Sei sulla pagina 1di 403

Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

SEDE LEGALE ED AMMINISTRATIVA


Viale dellArtigianato, 10 10045 PIOSSASCO (TO)
Tel. 011 9041764 - Fax. 011 9043249

2011
Settembre

COMUNE di
GINOSA (TA)
Stazione Appaltante:

Offerta Tecnica

COMUNE DI GINOSA

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Sommario

Rifiuto mai pi! ................................................................... 1


Introduzione .......................................................................... 3
La selezione domestica ....................................................................... 7
Capacit di selezione.......................................................................... 8
Motivazione di selezione ..................................................................... 8
Sistemi di raccolta differenziata ..........................................................11
IL SISTEMA CONAI ............................................................... 16
CONAI.............................................................................................16
Previsioni 2008-2010 ........................................................................20
IL SISTEMA RAEE ................................................................. 24
QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA DI
RIFIUTI ................................................................................ 35
Le fonti comunitarie ..........................................................................36
Normativa nazionale .........................................................................44
Normativa regionale .........................................................................66
Presentazione ...................................................................... 86
Titoli raccolta e trasporto rifiuti ........................................................91
Organico della Societ .......................................................................93
Mezzi in dotazione ............................................................................94
Sedi operativo-gestionali ...................................................................99
Fatturato ....................................................................................... 100
Raccolta R.S.U. e Servizi di Igiene Urbana ......................................... 101
Raccolte differenziate ...................................................................... 104
Pulizie civili ed industriali ................................................................. 108
Criteri generali di progettazione ......................................... 109

1) PROPOSTA TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI


RACCOLTA DIFFERENZIATA ....................................... 1

Scelta del modello di raccolta differenziata ............................ 1


Produzione Rifiuti .............................................................................. 6
Obiettivi della Raccolta Differenziata ...................................................34
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta

della frazione secca residua ......................................... 41


della frazione organica ................................................ 43
del vetro ................................................................... 45
della plastica ............................................................. 45
della carta ................................................................. 47
del cartone ................................................................ 48
degli ingombranti, RAEE .............................................. 49
rifiuti pericolosi .......................................................... 50

Pagina II
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Produttivit della raccolta ..................................................................52


Dimensionamento del servizio di raccolta ............................................55
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta
Raccolta

della frazione residua.................................................. 57


della frazione organica ................................................ 60
del vetro ................................................................... 63
della plastica ............................................................. 64
della carta ................................................................. 67
del cartone ................................................................ 70
dei rifiuti ingombranti e RAEE ...................................... 72
dei rifiuti pericolosi ..................................................... 74

Raccolte speciali ...............................................................................75


Cimitero ................................................................................ 75
Mercati .................................................................................. 79

Compostaggio domestico ...................................................................81


Calendario dei servizi di raccolta .........................................................83
Progetto Comunicativo ......................................................... 85
A. METODOLOGIA .............................................................................85
B. OBIETTIVI GENERALI ....................................................................87
C. STRATEGIA DI COMUNICAZIONE ....................................................89
D. TARGET.......................................................................................91
E. MEZZI E STRUMENTI .....................................................................92
F. SINTESI PIANO DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE
PLURIENNALE ..................................................................................94
G. FOCUS CAMPAGNA 1 ANNO: AVVIO DEL SERVIZIO DI
RACCOLTA .......................................................................................95
Attivita con le Scuole ......................................................... 103
Esempi grafici..................................................................... 111

2) PROPOSTA TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI


SPAZZAMENTO ........................................................... 1
Generalit .............................................................................. 1
Caratteristiche delle Pavimentazioni Stradali ....................... 10
Tipologia di Rifiuto ............................................................... 11
Quantit di Rifiuti Presenti per Unit di Superficie ............... 12
Condizionamenti del Servizio ............................................... 12
Modelli di intervento ............................................................ 13
Spazzamento manuale ......................................................... 14
Spazzamento meccanizzato .................................................. 15
Dimensionamento dei servizi di spazzamento ...................... 15

3) PROPOSTA TECNICA RELATIVA ALLA GESTIONE


DEI CENTRI DI RACCOLTA.......................................... 1
4) PROPOSTA TECNICA RELATIVA ALLA GESTIONE
DEL SERVIZIO NELLA FASE C.D. TRANSITORIA .......... 1
Pagina III
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

5) PROPOSTA TECNICA RELATIVA


ALLORGANIZZAZIONE E MIGLIORAMENTO/
OTTIMIZZAZIONE DEL SERVIZIO A MARINA DI
GINOSA NEL PERIODO ESTIVO MESI DI GIUGNO,
LUGLIO ED AGOSTO ................................................... 1
6) PROPOSTA TECNICA RELATIVA AGLI ALTRI
SERVIZI, DIVERSI DA QUELLI INDICATI NEI PUNTI
PRECEDENTI, PREVISTI DAL CAPITOLATO ................. 1
Pulizia spiagge ....................................................................... 1
Lavaggio cassonetti ................................................................ 2
Lavaggio strade ...................................................................... 4
Derattizzazione e disinfestazione ........................................... 5

7)

PROPOSTA RELATIVA AL PERSONALE ................. 1

Bassa Stagione ....................................................................... 2


Alta Stagione .......................................................................... 5

8) PROPOSTA RELATIVA AGLI AUTOMEZZI ED ALLE


ATTREZZATURE .......................................................... 1
Sistema di localizzazione dei mezzi ........................................ 1
Parco Mezzi ed Attrezzature ................................................... 3
Considerazioni generali ...................................................................... 3
Organizzazione e gestione dei mezzi ................................................... 6
Impatto Ambientale Mezzi Utilizzati...................................................... 8
Sistemi di Manutenzione ....................................................................10
Sistema di Manutenzione Programmata (SMP) ............................ 10
NOTE PER LUSO DEL PROGRAMMA DI DATA ENTRY PER SMP ....... 13
Inserimento dei Costi e percentuali Utilizzo (Data Entry) .............. 14
Aggiornamento costi ............................................................... 15
Aggiornamento utilizzo ............................................................ 17
Report costi/Report utilizzo ...................................................... 17
Invio a sede dei movimenti ...................................................... 17
PREMESSA ............................................................................. 19
APPARATO DI BORDO .............................................................. 21
IL SOFTWARE ......................................................................... 28
MODULO ATTIVITA ................................................................. 35

Schede tecniche - Mezzi operativi ........................................ 38


Motocarro con vasca R.S.U. e N.U.......................................................38
Autocarro con vasca R.S.U. costipante ................................................40
Autocompattatore da 27/22mc ...........................................................44
Autocompattatore da 15mc ................................................................47
Autocarro con impianto scarrabile e rimorchio ......................................49
Lavacassonetti .................................................................................54
Spazzatrice stradale da 6 mc. ............................................................55
Pagina IV
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Spazzatrice operatrice .......................................................................61


Schede tecniche - Contenitori ............................................... 65
Bidoncini antirandagismo in HDPE da 35 lt. per vetro ............................65
Bidoncini antirandagismo in HDPE da 20 lt. per frazione organica ...........67
Cassonetti carrellabili a due ruote in HDPE ...........................................69
Cassonetti carrellabili a quattro ruote in HDPE ......................................71
Compostiere domestiche ...................................................................73

9) PROPOSTA RELATIVA AL PIANO DI FORMAZIONE


DEL PERSONALE ......................................................... 1
10) SERVIZI AGGIUNTIVI PROPOSTI...................... 1

Pagina V
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Aprile 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Rifiuto mai pi!

I materiali utilizzati in ambiente domestico, al termine del loro periodo


di impiego, diventano prodotti da trattare. Da questi si pu estrarre
nuovo valore, attraverso operazioni di riciclaggio, oppure nuove fonti
energetiche da impiegare in sostituzione dei combustibili tradizionali.
Se questo era lo spirito con cui il decreto legislativo Ronchi (nr.
22/97) nellormai lontano 1997 adegu il quadro normativo nazionale
di riferimento alle disposizioni vigenti in ambito europeo, da allora
toccato agli operatori del settore (pubblici e privati) muoversi di
conseguenza.
Esisteva (e per molti versi esiste tuttora) un intero mercato da
riorganizzare, ma anche interi percorsi tecnologici da ridefinire al fine
di offrire una piena risposta ai nuovi dettati normativi.
LItalia, infatti, ha bisogno soprattutto di nuovi impianti per la gestione
dei rifiuti, tali da mandare, finalmente, in pensione la tanto discussa
ed abusata discarica. Ma anche metodiche di servizio innovative e
molto pi efficienti.
Quindi un mercato da ripensare.
In particolare tocca agli operatori del settore, sia pubblici che privati,
indirizzare le proprie capacit organizzative verso una prospettiva in
cui ruoli e competenze risultino completamente rinnovate.

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pensiamo, ad esempio, ai servizi di raccolta differenziata oppure al


settore dellimpiantistica per il riciclaggio delle materie valorizzabili
quali carta, vetro, plastica, alluminio, etc.
Il progetto che ci accingiamo ad esporre nelle pagine seguenti cerca di
mettere in pratica queste esigenze e, speriamo, risulti essere un valido
elemento di riflessione oltre che il nostro personale contributo per
avviare quel processo di rinnovamento del settore che ormai i tempi e
la realt rendono essenziale.

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Introduzione
Si ritiene utile riportare alcune considerazioni sui metodi di raccolta e
di selezione dei rifiuti domestici, dalla generazione fino al conferimento
ad un sito di selezione o centro di trattamento, accennando alle
caratteristiche e all'efficacia di vari metodi gi sperimentati in diverse
realt abitative.
La raccolta rappresenta lo stadio centrale di una gestione integrata dei
rifiuti poich il modo in cui i materiali di scarto sono raccolti e
selezionati influenza fortemente le opzioni di trattamento che possono
essere

successivamente

utilizzate.

Esso

contribuisce

in

maniera

rilevante a stabilire se metodi quali il riciclo, il trattamento biologico o


quello termico sono fattibili in termini di sostenibilit economica ed
ambientale. Influisce significativamente sulla qualit dei materiali
recuperabili o del compost producibile (e di conseguenza sulla
possibilit di trovare per essi mercati adeguati) cos come sulla
quantit di energia che pu essere recuperata.
Di fatto, o il metodo di raccolta che determina le opzioni di
trattamento successive o sono i mercati, esistenti o potenziali, che
definiscono come i materiali devono essere raccolti e selezionati per
poter essere poi opportunamente recuperati e reintrodotti nel ciclo
produttivo. In ogni caso, fondamentale far incontrare le necessit del
mercato e la qualit dei materiali raccolti e selezionati.
La raccolta dei rifiuti anche il punto di contatto tra i produttori di
rifiuti (in questo caso famiglie ed esercizi commerciali) e i gestori degli
Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

stessi. Il collegamento tra queste due entit deve essere curato con
attenzione, come un rapporto tra cliente e fornitore, per garantire
lefficacia del sistema. Il cittadino produttore dei rifiuti ed il gestore che
li

raccoglie

hanno

esigenze

diverse,

che

possono

essere

in

competizione: il primo desidera avere il minor fastidio possibile dalla


raccolta dei rifiuti, mentre il secondo ha bisogno di ricevere i rifiuti in
una forma compatibile con i metodi di trattamento pianificati.
Lequilibrio tra queste due esigenze una condizione indispensabile
per il successo del sistema integrato di gestione.
La possibilit di recuperare e riciclare una parte considerevole dei rifiuti
prodotti un obiettivo cruciale delle moderne politiche di gestione
integrata dei rifiuti. Riduzione, riutilizzo, riciclaggio e recupero
sono le parole chiave del D. Lgs. 22/97, meglio noto come Decreto
Ronchi poi confluito nel testo unico ambientale 152/06. Secondo
questultimo si definisce, in particolare, raccolta differenziata la
raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche
omogenee, compresa la frazione organica umida, destinate al riutilizzo,
al riciclaggio ed al recupero di materia prima.
Le frazioni merceologiche che possono essere raccolte in modo
differenziato sono:

Frazioni secche;

Carta;

Cartone;

Vetro;
Pagina 4

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Plastica;

Metalli (alluminio, acciaio).

Frazione organica;
Rifiuti ingombranti e beni durevoli, costituiti in genere da
elementi di arredo domestico o da ufficio. Detti materiali possono
essere scomposti in metalli, legno, plastica, ecc. La raccolta
differenziata degli ingombranti consente di ottenere un notevole
incremento nella percentuale di raccolta differenziata.
Rifiuti Urbani Pericolosi (RUP), costituiti da pile, batterie, farmaci
scaduti e prodotti etichettati con le sigle T e/o F (le sigle T
ed F indicano, rispettivamente, rifiuti tossici ed infiammabili).
Le frazioni carta e cartone sono anche definite frazioni cartacee. La
frazione plastica costituita, in Italia, principalmente da polietilene
(PE) e polietilenetereftalato (PET).
La realizzazione di una efficiente raccolta differenziata si avvale
tipicamente

di

tecnologie

organizzative

(e

di

strumenti

di

comunicazione) piuttosto che di tecnologie impiantistiche, privilegiando


la partecipazione attiva dei cittadini e linnovazione gestionale. Il riciclo
a

valle

il

recupero

di

energia,

invece,

non

richiedono

la

partecipazione del cittadino e privilegiano le innovazioni impiantistiche.


Alle raccolte differenziate tradizionali, con le campane della carta, della
plastica e del vetro, si stanno affiancando i sistemi di raccolta
differenziata integrata, basati sulla raccolta domiciliare (o comunque
ravvicinata allutenza) sia delle frazioni secche e degli imballaggi, sia
Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

della frazione organica. Lo scopo quello di aumentare la quantit di


materiale raccolto, riducendo i fastidi logistici per il cittadino e, se la
densit abitativa sufficientemente elevata, contenendo i costi.
Le

principali

modalit

della

raccolta

differenziata

sono

quella

domiciliare e quella stradale:


raccolta domiciliare o porta a porta (kerbside collection);
raccolta mediante contenitori su strada (bring system: streetside containers e materials banks at high-density);
raccolta mediante contenitori ubicati presso negozi e grandi
utenze commerciali (bring system: materials banks at lowdensity);
conferimento presso le piattaforme di raccolta (bring system:
central collection site).
I diversi gradi di idoneit dei sistemi di raccolta differenziata
attualmente in uso variano a seconda delle caratteristiche residenziali
e della struttura urbanistica. In un paese come lItalia, dove si
associano

aree

ad alta

densit con tipologie

abitative

di

tipo

condominiale, centri storici ed artistici e zone con forte vocazione


turistica di tipo stagionale, risulta estremamente difficile estrapolare un
modello comune alle diverse situazioni.
In

funzione

delle

caratteristiche

residenziali

delle

strutture

organizzative preesistenti, i sistemi di raccolta potranno svilupparsi


secondo diverse varianti, che potranno riguardare sia il tipo di
materiali da raccogliere separatamente, sia le forme di conferimento.
Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Queste ultime sono fortemente legate allimpegno ed allabilit con cui


gli utenti - famiglie, esercizi commerciali e uffici- tengono distinte le
diverse frazioni e le collocano nei contenitori ad esse destinati.
Senza un conferimento diligente non c raccolta differenziata; senza
limpegno degli utenti, lazienda di igiene urbana non pu fare il suo
lavoro ed il recupero di materia ed energia dai rifiuti non pu avvenire
in modo n economicamente n ambientalmente sostenibile.
Va infine ulteriormente sottolineata la stretta dipendenza tra le
operazioni di raccolta e quelle di selezione. La tipologia delle prime (e,
quindi, la qualit e la quantit del materiale raccolto) determina lentit
e la complessit della selezione successiva (a sua volta dipendente dai
requisiti imposti dai diversi processi di riciclo e di recupero).
In alcuni casi, la necessit di preservare da subito le caratteristiche di
alcune frazioni merceologiche fa s che si adottino sistemi di raccolta
gi comprensivi di un certo, preliminare, livello di selezione.

La selezione domestica
Dal punto di vista del cittadino la raccolta indifferenziata di tutti i rifiuti
domestici rappresenta probabilmente il metodo pi conveniente, sia in
termini di impegno personale che di richieste di spazio e di tempo.
Questo

metodo

penalizza,

tuttavia,

le

successive

opzioni

di

trattamento. La maggior parte di esse, infatti, richiede una qualche


forma di separazione del rifiuto in differenti frazioni alla fonte, cio
prima della raccolta da parte del gestore. Nelle situazioni pi semplici,
Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

questo pu implicare la sola rimozione di materiali riciclabili (ad es.,


bottiglie di vetro da conferire in un contenitore). Una selezione pi
estesa implica invece la separazione dei rifiuti domestici in pi correnti
di materiali differenti.
Il grado di selezione domestica ottenuto con qualsiasi schema sar una
funzione

della

capacit

(sorting

ability)

e,

soprattutto,

della

motivazione (sorting motivation) dei cittadini. Su entrambe occorre


agire per poter elevare qualit e quantit delle frazioni merceologiche
recuperate.

Capacit di selezione
Fornendo ai cittadini una guida chiara, cio istruzioni precise e
dettagliate, questi sono in grado di selezionare con precisione i loro
rifiuti nelle diverse categorie.
A tale scopo, molti criteri gestionali prevedono estesi programmi di
comunicazione, realizzati con metodi diversi, dagli spot televisivi alla
pubblicit stradale, alle news letters informative recapitate a casa.

Motivazione di selezione
Dove stata eseguita una ricerca per valutare i punti di vista dei
cittadini, i commenti pi frequenti espressi sono stati che il riciclaggio
una buona idea e che aiuta l'ambiente. Si anche notato che la
partecipazione diminuisce se vi da pagare un sovrapprezzo per i

Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

contenitori, mentre aumenta se ci sono degli sgravi per la raccolta


differenziata.
In alcuni schemi la partecipazione non volontaria e nessuna raccolta
di rifiuti alternativa fornita. Ad esempio, la separazione di certe
frazioni di rifiuti alla fonte richiesta per legge in alcuni paesi (es.
separazione di materiale organico in Olanda); in tali casi probabile
che i tassi di partecipazione siano pi alti ancora. Comunque, anche
quando la partecipazione obbligatoria, la motivazione comunque
necessaria per assicurare un alto livello di efficienza della selezione.
I tassi di recupero complessivi per materiali di rifiuto dipendono infatti
non

solo

dal

numero

di

famiglie

che

partecipano

ma

anche

dall'efficienza di selezione dei cittadini.


Leffettiva frazione di un certo materiale recuperabile dai rifiuti
domestici pu essere calcolata come:

ammontare di materiale recuperato = ammontare di materiale


nei rifiuti %partecipazione efficienza della separazione

Queste considerazioni possono essere sintetizzate e completate da


quanto schematicamente riportato nella Tabella seguente:

Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

AMMONTARE DI MATERIALE RECUPERATO = AMMONTARE DI


MATERIALE NEI RIFIUTI X PERCENTUALE DI PARTECIPAZIONE
X EFFICIENZA DELLA SEPARAZIONE
Percentuale o tasso

percentuale dei cittadini che

di partecipazione:

conferiscono materiali riciclabili almeno


una volta al mese

Efficienza della

percentuale di materiale correttamente

separazione:

selezionato

Entrambe, percentuale di partecipazione ed efficienza di


separazione, sono influenzate da:
Livello di

quantit della selezione da effettuare

convenienza:
difficolt della selezione
frequenza ed affidabilit della raccolta
spazio extra richiesto per conservare le
frazioni separate
distanza dal punto di raccolta
problemi di igiene
Livello di

qualit e frequenza delle comunicazioni

motivazione:
preoccupazione o sensibilit ambientale
generale
disponibilit di vie di smaltimento
alternative
Pressione sociale
Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Obblighi di legge
Riduzione dei costi per chi produce
meno rifiuti indifferenziati
Sia la percentuale di partecipazione che lefficienza della separazione
sono influenzate dalla convenienza degli abitanti. In particolare, la
distanza e il tempo impiegato per raggiungere i punti di raccolta
risultano cruciali. Inoltre, schemi di raccolta con selezione domestica
estensiva possono richiedere troppo tempo o troppo spazio per
depositare le correnti di rifiuto separate prima della raccolta.
Qualsiasi svantaggio a danno del cittadino, ad esempio quando lodore
diventa un problema perch il materiale organico non raccolto
regolarmente, diminuir il livello di motivazione.
Anche il tipo di abitazione ha la sua influenza: i dati suggeriscono che
sia meno probabile che gli occupanti di edifici ad alta densit
partecipino a programmi di separazione alla fonte pi di quelli residenti
in aree suburbane. Questo pu riflettere una mancanza di spazio per lo
stoccaggio, ma anche probabile che sia causato da una mancanza di
pressione sociale in tali edifici, in quanto i vicini non vedono chi
partecipa a questi sistemi e, quindi, non vedono chi ambientalmente
responsabile.

Sistemi di raccolta differenziata


I metodi di raccolta sono divisi spesso in raccolta stradale (bring
method) e raccolta domiciliare (kerbside method). La European
Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Recovery and Recycling Association (ERRA) definisce il primo come il


sistema di raccolta nel quale i cittadini portano il materiale riciclabile in
uno o pi punti di raccolta comunali (sistema a consegna) ed il
secondo come il sistema nel quale i cittadini depositano il materiale
riciclabile in contenitori o sacchetti, a giorni stabiliti, fuori le proprie
abitazioni (sistema a ritiro).
In altri termini, il punto distintivo che nelle raccolte stradali i cittadini
trasportano i materiali dalla loro abitazione, mentre nella raccolta
domiciliare i materiali sono ritirati dal gestore presso le abitazioni dei
cittadini. Questi due criteri rappresentano solo i due estremi di uno
spettro di metodi di raccolta.

Figura - Spettro dei metodi di raccolta, con indicazione dellentit dei trasporti necessari.

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

La forma estrema del sistema stradale il sito di raccolta centrale o


Isola Ecologica, a cui i cittadini trasportano materiali come rifiuti
ingombranti e rifiuti di giardinaggio.
Questi posti sono spesso dotati anche di contenitori di raccolta per
materiali riciclabili, come bottiglie di vetro e lattine. Subito dopo
vengono le campane (banks) a bassa densit (cio una per un numero
relativamente elevato di abitanti) spesso situate vicino a supermercati.
Quando la densit di questi contenitori aumenta si parla di close-tohome drop-off container, cio tali che i cittadini possono raggiungerli a
piedi piuttosto che con lauto. Questo sistema si applica in particolare a
zone ad alta densit abitativa (area urbana o super-urbana, dove,
secondo una convenzione in uso in diversi studi internazionali, unarea
SUPER-URBANA se ha oltre 500 abitanti/km2, mentre URBANA se
ha tra 100 e 500 abitanti/km2 ed RURALE se ha tra 25 e 100
abitanti/km2), dove di solito i residenti portano i loro rifiuti (e i loro
materiali riciclabili) in grandi contenitori comunali posizionati fuori dagli
edifici o al lato della strada. Si tratta essenzialmente di contenitori
esterni invece che interni: in questo caso la sola differenza fra sistema
stradale e domiciliare che i contenitori sono comunali, piuttosto che
per singole famiglie.
Oltre alla differenza tra i vari schemi di raccolta stradale e di raccolta
domiciliare, le metodologie di raccolta si differenziano a seconda che si
rivolgano a frazioni specifiche di rifiuto o a rifiuti misti.

Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Ne deriva che i confronti tra bring e kerbside vanno fatti anche, se non
soprattutto, tenendo conto del tipo di rifiuti raccolti. La Tabella
seguente riassume caratteristiche e vantaggi dei due tipi di raccolta,
evidenziando che alcuni aspetti (come ad es. la contaminazione)
dipendono pi da come raccolto il materiale, ovvero se raccolto in
frazioni separate o miste, piuttosto che dal tipo di approccio impiegato,
se stradale o domiciliare. I sistemi di raccolta saranno quindi discussi
di seguito sulla base della tipologia di materiali raccolti.
I

rifiuti

domestici

sono

tradizionalmente

raccolti

in

modo

indifferenziato, ma, dove avviene la selezione domestica, le varie


tipologie di rifiuto sono raccolte separatamente, e trasportate in uno
stesso o in vari veicoli. I sistemi di raccolta variano a secondo del
luogo: in Germania, ad esempio, il Duale System Deutchland (DSD)
raccoglie materiale da imballaggio come una corrente separata,
mentre in Giappone le famiglie separano la frazione combustibile. In
Europa e in Nord America, la raccolta differenziata comunemente
utilizzata per materiali riciclabili secchi (carta, metalli, vetro, plastica),
organici (rifiuti di cucina e di giardino, con o senza carta) e rifiuti
urbani pericolosi (batterie, medicinali, vernici, ecc). E necessaria
anche una raccolta per i rifiuti residuali (conosciuti come restwaste). I
rifiuti da giardinaggio e gli ingombranti possono essere trattati come
correnti separate o, alternativamente, inclusi allinterno degli organici
o dei residuali, rispettivamente.

Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta stradale

Raccolta domiciliare

Materiali portati dalle abitazioni al

Materiali raccolti dal gestore nei

punto di raccolta dai cittadini

pressi delle abitazioni

Domestica. Pu o meno

Domestica. Pu aggiungersi anche

aggiungersi ad una selezione

una selezione allatto della

centralizzata

raccolta o centralizzata

Materiali raccolti

Frazioni separate o materiali misti

Frazioni separate o materiali misti

Contenitori

Comunali

Trasporto necessario

Da Lungo a Corto (in funzione

al cittadino

della densit dei contenitori)

Trasporto necessario

Da Corto a Lungo (in funzione

alla raccolta

della densit dei contenitori)

Definizione

Selezione

Ammontare raccolto

Livello di

Individuali (possono essere


comunali per grossi condomini)
Nessuno

Lungo

Da Basso a Alto (in funzione della

Alto (assumendo buona

densit dei contenitori)

motivazione)

Basso (raccolta di frazioni

Basso (selezione allatto della

separate)

raccolta, come il Blue Box)

Alto (raccolta mista)

Alto (raccolta mista)

contaminazione

Tabella Caratteristiche dei sistemi di raccolta domiciliare e stradale (da McDougall et al., 2001)

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

IL SISTEMA CONAI
CONAI
Il Consorzio Nazionale Imballaggi il consorzio privato senza fini
di lucro costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi con la
finalit di perseguire gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di
imballaggio previsti dalla legislazione europea e recepiti in Italia
attraverso il Decreto Ronchi.
Il CONAI lorganismo che il Decreto ha delegato per garantire il
passaggio da un sistema di gestione basato sulla discarica a un
sistema integrato di gestione basato sul recupero e sul riciclo dei rifiuti
di imballaggio.
Le leggi e la direttiva europea sono il frutto di un nuovo modo di
pensare: la necessit di tener conto della variabile ambientale nella
progettazione, non solo nei momenti di produzione, ma anche in quelli
di consumo.
Alle imprese viene chiesto non solo di preoccuparsi dell'impatto
ambientale del processo produttivo, ma anche di esercitare una
responsabilit sul prodotto, sia nell'uso che ne viene fatto, sia nello
smaltimento a fine ciclo.
In un quadro di responsabilit condivisa in cui si chiedono a tutti i
soggetti coinvolti - imprese, Pubblica Amministrazione, cittadini - nuovi
comportamenti che permettano di far fronte a nuove responsabilit; i
Ministeri dell'Ambiente e delle Attivit Produttive hanno definito
Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

obiettivi e vincoli lasciando alle imprese la libert di decidere come


raggiungerli. La politica definisce il cosa, le imprese il come.
Il sistema CONAI si basa sullattivit di sei Consorzi rappresentativi dei
materiali: Acciaio, Alluminio, Carta, Legno, Plastica e Vetro.
-

Consorzio Nazionale Acciaio, CNA

Consorzio Imballaggi Alluminio,CIAL

Consorzio Nazionale per il Recupero ed il Riciclo degli Imballaggi


a base Cellulosica, COMIECO

Consorzio Nazionale per il Recupero ed il Riciclo degli Imballaggi


in Legno, Ri.Legno

Consorzio per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero degli


Imballaggi in Plastica, CO.RE.PLA

Consorzio Recupero Vetro, CO.RE.VE

I Consorzi, cui aderiscono i produttori e gli importatori, associano tutte


le principali imprese che determinano il ciclo di vita dei rispettivi
materiali. CONAI indirizza e coordina le attivit dei sei Consorzi,
incaricati del recupero e del riciclo, garantendo il necessario raccordo
tra questi e la Pubblica Amministrazione.
Compito di ciascun Consorzio quello di coordinare, organizzare e
incrementare:
-

il ritiro dei rifiuti di imballaggi conferiti al servizio pubblico;

la raccolta dei rifiuti di imballaggi delle imprese industriali e


commerciali;

Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

il riciclaggio e il recupero dei rifiuti di imballaggio;

la

promozione

della

ricerca

dellinnovazione

tecnologica

finalizzata al recupero e riciclaggio.


A tal fine i Consorzi stipulano convenzioni a livello locale, con i
Comuni

le

societ

di

gestione

dei

servizi

di

raccolta

differenziata, per il ritiro e la valorizzazione degli imballaggi


usati

conferiti

dai

cittadini.

Il

tutto

regolamentato

dallAccordo Quadro Anci-Conai.


Il nuovo Accordo di programma quadro tra CONAI e l'Associazione
Nazionale dei Comuni d'Italia (ANCI) stato firmato a Roma il 23
dicembre 2008, mentre gli Allegati Tecnici fra ANCI ed i Consorzi di
Filiera, che disciplinano la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio
nellambito della privativa comunale, sono stati sottoscritti il 17 luglio
2009.
La stipula dellAccordo, prevista dalla normativa vigente crea le
condizioni per un ulteriore sviluppo della raccolta differenziata urbana
dei rifiuti di imballaggio. Come indica il testo normativo, il CONAI
assicura, tramite i consorzi di filiera, il ritiro dei rifiuti di imballaggio
provenienti dalla raccolta differenziata mentre spetta ai Comuni,
tramite i gestori dei servizi, organizzare sistemi adeguati per la
raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio su superficie pubblica.
I Comuni, tramite i gestori dei servizi, devono assicurare la raccolta
differenziata dei rifiuti di imballaggio secondo criteri che privilegiano
lefficacia, lefficienza e leconomicit del servizio. Quindi di nuovo gli
Pagina 18
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

operatori privati, tramite i Consorzi di filiera promossi dai produttori di


ognuno dei sei materiali, ritirano i rifiuti di imballaggio per avviarli a
recupero o riciclo, corrispondendo al gestore del servizio il costo
concordato per la raccolta differenziata.
LAccordo Quadro si traduce in specifiche convenzioni operative fra i
sei Consorzi di filiera e i Comuni italiani o i loro raggruppamenti (ATO o
Consorzi) o i gestori del servizio di raccolta differenziata, per regolare
ogni singolo rapporto.
Si riportano le principali novit dellAccordo e degli Allegati Tecnici:
CONAI e i Consorzi di filiera si impegnano a ritirare tutti i rifiuti
di

imballaggio

raccolti

conferiti

al

sistema

consortile,

indipendentemente dal raggiungimento degli obiettivi globali di


recupero stabiliti per legge, riconoscendo il relativo corrispettivo
economico;
lAccordo prevede lincremento annuale dei corrispettivi pari ai
2/3 del tasso di inflazione (indice NIC);
le parti si impegnano a promuovere e a incentivare la diffusione
di modelli organizzativi della raccolta differenziata, al fine di
garantire uno standard qualitativo pi elevato, secondo modalit
il pi possibile funzionali al riciclo, in grado di contenere i costi e
ottimizzare le rese della raccolta stessa;
per rendere omogenei i livelli di raccolta differenziata sul
territorio nazionale e sostenere le Regioni a pi basso tasso di

Pagina 19
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

raccolta degli imballaggi, le parti si impegnano a sostenere la


crescita della raccolta nelle aree in ritardo;
lAccordo

prevede

un

impegno

per

la

formazione

degli

amministratori locali nelle aree in ritardo e conferma il sostegno


alle campagne di comunicazione locale per lo sviluppo della
raccolta

differenziata

dellavvio

riciclo

dei

rifiuti

di

imballaggio;
per la prima volta Coreve ha siglato lallegato tecnico sul ritiro
degli imballaggi in vetro. I Comuni avranno quindi la possibilit
di

sottoscrivere

le

convenzioni

con

tutte

le

filiere

degli

imballaggi.
Nel 2007 stato pubblicato il Programma generale di Prevenzione
e Gestione degli Imballaggi e dei Rifiuti di Imballaggi 2007, il
documento che contiene la relazione consuntiva al 2007 e le proiezioni
per il triennio 2008-2010. Si riporta una sintesi delle previsioni per il
periodo 2008-2010.

Previsioni 2008-2010
La previsioni relative al triennio 2008-2010 indicano una crescita degli
imballaggi immessi al consumo ma con un ritmo in graduale
diminuzione. La strategia perseguita dai consorzi di filiera per
incrementare lattivit di riciclo legata alla continua richiesta di
efficienza, sia a livello di ottimizzazione della logistica dei bacini di
raccolta e selezione, sia a livello di ricerca di forme di riciclo/recupero
di nuova localizzazione. Per i prossimi anni si prevede il mantenimento
Pagina 20
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

del trend positivo dei target di riciclo, con una crescita media
complessiva del riciclo pari al 2,5% rispetto al 2007, sospinta
soprattutto dallincremento della plastica (7,7% medio annuo nellarco
temporale 2007-2010). Tali volumi dovrebbero garantire un tasso di
riciclo in funzione dellimmesso al consumo in continua crescita, dal
56,9% del 2007 al 58,9% del 2010.
Per quanto riguarda il recupero energetico, le previsioni riportano un
incremento ma a tassi inferiori rispetto al riciclo. Tra il 2007 e il 2010
si prevede un tasso medio annuo di crescita pari al 2,1%, legato al
possibile miglioramento delle rese degli impianti esistenti e alla messa
a punto di quelli nuovi.
I risultati in termini di recupero e di riciclo previsti, si traducono in un
risultato di recupero complessivo in crescita pari al 2,5% circa allanno
tra il 2007 e il 2010, consentendo la progressiva crescita anche del
tasso di recupero con un trend annuo del 1,1%. Lanalisi del trend e
delle previsioni circa i dati di recupero complessivo mostra che si
riduce la quantit di imballaggi immessi in discarica, le previsioni per il
prossimo

triennio

mostrano

un

proseguimento

di

tale

positivo

spostamento di flussi verso il recupero, che al 2010 dovrebbe


attestarsi al 69% dellimmesso al consumo.
Ogni anno CONAI predispone Il Piano Specifico di Prevenzione e
Gestione degli Imballaggi e dei Rifiuti di Imballaggi, che
contiene una previsione dei risultati di riciclo e recupero degli

Pagina 21
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

imballaggi

raggiungibili

dal

Sistema

Consortile

per

l'anno

successivo, e quindi per il 2009.


Di seguito alcuni dati presenti nel Piano 2009, pubblicato sul web, che
contiene la Relazione generale consuntiva sui risultati di recupero e
riciclo dei sei materiali di imballaggio nel 2008 ed una prima previsione
dei risultati 2009.

Situazione al 2008
Sul finire del 2008 la crisi dei mercati finanziari ha generato forti
impatti sulleconomia reale, sia in termini di contrazione dei consumi
nazionali, sia in termini di calo della produzione industriale e,
conseguentemente, dei listini delle materie prime e seconde. Elementi,
tutti, che hanno prodotto inevitabili effetti sul sistema consortile e
sullintera filiera del packaging. In particolare, per quanto riguarda
lattivit consortile, la crisi si innescata in un momento di espansione
dellattivit legata ai ritiri del materiale conferito proveniente dalle
crescenti raccolte differenziate, andando a impattare sulloperativit e
sulla catena del valore del sistema, inducendo problemi di squilibrio
economico/ finanziario soprattutto per alcune filiere.
Nel contempo, il 2008 era lanno di riferimento per il raggiungimento
dei target normativi previsti dal Legislatore comunitario e nazionale in
termini di tassi di riciclo complessivo e per singolo materiale, nonch di
recupero complessivo. In effetti nel 2008 stato garantito il riciclo

Pagina 22
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

complessivo del 59,4% del totale degli imballaggi immessi sul


mercato nazionale, proseguendo nel cammino verso la progressiva
riduzione del ricorso alla discarica, oggi attestata al 31,5% del totale
dei rifiuti di imballaggio prodotti.

Consuntivo risultati al 2008


Imballaggi immessi al consumo
Rifiuti di imballaggio avviati a
riciclo
Rifiuti di imballaggio avviati a
recupero complessivo
Percentuale di riciclo
Percentuale di recupero
complessivo

12.168 Kton
7.228 Kton

8.341 Kton
59,4 %
68,5 %

21

Pagina 23
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

IL SISTEMA RAEE

Con lentrata in vigore del D.Lgs. 151/2005, la gestione dei rifiuti da


apparecchiature elettriche ed elettroniche (in seguito riportata)
regolata da un sistema di tipo multiconsortile, ispirato dallUnione
Europea, grazie al quale i responsabili della gestione di questi rifiuti
non saranno pi i Comuni bens, con responsabilit diretta, i produttori
delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE): il D.Lgs.
n.151/2005 affida infatti la gestione e lo smaltimento dei RAEE ai
produttori di apparecchi elettrici ed elettronici.
Nel modello multi-consortile riveste particolare importanza il Centro
di Coordinamento, organismo finanziato e gestito dai Sistemi Collettivi
sotto la supervisione del Comitato di Vigilanza e Controllo, previsto
dallarticolo 13 comma 8 del Decreto Legislativo 151/05. Il Centro di
Coordinamento stato costituito il 16 marzo 2007 da alcuni Sistemi
Collettivi ed ha il fondamentale ruolo di:
-

garantire un servizio omogeneo da parte dei Sistemi Collettivi su


tutto il territorio nazionale;

evitare che i Sistemi Collettivi si concentrino solo sulle aree


geografiche comode, stabilendo le modalit attraverso cui
assegnare i Centri di Raccolta tra i diversi Sistemi. In questo
modo ogni Sistema Collettivo gestir la propria quota di RAEE in
condizioni

operative

analoghe

quelle

degli

altri

Sistemi

Collettivi;
Pagina 24
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

funzionare da unico punto di contatto per i Centri di Raccolta.


Tale contatto sar realizzato attraverso un portale internet per la
registrazione dei Centri di Raccolta e un call center per la
raccolta delle richieste di servizio, che saranno poi inoltrate al
Sistema

Collettivo

competente

per

un

determinato

raggruppamento nello specifico Centro di Raccolta.


I Sistemi Collettivi operanti nei RAEE domestici e che aderiscono al
Centro di Coordinamento sono:
APIRAEE: consorzio per lo smaltimento dei rifiuti da apparecchiature
elettroniche ed elettriche; nato nel settembre 2007, volontario e senza
fini di lucro, ha la finalit di aiutare le piccole e medie imprese
nellottemperare agli obblighi presenti nella normativa 151/2005.
CCR REWEEE: CCR, insieme ad altri produttori europei, ha istituito
CCR REWEEE, un sistema per la gestione dei RAEE operativo in tutta
Europa, permettendo cos ai propri clienti o membri di assolvere agli
obblighi di legge in maniera snella, efficace ed economica.
DATASERV ITALIA: Sistema Collettivo che collabora con i maggiori
produttori con lobbiettivo di risolvere il potenziale conflitto tra la
protezione

ambientale

la

crescita

economica

delle

aziende,

ottimizzando l' EPR (Responsabilit estesa del Produttore). I collaudati


programmi EPR del Sistema Collettivo Dataserv sono a disposizione dei
produttori durante ogni fase di produzione, distribuzione e smaltimento
delle apparecchiature grazie ad un costante lavoro svolto su scala
europea nellottica di minimizzare l'impatto ecologico di prodotti,
Pagina 25
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

processi e materiali, dalla fase di progettazione fino all'eventuale


riciclo.
ECODOM: Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici
- il consorzio volontario, senza fini di lucro, costituito a fine
novembre 2004 dai principali produttori che operano nel mercato
italiano dei grandi elettrodomestici, delle cappe e degli scalda-acqua,
per

rispondere

quanto

richiesto

dalla

Direttiva

2002/96/CE

dellUnione Europea sullo smaltimento e il riciclo degli apparecchi


elettrici ed elettronici a fine vita (RAEE: Rifiuti da Apparecchiature
Elettriche ed Elettroniche).
ECOELIT: Nato nel febbraio 1996, consorzio volontario senza fini di
lucro, una realt del panorama ecologico-ambientale italiano. Si
tratta di un Consorzio volontario costituitosi liberamente tra gli
aderenti e non per obbligo legislativo. Promotrici e fondatrici del
Consorzio sono state alcune Aziende Internazionali del comparto degli
elettroutensili, fra loro concorrenti ma orientate verso obiettivi comuni
di tutela ambientale quali: il recupero delle batterie ricaricabili non
piombose (al Ni-Cd, al NiMh, Litio, Li-Ion, ecc.) ed il riciclaggio dei
prodotti giunti a fine vita.
ECOEM: un Sistema Collettivo di Smaltimento per la gestione dei
RAEE domestici e professionali, fondato nel Gennaio 2008 da un
gruppo di aziende operanti nel settore dellelettronica di consumo. Ha
radicata la sua territorialit nel Sud Italia, dove risiede la sede Legale
ed operativa.
Pagina 26
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

ECOPED: Consorzio nazionale riciclo piccoli elettrodomestici, nasce


nel gennaio 2006, senza scopo di lucro, da aziende leader nel settore
delle Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) per rispondere
agli obblighi derivanti dal Dlgs. 151/2005. rivolto alle aziende
produttrici di piccoli elettrodomestici, utensili e attrezzature per uso
domestico.

ECOLAMP:

Consorzio

per

il

recupero

lo

smaltimento

di

apparecchiature di Illuminazione, stato costituito in data 19 ottobre


2004. Scopo principale del Consorzio l'implementazione di un
sistema di raccolta e smaltimento collettivo delle sorgenti luminose e
apparecchi di illuminazione giunti a fine vita, nel pieno rispetto del
Decreto Legislativo 25 luglio 2005 n. 151.
ECOLIGHT: consorzio per la raccolta, il recupero e lo smaltimento
dei RAEE domestici e professionali. Si costituito il 23 marzo 2004
grazie alla volont di 43 tra i principali produttori di apparecchi di
illuminazione ed stato fra i primi consorzi ad essersi occupato delle
problematiche di recupero e riciclaggio dei RAEE. Ecolight un
consorzio senza fini di lucro.
ECORIT: organizzazione totalmente senza scopo di lucro, un
sistema collettivo integrato per la raccolta e il trattamento dei RAEE sia
professionali (RAEE B2B) sia domestici (RAEE B2C), di tutte le
categorie previste dal Decreto RAEE - d.lgs. 151/2005, iscritto al
Registro AEE dal 12 dicembre 2007.

Pagina 27
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

ECOSOL: un consorzio di produttori di apparecchiature elettriche


ed elettroniche per la gestione dei RAEE domestici e professionali di
tutte le categorie, secondo quanto previsto dal decreto legislativo
151/05.
ERP: European Recycling Platform (ERP), fondata nel 2002 da
Braun-Gillette, Electrolux, HP e Sony, il primo sistema collettivo paneuropeo senza scopo di lucro creato in risposta alle direttive
comunitarie con lobiettivo di ridurre i costi che i produttori devono
sopportare al fine di rispettare gli obblighi imposti dalla vigente
normativa. Gi attivo in Inghilterra, Irlanda, Francia, Germania,
Austria, Spagna, Portogallo e Polonia, ERP opera anche in Italia.
RAECYCLE: un sistema collettivo di gestione dei RAEE fondato nel
2006, senza fini di lucro, costituito in forma di societ consortile per
azioni. Si occupa della gestione diretta ed integrata di ogni tipologia di
RAEE.
REMEDIA: il pi importante sistema collettivo multifiliera italiano,
con quota di mercato media del 40% nei settori dell'elettronica di
consumo, piccoli elettrodomestici, ITC e climatizzazione. Gestisce
servizi di trasporto, trattamento e riciclo dei Rifiuti di Apparecchiature
Elettriche ed Elettroniche (RAEE). Il consorzio fornisce servizi integrati
su tutte le categorie di prodotti previste dal Decreto RAEE (d.lgs
151/2005), sia sui RAEE domestici (B2C) sia professionali (B2B).
RIDOMUS: Consorzio riciclo condizionatori per uso domestico, nasce
nel gennaio 2006, senza scopo di lucro, da aziende leader nel settore
Pagina 28
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

delle Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), per rispondere


agli obblighi derivanti dal Dlgs 151/2005. Ridomus, costituitosi
nell'ambito dell'Associazione Nazionale Industrie Apparecchi Domestici
e Professionali, federata ANIE, aderente a CONFINDUSTRIA, forte
dell'esperienza delle maggiori aziende italiane produttrici di macchine
per il condizionamento e la deumidificazione per uso domestico.
Il Centro di Coordinamento aperto a tutti i Sistemi Collettivi dei
produttori che, al fine di adempiere alla normativa, hanno lobbligo di
iscrizione.
LEco-contributo

RAEE

lo

strumento

finanziario

previsto

dalla

Normativa europea e italiana per garantire la copertura dei costi delle


attivit di ritiro dai Centri di Raccolta, di trattamento e riciclo dei RAEE
e di smaltimento in sicurezza delle componenti pericolose e non
recuperabili, con il fine di salvaguardare lambiente e la salute
collettiva.

Questo

consumatore

da

rappresenta
sostenere

un

allatto

sovrapprezzo
dellacquisto

a
di

carico
una

del

nuova

apparecchiatura.
E importante specificare come per i RAEE storici (Rifiuti derivanti da
apparecchiature immesse sul mercato prima del 1 gennaio 2009), la
nuova Normativa prevede per i Produttori di AEE, mediante i Sistemi
Collettivi, la gestione delle attivit di:
a) ritiro dei RAEE dai Centri di Raccolta pubblici e privati;
b) trasporto dei RAEE a centri di trattamento idonei;

Pagina 29
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

c) trattamento

dei

RAEE

nel

pieno

rispetto

delle

normative

ambientali e massimizzando il recupero dei materiali.


Ognuno dei Sistemi Collettivi dovr gestire una quota di RAEE pari alla
somma delle quote di mercato dei Produttori aderenti. Nel caso dei
RAEE nuovi, invece, il Decreto Legislativo 151/05 stabilisce che:
-

ciascun Produttore responsabile dei RAEE con il proprio


marchio (responsabilit individuale);

la forma collettiva non obbligatoria.

Accordo di programma tra ANCI e il Centro di Coordinamento


RAEE per la definizione delle condizioni generali di raccolta e
gestione

dei

rifiuti

da

apparecchiature

elettriche

ed

elettroniche.
Il 18 luglio 2008 a Roma tra ANCI e il Centro di Coordinamento RAEE
stato firmato laccordo di programma che definisce le condizioni per il
ritiro da parte dei Sistemi Collettivi dei RAEE domestici. In particolare
lAccordo definisce le modalit e le caratteristiche sia delle attivit di
competenza dei Centri di Raccolta che del servizio erogato dai Sistemi
Collettivi.
Il Centro di Coordinamento coordina le attivit dei Sistemi Collettivi,
lANCI si impegna a promuovere la realizzazione di sistemi adeguati di
raccolta differenziata da parte dei Comuni. I comuni hanno lobbligo
della raccolta differenziata dei RAEE domestici e della gestione dei
Pagina 30
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Centri

di

Raccolta,

mentre

Sistemi

Collettivi,

oltre

al

ritiro,

trattamento e smaltimento dei RAEE, dovranno assicurare la fornitura


ai Centri di Raccolta, a titolo gratuito, tramite i propri operatori di
logistica, secondo le modalit previste dal contratto di comodato duso,
di specifiche attrezzature, Unit di Carico per il deposito dei RAEE.
Sono inoltre previsti incentivi (Premi di Efficienza) per lottimizzazione
dei Centri di Raccolta. Il Premio di Efficienza previsto per i Centri di
Raccolta con i seguenti prerequisiti:
a) la disponibilit di un Bacino di Popolazione almeno pari, o superiore,

ad una soglia minima di abitanti serviti dal Centro di Raccolta


iscritto al portale del Centro di Coordinamento; i Bacini di
Popolazione sono cos suddivisi:
Bacino di

D1

D2

Meno di 15.000

Meno di 25.000

abitanti

abitanti

FASCIA A

Da 15.000 a 49.999

Da 25.000 a 59.999

FASCIA B

Da 50.000 a 74.999

Da 60.000 a 89.999

Maggiore o uguale a

Maggiore o uguale a

75.000

90.000

Popolazione

FASCIA ZERO

FASCIA C

In cui D1 e D2 rappresentano la densit di popolazione, cos definita:


Pagina 31
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Profilo

di

densit

di

Sigla

Abitanti/kmq

Densit medio-bassa

D1

di 900

Densit medio-alta

D2

>di 900

Popolazione

27
b) la gestione dei raggruppamenti R1, R2, R3 e R4 indicati dal DM 25
settembre 2007 n. 185 anche in pi Centri di Raccolta allinterno di
un medesimo Comune;
c) il peso netto di RAEE ritirati per singolo viaggio presso il Centro di
Raccolta risulti almeno pari alla soglia di buona operativit
riportata nella tabella seguente, salvo il caso dei giri programmati:

Raggruppamento
R1

R2
R3

Unit di carico
Scarrabile o pari
volume
Scarrabile o pari
volume
Scarrabile / ceste

Peso min. (kg)


2.000 kg a presa

3.500 kg a presa
2.400 kg a presa
3.500 kg (scarrabile)

R4

Scarrabile / ceste

1.800 kg (ceste) a
presa

Pagina 32
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Nella tabella seguente riportato il valore di tali premi in funzione del


bacino di popolazione:

Fascia

Importo in Euro/tonnellata

ZERO

25

35

50

Per quanto concerne il Raggruppamento R4, i Centri di Raccolta inseriti


nella Fascia C avranno diritto al Premio di Efficienza sopra indicato (50
/tonnellata) solo se il singolo ritiro sar superiore alla seconda soglia
di peso riportata nella tabella precedente; qualora invece il singolo
ritiro si collochi tra la prima e la seconda soglia, verr erogato il
Premio di Efficienza previsto per la Fascia B. Sono inoltre previsti premi
di efficienza maggiorati per i Centri di Raccolta che accettano i RAEE
da distributori, installatori e centri di assistenza, secondo quanto
riportato nella tabella seguente:
28
Fascia

Importo in Euro/tonnellata

35

45

60
Pagina 33

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Per quanto concerne il Raggruppamento R4, i Centri di Raccolta inseriti


nella Fascia C avranno diritto al Premio di Efficienza sopra indicato (60
/tonnellata) solo se il singolo ritiro sar superiore alla seconda soglia
di peso indicata nella tabella precedente; qualora invece il singolo ritiro
si collochi tra la prima e la seconda soglia, verr erogato il Premio di
Efficienza previsto per la fascia B.

Pagina 34
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN


MATERIA DI RIFIUTI

Il presente Piano propone un modello di gestione integrato di raccolta


dei rifiuti urbani conforme al quadro normativo vigente sia a livello
comunitario che nazionale di settore ed in particolare tiene conto del
nuovo

assetto,

previsto

D.Lgs.

152/06,

delle

competenze

dellorganizzazione della gestione dei rifiuti; contempla i principi


ispiratori dei Programmi dAzione Comunitaria e delle Comunicazioni
della Commissione sulla strategia europea per la gestione dei rifiuti.
Infine il quadro normativo di riferimento sar completato dalle
Ordinanze della Presidenza del Consiglio dei Ministri (OPCM), dalle
Ordinanze di Protezione Civile (OPC) e da tutte le Ordinanze di
carattere locale in ambito di gestione dei Rifiuti. Di seguito vengono
descritte sinteticamente le principali normative europee e nazionali di
riferimento in materia di gestione dei rifiuti.

Pagina 35
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Le fonti comunitarie

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2008/98/Ce


Il nuovo provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dellUnione
europea del 22 novembre 2008 sostituir dal 12 dicembre 2010
l'attuale direttiva 2006/12/Ce, la direttiva 75/439/Cee concernente
l'eliminazione degli oli usati e la direttiva 91/689/Cee sui rifiuti
pericolosi, obbligando gli Stati membri ad allineare entro la medesima
data le loro relative regole interne. Le principali modifiche riguardano:
Esclusione dal campo di applicazione del suolo contaminato non
scavato e dei sottoprodotti di origine animale e agricoli;
Nuova

definizione

di

riciclaggio:

definito

come

"qualsiasi

operazione di recupero attraverso cui i materiali di rifiuto sono


ritrattati per ottenere prodotti, materiali o sostanze da utilizzare per
la loro funzione originaria o per altri fini. Include il ritrattamento di
materiale organico ma non il recupero di energia n il ritrattamento
per ottenere materiali da utilizzare quali combustibili o in operazioni
di riempimento".
Nuova definizione di recupero: definito come "qualsiasi operazione
il cui principale risultato sia di permettere ai rifiuti di svolgere un
ruolo utile sostituendo altri materiali che sarebbero stati altrimenti
utilizzati per assolvere una particolare funzione o di prepararli ad
assolvere tale funzione, all'interno dell'impianto o nell'economia in
generale";

Pagina 36
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Oli usati: previste apposite regole per la gestione degli oli usati, che
prevedono l'obbligo di raccolta separata, il divieto di miscelazione,
la limitazione alle spedizioni transfrontaliere;
Responsabilit estesa del produttore: gli Stati membri potranno

obbligare finanziariamente i produttori a gestire i rifiuti prodotti dai


loro beni immessi sul mercato.

Direttiva aprile, 2006/12/CE, del Parlamento europeo e del


Consiglio, del 5 aprile 2006, relativa ai rifiuti.
La

nuova

direttiva

quadro

codifica

sostituisce

la

direttiva

75/442/CEE e le sue successive modifiche. La codificazione ha lo scopo


di chiarire e razionalizzare la legislazione in materia di rifiuti senza
modificare il contenuto delle norme da applicare; indica i principi e i
criteri di portata generale che gli Stati membri devono attuare
attraverso leggi nazionali; in tema di prevenzione, prevede che, ai fini
di un'elevata protezione dell'ambiente necessario che gli Stati
membri, oltre a provvedere in modo responsabile allo smaltimento e al
recupero dei rifiuti, adottino misure intese a limitare la formazione dei
rifiuti promuovendo in particolare le tecnologie pulite e i prodotti
riciclabili

riutilizzabili,

tenuto

conto

delle

attuali

potenziali

possibilit del mercato per i rifiuti recuperati.

Pagina 37
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Relazione

della

Commissione,

del

30

marzo

2005,

sulle

strategie nazionali per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da


conferire in discarica a norma dell'articolo 5, paragrafo 1 della
direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti COM
(2005) 105.
La relazione evidenzia che la promozione del compostaggio, il riciclo
della carta e il recupero di energia sono presenti in tutte le strategie
dei paesi membri. Nella maggior parte delle strategie si sottolinea
l'importanza di separare alla fonte i rifiuti organici per ottenere
composti di buona qualit. La quantit di dettagli contenuti nelle
strategie e le misure finalizzate a raggiungere gli obiettivi variano
notevolmente.

Alcuni

Stati

membri

hanno

optato

per

misure

giuridicamente cogenti, mentre altri hanno preferito misure volontarie


ed incentivi.

Strategia

Tematica

di

Prevenzione

Riciclo

dei

Rifiuti:

Bruxelles, 27.05.2003 COM (2003) 301


Il documento parte dallanalisi della situazione attuale allinterno degli
Stati, in termini di azioni e legislazione sulla prevenzione (e riciclo).
Analizza i singoli strumenti attuabili per conseguire gli obiettivi di
prevenzione, con tutte le implicazioni e gli effetti trasversali su
ambiente ed economia, partendo dallanalisi degli impatti ambientali
dei singoli processi produttivi e della trasformazione delle materie
prime in prodotti finiti. Pone particolare attenzione allo scambio di
Pagina 38
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

buone

pratiche

nonch

al

coordinamento

con

le

norme

sulla

prevenzione e riduzione integrate dellinquinamento (IPPC), allanalisi


dellimpatto ambientale dellintero ciclo di vita dei prodotti e alla
verifica della possibilit di modifica dei modelli di consumo (anche
attraverso incentivi e disincentivi economici, quali la tariffa).

Direttiva 2002/96/CE del Parlamento e del Consiglio, del 27


gennaio 2003, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed
elettroniche (RAEE)
Questa direttiva reca misure miranti in via prioritaria a prevenire la
produzione di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
(RAEE) ed inoltre al loro reimpiego, riciclaggio e ad altre forme di
recupero in modo da ridurre il volume dei rifiuti da smaltire. Essa mira
inoltre a migliorare il funzionamento dal punto di vista ambientale di
tutti gli operatori che intervengono nel ciclo di vita delle AEE
(Apparecchiature

Elettriche

ed

Elettroniche),

quali

ad

esempio

produttori, distributori e consumatori, in particolare quegli operatori


direttamente collegati al trattamento dei rifiuti delle stesse.

Decisione 2003/33/CE del Consiglio, del 19 dicembre 2002


La decisione stabilisce i criteri e le procedure per l'ammissione dei
rifiuti nelle discariche ai sensi dell'articolo 16 e dell'allegato II della
direttiva 1999/31/CE
Pagina 39
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

VI Programma dellUnione Europea in Materia Ambientale:


Decisione n. 1600/2002/CE del Parlamento Europeo e del
Consiglio, del 22 luglio 2002
Il Piano dAzione comunitario comprende tutto lambiente, i cui
problemi vanno risolti attraverso una visione olistica con specifiche
strategie tematiche coordinate tra di loro. Per quanto concerne il
settore dei rifiuti, prevenzione e riduzione sono temi prioritari e
vengono affrontati anche attraverso lo sviluppo di una base oggettiva
per

una

politica

verde

di

approvvigionamenti

pubblici

lincoraggiamento di una progettazione pi ecologica dei prodotti.

Direttiva 99/31/CE del Consiglio, del 26 aprile 1999, relativa


alle

discariche

di

rifiuti,

modificata

con

Regolamento

2003/1882.
La direttiva prevede requisiti operativi e tecnici, per i rifiuti da
conferire e per le discariche da costruire, molto rigidi al fine di
realizzare attivit sicure e controllate per lambiente globale (compreso
leffetto serra) e la salute umana. Secondo la suddetta Direttiva, le
discariche sono classificate in base alle tre categorie dei rifiuti pericolosi, non pericolosi, inerti nelle quali vanno collocati,in linea di
principio, solo i rifiuti preventivamente trattati e, per ciascuna
categoria, quelli che soddisfano determinati criteri. La Direttiva

Pagina 40
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

99/31/CE sancisce lobbligo per gli Stati Membri di elaborare una


Strategia Nazionale al fine di procedere alla riduzione dei rifiuti
biodegradabili da collocare in discarica che tenga conto di obiettivi di
riduzione pari al 35% del totale (in peso) da raggiungere gradualmente
in quindici anni. La Direttiva, infine, prevede che gli Stati Membri si
attivino affinch tutti i costi derivanti dalla realizzazione dellimpianto e
dallesercizio delle discariche, nonch quelli connessi alla costituzione
della garanzia o suo equivalente ed i costi stimati di chiusura per un
periodo di almeno trenta anni siano coperti dal prezzo applicato dal
gestore per lo smaltimento di qualsiasi tipo di rifiuto. In questo modo
si

possono

riequilibrare

costi

di

smaltimento

in

discarica,

(attualmente troppo bassi) rispetto ai costi relativi ad altre forme di


smaltimento e/o recupero.

Direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del


20 dicembre 1994 sugli imballaggi e sui rifiuti d'imballaggio,
modificata dalla Direttiva 2004/12/CE
Lo scopo della presente direttiva armonizzare le misure nazionali in
materia di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, sia per
prevenirne e ridurne l'impatto sull'ambiente degli Stati membri e dei
paesi terzi ed assicurare cos un elevato livello di tutela dell'ambiente,
sia per garantire il funzionamento del mercato interno e prevenire
l'insorgere di ostacoli agli scambi nonch distorsioni e restrizioni alla
concorrenza nella Comunit. A tal fine, la presente direttiva prevede
Pagina 41
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

misure intese, in via prioritaria, a prevenire la produzione di rifiuti di


imballaggio a cui si affiancano, come ulteriori principi fondamentali, il
reimpiego degli imballaggi, il riciclaggio e le altre forme di recupero dei
rifiuti di imballaggio e, quindi, la riduzione dello smaltimento finale di
tali rifiuti.
La direttiva 2004/12/CE (che modifica la direttiva 94/62/CE)
stabilisce una serie di criteri per chiarire la definizione del termine
imballaggi. Nell'allegato I essa fornisce esempi illustrativi molto
chiari (esempio: non sono considerati imballaggio le bustine da t
mentre sono considerati imballaggi gli involucri che ricoprono le
custodie dei CD e le etichette fissate direttamente o attaccate al
prodotto). Tale allegato sostituisce l'allegato I della direttiva 94/62/CE.
Un aspetto molto importante la conferma che lincenerimento dei
rifiuti di imballaggio in impianti di recupero concorre al raggiungimento
degli obiettivi complessivi di recupero; tale specificazione, richiesta in
particolar modo dallItalia, era ritenuta indispensabile alla luce della
sentenza della Corte di Giustizia n. 458/00 che intendeva loperazione
non di recupero ma bens di smaltimento. Riguardo al recupero
energetico, la direttiva prevede la possibilit per gli stati membri, di
incoraggiare il recupero dellenergia rispetto al riciclaggio dei materiali
laddove esso risulter preferibile sotto il profilo ambientale o in
considerazione del rapporto costi benefici. Inoltre la direttiva ha
introdotto novit significative relative agli obiettivi di recupero, che
dovranno essere raggiunti entro il 31/12/08, e di riciclaggio dei

Pagina 42
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

materiali di imballaggio. Di seguito viene riportata una tabella sintetica


dei nuovi obiettivi da raggiungere.

Obiettivi
Recupero

Direttiva 94/62/CE

Direttiva 2004/12/CE

Minimo 50% in peso

Minimo 60% in peso

Massimo 65% in peso Nessuna soglia massima


Nel loro complesso:
minimo 55% e massimo
80%
Per ogni materiale:
Nel loro complesso:

Riciclaggio

minimo 25% e

dei materiali

massimo 45%

di imballaggio

Per ogni materiale:


minimo 15% in peso

minimo 60% per il


vetro,
minimo 60% per carta e
cartone,
minimo 50% per i
metalli,
minimo 22,5% per la
plastica,
minimo 15% per il
legno

Pagina 43
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Normativa nazionale

DM Ambiente 13 Maggio 2009 (Gu 18 luglio 2009 n. 165)


Modifica del decreto 8 aprile 2008, recante la disciplina dei
centri

di

raccolta

dei

rifiuti

urbani

raccolti

in

modo

differenziato, come previsto dall'articolo 183, comma 1, lettera


cc) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive
modifiche.
Oltre alla correzione dei vizi procedurali, il nuovo Dm 13 maggio 2009
ha apportato alcune modifiche sostanziali al Dm 8 aprile 2008,
introducendo norme per il graduale adeguamento delle strutture gi
operanti alle nuove regole sulle ecopiazzole ed allargando il novero dei
rifiuti conferibili nelle medesime.
In particolare, nella sua versione aggiornata, il Dm 8 aprile 2008
consente alle strutture ancora non in linea con le nuove disposizioni
tecnico-gestionali, ma autorizzate in base alle disposizioni delle Regioni
(o degli altri Enti locali), di continuare ad operare fino alla data del 18
gennaio 2010, data a partire dalla quale le strutture devono rispettare
i nuovi parametri ambientali. Le strutture gi in linea con il Dm del
2008 possono invece continuare a svolgere la loro attivit senza
necessit di ulteriore approvazione pubblica.
Il Dm 13 maggio 2009 ha inoltre incrementato le categorie di rifiuti
conferibili nei centri di raccolta, aggiungendo ulteriori tredici categorie
a quelle gi previste dalloriginaria versione del Dm 8 aprile 2008.
Pagina 44
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

DM Ambiente 12 Maggio 2009 modalit di finanziamento della


gestione dei rifiuti di apparecchiature di illuminazione da parte
dei produttori delle stesse.
Tale

decreto

individua

le

modalit

di

finanziamento

delle

apparecchiature di illuminazione di cui al decreto legislativo 151/2005.


In particolare, ai sensi dellart. 10, comma 4, dello stesso decreto, il
finanziamento

della

gestione

dei

rifiuti

di

apparecchiature

di

illuminazione a carico dei produttori indipendentemente dalla data di


immissione sul mercato di dette apparecchiature e dalla origine
domestica o professionale. I produttori adempiono allobbligo di
finanziamento attraverso ladesione ad un sistema collettivo adeguato.
Il contributo dovuto dai produttori di apparecchiature di illuminazione
determinato

in

proporzione

alla

quota

di

mercato

di

ciascun

produttore, calcolata dal Comitato di vigilanza e controllo di cui allart.


15 del decreto legislativo 151/2005.

LEGGE n.13/2009 Conversione in legge, con modificazioni, del


decreto legge 30 dicembre 2008, n. 208 recante misure
straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione
dell'ambiente.
Con tale legge il decreto 30 dicembre 2008, n. 208 viene convertito in
legge, inoltre, ad esso vengono apportate delle modifiche, tra cui le pi
importanti in materia di rifiuti, sono riassunte di seguito:

Pagina 45
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Il regime transitorio di cui allart. 17 del D.Lgs. n. 36/2003


prorogato fino al 30 giugno 2009, inoltre tale termine pu essere
ulteriormente prorogato per richiesta motivata del presidente di
una

regione

di

una

provincia

autonoma;

tuttavia

ladeguamento dovr essere ultimato entro il 31 dicembre 2009;


Ove il regolamento di cui al comma 6 dellart. 238 del D.Lgs. n.
152/2006 non sia adottato entro il 30 giugno 2009, i comuni che
intendano adottare la tariffa integrata ambientale (TIA) possono
farlo;
Il Ministro dellAmbiente provvede ad organizzare iniziative e
promuovere progetti per la diffusione presso le amministrazioni
pubbliche di comportamenti, prassi, procedure, tecniche e mezzi
di gestione che riducano i consumi di carta;
Ai

fini

della

riferimento

sensibilizzazione

alla

promozione

delle
di

giovani

prassi

generazioni

in

comportamenti

ecocompatibili, sono realizzati progetti e iniziative di interesse


generale

nellambito

di

istruzione

secondaria

superiore

universitaria;
Il Ministero dellAmbiente conclude un accordo di programma con
le regioni, le province e i comuni, al fine di regolamentare, ai fini
ecologici, la rinascita e lo sviluppo dei mercati dellusato;
Il modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) allegato al
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 dicembre
2008, sar utilizzato per le dichiarazioni relative allanno 2009.
Per le dichiarazioni riferite allanno 2008 il modello da utilizzare

Pagina 46
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

resta quello allegato al Decreto del Presidente del Consiglio dei


Ministri 24 dicembre 2002;
Le terre e le rocce da scavo possono essere utilizzate per
interventi di miglioramento ambientale e di siti anche non
degradati.

DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2008, n. 208 Misure straordinarie


in materia di risorse idriche e di protezione dell'ambiente. (GU
n. 304 del 31-12-2008)
Tale decreto contiene alcune proroghe, tra cui:
il termine relativo al passaggio dal regime di tassazione a quello
tariffario previsto dal D.lgs. 152/2006: viene prorogato al 31
dicembre 2009.
il termine relativo ai rifiuti ammessi in discarica (art. 6 del D.Lgs.
36/03): stato spostato al 31 dicembre 2009 il termine a partire
dal quale non sar pi possibile smaltire in discarica rifiuti con
"Pci" superiore ai 13.000 kJ/kg.
il termine in tema di RAEE (art. 20 del D.Lgs. 151/05):
spostato al 31 dicembre 2009 il termine a partire dal quale il
finanziamento delle operazioni di gestione e trattamento dei
RAEE viene assolto dai produttori con le modalit stabilite
allarticolo 10, comma 1 del D.Lgs. 151/05.

Pagina 47
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Decreto Legislativo 20 novembre 2008, n. 188 "Attuazione


della direttiva 2006/66/CE concernente pile, accumulatori e
relativi rifiuti e che abroga la direttiva 91/157/CEE"
Tale decreto disciplina l'immissione sul mercato, la raccolta, il
trattamento, il riciclaggio e lo smaltimento dei rifiuti di pile e di
accumulatori, al fine di promuoverne un elevato livello di raccolta e di
riciclaggio. Per la raccolta separata i produttori o i terzi che agiscono in
loro nome organizzano e gestiscono, su base individuale o collettiva,
sostenendone i relativi costi, sistemi di raccolta separata di pile ed
accumulatori portatili idonei a coprire in modo omogeneo tutto il
territorio nazionale.
Tali sistemi:
a) consentono agli utilizzatori finali di disfarsi gratuitamente dei rifiuti
di pile o accumulatori portatili in punti di raccolta loro accessibili
nelle vicinanze, tenuto conto della densit della popolazione;
b) non devono comportare oneri per gli utilizzatori finali nel momento

in cui si disfano dei rifiuti di pile o accumulatori portatili, n l'obbligo


di acquistare nuove pile o nuovi accumulatori.
I punti di raccolta di cui alla lettera a) non sono soggetti ai requisiti in
materia di registrazione o di autorizzazione di cui alla vigente
normativa sui rifiuti.
La raccolta separata organizzata prevedendo che i distributori che
forniscono nuove pile e accumulatori portatili pongano a disposizione

Pagina 48
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

del pubblico dei contenitori per il conferimento dei rifiuti di pile e


accumulatori nel proprio punto vendita. Tali contenitori costituiscono
punti di raccolta e non sono soggetti ai requisiti in materia di
registrazione o di autorizzazione di cui alla vigente normativa sui
rifiuti.
Per gli accumulatori industriali e per i veicoli, lart. 7 prevede che i
produttori o i terzi che agiscono in loro nome, ritirano gratuitamente
tali

rifiuti

presso

gli

utilizzatori

finali,

indipendentemente

dalla

composizione chimica e dall'origine.


Chiunque detiene rifiuti di pile e accumulatori per veicoli obbligato al
loro conferimento ai soggetti produttori, a meno che la raccolta venga
effettuata in conformit alle disposizioni di cui al decreto legislativo 24
giugno 2003, n. 209.
Il decreto prevede i seguenti obiettivi di raccolta differenziata: entro la
data del 26 settembre 2012 dovr essere conseguito, anche su base
regionale, un tasso di raccolta minimo di pile ed accumulatori portatili
pari al 25 per cento del quantitativo immesso sul mercato; tale tasso
di raccolta dovr raggiungere, entro il 26 settembre 2016, il 45 per
cento del quantitativo immesso sul mercato.
Il finanziamento delle operazioni di raccolta, di trattamento e di
riciclaggio dei rifiuti di pile ed accumulatori a carico dei produttori o
dei terzi che agiscono in loro nome.

Pagina 49
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

E' istituito, presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio


e del mare, il Registro nazionale dei soggetti tenuti al finanziamento
dei sistemi di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori. Il produttore di
pile e accumulatori pu immettere sul mercato tali prodotti solo a
seguito di iscrizione telematica al Registro. Annualmente, entro il 31
marzo, i produttori comunicano alle Camere di commercio i dati relativi
alle pile ed accumulatori immessi sul mercato nazionale nell'anno
precedente, suddivisi per tipologia.
E' istituito il Centro di coordinamento, in forma di consorzio avente
personalit giuridica di diritto privato, cui partecipano i produttori di
pile e di accumulatori, individualmente o in forma collettiva. Il Centro
di coordinamento ha il compito di ottimizzare le attivit di competenza
dei sistemi collettivi ed individuali a garanzia di omogenee ed uniformi
condizioni operative al fine di incrementare le percentuali di raccolta e
di riciclaggio dei rifiuti di pile e accumulatori.

Decreto 22 ottobre 2008 (Gazzetta ufficiale 12 novembre 2008


n. 265) : Semplificazione degli adempimenti amministrativi di
cui all'articolo 195, comma 2, lettera s-bis) del decreto
legislativo n. 152/2006, in materia di raccolta e trasporto di
specifiche tipologie di rifiuti
Tale decreto prevede che la raccolta ed il trasporto della tipologia di
rifiuti individuati come cartucce di toner per stampanti laser, cartucce
di stampanti inkjet, e cartucce di nastri per stampanti ad aghi per i
Pagina 50
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

quali attribuito nel Catalogo europeo dei rifiuti (Cer) il codice 080318
(toner per stampa esauriti non contenenti sostanze pericolose),
possono essere effettuati, con modalit amministrative semplificate, a
condizione che siano destinati al recupero e conferiti direttamente dagli
utenti finali dei beni che originano i rifiuti ad impianti autorizzati alle
operazioni di recupero.
Per la raccolta ed il trasporto di questi rifiuti devono essere utilizzati
imballi tipo "ecobox" non pallettizzato muniti di coperchio e sigillo ed
idonei ad impedire la dispersione di liquidi e di polveri, con dimensioni
massime pari a 35cm x 35cm x 70cm e con un peso complessivo
(imballo e rifiuti contenuti) non superiore a 30kg.

D.M. 8 aprile 2008 Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti


urbani

raccolti

in

modo

differenziato,

come

previsto

dall'articolo 183, comma 1, lettera cc) del decreto legislativo 3


aprile 2006, n. 152, e successive modifiche.
il decreto che disciplina i Centri di raccolta e ne stabilisce tutti i
requisiti tecnico gestionali.
Grazie a questo decreto, si avvia la nuova gestione dei RAEE prevista
dalla normativa comunitaria e recepita in Italia attraverso il D.Lgs.
151/2005.

Pagina 51
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Decreto Legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 (G.U. n.24 del 29


gennaio 2008) Ulteriori disposizioni correttive ed integrative
del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in
materia ambientale.
Le principali modifiche alla parte quarta del decreto 152/06 sono le
seguenti:
-

Rifiuti in fognatura: Con le modifiche allart.182 commi 6 e 8


viene vietato lo smaltimento in fognatura dei rifiuti, anche se
triturati.

Sottoprodotti: Sono introdotti criteri pi restrittivi per quanto


riguarda i sottoprodotti, introducendo tra gli altri requisiti che il
loro impiego sia certo, sin dalla fase della produzione, integrale e
avvenga direttamente nel corso del processo di produzione o di
utilizzazione preventivamente individuato e definito.

Materie Prime Seconde: Per quanto riguarda le Materie Prime


Seconde (MPS) per la piena attuazione delle nuove disposizioni si
dovr attendere lemanazione di un decreto ministeriale che fissi le
caratteristiche delle MPS; nella fase transitoria continuano a trovare
applicazione le disposizioni di cui ai decreti ministeriali 5 febbraio
1998, 12 giugno 2002, n.161 e 17 novembre 2005, n.269.

Deposito Temporaneo: Vengono modificate le regole per il


deposito

temporaneo:

il

produttore

potr

scegliere,

in

via

alternativa, se avviare i rifiuti alle operazioni di recupero o di


smaltimento: con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente
dalle quantit in deposito; quando il quantitativo di rifiuti in
Pagina 52
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

deposito raggiunga complessivamente i 10 metri cubi nel caso di


rifiuti pericolosi o i 20 metri cubi nel caso di rifiuti non pericolosi. In
ogni caso, allorch il quantitativo di rifiuti pericolosi non superi i 10
metri cubi lanno e il quantitativo di rifiuti non pericolosi non superi i
20 metri cubi lanno, il deposito temporaneo non pu avere durata
superiore a un anno. Viene meno la possibilit per il produttore di
affidare

la

gestione

di

tale

deposito

ad

un

altro

soggetto

le

iscrizioni

autorizzato.
-

Procedure

semplificate:

la

competenza

per

nellapposito registro delle imprese che si avvalgono delle procedure


semplificate di nuovo della Provincia.
-

Registro di carico e scarico: ritorna lobbligo di vidimazione del


registro di carico e scarico: i registri dovranno essere numerati e
vidimati dalle Camere di Commercio territorialmente competenti.

MUD: per quanto concerne la presentazione del MUD vi ora


obbligato chiunque effettua a titolo professionale attivit di raccolta
e trasporto di rifiuti, i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza
detenzione, le imprese e gli enti che effettuano operazioni di
recupero e smaltimento di rifiuti, i Consorzi istituiti per il recupero
ed il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonch le imprese e
gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi e le imprese e gli enti
produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui allart.184, comma3,
lettere c), d), g). Le uniche esenzioni da tale obbligo sono previste
per i piccoli imprenditori agricoli, per le imprese che raccolgono e
trasportano i propri rifiuti non pericolosi, nonch, riguardo ai soli

Pagina 53
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

rifiuti non pericolosi, per le imprese e gli enti produttori iniziali che
non hanno pi di dieci dipendenti.
-

raccolta della frazione organica: tra le modifiche apportate


allart. 183, alla lettera f) citato La frazione organica umida e'
raccolta separatamente o con contenitori a svuotamento riutilizzabili
o con sacchetti biodegradabili certificati.

Decreto 25 Settembre 2007 , n. 185 Istituzione e modalita' di


funzionamento del registro nazionale dei soggetti obbligati al
finanziamento

dei

sistemi

di

gestione

dei

rifiuti

di

apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), costituzione


e

funzionamento

l'ottimizzazione

di

delle

un

centro

attivita'

di

di

coordinamento

competenza

dei

per

sistemi

collettivi e istituzione del comitato d'indirizzo sulla gestione dei


RAEE, ai sensi degli articoli 13, comma 8, e 15, comma 4, del
decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151.
Il decreto regolamenta l'iscrizione e la gestione del Registro dei
soggetti che concorrono alla gestione dei rifiuti da AAE (RAEE).
Sono tenuti ad iscriversi al Registro i produttori di apparecchiature
elettriche
aggiornato

ed
dal

elettroniche.
Comitato

Il
di

Registro
vigilanza

predisposto,
controllo

del

gestito

ministero

dell'Ambiente, e si avvale dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente


e per i servizi tecnici (APAT). I produttori di AEE destinate ai nuclei
domestici tenuti al finanziamento della gestione dei RAEE mediante
Pagina 54
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

sistemi collettivi ai sensi degli articoli 10, comma 1, e 20, comma 4,


del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151, si iscrivono al Registro
successivamente all'adesione ad uno o piu' sistemi collettivi, relativi
alla categoria di apparecchiature elettriche ed elettroniche immesse sul
mercato. Gli oneri relativi all'istituzione del Registro sono a carico dei
produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche in misura
proporzionale alle rispettive quote di mercato. I sistemi collettivi di
gestione dei RAEE provenienti dai nuclei domestici provvedono ad
istituire il Centro di coordinamento costituito in forma di consorzio
avente personalit giuridica di diritto privato, al quale partecipano tutti
i sistemi collettivi di gestione dei RAEE provenienti dai nuclei
domestici, che aderiscono al Centro entro trenta giorni dalla loro
costituzione. Il Centro di coordinamento ha il compito di ottimizzare le
attivit di competenza dei sistemi collettivi di gestione dei RAEE a
garanzia di comuni, omogenee ed uniformi condizioni operative e
nell'ottica di massimizzare il riciclaggio/recupero di tali rifiuti.

Decreto Legislativo 8 novembre 2006, n. 284 (G.U. n. 274 del


24 novembre 2006) Disposizioni correttive e integrative del
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in
materia ambientale.
Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 274 del 24 novembre
2006, entrano in vigore le correzioni al Codice dellambiente, messe a
punto dal Ministro dell'Ambiente. Il decreto dispone:
Pagina 55
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

la proroga delloperativit delle Autorit di Bacino, nelle more della


costituzione dei distretti idrografici e della revisione della relativa
disciplina legislativa;

la soppressione dellAutorit di Vigilanza sulle risorse idriche e sui


rifiuti, che consente la ricostituzione dellOsservatorio Nazionale
Rifiuti;

la proroga da 6 a 12 mesi del termine per ladeguamento dello


Statuto del Consorzio nazionale imballaggi (CONAI) ai principi
contenuti nel decreto, in particolare a quelli di trasparenza,
efficacia,

efficienza

ed

economicit,

nonch

quelli

di

libera

concorrenza nelle attivit di settore.


Le correzioni della Parte quarta del Codice, riguardano in particolare,
leliminazione della definizione di sottoprodotto e di materia prima
seconda sin dallorigine. Viene riscritta la definizione di rifiuto, corrette
le definizioni di recupero e smaltimento, riformulata la definizione di
deposito temporaneo in conformit alla direttiva 2006/12/CE (nuova
direttiva Quadro in materia di rifiuti). Queste prime modifiche hanno
lintento di conformare la normativa italiana a quella europea, in
considerazione

delle

molteplici

infrazioni avviate

dalla

Comunit

europea nei confronti dello Stato italiano. La raccolta differenziata


torna ad essere finalizzata al recupero di materia, non pi ammesso
lo smaltimento della parte biodegradabile dei rifiuti negli impianti di
depurazione; viene riconfermato il sistema gerarchico previsto dallex
decreto Ronchi, che privilegia il recupero di materia da quello di

Pagina 56
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

energia. In conclusione il decreto legislativo 152/2006, Parte Quarta


(Rifiuti) nelle parti non modificate vige e deve essere applicato.

FINANZIARIA 2007, Legge n. 296/2006, pubblicata nella GU n.


299 del 27.12.2006 - S. O. n.244.
Le principali novit in materia di ambiente/rifiuti riguardano:
TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI
Ai fini della determinazione della tariffa per la gestione dei rifiuti
urbani, continuer a farsi riferimento ai criteri indicati dal D.Lgs.
507/1993 (art. 70, c. 3, secondo e terzo periodo) in materia di tassa
per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

RIFIUTI E DISCARICHE
In attesa della completa attuazione delle disposizioni di cui al D.Lgs.
152/2006:
-

Il regime di prelievo relativo al servizio di raccolta e smaltimento


dei rifiuti adottato da ciascun Comune per il 2006 resta invariato
anche per il 2007;

Rimangono applicabili le disposizioni di cui allart. 18, c. 2, lett. d) e


57 del Decreto Ronchi, in materia di assimilazione dei rifiuti speciali
ai rifiuti urbani;

Pagina 57
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La disciplina transitoria del decreto discariche (D.Lgs. 36/2003)


ulteriormente prorogata al 31 dicembre 2007. La proroga non si
applica alle discariche di II categoria, tipo A, ex A2 e alle discariche
per rifiuti inerti, cui si conferiscono materiali di matrice cementizia
contenenti amianto.

RACCOLTA DIFFERENZIATA
La Regione deve garantire, a livello di ambito territoriale ottimale,
previa diffida e successiva nomina di un commissario ad acta, il
raggiungimento

delle

seguenti

percentuali

minime

di

raccolta

differenziata dei rifiuti urbani:


entro il 31 dicembre 2007 almeno il 40%;
entro il 31 dicembre 2009 almeno il 50%;
entro il 31 dicembre 2011 almeno il 60%.
Negli anni successivi le percentuali saranno stabilite con decreto del
Ministero dellambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita
la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le
Province autonome di Trento e di Bolzano, in vista di una progressiva
riduzione della quantit di rifiuti inviati in discarica e nella prospettiva
di rendere concretamente realizzabile lobiettivo "Rifiuti zero".

CONTROLLO E TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

Pagina 58
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Per lanno 2007 una quota non inferiore a 5 milioni di euro riservata
alla realizzazione di un sistema integrato per il controllo e la
tracciabilit dei rifiuti, ai fini della prevenzione e della repressione dei
fenomeni di criminalit organizzata nellambito dello smaltimento
illecito dei rifiuti.

SACCHETTI NON BIODEGRADABILI PER LASPORTO DI MERCI


E avviato un programma sperimentale per la riduzione progressiva
della commercializzazione dei sacchetti di plastica non biodegradabili,
al fine di giungere al definitivo divieto entro il 1 gennaio 2010. E
destinata allo scopo una quota non inferiore a 1 milione di euro.

FONTI RINNOVABILI
I finanziamenti pubblici e gli incentivi di competenza statale finalizzati
alla promozione delle fonti rinnovabili per la produzione di energia
elettrica sono concessi esclusivamente per la produzione di energia
elettrica da fonti energetiche rinnovabili, come definite dallart. 2 della
direttiva 2001/77/CE. Sono fatti salvi i finanziamenti concessi ai soli
impianti gi autorizzati e di cui sia stata avviata la realizzazione.
Eventuali deroghe saranno stabilite con decreto del ministro dello
sviluppo economico di concerto con il ministro dellambiente.

Pagina 59
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

E abrogata la norma del D.Lgs. 152/2006 (art. 229, c. 6) che


estendeva il regime di incentivazione di cui al D. Lgs. 387/2003 al
CDR e al CDR-Q;

Sono inoltre abrogate le norme di cui allart. 17 del D.Lgs. n.


387/2003 che ammettevano a beneficiare del regime riservato alle
fonti energetiche rinnovabili i rifiuti. Si rammenta che tale decreto,
in contrasto con quanto prescritto dalla direttiva 20011/77/CE,
aveva esteso il regime giuridico riservato alle fonti energetiche
rinnovabili ai rifiuti, compresa la frazione non biodegradabile ed il
CDR. Ci sia in termini di prezzi incentivanti, riconoscendo l'accesso
al

regime

dei

certificati

verdi,

sia

in

termini

di

procedure

autorizzative semplificate.
-

Stessa sorte per le fonti assimilate alle rinnovabili, di cui alla L.


9/1991; lart. 1, c. 3 della Legge riformulato con la soppressione
dei riferimenti alle fonti assimilate e ai rifiuti inorganici:

E abrogato il comma 71 dellart.1 della L. n. 239/2004, che si


riporta di seguito: Hanno diritto alla emissione dei certificati verdi
previsti ai sensi dell'articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo
1999, n. 79, e successive modificazioni, l'energia elettrica prodotta
con l'utilizzo dell'idrogeno e l'energia prodotta in impianti statici con
l'utilizzo dell'idrogeno ovvero con celle a combustibile nonche'
l'energia

prodotta

da

impianti

di

cogenerazione

abbinati

al

teleriscaldamento, limitatamente alla quota di energia termica


effettivamente utilizzata per il teleriscaldamento.

Pagina 60
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

SOSTENIBILIT AMBIENTALE
Sono previsti 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2007, 2008 e
2009 per progetti per la sostenibilit ambientale di settori economicoproduttivi o aree geografiche; educazione e l'informazione ambientale
e progetti internazionali per la cooperazione ambientale sostenibile

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia


ambientale)
La normativa nazionale sui rifiuti subisce una profonda trasformazione
a partire dal 29 aprile 2006, data di entrata in vigore del D.lgs 3 aprile
2006, n. 152, cosiddetto Testo Unico Ambientale; infatti la Parte
Quarta contempla la nuova disciplina dei rifiuti :Gestione dei rifiuti e
bonifica dei siti inquinati, che abroga e sostituisce espressamente il
decreto legislativo n. 22/1997 (cd. Decreto Ronchi).
Il provvedimento, emanato in attuazione della Legge 15 dicembre
2004

n.

308

coordinamento
ambientale")

(recante
e

"Delega

l'integrazione

stato

pubblicato

al

Governo

della
sul

per

il

legislazione

supplemento

riordino,
in

il

materia

ordinario

alla

Gazzetta Ufficiale 14 aprile 2006, n.88. Le nuove regole sulla gestione


dei rifiuti sono contenute, in particolare, nella "Parte quarta" del Dlgs 3
aprile 2006, n. 152, suddivisa in 6 Titoli, composti da 89 articoli (dal
177 al 266) e 9 allegati (pi 5 sulle bonifiche). Dell'uscente quadro
normativo sui rifiuti rimarranno in vigore, in base al regime transitorio,

Pagina 61
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

le norme tecniche regolamentali emanati in forza delle disposizioni del


Dlgs 22/1997, che saranno progressivamente sostituite da nuovi
provvedimenti da emanarsi in attuazione del nuovo decreto legislativo
n.152/2006. La Parte IV del decreto 152/2006 relativa ai rifiuti pone,
tra le disposizioni generali, i criteri prioritari nella gestione dei rifiuti
(artt. 179, 180): la prevenzione e la riduzione della produzione e della
nocivit dei rifiuti sono ritenute prioritarie rispetto alle altre forme di
gestione, e devono essere perseguite attraverso lo sviluppo di energie
pulite che permettano un uso pi razionale delle risorse naturali,
nonch attraverso lo sviluppo di tecniche appropriate per leliminazione
di sostanze pericolose contenute nei rifiuti.
Disposizioni

specifiche

dirette

alla

prevenzione

dei

rifiuti

allincentivazione del riciclo degli stessi sono contenute in tutta la Parte


IV; tra le pi rilevanti, lobbligatoriet della raccolta differenziata
(art. 205) in ogni ambito territoriale ottimale con percentuali minime
da rispettare: Il 35% entro il 31/12/2006, il 45% entro il 31/12/2008,
il 65% entro il 31/12/2012. Nel caso in cui gli obiettivi minimi non
siano conseguiti applicata un'addizionale del 20% al tributo di
conferimento dei rifiuti in discarica a carico dell'Autorit d'ambito,
istituito dall'articolo 3, comma 24, della legge 28 dicembre 1995, n.
549, che ne ripartisce l'onere tra quei comuni del proprio territorio che
non abbiano raggiunto le percentuali previste dal comma 1 sulla base
delle quote di raccolta differenziata raggiunte nei singoli comuni.
Inoltre contiene la previsione di sistemi di restituzione, gli accordi di
programma al fine di favorire il recupero dei rifiuti, lincentivazione
Pagina 62
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

degli acquisti verdi da parte delle amministrazioni pubbliche, la


disciplina della Tariffa rifiuti.
In particolare, per quanto riguarda gli imballaggi (Titolo II), lesistente
sistema consortile rappresentato dal CONAI e dai sei consorzi di filiera
(per la carta, la plastica, il legno, il vetro, l'acciaio e l'alluminio), e
costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi con la finalit di
perseguire gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio
secondo il principio della responsabilit condivisa, viene aperto alla
libera concorrenza, con la possibilit di creare altri consorzi, purch
siano rappresentativi a livello nazionale e costituiscano dei sistemi
alternativi per il ritiro dei propri imballaggi, o prevedano sistemi di
deposito cauzionale.
Sono inoltre definite particolari disposizioni e sistemi di gestione per
alcune tipologie di rifiuti (rifiuti elettrici ed elettronici, rifiuti sanitari,
veicoli fuori uso, prodotti contenenti amianto) al fine di favorire la loro
prevenzione e riduzione degli effetti dannosi sullambiente (Titolo III).

Legge 28 dicembre 2005 n. 549 (Contributo per lo smaltimento


dei rifiuti in discarica)
Lentit del tributo per lo smaltimento in discarica dei rifiuti legata al
mancato

raggiungimento

degli

obiettivi

minimi

di

raccolta

differenziata; determinato con legge regionale.

Pagina 63
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151 (recepimento delle


direttive europee 2002/95/Ce, 2002/96/Ce e 2003/108/Ce)
In materia di gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici, il D.lgs.
151/2005 ha introdotto sul Piano nazionale l'obbligo, per i produttori di
nuovi beni, di non utilizzare determinate sostanze pericolose nella
fabbricazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Il
decreto prevede inoltre uno specifico sistema di gestione dei RAEE,
basato sulla raccolta differenziata, particolari forme di trattamento e
recupero, con previsione degli oneri economici a carico dei produttori e
distributori delle apparecchiature immesse sul mercato. La partenza
dei nuovi obblighi stata originariamente fissata dal D.Lgs 151/2005
nel periodo tra il 1 luglio ed il 13 agosto del 2006. Tale scadenzario
stato oggetto di varie proroghe:
la prima stata dettata del Dl 173/2006: dal 13 agosto 2005 si
passati al 31/12/06;
la seconda proroga stata sancita dal Dl 28 Dicembre 2006 (cd.Dl
Milleproroghe) che rinvia la partenza del nuovo sistema RAEE alla
data di emanazione di alcuni decreti attuativi del D.Lgs 151/2005
ed al massimo entro il 30 giugno 2007;
la terza proroga si ha al 31/12/2007 con il D.L del 28/06/07;
la quarta proroga si ha con D.L 248 del 31/12/2007, il cosiddetto

Decreto Milleproroghe, che subordina lentrata in vigore degli


obblighi previsti per i distributori allentrata in vigore di un decreto
ministeriale, che corrisponde al DM 8 Aprile 2008.

Pagina 64
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

D.lgs 13 gennaio 2003, n. 36 (attuazione della direttiva


1999/31/CE,discariche di rifiuti); DM 13/3/03, decreto di
attuazione.
Il presente decreto stabilisce requisiti operativi e tecnici per i rifiuti e le
discariche, misure, procedure e orientamenti tesi a prevenire o a
ridurre il pi possibile le ripercussioni negative sullambiente, in
particolare linquinamento delle acque sotterranee, del suolo e dell
atmosfera, e sullambiente globale, compreso leffetto serra. Il D.lgs.
36/2003 ha introdotto sul Piano nazionale nuove regole per l'attivit di
smaltimento in discarica dei rifiuti. Prevede una serie di definizioni, il
proprio

ambito

di

applicazione,

la

nuova

classificazione

delle

discariche, in tre tipologie (rifiuti inerti, rifiuti non pericolosi, rifiuti


pericolosi) con relative norme tecniche (allegati); prescrive obiettivi di
riduzione progressiva dello smaltimento in discarica per i rifiuti
biodegradabili in tre fasi (2008,2011,2018); vieta completamente
lingresso

in

discarica

per

ben

14

tipologie

di

rifiuti;

pone

criteri,condizioni e limiti di ammissione dei rifiuti in discarica solo dopo


trattamento eccetto le deroghe previste quando il trattamento non
produce effetti utili; dispone un nuovo iter relativo alla concessione
dell'autorizzazione per costruzione e gestione degli impianti, con pi
oneri a carico dei gestori, stabilisce i criteri transitori per la
determinazione dei rifiuti smaltibili in discarica. Tale decreto ha subito
due proroghe. La prima stabilita dal decreto legge 28 dicembre 2006,
n. 300 (cd. Mille proroghe ), recante il rinvio dei termini previsti
Pagina 65
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

dallarticolo 6,comma 1, lett.p, del Dlgs 36/03, di smaltire in discarica


dal 1 Gen. 2007 i rifiuti con potere calorifico inferiore (p.c.i.) superiore
a 13.000 kJ/kg, al 31 dicembre 2008. L'altra proroga per le discariche
quella prevista dall'art. 1, comma 184 lettera b-bis della Legge
Finanziaria 2007, che sposta al 31 dicembre 2007 i nuovi criteri di
ammissibilit in discarica dei rifiuti ed i il divieto di smaltimento in
discarica, se non a determinate condizioni, di 14 categorie di rifiuti. La
proroga non si applica alle discariche di 2^ categoria, tipo A, ex 2A"
ed alle discariche per rifiuti inerti, cui si conferiscono materiali di
matrice cementizia contenenti amianto (ci significa che i rifiuti di cui
al codice CER 17.06.05 devono essere smaltiti in regime ordinario,
ossia in discariche per rifiuti non pericolosi).

Normativa regionale
Il primo Piano per lo smaltimento dei rifiuti urbani stato approvato
dalla Regione Puglia con Deliberazioni del Consiglio Regionale 30
giugno 1993, n. 251 e 10 settembre 1993, n. 359. Con la Legge
Regionale 13 agosto 1993, n. 17, poi modificata con la Legge
Regionale 18 luglio 1996 n. 13, sono quindi state dettate ulteriori
disposizioni per lorganizzazione dei servizi di smaltimento dei rifiuti
urbani e per lattuazione del Piano Regionale dei rifiuti. In precedenza,
con Deliberazione della Giunta Regionale 6 novembre 1989, n. 6159
era stato adottato il progetto di piano regionale per lo smaltimento dei
rifiuti speciali tossici e nocivi. La mancata attuazione degli interventi
Pagina 66
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

previsti nel documento approvato con la Deliberazione n. 251/1993 ha


comportato dei gravi ritardi nelladeguamento della rete impiantistica
destinata allo smaltimento e recupero dei rifiuti solidi urbani in Puglia.
Il perdurare di questi ritardi ha portato alla dichiarazione dello stato di
emergenza decretato, per la prima volta, con O.P.C.M il 27 giugno
1996 ed alla nomina di un Commissario Delegato (presidente della
Giunta Regionale) preposto ad affrontare lemergenza legata alla
mancanza di siti preposti allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.
Questo stato di emergenza in materia di gestione dei rifiuti in Puglia si
protratto fino al 31 gennaio 2007 (DPCM del 01.06.06), con
conseguente rientro al regime ordinario.
Il quadro di pianificazione in materia di gestione dei rifiuti in Puglia ha
subito negli ultimi anni un forte processo evolutivo: negli anni si
infatti provveduto ad integrare, modificare e completare il Piano
Regionale con i seguenti provvedimenti:

Decreto

commissariale

del

1997

recante

il

Piano

di

adeguamento al Decreto legislativo n. 22/1997 del Programma di


interventi urgenti per fronteggiare lemergenza in materia di rifiuti
nella Regione Puglia;

Decreto Commissario Delegato 6 marzo 2001, n. 41 recante il


Piano di gestione dei rifiuti e delle bonifiche delle aree inquinate;

Decreto Commissario Delegato 30 settembre 2002, n. 296


recante il Piano di gestione dei rifiuti e delle bonifiche in Puglia

Pagina 67
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Completamento,

integrazione

modificazione

del

piano

gi

adottato con decreto commissariale 6 marzo 2001 n. 41;

Decreto Commissario Delegato 9 dicembre 2005, n. 187


Aggiornamento, completamento e modifica al piano regionale di
gestione dei rifiuti in Puglia approvato con decreto commissariale n.
41, del 6 marzo 2001, cos come modificato e integrato dal
decreto commissariale del 30 settembre 2002, n. 296 Piano di
gestione

dei

rifiuti

di

bonifica

delle

aree

contaminate.

Questultimo aggiornamento di programmazione regionale resta


tuttora il principale riferimento anche per la redazione di tale
documento.
dellimpianto

Oltre

ai

normativo

sopra

esposti

regionale

Decreti,
necessario

completezza
indicare

altri

provvedimenti di interesse per la gestione dei rifiuti urbani:

Decreti Commissario Delegato 30.09.2002, da n. 297 a n.


310 e n. 315 di istituzione delle Autorit per la gestione dei rifiuti
urbani per Ambiti Territoriali Ottimali;

Decreti Commissario Delegato 13.12.2003, da n. 303 a n.


312 concernenti laffidamento del servizio di recupero energetico
dai rifiuti in Puglia, che introducono la previsione della realizzazione
degli impianti di termovalorizzazione;

Decreto Commissario Delegato 26 marzo 2004, n. 56 recante


il Piano di riduzione del conferimento in discarica dei rifiuti urbani
biodegradabili in Puglia ex art. 5 D.Lgs. n.36/2003. Integrazione
della pianificazione regionale;
Pagina 68

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Deliberazione di Giunta della Regione Puglia n. 805 del


3.6.2004 concernente i materiali contenenti PCB;

Decreto

Commissariale

n.

189/CD/R

del

2006

recante

disposizioni in materia di trasformazione delle esistenti Autorit per


la gestione dei rifiuti urbani per Ambiti Territoriali Ottimali in
soggetti dotati di personalit giuridica;

Decreto Commissario Delegato 28 dicembre 2006, n. 246,


Piano regionale di gestione dei rifiuti. Integrazione Sezione Rifiuti
speciali e pericolosi.;

Deliberazione della Giunta Regionale 26 febbraio 2008, n.


231, Programma operativo per la riduzione della produzione di
rifiuti

solidi

urbani

per

limplementazione

delle

raccolte

differenziate;

Deliberazione della Giunta Regionale 27 maggio 2008, n.


8621, Linee guida per la redazione dei piani dambito per la
gestione dei rifiuti solidi urbani;

Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2008, n.


1872, Modalit di recupero della frazione secca da rifiuti solidi
urbani residuali da attivit di raccolta differenziata. Modifica e
integrazione del Piano di gestione dei rifiuti in Puglia approvato con
decreti commissariali n. 41 del 6 marzo 2001, n. 296 del 30
settembre 2002 e n. 187 del 9 dicembre 2005. Adozione e invio
alla competente commissione consiliare;

Pagina 69
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Deliberazione della Giunta Regionale 23 Aprile 2009, n. 645,


con cui sono state emanate le linee guida per la realizzazione dei
centri comunali di raccolta dei rifiuti urbani fornendo indicazioni
tecniche per la progettazione, realizzazione e gestione degli stessi;

Deliberazione della Giunta Regionale 23 Aprile 2009, n. 646,


con cui sono definiti i parametri per lutilizzo della frazione umida
dei rifiuti solidi urbani come materiale di copertura giornaliera in
discariche

in

cui

sono

smaltiti

rifiuti

tal

quali

non

trattati

biologicamente (parametri: IRD< 1000 35% mgO2/kgSV*h);

Legge Regionale 31 dicembre 2009, n. 36, con cui viene


disciplinato lesercizio delle competenze regionali in materia di
gestione dei rifiuti in attuazione del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.

Il piano regionale vigente in materia di rifiuti solidi urbani.


Con Decreto del Commissario Delegato per lEmergenza ambientale in
Puglia del 6 marzo 2001, n. 41, la Regione Puglia ha adottato il Piano
di Gestione dei Rifiuti e di Bonifica delle aree inquinate. In seguito, il
Piano stato integrato e/o modificato per effetto del Decreto
Commissario Delegato 30 settembre 2002, n. 296 e del Decreto
Commissario Delegato 9 dicembre 2005, n. 187, nonch di altri
provvedimenti che hanno rivisto alcuni aspetti specifici delle scelte
operate (dotazioni impiantistiche previste in un determinato ATO,

Pagina 70
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

previsione

di

nuova

ubicazione

dimpianto

nellambito

di

un

determinato ATO, ecc.).


Tra gli obiettivi e contenuti principali del Piano Regionale dei Rifiuti
(Decreto Commissario Delegato 9 dicembre 2005, n. 187) di interesse
per la redazione del Piano dAmbito si hanno:

riconoscimento della centralit dellAmbito Territoriale Ottimale


come modulo organizzativo per le gestione coordinata delle funzioni
di spettanza comunale in materia di RSU e come soggetto gestore,
che potr articolarsi in sottobacini;

assicurazione

di

un

alto

livello

di

qualit

del

servizio

coinvolgimento dei consumatori;

riduzione del conferimento in discarica e aumento della raccolta


differenziata finalizzata al recupero di materia;

raggiungimento al 2010 di una percentuale di raccolta differenziata


pari ad almeno il 55% del rifiuto urbano prodotto;

valorizzazione della sostanza organica recuperata;

gestione e trattamento dei rifiuti secondo le migliori prassi;

protezione della salute e promozione del benessere dei cittadini;

programmazione di una rete adeguata di impianti di smaltimento al


fine di limitare la circolazione dei rifiuti e favorire lo smaltimento
degli stessi in impianti prossimi al luogo di produzione del rifiuto,
tenendo conto del contesto geografico o della necessit di impianti
Pagina 71

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

specializzati per determinati tipi di rifiuti nonch al fine di


conseguire lautosufficienza dello

smaltimento di rifiuti urbani

non pericolosi sul territorio regionale e a livello di singolo ATO;

sostegno alla ricerca di nuove forme di gestione e tecnologie mirate


alla riduzione della produzione dei rifiuti, della loro pericolosit o
del loro riciclo, riutilizzo o recupero di materia;

indicazione, in modo esplicito, dei parametri ai quali le pubbliche


amministrazioni competenti si devono attenere nellesercizio del
proprio

potere

discrezionale

in

sede

di

procedimento

di

autorizzazione alla realizzazione ed esercizio di impianti di gestione


dei rifiuti, al fine di garantire che le relative attivit siano svolte in
modo da non creare rischi per la salute e lambiente ai sensi
dellarticolo 2 comma 2 del D.L. n. 22 del 1997 secondo i requisiti
fissati dal Piano ed inoltre che le operazioni di smaltimento siano
conformate ai principi ed agli obiettivi del Piano;

articolazione della tariffa sulla base delleffettiva produzione di


rifiuti, tenendo conto degli oneri dellintero servizio e delle diverse
condizioni economiche degli utenti;

premialit del sistema tariffario per tutti i casi di riduzione e/o


riciclaggio dei rifiuti o di recupero di materia dai rifiuti, nonch degli
obbiettivi di Raccolta Differenziata;

promozione di accordi e contratti di programma, introduzione di


incentivi

disincentivi,

per

promuovere

la

nascita

il

Pagina 72
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

consolidamento sul territorio regionale di attivit economiche che


favoriscano e assicurino il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti urbani;

previsione di campagne di informazione mirate a favorire lo


scambio diretto di beni tra i consumatori e la definizione di appositi
accordi e contratti di programma con i settori economici, per
favorire la prevenzione;

divieto di utilizzare il materiale proveniente dalla raccolta


differenziata per la produzione del CDR, ad eccezione dei sovvalli
non riutilizzabili rivenienti dalla loro selezione secondaria;

perseguimento dellintegrazione con le politiche per lo sviluppo


sostenibile e per combattere il fenomeno dei cambiamenti climatici,
mediante limpegno a raggiungere un livello sostenibile di emissioni
di gas serra.

Circa la validit temporale, lultimo Piano Regionale redatto dal


Commissario Delegato nel 2005 copre larco temporale di dieci anni,
ovvero dal 2006 al 2015. Come gi menzionato, con il Decreto del
Commissario Delegato del 26 marzo 2004, n. 56 stato adottato il
Programma di riduzione del conferimento in discarica dei rifiuti urbani
biodegradabili in Puglia ex art. 5 D.Lgs. n. 36/2003 seguendo il
cronoprogramma di seguito riportato:
o 173 kg/abxanno al 2007, pari ad una riduzione del 40% della
quantit dei rifiuti urbani biodegradabili presenti nei rifiuti urbani;
o 115 kg/abxanno al 2011 (riduzione del 60%)
Pagina 73
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

o 81 kg/abxanno al 2018 (riduzione del 70%).


Lo stesso piano ha previsto un contestuale sviluppo della raccolta
differenziata della frazione umida dei rifiuti urbani da avviare ad
impianti di compostaggio presenti sul territorio, nonch lintroduzione
del compostaggio domestico, in particolar modo nelle aree montane,
quali strumenti operativi per il raggiungimento degli obiettivi posti.

Gestione dei rifiuti solidi urbani indifferenziati.


In previsione del recepimento nellordinamento italiano della Direttiva
Comunitaria 99/31/CE, avvenuto con D.Lgs. n. 36/2003 che prevedeva
la possibilit di depositare in discarica solo rifiuti preventivamente
trattati, con Decreto Commissario Delegato 30 settembre 2002, n. 296
recante il Piano di gestione dei rifiuti e delle bonifiche in Puglia
Completamento, integrazione e modificazione del piano gi adottato
con decreto commissariale 6 marzo 2001 n. 41 sono state ridefinite le
modalit di gestione dei rifiuti solidi urbani indifferenziati in accordo
con gli indirizzi dettati dalla normativa comunitaria. Stante il perdurare
della situazione di emergenza precedentemente evidenziata e nelle
more della realizzazione dei nuovi impianti previsti dal piano regionale,
nel documento integrativo del 30 settembre 2002 stato delineato il
seguente scenario gestionale:

Opzione

di

transizione

biostabilizzazione

primaria

"T":
di

comporta

tutto

il

esclusivamente

rifiuto

con

la

successivo

Pagina 74
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

smaltimento in discarica controllata e comprende le seguenti


operazioni:
-

TA. Ricezione e pretrattamenti (stoccaggio, apertura sacchi,


triturazione non spinta, ecc.);

TB. Biostabilizzazione (con Indice Respirometrico Dinamico max


800 mg O2/kgVSxh), salvo limiti diversi successivamente definiti
per legge;

TC. Discarica del materiale biostabilizzato (RBD), in quantit pari


al 75% del rifiuto in ingresso.

Opzione 1 Produzione di RBD e FSC:


-

1A. Ricezione e pretrattamenti;

1B. Biostabilizzazione;

1C. Selezione primaria (< 80 mm) per la separazione delle due


frazioni, con smaltimento in discarica del RBD e stoccaggio della
FSC per la successiva produzione di CDR.

Opzione 2 Produzione di RBM e FSC:


-

2A. Ricezione e pretrattamenti, come 1A;

2B. Biostabilizzazione, come 1B;

2C. Selezione primaria, come 1C, ma con invio della frazione


umida stabilizzata alla successiva operazione di maturazione,
invece che a discarica;
Pagina 75

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

2D. Maturazione (con IRD max 400 mg O2/kgVSxh) per la


produzione di RBM che potr essere utilizzato come materiale di
ricopertura di rifiuti, ancorch stabilizzati ma non maturati, per
uno spessore non superiore al 15% di quello dei rifiuti da
ricoprire,

per

bonifiche,

risanamenti

ambientali

(previa

acquisizione di autorizzazione ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. n.


152/2006, al fine di individuare i quantitativi massimi utilizzabili
nei singoli casi), ecc;
-

2E. Selezione secondaria (< 25 mm) per la ulteriore separazione


delle diverse frazioni di RBM e FSC e relativo stoccaggio.

A seguito della conclusione dello stato di emergenza, ed in virt del


conseguente ritorno allesercizio dei poteri ordinari da parte degli enti
titolari dei poteri previsti dalla normativa vigente (D.Lgs. n. 152/2006
e ss.mm.ii.), stata avviata da parte della Regione Puglia
Assessorato allEcologia Settore Gestione Rifiuti e Bonifica, unattivit
di monitoraggio sullattuazione degli interventi previsti dal vigente
Piano Regionale di Gestione dei RSU.

Gestione dei RSU da raccolta differenziata


La raccolta differenziata, il cui ritardo dovuto allinerzia legata al
rinnovo delle gestioni esistenti, lelemento cardine per tutti i piani
regionali che negli anni si sono susseguiti.
Pagina 76
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Negli ultimi anni, gli obiettivi di raccolta previsti dallultimo piano


regionale sono stati progressivamente rimodulati ed incrementati in
modo da allinearli alle previsioni della normativa vigente.
Al fine di dare attuazione alle disposizioni contenute e agli interventi
previsti dalla pianificazione, la Regione Puglia ha assunto specifiche
misure, fra tutte il Programma di sviluppo della raccolta differenziata
di cui alla DGR 28/3/06, n. 382 contenente un impegno di spesa
complessivo di 6 milioni di euro.
In seguito, sempre al fine di incentivare la raccolta differenziata,
stato disposto un ulteriore stanziamento di 5 milioni di euro con DGR
9/5/07 n. 539 Programma regionale per la tutela ambientale.
Aggiornamento, in cui si sono altres previste le seguenti linee di
intervento (Asse 3):

Interventi

per

lo

sviluppo

della

raccolta

differenziata

(stanziamento 5 Meuro);

Interventi finalizzati al superamento definitivo dellemergenza nel


settore gestione rifiuti urbani (stanziamento 17 Meuro).

Con la successiva D.G.R. del 26/2/08, n. 231 la Regione ha poi


approvato il Programma operativo per la riduzione della produzione di
rifiuti

solidi

urbani

per

limplementazione

delle

raccolte

Differenziate.

La Regione ha poi adottato i seguenti protocolli di intesa:


Pagina 77
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Protocollo

dIntesa

differenziata

degli

"Per

l'implementazione

imballaggi

cellulosici"

del

della

raccolta

31/5/06

con

COMIECO;

Protocollo dIntesa "Raccolta e trattamento della frazione umida


da raccolta differenziata per la successiva valorizzazione quale
ammendante" del 11/9/07 con CIC (Parte 10);

Protocollo dIntesa "Per l'incremento dei

livelli di raccolta

differenziata dei rifiuti di imballaggi" del 28/9/06 con CONAI,


rinnovato il 30/11/07.

Il nuovo regime dellEcotassa


Al fine di stimolare la crescita della raccolta differenziata, la Regione
ha approvato una legge che ridefinisce i criteri per lapplicazione della
ecotassa sui rifiuti da smaltire in discarica (tributo speciale per i
conferimenti dei rifiuti solidi in discarica finalizzato alla minore
produzione dei rifiuti ed allo sviluppo delle Raccolte Differenziate, ai
sensi della L. n. 549/95).
Con lapprovazione della L.R. n. 25/2007, artt. 8 e 9, la Regione ha
modificato le disposizioni della precedente legge regionale del 1997,
ridefinendo lammontare del tributo da applicare alle diverse tipologie
di rifiuti urbani e speciali da smaltire definitivamente in discarica.
Relativamente ai rifiuti urbani, parametrando il calcolo delle nuove
aliquote, da una parte nel rispetto degli obiettivi di RD stabiliti dal
Pagina 78
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

piano regionale; dallaltra privilegiando unorganizzazione unitaria dei


servizi di raccolta e trasporto, si potuto superare la precedente
impostazione finalizzata a stimolare la costituzione degli ambiti
sovracomunali previsti per legge. In virt di quanto disposto da tale
legge, a fronte di una tassa che precedentemente ammontava a 20 /t
di rifiuti conferiti in discarica (11 /t nel caso di Comuni ricadenti
allinterno
unimposta

di

ATO

costituiti

massima

di

15

in

consorzio),
/t

ai

viene

Comuni

cos

applicata

che,

gestendo

autonomamente i servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani,


raggiungono percentuali di raccolta differenziata inferiori al 50%
(obiettivo previsto dal piano regionale di gestione dei rifiuti). Un primo
significativo

abbattimento

del

tributo

(10

/t)

applicato

alle

amministrazioni che erogano i servizi in forma associata, ma che


comunque

hanno

conseguito

percentuali

di

differenziata

ancora

inferiori al 50%, obiettivo del piano regionale per lanno 2009.


Sono quindi previste imposizioni decrescenti con lallineamento del
tasso di raccolta differenziata agli obiettivi indicati dal piano regionale,
fino ad un minimo di 2,5 /t per RSU tal quali.

La Legge Regionale 36/2009, attuativa del D.Lgs. 152/2006


Con la Legge Regionale 31 dicembre 2009, n. 36 viene disciplinato
lesercizio delle competenze regionali in materia di gestione dei rifiuti
in attuazione del D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 e s.m.i. La Regione
Puglia, in linea con le pi avanzate politiche ambientali recepite nelle
Pagina 79
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

direttive europee, adotta nella gestione dei rifiuti il principio secondo


cui il rifiuto una risorsa e quindi ha valore economico direttamente
proporzionale alla sua possibilit di recupero. A tal fine la produzione
dei beni deve tener conto dellanalisi dellintero ciclo di vita degli stessi,
con particolare riferimento al fine vita, affinch essi o i loro componenti
siano il pi possibile recuperabili attraverso il riciclo o il riutilizzo o la
loro nuova trasformazione (art. 2, comma 1, lett. a). Il comma 2, lett.
b stabilisce quindi che lutilizzatore deve ridurre la produzione dei
rifiuti, effettuare la loro separazione, nonch provvedere alla consegna
degli stessi ai punti di raccolta in forma differenziata.
Sono obiettivi della Regione Puglia (art. 2, comma 3):

la riduzione della produzione e della commercializzazione di beni


privi della caratteristica di ecosostenibilit;

la riduzione drastica dello smaltimento dei rifiuti urbani in discarica


promuovendo sistemi di raccolta che privilegiano la separazione dei
rifiuti a monte;

la realizzazione del recupero di materia organica.

La legge definisce poi le competenze della Regione Puglia (art. 3) e


delle rispettive Province (art. 4): a queste spettano le funzioni di
controllo in materia di bonifica e di gestione dei rifiuti, oltre
allindividuazione delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di
smaltimento, nonch non idonee alla localizzazione di impianti di
recupero e smaltimento dei rifiuti. Le Province devono inoltre regolare i

Pagina 80
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

flussi dei rifiuti urbani degli ATO ricadenti sul proprio territorio, anche
mediante ladozione di ordinanze contingibili e urgenti, qualora si
verifichino situazioni di eccezionale e urgente necessit di tutela della
salute pubblica e dellambiente e non si possa altrimenti provvedere.
Lart. 5 poi stabilisce che i Comuni esercitano le proprie competenze in
materia di gestione integrata dei rifiuti tramite lAutorit dAmbito, alla
quale gli stessi partecipano obbligatoriamente: lAdA ha personalit
giuridica di diritto pubblico avente durata a tempo indeterminato e
organizza

la gestione dei rifiuti urbani secondo criteri di efficacia,

efficienza, economicit e trasparenza (art. 5, comma 3). Nellambito


delle funzioni a essa attribuite dalla legge, lAdA svolge, tra laltro, le
attivit di organizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti
urbani e definizione degli obiettivi da perseguire e, a tal fine, redige,
approva e aggiorna il Piano dAmbito (PdA), che costituisce lo
strumento fondamentale di attuazione del Piano Regionale. Individua
inoltre i fabbisogni impiantistici connessi alle attivit di recupero e
smaltimento dei rifiuti urbani e proposizione dei siti per lubicazione di
eventuali discariche a servizio dellambito.
Si richiede inoltre il controllo dellattuazione del PdA, con particolare
riferimento allevoluzione dei fabbisogni e allofferta impiantistica
disponibile e necessaria, nonch la predisposizione e trasmissione a
Regione, Provincia e Comuni di un apposito rapporto sullo stato di
attuazione del PdA. LATO deve poi determinare la tariffa di ATO e
controllare il servizio reso dal soggetto affidatario nel rispetto delle
specifiche norme contenute nellatto di affidamento.
Pagina 81
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

LAdA tenuta a fornire alla Provincia e alla Regione i dati della


raccolta e produzione dei rifiuti urbani e assimilati, nonch tutte le
informazioni sulla gestione dei rifiuti, con espresso riferimento ai dati
sulla produzione per comune e alla percentuale di raccolta differenziata
raggiunta. La mancata, tardiva, incompleta o inesatta comunicazione
comporta

lapplicazione

di

penalizzazioni

previste

negli

atti

di

pianificazione e/o indirizzo regionali (art. 5, comma 10).


Le AdA, in deroga allunicit della gestione, possono prevedere
affidamenti limitati al servizio di raccolta, trasporto e igiene urbana per
una durata non superiore al restante periodo di validit della durata
delle concessioni degli impianti affidate e, comunque, per non oltre
quindici anni. Alla scadenza di tale periodo di prima applicazione, la
successiva gara effettuata garantendo la gestione unitaria del
servizio integrato (art. 6).
La gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati, in conformit
allarticolo 200 del D.Lgs. 152/2006, organizzata sulla base dei
quindici ATO individuati con i decreti del Commissario delegato per
lemergenza ambientale in Puglia del 30 settembre 2002, dal n. 296 al
n. 310 e n. 315, di rettifica del precedente n. 303, e confermati dal
decreto commissariale 19 ottobre 2006, n. 189 (Ambiti territoriali
ottimali Autorit per la gestione rifiuti urbani Personalit giuridica),
cui sono risultate trasferite le competenze in materia di gestione
integrata del ciclo dei rifiuti (art. 7, comma 1). LAdA pu acquisire la
titolarit degli impianti preesistenti in accordo con il Comune sede
degli stessi, nonch di nuovi impianti che, in caso di trasferimento
Pagina 82
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

delle funzioni dellAdA, passano nella titolarit del Comune nel quale
hanno sede (art. 7, comma 2). Le AdA gi costituite alla data di
entrata in vigore della presente legge sono tenute ad adeguare i propri
statuti e convenzioni alle norme previste nei commi 1 e 2.
Nelle materie oggetto della legge la Regione esercita il controllo sulle
AdA anche in via sostitutiva attraverso commissari ad acta ai sensi
dellarticolo 200, comma 4, del D.Lgs. 152/2006 e promuove il
controllo sugli organi previsto dallordinamento degli enti locali.
La

Regione

Puglia,

nellesercizio

delle

competenze

relative

alla

delimitazione degli ATO, nonch alla definizione delle forme e dei modi
di collaborazione tra gli enti locali ricadenti nel medesimo ATO (art. 3,
comma 1, lett. c), sentiti i Comuni e gli enti interessati alla
riperimetrazione degli ATO, provvede, entro il 31 Dicembre 2011, al
raggruppamento in ATO di Comuni appartenenti a una medesima
Provincia (art. 7, comma 1).
La legge regionale norma inoltre la disciplina e gli effetti del Piano
dAmbito (art. 8) che deve rispettare le linee guida approvate con la
deliberazione di Giunta regionale n. 862 del 27 maggio 2008, con
lobbligo di prevedere sul piano contrattuale la chiusura del ciclo dei
rifiuti

mediante

consultazione

delle

parti

sociali

maggiormente

rappresentative e, in ogni caso, attiva la procedura di valutazione


ambientale strategica (VAS) entro trenta giorni dalla data di entrata in
vigore della presente legge.
Il PdA sottoposto ad aggiornamento in seguito alla variazione del
Pagina 83
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Piano

Regionale

pu

essere

sottoposto

in ogni

momento

modificazioni, seguendo lo stesso procedimento di cui al presente


articolo. Le sue previsioni sono vincolanti per i Comuni e gli altri enti
pubblici, nonch per i concessionari o affidatari dei servizi pubblici e
per i soggetti privati (art. 8, commi 6 e 7). La validit dei contenuti del
PdA a tempo indeterminato, fino allapprovazione di eventuali
modifiche e integrazioni in sede di aggiornamento. Lapprovazione del
PdA e del programma degli interventi condizione necessaria per la
concessione di eventuali contributi regionali per la realizzazione del
sistema di gestione integrata dei rifiuti.
Larticolo 9 regolamenta invece le gestioni esistenti: per effetto della
preesistente costituzione delle AdA, salvo non risultino gi trasferiti a
queste i relativi contratti, i soggetti che esercitano il servizio, anche in
economia, a patto che i contratti di appalto siano ancora in corso di
validit, continuano a gestirlo fino allistituzione e organizzazione del
servizio di gestione integrata dei rifiuti da parte dellAdA. Diversamente
le AdA assicurano il servizio anche in via transitoria sulla base dei
capitolati

previgenti

effettuando

gare

termini

limitati

ovvero

delegandone lesecuzione anche ai comuni singoli. Alla scadenza,


ovvero allanticipata risoluzione delle gestioni, i beni e gli impianti delle
imprese gi affidatarie sono trasferiti direttamente allente locale nei
limiti e secondo le modalit previste dalle rispettive convenzioni di
affidamento.
Larticolo 11 istituisce lOsservatorio regionale sulla gestione dei rifiuti,
presso

il

Servizio

gestione

rifiuti

bonifiche

dellAssessorato
Pagina 84

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

allecologia regionale, che provvede alla raccolta e alla elaborazione dei


dati relativi allattivit di gestione dei rifiuti urbani e speciali, pericolosi
e non. Per lo svolgimento delle sue funzioni lOsservatorio si avvale
dellARPA Puglia.

Pagina 85
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Presentazione

La Ditta Tekno Service s.r.l. con sede in Piossasco (To), Viale


dellArtigianato 10 stata costituita nellanno 2004, ed iscritta al
Repertorio Economico Amministrativo 1004998 dal 24/03/04.
La Tekno Service s.r.l. stata certificata dalla BUREAU VERITAS Italia
S.p.A.

alla norma

ISO 9001:2000

con n.

IT231628 e alla norma ISO 14001:2004 con n.


IT231351 e tra i campi di attivit compaiono i
seguenti:
realizzazione di impianti di interramento controllato, raccolta e
trasporto di MPS, rifiuti pericolosi e non, urbani e recuperabili.
Recentemente ha ottenuto la certificazione alla norma ISO 18000
OHSAS.

Pagina 86
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Loggetto dellattivit sociale cos suddiviso :


o

Raccolta

rifiuti

urbani,

servizi

di

igiene

urbana

ed

ambientale
o

Lavaggio cassonetti stradali

Trasporto e smaltimento percolati di discarica

Trasporti Rifiuti Speciali pericolosi e non

Gestione di Centri di raccolta

Gestione di discariche, compresa la compattazione

Pagina 87
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 88
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 89
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 90
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Titoli raccolta e trasporto rifiuti

L'Azienda iscritta allAlbo Nazionale Gestori Ambientali:

ultimo provvedimento
nr. TO/01821
della Sezione Regionale presso la
C.C.I.A.A.
di Torino

per le seguenti categorie:


CAT. 1 CLASSE A (superiore o uguale a 500.000 abitanti)
o classe A per le
Multimateriale,

operazioni di raccolta R.U.R.A.,


Rifiuti

vegetali,

rifiuti

ingombranti
o classe A per le operazioni di trasporto R.U. da centri a
impianti
o classe A per la gestione di centri di raccolta
o classe C per le operazioni di spazzamento stradale

Pagina 91
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

CAT. 2 CLASSE B (quantit annua complessivamente


trattata superiore o uguale a 60.000 tonnellate e inferiore
a 200.000 tonnellate)
CAT. 3 CLASSE C (quantit annua complessivamente
trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore
a 60.000 tonnellate)
CAT. 4 CLASSE C (quantit annua complessivamente
trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore
a 60.000 tonnellate)
CAT. 5 CLASSE C (quantit annua complessivamente
trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore
a 60.000 tonnellate)
c.p.

Pagina 92
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Organico della Societ

Personale (dati desumibili da mod. INPS DM. 10)


nr. 1 Amministratore
nr. 1 Responsabile amministrativo
nr. 2 Responsabili tecnici
nr. 8 Impiegati
nr. 81 Autisti
nr. 104 Operai

Pagina 93
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Mezzi in dotazione

Attrezzatura

Nr.

Trattore stradale

29

Trattore stradale con gru

Motrice per scarrabili

Motrice 4 assi

Minicompattatore 8 mc.

Compattatore 12 mc.

Compattatore 15 mc.

Compattatore 17 mc.

Compattatore 23 mc.

Pagina 94
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Compattatore a carico laterale da 21 mc.

Autocarri con vasca da 5 mc.

12

Autocarri con vasca costipante da 5 mc.

14

Autocarri con pianale e sponda idraulica posteriore

Lavacassonetti

Spazzatrice stradale 6 mc.

Spazzatrice operatrice 3,5 mc.

Motocarri Ape PIAGGIO NU

18

Motocarri Ape PIAGGIO con pianale

Motocarri PORTER Piaggio

Aspiratore Sibilia

Furgone

Officina Mobile

Pagina 95
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 96
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 97
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 98
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Sedi operativo-gestionali
Sede legale / amministrativa/ operativa:
Viale dellArtigianato, 10
Piossasco (TO)

Unit locali/ operative:


Corso Ivrea, 106
Asti (AT)
Via Portella delle Ginestre,
4
Pisticci (MT)
Via Giacomo Fauser, SN
Novara (NO)
Via Gramsci, SN
San Giorgio Jonico (TA)
Traversa Via Vitolepore, SN
Polignano a Mare (BA)

Pagina 99
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Fatturato

Landamento nellultimo triennio del fatturato (vedi grafico allegato)


denota una continua crescita ed un trend decisamente positivo,
garanzia di ottima salute aziendale e, soprattutto, di grande capacit
imprenditoriale che si esplica nel settore dei trasporti e delligiene
ambientale.

Pagina 100
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta R.S.U. e Servizi di Igiene Urbana

LAzienda gestisce servizi di:

raccolta, trasporto rifiuti solidi urbani e ingombranti;

spazzamento stradale e raccolte differenziate;

raccolta, trasporto rifiuti speciali;

pulizie civili ed industriali;

gestione di discariche;

lavaggio cassonetti stradali;

trasporto e smaltimento percolato di discarica

Indichiamo i principali clienti presso i quali svolgiamo attualmente i


servizi o abbiamo svolto nellultimo triennio:
San Germano s.r.l.
Centro Recuperi e Servizi s.r.l.
AFV Acciaierie Beltrame S.p.A.
Presider S.p.A.

Pagina 101
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Comune di Aramengo (AT)


Comune di Calliano (AT)
Comune di Capriglio (AT)
Comune di CastellAlfero (AT)
Comune di Cerreto dAsti (AT)
Comune di Cortanz (AT)
Comune di Cortazzone (AT)
Comune di Cossombrato (AT)
Comune di Ferrere (AT)
Comune di Monale (AT)
Comune di Montafia (AT)
Comune di Montechiaro (AT)
Comune di Palagiano (TA)
Comune di Passerano Marmorito (AT)
Comune di Piea (AT)
Comune di Pino dAsti (AT)
Comune di Pisticci (MT)
Comune di Polignano a Mare (BA)

Pagina 102
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Comune di Portocomaro (AT)


Comune di San Giorgio Jonico (TA)
Comune di San Marco in Lamis (FG)
Comune di San Nicandro Garganico (FG)
Comune di Soglio (AT)
Comune di Tonco (AT)
Consorzio COVAR 14 (267.000 abitanti circa)
Consorzio Chierese per i Servizi (110.000 abitanti circa)
Consorzio C.I.S.A. (98.000 abitanti circa)
Per un totale di circa 500.000 abitanti serviti.

La

Societ,

inoltre,

dallanno

2010

gestisce

limpianto

di

pretrattamento, biostabilizzazione ed interramento controllato della


Comunit Montana Basso Sinni, sito in Loc. Monticello in Agro di
Colobraro (MT) (Bacino di circa 10 Comuni con un quantitativo medio
trattato di 20.000 tonnellate)

Pagina 103
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolte differenziate
La Societ ha gi attivato, in gran parte
dei

Comuni

differenziate

gestiti,
delle

le
varie

raccolte
tipologie

merceologiche costituenti i R.S.U.:

carta e cartone;

vetro;

contenitori in plastica per liquidi;

lattine di alluminio;

frazione organica del rifiuto;

rifiuti urbani pericolosi (pile esauste, farmaci scaduti,


prodotti etichettati T e/o F);

rifiuti ingombranti ingombranti ferrosi;

scarti in legno;

frigoriferi e congelatori;

frazione verde - rifiuti vegetali.

Pagina 104
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Al fine di ottimizzare laspetto logistico e poter soddisfare le pi diverse


richieste dei clienti nellambito della gestione dei rifiuti (speciali
pericolosi e non), la TeknoService s.r.l. ha acquisito ed autorizzato (ai
sensi dellart. 210 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) un impianto sito in
Piossasco (TO) Strada Antica di
Pinerolo

s.n.

trattamento

per

il

recupero

il

e la rivalorizzazione di

numerose tipologie di rifiuti quali ad


esempio:

imballaggi in carta e cartone,

plastica,

vetro,

legno,

alluminio,

RAEE,

pneumatici fuori uso

plastiche, gomma e scarti di produzione.

A tale scopo propone le migliori


soluzioni

operative

organizzare

la

raccolta,

per
il

trasporto ed il trattamento dei


rifiuti presso le isole ecologiche
comunali, le aziende e i piccoli e
grandi

centri

commerciali,
Pagina 105

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

collocando anche, in base alle esigenze ed agli spazi disponibili,


container e/o contenitori di varie dimensioni, predisponendone, nel
contempo, i ritiri con i mezzi pi idonei.

Limpianto ubicato sul territorio comunale di Piossasco (TO) occupa


una superficie di circa 25.000 metri quadrati, di cui circa 10.000
coperti.

In

questi

ultimi

trova

luogo

una

linea

di

triturazione/selezione/imballaggio che permette il trattamento di


una molteplice tipologia di rifiuti sia in modo automatico che manuale.

Pagina 106
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 107
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Laccesso allimpianto regolato da una attenta procedura di omologa


che ne determina lammissibilit allimpianto. Una volta ammesso
allimpianto il rifiuto viene stoccato e, in base alla prorpia tipologia,
trattato.

Il suo percorso viene costantemente seguito e tracciato sino al corretto


smaltimento finale.

Pulizie civili ed industriali

La Societ svolge questa attivit per alcuni


principali clienti nel settore delle acciaierie ed
altiforni.

In particolare, le aree interessate sono:

laminatoio;

colata continua;

zona forno;

vie di corsa;

impianto ferro leghe;

impianto fumi.

Pagina 108
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Criteri generali di progettazione


Uno dei primi argomenti da affrontare, quando ci si appresta ad
analizzare le problematiche di natura logistica per i servizi di igiene
ambientale di un Comune cos articolato e variegato come quello del
Comune di Ginosa, , se si vuole, un po filosofico: in che modo
approcciarsi al servizio attuale ed alle eventuali modifiche da proporre.
La maggior parte delle linee guide, ovviamente, sono indicate nel
Capitolato dOneri fornito dallEnte appaltante ma, certamente, la
imprenditorialit che deve contraddistinguere una proposta di questo
genere non pu limitarsi alle richieste minime indicate su tale
documento.
Fino a non molto tempo fa, la ricerca dellottimizzazione sfrenata
(soprattutto nel campo della tecnologia applicata alla metodica di
effettuazione del servizio) ha guidato i progettisti a volte a scapito
della Qualit e della Fruibilit da parte del cittadino

degli

interventi messi in atto.


Oggi giorno, invece, al centro delle nostre attenzioni ci deve essere il
cittadino, non pi visto come semplice ricettore della nostra attivit,
ma come vero e proprio attore delle iniziative che deve, quindi,
essere coinvolto, motivato, guidato verso comportamenti virtuosi
e utili alla collettivit.
Lo stesso concetto di sistema integrato (diffusamente usato e, a
volte, persino abusato) non prevede solo il considerare tutte le
tipologie di rifiuti prodotti come un unico aspetto del problema nel
Pagina 109
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

quale

produzione,

raccolta,

selezione

recupero

rappresentano

momenti diversi di un solo processo, ma considera anche lintegrazione


di tutti gli attori coinvolti (e, quindi, anche i cittadini in primis)
come arma vincente per lottenimento dei risultati compatibili con le
direttive vigenti ed il concetto di sviluppo sostenibile.
Non trascuriamo il fatto, inoltre, che le stesse scelte indicate dal nostro
progetto

saranno

viste

da

parte

del

cittadino

come

scelte

dellAmministrazione e, quindi, potranno essere lette come una


chiara indicazione di indirizzo alla quale adeguarsi, un primo passo in
quella campagna di sensibilizzazione che necessariamente dovr
accompagnare ogni azione allinterno del nuovo servizio proposto.
Da queste semplici considerazioni sono nate le linee guida che ci hanno
ispirato in tutto il processo progettuale di riverifica del sistema da
proporre a codesto Comune per la risoluzione delle problematiche del
servizio di igiene urbana.
Abbiamo preferito non modificare eccessivamente la tecnologia di
servizio richiesto dal Capitolato (modifica delle volumetrie, delle
metodiche di raccolta, etc.) intervenendo solo laddove ritenevamo che
i risultati ottenibili meritassero veramente il nostro intervento. Ci
siamo concentrati soprattutto su quello che potremmo chiamare
limpatto ambientale del nostro servizio.
In un bilancio di tipo ambientale (sempre pi si parla in questi anni di
sviluppo sostenibile, di compatibilit ambientale, etc.) i risultati non
possono limitarsi ad una semplice lettura dei quantitativi di rifiuti
Pagina 110
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

raccolti e/o avviati al recupero; la nostra analisi deve essere pi


approfondita e pi completa. Dobbiamo analizzare tutti quegli aspetti
che nel nostro servizio, in una qualche maniera, provocano un
impatto sulla realt circostante, sullambiente in generale e sulla vita
dei cittadini.
In breve, indichiamo qui di seguito i criteri generali della nostra
progettazione:
Mobilit sostenibile: particolare attenzione alle emissioni in
atmosfera dei veicoli impegnati in servizio scegliendo tutti mezzi
di nuova immatricolazione (questo si tradurr in minori
emissioni in atmosfera allo scarico in quanto saranno catalogati,
secondo la normativa europea, come EURO5) e dotati di
motorizzazioni che minimizzino gli scarichi inquinanti;
Raccolte porta a porta: introduzione massiva del concetto
della raccolta porta a porta quale soluzione ottimale in termini
di minimizzazione dellimpatto sul territorio con leliminazione
in gran parte dei contenitori stazionari (oltre alle valenze in
termini di resa in qualit e quantit della raccolta differenziata
che esporremo in seguito)
Soluzioni

informatizzate:

sempre

pi

luso

dellinformatizzazione dei processi permette un livello di controllo


di

gestione

di

rapidit

di

intervento

non

ottenibile

diversamente. I sistemi di localizzazione delle flotte, di


identificazione dei contenitori (in caso di raccolta di prossimit
Pagina 111
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

a cassonetti) e/o dei produttori (in caso di raccolta porta a


porta o presso le aree ecologiche), di gestione informatizzata
del territorio (mediante i sistemi informatici territoriali
SIT integrati), di controllo di gestione automatizzata della
commessa e delle risorse messe a disposizione (siano personale,
mezzi, attrezzature, magazzini, etc.) permettono al Gestore e,
soprattutto,

allEnte

Appaltante,

una

verifica

costante

ed

immediata dello stato della Qualit del Servizio affinch lo


standard fornito sia in linea con quello che oggigiorno
obbligatorio offrire allutenza cittadina (pubblica e privata). La
nostra azienda si rende ampiamente disponibile fin da ora per
studiare
completo

congiuntamente
interfacciamento

con
dei

codesta
sistemi

Amministrazione
gi

in

atto

un

nella

quotidianit della nostra Societ e quanto previsto dagli sviluppi


del Comune.
Metodiche di Comunicazione e di Garanzia dellUtenza: in
un momento in cui sempre pi si dibatte sul passaggio da tassa
a tariffa non possiamo esimerci dal ragionare in termini di
soddisfazione del Cliente; dobbiamo trovare quello soluzioni
metodologiche che garantiscano sempre di pi la trasparenza
dei rapporti con il cittadino e la massima comunicazione con
tutti gli attori del processo. Solo in questo modo si potranno
avere cittadini motivati che collaborano al miglioramento del
livello qualitativo generale dellambiente urbano.

Pagina 112
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Nei paragrafi seguenti approfondiremo questi argomenti motivando


ulteriormente le nostre scelte e, soprattutto, dimostrando a codesto
Spett.le Comune che le professionalit allinterno della nostra Societ
sono tali da garantire un approccio serio e competente a queste
problematiche cos importanti.

Pagina 113
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)

Offerta tecnica

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

1) Proposta tecnica relativa al servizio


di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

1) Proposta tecnica relativa al servizio


di raccolta differenziata
Scelta del modello di raccolta differenziata
Nella progettazione di un nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani
occorre tenere conto di numerosi fattori locali. Infatti ladozione di un
modello, in relazione al contesto socio-culturale, alla viabilit in cui si
applica, produce risultati diversi.
Pertanto possibile affermare che la scelta del modello pi efficace sia
una sorta di mediazione di esigenze diverse, a volte contrastanti, per
tendere verso quello che possa essere considerato da tutte le parti
interessate il pi adatto, il miglior risultato raggiungibile, anche in
termini di rapporto costi benefici.
ampiamente dimostrato dalle diverse esperienze nazionali e non, che
i soli sistemi che permettono il raggiungimento e il superamento dei
limiti percentuali di raccolta differenziata previsti dalla normativa
vigente, necessitano di un sistema di raccolta porta a porta, in cui non
permesso alle varie utenze di conferire in maniera indifferenziata i
propri rifiuti, ma esclusivamente di raccoglierli per tipologia (carta,
vetro, imballaggi in plastica, acciaio, alluminio, cartone, ex RUP, rifiuti
ingombranti, fraz. organica etc.) e conferirli gi differenziati al servizio
pubblico.
Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Si citano, a puro titolo esemplificativo alcuni dati tratti da Comuni


Ricicloni 2009 - Legambiente:
Salerno (circa 150.000 abitanti, 72% raccolta differenziata),
Novara (circa 100.000 abitanti, 71% raccolta differenziata),
Verbania (circa 30.000 abitanti, 73% raccolta differenziata).
Nelle pagine seguenti presentiamo una serie di tabelle esplicative che
illustra come, laddove nei Comuni si sia passati da una raccolta a
contenitori ad una con il metodo porta a porta, i risultati sono
immediatamente evidenti.
Per farlo abbiamo utilizzato dati ufficiali provenienti da Comuni
dellarea del Torinese per evitare di presentare dati considerati di
parte o non verificabili.
I dati si riferiscono allanno 2004, ma sono ugualmente significativi
delleffetto sui quantitativi raccolti in modo differenziato allattivazione
dei servizi di ritiro porta a porta

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

BEINASCO, 2004
DISCARICA %
rifiuti urbani
spazzamento
ingombranti non recuperabili
TOTALE DISCARICA
kg/ab/die
RACCOLTA DIFFERENZIATA%

Gennaio

Febbraio Marzo

72,1%
465.491

68,8%

Aprile

68,6%

Maggio

68,3%

Giugno

69,4%

Luglio

69,3%

Agosto

58,2%

Settembre Ottobre

36,0%

405.603 496.610 470.080 505.300 491.506 380.270 121.400

37,0%
179.920

Totale kg

Novembre Dicembre

36,3%

42,3%

39,5%

57,4%

184.190

211.720

209.330

4.121.420
228.080

21.110

40.700

14.560

19.700

20.710

18.690

970

28.110

19.070

6.880

24.550

13.030

7.490

7.510

14.980

59.700

14.040

11.000

11.400

7.480

11.610

8.050

21.720

10.260

185.240

454.425 528.242 550.700 540.594 523.628 393.392 159.770

211.244

201.820

259.342

235.828

4.553.612

494.627
0,896

0,823

0,967

0,998

0,980

0,949

0,713

0,290

0,383

0,366

0,470

0,427

0,678

27,92%

31,22%

31,42%

31,65%

30,59%

30,71%

41,79%

63,98%

63,05%

63,69%

57,68%

60,50%

42,46%

carta

41.360

44.880

48.820

46.440

43.930

43.630

45.400

34.970

62.490

61.750

77.820

70.250

621.740

crtone

32.600

35.240

34.110

34.790

41.560

39.320

36.040

31.700

40.110

42.820

40.200

37.030

445.520

7.920

8.540

13.840

8.780

8.120

15.920

19.770

25.140

36.570

35.810

36.640

35.540

252.590

vetro

33.020

21.220

20.460

29.660

28.400

29.520

36.140

43.380

39.380

52.900

42.640

46.340

423.060

organico

35.960

54.280

54.420

50.140

50.120

43.620

87.660

97.920

126.330

99.870

107.010

118.480

925.810

1.656

1.656

804

918

936

1.830

816

1.536

1.128

2.514

966

1.530

2.028

1.464

16.470

apparecchiature elettroniche

2.202

2.112

2.520

3.348

10.182

abiti

1.775

1.425

2.425

2.025

2.150

1.000

975

250

275

325

12.625

metalli

4.060

5.160

6.100

4.970

6.890

3.420

6.700

7.000

5.120

2.160

2.360

1.970

55.910

legno

21.620

10.320

21.170

17.020

16.540

20.580

21.675

14.300

16.670

22.630

15.140

14.570

212.235

verde

10.780

21.520

38.130

54.540

33.245

30.410

25.790

22.020

28.440

27.580

26.440

24.240

343.135

altro

3.460

4.200

5.450

6.200

2.190

3.340

4.250

2.970

7.590

39.650

206.278 241.963 255.045 238.246 232.093 282.453 283.790

360.391

354.070

353.523

361.147

3.360.583

plastica

ingombranti recuperabili
frigoriferi

TOTALE RD
kg/ab/die
TOTALE RIFIUTI

191.584
0,347
686.211

0,374

0,438

0,462

0,432

0,421

0,512

0,514

660.703 770.205 805.745 778.840 755.721 675.845 443.560

0,653
571.635

0,642
555.890

0,641
612.865

0,654
596.975

0,500
7.914.195

Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare


Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

ORBASSANO, 2004
DISCARICA %
rifiuti urbani
spazzamento
ingombranti non recuperabili
TOTALE DISCARICA
kg/ab/die

Gennaio Febbraio Marzo


82,5%

81,6%

Aprile

80,4%

631.370 606.450 691.302

Maggio

81,7%

Giugno

76,4%

Luglio

77,4%

771.450

739.262

747.841

Agosto

77,2%

Settembre Ottobre

72,8%

722.340 523.480

39,4%

36,5%

Novembre Dicembre
37,1%

207.530

225.570

251.220

34,9%

Totale kg
66,9%

231.370

6.349.185
319.171

41.130

56.201

38.280

34.290

29.470

15.380

19.960

31.930

21.570

11.690

10.330

8.940

9.250

6.480

19.230

14.230

13.070

10.220

25.410

17.940

24.680

38.440

21.050

15.940

215.940

684.222 669.640 750.592

822.538

783.778

775.997

769.206 578.210

256.968

276.596

285.192

256.770

6.909.709

1,044

1,022

1,145

1,255

1,196

1,184

1,174

0,882

0,392

0,422

0,435

0,392

0,867

17,49%

18,40%

19,62%

18,35%

23,56%

22,57%

22,83%

27,18%

60,65%

63,47%

62,95%

65,11%

33,08%

carta

52.100

45.810

51.670

49.580

53.910

57.000

59.790

46.350

67.850

75.920

91.840

84.530

736.350

crtone

27.160

30.920

30.830

31.050

35.320

29.400

28.760

18.580

28.010

31.270

30.610

36.760

358.670

9.760

8.340

10.720

10.110

8.980

10.300

10.480

11.880

38.660

45.860

46.460

46.520

258.070

34.010

35.040

30.010

29.180

49.180

40.420

40.150

27.840

37.280

61.840

48.040

73.180

506.170

15.400

153.690

194.450

195.510

178.440

737.490

1.800

3.036

2.232

4.296

11.364

798

763

810

816

684

1.602

2.244

852

2.862

1.344

708

780

14.263

1.110

1.860

2.280

2.142

1.920

3.180

12.492

2.100

2.100

1.950

1.900

3.125

1.600

250

375

375

13.775

metalli

8.520

4.760

9.190

10.990

6.580

20.130

20.000

11.060

9.820

10.260

9.230

7.760

128.300

legno

5.230

4.840

12.190

8.390

17.910

18.060

24.050

18.990

22.450

19.360

17.020

13.790

182.280

verde

4.540

20.510

32.470

39.570

64.725

45.180

38.980

56.840

32.800

40.070

41.550

37.060

454.295

1.320

680

227.579 215.830

396.022

480.624

RACCOLTA DIFFERENZIATA%

plastica
vetro
organico
ingombranti recuperabili
frigoriferi
apparecchiature elettroniche
abiti

altro
TOTALE RD
kg/ab/die
TOTALE RIFIUTI

145.028 150.983 183.170


0,221

0,230

0,279

0,000

184.822

241.519

0,282

829.250 820.623 933.762 1.007.360

0,369
1.025.297

226.224
0,345
1.002.221

0,347

0,329

996.785 794.040

0,604
652.990

0,733
757.220

484.523
0,739
769.715

2.000

479.195

3.415.519

0,731
735.965

0,428
10.325.228

Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare


Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

TROFARELLO, 2004
DISCARICA %
rifiuti urbani
spazzamento
ingombranti non recuperabili
TOTALE DISCARICA
kg/ab/die

Gennaio Febbraio Marzo


77,4%

78,7%

Aprile

72,7%

Maggio

67,3%

Giugno

71,5%

Luglio

66,6%

Agosto

71,0%

255.331 235.108 287.270 267.110 323.250 268.292 276.400

Settembre Ottobre

39,7%
88.140

28,5%

25,5%

66.840

51.270

Novembre Dicembre
31,1%

34,0%

Totale kg
58,7%

82.560

79.570

2.281.141
271.972

20.782

62.900

62.405

30.260

21.050

16.115

10.320

8.420

6.320

15.070

2.990

15.340

8.550

12.310

15.850

11.200

24.010

14.860

9.950

6.830

14.710

12.720

16.860

3.280

151.130

286.179 310.802 366.313 310.002 368.866 300.375 297.246 106.030

88.466

81.266

102.902

100.246

2.718.693

0,868

0,943

1,111

0,940

1,119

0,911

0,902

0,322

0,268

0,247

0,312

0,304

0,678

22,59%

21,29%

27,27%

32,66%

28,54%

33,44%

28,97%

60,26%

71,53%

74,46%

68,85%

65,98%

41,35%

carta

22.220

16.700

19.450

22.810

23.730

25.060

23.570

22.340

35.890

36.720

36.820

40.880

326.190

crtone

10.990

12.380

16.890

18.170

21.680

19.020

23.520

8.010

23.630

33.730

30.520

22.220

240.670

6.480

6.560

8.600

9.220

8.520

9.960

5.240

13.300

20.460

23.800

23.960

20.060

156.160

vetro

10.380

9.190

14.940

12.100

12.670

12.440

14.630

13.500

23.860

27.320

21.240

29.860

202.130

organico

24.247

17.258

25.232

25.036

24.751

26.239

7.719

43.220

66.340

64.200

75.600

56.180

456.022

648

726

1.182

690

834

1.662

864

1.884

894

780

738

1.278

12.180

1.626

1.458

2.076

2.529

1.806

9.495

750

875

875

550

3.050

metalli

1.860

2.320

2.920

2.140

1.510

2.370

2.280

1.640

17.040

legno

5.150

5.390

2.210

9.010

4.910

6.480

5.330

7.720

8.640

9.200

5.400

7.520

76.960

verde

12.480

43.920

49.190

46.040

45.460

36.390

42.850

38.490

32.740

23.830

13.150

387.540

1.060

1.240

1.790

1.190

2.550

1.600

3.630

4.090

5.930

4.710

1.480

29.270

84.064 137.334 150.349 147.340 150.931 121.233 160.810

222.294

236.949

227.458

194.434

1.916.707

RACCOLTA DIFFERENZIATA%

plastica

ingombranti recuperabili
frigoriferi
apparecchiature elettroniche
abiti

altro
TOTALE RD
kg/ab/die
TOTALE RIFIUTI

83.511
0,253

0,255

0,417

0,456

0,447

0,458

0,368

0,488

369.690 394.866 503.647 460.351 516.206 451.306 418.479 266.840

0,674
310.760

0,719
318.215

0,690
330.360

0,590
294.680

0,478
4.635.400

Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare


Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

CARIGNANO, 2004
Gennaio Febbraio Marzo
Aprile
Maggio Giugno Luglio
Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale kg
DISCARICA %
68,6%
68,8%
62,5%
62,6%
60,8%
64,2%
38,0%
29,2%
26,8%
25,4%
33,4%
30,0%
50,2%
rifiuti urbani
217.800 219.200 248.430 262.610 230.650 257.550
97.200
62.930
59.310
57.050
74.610 65.770 1.853.110
22.520
spazzamento
11.900 10.620
109.310
ingombranti non recuperabili
5.070
4.610
9.410
12.630
8.630
8.090
10.530
7.370
9.630
11.020
7.800
14.520
TOTALE DISCARICA
223.410 223.810 259.864 275.940 239.952 268.780 108.258
70.928
71.004
68.590
94.838 92.562 1.997.936
kg/ab/die
0,851
0,583
0,990
1,051
0,914
1,024
0,412
0,270
0,270
0,261
0,361
0,353
0,626
RACCOLTA DIFFERENZIATA% 31,42% 31,19% 37,52% 37,45% 39,16% 35,83% 62,03% 70,84%
73,19% 74,64% 66,59% 70,04%
49,77%
312.730
carta
17.140
19.500
20.490
26.370
13.740
24.450
30.850
22.350
33.040
29.160
32.580 33.060
142.960
crtone
10.460
16.640
13.020
14.200
10.910
11.620
12.670
7.850
9.950
17.090
10.320
8.230
91.150
plastica
2.600
1.420
2.780
4.740
8.660
8.950
14.270
11.500
14.560 21.670
220.410
vetro
12.190
10.290
14.590
13.080
10.910
11.120
17.490
22.200
22.800
28.050
22.180 35.510
388.121
organico
19.628
13.969
20.428
20.268
20.035
21.243
29.669
39.245
49.433
49.565
55.584 49.054
1.668
ingombranti recuperabili
1.668
10.752
frigoriferi
810
762
1.050
1.008
2.046
792
942
1.062
780
792
708
7.074
apparecchiature elettroniche
2.274
996
2.034
1.770
4.725
abiti
275
450
375
500
550
250
750
525
550
500
78.440
metalli
6.880
7.140
7.900
6.310
5.720
9.430
7.320
11.640
5.620
6.360
4.120
122.500
legno
9.090
7.940
11.680
12.750
11.000
7.800
13.500
9.940
11.000
8.420
8.680
10.700
477.700
verde
12.120
20.380
51.050
58.520
59.500
50.600
48.520
41.080
38.090
42.420
34.720 20.700
121.700
altro
11.440
4.160
10.790
12.190
6.530
8.620
6.860
7.900
5.780
8.000
9.080
30.350
TOTALE RD
102.358 101.439 156.039 165.188 154.468 150.093 176.881 172.347
139.829 201.870 189.046 216.372 1.979.930
kg/ab/die
0,390
0,386
0,594
0,629
0,588
0,572
0,674
0,567
0,738
0,769
0,720
0,824
0,620
TOTALE RIFIUTI
325.768 325.249 415.903 441.128 394.420 418.873 285.139 243.275
264.833 270.460 283.884 308.934 3.977.866
Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare
Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

PIOBESI TORINESE, 2004


Gennaio Febbraio Marzo
Aprile
Maggio Giugno Luglio
Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale kg
DISCARICA %
77,5%
73,7%
70,6%
66,1%
69,5%
71,5%
60,9%
70,2%
64,9%
67,1%
70,5%
30,8%
67,0%
rifiuti urbani
91.500
89.870 110.430 107.060 118.070 101.740
96.600 109.350
104.170 113.890 108.050 25.350 1.176.080
4.850
spazzamento
1.440
3.410
20.450
ingombranti non recuperabili
1.500
1.870
2.250
2.650
2.310
5.330
2.520
2.020
TOTALE DISCARICA
93.260
92.546 114.800 109.444 122.904 105.574
98.520 115.656
113.480 119.394 112.364 29.326 1.227.268
kg/ab/die
0,918
0,911
1,130
1,078
1,210
1,040
0,970
1,139
1,117
1,176
1,106
0,289
0,993
RACCOLTA DIFFERENZIATA% 22,46% 26,31% 29,42% 33,87% 30,46% 28,50% 39,12% 29,79%
35,12% 32,93% 29,51% 69,18%
33,02%
131.890
carta
8.300
8.240
11.330
8.960
13.220
10.380
12.030
12.340
9.860
11.490
13.800 11.940
92.930
crtone
4.520
4.760
7.840
6.950
6.720
8.430
6.720
3.440
11.320
12.110
6.660
13.460
40.170
plastica
1.810
3.100
3.240
4.740
2.390
3.090
2.800
2.400
3.290
2.660
2.940
7.710
65.680
vetro
5.200
4.800
3.280
3.360
4.660
4.000
9.100
4.880
5.980
6.400
6.880
7.140
14.020
organico
200
13.820
30.120
ingombranti recuperabili
1.380
1.764
1.512
3.576
2.988
1.776
2.880
4.908
4.800
1.068
1.356
2.112
5.226
frigoriferi
1.260
888
1.086
1.170
822
3.486
apparecchiature elettroniche
2.238
1.248
2.725
abiti
175
325
200
300
325
150
425
350
325
150
31.720
metalli
2.240
3.270
4.640
2.820
4.660
6.820
1.910
3.250
2.110
legno
169.950
verde
10.380
15.990
21.730
18.130
14.110
23.690
15.200
17.580
17.700
11.620
3.820
17.220
altro
4.540
- 3140,000
2.940
180
3.680
2.740
TOTALE RD
27.010
33.044
47.845
56.051
58.836
42.086
63.305
49.064
61.425
58.616
47.031 65.824
605.137
kg/ab/die
0,266
0,325
0,471
0,552
0,530
0,414
0,623
0,483
0,605
0,577
0,463
0,648
0,490
TOTALE RIFIUTI
120.270 125.590 162.645 165.495 176.740 147.660 161.825 164.720
174.905 178.010 159.395 95.150 1.832.405
Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare
Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

VINOVO, 2004
Gennaio Febbraio Marzo
Aprile
Maggio Giugno Luglio
Agosto
Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale kg
DISCARICA %
82,5%
81,7%
83,3%
83,3%
82,8%
82,3%
75,8%
34,0%
39,9%
34,1%
34,0%
31,0%
67,7%
rifiuti urbani
353.990 318.267 425.180 433.800 446.090 459.796 346.850
67.000
106.340 92.840
97.090 97.210 3.244.453
102.215
spazzamento
10.800
13.520
13.240
25.650
11.870
3.260
4.535
8.040
2.190
9.110
87.390
ingombranti non recuperabili
850
780
9.960
14.520
9.700
8.820
4.920
11.520
14.380
11.940
TOTALE DISCARICA
367.376 333.079 448.940 476.534 470.108 472.548 357.257
80.768
130.816 109.478 108.984 99.746 3.455.634
kg/ab/die
0,912
0,827
1,115
1,183
1,167
1,173
0,887
0,201
0,325
0,272
0,271
0,248
0,705
RACCOLTA DIFFERENZIATA% 17,54% 18,28% 16,66% 16,74% 17,20% 17,71% 24,17% 66,04%
60,05% 65,93% 66,02% 68,99%
32,32%
500.210
carta
37.170
35.170
34.550
34.910
38.410
39.040
39.140
30.290
50.340
50.830
51.600 55.760
115.060
crtone
10.940
11.900
13.200
9.750
11.540
11.520
9.240
6.720
7.050
7.720
7.720
7.760
154.380
plastica
4.240
4.200
3.920
6.480
5.600
5.510
7.800
18.470
25.130
25.400
24.120 23.510
259.690
vetro
20.580
13.700
15.000
16.400
13.320
16.380
24.490
23.580
16.400
32.160
28.800 28.880
309.469
organico
13.788
47.776
60.179
60.340
67.668 59.718
24.756
ingombranti recuperabili
2.040
768
840
2.352
3.672
1
1
2.148
3.084
2.052
2.652
2.712
6.084
frigoriferi
564
1.494
1.224
1.710
1.092
1.524
apparecchiature elettroniche
1.524
abiti
6.320
metalli
1.100
1.890
1.130
2.200
7.020
legno
590
1.040
1.260
1.240
1.480
1.410
265.720
verde
2.610
8.780
19.210
24.410
25.080
28.220
17.380
25.840
21.940
28.480
24.940 38.830
280
altro
180
100
TOTALE RD
78.144
74.518
89.720
95.796
97.622 101.678 113.856 157.088
196.663 211.822 211.734 221.872 1.650.513
kg/ab/die
0,194
0,185
0,223
0,238
0,242
0,252
0,283
0,390
0,488
0,526
0,526
0,551
0,337
TOTALE RIFIUTI
445.520 407.597 538.660 572.330 567.730 574.226 471.113 237.856
327.479 321.300 320.718 321.618 5.106.147
Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare
Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

VIRLE PIEMONTE, 2004


Gennaio Febbraio Marzo Aprile
Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale kg
DISCARICA %
80,1% 82,1% 84,4% 88,6% 85,0% 82,8% 48,9% 32,8%
18,7% 22,7%
29,0%
23,9%
59,8%
rifiuti urbani
24.481 26.229 31.360 39.540 27.958 32.632 12.355
7.200
4.820
5.830
6.540
6.310 225.455
3.340
spazzamento
3.340
7.460
ingombranti non recuperabili
120
120
4.060
200
2.960
TOTALE DISCARICA
24.481 26.949 31.360 39.724 32.194 32.952 13.011 11.436
5.500
6.230
9.748
6.310 239.895
kg/ab/die
0,745
0,820
0,955
1,209
0,980
1,003
0,396
0,348
0,167
0,190
0,297
0,192
0,600
RACCOLTA DIFFERENZIATA% 19,92% 17,89% 15,61% 11,44% 15,02% 17,21% 51,05% 67,22%
81,33% 77,31% 70,98% 76,10%
40,25%
31.990
carta
3.420
1.410
2.440
2.510
2.200
3.730
3.480
3.140
2.780
2.260
3.020
1.600
2.710
crtone
630
930
1.150
14.320
plastica
250
350
400
450
270
290
1.160
3.230
1.300
2.600
1.940
2.080
32.260
vetro
2.420
1.530
2.400
1.900
1.950
2.500
3.200
4.720
2.680
2.590
2.940
3.430
67.956
organico
1.596 10.237
12.896 12.930
14.500 12.797
5.184
ingombranti recuperabili
900
264
180
984
1.164
1.020
600
72
276
frigoriferi
96
180
apparecchiature elettroniche
1.500
abiti
100
175
175
150
150
150
150
150
150
150
670
metalli
460
100
70
40
legno
3.890
verde
1.680
830
1.380
830
altro
830
TOTALE RD
6.090
5.879
5.800
5.131
5.689
6.850 13.570 23.451
32.966 21.230
23.842 20.097 161.586
kg/ab/die
0,185
0,179
0,177
0,156
0,173
0,209
0,413
0,714
0,730
0,646
0,726
0,612
0,404
TOTALE RIFIUTI
30.571 32.819 37.160 44.855 37.883 39.802 26.581 34.887
29.466 27.460
33.590 26.407 401.481
Prima dell'avvio dei servizi di raccolta domiciliare
Dopo l'avvio dei servizi di raccolta domiciliare

In considerazione di quanto esposto fino ad ora, realisticamente, si


ritiene di poter raggiungere i livelli di raccolta differenziata ipotizzati
solo con un sistema di domiciliarizzazione spinta presso la maggior
parte delle utenze domestiche ed assimilate.

Produzione Rifiuti
La nostra esperienza pluriennale nella gestione dei servizi di igiene
urbana in Comuni anche a marcato carattere turistico ci pone
certamente in una posizione privilegiata; cercheremo, perci, in questo
paragrafo di esporre quei parametri che, oltre a quelli di carattere
territoriale

indicati

in

precedenza,

nostro

avviso,

dovranno

influenzare ogni scelta tecnica progettuale.

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Uno degli aspetti principali dellappalto in oggetto lasporto, tra


laltro, di tutti i rifiuti (solidi urbani e differenziati) prodotti nel
territorio:

ogni

scelta

tecnica relativa ai mezzi


da impiegare, alle loro
caratteristiche

di

capienza, alle zone di


intervento

specifiche

non

trascurare

pu

questi dati basilari:


quanto rifiuto viene prodotto;
dove viene prodotto il rifiuto.
La natura turistica del Comune di Ginosa si traduce, ovviamente,
anche nella produzione di rifiuti solidi urbani che subiscono un notevole
aumento durante la stagione estiva, nei periodi festivi o pre-festivi.
Presentiamo, qui di seguito, le tabelle e i grafici riferiti ai quantitativi
prodotti negli anni 2008-2010. I valori sono ricavati dai dati ufficiali
forniti dalla Regione Puglia. Abbiamo indicato, mese per mese, la
produzione delle varie frazioni raccolte in modo differenziato e della
parte

di

R.S.U.

residuale,

calcolando

la

percentuale

di

differenziazione raggiunta.
Abbiamo anche valutato le produzioni procapite giornaliere per
ogni abitante (sia per quanto riguarda la parte raccolta in modo
Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

differenziato sia per quella residuale). Il tutto stato poi riportato su


alcuni grafici riepilogativi.

Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 18
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 19
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 20
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 21
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 22
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 23
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 24
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 25
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 26
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 27
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Lanalisi della produzione mensile dei rifiuti denota un andamento


costante negli anni analizzati ed abbastanza tipico delle realt
turistiche: la produzione procapite media giornaliera passa da valori
medi intorno a 1,13/1,40 kg/gg/ab durante il periodo invernale a
punte di 1,97/2,26 kg/gg/ab durante il mese di Agosto con un
incremento di oltre il 50%
Analogamente la quantit di rifiuti complessivamente raccolti sul
territorio comunale passa da circa 800.000 kg nei mesi invernali ad
una punta di oltre 1.500.000 kg nel mese di Agosto.
Il valore complessivo della differenziazione dei rifiuti si attesta
complessivamente nellanno 2010 a 10,57%.
Analizzando i singoli dati mensili, si riscontrano alcune anomalie,
soprattutto legate alla raccolte di alcune tipologie di rifiuti ( ad es. i
rifiuti inerti). Ciononostante, landamento complessivo della produzione
dei rifiuti non si discosta eccessivamente da questa tipicit turistica.
Al di l delle valutazioni di carattere numerico, che appaiono evidenti
in ogni prospetto, quello che ci preme far rilevare, comunque, il
seguente fenomeno: laddove si riscontra un afflusso turistico
sensibile (individuabile soprattutto dai picchi nellandamento della
produzione procapite giornaliera) il dato della percentuale di
differenziazione peggiora in modo immediato.
Questa informazione non del tutto trascurabile: nostra profonda
opinione che attraverso attivit di raccolta porta a porta sia possibile
Pagina 28
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

ottenere il massimo dei risultati possibili di differenziazione del rifiuto


sia in termini di quantit che di qualit.
Questa attivit, per, necessita unazione di sensibilizzazione nei
confronti dei cittadini che devono partecipare in maniera attiva al
servizio proposto.
La grossa difficolt riscontrata in ambiti turistici di duplice natura:
il turista non ha un senso di appartenenza al territorio che
lo ospita provvisoriamente e quindi non sente proprie le istanze di
tutela ambientale che vengono proposte;
il flusso turistico non regolare in termini temporali e quindi
risulta difficile intercettare completamente tutte le persone che
raggiungono le zone in oggetto con attivit coordinate ed incisive.

Un altro elemento preso in esame levoluzione dei cittadini nellarco


degli ultimi anni e la loro suddivisione per fasce di et.
Confrontando i dati a partire dallanno 2001 fino ad oggi si nota una
sostanziale costanza dei valori per la popolazione nel suo complesso.
Diversamente, si nota un sensibile incremento del numero delle
famiglie con una conseguente contrazione del numero di componenti
per ogni nucleo familiare. Questo fatto, in linea con i parametri

Pagina 29
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

nazionali, rappresenta unulteriore elemento di parcellizzazione del


servizio che deve essere tenuto ben presente in fase progettuale.

Si passati dai 22.152 abitanti del 2001 ai 22.683 del 2009, con un
incremento pari a circa il 2,4% in 8 anni (valore medio circa lo
0,3%/anno).

Pagina 30
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Lanalisi del dato dellanno 2010, invece, denota una preponderanza di


cittadini appartenenti alla fascia di et mediana (tra i 15 e 64 anni)
considerata la fascia maggiormente produttiva sia in termini economici
che, anche, in termini di rifiuti.

Pagina 31
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 32
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 33
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Obiettivi della Raccolta Differenziata

Per definire gli obiettivi che il piano operativo si pone, dobbiamo


valutare gli andamenti storici delle due componenti:
abitanti;
produzione procapite giornaliera.
Come abbiamo visto, infatti, queste due variabili sono dinamiche
nellarco degli anni e la loro composizione determina il valore totale
della produzione di rifiuti.
Al fine di valutare un valore statisticamente attendibile nei prossimi
anni

(stante

durata

la

dellappalto,

dobbiamo per forza


analizzare
tendenza
storico)
affidati

la
del
ci

al

dato
siamo
calcolo

dellinterpolazione
lineare dei dati del
periodo

2008/2010

rilevando un valore medio attendibile nellanno 2015.


Questo procedimento stato effettuato sia per landamento degli
abitanti che per quello della produzione procapite giornaliera.
Pagina 34
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Progettualmente, perci, abbiamo considerato:


Abitanti (proiezione)

23.265 ab

Produzione procapite giornaliera (proiezione) 1,47 kg/ab/gg


Produzione Rifiuti annua (proiezione)

12.454.530 kg

Il sistema di raccolta dei rifiuti urbani stato pianificato in modo da


raggiungere nel Comune di Ginosa una percentuale di raccolta
differenziata pari al 70% (in linea con quanto dettato dalla normativa
vigente a livello nazionale).
Fissato lobiettivo di raccolta differenziata totale al 70%, si possono
dedurre gli obiettivi per ciascuna frazione merceologica, in base alla
composizione merceologica dei rifiuti, come rappresentati nella tabella
e nel grafico che seguono.
I dati rappresentati derivano dalle esperienze concrete nelle raccolte
dei rifiuti effettuate in ambito sia nazionale che regionale; essi
rappresentano medie significative per il contesto a cui si riferisce il
presente Piano.

Pagina 35
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 36
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Moltiplicando il valore di progetto scelto (produzione annua di rifiuti


pari a 12.454.530 kg/anno, riportato nei paragrafi precedenti) per i
valori percentuali sopra riportati, si ricavano i quantitativi in termini di
kg/anno che si intendono intercettare per ciascuna frazione di rifiuto.
Si riporta una tabella riepilogativa di tali quantitativi:

Pagina 37
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 38
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Il servizio di raccolta, oggetto del presente Piano, un sistema


di raccolta differenziata porta a porta misto (porta a porta
integrale

nella

zona

centrale,

urbana

Ginosa

Marina,

containerizzata nella zona periferica e per la frazione del vetro)


Il suddetto modello, pertanto, si ritiene sia il pi adatto perch
promuove la partecipazione efficace degli utenti, migliorando sia la
qualit che la quantit delle frazioni raccolte; producendo un risultato
di particolare rilevanza se si considerano i materiali ad elevato valore
marginale e la riduzione dei quantitativi di raccolta differenziata da
avviare a smaltimento.
La scelta della metodologia della containerizzazione nella zona della
periferia

giustificata,

invece,

dalla

bassa

densit

abitativa

dallattivazione dellautocompostaggio per la frazione organica.


Ai fini di unorganizzazione ottimale del servizio di raccolta dei rifiuti
urbani, il territorio del comune di Ginosa stato suddiviso in base alla
conformazione territoriale, in particolare sono state individuate quattro
zone:

Zona CENTRO (ZC): la parte urbana del territorio caratterizzato


dalla zona centrale dellabitato principale ed formata da strade
accessibili ai mezzi medi per la raccolta dei rifiuti e caseggiati di
medie dimensioni pluriutenze o monoutenze. La viabilit relativa
difficile e le altimetrie sono importanti.

Pagina 39
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Zona URBANA (ZU): la parte urbana del territorio caratterizzato


dallabitato principale ad esclusione della zona ZC ed formata da
strade accessibili ai mezzi medio/grandi per la raccolta dei rifiuti e
caseggiati di medie dimensioni soprattutto pluriutenze.

Zona PERIFERIA (ZP): la zona rurale ed formata per lo pi da


strade non molto ampie e da raggruppamenti di case singole.

Zona

LIDO

fluttuazione

(ZL):

turistica:

la

zona

costituita

caratterizzata

dalla

prevalentemente

massima
da strade

mediamente ampie accessibili ai mezzi medio/grandi per la raccolta


dei rifiuti e case singole dotate di spazi circostanti. Questarea
caratterizzata da alcune vie di grandi dimensioni (parallele al mare),
e, nellimmediato entroterra, una serie di strade molto strette con
viabilit complessa. E, inoltre, caratterizzata da alcuni accessi a
mare direttamente sulla strada principale.

Di seguito vengono riportate una serie di schede sintetiche relative ad


ogni frazione di RU raccolta con il nuovo servizio di raccolta integrata
dove vengono indicate:
Modalit di raccolta;
Contenitori/sacchi utilizzati;
Pagina 40
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Mezzi utilizzati;
Frequenza di svuotamento.

Raccolta della frazione secca residua


I rifiuti indifferenziati comprendono le frazioni secche non riciclabili
come: stoviglie in plastica usate (piatti, bicchieri, forchette, etc.),
imballaggi per alimenti sporchi (carta oleata per salumi, formaggi,
etc.), stracci, materiale di consumo (prodotti per ligiene come rasoi o
bastoncini
pannolini

spazzolini),

ed

assorbenti,

oggettistica,

vasellame

altro

materiale

dalle

operazioni

risultante
di

pulizia

degli ambienti.
Il modello di raccolta di tale
tipologia di rifiuto del tipo
porta a porta con frequenza
pari a 3 giorni/ settimana
sia per le utenze domestiche
che per le utenze non domestiche. La citt verr divisa in due zone in
modo da ottimizzare limpiego del personale su 6 giorni /settimana.
Per la raccolta dei RU indifferenziati saranno utilizzate le seguenti
squadre tipo:
Pagina 41
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

nella zona ZC saranno utilizzate squadre costituita da autocarri da 3


mc con autista (liv. III);

nella zona ZU saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

nella

zona

ZP

sar

utilizzata

una

squadra

costituita

da

autocompattatore da 12/15 mc con autista (liv. III) ed operatore


(liv. II);

nella zona ZL saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

Gli

autocarri

con

vasca

costipatrice

effettuano

la

raccolta

conferiscono il contenuto allinterno di compattatori 4 assi (o 3 assi in


caso di quantitativi inferiori durante il periodo di bassa stagione) che,
a fine turno di raccolta, effettueranno il trasporto allimpianto di
smaltimento.

In funzione delle caratteristiche della viabilit interna (soprattutto nelle


aree centrali ed in quelle della
periferia

urbana)

potranno

essere impiegati in sostituzione


parziale del costipatore da 5/7
mc., vasche da 2 a 4 mc.

Pagina 42
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta della frazione organica


Per

frazione

organica

si

intende

linsieme

degli

scarti

della

preparazione e del consumo del cibo, sia in ambito domestico che


commerciale, gli scarti di piccoli orti e giardini, i rifiuti vegetali
provenienti

dalle

commerciali

utenze

dalle

aree

cimiteriali, i rifiuti organici


provenienti

dai

mercati

ortofrutticoli e simili. Nella


raccolta

della

frazione

da

utenze

organica

domestiche, il materiale da
raccogliere

costituito

da

avanzi di cibo, fazzoletti di carta unti, contenitori in carta o cartone per


cibi unti (ad esempio il cartone della pizza o il sacco in carta del pane),
cenere proveniente dalla combustione di lignei nel camino o in stufe o
simili, scarti vegetali vari (fiori o piante secche, sfalci e ramaglie da
manutenzione del giardino).
La frazione organica prodotta dalle utenze commerciali costituita
dagli avanzi della preparazione e del consumo del cibo, fazzoletti e filtri
di carta unti, cenere proveniente dalla combustione di lignei (ad
esempio forni di pizzerie) o simili.

Pagina 43
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

modalit

di

raccolta

della

frazione

organica

per

le

utenze

domestiche e non domestiche del tipo porta a porta, con frequenza


pari a 4 giorni/settimana (Luned, Mercoled, Venerd e Sabato).
A tutte le utenze domestiche e non domestiche saranno consegnati kit
costituiti da contenitori sottolavello da 7 lt. e contenitori
antirandagismo da 20 lt. di colore marrone.
Per la raccolta della frazione organica saranno utilizzate le seguenti
squadre tipo:

nella zona ZC saranno utilizzate squadre costituita da autocarri da 3


mc con autista (liv. III);

nella zona ZU saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

nella zona ZL saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

Tali mezzi effettuano la raccolta e conferiscono il contenuto allinterno


di compattatori 4 assi (o 3 assi in caso di quantitativi inferiori durante
il periodo di bassa stagione) che, a fine turno di raccolta,
effettueranno il trasporto allimpianto di smaltimento

Anche in questo caso, in funzione delle caratteristiche della viabilit


interna (soprattutto nelle aree centrali ed in quelle della periferia

Pagina 44
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

urbana)

potranno essere impiegati in sostituzione parziale del

costipatore da 5/7 mc., vasche da 2 a 4 mc.

Raccolta del vetro


Si prevede di eseguire la raccolta differenziata porta a porta del vetro
da utenze domestiche con frequenza pari a 1 giorno/settimana e,
per

quanto

riguarda

le

utenze

non

domestiche, con frequenza pari a 2


giorni/settimana.
La raccolta sar porta a porta sia per
le utenze non domestiche mentre quelle
domestiche verranno servite mediante il
posizionamento

di

idonee

campane

stradali, svuotate con apposito mezzo


dotato di impianto a gru.

Raccolta della plastica


Dalla raccolta della plastica,
anche se i quantitativi sono
minori di altre frazioni, deriva
la maggior parte dei proventi
CONAI,

risulta

quindi

conveniente gestire al meglio


la raccolta di tale frazione
Pagina 45
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

non solo da un punto di vista ambientale, ma anche economico.


Il modello di raccolta della plastica del tipo porta a porta e per le
utenze

domestiche

giorno/settimana

e,

avverr
per

con

quanto

una

frequenza

riguarda

le

pari

utenze

non

domestiche, con frequenza pari a 2 giorni/settimana.


La raccolta sar porta a porta sia per le utenze domestiche che
quelle non domestiche.
Per la raccolta della plastica saranno utilizzate le seguenti squadre
tipo:

nella zona ZC saranno utilizzate squadre costituita da autocarri da 3


mc con autista (liv. III);

nella zona ZU saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

nella

zona

ZP

sar

utilizzata

una

squadra

costituita

da

autocompattatore da 12/15 mc con autista (liv. III) ed operatore


(liv. II);

nella zona ZL saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

Tali mezzi effettuano la raccolta e conferiscono il contenuto allinterno


di compattatori 3 assi che, a fine turno di raccolta, effettueranno il
trasporto allimpianto di recupero.

Pagina 46
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta della carta


Per imballaggi in carta e frazioni affini (carta congiunta) si intende
linsieme degli imballaggi e del materiale di consumo in carta e
cartone.
Il modello di raccolta della
carta del tipo porta a porta
e per le utenze domestiche
avverr con una frequenza
pari a 1 giorno/settimana
e, per quanto riguarda le
utenze
con

non

domestiche,

frequenza

pari

giorni/settimana
La raccolta sar porta a porta
sia per le utenze domestiche che quelle non domestiche
Per la raccolta della carta saranno utilizzate le seguenti squadre tipo:

nella zona ZC saranno utilizzate squadre costituita da autocarri da 3


mc con autista (liv. III);

nella zona ZU saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

nella

zona

ZP

sar

utilizzata

una

squadra

costituita

da

autocompattatore da 12/15 mc con autista (liv. III) ed operatore


(liv. II);

Pagina 47
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

nella zona ZL saranno utilizzate squadre costituita da costipatori da


5/7 mc con autista (liv. III);

Tali mezzi effettuano la raccolta e conferiscono il contenuto allinterno


di compattatori 4 assi (o 3 assi in caso di quantitativi inferiori durante
il periodo di bassa stagione) che, a fine turno di raccolta,
effettueranno il trasporto allimpianto di recupero.

Raccolta del cartone


Nel presente piano previsto il servizio di raccolta del cartone da
utenze commerciali. Si provveder alla raccolta del cartone da utenze
commerciali con frequenza
di 3 giorni/ settimana. La
scelta di raccogliere la carta
e il cartone separatamente
finalizzata allottenimento, da
parte del Comune di Ginosa,
di maggiori compensi CONAI,
poich

il

corrispettivo

previsto dal CONAI per il


conferimento del cartone
maggiore

del

corrispettivo

previsto per la carta.

Pagina 48
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

I produttori di tale frazione di rifiuto dovranno porre gli imballaggi


impilati e piegati a pi negozio nei giorni e orari previsti per la raccolta.
Per la raccolta sar utilizzata una squadra tipo costituita da un
costipatore da 5/7 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv. II).
Il quantitativo raccolto sar trasferito allinterno di compattatori 4 assi
(o 3 assi in caso di quantitativi inferiori durante il periodo di bassa
stagione) che, a fine turno di raccolta, effettueranno il trasporto
allimpianto di trattamento/recupero.

Raccolta degli ingombranti, RAEE


Per tali tipologie di rifiuti si prevede una raccolta effettuata mediante il
ritiro

porta

direttamente
utenze

presso

cittadine

abbiano

fatto

porta

che

le
ne

richiesta

telefonica al nostro numero


verde

messo

loro

disposizione.
Verranno utilizzati autocarri a
pianale
persone
tipologia,

un

numero

adeguate
volumetria

di
alla
e

Pagina 49
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

dimensioni del materiale da prelevare.


In via progettuale abbiamo previsto limpiego di nr. 1 squadra,
costituita da nr. 2 addetti (autista (liv. III) ed operatore (liv. II)).
Lutente che ne avesse bisogno, prenoter il servizio telefonicamente e
il centro operativo provveder ad inserirlo nel primo turno di ritiro
previsto (la frequenza dei ritiri sar pari a 2 giorni/settimana).
Il materiale dovr essere lasciato a piano strada. Gli ingombranti
saranno raccolti ed immediatamente avviati allimpianto di riferimento.
I RAEE saranno ritirati dai Sistemi Collettivi, secondo quanto previsto
dalla normativa vigente in materia, nel caso in cui il Comune effettui le
opportune convenzioni con il CdC RAEE.

Raccolta rifiuti pericolosi


Costituiscono
Pericolosi

(RUP)

Rifiuti
le

Urbani
seguenti

frazioni di rifiuto:
-

farmaci;

pile;

materiali etichettati T e/o


F;

oli esausti

Pagina 50
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Per la raccolta dei farmaci, le farmacie, parafarmacie e sanitarie


saranno allestite con appositi contenitori da interno. La raccolta
avverr con frequenza pari a 1 volta/mese tramite una squadra cos
formata: n. 1 furgonato con autista (liv. III).
Analogamente per le pile e per i prodotti etichettati T e/o F, si
provveder al ritiro del materiale contenuto negli appositi contenitori
specifici.

Pagina 51
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Produttivit della raccolta

Al fine di dimensionare il servizio, ovvero determinare il fabbisogno di


operatori, e mezzi necessari alla raccolta, sono state individuate le
produttivit.
I dati sono desunti dalle rilevazioni sul campo e confermati dai calcoli
teorici

dei

lavori

pubblicati

sullargomento.

Le

produttivit

rappresentano, per ogni frazione di rifiuto e per tipologia di raccolta, la


capacit di raccolta per ciascun elemento produttivo.
Nella tabella in basso si riporta la produttivit delle squadre: essa
indicativa della quantit di rifiuto raccolta o (come in questo caso) del
numero di contenitori/sacchi svuotati per turno da una squadra, in
base allautomezzo utilizzato.

Pagina 52
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Nella seguente tabella si riporta la portata degli automezzi (in


tonnellate) utilizzati a pieno carico, in base alle differenti frazioni di
rifiuto:

Nella tabella sottostante riportata la produttivit dei lavoratori,


intesa come il numero di giorni di lavoro effettivi/anno, considerati i
periodi di fermo lavorativo per riposo, ferie, infortuni, malattie e
permessi sindacali.

Pagina 53
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Anche per i mezzi si ritenuto di dover considerare un periodo di


fermo per la manutenzione; per sottrazione sono stati conteggiati i
giorni effettivi duso per ogni tipo di mezzo. Si riporta, dunque, la
produttivit degli automezzi:

produttivit automezzi (uso/anno)

Pagina 54
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Dimensionamento del servizio di raccolta

Il dimensionamento del servizio di raccolta di cui al presente Piano


effettuato a partire dai dati forniti dal Comune di Ginosa, mediante
lanalisi di una serie di fattori sotto elencati:
Numero di abitanti e di utenze;
Tipologia di utenze;
Flussi di rifiuti intercettati;
Una volta acquisiti tali dati, definiti gli obiettivi e stabilito il modello di
raccolta, si passa alla definizione del valore di progetto della
produzione pro capite di rifiuti. A questo punto si procede con il
dimensionamento del servizio, che si divide in tre parti:
1. dimensionamento quantitativo: a partire dai quantitativi di rifiuti
prodotti/anno e dalla frequenza della raccolta, si calcolano i
quantitativi intercettati ogni volta che si effettua il servizio di
raccolta.
2. dimensionamento

volumetrico

delle

attrezzature:

quantifica

(eventuale) il numero di attrezzature da distribuire alle varie


utenze, in base alle singole frazioni di rifiuto e alla tipologia di
attrezzature scelte.
3. fabbisogno

degli

automezzi

del

personale:

in

base

al

dimensionamento quantitativo e alla produttivit delle squadre di


raccolta, si calcola il numero di automezzi e di personale da
impiegare nelle operazioni di raccolta.
Pagina 55
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Si riporta di seguito il dimensionamento della raccolta per ogni frazione


di rifiuto.
In base alla percentuale di raccolta differenziata che si suppone di
realizzare, abbiamo elaborato la tabella seguente riportante, per ogni
frazione di rifiuto, i quantitativi previsti sia in valore assoluto che in
base alle varie frequenza di raccolta.
La tabella considera i due periodi (quello di bassa stagione e quello di
alta stagione (giugno-luglio-agosto e settembre) caratterizzati da
produzioni

procapite

giornaliere

diverse

in

funzione

dellafflusso

turistico che interessa, soprattutto, la zona ZL (Zona Lido).

Pagina 56
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta della frazione residua

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
In base alla tipologia di attrezzature previste per la raccolta della
frazione residua (si veda paragrafo relativo al modello della raccolta) e
al numero di utenze da servire, stato effettuato il dimensionamento
volumetrico delle attrezzature.
Il quantitativo totale dei contenitori/sacchetti, dovr poi essere ridotto
in funzione della percentuale di esposizione (la percentuale secondo la
quale gli utenti espongono il loro sacchetto per il ritiro). Infatti,
durante una raccolta, raramente si devono ritirare il 100% dei
contenitori previsti, bens una certa percentuale di utenti (per svariati
motivi,

quali,

ad

esempio,

impegni

di

lavoro,

impossibilit

di

coincidenza degli orari, assenza per motivi di salute o familiari, etc.)


non espone il sacco/contenitore.
Questa percentuale di esposizione viene valutata, mediamente, pari
all80%.
Pagina 57
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

In base ai parametri di produttivit indicati in precedenza, abbiamo


suddiviso inizialmente il territorio comunale in 2 settori che a loro
volta sono stati ancora suddivizi in 8 aree facendo in modo di
rispettare i criteri di contiguit, di omogeneit viaria ed abitativa e
rimanendo nei quantitativi massimi di produttivit degli operatori.
Pertanto, per la raccolta della frazione residua si prevede di utilizzare
le squadre di lavoro cos formate:
n. 2 autocarri con vasca da 3 mc con autista (liv. III);
n. 5 costipatori da 5/7 mc con autista (liv. III);
n. 1 compattatore da 15 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv.
II);
n. 1 compattatore 4 assi con autista (liv. III) per il trasporto della
frazione residua raccolta allimpianto di conferimento.
I costipatori da 5/7 mc

e le vasche da 3 mc. sono utilizzati come

mezzi satellite: effettuano la raccolta e conferiscono il loro carico


allinterno del compattatore a 4 assi che a fine turno di raccolta,
raggiunto

il

pieno

carico,

effettua

il

trasporto

allimpianto

di

smaltimento.
Il mezzo da 15 mc., invece, a fine turno di raccolta effettua il trasporto
direttamente allimpianto di smaltimento.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Pagina 58
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Servizio

Raccolta e trasporto
frazione residua

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore e

Operat. II

Autista

assi

15 mc

Vasca

liv.

III/IV liv.

Durante il periodo estivo, stante laumento dei quantitativi da


raccogliere, abbiamo previsto lentrata in servizio di due ulteriori
squadre

che

opereranno

in

appoggio

quelle

gi

presenti

regolarmente.
Il fabbisogno, perci, diventa:

Servizio

Raccolta e trasporto
frazione residua

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore

Operat. II

Autista

assi

15 mc

5/7 mc

liv.

III/IV liv.

11

Limpegno di tutti i mezzi trisettimanale (per due aree, quindi


giornaliero su 6 giorni/settimana) per turni completi giornalieri di
6 ore.

Pagina 59
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta della frazione organica

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
In base alla tipologia di attrezzature previste per la raccolta della
frazione organica (si veda paragrafo relativo al modello della raccolta)
e al numero di utenze da servire, stato effettuato il dimensionamento
volumetrico delle attrezzature.
Anche in questo caso, come per la raccolta della frazione residua, in
base ai parametri di produttivit indicati in precedenza, abbiamo
suddiviso il territorio comunale in 7 settori facendo in modo di
rispettare i criteri di contiguit, di omogeneit viaria ed abitativa e
rimanendo nei quantitativi massimi di produttivit degli operatori.
Pertanto, per la raccolta della frazione organica si prevede di utilizzare
le squadre di lavoro cos formate:
n. 1 autocarri con vasca da 3 mc con autista (liv. III);
n. 5 costipatori da 5/7 mc con autista (liv. III);

Pagina 60
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

n. 1 compattatore da 15 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv.


II);
n. 1 compattatore 4 assi con autista (liv. III) per il trasporto della
frazione residua raccolta allimpianto di conferimento.
I costipatori da 5/7 mc e le vasche da 3 mc. sono utilizzati come mezzi
satellite: effettuano la raccolta e conferiscono il loro carico allinterno
del compattatore 4 assi che a fine turno di raccolta, raggiunto il pieno
carico, effettua il trasporto allimpianto di smaltimento.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Servizio

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore e

Operat. II

Autista

assi

15 mc

vasche

liv.

III/IV liv.

Raccolta e trasporto
frazione organica

Anche

in

questo

caso

abbiamo

previsto

per

la

fase

estiva,

lincremento di due squadre che si vanno ad aggiungere a quelle


gi in servizio.
Il fabbisogno, diventa, pertanto:

Pagina 61
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Servizio

Raccolta e trasporto
frazione organica

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore

Operat. II

Autista

assi

15 mc

5/7 mc

liv.

III/IV liv.

10

Limpegno dei mezzi pari a 4 interventi/settimana, per turni


giornalieri completi di 6 ore.

Pagina 62
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta del vetro

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
In base alla tipologia di attrezzature previste per la raccolta del vetro
(si veda paragrafo relativo al modello della raccolta) e al numero di
utenze da servire, stato effettuato il dimensionamento volumetrico
delle attrezzature.
Pertanto, per la raccolta del vetro si prevede di utilizzare le squadre di
lavoro cos formate:

1 autocarro 3 assi dotato di sistema di sollevamento a

Per il secondo passaggio settimanale (unicamente per le utenze non


domestiche) verr impiegata la seguente squadra:
n. 1 costipatore da 5/7 mc con autista (liv. III).

Pagina 63
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta della plastica

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
In base alla tipologia di attrezzature previste per la raccolta della
plastica (si veda paragrafo relativo al modello della raccolta) e al
numero di utenze da servire, stato effettuato il dimensionamento
volumetrico delle attrezzature.
Anche in questo caso, come per la raccolta della frazione residua, in
base ai parametri di produttivit indicati in precedenza, abbiamo
suddiviso il territorio comunale in 7 settori facendo in modo di
rispettare i criteri di contiguit, di omogeneit viaria ed abitativa e
rimanendo nei quantitativi massimi di produttivit degli operatori.
Pertanto, per la raccolta della plastica si prevede di utilizzare le
squadre di lavoro cos formate:
n. 1 autocarri con vasca da 3 mc con autista (liv. III);
n. 5 costipatori da 5/7 mc con autista (liv. III);

Pagina 64
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

n. 1 compattatore da 15 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv.


II);
n. 1 compattatore 4 assi con autista (liv. III) per il trasporto della
frazione residua raccolta allimpianto di conferimento.
I costipatori da 5/7 mc e le vasche da 3 mc. sono utilizzati come mezzi
satellite: effettuano la raccolta e conferiscono il loro carico allinterno
del compattatore 4 assi che a fine turno di raccolta, raggiunto il pieno
carico, effettua il trasporto allimpianto di recupero.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Servizio

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore e

Operat. II

Autista

assi

15 mc

vasche

liv.

III/IV liv.

Raccolta e trasporto
plastica

Anche

in

questo

caso

abbiamo

previsto

per

la

fase

estiva,

lincremento di due squadre che si vanno ad aggiungere a quelle


gi in servizio.
Il fabbisogno, diventa, pertanto:

Pagina 65
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Servizio

Raccolta e trasporto
plastica

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore

Operat. II

Autista

assi

15 mc

5/7 mc

liv.

III/IV liv.

10

Limpegno dei mezzi pari a 1 intervento/settimana, per turni


giornalieri completi di 6 ore.
Per il secondo passaggio settimanale (unicamente per le utenze non
domestiche) verr impiegata la seguente squadra:

n. 1 costipatore da 5/7 mc con autista (liv. III).

Pagina 66
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta della carta

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
In base alla tipologia di attrezzature previste per la raccolta della
plastica (si veda paragrafo relativo al modello della raccolta) e al
numero di utenze da servire, stato effettuato il dimensionamento
volumetrico delle attrezzature.
Anche in questo caso, come per la raccolta della frazione residua, in
base ai parametri di produttivit indicati in precedenza, abbiamo
suddiviso il territorio comunale in 7 settori facendo in modo di
rispettare i criteri di contiguit, di omogeneit viaria ed abitativa e
rimanendo nei quantitativi massimi di produttivit degli operatori.
Pertanto, per la raccolta della carta si prevede di utilizzare le squadre
di lavoro cos formate:
n. 1 autocarri con vasca da 3 mc con autista (liv. III);
n. 5 costipatori da 5/7 mc con autista (liv. III);

Pagina 67
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

n. 1 compattatore da 15 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv.


II);
n. 1 compattatore 4 assi con autista (liv. III) per il trasporto della
frazione residua raccolta allimpianto di conferimento.
I costipatori da 5/7 mc e le vasche da 3 mc. sono utilizzati come mezzi
satellite: effettuano la raccolta e conferiscono il loro carico allinterno
del compattatore 4 assi che a fine turno di raccolta, raggiunto il pieno
carico, effettua il trasporto allimpianto di recupero.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Servizio

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore e

Operat. II

Autista

assi

15 mc

vasche

liv.

III/IV liv.

Raccolta e trasporto
carta

Anche

in

questo

caso

abbiamo

previsto

per

la

fase

estiva,

lincremento di due squadre che si vanno ad aggiungere a quelle


gi in servizio.
Il fabbisogno, diventa, pertanto:

Pagina 68
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Servizio

Raccolta e trasporto
carta

Compatt. 4

Compatt.

Costipatore

Operat. II

Autista

assi

15 mc

5/7 mc

liv.

III/IV liv.

10

Limpegno dei mezzi pari a 1 intervento/settimana, per turni


giornalieri completi di 6 ore.
Per il secondo passaggio settimanale (unicamente per le utenze non
domestiche) verr impiegata la seguente squadra:

n. 1 costipatore da 5/7 mc con autista (liv. III).

Pagina 69
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta del cartone

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
Tutte le utenze interessate dovranno conferire gli imballaggi in cartone
piegati e impilati a pi di negozio, nei giorni e negli orari previsti dal
calendario della raccolta.
Per la raccolta del cartone si prevede di utilizzare una squadra di
lavoro cos formata:
n. 1 costipatore da 5/7 mc con autista (liv. III) ed operatore (liv.
II);
Il costipatore da 5/7 mc effettua la raccolta e conferisce il suo carico
allinterno di un compattatore 3 assi che a fine turno di raccolta,
raggiunto

il

pieno

carico,

effettua

il

trasporto

allimpianto

di

smaltimento.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:
Pagina 70
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Servizio

Raccolta e trasporto
cartone

Compattatore Costipatore Operatore

Autista

3 assi

5/7 mc

II liv.

III liv.

Pagina 71
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Raccolta dei rifiuti ingombranti e RAEE

Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la


frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).

Per tali tipologie di rifiuti si prevede una raccolta effettuata mediante il


ritiro porta a porta direttamente presso le utenze cittadine che ne
abbiano fatto richiesta telefonica al nostro numero verde messo a loro
disposizione.
Lutente che ne avesse bisogno, prenoter il servizio telefonicamente e
il centro operativo provveder ad inserirlo nel primo turno di ritiro
previsto (la frequenza dei ritiri sar pari a 2 giorni/settimana).
Pertanto, per la raccolta dei rifiuti ingombranti si prevede di utilizzare
le squadre di lavoro cos formate:
n. 1 autocarro a pianale con autista (liv. III) ed operatore (liv. II);
Il materiale dovr essere lasciato a piano strada. Gli ingombranti
saranno raccolti ed immediatamente avviati allimpianto di riferimento.
Pagina 72
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Per i RAEE non previsto il trasporto, in quanto essi saranno ritirati dai
Sistemi Collettivi di Produttori, che provvederanno altres alla fornitura
di appositi cassoni per il contenimento presso le isole ecologiche,
secondo quanto stabilito dalla normativa vigente (sempre ch lEnte
Comunale sottoscriva laccordo ANCI-CDC RAEE).
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Servizio

Raccolta e trasporto
ingombranti

Autocarri a Operatore

Autista

pianale

II liv.

III liv.

Pagina 73
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolta dei rifiuti pericolosi


Noti i quantitativi di tale frazione di rifiuto prodotti (Q.t/anno) e la
frequenza della raccolta, si calcola la quantit intercettata ad ogni
raccolta come prodotto della Q.t/gg (ottenuta dividendo Q.t/anno
per 365) per il numero di giorni che intercorrono tra due raccolte (la
distanza massima temporale).
Tale dimensionamento stato effettuato separatamente per i due
periodi dellanno (periodo invernale e periodo estivo).
Si prevede di effettuare la raccolta dei RUP (nelle sue tre componenti:
pile, farmaci e prodotti etichettati T e/o F) con una frequenza
mensile.
Per la raccolta sar utilizzato un furgone allestito per il trasporto di
merce pericolosa (in ADR), monoperatore (aut. III). Tale furgone
effettuer la raccolta ed il trasporto allimpianto di trattamento
relativo.
Si riporta una tabella riepilogativa del fabbisogno di automezzi e
personale:

Servizio

Furgone

Raccolta e trasporto RUP

Autista
III liv.
1

Pagina 74
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Raccolte speciali

Nella presente sezione viene riportato il fabbisogno di attrezzature per


alcune tipologie speciali di utenze.
Il dimensionamento volumetrico stato fatto sulla base dei dati forniti
dallAmministrazione Comunale.
Si precisa che sar necessario effettuare unindagine maggiormente
approfondita in fase di start up, che riguarder anche altre utenze, che
in questo contesto non sono state menzionate, quali le scuole, le
caserme ed altre utenze commerciali e non di grandi dimensioni (uffici
pubblici, etc.).
In fase di start up, infatti, grazie al contatto diretto presso tutte le
utenze sar possibile avere una stima pi accurata del fabbisogno di
attrezzature.

Cimitero
Nel presente piano si prevede la raccolta dei rifiuti presso il cimitero.
Presso il cimitero si produce in genere unelevata quantit di rifiuto
organico costituito prevalentemente da fiori secchi, foglie e sfalci.
Laltra tipologia di rifiuto che si produce in quantit piuttosto rilevante,

linvolucro

porta

ceri.

Tale

involucro

sostanzialmente

un

Pagina 75
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

contenitore di plastica cilindrico dotato di un coperchio in banda


stagnata.
Si tratta dunque di un rifiuto non riciclabile se si considera la
componente plastica, mentre il coperchio potrebbe essere recuperato
per il riciclo conferendolo nel contenitore della raccolta specifica.
Laltra

tipologia

di

rifiuto

prodotto

nel

cimitero

in

quantitativi

nettamente inferiori rispetto alle tipologie su menzionate, la frazione


secca

non

riciclabile.

Si

riporta

la

tabella

della

composizione

merceologica dei rifiuti prodotti nel cimitero:

Composizione merceologica del rifiuto urbano cimiteriale


Tipologia
Frazione organica
Contenitore

porta

Produzione
Alta

ceri

(frazione Alta

residua)
Frazione residua

Bassa

Imballaggi in plastica

Alta (solo in dati periodi)

Film in plastica

Alta (solo in dati periodi)

Altri rifiuti da imballaggio

Alta (solo in dati periodi)

Pagina 76
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

composizione

merceologica

del

rifiuto

urbano

cimiteriale

comunque soggetta a variazione in certi periodi particolari dellanno,


infatti nel mese di novembre e nel periodo Natalizio ci si attende di
raccogliere in grosse quantit, imballaggi in plastica, film in plastica,
ed altri materiali da imballaggio utilizzati per il trasporto di ornamenti
floreali ed altro.
Alla luce di tali dati si ritiene opportuno organizzare il servizio nelle
modalit descritte di seguito.
Per agevolare le utenze che si recano in visita presso il cimitero a
raccogliere in modo differenziato i rifiuti derivanti dalle attivit di
commemorazione dei defunti, necessario fornire il cimitero di
contenitori di diversa tipologia per la raccolta della frazione organica,
della frazione residua, della plastica e dei metalli.
Tali contenitori potranno essere posizionati in punti diversi oppure in
unarea dedicata dove trasportare in un secondo momento i rifiuti
raccolti giornalmente nellintera area cimiteriale utilizzando contenitori
di dimensioni minori.
Si conviene che necessario fornire il cimitero di carrellati per la
frazione organica, la frazione residua e la plastica.
Il fabbisogno di contenitori stimato in questa analisi preliminare
riportato nella tabella in basso:

Pagina 77
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Frazione

contenitore

Volume (lt)

numero

carrellato

240

10

Frazione residua

carrellato

360

10

Plastica

carrellato

360

Frazione
organica

Sar competenza del personale interno al cimitero, qualora si ritenga


necessario, provvedere a posizionare altre tipologie di contenitori di
dimensioni

minori

allinterno

del

cimitero,

per

agevolare

il

conferimento da parte delle utenze e soprattutto le attivit di trasporto


dei rifiuti da contenitori pi piccoli ai contenitori di dimensioni maggiori
che dovranno essere ubicati presso la zona dove avviene laccesso dei
camion che effettuano la raccolta.

Pagina 78
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Mercati
I

rifiuti

urbani

prodotti

presso

il

mercato

sono

costituiti

prevalentemente da: scarti vegetali, cartone, cassette in plastica e in


legno, imballaggi in plastica, frazione residua.
Per la raccolta della frazione organica e della frazione residua si
prevede di fornire i mercati di carrellati da 240/360 litri; per le altre
frazioni di rifiuto, imballaggi in plastica, imballaggi in legno e cartone,
sar individuata una zona allinterno dellarea mercatale dove i
commercianti conferiranno, separatamente, i rifiuti prodotti (cartone,
plastica, cassette di legno).
Si precisa che, per legge, le cassette in legno non possono essere
riutilizzate, di conseguenza non dovrebbero essere ritirate per il
riutilizzo ma raccolte come rifiuto e inviate al recupero (riciclaggio del
legno) o al compostaggio.
Per attivare la raccolta differenziata allinterno del mercato, sar
opportuno

dunque

fornire

gli

esercizi

che

vendono

prodotti

ortofrutticoli, di bidoni carrellati da tenere nella propria postazione al


momento in cui si effettuano le vendite e negli orari di chiusura; tali
contenitori dovranno essere trasportati allesterno nelle fasce orarie in
cui

prevista

la

raccolta

ritirati

successivamente

al

loro

svuotamento.
Si riporta una tabella riepilogativa dei contenitori utilizzati per i
mercati:

Pagina 79
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Frazione

contenitore

Volume (lt)

numero

Frazione organica

carrellato

240

10

Frazione residua

carrellato

360

10

Pagina 80
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Compostaggio domestico
Lultima direttiva comunitaria in materia di rifiuti invita gli Stati
membri a promuovere la prevenzione o la riduzione della produzione di
rifiuti e il recupero dei rifiuti attraverso riciclo, reimpiego, riutilizzo.
Tra le frazioni merceologiche che gravano maggiormente sul sistema
dei rifiuti urbani va annoverata la frazione biodegradabile, per cui il
perseguimento di tecniche di recupero di tale frazione, porta ad una
riduzione notevole della quantit di rifiuti smaltiti in discarica. La
tecnica di recupero della frazione organica che risulta ambientalmente
ed economicamente pi sostenibile, in quanto annulla gli oneri
derivanti dalla raccolta, trasporto e conferimento agli impianti di
compostaggio,

consiste

nellautocompostaggio

compostaggio

domestico.
La pratica del compostaggio domestico si articola in tre fasi:
1. Differenziazione dei rifiuti in casa;
2. Trattamento dei rifiuti organici in giardino utilizzando appositi
contenitori (composter);
3. Riutilizzo in loco del compost prodotto.
Il compostaggio domestico, dunque, rappresenta un ciclo chiuso,
integrato, che permette il trattamento di una parte dei rifiuti nel luogo
stesso della loro produzione.

Pagina 81
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

In genere la tecnica del compostaggio domestico si adatta bene nelle


zone rurali e a bassa densit abitativa, costituite da case sparse dotate
di giardini, orti, ecc.
La citt di Ginosa, per la sua conformazione territoriale, si presta molto
bene allattivazione del compostaggio domestico, almeno nella zona
rurale (ZP).

Pagina 82
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Calendario dei servizi di raccolta


I criteri per la pianificazione del calendario dei servizi di cui al presente
piano sono i seguenti:

Ridurre

al

minimo

il

numero

di

automezzi

in

uso

contemporaneamente;

Ridurre

al

minimo

il

fabbisogno

di

maestranze

operative

contemporaneamente;

Ridurre al minimo la variabilit dei fabbisogni.

Dopo aver organizzato giornalmente i servizi si calcolato il


fabbisogno

di automezzi

e personale

e, dunque,

il

fabbisogno

complessivo annuo. Si riporta la tabella esplicativa dei servizi nella


settimana tipo.
Come si vede il passaggio da alta a bassa stagione non comporta una
grande modifica nellarticolazione dei servizi: vedremo in seguito,
quando tratteremo lorganizzazione del personale durante la settimana
che, invece, la consistenza numerica delle squadre impegnate sar
decisamente incrementata.

Pagina 83
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 84
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Progetto Comunicativo
A. METODOLOGIA
La comunicazione integrata alla base di questo progetto si basa su
un principio fondamentale: una comunicazione interna efficace ed
efficiente, collegata con i processi organizzativi dellente, determina
una pi efficace comunicazione esterna intesa come promozione delle
sue attivit e dei suoi servizi.
Obiettivo del progetto quindi sviluppare la qualit dei servizi
erogati dagli Enti attraverso la definizione di un sistema coerente di
relazioni

interne,

azioni

di

comunicazione

esterne

per

il

coinvolgimento e la collaborazione dei cittadini utenti.


Il progetto punta allo sviluppo delle relazioni e della qualit dei servizi,
attraverso lincremento del grado di partecipazione di tutti gli
attori insieme alla creazione e allo sviluppo di unimmagine positiva
degli Enti, dei servizi erogati e del recupero delle materie prime
seconde come valore ed obiettivo comune.
La strategia di comunicazione deve assimilare alcuni concetti chiave
come:
-

la partecipazione, come azione sinergica tra gli attori del servizio

lascolto dei cittadini-utenti, per rispondere a dubbi e necessit

la semplificazione, necessaria per facilitare la comprensione.

Il piano di comunicazione prevede un mix di azioni a supporto:


informazione, sensibilizzazione, educazione ed identit. Queste
Pagina 85
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

sono interdipendenti, interagiscono fra loro, e solo se combinate sono


effettivamente efficaci.
Nellerogazione di pubblici servizi la comunicazione da considerare
come necessario elemento strutturale, indispensabile per il buon
funzionamento di un sistema, sia in fase di avvio (start-up) che in
fase di follow-up (consolidamento).
Lefficienza

delle

comunicazioni

rappresenta

uno

degli

elementi

fondamentali per la qualit del processo organizzativo e per la


definizione di servizi di qualit.
Obiettivo del progetto quindi sviluppare la qualit dei servizi erogati
dagli Enti attraverso la definizione di un sistema coerente di relazioni
interne e azioni di comunicazione rivolte allesterno. Pertanto, i temi
della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti saranno affrontati con
campagne informative chiare e trasparenti, al fine di migliorare la
collaborazione e lapporto che i cittadini possono dare ad un corretto
smaltimento e riciclo dei rifiuti.
In questo senso importante saper comunicare per evitare di
confondersi con il rumore di fondo della ingente comunicazione che ci
raggiunge quotidianamente.

Pagina 86
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

B. OBIETTIVI GENERALI
Il progetto di comunicazione integrata avr come obiettivo da un lato
stimolare e divulgare nei soggetti-utenti un mutamento negli stili di
vita e nella cultura della sostenibilit ambientale, stimolando un
ruolo pi attivo, consapevole e responsabile, dallaltro persuadere
verso comportamenti virtuosi per lincremento della raccolta
differenziata.
Le azioni di comunicazione si svolgono su tre asset:
1) INFORMARE

cittadini,

attivit

produttive

commerciali,

amministrazioni pubbliche, sui corretti comportamenti da tenere;


2) RESPONSABILIZZARE

gli

utenti-cittadini

sulle

scelte

ambientali;
3) CONDIVIDERE le scelte, avviando processi partecipativi tra le
componenti sociali.
Obiettivi generali del piano sono:
-

indurre comportamenti virtuosi e sostenibili verso lambiente


in generale;

far crescere la consapevolezza del valore delle materie e


dellincremento inevitabile dei costi necessari allo smaltimento del
rifiuto indifferenziato;

ridurre

rifiuti

alla

fonte,

inducendo

una

maggiore

consapevolezza nellacquisto di prodotti con imballaggi riciclabili e


con caratteristiche ecosostenibili;

Pagina 87
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

creare un clima favorevole allavvio dei servizi di raccolta


differenziata;

assicurare

unampia

corretta

divulgazione

delle

informazioni;
-

coinvolgere attivamente tutti i target;

consolidare le abitudini delle utenze rispetto al cambio di


sistema;

accrescere il grado di partecipazione;

offrire

ascolto

alle

utenze

per

sanare

perplessita

imprevisti, predisponendo mezzi e strumenti che consentano un


feedback;
-

sviluppare una coscienza civica ambientale nei pi giovani per


diffondere

una

cultura

ambientalista

fin

dai

primi

anni

di

partecipazione scolastica.

Pagina 88
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

C. STRATEGIA DI COMUNICAZIONE
Azioni strategiche preliminari
Per perseguire i predetti obiettivi dovranno essere attivati azioni
strategiche preliminari, che rappresentano la condizione necessaria per
la realizzazione stessa e l'efficacia di tutto il piano:
-

comunicazione interna

percorso di formazione

citizen satisfaction

Comunicazione interna
La condizione necessaria per un'efficace comunicazione esterna
sviluppare spirito di appartenenza e maggiore condivisione di
progetti, procedure ed obiettivi degli Enti. Pertanto, utile analizzare,
individuare e sanare eventuali difetti nella trasmissione interna dei
flussi informativi, individuando strumenti in grado di facilitarla, in base
alle specifiche esigenze: e-mail, avvisi, circolari, riunioni operative,
ecc. Il tutto va raccordato prima di affrontare nuove sfide, per
generare unattenzione corale verso un obiettivo condiviso.

Percorso di formazione
La

conoscenza

dei

principi

delle

regole

della

comunicazione

istituzionale e della comunicazione interpersonale non pu essere


Pagina 89
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

riservata esclusivamente al personale addetto, ma deve essere ormai


patrimonio

di

tutti

gli

attori

dei

pubblici

servizi,

poich

la

comunicazione esterna verso i cittadini costituita, non solo dai


comunicati stampa o da iniziative pubblicitarie, ma dalle buone
relazioni quotidiane con gli utenti.
Il Piano prevede, pertanto, la realizzazione di un ciclo di seminari di
formazione, rivolti a tutto il personale.

Citizen satisfaction
L'obiettivo di fondo del Piano di comunicazione quello di far
conoscere e far percepire il programma di attivit, le iniziative e i
messaggi dell'Ente. E' necessario, pertanto, dotarsi degli strumenti
idonei a verificare periodicamente se e in quale misura tali messaggi
sono percepiti dai pubblici di riferimento, ai quali sono destinati,
considerato l'inevitabile dispersione di una percentuale variabile di
messaggi. Ecco la necessit di attivare la citizen satisfaction,
strumento indispensabile per capire anche le aspettative degli
utenti.

Saranno

pertanto

predisposti

questionari

modulistica,

necessari per le rilevazioni periodiche, e adoperando, ove necessario,


strumenti informatici per la rapida lettura ed elaborazione dei dati.

Pagina 90
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

D. TARGET
I target, ovvero i pubblici di riferimento del piano, sono compresi
nelle seguenti macro-categorie presenti sul territorio:
FAMIGLIE
IMPRESE
OPINION LEADERS
(associazioni ambientaliste, partiti, ecc.)
OPINION MAKERS
(stampa, autorit religiose, ecc.)
STAKEHOLDERS
(organizzazioni professionali, associazioni di categoria, ecc.)
AGENZIE EDUCATIVE
(scuole, parrocchie, etc.)
Per raggiungere le molteplici tipologie di destinatari, la scelta pi
funzionale quella di diffondere messaggi chiari e facilmente
comprensibili, attraverso una pluralit di canali e linguaggi.
In tal senso, ogni macro-target sar raggiunto attraverso un mix di
mezzi e strumenti.

Pagina 91
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

E. MEZZI E STRUMENTI
VISIBILITA
Manifesti 70x100, manifesti 6x3, locandine, totem

PUBLIC RELATIONS E CONTATTO DIRETTO


Tavoli

tecnici,

incontri

di

formazione,

incontri

pubblici,

punti

informativi, convegni, eventi, concorsi a premi, visite dirette, dibattiti,


volontariato, materiali informativi per tutte le utenze (calendari di
raccolta, lettere, brochure, manuali ecc.)

MASS MEDIA
Conferenze e comunicati stampa, inserti su quotidiani e periodici locali

EDUCAZIONE AMBIENTALE
Interventi di educazione ambientale con animatori nelle scuole,
concorsi didattici per la promozione dei nuovi servizi, materiale
didattico.

WEB
Pagine web su siti istituzionali
Pagina 92
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Ogni azione segue lobiettivo generale di raccordare il flusso di


comunicazione

interno

ed

esterno,

creando

conoscenza

consapevolezza in tutti gli attori del processo, sia degli addetti ai


lavori sia degli utenti-fruitori.
Le azioni si concatenano strettamente, intervenendo con livelli diversi
di pressione e di contatto in grado di ampliare lefficacia della strategia
complessiva.
Ogni azione naturalmente riproduce lidentit del piano, attraverso il
coordinamento dellimmagine, della linea grafica e del messaggio,
declinando ed adattando ad ogni esigenza specifica il livello di
approfondimento delle informazioni da trasmettere.
181

Pagina 93
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

F. SINTESI PIANO DI COMUNICAZIONE E


SENSIBILIZZAZIONE PLURIENNALE
ANNO

TIPOLOGIA
CAMPAGNA

AVVIO
SERVIZIO

OBIETTIVI
PRINCIPALI

STRUMENTI
E MEZZI
PRINCIPALI

Informare
Educare
Sensibilizzare
Coinvolgere
attivamente i
target
Manifesti vari
formati
Contatto
diretto con la
cittadinanza
Incontri
pubblici,
tavoli tecnici,
corsi di
formazione
Punti
informativi
Locandine,
lettere e
brochure,
calendari,
depliants,
adesivi
Conferenza
stampa

2
QUALITA
DELLA
RACCOLTA

3
RAFFORZAMENTO
DIFFERENZIATA

Informare
Sensibilizzare
Diffondere la
cultura della
sensibilit

Consolidare le
abitudini di
raccolta
Coinvolgere la
cittadinanza in
azioni attive

Incontri
pubblici/event
i sul territorio
Gara didattica
per scuole
primarie, per
la promozione
dei nuovi
servizi di
raccolta
differenziata
sul territorio
Giornate
ecologiche
Educazione
ambientale
scuole

Manifesti vari
formati
Azioni innovative
di contatto diretto
con la
cittadinanza
Pagine web
Educazione
ambientale scuole
Conferenza
stampa

Pagina 94
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

G. FOCUS CAMPAGNA 1 ANNO: AVVIO DEL SERVIZIO


DI RACCOLTA

DIFFERENZIATA
Per informare la cittadinanza sui nuovi servizi di raccolta differenziata,
ogni target sar raggiunto attraverso un mix di mezzi e strumenti:

TARGET

MEZZI E STRUMENTI

Manifesti f.to 70x100, 4 col. 115


gr.
Locandine Avvio servizio f.to A3,
4 col. 115 gr.
Conferenze e comunicati stampa
TUTTI

STIMA QUANTITA
/ COPIE

200

200

Incontri pubblici e tavoli tecnici con


cittadini, commercianti,
associazioni, parrocchie, ed altri

Stakeholders(durata: 2 ore cad)


Questionari di citizen-satisfaction,
f.to A5 , 1 col.
Adesivi f.to 70x25 Non mi userete

10.000

5.000
Pagina 95

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)


1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

pi, 2 col
Locandine/calendario di raccolta
f.to 20x44, 4 col. 170 gr. utenze
UTENZE

10.000

domestiche

DOMESTICHE
Adesivi/Calendario, f.to 7x15, 4
col.
UTENZE

Lettera/Calendario raccolta, f.to

COMMERCIALI

A4, 4 col. 130 gr.

10.000

3.000

Il contatto con le varie utenze ha una duplice funzionalit:

formare la cittadinanza sui principi basilari della raccolta


differenziata.

informare le varie utenze sulle nuove modalit di raccolta.

Per limitare incomprensioni e resistenze, e quindi per gestire la


conflittualit fisiologica, necessario informare i cittadini sul nuovo
servizio di raccolta differenziata dei rifiuti. Pertanto, sar elaborato e
distribuito del materiale informativo e sar data ampia eco
attraverso i mezzi di comunicazione di massa.
In basso viene riportata una sintesi di mezzi e strumenti di
comunicazione previsti:

Pagina 96
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

FORMAT GRAFICO: Per far si che la campagna di comunicazione


raggiunga tutti i cittadini, sar ideato e realizzato un format grafico
semplice e lineare, con messaggi chiari che proiettino la cittadinanza
nella prospettiva del cambiamento che si sta realizzando.

Pagina 97
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Materiali informativi - UTENZE DOMESTICHE: Allutenza familiare


necessario fornire una serie di strumenti informativi che siano in
grado di agevolare lapproccio al cambiamento.

Prima della partenza del nuovo servizio, sar consegnato ad ogni


famiglia un CALENDARIO DI RACCOLTA ED UN ADESIVO da
appendere in cucina, facile da consultare, con indicazioni semplici e
precise ed approfondimenti utili sulla differenziazione dei rifiuti.

Pagina 98
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Laffissione

di

manifesti

nella

citt

favorir

una

rapida

familiarizzazione con lidea del cambiamento del sistema.

Materiali informativi - UTENZE COMMERCIALI:

Per le utenze

commerciali, produttive, gli uffici e le aziende sar elaborato un


messaggio naturalmente calato sui servizi specifici dedicati.
necessario agire in sinergia, coordinando le azioni di distribuzione di
kit (contenitori, carrellati, buste e materiale informativo) con le
azioni di comunicazione.

Pagina 99
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Il kit sar distribuito, dopo la fase tecnica di analisi delle esigenze, con
personale specializzato, preparato a rispondere a dubbi eventuali e
ad offrire ascolto. Per facilitare la comprensione delle modalit di
conferimento e per condividere le scelte di posizionamento delle
attrezzature necessaria una capillare azione di comunicazione
diretta, accompagnata dalla produzione di una lettera/pieghevole
che funga da

vademecum per lutente, e che contenga le

informazioni fondamentali per il corretto funzionamento del servizio


(giorni e orari di conferimento, consigli utili su come differenziare,
ecc.).

Pagina 100
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

INCONTRI PUBBLICI CONVEGNI - PUNTI INFORMATIVI:


Momenti di informazione e di ascolto potranno essere:
PUNTI INFORMATIVI nei luoghi di maggiore afflusso,

In

INCONTRI PUBBLICI mirati, per zona e/o per categoria di utenza.


queste

occasioni

di

incontro

sar

possibile

sottoporre

un

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO, per rilevare, nelle varie fasi di


avvio e di consolidamento, la percezione dei servizi, delle modalit e
dei risultati raggiunti. Il sondaggio pu essere loccasione di un
ulteriore

contatto

diretto

nei

luoghi

pubblici

come

negozi,

supermercati, centri commerciali, mercati, ecc.

Pagina 101
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

VISIBILIT SUL TERRITORIO: Il contatto diretto con le utenze sar


rafforzato e supportato dallutilizzo di strumenti di visibilit sul
territorio, quali:
MANIFESTI 70X100
LOCANDINE nei luoghi pubblici
ADESIVI per contenitori

Pagina 102
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Attivita con le Scuole


FASE 1 (1 anno): CORSI DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI
A SCUOLA DI RIFIUTI

Destinatari
I destinatari diretti della formazione insegnanti saranno tutti i docenti
di tutte le scuole primarie e secondarie di 1 del Comune di Ginosa.
Destinatari indiretti saranno gli studenti e le famiglie.

Modalit di svolgimento
La formazione degli insegnanti in una materia cos dibattuta e
conflittuale quale la raccolta differenziata e pi in generale il ciclo
integrato dei rifiuti, rappresenta un obiettivo imprescindibile per
riuscire nellintento di aprire un confronto con le persone pi

Pagina 103
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

direttamente coinvolte con i processi educativi dei bambini, dei giovani


e degli adolescenti.
Inoltre coinvolgere gli insegnanti permette di raggiungere tutte le
scuole

interessate

allargomento

costituisce

un

investimento

formativo duraturo, anche per gli anni successivi.


Il corso sar strutturato in due incontri formativi.

Contenuti del corso


Il primo incontro (Rifiuti ieri-oggi-domani e il servizio di raccolta
differenziata, concetto di riuso-riutilizzo, approfondimento sui R.A.E.E.)
sar indirizzato a fornire conoscenze rispetto al tema dei rifiuti e
consapevolezza dei problemi che riguardano tale argomento:
-

Introduzione e presentazione dei partecipanti: con lutilizzo di rifiuti


e con abbinamenti spontanei al concetto di rifiuto.

Inquadramento normativo generale: perch la raccolta differenziata


e i diversi sistemi di conferimento (di prossimit, il porta a porta, lo
stradale).

Come si producono i rifiuti: consumo sostenibile, gli imballaggi,


consumo

consapevole,

limpronta

ecologica,

confronto

generazionale.
-

Le varie tipologie di materiali, dove e come conferirli.


Pagina 104

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)


1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Evoluzione dei rifiuti e composizione merceologica: proiezione di


diapositive.

Approfondimento sullo smaltimento degli apparecchi elettronici


(R.A.E.E.).

Introduzione al 2 incontro: si spiega il programma del secondo


incontro.

Durante il secondo incontro (Noi ed il mondo che ci circonda, il


protocollo di Kyoto, buone pratiche ambientali, esempi di attivit da
sviluppare in classe) sar indirizzato a fornire conoscenze rispetto agli
aspetti toccati dal protocollo di Kyoto e pratiche quotidiane per
diminuire limpatto ambientale.
Successivamente verranno esposti gli argomenti affrontati durante gli
interventi in classe, mostrando esempi di lavorati ideati e realizzati da
altri insegnanti e da altre scuole per fornire spunti operativi.
Gli insegnanti saranno stimolati e aiutati a progettare proprie linee
operative per lavorare in classe al fine di trovare idee pratiche per
approfondire il concetto del riutilizzo e sensibilizzazione sulla raccolta
differenziata prendendo spunto dai video visti in precedenza.
I contenuti saranno comunque concordati anche con gli insegnanti
stessi, per andare incontro alle loro effettive esigenze.

Pagina 105
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Tempistica
Il corso di formazione pu essere attivato in qualunque periodo
dellanno, in accordo con gli insegnanti. comunque consigliabile
attivarlo nella prima parte dellanno scolastico.

FASE 2: MANUALE OPERATIVO PER INSEGNANTI


Destinatari
Il manuale operativo verr elaborato e realizzato come supporto
didattico e operativo per le insegnanti. Destinatari indiretti della
realizzazione del manuale saranno gli studenti.

Modalit di realizzazione
Il manuale sar realizzato in formato A5, a 4 colori, 32 pp. con
copertina personalizzata.

Contenuti
Il manuale sar composto da schede concettuali e didattiche. Accanto
alla

spiegazione

dei

concetti

basilari

delle

problematiche
Pagina 106

TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)


1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

fondamentali saranno presenti percorsi mentali e operativi come


spunto per il lavoro in classe.

Tempistica
Il manuale verr consegnato a tutti gli insegnanti delle scuole primarie
e secondarie di 1 allinizio dellanno scolastico.

FASE 3: INTERVENTI DIDATTICI PER STUDENTI della SCUOLA


PRIMARIA

Destinatari
Le scuole primarie del Comune verranno coinvolte in incontri interattivi
in classe.

Modalit di realizzazione
Sono previste 20 ore di attivit per tutte le classi beneficiarie da
dividere tra le scuole del territorio. Gli incontri saranno adattati alle
differenti fasce di et scolare.

Pagina 107
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Percorso educativo
Il percorso risulta articolato partendo da un inquadramento generale
sul concetto di rifiuto, autonomamente gli alunni interverranno
cercando di uniformare le idee che circolano attorno al vasto discorso
legato alla spazzatura.
Una distinzione di partenza divide i rifiuti naturali da quelli artificiali:
Definite le due differenti nature possibili dei rifiuti si comincia ad
argomentare il tema del rifiuto naturale tramite la scoperta o il
ripasso degli organismi decompositori, il loro compito, il risultato del
loro operato (ciclo degli elementi naturali), mettendo in risalto i
principi del compostaggio.
Dai rifiuti naturali si passer ad
esaminare

il

ruolo

delluomo

nellalterazione dei processi naturali,


il

rifiuto

distinto

artificiale
per

degradazione

il

suo

verr

quindi

processo

di

anzich

decomposizione, soffermandosi sulla


lunga scala dei tempi di degradazione dei diversi materiali antropici.
Approfondita la difficolt di smaltimento di un rifiuto naturale si
introdurranno le due forme esistenti di smaltimento, la realt della

Pagina 108
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

discarica e dellinceneritore. Descrizione delle funzioni e riflessione


sullefficacia dei due sistemi di smaltimento presi in esame.
A fronte del discorso fatto precedentemente verranno introdotte le
reali alternative allo smaltimento, dalla Raccolta Differenziata, al
Riutilizzo dei materiali ed alla riduzione.
Per ogni realt verranno fatte delle attivit specifiche mirate alla
sensibilizzazione

dellalunno

ed

allacquisizione

dei

corretti

comportamenti da tenere a seconda dellalternativa scelta.


Ognuno dei temi affrontati verr esposto mediante giochi,
attivit interattive, giochi di ruolo, tecniche teatrali, lezioni
frontali

FASE 4: EVENTO DI INIZIO ANNO per le SCUOLE PRIMARIE

Pagina 109
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Destinatari
Le Scuole Primarie del Comune verranno coinvolte in un evento che
aprir lanno scolastico rilanciando il tema del rispetto dellambiente, in
particolare legato alla tematica dei rifiuti, affrontato in classe lanno
precedente.
Modalit di realizzazione
Riunire tutti i progetti, i lavori pratico/manuali ed i percorsi didattici
portati avanti lanno precedente in un unico grande evento di apertura
del nuovo anno scolastico rivolto non solo agli alunni stessi ma
allintera cittadinanza.
Oltre ad attivit nelle quali gli alunni saranno spettatori ci saranno
stand nei quali gli alunni stessi spiegheranno ai cittadini i principi della
raccolta differenziata.

Pagina 110
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Esempi grafici

Pagina 111
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 112
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 113
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 114
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 115
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
1) Proposta tecnica servizio di raccolta differenziata

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

2) Proposta tecnica relativa al servizio


di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

2) Proposta tecnica relativa al servizio


di spazzamento
Generalit
Tra i servizi afferenti ligiene ambientale che risentono in modo pi
rilevante delle esternalit negative, quello riguardante la pulizia delle
strade ed aree pubbliche sicuramente il pi vulnerabile.
In letteratura, per esternalit negativa si intende lo svantaggio o il
danno

subito

da

una

molteplicit

di

soggetti

seguito

del

comportamento di altri, che consumano il territorio con azioni di


occupazione e di utilizzo senza valutare gli effetti che esse potranno
avere sullambiente circostante.
Alcune delle condotte umane che producono esternalit negative
consistono in azioni, ad esempio: il getto di rifiuti sul suolo pubblico;
altre in omissioni: ad esempio il mancato rispetto della segnaletica di
divieto di sosta apposta lungo le strade che dovranno essere
interessate dal passaggio delle spazzatrici.
Il pregiudizio ambientale determinato da tali comportamenti si traduce
in danno economico poich pone a carico della collettivit un costo del
servizio di pulizia tanto maggiore quanto pi ampio e complesso
diviene il processo produttivo destinato a rimuoverne le conseguenze.

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Accanto agli effetti sul territorio provocati da fattori sociali, altri


elementi di origine naturale giocano un ruolo altrettanto importante
per definire le risorse umane e strumentali di cui la compagine
operativa preposta alle attivit di pulizia dovr avvalersi e quindi per
individuare il costo del servizio.
I fattori di cui occorre tenere conto per definire le tecniche di
erogazione del servizio di spazzamento e pi in generale per
dimensionare lorganico dei mezzi e del personale ad esso deputato,
passa dunque attraverso lesame di due sistemi di valori: uno legato
agli aspetti oggettivi e laltro a quelli soggettivi espressi dalla realt in
cui si andr ad operare.
Di norma, un moderno servizio di spazzamento si basa su due
principali tecniche:
1) la pulizia manuale,
2) quella meccanizzata.
Per quanto riguarda questultima, le aziende di servizio, secondo le
particolari esigenze del territorio, si avvalgono di autospazzatrici
munite di dispositivi aspiranti o meccanici.
Le attivit di pulizia manuale sono invece interamente affidate agli
operatori ecologici che, avvalendosi di mezzi di trasporto di piccole
dimensioni (in genere motocarri o apecar cassonati) si spostano
sullarea assegnata e vi eseguono sia lo spazzamento sia altre
operazioni di contorno (svuotamento dei cestini, pulizia delle caditoie).
Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Lampiezza delle aree da assegnare a ciascun mezzo generalmente


disegnata in funzione dei seguenti principali indicatori:

il livello di antropizzazione dellarea;

il numero di esercizi commerciali;

la presenza di alberature lungo le strade e le loro caratteristiche;

lampiezza delle carreggiate stradali;

la lunghezza della rete viaria;

la presenza di istituzioni

pubbliche

con i conseguenti flussi

pendolari;

la presenza e la frequenza di svolgimento di mercati, fiere e di altri


eventi pubblici ricorrenti.

Questi

fattori,

in

relazione

alla

porzione

di

territorio

oggetto

dellesame, possono essere considerati valori costanti, sia perch la


loro accorta e preventiva analisi permette di ottenere automaticamente
i parametri per il dimensionamento del servizio e sia perch il carico
ambientale che la concomitanza dei loro effetti produce sul territorio
tende a non subire modificazioni nel lungo periodo.
Essi, infatti, una volta utilizzati per dimensionare il numero e per
definire la tipologia delle macchine necessarie a coprire il territorio, la
struttura organizzativa del servizio, la quantificazione degli equipaggi,
le modalit di erogazione della prestazione e, in definitiva, i costi di
investimento e di esercizio predeterminati allatto della presentazione
dellofferta e proporzionati agli impegni finanziari della Committenza,
solo di rado (in caso di guasti delle macchine o di eventi naturali
Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

avversi) determinano variazioni sulla capacit produttiva del sistema e


sui relativi oneri.
Tuttavia, la tendenza a prendere in considerazione solo questi aspetti
oggettivi della realt in cui si andr ad operare, oggi non pi
sufficiente.
E noto, infatti, che entro pochi anni gli strumenti che i Comuni
avranno a disposizione per coprire la spesa del servizio saranno basati
sullapplicazione di una tariffa che il Legislatore vorrebbe fosse
proporzionata il pi possibile alleffettiva produzione di rifiuti da parte
di ciascun cittadino.
Ladozione di tecniche di pesatura dei rifiuti inseriti nei cassonetti
stradali o ancor meglio dei contenitori forniti in dotazione a ciascuna
utenza, l dove la raccolta si effettua con il metodo del porta a porta,
grazie allattuale tecnologia consente di individuare la produzione
individuale e di riferire ad essa la parte variabile della tariffa.
Viceversa, nellambito del servizio di spazzamento di strade ed aree
pubbliche, la dominanza delle esternalit negative non consente di
stabilire lincidenza della produzione individuale sul totale dei rifiuti
raccolti, a meno che in relazione alla dimensione dellarea assegnata e
al numero di famiglie in essa residenti non si decida apoditticamente di
assumere che la quantit dei rifiuti raccolti da ciascuna spazzatrice
meccanica sia da attribuire alla sola produzione interna alla zona
interessata.
Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Non essendo logicamente possibile operare in tal senso, occorre


individuare altri strumenti per rendere accettabile al cittadino una
tariffa il cui peso risente anche dei comportamenti pi o meno virtuosi
di altri utenti dellarea.
Al riguardo, occorre considerare che negli ultimi anni, come diretta
conseguenza del miglioramento del tenore economico della societ
italiana e della maggiore disponibilit di tempo libero, si va sempre pi
affermando

lesigenza

di

assicurare

allambiente

urbano

(ed

extraurbano) una maggiore vivibilit.


Comunemente, tale esigenza viene percepita non solo in relazione e
come conseguenza delle bellezze naturali e della ricchezza degli
elementi architettonici e di arredamento presenti nella citt ma anche
dello stato di pulizia e di decoro del centro storico e di tutti i luoghi
(anche periferici) in cui si realizzano momenti di aggregazione per
anziani, famiglie e giovani, per finalit culturali, ludiche, sportive o
religiose.
Se vero, che ciascuno di questi luoghi presenta proprie peculiarit
secondo le condizioni oggettive che le caratterizzano, lo altrettanto
che i gruppi sociali che vi risiedono tendono ad assumere, nel tempo,
comportamenti coerenti con le dominanti oggettive della microarea
cittadina in cui abitano (i quartieri pi ricchi saranno caratterizzati da
abitudini di vita pi sofisticate e generalmente e da una maggiore
sensibilit collettiva alla tutela ambientale degli spazi occupati).

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Per un altro verso, tali comportamenti saranno influenzati dalle


interazioni che si stabiliscono tra i diversi gruppi sociali nonch tra
questi ed il territorio ed infine dal loro rapporto con le Istituzioni
pubbliche che amministrano la citt.
Lapparente entropia delle dinamiche socio/ambientali che si verificano
in ciascuna area non esclude per che vi siano tratti fermi e comuni ai
vari campioni di umanit interagenti nel medesimo comprensorio
comunale.
Per

tutti, infatti,

esiste

la necessit esistenziale

di

rapportarsi

quotidianamente ad alcune certezze: la propria scuola, il proprio bar, il


proprio negozio. Per tutti esiste linteriore bisogno di appartenenza
(alle) e lesigenza di sentirsi curati dalle Istituzioni prescelte per
governare la citt.
Pertanto anche il dimensionamento del servizio di spazzamento
manuale pu svolgere un ruolo importante per la soddisfazione, sia
delle

esigenze

particolari

di

ciascuna

microarea,

sia

di

quelle

comunemente avvertite dallintera popolazione di uno stesso Comune.


Si

ritiene

altres

che

tale

obiettivo

si

possa

raggiungere

pi

efficacemente mediante listituzione (o meglio la reintroduzione)


delloperatore ecologico di zona.
In tale modello organizzativo i carichi di lavoro saranno determinati
postulando, per un periodo medio/lungo, lassegnazione di una
specifica area territoriale ad un unico operatore, affinch questi possa
Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

analizzare e comprendere le peculiari esigenze della zona assegnata


sar in relazione agli aspetti oggettivi, che a quelli soggettivi ed
imparare a gestire larea stessa tenendo conto delle sue particolarit.
Con questultima locuzione si vuole intendere che, con il tempo,
loperatore non dovr limitarsi ad eseguire passivamente le indicazioni
fornite dal Responsabile del servizio o dai Suoi collaboratori in ordine
allo spazzamento della strade ricadenti nella zona assegnata, ma
imparare a indirizzare le proprie attivit verso le effettive necessit
dellarea stessa.
Lassegnazione duratura di una determinata area a ciascun netturbino
consente a questultimo di prendere coscienza delle tecniche da
adottare

per

raggiungere

conservare

un

notevole

livello

quali/quantitativo del servizio, favorisce lo sviluppo di un senso di


appartenenza delloperatore alla propria zona e, nellarco di circa 10
giorni, consente di iniziare a stabilire un rapporto di fidelizzazione tra
loperatore e la collettivit servita.
Attraverso il processo di interazione con lambiente e la comunit che
si andato mano a mano creando, loperatore ha iniziato a prendere
maggiore coscienza delle specifiche esigenze del territorio assegnato e
a indirizzare pi correttamente le proprie energie lavorative verso gli
obiettivi pi sentiti dai cittadini.
Inoltre, si posto nei confronti del nucleo di controllo come una pedina
importante del sistema di comunicazioni interaziendale, agevolando il
Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

flusso di informazioni su tutte le problematiche che da solo non poteva


affrontare (presenza di cumuli di rifiuti allesterno di cassonetti; rottura
o insufficienza delle attrezzature, ecc.) e permettendo ai Responsabili
del servizio di intervenire con maggiore tempestivit anche in
situazioni altrimenti difficili da individuare.
Infine, si sentito attore del miglioramento estetico e del livello di
pulizia raggiunto nella zona, nonch della soddisfazione manifestata
dai residenti nellarea, incrementando il proprio attaccamento al
lavoro.
Tale sistema ha dimostrato dunque unelevata attitudine a garantire la
flessibilit, il dinamismo, la visibilit e la cura delle esigenze specifiche
dellutenza che, insieme, costituiscono il cardine del rapporto tra
cittadino/cliente

ed

Ente

erogatore

del

servizio

postulato

dallimminente passaggio al sistema tariffario.


Ovviamente la sua efficacia diverr tanto maggiore quanto pi intenso
e

mirato

sar

lo

sviluppo

delle

campagne

di

sensibilizzazione

dellUtenza da parte dellAzienda erogatrice del servizio e quanto


maggiore sar limpegno che le Autorit pubbliche porranno nel
penalizzare comportamenti persistentemente irregolari nella fruizione
degli spazi pubblici da parte della collettivit.
Non vi dubbio, infatti, che tutte le attivit di pulizia, dal semplice
spazzamento al diserbo del ciglio stradale, potranno essere eseguiti
con maggiore efficacia e con minore sforzo (alias: minori costi) se le
Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Autorit faranno rispettare la segnaletica apposta per limitare la sosta


veicolare per favorire il lavoro delle spazzatrici lungo le zanelle dei
marciapiedi o lesecuzione delle operazioni di diserbo e di pulizia delle
caditoie.
Linfluenza determinante che tale impegno riveste per ridurre i costi ed
aumentare la produttivit e la qualit delle prestazioni di uomini e
macchine dedicate alla pulizia del suolo pubblico testimoniata dal
fatto che l dove i divieti di sosta sono osservati le spazzatrici possono
operare anche senza il supporto dei netturbini per aspirare i rifiuti che
si accumulano lungo il bordo della strada.
Dove il senso civico non sostiene adeguatamente i processi produttivi
dellAzienda occorre dunque che gli Organi Pubblici ne supportino
lazione adottando provvedimenti preventivi e repressivi idonei a
contenere gli effetti delle esternalit negative che compromettono
lefficacia del servizio.
Un adeguato regime di controllo pu favorire anche lo svolgimento
delle attivit complementari la cui regolare esecuzione contribuisce
notevolmente a migliorare il decoro ed il bisogno di ristoro connessi
alla fruizione di spazi pubblici.
Indipendentemente dal sistema gestionale che si voglia adottare per
assicurare le attivit essenziali assegnate al comparto in esame, mai
come oggi il lavoro delle squadre preposte alla pulizia del suolo
pubblico risulta determinante per garantire la tanto auspicata vivibilit
Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

dellambiente. Se, infatti, la definizione del numero delle risorse e della


metodologia di lavoro opinabile e spesso condizionata dai vincoli
imposti dai capitolati speciali e/o dai contratti collettivi, viceversa
indubbio che lAzienda potr consegnare alla collettivit unimmagine
di s pi o meno vincente nella misura in cui sapr rapportarsi con le
singole

realt

socio/economiche

del

territorio,

comprenderne

soddisfarne le esigenze e contribuire al suo sviluppo attraverso la


realizzazione

di

interventi

idonei

consentire

alla

generalit

dellUtenza la massima fruibilit dellarea servita.

Caratteristiche delle Pavimentazioni Stradali


Per una corretta valutazione delle diverse opportunit operative,
dovrebbero essere rilevati alcuni elementi specifici quali il grado di
compattezza e di permeabilit del manto stradale. Infatti questi
condizionano lefficienza del servizio e rendono pi o meno agevole il
ricorso a mezzi meccanici o manuali.
Ad esempio una superficie scabrosa, sconnessa e permeabile, non
consente l'impiego di mezzi meccanici, ed il servizio sar effettuato
manualmente.
Inoltre in relazione alla tipologia della viabilit, vengono impiegate
macchine spazzatrici di grande e piccola dimensione.

Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Tipologia di Rifiuto
In considerazione dell'estrema variet merceologica dei rifiuti presenti
sul suolo stradale, una loro classificazione completa pressoch
impossibile. Ai fini della scelta delle migliori soluzioni operative,
comunque proposta una loro classificazione per origine basata sui
rispettivi cicli produttivi.
Si avranno pertanto:
-

rifiuti propriamente stradali (polvere, terriccio, fango e simili)


derivati dall'azione continua degli agenti atmosferici e del traffico
veicolare;

rifiuti stagionali (fogliame, ramaglie, e simili) prodotti da cause


climatiche naturali o da azioni umane conseguenti, e limitati a
determinati periodi dell'anno;

rifiuti ricorrenti (carte, cartoni e lattine), dovuti essenzialmente


all'indisciplina degli utenti, che effettuano pulizie e gettano i
prodotti sulle pubbliche vie; tali rifiuti si accumulano nelle strade in
determinate ore del giorno e quasi sempre in punti ben precisi
(scuole, uffici, ritrovi, ecc.);

rifiuti casuali (pacchetti vuoti di sigarette e fiammiferi, biglietti,


escrementi di animali, residui oleosi di autoveicoli ecc.) indotti dal
normale traffico pedonale e veicolare e variabili in proporzione con
esso;

Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

rifiuti eccezionali, intendendo come tali tutti quei materiali, in


genere

abbastanza

voluminosi,

che

l'utente

sporadicamente

abbandona sulla strada.

Quantit di Rifiuti Presenti per Unit di


Superficie
Tale elemento incide nel determinare il tipo e la frequenza del servizio.
Si pu anzitutto dire che, nel caso pi generale, i rifiuti si trovano
addensati lungo le banchine, con prevalenza nelle relative zanelle (ad
eccezione

dei

rifiuti

stradali

stagionali,

prodotti

da

agenti

atmosferici).
E' evidente che, a parit di superficie da servire, la maggiore densit di
rifiuti, comporta un altrettanto maggiore onere nelle operazioni di
raccolta e di allontanamento, e che essa pu ritenersi proporzionale
alla intensit del traffico veicolare e pedonale.

Condizionamenti del Servizio


Il vero problema degli attuali servizi di spazzamento che, per effetto
del traffico veicolare e delle esigenze di sosta degli autoveicoli, gli
operatori

si

trovano

ad

operare

tra

innumerevoli

ostacoli

con

conseguente aumento dei tempi di lavoro.

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Nella maggior parte di casi, si riesce a rendere un ottimo servizio,


affiancando al mezzo meccanico uno o due operatori (serventispazzatrici), che hanno l'onere di rimuovere i materiali dalle posizioni
pi inagibili, riportandoli sulla sede stradale ove agisce la macchina.
Altro fattore da tener presente il disagio agli utenti. Da un lato
necessario che fin dalle prime ore del mattino alcune aree siano in
ordine, dallaltro, vista anche la configurazione della citt (centro
storico con piccole strade con alberghi e residenti) occorre operare
senza molestare gli abitanti.

Modelli di intervento
In base alla tipologia, alla densit abitativa e al traffico delle strade in
cui intervenire, possibile individuare diversi modelli di intervento.
Come richiesto dal Capitolato dOneri, nel comune di Ginosa sar
effettuato lo spazzamento sia manuale che meccanizzato.
Sar riservata una particolare attenzione al centro storico, in cui si
effettuer lo spazzamento manuale anche durante la domenica e nel
contempo non sar trascurata la pulizia della zona urbana e di quella
rurale.
Lo spazzamento manuale un servizio che viene effettuato di norma
da un addetto, munito di motocarro leggero e dellattrezzatura
necessaria per effettuare il recupero dei rifiuti giacenti sulla strada, lo
svuotamento dei cestini, la raccolta di rifiuti sfusi, nonch lo
Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

spazzamento intorno ai contenitori stradali per il conferimento dei


rifiuti (qualora presenti sul territorio).

Spazzamento manuale
La squadra tipo composta da n.1 operatore di livello II e n.1
motocarro.
Sul pianale del motocarro sono ubicati n.2 contenitori da 80 litri dove
riporre

il

materiale

proveniente

dallo

spazzamento.
Loperatore attrezzato
con scopa paletta e pala.
Raggiunta
spazzare,

la

zona

sceso

motocarro,

da
dal

loperatore

interviene in questo modo:


-

loperatore effettuer lo spazzamento sulla zona a monte del


mezzo, per poi passare a quella a valle, nel modo descritto
appresso

sulla zona immediatamente a monte del mezzo percorrendo e


spazzando

la

strada

sulla

sinistra.

Percorsi

duecento

metri,

loperatore si sposta sul lato destro e spazzando ritorna verso


lautomezzo
Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

sulla zona immediatamente a valle del mezzo percorrendo e


spazzando la strada sulla sinistra. Percorsi duecento metri, si sposta
sul lato destro e spazzando ritorna verso lautomezzo.

Giunto nel punto di partenza, conferisce i rifiuti raccolti nei contenitori


adibiti e con lautocarro percorre circa quattrocento metri, quindi
scende e reitera il procedimento.

Spazzamento meccanizzato
Tale sistema adottato nelle strade ed aree ampie, dove non si
attendono particolari problemi ed ostacoli n per la circolazione del
mezzo n per lo spazzamento dellarea che deve essere per lo pi,
tranne poche eccezioni, sgombra da auto in sosta e priva di
marciapiedi di sezione rilevante. Per lo spazzamento meccanizzato
viene utilizzata una squadra tipo formata da:
-

Spazzatrice;

Autista (liv. III);

Operatore a terra a supporto (liv. II).

Dimensionamento dei servizi di spazzamento


Il servizio di spazzamento sar effettuato nelle strade e nelle piazze di
tutto il territorio comunale, secondo quanto concordato con il Comune
di Ginosa.

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La frequenza di intervento sar la seguente:


-

ZONA ZC: spazzamento manuale giornaliero (ripetuto nel


giorno

di

Domenica);

spazzamento

meccanizzato

trisettimanale
-

Zona ZU: spazzamento manuale bisettimanale; spazzamento


meccanizzato settimanale

Zona ZP e Zona ZL: Spazzamento manuale settimanale durante


il periodo invernale (diventa giornaliero durante il periodo estivo
compresa la giornata di Domenica nella ZL); spazzamento
meccanizzato

settimanale

(diventa

bisettimanale

con

un

secondo passaggio domenicale durante il periodo estivo nella zona


ZL)
Ai fini del calcolo dei ml oggetto di spazzamento stata fatta la
seguente suddivisione:
Strade strette: le squadre addette allo spazzamento manuale
effettuano lo spazzamento di tutta lampiezza delle strade in un
unico passaggio;
Strade larghe: le squadre effettuano lo spazzamento di tutta
lampiezza delle strade in due passaggi, prima su un lato poi su
quello opposto.
Sulla base della lunghezza delle strade, fornita dal Comune di Ginosa,
della frequenza dello spazzamento e delle considerazioni sopra
esposte, stato dimensionato il servizio di spazzamento.
Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Al fine di agevolare i cittadini nel rispettare e mantenere la pulizia ed il


decoro della citt, sono posti sul territorio, con particolare attenzione
alle zone caratterizzate da flussi pedonali (scuole, esercizi commerciali,
fermate dellautobus), cestini getta rifiuti destinati a ricevere cartacce
e piccoli rifiuti.
Lo svuotamento dei cestini prevede la sostituzione dei sacchetti in
plastica, che assicura la pulizia interna del cestino e ligiene sia per
lutente che per loperatore.
I cestini ubicati su strade interessate dal servizio di spazzamento
manuale

vengono

svuotati

dagli

operatori

che

effettuano

lo

spazzamento manuale e la pulizia delle strade.


Per stimare i fabbisogni in termini di operatori stata considerata la
produttivit, intesa come ml di strada che ogni operatore pu spazzare
in un turno lavorativo.
Per lo spazzamento manuale la produttivit pari a 2.200 ml/gg.,
mentre quella dello spazzamento meccanizzato pari a 15.000
ml/gg.
Il numero di giorni lavorativi/anno di ogni operatore, considerati i
giorni di ferie, malattie e permessi pari a 269 (come previsto nei
contratti di riferimento).
In base alle produttivit sopra esposte e ai giorni lavorativi/anno, sono
stati calcolati i fabbisogni operativi e quelli in organico.

Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Abbiamo previsto lintervento di nr. 10 operatori che in 6 giorni /


settimana riescano a coprire lintero territorio interessato dal servizio
di spazzamento.
Come gi accennato, in aggiunta abbiamo previsto un intervento
aggiuntivo domenicale

(2 operatori) che, durante il periodo di

bassa stagione si concentrer soprattutto sulla zona centrale (ZC),


mentre durante il periodo estivo si amplier interessando anche la
zona Lido (ZL).
In particolare, durante il periodo estivo, abbiamo previsto lintervento
di altri tre operatori, due dei quali lavoreranno anche la domenica e si
concentreranno soprattutto sullarea litoranea dove massimo risulta
lafflusso turistico foriero anche di una sensibile quantit di rifiuto
stradale che deve essere prontamente asportato.
Gli interventi inizieranno alle ore 06,00 tutti i giorni e dureranno un
turno completo di lavoro (6 ore)
Per quanto riguarda le spazzatrici meccaniche, invece, abbiamo
previsto limpiego di:
nr. 1 autospazzatrice operatrice di medie/piccole dimensioni
(per poter raggiungere anche le aree con pi difficile viabilit)
impegnata 6 giorni/settimana
nr. 1 autospazzatrice stradale di medie/grandi dimensioni (per
poter

sviluppare

una

mole

di

lavoro

efficace)

impegnata

giorni/settimana
Pagina 18
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Durante il periodo estivo abbiamo previsto che la spazzatrice stradale


intervenga 7 giorni/settimana (e, quindi, anche di Domenica)
concentrando il suo intervento soprattutto nellarea ZL del Lido a mare.
La spazzatrice stradale sar dotata di dispositivo tipo sweepy-jet:
Sweepy-jet un sistema innovativo per il lavaggio, lo spazzamento e
l'igienizzazione di strade e marciapiedi.
Sweepy-jet unattrezzatura che consente di spazzare e lavare sotto
le macchine parcheggiate senza necessit di rimuoverle. Si applica alle
spazzatrici ed autobotti stradali.
Il sistema Sweepy-jet tramite un potente getto dacqua in pressione
permette ad un operatore a terra di pulire con efficienza e facilit
anche nelle zone dove i sistemi tradizionali non arrivano.

Pagina 19
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Sweepy-jet costituito da due bracci snodati e motorizzati applicabili


alla sommit di qualsiasi modello di spazzatrice stradale. Sweepy-jet
consente di portare oltre gli ostacoli, come auto parcheggiate o i
cassonetti stradali, una lancia collegata ad un tubo con acqua in
pressione, utilizzata dall'operatore per spazzare e lavare le strade e
marciapiedi.

Un

sofisticato

sistema

di

controllo

muove

automaticamente i motori dei due bracci, seguendo ogni movimento


dell'operatore. I rifiuti vengono convogliati al centro della carreggiata e
raccolti facilmente dalla spazzatrice.
Lergonomia della lancia di spruzzamento comprende unimpugnatura
regolabile in altezza, una
versione destra e sinistra,
una manopola di regolazione
della pressione del getto.
La testina di spruzzamento
ha dimensioni contenute tali
da raggiungere i punti pi
stretti

tra

marciapiede

macchina ed sostenuta da
una rotella pivottante.
Lo sweepy-jet pu lavorare
su

entrambi

lati

dell'automezzo.

Pagina 20
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

I due bracci, nella condizione di massima estensione, sono lunghi circa


5 metri, ma un sistema speciale di richiamo automatico della guaina
consente alloperatore di allontanarsi fino a circa 9 metri.
In posizione di riposo i bracci sono richiusi a compasso e bloccati sopra
lautomezzo.

L'acqua pu essere miscelata con disinfettanti, essenze profumate o


salamoie anticongelamento.
Il nostro progetto prevede, come miglioria, ladozione di nr. 1
sistema Sweepy-jet sulla autospazzatrice stradale impegnata
nel servizio di spazzamento meccanizzato sul territorio che, a
rotazione, interesser tutte le aree oggetto di intervento.
Pagina 21
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
2) Proposta tecnica servizio di spazzamento

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

3) Proposta tecnica relativa alla


gestione dei centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

3) Proposta tecnica relativa


gestione dei centri di raccolta

alla

Lorganizzazione del servizio avr luogo mediante stipula di uno


specifico Protocollo di Intesa tra lAmministrazione comunale e la
scrivente Teknoservice srl.
Agli Ecocentri (compreso quello nuovo presso la zona di Ginosa Marina
che la nostra Societ provveder a progettare e a realizzare) possono
essere conferiti tutti i rifiuti differenziati, anche quelli per i quali non
esistono contenitori stradali, come olio minerale esausti, batterie delle
auto, lampade al neon, contenitori vuoti T e/o F (cio che contenevano
sostanze tossiche e/o infiammabili); inoltre, grandi sfalci di potatura e
tutti i beni durevoli (grandi elettrodomestici, mobili vecchi etc. inerti da
piccole ristrutturazioni).
Oltre a raccogliere il materiale anzidetto per avviarlo al riciclo,
lEcocentro si pone come momento privilegiato di informazione e di
sensibilizzazione, nonch di educazione ambientale nei confronti di
scuole, gruppi, singoli individui. Lattivit promozionale ed educativa si
eserciter attraverso la distribuzione di materiale educativo ed
informativo e la costruzione di eventi di coinvolgimento (baratto e
scambio di rifiuti ancora utilizzabili, scambio dei rifiuti conferiti con
gadget vari come piantine, magliette, sacchetti di compost, ecc. ).
Il progetto si articola in:
Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Organizzazione del servizio;

Formazione degli operatori;

Viene impostato il piano di gestione particolareggiato di gestione e di


informazione agli operatori.
La formazione degli operatori avr una durata di 60 ore comprendenti
sia lezioni in aula sia visite ad impianti similari gi attivi. Si prevede di
formare n. 1 persona gi attiva nel settore della raccolta differenziata.
I contenuti del corso affronteranno le problematiche legate ad un non
corretto smaltimento dei rifiuti, la conoscenza dei vari materiali da
raccogliere,

la conoscenza delle varie tecnologie impiegate per

la

raccolta e lo smaltimento, elementi di legislazione in materia di rifiuti,


tecniche di comunicazione per lattivit educativa e promozionale.
Gli Ecocentri saranno presieduti da un operatore con mansione di
vigilanza, custodia e cura e mantenimento dellarea. Loperatore avr
inoltre il compito di dare indicazioni circa il corretto utilizzo dei
contenitori e le modalit di carico e scarico. E previsto la figura di un
educatore con funzione di Tutor che affiancher, soprattutto nel primo
periodo, loperatore delloasi ecologica.

Il periodo di tutoraggio al

personale impegnato sul servizio dura un mese, per un totale di 60


ore.
La nostra proposta progettuale prevede lapertura al pubblico dei due
Ecocentri,

ognuno,

per

24

ore

settimanali

(6

ore

su

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

giorni/settimana, con orario mattutino e pomeridiano in modo da


riuscire ad intercettare il pi possibile i cittadini interessati).
Quello presso Ginosa Marina osserver questo orario durante il
periodo estivo. Durante quello invernale verr dimezzato su 3
giorni/settimana.

L Ecocentro sar dotato anche di telecamera di sorveglianza.


Le telecamere sono ormai divenute un dispositivo standard presente in
quasi tutti i sistemi di sicurezza e controllo destinati a monitorare e
proteggere spazi pubblici e privati.

esempio di telecamera
E intendimento della scrivente Teknoservice srl, provvedere ad
effettuare la sorveglianza dell Ecocentro mediante il posizionamento di
nr. 1 Telecamera alimentate con pannello solare.
Frequenza: 2,4 GHz
Sistema: PAL Alimentazione telecamera: pannello solare con batteria
in tampone 6 V 1,2 Ah.
Alimentazione ricevitore:
Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

12 V 500 mA. con adattatore 230Vca. Infrarosso: portata 8 mt. 90.


Protezione: IP 44.
Ingombro telecamera: 190x200x190 mm. Ricevitore: 120x80x 1 10
mm.
La CB 130 stata progettata per fornire un prodotto altamente sicuro
ed economicamente conveniente sia per uso domestico che per uso
aziendale. Il suo pannello concentra la luce solare e mantiene carica la
batteria della telecamera durante le ore diurne, una piccola parte di
questa energia viene rilasciata dalla batteria ricaricabile per far
lavorare la telecamera durante le ore notturne.
Il kit comprende
I CB 130 telecamera trasmittente (tx) con infrarosso e pannello solare.
I ricevitore (rx) audio video.
I adattatore di alimentazione 230Vca per il ricevitore. I cavo da mt. I
RCA/SCART. I batteria al piombo ricaricabile da 6 V 1,2 Ah. I batteria
alcalina da 9 Volt tipo 6LR6 I.
Caratteristiche generali
Facile da installare.
Una volta installata non necessita di collegamento a nessuna fonte di
energia, funziona solo con energia solare.

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

La parte mobile della telecamera ruota di 180 orizzontale e 60


verticale permettendo di monitorare perfettamente l'area protetta.
L'infrarosso entro contenuto nella parte mobile della telecamera
attiver il sistema ogni qualvolta una persona entra nell'area protetta.
Con l'accessorio C755 potrete anche in vostra assenza registrare tutti i
movimenti dell'area protetta tramite un registratore

e rivedere le

immagini.
Alimentazione: Si alimenta attraverso il ricevitore (rx) del CB 130
Portata trasmettitore infrarosso: mt 4 circa Dimensioni: 70x85x25
mm.
RACCOLTA E SELEZIONE RIFIUTI INGOMBRANTI
Cos come previsto dal Capitolato sar possibile per lutenza conferire
direttamente presso la Piattaforma Ecologica i rifiuti ingombranti.
La scrivente provveder a posizionare presso lEcocentro sito nel
Comune di Ginosa, un contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc.
che sar utilizzato per conferire in modo separato i rifiuti ingombranti
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA CARTA/CARTONE (CER 20.01.01)


Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Cos come previsto dal Capitolato Speciale sar possibile per lutenza
conferire direttamente presso la Piattaforma Ecologica carta e catone.
La scrivente provveder a posizionare presso la presso lEcocentro un
contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc. che sar utilizzato per
conferire in modo separato carta e cartone
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA ROTTAME METALLICO (CER 20.01.40)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

rottame metallico. Per rottame metallico si intende tutti i rifiuti


metallici di origine domestica, esclusi frigoriferi, frigocongelatori,
elettrodomestici smaltati in genere bombole di gas, contenitori
metallici etichettati X/N/T/F.
La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc. che sar utilizzato per


conferire in modo separato il rottame metallico.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA

ELETTRODOMESTICI OBSOLETI

(CER 20.01.05

20.01.06)
Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

elettrodomestici obsoleti quali cucine a gas, lavatrici, lavastoviglie, ecc.


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc. che sar utilizzato per


conferire in modo separato elettrodomestici obsoleti.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA LEGNO (CER 20.01.38)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica il

Legno. Per legno si intende mobili, parti di mobili, suppellettili in legno


ecc.

Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc. che sar utilizzato per


conferire in modo separato il Legno.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA DEL VERDE (CER 20.02.01)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente presso la Piattaforma Ecologica verde
pubblico privato.
La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore scarrabile di capacit pari a 25 mc. che sar utilizzato per


conferire in modo separato il verde.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
compostaggio.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

RACCOLTA DEL VETRO (CER 15.01.07 - 20.01.02)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

rottame di vetro in genere


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore scarrabile di capacit pari a 20 mc. che sar utilizzato per


conferire in modo separato il rottame di vetro.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato alla
selezione e recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA FRIGORIFERI, SURGELATORI, CONGELATORI (CER


20.01.23)
Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

FRIGORIFERI, SURGELATORI, CONGELATORI obsoleti di provenienza


domestica.
La scrivente provveder a individuare presso lEcocentro, unarea
dedicata allo stoccaggio provvisorio. che sar utilizzata per conferire in
modo separato, in conformit alle prescrizioni di cui al D.L. 151/2005

Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

ed atti attuativi a questo conseguenti, frigoriferi, surgelatori e


congelatori.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero in un max di 10 pezzi a conferimento/trasporto.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA DI PRODOTTI ETICHETTATI T/F (CER 20.01.27)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

prodotti e contenitori etichettati con il simbolo T/F


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore chiuso a tenuta di capacit pari a 1 mc. che sar utilizzato


per conferire in modo separato i prodotti etichettati T/F.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.
Gli automezzi utilizzati saranno n. 1 autocarro a norme ADR dotato di
sistema di carico a sollevamento.

RACCOLTA DI CONTENITORI AREOSOL, BOMBOLETTE SPRAY

Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

(CER 16.05.04 - 16.05.05)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

prodotti e contenitori aerosol e bombolette spray.


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 1 mc. che sar


utilizzato per conferire in modo separato i prodotti e contenitori aerosol
e bombolette spray
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.
Gli automezzi utilizzati saranno

n. 1 autocarro dotato di sistema di

carico a sollevamento.

RACCOLTA DEI TUBI FLUORESCENTI (CER 20.01.21)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica

prodotti dei tubi fluorescenti.


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 1 mc. che sar

Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

utilizzato per conferire in modo separato i prodotti e contenitori tubi


fluorescenti.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.
Gli automezzi utilizzati saranno

n. 1 autocarro a norme

dotato di

sistema di carico a sollevamento.

RACCOLTA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE


FUORI USO (CER 20.01.35)
Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica di

apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, quali televisori,


monitor, schermi video ecc.
La scrivente provveder a individuare presso lEcocentro, unarea
dedicata allo stoccaggio provvisorio. che sar utilizzata per conferire in
modo separato, apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso,
quali televisori, monitor, schermi video ecc.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Gli automezzi utilizzati saranno

n. 1 autocarro a norme

dotato di

sistema di carico a sollevamento.

RACCOLTA

DELLE

COMPONENTI

ELETTRONICHE

(CER

20.01.36)
Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica delle

componenti elettroniche
La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 1 mc. che sar


utilizzato per conferire in modo separato delle componenti elettroniche.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.
Gli automezzi utilizzati saranno

n. 1 autocarro a norme

dotato di

sistema di carico a sollevamento.

RACCOLTA DELLE PILE (CER 20.01.33 - 20.01.34)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica delle

Pile scariche e batterie esauste di provenienza domestica.


Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 0,06 mc. che


sar utilizzato per conferire in modo separato delle pile e batterie
esauste.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA DEI FARMACI (CER 20.01.31 - 20.01.32)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica dei

farmaci scaduti
La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 0,06 mc. che


sar utilizzato per conferire in modo separato i farmaci scaduti.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA DELLE BATTERIE ESAUSTE (CER 16.06.01)

Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica delle

batterie esauste da autotrazione di provenienza domestica.


La

scrivente

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

contenitore in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 1 mc. che sar


utilizzato per conferire in modo separato delle batterie esauste da
autotrazione.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA DEI TONER (CER 08.03.18 - 08.03.17)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica dei

toner esausti, nastri inchiostratori provenienti da attivit domestica. La


scrivente

provveder a posizionare presso lEcocentro, un contenitore

in plastica chiuso a tenuta di capacit pari a 0,25 mc. che sar


utilizzato per conferire in modo separato i toner scaduti
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

RACCOLTA OLI VEGETALI PROVENIENTI DA RISTORAZIONE


(CER 20.01.25)
Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica di oli

vegetali provenienti dallo scarto di operazioni relativi alla ristorazione


collettiva e domestica.
La

scrivente

contenitore

provveder

posizionare

presso

lEcocentro,

un

chiuso a tenuta di capacit pari a 500 litri che sar

utilizzato per conferire in modo separato i oli vegetali


Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA OLI MINERALI ESAUSTI (CER 13.02.08 - 13.02.05)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica di oli

minerali esausti provenienti da autotrazione domestica. La scrivente


provveder a posizionare presso lEcocentro, un contenitore chiuso a
Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

tenuta di capacit pari a 500 litri, dotato di vasca metallica i


contenimento, che sar utilizzato per conferire in modo separato i oli
minerali esausti.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.

RACCOLTA INERTI (CER 17.09.04)


Cos come previsto dal Capitolato Speciale dAppalto, sar possibile per
lutenza conferire direttamente

presso la Piattaforma Ecologica di

rifiuti inerti di provenienza domestica. La scrivente provveder a


posizionare presso lEcocentro, un container scarrabile di 20 mc., che
sar

utilizzato

per

conferire

in

modo

separato

rifiuti

inerti

di

provenienza domestica.
Tutto il materiale raccolto sar conferito presso centro autorizzato al
recupero.
Lespletamento del servizio sar garantito da n. 1 addetto.
Gli automezzi utilizzati saranno n. 1 autocarro motrice scarrabile

Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
3) Proposta tecnica gestione centri di raccolta

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

4) Proposta tecnica relativa alla


gestione del servizio nella fase c.d.
transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

4) Proposta tecnica relativa alla


gestione del servizio nella fase c.d.
transitoria
Durante la fase transitoria (pari a circa 3 mesi) verranno gestite, oltre
alle normali operazioni di raccolta secondo le metodologie attuali e ben
specificate allinterno del Documento di Piano, tutte quelle attivit
propedeutiche allo start-up del nuovo servizio, ivi comprese le azioni
di sensibilizzazione della cittadinanza ad iniziare dalle scuole e dalle
Associazioni di categorie, mediante incontri, opuscoli, manifesti, etc.

Nel

frattempo

si

provveder

allacquisto

delle

attrezzature

da

distribuire allutenza.
Si proceder anche al censimento completo dellutenza domestica e
non domestica al fine di ottenere una base dati stabile per il servizio.

Per quanto riguarda il personale si provveder allassunzione delle


nuove unit, procedendo alla sua formazione nelle modalit indicate
nel capitolo specifico.

La tempistica riportata nel presente capitolo riguarda i servizi descritti


nel

disciplinare tecnico che dovranno essere attivati nel momento

della stipula del contratto.

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

1 - Fase della rilevazione statistica da dati di letteratura.


I dati sulla composizione territoriale possono essere frutto dei diversi
data base in possesso dellente o dellazienda. Ad esempio possono
essere utilizzati i dati dellanagrafe, della TIA, dellICI, le utenze idriche
oppure quelle elettriche. Spesso il passaggio della riorganizzazione del
servizio pu essere un ottimo momento per stanare gli evasori ed
elusori fiscali. Esperienze ad ogni latitudine italiana hanno fatto
emergere che spesso i livelli di evasione ed elusione sono molto
significativi; in particolar modo presso le utenze non domestiche.
Per tali motivi pu essere utile incrociare la banca dati di riferimento
per lattribuzione dei costi del servizio, TIA, con altre banche dati di
altri servizi o imposte. Lincrocio con le banche dati di utenze elettriche
o

idriche

(laddove

tali dati siano

a disposizione)

permette

di

individuare gli evasori totali, tale fattispecie di frode pi frequente di


quanto non si pensi specie tra le utenze non domestiche, ad esempio
in seguito a suddivisioni di unit produttive, artigianali o altro.
Lincrocio poi con banche dati che posseggono il dettaglio dei metri
quadri per ciascuna utenza, oppure del numero degli utenti residenti,
permette una verifica ed un controllo ancora maggiore sugli evasori
parziali.

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

2 - Fase della bonifica dei dati.


Il sistema pi efficace per avere un dato rispondente alla realt
quello di incrociare tra loro le diverse banche dati e poi verificare i dati
discordanti e le utenze statisticamente anomale con approfondimenti
ad hoc e sopralluoghi puntuali.
Un caso eclatante che merita inequivocabilmente una verifica puntuale
con ricognizione quello dei grandi condomini. Il dato statistico pu
rappresentare il numero di utenze per numero civico senza riportare il
dettaglio degli interni in cui quel civico si suddivide, cio delle
palazzine o le scale del palazzo in cui un condominio si articola. Tale
dettaglio invece essenziale.
Altra casistica che opportuno controllare legata alla logistica del
servizio, quindi verificare in particolare le zone che, per tipologia
urbanistica, potrebbero non avere pertinenze condominiali tali da
accogliere i contenitori. Per tali utenti andr predisposto un servizio ad
hoc, prevedendo contenitori stradali dotati di chiave, oppure un
servizio a sacchi, oppure un servizio con contenitori pi piccoli e
frequenza pi ravvicinata. E chiaro che per una riuscita del servizio tali
casi devono essere limitati o limitatissimi, quindi necessario
accettare

deroghe

al

servizio

solo

laddove

impossibile

fare

diversamente.

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

3 - Costruzione dellindagine
Se per una riorganizzazione del servizio secondo modalit domiciliari
potrebbero anche essere sufficienti i passaggi sopraesposti, nel caso di
una riorganizzazione che voglia attivare un servizio adatto ad una
tariffazione puntuale possono essere necessari gradi di dettaglio
maggiori.
In primo luogo una ricognizione territoriale che prenda in esame
sistematicamente ogni numero civico e che verifichi se il numero di
utenti coincide con il dato riportato nel data base (verifica il numero di
campanelli o di buche delle lettere) ma soprattutto verifichi le modalit
di posizionamento dei contenitori. Tale indagine deve essere estesa a
tutto il territorio e pu essere svolta sia con un supporto cartaceo da
trasporre in formato elettronico, cosi come direttamente su PC
palmare. Entrambi i supporti vanno personalizzati precedentemente
riportandovi sopra non solo il modulo standard ma anche i dati previsti
di default dal data base statistico in modo che la verifica sia facilitata.
Nel modulo allegato a questo documento gli spazi che andrebbero
personalizzati prima della visita sono evidenziati in giallo.
Nella rilevazione sul campo, la scelta tra lusare il supporto informatico
di un pc palmare o cartaceo e poi trascrivere su computer bivalente:
il palmare evita il passaggio della trascrizione delle schede cartacee,
per meno affidabile del supporto cartaceo. E sensibile alla pioggia
cosi come in caso di perdita di dati obbliga a svolgere nuovamente i
sopraluoghi perduti. Si suggerisce quindi di adottare in prima battuta il
Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

metodo pi semplice, cio quello cartaceo e poi dopo lesperienza


svolta con questo metodo, se lo si ritiene, provare a sperimentarne
altre sul prossimo lotto di attivazione.
Vista lattivazione di una tariffa puntuale, sar necessario, al momento
della

distribuzione

dei

contenitori

labbinamento

tra

contenitori

dellindifferenziato dotati di transponder1 (questi ultimi a carico


dellAmministrazione) ed utenze. Vista la logistica della distribuzione
necessario semplificare al massimo questa delicata fase ad esempio
utilizzando delle etichette con codici a barre per identificare gli utenti.
A partire dal database bonificato e suddiviso tra utenze domestiche e
non domestiche si pu costruire la modulistica di rilevazione per il
censimento della zona oggetto della riorganizzazione del servizio.
La predisposizione della specifica cartografia (che deve essere almeno
in scala 1:5000) deve consentire la suddivisione del territorio in varie
zone in cui potr essere organizzata la distribuzione dei contenitori cosi
come il servizio di raccolta. Lazione di analisi sul campo, oltre a
verificare le informazioni comunali precedentemente fornite, deve
premettere la rilevazione di dati significativi per lindividuazione di
alcune componenti progettuali, quali:
3.1 la definizione delle specificit degli edifici e degli insediamenti
abitativi (case singole, condomini, unit abitative afferenti allo

Microchip ad attivazione elettromagnetica per lindividuazione del contenitore al momento dello


svuotamento.
1

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

stesso cortile), casi di criticit per il posizionamento dei contenitori


di raccolta;
3.2 lindividuazione delle case sparse distanti dagli agglomerati urbani
e non, ubicate sulle strade di comunicazione tra il centro e i nuclei
abitati;
3.3 la presenza di aree verdi interne alle utenze per comprendere
lopportunit o meno di una pre-campagna di comunicazione sul
compostaggio domestico;
3.4 la rilevazione puntuale e la verifica delle utenze non domestiche,
per frazioni, volumi e posizionamento.
Il punto 3.3 estremamente efficace ed ha dato in diverse esperienze
risultati estremamente interessanti arrivando in aree residenziali a
scarso sviluppo verticale o a vocazione agricola a vedere anche la met
delle utenze aderire al compostaggio domestico. Con tali tassi di
adesione il compostaggio assume una natura sistemica arrivando
specie nelle aree di dispersione abitativa a poter alleggerire stralciando
delle porzioni di territorio dal servizio di raccolta umido.

4 - Lindagine puntuale
I passaggi che seguono necessitano di un numero rilevante di risorse
umane e visto che sono consecutive luna allaltra consigliabile

Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

organizzarle con tempistiche di riferimento per ogni fase. Le fasi sono


quindi:
4.1 Predisposizione dei moduli di rilevazione e delle relative specifiche
tecniche;
4.2 Organizzazione logistica e tempistica dei contatti con lutenza;
4.3 Sopralluoghi presso le singole utenze:
per ogni rilievo debbono essere effettuate le seguenti
attivit:
a) compilazione di una Scheda di Rilevazione Dati per
ogni

numero

civico,

con

la

verifica

della

corrispondenza tra i dati presenti nel database e la


realt;
b) per i condomini, per i numeri civici con pi di 4
famiglie e per le utenze non domestiche di una certa
rilevanza necessaria la definizione, concordata con
un referente dellutenza (amministratore, referente
di scala, responsabile rifiuti) della posizione delle
attrezzature, del punto di accesso dalla rete viaria e
degli eventuali vincoli autorizzati (di posizionamento
del contenitore, di orario, logistici etc.);
c) per le utenze di cui al punto b), compilazione
manuale

di

una

cartografia

con

menzionata

la

Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

posizione delle attrezzature, del punto di accesso alla


rete viaria e gli eventuali vincoli;
4.4 informatizzazione dei dati frutto dei sopralluoghi: ogni modulo
deve essere successivamente inserito su supporto informatico
(database in formato excel o access) in modo da avere uno
strumento per il calcolo delle attrezzature e per la definizione della
tariffa puntuale;
4.5 elaborazione dati: devono essere calcolate le volumetrie utili ad
ogni utenza sulla base di specifici coefficienti di produzione; sulla
base di tali volumetrie vengono quantificate le attrezzature
necessarie.

5 - Contatti con gli amministratori e attivit produttive


Particolare importanza riveste il contatto con gli amministratori di
stabili condominiali.
Si tratta di una fase di lavoro che assume una valenza sia di carattere
progettuale (si raccolgono informazioni ulteriori utili nella definizione
del progetto), sia di carattere comunicativo, poich si effettua
unattivit di informazione e comunicazione negoziale.
La procedura di contatto standard pu essere cos schematizzata:
il nome ed i riferimenti principali dellamministratore/proprietario
vengono di norma ricavati dai dati forniti dal Comune, esistono albi
Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

amministratori ma tali albi spesso sono gravemente deficitari, in questi


casi

opportuno

contattare

diversamente

ad

esempio

tramite

associazioni di categoria;
il primo contatto

avviene di norma telefonicamente, spiegando

sinteticamente il progetto e concordando un appuntamento per la


spiegazione del progetto e la richiesta delle informazioni correlate
(stabili amministrati, accessi, posizionamenti, esposizione ecc.);
se lamministratore non si reso disponibile per un colloquio
personale, le informazioni, poi confluite nel modulo di rilevazione,
devono essere verificate per via telefonica;
se lamministratore si reso disponibile, vengono spedite via fax o
recapitate

direttamente

nel

corso

dellincontro:

la

lettera

di

presentazione delliniziativa e la copia dei servizi previsti per

il

territorio oggetto della riorganizzazione;


in fase di colloquio, vengono sinteticamente spiegate le modalit, gli
obiettivi

del

progetto,

le

finalit

della

rilevazione

preliminare,

richiedendo conferma circa le informazioni riguardanti il progetto quali


gli accessi consigliati, il punto di conferimento scelto, i vincoli e tutto
ci che non fosse facilmente rilevabile o dubbio durante il sopralluogo
diretto;
nel caso in cui lamministratore/proprietario non si sia reso disponibile
nemmeno telefonicamente, anche dopo pi tentativi, viene comunque

Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

inviato il fax (di cui occorre conservare copia), con linsieme dei
documenti specificati prima.
Il risultato di questo lavoro deve confluire nel database complessivo,
mentre lelenco degli amministratori e dei proprietari presenti e
contattati viene riportato in uno specifico elenco.
Analoghe modalit devono essere seguite per la rilevazione delle
attivit industriali e produttive presenti sul territorio in oggetto. Scopo
di questi ultimi sopralluoghi la quantificazione delle produzioni di
rifiuti

assimilati

agli

urbani,

il

posizionamento

delle

eventuali

attrezzature, la sintetica spiegazione delle modalit di raccolta future, i


problemi (accessi ecc.) e le esigenze delle singole utenze.

6 - Struttura del Modulo di Rilevazione Dati


Il Modulo di Rilevazione Dati rappresenta il risultato di un Report del
Database di excel o access. Ognuna di tali schede identifica un numero
civico e una tipologia di utenza.
Il modulo da compilare su supporto cartaceo composto di una sola
pagina,

in

cui

nel

corso

dei

sopralluoghi

vengono

annotate

manualmente tutte le indicazioni ed i campi richiesti nel caso in cui al


numero civico indicato corrisponde ad una utenza Rilevata (stabile
con pi di 4 famiglie o utenza non domestica, nelle altre abitazioni con
minor numero di utenze viene verificata solo lesistenza, il numero
civico, il numero di famiglie e sono segnalati solo i casi problematici).
Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Il modulo viene poi trasposto su supporto informatico mediante una


Maschera di Inserimento Dati, riportante la stessa struttura e gli stessi
campi del modulo cartaceo.
Se vengono precompilati alcuni campi, come nellesempio allegato,
bisogner suddividere i moduli per via o zona in modo da renderne
agevole

lindividuazione.

Pu

essere

ottimale

prevedere

che

la

compilazione dei moduli avverr anche allaperto, quindi alcuni


accorgimenti potrebbero avverarsi utili, ad esempio prevedere buste o
cartelline in plastica in cui richiudere i mazzetti di moduli suddivise per
vie o zone, oppure stampare i moduli su carta spessa o cartoncino
oppure dotare gli operatori di penne o matite che non slavino con
lumidit (anche le pi comuni penne a sfera).
Nel seguente paragrafo per modulo di rilevazione dati o Modulo
sintende il formato cartaceo compilato a mano durante e dopo
lattivit di sopralluogo, per scheda invece intenderemo poi la
trasposizione elettronica del modulo.
Il modulo cartaceo non compilato riporta sia campi liberi (cio
compilabili o modificabili dalloperatore, es. nome del referente) sia i
campi precompilati sia check box da vistare (es. Accessi aperti o
chiusi), sia alcuni spazi fissi (cio non compilabili dal rilevatore, es. il
numero di scheda).
Il modulo si compone delle seguenti parti:

intestazione

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

informazioni generali / propriet

accessi

spazi utilizzabili

vincoli

esposizione

valutazioni finali

pi di pagina

Segue un breve paragrafo descrittivo per ciascuna di questa parti. Le


descrizioni faranno riferimento al modulo riportato in allegato.
I moduli devono essere precompilati con dati ricavati, come in
precedenza accennato, dallincrocio di pi fonti.

Intestazione
Lintestazione contiene i campi relativi a numero di scheda, tipologia di
utenza (domestica o non domestica), indirizzo e numero civico, se
utenza domestica il numero di famiglie e di residenti 2, numero uffici
eventualmente presenti. Inoltre vengono riportati per ogni scheda i
codici

di

rilevazione

del

modulo

stesso

che

indicano

lesito

dellincontro:

Si pu scegliere di avere entrambi questi dati oppure per semplicit anche solo uno. Quello del
numero delle famiglie il pi facilmente verificabile.
2

Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

R: scheda Rilevata, corrispondente a uno stabile con pi di 4 famiglie o


a unutenza non domestica (negozio, ditta ecc.),

in questo caso il

modulo stata compilato completamente;


V: scheda Vista, corrispondente a case con meno di 5 famiglie, per i
quali si sono verificati solo il numero di famiglie, il numero civico ed
eventuali problemi (nel campo Note);
NC: Utenza non contattata, nel caso di una utenza da rilevare e che
appaia

assente.

Questi

casi

di

solito

molto

limitati,

vengono

accantonati dopo un certo numero di tentativi aspettando che gli


utenti, dopo la fase di avvio del servizio, si segnalino al numero verde.
NT: Utenza non trovata perch appare inesistente, nel caso di una
utenza non rilevata a quel numero civico, si potrebbe trattare di un
errore, le schede sono state conteggiate fra le utenze totali ma
vengono opportunamente segnalati nel Data Base delle utenze da
servire. Tali incongruenze ed errori verranno accantonate aspettando
che gli utenti, dopo la fase di avvio del servizio si segnalino al numero
verde.
Inoltre le case nuove, non presenti nellelenco anagrafico o le utenze
trovate solo sul territorio sono riportate con la sigla N e anche in
questo caso sono presenti nel conteggio complessivo ma sono tenute a
parte per non ingenerare confusione al momento della distribuzione e
attribuzione dellattrezzatura ai singoli utenti.

Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Informazioni generali / Propriet


Nella seconda sezione, come si pu vedere in dettaglio nella tabella
seguente, sono raccolte le informazioni relative ad alcuni attributi
strutturali e tipologici dellutenza, nonch lindicazione dei riferimenti
contattati.

Nome campo

Contenuto / Significato

Tipologia utenza Campo che descrive lutenza nel caso in cui il modulo si
riferisca ad unutenza non domestica.
Attrezzature

Questo campo compilato nel caso di utenze non

necessarie

domestiche, indicando le volumetrie e le attrezzature


necessarie per le tipologie di rifiuto che lutenza dichiara
di produrre.

Referente

Per referente, sintende lamministratore dello stabile nel


caso di utenze domestiche condominiali (o comunque una
figura rappresentativa di tutti i condomini, ad esempio il
capo-scala), e il proprietario/gestore/referente

nel caso

di utenze non domestiche.


Viene riportata inoltre (SI/NO) lesistenza o meno dello
stesso e dei suoi dati anagrafici (Cognome, Nome,
Telefono, Cellulare, Indirizzo).

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Accessi
Questa sezione rappresenta il rilievo della possibilit di accesso
allutenza, definita al momento del rilievo, rispetto ad alcuni parametri
significativi.
Sono state ipotizzate le seguenti tipologie di accesso:
IP = ingresso principale
PC = passo carraio
AI = altro indirizzo
Dando per scontata lesistenza dellingresso principale, il cui indirizzo
corrisponde sempre a quello dellutenza in questione, stato vistato il
check box posizionato a fianco delle altre tipologie di accesso qualora
se ne sia registrato lesistenza.
Per ciascuno degli accessi individuati, stato indicato se:

risulta aperto, cio accessibile dallesterno senza vincoli

occorre superare dei gradini passando attraverso laccesso

occorre superare una rampa passando attraverso laccesso

lindirizzo dellaccesso

Nel caso in cui si siano registrati per una stessa utenza pi accessi
dello stesso tipo, si data priorit a quelli che possono essere
finalizzati al progetto.

Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Il campo AI (Altro Indirizzo) indica un ulteriore accesso di tipologia


uguale a quelli precodificati (ad esempio, un secondo passo carraio),
con lindicazione della tipologia (ad esempio PC piuttosto che PS).

Spazi utilizzabili
In questa sezione del modulo sono indicati gli spazi interni (o
assimilabili

interni)

che

potrebbero

essere

utilizzati

per

il

posizionamento finale delle attrezzature.


Sono state ipotizzate tre tipologie di spazi utilizzabili:

cortile

adiacenze passo carraio

altro, ossia qualsiasi altro spazio interno o affine (giardino,


nicchia, vialetto interno ecc.) che potrebbe essere finalizzato al
progetto.

Gli spazi utilizzabili indicati sono poi qualificati rispetto allaccessibilit


(gli accessi per cui valutare questa propriet sono quelli descritti nella
sezione precedente), alla possibilit di raggiungerli direttamente con il
mezzo e ad una valutazione dello spazio occupabile dalle attrezzature
(se lo spazio a disposizione tale da potervi collocare anche un
numero sovrabbondante di attrezzature, viene riportata lindicazione
sufficiente).

Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Vincoli
Questa porzione di scheda dedicata alla segnalazione di eventuali
vincoli alla raccolta internalizzata.
Sono state sintetizzate le seguenti tipologie di vincoli:

di accesso: segnala la presenza di un cancello normalmente chiuso


o altri impedimenti al passaggio di uomini e mezzi per lo
svuotamento delle attrezzature.

di orario: segnala le situazioni in cui laccessibilit a piedi


alleventuale futuro punto di conferimento interno sia garantito solo
in determinate fasce orarie.

di

posizionamento

del

contenitore.

segnala

problemi

di

posizionamento interno dei contenitori nel caso di presenza di


strutture o spazi non idonei; ad esempio per problemi di manovra
delle auto, oppure se in presenza di due o pi spazi utilizzabili, la
scelta

potrebbe

essere

determinata

da

motivi

non

solo

di

accessibilit ma anche di distanza, sia dal punto in cui loperatore


dovr lasciare il mezzo, sia dai primi piani abitati dello stabile in
questione.
Altre indicazioni o problemi sono comunque riportati nelle note in
fondo al modulo, ad esempio nel caso in cui lo spazio rilevato
potenzialmente utilizzabile non sia di propriet dello stabile in
questione:

occorre

quindi

segnalare

questi

casi,

indicando,

se

possibile, leffettiva propriet dello spazio interno ritenuto adatto ad


ospitare le attrezzature per consentire verifiche successive.
Pagina 18
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Esposizione
Questa sezione segnala leventualit nella quale sia gi stata definita la
modalit di esposizione dei contenitori e la presenza di un addetto o di
un ente in grado di assicurare la corretta esposizione dei contenitori;
nel caso in cui lamministratore o il referente richieda il servizio di
esposizione e se ne concordino le modalit ad esempio fornendo le
chiavi per accedere alle pertinenze interne delledificio.

Valutazioni finali
Questa sezione contiene il rapporto conclusivo del rilievo.

N.B. Alcune informazioni, come i dati del referente, lindipendenza o la


condivisione del punto di conferimento interno, possono anche non
essere note al momento del rilievo del singolo modulo. E quindi
corretto

ritenere

che

questi

dati

possano

essere

soggetti

ad

aggiornamenti post-rilievo.

Pi di pagina
Nel pi di pagina sono riportati la data del rilievo, il nome del rilevatore
e le note esplicative nel caso i cui siano necessarie.
Pagina 19
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

A questo proposito si ricordano le modalit con le quali sono state


compilate le cartografie per quanto riguarda le utenze non domestiche
e gli stabili con pi di 5 famiglie (condomini):

delimitazione delle utenze per punto di conferimento comune


(racchiudendole in un area delimitata reale, come ad esempio un
cortile fisicamente esistente);

indicazione degli accessi

utilizzati per accedere alle attrezzature

con una freccia, racchiudendo la freccia che indica laccesso


consigliato in un cerchio;

se laccesso chiuso la freccia sbarrata con una croce;

allinterno dellutenza (o del gruppo di utenze) stata segnata la


posizione indicativa delle attrezzature ed stato riportato il numero
delle schede che si riferiscono a questo punto di conferimento.

Possono essere previsti accorpamenti per punto di presa fra pi numeri


civici o pi utenze, eccezion fatta per alcune utenze non domestiche
nelle quali residente anche il proprietario della stessa. In questo
caso,

bisogna

comunque

tenere

separate

sia

le

schede

che

lattribuzione delle attrezzature al fine di non ingenerare confusioni sia


al momento della distribuzione sia nellattribuzione dellattrezzatura ai
fini di futura applicazione della tariffa; si deve quindi procedere a
segnalare nel data base la presenza di due utenze diverse nello stesso
numero

civico

dimensionarne

opportunamente

le

relative

attrezzature, se necessarie a tutte e due le utenze presenti.

Pagina 20
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Esempio bozza di un modulo tipo per UTENZE DOMESTICHE


1

INTESTAZIONE Scheda rilevazione


sopraluogo N 00000/2010

1.1

Via

utenze

____________________________3

domestiche

n ___________*

_________________________________________________ 4
1.2

Utenza Nuova, Non Presente, Non Trovata perch inesistente

1.3

Utenze censite _______ Ut. TARI _____ Ut viste ______5 *

2
2.1

INFORMAZIONI GENERALI / PROPRIETA


Accessi:
Aperto libero
A piedi
con il mezzo
Aperto privato
A piedi
con il mezzo
Chiuso
A piedi
con il mezzo
Spazi di posizionamento (compilare schema a destra)
Nel cortile o pertinenza
Adiacenze interne passo carraio
Altro, cio qualsiasi altro spazio interno o affine (giardino,
nicchia,)
Sotto piano pilot interno ma di pubblico passaggio
pedonale
Presenza di cortile (o pertinenza) poco agevole

2.2

Perch piccolo e con finestre a pianoterra


Perch in forte pendenza (tale da non permettere movimentaz.)

Presenza scalini. Segnare se maggiore di 2 _________


Presenza forte rampa allaccesso ________________________

Referente: Amministratore _______________________ *


(nome e telefono)
Un condomino (nome tel orari) _________________________ *

I campi contrassegnati in giallo, indicano dati che dovrebbero essere inseriti di default sul
modulo
4 spazio lasciato per leventuale modifica dellindirizzo.
5 Campo sempre da compilare, ma se i dati non coincidono con quelli di default cerchiarli con un
tondo per evidenziarli
3

Pagina 21
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

4
4.1

DATA RILIEVO _____________________________________

4.2

NOME RILEVATORE _________________________________

4.3

NOTE _____________________________________________

* le informazioni contrassegnate da asterisco sono indispensabili, le


altre si pu decidere di stralciarle o di lasciarle.

Pagina 22
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Esempio bozza di un modulo tipo per UTENZE NON DOMESTICHE


1

INTESTAZIONE

Scheda rilevazione utenze non domestiche indagine e sopralluogo N


00000/2010
1.0

Intestazione ditta __________________________________6 *


______________________________________________7

1.1

Via

_________________________

n __________ *

______________________________________________8
1.2

2
2.1
2.2
2.3
2.4

Codice di rilevazione
Utenza Nuova, Non Presente, Non Trovata perch inesistente
INFORMAZIONI GENERALI / PROPRIETA
Responsabile RU
_______________________ *
Recapiti e orari di disponibilit _____________________ *
Classificazione TARI
_____________________________
Descrizione (se non coincidente)
______________________________________

2.5 Frazioni prodotte

______________________________________
n
litri

__________________

_____

_______

__________________

_____

_______

__________________

_____

_______

__________________

_____

_______

__________________

_____

_______

I campi contrassegnati in giallo, indicano dati che dovrebbero essere inseriti di default sul
modulo
7 spazio lasciato per leventuale modifica del nome dellazienda
8 spazio lasciato per leventuale modifica dellindirizzo.
6

Pagina 23
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

INFORMAZIONI GENERALI / PROPRIETA

2.3

Accessi:

Aperto libero
2.4

Spazi di posizionamento (compilare schema a destra)

Allinterno

Nel cortile o pertinenza

Adiacenze interne passo carraio

Altro, cio qualsiasi altro spazio interno o affine (giardino,

A piedi

con il mezzo

nicchia,)

Sotto piano pilot interno ma di pubblico passaggio pedonale

Presenza di cortile (o pertinenza) poco agevole


Perch piccolo e con finestre a pianoterra
Perch in forte pendenza (tale da non permettere movimentaz.)

Presenza scalini. Segnare se maggiore di 2 _________

Presenza forte rampa allaccesso _________________________

VINCOLI

3.1

di orario ___________________________________________

Pagina 24
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

tali vincoli vengono riportati ma chiaro che lazienda deve accettarne


il numero minore possibile.

4
4.1

DATA RILIEVO _____________________________________

4.2

NOME RILEVATORE _________________________________

4.3

NOTE _____________________________________________

* le informazioni contrassegnate da asterisco sono indispensabili, le


altre si pu decidere di stralciarle o di lasciarle.

Pagina 25
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
4) Proposta tecnica servizio nella fse c.d. transitoria

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

5) Proposta tecnica relativa


allorganizzazione e miglioramento/
ottimizzazione del servizio a Marina
di Ginosa nel periodo estivo mesi
di giugno, luglio ed agosto

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

5) Proposta
tecnica
relativa
allorganizzazione e miglioramento/
ottimizzazione del servizio a Marina
di Ginosa nel periodo estivo mesi di
giugno, luglio ed agosto
Riassumiamo qui di seguito le migliorie previste per la sola zona di
Ginosa Marina durante il periodo estivo (gi illustrate nei capitoli
specifici per la raccolta e lo spazzamento).
Il nostro progetto prevede lintervento aggiuntivo di nr. 2 squadre
per la raccolta RSU:

nr. 1 costipatore da 5/7 mc. con autista (III liv. CCNL)

nr. 1 autocompattatore da 15 mc. con autista (III liv.


CCNL) ed operatore (II liv. CCNL)

mentre, per le raccolte differenziate, abbiamo previsto lintervento


integrativo di:

nr. 1 costipatore da 5/7 mc. con autista (III liv. CCNL)

Tutti i mezzi summenzionati opereranno nellarea di Ginosa Marina in


supporto delle squadre gi previste durante il periodo invernale per
fronteggiare laumento di produzione di rifiuti dovuto allafflusso
turistico.

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
5) Proposta tecnica servizio a Marina di Ginosa nel periodo estivo

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Per quanto riguarda lo spazzamento manuale, invece, abbiamo


previsto lintervento di nr. 3 unit integrative, delle quali nr. 2
opereranno su 7 gg/settimana, mentre la terza su 6 gg/settimana.
Tutte queste unit opereranno sullarea di Ginosa Marina.
Anche

per

lo

spazzamento

meccanizzato

abbiamo

previsto

unintegrazione di servizio: durante il periodo invernale le due


spazzatrici opereranno su tutto il territorio secondo il seguente
schema:
nr. 1 autospazzatrice operatrice di medie/piccole dimensioni
(per poter raggiungere anche le aree con pi difficile viabilit)
impegnata 6 giorni/settimana
nr. 1 autospazzatrice stradale di medie/grandi dimensioni (per
poter

sviluppare

una

mole

di

lavoro

efficace)

impegnata

giorni/settimana
Durante il periodo estivo abbiamo previsto che la spazzatrice stradale
intervenga 7 giorni/settimana (e, quindi, anche di Domenica)
concentrando il suo intervento soprattutto nellarea ZL del Lido a mare.

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
5) Proposta tecnica servizio a Marina di Ginosa nel periodo estivo

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

6) Proposta tecnica relativa agli altri


servizi, diversi da quelli indicati nei
punti precedenti, previsti dal
Capitolato

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

6) Proposta tecnica relativa agli altri


servizi, diversi da quelli indicati nei
punti precedenti, previsti dal
Capitolato
Pulizia spiagge
Durante il periodo estivo verr effettuata
la pulizia degli arenili mediante, nr. 2
(due) interventi radicali di pulizia
delle spiagge (uno prima dellinizio
della stagione ed uno al termine).
Per questo utilizzeremo nr. 1 pulisci
spiagge condotta da nr. 1 autista di 3 livello C.C.N.L., coadiuvato
a terra da nr. 1 operatore di 2 livello C.C.N.L.
Limpegno per ogni intervento previsto
sar pari a 6 ore per lautista e
loperatore.
Contestualmente

verr

garantito

lo

svuotamento degli appositi contenitori


posizionati lungo larenile o sul litorale.
Durante la stagione estiva, invece, il
servizio diventer giornaliero su tutte le
Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
6) Proposta tecnica altri servizi

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

superfici di propriet comunale o ad uso pubblico.

Lavaggio cassonetti
Affinch la scelta della metodologia della raccolta mediante lutilizzo di
contenitori stradali sia anche e soprattutto rispettosa dei criteri di
igiene e di decoro, necessario che i cassonetti vengano disinfettati e
lavati con cadenza periodica secondo la stagione.
In commercio esistono delle lavacassonetti che provvedono al lavaggio
interno dei contenitori, utilizzando acqua fredda, fermo restando che
sono state realizzate macchine lavacassonetti funzionanti ad

acqua

calda.
Quest'ultimo

tipo

di

attrezzatura,

immessa

definitivamente

in

commercio dopo ampia sperimentazione, ha risolto brillantemente i


problemi connessi al lavaggio ed allo sgrassaggio dei contenitori che,
soprattutto

all'interno,

possono

avere

depositi

di

grassi

che

difficilmente venivano completamente eliminati con l'acqua fredda.


Anche se, ovviamente, la pulizia del cassonetto molto dipendente dal
comportamento dell'utente, cio dal fatto che questi conferisca i rifiuti
"confezionati" in sacchetti o pacchetti ben legati e chiusi, tuttavia
opportuno che il servizio sia organizzato per far fronte alla necessit
anche nelle condizioni meno favorevoli.
Pertanto prevista, quale migliore soluzione, l'impiego di una
lavacassonetti che utilizzi acqua calda per una maggiore pulizia; il
Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
6) Proposta tecnica altri servizi

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

costo di detta attrezzatura indubbiamente pi elevato rispetto a


quella ad acqua fredda, ma la soluzione proposta senz'altro da
ritenersi tecnicamente pi efficiente.
L'attrezzatura offerta realizzata impiegando un bruciatore che
preriscalda

l'acqua,

che

viene

poi

spruzzata ad alta pressione per mezzo


di

una

testina

all'interno
nell'attrezzatura

robotizzata
del

mobile

cassonetto;
stessa

vengono

montate una cisterna da lt. 6.000 per


l'acqua pulita e due da lt. 3.000 per il
recupero dell'acqua sporca, che verr poi scaricata nel depuratore
comunale o in altro impianto specifico autorizzato.
Tale attrezzatura segue la squadra della raccolta e dopo che il
cassonetto stato svuotato, lo alza con gli appositi bracci di cui
dotata l'attrezzatura, portandolo all'interno della stessa.
La velocit di lavaggio pressoch pari a quella di svuotamento, per
cui una squadra lava all'incirca lo stesso quantitativo di cassonetti della
squadra di raccolta che la precede, mentre i tempi operativi vengono
dilatati in misura poco sensibile.
Naturalmente all'attrezzatura in questione possibile applicare non
solo una lancia da 200 atmosfere ed altri accessori per un uso
polivalente, ma anche, nella parte anteriore, una barra per il lavaggio

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
6) Proposta tecnica altri servizi

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

e la disinfezione di aree limitate o di piazzole ove insistono i


contenitori.
Abbiamo previsto di effettuare i lavaggi distribuiti durante lanno
secondo la seguente frequenza:
quindicinale nel periodo giugno settembre
mensile nel restante periodo dellanno
Limpegno previsto per ogni intervento pari a nr. 1 (uno) turno
completo di lavoro.
Verr utilizzata unattrezzatura tradizionale (modello FARID su telaio
IVECO 150K18 con carico posteriore) con autista (III liv) ed operatore
(II liv)
Con frequenza mensile verranno anche lavati i cestini stradali
posizionati sul territorio.

Lavaggio strade
La ns. Societ assicurer il lavaggio delle strade del Capoluogo e delle
principali frazioni.
Abbiamo previsto interventi quindicinali durante il periodo estivo e
mensili durante il restante periodo dellanno.

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
6) Proposta tecnica altri servizi

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

A tale compito verr dedicata nr. 1 autoinnaffiatrice di medie


dimensioni con pompa ad alta pressione e getto dacqua radente; alla
guida verr impiegato nr. 1 (uno) autista di 3 liv. C.C.N.L.
Limpegno previsto per ogni intervento pari a 2 (due) giorni
ciascuno.

Derattizzazione e disinfestazione
Come richiesto dal Capitolato, verranno effettuati:

nr. 4 interventi di disinfestazione

nr. 4 interventi di derattizzazione

nr. 3 interventi di disinfestazione

Verranno utilizzati prodotti chimici conformi, preventivamente visionati


ed autorizzati dalla competente ASL competente territorialmente.
Gli interventi saranno distribuiti nel periodo estivo (da maggio a
settembre) con una cadenza circa mensile.
Il

programma,

concordato

con

lAmministrazione,

verr

adeguatamente pubblicizzato alla popolazione.

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
6) Proposta tecnica altri servizi

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

7) Proposta relativa al personale


Presentiamo, quindi, lOrganigramma Funzionale di Commessa

ORGANIGRAMMA FUNZIONALE

RESPONSABILE TECNICO
COMMESSA

CAPO SERVIZIO
RACCOLTE

CAPO SERVIZIO
SPAZZAMENTO

RESPONSABILE
CONTROLLO
SERVIZI

REFERENTE
AMMINISTRATIVO

OPERATORI

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Bassa Stagione
Il Contratto Collettivo Nazionale di settore garantisce la continuit
operativa dei lavoratori, prevedendo lassorbimento completo del
personale attualmente impiegato nei servizi del Comune di Ginosa a
carico della nuova ditta appaltatrice.
Tale impegno, previsto anche dal Capitolato Speciale dAppalto, verr
rispettato integralmente dalla nostra Societ che provveder, laddove
necessario, ad una politica di riqualificazione del personale con
adeguati aumenti di livello in funzione delle diverse mansioni previste
dal progetto operativo.
Considerando gli impegni indicati nella relazione tecnica precedente,
riportiamo qui di seguito la suddivisione del personale impegnato
durante il periodo invernale (bassa stagione), con lindicazione anche
della mansione assegnata.
Complessivamente abbiamo
38 dipendenti operativi
di cui:
o 23 autisti
o 15 operatori

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Allinterno di questo quantitativo di personale sono state considerate


anche le sostituzioni (statisticamente in una percentuale pari al 16%).
Abbiamo anche considerato le sostituzioni per quelle unit per le quali
abbiamo previsto il servizio anche festivo e, quindi, necessario
individuare il riposo compensativo durante larco della settimana.

1 impiegato
o con funzioni di coordinamento operativo

Per un totale di 39 dipendenti.

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Alta Stagione
Analogamente, durante il restante periodo dellanno (alta stagione):
Complessivamente abbiamo
45 dipendenti operativi
di cui:
o 26 autisti
o 19 operatori

Anche in questo caso allinterno di questo quantitativo di personale


sono state considerate anche le sostituzioni ed i riposi compensativi
per i servizi effettuati durante un turno festivo.

1 impiegato
o con funzioni di coordinamento operativo

Per un totale di 46 dipendenti.

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
7) Proposta relativa al personale

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

8) Proposta relativa agli automezzi ed


alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

8) Proposta relativa agli automezzi ed


alle attrezzature
Sistema di localizzazione dei mezzi
Alcuni dei nostri mezzi sono gi dotati (ed intenzione dellazienda
completare la dotazione a tutti i mezzi entro la durata dellappalto) di
sistemi di localizzazione satellitare GPS.
Nellottica del massimo controllo e della massima trasparenza nei
confronti dellAmministrazione Pubblica, tutti i nostri mezzi saranno
dotati di centralina di localizzazione che ne permetter lindividuazione
in

tempo

reale

allinterno

dei

nostri

programmi

di

controllo

satellitare, ai quali i nostri clienti potranno accedere liberamente,


previa assegnazione di ID e PASSWORD che filtra la visualizzazione sui
veicoli di diretta competenza.

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Parco Mezzi ed Attrezzature


Considerazioni generali
Riassumendo quanto riportato nella trattazione specifica delle proposte
operative, il nostro progetto prevede limpiego dei seguenti mezzi:
Autocompattatore da 25 mc.

nr. 2

Autocompattatore da 15 mc.

nr. 2

Autocarri costipatori con vasche da 3/7 mc.

nr. 10

Autocarro con vasca da 3 mc.

nr. 3

Autocarro con pianale per ingombranti

nr. 1

Furgone per servizio RUP

nr. 1

Automezzo per lo scarramento di cassoni


di grandi dimensioni

nr. 1

Lavacassonetti

nr. 1

Spazzatrice operatrice

nr. 1

Spazzatrice stradale

nr. 1

Motocarri per N.U.

nr. 10

Trattore pulisci spiagge

nr. 1

con laggiunta, durante il periodo estivo (01/06 30/09)


Autocompattatore da 25 mc.

nr. 1

Autocompattatore da 15 mc.

nr. 1

Autocarri costipatori con vasche da 3/7 mc.

nr. 1

Motocarri per N.U.

nr. 3

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Tutti i mezzi, stante la natura turistica e di immagine del Comune di


Ginosa, stante anche la recente normativa sulle emissioni gassose in
atmosfera e la durata dellappalto che giustifica gli investimenti, pur
avendo a disposizione immediata i mezzi di cui sopra, la nostra Societ
si impegna fin dora ad immettere in servizio mezzi tutti di nuova
immatricolazione.
Qualora

si

introducano

in

servizio

mezzi

non

di

nuova

immatricolazione, si utilizzeranno mezzi del 2009.


Questo garantir labbattimento delle emissioni in atmosfera per i gas
di scarico in quanto tutti i mezzi in questione sono classificati EURO5.
Come indicato nella presentazione dellAzienda, infine, ribadiamo che il
consistente parco mezzi a disposizione della nostra Societ e la
presenza nelle immediate vicinanze di alcuni cantieri operativi,
garantisce un immediato intervento da parte delle gestioni limitrofe
a supporto di eventuali situazioni critiche per la sostituzione o
lintegrazione di automezzi.
In ogni caso, ogni automezzo verr sottoposto alle abituali operazioni
di verifica e manutenzione regolate dai nostri standard operativi di
qualit

riconducibili

alle

norme

poste

alla

base

delle

nostre

certificazioni UNI EN ISO 9001 e ISO 14001. In queste situazioni


interverranno dalla sede centrale altrettanti veicoli (di caratteristiche
del tutto analoghe e/o compatibili) in sostituzione.

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Per quanto riguarda le attrezzature, riassumendo quanto indicato nel


piano progettuale, rimandiamo direttamente al Documento di Piano
(cfr. pag. 106)
Inoltre, annualmente, verranno forniti (nelle quantit indicate nel
nostro progetto e, comunque, in quantit sufficiente per un regolare
servizio):
Sacchetti per cestini stradali

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Organizzazione e gestione dei mezzi

Tutte le prestazioni oggetto del presente appalto saranno effettuate


con

attrezzature

mezzi

idonei

ed

in

numero

adeguato

allo

svolgimento del servizio oggetto, e con modalit tali da salvaguardare


ligiene pubblica, garantire il decoro ambientale, evitare molestie alla
popolazione. Tutte le attrezzature saranno conformi a quanto previsto
dalla

normativa

vigente

in

termini

di

sicurezza,

omologazione,

autorizzazioni, ed idonei anche per percorrere strade di ridotte


dimensioni.
I mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti saranno inoltre idonei ad
impedire la dispersione e la fuoriuscita di esalazioni moleste e
verranno dotati degli opportuni dispositivi di riduzione delle emissioni
di scarico.
Inoltre tali autoveicoli avranno le caratteristiche richieste dal codice
della strada e dalle normative vigenti, con riguardo ai dispositivi
segnaletici in rapporto alle particolari modalit operative.
Nel caso risultasse necessario estendere i servizi ad eventuali aree di
nuova edificazione sar nostra cura, nell'arco della durata dell'appalto
incrementare il numero di mezzi, personale e attrezzature per il
servizio di igiene urbana.
Come evidenziato nelle schede allegate, si dispone di tutto il materiale,
mezzi, personale ed attrezzature necessarie per l'espletamento dei

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

servizi contemplati nel presente capitolato, compresi gli automezzi, i


veicoli in genere, ecc.; tutte le spese di acquisto, montaggio,
posizionamento, manutenzione, gestione, funzionamento ecc. relative
ai materiali mezzi ed attrezzature occorrenti per l'espletamento dei
servizi in oggetto, nonch le forniture di impianto e di esercizio
(cancelleria, bollettari, stampati compresi ecc.) si intendono a nostro
carico.
Tutti i mezzi e le attrezzature impiegate sono strutturati in materiale
consistente e funzionali allo specifico scopo cui sono destinati, e
verranno sottoposti ad accettazione.
Ogni mezzo o attrezzatura omologato ed autorizzato ai sensi di legge
per l'uso specifico cui destinato.

Pagina 7
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Impatto Ambientale Mezzi Utilizzati


I requisiti rispondenti alle esigenze scaturite dalla nostra conoscenza
del settore, dalle aspettative del Committente, dalla volont di
dedicare al territorio un servizio di eccellenza pur in presenza di una
viabilit piuttosto complessa, dalla ricerca della massima efficienza ed
efficacia tecnica ed economica, richiedevano una scelta dei mezzi che
garantisse alcune caratteristiche essenziali:
Per le zone con viabilit stretta:
Ingombri ridotti e ottima manovrabilit
Velocit di trasferimento
Buona intercambiabilit
Facilit di accoppiamento
Motorizzazioni ecologiche
Cura degli aspetti igienico-sanitario ed estetico.
Per il resto del territorio:
Buona capacit
Velocit di trasferimento
Buona intercambiabilit
Facilit di accoppiamento
Livelli di compattazione rilevanti
Motorizzazioni ecologiche
Cura degli aspetti igienico-sanitario ed estetico.

Una

particolare

attenzione

stata

riservata

alla

scelta

delle

motorizzazioni, in toto conformi alle ultime normative riguardanti le


emissioni in atmosfera, e quindi quelli scelti sono pienamente da
considerarsi come veicoli a basso impatto.

Pagina 8
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Altro elemento di attenzione rappresentato dalle caratteristiche


costruttive e dai materiali scelti.
Oltre a propriet di durata e resistenza allabrasione stata verificata
la presenza di boccole in teflon e spessorazioni in materiali assorbenti
in modo da limitare la rumorosit di esercizio e ridurre limpatto
acustico operativo anche nelle fasi del ciclo di carico/scarico, di
movimento e del ciclo di compattazione. Riteniamo di aver scelto mezzi
di sicuro affidamento in tal senso, che ben rispondono alle attese di
eco-compatibilit.

Pagina 9
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Sistemi di Manutenzione
MANUTENZIONE PROGRAMMATA
Presentiamo qui di seguito il sistema di manutenzione programmata
(S.M.P.) che dimostra lattenzione della scrivente su una questione
fondamentale come il controllo dellefficienza dei mezzi utilizzati per i
servizi di oggetto della gara.
Il sistema proposto prevede forme di intervento dirette o indirette. Nel
caso in cui i servizi di manutenzione siano gestiti in outsourcing,
saranno attivati dei contratti specifici di cui forniamo un fac simile a
fine di questo capitolo.

Sistema di Manutenzione Programmata (SMP)


Si tratta di un sistema integrato per la gestione dei mezzi finalizzato ad
uniformare la gestione del parco veicolare analizzandone i vari aspetti:
contabile,

amministrativo,

tecnico,

ecc.

Il

sistema

prevede

un

approccio elementare nel rilevare alcuni dati quali le necessit di


manutenzione e/o riparazione per passare alla digitazione delle
informazioni di base tramite un data entry presente nella sede
operativa di ogni cantiere.
Le prestazioni dei singoli mezzi e linsorgenza di anomalie tecniche
sono

descritte

sul

rapporto

giornaliero

controllo operativo dei servizi.

presentato

nel

capitolo

Gli interventi di manutenzione, se

non inserite nel contratto full service, (cfr. parte finale di questo
Pagina 10
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

capitolo) derivano da una programmazione di dettaglio per singola


tipologia di mezzo.
Presentiamo qui di seguito a titolo esemplificativo un modulo per la
tipologia autocarri con impianto scarrabile e gru.

IMPIANTO SCARRABILE CON GRU


ELENCO DESCRITTIVO

LEGENDA INTERVENTI E VERIFICHE

OPERAZIONI DA ESEGUIRE
60 h.

300 h.

1.800h

3.600h

5.400h

B 1 COMPONENTI CARPENTIERISTICHE
FALSOTELAIO
CONTROLLO ANCORAGGI TELAIO

CONTROLLO STRUTTURA FALSO TELAIO

STRUTTURA DI BASE E ARTICOLAZIONI


CONTROLLO STRUTTURA DI BASE

CONTROLLO STRUTTURALE RIBALTABILE

CONTROLLO BRACCIO ARTIGLIATORE

CONTROLLO GANCIO E FERMO DI SICUREZZA

CONTROLLO STRUTTURALE BRACCIO TELESCOPICO

CONTROLLO STRUTTURE ARTICOLATE

CONTROLLO STRUTTURA SERIE CERNIERE

CONTROLLO USURE CERNIERE E ARTICOLAZIONI

CONTROLLO STRUTTURALE RULLO STABILIZZATORE

CONTROLLO STRUTTURA SERIE BLOCCAGGI

CONTROLLO FUNZIONAMENTO ATTREZZATURA


CONTROLLO STRUTTURA RULLI

CONTROLLO FISSAGGIO CONTENITORI

CONTROLLO STRUTTURALE CONTENITORE

CONTROLLO STRUTTURALE CHIUSURE

CONTROLLO STRUTTURALE BLOCCAGGI

CONTROLLO SISTEMI DI COPERTURA

CONTROLLO FUNZIONAM. CHIUSURE E BLOCCAGGI

CONTROLLO USURE CERNIERE E ARTICOLAZIONI

GRU IDRAULICA
CONTROLLO ANCORAGGI GRU

CONTROLLO GIOCO SU COLONNA GIREVOLE

CONTROLLO STRUTTURALE COLONNA GIREVOLE

CONTROLLO STRUTTURALE BRACCI TELESCOPICI

CONTROLLO STRUTTURALE SERIE CERNIERE

CONTROLLO STRUTTURALE GANCIO PORTA POLIPO

CONTROLLO STRUTTURALE PUNTO DI ROTAZIONE

Pagina 11
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

CONTROLLO STRUTTURALE SCALE DI ACCESSO

CONTROLLO STRUTTURALE STABILIZZATORI

CONTROLLO STRUTTURALE TRAVE STABILIZZATORI

CONTROLLO BLOCCAGGIO STABILIZZATORI

CONTROLLO USURE SU SERIE ARTICOLAZIONI


CONTROLLO USURE GANCI E ATTACCHI

X
X

B.2 - IMPIANTO OLEODINAMICO


SERBATOIO OLIO FILTRI DRENAGGI IMPIANTO
CONTROLLO STRUTTURA E TENUTA SERBATOIO

PULIZIA O SOSTITUZIONE SERIE FILTRI


CONTROLLO LIVELLO OLIO IDRAULICO

X
X

SOSTITUZIONE OLIO IDRAULICO

PRESE DI FORZA E POMPE IDRAULICHE


CONTR. FISSAGGIO PRESE DI FORZA E POMPE IDRAULICHE

CONTROLLO RUMOROSITA' PRESE DI FORZA

CONTROLLO TENUTA POMPE IDRAULICHE

CONTROLLO RUMOROSITA' POMPE IDRAULICHE

CIRCUITI IDRAULICI E CILINDRI


CONTROLLO TENUTA CIRCUITI IDRAULICI

CONTROLLO INTERFERENZE CIRCUITI IDRAULICI

CONTROLLO GHIERE E STELI CILINDRI IDRAULICI

CONTROLLO TENUTA CILINDRI IDRAULICI

CONTROLLO PERDITE DA TUBAZIONI

TARATURA GENERALE IMPIANTO

QUALORA SI RITENGA NECESSARI

DISTRIBUTORI E SERIE VALVOLE


CONTROLLO TENUTA DISTRIBUTORI

CONTROLLO CORRETTA FUNZIONALITA' DISTRIBUTORI

SCAMBIATORI DI CALORE *
CONTROLLO TENUTA IMPIANTO

PULIZIA MASSA RADIANTE

CONTROLLO ELETTROVENTOLA
CONTROLLO FUNZIONALITA'

X
X

B3 - IMPIANTO PNEUMATICO
COMANDI E SERVOCOMANDI
CONTROLLO TENUTA COMANDO PRESA DI FORZA

CONTROLLO SISTEMA ACCELLERATORE AUTOMATICO*

CONTROLLO SISTEMA DI BLOCCO MOTORE*

B4 - IMPIANTO ELETTRICO
CIRCUITI - FINE CORSA - SENSORI
CONTROLLO TENUTE SCATOLE STAGNE

Pagina 12
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

CONTROLLO FUNZIONALITA' FINE CORSA

CONTROLLO FUNZIONALITA' SENSORI

CONTROLLO TENUTE CABLAGGI

CONTROLLO FISSAGGIO FINE CORSA E SENSORI

LUBRIFICAZIONE FINE CORSA

PULIZIA FINE CORSA

REGOLAZIONE FINE CORSA E SENSORI

QUALORA SI RITENGA NECESSARIO

COMANDI ED ELETTROVALVOLE
CONTROLLO FUNZIONAMENTO SERIE COMANDI
CONTROLLO FUNZIONALITA' ELETTROVALVOLE

X
X

STRUMENTAZIONE DI BORDO
CONTROLLO SPIE ACUSTICHE E LUMINOSE

CONTROLLO SERIE FUSIBILI E PORTAFUSIBILI

CONTR. FUNZ.VENTOLA DI RAFFREDDAMENTO P.L.C.

SOTITUZIONE BATTERIA P.L.C.

TRATTAMENTI ANTIOSSIDANTI
SU TUTTE LE CONNESSIONI E SCHEDE

QUALORA SI RITENGA NECESSARIO

B5 ALTRI IMPIANTI
IMPIANTO LUBRIFICAZIONE CENTRALIZZATO*
CONTROLLO TENUTA IMPIANTO

CONTROLLO DI TUTTI I PUNTI DI LUBRIFICAZIONE


CONTROLLO GENERALE FUNZIONALITA'

OPERAZIONI VARIE

NOTE PER LUSO DEL PROGRAMMA DI DATA ENTRY


PER SMP
In ogni centro operativo, tramite il data entry, i nostri operatori sono
in grado di digitare le ore effettuate (UTILIZZO) da ogni mezzo
specificando la commessa di competenza ed inserire i costi che
saranno sostenuti su un mezzo in seguito agli ordini di beni e servizi da
loro effettuati e rendicontati su apposita modulistica. A dimostrazione
della completezza del software, presentiamo di seguito le modalit di
utilizzo.
Pagina 13
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Il nuovo programma Data Entry per SMP prevede linserimento di


COSTI e UTILIZZO tramite accesso Internet.

Inserimento dei Costi e percentuali Utilizzo (Data


Entry)
Connettersi al sito http://www.jumplace.com/fle

Appare la maschera di accesso al sito per il Data Entry SMP.

Ad ogni sede stato spedito per fax il Nome utente e la


Password da inserire in questa maschera.

ATTENZIONE: Il nome utente e la password sono riservati e devono


essere conservati con cura e non comunicati a terzi. La responsabilit
dell'utilizzo strettamente personale. All'interno del sito sono attivi dei
sistemi di controllo per evitare usi inappropriati.
Digitare il proprio nome utente e la propria password nelle
apposite caselle, quindi premere il tasto INVIA.
Pagina 14
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Se nome utente e password sono corretti si entrer nella pagina


di lavoro.

Se nome utente e password non sono corretti sar segnalato


'Accesso negato' .

Una volta collegati alla pagina di lavoro possibile:


Inserire i costi

Aggiornamento costi

Inserire utilizzo

Aggiornamento

utilizzo
Visualizzare dei reports riassuntivi

Reports costi
Reports utilizzo

Visualizzare una guida fornita dal programmatore per lutilizzo del


programma

Documentazione

data

entry

Aggiornamento costi

Cliccare su Aggiornamento costi

Si apre una nuova finestra di lavoro

Allargare la finestra, se non completamente aperta, cliccando sul


tasto quadrato in alto a destra

Pagina 15
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Cliccare sul calendario sulla sinistra per selezionare la data relativa


allinserimento da effettuare

Premendo su Oggi il calendario si posizioner sul mese


corrente.

Premendo sui tasti > < il calendario si sposter all'anno/mese


desiderato.

Effettuare gli inserimenti desiderati

Una volta inseriti tutti i campi relativi ad un movimento, premere il


tasto INSERISCI.

E possibile modificare o cancellare i movimenti inseriti.


Si consiglia di fare le eventuali correzioni subito dopo gli
inserimenti.

Infatti, una volta inseriti, i dati sono disponibili per lacquisizione da


parte della sede senza che sia necessaria alcuna spedizione.
Verr comunque comunicata la data in cui mensilmente verr
effettuato il ritiro dei dati da parte della sede centrale.

Dopo lacquisizione dei dati da parte della sede, non sar pi


possibile per le sedi periferiche modificare o cancellare i dati inseriti.
Tali dati saranno disponibili solo in visualizzazione.

Pagina 16
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Aggiornamento utilizzo
Funzionamento analogo a Aggiornamento costi

Report costi/Report utilizzo


Si tratta di un elenco di stampe (a video, eventualmente stampabili)
che permettono di visualizzare movimenti o riepiloghi di movimenti.

Invio a sede dei movimenti


L'operatore in remoto non deve compiere alcuna operazione. E' la sede
che periodicamente effettuer il recupero dei movimenti. Effetto di
questa operazione sar linibizione per loperatore in remoto di
modifica/cancellazione dei movimenti recuperati dalla sede oltre alla
presenza di una "data export" che segnala la data in cui la sede ha
recuperato il movimento in oggetto.

Sistema di Controllo dellutilizzo Automezzi


La gestione di un sistema di controllo su un territorio articolato come
quello del Comune di Ginosa risulta difficoltosa senza il ricorso ad
opportune metodologie informatizzate, che consentano di operare una
lettura dinsieme o su pi livelli, e di aggiornare e condividere in tempo
reale una base dati complessa fra tutti gli attori coinvolti.
A tal fine la Teknoservice si doter di un sistema informatizzato
denominato WASTRACK e prodotto da ECO-VIEW, di cui si allega una
Pagina 17
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

scheda tecnica dettagliata, che permetter di ottenere i seguenti


risultati:
-

lindividuazione cartografica delle suddivisioni territoriali e dei


percorsi degli automezzi;

- aggiornamento in tempo reale del data-base e della base


cartografica, in caso di variazioni nella suddivisione territoriale,
nei percorsi di svuotamento/raccolta o dovute allintroduzione di
nuovi servizi;
- facilitazione del lavoro del personale addetto ai vari servizi, che
potr

usufruire

dei

vantaggi

derivanti

dalla

possibilit

di

visualizzare in tempo reale gli eventuali aggiornamenti anche su


base cartografica, al fine di ottimizzare i percorsi, perseguendo i
principi di efficienza, efficacia ed economicit del lavoro insieme
al miglioramento delle condizioni operative;
- possibilit di fornire, in ogni momento, qualunque informazione
di servizio al personale ed agli uffici preposti, nellottica di
favorire linterscambio e le comunicazioni interne e verso
lesterno;
- semplicit nella comprensione, rielaborazione e comunicazione
dei dati, grazie alla possibilit di eseguire interrogazioni mirate e
di visualizzare i risultati su base cartografica.
Inoltre saranno attuate le seguenti proposte migliorative:

Pagina 18
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

- verranno dotati con i sistemi di identificazione tutti i mezzi adibiti


alla raccolte differenziate, in modo che sia possibile effettuare un
monitoraggio puntuale su ogni tipologia di materiale;
- tutti i mezzi saranno predisposti con linterfacciamento ai sistemi
di pesatura;
- sar previsto lutilizzo di un sistema portatile a disposizione da
usare in caso di controlli a campione sui chip o per altre attivit,
lallineamento delle banche dati, la segnalazioni di anomalie;
SCHEDA TECNICA

PREMESSA
E stato previsto lutilizzo di un sistema per lidentificazione, la
localizzazione degli automezzi utilizzati nella raccolta RSU. Il sistema,
denominato WASTRACK una soluzione di ultima generazione, che
grazie ai forti connotati di innovativit e flessibilit, ha raggiunto una
importante diffusione.
WASTRACK, acronimo delle parole anglosassoni WASTE TRACKING, di
fatto uno strumento informatico per la gestione del servizio di
raccolta che permette di soddisfare le seguenti caratteristiche:
1. flessibilit ed espandibilit;
2. costi di gestione esigui grazie allutilizzo di una metodologia di
store & forward;

Pagina 19
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

3. elevata capacit di integrazione ed interfacciamento a sistemi


esistenti;
4. basso costo del sistema entry level in grado di fornire una
configurazione base con costi dinvestimento esigui.

Con Wastrack possibile ottenere:


a) la certificazione della qualit del servizio di raccolta al fine di
documentarne le modalit di svolgimento relativamente allattivit;
b) la memorizzazione in un database di tutte le posizioni assunte dai
mezzi in modo da creare uno storico utilizzabile in algoritmi di
ottimizzazione dei percorsi;
d) la progettazione e la pianificazione del servizio di raccolta
mediante sistemi di ausilio alla decisione basati su supporti
cartografici.
Un software centralizzato colletta le informazioni rilevate durante il
servizio. Adeguati sistemi informatici a disposizione degli operatori
assicurano il popolamento del database.
E

prevista

nella

fornitura

lutilizzo

di

un

sistema

GSM/GPRS

proprietario. I sistemi allestiti sui mezzi sono dotati di una funzione di


store

in

grado

di

immagazzinare

sino

mesi

di

attivit

continuativa.

Pagina 20
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Il software del centro di controllo, sviluppato per sistemi operativi


Windows permettono di realizzare le seguenti funzioni:
-

FUNZIONI DI TRACKING IN REAL TIME

FUNZIONI GIS

DATABASE STORICO

ALGORITMI DI INTERPRETAZIONE DATI

Il centro di controllo in grado di gestire qualsiasi tipo di cartografia


digitale con formati standard commerciali e, mediante luso di
database storici, tracciare su di essa tutte le posizioni e gli eventi
significativi occorsi al veicolo in un determinato periodo di tempo.

APPARATO DI BORDO
Lapparato di bordo costituito da una centralina intelligente a
microprocessore che gestisce tutte le funzioni di localizzazione,
controllo esercizio e gestione anomalie. Si tratta di un prodotto
altamente flessibile che prevede tutta una serie di espansioni ed
interfacciamento adatti alla gestione del sistema di monitoraggio RSU.
La centralina si compone di:
-

dispositivo di localizzazione GPS;

dispositivo di comunicazione modem GSM/GPRS;

Pagina 21
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

dispositivi di ingresso in grado di gestire i diversi segnali


provenienti dal veicolo;

dispositivi di uscita in grado di modificare lo stato del veicolo e di


attivare dispositivi su comando della centrale operativa;

banchi di memoria per la registrazione di uno storico delle


posizioni;

batteria interna con circuito di backup per l'alimentazione della


centralina in caso di manomissione o di anomalia ;

circuito di autodiagnosi con possibilit di compartimentare il


modulo in avaria;

antenna di lettura RF ID;

Il metodo di rilevazione della posizione che viene utilizzato a bordo


della centralina basato sulla tecnologia GPS. Tale sistema il pi
avanzato ed affidabile tra quelli attualmente disponibili ed in grado di
garantire la precisione del dato geografico di circa 12 metri nelle
peggiori

condizioni

di

copertura

satellitare,

migliorabile

con

il

migliorare delle condizioni di copertura satellitare potendo arrivare fino


a 1 metro di precisione utilizzando il sistema di correzione DGPS
proprietario. Il rilevamento della posizione avviene ogni secondo
attraverso una comunicazione costante tra lapparecchiatura GPS,
situata all'interno della centralina, ed i 24 satelliti NavSat, orbitanti
intorno al pianeta. I segnali vengono elaborati dal microprocessore
interno e resi disponibili su richiesta. Inoltre la precisione del dato
Pagina 22
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

geografico, grazie alla tecnologia satellitare, non influenzata in alcun


modo da situazioni ambientali quali l'orografia del territorio o le
condizioni atmosferiche. Il sistema integrato con due antenne di
lettura per supporto DIN e relativa logica di controllo. Il lettore un
dispositivo hardware a microprocessore in grado di decodificare il
codice memorizzato nel Tag. Il reader utilizzato in Wastrack
interamente progettato e realizzato da Eco-View Elettronica. Il punto di
forza del dispositivo sta, oltre che nella ridotta dimensione del circuito
che lo rende facilmente integrabile in qualsiasi tipo di applicazione,
anche nella estrema compatibilit con i tag presenti sul mercato.

Caratteristiche
Alimentazione 12VDC
Frequenza di lavoro: 125 KHz
Identificazione codice con tecnologia contact-less
Interfaccia seriale RS232
Interfaccia RF per collegamento diretto con Antenna
Protocolo di trasmissione: Spontaneous mode
Baud Rate 9600 baud
Led e buzzer per conferma avvenuta lettura

Pagina 23
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Lantenna realizzata in materiale ABS e si presenta come un oggetto


di forma quadrangolare molto compatto, che nella versione DIN
presenta una protezione metallica di supporto saldata in prossimit
della rastrelliera.
LABS un materiale termoplastico particolarmente robusto con
unottima resistenza agli urti e allaggressione chimica di un'ampia
gamma di sostanze inorganiche acide diluite, acidi organici, sali, grassi
animali ed olii, tali caratteristiche lo rendono particolarmente adatto ad
usi in ambienti ostili.
La caratteristica principale di questantenna (unita al tag reader EcoView) rappresentata dalla notevole distanza di lettura.
Il sistema dotato di un "processore" di notevole potenza di calcolo
(16 bit) e di una grande memoria (fino a 128 MBytes), capace di
memorizzare i percorsi dei mezzi e, per sicurezza, i dati rilevati
durante gli ultimi 15 giorni di esercizio. Il firmware di bordo per
realizzare le funzioni di localizzazione, controllo delle eccezioni,
memorizzazione dei dati, invio delle segnalazioni, necessita una
programmazione che pu essere impostate sia in locale che da remoto
dal centro di controllo TDC. I parametri ingegneristici configurano la
macchina a livello hardware, una volta programmato lOBC con i
parametri ingegneristici il sistema pronto al funzionamento.
Lautodiagnosi

costante

ed

il

ripristino

automatico

(funzione

di

WATCHDOG) consentono lutilizzo del sistema anche nelle condizioni


pi gravose. La maggior parte degli eventuali problemi vengono
Pagina 24
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

affrontati e risolti dal sistema stesso senza alcun intervento esterno;


quando la successione delle anomalie supera un certo livello, il
dispositivo si mette automaticamente in comunicazione con la centrale
per richiedere lintervento manuale. In caso di danno permanente in un
modulo la centrale pu isolare il blocco coinvolto consentendo al resto
del sistema di operare regolarmente. LOBC, grazie al proprio
firmware, presenta anche funzioni di fault recovering dei dati. Infatti
tutti i dati sono memorizzati su supporti rimovibili:
In caso di necessit possibile rimuovere le memorie e ripristinare il
sistema in tempi rapidissimi.
Il sistema prevede inoltre funzioni di fault recovering in caso di errori
nella connessione dati. Se durante uno scarico dati, la comunicazione
si interrompe, lOBC, rispondendo ad una ulteriore richiesta di scarico
da parte del TDC o diniziativa chiamando il centro di controllo, inizier
lo scarico dal punto in cui si era precedentemente interrotta la
comunicazione.
comunicazione

Questo

proprietario

possibile
ECO-VIEW

grazie
che

al

protocollo

garantisce,

di

mediante

acknowledge esplicito, la buona riuscita dellinvio del pacchetto. Il


controllo della bont del pacchetto ricevuto viene fatto verificando la
lunghezza e lesattezza del CRC di pacchetto (CRC Codice Ricorsivo
Circolare).
LOBC gestisce la memoria di massa per la memorizzazione con un
buffer circolare FIFO. La memoria di massa viene cancellata solo a
seguito di uno specifico comando da parte del TDC.
Pagina 25
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Se si raggiungono i termini di memoria piena lOBC richiede uno


scarico dati; se tale richiesta non pu essere esaudita utilizza la
procedura di buffer circolare FIFO per la sovrascrittura dei dati
preservando

quindi i dati pi recenti.

Se i dati, alla fine di un

download, non sono cancellati, lOBC inizier lo scarico successivo


dallultimo dato trasmesso garantendo cos lunicit delle informazioni.
Un apposito comando del centro di controllo abilita la cancellazione dei
dati sullOBC. Il dispositivo OBC realizzato mediante lintegrazione di
una scheda di controllo con scheda dinterfaccia dai contenuti
tecnologici altamente innovativi. Lidea di creare una struttura a strati
(Layer) del sistema completo nasce dallesigenza di standardizzare la
soluzione per quel che concerne la logica di controllo. Infatti la scheda
di controllo descritta in seguito un vero e proprio computer, non nel
formato classico PC104, ma in un formato proprietario adatto
allambiente automotive.
Il sistema di alimentazione e le interfacce con il mondo esterno sono
tipicamente
implementate
appositamente

caratteristiche
in

una

studiata

dellapplicazione

scheda
per

dinterfaccia,
scopi

sono

in

questo

automotive.

Una

quindi
caso,
tastiera

alfanumerica automotive in grado di sopportare vandalizzazioni


linterfaccia che il sistema OBC offre allutenza.
Questa struttura permette un controllo elevato sulle varie parti del
sistema aumentandone il livello di affidabilit e garantendo le funzioni
di FAULT RECOVERING in quanto, basata sul modello aeronautico, il
Pagina 26
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

sistema presenta pi microprocessori che si scambiano le informazioni


sul reciproco stato. La mancanza di comunicazioni crea di fatto una
situazione di allerta.
La sezione di alimentazione, studiata per minimizzare i consumi a
mezzo spento, fa parte di uno specifico layer presente nella scheda
dinterfaccia ed stata appositamente progettata per soddisfare le
rigide specifiche automotive in fatto di filtraggio dei disturbi e delle
extratensioni tipiche di questo ambiente. Questa sezione sar descritta
nel paragrafo dedicato alla scheda dinterfaccia. La scheda di controllo
gestisce i vari dispositivi interfacciati al fine di coordinare il loro
funzionamento, per implementare le funzioni di localizzazione GPS
(Global Positioning System), laccesso alle comunicazioni GSM, le
funzioni di Fault-Recovering, i sistemi di lettura

Componente

Scheda a
microprocessore

Input / Output

Alimentazione
Posizionamento
Geografico
Comunicazione GSM

Descrizione
Controllore con sistema operativo multitasking residente e programmazione
object oriented
512Kb SRAM - 512Kb FLASH
SRAM con batteria di backup indipendente
Celle RAM dotate di checksum per la memorizzazione di dati vitali
Doppio watchdog: hardware e software
Orologio in tempo reale
Completa riprogrammabilit da remoto via GSMScheda espansione RAM sino a
512 Mbytes removibile MULTIMEDIA CARD
- 4 ingressi e 2 uscite digitali on-board
- porte seriali RS-232 on-board
- Massima espandibilit I/O su Bus: 128 I/O digitali, 32 Input analogici,
12 - 24 Vdc - max 400 mA
Alimentazione filtrata, protetta contro inversioni di polarit, extratensioni,
cortocircuiti e sovraccarichi termici.
Linee di alimentazione separate per GSM, GPS, P e servizi, interamente
controllate da P
Ricevitore GPS integrato SIRF, 12 canali con comunicazione RS232 e protocollo
proprietario o NMEA
Modulo GSM Siemens integrato: Dual Band GPRS classe 10 automotive Interfaccia per microfono ed auricolare on-board

Pagina 27
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Antenna
Dimensioni:

Antenna integrata GSM/GPS preamplificata - basso consumo

Consumo

300 mA
500 mA con carica della batteria tampone
300 g

120(W) x 200(L) x 50(H) mm

Peso
Contenitore
Temperatura di
funzionamento
Resistenza alle
vibrazioni
Firmware

Plastico o metallico IP65


-40 a +85 C
da 10Hz a 500Hz 3G
Proprietario

Interfacciamento
Dispositivi opzionali

- Tastiera multifunzione per inserimento parametri operatore


- sistema di accesso a badge
- sistema cartografico per la gestione delloperativit in campo

IL SOFTWARE
Il Programma si compone di due moduli:

Attivit: necessaria per controllare/visionare lattivit dei mezzi


(TRACCIAMENTO E LOCALIZZAZIONE

Centro

TDC:

necessaria

per

gestire

lintero

parco

mezzi

(SISTEMA DI SCARICO DATI)

CENTRO EW-TDC
Il modulo fisicamente residente nel computer SERVER e svolge le
funzioni FEP per la gestione delle interfacce con il mondo esterno. Un
sinottico riassuntivo della situazione delle linee, dei mezzi, delle
comunicazioni e delle parametrizzazioni sia ingegneristiche (quindi

Pagina 28
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

parametri tecnici) che di esercizio permette unimmediata visione


dinsieme.

Tramite questo modulo, i dati di localizzazione e identificazione,


provenienti dai mezzi sono elaborati e memorizzati. Mediante un
algoritmo proprietario, il sistema, utilizzando la scheda GPS installata
nel FEP, corregge le informazioni di posizione arrivate dai mezzi e le
mette a disposizione nel database archivio presente nel modulo
ATTIVITA. Il modulo utilizza la stessa scheda GPS per aggiornare lora
dellintera rete aziendale con lora universale GPS. Anche i dati di
monitoraggio

vengono

validati

dal

modulo

EW-TDC.

Il

sistema

Pagina 29
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

proposto

basa

il

principio

di

funzionamento

sul

concetto

delle

eccezioni.
Quindi contrariamente a quanto avviene nei sistemi tradizionali, il
sistema non esegue delle polling cicliche per colloquiare con i mezzi.
Nel caso di richiesta di Polling ciclica il modulo EW-TDC invia dei
settaggi per chiamate spontanee del mezzo via GPRS ogni T sec.
programmabili a piacere. Chiaramente questa funzione molto
onerosa e se ne sconsiglia luso. Molto pi utile risulta invece la
possibilit di fare richieste di posizione puntuale del singolo mezzo.

Esempio di programmazione parametri del periferico


Il modulo EW-TDC la parte di programma dedicata alla decodifica dei
protocolli proprietari di comunicazione tra centro di controllo e mezzi. I
protocolli, basati su una struttura a pacchetto con acknowledge
Pagina 30
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

esplicito garantiscono massima sicurezza nella trasmissione dati.


Inoltre, lutilizzo di sistemi di compressione dati eseguiti a livello di
OBC permettono un risparmio nei tempi di download dei database sui
mezzi che porta come conseguenza ad una riduzione dei costi di
comunicazione.
Il software prevede meccanismi di controllo della duplicazione dei dati
direttamente in fase di scaricamento da parte del terminale OBC del
mezzo. Questi meccanismi garantiscono anche funzioni di fault
recovering in caso di errori nella connessione dati. Se durante uno
scarico dati, la comunicazione si interrompe o il server va in crash,
lOBC del mezzo, rispondendo ad una ulteriore richiesta di scarico da
parte del TDC stesso o diniziativa, inizier lo scarico dati dal punto in
cui si era precedentemente interrotta la comunicazione. Questo
garantisce lunicit dei dati.
Questa funzione ottenuta con limplementazione del protocollo di
comunicazione

proprietario

ECO-VIEW

che

garantisce,

mediante

acknowledge esplicito, la buona riuscita dellinvio del pacchetto. Il


controllo della bont del pacchetto ricevuto viene fatto valutando la
lunghezza e lesattezza del CRC di pacchetto (CRC Codice Ricorsivo
Circolare).
Il sistema inoltre prevede la possibilit di non cancellare la memoria
del terminale OBC a seguito di uno scarico dati. Il terminale di bordo
inizier lo scarico dallultimo dati trasmesso senza duplicazione di

Pagina 31
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

informazioni. Un apposito comando del centro di controllo abilita la


cancellazione dei dati sullOBC.
Altra funzione di questo modulo la gestione del set di modem. Il
programma infatti per garantire alta connettivit con i dispositivi OBC
dei veicoli pu essere connesso sia modem ADSL che 6 modem GSM
tramite altrettante connessioni seriali.
In questa parte di programma sono organizzate le priorit di chiamata
per i telefoni ed i numeri da chiamare. Questi parametri saranno poi
utilizzati in fase di programmazione dei parametri ingegneristici dei
dispositivi OBC dei veicoli.

Parametrizzazione di un canale GSM


Il

modulo

EW-TDC

permette

la

programmazione

dei

parametri

ingegneristici del periferico per ogni singolo allarme che pu essere


scelto nella lista dei disponibili quali:
Pagina 32
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

limite di velocit

limite di sosta

stato delle porte

sensori digitali collegati a parametri sensibili del mezzo quale


temperatura acqua, livello olio

sensori

analogici

accelerazione

collegati

tangenziale,

dispositivi

temperatura

quali

interna

sensori
ed

di

esterna,

sensori inquinamento ambientali


-

(altri implementabili a piacere)

Per attivare questa funzione necessario attivare il software in


modalit amministratore o tecnico. Gli allarmi, programmabili
singolarmente, possono essere programmati secondo il seguente
schema:

Pagina 33
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Esempio di programmazione allarme


Dopo aver settato le impostazioni che definiscono le condizioni per le
quali si verifica un allarme si pu definire l azione da svolgere in
seguito ad un avvenuto allarme.
-Memorizza: memorizza linformazione dellavvenuto allarme sulla
memoria della scheda.
-Invia SMS: invia un SMS al centro di controllo ad allarme avvenuto.
-Chiama centrale: contatta la centrale dopo una segnalazione di
allarme via GPRS o GSM.

Pagina 34
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Men di attivazione aggiornamento parametri e firmware


Una volta settati i parametri ingegneristici necessario trasferire la
configurazione sullOBC del mezzo. Unapposita funzione realizza la
sincronia dei parametri e nel caso non sia effettuata immediatamente,
il software, al primo collegamento con il mezzo, aggiorner i parametri
in automatico.
In questo modulo, come si nota dalla figura sono residenti le funzioni
per la richiesta di localizzazione flotta e del tracking in tempo reale.
Il modulo CENTRO EW-TDC permette anche di aggiornare da remoto il
firmware dei dispositivi OBC. Questa funzione disponibile solo in
modalit amministratore. Esiste anche la funzione opposta per
leggere il firmware dei mezzi opzione utile per comparare le versioni
software e controllarne eventuali bug. Lo scarico del software sugli
OBC dei mezzi da remoto una funzione particolarmente utile per il
servizio di assistenza

in quanto evita di dover andare ad operare

direttamente sui mezzi.

MODULO ATTIVITA
Il modulo Attivit un pacchetto nato con lo scopo di poter
realizzare reportistica circa lattivit lavorativa dei mezzi appartenenti
alla flotta. Il software strutturato in modo tale da poter fornire
alloperatore tutte le informazioni collezionate dai mezzi durante la
raccolta RSU e raggrupparli in svariate modalit. Il modulo permette di
Pagina 35
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

strutturare QUERY di interrogazione con semplici operazioni. Infatti


premendo il simbolo di query, si attiva una funzione wizard che
guider loperatore verso la scelta di tutti i parametri necessari per
effettuare la richiesta.

Analoghi comandi permettono di visualizzare i dati su supporto grafico


che su foglio elettronico. Ogni attivit pu essere visualizzata o
nascosta selezionando il relativo check nel riquadro di riepilogo. Dopo
aver definito una query si pu modificare la stessa con un doppio click
sulla sua definizione.
Il

modulo

presenta

anche

funzioni

di

reportistica

permette

consuntivazione.
Il modulo inoltre gestisce sia le anomalie tecniche che quelle di
esercizio.
Per lattivit di spazzamento stradale possibile identificare con
precisione le zone spazzate e stampare la sequenza sia in forma
grafica che su foglio elettronico.
Pagina 36
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

In caso di segnalazioni di irregolarit registrate nellesercizio, i mezzi


informano, se programmati, in tempo reale il centro TDC. In questo
caso si attivano funzioni grafiche di allerta. Esistono in questo modulo
anche funzioni sinottiche dellattivit dei mezzi.

Pagina 37
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Schede tecniche - Mezzi operativi


Motocarro con vasca R.S.U. e N.U.
PIAGGIO PORTER CON VASCA R.S.U. RIBALTABILE
DIMENSIONI in mm
A

3740

1460

1870

1810

2250

1150

CARATTERISTICHE TECNICHE
Attrezzatura a norma CE
Cassone contenitore in acciaio da 2,5 mm o in lamiera di
alluminio da 2,5 mm, pressopiegata e completamente saldata a
totale tenuta stagna.
Verniciatura della vasca a fondo epossidico
e smalto poliuretanico bicomponente dello
stesso colore della cabina del veicolo.
Sportello

vasca

lato

passeggero

900x400mm con battuta in gomma per


facilitare le operazioni di carico rifiuti.
Sollevamento vasca con n.1 martinetto a
semplice effetto; stabilizzazione del veicolo tramite due piedini e
centralina elettroidraulica di controllo.
Dispositivo di sicurezza che impedisce in fase di manutenzione,
l'abbassamento della vasca sul motore.
Pagina 38
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Comandi di sollevamento posti a distanza per una sicurezza


totale dell'operatore anche in caso di caduta di materiali durante
la fase di svuotamento bidoni.
Comandi di ribaltamento vasca e stabilizzatori in sequenza posti
in cabina tramite selettore elettrico e spia di segnalazione.

MASSE in Kg
Capacit

3 mc

Tempo di scarico cassonetto

32 s

Portata utile

410 kg

Peso a pieno carico

1550 kg

Pagina 39
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Autocarro con vasca R.S.U. costipante


IVECO DAILY CON VASCA COSTIPATRICE o similare (ISUZU)

ATTREZZATURA
Dati tecnici Vasca
Volume utile
Lunghezza vasca
Larghezza vasca
Altezza veicolo in fase di marcia
Altezza veicolo in fase di scarico
Sbalzo posteriore

6 mc costipante
3670 mm
1990 mm
2560 mm
5200 mm
1620 mm

TELAIO Iveco Daily 50C18 P340

Pagina 40
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

DIMENSIONI (mm)
K Lunghezza max

5928

H Altezza max (a vuoto)

2280

C Carreggiata anteriore

1696

C Carreggiata posteriore

1541

T Altezza telaio a vuoto (sosp. meccaniche)


Y Sbalzo posteriore

765
1355

Diametro di volta: marciap./marciap.

12460

Diametro di volta: muro/muro

13560

W Lunghezza max carrozzabile

3820

Lc Larghezza max carrozzabile (*)

2200

K Lunghezza massima

5958

Larghezza massima

2130

Lunghezza cassone (esterna)

3552

Larghezza cassone (esterna)

2130

Altezza sponde
Passo

400
3450

Pagina 41
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

MASSE (kg)
M.T.T.

5200

M.T.C. con frenatura inerziale

8700

Massa max asse anteriore

1900

Massa max asse posteriore

3700

Tara asse anteriore

1380

Tara asse posteriore

645

Tara totale

2025

Portata utile

3175

Tara asse anteriore

1410

Tara asse posteriore

895

Tara totale

2305

Portata utile

2895

Pagina 42
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 43
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Autocompattatore da 27/22mc
CASSONE FARID T2-27/22 su IVECO IVECO STRALIS AD260
S33
Il compattatore a caricamento posteriore
FARID T2 stato interamente progettato
e realizzato dalla Ricerca & Sviluppo
FARID secondo una logica innovativa, che
unisce alla ricerca delle migliori soluzioni
tecniche,

in

termini

di

prestazioni

affidabilit di ogni singolo elemento dell


attrezzatura,

un

design

moderno

funzionale.

Pagina 44
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Pedane posteriori e mancorrenti


Le pedane posteriori, rispondenti alle vigenti norme di
sicurezza in materia (EN1501.01), sono realizzate in
robusti profilati in acciaio e presentano un ampia
superficie di calpestio.

Dispositivo alza-voltacontenitori
Lattrezzatura

pu

essere

allestita

con

diversi

dispositivi di movimentazione dei contenitori per la


raccolta rifiuti: voltacassonetti e voltabidoni per
contenitori da 80 a 2000 litri, compatibili con i diversi sistemi di
aggancio in uso nel mercato; voltasacchi; volta benne per contenitori
fino a 7 m.c.

Portella e sistema di compattazione


La parte posteriore dell attrezzatura dotata di un
meccanismo di compattazione a bielle che consente
di ottenere la movimentazione della slitta senza
elementi striscianti all interno di guide e un effetto
moltiplicativo che aumenta la capacit di compattamento dei rifiuti.

Pagina 45
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Paratia di espulsione
La paratia di espulsione si muove lungo guide in
acciaio antiusura di prima qualit. In fase di scarico
la sua parte inferiore fuoriesce di circa 150 mm dal
filo posteriore del cassone garantendo la totale
evacuazione dei rifiuti. La sua forma priva di
sporgenze

cavit

impedisce

il

ristagno

il

trafilamento dei rifiuti verso la parte retrostante, anche grazie alla


guarnizione posta lungo il bordo inferiore.

Pagina 46
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Autocompattatore da 15mc
CASSONE FARID T1M15 su IVECO EUROCARGO 150E23/RSU

Pagina 47
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 48
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Autocarro con impianto scarrabile e rimorchio


IMPIANTO SCARRABILE B.T.E. spa mod. ATTM 26
su IVECO STRALIS AD206 S30

ATTREZZATURA
Impianto scarrabile B.T.E. spa mod. ATTM 26

Pagina 49
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Con una potenza di sollevamento da 3 a 40 ton gli impianti scarrabili


mod. ATTM, sono idonei per il carico e lo scarico di containers
intercambiabili,

per

il

ribaltamento

lo

scarico

del

materiale,

consentendo ai trasportatori di migliorare lutilizzo dei propri veicoli e


di dare una soluzione a tutte le problematiche per quanto riguarda la
movimentazione pesante

Tipo

ATT
M 26

Capacit

model

li

soll.

26 ton

P.

di Ma
x
320
bar

Pompa

Lunghezz

Lunghezz

LTx1000rp

impianto

container

Da 4780 a

Da 3400 a

5780 mm

6400 mm

60

TELAIO
IVECO STRALIS AD206 S30

Pagina 50
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 51
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 52
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

RIMORCHIO
Rimorchio 3 assi Cardi allestito con attrezzatura scarrabile.

Rimorchio per carrozzerie intercambiabili, allestito con sistema d


ancoraggio del cassone su quattro punti, a comando idraulico. Carrello
di scorrimento cassone allestito su cuscinetti a rulli ad alta resistenza.
Completato con barre paraciclisti in alluminio e cassetta porta attrezzi
in acciaio inox, luci di ingombro, tamponi paracolpi posteriori, pannelli
rifrangenti. Disponibile con centralina elettroidraulica 24V autonoma.

Pagina 53
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Lavacassonetti
Lavacassonetti a carico posteriore

Altre Caratteristiche:
camera di lavaggio interamente rivestita in alluminio
ugelli mobili che garantiscono una pulizia del cassonetto efficace
ed uniforme sia internamente che esternamente e un sistema
indipendente per la disinfezione dei cassonetti.

Pagina 54
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Spazzatrice stradale da 6 mc.

La Serie spazzatrice FJ
V,

lavora

ambiente

nel

naturale

suo
sia

quando effettua i servizi


di pulizia nelle strade
cittadine,

sia

quando

lavora negli aeroporti e


nel rifacimento delle grandi reti viarie.
Disponibile nella versione a singolo o doppio gruppo spazzante, grazie
ad un particolare accessorio in grado di garantire una fascia di
spazzamento di 3.6 m con elevate performance per ora lavorata.

Pagina 55
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Le attrezzature FJ serie V possono essere montate su telai fino a 18


ton. Grazie alle notevoli capacit del contenitore dei rifiuti, dei sistemi
dellacqua e dei serbatoi del gasolio, la serie FJ V raggiunge livelli di
autonomia unici. Si aggiungano tre diverse dimensioni del cassone e
lampia gamma di accessori disponibili: il risultato una macchina
molto versatile, ideale per una variet di servizi di spazzamento. Tra
gli accessori disponibili: impianto acqua ad alta pressione con naspo
avvolgitore automatico, tubo alta pressione e lancia, impianto di
ricircolo dellacqua, tubo aspirazione posteriore, proboscide aspirafoglie
superiore.

Pagina 56
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

spazzatrice

stradale

sar

dotata

del

sistema

Sweepy-jet,

innovativo per il lavaggio, lo spazzamento e l'igienizzazione di strade e


marciapiedi.
Sweepy-jet unattrezzatura che consente di spazzare e lavare sotto
le macchine parcheggiate senza necessit di rimuoverle. Si applica alle

Pagina 57
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

spazzatrici ed autobotti stradali.


Il sistema Sweepy-jet tramite un potente getto dacqua in pressione
permette ad un operatore a terra di pulire con efficienza e facilit
anche nelle zone dove i sistemi tradizionali non arrivano.
Sweepy-jet costituito da due bracci snodati e motorizzati applicabili
alla sommit di qualsiasi modello di spazzatrice stradale. Sweepy-jet
consente di portare oltre gli ostacoli, come auto parcheggiate o i
cassonetti stradali, una lancia collegata ad un tubo con acqua in
pressione, utilizzata dall'operatore per spazzare e lavare le strade e
marciapiedi.

Un

sofisticato

sistema

di

controllo

muove

automaticamente i motori dei


due bracci, seguendo ogni
movimento dell'operatore. I
rifiuti vengono convogliati al
centro della carreggiata e
raccolti

facilmente

dalla

spazzatrice.
Lergonomia della lancia di
spruzzamento

comprende

unimpugnatura
in

altezza,

destra

manopola

regolabile

una

versione

sinistra,
di

una

regolazione

della pressione del getto.


Pagina 58
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La

testina

di

spruzzamento

ha

dimensioni

contenute

tali

da

raggiungere i punti pi stretti tra marciapiede e macchina ed


sostenuta da una rotella pivottante.
Lo sweepy-jet pu lavorare su entrambi i lati dell'automezzo.
I due bracci, nella condizione di massima estensione, sono lunghi circa
5 metri, ma un sistema speciale di richiamo automatico della guaina
consente alloperatore di allontanarsi fino a circa 9 metri.
In posizione di riposo i bracci sono richiusi a compasso e bloccati sopra
lautomezzo.

Pagina 59
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

L'acqua pu essere miscelata con disinfettanti, essenze profumate o


salamoie anticongelamento.
Il nostro progetto prevede, come migliorie, ladozione di nr. 1
sistema Sweepy-jet sulla autospazzatrice stradale impegnata
nel servizio di spazzamento meccanizzato sul territorio che, a
rotazione, interesser tutte le aree oggetto di intervento

Pagina 60
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Spazzatrice operatrice

La

serie

FJ

Compact
(spazzatrice

lavastrade) stata
progettata

per

essere semplice da
usare, confortevole
e molto performante.
La spazzatrice FC Compact garantisce potenza di aspirazione e
produttivit imbattibili coniugati ad una affidabilit notevole.
Nella categoria di riferimento risulta essere la pi compatta, per questo
la spazzatrice FJ Compact lavora
con estrema facilit negli spazi
pi stretti. Le piccole dimensioni,
il passo corto ed il particolare
sistema di spazzamento a bracci
oscillanti,

le

permettono

una

eccellente manovrabilit intorno


a qualsiasi genere di ostacolo,
dalle macchine parcheggiate alle
panchine nelle aree verdi, ecc.

Pagina 61
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

con risultati di pulizia davvero sorprendenti.


Tra gli accessori disponibili: tubo aspirafoglie, sospensioni meccaniche,
flap idraulico bocca , impianto acqua ad alta pressione con naspo
avvolgitore automatico, tubo alta pressione e lancia.

Nei centri citt come nei siti industriali, nelle aree residenziali come nei
centri commerciali, le spazzatrici FJ CX400 e FJ CN400 garantiscono
Pagina 62
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

versatilit, basse emissioni e potenza di aspirazione da veri leader.


Con un PTT di appena 7,5 ton per la FJ CX400 e di 8.9 ton per la FJ
CN400 queste spazzatrici sono le pi strette e leggere della categoria 4
mc., ci che le rende tra laltro ideali per lo spazzamento su aree con
problemi di peso specifico per cm/q.
Il modello ad alta velocit FJ CX400 lavora fino a 20 km/h ed in
grado di raggiungere una velocit di trasferimento di 80 km/h, per
ottimizzare i tempi di lavoro. La FJ CN400 il modello a bassa velocit
per il quale la velocit di trasferimento limitata a 40 Km/h. Una
larghezza di soli 1650mm, il passo corto e lelevato angolo di sterzata
permettono un ottimo accesso ai marciapiedi e ai punti meno agevoli
per unefficace pulizia. La configurazione con 2 bracci oscillanti e
spazzole frontali da 1000 mm stata progettata per una pulizia
efficace dei vicoli cechi e degli angoli a 90. Tra gli accessori
disponibili: scarico in quota, portata maggiorata, terza spazzola,
proboscide aspirafoglie superiore, tubo aspirafoglie laterale , impianto
acqua ad alta pressione con naspo avvolgitore automatico, tubo alta
pressione e lancia.

Pagina 63
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 64
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Schede tecniche - Contenitori


Bidoncini antirandagismo in HDPE da 35 lt. per vetro
Innovativo, nel nome e nelle funzioni.
Minimax, il contenitore ideale per la
raccolta
differenziata.

Minimax
rappresenta

la

gamma

pi

completa

disponibile sul mercato.

Studiato per la raccolta spinta dei rifiuti porta a porta, impilabile e


dotato di manico anti-randagismo, si rivela facilmente maneggevole
per gli operatori.

Pagina 65
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 66
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Bidoncini antirandagismo in HDPE da 20 lt. per


frazione organica
Una serie di contenitori coordinati per la raccolta
differenziata dellorganico.

Lampia gamma permette innumerevoli soluzioni ed


abbinamenti, dalla separazione dellumido in cucina ai contenitori per il
servizio porta a porta.

In polipropilene trattato contro i raggi UV, sono


dotati

dellesclusivo

dispositivo

anti-

randagismo che blocca lapertura del coperchio


quando il manico viene ribaltato frontalmente e
consente

lo

sblocco

automatico

in

fase

di

svuotamento.

Pagina 67
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 68
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Cassonetti carrellabili a due ruote in HDPE


Conformi allUNI EN 840 i classici due ruote di prossimit,
sono dotati di un attacco frontale a pettine per lo
svuotamento meccanizzato.

Il

HDPE,

materiale

di

produzione, anti-UV ed
riciclabile al 100%.

Ampiamente collaudati, sono disponibili


in diverse capacit, varianti e optional.

Pagina 69
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 70
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Cassonetti carrellabili a quattro ruote in HDPE

Progettati per risolvere in modo pratico ed


economico la raccolta dei rifiuti, sono dotati di
quattro

ruote

di

doppio

attacco

per

lo

svuotamento, frontale e DIN, in conformit


allUNI EN 840.

Il PEHD, materiale di costruzione,


resistente ad attacchi chimici o
biologici ed anti-UV.
Igienici grazie alle pareti lisce, sono
disponibili in diverse capacit e
versioni.

Pagina 71
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 72
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Compostiere domestiche
Un micro-sistema che riesce e garantire una concreta riduzione dei
costi di smaltimento.
Efficace

nel

processo

di

riciclaggio

domestico

favorisce le condizioni ambientali ideali, caldoumide, che accelerano il processo di decomposizione


dei rifiuti organici.

Ideale

per

estremamente
trasformazione

giardini

medio-piccoli,

funzionale
dei

rifiuti

per
in

la

ottimo

fertilizzante

Pagina 73
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
8) Proposta relativa agli automezzi ed alle attrezzature

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

9) Proposta relativa al piano di


formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

9) Proposta relativa al piano


formazione del personale

di

Nel corso della nostra attivit, e forti del know how acquisito sul
campo, abbiamo riscontrato una necessit di sempre maggiore
preparazione del personale. Ci conseguenza dellevoluzione del
servizio in oggetto, dellutilizzo di attrezzature innovative e sofisticate,
del rigoroso rispetto delle normative ambientali e in materia di
sicurezza sui luoghi di lavoro (D. Lgs. 626/94). Lerogazione di un
buon

servizio

di

gestione

dei

Rifiuti

non

pu

prescindere

dall'addestramento e dalla formazione delle risorse umane, sia a livello


di direzionale che a livello operativo.

Il nostro programma di formazione e di addestramento si articola nelle


seguenti fasi:
1) Training iniziale avente come obiettivo conferire conoscenze e
skill specifici riguardo la movimentazione e il conferimento dei
Rifiuti fino alla discarica e agli impianti di smaltimento, la
sanitizzazione degli automezzi, la segnalazione di eventuali
manutenzioni

straordinarie

e/o

sostituzioni

del

mezzo

di

trasporto;
2) Simulazioni

pratiche

di

emergenza

(es.

rischio

di

contaminazione ambientale, rischi alla salute degli operatori,


Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

ecc.), aventi come obiettivo la formazione dei nostri operatori a


risolvere situazioni particolari che richiedano una preparazione
specifica.
3) Programmi

di

Formazione

continua

corsi

formativi

divulgativi volti alla conoscenza e al rispetto delle normative,


allacquisizione di conoscenze specifiche in materia di controllo
del processo e al raggiungimento di obiettivi di efficienza ed
efficacia del servizio offerto
4) La Sensibilizzazione alla corretta mentalit della Qualit e
l'Addestramento alle discipline specifiche della Qualit.
Per quanto riguarda la formazione didattica, possiamo usufruire di
numerosi professionisti che hanno tenuto e terranno incontri e
seminari alla presenza di tutti gli operatori con l'ausilio di audiovisivi e
dispense dettagliate.

Definizione dellesigenza formativa del personale di commessa.


Allinterno dellorganigramma di commessa le risorse umane vengono
suddivise in clusters con esigenze formative omogenee. In particolare
vengono individuati 3 gruppi, come illustrato nella seguente tabella:

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

GRUPPO

PERSONALE
Direttore di filiale Responsabile di commessa

1
Referenti coordinatori del servizio
Operatori a terra, addetti alla raccolta e alla
2

movimentazione dei rifiuti, addetti allo spezzamento


stradale

Autisti addetti al carico e al trasporto dei rifiuti

Per tutti i raggruppamenti sopra identificati definita la seguente


offerta formativa, secondo i temi formativi elencati nella tabella
riportata appresso:

TEMI LIVELLO
GRUPPO

DIRETTIVO -

TEMI LIVELLO OPERATIVO


- FORMATIVO

INFORMATIVO
1

F1

F2

F2

B+C

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

LIVELLO DIRETTIVO INFORMATIVO


TEMA

MONTE
PROGRAMMA

FORMATIVO

ORE
Illustrazione

approfondita

normativa

ambientale in vigore;
Organizzazione dei sistemi di controllo ed
F1

autocontrollo;
Gestione

19

dei

sistemi

di

tracciabilit

amministrativa;
Gestione dei sistemi informativi aziendali

F2

Illustrazione della normativa ambientale in


vigore;

LIVELLO OPERATIVO FORMATIVO


TEMA
FORMATIVO

MONTE
PROGRAMMA
ORE
Studio approfondito delle specifiche tecniche

ed operative del capitolato di commessa;

18

Organizzazione delle risorse umane;

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

LIVELLO OPERATIVO FORMATIVO


TEMA

MONTE
PROGRAMMA

FORMATIVO

ORE
Implementazione

delle

procedure

per

la

gestione della sicurezza;


Risoluzione delle situazioni di emergenza
operativa.
Sicurezza e prevenzione dei rischi specifici;

Illustrazione di quanto previsto dal capitolato


di commessa;

10

Mantenimento igienico delle attrezzature.


Trasporto

su

strada

utilizzo

delle

attrezzature specifiche;
Illustrazione di quanto previsto dal capitolato
C

speciale;

15

Attuazione del documento di valutazione dei


rischi specifici;
Risoluzione dei casi di emergenza.

Annualmente verranno effettuati ulteriori corsi di aggiornamento di 16


Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

ore.
A ciascun operatore sar data la possibilit di partecipare al corso la
cui frequenza sar obbligatoria.
Al termine di ciascun modulo sar sostenuta una prova attitudinale e
quindi verr rilasciata una scheda di valutazione dalla quale risulter il
grado di apprendimento dei contenuti esposti.
Al termine del corso verr sottoposto un test riepilogativo e verr
formulata la valutazione globale di ogni singolo operatore addetto al
servizio.

Pagina 6
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
9) Proposta relativa al piano di formazione del personale

2011
Settembre
COMUNE DI GINOSA
Provincia di Taranto

PROCEDURA APERTA PER LAPPALTO DEL


SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE PER LA
RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI,
SPAZZAMENTO VIARIO E SERVIZI
ACCESSORI

10) Servizi aggiuntivi proposti

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

10) Servizi aggiuntivi proposti


La nostra Societ effettuer un servizio
specifico (su chiamata degli Organi di
controllo di codesta Amministrazione)
con frequenza massima bisettimanale
di raccolta delle deiezioni canine sul
territorio

comunale

mediante

un

apposito motociclo dotato di sistema


di igienizzazione ed aspirazione.
Il mezzo dotato di un sistema che dopo
aver aspirato il rifiuto dal suolo pubblico,
irrora larea con una soluzione disinfettante
e deodorante. Lalta mobilit, derivante
dallessere

montato

bordo

di

un

motociclo, garantisce un rapido ed efficace


intervento.
In aggiunta la nostra Societ effettuer la
fornitura di nr. 3 contenitori muniti di
dispenser di sacchetti e paletta per la raccolta di deiezioni canine.
Lonere per lacquisto dei sacchetti, invece, sar a carico dellutenza
con modalit e costi concordati con codesta Amministrazione.

Pagina 1
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
10) Servizi aggiuntivi proposti

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

La nostra Societ, come gi illustrato nei capitoli precedenti, da tempo


adotta metodologie innovative nellambito della propria attivit sul
territorio.
Tutti i mezzi sono dotati di sistema di localizzazione satellitare con
rappresentazione web-based della posizione in tempo reale (su
interrogazione) e dei percorsi effettuati (ivi compresi lo stato di alcuni
parametri di controllo legati alla sicurezza e/o alloperativit specifica.

Come illustrato nel dettaglio, il nostro progetto prevede laumento


delle frequenze di intervento di raccolta differenziata porta a
porta su tutte le utenze non domestiche, passando da settimanali
a bisettimanali (compreso anche la raccolta del vetro).
Durante

il

periodo

estivo,

abbiamo

previsto

un

intervento

domenicale per la raccolta RSU nelle aree ritenute pi a rischio (ad


esempio le aree di Ginosa Marina ed il Centro Storico)

Durante il periodo estivo e solo per le utenze non domestiche


(ristoranti, bar e locali notturni) posizionate nellarea di Ginosa Marina,
il nostro progetto prevede quale ulteriore aggiunta e/o miglioria un
servizio notturno di ritiro dei rifiuti in forma differenziata
direttamente presso tali esercizi. Il servizio, concordato con le
Associazioni di Categoria, verr effettuato al termine della loro attivit

Pagina 2
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
10) Servizi aggiuntivi proposti

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

al fine di garantire una presenza di rifiuti sul territorio la minore


possibile.

Il nostro progetto prevede, in aggiunta a quanto gi illustrato nelle


cartelle specifiche, un servizio di pronto intervento ecologico
estivo (durante il periodo intercorrente tra giugno e settembre
compresi) effettuato con limpiego di nr. 1 unit operativa (dotata di
apposito automezzo che verr definito di volta in volta in funzione delle
effettive esigenze che si manifesteranno.
Larea di intervento sar quella di Ginosa Marina e preveder un
presidio specifico del territorio in oggetto dalle ore 18,00 alle ore
24,00.

Il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti prevede il ritiro del


materiale previa prenotazione telefonica direttamente a piano strada.
Sar compito dellutente provvedere al suo posizionamento nelle aree
immediatamente adiacenti allo stabile in luoghi facilmente accessibili ai
nostri mezzi ed ai nostri operatori.
Nel caso di utenze svantaggiate (anziani over 70 e/o disabili),
previa comunicazione allatto della prenotazione, il servizio potr
essere svolto con ritiro direttamente al piano dellutenza interessata
(quindi direttamente presso labitazione in oggetto).

Pagina 3
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
10) Servizi aggiuntivi proposti

Comune di GINOSA (TA)


Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Settembre 2011

Per il raggiungimento di elevate percentuali di raccolta differenziata


che si prefigge di raggiungere con il presente progetto offerta, si rende
assolutamente necessario captare i rifiuti distinti per tipologia anche
dai frequentatori delle spiagge.
Per questa ragione l'esperienza della nostra Societ ritiene opportuno
procedere

alla

fornitura

aggiuntiva

di

nuovi

punti

di

raccolta

multimateriale direttamente sulla spiaggia.


In pratica su un palo della lunghezza di circa 2 m verranno applicati n
4 contenitori da 70/100 litri circa per la raccolta della carta, della
plastica e barattolame, del vetro e del secco, come nell'immagine
sottostante.
Verranno posizionati nr. 60 di queste micro-isole negli arenili del
Comune di Ginosa.

Pagina 4
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
10) Servizi aggiuntivi proposti

Comune di GINOSA (TA)


Settembre 2011

Servizi di Igiene Urbana e Complementari

Pagina 5
TeknoService s.r.l. Piossasco (TO)
10) Servizi aggiuntivi proposti