Sei sulla pagina 1di 81

Daniela Bica

VITIGNI DI SICILIA

Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Servizi allo Sviluppo - Palermo, 2007

Pubblicazione edita da: Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Infrastrutturali Direttore Generale Dott. Dario Cartabellotta Viale Regione Siciliana, 2771 - 90145 Palermo Tel. 091.7076085 - Fax 091.6824391 E-mail: agri2.direzione@regione.sicilia.it Servizio XI - Servizi allo Sviluppo Dirigente Responsabile Dott. Paolo Girgenti Tel. 091.7076082 - Fax 091.7076081 E-mail: servizio11@sesasicilia.it

Autore: Dott.ssa Daniela Bica Dirigente Responsabile U.O. 30 - C.I.P. (Centro Informazione Permanente) Servizio XI - Servizi allo Sviluppo Tel. 091.7076214 - Fax 091.7076081 E-mail: d.bica@regione.sicilia.it

vietata la riproduzione dei testi e dei materiali iconografici senza autorizzazione e citazione della fonte.

Bica, Daniela <1966> Vitigni di Sicilia / Daniela Bica. Palermo : Regione siciliana, Assessorato agricoltura e foreste, Servizi allo sviluppo, 2007 . 1. Vite Variet coltivate Sicilia. 634.8309458 CDD-21 SBN Pal0208448 CIP Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace

INDICE

Presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Storia dellampelografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Elenco delle cultivar idonee alla coltivazione in Sicilia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Guida ai caratteri ampelografici descrittivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Descrizioni ampelografiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Carricante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Catarratto bianco comune . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Catarratto bianco lucido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Corinto nero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Damaschino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Frappato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Grecanico dorato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Grillo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Insolia (Ansonica). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Malvasia di Lipari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Moscato bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nerello cappuccio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nerello mascalese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nero DAvola (Calabrese) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Nocera nera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Perricone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Zibibbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 7 9 13 15 21 23 26 29 32 35 38 41 44 47 50 53 56 59 62 65 68 71 75

PRESENTAZIONE

La vitivinicoltura costituisce per molti Paesi una realt economica e sociale di notevole rilevanza; la progressiva introduzione della coltura della vite, ha segnato, infatti, per molte aree linizio di una civilta, che ha saputo trarre dai vigneti il vino, assurto a simbolo del lavoro delluomo e della tradizione culturale e storica di un popolo. Un lungo percorso, documentato da storici, genetisti e studiosi, che giunge ad oggi ttraverso una realt costellata di vigneti ed imprese vitivinicole che in Sicilia operano a fronte dellesigenza di adeguarsi alle innovazioni, da una parte, proposte dalla ricerca scientifica e tecnologica e, dallaltra, imposte dallevoluzione dei mercati e da una domanda sempre crescente di vini pregiati, intrisi della tradizione di un territorio. Lazione di selezione e di recupero dei vitigni autoctoni, condotta negli ultimi decenni anche con il sostegno dellamministrazione regionale, ha orientato i produttori verso ladozione di scelte varietali, al contempo oculate e strategiche, per valorizzare le produzioni enologiche realizzate nelle diverse aree viticole della Sicilia. La presente guida , quindi, lo strumento utile per continuare a porre in atto tale processo attraverso il coinvolgimento di vivaisti, viticoltori e tecnici, figure primarie in tale percorso di conoscenza applicativa nonch speciali destinatari che, assieme ai sempre pi numerosi enoviticultori, contribuiscono a rendere inimitabile la vitivinicoltura siciliana.
Prof. Giovanni La Via Assessore allAgricoltura e Foreste della Regione Siciliana

INTRODUZIONE

La valorizzazione della piattaforma ampelografica rappresenta uno dei principali punti di forza per la valorizzazione e il potenziamento della viticoltura di ciascuna Regione italiana. Negli anni 90 in Sicilia si puntato sulla diffusione di vitigni alloctoni soprattutto a bacca nera, quali il Cabernet Sauvignon, il Merlot e il Syrah, con il fine di produrre vini monovarietali (come previsto anche in alcune nuove Doc) o da utilizzare in miscela con alcuni vitigni autoctoni. Recentemente si invece preso coscienza dellelevata potenzialit vitivinicola dei vitigni autoctoni, che rappresentano peraltro uno degli strumenti principali per la tipicizzazione e la differenziazione delle produzioni enologiche. I vitigni autoctoni siciliani sono caratterizzati da unelevata variabilit, trattandosi di varietpopolazioni sottoposte negli anni a selezione massale da parte dei viticoltori, i quali ancora oggi selezionano e moltiplicano gli individui ritenuti migliori, ricorrendo allinnesto a dimora delle barbatelle selvatiche. In questi ultimi anni la Sicilia sta puntando al recupero e alla valorizzazione di alcuni vitigni autoctoni e il presente lavoro, che si inserisce in questo filone, ha lo scopo di fornire un contributo attraverso la descrizione delle caratteristiche ampelografiche dei principali vitigni siciliani. La scelta oculata del vitigno pi idoneo alle differenti condizioni pedo-climatiche e al risultato enologico che si intende perseguire, rappresenta infatti uno dei parametri cardine da cui non si pu prescindere se si vuole puntare ad un ulteriore miglioramento degli standard qualitativi finali.

Dott. Paolo Girgenti Dirigente Coordinatore Servizi allo Sviluppo

Dott. Dario Cartabellotta Dirigente Generale Dipartimento Interventi Infrastrutturali

STORIA DELLAMPELOGRAFIA

Lampelografia (dal greco ampelos, vite e grafo, scrivo) quella scienza avente come fine la descrizione di specie e cultivar di vite. Tale disciplina alla base dello studio della caratterizzazione genetica: da un lato consente di giungere ad una profonda conoscenza di un determinato vitigno (o specie), mettendone in evidenza le caratteristiche peculiari, dallaltro di risolvere problemi di omonimia (vitigni differenti ma con il medesimo nome, quali ad esempio il gruppo delle Malvasie o dei Lambruschi) e di sinonimia (nomi differenti attribuiti ad uno stesso vitigno, come nel caso ad esempio dello Zibibbo, sinonimo pi conosciuto della cultivar Moscato di Alessandria). La cognizione di tali aspetti permette infine di giungere ad una classificazione organica delle cultivar (o specie), che tiene conto delle diverse gerarchie e dei differenti rapporti reciproci. Linteresse da parte degli agricoltori nei confronti delle caratteristiche morfologiche ed agronomiche delle cultivar di vite impiegate per finalit enologiche antichissima, risalendo addirittura al I secolo dopo Cristo. E nel XVIII secolo per che tale interesse si trasforma in un vero e proprio studio tassonomico, grazie al lavoro di Tournefort (1700) prima e a quello di Linneo (1753) e della sua Scuola successivamente, ma che tuttavia non arriva alla descrizione dettagliata delle variet coltivate. Lesigenza di accertare con sicurezza lidentit delle diverse cultivar e di determinarne in maniera approfondita le caratteristiche si delinea infatti in maniera pi sistematica e scientifica tra la fine del XVIII e il XIX secolo, quando si va affermando il razionalismo illuminista e diviene oramai chiara lesistenza di una certa stabilit nei caratteri delle piante di vite, indipendentemente dal tempo e dal luogo di coltivazione. Allo studio e allidentificazione di numerose variet coltivate si dedicano nellOttocento studiosi come il conte Odart, grande ampelografo fautore della costanza dei caratteri nella vite nonch autore di diverse edizioni della sua Ampelographie Universelle (1849/74). In Italia molti si impegnano a creare ampie collezioni di variet di vite e a descriverne in maniera accurata gli esemplari raccolti (Mendola, 1868; Incisa, 1869; Di Rovasenda, 1877); tali lavori si affiancano ad altre opere ampelografiche tra le quali si ricordano quelle dellAcerbi (1825) e del Gallesio (1817/39). Linteresse scientifico e lo studio dei vitigni conosce un ulteriore impulso verso la fine del XIX secolo, a seguito della diffusione in Europa di parassiti come la fillossera, che causano la distruzione di immense superfici vitate. Nasce cos la necessit di identificare i diversi vitigni e di conoscerne le caratteristiche vegeto-produttive al fine di compiere una scelta quanto pi oculata possibile nella fase di ricostruzione dei vigneti con piante bimenbri. Nel 1872 a Vienna si costituisce la prima Commissione Internazionale di Ampelografia, con lintento di coordinare le attivit dei diversi Paesi e giungere alla stesura di un catalogo ampelografico generale. In Italia vengono istituiti il Comitato Centrale Ampelografico e le

Commissioni Ampelografiche Provinciali, il cui progetto di regolamento viene approvato il 25 febbraio 1875 con decreto dellallora Ministro dAgricoltura Industria e Commercio. Il compito del Comitato Centrale e delle Commissioni Provinciali lo studio dellintero patrimonio ampelografico presente sul territorio nazionale, ivi comprese le caratteristiche enologiche, e la creazione di un vero e proprio inventario viticolo di quei tempi. I resoconti dei lavori delle Commissioni Provinciali vengono pubblicati dal 1876 al 1887 sotto forma di Bollettini Ampelografici, che costituiscono ancora oggi una fonte di informazione di straordinaria importanza in quanto vere e proprie fotografie della viticoltura del passato, riportanti notizie su vitigni antichi oggi quasi scomparsi, dei quali si sarebbe persa ogni traccia se non si disponesse di tale fonte di divulgazione. Per la Sicilia particolare importanza rivestono i lavori delle Commissioni Ampelografiche delle province di Catania (1878, 1879), Palermo (1881) e Caltanissetta (1883). In tutti i Paesi viticoli vengono redatti i Cataloghi Ampelografici nei quali vengono descritte le caratteristiche dei diversi vitigni, spesso accompagnate da disegni a colori e, successivamente, da fotografie (Viala e Vermorel, 1901/1909; Molon, 1906). In Italia nel 1952 Dalmasso in sede di Accademia Italiana della Vite e del Vino promuove la costituzione, da parte del Ministero dellAgricoltura e delle Foreste, di una nuova Commissione Nazionale Ampelografica finalizzata alla preparazione di unAmpelografia Italiana. Tale iniziativa porta alla stesura dellopera Principali vitigni ad uva da vino e da tavola coltivati in Italia, edita e via via aggiornata a cura dellIstituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano Veneto. Nel ventennio successivo lOIV (Organitation Internationale de la Vigne et du Vin) avvia la compilazione di un Registro Ampelografico Internazionale, a fine di raccogliere e descrivere il maggior numero possibile dei vitigni coltivati nel mondo. Queste iniziative per non sono state aggiornate e come tali non forniscono una descrizione esaustiva della piattaforma ampelografica dei vari Paesi. A livello italiano maggiori e pi precise informazioni ci pervengono dai lavori pubblicati da vari ricercatori operanti nelle diverse regioni della nostra penisola (Schneider e Mannini, 1994, 2006; Iacono et al., 1999; Cal et al., 2001; ecc.). A livello normativo particolare importanza riveste listituzione del Catalogo Nazionale delle Variet di Vite (DPR 1164 del 24.12.69) e del Comitato Nazionale per lEsame delle Variet di Viti (istituito in base al Reg. CEE 2314/72), successivamente divenuto Comitato Nazionale per la Classificazione delle Variet di Viti (DM 28 dicembre 2001). Tra i compiti di tale Comitato vi quello di pronunciare pareri sullomologazione delle selezioni clonali, sulliscrizione di variet di viti e cloni omologati nel Catalogo delle Variet, sulle eventuali sinonimie ed omonimie dei vitigni, nonch sulle variazioni della struttura e dellorganizzazione del Catalogo Nazionale delle Variet di Vite. Liscrizione di una nuova cultivar al Catalogo Nazionale delle Variet di Vite (oggi Registro Nazionale) regolamentata dal DM 6.10.2004 Requisiti da accertare, in sede di prove ufficiali, per lesame delle variet di viti, ai fini delliscrizione nel Registro Nazionale delle variet di vite che prevede laccertamento delle caratteristiche di distinguibilit, stabilit e omogeneit attraverso la valutazione delle caratteristiche morfologiche (ampelografiche) e fisiologiche, nonch agronomiche tramite prove di coltivazione. In base ai Regolamenti Comunitari 1493/99 e 1227/2000 ogni anno gli Stati membri devono compilare e comunicare alla Commissione la propria classificazione delle variet di viti per la produzione di vino.

10

A livello italiano in base allAccordo del 25 luglio 2002 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano in materia di classificazione delle variet di viti le variet non sono pi distinte, su base provinciale, in autorizzate, raccomandate e temporaneamente autorizzate, ma bens raggruppate in due sole categorie: idonee alla coltivazione e in osservazione, lasciando a ciascuna Regione e Provincia Autonoma la scelta della tipologia territoriale per le quali prevista la classificazione (Regione, Provincia, bacino viticolo). La Sicilia stata tra le prime regioni a legiferare in tal senso e con Decreto Assessoriale 8 agosto 2003 ha individuato lintero territorio regionale come unit amministrativa di riferimento per la classificazione delle variet di uve da vino.

11

ELENCO VARIET IDONEE ALLA COLTIVAZIONE IN SICILIA

Albanello Alicante Alicante Bouschet Ansonica Barbera Cabernet Franc Cabernet Sauvignon Calabrese Carricante Catanese Nero Catarratto Bianco Comune Catarratto Bianco Lucido Chardonnay Ciliegiolo Corinto Nero Fiano Damaschino Frappato Gaglioppo Grecanico dorato Grillo Malvasia Bianca Malvasia di Lipari Manzoni Bianco Merlot Minnella Bianca Montepulciano Mondeuse Montonico Bianco Moscato Bianco Moscato giallo Mller Thurgau

esclusivamente nella provincia di Messina

esclusivamente nella provincia di Messina

12

Nerello Cappuccio Nerello Mascalese Nocera Perricone Petit Verdot Pinot Nero Pinot Grigio Pinot Bianco Sangiovese Sauvignon Semillon Syrah Tannat Tempranillo Traminer aromatico Trebbiano Toscano Vermentino Vernaccia di S. Gimignano Viognier Zibibbo

esclusivamente nella provincia di Trapani

a bacca bianca

a bacca nera

a bacca rosata

a bacca grigia

13

GUIDA AI CARATTERI AMPELOGRAFICI DESCRITTIVI


Il riconoscimento di una cultivar di vite pu essere effettuato attraverso lo studio dei caratteri ampelografici descrittivi basati sullesame degli organi della pianta quali laspetto del germoglio e del tralcio erbaceo alla fioritura, della foglia adulta tra lallegagione e linvaiatura, del grappolo e dellacino alla maturazione. Lesame degli organi della vite viene effettuato attraverso il rilevamento di descrittori di tipo quantitativo e qualitativo che vengono valutati attraverso dei numeri e degli aggettivi, al fine di rendere quanto pi possibile oggettiva e confrontabile la valutazione del livello di espressione di un determinato carattere. Per rendere pi comprensibile e chiara la descrizione ampelografica dei vitigni, si riportano delle spiegazioni inerenti la terminologia utilizzata. TOMENTOSIT: presenza di peli sulla superficie degli organi della pianta. Trattasi di una carattere discriminativo molto importante, utilizzato per la descrizione del germoglio e della foglia adulta. La vite presenta diverse tipologie ed intensit di tomentosit: se il tomento costituito da peli striscianti, vale a dire disposti orizzontalmente rispetto alla superficie vegetale, lorgano viene definito aracnoideo, lanuginoso o cotonoso nel caso rispettivamente di scarsa, media o abbondante tomentosit. Se invece siamo in presenza di peli diritti o setole, quindi disposti verticalmente rispetto alla superficie vegetale, si parler di tomento setoloso o vellutato, in presenza rispettivamente di scarsa o abbondante peluria. FOGLIA ADULTA: le diverse parti vengono indicate come segue.

2 3 5 7 6 2 6 4 7 7

1 = lobo principale mediano 2 = lobi laterali 3 = seno peziolare 4 = seno laterale superiore 5 = seno laterale inferiore 6 = denti fogliari 7 = nervature principali

15

La forma del lembo viene definita come:

Cordiforme

Cuneiforme

Pentagonale

se a forma di cuore

se a forma di cuneo, composto da un rettangolo (o quadrato) e da un triangolo

se inscrivibile in un pentagono

Orbicolare

Reniforme

se inscrivibile in una circonferenza

se a forma di rene, ossia inscrivibile in un rettangolo

Il profilo del lembo, valutato osservando la sezione trasversale della foglia al centro del lembo, pu essere:

piano

a coppa

a margini involuti

a margini revoluti

ondulato, tormentato

16

La bollosit del lembo fogliare si definisce come la presenza di piccole gibbosit tra le nervature di ordine inferiore.

Al contrario le depressioni consistono in piccole conche rotonde che generalmente si localizzano alla base delle nervature principali.

La forma della base del seno peziolare e dei seni laterali viene descritta come segue (da Schneider e Mannini, 2006):

AV

aU

a lira

a lira con bordi sovrapposti

a graffa (o a U + V)

Il seno peziolare viene definito sguarnito quando alla base delimitato dalla nervatura principale su almeno uno dei due lati (o entrambi).

17

I margini dei denti vengono definiti come segue

concavi

rettilinei

convessi

concavi-convessi

GRAPPOLO: per descrivere il grappolo sono stati usati i seguenti aggettivi (da Schneider e Mannini, 2006):

cilindrico

conico

troncato

alato

con ala lungamente peduncolata

composto

18

ACINO: in base alla sua forma, viene definito come:

appiattito

sferoidale

ellittico

ovoide

tronco-ovoide

obovoide

La dimensione e la forma dellacino dipendono dai valori del diametro longitudinale e trasversale dellacino stesso e dal loro rapporto (D.L./D.T.).

longitudinale (D.L.)

trasversale (D.T.)

TRALCIO ERBACEO e T. LEGNOSO: per descriverli viene valutata la sezione trasversale e la superficie degli internodi.

1 circolare

2 ellittica

3 appiattita

1 liscia

2 angolosa

3 striata

4 costoluta

19

DESCRIZIONI AMPELOGRAFICHE

CARRICANTE

SINONOMI: Carricanti, Caricanti, Nocera bianca. E errato il sinonimo di Catarratto. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: la zona di elezione per la coltivazione di questo vitigno sulle falde dellEtna, dove ancora largamente coltivato, raggiungendo quote pi elevate rispetto al Nerello mascalese. Nelle zone costiere della Sicilia occidentale, pur mantenendo unelevata resa produttiva, non riesce a garantire lo stesso livello qualitativo.

CENNI STORICI: questo antico vitigno deve probabilmente il suo nome ai viticoltori di Viagrande (CT) che lo hanno cos denominato per la sua elevata e costante produttivit. Indicazioni sul suo utilizzo enologico nella Sicilia di fine 700 ci provengono da Sestini (1991), mentre le prime testimonianze della sua diffusione territoriale si devono allAbate Geremia (1835).

23

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice lanuginoso, di colore verde biancastro giallo, con macchioline rosso-arancio ai margini, nodi apicali in rilievo. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, pagina superiore da cotonosa a lanuginosa, di colore verde biancastro giallo, con sfumature tra il dorato e il ramato tra le nervature principali; presenza di macchioline rossastre ai margini sulla 3a fogliolina. Pagina inferiore molto cotonosa. Foglioline basali (4-6): pentalobate, profilo a coppa, pagina superiore da lanuginosa a poco aracnoidea, di colore verde giallo con note dorate evidenti soprattutto sulla 4a e 5a fogliolina; presenza di macchioline rossastre ai margini. Pagina inferiore da cotonosa a molto lanuginosa. TRALCIO ERBACEO: contorno da angoloso a striato, internodi di colore verde, con striature rossastre particolarmente intense sulla parte dorsale. Presenza di peli lunghi sia a livello dei nodi che degli internodi. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde con sfumature rossastre sulle zone esposte. FOGLIA ADULTA: di medie dimensioni, cuneiforme, a volte tendente al pentagonale o allorbicolare, pentalobata o appena pentalobata, profilo a coppa con margini ondulati e spesso involuti. Lembo spesso, lucido, quasi glabro, debolmente bolloso, di colore verde medio con depressioni alla base delle nervature principali e nervature ginocchiate. Denti a base stretta, medio-corti con margini rettilineo-convessi tendenti al convesso. Seno peziolare chiuso, a volte con bordi leggermente sovrapposti, a U + V o a lira; seni laterali superiori a lira, a volte con un dentino. Pagina inferiore da molto aracnoidea a poco lanuginosa. Picciolo di lunghezza pari alla nervatura principale mediana, generalmente di colore verde con sfumature rossastre sulla parte esposta. GRAPPOLO: da medio a grosso, mediamente lungo, di forma cilindrica o cilindro-conica, alato, generalmente medio-spargolo, a volte tendente al compatto. Peduncolo molto corto, di colore verde, spesso legnoso alla base; rachide e pedicelli verdi.

24

ACINO: da medio e medio-grande (2,40 g), ellittico corto (D.L./D.T.= 1,10 g), buccia debolmente pruinosa, di colore verde-giallo con sfumature aranciate. TRALCIO LEGNOSO: internodi da corti a medio corti con sezione trasversale generalmente ellittica, a volte quasi circolare; superficie striata e leggermente angolosa, di colore nocciola aranciato bluastro con striature pi scure. Nodi dello stesso colore. CLONI SELEZIONATI: CR 7.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: mediamente vigoroso. Forma di allevamento e potatura: allevato in passato ad alberello siciliano con due o tre branche portanti ciascuno uno sperone di 1-2 gemme, si adatta bene allallevamento a controspalliera con potatura a cordone speronato. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con i portinnesti tradizionali; ottima con il 140 Ru. Produttivit: vitigno ad elevata e costante produttivit, produce anche sulle femminelle. Resistenza alle crittogame: scarsa tolleranza alle principali malattie crittogamiche. Epoca di germogliamento: medio-precoce (ultima decade di marzo). Epoca di maturazione: medio-tardiva (da fine settembre a met ottobre). VINI DOC: Etna bianco

25

CATARRATTO BIANCO COMUNE

SINONOMI: Catarratto, Catarratto latino, Catarratteddu, Catarrattu lu nostru. E da considerare errato il sinonimo di Carricante, che invece unaltra cultivar nettamente distinta. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: di gran lunga la cultivar principale: coltivata intensamente nelle province di Trapani, Palermo e Agrigento, comunque presente un po ovunque.

CENNI STORICI: vitigno di antichissima coltivazione, coltivato da lungo tempo in Sicilia ed in particolare modo nella parte occidentale dellisola. Lo descrive Cupani nel suo Hortus Catholicus nel 1696 e quindi il canonico Geremia nel 1835. Vitigno predominante nella seconda met del XIX secolo, subisce una certa contrazione a inizio 900 nella zona di Trapani a vantaggio della cultivar Grillo (particolarmente idonea alla produzione del vino Marsala), per recuperare per a met del secolo scorso.

26

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice cotonoso, di colore verde biancastro con macchioline arancio rossastre al margine. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, pagina superiore cotonosa, di colore bianco verdastro con note leggermente dorate sulla 3a fogliolina, inferiormente molto cotonose. Foglioline basali (4-6): pentalobate, pagina superiore da lanuginosa ad aracnoidea, di colore verde giallo con note bronzate (soprattutto sulla 4a fogliolina), generalmente pi intense rispetto al Catarratto bianco lucido; pagina inferiore di colore verde biancastro, lanuginosa tra le nervature, molto aracnoidea sulle nervature. TRALCIO ERBACEO: contorno da costoluto a un po angoloso o striato, internodi di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta al sole, parte apicale ricurva o a pastorale. Viticci: bifidi, talvolta trifidi, di colore verde spesso con sfumature bronzate. FOGLIA ADULTA: dimensioni da medie a medio-grandi, di forma da pentagonale a orbicolare con 3-5 lobi, a volte intera; lembo piuttosto bolloso, profilo a coppa con margini ondulati e/o tormentati, spesso revoluti. Seno peziolare con bordi sovrapposti, a V stretta o, meno spesso, a lira; seni laterali superiori a U o a lira. Denti medi, di lunghezza e larghezza variabile con margini da rettilinei a rettilineo-convessi. Pagina superiore da quasi glabra a poco aracnoidea, di colore verde intenso, pagina inferiore lanuginosa tra le nervature, aracnoidea sulle nervature. Picciolo di colore verde sulla parte non esposta, verde striato di rosso su quella esposta, pi corto o di lunghezza uguale alla nervatura principale mediana. GRAPPOLO: mediamente grosso e lungo, alato, cilindro-conico tendente al conico o al piramidale, da medio a compatto; peduncolo molto corto di colore verde e legnoso alla base, rachide e pedicelli di colore verde.

27

ACINO: da medio-piccolo a medio (1,93 g), pruinoso, sferoidale tendente allellittico corto (D.L./D.T.= 1,03), di colore verde-grigio sfumato di rosa sulla parte esposta al sole. TRALCIO LEGNOSO: sezione trasversale generalmente ellittica, a volte tendente al circolare, superficie striata, internodi di colore nocciola grigiastro tendente al bruno giallastro o bruno rossastro. Nodi pi scuri. CLONI SELEZIONATI: CS 1, VCR 7, VCR 8.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona. Forma di allevamento e potatura: controspalliera con potatura mista (Guyot) o corta. Comportamento alla moltiplicazione: ottimo con gran parte dei portinnesti. Produttivit: buona e costante. Resistenza alle crittogame: buona tolleranza alla peronospora, alla botrite, e alloidio. Epoca di germogliamento: da fine marzo a met aprile. Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOC: Alcamo, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Erice, Monreale, Salaparuta, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice.

28

CATARRATTO BIANCO LUCIDO

SINONOMI: Catarrattu lustru biancu, Catarrattu lustru, Catarratteddu lustru, Catarrattu lustra cane. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: come il precedente diffuso soprattutto nelle province vitate della Sicilia occidentale.

CENNI STORICI: lorigine di questo vitigno si intreccia e si confonde con quella del Catarratto bianco comune. La prima distinzione tra i due vitigni viene fatta da Macagno (Boll. Amp. 1883), ma pochi anni dopo Mendola lo include tra i sinonimi del Catarratto comune, mentre Paulsen (1905) lo considera una selezione di questultimo, dal quale lo differenzia per alcuni caratteri quali il grappolo pi compatto e gli acini meno pruinosi.

29

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice cotonoso, di colore verde biancastro con leggere macchioline rossastre al margine. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, pagina superiore cotonosa, di colore bianco verdastro con note leggermente dorate sulla 3a fogliolina, pagina inferiore molto cotonosa. Foglioline basali (4-6): pentalobate, pagina superiore da lanuginosa ad aracnoidea, di colore verde-giallo con note bronzo ramate (soprattutto a livello della 4a fogliolina), in generale meno intense rispetto al Cataratto bianco comune; pagina inferiore di colore verde biancastro, da cotonosa a lanuginosa tra le nervature, lanuginosa sulle nervature. TRALCIO ERBACEO: sezione trasversale circolare, contorno da costoluto a un po angoloso o striato, internodi di colore verde con leggere striature rossastre sulla parte esposta al sole; parte apicale ricurva. Viticci: bifidi, talvolta trifidi, di colore verde spesso con sfumature leggermente bronzate. FOGLIA ADULTA: dimensioni da medie a medio-grandi, di forma da pentagonale a orbicolare, trilobata o pentalobata, a volte intera, lembo molto bolloso, profilo a coppa con margini ondulati e/o tormentati, spesso revoluti. Seno peziolare chiuso con bordi sovrapposti, a V stretta o, meno spesso, a lira; seni laterali superiori a U o a lira. Denti medi, di lunghezza e larghezza variabile, margini da rettilinei a rettilineo-convessi. Pagina superiore poco aracnoidea, di colore verde intenso, pagina inferiore lanuginosa tra le nervature, aracnoidea sulle nervature. Picciolo di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta, generalmente pi corto rispetto la nervatura principale mediana. GRAPPOLO: mediamente grosso e lungo, alato, cilindro-conico, generalmente compatto; peduncolo molto corto di colore verde e legnoso alla base, rachide e pedicelli di colore verde.

30

ACINO: da medio-piccolo a medio (1,90 g), poco pruinoso, sferoidale tendente allellittico corto (D.L./D.T.= 1,03), di colore verde grigio, un po dorato sulla parte esposta al sole. TRALCIO LEGNOSO: sezione trasversale generalmente ellittica, a volte tendente al circolare, superficie striata, internodi di colore nocciola grigiastro tendente al bruno giallastro o bruno rossastro. Nodi pi scuri. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale in corso. PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona. Forma di allevamento e potatura: controspalliera con potatura mista (Guyot) o corta. Comportamento alla moltiplicazione: ottimo con gran parte dei portinnesti. Produttivit: buona e costante. Resistenza alle crittogame: buona tolleranza alla peronospora, alla botrite, e media alloidio. Epoca di germogliamento: da fine marzo a met aprile. Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOC:: Alcamo, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Erice, Monreale, Salaparuta, Santa Margherita di Belice, Sciacca, Sambuca di Sicilia.

31

CORINTO NERO

SINONOMI: Passerina nera, Passolina, Minutidda. OMONIMI: esistono un Corinto a bacca rosa e uno a bacca bianca. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: cultivar idonea alla coltivazione nella sola provincia di Messina, coltivata nelle Isole Eolie, soprattutto a Salina.

CENNI STORICI: vitigno originario della Grecia, presente un po ovunque in Europa, in particolare in Grecia ed in Turchia. Testimonianze della sua presenza in Italia intorno al XIV secolo ci giungono da Gallo e Soderini, che riportano anche il sinonimo di Marina nera (Gallo, 1595; Viala e Vermorel, 1901), mentre Cupani (1696) nel suo Horthus Catholicus e nel Panphyton Siculum descrive tre variet di Corinto chiamate volgarmente Tuccarino, Tuccarineddu o Niuridduzzo e Tuccarino cu cocci. Lo stesso Cupani parla del Corinto appassito al sole indicandolo come Passulina del nostro Regno (Sestini, 1991). Viene descritto da Molon (1906) come Passerina nera.

32

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice glabro o poco aracnoideo, di colore verde con una debole sfumatura ramata al margine. Foglioline apicali (1-3): generalmente trilobate, pagina superiore con pochi peli lunghi, di colore verde giallo con leggere sfumature bronzate. Pagina inferiore quasi glabra tra le nervature, aracnoidea sulle nervature. TRALCIO ERBACEO: internodi corti e molto pruinosi, contorno liscio o poco costoluto, verde con qualche striatura rossastra sulla parte dorsale (sia a livello dei nodi che degli internodi), interamente verde su quella ventrale. Viticci: generalmente bifidi, di colore verde. FOGLIA ADULTA: di medie dimensioni, cuneiforme, generalmente trilobata, a volte pentalobata con lobi inferiori poco pronunciati, lembo spesso, debolmente bolloso, profilo leggermente a coppa e margini poco tormentati. Denti medi, a margini rettilinei convessi, alcuni concavi-convessi. Seno peziolare aperto, generalmente a V o a graffa, talvolta a U, seni laterali superiori a U. Pagina inferiore poco lanuginosa sulle nervature, setolosa tra le nervature. Picciolo rossastro, pi corto della nervatura principale mediana. GRAPPOLO: piccolo, corto, da spargolo a compatto, di forma cilindrica, alato; peduncolo molto corto, di colore verde, legnoso alla base. ACINO: acino molto piccolo (0,6 g), da rotondo a leggermente appiattito (D.L./D.T.= 0,97), a sviluppo generalmente partenocarpico, buccia spessa, mediamente pruinosa, di colore vio-

33

letto. Vinaccioli assenti negli acini pi piccoli; negli acini pi grandi presente un solo vinacciolo. TRALCIO LEGNOSO: internodi corti , sezione trasversale ellittica, superficie striata, pruinosa, di colore bruno aranciato, con nodi di colore bruno scuro. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale in corso.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: scarsa. Forma di allevamento e potatura: forme di allevamento a media espansione con potatura corta. Comportamento alla moltiplicazione: ottima affinit con il 420 A, buona con i portinnesti pi diffusi. Produttivit: medio-bassa. Resistenza alle crittogame: buona tolleranza alle principali malattie crittogamiche. Epoca di germogliamento: seconda met di marzo. Epoca di maturazione: medio-precoce (met settembre). VINI DOC: Malvasia delle Lipari.

34

DAMASCHINO

SINONOMI: Damaschina, Domascina, Racina di navi. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: presente nella provincia di Trapani, soprattutto nella zona di Marsala.

CENNI STORICI: il nome farebbe pensare ad una sua origine araba ma non si dispongono di notizie certe, non essendovi citazioni da parte di Cupani, di Geremia e di Nicosia. Nel Bollettino ampelografico del 1883 troviamo una Damascena bianca tra le cultivar presenti nella provincia di Palermo ma secondo Pastena (1970) non si tratterebbe del medesimo vitigno. Lo troviamo invece nella descrizione dei vitigni coltivati nella provincia di Caltanissetta (Boll. Amp. 1883), dove per riportata come cultivar di minore importanza. A inizio del XX secolo si diffonde nella zona di Marsala (TP), per poi subire negli anni 30 una forte contrazione a favore del Catarratto.

35

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice, lanuginoso, di colore verde chiaro biancastro, con macchie rosa intenso ai margini; gemme apicali sfumate di rosa intenso. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, di colore verde chiaro biancastro con sfumature dorate e rosa intenso, cotonose sulla pagina inferiore. Foglioline basali (4-6): pentalobate, di colore verde con sfumature rosate sulla 4a fogliolina, pagina inferiore da cotonosa a lanuginosa. TRALCIO ERBACEO: contorno da poco angoloso a quasi liscio, tratto apicale ricurvo o molto ricurvo. Internodi di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta al sole, nodi generalmente verdi; presenza di sfumature di colore rosa intenso sugli internodi apicali. Viticci: trifidi o bifidi, di colore verde, piuttosto lunghi. FOGLIA ADULTA: da grande a molto grande, pentalobata, di forma generalmente pentagonale, a volte orbicolare, pagina superiore di colore verde medio con punto peziolare leggermente rosato, lembo lucido e bolloso con depressioni alla base delle nervature; presenza di nervature ginocchiate. Profilo a coppa con margini involuti ed ondulati; se la foglia piuttosto grande il lembo si presenta piano, tendente allo spiovente e con margini ondulati. Seno peziolare da aperto a chiuso, generalmente a graffa, a volte a V, seni laterali superiori a U o a lira. Denti di lunghezza variabile, a margini da rettilinei a rettilineo-convessi. Pagina inferiore da poco lanuginosa a lanuginosa, con molte setoline sulle nervature. Picciolo generalmente di lunghezza pari alla nervatura principale mediana, di colore verde, con sfumature variabili dal rosa al rosso vinoso sulla parte esposta.

36

GRAPPOLO: da grosso a molto grosso, lungo, di forma piramidale o piramidale conica, spesso con ala lungamente peduncolata o con due-tre ali, da medio a spargolo con peduncolo medio-corto, di colore rosato; rachide di colore verde-rosa e pedicelli di colore verde. ACINO: medio-grande o grande (3,50 g), sferico o leggermente appiattito (D.L./D.T.=0,99), buccia debolmente pruinosa, di colore verde-giallo con sfumature rosa-arancio. Pedicello lungo, di colore verde. TRALCIO LEGNOSO: internodi medio-lunghi con sezione trasversale da circolare ad ellittica, superficie da liscia a leggermente striata, di colore nocciola arancio grigiastro, con striature pi scure. Nodi a volte leggermente pi scuri degli internodi. CLONI SELEZIONATI: DF 1 PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: elevata. Forma di allevamento e potatura: si adatta molto bene allallevamento a spalliera, sia con potatura corta che mista (Guyot). Comportamento alla moltiplicazione: ha buona affinit con soggetti 1103 P, 1447 P, 1045 P, 140 Ru, 17/37, 157/11. Produttivit: elevata e costante. Resistenza alle crittogame: sensibile alla botrite, tollerante alloidio e peronospora. Epoca di germogliamento: seconda met di marzo. Epoca di maturazione: medio-precoce (prima met di settembre). VINI DOC: Delia Nivolelli, Marsala

37

FRAPPATO

SINONOMI: Frappato di Vittoria, Frappato Nero di Vittoria, Frappatu, Nerello, Nero capitano. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: uno dei principali vitigni coltivati nelle province di Siracusa e Ragusa.

CENNI STORICI: vitigno di antica coltivazione, si trova una testimonianza dellesistenza nella zona di Vittoria (SR) di vigneti di Frappato impiantati nel XVII secolo, in una lettera inviata dal Comm. Rosario Cancellieri da Vittoria al Barone Mendola (Ampelografia Italiana, 1879). Non certo se tale vitigno fosse gi esistente in quella zona prima della nascita della citt di Vittoria, avvenuta intorno al XVII secolo, o se vi sia stata introdotta successivamente, derivando da essa la propria denominazione.

38

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice quasi cotonoso, di colore verde biancastro con orli da rossastri a rosa intenso. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, molto incise, di colore verde giallo dorato con macchioline di colore bronzo ai margini; pagina inferiore cotonosa. Foglioline basali (4-6): pentalobate, di colore verde giallo con macchioline rossastre ai bordi; inferiormente da cotonosa a lanuginosa. TRALCIO ERBACEO: contorno un po angoloso, di colore verde, talvolta con striature rosso chiaro, tratto apicale ricurvo. Viticci: trifidi, talvolta bifidi, di colore verde-giallastro. FOGLIA ADULTA: da grande a molto grande con lobo principale mediano piuttosto sviluppato, pentalobata, talvolta trilobata; forma pentagonale o cuneiforme, a volte orbicolare. Lembo piano con margini involuti ed ondulati, pagina superiore di colore verde intenso, liscia, con depressioni alla base delle nervature; presenza di ginocchiature a livello della nervatura principale mediana. Seno peziolare a graffa, a V o U, chiuso o a bordi sovrapposti; seni laterali superiori a lira. Denti irregolari, con margini da convessi a concavi o concavi-convessi. Pagina inferiore cotonosa con presenza di setoline soprattutto a livello delle nervature di ordine inferiore. Picciolo di colore verde giallo sulla met inferiore e da rosso violaceo a rosa sulla met superiore, pi corto o uguale alla nervatura principale mediana. GRAPPOLO: da medio a grande, di forma cilindrica o conica, alato, da compatto a molto compatto. Peduncolo corto, di colore verde, con qualche nota rosata sulla parte esposta al sole, legnoso alla base. Rachide e pedicelli di colore verde.

39

ACINO: medio-piccolo (1,50 g), da sferoidale ad ellittico corto (D.L./D.T.= 1,10), buccia spessa e pruinosa, di colore viola nero. TRALCIO LEGNOSO: sezione trasversale generalmente ellittica, internodi di media lunghezza (10-14 cm) con superficie leggermente striata, di colore grigio-nocciola con sfumature arancione tendenti al bruno; presenza di striature pi scure. Nodi di colore bruno scuro. CLONI SELEZIONATI: FC 26 e FC 32.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona. Forma di allevamento e potatura: allevato tradizionalmente ad alberello siciliano con potatura corta, si adatta molto bene allallevamento a spalliera, preferibilmente con potatura corta. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con i portinnesti Rupestris du Lot, 140 Ru, 1103 P, 775 P, 779 P e 1045 P. Produttivit: da medio-buona a buona. Resistenza alle crittogame: scarsa suscettibilit nei confronti delle principali malattie crittogamiche. Epoca di germogliamento: precoce (met marzo). Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOCG: Cerasuolo di Vittoria. VINI DOC: Eloro, Erice, Vittoria.

40

GRECANICO DORATO

In Sicilia sono presenti biotipi di Grecanico dorato a grappolo spargolo, numericamente pi diffusi, e biotipi a grappolo compatto, meno diffusi. SINONOMI: Grecanico, Grecanico bianco, Grecanicu biancu a girimoli (relativamente ai biotipi a grappolo spargolo), Recanico, Grecanicu biancu a cruci (relativamente ai biotipi a grappolo serrato). OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: diffuso principalmente nella Sicilia occidentale, soprattutto nella provincia di Trapani (zone di Marsala e di Mazara del Vallo).

CENNI STORICI: coltivato da molto tempo in diverse regioni italiane, non si dispone di notizie sicure circa lorigine di questo vitigno, anche se il nome Grecanico farebbe pensare ad una provenienza dalla Grecia. Il primo riferimento alla coltivazione di questa cultivar in Sicilia si deve a Geremia (1835), che ne distingue due biotipi: uno con grappolo spargolo, indicato come Grecanico a giriamoli, e uno con grappolo compatto e due ali disposte in modo da formare una croce, denominato Grecanico a croce.

41

CARATTERI MORFOLOGICI Di seguito si riporta la descrizione ampelografica del Grecanico dorato a grappolo spargolo, maggiormente diffuso in Sicilia. GERMOGLIO: apice quasi cotonoso, di colore verde biancastro con macchie rossastre distribuite ai margini. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, di colore verde chiaro biancastro con sfumature ramate sulla 3a fogliolina; pagina inferiore molto cotonosa. Foglioline basali (4-6): pentalobate, di colore verde biancastro con note bronzate pi evidenti sulla 4a e 5a fogliolina (a volte sono totalmente bronzate), pagina inferiore da cotonosa a molto lanuginosa. TRALCIO ERBACEO: contorno costoluto o striato, di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta al sole, sia a livello dei nodi che degli internodi, tratto apicale ricurvo o molto ricurvo. Viticci: bifidi, talvolta trifidi, piuttosto lunghi, di colore verde con sfumature rossastre o bronzate alla base. FOGLIA ADULTA: da media a medio-grande, pentalobata, a volte eptalobata, generalmente pentagonale, talvolta orbicolare, lembo finemente bolloso. Profilo a coppa con margini ondulati, seno peziolare generalmente chiuso, a U, a V o a graffa; seni laterali superiori a lira o a U. Denti da medi a mediolunghi, a base stretta; margini generalmente concavi-convessi, a volte rettilinei o leggermente convessi. Pagina inferiore da poco lanuginosa a molto aracnoidea, di colore verde chiaro con sfumature rosate alla base delle nervature. Picciolo mediamente pi lungo o uguale alla nervatura principale mediana, di colore giallo-verde, sfumato di rosa soprattutto nel terzo superiore. GRAPPOLO: di medie dimensioni, piuttosto lungo, forma conica o cilindro-conica con una o due ali. Grappolo generalmente spargolo, a volte medio, peduncolo medio-corto, spesso legnoso alla base, di colore verde, a volte rosato; rachide e pedicelli di colore verde.

42

ACINO: medio (2,10 g), da rotondo a leggermente appiattito (D.L./D.T.=0,99), buccia debolmente pruinosa, di colore giallo rosa arancio, con sfumature dorate sulla parte esposta al sole. TRALCIO LEGNOSO: internodi da medio corti a medi (9 - 15 cm), sezione ellittica, superficie striata, di colore grigio nocciola, a volte tendente al bruno; nodi pi scuri. CLONI SELEZIONATI: VCR 13 PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona, produce molte femminelle. Forma di allevamento e potatura: buoni risultati con lallevamento a controspalliera con potatura corta o mista (Guyot). Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con il 140 Ru, 779 P, 775 P, 17/37, 1045 P; con il 161/49 sono stati ottenuti risultati contrastanti. Produttivit: buona o media, a volte irregolare. E presente una seconda fioritura. Resistenza alle crittogame: sensibile alloidio, mediamente resistente alle altre principali avversit fungine. Epoca di germogliamento: medio-tardiva (fine marzo - primi di aprile). Epoca di maturazione: medio-tardiva (prima decade di ottobre). VINI DOC: Alcamo, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Erice, Menfi, Monreale, Santa Margherita di Belice, Sciacca.

43

GRILLO

SINONOMI: Riddu, Ariddu. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: diffuso principalmente nella provincia di Trapani (zone di Marsala e di Mazara del Vallo), dove costituisce il vitigno base per la produzione del vino DOC Marsala, un po presente nelle province di Palermo, Agrigento, Messina e Caltanissetta.

CENNI STORICI: lorigine di questo vitigno praticamente sconosciuta. Non tra i vitigni presenti nella collezione del Barone Mendola (1868) e la prima notizia relativa alla sua coltivazione in Sicilia risale al 1873 (Alagna - Span, 1873). Secondo alcuni autori sarebbe stato importato in Sicilia dalla Puglia dopo linvasione della fillossera.

44

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice molto lanuginoso, di colore verde biancastro con una leggera sfumatura ramata e poche macchioline rossastre ai margini. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, pagina superiore cotonosa, le prime due di colore verde chiaro biancastro, la terza bronzata tra le nervature e verde sulle nervature. Pagina inferiore cotonosa, di colore biancastro verde chiaro con sfumature bronzate sulla terza fogliolina. Foglioline basali (4-6): pentalobate, a volte appena eptalobate, pagina superiore da lanuginosa ad aracnoidea con note bronzate particolarmente evidenti sulla 4a e 5 a fogliolina. Pagina inferiore da lanuginosa ad aracnoidea, di colore verde con sfumature bronzate tra le nervature. TRALCIO ERBACEO: contorno da quasi liscio a leggermente angoloso, di colore verde con leggere striature rossastre sulla parte esposta al sole; tratto apicale ricurvo o molto ricurvo. Viticci: generalmente trifidi, mediamente lunghi (20-25 cm), di colore verde con parte terminale di colore rossastro. FOGLIA ADULTA: da media a grande, di forma orbicolare (pi spesso) o pentagonale, generalmente pentalobata, talvolta eptalobata. Pagina superiore glabra, di colore verde intenso con punto peziolare leggermente rosato. Profilo del lembo a coppa con margini molto ondulati e/o tormentati, superficie debolmente bollosa. Denti mediamente pronunciati, irregolari, alcuni a base larga, altri a base stretta, con margini generalmente rettilineo-convessi o concavi-convessi, a volte rettilinei. Seno peziolare generalmente a V, talvolta a graffa o a lira, chiuso con bordi che tendono a toccarsi o a sovrapporsi. Seni laterali superiori a U o a lira. Pagina inferiore di colore verde chiaro con nervature di colore rosso vinoso alla base, aracnoidea sulle nervature e quasi glabra tra le nervature; presenza di ciuffetti di setoline alla base delle nervature principali e secondarie. Picciolo di lunghezza uguale o maggiore rispetto la nervatura principale mediana, di colore giallo verde sulla parte in ombra e sul tratto basale del lato esposto, di colore rosso vinoso sulla restante parte.

45

GRAPPOLO: mediogrosso, generalmente conico, a volte cilindro-conico, spesso spargolo; peduncolo corto, di colore verde rosato, rachide e pedicelli di colore verde ACINO: medio-grande o grande (3,30 g), da rotondo a leggermente appiattito (D.L./D.T.=0,99). Buccia debolmente pruinosa, di colore verde giallo con sfumature rosa aranciate di intensit variabile in funzione dellesposizione al sole. TRALCIO LEGNOSO: internodi da mediocorti a medi, sezione trasversale quasi circolare tendente allellittico, superficie un po striata di colore nocciola grigiastro; nodi pi scuri, di colore bruno rossastro. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale attualmente in corso.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona. Forma di allevamento e potatura: tradizionalmente allevato ad alberello marsalese (senza sostegno), predilige la potatura mista (Guyot), Comportamento alla moltiplicazione: ottima affinit con il portinnesto 420 A, buona con gran parte dei portinnesti del gruppo V. Berlandieri x V. rupestris, ad eccezione del 1103 P. Produttivit: medio-buona, spesso irregolare. Resistenza alle crittogame: mediamente resistente alloidio, un po meno alla peronospora. Epoca di germogliamento: media (ultima decade di marzo). Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOC: Alcamo, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Erice, Mamertino di Milazzo, Marsala, Menfi, Monreale, Salaparuta, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice.

46

INSOLIA (Ansonica)

Questo vitigno iscritto al registro nazionale delle variet di vite come Ansonica ma in Sicilia conosciuto con sinonimo Insolia. SINONOMI: Insolia, Inzolia, Ansolia, Njolia, Nzolia bianca, Nzolia di Palermo, Zolia; a Civitavecchia Uva del Giglio (Pastena, 1969). OMONIMI: esiste una Insolia a frutto nero, geneticamente differente da quella a bacca bianca. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: uno dei principali vitigni coltivati nelle province di Trapani, Agrigento e Palermo, ma presente anche in tutte le altre zone viticole siciliane.

CENNI STORICI: vitigno molto antico, lo descrive Cupani (1696), distinguendo tre tipi di Insolia, di cui due a bacca bianca e una a bacca nera. Acerbi (1825) riporta una breve descrizione di una Nzolia bianca con acino piuttosto allungato. LAbate Geremia (1835) riferisce pure di due variet di Insolia, una a bacca bianca e una a bacca nera, distinguendone, allinterno della prima, diversi biotipi (Nzolia di Palermo, Nzolia di Lipari, ecc.). Anche il Barone Mendola (1868) parla di diverse Insolie, specificando che la loro coltivazione abbonda in tutti i vigneti da Marsala a Catania. Prove della presenza di questa cultivar nei vigneti siciliani si rintracciano anche nei Bollettini Ampelografici del 1878, del 1883 e del 1885.

47

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice da poco aracnoideo a quasi glabro, di colore verde, con macchioline rosso bronzate al margine. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, pagina superiore da poco aracnoidea a quasi glabra, di colore verde con zone bronzate, seni molto profondi. Pagina inferiore da molto aracnoideo ad aracnoideo sulle nervature, da aracnoideo a quasi glabro tra le nervature; colore verde con sfumature bronzate. Foglioline basali (4- 6): pentalobate, pagina superiore glabra, di colore verde con sfumature bronzate sulla quarta e un po anche sulla quinta fogliolina. Pagina inferiore glabra con qualche pelo lungo sulle nervature, di colore verde con una leggera sfumatura bronzata sulla 4a fogliolina. TRALCIO ERBACEO: contorno da quasi liscio a leggermente costoluto o striato, di colore verde con striature rossastre sulla parte dorsale, sia a livello dei nodi che degli internodi; gemme esposte di colore rosso. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde con base rossastra sulla parte esposta. FOGLIA ADULTA: da media a grande, pentalobata o eptalobata (raramente presenta anche 9 lobi), generalmente pentagonale, a volte orbicolare (soprattutto le foglie pi grandi). Profilo del lembo a coppa con margini tormentati e/o ondulati, spesso involuti. Pagina superiore glabra, di colore verde medio con punto peziolare leggermente rosato, nervature a volte rosate fino ad 1/4 della loro lunghezza. Lembo lucido con increspature e bollosit alla base e lungo le nervature principali. Denti di lunghezza variabile con margini da convessi a rettilineo-convessi. Seno peziolare chiuso, spesso con bordi sovrapposti, generalmente a V stretto, raramente a graffa o a lira. Seni laterali superiori piuttosto profondi, a lira o a U. Pagina inferiore glabra con ciuffetti di setoline alla base delle nervature principali e secondarie, di colore verde-chiaro. Picciolo di lunghezza uguale alla nervatura principale mediana, glabro, di colore verde chiaro con sfumature rosso intenso sulla met o terzo superiore. GRAPPOLO: mediogrande, piramidale o conico, alato, a volte con ala lungamente peduncolata, da spargolo a medio; peduncolo corto, di colore verde con sfumature rosate sulla parte esposta, a volte legnoso alla base. Rachide e pedicelli di colore verde.

48

ACINO: medio-grande o grande (3,06 g), debolmente pruinoso, di forma ellissoidale (D.L./D.T.=1,15), buccia di colore giallo-rosa con tonalit aranciate sulle parti esposte al sole. Polpa croccante, di sapore semplice. TRALCIO LEGNOSO: internodi medi (10-14 cm), sezione trasversale ellittica, superficie striata, di colore grigio nocciola, a volte tendente al rossastro, con striature pi scure; nodi talvolta pi scuri. CLONI SELEZIONATI: VCR 3 PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: ottima. Forma di allevamento e potatura: predilige forme di allevamento espanse e potatura mista (Guyot). Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con il 140 Ru e in generale con i pi comuni portinnesti. Resistenza alle crittogame: sensibile alloidio, un po meno alla peronospora. Epoca di germogliamento: medio-tardiva (tra la 1a e la 2a decade di aprile). Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOC: Alcamo, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Erice, Mamertino, Marsala, Menfi, Monreale, Riesi, Salaparuta, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice, Sciacca, Vittoria.

49

MALVASIA DI LIPARI

SINONOMI: Uva greca, Malmazia, Manusia, Marmaxia, Malvagia. OMONIMI: il vitigno Malvasia coltivato nelle isole Eolie iscritto nel Registro Nazionale delle Variet come Malvasia di Lipari ha una precisa fisionomia varietale e non va confusa con altri vitigni Malvasia presenti in Italia. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: cultivar idonea alla coltivazione nella sola provincia di Messina, nonostante il nome coltivata principalmente nellisola di Salina dellarcipelago delle Eolie (ME), poco nelle altre isole; presente anche in alcuni vigneti del Messinese.

CENNI STORICI: rientra nel ampio gruppo delle Malvasie coltivate in Italia. Molto probabilmente introdotta sullisola nel VI secolo a.C. dai colonizzatori greci, Cupani (1696) la descrive col nome di Malvagia, detta volgarmente Marvascia. Notizie della sua coltivazione ci provengono dal Barone Mendola (1868) che ne esalta il vino color di zecchino, profumato, soave e gagliardo, che pi invecchiando in bottiglia pi migliora.

50

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice aracnoideo, di colore verde biancastro; presenza di peli lunghi sullasse. Foglioline apicali (1-3): pentalobate con seni laterali molto incisi; lembo di colore verde con sfumature bronzate ai margini e tra le nervature, aracnoideo sia sulla pagina superiore che inferiore. Foglioline basali (4-6): pentalobate, aracnoidee, spesso con un dentino a livello dei seni laterali superiori. TRALCIO ERBACEO: asse glabro e pruinoso, di colore verde con striature rossastre o totalmente rossastro sulla parte dorsale, verde su quella ventrale; contorno da liscio a leggermente angoloso. In alcuni biotipi lasse di colore rosso vinoso su entrambi i lati. Viticci: generalmente bifidi, di colore verde con sfumature rossastre. FOGLIA ADULTA: da media a medio-piccola, cuneiforme, profondamente pentalobata, con seno peziolare a graffa, aperto, a volte sguarnito da un lato; seni laterali superiori a lira, chiusi, seni laterali inferiori a lira o a U. Lembo piano con margini tormentati e revoluti, debolmente bolloso, di colore verde, a volte con sfumature rossastre a livello del seno peziolare e alla base delle nervature; denti medi con margini rettilineo-convessi. Pagina inferiore con setoline soprattutto a livello delle nervature; picciolo di lunghezza pari alla nervatura principale, generalmente di colore verde, con striature rossastre sulla parte dorsale (in alcuni casi totalmente rossastro). GRAPPOLO: lungo, spargolo, da cilindrico a cilindro-conico, alato; peduncolo corto, legnoso alla base, di colore verde con sfumature rosate sulla parte esposta al sole. Rachide verde rosato, pedicelli verdi.

51

ACINO: medio-piccolo (1,40 g), da rotondo ad ellittico corto (D.L./D.T.=1,06), buccia mediamente pruinosa, di colore verde-giallo con sfumature ambrate sulle parti esposte al sole. Polpa succosa, dolce, a sapore aromatico. TRALCIO LEGNOSO: internodi medio-corti, sezione ellittica, superficie leggermente striata, di colore bruno aranciato con punteggiature pi scure; nodi pi scuri, di colore bruno violaceo. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale attualmente in corso. PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: media. Forma di allevamento e potatura: si adatta a forme di allevamento di media espansione con potatura mista o lunga. Comportamento alla moltiplicazione: ottimo con il 420 A e il 775 P, buona con gran parte dei portinnesti. Produttivit: media e spesso non costante. Resistenza alle crittogame: sensibile alle principali malattie fungine. Epoca di germogliamento: medio-precoce (met marzo). Epoca di maturazione: media-precoce (prima quindicina di settembre). VINI DOC: Malvasia delle Lipari.

52

MOSCATO BIANCO

SINONOMI: tra i pi conosciuti Moscato di Canelli, Moscato di Noto, Moscato di Trani, Moscato di Montalcino, Moscato bianco dellElba, Moscato dei Colli Euganei, ecc.. Allestero: Muscat de Frontignan, Muscat petits grains, Gelber Muskateller, ecc. Sono da considerare errati i seguenti sinonimi: Moscato fior darancio, Moscadello giallo, Moscato giallo Trentino, Zibibbo. OMONIMI: esistono numerosissime cultivar Moscato a frutto bianco diverse dal Moscato bianco e cultivar a frutto giallo, rosa e nero a sapore moscato. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: vitigno diffuso principalmente nella provincia di Siracusa, poco nellAgrigentino e nel Catanese.

CENNI STORICI: vitigno probabilmente originario della Grecia, coltivato in tutti i paesi del Mediterraneo da moltissimi secoli. Catone la chiamava Uva apicia, mentre Columella, Plinio e Varrone Vite Apiana in quanto particolarmente prediletta dalle api per il sapore dolce e zuccherino delle bacche. Informazioni sulla sua presenza in Sicilia ci viene fornita dal Barone Mendola (1868), mentre la sua ampia diffusione a fine 800 testimoniata dai Bollettini Ampelografici di quegli anni che lo riportano tra i vitigni coltivati in diverse province siciliane. In siciliano viene detto Muscateddu vrancu.

53

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice aracnoideo, di colore verde chiaro biancastro con macchioline bronzate ai margini. Nodi apicali piuttosto sporgenti, di colore verde. Foglioline apicali (1- 3): appena pentalobate o trilobate, la 1a a doccia, le altre due leggermente a coppa. Pagina superiore da lanuginosa a molto aracnoidea, di colore verde con note bronzate particolarmente evidenti tra le nervature della 2a e 3a fogliolina. Pagina inferiore lanuginosa, di colore verde con note bronzate tra le nervature. Foglioline basali (4-6): appena pentalobate o trilobate, profilo leggermente a coppa, a volte quasi piano; pagina superiore da aracnoidea a quasi glabra, interamente bronzata a livello della 4a e 5a fogliolina. Pagina inferiore aracnoidea. TRALCIO ERBACEO: sezione circolare, contorno da quasi liscio a costoluto, di colore verde con striature bronzate sulla parte esposta. Viticci: trifidi o, meno frequentemente, bifidi, piuttosto lunghi (25 cm), di colore verde da un lato e verde rosato sulla parte esposta. FOGLIA ADULTA: di medie dimensioni, trilobata o appena pentalobata, a volte intera, di forma generalmente pentagonale, a volte orbicolare; lembo piano con margini ondulati, superficie debolmente bollosa, di colore verde medio. Denti con margini da rettilineo a rettilineo-convessi, di lunghezza media. Seno peziolare chiuso, a V o, meno spesso, a U + V. Seni laterali superiori a U o, meno frequentemente, a lira. Pagina inferiore da quasi glabra a glabra. Picciolo di lunghezza pari alla nervatura mediana principale, di colore verde con sfumature leggermente rosate sulla parte esposta. GRAPPOLO: di medie dimensioni, cilindrico o cilindro-conico, alato, da mediamente compatto a molto compatto, peduncolo da molto corto a corto, di colore verde, a volte sfumato di rosa, rachide e pedicelli di colore verde.

54

ACINO: medio (2,10 g), sferoidale o leggermente appiattito (DL/DT= 0,98), buccia debolmente pruinosa, sottile, di colore verde-giallo sfumato di rosa. Polpa succosa, a sapore moscato. TRALCIO LEGNOSO: internodi da corti a medio-corti (6-12 cm) con sezione trasversale generalmente circolare, a volte leggermente ellittica, superficie striata, di colore grigio-nocciola tendente allarancione. Nodi leggermente pi scuri. CLONI SELEZIONATI: AL-MOS-30, CN 4, CVT AT 57, CVT CN 16, FEDIT 6 C.S.G., MB 25 BIS, RAUSCEDO 2, VCR 3, ISV 5.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: media. Forma di allevamento e potatura: non troppo espansa, con potatura mista (Guyot) o corta. Comportamento alla moltiplicazione: 161-49, 41B, 420 A, Kober 5BB, SO4. Produttivit: costante. Resistenza alle crittogame: sensibile alle principali infezioni crittogame. La sua ricchezza di zuccheri nella fase di maturazione favorisce lattacco di insetti e vespe. Epoca di germogliamento: medio-precoce (met marzo). Epoca di maturazione: precoce o medio precoce (prima decade di settembre). VINI DOC: Moscato di Noto, Moscato di Siracusa.

55

NERELLO CAPPUCCIO

SINONOMI: Nerello mantellato, Niuru cappucciu, Niureddu cappuccio, Mantiddatu niuru, Nerello cappuccio mantellato. E errato il sinonimo di Perricone. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: concentrate soprattutto nelle province di Agrigento, Enna e Caltanissetta, un po meno in quelle di Catania, Messina e Ragusa.

CENNI STORICI: non si conosce nulla sullorigine di questo vitigno e abbastanza poco sulla sua diffusione in Sicilia poich la denominazione Nerello cappuccio spesso stata attribuita ad altre cultivar come il Perricone ed il Nerello mascalese. In Sicilia le prime informazioni ci pervengono da Geremia (1839) relativamente alle zone di Trecastagni e Viagrande (CT). Dai Bollettini Ampelografici abbiamo notizie della coltivazione di un Nerello ammantellato nella provincia di Catania (1878) e di un Niureddu ammantiddatu in quella di Palermo.

56

CARATTERI MORFOLOGICI Il Nerello cappuccio una popolazione policlonale allinterno della quale vi rientrano biotipi con alcune caratteristiche ampelografiche differenti. In questo testo si riporta la descrizione del biotipo pi comunemente diffuso sul territorio siciliano. GERMOGLIO: apice da poco aracnoideo a quasi glabro, di colore verde chiaro con sfumature ramate. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, a volte con i lobi inferiori poco sviluppati, profilo a coppa. Pagina superiore aracnoidea, di colore verde sfumato di rame, pagina inferiore aracnoidea sulle nervature, quasi glabra tra le nervature. Foglioline basali (4-6): pentalobate, profilo leggermente a coppa con margini ondulati, pagina superiore da aracnoidea a glabro, di colore verde con sfumature ramate sulla 4a e 5a fogliolina. Pagina inferiore di colore verde con sfumature ramate, da poco aracnoidea a quasi glabra sulle nervature, glabra tra le nervature. TRALCIO ERBACEO: apice da poco aracnoideo a quasi glabro, di colore verde chiaro; contorno degli internodi leggermente angoloso o striato, di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta al sole; nodi verdi su entrambi i lati. Tratto apicale ricurvo. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde con parte apicale rossastra. FOGLIA ADULTA: da media a medio-grande, cuneiforme, intera o trilobata, a volte pentalobata o appena pentalobata; pagina superiore di colore verde medio con punto peziolare e inserzioni delle nervature secondarie sulle principali leggermente rosati. Seno peziolare chiuso, a U+V, lembo quasi piano o leggermente a coppa con margini ondulati, superficie debolmente bollosa alla base delle nervature; presenza a volte di nervature ginocchiate. Denti pronunciati con margini da rettilinei a convessi, pi spesso rettilineo convessi. Pagina inferiore glabra, picciolo verde sul lato dorsale e rosato su quello ventrale, di lunghezza generalmente uguale alla nervatura principale mediana.

57

GRAPPOLO: da medio a grosso, mediamente lungo, di forma cilindrica o cilindro-conica, alato, da mediamente compatto a compatto; peduncolo medio corto, di colore rosato, rachide rosato, pedicelli tendenti al verde. ACINO: media grandezza (2,60 g), rotondo (D.L./D.T.=1,02), buccia spessa, mediamente pruinosa, di colore blu-nero. TRALCIO LEGNOSO: internodi medi (12 cm) con sezione trasversale da circolare a leggermente ellittica; superficie leggermente striata di colore nocciola tendente al bruno rossastro e striature pi scure. Nodi piuttosto sviluppati, di colore bruno. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale attualmente in corso.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona, presenta un elevato allungamento dei tralci. Potatura tradizionale: predilige forme a media espansione con potatura corta o mista (Guyot). Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con i portinnesti pi diffusi. Produttivit: buona e costante. Resistenza alle crittogame: buona. Epoca di germogliamento: fine marzo. Epoca di maturazione: prima quindicina di ottobre. VINI DOC: Etna e Faro.

58

NERELLO MASCALESE

SINONOMI: Nerello di Mascali, Mascalese nera, Niureddu mascalisi, Mascalisi, Nireddu mascalisi, Nirello mascalese, Nireddu, Niereddu, Nirello. A Mascali (CT), in tutta la provincia di Catania ed in quella di Messina conosciuto come Niureddu o Niredda. Sono da ritenere errati i sinonimi Pignatello, Niureddu minuteddu, Perricone e Niureddu cappuccio. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: dopo il Nero DAvola il pi importante vitigno autoctono siciliano a bacca nera, coltivato principalmente nelle province di Catania, sulle falde dellEtna, e di Messina.

CENNI STORICI: vitigno tipico dellareale etneo, dove coltivato da tempo immemorabile, sfuggito allindagine sia del Cupani (1696) che del Nicosia (1735); il nome fa riferimento alla Contea di Mascali (XVIII-XIX sec.), antico territorio alle pendici dellEtna, sito tra lattuale Giarre e Mascali (CT), probabile centro di origine o almeno di diffusione della cultivar. Molto probabilmente rientra nellantico gruppo dei vitigni Nigrelli descritti da Sestini (1760) nelle sue Memorie sui vini siciliani (1991), ma le prime citazioni di un Nerello mascalese coltivato alle falde dellEtna sono del 1836 ad opera dellAbate Geremia (1839).

59

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice molto lanuginoso, di colore bianco verdastro con orli arancione bronzato tendente al marrone. Foglioline apicali (1-3): da appena pentalobate a pentalobate, talvolta trilobate, di colore verde giallo dorato, a volte con orli di colore rosso bronzato. Pagina inferiore molto cotonosa. Foglioline basali (4-6): trilobate o pentalobate, lembo bolloso, con margini ondulati, di colore verde con sfumature giallastre (talvolta anche bronzate). Inferiormente cotonose con nervature lanuginose. TRALCIO ERBACEO: sezione trasversale circolare, contorno liscio o quasi, generalmente di colore verde, talvolta con striature rosate o rossastre sulla parte dorsale; tratto apicale ricurvo. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde-giallastro. FOGLIA ADULTA: da media a grande, pentagonale o cuneiforme, generalmente intera o trilobata, a volte appena pentalobata o pentalobata; pagina superiore di colore verde medio con punto peziolare leggermente rosato. Lembo piano con margini ondulati, debolmente bollosa alla base delle nervature; presenza in alcuni casi di nervature ginocchiate. Seno peziolare generalmente a lira, qualche volta a V, chiuso o a bordi sovrapposti, denti irregolari, mediamente pronunciati, con margini da rettilineo-convessi a convessi. Pagina inferiore da aracnoidea a poco lanuginosa, picciolo di colore verde sfumato di rosso sulla parte esposta, in genere pi corto o di lunghezza pari alla nervatura principale mediana. GRAPPOLO: medio-lungo, cilindrico o cilindro-conico, alato o con ala lungamente peduncolata, da mediamente compatto a compatto. Peduncolo corto, di colore verde-rosato lignificato alla base, rachide e pedicelli di colore verde.

60

ACINO: da medio-piccolo a medio (2,20 g), sferico o ellittico corto (DL/DT= 1,06), buccia pruinosa mediamente coriacea, di colore viola, polpa a sapore semplice. TRALCIO LEGNOSO: internodi medi (1015 cm) di colore grigio nocciola con striature e nodi leggermente pi scuri. Sezione da quasi circolare ad ellittica, contorno da liscio a leggermente striato, a volte costoluto. CLONI SELEZIONATI: NF 5 e NF 8

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: elevata. Forma di allevamento e potatura: allevato in passato ad alberello siciliano con due o tre branche portanti uno sperone di 1-2 gemme, si adatta molto bene allallevamento a controspalliera. Comportamento alla moltiplicazione: in passato innestato quasi esclusivamente su Rupestris du Lot, soprannominata Munticola, oggi vengono utilizzati i portinnesti 1103 P, il 775 P, il 140 Ru, ma ha buona affinit anche con il 779 P, il 1045 P e il 161/49. Produttivit: buona, spesso soggetto allacinellaura verde. Resistenza alle crittogame: sensibile alloidio ed alla botrite. Epoca di germogliamento: seconda met di marzo. Epoca di maturazione: tardiva (seconda decade di ottobre). VINI DOC: Etna rosso, Faro, Contea di Sclafani, Marsala, Riesi, Sambuca di Sicilia.

61

NERO DAVOLA (Calabrese)

Questa cultivar iscritta al registro nazionale delle variet di vite come Calabrese ma sia in Sicilia che in varie regioni consciuta come Nero dAvola. SINONOMI: Nero dAvola, Calabrese dolce, Calavrese dAvola, Calabrese di Vittoria, Niureddu calavrisi. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: il vitigno pi importante tra quelli a bacca colorata: coltivato intensamente nelle province di Siracusa (Avola, Noto, Pachino, ecc.), Ragusa, Caltanissetta, Agrigento, Catania, comunque presente in tutte le province siciliane.

CENNI STORICI: la storia e lorigine di questo vitigno si confondono con quella del gruppo dei Nerelli e dei Calabresi. Cupani (1696) parla di un Calavrisi ma lo descrive con lacino rotondo, mentre quello diffuso in Sicilia ha lacino pi allungato. Secondo Geremia (1839) il nome farebbe pensare ad unorigine calabrese della cultivar, ma non esistono reali testimonianze che farebbero protendere per questa teoria. Unipotesi condivisa da molti studiosi (AA.VV., 1996) fa derivare il nome dialettale Aulisi da Caia-Avola, dove la V di Avola stata trasformata in U (quindi Aula, nome dialettale con il quale viene indicata la citt), mentre Cala sarebbe la forma dialettale di Calea o Caleu, sinonimi siciliani di racina (uva). Di certo il nome Nero dAvola, con il quale tale vitigno conosciuto da tempo immemorabile in Sicilia sottolinea limportanza della zona di Avola (SR) come centro, se non di origine, sicuramente di antica coltivazione della cultivar. Le testimonianze pi antiche inerenti la sua coltivazione nel territorio siciliano ci provengono tuttavia da Mendola (1868), che riferisce della presenza di tale vitigno nelle province di Agrigento, Catania e Siracusa.

62

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice lanuginoso, bianco verdastro con macchie di colore rosa intenso ai margini. Foglioline apicali (1-3): pentalobate o trilobate, pagina superiore da cotonosa a lanuginosa, di colore verde giallo dorato, con sfumature bronzate sulla 3a fogliolina. Pagina inferiore da molto cotonosa a cotonosa, di colore biancastro. Foglioline basali (4-6): da pentalobate a trilobate, superiormente da lanuginose ad aracnoidee, di colore verde con sfumature bronzate di intensit variabile. Pagina inferiore cotonosa, di colore bianco verdastro, talvolta con riflessi bronzei. TRALCIO ERBACEO: contorno da poco angoloso a costoluto, internodi di colore verde con striature rossastre sulla parte dorsale, verde in quella ventrale; tratto apicale ricurvo o a pastorale. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde con striature rossastre o, meno spesso, bronzee. FOGLIA ADULTA: da medio-grande a grande, cuneiforme, pentagonale o orbicolare, generalmente intera o trilobata, raramente appena pentalobata. Lembo leggermente a coppa con margini involuti e ondulati, bolloso, di colore verde intenso con punto peziolare rosato. Denti medi, irregolari, con margini rettilineo-convessi. Seno peziolare generalmente a lira, a volte a U o a graffa, chiuso o a bordi sovrapposti, talvolta con un dentino. Seni laterali superiori (se presenti) poco accennati, a U o a V stretta. Pagina inferiore da molto aracnoidea a lanuginosa, con setoline in prossimit dellinserzione delle nervature secondarie sulle principali. Picciolo di colore verde-giallo con sfumature rosa o rosso-violacee sulla parte esposta, di lunghezza pari alla nervatura principale mediana della foglia. GRAPPOLO: da medio a grande, cilindrico o cilindro-conico, spesso con ala lungamente peduncolata o, pi raramente, con due ali; di aspetto da medio a compatto, peduncolo generalmente lungo, di colore verde rosato, lignificato alla base; rachide di colore verde-rosato, pedicelli verdi.

63

ACINO: medio-piccolo (1,77 g), da troncovoide a ovoide (D.L./D.T.=1,06), buccia pruinosa di colore violetto-nero, piuttosto sottile. TRALCIO LEGNOSO: sezione trasversale da ellittica a circolare, internodi medi, superficie striata, di colore grigio bruno; nodi talvolta pi scuri. CLONI SELEZIONATI: AM 28 e AM 39. PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: da buona ad elevata Forma di allevamento e potatura: si adatta molto bene allallevamento a controspalliera a potatura mista (Guyot) o a cordone speronato. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con 140 Ru, 779 P, 1103 Pe in genere con tutti il gruppo dei Paulsen. Produttivit: buona, a volte va soggetto al fenomeno della colatura. Resistenza alle crittogame: buona tolleranza nei confronti delle principali malattie crittogamiche. Epoca di germogliamento: media (fine marzo). Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOCG: Cerasuolo di Vittoria. VINI DOC: Eloro, Erice, Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Etna, Mamertino di Milazzo, Menfi, Monreale, Riesi, Salaparuta, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice, Sciacca, Vittoria.

64

NOCERA NERA

SINONOMI: Nucera, Nucera niura, Nocera di Catania, Nocera nera di Milazzo. In Francia veniva chiamata Extra fertile Suquete Barbe du Sultan (Mas e Pulliat, 1878-79). OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: attualmente presente, su limitate superfici, nella zone vitate del Messinese, soprattutto in quella di Milazzo (ME).

CENNI STORICI: vitigno di probabile antica coltivazione, se ne sconoscono le origini. Nella seconda met dellOttocento era molto diffuso nella provincia di Messina, risultando quasi esclusivo nella piana di Milazzo (Pastena, 1973), ma a partire dal secondo dopoguerra ha subito una notevole contrazione.

65

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: apice cotonoso, di colore biancastro verde con orli rosso vinoso. Foglioline apicali (1-3): trilobate, di colore bianco giallo verdastro, con sfumature dorate e/o bronzate tra le nervature principali e orli di colore rosso bronzato; inferiormente cotonose tra le nervature, da cotonose a lanuginose sulle nervature. Foglioline basali (4-6): trilobate o appena pentalobate, di colore verde bronzato; pagina inferiore da cotonosa a molto lanuginosa. TRALCIO ERBACEO: contorno liscio, poco aracnoideo, internodi e nodi di colore verde con striature rosso vinoso sulla parte esposta al sole; parte apicale ricurva. Viticci: quasi sempre trifidi, talvolta bifidi, di colore verde. FOGLIA ADULTA: di media dimensione, intera o trilobata, da cuneiforme a pentagonale, superficie generalmente liscia con margini ondulati; presenza di leggere depressioni alla base delle nervature e di nervature ginocchiate. Pagina superiore di colore verde chiaro con punto peziolare rosato, seno peziolare chiuso, a U, a V o a graffa; pagina inferiore aracnoidea. Denti medi con margini convessi o rettilineo-convessi. Picciolo di colore giallo verde sfumato di rosso nella met superiore dorsale, generalmente pi corto o uguale rispetto alla nervatura mediana principale. GRAPPOLO: da medio a medio-grande, generalmente medio o spargolo, conico o cilindro-conico, alato; peduncolo di colore verde, a volte sfumato di rosa, legnoso alla base. ACINO: di dimensione medio-grande (2,90 g), ellittico corto (D.L./D.T.=1,15), buccia piuttosto spessa, di colore bluastro, molto pruinosa.

66

TRALCIO LEGNOSO: sezione trasversale da ellittica a circolare, superficie striata, di colore da nocciola-grigiastro a brunogiallastro o bruno-rossastro. Nodi di colore bruno-rossastro. CLONI SELEZIONATI: NV1.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: buona. Forma di allevamento e potatura: tradizionalmente ad alberello con potatura corta, si adatta molto bene ad essere allevato a controspalliera. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con i portinnesti Rupestris du Lot, 140 Ru, 1103 P, 775 P e 225 Ru. Produttivit: da media a buona, sensibile alla colatura. Resistenza alle crittogame: generalmente normale, buona resistenza alloidio. Epoca di germogliamento: seconda met di marzo. Epoca di maturazione: media (fine settembre). VINI DOC: Mamertino di Milazzo.

67

PERRICONE

SINONOMI: Perricone nero, Pignatello, Pignateddu, Niuru, Pirricuni, Tuccarinu (Geremia, 1835). OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: vitigno in fase di espansione colturale, attualmente coltivato in poche centinaia di ettari concentrati soprattutto nelle province di Caltanissetta, Palermo, Agrigento e Trapani.

CENNI STORICI: di antica coltivazione, a fine 800 era il vitigno a bacca nera pi diffuso nelle province di Palermo e Trapani (Nicolosi, 1870; Boll. Amp. 1883), ma lo si trovava ampiamente coltivato anche nelle zone di Caltanissetta e Agrigento (Paulsen, 1905). Nella prima met del 900 subisce una forte contrazione prima nella provincia di Trapani e successivamente in quella di Palermo. Il sinonimo Pignatello sembra derivare dalle pignatidare, le terre rosse alluminose del Trapanese, cos chiamate perch impiegate per la fabbricazione delle pignatte da cucina, particolarmente vocate per la coltivazione di questa cultivar (Pastena, 1973).

68

CARATTERI MORFOLOGICI GERMOGLIO: Apice aracnoideo, di colore verde con una leggera sfumatura ramata. Foglioline apicali (1-3): pentalobate, profilo a coppa, denti principali molto pronunciati. Pagina superiore da poco lanuginosa a quasi aracnoidea, di colore verde biancastro con sfumature leggermente bronzate o ramate. Pagina inferiore da aracnoidea a quasi glabra, di colore verde sulle nervature, verde bronzato chiaro tra le nervature. Foglioline basali: (4-6)da pentalobate ad appena pentalobate, profilo leggermente a coppa con margini leggermente ondulati. Pagina superiore da quasi glabra a glabra, di colore verde con leggere sfumature bronzate sulla 4a e 5a fogliolina. Pagina inferiore glabra con nervature aracnoidee, di colore verde con poche sfumature bronzate. TRALCIO ERBACEO: contorno quasi liscio, parte dorsale degli internodi di colore verde con striature di colore rosso violaceo, parte ventrale di colore verde o verde con striature rossastre; tratto apicale leggermente ricurvo. Viticci: bifidi o trifidi, di colore verde sfumati di rosso alla base. FOGLIA ADULTA: di medie dimensioni, da cuneiforne a pentagonale, a volte orbicolare, generalmente pentalobata o trilobata; profilo leggermente a coppa con margini involuti, lembo lucido, spesso, debolmente bolloso, di colore verde medio con punto peziolare rosato, nervature verdi, a volte di colore rosato fino ad 1/4 della loro lunghezza. Seno peziolare chiuso, generalmente a graffa, meno spesso a V, seni laterali a U o a lira; denti medi con margini rettilineo convessi. Pagina inferiore glabra, di colore verde chiaro; picciolo di colore verde con striature rossastre sulla parte esposta, di lunghezza pari alla nervatura principale mediana. GRAPPOLO: medio, cilindrico-conico con una o due ali, da medio a compatto. Peduncolo molto corto o corto, di colore verde con sfumature rosate sulla parte esposta, lignificato alla base; rachide e pedicelli di colore verde.

69

ACINO: da medio-piccolo a medio (1,86 g), rotondo tendente allellittico corto (D..L/D.T.= 1,06), buccia pruinosa di colore blu nero. TRALCIO LEGNOSO: internodi medi, di colore nocciola grigiastro con striature pi scure; sezione trasversale da circolare a leggermente ellittica, superficie leggermente striata ed angolosa. Nodi di colore bruno rossastro. CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale attualmente in corso.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: elevata, con tralci lunghi. Forma di allevamento e potatura: tradizionalmente allevato ad alberello con potatura mista (Guyot), si adatta molto bene ad essere allevato a controspalliera. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con Rupestris du Lot, 140 Ru, 1103 P, 1447 P, 779 P e 161-49. Produttivit: medio buona. Resistenza alle crittogame: discreta tolleranza alle principali malattie crittogamiche. Epoca di germogliamento: seconda met di marzo. Epoca di maturazione: media (seconda met di settembre). VINI DOC: Contea di Sclafani, Delia Nivolelli, Eloro, Erice, Faro, Monreale.

70

ZIBIBBO

SINONOMI: Moscato di Alessandria, Moscato di Pantelleria Moscatellone, Salamanna. OMONIMI: nessuno. ZONE DI COLTIVAZIONE IN SICILIA: cultivar idonea alla coltivazione nella sola provincia di Trapani, diffusa principalmente nellisola di Pantelleria.

CENNI STORICI: vitigno di altica coltivazione, secondo alcuni autori sarebbe stato introdotto in Sicilia dagli Arabi e tratto dal Capo Zebib in Africa dal quale discenderebbe il nome (Mendola, 1868). Laltra sua denominazione di Moscato di Alessandria lo farebbe invece derivare dallantico Egitto, dove peraltro sono stati rinvenuti antichi documenti che ne testimoniano la coltivazione (Salamon, 1902). E comunque di Cupani (1696) la prima citazione dello Zibibbo siciliano.

71

CARATTERI MORFOLOGICI Lo Zibibbo da considerare una popolazione di cloni che si differenziano per un diverso livello di tomentosit dellapice dei germogli e della foglia, nonch del grado di incisione della foglia. Qui di seguito si riporta la descrizione del biotipo con organi meno tomentosi e foglia meno incisa, pi diffuso nellisola di Pantelleria (TP). GERMOGLIO: apice da molto aracnoideo a poco lanuginoso, di colore verde chiaro biancastro con qualche macchiolina bronzata ai margini. Foglioline apicali (1-3): trilobate o appena pentalobate, talvolta pentalobate, le prime due con profilo leggermente a coppa. Pagina superiore da cotonosa a quasi lanuginosa, di colore da verde bianco con sfumature ramate (le prime 2) a totalmente ramato (la 3a), nervature verdi. Pagina inferiore cotonosa tra le nervature, lanuginosa sulle nervature. Foglioline basali (46): trilobate o pentalobate, lembo quasi piano, pagina superiore aracnoidea o quasi glabra, interamente ramata con nervature verdi a livello della 4a e 5a fogliolina, verde con sfumature ramate a livello della 6a. Pagina inferiore da lanuginosa ad aracnoidea. TRALCIO ERBACEO: contorno liscio, internodi di colore verde con striature rosse o interamente rossi (a volte tendente al violaceo) sulla parte dorsale, generalmente verdi su quella ventrale (a volte con striature rossastre); tratto apicale ricurvo. Viticci: bifidi, di colore bronzato o rossastro sulla parte esposta, verde-giallo su quella non esposta. FOGLIA ADULTA: media, da pentagonale a orbicolare, trilobata o quinquelobata; pagina superiore di colore verde intenso con seno peziolare rosato e nervature principali di colore rossastro fino a 1/4 della loro lunghezza. Profilo del lembo a coppa con margini revoluti ed ondulati, debolmente bollosa tra le nervature secondarie e terzarie, a volte con depressioni alla base delle nervature; presenza di nervature ginocchiate. Denti corti con margini generalmente rettilineo-convessi. Seno peziolare chiuso, a volte con bordi sovrapposti, a V o a U+V, raramente a U. Seni laterali superiori a U, a V o a lira con bordi sovrapposti, a volte con un dentino. Pagina inferiore da poco aracnoidea a quasi glabra con pochi peli a livello delle nervature. Presenza di setoline alla base delle nervature principali e, soprattutto, secondarie. Picciolo di colore rosso, a volte tendente al vinoso, di lunghezza pari o pi lungo rispetto alla nervatura principale mediana.

72

GRAPPOLO: da medio-grosso a grosso, cilindro-conico o cilindrico, alato, da spargolo a compatto; peduncolo corto o molto corto, verde o, meno spesso, rosato, raramente legnoso alla base. Rachide e pedicelli di colore rosato. ACINO: grande (5,50 g), forma da obovoide ad ellittico corto (D.L./D.T.= 1,20), con buccia mediamente pruinosa, di colore giallo verde dorato con sfumature ambrate soprattutto sulla parte esposta. Polpa a sapore moscato, vinaccioli presenti. TRALCIO LEGNOSO: internodi medio corti, di colore marrone aranciato con striature pi scure; sezione trasversale da quasi circolare ad ellittica, superficie striata e leggermente angolosa. Nodi di colore bruno CLONI SELEZIONATI: nessuno, la selezione clonale attualmente in corso.

PRINCIPALI ASPETTI AGRONOMICI E FENOLOGICI Vigoria: media. Forma di allevamento e potatura: caratterizzato da unalta fertilit delle gemme basali, allevato tradizionalmente ad alberello pantesco con 3 branche portanti ciascuno 1-2 speroni, potati molto corti. Comportamento alla moltiplicazione: buona affinit con il 1103 P, il 775 P, il 140 Ru e il 1045 P. Produttivit: media e piuttosto irregolare. Resistenza alle crittogame: poco resistente alla peronospora e alloidio, va soggetto alla colatura. Epoca di germogliamento: medio-precoce (met marzo). Epoca di maturazione: precoce o medio-precoce (da met agosto ai primi di settembre). VINI DOC: Erice,, Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria.

73

BIBLIOGRAFIA
Acerbi G. 1825 Delle viti italiane. P.G. Silvestri, Milano. Alagna, Span A. 1873 - La vite e il vino di Marsala. Estratto dal Giornale dAgricoltura, Industria e Commercio del Regno dItalia, A. X., vol. XX. AA.VV. 1996 Nero dAvola, il vitigno dei pi prestigiosi vini di Sicilia. Associazione Turistica Pro-Loco di Avola, A.A.P.I.T., Siracusa. Bandinelli G. 1932 in: Storia della vite e del vino in Italia (A. Marescalchi e G. Dalmasso). Vol. I, Art. Graf. E. Gualdoni, Milano. Calcara P. - 1853 Breve cenno sulla geognosia ed agricoltura di Pantelleria. Giornale della Commissione dAgr. e Past. di Sicilia. A. II Fasc. I, Palermo. Cal A., Scienza A., Costacurta A. 2001 Vitigni dItalia. Calderoni Edagricole, Bologna. Cupani F. Hortus Catholicus. F. Benzi, Napoli, 1696. Cusumano G. 1877 Saggio di unampelografia universale. Tip. Subalpina Stefano Marino, Torino. Dalmasso G. - 1937 in: Storia della vite e del vino in Italia (Marescalchi A. e G. Dalmasso). Vol. III - Arti Grafiche E. Gualdoni, Milano. Di Rovasenda G. 1877 Saggio di unampelografia universale. E. Loescher, Torino. Galet P. 1990 Cpage et vignoble de France. 2 ed., Dhan, Montpellier. Gallesio G. 1817/1839 Pomona italiana. Pisa. Gallo A. 1595 Dieci giornate della vera agricoltura. In: Le vicende tecniche ed economiche della viticoltura e dellenologia in Italia (G. Dal masso). Ed. Arti Grafiche Gualdoni, 1937. Geremia G. 1835 Vertunno Etneo ovvero Stafulegrafia. Atti Acc. Gioenia, Torino. Vol. X, Tip. G. Pappalardo, Catania. Geremia G. 1839 Continuazione del Vertunno Etneo ovvero Stafulegrafia. Atti Acc. Gioenia, Torino. Vol. XIV, Tip. Riggio, Catania. Iacono F., Stefanini N., Venturi A., Virgili S. 1999 Descrizione di alcuni vitigni autoctoni italiani. C.N.P. Tipografia Romagna.

75

Incisa L. 1869 Catalogo descrittivo e ragionato della collezione dei vitigni italiani e stranieri posseduta in Rocchetta Tanaro. Riedizione a cura di Aldo di Ricaldone, 1974, Asti. Mas e Pulliat 1878/1879 La vignoble ou Histoire, culture et description avec planches colories des vignes raisin de table et raisin de cuve. Tomo 3, Libreria G. Masson, Parigi. Melillo G. 1927 Vendemmia e vinificazione nellIrpinia. Estratto dallItalia dialettale, vol. III, fasc. 2. Mendola A. 1868 Catalogo generale della Collezioni di Viti italiane e straniere raccolte in Favara, Tip. Parrino e Carini, Favara (AG). Annali di Viticoltura e di Enol., vol. II, 1874. Ministero dellAgricoltura e delle Foreste 1964 Principali vitigni da vino coltivati in Italia. Vol. III, Roma. Ministero Agricoltura, Industria e Commercio 1879 Ampelografia Italiana. Lit. Fratelli Doyen, Torino. Ministero dellInterno. Div. Agricoltura 1878 Bollettino Ampelografico, fasc. IX, Tip. Eredi, Roma. Ministero dellAgricoltura e delle Foreste 1964 Principali vitigni da vino coltivati in Italia. Vol. III, Roma. Molon G. 1906 Ampelografia. Hoepli, Milano. Mortillaro V. 1881 Nuovo dizionario siciliano-italiano, G. Forte Anelli, Palermo. Nicolosi A. - 1870 Trenta variet di vitigni. Studi enologici ed ampelografici. Estratto dallIndustria Italiana. A. IV n.3, Forl. Nicosia D.F. 1735 Il Podere fruttifero e dilettevole. A. Felicella, Palermo. Odart A.P. 1849/1874 Amplographie universelle ou trait des cpages les plus estims dans tous les vignobles de quelque renom. Libraire Agricole, Paris. Pastena B. 1969 Disamina della piattaforma ampelografica siciliana del Seicento descritta nellopera botanica di F. Cupani (1692-1697). Atti Acc. Ital. della Vite e del Vino, vol. XXI, 113-150. Pastena B. 1970 Il vitigno Damaschino. Tip. Arti Grafiche A. Renna, Palermo. Pastena B. 1970 Zibibbi. Riv. Vitic. e Enol. di Conegliano, n.i 10-11. Pastena B. 1971 Il vitigno Nerello cappuccio di Catania. Tip. Ausonia, Palermo. Pastena B. 1971 Il vitigno Frappato di Vittoria. Tip. Kefa-Lo Giudice, Palermo. Pastena B. 1971 Il vitigno Nerello mascalese. Tip. Kefa-Lo Giudice, Palermo.

76

Pastena B. 1972 La piattaforma ampleografica nellattuale ristrutturazione della viticoltura siciliana. Palermo. Pastena B. 1973 Il vitigno Grecanico. Tip. Ausonica, Palermo. Pastena B. 1971 Il vitigno Nero dAvola o Calabrese di Vittoria. Tip. Kefa Lo Giudice, Palermo. Pastena B. 1973 Il vitigno Nocera nera di Milazzo. Tip. Kefa-Lo Giudice, Palermo. Pastena B. 1973 Il vitigno Perricone. Tip. Luxograph, Palermo. Pastena B. 1991 La nuova viticoltura siciliana. Tip. S.T.ASS. s.r.l., Palermo, Paulsen F. - 1905 Catarratto. In: Amplografie (Viala e Vermorel), IV. Masson et C. Editeurs, Parigi. Paulsen F. - 1905 Perricone. In: Amplografie (Viala e Vermorel), IV. Masson et C. Editeurs, Parigi. Picone G. 1866 Memorie storiche argentine. St. Prov. Comm. Girgenti. Salamon E.R. - 1902 Muscat dAlexandrie, in: Amplografie (Viala e Vermorel). Masson e C. Editeurs, Parigi. Schneider A. 1988 Ampelografia e metodi ampelometrici. Quad. Vitic. Enol. Univ. Torino, 12, 213-237. Schneider A., Mannini F. 1994 I vitigni del Piemonte. Tip. Della rovere, Asti. Schneider A., Mannini F. 2006 Vitigni del Piemonte. Variet e cloni. Tip. Tipolito Subalpina, Torino. Sestini D. 1991- Memorie sui vini siciliani. Sellerio, Palermo. Viala e Vermorel 1901/1909 Amplografie. Masson et C. Editeurs, Parigi. Villafranchi G.C. 1773 Oenologia toscana o sia Memoria sopra i vini ed in specie toscani. G. Cambiagi, Firenze.

77

NOTE
____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

note

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

NOTE
____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

note

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________

Finito di stampare nel giugno 2007 dalla Priulla s.r.l. - Palermo