Sei sulla pagina 1di 77

COMUNE DI MATERA

STUDIO DI VALUTAZIONE D’INCIDENZA

RELATIVO AL REGOLAMENTO URBANISTICO DI MATERA

Gruppo di lavoro:

Dott. For. Antonio Bernardoni (capogruppo) – aspetti forestali e vegetazionali

Prof. Arch. Nicola Martinelli – aspetti urbanistici

Dott. Paolo De Bellis – aspetti geologici, geomorfologici e idrografici

Dott. Nat. Vincenzo Rizzi – aspetti ambientali e faunistici

Arch. Laura Rubino – aspetti urbanistici e di bioarchitettura

Consulenza esterna:

Dott. For. Francesco Minunno – elaborati cartografici


Arch. Stefania Cascella – aspetti urbanistici

Bari, giugno 2007


Premessa............................................................................................................................4
1 Quadro normativo di riferimento ...................................................................................5
1.1Legislazione ambientale – paesaggistica..................................................................................................... 5
1.2 Errore. Il segnalibro non è definito.Legislazione urbanistica ........................................................... 7
1.2.1 Legge Regionale 11 agosto 1999, n. 23 “Tutela, governo ed uso del territorio”.................................. 8
1.3 Studio di valutazione di Incidenza ....................................................................................................... 9
2 Quadro amministrativo territoriale..........................................................................10
2.1 Rapporti con gli strumenti di pianificazione territoriale .............................................................................. 10
2.1.1 Piano del Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del materano . 11
2.1.2 Regolamento di Gestione Riserva Naturale Regionale San Giuliano ........................................... 12
2.2 Vincoli territoriali e ambientali.................................................................................................................... 13
2.2.1 Vincolo idrogeologico..................................................................................................................... 13
2.2.2 Vincoli beni culturali e paesaggistici .............................................................................................. 14
2.2.3 Vincolo Rischio Idrogeologico........................................................................................................ 14
2.2.4 Vincolo sismico .............................................................................................................................. 17
2.2.5 Rete Natura 2000........................................................................................................................... 18
3 Inquadramento ambientale ......................................................................................19
3.1 Assetto climatico (da Valutazione di Incidenza relativa al PRG “99” della città di Matera)....................... 20
3.2 Assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico .................................................................................. 24
3.2.1 Inquadramento geologico .............................................................................................................. 24
3.2.2 Inquadramento geomorfologico ..................................................................................................... 26
3.2.3 Ambiente idrico: acque superficiali e acque sotterranee ............................................................... 27
3.3 Assetto biotico ........................................................................................................................................... 29
3.3.1 Tipologie ambientali e di vegetazione............................................................................................ 29
3.3.1.1 Vegetazione della piattaforma carbonatica della Murgia Materana ....................................... 30
3.3.1.2 Vegetazione dei pascoli.......................................................................................................... 31
3.3.1.3 Vegetazione rupestre ............................................................................................................. 32
3.3.1.4 Vegetazione delle zone umide ............................................................................................... 32
3.3.1.5 Vegetazione e habitat............................................................................................................. 33
3.3.2 Fauna ............................................................................................................................................. 35
4 Criticità ..........................................................................................................................36
5. Il Regolamento Urbanistico della città di Matera ......................................................37
5.1 Caratteristiche del Regolamento Urbanistico del Comune di Matera ...................................................... 37
5.2 Obiettivi generali del Regolamento Urbanistico ........................................................................................ 40
5.2.1 Obiettivo (i)
Interventi residenziali integrati al terziario – direzionale e ad interventi di riqualificazione..................... 42
5.2.2 Obiettivo (ii)
Potenziamento e adeguamento della viabilità e opere pubbliche .......................................................... 51
6 Screening delle incidenze ambientali .....................................................................52
6.1 Incidenze generali del Regolamento Urbanistico ...................................................................................... 54
6.2 Incidenze dei nuovi ambiti per insediamenti residenziali e dell’Asse Matera Nord................................... 57
6.2.1 Componenti abiotiche............................................................................................................................. 58
6.2.2 Componenti biotiche............................................................................................................................... 60
6.2.3 Connessioni ecologiche.......................................................................................................................... 62
7 Misure per controbilanciare gli impatti negativi e Salvaguardie ai sensi della
Direttiva 42/93/CE per le incidenze significative ...........................................................63
7.1 Possibili alternative.................................................................................................................................... 63
7.2 Misure di attenuazione e prescrizione....................................................................................................... 64
7.2.1 Mitigazioni alle incidenze generali del Regolamento Urbanistico.................................................. 64
7.2.1.1 Uso delle risorse naturali ........................................................................................................ 64
7.2.1.2 Rapporto con la normativa vigente in materia di ambiente .................................................... 70
7.2.2 Mitigazioni alle incidenze dei nuovi ambiti per insediamenti residenziali e dell’Asse Matera Nord71
7.2.2.2 Componenti biotiche e Connessioni ecologiche .................................................................... 71
7.3 Misure di compensazione.......................................................................................................................... 71
8 Conclusioni .............................................................................................................72
Riferimenti bibliografici...................................................................................................73

2
Allegati

1 Check-List Faunistica
2 Specie elencate negli Allegati della Direttiva Habitat 92/43/CEE
3 Matrici delle incidenze
4 Scheda riepilogativa

Elaborati cartografici
Tavola 1 – Carta delle criticità
Tavola 2 – Uso del suolo

3
Premessa

Il presente Studio di Valutazione di Incidenza (S.V.I.) riguarda il Regolamento Urbanistico della Città di
Matera e dei borghi dello stesso Comune (La Martella, Picciano, Venusio), localizzati nelle vicinanze del
SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135. In particolare solo gli abitati di Matera, Venusio e una parte di La
Martella ricadono all’interno della zona di rispetto di 5 chilometri del SIC (Del. CR Basilicata 15.02.2005 n.
927) , mentre i borghi di Picciano ne sono completamente esterni. In base a tale Delibera tutti i piani e
progetti ricadenti nell’area di rispetto del SIC sono sottoposti a Valutazione di Incidenza.
L’incarico avuto dall’Amministrazione Comunale (Convenzione del 24/04/07) fa riferimento anche al SIC/ZPS
“Lago San Giuliano e Timmari” IT220144, che occupa una parte del territorio del Comune di Matera, ma non
è interessato dal Regolamento Urbanistico, in quanto privo di ogni previsione edificatoria. Per tale motivo il
SIC/ZPS “Lago San Giuliano e Timmari” IT220144 è considerato solo nell’analisi generale del territorio del
Comune di Matera, escludendo a priori la possibilità di incidenze dirette del Regolamento Urbanistico su tale
sito Natura 2000.
Lo studio ha l’obiettivo di analizzare il Regolamento Urbanistico verificandone le potenziali incidenze sulle
componenti biotiche e abiotiche dell’area e di indicare gli eventuali interventi di mitigazione.
Il presente lavoro dopo la definizione del quadro normativo di riferimento e del quadro amministrativo
territoriale, riguardante i rapporti del Piano con gli strumenti di pianificazione territoriale, riporta il quadro
ambientale dell’area interessata dal Piano, le caratteristiche del Regolamento Urbanistico, le incidenze che
l’applicazione del Regolamento ha sugli aspetti ambientali e naturali e le relative misure di mitigazione.
La metodologia adottata per il presente S.V.I. è quella indicata nell’allegato II del D.P.R. 8 settembre 1997,
n. 357 – “Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat
naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatica” e ripresa dal D.G.R. n. 2454 del 22
dicembre 2003 della regione Basilicata, i cui contenuti sono:
1. Descrizione del contenuto del Piano o del Programma e dei suoi obbiettivi principali nei confronti delle
possibili modifiche dell'ambiente, con particolare riferimento:
- alle tipologie delle azioni e/o delle opere;
- all’ambito di riferimento;
- alla complementarietà con altri piani e/o programmi;
- all'uso delle risorse naturali;
- alla produzione di rifiuti;
- all'inquinamento ed ai disturbi ambientali;
- al rischio di incidenti per quanto riguarda le sostanze e le tecnologie utilizzate.
2. Descrizione delle caratteristiche ambientali di tutte le aree che possono essere significativamente
interessate dal piano o dal programma;
3. Analisi delle problematiche ambientali rilevanti ai fini del piano o del programma,con specifica attenzione
alle aree sensibili;
4. Definizione degli obiettivi di tutela ambientale stabiliti nell'ambito degli accordi internazionali, delle
normative comunitarie, delle leggi e degli atti di indirizzo nazionali e regionali, perseguiti nel piano o nel
programma e delle modalità operative adottate per il loro conseguimento;
5. Descrizione degli impatti e delle interferenze sul sistema ambientale, con particolare riferimento alle:

4
- componenti abiotiche;
- componenti biotiche;
- connessioni ecologiche;
- valutazione critica complessiva delle ricadute positive e negative sull'ambiente derivanti dall'attuazione del
piano o del programma;
6. Descrizione delle alternative considerate in fase di elaborazione del piano o del programma;
7. Misure previste per impedire, ridurre e ove possibile compensare gli impatti ambientali significativi
derivanti dall'attuazione del piano o del programma.
Per la necessità di valutare le incidenze su fattori abiotici e biotici, e per la complessità e delicatezza
ambientale del territorio in cui è localizzata la città di Matera, lo studio ha richiesto approfondimenti da parte
di diverse professionalità ed in particolare: geologo, urbanisti, bioarchitetto, naturalista, dottore forestale.

1 Quadro normativo di riferimento


1.1 Legislazione ambientale – paesaggistica
Si riporta un elenco di norme comunitarie e nazionali di riferimento per quanto riguarda gli aspetti ambientali
e paesaggistici, nonchè di difesa idrogeologica del territorio e di regolamentazione delle acque.

LEGISLAZIONE COMUNITARIA

Direttiva CEE 2000/60 del 23 ottobre 2000


Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia
di acque

NORME NAZIONALI

R. D. 30 dicembre 1923, n° 3267


Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e terreni montani

R. D. 13 febbraio 1933, n°215


Nuove norme per la bonifica integrale

L. 18 maggio 1989, n°183


Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo

D.P.C.M. 23 marzo 1990


Atto di indirizzo e coordinamento ai fini dell’elaborazione e adozione degli schemi previsionali e
programmatici di cui all’art. 31 della L. 183/89, recante norme per il riassetto organizzativo e funzionale della
difesa del suolo

D.P.R. 7 gennaio 1992

5
Atto di indirizzo e coordinamento per determinare i criteri di integrazione e di coordinamento tra le attività
conoscitive dello Stato, delle Autorità di Bacino e delle Regioni perla redazione dei Piani di Bacino di cui alla
Legge i8 maggio 1989, n. 183

D.P.R. 14 aprile 1993


Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di
manutenzione idraulica e forestale

L 31 gennaio 1994, n° 97
Nuove disposizioni per le zone montane

D.P.R. 14 aprile 1994Atto di indirizzo e coordinamento in ordine alle procedure ed ai criteri per la
delimitazione dei bacini idrografici di rilievo nazionale e interregionale

D.P.R. 18 luglio 1995


Atto di indirizzo e coordinamento concernente i criteri per la redazione dei Piani di Bacino

D.Lgs. 31 marzo 1998, n° 112


Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli Enti locali in attuazione del
Capo / della Legge 15 marzo 1997 n. 59 - Titolo III, Territorio ambiente e infrastrutture

L. 3 agosto 1998, n° 267


Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 11 giugno 1998 n. 180, recante misure urgenti
per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione
Campania

D.P.C.M. 29 settembre 1998


Atto di indirizzo e coordinamento per l’individuazione dei criteri relativi agli adempimenti di cui all’art.1,
commi 1 e 2, del D.L. 11giugno 1998, n.180

L. 11 dicembre 2000, n° 365


Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 ottobre 2000, n° 279, recante: Interventi
urgenti per le aree a rischio idrogeologico molto elevato e in materia di protezione civile, nonché a favore di
zone colpite da calamità naturali.

R. D. 25 luglio 1904, n. 523


Testo Unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie

R. D. 11 dicembre 1933, n. 1775


Testo Unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici

6
L. 5 gennaio 1994, n. 36
Disposizioni in materia di risorse idriche

L. 5 gennaio 1994, n. 37
Norme per la tutela ambientale delle aree demaniali dei fiumi, dei torrenti, dei laghi e delle altre acque
pubbliche

D.P.C.M. 4 marzo 1996


Disposizioni in materia di risorse idriche

D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152


Disposizioni sulla tutela delle acque dall’inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE e
91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dal l’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti
agricole

D.M. 18 settembre 2002


Modalità di informazione sullo stato delle acque, ai sensi dell'art.3, comma 7, del decreto legislativo
11.05.1999, n°152

D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152


(Supplemento ordinario n. 96 alla Gazzetta ufficiale 14 aprile 2006 n. 88)
Norme in materia ambientale

Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42


"Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137"

1.2 Legislazione urbanistica


Il presente Regolamento Urbanistico è redatto in conformità alla legge regionale n. 23 dell’11 agosto 1999
(Titolo III art. 16).
Va evidenziato che rispetto agli strumenti istituzionali previsti dalla legge, la mancanza del quadro
conoscitivo di riferimento a scala regionale rappresentato dalla carta regionale dei suoli CRS e del quadro
strutturale regionale QSR (Titolo III art. 10-12) e della verifica delle compatibilità con i principi di tutela,
conservazione e valorizzazione delle risorse e beni territoriali, nonché dei piani strutturali, provinciale e
comunale, rappresenta una grave lacuna anche se certamente non imputabile al comune di Matera né
costituisce di per sé elemento negativo di giudizio sulla redazione del regolamento.
Per la storia della pianificazione comunale di Matera le varianti hanno pesato non poco nel ridisegno del
territorio urbano e la cartografia di base risulta carente con un aerofotogrammetico e delle ortofoto non
aggiornati.
La mancanza delle indicazioni strategiche in merito al governo di un territorio così complesso come quello
del comune di Matera deve pertanto stimolare ad un maggior rigore nella valutazione delle incidenze.

7
Nella consapevolezza che la definizione più dettagliata delle prescrizioni che governano la progettazione
urbanistica di dettaglio e la trasformazione degli ambiti ad azione indiretta sarà oggetto di regolamenti
specifici, si ritiene possibile e utile inserire già nel presente regolamento delle indicazioni in grado di limitare
le incidenze connesse alla disciplina delle attività edificatorie.

1.2.1 Legge Regionale 11 agosto 1999, n. 23 “Tutela, governo ed uso del territorio”

La legge regionale n. 23 del 1999 ha definito il nuovo corso della pianificazione in Basilicata con l’obiettivo
prioritario di conciliare la gestione e l’uso del territorio con la sua tutela e salvaguardia; essa inoltre,
sovvertendo un ordine di relazioni consolidato, ha posto la sostenibilità paesaggistica, che trova piena
espressione nella pianificazione di scala regionale, a base dello sviluppo sociale ed economico.
Nell’ambito del nuovo assetto legislativo, lo strumento pianificatorio di riferimento è identificato, di fatto, nella
Carta Regionale dei Suoli (CRS). In essa sono definiti i sistemi che costituiscono il territorio regionale
(naturalistico-ambientale, insediativo, relazionale), le loro relazioni e il grado di vulnerabilità e riproducibilità;
vengono definiti inoltre i livelli di trasformabilità del territorio regionale determinati attraverso l’ individuazione
e la perimetrazione dei Regimi d'intervento.
Ogni atto, sia esso di programmazione o pianificazione, a qualsiasi ambito territoriale esso faccia riferimento,
dovrà verificare la compatibilità dei propri contenuti con i principi di tutela, conservazione e valorizzazione
delle risorse e dei beni territoriali esplicitate nella Carta Regionale dei Suoli.
In particolar modo, tale compatibilità dovrà essere verificata all’interno del Quadro Strutturale Regionale
(QSR); a questo, infatti, in quanto atto di programmazione territoriale con il quale la Regione definisce gli
obiettivi strategici della propria politica territoriale,devono confarsi i piani di livello inferiore.
Il QSR contiene l'individuazione, nell'ambito dei Sistemi Naturalistico-Ambientale, Insediativo e Relazionale,
di una strategia territoriale in grado di rafforzare gli effetti di complementarietà e di integrazione tra le varie
parti degli stessi, al fine di migliorarne la qualità e la funzionalità complessive;contiene inoltre le azioni
fondamentali per la salvaguardia dell'ambiente, e individua le modalità di integrazione delle stesse azioni.
La CRS e il QSR concorrono a definire i contenuti del Piano Paesaggistico Regionale, che a seguito delle
intervenute normative del “Codice dei beni culturali e del paesaggio” e in virtù delle profonde innovazioni
contenute nella Convenzione europea per il paesaggio, rappresenta la sintesi degli atti di pianificazione
territoriale.
Le line programmatiche di sviluppo e tutela che definiscono l’assetto del territorio regionale, sono declinate
per gradi di successivo approfondimento nei Piani strutturali di livello provinciale e comunale (PSP;
PSC), il primo con funzioni di coordinamento programmatico e di raccordo tra le politiche territoriali della
Regione e la pianificazione urbanistica comunale, il secondo di integrazione delle indicazioni strategiche con
gli indirizzi espressi dalla comunità locale.
L’organicità tra i successivi livelli di pianificazione, strutturale ed operativa, e la rispondenza ai principi di
tutela del territorio, è certificata da due modalità di verifica: di coerenza e di compatibilità.
La prima accerta che le linee strategiche ed operative di evoluzione dei sistemi naturalistico-ambientale,
insediativo, relazionale, definiti dai nuovi assetti territoriali previsti dalla pianificazione in oggetto, sono
coerenti con quelli della pianificazione ai diversi livelli, mentre la seconda ne accerta la compatibilità rispetto
ai livelli di trasformabilità individuati dalla CRS attraverso la perimetrazione dei regimi di intervento.

8
I documenti di verifica di compatibilità e coerenza costituiscono parte integrante del Piano.
I contenuti della pianificazione strutturale sono resi esecutivi, in ambito comunale, dal Piano Operativo (PO)
e dal Regolamento Urbanistico (RU), i cui contenuti sono in seguito dettagliati da Piani Attuativi che
possono avere efficacia di Piani Particolareggiati (art. 13 L 1150/42), Piani di Zona per l'edilizia economica e
popolare (L 167/62), Piani per gli Insediamenti Produttivi (art. 27 L 865/71),Piani di Recupero del patrimonio
edilizio esistente, (art. 28 L 457/78), Piani di Lottizzazione (art. 28 L 1150/42).
Il PO attua le previsioni del PSC e/o del RU, dove e quando si manifestano necessità e/o iniziative di
riqualificazione, recupero, trasformazione o nuovo impianto. In particolar modo in sede di PO, o in sua
assenza di RU, sono definiti i regimi urbanistici, risultanti dalla ricomposizione dei regimi di intervento e di
uso, definiti nelle linee generali nella CRS. Tali regimi hanno una duplice efficacia, determinano le condizioni
di edificabilità del sito e di trasformabilità dell’edificio e, applicati agli immobili interessati dal piano, ne
confermano i regimi proprietari.
Il PO individua inoltre i Distretti urbani per l’adozione di politiche perequative dei regimi immobiliari
interessati dalla sua attuazione e nei quali applicare modalità di trasferimento e compensazione dei diritti
edificatori in relazione al RU.
La pratica della perequazione rappresenta uno dei nodi centrali per il futuro sviluppo urbanistico del
territorio. Perseguendo l’equità distributiva dei valori immobiliari prodotti dalla pianificazione e l’equa
ripartizione tra proprietà private dei gravami derivanti dalla realizzazione della parte pubblica della città, la
perequazione ha come obiettivo l’uso più razionale del territorio e il miglioramento della fruizione della città,
mediante la dotazione degli spazi, delle infrastrutture e dei servizi pubblici, la costruzione dell’edilizia
residenziale sociale senza costi aggiuntivi, l’apertura del mercato immobiliare a forme più competitive,
rompendo in tal modo consolidate quanto negative forme di crescita urbana.

La necessità per un territorio comunale di dotarsi di un piano strutturale e di un piano operativo è stabilita a
livello provinciale, pertanto in sede di PSP sono individuati i Comuni che possono determinare i Regimi
urbanistici in base al solo Regolamento urbanistico.
A differenza del PSC e del PO, il RU è un atto di pianificazione obbligatorio per tutti i comuni e disciplina gli
insediamenti esistenti sull’intero territorio comunale. A livello di RU sono individuati in particolare i perimetri
dei Suoli Urbanizzati, Non Urbanizzati e Riservati all'Armatura Urbana, e nell’ambito dei suoli urbanizzati
sono individuate le aree sulle quali è possibile, indipendentemente dal Piano Operativo, effettuare interventi
diretti di edificazione, di completamento o di ampliamento degli edifici esistenti e definire i regimi urbanistici
da attuare sulle stesse aeree.

1.3 Studio di valutazione di Incidenza


La valutazione d'incidenza è il procedimento di carattere preventivo al quale è necessario sottoporre
qualsiasi piano o progetto che possa avere incidenze significative su un sito o proposto sito della rete Natura
2000, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti e tenuto conto degli obiettivi di conservazione
del sito stesso.
La cogenza normativa nell’ordinamento italiano del dettato della direttiva citata in tema di valutazione di
incidenza è sancita dall’art. 6 del DPR 12 marzo 2003 n.120, che ha sostituito l'art.5 del DPR 8 settembre
1997, n. 357 che trasferiva nella normativa italiana i paragrafi 3 e 4 dell’ art. 6 della direttiva "Habitat". Il DPR

9
357/97 è stato, infatti, oggetto di una procedura di infrazione da parte della Commissione Europea, che ha
portato alla sua modifica ed integrazione con il DPR 120/2003, in quanto il suddetto articolo 5 limitava
l'applicazione della procedura di valutazione di incidenza a determinate tipologie di progetto, tassativamente
elencate, non recependo quanto prescritto dall'art.6, paragrafo 3, della direttiva "Habitat".
Il DPR 120/2003, all'art. 6, comma 1, stabilisce invece che «nella pianificazione e programmazione
territoriale si deve tenere conto della valenza naturalistico-ambientale dei proposti siti di importanza
comunitaria, dei siti di importanza comunitaria e delle zone speciali di conservazione». Si tratta di un
principio di carattere generale tendente ad evitare che vengano approvati strumenti di gestione territoriale in
conflitto con le esigenze di conservazione degli habitat e delle specie di interesse comunitario. Il comma 2
dello stesso art. 6 stabilisce inoltre l’obbligo della valutazione di incidenza per tutti i piani territoriali,
urbanistici e di settore, ivi compresi i piani agricoli e faunistico-venatori e le loro varianti. Infine il comma 3
dispone che siano da sottoporre a valutazione di incidenza tutti gli interventi non direttamente connessi e
necessari al mantenimento in uno stato di conservazione soddisfacente delle specie e degli habitat presenti
in un sito Natura 2000, ma che possono avere incidenze significative sul sito stesso, singolarmente o
congiuntamente ad altri interventi.
Per la individuazione delle incidenze e della loro significatività sul SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT92201135
si è fatto riferimento alle guide pubblicate nel 2000 e nel 2002 dalla Commissione Europea ai fini della
corretta interpretazione dell’art. 6 della direttiva 92/43/CE (“Habitat”).
Nell’area in oggetto, la Valutazione di Incidenza si rende necessaria anche per quanto prescritto dal
Consiglio Regionale di Basilicata con Delibera del 15 febbraio 2005, in sede di approvazione in via definitiva
del Piano del Parco archeologico storico naturale delle chiese rupestri del materano, nel prendere atto del
parere favorevole sulla Valutazione di Incidenza, ai sensi del DPR 357/97 e DPR 120/03, espresso con
determina n. 75F/2004/D/1169 del 30/11/2004 dell’Ufficio Compatibilità Ambientale, prescrivendone il
recepimento.
Le prescrizioni dell’UCA prevedevano, tra l’altro, che “tutti i progetti relativi ad interventi da realizzare
all’interno dell’area parco e quelli compresi nella fascia di 5 km esterna al perimetro dell’area SIC e ZPS
“Gravine di Matera” – codice IT9220135, dovranno essere sottoposti a specifica procedura di Valutazione di
Incidenza ai sensi del DPR 357/97 e DPR 120/03”.
Per le specie di particolare importanza biogeografia (rare, endemiche, vulnerabili, a rischio) si fa riferimento
a quelle presenti nelle liste delle specie protette nazionali e regionali riportate dal D.G.R. della Regione
Basilicata del 18/03/2005.

2 Quadro amministrativo territoriale


2.1 Rapporti con gli strumenti di pianificazione territoriale

La Regione Basilicata con la L.R. n.28 del 28/06/94 “Individuazione, classificazione, istituzione, tutela e
gestione delle aree naturali protette in Basilicata” si è adeguata al dettato della legge n.394/91 “Legge
quadro sulle aree protette”.
Per le aree regionali protette, all’interno delle quali sono individuati la maggior parte dei siti di importanza
comunitaria, la Regione Basilicata garantisce il recepimento degli obiettivi della Direttiva Habitat e della

10
Direttiva Uccelli. In particolare la Regione con la legge n.2 del 9/01/95 “Norme per la protezione della fauna
selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” ha adeguato la propria normativa alla Legge 157 del
11/02/92 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” con la quale
lo Stato Italiano ha recepito la Direttiva Uccelli.
Le due aree protette regionali presenti nel comune di Matera sono il Parco Regionale archeologico - storico -
naturale delle chiese rupestri del materano e la Riserva Naturale Regionale San Giuliano, le cui
regolamentazioni sono stabilite per la prima da un Piano di gestione, mentre per la seconda da un
Regolamento di gestione in attesa di adottare un apposito Piano.

2.1.1 Piano del Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del materano

Il Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del materano è stato istituito il 4
aprile del 1990 con la L.R. n.3., l’istituzione dell’Ente di Gestione è avuta con la L.R. n.2 del 7 gennaio 1998.
Il Piano del Parco è stato approvato con Delibera del Consiglio Regionale n.927 del 15/02/2005.
Il Piano stabilisce la zonizzazione del Parco, definita sulla base di una scala di valori che tiene conto delle
qualità geo-morfologiche, naturalistiche, paesaggistiche, antropiche caratterizzanti il territorio del Parco,
avendo quale elemento e/o criterio basilare di riferimento, trattandosi di zonizzazione a carattere
prevalentemente naturalistico-ambientale, le connotazioni geo-morfologiche e naturalistiche fondamentali e,
all’interno della zonizzazione individua una serie di norme di tutela ad indirizzo naturalistico ambientale.
Secondo le Norme Tecniche di Attuazione, il Piano suddivide il territorio del Parco nelle seguenti “zone
omogenee”, ai sensi della L.R. 11/90:

A - zona di riserva integrale

comprendente l’intero inviluppo delle “gravine”, considerato l’elemento geo morfologico, naturalistico,
storico - antropico di maggiore qualità e caratterizzazione del Parco;in riferimento alla Gravina di
Picciano, inclusa nel Parco, la zona di riserva integrale è estesa oltre che per la sezione della forra anche
sul piano per l’area di affioramento del substrato roccioso carbonatico;

B - zona di riserva generale

comprendente le due aree boscate residuo dell’originaria copertura vegetazionale dell’Altopiano e le aree
a macchia e gariga - steppa degli altipiani e dei costoni calcarei, costituenti il più rilevante connotato
paesaggistico dell’ambiente Murgico;

C - zona di protezione

comprendente le aree boscate o macchia – gariga fortemente degradate per pressione antropica
(zootecnica, estrazione materiali lapidei), dislocate per lo più lungo la fascia perimetrale esterna al parco,
e le aree dei coltivi.

Il Piano prevede infine, all’esterno del perimetro del Parco, la zona- D- “zona di controllo”, comprendente
porzioni del territorio limitrofo al Parco fortemente correlate negli aspetti morfologici, paesaggistici e
ambientali al Parco stesso, solo per il territorio comunale di Montescaglioso.

Conformemente alle prescrizioni delle vigenti leggi (L.R. 11/90, 28/94, L. n. 394/91), le “zone omogenee”
individuate sono soggette alle seguenti normative di tutela:

11
Zona riserva integrale
Nella zona di riserva integrale l’ambiente va conservato e ricostituito nella sua integrità: è prescritta pertanto
la conservazione e tutela di tutti gli elementi costituenti l’ambiente (geografici, paesaggistici, vegetazionali,
faunistici, storico/antropici ecc…).
Non è pertanto consentito il pascolo, lo sfruttamento forestale, agricolo e minerario, gli scavi, i sondaggi,
terrazzamenti e costruzioni di qualsiasi genere, qualsiasi lavoro che comporti modifiche all’aspetto del
terreno e della vegetazione, qualsiasi atto che provochi turbamento alla fauna ed alla flora e/o introduzione
di specie di vegetali o di animali.
Non è consentita alcuna trasformazione d’uso del suolo e degli eventuali manufatti che vi insistono.
Sono consentiti solo interventi di “mantenimento” e “restauro” delle componenti ambientali ed antropiche, da
condurre su esplicita autorizzazione dell’Ente Parco.

Zone di riserva generale


Nelle zone di riserva generale l’ambiente va conservato nei suoi aspetti naturalistici e storico/antropici.
Non sono pertanto consentite trasformazioni dell’uso del suolo, quali i disboscamenti, gli spietramenti,
l’estendimento degli eventuali coltivi esistenti. Sono consentite le attività agro-silvo-pastorali preesistenti.
Non è consentito costruire nuove opere edilizie: fatte salve quelle scaturenti da necessità di conservazione
attiva e gestione dei manufatti preesistenti storicizzati (jazzi, masserie, casini ecc…).

Zone di protezione
Nelle zone di protezione l’ambiente va salvaguardato nelle sue componenti fondamentali e ricondotto, ove
possibile, alle sue connotazioni originarie e comunque non contrastati con le stesse.
Sono consentite le attività agro-silvo-pastorali e di trasformazione d’uso del suolo. Sono altresì consentite
costruzioni e trasformazioni edilizie, rivolte specificatamente alla valorizzazione dei fini istitutivi del Parco.

2.1.2 Regolamento di Gestione Riserva Naturale Regionale San Giuliano

La Riserva naturale Regionale San Giuliano, Zona Umida di importanza internazionale ai sensi della
convenzione di Ramsar, è stata istituita con Legge Regionale n. 39/2000; la sua gestione è demandata alla
Provincia di Matera attraverso un apposito “Regolamento di Gestione Riserva Naturale Regionale San
Giuliano” che ne disciplina le attività.
Il territorio compreso nella Riserva Naturale è suddiviso in 3 zone secondo il diverso grado di protezione da
applicare:
“ zona A ” (zona di massima protezione );
“ zona B ” (zona di fruizione controllata);
“ zona C “ (zona di attività privata);
In ogni caso, indipendentemente dal tipo di gestione del singolo ambito, è possibile applicare un diverso
grado di protezione connesso alle locali particolari emergenze ambientali meritevoli di particolare tutela o
particolari regimi di protezione su siti interessati da fenomeni di degrado di vario genere.
Zona A:

12
Comprende le aree di maggior importanza naturalistica. In questa zona l’accesso all’uomo e a qualsiasi
mezzo è strettamente regolamentato. Possono essere ammessi, previa autorizzazione della Provincia,
coloro che abbiano documentati motivi di studio, ricerca scientifica e didattici;
Zona B:
In questa zona l’accesso delle persone è regolato da percorsi e da altre eventuali infrastrutture.
Così come previsto dalla L. R. 39/2000 in questa zona è stata previsto l’esercizio della pesca regolamentata
(vedasi apposito regolamento);
Zona C:
Questa zona comprende le aree di proprietà privata interne alla Riserva generalmente localizzate
esternamente alla fascia boscata demaniale.
In questa zona, nel rispetto assoluto delle vigenti leggi, ed in particolare della L. 394/91, L.R. 28/94 e L.R.
39/2000, i privati possono svolgere le proprie attività agricole ed artigianali.

2.2 Vincoli territoriali e ambientali


Le esigenze di salvaguardia del territorio e dell’ambiente, avvertite sin dai primi decenni del secolo scorso, si
sono andate via via sviluppando ed affinando, di talché oggi il quadro normativo di riferimento appare
piuttosto articolato.
Giova, peraltro, rammentare, che il territorio in argomento, valorizzato dal Parco Regionale archeologico -
storico - naturale delle chiese rupestri del materano e dalla Riserva Naturale Regionale San Giuliano, è stato
inserito nel 1993 nell’Elenco del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale dell’UNESCO (Organizzazione
delle Nazioni Unite per l’Educazione, le Scienze e la Cultura).
In tale ordine di idee i vigenti regimi vincolistici, di seguito compendiati, devono assicurare con rigore e
lungimiranza sia la tutela delle peculiari caratteristiche morfologiche, geologiche, idrogeologiche ed
ambientali della località in esame, sia lo sviluppo equilibrato e razionale delle attività antropiche.

2.2.1 Vincolo idrogeologico

Il Regio Decreto Legislativo 30 dicembre 1923, n. 3267, “Riordinamento e riforma della legislazione in
materia di boschi e terreni montani”, tuttora in vigore, sottopone a vincolo per scopi idrogeologici i terreni di
qualsiasi natura e destinazione che, per effetto di dissodamenti, modificazioni colturali ed esercizio di pascoli
possono con danno pubblico subire denudazioni, perdere la stabilità o turbare il regime delle acque. Detto
vincolo è rivolto a preservare l’ambiente fisico, evitando che irrazionali interventi possano innescare
fenomeni erosivi, segnatamente nelle aree collinari e montane, tali da compromettere la stabilità del
territorio. La normativa in parola non esclude, peraltro, la possibilità di utilizzazione delle aree sottoposte a
vincolo idrogeologico, che devono in ogni modo rimanere integre e fruibili nel rispetto dei valori paesaggistici
dell’ambiente. Per quanto concerne il territorio circostante l’area urbana, si rappresenta che le zone
interessate dal regime vincolistico in argomento riguardano per intero il Parco delle Chiese Rupestri, ad
oriente della Gravina di Matera, la zona estesa fra Serra Rifusa e Serretello, a nord dell’abitato, e gran parte
del declivio che fiancheggia il margine occidentale del capoluogo (tavola 1).

13
2.2.2 Vincoli beni culturali e paesaggistici

Il "Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137",
emanato con Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, tutela sia i beni culturali, comprendenti le cose
immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e
bibliografico, sia quelli paesaggistici, costituenti espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici
ed estetici del territorio.
Per quanto concerne le bellezze artistiche, nel territorio di Matera sono sottoposte a salvaguardia alcune
importanti masserie, in qualche caso ubicate in prossimità dell’area urbana, rappresentative delle attività
agro-pastorali sviluppatesi nell’area in esame.
Fra i beni paesaggistici vanno annoverati, ai sensi dell’articolo 136 della citata normativa, le bellezze naturali,
le singolarità geologiche e le bellezze panoramiche.
Nello specifico, l’articolo 142 del Decreto Legislativo 42/ 2004, stabilisce che, nelle more dell’approvazione
dei piani paesaggistici, sono tutelati:
- i territori contermini ai laghi compresi in una fascia di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori
elevati sui laghi;
- i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle
acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o
piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;
- i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi;
- i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a
vincolo di rimboschimento, come definiti dall'articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001,
n. 227.
Per le finalità cui è rivolta la presente relazione si precisa che il vincolo paesaggistico riguarda la Gravina di
Matera, ivi compreso l’affluente Torrente Iesce, la Gravina di Picciano, il Lago S. Giuliano ed il Fiume
Bradano.
Vale la pena evidenziare, ancorché in assenza di piani paesaggistici, che il successivo articolo 143 richiede
particolare attenzione alla salvaguardia dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO,
come è il caso di Matera.

2.2.3 Vincolo Rischio Idrogeologico

La difesa del territorio dalle frane e dalle alluvioni rappresenta una condizione prioritaria per la tutela della
vita umana, dei beni ambientali e culturali, delle attività economiche e del patrimonio edilizio.
Al fine di contrastare l’incalzante susseguirsi di catastrofi idrogeologiche sul territorio nazionale sono stati
emanati una serie di provvedimenti normativi, di cui il primo e più importante riferimento è rappresentato
dalla Legge 18 maggio 1989 n. 183, Norme per il riassetto organizzativo e funzionale sulla difesa del suolo.
Detta legge ha tra i suoi obiettivi: la difesa del suolo, il risanamento delle acque, la fruizione del patrimonio
idrico per gli usi di razionale sviluppo economico e sociale nonché la tutela dell’ambiente. La normativa citata
individua nel bacino idrografico l’ambito fisico di riferimento per il complesso delle attività di pianificazione, in
tal modo superando le problematiche connesse alle delimitazioni territoriali di ordine amministrativo.
L’articolo 17 della Legge 183/89 ha stabilito che “i Piani di Bacino Idrografico possono essere redatti ed
approvati anche per sottobacini o per stralci relativi a settori funzionali”. Il primo Piano Stralcio funzionale del

14
Piano di Bacino è costituito dal Piano Stralcio per la Difesa dal Rischio Idrogeologico, in quanto la
definizione del detto rischio è prioritario nel contesto delle attività conoscitive e di programmazione previste
dalla legge in parola.
A seguito dell’evento calamitoso di Sarno è stato emanato il D.L. 11 giugno 1998 n. 180 (“Misure urgenti per
la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione
Campania”), convertito e modificato dapprima dalla Legge 267/98 e, in seguito, dalla Legge 226/99. Le
norme citate hanno introdotto l’obbligo di adozione ed approvazione, da parte delle Autorità di Bacino
nazionali, regionali ed interregionali o delle regioni stesse, dei Piani Stralcio per l’Assetto Idrogeologico
(PAI). Da ultimo, il D.L. 12 ottobre 2000 n. 279, convertito nella legge 11 dicembre 2000 n. 365 (“Interventi
urgenti per le aree a rischio idrogeologico molto elevato e in materia di protezione civile, nonché a favore di
zone colpite da calamità naturali”) ha stabilito che i Piani Stralcio per l’Assetto Idrogeologico dovessero
essere predisposti entro il 30 aprile 2001. Detti Piani devono in particolare contenere l’individuazione delle
aree a rischio idrogeologico e la perimetrazione delle aree da sottoporre a misure di salvaguardia, nonché le
misure medesime. Nello specifico, tale strumento di pianificazione fornisce i criteri per l’individuazione, la
perimetrazione e la classificazione delle aree a rischio da frana e da alluvione, tenuto conto, quali elementi
essenziali per l’individuazione del livello di pericolosità, della localizzazione e della caratterizzazione di eventi
avvenuti nel passato riconoscibili o dei quali si ha, al momento, cognizione.
I Piani Stralcio per l’Assetto Idrogeologico, elaborati dalla Autorità di Bacino, producono efficacia giuridica
rispetto alla pianificazione di settore, ivi compresa quella urbanistica, ed hanno carattere immediatamente
vincolante per le amministrazioni ed Enti Pubblici nonché per i soggetti privati, ai sensi dell’articolo 17 della
Legge 183/89.
Ciò premesso, si osserva, con riferimento al territorio considerato per le finalità in argomento, che la Gravina
di Matera è classificata a rischio idrogeologico molto elevato (R4), trattandosi di “un’area in cui è possibile
l’instaurarsi di fenomeni tali da provocare la perdita di vite umane e/o lesioni gravi alle persone, danni gravi
agli edifici ed alle infrastrutture, danni al patrimonio ambientale e culturale, la distruzione di attività socio-
economiche”.
I versanti acclivi di Serra Rifusa (figura 1), ubicata nella zona settentrionale di Matera, presentano luoghi con
condizioni di rischio idrogeologico moderato (R1). In tale contesto areale si ritiene “possibile l’instaurarsi di
fenomeni comportanti danni sociali ed economici marginali al patrimonio ambientale e culturale”. Vale la
pena precisare che il medesimo rischio è stato riscontrato anche nel centro abitato in corrispondenza del
versante, esposto ad oriente, che insiste per un certo tratto su Via Castello, Via Lucana e Giardino Porcari
(figura 2). Si rammenta, peraltro, che nelle aree a rischio moderato sono consentiti gli interventi di restauro e
di risanamento conservativo (Norme di Attuazione del PAI, articolo 17, punto 3.1), gli interventi di nuova
costruzione, di ampliamento e completamento di opere esistenti, realizzati con modalità che non determinino
situazioni di pericolosità idrogeologica (N.A., articolo 19, punto 3.1), come pure interventi diretti di
edificazione, completamento o ampliamento di opere esistenti (N.A., articolo 19, punto 3.2), purché
supportati da idonee indagini geologiche, geotecniche e da verifiche delle condizioni di stabilità dell’area.
Il versante che digrada ad occidente di Matera è classificato piuttosto diffusamente, soprattutto in
corrispondenza del Torrente Pizzicanniello (figura 3), a rischio moderato (R1) e, talora, medio (R2).
Quest’ultima classe di rischio si riferisce ad “aree in cui è possibile l’instaurarsi di fenomeni comportanti
danni minori agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale, che non pregiudicano le attività

15
economiche e l’agibilità degli edifici”. Il regime vincolistico sotteso dalla classe di rischio R2 comporta, ai
sensi dell’articolo 18, punto 3.2 delle Norme di Attuazione, la richiesta di parere di compatibilità idrogeologica
per finalità edilizie da sottoporre all’Autorità di Bacino, previo studio specifico.

Figura 1 – Rischio Idrogeologico Moderato (R1) presso Serra Rifusa

legenda
rischio idrogeologico
Aree a rischio idrogeologico elevato
Aree a rischio idrogeologico medio
Aree a rischio idrogeologico moderato

R.U. zone di espansione


AMN
Ambiti
città consolidata

Figura 2 – Rischio Idrogeologici Moderato (R1) nel centro abitato di Matera

legenda
rischio idrogeologico
Aree a rischio idrogeologico elevato
Aree a rischio idrogeologico medio
Aree a rischio idrogeologico moderato

R.U. zone di espansione


AMN
Ambiti
città consolidata

16
Figura 3 – Rischio Idrogeologici Moderato (R1) e medio (R2) presso il torrente Pizzicanniello

legenda
rischio idrogeologico
Aree a rischio idrogeologico elevato
Aree a rischio idrogeologico medio
Aree a rischio idrogeologico moderato

R.U. zone di espansione


AMN
Ambiti
città consolidata

2.2.4 Vincolo sismico

I dati disponibili in ordine alla sismicità, sia storica che strumentale, del territorio lucano evidenziano
situazioni di pericolosità sismica assai differenziate da luogo a luogo, in relazione alla peculiare struttura
geologica della regione.
Le aree più frequentemente interessate nel tempo da epicentri di eventi sismici con magnitudo superiore a 5
sono distribuite prevalentemente nella zona occidentale della Basilicata, ovvero lungo l’arco appenninico.
Nell’area detta si individuano due faglie principali a direzione appenninica, precisamente quella irpino-lucana
e quella della Val d’Agri, che spiccano per la maggiore intensità assunta dagli scuotimenti sismici, e una
nutrita serie di faglie minori in direzione antiappenninica. Queste ultime risultano responsabili di numerosi
eventi di più bassa energia, che tuttavia presentano periodi di ritorno più brevi. Nell’area detta la carta della
massima intensità macrosismica (Imax), elaborata dal Gruppo Nazionale Difesa Terremoti e dall’Istituto
Nazionale di Geofisica sulla base della serie storica di informazioni e, per gli anni più recenti, di misurazioni
acquisite nel periodo 1000÷1990, denuncia valori superiori a 10.
Nella parte orientale della Basilicata, occupata dai depositi sciolti dell’avanfossa bradanica, l’attività sismica
è assai meno sviluppata. Per quanto concerne il territorio di Matera, la massima intensità macrosismica
risulta pari a 7.
Studi recenti, eseguiti tenendo conto sia dei dati storici che delle rilevazioni strumentali effettuate nell’arco di
circa venti anni dall’Osservatorio Sismologico dell’Università di Bari, hanno individuato talune potenziali
strutture sismogenetiche nel territorio murgiano in prossimità dell’area bradanica.
In tale ordine di idee sussistono fondati motivi per temere la riattivazione delle dette strutture a seguito di
importanti eventi sismici che potrebbero originarsi nelle regioni attigue.

17
La circostanziata valutazione dei dati disponibili, aggiornati sulla base dei terremoti verificatisi negli ultimi
decenni, rendono merito del fatto che il territorio di Matera, in passato non considerato nel novero dei comuni
a rischio, è stato definito Zona 3 nella recente classificazione sismica del territorio nazionale, stabilita in forza
dell’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003, n. 3274, modificata in un primo
tempo dall’O.P.C.M. 2 ottobre 2003, n. 3316 e successivamente dall’O.P.C.M. 3 maggio 2005, n. 3431, tutte
riguardanti la classificazione sismica del territorio nazionale e le normative tecniche per le costruzioni in zona
sismica.

2.2.5 Rete Natura 2000

Natura 2000 è il nome che il Consiglio dei Ministri dell’Unione Europea ha assegnato ad un sistema
coordinato e coerente (una «rete») di aree destinate alla conservazione della diversità biologica presente nel
territorio dell’Unione stessa ed in particolare alla tutela di una serie di habitat e specie animali e vegetali
indicati negli allegati I e II della direttiva «Habitat».
La creazione della rete Natura 2000 è infatti prevista dalla direttiva europea n. 92/43/CEE del Consiglio del
21 maggio 1992 relativa alla «conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna
selvatiche», comunemente denominata direttiva «Habitat». L’obiettivo della direttiva è però più vasto della
sola creazione della rete, avendo come scopo dichiarato di contribuire a salvaguardare la biodiversità
mediante attività di conservazione, non solo all’interno delle aree che costituiscono la rete Natura 2000, ma
anche con misure di tutela diretta delle specie la cui conservazione è considerata un interesse comune di
tutta l’Unione.
La direttiva Habitat ha creato per la prima volta un quadro di riferimento per la conservazione della natura in
tutti gli Stati dell’Unione. In realtà però non è la prima direttiva comunitaria che si occupa di questa materia.
E’ del 1979 infatti un’altra importante direttiva, che rimane in vigore e si integra all’interno delle previsioni
della direttiva Habitat, la cosiddetta direttiva «Uccelli» (79/409/CEE, concernente la conservazione degli
uccelli selvatici). Anche questa prevede, da una parte, una serie di azioni per la conservazione di numerose
specie di uccelli, indicate negli allegati della direttiva stessa, e dall’altra, l’individuazione da parte degli Stati
membri dell’Unione di aree da destinarsi alla loro conservazione, le cosiddette Zone di Protezione Speciale
(ZPS). Già a suo tempo dunque la direttiva Uccelli ha posto le basi per la creazione di una prima rete
europea di aree protette, in quel caso specificamente destinata alla tutela delle specie minacciate di uccelli e
dei loro habitat.
In considerazione dell’esistenza di questa rete e della relativa normativa, la direttiva Habitat non comprende
nei suoi allegati gli uccelli ma rimanda alla direttiva omonima, stabilendo chiaramente però che le Zone di
Protezione Speciale fanno anche loro parte della rete.
Natura 2000 è composta perciò di due tipi di aree che possono avere diverse relazioni spaziali tra loro, dalla
totale sovrapposizione alla completa separazione a seconda dei casi: le Zone di Protezione Speciale
previste dalla direttiva Uccelli e le Zone Speciali di Conservazione previste dalla direttiva Habitat. Queste
ultime assumono tale denominazione solo al termine del processo di selezione e designazione. Fino ad
allora vengono indicate come Siti di Importanza Comunitaria proposti (pSIC).

18
L’area del Comune di Matera comprende parte dei SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135 e “Lago San
Giuliano e Timmari” IT9220144 per la proposta dei quali, limitatamente alle specie vegetali ed agli Habitat di
interesse comunitario (Allegato I e II della Direttiva 92/43/CEE sostituiti da Allegato I e II della Direttiva
97/62/CEE; Allegato A e B, D.P.R. 8 settembre 1997, n. 357 sostituiti con Allegato A e B del D.M. Ambiente
del 20 gennaio 1999), sono stati individuati gli Habitat di seguito riportati.

SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135


(*) 6210 - Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo
(Festuco-Brometalia) (stupenda fioritura di orchidee)
6310 – Foreste di Querce sempreverdi

SIC/ZPS “Lago san Giuliano e Timmari” IT9220144


3150 – Laghi eutrofici naturali con vegetazione a Magnopotamion o Hydrocharition
(*) 6220 - Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea

(*) Habitat definiti prioritari ai sensi della Direttiva 92/43/CEE: habitat in pericolo di estinzione sul territorio
degli Stati membri, per la cui conservazione l'Unione Europea si assume una particolare responsabilità.

I SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135 e “Lago San Giuliano e Timmari” IT9220144 sono localizzati per
buona parte della loro superficie nel comune di Matera, coincidenti rispettivamente per quasi tutto il loro
perimetro comunale con le aree protette “Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese
rupestri del materano” e “Riserva Naturale Regionale San Giuliano”. Come detto sopra (paragrafi 3.2.1 e
3.2.2) la loro gestione, affidata nel primo caso ad un apposito Ente Gestore e nel secondo caso alla
Provincia di Matera, si basa rispettivamente sul Piano del Parco e sul Regolamento di Gestione.

3 Inquadramento ambientale
La zona di studio è caratterizzata dall’essere compresa nel più vasto complesso della Murgia Materana,
costituito da un sistema di altopiani caratterizzato da una rilevante ossatura calcarea di origine organogena
con una geomorfologia tipicamente carsica con lame e forre, particolarmente sviluppate sul versante
meridionale del sistema murgiano, che ha una altezza media di 500 m. s.l.m..
Al suo interno spicca la struttura urbana di Matera che si caratterizza sia per la sua dimensione (3 Km di
fianco di gravina urbanizzata) sia per il suo posizionamento, alle confluenze tra la gravina di Matera e di
Jesce, con interessanti manifestazioni carsiche (coni, valli sospese, strapiombi, terrazze). Tale morfologia è
stata addomesticata dall’uomo per fini abitativi già nel neolitico ma è a partire dal medioevo fino al periodo
barocco che si configurano le opere di maggior bellezza architettonica, in cui la morfologia carsica si fa
senza quasi soluzione di continuità architettura e città assumendo ben precisi connotati stilistici e culturali.
La posizione della città di Matera è sicuramente strategica visto che occupa tutto l’arco occidentale
dell’altipiano murgico, costituendone un preciso elemento dominante del paesaggio.
Gli elementi propri dell’impronta antropica storica possono essere così sinteticamente riassunte:
- il sistema dei villaggi trincerati neolitici posizionati al margine settentrionale dello zoccolo murgico
materano, ed in posizione elevata rispetto alle “Matine” coltivate;

19
- il sistema delle abitazioni e delle chiese rupestri che si sviluppa lungo le pendici più ripide
riadattando cavità naturali e intervallandosi con terrazzamenti un tempo coltivati;
- il sistema delle aziende rurali cerealicolo-pastorali che rappresentano la tipologia più diffusa di
paesaggio caratterizzandosi per le estese coltivazioni di graminacee ed in parte per l’allevamento
ovino;
- il sistema delle cave di estrazione di materiali da costruzione, che si trova in prossimità del centro
urbano, con prevalenza nella zona Nord di Matera, e che acquista anch’essa una forte connotazione
paesaggistica se riferito agli aspetti storici, ma che per le attuali cave attive, e per le modalità di
“coltivazione delle stesse” rappresenta una rilevante valenza negativa.
Nel corso dell’ultimo millennio il territorio è stato profondamente modificato dalle attività umane e la stessa
città di Matera è il risultato di questa profonda interazione tra l’uomo e le caratteristiche di un ambiente
fortemente condizionato da una diffusa aridità climatica ed edafica..
L'intenso e millenario uso del territorio con pratiche agro-pastorali ha profondamente modificato l'originario
assetto paesaggistico che attualmente risulta caratterizzato da estese superfici a pascolo che occupano
coltivi abbandonati e cespuglieti con specie della macchia mediterranea che progressivamente invadono
pascoli e coltivi non più utilizzati o si affermano negli stadi di post-incendio frequenti nelle aree ancora
boscate.
Gli habitat in migliore stato di conservazione sono localizzati nelle inaccessibili pareti delle forre e delle
gravine.

3.1 Assetto climatico (da Valutazione di Incidenza relativa al PRG “99” della città di Matera)
Il clima di Matera ha carattere sostanzialmente "mediterraneo" con estati calde ed asciutte e inverni miti e
relativamente umidi mentre per le due stagioni di passaggio si osserva un’autunno stabile e piuttosto mite e
piovoso rispetto alla primavera. Il tepore degli inverni, le precipitazioni scarse, la ventosità e lo splendore e la
luminosità del cielo anche nel cuore dell'inverno sono le caratteristiche climatiche comuni un po' a tutto il
territorio a cavallo tra Puglia e Basilicata. I venti umidi provengono da sud-est (scirocco) e da sud-ovest
(libeccio), ma non mancano le giornate invernali in cui i venti di nord e nord-est, gelidi, secchi e violenti
provocano bruschi abbassamenti di temperatura. La tramontana e lo scirocco, nel loro alternarsi, sono a loro
volta importanti fattori per la vegetazione. La prima con effetti piuttosto negativi per il disseccamento delle
gemme, il secondo in generale positivo perché apportatore di umidità.
Fenomeno molto comune sono diventate le nebbie soprattutto nella stagione autunno-invernale e che
durante i periodi di siccità si configurano come vere e proprie piogge occulte. La neve è abbastanza rara e
comunque effimera. L'influenza del clima atlantico con i suoi periodi di piogge si fa sentire soprattutto nel
semestre ottobre-marzo. La grande eterogeneità di ambienti determinano, sia per le diverse esposizioni della
avanfossa bradanica e dei pianori e dei versanti delle gravine, sia per i giochi di correnti locali notevoli
differenze di temperature e di umidità, tali da creare diversi tipi di sottoclimi e microclimi. Tutto questo non fa
altro che sottoporre gli apparati biologici delle piante a severi adattamenti che selezionano e creano
polimorfismo nelle piante che interessano l'habitus, le dimensioni, la tormentosità, le varie forme pulvinate,
reptanti ecc…

20
A causa della diffusa ventosità presente un po' in tutte le stagioni, la forma pulvinata è il tipo di adattamento
più diffuso ed interessa piante quali il lentisco, l'euforbia spinosa, il timo arbustivo, la santoreggia montana,
l'elicriso italico ecc. Dai dati dell'Ufficio Idrografico dello Stato relativi ai periodi 1931-41 e 1951-69 si ricava
che le precipitazioni sono mediamente pari a 588,3 mm e distribuite in 75,3 giorni piovosi, con due picchi
stagionali: uno nel mese di novembre con mm 74,9 di pioggia ed uno nel mese di gennaio con 62,3 mm di
pioggia. Durante l'estate (eccezion fatta per alcuni scrosci improvvisi, di breve durata e a carattere
temporalesco), le precipitazioni sono quasi inesistenti, risultando di appena 28,5 mm. Il valore della
temperatura media del trentennio considerato è di 15,0 °C, con una media massima di 25,3 °C nel mese di
luglio e una media minima di 6,5 °C registrata nel mese di gennaio. Dalla elaborazione dei dati relativi ai
valori medi delle temperature e delle precipitazioni del trentennio considerato, è stato ricavato il diagramma
ombrotermico secondo Bagnouls e Gaussen (figura 4).
Dall’osservazione del grafico si evince l'impronta tipicamente mediterranea del clima, con un lungo periodo
secco che mostra una durata di quattro mesi e va all'incirca dalla prima decade di giugno fino a circa metà
settembre. Normalmente il massimo di temperatura si ha in luglio, il minimo in gennaio, mentre il massimo di
piovosità è in novembre, con un minimo in luglio e agosto. Questo andamento climatico è in pieno accordo
con la elevata presenza di una vegetazione di tipo sclerofillico, dato il periodo di aridità estivo, con larga
presenza di specie più mesofile, giustificate dalla presenza di inverni più freschi ed estati meno aride rispetto
alla condizione tipica della fascia di vegetazione termofila costiera.

50

45

40

35

30

25

20

15

10

0
gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic

Temperature medie (C°) Precipitazioni medie (mm)

Figura 4 – Diagramma ombrometrico (climogramma).

21
Di seguito si riportano i grafici relativi a diversi apetti climatici individuati per l’area in oggetto con
riferimento alle principali stazioni meterologiche delle aree limitrofe a quella in oggetto.

22
23
3.2 Assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico
Il territorio in esame, posto a cavallo fra la Fossa bradanica e l’Avampaese apulo, manifesta caratteri
geologici e morfologici assai peculiari e tipici di entrambe le unità morfostrutturali. A tal riguardo giova
precisare che la Fossa bradanica rappresenta un’ampia depressione strutturale allungata in direzione NO-
SE, fiancheggiata verso sud-ovest dall’Appennino meridionale e verso nord-est dalle Murge. In seno a detta
depressione si sono formati depositi clastici plio-pleistocenici, prevalentemente argillosi, con assetto
tabulare. L’Avampaese apulo, che sottende le unità fisiografiche del Gargano, delle Murge e del Salento,
corrisponde alla regione ubicata ad oriente della catena sudappenninica non raggiunta dalle deformazioni
orogeniche. Nelle aree citate affiora una potente serie calcareo-dolomitica di età mesozoica, la cui origine
viene ascritta allo sviluppo della cosiddetta piattaforma carbonatica apula.
Le peculiarità geologiche che caratterizzano la fascia di transizione fra la Fossa bradanica e l’Avampaese
apulo hanno favorito in epoca storica gli insediamenti rupestri, scavati nelle calcareniti che si affacciano sulla
Gravina di Matera, e successivamente lo sviluppo del rione Sassi. In tale ordine di idee è significativo che
l’area in parola, sede del Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del
materano, sia stata considerata meritevole di appartenere al novero dei geositi della Basilicata in occasione
di taluni convegni all’uopo organizzati.
Per quanto concerne le condizioni geologiche dell’area in esame, di seguito descritte, si è fatto riferimento
sia alla cartografia geologica ufficiale, sia a talune note specialistiche. Ulteriori elementi di valutazione sono
stati dedotti dallo studio geologico eseguito a supporto della Variante al Piano Regolatore Generale (1999),
opportunamente integrati sulla scorta di mirati rilevi in sito.

3.2.1 Inquadramento geologico

L’impalcatura geologica fondamentale dell’area in argomento è rappresentata dalla successione di strati


calcareo-dolomitici del Cretaceo su cui poggiano i depositi marini del ciclo sedimentario plio-pleistocenico.
Il basamento calcareo-dolomitico cretaceo, riferibile alla formazione del “Calcare di Altamura”, affiora ad
oriente di Matera a partire dalla gravina omonima e in corrispondenza di quelle incisioni erosive che più
profondamente solcano il territorio investigato. Fra queste vale la pena citare le depressioni vallive prodotte
dal Torrente Gravina e dal Fiume Bradano a valle rispettivamente del Borgo La Martella e della Diga di S.
Giuliano.
La formazione in argomento è costituita da una successione di calcari a grana medio-fine, calcari fossiliferi e
subordinatamente calcari dolomitici e dolomie.
La sequenza in esame è, inoltre, caratterizzata, segnatamente nell’intervallo superiore, dalla presenza
piuttosto diffusa di macrofossili, in prevalenza Rudiste.
L’ambiente di sedimentazione è neritico-biostromale con episodi salmastri e, talora, probabili interruzioni
della sedimentazione testimoniate da livelli di calcare brecciato.
Lo spessore complessivo di tale unità geologica risulta ragguardevole, dell’ordine di ca. 800÷900 metri.
Le superfici di separazione tra i vari strati sono per lo più ben marcate e reciprocamente piano-parallele. Gli
strati, dello spessore variabile da qualche cm al metro, sono attraversati da una fitta rete di fratture che
hanno in vario grado condizionato lo sviluppo di forme carsiche.

24
Dal punto di vista geologico-strutturale il substrato calcareo-dolomitico cretaceo della Fossa Bradanica
nell’area materana è caratterizzato da un complesso sistema a horst e graben (alti e bassi tettonici). Ad onta
del fatto che la gran parte delle faglie della regione in esame sono sepolte dai depositi clastici plio-
pleistocenici, quelle rilevate, laddove il basamento calcareo-dolomitico è affiorante per erosione dei terreni di
copertura e, soprattutto, quelle che interessano la Gravina di Matera, mostrano direzione NO-SE e, in via
subordinata, NE-SO.
Sui calcari del Cretaceo giacciono in trasgressione, con discordanza angolare, i depositi marini del ciclo
sedimentario plio-pleistocenico il cui termine basale è costituito dalla “Calcarenite di Gravina”.
Questa unità, di età calabriana, affiora prevalentemente nelle parti più elevate delle gravine, nelle porzioni
del territorio interessate da solchi erosivi e lungo la fascia pedemontana delle Murge. I caratteri di detto
litotipo sono ben rilevabili in corrispondenza delle cave dismesse di “tufo” calcareo, piuttosto numerose nella
zona settentrionale e meridionale dell’area urbana. Si tratta di una roccia calcarea granulare, massiccia o
con irregolari accenni di stratificazione, tenera e porosa, di colore giallastro e fossilifera. Lo spessore
accertato, che talora raggiunge 30 metri, è condizionato dallo sviluppo variabile da luogo a luogo dei
fenomeni erosivi esplicatisi in ambiente subaereo.
La “Calcarenite di Gravina” passa sia verso l’alto, in concordanza, che eteropicamente, ai margini della
Fossa Premurgiana, alle “Argille subappennine”, anch’esse di età calabriana, ben rappresentate nel territorio
di Matera.
Detta formazione è costituita da limi e argille, più o meno sabbiose, di prevalente colore grigio-azzurro e a
stratificazione spesso mal distinta; nelle assise superiori della formazione si rilevano non raramente piccole
lenti sabbiose
Le “Argille subappennine” affiorano, con spessori variabili, nella zona di Serra Rifusa, nei rioni Spine
Bianche, Maccamarda, Villa Longo, poco a nord di località Le Piane, ad occidente di Serra Venerdì e nella
zona Belvedere, ove manifesta uno spessore massimo dell’ordine di 80 metri.
La serie marina della Fossa Bradanica continua verso l’alto con un livello di sabbie quarzose e calcaree, a
luoghi cementate, di colore prevalentemente giallastro, talora rossastro, contenenti a luoghi una non
trascurabile frazione fine o vere e proprie lenti limose e/o argillose. Detta unità, nota con la denominazione di
“Sabbie di Monte Marano”, si presenta in continuità di sedimentazione con i predetti terreni argillosi ed è
spesso ricca di fossili; l’associazione faunistica consente di attribuirne l’età al Calabriano.
I litotipi descritti vengono a giorno in corrispondenza di limitati affioramenti rinvenuti al Rione Giustino
Fortunato, al Castello, nonché sulle elevazioni denominate Serra Rifusa e Serra Venerdì. Le “Sabbie di
Monte Marano” sono eteropiche con le “Calcareniti di Monte Castiglione” (Calabriano). Queste ultime,
affioranti sulla Serra Venerdì, comprendono biocalcareniti e biocalciruditi piuttosto cementate e a tratti ben
stratificate in banchi di spessore anche superiore a 2 metri. I fossili, perlopiù costituiti da frammenti di gusci,
sono abbondanti e spesso rappresentano l’intero deposito (panchina). L’ambiente di deposizione è litorale.
Nell’insieme lo spessore delle sabbie e delle calcareniti dianzi illustrate è grossomodo pari a 8÷10 metri.
La successione stratigrafica prosegue nelle assise superiori con le “Sabbie dello Staturo” del Villafranchiano,
rilevate in lembi assai circoscritti di spessore dell’ordine di 2 metri nelle località di Serra Rifusa, Serra
Venerdì e Colonia Elioterapica. Trattasi di sabbie fini quarzoso-micacee, di origine alluvionale a
stratificazione incrociata e di colore perlopiù rossastro. Il ciclo regressivo della fossa Bradanica si chiude con
il “Conglomerato di Irsina”, anch’esso riferibile al Villafranchiano, individuato alla sommità dei rilievi dianzi

25
citati. Detti depositi, di esiguo spessore, sono costituiti da ghiaie e ciottoli poligenici arrotondati spesso
immersi in abbondante matrice sabbiosa.
Le fluttuazioni gladio-eustatiche del livello del mare ed i movimenti verticali del terreno verificatisi nel
Pleistocene hanno determinato sensibili variazioni del livello di base dei fiumi. Siffatte circostanze trovano
oggi riscontro nei depositi alluvionali terrazzati, affioranti in lembi sparsi risparmiati dall’erosione a varie
quote lungo le valli del Bradano e del Torrente Gravina e in corrispondenza della zona settentrionale del
territorio materano. Detti depositi sono in larga misura costituiti da ghiaie con lenti sabbioso-siltose.
Sui fondi vallivi delle Gravine di Matera e di Picciano e, piuttosto diffusamente, lungo il Pantano di S.
Candida e il Pantano di Iesce si rinvengono, infine, depositi alluvionali recenti ed attuali rappresentati da limi
sabbiosi e ciottolosi, talora con lenti di ghiaie in abbondante matrice sabbiosa.

3.2.2 Inquadramento geomorfologico

I tratti morfologici dell’area materana risentono dei variabili condizionamenti litologici e geostrutturali di cui si
è dianzi riferito. Nel peculiare contesto territoriale in esame ha assunto notevole rilievo l’azione modellatrice
del mare pleistocenico in regressione ed i successivi fenomeni erosivi esplicatisi in ambiente subaereo.
L’altopiano murgiano che si estende a nord della Via Appia Antica si raccorda ai terreni della vallata
bradanica attraverso una scarpata ben evidente. Detta discontinuità morfologica, corrispondente spesso al
gradino per faglia che limita a sud-ovest il blocco calcareo delle Murge, rappresenta l’antica fascia costiera
del mare di età calabriana.
L’attuale posizione della scarpata deriva con una certa frequenza dall’arretramento dell’originario piano di
faglia verificatosi a seguito dell’abrasione marina.
L’altopiano murgiano è inciso da solchi erosivi generalmente poco profondi e scarsamente gerarchizzati
(“lame”): tali depressioni sono perlopiù caratterizzate da fianchi netti e fondo piatto, sul quale è spesso
adagiata una coltre di terre rosse limoso-argillose.
Nell’ambito del vasto altopiano calcareo che si sviluppa ad oriente di Matera in direzione Laterza si osserva
una morfologia tipicamente carsica. La superficie di affioramento, che raggiunge al massimo la quota di 519
metri, si presenta in genere debolmente ondulata. L’altopiano appare segnato da campi carreggiati non
molto estesi, doline a contorno ovale o subcircolare, talora con diametro di qualche centinaio di metri, grotte
ed inghiottitoi carsici.
Detta zona, che ricade nel Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del
materano, è interessata, soprattutto ai margini del tavolato, da numerosi solchi erosivi, alcuni dei quali, come
il Torrente Gravina di Matera, assai profondi ed a pareti scoscese.
Le gravine si sono impostate sulle spianate formate dai depositi pleistocenici regressivi, certamente meno
permeabili e più erodibili delle sottostanti rocce calcareo-dolomitiche del Cretaceo. A seguito del
sollevamento neotettonico della regione, le dette incisioni, che oggi presentano uno sviluppo verticale di
parecchie decine o, addirittura, di qualche centinaio di metri, si sono via via approfondite, sino ad incassarsi
per fenomeni di sovraimposizione nel basamento mesozoico. Siffatte circostanze sono ben evidenziate dal
percorso a luoghi meandriforme della Gravina di Matera.

26
La presenza di disturbi tettonici e le modalità di formazione delle gravine si riflettono sull’andamento di tali
corsi d’acqua, che appare, talora piuttosto regolare e, a tratti, rettilineo, talaltra è caratterizzato da anse e
diversioni irregolari.
Un altro elemento morfologico di notevole importanza, che oltre tutto ha inciso sullo sviluppo degli
insediamenti rupestri in seno alle depressioni vallive, è rappresentato dai terrazzi fluviali. Questi sono
individuabili in più ordini laddove le gravine sono incise nelle calcareniti pleistoceniche. Per contro, non si ha
modo di rilevare gli stessi elementi morfologici allorquando le pareti rocciose delle forre sono costituite dai
calcari del Cretaceo, meno facilmente intaccabili.
Tutt’altra fisionomia assumono le aree interessate dai depositi clastici del ciclo sedimentario della Fossa
bradanica, ove la diffusa presenza di depositi sabbioso-calcarenitici e argillosi determina morfologie piuttosto
dolci.
L’assetto suborizzontale di tali depositi si manifesta nella forma tabulare dei rilievi, la cui superficie
sommitale rappresenta il colmamento della citata depressione strutturale, come si osserva, ad esempio, in
corrispondenza della collina di Timmari. A causa della diversa costituzione litologica dei terreni, i versanti
mostrano inclinazioni variabili in relazione a fenomeni di erosione differenziata. Nello specifico, la parte più
elevata dei dossi e dei rilievi collinari, generalmente rappresentata dal Conglomerato di Irsina e dalle Sabbie
dello Staturo, è limitata da un gradino subverticale. Segue verso il basso un tratto meno inclinato, perlopiù
costituito dalle Sabbie di Monte Marano o dalle Calcareniti di Monte Castiglione. A luoghi i margini dei rilievi
sono intaccati più o meno sensibilmente per la formazione di frane, come si rileva in località Serra Rifusa.
Laddove affiorano le argille Subappennine, facilmente erodibili, possono riscontrarsi condizioni diversificate
di degradazione del suolo. Le zone blandamente o moderatamente acclivi sono, talora, segnate da fenomeni
di erosione concentrata e/o accelerata mentre i declivi più ripidi possono manifestare veri e propri fenomeni
di instabilità. Detti fenomeni sono stati in particolare osservati nell’area di Matera in località Belvedere,
Sgarrane e Pizzicaniello.

3.2.3 Ambiente idrico: acque superficiali e acque sotterranee

Il deflusso delle acque superficiali ed il regime dei corsi d’acqua sono influenzati dal variabile grado di
permeabilità dei terreni affioranti e dalla proporzione fra aree impegnate da litotipi permeabili e impermabili.
Nell’area in esame le portate idriche dei corsi d’acqua sono generalmente piuttosto ridotte per il sensibile
assorbimento esercitato dalle formazioni affioranti. Le sabbie sono permeabili per porosità, le calcareniti
sono permeabili, ancorché blandamente, per porosità e, talora, per fratturazione mentre i limi e le argille
sono pressoché impermeabili. L’ammasso roccioso calcareo-dolomitico del Cretaceo è, invece, permeabile
per fessurazione e per carsismo.
In tale ordine di idee si osserva che le lame dell’altopiano murgiano, spesso scarsamente ramificate, non
manifestano generalmente una attiva circolazione idrica e solo in occasione di precipitazioni meteoriche
particolarmente intense o prolungate possono raccogliere apprezzabili volumi idrici. Il reticolo idrografico
appare, invece, piuttosto sviluppato ed articolato nell’area bradanica, segnatamente laddove affiorano terreni
limoso-argillosi essenzialmente impermeabili.

27
Nell’ambito dei bacini imbriferi del Torrente Gravina di Matera, ivi compreso il Pantano di S. Candida e il
Pantano di Iesce, e del Torrente Gravina di Picciano, sono ben rappresentati tutti i litotipi dianzi descritti (cfr.
par. 4.2.1).
Il regime di questi corsi d’acqua è spiccatamente torrentizio. Deflussi idrici apprezzabili e relativamente
regolari si registrano generalmente nel semestre autunno-invernale, di regola caratterizzato da precipitazioni
meteoriche piuttosto abbondanti. Nel periodo siccitoso estivo le portate sono, invece, assai esigue o, talora,
nulle.
Vale la pena osservare che i citati corsi d’acqua costituiscono il recapito finale di tutti gli impianti di
depurazione dei reflui civili di Matera, compresi quelli di Borgo Venusio e Borgo La Martella, gestiti
dall’Acquedotto Lucano, degli impianti di trattamento degli effluenti a servizio delle aree industriali e di taluni
impianti di depurazione di reflui civili e industriali privati. Oltre a ciò, si ha notizia di numerosi scarichi
autorizzati di acque meteoriche, soprattutto nelle aree extraurbane, riguardanti in qualche caso siti utilizzati
per attività produttive quali, ad esempio, impianti di distribuzione carburanti.
Siffatte circostanze suggeriscono che le portate idriche fluenti nelle gravine sono per lunghi periodi dell’anno
rappresentate, in via prevalente se non esclusiva, dagli scarichi degli impianti di depurazione.
La presenza e gli effetti di tali scarichi saranno oggetto di circostanziate valutazioni, allorquando il Piano
Stralcio del bilancio idrico e del minimo deflusso vitale, già redatto dall’Autorità di Bacino per i principali fiumi
della Basilicata, dovrà riguardare anche le gravine di Matera.
Sulla base delle informazioni acquisite presso l’Acquedotto Lucano, si segnala che i depuratori cittadini sono
all’attualità appena in grado di sopperire alle ordinarie condizioni di esercizio, risultando assolutamente
inadeguati in occasione di sversamenti irregolari nella rete fognaria, spesso rappresentati da acque di
vegetazione di frantoi oleari. È ben ovvio che lo sviluppo urbanistico di Matera non potrà essere disgiunto da
mirati e non procrastinabili interventi finalizzati alla realizzazione di nuovi depuratori o di adeguamento e
potenziamento degli impianti esistenti.
Per quanto si riferisce allo smaltimento delle precipitazioni piovose, è d’uopo rilevare che la Regione
Basilicata non ha ancora emanato specifici provvedimenti normativi in materia di acque di prima pioggia e di
lavaggio delle aree esterne, come richiesto dall’articolo 39 del D. Lgs. 152/99 e novellato dal D. Lgs.
258/2000. Si rammenta, peraltro che la disposizione citata è stata abrogata e sostituita, nello specifico senza
sostanziali modificazioni, dall’articolo 113 del D. Lgs. 152/2006.
Si ha motivo di ritenere che le dette lacune normative, per un verso, e lo scarsissimo sviluppo dei collettori
pluviali o di tipo misto nell’area urbana, per l’altro, inducano comportamenti non sempre appropriati riguardo
la corretta l’immissione sul suolo, nel sottosuolo e nei corpi idrici superficiali delle acque meteoriche di
dilavamento. Nell’intero abitato, ad esempio, non risultano autorizzati scarichi di tale natura in
corrispondenza di rampe per l’accesso ai vani interrati degli edifici.
Le considerazioni esposte sono suffragate dal fatto che, con riferimento al D. Lgs. 152/99, la qualità
biologica del Fiume Bradano, valutata in più occasioni da enti e laboratori specializzati sulla base dell’indice
IBE e della concentrazione in nitrati, è risultata scadente.
Per quanto si riferisce alle acque sotterranee, le caratteristiche dianzi descritte di permeabilità dei terreni ed i
rapporti stratigrafici intercorrenti tra le formazioni presenti nel territorio studiato (cfr. par. 4.2.1) sono
all’origine delle condizioni idrogeologiche che ivi si riscontrano.

28
A) Falda superficiale
Circola prevalentemente nelle sabbie, laddove queste presentano ampio sviluppo areale, tamponate alla
base da depositi fini limoso-argillosi.
Detta falda è alimentata, per lo più nel periodo autunno-invernale, dalle acque di pioggia la cui infiltrazione
nel sottosuolo avviene in forma generalmente diffusa. La falda superficiale, caratterizzata da lenti movimenti
delle acque e da modesti contributi, è sottoposta ad emungimenti mediante pozzi a scavo nelle zone rurali.
Nell’area urbana di Matera, occupata da circoscritti e, talora, sottili lembi sabbiosi e da estese superfici
artificialmente impermeabilizzate, detta falda appare piuttosto effimera o del tutto assente.

B) Falda profonda
Nell’ambito territoriale considerato si esplica in seno al basamento calcareo-dolomitico mesozoico una
potente falda, denominata "profonda" o "principale".
I citati caratteri di permeabilità per fessurazione e per carsismo, variabili da luogo a luogo, conferiscono
all’acquifero una sensibile anisotropia idrogeologica, di talché ne risulta influenzata la stessa quota di
rinvenimento della falda: talvolta essa circola a pelo libero, a notevole profondità dal piano campagna,
talaltra si esplica in pressione al di sotto di orizzonti praticamente impermeabili.
Nell’area in argomento la falda profonda, provenendo dalle zone più elevate dell’entroterra murgiano,
defluisce in direzione del mare che rappresenta il livello base della circolazione idrica sotterranea.

3.3 Assetto biotico

3.3.1 Tipologie ambientali e di vegetazione

Dalla lettura della cartografia dell’uso del suolo (Sigria, 1999) e dalla carta della vegetazione del Parco
Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del materano (Piano del Parco, 2005), si
ricava che il territorio agricolo è prevalentemente utilizzato per seminativi, che occupano circa il 68% della
superficie comunale, a cui seguono, come superficie interessata, le zone boscate (17,64%), le praterie
(5,78%), le aree urbane (4,26%), gli oliveti, sia irrigui sia non irrigui, (2,3%), bacini di acqua (Lago San
Giuliano) (1,42%) e frutteti sia irrigui sia non irrigui (0,9%).
La vegetazione naturale è quindi rappresentata da zone boscate, in particolare da boschi cedui a Quercus
trojana, Quercus calliprinos e Quercus ilex, dalla vegetazione spontanea a macchia delle gravine, dai
rimboschimenti a Pinus halepensis e Cupressus sp. attorno al lago di San Giuliano, e dalle praterie, spesso
utilizzate a pascolo.
Le superfici e le percentuali rispetto alla superficie totale dei diversi usi del suolo del Comune di Matera sono
riportati in tabella 1 e rappresentati in Figura 5.

29
COLTURA ettari %
Seminativi 26.218,28 67,71
Zone boscate 6.829,96 17,64
Praterie 2.237,44 5,78
Aree Urbane 1.649,69 4,26
Oliveti 889,95 2,30
Bacini di acqua 548,77 1,42
Frutteti 349,94 0,90
totale 38.724,03
Tabella 1 – uso del suolo del Comune di Matera

30.000,00
25.000,00
20.000,00
15.000,00
10.000,00
5.000,00
0,00
e

i
ivi

ie

ti
et

ua

te
an
at

er
at

liv

cq

ut
sc

rb
at
in

Fr
ia
bo

Pr
m

U
Se

id
ee
ne

cin
Ar
Zo

Ba

Figura 5 – uso del suolo del Comune di Matera

Si riporta di seguito la descrizione delle principali componenti vegetazionali presenti nel territorio del Comune
di Matera.

3.3.1.1 Vegetazione della piattaforma carbonatica della Murgia Materana

La vegetazione della macchia mediterranea a prevalenza di sclerofille sempreverdi è ancora presente su


limitate superfici residuali localizzate prevalentemente lungo il bordo della gravina. Si tratta di vegetazione
arbustiva di origine secondaria derivata dalla progressiva rarefazione delle formazioni forestali di querce
quali il Fragno (Quercus troiana), la Quercia virgiliana (Quercus virgiliana) e la Coccifera (Quercus
coccifera), caratteristiche di relittuali formazioni forestali presenti in aree limitrofe alla città di Matera.
Della vegetazione di sclerofille si possono ritrovare due tipologie, derivanti dalla localizzazione dei diversi
popolamenti e dalla diversa influenza antropica. Il primo aspetto è caratterizzato da valori di copertura medio
elevati (> del 50%), con altezza degli arbusti dominanti di 4-5 m, che si rinviene in condizioni di limitato
disturbo antropico dovuto spesso alla localizzazione in stazioni poco accessibili o ad elevata rocciosità. La
macchia si presenta a prevalenza di Lentisco (Pistacia lentiscus), Alaterno (Rhamnus alaternus), Fillirea
(Phyllirea latifolia), Anagiride (Anagyris fetida), Ginestre (Spartium junceum, Coronilla emerus ssp.
emeroides, ), Olivo selvatico (Olea europea var.sylvestris), Terebinto (Pistacia terebinthus).

30
Nel secondo aspetto la vegetazione di macchia si presenta generalmente destrutturata ed impoverita nel
numero di specie, con copertura rada (< 50%) ed altezza degli arbusti variabile da 0,50 cm a 1-2 m.
La presenza di specie pirofile quali i Cisti (Cistus creticus ssp.eriocephalus, C. salvifolius, C. monspeliensis)
segnala la frequenza degli incendi, mentre su terreni subpianeggianti, ma ad elevata rocciosiosità affiorante
si differenziano aspetti di gariga con cespugli di bassa taglia di specie xerofile aromatiche quali Satureja
cuneifolia, Teucrium polium, Thymus spinulosus , Helichrysum italicum, Satureia montana, Rosmarinus
officinalis.
Nelle scarpate detritiche alla base delle rupi si localizzano addensamenti ad Euphorbia wulfenii, camefita
cespitosa, infestante in quanto rifiutata dagli animali al pascolo a causa dell’abbondante secrezione di lattice
tossico.
La presenza di una vegetazione arboreo-arbustiva, anche se in superfici ridotte e residuali ha un significato
di grande importanza per il ruolo di nuclei preforestali di ricostituzione degli ambienti boschivi attualmente
estremamente ridotti nel territorio materano in seguito ai tagli ed agli incendi.
Le attuali superfici forestali presenti nell’area del Comune di Matera, ancora presenti sul territorio, sono il
Bosco di Lucignano, il Bosco del Comune, Timmari, Picciano e Serra Pizzuta, residui di foreste ben più
estese di cui rimangono solo i toponimi.
Importanti risultano anche le siepi e macchie di Biancospino (Crataegus monogyna), Rose (Rosa sp.pl.),
Prugnolo selvatico(Prunus spinosa), Rovi (Rubus ulmifolius), Asparago selvatico (Asparagus acutifolius),
sparsi sui pianori parzialmente occupati da coltivi, per la loro funzione di mantenimento della biodiversità.

3.3.1.2 Vegetazione dei pascoli


Una tipologia vegetazionale estremamente importante dal punto di vista conservazionistico è rappresentata
da praterie aride seminaturali (xerobrometi) di origine secondaria ricavate dai diradamenti delle foreste e
della macchia mediterranea e mantenuti dall’uso agro-pastorale dei terreni, localizzata prevalentemente a
Est dell’abitato di Matera, nell’area interessata dal Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle
chiese rupestri del materano.
Molte di queste zone sono interessate dal pascolo per ovi-caprini e bovini durante tutto l’anno e sono spesso
percorse da incendi, ma rimane tuttavia elevato il loro valore biogeografico per la presenza di molte specie
endemiche rare o con stazioni disgiunte dall’areale principale. Tra queste Stipa austroitalica, Linum
thommasini Anthemis hydruntina e numerose orchidee mediterranee di rara bellezza (Ophrys apulica,
O.bertoloni, O, garganica, O. incubacea, O. lutea, O. apifera, ecc.,).
In situazioni di minore disturbo o dove sono presenti affioramenti rocciosi si differenziano aspetti di mosaico
dinamico con le garighe e la macchia mediterranea caratterizzati da cespugli a pulvino di Euphorbia spinosa,
Timo (Thymus spinulosum), Origano (Origanum heracleoticum), Issopo greco (Micrometria greca),
Santoreggia montana (Satureia montana).
In presenza di un elevato carico di bestiame, su terreni meno petrosi o più umidi per accumulo di suolo e
nitrati, le praterie subiscono fenomeni di degradazione della composizione floristica e del cotico erboso,
evidenziata dall’abbondanza di specie nitrofile (Ballota nigra, Urtica dioica), infestanti e spinose (Asphodelus
microcarpus, Carduus nutans, Eryngium campestre, Scolymus hispanicus, Asphodeline liburnica, A. lutea).
Queste specie non appetite dal bestiame, in tempi relativamente brevi tendono a prevalere sulle altre,
sostituendosi alla originarie e caratteristiche specie del pascolo.

31
Le praterie aride, pur fortemente ridotte e minacciate dalla pratica dello spietramento, rappresentano il tipo di
vegetazione attualmente più diffuso e caratteristico della Murgia Materana per l’originalità della
composizione floristica, molto diversa da quella delle circostanti colline argillose della Basilicata,
estesamente coltivate ed antropizzate.
Di grande interesse naturalistico ed antropologico, questi ambienti devono l’attuale assetto ecosistemico al
risultato dell’equilibrio raggiunto nel corso del tempo tra le condizioni edafoclimatiche e le attività agro-silvo-
pastorali delle popolazioni locali.

3.3.1.3 Vegetazione rupestre


Sugli affioramenti rocciosi dei versanti che degradano nella Gravina sono presenti fitocenosi caratterizzate
da casmofite che presentano adattamenti morfofisiologici alle condizioni ambientali particolarmente selettive
di questi habitat.
Gli ambienti rupestri si caratterizzano per le condizioni particolarmente conservative, in quanto
l’inaccessibilità dei luoghi e la scarsa antropizzazione favoriscono la protezione del popolamento floro-
faunistico che all’interno di questo territorio si presenta ovunque in buono stato di conservazione.
Molte specie floristiche presenti in questi habitat, sono veri e propri fossili viventi, relitti di flore arcaiche,
alcune definite "anfiadriatiche", in quanto presenti e abbondanti anche lungo le opposte coste adriatiche
della ex Jugoslavia, dell'Albania e della Grecia e diffuse in Italia solo in alcune regioni che si affacciano sul
Mar Adriatico tra cui Puglia e Basilicata limitatamente al territorio materano. Fanno parte di questo
contingente floristico specie come il Kummel di Grecia (Carum multiflorum), la Campanula pugliese
(Campanula versicolor), la Scrofularia pugliese (Scrophularia lucida), l’Alisso sassicolo (Aurinia saxatilis),
l'Atamanta siciliana (Athamanta sicula), il Raponzolo meridionale (Asyneuma limonifolium).
Nella flora rupestre sono presenti anche prestigiosi e rari endemismi come il Fiordaliso garganico (Centaurea
subtilis), specie esclusiva del Gargano e delle Murge fra Laterza e Matera, Otranto e la Sila e la Vedovina di
Basilicata (Centaurea centauroides), appariscente e raro endemismo dei substrati argillosi pure presente
nell'area del Parco (da sito internet www.parcomurgia.it).

3.3.1.4 Vegetazione delle zone umide


Lungo i torrenti che scorrono nelle gravina sono osservabili fitocenosi di piante igrofile che segnano la linea
di scorrimento anche nei periodi di siccità estiva.
Si tratta di popolamenti paucospecifici di idrofite a sviluppo prevalentemente invernale e primaverile (Apium
nodiflorum, Nasturtium officinale, Veronica anagallis-aquatica, ecc.,) alle quali localmente si associano elofite
quali le cannuccie (Phragmites australis) e la lisca (Typha latifolia).
Rarefatta e frammentaria risulta la vegetazione ad alberi e arbusti ripariali ridotta ad addensamenti di salice
bianco (Salix alba) con qualche sporadico esemplare di sambuco nero (Sambucus nigra).

Nella Riserva di San Giuliano un approfondimento a parte meriterebbero alcuni aspetti vegetazionali di
notevole interesse ecologico e fitogeografico, che sono rappresentati da estese boscaglie di tamerici
localizzate nella zona dell’immissario e da interessanti boschi ripariali costituiti da varie specie arboree tra
cui pioppi e salici. Vaste aree golenali lungo il tratto fluviale ospitano una ricchezza floristica di grande valore
naturalistico che vede affiancate sia specie igrofile sia xerofile ed anche perché habitat di una fauna

32
entomologica di massimo interesse scientifico i cui dati, non ancora pubblicati, riguardano sia specie nuove
per l’Italia e l’Europa sia specie nuove per la scienza (da Valutazione di Incidenza relativa al PRG “99” della
città di Matera).

3.3.1.5 Vegetazione e habitat


Gli habitat indicati negli allegati della Direttiva Habitat 92/43/CEE vengono suddivisi in due categorie:
- habitat prioritari, che risultano ad elevato rischio di alterazione sia per la loro fragilità intrinseca che per la
collocazione territoriale in aree soggette ad impropria valorizzazione turistica;
- habitat di interesse comunitario, meno rari, meno intrinsecamente fragili e a minor rischio dei precedenti,
ma comunque molto rappresentativi della regione biogeografia di appartenenza e la cui conservazione
risulta di elevata importanza per il mantenimento della biodiversità.
Nel territorio della Murgia Materana sono presenti due tipi di habitat prioritari, entrambi localizzati nelle
praterie aride seminaturali, rappresentati da “Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-
Brachypodietea” e Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato
calcareo (Festuco-Brometalia) (con stupenda fioritura di orchidee)”, anche se nella scheda ministeriale
Natura 2000 del del SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135 è indicato solo il primo.
Dei diversi habitat di interesse comunitario presenti nell’area della Murgia Materana (Medagli P., Gambetta
G., 2003) elencati di seguito, solo il primo è indicato nella scheda ministeriale Natura 2000 del del SIC/ZPS
“Gravina di Matera” IT9220135:
- “Foreste di Quercus ilex”, habitat costituito da formazioni arboree di Leccio (Quercus ilex) e di Roverella
(Quercus pubescens) del Bosco del Comune;
- “Querceti a Quercus trojana”, rappresentati dalle formazioni di fragno (Quercus trojana) del Bosco di
Lucignano;
- “Pareti rocciose con vegetazione casmofitica”, rappresentato dalla vegetazione delle rupi lungo i fianchi
scoscesi delle gravine;
- “Fiumi mediterranei a flusso permanente con il Paspalo-Agrostidion e con filari ripari di Salix e Populus
alba”, si identifica con la vegetazione riparia con pioppi (Populus alba e Populus nigra) e salici (Salix alba)
lungo le forre della Gravina di Matera e Picciano.
- “Matorral arborescenti di Juniperus spp.”, è un habitat rappresentato da formazioni arborescenti di ginepro
rosso (Juniperus oxycedrus) e ginepro fenicio (Juniperus phoenicea) originatesi per selezione dovuta la
pascolo.
- “Grotte non ancora sfruttate a livello turistico”, caratterizzato da cavità strette e impraticabili, che risultano
ancora oggi scarsamente esplorate ed i cui aspetti naturalistici sono poco conosciuti.

4.3.2 Flora protetta


L’importanza floristica della zona è evidenziata anche dalla presenza di numerose specie tutelate sia a livello
regionale e nazionale sia comunitario.

SPECIE DI INTERESSE COMUNITARIO


Stipa austroitalica Martinovsky

33
SPECIE DELLA LISTA ROSSA NAZIONALE
Campanula versicolor Hawkins
Carum multiflorum Boiss.
Aegilops uniaristata Vis.
Centaurea centaurium L.
Centaurea subtilis Bertol.
Arum apulum Boiss.
Ophrys celiensis
Ophrys tarentina Golz e Reinhard
Vincetoxicum hirundinaria subsp. adriaticum

SPECIE DELLA LISTA ROSSA REGIONALE


Euphorbia wulfenii Hoppe (Euphorbiaceae)
Dictamnus albus L. (Rutaceae)
Allium atroviolaceum Boiss. (Liliaceae)
Si rinviene negli incolti e al margine dei sentieri lungo i bordi della gravina

ORCHIDACEE PROTETTE DALLA CONVENZIONE CITES


Aceras antropophorum L.
Anacamptis pyramidalis C.A.Rich.
Barlia robertiana L.
Ophrys apulica O. et E. Danesch
Ophrys bombyliflora Link
Ophrys bertolonii Moretti
Ophrys fusca Link
Ophrys lutea Cav.
Ophrys parvimaculata Danesch
Ophrys sphegodes Mill. subsp. sphegodes
Ophrys sphegodes Mill. subsp. incubacea Bianca
Orchis coriophora L. subsp. fragrans Pollini
Orchis italica Poiret
Orchis lactea Poiret
Orchis morio L.
Orchis papilionacea L.
Orchis tridentata Scop.
Serapias lingua L.
Serapias parviflora Parl.
Serapias vomeracea Briq.
Spiranthes spiralis L.

34
3.3.2 Fauna

Si riporta di seguito un breve commento alla Check-List Faunistica (Uccelli,Anfibi e Rettili, Mammiferi)
riportata in allegato (Allegato 1), i cui dati derivano da rilevamenti fatti nell’area del SIC/ZPS IT9220135
Gravine di Matera, negli ultimi 5 anni da naturalisti nell’ambito di diverse progettualità nonché dati inediti
raccolti dai collaboratori dell’equipe di redazione dello Studio di valutazione d’Incidenza.
Si fa presente inoltre che il quadro delle conoscenze risulta frammentato in quanto il Comune di Matera a
differenza di altre città del Centro Nord non è dotato di atlanti faunistici urbani, che risulterebbero di grande
utilità nella pianificazione urbanistica.
In Allegato 2 si riportano inoltre le caratteristiche delle specie riportate negli allegati della Direttiva Habitat
92/43/CEE e presenti nell’area del SIC/ZPS IT9220135 Gravine di Matera.
Per la classe degli Insetti attualmente sono conosciute 31 specie appartenenti a 16 differenti famiglie. Tutte
le specie non erano riportate nelle schede di Rete Natura .
Le conoscenze erpetologiche confermano la presenza di specie di origine balcanica come il Geco di Kotschy
(Cyrtodactylus kotschyi) ed il Colubro leopardino (Elaphe situla).
Gli habitat presenti sul fondo delle gravine, caratterizzati nei mesi più piovosi dalla presenza di raccolte di
acqua temporanea, sono il rifugio ideale di numerose specie di anfibi altrimenti rari, come l’Ululone
appenninico (Bombina pachypus), il Tritone italico (Triturus italicus) e la Raganella italiana (Hyla intermedia)
e alcuni rettili quali soprattutto la Natrice tessellata (Natrix tessellata).
Per gli Anfibi e Rettili da letteratura e da indagini di campo sono state rilevate 24 specie di cui sei in allegato
2 della Direttiva Habitat (92/43 CEE).
Anche l’importanza avifaunistica dell’area va ben oltre i confini regionali e nazionali. Il sito è, infatti, molto
interessante per la presenza di specie quali il Lanario (Falco biarmicus), il Grillaio (Falco naumanni), il
Biancone (Circaetus gallicus), il Gufo reale (Bubo bubo) ed il Capovaccaio (Neophron percnopterus).
In aggiunta, le gravine dell’arco ionico presentano un’elevata presenza di altre specie di rapaci, sia diurni
che notturni, quali: Gheppio (Falco tinnunculus), Barbagianni (Tyto alba), Civetta (Athena noctua), Gufo
comune (Asio otus) e Assiolo (Otus scops).
Gli ambienti rupicoli ospitano il Passero solitario (Monticola solitarius), la Ghiandaia marina (Coracias
garrulus), il Corvo imperiale (Corvus corax), la Monachella (Oenanthe hispanica). Una specie di particolare
valore biogeografico è lo Zigolo capinero (Emberiza melanocephala).
In sintesi possiamo dire che gli studi condotti negli ultimi anni sugli Uccelli hanno portato a individuare 113
specie, di cui 99 nidificanti certi e 4 probabili. Le specie presenti nella direttiva Uccelli sono 27, di cui 19
elencate nell’allegato I. Di queste 19 specie ben 18 sono nidificanti certi. Due specie nidificanti, il Lanario e il
Grillaio entrambe nidificanti.
Fra le specie nidificanti è particolarmente alto il rapporto Non-Passeriformi/Passeriformi.
Per i Mammiferi di particolare interesse è la presenza dell’Istrice (Hystrix cristata) e del Gatto selvatico (Felis
silvestris).
Il contesto ambientale ancora in buono stato rende possibile la presenza di numerose altre specie di
mammiferi come il Tasso (Meles meles), la Volpe (Vulpes vulpes), la Faina (Martes foina) e la Donnola
(Mustela nivalis).
Mancano totalmente specie di grandi dimensioni come i Cervidi (Cervo, Capriolo, Daino) e Carnivori più
esigenti come il Lupo. Unica eccezione è il Cinghiale (Sus scrofa) frutto comunque di ripopolamenti a scopo

35
venatorio.
Scarsissimi sono i dati relativi alla componente microteriologica.
Per quanto riguarda i Chirotteri gli studi condotti a partire dal 2000 hanno permesso di classificare 16 specie
oltre il 50% delle specie presenti in Italia. Esse sono ripartite in tre famiglie: Rhinolophidae, Vespertilinidae,
Molossidae.
Per la definizione dello status dei chirotteri si deve necessariamente integrare la Red List, con le indicazioni
più specifiche contenute in Stebbings & Griffith (1986) e Stebbings (1988), dalle quali si evince che ben 5
delle 16 specie presenti nell’area di studio (Rinolofo maggiore, Rinolofo minore, Vespertilio di Blyth,
Vespertilio maggiore, Miniottero di Schreiber) sono in pericolo di estinzione; 2 specie (Vespertilio di
Capaccini, Barbastello comune) sono probabilmente in pericolo di estinzione, il Rinolofo Euriale è vunerabile
o minacciato, il Rinolofo di Mèhely è raro o minacciato; tutte le altre specie sono vulnerabili, fatta eccezione
per il Serotino comune, che non è minacciato.
Per quanto riguarda i gliridi si segnala la presenza del Moscardino (Muscardinus avellanarius). Quest’ultima
specie, pur essendo ampiamente diffusa su tutto il territorio italiano, vede in Basilicata una forte contrazione
della distribuzione a causa della frammentazione del proprio habitat. I dati certi di presenza di questa specie,
tipicamente legata a cenosi forestali, sono però estremamente scarsi. Stesso discorso vale per altre specie
di micromammiferi forestali come il Toporagno italico (Sorex samniticus) e l’Arvicola rossastra
(Clethrionomys glareolus), non ancora segnalati nell’area delle gravine anche se sono potenzialmente
presenti.
In sintesi sono state rilevate 41 specie di mammiferi, di cui 37 certe e4 da confermare. Le specie presenti
nella direttiva Habitat sono 20, di cui 10 elencate nell’allegato II e 11 nell’allegato IV.
La mammalofauna del sito “Gravina di Matera” presenta inoltre una specie di grande importanza
conservazionistica, la Lontra che oltre ad essere una specie particolarmente protetta a livello europeo è
considerata, dalla Red List italiana, specie in pericolo di estinzione (CR, Critically Endangered). La presenza
della Lontra interessa solo marginalmente il Comune di Matera, in quanto le segnalazioni riguardano il fiume
Bradano, non influenzato quindi dal Regolamento Urbanistico oggetto del presente studio.

4 Criticità

Alla luce delle analisi evidenziate si ritiene di riassumere i principali fattori di criticità, di cui alcuni
rappresentati in Tavola 1, emersi secondo tre tematiche, sebbene fortemente interconnesse, che di fatto
costituiscono la misura per una corretta valutazione delle incidenze.
Da quanto indicato al punto 1. dello schema sintetico, riportato di seguito, si evincono le incidenze relative
alle componenti abiotiche, da quanto riportato al punto 2. e 3. le incidenze sulle componenti biotiche.
Nella distribuzione dei pesi attribuiti alle incidenze c’è una sostanziale coincidenza tra componenti abiotiche
e biotiche tuttavia le componenti abiotiche sono soggette a maggiori impatto e taluni ambiti risultano
“maggiormente sensibili” e a Rischio Idrogeologico, seppur prevalentemente moderato, come Serra Rifusa,
Via Lucana e Scotellaro nel centro storico, giardino Porcari, la zona del torrente Pizzicanniello interessata
dalla realizzazione di un viadotto sono aree a rischio idrogeologico moderato e talora medio.
Le incidenze descritte e riportate nel quadro di sintesi consentono di intervenire con proposte alternative e
misure di mitigazione in linea con il regolamento urbanistico che già presenta obiettivi e strategie sostenibili.

36
A. PROBLEMATICHE IDROGEOLOGICO – AMBIENTALI

ƒ presenza del vincolo idrogeologico (parco chiese rupestri ambiti ad accidente dell’abitato)
ƒ presenza del vincolo rischio idrogeologico
ƒ salvaguardia del bilancio idrico e del “minimo deflusso vitale”
ƒ interferenze climatiche
ƒ sovraccarico degli impianti di depurazione
ƒ impatti attività di edificazione su suolo (scavi, sbancamenti, fondazioni, interrati), microclima,
metabolismo urbano.

B. PROBLEMATICHE PAESAGGISTICHE

ƒ sito inserito nel patrimonio mondiale dell’UNESCO


ƒ vincolo di tutela dal codice dei beni culturali e del paesaggio (42/2004 art. 137)
ƒ interferenze con i corridoi ecologici

C. PROBLEMATICHE NATURALISTICHE

ƒ territorio compreso nel SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135


ƒ conservazione assetto ecosistemico (equilibrio tra vegetazione rupestre, zone umide e attività agro-
silvo-pastorali)
ƒ salvaguardia fauna - specie come da direttiva Habitat 92/43/CEE
ƒ impatti attività di edificazione sul verde esistente

5. Il Regolamento Urbanistico della città di Matera

5.1 Caratteristiche del Regolamento Urbanistico del Comune di Matera 1

(sintesi della Relazione del RU)

L’ambito di disciplina del Regolamento Urbanistico (RU) è lo Spazio Urbano del territorio comunale, la cui
restante parte è soggetta alla “Variante Spazio extra e periurbano” (VEP) approvata con DPGR n 296 del
20.03.1996, relativa al territorio agricolo e all’Asse Matera Nord, nonché alla disciplina della pianificazione
sovraordinata ed ai vincoli derivanti da disposizioni nazionali.
L’Asse Matera Nord (AMN) comprende la parte di territorio insediato e/o in corso di formazione adiacente
alla SS 99 in direzione nord verso il Borgo di Venusio, con funzione prevalentemente commerciale e
produttiva (artigianato produttivo, commercio all’ingrosso, attività espositive, depositi e magazzini).
Sebbene ricadente nella VEP, il RU rivisita anche il progetto dell’AMN (peraltro già oggetto dello stralcio
della Variante relativa alla Disciplina dello spazio extra e periurbano elaborato nel 1995) con lo scopo di
facilitarne l’attuazione aggiornando la disciplina originaria, adeguare i manufatti esistenti e realizzare nuovi
manufatti secondo un assetto aderente al nuovo tracciato della SS 99.

La costruzione dei contenuti del RU si è sviluppata a partire dal documento “Indirizzi per la politica
urbanistica della città” approvato con DGC n. 458 del 14.12.2004, in adempimento della L.R. 23, del 11
agosto 1999. 2

1
Il Regolamento Urbanistico (RU 2007) sostituisce, per lo Spazio Urbano, il precedente PRG ’99 approvato con DPGR
n. 269 del 20.12.2006. (NTA del RU, art 1)

37
Al RU viene attribuito il difficile compito di ricucire e riordinare, sul piano della qualità e della coerenza, le
parti di città realizzate in attuazione del PRG/1975, delle Varianti ad esso apportate, e delle previsioni del
PRG/2000; in particolar modo gli viene demandata l’attuazione della rete ecologica urbana, che del
PRG/2000 costituisce una delle caratteristiche peculiari, finalizzata ad accrescere la qualità ambientale
dell’ecosistema urbano.

Al miglioramento complessivo della qualità urbana sono rivolti anche gli interventi di tutela e valorizzazione
delle porzioni della “città storica”, l’individuazione di una maglia delle “centralità” della città esistente
(centralità storiche e centralità contemporanee) connesse da infrastrutture organizzate su intermodalità ferro-
gomma (FAL-metropolitana e parcheggi di scambio), l’individuazione di aree di Edilizia Residenziale
Pubblica (ERP) per rispondere al fabbisogno di alloggi per i ceti meno abbienti, con ricorso, esclusivo, a
tecnologie di bioarchitettura e di contenimento dei consumi energetici, la ridefinizione dell’Asse Commerciale
Matera-Venusio, sulla base del nuovo tracciato stradale della SS.99, e di un nuovo planivolumetrico .

La concreta fattibilità di questi interventi passa attraverso il ricorso sistematico ai meccanismi della
perequazione urbanistica, sulla base di alcuni indirizzi generali predefiniti (parametri di utilizzabilità delle aree
sulla base dello stato di diritto preesistente) e il ricorso alla più ampia partecipazione della cittadinanza, nelle
varietà delle sue forme organizzative, istituzionali e non, alla definizione delle scelte di piano.

Nel rispetto di quanto prescritto dalla LR 23/1999, la zonizzazione di piano è organizzata in riferimento a tre
grandi famiglie previste per l’Ambito urbano: Suoli urbanizzati, Suoli non urbanizzati, Suoli riservati
all’armatura urbana, alle quali corrispondono tre grandi aggregazioni: Componenti urbanizzate,
Componenti in via di urbanizzazione, Componenti dell’armatura urbana, laddove le Componenti
corrispondono alle tradizionali zone urbanistiche.

Ai fini del raggiungimento degli obiettivi di piano vengono definiti due meccanismi di attuazione: l’intervento a
modalità diretta e l’intervento a modalità indiretta
La prima si attua mediante Denuncia di Inizio Attività o Permesso di Costruire, può essere di tipo semplice o
condizionata; a quest’ultima forma si ricorre quando risulti necessario un progetto di sistemazione di insieme
per la valutazione del corretto inserimento dell’intervento nel contesto architettonico-ambientale, nonché
quando occorre progettare e garantire il completamento locale delle opere di urbanizzazione per assicurarne
la presenza contestualmente al Permesso di costruire.
La seconda modalità è anch’essa di due tipi: indiretta semplice da mettere in atto tramite piano urbanistico
attuativo, e indiretta tramite programma urbanistico.

2
Nel periodo in cui viene stilato il documento di indirizzi, la disciplina urbanistica della città faceva ancora riferimento al
PRG ’75 (Piano Piccinato) essendo decadute le norme di salvaguardia del PRG ’99, che verrà adottato con DCC n. 1 del
23.02.2000, e controdedotto solo nel 2003 (DCC n. 10 del 13.03.2003 , DCC n. 19 del 23.04.2003).
La mancanza di una diretta corrispondenza tra gli atti di politica urbanistica adottati e gli strumenti di pianificazione
preposti alla loro attuazione, ha così generato una situazione di disordine nella gestione e sviluppo del territorio urbano e
una condizione di pregresso a cui il RU 2007 è chiamato a dare delle risposte.

38
La modalità indiretta di primo tipo, cioè quella semplice, è la modalità indiretta tradizionale, quella che
sostanzialmente si concretizza nell’istituto del Piano di lottizzazione assistito da convenzione urbanistica con
la quale si regolano i rapporti tra operatori privati ed Amministrazione comunale.
Il RU definisce il perimetro degli Ambiti a progettazione urbanistica unitaria (per gli Ambiti più estesi individua
anche i sub- Ambiti) da sottoporre a detta modalità attuativa.
Il regolamento precisa inoltre tutti i contenuti qualitativi e quantitativi che il progetto urbanistico unitario ed il
Piano urbanistico attuativo, esteso all’intero Ambito o sub-Ambito, dovranno assicurare, a partire dalle
caratteristiche quantitative e qualitative delle aree da cedere all’Amministrazione, fino alla individuazione
delle Aree di concentrazione dei diritti edificatori d’Ambito nonché alla definizione di eventuali prescrizioni
relative alle componenti sistemiche della mobilità e/o del paesaggio e dell’ambiente che interessano l’Ambito
stesso.
La modalità indiretta di secondo tipo è quella che prevede il ricorso al Programma Integrato. La norma mira a
favorire interventi integrati e finalizzati al recupero ed alla riabilitazione di parti degradate o incongrue
dell’insediamento esistente, tramite procedure di programma, che possano avvalersi di meccanismi
premiali previsti dal piano stesso.

Attraverso questi meccanismi attuativi il RU mira ad assicurare la partecipazione dei soggetti operatori ai
costi urbanistici e ambientali d’impianto e di trasformazione dell’insediamento e, in questo quadro,
assicurare, nelle diverse situazioni, equità di trattamento rispetto allo stato di fatto e giuridico degli immobili;
promuovere, per quanto possibile, la qualità funzionale e ambientale, ecologica e paesaggistica, degli
interventi.

Le quantità edificatorie che il RU attribuisce agli Ambiti ad attuazione indiretta sono state determinate in virtù
di criteri di perequazione tra i proprietari degli immobili, aree ed edifici, interessati da previsioni trasformative
e tra questi e l’Amministrazione comunale, ricorrendo anche a meccanismi di compensazione.
Ad eccezione di alcuni ambiti nei quali condizioni dimensionali, morfologiche, idrogeologiche, vegetazionali,
di previsione di infrastrutture pubbliche e stato della proprietà non consentono maggiori carichi urbanistici
rispetto a quelli derivanti dal PRG/1999, ad ogni ambito sono attribuiti tre indici di edificabilità: un indice di
base (Uet) il cui valore è stato definito tenendo conto del PRG in vigore, al quale si aggiungono un indice
che produce Superficie utile (Sul) a disposizione della Amministrazione comunale per politiche pubbliche
urbanistiche (rispettivamente: attuazione di edilizia residenziale pubblica; compensazioni per riqualificazione
urbana negli Ambiti a Programma Integrato o per acquisizioni di Aree per verde e servizi pubblici), e un
ulteriore indice che produce una Sul premiale per i proprietari privati, a fronte della ricezione delle quantità
edificatorie di compensazione.
L’indice di edificabilità pubblico e quello privato premiale, sono definiti, per le diverse famiglie di Ambiti, in
riferimento a due finalità perequative: far si che ai privati proprietari ricadenti nel medesimo Ambito venga
riconosciuto complessivamente (indice di base + indice premiale) il medesimo indice totale (indice
perequativo); che le quantità premiali siano equivalenti a quelle attribuite per le politiche pubbliche a ciascun
Ambito e che comunque le quantità per le politiche pubbliche negli Ambiti siano pari a circa il 25% delle
quantità attribuite nel complesso degli Ambiti stessi.
In funzione dell’applicazione di tali indici, si ottengono i seguenti parametri urbanistici ed edilizi:

39
- Indice territoriale finale di assetto

Ambiti da configurare ad attuazione indiretta – AC: compreso tra 0,10 mq/mq e 0,45 mq/mq;

Ambiti di completamento e definizione dei margini compreso tra 0,22 mq/mq e 0,32 mq/mq
dell’insediamento ad attuazione indiretta – AD:

- Capacità insediativa

Se si assume la capacità insediativa pari al rapporto SUL/40 mq, il numero di abitanti insediabili
convenzionalmente, risulta pari a:

- 6.467 abitanti
- Numero di alloggi:

Se si assume la dimensione media dell’alloggio di 90 mq, le potenzialità espresse dal piano attraverso
gli Ambiti sono rispettivamente di:

- 1.800 alloggi circa di residenza privata


- 600 alloggi circa di residenza pubblica.

5.2 Obiettivi generali del Regolamento Urbanistico

Per valutare correttamente quali obiettivi e strategie del R.U. presenti nel SIC IT9220135 possono costituire
fattori di incidenza sul sito considerato, si è proceduto per prima cosa ad individuare ed elencare tutti gli
obiettivi presenti nel piano e le relative azioni, riportate in Tabella 2.

Obiettivi Azioni

Politiche di tutela, Conservazione delle unità edilizie che presentano caratteri


riqualificazione e compiuti di interesse monumentale e/o storico-testimoniale e/o
valorizzazione del architettonico, con la conferma e/o l’introduzione di usi
tessuto edilizio e degli compatibili.
spazi aperti del Centro
storico. Categorie di interventi ammessi: MO, MS, MI, RC, R. 3
In alcuni casi e a determinate condizioni sono consentite
sopraelevazioni.
Ritocco e completamento delle unità edilizie che presentano
un assetto incompleto con un impianto morfotipologico
riconoscibile, tramite l'integrazione e il completamento edilizio
in coerenza con detto impianto e con l'eventuale variazione
della destinazione d’uso.

Categorie di interventi ammessi: MO, MS, MI, RC, R, RE,


RE/AL, RE/S.
In alcuni casi e a determinate condizioni sono consentite
sopraelevazioni.
Mantenimento delle unità edilizie incongruenti con il contesto
per forma, dimensione e/o impatto percettivo, le quali
richiederebbero trasformazioni i cui costi economici e/o sociali
non appaiono sostenibili nel breve-medio periodo; il
mantenimento riguarda anche l'attuale destinazione d'uso.

Categorie di interventi ammessi: MO, MS, MI, ridisegno degli


spazi di pertinenza delle unità edilizie.
Rimodellamento dell'impianto edificato esistente, tramite la
definizione e l'introduzione di una nuova configurazione
morfotipologica e di usi coerenti.

40
Politiche di Conservazione degli edifici di valore architettonico,
riqualificazione, miglioramento e/o qualificazione dell’edilizia e dell’assetto
completamento e urbanistico, caratterizzazione degli spazi pubblici; incremento
valorizzazione della della dotazione dei servizi e del verde attrezzato;
città consolidata. miglioramento e integrazione dell’accessibilità, della mobilità e
delle reti.
Politiche di Mantenimento dell’impianto urbanistico attuale, miglioramento
riqualificazione, e della qualità architettonica, tecnologica e funzionale del
valorizzazione della patrimonio edilizio più recente, realizzato secondo principi
città in via di insediativi casuali; qualificazione e maggiore dotazione degli
consolidamento. spazi e servizi pubblici.
Politiche di Completamento edilizio e contemporanea definizione e
completamento e consolidamento dei caratteri morfologico-funzionali
qualificazione della città dell’insediamento.
in via di formazione da Asse Matera Nord:
completare riqualificazione e/o adeguamento dei manufatti esistenti,
realizzazione di nuovi manufatti con funzione prevalentemente
per attività commerciale/produttiva secondo un assetto
aderente al nuovo tracciato della SS 99.
Integrazione del nuovo tracciato della SS 99 e della viabilità
che da questa deriva, allo scopo di disimpegnare la viabilità di
accesso alla parte nord di Serra Rifusa.
Modifica degli svincoli alla testata della SS 99 in
corrispondenza dell’innesto con la SS 7
Interventi residenziali Previsione di nuovi ambiti per insediamenti residenziali
integrati al localizzati in aree parzialmente edificate della città consolidata
terziario – direzionale e e in aree al margine dell’insediamento in aree interessate da
ad interventi di processi insediativi ( margini del Capoluogo, margine del Parco
riqualificazione delle Chiese Rupestri e nei Borghi).
Recupero del patrimonio immobiliare del centro storico a fini
residenziali.
Destinazione di una quota della previsione residenziale a ERP.
Potenziamento e Realizzazione del tratto tangenziale ovest tra Serra Venerdì e
adeguamento della via Carlo Levi su viadotto.
viabilità e opere Adeguamento del nodo viabilistico di connessione tra la SS7
pubbliche Appia e la SS 99 per Altamura e le relative complanari.
Adeguamento del tratto urbano di via Montescaglioso
ricompreso tra il nuovo ospedale e il rione Agna.
Realizzazione di piste ciclopedonali di connessione tra i parchi
urbani da Serra Rifusa a Macamarda.
Completamento della linea metropolitana FAL su tracciato già
stabilito nel PRG del 1999.
Realizzazione di parcheggi di scambio in prossimità dei sistemi
di trasporto collettivo, urbano ed extraurbano, e parcheggi
terminali di interesse urbano e locale.
Completamento e adeguamento dell’Asse Matera Nord
mediante integrazione del nuovo tracciato della SS 99;
riassetto degli svincoli di testata in corrispondenza dell’innesto
con la SS 7 e integrazione della viabilità di derivazione della
SS 99.
Politiche ambientali Realizzazione di una rete ecologica per uno sviluppo
sostenibile del territorio.
Individuazione della fascia di protezione della zona SIC-ZPS
Gravina di Matera (IT9220135, attuazione Direttiva 79/409
CEE, Direttiva 92/43 CEE).
L’area racchiude l’intero territorio dello spazio urbano.
Salvaguardia dell’equilibrio ambientale e idrogeologico del
territorio. (*)
(*)
Per le aree soggette a rischio idrogeologico il RU assume la
disciplina specifica contenuta nel Piano Stralcio delle aree di versante
B – Carta del rischio
Tabella 2 - Obiettivi e azioni del RU presenti o previsti nel SIC IT9220135

41
3
Categorie di interventi urbanistico-edilizio
Manutenzione ordinaria - MO Ristrutturazione urbanistica – RU
Manutenzione straordinaria – MS Nuova edificazione - NE
Modifiche interne – MI Variazione di destinazione d’uso degli edifici senza opere – VU1
Risanamento conservativo – RC Variazione di destinazione d’uso degli edifici con opere – VU1
Restauro – R Sistemazione degli spazi di pertinenza degli edifici - SP1, SP2, SP3,
Ristrutturazione edilizia senza aumento di SUL – RE SP4
Ristrutturazione edilizia con aumento di SUL – RE/ AL, Ripristino paesaggistico-ambientale – RIP
RE/S Mitigazione d’impatto paesaggistico-ambientale – MIP
Demolizione e ricostruzione – DR1, DR2, DR3 Valorizzazione ambientale - VA

Degli obiettivi riportati in tabella 2, si segnalano di seguito le scelte di piano la cui realizzazione potrebbe
comportare problemi per il SIC IT9220135 e per le quali pertanto è necessario procedere in fase di
valutazione ad un livello di indagine più approfondito (tabella 3):

Obiettivi Azioni

(i) Previsione di nuovi ambiti per insediamenti residenziali


Interventi residenziali localizzati in aree parzialmente edificate della città consolidata
integrati al e in aree ai margini dell’insediamento in aree interessate da
terziario – direzionale e processi insediativi ( ai margini del Capoluogo, al margine del
ad interventi di Parco delle Chiese Rupestri e nei Borghi)
riqualificazione
(ii) Realizzazione del tratto tangenziale ovest tra Serra Venerdì e
Potenziamento e via Carlo Levi su viadotto
adeguamento della Adeguamento del nodo viabilistico di connessione tra la SS7
viabilità e opere Appia e la SS 99 per Altamura e le relative complanari
pubbliche
Completamento e adeguamento dell’Asse Matera Nord
mediante integrazione del nuovo tracciato della SS 99;
riassetto degli svincoli di testata in corrispondenza dell’innesto
con la SS 7 e integrazione della viabilità di derivazione della
SS 99.
Tabella 3 - Obiettivi e azioni del RU che potrebbero esprimere incidenze sul SIC IT9220135

5.2.1 Obiettivo (i)


Interventi residenziali integrati al terziario – direzionale e ad interventi di riqualificazione

Allo scopo di soddisfare necessità abitative pregresse derivanti dalla mancata o parziale attuazione della
precedente pianificazione, il RU prevede delle modeste addizioni insediative da destinare in particolare ad
edilizia residenziale privata e pubblica (il piano prevede di fatto che venga destinata a residenza
mediamente l’80% della Sul residenziale privata e il 70% della Sul di compensazione).
Nell’ intento di soddisfare questa domanda e nel contempo di recuperare parti di città che necessitano di
interventi di riqualificazione e valorizzazione, sono state individuate all’interno dello Spazio Urbano delle
porzioni di città prive di configurazione morfologica e funzionale da destinare a questi scopi.
Essendo oggetto di interventi di trasformazione o di primo impianto di significativa rilevanza urbanistica,
queste aree, denominate nel piano Ambiti, saranno sottoposte a procedure di attuazione indiretta, ossia a
Piano Attuativo.
In funzione delle parti di città di cui fanno parte, gli ambiti si distinguono in Ambiti da configurare ad
attuazione indiretta – AC, localizzati interamente all’interno della Città consolidata da riqualificare o
completare e in Ambiti di completamento e definizione dei margini dell’insediamento ad attuazione indiretta –

42
AD, localizzati invece prevalentemente nella Città in via di formazione da completare4, solo tre di questi,
infatti, ricadono all’interno dei borghi della Martella e di Venusio.
Ai fini progettuali del RU, gli ambiti AC rispondono all’esigenza di riqualificare i contesti urbani nei quali
ricadono, configurandosi quali “centralità” di rilevanza urbana o locale, mentre gli Ambiti AD necessitano ai
fini dell’ attribuzione di valore dei contesti periurbani, mediante il soddisfacimento dei bisogni insediativi, di
servizi e attrezzature.
Per quanto invece attiene il presente SVI, occorre guardare alle nuove previsioni di piano in termini di
possibili incidenze sul SIC IT9220135, in riferimento alla valutazione di alcuni parametri quali l’estensione
superficiale, l’aumento del carico urbanistico che inevitabilmente comportano, le emissioni e i rifiuti prodotti, il
fabbisogno di risorse, la localizzazione in termini di prossimità all’area SIC IT9220135.

La disciplina a cui il RU sottopone gli ambiti, in particolare circa gli aspetti insediativi, impone il ricorso ad
una progettazione urbanistica ed edilizia ecosostenibile in termini di risparmio energetico (schemi progettuali
di elevata qualità per esposizione dei fabbricati, tipologie edilizie e materiali impiegati), autoproduzione di
energia, recupero e/o trattamento innovativo delle acque, sistemazione a verde degli spazi di pertinenza dei
fabbricati, sezioni stradali alberate oltre che adeguate al carico del traffico veicolare. Inoltre all’interno di
ciascun ambito vengono individuati gli spazi aperti per la continuità della rete ecologica, finalizzata a
mantenere la continuità strutturale e funzionale delle aree naturali, attraverso l’integrazione e il rafforzamento
delle componenti di valore naturalistico, presenti nell’insediamento, e il ripristino della continuità ove
compromessa dall’intervento antropico. Per quanto riguarda invece la rete infrastrutturale interna ai comparti,
la disciplina di piano dispone che sia altamente efficiente, che vengano privilegiate scelte progettuali di
basso impatto paesaggistico,sostenibili da un punto di vista ambientale, e che l’illuminazione, pubblica o
privata, non produca inquinamento luminoso.

In generale si può ritenere che, nel rispetto di queste prescrizioni e considerando che si tratta di interventi
che ricadono in una zona di rispetto del Sito Natura 2000 le eventuali incidenze negative che possono
essere individuate sulle componenti abiotiche, biotiche e sulle connessioni ecologiche, sono in parte mitigate
in fase di prefigurazione di progetto e dalle N.T.A. del Regolamento Urbanistico.

4
Il RU articola le Componenti urbanizzate (Suoli urbanizzati nel Regolamento di attuazione della LR 23,1999) in :
• Città storica da tutelare e valorizzare
• Città consolidata da mantenere e valorizzare
• Città consolidata da riqualificare o completare
• Città in via di consolidamento da mantenere
• Città in via di formazione da completare
(art. 27, comma 1. NTA del RU)

Per Città consolidata da riqualificare o completare si intende quella parte della città esistente di impianto non recente
solo parzialmente configurata o scarsamente definita nelle sue caratteristiche di impianto, morfologico/funzionali e di
tipologia edilizia o che ha perso o modificato la funzione originaria e il cui impianto necessita di trasformazione. In tali
parti si ha carenza o inadeguatezza della rete della viabilità e dei parcheggi e degli spazi e dei servizi pubblici, sono
inoltre compresi edifici per i quali è necessaria una ridefinizione dell’assetto morfologico e funzionale. (art. 30, c.1, NTA
RU).

Per Città in via di formazione da completare si intende l’insieme delle parti dell’insediamento costituite da brani di città
recente, parzialmente configurati o incompleti derivanti dall’attuazione in corso degli strumenti urbanistici esecutivi del
Piano Regolatore Generale del 1975 e successive varianti, da parti recenti caratterizzate da destinazioni d’uso
residenziali/artigianali realizzate secondo principi insediativi casuali e da aree di margine all’insediamento
prevalentemente libere da edificazione dove il RU prevede di realizzare nuovi insediamenti a completamento e/o
integrazione di quelli esistenti. (art. 2, c. 1 NTA RU)

43
La localizzazione degli ambiti AC e AD in funzione della posizione occupata all’interno dello spazio urbano
rispetto al SIC e in funzione della distanza dalla gravina, ha rappresentato nel presente SVI discriminante
nella scelta degli ambiti da valutare con maggiore attenzione. In base alle due condizioni posizionali, sono
stati individuati alcuni Ambiti (figura 6), le cui trasformazioni, possono dare origine a eventuali incidenze su
habitat e specie del SIC; di questi alcuni sono Ambiti da configurare ad attuazione indiretta (ACa/3a-b e
ACb/6), altri Ambiti di completamento e definizione dei margini dell’insediamento ad attuazione indiretta
ADb/1, ADb/2, ADb/3.

44
Figura 6 - Individuazione degli Ambiti da configurare ad attuazione indiretta - AC e degli Ambiti di
completamento e definizione dei margini dell'insediamento ad attuazione indiretta – AD più vicini alla gravina

45
Caratteristiche degli Ambiti da configurare ad attuazione indiretta AC e degli Ambiti di completamento e
definizione dei margini dell’insediamento ad attuazione indiretta _ AD integrate allo SVI

Ambiti da configurare ad attuazione indiretta _ AC

Ambiti da configurare – nodi di rilevanza urbana – ACa


ACa/3a-3b Grandezze Urbanistiche

Via Montescaglioso 1 - Superficie territoriale: 48.630 mq


- SUL TOT PRIVATA 14.589 mq
- SUL TOT PUBBLICA 7.295 mq
- SUL TOT D’AMBITO 21.884 mq
Parametri Edilizi Ed Ecologici
I copertura 30%
I permeabilità 20%
H max 10 m
Numero livelli 3
Destinazione d’uso degli edifici – SUL privata
Abitative A1
Terziarie: pubblici servizi, servizi privati TP1, TP2, TPE1, TPE2
Destinazione d’uso degli edifici – SUL pubblica
Edilizia Sociale Pubblica: edilizia residenziale 100%
Compensazioni: edilizia residenziale privata 75%
Compensazioni: edilizia terziaria o produttiva- 25%
artigianale
Destinazione d’uso delle aree di pertinenza degli edifici:
Ap1, Ap6
Categorie di intervento
MO, MS,MI, RE, DR2, DR3, NE, VU1, SP1, SP2, SP3
L’ambito si suddivide in due sub-ambiti, la cui attuazione è comunque condizionata alla
predisposizione di un Progetto Unitario di Assetto Urbanistico esteso all’intero Ambito.
Racchiude l’area di margine urbano definita da via Montescaglioso e dal tracciato della
ferrovia dismessa, caratterizzata dalla presenza di spazi aperti di risulta tra la strada e la
ferrovia e di manufatti per attività. All’interno del comparto sono previsti interventi di
completamento dei caratteri morfologici e funzionali attraverso la creazione di un nuovo
impianto insediativo prevalentemente residenziale, e la definizione delle reti infrastrutturali
(adeguamento delle infrastrutture esistenti, in particolare della sezione stradale della strada
per Montescaglioso che definisce l’ingresso sud alla città; ripristino e completamento della
linea metropolitana) ponendo attenzione, ai fini della tutela del paesaggio, alla realizzazione
delle infrastrutture su segni preesistenti.
Le indicazioni progettuali fornite dal piano nelle Schede d’Ambito raccomandano, per quanto
riguarda gli aspetti insediativi, l’ecosostenibilità della progettazione urbanistica e
architettonica in termini di risparmio energetico, autoproduzione di energia, recupero e/o
trattamento innovativo delle acque, sistemazione a verde degli spazi di pertinenza dei
fabbricati, sezioni stradali alberate oltre che adeguate al carico del traffico veicolare. Per
quanto riguarda la rete infrastrutturale si dispone che sia altamente efficiente, che vengano
privilegiate scelte progettuali di basso impatto paesaggistico,sostenibili da un punto di vista
ambientale, e che l’illuminazione, pubblica o privata, non produca inquinamento luminoso.

46
Ambiti da configurare – ricuciture urbane – ACb
Grandezze Urbanistiche
ACb/6
Superficie territoriale 30.330 mq
Tre Pini SUL TOT PRIVATA 9.099 mq
SUL TOT PUBBLICA 3.033 mq
SUL TOT D’AMBITO 12.132 mq
Parametri Edilizi Ed Ecologici
I copertura 30%
I permeabilità 20%
H max 13 m
Numero livelli 4
Destinazione d’uso degli edifici – SUL privata
Abitative: A1
Terziarie: pubblici servizi, servizi privati : TP1
Terziarie: Commercio - TC TC1
Destinazione d’uso degli edifici – SUL pubblica
Edilizia Sociale Pubblica: edilizia residenziale 100%
Compensazioni: edilizia residenziale privata 75%
Compensazioni: edilizia terziaria o produttiva- 25%
artigianale
Destinazione d’uso delle aree di pertinenza degli edifici:
Ap1, Ap6
Categorie di intervento
MO, MS,MI, RE, DR2, DR3, NE, VU1, SP1, SP2
L’ambito racchiude l’area al margine sud-ovest della città, connotata dalla presenza di ampi
spazi aperti e attività vivaistiche.
La riqualificazione morfologica e funzionale dell’area passa attraverso la creazione di un
nuovo impianto insediativo residenziale finalizzato anche al completamento e alla
qualificazione del tessuto edilizio circostante. Le indicazioni progettuali fornite dal piano nelle
Schede d’Ambito raccomandano, per quanto riguarda gli aspetti insediativi, l’ecosostenibilità
della progettazione urbanistica e architettonica in termini di risparmio energetico,
autoproduzione di energia, recupero e/o trattamento innovativo delle acque, sistemazione a
verde degli spazi di pertinenza dei fabbricati, sezioni stradali alberate oltre che adeguate al
carico del traffico veicolare.Per quanto riguarda la rete infrastrutturale si dispone che sia
altamente efficiente, che vengano privilegiate scelte progettuali di basso impatto
paesaggistico,sostenibili da un punto di vista ambientale, e che l’illuminazione, pubblica o
privata, non produca inquinamento luminoso.

47
Ambiti di completamento e definizione dei margini dell’insediamento ad attuazione indiretta _ AD

Ambiti di completamento e definizione verso il Parco delle Chiese Rupestri – ADb


Grandezze Urbanistiche
ADb/1
- Superficie territoriale: 12.170 mq
Mulino Alvino - SUL TOT PRIVATA 9.000 mq
- SUL TOT PUBBLICA 3.000 mq (*)
- SUL TOT D’AMBITO 9.000 mq (**)
Parametri Edilizi Ed Ecologici
I copertura 40%
I permeabilità 20%
H max 17 m
Numero livelli 5
Destinazione d’uso degli edifici – SUL privata
Abitative A1
(1)
Servizi collettivi e pubblica amministrazione Cc
(2)
Terziarie: pubblici servizi, servizi privati TP1,TPE2 , TPE4
(2)
Terziarie: commercio TC1
Terziarie: Ricreativo, culturale sportivo TC1 (2)
(2)
Produttive – Artigianale PA1
Destinazione d’uso degli edifici – SUL pubblica
Destinazione d’uso delle aree di pertinenza degli edifici:
Ap1, Ap6
Categorie di intervento
(1) (*) (*)
MO, MS,MI,RC , RE, RE/AL, RE/S, DR2 , DR3 , NE, VU1, SP1, SP2, SP3
L’ambito,è localizzato in un’area di margine a nord della città, ad alta sensibilità paesistica ed
è caratterizzato dalla presenza di un antico mulino al cui recupero e rifunzionalizzazione per
scopi culturali è in parte affidata la valorizzazione dello stesso ambito.
L’area di concentrazione dei diritti edificatori occupa quasi integralmente la superficie
d’ambito, lasciando agli spazi aperti di continuità della rete ecologica.una porzione residuale.
Questi ultimi sono stati individuati, coerentemente, a ridosso del ciglio della gravina,
ovvero.lungo il perimetro di limitazione del SIC, creando in tal modo una zona cuscinetto tra
lo stesso SIC e l’area di concentrazione dei diritti edificatori, nella quale è ubicata
l’edificazione prevista dal Piano

Note
(*) la convenzione prevederà il recupero a carico dei privati e la cessione all’amministrazione
Comunale dell’edificio del Mulino Alvino al fine di realizzare un museo delle tradizioni
(1)
destinazione riferita al solo edificio del mulino
(2)
destinazioni riferita alle parti edificate oggetto di intervento di ristrutturazione edilizia con
nuova costruzione in aggiunta laterale o in sopraelevazione, di demolizione e ricostruzione in
loco con la stessa o diversa volumetria e sagoma dell’edificio preesistente

48
ADb/2 Grandezze Urbanistiche

Ingresso San Vito Superficie territoriale 38.850 mq


SUL TOT PRIVATA 4.000 mq
SUL TOT PUBBLICA - (**)
SUL TOT D’AMBITO 4.000 mq
Parametri Edilizi Ed Ecologici
I copertura 20%
I permeabilità 20%
H max 13 m
Numero livelli 4
Destinazione d’uso degli edifici – SUL privata
Abitative: A1
Terziarie: pubblici servizi, servizi privati : TP1
Destinazione d’uso delle aree di pertinenza degli edifici:
Ap1, Ap6
Categorie di intervento
MO, MS,MI, RE, DR2, DR3, NE, VU1, SP1, SP2, SP3, RIP, MIP
L’ambito, contiguo all’ ADb/1, è localizzato in un’area di margine a nord della città ad alta
sensibilità paesistica compresa nel Parco delle Chiese rupestri, caratterizzata dalla presenza
di una discarica dismessa. L’ambito è percorso al suo interno dalla strada di accesso alla
città da nord, via San Vito, dalla quale rimane suddiviso in due parti. In quella inferiore, verso
la città, è prevista la realizzazione di un nuovo impianto insediativo residenziale, mentre in
quella superiore, limitrofa al SIC, è prevista la rinaturalizzazione del suolo in attuazione della
rete ecologica urbana, finalizzata al miglioramento della fruibilità del patrimonio ambientale.
In considerazione della particolarità dell’area, le indicazioni progettuali fornite dal piano nelle
Schede d’Ambito, prevedono per la rete infrastrutturale che sia altamente efficiente, che
vengano privilegiate scelte progettuali di basso impatto paesaggistico,sostenibili da un punto
di vista ambientale, e che l’illuminazione, pubblica o privata, non produca inquinamento
luminoso. Per quanto riguarda gli aspetti insediativi, si raccomanda l’ecosostenibilità della
progettazione urbanistica e architettonica in termini di risparmio energetico, autoproduzione
di energia, recupero e/o trattamento innovativo delle acque, sistemazione a verde degli spazi
di pertinenza dei fabbricati, sezioni stradali alberate oltre che adeguate al carico del traffico
veicolare.

Grandezze Urbanistiche
ADb/3
Superficie territoriale 17.260 mq
Ofra SUL TOT PRIVATA 2.400 mq
SUL TOT PUBBLICA - (**)
SUL TOT D’AMBITO 2.400 mq
Parametri Edilizi Ed Ecologici
I copertura 15%
I permeabilità 20%
H max 10 m
Numero livelli 3
Destinazione d’uso degli edifici – SUL privata
Abitative A1

49
Terziarie: pubblici servizi, servizi privati : TP1
Destinazione d’uso delle aree di pertinenza degli edifici:
Ap1, Ap6
Categorie di intervento
MO, MS,MI, RE, DR2, DR3, NE, VU1, SP1, SP2
L’ambito comprende un’area a particolare sensibilità paesistica al margine orientale della
città, caratterizzata dalla presenza di manufatti ad uso produttivo.
È prevista la ridefinizione morfologica e funzionale dell’ambito attraverso la realizzazione di
un nuovo impianto insediativo residenziale, per il quale le indicazioni progettuali fornite dal
piano nelle Schede d’Ambito, raccomandano l’ecosostenibilità della progettazione urbanistica
e architettonica in termini di risparmio energetico, autoproduzione di energia, recupero e/o
trattamento innovativo delle acque, sistemazione a verde degli spazi di pertinenza dei
fabbricati, sezioni stradali alberate oltre che adeguate al carico del traffico veicolare.Per
quanto riguarda la rete infrastrutturale si prevede che sia altamente efficiente, che vengano
privilegiate scelte progettuali di basso impatto paesaggistico,sostenibili da un punto di vista
ambientale, e che l’illuminazione, pubblica o privata, non produca inquinamento luminoso.

(**) Ambiti che per dimensioni, condizioni morfologiche, vegetazionali, di previsione di infrastrutture pubbliche e stato della
proprietà non consentono di ospitare quantità ulteriori a quella che deriva dall’applicazione dell’indice di base.

Dall’analisi di questi ambiti, di cui si è ritenuto dover effettuare una valutazione puntuale dei contenuti a causa
della loro prossimità all’area SIC, sono emerse, innanzitutto, delle caratteristiche comuni alla definizione
dell’impianto urbanistico di tutti gli ambiti, ossia la costituzione di elementi della rete ecologica di connessione
posti tra il territorio e l’ambiente urbano, e la caratterizzazione degli spazi per la qualificazione del paesaggio
urbano di margine. Tutto ciò si traduce, in particolare per gli Ambiti di completamento e definizione verso il Parco
delle Chiese Rupestri – ADb, nella creazione di aree “cuscinetto”, a valore naturalistico, tra gli insediamenti
urbani previsti all’interno del singolo ambito e il SIC IT9220135. In tutti gli ambiti individuati dal RU a ridosso del
Parco, sono stati definiti, infatti, impianti insediativi residenziali a conferma della destinazione originaria dell’area
o in sostituzione di impianti ad uso produttivo. Questo nonostante si tratti di aree che al di là della localizzazione
lungo il perimetro del SIC, sorgono a ridosso della gravina, classificata nel Piano Stralcio per la difesa dal rischio
idrogeologico – Piano Stralcio delle aree di Versante B – Carta del Rischio come “aree a rischio idrogeologico
molto elevato e a pericolosità molto elevata – R4”, mentre, completamente libere da ipotesi insediative,
potrebbero rappresentare delle piccole riserve di naturalità o delle zone d’eco del Parco delle Chiese Rupestri e
quindi del SIC.
Per l’ambito ADb/2, inoltre, è prevista la realizzazione della strada di accesso alla città da nord, la qual cosa
potrebbe comportare un sensibile incremento del traffico veicolare nell’area per cui si valuteranno le eventuali
incidenze che questa condizione può avere sul SIC.
Per quanto riguarda gli Ambiti AC, le situazioni alle quali si è prestata maggiore attenzione in fase di valutazione
sono rappresentate dagli interventi previsti sulle reti infrastrutturali, ad esempio l’adeguamento della strada per

50
Montescaglioso mediante allargamento della sezione stradale, e il ripristino e completamento della linea
metropolitana.
Fatta salva la necessità di sottoporre ad ulteriore valutazione di incidenza i progetti relativi a questi interventi, si
dovrà tener conto in generale della timing dei cantieri per la realizzazione delle infrastrutture, eventualmente
anche congiuntamente alla realizzazione di altri progetti, in modo tale da evitare che si sommino effetti negativi
che invece singolarmente non avrebbero un’incidenza significativa.

5.2.2 Obiettivo (ii)


Potenziamento e adeguamento della viabilità e opere pubbliche

Le principali previsioni di Piano circa il Sistema della mobilità consistono nella conferma della tangenziale ovest
con alcune modifiche che richiedono significative opere di ingegneria, per la presenza di un tratto su viadotto,
nel tratto compreso tra Serra Venerdì e via Carlo Levi. Inoltre nella ridefinizione dell’Asse Matera Nord,
finalizzata a facilitarne l’attuazione, il RU prevede l’ integrazione del nuovo tracciato della SS 99; con un
rinnovato assetto degli svincoli alla testata di detta strada in corrispondenza dell’innesto con la SS 7 e
l’integrazione della viabilità di derivazione dal nuovo tracciato della SS 99, allo scopo di disimpegnare la viabilità
di accesso alla parte a nord di Serra Rifusa (figura 7). È previsto, infine, l’adeguamento del tratto urbano della
via per Montescaglioso ricompreso tra il nuovo ospedale e Agna, e il completamento della linea metropolitana
FAL su tracciato definito dal PRG/99 (figura 8).
Come già precisato, fatta salva la necessità di sottoporre ad ulteriore valutazione di incidenza come suggerito
dalla Relazione di RU (pag. 21) i progetti relativi a questi interventi, (in particolare il progetto per la realizzazione
del tratto di tangenziale su viadotto) si dovrà tener conto in generale della timing dei cantieri di realizzazione, in
modo tale da evitare che si sommino effetti negativi che invece singolarmente non avrebbero un’incidenza
significativa (ad es. perturbazione generata in termini di rumore…..)

Figura 7 - Regimi normativi dello Spazio Urbano: AMN

51
Figura 8 - Stralcio Regimi normativi dello Spazio Urbano

6 Screening delle incidenze ambientali


Dopo una valutazione generale del Regolamento Urbanistico, si considerano le incidenze significative, secondo
l’Allegato G del D.P.R. n. 357 dell’8 settembre 1997, eventualmente generate al sistema ambientale con
riferimento a:
• componenti abiotiche (clima, suolo, sottosuolo, acque superficiali, acque sotterranee);
• componenti biotiche (flora, vegetazione, fauna);
• connessioni ecologiche (ecosistemi, paesaggio).
Le interferenze al sistema ambientale sono state analizzate riguardo alla loro natura degradativa e perturbativa
su habitat e specie, secondo quanto stabilito dall’art. 6 della Direttiva 43/92 CE e riportato nelle linee guida per
l’interpretazione di tale articolo (European Commission, DG Environment, 2002). Per “degrado di habitat” si
intende, in coerenza con la Direttiva 42/93 CE (art. 6), sia la riduzione areale di un habitat in un determinato sito,
sia l’alterazione delle condizioni (strutture e funzioni specifiche) che ne permettono il mantenimento a lungo
termine (European Commission 2000); per “perturbazione” si intende, sempre in coerenza con la Direttiva 43/92
CEE (art. 6), l’effetto del degrado di habitat come precedentemente definito, nei riguardi delle popolazioni delle
specie animali e vegetali da esso dipendenti per l’esplicazione dei loro processi vitali che determina rischi per la
sussistenza di queste nel sito stesso, implicando quindi conseguenze sulle dinamiche di metapopolazione.

Per la complessità dei tematismi individuati dal Regolamento Urbanistico, la valutazione delle incidenze sono
state considerate inizialmente considerando il Regolamento nella sua integrità, successivamente più in dettaglio
su quelle aree di cui si è prevista l’espansione della città (Ambiti AC, Ambiti AD, Asse Matera Nord).

52
Per queste ultime la valutazione è stata fatta definendo l’incidenza in sei categorie stabilite in base alle
modificazioni che gli interventi previsti dal Regolamento Urbanistico per le diverse Componenti dello spazio
urbano possono comportare sugli elementi di conservazione del sito.
In particolare l’impatto negativo può essere:
− alto – modificazioni che possono compromettere la presenza dell’elemento di conservazione;
− medio – modificazioni che pur non compromettendo la presenza dell’elemento di conservazione ne
alterano le caratteristiche qualitative e quantitative;
− basso – modificazioni che non alterano sostanzialmente le caratteristiche qualitative e quantitative
dell’elemento di conservazione;
− nullo – nessuna modificazione
− sconosciuto – impossibilità di definire e valutare eventuali impatti presenti
E’ stato inserito anche un unico valore positivo nel caso di miglioramento delle condizioni ambientali derivanti
dall’applicazione del Regolamento Urbanistico.

Per le diverse incidenze individuate si propongono nel capitolo 7 adeguate misure (alternative,
attenuative/prescrittive, compensative) integrate dalle salvaguardie ai sensi della Direttiva CEE 43/92 per le
incidenze significative individuate.

Per l’attribuzione dei valori di importanza relativa si è fatto riferimento al “Protocollo per la valutazione della
qualità energetica ed ambientale di un edificio” redatto nel 2003 dal gruppo di lavoro interregionale in materia di
Bioedilizia dell’Istituto per la Trasparenza l’Aggiornamento e la Certificazione degli Appalti. In base a tale
Protocollo il Coordinamento delle Regioni per la Bioedilizia si è attivato mediante il contributo a leggi regionali,
regolamenti edilizi per fornire linee guida e documenti d’indirizzo a libello regionale, e metodologie per la
certificazione energetico-ambientale degli edifici.
Inoltre, l’attribuzione dei valori di importanza degli impatti presuppone che in sede di progettazione esecutiva e
di realizzazione delle opere (capitolati speciali d’appalto) siano recepite le indicazioni tecniche fornite nella
descrizione dei singoli impatti.

Orientativamente, gli aspetti che sono stati valutati si sono riferiti alle seguenti indicazioni:

a) Con riferimento all'ubicazione:


− quali siano le caratteristiche fisiche, naturali e antropizzate del luogo ove si colloca l'intervento;
− quali siano gli usi territoriali;
− quali siano le disposizioni date dalla pianificazione territoriale;
− quali siano gli elementi importanti dal punto di vista conservativo, paesaggistico, storico, culturale o
agricolo;
− quali possano essere gli effetti combinati con altre fonti di disturbo presenti sul territorio.

53
b) Con riferimento alle potenziali fonti di impatto:
− quali scarichi, rifiuti solidi, sottoprodotti, emissioni, rumori;
− quali saranno le caratteristiche di accesso e traffico;

c) Con riferimento all'habitat e alle specie:


− quali siano gli habitat della rete Natura 2000 interessati;
− quale influenza possa esserci sull'area SIC;
− quali siano le specie animali e vegetali prioritarie presenti;
− quale sia il livello di importanza ai fini della rete Natura 2000;
− quali possano essere i motivi di perturbazione sulle specie floristiche e/o faunistiche presenti;

d) Con riferimento alle modalità di mitigazione e di controllo:


− misure per ridurre, evitare o mitigare eventuali effetti negativi significativi.

6.1 Incidenze generali del Regolamento Urbanistico

Le molteplici problematiche che gravano oggi sui maggiori aggregati urbani potrebbero essere sostanzialmente
ricondotte a una sola causa: una crescita pressante e a macchia d’olio degli insediamenti con un sempre più
smisurato consumo di suolo e un parallelo e progressivo abbandono di territori fragili, di difficile lavorazione e di
scarsa rendita agricola.

L’enfatizzazione della città diffusa come modello dell’urbanistica avanzata, richiede – a prescindere dallo
specifico modello di sviluppo – un’attenta considerazione delle risorse ambientali e in particolare del suolo,
dell’acqua e dell’aria. I dati statistici dell’Unione Europea riportano le seguenti indicazioni: in soli dieci anni, dal
1987 al ’97, sono stati impermeabilizzati per usi civili circa 2.800.000 ettari di suolo più o meno fertile. E mentre
nell’intera Unione Europea la perdita di terreno agricolo è stata, negli ultimi trenta anni, pari al 2%, l’Italia ha
consumato il 20% di questa preziosa risorsa.

Difendere, valorizzare e potenziare le risorse ambientali in termini di ecosistema significa promuovere la


rigenerazione ambientale, predisporre e potenziare le infrastrutture ecologiche, quelle formazioni naturali
spontanee (fasce erbose, siepi, coltivazioni estensive in grado di favorire la biodiversità) che i processi di
artificializzazione legati alla specializzazione dell’agricoltura hanno progressivamente ridotto, incentivare la de-
impermeabilizzazione del suolo e trovare tempi e modi per sperimentare la compensazione ambientale
all’interno delle aree di trasformazione.
Oggi la riduzione del consumo di suolo, sottratto all’uso agricolo ed alle altre forme di verde non
necessariamente produttivo, diventa un obiettivo primario dello sviluppo urbano, in quanto la permeabilità dei
suoli costituisce la condizione principale della rigenerazione ambientale.

54
Quanto detto diventa quanto mai prioritario nel casi di Matera per la particolarità e caratteristiche del territorio e
della gravina e per la difesa dell’equilibrio e dell’assetto idrogeologico che nella presente valutazione diventa
obiettivo di tutela al quale misurare le previsioni del regolamento urbanistico.
In generale va detto che qualsiasi attività di nuova edificazione, sostituzione edilizia e recupero determina degli
impatti sul contesto sia naturale che antropizzato a prescindere dalla qualità dell’intervento e dalla sostenibilità
delle soluzioni progettuali. L’edilizia influisce profondamente sul cosiddetto metabolismo urbano per i consumi
energetici, per la produzione di rifiuti, dei reflui, prodotti della combustione, per l’utilizzo di sostanze chimiche e
sostanze assimilabili a polveri, polveri sottili, piombo, olii minerali. Il riscaldamento del clima è dovuto in buona
parte alle emissioni di diossido di carbonio, le quali sono dovute, tra le altre cause, dai trasporti, dalle
fondamenta in cemento, e quindi cause strettamente legate alla crescita delle città.

La costruzione di nuovi volumi ha una diretta incidenza sulla qualità ambientale degli ambiti urbani ed
extraurbani interessati rispetto al microclima soprattutto in “fase di esercizio” e rispetto all’uso del suolo sia in
“fase di cantiere” che in “fase di esercizio.
Il microclima locale è condizionato dalla scelta della tipologia dei materiali utilizzati per i volumi costruiti, dalle
superfici pavimentate, dagli impianti di climatizzazione, il clima risente degli incrementi della rete della viabilità e
del traffico veicolare.
L’effetto noto come "isola di calore" deve essere mitigato, per mezzo di un'adeguata progettazione delle aree
circostanti gli edifici. Il controllo dell’albedo della pavimentazione degli spazi pubblici (strade, marciapiedi,
parcheggi, ecc.) deve permettere la riduzione delle temperature superficiali con effetti sul comfort esterno e sulla
riduzione dei carichi solari nel condizionamento degli spazi chiusi. La semplice scelta di materiali ad elevato
albedo per la realizzazione delle superfici urbane (sia per i volumi costruiti che per le pavimentazioni) dovrà
essere effettuata nella direzione della riduzione delle temperature delle superfici (e quindi la quantità di energia
che esse accumulano). In generale le superfici chiare hanno un'albedo più alta delle superfici scure.
I generatori di calore e le macchine frigorifere influiscono sulle emissioni in atmosfera legate all’utilizzo degli
impianti di climatizzazione.
L’incidenza sulle componenti abiotiche (suolo, sottosuolo, falde acquifere) è determinata dalla realizzazione di
scavi, fondazioni, strutture, manufatti interrati e pavimentazioni.
In linea generale le incidenze su queste componenti sono state valutate con particolare riferimento al clima, al
suolo, al sottosuolo, alle acque superficiali ed alle acque sotterranee.
Atteso che il clima nelle aree urbanizzate è condizionato dai venti, dalle precipitazioni meteoriche, dalla
temperatura, dall’albedo, dall’evapotraspirazione e dai contaminati atmosferici, la valutazione circostanziata
dell’incidenza del Regolamento Urbanistico sui fattori climatici citati ha evidenziato in generale interferenze
piuttosto basse o, come nel caso dei venti e delle precipitazioni meteoriche, pressoché nulle.
L’aspetto che certamente è influenzato in misura non trascurabile dalle previsioni urbanistiche e che, oltre tutto,
può essere definito in questa fase con maggior accuratezza è la riduzione dell’evapotraspirazione, a sua volta
connessa alla riduzione della componente suolo.

55
Tenuto conto che le interferenze climatiche e, in generale, quelle attinenti le componenti abiotiche sono di
modesto rilievo in relazione al previsto sviluppo degli insediamenti ed allo stato dei luoghi, si è ritenuto
opportuno assumere come elemento principale di valutazione l’indice di copertura riportato nelle Schede degli
Ambiti di attuazione del Regolamento Urbanistico. In tale ordine di idee è stato stabilito un criterio rigoroso,
oggettivo e quantitativo di valutazione dell’incidenza che, peraltro, potrà essere successivamente affinato
allorquando, per gli stessi motivi che ricorrono nel presente studio, dovranno essere esaminati nel dettaglio i
singoli Ambiti di attuazione.
Lo stesso criterio è stato evidentemente adottato per la valutazione di incidenza delle componenti suolo e
sottosuolo, sempre che non si ravvisassero differenziazioni in un caso e nell’altro rispetto agli interventi
programmati. Laddove, infatti, il Regolamento Urbanistico esprimeva indicazioni epidermiche, tali da non
intaccare significativamente il sottosuolo, l’impatto per tale componente non poteva che essere minore rispetto
all’incidenza sul suolo.
Per quanto concerne le acque superficiali e quelle sotterranee, è superfluo osservare che la cementificazione
del territorio, incrementando per un verso le portate massime dei corsi d’acqua, che in tal modo possono
determinare fenomeni erosivi incontrollati, e per l’altro, riducendo il ravvenamento delle falde idriche sotterranee,
rappresenta una conseguenza negativa dello sviluppo urbanistico.
La valutazione di incidenza degli Ambiti di attuazione sulle acque superficiali e sotterranee è stata piuttosto
articolata in quanto, oltre al citato indice di copertura, si è tenuto conto della permeabilità dei terreni costituenti
l’intera successione stratigrafica, dell’acclività dei luoghi, di eventuali variazioni litologiche lungo la linea di
massima pendenza, tali da comportare modificazioni dei caratteri di permeabilità dei terreni, nonché dell’attuale
presenza oppure della prevista costituzione di aree a verde che, come è noto, svolgono una funzione regimante
sulle acque.
Al fine di chiarire il ruolo che i fattori geologici, idrogeologici ed ambientali testé citati hanno assunto nella
valutazione di incidenza eseguita, giova rammentare l’equazione del bilancio idrologico:
P (precipitazioni meteoriche) = E (evapotraspirazione) + R (ruscellamento) + I (infiltrazione)

In tale ordine di idee si deduce che l’incremento di copertura delle aree in esame favorisce il ruscellamento
superficiale a scapito dell’evapotraspirazione e dell’infiltrazione delle acque nel sottosuolo.
Ciò premesso, gli Ambiti di attuazione individuati nell’area di Matera sottendono in generale le seguenti
situazioni idrogeologiche:
a) depositi sabbiosi, talora cementati, o sabbioso-conglomeratici, ascrivibili alle unità geologiche delle Sabbie
di Monte Marano, delle Calcareniti di Monte Castiglione, delle Sabbie dello Staturo, del Conglomerato di
Irsina e dei depositi alluvionali terrazzati, poggianti sulle Argille subappennine; le precipitazioni piovose
possono infiltrasi nel sottosuolo per la permeabilità dei terreni affioranti ma perlopiù non costituiscono una
vera e propria falda idrica superficiale, che peraltro non sarebbe consigliabile utilizzare nell’abitato per la
scarsa qualità delle acque; per la presenza dell’orizzonte argilloso impermeabile le eventuali infiltrazioni non
raggiungono neppure la falda profonda; l’incidenza, variabile per le acque superficiali in relazione ai
contenuti del Regolamento Urbanistico, è nulla per le acque sotterranee;

56
b) Argille subappennine impermeabili: la realizzazione di nuove coperture impermeabilizzate non modifica
significativamente il regime delle infiltrazioni, inesistente, e dei deflussi idrici, di modo che l’incidenza risulta
nulla;
c) Calcareniti di Gravina, sostenute dai Calcari di Altamura: le calcareniti sono blandamente permeabili per
porosità e, talora, per fatturazione, di modo che gli impatti sulle acque superficiali, per un verso, e sulla
falda profonda alloggiata in seno al basamento cretaceo, per l’altro, sono generalmente coincidenti e
dipendono dai parametri urbanistici assegnati ai vari Ambiti di attuazione.
Si precisa, infine, che gli Ambiti di attuazione definiti dal Regolamento Urbanistico non ricadono in alcun caso in
seno alla formazione dei Calcari di Altamura.

Rispetto agli impatti determinati dal potenziamento della rete viarie e dagli interventi sull’asse nord va
evidenziato che in fase di cantiere l’impiego di fanghi bentonitici ed anche di polimeri, per sostenere le pareti di
scavo prima dell’inserimento di calcestruzzi per la realizzazione di setti o pali, produce un temporaneo ma
diffuso inquinamento delle acque sotterranee.
Rispetto alla fase di esercizio va considerata la ricaduta nelle acque di superficie degli inquinanti di emissione
dei veicoli e la possibilità che fluidi idroinquinanti vengano diffusi sulla superficie stradale a causa di eventuali
incidenti connessi alle attività ed al traffico della zona industriale.
Naturalmente le misure di salvaguardia e mitigazione non possono inibire le scelte di sviluppo di una città ma
possono solo individuare dei fattori di correzione e dei principi e linee guida di intervento.
Quanto riportato nelle schede relative agli ambiti contiene indicazioni importanti e condivisibili sulle strategie e
metodologie di intervento ma sarebbe utile proporre degli indici parametrici in grado di governare con maggiore
certezza la sostenibilità ambientale dello sviluppo e del risanamento previsto.

6.2 Incidenze dei nuovi ambiti per insediamenti residenziali e dell’Asse Matera Nord
Vengono qui riportate le incidenze che possono derivare dalla scelta delle localizzazioni e delle prefigurazioni di
progetto e normativa degli “Ambiti da configurare ad attuazione indiretta –AC”, e degli “Ambiti di completamento
e definizione dei margini dell’insediamento ad attuazione indiretta-AD”, per le cui localizzazioni, prefigurazione
progettuale e normativa si rimanda alle schede allegate al Regolamento urbanistico (elaborato P.6). Si valutano
anche le incidenze di quanto disciplinato per la zona definita come ”Asse Matera Nord-AMN”, territorio in corso
di trasformazione adiacente alla SS 99 in direzione Nord, secondo quanto indicato dal Regolamento Urbanistico,
elaborato P.7-Norme Tecniche di Attuazione, Capo 5°. Per gli Ambiti Urbani di impianto non recente di
riqualificazione del Centro storico – Ui/R si sono valutate solo le componenti abiotiche, ritenendo che eventuali
incidenze si possano verificare solo su tali fattori, essendo queste piccole aree localizzate all’interno della città
consolidata, così come per la prevista realizzazione del viadotto lungo la tangenziale ovest tra Serra Venerdì e
via carlo Levi, per il quale mancano i dati minimi essenziali per determinare una incidenza sulle componente
biotiche. Per ogni Ambito e l’Asse Matera Nord sono state compilate delle matrici (allegato 3), indicanti le

57
incidenze prevedibili sulle componenti abiotiche, biotiche e sulle connessioni ecologiche, derivanti da
osservazioni dirette delle aree e dalla lettura delle schede degli “Ambiti” e dalle Norme di Attuazione, lasciando
agli obbligatori Studi di Valutazione di Incidenza dei futuri progetti esecutivi un maggior approfondimento delle
stesse. Le valutazioni dei vari Ambiti, dell’Asse Matera Nord e del previsto viadotto (solo per le componento
abiotiche) sono riepilogate nell’Allegato 4.

Per meglio comprendere la localizzazione delle aree di espansione previste dal Regolamento Urbanistico in
relazione all’uso del suolo indicato al punto 3.3.1 della presente relazione, si riporta in tavola 2 il perimetro degli
abitati urbani del comune di Matera ricadenti nell’area di rispetto del SIC/ZPS IT9220135 Gravine di Matera ed il
tipo di uso del suolo presente

6.2.1 Componenti abiotiche


Sulla scorta di note specialistiche, della documentazione disponibile riguardante gli studi geologici effettuati
nell’anno 1999 in occasione della redazione della Variante al Piano Regolatore Generale di Matera e di specifici
rilievi in sito sono state valutate le incidenze che gli Ambiti di attuazione definiti dal Regolamento Urbanistico
dispiegano nei confronti del clima, del suolo, del sottosuolo, delle acque superficiali e delle acque sotterranee.
In relazione alle previsioni urbanistiche ed ai criteri stabiliti circa la valutazione degli impatti (cfr. cap. 6.), si
osserva che gli effetti sul clima, sul suolo e sul sottosuolo sono generalmente dello stesso ordine per ciascun
ambito. Vale la pena evidenziare, tuttavia, che per quanto concerne Piazza della Visitazione (Ambito da
configurare ACa/2), gli orientamenti espressi dal Regolamento Urbanistico circa la riqualificazione
morfotipologica e funzionale dello spazio aperto con introduzione di nuova edificazione non consentono
all’attualità di circostanziare le incidenze sul sottosuolo, adeguatamente valutabili solo a seguito di precise scelte
progettuali. In tale contesto urbano gli impatti sulle altre componenti abiotiche si ritengono, invece,
essenzialmente ininfluenti, considerata la presenza in sito di estese superfici artificialmente impermeabilizzate
poggianti sulle argille calabriane, esse pure impermebili.
Qualsivoglia considerazione riguardo la realizzazione di un viadotto nella zona occidentale di Matera è
altrettanto opinabile, in mancanza di riferimenti progettuali ben definiti. Atteso che il substrato geologico in sito è
costituito dalle Argille subappennine, si ritiene, tuttavia, che l’influenza sulle acque sotterranee sia nulla. A tal
riguardo giova, peraltro, segnalare che l’area di intervento, solcata dal Torrente Pizzicanniello, è sottoposta,
ancorché marginalmente, a vincolo idrogeologico ed è classificata a rischio idrogeologico moderato (R1) e,
talora, medio R2 (figura 3 ).
I versanti di Serra Rifusa, ubicata nella zona settentrionale dell’abitato, sono a loro volta afflitti da condizioni di
rischio idrogeologico R1. In particolare, detto rischio riguarda l’Ambito di completamento e definizione dei
margini dell’insediamento ADa/1 (Serra Rifusa 1) (figura 1), ancorché in misura limitata, e le due sottostanti
aree, in un caso definite a pianificazione esecutiva pregressa per residenza (PPr) e, nell’altro, tessuti completi di
impianto recente unitario ad attuazione diretta (T8). Lo studio geologico eseguito in occasione della Variante al
Piano Regolatore Generale di Matera (1999) ha individuato taluni fenomeni di instabilità anche in
corrispondenza dell’area sottesa dall’Ambito Ada/2.

58
Gli ambiti citati e l’Asse Matera Nord sono parzialmente interessati dal vincolo idrogeologico. In relazione ai
vincoli ed alle condizioni di rischio idrogeologico dianzi illustrati si è ritenuto che gli indirizzi urbanistici relativi agli
Ambiti Ada/1, Ada/2 e Asse Matera Nord possano provocare incidenze negative medie sulle componenti suolo,
sottosuolo ed acque superficiali .
Per quanto concerne le incidenze di maggior rilievo conseguenti all’applicazione del Regolamento Urbanistico,
spiccano anche gli Ambiti da configurare ACa/4 e ACb/4, caratterizzati dalla presenza in affioramento di depositi
calcarenitici pleistocenici, e ACb/3 e ACc/2, questi ultimi interessati da terreni argillosi. Tenuto conto che l’indice
di copertura per detti Ambiti è sempre compreso nell’intervallo 30÷40% e che nei primi due casi citati si
assommano i condizionamenti rinvenienti dalla realizzazione di nuove strade di piano, l’impatto negativo sulle
componenti abiotiche è stato valutato di ordine medio. Limitatamente agli Ambiti ACb/3 e ACc/2 l’incidenza sulle
acque superficiali e sotterranee è invece nulla per effetto dei depositi argillosi colà affioranti.
Un’incidenza media sulle acque superficiali è stata attribuita anche all’Ambito da configurare ACb/2 (PAIP),
caratterizzato da un indice di copertura 30%. Detto Ambito, poggiante sulle Calcareniti di Gravina, si sviluppa in
aderenza ad un’incisione erosiva a regime torrentizio che, pertanto, risulta del tutto priva di fasce di pertinenza.
Per tutti gli altri casi relativi sia agli Ambiti da configurare (AC), sia agli Ambiti di completamento e definizione dei
margini dell’insediamento (AD) l’indice di copertura è sempre inferiore o pari al 30%, di talché l’incidenza sul
clima, sul suolo e sul sottosuolo risulta perlopiù basso. Nello specifico, detta valutazione riguarda gli Ambiti
ACa/1, ACa/3, ACa/5, ACb/1, ACb/2, ACb/5, ACb/6, ACc/1, ACc/3, ADa/3, ADc/1, ADc/2, ADc/3. Per quanto si
riferisce alle acque superficiali e sotterranee, gli impatti sono influenzati dalle caratteristiche di permeabilità della
locale successione stratigrafica (cfr. par. 6.1). Circa le acque superficiali, l’incidenza è bassa in corrispondenza
degli Ambiti ACa/1, ACa/3b, ACa/5, ACb/1, ACb/5, ACc/1, ADa/3 e ADc/1, caratterizzati dalla presenza di
depositi calcarenitici o di terreni sabbiosi sostenuti da litotipi argillosi. Il medesimo grado di incidenza riguarda,
con riferimento alle acque sotterranee, gli Ambiti ACa/1, ACa/3b, ACa/5, ACb/1, ACb/2, ACc/1 ed ADa/3, tutti
ricadenti in seno alle calcareniti pleistoceniche.
In tutti gli altri casi, escludendo gli Ambiti ADb/2 ed ADb/3, di cui si riferisce nel seguito, gli impatti sulle
componenti abiotiche sono sostanzialmente nulli. Siffatta valutazione discende talora dalle locali condizioni
geologiche ed idrogeologiche, influenzate perlopiù dalla presenza nel sottosuolo di argille impermeabili, talaltra
dalle prescrizioni contenute nel Regolamento Urbanistico. Per quanto concerne queste ultime, si evidenziano gli
interventi riguardanti il recupero di ben determinate strutture edilizie (Ambito ADb/1, Mulino Alvino) o la
demolizione e ricostruzione di edifici e manufatti esistenti, fra cui si citano gli Ambiti di impianto non recente di
riqualificazione del Centro Storico Ui/R1, Ui/R2 e Ui/R3. A tal proposito si segnala che il declivio esposto ad
oriente che insiste sui citati Ambiti urbani Ui/R2 (Via Lucana – Via Scotellaro) e Ui/R3 (Giardino Porcari) è
classificato a rischio idrogeologico R1, di talché si dovrà verificare che gli sbancamenti e gli scavi di fondazione
da realizzare al piede del versante non arrechino pregiudizio alla stabilità delle aree soprastanti.
Un aspetto qualificante il Regolamento Urbanistico di Matera è la ridefinizione morfologica e funzionale del
paesaggio urbano in corrispondenza del Ambito ADb/3 (Ofra), ubicato al margine della Gravina di Matera. Detto
ambito, all’attualità estesamente impegnato da manufatti ad uso produttivo, verrà destinato a residenze ed
attività terziarie con indice di copertura 15%. Oltre a ciò, si provvederà alla costituzione di elementi della rete

59
ecologica di connessione fra il territorio e l’ambiente urbano. In tale ordine di idee gli impatti attesi sono
evidentemente positivi.
Analogamente appare vantaggiosa la rinaturalizzazione dei suoli in corrispondenza dell’area compresa nel
Parco delle Chiese rupestri e definita dall’Ambito ADb/2. Detto ambito, infatti, è all’attualità impegnato da una
discarica dismessa che dovrà essere bonificata. Nella medesima area verrà realizzato un nuovo accesso viario
all’area urbana attraverso Via S. Vito. Siffatto intervento infrastrutturale, come espressamente dichiarato dal
Regolamento Urbanistico, dovrà privilegiare scelte progettuali di basso impatto paesaggistico e sostenibili dal
punto di vista ambientale, onde non vanificare le incidenze positive ottenute con l’intervento programmato di
bonifica e rinaturalizzazione del suolo.

6.2.2 Componenti biotiche


Si commentano di seguito le incidenze sulle componenti biotiche delle prefigurazioni e obiettivi di progetto
previste per gli Ambiti AC, AD, e l’Asse Matera Nord, i cui interventi previsti possono dare luogo a incidenze
significative sugli habitat e sulla fauna presenti nell’area.
Le relative mitigazioni sono riportate nel paragrafo 7.2.2.
Va rilevato che per alcune aree è stata indicata una incidenza nulla per quasi tutte le componenti biotiche anche
in presenza di eliminazione di porzioni di verde, generalmente incolto, in quanto la riqualificazione generale
dell’area, in base alle prefigurazioni di progetto, con inserimento di porzioni di verde arborato, sembra favorire la
presenza di specie animali e la continuità ecologica tra aree verdi della città e, in alcuni casi, tra queste il
territorio agricolo e/o naturale extraurbano.
Nella definizione delle incidenze sulle componenti biotiche, in particolare la fauna, sono state prese in
considerazione alcune specie di particolare valore naturalistico e conservazionistico, indicate nella scheda
Natura 2000, come ad esempio il Grillaio (Falco naumanni) e i taxa dei Chirotteri. In generale si è considerato
un impatto maggiore per le specie meno mobili, in particolare appartenenti ai taxa di Anfibi e Rettili, anche se le
specie rinvenute nell’ambito urbano del Comune di Matera, non presentano status di conservazione sfavorevole
(es. Podarcis sicula, Tarantola mauritanica).

Habitat
Le incidenze sugli habitat indicati nella Direttiva 92/43/CEE sono sempre nulle perché non interessano
direttamente tali tipologia di ambienti naturali, anche se la presenza di questi nelle estreme vicinanze della città
di Matera nell’ambito del territorio della gravina, ha influito nella valutazione delle incidenze soprattutto sulle aree
a ridosso di quest’ultima.
Invertebrati
Per quanto riguarda gli Invertebrati lo stato di conoscenza è estremamente carente e pertanto risulta impossibile
quantificare le incidenze su tale phylum per il quale si definisce una incidenza di tipo “sconosciuto”, solo nei casi
di attuale degrado delle aree in cui sono previsti interventi di riqualificazione con aumento di zone verdi (ACb/1,
ACb/2, ACb/3, ADb/3) si è considerato una incidenza di tipo “positivo, per l’evidente influenza positiva che gli
interventi previsti possono apportare a tutte le componenti biotiche dell’area .

60
Mammiferi
Le incidenze significative sui Mammiferi si valutano di tipo “Alto “ negli Ambiti ADa/1 e Ada/2, definiti entrambi
dal R.U. come “Versanti acclivi della collina di serra Rifusa ad alta sensibilità paesistica ed idrogeologica” in cui
soprattutto la creazione o allargamento di due nuove strade può influire sulla presenza di micromammiferi
dovuto all’impatto di questi con i mezzi in transito, considerando le caratteristiche agricole dell’area circostante.
L’incidenza risulta di tipo “Alto” anche nell’area interessata dal cosiddetto Asse Matera Nord, dove il
potenziamento della SS 99, inciderà ulteriormente sulla mammalofauna presente nel territorio.
Si considerano di tipo “Basso” le incidenze nelle zone ACa/4, ACa/5, ACb/4, ADa/3, ADb/2, dove la
eliminazione di zone verdi, agricole con oliveti o subnaturali con prevalenza di incolti, limita la presenza di piccoli
mammiferi. La stessa interruzione della continuità ecologica tra ambienti simili (ACa/4, ACb/4) o la creazione di
nuove strade (ACb/4, ADb/2) può influire sulla loro presenza.
L’incidenza è di tipo “Sconosciuto” nell’area ACa/2, dove gli obiettivi di progetto indicati nella relativa scheda
del Regolamento Urbanistico non permettono di definirne le eventuali incidenze, facendo comunque supporre
che, per le caratteristiche attuali dell’area totalmente asfaltata, potrebbero migliorarne le caratteristiche
ambientali generali.
L’incidenza si prevede “Positiva” nell’area ADb/3, dove l’aumento della zona destinata a verde e la vicinanza
della gravina, potrà favorire la presenza e lo spostamento dei mammiferi presenti nell’area.
Anfibi e Rettili
In tutte le aree (ACa/1, ACa/3, ACa/4, ACa/,5 ACb/4, ACc/3, ADa/1, ADa/,2 ADa/3, AMN) in cui è prevista la
costruzione di nuovi edifici a scapito di aree verdi, anche incolte, e/o la creazione di nuove strade, ha una
incidenza di tipo “Alto” su Anfibi e Rettili, rappresentati nelle zone urbane da specie poco mobili (es. Podarcis
sicula, Tarantola mauritanica).
L’incidenza è stata valutata di tipo “Medio” nell’area ADb/2 per l’attraversamento previsto di un’area verde, al
limite del “Parco Regionale archeologico - storico - naturale delle chiese rupestri del materano” da parte di una
nuova strada di ingresso alla città.
L’incidenza è di tipo “Sconosciuto” nell’area ACa/2, dove gli obiettivi di progetto indicati nella relativa scheda
del Regolamento Urbanistico non permettono di definirne le eventuali incidenze, facendo comunque supporre
che, per le caratteristiche attuali dell’area totalmente asfaltata, potrebbero migliorarne le caratteristiche
ambientali generali.
L’incidenza si prevede “Positiva” nell’area ADb/3, dove l’aumento della zona destinata a verde e la vicinanza
della gravina, potrà favorire la presenza e lo spostamento di Anfibi e Rettili.
Uccelli
Le incidenze sugli Uccelli sono state valutate di tipo “Alto” solo nell’area dell’”Asse Matera Nord”, per la forte
barriera ambientale che il potenziamento della SS 99 e l’espansione dell’edificato previsto per tale area, creerà.
Per la vicinanza della gravina, la previsione di nuovi edifici e il potenziamento della strada al limite con la gravina
si è valutata di tipo “Medio” l’incidenza sugli Uccelli nell’area ACb/4.
Si considerano di tipo “Basso” le incidenze nelle aree ACa/1, ACa/4, ACa/5, ADa/3, ADb/2, in quanto, pur
riducendo le zone verdi presenti (agricolo e/o incolto) sono localizzate quasi tutte (tranne ACa/1) ai limiti

61
dell’abitato di Matera, confinanti con le campagne circostanti e quindi di limitato impatto sullo spostamento degli
Uccelli. L’incidenza nell’area ACa/1 è invece prevista per la riduzione dell’area verde incolta, attualmente in
continuità con aree aperte vicine.
L’incidenza è di tipo “Sconosciuto” nell’area ACa/2, dove gli obiettivi di progetto indicati nella relativa scheda
del Regolamento Urbanistico non permettono di definirne le eventuali incidenze, facendo comunque supporre
che, per le caratteristiche attuali dell’area totalmente asfaltata, potrebbero migliorarne le caratteristiche
ambientali generali.
L’incidenza è considerata “Positiva” in aree (ACb/3, ADb/3) attualmente fortemente alterate dall’intervento
antropico e per le quali è prevista una evidente riqualificazione ambientale.

6.2.3 Connessioni ecologiche


Ecosistemi
Si considerano di tipo “Medio” le incidenze sugli ecosistemi nelle aree ACa/4, ACa/5, ACb/4, ADa/1, ADb/2,
AMN, sia per la creazione di barriere ecologiche tra aree limitrofe con caratteristiche di naturalità o anche
solamente agricole (ACa/4, ACb/4, ADa/1, ADb/2, AMN ), che le previsioni di edificato possono creare, sia per la
prevista riduzione di aree verdi (oliveti), aventi una relativa importanza nel contesto in cui sono localizzate
(ACa/5).
Si sono valutate di tipo “Basso” le incidenze nelle aree ACa/1, ACb/6, ACc/3, ADa/2, ADa/3, per l’interruzione di
connessione ecologica, sia per la semplice riduzione di area verde (ADa/3) a cui si aggiunge la localizzazione
sfavorevole dei nuovi edifici (ACa/1, ACb/6, ACc/3, ), sia per la creazione di nuove strade (ADa/2).
L’incidenza è di tipo “Sconosciuto” nell’area ACa/2, dove gli obiettivi di progetto indicati nella relativa scheda
del Regolamento Urbanistico non permettono di definirne le eventuali incidenze, facendo comunque supporre
che, per le caratteristiche attuali dell’area totalmente asfaltata, potrebbero migliorarne le caratteristiche
ambientali generali.
Le incidenze sugli ecosistemi si considerano di tipo “Positivo” per le aree ACb/3, ADb/3, ADc/1, ADc/2, ADc/3,
per il miglioramento ambientale previsto per tali aree, in cui oltre a riqualificazioni di zone urbane degradate
(ACb/3, ADb/3) si aumenta la biodiversità in zone agricole coltivate a seminativo (ADc/1, ADc/2, ADc/3).
Paesaggio
L’incidenza sul sistema paesaggio di tipo “Alto” è individuata per l’Asse Matera Nord, per la elevata
ripercussione che le previsioni del Regolamento Urbanistico avranno sul territorio circostante.
Si è considerata di tipo “Medio” l’incidenza degli obiettivi di progetto sulle aree ACa/4 e ACa/5, aree agricole
(oliveti) e incolti ai margini della città, per l’elevato impatto paesaggistico creato dai nuovi fabbricati.
Sono state valutate di tipo “Basso” le incidenze sulle aree ACb/4, ACb/6, ADa/1, ADa/2, ADa/3, ADb/2, per
l’impatto paesaggistico creato dai nuovi fabbricati e dalla previsione di realizzazione nuove strade (ACb/4,
ADb/2).
L’incidenza è di tipo “Sconosciuto” nell’area ACa/2, dove gli obiettivi di progetto indicati nella relativa scheda
del Regolamento Urbanistico non permettono di definirne le eventuali incidenze, facendo comunque supporre

62
che, per le caratteristiche attuali dell’area totalmente asfaltata, potrebbero migliorarne le caratteristiche
ambientali e paesaggistiche generali.
Si valutano di tipo “Positivo” le incidenze sulle aree urbane ACb/1, ACb/3, ADb/3, attualmente in forte stato di
degrado e dove gli obiettivi di progetto ne prevedono una riqualificazione ambientale e paesaggistica.

7 Misure per controbilanciare gli impatti negativi e Salvaguardie ai


sensi della Direttiva 42/93/CE per le incidenze significative
In relazione a quanto evidenziato, risulta chiara la limitata conflittualità tra le necessità di conservazione del sito
SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135, e gli obiettivi del Regolamento Urbanistico della Città di Matera.
Le possibili incidenze indicate sull’integrità del sito, in linea con il principio di precauzione di cui alla Dir.
92/43/CEE, impone la messa in atto, in sede di progettazione, realizzazione, esercizio ed eventuale dismissione,
di misure idonee a controbilaciare gli impatti negativi e delle salvaguardie previste dalla stessa direttiva
(soluzioni alternative e misure di attenuazione), nonché la predisposizione di misure compensative.
Si evidenzia che tali misure e salvaguardie, si configurano come requisiti imprescindibili di sostenibilità
ambientale degli “organismi” edilizi/abitativi risultanti dagli interventi di edificazione previsti in un contesto
territoriale fragile, ai limiti di un’area SIC/ZPS. Inoltre, con riferimento alle linee guida all’interpretazione dell’art.
6 già citate, si evidenzia il richiamo esplicito al “principio di precauzione” e si ricorda la natura anticipatoria
delle misure di salvaguardia. Queste infatti sono da attivare anche solo in caso di una probabilità di incidenze
significative e non necessariamente della loro certezza; devono inoltre essere considerati i possibili effetti
negativi legati sia alla fase di cantiere sia a quella di esercizio/regime della realizzazione degli interventi, rispetto
alle modalità di utilizzazione degli habitat da parte delle specie della fauna selvatica, con particolare riferimento
agli uccelli, ritenuti importanti indicatori di qualità ambientale.
Pertanto si forniscono indicazioni circa le possibilità di attuazione delle suddette misure e salvaguardie, che
fanno parte integrante delle Norme Tecniche di Attuazione del Regolamento Urbanistico, da mettere in atto,
mediante ulteriori specifiche tecnico-operative, in sede di progettazione degli interventi e di redazione dei
capitolati speciali d’appalto.

7.1 Possibili alternative


Non si prevedono proposte alternative agli obiettivi previsti dal Regolamento Urbanistico; vengono indicate
soltanto alcune localizzazioni progettuali alternative, inserite nel capitolo 7.2, in quanto considerate come
mitigazione alle prefigurazioni di progetto indicate nelle schede di alcuni Ambiti.

63
7.2 Misure di attenuazione e prescrizione

7.2.1 Mitigazioni alle incidenze generali del Regolamento Urbanistico

Si propone il seguente criterio generale di salvaguardia: per gli interventi localizzati nella città consolidata
prospettare mitigazioni meno rigide degli interventi sugli ambiti di completamento in quanto l’incidenza sul
consumo di suolo risulta meno grave in un contesto fortemente antropizzato.
Rispetto alle prefigurazioni indicate sulle ortofoto relative agli ambiti si propone inoltre di prescrivere nella fase di
pianificazione di dettaglio la salvaguardia della vegetazione esistente e dei “corridoi ecologici”, la penetrazione
degli ecosistemi naturali in ambito urbano, attraverso una corretta distribuzione dei volumi da costruire.
Entrando nel merito dei possibili fattori di correzione si evidenziano le seguenti proposte suddivise in base alle
problematiche ambientali individuate dal D.G.R. n. 2454/2003.

7.2.1.1 Uso delle risorse naturali


Rispetto alla salvaguardia dell’assetto idrogeologico
a) portare la percentuale di permeabilità del suolo al 30% (in maggiore misura di quanto indicato nelle
schede relative agli ambiti di intervento);
b) integrare il sistema dei depuratori, in parte sottodimensionato, con sistemi di fitodepurazione che
prevedano lagunaggio estensivo (nuovi interventi in ambiti esterni alla città consolidata);
c) nel centro abitato prevedere cisterne di accumulo delle acque piovane e reti duali di distribuzione
(art. 25 decreto 152/99) e l’installazione di economizzatori di flusso;
d) prevedere indici di piantumazione o di densità arborea e arbustiva pari a 1albero su 60 mq nella
città consolidata e 1albero su 100 mq nelle aree di espansione 2 arbusti ogni 100 mq;
e) ove sia prevista la realizzazione di nuove strade e parcheggi utilizzare:
per le strade ad alta percorrenza sottofondi in terra stabilizzata
Rispetto al consumo di combustibili ed all’inquinamento dell’aria
a) prevedere case “a basso consumo” nella città consolidata ed il rispetto del decreto 311 nelle aree di
espansione in anticipo rispetto alla gradualità nell’attuazione degli adempimenti previsti dalla
normativa utilizzo delle rinnovabili in percentuale pari al 30% del fabbisogno energetico stimato;
b) utilizzo di caldaie a condensazione e pompe di calore con i massimi indici COP, coefficiente di
rendimento espresso dal rapporto tra corrente utilizzata e calore erogato.
(riduzione dei consumi e quindi dell’utilizzo di fonti energetiche non rinnovabili e delle emissioni in atmosfera
dovuti all’utilizzo di impianti di climatizzazione)

Rispetto alla produzione di rifiuti


a) contenere il prelievo da cave naturali degli inerti, incentivare la produzione e l’utilizzo degli aggregati
riciclati da attività di costruzione e demolizione, la cui produzione annua in Italia può essere stimata
in diverse decine di milioni di tonnellate, che possono essere un materiale di grande interesse per le
costruzioni civili;

64
b) promuovere processi di demolizione selettiva, riutilizzo e riciclaggio di materiali ed inerti edili
nell’ambito dei cantieri di costruzione, contenere la produzione di rifiuti da conferire in discarica.

Nella valutazione delle misure di mitigazione di natura generale legate alle Tipologie di azione ed opere si
riportano i seguenti fattori di mitigazione connessi alle: Azioni di nuova edificazione - sostituzione edilizia –
manutenzione che vanno a completare quanto già specificato dal regolamento nella definizione degli “obiettivi
di progetto” e nelle “prescrizioni particolari”
Per la promozione della qualità morfologica e della sostenibilità degli interventi di nuova costruzione si
propone di:
1. Utilizzare “Concessioni edilizie condizionate” ovvero le concessioni edilizie potranno contenere
specifiche condizioni, previa adeguata motivazione nel rispetto dei limiti di Legge, tra le quali:
a) il rispetto della superficie permeabile esistente di riferimento nell’ambito soggetto a trasformazione,
permeabile in modo profondo, senza la presenza di manufatti interrati (sono considerate superficie
permeabile anche le pavimentazioni drenanti e le pavimentazioni realizzate con autobloccanti cavi);
b) il rispetto dell’indice di permeabilità prescritto;
c) il rispetto della densità arborea ed arbustiva prevista;
2. Assegnare un coefficiente di albedo medio del paesaggio (cioè un coefficiente che considera la
riflessione della radiazione solare verso l’edificio). Delle diverse superfici considerate deve essere
determinato il coefficiente di riflessione e successivamente calcolato il coefficiente di riflessione medio
Cm come media ponderata dei singoli coefficienti di riflessione C con le aree A delle relative superfici:
Cm = (c1A1+c2A2+..cnAn)/(A1+A2+..An) ≥ 0.5
3. Proporre dei materiali di costruzione con dei coefficienti di riflessione stabiliti ai fini del miglioramento
del microclima in esterno (indice superiore almeno al 50%)
4. Considerare la geometria degli ostacoli fisici (altri edifici, elementi del paesaggio) che influiscono sui
guadagni solari per effetto di ombreggiamento o riflessione della radiazione
5. progettare forme compatte, impianti urbani intensivi, utilizzare esposizione e orientamento favorevoli.

Per la tutela e sviluppo del verde urbano si propone di applicare alcune norme che potrebbero essere
contenuto in un apposito regolamento del verde:
1. assoggettare l'abbattimento di alberi d'alto fusto ad autorizzazione amministrativa, che ne comprovi
l’effettiva necessitò di abbattimento, accompagnata da un progetto di risistemazione ambientale che
preveda il ripristino, qualora ciò sia possibile, delle alberature con essenze adeguate.
2. in tutti gli interventi di trasformazione urbanistica (compresa la nuova costruzione su lotti singoli e
l'ampliamento di edifici esistenti) prescrivere la conservazione degli alberi d'alto fusto esistenti.
3. in tutti i progetti edilizi e in tutti i piani urbanistici di dettaglio, rilevare ed indicare negli elaborati le
alberature esistenti con relativa documentazione fotografica; prevedere il rispetto delle alberature
esistenti.

65
4. il progetto di sistemazione a verde degli spazi aperti rappresenta parte integrante del progetto edilizio; in
ogni progetto di sistemazione a verde indicare le parti sistemate a prato, a giardino e le zone alberate,
con l'indicazione delle essenze utilizzate; non meno dell'80% delle essenze utilizzate dovrà appartenere
alle specie autoctone della zona;

Per la tutela del falco Grillaio (Falco naumanni), specie prioritaria ai fini della conservazione ai sensi della
Direttiva 79/409 CEE, si propone di inserire nelle Norme Tecniche di Attuazione del Regolamento Urbanistico le
norme elaborate e previste per la conservazione di tale specie dal Progetto Life Natura “Rapaci lucani”, Azione
A.3 “Adeguamento dei regolamenti edilizi per la salvaguardia di “Falco naumanni”, in accordo con la Provincia di
Matera, Beneficiaria del Progetto, di cui si riporta l’Atto di Indirizzo. L’applicazione di tali norme inoltre potrebbero
snellire, evitandole, le procedure di Valutazione di Incidenza per gli interventi ricadenti nelle diverse
Componenti urbanizzate ed in via di urbanizzazione previste dal Regolamento Urbanistico della Città di Matera,
in quanto non determinerebbero impatto significativo sulla specie prioritaria.

ATTO D’INDIRIZZO PER LA SALVAGUARDIA DELLA SPECIE PRIORITARIA DI IMPORTANZA


COMUNITARIA GRILLAIO FALCO NAUMANNI
1) Nella realizzazione di interventi dovranno essere rispettate le seguenti prescrizioni:
a) tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, consolidamento, risanamento igienico e
ristrutturazione edilizia, devono essere realizzati conservando i caratteri tipologici delle coperture e ripristinando
materiali, colori e tecnologie costruttive della tradizione storica locale;
b) gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei tetti e sottotetti con presenza di nidificazione della
specie Falco naumanni devono essere realizzati esclusivamente nel periodo compreso tra agosto e marzo;
c) devono essere conservati tutti i passaggi per i sottotetti, le cavità o nicchie utili ai fini della riproduzione del
Falco naumanni o, in alternativa, devono essere posizionati nidi artificiali nella quantita’ di uno ogni 15 m2 di
sottotetto sottratto indicato da apposito studio allegato alla richiesta di intervento edilizio (T.U. Edilizia D.P.R.
380/2001);
d) le costruzioni di singoli edifici su lotti liberi, le sopraelevazioni e i completamenti di immobili esistenti, devono
essere realizzati con copertura a tetto con rivestimento in tegole o coppi, preferibilmente in argilla e con
tecnologie e colori della tradizione storica locale; devono, inoltre, essere realizzati i passaggi per i sottotetti,
eventuali cavità o nicchie utili ai fini della riproduzione del Falco naumanni o, in alternativa, devono essere
posizionati nidi artificiali nella quantita’ di uno ogni 15 m2 di tetto realizzato indicato da apposito studio allegato
alla richiesta di intervento edilizio (T.U. Edilizia D.P.R. 380/2001);
e) è vietato abbattere alberi e/o modificare aree verdi esistenti se non per necessità;
f) eventuali aree libere di pertinenza di edifici devono essere sistemate a verde con essenze autoctone;
g) è vietato installare impianti di illuminazione ad alta potenza che possano creare disturbo alla fauna nelle
eventuali aree di vegetazione naturale extraurbane (gravine, aree di steppa) limitrofe al centro urbano;
h) nei casi di aree di vegetazione naturale extraurbane (gravine, aree di steppa) limitrofe al centro urbano le

66
sorgenti sonore non possono determinare alcun incremento del livello di fondo misurato in assenza
dell'intervento (L. 447/1995), con esclusione delle attività correlate alle feste patronali.

Si riportano di seguito le soluzioni tecniche costruttive elaborate in Spagna nell’ambito del progetto LIFE BA –
3200/96/507 “Conservacion del Sison, Avutarda y Cernicallo Primilla en la red de Zepas de la Comunidad
Autonoma de Extremadura” (figura 9).

67
Figura 9 – Soluzioni tecniche costruttive utili alla riproduzione del falco Grillaio

68
Per quanto attiene al potenziamento dei collegamenti viari e l’asse Nord, le misure di mitigazione dovrebbero
tenere conto delle seguenti problematiche:
1. salvaguardia e restauro paesaggistico del territorio;
2. messa in sicurezza idraulica del territorio valutazione del clima acustico;
3. ottimizzazione dei percorsi e degli accessi;
4. creazione di sottopassi per la fauna.
Tutte le azioni a farsi dovrebbero essere tese alla valorizzazione degli elementi presenti a maggiore valenza
naturalistica, al potenziamento delle formazioni arboree ed arbustive spontanee soprattutto nelle aree
frammentate dall’infrastruttura, difficilmente riutilizzabili per scopi agricoli.
Rispetto al primo punto si potrebbero prevedere delle fasce di ambientazione, destinata all’inserimento di verde
ed al potenziamento delle reti ecologiche, in grado di mitigare l’inserimento della nuova infrastruttura, da
progettare in modo flessibile in funzione del contesto, con la possibilità di mitigare la percezione della nuova
infrastruttura e ricostruire e riprogettare le relazioni tra l’infrastruttura e l’organizzazione storicizzata del territorio
attraversato. Si indicano quali azioni obbligatorie preservare la rilevanza paesaggistica percettiva degli elementi
identificati, verificando puntualmente gli ambiti, le visuali da conservare rispetto alla attuale leggibilità dal
territorio ed eventualmente dal nuovo asse fruitivo della viabilità di progetto.
Rispetto al secondo punto la ricaduta nelle acque di superficie degli inquinanti di emissione dei veicoli può
essere attenuata, anche se solo parzialmente, da barriere vegetali mentre in tutte le situazioni di sensibilità
idrogeologica è possibile prevedere canalette impermeabilizzate di raccolta, vasche di contenimento, impianti di
deoleazione delle acque di precipitazione e lavaggio della sede stradale per attenuare l’impatto qualitativo sulle
acque superficiali e sotterranee.
Per quantificare le mitigazioni opportune per gli impatti delle reti viarie e dello sviluppo dell’asse nord
sull’inquinamento acustico è opportuno proteggere tutti i ricettori sensibili per i quali il clima acustico risulta
superiore ai 55 dB nel periodo notturno indipendentemente dal livello di criticità acustica.
In merito alla tipologia di mitigazioni da impiegare, anche ai fini di un minor impatto paesaggistico, vengono
proposte di preferenza dune con pendenza naturale (oppure eventualmente in terra armata), in quanto possono
essere rinverdite e fungere da schermo anche per gli inquinanti atmosferici. Dove le condizioni non consentono
la realizzazione di terrapieni si potranno impiegare pannelli acustici.
Rispetto al terzo punto deve essere valutata l’opportunità di modificare l’andamento e la sezione del tracciato se
risulta compromettere la leggibilità del territorio attraverso la valutazione della potenziale interferenza percettiva;
in ogni caso vanno studiati i percorsi in modo da ottimizzare e ridurre gli impatti dovuti alla rete viaria.
Rispetto al quarto punto ci si riferisce soprattutto al nuova SS 99 dell’ Asse Matera Nord, per molti tratti
sopraelevata rispetto al piano di campagna, che crea un “effetto barriera” nei confronti di specie terricole
(micromammiferi, anfibi e rettili) ostacolandole nei loro spostamenti, oltre a provocare forme di impatto diretto
sugli animali in attraversamento derivante dal passaggio di autoveicoli. Per rimediare in parte il problema, in
corrispondenza di sottopassi realizzati per lo scolo delle acque, invece di canalizzazioni con sponde totalmente
cementificate, si dovrebbe intervenire con interventi di Ingegneria Naturalistica, volti a naturalizzare le sponde e

69
creare così piccole zone di naturalità utili ad attirare la fauna. Allo stesso scopo possono essere previsti
sottopassi, appositamente studiati e localizzati, volti a limitare l’impatto dell’opera sulle specie suddette.

7.2.1.2 Rapporto con la normativa vigente in materia di ambiente


Le incidenze evidenziate e le mitigazioni proposte sono supportate dalla seguente normativa.

TRADIZIONI D.L. n°42 del 22/01/04


COSTRUTTIVE
D.P.R. n°392 del 18/4/1994
INQUINAMENTO LUMINOSO
L. n°46 del 5/3/1990
L. n°10 del 10/01/1991
D.P.R. n°412 del 26/08/1993
ISOLAMENTO D.P.R. n°551 del 21/12/1999
Direttiva 2002/91/CE (16/12/02)
TERMICO
D.Lgs. n°192 del 18/08/2005
DM n°178 del 02/08/05

EFFICIENZA IMPIANTO
TERMICO
CONTENIMENTO CONSUMI Direttiva 2002/91/CE (16/12/02) D.Lgs. n°192 del 18/08/2005
ENERGETICI
ENERGIE RINNOVABILI

D.M. del 2/4/1998


D.Lgs. n°387 del 29/12/2003
SISTEMI FOTOVOLTAICI Direttiva 2001/77/CE (27/09/01)
DM 28.07.05
D.M. del 06/02/2006

ACQUA POTABILE ACQUE D.L. n°152 del 3/4/2006


Direttiva 91/271/CE
PIOVANE
(21/5/91) D.Lgs n. 152 del 11/5/1999
ACQUE GRIGIE

D.M. del 27/7/2004


MATERIALI Direttiva 89/106/CE DL Ronchi n°22 del 05/02/97
DA COSTRUZIONE (21/12/98)
DL Ronchi bis n°389 08/11/97

DL Ronchi n°22 del 05/02/97

DEMOLIZIONE SELETTIVA DL Ronchi bis n°389 08/11/97


D.M. del 5/2/1998
D.M. del 27/7/2004

70
Direttiva 80/199/CE L. n°615 del 13/7/1966
Direttiva 82/844/CE
D.P.C.M. del 28/3/1983
Direttiva 84/360/CE
EMISSIONI IMPIANTI Direttiva 85/203/CE D.P.R. n°203 del 24/5/1988
TERMICI Direttiva 89/369/CE D.M. del 12/7/1990
Direttiva 89/429/CE
D.M. n°503 del 19/11/1997

D.Lgs. n°277del 15/08/1991


RIDUZIONE
Direttiva 2001/81/CE (23/10/01)
VOC D.L. n. 626 del 19/9/1994

7.2.2 Mitigazioni alle incidenze dei nuovi ambiti per insediamenti residenziali e dell’Asse Matera Nord

Mitigazioni alle possibili incidenze sulle componenti abiotiche, biotiche e sulle connessioni ecologiche date dalla
realizzazione dei nuovo Ambiti e dall’Asse Matera Nord sono espresse ampiamente nel paragrafo 7.2.1, in
particolare per quanto riguarda le componenti abiotiche. Per tale motivo nel presente paragrafo si puntualizzano
solo alcune mitigazioni sulle componenti biotiche delle aree di espansione previste dal Regolamento
Urbanistico.

7.2.2.2 Componenti biotiche e Connessioni ecologiche


Oltre alle mitigazioni generali indicate nel paragrafo 7.2.1, in particolare quelle volte al mantenimento e aumento
delle superfici verdi ed a favorire la presenza del Falco grillaio, si indicano nel presente paragrafo alcune
mitigazioni proposte per l’attenuazione delle incidenze di maggiore negatività sul sistema ambientale della città
di Matera e su alcune zone considerate a maggiore sensibilità ambientale-paesaggistica, prescrizioni necessarie
a migliorare le connessioni ecologiche e paesaggistiche in ambito urbano.
I principi generali da adottare per mitigare gli interventi previsti sono:
- salvaguardare, dove possibile, le zone verdi già presenti, concentrando il nuovo edificato nelle aree già
costruite, in particolare quando il mantenimento del verde è in connessione con altre zone aperte e/o di margine
urbano (Ambiti ACa/1, ACa/3, ACc/3);
- concentrare il nuovo edificato su coltivi agricoli (seminativi, oliveti) a favore del mantenimento di zone
subnaturali (ACa/4);
- evitare la costruzione di edifici sul lato gravina (ACb/6, ADb/3);
- ridurre o spostare, ridefinendone il tracciato, le strade di accesso alla città aventi un elevato impatto sulla
gravina (ACb/4, ADb/2) e le strade di attraversamento-accesso dei nuovi insediamenti edilizi, per ridurne
l’elevato effetto barriera che possono creare a scapito delle connessioni ecologiche e dello spostamento della
fauna (ACa/4, ADa/1, ADa/2, ADa/3, ADb/3).

7.3 Misure di compensazione


Con l’adozione delle prescrizioni che vanno a mitigare le incidenze rilevate nell’ambito degli obiettivi di progetto
del Regolamento Urbanistico della Città di Matera, si ritiene che tale strumento di pianificazione non abbia
incidenze significative da richiedere interventi di compensazione

71
8 Conclusioni

ll presente Studio di Valutazione di Incidenza riguarda il Regolamento Urbanistico della Città di Matera e dei
borghi dello stesso Comune (La Martella, Picciano, Venusio), localizzati nell’area di rispetto di 5 chilometri dal
perimetro del SIC/ZPS “Gravina di Matera” IT9220135. L’incarico avuto dall’Amministrazione Comunale fa
riferimento anche al SIC/ZPS “Lago San Giuliano e Timmari” IT220144, che occupa una parte del territorio del
Comune di Matera, ma non è interessato dal Regolamento Urbanistico, in quanto privo di ogni previsione
edificatoria.
In base alle caratteristiche del territorio, alle criticità presenti e per quanto stabilito dal Regolamento Urbanistico
della Città di Matera, si sono rilevate possibili incidenze sia sulle componenti biotiche, sia abiotiche, sia sulle
connessioni ecologiche, che possono essere facilmente attenuate e, in taluni casi, trasformarsi in azioni con
effetto positivo se mitigate da opportuni interventi in fase di applicazione del Regolamento.
In molti Ambiti da configurare le Prefigurazioni di Progetto e la normativa indicata dal Regolamento Urbanistico
comportano già un netto miglioramento dello stato ambientale generale delle aree.
Per la valutazione delle incidenze sulle componenti abiotiche si sono considerati, oltre alla presenza o meno di
Vincoli (Idrogeologico, Rischio Idrogeologico), gli indici di copertura, la permeabilità dei terreni, l’acclività dei
luoghi, eventuali variazioni litologiche lungo la linea di massima pendenza, la presenza attuale o prevista di aree
verdi, tenendo conto dell’equazione del bilancio idrologico.
Per quanto riguarda le componenti biotiche, pur essendo in ambito quasi esclusivamente urbano, si sono
valutate le incidenze sulle specie e famiglie faunistiche che possono risentire maggiormente di errate modalità di
restauro o di costruzione di nuovi edifici (es. Falco grillaio, Chirotteri), di modifiche di aree verdi (anfibi e rettili), di
creazione di nuove strade (mammiferi), cambiamenti questi ultimi che possono avere una rilevante incidenza
anche sulle connessioni ecologiche, soprattutto in quelle aree ai margini della città.
Va ulteriormente ribadito che tutti i progetti relativi agli interventi previsti dal Regolamento Urbanistico dovranno
essere sottoposti a specifiche valutazione di incidenza, dove si dovrà tener conto in generale della timing dei
cantieri per la realizzazione delle infrastrutture, eventualmente anche congiuntamente alla realizzazione di altri
progetti, in modo tale da evitare che si sommino effetti negativi che invece singolarmente non avrebbero
un’incidenza significativa.

72
Riferimenti bibliografici
BIBLIOGRAFIA FLORISTICA E FAUNISTICA

Abram S. & Venegon M., 1994. Vipere e altri serpenti italiani. Siste, Trento: 176 pp.
Ballasina D., 1995. Salviamo le Tartarughe! Edagricole, Bologna, 260 pp.

Biber J. P. 1996 - International Action Plan for the Lesser Kestrel (Falco naumanni). Convention for the Euopean
Wildlife and Natural Habitats. Consiglio d'Europa, Strasburgo.
Brichetti P. e Massa B. 1998 - Check-list degli Uccelli italiani aggiornata a tutto il 1997. Riv. ital. Orn., 68:129 -
152.
Bruno S., 1986. Tartarughe e Sauri d’Italia. Giunti Martello, Firenze, 255 pp.

Bruno, S., 1980. Considerazioni tassonomiche e biogeografiche sui “Gekkonidae” italiani. Atti Mus. Civ. St. Nat.
Trieste, 32: 111-134.
Busetto A. & Parisi V., 1992. Revisione dei Coleotteri presenti nella Collezione <<A. Leosini>>. Mus. St. Nat.
Univ. Parma, 5(1): 1-96.
Busetto A., 1985. Revisione dei Coleotteri presenti nella Collezione <<A. Leosini>>. Mus. St. Nat. Univ. Parma,
2(1): 1-106.
Bux M., Pantone N., Massa B., Malacarne G., Rizzi V. e Palumbo G. 1997 - Primi dati sull'alimentazione della
popolazione di Grillaio Falco naumanni dell'Italia peninsulare (Puglia e Basilicata). Avocetta 21:112.
Casale A., Sturani M. & Vigna-Taglianti A., 1983. Coleoptera: Carabidae I°. Ed. Calderini, Bologna.
Chiavetta M. 1992 - Lanario Falco biarmicus. In: Brichetti P. et al. (eds.) - Fauna d'Italia. XXIX. Aves I. Edizioni
Calderini, Bologna: 674 - 678.
Chinery M., 1988. Guida degli Insetti d’Europa. Ed. Franco Muzzio, 440 pp.
Conti F, Manzi a., Pedrotti F., 1992 - libro rosso delle piante d’italia. Wwf-italia, società botanica italiana.
Camerino.
Conti F., Manzi a., Pedrotti F., 1997 - liste rosse regionali delle piante d’italia. Wwf-italia, società botanica
italiana. Camerino.
Cortone P. e Mordente F. 1997 - Osservazioni sul comportamento e sulla biologia riproduttiva del Capovaccaio
Neophron percnopterus in Calabria. Riv. ital. Orn., 67: 3-12.
Cortone P., Mignanti A., Pellegrini M., Riga F., Sigismondi A. e Zocchi A. 1994 - Population trends of the Red
Kite (Milvus milvus) in Italy. Raptor Conservation Today, Pica Press. pp. 29-32.
Cramp S. & Simmons K. E. L. (eds.), 1980 - Birds of the Western Paleartic. 2. Hawks to Bustards. Oxford
University Press, Oxford. 695 pp.
Crivellari D., 1950 – inchiesta sulla distribuzione del genere quercus in puglia. Giorn. Bot. Ital, 57: 335-350
Diesener G. & Reicholf J., 1986. Les batraciens et les reptiles. Solar, Paris: 287 pp.
Fraticelli M. 1992 - Nibbio reale Milvus milvus. In: Brichetti P. et al. (eds.) - Fauna d'Italia. XXIX. Aves I. Edizioni
Calderini, Bologna: 465 - 470.
Gaetan du Chatenet , 1986. Guide des coléoptères d’Europe. Ed. Delachaux e Niestlé S.A., Neuchàtel-Paris,
479 pp.

73
Gariboldi A. &Zuffi M.A.L., 1994. Notes on the population reinforcement project for Emys orbicularis (Linnaeus,
1758) in a natural park of northwestern Italy (Testudines: Emydidae). Herpetozoa, 7(3/4): 83-89.

Golz P., & Reinhard H., 1982 – orchideen in suditalien. Mitt. Bl. Arbeitskr. Heim. Orch.-wurtt. 14 (1): 1-124
Gruber U, 1992. – Guide des serpents d’Europe, d’Afrique du Nord et du Moyen-Orient. Delachaux et Niestlé,
Lausanne: 248 pp.
Horvat I., Glavac V., Ellenberg H., 1974 – vegetation südosteuropas. Fischer, stuttgart, 768 pp.
Ildos A. & Ancona N., 1995. Proposte gestionali sui siti riproduttivi degli Anfibi in una zona agricola. Quad. Civ.
Staz. Idrobiol., 20: 47-53.

Lanza B., 1983. Anfibi, Rettili (Amphibia, Reptilia). Guide per il riconoscimento delle specie animali delle acque
interne italiane. 27. Collana del progetto finalizzato “Promozione della qualità dell’ambiente”. C.N.R.
AQ/1/205, Roma,196 pp.

Lanza B., 1987. Tutti i serpenti italiani. Silva, Milano, 2: 48- 69.
Liberatori F. e Massa B. 1992 - Capovaccaio Neophron percnopterus. In: Brichetti P. et al. (eds.) - Fauna
d'Italia. XXIX. Aves I. Edizioni Calderini, Bologna: 488 - 494.
Lionetti G., 1988. Osservazioni sui rettili dell’agro materano. Boll.Gruppo R.A.NA. Italia, 1: 29-31.
Massa B., Lo Valvo F., Siracusa M. e Ciaccio A. 1991 - Il Lanario (Falco biarmicus feldegii) in Italia: status,
biologia e tassonomia. Naturalistà Sicil., 15: 27 - 63.
Massa M. 1992 - Grillaio Falco naumanni. In: Brichetti P. et al. (eds.) - Fauna d'Italia. XXIX. Aves I. Edizioni
Calderini, Bologna: 633 - 638.
Medagli P., Gambetta G., 1992 – “I fiori della murgia materana”. In: Calabria e Lucania riserva di verde nel
mediterraneo. Carical
Medagli P., Gambetta G., 2003 –“Guida alla Flora del Parco”. Collana Parcomurgia, Parco Regionale della
Murgia Materana
Meschini E. e Frugis S. 1993 - Atlante degli Uccelli nidificanti in Italia. Suppl. Ric. Biol. selvaggina, 20. pp. 343.
Minelli A., Ruffo A.S. &La Porta S. (eds), 1993. Checklist delle specie della fauna italiana. Ed. Calderini,
Bologna.
Monney J.-C., 1990. Régime alimentaire de Vipera aspis L. (Ophidia, Viperidae) dans les Préalpes
Fribourgeoises (Ouest de la Suisse). Bull. Soc. Herp. Fr., 53: 357-393.
Palumbo G. 1997 - Il Grillaio. Altrimedia edizioni, Matera. pp.142.
Pantone N., Bux M. e Scillitani G. 1999 - Dieta del Grillaio Falco naumanni nell'Italia peninsulare. Avocetta
23:171.
Pavan M. (a cura di) 1992. Contributo per un “Libro Rosso” della fauna e della flora minacciate in Italia. Min.
dell’Agricoltura e delle Foreste. Roma.
Pignatti S., 1982 - Flora d’Italia. Edagricole
Pignatti S., Menegoni P. E Giacanelli V. (eds.), 2001 – liste rosse e blu della flora italiana (cd-rom). A.n.p.a.,
stato dell’ambiente 1. Ixenia s.r.l. Roma.

74
Rizzi V., Cripezzi V. e Palumbo G. 1996 - Primi dati sulla densità dell'Occhione, Bhurinus oedicnemus, in alcuni
agroecosistemi marginali della Puglia, Basilicata e Calabria. In: L'avifauna degli ecosistemi di origine
antropica. Electa Napoli, editore, Napoli.
Scoccianti C., 2001. Amphibia: aspetti di ecologia della conservazione. WWF Italia, Sezione Toscana. Ed. G.
Persichino Grafica, 430 pp.

Sigismondi A., Casizzi G., Cillo N., Laterza M., Rizzi V. e Ventura T. 1995 - Distribuzione e consistenza delle
popolazioni di Accipritiformi e Falconiformi nidificanti nelle regioni Puglia e Basilicata. Suppl. Ric. Biol.
selvaggina, 22: 707-710.
Sigismondi A., M. Bux, N. Cillo, M. Laterza V. Talamo – 2003 b. Vulnerabilità dei siti riproduttivi del Lanario Falco
biarmicus feldeggi in Puglia e Basilicata. Atti XII Convegno Italiano di Ornitologia. Ercolano (NA). Avocetta
numero speciale, Vol. 27
Sigismondi A., N. Cillo, V. Cripezzi, M. Laterza V. Talamo – 2003 a. Status e successo riproduttivo del Lanario
Falco biarmicus feldeggi in Puglia e Basilicata. Atti XII Convegno Italiano di Ornitologia. Ercolano (NA).
Avocetta numero speciale, Vol. 27
Spagnesi M. E Toso S., 1999 - Iconografia dei Mammiferi d'Italia. INFS, Ozzano Emilia. 201 pp.
Stebbings R.E. & Griffith F. (1986) - Distribution and Status of Bats in Europe. Institute of Terrestrial Ecology,
Huntingdon.
Stebbings R.E. (1988) - “Conservation of European Bats”. Helm, London
Tedesco N., 1991 – un grande parco naturale per l’arco jonico delle gravine. Umanesimo della pietra, verde,
6:11-18
Tucker G. M. & Heath M. F. 1994 - Birds in Europe: their conservation status. Cambridge, UK: BirdLife
International (BirdLife Conservation Series n° 3).
Tucker G. M. & Heath M. F. 1994 - Birds of Europe: Their Conservation Status. BirdLife

BIBLIOGRAFIA GEOLOGICA

BALDASSARRE G., RADINA B. (1971) – Sorgenti di una parte del medio bacino del Fiume Bradano. Geol.
Appl. e Idrogeol., 6, Bari.
BOENZI. F., PALMENTOLA G. E VALDUGA A. (1976) – Caratteri geomorfologici dell’area del Foglio Matera. -
Boll. Soc. Geol. It., 95, Roma.
COTECCHIA V., GRASSI. D. (1975) - Stato di conservazione dei “Sassi” di Matera (Basilicata) in rapporto alle
condizioni geomorfologiche e geomeccaniche del territorio e delle azioni antropiche. Geol. Appl. e Idrogeol., 10,
Bari.
COTECCHIA V., GRASSI. D. (1997) – Incidenze geologico-ambientali sull’ubicazione e lo stato di degrado degli
insediamenti rupestri medievali della Puglia e della Basilicata. Geol. Appl. e Idrogeol., 32, Bari.
GRASSI D. (1974). Evoluzione morfologica dei depositi calcarenitici quaternari in corrispondenza dei versanti
vallivi della Puglia e della Lucania, con particolare riferimento alla Gravina di Matera. Geol. Appl. e Idrogeol., 9,
Bari.

75
MAGGIORE M., RADINA B. E WALSCH N. (1976) – Dissesti e zonizzazione di un’area campione al margine
orientale della Fossa bradanica (dintorni di Matera). Mem. Soc. Geol. It., 14, Roma.
RICCHETTI G. (1980) – Contribuito alla conoscenza strutturale della Fossa Bradanica e delle Murge. – Boll.
Soc. Geol. It., 99, Roma.

76
77