoghi di pellegrinaggio e raccoglimento
a lei dedicati sono la Cappella della Rifolta presso lantico
mulino allingresso del paese, dove da giovane si recava a pre-
gare, e la casa natale che conserva molti oggetti originari di
uso comune.

Proseguendo lungo la provinciale, dopo alcune curve si apre


un bellissimo panorama del grande pianoro fra Orvinio e Poz-
zaglia, con la sagoma lontana del campanile di S. Maria del
Piano e il profilo dei Lucretili sullo sfondo.
Dopo un paio di chilometri si arriva alla frazione di Montorio
in Valle, costruita in posizione dominante sulla valle del Tura-
no. La sua chiesa parrochiale di S. Stefano Protomartire, del
300, ha un bel portale di accesso in travertino con lunetta del
400 e, sullaltare, un affresco della Madonna del Rosario di
Vincenzo Manenti.
Dal Belvedere in contrada La Pianella si pu godere di un am-
pio e suggestivo affaccio sulla valle e sulla dorsale dei monti
Navegna e Cervia.
Questo sito an-
che un importan-
te punto di inter-
pretazione geolo-
gica del paesaggio,
dove lesame delle
forme dei rilievi e
delle rocce che li
compongono pu
aiutare a capire at-

29
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

traverso quali complessi e lunghi meccanismi si


realizzata la costruzione delle montagne ita-
liane cos come appaiono oggi.

Alluscita del paese, una stradina in


leggera salita sulla sinistra porta
verso leremo rupestre di S. Mi-
chele Arcangelo, costruito in-
torno ad una grotta in un
luogo dove, secondo una
leggenda locale, il giovane
santo guerriero avrebbe
trafitto a morte un terri-
bile drago.
Narra la tradizione
che il culto diffuso
per S. Michele in
molti luoghi alti e scoscesi
dItalia inizi sul Gargano nel 490
d.C. in occasione di una delle sue prime appari-
zioni, durante la quale invit a
consacrare le cavit rocciose
alla devozione cristiana (dove
la roccia si apre, il peccato delluomo pu
essere perdonato). E per probabile che
questa pratica tragga origini anche dal pi
antico culto di Ercole, divinit protettrice
delle greggi del mondo pastorale centro
meridionale, venerata nelle grotte e nei luoghi di
ricovero degli armenti.

Lungo la provinciale che inizia a scendere verso il fondovalle


si incontrano dei begli esemplari di vite maritata allacero
campestre.
Dopo poco pi di due chilometri di discesa si incontra il pae-
sino di Pietraforte, anchesso frazione di Pozzaglia, antico bor-
go fortificato costruito su una rupe calcarea, che conserva al-
cuni tratti di mura originari e dei begli archi di accesso.

30
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

La Chiesa di S. Stefano vale una sosta per il suo soffitto a cas-


settoni del 600 e perch sui tre altari sono conservate altret-
tante pregevoli tele, sempre del 600, di Raffaello Vanni da
Siena, allievo di Pietro da Cortona.

La vite maritata
la testimonianza residua di una pratica colturale un tempo assai comune
nei paesaggi rurali di tutta Italia e oggi quasi del tutto
scomparsa a causa delle esigenze di razionalizzazione
dei lavori agricoli. Il sistema, di origine etrusca,
consisteva in una coltivazione alta delle viti,
che venivano fatte crescere sopra ad alberi
spontanei molto rustici e diffusi nelle campa-
gne: aceri, olmi, pioppi. Questi venivano
periodicamente potati e fornivano un adeguato
sostegno cos che i grappoli pendevano dalle loro
chiome. Il terreno libero fra le varie coppie
veniva utilizzato a rotazione per gli erbai da
fieno o la coltivazione dei cereali.

Continuando a scendere lungo la provinciale si attraversa il


fiume Turano e si incontra la S. P. Turanense, dove si gira a de-
stra. Percorso circa un chilometro, si imbocca una strada sulla
sinistra che sale tortuosa fra i castagni fino al borgo di Collalto
Sabino. Il tracciato della strada segue fedelmente larticolazio-
ne del versante sud del Monte S. Giovanni, estrema propaggi-
ne meridionale del gruppo mon-
tuoso Navegna Cervia.
Il nome Collalto deriva da collis
altus e ricorda la posizione domi-
nante sulla Via Valeria e la Piana
del Cavaliere, un tempo frontiera
fra lo Stato Pontificio e il Regno
Borbonico, oggi fra il Lazio e lA-
bruzzo.
Capoluogo per molti secoli di
unimportante baronia fra le valli
dei fiumi Turano e Salto, posse-

31
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

duto tra il 600 e l800 dai Barberini, Collalto uno di quei


luoghi in cui, forse pi che in altri, si percepisce tangibilmente il
senso dello scorrere del tempo e del fluire della storia. Una storia
spesso matrigna, subita pi che vissuta dalla gente di questa
terra di mezzo. Tra
i fatti pi recenti fi-
gurano, ad esempio,
i saccheggi e gli ecci-
di punitivi organiz-
zati nel 1861 dai sol-
dati borbonico
pontifici, aiutati dai
briganti locali, appe-
na dopo lannessio-
ne plebiscitaria della
Sabina al nascente
Regno dItalia.
Il paese annovera-
to, a pieno titolo, fra
i circa cento borghi
pi belli dItalia e si
presenta con le case in pietra raccolte attorno al maestoso castel-
lo. Questa fortezza il vero elemento unificatore dellam-
biente urbano, alta e visibile, con i suoi spalti e le sue torri
merlate, dai vicoli e dalle piazze tutto intorno. Nella sua
struttura dinsieme compaiono i segni dei molti interventi
di restauro operati nel corso dei secoli e vi si possono distin-
guere le forme connesse alla primaria funzione difensiva da
quelle legate pi ad un uso da palazzo nobiliare. Per accede-
re al castello si attraversa una piazzetta con al centro una
bella fontana ottagonale in pietra calcarea, per poi salire la
scalinata che conduce al ponte levatoio e alla porta di acces-
so sormontata dallo stemma dei Barberini con le tre api.
Nel 1928 a Collalto, presso il medico e scienziato Attilio
Staffa studioso dei raggi X, venne in cura Umberto Nobile,
ferito ad una gamba nellincidente del dirigibile Italia du-
rante la trasvolata del polo nord e autore del drammatico
diario di viaggio La Tenda Rossa.

32
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

From Orvinio to Collalto Sabino


Going further to the north, as one gets to the 18th km, a turn on the right leads to
the ruins of the ancient Abbey of S. Maria del Piano.
Only the church front, some patches of the external wall and the Romanesque
bell tower remain of the whole Benedictine complex.
The origins probably date back to the XI cen-
tury as a celebration of a local victory of the
Charlemagne army against the Saracens. Af-
ter a period of notable relevance, when the
Benedictine monks connected to the powerful
Abbey of Farfa expanded their possessions in
several villages all around, from the early
XVI century a long time of decay and neglect
began. In the XIX century the church was
even used as a cemetery.
Due to several robberies the monument is
nowadays devoid of many architectural ele-
ments used for its construction (for instance
capitals, jambstones, friezes, bas-reliefs).

It is necessary to go further to the north for


about 1,5 Km till a road junction where theres a right turn to Pozzaglia Sabino.
The territory is a passage between the mountainous area of the Lucretili and the
valley of the Turano river, crossing the frontier that, in the Middle Ages, used to ex-
ist between the Longobard Dukedom of Spoleto and the Byzantine one of Rome.
In Pozzaglia, since a century and over a very deep cult of a local nun, named Livia
Pietrantoni, has become popular. She was killed in 1894 in Rome, where she used
to work as a hospital nurse, when she was only thirty years old. Her recent sanctifi-
cation as S. Agostina and her proclamation as the Italian nurses patron saint
have focused a strong spiritual attention on this village.

After a few kilometres one gets to the hamlet of Montorio in Valle, built in a domi-
nant position on the Turano Valley. Its parish church of S. Stefano, dating back to
the IV century, has a fresco of the
Madonna of the Rosary painted
by Vincenzo Manenti.
From the Belvedere, by the place
called La Pianella, a wide and at-
tractive view on the valley and on
the ridge of the Navegna and
Cervia Mountains can be seen.

Just out of the village, a narrow


uphill road on the left leads to the

33
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Orvinio Collalto Sabino

rupestrian hermitage of S. Michael Archangel,


built around a cave in a place where, according
to a local tale, the young saint would pierce to
death a terrible dragon.

Going down towards the valley floor some great


examplars of married vines twisted round
maple trees can be found, as residual evidence of
a country practice that once used to be popular
and nowadays is almost disappeared. The tech-
nique consisted in using spontaneous trees, very
rustic and common in the country lands such as
maples, elms and poplars, as a support for the
vines.

After little more than two km on the


way down, the small town of
Pietraforte is met, also included in the
Pozzaglia hamlets, an ancient fortified
village built on a calcareous cliff,
where part of the original walls and
some considerable entry arches survive.

Still on the way down one crosses the Turano river in order to reach the Turanense
road, by the valley floor, where it is necessary to turn on the right. After one km
theres a turn on the left to go up to the village of Collalto Sabino.
The name Collalto derives from the latin collis altus and reminds the dominant
position on the Valeria road and the surrounding plain, that once used to be the
boundary between the Papal State and the Bourbon Kingdom, nowadays between
the Lazio and Abruzzo regions.
The village has been included in a list of
about one hundred most beautiful villages
of Italy, with small rocky houses all gath-
ered around the majestic castle, unifying
element of the urban environment, high
and visible, with its battlements and em-
battled towers, from the alleys and the
squares around. In the structure of the
fortress the shapes connected to the primary
defensive function can be distinguished
from those related to a use as aristocratic
Palazzo. In order to enter, stairs must be
climbed leading to the drawbridge and the
main door surmounted by the coat of arms
of the Barberini family with three bees.

34
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

Da Collalto Sabino a Varco Sabino

Da Collalto si inizia a scendere verso Carsoli e, dopo quasi


due chilometri, si gira a sinistra sulla provinciale per Collegio-
ve e Marcetelli. La strada degrada dolcemente verso una stretta
e lunga pianura di fondovalle.
Percorsi due chilometri, con una breve deviazione sulla destra
si pu salire al paese di Nespolo dalla caratteristica forma a
ferro di cavallo, affacciato sullinconfondibile e maestoso pro-
filo a chiglia di nave rovesciata del Monte Cervia.
Il borgo circondato da foreste che si estendono quasi senza
soluzione di continuit. Il suo nome deriva da acquam nespu-
li, acqua di nespolo, dallantica denominazione locale di un
bosco in cui questa pianta cresceva spontanea. Nella parte alta

35
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

del paese, la chiesa di S. Sebastiano patrono contiene una tela


di scuola fiamminga del 500 che ne raffigura il martirio.

Tornati sulla provinciale per


Marcetelli, un tratto pianeggiante
precede un ponte su un fosso e,
subito dopo, si trova un incrocio
con due strade bianche, una a de-
stra, laltra a sinistra.
Quella a sinistra, leggermente dis-
sestata, porta ai ruderi di un vec-
chio mulino ad acqua (Mola tra
le Vene), dove necessario par-
cheggiare. Da qui si pu scendere
per un lungo tratto nellalveo del
Fosso di Riancoli alla scoperta dei suoi angoli pi segreti.
Questo breve corso dacqua nasce dalla confluenza di alcuni
tranquilli ruscelli minori, scorre da est verso ovest ma, prima
di gettarsi nel Turano, incide delle gole profonde che separano
di netto la dorsale del M. Cervia dal rilievo isolato di M. S.
Giovanni a nord di Collalto.
Laccidentato percorso nellalveo una rappresentazione ideale
della capacit dellacqua di scolpire, scavare e levigare la tenace
roccia calcarea. Nel silenzio interrotto solo dal vento che muo-
ve le foglie o dal verso stridulo della ghiandaia si incontra un
susseguirsi continuo di sorprese: pozze isolate abitate da anfibi
e larve di insetti,
massi ciclopici, pa-
reti rocciose, piscine
naturali, cascate.
La passeggiata va af-
frontata con le do-
vute cautele anche
perch, dinverno,
limpeto della cor-
rente invita a man-
tenersi sui versanti che in alcuni tratti sono percorribili con
difficolt.

36
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

La strada bianca sulla destra porta anchessa nelle vicinanze di


un antico mulino ad acqua che stato recentemente ristruttu-
rato per scopi didattici dalla Riserva Naturale (per la visita te-
lefonare al 0765/790002).
Il piccolo edificio in pie-
tra si trova al termine di
un breve tratto da fare a
piedi e compare, nasco-
sto fra la vegetazione,
sulle sponde di un tor-
rente poche centinaia di
metri a valle dellabitato
di Nespolo. Allinterno
ospita una mola in le-
gno a ruota orizzontale che un tempo serviva a macinare i
cereali destinati al consumo delle famiglie contadine: grano,
segale e farro coltivati su piccoli fazzoletti di terra e frutto di
pratiche agricole a malapena ripagate dai raccolti.
Attaccato al fabbricato, un grande vascone in pietra era utiliz-
zato per accumulare lacqua nei periodi asciutti o comunque
quando le portate del torrente erano scarse.

Di nuovo sulla provinciale


per Marcetelli, che comin-
cia a salire fra boschi di
querce ed aceri fino ad ar-
rivare, dopo circa cinque
chilometri, a Collegiove.
Il nome del paese trae pro-
babilmente origine dalla
presenza di un vicino luo-
go di culto dedicato a Giove. Questo fatto, sommato al ritro-
vamento su un colle circostante di una grande e antica tazza di
marmo rosso venato, oggi utilizzata come acquasantiera nella
chiesa parrocchiale, testimonia una notevole frequentazione
di questi luoghi fin dai tempi dei romani.
Come diversi altri centri dei dintorni anche Collegiove appar-
teneva, fra il 300 e il 600, alla Baronia di Collalto. Oggi, con

37
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

i suoi 1001 metri il centro abitato pi alto della Riserva dei


Monti Navegna e Cervia, luogo di partenza ideale per escur-
sioni verso il crinale e la vetta del Monte Cervia da cui lo
sguardo si apre sul Lago del Turano, sinuoso e azzurro, e su
unampia cerchia di alture vicine e lontane, fra cui il Soratte ad
ovest, il Terminillo a nord, il Velino ad est.

Lungo la provinciale, circa un chilometro e mezzo a nord di


Collegiove una stradina sterrata sulla sinistra si addentra nel
cuore degli estesissimi castagneti che ricoprono le pendici
orientali dei monti
Cervia e Navegna.
Entrare in un casta-
gneto da frutto, in
qualunque stagio-
ne, unesperienza
che riempie di stu-
pore per la cura con
cui tenuto il ter-
reno e per limpo-
nenza degli alberi, quasi tutti secolari. Molti aspetti concor-
rono a dare vita ad unatmosfera fiabesca: le tenaci e possen-
ti radici, le nodosit dei rami, le cavit dei tronchi originate
negli anni dallazione combinata dei fulmini e dei voraci in-
setti mangia legno.
Il castagno, detto anche albero del pane, stato per secoli
una fonte primaria di alimentazione durante i freddi inverni
o i periodi di carestia, non so-
lo per le povere popolazioni
montane ma anche per il loro
bestiame, soprattutto suino. Si
diceva infatti che la carne del
maiale fosse pi buona quan-
do il prezioso animale era ali-
mentato con le castagne.

Si prosegue sulla provinciale (occorre fare attenzione al fondo


dissestato) per altri due chilometri e mezzo fino ad una stretta

38
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

curva a destra in corrispondenza della quale, sulla sinistra, ini-


zia il sentiero che porta allaspra Gola dellObito.
Come quello di Riancoli, anche il Fosso dellObito taglia da
est a ovest la dorsale montuosa, separando il rilievo del Na-
vegna da quello del Cervia. Il suo bacino idrografico ricade
tutto nella Riserva e d origine ad una valle apparentemente
anomala, che nasce
aperta e termina in
una gola. La causa
sta nel fatto che
nella parte alta del
bacino, a oriente,
affiora del flysch
(arenarie stratificate
miste ad argille),
una roccia relativa-
mente tenera e molto pre-
disposta al modellamento
da parte dellerosione atmo-
sferica; nella zona pi occidentale e bas-
sa verso Ascrea, invece, vi sono dei
banconi pi compatti e tenaci di
calcare su cui lerosione si con-
centra solo in alcune zone dando
luogo a forme scoscese e ripidi pendii vallivi.
Il nome Obito deriva probabilmente da oves
(pecore), a segnalare un antico varco fra i
monti per la
transumanza
delle greggi. Gli ambienti
isolati e proibitivi della forra
ospitano diversi tipi di vegetazio-
ne e sono frequentati da specie ra-
re e sensibili quali il falco pel-
legrino e il merlo ac-
quaiolo.

39
La Riserva Regionale
Monte Navegna e Monte Cervia

N
on sono montagne gemelle ma poco manca. Vengono
sempre nominate insieme, hanno altezze quasi compa-
rabili, 1508 metri il Navegna, 1436 il Cervia, sono for-
mate dallo stesso tipo di rocce e i versanti occidentali di entram-
be si specchiano nelle acque del Lago del Turano mentre quelli
orientali, ripidi in quota ma dolcemente ondulati alle pendici, in
quelle del Lago del Salto. Le loro forme disegnano paesaggi ampi
e solitari, in cui il tempo sembra seguire una scansione totalmen-
te autonoma. Sulle carte sono anche conosciute come
Monti Carseolani.
La Riserva, estesa per circa 36 chilometri qua-
drati, ne protegge gli ambienti pi significati-
vi: le rupi, le praterie daltura, le grandi fag-
gete, i castagneti, i boschi di querce, carpi-
ni ed aceri, le acque tumultuose dei fossi
dellObito e di Riancoli che tagliano tra-
sversalmente la dorsale montuosa.
Castagno Nel sottobosco, dove transitano sospettosi il lupo e il
gatto selvatico, germogliano fioriture di orchidee, violette e nar-
cisi. I cieli sono solcati dal volo preciso dellaquila reale o, di not-
te, dal maestoso e silenzioso gufo reale. Alcune raccolte dacqua
ospitano anfibi di particolare interesse a dai nomi curiosi come
lululone dal ventre giallo e la salamandrina dagli occhiali.
Il territorio attraversato da una rete di sentieri e tratturi, testi-
monianza di una viabilit rurale un tempo diffusa, oggi a dispo-
sizione anche degli escursionisti, ed circondato da una cerchia
discreta di paesini e piccole frazioni. Tra questi i nuclei storici dei
nove comuni che fanno parte della Riserva. I pi importanti e
famosi sono Collalto Sabino e Rocca Sinibalda, per i loro castel-
li, e Castel di Tora per la sua felice
posizione prossima alle rive del La-
go del Turano. Ve ne sono per al-
tri che contano poco pi di 200
abitanti ciascuno e si configurano
come autentici presidi delle atti-
vit umane sulla montagna: Paga-
nico, Collegiove, Marcetelli, Varco Sabino (sede degli uffici del-
la Riserva Naturale).
Gli spazi a disposizione per le coltivazioni sono limitati a piccoli
orti e appezzamenti posti a ridosso dei centri abitati. I principali
prodotti della terra, dunque, sono i frutti del bosco e del sotto-
bosco: more, mirtilli, funghi, tartufi e, soprattutto, castagne,
che vengono ancora raccolte nei circa 600 ettari di castagneti da
frutto. Un vecchio detto sottolinea la loro importanza storica per
le povere economie locali: Allu burghittu se nun fosse pe li frutti
se sariano morti tutti. La variet regina la castagna rossa del
Cicolano, introdotta in epoca storica dalla Lombardia e perfet-
tamente adattata al clima e ai suoli di queste zone.

The Navegna and Cervia Mountains Regional Reserve


The shapes of the Navegna (1508 metres) and Cervia (1436 metres) mountains
divide the Salto lake from the one of Turano outlining wide and solitary landscapes
where time seems to go by with its own frequency.
The Reserve, spreading for about 36 sqkm, protects several significant environ-
ments: cliffs, high-ground meadows, beech and chestnut woods as well as oak,
hornbeam and maple woods, the turbulent waters of the Obito and Ri-
ancoli ditches. In the underwood suspiciously the wolf and the wild cat
pass through. Skies are streaked across by the perfect flight of the golden
eagle or, at night time, by the majestic and silent eagle owl.
The area is run through by a net of trails and sheep-tracks and sur-
rounded by a circle of small villages. Some of them have little more than
200 inhabitants and represent the remaining of human activities on the
mountains.
The areas ready to be cultivated are restricted into small vegetable gar-
dens and plots close to the villages. So, the main products from the
land are wood and berry fruits such as blackberries, bilberries,
mushrooms, truffles and, most of all, chestnuts that are still
picked up all over the 600 hectares of chestnut woods.

Orchidea
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

Un chilometro e mezzo pi
avanti, una deviazione sulla
destra lungo la carrareccia
che porta verso S. Maria in
Villa permette di fare visita
ad unautentica bisnonna
verde, una roverella monu-
mentale di circa 300 anni
che la gente del posto chia-
ma con affetto quercia bel-
la. alta 22 metri (pi di
un palazzo di sei piani) e il
suo tronco ha un diametro
di pi di due metri (servono
almeno sei bambini per abbracciarlo tutto).

Gli alberi secolari


Che sia quercia o castagno, ogni albero che
cresce dovrebbe poter continuare a farlo
fino a diventare un grande albero.
Diverrebbe cos un potente produttore
di ossigeno attraverso le foglie, un rifugio
sicuro per molti animali, un dispensatore
di cibo e doni preziosi grazie agli innumerevo-
li frutti ed un custode del suolo che attenua con
lampia chioma la violenza dei temporali.

Dopo un chilometro si entra a Marcetelli, che sembra debba


il nome allespressione latina Marsorum tellus, terra dei
Marsi, riferita non al popolo italico ma alla famiglia della
Sabina che nei secoli X e XI fond diversi insediamenti nella
valle del Salto.
Il paese giace allungato su un crinale montuoso dai ripidi ver-
santi e gode di una posizione difensiva strategica, con ampie
vedute sulla valle e sul lago. Attraverso gli stretti vicoli lastrica-
ti in pietra del centro storico si arriva alla Piazza della Porta,
che ha al centro una fontana ottagonale e su cui affaccia il Pa-
lazzo Barberini.

42
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

Fino a pochi anni fa gli abitanti di Marcetelli erano dei rino-


mati e validi bottai. In inverno, scelto il legname pi idoneo
nei castagneti, si adoperavano a sagomare doghe di tutte le di-
mensioni per la costruzione di tini, bigonci e botti.

Oltre Marcetelli la strada inizia a scendere verso il Lago del


Salto. Dopo circa quattro chilometri occorre fare attenzione
al bivio sulla sinistra, non segnalato, e prendere la stretta
stradina asfaltata che sale verso Rigatti.
Dal 1968 questo abitato non pi frazione del lontano co-
mune di Ascrea, ma di Varco Sabino. Il piccolo paese do-
minato dal Palazzo Ba-
ronale ed ampiamen-
te panoramico sul lato
orientale del Lago del
Salto e sui monti del
Cicolano.
La sua storia, al di l del-
le famiglie nobiliari che
lo hanno governato nei
secoli, simboleggia quella di tanti piccoli borghi sparsi sullAp-
pennino. Una storia che traspira ancora il senso del feudalesimo,
testimoniata dagli Statuti medievali giunti fino ai giorni nostri e
che sopravvive nella memoria orale dei racconti degli anziani.
Una storia di povert e sacrifici di povere genti di montagna, di
doveri e obbligazioni verso potenti e uomini di chiesa, di brigan-
ti ed emigrazione per sfuggire alla fame.
Dal belvedere posto al margine del paese lo sguardo in
grado di apprezzare lenorme estensione del paesaggio fore-
stale della valle del Salto (la stessa parola latina saltus vuol
dire bosco, selva) in-
terrotto solo dalle anse
del lago che si insinuano
nelle vallette laterali e,
sporadicamente, dal si-
stema di piccoli insedia-
menti e case sparse.
Con i suoi circa 7 chilo-

43
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

metri quadrati il Lago del Salto uno dei maggiori bacini


artificiali dellItalia centrale. Insieme a quello del Turano,
suo gemello pi piccolo da cui riceve le acque attraverso
una lunga galleria, costituisce una sorta di unico grande ser-
batoio della capacit di 430 milioni di metri cubi (430 mi-
liardi di litri) che alimenta la centrale idroelettrica di Coti-
lia, posta nella valle del Velino fra Rieti e Antrodoco.

Con poco pi di due chi-


lometri si arriva a Varco
Sabino che compare allun-
gato in leggera pendenza ai
piedi di unalta parete roc-
ciosa. Il nome del paese de-
riva dal fatto che nel me-
dioevo, quando vi era solo
una piccola chiesa rurale,
vi si transitava attraverso
una sorta di valico per
passare dalla zona del Salto
Cicolano alla valle del
Turano e alla Sabina.
Lorigine dellinsediamento risale alla met del 400 quando
la popolazione del borgo di Mirandella, scampata ad un vio-
lento terremoto, vide nella ripida balza rocciosa del valico un
sicuro e agevole riparo alla furia degli elementi. I profughi
non vollero per abbandonare del tutto le terre di provenien-
za e vi continuarono a portare le greggi al pascolo e ad utiliz-
zarne il legname. Ci diede luogo ad uninterminabile conte-
sa con la comunit di Ascrea, nel cui territorio ricadeva Mi-
randella, che venne risolta solo alla fine del 700 (da cui il
nome leggendario di lite dei tre secoli) con il riconosci-
mento dei diritti di pascolo e legnatico per gli abitanti di
Varco.
Nel nucleo storico, in Via Roma 35, hanno sede gli uffici
della Riserva Naturale. Dallabitato un ripido sentiero pano-
ramico sale ad una grotta in cui stata ricavata una chiesetta
rupestre dedicata a S. Michele Arcangelo, patrono del paese.

44
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

From Collato Sabino to Varco Sabino


From Collalto one begins to go down toward Carsoli and, after a couple of kilome-
tres, theres a turn on the left along the way to Collegiove and Marcetelli. Once
down the valley floor, after two kilometres more, a flat stretch of land precedes a
bridge on a ditch and, just after that, a junction with two country roads is met.

The one on the left leads to the ruins of


an ancient water mill, where parking is
possible and one can go hiking down for
a long tract by the sides of the Riancoli
ditch bed, searching for its most secret
spots. The route along the ditch is
bumpy and its an ideal representation
of the water power that sculpts, digs and
smoothes the hard calcareous rock. One
finds many and different surprises: isolated puddles inhabited by amphibians
and insect grubs, cyclopean boulders, rocky walls, natural pools, waterfalls. Its
necessary to use caution because during the winter the rushing current forces peo-
ple to stay on the slopes which can hardly be walked over for themselves.

Back on the asphalt road, that begins to go up among oaks and maples woods, un-
til we get, after about five kilometres, to Collegiove.
The name of the village is probably the result of a nearby cult place dedicated to
Jupiter (Giove). The area, in fact, was populated since the Roman era as witnessed
by the finding of a great ancient bowl made of streaked red marble, nowadays used
as holy-water font in the local parish church. The village is a great starting point
for hikes on the ridge and the peak of the Cervia Mountain from which boundless
and attractive views can be seen.

Almost two kilometres beyond, a dirt path on


the left enters an extended forest of chestnut
fruit trees, well-kept and rich in secular exem-
plars.
The chestnut tree, also known as bread tree,
has been for centuries a primary source of feed-
ing during the cold winters, not only for
mountain populations but also for their live-
stock, especially for pigs. Pork meat was in fact
better when pigs were nourished by chestnuts.

After two kilometres and a half more along the way, just by a right sharp bend,
on the left side a trail starts leading to the Obito ravine.
Just like the one of Riancoli also the Obitos ditch cuts from east to west the
mountain ridge, separating the Navegna range from the one of Cervia and gen-
erating a narrow deep ravine cut into the solid limestones.

45
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Collalto Sabino Varco Sabino

The name Obito probably originates from the Latin word oves (sheep), indicat-
ing an ancient way between the mountains for the flock transhumance. The seclud-
ed and prohibitive environments of the ravine lodge several kinds of vegetation and
are populated by rare sensitive species such as the peregrine falcon and the dipper.

After two kilometres and a half one enters Marcetelli. The village lies down over a
small mountain ridge and has a strategic defensive position with wide views on the
valley of the Salto river and its homonymous lake. From the historical centre,
through narrow stone paved alleys, one gets to the Piazza della Porta with an oc-
tagonal fountain standing in the middle faced by the Palazzo Barberini.
Until a few years ago, the people of Marcetelli were considered as renowned coopers.
During the winter, once they had chosen the best timber in the chestnut woods, they
used to shape staves of any size to make vats, tubs and barrels.

After about four kilometres way down to the Salto lake attention must be paid to
the road junction on the left, not indicated by road signs, where one takes the nar-
row asphalt road that climbs up to Rigatti.
The story of this village symbolizes the one of the many small villages spread all over
the Apennine. A story that still transpires the sense of feudalism and survives in the
oral memory of elders tales. A story of poverty and sacrifices of poor people of the
mountains, of duties and obligations in front of the powerful and the clergymen, of
brigands and immigration to run away from famine.
From the belvedere, that stands just at the edge of the village, one can enjoy the
enormous extension of the forest landscape of the Salto valley (the Latin word
saltus in itself stands for wood) just broken off by the bights of the lake.
With its 7 sqkm the Salto Lake is one of the biggest artificial basins of Central Italy.
Along with the one of Turano, a smaller twin from which it receives the water
through a long tunnel, it supplies power to a hydroelectric station in the Velino val-
ley, close to Rieti.

With a bit more than two kilometres one gets to Varco Sabino that appears
stretched at the base of a high rocky wall. The origin of the settlement dates back to
the middle of the fifteenth century when the people from the hamlet of Mirandella,
once escaped a terrible earthquake, saw the base of the cliff as a safe and practicable
shelter from the fury of elements.
In the historical core, ad-
dressed at Via Roma 35,
stand the offices of the Na-
ture Reserve. From the built
up area a steep panoramic
climb goes up to a cave
where a rupestrian small
church dedicated to S.
Michael Archangel, patron
saint of the village, has been
made into the rock.

46
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

Da Varco Sabino ad Ascrea

Oltre Varco Sabino la strada inizia a salire con alcuni tor-


nanti e, dopo circa due chilometri, costeggia il piccolo abita-
to di Vallecupola, frazione distaccata del lontano comune di
Roccasinibalda.
Il villaggio vanta due chiese parrocchiali, S. Croce e S. Maria
della Neve. Fino a pochi anni fa questultima custodiva una
bellissima croce dargento lavorato, poi trasferita nel Duomo
di Rieti, attribuita a Jacopo Del Duca, collaboratore di Mi-
chelangelo.
In tempi storici le principali occupazioni degli abitanti erano
la pastorizia transumante e unagricoltura montana di sussi-
stenza. Sulle pendici del Monte Navegna a sud ovest del pae-

47
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

se, il carattere estensivo di


queste attivit, ancora
praticate, ha consentito la
conservazione integrale di
un vasto e bellissimo lem-
bo di ambiente rurale di
una volta, organizzato se-
condo il sistema dei
campi chiusi.

I campi chiusi: un paesaggio


come mappa catastale
Anticamente i limiti degli appezzamenti erano formati da robuste fasce
verdi che contenevano i pi comuni alberi e arbusti dei boschi circostanti.
In molti casi la chiusura nasceva dalla necessit di evitare che greggi e
mandrie brade pascolassero sulle terre migliori, spesso di propriet dei
signori. Le siepi erano molto spesse e impenetrabili, garantivano legname
in caso di necessit e il loro fogliame (le frasche) veniva dato in pasto al
bestiame nei lunghi mesi invernali.

Si prosegue verso nord per circa otto chilometri e, dopo due


bivi consecutivi in cui occorre tenersi a sinistra, si giunge al
paese di Longone Sabino.
Situato a 800 metri di altezza, labitato ha un centro storico
medievale con strette e tortuose vie pavimentate in pietra cal-
carea e notevoli scorci sui monti della conca reatina. Nei
secoli successivi allanno 1000 linsediamento appar-
tenne alla vicina abbazia bene-
dettina di S. Salvatore
Maggiore, allepoca una
delle pi importanti del-
lItalia centrale.
I santi patroni so-
no Cosma e Da-
miano, due fratelli
medici martirizzati
dai romani in Cili-

48
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

cia nel IV secolo, cui dedicata una piccola chiesa inglobata


nel cimitero. Chi capitasse in paese la sera del 26 settembre,
in occasione della loro festa, avrebbe modo di osservare il rito
dei foconi, grandi e spettacolari fuochi di fascine secche
collocati sulle mon-
tagne intorno, pro-
babilmente a sim-
boleggiare un ulti-
mo omaggio alla lu-
ce dellestate appena
finita.
Per la festa del lavo-
ro del 1 maggio a
Longone si svolge la Sagra dei Vertuti, un gustoso piatto ti-
pico locale consistente in una zuppa di legumi, cereali ed er-
be, aromatizzati con mentuccia fritta in olio di oliva.

Il percorso continua lungo la provinciale per la diga del Tu-


rano seguendo un tracciato sinuoso che ricalca le articolate
forme del pendio. In alcuni tratti lo sguardo verso occidente
si apre ad abbracciare un vasto panorama che comprende la
valle del Tevere, il rilievo isolato del M. Soratte che nel Plio-
cene, due milioni di anni fa, era unisola in un mare caldo e
tropicale, e i lontani altipiani vulcanici Sabatino e Cimino
Vicano.
Il borgo di Stipes, arroccato a quasi 900 metri di quota, fra-
zione del comune di Ascrea. Dalla ventosa fortezza situata
nelle parte alta si gode di una notevole vista sulla Sabina e
Rocca Sinibalda, sul ramo terminale del Lago del Turano e
sulla diga.
Ai primi di ottobre, in occasione della ricorrenza della Ma-
donna del Rosario, il villaggio si anima per la Festa delle Jat-
te, le ragazze ancora in attesa di marito.
Non si hanno notizie certe sulle origini del nome. Si sa per
che stipes linquietante termine latino che indicava il palo
di legno verticale infitto nel terreno con cui, attraverso lag-
giunta del patibulum orizzontale, si formava la croce per le
esecuzioni capitali.

49
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

Con poco pi di due chilometri di discesa si arriva sulle


sponde del Lago del Turano allaltezza dello sbarramento che
ne ha determinato la formazione.
La diga del Turano, in
cemento armato, alta 80
metri e lunga 256, stata
costruita in corrispon-
denza di ripidi versanti
di roccia calcarea che co-
stituiscono le spalle e il
basamento su cui poggia
la struttura. La valle, a
monte molto ampia e ri-
coperta dal lago, qui si restringe e diventa profonda lasciando
appena intravedere il paesino di Posticciola sullo sfondo.

Una valle sottacqua


Quando la diga venne chiusa le acque
coprirono oltre 500 ettari di campi, pascoli,
boschi ed aree abitate, espropriati alla gente
locale per poche lire, divenute in breve carta
straccia grazie allinflazione e alla guerra.
Lulteriore aggravamento dei gi miseri
assetti economici determin emigrazione e
spopolamento in tutti i centri circostanti.
Le paratie della diga vennero chiuse nella tarda estate del 39. In ottobre,
mentre le acque gi salivano, i contadini della valle costruirono rudimen-
tali imbarcazioni per andare a raccogliere, per lultima volta, le pannocchie
di mais e i grappoli duva non ancora sommersi.

Dopo circa quattro chilometri lungo la provinciale Turanense


che costeggia il lago si arriva in vista della penisola su cui sor-
ge il paese di Colle di Tora.
Linsediamento ricopre la sommit di un colle allungato da
sud a nord che oggi si protende nellacqua, ma che un tempo
dominava la parte pi ampia e fertile della vallata. La sua ori-
gine risale probabilmente alle invasioni barbariche quando gli
abitanti di Tora, antica citt sabina posta nel fondovalle (i cui

50
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

ruderi sono ora ricoperti dal lago), si spostarono rapidamente


sui rilievi circostanti. Nacquero in questo modo anche Castel
di Tora e Monte di Tora (o Antuni).
Il nucleo storico del paese situato sulla punta della penisola,
con la piazza, la fontana ed una
chiesa del settecento, ma si tratta
solo della parte superstite di un
abitato pi vasto le cui contrade
basse sono state sommerse dal lago
artificiale. Diversi edifici, anche
pubblici, sono poi stati ricostruiti
nella zona alta del colle, verso la
Turanense.
La gloria gastronomica locale il
fagiolo a pisello, tenero, sapori-
to e praticamente privo di buccia,
coltivato in piccoli appezzamenti a
circa 800 metri di altezza sui pendii che sovrastano il paese e
celebrato collettivamente con una sagra lultima domenica di
ottobre.

Dopo circa un chilometro il percorso sulla turanense passa


accanto al Santuario di S. Anatolia,
eretto nel sito in cui vennero rinve-
nute le spoglie di questa giovane
martire cristiana. Il luogo silenzio-
so e con i suoi alti cipressi induce al
raccoglimento. In origine vi era solo
una piccola chiesa rurale cui poi si
aggiunsero i fabbricati di un con-
vento di frati Cappuccini. Fra gli
anni 20 e gli anni 70 del secolo
scorso il complesso fu di propriet
di un collegio di rito greco-bizanti-
no che vi ospitava i seminaristi.
S. Anatolia venerata principalmente a Castel di Tora, ma la
sua fama travalica la dimensione locale e la rende una figura
di riferimento per la fede di tutto il territorio circostante.

51
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

Due chilometri oltre, poco prima di attraversare il lago, la vi-


sta si apre sui due rilievi di Castel di Tora, a sinistra, e Antu-
ni, a destra, che paiono fronteggiarsi. Per motivi tecnici, alle-
poca della costruzione della diga e delle opere accessorie fu
necessario posizionare uno dei piloni del ponte che collega
una sponda allaltra esattamente dentro unantica chiesa di
campagna dedicata a S. Rocco. Come parziale misura di
compensazione per le comunit locali, la societ costruttrice
fu obbligata a ripristinare pi in alto una piccola copia del-
ledificio sacro, che quella che si vede sulla destra appena
prima di accedere al viadotto.

Lantico borgo di Antuni sorge sulla sommit di una peniso-


la conica rocciosa che si eleva per 120 metri sulle acque del
lago. In tempi remoti
questa fortezza arroc-
cata ed isolata sovra-
stava strategicamente
un ampio tratto di
valle e costituiva la
testimonianza pi ti-
pica del processo di
incastellamento nei
monti della Sabina.
Abitato in condizioni estreme da diverse famiglie fino agli an-
ni 30 del secolo scorso (senza botteghe, scuola, e neanche ac-
qua corrente), dopo decenni di abbandono oggi il villaggio
al centro di un ampio progetto di ricostruzione conservativa
dei luoghi cos come erano nei secoli passati. Incorporato, in-
sieme a tutto il colle, nella Riserva Regionale Monte Navegna
e Monte Cervia, vi si pu accedere solo a piedi e la salita
ampiamente ripagata dalle incredibili vedute sul lago e i
monti circostanti.

Come Collalto Sabino, anche Castel di Tora incluso nei


cento borghi pi belli dItalia. Le ragioni sono molteplici:
Antuni e i paesaggi innanzitutto, ma anche laspetto curato e
ben conservato del centro storico medievale che culmina nel-

52
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

la piazzetta - belvedere, la torre poligonale del secolo XI che


vigila sui passanti, la chiesa di S. Giovanni con il campanile
su cui crescono mentuccia e violacciocche, la barocca fontana
del Tritone nella piazza principale, le mura e le torrette tra-
sformate in case, gli archi e le cantine.
Secondo una tradizio-
ne secolare, la prima
domenica di quaresi-
ma tutto il paese in
piazza per la Festa
del Polentone, cotto
allaperto sul fuoco in
un ampio calderone e
condito con sugo ma-
gro di baccal, aringhe, tonno e alici. Le fette di polenta ven-
gono tagliate con uno spago imbevuto nel gustoso olio di oli-
va della Sabina.

Litinerario prosegue sulla Turanense per circa due chilome-


tri fino ad un bivio dove si gira a sinistra per salire verso il
borgo di Ascrea, autentico balcone naturale sulla valle e sul
lago.
Appartenuto alla baronia di Collalto fino al XV secolo, que-
sto villaggio si trasform successivamente, sotto una complice
protezione dei signori locali, in un temuto presidio di brigan-
ti che, nel fondovalle, depredavano i viaggiatori in transito fra
Rieti e il Regno di Napoli.
La piazza principale con il belvedere uno dei luoghi migliori
per immaginare una
ricostruzione del
paesaggio della valle
prima della sua som-
mersione.

Tornati sulla Tura-


nense il tracciato co-
steggia per alcuni chi-
lometri le sponde del

53
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

lago. Quelle meno acclivi e che degradano pi dolcemente nel-


lacqua vengono utilizzate in estate per la balneazione.
Nei periodi di magra lintero perimetro lacustre appare circon-
dato da una striscia continua di terra nuda sopra la quale inizia
la vegetazione. Si tratta del dislivello, di svariati metri, fra i mo-
menti di massimo e minimo invaso di acqua nel lago artificiale.
Le variazioni stagionali del livello idrico non consentono infatti
in questa fascia linsediamento di una stabile vegetazione di ripa
(salici, pioppi, canneto, ecc.), che si troverebbe troppo coperta
dacqua in inverno, o troppo allasciutto in estate.
Lassenza di questa cintura verde impedisce il rifugio e la nidifi-
cazione di diverse specie di uccelli acquatici, tipi-
che dei laghi naturali, come gli aironi e molte
anatre. Nel lago tuttavia sono presenti alcuni
caratteristici uccelli tuffatori, grandi mangia-
tori di pesci, come il cormorano e lo svasso
maggiore.

Dopo un ponte su un fosso, con un lun-


go rettilineo si entra nel territorio del co-
mune di Paganico. Il centro abitato po-
sto pi in alto, sulle pendici del Monte Cer-
via e, come la vicinissima Ascrea, visto da lon-
tano assomiglia ad una sorta di sentinella im-
mobile rivolta a occidente, messa a guardia
della profonda e stretta fenditura dellObito.

Proseguendo sulla provinciale e risalendo


lungo la valle del Turano si assiste al progressivo restringi-
mento del lago, che man mano diventa fiume. Circa due chi-
lometri e mezzo dopo il bivio per Paganico, appena sotto la
strada, si trova un monumento funerario di epoca romana
noto localmente col nome di Pietra scritta. Si tratta di
unoriginale pietra sepolcrale ricavata da un masso crollato
dalle rupi calcaree soprastanti, successivamente modellato in
forma prismatica e scolpito. La faccia con liscrizione rivolta
verso il fiume e segnala i nomi dei tre membri della famiglia
dei Muttini che vi sono stati sepolti.

54
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

From Varco Sabino to Ascrea


Going over Varco Sabino one reaches the small village of Vallecupola. Back in the
days the main occupations of its inhabitants were transhumant sheep-breeding and
a subsistence mountain agriculture. On the slopes of the Navegna Mountain, on the
south-western side of the village, these activities, nowadays still practised, have en-
abled the conservation of a wonderful strip of the past rural landscape, set as a
closed fields system (fields closed by hedges).

Still further for about 8 kilometres and, after two junctions in a row where one has
to keep the left, the village of Longone Sabino is met, from which nice views on the
mountains around the Rieti plain can be seen. On the night of the 26th of Septem-
ber, during the Saints Cosma and Damiano
patrons celebration, it is possible to watch the
foconi ceremony, big and spectacular fires of
dry wood faggots set on the mountains all
around.

The route goes along the provincial road to-


wards the Turano dam where one finds the
village of Stipes, retreated at an altitude of al-
most 900 metres. From the windy fortress on
the upper side, one enjoys a charming view on
the Sabina territory and Rocca Sinibalda, on
the terminal arm of the Turano lake and on
the dam. At the beginning of October, during
the Rosary Madonna celebration, the village becomes lively for the Feast of the
Jatte, women still waiting for a husband.

With a bit more than two kilometres downhill one gets by the shores of the Turano
lake near the damming that determined its formation.
The Turano dam, made of reinforced-concrete, has a height of 80 metres and a
length of 256. It was built in a place where the valley gets narrow and deep, giving
the opportunity to catch a glimpse of the small village of Posticciola in the back-
ground.
When the dam was closed, in 1939, the water flooded over 500 hectares of fields,
pastures and built-up areas, expropriated to the local population for very little mon-
ey, that soon became waste paper due to galloping inflation and war.

After about four kilometres on the road that goes along the edge of the lake one gets
by the peninsula on which rises the village of Colle di Tora.
The settlement covers the top of a stretched hill today leaning forward into the wa-
ter, but once dominating the broadest and most fertile part of the valley. The old
town centre is placed at the end of the peninsula, with the square, the fountain and
a church, but its just the surviving part of a vaster inhabited area whose lower
quarters have been flooded by the artificial lake.

55
Tratto VICOVARO - VARCO SABINO
Varco Sabino Ascrea

Three kilometres beyond, just before crossing


from shore to shore, the view opens out on the
Castel di Tora hill, on the left, and the Antuni
one on the right.
The ancient village of Antuni stands on the top
of a cone-shaped rocky peninsula that rises 120
metres above the lake waters. In far-off times
this castled and secluded fortress strategically
overlooked a wide stretch of valley. Populated
by several families since the thirties of the past
century, after decades of neglect the village is to-
day involved in various refurbishments. It is
possible to enter only by walk and the climb is
abundantly recompensed by the incredible views on the lake and the surrounding
mountains.

Like Collalto Sabino, Castel di Tora is also included in the list of the most beauti-
ful villages of Italy. The settlement, dominated by a polygonal tower dating back
to the XI century, has a mediaeval historical centre well-kept and preserved, ending
into a small panoarmic square. On the first Sunday in Lent the Polentones Feast
is celebrated, with polenta cooked outdoor on the fire in a big pot.

After about two kilometres it is possible to turn on the left going up to Ascrea, an
authentic natural terrace with a view on the valley and the lake. The central square
with its lookout is one of the
best places to picture in ones
mind a reconstruction of
the valley landscape before
its flooding.

Along the shores of the Tu-


rano Lake frequent varia-
tions of the water level do
not allow the presence of a
riparian vegetation such as
willows, poplars, cane
thickets, etc. This prevents
the refuge and the nest-building of several species of aquatic birds, typical of natural
lakes, like for instance herons and many ducks.
Nevertheless in the lake there are some characteristic diving birds, big fish eaters
such as the great crested grebe and the cormorant.

Further on, one goes up along the Turano valley looking at the progressive narrow-
ing of the lake that slowly becomes a river. About two kilometres and a half beyond
the junction to Paganico, just below the road, theres a rocky funerary monument of
the Roman era with some inscriptions, locally known as the Written Stone.

56
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

Da Vicovaro a Arsoli

Dalluscita autostradale di Vicovaro, percorrendo la statale


Tiburtina verso lAbruzzo ci si trova a viaggiare sul fondo della
valle dellAniene, parallelamente al fiume e alle condotte sot-
terranee dellAcqua Marcia che ricalcano lantico percorso del-
lacquedotto romano e rappresentano una notevole risorsa per
lapprovvigionamento idrico della capitale.
Le curve del tracciato ed un paesaggio quieto in cui, data la
grande abbondanza di acqua nel sottosuolo, il colore domi-
nante in qualsiasi stagione il verde, non consentono di ac-
corgersi che, sparsa nel raggio di pochi chilometri, vi una
manciata di paesi ognuno con una sua originale opportunit
di visita.

57
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

Girando a destra dopo la stazione ferroviaria di Mandela, il


primo che si pu raggiungere Saracinesco, un borgo con po-
co pi di 160 abitanti che van-
ta il primato di essere fra i co-
muni meno popolosi del Lazio,
inerpicato su un cocuzzolo a
900 metri di altezza.
Il nome deriva dalla fondazione
ad opera di musulmani sarace-
ni i quali, secondo la tradizione
locale, nei decenni prima del-
lanno 1000 si adoperarono in violenti saccheggi ai danni di
chiese e monasteri della valle. In realt assai probabile che
questi saraceni fossero profughi dellAnatolia migrati nel La-
zio, predoni per necessit ma mai infedeli in conflitto reli-
gioso col cristianesimo. In paese ci sarebbe testimoniato dal
profondo culto per S. Michele Arcangelo, da sempre difensore
dei principi dellortodossia cristiana.
In cima al ventoso e arroccato nucleo storico dai vicoli rivestiti
di pietra calcarea vi sono i resti di una fortezza dellXI secolo.
Molti e affascinanti gli scorci panoramici, sulla valle dellAnie-
ne a nord ovest e sul crinale dei Monti Ruffi a sud est.

Prima di tornare sulla Tiburtina, una sosta nei pressi del pon-
te sullAniene consente di avere un primo breve incontro con
questa via dacqua, cos
importante per linfluenza
esercitata sul paesaggio ma
anche sulla storia e sulla cul-
tura delluomo; dai tempi
degli Equi, attraverso i ro-
mani, fino alle comunit
contadine sopravvissute per
quasi tutto il secolo scorso.
Qui il fiume ha ancora un aspetto abbastanza naturale ed
protetto su entrambe le sponde da folte fasce di vegetazione ri-
pariale. Vi sar modo di avvicinarlo di nuovo pi avanti, pro-
cedendo verso Arsoli.

58
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

Di nuovo sulla Tiburtina, dopo poche centinaia di metri un


bivio sulla sinistra porta ad una strada in ripida salita verso la-
bitato di Mandela.
In realt si tratta, e si sempre trattato, di due abitati distinti:
il borgo di Bardella, bagnato alle pendici dalle fredde acque
del torrente Licenza, con un castello, una torre e una chiesa, e
il villaggio fortificato di Cantalupo in cima al colle. Per secoli,
fino al 1870 con il passaggio dallo Stato Pontificio al Regno
dItalia, il nome uffi-
ciale di questo inse-
diamento stato il bi-
nomio Cantalupo
Bardella.
Salda, ordinata, Mande-
la mi saluta con la sua al-
ta torre pallida.
(Rafael Alberti Epistole
ad Orazio)

La torre richiamata dal poeta lo slanciato campanile della


chiesa di S. Nicola, nella parte alta del paese. Il santo di Bari
gode di una notevole venerazione nel territorio (nella diocesi
di Tivoli ha ben sei parrocchiali intitolate), ma ci non ha im-
pedito che a Mandela gli venisse affiancata una viva devozione
per S. Gregorio.
S. Nicola si festeggia la prima
domenica di dicembre insieme
alla Festa dellOlio e dellOli-
vo (coltura cardine per leco-
nomia del luogo) e alla Sagra
della Polenta. I festeggiamenti
in onore di S. Gregorio sono
invece estivi e si concludono a
sera con una Panarda, una
cena collettiva a base di verdu-
re e pesce di fiume cui antica-
mente partecipava un membro
per famiglia.

59
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

Si prosegue sulla Tiburtina fin quasi al chilometro 56, dove


si incontra un incrocio. La strada sulla sinistra sale con una se-
rie di tornanti verso labitato di Roviano.
Stretto su un colle calcareo fra
lautostrada e il fondovalle, il
paese offre uno sguardo singo-
lare sulla pianura fra Anticoli
ed Arsoli e, grazie alla presenza
di un curatissimo Museo della
Civilt Contadina ospitato nel
Palazzo Baronale, rappresenta
una sorta di archivio storico per
tutto il territorio circostante.
Nel Museo infatti, interpretabi-
le come strumento didattico e
culturale ma anche come cata-
lizzatore della memoria locale, si pu sperimentare un percor-
so fra lavoro, consuetudini e folklore, nel mondo rurale di una
volta e attraverso le progressive trasformazioni che hanno in-
vestito le comunit della
valle. Nelle varie sale si
trovano diverse, efficaci,
ricostruzioni di contesti e
attivit fra cui: pastorizia,
lavoro della terra, religio-
sit, artigianato, mondo
domestico, giochi e scuo-
la, canapa e tessuti, feste
e festivit.

Si torna nel fondovalle, si attraversa la Tiburtina e si prende


la provinciale per Anticoli Corrado, che dopo duecento me-
tri oltrepassa lAniene.
La sosta vicino al ponte pu rappresentare una seconda occa-
sione per vedere da vicino le caratteristiche del fiume: le rive
ombrose, lacqua limpida e ricca di ossigeno, le foglie del se-
dano dacqua mosse dalla corrente. Se lavvicinamento sta-
to poco rumoroso ci si pu imbattere nel becco rosso della

60
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

gallinella dacqua, frequentatrice del-


le anse cespugliose dove il flusso
lento, o in qualche airone cenerino, im-
mobile vicino alle sponde in attesa
di un pesce da catturare.
Sono difatti
proprio i pesci i
principali abitatori del
corso dacqua: la trota
fario, predatore di cro-
stacei, insetti e pesci pi
piccoli, il vairone, il ca-
vedano, il barbo, aman-
te degli anfratti pi
profondi dellalveo.

Anticoli Corrado deve il nome a Corrado di Antiochia, nipote


di Federico II di Svevia, che nel XIII secolo lo eredit come
feudo.
Cuore del paese e punto di cerniera fra il nucleo storico e la
zona di espansione moderna la Piazza delle Ville, con al cen-
tro la moderna fontana dellArca di No di Arturo Martini
(1926). In un angolo la Chiesa di S. Pietro, iniziata nel secolo
XI, con struttura romanica e cappelle laterali in stile gotico.
Anticoli situata sul versante settentrionale dei Monti Ruffi e,
come la vicina Saracinesco da cui dista appena due chilometri
in linea daria, era nota nel mondo degli artisti dell800 e dei
primi del 900 come serbatoio naturale di modelli, maschi e
soprattutto femmine, le cui fisionomie hanno ispirato diverse
opere (la leggenda vuole che ad Anticoli vi fossero le donne
pi belle del mondo). Non dunque un caso che nel Palaz-
zetto Brancaccio sia ospitato un Museo dArte Moderna e
Contemporanea che raccoglie numerosi dipinti, sculture e di-
segni di artisti che hanno soggiornato e lavorato in paese.

Si torna sulla Tiburtina e, dopo circa un chilometro e mezzo,


si gira a destra verso Subiaco. Percorso poco pi di un chilo-
metro si trova sulla destra una piazzola in corrispondenza di

61
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

un edificio dellACEA, al centro della piccola pianura formata


dallAniene fra Anticoli ed Arsoli.
Il luogo pu apparentemente non dire molto al viaggiatore di-
stratto, ma necessario essere consapevoli che ci si trova in
uno dei siti pi ricchi dacqua di tutto il Lazio, un autentico
giacimento permeato da un genius loci fresco, trasparente e
fluido.
Lungo le pendici montuose alla sinistra della strada, infatti,
sono allineate moltissime sorgenti attraverso cui scaturisce una
parte delle acque della grande falda idrica di base dei Monti
Simbruini, alimentata dal carsismo. Il resto della falda si infil-
tra nei terreni della pianura alluvionale dellAniene, imbiben-
doli come una spugna.
La portata complessiva delle sorgenti supera gli 8000 litri al
secondo. Una quantit enorme (capace ad esempio di riempire
una piscina olimpionica in quattro minuti), ben conosciuta
nei tempi antichi e che ancora oggi viene captata dallacque-
dotto dellAcqua Marcia per rifornire la citt di Roma. Il com-
plesso sistema di raccolta e distribuzione composto da opere
di presa, vasche di decantazione, stazioni di pompaggio, con-
dotte e serbatoi.

Si percorre la stessa strada per tornare sulla Tiburtina, dove


si gira a destra. In corrispondenza del chilometro 58 si prende
una stradina bianca che sale sulla sinistra e, tenendosi sempre
a sinistra, dopo poco si arriva in vista di un antico ponte ro-
mano.
Si tratta del ponte
Scotonico, molto
ben conservato e
recentemente por-
tato alla luce per
tutta la sua altezza.
Rappresenta un
tratto originale
dellantica Via Va-
leria, importante
arteria di collega-

62
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

mento fra Roma e lAdriati-


co attraverso gli Appennini.
La volta e i fianchi sono for-
mati da grossi blocchi di
travertino, mentre il fondo
stradale di basoli calcarei
modellati dal passaggio delle
ruote dei carri.

Di nuovo sulla Tiburtina si prosegue per due chilometri fino


ad incontrare il paese di Arsoli.
Pi che di paese, si potrebbe forse parlare di cittadina, visti
larmonia del tessuto urbano e lappellativo di piccola Parigi
attribuito da Pirandello allabitato, che era solito frequentare
con piacere durante le estati.
Il centro storico dominato dalla mole del Castello, possedu-
to da oltre quattro secoli dalla famiglia Massimo di Roma, la
cui storia si profondamente identificata con quella del luogo.
Durante il 600 questi feudatari illuminati riuscirono a dotare
Arsoli di molte importanti opere, tra cui un acquedotto, e a ri-
lanciare la vita civile e sociale dopo una devastante epidemia
di peste. Fu in quelloccasione che il paese adott come stem-
ma laraba fenice, luccello che rinasce dalle proprie ceneri.
Il cuore pulsante del borgo la Piazza Valeria, dalla forma al-
lungata, occupata ad unestremit da una cinquecentesca fon-
tana ottagonale e allaltra da una colonna miliare romana del-
lantica via Valeria, sormontata da una statua della fenice.
A mezza costa fra il castello e la piazza vi la chiesa rinasci-
mentale di S. Salvatore, costruita nel 1580 su disegno di Gia-

63
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

como Della Porta. Una lapide sul muro esterno ricorda gli ef-
fetti del passaggio della peste nel 1656.
Tra i prodotti tipici spicca la fagiolina arsolana, legume sec-
co a pasta delicata che viene cucinato in zuppa o lesso e condi-
to con abbondante olio di oliva locale, uno dei migliori del
Lazio.

Per i dotati di curiosit e buo-


ne gambe Arsoli offre anche
la possibilit di una piacevole
escursione lungo il sentiero
attrezzato del Pozzo del Dia-
volo, che dalle vicinanze del
parco del Castello scende nel-
la gola del Fosso Bagnatore
per terminare sulla provinciale verso Cervara. La passeggiata
breve ma mediamente impegnativa per via di alcuni saliscendi.
Allinizio del percorso si incontrano due affascinanti pilastri
rocciosi, testimonianze di unerosione selettiva su calcari mol-
to fratturati che ha lasciato intatte alcune parti formate da roc-
cia pi resistente.
Il sentiero prosegue allombra di una boscaglia di lecci, carpini
ed aceri, fino ad attraversare lalveo del fosso con diversi affac-
ci su gorghi, cascatelle e piscine naturali.

I pilastri della femmena morta


Quando si dice restare di sasso! Narra la
leggenda che un giorno di Pasqua di tanto
tempo fa un pastore e una giovane mas-
saia, in barba ai riti festivi e incuranti del
rimprovero dei paesani, fossero diretti al
fosso, lui col suo gregge, lei per sciacquare
il bucato. Con un rombo di tuono la ven-
detta divina per il precetto infranto li pie-
trific allistante, trasformandoli in due
bianchi pinnacoli. La giovane donna (fem-
mena morta) sarebbe ancora riconoscibile
per il cesto dei panni portato sulla testa.

64
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

From Vicovaro to Arsoli


Just off the Vicovaro tollgate, going along the Tiburtina road toward the Abruzzo
region, a quiet almost green coloured landscape does not allow to realize that,
spread in a circle of few kilometres, a number of villages stand, each one with its
own opportunity to be visited.

Turning on the right after Mandelas station, the first to be reachable is Saraci-
nesco, a little village with not more than 160 inhabitants perched on top of a hill
at 900 metres altitude.
The name takes origin from its foundation by the Saracens that, according to the lo-
cal tradition, in the last decades of the X century wildly sacked churches and monas-
teries of the Aniene valley.
On top of the windy and castled historical core, nearby the ruins of a fortress of the
XI century, charming panoramic views are enjoyable.

Back on the Tiburtina road, after a few hundred metres a junction on the left leads
to an uphill road that climbs up to the village of Mandela.
To say the truth these are two separated settlements: the village of Bardella, run at
its slope by the cold waters of the Licenza river and the fortified one of Cantalupo
on top of the hill. For centuries, until 1870, the official name of this settlement was
made by the combination Cantalupo-Bardella.
Mandela has two patron saints. S. Nicola, celebrated on the first Sunday of Decem-
ber along with the Feast of the Oil and Olive Tree and the Fair of the Polenta.
S. Gregorio instead is celebrated in summertime and, in the evening, celebrations
end with a common supper based on vegetables and fresh-water fish.

Back again on the Tiburtina


road for about eight kilometres
till a junction with a road on
the left that goes up to Roviano.
In the Baronial Palazzo theres a
well-kept Museum of Material
Culture representing a sort of
historical archive of the whole
surrounding territory. Right here
in fact a tour into the rural
world can be experienced,
among work, habits and folk-
lore, supported by effective reconstructions of several contexts and activities such as:
sheep-breeding, land tilling, religiousness, handicraft, domestic life, toys and school,
hemp and textiles, feasts and festivities.

Going back at the valley floor, one crosses the main road and takes the way to Anti-
coli Corrado that after 200 metres passes over the Aniene river.

65
Tratto VICOVARO - JENNE
Vicovaro Arsoli

Here the river still has a natural look and is protected on both sides by a thick strip
of vegetation. Banks are shady, water is clear and rich in oxygen and the leaves of
fools water cress are shaken by the current. If the approach is not much noisy it is
possible to sight some grey herons, standing still on the banks waiting for fish to be
captured.

Anticoli Corrados name is due to Corrado from Antiochia, nephew of Frederick II


of Swabia, that in the XIII century inherited it as a feud.
Heart of the village and hinge joint between the historical core and the new zone is
the Piazza delle Ville, with the modern Noahs Ark fountain (1926) in the mid-
dle. On a corner S. Peters Church, with a Romanesque plant and side chapels in
gothic style. Anticoli was known in the artists circle of the XIX and the early XX
century as a natural repository of models, both male and above all female, whose
features have inspired several works (the story goes that Anticoli had the most beau-
tiful women in the whole world).

Coming back on the Tiburtina road, by the 58th kilometer, one takes a narrow
dirt road that climbs up on the left reaching an ancient Roman bridge.
This is the Scotonico bridge, very well preserved and recently brought to light for its
entire highness. It represents an original stretch of the ancient Via Valeria, a very
important connecting way between Rome and the Adriatic sea through the Apen-
nines. The vault and sides are made of huge blocks of travertine, while the pave-
ment is made of calcareous blocks shaped by the crossing of carts wheels.

After two kilometres more one reaches Arsoli.


The old town center is dominated by the size of
the Castle, owned for over 400 years by the Mas-
simos family from Rome. The story of the family
is deeply identified with the one of this place.
During the XVII century these enlightened
feudatories were able to provide Arsoli with
many important works, such as an aqueduct,
and to relaunch civil and social life after a dev-
astating plague epidemic.
The beating heart of the village is the Piazza Va-
leria, with a lengthened shape, occupied at its
edge by a sixteenth-century octagonal fountain.
Among the typical products stands out the fagi-
olina arsolana, a dry delicate paste legume that is prepared as a soup or stewed
and seasoned with local olive oil, one of the best in Lazio.

In the surroundings of the castle park starts the equipped trail of the Devil Pit,
short but quite difficult, that goes down into the ravine of the Bagnatore ditch end-
ing on the road to Cervara. At the beginning of the route two charming rocky pin-
nacles are met as evidence of a selective erosion on the well fractured limestone that
has left intact some of the most resistant rocky parts.

66
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

Da Arsoli a Jenne

La provinciale per Cervara scende da Arsoli fino ad attraver-


sare il Fosso Bagnatore per poi salire dolcemente, fra boschi di
carpini, aceri e querce, verso il territorio del Parco Regionale
dei Monti Simbruini.

Il paese di Cervara di Roma appare come una visione dopo


una stretta curva, a oltre 1000 metri di altezza, tutto arroccato
sul fianco della montagna ai piedi di un alto spuntone roccio-
so. Una scultura nel cielo che al cielo volerebbe se laria la soste-
nesse..., come lo descrisse il poeta Raphael Alberti.
Percorrendo i tornanti che vi salgono ci si accorge che il nu-
cleo abitato sviluppato per la maggior parte al di l del roc-

67
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

cione, con una dispo-


sizione ad anfiteatro
plasmata sulle forme
del versante e scandita
da un susseguirsi di
case appoggiate luna
allaltra, vicoli, gradi-
nate e portici. Proprio
per questa sua caratte-
ristica impossibile accedervi con le auto, che vanno lascia-
te nei parcheggi ai piedi o nella parte alta del paese.
Siamo di fronte, dunque, ad un luogo singolare, in cui laspra
e generosa natura montana ha guidato nel tempo le opere del-
luomo, che non pu che affascinare chi passa da queste parti
per la prima volta. E affascinati, da secoli, sono rimasti artisti e
poeti di ogni provenienza: dallamericano Morse che vi giunse
nell800 in veste di pittore, e che successivamente invent il
telegrafo elettrico, allartista austriaco Kokoschka che vi sog-
giorn nel 1930.
Oggi il borgo si presenta come
un vasto museo figurativo al-
laperto grazie ad una serie di
sculture su roccia, ma anche
poesie e murales ispirati al tema
della pace, che ne arricchiscono
i muri, gli antichi vicoli e le sca-
le, donati a Cervara da un gran numero di artisti negli ultimi
trentanni.

Attraverso una lunga scalinata si pu salire alla Rocca, in cima


allimpervia rupe calcarea attorno a cui in epoche remote pa-
scolavano i cervi (da cui il nome del paese), trasformata nel-
lanno 1000 in una delle prime strutture difensive del territo-
rio sublacense.
Nei giorni limpidi, dai quasi 1100 metri di altezza lo sguardo
pu abbracciare un ampio paesaggio che si apre verso occiden-
te. Se lo potessimo paragonare ad una scenografia teatrale, le
dorsali montuose lontane dei Prenestini, a sud ovest, e dei Lu-

68
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

cretili, a nord ovest, ne costituirebbero le quinte, il piccolo


gruppo dei Monti Ruffi davanti a noi e la valle dellAniene,
con il suo articolato sistema di insediamenti, il proscenio.

Da Cervara si scende di nuovo fino alla strada di mezza


costa e si prosegue verso sud lambendo, dopo una galleria, il
margine di una fitta ed estesa lecceta che ricopre tutto il ri-
pido versante a monte. Si tratta di una delle formazioni fo-
restali pi interessanti del Parco, che si spinge fino ad oltre
1200 metri, una quota quasi proibitiva per alberi e arbusti
di ambiente tipicamente mediterraneo, che per qui rie-
scono evidentemente a trovare condizioni climatiche ideali.
La direzione verso cui si procede quella di Subiaco ma,
giunti nelle sue vicinanze, non si deve scendere alla cittadi-
na che sar lultima meta del percorso, bens girare a sinistra
e salire lungo i ripidi tornanti fino al pianoro di Livata, a
1340 metri di altezza.

Livata la classica montagna dei romani, punto d'arrivo di


un turismo massiccio e concentrato nei giorni festivi o in altri
brevi periodi dellanno. Una tendenza che ha portato con s,
prima dellistituzione dellarea protetta, la proliferazione di
residence e seconde case l dove prima cerano i prati di
unampia conca carsica. necessario per sapere che da qui si
diramano sentieri e percorsi escursionistici verso alcuni dei
luoghi pi caratteristici del Parco, il quale presente sul posto
con un Centro Visite in cui si possono raccogliere informazio-
ni e materiali.

Una possibile desti-


nazione , ad esem-
pio, Camposecco, il
pi vasto pianoro car-
sico del Parco, lungo
oltre 4 chilometri e
raggiungibile facil-
mente a piedi in me-
no di tre ore.

69
Il Parco Regionale dei Monti Simbruini
Un grande lembo di vero Appennino a unora da Roma. Monta-
gne autentiche, calcaree, scolpite in superficie e cariate in
profondit dal carsismo ma anticamente modellate anche dai
ghiacciai durante i lunghi
periodi freddi del Quater-
nario. Attraversate da un si-
stema tridimensionale di
grandi e piccole vie dacqua
alimentate da robuste pre-
cipitazioni (Simbruini
deriva dal latino sub imbri-
bus, sotto le piogge). Ri-
sparmiate in parte dallespansione turistica indiscriminata degli
anni 70 e, proprio per questo, tutelate dalla pi grande area pro-
tetta regionale (300 chilometri quadrati), una fra le prime ad es-
sere istituite nel 1983. Due di esse (il Viglio, 2156 m, e il Coten-
to, 2014 m) fanno parte delle 14 cime over 2000 del Lazio.
Il Parco custodisce una specifica identit naturalistica, culturale e
paesaggistica: interminabili faggete, pianori carsici, valloni, sor-
genti e fiumi, grotte, la presenza discreta di lupi, aquile e orsi,
ma anche santuari, monasteri e radi insediamenti storici, tutti
dimpianto medievale, rimasti a presidio di un territorio aspro e
dolce allo stesso tempo.
Moltissime e diversificate le proposte escursionistiche, realizzabili
lungo una fitta rete di sentieri, molti dei quali attrezzati con ap-
posita segnaletica, che attraversano tutti gli ambienti pi impor-
tanti dellarea protetta. Presso gli otto Centri Visita (dislocati in
ciascuno dei sette comuni del Parco, oltre a quello di Monte Li-
vata) sono disponibili una Carta Escursionistica tradotta anche
in inglese e una Guida ai Sentieri.
La sede del Parco a Jenne, ma il centro pi importante Subia-
co, piccola capitale dellalta valle dellAniene. Il suo territorio era
frequentato dai tempi dei romani per la costruzione degli acque-
dotti e lo svago (come attestano i resti della maestosa villa di Ne-
rone) ed oggi unimportantissima meta di pellegrinaggio, per-
meata di testimonianze e suggestioni benedettine.
Le attivit agro-pastorali sono ancora abbastanza diffuse e inte-
ressano quasi un terzo della superficie del parco. Le pi impor-
tanti sono lallevamento (bovino, ovino ed equino), la produzio-
ne casearia e la coltivazione di ortaggi, tra cui alcuni legumi stret-
tamente locali come il fagiolo di Vallepietra, detto anche ciavat-
tone per le sue grandi dimensioni.
Fra i prodotti tradizionali sono da segnalare gli ndremmappi di
Jenne, una pasta fresca fatta con acqua e farina di grano mista a
crusca, che viene ritagliata in striscioline cortissime e condita con
sugo di pomodoro e alici.
The Regional Park of the Simbruini Mountains
Real mountains one hour far from Rome. Sculpted on the surface and deeply dug by
karst phenomena. Run across by a tridimensional system of both major and minor
water courses supplied by abundant rains (Simbruini originates from the Latin
words sub imbribus standing for under the rains). Preserved by the vastest Region-
al Protected Area (300 square Km), one of the first ones to be established in the year
1983. The Park is characterized by a peculiar naturalistic, cultural and landscape
identity: endless beech woods, karst plateaus, gorges, springs and rivers, caves, the
quiet presence of wolves, eagles and bears, as well as sanctuaries, monasteries and
scattered historical settlements, all with a mediaeval plant. Many and diversified
are the excursion offers, practicable along a close net of trails, mostly supplied with
proper signs, that run through the most relevant environments.
The main town is Subiaco, populated since the Roman era (as witnessed by the ru-
ins of the majestic emperor Neros Villa) and important pilgrimage destination full
of Benedictine appeal. Among the traditional products the ndremmappi of Jenne
need to be mentioned, fresh pasta made of water and wheat flour mixed to bran,
that is cut in very short strips and served with tomato sauce and anchovies.
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

Si tratta di un ambiente unico dove il senso dello spa-


zio aperto si respira nellaria, accompagnato discreta-
mente dalla presenza di sporadici faggi secolari, doli-
ne, inghiottitoi e bestiame brado al pascolo. Nei
cieli volteggiano alcuni rapaci tra cui il grifone,
un raro avvoltoio reintrodotto di recente in
Abruzzo, che si ciba esclusivamente di resti di
animali morti.

Un ciak fra le doline


Negli anni 60 e 70 il singolare paesaggio di Camposecco ha colpito la
fantasia di registi e sceneggiatori dei cosiddetti western allitaliana, che
lo hanno scelto per girarvi diversi film tra cui la famosa saga di Trinit.
Alcuni pastori di Camerata Nuova, il paese pi vicino da cui si sale al
pianoro, ricordano ancora con divertimento il set di Lo chiamavano
Trinit, con la ricostruzione di un villaggio di Mormoni, la movimen-
tata scena di un assalto alla diligenza e la storica frase di Bud Spencer a
Terence Hill: Io vado a ovest... in California. Questo vuol dire che tu
vai a est!.

Impagabile per nitidezza e circolarit delle vedute la vetta del


Monte Autore (1855 m), la cima pi alta della provincia di
Roma, accessibile a piedi dal vicino Campo dellOsso. A parte
la possibilit di abbracciare con un solo colpo docchio quasi
un intero bacino idrografico (quello del Torrente Simbrivio,
affluente dellAniene, che scorre 1000 metri pi in basso), da
qui nei giorni di chiaro lo sguardo arriva a spaziare pratica-
mente su mezza Italia centrale, dal Gran Sasso al Tirreno.

Da Livata si prosegue verso Jenne fino ad incontrare unaltra


area di grandi manifestazioni carsiche: la Piana di Fondi, circon-
data da faggi e spesso pascolata da mandrie di mucche e cavalli
bradi che mangiano le fronde pi basse delle piante potandole
fin dove riescono ad arrivare. Nei pressi di un antico rifugio fore-
stale ci si pu riposare sui tavoli di unarea picnic.
Osservando lambiente con occhi curiosi si riescono a cogliere
i molti segni del carsismo, ossia della lenta capacit dellacqua

72
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

piovana, leggermente acidula, di penetrare nelle fratture del


calcare e di scioglierne i legami fra le particelle portandole via
con s.
Le doline, depressioni del terreno di varia grandezza e profon-
dit, si formano per lo scorrimento concentrato dellacqua
verso un unico punto di assorbimento (inghiottitoio).
I piani carsici, grandi conche circondate dai rilievi, si creano
nel corso del tempo quando pi doline si uniscono insieme.
La loro caratteristica principale lassenza di qualsiasi traccia
di corso dacqua perch tutta la pioggia che vi cade trova rapi-
damente il modo di penetrare in profondit.
Scendendo pi nel dettaglio gli effetti della corrosione sono
visibili anche sui massi isolati e sulle creste rocciose che spun-
tano dal terreno, sotto forma di solchi, scanalature e fori. Le
acque stagnanti, i
muschi, i licheni e le
erbe che occupano
rapidamente queste
piccole cavit costi-
tuiscono degli ecosi-
stemi in miniatura.
Talvolta le tasche
di suolo che vi si
vengono a formare
possono ospitare il seme di qualche arbusto o fioriture prima-
verili anche di diverse specie di orchidee selvatiche.

A circa un chilometro dalla Piana di Fondi una breve stradina


sulla destra porta allimbocco del Pozzo della Creta Rossa, tutto
recintato per motivi di
sicurezza. Si tratta di
una cavit carsica verti-
cale, accessibile solo a
speleologi esperti, che
si sviluppa in pi tratti
fino alla profondit
complessiva di 117 me-
tri dallapertura.

73
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

La sua presenza, cos come quella di molte altre grotte, deriva


dal fatto che il processo carsico non si esaurisce in superficie
ma prosegue in profondit, nel cuore dei rilievi, dove lacqua
che si infiltra nelle fessure continua a sciogliere e a corrodere le
rocce calcaree. Si formano cos estesi sistemi di vani sotterranei
(pozzi, gallerie, sale, cunicoli), spesso in comunicazione fra
loro.

Nel ventre del Parco


Agevolato da una piovosit assai superiore alla media e dalla presenza di
strati sovrapposti di calcari dallo spessore di oltre 3000 metri, il carsismo
profondo molto sviluppato sui Monti Simbruini.
Tra le oltre 100 cavit esplorate dalla paziente e appassionata attivit dei
gruppi speleologici locali e
regionali, le pi significative
sono la Grotta dellInferniglio
vicino Jenne, che si sviluppa
quasi in piano per circa 1,4
chilometri, e lInghiottitoio di
Camposecco sopra Camerata
Nuova, che fra pozzi e tratti in forte pendenza scende complessivamen-
te fino a 415 metri di profondit.

I sistemi carsici sotterranei sono il regno dellacqua profonda.


Possono ospitare autentici fiumi, condotte, laghi e, nelle parti
pi basse, sono inondati in permanenza dalle falde.
Le grotte sono anche dei fragilissimi ecosistemi, abitati da un
silenzioso popolo degli abissi, eterogeneo e delicato
gruppo di animali (pi-
pistrelli, crostacei,
cavallette),
spesso rarissimi e
quasi tutti ciechi per-
ch adattati alle vita nel-
le tenebre.

74
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

From Arsoli to Jenne


From Arsoli one takes the way to Cervara that gently goes up, among hornbeams,
maples and oak woods, to the area of the Simbruini Mountains Regional Park.

The village of Cervara di Roma, over 1000 metres above sea level, appears right
after a sharp bend, entirely
castled on the mountain side
at the base of a high rocky
cliff.
The inhabited core has an
amphitheatre disposition
shaped by the slope and char-
acterized by a succession of
houses leaning one over the
other, alleys, steps and arcades.
Cars are not allowed inside
and must be parked either at the feet of the centre or on the upper side.
For the last centuries this so particular village has been charming artists and poets
from all over. Today it looks like a vast open-air figurative museum due to a col-
lection of art works (sculptures, frescoes) enriching its walls, antique alleys and
stairs, given to Cervara as a gift by a great number of artists in the last thirty years.
When days are clear, from the fortress altitude of almost 1100 metres, an overall
view takes in a wide panorama at a glance, that opens towards the west.

From Cervara going down again on the road that runs on the hillside, one goes
south in the direction of Subiaco. Once reached its surroundings, the town is not to
be visited as it will be the last destination of the tour, but rather a turn on the left
must be taken climbing along steep hairpin bends towards the plateau of Livata, at
1340 metres altitude.

Livata is the classical roman people mountain, arrival point of a mass


tourism particularly intense during week ends and other short periods of the
year. This is a trend that has generated, before the institution of the Park, the
proliferation of lots of buildings where the grassland of a wide karst basin
used to stand. From here, nevertheless, getting information at the local Visi-
tors Centre, it is possible to reach by walk some of the most characteristic
places of the Park.

Camposecco for example, one of these, is easily reachable in less than three hours.
It is the vastest karst plateau of the Park, with a length of over 4 kilometres and
characterized by the presence of secular beech trees, dolines, swallow-holes and
wild cattle grazing around. Back in the seventies this unique location hit the
fantasy of movie directors and screenwriters that chose it to shoot several Italian
westerns.

75
Tratto VICOVARO - JENNE
Arsoli Jenne

Another destination is the top of the Autore Mountain (1855 metres), the high-
est peak of the province of Rome, from which it is possible to take in at a glance
almost an entire drainage basin (the one of the Simbrivio river) and where in
clear days the view sweeps over half Central Italy, from the Gran Sasso peak to
the Tyhrrenian sea.

From Livata one carries on toward the village of Jenne till he reaches another
area shaped by the karst process and surrounded by beech trees. It is the Fondi
Plain where, close to an ancient forest refuge, its possible to take a rest sitting at
the tables of a pic-nic area.
All around there are lots of signs of karst phenomena, caused by the slow rain-
water capacity to melt calcareous rocks in order to seep through them. Dolines,
ground depressions of variable size and depth, form because of the intense flow-
ing of water to one absorption point (swallow-hole). Karst plateaus, big basins
surrounded by high grounds and devoid of any water course trace, are generated,
as time goes by, when different dolines join up.

About a kilometre after the Fondi Plain a path on the right leads to the entrance of
the so called Red Clay Pit, completely fenced for security reasons. Its a vertical karst
well, accessible only by experienced speleologists, that goes down in different parts for
a total depth of 117 metres.
Its presence, as well as the one of many other caves, is the result of the fact that karst
phenomena seep through and go down to depth, in the heart of mountain ranges,
where the water, filtering into the cracks, keeps on corroding the limestones. In this
way, extended systems of underground spaces form (pits, galleries, rooms, pas-
sages), often communicating.
Deep karst phenomena are fully developed in the Simbruini area. Among more
than a hundred explored cavities the most important are the Inferniglio Cave
nearby Jenne, expanding almost at the same level for about 1,4 km, and the Cam-
posecco Swallow-hole that goes down to a depth of 415 metres.

76
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Da Jenne a Subiaco

Si arriva a Jenne dallalto, entrando nella parte nuova del pae-


se dove ci sono anche la sede del Parco e, pi in basso, il Cen-
tro Visite.
Il nucleo storico si trova oltre la piazza, formato da stretti vico-
li e case coi portali in pietra, adagiato su un ripiano che culmi-
na nella Rocca, a strapiombo sulla valle dellAniene. Attraver-
sandolo si percepiscono ancora gli echi delle descrizioni di An-
tonio Fogazzaro quando vi soggiorn ai primi del 900 per
ambientarvi un importante episodio del suo romanzo Il San-
to: ... povero gregge di casupole che il campanile governa.
Oggi Jenne, come diversi altri borghi montani dellarea, soffre
di un progressivo spopolamento che negli ultimi 40 anni ha

77
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

fatto partire pi del 30% degli


abitanti. La tendenza ancora
in atto, nonostante le opportu-
nit offerte dal Parco, alimenta-
ta tra laltro da esigenze di razio-
nalizzazione e accorpamento di
alcuni servizi essenziali (la scuo-
la ad esempio) che per rischiano di compromettere la vita so-
ciale e collettiva.
Da non perdere, nei ristoranti locali, una pasta fatta in casa e
chiamata ndremmappi che viene anche celebrata con una sa-
gra ogni secondo sabato di settembre.

Gli ndremmappi... la pasta


della pazienza
Farina di grano mista a crusca e acqua tiepida. Sono questi gli ingre-
dienti primari di un impasto che viene steso e tagliato a fettucce piutto-
sto larghe, le quali vengono poi sovrapposte e ritagliate fino a ottenere
striscioline di circa 5 centimetri di lunghezza.
Le donne anziane di Jenne, mentre le affettano, canticchiano una fila-
strocca che le aiuta a tenere il conto del lavoro fatto: quindici pi quin-
dici; la met di quindici; se non fanno quindici, venili a cont.
Gli ndremmappi si condiscono con un sugo di pomodoro, aglio, olio,
prezzemolo, peperoncino e alici, cosparso di abbondante pecorino.

La strada verso Subiaco stretta e panoramicissima, tutta sca-


vata nella roccia alla fine dell800 a seguire le ripide e movimen-
tate forme del versante. Dallaltra parte della valle vi il piccolo
gruppo dei Monti Affilani che
costituisce una sorta di
gemello, satellite in
miniatura dellimpo-
nente catena Sim-
bruina: rocce simili
e boschi dello stes-
so tipo a ricoprirne
i pendii.

78
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Dopo circa otto chilometri di tornanti, gallerie e scorci di


paesaggio, una strada asfaltata sulla destra sale rapidamente
verso il Monastero di S. Benedetto, o Sacro Speco. Superato il
parcheggio del piazzale, vi si accede a piedi lungo un viottolo
che attraversa un piccolo bosco di lecci secolari.
Ledificio appare allimprovviso, addossato ad una parete roc-
ciosa a strapiombo quasi a sfidare la forza di gravit, tutto co-
struito attorno alla grotta (o speco) in cui, intorno al 500 d.
C., il giovane Benedetto da Norcia si ritir per tre anni in soli-
tudine e meditazione assoluta.
Il complesso si compone di due chiese sovrapposte, interamente
affrescate dalle pi importanti scuole pittoriche italiane del pe-
riodo fra il 200 e il
500, cui sono colle-
gate diverse cappelle,
un insieme irregolare
di passaggi, volte,
scale e lembi di nuda
roccia affiorante.
Pio II lo defin nido
di rondine, Petrarca
soglia del paradiso, a testimonianza di come, da secoli, questo
intenso e silenzioso luogo dello spirito abbia meravigliato papi,
artisti, letterati e milioni di pellegrini.

S.Benedetto, da Subiaco allEuropa


Dopo i tre anni di eremitaggio nella grotta, Benedetto si dedic alla pre-
dicazione tra le popolazioni di pastori della valle dellAniene e vi fond
13 monasteri. Nel 529 part alla volta di Cassino, dove nel 540 scrisse
la famosissima Regola Monasteriorum improntata alla preghiera, al
lavoro e allo spirito pratico (ora et labora).
Secondo lo storico tedesco Gregorovius fu per proprio nello speco, in
questa selvaggia solitudine fra i monti, che germogliarono i primi semi
spirituali da cui poi si sarebbe diffusa la grande pianta del monachesimo
europeo.
Scrive poi Gregorovius: In mezzo alla barbarie di secoli oscuri, i monaci
mantennero stretti i rapporti con Roma, posero i germi della civilt (...) e
tennero viva la cultura classica copiando, scrivendo e studiando i codici, alla
fioca luce della lampada, nelle loro buie celle.

79
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Di nuovo sulla strada per Subiaco, dopo qualche centinaio di


metri si arriva al Monastero di S. Scolastica, autentica citta-
della benedettina.
Inizialmente dedicato a S. Silvestro, il monastero si afferm pre-
sto come il pi importante fra i tredici fondati da S. Benedetto
nella valle, lunico sopravvissuto fino ai giorni nostri. Nel IX se-
colo si salv da ripetute scorrerie dei Saraceni per diventare, a
partire dallanno 1000, un polo di riferimento spirituale e politi-
co per tutto il territorio.
Acquis il nome attuale solo nel
XV secolo in onore di Scolastica,
sorella gemella del santo eremita.
Il complesso monastico forma-
to dallaccostamento di vari edi-
fici eterogenei, costruiti o rico-
struiti in secoli diversi sempre
utilizzando blocchi o conci di
cardellino, un travertino cava-
to localmente. I suoi elementi
principali sono il campanile ro-
manico dellXI secolo, uno dei
pi antichi dellItalia centrale, e tre chiostri dei quali quello
gotico (del 300) e quello cosmatesco (del 200, tutto in mar-
mo di Carrara) sono dei veri gioielli architettonici. La facciata
originaria e parte di un
chiostro rinascimentale
sono invece stati distrutti
da un bombardamento
durante la seconda guer-
ra mondiale.
Molti ambienti sono oc-
cupati da una ricchissi-
ma biblioteca con pi di
100.000 volumi oltre a
centinaia fra pergamene, manoscritti e rari libri antichissimi.
Ed proprio in virt della grande attenzione benedettina per
lo sviluppo della cultura che nel XV secolo giunsero a S. Sco-
lastica due allievi di Gutenberg, maestri nella nuova arte del-

80
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

la stampa. Grazie alla loro opera il monastero fu il luogo in


cui, nel 1465, videro la luce i primi libri stampati in Italia.

Si prosegue verso Subiaco e, dopo due tornanti, si gira ad an-


golo acuto a sinistra su una stradina asfaltata di fondovalle.
Andando avanti per circa mezzo chilometro si giunge ad uno
slargo delimitato a sinistra da unampia parete calcarea. Da qui
si scende a destra lungo un sentiero pedonale fino al fiume, si
passa su un ponte di legno e,
una volta sullaltra sponda, si
piega a sinistra per circa 200
metri.
Il percorso potrebbe essere di-
sagevole o sconnesso per via di
piccoli smottamenti causati
dalle piene, ma il Laghetto di
S. Benedetto, meta della breve
deviazione, ripaga abbondante-
mente di ogni eventuale fatica.
Si tratta di uno specchio tur-
chese, limpido e fresco, alimen-
tato da una cascatella fra le roc-
ce e circondato da una fitta vegetazione, che interrompe il tu-
multuoso corso dellAniene creando un ambiente suggestivo
dove lacqua protagonista.
Nei pressi delle sponde fluviali, fra
salici, pioppi, noccioli e carpini
bianchi, con le orecchie piene del
fragore dellacqua tra i massi, pu
capitare di assistere alle evoluzioni
aeree di qualche coloratissimo
martin pescatore.

Tornati allo slargo possibile pro-


seguire per altri 500 metri lungo la
strada di fondovalle fino ad incon-
trare il primo tratto del Sentiero
Coleman, un percorso escursionistico attrezzato che ripercorre

81
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

il cammino di Enrico Coleman, pittore italo inglese di fine


800, da Subiaco a Tivoli attraverso un lungo e avventuroso
itinerario montano.
Il sentiero, che collega il Parco dei Monti Simbruini con quel-
lo dei Monti Lucretili, tutto segnalato, diviso in 48 tappe,
sviluppa pi di 100 chilometri e richiede un tempo medio di
percorrenza di circa 35 ore. Ulteriori notizie o materiali infor-
mativi possono essere richiesti ai Centri Visita del Parco dei
Monti Simbruini.

Si torna indietro fino


alla provinciale per Su-
biaco dove, fatti pochi
metri, si arriva in vista
dei ruderi della Villa di
Nerone, tutti recintati,
che rappresentano solo
un piccolo frammento
di quello che un tempo
era un grande complesso di edifici dedicati allo svago e allozio
del contraddittorio imperatore romano.
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Nel 54 d. C., per realizzarlo furono sbancati costoni rocciosi e


il corso dellAniene venne sbarrato in tre punti, creando altret-
tanti laghi sulle cui rive si specchiavano le varie costruzioni.

Gli architetti di Nerone e larte


dellimpossibile
Ci che la natura impedisce si pu realizzare con lartificio. Questa frase
di Tacito riassume bene lo spirito con cui i romani e i loro imperatori
intendevano il rapporto con gli ambienti naturali. La villa ne rappre-
senta un esempio eccellente.
Occupava una vasta area fra lattuale Monastero di S. Scolastica e la
Cartiera di Subiaco. In risposta alla passione di Nerone per il dominio
sulla natura e le imprese ardite, i vari padiglioni e le terme annesse erano
stati progettati come delle quinte alte e sinuose capaci di compene-
trarsi con le ripide forme della valle. E probabile che sia stato proprio
questo schema architettonico ad aver ispirato la realizzazione della
Domus Aurea, a Roma, qualche anno dopo.

Nerone non ebbe molto tempo per godersi le estati nella villa.
Nel 60, un fulmine caduto su un banchetto allaperto durante
un temporale estivo, interpretato come presagio funesto, lo in-
dusse ad abbandonarla e a non farvi pi ritorno.
Il complesso fu restaurato e nuovamente utilizzato da Traiano
(98 117 d.C.). And poi soggetto a progressiva decadenza
ed abbandono fino a quando, agli inizi del VI secolo, un suo
edificio fu rioccupato da S. Benedetto per fondarvi il primo
dei suoi monasteri.

Subiaco lultima tappa dellitinerario e ne rappresenta anche


il centro pi grande ed importante, una sorta di capitale del-
lalta valle dellAniene. Il nome le deriva dal latino sub la-
cum per il fatto di essere sorta appena a valle dei laghi realiz-
zati da Nerone per la sua villa, oggi del tutto scomparsi.
Si accede in citt da est, attraverso il rettilineo di Via Papa
Braschi, vedendo sullo sfondo la sagoma del centro storico
inerpicato su un colle e dominato dalla Rocca Abbaziale.

83
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Costruita nel 1073 dai monaci benedettini per sancire il loro


dominio sul territorio questa fortezza fu per diversi secoli
lemblema di un pote-
re feudale, detenuto
inizialmente dagli aba-
ti di S. Scolastica, in
cui si concentravano
non solo aspetti spiri-
tuali, ma anche politi-
ci e civili. Successiva-
mente il governo fu
affidato a reggenti no-
minati dal Papa. Fra questi, alla fine del 400, il cardinale Ro-
drigo Borgia, futuro Papa Alessandro VI, fece ulteriormente
fortificare la Rocca e vi ospit per diversi anni la sua amante
che qui partor i famosi rampolli Cesare e Lucrezia, destinati a
diventare tra le figure storiche pi discusse del 500 italiano.
La citt delimitata verso sud dal corso sinuoso dellAniene le
cui acque limpide e veloci alimentano delle piccole centrali
idroelettriche. Fino a pochi anni fa la loro corrente veniva uti-
lizzata per la locale cartiera, una delle pi antiche dEuropa (fu
impiantata nel 600) ed oggi definitivamente chiusa.

Laltro importante
ingresso cittadino,
quello da ovest,
percorso da chi vie-
ne dalla Tiburtina e
da Roma, abbelli-
to dalla presenza del
ponte medievale di
S. Francesco, del
300, e da un Arco
Trionfale eretto
dalla popolazione nel 1787 in onore di Papa Pio VI come rin-
graziamento per le grandi opere da lui promosse in citt quan-
do, come cardinale Giovannangelo Braschi, pochi anni prima
ne aveva retto le sorti.

84
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

From Jenne to Subiaco


One gets to Jenne from the upper side, entering the most modern area of the village
where also the Park offices and, further down, the Visitors Centre are.
The old town centre is beyond the square, made of narrow alleys and stone por-
tal houses, placed on a rocky terrace above the Aniene valley, with the fortress at
its edge. Not to be missed, in local restaurants, a home made pasta of wheat flour
mixed to bran known as ndremmappi.

The road to Subiaco is narrow and very panoramic, completely dug into the rock at
the end of the XIX century. On the other side of the valley theres the small chain of
the Affilani Mountains that is a sort of miniature twin of the imposing one of
the Simbruini Mountains: similar rocks and same kind of woods covering its slopes.

After about eight kilometres of hairpin bends, tunnels and landscape views, a road
on the right goes up to the Monastery of S. Benedict. The building is set against a
rocky wall falling sheer, almost challeng-
ing gravity force, built around the cave in
which, in the 500 a.C., the young Bene-
dict from Norcia retired for three years in
loneliness and total meditation.
The complex is made of two overlapping
churches, frescoed by the most important
Italian pictorial schools of the period be-
tween the XIII and XVI century, with
several chapels connected, corridors,
vaults, stairs and strips of outcropping bare rock. For centuries this silent spiritual
place has been visited by popes, artists, men of letters and millions of pilgrims.

Back again on the road towards Subiaco, after a few hundred metres one gets to the
Monastery of S. Scolastica, an authentic Benedictine citadel.
Originally born as the most important among thirteen monasteries founded by S.
Benedict in the Aniene valley, the only one survived until nowadays, the monastic
complex is formed by the joining of various heterogeneous units. Its main elements
are the Romanesque bell tower of the XI century, one of the most ancient in Cen-
tral Italy, and three cloisters: the goth-
ic (XIV century) and the cos-
matesco (XIII century) ones represent
real architectural gems.
Its here that in 1465 the first books
printed in Italy saw the light. Many
rooms are filled with a valuable li-
brary of more than 100.000 volumes
and hundreds of parchments, manu-
scripts, and very antique rare books.

85
Tratto VICOVARO - JENNE
Jenne Subiaco

Following the route towards Subiaco, after a couple of hairpin bends theres a sharp
bend on the left where a valley floor asphalt road must be taken. After 500 metres
the road widens and it is possible to go down, on the right, along a pedestrian trail
that leads to the Aniene river, crosses a wooden bridge and, once on the other side,
turns on the left for about 200 meters.

Here we come to the small Lake of S. Benedict that interrupts the course of the riv-
er as a turquoise sheet of water, clear and fresh, supplied by a little waterfall among
the rocks and surrounded by a thick vegetation.

Going back to the widening it is possible to carry on along the road for 500 metres
in order to reach the Coleman Trail, an excursion equipped route with a length of
over 100 kilometres, divided in 48 stages, that runs along the same way that Enrico
Coleman, Italian English painter of the late XIX century, used to walk through the
mountains from Subiaco to Tivoli.

Back again on the road to Subiaco where, in a few metres, one gets by the ruins of
Neros Villa, completely fenced, that represent a small fragment of what once used to
be a great buildings complex dedicat-
ed to recreation and idleness of this
contradictory Roman Emperor.
In 54 a.C., in order to realize this
great work, some rocky slopes were ex-
cavated and the Aniene course was
dammed in three different points,
creating the same number of lakes
whose shores could reflect the various
constructions.

Subiaco is the final destination of the route and also the main town to be met, a
sort of capital of the high valley of the Aniene river. The name derives from the
Latin words sub lacum since it rose just below the lakes realized by Nero for his Vil-
la, nowadays completely vanished.
One enters the town from the eastern side, looking at the shape of the old town cen-
tre perched on a hill and dominated by the Abbey Fortress. Built in 1073 by the
Benedictine monks, this fortress was for centuries the symbol of a feudal authority
that concentrated not only spiritual but also political and civil aspects.
Among the several deputies that ruled the place was, at the end of the XV century,
Cardinal Rodrigo Borgia, the future Pope Alexander VI. He hosted in the fortress
for several years his mistress that here gave birth to the famous offsprings Cesare and
Lucrezia, destined to be among the most controversial historical figures of the Ital-
ian Cinquecento.
The other important access to the town, on the western side, is adorned by the pres-
ence of the mediaeval bridge of S. Francis, of the XIV century, and of a Tri-
umphal Arch erected by the population in 1787 in honour of Pope Pio VI.

86