Sei sulla pagina 1di 18

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

MANUALE DUSO E MANUTENZIONE

Pagina

Per apparecchiature di sollevamento antideflagranti


EU Direttiva 94/9/EG ATEX 95

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

INTRODUZIONE
Attenzione: Tutti gli utilizzatori devono leggere attentamente le istruzioni di messa in servizio
prima del primo utilizzo. Queste istruzioni devono permettere allutilizzatore di familiarizzare con il
paranco e di utilizzarlo al massimo delle sue capacit. Le istruzioni di messa in servizio
contengono delle informazioni importanti sulla maniera di utilizzare il paranco in modo sicuro,
corretto ed economico.
Agire in conformit a queste istruzioni permette di evitare pericoli, di ridurre i costi di riparazione, di
ridurre i tempi di arresto e di aumentare laffidabilit e la durata di vita del paranco.
Queste istruzioni devono essere sempre disponibili dove la macchina viene utilizzata.
Il manuale di utilizzo deve essere sempre presente sul posto di lavoro del paranco.
Come completamento alle istruzioni per la messa in servizio e alle regolamentazioni relative alla
prevenzione degli incidenti, bisogna tenere in considerazione le leggi in vigore in materia di
sicurezza del lavoro e sulla professionalit degli operatori.
Il personale che sar responsabile dellutilizzo, della manutenzione e della eventuale riparazione
deve studiare attentamente le istruzioni contenute nel presente manuale. Quanto indicato serve
solo a garantire la sicurezza necessaria, se il paranco viene utilizzato in maniera opportuna e
mantenuto secondo quanto previsto. Lutilizzatore tenuto a salvaguardare la sicurezza e
nelleseguire operazioni senza creare serie problematicit.
TEMPERATURE LIMITE IN ATMOSFERA ESPLOSIVA E A CONCENTRAZIONE DI POLVERE
Al fine di determinare la temperatura massima superficiale sono stati eseguiti diversi test con
carico nominale ed in condizioni estreme.
La massima temperatura superficiale stata determinata in una stanza con temperatura compresa
fra i 20C e 22C senza deposito di polvere e senza fattori di sicurezza.
Questo si riferisce ad uno spettro di carico di 10 cicli con carico nominale e senza interruzione.
Lintervallo di temperatura parte da -10C fino a +40C. Contattate il costruttore o il Vs. rivenditore
di fiducia nel caso di carichi diversi o intervalli di temperatura diversi.
Unit idonee al funzionamento in aree con gas potenzialmente esplosivi / con presenza di
vapori o micro particelle nebulizzate di prodotti infiammabili.
In aree esplosive, prodotte da gas o liquidi infiammabili, la temperatura di innesco (la pi bassa
temperatura di una superficie calda definita temperatura di pelle) non deve essere superata. In
casi eccezionali la temperatura di pelle non deve superare l80% del punto di innesco del gas in
gradi Celsius.

Pagina

Unit idonee al funzionamento in aree con presenza di polvere.


In aree dove lesplosione generata dalla concentrazione di polveri infiammabili, la temperatura di
pelle non deve superare i 2/3 della temperatura di innesco in gradi Celsius della miscela aria /
polvere.
La temperatura di pelle per superfici che possono essere soggette a deposito di polvere deve
essere ridotta di un coefficiente di sicurezza. Il fattore di sicurezza previsto di 75 K. Nel caso in
cui lo strato di polvere depositato superiore ai 5 mm si dovr considerare un coefficiente di
sicurezza maggiore.
Classificazione dei paranchi
Dopo aver sottoposto i paranchi della serie YALElift a test severi in condizioni estreme, gli stessi
possono essere classificati per un utilizzo corretto negli impieghi industriali cos come segue:
YALElift 360 0,5t: II 2 CD c IIB T4 T 105C X
YALElift 360 1,0t: II 2 CD c IIB T4 T 125C X
YALElift 360 2,0t: II 2 CD c IIB T4 T 125C X
YALElift 360 3,0t: II 2 CD c IIB T4 T 115C X
YALElift 360 5,0t: II 2 CD c IIB T4 T 115C X
YALElift 360 10,0t: II 2 CD c IIB T4 T 115C X
YALElift 360 20,0t: II 2 CD c IIB T4 T 115C X

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Legenda:
II:

Gruppo II significa altre aree;
2:

Categoria 2 per Zona 1 o 2, rispettivamente zona 21 e 22
GD: 
G per gas, D per polvere (DUST)
c:

Tipo di protezione allinnesco esplosivo Sicurezza costruttiva;
IIB:

Gruppo di gas;
T4:

Classe di temperatura T4=135C.
Il documento di collaudo stato controllato da un ispettore (0035) e depositato presso il TV
Rheinland Industrie Service GmbH, Am Grauen Stein, 51101 Cologne D.
IDENTIFICAZIONE
Per una corretta identificazione del prodotto, lo stesso viene equipaggiato con una targa
identificativa (Fig. 12) con tutte le informazioni / dati necessari. Questa targa posizionata sulla
calotta di copertura del riduttore. Nel caso in cui nascano delle necessit diverse da quanto
riportato nel presente manuale, contattate cortesemente:
YALE Industrial Product GmbH
Am Lindenkamp 31 D 42549 Velbert
Tel.: +49.2051.600.600 Fax.: +49.2051.600.127
www.yale.de e-mail: central@yale.de

Pagina

FORMAZIONE DI SCINTILLE
I paranchi YALElift sono stati progettati e realizzati per sollevare, abbassare, tirare o spostare
carichi. Quando sono abbinati a carrelli (YLITP/G e YLLH) questi possono anche trasportare
orizzontalmente carichi da un punto ad un altro.
Nota: I carrelli devono essere dotati di respingenti.
Qualunque utilizzo differente o che supera i limiti consentiti viene considerato non corretto e YALE
Industrial Product GmbH non accetter alcuna responsabilit per danneggiamenti derivanti da un
simile utilizzo. Il rischio totalmente deputato alloperatore.
Materiali soggetti a pericolo di attrito o impatto.
Un pericolo maggiore per linnesco pu essere considerato lurto fra materiali speciali. Questi sono
lurto di acciaio al carbonio (acciaio comune) o ghisa contro alluminio, magnesio o leghe di questo.
Questo pu accadere specialmente nel caso di ruggine o di superfici arrugginite. La catena e il
gancio di carico, in particolare, possono generare ruggine (ruggine superficiale) nei punti di usura.
Al fine di garantire un corretto funzionamento, i punti di usura devono essere privi di ruggine e, in
applicazioni con possibile rischio di urti o attriti, si deve evitare la presenza di combinazioni di
alluminio o di sue leghe con acciaio (se non del tipo inossidabile) al fine di evitare la formazione di
scintille come risultato del semplice impatto.
Catena di carico e di manovra
Assicurarsi sempre che la catena di manovra e di carico cos come il carico stesso siano
opportunamente guidati al fine di evitare attriti o impatti con altri materiali o componenti. In
funzione del grado di corrosione, la capacit di scarica della catena di manovra e di sollevamento
pu peggiorare fino ad un livello che non pi accettabile. Questo implica il fatto che catene di
sollevamento e di manovra arrugginite non devono pi essere impiegate.
Attenzione: Loperatore deve utilizzare il paranco con laccortezza di evitare la produzione di
scintille sia da parte della catena di sollevamento che di manovra. I modelli YLITP/G,YLLH e
Towerlift devono essere azionati da sotto.
Per una sicurezza aggiuntiva ed al fine di evitare la produzione di scintille per impatto o attrito, tutte
le unit sono equipaggiate con catena di manovra in acciaio inox.
I ganci di carico e di sospensione sono ramati. I carrelli sono dotati di ruote in bronzo massiccio e
respingenti.
Opzione: Il paranco pu essere dotato di catena di carico in acciaio inox a richiesta.
Punti di ancoraggio:
I punti di ancoraggio devono essere opportunamente identificati affinch siano in grado di
sostenere le forze che si andranno a generare a seguito dellutilizzo del paranco stesso. Il paranco

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

dovr essere libero di muoversi in funzione del carico al fine di evitare il generarsi di spinte e
carichi aggiuntivi.
ELETTRICIT STATICA
Al fine di evitare cariche statiche delle parti in plastica, non utilizzare parti per la sospensione (e.g.
brache ad anello) nella zona del carter di protezione della ruota di manovra o del tappo di chiusura
(Fig. 11).
Quando si puliscono queste parti, evitare luso di prodotti che possano generare una carica
elettrostatica.
TRASPORTO ED IMMAGAZZINAMENTO
Trasporto sicuro.
Durante il trasporto del paranco devono essere rispettate le seguenti precauzioni:
- Non gettare il paranco a terra. Depositarlo sempre sul suolo con accuratezza.
- La catena di manovra e di sollevamento deve essere sempre movimentata con laccortezza
di evitare attorcigliamenti e la formazione di nodi.
OPERAZIONI INIZIALI
Verifica prima della messa in servizio.
Ciascuna macchina, anche se dotata di carrello, deve essere accuratamente verificata da
personale qualificato prima di essere posta in servizio. La verifica deve essere sia visiva che
funzionale. Lo scopo di una simile verifica quello di garantire che la macchina sicura e che non
ha subito danneggiamenti durante il trasporto o durante lo stoccaggio a magazzino. La verifica
deve essere eseguita da personale del autorizzato dal costruttore o dal venditore o da parte del
proprio personale opportunamente istruito da parte della ditta fornitrice.
Controllo del funzionamento del freno.
Prima di ciascuna operazione si deve controllare lefficienza del freno agendo come segue:
- Sollevare il carico per un breve tratto e poi abbassarlo di nuovo. Quando viene lasciata la
catena di manovra il carico dovr essere sostenuto in ogni posizione dal freno stesso.
Attenzione: Nel caso di un malfunzionamento del freno consultare il fornitore / costruttore.

Pagina

OPERAZIONI CORRETTE
Lunit stata progettata e realizzata per sollevare, abbassare, tirare e spostare carichi.
- La portata indicata sul paranco il massimo carico sollevabile in sicurezza (WLL);
- Il gancio di carico e di sospensione devono essere allineati al baricentro del carico durante
le operazioni di sollevamento al fine di evitare pericolosi ed inaspettati sbandamenti dello
stesso (Fig. 1).
- Non sollevare o trasportare carichi mentre il personale si trova in zone pericolose;
- Non consentire a persone di sostare sotto ai carichi sospesi;
- Dopo aver sollevato o posto sotto tensione un carico, lo stesso non deve essere lasciato
per un periodo troppo lungo in detta posizione senza una adeguata supervisione;
- Iniziare a movimentare il carico solo dopo averlo correttamente fissato e dopo essersi
accertati che non vi siano persone in zone a rischio;
- Loperatore si deve accertare che il carico imbracato in modo tale da non causare
pericolo per se e per gli altri, pericolo che pu derivare dal paranco, dalla catena o dal
carico stesso;
- Il paranco pu funzionare in ambienti con temperatura compresa fra -20C e +50C. In
caso di condizioni ambientali pi gravose, contattare il costruttore.
Nota: Nel caso di utilizzo con temperature ambiente sotto zero, il freno deve essere
controllato contro il congelamento;

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Deve essere mantenuto un gioco di 2-3mm fra le piastre del carrello e la trave di
traslazione al fine di evitare possibili inneschi di scintille.
Nel caso in cui venga richiesta come operazione standard la rotazione del carico, si dovr
dotare il bozzello di un gancio girevole su cuscinetto assiale. Chiedere al costruttore /
fornitore per questa opzione.
Il carrello deve essere sempre dotato di respingenti per evitare possibili inneschi di scintille
da urto.
Devono essere accuratamente rispettate le normative di prevenzione infortuni e le regole di
sicurezza previste dalla legislazione corrente;
Le operazioni di manutenzione cos come le verifiche periodiche annuali devono essere
svolte in aree non classificate;
I paranchi dotati di carrello integrato devono essere impiegati su monorotaie orizzontali.
Limpiego su monorotaie inclinate assolutamente vietato.
Al fine di garantire un corretto utilizzo, bisogna che vengano messe in atto non solo le
istruzioni riportate nel manuale ma anche le doverose attivit di manutenzione e controllo.
Se viene riscontrato un difetto nel funzionamento, il paranco deve essere immediatamente
messo fuori uso e sottoposto a controllo da parte di personale qualificato.
La macchina non deve essere impiegata in atmosfera aggressiva.

OPERAZIONI NON CORRETTE (esempi)


-

Non sovraccaricare il paranco oltre alla sua postata nominale;


assolutamente vietato saldare qualsiasi oggetto al gancio o alla catena di carico.
La catena di carico non deve mai essere utilizzata come massa durante operazioni di
saldatura (Fig. 2);
Esitare tiri inclinati o laterali (Fig. 3);
La catena di carico non deve essere utilizzata come imbragatura (Fig.4);
Il trasporto di persone assolutamente vietato (Fig. 5)
Non collegare od accorciare la catena di carico con bulloni, viti, cacciaviti o altri dispositivi
(Fig. 6).
Non riparare la catena di carico installata sul paranco;
Non togliere la chiusura di sicurezza dal gancio del bozzello (Fig. 7);
Non attaccare mail il carico alla punta del gancio. Questo vale anche per il gancio di
sospensione (Fig. 8);
Non utilizzare i ferma catena come normali fine corsa (Fig. 11);
Evitare di ruotate il carico durante le normali condizioni operative (per questa manovra si
dovranno richiedere al fornitore / costruttore equipaggiamenti aggiuntivi speciali).
Non buttare mai il paranco per terra. Riporre il paranco con cura ed in maniera opportuna.

FUNZIONAMENTO

Pagina

Collegamento del carico


Il carico dovr essere collegato tramite funi o catene di sollevamento che dovranno essere
opportunamente dimensionate per il carico da sollevare.
Il carico non dovr essere sollevato utilizzando la catena di sollevamento stessa come
imbracatura.
Il carico dovr essere sempre posizionato affinch il suo baricentro sia allineato con il gancio di
sollevamento.
Sollevamento del carico
Tirate la catena di manovra (Fig.11) in direzione oraria per sollevare il carico.
Al fine di evitare la possibile generazione di scintille, sia la catena di manovra che di carico non
devono mai toccare / sfregare il pavimento o altre parti presenti in zona.
Nota: se questo non possibile, contattare il fornitore / costruttore.

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Abbassamento del carico


Tirate la catena di manovra (Fig.11) in direzione anti oraria per abbassare il carico.
Al fine di evitare la possibile generazione di scintille, sia la catena di manovra che di carico non
devono mai toccare / sfregare il pavimento o altre parti presenti in zona.
Nota: se questo non possibile, contattare il fornitore / costruttore.
Protezione dal sovraccarico (opzionale)
IL limitatore di carico tarato per intervenire ad un sovraccarico di circa il 25% (+/- 15%) della
portata nominale. La taratura e la verifica devono essere eseguiti esclusivamente da personale
qualificato. Quando il carico sollevato supera il valore impostato, il limitatore di carico interviene ed
impedisce ogni ulteriore azione di sollevamento. Il carico assicurato ed solo possibile
depositarlo a terra.
DISMISSIONE DEL PARANCO
Messa fuori servizio / immagazzinamento
Se il paranco viene messo fuori servizio per un lungo periodo, la catena di manovra e di
sollevamento deve essere protetta dalla corrosione. Per questo scopo le catene possono essere
oleate leggermente. Al fine di evitare il blocco per ossidazione locale si dovr leggermente
lubrificare il dado di serraggio del freno ed il disco del freno stesso.
Nota: Alla temperatura di 0C il disco del freno pu congelarsi! Per questo motivo il paranco deve
essere immagazzinato dopo lutilizzo sempre con il freno nella posizione chiusa. Per questo motivo
azionare la catena di manovra nel verso della salita e contemporaneamente trattenere la catena di
carico dal lato portante.
VERIFICA / MANUTENZIONE
Al fine di assicurarsi che il paranco mantenga le sue caratteristiche di funzionamento e di
sicurezza per cui stato studiato e prodotto, lo stesso deve essere sottoposto a verifiche
periodiche da parte di personale qualificato. Le verifiche devono essere almeno annuali. Se la
macchina viene sottoposta a cicli di lavoro frequenti o particolarmente pesanti opportuno ridurre
lintervallo di tempo fra una verifica e laltra. Le parti del paranco devono essere verificate contro il
danneggiamento, il consumo, la corrosione o altre anomalie. Tutti i dispositivi di sicurezza devono
essere controllati per verificarne lintegrit ed il corretto funzionamento.
La messa in servizio e le verifiche periodiche devono essere registrate nel certificato di conformit
allegato alla macchina stessa.
Consultare gli le azioni e gli intervalli di manutenzione riportati nella tabella a pag. 17.
lutilizzatore che deve sollecitare la verifica della macchina!
Parti di ricambio
Eventuali riparazioni dovranno essere eseguite da personale specializzato ed autorizzato dal
costruttore e si dovranno utilizzare solo parti ri ricambio originali YALE.

Pagina

Verifica del funzionamento del freno


Il controllo giornaliero del freno deve essere eseguito come segue:
- Agganciare un piccolo carico, sollevare ed abbassare per un piccolo tratto.
- Durante questa azione lasciare la catena di manovra pi volte.

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Il carico deve essere trattenuto in posizione perfettamente e non si devono apprezzare


movimenti dello stesso non voluti.
Attenzione: Se il carico non viene trattenuto in posizione correttamente ma si apprezzano dei
movimenti dello stesso, mettere immediatamente la macchina fuori servizio e contattare il
costruttore.
Lubrificati
Al fine di ridurre lusura, la catena di sollevamento deve essere lubrificata di tanto in tanto con un
lubrificante spray per catene o Olio per ingranaggi. Gli ingranaggi del riduttore e la molla del
dispositivo del freno devono essere ingrassati una volta disassemblati.
Attenzione: La molla del freno deve essere lubrificata leggermente per evitare di lubrificare il disco
dattrito del freno stesso.
Intervallo di applicazione / lubrificante
Dispositivo del freno: Teccem e.K. 708 W
Catena di sollevamento: Shell Tonna T68, Rocol M070, Rocol MV3
Riduttore e cuscinetti: Gleitmo 805 K
Punto di fluidificazione > 130C.
VERIFICHE PRIMA DELLA MESSA IN SERVIZIO UTILIZZO DELLA MACCHINA
Ciascun paranco deve essere controllato prima della messa in servizio da parte di personale
qualificato. La verifica principalmente visiva e funzionale e deve stabilire che il prodotto sicuro
ed in condizioni perfette. Qualunque segno di danneggiamento, usura, corrosione o altre
irregolarit devono essere registrate e, se il caso, rimosse. La verifica deve essere eseguita da
personale del costruttore o del fornitore o pu anche essere eseguita dalutilizzatore tramite tecnici
opportunamente formati dal costruttore stesso.
VERIFICHE PRIMA DELLUTILIZZO DELLA MACCHINA
Prima di iniziare ogni ciclo di lavoro, controllare che la catena di carico e tutte le parti che
sostengono il carico comprese le strutture sovrastanti il paranco stesso non presentino difetti
visibili.
Inoltre controllate il freno ed assicuratevi che sia il carico che il paranco sono collegati
opportunamente.
Per questo motivo si pu compiere un piccolo ciclo di sollevamento/tiro o messa in tensione e
rilascio.
NOTA: Alla temperatura di 0C il freno del paranco potrebbe essere congelato. In questo caso
appendere il paranco cos come specificato dalle istruzioni con il carico collegato,. Iniziare a
sollevare lentamente fino a portare in tensione la catena di sollevamento. Ora rimuovere la
tensione tirando la catena di manovra. Ripetere questa operazione due volte prima di iniziare le
normali attivit lavorative.

Pagina

Verifica dei ganci di sospensione e di carico


Verificare che i ganci di sospensione e di carico siano privi di deformazioni, danneggiamenti,
cricche o punti di usura o di corrosione.
Se la macchina viene sottoposta a cicli di lavoro frequenti o particolarmente pesanti opportuno
ridurre lintervallo di tempo fra una verifica e laltra.
Non consentito saldare sui ganci (ad esempio per ripristinarle i punti di usura). I ganci che sono
stati scartati durante le verifiche devono essere sostituiti con dei nuovi.
I ganci devono essere sostituiti se lapertura di ingresso a (Fig. 14) superiore del 10% alla
nominale o se le dimensioni nominali si sono ridotte pi del 5% a causa di usura.

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Le dimensioni nominali ed i limiti di usura sono riportati nella tabella 3 di seguito riportata. Quando
tali limiti vengono superati si deve procedere alla sostituzione della parte.
Verifica della catena di carico
La catena di sollevamento deve essere controllata per evidenziare eventuali difetti meccanici di
tanto in tanto e almeno dopo 50 ore di funzionamento.
Verificare che la catena sufficientemente lubrificata e che non presenta difetti visivi esterni,
deformazioni, cricche superficiali, punti di usura o corrosione.
La catena deve essere sostituita quando il diametro originale d della maglia pi usurata si
ridotto pi del 10% o quando la catena evidenzia un allungamento pi del 5% (Fig. 13) del passo
pn o un allungamento del 3% su 11 passi (11xpn). I valori nominali ed i limiti di usura sono riportati
in tabella 2.
Quando uno dei limiti viene superato si deve procedere alla sostituzione della catena.
Verifica del ferma catena
Il ferma catena deve essere opportunamente collegato allestremit libera della catena (Fig.11)
Verifica dei sistemi di rinvio
Bozzello
Tutte le macchine dotate di pi tiri di catena devono essere controllate prima di essere messe in
servizio e particolare attenzione deve essere posta nel verificare che la catena non sia torta o
girata. La catena dei paranchi a pi tiri torta se il bozzello stato capovolto (Fig. 9). La catena di
carico deve essere installata come indicato nelle figure seguenti (Fig. 10). In ogni modo la
saldatura delle maglie deve essere rivolta verso lesterno e quindi non in contatto con la noce di
carico.
Assicurarsi che la catena montata sia quella prescritta dal costruttore. Nel caso in cui si evidenzi
una difformit la garanzia decadr immediatamente.
Verifica del freno di carico (Fig. 15).
Nel caso di irregolarit (esempio: sistema refrigerante con evidenti segni di surriscaldamento,
disco frizione allentato, ecc.) contattare il costruttore immediatamente.
Tutti i componenti del freno devono essere controllati contro lusura, danneggiamento, macchiatura
da surriscaldamento e funzionamento. Il disco frizione deve essere tenuto pulito da olio, grasso,
acqua e polvere.
Il disco frizione deve risultare compatto e privo da segni di sfaldamento.
La regolazione del freno deve essere eseguita secondo le istruzioni 09900490/09.2006.

Pagina

Verifica periodica
Ogni 3 anni la macchina deve essere sottoposta a verifica da parte del personale Yale Industrial
Product GmbH. La verifica include lo smontaggio completo della macchina ed il controllo di tutti i
componenti.
Il non rispetto di questa prescrizione rende la Dichiarazione di Conformit ATEX nulla e non pi
applicabile.
La verifica ed il rispetto degli intervalli di manutenzione / verifica responsabilit
dellutilizzatore.

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

OPERAZIONI CORRETTE

Fig. 1

Pagina

OPERAZIONI NON CORRETTE

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Pagina

10

RINVIO DELLA CATENA

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

Pagina

11

DESCRIZIONE
1

Gancio di sospensione con chiusura di sicurezza

Coperchio per la ruota di manovra per catena di manovra.

Catena di carico

Bozzello

Coperchio riduttore

Catena di manovra

Gancio di carico con chiusura di sicurezza

Blocco catena

Coperchio (materiale: PA66)

10

Chiusure laterali (materiale: PA66)

11

Guida catena (materiale: PA66)

www.teci.it

Pagina

12

TARGA

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Pagina

13

Fig. 15

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Modello Yalelift 360


Portata

0,5/1

1/1

2/1

3/1

5/2

10/3

20/6

500

1000

2000

3000

5000

10000

20000

5 x 15 T

6 x 18 T

8 x 24 T

10 x 30 T

10 x 30 T

10 x 30 V

10x30 V

[kg]

Numero di tiri di catena

Dimensione della catena

[mm]

Lunghezza lineare di catena di manovra per 1 m di sollevamento

[m]

30

49

71

87

174

261

522

Corsa verticale per 1 m di catena di manovra

[mm]

33

20

14

12

Forza da applicare alla catena di manovra alla portata nominale

[daN]

21

30

32

38

34

44

2x44

Peso netto con corsa gancio standard

[kg]

9,0

13,0

20,0

29,0

38,0

71,0

196,0

Pagina

14

Tab. 1

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

VALORI NOMINALI E LIMITI D USURA

Modello Yalelift 360


Dimensione della catena

[mm]

Grado

0,5/1

1/1

2/1

3/1

5/2

10/3

20/6

5 x 15

6 x 18

8 x 24

10 x 30

10 x 30

10 x 30

10x30

Diametro

dnominale
dminimo

[mm]
[mm]

5,0
4,5

6,0
5,4

8,0
7,2

10,0
9,0

10,0
9,0

10,0
9,0

10,0
9,0

Passo

Pnominale
Pmassimo

[mm]
[mm]

15,0
15,8

18,0
18,9

24,0
25,2

30,0
31,5

30,0
31,5

30,0
31,5

30,0
31,5

Allungamento

11 x Pnominale
11 x Pmassimo

[mm]
[mm]

165,0
170,0

198,0
203,9

264,0
271,9

330,0
339,9

330,0
339,9

330,0
339,9

330,0
339,9

Pagina

15

Tab. 2

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

DIMENSIONI DEL GANCIO

Modello Yalelift 360

0,5/1

1/1

2/1

3/1

5/2

10/3

20/6

Apertura del gancio

anom [mm]

30

36

43

50

55

78

84

Apertura del gancio

amax [mm]

33

40

47

55

61

86

92

Spessore gancio

bnom [mm]

13

18

24

38

45

50

56

Altezza gancio

hmax [mm]

17

25

32

30

37

68

85

Pagina

16

Tab. 3

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

INTERVALLI DI MANUTENZIONE E VERIFICA

Verifica / controllo
Controllo funzionamento freno

Intervallo
Prima di ogni operazione

Controllo catena di carico

Ogni 3 mesi

Controllo della noce di carico e del giuda


catena
Verifica dei collegamenti imbullonati
Verifica dei cuscinetti ed ingranaggi
Controllo del freno

Ogni 3 mesi

Controllo del gancio di sospensione e


carico
Controllo del freno con carico collegato

Ogni 6 mesi o almeno una


volta lanno*
Almeno una volta lanno*

Controllo delle ruote del carrello

Ogni tre mesi

Controllo dei respingenti del carrello

Ogni sei mesi

Almeno una volta lanno*


Almeno una volta lanno*
Almeno una volta lanno*

Commenti
Vedi paragrafo Verifica del freno
di carico
Vedi paragrafo Verifica della
catena di carico
Controllo visivo dellusura

Verificare la lubrificazione
Vedi paragrafo Verifica del freno
di carico
Vedi paragrafo Verifica dei ganci
di sospensione e di carico
Vedi paragrafo Verifica del freno
di carico
Solo per le unit con carrello
integrato (YLITP/G e YLLH)
Controllo visivo dellusura

*a seconda dellutilizzo.

Manutenzione
Lubrificazione della catena di carico
Unit completa

Intervallo
Ogni mese
Almeno una volta lanno*

Commenti
Nel caso di utilizzo gravoso gli
intervalli di manutenzione
devono essere ridotti di
conseguenza.

Pagina

17

Il controllo delle unit impiegate in aree potenzialmente esplosive deve


essere eseguito ogni 3 mesi.

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it

Dichiarazione di Conformit CE
Con la presente dichiariamo che la progettazione, la costruzione e lesecuzione commercializzata
della macchina qui di seguito riportata conforme con i principali requisiti della Direttiva Macchine
CE.
Questa dichiarazione perder ogni validit nel caso in cui vengano apportate al suddetto
macchinario modifiche o aggiunte non preventivamente concordate con noi.
Inoltre la presente dichiarazione perder ogni validit nel caso di utilizzo della macchina non in
accordo a quanto contenuto nelle istruzioni di servizio e/o non venga controllata con regolarit.
Prodotto:

Paranco manuale

Tipo:

Yalelift 360, Yalelift LH, Yalelift ITP/G, Towerlif

Portata:

500 20.000 kg

Numero di serie:

a partire dallanno di fabbricazione 05/08 (il numero di serie


viene riportato per ciascuna portata nel libro di produzione)

Direttiva CE di riferimento:

Direttiva Macchine 2006/42/EC (98/37/EC)


ATEX Direttiva 94/9/EC

Altre Norme di riferimento:

ISO 12100-1:2003; ISO 12100-2:2003; EN 349:1993; EN 8181:1996; EN 818-7:2002; EN1127-1:2007; EN 13157:2004; EN


13463-1:2001; EN 13463-5:2003; DIN 685-3:2001; DIN
5684:1984; DIN 15400:1990; DIN 15404-1:1989; BGV D6; BGV
D8; BGR 132; BGR 500.

Assicurazione di Qualit:

DIN EN ISO 9001:2000; EN 13980:2002

Temperatura ambiente:

da -10C a +40C

Classificazione meccanismo:
Validit:
3 anni dalla messa in servizio con verifiche e manutenzioni in
cantiere.
Decorrenza della validit al pi tardi da 6 settimane dallacquisto.
Numero depositato:

968 / EX AB 1148/08
TV Rheinland Industrieservice
Am Grauen Stein, D-51101 Kln

Funzione di chi firma

Responsabile della Qualit

Pagina

18

Data / firma

Paranchi distribuiti da TECI - Redaelli tecna S.p.a.

www.teci.it