Sei sulla pagina 1di 134

Gestione dei Processi Logistico Produttivi

I SISTEMI DI TRASPORTO DELLE MERCI

Prof. Fabrizio Dallari

Direttore C-log
Università C. Cattaneo LIUC

Centro
di Ricerca
I sistemi di trasporto delle merci sulla Logistica 1
INDICE

 Concetti generali del trasporto merci

 Le caratteristiche della domanda di trasporto

 Aspetti tecnici, economici ed organizzativi dell’offerta

 Le caratteristiche dell’autotrasporto

 Altre modalità di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 2


TRASPORTO DELLE MERCI

IL TRASPORTO DELLE MERCI PUÒ ESSERE DESCRITTO COME :

 insieme dei SERVIZI DI TRASFERIMENTO di una determinata tipologia


di merce, in una data quantità, da un’origine ad una destinazione, in un
lasso di tempo predefinito

 mediante diverse MODALITÀ DI TRASPORTO (strada, ferrovia, mare,


aereo, condotte, vie navigabili, intermodale)

 con l’impiego di VEICOLI o UNITÀ DI CARICO specializzati per


merceologia e per tipologia di servizio (cassa mobile, container,
cisterna, furgone, autotreno, …)

 attraverso l’uso di INFRASTRUTTURE di trasporto (strade, ferrovie,


ponti, porti, piattaforme logistiche, …)
I sistemi di trasporto delle merci 3
TRASPORTO DELLE MERCI

Il trasporto ha funzione di connessione tra i nodi della rete logistica (fonti di


approvvigionamento, siti produttivi, depositi, transit point, punti vendita)

I sistemi di trasporto delle merci 4


TRASPORTO DELLE MERCI

Centro
I sistemi di trasporto sono collegati
distributivo
ai sistemi di stoccaggio, di
smistamento e di
movimentazione
dei materiali

Terminal
marittimo

I sistemi di trasporto delle merci 5


I CONCETTI GENERALI

 nodo: un generico punto di arrivo/partenza dei flussi di merci. Può essere un magazzino, un
terminal, un Ce.Di. della GDO, ecc.
 hub: luogo di raccolta, distribuzione, smistamento, transhipment di merci con O/D da/verso una
certa area. Il termine origina da una modalità organizzativa tipica del trasporto aereo chiamata hub
& spoke
 gateway: luogo caratterizzato da un significativo grado d’infrastrutturazione plurimodale che offre
accessibilità a flussi rilevanti di merci (e passeggeri). Può essere punto di O/D, quanto di transito dei
flussi in uscita/entrata da/per una certa area geografica
 Terminal: luogo dove si effettua un cambio di modalità come ad esempio porti marittimi e fluviali,
interporti, aeroporti, piattaforme logistiche),

gateway

I sistemi di trasporto delle merci 6


TRASPORTO DELLE MERCI

Source: ELA - AT Kearney Logistics Survey 2009

I sistemi di trasporto delle merci 7


TRASPORTO DELLE MERCI

UNITÀ DI MISURA

1. TONNELLATE [t] : esprime il volume trasportato

2. TONNELLATE x CHILOMETRO [t x km] : esprime il volume


di traffico ovvero il lavoro compiuto (L=F x S)
⇒ es: 100 t x km = (1 t ) x (100 km)= (100 t) x (1 km)

3. VALORE [euro] : fornisce un’indicazione economica sul costo


del servizio di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 8


IL PROFILO QUANTITATIVO

I sistemi di trasporto delle merci 9


TRASPORTO DELLE MERCI

MODELLO CONCETTUALE

Attori Decisioni/attività
Accettazione ordine di trasporto
Mittente / Destinatario
Definizione prezzi, prestazioni e
condizioni di resa

Spedizionere Organizzazione/programmazione
(dispatcher) dei trasporti (Vehicle scheduling,
routing, Fleet Management)

Esecuzione e controllo del


Autista e veicolo trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 10


TRASPORTO DELLE MERCI

CRITERI DI SEGMENTAZIONE DEL SETTORE

VARIABILI DELLA DOMANDA VARIABILI DELL’OFFERTA

- caratteristiche delle merci - modalità di trasporto


(voluminose, pericolose, deperibili…) (strada, ferrovia, …)
- fattori di servizio / condizioni di resa - mezzo di trasporto / tipo UdC
(puntualità, franco fabbrica, …) (autotreno, container, …)
- caratteristiche del carico / spedizione - titolarità del mezzo di trasporto
(quantità, frequenza, collettame, ...) (conto proprio, conto terzi)
- distanze e caratteristiche delle - tipologie di operatori
relazioni “origine-destinazione” (trasportatori, spedizionieri, corrieri)
(trasp. primario, consegna locale,...)

I sistemi di trasporto delle merci 11


INDICE

 Concetti generali del trasporto merci

 Le caratteristiche della domanda di trasporto

 Aspetti tecnici, economici ed organizzativi dell’offerta

 Le caratteristiche dell’autotrasporto

 Altre modalità di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 12


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TIPOLOGIA MERCEOLOGICA

- DENSITÀ : se peso specifico < 250−300 kg/m3 ⇒ merce “voluminosa”


se peso specifico > 250−300 kg/m3 ⇒ merce “densa”

- DEPERIBILITÀ : prodotti freschi (da 0 a 4°C), surgelati (da -20 a -30°C ) ⇒ ATP

- STATO : solidi, liquidi, gas, polverulenti (es. sabbie, ...)

- VALORE : densità di valore della merce (euro/kg, euro/m3)

- IMBALLAGGIO : merce sfusa, su pallet, in colli, capi appesi, …

- PERICOLOSITÀ : materiale infiammabile, esplosivo, tossico, … ⇒ ADR, RID

Condizionano la modalità ed il mezzo di trasporto


nonché la tariffa applicata
I sistemi di trasporto delle merci 13
VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

SEMIRIMORCHIO 13.60 CON CARICO


PALLETTIZZATO
(33 pallet a terra, 280 q, 80 m3)

Densità ottimale: 280 q / 80 m3 = 350 kg/m3

1. 2.

Se densità > 350 kg/m3 Se densità < 350 kg/m3 Saturazione =


PALLET terra
33 basi pallet
Saturazione = Saturazione =
peso lordo viaggio volume viaggio
280q 80 m3

I sistemi di trasporto delle merci 14


Case History : analisi densità nel corso dell’anno (settore cioccolato)

La densità di consegna è pari :


• 100kg/m3 nel periodo pasquale (uova),
• 200 kg/m3 nel periodo natalizio (boule)
• 300 kg/m3 nel periodo estivo (tavolette).
I sistemi di trasporto delle merci 15
VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO
FATTORI DI SERVIZIO

- RAPIDITÀ DELLE CONSEGNE : tempi di resa variabili da 24-48 ore per


i corrieri espressi a settimane per il trasporto marittimo

- PUNTUALITÀ / AFFIDABILITÀ : nella logistica di tipo “time definite” ciò che


importa è il rispetto delle finestre di consegna “time window”

- REGOLARITÀ DEL SERVIZIO : frequenza giornaliera, settimanale, giorni fissi

- TRACCIABILITÀ : tracking delle merci (“posizione”) ⇒ GPS


tracing delle spedizioni (“percorso”)

- SICUREZZA : rischi di danneggiamenti / perdite (L.450/85)

- CONTROLLO : mantenimento della catena del freddo / localizzazione

- GESTIONE EMERGENZE / ECCEZIONI

I sistemi di trasporto delle merci 16


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

 TEMPI DI EVASIONE DELL'ORDINE : se il ciclo ordine-consegna è molto stretto, servono


magazzini vicino al mercato oppure trasporti più veloci. Se i tempi possono essere laschi
(es. entro una settimana) e le consegne abbastanza grandi, si possono accorpare 2-5
consegne e inviare un mezzo completo che fa più fermate direttamente ai punti di
consegna (multi-drop).

Transit Point PdC PdC


PdC
(no stock)

Fabbrica /
Fornitore PdC

Deposito Centrale Dep. Periferico PdC


(stock) (stock)
I sistemi di trasporto delle merci 17
Case History : variabilità del LT con la dimensione degli ordini

 Per quanto riguarda il livello di servizio offerto dall’operatore logistico (xx) esiste una griglia
che definisce le tempistiche di resa delle consegne a partire dal magazzino di Verona
 All’aumentare della soglia di peso, aumenta la probabilità di un viaggio «diretto» cui
corrisponde una diminuzione del lead time (ancorché la scelta dell’itinerario dipende
anche dalle altre partite che riesce ad aggregare sullo stesso viaggio)

Sino a 1000 kg 64% Sino a 2000 kg 14% Sino a 3000 kg 8% Oltre 3000 kg 14%
LT=3,8 gg viaggi LT=3,3 gg viaggi LT=2,5 gg viaggi LT=2,2 gg viaggi

I sistemi di trasporto delle merci 18


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI

 Le INCOTERMS 2010 (INternational


COmmercial TERMS) sono delle regole
internazionali per l'interpretazione dei
termini di consegna delle merci fissati
dalla Camera di Commercio Internazionale

 Le INCOTERMS definiscono 11 clausole contrattuali di resa delle


merci, secondo le quali l’esportatore nell’indicare il prezzo dei
prodotti deve dichiarare anche la ripartizione dei costi e dei rischi
per il trasporto internazionale fra il venditore (seller) e il compratore
(buyer)
I sistemi di trasporto delle merci 19
VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI


 La clausola contrattuale di resa definisce univocamente il momento / il luogo
in cui avviene il passaggio di responsabilità sul costo del trasporto e sul rischio
connesso a eventuali perdite/avarie della merce spedita dal venditore
esportatore all’acquirente importatore

 Definita la clausola di resa, sono altresì definiti quali costi (trasporto, carico-
scarico, sdoganamento, assicurazione, oneri di importazione/ esportazione)
sono a carico del venditore e quali sono a carico dell’acquirente

Venditore Compratore
I sistemi di trasporto delle merci 20
CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI Incoterms 2010

EXW

I sistemi di trasporto delle merci 21


CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI Incoterms

EXW (EX Works) - Franco fabbrica

La merce è a disposizione dell’acquirente presso lo stabilimento del venditore.


Tutti gli oneri sono a carico dell’acquirente, compreso il caricamento della
merce presso i locali del venditore

Passaggio di “possesso” dal


venditore esportatore
all’acquirente importatore

POLONIA ITALIA

Stabilimento Magazzino
di Varsavia di Verona

Venditore Compratore

I sistemi di trasporto delle merci 22


CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI Incoterms

FCA (Free CArrier) – franco vettore (terrestre, aereo),


Il trasferimento delle spese e dei rischi dal venditore all’acquirente avviene al momento
della consegna della merce al vettore (la fase di caricamento è a carico del venditore).

FAS (Free Alongside Ship) – franco sottobordo nave (porto di imbarco)


Il venditore deve consegnare la merce sottobordo della nave sulla banchina del porto
d’imbarco convenuto, assumendosi anche gli oneri di sdoganamento.

FOB (Free On Board) – franco a bordo (porto di imbarco)


Il venditore deve curare che la merce sia messa a bordo della nave nel porto d’imbarco
convenuto. Le spese e i rischi si trasferiscono al compratore al momento del passaggio
della merce oltre la murata della nave.

POLONIA ITALIA

Stabilimento Magazzino
di Varsavia di Verona

I sistemi di trasporto delle merci 23


CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI Incoterms

CFR (Cost and FReight) - Costo e nolo


Sono a carico del venditore tutte le spese necessarie per il trasporto della merce (nolo
marittimo) fino al porto di destinazione convenuto.

CIF (Cost Insurance and Freight) – Costo, assicurazione e nolo


Come la clausola CFR, in più il venditore deve stipulare un contratto di assicurazione.

CPT (Carriage Paid To) - Trasporto pagato fino a


Analogo al CFR applicato alle altre modalità di trasporto

CIP (Carriage and Insurance Paid to) - Trasporto e assicurazione pagati fino a
Analogo al CIF applicato alle altre modalità di trasporto

POLONIA ITALIA

Stabilimento Magazzino
di Varsavia di Verona

I sistemi di trasporto delle merci 24


CONDIZIONI DI RESA DELLE MERCI Incoterms

DAT (Delivered At Terminal) – reso franco destino al terminal


Tutte le spese e i rischi sono a carico del venditore fino alla consegna presso il terminal
intermodale (o porto o aeroporto) nel paese di destinazione

DAP/DDP (Delivered At Place) – reso franco destino presso il destinatario


Tutte le spese di trasporto e i rischi sono a carico del venditore fino alla consegna
presso la sede dell’acquirente, compresi gli oneri di sdoganamento (x DDP) o esclusi
per il DAP.

POLONIA ITALIA

Stabilimento Magazzino
di Varsavia di Verona

I sistemi di trasporto delle merci 25


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TIPOLOGIA DEI FLUSSI LOGISTICI

 quantitativo minimo/medio per spedizione (⇒ lotto economico)


 frequenza delle spedizioni (⇒ intervallo di riordino)

1. Rifornimento settimanale 2. Rifornimento giornaliero

Q = 2.500 kg
Q = 500 kg

5gg 1g

I sistemi di trasporto delle merci 26


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TIPOLOGIA DELLE SPEDIZIONI

1. CARICO COMPLETO (FTL):


- FTL : Full Truck Load
- grandi lotti di spedizione
- da un’origine a una destinazione
(trazione primaria)
- saturazione del mezzo a peso /volume

2. TRASPORTO A COLLETTAME (LTL):


- LTL : Less than Truck Load
- carico tendenzialmente non completo
- più punti di carico e/o di scarico
- piccoli lotti di spedizione (<500 kg)
I sistemi di trasporto delle merci 27
VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TIPOLOGIA DEI CARICHI

se il container viene caricato dal se il container viene caricato


mittente presso il punto di partenza da uno spedizioniere con le
ovvero contiene solo la sua merce partite di più mittenti presso un
destinata ad uno o più clienti suo punto di consolidamento

FCL (Full Container Load) LCL (Less than Container Load)


I sistemi di trasporto delle merci 28
VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TRASPORTO PRIMARIO

 SI RIFERISCE A TRAFFICI IN-BOUND SU TRATTE DI LUNGA PERCORRENZA :


- magazzino di fabbrica → deposito centrale
- deposito centrale → deposito periferico → transit point
- magazzino fornitori → stabilimento di produzione

 I MEZZI VIAGGIANO A CARICO COMPLETO (saturazione in peso/ a volume)

 I TEMPI DI VIAGGIO SONO RILEVANTI RISPETTO AI TEMPI FISSI


(carico/scarico, controlli, attese, ... )

Deposito di Deposito
fabbrica periferico
TRASPORTO PRIMARIO

I sistemi di trasporto delle merci 29


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TRASPORTO SECONDARIO

 SI RIFERISCE ALLA FASE DI DISTRIBUZIONE LOCALE (OUT-BOUND) IN


AREE URBANE O IN AREE GEOGRAFICHE CIRCOSCRITTE :
- deposito centrale → punti vendita a libero servizio (GD & DO)
- deposito periferico / transit point → punti vendita tradizionali

 I MEZZI EFFETTUANO PIÙ FERMATE DURANTE UN SOLO VIAGGIO

 I TEMPI FISSI DEL GIRO DI CONSEGNA (carico/scarico, controlli, ...) SONO


CONFRONTABILI AI TEMPI VARIABILI DI VIAGGIO (A+R)

PV4
Deposito PV5 Zona di
periferico consegna
PV1 PV3
PV2

I sistemi di trasporto delle merci 30


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO
Punto A Punto B
FULL TRUCK LOAD
(FTL)

Zona A Zona B
PART-LOAD
(LTL)

Area A Area B

PARCEL / GROUPAGE

Hub Origine
(LTL)
consolidamento Hub Destinazione
deconsolidamento

I sistemi di trasporto delle merci 31


MODELLO OPERATIVO DEI CORRIERI

FASI PRINCIPALI DEL TRASPORTO A COLLETTAME

3.
1. TRASPORTO DI LINEA 5.
RACCOLTA “trazione primaria” DISTRIBUZIONE
“presa” “consegna”

Hub

Filiale di Filiale di
partenza arrivo
Mittenti Destinatari
2. 4.
CONSOLIDAMENTO SMISTAMENTO

< 18:00 20:00 / 24:00 4:00 / 6:00 > 6:00

I sistemi di trasporto delle merci 32


MODELLO OPERATIVO DEI CORRIERI

FILIALE DI PARTENZA
Entrata mezzi da Uscita mezzi per
giri di raccolta trasporto di linea

RM

TO

PC
( MI )
BO

NA

VA
consolidamento
I sistemi di trasporto delle merci 33
MODELLO OPERATIVO DEI CORRIERI

FILIALE DI ARRIVO
Entrata mezzi da Uscita mezzi per
trasporto di linea giri di consegna

MI Zona 1

TO Zona 2

NA Zona 3
( BO )
PC Zona 4

FI Zona 5

PD Zona 6
smistamento
I sistemi di trasporto delle merci 34
ESEMPIO DI TRANSIT POINT «RIBALTA»

Layout «passante»
IN OUT

I sistemi di trasporto delle merci 35


VARIABILI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO

TIPOLOGIA DELLE RELAZIONI “O-D” (origine-destinazione)

 PERCORSO : lunghezza (km), Varese


Milano

durata (ore), costo (euro)


Ankara
Izmir
 PRESENZA DI SCAMBI
MODALI / PUNTI DI
TRANSITO OBBLIGATORI Gioia Tauro

 CARATTERISTICHE
GEOGRAFICHE / FISICHE
DELLE RELAZIONI “O-D”

 CRITERI DI SCELTA : percorso più breve, più rapido, più economico

I sistemi di trasporto delle merci 36


IL TRASPORTO INTERNAZIONALE E I VALICHI

I sistemi di trasporto delle merci 37


IL TRASPORTO INTERNAZIONALE DAL FAR EAST ALL’EUROPA

I sistemi di trasporto delle merci 38


IL TRASPORTO INTERNAZIONALE DEI FORNI A MICRONDE

Varese

Genoa 1
Gioia Tauro

Dubai Chiwan
Shunde

Singapore

Shunde Chiwan Genova Varese (IT)

I sistemi di trasporto delle merci 39


IL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI UN i-PAD

I sistemi di trasporto delle merci 40


INDICE

 Concetti generali del trasporto merci

 Le caratteristiche della domanda di trasporto

 Aspetti tecnici, economici ed organizzativi dell’offerta

 Le caratteristiche dell’autotrasporto

 Altre modalità di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 41


VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO
MODALITÀ DI TRASPORTO

STRADA È la modalità di trasporto prevalente sulle brevi e medie distanze.


(gomma) Particolarmente rilevante nelle PMI. E’ considerata il modo più
flessibile e rapido per effettuare consegne door-to-door

FERROVIA Viene utilizzato per trasporti di lunga percorrenza su tratte


(rotaia) continentali (abbinato al TCSR) ovvero per la movimentazione di
merci rinfuse e di materiali molto densi (metallurgia, edilizia, …).

MARE E’ la seconda modalità di trasporto (in termini valore). Sta


(acqua) crescendo di pari passo allo sviluppo del traffico containerizzato
nei collegamenti intercontinentali. In crescita anche il cabotaggio.

AEREO E’ la modalità di trasporto più costosa. Viene utilizzata per i trasporti


(aria) celeri (express couriers) e per manufatti ad alto valore unitario.
Prospettive di crescita sostenute (e-commerce, )

I sistemi di trasporto delle merci 42


VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO

MEZZO DI TRASPORTO

STRADA furgone, autocarro (motrice isolata), autotreno (motrice +


(gomma) rimorchio), autoarticolato (trattore + semirimorchio), ...

FERROVIA carri coperti, a tetto apribile, refrigeranti, cisterne,


(rotaia) tramoggie, pianali (standard, ribassati, a tasca fissa)...

MARE navi rinfuse liquide e solide (petroliere, gasiere, minerarie),


(acqua) navi portacontainer, navi traghetto (“roll-on roll-off”) ...

AEREO all cargo, wide body, narrow body


(aria)

I sistemi di trasporto delle merci 43


VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO

MODALITÀ / MEZZO DI TRASPORTO

Autoarticolato 1/2

Aereo 20

Treno 60

Nave > 10.000


Capacità di trasporto
a viaggio espressa in numero di TEU
I sistemi di trasporto delle merci 44
VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO
TITOLARITÀ DEL MEZZO DI TRASPORTO

CONTO PROPRIO CONTO TERZI


- la merce trasportata è di proprietà - attività imprenditoriale per la
dell’azienda (manifatturiera, prestazione di servizi di trasporto
commerciale) che effettua il trasporto
- la merce trasportata non è di proprietà
- i mezzi sono di proprietà dell’azienda e dell’azienda che effettua il trasporto
gli autisti sono dipendenti dell’azienda
- l’autista è proprietario del veicolo
proprietaria della merce
(padroncino) o dipendente dell’azienda
- il trasporto rappresenta un’attività di trasporto (macchinista)
complementare (non prevalente)
- è diffusa prevalentemente nei trasporti di
- è diffusa principalmente nei trasporti lunga percorrenza
stradali di breve distanza

I sistemi di trasporto delle merci 45


VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO

OPERATORI DI TRASPORTO

 AUTOTRASPORTATORI vezione con veicoli propri (padroncini,


aziende di trasporto) a collettame o a carico
completo
 SPEDIZIONIERI e M.T.O. organizzazione del trasporto, in genere su
(Multimodal Transport Operator) relazioni internazionali, con diversi mezzi di
proprietà o di terzi

 CORRIERI E trasporto a collettame per spedizioni di piccole


EXPRESS COURIERS dimensioni (colli <20kg; spedizione < 100kg)
su relazioni fisse (hub & spoke)

 OPERATORI LOGISTICI servizio di trasporto e logistici (stoccaggio,


(LSP - Logistics Service Provider) movimentazione, picking, packaging, …)

I sistemi di trasporto delle merci 46


Gli attori della catena del trasporto
Sulla base della tipologia di servizio offerto e dell’area geografica servita è possibile individuare 4 aree di
business, su cui insistono diversi player, ognuno con una sua specializzazione prevalente.

I sistemi di trasporto delle merci 47


VARIABILI DELL’OFFERTA DI TRASPORTO

OPERATORI DI TRASPORTO

 AUTOTRASPORTATORI Elia, Gavio, Fercam, Arcese, Transmec,


Bertoni, CAB

DHL, Saimavandero, Kuehne&Nagel, Frans-


 SPEDIZIONIERI e M.T.O.
Mas, JAS, Italsempione, Savino del Bene,
(Multimodal Transport Operator)
Schenker

 CORRIERI E Bartolini, Artoni, Cavalieri, Barsanti, SDA,


EXPRESS COURIERS UPS, FedEx, TNT Express, DHL Express

 OPERATORI LOGISTICI Ceva Logistics, DHL-Excel, Fiege, Number 1,


(LSP - Logistics Service Provider) Geodis, Bertola Servizi Logistici

I sistemi di trasporto delle merci 48


L’architetto dei trasporti e le relazioni nella filiera del trasporto
IMPRESE DI
SPEDIZIONE

Parcel, Groupage/LTL, FTL


AUTOTRASPORTATORI
BROKER ASSICURATIVO
CORRIERI
valichi

DOGANALISTA/CAD
UTI, Casse

OPER. COMBINATO

DESTINATARIO
MITTENTE

MAGAZZINI DOGANALI
IMPRESE FERROVIARIE
terminal

ULD, Pallet
HANDLING AGENT

VETTORI AEREI
aeroporti

LCL FCL, Break Bulk

TERMINALISTI

relazioni CONSOLIDATORI AGENZIE E COMPAGNIE


merce (NVOCC) MARITTIME porti

I sistemi di trasporto delle merci 49


LA CATENA DI INTERMEDIAZIONE

175.000 veicoli 64% 110.000


(p.t.t. > 3,5 ton)
PADRONCINI AUTOTRASPORTATORI

16% 29.000
CORRIERI

5% 9.000
SPEDIZIONIERI

15% 27.000
PROPRIETARI DI MERCI

I sistemi di trasporto delle merci 50


INDICE

 Concetti generali del trasporto merci

 Le caratteristiche della domanda di trasporto

 Aspetti tecnici, economici ed organizzativi dell’offerta

 Le caratteristiche dell’autotrasporto

 Altre modalità di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 51


TRASPORTO DELLE MERCI SU STRADA

RISORSE DELL’AUTOTRASPORTO (ITALIA)

 N° imprese : ca.110.000

 Parco veicoli : 3,8 milioni di veicoli, di cui 438mila in c/t e 3,4 milioni in
c/p; 3,2 milioni con peso totale a terra (ptt) <3,5 t,
400mila con ptt>3,5 t, 182mila autotreni, 144mila motrici

 Addetti : 354.000 dipendenti o imprenditori (padroncini)


68% (<3 addetti), 6 % (>15 addetti)

 Percorrenza : 70.000 km/anno in media per ogni automezzo.

I sistemi di trasporto delle merci 52


TRASPORTO DELLE MERCI SU STRADA
RISORSE DELL’AUTOTRASPORTO (ITALIA)

In Italia sono registrate all’Albo Nazionale


dell’Autotrasporto 142.675 imprese, di cui:
 41.367 senza veicoli
 101.308 con veicoli

I sistemi di trasporto delle merci 53


TRASPORTO DELLE MERCI SU STRADA
 Fino a poco tempo fa gli autisti erano soggetti a controlli poco severi. Oggi sono presenti vincoli
molto forti sui tempi di guida (sia consecutivi sia per settimana)
 Introduzione del tachigrafo digitale. La nuova normativa si rivolge a tutti i soggetti che svolgono
attività di trasporto e che rientrino nei seguenti requisiti:
• guidino veicoli che superano le 3,5 tonnellate
• operino sul territorio di uno Stato membro dell’Unione Europea;
• effettuino trasporti nazionali o internazionali;

I sistemi di trasporto delle merci 54


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

TIPOLOGIA DI VEICOLI

SERVIZIO DI TRASPORTO :
- distribuzione e raccolta in ambito urbano, attività di consegna locale
(fino a 6 t di p.t.t., elevata manovrabilità, ingombro ridotto)
- trasporto di linea o primario
(su medie-lunghe distanze >50km, elevate portate in peso e/o in volume)

ALLESTIMENTO :
- funzione della densità delle merci
(cassonato, furgonato, gran volume, …)
- funzione delle specifiche merceologiche
es. deperibili (refrigerati), liquidi (cisternati), autovetture (bisarche),...

I sistemi di trasporto delle merci 55


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

VEICOLI COMMERCIALI
p.t.t. ≤ 3,5 t - derivati da autovetture

distribuzione in ambito - minivan/monovolume


urbano (elevata manovra-
2 assi
bilità, ingombro ridotto)
- furgoni

VEICOLI INDUSTRIALI
- autocarri 2÷4 assi
p.t.t. > 3,5 t

trasporto primario o
consegne carico completo - autotreni
(medio-lunghe distanze, 4÷6 assi
elevate portate in peso / in
volume)
- autoarticolati

I sistemi di trasporto delle merci 56


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

VEICOLI COMMERCIALI

Derivati Minivan Furgone


portata 300 - 500 kg 700 - 800 kg 1200 - 1800 kg
volume 1,2 – 3,2 m3 3,5 – 4,5 m3 8 - 12 m3
prezzo 12.000 € 20.000 € 25-30.000 €

I sistemi di trasporto delle merci 57


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

FURGONE

I sistemi di trasporto delle merci 58


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

AUTOCARRO (motrice isolata)

p.t.t. 18 t (2 assi)
26 t (3 assi) ≤ 12 m
32 t (4 assi)

portata 7/8 t (2 assi)


14/16 t (3 assi) 12 - 18 europallet
≤4m
volume 30 - 40 m3

larghezza 2,55 m*

* Sino a 2,6 m se in regime ATP (Agreement for Transport of Perishables)

I sistemi di trasporto delle merci 59


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

AUTOTRENO : motrice (3)+ rimorchio (2)

p.t.t. 44 t (5÷6 assi) portata : 28/30 t (5÷6 assi) volume : 60 – 110 m3

≤ 18,75 m

12 - 18 europallet 12 - 18 europallet
≤4m

I sistemi di trasporto delle merci 60


VEICOLI PER L’AUTOTRASPORTO

AUTOARTICOLATO : trattore (2) + semirimorchio (3)

p.t.t. 44 t (5÷6 assi) portata : 28/30 t (5÷6 assi) volume : 80–120 m3

≤ 16,5 m

28 - 33 europallet
≤4m

T.I.R. : Transport International Routier


I sistemi di trasporto delle merci 61
PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLESTIMENTO
Cassonato (con sponde laterali) Centinato

Pianale porta-container Isotermico (ATP)

I sistemi di trasporto delle merci 62


PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLESTIMENTO
Cisternato A tramoggia - pulverulenti e granulati

Bisarca

I sistemi di trasporto delle merci 63


FISSAZIONE DEI CARICHI

Linee guida europee sulle migliori pratiche per


la fissazione del carico per il trasporto su strada
(download documento)

I sistemi di trasporto delle merci 64


TIPOLOGIA DI TRASPORTI E DI TARIFFE

1 destinatario
Completo
1-2 drop

2
Giro di consegna Milk run

mittente
3 TP
Transito (via TP)

4 Collettame Filiale Filiale

I sistemi di trasporto delle merci 65


TIPOLOGIA DI TRASPORTI E DI TARIFFE
€ ⇒ es. 300 €/viaggio per la tratta GE-MI (solo andata) con autoarticolato per il
viaggio trasporto di un container da 40 piedi

€ ⇒ es. 1,1 €/km per consegne con autocarro da 140 q


km
€ ⇒ es.1,2 €/q per navettaggio CO - VA con autoarticolato
q 0,14 €/kg per distribuzione da VR in Piemonte (fascia 1000-1500 kg)

€ ⇒ nel caso di merce con densità inferiore a 250 - 300 kg/m3


m3
€ ⇒ es. 9 €/collo (< 20kg) per consegne entro 48 ore in tutta Italia da parte di un
collo corriere espresso (escluse località disagiate)

€ ⇒ es. 200 €/gg per consegne in ambito urbano con furgone da 3,5 t
gg 350 €/gg con bilico sino a 250km, oltre 350 € + 1 € x km aggiuntivi
€ ⇒ es. € 65 per consegnare 1 pallet di 1.000 kg da provincia di MI ad una località in
pallet provincia di BO , compreso lo scarico con sponda idraulica.

I sistemi di trasporto delle merci 66


TIPOLOGIA DI TRASPORTI E DI TARIFFE

km €
2
2 € viaggio
Distribuzione
Giri di
in ambito
2 consegna viaggio 1
urbano
2
2 2

Distribuzione a
€2 2 3
collettame dal TP

gg 3 3
2 q
2 €
€ TP
consegna 2 3 3 €
tratta
m3
3 €
3

€ € Express 3 pallet
4
courier
pallet collo
I sistemi di trasporto delle merci 67
TARIFFE DI TRASPORTO Es. trasporto primario da Cremona

Regione Provincia €/bilico (33 pallet a terra) €/motrice (24 pallet a terra) delta %
€/viaggio Lombardia BG 210 184 14%
Lombardia BS 220 208 6%
Lombardia CO 301 248 21%
Lombardia CR 200 200 0%
Lombardia LC 270 240 13%
Lombardia LO 220 200 10%
Lombardia MB 233 224 4%
Lombardia MI 233 224 4%
Lombardia MN 271 248 9%
Lombardia PV 224 210 7%
Lombardia SO 397 360 10%
Lombardia VA 284 248 15%
Trentino A. A. BZ 418 366 14%
Trentino A. A. TN 362 328 10%
Veneto BL 522 456 14%
Veneto PD 338 338 0%
Veneto RO 443 384 15%
Veneto TV 436 400 9%
Veneto VE 402 368 9%
Veneto VI 300 288 4%
Veneto VR 257 248 4%

I sistemi di trasporto delle merci 68


TARIFFE DI TRASPORTO Es. distribuzione in partenza da Milano
2006 FASCE DI PESO €/VIAGGIO da
Provincie di destinazione 0 40 60 80 100 125 200 a
1 2 40 60 80 100 125 200 999 km C
TO TORINO 198,16 237,34 266,49 266,49 314,34 375,77 416,80 128
GE GENOVA 275,04 289,51 304,75 360,16 360,16 429,42 484,83 150
SO SONDRIO 239,92 266,58 296,20 296,20 350,06 417,37 471,23 155
AO AOSTA 198,16 237,34 266,49 266,49 314,34 375,77 416,80 172
RE REGGIO EMILIA 239,19 271,20 307,44 307,44 362,12 427,07 427,07 174
VR VERONA 159,53 178,64 191,38 191,38 223,32 318,98 318,98 186
MO MODENA 239,19 271,20 307,44 307,44 362,12 427,07 427,07 194
CN CUNEO 198,16 237,34 266,49 266,49 314,34 375,77 416,80 213
BO BOLOGNA 259,66 291,52 327,99 327,99 389,50 464,65 464,65 232
VI VICENZA 159,53 178,64 191,38 191,38 223,32 318,98 318,98 232
TN TRENTO 191,38 223,32 255,18 255,18 287,04 382,78 382,78 248
PD PADOVA 191,38 223,32 255,18 255,18 287,04 382,78 382,78 263
FE FERRARA 290,42 332,23 375,77 375,77 457,75 580,76 580,76 278
VE VENEZIA 191,38 223,32 255,18 255,18 287,04 382,78 382,78 297
BZ BOLZANO 223,32 242,44 306,24 306,24 350,84 414,64 414,64 303
FO FORLÌ 290,42 332,23 375,77 375,77 457,75 580,76 580,76 304
FC FORLÌ 290,42 332,23 375,77 375,77 457,75 580,76 580,76 304
RO ROVIGO 191,38 223,32 255,18 255,18 287,04 382,78 382,78 306
RA RAVENNA 290,42 332,23 375,77 375,77 457,75 580,76 580,76 309
TV TREVISO 191,38 223,32 255,18 255,18 287,04 382,78 382,78 316

I sistemi di trasporto delle merci 69


TARIFFE DI TRASPORTO Es. distribuzione in partenza da Milano

Tariffa diretta (€/viaggio) in funzione della fascia di peso per le destinazioni del Triveneto da Milano

500

TS 437 km

400
BZ, 303 km
VE, 297 km
€ / viaggio

300 VI, 232 km

200

100

0
40 80 120 160 200 240
40 q 60 q 80q 125q 217q

I sistemi di trasporto delle merci 70


TARIFFE DI TRASPORTO Es. distribuzione in partenza da Milano

2006 FASCE DI PESO €/q


0 70 120 180 220 250 da
Provincie di destinazione 70 120 180 220 250 280 a
1 2 3 4 5 6 7 8 km
MI MILANO 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 25
NO NOVARA 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 32
PV PAVIA 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 45
VC VERCELLI 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 54
LO LODI 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 57
CO COMO 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 59
VA VARESE 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 66
BG BERGAMO 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 75
LC LECCO 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 79
PC PIACENZA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 85
BI BIELLA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 88
AL ALESSANDRIA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 97
VB VERBANIA 5,17 3,90 3,04 2,21 2,06 1,87 110
CR CREMONA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 121
BS BRESCIA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 125
AT ASTI 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 128
PR PARMA 5,36 4,01 3,07 2,21 2,06 1,87 143

I sistemi di trasporto delle merci 71


TARIFFE DI TRASPORTO Es. distribuzione in partenza da Milano

Costo a viaggio equivalente per le tariffe diretta (€/q) in funzione della fascia di peso
12
2.400 Sicilia

10
1.900

1.400
€ / viaggio
€/q

900
4,46 €/q Umbria
4
Firenze

4002 Lombardia

-
31 q 70 q 120q 180q 220q 250q

Trasformando le tariffe unitarie €/q in costo di trasporto a viaggio (la tariffa è il


coefficiente angolare della retta) risulta possibile confrontare i due tipi di tariffa
I sistemi di trasporto delle merci 72
TIPOLOGIA DI TRASPORTI E DI TARIFFE
Occorre prestare particolare attenzione al punto di break even. In prossimità di tale punto, il ricorso
alla motrice (rispetto al groupage) permette di diminuire sia i costi che i tempi, e di abbassare le
probabilità di rottura della merce durante il trasporto.

In teoria costo €/kg si riduce al crescere della fascia tariffaria


I sistemi di trasporto delle merci 73
TARIFFE DI TRASPORTO Es. distribuzione in partenza da 2 hub

Tariffa distribuzione (€/kg) in funzione della fascia di peso a partire da due magazzini (Nord e Sud) con
minimo tassabile 100 kg e massimo tassabile

tariffa
Fasce di peso 0-100 100-250 250-500 500-1000 1000-1500 1500-2000 2000-3000 3000-4000 4000-5000 > 5000 Max tassabile
€/kg
Regioni €/sped €/kg €/kg €/kg €/kg €/kg €/kg €/kg €/kg €/kg €/viaggio
VALLE D'AOSTA € 11,35 € 0,20 € 0,18 € 0,18 € 0,17 € 0,17 € 0,16 € 0,14 € 0,15 € 0,15 € 510,72
PIEMONTE € 15,00 € 0,21 € 0,19 € 0,16 € 0,14 € 0,11 € 0,09 € 0,07 € 0,07 € 0,05 € 360,56
LOMBARDIA € 16,40 € 0,20 € 0,17 € 0,14 € 0,11 € 0,08 € 0,06 € 0,05 € 0,04 € 0,03 € 245,23
LIGURIA € 14,81 € 0,24 € 0,22 € 0,20 € 0,17 € 0,14 € 0,11 € 0,09 € 0,07 € 0,06 € 426,15
VENETO € 10,71 € 0,17 € 0,15 € 0,14 € 0,10 € 0,07 € 0,06 € 0,05 € 0,04 € 0,03 € 193,45
TRENTINO ALTO ADIGE € 10,71 € 0,15 € 0,13 € 0,13 € 0,13 € 0,11 € 0,09 € 0,07 € 0,06 € 0,04 € 255,13
da Verona

FRIULI VENEZIA GIULIA € 13,91 € 0,21 € 0,19 € 0,17 € 0,15 € 0,11 € 0,08 € 0,06 € 0,05 € 0,04 € 307,06
EMILIA ROMAGNA € 15,60 € 0,19 € 0,15 € 0,13 € 0,11 € 0,09 € 0,07 € 0,05 € 0,05 € 0,04 € 276,55
TOSCANA € 16,10 € 0,23 € 0,21 € 0,19 € 0,16 € 0,13 € 0,09 € 0,08 € 0,07 € 0,06 € 387,49
SARDEGNA € 24,79 € 0,39 € 0,37 € 0,35 € 0,32 € 0,27 € 0,25 € 0,21 € 0,19 € 0,15 € 1.052,69
UMBRIA € 20,71 € 0,26 € 0,22 € 0,20 € 0,18 € 0,16 € 0,13 € 0,10 € 0,08 € 0,06 € 444,11
MARCHE € 23,64 € 0,32 € 0,28 € 0,26 € 0,24 € 0,18 € 0,14 € 0,10 € 0,08 € 0,06 € 480,82
ABRUZZO € 27,47 € 0,35 € 0,32 € 0,30 € 0,24 € 0,20 € 0,15 € 0,12 € 0,11 € 0,08 € 618,30
LAZIO € 15,95 € 0,24 € 0,20 € 0,17 € 0,16 € 0,15 € 0,13 € 0,11 € 0,10 € 0,07 € 585,79
CAMPANIA € 8,37 € 0,10 € 0,09 € 0,07 € 0,07 € 0,06 € 0,05 € 0,04 € 0,04 € 0,03 € 187,58
MOLISE € 11,36 € 0,10 € 0,08 € 0,08 € 0,08 € 0,08 € 0,08 € 0,07 € 0,07 € 0,07 € 746,83
da Caserta

PUGLIA € 11,90 € 0,19 € 0,17 € 0,14 € 0,12 € 0,10 € 0,09 € 0,07 € 0,07 € 0,04 € 349,07
BASILICATA € 9,76 € 0,16 € 0,15 € 0,14 € 0,09 € 0,07 € 0,06 € 0,05 € 0,05 € 0,03 € 217,05
CALABRIA € 16,71 € 0,21 € 0,20 € 0,19 € 0,17 € 0,15 € 0,12 € 0,11 € 0,09 € 0,07 € 591,00
SICILIA € 27,51 € 0,37 € 0,34 € 0,31 € 0,28 € 0,25 € 0,22 € 0,18 € 0,16 € 0,12 € 924,48

I sistemi di trasporto delle merci 74


TARIFFE DI DISTRIBUZIONE (€/km)
€ /q
FURGONE 15 q • •
4 8
0,6 €/km

MI-BS MI-BO

AUTOCARRO 90 q
• •
0,9 €/km 1 2

Esempio:
0,9 x 200 km
2 €/q =
90 q

AUTOARTICOLATO 280 q • •
0,5 1
1,3 €/km
portata HP: MI-BS =100 km, MI-BO = 200 km
I sistemi di trasporto delle merci 75
INCIDENZA DEL COSTO DI TRASPORTO SULLA MERCE

Tariffa

I sistemi di trasporto delle merci 76


LE TARIFFE DEL TRASPORTO IN ITALIA
Esempi di tariffe di distribuzione per fasce di peso del drop e densità 300 kg/m3

 Per contratto le tariffe sono in €/kg (per facilità controllo)


 In realtà i mezzi sono normalmente saturati in pianta e i costi reali sono in €/m3
I sistemi di trasporto delle merci 77
LE TARIFFE DEL TRASPORTO IN ITALIA

 Nella tabella sono riportate le tariffe €/kg nel caso di densità pari a 150 kg/m3. Poichè
con lo stesso quantitativo in peso l’occupazione di spazio è doppia rispetto al caso
precedente (300 kg/m3), tutte le tariffe €/kg risultano raddoppiate

I sistemi di trasporto delle merci 7 78


I COSTI DEL TRASPORTO: ESEMPIO

Esempio:
Un’azienda deve pianificare i trasporti in uscita a partire dal suo sito di Padova. Si
consideri il trasporto verso il magazzino ubicato vicino a Roma (distanza: 530 km).
Sapendo che il flusso giornaliero verso MAG1 è di 1 pallet/giorno e che il peso
della merce è pari a 315 kg/pallet (densità pari a 300 kg/m3), si calcoli il costo
annuo di trasporto considerando i seguenti scenari:
• Frequenza delle spedizioni: una volta ogni 2 giorni (drop size pari a 2 pallet)
• Frequenza delle spedizioni: una volta alla settimana (drop size pari a 5 pallet)
Si considerino 240 giorni lavorativi all’anno e 5 giorni lavorativi a settimana.

DC (Padova) MAG1 (Roma)

530 km

I sistemi di trasporto delle merci 79


I COSTI DEL TRASPORTO: ESEMPIO

Soluzione:
Flusso annuo da garantire = 1 [pallet/giorno] x 240 [giorni/anno] = 240 pallet/anno
Si considerano i due scenari:

 Frequenza spedizioni: ogni 2 giorni  Frequenza spedizioni: 1 volta/settimana

Drop size = 2 pallet/viaggio Drop size = 5 pallet/viaggio

Numero viaggi/anno = 240 [pallet/anno]: Numero viaggi/anno = 240 [pallet/anno]:


2 [pallet/viaggio] = 120 viaggi/anno 5 [pallet/viaggio] = 48 viaggi/anno

2 x 315 [kg/pallet] = 630 kg/viaggio 5 x 315 [kg/pallet] = 1.575 kg/viaggio

I sistemi di trasporto delle merci 8080


I COSTI DEL TRASPORTO: ESEMPIO

Soluzione:
A partire dalla tabella con le tariffe della distribuzione per fasce di peso del drop
(con densità 300 kg/m3) si individua la tariffa (€/kg):

I sistemi di trasporto delle merci 8 81


I COSTI DEL TRASPORTO: ESEMPIO

Soluzione:
 Frequenza spedizioni: ogni 2 giorni  Frequenza spedizioni: 1volta/settimana

Da tabella (530 km, 630 kg/viaggio): Da tabella (530 km, 1.575 kg/viaggio):
tariffa = 0,102 €/kg tariffa = 0,066 €/kg

Costo trasporto = 0,102 [€/kg] x 630 Costo trasporto = 0,066 [€/kg] x 1.575
[kg/viaggio] = 64,26 €/viaggio [kg/viaggio] = 103,9 €/viaggio

Costo annuo trasporto = 64,26 [€/viaggio] Costo annuo di trasporto = 103,9 [€/viaggio]
x 120 [viaggi/anno] = x 48 [viaggi/anno]
=7.711 €/anno + 54% ! = 4.987 €/anno

I sistemi di trasporto delle merci 8282


TARIFFE DI TRASPORTO: PESO vs. VOLUME

Dimensioni COLLO: 55 cm x 45 cm x 24 cm  volume = 0,06 m3


Ipotesi: il vettore applica un coefficiente 1 m3: 250 kg

peso volumetrico ⇒ 0,06 m3 x 250 kg/m3 ⇒ 15 kg

Quale sarà il peso tassabile (ossia quello da moltiplicare per la tariffa €/kg) ?

Se il collo pesa più di 15 kg, la tariffa si applica al peso reale


Se il collo pesa meno di 15 kg, si applica comunque la tariffa al peso volumetrico 15 kg.

I sistemi di trasporto delle merci 83


TARIFFE DI TRASPORTO: PESO vs. VOLUME
Esempio: un’azienda ha la seguente tariffa di trasporto per la Lombardia, per un
rapporto peso/volume di 200 kg/m3: €/spedizione < 100 kg; €/kg tassato > 100 kg

Zona / 0 - 3 kg 3 - 5 kg 5,1 - 30 30,1 - 50 50,1 - da 100 a da 500 a da 1000 da 2000 > di 5000
Regione kg kg 100 kg 500 kg 1000 kg a 2000 a 5000 kg
LOMBARDIA € 5,24 € 6,11 € 7,18 € 10,03 € 10,03 € 7,49 € 7,34 € 7,16 € 7,05 € 6,98

Si chiede di determinare il costo di trasporto associato a queste spedizioni.


Peso Rapporto Peso Costo
DATA BOLLA LOCALITA PV Reale Volume P/V Tassato Trasporto
20160105 16AR000023 CREMONA CR 845 5,33
20160105 16AR000041 MILANO MI 1.173 6,39
20160105 16AR000112 CREMONA CR 117 0,22
20160105 16AR000123 MAGNAGO MI 44 0,22
20160107 16AR000157 CLUSONE BG 52 0,09
20160108 16AR000319 SETTIMO MILANEMI 229 0,92
20160113 16AR000774 BERGAMO BG 876 2,89
20160125 16AR001907 VILLAGUARDIA CO 543 12,66
20160126 16AR002062 MILANO MI 174 1,15
20160215 16AR004347 BERGAMO BG 328 6,50

I sistemi di trasporto delle merci 84


STRUTTURA DI COSTO DELL’AUTOTRASPORTO

 COSTI FISSI

 COSTI VARIABILI

 PERCORRENZA ANNUA

$  INCIDENZA RITORNI A VUOTO

 LAVORO DIPENDENTE O AUTONOMO

 DIMENSIONI DELL’AZIENDA
€ / km
 SPECIALIZZAZIONE ATTIVITÀ

I sistemi di trasporto delle merci 85


I COSTI DELL’AUTOTRASPORTO

 COSTI FISSI :
- ammortamento veicolo e oneri finanziari
- assicurazioni (RC, F, I , merce, ...)
- tasse di circolazione, concessione,…

 COSTI VARIABILI :
- carburante e lubrificanti (2,5% consumo di carburante)
- manutenzione
- pneumatici (sostituzione ogni 140.000 km)
- pedaggi autostradali, traghetti, trafori, …
- spese viaggio, trasferte

 COSTO CONDUCENTE* :
- orario di lavoro (settimana corta o lunga), straordinari

(*) Il costo orario di un autista dipendente è circa 60% superiore a quello di un padroncino
I sistemi di trasporto delle merci 86
STRUTTURA DI COSTO DELL’AUTOTRASPORTO

ESEMPIO : autoarticolato centinato 44 t con percorrenza annua di 100.000 km

manodopera 27,0%
ammortamento 33,0%

carburante 27,0%

spese generali, pedaggi, ecc. 13,0%

TOTALE 100,0%

Autista dipendente (costo orario : 18 € ) ⇒ + 0,4 € / km

I sistemi di trasporto delle merci 87


STRUTTURA DI COSTO DELL’AUTOTRASPORTO: ESEMPIO

autoarticolato con semirimorchio coibentato con percorrenza di 100.000 km/anno


Voce Costo per Costo % Costo
anno (€) (€/km) per km
Acquisto 26.177 0,262 18%
COSTI Assicurazioni 8.152 0,082 6,5%
FISSI
Tassa possesso 718 0,007 0,5%
Pneumatici 12.160 0,122 8%

COSTI Carburante 30.558 0,306 21%


VARIABILI Manutenzione e riparazione 8.428 0,084 6%

Pedaggi autost. 10.275 0,103 7%


COSTO DEL Costi conducente 49.380 0,494 34%
LAVORO
TOTALE 145.848 1,45 100%

Fonte: Albo Nazionale Autotrasportatori 100.000 km/anno


I sistemi di trasporto delle merci 88
STRUTTURA DI COSTO DELL’AUTOTRASPORTO: ESEMPIO

Voce Costo anno (€) Costo anno (€) Costo anno (€)
75.000 km 100.000 km 150.000 km
Acquisto 19.633 26.177 39.266,25
Assicurazioni 8.152 8.152 8.152
Tassa possesso 718 718 718
Pneumatici 8.844 12.160 18.793
Carburante 22.918 30.558 45.837
Manutenzione e riparaz. 5.056 8.426 10.112

Pedaggi autost. 5.480 10.275 13.700


Costi conducente 49.380 49.380 49.380
TOTALE [€/anno] 120.181 145.848 167.165

TOTALE [€/km] 1,60 1,45 1,11

Convenienza a far viaggiare il più possibile il mezzo


Fonte: Albo Nazionale Autotrasportatori (30% di risparmi con 150.000 km rispetto a 75.000)
I sistemi di trasporto delle merci 89
INDICE

 Concetti generali del trasporto merci

 Le caratteristiche della domanda di trasporto

 Aspetti tecnici, economici ed organizzativi dell’offerta

 Le caratteristiche dell’autotrasporto

 Altre modalità di trasporto

I sistemi di trasporto delle merci 90


TRASPORTO FERROVIARIO: Direttiva 440/91

Destinatari: imprese ferroviarie degli Stati UE.


Scopo: aumentare l’efficienza delle ferrovie, adeguamento alle esigenze
mercato comune.
Obiettivi: autonomia gestionale, separazione gestioni, libera concorrenza,
risanamento finanziario.

Trasformazione:
- nella gestione: separazione delle infrastrutture dall’esercizio dei servizi di
trasporto: contabile (obbligatoria), organica (facoltativa) e pagamento
canone di accesso alla rete ferroviaria;
- nei criteri commerciali (RFI assegna le tracce, Trenitalia compone i treni)

I sistemi di trasporto delle merci 91


TRASPORTO FERROVIARIO Infrastrutture

LINEE FERROVIARIE

 numero binari: unico, doppio, …


 tipo di trazione: elettrica / diesel
 modulo d’incrocio
 regime di velocità
 distanziamento spaziale e temporale

dipende:

POTENZIALITÀ DI UNA LINEA = numero di treni/gg nei due sensi

es: Binario unico, Trazione diesel = 60 treni/gg


Binario doppio, Trazione elettrica = 240 treni/gg

I sistemi di trasporto delle merci 92


TRASPORTO FERROVIARIO Valichi alpini

I sistemi di trasporto delle merci 93


TRASPORTO FERROVIARIO Infrastrutture

LINEE FERROVIARIE

Peso assiale massimo: dipende da velocità


massima del veicolo, dell’armamento della
linea, della presenza di ponti, ecc.

Peso massimo trainato: dipende da GABARIT


andamento planoaltimetrico della linea e
dal tipo di trazione

Modulo (d’incrocio e precedenza) :


dipende dai vincoli delle stazioni di
incrocio e determina la massima lunghezza
dei convogli che possono essere inoltrati su
un dato tratto di linea

es. treno di container :


peso trainabile 1000 t / 500 m / 23 carri 1.435 mm
Scartamento
I sistemi di trasporto delle merci 94
TRASPORTO FERROVIARIO Infrastrutture

NODI FERROVIARI

 Stazioni : possono essere abilitate o meno al traffico merci

 Stazioni di smistamento: formazione treni con un’unica destinazione

 Terminale intermodale: impianto ove avviene la rottura di carico, con il


trasferimento delle unità di carico da una modalità all’altra

 Raccordo ferroviario: brevi tratti per unire stazioni FS con stabilimenti


industriali/ depositi

 Interporto: costituisce la concentrazione di strutture e di servizi logistici come


un centro merci al servizio di un’area economicamente forte che comprende
uno scalo ferroviario, un collegamento con la rete stradale, e una sede
doganale

I sistemi di trasporto delle merci 95


Infrastrutture e Logistica: linee ferroviarie Nord Italia

Interporti Brennero (300)

Terminal Intermodali
Tarvisio (28)
Valichi Ferroviari (UTI x
1000)

Domodossola (110)
Luino (350)
Chiasso (215)

Villa Op (9)

Busto A. Milano
Verona
Novara Padova Codifica
Modane (184)
delle linee

Piacenza
Orbassano
Parma
Rivalta S.

Bologna

Ventimiglia Fonte: RFI, 2003


I sistemi di trasporto delle merci 96
TRASPORTO FERROVIARIO Tipologie di carri

I sistemi di trasporto delle merci 97


TRASPORTO FERROVIARIO Tipologie di carri

 COPERTI : (G) tipo corrente


(H) tipo speciale

 A SPONDE ALTE : (E) tipo corrente


(F) tipo speciale

 PIANALI : (K,L) ad assi


(R,S) a carrelli

 ALTRI : (U) a pianale ribassato


(T) a tetto apribile
(Z) carri serbatoio

I sistemi di trasporto delle merci 98


TRASPORTO FERROVIARIO Tipologie di carri

I sistemi di trasporto delle merci 99


TRASPORTO INTERMODALE

T. MULTIMODALE
Servizio di trasferimento di merci che utilizza più modalità di
trasporto diverse

T. INTERMODALE
Servizio di trasferimento di merci che utilizza più modalità di
trasporto ma con uno stesso contenitore senza rottura del carico

T. COMBINATO
Trasporto intermodale in cui la maggior parte del tragitto (europeo)
si effettua per ferrovia, vie navigabili o per mare, mentre i percorsi
iniziali e/o terminali, i più corti possibili, sono realizzati su strada.

I sistemi di trasporto delle merci 100


TRASPORTO INTERMODALE

 Consente di utilizzare le caratteristiche ottimali dei diversi


mezzi di trasporto (autocarro, nave, ferrovia, aereo) ciascuno
per la propria peculiarità

 Richiede “terminali” (porti marittimi e fluviali, interporti,


aeroporti, piattaforme logistiche), che consentano di trasferire il
carico da un mezzo di trasporto ad un altro in tempi molto
brevi, mediante l’impiego di idonee attrezzature

conversione di attività «labour intensive»


in attività «capital intensive»

Terminale : luogo dove si effettua un cambio di modalità

I sistemi di trasporto delle merci 101


TRASPORTO INTERMODALE

CENTRO INTERMODALE
impianto dove avviene la rottura di carico, con il trasferimento delle unità di
carico da una modalità all’altra; generalmente privo di magazzini (al limite
di modesta superficie)

RACCORDO FERROVIARIO
breve tratto di binari per unire la rete ferroviaria (pubblica) con i depositi /
stabilimenti industriali (privati)

INTERPORTO
un complesso organico di strutture e servizi integrati, finalizzati allo scambio
di merci tra le diverse modalità di trasporto, comunque comprendente uno
scalo ferroviario idoneo a formare o ricevere treni completi e in collegamento
con porti, aeroporti e viabilità di grande comunicazione (es. autostrade)

I sistemi di trasporto delle merci 102


TRASPORTO INTERMODALE

INTERPORTI DI PRIMO LIVELLO (Italia, 1996)

 ORBASSANO (TO)
 RIVALTA SCRIVIA (AL)
 LACCHIARELLA (MI)
 VERONA
 PADOVA
 PARMA
 BOLOGNA
 NOLA-MARCIANISE (NA)

I sistemi di trasporto delle merci 103


TRASPORTO INTERMODALE

UNITÀ DI CARICO PER IL TRASPORTO INTERMODALE


Intermodal Transport Unit (I.T.U.)

1. CONTENITORE 2. CASSA MOBILE 3. SEMIRIMORCHIO


(container) (swap body) (semitrailer)

I sistemi di trasporto delle merci 104


CARATTERISTICHE DELLE U.T.I Container

“BLOCCHI D’ANGOLO” per la


movimentazione e il fissaggio sul
pianale del mezzo di trasporto

Autogru frontale con


dispositivo “spreader”

I sistemi di trasporto delle merci 105


CARATTERISTICHE DELLE U.T.I Casse mobili

“TASCHE” laterali per il sollevamento


mediante dispositivo “piggyback”

Autogru frontale con


dispositivo “piggyback”
I sistemi di trasporto delle merci 106
CARATTERISTICHE DELLE U.T.I Casse mobili

CASSE MOBILI SCARRABILI

Mediante automezzi dotati di sospensioni pneumatiche anteriori


e posteriori con elevate escursioni è possibile effettuare movimentazioni
autonome di varie casse mobili con differenti altezze dei piedi d’appoggio.

I sistemi di trasporto delle merci 107


CARATTERISTICHE DELLE U.T.I Semirimorchi

“TASCHE” laterali per il sollevamento


mediante dispositivo “piggyback”

5853±3 mm

Autogrù frontale con


dispositivo “piggyback”

I sistemi di trasporto delle merci 108


MODALITÀ DI CARICAMENTO DELLE U.T.I.

CARICAMENTO - su carro a pianale (casse mobili, container)


VERTICALE - su carro tipo “poche” (semirimorchi)

CARICAMENTO - su carro ferroviario kangaroo, wippen (in estinzione)


ORIZZONTALE - su carro ultraribassato (autostrada viaggiante)

I sistemi di trasporto delle merci 109


Nozioni sul trasporto combinato strada-rotaia

T T
Origine Terminal Terminal Destinazione
partenza arrivo

Carico Scarico
automezzo in Movimentazione Movimentazione automezzo in
partenza con delle UTI (imbarco) delle UTI (sbarco) arrivo
una UTI THC partenza THC arrivo

Tratta stradale Tratta stradale dal


dall’origine verso il Trazione ferroviaria nella tratta più terminal di arrivo alla
terminal di partenza lunga della relazione O/D destinazione finale

I sistemi di trasporto delle merci 110


Nozioni sul trasporto combinato strada-rotaia
Semirimorchio

Cassa Mobile Tipo «A» Cassa Mobile Tipo «C»

I sistemi di trasporto delle merci 111


Nozioni sul trasporto combinato strada-rotaia

Gli attori di un TCSR sono imprese autonome che collaborano per effettuare un trasporto
“porta a porta”. Il costo trasporto “porta a porta” da A a B è dato da

CAB = COT+CTTSP+CTTSA+CUC + COF+CCA+CTP+CTA + CUT [euro/UTI]

COT = costo interno dell’operatore del trasporto


CTTSP = costo trazione terminale stradale in partenza
CTTSA = costo trazione terminale stradale in arrivo
CUC = costo unità di carico intermodale

COF = costo interno operatore ferroviario


CCA = costo carro ferroviario speciale
CTP = costo terminal partenza
CTA = costo terminal arrivo

CUT = costo unitario di trazione (impresa ferroviaria)

I sistemi di trasporto delle merci 112


La competitività del TCSR
Costi
€/viaggio

costo totale
Trasporto
Combinato TTS

terminal

terminal

TTS

km
Terminal Terminal
Origine Destinazione
partenza arrivo

TTS (trazioni terminali stradali) incidono pesantemente sul costo di un trasporto combinato “porta a porta”. La loro
lunghezza è limitata, quindi sul loro costo incidono molto i costi fissi e poco i costi variabili. TTS sono pertanto
vendute «a giornata» e non a percorrenza (km)

I sistemi di trasporto delle merci 113


La competitività del TCSR

Costi
€/viaggio

costo totale costo totale


Trasporto Trasporto
TTS
Combinato Tuttostrada
terminal

terminal
TTS

km
Origine Destinazione

TTS (trazioni terminali stradali) incidono pesantemente sul costo di un trasporto combinato “porta a porta”. La loro
lunghezza è limitata, quindi sul loro costo incidono molto i costi fissi e poco i costi variabili. TTS sono pertanto
vendute «a giornata» e non a percorrenza (km)

I sistemi di trasporto delle merci 114


La competitività del TCSR

Costi
€/viaggio

costo totale
Trasporto TTS
Combinato costo totale
Trasporto
terminal Tuttostrada

terminal
TTS

km
Origine Destinazione

TTS (trazioni terminali stradali) incidono pesantemente sul costo di un trasporto combinato “porta a porta”. La loro
lunghezza è limitata, quindi sul loro costo incidono molto i costi fissi e poco i costi variabili. TTS sono pertanto
vendute «a giornata» e non a percorrenza (km)

I sistemi di trasporto delle merci 115


La competitività del TCSR

•Trasporto di un’unità di carico da 13,6m in un “round trip” Milano-


Bari (anno 2004).

–Confronto tra modalità: • TCSR


• “Tutto Strada” Distanza ferroviaria: 1.720 km;
Distanza stradale: 1.756 km; Prezzo tratta ferr. A/R*: 805 €;
Durata del viaggio A/R: 4 gg;
Costo kilometrico totale: 0,84 €/km. Costo amm.to c.m.: 10,4 €/gg;
Costo trazioni terminali: 467€;
Costi di struttura: 36€.

–Valutazione economica:
• Costo complessivo del “tutto strada”: 1.475 € per il “round trip”.
• Costo complessivo del combinato “strada-rotaia”: 1.350 € per il “round trip”.
• Differenza: -125 € pari al –8,5%.

*La tariffa è calcolata ipotizzando un saturazione del treno pari all’85% della capacità massima.

I sistemi di trasporto delle merci 116


La competitività del TCSR

•Trasporto di un’unità di carico da 13,6m in un “round trip” Milano-


Bari: confronto di costo
Combinato

Costi Tutto Strada


1.475 €

DIFFERENZA
DI
COSTI
0,84 €/km
1.350 €

25€/Tg
1,7 €/km
0,44 €/km

Distanza

ORIGINE TERMINAL TERMINAL DESTIN.

Fonte: CEMAT
I sistemi di trasporto delle merci 117
Codifica delle linee

I sistemi di trasporto delle merci 118


TRASPORTO INTERMODALE Autostrada viaggiante

I sistemi di trasporto delle merci 119


TRASPORTO MARITTIMO

• RINFUSE LIQUIDE (es. olii minerali):


– grandi quantitativi;
– basso valore unitario;
– alta velocità di carico/ scarico;

• RINFUSE SOLIDE (es. prodotti minerali):


– grandi quantitativi;
– basso valore unitario;
– velocità di carico/ scarico abbastanza elevata;

• MERCE VARIA (es. prodotti finiti):


– quantitativi più modesti;
– alto valore unitario;
– velocità di carico/ scarico piuttosto bassa.

I sistemi di trasporto delle merci 120


TRASPORTO MARITTIMO

Breakbulk (merce non unitizzata):


– elevata incidenza manodopera;
– scarsa sicurezza merce;
– tempi di carico/scarico elevati.

Container (marittimo unificato ISO):


– cassa speciale per il trasporto merce, rinforzata, sovrapponibile.

Rotabile
– comprendente i veicoli di ogni tipo, i semirimorchi, i vagoni ferroviari,
le casse mobili e i container UIC.

I sistemi di trasporto delle merci 121


TRASPORTO MARITTIMO

Terminal Container > 100.000 TEU

Porti Transhipment > 3.500.000 TEU


Ravenna

Porti Ferries & Ro-Ro > 730.000 (solo Adriatico)

Piombino

Civitavecchia

P.to Torres
Brindisi
Olbia
Salerno

“Il sistema portuale”

In Italia vi sono 27 porti significativi,


con ruoli ben specifici, molto spesso G. Tauro
ancorati al territorio: traffico
container, traffico Ro-Ro, rinfuse T. Imerese

solide, rinfuse liquide, merci varie Trapani

I sistemi di trasporto delle merci 122


TRASPORTO MARITTIMO Tipologie di navi

Navi “RO-RO”
(Roll-on Roll-off)

120 in + 120 out : tempi di


scalo circa 6 ore

I sistemi di trasporto delle merci 123


TRASPORTO MARITTIMO Tipologie di navi

Navi “LO-LO”
(Lift-on Lift-off)

I sistemi di trasporto delle merci 124


TRASPORTO MARITTIMO Transhipment

Genova
La Spezia

Livorno
Marsiglia

Barcellona
Valencia
Napoli

Gioa Tauro
(hub)

Tunisi

I sistemi di trasporto delle merci 125


TRASPORTO MARITTIMO Navi portacontainer

Rotte oceaniche :
“Deep-Sea” (2.000 - 18.000 TEU)
- servizio di linea “liner-shipping”

Rotte locali :
“Short-Sea” (200 - 1.500 TEU)
- servizio “feeder”

I sistemi di trasporto delle merci 126


TRASPORTO MARITTIMO Navi portacontainer

I sistemi di trasporto delle merci 127


TRASPORTO MARITTIMO

MONDO EUROPA
2010 2010
Teu x 1000 Teu x 1000
Shangai CN 29.070 Rotterdam NL 11.146
Singapore SG 28.430 Anversa BE 8.468
Hong Kong CN 23.530 Amburgo DE 7.896
Shenzen CN 22.510 Brema DE 4.888
Busan KR 14.180
Felixstowe UK 3.400
Ningbo & Zhoushan CN 13.144
Gioia Tauro IT 2.851
Guangzhou CN 12.550
Algeciras SP 2.810
Qingdao CN 12.012
Dubai AE 11.600
Zeebruge BE 2.500
Rotterdam NL 11.146 Marsaxlokk MT 2.371
Tianjin CN 10.080 Le Havre FR 2.356
Kaohsiung TW 9.181 San Pietroburgo RU 1.930
Port Klang MY 8.900 Genova IT 1.758
Anversa BE 8.468 Southampton UK 1.600
Amburgo DE 7.896 Barcellona ES 1.422
Los Angeles US 7.832 Ambarli TK 1.312
Tanjung Pelepas MY 6.530 La Spezia IT 1.285
Long Beach US 6.263 ITALIA 9.740
Xiemen CN 5.820
Brema DE 4.888

I sistemi di trasporto delle merci 128


TRASPORTO AEREO

COSTO UNITARIO TRASPORTO ELEVATO

CARATTERISTICHE PER UTILIZZARE IL TRASPORTO AEREO:


– alto valore:
• merceologico (es. oro);
• bisogno (es. pezzi ricambio nave in avaria);
– deperibilità:
• bene (pesce o frutta);
• valore (es. componenti high-tech, campionari moda).

I sistemi di trasporto delle merci 129


TRASPORTO AEREO

RIPARTIZIONE DEL TRAFFICO PER MERCEOLOGIA

Beni deperibili Tessile &


(alimen., fiori..) Abbigliamento
11% 13%

Semilavorati Elettronica &


8% Computers
8%

Parti di ricambio
Altre merceologie 15%
45%

I sistemi di trasporto delle merci 130


TRASPORTO AEREO RFS o “avio-camionato”

Road
Landing Handling Feeder
Delivery Service

Es.: ripartizione dei tempi di trasporto per aeroporto di Malpensa e Francoforte

Francoforte -Venezia

4 ore 20 ore

Malpensa -Venezia

24 ore 32 ore
I sistemi di trasporto delle merci 131
TRASPORTO AEREO I principali “hub”

Aeroporto Paese t. 2010


ParisCDG FR 2.399.067
Francoforte DE 2.275.106
Londra Heathrow UK 1.551.405
Amsterdam Schiphol NL 1.538.135
AMS
Luxembourg Findel LU 705.370 LHR 

Milano MXP 432.674
Roma FCO 164.545
Bergamo 106.921
Bologna 37.800  FRA

Venezia 37.612 CDG
Brescia 34.320
Milano LIN 19.062
Roma CIA 18.002
Catania 9.210
Torino 8.351 
MXP
Altri 49.857
Totale ITALIA 918.354

I sistemi di trasporto delle merci 132


TRASPORTO AEREO Tipologie di aeromobili

AEREI “PASSEGGERI”
- es. B747 passeggeri (404
posti): 13,3t carico pagante

AEREI “ALL CARGO”


- es. B747 all cargo : 107t
carico pagante (“wide-body”
carica solo pallet e container)

AEREI “COMBI”

I sistemi di trasporto delle merci 133


TRASPORTO AEREO Tipologie di aeromobili

I sistemi di trasporto delle merci 134