Sei sulla pagina 1di 2

IL JAZZ






Nasce alla fine dellOttocento presso la comunit afroamericana


Il termine jazz di origine incerta: dal verbo jaser (gracchiare, fare rumore) chasse (caccia)- inglese
jasm (energia, entusiasmo) to jizz-jass (parolaccia utilizzata nei bordelli) jasbo (musicisti neri)
Il termine jazz usato per la prima volta nel 1913
Nasce da una mescolanza delle tradizioni africane con le tradizioni europee

ORIGINI DEL JAZZ


Work songs

Spirituals, gospels

blues

JAZZ

ragtime

Work songs
 Canti dei neri nei campi di lavoro (piantagioni di cotone o strade ferrate)
 Avevano la funzione di alleviare la fatica e dare un ritmo al lavoro
 I testi sono ripetitivi e raccontano le condizioni di vita dei neri
 La forma responsoriale (dialogo tra solista e coro)
 Lesecuzione spesso sono vocale o accompagnata da semplici strumenti di recupero (asse del
bucato, fustini, scatole, pettini, ecc.)
Spirituals
 Canti religiosi nati dalla fusione di melodie del canto europeo con elementi africani
 I testi esprimono il dolore e i problemi della vita dei neri, ma anche momenti di speranza
 Lo stile responsoriale (solista e coro)
Gospels
 Canti religiosi ispirati al Vangelo nati nelle citt negli anni Trenta
 Spesso lesecuzione fatta senza strumenti
Blues








Canto solistico profano nato nelle campagne nella 2^ met dellOttocento


I testi esprimono la miseria e lemarginazione in cui vivevano i neri (andamento lento e malinconico)
Le parole sono ripetute pi volte e spezzate da lunghe pause
Viene utilizzata una scala musicale chiamata blues che contribuisce a dare al brano un senso di
tristezza (scala di 6 suoni, DO MIb FA SOLb LA SIb, tre note abbassate di un semitono)
La struttura AAB (tre frasi musicali di cui le prime due uguali)
Il ritmo sincopato cio con gli accenti spostati rispetto al ritmo regolare dellaccompagnamento
I primi strumenti utilizzati sono il banjo, larmonica a bocca, la chitarra

Ragtime
 Forma strumentale eseguita soprattutto al pianoforte nei locali notturni da musicisti meticci ( figli di
un bianco e un nero)
 Forma scritta e non improvvisata
 Sovrapposizione di una melodia molto sincopata con un accompagnamento ritmico e ossessivo nella
parte grave






CARATTERI DEL JAZZ


La melodia basata sulla scala blues
Il ritmo caratterizzato da una sovrapposizione di pi ritmi (poliritmia) e ricco di sincopi
I timbri vocali e strumentali sono aspri e gutturali, non limpidi come nella musica classica
Il jazz basato sullimprovvisazione che la libera invenzione fatta sul momento di melodie su una
base armonica e ritmica fissa
I neri non sapevano leggere la musica e hanno imparato a suonare seguendo la loro naturale
musicalit

STILI DEL JAZZ


New Orleans (1900-1920)







Jazz tradizionale dei neri nato nella citt di New Orleans


Nascono le prime Band che utilizzano gli strumenti scartati dalle bande militari dei bianchi
Marching band= bande che suonavano camminando nelle strade in occasione di feste e funerali
Jazz Band = orchestrine stabili che suonavano nei locali di ritrovo
Gli strumenti usati erano: la tromba, il clarinetto, il trombone per la parte melodica; il basso tuba, il banjo per
la parte ritmica (nei locali erano utilizzati anche il contrabbasso, il pianoforte e la batteria)
Nel 1917 viene registrato il primo disco jazz

Dixieland (1920-1935)







I neri si spostano nelle grandi citt (Chicago) e nascono le prime band di bianchi
Il jazz si diffonde in tutti gli Stati Uniti per mezzo della radio e dei dischi
Nasce il boogie-woogie: forma derivata dal blues ma pi ritmata e suonata al pianoforte
Questa musica viene utilizzata per accompagnare le immagini del cinema muto
Nel 1929 crolla la borsa di Wall Street provocando un grande crisi economica; molti musicisti perdono il
lavoro e la musica, che era piuttosto allegra, diventa pi lenta e romantica
Nel 1932 con il New Deal di Roosvelt leconomia riprende, aumentano i consumi e aumenta il bisogno di
divertirsi e di ballare

Swing (1935-1945)








Il jazz diventa ballabile e la parola swing significa dondolio


Nascono le big band (grandi orchestre formate da varie sezioni fino ad arrivare a diciotto elementi)
Viene introdotto il vibrafono
Il jazz diventa commerciale e destinato alla classe media americana
Il jazz diventa molto orecchiabile e melodico, pulito e senza spigoli (prevale la componente bianca)
Nasce la figura dellarrangiatore cio colui che assegna le parti scritte ai vari strumenti
Limprovvisazione ricopre un ruolo secondario

Bebop (1945 circa)








Nasce in risposta alla musica commerciale dello swing


Musica aspra e spigolosa basata sullimprovvisazione, ritmi veloci e irregolari
Prevale la componente nera in contrasto con la musica morbida e melodica dei bianchi
Le formazioni sono composte da pochi elementi (4 0 5 elementi)
I musicisti assumono atteggiamenti trasgressivi (occhiali scuri, voltano le spalle al pubblico, portano baschetto
e pizzetto

Rhythm and blues (1945 circa)




E la musica popolare afro-americana nata nella seconda met degli anni 40 per il pubblico nero che non
accettava la rivoluzione del bebop e cercava musiche ballabili e orecchiabili. Dal rhytm and blues nascer
successivamente il rock and roll.

Cool jazz (1955 circa)






Nasce come reazione colta dei musicisti bianchi al be-bop


E caratterizzato da atmosfere pacate, rarefatte e con ritmi lenti
Le formazioni sono composte da pochi elementi

Free jazz (1960)









Nasce come reazione nera alla musica bianca; free vuol dire libero
Vengono recuperate le radici pi profonde della cultura africana
Vengono inserite musiche proveniente da altre culture
Le sonorit sono forti,aspre e spigolose; vengono imitati i rumori
La ritmica libera e la struttura irregolare
La tonalit incerta

Fusion (1970)




Nasce dalla fusione di rock , jazz e elementi presi da altre culture


Uso di strumenti elettronici e rumori
Mescolanza del ritmo beat del rock con il ritmo pi sfumato del jazz