Sei sulla pagina 1di 344

OPERE/1

-·-------·--~-·
BIBLIOTECA
ACOL T A' TEOLOGICA.
CAGLIAF\I
- -----·---
SCRITTORI DELLA CHIESA DI AQUILEIA COMITATO DIRETTIVO

edizione latino-italiana a cura di ANTONIO VITALE BOMMARCO Arcivescovo emerito di Gorizia


Giorgio Fedalto GIANCARLO MENIS Direttore del Museo diocesano di
Udine
GIORGIO FEDALTO Prof. ord., Università degli Studi,
Padova
GIUSEPPE CUSCITO Prof. ord., Università degli Studi,
Trieste
CHIARA CORBATTO Giornalista, segretaria

COMITATO SCIENTIFICO

PAOLO BETTIOLO Prof. ord., Università degli Studi,


Padova
MARIA ELISABETTA BOTTECCHIA dell'Università degli Studi, Padova
GIULIO CATTIN Prof. ord., Università degli Studi,
Padova
r ·:;
' GIUSEPPE CUSCITO Prof. ord., Università degli Studi,
Trieste
ADA GONZATO Prof. ass., Università degli Studi,
Padova
CLAUDIO LEONARDI Prof. ord. Università degli Studi,
Firenze
VINCENZO PAVAN Prof. ass., Università degli Studi,
Bari
MANLIO SIMONETTI Prof. ord, Università degli Studi
"La Sapienza", Roma
CORPUS SCRIPTORUM ECCLESIAE AQUILEIENSIS SCRITTORI DELLA CHIESA DI AQUILEIA
VIIl/1 VIIVl

Venanti Honori Clementiani Fortunati Venanzio Fortunato

OPERA/I OPERE/ 1
Curavit STEPHANUS DI BRAZZANO A cura di STEFANO DI BRAZZANO

CARMINA CARMI
EXPOSITIO ORATIONIS DOMINICAE SPIEGAZIONE DELLA PREGHIERA DEL SIGNORE
EXPOSITIO SYMBULI SPIEGAZIONE DEL SIMBOLO
APPENDIX CARMINUM APPENDICE AI CARMI

---------····-·· ··-···
PADRI GEC TI
FACO TEOLOGICA
L::--C_A_GLI A!:11 ____ .
--B-1B-L-10-TEC:A--J
[F:ACOLTA" TE?LOGICA
CAGUAF·ìl
·--·---· --· ·--- ···---~--~-~--

Città Nuova
CSEA - Aquileia Società per la conservazione della Basilica di Aquileia
MMI 2001
'

Per la praefatio e i libri I-VIII VENANCE fORTUNAT. Poèmes


Tome I - Livres I-IV. Texte établi VENANZIO FORTUNATO
et traduit par Mare Reydellet
Paris 1994. OPERE/ 1
Tome II - Livres V-VIII. Texte
établi et traduit par Mare Rey-
dellet
Paris 1998.

Per i libri IX-XI, l'Expositio orationis VENANTI HONORI CLEMENTJANI


Dominicae, l' Expositio Symbuli e l'Appendix FORTUNATI PRESBYTElli ITALICI
canninum Opera poetica
Recensuit et emendavit Frideri-
cus Leo
(Monumenta Germaniae I-listori-
ca, Auctorum antiquissimorum
tomi IV pars prior)
Berolini 1881.

Per carm. app. 34 Epistolae Austrasicae, edidit


Wilhelmas
Gundlach, Epistolae Merowingi-
ci et Karolini acvi. Tomus I (Mo-
numenta Germaniae Ht'storica.
Epistolarum tomus III, Merowin-
giae et l(arolini aevi I)
Berolini 1892
(= Corpus Christlanorum. Series
Latina CXVII, Turnholti 1957).

Con interventi del curatore.

Copertina di Gyiirgy Szokoly

© 2001, Città Nuova Editrice - Via degli Scipioni, 265 - 00192 Roma
te!. 063216212 - e-mail; ~om,m,editrke@sittal\uova.it
, l ; ; , , · I , ~ ~ '. / :. f -; :

Fondazione "Società per la cortservaziol)e ~qll~ B~$iljca:di Aquileia"


via Arcivescovado., f; · -~~ 1/q Gorizia'

ISBN 88-311-9084-9

Elaborazione grafica e impaginazione di Carla Curti


REDAZIONE CITIÀ NUOVA

Finito di stampare nel mese di ottobre 2001


dalla tipografia Città Nuova della P.A.M.0.M.
Via S. Romano in Garfagnana, 23
00148 Roma - te! 066530467
e-mail: segr.tipografia@cittanuova.it
SIGLE E ABBREVIAZIONI
9

SIGLE E ABBREVIAZIONI GREGORIUS M/\GNUS


epist. Registrum epistularum
G!lliGOlUUS TURONENSIS
Frane. HZ:rtoriae
glor. conf In glorz'a confessorum
glor. mart. In gloria martyrum
AS Acta sanctorum, 67 voli., Antverpiae et Bruxellis 1643ss. Iul. De virtutibus S. Iuliani
BS Bibliotheca Sanctorum, 14 voli., Roma 1961-1987. Mart. De virtutibus S. Martini
CCE Catechismus Catholicae Ecclesiae, Città del Vaticano 1997 vit. patr. Vita patrum
(tr. it. Catechismo della Chiesa Cattolica, Città del Vatica·
no 1992). HIERONYMUS
CCL Corpus Christianorum. Series Latina, Turnholti 1954ss. epist. Epistularum corpus
CSEL Corpus scrzj;torum ecclesiasticorum Latinorum, Vindobo-
nae 1866ss. ISIDORUS
DACL Dictionnaire d' archéologie chrétienne et de liturgie, 15 orig. Origines
voli., Paris 1924-1953.
DS H. DENZINGER · A. ScHONMETZER, Enchiridion symbolo- p /\ULUS DJACONUS
rum, de/initionum et declarationum de rebus fidei et mo- Lang. Historia Langobardorum
rum, Barcinone - Friburgi Brisgoviae - Ro1nae - Neo-
Eboraci 1976" (tr. it. aggiornata a cura di R Hiiner- RUFINUS
mann, Bologna 1995"). hist. Eusehzi Hlstoria ecclesiastica translata et con~
MGH Monumenta Germaniae historica, indicazioni bibliografiche. tinuata
AA Auctores antiquissimi, 15 voi!., Berolini 1877-1919.
EE Epistolae, 8 voli., Berolini 1887 -1939. SIDONIUS APOLLINARIS
LNG Leges natiDnum Germanicarum, 5 voll., Hannoverae et epist. Epistulae
Lipsiae 1892ss.
PLMA Poi!tae Latini medii aevi, 6 voli., Berolini 188lss. SULPICIUS SEVERUS
SRM Scriptores rerum Merovingicarum, 7 voll., Hannoverae et Mart. Vita s. Martini
Lipsiae 1884-1951. dia!. Dialogi
ss Scrzj;tores (in folio), 30 voli., Stuttgardiae 1826-1934.
VENANTIUS FORTUNATUS
PG Patrologiae cursus completus. Series Graeca, ed. J.-P. Mi-
gne, 161 voli., Parisiis 1857-1866. Mart. Vita Martini
PL Patrologiae cursus completus. Series Latina, ed. J.-P. Mi- vita Radeg. Vita Radegundil' reginae Francorum
gne, 221 voli., Parisiis 1841-1865. vita G~rm. Vita Germani episcopi Pari<iaci.
PLRE J. R MARTINDALE, The Prosopography o/ the Later Ro-
man Empire, voi. III, A. D. 527 -641, 2 tomi, Cambridge
1992.
RLAC Reallexikon fi.ir Anttke und Christentum, 19 voli., Stutt·
gart 1950ss.

ABBREVIAZIONI DELLE OPERE MAGGIORMENTE CITATE

BAUDO NIVIA Vita s. Radegundis


SIGLE E LIBRI DELLA BIBBIA SIGLE E LIBRI DELLA BIBBIA
(latino) (italiano)
Abd. Abdias Lev. Leviticus Ab Abacuc Is Isaia
Act. Actus Apostolorum Abd Ab dia
1 Mach. I Machaheorum liber
Ag. Aggaeus Ag Aggeo Lam Lamentazioni
2 Mach. II Machabeorum liber
Am. Amos Mal. Malachia Am Amos Lv Levitico
Apoc. Apocalypsis Ap Apocalisse Le Luca
Mieh. Michaeas
Bar. Baruch Mc. Evangelium secundum At Atti
1Mac 1 Maccabei
Cant. Canticum Canticorum Marcum 2Mac 2 Maccabei
ad Colossenses epistula
Bar Baruc
Col. Mt. Evangelium secundum Ml Malachia
1 Cor. I ad Corinthios epistula Matthaeum Mc Marco
2 Cor. II ad Corinthios epistula
Ct Cantico
Nah. Nahum Col Colossesi Mt Matteo
Dan. Daniel Num. Numeri 1 Cor 1 Corinzi Mi Michea
Deut. Deuteronomium 2 Cor 2 Corinzi
Os. Osee Na Naum
Eccle. Ecclesiastes 1 Cr 1 Cronache
1 Par. I Paralipomenon lib. 2 Cr 2 Cronache
Ne Neemia
E ccli. Ecclesiasticus
2Par. II Paralipomenon lib. Nm Numeri
Eph. ad Ephesios epistula
1 Esd. I Esdrae liber PhiL ad Philippenses epistula Dn Daniele
Philem. ad Philemonem epistula Os Osea
2 Esd. II Esdrae, qui dicitur Dt Deuteronomio
Nehemiae Prov. Proverbia
Ps. Psalmorum liber
1 Pt 1 Pietro
Est. Esther Eb Eh rei 2 Pt 2 Pietro
Ex. Exodus 1 Petr. I Petri epistula bY Efesini Pr Proverbi
Ez. Ezechiel 2 Petr. II Petri epistula Esd Esdra
Gal. ad Galatas epistula Rom. ad Romanos epistula Es Esodo Qo Qoèlet
Gen. Genesis 1 Reg. I Regum liber (I Samuel) Est Ester
2 Reg. II Regum liher (Il Sa- Ez Ezechiele 1 Re 1 Re
Hab. Habacuc
Heb. ad Hebraeos epistula muel) 2Re 2Re
III (I) Regum liher
Fm Filemone Rm Romani
3 Reg.
Iac. Iacobi epistula Fil Filippesi Rt Rut
4 Reg. IV (II) Regum hber
Ier. leremiae
Io. Evangelium secundum Rut. Ruth liber
Gal Galati Sai Salmi
loannem Sap. Sapientia Gen Genesi 1 Sam 1 Samuele
1 Io. I Ioannis epistula Soph. Sophonias Ger Geremia 2Sam 2 Samuele
2 Io. II Ioannis epistula Gc Giacomo Sap Sapienza
1 Thess. I ad Thessalonicenses
3 Io. III Ioannis epistula Gb Giobbe Sir Siracide
epist.
Iob Iob Gl Gioele So/ Sofonia
Ioe. Ioel 2 Thess. II ad Thessalonicenses
epist. Gn Giona
Ion. Ionas Gv Giovanni 1 Ts 1 Tessalonicesi
Ios. Io sue Thren. Threni, id est Lamenta-
1 Gv 1 Giovanni 2 Ts 2 Tessalonicesi
Is. Isaias tiones
2 Gv 2 Giovanni 1 Tm 1 Timoteo
Iu. Iudae 1 Tim. I ad Timotheum epist.
3 Gv 3 Giovanni 2Tm 2 Timoteo
Iud. Iudith 2Tim. II ad Timotheum epist.
Gs Giosuè Tt Tito
Iudic. Iudicum liber Tit. ad Titum epist.
Gd Giuda Tb Tobia
Evangelium secundum Lu- Tob. Tobias
Le. Gdc Giudici
cam Zach. Zacharias Gdt Giuditta Zc Zaccaria
AVVERTENZA

Questo primo tomo dedicato alle opere di Venanzio Fortunato


comprende:
- gli undici libri dei Carmina, al cui interno si trovano anche:
- I1Expositio oratlonis Dominicae;
-1' Expositio symbuli, da noi presentate separatamente;
- l'Appendix carminum.
Seguirà un secondo tomo, contenente le opere agiografiche in
versi e in prosa (Vita Martini, Vita et virtutes Hilarii, Vita Germani,
Vita Albini, Vita Paterni, Vita Radegundis, Vita Marcelli, Vita Severini
Burdigalensis, In laudem sanctae Mariae), i frammenti, le opere dub-
bie (Epitaphium beati Marii, Epitaphium Nicetii Lugdunensis) e le
opere spurie (De privilegio, Carmina, Vita Medardi, Vita Leobini, Vita
Dionysù', Expositio ftdei catholicae).
A conclusione di quest'ultimo tomo saranno pubblicati gli Indici
relativi a entrambe le parti.
I I

INTRODUZIONE GENERALE

Quel che ci è dato di sapere sulla vita di Venanzio Fortunato deriva I,


interamente da ciò eh' egli stesso ci dice nelle sue opere, in primis negli
undici libri di carmi, nei quali è spesso presente lelemento autobiografi-
co. Nondimeno, mentre egli è prodigo di dettagli sugli accadimenti della
vita di ogni giorno, non ci comunica quasi nulla su quegli aspetti e quei
momenti della sua vita che per noi sarebbero particolarmente significati-
vi:- ci sono msì ignoti sia lanno della sua nascita che quello della sua or-
dinazione sacerdotale; misterioso rimane pure il momento della sua ele-
zione alla cattedra episcopale di Poitiers.
Da un passo della sua opera poetica di maggior impegno, la Vita
Martini, apprendiamo ch'egli nacque a Duplavenis, l'odierna Valdobbia-
dene in provincia di Treviso, presso Cenita, lattuale Vittorio Veneto (fi-
no al 1866 Cèneda) 1. Quanto alla data di nascita, l'opinione degli stu-
diosi non è unanime: da alcuni essa è posta attorno al 530, altri si spin-
gono fino al 540; è oltremodo probabile che la verità stia nel mezzo, an-
che se la seconda metà del decennio pare più appropriata 2 •
Altrettanto esigua è la nostra conoscenza della sua famiglia di origi-
ne: Venanzio nomina due volte il proprio padre e la madre, un fratello, la
sorella Tiziana, e un certo numero di nipoti3. Qualche elemento in più si

1 Mart. 4, 668ss.: Per Cenitam gradiens et amicos Duplavenenses /qua natale so-
lum mihi sanguine, sede parentum. L'identificazione di Duplavenis con l'attuale Val-
dobbiadene è dovuta all'abate Rambaldo degli Azzoni, canonico della chiesa di Tre-
viso. Cf. M.A. LUCHI, Venantii Fortunati presbyteri Italici opera omnia ... coltecta ...
opera et studt'o d. Michaelis-Angeli Luchi, I, Roma 1786, Vita Venantil Fortunati, 8,
poi in PL LXXXVIII, 23C (trad. frane. in Venanti Honori Clementiani Fortunatl
presbyteri Italici; opera poetica miscellanea. - Venance Fortunat. Poést'es mflées tradut:
tes en français pour la première fai par M. Charles Nisard, avec la collaboration, pour
!es livres I-V, de M. Eugène Rittier, Paris 1887, 4 [d'ora in poi citata con il solo titolo
francese in forma abbreviata]).
2 Per una datazione alta, attorno al 530 si sono espressi M. MANITIUS, Geschi-
chte der lateinischen Literatur des Mittelalters, I, Miinchen 1911, 170; D. TARDI, For-
tunat. Étude sur un dernier représentant de la poésie latine dans la Gaule mérovin-
gienne, Paris 1927, 24; P. DE LABRIOLLE, Ht'stoire de la lt'ttérature latine chrétienne,
Il, Paris 1947, 757. La datazione attorno al 540 è stata invece difesa da R. KOEBNER,
Venantius Fortunatus. Seine Persiinlichkeit und seine Stellung in der geistigen Kultur
des Merowingerreiches (Beitriige zur Geschichte des Mittelalters und dei: Renaissan-
ce 22), Leipzig-Berlin 1915, 11. Ultimamente B. BRENNAN, The Career of Venantius
Fortunatus, "Traditio", XLI (1985), 49-78, 50, eJ.W. GEORGE, Venantius Fortuna-
tus. A Latin Poet in Merovingian Gaul, Oxford 1992, 19, lasciano aperta la questio-
ne, propendendo però per una datazione negli anni immediatamente precedenti il
540. M. REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, livres I-IV, Paris 1994, VII, pro-
pone invece gli anni attorno al 535. _
3 Carm. 7, 9, 11; Mart. 4, 669s. Il no1ne della sorella è poi noto da carm. 11, 6, 8.
16 INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE 17

può ricavare dalla forma completa del suo nome quale ci è stata traman· triana/e già al tempo del regno gotico nella prima metà del secolo, e an-
data dai manoscritti: Venantius Honorius Clementianus Fortunatus. Un cor più dopo la riconquista da parte delle armate imperiali di Belùario
nome composto da quattro elementi può far pensare che chi lo portava nel 540 8. Qui Venanzio attese agli studi di grammatica e di retorica, e
provenisse da una famiglia di un certo prestigio. Il nome Venantius com· forse anche di giurùprudenza 9, acquisendo così una vasta preparazione
pare nella prosopografia romana soltanto con il V secolo, e divenne piut· culturale che gli avrebbe permesso di intraprendere la carriera di in.re·
tosto frequente nell'alta società italica del secolo successivo 4, mentre per gnante, di poeta di professione ma anche di funzionario dell'amministra-
noi è assai più significativo l'ultimo elemento, Fortunatu~ quello con cui zione pubblica. Il trasferimento dalla Venetia a Ravenna sarà stato
sempre il poeta designa se stesso: esso è certamente connesso con il culto senz'altro motivato dalla volontà di completare il ciclo degli studi per as·
del!' omonimo martire di Aquileia, diffuso in tutta la Venetia. sicurarsi una carriera. A tale proposito non vi è alcun bisogno, come pu-
Nulla ci dice il poeta sull'ambiente in cui trascorse gli anni dell'in· re è stato fatto dal T'ardi 10, di mettere in relazione tale spostamento alla
fanzia e dell'adolescenza, e che fu verisimilmente anche il luogo in cui vicenda dei Tre Capitoh che in quello stesso giro di anni causò gravissi-
ricevette la formazione primaria. Sappiamo però che a un dato momento, mi contrasti tra il potere imperiale, la sede apostolica e le due principali
presumibilmente ali'età di quindici o vent'anni, egli entrò in contatto sedi metropolitane dell'Italia settentrionale, Milano e Aquileia.
con quel Paolino che nel 557 fu eletto vescovo della metropoli aquileiese Durante la permanenza a Ravenna egli, insieme al suo amico e col-
e fu il primo ad assumere - abusivamente - il titolo di patriarca 5: a que· lega di studi, Felice, divenuto in seguito vescovo di Treviso 11, fu colpito
sto riguardo, se conoscessimo l'esatta data di nascita di Venanzio, po· da una fastidiosa malattia agli occhi: in breve tempo entrambi furono sul
tremmo stabilire se l'incontro tra i due ebbe luogo ad Aquileia oppure se punto di perdere la vista. Animati da fervente devozione i due amici si
potesse essere avvenuto anche in un'altra località della Venetia, dove recarono nella bastlica ravennate dei Santi Giovanni e Paolo: qui vi era
Paoli'no probabilmente risiedeva quale semplice monaco prima della sua un altare dedicato a san Martino vescovo di Tours (sec. IV), famoso già
designazione episcopale. Purtroppo, non disponendo di dati precùi non in vita per i numerosissimi miracoli che gli erano attribuiti 12. Venanzio
possiamo che formulare ipotesi. Tuttavia, sulla sola base della certa ca· e Felice unsero le loro palpebre con l'olio della lampada che ardeva sopra
noscenza reciproca dei due, nel passato alcuni studiosi sostennero disin· l'altare, e miracolosamente riacquùtarono la salute 13.
voltamente che proprio ad Aquileia Venanzio compì il ciclo inferiore dei Di lì a poco, e precùamente sul finire dell'estate o all'inizio dell'au-
suoi studi, e immaginarono che la sua famiglia vi si fosse trasferita da
Valdobbiadene a causa delle ripetute incursioni di truppe gotiche, bizan· 8 Mart. 4, 680-701; carm. praef 4; cf. anche carm. 8, 3, 167: Cara Ravenna (da
tine e franche nella Venetia, teatro della guerra condotta dall'imperatore tenere presente per le considerazioni svolte alla nota precedente). 11 ricordo della
Giustiniano per la riconquista dell'Italia occupata dagli ostrogoti 6 . città non venne mai meno nel poeta, che si presentò sempre come ravennate, e tale
Tuttavia, in mancanza di prove dirimenti, si può pure pensare che fu considerato dai suoi estimatori in Gallia, come attesta il ritmo De privilegio; ·com-
Venanzio abbia trascorso l'adolescenza - e abbia quindi conosciuto Pao· post~ a Poitiers poc~~shno tempo dopo la morte del poeta: Ex Fortunato ab Raven-
na Pictonumfloret ctvttas (ed. K:Strecker, MGH PLMA IV 2 Berlin 1914 [rist. ana-
lino - in uno dei centri urbani del bacino del Piave: Acilwn (Asolo), st. Miinchen 1978], 654s.; il testo completo sarà presentato n~l tomo II).
Tarvisium (Treviso), Opitergium (Oderzo), Altinum (Altino): tutte sedi 9 Mart. 1, 26-33. Secondo KOEBNER, Venantius Fortunatus, 11, l'espressione
di vescovati, in ognuno dei quali molto probabilmente era possibile con· cotes iuridt"ca alluderebbe non già agli studi legali, quanto piuttosto all'affinamento
seguire una formazione scolastica inferiore, senza bisogno di spingersi fi· del gusto e delle capacità critico-letterarie.
10 TARDI, Fortunat, 38ss. Secondo questo studioso, Venanzio non avrebbe con- ,,
no ad Aquileia 7. divi~o la posizione di scontro con la sede apostolica assunta dal metropolita aquileie-
Quel poco che egli stesso ci dice della sua giovinezza riguarda un s~ riguardo all'ortodossia del,concili? co~ta~t!nopoli.tano II del ?53, e avrebb~ prefe-
I,'
1,
periodo che tutto fa pensare come successivo a quello della prima forma· rito abbandonare la terra natia per rifug1ars11n ambiente cattolico. A questa idea bi-
zione, e ci porta a Ravenna, massimo centro culturale dell'Italia setten· sogna però osservare che non vi è alcun elemento nell'opera di Venanzio che porti a
vedere in lui un fiero sostenitore dell'llnpero e della sede apostolica contro i vescovi
scismatici. Anzi, come ha rilevato E. STEIN, Histot"re du Bas-Empire, II, De la dispari:
tlon de l'Empire d'Occtdent à la mort de Justinz'en (476-565), Paris-Bruxelles-Amster-
4 J. SASEL, Il viaggio di Venanzio Fortunato e la sua attività t'n ordine alla politt.~ dam 1949, 832ss., vi sono casomai diversi indizi che porterebbero a sostenere l'idea
ca bizantina, in AA.Vv., Aquileia e l'Occidente (Antichità Altoadriatiche 19), Udine opposta, come vedremo a proposito dell'abbandono da parte del poeta dell1talia
1981, 360ss. Cf. PLRE Ili, 1367-1369. per la. Gallia merovingica.
11 Cf. carm. 7, 13; Mart, 4, 666. Per la figura di Felice e il suo ruolo durante
5 Mart. 4, 661s.: Pontlficemque pium Paulum cupienter adora I qui me primaevis
converti optabat ab annis. l'invasione longobarda in Italia d. PAUL. DIAC. Lang. 2, 12: Igitur Albot'n cum ad flu-
6TARDI, Fortunat, 27ss, vium Pkbem venisset, t"bt' et" Felix episcopus Tarvislanae ecclest"ae occurrt't. Cut" rex, ut
7 Di un legame particolare con la città di Tr~iso pare sia indice l'espressione erat largisst"mus, omnes suae ecclest"ae Jacultates postulanti concesst"t et per suum prag-
mea Tarvz'sus in Mart. 4, 665, laddove Aquileia, pur nominata tre volte dal poeta nel matt"cum postulata ft'rmavit.
12 Sul santo si rhnanda una volta per tutte a J. LAHACHE, Martt"no dt" Tours, BS
corso della sua opera, non è mai accompagnata da alcuna connotazione affettiva.
Anche nel ricordo di Mart. 4, 661s. (cf. la nota 5) l'emozione del poeta è legata alla VIII, 1966, 1248-1279.
persona di Paolino, non alla città in sé. 1l Mari. 4, b686-701; cf. PAUL. D!AC. umg. 2, 13.
r8 INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE r9

tunno del 565, Venanzio lasciò Ravenna per compiere un lungo viaggio similmente il compimento di un voto, come già interpretò Paolo Diaco-
che lo avrebbe portato nella Gallia dominata dai Merovingi; da dove no a distanza di due secoli'°.
non avrebbe mai più fatto ritorno in patria 14. Egli descrive in due diver- Partì dunque da Ravenna e risalt' la pianura veneta, toccando Pado-

l
si luoghi della sua opera letteraria il percorso compiuto: una prima volta va 21 e Treviso 22, raggiungendo la valle del Tagliamento 23 e di qui gua-
nel jinale del IV libro della Vita Mattini, scritta molto probabilmente dagnando il passo di Monte Croce Carnico 24. Risalì quindi la valle della
nell'estate del 575 15; ne parla, qualche anno dopo, nella prefazione ai Drava valicando una seconda volta lo spartiacque alpino presso San Can-
primi sette libri dei Carmina indirizzata ali'amico Gregorio vescovo di dido 25; da qui discese lungo il corso della Rienza e poi lungo !'Isarco ver-
Tours e databile con sufficiente esattezza tra il 576 e il 577 16. In so meridione /t'no al sito del!' odierna Bolzano, donde risalt' il corso
quest'ultimo passo Venanzio non fornisce alcuna motivazione precisa per dell'Adige, valicando per una terza volta le Alpi al passo di Resia26. Pro-
il suo viaggio e presenta anzi se stesso come un novello Orfeo alla ventu- segui scendendo lungo la valle dell'Inn, dalla quale poi si staccò per gua-
ra tra popolazioni barbariche, tanto che molti studiosi moderni vi hanno dagnare il Fernpass. Percorrendo la valle del fiume Lech pervenne cast'
ravvisato la figura del poeta itinerante in cerca di gloria e fortuna, una nella pianura germanica. Seguì quindi zt corso del Reno 21, verzl'zinzlmen-
sorta di antesignano dei bardi medievali 11. te fino alla confluenza della Mosella, per poi risalire quest'ultimo fiume
Nel primo passo, molto più esteso e dettagliato, egli descrive l'itine- jino a raggiungere Metz, la capitale del più orientale dei quattro regni in
rario punteggiandolo di soste in corrispondenza di celebri luoghi di cul- cui era stato diviso lo stato franco alla morte del re Clotario I, jiglio di
to, soprattutto martiriale, talché il brano della Vita Mattini è stato re- Clodoveo, avvenuta nel 56128,
centemente dejinito «una vera guida del viaggiatore-pellegrino del VI se- Venanzio giunse a Metz all'inizio della przinavera del 566, in singola-
colo [.. .] che testimonia !'estensione del culto dei santi e della ricchezza re e felicissima concomitanza con la solenne celebrazione delle nozze del
dell'architettura religiosa in Gallia, nel Norico e soprattutto nell'Italia re Sigiberto con la principessa visigota Brunìchilde, figlia del re Atanagil-
settentrionale» 18. In conformità a ciò, Venanzio asserisce due volte nei do 29. ~occasione aveva riunito a Metz tutti i dignitari del regno di Sigi-
suoi carmi di aver compiuto tale lunghissimo viaggio quale peregrinatio berto, che oltre alla regione del bacino renano (che nei secoli seguenti sa-
religiosa allo scopo di visitare, nella città di Tours, la tomba del santo rebbe stata detta Austrasia, ovvero "regno orientale") a grande prevalenza
vescovo al cui intervento egli attribuiva la miracolosa guarigione 19; il di p9polazione di stirpe germanica, comprendeva anche i territori meridio-
viaggio assumerebbe pertanto i tratti di un atto di ringraziamento, veri- nali dell'Aquitania orientale e della Provenza, entrambi a popolazione in
maggioranza gallo-romana, e nei quali la raffinata cultura latina della tar-
14 La bibliografia specifica sul viaggio di Vena_nzio è abbondantissima; citeremo
da antichità, che aveva visto jiorire i talenti di un Ausonio, di un Paolino
H. WoPFNER, Die Reise des Venantius Fortunatus durch die Ostalpen. Ein Beitrag zur
friihmittelalterlichen Verkehrs- und Si'edlungsgeschù:hte, in Festschrift zum Ehren E.
van Ottenthals, Innsbruck 1925 (Schlern-Schriften 9)i 362-417; K. STAUDACHER, Das 20 PAUL. DIAC. Lang. 2, 13: Qua de causa Fortunatus in tantum Martinum vene-
Reisegedicht des Venantt'us Fortunatus, "Der Schlern", XV (1934), 276-279; H. ratus est, ut, relicta patria, paulo antequam Langobardi Italiam invaderent, Turonis ad
WOPFNER Zur Reise des Venantius Fortunatus durch die Alpen, "Deutsche Gaue", eius beati viri sepulchrum properavit.
:XxxvII (1937), 21-25; G. CONTA, Il viaggio di Venanzio Fortunato attraverso le Alpi, 21 Mari. 4, 672-676.
22 Mart. 4, 668-671. È ragionevole pensare che il poeta abbia fatto una breve
"Rivista per l'Alto Adige. Rivista di studi alpini", LXXVII (1983), 35ss. (Corona Al-
pium. Miscellanea di studi in onore del prof, C. A. Mastrelli); M. PAVAN, Venanzio deviazione per raggiungere Duplavenis e salutare i suoi parenti prhna d'intraprende-
Fortunato tl'a Venetia, Danubio e Gallia merovingica, in AA.Vv., Venanzio Fortunato re un viaggio così awenturoso.
23 Mart. 4, 663ss.
tra Italia e Francia. Atti del convegno internazionale di studi, Valdobbiadene 17 mag-
2 4 Mari. 4, 651s.
gio 1990 -Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 11-2?; G. RosADA, Il "viaggio"
25 Mari. 4, 649s.
di Venanzio Fol'tunato ad Turones: il tratto da Ravenna at Breonum loca e la strada
2 6 Mart. 4, 644-648.
per submontana ca stella, in AA.Vv ., Venanzio Fortunato tra Italia e Francia, 25-57.
15 Questa la posizione dell'ultima editrice del testo, S. QUESNEL, Venance For- 27 Mart. 4, 640ss.
28 Per la. storia della Gallia durante il regno dei Merovingi la fonte più impor-
tuna!. CEuvres, IV, Vie de Saint Martin, Paris 1996, X'V. Altri critici propendono per
una datazione leggermente anteriore: KOEBNER, Venantius Fortunatus, 86 nota 1, tante è costituita naturalmente dai Libri historiarum decem (correntemente conosciu-
pensa al 573/574, e quest'ultimo anno è stato proposto anche da TARDI, Fortunat, ti come Ht'storia Francorum) di Gregorio di Tours (ed. B. I(rusch - W. Levison
181. Recentemente BRENNAN, The Career, 55, ha riproposto la datazione di I(oebner. MGH SRM I, 1, Hannover 1937-1951). Per una sintesi moderna si può vedere M'.
16 W. MEYER, Der Gelegenheitsdichter Venantius Fortunatus (Abhandlungen RoucHE, I regni latino-germanici (secoli V-VIII), in La storia, a cura di N. Tranfaglia
der kOniglichen Gesellschaft der Wissenschaften in GOttingen, philologisch-histori- e M. Firpo, II, Il A:f.ed!'oevo, .Torino 1986, 89-122, e G. FOURNIER, Il regno franro,
sche Klasse, n. F. N 5), Berlin 1901, 25ss.; su Gregorio di Tours si può vedere la mi- 123.-144; ancora utile rt~u.lta avecchio A ..TI-cIIERRY, Récits des temps mérovt'ngiennes,
scellanea curata da R. MORGHEN, Introduzt'one alla lettura di Gregorio di Tours Pa1'1S 1858). Co1ne sussidio elementare al lettore dei carmi di Venanzio si accludono
(Convegni del Centro di studi sulla spiritualità medievale 12), Todi 1979. due tavole storiche, la prima con lalbero genealogico della dinastia merovingia tra la
llBRENNAN, The. Career, 54; GEORGE, Venantius Fortunatus. A La#n Poet, 25. fine del V .e la ~ne del ".1s~colo, ~a seco~da che presenta la situazione politica del
18 QUESNEL, Venance Fortunat. <Euvres, IV, LXII. mo1nento 1n cm Venanzio giunse 1n Gallia e quella sancita dal trattato di Andelot
19 Carm. 8, 1, 21: Martinum cupiens voto Radegundis adhaesi; .Mart. 1, 44: del 587 (su cui si veda p. 35).
29 GREG. TuR. Frane. 4, 27 (non datato).
Cuius causa fuit hac me regione venire.
20 INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE 21

di Nola e di un Sidonio Apollinare, aveva oltrepassato senza troppi danni la parte più occidentale del regno: Verdun, ove dedicò due carmi al vesco-
il turbine delle invasioni 30. Tra i personaggi convenuti non mancavano vo Agerico; Reims, seconda sede della corte austrasiana, ove scrisse l' elo-
dunque uomini che erano in grado di apprezzare la cultura e le capacità gio del vescovo Egidio; e infine Soissons, appartenente de iure al regno
·i versificatorie di un giovane poeta come Venanzio. E infatti egli per I'occa- del fratellastro di Sigiberto, Chilperico I, ma occupata dal primo fin dal
!
sione compose un epitalamio di stile claudianeo, con la tipica ambienta- 562 35, ove compose un lungo carme sulla vita e i miracoli del vescovo
zione mitologica e moltissime reminiscenze dai poeti antichi, conforme- Medardo di Noyon, morto nel 560 e là seppellito%.
mente alla formazione letteraria ricevuta nelle scuole ravennafi31. Nel contempo Venanzio ebbe modo di stringere amicizia anche con
Ad ogni modo, il suo arrivo alla corte di Sigiberto non dovette es- diversi dignitari laici della corte austrasiana, sia tra quelli appartenenti
sere del tutto imprevisto: il poeta stesso ci dice che, durante il viaggio al ceppo gallo-romano (perlopiù provenzali) sia tra quelli di ceppo ger-
dall'Italia verso il regno franco, il sovrano demandò a un suo cortigia- manico: naturalmente egli si legò più strettamente a quelli dotati di
no, Sigoaldo, di fargli da guida o da scorta 32 . Questo dettaglio porta maggior sensibilità artistica, in grado pertanto di apprezzare appieno e di
anzi a credere che il viaggio poté essere scrupolosamente preparato, e sostenere il suo talento letterario. Tra costoro spiccano Berulfo, il gover-
che, tramite opportune conoscenze, con ogni verùimiglianza episcopali; natore di Marsiglia Bodegisilo, Conciane, Dinamio, Cagane, Giovino,
Venanzio si sia procurato le necessarie lettere di presentazione da esibi- Lupo, Mummoleno, tutti dedicatari e protagonisti di carmi'7.
re a diversi vescovi dell'Austrasia33. In seguito, probabilmente verso la primavera del 567, Venanzio si
Fa propendere per questa idea il fatto che, tra i numerosi carmi che accomiatò dalla corte austrasiana e raggiunse Parigz; la capitale del regno
Venanzio compose durante la sua permanenza al seguito del re Sigiberto, di Cariberto, fratello di Sigiberto, cui dedicò un solenne panegirico in
spiccano quelli dedicati appunto a vescovi, i quali ci permettono pure di versi 38 . Qui conobbe in seguito altri esponenti della generazione prece-
ricostruire l'itinerario seguito dal poeta nell'ultima fase del suo viaggio,
quando ormai si trovava all'interno del regno franco. Dopo le nozze, in-
I dente della dinastia merovingica: la regina madre Ultrogota, vedova di
Childeberto I fratello di Clotario I, e le sue due figlie Croteberga e Cro-
fatti; Sigiberto percorse tutte le principali città del suo regno, probabil-
mente allo scopo di presentare al popolo la nuova regina; Venanzio rima-
se al suo seguito, toccando dapprima le città lungo il corso della Mosella e
del Reno: Magonza, Colonia e Treviri, ove compose diversi carmi in lode
lI tesinda, nonché Teodechilde, figlia del re Teodorico I, un altro fratello di
Clotario 39. Contemporaneamente entrò in relazione con il vescovo Ger-
mano, di cui più tardi avrebbe steso la biografia4o.
Di lì a poco, durante l'inverno 5671568, Cariberto morì4I, e forse
dei rùpettivi vescovi Sidonio, Carentino e Nicezio, nonché a celebrazione proprio per questa ragione Venanzio, vista svanire ogni possibilità di me-
dei più ragguardevoli edifici sacrf34. Fu poi la volta delle città situate nel- cenatismo da parte di quel sovrano, riparti' alla volta di Tours, la città di
san Martino, che assieme alla vicina Poitiers entrava ora a far parte del
regno di Sigiberto in seguito alla spartizione dei domini del re defunto
30 Sullo stato della cultura nella Gallia tra tarda antichità e alto medioevo resta
fondamentale P. RICHÉ, Éducatt'on et culture dans l'Occident barbare, Vl'-VIII' siècles,
Paris 19622 (trad. it. Educazione e cultura nell'Occidente barbarico, Roma 1970). 35 GREG. TuR. Frane. 4, 23: Rediens autem Sigyb_erthus vù:tus a Chunt's, Sessio-
31 Carm. 6, 1. Come giustamente osservano KoEBNER, Venantius Fortunatus, 1, nas civitatem occupat, ibique t'nventum 'i'heodeberthum, Chilperici regt's filium, ad-
e TARDI, Fortunat, 15, Venanzio fu con ogni probabilità una delle ultime personalità prehendit et ù1 ext'lio transmittit.
letterarie dell'antichità ad aver compiuto il regolare corso di studi grammaticali e re- 36 Rispettivamente carm. 3, 23 e 23a (Verdun); 3,.15 (Reims) e 2, 16 (Soissons).
torici, formandosi sui classici e imparando a pensare sui libd, prima del decaditnen- 37 Carm. 7, 15 (Berulfo); 7, 5 (Bodegisilo); 7, 16 (Condane); 6, 9 e IO (Dina-
to generale della cultura e dell'educazione. Si aggiungerà poi - cosa di non minima mio); 7, 1-4 (Gogone); 7, 11 e 12 (Giovino); 7, 7-9 (Lupo); 7, 14 (Mummoleno).
importanza - che egli è altresì con tutta verisiiniglianza l'ultimo poeta ad aver appre- KOEBNER, Venantius Fortunatus, 3 7, nota co1ne al di fuori dell' Austrasia Venanzio ce-
so la lingua latina direttamente dalla bocca dei suoi genitori: per gli autori delle epo- lebri soltanto i sovrani e i membri delle loro famiglie: sembra pertanto che la presen-
che successive, dalla cosiddetta rinascenza carolingia in poi, il latino, per quanto ap- za di una classe intellettuale laica, dedita principahnente a mansioni amministrative,
preso fin dalla prima età scolare, sarà pur sempre una lingua acquisita. fosse un fatto caratteristico del regno di Sig1berto, senza equivalenti nel resto della
.32 Carm. 10, 16, 1-4. Secondo KoEBNER, Venantius Fortunatus, 23, Venanzio Gallia. Per maggiori dettagli sui personaggi si rimanda alle note ai singoli carmi.
sarebbe entrato ufficialmente a servizio del re Sigiberto, a cui interessavano le pre- 38 Carm. 6, 2. Sulla data della partenza dall'Austrasia pare convincente l'.argo-
stazioni letterarie che egli soltanto era in grado di offrire; avrebbe dunque ricoperto 1nentazione di KOEBNER, Venantius Fortunatus, 17ss., secondo cui quanto il poeta
una mansione che riunisce i compiti del cancelliere a quelli del-propagandista. Que-
sta opinione è stata però contestata da BRENNAN, The Career, 60, il quale nota come
essa non sia suffragata da alcun elemento certo.
I afferma in carm. 6, 9, 5 e 13-14 indicherebbe che un anno dopo le nozze di Sigiberto
e Brunichilde egli si trovava ancora in. Germania, cioè nella parte maggiormente ger-
.r;:ianizzata del regno, quella che in seguito si sarebbe chiamata Austrasia; su questa
33 Secondo M. PISACANE, Il De excidio Thoringiae di Venanzio Fortunato,
"Giornale italiano di filologia", XLIX (1997), 177-208, 183, l'incontro tra Venanzio
e Sigoaldo avvenne a Treviri, dopo che il vescovo locale Nicezio segnalò la presenza
t hnea ora anche BRENNAN, The Career, 60, e più esplicitamente la GEORGE, Venan-
tius Fortunatus. A Latin Poet, 28. Diversa.la cronologia proposta da MEYER, Der Ge-
legenheitsdù:hter, 8, e accettata da REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XII,
del poeta al re Sigiberto (si veda la nota 56). · che pone il congedo dall'Austrasia già all'autunno del 566.
34 Rispettivamente per Magonza carm. 2, 11; 2, 12; 9, 9; per Colonia carm. J, 39 Carm. 6, 6 (Ulrrogota) e 6, 3 (Teodechilde).
14; per Tfeviri carm. 3, 11e3, 12. Per il ruolo di Nicezio di Treviri durante la prima 40 Carm. 2, 9, 97 e 8, 2.
fase del soggiorno gallico del poeta si rimanda alla nota 56. 41 GREG. Tun. Frane. 4, 45.
INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE
22 23
!
tra i rimanenti tre fratelli 42 . Qui il poeta fu accolto dal vescovo Eufro- molto: godeva infatti del più deferente rispetto di tutti e quattro i suoi/i· I
I'
nio, e il carme di elogio che Venanzio gli dedicò in quest'occasione costi' gliastri tra i quali fu diviso il regno, Chilperico, Sigiberto, Gontrano e ,I
tuisce per noi l'unica testimonianza di questo suo primo soggiorno a Cariberto, e spesse volte cercò con il suo carisma di intervenire come me- 11

IOurs, che evidentemente dovette essere assai breve43. A questo proposi- diatrice nei loro frequenti scontri 47. La sua sensibilità mù-tico·religiosa '1

to è stata giustamente rimarcata la singolarità del silenzio che il poeta, dovette fare presa sull'animo di Venanzio, sicché egli s'impegnò con la re· ,I
',I
altrimenti sempre fervente di devozione verso san Martino, mantiene su gina a stabilirsi definitivamente a Poitiers e, forse, a curare gli interessi
questa visita 44; nondimeno coglieremmo nel giusto ipotizzando che egli, del monastero in qualità di sovrintendente laico o economo48.
prima di proseguire il suo cammino, abbia vùitato tutti i luoghi sacri le-
gati alla memoria del santo vescovo 45.
Da Tours Venanzio si portò poi nella vicina Poitiers, ove avvenne
Prima di seguire gli ulteriori sviluppi della biografia di Venanzio,
sarà opportuno tentare un'analisi d'insieme sulla vicenda del suo viaggio
in Gallia, del quale continuano in buona misura a sfuggirci le vere moti·
I
,I
l'incontro con una personalità che sarebbe stata determinante per il resto vazioni profonde.
della sua vil'a: Radegonda. La fanciullezza di questa principessa di stirpe Abbiamo già avuto modo di vedere che il poeta stesso presenta il
turingia, nata attorno al 520, fu segnata dalla violenta conquista del re- suo viaggio in due modi diversi, in conformità al genere letterario in cui
gno turingico da parte dei Franchi nel 531: tratta prigioniera, fu assegna· la presentazione è inquadrata: se da un lato, nella Vita Martint asserisce
ta al bottino di guerra personale del re Clotario I, che se la riservò in di essersi recato in Gallia per visitare la tomba di san Martino a Tours in
isposa. Già in queste prime fasi della sua esistenza però ella aveva dato rendimento di grazie per la miracolosa guarigione agli occhi49, dall'altro ''
11

lato, nella Praefatio dei carmi indirizzata a Gregorio di Tours, il cui fine I,,
chiari segni di voler consacrare la propria vita al servizio di Cristo e della
sua Chiesa, e allorché Clotario, per motivi a noi ignoti, ordinò di uccide- era evidentemente l1 autoesaltazione poetica, Venanzt'o mette in scena se I
re il fratello di Radegonda, questa si allontanò dallo sposo e si ritirò in stesso quale novello Orfeo che vaga alla ventura cantando le sue classi-
solitudine. Clotario, dopo alcuni vani tentativi di ricondurre la sua sposa che armonie in mezzo alle rozze ballate di un popolo primitivo 50.
presso di sé, acconsenti' al ritiro, e Radegonda fu consacrata diaconessa Quasi tutti i critici moderni hanno però osservato come la presenta-
dal vescovo Medardo di Noyon. Fondò poi; tra il 552 e il 557, il suo mo- zione del viaggio quale pellegrinaggio devozionale non sia pienamente
nastero a Poitiers, e in segno di umiltà nominò badessa la sua giovane di- credibile. Abbiamo già notato come il primo soggiorno a Tours non rice-
scepola Agnese 46. Dopo la morte di Clotario, il suo prestigio aumentò di va alcun rilievo particolari nell'opera poetica di Venanzio, ma anzi ne
sz'a pressoché assente: sembra perciò ragionevole concludere eh'esso in
sostanza null'altro sia stato se non una semplice tappa in vista di un pro-
42 Prima che Sigiberto riuscisse a stabilizzare il proprio dominio.sui nuovi ter- seguimento del viaggio verso meridione, alla volta di Poitiers e forse ol-
ritori, essi furono occupati dalle truppe del fratellastro Chilperico I: cf. GREG. TUR. tre. La brevità della permanenza a Tours quale luogo di destinazione del
Frane. 4, 45. pellegrinaggio sarà poi ancora più stupefacente se si pone attenzione al
43 Carm. 3, 3.
44 BRENNAN, The Career, 61; REYDELLET, Venance Fortuna!. Poèmes, I, XIII.
fatto che il poeta raggiunse la sua meta più di due anni dopo la sua par-
45 Sui luoghi martiniani a T ours ci informa lo stesso Venanzio nella biografia tenza, dopo aver soggiornato per un anno in Austrasia e almeno per
della sua protettrice Radegonda, in riferimento a un pellegrinaggio a Tours compiu- qualche mese a Parigi. Questi e altri tratti particolari hanno portato a
to da quest'ultima alcuni anni prima: vita Radeg. 14, nonché GREG. TuR. Mart. 1, 2. pensare che la motivazione presentata da Venanzio stesso sia null'altro
46 Su santa Radegonda le fonti principali sono la Vita Radegundis scritta dallo
stesso Ve11anzio dopo la morte della monaca (587) e l'opera analoga scritta nei primi
che una motivazione difacciata, forse dovuta all'influenza del genere let-
anni del sec. VII dalla discepola Baudonivia, concepita esplicitamente quale comple- terario agiografico entro il quale è inquadrata, ma dietro alla quale si na-
mento alla troppo distaccata biografia fortunaziana (ed. B. Krusch, MGH SRM II, sconderebbero in verità altre spinte51.
Hannover 1888 [rist. anast. ivi 1984], 377-395; si vedano ora la traduzione italiana e
il co1nmento curati da P. SANTORELLI, La Vita Radegundis di Baudont'via
[Koivoovto:.. Collana di studi e testi a cura dell'Associazione di studi tardoantichi
19], Napoli 1999). Tra le opere della storiografia moderna restano fondamentali R. 47 BAUDON. 10.
AIGRAIN, Sainte Radegonde (vers 520-587), Paris 19243; diversi interventi in AA.VV., 48 Cf. carm. 8, 1, 21: Martt'num cupiens, voto Radegundis adhaesi. Sulle affinità
Études mérovingiennes. Actes des journées de Pot'tù:rs 1952, Paris 1953; la miscella- elettive nel carattere dei due personaggi, che sarebbero stati accomunati da una sen-
! nea che raccoglie i contributi presentati al convegno indetto a Poitiers nel 1987, in sibilità estatica, sognatrice e portata al misticismo, si diffonde a lungo l(OEBNER, Ve-
1: occasione del 1400° anniversario della morte: AA.Vv., La riche personnalt'té de sainte nantius Fortunatus, 39-66: si tratta di pagine segnate da un certo psicologis1no carat-
Radegonde, Poitiers 1988, in cui è altresì affrontata la questione dei rapporti tra la teristico dell'epoca in cui furono scritte, e oggi non più acritica1nente accettabile.
,il regina e Venanzio (su questo aspetto ci si soffermerà nell'Introduzione alla Vita Ra- Per il ruolo svolto da Venanzio in rappo1to al monastero si rinvia al seguito della
11,
degundis, nel vol. II). Per un'informazione in lingua.italiana si veda SANTORELLI, La trattazione, p. 28.
Vita, 28-46; lTutroduzione a cura di G. Palermo in VENANZIO FORTUNATO, Vlte dei 49 Mart. 1, 44 e 4, 686-701.
santi Ilario e Radegonda di Poitiers. Traduzione, introduzione e note a cura di G. Pa- 50 Carm. praef 4.
le1'mo (Collana di Testi Patristici 81), Roma 1989, 22-51; nonché N. DEL RE, Rade- peregrinatz'o rellglosa è dari-
5l Tra i pochi che sembrano accettare l'idea della
gondA, BS X, 1968, 1347-1352. cordare soprattutto F. LEO, Venantlus Fortunatus, der letzte riimische Dichter,
'I INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE
24 25
Ha destato sospetti anche il tortuosissimo itinerario prescelto: per so ali'autorità imperiale, sicché, prima di essere trascinato dalla caduta di
arsi da Ravenna alla Gallia la via più immediata lo avrebbe indotto a quello che probabilmente fu il suo primo protettore, egli scelse di porsi
r~~alire la pianura padana e valicare le Alpi occidentali portandosi così sotto la tutela del re Sigiberto, che fino a pochissimo tempo prz'ma aveva
i1,I
'J:rettamente in Gallia, con il va~taggio di rimanere sempre a .co~tatto condotto alla frontiera orientale del suo regno una campagna contro gli
con popolazioni romane o di antica romanizzazione 52 . Venanzio znv~ce
I, ·diresse verso settentrione percorrendo la pianura veneta per poz valtca-
Avari alleati di Bisanzio 55.
Il legame di Venanzio con Vitale, vescovo scismatico suffraganeo di
I si ben tre volte lo spartiacque alpino: una prima volta al passo di Monte
~roce Carnico, poi a San Candido e infine sul passo di Resta, giungendo
Aquileia, potrebbe inoltre essere un indizio - ancorché indiretto ~ del
coinvolgimento del giovane poeta nella questione dei Tre Capitoli, princi-
cosi' nella Germania meridionale, attraversando territori occupati da po-. pale causa della rovina del vescovo altinate: al riguardo vi sono diversi
po/azioni ba'.bariche completame~te estranee alla cultura romana qualt i elementi che porterebbero a vedere in Venanzio un partigiano dei vescovi
Breuni, i Bazovarz e glt Alaman_m 53. . . . . . . scismatici 56. Un proseguimento della carriera nella cattolica Ravenna sa-
Particolari sono pure le circostanze storiche nelle qualt il viaggio st rebbe stato dunque per lui pressoché impossibile, e ancora più scarse sa-
alloca: Venanzio lasciò l'Italta riconquùtata appena qualche mese prima rebbero state le possibtlztà nei centrt' della Venetia, che erano st' sottoposti
della morte dell'imperatore Giustiniano (novembre 565), e soltanto tre alla giurisdizione ecclesiastica della metropoli scismatica di Aquileia, ma
nni prima della calata in Italia dei Longobardi, che avrebbe cambiato ali' epoca erano ancora parte dell'Italia riconquistata dai Bizantini, i quali
~adicalmente la situazione politica nella penisola, vanificando in brevissi- non rifuggivano da metodi violentemente coercitivi allo scopo di ricon-
mo tempo tutti i risultati ottenuti da Giustiniano durante la ventennale durre i vescovi scismatici all'obbedienza alla sede apostolica 57, Al contra-
campagna contro gli Ostrogoti. Ancora, come già accennato, .da qualche rio, i vescovi della Gallia non presero mai posizione né a favore né contro
anno soltanto si era consumato lo strappo tra la Sede apostolica e le due la condanna dei Tre Capitoli, per diversi ordini di motivi: da un lato, la
metropoli di Milano e Aquileia a seguito della controversia sui Tre Capi-
i li (555). Per il viaggio del poeta si è pertanto pensato alle motivazioni
p~'ù diverse, che potevano andare dalla missione politica alla ricerca di Narsete dovette per motivi .che ci restano ignoti fuggire dalla sua diocesi, trovando
asilo ad Aguntum, l'odierna Lienz, nel Norico, zona d'influenza del regno franco.
fortuna letteraria, al dissenso teologico. Conosciamo l'intera vicenda da PAUL. DIAC. Lang. 2, 4: I-Iis quoque temport'bus Nar-
Vi è.stato ad esempio chi ha ritenuto che la sua partenza potesse es- sis patricius, cuius ad omnt'a studium vigilabat, Vt'talem episcopum Altinae ct'vt'tatis,
ere dovuta a motivi di ordine politico legati alla riconquista bizantina qui ante annos plurimos ad Francorum regnum con/ugerat, hoc est ad Agonthiensem
dell'Italia. Pare infatti che Venanzio abbia avuto il suo primo protettore civitatem~ tandem comprehensum aput Sicilt'am exilio damnavit.
55 E questa la posizione di I(OEBNER, Venantius Fortunatus, 15.
el vescovo Vitale di Altino, che nel 565 fu tratto in arresto da Narsete e 56 Principale sostenitore di questa idea è STEIN, Histot're, II, 832ss., che, pur ri-
deportato in Sicilia54, Questo legame avrebbe reso il giovane poeta invi- fiutando l'identificazione del vescovo Vitalis con il presule altinate, annovera nondi-
meno i seguenti inconfutabili elementi: 1) L'entusiastica apostrofe al nuovo hnpera-
tore Giustino II, che ~<osserva tutto ciò che stabili il concilio di Calcedonia» (carm.
app. 2, 23ss.: un carme che si apre con una precisa esposizione del dogma trinitario,
"Deutsche Rundschau'', XXXII (1882), 414-426, 415. La ritiene possibile, per lo oggetto della controversia). Dietro questa affermazione si riconosce la polemica del-
no quale concausa, la GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet, 25. le chiese scismatiche, che accusavano il concili_o costantinopolitano II del 553 voluto
me 52 Si tratta dell'icinerario descritto, ancorché a rovescio, nel cosiddetto Itinera- da Giustiniano e approvato obtorto collo dal papa Vigilia, -di aver implicitamente
rium Burdigalense, un testo risalente alla I metà del IV secolo, in cui s'illustra la stra- sconfessato la dottrina calcedonese condannando gli scritti dei tre Padri (Teodoro di
d che da Bordeaux portava a Concordia transitando per Carcassonne, Narbona_, Mopsuestia, Teodoreto di Cirro e Iba di Edessa) al solo scopo di venire incontro ~i
A~·les le Alpi Cozie e Milano. . monofisiti; 2) Il contatto, avvenuto nel momento stesso dell'arrivo in Gallia con Il
\}A distanza di dieci anni, scrivendo la lettera prefatoria a Gregorio di Tours, vescovo Nicezio di Treviri, autore di una lettera a Giustiniano nella quale si condan-
il oeta non mancherà di ricordare l'impressione di ba:b~:ie eh~ qt~este g~ti susci: na la sua politica religiosa (Epist. Austras. 7); 3) L'amicizia con Felice, divenuto ve-
p 00 in lui, che si era appena allontanato da uno dei p1u raffinati centri ctÙturah scovo scismatico di .Treviso, iniziatasi a Ravenna ma protrattasi anche dopo il trasfe-
taro f 5. C"e stato eh'1 ha sostenuto> tr~en do spunt? cla. questo passo~
d'Italia: carm. prae. rimento in Gallia (si rimanda alla nota 11); 4) Il deferente ossequio tributato al "pa-
che Venanzio abbia scelto di passar~ attrave~so p~esi no? rol?~izzati allo scopo di triarca" scismatico Paolino I, che egli significativamente definisce ponttfex pius da
rendere più morbido l'~patto con 1 Fra~cht sem1r?man1z~att, impatto eh~ av~·ebbe adorare cuplenter (Mart. 4, 661); 5) Il completo silenzio osservato dal poeta sui papi
potuto essere troppo violento qualora vi fosse arrivato direttamente dall Itaha: cf. suoi· contemporanei, a fronte del riconoscimento in linea di principio del primato
~~-~ . . . ptu
54 Questa fjno ad ora 1'1denuficaz1one .. attendibile
.. del vescovo Vttalts
.. cele-
dottrinale della cathedra Petri (carm. 5, 2, 5-6; carm. app. 2, 15ss.). Sulla stessa linea
ora L. PIETlU, .Venance Fortunat et ses commanditaires: un poète t'talien dans la société
brato in carm. 1> 1-2, gli unici componimenti databili al periodo precedente il trasfe- gallofranque, in AA.VV., Committenti e produzione artistico-letterarla nel/ialto me-
rimento in Gallia. Cf. Ko~BNER> Venant:'us Fortun.atus, 120-~25. Inoltre> la s~essa p~­ dioevo occidentale (Settimane del Centro italiano di studi sull'alto medioevo 25),
izione privilegiata conferita da Venanzio a questi due cannt al momento dt pubbli- Spoleto 1992, 729-754, 735, che si richiama alla discussione di Stein.
s e tutte le sue con1posizioni seinbra confennare l'idea secondo cui Vitale fu il suo 57 PAUL. DIAC. Lang. 3, 26, ricorda la deportazione a Ravenna del "patriarca"
rimo mecenate> .a.I q~ al.e iI P?e~a cl?veva no!!. soItan~o l. suoi. prim1
car .. successi,. ma.ru;- Severo insieme a tre suoi suffraganei, avvei1uta ad opera dell'esarca S1naragdo nel
ph con ogni venstlntglianza 1 giusti appoggt ll1 Gallia (cf. PISACANE, 11 De exc1dio 590: i presuli scismatici furoµo costretti a fare atto di sottomissione al metropolita
Theoringiae, 182 nota 23). Vitale infatti già diversi anni prima di essere deportato da ortodosso Giovanni di Ravenna.
26 INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE 27
Chiesa gallica non contava al suo interno metropok' di grande prestigio, spesso usanze e cultura, senza per questo rinunciare alle tradizioni loro
dotate di forza aggregante e capaci perciò di organizzare una resistenza proprie 60: dei quattro sovrani che regnavano ali'epoca in cui giunse Ve-
durevole; inoltre in quelle regioni era inesistente il risentimento antibi- nanzio, due, Sigiberto I e soprattutto Chilperico I, erano degli esteti che
zantino, che invece serpeggiava in Italia già all'indomani della riconqui- affascinati dalla cultura latina, intendevano promuoverla e farla rifiori-
sta a causa dei pesantùsimi gravami fiscali imposti per risollevare le casse re, dopo la crt'.<i del periodo delle invasioni, nei loro regni61, Un lettera-
dell'impero, esauste da una lunghissima guerra combattuta su due fronti; to di'/ormazione italiana era pertanto in grado di offrire ai re merovingi
quello italz'co e quello persiano. Ancora, e proprio perché in grado di giu- proprio quei servigi letterari che essi ricercavano, e che certamente era
dicare. sine ira et studio, i vescovi gallici, tutti allineati ali'ortodossia cal- anai difficile reperire nel!'ambiente locale 62, ma anche di farsi portavoce
cedonese, non dettero soverchia importanza a una quaestio superflua co- delle legittime istanze del!' aristocrazia gallo-romana, che non intendeva
me la condanna dei tre scrittori ecclesiastici - il cui pensiero peraltro ri- rinunciare al suo antico ruolo-guida nel paese. Per questo a>petto dun-
sulta oggettivamente velato di nestorianesimo - la quale sola certo non que la Gallia offriva a un giovane poeta intraprendente molte più passi'
bastava ai loro occhi a sconfessare de facto le decisioni di un concilio ecu- bilità di carriera che non l'Italia fiaccata da una guerra durata vent'anni
menico 58, Durante tutto il periodo dello scisma - che ad Aquileia si pro- e ridotta ormai a semplice provincia bizantina, dove lassenza di una cor-
trasse fino alla fine del VII secolo - essi intrattennero regolari rapporti te avrebbe reso oltremodo difficile l'affermazione dei letterati6J.
con le diocesi dell'Italia settentrionale, considerandosi in comunione con .Un certo seguito ha trovato negli ultimi anni l'idea proposta dallo
queste come pure con la sede di Pietro e con tutti coloro che accettavano storico sloveno Jaroslav Jalel, secondo cui Venanzio, lungi dal trovarsi in
la fede di Calcedonza, a prescindere dagli sviluppi successivi59, posizioni di attrito con il potere bizantino, ne sarebbe stato invece un
A tutto ciò bisogna aggiungere che nei territori gallici, a dispetto agente, incaricato da Costantinopoli di svolgere una sorta di missione di-
delle invasioni e della conquista da parte di un popolo barbaro, la cultu- plomatica in Gallia, allo scopo di mantenere il regno franco, e l'Austra-
ra latina godeva ancora di un altissimo prestigio, rimasto intatto dai sia in particolare, nell'orbita dell'Impero, isolando così i Longobardi. Il
tempi della grande stagione letteraria della tarda antichità, in cui/ioriro- poeta avrebbe dovuto tenere desto presso i Merovingi l'ideale di conti-
no scrittori come Ausonio, Paolino di Nola, Rutilio Namaziano e Sido- nuità culturale con il mondo romano antico 64, In questa prospettiva sa-
nio Apollinare. Fin dalle fasi immediatamente successive al loro stabiliz- rebbe pure da vedere il particolare interesse di Venanzio per la regina
zarsi da nuovi dominatori in quelle terre, i Franchi intesero presentare Radegonda, ché alcuni tra i suoi familiari, dopo la caduta del regno tu-
se stessi come i legittimi successori' ed eredi dei Romani~ assorbendone ringico, avevano trovato rifugio nella Ravenna ostrogota e successiva-
mente a Bùanzio: tra questi il cugino Amala/redo, che prestava servizio
nelle armate imperialz; e z1 nipote Artàchi65,
58 STEIN, Histoire, II, 673. Una prova della neutralità dei vescovi gallici si ha da
un lato nel fatto che la sede apostolica non prese mai alcun provvedimento contro di
60
loro, dall'altro che gli stessi vescovi scisinatici vedevano nei confratelli di Gallia un Già a Clodoveo fu conferita nel 508 dall'imperatore d'Oriente Atanasio la
presidio alla loro causa, come si evince dalle lettere inviate all'imperatore Maurizio di~tà d~ consol~ onorar~o.' e prima della sua morte (511) si addivenne alla prima
dopo il conciliabolo scismatico di Marano (590-591), in cui i presuli scismatici minac- codificazione scritta del diritto franco (Pactus legis Sakcae, ed, K.A. Ekhardt, MGH
ciavano di porsi sotto la giurisdizione dei vescovi dei Franchi. Cf. G. CusCITO, La fe- LNG IV 1, Hannover 1962, 2-235).
de calcedonese e i concili di Grado (579) e di Marana (591), in AA.Vv., Grado nella sto- 61 Chilperico I compose poesie ritmiche di argomento religioso. Fu inoltre au-
ria e nell'arte (Antichità Altoadriatiche 17), Udine 1980, 207-230. Si ricordi poi l'asilo tore di un trattato sulla Trinità in cui esprimeva però idee eterodosse ed ebbe l'in-
offerto anni prllna dai Franchi a Vitale di Altino, la cui fuga fu dovuta con -ogni pro- tenzione di riformare l'alfabeto latino per adattarlo alla lingua franca: ~f. GREG, TUR.
babilità all'esplodere della controversia tricapitolina (si veda la nota 54). Frane. 5, 44; 6, 46i nonché GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet 12 nota
59 Sull'intera questione si rimanda alla sintesi di PAVAN, Venanzio Fortunato, 15. L'u~ica sua poesia superstite, un Hymnus in solemnitate sancti MedartÌi episcopi·,
soprattutto 16-21. Si accennerà appena alla teoria di TARDI, Fortunat, 6lss., preoc- e pubblicata da K. Strecker, MGH PLMA IV 2, Berlin 1914 [rist. anast. Miinchen
cupato di presentare la figura del poeta il meno lontana possibile dalla fama di san- 1978), 455-457.
tità che gli valse il culto ufficiale in alcune diocesi francesi (nonché dall'Ottocento in 62 Cf. E. AUERBACH, Lingua letteraria e pubblico nella tarda antichità latina e
quella di Padova cui appartiene Valdobbiadene. Cf. più avanti, p. 37). Dopo aver nel medioevo, Milano 1960 (ed. orig.: Lt'teratursprache und Publikum t'n der latei'ni~
motivato il passaggio del giovane Venanzio dalla Venetia a Ravenna-con la volontà schen Sfà'tantike und ùn M#telalter, Bern 1958), 23 7-238.
di non compromettersi con le chiese scismatiche ma di rimanere nell'orbita ortodos- 6 Cf. BRENNAN, The Career, 56.
so-imperiale, lo studioso francese ascrive la partenza del poeta dall'Italia alPinsicu- 64 .SASEL, Il viaggio, 371ss. L'autore nota come nella stessa direzione sembri an-
rezza politica del momento, ad un Impero indebolito dalle lunghissilne campagne, dare il m~tri?1onio ~i Si~iberto con Brunichilde, figlia del r~ visigoto Atanagildo,
allo scisma tricapitolino che creava una pesante contrapposizione religiosa e politica che proprio m quegli anni stava conducendo una politica di avvicinamento a Bisan-
in seno alle terre sottomesse a Bisanzio, e alla pressione dei Longobardi sulle Alpi zio; questo orientamento potrebbe essere stato in certo modo favorito da Martino di
orientali. La Gallia sarebbe stata l'unica terra a godere di una relativa pace, dopo es- Braga, che in quelli stessi anni giunse dalla Pannonia e con cui Venanzio intrattenne
sere stata riunificata da Clotario I. C'è però da chiedersi come mai Venanzio, volen- rela~i?ni e_pist?lari-(epist. [c~rm. 5, .1J. e carm_. 5, 2): ~ due uomini sarebbero du11que
do lasciare l'Italia per paura dell'invasione longobarda, valicò proprio le Alpi orien- stati m~a~1cau della medesima m1s~ione diplomatico-culturale presso due regni,
tali, portandosi cosl a breve distanza dal luogo dal quale quel popolo si sarebbe cala- quello visigoto e quello franco, che Bisanzio voleva attrarre nella propria orbita.
to di lì a tre anni. 65 Carm. app. 1 e 3. Questo aspetto è stato sottolineato di recente da M. REY-
INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE 29

Lasciata Poitiers, evidentemente con tutta l'intenzione di ritornar- va, e i loro rz>pettivi successori ebbero sul poeta influenze di segno oppo-
vl Venanzio si spinse verso il sud-ovest della Gallia, soggiornando per sto. Se da una parte il nuovo vescovo di Poitiers, Maroveo, succeduto a
qualche tempo a Bordeaux, ove entrò in contatto con il vescovo Leonzio Pascenzio attorno al 569 n, era animato da una fortissima ostilità verso
II, destinatario di un buon numero di carmi66; in seguito prosegut'fino a la fondazione monastica di Radegonda, e conseguentemente verso tutti i
raggiungere Tolosa67, Da qui; nel luglio del 568, giunse fino in vista dei collaboratori di quest'ultima 74, con il nuovo vescovo di Tours, Gregorio,
Pirenei coperti di neve 68. Recentemente si è altrest' ipotizzato eh'egli si uomo caratterizzato da intelligenza vivzdissima e da sollecita attenzione
possa essere spinto ben oltre, giungendo nella penisola iberica fino a alla letteratura, nonché scrittore egli" stesso, Venanzio strinse un 1amicizia
Bracara (l'attuale Braga nel Portogallo nordoccidentale), per incontrarsi destinata a durare fino alla morte del primo dei due, avvenuta nel 594.
con il vescovo locale Martino, con il quale in seguito intrattenne rappor- Gregorio fu un fervido ammiratore della cultura classica dell'amico, che
ti epistolari69, nei suoi scritti pose alla pari con i talenti letterari più celebrati della
Alla fine del 568 Venanzio fece ritorno a Poitiers, verisimilmente Gallia dei secoli precedenti75. Fu ancora Gregorio a commissionargli nu-
fermandosi per breve tempo a Saintes 10, e su richiesta di Radegonda pre- merosi carmi in occasione di festività solenni, oppure a sollecitarlo a
se a occuparsi degli affari esterni del monastero, che in pochi anni aveva comporre poesie adoperando metri inusuali e ricercati76. Infine, fu sem-
acquùito diverse donazioni sia da parte dei sovrani che da parte di altri pre il presule turonense a insistere presso Venanzio, attorno al 576, per-
esponenti dell'alta società locale 11. In questo periodo ebbe modo di ché questi pubblicasse i carmi che aveva composto fino a quel momento:
stringere relazioni' con t'l vescovo dz'ocesano Pascenzio) cui dedicò due il poeta cedette alle istanze del!' amico e rese pubblica la sua prima rac-
scritti in prosa sui miracoli e sulla vita di sant'Ilario di Poitiers, e con zl colta poetica, comprendente i libri I-VIJ77.
titolare della vicina sede di Tours, Eufronio, destinatario di tre carmi72. Tra le altre personalità ecclesiastiche con cui Venanzio entrò in rela-
Entrambi i presuli morirono nei primissimi anni del decennio successi' zione durante questi primi anni del suo soggiorno a Poitiers saranno anco-
ra da ricordare Bertrando, successore di Leonzio II sulla cattedra di Bor-
deaux 78, e zl vescovo Felice di Nantes 79, destinatario di diversi carmi; con
DELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XVllss., il quale sembra far propria l'idea di
SaSel. Nondimeno riconoscere in Venanzio un agente segreto di Bisanzio non ha
tl quale peraltro i rapporti presto si raffreddarono in seguito ali'accesa osti-
persuaso B. BRENNAN, Venantlus Fortunatus: Byzantt'ne Agent?, "Byzantion", LXV l#d che scoppiò tra quest'ultimo e il suo metropolita Gregorio di Tours so.
(1995), 7-1~ il quale osserva come non fossero condivisibili 1nolte delle premesse da
cui partiva ~aSel. Non ci dilungheremo oltre su tale questione, anche perché sembra
che i dati sopra esposti riguardo alla posizione di Venanzio sulla questione tricapito- 7J Questa almeno la data proposta da Y. LABANDE-MAILFERT Les débuts de
lina (cf. la nota 56) portino a escludere un suo ruolo di agente imperiale. Sainte-Croix, in AA. Vv., Histoire de Sainte-Croix de Poitiers, "Mémoi;es de la Société
66 Carm. 1, 8-20. des Antiquaires de l'Ouest et des Musées de Poitiers", s. IV, XIX (1986-1987), 21-
67 Carm. 2, 7 e 8: cf. BRENNAN, The Career, 65. Ormai nessuno segue l'ipotesi 116, 43. Certa1n~te egli era già in carica negli anni 569-570, quando fu accolta nel
di MEYEH, Der Gelegenheitsdichter, 54, secondo cui i carmi di soggetto tolosano sa- monastero la reliquia della vera Croce di Gesù, inviata in dono a Radegonda dall'im"
rebbero delle lettere spedite da Poitiers. peratore Giustino II (cf. p. 30). Su Maroveo si veda a ogni modo R. MINEAU, Un
68 Carm. praef 4. év§que de Poitiers au VI siècle: Marovéei "Bulletin de la Sodété des Antiquaires de
69 L'idea, sostenuta da TARDI, Fortunat, 76, è ora ripresa da REYDELLET, Ve- I l'Ouest et des Musées de Poitiers", XI (1972), 361-383.
nance Fortunat. Poèmes, I, XIV, che però data l'incontro al 567: a suo dire il tono I 74 GREG. TUR. Frane. 9, 40. Cf. carm. 5, 9, 7: il poeta, ormai ordinato sacerdote
della lettera che Venanzio più tardi inviò a Martino da Poitiers (epist. [carm. 5, 1]) diocesano, e perciò sottoposto a Maroveo, lamenta che questi gli abbia impedito di
farebbe presupporre una personale conoscenza fra i due, mentre carm. 5, 2 sarebbe f allonta11arsi dal territorio della diocesi per far visita a Gregorio di Tours. Ultima-
stato 1'ecitato proprio a Braga alla presenza del vescovo. Come osserva lo stesso Rey-
dellet (nota 23) in favore di un passaggio in Spagna parla anche il carm. 4, 11, un ,r mente B. BRENNAN, Deathless Marrlage and Spiritual Fecundity in Venantius Fortu-
natus De viqpnitate, "Traditio", LI (1996), 73-97, 76-77, ricorda come vi fosse una
I
epitaffio per Vittoriano, abate del monastero di Asan (prov. Huesca, Aragona set- l parte dell'episcopato gallico che in linea di principio contestava la legittimità stessa
tentrionale). I del monachesimo femminile.
70 Carm. 1, 12-13: cf. BRENNAN, The Career, 64-65. 75 GlIBG. TUR. Mart. 1, 1: Utinam Severus aut Paulinus viverent, aut certe For-
71 Come osserva BH.ENNAN, The Career, 69, in verità non abbiamo elementi per I
I
tunatus adesset qui ista describerent/
sapere quale sia stata la posizione di Venanzio nei confronti dell'istituzione monasti- 76 Carm. 5, 5b, celebrazione della conversione degli Ebrei di Clermont, ottenu-
ca fondata da Radegonda, che all'epoca era intitolata alla Vergine. Il poeta in un' oc- ta dal vescovo Avito, destinatario di carm. 3, 21-22a; carm. 9, 7 co1nposto in strofe
casione, rivolgendosi a Radegonda, in carm. 11, 4, 3, si definisce agens: Fortunatus [ saffiche .minori, insieme al biglietto accompagnatorio, carm. 9, 6.
agens, Agnes quoque versibus orant. Ciò può far pensare al ruolo del sovrintendente . 77 Carm. praef. 6; sulle diverse fasi di pubblicazione del corpus poetico venan-
laico, una sorta di amministratore degli affari temporali, necessario dal momento z1ano si rimanda all'Introduzione ai Carmina. '
che le 1nonache non potevano abbandonare il convento. Tuttavia il verso in questio- [ 78 Carm. 3, 17 e 18. Cf. anche carm. 4, 10, un epitaffio per Leonzio II di Bor-
ne è giocato sulla paronomasia agens/Agnes, e pertanto il participio potrebbe non deaux.
aver alcun significato tecnico, 1na valere semplicemente "con insistenza". A titolo di . 79 Epist. (carm. 3, 4); carm. 3, 5-10; 5, 7. Tra questi, notevole soprattutto l'ele-
curiosità si noterà che le relazioni tra Venanzio e le monache del convento hanno
fornito lo spunto per un romanzo contemporaneo, in cui tuttavia è prevalente l'ele-
mento immaginario: J. O' FAOLAIN, Women in the Wall, London 1975.
72 Ept'st. (carm. j, 1-2) e carm. 3, 3.
lI gia pasquale carm. 3, 9, da molti critici giudicata la migliore opera di Venanzio.
BO GREG. TuR. Frane. 5, 5: Bo tempore Felix Namnett'cae urbis episcopus litteras ·
mihi ~cripsit plenas opprohriis, scribens ett'am fratrem meum ob hoc inter/ectum, eo
quod ipse cupidus episcopati episcopum inter/ectSset. Cf. ibùl. 6, 15.
30 INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE JI

Venanzio si era da poco tempo stabilito a Poitiers allorquando, pro- punto a schema cruciforme, nonché i due celeberrimi inni processionali
babz'lmente nel 569, Radegonda, intendendo aumentare il prestigio della Pange, lingua, gloriosi proelium certaminis e Vexilla regis prodeunt,
propria fondazione monastica, decise di rivolgersi all'imperatore che furono hen presto recepiti nella liturgia della Chiesa latina e abbelli-
d'Oriente Giustino II allo scopo di ottenere da lui un frammento del le- ti da meravigliose melodie 85, La medesima ambasceria recò in dono pre-
gno della vera Croce di Cristo, che era stata ritrovata da sant'Elena, ma- ziosi drappi di seta 86, ma anche una notizia triste per Radegonda: al suo
i I
dre di Costantino, nella prima metà del IV secolo, e che da allora era cu- appello al cugino Amala/redo giunse infatti in rt'sposta una lettera di un
!
stodita a Costantinopoli. Ottenuto il benestare ufficiale dal figliastro Si- parente di nome Artàchi, che annunciava la morte del congiunto 87, Do-
giberto, del cui regno Poitiers era entrata a far parte dopo la morte di Ca- po la cerimonia fu ancora una volta Venanzio a indirizzare, a nome di
riberto, un'ambasceria franca parti' da Metz per Bisanzio 81. In quest'oc- Radegonda, un solenne panegirico di ringraziamento ali'imperatore Giu-
casione Venanzio scrisse un carme in cui presentava se stesso e Radegon- stino II e all'imperatrice Sofia. In risposta ad Artàchi fu inviato un la-
da alla corte imperiale, delineando la regina come una persona sensibile, mento sulla morte del cugino, che si presenta al contempo come una ri-
pia, colta e devota, e invitando gli ambienti intellettuali bizantini a in- chiesta di supporto e sostegno ali'opera della regina 88,
viare in omaggio al monastero ltbri di argomento religioso 82, Accanto a Sempre nello stesso periodo, tra il 569 e il 570, Venanzio fu testi'.
questa composizione egli preparò, su esplicito incarico e a nome di Rade- mane del passaggio per Poitiers del corteo che accompagnava a Parigi la
gonda, un'appassionata elegia indirizzata al cugino della regina Amala- giovanissima promessa sposa del re Chilperico I, Gelesvinta 89, Ella era
/redo, che dopo la caduta del regno turingico aveva trovato rifugio a Ra- figlia del re visigoto Atanagildo e sorella di Brunichilde; proprio il matri-
venna e poi a Costantinopoli, ove si era arruolato nelle armate imperiali: monio legittimo di Sigiberto con Brunichilde, che aveva trovato I'unani-
Radegonda intendeva riprendere il contatto con lunico consanguineo me approvazione del clero austrasiano, sembra aver spinto Chilperico ad
che le era rimasto dopo luccisione del fratello da parte del re Clotario abbandonare gli amori ancillari con Fredegonda e altre donne, per passa-
I 83. Quando lambasceria ritornò da Bisanzio, recò al monastero la pre- re a un legame ufficiale con una fanciulla di sangue regale 90, Le nozze
ziosa reliquia, la quale fu solennemente installata nella chiesa conven- furono celebrate a Rouen, ma dopo qualche mese Gelesvinta fu trovata
tuale. In quel!' occasione il monastero, intitolato alla Vergine, mutò il ti- strangolata nel proprio letto 91, A seguito di questo luttuoso evento Ve-
tolo in quello alla Santa Croce. Le fastosissime celebrazioni furono diser- nanzio compose una lunga elegia consolatoria indirizzata alla madre di
tate dal vescovo diocesano Maroveo, verisimtlmente perché questi scor- Gelesvinta, Goisvinta, e alla sorella Brunichz'lde 92, Certamente l'ispira-
geva nella presenza della reliquia nel monastero un fattore che avrebbe zione venne a Venanzio per suggerimento di Radegonda, che sperava in
diminuito di molto l'importanza degli altri luoghi di culto della città di questo modo di contribuire a riappacificare gli animi ali'interno della fa-
Poitiers, in primis della sua cattedrale, deviando così lafflusso dei pelle- miglia reale 93, Infatti lassassinio di Gelesvinta, ordito verisimilmente
grini e dei donativi,· la cerimonia fu pertanto officiata su richiesta di Sigi-
berto dal vescovo Eufronio di Tours 84, Per loccasione Venanzio compose
85 Carm. 2, 2 (Pange, lingua); 2, 4-5 (i due carmina figurata); 2, 6 (Vexilla regis), Le
una serie di carmi~ tra i quali spiccano due carmina figurata, costruiti ap- melodie di cui furono adornati nel secoli seguenti i due inni sono trascritte nella tavola ID.
86 Carm. app. 3, 17.
87 Carm. app. 3, 12.
81 GREG. TUR. Frane. 9, 40; BAUDON. 16; per la datazione dell'a1nbasceria 88 Carm. app. 2 e 3. Nel panegiricq l'imperatore Giustino II è definito nova
MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 100-101; certatnente è posteriore al 568, anno in purpura (v. 25): poiché questi salì al trono durante gli ultimi giorni dell'anno 565,
cui morì Cariberto. dopo il lungo regno di Giustiniano (527-565), e tenendo conto della velocità con cui
82 Carm. 8, 1, questa almeno l'interpretazione oggidì più accreditata: cf. KoEB- le notizie viaggiavano a quei tempi, l'espressione pare ancora attagliarsi agli anni
NER, Venantius Fortunatus, 133-135 e 14.2; B. BRENNAN, The DlsputedAuthorship of 569,570.
Fortunatus' Byzantine Poems, "Byzantion", LXVI (1996), 335-345, 338. Scettico al 89 Carm. 6, 5, 223ss.
riguardo invece M. REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, Il, livres V-VIII, Paris 90·GREG. TUR. Frane. 4, 28.
1998, ad !oc. 91 GREG. TUR. Frane. 4, 28. Sul fatto si ritornerà con maggiori particolari
83 Carm. app. l, conosciuto con il titolo De excidio Thoringiae, probabilmen- nell'Introduzione ai carmi.
te non originale. Sull'interesse di Radegonda per le reliquie si veda ora SANTOREL- 92 Carm. 6, 5.
LI, La Vita, 46,54.
84 GREG. TuR. Frane. 9, 40; BAUDON. 16. Probabilinente fu in seguito a questo
episodio che Radegonda decise di adottare nel monastero la regola di san Cesario di
Arles, che sottraeva il monastero stesso alla giurisdizione del vescovo diocesano per
J 93 Si ricordi, a proposito degli sforzi mediatori di Radegonda, quanto afferma
BAUDON. 10: Semper de pace sotlù:ita, de salute patriae curiosa, quandoquidem inter se
regna movebantur, quia totos dtligebat reges, pro omnium vita orabat et nos sine inter*
missione pro eorum stabllitate orare .docebat. Uhi eos inter se amaritudinem moveri
I affidarlo a quella del vescovo scelto dalla badessa; da quel momento il referente del- audisset, tota tremebat, et quales litteras unt~ tales alteri dirigebat, ut inter se non bella
la comunità fu Gregorio di Tours. Sulle vicende dell'adozione della regola di san nec arma tractarent, sed pacem /ùmarent, et patria ne periret. Similìter et ad eorum
I,I Cesario si rimanda a SANTORELLI, La Vita, 54-61. È possibile che i contatti di Ve- proceres dirigebat ut praecelsis regibus consilia salutifera mt'nistrarent, ut, eis regnanti-
1, nanzio con Martino di Braga (epist. [carm. 5, 1] e carm. 5, 2) risalgano appunto a bus, populi et patria salubrior redderetur. Singolare è il fatto che questo aspetto della
questo periodo: il poeta avrebbe cercato un appoggio autorevole per l'iniziativa di
i~
personalità di Radegonda nella biografia fortunaziana rimanga del tutto ignorato;
! Radegonda. Sul cambio di intitolazione del monastero, cf. TARDI, Fortunat, 143. per ipotesi al riguardo si veda SANTORELLI, La Vita, 36-38.

,, I
32 INTRODUZIONE GENERALE

dalla concubina spodestata Fredegonda con la complicità dello stesso


I
I
INTRODUZIONE GENERALE

cuni sicari, inviati da Fredegonda 101 . Conseguenza di questo avvenimen-


33

Chilperico, fu la causa che scatenò la guerra fra quest'ultimo e il fratella-


stro Sigiberto. Ben difficilmente il poeta si sarebbe invischiato da solo in
una materia tanto delicata per gli equilibri del regno franco.
I to fu un momentaneo cedimento della parte austrasiana, che nondimeno
in breve tempo riusd a difendere le proprie posizioni grazie al carùma e
alla determi~azione della regina Brunichilde. In ogni caso Chilperico
Nel 573, in occasione della consacrazione di Gregorio quale nuovo f seppe approfittare della sua momentanea posizione di/orza rioccupando
vescovo di Tòurs, Venanzio compose un carme di felicitazioni indirizzato Parigi e Soùsons, mentre ebbe maggiori difficoltà quando intese invade-
alla popolazione della città 94, e poco dopo su sollecitazione del vescovo re la regione di Tours e Poitiers. Dapprima egli inviò con questo compito
Germano di Parigi compilò in prosa la biografia di san Marcello, della il proprio figlio Meroveo. Questi però si ribellò al padre, sposò la vedova

I'
quale poi donò una copia alla biblioteca del monastero di Radegonda 95.
Probabilmente a questa stessa epoca risale anche la stesura di un'altra I di Sigtberto e ne prese le parti,· nel 579 le due città capitolarono 102.
Se seguiamo l'opinione della maggioranza degli studiosi, propriò in
vita, quella di san Paterno vescovo di Avranches, morto da poco, com- questi anni Venanziò ricevette l'ordinazione sacerdotale 103: quale sacer-
missionatagli da Marziano, abate di un monastero fondato dal santo. I dote secolare egli si trovava cosi' sottoposto alla giurisdizione del vescovo
Ancora nella prima metà del decennio sarà molto probabilmente da
collocare anche un viaggio del poeta ad Angers presso il vescovo Domi-
ziano 96: per istanza di costui; Venanzio scrisse in prosa la biografia di
! di Poitiers Maroveo, che lo coinvolse nella sua ostilità verso tutto quanto
fosse connesso con Radegonda e con il monastero di Santa Croce. Gli fu,
fra l'altro, impedito di viaggiare per recam· in visita dall'amico Grego-
sant'Albino, abate del vicino monastero di Tincillacum. Sembra sia da rio 104. Questi in ogni caso continuò ad apprezzare il suo talento poetico, e
collegare a quest'ultimo viaggio anche l'invito rivoltogli dal vescovo Fe- t q~ando il ~escovo_Avito di Clermont, suo maestro. spirituale, riusci; il
lice di Nantes affinché visitasse la sua proprietà di Cariac, situata lungo I giorno del! Ascensione del 576, a ottenere la convemone della quasi tota-
il corso della Loira 97. Ancora nei primi anni di questo decennio saranno r lità degli Ebrei che dimoravano nella sua diocesi; Gregortò commissionò
da collocarsi diversi altri viaggi i cui contorni precisi ci sfuggono 98, I all'amico poeta un carme a celebraziòne di quell'evento ecceziònale 105,
I mesi centrali del 575 vedono Venanzio occupato nella stesura del- Probabilmente fu nella stessa occasione che il vescovo turonense rivolse a
la sua opera poetica di maggior impegno: la Vita Martini, parafrasi poeti~ f Venanzio l'invito a pubblicare tutti i carmi che egli aveva composto sino a
ca, in quattro libri di esametri, della narrazione della vita e dei miracoli quel momento 106 . Forse allo stesso periòdo risale il di/fondersi di voci
del santo vescovo di Tours composta alla fine del IV secolo dal discepolo malevole concernenti il rapporto del poeta con le monache di Santa Cro-
Sulpicio Severo: tale impresa era già stata tentata nel V secolo dal poeta ce, e con Radegonda e Agnese in particolare: Venanzio senti' il bisogno di
Paolino di Petricordia (Périgueux) 99, dichiarare pubblicamente in un carme a loro indirizzato che in quel lega-
In quello stesso anno la guerra tra Sigiberto e Chilperico subì una me non vi era nulla di equivoco, che egli amava Radegonda dell'affetto
svolta improvvisa. Fino a quel momento le sorti del conflitto erano state devoto che si deve a una madre, e per Agnese nutriva lo stesso sentimen-
generalmente favorevoli al primo dei due fratelli; anche se al secondo to che in gioventù lo aveva unito alla propria sorella Tiziana 101.
era riuscito di occupare Tours e Poitiers una prima volta nel 5 72, soltan-
to per qualche mese, e una seconda nel 574 100. Sigiberto era comunque
in deciso vantaggio nel nord, tanto che Chilperico, insieme a Fredegonda IO! GRBG. TuR. Frane. 4, 51.
102
e ai figli; fini col trovarsi braccato dalle truppe austrasiane. Chilperico si GREG. Tun. Frane. 5, 14, in cui l'autore ricorda di aver offerto asilo a Tours
anche ad un altro aristocratico ribelle, Gontrano Bosone,
asserragliò a Tournai; e si trovava già sul punto di capitolare, quando Si-
giberto, proprio nell'istante in cui stava per essere salutato come re da
103
La datazior;es! ricava usualmente dall'es~ressione Fortunatus presbyter
adoperata da Grego_no di Tours nella sua opera De vtrtutilms Martini (1, 2), corren-
parte delle truppe del fratello, fu improvvisamente colpito a morte da al- temente datata a prima del 576. Cf. BRENNAN, The Career 67 nota 77· nondimeno
ultiman_iente la ~EORGE, Venantius Fortunatus. A Latin P~et,'212, ha datato l'opu-
scolo di Gregorio al 593, spostando conseguentemente l'ordinazione sacerdotale di
94 Carm. 5, 3. Venanzio tra il 587 e il 593.
95 Carm. app. 22, 15ss. Germano di Parigi morì nel 576: cf. GREG. TUR, Frane. l04 Carm. 5, 9, 7. Con la datazione della George (vedi nota 103) il passo in
5, 8: Bo anno et beatus Germanus Parisiorum eplscopus transi#. questione, senza dubbio anteriore al 576 (vedi p. 79), perderebbe ogni significato,
I 105
96 Carm. 11, 25, 9. Cf. BRENNAN, The Career, 66; GEORGE, Venantius Fortuna- Carm. 5, 5b. Cf. GREG. TuR. Frane. 5, 11. Sul discepolato di Gregorio pres-
tus. A Latin Poet, 32. so Avito si veda Gll.EG. TUR v#. patr. 2.
I 97 Carm. 5, 7.
98 A tali viaggi alluderebbero, secondo BRENNAN, The Career, 66: carm. 3, 19
l06 BRENNAN, The Career, 71. Sulle varie fasi della pubblicazione delle raccolte
poetiche fortunaziane si rima11da all'Introduzt'one ai Carmina, pp. 79ss. Ultimamente
(Nevers, ma vedi la nostra nota ad loc.); 3, 26 (Bretagna), 5, 11 (viaggio programma- ~YDELLET, Traditt'on et nouveauté dans les Carmina de Fortunat, in AA.Vv., Venan-
to a Tours). Z!o Fortunato tra Italia e Francia, 81-98, 85, ha pensato che la richiesta di Gregorio
99 Per la data dell'elaborazione cf. QUESNEL, Venance Fortuna!. CE.uvres, IV, _sia stata essenzialmente volta a difendere il prestigio dell' Austrasia e del suo episco-
X:Vss., nonché A.V. NAZZARO, Intertestualità biblt'co-patristica e c"lassica in testi poetici pato dofo l'assassinio di Sigiberto.
di' Venanzio Fortunato, in AA. Vv., Venanzio Fortunato tra Italia e Franda, 99~ 135, 112. lO Carm. 11, 7. Cf, BRENNAN, The Career, 68; GEORGE Venantius Fortunatus
100 MEYER, Der Gelegenhe#sdt'chter, 120, A Latin Poet, 176. ' .
INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE 35
34
Gli anni seguenti dovettero essere difji'cili per Venanzio: l'occupa- cente vi ha invece riconosciuto un leale e generoso tentativo di venire in
zione del territorio di Poitiers da parte delle forze di Chilperico, comple- soccorso del!' amico 115. In particolare si è riconosciuto che il ritratto di
tatasi tra il 577 e il 5 79, aveva reciso tutti i legami con il regno nemico, Chilperico quale principe ideale dovette essere concepito come un ele-
ora governato dal figlio decenne di Sigiberto, Childeberto II, sotto la reg- mento a carattere pedagogico-didascalico, ovvero quale modello che il
genza della madre Brunicbilde. Il poeta dovette conseguentemente inter- destinatario sarebbe invitato a contemplare per poi emulare in sé.
rompere ogni rapporto epistolare con i dignitari dell'Austrasia e del!~ Contemporaneamente a questi avvenimenti scoppiò in tutta la Gal-
Provenza cui negli anni precedenti si era legato; certamente anche la s~­ lia nordoccidentale una violentissima epidemia di dissenteria, della quale
tuazione interna non era migliore 108 • La stima che il vescovo Gregorio caddero vittime i due giovani figli di Chilperico e Fredegonda, Clodober-
di Tours nutriva verso il suo amico venuto dall'Italia ebbe in questo pe- to e Dagoberto. Venanzio compose gli epitaffi dei due fanciulli 116, e indie
riodo un tangibile riconoscimento: il presule, seguendo l'illustre ese":pio rizzò pure un carme consolatorio ai genitori 117. Un secondo carme conso-
di Mecenate con Orazio, donò a Venanzio una villa con un terreno situa- latorio fu poi scritto dal poeta nella primavera del 581, molto probabil-
ta lungo il corso del ji'ume Vienne, verisimilmente a metà strada tra mente in occasione di un suo viaggio a Parigi, compiuto allo scopo di rac-
Tours e Poitiers oppure a oriente di quest'ultima 109. Da allora ti poeta cogliere materiali e testimonianze in vùta della composizione in prosa
visse tra Poitiers e il suo podere, spesso occupandosi personalmente della della biografia del vescovo locale Germano, morto il 28 maggio del 576,
semina e del raccolto 11°. commissionatagli dal successore l\agnemodo 118, Nella nuova consolatio
Questo periodo di insicurezza politica coincide probabtlmen.te con. indirizzata ai sovrani il risveglio della natura è còlto quale stimolo ad ab-
un isterilimento della vena poetica; soltanto pochissimi tra i suoz carmi bandonare il dolore per i recenti lutti e a ritornare alla vita consueta 119,
risalgono con certezza a questi anni 111, Nondimeno altre più gravi circo.- Una nuova svolta politica ebbe luogo nel 584, quando Chilperico I
stanze avrebbero di lì a poco sollecitato nuovamente ti suo talento poeti- venne assassinato presso Chelles 120. Anche questa volta vi fu chi vide
co. Nella primavera del 580 Gregorio di Tours fu convocato dal re Chtl- dietro il delitto la longa manus di Fredegonda; conseguenza immediata
perico I alla sua villa di Berny-Rivière presso Soissons, per rispondere fu ad ogni modo il ritorno di Tòurs e Poitiers ai possedimenti di Childe-
davanti a un sinodo di vescovi di una pesantissima accusa: era stato in- berto II e della madre Brunichilde. Per Venanzio tutto ciò significò la rzC
fatti incolpato di aver diffuso voci calunniose in '!'erito a una presunta. presa, dopo quasi dieci anni~ delle relazioni con la corte che per prima lo
relazione adulterina della regina Fredegonda con ti vescovo Bertrando di aveva ospitato, e con i dignitari che erano stati conqut'itati per primi dal-
Bordeaux 112. In quell'occasione Gregorio si discolpò con un giuramento, la sua valentìa poetica.
e Venanzio pronunciò un solenne panegirico del re Chilperico, ~iser;ian­ La nuova situazione politico-dinastica fu ufficialmente sancita nel
do un cenno anche alle virtù della sua consorte m. Questo elogio di due 587 con il trattato di Andelot, in base al quale l'ultimo superstite fra i
personaggi che Gregorio di Tours nella sua opera storfografica tratteggia quattro fratelli che si erano spartiti il regno ventisei anni prima, il re di
a tinte foschissime, ha procurato al_ poeta da pari.e di u~a certa~'!ica Borgogna Gontrano, che non aveva ji'glt; riconobbe quale suo erede il
l'accusa di adulazione e di opportunismo 11 4, nondimeno l esegesi pzu re- giovane nipote Childeberto II e garantz' la difesa per .lui e per la ma-
dre 12 1. Quasi contemporaneamente alla stipula del trattato, il 13 agosto
del 587, moriva Radegonda, seguita quasi immediatamente dalla sua di-
108 KOEBNER, Venantius Fortunatus, 94. scepola Agnese 122.
109 Carm. 8, 19 e 20.
110 Carm, 9, 6, 9ss. . . eh
111 KoEBNER Venantius Fortunatus, 91-95. Lo studioso austnaco afferma e
dopo la co1nposizi~ne della V#a Martin i incomincerebbe il tramonto ~ Ven~n~io~ e 115 GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet, 48-57.
che nel seguito della sua vita l'Autore ~vrebb~ c?m.posto soltanto P.o~h~ carmt dt cir- 116 Carm. 9, 4 e 5. GREG. TuR. Frane. 5, 34 e 50, dal quale sappiamo che lo
costanza. Se è pur vero che la produzione dtmm Uis~e nella quanuta rispetto al d~­ stesso Chilperico si ammalò seriamente, ma riuscì a riprendersi.
cennio 566-576, tuttavia agli anni posteriori al 580 risalgono pur S~J;lre co1np?n1- 117 Carm. 9, 2
menti notevoli, come il panegirico a Chilperico (carm. 9, 1) e la descr1z1one del viag- 118 Carm. 9, 10; 12 e 13. Cf. KOEBNER, Venantius Fortunatus, 107.
gio da Metz ad Andernach (carm. 10, 9). . 119 Carm. 9, 3. Dopo la morte dei due figli di Chilperico vi furono speranze di
112 GREG. TuR. Frane. 5, 49. Sui motivi primi dell'accusa mossa a Gregorio d~ pace: prese infatti rapidamente piede in Austrasia il partito favorevole alla mediazio-
parte di un suo sacerdote, Riculfo, e del.comes tur~nense Leo~~sto, come pure sui ii'. '
ne tra le due famiglie regnanti. Chilperico, rimasto senza figli, avrebbe potuto adot-
dettagli del sinodo si ritornerà nella nota mtroduttona al paneg11·1co stesso. tare il nipote Childeberto IL Tali progetti però furono sempre vanificati dall'opposi-
113 Carm. 9 L zione esercitata da Gogone, tutore del giovane sovrano; tuttavia neppure dopo la
114 Cf., oltr~ ai critici francesi del secolo XIX (vedi Biblt'ografi'a), principalme1;1- sua morte, avvenuta nel 581, non vi fu alcun 1nutamento di indirizzo. Cf. GREG.
te S. DILL, Roman Society t'n Gaul in the Merovingian Age, London 1926? 333? ID TUR. Frane. 6> 1.
certa 1nisura KOEBNER, Venantius Fortunatus, ,95, .che controbatte alla parziale nva- 120 GREG. TuR. Frane. 6, 46.
lutazione compiuta da MEYER, Der Gelegenheztsdtchter, 113-126. Ma;~· an~ora PIE- 121 GREG. TuR. Frane. 9> 11.
TRI, Venance Fortunat, 744: «Poète de circonstances au sens le plus pejorauf du ter- 122 GREG. TuR. glor. con/ 104. Le esequie furono celebrate dallo stesso Grego-
me». rio. Sulla data esatta della morte di Agnese non siamo informati, 1na due anni dopo,

:\
il
il
INTRODUZIONE GENERALE IN1'RODUZIONE GENERALE 37

Poco tempo dopo questo duplice lutto, che dovette toccare Venanzio nuova badessa Leubovera, succeduta ad Agnese 128. La pericolosa situa-
nel profondo, il poeta accompagnò l'amico Gregorio, che era stato convo- zione indusse il poeta a tentare un intervento ufficiale presso Gregorio,
cato a Metz dal re Childeberto II per essere investito di una missione di~ dalla cui autorità il monastero dipendeva, affinché raggiungesse quanto
plomatica presso lo zio Gontrano 123. Gregorio e Venanzio furono accolti prima Poitiers per porre fine allo scandalo 129. Ancora nel 589 Gregorio
con tutti gli onori dalla corte presso Metz, e in seguito furono invitati a di Tours richiese il supporto letterario dell'amico per la buona riuscita di
salire sul battello regale per un viaggio lungo la Mosella e il Reno, du- una controversia sorta con gli esattori delle tasse inviati da Childeberto
rante il quale si fermarono a Treviri e a Coblenza, raggiungendo infine II, che intendevano estendere anche alla città di Tours il regime ft'.icale
la cittadella di Andernach 124. Probabilmente durante questo soggiorno vigente nel resto del regno no. Fin dai tempi di Clodoveo la città era in-
alla corte austrasiana il nostro poeta compose anche un carme di elogio fatti stata esonerata dal pagamento di qualsivoglia imposta, in considera-
per Childeberto II e Brunichilde 125. · zione del fatto ch'essa era stata la sede episcopale di san Martino, la cui
Il viaggio fu certamente di breve durata, e Venanzio già in quello santità e i cui miracoli meritavano riverente deferenza. Poiché le casse
stesso anno 588 fece ritorno a Poitiers: fu presumibilmente in questo pe- del regno di Childebrto II erano esauste a causa del decennale conflitto
riodo che attese alla stesura della biografia in prosa della sua madre spiri- con Chilperico, il giovane sovrano intendeva togliere alla città le esen-
tuale, Radegonda. Una biografia che alquanto stranamente, vista la ven- zioni di cui godeva. Venanzio ricevette gli esattori in luogo di Gregorio,
tennale frequentazione quasi quotidiana tra i due, tratta esclusivamente intervenendo altresl con un carme in lode del santo e dei sovrani n1,
della vita ascetica della regina, presentata come il modello perfetto di l'atteggiamento forte, ai limiti della minaccia, del vescovo e alcune circo-
un'esistenza dedicata alla mortificazione e alla contemplazione, e manca stanze interpretate come ammonimenti, dal!'alto, di san Martino indus-
di argomenti da cui poter far emergere i tratti della sua personalità, come sero Childeberto a confermare i privilegi alla città di Tours m.
ci si potrebbe aspettare in un caso come questo. I} opera dovette sembrare I} anno successivo, quando Gregorio celebrò la dedicazione della
fredda e distaccata già ai contemporanei, giacché circa veni'anni dopo la cattedrale di Tours, da lui stesso restaurata e ingrandita, Venanzio ebbe
monaca Baudonivia, discepola di Radegonda, decise di scrivere una nuo- dal presule l'incarico di stendere delle didascalie in versi da apporre sotto
va biografia della santa, in cui traspare con evidenza l'intenzione di com- le pitture del nuovo tempio che raffiguravano le storie e i miracoli di san
piere un lavoro in qualche modo complementare alla biografia fortuna- Martino 133. In questi stessi anni il poeta raccolse e pubblicò tutta la sua
ziana, di/fondendosi su quegli aspetti individuali e umani che Venanzio, produzione letteraria composta dall'epoca dell'edizione dei primi sette li-
preoccupato di presentare la sua eroina come una pura asceta sempre tesa bri in poi: i due libri di carmi cosi' ricavati andarono a formare gli attuali
all'Assoluto, aveva tralasciato. Poco dopo la biografia di Radegonda il libri VIII e IX della raccolta.
poeta prese a scrivere quella di san Severino di Bordeaux (prima metà del Nel 591, alla morte del vescovo Maroveo, fu elevato alla sede epi-
V secolo), probabilmente su incarico del nuovo vescovo di quella città, scopale di Poitiers un arcidiacono proveniente da Tours, Platone: in oc-
succeduto a Bertrando dopo il 585. Quest'opera, della cui esistenza ci as- casione del suo ingresso Venanzio compose un carme di benvenuto 134.
sicurava un cenno di Gregorio di Tours 126, fu considerata a lungo perdu- Non sappiamo quanti anni sia durato lepiscopato di Platone, poiché di
ta, finché alt' inizio del Novecento fu riconosciuta da H. Quentin in una quest'ultimo non è conosciuta la data .della morte; non saremo però lon-
Vita anonima conservata t'n diversi' manoscritti' 127. tani dalla verità nel supporre eh'egli abbia occupato la cattedra di Poi-
Durante tanno successivo, il poeta, che mai' aveva smesso di inte- tiers per non più di un paio d'anni.
ressarsi alla vita della comunità di Santa Croce, rimase coinvolto nei di- Successore di Platone fu infatti Venanzio stesso, e pare ragionevole
sordini scatenati nel convento da una delle monache, Crodielda, figlia supporre che egli abbia avuto la nomina grazie alla stima di cui godeva
del defunto re Cariberto, la quale si era ribellata alla conduzione della presso Gregorio, e che proprio quest'ultimo gli abbia poi conferito l'ardi~

1.28 GREG. TUR. Frane. 9, 39. Sull'argomento ora G. SCHEIBELREITER, KOnt'gsto-


nel 589, a capo della comunità vi era una nuova badessa di nome Leubovera: cf. chter tm Kloster. Radegund (ab. -587) und der Nonnenaufstand von Pot'tt'ers (589),
GREG. Tun. Frane. 9, 39. ''Mitteilungen des Instituts fiir Osterreichische Geschichtsforschung", LXXXVII
123 GREG. TuR. Frane. 9, 20: Bo anno quoque tertt'o decimo regis Childeberthi; (1979), 1-37.
cum ad occursum eius usque Metensim urbem properassemus, iussi sumus ad Gunthch- 129 Carm. 8, 12 e epist. (carm. 8, 12a). Questi due testi smentiscono KOEBNER
ramnum regem in legationem accedere: cf. MEYER, Venantius Fortunatus, 45. Venantius Fortunatus, 110, secondo il quale, dopo la morte di Radegonda e di .Agne~
124 Carm. 10, 9. se, Venanzio avrebbe smesso di interessarsi alle vicende della comunità monastica di
125 Carm. 10, 8. Santa Croce.
126 GREG. TUR. glor. con/ 44: V#am tamen huius, postquam haec scripsimus, a 130 GREG. TuR. Frane. 9, 30.
Fortunato presbytero conscriptam cognovimus. lJ 1 Carm. 1O, 11-12.
127 H. QUENTIN, La pfus ancienne vie de saint Seurin de Bordeaux, in·AA.VV., 132 GREG. TUR. Frane. 9, 30.
Mélanges Léonce Couture. Etudes d1histoire méridionale, Toulouse 1902, 23-63. Per l33 Carm. 9, 6.
maggiori dettagli si rinvia all'Introduzione alla Vita Severini nel tomo II. 1J4 Carm. 10, 14. Cf. GREG. Trnt. Mart. 4, 32.
INTRODUZIONE GENERALE
I

nazione episcopale 135, Poiché Gregorio morì tra il 593 e il 594, è chiaro ,I'

che, stando così le cose, Venanzio dovette accedere al soglio epò'COpale nei
BIBLIOGRAFIA
medesimi anni'.
Anche il suo episcopato durò soltanto pochi anni: la data della sua
morte è sconosciuta) ma deve certamente collocarsi nel primo decennt'o
del VII secolo. A questo ultimo periodo della sua vita risalgono. le due
opere omileti'che sul Pater noster e sul Symbolum Apostolornm (que-
st'ultima è quasi un'epitome del/' analogo commento composto alla fine
del IV secolo da Rufino di Concordia, con lievi modifiche dovute sia alla I. EDIZIONI
personalità e alla sensibilità proprie di Venanzio, sia al necessario adatta·
mento della discussione alla formula del Simbolo adoperata nella Chiesa Venantii f!onorti' Clementz'ani Fortunati... carmt'num libri octo nunc primum ex-
di Poitiers, non sempre identica a quella aquileiese), nonché l'estesa ele- cussi et per_Jac. Salvat?rem Solanum Murgensem ... restituii, Calari 1574.
gia in lode della Vergine, la cui autenticità fa a lungo contestata anche Vena~ttt Honortt F?r~unatz Clementt'ani... carminum libri octo nunc primum
da parte di studiosi di altissima levatura, ma che è stata definitivamente tn lucem. emzssz~. et per Iacob. Salvatorem Solanium Murgitanum ...
dimostrata negli anni '30 da Sven Blomgren 136, emendati, V enetus 1578.
Alla sua morte fu sepolto nella basilica di Sant'Ilario a Poitiers, e Venantii ~or~·unati Bxpo~itione.~ orationis ~omint'cae et Symbolt; Iosephi Ca-
già pochi anni dopo fu venerato come santo: la sua festa si celebra ancor stelltonts opera et industria nunc prtmum castigatae atque editae Ro-
mae 1579. '
oggi il giorno 14 dicembre in alcune diocesi francesi e nella diocesi ita- Venanfii Hon~ri~ Clementian.i Fortuna.ti ... carminum epistolarum ac exposi-
liana di Padova, nel cui territorio si trova Valdobbiadene 137. 1
tionum libri XI. .. Omnia recens illustrata ... a r. p. Christ. Brower S I
Più di un secolo e mezzo dopo la morte di Venanzio, il suo conter- Maguntiae 1603, 1630'. ' "
raneo Paolo Diacono, chiamato in Francia a servizio di Carlo Magno, Venantii ~ortunati presbyteri Italici opera omnia ... collecta ... opera et studz'o
ne visitò la tomba e, su richiesta dell'abate Apro, compose un epita/zò d. Michaelis-Angeli Luchi, Romae 1786.
in distici elegiaci 138: Venanti:i For~unati Pt'ctaviensis episcopi opera omnz'a iuxta ... edi'tionem d.
M;chaelis Angeli Luchi recensita, PL LXXXVIII, Parisiis 1850, 9-596
Ingenio clarus, sensu celer, ore suavis, [nst. anast. Turnholtl s.d.].
cuius dulce melos pagina multa canit, Inscri'ptt'o~ns chrétiennes de la Caule antérieures au VIIIe st'ècle réunies et an-
1
Fortunatus, apex vatum, venerabilis actu, notees par Edmond Le Blant, 2 voli., Pads 1856-1865 [rist. anast
Ausonia genitus, hac tumulatur humo. Hildesheim · Ziirich. New York 1999]. ·
Cuius ab ore sacro sanctorum gesta priorum Venanti H?nort' Ckmentian7· Fortunati pres/ryteri Italici opera poetica. Re-
discimus: haec mostrant carpere lucis iter. censuit et. emendavit Frideric:us Leo, MGH AA 4, 1, Berolini 1881 [rist.
anast. Munchen 1981].
Felix, quae tantis decoraris, Gallia, gemmis,
Venanti H~nori Clementt'ani Fortunati presbytert' Italici opera pedestria. Re-
lumine de quorum nox tibi tetra fugit.
censutt et. emendavit Bruno ~rusch, MGH AA 4, 2, Berolini 1885 [rist.
Hos modicos prompsi plebeio carmine versus anast. M'!nchen 1995] (contiene gli indici prosopografico e topografi-
ne tuus in populis, sancte, lateret honor. co r~.ati;r1 ru ~ar~, cura~ da R. Iacobi, nonché i prospetti delle fonti e
Redde vicem misero: ne iudice spernar ab aequo, . degh mutaton di Venanz10, compilati da M. Manitius).
eximiis meritis posce, beate, precor. Epistolae Austrasicae, a cura di W. Gundlach, in Epistolae MerowingiCi et
Karolim aevi, tomus I, MGH EE III, Berolini 1892 .[rist, anast Miin-
chen 1994], 128-129 [ripubblicate corrette in CCL CXVII Tu~nholti
135 BRENNAN, The Career, 78. 1957, 432-433]. '
136 S. BLOMGREN, Studia Fortuna#ana II. De carmine in laudem sanctae Mariae Inscripdones cristianas de la Bspaiia romana y visig,oda, a cura di J. Vives
composito Venantio Fortunato recte attribuendo (Uppsala Universitets Àrsskrift Barcelona 1942, 87-88. '
1934. Filosofi, sprUkvetenskap och historiska vetenskaper 3), Upsaliae 1934, soprat" Venane! Fortunat. Poesies. Text revùat i trackcci6 de Josep Pia I Agul/6 Val
tutto 3-26. I, llibres I i II (Fundaccié Bernat Metge, 277), Barcelona 1992. · .
137 Sul culto tributatogli durante il Medioevo e la pd1na età moderna, B. DE Venance.Fortunat. Poèmes. Texte établi et traduit par Mare Reydellet. Tome
GAIFFIER, S. Venance Fortunat, évéque de Poitiers. Les témoignages de son culte,
"Analecta Bollandiana", LXX (1952), 262-284; nonché F, CARAFFA, Venanzio Fortu- L li~res I-IV (Collection des Universités de France, série latine, 315),
nato, BS XII, 1969, 985-987. In particolare per l'area veneta, dove la venerazione ri- Par1s 1994. Tome II, livres V-VIII (Collection des Universités de Fran-
sale a epoche ben più recenti (sec, XVIll), I. SARTOR, Venanzio Fortunato nell'erudi- ce, série latine, 346), Paris 1998.
zione, nella tradt'zt'one e nel culto in area veneta, in AA.Vv., Venanzio Fortunato tra :Venane~ Fortunat. CEuvres, tome TV, Vie de saint Martin. Texte établi et tra-
Italt'a e Francia, 267-276. duu par So/ang~ Quesnel (Collection des Universités de France série
138 PAUL. DIAC. Lang. 2, 13. latllle, 336), Par1s 1996. '
BIBLIOGRAFIA BIBLIOGRAFIA 41
II. TRADUZIONI IV. LESSICI

In francese: M.L CAMPANALE, Concordanza critica dei carmi a struttura epitalamica di


Venanti Honori Clementt'ani Fortunati: presbytert' Italici; opera poetica mi- Venanzio Fortunato, Bari 1990.
scellanea. ~ Venance Fortunat. Poésies Mélées traduites en /rançais pour L SCI-IWIND [concordanza relativa a tutte le opere poetiche di Venanzio in
la première /où par M. Charles Nisard, avec la collaboration, pour /es li- corso di elaborazione, costituirà il vol. CLXXXII della serie A d~lla
vres I-V, de M. Eugène Rittier, Paris 1887. collana Aipha-Omega, Hildesheim - New York - Ziirich].
Venance Fortunat. Poèmes. Texte établi et tradud par MJJrc Reydellet: si ve-
da tra le edizioni.
Rufin: esplicatzòn du Credo des ap6tres - Fortuna/: exposé du Credo. Intro- V. STUDI
duction de Manlio Simonetti. Traduction de Françoùe Bi/bilie Gaven et
Jean-Claude Gaven (Les Pères dans la foi 68), Paris 1997, 93' 104. N. AnKIN, The Occasion o/Venantius Fortunatus1 carmen 7, 7 "Orpheus"
XIX-XX (1998-99), 1-2. ' . '
In inglese: R. AIGRAIN, Un Latin en Germanie, '~Bulletin de la Société des Antiquaires
B.J. RoGERS, The Poems o/ Venantius Fortunatus. A Translation and Com- · de l'Ouest", I (1916), 19-31. '
mentary, tesi di dottorato, New Brunswick 1969. A.G. AMATUCCI, Appunti /ortunaziani, in Studi in onore di Paolo Ubaldi
From the Miscellanea o/Venantius Fortunatus: A Basket o/Chestnuts, tran- Milano 1937, 363-371. '
slated by G. Cook, introduction by D. Higgings, Rochester 1981. [ANONIMO] La passion de saint Vincent d'Agen dans Venance Forunat
Venantius Fortunatus: Persona! and Politica! Poems, Translated with notes "Analecta Bollandiana", LXX (1952), 160-181. '
and introduction by]. George (Translated Texts for Historians 23), D. ANTINi Fortunat, cann. X 6, 37, "Revue de philologie" n.s. XXIII
Liverpool 1995. (1959), 48-49. , ,
E. AuERBACI-1, Lingua letteraria e pubblico nella tarda antichità latina e nel
In svedese: Medioevo, Milano 1960 (ed orig. Literatursprache und Publikum in der
Venantius Fortunatus. Valda dzkter. Carmina selecta. Oversiittning med in- lateinischen Spiitantike und im Mittelalter, Bern 1958).
ledning och kommentarer av Sven A. Blomgren, Jonsered 2000. P. BAIESI, L'uso di sanguis nell'opera di Venanzio Fortunato, in F. VATTIONI
(a cura di), Sangue e antropologia, 5 val!., Roma 1987, 1213-1220.
In catalano: L. BALSAMO, La prima edizione dell'opera poetica di Venanzio Fortunato
Venanci Fortunat. Poeszes. Text revisat i traducci6 de Josep Pia I Aguil6: si (Cagliari, 1574), in Studi bibliografici. Atti del congresso dell'arte ripo-
veda tra le edizioni. grafica in Italia, Firenze 1967, 67-80. ·
A.A.R. BASTIAENSEN, La poésie de Venance Fortunat. Observations à propos
d'une nouvelle édition, "Mnemosyne", XLIX (1996), 168-181.
III. COMMENTI S. BLOMGREN, Studia Fortunatiana. Commentatio academica (Uppsala Uni-
vemtets Arsskrift 1933. Filosofi, sprakvetenskap och historiska veten-
Decimus Magnus Ausonius. Mosella. Mù: verbessertem Texte, metrischer skaper, 1), Upsaliae 1933.
Obersetzung, erkllirenden Anmerkungen, eimem kritischen Commentar ID., Studia. Fortunatiana IL De carmine in laudem sanctae Mariae composito Ve-
und hiStorisch-geographiSchen Abhandlungen van Ludwig Tross. Mit nantzo Fortunato recte attribuendo (Uppsala Universitets Arsskrift 1934.
dem Moselgedicht des Venantius Fortunatus und anderen Zusiitzen, Filosofi, spriikvetenskap och historiska vetenskaper, 3), Upsaliae 1934.
Hamm 1824. ID., De Venantio Fortunato Vergilii aliorumque poetarum prt'orum imitatore
Die Moselgedichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Hono- "Eranos", XLII (1944), 81-88. '
rius Clementianus Fortunatus Lateinisch und Deutsch. Mit kritischen ID., In Venantii Fortunati carmina adnotationes, ibid. 100~134.
erkliirenden Anmerkungen und kurzen Lebensbeschreibungen der Dich- ID., De Papinii Statii apud Fortunatum vestigiis, "E;anos" XLVIII (1950)
ter, a cura di E. Bocking, Bonn 1845' (ed. orig. 1828). 57-65. , ,
Die Moselgegichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Hono- ID., De Venantio Fortunato Lucani Claudianique imitatore, ibid. 150-156.
rius Clementianus Fortunatus. Herausgegeben und erkliirt von Cari Ho- In., Zur Konstruktion resilire alicui, "Eranos", LI (1953), 160-161.
sius, Marburg i. H. 1926' [rist. anast. Hildesheim - New York 1981]. ID., In Venantù' Fortunati carmina adnotationes novae, "Eranos" XLIX
K. STEINMANN 2• Die Geleswintha-Elegie des Venantius Fortunatus (carm. VI (1971), 104-150. ,
5). Text, Ubersetzung, Interpretationen, tesi di dottorato, Ziirich 1975. In., Fortunatus cum elogiis collatus. De cognatione, quae est t'nter carmina
Venanzio Fortunato. Epitaphium Vilithutae (IV 26). Introduzione, traduzio- Venantii Fortunati et poé'sin epigraphicam Christianam -"Eranos"
ne e commento a cura di Paola Santorelli (Università degli studi di Na- LXXI (1973), 95-111. ' '
poli Federico II - Dipartimento di discipline storiche), Napoli 1994. ID., Ad Aratorem et Fortunatum adnotationes, "Eranos" LXXII (1974)
W-W. ' '
ID., De voce fanonis a Venantio Fortunato adhibita "Eranos" LXXVII
(1979), 77-78. , ,
42 BIBLIOGRAFIA BIBLIOGRAFIA 43
1
ID., De locis Ovidii a Venantio Fortunato expressis, "Eranos", LXXIX EAD., L elegia amorosa nel De excidio Thoringiae di Venanzio Fortunato, in
(1981), 82-85. La poesia cristiana latina in distici elegiaci, Atti del convegno interna-
IDq Bemerkungen zur Gelesuintha"Elegie des Venantius Fortunatus, "Era" zionale, Assisi 20-22 marzo 1992, Assisi 1993, 241-254.
nos", LXXXI (1983), 131-138. A. CoRDOLIANI, Fortunat. l'Irlande et les Irlandaises, in Études mérovingien-
ID., De verborum suppellectili Venantii Fortunati, "Eranos", LXXXIII nes. Actes des journées de Poitiers 1952, Paris 1953, 35-43.
(1985), 23-32. E.R. Cmmus, Letteratura europea e Medio Evo latino, Firenze 1992 (ed.
M. BONNET, Agnaphus, "Archiv fiir lateinische Lexicographie und Gram- orig. Europiiische Literatur und lateinisches Mittelalter, Bern 1948).
matik", Il (1885), 131. G. Cuscrro, Venanzio Fortunato e le chiese istriane. Problemi e ipotesi, "At-
B.K. BRASWELL, Textkritische Bemerkungen zu friihchristlichen Hymnen, ti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria", n.s.,
"Vigillae Christianae", XXIX (1975), 222-226. XXVI (1978), 209-225.
B. BRENNAN, Bùhop and Community in the Poetry o/Venantius Fortunatus, M. CYTOWSKA, Ostatni poeta staroytnoct~ Wenancjusz Fortunatus "Mean-
tesi di dottorato, Melbourne 1983. der", XXVIII (1973), 307-320. '
ID., The Image o/ the Frankish Kings in the Poetry o/Venantius Fortunatus, F. DAGIANTI, Studio sintattico delle opera poetica di Venanzio Fortunato
"Journal ofMedieval History", X (1984), 1-11. Veroli 1921. '
ID., The Conversion o/ the Jews o/ Clermont in AD 576, "Journal of Theolo- TH. D' ANGOMONT, "Faucibus in stupidis'' (Appendix Fortuna/., carm. 9 11)
gical Studies", N.S. XXXVI (1985), 321-337. "Revue du Moyen Age latin", XXIII (1967), 63-69. ' '
ID., The Career o/ Venantius Fortunatus, "Traditio", XLI (1985), 49-78. ID., Les viandes en sauce au miei chez Fortunat (carm. XI 10), ibid. 55-63.
ID., The Image o/ the Merovingian Bishop in the Poetry o/Venantius Fortu- G. DAVIS, Ad sidera notus; Strategies o/ Lament and Consolation in Fortu-
natus, "Journal of Medieval History", XVIII (1992), 115-139. natus De Gelesuintha, "Agon", I (1967), 118-134.
ID., Venantius Fortunatus: Bymntine Agent?, "Byzantion", LXV (1995), 7-16. H. DELEHAYE, Une inscription de Fortunat sur saint Martin, in Mélanges Ca-
ID., Deathless Marriage and Spiritual Fecundity in Venantius Fortunatus' De mille de Barman, Liège 1919, 19-26 [ripubblicato in H. DELEHAYE,
virginitate, "Traditio", LI (1996), 73-97. Mélanges d'hagiographie grecque et latine, Bruxelles 1966, 204-211].
ID., The Disputed Authorship of Fortunatus' 13yzantine Poems, '~Byzantion", F. DELLA CORTE, Venanzio Fortunato) il poeta dei fiumi, in Venanzio Fortu-
LXVI (1996), 335-345. nato ~ra Italia e Francia. Atti del convegno internazionale di studi, Val-
ID., Text and Image: "Reading" the Walls o/ the Sixth-Century Cathedral of dobbiadene 17 maggio 1990 - Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso
Tours, "TheJournal of Medieval Latin", VI (1996), 65-83. 1993, 137-147.
ID., 'Being Martin): Siiint and Successor in Sixth-Century Tours, "Journal of J. DERENS - M. FLEURY, La construction de la cathédrale de Paris par Childe-
Religious History'', XXI (1997), 121-135. bert I d'après le De ecclesia Parisiaca de Fortuna/, "Journal des Sa-
W. BULST, Radegundis an Amalafrid, in Bibliotheca docet. Festschrift fiir vants" (1977), 177-253.
Cari Wehmer, Amsterdam 1963, 369-380 [ripubblicato in W. BuLST, M. DoNNINI, Coordinate spazio-temporali di una micrografia vescovile neglt'
Lateinisches Mittelalter. Gesammelte Beitri.ige, Heidelberg 1984, epitaffi di Venanzio Fortunato, in Venanzio Fortunato tra Italia e Fran-
44ss.]. cia. Atti del convegno internazionale di studi, Valdobbiadene 17 mag-
M.I. CAMPANALE, Il De virginitate di Venanzio Fortunato (carm. 8, 3 Leo): gio 199,0-Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 247-258.
un epitalamio mistico, "Invigilata lucernis", II (1980), 75-128. J. DosTAL, Uber Identitilt und Zeit von Personen bei Venantius Fortunatus,
L. CARON, Le poète Fortunat et son temps, '~Mémoires de l'Académie des Programm des k. k. Staats-Ober-Gymnasiums Wiener-Neustadt 1899-
sciences lettres et arts d'Amiens", s. III, X (1884), 225-303. 1900, 1-31.
F. CHATILLON 1 ((Ad extremos antes 1), au bout de la vigne apostolique, "Revue L. DuCHESNE, Fastes épiscopaux de l'ancienne Gaule, 3 voli., Paris 1907-1915.
du moyen ilge latin", XIX (1963), 177-180. H. ELSS, Untersuchungen uber den Stil und die Sprache des Venantius Fortu-
E. CLERICI, Note sulla lingua di Venanzio Fortunato, "Rendiconti dell'Istitu- natus, tesi di dottorato, Heidelberg 1907.
to Lombardo, l\ccademia di Scienze e Lettere. Classe di lettere e U. ERNST, Carmen figuratum) Geschichte des Figurengedichts von den an-
I scienze morali e storiche'', CN (1970), 219-251. tiken Urspriingen bis zum Ausgang des Mittelalters, Koln - Weimar -
I
ID., Due poeti: Emilio Blossio Draconzio e Venanzio Fortunato, ibid. CVII Wien 1991, 149-157.
I 11 (1973), 108-150 R. FAVREAU, Fortunat et l'épigraphie, in Venanzio Fortunato tra Italia e
I. CLOSA FARRÉs, Horacio, Venancio Fortunato i Alexandro de Ville-Dieu Francia. Atti del convegno internazionale di studi, Valdobbiadene 17
(De la Ars poetica a la ars nova), in Venanzio Fortunato tra Italia e maggio 1990 -Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 161-173.
,, Francia. Atti del convegno internazionale di studi, Valdobbiadene 17 R. FICARRA, Nota al "De Virginitate" (carm. VIII 3, 129-176) di Venanzio
maggio 1990 -Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 259-266. Fortunato. Confronto con Paul. Noi. carm. XIX e Prud. Per. IV, "Bol-
F.E. CONSOLINO, Amor spiritualis e linguaggio elegiaco nei Carmina di Ve- lettino di studi latini", VIII (1978), 273-275.
nanzio Fortunato, "Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. S. FoLGADO FLOREZ, Devocion y culto a la Virgen en Venancio Fortunato
Classe di lettere e filosofia", s. III, VII (1977), 1351-1368. "La dudad de Dios", CLXXXIV (1971), 419-431. '
EAD., Ascesi e mondanità nella Gallia tardoantica. Studi sulla figura del ve- B. DE GAIFFIER D'HESTROY, Les sources de la passion de St. Eutrope de
scovo nei secoli IV-VI (Kotvrov(a. Collana di studi e testi a cura Saintes dans le ((Liber sancti Iacobi)), "Analecta Bollandiana',, LXIX
dell'Associazione di studi tardoantichi 4), Napoli 1979, 143-167. (1951), 57-66.
44 BIBLIOGRAFIA BIBLIOGRAFIA
45
ID., S. Venance Fortunat} évèque de Poitiers. Les témoignages de son culte, P. LEROUX, Le poète s. Venance Fortunat, Paris 1885.
"Analecta Bollancliana", LXX (1952), 252ss. W. L!PPERT, Die Sprache in den 'Thuringergedichten del' Venantius Fortuna-
ID., Les deux poèmes de Fortunat en l'honneur de saint Vincent, in Études tus, ({Zeitschrift des Vereins fiir T11iiringer Geschichte und Alterthurn-
mérovz'ngiennes. Actes des journées de Poitiers 1-952, Paris 1953, 127~ skunde", n. F., VII (1891), 3-38.
134. G.G. LIRUT!, Notizie delle vite ed opere scritte da' letterati del Friuli I Ve-
N. GAUTHIER, L'évangék:<atzon del' pays de la Moseile. La province romaine nezia 1760 [rist, anast. Bologna 1971], 132-163. ' '
de Première Belgique entre Antiquité et Moyen Age (III'-VIII's.), Paris L.A. MACCHIARULO, 'The Life and 'Times o/ Venantz'us Fortunatus, tesi di
1980. dottorato, New York 1986.
J.W. GEORGE, Variatzons on 'Themes o/Consolation in the Poetry o/Venan- A. marquise DE MAILLÉ, Recherches sur les origines chrétiennes de Bordeaux
tius Fortunatus, "Eranos", LXXXVI (1988), 53-66. Paris 1959. '
ID., Poet as Politici"an: Venantius Fortunatus. Panegyric to King Chilperic, M. MANITIUS, Zu spà'tlateinischen Dichtern, "Zeitschrift filr die Ostcrreichi-
"Journal ofMedieval History", X'\! (1989), 5-18. schen Gymnasien", XXX'\III (1886), 250-251.
ID., Venantius Fortunatus1 a La#n Poet in Merovingian Gaul, Oxford 1992. ID., Zu spiiten lateinischen Dichtern, "Rheinisches Museu1n fiir Philologie"
ID., Venantius Fortunatus: the End Game, "Eranos", XCVI (1998), 32-43. XLN (1889), 547-548. '
J. GJL, Interpretationes Latinae, "HabL,", XV (1984), 185-197. In., Beitriige zur Geschichte fr_iihchristlicher Dichter im Mittelalter, "Sitzung-
M. GRAVER, Quaelibet audendi: Fortunatus and the Acrostic, "Transactions sber1chte der philosophisch-h1stonschen Klasse der kaiserlichen Aka-
of the American Philological Association", CXXIII (1993), 219-245. demie der Wissenschaften", CXVII 12, Wien 1889.
B. GUÉRARD, Noti'ce d)un manuscrit latin de la bibliothèque du roi, "Notices ID., Beitriige zur Geschichte fruhchristlicher Dichter im Mittelalter. II
et extraits des manuscrits de la bibliothèque du roi et autres bibliothè- "Sitzungsberichte der philosophisch-historischen !<lasse der kaiserli'
ques", XII (1831), 75-111. chen Akademie der Wissenschaften", CXXI 7, Wien 1890.
M. 1-IAMELIN) De vt'ta et ofJeribus Venantz'i Fortunati, tesi di dottorato, Ren- ID., Geschichte der christlich-lateinischen Poesie bis zur Mittel del' 8.
nes 1873. Jahrhunderts, Stuttgart 1891, 438-470.
M. HEINZELMANN, Bfrchofsherrschaft in Gailien. Zur Kontinuiti:it romischer ID., Geschichte der lateinischen Literatur des Mittelalters, val. I, Miinchen
Fiihrungsschù:hten vom 4. bis zum 7. Jahrhundert. Saziale, prosopo- 1911, 170-181.
graphùche und bildungsgeschichtliche Aspekte (Beibefte der "Francia", S. MARINER BIGORRA, Prudencio y Venancio Fortunato. Influencia de un me-
5), Miinchen 1976. tro, "Hehnantica", XXVI (1975), 333ss.
M.F. HoEFL!CH, Between Gothia and Romania: the Image o/ the King in the J. MARTIN, VenantiuJ' Fortunatus, "Banner Jahrbiicher" CCXXI (1929)
Poetry o/ Venantius Fortunatus, "Res publica litterarurn", V (1982), 123- 136-140. , '
136. A. MENEGI-IETTI, La latinità di Venanzio Fortunato, "Didaskaleion", V
R. HUEBERGER, Des Venantius Fortunatus Alpenreùe, "Der Schlern", XVIII (1916), 195-298; VI (1917), 1-166; poi in volume, Torino 1917.
(1937), 89-91. R.E. MESSENGER, Salve festa dies, "Transactions of the American Philologi-
R.W. HuNT - M. LAPIDGE, Manuscript Evidence /or Knowledge o/ the cal Assodation", LXXVIII (1947), 208-222.
Poems of Venantius Fortunatus in Late Anglo-Saxon England, "Anglo- RA. fy'i:EUNIER, L'intéri!t publique de la correspondance de saint Fortunat, in
Saxon England", VIII (1979), 279-295. Etudes mérovingiennes. Actes des journées de Poitiers 1952 Paris
R. KOEBNER, Venantius Fortunatus. Seine Personlichkeit und seine Stellung 1953, 239-248. ,
i'n der gei'stigen Kultur des Merowingerreiches (Beitrfige zur Geschichte W. MEYEJ7, De'. Gelegenheitsdichter Ven~ntius Fortunatus (Abhandlungen
des Mittelalters und der Renaissance 22), Leipzig-Berlin 1915 [rist. de~ ko111ié11ch~n Gesellschaft der W1ssenschaften in Giittingen, philo-
anast. Hildesheim.\973]. log1sch-h1stonsche Klasse, n. F. IV 5), Berlin 1901 [parzialmente ri-
Y. LABANDE-MAILFERT, Les débuts de Sainte-Croix, in Histoire de Saznte- stampato in AA.VV., Mitteliateinische Dichtung, a cura di K. Langosch,
Crot'x de Poitiers, "Mémoires de la Société des Antiquaires de l'Oue- Darmstadt 1969, 57-90].
st", s. IV, XIX (1986-1987), 21-116. In., Ueber Handschriften der Gedichte Fortunat's "Nachrichten van der
P. DE LABRIOLLE, Histoire de la littérature latine chretienne, 2 voli., Paris koniglichen Gesellaschaft der Wissenschafte~ zu Giittingen Philolo-
1947'. gisch-historische Klasse", Berlin 1908, 82-114. '
K. LANGOSCH, Pro/ile des lateinischen Mittelalters. Geschichtliche Bilder aus U. MoRICCA, Venanzio Fortunato, "Didaskaleion", n.s., V (1927), 55-115.
dem europiiischen Geistesleben, Darrostadt 1965, 49-79. L. NAVARRA, A proposito del De navigio suo di Venanzio Fortunato in rap-
H. LECLERCQ, Fortunat, DACL, voi. V/2, Paris 1923, 1982-1997. porto alla Mosella di Ausonio e agli "Itinerart1 di Ennodio "Studi stori-
P. LENDINARA, Donne bibliche da Venanzio Fortunato ad un ignoto compila- co-religiosi", III (1979), 79-131. '
tore anglosassone, in Studi di filologia classica in onore di Giusto Mona- ID., Venanzio Fortunato: stato degli studi e proposte di ricerca in La cultura
co, voi. IV, Palermo 1991, 1497-1510. in Italia fra tardo antico e alto medioevo. Atti del conv~gno tenuto a
F. LEO, Venantius Fortunatus, der letzte rOmische Dichter, "Deutsche Rund- Roma, Consiglio Nazionale delle Ricerche, dal 12 al 16 novembre
schau", XXXII (1882), 414-426. 1979, voi. II, Roma 1981, 605-610.
R LEOTIA, Uni eco di Venanzio Fortunato in Dante, "Giornale italiano di fi- A.V. NAZZA~O, Intertestu~lità bibli~o-patristica e classica in testi poetici di
lologia'', XXXVI (1984), 121-124. Venanzio Fortunato, 1n Venanzio Fortunato tra Italia e Francia. Atti del
BIBLIOGRAFIA BIBLIOGRAFIA 47
convegno internazionale di studi, Valdobbiadene 17 maggio 1990 - In., St. Martin and the Leper: Narrative Variation in the Martin Poems o/
Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 99-135. Venantius Fortunatus, "The Journal of Medieval Latin", IV (1994),
CI-I. NISARD Fortunat panégyriste des rais mérovingiens, "Revue histori- 82-100.
que", XLI (1889), 241-252 [ripubblicato in Le poète Fortunat, Paris J.A. Rm-IRACHER, Ober die Lage der Schlosser im Pustertale bei Venantius
1890]. Fortunatus, "Der Schlern", IX (1928), 4-8.
ID. Des poésies de Radegonde attribuées jusqu 1ici à Fortuna!, "Revue histori- G. ROSADA, Il ((viaggioJJ di- Venanzio Fortunato ad Turones: i'! tratto da Ra-
, que", XXXVII (1888), 49-57 [ripubblicato in Le poète Fortuna!, Paris venna ai Breonum loca e la strada per sub1nontana castella, in Venanzio
1890]. Fortunato tra Italia e Francia. Atti del convegno internazionale di studi,
D. NoRBERG, Le "Pange linguaJJ, de Fortunat pour la Croix, "La Maison- Valdobbiadene 17 maggio 1990 - Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso
Die1i'', CLXXIII (1988), 71-79. 1993, 25-57.
C. PASCAL, Un carme di Prudenzio e uno di Venanzio, "Bollettino di filolo- M. RoucHE, Autocensure et diplomatie chez Fortunat à propos de I'élegie sur
gia classica", XI (1904-05), 161. Galeswinthe, ibid., 149-159.
M. PAVAN Venanzio Fortunato tra Venetia, Danubio e Gallia merovingica, J.L. Roux, Un troubadour devenu évèque de Poitiers: saint Fortunat, "Pic-
in Ve~anzio Fortunato tra Italia e Francia. Atti del convegno interna- ton", VIII (1978), 5-56.
zionale di studi, Valdobbiadene 17 maggio 1990 - Treviso 18-19 mag- E.· SALIN, Les conditions de vie au temps de_, Radégonde et de Fortuna!,
gio 1990, Treviso 1993, 11-23. d'après le témoignage des sépultures, in Etudes mérovingi'ennes. Actes
B.M. PEEBLES, Fortunatus, Poeto/ the Holy Cross, in "Classica! Folia", XX des journées de Poitiers 1952, Paris 1953, 269-272.
(1966), 107-122. I. SARTOR, Venanzio Fortunato nelt erudizione, nella tradizione e nel culto in
L PIETRI La ville de Tours du N' au VI' siècle: naissance d'une cité chrétien- area veneta, in Venanzio Fortunato tra Italia e Francia. Atti del conve-
. ne (Collection de l'École Française a Rome 69), Rome 1983. gno internazionale di studi, Valdobbiadene 17 maggio 1990 - Treviso
ID. Venance Fortunat et ses commanditaires: un poète italien dans la société 18-19 maggio 1990, Treviso 1993, 267-276.
' gallojranque, in Committe.nti e produzione ar_tis~ico-let~erari~ nell;alto J. SASEL, Il viaggio di Venanzio Fortunato e la sua attività in ordine alla poli-
medioevo occidentale (Settimane del Centro 1tahano di studi sull alto tica bizantina, in Aquileia e l'Occidente (Antichità Altoadriatiche 19),
medioevo XXV), Spoleto 1992, 729-754, con discussione 755-758. Udine 1981, 359-375.
M. PISACANE, Ii De excidio Thoringiae di Venanzio Fortunato, "Giornale W. ScnMID, Ein christlicher Heroidenbrief des sechsten Jahrhunderts. Zur
italiano di filologia", XLIX (1997), 177-208. Spiitantiken Traditionsgeschichte elegischer Motive und Junkturen (Ve-
A. QUACQUARELLI 1 Poesia e retorica in Venanzio Fortunato, in La poesia tar- nantius Fortunatus carm. 8, 3, 219/f.), in H. DAHLMANN - R. MERKEL-
doantica: tra retorica, teologia e politica. Atti del V corso della Scuola BACH (a cura di), Studien zur Textgeschichte und Textkritik, Koln
superiore di archeologia e civiltà medievali, Messina 1984, 431-465 1959, 253-263.
[ripubblicato in "Vetera Christianorum", XXV (1988), 95-126, da cm A. SCHNEIDER, Lese/ri.ichte aus Venantius Fortunatus, Programm des k. k.
si cita]. Ober-Gymnasiums der Franciscaner zu Hall, 1881-1882, 3-23.
E. REY1 De tauthenticité des deux poèmes de Fortunat De excidio Thorin- H. ScHRECKENBERG, Juden und Judentum in der altkirchlichen lateinischen
giae (A J) et Epist. ad Artachin (A 3) attribués a tort à sainte Radégon- Poesie, "Theokratia", III (1973-75), 81-124.
de, "Revue de Philologie", n.s., XXX (1906), 124-138. M. ScHUSTER, Venantius Fortunatus, in Realenzyklopiidie der Altertumsw-
ID., Dans quelle mesure on peut améliorer le texte de Fortunat, ibtd., XXXI sissenscha/t, XV A, Stuttgart 1955, cc. 677-695.
1
(1907), 190-198. K. STAUDACHER, Das Reùegedicht des Venantius Fortunatus, ' Der Schletn",
M. REYDELLET, La royauté dans la littérat~re latine de Sidoine Apollinaire à xv (1934), 274-281.
Isidore de Seville (Bibliothèque des Ecoles Françaises d' Athènes et de E. STEIN, Histoire du bas-empire, voi. II, De la disparition de /'Empire d'Oc-
Rome 243 ), Rome 1981. , cident à la mort de Justinien (476-565), Paris-Bruxelles-Amsterdam
ID., Venance Fortunat et Testhétique du style, in Haut Moyen Age: culture, 1949.
éducation1 société. Études of/ertes a Pierre Riché, La Garenne-Colom- R. STRATI, Venanzio Fortunato (e altre fonti) nell'Ars grammatica di Giulia·
bes 1990, 69-77. no di Toledo, "Rivista di filologia e d'istruzione classica", CX {1982),
In., La conversion des Jui/s de Clermont en 576, in De Tertullien aux Moza- 442-446.
rabes. Mélanges o/ferts à Jacques Fontaine, voi. I, Paris 1992, 3 71-3 79. K.F. STROHEKER, Die senatorische Ade/ im spiitantiken Gallien, Tiibingen
ID., Tradition et nouveauté dans !es Carmina de Fortunat, in Venanzio Fortu- 1948 [rist. anast. Darmstadt 1970].
nato tra Italia e Francia. Atti del convegno internazionale di studi, Val- J. SULLIVAN, The Easter Hymn o/Fortunatus, "The Classica! Bulletin", LIV
dobbiadene 17 maggio 1990 - Treviso 18-19 maggio 1990, Treviso (1977-78), 79.
1993, 81-98. J. SzòvÉRFFY, Venantius Fortunatus and the Earliest Hymns to· the Holy
M. ROBERTS, The Use o/Myth in Latin Epithalamia/rom Sidonius to Venan- Cross, "Classica! Folia", XX (1966).
tius Fortunatus, "Transactions of the American Philological Associa- ID., 'Crux fidelis ... '. Prolegomena to a History o/ the Holy Cross Hymns,
tion", CXIX (1989), 321-348. "Traditio", XXII (1966), 1-41.
In., The Description o/ Landscape in the Poems o/Venantius Fortunatus: the In., À la source de l'humanisme chrétien médiéval: Romanus et barbarus
Moselle Poems, "Traditio", XLIX (1994), 1-22. chez Fortuna!, "Aevum", LXV (1971), 71-86.
BIBLIOGRAFIA

D. TARDI, Fortunat. Étude sur un dernier représentant de la poésie latine CARMINUM LIBRI XI
dans la Caule mérovingienne, Paris 1927.
V. USSANI, Il codice torinese lat. 216. Contributo alla critica di Gregorio di
Tours e di Venanzio Fortunato, "Studi romanzi", VI (1909), 177-193. UNDICI LIBRI DI CARMI
M.E. VASQUEZ BUJAN, Vernat amoenus ager. Sobre las descripciones de la
naturaleza en la poesia de Venancio Fortunato, "Euphrosyne", XII
(1985), 95-109.
M. VIEILLARD-TROIÉKOUROFP, Les monuments religieux de la Caule d'après
/es oeuvres de Grégoire de Tours, Lille 1976.
P.G. WALSH, Venantius Fortunatus, "The Month", CXX (1960), 292-302.
P. WAREMANN, Theudechildis regina, "Classica et Mediaevalia", XXXVII
(1986), 199-201.
C. WEYMAN, Beitriige zur Geschichte der Christlich-lateinischen Poesie,
Miinchen 1926 [rist anast. Hildesheim 1975], 166-171.
E.M. WIGHTMAN, Roman Trier and the Treveri, London 1970.
J.A. WILLIS, Venantius Fortunatus Iuvenalis lector, "Mnemosyne", XLI
(1988), 122-123.
E. WOLGARTEN, Reste einer Fortunatushandschrift der Stiftsbibliothek St.
Gallen Codex Sangallensis 1399 a 7, in Arbor amoena comis. 25 Jahre
mittellateinisches Seminar in Bonn, 1965-1990, Stuttgart 1990, 41-52.
R. WOPFNER, Die Reise des Venantius Fortunatus durch die Ostalpen. Ein
Beitrag zur fruhmittelalterlichen Verkehrs- und Siedelungsgeschichte, in
Festschri/t zur Ehre E. van Ottenthals, Innsbruck 1925, 362-417.
M. ZICÀRI, Nemetum e Vernemetis in Lucano e Venanzio Fortunato, in
Classica!, Mediaeval and Renaissance Studies in Honor o/ Berthold
Louis Ullmann, vol I, Roma 1964, 205-215.
S. ZWIERLEIN, Venantius Fortunatus in seiner Abhtingigket't van Vergil, tesi
di dottorato, Wiirzburg 1926.

Nota: per indicare passi da opere di autori antichi, sia pagani che cristiani,
ci si è costantemente serviti del sistema abbreviativo adottato nel The-
saurus linguae Latinae; cf. Thesaurus linguae Latinae. Index librorum
scriptorum inscriptionum ex quibus exempla afferuntur. Editt'o altera,
Lipsiae 1990.
Per gli autori medievali si sono seguite, fin dove possibile) le abbreviazioni
del Mittellateinisches Worterbuch; cf. Mittellateinisches Worterbuch.
AbkUrzungs- und Quellenverzeichnisse. 2. verbesserte und erweiterte
Auflage, Miinchen 1996.
INTRODUZIONE

1. LA RACCOLTA DEI CARMINA

I carmi sono sicuramente l'opera più ragguardevole di Venanzio:


per la mole, per la varietà, per la possibilità che essi danno al lettore di
cogliere i tratti fondamentali della personalità del loro autore e dell'am-
biente culturale in cui furono composti. La raccolta, divisa in undici li'
bri, comprende 218 componimenti in versi e dieci epistole in prosa 1, alle
quali bisogna aggiungere le due opere omiletiche, che noi presentiamo
separatamente ma che nei manoscritti si trovano in apertura rùpettiva-
mente del decimo e.dell'undicesimo libro. Altri trentun carmi, apparen-
temente estranei al corpus degli undici libri ma sicuramente autentici,
sono poi conservati in un manoscritto parigino rimasto sconosciuto fino
ai primi decenni dell'Ottocento: a questa piccola ed eterogenea silloge gli
studiosi moderni, a partire da F. Leo, hanno dato il nome di Appendix
carminum, per la quale si rimanda all'introduzione specifica.
I:estensione delle poesie è assai variabile: si va dai carmi costituiti
da due o quattro versi 2 fino alle composizioni di ampio respiro e di strut-
tura solida e articolata, che raggiungono i trecento o anche i quattrocen-
to versi3. La/orma largamente prevalente è quella elegiaca: vi sono sol-
tanto cinque carmi scritti in esametri stichici (di cui tre sono carmina fi-
gurata) 4, due in dimetri giambici 5) e uno rispettivamente in tetrametri
trocaici catalettici e in strofe saffiche minori 6. La prevalenza del metro
elegiaco è in parte dovuta al!'elevato numero di carmi appartenenti a ge-
neri letterari nei quali quel metro era un mezzo di espressione tradizio-
nale, come ad esempio la poesia epistolografica o quella funeraria; non-
dimeno, la presenza di alcuni panegirici in distici rappresenta una visto-
I' sa rottura con la tradizione.
I temi della poesia Jortunaziana sono i più vari; anche se è stato giu-
stamente osservato che possono essere tutti ricondotti al tema generale
del/' elogio 7, il quale è indirizzato di volta in volta a sovrani o a ecclesia-

·.1
1 Epist. carm. (3, 1-2 e 4; 5, 1; 5, 5-6; 8, 12a; 10, 2-4).
2 :per esempio carm. 3, 13b e 13d; 7, 13 e 24.
3 E per esempio il caso del carme 6, 5 De Gelesuintha, di 370 versi, o del carine
8, 3 De vt'rginitate, di 400 versi.
4Carm. 2,4-5;5, 6 (carminafigurata);5, 7 e6, L
5 Carm. 1, 16 e 2, 6.
6 Carm. 2, 2 (tetratnetri trocaici catalettici) e 9, 7 (strofe saffiche minori).
7 M. REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XXIX. Un tentativo di classifi-
cazione per generi è stato dato da MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 30-39.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 53

stici; ma anche alla Croce, ai santi, in primis san Martino di Tours, ai di- rispettando in quest'ultimo caso la gerarchia della loro posizione nella
gnitari della corte, e non ultimo agli edifici sacri costruiti dai vescovi del- società 10 •
le diocesi galliche. J;elogio può in certi casi diventare addirittura ironico, TI libro I, comprendente 21 carmi, è così dedicato alla celebrazione
come nel caso del grazioso poemetto sul fiume Gers che conclude il pri- di chiese, basiliche e ville, appena costruite o restaurate. Troneggiano nel
mo libro (carm. 1, 21), o ancora in quello della bonaria lanzonatura in- libro le figure di Leonzio II vescovo di Bordeaux e della ex moglie Placi-
dirizzata al vescovo Bertrando di Bordeaux per le sue ambizioni lettera· dina, promotori di una grande opera di restauro di chiese e ville risalenti
rie (carm. 3, 18), o infine nell'invettiva scherzosa rivolta al cuoco di cor- ai secoli IV e V Poiché Leonzio mori all'incirca nel 570, tutti i carmi
te che indebitamente si appropriò il suo battello (carm. 6, 8). compresi in questo libro risalgono ai primissimi anni del periodo gallico
Poeta di vena facile e abbondante, Venanzio riceveva sempre più di Venanzio. I primi due pezzi poi furono composti ancora in Italia, nel
spesso vere e proprie commissioni da parte di vescovi o funzionari statali, 565 o ancora precedentemente.
per solennizzare nei suoi versi, determinati avven~·"!~nti o per celebrare.
1
Il libro II, composto da 16 pezzi, si apre con il celebre ciclo di sei car-
il compimento di grandi iniziative, soprattutto edzlzzie. Spesse volte eglt mi dedicati alla Croce; segue un carme dedicato a san Saturnino, verisi-
doveva lavorare in gran fretta per esaudire, nel minor tempo possibile le milmente composto mentre il poeta si trovava a Tolosa nel 568. I due car-
richieste rivoltegli. Celebre è il caso del poemetto sulla conversione dei mi dedicati alla Chiesa e al clero parigini risalgono evidentemente al 567,
Giudei di Clermont ottenuta dal vescovo Avito il giorno dell'Ascensione quando Venanzio si trattenne presso la corte di Cariberto e strinse rappor-
del 576 '· Gregorio di Tours mandò a Venanzio un postiglione con una ti con il vescovo Germano. I carmi 11-13 sono di poco precedenti, ricolle-
lettera che lo incaricava di celebrare in versi!'avvenimento; come Venan- gandosi al primo soggiorno in Austrasia presso Sigiberto. Il carme sui
zio stesso ci racconta nella lettera a Gregorio con la quale accompagnò il santi di Agaune (14) gli fu invece commissionato da Gregorio di Tours
carme, il postiglione aveva ricevuto lordine di non muoversi finché non quando questi ritrovò le reliquie e ne curò il tra4erimento nella cattedra-
avesse ricevuto dal poeta il manoscritto della composizione: da ciò risulta le della città, e risale pertanto a dopo il 573.- !}autenticità del carme se-
evidente come spesse volte egli si trovasse a comporre i suoi carmi in si- guente, dedicato a sant'Ilario di Poitiers, è stata messa in dubbio da molti
tuazioni non certo ideali, e diventano più comprensibili certi tratti, ri- studiosi, con argomenti certo non risolutivi ma degni di nota 11. Chiude il
scontrabili nella sua produzione, quali la presenza delle medesime for- libro un lungo poemetto sulla vita e i miracoli di san Medardo vescovo di
mule e dei medesimi temi in molte poesie 9 . Alcuni carmi recano segni Noyon, composto verisimilmente nel 567, quando il poeta, al seguito .di
evt'dentt' della loro origt'ne improvvisatoria: esortazioni, ringraziamenti; Sigiberto, fece tappa a Soissons, città che ospitava la tomba del santo 12.
auguri espressi durante un banchetto o in altre occasioni festive. Questi Il libro III, il più lungo della raccolta, raggruppa 33 carmi e tre let-
componimenti~ come pure molti altri non improvvisati ma eomunque de- tere, indirizzati a vescovi o ad altri membri della gerarchia ecclesiastica. I
stinati alla pubblica declamazione, sono caratterizzati da uno stile che, primi dieci pezzi sono destinati a Eufronio di Tours (e pertanto sono an-
pur tra espressioni ricercate, risente talvolta dei tratti propri della lingua teriori al 573) e a Felice di Nantes, che il poeta conobbe poco dopo esser-
parlata. Tutti questi aspetti, che noi oggi giudichiamo in qualche modo si stabilizzato a Poitiers. Seguono diversi poemetti indirizzati a vescovi
deteriori, passavano certamente inosservati al pubblico di allora, che re- dell'Austrasia, personaggi che Venanzio incontrò con tutta verisimiglian-
stava invece sorpreso e affascinato dalla capacità del poeta, formatosi nel- za già al tempo delle nozze di Sigiberto e Brunichilde, con alcuni dei
le scuole di retorica italiche, di creare per ogni occasione versi brillanti quali mantenne legami epistolari anche negli anni seguenti. Vediamo co-
che riuscivano a destare una qualche emozione nel!' uditorio. sì sfilare innanzi a noi le figure di Nicezio di Treviri, di Villico di Metz,
Quando veno il 576 Venanzio, accogliendo le esortazioni di Gre- di Carentino di Colonia, di Egidio di Reims, nonché di Agerico di Ver-
gorio di Tours, decise di curare la pubblicazione di tutto ciò che aveva dun. I rimanenti carmi non offrono elementi bastevoli a stabilire I'iden-
! i scritto fino a quel momento, si sforzò di conferire un ordine a quelle tità dei loro destinatari; né tantomeno lepoca e la circostanza in cui fu-
composizioni che precedentemente avevano circolato ciascuna per pro- rono composti.
prio conto grazie ai rispettivi destinatari che certamente le esibivano ai Singolare per la compatta unità tematica è il libro IV, costituito
conoscenti con orgoglio e compiacimento. Non segui' però quella che esclusivamente da epitaffi in numero di 28. Questi sono ordinati all'in-
forse a noi pare la strada più semplice, cioè lordine cronologico di terno del libro secondo un rigido criterio di precedenza gerarchica:
composizione ma volle disporre i suoi carmi per temi e per destinatari~
1
all'inizio gli epitaffi in onore di vescovi (1-10), seguono abati (11), sacer-

8 Carm. 5, 5b con epist. (carm. 5, 5a). Cf. GREG. TuR..Fr~~c. 5, 11. , . 10 L'ordinamento gerarchico è stato individuato per la prima volta da MEYER,
9 .Si arriva addirittura al caso di uno stesso carme md1r1zzato, a distanza d1 Der Gelegenheitsdichter, 25-30.
molti anni a due diversi vescovi: il carm. 5, 12 a Gregorio di Tours, scritto tra il 573 11 Cf, F. Leo ad loc., in apparato; MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 28, nonché
e il 576, e' il carm. 9, 8 a un vescovo Baudoaldo (di Meaux), indirizzato verosimil- la nostra nota ad loc.
mente tra il 577 e il 590. 12 GREG. TUR. Frane 4, 19.
54 INTRODUZIONE INTRODUZIONE 55

doti (12-14) e diaconi (15); infine i laici; prima gli uomini (16-24), poi le Legato al precedente è il libro VII: è costituito da 31 carmi; in lar-
donne (25-28), anch'esse in ordine d'importanza, dacché il primo dei ghissima prevalenza epistole metriche destinate ai dignitari austrasiani
quattro epitaffi è quello per la regina Teodechilde. Sarà altrest' da notare che Venanzio aveva conosciuto sin dal momento del suo arrivo a Metz.
che molti dei vescovi per i quali Venanzio compose l'elogio funebre era- Alcuni carmi furono composti proprio in quei primi mesi del suo sog-
no morti già da diversi anni al momento in cui il poeta giunse in Gallia: giorno in Gallia nel 566, altri invece risalgono a quasi un decennio do-
evidentemente il suo talento spingeva i titolari delle diocesi a commis- po, quando il poeta si era ormai da lungo tempo stabilito a Poitiers, ma
sionargli epitaffi per i loro predecessori più illustri. Una questione assai desiderava tenere vivi i contatti con coloro che per primi apprezzarono e
dibattuta è quella del carattere epigrafico degli epitaffi di Venanzio, co- sostennero il suo talento. I.:ultimo pezzo del libro, indirizzato al comes
me di molte altre sue poesie: non si sbaglierà nel dar ragione a quanti so- Galattorio, risale invece a dopo il 585, ed è stato con ogni verisimiglian-
stengono che la quasi totalità dei carmi di questo libro era effettivamen- za aggiunto in epoca successiva, dal momento che non figura nel catalo-
te destinata a essere incisa su pietra, né costituisce prova del contrario il go iniziale tramandato nei principali manoscritti 16.
fatto che fino a oggi nessun ritrovamento archeologico abbia esplicita- La prima metà del libro VIII raccoglie carmi collegati con la vita
mente confermato l'ipotesi 13. Certamente non epigrafico, data la sua all'interno del monastero di Radegonda (1-10). Di questi componimenti;
estensione, è il carme 26, che a dispetto del titolo tramandatoci dai ma- due (3-4) furono scritti in occasione della consacrazione di Agnese quale
noscritti; Epitaphium Vilithutae, è piuttosto una consolazione 14. badessa della comunità, altre sei poesie hanno carattere più privato e so-
Protagonisti del libro V, comprendente 20 carmi e 3 epistole in pro- no indirizzate a Radegonda (5-10). Gli undici carmi rimanenti sono in-
sa, sono ancora una volta i vescovi. Al principio due scritti diretti a Mar- vece rivolti a Gregorio di Tours, e tra questi spiccano il 12 e il 12a, che si
tino di Braga, spiccano poi Siagrio di Autun (6), cui Venanzio invia l' ul- riferiscono ai disordini scoppiati al!'interno del monastero nel 589, due
timo dei suoi carmina figurata, e Felice di Nantes (7). La figura domi- anni dopo la morte di Radegonda e di Agnese.
nante è però quella di Gregorio di Tours, che in quegli anni (tra il 573 e I primi cinque carmi del libro IX sono indirizzati al re Chilperico I
il 576) divenne .wmpre più l'amico intimo del poeta: 12 carmi su 19 so- e alla sua famiglia, e risalgono al 580-581. Gli undici carmi seguenti
no a lui dedicati, e su sua commissione Venanzio scrisse Formai più volte trattano materie varie e sono difficilmente databili: vi figurano poesie
ricordato poemetto sulla conversione dei Giudei di Clermont ad opera per Gregorio di Tours e per altri vescovi. I.:elegia a Sidonto di Magonza
del vescovo Avito (5) 15. (9) risale certamente al 566·567, mentre quella per Ragnemodo di Parigi
Esauriti i carmi dedicati a ecclesiastic~ il libro Vl, che conta 11 (10) fu scritta dopo il 576, anno della sua consacrazione episcopale. I.: ul-
composizioni, è tutto dedicato ai governanti temporali. Si apre con i due timo pezzo, indirizzato al duca Crodino (16), è evidentemente anteriore
pezzi scritti nel 566 in occasione del matrimonio di Sigiberto I e Bruni- al 582, anno della sua morte 11.
childe: l'epitalamio e la celebrazione della conversione della regina dal- I quattro componimenti con cui si apre il libro X sono in prosa. Il
l'arianesimo all'ortodossia cattolica (1 e la). Segue poi il panegirico a primo di questi; l'Expositio orationis Dominicae, pervenutaci priva della
Cariberto, recitato a Parigi nel 567. Dopo gli uomini vengono le donne: fine, risale quasi certamente ali' ultimo periodo della vita di Venanzio, ed
la regina Teodechilde, figlia di Teodorico I (3), Gelesvinta, la sventurata è inquadrabile nella sua attività catechetico-pastorale quale vescovo di
sposa di Chilperico I (5), Ultrogota, la vedova di Childeberto I (6). Gli Poitiers. Noi lo presenteremo in separata sede, e rinviamo pertanto all'in-
ultimi tre carmi sono connessi con il soggiorno del poeta presso la corte troduzione specifica. Le successive tre lettere (2-4) non sono databilt;·
di Austrasia tra il 566 e il 567: la narrazione dell'avventura con il cuoco mentre certamente al 590 risale il lungo carme sui miracoli di san Marti-
di palazzo (8), e due lettere indirizzate a Dinamio, dignitario di Marsi- no (5), composto in occasione del restauro della basilica turonense con-
glia, nell'Aquitania sottoposta all'autorità di Sigiberto (9-10). Tranne il cluso in quel!'anno da Gregorio rn I carmi dal 7 al 9 furono composi du-
poema sulla morte di Gelesvinta, databile attorno al 570, gli altri com- rante il secondo viaggio in Austrasia, compiuto insieme a Gregorio nel
ponimenti risalgono tutti al periodo compreso tra il 566 e il 567. 588, mentre il carme 9 si riferisce alla visita a Tours degli esattori del fi-
sco inviati da Childeberto II lanno successivo 19. Infine il carme 14, il più
tardo tra quelli sicuramente databili, celebra l'insediamento a Poitiers del
13 Principale sostenitore del carattere epigrafico di tutti gli epitaffi fu E. LE vescovo Platone, predecessore di Venanzio, avvenuto nel!'anno 591 20.
BLANT Inscriptions chrétiennes de la Caule antérieurs au VIII' siècle, 2 voll., Paris
1856-1,865 [rist. anast. Hildesheim - Ziirich - New York 1999]. Il più scettico invece
è il MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 32. Lo status quaestionis è esposto da H. LE-
CLERCQ, Fortunat, épigraphiste et Uturgiste, in DACL V 2, 1923, 1982-1997. l6 Su questa questione si veda infra "La tradizione manoscritta", pp. 81s.
14 Cf. GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latfn Poet, 93-94, nonché Venanzio 17 GREG, TvR. Frane. 6, 20.
Fortunato. Ept~aphi'um VtUthutae (IV 26), introduzione, traduzione e commento a 18 Cf. L. PIETRI, La ville deTours du IV• au VF st'èele: naissance d'une cité chré-
cura di P·. Santorelli, (Università degli Studi di Napoli Federico II - Dipartimento di tienne (Collection de l'École Française à Rome 69), Ro1ne 1983, 826-830.
Discipline Storiche), Napoli 1994, 11-38. 19GREG. TuR. Frane. 9, 30.
15 A Gregorio sono dedicati i carmi 3, 4, 8-17. 20 GREG. TuR. Mari. 4, 32.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 57
Anche gli altri carmi del libro risalgono con ogni probabilità a questo particolare la clemenza. J;unico tratto in cui Venanzio si stacca dagli
stesso periodo compreso tra il 588 e il 591. schemi appresi durante gli studi compiuti a Ravenna per adattarsi allo
Come il precedente, anche il libro XI si apre con un'opera esegetico- specifico della personalità di Sigiberto è ravvisabile nel!'affermazione se-
omiletica in prosa, l'Expositio Symbuli, parimenti databile agli anni condo cui il re intendeva vivere un unico amore 21. Il medesimo partico-
del!' episcopato. Anche questa sarà da noi presentata separatamente. Tut- lare è infatti sottolineato con maggior chiarezza da Gregorio di 1ours: Si-
ti gli altri pezzi che compongono il libro hanno quale destinatario Rade- giberto intendeva in questo modo differenziarsi dai suoi fratelli, dediti al
gonda, e sono quindi databili tra il 568 e il 587, senza possibilità di mag- concubinaggio con serve22,
gior precisione. Poco più di un anno dopo Venanzio tornò a misurarsi con la panegi-
ristica regale: l'elogio di Cariberto è improntato alt'esaltazione del sovra-
no pacifico, giusto e saggio. I modelli non sono però presi soltanto
2. VALORE STORICO DEI CARMI dal!'antichità, ma anche dalle figure regali dell'Antico Testamento, come
Davide e il figlio Salomone 23. J;elogio parrebbe abbastanza appropriato:
Il corpus dei carmi di Venanzio Fortunato costituisce una fonte ric- fra i quattro fratelli fu quello che mosse meno guerre (ma occorrerà ricor-
chissima di informazioni storiche e soprattutto prosopografiche per lo dare che regnò per sei anni soltanto), dimostrò una notevole pietas paren-
studioso della Gallia merovingica della seconda metà del VI secolo, e tale riaccogliendo la zia Ultrogota, vedova di Childeberto I, insieme alle
funge cosi egregiamente da complemento alla principale fonte sul!' epo- sue figlie, dopo lesilio a cui Clotario I le aveva condannate 24; ripetuta-
ca, i dieci libri della cosiddetta Historia Francorum scritti dal suo amico mente fece valere la sua autorità a favore della Chiesa 25. Purtuttavia, pro-
Gregorio di Tours. Davanti al lettore dei carmi passano, come in una prio nel!' ultimo periodo della sua vita, Cariberto si macchiò di una dupli-
gran galleria, tutte le principali personalità che animarono quel periodo ce colpa che gli valse la scomunica da parte del vescovo di Parigi Germa-
storico: re) regine, principi ereditari~ vescovi metropoliti e suffraganei~ no: aveva infatti ripudiato la moglie Merofleda per unirsi alla sorella di
sacerdoti e diaconi; dignitari di corte, ufficiali del!' esercito, abati e bades- lei Marcovefa, una monaca fuggita dal convento. La convivenza durò po-
se, monaci e monache) fino agli strati' sociali più bassi come artigJant~ co, ché la donna morì dopo qualche mese, presto seguita dal re stesso: un
cuochi, postiglioni, bisognosi. Certamente l'attitudine di Venanzio non è tale esito fu naturalmente visto dal clero parigino come una punizione di-
quella dello storico, ma quella del poeta di corte, del panegirista: egli vina 26, Non sappiamo se questo strappo tra Cariberto e la Chiesa avesse
non pronuncia giudizi severi e impietosi come Gregorio, ma mette sem~ già avuto luogo quando Venanzio giunse a Parigi; con ogni probabilità
pre in luée gli aspetti migliori delle personalità che di volta in volta si nell'autunno del 567, ma poiché Cariherto mori tra la fine dell'anno e i
trova a celebrare, tanto che leggendo i suoi versi si ha l'impressione di primi mesi del 568 la cosa pare più che probabile27. In tal caso il panegin'-
una società colta, elegante e dai buoni costumi, lontanissima quindi dal- co sarebbe da leggersi come un invito alla riconciliazione: il poeta ram-
laferrea descrizione che ce ne ha lasciato Gregorio, carica di barbarie e menta al clero e al popolo i lati migliori del sovrano, e allo stesso tempo si
crudeltà. Le terribili guerre tra fratelli che segnarono il regno dei figli di rivolge a quest'ultimo stimolandolo al perfezionamento tramite il tratteg-
Clotario I e sulle quali Gregorio insiste assai, in Venanzio non sono pre- gio della figura del monarca ideale, cui egli è implicitamente esortato a
senti che in poche e velate allusioni nel panegirico per Chilperico (carm.
9, 1), sicché a leggere soltanto il poeta senza mai porlo a confronto con
lo storico, si avrebbe un'idea assai vaga dell'efferatezza cui giunse quel
conflitto in alcuni momenti determinanti. 21 Carm. 6, 1, 34: amplexu est contentus in uno. Per l'immagine della regalità,
Anche i ritratti dei singoli personaggi non possono non risentire di che in questo panegirico compare ancora secondo i connotati antichi ma che sarà
questa impostazione: tratto dominante è indubbiamente l'idealizzazione, destinata a modificarsi profondrunente nei panegirici posteriori, si rinvia a M. REY-
quando non l'adulazione; nondimeno da essi è possibile trarre una serie DELLET, La royauté dans la littérature latine de Sidoine Apollinat're à Isùlore de Sévtlle
(Bibliothèque des Écoles Françaises d'Athènes et de Rame 243), Rome 1981, 320-
di elementi di grande utilità per tracciare un quadro d'insieme delle va- 331.
rie componenti della società merovingica nei suoi ideali, nella sua cultu- 22 GREG. TUR. Frane. 4, 27.
ra) nelle sue aspz'razt'oni. 23 Carm. 6, 2, 78-84.
Tra tutti i personaggi celebrati spiccano naturalmente i sovrani. 24 Carm. 6, 2, 21ss.
25 GREG, TuR. Frane. 4, 18: contrastò con successo le trame del duca Austrapio
Non appena giunto dall'Italia, fresco di studi, Venanzio compose l'epita- che intendeva usurpare la cattedra episcopale di Poitiers, allora occupata da Pienzio;
lamio per le nozze del re dell'Austrasia Sigiberto I (carm. 6, 1): questo 4, 26: non ratificò la deposizione di Emerieo di Saintes decisa da un conciliabolo di
componimento rispecchia nella forma come nella sostanza i dettami del- vescovi aquitani.
la precettistica antica) che continuava a essere insegnata nelle scuole 26GREG. TuR. Frane. 4, 26.
27 Cf. GEORGE, Venan#us Portunatus. A Latin Poet, 43-44. Diversa l'idea di
dell'Italia bizantina; conforme alla tradizione imperiale è anche l'elogio REYDELLET, Venance Portunat. Poèmes, I, XII, che però pone l'arrivo di Venanzio a
del sovrano posto in bocca a Cupido, in cui tra le varie virtù ha un posto Parigi già all'autunno del 566.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 59

uniformarsi: sintesi di autorità, sul modello romano antico, e del ruolo ti- della stirpe da cui il sovrano discende, ricordando pure i disagi della
picamente cristiano di difensore della Chiesa e dei.sudditi 28 • . . . guerra civile e il ruolo avuta da Chilperico nella difesa del regno contro
Anche negli altri carmi composti durante ti soggiorno parigino st le popolazioni barbariche; si passa poi a trattare le qualità individuali del
delinea sullo sfondo la figura dello zio di Cariberto, Childeberto I, mor- re: giustizia, generosità, talento nella poesia e nella speculazione teologi-
to nel 558, del quale era ancora vivissimo il ricordo, soprattutto a moti- ca 34. Particolare importanza ha l'elogio della sua giustizia, che sembra
vo della sua fervente devozione. Egli rappresenta un modello per il nipo- stridere vistosamente con il ritratto di Chilperica fornitaci da Gregorio
te 29, e il suo ruolo di protettore della Chiesa è enfatizzato fino a essere di Tours, che vedeva in lui un nuovo Erode e un nuova Nerone: si tratta
paragonato alla figura biblica di Melchisedech, a un tempo re e evidentemente di un elogia funzionale alla precisa circostanza in cui il
sacerdote 30, Ma il carme in cui la sua figura emerge più vivida è quello panegirico fu recitato. A tale proposito le opinioni degli studiosi recenti
indirizzato alla vedova Ultrogota, che con amorevole impegno si prende- non sono unanlmi: c'è chi ritiene che Venanzio declamò il suo poemetto
va cura di un giardinetto piantato dal marito e che per lei rappresentava dopa che fu pronunciata la sentenza che assolveva Gregorio, e in tal casa
il principale ricorda di luill, il panegirico stesso sarebbe una sarta di gratiarum actio al sovrano per
Del tutto particolari furono le circostanze nelle quali Venanzio si aver giudicata secanch giustizia 35; altri invece preferiscono pensare a un
trovò a comporre, tredici anni dopo, con una situazione politica assai di- Venanzio che, agendo quasi da consigliere ed educatore del re, idealizzi
versa, il panegirico a Chilperico I (carm. 9, 1) n. Certamente il poeta quest'ultima prima del pronunciamento finale. Ponendo davanti a Chil-
non poteva nutrire ammirazione per un sovrano il cui agire risultò, per perico l'ideale del principe giusto incarnata in lui stessa, Venanzia mire-
lui e per le persone con cui aveva stretto i legami più intensi, sempre ne- rebbe insomma a far nascere nel re la volontà di non essere da meno ri-
gativo: quasi certamente, e ad ogni modo queste erano le voci che circo- spetto a quel ritratto ideale, e ad assumersi conseguentemente la respon-
lavano, Chilperico fu il mandante del!' assassinio della propria moglie sabilità di un giudizio equanime 36,
Gelesvinta, sorella di Brunichilde, perpetrato verso il 569-570, che fu la Non minore interesse desta il cenno fatto da Venanzio al ribalta-
causa scatenante del conflitto tra i regni di Metz e di Parigi. La vera mento delle sarti durante il conflitto con Sigiberta, avvenuto in seguito
I
!'i mente del!' assassinio fu però la sua ex-concubina Fredegonda, che egli all'assassinio di quest'ultima, perpetrato quando ormai Chilperica e Fre-
prontamente sposò non appena resosi vedovo; costei fu pure l'artefice del degonda si trovavano assediati e le loro stesse truppe avevano armai de-
proditorio assassinio di Sigiberto a Tournai nel 575, che ebbe come con- fezionata passando dalla parte del vincitore. Seconda il poeta, a Chilperi-
seguenza il volgersi delle sorti del conflitto a favore di Chilperico, con la co spettavano diritti particolari, superiori a quelli degli altri tre fratella-
conseguente occupazione da parte delle sue forze di tutta la regione com- stri, poiché egli era il figlia prediletto da Clatario: mentre gli altri tre figli
prendente Tours e Poitiers33, Furono quelli gli anni più tristi della vita gli erano nati dalla maglie In ganda, Chilperica fu il frutta del!' amore
1· .. con la moglie successiva, Areganda, che altri non era che la sorella d'In-
11 di Venanzio, che rimase isolato da tutte quelle amicizie austrasiane e
provenzali che con il loro sostegno tanto avevano contribuito allo svilup- gonda 37. Nonostante ciò, al momento della spartizione del regna nel
1.,1' po della sua fortuna. I motivi che lo spinsero a comporre il panegirico 561, i tre fratelli figli d'Ingonda, Cariberta, Gantrano e Sigiberto, si al-
non furono certamente di ordine personale; egli cioè non mirava a ingra~ learono nell'intenta di restringere il più passibile la porzione di regna de-
; I~ stinata al loro fratellastro 38, Cosz: dopa un primo accorda, Chilperica si
ziarsi il sovrana alla scopo di migliorare la propria posizione, ma agt' in-
vece nell'interesse dell'amico Gregario di Tours e dell'intera Chiesa, par- trovò sul punto di perdere ogni cosa, ma nella visione di Venanzia ciò
lando in veste ufficiale a nome del sinodo episcopale riunita a Berny-Ri- non accadde a causa della sua malvagità e delle trame dell'insaziabile
vière. Il panegirico si apre, come d'usa, con la celebrazione della nobiltà Fredegonda, come afferma Gregaria, ma piuttosto per il nefasta influsso
della sarte invidiosa delle umane fortune, che istillò nei fratelli il germe
della discordia. Una spiegazione per malti aspetti simile a quella che det-
28 Cf. GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet, 47. Per il procedimento
retorico dello «specchio dei principi», più volte adoperato da Venanzio, si veda E.
R. CURTIUS, Letteratura europea e Medio Evo latino, Firenze 1992 (ed. orig. Europdi- 34 Come abbiamo già avuto modo di osservare alla nota 61 dell'Introduzione
sche Literatur und lateinisches Mittelalter, Bern 1948), 200. generale, non si tratta di un complimento gratuito, poiché il sovrano co1nponeva
29 Carm. 6, 2, 15. poesie e si dilettava nello scrivere trattati sulla Trinità.
30 Carm. 2, 10, 17-26. 35 REYDELLET, Venance Fortuna!. Poèmes, I, XXV-XXVI. Su questa linea già
31 Carm. 6, 6: si tratta di una sorta di consolatio mascherata da elogio. Cf. KOEBNER, Venantius Fortunatus, 101. '
GEORGE, Venanti'us Fortunatus. A Latin Poet, 101-105. La pietas di Ultrogota è ri- 36 GEORGE, Venantt'us Fortunatus. A Latin Poet, 54-57.
cordata pure da GREG. TuR. Mart. 1, 12. 37 L'aneddoto narrato a questo proposito in GREG. TUR. Frane. 4, 3, ha del
32 Sulle circostanze che portarono alla composizione del panegirico ci siamo grottesco: Ingonda chiese a Clotario. di procurare un degno matita alla propria so-
già soffermati nell'Introduzione generale, pp. 34s. Ulteriori dettagli sugli antefatti si rella Areg?nda, e Clotario rispose: requt'rens vfrum divitem atque sapientem, quem
possono trovare nella nota introduttiva al carme stesso. tuae sorort deberem adiungere, nz'hil melius quam me ipsum inveni.
33 GREG. TUR. Frane. 4, 28 e51. 38 GREG. TUR. Frane. 4, 22.
60 INTRODUZIONE INTRODUZIONE 61

te il poeta Lucano per lo scoppio della guerra civile tra Cesare e Pom· è rigidamente convenzionale: rappresenta l'ideale della bellezza, dell'in-
peo 39, Come l'autore della Farsaglia non volle esplicitamente attribuire dole e della nobiltà. Nulla è detto di specifico sulla sua personalità 4J.
a Cesare le cause del conflitto, così motivi di opportunità politica suggeri- Anche nel ciclo di carmi risalente alla seconda visita in Austrasia la sua
rono a Venanzio di presentare ai vescovi una versione moralmente accet- immagine è tratteggiata come quella della madre impegnata nel garanti-
tabile degli avvenimenti che videro Chilperico protagonista: essi furono re i diritti del figlio 44.
preordinati da una sorta di maledizione che spingeva i regnanti a com- Nel panegirico per Chilperico vi è una sezione riservata ali'elogio di
battersi l'un l'altro senza riguardi neppure per i propri fratelli. In ciò ve- Fredegonda 45, che ali' epoca aveva già compiuto diverse azioni efferate,
risimilmente Venanzio si uniformava a quella che era la versione ufficia- prime tra tutte lassassinio della sua rivale Gelesvinta e in seguito quello
le presentata dalla propaganda fedele a Chilperico, che insisteva sul!'osti· del cognato Sigiberto 46. Nonostante tutto ciò, il poeta non poté evitare
lità mostrata fin dall'inizio dai tre fratelli maggiori verso colui ch'essi d'inserire nel suo carme le lodi della regina, che era una delle parti in
consideravano un bastardo, che invece combatteva per vedere rispettati causa nel delicato processo contro Gregorio di Tours: un'assoluzione di
quei diritti che suo padre stesso volle garantirgli con la sua predilezione. quest'ultimo avrebbe infatti significato una completa liberazione da tutti
Cosi come nella realtà storica zl re di Borgogna Gontrano fu una /t' i sospetti di adulterio che si erano addensati su di lei. Inoltre, a ben ve-
gura di second'ordine rispetto ai suoi fratelli; e non acquistò rilevanza che dere, nei versi che Venanzio dedica alla regina non vi è nulla che possa
dopo il 584, quando rimase l'unico superstite e assicurò la continuità del- essere tacciato di allontanamento dalla realtà storica a scopi adulatori,
la dinastia riconoscendo quali suoi eredi entrambi i nipoti, Childeberto II ché ogni elogio è passibile di essere interpretato anti/rasticamente: ella
figlio di Sigiberto e Clotario II figlio di Chilperico, parimenti egli è pres- infatti, con le sue macchinazioni aveva ceramente giovato alla causa pro-
soché assente nei carmi di Venanzio, ed è del tutto verisimile che i due pria e del marito, quantunque non avesse agito secondo moralità 47. Che
non si siano mai incontrati 40, Del resto la Borgogna era pure geografica- poi il poeta dica il vero allorché insiste sul sostegno che Fredegonda offre
mente in una posizione piuttosto defilata, e dagli spostamenti compiuti a Chilperico nel!' esercizio del potere nessuno lo metterà in dubbio 48, co-
dal poeta nel territorio gallico, almeno entro i limiti in cui si possono ri- me pure assolutamente fondato pare sia l'elogio della prodigiosa bellezza
costruire grazie ai suoi carmi~ non risulta nessuna sosta nei territori bor- della donna 49. Come osserva M. Reydellet, il ritratto di Fredegonda dice
gognoni, anche se ciò è assai verisimile nel caso del viaggio a Metz del di lei ogni cosa con estrema eleganza, mostrandoci la seduttrice che si è
588, quando ormai; a seguito del trattato di Andelot, tutta la fascia com- impossessata della volontà del re e, attenta a ogni cosa, governa il regno
presa tra la Loira e la Senna era passata nelle mani di Gontrano 41. con lui o, per meglio dire, al suo posto50,
Da ultimo, il giovane re Childeberto II compare in alcuni carmi Tra le regine della generazione precedente è menzionata più volte
concepiti durante !a seconda visita a Metz cui si è fatto or ora riferimen- Teodechilde (carm. 4, 25 e· 6, 3), figlia di Teodorico I e sorella di Teode-
to. Ancorché già padre di due figli; Teodorico e Teodeberto, egli aveva berto: si era ritirata a Parigi dopo essere andata sposa a Ermegisclo, re
appena diciotto anni, e pertanto la sua personalità appare piuttosto sfu- dei Varni51, Venanzio le dedicò un breve carme al tempo del suo soggior-
mata, e il suo stesso nome è sempre connesso con quello della madre e no parigino nel 567, e qualche anno dopo ne compose l'epitaffio 52. La
reggente Brunichilde, vera anima del regno austrasiano dopo la morte sua immagine è quella di un'anziana donna tutta dedita a opere di carità
del marito Sigiberto I, dalla cui onnipresente tutela il figlio non seppe e di religione. Ancora, un carme è incentrato sulla figura di Ultrogota,
mai liberarsi del tutto 42.
Minore spazio hanno invece nei carmi di Venanzio Fortunato le re-
gine) ciò che può parere strano se si considera che in quest 1epoca vissero 43 Carm. 6, 1, 100-115; 6, la, 37-38. Si confronti la descrizione, succinta 1na ef-
due sovrane del calibro di Brunichilde e di Fredegonda, certamente due ficace, di GREG. TUR. Frane. 4, 27: Erat enim puella elegans opere, venusta aspectu,
personalità assai differenti ma pari nella capacità di esercitare la loro in- honesta moribus atque decora, prudens consilio et blanda colloquio.
fluenza sui mariti e sulle corti, giocando pertanto ruoli determinanti per 44 Carm. 10, 7, 59-70; 10, 8, 19-26.
45 Carm. 9, 1, 115-126.
le vicende storiche. La figura di Brunichilde quale appare dal!' epitalamio 46 Accusa esplicita del secondo delitto in GREG. TUR. Frane. 4, 51, il quale in-
vece non si pronuncia riguardo alla morte di Gelesvinta,
47 Carm. 9, 1, 119: Provida auxiliis, sollen,~ cauta, utilis aulae.
39 Vv. 32-34. Cf. LUCAN. 1, 70: Invida fatorum series. L'attribuire a forze so- 48 Carm. 9, 1, 118ss.
prannaturali l'ingiustizia che Chilperico avrebbe subito, per1nette inoltre al poeta di 49 Carm. 9, 1, 122. Una prova di ciò si ha nel fatto che pur tra tutte le accuse
non trovarsi nell'imbarazzante situazione di dover criticare la memoria di Sigiberto, che Gregorio di Tours 1nuove a Chilperico, delineandolo cotne un sovrano in tutto
suo principale patrono. Cf. REYDELLET, La royauté, 311. abominevole, 11on accenna mai ad alcun tradimento nei confronti di Fredegonda,
40 L'unica menzione si trova in carm. 7, 25, 11, in cui al nome di Gontrano è per lo meno da quando egli 1a riaccolse dopo la breve parentesi del 1natrirnonio con
associato l'epiteto di excellens rex, certrunente formulare e senza alcuna connotazio- Gelesvinta.
ne intenzionale. 50 REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XLII.
41 Si veda la seconda cartina della tavola IL 51 PROCOP. Gotb. 4, 20.
42 Carm. 10, 7, 61-62; 10, 8, 23-24; 10, 9, 69-76. 52 Carm. 6, 3 e 4, 25.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE

vedova di Childeberto I, predecessore di Cariberto sul trono di Parigi con:be un p~e~entzmento cli sventura, aumentato da scene fortemente pa-
(carm. 6, 6). Childeberto I mori' nel 558, e il fratello Clotario I, che ne tetiche quali I addt~ della fanciulla a Toledo (vv. 97-122) e la separazio-
ereditò il regno, mandò in esilio la cognata con le due nipoti Croteberga ne tr~ madre e figlia nel momento in cui il corteo giunge ai Pirenei; ove
e Crotesinda53; le tre donne furono in seguito richiamate da Cariberto. terminava ti regno toletano dei Visigoti e s'iniziava l'Aquitania franca
La figura di regina a cui Venanzio concede il maggior spazio è però (vv. 133-180).
quella del!' infelice Gelesvinta. Il suo destino fu deciso allorché Chilperi- Quantunque Venanzio taccia sulle responsabilità di Chilperico e di
co si rese conto che il matrimonio legittimo del fratellastro Sigiberto con Fredegonda, Gregorio c'informa che il delitto fu apertamente imputato a
Brunichilde, figlia del re dei Visigoti Atanagildo, aveva riscosso il pieno lui da parte dei suoi due fratelli superstiti, ed egli stesso pare abbracciare
favore dell'episcopato e del clero dell'Austrasia. Egli quindi; sia per ra- questa idea 59. Il silenzio del poeta ben difficilmente potrà esser dovuto
gioni di prestigio personale che per motivi di opportunità politica, non al fatto che egli non era al corrente delle accuse che da più parti si move-
volle essere da meno e, forse con la mediazione della stessa Brunichilde, vano al sovrano; del resto si può ritenere cosa certa che Venanzio non
prese accordi con Atanagildo (o forse con Leovigildo, succedutogli nel scrisse lelegia di propria iniziativa, ma piuttosto su incarico di Radegon-
567) per ottenere in isposa la sorella minore Gelesvinta 54, Questo passo da, preoccupata per i possibili sviluppi della tragica vicenda 60, Nel!' estre-
comportava però la messa da parte della sua concubina Fredegonda 55, mo tentativo di scongiurare ogni conseguenza nefasta, il poeta cercò di
Naturalmente quest'ultima non si rassegnò facilmente a perdere lo sta- tradurre .al meglio gli intenti della sua protettrice. Nel comporre la lunga
tus di favorita del re, e cominciò a tessere le sue trame per far fallire il consofatlo egli scelse dt non spingersi troppo lontano nei giudizi, limi-
matrimonio 56: di lì a pochi mesi Gelesvinta chiese a Chilperico di poter tandosi a condannare ti fatto in sé e a esprimere la partecipazione di Ra-
fare rientro in Lpagna, rinunciando pure ai territori che questi le aveva degonda al lutto della famiglia; accusare apertamente Chilperico in quel-
assegnato come dono di nozze57. Il sovrano non accondiscese alla richie- la determinata situazione avrebbe significato in primo luogo disattende-
sta, e anzi cercò di confortare la fanciulla; Fredegonda però riuscì a im- re gli scopi coi quali Radegonda aveva commissionato a Venanzio I'ele-
porre la sua volontà, e qualche tempo dopo Gelesvinta fu trovata morta gia, ~ in ogni caso .sarebbe stata ~n'azione troppo pericolosa per un poeta
nel suo letto, strangolata da un sicario di Chilperico5B, tl cui status net riguardi della dinastia merovingica non era ancora ben
Dal racconto di Venanzio non si evince che si trattò di una morte definito né consolidato 61,
violenta: la morte della fanciulla sembra piuttosto dovuta a una tragica r;ossequio alle regole del genere non ha però portato Venanzio a
fatalità, secondo quella tecnica argomentativa già analizzata per il pane- comporre un carme convenzionale, ancorché egli non fosse stato diretta-
girico a Chilperico, scritto un decennio più tardi. Fin dall'inizio dell'ele- mente partecipe di nessuno degli avvenimenti narrati. Come già antici-
gia, in cui si descrive la partenza da Toledo del corteo nuziale con Gele- pato, nota dominante della lunga elegia è il pathos, e la stessa successio-
svinta accompagnata dalla madre Goisvinta, !'atmosfera è plumbea, e in- ne delle scene crea l'effetto di un'unica grande climax di tensione e di
ansia per il compiersi di un destino sinistro annunciato fin dal!' esordio
.J,
incentrato sul tema dell'instabilità dei destini umani62, Già al momento
53 GREG. TuR. Frane. 4, 20: Cuius (Ch:ldebertht) regnum et thesauros Chkitha-
rius rex accepit; Vulthrogotham vero et fiHas eius duas in exilium posuit.
54 L'idea di una mediazione di Brunichilde è di TARDI, Fortuna!, 99. Quanto 59 Secondo.MEYER, Der Gelegenhet'tsdichter, 120, il resoconto di GREG, TUR.
agli scopi dell'alleanza matrimoniale, REYDELLET, Venance Fortuna!. Poèmes, I, XLIII Frane. 4, 28 contiene u.n~ contraddizio~e: Ad extremum enùn suggillari titssit a pue"
nota 18, ipotizza che Chilperico volesse controbilanciare l'asse Toledo-Metz che si '?' mortuamqu~ .r~pp~rtt n: str~to. La prilna metà del periodo indicherebbe una pre-
era formato con le nozze tra Sigiberto e Brunichilde, asse che egli vedeva come una cisa, re~ponsa~ihta d1 Chilpenco, la seconda farebbe pensare a una fatalità. Forse
minaccia per il suo regno, stretto tra l' Austrasia ad ovest e il regno visigoto a sud. pe!o b.1so~,na ID!en~ere la fra.se come un'allusione al perfido cinismo del sovrano:
55 GREG. TuR. Frane. 4, 28: Chllpericus rex, cum iam plures haberet uxores, sO- prima 1nv10 un sicario a compiere il delitto, poi procurò di essere visto mentre entra-
rorem eius (Brunt'childis) Galsuintham expetlit, promittens per legatus se alias relictu- va nella camera della sposa trovandola ormai priva di vita. C'è però da chiedersi se
rum, tantum condignam sibi regisque prolem mereretur aeclpere. un sovrano quale.Chilperico avesse questi scrupoli.
60
56 Secondo GIIBG. TUR. Frane. 4, 28, fu proprio Gelesvinta a fare pressioni su La m.aggt<;ranza ~e~li studiosi pensa .che l'elegia sia stata scritta pochissimo
Chilperico, affinché allontanasse la rivale; alla quale egli evidentemente si mostrava tempo dopo I fatti narrativi; a una composizione più tarda pensa solamente KOEB-
restio a rinunciare, NER, Venantius Fortunatus, 52-53.
61 H.EYDELLET, La royauté, 300; GEORGE, Venantt'us Fortunatus. A Latt'n Poet
57 n diritto consuetudinario gennanico prevedeva che lo sposo, all'indomani
della prima notte di nozze, presentasse dei doni alla sposa (Morgengabe, «Dono del 101. Singolare la posizione di TARDI, Fortunat, che dopo aver affermato (111) eh~
mattino»): Gelesvinta in particolare ricevette le città di Bordeaux, Limoges, Cahors, dietro al De Gelesvintha c'è senza dubbio la direzione di Radegonda, in seguito
Béarn e Bigorre, già appartenenti al regno di Cariberto, morto da qualche mese. Cf. (195-~~6) esclude che ella possa aver dato alcun contributo, se non di minima entità.
GREG, TUR, Frane, 9, 20. Come fa notare REYDELLET, Venance Fortuna!. Poèmes I XLV nota 126 il
58 GREG. TuR. Frane. 4, 28 (si veda la nota seguente). Egli, scrivendo a più di p~so dei ~scorsi d.iret~ nel poemetto è considerevole: angosciat~ ;llocuzione di G~i­
un decennio di distanza dai fatti, accusa direttamente Chilperico e Fredegonda del sv1nta agli ainbasciatol'I fran,çhi (vv. 49-82); addio di Gelesvinta alla città di Toledo
crimine; vedremo invece come Venanzio, che compose la sua elegia a ridosso del (vv. 97-122); lamento di Goisvinta al momento della separazione (vv. 139-168) eri-
tragico evento, mantenga necessadamente un'impostazione più sfumata. sposta della figlia (vv. 173-178); disperazione della nutrice (vv. 259-270) e di Bruni-
INTRODUZIONE INTRODUZIONE

della partenza la sventurata Gelesvinta è oppressa da tristi pensieri: l'im- to, ma che, proprio grazie al!'accondiscendenza a quanto il cielo ha di-
minente matrimonio è visto come la disgrazia capitatale che pone dram- sposto per lei, si purifica e merita la gloria della beatitudine6B,
maticamente fine alta sua infanzia vissuta felicemente accanto alla ma- Secondi per importanza, dopo i sovrani, nella società e nella storia
dre. Per questo aspetto Venanzio si mantiene distantissimo dal topos dei regnl merovingici~ i vescovi' occupano un posto di tutto rilievo nel
della sposa novella animata dalla prospettiva di un'esistenza gioiosa ac- corpus dei carmi venanziani: abbiamo già visto come due libri siano in-
canto al marito 63. Anche il concedere abbondante spazio al patetico ad- teramente consacrati a loro e alle loro molteplici iniziative nel campo
dio di Gelesvinta alla città di Toledo significa voler sottolineare indiret- del!' edilizia sacra e profana.
tamente che la partenza della fanciulla non è un atto compiuto dalla sua Si è detto che probabilmente furono proprio le relazioni tra i vesco-
volontà, ma che ella ubbidisce unicamente alla ragion di Stato, e si al- vi dell'Italia settentrionale e i loro confratelli dell'area renana a procura-
lontana a malincuore dalla madre, il cui carattere possessivo e petulante re al poeta i giusti canali per assicurarsi un ruolo e una posizione in (;al-
traspare fedelmente dal ruolo che Venanzio le assegna nel poemetto 64 • lia, e non a caso i pri'mi personaggi cui egli si affretta a dedicare carmi
Già in queste e altre simili impostazioni del discorso si può intravvedere elogiativi non appena giunto nel regno franco sono appunto vescovi: Si-
una certa presa di posizione, certo non esplicita, ma che nondimeno po- donio di Magonza, Nicezio di Treviri, Carentino di Colonia, Villico di
teva ben farsi riconoscere presso coloro che sapevano dove indirizzare i Metz, Agerico di Verdun, Egidio di Reims 69. Se questi, come pure il suc-
loro smpetti, o ancor più poteva irritare Chilperico, indipendentemente cessore di Nz'cezio, Magnerico 10, passano come meteore nella vita e nçz'
dal/atto ch'egli fosse stato o no colpevole. Infatti in un caso egli avrebbe versi di Venanzio, con altri vescovi il poeta intratterrà relazioni duratu-
percepito che il poeta, sotto un'apparente neutralità, era incline a consi- re, non limitate ai periodi di soggiorno nelle rispettive città, ma rinsalda-
derarlo responsabile di quella morte; nel!'altro si sarebbe sentito incrimi- te nel tempo tramite la corrispondenza epistolare: conosciamo così più
nato in prz'ma persona. da vicino i due vescovi di Tours Eufronio e Gregorio, Leonzio II di Bor-
A ciò si aggiunga che nella sezione del carme dedicata al breve pe- deaux, Felice di Nantes e - al di fuori dei confini del regno franco -
riodo in cui Gelesvinta regnò, ella non è mai a fianco del marito. Venan- Martino di Braga.
zio ricorda laffetto che il popolo dei suoi sudditi nutriva per lei 65, ma Disponiamo cosi' di un eccezionale panorama sul/' episcopato gallo-
non menziona mai l'amore coniugale datole dal marito, e anche il suo franco nella seconda metà del vr secolo, un ambiente che presenta dei
operare come regina la vede in solitudine dedita alle opere di carità 66 . tratti individuali che non si ritrovano nel!' episcopato coevo di altre re-
Un valore particolare è poi assegnato a un evento miracoloso verificatosi gioni dell'Occidente europeo. Molti di questi vescovi discendevano - co-
durante il funerale della fanciulla: la lampada che ardeva davanti alla me rivelano i loro stessi nomi - da famiglie del!' antica nobiltà senatoria
sua tomba cadde a terra senza rompersi, e la fiamma non si spense 67 • Ve- gallo-romana, e conseguentemente controllavano ingenti ricchezze in de-
nanzio interpreta questo accadimento come un segno della santità di Ge- naro e soprattutto in terreni ed edifici. Spesse volte poi la loro posizione
lesvinta, riconciliata col Padre celeste dopo la conversione dal!' arianesi- ragguardevole portava alla formazione - possibile a quei tempi in cui
mo e redenta dalle molte sofferenze che ebbe a patire. La figura di Gele- agli' uomz'nz' sposati' era concessa l'entrata negli' ordini' sacrz'7l _ dt' vere e
svinta esce dunque dalla penna di Venanzio tratteggiata ora come eroina proprie dinastie episcopali: Gregorio di Tours ebbe tra i suoi antenati un
tragica ora come martire cristiana: vittima di un destino avverso e spieta- vescovo di' Langres suo omont'mo e fu successore sulla sede turonense a

childe (vv. 283-298) dopo la sciagura; pianto di Goisvinta all'arrivo della notizia (vv. 68 Cf. GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latln Poet, 99.
321-346). 69 Cf. l'Introduzione generale, pp. 20s.
63 Si confronti a questo proposito quanto Venanzio pone in bocca a Cupido 70 Carm. app. 34.
sul conto di Brunichilde nell'epitalamio per le nozze con Sigiberto (carm. 6, 1, 71 Questa consuetudine è solo in apparente contraddizione con la regola del
56ss.), del quale si è già sottolineata l'impostazione classicistica e pienamente osse- celibato ecclesiastico, osservata in linea di principio dalla Chiesa fin dai tempi più
quiosa alle convenzioni del genere. ,. remoti: l'accesso agli ordini era, sì, libero agli uomini sposati, ma chi diventava sa-
64 REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XLV nota 129, osserva come 1 im- cerdote da celibe non poteva in seguito prendere moglie, e anche il prosieguo delle
magine di Goisvinta ch'è dato ricavare dalla lettura del carme fortunaziano si accor- relazioni carnali era tollerato - non lecito - soltanto per i semplici sacerdoti. Chi ac-
di bene con quanto di lei ci dice GREG. TUR. Frane. 5, 38, circa le violenze perpetra- cedeva all'episcopato, otteneva cioè la pienezza del sacerdozio, doveva immediata-
te verso il 580 a danno della nipote Ingonda, figlia di Sigiberto e di Brunichilde, per mente interrompere qualsiasi relazione sessuale con la 1noglie. Cf. la lettera di papa
ottenerne l'apostasia a favore dell'arianesimo dopo che era andata in isposa al suo fi- Siricio (384-389) al vescovo Imerio di Tarracona, in DS 185. A questo stesso docu-
glio di secondo letto, Ennenegildo (dopo la morte di Atanagildo nel 567, Goisvinta mento rinviano al riguardo gli atti del concilio di vescovi della Gallia tenutosi ad Ag-
ne aveva sposato il figlio Leovigildo). de nell'anno 506: cf. C. KrRcH- L. UEDING, Enchiridionfon#um historiae ecclesiasti-
65 Carm. 6, 5, 238-240. cae antiquae, Barcelona - Freiburg in Br. -Roma - New York 19608, nn. 963ss. A
66 Vv. 243-244. questo fatto Venanzio accenna ad esempio rivolgendosi a Leonzio II di Bordeaux e
67 Vv. 277-280. Cf. GREG. TUR. Frane. 4, 28, il quale interpreta il prodigio co- alla ex-moglie Placidina, carm. 1, 15, 94; nonché nel caso di w1 ignoto candidato
me un'accusa nei confronti di Chilperico. all'episcopato in carm. app. 9, 24.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE
66
Eufronio, suo cugino 72; Leonzio II di Bordeaux: espo?ente del!' ~risto­ oratorie dei singoli presuli; che non al contenuto dottrinale e morale del
crazia locale, era imparentato, attraverso la moglie Placidma, con l impe-. loro insegnamento 83.
ratore d'Occidente Avito (455-456) originario della Provenza n, ed egli Un'ultima categoria di persone riccamente rappresentata nei carmi
personalmente aveva alle spalle una rispetta~ile c~rriera militare 74; a di Venanzio è quella dei dignitari della corte austrasiana. Già al suo arri-
Nantes Felice, anch'egli membro della nobtlta, fu ti successore del pro- vo presso Sigiberto nel 566, egli ne conobbe e celebrò diversi,· con alcuni
prio padre, dopo aver ricoperto diverse funzioni amminis:rative 75 • di questi mantenne rapporti epistolari dopo il definitivo insediamento a
Questi stessi vescovi provvidero nelle loro proprteta a restaurare le Poitiers. Tra questi componimenti riveste singolare interesse la poesia in-
molte ville costruite durante il florido periodo della tarda antichità e pre- dirizzata a un dignitario che, contrariamente a tutti gli altri menzionati
cipitate in seguito nell'incuria: diverse erano le ville situai~ nei te;reni dal poeta, non ci è noto da alcun'altra fonte: Condane (o Conda) 84. Scrit-
appartenenti a Leonzio II nella campagna bordolese 76,. e Nicezto dt Tre- to in occasione della sua elevazione al rango di conviva regis da parte di
viri possedeva una sorta di fortilizio che dominava le rive.della M~sella: Sigiberto, il carme ripercorre tutta la lunga carriera a corte del dedicata-
che egli attrezzò per dare rifugio all'intera sua comunità in caso di peri,- rio: nominato tribuno da Teodorico I (511-533) 85, promosso a comes e
colo e per esercitare la necessaria difesa 7'.· Accanto a queste .opere. diedi,- poi a domesticus da Teodeberto (534-548) B6; divenuto tutore di Teode-
lizia civile e privata, essi curavano lo sviluppo del culto dei santt locali, baldo (547-555), lo assisté durante i primi anni del suo regno. Nella cari-
promovendo la costruzione di orat~~i e di .nuove. basiliche adatte. a co~te: ca di domesticus fu poi confermato da Clotario I allorché questi ereditò
nere un numero difedeli sempre piu ampio. Felice di Nantes poi realizzo la parte di regno che era appartenuta al pronipote Teodebaldo 87; infine
una gigantesca opera d'ingegneria idraulica, deviando il corso di un fiu- Sigiberto gli conferì lonore di nominarlo suo commensale. Nella vita di
me al fine di guadagnare nuove terre coltivabili7 8 • Condane come ci è stata trasmessa da Venanzio abbiamo così quello che
Accanto a questi aspetti più .appariscenti del!' ese~cizio, del pote~e_ è stato giustamente definito un modello del cursus honorum di un fun-
episcopale, Venanzio non manca di cele~rare le loro doti nel! ~':'bito ptu zionario in una corte merovingica 88, Altre figure di un certo rilievo, tutte
specifico della pastorale e della cura d anzme: al proposito, l immagine. note anche attraverso lopera storica di Gregorio di Tours, sono Bodegisi-
più ricorrente del!' agire del vescovo è quella di un padre che protegge i lo, già governatore di Marsiglia nella Provenza sottoposta alla corona au-
suoi figlz; di un pastore che veglia sul proprio gregge perché non soccom- strasiana, e ora valente generale nel!' esercito di Sigiberto 89; e Berulfo,
ba agli assalti del lupo 79, Nel caso di quei vescovi che prima del!' entrata che Sigiberto nominò dux di Tours e di Poitiers dopo aver ricevuto le due
nel clero avevano ricoperto funzioni civili, il poeta non tralascia di sotto- città ereditando parte del regno del de/unto fratello Cariberto 90,
lineare il convivere in una sola persona del!' austerità del ruolo di giudice Un posto del tutto particolare in questa galleria di dignitari e alti
e del!' indulgenza propria del vescovo 80. Tutti i vescovi celebrati da Ve- funzionari è occupato da quattro personaggi particolarmente cari al poe-
nanzio condividono poi la stessa sollecitudine verso le opere di carità, ta: Dinamio, Gogone, Lupo e Giovino 91, I poemi indirizzati a loro non
verso la protezione dei più deboli: poveri; vedove, orfani, stranieri. Egli
intervenne ad esempio presso Siagrio di Autun perché un uomo fosse li-
berato da una prigionia ingiustamente subita 81, e un'altra volta scrisse a 83 Cf. carm. 4, 1, 11; 4, 4, 26; diversamente i carm. 4, 7, 12 e 4, 9, 27 (Caletrico
Gregorio di Tours per un simile caso, la cui vittima questa volta era una di Chartres e Leonzio I di Bordeaux), in cui si dà rilievo alla preparazione teologica e
giovane ragazza 82, Un ultimo aspetto della figura d~l vescovo è quello dottrinale. In generale la GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet1 84, rileva co-
me le figure dei vescovi escano dalla penna del poeta con tratti individuali assai più
del catechista del suo popolo: a questo riguardo pero Venanzio, conf~r: marcati che nel caso dei sovrani, per i quali egli ricorre a immagini convenzionali; la
memente alla sua sensibilità di poeta, pare più interessato alle qualita studiosa interpreta questo fatto con il diverso spirito con cui il poeta affrontava i due
generi: nel caso dei sovrani, il suo scopo era quello di intervenire sul loro co1nporta-
mento, e per far ciò doveva uniformarsi a determinati schemi, laddove nel caso dei
vescovi l'unico fine era quello celebrativo, che consentiva maggior libertà e aderenza
alle personalità dei singoli.
72 Si veda l'albero o-enealogico in calce al lavoro di K.F. STROHEKER, Die sena- 84 Carm. 7, 16.
torische Ade! im spiitantiken Gallien, Ti.ibingen 1948 [rist. anast. Darmstadt 1970]. 85V. 17.
73 Cf. carm. 1, 15, 95-98. 86Vv. 19 e 23.
74 Cf. carm. 1, 15, 15-18; 4, 10, 7-8. 87 Vv. 27 e 33-34.
75 Cf. carm. 4, 1, 7. 88 REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, XLIX.
76 Carm. 1, 18-20.
89Carm. 7,5.
77 Carm. 3, 12. 90 GREG. TUR. Frane. 5, 49 e 6, 12.
78Carm. 3, 10. 91 Cf. rispettivamente il carm. 6, 9-lO·(Dinamio); 7, 1-4 (Gogone); 7, 7-9 (Lu-
79 Cf. carm. 4, 3, 3 e 12; 4, 4, 20; 4, 8, 25-26; 4, 9, 23-24. po); 7, 11-12 (Giovino). Dinamio fu letterato e poeta, e di sua moglie Eucheria ci è
BO Carm. 4, 1, 10; 4, 2, 7. conservato un epigramma incentrato sul tetna del mondo alla rovescia: ANTH. 390;
81 Carm. 5, 6. mentre la figura di Gogone è tratteggiata come quella di un gentiluomo dell'anti-
82 Carm. 5, 14. chità romana.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE
68
alti, ma si elevano tutti al ,di sopra della ':?nvenzionalità e. della 1.60895, Un certo interesse riprese alla fine del secolo XVIII con la prima
son° m. , denotano rapporti ptu profondi e piu sentiti: costituiscono edizione a stampa delle opere complete in versi e in prosa, premessa per
t ~a 1ita,
;ofrr• . e'importante testimonianza
. . su l grauo
1 d' . d' l
t cortesta e t e eganza la rinascita degli studi venanziani, a cui nel secolo successivo fu data ulte-
pertanto u~prontate le relazioni tra persone colte nel!'ambito della cor- riore spinta dall'inclusione di tutte le sue opere dapprima nel volume ot-
cui erano~ na In un secolo che per altri versi è ricordato come un'epoca tantottesimo della Patrologia Latina di ].P. Migne, uscito nel 1.850, e in
ustrasia · . . · d· seguito, nel 1881, dalla pubblicazione del!' edizione critica delle opere
te a aratterizzata da estreme efferatezze, si apre qut uno squarczo ~ se-.
buta c 'li minato da una cultura raffinata che, certamente zn ambienti poetiche e in prosa nella serie dei Monumenta Germaniae Historica.
rentt.à, .1 utti continuava nonostante tutto a fiorire. Questo gruppo di ·Dalla fine dell'Ottocento gli studi si moltiplicano, in un primo perio-
1
assat .rts reanziani
' è infatti tra quel'd ehe tra d'iseano maggior . impegno
. d'i do soprattutto ad opera di critici francesi. Questi in generale, pur conside-
carmt ve~ e formale e concettuale, il che costituisce una prova indiretta rando Venanzio il capostipite dei poeti nazionali di Francia, lo valorizza-
eiaborazionrazione e della sensibilità letteraria dei destinatari. Dello stile rono soprattutto quale fonte storica e prosopografica, mostrando invece
dellzf'epaacità di questi dignitari possediamo del resto un preziosissimo scarso apprez.zamento tanto per il suo talento poetico quanto per i suoi at-
e de e. cap quella raccolta di lettere che va sotto il nome di Epistolae teggiamenti apparentemente ondivaghi nei confronti dei potenti: Charles
esemP'°. zn . missive e dispacci raccolti a uso della cancelleria di corte Nisard, autore della prima traduzione completa dei Carmina in una lin-
j\ust;asicdaellt di stile epistolare 92. Lo stile delle lettere di questa raccolta gua moderna, non nascose di tenere in pochissimo conto la poesia fortu-
1ua!zmoe lb ,,,. . . .
elio riccamente ed esageratamente e a ?rato e .~rtt1tcioso .Proprto naziana, e anche altri studiosi suoi connazionali non hanno risparmiato
e qf istolografia gallica tardoantica, qual~ si trova gia m Sidonzo Apol- critiche alla <<facilità» della sua vena poetica e soprattutto al suo coprire di
?
del stile che talora Venanzio fece proprio, per compiacere certa'!'ente.
/mar : destinatari; dato che l'elaborazione affettata dt quella maniera di
elogi qualunque personaggio illustre, onesto o malvagio che fosse stato%
Una svolta a tali tendenze critiche fu impressa al sorgere del nuovo secolo
t suot non rispondeva affatto ai canoni estetict che gli derivavano dalla grazie ai contributi di due critici provenienti dalla cultura germanica: il te-
scrivere 93 desco W. Meyer, di impostazione più strettamente storico-filologica, e l'au-
formazione ravennate .
striaco R. Koebner, interessato anche ai problemi posti dalla storia cultu-
rale e dallo studio delle personalità, i quali tentarono una valutazione più
3. VALORE LETI'ERARIO DEI CARMI equanime dell'opera poetica di Venanzio, che tenesse conto dell'ambiente
e soprattutto delle circostanze in cui egli si trovò a operare.
La figura di Venanzio come letterato non è stata sempre apprezzata A Meyer in particolare si deve una prima e fondamentale messa a
punto per quanto concerne il genere e i motivi ispiratori della poesia di
dei secoli. Il Medio Evo lo idolatrò: tutti i poeti delle epoche ca-
,. a tutto t·z seco~o
nel.corso
. ottoniana lo conobbero e lo .tmttarono}
. e ;tno 1
Venanzio, e a lui va il merito di aver definito Venanzio Gelegenheitsdi-
rolz;gk :Ua fortuna parve intramontabile 94, !}Umanesimo, con. la risco- chter, ovvero «poeta d'occasione». Tale definizione è senza dubbio veri'
XII d !l'antichità classica, non gli fu favorevole, come .sta a dimostrare tiera, purché non la si interpreti secondo la sfumatura negativa che la lo-
pefirta ehe fu uno degli ultimi autori antichi a essere edito a stampa, con cuzione «poesia d'occasione» ha assunto nel corso del tempo. Meyet; pre~
il atto CM rtini nel 1511 e i Carmina appena nel 1574 e poi ancora nel scindendo da ogni valutazione di merito, intendeva identificare un tratto
la Vita a fondamentale e comune all'intera raccolta dei carmifortunaziani91; ogni
suo componimento nasce da un'occasione precisa} e ha un suo preciso de-
stinatariò; per adoperare le sue stesse parole, «egli è indotto a scrivere
92 Nella silloge delle Epistolae Austrasicae, messa in~ieme a M7tz sul finire .~el una poesia solamente da uomini reali e dagli avvenimenti che lo circon-
lo ed edita da W. Gundlach, MGH EE III, Berhn 1892 [nst. anast. Mun-
Vl seco ] !10-153 [ripubblicata corretta in CCL CXVII, Turnhout 1957, 407- dano» 98. Egli non elabora i suoi componimenti su temi astratti, ma mira
cben 1994 'iono quarantatré lettere scritte dai tempi di Clodoveo a cavallo tra V e
470], coil·a0 0 agli anni 585-590. Tr~ gli autori figurano Dinamio (12, 17), Gogone
VI seci ~ ) ma anòe Brunichilde (25, 26, 28) e Childeberro II (24, 29-32, 35, 37-
(13, 1 ' 1 '. è presente con il carme indirizzato a Magnerico, successore di Nicez10 95 Su queste edizioni tardorinascimentali ci soffermeremo in storia del testo,
41). Ven~zio di Treviri (14)· esso non si trova nel corpus degli undici libri (è altresl pp. 85ss.
sulla c~~~:dizione indiretta: F. Leo gli ha assegnato il num~ro ~4 nell'Appendix_ c~r­ 96 Si veda soprattutto DE LABRIOLLE, Histoire de la lt'ttérature, II, 761; G. TES-
ooto P d , tata Jnserito nella raccolta quale modello di epistola gratulatoria In SIER, Le bapteme de Clovis, Paris 1982, 191, 246-247. ,
tnfnum) e e s 97 L'analisi di Meyer prescinde dàl poema su11a vita di san Martino da Tours,
versi. 93Su questo punto si veda _il seguito! PI?~ 7~s. . . . . che presenta tratti suoi propri e non è riconducibile al resto della produzione poeti-
94 S' da a questo proposito, oltre il g1a citato profilo biografico pieno di am- ca di Venanzio.
, . ; ~tilato da PAUL. DIAC. Lang. 2, 13, l'in.dice com~ila~o. da M. MANITIU_s, 9B MEYER, Der Gelegen&eltsdt'chteri 3; in realtà la parola Gelegenheitsdichter è
rn~~Zl 00
um posteriorum loci expressi ad Fortunatum, 1n calce all ed~z1one dell~ opere m adoperata già da J. DOSTAL, Uber Identltiit und Zei't von Personen bei Venantius For-
Poetard. V anzio curata da B. Krusch, MGH AA IV 2, Berlrn 1885 [rist. anast. tunatus, in Programm des k. k. Staats-Ober-Gymnasiums Wiener-Neustadt 1899-1900,
rosa 1 en ' Wiener-Neustadt 1900, 2 (quindi un anno prima dell'uscita del lavoro di Meyer) ma
Mùnchen 1995], 137-144.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 71

al concreto, alla realtà del!' oggi. Tuttavia per questo non dobbiamo ve- Ancora, il lungo poema conosciuto con il titolo di De virginitate
dere in Venanzio un facitore di versi di nessun valore, anzi: accanto a (carm. 8, 3), uno dei più notevoli e più studiati di tutta la produzione ve-
componimenti che tradiscono indubbiamente un carattere improvvisato- nanziana) è sì una sorta di «epitalamio mistico» 103, che, più che elencare i
rio, accanto ai biglietti veloci scritti per accompagnare un regalo o sem-, vantaggi della vita verginale rispetto agli inconvenienti del matrimonio e
plicemente per inviare un saluto, non mancano nella sua opera carmi di della maternità seguendo una tradizione ormai consolidata della letteratura
maggior impegno che spesso - in ragione del destinatario - rivelano pure cristiana 104, mette invece in scena il trionfo celeste della Vergine e le sue
una notevole elaborazione formale'. ":a che nondimeno nascono da. una. mistiche nozze con lo Sposo divino, ma nasce anch'esso da una precisa circo-
precisa occasione, sia essa riconducibile al quotidiano ~ome ti prestito di stanza, la consacrazione di Agnese a badessa del monastero di Santa Croce,
un libro sia essa di notevole portata come ti matrimonio di un re 99, avvenuta tra il 574 e il 576. Parimenti da una circostanza nasce un altro dei
Il ;arattere di «poesia d'occasione» non è evidente soltanto dai car- capolavori venanziani, l'elegia conosciuta sotto il titolo De excidio Tho-
mi che apertamente s~· pres~ntano l:~ati a una dete~17Jt~nata .circostanza, ringiae (carm. app. 1), di cui tratteremo nell'introduzione all'Appendice.
come ad esempio lepitalamio per Sigiberto I e Brunichtlde, ti carme gra- Convinto di essere un continuatore della grande poesia classica e so-
tulatoria per l'insediamento di G~egoriosulla cattedra di Tours, o.- caso. prattutto della grande stagione della poesia latina cristiana fiorita tra la
tipico _ i numerosissimi P°;emetti scritti pe.r celebrare la dedicazione di fine del IV secolo e gli inizi del VI, il giovane Venanzio giunse in Gallia
nuove basiliche; piuttost~ e una caratteristica m~~te.nut~ anche net car~. allorché aveva da poco terminato gli studi a Ravenna, permeato pertanto
mi di maggior impegno, i~ cui apparentemente l ispirazione. del poeta. si di cultura classica 105, Col tempo egli intraprese un cammino di adatta-
eleva verso temi e concetti di ordine g_enerale, non nece~sa:zamente .vin: mento nei confronti del suo nuovo pubblico, cercando di venire incontro
colati a una determinata circostanza. E questo ad esempio il caso dei mi- alle esigenze di una società nuova, che era tale non soltanto per lui, ma
gliori poemi incentrati sulla santa Croce, sul suo mistero e sul suo ruolo oggettivamente, in quanto nata dalla fusione dinamica del!' elemento
nella storia della salvezza. In essi Venanzio s'impegna in alte e precise gallo-romano, antico detentore della cultura; e dell'elemento germanico
speculazioni teologiche coniugate .a meditazioni profonde. Ma anche insediatosi nel territorio nel corso dei precedenti cento anni: Quest'ulti-
questi capolavori devono la propria origine a una precisa circostanza: mo, lungi dal rifiutare o combattere la tradizione culturale romana, se
ali' accoglimento della reliquia della Croce inviata in dono a Radegonda ne considerò il legittimo erede, volendosene perciò appropriare il più
dall'i;nperatore Giustino II. fo stesso disc~rso vale anche per quello che profondamente possibile 106,
per molti è il miglior lavoro di Venanzio, l elegia pasquale dedicata a Fe- Abbiamo già avuto modo di accennare come le prime prove poeti-
·.,r. lice di Nantes (carm. 3, 9) 100; la risurrezione del Cristo è messa in espli- che di Venanzio in Gallia, e segnatamente l'epitalamio per le nozze di
cita connessione con il risveglio della natura a primavera, e la redenzio- Sigiberto e Brunichilde, fossero improntate a un rigoroso classicismo 101.
ne è presentata conseguentemente come un evento che ha restituito la Ciò si evince già dalla struttura: breve introduzione in distici elegiaci a
vita non soltanto al genere umano ma anche alle altre creature di Dio cui segue l'epitalamio vero e proprio in esametri, secondo i modelli dive-
sulla terra, che pure avevano in qualche maniera risentito della caduta nuti classici di Claudiano e di Sidonio Apollinare ios. Compaiono poi i
seguita al peccato originale 101. Anche questa vetta po;tica nasce da una
precisa circostanza: il coronamento .degli sforzi. misstonart del. vescovo.
l03 La definizione è di M.I. CAMPANALE, Il De virginitate di Venanzio Fortuna-
'" Felice consisté infatti nella converszone collettiva dz gruppi di Sassoni
pagani stanziati nella sua. diocesi 102 : Il battesimo di questi catec~meni fu
to (carm. 8, 3 Leo): un epitalamio mistico, "Invigilata lucernis", II (1980), 75-128, e
poggia su una lucida analisi del testo, la cui struttura argomentativa è sistematica-
celebrato solennemente ti giorno di Pasqua di un anno impreczsato, ma mente confrontata con i topoi· dell'epitalamio tardoantico: cf. anche A. QuACQUA-
con ogni verisimiglianza tra il 570 e il 576, e Venanzio intese celebrare RELLI, Poesia e retorica in Venanzio Fortunato, "Vetera Christianorum", XXV
(~988) 1 ~5-126, 112 (già in AA.Vv. 1 La poesia tardoantica: tra retorica, teologia e poli-
l'avvenimento elevandosi ben al di sopra della circostanza. ttca. Atti del V corso della Scuola superiore di' archeologia e civiltà medievali', Messina
',1.· 1984, 431-465). Per maggiori dettagli si rinvia alla nota introduttiva al carme.
;1_11
in riferimento a un carme soltanto, e n~n volta a denotare in g:nerale la personalità l04 Si ricorderanno a titolo esemplificativo le opere di Tertulliano (Ad uxorem,
poetica di Venanzio. KOEBNER, Venan.ttus For~unatus, 6,.sottoltilea .opportun~e~te De exhorta#one castitatt's), Cipdano (De habitu virgi'num), Ambrogio (De virginibus,
che è Venanzio stesso ad ammettere di non scrivere poesie ~e non d1etro sollecrtaz10- De virginitate, De institutione virginisli Girolamo (Adversus Iovinianum 1 Epistolae),
ne di un qualche avvenimento: cf. epist. (carm. 3, 4) 1 ed eptst. (carm. 5, 6) 1. Agostino (De sancta virginitate).
99 Rispettivamente carm. 5, 8 e 6, 1. l05 Le sue letture traspaiono dalle numerosissime reminiscenze da autori antichi
100 MEYER Der Gelegenheitsdichter, 82. che si trovano pressoché in ogni suo componimento; di ciò rende sistematicament~
101 Quest~ idea della redenzione universale operata da Cristo è un appo.rto conto l'apparato delle fonti posto in questa edizione in calce a ogni pagina di testo.
teologico originale di Ve~anzio, che ritrov~remo pur~ ~~I ..suo cot?mento al S1m- lObfale processo di avvicinamento1 che è a un tempo morale e culturale intra-
bolo degli Apostoli. Essa e dovuta alla sua innata sens1b1hta verso il creato e verso visto t'n nuce da KOEBNER, Venantius Fortunatus, 32, limitatamente all'aspett~ etico
la contemplazione della natura, tratto che è dato di cogliere pressoché continua- è stato ora più compiutamente analizzato da REYDELLET, La royauté, pp. 297-344. '
l07 Cf. pp. 20 e 56.
mente nella sua opera. 108 CLAUD. 9 e 10; SIDON. carm. 10 e 11.
102 Carm. 3, 9, 89-104.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 7J
72
personaggi tradizionali di Venere e Cupido, pe; tessere. le lodi dei due vrano, difensore dei diritti della Chiesa e promotore delle sue iniziative,
sposi: Venanzio quindi intende segufre i canoni del/' epitalaii:io pagano, è paragonata a Melchisedech, enigmatica figura biblica di re e sacerdote
rifiutando implicitamente di tenere dietro al tentativo compiuto da Pao- allo stesso tempo 114. Si è perciò con verisimiglianza pensato che Venan-
lino di Nola di creare un nuovo genere di componimento nuziale pretta- zio abbia deliberatamente inteso venire incontro a un gusto e a un'atmo-
mente cristiano, che mettesse al bando l'apparato mitologico ereditato ,fera culturale particolare del/' ambiente parigino, improntata a modelli
dalla tradizione pagana per assumere quale pronubo Cr{sto 109 . La mito-. derivati dalla Sacra Scrittura: a riprova di ciò starà il fatto che lo stesso
logia però diverrà un elemento sempre meno frequente ~ella poesia. di vescovo Germano è celebrato da Venanzio come «novello Aronne», e al
Venanzio, e anche la presenza del mondo classico tendera a scomparire, suo clero è riservata la qualifica di «ordine dei leviti» 115. Questa sensibi-
restando limitata ad alcuni carmi diretti a dignitari austrasiani - perlo- lità biblica, che permeava a un tempo lambiente ecclesiastico e quello di
più provenzali - dotati di particolare sensibilità alla cultura e ~Ila tt:adi- corte, sarà stata probabilmente promossa dallo stesso Germano, che sep-
zione letteraria: cos~ scrivendo a Gogone, il poeta allude al mito di Or- pe esercitare un) enorme influenza nei territori da lui amministrati.
feo, e un'altra volta lo ringrazia per la generosità dei. s~o conver:are e. Se dunque, per quanto concerne la produzione poetica destinata a es-
della sua ospitalità paragonandolo a Cicerone e ad Apicio 110. Parimenti sere recitata in pubblico, Venanzio cercò di adattarsi alle capacita~ alla
la valentià del duca Lupo nel/'amministrazione ddlo stato è dichiatata cultura, al gusto e alle esigenze del suo nuovo uditorio - non sempre suf
superiore a quella di Scipione, Catone e Pompeo 111. Il maggior numero ficientemente preparato ad intendere allusiòni ricercate - mirando così
di echi e allusioni alla civiltà antica si trova però in un carme indirizzato alla creazione di un nuovo stile poetico che, pur movendosi nel!'ambito
da Poitiers a Giovino 112, ma, ali'infuori di queste poche poesie rivolte a della tradizzòne classica, assorbisse e si facesse portavoce di nuove istanze,
destinatari scelti, tutta la produzione di Venanzio non presuppone nel nuovi valori e nuova sensibilità e permettesse cosl t accesso al patrimonio
lettore un ricco patrimonio culturale. letterario dell'antichità da parte dei barbari 116, per la corrispondenza pri-
Già al momento del passaggio alla corte di Cariberto, avvenuto pro- vata in prosa, che non era destinata ad alcun ruolo pubblico, egli non
babilmente nel/' estate del 567, avvertiamo un significativo mutamento scelse d) inaugurare un nuovo percorso stilistico, ma pre/erl mantenersi
nell'indirizzo stilistico e concettuale del poeta. Nel panegirico ch'egli nel solco della tradizione epistolografica tardoantica dell'Occidente roma-
compose in onore del sovrano, il modello ideale del!'autorità a servizio no, per il cui stile artificioso e ricercato fino ali'eccesso i dignitari mero-
dello stato non è soltanto quello, di derivazione classica, di Fabio (proba- vingici pare nutrissero una smodata passt'one. Cosi~ sia le lettere che si
bilmente Quinto Fabio Massimo, leroe della seconda guerra punica) e di trovano inserite nel corpus degli undici libri dei Carmina, sia le epùtole
Traiano ma vi si affiancano altri modelli~ come le figure bibliche del re prefatorie alle sette Vite di Santi indirizzate ai rispettivi committenti, che
Davide 'e del suo figlio e successore Salomone 113, Allo stesso modo, si è come i destinatari delle altre erano per lo più vescov~ sonO composte se-
già avuto occasione di osservare che anche il ricordo di Childeberto I, condo la maniera di Sidontò Apollinare e di Ennodio, maniera che i pre-
presente in un carme scritto nel medesimo.pertòdo e destinato a celebrare suli, eredi della tradizione gallo-romana apprezzavano e perpetuavano m.
una basilica parigina, obbedisce al medesimo gusto: la figura del pio so- Non è escluso che nello scrivere lettere in prosa ai vescovi gallici Venan-
zio abbia inteso in un certo qual modo accettare la loro sfida e cimentarsi
in questa gara di prosa d'arte, pur non condividendone i presupposti este-
109 Nella scelta di conformarsi alla tradizione pagana si è voluto in passato ve- tici e stilistici; come sembra evidente sulla base degli altri suoi scritti 118,
I . dere una volontà di non accennare a questioni religiose, data la delicata situazione in
cui si trovava in quel momento Brunichilde, che al momento in cui andava sposa al
cattolico Sigiberto non aveva ancora abiurato l'arianesimo, che agli occhi dei Fran-
114 Carm. 2, 10, 21. Come nota REYDELLET, La royauté, 333, nei carmi parigini
chi era equivalente al paganesimo: cf'. ~EYER, J?er Gelegenheltsdichter, 1~-13; [.<OEB-
NER Venantius Fortunatus, 26. Oggi si preferisce pensare che Venanzio, ali epoca la figura del re e quella del vescovo presentano molti tratti in comune: ad esempio,
anc~ra relativamente giovane e pertanto dipendente dall'istruzione r~ce~ta nelle per entrambi il poeta adopera la metafora della paternità, altrove riservata ai soli ec-
scuole si movesse nell'ambito di una tradizione consolidata, senza ardire di tentare clesiastici. Cf. anche B. BRENNAN, The Image o/ the Frankish Kings in the Poetry of
: . ' nuove 'strade: cl. M. REYDELLET, Venance Portunat et l' esthétique du style, in AA. Vv ., Venantius Fortunatus, "Journal of Medieval I-listory", X (1984) 1-11 8.
115Car1n.2,9,2le31. ''
' Haut moyen dge: culture éducation société. Études offertes à Pierre Riché, La Garon-
'
I ne-Colombes 1990 69-77, 74. Del'resto l'esperimento di epitalatnio cristiano tentato 116 TARDI, Fortunat, 215.
I da Paolino da NoÌa rimase senza alcun seguito. Per un'analisi delle varie forme di . 117 Questa inaniera elaborata e artificiosa di scrivere lettere, "sp'inta fino alle
epitalainio nell'antichità si rimanda a R. l{EYDELL, Epithalamium, RLAC V, 1970, più assurde stravaganze", è stata battezzata Gallischer J(urialstil da KOEBNER, Venan-
927-943, specialmente 938ss. tius Fortunatus, 78; in realtà il inedesimo stile è attestato and1e in Italia con Ennodio.
110 Carm. 7, 1, lss. e 7, 2, 3. Secondo lo studioso austriaco (28), Venanzio avrebbe appreso tale 111odo tli scrivere
111Carm.7,7,3ss. durante il periodo trascorso al seguito di Sigiberto, quando avrebbe stilato diverse
112 Carm. 7 12. Nella seconda parte il poeta afferma invece che l'unica salvez- missive diplomatiche. Interessante, per l'impottanza e la diffusione di questa tradizio-
za consiste nel re~dersi graditi al Dio trino, quasi a sancire la superiorità del Cristia- ne stilistica, la menzione in GREG. TUR. Frane. 6, 7 del vescovo Ferreolo di Uzès, mor-
nesimo rispetto all'antichità pagana. . . to nel 581: Qui libros aliquos epistolarum, quasi Sidonium secutus, conpost1it.
113 Carm. 6, 2, 78 (Davide), 80 (Salomone), 82 (Traiano), 84 (Fab10). 118 REYDELLE1', Venance Fortuna! et l'esthétique, 76. Si ricordi a questo proposito
74 INTRODUZIONE INTRODUZIONE 75

La semplicità della forma poetica di Venanzio corrisponde inoltre alla un certo interesse per le realizzazioni architettoniche, che riesce a descri-
semplictià dei temi che, come già detto, scaturiscono sempre dal!'esperien- vere con perspicuità e con vivacità, facendo di esse elementi viventi ar-
za, dalle persone, dal mondo contemporaneo, e non giungono mai alla spe- moniosamente inseriti nel paesaggio circostante 125.
culazione teoretica se non per questa via. Gli argomenti dei suoi carmi sono J; interesse primario di Venanzio, più intenso ancora che quello per
legati alla vita, sia essa terrena o ultraterrena, umana o /i'nanco vegetale. la natura e per il paesaggio, è quello per gli uomz'nt'.· è stato giustamente
Assai sviluppata è la sua sensibilità verso il mondo della natura, so- osservato che, sotto questo aspetto, la sua opera poetica si illumina e
prattutto per il rinascere della vegetazione a primavera, dopo i lunghi ri- infonde il calore del!' umanità in un mondo che Gregorio di Tours ha im-
gori del!' inverno: le numerose descrizioni di paesaggi, soprattutto cam- pietosamente descr#to senza tralasciare ogni più crudele ferz'nità 126. In
pagne e fiumi, sono certamente frutto della sua personale sensibilità, e Venanzio è vivissimo il senso del!' amicizia, cui è connesso l'ideale della
non derivano da alcuna imitazione di modelli antichi 119, Lo spettacolo dulcedo, un atteggiamento consistente nell'amabilità del portamento,
della rinascita della vegetazione dovette colpirlo notevolmente soprattut- nella capacità di rasserenare l'interlocutore, e che noi potremo rendere
to al momento del suo arrivo a Metz, nella primavera del 566, dopo un con «umanità» 127: ali'insegna della dulcedo si svolgono i rapporti con
lungo e freddissimo inverno trascorso in viaggio 120: l'arrivo della bella Lupo e con Dinamio. Il legame con quest'ultimo è cosz' profondo che il
stagione coincise con il suo inserimento in un ambiente e in una società poeta parla di due persone con una sola anima, riprendendo l' espressio-
nuovi, che per lui/orse rappresentavano una rinascita, soprattutto se fos- ne animae dimidinm meae, che Orazio aveva adoperato in riferimento a
se vero che egli lasciò Ravenna perché si era reso sgradito ali'autorità po- Virgilzo 128. Questo richiamarsi ali'antichità non è però un semplice osse-
litica o religiosa locale. Coincidenza ancor più significativa è quella con quio a modelli, l'affetto che Venanzio nutre per i suoi corrispondenti è
il matrimonio di Sigiberto con Brunichilde: al rinnovarsi della fecondità un sentimento vero e fecondo, e le espressioni di amicizia nei suoi carmi
della natura si sovrappone la prospettiva di un erede per la famiglia rea- e nelle sue lettere hanno poco della convenzionalità mondana con cui si
le. Tutto ciò portò il poeta ad aprire l'epitalamio con una vivida descri- esprimono invece, tra V e VI secolo, Sidonio Apollinare o Ennodio 129,
zione della primavera: questo incipit è da annoverarsi senz'altro tra i Notevole spazio Venanzio riserva nelle sue opere alle donne e alla
suoi versi meglio riusciti. Lo stesso vale per il paesaggio primaverile ica- sensibilità femminile: vi compaiono le dame del!'aristocrazia, come Pia.
sticamente tratteggiato nel!' elegia pasquale scritta per Felice di Nantes, o cidina, già moglie del vescovo Leonzio II di Bordeaux, Palatina, sposa
per la descrizione, ricca di dettagli e di sensibilità per le piccole forme di del duca Bodegiszlo no. Accanto a costoro - lo abbiamo già notato-, rile-
vita, del fiume Gers inaridito durante i giorni della canicola 12 1. Non è vante è la presenza delle regine, come Brunichilde e Fredegonda, e so-
neppure da trascurare il quadro paesaggistico - probabilmente allegorico prattutto la sventurata Gelesvinta.
- posto in esordio a un carme epistolare indirizzato ali'amico Lupo 122. J;attenzione per le sorti umane ha portato tl poeta a darci un delz'.
La stessa viva attenzione agli elementi paesaggistici si ritrova nei carmi zioso ritratto di Vilituta, giovane fanciulla del!' aristocrazia parigina, di
composti a celebrazione del restauro e della costruzione di ville, basiliche
e oratori 123: in particolare, Venanzio sottolinea lo splendore degli edifici mostra verso la luce, si è pensato che ciò sia dovuto alla malattia agli occhi patita in
quando sono illuminati dal sole e, nel caso delle basiliche, nota la sa- gioventù; una volta riacquistata la salute dopo aver rischiato la cecità, la luce gli ap-
piente disposizione difinestre e lampade, che fa regnare all't'nterno degli pariva come uno dei beni più preziosi. Cf. A.G. AMATUCCI, Appuntifortuna;.iani, in
,I edifici sacri «un giorno senza fine» 124. In generale egli sembra nutrire AA.Vv., Studi dedicati alla memoria di Paolo Ubaldi, Milano 1937, 363-371.
125 Cf. carm. 1, 6, 17-18; l, 19, 9; 3, 7, 31-34.
126 REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, LVI. Ancora REYDELLET, Tradi-
tt'on et nouveauté, 90, osserva che con Venanzio l'uomo torna a essere il protagonista
quanto scrive AUERBACH, Lingua letteraria, 69: «Venanzio padroneggia tanto il manieri~ della poesia, dopo la grande stagione della poesia di soggetto religioso fiorita nei se-
smo della tarda classicità quanto le fanne più semplici del sermo humilis cristiano». coli IV e V; insomma, Venaniio avrebbe potuto far proprio il detto di Marziale: I-lo--
119 Sul Natursinn di Venanzio si veda MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 21, mt'nem pagt'na nostra sapit (epigr. 10, 4, 10). ·
nonché M.E. VASQUEZ BUJAN, Vernat amoenus ager. Sobre las descripciones de lana- lt7 Sul concetto di dulcedo come ideale etico presso le corti merovingiche si
turaleza en la poesia de Venancio Fortunato, "Euphrosyne", XII (1985), 95-109, e F. sofferma KOEBNER, Venantt"us Fortunatus, 31ss.: lo studioso vi vede «la più alta dote
DELLA CORTE, Venanzio Fortunato, il poeta deifiumi, in AA.Vv., Venanzio Fortunato di un animo nobile ... la prova più alta di una personale nobiltà alla corte di Austra-
tra Italia e Francia, 137-147. sia», a un dipresso l'equivalente della KO:ÀOKo:yo:01.a presso i Greci. In totale disac-
120 Il Chronù:on del beato Mario di Avenches ci informa che l'inverno 565/566 cordo CURTIUS, Letteratura europea, 458s., che con tagliente ironia afferma che i Me-
fu particolarmente rigido: MAR. AVENT. chron. II p. 238, 566, 3: Bo anno hiems va- rovingi sono giunti all'ideale della dulcedo proprio attraverso il libro di R. Koebner
lentissimus fuit, ut qut'nque aut amplius mensibus propter nivis magnitudinem terra vt'- su Venanzio Fortunato; secondo Curtius, Venanzio adopererebbe il termine dulcedo
deri non posset, t'psaque asperitas multa animalia necavit. esclusivamente in riferimento alle doti oratorie dei suoi corrispondenti, senza alcuna
121 Carm. 1, 21, 11-36. implicazione morale, educativa o caratteriale.
122 Carm. 7, 8, 1-30. 128 Carm. 6, 9, 10. Cf. Hmc carm. 1, 3, 8.
123 Carm. 1, 6, 13-20; 1, 18-20 (Leonzio II); 3, 12 (Nicezio), 3, 13 (descrizione 129 Non si dovrà omettere di ricordare rarm. 7, 12, 67-84, quasi un trattatello
della città di Metz). sull'amicizia.
124 Carm. 1, 15, 55. A proposito della particolare sensibilità che Venanzio di- 130 Carm. 1, 15, 93s. e 7, 6.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE
77

stirpe germanica. Rimasta orfana e allevata dalla nonna, a tredici anni dell'Incarnazione e della Rùurrezione redentrice 135: come è stato inte/li'.
andò sposa a Dagaulfo; quattro anni dopo mori' durante il parto, e nep- gentemente osservato, il pregio di questo passaggio cosi' squisùamente dot-
pure il bambino si salvò m. ~elegia che Venanzio compose per la sua trinale è dovuto al fatto che il poeta, lùngi dal cadere in un'esposizione
morte, nonostante porti nei manoscritti il titolo di Epitaphium Villthu- fredda e astratta, rende yiva la materia rivolgendosi in seconda persona
tae e sia inclusa nel libro IV, tutto costituito da epitaffi; è in realtà una direttamente.a Cristo: «E giu,nto_fl terzo giorno, svegliati, mio bene sepol-
consolatio in versi allo sposo, che ha visto svanire in un solo momento to» 136. La Risurrezione non e pzu un fatto avvenuto secoli prima} ma si ri-
le proprie gioie passate e quelle future. Il poeta sottolinea la beff~ deUa pete ogni anno a primavera per ciascuno di noi. Collegato a questo è il te-
sorte: proprio nel momento in cui la famiglia stava per allargarsi, il capo- ma tipicamente venanziano del valore universale della redenzione: Cristo
famiglia si ritrovò da solo. Paradossalmente, se gli sposi non avessero con la sua Risurrezione non avrebbe redento soltanto l'umanità corrotta
avuto figli~ sarebbero almeno rimasti in due, larrivo di un figlio ha di- dal peccato originale, ma avrebbe riscattato l'intera natura. Cristo, ri.wr-
strutto ciò che ormai era una realtà 13 2 , gendo a primavera, ha ridestato tutto il creato, che aveva esso pure risenti'.
Naturalmente il primo posto tra le danne conosciute e frequentate lo della caduta dei nostri progenitori137, Infine, il pensiero teologico occu-
da Venanzio è occupato da Radegonda e da Agnese, anche se a una tale p~ un certo spazio anche nel carme dedicato alla conversione degli Ebrei
intensità di rapport~ pressoché quotidiani e protrattisi per quasi un ven- di Clermont (carm. 5, 5), ove il poeta contempla, ancora una volta, il mi-
tennio, non corrisponde un'analoga preponderanza nell'opera ~odfra. I stero della Trinità e del destino ultimo degli Israeliti13B,
carmi indirizzati alle due monache sono, ad eccezione del De v1rgm1tate . Un'aura più marcatamente mistica permea il lungo carme De virgi-
scritto per la consacrazione di Agnese a badessa del convento, per lo più mtate (carm. 8, 3), composto per la consacrazione di Agnese quale ba-
brevi biglietti concepiti per accompagnare l'invio di doni o per ringraziare dessa del monastero fondato da Radegonda. Venanzio non ci dà una de-
dopo averne ricevuti m. . scrizione della cerimonia, ma sposta il suo sguardo verso l'alto e cifa as-
~influenza del!' ambiente del monastero di Santa Croce non deve in- sistere al trionfo delle vergini nella Gerusalemme celeste con un lin,
fatti essere ricercata nel numero dei car.mi o nei loro desti~atar~ quant? guaggio e un tono che ricordano da vicino da un lato il C~tico dei can-
piuttosto nel!'appropriazione e nello svzluppo di un certo tipo di sensibi- tici, dall'altro l'Apocalisse di san Giovannill9,
lità mistica, che trovò in Venanzio terreno fertik, e che lo condusse a con- Se nei carmi di cut' si è ora discusso t ispirazione religiosa è premi-
cepire i suoi carmi più apprezzati~ il cui successo è stato sancito} in modo nente, nondimeno si può affermare che lelemento religioso è presente in
assai autorevole, con la loro inclusione nei riti della liturgia romana e con- quasi tutte le poesie composte dopo il suo insediamento a Poitiers. Ciò
seguentemente con la composizione sul foro testo di meravigli~se melodie, risulta_ evidente in primo luogo nella nutrita raccolta di epitaffi, tutti ri-
:! avvenuta probabilmente in epoca carolingia 134. Net due tnnt Pange lin- salenti al periodo 568-57614°, e intimamente nutriti di speranza cristia-
gua e Vexilla regis (carm. 2, 2 e 2, 6) elf,li ha saputo ~~niugare la precisa na} nei quali domina un unico pensiero: i meriti guadagnati t'n terra so-
esposizione della dottrina cattolica con I espressi?ne ptu gen~ma della sua
personale sensibilità, raggiungendo vette dt altiss!ma poesia. No~ meno 135 Carm. 3, 9, 47-88.
notevole quantunque assai diverso, è il carmen ftguratum 2, 4, ti quale, 136 Carm. 3, 9, 69; l'osservazione è diREYDELLET, Venance Fortunat Poèmes I LIX
quantun~ue di primo acchito possa dare l'impressione di uno _steri!e giuo- 137
. Su questo aspetto caratteristico del pensiero teologico vena~ziano si s~ffer~
co d'abilùà, si rivela invece - secondo uno sptrtto che diverra tipico ~a ~~ffusamente KOEBNER, Venantius Fortunatus, 59, che osserva come il concetto
sia gta t:'resente in carm. 2, 2, 21. Durante l'ultimo periodo della sua vita il poeta sa-
del!'alto medioevo - una fusione sapiente di dottrina e simbologia. In es- rebbe rttorn~to _su questo. tei;n~ c?mmentan~o il Simbolo degli apostoli: expos. symb.
so l'intera storia della salvezza è riassunta in 35 versi, sullo sfondo dei 25. Per ulter1or1 ossetvaz1on1 si rimanda ali Introduzione a quest'ultima. Ultimamen-
quah grazie alla tecnica compositiva figurata, si staglia la Croce, centro _e te REYDELLET, Tradition et nouveauté, 94, ha definito Venanzio «il poeta della Re-
fondamento di tutto il contenuto soteriologico del carme. Sulla stessa scza denzione>~, della Croce e della Risurrezione.
l3B E do~trina costante della Chiesa che il ritorno glorioso di Cristo sarà prece-
si colloca la più volte citata elegia pasquale per Felice di Nantes (carm. 3, duto dal suo r1c;onoscimento come Figlio di Dio da parte di tutto il suo popolo an-
9); nei suoi versi Venanzio condensa le principali verità della Trinità, che da parte di quella fazione che si è ostinata nel rifiutare la nuova alleanzd: cf.
CCE, n. 674.
139 Carm. 8, 3, 227ss.: si ricordi la definizione di «epitalamio mistico» data a
131 Carm. 4, 26. 9-uesto ?1rln:e. dalla ~.~~AL~ Il De virginitate, 75-128 (cf. la nota 103 ). In generale,
132 Carm. 4, 26, 57-58. Cf. SANTORELLI, Venanzio Fortunato. Epitaphium Vi- ~ 9uas1 tutt: l car~1 mdinzzat1 a Radegonda, Venanzio si mantiene nel solco della tra-
lithutae, 25. . . dizione elegiaca latina, adottandone i teini e il linguaggio erotico che ovviamente vie-
133 Della scarsa importanza letteraria di tali componimenti Venanzio dovette ne .ttaspos~o sul piano ~stico: si v~da al pr?posito F.E. CoNSOLiNo, Amor spiritualis
I,: µ1
avere piena consapevolezza, dal momento che non. li pub?licò vita: sono ~ut~i rag- e linguaggio elegiaco net Cann1na di Venanzio Fortunato, "Annali della Scuola Norma-
le Sup ~io'c di Pisa. Classe di lettere e filosofia", s. III, VII (1977), 1351-1368, J353ss.
gruppati nel Hb1·0 XI e nell'Appendi~ carmt'num (s1 veda il capitolo sulle fasi dt pub-
blicazione della raccolta poetica fortunaziana, pp. 79ss.). . . . . . 1 . Risalgono a un per~o?o successivo soltanto gli epitaffi per i due figli di
134 Cf. KoEBNER, Venantius Fortunatus, 67. Le 1nelodie dei carmi successiva- Ch~pe:1co e Fredegonda, scritti nel 580 (carm. 9, 4-5), mentre è ignota la datazione
mente musicati sono trascritte nella tavola III. dell epitaffio carm. app. 8.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE 79

no un tesoro che ciascuno di noi accumula in cielo) e daranno la misura rende ancora più illustri·: una commistione di «sopravanzamento» e di
della nostra beatitudine eterna in Paradiso 141, «mondo alla rovescia», in cu~ in contraddizione al fluire del tempo, so-
A conclusione di questa rassegna di temi e di motivi della poesia no i discendenti a costruire la gloria degli avi 150, Un altro procedimento
fortunaziana, si daranno ancora alcune osservazioni sulla tecnica versi/i- amato da Venanzio è il paradosso: la sua forma più spinta si ha nell'Epi-
catoria. Se in linea generale il poeta mostra un'evidente inclinazione alla taphium Vilithutae (carm. 4, 26) 151, Egli ama altrest' mettere in luce gli
semplicità della forma, nondimeno egli non si sottrae del tutto dallo spe- aspetti della fede e della morale cristiana più vicini al paradosso: la mor-
rimentare tecniche compositive più elaborate: è il caso dei tre carmina fi- te è in realtà !'inizio della vita 152, elargire le proprie sostanze in benefi-
gurata, due a forma di croce inscritta in un quadrato e .uno a forma di cenza è in realtà accumulare un tesoro nei cieli 153.
facciata di chiesa 142; un inno abecedario 143 e due brevi carmi acrostici Quanto agli aspetti propriamente prosodici e metrid, il verso di Ve-
formati rispettivamente sul proprio nome Fortunatus e su quello del de- nanzio non è certamente quello dei poeti del/' età aurea: le irregolarità
funto giovane figlio di Chilperico I e di Fredegonda, Dagoberchthus 144. inerenti alla quantità delle sillabe sono abbastanza frequenti; ma è proba-
Ancora) due componimenti in distici ecoict~ in cui la prir:ia ~arte bile che ciò non sia dovuto a una mancanza di cognizioni in merito (la
del/' esametro si ripete nell'ultima parte del pentametro successivo (rn un misura delle vocali era ancora avvertita nel VI secolo, per lo meno in Ita-
caso il procedimento ha uno specifico fine espressivo che arricchisce il lia, dove Venanzio nacque e studiò 154), quanto piuttosto alla ristrettezza
contenuto) 145, Se questi sono casi eccezionali) assai più comunemente dei tempi di lavoro (abbiamo già ricordato il caso del carm. 5, 5 sulla con-
Venanzio fa uso di giuochi di parole di varia specie, soprattutto figure versione dei Giudei di Clermont, e non dobbiamo scordare il carattere
etimologiche e paronomasie 146, Vista la facilità e labbondanza della. ve- improvvisatorio di molti carmi recitati durante i banchetti). Ma la tecnica
na poett'ca venanzi'ana, è naturale aspettarsi' una cospt'cua presenza di va- compositiva di Venanzio si segnala in primis per un altro aspetto: egli è
rz'azioni su luoghi comuni: tra quelli analizzati da E.K Curtius, nella sua uno dei primi autori in cui sia evidente l'intento di marcare i versi trami-
fondamentale monografia Letteratura europea e Medio Evo latino, si te l'assonanza o la rima. Ciò risalta particolarmente nei due carmi in di-
segnalano in modo particolare il «sopravanzamento». 147, l'«ù7!possi~i­ metri giambici, modellati sugli inni ambrosiani: molte strofe del ca11n. 1,
le», che spesso assume i tratti del «mondo alla rovescia» 148 e ti moti~o 16 presentano versi rimat~· nel Vexilla regis prodeunt (carm. 2, 6) vi so-
del puer senex 149, La più alta lode che egli tributa a u~ personaggzo rl-. no esempi di rima. Il procedimento è però presente in diverse varianti an-
.I '
lustre è che egli sopravanza tutti i suoi antenat~ e con rl suo prestigio li che nei carmi in distici elegiaci. Probabilmente non intenzionale è lasso-
nanza tra la fine del!' esametro e la fine del pentametro nel/'ambito di
uno stesso distico, fenomeno rt'scontrabile in pari misura anche nei poeti
141 L'idea si fonda sul noto passo evangelico di Mt 19, 21: si vis perfectus esse, dell'epoca classica/ certamente ricercata è invece l'assonanza tra la prima
vade, vende quae habes, et da pauperibus, et habebis thesaurum in cqelo (cf. M_c 29, e la seconda parte dei versi: avvertibile nel caso del/' esametro, diviene
21; Le 18, 22). Come ha sottolineato QUACQUARELLI; Poesia e retortcq,,1~0, gh epi- evidentissima nel caso del pentametro, tanto che >pesso l'assonanza è
taffi fortunaziani non sono tanto elogiativi, quanto piuttosto catechetlct il loro sco- spinta fino ad assumere i tratti della vera e propria rima. Una riprova del-
po è quello di educare i lettori a un'operosità caritativa. , . . .
142 Rispettivamente carm. 2, 4-5 e 5, 6a. Per quest ultimo una 1nterpretaz1one la volontarietà di una tale disposizione si ha nel fatto che, tra tutti i pen-
più recente vo~rebbe ved~re nella figura una prigi~n:,, o una ~rappola: cf. M. tametrr rimati, quasi il sessanta per cento non deve la rima a fattori gram-
GRAVER, Quaeltbet audendt: Fortunatus and the Acrosttc, fransactions ~f t?e fune: maticali (quali si avrebbero ad esempio nel caso di un sostantivo della II
rican Philological Association", CXXIII (1993), 219-~45, 2~5 (~er magg1?r1 dettagli declinazione accompagnato da un aggettivo della I classe, disposti ciascu-
si rinvia alle nostre note di commento). Il genere dei carmina figurata, diffuso nella
letteratura ellenistica fu trapiantato nella cultura romana ad opera del poeta Otta- no in fine di emistichio). Negli autori della latinità aurea i casi di penta-
ziano Porfirio (età c;stantiniana), del quale non è chiaro se Venanzio abbia cono- metri rimati sono invece dovuti per la quasi totalità a motivi di flessione
sciuto le opere. Per maggiori dettagli si veda la nota introduttiva a carm. 2, 4. nominale l55. Pare dunque che Venanzio non avverta più il pentametro
143 Carm. 1, 16.
144 Rispettivamente carm. 3, 5 e 9, 5. . .. .
145 Carm. 3, 5 e 9, 5. Distici ecoici 3, 30 e 8, 2. Sulla tecnica compositiva dei
carmina figurata si veda ept'st. (carm. 5, 6). 150 Carm. 1, 15, 15-28; 9, 1, 12.
146 i: apice del.'.'accumulo di simili procedimenti si raggiunge in cam:. app. ~' u17 151 Carm. 4, 26, 45-60.
epigram1na di 14 versi dedicato al giovane re Childeberto !I, tut~o cos~ru1to su gioc~,1 152 Carm. 1, 2, 20; 1, 3, 7-8; 2, 7, 41-42; 2, 14, 17; 4, 15, 8.
di parole. Bisogna però in que~to caso ten~r present~ che il destinatario er~ poco p1~ 153 Carm. 4, 5, 16; 4, 8, 20; 4, 16, 18; 4, 18, 20.
che un bambino e del resto il fatto che il componimento appartenga ali Appendix 154 Si ricorda comunemente a questo riguardo la lamentela di Ennodio, assai
I
carminum indica'che esso non fu mai pubblicato dall'autore. Un elenco esaustivo dei rammaricato di aver commesso un errore di prosodia componendo un epitaffio:
giochi di parole messi in opera da Venanzio ha dato TARDI, Fortunat, 263s. ENNOD. epùt. 8, 29, 2-3, p. 219, 3ss.
147 Carm. 1, 15, ls.; 2, 10, ls.; 3, 10, ls.; 7, 7, ls. Cf. CURTIUS, Lette.ratura euro- 155 In Tibullo la rima nel pentametro è indotta dalla gratnmatica per il 92,54
pea, 182-186. per cento dei casi, in Properzio nell'87 ,64 per cento, in Ovidio nell'89,02 per cento.
148 Carm. 1,.2:. Cf. CURTIUS, Letteratura europea, 110-115. Questi dati sono ricavabili dall'analisi più dettagliata compiuta da REYDELLET, Ve-
149 Carm. 4, 17, 6; 6, 1, 79-80. Cf. CURTIUS, Letteratura europea 115-118. nance Fortuna!. Poèmes, I, LXVII.
80 INTRODUZIONE INTRODUZIONE 81

come un'unità interrotta dalla cesura, ma piuttosto come due versi brevi carme per molti aspetti singolare e di non facile interpretazione, dal titolo
del tutto autonomi tra loro: spesso i due emistichi dei pentametri rimati Ex no1nine suo ad diversos, in cui Venanzio presenta se stesso e Radegon-
presentano il medesimo schema metrico, soprattutto nei casi in cui il poe- da e invita tutti i letterati a donare libri al monastero da lei fondato. Se-
ta intenda sottolineare concetti antitetici o complementari 156, condo M. Reydellet si tratterebbe di una sorta di prologo a questa seconda
M. Reydellet perviene alla conclusione seguente: «Se si tiene conto raccolta l61. Ma gode tuttora di maggior consenso l'idea di R. Koebner, se-
che la sintassi di Venanzio è di un'estrema semplicità, che il senso è ge- condo cui il carme sarebbe stato destinato alla corte di Costantinopoli; e
neralmente racchiuso nel giro di un distico, ci si convincerà che tl poeta, avrebbe costituito la presentazione ufficiale di Radegonda da accompa-
ancorché si sia ispirato ai modelli antichi, ha certamente saputo infonde- gnarsi alla sua richiesta di un frammento della vera Croce 162. La data del-
re alle sue poesie un tono nuovo, conforme alla sua sensibilità personale, la pubblicazione è suggerita da due componimenti del libro IX indirizzati
ma altresì adattandolo a un pubblico più interessato agli artifici vistosi a Gregorio di Tours, che con tutta evidenza si riferiscono ai disordini scop-
che alle raffinattezze fin troppo sottili» 157, piati nel monastero di Santa Croce nel 589, qualche anno dopo la morte di
Agnese 163; la silloge sarà stata pertanto costituita verso il 590.
I componimenti raccolti nei libri X e XI sono stati probabilmente
4. LA PUBBLICAZIONE DEI CARMI pubblicati postumi da amici o estimatori di Venanzio 164, Le due omelie
sul Pater noster e sul Symbolum apostolorum che aprono ciascun libro
Durante i primi anni trascorsi da Venanzio in Gallia, le sue poesie (ma che nella presente edizione sono presentate separatamente, di seguito
acquistarono notorietà singolarmente, e singolarmente circolavano tra gli ai Carmina) risalgono con ogni probabilità al periodo in cui il poeta fu
ambienti più colti della società merovingica. Allorché nel 575 il poeta vescovo di Poitiers. Il resto del libro X contiene, oltre ad alcune lettere
volle dedicare i quattro libri della Vita Mattini a colui che occupava in difficilmente databili; i carmi scritti durante il secondo viaggio in Austra-
quel momento la cattedra del santo vescovo, vale a dire a Gregorio di sia tra il 588 e il 589; il componimento più tardo~è l'epigramma scritto
Tours, questi accolse con grandissimo favore lopera del/' amico, e in breve per l'insediamento a Poitiers del vescovo Platone, predecessore di Venan-
tempo dovette convincersi del valore del suo talento, convinzione che fu zio stesso, avvenuto nel 591 165. Il libro XI raggruppa gran parte dei bt~
rafforzata dal successo arriso al carme per la conversione dei Giudei di glietti inviati da Venanzio a Radegonda durante i diciannove anni della
Clermont, che il presule gli commissionò lanno successivo 158. Egli sug- loro frequentazione: probabilmente il poeta non volle pubblicarli in vita,
geri pertanto a Venanzio di curare ledizione di tutti i carmi che aveva visto il loro carattere strettamente privato e il limitato valore letterario.
composto fino a quel momento.
Nacque cast' la prima silloge di carmi venanzianz; comprendente
quelli che oggi sono i primi sette libri del corpus l59, 5. LA TRADIZIONE MANOSCillTIA
Una nuova raccolta giunse diversi anni più tardi, tra il 589 e il 591 160:
I comprende gli attuali libri VIII e IX. Il primo dei due libri si apre con un I carmi di Venanzio godono di una tradizione manoscritta assai ab-
bondante. Oltre ai codici comprendenti il corpus degli undici libri nella
sua interezza o parti di esso, molti componimenti figurano nei florilegi, e
156 È ad esempio il caso di carm. 3, 7, 4-8, ove in tre pentametri Venanzio insi-
ste sul ruolo complementare rivestito da san Pietro e da san Paolo per lo sviluppo
della Chiesa primitiva; oppure di carm. 9, 8, 2: Culmen honore tuo, lumen amore meo, simiglianza la pubblicazione contemporanea dei libri VIII e IX come seconda rac-
in cui l'antitesi è resa con l'accumulo di isocolia, isosillabismo, assonanza e rima. colta poetica (si veda anche la nota seguente); tale teoria è stata accolta da tutti gli
157 REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, LXVIII. Si veda anche ID., Tra-
studiosi successivi.
ditt'on et nouveauté, 89. 161 BRENNAN, The Career, 72, e REYDELLET, Venance Fortuna!. Poèmes, I, LXX.
158 Carm. 5, 5.
159 In realtà, co1ne ha notato MEYER, Der Gelegenheitsdt'chter, 28-29, carm. 7, 162 KoEBNER, Venantt'us Fortunatus, 133-134; su questa linea in anni recenti
25 risale a dopo il 585, anno in cui Gondegisilo divenne vescovo di Bordeaux (v. 7). GEORGE, Venantius Fortunatus. A La#n Poet, 163, e da ultimo, 1nodificando il pare-
Il fatto però che si trovi alla fine del libro rende probabile che si tratti di un' il:ggiunta re espresso precedentemente, BRENNAN, The Disputed Authorsht"p, 338.
posteriore o di uno spostamento accidenta~e, ciò eh~ se~~ra coinpr?v:ato dall'assen- 163 Carm. 8, 12 e epist. (carm. 12a). Anche per questo 1notivo è impossibile in-
za di carm. 7, 25 dal catalogo tramandatoci da quasi tutt11 manoscritti dopo la prae- cludere il libro VIII nella prima raccolta, a 1neno di non spostarne la pubblicazione
fatt'o e prima del libro I. L'autenticità del carm. 2, 15, è stata messa in dubbio già da al 590, cosa che però è esclusa pure da MEYER, Der Gelegenheitsdt'chter, 24-25.
F. Leo, seguito da MEYER, Der Geleg_enhet'tsdt'chter, 28, e S. BLOMGREN, Studia For- 164 MEYER, Der Gelegenheitsdt'chter, 27,
tunatt'ana. Commentatt'o academt'ca (Uppsala Universitets Arsskrift 1933. Filosofi, 165 Carm. 10, 14. Assai recentemente si è proposto di abbassare la datazione dei
spràkvetenskap och historiska vetenskaper, 1), Upsaliae 1933, 79. Da ricordare infi- carm. 10, 16-19 al 593, ossia dopo la 1norte di Gontrano: cf. J.W. GEORGE, Venantius
ne che lo stesso iVIEYER, Der Gelegenheitsdt'chter, 25-28, basandosi esclusivamente Fortunatus: the End Game, "Eranos", XCVI (1998), 23-43, 36-41. Secondo la studio-
i i sa scozzese Venanzio potrebbe avere egli stesso pubblicato i libri X (limitat.amente ai
sulla presenza o 1neno dell'ordinamento gerarchico dei destinatari all'interno di ogni
singolo libro, includeva nella prima silloge anche il libro VIII (si veda la nota succes- carmi 7-19, perché i precedenti sarebbero stati aggiunti da un editore) e XI come ter-
siva), seguito in questo da KOEBNER, Venantt'us Fortunatus, 10 nota 1. . za raccolta poetica tra il 592 e il 595, il che avrebbe il vantaggio di spiegare come mai
160 L'idea è di TARDI, Fortuna!, 92-93, il quale per primo ha supposto con ven- i quattro carmi menzionati non siano stati inclusi nella seconda raccolta.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE

alcuni di essi, come ad esempio gli inni in onore della Croce, si trovano in D Parisinus Latinus 9347 (Paris, Bibliothèque Nationale). Del se-
moltissimi manoscritti liturgici. Una ricognizione esaustiva sarebbe lavo- colo IX, contiene l'intero corpus, con una lacuna dovuta alla mancanza
ro assai arduo e sostanzialmente poco utile, perché servirebbe più a trac- di un foglio.
ciare un quadro della diffusione del!'autore nell'Europa medievale che U Bruxellensis 1352 (Bruxelles, Bibliothèque Royale). Copiato tra
non a stabilire un testo più sicuro di quelli attualmente disponibili. Per il i secoli X e XI, contiene l'intero corpus con due brevi lacune.
lavoro di critica testuale rimangono significativi i dodici manoscritti ado- E Parisinus Latinus 8311 (Part's, Bibliothèque Natùmale). Codice del
perati da F Leo per la sua edizione, ai quali bisogna aggiungere alcuni al- sec. X, contiene l'intero corpus ad eccezione del carmen figuratum 5, 6a.
tri; che l'editore tedesco ha soltanto segnalato, ma la èui importanza è sta- L Laudunensis 469 (Laon, Bibliothèque Municipale). Risalente ai
ta in seguito messa in evidenza da W. Meyer 166, È per l'appunto su questi secoli VIII-IX, comprende l'intero corpus ad eccezione del carmen figu-
manoscritti che si basa ora la nuova edizione curata da M. Reydellet, dal- ratum 5, 6a.
!: la quale noi deriviamo, con pochissimi mutamenti nel segno della conser- B Parisinus Latinus 8090 (Paris, Bibliothèque Municipale). Vergato
vazione, il nostro testo per i libri I-VIII167, nel sec. X, comprende l'intero corpus ad eccezione del carmen figuratum 5,
Diamo di seguito un elenco dettagliato dei manoscritti in questione, 6a. Il carm. 2, 16 vi figura due volte, con numerose e significative varianti
in ordine decrescente di affidabilità per la costituzione del testo: R Vaticanus Reginensis 329 (Città del Vaticano, Biblioteca Aposto-
:i: Parisinus Latinus 13048 (Paris, Bibliothèque Nationale). Codice lica Vaticana). Risale al secolo IX, e comprende tutto il corpus fuorché i/
miscellaneo, in scrittura minuscola di Corbie, secc. VIII-IX. Le opere di carmen figuraium 5, 6a.
Venanzio sono contenute ai /f. 29-30 (parte di carm. 8, 3, in scrittura W Vaticanus Palatinus Latinus 1718 (Città del Vaticano, Bibliote-
minuscola carolina del sec. IX); /f. 39-58 (vari carmi tratti dal corpus ca Apostolica Vaticana). Copiato nel sec. XI, comprende tutto il corpus
degli 11 libri con intercalati i carm. app. 1-4; il poemetto De ave phoe- con due lacune, una delle quali riguarda il carmen figuratum 5, 6a.
nice di Lattanzio, attribuito a Venanzio; ancora carmi vari tratti dal cor- F Vaticanus Barberinianus Latinus 721 (Città del Vaticano, Biblio-
pus con intercal<lli carm. app. 5-9; infine i carm. 11, 20, 6-11, 25; carm. teca Apostolica Vaticana). Secc. X-XI. Contiene i libri I-IV e VII-XI, con
1, 7; carm. 11, 26, 1-18, e di seguito cann. app. 10-31. brevi lacune.
P Petropolitanus F XIV 1 (St. Petersburg, Centralnaja Gorodskaja Oltre a questi manoscritti~ rivestono una certa importanza anche t'
,, Publiénaja Biblioteka im. VV Majakovskogo). Codice in scrittura di due seguenti; sebbene non siano stati mai adoperati dagli editori 169:
I
Corbie del tipo -ab-, risalente al secolo VIII. Presenta i carmi di Venan- Ad Londiniensis Add. 24193 (London, Britùh Museum). Codice
zio in un ordine totalmente scompaginato, con frequenti inserzioni di del sec. IX-X, contiene l'intero corpus. Si tratterebbe di un 'fratello' di A
parti di un componimento ali'interno di un altro. Nondimeno, vista la O Bodleianus Auct. T 2. 25 (Oxford, Bodleian Library). Rt'sale ai
sua alta antichità, è uno dei testimoni più importanti. secc. X-XI, presenta l'intero corpus con poche lacune, integrate nel sec.
A Parisinus Latinus 14144 (Paris, Bibliothèque Nationale). Copiato XVII. Il testo è spesso interpolato.
a Saint-Germain-des-Près nel sec. IX, contiene tutto il corpus degli undi- Tutti questi manoscritti risalgono a un medesimo archetipo, con l' ec-
ci libri fino a 11, 26, 12. Il manoscritto è in alcuni punti lacunoso 168, cezione di 1:. Quest'ultimo, riscoperto da B. Guérard nel 1831, presenta
C Parisinus Latinus 8312 (Paris, Bibliothèque Nationale). Codice una selezione di carmi già conosciuti; alla quale si accosta un altro gruppo
del sec. X, contiene tutto il corpus, con due brevi lacune. di 31 carmi che non sono tramandati da alcun altro testimone, pur essen-
M Ambrosianus C 74 sup. (Milano, Biblioteca Ambrosiana). Co- do sicuramente autentici 11°. In particolare, nove di questi si trovano fram-
piato nel!'abbazia di Bobbio nel secolo X, contiene l'intero corpus. misti ai carmi già conosciuti~· questi ultt'mt~ presenti' alla rinfusa} termina-
',lj, G Sangallensis 196 (St. Gallen, Stiftsbibliothek). Risalente al seco- no con un gruppo la cui successione riflette l'ordine del corpus: da carm.
lo IX, contiene tutto il corpus, con una modesta lacuna tra i libri IV e V 11, 21 a carm. 11, 26 (se si eccettua l'inserzione di carm. 1, 7 tra 11, 25 e
;.il.i.'
'
V Vaticanus Latinus 552 (Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica 11, 26). Il carm. 11, 26 conta poi in questo manoscritto 18 versi, laddove
1,1 Vaticana). Del sec. X, comprende gran parte dei carmi di Venanzio, che in tutti gli altri esso si arresta al v. 12. Seguono i rimanenti 22 carmi, non
ora appaiono dislocati in seguito a un errore nella rilegatura. tramandatici altrove. Nei carmi già conosciuti, il manoscritto presenta tal-
volta lezioni di/ferenti rispetto a quelle attestate dagli altri testimoni.
166 W. :MEYER, Ueber Handschrtften der Gedichte Fortunat's, "Nachrichten
Se in un primo tempo W. Meyer fu portato a ritenere che :i: rappre-
von der kOniglichen Gesellschaft der Wissenschaften zu GOttingen. Philologisch"hi- sentasse una piccola porzione di un'edizione più completa dei carmi di
storische Klasse'', Bedin 1908, 82-114.
167 Più esattamente) Reydellet adopera oltre ai manoscritti già utilizzati o seg11a-
lati da Leo soltanto due dei quattro recensiti da Meyer (U e WReyd. =Se H Mey.). 169 MEYER, Ueber Handschri/ten, 82
168 Nelle descrizioni successive, ogni volta che sarà adoperata l'espressione l70 B. GUÉRAlill,Nott'ce d'un manuscrt't latt'n de la Bt'bliothèque du Roi, "Noti-
«l'intero corpus» si sottintende l'incompletezza dell'ultimo carme, tratto co1nune a ces et extraits des manuscrits de la Bibliothèque du ROi et autres bibliothèques", XII
tutti i manoscritti, ad eccezione di I. (1831), 75-111.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE

Venanzio, dalla quale soltanto in seguito sarebbero stati ricavati con pro- di ciò ,è ripro~a il ca1·m. app. 11, che è con tutta evidenza un brogliaccio,
cedimento antologico gli attuali undici libri m, già pochi anni dopo R. r
un primo schizzo sulla base del quale costruire poi epigramma 177,
Koebner esaminando la struttura del codice miscellaneo parigino, perve- _F Leo attribui' a L un valore superiore a quello dei testimoni affe-
niva a ;na conclusione assai diversa. Egli osservò che, delle due sezioni renti all'altro ramo della tradizione; ora però le nuove indagini condotte
in cui si può dividere la parte venanziana di L (separatel'una dall'altra da M. Reydellet non paiono confermare tale prospettiva 11s.
dal De ave Phoenice di Lattanzio), la prima ~W unisce tredici carmi ri- Gli altri manoscritti si possono dividere in due gruppi: il primo
salenti a diver.1e epoche, ma accomunati da alcune caratteristiche, I pri-. comprende i testimoni di maggiore autorità: P A C M (a cui si dovrebbe
mi sette sarebbero stati affidati in due diversi momenti agli ambasciatori aggiungere Ad secondo le indicazioni di W Meyer); il secondo gruppo è
franchi in partenza per Bisanzio, una prima volta allorché essi partirono a sua ~alta suddivisibile in tre famiglie, conformenente al grado di inter-
con la richiesta della reliquia della Croce (carm. app. 1; carm. 7, 11; 7, polazione, Alla prima famiglia, meno viziata da interpolazioni; appar-
13; 8, 4; 8, 1), una seconda volta quando recarono con sé le lettere di tengo~o G V D U; della seconda fanno parte E L B 179; la terza famiglia,
ringraziamento (carm. app. 2 e 3) 172, I seguenti otto componimenti in cui maggiormente abbondano le interpolazioni, comprende R W F
avrebbero invece come tratto comune l'ambiente di destinazione austra- (nonché con ogni probabilità O) 180.
.'I
siano m. Lo studioso austriaco ritiene pertanto che i tredici carmi pre-
senti nella prima sezione di L siano stati trascritti e raccolti da un ignoto,
estimatore di Venanzio alla corte di Metz, indipendentemente da ogni 6. LE EDIZIONI A STAMPA
volontà dell'autore, anzi con ogni probabilità a sua completa insaputa.
Quanto alt' origine della seconda sezione di L a;~, quella che seg~e Come si è già 'avuto modo di anticipare, i Carmina di Venanzio do-
il De ave Phoenice), secondo Koebner sarebbe stata anch'essa messa in- vettero attendere più di un secolo dal/' invenzione della stampa prima di
sieme da un ammiratore della poesia venanziana, che avrebbe raccolto i poter godere di un'edizione. L'editio princeps, curata dallo spagnolo
singoli carmi là dove gli capitava di trovarli: presso i destinatari, pres;o Santiago Salvador de la Satana da Murcia, usci a Cagliari nel 1574 per la
messi di Radegonda o presso Venanzio stesso o i suoi eredi 174. Lo studio- tipografia di Vincenzo Sembenino da Salò l81, e conteneva soltanto i car-
I' so austriaco si mostra inoltre d'accordo con Meyer nel ritenere certo che mi dei pri'mi otto libri; più qualche altro pezzo isolato, oltre alla Vita
l'ultimo gruppo di carmi (carm. app. 10-31) facesse originariamente pa;-.
te del libro XI: successivamente, il manoscritto da cui dipendono tuttz i
! I•
nostri testimoni tranne L avrebbe perso l'ultimo fascicolo çontenente gli , .
177
KOEBNER, Venantt'us Fortunatus, I, LXXVills. A suffragio della sua visione,
'·'I, ultimi sei versi di carm. 11, 26 e gli altri 22 carmi seguenti175. 1editore, LXXIXs., porta anche la strana subscriptio presente in alcuni i manoscritti
;:11' Diversa invece la teoria formulata dal/' ultimo editore, M. Rey- dopo carm. 11, 26, 12: Explicjt in quantum habuit auctor scriptum (var. auctor usque fl-
i'i
dellet 176. Egli ritiene che il poeta nell'ultimo periodo della sua vita inten- nem). ~er R~)'.dell~t essa nsahrebbe a Venanzio stesso, e indicherebbe che nella raccol-
ta degli ~d1c1 libri era compreso tutto quanto egli avesse mai scritto. Lo studioso frru1 -
i I i desse pubblicare, assieme alle poesie scritte dopo il 589, anche l'i~tero c~se, evtdent~ent~ imbarazzato dalla collocazione della subscrt'ptlo, ipotizza che essa
: I: , epistolario in versi indirizzato a Radegonda. Prese perciò a ordinare i. sm_- si trovasse ongmariamcnte all'inizio del libro XI. Ciò sembra scarsamente verisimil .
1 ·.1 U ; goli carmi, giungendo fino al carm. 11, 26, o meglio fino al suo dodices~: Venanzic;> non potev~ es~ersi scordato di aver scritto altre poesie, anche di considere~~
mo verso. A questo punto Venanzio sarebbe stato colto dalla morte (o piu le estensione, a corrun~iar: da quelle che costituiscono la cosiddetta Appendix carmi~
num, o~rtamen~e.anterior1 al 587_ aven~o Radegonda per destinataria, per tacere poi
verisimilmente dalla malattia che lo avrebbe condotto alla morte) e per- della Vita Mar:zn: . Pare d_ui:q~e p1ù logico che la subscrt'ptio dsalga ali' anonimo curato-
tanto il suo lavoro si arrestò. Successivamente uno dei suoi sacerdoti dio- re della pubb~caz1o_ne .dei libri X e XI, che volle in tal modo segnalare come la raccolta
,1,. cesani avrebbe ripreso in mano le carte da lui lasciate, approntando però coinp~t~ degli 11 li~n, così for~atasi, co1nprendesse tu.tto quello che il poeta, in vita,
' per la pubblicazione soltanto i pezzi già rivisti dati' autore. I carmi rima- aveva rivisto affinche fosse pubblicato, co1ne una sorta d1 garanzia di autenticità
178 Cl 1·
LXXXII. · g 1 esempi. add ott1. da REYDELLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, LXXX-,
nenti, trovati sulla scrivania del poeta, saranno stati raccolti separataff!en_-
il te con intento di conservazione, ma certamente non furono mai pubblicati: 179 Questi tre manoscritti sono accomunati dall'omissione di carm 5 6a evi-
I
dentemente già 1nancante nel subarchetipo comune. · ' '
180
Il crescente grado di interpolazione è mostrato da REYDELLET Venance
171 MEYER, Der Gelegenhet'tsdichter, 131. L'idea risaliva già ~Il' editore F. Leo, !1ortunat. Po~me;s, ,I, ~XXXIII-LXXXIV. Da osservare poi che i manoscri~ti U ed E
Venanti Honori Clementiani Fortunati presbyteri Italici opera poetica, MGI-I AA IV tn ~al;ine lez~on1 s1 distaccano dai loro parenti prossimi per coincidere con i mano-
1, Berlin 1881 [rist. anast. Mi.lnchen 1981], XVI-XVII. scr~tu del prrmo gruppo, soprattutto P A e C. Egli, LXXXV, 11e deduce che tra i se-
172 L'invio di due distinte ambascerie austr'asiche a Bisanzio è espressamente coli Vf~f e IX vi~ ~tata cc;>~taminazione tra i s.ubarchet.ipi dei diversi gruppi.
ricordato da BAUDON. 16-17: cf. p. 30 nonché la nota 23 dell'Appendix carminum. Tale edizione, gta nota a M.A. Luchi che la cita nella sua prefazione (cf. PL
173 J(o:CBNER, Venantius Fortunatus, 128-143. LXXXVIII, cc. 11-12, ~atata per~ 157~: errore o unica testimonianza di una prima
174 KoEBNER, Venantius Fortunatus, 139. s~ampa?), cadde successivamente 111 oblio, F. Leo conosce soltanto la successiva edi-
175 KoEBNER, Venantius Fortunatus, 138; cf. :Nl:EYER, Der Gelegenheitsdichter, 69. ZI?ne, c~r3:ta ~ncora d~ de la ?olana ina uscita a Venezia nel 1578 nella tipografia de-
176REYD3LLET, Venance Fortunat. Poèmes, I, LXXVIII-LXXIX. gli eredi di Gtacon10 Sunbenio (MGH AA IV 1, prooemlum, XIV). È poi citata da
INTRODUZIONE INTRODUZIONE
86

Martl:ni. Carmi singoli - soprattutto quelli più noti e apprezzati - erano di un dnquantennio dallo studioso svedese S.À. Blomgren 184. Accanto a
del resto già stati editi a stampa a partire dal 1513 182 • questi primi due è già uscito, nel 1996, il quarto volume, contenente la
La prima edizione completa degli undici libri, ·condotta secondo i Vita Martini, curata e annotata da S. Quesnel 185,
dettami della critica tardorinascimentale e munita di note di commento, Per concludere, due parole sulla presente edizione. Non intendendo
risale agli inizi del secolo successivo, e fu curata dal gesuita tedesco Chri- pubblicare un'edizione critica, abbiamo preso a modello per la prefazione,
stoph Brower. Pubblicata a Magonza nel 1603, fu seguita da una secon- per i capitula librorum e per i primi otto libri dei carmi la recentissima
da edizione lievemente modificata, uscita nella medesima città nel 1617 edizione curata da M. Reydellet, discostandocene in due punti soltanto,
e poi ancora nel 1630 183. Un'ultima ripresa data al 1716. dei quali renderemo conto a suo luogo 186. Per i rimanenti tre libri (com-
Alla fine del secolo XVIII lintero corpus delle opere di Venanzio, prese le due omelie) e per l'Appendix carminum ci siamo serviti dell' edi-
in versi e in prosa, fu ripubblicato dal monaco benedettino cassinese Mi- zione curata da F. Leo, senza però riprenderne in toto il testo, che fu sta-
chelangelo Luchi. Ii primo tomo, contenente i Carmina, fu stampato a bilito secondo criteri di normalizzazione classicistica; noi invece abbiamo
Roma nel 1786, l'anno successivo segui' il secondo tomo, contenente la preferito attenerci; /in dove ciò è possibile, al dettato della tradizione ma-
Vita Martini e gli scritti in prosa. Questa edizione fu poi inclusa da J.-P noscrilta più antica, soprattutto per quanto concerne gu· us1· ortografici;
Migne nel tomo LXXXVIII della Patrologia Latina, pubblicato a Parigi spesso ricondotti arbitrariamente da F. Leo alla forma in uso nella lati-
nel 1850. Nel frattempo, nel 1831, B. Guérard aveva pubblicato i carmi nità aurea, laddove la testimonianza dei manoscritti pare invece riflettere,
inediti da lui reperiti nel manoscritto parigino latino 13048 (1:). per lo meno in certa misura, le consuetudini proprie del!' età di Venanzio
La prima edizione critica degli undici libri dei Carmina, del!' Ap- Alt'edizione di M. Reydellet oltre che per il testo ci dichiariamo
pendix carminum e della Vita Martini, dovuta a Friedrich Leo, usci a ampiamente debitori per quel che riguarda le note di commento dei pri-
Berlino nel 1881, nell'ambito della serie degli Auctores antlquissimi dei mi otto libri e l'introduzione generale, della quale abbiamo ricalcato in
Monumenta Germaniae Historica. Tale edizione, assai autorevole, di- particolare la struttura; anche la sua traduzione, che si segnala per so-
venne immediatamente testo di riferimento, ed è dotata di tre diversi in- brietà e aderenza al!'originale, ci è stata di grande utilità, soprattutto per
dici: linguistico, metrico e biblico. Grazie a questo lavoro si sviluppò, nei la resa dell'elaboratissimo e intricato stile epistolare 187, Abbiamo fatto
cinquant'anni seguenti, una feconda stagione di studi critici su Venanzio inoltre proficuo uso degli studi e dei commenti pubblicati in questi ulti-
e sulla sua opera: basti ricordare la traduzione frances.e condotta da Ch. mi quindici anni da due tra i più importanti studiosi viventi di Venan-
Nisard (1887) e le tre fondamentali monografie di W Meyer (1901), R. zio: la scozzese]. W George e l'australiano B. Brennan. Dai lavori della
Koebner (1915) e D. Tardi (1927). prima in particolare abbiamo tratto vantaggio per la traduzione e le note
Ora è in corso di pubblicazione presso Les belles lettres una nuova a molti carmi degli ultimi tre libri e dell' Appendix carminum.
edizione critica con traduzione francese di tutte le opere poetiche di Ve- A tutte le persone citate vanno naturalmente i nostri ringraziamen-
nanzio Fortunato: dei Carmina, curati e annotati da M. Reydellet, sono ti, mentre assumiamo per noi soli qualunque responsabilità per eventua-
finora usciti due volumi: il primo, dedicato ai libri I-IV e contenente li errori.
un'introduzione generale, è stato pubblicato nel 1994; un secondo, con-
tenente i libri V-VIII è uscito nel 1998. Entrambi i volumi sono frutto di
un nuovo lavoro di collazione dei principali manoscritti, e tengono conto
dei numerosi interventi critici sul testo venanziano pubblicati nel corso
184 Si veda l'elenco completo dei suoi lavori nella Bibliografia. Si noterà altresl
,,
il I
che lo stesso Blomgren intendeva curare un'edizione dei carmi per il Corpus Chri-
stianorum, 1na il progetto non ha avuto seguito. Cf. S. BLOMGREN, De locis Ovidt'i a
TARDI Fortunat VII che però non ne ebbe diretta conoscenza; è stata riscoperta sol- Venantio Fortunato expressis, "Eranos'', LXXIX (1981), 82-85, 82.
tanto Ìn anni re~enti 'da L. BALSAMO, La prima edizione del!' opera poetica di Venanzio 185 Da segnalare l'uscita nel 1992, presso la Fundaci6 Bernat Metge di Barcello-
Fortunato (Cagli'ari 1574), in St~di bibliografie~. Atti d~l con~egno 4ed~cato a(la s~oria na, del primo volume di un'altra nuova edizione cl'itica dei Carmina con traduzione
del libro italt'ano nel\.' centenario dell'introdu:aone dell arte tipografica tn Italia, Firen- catalana a fronte e note di commento, curata daJ. Pia i Agull6: qu~sto primo volu-
ze 1967 67-80 che chiarisce fra l'altro i rapporti tra le due stampe, diverse ma en- me contiene, oltre all'introduzione generale, i libri I e II. Non risulta siano nel frat-
tra1nbe ~urate dal de la Solana. Ora SARTOR, Venanzio Fortunato, 268, attribuisce al tempo usciti altri volumi.
1570 una stampa veneziana dell'edizione del' de la Solana curata dal Simbenio, della 186 Segnatamente carm. 4, 26, 12 e epist. (carm. 5, 6) 1.
quale un esemplare (unico?) è conservato nella B~bliote~a ~a~ionale ~a~ciana di Ve- 187 Non altrettanto vantaggio si è invece tratto dalla versione francese di CH,
nezia: quest'ultima stampa sarebbe pertanto anteriore ali ed1z1one cagliaritana. NISARD ~ E. RrITIER> Venance Fortunat. Poésies melées, condotta con eccessiva li~
182 Cf. la lista delle edizioni parziali in TARDI, Fortunat, VIII-X. bertà, e nella quale dietro l'eleganza dei giri di frase si nasconde talvolta la mancata
183 Tutti i testi presenti nella prima edizione del Brower furono inclusi nella intelligenza del pensiero del poeta. Lo stesso si può dire delle note esplicative, le
Magna bibliotheca veterum Patrum, pubblicata una prima volta a Colonia nel 1618. quali, quando non sono fantasiose, risentono in ogni caso sia dell'epoca alla quale ri-
A partire dalla sua seconda edizione, uscita a Parigi nel 1644, il testo preso a model- salgono, quando lo studio dell'opera fortunaziana moveva ancora i primi passi, sia
lo è quello della stampa del 1617. delle opinioni estremamente personali del curatore.
PRAEFATIO PREFAZIONE

DOMINO SANCTO ET DOTE MERITORUM SACRIS ALTA!UBUS ADSC!TO FORTUNATO AL SIGNORE SANTO VESCOVO GREGORIO (1),
PARITER ET EDUCTO GREGORIO PAPAE FORTUNATUS CI!IAMATO ED ELEVATO Al SANTI ALTARI PER IL VALORE DEI SUOI MERITI

1. Acuminum suorum luculenta veteris aetatis ingenia qui na- 1. I luminosi ingegni dell'epoca antica, i quali con la loro indole
tura fervidi, curatura fulgidi, usu triti, auso securi, ore freti, 1nore a:dente, la loro cultura brillimte, la loro consumata esperienza, la loro
festivi, praeclaris operibus celebraturi posteris stupore laudanda sicura audacia, la loro eloquenza fiera, il loro carattere piacevole sono
reliquere vestigia, certe illi iuventione providi, partitione serii, di' degni di essere celebrati per i loro straordiuari capolavori, hanno la-
, stributione librati, epilogiorum calce iucundi, colae fonte proflui, sciato ai posteri testin1onianze dei loro fini ingegni che noi dobbiamo
commate succiso venusti, tropis paradigmis periodis epichiremati- ammirare estasiati; senza dubbio costoro, aweduti nel reperire gli ar-
bus coronati pariter et coturnati, tale sui cancntes dederunt speci- gomenti, misurati nella loro ripartizione, equilibrati nella loro distri-
meu ut adhuc nostro tempore quasi sibi postumi vivere credantur buzione (2), sapidi nei finali delle perorazioni, copiosi nell'abbondan-
etsi non carne vel car1nine. za dei membri, eleganti nella rifinitura degli iucisi, nobili e insieme au-
w 2. Quos licet sors fine tulerit, tamen cum dieta permanent vi- steri .nei tropi, negli esempi, nei periodi, negli epichiremi, hanno dato,
vaci memoriae de mortuis aliquid mors reliquit nec totum usque- con il loro canto, una tale prova di sé, che ancora ai nostri tempi si
quaque sepelivit in tumulo cui restat liberum ut ve! lingua vivat in crede quasi che sopravvivano a se stessi, anche se non corporalmente,
munda. Hoc nesciens avara mors auferre cum funere quod per ora per lo meno con la loro opera.
viventium defunctos videt currere si non pede, poemate. In hoc ta- 2. Sebbene la sorte li abbia condotti alla loro fine, tuttavia, poiché
15 men 1n:elius superata mors invida si se sermone senserit et mercede le loro parole perdurano a lungo nelle memorie, la morte ci ha lasciato
bis victam. una certa parte di questi morti e non ha seppellito per iutero nella
3. Sed sicut hos quos clarae linguae iactitat lux inlustres - quo- tomba colui al quale è ancora concesso di vivere nel mondo almeno
rum fuerat aperte damnum patì dieta celari, qui pomposae facun- tramite quel che egli ha detto. La morte avida non ha potut~ evitare,
diae florulenta germina nisi misissent iu publicum, fecerant pecu- facendoli morire, di vedere i defunti correre sulle bocche dei viventi
'" latum - merito famae radii per quaqua traxerunt ut peragrantes se non coi piedi, con la loro opera poetica. Inoltre la morte iuvidiosa ~
omnia quicquid magis carmina locis innotescerent laus ageret, ita meglio sconfitta quando si senta battuta due volte: dalla parola e dalla
I fit eis consultius si occulantur taciti qui fastidiri poterunt revelati; gloria.
nec tantum sit exprobrabile nesciri quod horreat quam patesci 3. Ma come coloro la cui fama di egregia eloquenza rende con
t vanto illustri furono a buon diritto portati per ogni dove dallo splen-
I I~
1 11. 1;'
1,'',i''
dore della fama - e senza dubbio avremmo subìto una perdita se le lo-
2: ENN. frg. var. 1: voUto vt'vus per ora virum. ro pa~ol~ fos~ero r~aste ignote, ed essi avrebbero com1nesso un' ap-
propnaz10ne 1ndeb1ta se non avessero offerto al pubblico i germi fe-
(1) Giorgio Fiorenzo· Gregorio (PLRE ID, 548), originario di una fa1niglia condi della loro abbondante facondia - dimodoché la gloria li accom-
l,',1.'
"!
senatoria dell' Alvernia, nato attorno al 538, fu designato vescovo di Tours dal pagnasse toccando tutti i luoghi ove sempre più i loro carmi li faceva-
re Sigiberto nel 573. Scrittore fecondo, la sua opera principale è la cosiddetta
Historia Francorurn in 10 libri, dalle origini fino al 591 d.C.; compose inoltre no conoscere, cosl gli scrittori che una volta conosciuti potrebbero at-
opere agiografiche ed esegetiche. Morì il 17 novembre del 594. Su di lui si ri- tirare su di sé il disprezzo agiranno più prudentemente se si nasconde-
1nanda una volta per tutte aJ. LAI-IACHE, Gregorio di Tours, BS VII, 1966, 217- ranno nel silenzio. E meno riprovevole che rimanga ignoto ciò che
222 (con bibliografia). Quanto al titolo di papa con cui Venanzio si rivolge può suscitare repulsione piuttosto che sia conosciuto ciò che irrita; e
all'a1nico, sarà da rammentare co1ne a quell'epoca esso non fosse ancora esclu-
sivo del vescovo di Ro1na, ma era adoperato per qualunque vescovo.
(2) La tripartizione fra inventt'o, part#io e distributio deriva a Venanzio da
QUINT. inst. 4, 5, 1; 9, 1, 30 e 9, 2, 2. Cotne osserva W. BERSCHIN, Biographie ta sembra essere uno degli ultimi a mostrare di conoscere l'Institutio oratoria prima
und Epochenstil im lateinischen Mittelalter, I, Stuttgart 1986, 281, il nostro poe- dell'Umanesimo.
CARMINA, PRAEF.AfIO CARMI, PREFAZIONE 91

quod urat minorisque dispendii celata videatur inscitia quam pro- l'inettitudine nascosta pare meno dannosa di quella messa in piazza,
" lata, quia illic obstat pudor ne prodatur notitia, hic audacia prodi- poiché nel primo caso la dignità impedisce che la notorietà si espanda,
tur ut ingerat notam. nel secondo l'audacia si espone per attirarsi il marchio d'infamia.
4. Unde, vir apostolice, praedicande papa Gregari, quia viri- 4. Pertanto, o uomo apostolico, venerabile vescovo Gregorio,
tim flagitas ut quaedam ex opusculis inperitiae meae tibi transfe- poiché con insistenza (3) mi richiedi di rendere pubbliche, per fartene
renda proferrem, nugarw11 mearum admiror te amore seduci quae dono, alcune delle operine frutto della mia imperizia, stupisco che tu
30 curo prolatae fuerint nec mirari poterunt nec amari, praesertim ti sia fatto conquistare dalle mie futilità, che una volta pubblicate non
quod ego impos de Ravenna progrediens Padum Atesim Brintam potranno suscitare né ammirazione né apprezzamento, principalmente
Plavem Liquentiam Teliamentumque tranans, per Alpem Iuliam perché io le scrissi quandb non ero pienamente padrone di me stesso,
pendulus montanis anfractibus, Dravum Norico, Oenum Breonis, mentre cavalcavo o sonnecchiavo. Movendo da Ravenna, attraversai a
' Liccam Baivaria, Danuvium Alamannia, Rhenum Germania trans- nuoto il Po, l'Adige, il Brenta, il Piave, il Livenza, il Tagliamento; pas-
" u iens ac post Mosellam Mosam, Axonam et Sequanam, Ligerem et sai attraverso le Alpi Carniche appendendomi agli anfratti della mon-
1

Garonnam, Aquitaniae maxima fluenta transmittens, Pyrenaeis oc~ tagna. Nel Norico attraversai la Drava, tra i Breuni l'Inn, in Baviera il
currens Iulio mense nivosis paene aut eqnitando aut dormitando Lech, in Alemannia il Danubio, in Germania il Reno; e, oltrepassate la
conscripserim, uhi inter barbaros longo tractu gradiens ant via fes- Mosella, la Mosa, l' Aisne e la Senna, la Loira e la Garonna, i più gran-
sus aut crapula, brumali sub frigore, musa hortante nescio gelida di corsi d'acqua del!' Aquitania, raggiunsi i Pirenei, coperti di neve nel
4o magis an ebria, novus Orpheus lyricus silvae voces dabam, silva mese di luglio (4). Allora procedevo per lunghi tratti in mezzo a genti
reddebat. barbare, spossato dal viaggio o dall'eccesso di cibo, nel freddo dell'in-
5. Quid inter haec extensa viatica consulte dici potuerit? Cen- verno e animato da una Musa non so se ghiacciata o ubriaca: novello
sor ipse mensura, uhi me non urguebat ve! metus ex iudice ve! Orfeo con la mia lira, dicevo parole alla selva e questa mi rispondeva
probabat usus ex lege nec invitabat favor ex camite nec emenda- col suo eco.
45 bat lector ex arte, uhi mihi tantundem valebat raucum gemere 5. Che mai si sarà potuto dire di sensato durante questi lunghi
Il
quod cantare apud quos nihil disparat aut stridor anseris aut canor spostamenti? (5) Proprio la distanza era il miglior critico, quando non
'1'1
, , oloris, sola saepe bombicans barbaros leudos arpa relidens ut inter ero preso né dal timore di un giudizio, né m'incoraggiavano le leggi
I illos egomet non musicus poeta sed muricus deroso flore carminis dell'uso, né mi sosteneva il plauso di un compagno, né mi correggeva
!;'1, poema non canetem sed garrirem, quo residentes auditores inter un lettore esperto; quando per me proferire dei rauchi lamenti valeva
'" acernea pocula salute bibentes insana Baccho iudice debaccha- tanto quanto declamare davanti a persone che non awertivano diffe-
rent. Quid ibi fabre dictnm sit, uhi quis sanus vix creditur, nisi se- renza tra lo starnazzare dell'oca e il cantare del cigno. Spesso soltanto
cum pariter insanitur, quo gratulari magis est si vivere licet post bi- un'arpa ronzante faceva rison8;re canti barbari, tanto che, tra costoro,
,, bere, de quo convivam tyrsicum non fatidicum licet exire sed fa- io non ero un poeta musicista, ma una specie di topo (6), e poiché ave-
tuum? curo, quantum ad mei sensus intellegentiam pertinet, quia vo roso il fiore della poesia non cantavo ma squittivo i 1niei carmi, in
,, se pigra non explicat brutae animae ipsa ieiuna sunt ebria. rnodo che i miei uditori brindassero seduti tra boccali d'acero, scate-
6. Hinc est quod latens opusculum, etsi minus videtur esse fa- nandosi in atteggiamenti che persino Bacco avrebbe giudicato dissolu-
mosum, plus liberum, quia de examinatione non habet quod tam ti. Che si sarebbe potuto dire di artistico là dove con difficoltà si è ri-
trepide! privatum quam publicum. Unde necessarie angusti sensus tenuti sani di mente se non si delira con se stes_si; dov'è motivo di gioia
I.·,,i' ingenium se mensuret censore quod est mittendum sub iudice, il fatto di essere ancora in salute dopo una bevuta dalla quale il convi-
tato in preda ai fumi di Bacco non esce ispirato ma intontito? Quan-
'I; do, secondo il mio intelletto e la mia sensibilità, per un animo rozzo
che nella sua indolenza non sa esprimersi, anche il digiunare è
un'ubriachezza.
5: PROP. 2, 34, 83: ore canorus I anseris indocto carmine cesst't olor. 6. Per questo motivo un'operina non divulgata, anche se appa-
rentemente meno conosciuta, gode di maggior libertà, perché ciò che
(3) Viritim ha qui il significato di vehementer: evidentemente Venanzio rimane privato non ha motivo di temere la critica come ciò che è pub-
connetteva l'avverbio non già con vir, ma con vis: cf. BLOMGREN, Studia Fortu- blico. Dunque un ingegno di scarsa levatura deve necessariamente sot-
natiana, 148. toporre alla propria critica ciò che dovrà essere esaminato da un giu-
(4) Per l'itinerario qui descritto si rimanda all'Introduzione generale, pp.
19ss. A1 termine della Vita sancti Martini Venanzio si rivolge al libretto, augu-
randogli di cotnpiere il medesimo viaggio in senso inverso, e di arrivare cosi in (5) Viaticum ha il significato di iter.
Italia e a Ravenna: Mart. 4, 621-701. (6) Giuoco di parole tra musicus e muricus "che ha l'aspetto del topo".
92 CARMINA, PRAEFA'fIO CARMI, PREFAZIONE 93

6aSed quoniam hu1nilem inpulsum alacriter, acrius renitentem, sub dice. Ma poiché tu, chiamando a testimoni il divino mistero e i mera-
testificatione divini mysterii et splendore virtutnm beatissimi Mat- vigliosi miracoli di san Martino, fai violenza contro la mia povera ispi-
tini coniurans hortaris sedtùo ut contra pudorem meum deducar razione che con ostinazione resiste e 1ni esorti con sollecitudine a
in publicum, me meis frivulis arbitre scabrosi operis ignorantiam scendere fra il pubblico vincendo la mia ritrosia, io, che pur ricono-
confitente, quod aliis poscentibus patefacere distuli, oboediendo sco, come buon giudice (7) delle mie futilità, la pochezza della mia
" cedo virtuti. Hanc saltim obtemperanti vicissitudinem repensurus rozza produzione, concedo obbediente alla tua autorevolezza quel che
ut quia haec favore magis delectantur quam indice, aut tibi tan- ricusai di rendere pubblico quando furono altri a pregarmene. In
tummodo innotescentia relegas aut intimorum auribus tecum amiH cambio della mia compiacenza, ti prego almeno di fare in modo che,
caliter quaeso conlatura committas. ,~ quando leggerai le mie poesie, esse rimangano note a te soltanto, dal
momento che questo genere di cose diletta più chi le appoggia che chi
le critica; oppure di comunicarle e di affidarle esclusivamente alle
orecchie degli intimi amici.

'i'

i 'I!.
,I i
!',.i

, ,,.
'"
' I
II I
i
.'i

,'!
,,,
"
(7) Arbitre è correzione di BLOMGREN, Studia Fortunatlana, 110, per arbitrem
della tradizione manoscritta.
INCIPIUNT CAPITULA LIBRI PRIMI CAPITOLI DEI LIBRI

LIBERI LIBRO I

Ad Vitalem episcopum I A Vitale, vescovo


I II
De templo domni Andreae quod ipse aedificavit Sul tempio di Sant' Andrea, edificato dal medesimo
II
De basilica sancti Stephani Ili Sulla basilica di Santo Stefano
III IV Sulla basilica di San Martino
IV De basilica sancti Mattini
V Sulla celletta di San Martino
,v De cellula sancti Mattini
VI Ancora sulla basilica di Sa11 Martino
VI Item de basilica sancti Mattini
Item de basilica sancti Martini VII Ancora sulla basilica di San Martino
VII VIII Sulla basilica di San Vincenzo
VIII De basilica sancti Vincentii
Item de basilica sancti Vincentii IX Ancora sulla basilica di San Vincenzo
IX
De basilica sancti Nazarii X Sulla basilica di San Nazario
rn X XI Sulla basilica di San Dionigi
Xl De basilica sancti Dionisii
De basilica sancti Bibiani XII Sulla basilica di San Bibiano
XII
De basilica sancti Eutropis XIII Sulla basilica di Sant'Eutropio
XIII XIV Sul calice del vescovo Leonzio
XIV De calice Leonti episcopi
De Leontio episcopo xv Sul vescovo Leonzio
"xv Hymnum de eodem XVI Inno sul medesimo
XVI
Ad Placidinam matrem eius XVII A Placidina, sua madre (1)
XVII
De Bissonno villa XVIII Sulla tenuta di Besson
XVIII
De Vereginis villa XIX Sulla tenuta di Veregine
XIX
,'i,
,, xx De Primiaco villa xx Sulla tenuta di Preignac
De Egircio flumine XXI Sul fiume Gers
XXI
'"
LIBERII LIBRO II
··,: ,.

De cruce Domini I Sulla Croce del Signore


,·,.,' :1. I II
In honore sanctae crucis In onore della santa Croce
'/!i II III
Ili In honore crucis vel oratorii toronensis domus In onore della Croce e del!' oratorio dell'episcopio di
,,
1·, ·
De signaculo sanctae crucis Tours
IV IV Sul segno della santa Croce
,v Item de eodem
V Ancora sul medesimo
VI Hymnum sanctae crucis
De sancto Saturnino VI Inno alla santa Croce
VII
De Launebode qui aedificavit basilicam eius VII Su san Saturnino
VIII
VIII Su Launebode, che fece costruire la sua basilica

( 1) Evidente errore dell'amanuense: Placidina era la moglie di Leonzio II di


Bordeaux (si rhnanda al relativo carme).
CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI 97
IX Ad clerum parisiacum IX Al clero parigino
wX De ecclesia parisiaca X Sulla chiesa di Parigi
XI De baptisterio Magantiae XI Sul battistero di Magonza
XII De basilica sancti Georgii XII Sulla basilica di San Giorgio
XIII De oratorio Trasarici XIII Sull'oratorio di Trasarico
XIV De sanctis agaunensibus XIV Sui santi di Agauno
"xv De sancta Hilario xv Su sant'Ilario
XVI De sancta Medardo XVI Su san Medardo

LIBER IIl LIBRO III

I Ad Eufronium episcopum toronensem I A Eufronio, vescovo di Tours


II Adeundem II Al medesimo
III Adeundem III Al medesimo
IV Ad Felicem episcopum namneticum IV A Felice, vescovo di Nantes
,v Ad eundem ex nomine suo V Al medesimo, dal proprio nome
VI Ad eundem de dedicatione ecclesiae VI Al medesimo, sulla dedicazione della chiesa
VII Ad eundem in honore eorum quorum ibi reli- VII Al medesimo, in onore di coloro le cui reliquie sono
quiae continentur ivi contenute
VIII Ad eundem in laude VIII Al medesimo, in sua lode
'" IX Ad eundem de pascha IX Al medesimo, sulla Pasqua
X Ad eundem de fluvio mutato X Al medesimo, sulla deviazione di un fiume
XI Ad Nicetium episcopum treverensem XI A Nicezio, vescovo di Treviri
XII Ad eundem de castello eius XII Al medesimo, sul suo castello
XIII Ad Vilicum episcopum metinsim de diversis XIII A Villico, vescovo di Metz, su vari argomenti
I
rebus XIV A Carentino, vescovo di Colonia
I
I
" XIV Ad Carantinum episcopum Coloniae xv A Igidio, vescovo di Reims
xv Ad Igidium episcopum reminsim XVI A Ilario
XVI Ad Hilarium XVII A Bertrando, vescovo
XVII Ad Bertchramnum episcopum XVIII Al medesimo, sui suoi scritti
w XVIII Ad eundem de scriptis eius XIX Ad Agricola, vescovo di Cavillonum (2)
XIX Ad Agroeculam episcopum cavillonensem xx A Felice, vescovo di Bourges
xx Ad Felicem episcopum biturigum XXI Ad Avito, vescovo di Clermont
XXI Ad Avitum episcopum arvernensem XXII Al medesimo
XXII Adeundem XXIII Ad Agerico, vescovo di Verdun
n XXIII Ad Agericum episcopum veredunensem XXIV Ad Anfìone, sacerdote
XXIV Ad Anfionem presbyterum xxv A Paterno, abate
xxv Ad Paternum abbatem XXVI A Ruccone, diacono
XXVI Ad Rucconem diaconum XXVII Ali' arcidiacono di Meaux
XXVII Ad archidiaconum meldensem XXVIII A Giovanni, diacono
'° XXVIII Ad Iohannem diaconum XXIX Ad Antimio, diacono
XXIX Ad Anthimium diaconum xxx A Sindolfo, diacono
xxx Ad Sindulfum diaconum

(2) Cavillonensis può alludere sia a Chalon-sur-Sa6ne (Sa6ne-et-Loire, a questo caso nessuno dei due riferimenti sembra possibile (per ulteriori dettagli si ri-
sud di Digione) che a Cavaillon (Valchiusa> a sud est di Avignone). Tuttavia in manda alla nota introduttiva al carme).
CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI 99
LIBERIV LIBRO IV

I Epitaphium Eumeri episcopi I Epitaffio di Eumerio, vescovo


II Epitaphium sancii Gregorii II Epitaffio di san Gregorio
III Epitaphium sancti Tetrici episcopi III Epitaffio di san Tetrico, vescovo
IV Epitaphium saucti Galli episcopi IV Epitaffio di san Gallo, vescovo
,v Epitaphium Roriciorum episcoporum V Epitaffio dei Rurici, vescovi
VI Epitaphium Exoci episcopi VI Epitaffio di Esodo, vescovo
VII Epitaphium Chaletrici episcopi VII Epitaffio di Caletrico, vescovo
VIII Epitaphium Cronopi episcopi VIII Epitaffio di Cronopio, vescovo
IX Epitaphium Leonti episcopi anterioris IX Epitaffio di Leonzio I, vescovo
'" X Epitaphium Leonti episcopi sequentis X Epitaffio di Leonzio II, vescovo
XI Epitaphium Victoriani abbatis XI Epitaffio di Vittoriano, abate
XII Epitaphium Hilari presbyteri XII Epitaffio di Ilario, sacerdote
XIII Epitaphium Servilionis presbyteri XIII Epitaffio di Servilione, sacerdote
XIV Epitaphium Praesidi XIV Epitaffio di Presidio
"xv Epitaphium Bobolini diaconi xv Epitaffio di Boboleno, diacono
XVI Epitaphium Attici XVI Epitaffio di Attico
XVII Epitaphium Arcadi.iuvenis XVII Epitaffio del giovane Arcadio
XVIII Epitaphium Basili XVIII Epitaffio di Basilio
XIX Epitaphium Arachari XIX Epitaffio di Aracario
'"xx Epitaphium Brumachi xx Epitaffio di Brumachio
XXI Epitaphium Avoli XXI Epitaffio di Avolo
XXII Epitaphium Innocentum XXII Epitaffio di innocenti
XXIII Epitaphium Iuliani XXIII Epitaffio di Giuliano
XXIV Epitaphium Orienti XXIV Epitaffio di Orienzio
"xxv Epitaphium Theudechilde reginae xxv Epitaffio della regina Teodechilde
XXVI Epitaphium Vilithutae XXVI Epitaffio di Vilituta
XXVII Epitaphium Eufrasiae XXVII Epitaffio di Eufrasia
XXVIII Epitaphium Eusebiae XXVIII Epitaffio di Eusebia

LIBER V LIBRO V

I Ad Martinum episcopum callaciensem I A Martino, vescovo di Galizia


II Adeundem II AI medesimo
III Ad cives toronicos III Agli abitanti di Tours
IV Ad Gregorium episcopum IV A Gregorio, vescovo
,v Ad eundem de Iudaeis conversis per Avitum epi- V AI medesimo, sui Giudei convertiti da Avito, vescovo
scopum arvernensem di Clermont
VI Ad Siagrium episcopum augustidunensem VI A Siagrio, vescovo di Autuu (3)
VII Ad Felicem episcopum namneticum VII A Felice, vescovo di Nantes
VIII Ad Gregorium episcopum pro libro praestito VIII A Gregorio, vescovo, per il prestito di un libro
w IX Ad eundem pro invitatione IX Al medesimo, per un invito

(3) Augustidunensem è integrazione di F. Leo per August(d) della tradizione


manoscritta.
IOO CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI IOI

X Ad eundem pro commendatione mulieris X Al medesimo, per raccomandare una donna


XI Ad eundem de itinere suo XI Al medesimo, sul proprio viaggio
XII Ad eundem salutatoria XII Al medesimo, biglietto di saluto
XIII Ad eundem pro pomis et graffiolis XIII Al medesimo, per un invio di frutta e di piccole
"XIV Ad eundem pro commendatione puellae marze
xv Ad eundem pro commendatione peregrini XIV Al 1nedesimo, per raccomandare una ragazza
XVI Ad eundem salutatoria xv Al medesimo, per racco1nandare uno straniero
XVII Ad eundem alia salutatoria XVI Al medesimo, biglietto di saluto
XVIII Ad episcopos pro commendatione peregrini XVII Al medesimo, altro biglietto di saluto
'"XIX Ad Aredium abbatem XVIII Ai vescovi, per raccomandare uno straniero
XIX Ad Aredio, abate

LIBER VI
LIBRO VI
I De Sigibertho rege et Brunichilde
II De Charibertho rege I Sul re Sigiberto e Brunichilde
'1'
III De Theodechilde II Sul re Cariberto
'I IV De Bertegilde III Su Teodechilde
,v De Gelesuintha' IV Su Bertichilde
VI De orto Ultrogothae V Su Gelesvinta
I, j VII De Canto blando villa VI Sul giardino di Ultrogota
VIII De coca qui iniuriam fecit VII Sulla tenuta di Cantoblando
IX Ad Dinamium massiliensim VIII Su di un cuoco che gli fece uno sgarbo
wX Adeundem IX A Dinamio di Marsiglia
X Al medesimo

LIBER VII
LIBRO VII
I AdGogonem
II Ad eundem de cena I AGogone
III Adeundem II Al medesimo, su una cena
IV Adeundem III Al medesimo
,v De Bodegisilo duce IV Al medesimo
VI De Palatina uxore eius V Sul duca Bodegisilo
VII De Lupo duce VI Su Palatina, sua moglie
VIII Adeundem VII Sul duca Lupo
IX Item ad eundem VIII Al medesimo
wX Ad Magnulfmn IX Ancora al medesimo
XI Adlovinum X A Maguulfo
XII Adeundem XI A Giovino
XIII AdFelicem XII Al medesimo
XIV De Mummoleno XIII A Felice
"xv De Berulfo camite XIV Su Mummoleno
XVI De Condane domestico xv Sul conte Berulfo
XVII Ad Gundovarium XVI Sul domestico Condane
XVIII AdFlavum XVII A Gonduario
XIX Item ad Flavnm et Evodium XVIII A Flavo
XIX Ancora a Flavo ed Evodio
I02 CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI 103

w xx Ad Sigimundum · xx A Sigimondo
XXI Ad Sigimundum et Alagisilum XXI A Sigimondo e Alagisilo
XXII Ad Bosonem referendarium XXII Al referendario Bosone
XXIII AdPaternum XXIII A Paterno
XXIV Versus in gavatis XXIV Versi su scodelle (4)

LIBER VIII LIBRO VIII

'I I Ad diversos ex nomine suo I A diverse persone, a proprio nome


II De itinere suo II Sul proprio viaggio
I
III De virginitate III Sulla verginità
IV Ad virgines IV Alle vergini
,v Ad domnam Radegundem V
VI
Alla regina Radegonda
VI Ad eandem de violis Alla medesima) su alcune violette
VII Ad eandem de floribus super altare VII Alla medesima, sui fiori collocati sull'altare
VIII Ad eandem pro floribus transmissis VIII Alla medesima, per un invio di fiori
IX Ad eandem cum se reclauderet IX Alla medesima, durante la sua clausura
wX Ad eandem cum rediret X Alla medesima, quando fece ritorno
XI Ad Gregorium episcopwn pro infirmitate sua XI A Gregorio, vescovo, per la propria malattia
,,i.I I
XII Ad eundem pro causa abbatissae XII Al medesimo, in difesa della badessa
XIII Ad eundem ex nomine Iustinae XIII Al medesimo, a nome di Giustina
XIV Ad eundem salutatoria XIV Al medesimo, biglietto di saluto
"xv Ad eundem de eadem re xv Al medesimo, sullo stesso argomento
XVI Ad eundem de re qua supra XVI Al medesimo, sul!' argomento di cui sopra
XVII Ad eundem de ipsa re XVII Al medesimo, sullo stesso argomento
XVIII Ad eundem de eadem re XVIII Al medesimo, sullo stesso argomento
XIX Ad eundem pro villa praestita XIX Al medesimo, per aver messo a disposizione una te-
Precatoria pro ipsa re nuta
'°xx Ad eundem pro pellibus xx Lettera di supplica per la medesima questione
: I'
;J'
XXI
·,I; XXI Al medesimo, per le pelli
'1'.1,
I., -1 ''
I pf• I
'I: LIBERIX
11' ',; LIBRO IX
:1:1 Ad Chilpericum regem in conventu episcoporum
1. • .

ii1 I I
'I· I II Ad Chilpericum et Fredegundem reginam I Al re Chilperico, in occasione del sinodo dei vescovi
III Item ad eosdem II A Chilperico e alla regina Fredegonda
IV Epitaphium Chlodoberti III Ancora ai medesimi
,v Epitaphium Dagoberti IV Epitaffio di Clodoberto
'J VI Ad Gregorium episcopum pro metris saphicis V Epitaffio di Dagoberto
VII Ad eundem in ipso metro VI A Gregorio) vescovo, a proposito dei versi saffici
VIII Ad Baudovaldum episcopum VII Al medesimo, in quel metro
IX Ad Sidonium episcopum VIII A Baudoaldo, vescovo
IX A Sidonio, vescovo

(4) In questo catalogo manca il carme 7, 2~, h:1diri~zato al C<?mes Ga~atto­


rio. Esso infatti è posteriore al 585, ed è stato qumd1 agg1unto al libro VII m un dse~ondo mo1nento (cf, l'Introduzione, p. 55). Si ha così la prova che questo catalogo
ei titoli è più antico di tutti i n1anoscritti conservati.
CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI
104

rn X Ad Ragnimodum episcopum X A Ragnemodo, vescovo


XI Ad Droctoveum abbatem XI A Drottoveo, abate
XII Ad Faramodum referendarium XII Al referendario F aramodo
XIII Ad Lupum et Vualdonem diaconum XIII A Lupo e Gualdone, diaconi
XIV De basilica sancti Laurenti XIV Sulla basilica di San Lorenzo
De domo lignea xv Su una casa in legno
"xv Ad Chrodinum ducem XVI Al duca Crodino
XVI

LIBERX LIBRO X

I Expositio orationis dominicae I Spiegazione della preghiera del Signore


'i' II Ad Salutarem virum inlustrem II A Salutare, uomo illustre
'' III Item alia IiI Ancora un'altra
IV Item alia IV Ancora un'altra
,v De oratorio artannensi V Sul!' oratorio di Artanne
VI De ecclesia toronica VI Sulla cattedrale di Tours
1,.1
VII De Childeberto rege et Brunichilde et natale VII Sul re Childeberto e Brunichilde e sulla festa di san
sancti Martini pontificis toronici Martino, vescovo di Tours
VIII Ad eosdem in laude VIII In lode dei medesimi
rn IX De navigio suo IX Sul proprio viaggio in battello
I,
X De oratorio artannensi X Sull'oratorio di Artauue
,, ',I
XI Versus in mensa in villa sancti Mattini ante di~ XI Versi recitati a tavola nella tenuta di San Martino, da-
I i' scriptores vanti agli esattori del fisco
XII Pro puella a iudicibus capta. Ad Gregorium epi- XII Per una giovinetta arrestata dai giudici. A Gregorio,
!, ,'
' scopum vescovo
I '11
'I
XIII Ad episcopos in cominendatione peregrini XIII Ai vescovi, per raccomandare tUl forestiero
XIV De Platone episcopo XIV Su Platone, vescovo
'I'
I,"
'
xv Ad Armentariam matrem domni Gregorii episcopi xv Ad Armentaria, madre del signore Gregorio, vescovo.
:1:i :·;
XVI Pro comitatu eius. Sigoaldo XVI A Sigoaldo, per la sua nomina a conte
w XVII Ad Sigoaldum comitem quod pauperes pro rege XVII Al conte Sigoaldo, per aver distribuito cibo ai poveri
paveret a nome del re
,I,· XVIII De prandio defensoris XVIII Sulla colazione del difensore
XIX Ad Galactorium comitem XIX Al conte Galattorio

LIBERXI LIBRO XI

I De expositione symbuli I Spiegazione del Simbolo


II Item aliud ad domnam Radegundem II Ancora un altro alla regina Radegonda
III Item aliud ad eandem de natalicio abbatissae III Ancora un altro alla medesima, sull'anniversario del·
IV Item aliud ad eandem ut vinum bibat la badessa
,v Item aliud ad abbatissam de natali suo IV Ancora un altro alla medesima, perché beva del vino
I Item aliud ad eandem V Ancora un altro alla badessa, sul suo anniversario
VI
VII Item ad eandem VI Ancora un altro alla medesima
VIII Item ad eandem VII Ancora alla medesima
IX Item ad eandem pro eulogiis transmissis VIII Ancora alla medesima
IX Ancora alla medesima per un invio di cibarie
106 CARMINA, CAPITULA LIBRI PRIMI CARMI, CAPITOLI DEI LIBRI 107

w X Item aliud ad eandem X Ancora un altro alla medesima


XI Item aliud de floribus XI Ancora un altro sui fiori
XII Item aliud pro eulogiis XII Ancora un altro per le cibarie
XIII Item aliud pro castaneis XIII Ancora un altro per le castagne
XIV Item aliud pro lacte XIV Ancora un altro per il latte
"xv Item aliud pro lacte xv Ancora un altro per il latte
XVI Item aliud pro prandio XVI Ancora un altro per una colazione
XVII Item aliud pro munere suo XVII Ancora un altro per un proprio regalo
XVIII Item aliud pro prunellis XVIII Ancora un altro per le prugnette
XIX Pro aliis deliciis et lacte XIX Per altre leccornie e latte
• I ?.O XX Pro ovis et prunis xx Per le uova e le prugne
.I XXI Sulla propria assenza
'1 XXI De absentia sua
i XXII De convivio XXII Su un banchetto
XXIII Versus in convivio factos XXIII Versi improvvisati durante un banchetto
XXIV De munere suo XXIV Su un proprio regalo
:1:' !

"xxv Ad easdem de itinere suo xxv Alle medesime, sul proprio viaggio
XXVI De oratorio Apiliacinse XXVI Sull'oratorio di Apiliacum (5)

:!i
I

(5) Nei manoscritti questo carme non reca alcun titolo specifico, e, almeno nel-
la forma in cui lo leggiamo oggi, non contiene alcun riferimento a un oratorio. È
pertanto possibile che il presente catalogo sia stato una sorta di piano di raccolta
compilato da Venanzio in vista della pubblicazione dei carmi, al quale però l'esecu-
tore testamentario non abbia potuto dare piena attuazione non avendo trovato tutti i
carmi segnalati. In ogni caso, il toponilno Apilt'acum non è stato ancora identificato.

~-
VENANTI HONORI VENANZIO ONORIO
CLEMENTIANI FORTUNATI CLEMENZIANO FORTUNATO,
PRESBYTERI ITALICI SACERDOTE ITALIANO
LIBER PRIMUS INCIPIT FELICITER LIBRO PRIMO

l. AD VITALEM EPISCOPUM [RAVENNENSEM] 1. A VITALE, VESCOVO (1)

Antistes Domini, meritis in saecula vivens, Vescovo del Signore, tu che per i tuoi meriti vivrai nei secoli,
gaudia qui Christi de grege pastor habes, pastore che hai le gioie del gregge di Cristo; quando un'epoca lonta-
cum te Vitalem voluit vocitare vetustas, na (2) volle importi il nome di Vitale, essa sapeva che tu avresti meri-
noverat aeternum te meruisse diem. tato la luce eterna. Degno sacerdote, che rifulgi di spirito apostolico,
Dignus apostolica praefulgens mente sacerdos tu che.santamente innalzi templi così venerabili in onore di sant'An-
5
'r .' qui sacer Andreae tam pia tempia locas. drea. E invero giusto che segga nella basilica del Signore, in grazia
Quam bene pro meritis Domini consedit in aula dei suoi meriti, colui che ha fatto edificare una dimora degna di Dio.
per quem digna Dco est aedificata domus. Dal Signore hai acquisito la più alta dignità; a Lui innalzi alti edifici:
Sumpsisti a Domino culmen cui culmina condis, così tu rendi onore a chi ti ha conferito prestigio.
'° qui tibi digna dedit reddis honore vicem. La basilica risplende maestosa (3), rifinita con ornamenti di me-
Emicat aula potens solido perfecta metallo, t,allo massiccio; ll il giorno dura continuo, senza dar spazio alla notte.
quo sine nocte manet continuata dies. E il luogo stesso, nella sua luce ininterrotta, a invocare Dio, perché en-
Invitai locus ipse Deum sub luce perenni, tri amorevole con passo tranquillo nella propria dimora.
gressibus ut placidis intret amando lares. Tu che dai alle genti luoghi ove possano sempre adorare Dio, fai
" Qui loca das populis Dominum quo semper adorent, di te stesso (4) il mezzo attraverso cui esse conseguano il perdono. Il
ut capiant veniam te facis esse viam. favore, il sentimento, l'animo, la lealtà, la benevolenza del popolo, il
Gratia, mens, animus, bonitas, dilectio plebis tuo rango e la tua devozione hanno fatto di te un padre. La tua pro-
·,,· et gradus et pietas te dedit esse patrem. sperità dà prova di sé: rendendo piena la gioia ha chiamato uomini
Prosperitas se vestra probat quae gaudia supplens ragguardevoli al compimento del tuo voto. Qui il duca reca lo splen-
20
intulit egregios ad tua vota viros. dore delle armi, lì il prefetto quello delle leggi (5): sono giunti coloro
Dux nitet bine armis, praefectus legibus illinc, la cui presenza rende di solito ancor più solenni le festività. Perché
venerunt per quos crescere festa solent.

trimenti sconosciuto vescovo ortodosso inviato da H.avenna a Pola (si ricordi quanto
'·. 1, 11. SEDUL. carm. pasch. 1, 269: emicat aula tholis; cf. VEN. FORT. carm. detto nell'Introduzione generale sulla posizione di Venanzio nella questione tricapi-
l, 4, 1; 1, 9, 19; INSCR. christ. Diehl 1784, 1: aula dei claris radiat speciosa metal- tolina). L'aggettivo sarà forse stato introdotto da uno scriba che equivocò un appun-
lis. - 18. CE 1371, 12: hic dedit esse patrem. to, risalente allo stesso Ve11anzio, sul luogo di composizione del carme: Ravennae,
interpretato come fosse la sede episcopale di Vitale. Ma si può pure pensare che
(1) Il carme risale agli anni giovanili di Venanzio, pri1na della sua parten- l'aggiunta sia stata fatta da qualcuno che fosse a conoscenza del fatto che il carme
za dall'Italia. L'aggettivo Ravennensem, presente in molti manoscritti ma assen- fosse stato composto in Italia nonché della formazione ravennate di Venanzio: da
te nel catalogo dei carmi, deve essere espunto, perché nella lista dei vescovi ra- questi due dati operò l'errata identificazione.
vennati non risulta alcun Vitalis. L'identificazione più attendibile è ancora (2) Vetustas sta per veteres, ovvero i genitori di Vitale; che gli imposero tale
quella formula:a da.KOEBNER, Vena~tius F?rtunatus, 125: questo Vitalis sareb- nome al momento del battesimo.
be il vescovo d1 Altinum nella Venetta nomrnato da PAUL. DIAC. Lang. 2, 4, che (3) Esordio caratteristico dello stile epigrafico. Cosl anche l'indpit di carm. l, 2
sarebbe stato il primo protetto1·e del giovane poeta. Recentemente M. REYDEL- e 1, 4.
LET Venance Fortunat. Poèmes, I, ad loc., ha proposto l'identificazione con il (4) Te è correzione operata da F. Leo per il tu della tradizione, sulla base di
ves~ovo Vitale di Milano, consacrato a Ravenna nel 552; pare invece che abbia carm. 1, 15, 62.
scru:se probabilità di cogliere nel giusto G. Cuscrro, Venanzio Fortunato e le (5) Il verso riflette la separazione dei poteri civile e militare introdotta dalla
chiese istriane. Problemi e ipotesi, "Atti e metnorie della Società istriana di ar- Prammatica Sanzione di Giustiniano nel 554. Il praefectus praetorio Italiae deteneva
cheologia e storia patria'', n.s., XXVI (1978), 207-225, che vede in Vitale un.al- il potere civile, giudiziado e finanziario, n1e11tre l'autol'ità 1nilitare era nelle mani del
CARMINA, L. I, I-II CARMI, L. I, 1·2 III
I, no
Ne tibi desit honor, populum Deus auxit opimum, non ti manchi l'onore, Dio ha accresciuto la prosperità del tuo popo-
qui vidit sensum hoc voluisse tuu~. lo: egli vide che ciò era quel che i tuoi sentimenti avevaoo auspicato.
,, Mysterium fidei conplevit vota ~et.enU. . Il mistero della fede ha adempiuto i tuoi voti e le tue preghiere,
F elix cui Dominus quae cupis ipsa vehit.1 Beato colui al quale il Signore elargisce ciò che desidera!
Plurima divino celebres sollemnia dono Possa tu, per grazia divina, celebrare moltissime solennità e feli-
atque Dei florens tempia locaodo colas. cemente (6) onorare Dio consacrando nuovi templi.

II. VERSUS DE TEMPLO DOMNI ANDREAE 2. VERSI SUL TEMPIO DI SANT'ANDHEA,


QUOD AEDIFICAVIT VITALIS EPISCOPUS [RAVENNENSIS] EDIFICATO DAL VESCOVO VITALE

Quisquis ad haec sancti concurris fonina templi, Chiunque sia tu, che giungi alla soglia di questo sacro tempio, se
si venias supplex, hic prece s':111.1is opem. vieni supplichevole, qui ricevi aiuto grazie alla preghiera. Questo edifi-
Quam sacer antistes Vitalis condid11 arcem, . cio è stato fondato dal venerato vescovo Vitale: in breve tempo è stato
culmine quae celso est tempere ducta brevi. elevato a un'altezza sublime. Egli ne pose le fondamenta, lo costrul, ne
Fundavit, struxit, dotavit, deinde dicavit curò l'arredo, infine lo dedicò e meritò di sciogliere il proprio voto di
et meruit templi solvere vota :u1. , edificare un tempio.
Quo veneranda pii requiescunt viscera Petn Qui riposaoo le venerabili reliquie di san Pietro: egli solo fu de-
qui meruit solus clave ligar~ polos: gno di legare i cieli con la sua chiave (7). Assieme a lui è custodito, in
Paulus apostolica simul hac retmetur m aula, questa basilica apostolica, Paolo: un tempo falso maestro, egli ora
rn seductor quondam qui modo doctor ovat. esulta tra i dottori della Chiesa. Saot' Andrea rivendica come propria
Haoc sacer Andreas propriam sibi ~indicai arcem questa rocca, ed egli la regge unitamente al suo santo fratello. Riempie
et cum fratte pio participata regit. questa sua dimora di un fuoco sereno Lorenzo, cui una sacra fiatnma
Haec sua tecta replet Laurentius igne se!eno, donò la luce di un giorno senza fine (8). Questa casa è gradita a Vitale:
cui pia fiamma dedit luce perenne diem. egli, sepolto vivo tra le sabbie, meritò di evitare la via della morte (9).
" Vitali domus ista placet qui vivus h~renis Sono questi i luoghi di Marrino, che coprì col suo mantello I' Altissi-
lii ' mo: perché non patisse più il freddo non esitò a spogliarsi (10). Ecco
.1 defossus meruit perdere morlls iter.
Sunt loca Mattini qui texit veste Tonaotem: il santuario di Vigilia, ucciso da zorica canaglia: egli desiderò morire,
,,i ::1; ne magis algeret, se spoliare dedit. . ma la morte si allontaoò ancor più da lui (li). Qui risiedono pure
, I
:1·;:1· Ecce Vigili arx est quem rustica. rnrba per~mit: Martirio e Sisinno, uniti dalla medesima origine, fede e salvezza.
!':r·: '" unde mori voluit mors magts tpsa fugit. Esprimono qui la loro potenza sant' Alessandro (12) e la beata Cecilia:
per i loro meriti una medesima corona li attende entrambi. Il buon ve-
,,, I:, Incolit haec pariter Marturius atque Sisennus,
quos genus atque fides et te~1~t una salus.
Sanctus Alexander felixque Cicilia pollent,
quos meritis omnes una corona manet. cf. carm. 8, 3, 167 e Mart. 4, 682. Per maggiori dettagli si veda G.D. GORDINI, Vitale
e Agricola, BS XII, 1969, 1225-1228.
(10) In due circostanze san Martino si spogliò dei propri abiti per darli a un
"
! I povero: dapprima ad Amiens donò la metà del suo mantello; in seguito, divenuto ve-
I, scovo di Tours, regalò la sua tunica. Venanzio altrove distingue bene i due episodi:
2, 1. INSCR. christ, Diehl 1756, 1: ingrederis quisquis radiantt's limt'na cf. carm, 10, 6, 103-106 e 107-116.
':1'1 I,:' templi. (11) Vigilio, vescovo di Trento alla fine del secolo IV, fu assassinato durante
un tumulto di pagani il 26 giugno di un anno attorno al 500: cf. I. ROGGER, Vigilt'o di
'I
?i
dux. Quest'ultimo sarà stato nel nos.tro caso il c;omanda~te una delle guarni- Trento, BS XII, 1969, 10.86-1088.
gioni incaricate di difendere la frontiera nor~ortentale. d Itaha. . .
i
(12) Sisinno diacono, Martirio lettore e Alessandro ostiario, martiri dell'Anau-
(6) Florens è correzione di F. Leo per d/lores dei manoscnttt. ni·a, l'odierna Val di Non in provincia di Trento, furono uccisi dai pagani il 29 mag-
(7) Simon Pietro. . . . gio 398: si veda I. RoGGER, St'sinio, Martirio e Alessandro, BS XIl, 1969, 1251-1253.
(8) San Lorenzo, diacono romano, fu arso vivo su una graticola. S1 veda S. Il resoconto della loro passione ci è conservato in due lettere del vescovo Vigilio
CARLETII Lorenzo BS Vlll, 1967, 108-121. . (edite da E. MENESTÀ, I martiri della Val di Non e la reazione pagana alla fine del IV
(9) \Titale fu ~artirizzato insietne al compagno Agricola a Bologna. Alcu- secolo [Pubblicazioni dell'Istituto di Scienze Religiose di Trento 9], Trento 1985,
ne sue reliquie gitmsero a Ravenna, dove nacque ben presto una leggenda c?e 159-164) e il loro culto è ricordato da Massimo di Torino (Serm. 105 e 106), san
ne fece il primo martire ravennate. A tale leggenda credette lo stesso Venanzto: Gaudenzio di Brescia (Tract. 17, 19) e sant'Agostino (Ept'st. 139, 2).
II2 CARMINA, L. I, II-IV CARMI, L. I, 2-4 UJ

" Haec bonus antistes, Vitale urguente, Iohannes scovo Giovanni (13), su richiesta di Vitale, ripose queste sacre reliquie
condidit egregio viscera sancta loco. in un luogo santo.
O nimium felix) aeternum in lumen iture, O felice assai, tu che t'incammini verso la luce eterna e la cui vita
cuius vita suo proficit ista Dea! rende onore al tuo Dio.

III. DE BASILICA DOMNI STEPHANI 3. SULLA BASILICA DI SANTO STEFANO

Gloria celsa pios Domini circumdat amicos Una nobile gloria riveste i devoti amici del Signol'e, il cui onore
quorum dijfuso vivit in orbe decus. vive diffuso (14) nel mondo intero. Questo martire patl per Cristo nel-
Pertulit hic martyr pro Christo orientis in axe: le regioni dell'Oriente: ed ecco, da beato, possiede templi in Occiden-
ecce sub occasu tempia beatus habet. te (15). Saldo per divina virtù, trionfante sulla mol'te, prese su di sé le
.'i I
Fundatus virtute Dei, de morte triumphans pietre, egli per cui soltanto Cristo era la Pietra.
I excepit lapides cui petra Christus erat 1. Crudele nazione giudaica, che credi di uccidere Stefano! Anche
Gens Iudaea ferox, Stephanum quem perdere credis, se muore nella carne, egli non può morire nel suo onore. Egli per i
etsi carne, tamen nescit honore mori. suoi meriti possiede la palma, tu per i tuoi delitti il castigo; egli ha sta-
Ille tenet palmam meritis, tu crimine poenam. bile dimora nel cielo, tu sprofondi sempre più nel baratro.
rn Possidet ille polos, tu magis ima petis. Palladio consacrò al levita questo sacro tempio (16): perciò egli
Haec sacra Palladius levitae tempia locavit otterrà una dimora imperitura (17).
unde sibi fiat non peritura domus.

4. SULLA BASILICA DI SAN MARTINO


I IV DE BASILICA SANCTI MARTIN!
"' Risplende la bella b~silica, portata sino a un'altezza venerabile,
Emicat aula decens venerando in culmine ducta, consacrata a Dio nel nome di san Martino.
nomine Martini sanctificataDeo. Nei meriti raccolti durante la sua vita risplende una fede così
Cui vitae merito fiducia tanta coruscat, profonda, che egli concede ai popoli tutto ciò che essi con pie pre-
ut populis tribuat quod pia vota rogant. ghiere richiedono. Fausto, vescovo dal cuore devoto, innalzò questo
' Extulit hanc Faustus, devoto corde sacerdos, tempio: ha restituito così al suo Signore gli abbondanti doni che gli
reddidit et Domino prospera dona suo. erano stati concessi (18).

(14) Diffuso è correzione di F. Leo per de/uso o defusio della tradizione.


(15) Santo Stefano, primo martire lapidato dai Giudei (cf. At 7, 59). Il suo cul-
to pervenne in Occidente attraverso l'Africa, e raggiunse la Gallia; cf. GREG. TUR
Frane. 1, 31, in cui si affer1na che reliquie del protomartire erano custodite nella cat-
tedrale di Bourges.
(16) Palladio, vescovo di Saintes, assisté ai concili di Parigi (573) e Macon
(585): cf. L. DUCHESNE, Fastes épt'scopaux de l'ancienne Gaule, II, Paris 1911, 74 no-
,, I
27. VERG. Aen. 6, 680: superumque ad lumen ituras.
ta 8. Levita, termine con cui nell'Antico Testamento sono designati i ininistri del
culto nel tempio di Gerusalemme, presso i Cristiani divenne sinonimo di diacono.
3, 5. PAUL. NoL. carm. 15, 360: de morte triumphans. (17) Gli editori preferiscono unde sibi fiat, attestato in tre soli 1nanoscritti, a
unde sibt' sciat presente nel resto della tradizione. Da segnalare la lezione di Ch.
1 Cf. 1 Cor. 10, 4. Brower: extet ut inde st'bt', forse risalente a un manoscritto oggi perduto. S. BLOM-
GREN, In Venantù' Fortunati' carmt'na adnotationes novae, "Eranos", LXIX (1971),
(13) Personaggio di difficile identificazione. Cuscrro, Venanzio Fortu- 104-150, 104ss., è incline ad accettare sciat, ma alternativamente propone di correg-
nato, 223 nota 35, suppone si tratti di un vescovo suffraganeo di Ravenna, ma è gere in unde st'bi sua stat.
ancora una volta un'ipotesi che presuppone l'allineamento del poeta sulle posi- (18) Il riferimento è verosimilmente a Fausto vescovo di Auch, morto nel 585.
zioni cattolico-imperiali (si veda la nota 1). Cf. GREG. TUR. Frane. 8, 22.

.....u.
j
II4 CARMINA, L. I, V-VI CAruvi:I, L. I, 5-6 u5

I V. IN CELLULA SANCTI MARTIN! UB! PAUPEREM VEST!Vff. 5. NELLA CELLETTA DI SAN MARTINO, DOVE EGLI RIVESTÌ UN POVERO.
I ROGANTE G!IBGORIO EPISCOPO Su RICHIESTA DI GREGORIO, VESCOVO (19)

Qui celerare paras, iter huc deflecte, viator: Viandante, che ti appresti ad affrettare il passo, volgi di qua il tuo
hic locus orantem cautius ire docet. cammmo: questo luogo invita chi prega a procedere più lentamente. È
Exul enim terris, caeli incola, saepe solebat qui infatti che san Martino, abitante del cielo esule in terra era solito
clausus Martinus bine aperite polos. spesso, ritirandovisi, aprire gli spazi del cielo. '
, Aede sub hac habitans, heremi secreta tenebat, Egli, dimorando in questo edificio, osservava la clausura dell' ere-
per medios populos anachorita potens. mo, potente anacoreta in mezzo ai popoli (20). Qui egli, spogliatosi,
Hic se nudato tunica vestivi! egenum: copri co~ Ja sua vest~ un bisognoso: mentre copriva chi pativa il fred-
dum tegit algentem, plns calet ipse fide. do, era p1u ardente d1 fede. Allora egli, vescovo, si rivestì di una tunica
Tum vili tunica vestitur et ipse sacerdos di s~arso valore e la più alta fra le dignità si mostrò con un povero ri-
processitque inopi tegmine sumn1us honor. vestimento.
'" Qui tamen altaris sacra dum mysteria tractat, Tuttavia egli, mentre trattava i santi misteri dell'altare nel fare i se-
signando calicem, signa beata dedit. ' gni di croce sul calice manifestò i segni della sua santità.' Infatti, dalla
i Namque viri sacro de vertice fiamma refulsit sacra testa dell'uomo sfavillò una fiamma e un globo di fuoco si elevò,
I ignis et innocui surgit ad astra globus senza causare danno, verso il cielo. Perché la inano non subisse torto
15 ac brevibus manicis, fieret ne iniuria dextrae, dalle brevi maniche della veste, delle pietre preziose gli rivestirono la
texerunt gemmae qua caro nuda fuit: peli? .do.v'essa era scoperta, Le braccia scintillanb dello splendore delle
brachia nobilium lapidum fulgore coruscant nobili pietre e al posto della tunica vi era un bello smeraldo (21).
inque loco tunicae pulchra zmaragdus erat. Assai vantaggi~so è lo scambio: egli veste un bisognoso e, al posto
Quam bene mercatur qui dum vestivi! egenum, del!~ tu.111ca,. mm P.Ietra preziosa ricopre le sue braccia! TI) pure che
I :, ~
1··, '° tegmine pro tunicae brachia gemma tegit! abiti ne1 cieli, Martino, nostro intercessore reca a Dio parole pie in fa-
,, Tu qnoque qui caelis habitas, Mattine precator, vore di Fortunato. '
I'
] pro Fortunato fer pia verba Deo.
Fine. A Gregorio.
i
Explicit. Ad Gregorium O caro e pio sacerdote, nel!' obbedire alle tue richieste mi è più
Imperiis parere tuis, pie care sacerdos gradito il volere che il potere. '
I
quantum posse valet, plus mihi velie placet.
·"I
6. SULLA BASILICA DI SAN MARTINO
'li,> VI. DE BASILICA SANCTI MARTIN!
... 1··' Chi br~a di es.sere associato ai beati nella dimora eterna guada-
]i
I
Qui cupit aeterna sociari in sede beatis, W'". la loro 111tercess10~~ per mezzo di devote preghiere e non tollera
,, !i
hos sibi participes per pia vota facit di rimandare a lungo c10 che deve essere fatto, poiché considera come
'
nec patitur differre diu quod oportet agendo, un propr10 guadagno i doni che ha dato. Leonzio (22) dunque ha fon-
'
li ! cum bona quae dederit haec sua lucra putet.
i
, Condidit ergo arvis delubra Leontius alma, come didascalia di una pittura. La celletta era adiacente alla cattedrale di Tours e il
! sa~to vi si ~acc<;iglieva prima delle celebrazioni. Cf. SULP. SEV, dia!. 2, 1. All'epo~a in
I c?1 Greg?r10 d1ye.nne yescovo, essa era l'unica parte agibile della cattedrale, andata
I 5, 13. VERG. Aen. 2, 682: ecce levis summa de vertice visus Iult' I fundere lu- distiut~a 111 ?-D tncend10. nt;J 558, e costituiva pertanto una delle principali mete di
! men apex. - 23. LUCAN. 1, 372: iussa sequi tam passe miht' quam velie necesse est. pellegrtnagg10. ~u veros1md1nente per questo motivo che Gregorio commissionò il
carme a Venanzio; cf, B. BRENNAN, 'Bei'ng Martin': Saint and Successor in Sixth-Cen-
(19) Sul carme si veda H. DELEHAYE, Une inscription de Fortuna! sur saint tury Tours, "TheJournal ofReligious History", XXI (1997), 121-135, 132.
Martin (1, 5), in lD., Mélanges d'hagiographie grecque et latine (Subsidia hagio* (2.0) Anche dopo la sua elezione episcopale, san Martino non rinunciò alla vita
graphica 42), Bruxelles 1966, 204-211 [già in AA.Vv., Mélanges Camille de Bar- 1no.nastica: cf. SULP. SEV. Mart. 10, lss.
man, Liège 1919, 19-26], nonché PIETRI, La vztle, 363 e 825. Il Delehaye osser- (21) Venai:zio pone in stretta l'elazione due episodi distinti della vita del santo,
va che il titolo tramandatoci nei 1nanoscritti è corretto, e non vi è bisogno di cf. SULP. SEV. dia/, 2, 1 e 3, 10. Del resto il poeta li 1nantenne distinti in Mart 3
correggerlo in in cellulam, come volle F. Leo. Il carme infatti non è un omaggio 55ss. e 4, 305ss, · '
alla celletta, ma dovette essere proprio inciso al suo interno, presumibihnente (22) Su Leo.nzio II vescovo di Bordeaux si veda la nota 44.
n6 CARMINA, L. I, VI-VII CARMI, L. I, 6-7

talibus officiis intret ut ipse polos. dato nei campi un sacro tempio, per ascendere in cielo a compenso di
Martini meritis et nomine fulta coruscant, tale servigio.
quem certum est terris signa dedisse poli. Esso rifulge, sostenuto dai meriti e dal nome di Martino, che cer-
Qui leprae maculas medicata per oscula purgans tamente ha dato in terra segni del cielo. Egli, guarendo con baci mira-
pacis ab amplexu morbida bella tulit. colosi le macchie della lebbra vinse la guerra contro la malattia con
Haec tamen ingenio sunt aedificata perito, abbracci di pace (23 ). Questo tempio è stato innalzato da un ingegno
quo nihil egregius gloria laudis eget. esperto: la gloria dei meriti del santo non desidera nulla di più alto (24).
Additur ad specimen locus ipse quod eminet arvis A questo splendore si aggiunge il luogo stesso, che si eleva sui campi e
elatoque iugo colle tumente patet. si estende sul!' alta cima di una collina rigonfia. Col dorso sviluppato
15 Altius educto sub se tenet omnia dorso verso lalto tiene tutto sotto di sé e, da qualunque parte si distenda lo
et quacumque petit, deliciosa videt. sguardo, la vista è deliziosa. Appare vicino al nostro occhio se arrivia ..
A longe adveniens oculo vicinus habetur, mo da lontano; si congiunge allo sguardo quando è ancora distante
iungitur aspectn dissociante loco. nello spazio.
Quo fessus rapitur visu invitante viator: Da questa allettante visione lo staoco viaodante è rapito: vi si ac-
'" si pede defecerit, lumine tractus adit. costa attratto dalla luce se il piede lo abbandona (25). Placidina (26)
Quae Placidina sacris ornavit culmina velis decorò le altezze della basilica con sacri veli: allo stesso tempo, in reci-
certantesque simul hic facit, illa colit. proca emulazione, egli costruisce, ella abbellisce.

VII. IN HONOIIBM BASILICAE SANCTI MARTIN! 7. IN ONORE DELLA BASILICA DI SAN MARTINO,
QUAM AEDIFICAVERUNT BASILIUS ET BAUDEGUNDIS EDIFICATA DA BASILIO (27) E DA BAUDEGONDA

Discite, mortales, tetris nihil esse quod obstet, Sappiate, o mortali, che nulla resiste alla terra quando i sacri tem-
cum sacra tempia Dei flumine fixa manent. pli di Dio stanno saldi su un fiume. Poiché la montagna si opponeva a
Pulchra per angustos ut surgeret aula meatusi che una bella basilica s'innalzasse tra terre strette e tortuose, fu l'ac-
etsi mons vetuit, praebuit unda locum. qua a offrire il luogo. Perché l'onda corrente fosse a servizio della divi-
, Ut famularetur domui vaga lympha supernae, na dimora una tecnica nuova irreggimentò in un percorso le acque an-
cursibus antiquas ars nova subdit aquas. tiche. Ivi Basilio, in piena concordia con Baudegonda, restituisce que-
Cum Baudegunde quo mente Basilius una sto manufatto allo stato originale rinnovandolo, e lo amplia.
hoc renovans priscum reddit et auget opus. Così, Martino, la tua gloria, ovunque celebrata, merita che nessun
Sic, Martine, tuus honor amplus ubique meretur luogo rifiuti di risonare di feste in tuo onore. Pacato da questi omaggi,
ut loca nulla negent, quo tibi festa sonent. o vescovo magnifico, rendi benigno un compenso a coloro dei quali
Talibus officiis pacatus, opime sacerdos, vedi le opere votive.
i1· quorum vota vides, redde benigne uicem.

(25) Secondo M. VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Les mOnuments religieux de la


Caule d'après /es ceuvres de Gregoire de Tours, Lille 1976, 55, l'edificio descritto da
Venanzio corrisponde al San Martino di Mont-Judalque nella città di Bordeaux
tnenzionato in GH.EG. TuR. Mart. 3, 50, Al contrario, per A. LoMBARD-}OURDAN, D~
nouveau sur les ort'gines chrétiennes de Part's. Une relecture de Fortunat, "Paris et Ile-
6, 13. Ov. Pont. 3, 1, 19: emine! arvis. - 14. LUCAN. 4, 11: colle tumet mo- de-France", XXXII (1981), 125-160, 146, dato che il tniracolo, cui Venanzio allude
dico ... solum . . 15. LUCAN. 2, 428: longior educto qua surgit in aera dorso I Gal- ai vv. 9-1 O, secondo Sulpicio Severo si sarebbe verificato a Parigi, la basilica si trove-
lica rura videt devexasque excipit Alpes. . rebbe in questa città, nella zona orientale dd Mons martyrum (Montmartre).
7, 3, INSCR. christ. Diehl 1765, 4: ut sacrae surgeret aula domus. (26) Su Placidina, 1noglie di Leonzio Il, si veda la nota 49.
(27) Per Basilio si ri1nanda all'epitaffio composto dallo stesso Venanzio, carm.
(23) Per l'episodio cl. SULP. SEV. Mari. 18, 3. 4, 18. Secondo il MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 74 Basilio e Baudegonda dimora-
(24) Si noterà il comparativo analogico egregius in luogo del classico ma- vano a Poitiers; la basilica poteva corrispondere a St-Martin-la-Rivière, presso
gis egregie. Mo1themer.
CARMINA, L. I, VIII-IX CARMI, L. I, 8-9
n8

VIII. DE BASILICA SANCTI VINCENTI ULTRA GARONNAM 8. SULLA BASILICA DI SAN VINCENZO OLTRE LA GARONNA (28)

Tempore vita brevis meritis fit longior almis La vita, breve nella sua durata, diviene più lunga per i meriti delle
angustosque dies tendit honore fides. buone opere e la fede con la sua gloria rende lunghe le brevi giornate.
Post finem sine fine manet mens dedita Christo: I:anima devota a Cristo, dopo la fine, vive senza fine: lascia il consor-
linquens turbam hominum stat sodata Deo. zio degli uomini, ma gode della compagnia di Dio. Sorretto da questa
Hac ope suffultus Vincentius extat in aevum, risorsa, Vincenzo vive per l'eternità e la gloria magnifica del suo marti-
i gloria martyrii cuius opima viret, rio fiorisce. Col taglio della sua testa egli strappò la vittoria alla morte
vertice succiso rapuit qui ex morte triumphum 2 e, nuova creatura, dalla terra vola verso il cielo. Il nemico, credendo di
et nova de tetris proles ad astra volat 3. dargli la morte, diede al santo gloria, ed è piuttosto l'assassino a giace-
Credidit unde necem, sancta dedit hostis honorem re in una morte perpetua. Sarebbe stato un guadagno per quel misero,
percussorque magis morte perenne iacet. se non fosse riuscito a decapitarlo: infatti, privandolo della testa gli ha
assicurato il cielo. Leonzio (29), adempiendo i pii voti frutto di ~n rin-
10

Vicerat ille miser, bune si iugulare nequisset.


Nam abstulit unde caput, contulit inde polum. novato amore per il santo, provvide di una copertura di stagno il luo-
Huius amore novo pia vota Leontius explens, go ove le sue sante membra riposano.
quo sacra 1ne1nbra iacent, stagnea tecta dedit. E sebbene il venerabile tempio risplenda dei meriti del santo
" Et licet eniteat meritis venerabile templum, nondimeno egli vi aggiunse un ornamento proprio. In premio di ciò'.
attamen ornatum pracbuit iste suum. lunga salute accompagni l'artefice, in modo che le sante altezze brilli-
Praemia succedant operanti longa salutis, no della sua devozione.
huius ut obsequiis culmina sancta micent.
9. ANCORA SULLA BASILICA DI SAN VINCENZO A VERNÈMllTE (30)
IX. ITEM DE BASILICA SANCTI VINCENTI VERNEMETIS
La fama di questo servo del Signore si è diffusa in tutto il mondo
Cttltoris Domini toto sonus exiit orbe e non esiste luogo ove la sua gloria sublime non si manifesti; ma è giu-
nec locus est ubi se gloria celsa neget4, sto che ovunque s'innalzino templi a quest'uomo, la cui lode sappia-
' sed cuius meritum scimus percurrere mundum, mo che percorre il mondo intero.
!''
huius ubique viri surgere tempia decet. Ecco, risplendono le sante altezze in onore del beato Vincenzo,
I[
5 Ecce beata nitent Vincenti culmina summi, che grazie al martirio sublto abita gli astri del cielo. Ardente di santo
'! zelo, il vescovo Leonzio le ha solidan1ente costruite, un tempo, in un
munere martyrii qui colit astra poli,
promptus amore pio quae papa Leontius olim luogo privilegiato. I: antichità volle dargli il nome di Vernèmete, che in
condidit eximio consolidata loco. lingua celtica significa a un dipresso "grande santuario" (31). Era la
i,':
,, Nomine Vernen1etis voluit vocitare vetustas,
quod quasi fanum ingens gallica lingua refert.
giennes. Actes desjournées de Poitiers 1952, Paris 1953, 127-134, che vede nel santo
celebrato san Vincenzo di Agen, martirizzato a Reonemetum (Vernemetum, si veda il
canne seguente), il cui corpo fu poi trasportato a Pompeiacum: cf. P. VIARD, Vincen-
2 Cf. 1 Cor. 15, 55. 3 Cf. 2 Cor. 5, 17; Gal. 6, 15; Eph. 4, 24. zo di Agen, BS XII, 1969, 1135-1138. In entrambi i luoghi sorse una basilica dedica-
' ~ I 4 Cf. Ps. 18, 51 Rom. 10, 18. ?i
t~ al santo: quella Pompeiacum fu saccheggiata dai Visigoti nel 507, 1nentre quella
di Vernemetum esisteva ancora nel 585. La DE MAILLÉ, basandosi sull'item del titolo
8, 1. HOR. carm. 1, 4, 15: vitae summa brevis. - 3. SEDUL. carm. p~sch. 2,
di carm. l, 9, sostiene che Venanzio abbia dedicato entrambi i carmi alla medesima
66: imperium sinefine manet. - 15. Ov. rem. 549; Pont. 3, 3, 91: venerabile tem-
basilica, laddove DE GAIFFIER, verosimilmente a ragione, riferisce questo carme alla
pium. basilica di Pompeiacum e il seguente, giusta il titolo, a quella di Vernemetum. Le ca-
9, 5. CE 1808, 2: culmina quod nitent sanctaque altaria cernis. - 7. VERG.
r~tteristi~he topografiche su. ~ui ~enanzio ci raggua~lia sembrano. infatti alquanto
Aen. 5, 296: amore pt'o. differenti. Ancora, per la basilica di carm. l, 9 Venanzio parla genericamente dei mi-
(28) Il san Vincenzo celebrato in questo carme e nel seguente è stato racoli del santo, laddove in carm. l, 8, 14 si afferma che nella basilica sono conserva-
identificato da A. marquise DE MAILLÉ, Recherches sur !es ~rigi~es chrétienn.es te le ossa del martire.
de Bordeaux, Paris 1959, 90, in san Vrncenzo da Saragozza, il cu1 culto era dif- (29) Per Leonzio II vescovo di Bordeaux, si veda la nota 44.
fuso in Gallia: cf. T. MoRAL, Vincenzo di Sarago.zza, BS XII, 1969, 1149-1155. (30) Si veda la nota 28.
Più verisimile sembra però l'ipotesi di B. DE GAIFF1ER n'HES'fROY, Les de~x (31) Ver- è un prefisso intensivo; per nemetum cf. il latino nemus «bosco sa-
poèmes de Fortunat en l'honneur de sai'nt Vt'ncent, in AA.Vv. Etudes mérovtn- cro", l'irlandese nemed "santuario" e il gallico veµtj'l:oV, attestato in toponimi quali
120 CARMINA, L. IX-XI 121

Auspicii praemissa fides erat aree futura, previa garanzia del presagio secondo cui su quel!' altura in futuro sa-
ut modo celsa domus staret honore Dei. rebbe sorta un'alta basilica in onore di Dio. Qui poi il santo, sostenuto
Hic etiam sanctus, Don1ini suffultus amore, dal!' amore di Dio, diede segni stupefacenti della potenza che gli veni-
virtutis summae signa tremenda dedit. va dall'alto. Infatti, quando il presule dedicò il tempio di Dio secondo
" Nam cum tempia Dei praesul de more dicavit, le prescrizioni, all'arrivo del martire l'ira del den1onio fuggl (32). Un
martyris adventu daemonis ira fugit. uomo affetto da una grave malattia ritorna in salute: laver visto la
Redditur incolomis quidam de peste maligna, chiesa del santo fu per lui la medicina.
cui vidisse pii tempia medella fuit. Il tempio maestoso rifulge, pieno di quella serenità che viene da
Emicat aula potens divino piena sereno, Dio, sicché a ragione Dio si compiace di dimorarvi. Ora, grazie alla
I . ut merito placeat hic habitare Dea. suadente bellezza del luogo e alla fama del miracolo, richiamano qui i
Nunc specie suadente loci ac virtutis honore, popoli da una parte lo splendore, dall'altra la salvezza.
I evoca! hic populos hinc decus, inde salns. Il fondatore di questa rocca veneranda che infiamma d'amore il

Qui plebem accendit venerandae conditor arcis, popolo raccoglierà giusto premio per i suoi buoni uffici.
talibus officiis praemia iusta mete! .
. : '' 10. Su SAN NAZARIO (33)
X. DE DOMNO NAZARIO
Brillano le altezze venerande del glorioso Nazario: la terra rac-
Culmina conspicui radiant veneranda Nazari chiude le sue membra, la sua anima possiede il cielo. Di stirpe terrena,
cuius membra solum, spiritus astra tenet ma estraneo ai bisogni terreni, ricchezza- immortale, eppure uomo na-
se1nine terrigeno terrenis usibus exsors, to dalla polvere: non ebbe desideri carnali, ma aspirò ai tesori di Cri-
inmortale bonum, pulvere natus homo, sto, per il proprio sangue vittima degna al cospetto di Dio.
nil carnale volens, sed Christi praemia poscens, Il santo Leonzio ri offre devotamente questo tempio e desidera
sanguine de proprio victima digna Dea. che questa sua dimora superi la precedente. Precedentemente era sta-
Haec tibi tempia sacer devota Leontius offert ta qui edificata, in uno spazio limitato, una struttura in cui neppure al-
maioremque suam hinc cupit esse domum. lora poteva essere accolto tutto il popolo dei devoti. Dopo averla de-
Hic prius angusto fabricata est machina gyro, molita egli l'ha novamente edificata dalle fondamenta e ampliata, per
quo neque tunc poterat plebs veneranda capi poi farne gradito dono.
deiectamque solo rursus fundavit ab imo
et dedit haec quae nunc amplificata placent.
11. SULLA BASILICA DI SAN DIONIGI (34)

Xl. DE BASILICA DOMNI DIONISII Se vuoi sapere chi abbia costrùito questo tempio perfetto, non la-
scerò che desideri cosl pii restino insoddisfatti.
Qui cupis egregii structorem nascere templi,
tam pia non patiar vota latere tibi.
(32) Venanzio allude all'ingresso solenne delle reliquie del martire, recate ve-
rosimilmente dal vescovo Leonzio I di Bordeaux (d. olim al v. 7) all'atto della fon-
dazione della basilica.
(3 3) Martirizzato a Milano insieme al compagno Celso, le sue ossa furono sco-
11. STAT. Theb. 6, 936: venturi promissafides. - 14. SEDUL. carm. pasch. 3, 2: vir-
perte da sant'Ambrogio nel 395. Già l'anno seguente alcune sue reliquie raggiunsero
tutis documenta dedit; CLAUD. 23, 10: inferret ... signa tremenda. - 16. ARATOR la Gallia; cf. A. AMORE, Nazario e Celso, BS IX, 1967, 780-784. Secondo la DE MAIL-
act. 2, 656:.daemonis ira. - 23. VERG. Aen. 8, 313: Romanae conditor arcis. LÉ, Recherches, 91, l'oratorio celebrato da Venanzio, che doveva avere forma circola-
re in guisa di torre, poté trovarsi in corrispondenza dell'attuale villaggio di Saint-Na-
Nemetodurum, Medionemetum: il senso originario doveva essere "radura ove si zaire ptesso Sainte-Foy, nel dipartimento della Gironda.
celebra un culto". Cf. A. ERNOUT - A. MEILLET, Dictionnaire étymologique de la (34) La menzione di Leonzio al v. 9 ha fatto sempre pensare che la basilica si
langue latine. Histoire des mots, Paris 1959\ 4?7,_ s.v. nemus,,nonché ~er mag- trovasse a Bordeaux o nelle vicinanze; suscitava però difficoltà la menzione dell'altri-
giori dettagli M. ZICÀRI, Nemetum e Verne1net1s tn. Lucano e tn. Ve~anzto Fortu- ruenti sconosciuto vescovo Amelio al v. 5. Ultimainente LOMBARD-JOURDAN, Du
nato, in AA.VV., Classica!, Mediaeval and Renatssance Studtes tn Honor o/ nouveau, 125-160, ha invece avanzato l'ipotesi ch'essa si trovasse a Parigi, poiché un
Berthold Louis U/lman, I, Roma 1964, 205-215. Amelio resse quella diocesi tra il 533 e il 541: la basilica in questione sarebbe Saint-
CARMINA, L. I, XI-XII CARMI, L. I, 11-12 123
122

Longius hinc olim sacra cum delubra fuissent Poiché anticamente il sacro tempio era molto lontano da qui e il
et plebs ob spatium saepe timeret iter, popolo spesso temeva la lunghezza del viaggio, il vescovo Amelio do-
, exiguam dederat hic praesul Amelius arcem, nò una piccola cappella, uno spazio che non poteva contenere il popo-
christicolam populum nec capiente loco. lo dei fedeli. Dopo che ebbe concluso la propria vita, il luogo con la
Quo vitae claudente diem dehinc prole graduque costruzione passò ali' erede per stirpe e per dignità. Il vescovo Leonzio
iI pose le fondamenta di questo pio edificio, offrendo un magnifico do-
'
venit ad heredem hoc opus atque locus
fundavitque piam hanc papa Leontius aulam, no al suo Signore.
10 obtulit et Domino splendida dona suo. Il venerabile Dionigi lo ha per sua dimora: esso risplende, reso
Quam venerandus habet propriam Dionisius aedem, santo dal suo nome. Egli, ardente di fede e rinsaldato dall'amore per
nomine sub cuius sanctificata nitet. Cristo, offrl, adagiando la testa, il proprio collo alla decapitazione (35).
Qui fervente fide Christi solidatus amore, Egli disprezzava le sue membra, poiché desiderava la corona e consi-
vertice subposito colla secanda dedit. derava come nulla tutto ciò che avesse a soffrire per amor di Dio. Per-
15 Membrorum conten1ptor erat cupiendo coronam, ché la sua carne mortale acquisisse un dono immortale egli amò le fe-
vile putans quicquid ferret amore Dei. rite1 che tuttavia non recarono con sé la vera morte. Egli 1facendosi in-
Ut moritura caro donum inmortale pararet, contro alla spada nemica, conquistò per sé il cielo: per il fatto di aver
vulnera dilexit, sed caritura nece. voluto morire ebbe la salvezza bramata.
Hostili occurrens gladio se misit Olimpo: Il vescovo non demolì la piccola cappella prima di condurre a
,,I termine quest'opera, che ora è frequentata con gioia: egli con assiduità
unde mori voluit, vota salutis habet.
Nec angusta prius subtraxit fana sacerdos, celebrava i riti nel tempietto antico finché non avesse conveniente-
;·,i haec nisi perficeret quae modo culta placent, mente consolidato ledificio che ne avrebbe preso il posto.
adsidue in prisco peragens cerimonia templo,
donec rite sequens consolidasset opus.
12. SULLA BASILICA DI SAN BIBIANO (36)

XII. DE BASILICA SANCTI BIBIANJ Il tempio del vescovo Bibiano, degno di lui, sfavilla: ivi la fede
esaudisce i voti di chi chiede ciò che è giusto. Il vescovo Eusebio (3 7)
Digna sacerdotis Bibiani tempia coruscant, fondò un tempo con grande solennità questa chiesa, tuttavia fu rapito
quo si iusta petis, dat pia vota fides. al mondo prima di poterla terminare. Gli succedette per breve tempo
Quae praesul fundavit ovans Eusebius olim, nel santuario, come vescovo, Emerio (38), ma rinunciò al compito di
ne tamen expleret raptus ab orbe fuit. terminare la costruzione. Egli pregò te, vescovo Leonzio, di seguire i
, Cui mox Emerius successit in aree sacerdos lavori: il tuo zelo pastorale si prodiga nella realizzazione di quel voto.
'1 sed coeptum ut strueret, ferre recusat onus. Un tale splendore riservò espressamente a te la propria cura e nes-
•1,
Qui precibus commisit opus tibi, papa Leonti, sun altro, all'infuori di te, avrebbe potuto consacrare questi luoghi san-
.,,,' cuius ad hoc votu1n iugiter instat amor.
I"I
I''.1. ''.i Ultra tale decus tibi se servavit agendum
10 nec nisi tu fue~as qui loca sacra dares.
poté presenziare alla ceri1nonia anche da vescovo di Parigi, tanto più che egli era im-
parentato con la famiglia dei Paolini, da cui provenivano i due Leonzio (cf. v. 7).
(35) Cf. carm. 8, 3, 159. Sulla vita del santo si rimanda a C. DE CLERCQ - P.
BURCHI, Dionigi~ Rustico ed Eleuterio, BS N, 1964, 650-653.
(36) Vescovo di Saintes alla metà del sec.V: cf. H. CLAUDE, Bt'biano dt' Sat'ntes,
'i: BS III, 1963, 181-182. La basilica descritta da Venanzio, che custodiva la sepoltura
11, 6. Ov. Pont. 4, 4, 42: o/ftcium populi vix capiente domo. - 14. CE 1335, del santo, verisiinilmente è la stessa ricordata da GREG. TUR. glor. con/ 57, e si tro-
12: colla secata dedit. vava in un sobborgo a settentrione di Saintes, cf. VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Lesmo-
12, 8. ARATORact. 1, 147: mentibus instat amor. numents, 284ss.
(37) Eusebio vescovo di Saintes partecipò ai sinodi di Orléans del 533 e del
549: cf. DUCHESNE, Fastes épùcopaux, II, 73,
Denis du Pas, che si ergeva fino al 1813 sulla sponda orientale dell'isola della (38) Emerio fu designato vescovo di Saintes ·da Clotario I e successivamente
Cité. Tuttavia la collocazione del carme nell'ambito di una serie dedicata ai mo" deposto da un sinodo provinciale presieduto da Leonzio II, per il fatto che la sua
numenti religiosi della Francia sudoccidentale, e non all'interno del ciclo pari- designazione non era confanne ai canoni. In seguito Cariberto impose il suo reinse-
gino nel II libro, induce a pensare che la basilica si trovasse a Bordeaux. Amelio diamento: cf. GREG. TUR. Frane. 4, 26.
124 CARMINA, L. 11 XII-XIII CARMI, L. I, 12-1.3 125

O meritum iusti mansurum in luce perenni, ti. Permarrà nella luce perenne il merito del giusto grazie al quale i sa-
per quem se cupiunt tempia verenda coli! cri templi desiderano essere venerati. Una copertura d'argento sovrasta
II ~
Sacra sepulchra tegunt Bibiani argentea tecta, il santo sepolcro di Bibiano: l'ha offerta Placidina, associandosi (39) al-
unianimis tecum quae Placidina dedit. le tue intenzioni.
" Quo super effusum rutilaus intermicat aurum L'oro colato sulla superficie brilla rosseggiando e il puro metallo
et spargunt radios pura metalla suos. rimanda i suoi raggi. I pannelli, lavorati da un ingegno innovatore,
Iugenio perfecta novo tabulata coruscant rilucono e crederesti che l'artista abbia infuso la vita alle bestie fero-
artificemque putas hic animasse feras. ci (40).
Sed cui vos animo donaria tanta dedistis, Colui al quale avete offerto di cuore un tempio cosl eccelso con-
w hic agat ut vobis stet diuturna salus. ceda a voi vita e salute durevoli.
Nec dubitent qui digna ferunt sibi magna rependi, Non dubitino di ottenere grandi benefici, quanti fanno degne of-
dum quoque pro parvis reddat opima Deus 5. ferte, dacché Dio rende abbondanti grazie anche per i piccoli doni.

,jl: XIII. DE BASILICA SANCTI EUTROPIS 13. SULLA BASILICA DI SANT'EUTROPIO (41)
':·1
'!·, Quantus amor Domini maneat tibi, papa Leonti, Quanto grande è lamore che il Signore ti riserva, vescovo Leon-
quem sibi iam sancti tempia novare monent! zio, te che i santi già ora invitano a rinnovare i loro templi!
Eutropitis enim venerandi antistitis aula Infatti la basilica del venerando vescovo Eutropio era crollata,
conruerat senio dilacerata suo, consumata dalla sua vecchiaia: le pareti ormai prive dell'intonaco esi-
, nudatosque trabes paries vacuatus habebat, bivano le nude travi, non per il peso della copertura, ma per lazione
pondere non tecti, sed male pressus aquis. dannosa delle acque (42). Una notte, mentre un sonno leggero aveva
Nocte sopore levi cuidam vei1iente ministro colto un sacerdote, Eutropio gli predice che tu saresti stato il suo re-
instauratore1n te docet esse suum. stauratore.
Pro mercede tui meruit magis ille moneti. Fu soprattutto grazie alle tue dori che egli meritò di ricevere que-
·, ,, w O felix de quo fit pia cura Deo ! sto awertimento. O fortunato colui che riceve la pia attenzione di Dio!
Nunc meliore via viruit renovata vetustas Ora l'antica struttura rinnovata si è consolidata in modo migliore
', i1·:11i et lassae fabricae flos redivivus adit. e ledificio segnato dagli anni torna a fiorire a nuova vita. L'età aumen-
! ['1 ' I '

'' Aetas accessit, sed haec iuvenescit honore, ta, ma esso ringiovanisce con le devote cure: col diventare più vecchio
"i'ii
''
~ i
unde senes fieret, iunior inde redit.
" Hic scalptae camerae decus interrasile pendit:
ritorna più giovane. Da questa parte sta sospeso un soffitto decorosa-
mente scolpito e intagliato: i giuochi affidati solitamente alla pittura li
quos pictura solet, ligna dedere iocos. fornisce qui il legno. La parete ha assunto immagini che imitano delle
i,. Sumpsit imagineas paries simulando figuras: figure: prima mancava pure la copertura, ora brillano nuove pitture.
quae neque tecta prius, haec modo picta nitent. Costui fu il primo vescovo della città di Saintes e a buon diritto
Urbis Santonicae primus fuit iste sacerdos, attribui il primo rango a te, in cni ora egli rivive. Ora che il santo pos-
'.I
11: '° et tibi qui reparas iure priora dedit. siede, in quieta dimora, il suo tempio, ricompensa con benevolenza
I :'1: Cum sua tempia tenet sanctus habitando quiete, colui che lo ha restaurato.
i ; '
l ·,il instauratori reddit amore vicem.
1:1.
ii' ': Saintes, inviato in Gallia alla fine del sec. I da papa Clemente I e morto 1nartire. La
I'
''
5 Cl. Mt 25, 21.
sua figura cadde dimenticata fino a quando il vescovo Palladio (priina attestazione nel
15. CLAUD. rapt. Pros. 1, 184: rutilum squamis intermt'cat aurum. - 21. CLAUD. 573) fece edificare .una. ba~ilica, nella quale furono traslate le reliquie del santo: cf. J.
15, 258: magna rependit. HoussAIN, Butropto dt Satntes, BS V, 1964, 345-347. DUCHESNE, Fastes épiscopaux,
II, 1~8 nota 1, identifica la basilica di cui parla Gregorio con questa celebrata da Ve-
(39) L'aggettivo uniant'mis è qui tetrasillabo. nanzio. La ricostruzione più attendibile della vicenda è della VIEILLARD-T'ROIÉKOU-
(40) Venanzio descrive una sorta di ciborio posto al di sopra della sepol- ROFF, Les monuments, 282ss, secondo cui la basilica fu costruita da Leonzio II· in se-
tura, chiamato dagli agiografi mausoleum, memoria o arca: cf. L. e C. lJrETRI, in guito Palladio riuni le ossa di sant'Eutropio e le sistemò al suo interno. Nel 1843, sot-
AA.VV., De Tertullt'en aux Mozarabes. Mélanges offertes à Jacques Fontat'ne, I, to l'abside dell'attuale basilica romanica costruita dai clW1iacensi nel 1096 fu ritrova-
Paris 1992, 54, ta una tomba di pietra con inciso il no1ne: EUTROPIUS, risalente al sec. VI. '
(41) Secondo GREG, TUR. glor. mart. 55, Eutropio fu il primo vescovo di (42) Cioè per l'u1nidità infiltrata nelle pareti.
CARMINA, L. I, XIV-XV CARMI, L. I, 14-15 127
126

XN. DE CALICE LEONTI EPISCOPI 14. SUL CALICE DEL VESCOVOLEONZIO (43)

Summus in aree Dei pia dona Leontius offert Il più alto in grado nella Chiesa di Dio, Leonzio, offre pii doni e
votis iuncta sacris et Placidina simul. assieme a lui Placidina, unendosi ai suoi sacri voti.
Felices quorum labor est altaribus actus, Beati coloro la cui cura è dedicata agli altari: recano beni che non
tempere qui parve non peritura ferunt. periranno in breve tempo.

XV. DE LEONTIO EPISCOPO 15. SUL VESCOVO LEONZIO (44)

i Inter quos genuit radians Aquitanicus axis, Tra quanti diede alla luce lo splendido cielo d'Aquitania, tu per i
: i
egregiis meritis culmina prima tenes. tuoi meriti straordinari occupi il grado più prestigioso. La tua alta po-
i
Civibus ex Gallis superemiuet alta potestas: testà sovrasta i cittadini delle Gallie: tu sei maggiore degli altri e nes-
tu potior reliquis et tibi nemo prior. sooo viene prima di te. Precedi 1nolti, non sei minore né secondo ri-
' Praecedis multos nulli minor atque secundus spetto ad alcuno, né alcun onore può conferirti altra gloria.
nec superest aliquid quod dare possit horror. Quando la tua giovinezza si rivestiva del suo primo fiore, eri pic-
Qui, cum se pritno vestivit flore iuventus, colo di anni ma vecchio per·serietà (45). Quando fosti assegnato assie-
parvus eras annis et gravitate senes. me al serenissimo sovrano (46) alle armate di Spagna, crebbe la prospe-
Versus ad hispanas acies cum rege sereno, ra palma del tuo servizio militare. Le tue prime prove furono apprezza-
w militiae crevit palma secunda tuae. te e divennero così celebri, che il rango che ora rivesti ti fu dovuto per i
Cuius primitiae tanto placuere relatu, tuoi meriti; né questa sublime dignità poteva esserti conferita immedia-
ut meritis esset debitus iste gradus, tamente, se prima il tuo operare non avesse degnamente meritato.
nec poterant subito tibi culmina celsa parari Autorevole per la tua nobiltà tu primeggi, vescovo Leonzio, illu-
haec, nisi digna tuum promeruisset opus. stre già dall'antichità, se si considerano gli antenati. Infatti la stirpe, gli
" Nobilitate potens praecellis, papa Leonti, antenati o qualunque cosa io riprenda dalla tua genealogia, è un'antica
clarus ab antiquis, si numerentur avi. schiatta che discende attraverso ragguardevoli maggiorenti. Il tempo
!' N am genus et proavi ve! quicquid in ordine dicam, scorre via, rimane tuttavia la sala degli antenati e la casa non subisce
per proceres celsos currit origo vetus. declino grazie a te che la rinnovi. La nobiltà non decadde durante lun-
Tempora diffugiunt et stat tamen aula parentum ghi anni: una discendenza illustre l'ha piuttosto innalzata ancor più.
20 nec patitur lapsum te reparante domus. Un'inclita progenie illuminò della sua luce i tuoi avi: il ceppo dei padri
Nobilitas longos non inclinavi! in annos, risplende del fulgore dell'erede. I: antichità si è rivestita di un fiore na-
cui magis ascensum proles opima dedit. to dalla sua stessa radice: a buon diritto l'onore della tua fama vi
1
:,, • i''I
I i' Inclita progenies ornavit luce priores: estende la sua ombra. Sebbene non vi sia oggi alcuno che possa starti
heredis radio splendet erigo patrum. al di sopra, tu precedi te stesso magnificando i tuoi padri. Rifulge l' al-
I:·
,!,'1'•' 25 De radice sua vestita est flore vetustas
to vertice spiegando nobili rami, a formare una palma quale si trova
I! !: quam merito vestrae laudis obumbrat horror. soltanto presso i re. ·
I 'I

Quamvis non aliquis potior modo possit haberi,


tu tibi praecedis amplificando patres.
Emicat altus apex generosa stemmata pandens, 1887, 51, i versi di Venanzio furono incisi su un calice donato da Leonzio e Placidi-
" cuius apud reges unica pahna patet. na a una basilica bordolese. Su Leonzio II di Bordeaux e Placidina si rima11da alle
note 44 e 49.
(44) Leonzio II (PLRE III, 774 n. 4), succeduto a Leonzio I sulla cattedra di
Bordeaux poco dopo il 549; cf. il suo epitaffio, composto dallo stesso Venanzio,
i !
carm. 4, 10, dal quale si evince che morì a 54 anni verso il 570. Per la sua figura qua-
14, 3. ARATOR act. 1, 552: sacris altaribus apti.
15, 7. \TERG. Aen. 8, 160: tum mihi prima genas vestibat flore t'uventa; le emerge dall'opera di Venanzio, si veda GEORGE, Venantt'us Fortunatus. A 'Latin
VEN. FORT. carm. 6, 1, 79. - 9. LucAN. 3, '454: versus ad Hispanas acies. - 15. Poet, 108-113; per una discussione del carine 70-74.
PAUL. PETRIC. Mart. 5, 197: nobilitate potens. - 17. Ov. met. 13, 140: nam genus (45) Sul topos del puer senex si rimanda a CURTIUS, Letteratura europea, 115-118.
(46) Childeberto I, che insieme al ftatello Clotario organizzò nel 531 una spe-
et proavos.
dizione in Ispagna, conclusasi con un insuccesso, cf. GREG. TUR. Frane. 3, 29. Leon-
(43) Secondo C. JuLLIAN, Inscri'ptions romat'nes de Bordeaux, II, Bordeaux zio all'epoca doveva avere tra i 15 e i 20 anni.
CARMINA, L. I, XV CARMI, L. I, 15 129

Ecclesiae nunc iura regis, venerande sacerdos: Ora tu governi lautorità della Chiesa, venerando vescovo: da co-
altera nobilitas additur inde tibi. desta tua mansione deriva una seconda nobiltà. Sebbene la mitra ve-
Pontificalis apex quamvis sit celsus in orbe, scovile sia tra le dignità più sublimi nel mondo, dopo che ti meritò,
postqua1n te 1neruit, crevit adeptus honor. lonore che hai conseguito si è accresciuto. I.: ovile di Dio e il pastore si
,, Aula Dei et pastor vicibus sibi praemia reddunt: scambiano vicendevolmente premi: tu donasti a esso splendore, esso a
illi tu ornatum, spem dedit illa tibi. te speranza.
Munere divino pariter floretis utrique: Per grazia divina ambedue egualmente prosperate: tu sei gradito
tu mercede places, illa decore nitet. per i tuoi servigi, esso risplende della sua bellezza. Tu sei il tredicesi-
Tertius a decimo huic urbi antistes haberis, mo vescovo di questa città, ma sarai considerato il primo per meriti,
40 sed primus 1neritis enumerandus eris. Hai ricondotto alle altezze originarie lantico teanpio di Dio che ora,
Tempia vetusta Dei revocasti in culmine prisco migliorato dopo la rovina, riesce gradito. Fuggita la vecchiaia, risplen-
postque suum lapsum nunc meliora placent. de del fiore della gioventù e nella sua bellezza manifesta il suo favore a
Flore iuventutis senio fugiente coruscant te, grazie a cui fiorisce rinnovato.
et tibi laeta favent, quo renovante virent. Perché tu facessi di più, incendi ne arsero il tetto e ora esso ri-
11•·
45 Ut tu plus ageres, incendia tecta cremarunt splende più bello a tua lode: non risentl danno alcuno dalla distruzio-
et nunc laude tua pulchrius illa micant ne che consuma con le fiamme e ora, dopo il fuoco, risplende pieno di li
'1,,;]
nullaque flammicremae senserunt damna ruinae luce. Credo che abbia voluto spontaneamente incendiarsi, in modo
che la tua opera gli conferisse questo più insigne aspetto. '"'
quae modo post ignes lumine piena nitent.
Credo quod ex sese voluissent ipsa cremati Allo stesso modo anche la Fenice si rinnova sempre da vecchia, do- i'
,,1
'" ut labor ille tuus haec meliora daret. po essersi dissolta in polvere e cenere leggera. Fu restaurata anche laula ; 11
Post cineres consumpta suos tenuesque favillas per il santo battesimo, ove un'unica fonte lava lantica macchia (47). ''
sic solet et Phoenix se renovare senes. Ecco, tu hai posto le fondamenta del sacro tempio della beata
Instaurata etiam sacri est baptis1natis aula, Maria, dove la notte, vinta, fugge e permane sempre il giorno. La basi-
quo maculas veteres fons lavat unus aquis. lica, che risplende ricolma di luce, è stata fatta a imitazione di Maria:
,, Ecce beata sacrae fondasti tempia Mariae, ella, come appunto questa, teneva la luce chiusa nel proprio seno.
nox ubi vieta fugit semper habendo diem. I tuoi templi, o vescovo, non brillano soltanto qui, ma dovunque.
Lumine piena micans imitata est aula Mariam: Tra le altre lo dimostra la città di Saintes, che acclama a te. Tu, che do-
illa utero lucem clausit et ista diem. ni ai popoli luoghi dove possano continuamente pregare Cristo, fai di
Nec solum hic sed ubique micant tua templa, sacerdos. te stesso la via dalla quale arriva loro la salvezza. La cattedrale s'innal-
Inter quae plaudens Santonus illa docet. za possente con le sue cime svettanti e testimonia che il nuovo orna-
Qui loca das populis ubi Christum iugiter orent, mento che la rende gradita è opera tua. Hai fatto in modo che per tut-
unde salus veniat te facis esse via1n ti i cittadini l'accorrere qui fosse cosa bella e che una sola casa chiami
Ecclesiaeque domus crescente cacumine pallet a sé tutti coloro che dimorano in città. Hai abbellito la patria, a cui
et probat esse tuum quod modo culta placet. elargisci doni perenni: anche tu devi essere celebrato come lorgoglio
65 Fecisti ut libeat cunctos bue currere cives di Bordeaux. Quanto questa città tiene alto il capo sopra le altre, tanto
et domus una vocet quicquid in urbe manet. tu superi per il prestigio della dignità gli altri vescovi.
Ornasti patriam cui dona perennia praestas, Come tutti i fiu1ni sono minori della Garonna, non diversamente
tu quoque dicendus burdegalense decus. ogni altra dignità è inferiore alla tua. Il Reno, che discende a briglie
Quantum inter reliquas caput haec super extulit urbes,
tantum pontifices vincis honore gradus.
Inferiora velut sunt flumina cuncta Garonnae,
non aliter vobis subiacet omnis apex.

(47) Venanzio ricorda tre grandi opere di edilizia cultuale realizzate da Leon-
.38. ARATOR act. 1, 63: hac potius mercede placent. - 47. 0.AUD. 18, 408: sense- la costruzione di una basilica dedicata al-
zio Il: il restauro del battistero (vv. 5.3-54),
runt damna rebellis. - 54. Plì.UD. perist. 8, 6: ac veteres maculas diluit amne novo. la Vergine (vv. 55-58), l'arricchimento della cattedrale (vv. 61-66). Ai vv. 59-60 ri-
- 69. VERG. ecl. 1, 24: verum haec tantum alias inter caput extulit urbis I quan- corda gli edifici di culto realizzati da Leonzio a Saintes, oggetto di celebrazione in
tum lenta solent inter vlburna cupressl; VEN. FORT. carm. 3, 7, 29. carm. 2, 12 e 13.
,_-,.
I

CARMINA, L. I, XV CARMI, L. I, 15

Rhenus ab Alpe means neque tantis spumai habenis, sciolte dalle Alpi, non spmneggia altrettanto e neppure è più forte il
fortior hadriacas nec Padus intrat aquas; Po quando s'immette nelle acque dell'Adriatico; le è invece compara-
,, Danuvius par est, quia longius egerit undas: bile il Danubio, perché spinge più lontano le sue onde. Io ho attraver-
haec ego transcendi, iudico nota mihi. sato questi fiumi, esprimo un parere su cose che conosco.
Muneribusque piis dotasti altaria Christi, Hai donato pie offerte agli altari di Cristo, poiché sono tuoi i sa·
cu1n tua vasa ferunt viscera sancta Dei. cri che accolgono le sacre membra di Dio. Infatti il Corpo e il Sangue,
Nam cruor et corpus, Domini libamina summii l'offerta immolata del sommo Signore, grazie ai tuoi doni si transu·
rite 1ninisterio, te tribuente, venit. stanziano nel sacrificio compiuto in osservanza al rito. O beato colui
O felix cuius ditat pia tempia facultas, che con i suoi mezzi arricchisce i santi templi, e più colui che accumu-
cui resista magis non peritura manet! la beni che mai periranno!
Non erugo teret mordaci dente talentum La ruggine, col suo dente corrosivo, non consumerà il talento, né
nec contra haec fures arma dolosa movent i ladri vi si avventeranno con armi ingannatrici. L'oggetto donato vive
s5 et data res vivit, facit et bene vivere dantem: e procura una vita beata al donatore: quando egli morirà in terra, sarà
cum moritur tetris, ducitur in de polis 6 . accompagnato al cielo. Chi possiede ha tutto ciò che in precedenza ha
Haec possessor habet quicquid transmiserit ante, fatto passare i11nanzi, tiene con sé soltanto ciò che fa passare avanti.
sola tenei secum quae prius ire facit. Tu avrai questi templi e questi vasi sacri, o vescovo, e ancora tutto il
Haec tibi tempia dabunt et vasa sacrata, sacerdos, rimanente che non posso enumerare. Possa tu per molto tempo rive-
90 et quicquid reliquum nec numerare queo. stire la somma autorità nella Chiesa e, godendo della pia ricompensa,
Ecclesiae culmen per tempora longa gubernes possa tu ovunque risplendere.
et mercede pia fructus ubique mices.
I: affetto m'induce a dire qualche cosa anche su Placidina, che un
Cogor amore etiam Placidinae pauca referre, tempo ti era moglie e ora è per te una cara sorella (48). Ella rifulge
quae tibi tunc coniux est 1nodo cara soror. della luce che promana da suo padre Arcadio, nel quale si perpetua la
,, Lumen ab Arcadio veniens genitore refulget, tua augusta progenie, Avito (49).
quo manet augustum germen, Avite, tuum. Costui resse su tutto il mondo il fastigio dell'Impero, di cui ancor
Imperii fastus toto qui rexit in orbe, oggi il prestigioso senato conserva le leggi. Se chiedi quale sia la più
·I: i! cuius adhuc pollens iura senatus habet. alta dignità nel genere umano, nulla può superare la schiatta dei Cesa·
Humani generis si culmina prima requiras, ri. Ma ella stessa supera la sua nobiltà per sensibilità e temperamento:
'' 100 semine caesareo nil superesse_potest. dalle sue parole stilla un dolce miele.
'

''1; Sed genus ipsa suum sensu moderan1ine vicit Cara, serena, elegante, capace, devota, mite, generosa: reca in sé
·, 11 i cuius ab eloquio dulcia mella fluunt, tutte le qualità, tutto ciò che rende una donna piacente e illustre. fil.
cara) serena, decens, sollers, pia, mitis, opima, splende per il suo portatnento, la sua indole, la fama dei suoi meriti; la
quae bona cuncta gerit quicquid honore placet. sua mente di gran valore è I' ornatnento del sesso femminile. Perché
105 Moribus, ingenio, meritorum luce coruscans dovrei dire con moltissime parole le tante qualità di cui ella è dotata,
ornavit sexum mens pretiosa suum. giacché poté, come sposa, rispondere alle tue aspettative? Possa Colei
Plurima cnr referam quantis sit praedita rebus alla quale voi avete offerto il tempio prolungarvi la vita e protegga con
qnae potuit votis nupta piacere tuis? la sua celsitudine la vostra magnificenza.
Augeat haec vobis vitam cui tempia dedistis
HO culminibusque suis culmina vestra tegat.

(48) Nella disciplina della Chiesa antica, quando ancora si tollerava che uomini
sposati ricevessero gli ordini sacri, d1i accedeva alla dignità episcopale doveva ab-
bandonare ogni relazione carnale con la 1noglie.
6 Cf. Mt. 6, 20. (49) Placidina (PLRE III, 1042) era figlia di Arcadio e nipote del vescovo di
Cler1nont-Ferrand Apollinare. Costui era a sua volta figlio di Sidonio Apollinare, an-
75. LUCAN. 3, 277: egerit undas. - 83. SIDON. carm. 4, 15: non ego m.~rdadfo­ ch'egli vescovo di Clermont~Ferrand e fecondo scrittore in prosa e poesia, nonché
diam modo dente .. 102. AusoN. 403, 18 p. 235: liquidi melfluat eloquu. genero dell'imperatore romano Avito (455-456).

j -
IJ2 CARMINA, L. I, XVI CARMI, L. I, 16 IJJ

XVI. VERSUS VEL I-IYMNUS DE LEONTIO EPISCOPO 16. VERSI, OVVERO INNO, SUL VESCOVO LEONZIO (50)

Agnoscat omne saeculum Ogni generazione riconosca


antistitem Leontium, che il vescovo Leonzio,
burdegalense praemium, gloria di Bordeaux,
dono superno redditum. pet grazia divina è stato restituito.

Bilinguis ore callido Un mendace ingannatore con lingua scaltra


crimen fovebat invidum, meditava un'odiosa calunnia:
ferens acerbum nuntium costui spargeva l'infausta notizia
bune iam sepulchro conditum. che egli era già composto nel sepolcro.

Celare se non pertulit Non poté tenersi nascosto


qui triste funus edidit: colui che sparse il triste nunzio del decesso:
etsi nocere desiit, anche se cessò di provocar danno
insana vota prodidit. palesò i suoi nefasti auspici.

Deceptus arte noxia Ingannato nella sua attività colpevole


cassata deflet crimina, piange sulle sue calunnie rimaste senza effetto,
dum quae putabat tristia mentre ciò che egli riteneva tristezza
' " conversa sunt in gaudia. si tramutò in gioia.

',!, Exempla saeva protulit Egli diede un esempio orribile


calcanda cuncto tempore, da condaru1are per l'eternità,
ut iam sibi conscriberet redigendo già decreti a suo nome,
decreta vivo antistite. mentre il vescovo era vivente.
'
';,,.'
Fucata res haec contigit Si verificò questa impostura
vitanda casto pectore, che è da fuggirsi da parte degli animi onesti:
!1' superstite ut praesumeret egli ha osato compiere, vivente il vescovo,
post fata quod vix debuit. ciò che a pena avrebbe potuto fare dopo che fos-
'·' .. 'li!
se morto.
i '
,',' Gravat sacerdos ordinem
'1: qui episcopatum sic petit. Il sacerdote cbe con tali mezzi aspira
1:'.. :.': Praecepta qui conplectitur alla dignità episcopale, infanga l'ordine;
·,i'' ;1
.il
fugit honoris ambitum. colui che obbedisce alle regole
rifugge l'ambizione e gli onori.
Hoc si cui sit debitum,
' coactus ascendat gradum, Se questa dignità è dovuta a qualcuno,
',,,: ' non se petente callide, vi acceda per altrui invito;
I
'I
sed dante Cbristi munere. non deve aspirarvi con l'astuzia,
:· ma riceverla quale dono di Cristo.

vi fu un tentativo di usurpazione della cattedra da parte di un sacerdote. Non vi so"


no motivi per considerare questo carme spurio, come ritiene la DE MAILLÉ, Recher·
(50) Inno abbecedario: ognuna delle 23 strofe di 4 versi si apre con una ches, 84. Cf. tra l'altro B. BRENNAN, The Image o/ the Merovingian Bishop in the Poe-
lettera dell'alfabeto, dalla A alla Z. Venanzio celebra il ritorno di Leonzio a try of Venantius Fortunatus, "Journal of Medieval History'', XVII (1992), 115-139,
Bordeaux: durante una sua assenza forse dovuta a una malattia (cf. vv, 87-88), 124.
CARMINA, L. I, XVI CARMI, L, I, 16 135
134

lneptus est quis ipse se Chi vuole porre se stesso a capo


praeferre vult ecclesiae 7. della Chiesa, non è adatto alla carica.
N am re1n sacratam sumere Infatti lassunzione di una dignità sacrale
" electio divina sit! deve avvenire per elezione divina.

Karus sacerdos ordinem L'amato vescovo Dario


Hilarius non ambiit, non perseguì gli onori;
Martinus illud effugit, Martino li rifuggl,
Gregorius vix sustulit. Gregorio a fatica li sopportò (51).
I

Leges refutant ambitum, Le leggi proscrivono l'ambizione,


I', Invasar omnis pellitur: ogni usurpatore è cacciato:
'
quod respuunt praetoria il misfatto che i tribunali condannano
vitet nefas ecclesia. pure la Chiesa fugga.

Maligna erant certamina Nacque acerba contesa


de sede non tamen sua. per una sede che non era loro.
Quae nec pati desidera! La mente malvagia non faccia
non inferat mens inproba. ciò che subire non desidera.

Nec longiore tempore Non rimangono per lungo tempo


50 versantur in hoc murmure: in questo stato di agitazione:
dum cogitant succedere, mentre pensano di succedergli
redit sacerdos qui fuit. il legittimo vescovo ritorna.

Orante plebe protenus, Mentre il popolo prega senza posa, j,


quando nessuno spera più, egli ricompare.
dum nemo credit, redditur.
Quae confluunt post tristia Sono queste le gioie più grandi, i'
il
maiora sunt haec gaudia. quelle che giungono dopo l'afflizione.
I
'. Plausu favebat civitas La cittadinanza dùnostrava applaudendo
1.,' ! ' cui redit felicitas. il suo favore per la ritrovata felicità.
Orbata quem defleverat Con trepidazione riaccoglie il padre
60 patrem recepit anxia. privata del quale aveva pianto.

Quem vix putabat redditum, A pena credeva che egli fosse restituito,
praeventa voto prospero. ma il felice evento la prevenne nei suoi voti.
Res mira quando cernitur, Quando si assiste a un fatto prodigioso
solet stupere visio. lo sguardo suole stupire.

Recolligit rector gregem Il capo raduna novamente il suo gregge


errore captum semitae. traviato lungo un falso sentiero.
Pastoris aree cognita, Le pecore ritrovano la gioia
gavisa sunt avilla. dopo aver riconosciuto la dimora del pastore.
il
ta Hil. ~' 12. ~an Martin~ vesc?,vo di Tours: .cf. SULP. SEV. Mart. 9. San Gregorio ve-
7 Cl. Heb. 5, 4. scoyo dt Naztanzo, che rinuncio alla sua carica nel corso del concilio di Costantino-
(51) Sant'Ilario vescovo di Poitiers (sec. N): cf. dello stesso Venanzio, vi- polr del 381.
136 CARMINA, L. I, XVI-XVII CARMI, L. I, 16-17 137
Swnpsit gradum quo tempore, Ritornò nel medesimo giorno
regressus est eo die. in cui un tempo assunse la carica:
Quis non superno munere chi potrebbe negare che ciò
hoc contigisse praedicet? sia accaduto per grazia dell'Altissimo?

Tantwn nec ante praemium Quando venne consacrato vescovo, il beneficio


plebi fuit, cum factus est, non fu altrettanto grande per il popolo
laetata quantum tunc fuit quanto fu quando questo si rallegrò nel momento
quando recepii praesulem. in cui accolse nuovan1ente il suo presule.

Venite, cives, plaudite Accorrete, o cittadini, applaudite


et vota votis addite. e accumulate ringraziamenti su ringraziamenti.
Quo facta sunt miracula Le potenze celesti conservino
servent eum caelestia. colui che fu oggetto di miracoli.

Xps sereno lwnine . . Cristo con la sua luce serena


circumvolet quem redd1d1t, circondi colui che ci ha restituito,
ut trina crescat gratia: perché cresca in triplice grazia:
mercede, vita, gloria. in opere, in vita, in gloria.

Ymnum canendo coucrepet Tutti coloro che non isdegnano Dio


quisquis Dea non invidet. ne facciano risonare le lodi cantando inni:
,, Laus. eius est qui praesulem lode a Colui che ritrasse
J
de n1ortis ore retrahit. il vescovo dalle fauci della morte.
Zelante fido pectore, Chi ha il cuore ardente di fede
tam vera dici non pudet. non ha vergogna a proclamare cose tanto vere.
Haec parva nobilissimo AI nobilissimo vescovo Leonzio
papae damus Leontio. io dono questa piccola opera.

XVII. AD PLACIDINAM 17. A PLACIDINA (52)

Munera parva nimis, pia, suscipe, quaeso, lib.enter Accetta di buon grado, te ne prego, o pia donna, questi doni an-
11'!
quae n1agis ipsa decens mun~s in orbe i:iicas. che troppo esigui, tu che risplendi nel mondo come un dono ben più
Fluctibus e mediis ut haec daret msula vob1s, grazioso.
oceanus tumidas murmure pressit aquas. Perché un'isola ti donasse queste cose tratte dai flutti, l'oceano ha
, Quae loca dum volui properans agnoscere ponti, c~ato il gonfi?re delle sue acque mugghianti. Mentre io con impa-
a borea veniens reppulit unda furens. zienza volevo riconoscere questi luoghi marini, un'onda llnpetuosa
"( Prosperitas ut vestra tamen se piena pr?baret, proveniente da settentrione mi respinse. i:
: obtulit in tetris quod peteretur aqu1s. Tuttavia, perché la tua prosperità desse piena prova di sé, mi of- I
ferse a terra ciò che avrei cercato nelle acque. r
i'·
'

(52) Il carme è stato fatto oggetto di varie interpretazioni delle quali la più at-
tendibile è quella data da M. REYDELLET, Venance Fortuna!.' Poèmes I ad !oc. n
16, 78. Ov. Pont. 4, 9, 72: vota, precor, vott's add#e... . ~oeta, partito p~r un'es~ursion: in barca, è stato sospinto dal vento su' w'i'isola; qui
17, 3. CLAUD. carm. min. 29, 53: fluctib~s in medtts. ~ 4. LUCAN .. 1, 370. a trovato degli oggettt e.iners1 dalle acque, verisimilmente delle conchiglie e ha
Oceani tumi'das remo compescut~ undas; Ov. eptst. 15, 168: corpore presszt aquas. pe.i1sato di farne 01naggio a Placidina. '
CARMINA, L. I, XVIII-XIX CARMI, L. I, 18-19 139
138

XVIII. DE BISSONNO, VILLA BURDEGALENSI 18. Su BESSON, TENUTA PHESSO BORDEAUX (53)

Est locus, aestifero quamvis sit tempore fervor, Vi è un luogo ove, anche quando regna la calura della stagione
quo viret assiduo flore refectus ager. estiva, il prato sempre verdeggia coperto di fiori. I campi rilucono di-
Respirant croceis depicta coloribus arva, pinti di sfumature gialle, l'erba, con le sue chiome odorose, sprigiona
flagrat odoriferis blandior herba comis. delicati aromi (54). Gli abitanti lo chiamano Besson, da un antico no-
, lncola Bissonnum vocat hunc de nomine prisco, me; la città di Bordeaux dista da qui sette miglia. Il proprietario ap-
milia septem urbs hinc burdegalensis abest. passionato costruì una dimora gradita e un portico equamente diviso
Qua possessor amans praetoria grata locavit, si sviluppa sotto le sue tre parti. I: antica struttura, minata dagli anni,
partibus atque tribus porticus aequa subit. era tracollata al suolo e l'aspetto, già dignitoso, aveva perso la sua bel-
Straverat ipsa solo senio rapiente vetustas. lezza.
Perdiderat vultum forma decora suum. . La cura di Leonzio richiama tutto ciò a miglior stato: grazie al suo
Haec meliore via revocai labor ille Leonti, mtervento nessun tracollo minaccia più gli edifici. Ora poi risorge più
quo praesente domos nulla ruina premit. , doviziosamente come una dimora sepolta e, ritornata in vita, plaude al
Nunc quoque prosperius velut aula sepulta resurgit suo restauratore. Nel frattempo egli riporta i nuovi bagni ali' antico
et favet auctori vivificata suo. splendore: comode vasche accolgono le persone spossate.
" Reddidit interea prisco nova balnea culto Si dice che gli abitatori di queste regioni desolate fossero nutri-
quo recreant fessos blanda lavacra viros. mento per i lupi: dopo aver cacciato da qui le bestie, Leonzio vi con-
Hic referunt nutrisse lupos deserta tenentes. dusse uomini.
Intulit hic homines, expulit unde feras.
19. Su VEllÈGINE, TENUTA PHESSO BORDEAUX (55)
XIX. DE VEHEGINIS, VILLA BURDEGALENSI
Verdeggia la ridente campagna sulle rive di Verègine, tra le fertili
Inter opima ferax qua volvitur unda Garonnae, zone percorse dall'acqua fecondatrice della Garonna. Qui una breve
Vereginis ripis vernat amoenus ager. salita guadagna il colle entro una modesta trincea e il viandante pren-
l'i
I' Hic brevis ascensus leni subit aggere clivum de il cammmo da un manufatto posto di traverso. Più alta della pianu-
''
! : carpi! et obliqua mole viator iter. ra che sovrasta, è tuttavia più bassa delle regioni montane: la sommità
, Altior a planis arvis minor eminet altis non è troppo bassa, ma non è neppure svettante. A mezza altezza sul
nec humilis nimium necve superbit apex. colle è situata una casa costruita con decoro: delle sue facciate una è a
Colle sedet medio domus aedificata decenter livello del terreno, laltra è a precipizio. [}alta struttura della casa pog-
cuius utrumque latus hinc iacet inde tumet. gia su un triplice arco, dove sono dipinte acque marine che crederesti
Machina celsa casae triplici suspenditur arcu scorrano. I: onda nascosta zampilla fuoriuscendo dal metallo puro e
rn quo pelagi pictas currere credis aquas. da una sorgente costantemente ricca di acque dolci. Il pastore disteso
Exilit unda latens vivo generata metallo nei pressi, si dà a banchetti e beve nel laghetto chiuso, ove n~otano i
dulcis et inriguo fonte perennis aquae. pesci.
Quo super accumbens celebrar convivia pastor
inclusoque lacu, pisce natante, bibit.
che. Si affermò pertanto il dominio bipartito: unà parte delle terre è coltivata diret-
tama;t~ dal proprietario, il resto è attribuito in usufrutto a coloni: questi tengono
per se d raccolto. ma sono tenuti a pagare un affitto e a prestare servizi al signore.
19, 2. lv[ART. 9, 55, 8: vernat ager. - 3. CLAUD. carm. min. 26, 11: alto colle S~ll'argom~nto-s1 veda R. LATOUCHE, Les ort'gz'nes de l'économz'e occidentale (IV'-Xle
minor, planis erectior arvis I conspù:uo clivus molliter orbe tumet. - 4. AVIAN. 4, stecle), Parts 1956, 71-105. Per la collocazione della villa celebrata si veda DE MAJL-
LÉ, Recherches, 85ss.: secondo la studiosa, essa sorgeva presso Cestas a sud di Bor-
4: carpebat solitum forte viator iter.
deaux, in un luogo chiainato ancor oggi Besson. '
(53) In età merovingica villa indica una grande proprietà rurale, i cui pro- (54) Per il topos del locus amoenus si rimanda a CURTIUS Letteratura euronea
219-223, , y ,
dotti erano per massima parte destinati a un lUlico signore, ecclesiastico o laico.
. (~5) Sec~ndo la DE MAILLÉ, Recherches) 87, la vt'!!a in questione poteva trovar-
Tale realtà incorporava con l'andar del tempo le piccole proprietà circostanti, i
cui titolari non erano più in grado di gestirle a causa delle difficoltà econo1ni- si nel sito dell attuale Baurech presso Bordeaux, sulla riva destra della Garonna.
''
CARMI, L. I, 19-21
CARMINA, L. I, XIX-XXI
140
Ora, g:azie al vescovo Leonzio, la casa sta per essere restaurata:
., Nunc renovanda venit papae mercede Leonti una volta rinnovata essa desidera averlo per lungo tempo quale suo
quem dominum longo tempore culta cupit.
padrone.

XX. DE PRAEMIACO, VILLA BUHDEGA1"ENSI


20. Su PREIGNAC, TENUTA PHESSO BOHDEAUX (56)
Quamvis instet iter retraharque volumine curae,
. Sebbene il viaggio incalzi e il vortice delle preoccupazioni me ne
ad te pauca ferens carmine flecto viam.
d1sto.lga, devloH mio cammino verso di te, recandoti poche parole in
Captus amore tui numquam memoranda tacebo,
poesia. Conquistato dall'affetto per te mai tacerò ciò che bisogna ri-
te neque praetereo praetereundo locum.
cordare, né ti tralascio mentre passo per questo luogo.
, Cui quae digna loquar? Si syllaba quarta recedat,
Quali ~os.e dire d~gne di questo posto? Se si toglie la quarta silla-
Praemiacum pollens, praemia nomen habes.
ba, o 1neravighoso Pre1gnac, si ottiene il sostantivo praemium.
Deliciis obsessus ager, viridantibus arvis, 'forritorio abbondante di delizie, di distese verdeggianti ove regna
et naturalis gratia ruris inest. la grazia naturale della campagna. Dove è stata costruita la casa un ri-
gonfiamento si eleva sulla pianura e il suo cocuzzolo domina d~ un'al-
Condita quo domus est, planus turnar exit in altum
10 nec satis elato vertice regnat apex. titudine non troppo elevata. A monte della tenuta si estende un decli-
Qua superincumbens locus est devexus in amnem.
vio che discende fino a un fiume: i prati fioriscono di erbe adornate di
Florea gemmato gramine prata virent.
gemme. Ogni volta che l'Euro sibilando giunge a lambirla lievemente
Leniter adpulsus quotiens insibilat eurus, l'erba on_deggia e fletten.dosi re.clina le_sue chiome. Da un'altra parte 1~
flexa supinatis fluctuat herba comis. spighe b1ondegg1ano nei campi e la vite ferace fa ombra alla terra ma-
., Hinc alia de parte seges flavescit aristis dre d.i vita. r; acqua della Gal'Onna non manca di innumerevoli pe~ci e,
pinguis et altricem palmes opaca! humum.
se nei campi scarseggiano le messi, le acque forniscono alimento in ab~
Piscibus innumeris non deficit unda Garonnae bondanza.
et si deiit agris fruges, abundat aquis.
Ques~i doni cosl doviziosi cercavano però te, o Leonzio: soltanto
Sed te quaerebant haec munera tanta, Leonti:
tu mancavi per donare la pienezza dei beni. Ora infatti che la bella te-
'" solus defueras qui bona piena dares. nuta e gli accoglienti bagni risplendono, essi ti hanno celebrato come
Nam quod pulchra domus, quod grata lavacra nitescunt,
loro restauratore. Pertanto, perché anche gli edifici che ancora devono
consolidatorem te cecinere suum. essere innalzati acquistino splendore, possa tu amministrare per lungo
Ut tamen adquirant adhuc fabricanda decorem,
tempo questi tuoi doni.
temporibus longis haec tua dona regas.

21. SUL FIUME GEHS (57)


'I; XXI. DE EGIHCIO FLUMINE
i Laus tibi forte minor fuerat, generose Garonna,
L~ tua fama, o nobile Garonna, forse sarebbe meno grande se un
! si non exiguas alter haberet aquas.
altl'O fmme non avesse una portata d'acqua minore. Poiché qui il Gers
scorre con un~ quantità d'acqua ridotta, a una fonte povera si preferi~
Lubricat hic quoniam tenuato Egircius haustu,
scono le tue ncchezze. Inoltre, se qualcuno li confronta nella loro dif-
praefert divitias paupere fonte tuas.
ferenza, dove quello diventa un ruscello, penso che tu diventi un Nilo.
, Denique dissimilem si conparet ullus utrumque,
. ' Esso, al tuo servizio, si getta nelle tue acque ma la tua autorità lo
i! hic ubi fit rivus, tu, puto, Nilus eris. doma; tu scorri come l'Eufrate delle Gallie; quello resta nascosto. Di
;I
Te famulans intrat, sed hunc tua regna refrenant:
gallicus Eufrates tu fluis, iste late!.
. (56) La villa si trovava nella località di Preignac, presso Bordeaux sulla riva si-
nistra della Garonna: cf. DE MAILLÉ, Recherches, 87. '
. (57) Af~uente di sinistra della Garonna. Il vivo senso della natura caratteristi-
co dt .V.enanz10, trova s~esso 1~ sua migliore espressione, co1ne in questo'carme, nella
20, 13. Ov. met. 15, 603: uhi trux insibilat Eurus. - 15, CLAUJ?. rapt. P~os. descrizione del paesag~10 fluviale e della vita entro le acque; sull'argomento si veda
1, 188: flavescit aristis; VERG. ecl. 4, 28. - 16. VERG. Aen. 6, 195: ptnguem dtves DELLA CORTE, Venanzio Fortunato, 13 7 -147.
opacat I ramus humum.
I

CARMI, L, I, 21 143
CARMINA, L. I, XXI
142
quanto infatti tu incrementi l'oceano con i tuoi flutti abbondanti, di
Nain quantum oceanum tumidis tu cursibus auges, tanto quello fa crescere le tue acque. Soprattutto quando la torrida
iste tuas tantum crescere praestat aquas. estate opprime le terre e il campo langue triste sulla terra assetata,
io Torrida praesertim curo terris incubat aestas
quando il sole solca il terreno coi suoi raggi cocenti e la canicola
ac sitiente solo, tristis anhelat ager, squarcia le zolle con il suo flammeo vomere, il Gers scorrendo fiacca-
Titan radiis ferventibus exarat arva mente a stento sviluppa le onde inaridite e palpita in agonia insieme al
cumet calar ignifero vomer~ findit humurd,
" languidus arentes fugiens .vix .explkat
et cum pisce suo palp1tat ipse srmu .
'ì° as
pesce che esso ospita. Questo, dopo che il fiume si è ritirato, lambisce
la sabbia essiccata e si aggira tra le acque, esule nel proprio ambiente.
Le acque si addentrano nel limo, il fiume svanisce e, lì dov'era un cor-
Flumine subducto, vacuatas lamb1t har~nas, so impetuoso, la terra diviene sterile. Quando è disseccato vengono
sedibus in propriis exul ob.errat aq':'is. meno tutti i sollievi della frescura e, secondo il suo nome, langue arido
.'i In limo migrante lacu consu~1tur amms e desolato. Il viaggiatore che percorre il suo cammino non trova da
'° terraque fit sterilis quo fuu unda rapax. dissetarsi: come potrebbe ristorare gli altri se esso stesso è assetato?
D fi iunt usto solacia cuncta rigoris, Se offri a esso dell'acqua, il fiume desidera che gli sia versata - se
e ~omine curo proprio tristi~ et ae.ger eget. può ancora dirsi un fiume, visto che è l'uomo a rifornirlo di acqua!
Forte viator iter gradiens !'~~ i?vemt~~ustus. La ruota che avanza imprime la sua traccia sulle sabbie fluviali:
Unde alias recreet qu1. siut ir~e s1 !. questo solco convoglia le acque dal suolo. Se tu giungi battendo a ca-
" Se cupit infondi fluvius, s1 pomgd1s uf nda\ I vallo la via sotto il segno del cancro, solo a pena lo zoccolo dell'anima-
si tamen est fluvius quem ma -e actat omo. le, piantato sul fondo, è immerso nell'acqua. Vedemmo un piccolo pe-
Gurgitis inpressas labens. rot~ s!gnat harenas sce sbucare dalle sabbie: trattenuto dalla melma, si aggirava sulla terra
atque resudantes orbita s1sut aquas. . come un naufrago. Non vi è né fiume né campo né terra né acqua:
Si venias equitando viam sub temp~re cai;cri, nessuno può arare questi ambienti inospitali per i pesci. Una rana,
'° vix tamen insidens ungula mergit equi. nuotando solitaria nella palude, emette gracidii lamentosi: una volta
Vidimus exiguum de limo surgere piscem allontanati i pesci, è un forestiero a regnare sulle acque. Se per caso
qui retinente luto, naufragus errat humo. da una pioggia sottile discende dalle nubi, a pena piove sulla terra che
Nec fl~vius nec campus adest nec terra nec un . questo fiume s'ingrossa minaccioso.
Piscibus inhabilem nullus arare potest. Da una piccola nube esso prende grande ardimento e, quel che
.,'I " Sola alude natans querulos dat rana susurros, era prima un laghetto, ora diviene un mare. Esso stesso, avanzando
,;il
1:;
' p;i plscibus exclusis, advena regna.t aqu1s. torbido, ha bisogno di essere lavato dalle acque; esso è sempre dise-
i' At si forte fluat tenuis de nub1bu_s imb~r, guale: ora è nulla, ora è troppo. Il suo corso, non appagandosi del suo
"
: ,1,
: :I ~
vix pluit in tetris, iam tumet 1ste m:nax.
In entes animos parva de nube resum1t:
letto, batte vie traverse e riversa per i campi fittamente seminati quel
che ha ricevuto dalla montagna.
il :11
:!
'
g fit subito pelagus qui fuit ante lacus'.
"° Turbidus incedens undis .eg~dpse lav~ri
S'infuria in un vortice impetuoso, quasi come un tiranno e, sde-
i! gnando il suo alveo, devasta i prodotti della campagna. Il raccolto si
semper inaequalis qu1 mhil aut saus est. disperde nel fiume, il pesce finisce nei campi e, in una perversione
I',, Non ri is contentus agit conpendia cursus) . dell'ordine naturale (58), quest'ultimo sta sulla terra mentre la messe
qu~d de monte bibit per. sata !?lena vomit. nuota. I pascoli, che erano destinati alle pecore, sono dati alle rane; i
45 Vertice torrenti rapitur quasi more o/ranni
prati ospitano i pesci e l'onda trascina le greggi. Un siluro, espulso
indignatus iter munera vastat. a~ri: .
Discurrit seges in fluvium, stat pisci.s m arvo.
. perverso ' messe natante iacet. ·
ord 1ne
Quae fuerant ovibus donantu; pascua rams,
prata tenent pisces et trahit unda pecus.

0 . 3 10 68· vomere sulcat


Z1, 23. ov, met. 1,493: forte vi~;;·c~;:~ot: p:{~~re 'tab;ns, ·_ 30. ~V. trist.
humum. -27. CLAUD. rapt. Pr?s. 1'51 A~SON Mos. 121: querulis ... ranzs. - 37. (58) Per il topos letterario del inondo alla rovescia (adynaton) nel medioevo la-
3 • 10 ' 32: ungula pulsat equi, -. ·,
"!2· ef'usus nubibus imber.
· tino si veda CURTIUS, Letteratura europea) llOss. Cf. anche epist. (carm. 3, 4) 2.
VERG. georg. 4 '~ · JJ 1
144 CARMINA, L, I, XXI CARMI, L. I, 21 145
Obtinet expnlsns stabulum campestre silurus, dalle acque, trova una dimora nei campi: si catturano più pesci a terra
plus capitur terris quam modo piscis aquis. di quanti, fi110 a poco prima, se ne trovavano nelle acque. Le reti scon-
Sarcula quos foderent agros male retia miscent, volgono e danneggiano i campi che i sarchi avrebbero dovuto scavare:
figitur hic hamus quo stetit ante palus. l'amo si conficca dove prima sorgeva un paletto. Una è la sorte dei pe-
55 Sors una est piscis, siccent aut flumina crescant:
sci, sia che i fiumi si dissecchino sia che s'ingrossino: ora stanno nel
nunc residet limo, nunc iacet exul agro. fango, ora giacciono esuli nel san1po.
Sed cur triste diu loquimur de gurgite parve? Ma perché ci diffondiamò a lungo, con tristi parole, su un piccolo
Uritur et verbis nec recreatur aquis. torrentello?
Sufficiat flagrare sibi. Cur addo vapores Anche le mie parole lo tormentano e non può ristorarsi con le ac-
atque bis aestivum crescere tempus ago? que. Basti quanto è arido da se stesso. A che aggiungere altri vapori
~ Unica sed tandem damus haec solacia laudis facendo così in modo che la canicola estiva raddoppi?
quod tribuit pisces evacuatus aquis. Diamo però alla sua gloria questa consolazione: il Gers, prosciu-
gato delle sue acque, ci dona pesci.
'i'

"
I
I
.
INCIPIT LIBER SECUNDUS LIBRO SECONDO

I. DE CRUCE DOMINI 1. SULLA CROCE DEL SIGNORE (1)

Crux benedicta nitet Dominus qua carne pependit Risplende la Croce benedetta, sulla quale il Signore fu appeso
atque cruore suo vulnera nostra lavat, nella carne e dalla quale egli lava col suo sangue le nostre ferite (2).
mitis amore pio pro nobis victima factus Egli, 1nite di pio amore, è divenuto per noi vittima sacrificale: così, sa-
traxit ab ore lupi qua sacer agnus oves, cro agnello, strappò le pecore dalle fauci del lupo, quando, con le ma-
, transfixis palmis ubi mundum a clade redemit ni trapassate dai chiodi, riscattò il mondo dalla sua caduta e con la sua
atque suo clausit funere mortis iter. morte sbarrò la strada alla morte. Qui quella mano fu confitta dai
Hic manus illa fuit clavis confixa cruentis chiodi grondanti di sangue: essa strappò Paolo al crimine, Pietro alla
quae eripuit Paulum crimine, morte Petrum 1. morte.
Fertilitate potens, o dulce et nobile lignum, O dolce e nobile legno, forte della tua fecondità, giacché dai tuoi
10 quando tuis ramis tam nova poma geris. rami produci frutti cosl nuovi (3 ). Al tuo odore di novità i cadaveri ri-
Cuius odore uovo defuncta cadavera surgunt sorgono e quanti furono privati della luce del giorno ritornano alla vi-
et redeunt vitae qui caruere diem 2. ta. Sotto le fronde di quest'albero nessuno è riarso dalla calura né dal-
Nullum uret aestus sub frondibus arboris huius la luna duraote la notte, né dal sole a mezzogiorno. '
luna nec in noctem sol neque meridie 3. Tu rifulgi, piantata lungo il corso dell'acqua e protendi le tue
15 Tu plantata micas secus est uhi cursus aquarum
chiome adornate di fiori novelli. Sulle tue braccia sta appesa una vite,
spargis et ornatas flore recente comas 4. dalla quale stillano dolci vini rossi di sangue.
Appensa est vitis inter tua brachia de qua
dulcia sanguineo vina rubo re fluunt 5,

bi~antino Gfus~? II (cf. GRE?· TUR. Frane. 9, 40; glor. mart. 5, BAUDON. 16). I car-
11112 e 6, glt unici a essere scntti in un metro tipico dell'innodia latina sono veri e
pr?pr~ in;ii liturgici. destinati all'accompagnamento della processione ~e scortò le
r~h9u1~ fino alla. chiesa del monastero. Per un commento puntuale ai carmi 1, 2 e 6
si rinvia a J. Sz6VÉRFFY, Venantius Fortunatus and the Earliest Hymns to the Holy
Cross, "C:lassic,al ~olia", XX (1966), 107-122. Gli altri quattro hanno piuttosto il ca-
rattere di med1taz1one personale sul mistero della Croce. Alla tavola III si troverà la
melodia sulla quale questo carme era cantato nei 1nonasteri del medioevo.
(2) La precisazione secondo cui la passione coinvolse soltanto la carne di Cri-
sto, cioè la sua natura ~man~, laddove la sua natura divina rimase impassibile, è im-
portante come professione di fede ortodossa contro il monofisismo. In questo scru-
polo si. p~ò scorgere un'eco della controversia tricapitolina che, proprio negli anni
della g1ovmezza del poeta, pose le chiese dell'Italia settentrionale in contrasto con la
I'! 1 Cf. Mt 14, 31. 2 Cf. Mt. 27, 52-53. 3 Cl. Ps. 120, 6. 4 Cf. Ps. sede ap~stopca'. Le. ~et~opoli di Milano e Aquileia si opposero alla condanna dei
Tre. Capttoh (gh ~cr1tt1 di Teodoro di Mopsuestia, Teodoreto di Cirro e Iba di Edes-
1, 3. 5 Cf. lo. 15, I.
~a) imposta da Giustiniano a papa Vigilia, interpretandola come un cedimento verso
1, 3. VERG. Aen. 5, 296: amore pio; VEN. FORT. carm. l, 9i 7. - 4. SEDUL. i monofisiti. L'impassibilità della natura divina di Cristo è sottolineata da Venanzio
hymn. l, 25: agnus ab hoste sacer revocavit sanguine patres. - 6. PROP. 3, 7, 2: an~he in ca:rn_. 2, 6~ 2 e in eXfl.OS. symb. 29 ove, riprendendo il simbolo in uso nella
Chiesa aquiletese, ricorda la discesa del Cristo-Dio agli inferi nel periodo intercorso
mortis ùer. tra la 1norte e la risurrezione del Cristo-Uomo.
(1) I carmi 1-6 furono composti nel 569, in occasione dell'ingresso a Poi- (3) Il paragone è ovviamente con i frutti di perdizione prodotti dall'albero del-
tiers di una reliquia della Croce di Gesù, richiesta da Radegonda al~'imperatore la conoscenza del bene e del male.
Il'
: !
I'
CARMINA, L. II, II CARMI, L. Il, 2 149

II. IN HONORE SANCTAE CRUCIS 2. IN ONORE DELLA SANTA CROCE (4) :!'1.'
,,' " .
Pange, lingua, gloriosi proelium certaminis Celebra, o lingua, la battaglia, la lotta gloriosa
·et super crucis tropea clic triumphum nobilem, e racconta l'augusto ttionfo vittorioso della Croce: I

qualiter redemptor orbis immolatus vicerit. come il Redentore del mondo immolandosi lo abbia vinto. '''I
''
De parentis protoplasti fraude factor condolens, Il Creatore, addolorato per la prevaricazione della prima creatura
s quando po1ni noxialis morte 1norsu corruit, - quando precipitò nella morte per aver morso il pernicioso
ipse lignum tunc notavit, damna ligni ut solveret. pomo-
designò egli stesso il legno come riparatore dei danni recati
Hoc opus nostrae salutis ardo depoposcerat dallegno (5).
multiformis perditoris arte ut artem fallerei
et medellam ferrei inde, hostis unde laeserat. Il piano della nostra salvezza esigeva questo atto
per ingannare con le sue stesse arti il 1nultiforme traditore
w Quando venit ergo sacri plenitudo temporis 6 e per portare ri1nedio con lo stesso oggetto con cui egli arrecò
missus est ab aree patris natus orbis conditor il torto.
atque ventre virginali carne factus prodiit 7,
Quando dunque venue la pienezza dei sacri tempi
Vagii infans inter arta conditus praesepia, dalla dimora del Padre fu inviato il Figlio, creatore del mondo,
Membra pannis involuta virga mater adligat e, fattosi u~mo (6), uscì dal seno di una Vergine.
et pedes manusque crura stricta pingit fascia.
Il bambino vagisce, deposto in un'angusta mangiatoia:
Lustra sex qui iam peracta tempus inplens corporis, la Vergine madre ne avvolge e lega in fasce le membra
se volente natus ad hoc, passioni deditus e ne adorna piedi, mani e gambe avvolgendoli in bende.
agnus in crucis levatur immolandus stipite.
Trascorsi sei lustri egli matura il tempo della sua esistenza terrena:
Hic acetum fel harundo sputa clavi lancea. per sua volontà, incarnatosi a questo scopo, votato alla passione,
Mite corpus perforatur, sanguis unda profluit, l'agnello è innalzato sul legno della Croce per essere immolato.
terra pontus astra mundus quo lavantur flumine.
Ecco l'aceto, il fiele, la canna, gli sputi, i chiodi, la lancia:
Crux fidelis, inter omnes arbor una nobilis, il mite corpo è trafitto, ne escono acqua e sru1gue.
nulla talem silva profert flore fronde germine, Da qual fiume sono lavati la terra, il mare, le stelle, il mondo.
dulce lignnm dulce clavo dulce pondus sustinens.
Croce fedele, fra tutti unico albero nobile:
nessun bosco ne produce uno eguale, né per fiori, né per fo-
6 Cl. Gal. 4, 4. 7 Cf. lo. 1, 14. gliame, né per frutti.
2, 1. HIL. hymn. 3, 1: Adae carnis gloriosa et caduci corport's I in caelesti Dolce legno, che con dolci chiodi sorreggi un dolce peso.
rursus Adam condnamus proeHa; PRUD. cath. 9, 82: salve vocem, mens sonora,
salve linguam nobilem, I dic tropaeum passionis, dic triumphalem crucem, I pan_-
canta (o meglio dovrebbe cantarsi) come inno all'ufficio delle letture e alle lodi mat-
ge vexillum. - 3. PRUD. cath. 9, 21: redemptor orbis. - 8. Ps. CATO dt'st. 1, 26: sic
tutine della sola Settimana santa, nonché ancora una volta durante l'adorazione della
ars deluditur arte. - 24. PRUD, perist. 1, 51: dulce tunc iustis cremari, dulce ferrum
Cr?ce. Al lettore .italiano interessato a un commento puntuale di questo carme non-
perpeti. c~e d7l.car.me 6 si s.egnala C. LE.ONARDI (a cura di), Il Cristo, III, Testi teologici e spi-
(4) Questo canne in settenari trocaici catalettici (il metro dei carmin~ rituali in lingua latina da Agostino ad Anselmo di Canterbury Milano 1989 (Fonda-
triumphalia romani) è senza dubbio il più celebre, insieme al Vexilla regts zione Lorenzo Valla), 262-271e610-612. '
(carm. 2, 6), tra quelli composti da Venanzio: è infatti entrato ben presto, orna- . (5) Venanzio interpret~ tutta la storia umana, dal peccato originale alla reden-
to di una ineravigliosa melodia (riprodotta nella tavola III) nella liturgia della zione, come una lotta tra Dio e Satana. Il male introdotto tra gli uo1nini dal legno
Chiesa <l'Occidente: nel rito romano tradizionale era cantato come inno al mat- dell'albero deve essete eliminato dalla Croce di Cristo.
tutino e alle lodi nelle due settimane del tempo di Passione, nonché durante (6) Carne/actus è un neologismo con il significato di incarnatus, riconosciuto
l'adorazione della Croce ~ell'azione liturgica po1neri~iana d~l. Vene.rdì santo: da J. G11, Interpretaciones latinas, "Habis", XV (1984) 188s. per il carne factus del-
Con il nuovo rito romano imposto da Paolo VI, dopo il Concilio Vaticano II si la tradizione. ' '
CARMINA, L. II, II-III CARMI, L. II, 2-.3 ljl

2:; Flecte ramos, arbor alta, tensa laxa viscera Curva i tuoi rami, o albero sublime, da' riposo alle membra tese
et rigar lentescat ille quem dedit nativitas, e si mitighi quella rigidezza che è propria della tua natura,
ut superni membra regis mite tendas stipite. perché il corpo del Re celeste sia disteso su un tronco tenero.

Sola digna tu fuisti ferre pretium saeculi Tu soltanto fosti degna di portare su di te il riscatto del mondo,
atque portum praeparare nauta munda naufrago nocchiero che procura un porto al mondo naufrago (7)
quem sacer cruor perunxit fusus agni corpore. unto dal sacro sangue profuso dal corpo del!' Agnello.

III. ITEM VERSUS IN HONORE SANCTAE CRUCIS


VEL ORATORI! DOMUS ECCLESIAE APUD TORONOS 3. ANCORA VERSI IN ONORE DELLA SANTA CROCE E DELL'ORATORIO
DEL PALAZZO EPISCOPALE DI TouRS (8)
Virtus celsa crucis totum recte occupat orbem,
haec quoniam mundi perdita cuncta refert La sublime potenza della Croce riempie a buon diritto tutto l'tmi-
quodque ferus serpens infecit felle veneni verso, poiché essa restituisce al mondo tutto ciò che era perduto e il
Christi sanguis in hac dulce liquore lavat, sangue di Cristo col suo dolce fluire' su di essa lava ciò che il feroce
quaeque lupi fuerant raptoris praeda ferocis serpe11te contaminò con il suo amaro veleno; lAgnello, figlio della
in cruce restituit virginis agnus ovis. Vergine, riscattò sulla Croce le pecore clie erano state rapite dal lupo,
Tensus in his ramis, cum plantis brachia pandens, crudele predatore.
ecclesiam stabilit pendulus ipse cruce, Cristo stesso, disteso su questi rami, allargando le mani e le brac-
hoc pius in ligno reparans deperdita pridem, cia, pendendo dalla Croce istitul la Chiesa. Su questo legno egli pie-
'" quod vetiti ligni poma tulere boni. toso ristabilì ciò che da tempo era perduto: questo vantaggio hanno
Addita quin etiam virtutum palma coruscat portato i frutti del!' albero proibito. Inoltre la palma della virtù si ag·
dona quod obsequiis crux parat ipsa suis. giunge e risplende, perché la Croce prepara doni per chi a lei si sotto·
Denique sancta cruci haec tempia Gregorius offert. mette.
Dum pallas cuperet signa gerendo crucis, Infine Gregorio offre alla Croce questo santo tempio. Quando
., dona repente dedit divina potentia Christus, egli desiderava veli recanti il segno della Croce, Cristo con la sua po-
max fuit et voti causa secuta pii. tenza divina glieli donò all'improvviso e subito arrivò l'oggetto del pio
Pallia nam meruit, snnt quae cruce textile pulchra desiderio (9). Egli poi meritò veli abbelliti da una croce ricamata e la
obsequiisque suis crux habet alma cruces, Croce benigna ha attorno a sé croci che sono di seta grezza tinta di
serica quae niveis sunt agnava blattea telis, porpora su tela bianca e il lavoro è inipreziosito dalle croci ricamatevi.
et textis crucibus magnificatur opus. Cosl un proposito devoto diede velocemente al vescovo questi doni e i
Sic cito pontifici dedit haec devota voluntas veli consacrati alla Croce sono apprezzati perclié fanno tutt'uno con
atque dicata cruci conscia vela placent. essa.
Unde salutifero signo tibi, dare sacerdos, Perciò, presule magnifico, per il segno della salvezza, può render-
hoc cui conplacuit reddere magna valet. ti grande ricompensa Colui che si compiace di questa tua opera.

(7) Sulla metafora della Croce come imbarcazione si rinvia alla nota 11.
(8) Si tratta dell'oratorio allestito dal vescovo Gregorio alPinterno della sua re-
sidenza nella città di Tours, cf. VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Les monuments, 307, e
PIETRI, La ville, 365ss.
(9) Cf. GREG. TuR. glor. mart. 5: il vescovo pose nell'oratorio un drappo di seta
che gli aveva donato un uomo di ritorno dall'Oriente, asserendo che in esso fu av-
3, 3, SEDUL. carm. pasch. 3, 184: ille chelydrus adest nigro qui/elle veneni. volta la Croce di Cristo.
CARMINA, L. II, IV CARMI, L, II, 4 1 53
152

IV. ITEM DE SANCTAE CRUCIS SIGNACULO * 4. ANCORA SUL SEGNO DELLA SANTA CROCE (10)

La divina maestà, che foggia nella carne ciò che il limo produce,
fabbrica col sangue vitale il glutine della terra e lì, luminosissima, fa
spirare il soffio di vita: con questo sforzo è creato Adamo, a immagine
DIVSAPEXCARNEEFFIGIANSGENETALIALIMI del Creatore. La prima creatura, nobile invenzione, balzò dal suolo,
VJTALITERRABCO~P(NOl TSANGVINBOLVTBN forte del suo libero arbitrio, sotto una luce radiosa. In seguito dalle
LVCIFERAXAVRASANIMANTESAFFLVITILLIC membra di Adamo si crea un ricettacolo per la vergine Eva. Creata
CoNDITVRENIXANSADAMPACT0RJSADINSTAR
dalla carne dell'uomo, ella successivamente si unisce a lui in modo che
, EXILVITPROTOPLASMASOLORESNODILISVSV
DIVESJNARDITRIORADIANTILVMfNEDBHINC
la sua gioia nel giardino del paradiso fosse perfetta. Ma la gola sconsi-
EXMBMBRISADAEVASFITTVMVIRGINISBVVAE derata la cacciò dalla divina dimora: persuasa dal serpente, ella bewe
CARNBCREATAVIRJDRHINCCOPVLATVREIDEM il nero succo del pomo. Da Il all'insaziabile morte venne la fame.
VTPARADYSSIACOBENELAETARETVRINHORT0 Tu, o Locatore, discendi con gioia dalle altezze del cielo e hai tan-
10 s ED o B s ED B p I A p E p V L I T T a ME St A 8 r LE o V T T VR ta pietà da incarnarti per noi e da essere ferito e trafitto dai chiodi sulla
S ERPBNTl~SVASVPOMISVCOATRAPRQPINANS Croce. Per noi, perfusi da un tale unguento, l'unica salvezza venne dal
I NSACIATRICIMORTlFAMBSACOIDlTILLINC sangue dell'Agnello sul legno. Visione soave: su di te stettero inchioda-
GAV(SVRVSOBHOCCAELIFLVJSARCELOCATOR
te le braccia pietose di Cristo e a te furono appese le mani che possono
NASCIPRONOBISMJSERARISETVLCERECLAVI
lJ I NCRVCECONFIGITALIMALAGMATEINVNCTIS
rendere beati. Quella cara carne tollerò pene crudeli sino a spirare: o
VNASALVSNOBISLIGNOAGNISANGVINEVENIT soave albero del campo, grazie a te ci è donata una vita nuova.
I VCVNDASPECIESINTEPIABRACCHIACRISTI Come sei il più bello a vedersi, così sei bello in forma di croce.
APFJXASTETERVNTETPALMADEABILJSINHAC Luce, speranza, scudo, per un accesso d'invidia sei innalzata: col sup-
CARACAROPOENASINMiTESSVSTVLITHAVSTV plizio di un giusto acquisisti feconda una gloria immortale. Cosi, o
w ARBORSVAVISAGRITECVMNOVAVITAPARATVR Croce insanguinata da un'amorosa pioggia, Colui per cui tu fosti fatta
ELECTAVTVISVS 1cECRVC ISOROINEPVLCHRA ha fecondato ogni vita.
LV MEN S p Es S CV TV MG ERE R I S L I V OR I SA B I C TV
Tu, nocchiero che dai alle vele un porto (11), con i chiodi confitti
l NMORTALEDECVSNECE!VSTILAETAPARASTI
VNAOMNEMVlTAMS 1CcavXTVACAVSARIGAVIT
purificasti le dolorose ferite. O dolce albero del campo, che stilli net-
25 IMB RE e R V Et-.:: T A p I o V EL 1 s
DA s N A V [ T A po R T vM
tare dalla corteccia, dai cui rami si sprigionano (12) unguenti di vita.
TRISTlASVMMERSOMVNDASTIVVLNERACLAVO Superiore per aspetto, divina per nascita, feconda per frutto: deliziosa
A·RBORDVLCI SAGRIRORANSECORTJCENECTAR per il nutrimento che offri e soave nell'ombra per i tuoi frutti. Ecco lo
RAMl SDECVJVSVJTALIACRISMATAFRAORANT stendardo splendente e nobile del grande Re, baluardo e difesa per gli
EXCELLENSCVLTVDIVAORTVFVLGJDAFRVCTV uomini; forza, luce e altare per la preghiera. Apri benevola la via, tu,
30 DELICJOSACIBOETPERPOMASVAVIS INVMBRA luce vivida e vitale. Allora ricordandoti di noi, portaci aiuto, quando il
ENREGI SMAGNIGEMMANTEMETNOBILESIGNVM Re discendente di Davide, che fu affisso alla Croce, dominerà come
Mvavs E TARMAVI R I SV J RT VSLVXARAPRECATV
PANDEBENIGNAVIAMVIVAXETFERTILELVMEN
giudice il mondo. • !

TVMMEMORADFEROPEMNOB ISEGERMINEDAVlD
" I NCRVCEREXFIXVS IVDEXCVMPRAEERITORBI
336 1 nonché U. ERNST, Carmen figuratum. Geschichte des Figurengedichts von den
antiken UrsprUngen bis zum Ausgang des Mittelalters, KOln-Weimar-Wien 1991; in
particolare su VenMzio, 149-157. Nei 35 versi del canne il poeta concentra l'intera
storia della salvezza, dal peccato originale alla redenzione.
Recentemente lo scrittore statunitense Geoffrey Cook ha tentato di tradurre in
inglese questo componin1ento e il seguente, mantenendo intatta in entrambi i casi la
* La trascrizione del carme è a p. 154. struttura di carmen figuratum: cf. From the Miscellanea of Venantius Fortunatus. A
4, 23. CLAllD. carm. min. 27, 64: rerum decus immortale; CLAUD. 20, 282. - Basket of Chestnuts. Translated by G. C., Introduction by Dick Higgt"ns, Rochester
1981, 49 e 45.
32. CE 1335, 2: tnurus et arma /uit.
(11) Cf. carm. 2, 2, 29. La metafora del Cristo come nocchiero della Croce, vi-
(10) Sulle difficoltà che comporta la co1nposizione di un carmen figur~­ sta come nave, deriva dalla contaminazione tra l'episodio di Gesù che placa la furia
tum co1ne questo, si è diff~so yenanz.io stesso in epis.t. (carm. 5,. 6) 14.ss. Il pr1: delle acque e l'allegoria che fa dell'arca di Noè la prefigurazione della Croce di Cri-
mo a praticare questa tecntca m Occidente fu Ottaz1ano Por~rto (pr1!11a 1neta sto. Accanto a questa 1netafora l'intero canne è percorso da immagini tratte dalla
del sec, IV); sul genere si veda G. PoLARA, Le parole nella pagina: grafica e con- simbologia militare.
tenuti nei carmi figurati latini, "Vetera ChristiMorum", XXVIII {1991li 291- (12) Fragrant è correzione di Ch. Brower per Jraglant della tradizione.
CARMINA, L. II, IV-V CARMIJ L. II, 4-5 1 55
154
Dius apex carue effigians genetalia lirrù, I vitali terrae conpingit Sui lati
sanguine gluten. I Luciferax auras animantes affluit illic. I Conditur Dolce decoro del ve~sillo, via che porta al cielo, vita dei redenti.
enixans Adam factoris ad instar, I exiluit protoplasma solo, res nobilis Sulla Croce la morte di Cristo rigenerò ciò che nel mondo era morto.
usn, I dives in arbitrio radianti lumine. Dehinc I ex membris Adae vas
fit tum virginis Ewae. I Carue creata viri dehinc copulatur eidem, I ut La croce
paradyssiaco bene laetaretur in horto. I Sed de sede pia pepulit teme- O pia Croce, proteggi le devote Agnese e Radegonda· tu o Croce san-
rabile guttur I serpentis suasu pomi suco atra propinans. I Insaciatrici ta, custodisci il fragile Fortunato. Dal legno dal sang'ue 'dell'A ell
morti fames accidit illinc. I Gavisurus ob hoc caeli lluis aree locator. I . l . d' . . ' gn o,
d al c 110 1 sel per noi ver~ speranza; albero soave dei campiJ
Nasci pro nobis miseraris et ulcere clavi, I in cruce configi. Tali malag- per mezzo tuo s1 prepara una vita nuova.
mate inunctis I una salus nobis ligno agni sanguine venit. I lucunda
species: in te pia bracchia Cristi I affixa steterunt et palma beabilis, in
hac I cara caro poenas inmites sustulit haustu. I Arbor suavis agri, te-
cum nova vita paratur. I Electa ut visu, sic e crucis ordine pulchra / lu- 5 (13)
men spes scutum gereris livoris ab ictu. /Immortale decus nece iusti
laeta parasti. I Una omnem vitam sic, crux, tua causa rigavit, I imbre . Quesw .segno di demenza ci induce per volere di Dio a rendergli
cruenta pio. Velis das navita portum I tristia summerso mundasti vul- lod1 semphc1. con v1Vlda voce. O nume che sostieni e muovi in me il
nera clavo. I Arbor dulcis agri, rorans e cortice nectar, I ramis de cuius fango .che hru m?dellato, possesso dei viventi, prospera guarigione del
vitalia crismate fragrant, I excellens cultu, diva ortu, fulgida fructu, I nmed10; .d1scacc1atore della colpa, Trinità che tutto comprende, Crea-
deliciosa cibo et per poma suavis in umbra. I En regis magni gemman- tore a cui spettano onore, luce, diritto, gloria, regalità, o eterno ...
tem et nobile signum, / murus et arma viris, virtus, lux ara precatu. I
Pande benigna viam, vivax et fertile lumen./ Tum memor adfer opem In basso
nobis e germine David I in cruce rex fixus iudex cum praeerit orbi. Cosi il Padre e il Figlio, cosi lo Spirito santo sono una cosa sola.
In lateribus: Dulce decus signi, via caeli, vita redempti. I In
cruce mors Christi curavìt mortua mundi. Sui lati
Crux ipsa: Crux pia, devotas Agnen tege cum Radegunde. I Tu
Salva i c:edenti,. o gloria della.fede, arma della salvezza. Per tua gra-
Fortunatum fragilem, crux sancta, tuere. I Vera spes nobis ligno,
agni sanguine, clavo, I arbor suavis agri, tecum nova vita paratur. zia, o Cristo, la cond1z1one del peccato è allontanata.

V.* La croce
Tu. arric~hisci, o Croce, il tempio di Dio e ne adorni i veli,
EXTORQVETHOCSORTEDEIVENIABILESIGNVM
Rvsr1cVLASLAVDESVIV11NTIRBDDERRl'LATV Per 11 mento della fede, nella tua pietà rendi grande Abramo.
lNMHQVlREQITIRllLVTVMPLASMABJLENVMHN
PORTIOVlVENTVMCVRAT10FAVSTAMEOHLLAE
5 EXCLVSORCVLPAETRINITASlll'l'VSACREATOR La losanga
cv1vsttONORLVMHNJVSOLORIARllONACOAEVE
R I T e e Dolce è per me questo legno, o Croce misericordiosa
E H E O R
più odoroso di un roseto '
Colli coperti di rovi, voi produceste il le~no della gloria.
D I M L I
!OE L P L S
N I L E T
T G A S E
E N D L T
S V E l V
!5FM I GO
I P C N R
DI R VE
EXFIDEIMERITOMAGNVMPlEREDDlSABRAHAM
IM X GO
20DA E EV
I T N E
E
V V E T , ~~)~I-canne è in~ompleto. Di seguito la trascrizione: Extorquet hoc sorte Dei
e
V
S E R V v1n1a ~ s1gnum I rustlct~as ~audes viventi reddere flatu, I in me qui regit ire lutum
O L A li P.asmabile numen, I por!10 v1ventum, curatio fausta medellae, I exdusor culpae, tri-
D A .!> C
A nlta~ eff~sa, creator, I cu!~s honor lu1nen ius gloria regna coaeve. In imo: Sic pater et
" "M
O
R
M
E I
1' A
V genltus sic s(an)c(tu)s sp1r1tus unus.
A E
R
N
A H
S
A
In. lateribus: Eripe crede!1tes, ~dei decus, ar1na salutis. I Munere, Criste, tuo
O D O R f~dm?vetl.1;r causa reatus. Crux tpsa: Ditans templa Dei crux et velainen adornas /Ex

**
30 A
L
s o N E La trascrizione del 1 et mertto magnwn, pie, reddis Abrahain. ·
V ET ~ R0 carme è a p. 155 in R};.omhbus: ~ulce mihi lignrun, pie, maius odore rosetis, I du1nosi colles lignwn
TI IAI V nota. generastts onor1s.
"SICPATERETGENITVSSICSCSSrlRITVSVNVS
CARMINA, L. II, VI CARMI, L. II, 6 1 57

VI. HYMNUS IN HONORE SANCTAE CRUCIS 6. INNO IN ONORE DELLA SANTA CROCE (14)

Vexilla regis prodeunt, Si avanzano i vessilli del Re,


fulgit crucis mysterium, rifulge il mistero della Croce:
quo carne carnis conditor il creatore della carne nella carne (15)
suspensus est patibulo. fu sospeso a questo patibolo.

' Confixa clavis viscera Con le membra trapassate dai chiodi


tendens manus, vestigia, e le mani e i piedi distesi
redemptionis gratia per la nostra redenzione
hic inmolata est hostia. qui egli fu immolato quale vittima.

Quo vulneratus insuper Qui, ferito per maggior scherno


mucrone diro lanceae, da una crudele punta di lancia
ut nos lavaret crimine, per mondare noi dalla colpa
I: i manavit unda et sanguine s. effuse acqua e sangue.
'I·
Inpleta sunt quae concinit Si è adempiuto ciò che predisse
David fideli carmine Davide, con profezia fedele,
!iI dicendo nationibus: quando proclamò alle genti:
I
1
regnavit a ligno Deus 9, "Dal legno regna Id dio".
'il
I

Arbor decora et fulgida, Albero decoroso e splendenie,


ornata regis purpura, ornato di una porpora regale,
electa digno stipite scelto, per la bellezza del tuo tronco,
tam sancta membra tangere. a toccare membra cosl sante.

Beata cuins brachiis Beata! Sui tuoi bracci


pretium pependit saeculi. fu appeso il riscatto dell'umanità:
Statera facta est corporis, divenisti bilancia di un corpo
praedam tulitque Tartari. e sottraesti al Tartaro la sua preda (16).

25 [O crux, ave spes unica,


' 'I
hoc passionis tempore,
auge piis iustitiam (15) Si veda la nota 2.
reisque dona veniam.] (16) Per l'idea della Croce quale bilancia, sulla quale il peso del sacrificio re-
dentore Cristo eguaglia e supera quello dei peccati umani, si veda dello stesso Ve-
nanzio expos. symb. 26, Mart. 2, 337, nonché laud. Mar. 169.
Nella tradizione liturgica a questa strofa fa seguito la celebre quartina
O crux, ave, spes unica, ·
8 Cl. Io. 19, 34. 9 Cf. Ps. 95, 10 (Psalterium Romanum). hoc passionis tetnpore
auge piis iustitiam
(14) Inno in dimetri gia1nbici, secondo il modello degli inni di sant'Am- reisque dona veniam.
brogio e di Prudenzio. Anche questo canne, come 2, 2, è entrato presto nel re- ~1e però si trova in un solo manoscritto del corpus poetico venanziano, e perciò qua-
pertorio liturgico latino: nel rito tradizionale si cantava ai vespri delle due setti- si sicuramente non appartenne a questo carme. Nondimeno Venanzio poté esserne
mane di passione, nonché per la festa dell'Esaltazione della Croce (14 settem- stato l'autore, dal 1nomento che nel 1958, sotto le fondamenta del monastero di San-
bre); ora dovrebbe cantarsi ai vespri della sola Settimana santa, nonché il 14 ta Croce a Poitiers, fu rinvenuto un mosaico con l'iscrizione o CRUX A... : cf. H.
settetnbre; la melodia è riportata nella tavola III. Per un co1nmento puntuale in STERN, Mosai(jues des pavements préromans et romans en France, "Cahiers de civili-
italiano si rimanda alla segnalazione data alla nota n. 4, nonché a S. Prucoco - sation médiévale", V (1962), 17 e fig. 6. Riesce però difficile spiegare il riferimento,
M. SIMONET'n (a cura di), La preghiera dei Cristiani, Milano 2000 (Fondazione in un mosaico destinato a essere visibile tutto l'anno, il riferimento a "questo tempo
Lorenzo Valla), 450-453 e 637-638 (alquanto più succinto). di passione".
CARMINA, L. II, VI~vn CARMI, L. II, 6-7 159

Fundis aroma cortice, Dalla tua corteccia sprigioni un aroma,


30 vincis sapore nectarc, tu vinci in sapore il nettare:
iucunda fructu fertili amabile per l'abbondante frutto,
plaudis triumpho nobili. plaudi a un nobile trionfo.

Salve ara, salve victima Salve altare, salve vittima


de passionis gloria, per la gloria della passione;
" qua Vita mortem pertulit con cui la Vita sofferse la morte (17)
et morte vitam reddidit. e, con la sua morte, ridonò la vita,

VII. DE DOMNO SATURNINO 7. SU SAN SATURNINO (18)

Ianua celsa poli, terra pulsante, patescit L'eccelsa porta del cielo si apre quando la terra bussa e accoglie i
et recipit natos quos generavit humus. figli che la terra generò. Questa è un'ammirabile occasione di salvezza
Admiranda haec est occasio facta salutis per procurarsi, tramite la morte, il premio della luce eterna.
ut de morte sua praemia lucis emant. Così Saturnino, bramando di legarsi a Cristo, non volle restare a
5 Saturninus eniin cupiens se nectere Christo lungo nel suo corpo fatto di carne: desiderava sciogliere i vincoli del
carnali in habitu noluit esse diu, corporeo carcere perché l'umana creatura si unisse meglio al suo Si~
:: ' vincula corporei dissolvere carceris optans, gnore (19). Al maturarsi del tempo, quando già si era rafforzata in lui
plenius ut Domino se sociaret homo. la speranza, i suoi felici desideri ricevettero la loro ricompensa. Men-
Tempore maturo cum iam spes esset adulta, tre dunque esercitava il sacerdozio nella città di Tolosa e annunciava
10 sumpserunt pretium vota beata suum. alle genti che Cristo è Dio - dimostrando con le parole e aggiungendo
Dumque sacerdotio frueretur in urbe Tolosa miracoli al suo operare, perché l'azione tenesse dietro a tutto ciò che
'
!~ et populis Christum panderet esse Deum, le sue parole promettevano -, sottraeva le anime dei pagani alle fauci
ostendeus verbis, addens miracula factis, del tiranno e le sottometteva a quel Re che gli dette le armi.
ut quod sermo daret consequeretur opus, Tuttavia la popolazione, corrotta dai mali e infetta dai veleni, ri-
15 gentiles animas rapiens de fauce tyranni fiutava di essere risanata e, volendo abbandonarsi al suo morbo in un
subdebat regi qui dedit arma sibi. impeto di furore assalì l'uomo, lo condusse al Campidoglio e inferse al
Sed vitiata malis et plebs infecta venenis proprio medico numerose ferite (20). Rese cosi inganno in cambio di
curari effugiens, aegra iacere volens, pietà, veleno in cambio di miele; mosse una guerra crudele contro il
: i conprendit male sana virum, ad capitolia duxit proprio tutore. Legano il sant'uomo ai piedi di un toro furioso (21); lo
'" atque suo medico vulnera plura dedit. aizzano, in modo che la corsa della belva non sia lenta. O mente de-
Pro pietate dolum, pro melle venena rependens pravata degli uomini, nuova bestia di orribile mostruosità: non ti basta
contra tutorern noxia bella movet. neppure la furia di un toro scatenato? Tu hai saputo aggiungere la fe-
Subligat indomiti sanctum ad vestigia tauri
et stimulat, fieret ne fuga tarda feri.
n Pessima mens hominum, diri nova bestia monstri, bode (PLRE III, 765) e da sua moglie Beretrude (cf. la nota 24). Probabilmente Ve-
nec tauri indomiti sufficit ira tibi? nanzio stesso si recò a Tolosa per assistere alla cerimonia: questo carme sarà stato re-
citato durante il rito sacro, mentre il seguente sarà stato reçitato durante la festa che
seguì alla consacrazione.
, (19) Secondo la leggenda, Saturnino fu il primo vescovo di Tolosa, verso la
7, 15. CLAUD. 8, 58: leti rapuit de /aucibus. met~ del sec. III; pare che, sfuggito alla violentissima persecuzione dell'imperatore
Decto (249-251), sia morto martire in seguito a una rivolta della popolazione. Cf.
(17) Vita designa il Cristo, cf. Gv 11, 25: ego sum resurrectio et vt'ta; 14, 6: 1'.J..-0. GARRIGUES, Saturnino di' Tolosa, BS XI, 1968, 673-680. Il racconto di Venan-
ego sum via, veritas et vita. Venanzio sottolinea il carattere sacrificale della mor- zio segue da vicino la passio, risalente alla prima metà del sec. V.
te di Gesù: egli è l'ultima vittima offerta sotto la legge antica, e il suo sacrificio è (20) Cioè al vescovo, che, co1ne Cristo, guariva corpi e anime.
continuan1ente rinnovato dai sacerdoti della nuova legge. (21) Questo tipo di. supplizio non era contemplato dalla legislazione romana, il
(18) Questo carme e il seguente furono cotnposti in occasione della dedi- ~he. confermerebbe. che il santo non subì un regolare processo per empietà, ma fu
cazione della basilica di San Saturnino, fatta costruire a Tolosa dal duca La une- hnctato dal popolo tn rivolta.
160 CARMINA, L. II, VII-VIII CARMI, L. II, 7-8 r6r

Naturae rabidae feritatem adiungere nosti, rinità alla furia della natura: ciò che non poteva da sé lo fece sotto il
quod per se nescit te stimulante furit. tuo ~timolo. o. foll~ inferocita e assetata di sangue, il ferire quest'uo-
Turba cruenta uocens, huius te vulnere perdis: mo e la tua rovina: unpara ad aver riguardo verso di te se non verso di
etsi non illi, parcere <lisce tibi. lui. Da qui la belva irrefrenabile subito si precipitò p'er vie anguste e
I-Iinc ferus inpatiens mox curva per avia raptus tortuose, spargendo qua e là per la città le membra dell'nomo. Allora
passim membra pii fudit in urbe viri. una donna con gioia ne raccolse gli arti e li seppellì con l'aiuto di una
Tum mulier collegi! ovans et condidit artus, serva soltanto. Fu questa una degna occasione per impossessarsi della
una sed famula participante sibi. corona e la gloria del martirio, resa cosl pubblica, risplende. Davanti
35 Haec fuit insignis rapiendae causa coronae, al sepolcro del sant'uomo è ora elargito il dono della salvezza e il suo
gloria martyrii sic celebrata nitet. corpo straziato risana molti corpi.
Ante sepnlchra pii dantur modo dona salutis ; O i;norte r~e~ica, ?i', dove te ne stai? Dove giaci, sconfitta, dac-
et corpus lacerum corpora multa fovet. che vedi esaud1!11 voti dalla salma di un santo? A torto ritenevi che
Dic ubi, mors inimica, iaces? 10 ubi vieta recumbis, cos~ui, con la. sua morte, terminasse l'opera di salvezza: egli invece dà
quando vides sancti funere vota dari? fa vita a molti e conserva la sua. Qui giaci prigioniera, tu che credevi
Quem male credebas obitu finire salutem, di regnare; dando l'assalto muori e infuriando tu uccidi te stessa. La
dat vitam multis et tenet ipse suam. tua pena ti opprime, i tuoi legami crudeli ti torturano, tu stessa ora
Huc captiva cubas qui te regnare putabas: che subisci, e1netti i gemiti che vuoi suscitare. Il martire dimora ~stÙ­
invadendo peris teque furendo necas. tante nei cieli; tu, astiosa e trista, morte nemica a te stessa abiti
45 Te tua poena pr_emit, tua te fera vincula torquent, nell'oscurità del Tartaro. '
quos dare vis gemitus, ipsa ferendo gemis. Ora egli, nel!' eterua beatitudine, dimora in un_ambiente fiorito tra
Martyr ovans caelos retinet, tu livida tristis, cori che profumano dì caldo it1censo. Non temette, essendosi conqui-
mors inimica tibi, Tartara nigra colis. stato la benevolenza del Giudice, alcun processo ma soldato vittorio-
Florigera nunc sede manet sine fine beatus so, s~ ~i;ige ver~o i premi die gli spettano. Una degna'palma l'attende e i!

inter odoratos ture calente choros. segu1ra 11 suo trionfo: 1nor1re per te, o Cristo, è gloria, vita, riposo. 'I
50

Non aliquas metuit placato iudice causas, 'I


: praemia sed miles vietar habenda petit.
.
i
'
' Digna triumphantem quae restat palma sequetur, 8. Su LAUNEBODE,
CHE FECE COSTRUIRE IL TEMPIO DI SAN SATURNINO
li
Pro te, Christe, mori est gloria vita quies. I'
I

'
I cuori degli altri rie~heggino di lodi di uomini, a me invece sia " I

VIII. DE LAUNEBODE QUI AEDIFICAVIT TEMPLUM SANCTI SATURNINI dato di ricordare i giusti. E infatti un'opera di pietà celebrare nei miei I
libd i ~incit~ri e il ll:'io ingegno vi è spinto da una duplice ragione. La "i!
Laudibus humanis reliquorum corda resultent, pnm~ e che e propr!o delle persone capaci dire grandi cose dei grandi:
at mihi de iustis commemorare vacet. mfatt1 chi ne tace le buone opere è responsabile di un delitto· la se-
Nam pietatis opus, victores texere libris conda ragione ricorda che chi legge le loro imprese s'infiamma d'amo-
admonet ingenium res ratione duplex. re e desidera compiere opere ancora migliori.
, Una quod est habilem de magnis magna fateri;
nam bona qui reticet criminis auctor erit.
Altera causa monet quoniam succensus amore
et meliora cupit qui sua facta legit.
I'
I.

10 Cf. 1 Cor. 15, 55.


31. SEDUL. carm. pasch. 1, 284: qui curvaperavia rectum. -38. Òv. met. 15, 532:
et lacerum fovi'. .. corpus. - 48. CARM. cod. Petav. 17, 12: mors t'nt'mi'ca; VEN.
FORT. carm. 4, 2, 2. - 49. SEOUL. carm. pasch. 2, 2: florigera de sede virum; ARA-
TOR act. 1, 592: sine fine beatae.
8, 7 . .ARA'='OR act. 2, 994: causa monet.
CARMINA, L. II, VIII-IX
CARMI, L. II, 8-9

Saturninus enim martyr venerabilis orbi Saturnino dunque è martire venerato nel mondo (22) e non è
rn nec late! egregii palma beata viri. ignota la palma beata di quest'uomo straordinario. Quando egli dalla
Qui cum romana properasset ab urbe Tolosam città di Roma si ditigeva verso Tolosa e portava i devoti semi di una
et pia Christicoli semina ferret agri, terra cristiana, una masnada inferocita assalì l'amico del Signore e de-
tunc vesana cohors Domini conprendit amicu1n cise di trascinare il corpo del santo, per sfignrarlo. Legato a un toro,
instituitque pii membra terenda trahi. penzolò da uno dei piedi posteriori e, trascinato qua e là, morì dilania·
'1'' " Inplicitus tauri pede posteriore pependit, to. In questo modo la sua anima, dalla terra, raggiunse l'Olimpo: beato
'1 tractus in oblicum dilaceratus obit. colui che con la sua morte fa morire la morte! Ma proprio quel luogo,
Hac ope de terris animam transmisit Olympo: nel quale il santo fu legato, non fu nobilitato da alcun tempio votivo.
o felix cuius funere mors moritur! Launebode, dopo molti secoli, ricoprendo la carica di duca, fece
i Sed locus ille quidem qno sanctus vincula sumpsit edificare in quel luogo le sante altezze (23). I: opera che nessuno della
'° nullius templi fultus honore fuit. stirpe romana, qui arrivando, fabbricò, la eseguì un uomo di stirpe
Launebodis enim post saecula longa, ducatum barbarica: assieme alla propria consorte Beretrude (24) di splendida
I dum gerit, instruxit culmina sancta loci. bellezza, che ancor più luminosamente brilla per il suo cuore gentile.
I Quod nullus veniens romana gente fabrivit, Risplende la sua illustre origine da una stirpe di potenti: il marito, de-
i
hoc vir barbarica prole peregit opus voto a Dio, ne accresce lo splendore. Ella dispensa, con le proprie ma-
,, coniuge cum propria Berethrude clara decore ni, degni alimenti: donando ai poveri desidera saziare se stessa. Senza
pectore quae blando clarior ipsa nitet. mai stancarsi ricerca nei templi la speranza di Cristo, sempre profon-
Cui genus egregium fulget de stirpe potentum, dendosi nelle opere di pietà. Ricopre di vesti i nudi, offre bevande agli
addidit ornatum vir venerando Deum. assetati: sempre più questa donna si disseta alla fonte eterna. Qualun-
Quae manibus propriis alimonia digna ministra!, que cosa ella faccia, reca vantaggio anche al marito: ella formula voti
.,1 pauperibus tribuens se satiare cupit. angosciosi per la sua salvezza. Il duca, che ha influenza tra la sua gente
I
'
Indefessa spem Christi per tempia requirit, per i suoi magnifici ineriti, brilla dovunque, eminente per la sua no-
iugiter excurrens ad pietatis opus. biltà. Ma, sebbene per la sua schiatta occupi un'altezza eccelsa, fu egli
Nudos veste tegit, sitienti pocula profert 11 , stesso, con il suo comportamento, a rendere più illustri i suoi avi. Ri"
se magis aeterno femina fonte replet. mangano dunque uniti per sempre in un vincolo di pari valore, e
,, Proficit hoc etiam quidquid gerit illa marito lamore, così rafforzato, risplenda per ambedue.
anxia pro cuius vota salute facit.
Dux meritis in gente sua qui pallet opimis,
.'i: celsus ubique micans nobilitatis ope . 9. AL CLERO PARIGINO (25)
! Sed quamvis altum teneat de stirpe cacumen
40 moribus ipse suos amplificavi! avos. Gloria di un'onorata adunanza e dignità di un ordine ragguarde-
Ergo pari voto maneant in saecula iuncti vole, padri, che io venero per il cuore, la fede, la devozione: voi mi co-
:i et micet ambobus consolidatus amor. stringete, quando ormai da molto il mio canto si è disabituato al tra-
scurato plettro, a riprendere in mano l'antica lira. Ecco, voi mi spro"
IX. AD CLERUM PARISIACUM

Coetus honorifici decus et gradus ordinis ampli, (22) Sull'estensione del culto di san Saturnino si rimanda a EL DELEHAYE, Les
quos colo corde fide religione patres, origines du culte des martyrs, Bruxelles 1933, 346.. .. , .. ~
(23) Il santuario costruito da Launebode, identificato con scarsa plausrbdita
iamdudum obliti desueto carmine plectri con Notre"Dame du Taur (cf. P.A. FEVRIER, Toulouse, in Topographt'e ehrétienne des
cogitis antiquam me renovare lyram. cités de la Gaule des origines au milieu du VIII• siècle, VII, Province ecelést'astique de
Narbonne [Narbonenst's prima], a cura di N. Gauthier1 Paris 1989 1 32), sorgev~ J?ro-
babilmente in uno dei luoghi che videro il 1nartirio dd santo, e deve essere dtstmto
dalla basilica che ne custodiva la sepoltura, citata da GREG. TUR. Frane. 6, 12.
(24) Beretrude (PLRE III, 226) ci è nota anche da GREG. TUR. Frane. 9, 35: era
11 Cf. Mt. 25, 35-36. una ricca proprietaria terriera, che lasciò una parte dei suoi beni a monasteri fem1ni-
nili fondati da lei stessa, nonché a chiese e basiliche.
9. A.RATORaet. 1, 564: venerabilis orbi. - 24. Ov. am. 1, 4, 48: dulce peregit opus. (25) Questo carme e il seguente risalgono all'inverno 567-568, che Venanzio
- 41. ARATOR aet. 1, 242: ergo pari voto. trascorse a Parigi presso la corte di Cariberto.
CARMINA, L. II, IX CARMI, L. II, 9

' En stupidis digitis stimulatis tangere cordas, nate a pizzicare le corde con le dita addormentate, dacché la mia ma-
curo mihi non solito currat in arte manus. no non è solita correre spedita esercitando quest'arte. Ora la mia lin-
Scabrida nunc resonat mea lingua rubigine verba gua risuona di parole indurite dalla ruggine e dalla mia rozza bocca
exit et incompto raucus ab ore fragor. foriesce un rauco strepito. Difficilmente una mola potrà affilare un
Vix dabit in veteri ferrugine cotis acumen vecchio ferro arrugginito o il colore potrà risplendere sul bronzo in-
w aut fumo infecto splendei in aere color. taccato dal fumo. Ma poiché la vostra gentilezza insiste battendo come
Sed quia dulcedo pulsans quasi malleus instat un martello, e la mia sollecitudine, battuta con1e un'i11cudine, mi tor-
et velut incudo cura relisa terit menta, e poiché voi accendete dentro il mio petto un fuoco il cui calo-
pectoris atque mei succenditis igne caminum re alimenta l'intimo del mio cuore, io obbedisco, giacché la vostra be-
unde ministratur cordis in aree vapor, nevolenza 1ni obbliga all'esercizio dell'arte mia, come fossi in una for-
15 obsequor hinc, quia me veluti fornace recocto nace indurita dal fuoco.
artis ad officium vester adegit amor. J; alta e autorevole dignità del clero parigino, nume tutelare, glo-
Celsa parisiaci clerus reverenda pollens, ria, ricchezza e onore della Chiesa, canta divini poemi nei cantici del
ecclesiae genium, gloria, munus, honor, re Davide e compie questo soave ufficio con assidua regolarità. Da
carmine davitico divina poe1nata pangens, una parte brillano i sacerdoti, dall'altra l'ordine dei diaconi: bianche
w cursibus assiduis dulce revolvit opus. chiome ricoprono gli uni, belle stole gli altri. Quelli sono pallidi, que-
Inde sacerdotes, leviticus hinc micat ordo; sti sono perfusi di rossore nei volti e biancheggiano come gigli in mez-
illos canities, hos stola pulchra tegit, zo a rose rosse. Quelli sono bianchi per l'età avanzata, questi per le
illis pallor inest, rubor his in vultibus errai belle vesti: formano una variopinta corona gradita a Dio. È presente,
et candunt rutilis lilia mixta rosis. al centro, Gennano (26), di dignità episcopale, che ora guida i giovani,
" Illi iam senio, sed et hi bene vestibus albent, ora sostiene gli anziani. Precedono i diaconi, segue l'importante rango
ut placeat summo picta corona Deo. dei duchi: egli avanzando richiama i primi, dirigendo fa venire avanti
In medio Germanus adest antistes honore gli altri. Egli incede lentamente, come un novello Arorme: lo splendo-
qui regit bine iuvenes, subrigit inde senes. re non gli viene dalla veste, incanta pinttosto per la sua pietà. Non pie-
Levitae praeeunt, sequitur gravis ordo ducatum: tre, scarlatto, tiara, oro, porpora, tela di bisso adornano le sue spalle,
'" hos gradiendo movet, hos moderando trahit. ma è la fede benigna a risplendere in lui. Costui è ben superiore al sa- I
Ipse tamen sensim incedit velut alter Aaron, cerdote della legge antica perché venera come vero ciò che prima fu
non de veste nitens, sed pietate placens. soltanto ombra. Poiché tiene in gran conto il futuro, egli rifiuta tutte !I
Non lapides, coccus, cidar, auru1n, purpura, byssus le cose presenti: si spoglierà della carne prima che la carne precipiti
exornant humeros, sed micat alma fides.
35 Iste satis melior veteri quam lege sacerdos,
verso la fine. Preoccupato che la rabbia dei lupi non divori qualche
anima, egli, pastore splendido, raduna le pecorelle nei recinti. Il greg-
I'
'I
hic quia vera colit quod prius umbra fuit. ge) invitato a sapidi pascoli con assidui richiami, riconosce la sua voce 'I
Magna futura putans, praesentia cuncta refellens, e lo segue lestamente, in venerazione. Soldato veloce nel rivestirsi del-
antea carne carens quam caro fine ruens; le armi, non appena il segnale risuona nelle sue orecchie rizza le mem-
sollicitus quemquam ne devoret ira luporum, bra dal letto dopo aver scacciato da sé il sonno. Prima degli altri ac-
" colligit ad caulas pastor opimus oves. corre; ciascunoi da ogni dove, si reca verso il tempio in cerca dei santi
Assiduis monitis ad pascua salsa vocatus misteri. La sua casa inonda tutto il popolo col suo animoso zelo e aga-
grex vocero agnoscens currit amore sequax 12 •
Miles ad arma celer, signum mox tinnit in aures,
erigit excusso membra sopore toro.
45 Advolat ante alios; mysteria sacra requirens,
undique quisque suo templa petendo loco.
Flagranti studio populum domus inrigat omnem
certatimque monent quis prior ire valet.

12 Cf. Io. 10, 27.


(26) Su Germano, asceso alla cattedra episcopale di Parigi prima del 558 e
9, 44 . .ARA.TOR act. 2, 421: ab alto I excutiens sua membra toro. - 47. tnorto il 28 maggio 576, si veda G. MATHON, Germano di Parigi, BS VI, 1965, 257-
CLAUD. 21, 55: videndi I flagravit studio. 259. La principale fonte su di lui è la vita scritta dallo stesso Venanzio.
CARMI, L. II, 9-10
166 CARMINA, L. II, IX-X

Pervigiles noctes ad prima crepuscula 'iungens, ra si esortano a muoversi per primi. Protrae le notti di veglia sino alle
'° construit angelicos turba verenda choros. prime luci dell'alba; la venerabile folla forma cori angelici. Assidua
Gressibus exertis in opus venerabile constans, nell'uffici~ divino, col) passi spediti, attacca con cantici per fare vio-
vim factura polo, cantibus arnia movet. lenza. al cielo: t~sse ~on lirica armonia la trama del Salterio, porta
Stamina psalterii lyrico modulamine texens, avanti con devozione il carme ordito di versi. Qui un fanciullo intona
versibus orditum carmen amore trahit. la sua voce su quella delle sottili canne, lì un vecchio fa uscire dalla
55 Bine puer exiguis attemperat organa cannis,
bocca il forte suono della tromba. Voci di cembali si mescolano a
inde senis largam ructat ab ore tubam: zufoli acuti e una siringa emette con molteplici tessiture un dolce suo-
cymbalicae voces calamis miscentur acutis no (27). Il flauto di un fanciullo addolcisce i sordi timpani dei vecchi e
disparibusque tropis fistula dulce sonat. le armonios~ parole degli uomini raddoppiano il suono della lira (28).
Tympana rauca senum puerilis tibia mulcet Una frase SI sviluppa mollemente, un'altra ci rapisce con la sua velo-
'" atque hominum reparant verba canora lyram. cità (29): cosl varia l'azione, a seconda del sesso e dell'età del!' esecuto-
Leniter iste trahit modulus, rapit alacer ille, re (30).
sexus et aetatis sic variatur opus. J!~ssolata ~ai;:ip~gna. di Cristo batte i frutti del frumento, poiché
Triticeas fruges fervens terit area Christi, allestlra 1 granai di Dio, ricordando che, secondo la parola del Creato-
horrea quandoquidem construitura Dei, re, sono beati coloro che il Signore al suo ritorno troverà svegli. Quan-
65 voce Creatoris reminiscens esse beatos
ta luce è nascosta nei meriti di costoro, nelle loro anime nella loro
quos Dominus vigiles, dum redit ipse, videt 13. virtù e nella loro fede, nel rivestimento del loro corpo! Ist~uiti dal ve-
In quorum meritis, animo, virtute fideque scovo, il clero e il popolo incolto recitano salmi: con questo modico
tegmine corporeo lumina quanta latent! impegno egli sarà riempito di frutti.
':1
Pontificis monitis clerus, plebs psallit et infans, . Beat? è ques.t' eser?to, sotto la guida di Germano. Mosè, proten-
'. :.· '" unde labore brevi fruge replendus erit. di le mani e verrai cosl m aiuto al tuo accampamento.
Sub duce Germano felix exercitus hic est.
Moyses, tende manus et tua castra iuvas 14,
10. SULLA CHIESA DI PARIGI (31)

,, X. DE ECCLESIA PARISIACA Se si ricorda la costruzione del tempio di Salomone questa chie-


i: sa, pari per l'arte, è più bella per la fede. Infatti, tutto ciò, che in passa-
Si salomoniaci memoretur machina templi, to Il era celato dal velo dell'antica legge, qui svelato si dispiega (32). Se
arte licet par sit, pulchrior ista fide. quello pr?sperò, tempestato di vari metalli preziosi, questa brilla più
N am quaecumque illic veteris velamine legis fulgida, tinta del Sangue di Cristo. Quello era ornato con oro, pietre
clausa fuere prius, hic reserata patent.
' Floruit illa quidem vario intertexta metallo, rofoni, i più vicini alla voce umana, con la quale condividono il principio generatore
clarius haec Christi sanguine tincta nitet. del suono. Al v. 60 invece dalla voce l'attenzione si sposta sulla parola come indica
Illam aurum, lapides ornarunt, cedrina ligna, il paragone con la lira, strrunento cordofono incapace di emettere un' suono conti-
n~o, e che. evoca perciò .il ling~aggio articolato, composto da successioni sillabiche
d1 fot'Za e 1ntonaz1one differenti. Il canto della Chiesa è formato dall'intrecciarsi di
13 Cf. Le. 12, 37. i4 Cf. Ex.17, 11. melodia e parola.
(29) Si allude all'agogica, ovvero all'alternanza di suoni di durata più breve a
58. Ps. CATO dist. 1, 27: fistula dulce canit. - 59. Ov. Ib. 456: et quatias. .. tympa- suoni di durata più prolungata.
na rauca. - 60. CLAUD. rapt. Pros. 2 praef., 14: repetitfi/,a canora lyrae. - 63. ARA- . . (30) L'intervento sitnultaneo di più tipi di voce non dovrà far pensare alla po-
TOR act. 1, 368: de quibus ipse tui componas horrea caeli I trùiceamque /idem ...
hfonta, non ancora praticata all'epoca, ma piuttosto a un alternarsi delle varie voci
',i corones; STAT. silv. 3, 3, 91: aestiferi quicquid terit ai!ra Nili. nell'e~ec~zione della monodia, o forse all'unisono in ottava. Da notare che la parola
sexus 1nd1ca che ~che le donne erano ammesse nell'esecuzione del canto liturgico.
>, i (27) Non si tratta di strumenti 1nusicali presenti all'interno della chiesa . (31) Alc~ni hanno voluto vedere nell'edificio qui celebrato la chiesa di San
ma di un paragone tra voci u1nane e strumenti. Il flauto di Pan, costituito d~ V:mcenzo, altri la cattedrale di Parigi: quest'ultima ipotesi gode oggi di maggior cre-
nu1nerose canne, grazie ai registri può spaziare su diverse tessiture. dito: cf. J. DERENS - M. FLEURY, La construction de la cathédrale de Paris par Childe-
(28) Il passo è assai preciso: ai vv. 55-56 la voce bianca dei bambini è pa- bert f"' d'après le De ecclesia Parisiaca de Fortunat "Journal des savants" 4 1977
177-253. ) ' ' ,
ragonata ai flauti soprani, quella dei vecchi alle trombe basse; ai vv. 57-58 levo-
ci. gra':'i sonò paragonate ai ce1nbali. Alla fine il coro nel co1nplesso, unità nella . (3~) Il paragone fra il te1npio gerosolimitano e le chiese cattoliche, figura della
diversttà, è paragonato al flauto di Pan. Tutti gli stru1nenti menzionati sono ae- sostituzione della nuova legge all'antica, si trova in due scrittori precedenti, entram-
168 cARMINA, L. II, X-XI CARMI, L, II, 10-11

huic venerabilior de cruce fulget honor. pteziose e legno di cedro; in questa splende più venerabile la gloria
Constitit illa vetus ruituro structa talento, della Croce. Quel tempio antico fu eretto con denaro destinato a peri-
rn haec pretio mundi stat solidata domus. re, questo edificio si erge consolidato dal riscatto dcl mondo (33).
Splendida marmoreis attollitur aula columnis L'aula si eleva splendida, con colonne 1narmoree e, poiché rimane pu-
et quia pura n1anet, gratia maior inest. ra, vi alberga un fascino maggiore. Riceve per prima i raggi del sole
Prima capit radios vitreis oculata fenestris dalle vetrate rotonde e, grazie alla mano dell'artista, ha racchiuso il
artificisque manu clausit in aree diem. giorno al suo interno. Al sorgere dell'aurora una flebile luce pervade il
., Cursibus Aurorae vaga lux laquearia conplet soffitto e con i suoi raggi essa risplende anche senza il sole. i'
atque suis radiis et sine sole micat. Il devoto re Childeberto, nel suo singolare amore, diede al suo
Haec pius egregio rex Childebertus amore popolo questi doni che mai periranno. Tutto rapito dall'amore verso il
dona suo populo non moritura dedit. culto divino, egli incrementò le inesauribili ricchezze della chiesa. Il
Totus in affectu divini cultus adhaerens nostro Melchisedech, a buon diritto re e sacerdote, portò a termine,
'° ecclesiae iuges amplificavit opes: da laico, un'opera di religione (34). Egli regge le sorti dello stato e cu-
Melchisedech noster, merito rex atque sacerdos stodisce gli eccelsi palazzi: la sua unica regola fu la gloria dei vescovi.
conplevit laicus rcligionis opus. Dipartito da qui, egli vive lassù per la gloria dei suoi meriti: anche
Publica iura regens ac cclsa palatia servans: quaggiù sarà eternato dalle lodi delle opere sue.
unica pontificum gloria norma fuit.
25 Hinc abiens illic 1neritorum vivit honore.

Hic quoque gestorum laude perennis erit. 11. SUL BATTISTERO DI MAGONZA (35)

Risplende l'alta sala del santo battesimo, con cui Cristo lava nel-
Xl. DE BAPTISTElliO MAGANTIAE !' acqua le colpe di Adan10. Qui il· gregge, sotto la custodia del divino
pastore, s'ilnmerge nelle acque pure, perché la pecora non porti a lun-
Ardua sacrati baptismatis aula coruscat go il mantello macchiato. I: origine portò col seme la morte, ma il Pa-
quo delicta Adae Christus in amne lavai. dre del mondo guarì le colpe mortali con acque salutifere. Dunque il
Hic pastore Deo puris grex mergitur undis, vescovo Sidonio (36) innalzò questo edificio, egli che propaga il culto
ne maculata diu veliera gestet ovis. del Signore rinnovandone i templi. Il vescovo lo edificò con il devoto
, Traxit origo necem de semine, sed pater orbis intervento di Bertòara (37) che, gloria della Chiesa; è apprezzata per il
. I
purgavit medicis crimina mortis aquis. suo cuore amorevole .
Hanc tamen antistes Sidonius extulit arcem, Splendore della fede cattolica, ardente di devozione, frequentatri-
qui Domini cultum tempia novando fovet. ce dei templi, generosa verso i poveri, ella semina per poi mietere, di-
Struxit Berthoarae voto conplente sacerdos, stribuisce per conservare: con le ricchezze terrene si procura beni im-
10 quae decus ecclesiae cordis amore placet. mortali. Figlia degna dcl padre, nella quale tu, o Teodeberto, rivivi, tu
Catholicae fidei splendor, pietate coruscans, che governasti la patria con la pietà di un padre e, sostenuto dalla fe-
templorum cultrix, prodiga pauperibus,
seminar unde metal fruges, spargendo recondens:
terrenis opibus non moritura parat.
15 Filia digna patri, te, Theudeberte, reformans,
(34) Su questo passo si veda REYDELLET, La royauté, 323ss. La pietà del re
rexisti patriam qui pietate patris Childeberto I (511-558) etnerge pure da alcune delle vite di santi composte da Ve-
et comitante fide revocasti ex hoste triu1nphos, nanzio.
(35) Questi ulti.tni carini del libro risalgono a un periodo che precede di poco
il soggiorno parigino, e precisamente al 566-567, quando Venanzio si trattenne in
Austrasia al seguito del re Sigiberto I.
(36) Sidonio dovrebbe essere il terzo vescovo di Magonza: cf. DUCHESNE, Fas-
tes épiscopaux de l'ancienne Caule, III, Paris 1915, 157: s'insediò nel 549 ma non
11, 17. SEOUL. carm. pasch. 2, 37: et dictum comitatafi'des. sappiaino con precisione la data della sua 1norte. Suo successore fu Taumasto, che
dopo una breve reggenza fu esiliato; nell'anno 589 sulla cattedra 1noguntina sedeva
bi della Gallia: PAUL, NoL. carm. 27, 477 e 28, 311 e SIDON. epist. 4, 18, 5, vv. Sigimondo.
13 e 7, 9, 21. Lo stess0 Venanzio riadopererà il tema in carm . .3, 6, lss. (37) Bertòara (PLRE III, 229), personaggio non conosciuto da altre fonti, era
(33) Cioè da Cristo; si ricordi carm. 2, 6, 22. figlia del re Teodeberto (534-548) e quindi pronipote di Clodoveo: cf. v. 15.

1:
'
CARMI, L. II, l 1-13
CARMINA, L, II, XI~XIII

de, riportasti trionfi sui nemici, ma i prigionieri presto poterono far ri-
scd capti pretio mox rediere tuo. 'I
torno, riscattati da te (38).
Ecclesiae fultor, laus regum, pastor egentum, Sostegno della Chiesa, gloria dei re, pastore dei bisognosi, protet-
20 cura sacerdotum, promptus ad omne bonum tore dei vescovi, pronto a ogni beneficio: nessuno può dire di aver sof-
cuius dulce iugum nullus gemuisse fatetur, ferto sotto il tuo soave giogo; o re, ancor· oggi tu, per i tuoi meriti, vivi
vivis adhuc meritis rex in amore tuis. nell'amore dei tuoi sudditi.

XII. DE BASILICA SANCTI GEORGI 12. SULLA BASILICA DI SAN GIORGIO (39)

Martyris egregii pollens micat aula Georgi Risplende la maestosa basilica dell'illustre martire Giorgio, la cui
cuius in hunc mundum sparg1tur altus honor. eccelsa gloria si è diffusa in questo mondo. Col carcere, con attentati,
Carcere, caede, fame, vinclis, site, frigore, flammis con la fame, con le catene, la sete, il freddo, le fiamme egli professò
confessus Christum duxit ad astra caput. Cristo e portò così la propria testa in cielo. Egli, potente nei miracoli,
5 Qui virtute potens orientis in axe sepultus sepolto sotto il cielo dell'Oriente, ecco, offre la sua protezione sotto il
ecce sub occiduo cardine praebet opero. cielo dell'Occidente.
Ergo memento preces et redder~ vota, ~ator: Rammentati, dunque, o viandante, di offrirgli preghiere e doni
obtinet hic meritis quod petlt alma frdes. votivi: qui la fede benigna ottiene, grazie ai meriti del santo, ciò che
Condidit antistes Sidonius ista decenter essa implora. Il vescovo Sidonio ha costruito con gusto questa nuova
proficiant animae quae nova tempia suae. chiesa; possa essa arrecare vantaggio alla sua anima.
i.
XIII. DE ORATORIO TRASARICI 13. Suu:oMTmuo DI TRAsAJùco (40)
i
Lucida perspicui nituerunt limina templi . Risplendono le soglie brillanti del tempio ben 'éisibile, dove la ve- 1.:
quo capit haud dubiam spero veneranda frdes. nerabile fede riceve una speranza per nulla incerta. E questa la basilica
: I, Haec est aula Petri caelos qui clave catena! di san Pietro, che con la sua chiave incatena i cieli e al cui passo il ma-
substitit et pelagus quo gradiente lapis 15 • re si fece duro come pietra. In questa dimora abita san Paolo, sola
5 Sedibus his Paulus habitat, tuba gentibus una, tromba delle genti, che, predone in precedenza, ora è per sempre aral-
et qui praedo prius, hic modo praeco manet. do della fede. È pure la dimora di san Martino, che rivestì Cristo biso-
Mattini domus est Christum qui vestit egentem, gnoso: recluta che ricoprl il Re e uomo che, debitamente, ricoprì Dio.
I
!,,
regem tiro tegens et homo iure Deu!". Ecco rifulge la basilica del santo vescovo Remigio, che lasciò le tene- ,.,
Ecce sacerdotis sacri micat aula Remedi bre del mondo per abitare stabilmente tra gli astri (41).
qui tenebras mundi liquit et astra tenet. :i':1
,,

quie del santo sono ricordati da GREG. TUR. glor. mart. 100. La basilica edificata da
15 Cf. Mt. 14, 29. Sidonio si trovava in un citnitero nella località di Castel; cf. E. EWIG, Die iiltesten
Mainzer Patrozinien und die FrUhgeschichte des Bistums Mainz, in AA.VV., Das erste
12, 5. ARATORact. 2, 78: virtut~potens. -6, CLAUD. 3, 274: occiduo maneas Jahrtausend. Kultur und Kunst im werdenden Abendland an Rhein und Ruhr, Diissel-
!. I.
sub cardine; VEN. FORT, carm. 6, 1, 79, dorf 1963', 117ss.
(40) Il Trasadco qui no1ninato è identificato solitamente con l'on1onimo vesco-
(38) La pietà del re Teodeberto è ricordata anche d.a GREG, T~~· ~rane. 3, vo di Toul menzionato nei Gesta episcoporum Tultensium (ed, G. Waitz1 MGI-1 SS
25 Qui Venanzio allude alla campagna italiana del 539, intrapresa 1n1z1a~mente
in ·appoggio ai Bizantini nella gu,erra c?n~ro gli Ost.rogoti. In .quell'oc~asione
truppe franche riuscirono a sp1ngers1 fino, a Pav1~, ma fui.ano d~c1mate d
1: VIII, Hannover 1848 [rist. anast. ivi 1992], 632-648), la cui vita dovrebbe collocarsi
nella seconda metà del sec. VI. Il fatto che Venanzio non accenni alla dignità episco-
pale del personaggio potrebbe far propendere piuttosto per un Traserico destinata-
un'epideinia: cf. GREG. TUR. Frane. 3, 32. L espressione comztant~fide po~re~­ rio di una lettera di Gogone, precettore di Childeberto II (d. EPIST. Austras. 16).
be alludere all'ortodossia dei Franchi, impegn~~i nell~ lo~ta contr? 1 G~u ar1ant. Potrebbe nondimeno trattarsi della n1edesima persona. Il luogo in cui sorgeva l'ora-
(39) Il cuh:o di san Giorgio, nel sec. V gra assai sviluppato. m Ortent.e, so- torio non è stato identificato.
prattutto in Palestina, giunse in Occidente a partire dal VI. ~er 1.n~meros1 pro- (41) L'oratorio conservava dunque reliquie di quattro santi: Pietro, Paolo,
blemi che suscitano le leggende sorte attorno a questo. matl!re si. r~~nda a J?· Martino e Remigio.
BALBONI, Giorgio, BS VI, 1965, 512-525. In Gallia, mtracoh attrtbwtt alle reli-
li
I

CARMINA, L. II, XIII-XIV CARMI, L. II, 13-14 !73 .:·I

I !
Cultor opime Dei templum, Trasarice, locasti. O Trasarlco, benefattore magnifico, tu hai fondato un tempio di
Has cui persolvis reddit amator opes. Dio: Colui al quale hai donato ti restituisca nel sno amore codeste ric-
chezze.

XIV DE SANCT!S AGAUNENSIBUS I,


14. SUI SANTI DI AGAUNO (42) '

Turbine sub mundi cum persequebantur iniqui


Christicolasque daret saeva procella neci, Quando, nel vortice del mondo, gli iniqui perseguitavano i segua-
frigore depulso, succendens corda peregit ci di Cristo e una terribile tempesta li consegnava alla morte, cacciato
rupibus in gelidis fervida bella fides. via il freddo e accendendo i cuori, la fede combatté ardenti guerre sul-
5 Quo, pie Maurici, ductor legionis opimae le gelide rocce. Lì., o pio Maurizio, capo di una legione bene armata,
traxisti fortis subdere colla viros. spingesti uomini forti a offrire il proprio collo. Deposte le spade, tu li
Quos positis gladiis armasti dogmate Pauli armasti della dottrina di san Paolo secondo cui il morire è più dolce se
nomine pro Christi dulcius esse mori 16 . avviene nel nome di Cristo. Essi potevano, col loro cuore impavido,
Pectore belligero poterant qui vincere ferro vincere co1nbattendo con le armi: attirano invece preziose ferite sulle
invitant iugulis vulnera cara suis. loro gole. Essi si esortano così a salire al cielo grazie alla loro sconfitta:
Hortantes se clade sua sic ire sub astra ogni eroe nuotò nel sangue di un altro. La fontana di sangue gonfiò le
alter in alterius caede natavit heros. rapide onde del Rodano e la collera sanguinaria tinse le nevi alpine.
Adiuvit rapidas Rhodani fans sanguinis undas Con una tale morte l'armata beata fa il suo ingresso nei cieli e, unita ai
tinxit e.t alpinas ira cruenta nives . cori degli apostoli, si compiace della propria gloria. n valore, rivestito
., Tali fine polos felix exercitus intrans della toga purpurea, è circondato dal senato degli angeli: ciò che in
iunctus apostolicis plaudit honore choris. precedenza valse a loro la morte, ora dona la luce che riscalda gli eroi.
Cingitur angelico virtus trabeata senatu: Ecco, o capo valorosissimo dei trionfatori, assieme a te giacciono
mors fuit unde prius lux fovet inde viros. qui le sante reliquie di questi quattro grandi (43). Sotto un tumulo
Ecce, triumphantum ductor fortissime, tecum modesto si nasconde una celeste ricchezza e terra comune ricopre i teM
quattuor hic procerum pignora sancta iacent. sori di Dio; essi fanno crescere la sacra ricchezza del paradiso, eredi
Sub luteo tumulo latirat caeleste talentum del Signore, destinati alla luce perenne. Questo coro, una volta rias-
divitiasque Dei vilis arena tegit, sunta la carne, sarà posto su un trono celeste e, quando il Giudice
qui faciunt sacrum paradisi crescere censuro verrà, sarà arbitro del mondo. Così la truppa devota, ansiosa di scorM
heredes Domini luce perenne dati 17. gere Cristo, fece della morte una via per raggiungere i cieli. Io, Fortu-
25 Sidereo chorus iste throno cum carne locandus, nato, per gli splendenti doni dell'Onnipotente, vi prego di recarmi
cum veniet iudex, arbiter orbis erit. soccorso, perché io non sia tor1nentato nelle tenebre.
Sic pia turba simul, festinans cernere Christum,
ut caelos peteret, de nece fecit iter.
Fortunatus enim per fulgida dona Tonantis,
ne tenebds crucier, quaeso feratis opem.
(42) Maurizio e i suoi compagni della legione tebana furono martirizzati du-
rante la persecuzione di Diocleziano e Massimiano (primo decennio del sec. N) nel
territorio dell'odierno Canton Vallese, in una località ora detta Saint-Maurice d'A-
gaune. Sul luogo della sepoltura fu costruita una basilica alla fine del secolo: cf. R.
HENGGELER, Maurizio e cc. di Agauno, BS IX, 1967, 193-204. Le reliquie dei santi
avranno raggiunto Tours per interessamento di Clotilde, moglie di Clodoveo, di stir-
pe burgunda, che visse ritirata in quella città dal 511 fino alla sua morte nel 544.
GREG. TUR. Frane. 10, .31 narra di aver trovato le reliquie dei santi agaunesi nella ba-
16 Cf. Phil. 1, 21. 17 Cf. Mt. 19, 28; 1Cor.6, 2. silica di San Martino e di averle in seguito trasportate nella cattedrale. Secondo
MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 55, il carme fu composto proprio in occasione della
14, 13. CLAUD. 7, 99: Alpinae rubuere nives... I ni rapi'dus iuvt'ssetfiumina traslazione delle reliquie.
sanguis. - 20. SEDUL. carm. pasch. 1, 343: quattuor hi proceres. - 22. PROP ..3, 7, (43) I nomi di tre dei compagni di Maurizio ci sono noti dalla Passio, compo-
26: Paetum spante tua, vilis harena, tegas. - 26. ALC. AVIT. carm. 2, 338: tudex sta dal vescovo Eucherio di Lione (sec. V): EUCHER. pass. Açaun. 13: Exsuperius,
atque arbùer orbis. Candidus, Vietar.
''I CARMINA, L. II, XV-XVI
174 CARMI, L. II, 15-16 175

XV. DE SANCTO HILAIUO 15. Su SAN'l"ILARIO (44)

Si Hilarium quaeris qui sit cognoscere, lector, Se t'interessa sapere, o lettore, chi sia sant'liario, gli Allobrogi (45)
Allobroges referunt Pictavios genitum. sostengono che egli sia nato a Poitiers. Mentre, come vescovo, guidava
Cum populum regeret divina mente sacerdos, il popolo con ispirazione celeste, egli si preoccupò di conservare i pat-
servabat legis foedera sollicitus. ti della legge. Quando vide che un errore insano recava divisione tra il
,I!
, Inprobus ut vidit plebes quod scindere! errar, popolo, mise in piena evidenza il veleno dei Greci, che dai loro cuori I'
Graecorum virus protulit in medium, di vipere sempre veleni secernono, tanto che sostengono che il Figlio ii
vipereo promunt semper qui ex corde venena, sia creatura di Dio, e reca loro sostegno la sapienza del mondo, la qua-
filius ut dicant quia est creatura Dei. le esclude che sia divino un essere generato da uno ingenerato. Lo
Quis magis auxilium praestat sapientia mundi sciagurato Aria, volendo calpestare i profeti, ha fatto sua questa sag-
10 de ingenito genitum quae negat esse Detun. gezza con infinito danno: crepò che ancora la manteneva (46). I: egre-
Quam male conplexus, cupiens calcare prophetas, gio dottore, seguendo le dottrine degli antichi, riconosce e dimostra
Arrius infelix cum retinet crepuit. che colui che Stefano vide è Dio. Egli, vinto dall'amore di Dio, di-
Egregius doctor, veterum monumenta secutus, sprezzò il principe di questo mondo e la sua fede incontaminata do-
quem Stephanus vidit conproba.t esse De':'m 18 . vette patire l'esilio (47). Grazie soltanto alla parola di Dio egli fa rico-
15 Victus amore Dei, contempto pr1nc1pe mundi, noscere il Figlio nel Padre, che è Dio onnipotente. Egli, in dodici li-
intemerata fides pertulit exilium. bri (48), insegna al popolo che Cristo è luce perpetua, Signore e Dio.
In patre qui potens Deus est cognoscere Natum
divinis tantum vocibus insinuat.
Perpetuum lumen Christum Dominumque Deumque 16. Su SAN MEDARDO (49)
;
!' bis senis populos edocet esse libris.
Tra gli adoratori di Cristo, le cui opere hanno assicurato loro il
:·'' cielo, un posto eminente, in ragione dei tuoi n1eriti, spetta a te, Me-
: ~ XVI. DE SANCTO MEDA!IDO dardo, che vivesti da ospite sui terrestri lidi, tanto da testimoniare- che
la tua patria era il cielo. Per te, che ti guardavi dai luoghi fangosi, il
Inter Christicolas quos actio vexit in astris mondo era un esilio e ora il cielo gioisce nel!' averti per sempre quale
pars tibi pro meritis magn.a, M~darde, patet, suo cittadino. Liberato dalle tenebre, avvolto da una veste di luce, do-
qui sic vixisti terrenis hospes 111 or1s po la tua morte godi di spazi più liberi. Nato dalla terra, divenuto abi-
:] ut caelos patrian1 redderes esse tuam. tante dell'Olimpo, lasciando questa madre abiti col Padre in una lieta
5 Exilium tibi mundus erat caenosa caventi dimora. Vincitore dell'umana colpa, tu trionfi al di sopra degli astri e,
et modo te gaudet cive manente polus. consumando la tua carne, ottieni il riposo dell'auima. Noi riconoscia-
i !' Exutus tenebris, vestitus tegmine lucis
':I
post obitum frueris liberiore die.
De tellure satus factus possessor Olympi
1o et matrem linquens cum Patre laeta tenes. Diversi studiosi, da F. Leo a MEYER, Der Gelegenheitsdichter, 28 a BWMGREN, Stu-
.Humani vietar vitii super astra triumphas dia Fortunatiana, 79, hanno negato l'autenticità venanziana di questo carme, a causa
atque cremans carnem das animae requiem. di diverse particolarità di ordine metrico; nondimeno non vi sono argomenti pro-
banti. Alla vita del santo, Venanzio dedicò due scritti in prosa: il De virtu#bus sancti
Hilarii e la Vita sancti Hilarii, che il lettore troverà nel tomo II.
(45) Tribù gallica, qui in metonimia per indicare gli abitanti della Gallia nel lo-
18 Cf. Act. 7, 55. ro complesso.
(46) Per la morte di Ariosi veda RUFIN. hist. 1, 13, o CASSIOD, ht'st. 3, 10, 10.
15, 9. SEDUL. carm. pasch. 1, 314: quia vana ç/.eo est ~apientia mundi. - 12. (47) Nel 356 il sinodo di Béziers accusò Ilario per aver sostenuto sant'Atanasio e
SEDUL. carm. pasch. 1, 284: Arrius infelix. - 16. PROSP. ep1gr. 76, 2; D~c. laud. il concilio di Nicea; l'ilnperatore Costanzo lo esiliò in Frigia. Con l'espressione il prin-
dei 33, 427: inte1nerata fides. - 19. SEDUL. carm. pasch. 2, 216: domtnumque cipe di questo mondo Venanzio intende alludere a Satana piuttosto che a Costanzo.
deumque; IuVENC. 1, 24. (48) I dodici libri del trattato De trinitate (ed. P. Smulders, CCL 62-62A,
1979-1980).
(44) Vescovo di Poitiers dal 350 circa al 367, Strenuo co~battente contro (49) San Medardo, vescovo di Noyon, morì verso il 560, quindi poco tempo
l'eresia ariana tanto da 1neritare l'appellativo di malteus haerettcorum (martello prima dell'arrivo di Venanzio in Gallia: cf. H. PLATELLE, Medardo, BS IX, 1967,
degli eretici):'cf. A. QUACQUARELLI, Ilario di Poitiers, BS VII, 1966, 719-725. 262-264. Il re Coltario I lo fece seppellire a Soissons, e su quel luogo fece costruire
CARMINA, L. II, XVI CARMI, L, II, 16. 177

Te inter mundanos vepres gradiente fatemur mo che tu, quando can1minavi tra i roveti del mondo, calpestando le
calcatis spinis pro1neruisse rosas. spine. hai .gua.dagnato le rose. Il prato, ricolmo di fiori, emana per te
,, Flore refectus ager suaves tibi fundit odores, aromi. delical!: si diffondono i balsami e gli incensi che profumano il
balsama, tura replent quae paradisus habet. paradiso. Tu cautamente hai diretto i tuoi passi lungo una via stretta e
Cauta per angustum figens vestigia callem, così quella strada angusta ti spalancò la via della luce. La via larga dei
sic dedit arta tibi semita lucis iter. piaceri, che precipita nell'Averno, solletica le dolcezze della carne, ma
Lata voluptatnm via quae submergit Averno, procura l' amaritudine della morte. Da questo cammino tu mai deviasti
dulcia carnis alens, mortis amara parat 19. i tuoi sacri passi, né vie tortuose poterono invischiare i tuoi piedi. La
Hoc numquam sacros flexisti tramite gressus via della gloria è faticosa, più faticosa ancora quella che porta al cielo·
nec potuere tuos prava tenere pedes. ma più è intenso lo sforzo, tanto la gloria sarà maggiore. '
Durnm iter ad laudes, gravior via ducit in altum; Con quali miracoli del tuo sacro operare potrei cominciare, visto
quo labor est potior, gloria maior erit. che, qualunque cosa tu compia, brilla per il suo eccellente valore?
25 Quae prius incipirun sacri miracula facti, Mentre la tua vita, volta al cielo, stava chiusa in un corpo umano, ti
cum, quicquid facias, omnia prima micent? stavano a cuore quegli occhi dai quali la luce fuggiva. Se un cieco
Dum fuit ad superos humano in corpore vita, giungeva presso di te, toccandoti otteneva la guarigione: nel mezzo
ex oculis fugiens lux tibi cordis erat. delle tenebre riluceva la pienezza del giorno.
Si caecus venit, rapuit palpando salutem, Uno, che volle introd.ursi di soppiatto per perpetrare un furto (50),
in mediis tenebris fulsit aperta dies. resta fermo se tu lo leghi, fugge se tu lo liberi. Un ladro, senza aver
Qui voluit furti causa penetrare latenter portato a compin1ento la propria azione, ingannato dal vano proposi-
te religante sedet, te reserante fugit. to, pur avendo restituito ogni cosa è accusato per·il suo crimine. Infat-
Pur sine perfectu voto deceptus inani ti, una volta che ebbero afferrato le dolci uve della vite, i suoi passi
omnia restituens crimina fraudis habet. non furono in grado di allontanarsi dal luogo, né poté il ladro portar
,, Nam semel ut molles carpsernnt palmitis uvas, via il bottino con le proprie forze, ma fu il.bottino a togliere i piedi al
non valuere gradus inde referre foris ladro. Lo sventurato si ritrovò dunque legato con i suoi stessi lacci: era
nec potuit raptor pedibus subducere praedam, venuto per catturare ma fu egli stesso a essere catturato. Non. toccò
raptori abduxit sed sua praeda pedes. neppure il mosto, ma egli si rivoltò nella sua anin1a colpevole: prima
Ergo suis laqueis coepit miser esse ligatus: ffie potesse bere, la folla ubriaca giace a terra. Si mise a sorvegliare i
40 venerat ut caperet, captus at ipse fuit. grappoli invece di sottrarli: voleva essere un ladrone ed è diventato un
Nec tetigit mustum, sed iniqua mente rotatur, guardiano, fin quando, o santo, tu con le tue parole gli avessi.ordinato
antea quam biberet, ebria turba iacet. di andarsene; istruito dal ne1nico, egli ritornò in sé per portare a ter-
Incepit servare magis quam ferre racemos mine il furto (51). O santissimo vescovo, quanta è la bontà d'anin1o
et datus est custos qui cupit esse rapax, che è in te, tu che lasci andare, col tuo aiuto, chi ti reca danno?
4.J donec, sancte, tuis verbis iussisses abire, . Un povero, ancor più disonesto, ruba un campanello di quelli che
ut furtnm inpleret, doctus ab hoste redit. solitamente stanno al collo dei buoi: lo nasconde in grembo, ne ottura
Quae manet haec animi pietas, sanctissime praesul, la cavità con fieno e lo stringe nella mano, per non tradire il misfatto.
laedentem auxilio qui facis ire tuo? Al tuo arrivo, sant'uomo, rivelò i fatti segreti, e incominciò a denun-
,.
.\ I

Tintinnum rapit alter inops, magis inprobus ille, ·


qui iumentorum colla tenere solet
absconditque sinu, feno praecludit hiatum
et tenet ipse manu, ne manifestet opus.
Te veniente, sacer, causas patefecit opertas
Medardi, che la tradizione m.anoscritta attribuisce allo stesso Venanzio: catalogata da
B. Krusch tra le opere spurie, oggidl vi è chi ne difenda l'autenticità. Cronologica-
1nente la paternità venanziana è possibile, dal momento che la Vita fu scritta durante
i9 Cf. Mt. 7, 13-14. il regn<;' ~i !'eodebert? II (593~612): safebbe pertanto un'opera senile. Per maggiori
dettagh si runanda all Introduzione alla Vita, nell'Appendice dd voi. II.
una basilica che sarebbe stata completata dal figlio Sigiberto I: cf. GREG. TuR. (50) Causa penetrare latenter si legge nell'edizione curata dai Bollandisti (AS
Frane, 4, 19. Nella stessa basilica furono sepolti i due sovrani: cf. GREG. TuR. iunii, II, Antverpiae 1698 [dst. anast. Turnhout 1968], 78) per causas penetrare la-
Frane. 4 21e51. Il carme fu verisi1nilmente composto in occasione della consa- tentes della tradizione n1anoscritta.
crazion; de!Ja basilica. La principale fonte biografica sul santo è la Vt"ta sancti (51) Ovvero, Medardo gli ha donato i grappoli che desiderava.
CARMINA, L, II, XVI CARMI, L. II, 16 1 79

tinnitu incipiens iam quasi furta loqui. dare il furto quasi parlando, col suo tintinnìo. A nulla giova nascon-
,, Nil valet abscondi, nil claudi nilve teneri, derlo, a nulla stringerlo o racchiuderlo: col suo suono squilhmte de-
facundo strepitu prodidit omne malum. • nu.ncia ogni colpa. Esso difendeva come davanti a un giudice la pro-
Pandebat propriam veluti sub iudice causam, pria causa, con un suono spiegato, che non aveva alcun timore del la-
nil de fure timens liberiore sono. dro. :penuncia, accusa, dimostra, condanna, rincara le accuse; nondi-
Indicat, accusat, convincit, damnat, acerbat, meno, in tua presenza non si può essere colpevoli. Tu perdoni il ladro
60 te praesente tamen non licet esse reum. con la pietosa benevolenza che ti è consueta e aggiungi avvertimenti
Absolvis furem solitae pietatis amore, perché riprenda attento il suo cammino: gli imponi di portare con sé il
I I addens et monitus, cautus ut intret iter, tintinnante bottino, perché non se ne tornasse triste, povero e deluso
praecipiens querulam secum portare rapinam, nelle sue speranze.
ne vacua tristis spe remearet inops. Ora .dunque racconterò, come sarò in grado, i venerabili prodigi
che tu hai dato al popoh, una volta strappato a questo mondo.
65 Bine trunen ut potero, cu1n raptus ab orbe fuisses, Mentre .si trasportavano le sante membra su un feretro ben pre-
quae dederis populis signa verenda loquar. parato, un cieco che s1 prostrò al tuo passaggio meritò di rivedere la
luce (52). Egli ricevette, trepidante, la luce dalla tua sacra ombra e la
'' .1:. ;1 ;1
tua morte fu per lui l'origine della luce. Mentre poi si apriva per te il
i I
[de caeco inluminato]
Cum pia composito veherentur membra feretro, sepolcro, i suoi occhi sepolti risorsero e quel tuo sonno fece ridestare
substratus meruit caecus habere dietn. quest'uomo. Quando tu abbandoni il mondo, a lui il mondo con la
Anxius ille sacra lumen suscepit ab umbra sua luce è restituito; mentre tu lasci la luce del giorno, la notte da que-
10 et tua mors illi lucis origo fuit. st'uomo rifugge. Quel!' antico volto stupì della nuova luce: in un vec-
Dumque sepulchra darent, oculi rediere sepulti chio edificio ricompare la primitiva finestra.
et sopor ille tuus hunc vigilare facit. Un altro, legato con ceppi robusti e con manette; non appena
Cum fugis a mundo, datur illi lumine mundus, eb~e toccato il tempki, ecco, le ferree catene cadono (53 ). Un peso
I te linquente die hunc fugiunt tenebrae. cosi gravoso - pun1z1one dolorosa anche soltanto a vedersi - una
,, Antiqui vultus lucem stupuere modernam massa così ingente hanno sopportato quei poveri piedi! Se fo~sero
st~ti uniti uno ali' altro, avrebbero potuto fiaccare un elefante e que-
et veteri fabricae prima fenestra venit.
st uomo non avrebbe potuto muovere faticosi passi. Per lui tutto ciò
[de energumeno conpedito sanato et soluto] non è meno dell'ancora che giace rotta sulle coste africane quando si
Compedibus validis alter manicisque ligatus abbatte una tempesta. Un supplizio pesante fu imposto perché fosse
mox tetigit templum, ferrea vincla cadunt. più grande il trionfo: è un merito maggiore avere la meglio sulla cru-
i 11 Tam grave fragmentum - dolor est ve! cernere poenam - deltà! Quel poveretto in ceppi non doveva sopportare così tante ca-
'j I tene se non perché la tua virtù meritasse un'azione più gloriosa. Le
so pondera tot miseros sustinuisse pedes !
Si conexa forent, elephantum solvere possent rntene non strepitarono altrettanto quando furono foggiate, quanto
tmunnavano quando stridevano selvaggiamente. La mano destra
I. !I nec poterai rigidos ipse movere gradus.
Non minus est illi quae subvertente procella che prima era crudelmente legata in catene, ora, libera, plaude a t~
1.1 che la sciogli.
litoribus libycis anchora fracta iacet.
1, 85 Poena quidem gravior cecidit crescente trirunpho,
vincere rem saevam gloria maior erat
Non habuit tot vincla pati miser ille ligatus,
sed tua quo virtus plus mereretur opus.
Cum solidarentur non sic strepuere catenae
90 ceu tinniverunt, cum crepuere ferae.
Quae fuit illa prius nimiis male vincta catenis,
iam tibi qui solvis libera dextra fave!.
(52) In P~. VEN. FORT. vita Med. 12, 30 è un sordo a ricuperare l'udito.
(53) La .liberazione ~i prigionieri è un topos dell'agiografia dell'epoca. Si veda
16, 77. LUCAN. 3, 565: alias manicaeque ligant. "78. DRAC. laud. dei 3, F. ~RAUS, Dte Gewa~t b~t den Anfiingen des Feudalismus und die "Gefangenenbe-
415: ferrea vincla tenebant; ARATOR act. 2, 793:/errea vincula. - 83. PRUD. psych. /retungen" der merowtngischen Hagiographie, "Jahrbuch fiir Wirtschaftsgeschichtt:;"
I (1961), 61-156. '
661: subsù;tente procella.

II
I
CARMINA, L. II, XVI CARMI, L. II, 16 181
180

Lignea vincla gerens alter confugit ad aulam, Un altro, che portava ceppi di legno, si rifugiava in chiesa: pure
quae simili merito scissa repente cadunt. a questi, per un simile beneficio 1 all'improvviso si spezzano e cadono.
95 Nec 1nora. Vrix tetigit sacrari limina templi, In un baleno, appena l'uomo tocca la soglia del tempio consacrato,
fit tonitrus caelis arma ferendo tibi. romba in cielo un tuono che ti porta le armi. I pesanti ceppi di legno,
Grandia divisi ceciderunt pondera ligni spezzati, pio1nbarono a terra e a un te1npo si accasciò colui che ne
i
et qui gessit onus conruit ipse simul. portava il peso. Egli trasecolò per la libertà ricevuta inaspettatamente ,]

Expavit subito de libertate recepta e, una volta liberato, fu preso da maggior timore. Quale fu la ragio-
11
'! ; ne? Perché si abbatté prono a terra? In verità le gioie intense spesso
rno atque 1nagis timuit quando solutus erat.
Quae ratio fuerit, cecidit cur pronus in arvis? recano con sé il ti1nore. Mentre egli stupisce per il rinnovato vigore ,,1!
Gaudia magna quidem saepe timere solent. dei piedi straziati, guarda con stupore le sue membra che, libere, si !1
Dum stupe! unde salus laceris est reddita plantis, n1uovono agilmente.
admirante animo membra saluta fluunt. In seguito, una vecchia, a un'età in cui ogni malanno è pericoloso,
per un tiro odioso della sorte aveva gli arti come morti. Ella teneva le
[de muliere debili sanata] dita ripiegate, in balla del morbo (54) né poteva muovere il pollice per
105 Inde vetus mulier, pariter nascente periclo, filare. La mano destra, nata si assieme a lei ma non più sua, pendeva:
vulnere naturae mortua membra tulit. era un oggetto estraneo unito al suo corpo. Ma, in età oramai avanza-
Inclusos digitos morbo numerante tenebat ta, quando già la speranza languiva delusa, davanti alla tua tomba la
nec poterai ducto pollice fila dare. mano riprese vita. Così la grazia ottenuta realizza un desiderio inspe-
Secum nata quidem, sed non sua dextra pependit, rato: la salvezza sovente è più dolce per chi già dispera. Dunque, il
corpore iuncta suo res aliena fuit. sangue si mette in circolazione nelle dita intorpidite e l'energia ridona-
Tempore sed tardo est, cum iam spes fracta iaceret, ta si spande fin nelle unghie. La rattrappita giuntura dci nervi si è tesa
ante tuos tumulos vivificata manus. e la vena liberata ritrova la propria funzione. La mano, adatta al lavo-
Sic inopinatu1n commendat gratia votun1, ro, cominciò a muoversi: quella destra, imparando a servire, divenne
desperata salus dulcior esse solet. libera. La tua pietà non soltanto restituì gli arti latitanti, ma restituì
"' Mobilis ergo venit digitis torpentibus umor anche il sostentamento, ché quella mano ora fila.
et dispensatus fluxit in ungue vigor. Strappasti anche una giovinetta da un simile morbo: risanando i
Arida nervorum sese iunctura tetendit corpi tu munifichi ancor più lanima. Ella era fidanzata a un uomo, ma
agnovitque suum vena saluta locum. la legge della morte la prostrava: ora ella risplende, vergine consacrata
Apta ministeriis incepit palma moveri, al talamo di Cristo. La fidanzata pudica brilla con la sua verginità e
servitium discens libera dextra fuit. gode di una più alta speranza: da sposa dimorerà nei cieli. Senza avere
"" Nec tantum profugas pietas tua reddidit artus figli, non perde i frutti di un'onorevole maternità: grazie al fiore della
reddidit et victum pensa trahente manu. sua castità ella è una madre deliziosa. Ella, che non ha neppure un fi-
glio, attrae a sé tutti e genera così per sé, per amore di Dio, una di-
[de puella simili infirmitate sanata] scendenza.
Eripuisti aliam simili de peste puellam
membraque restituens plus animae tribuis.
125 Desponsata viro mortali lege iacebat,
nunc thalamis Christi virgo dicata micat.
Sponsa quidem radiat cum virginitate modesta,
spe meliore fruens, nupta tenenda polis.
Nec fructus uteri sterilis deperdit honesti, !.
l'
uo flore pudicitiae mater habenda placet. '
'
Adquirit cunctos natum quae non habet unum
progeniemque sibi gignit amore Dei.

101. Afu\TOR act. 1, 823: fit pronior arvis. - 108. Ov. ars 2; 494: movit .. pollice (54) Per il senso dell'espressione morbo numerante si rimanda a BLOMGREÌ'l,
fila lyrae. - 125. SEDUL. carm. pasch. 2, 5: mortali sub lege iacens. Studia Fortunatiana, 183.
'
'i
. I

'I 182 CARMINA, L. II, XVI CARMI, L, II, 16

[item de puella simili infirmitate sanata] Si piange poi - per la medesima malattia - la giovane età di una
Inde pari morbo deflenda infantia parvae piccina: quando venne alla luce ella presentava membra morte. Da
''' i.11 lucem veniens membra necata trahit. quell'ut_ero disgraziato uscirono a un tempo nascita e morte: la madre,
135 Mors ·et origo simul 1nisero processit ab alvo, tra le doglie, generò una mano priva di vita. Affidata alla tua tomba,
extincta1n generans mater anhela manum. ne ritornò guarita: ciò che venendo dalla madre morl, venendo dalla
Commendata tuo rediit medicata sepulchro, tomba risorse.
quod de matte perit, de tumulo recipit. Un altro povero giaceva, con la vista preclusa dalle tenebre, cieco,
senza luce nei suoi occhi sventurati. Già da più di tre n1esi l'oscurità
[de altero caeco inluminato] avvolgeva in una lunga notte gli occhi, pur di fronte alla luce: egli, an-
Duro iacet alter inops) visu caligine clauso, corché vivo, era l'immagine della morte. Con le tue taumaturghe paro-
14 0 caecus nec 1nisero lumine lumen erat. le lo esortasti, durante un sogno, a dirigere in velocità il passo verso il
Longa nocte oculos quarto iam mense premebat tuo tempio. Presto, sul far del giorno, senza che una forbice lo avesse
in lucem obscurus, vivus imago necis. sfiorato, egli brillava della sua testa tonsurata, come una pecorella di
Vocibus hunc medicis monuisti tempore somni Cristo. Egli perde i capelli per ottenere occhi lucenti e per acquistare
tendere! ut velox ad tua templa gradum. il bene della vista a prezzo della capigliatura (55). Accompagnato e
I i. ,., Mox veniente die sed non sibi forfice pressa con passo titubante giunse nella ·cbiesa. Per due giorni stette prostrato
,j
' ! enituit Christi vertice tonsus ovis.
Detrahit hic crines nitidos ut haberet ocellos
n
dinanzi al sepolcro. sorgere del terzo giorno aveva dissipato le om-
bre della notte e cosl la luce agognata si rimostrò alla sua cecità. Le te-
et mercante coma munera lucis emat. nebre della sua fronte si assottigliarono e si dissolsero. Un fiotto di
I 11 Qui titubante gradu tractus pervenit ad aulam. sangue bagna e lava l'oscurità dello sguardo. La lucerna a secco brillò
i
''° Per biduum recubans ante sepulchra fuit. novamente dello splendore di un olivo nuovo e la luce che era fuggita
I ! i'' Tertia lux rediens nocturnas solverat umbras ritrovò il suo posto. .
:·1.
et caeco occurrit sic revocata dies. Che cosa potrei dire di te ai muti, ai quali con la tua parola hai re-
Undique limatae cecidere a fronte tenebrae. so la parola? Hai cacciato ciò che era d'impedimento, sostituendovi
Sanguinis unda rigat, luminis atra lavat. ciò che era giovevole. Non elenco ogni cosa, giacché la tua gloria mi
"' Sicca lucerna novo flagrante refulsit olivo sopraffà. Sappi che questo era l'intendimento, nonostante io non ne
•I,: obtinuitque suum lux peregrina locum. sia stato all'altezza. Ecco, Sigiberto venera con gran devozione i tuoi
templi: egli segue con attenzione l'opera, zelante per l'amore che ti
[de mutis etiam ab eo sanatis] porta. Proteggi la maestà di colui che eresse queste maestose strutture;
Quid referam mutis qui verbo verba dedisti? proteggi, in ragione dei suoi meriti, colui che ti donò questo tempio.
Quod grava! eiciens, quod iuvat omne locas. O sant'uomo, io 1 Fortunato, che con amore ho scritto questi pochi
Cuncta nec enumero, tua me praeconia vincunt. versi, chiedo il tuo aiuto: ti supplico, esaudisci i miei voti.
1w Etsi non potui, velie fuisse vide.
En tua tempia colit nimio Sigibercthus amore,
insistens operi promptus amore tui.
Culmina custodi qui templum in culmine duxit,
protege pro meritis qui tibi tecla dedit.
165 Haec, pie) pauca ferens ego Fortunatus amore
auxilium posco, da mihi vota, precor.

I,:
'

146. ARA.TOR ad Parth. 70: tonso vertice Jactus ovis. (55) Il cieco risanato si fa 1nonaco per testimoniare la propria riconoscenza.
I,

INCIPIT LIBER TERTIUS LIBRO TERZO

I. AD EUFRONIUM EPISCOPUM 1. A EUFRONIO, VESCOVO (1)

Domino sancto et meritis apostolico domno et dulci patri En- Fortunato al suo santo signore vescovo Eufronio, signore aposto-
I fronio papae Fortunatus. lico per i suoi meriti, nonché padre soave.
'' l. Ante paucorum dierum volnbilitatem transcnrsam, defe- 1. Ti comunico che un breve giro di pochi giorni è trascorso da
rente praesentitun portitore, venerabilis oris vestri salutare conlo" quando, su presentazione del latore della presente, ho ricevuto come
, quium a me cadesti pro munere significo fuisse perceptum. Quod un dono del cielo, il salutare colloquio della tua venerabile b~cca. A
ea aviditate, teste rerum Creatore 1 conplexus sum, qua et vestru1u questo io mi sono accostato, ne è testimone il Creatore del mondo
piissimum animuin circa meam hUlllilitatem iugiter adprobavi pro- con quell'avidità con la quale sempre ho riconosciuto la favorevolissi'.
fusurn et me supplicem multis repletUlll beneficiis agnosco devo- m.a disposizione d~animo da.te dimostrata verso la mia umile persona;
twn. Qui quamvis in altera commorer civitate, novit Deus quia vo- e 10, che quando l1 ho snpphcato sono stato ricolmato di molti benefi-
10 bis absens sum tantum.modo locai non animo, et quocumque fue- ci, mi professo tuo fedele. E sebbene io dimofrin un'altra città Dio sa
ro, intra me vos clausos habebo. che sono lontano da te soltanto per la distanza e non nel!' anim~ e do-
2. Vere dico: non est illud cor carnewn ubi vestrae animae vunque io venga a trovarmi, ti serberò sempre nel mio intimo. ' '
non recipitur miranda dulcedo, sed est marmore durior, si tantae 2. Dico il vero: non è U11 cuore di carne quello in cui non trova
I.-:·:' caritatis non amplectitnr blandimento. N am quis de te tam con- adito la meravigliosa soavità della tna anima, ma è più duro del marmo
' 15 grua praedicet .quam mens vere sancta deposcit? Aut quis suo sic se non si lascia prendere dalle lusinghe di una cosl grande carità. Chi
satisfaciat animo nt vestrum sicut condecet digne prodat affe- ;:
potrebbe infatti parlare di te in maniera congrua, come richiede la tua
ctum? Qui in terra sic hUlllilis es ut habites erectus in caelis et in- an?"a veramente santa? Oppure, chi potrebbe gratificare il proprio
clinando ad infima te sublevari facias ad excelsa, ut iam agnosca- animo nell'esporre degnamente i tuoi sentimenti? In terra tu sei così
ris, qui Christi hU1nilitatem libenter amplecteris, de eius regni mu- ui:'ile che diniori fiero ?ei cieli e, inchinandoti verso le cose più basse,
·20 nere quid habebis, quoniatn, sicut ipsius mandata sunt, qui se par- fai m modo di sollevarti verso qnelle più alte, di modo che già ora si ri-
vulum inter homines vult videri magnificUlll se elatus respiciet in conosca che tu, che hai di buon grado abbracciato l'umiltà di Cristo
supernis '· Unusquisque qualiter desidera! et expugnat. avrai una parte della ricompensa del suo regno, poiché, secondo quelli
:.!'·;
3. Ego vero gratulor in corde domni Eufronii dilectionem c~e son? ~ s~o1 co:riandamenti, chi vuole essere considerato piccolo tra
;Il i gh uomm1 s1 vedra, una volta sollevato in cielo, magnifico tra le creatu-
''i I. domni mei sensisse Martini. Quapropter multiplici me prece apo-
"é ·i
25 stolatui et sanctae caritati vestrae commendans, rogo per ipsum re di lassù. Ciascuno sarà vincitore secondo i propri desideri.
"' domnum Martinum, cuius frueris participato consortio, ut apud .3. lo, per parte mia, mi compiaccio di aver avvertito nel cuore
i' I
'
!' eum memorari praecipias me famulum et devotum, quatenus quid d~ mio signore Eufronio, la benevolenza del mio signore Martino. Per
I
i apnd eum meritis praevaletis in meae humilitatis protectione iugi- cm, raccomandando me stesso con molte preghiere al tuo zelo pasto-
ter ostendatis. Ora pro 1ne, domine sancte et apostolice, peculiaris rale e alla tua santa carità, ti prego, in nome del medesinio san Marti-
,o domne et pater. no, della cui sorte tu godi e partecipi, di invitarlo a ricordarsi di me,
suo devoto servitore, affinché attraverso la continua protezione della
mia_ Ulllil~ persona tu dimostri quanta influenza tu abbia sn di lui per i
tuoi meriti. Prega per n1e, signore santo e apostolico tu che sei mio
speciale signore e padre. '
1 Cl. Mt. 18, 4.

(1) Eufronio (PLRE III, 466 n. 1) fu vescovo di Tours dal 556 al 573, pre- seguente risalgono al periodo itnmediatamente successivo al primo passaggio di Ve-
decessore di Gregorio, il quale era figlio di una sua cugina. Questa lettera e la nanzio a Tours, nella primavera del 568.
186 CARMINA, L. lii, Il CARMI, L, III, 2

Il. AD EUNDEM 2. AL MEDESIMO

Domino sancta mihique iu Dea peculiari patrono Eufronio Fortunato al vescovo Eufronio, santo signore e suo particolare
papae Fortunatus. . . . patrono davanti a Dio.
1. Copiosam et superabundantem pectotls vestr1 d1~lcedmem 1. La soavità generosa e abbondante del tuo cuore, che, lo am-
·,, quam circa devotionem person~e 1nea~ v~stram bea~tud1nem, pa- metto, la tua beatitudine, padre amatissimo, ha elargito per la benevo-
5 ter amantissitne, fateor 1npend1sse, qu1s dlam, 1;1t d1gnum est, vel lenza verso la inia persona, chi potrebbe im1naginarla in 1naniera de- I·
'
corde possit concipere ve! serm.one valeat. exphcare? Q1;1ae tanto gna nel proprio cuore, oppure esprimerla a parole? Essa mi strinse a
me sibi vincolo admirandac carltatls adstrmxlt ut ne unms horae sé con un legame di ammirevole carità così forte che mi sembra che io
spatio ab ilio mihi videa; separati c?nspe~tu quem et .si praeser;- non mi separi neppure per il lasso di un'ora soltanto dal tuo cospetto: I

tem non video, attamen mtra pectotls hab1taculum retmeo cond1- anche se non ti vedo presente) purtuttavia ti custodisco e ti tengo
10 tum et reclausum. . . chiuso nello scrigno del cuore.
11
2. Quis enim tuae pietati peculiatis non redditur 111 quo ta~­ 2. Chi infatti non diviene particolarmente legato alla tua benevo- :!
tae bonitatis beneficia continentur? Aut quem ad tuam d.ulced1- lenza, nella quale sono racchiusi tanti generosi benefici? O chi non at-
nem non ducas invitum cuius probavhnus animum 1neffabil1 car1- tirerai, anche contro la sua volontà) alla tua soavità, tu di cui ho speri-
tate profusum? qua autem illud admiratione complect~r, ~um ~e mentato l'animo pervaso di indicibile amore? E poi, con quale ammi-
15
sic video cunctos diligere ac si unumquen1que de proprio visus s1s razione potrò significare che io vedo che tu ami tutti, come se sem-
latere generasse? . . brasse cbe tu avessi generato ciascuno dal tuo fianco?
3. Quis vero fillorum superbus esse des1deret.ub1 te pattern. ~t
I
3. Quale poi dei tuoi figli vorrà insuperbire, quando riconosce in
doctorem tantae humilitatis agnoscit? Aut, quamv1s summa nob1h- te un padre e un maestro di così grande umiltà? O ancora chi, anche
tatis descendat de cuhnine 1 curo te sic respicit su_pplic~m, n?n se se proviene dal vertice della più alta nobiltà, quando ti guarda così
20 tuis vestigiis in terra provolutus exten~t? Vere. ~ico, s1 tum1du~ supplichevole, non si distende prono davanti ai tuoi piedi? Dico since-
,,·
superbia deicit, vos multum est laudabilis hum~litas qu?d erextt.
1
11
ramente: se la superbia atterra chi è tronfio, è assai lodevole la tua
'
i
'
1,
Quis denique illic esse possit iracundus .aut ~urb1dus, 1;1b1 sacerdos umiltà, perché ti ha innalzato. Finahnente, chi potrà essere facile al-
et pontifex tam placidus es inve~IUs? Scu ~mm totus sme rapac1ta- l'ira o violento, costà ove. in te si è riconosciuto un sacerdote e vescovo
te grex vivere ubi vivendi tranquill1tas discttur a pastore: . . così pacifico? L'intero gregge infatti sa vivere senza avidità, quando
4, Quid de rebus reliquis referam? In qu1bu~ t~ s1~ mpendts apprende dal proprio pastore una tranquilla condotta di vita.
" in singulis ut lauderis in cunctis. Quae tamen ets11m1tat1 non pos- 4. Che cosa dire poi quanto al resto? T'impegni nelle singole que-
sumus, ve! vidisse quod imitati deceat con~audemus. . . stioni in modo da essere lodato in tutte. Tuttavia, sebbene io non sia
5. Quapropter dominationi et sanctitatl vestrae pecuhar1ter in grado di imitare codesto tuo impegno, mi rallegro anche soltanto
me commendans rogo et obtestor - sic ille don1nus meus M~rtmus per aver visto ciò che è degno d'imitazione.
30 sua intercessione obtineat ut cwn ipso iuxta merita vestra 1:11. l:i~e 5. Pertanto, raccomandandomi in maniera particolare alla tua si-
perpetua vos conlocet divina misericordia - ut pro ~e h~m1li fiho gnoria e santità, prego e scongiuro - e possa il mio signore Martino,
et servo vestro ad eius beatum sepulcrum arare d1gner1s et pro cOn la sua intercessione, ottenere che la misericordia di Dio ti destini
peccatorurn meorum remissione pius intercessor accedas. assieme a lui, in ragione dei tuoi meriti, nella luce perpetua - che ti
6. Eos vero qui vestri sunt omnes domnos et ?~ces me~s. re- degni di pregare ai piedi del suo santo sepolcro per me, umile figlio e
35
verenter saluto. Domnum meum per omnia dulc1ss1mum, filmm tuo servitore, e che tu ti ponga come pio intercessore per la remissione
vestrum Aventium pro me multipliciter supplico salutari. Domno dei miei peccati.
meo Felici episcopo, si per vos venit, me benigno animo com1nen- 6. Infine, saluto tutti quelli della tua casa, miei signori e miei dol-
dari deposco. Ora pro me. ci amici. Supplico ripetutamente di salutare, in mio nome, il tuo figlio
Avenzio (2), mio signore assai benevolo in ogni circostanza. Se ne hai
l'occasione, ti prego di racco1nandarmi, con animo benigno, al 1nio si-
gnore il vescovo Felice. Prega per me.

(2) Pare poco probabile che questo Avenzio (PLRE III, 154) possa essere stato
I
un figlio vero e proprio di Eufronio, dal momento che GREG. TuR. Frane. 10, 31 de-
finisce quest'ultimo ab ineunte aetate clen'cus. Si tratterà piuttosto di un chierico tu-
ronense. Per Felice, vescovo di Nantes, si rinvia alla nota 4.
I
CARMINA1 L. III) III-IV CARMI, L. III, 3"4
188
11;

• I III. AD EUNDEM 3. AL MEDESIMO

Quamvis pigra mihi iaceat sine fomite lingua Sebbene la mia lingua languisca, pigra e senza stimolo e io non sia
nec valeam dignis reddere digna viris, in grado di. rendere d~gne parole a uomini degni, tuttavia, padre buo-
attamen, ahne pater) Christi venerande sacerdos no, Eufron10, venerabile vescovo di Cristo, desidero sdebitarmi con te
Eufroni, cupio solvere parva tibi. in piccola parte. Per la verità ti devo molto, tu però accetta volentieri
, Debeo multa quidem, sed suscipe pauca libenter: queste poche cose: ti prego, abbi in considerazione ciò che lamore
sit veniale precor quod tuus edit amor. per te ha ispfrato. La lampada della Chiesa rifulge dei tuoi raggi, la fe-
Ecclesiae lampas sub te radiante coruscat 2, de ovunque r!Spl~nde della luce del vescovo. Una grazia insigne dimo-
lumine pontificis fulget ubique fides. ra nel tuo cuore sincero, tu sei un uomo d'Israele in cui non vi è falsità
Gratia praecellens sincero in pectore vernat, alcuna. La tua attività pr?segue prospera e senza macchia: è questa la
rn quo nullus dolus est Israhelita vir es J. strada che segna il c~mmo per entrare nei cieli. Tu parlando dispensi
Inmaculata tibi feliciter actio currit, dolct parole senza fmz10111, rispetto alle tue parole il miele non mi è al-
ut penetres caelos, haec via pandit iter. trettanto g;adfro. T;'.tto ciò che concepisci nell'animo, la lingua tran-
Dulcia conloquii sine fuco dieta refundis, quilla lo sc10ghe; ali mterno del tuo cuore non c'è posto per l'inganno.
non sic mella mihi quam tua verba placent. Tu resti .semp~1ce come una colomba, senza fiele, né una serpe cova in
" Quicquid habet sensus, hoc lingua serena relaxat, te velem letali. Se dovesse giungere uno straniero, tu gli fai ritrovare
pectore sub vestro fraus loca nulla tenet. l'amata patria e grazie a te l'esule ritrova il proprio patrimonio (3). Se
Qui sine felle manes in simplicitate columbae, qnalcuno lamenta un'ingiustizia, nessnno si allontana da te afflitto
nec serpens in te dira venena fovet 4. ma, scacciando da lui le lacrime, lo fai ritornare alla gioia. Per i tuol
Advena si veniat, patriam tu reddis amatam me.riti Ma'.t!no ti designò a questa sede: eri un suo degno erede, per-
w et per te proprias hic habet exul opes. che o~s~n:11.suo1 precetti; Egli dimora nei cieli e tutto concede con ge-
Si quis iniqua gemit, tristis hinc nemo recedit, neros1ta; 11111tando quest. nomo sarai unito a Cristo. Codesto gregge
sed lacrimas removens laetificare facis. che accorr~ al tuo ovile non perisce e la pecora non lacera sulle spine
Martinus meritis hac vos in sede locavit, il suo candido mantello. Quando il pastore è forte, il lupo non sbrana
dignus eras heres, qui sua iussa colis. la preda, ma, respmto, fugge senza straziare le greggi. Qnesta fama ti
" Ille tenet caelum largo dans omnia voto, accompagni per lunghi anni, o venerando e i giorni futuri ne arrechino
iunctus eris Christo hunc imitando virum. una più illustre ancora.
Non perit hic vestrum qui grex ad ovile recurrit,
candida nec spinis vellera perdit ovis.
Non lupus ore rapit praedam pastore vigente,
,, sed fugit exclusus non lacerando greges. 4. A FELICE, VESCOVO DI NANTES (4)
Haec tibi lux maneat longos, venerande, per annos
atque futura dies lucidiora ferat. . Fortunato al vescovo Felice, signore santo e assai degno della se-
de apostolica, suo signore e padre.
1. Mentre me ne stavo sonnacchioso nei pressi della riva del ma-
IV. AD FELICEM EPISCOPUM NAMNETICUM re, allettato (5) dalle lusinghe di un natnrale torpore e giacevo da di-
verso tempo lungo la linea della riva, mi capitò di essere improvvisa-
i.
Domino sancta et apostolica sede dignissimo domno et patri
Felici papae Fortunatus. (3_) Si tratta certamente di un luogo comune, dietro il quale nondimeno si può
1. Oscitantem me prope finitima pelagi, blandimento natura- vedere un'allusione autobiografica.
lis torporis inlectum et litorali diutius in margine decubantem su- . , (4) ~eli~e (PLRE III, 481 n. 5), esponente di una famiglia della nobiltà senato-
ria d Aquu?n1a, succedette nel 5~9 sulla cat~edra episcopale di Nantes al proprio pa"
dre Eun:ieno, del quale Venanzio avrebbe m seguito composto l'epitaffio (carm. 4,
1). Assai legato al poeta, morl all'età di settant'anni nel 582. Per un'analisi della sua
figura quale risult.a dalla lettura dei canni di Venanzio si veda GEORGE, VenantU/s
2 Cf. Mt. 25, 1-13. J Cf. lo. 1, 47. 4 Cf. Mt. 10, 16. Fortunatus. A Latzn Poet, 113-123; più in generale W.C. McDERMOTI Fa/ix o/Nan-
tes: aMerovingian Bishop, "Traditio", XXXI (1975), 1-24. '
3, 23. 'lERG. Aen. 2, 525: sacra longaevum in sede locavit. (5) Inlectum è correzione di F. Leo per t"nlecto o t"nlt"cto della tradizione.
1
11

CARMINA, L. III, N CARMI, L. III, 4 191


~I
mente bagnato dai flutti del tuo eloquio che infrangono le onde come I
' bito per undifragos vestri fluctus eloquii quasi scopulis incurrenti- '

bus elisa salis spargine me contigit inrorari. Sed ad primos evigi- aspers~ dall'a_cq':'a m~rina_ che s'infrange urtando contro gli sco~li. Ma
landi stimulos infondi poteram, non tamen excitari. Qui adhuc da quei pruni sttmoli al risveglio potevo casomai essere irrorato non
more solito graviter obdormitans tandem aliquando inter crepitan- svegliato. Dormivo ancora profondamente, com'è mio abituale ~ostu­
tia verborum vestroru1n tonitrua vix surrexi. me, e nondimeno un bel momento, non senza difficoltà, mi alzai tra i
rn 2. Igitur cum considerarem dieta singula de more tubarum tuoni rimbombanti delle tue parole.
clangente sermone prolata et sidereo quodam modo splendore 2. Pertai;to,_ mentre c'.'msideravo le singole parole proferite con
perfusa, velut coruscru1tium radioru1n perspicabili lumine 1nea visi sonoro eloqmo, m guisa d1 trombe e in qualche modo perfuse di un
estis lumina perstrinxisse et soporantes octÙos quos mihi aperuistis celeste splendore, mi sembrò che tu avessi abbagliato i miei occhi co-
tonitruo, clausistis corusco. Tantus enim exercitati claritate conlo- 111~ con_un'_intensa luce di raggi scintillanti; con questo bagliore hai ri-
" quii vestrae linguae iubar effulsit, tanta se renidentis eloqucntiae chms~ 1 miei occhi addormentati, che mi avevi aperto con il tonare.
lux vibravi!, ut converso ordine mihi videretur verbis radiantibus Infatti lo splendore della tu~ lingua guizzò cosl intenso nella magnifi-
ab occidentali patte te loquente sol nasci. cenza del tuo esperto eloqmo, una luce vibrò così forte di eloquenza
3. Credebam enim quasi sofo pindarico conpactus tetra- splendente, che mi sembrò che, per un'inversione dell'ordine naturale
strophos pedestri glutine suggillatus et ac si enthymematum partu- e grazie al fulgore delle tue parole, mentre tu parlavi, il sole nascesse
20 riens catenatum vinculum fecunda fluxisset oratio spiris intertexta
dalla parte del tramonto.
sofismate peregrino. Denique quantum ad profunditatem vestrae 3. Mi pareva infatti un carme di quattro strofe intessuto nel su-
dictionis adtinet, feceratis ignorantem per sermonum competos blim~ linguaggio di Pindaro, impeciato con prosastlco impasto, come
velut inter cautes Echinadas aberrare, nisi a vobis ipsis lampas s~ u~ abbondante loquela fosse fluita adornata con volute di strani so-
praeviatrix itineris occurrisset. fasm!, generando la ~~ntinua catena degli entimemi. Infine, per quanto
25 4. Quod vero vestris inseruistis epistulis voce1n meam nec ad- nguarda la profond1ta delle tue parole, hai fatto sì che un ignorante si
clamatione laudum superatam in ultimo orbis angulo personasse, perdesse_ attraverso i ~ivi dei discorsi come tra gli scogli delle isole
haec ipsa dum relego, coepi me mirati vestro subito crevisse con- Echmad1, se non avessi tu stesso fornito una lantema per illuminare il
cammino (6).
loquio qui favorem proprio non mererer ornatu, gavisus usque
adeo affectu fautoris erigi qui me recognoscerem ingenii qualitate 4. Quanto poi a ciò che hai inserito nella tua lettera che cioè la
30 substerni.
mia vo~e sia. risonata fino ~1 li?1ite del m?ndo senza ess~re superata
5. O quantum caritas praevalet cum illud lingua laudantis ad- dalle gnda di l~de, mentre 10 rileggevo tali cose, presi a compiacermi
icit quod laudati vena subducit ! Optandum est siquidem ut de me per essere cresciuto grazie al tuo colloquio, senza meritare alcun favo-
humillimo tali credatur testi potius quam auctori. Non enim Poly- re per la mia eloquenza; ho gioito di essere cosl elevato per la benevo-
deochen suae commendasset venae salientis ubertas, nisi Smyrnei lenza e il tuo sostegno, io che mi considero bassissimo nelle capacità
" fontis fatidico latice fuisset adtactus. del mio ingegno,
6. illud itaque quod dixistis in ultimo orbis angulo quasi ve- . 5. Oh, quanta forza ha la carità quando la lingua di chi loda ag-
stram habitare praesentiam 1 satis hoc fieri iustum est ut de vobis gmnge que! che manca alla vena di chi è lodato! Bisogna invero auspi-
mihi credatis qui de me vobis credi blandius suadetis, quoniam lo- care che, riguardo alla mia umilissima persona, si presti fede a un co-
ca, quamvis regione ultima, te cive sunt prima. Nam si personae tanto testimone piuttosto che a me come autore. Infatti, non avrebbe
40 merito urbes sibi vindicant principatum, nulli per vos est ille locus
procurato fama a Polluce la fertilità della sua vivida vena se non fosse
inferior, ubi quicquid de laude requiritur Felix actibus pontifex est stato toccato dal liquido incantato della fonte smirnea m'.
6. Pertanto, ciò che tu affermasti, che cioè il tuo patrocinio si
'. estenderebbe fino al più remoto angolo della terra, è ben giusto che tu
i!
creda a me per quanto riguarda te, cbe con delicatezza inviti a crederti
p~r quan_to riguarda me, poiché questi luoghi, quantunque remotissi-
4, 5. VERG. georg, J, 460: salientem sanguine venam. mi per distanza, sono i primi perché tu ci dimori: Infatti, se le città si
~rrogano la preminenza per i meriti di una personalità, grazie a te non
(6) Lo stile così difficile e artificioso di questo esordio, tra le pagine più
stravaganti di cutta l'opera fortunaziana, non è certo corrispondente ai canoni e sec?ndo_ad alcun? quel luogo dove il vescovo Felice, con la sua ope-
estetici di un letterato formatosi in Italia, ma risponde piuttosto alla volontà di ra, da test1momo d1 tutte le lodi che si possono desiderare. Infine, co-
emulare - o forse addirittura di parodiare - lo stile dei suoi corrispondenti Gal-
li, ancora legati alla tradizione della prosa artificiosamente elaborata di Sidonio
Apollinare e di Ennodio. Sull'argomento si veda REYDELLET, Venance Fortuna!
(7) Polluce sarebbe rimasto sconosciuto, senza Omero.
et l' esthétt'que, 69-77. I
I
I'
•'
CARMINA, L. III, IV CARMI, L. III, 4 193

adsertor. Denique non Cecaumene rabida nec ursae situs frigori- desto luogo non esala né l'aria riarsa della zona torrida, né l'umidità
bus intertextus respira!, sed per vos mutatis sedibus assiduo Pavo- combinata al freddo dell'Orsa, 1nai grazie a te, con un niutan1ento cli-
ni sibilo modulante vernatur. matico, verdeggia al soffio sonoro continuo del Favonio.
7. Hoc etian1 quod sanctitas vestra conqueritur, me invento 7. Inoltre, la tua santità si lagna del fatto che, quando mi incontrò
Turonis parva prolixitate potitam se fuisse conloquiis, cum me a Tours (8), poté ottenere di parlarmi soltanto per breve tempo, men-
econtra pudeat in brevi spatio prodidisse inscitiam, sed latere tanti tre, al contrario, io mi vergogno del fatto che in quei brevi istanti io .!1
gratiam pontilicis adquisitam. Tamen si nostri animi partes consi- abbia messo a nudo la mia ignoranza, mentre rimaneva nascosta la 11

derare velitis, quamvis protracto spatio aspectu vestro fruerer, in- conquista del favore di un vescovo così importru1te. Tuttavia, nel caso li
'o citari poteram non expleri. in cui tu voglia prendere in considerazione i sentimenti del mio animo, li
8. Quis enim semel odore suavium rosarum adflatus ve! sa- anche se avessi potuto godere della tua vista per un periodo prolunga- :I
tiatum quandoque se iudicet ve! patiatur reddere fastidentem? to, avrei potuto essere stimolato, 1na non appagato.
Cum si diuturnius fuissemus in comminus, tanto magis dilectione 8. Chi mai infatti, una volta perfuso del!' odore soave delle rose, si
succenderer quanto plus agnoscerem quem amarem. . considererà 1nai saziato, oppure an11netterà di averne fastidio? Poiché, I

,, 9, Quod enim intulistis: si Ligerem vobiscum ascend1ssem, se fossimo riinasti vicini più a lungo, 1ni sarei tanto più infiammato di
secundis fluctibus Namnetas occurrissem, navi quidem te mihi amore quanto più avrei conosciuto la persona che an1avo.
Canobo Cherucis adcersientibus mioparonem praepetem, catus 9. Sul fatto poi che tu hai dichiarato: «Se io avessi cavalcato la
arte armoniaca tutus inter Symplegadas se mordentes exissemi et si Loira assieme a te) sarei arrivato, col favore della corrente, fino a Nan"
res exigeret plausu creperegico Oetam Thirintiacum Pindo respi- tes», invero so che, poiché tu sei il mio Canopo, quando i Cherusci ci
60 rante pulsassero.
avessero procurato un rapido brigantino, contando sulla tua perizia
10. Qua vero aviditate illud me creditis perlegisse quod vos nell'arte dell'armonia, mi sarei spinto (9) con fiducia tra le Simplega-
intexere mera caritas imperavit quod dixistis: nec si Vulsci venis" di (10) che si mordono a vicenda, e, se la situazione lo avesse richiesto,
sent in solacio, me vobis abripere valuissent? Credite, quantum avrei fatto rimbombare con applausi crepitanti !'Eta di Tirinto, mentre
meus animus inspicit, ipsa vix Ron1a tantum mihi dare ad auxilia il Pindo ne avrebbe riecheggiato (11).
" poterai quantum praestitistis in verba. Nec apud me plus ali~uid 10. Con quale bramosia credi poi che io abbia letto ciò che la pu-
est factis inpendere quam vota voluntatls offerre. Nam alloquu re- ra carità ti indusse a scrivere, quando dicesti: «Neppure se i Volsci ve-
fluente dulcedine nihil opus est plus egere. nissero in soccorso, non riuscirebbero a staccarmi da te» (12)? Credi,
11. Quod vero facetiis addidistis: nisi sollicitatus laudibus ru- per quanto il mio animo può intuire, a malapena che la stessa Roma
; ·1
sticus calamus non turnasse!, licei talis cultor Christicola feracissi- avrebbe potuto essermi di altrettanto aiuto di quanto sia stato tu con
7o ma iugera saepius exaravit, attamen nuper illum, id est vos, confi" le tue parole. Né per me conta di più realizzare qualcosa coi fatti che
teor ludos itifalicos Amphioneo barbito reboasse. offrire una volonterosa disponibilità. Infatti, quando si gusta la soavità
12. Hoc quoque quod delectabiliter adiecistis me domnae di una conversazione, non c'è più bisogno di desiderare alcunché.
meae Radegundae muro caritatis inclusum, scio quiden1 quia non 11. Quanto poi a ciò che scherzosamente hai aggiunto: «Una pen-
ex meis meritis sed ex illius consuetudine quam circa cunctos no" na rozza non si sarebbe mossa) se non allettata dagli elogi», sebbene
,, vit inpendere ~ollegistis et quantum in mea persona panegyricum un tale coltivatore abbia più spesso lavorato i fertilissimi campi di Cri-
poetice tangitis, tantum in eius laudes histori~ retulistis. Tamen sto, tuttavia an1metto che poco tempo fa costui, vale a dire tu, ha fatto
in verbis vestris illud relegere meru1 quod m ems gratia 1am perce- risonare delle canzonette itifalliche con la cetra di Anfione.
12. Ancora, ciò che hai piacevolmente aggiunto che cioè io mi sia
1

recluso nella cinta muraria di carità della mia signora Radegonda, so


(8) Allusione all'incontro avvenuto durante il primo passaggio a Tours
che lo hai appreso non in grazia dei miei meriti, ma dall'intimità, che
di Venanzio, nella primavera del 568.
(9) Ext'ssem è correzione di F. Leo per exisse dei manoscritti. . lei sa concedere a tutti; e che quanto per la mia persona tu ti spingi
(10) Symplegadas è correzione di C. Brower per sinphegas/symphegaslstn- verso il panegirico in poesia, altrettanto nelle lodi di lei hai riportato la
phecas della tradizione. . , . verità storica. Nondimeno, nelle tue parole ho avuto l'onore di rileg-
(11) Canopo era il nocchiero di Menelao, che dette nome alla c~tta di Ca-
nape presso Alessandria in Egitto: cf. SERV. georg. 4, 287. r.cherusc~ e~ano un gere ciò che potei già percepire dalla sua benevolenza. Ma tu, che vai
popolo germanico minore nominato da TAC. Germ. ~6:. qut Venanz10 mtende I
l1
designare i Sassoni, te1nibili pirati. Le isole Simpl~gadi si tr??"avat;io n~ll.o Stret- I
to del Bosforo, all'ingresso del Mar Nero: erano isole mobili, e ~1 avvicinavano
per schiacciare quelle navi che audaceme?te avesse!o tentato di ol~repassarle:
cf. Ov. met. 15, 337, LiEta è la montagna 1n Tessaglia dove Ercole st fece arde- (12) Ossia: non vi è forza al mondo capace di staccarmi da te. I Volsci erano
re; sempre in Tessaglia si trova il gruppo montuoso del Pindo. una popolazione laziale con cui più volte si scontrò la Roma delle origini.
i

! 194 CARMINA, L. III, IV-VI CARMI, L. III, 4-6


'
195
pi. Sed qui de me parvo magna depingitis, quaeso, de maguis dipingendo grandi cose della mia modesta persona, ti prego, celebra le
maxin1a praedicetis. altissime imprese delle grandi personalità. ,
13. Quapropter dominationi et sanctitati vestrae me humili 13. Pertanto, raccomandandomi con umile supplica alla tua si-
supplicatione commendans deprecar per Dominum redemptorem gnoria e santità, scongiuro, nel nome del Signore redentore dell~ no-
animarum nostrarum qui vos praedestinatos sua facturus est ìn lu~ stre anime, che ti farà partecipe predestinato della sua luce, che tl de ..
ce consortes ut 1ne in sanctis orationibus pietatis intuitu dignemini gni di ricordarti di me, con sguardo pietoso, nelle tue sante preghiere.
memorare. Magnum enim erit spei meae auxilium a vobis obtinere Grande infatti sarà l'aiuto per la mia speranza di ottenere da te ciò che
'" quod posco. bramo.
Si veniant linguae pariter graeca atque latina, Se conte1nporru1eame11te venissero le lingue greca e latina
,pro meritis nequeunt solvere cuncta tuis. non potrebbero sdebitarmi del tutto per i tuoi meriti.
Laudibus obsessus, votis venerandus haberis, Ricolmato di lodi, sei venerabile e venerato,
Felix, qui sensus luce perennis eris. o Felice, tu che sarai eterno per la luce del tuo spirito.

V. ITEM AD FELICEM EPISCOPUM EX NOMINE SUO


5. ANCORA AL VESCOVO FELICE, DAL PROPRIO NOME
Fida salus patriae, Felix spe, nomine, corde,
Ordo sacerdotum quo radiante micat. Ferma salvezza della patria, Felice per speranza, nome e animo,
Restituis terris quod publica iura petebant, ['ordine sacerdotale brilla del tuo fulgore, tu restituisci alla terra ciò
Temporibus nostris gaudia prisca ferens. che il diritto comune richiedeva, rinnovando nel nostro tempo le gioie
, Vox procerum, lumen generis, defensio plebis, dell'antichità. Voce dei maggiorenti, luce della nobiltà, difensore del
Naufragium prohibes hic ubi portus ades. popolo, qui dove tu sei il porto, sventi ogni naufragio. Oratore aposrn-
Actor apostolicus qui iura Britannica vincens, lico, che respingi le pretese dei Britanni (13 ); sereno nelle avvemtà,
Tutus in adversis, spe crucis arma fugas. metti in fuga le armi riponendo le speranze nella Croce. Lunga vita a
Vive, decus patriae, fidei lux, auctor honoris, te, gloria della patria, luce della fede, protettore del!' onore, splendore
w Splendor pontificum, noster et orbis amor. dei vescovi, runato da noi e dal inondo intero.

I j' VI. ITEM AD FELICEM EPISCOPUM DE DEDICATIONE ECCLESIAE SUAE


'
6. ANCORA AL VESCOVO FELICE,
Cum Salomon coleret generosi encenia templi, SULLA DEDICAZIONE DELLA SUA CHIESA (14)
Israhel electos fecit adesse viros '.
Levitas, proceres, pueros, iuvenesque senesque Quando Salomone celebrò la dedicazione del grande tempio,
undique certatim regia pompa trahit. procurò che fossero presenti gli uomini più importanti d'Israele. La
5 Mactantur vituli, tauri iugulantur ad aras processione regale attrae a gara da ogni dove leviti, maggiorenti, fan-
et populi in votis gaudia caedis erant. ciulli, giovani e vecchi. .Si sacrificano i vitelli, si sgozzano i tori presso
Nunc vero adsurgit ritu placitura beato, gli altari e la gioia del sacrificio era nelle aspettative del popolo. Ora
tempore decurso, iustior ara Deo. invece, trascorso del tempo, si eleva con prospero rito un altare più
Prospera quale populis Felix modo festa ministrans giusto, che sarà gradito a Dio. Felice, che offre ora alle genti queste
10 exsuperat rebus gesta priora novis. liete feste, supera le antiche imprese con iniziative nuove. Invita al sa-

lice nel tentativo di arginare i danni prodotti dalle loro incursioni è menzionato da
5 Cf. 3 Reg. 8, Iss. GREG. TUR. Frane. 4,4 e5,31.
(14) Si tratta della cattedrale di Nantes, fatta edificare da Eumerio (cf. carm. 4,
6, 5. VERG. Aen. 2, 202: taurum ingentem mactabat ad aras. 1, 29-30) e terminata da Felice. La dedicazione ebbe luogo tra il 566 e il 573, in pr~­
senza sia di Venanzio sia di Eufronio di Tours, che morl appunto nel573. Sulla basi-
(13) La migrazione dei Britanni nell'Armorica, avviatasi nel sec: V e che lica si veda L. PIETRI, Topographie chrétt'enne des cités de la Caule des origines au mi-
provocò gravi disordini nella seconda metà del VI. Diverse volte il ruolo di Fe- lt'eu du VIIY siècle, V, Province ecclésiastique de Tours, Paris 1987, 88-91.
CARMINA) L. III) VI CARMI, L. III, 6 197

Convocat egregios sacra ad solle11111ia patres ero rito gli eminenti padri, così si realizza la vera salvezza e l'antica
quo stat vera salus et fugit u1nhra vetus: ombra fugge: essi sanno aprire i cieli con la chiave di Pietro a chi lo
<locti clave Petri caelos aperire petenti domanda, e sanno conoscere i segreti celesti secondo gli insegnatnenti
ac monitis Pauli nascere clausa poli. di Paolo. Perché il lupo non s'introduca tra le pecore né la malattia in·
, 5 Ne lupus intret oves neu morbus inulceret agnos fetti gli agnelli da questa parte vi sono i guardiani, dall'altra il rimedio
hinc sunt custo<les, inde medella gregis 6. per il gregge. La loro voce, che dalla fonte della salvezza si riversa sul
Quorum vox refluens papula de fonte salutis, popolo, pone sulle bocche il sale, perché con le orecchie esso assorba
ut bibat aure fidem, porrigit ore salem. la fede (15). In mezzo a costoro rifulge Eufronio, venerabile metropo·
Inter quos medios Martini sede sacerdos lita, vescovo nella sede di Martino (16): egli applaude al passaggio del-
Eufronius fulget metropolita sacer, la santa corona dei fratelli e diviene capo più maestoso vedendo le
plaudens in 5ancta fratrum coeunte corona proprie membra. La testa è più lieta, perché le sue membra sono con
et sua membra videns fortior exstat apex. sé, la gloria della Chiesa aumenta quando il suo corpo è unito (17).
Lactius inde caput, quia sunt sua viscera secu1n, Ancora, Domiziano e Vittorio, due colonne: in ambedue è riposta la
ecclesiae iuncto corpore crescit honor. speranza per il sostegno della regione (18). Qui risplende Donnolo
25 Domitianus, item Victorius, ambo columnae, per i suoi meriti, lì Romacario (19): ambedue cultori di Dio nella loro
spes in utrisque 1nanens pro regionis ope. dignità episcopale. Ecco ora finalmente dato il giorno cosl a lungo al·
Domnulus hinc fulget meritis, Romacharius inde teso, che sarà ricordato per sempre e risplende nella città piena di de-
iure sacerdotii cultor uterque Dei. vote preghiere. Oggi il pastore ha meritato di vedere le sue gioie e di
En spectata diu, data nunc memoranda per aevum, rendere a Dio i suoi voti in questa sacra cerimonia. Egli per lungo
votis piena piis fulget in urbe dies tempo era preso da questo avvenimento, trascurando ogni altra cosa
in qua promeruit sua gaudia cernere pastor - tutto il suo zelo era riposto in quest'opera - diffidando di ogni cer-
officioque sacro recidere vota Dea. tezza sul sentiero pericoloso della vita, perché non si avviasse sul cam-
Tempore qui longo adventu pendebat in isto 1nino prima di offrire questo edificio a Dio. Frequentemente, in segre-
despiciens aliud - hoc erat omnis amor - to, traeva estenuanti sospiri, perché il Signore acconsentisse a portare
15 01nnia tuta timens suspecto in tramite vitae, avanti questa meraviglia. Preoccupato e appesantito dall'onere malsi-
ne prius iret iter quam daret ista Deo. curo delle sollecitudini, mentre attendeva al dono votivo, il tempo era
Saepius occultans suspiria lassa trahebat, per lui un peso. Ma ormai è giunta la solenne giornata, si deponga il
cederet ut Dominus hoc properare decus. fardello delle preoccupazioni, il moltiplicarsi della gioia cacci il triste
Anxius incerto curarum fasce laborans gravame. Tu dai prosperità e abbondanza di gioia alle genti della città:
dum votum spectat, pondera tempus erant. Felice, pastore di un gregge felice, viva!
Sed iam festus adest, solvatur sarcina curae, Da una parte ti circondano i vescovi, dall'altra i chierici; qui ti
laetitiae cumulus triste repellat onus. circonda ovunque l'onore, lì il favore. Ecco, il clero risuona di cori,
Prospera dans populis et gaudia larga per urbem dall'altra parte il popolo risponde con flauti: ciascuno, nell'arte in cui
Felix felici cum grege pastor age. è capace, celebra il tuo dono votivo. Per te fu tardi, poiché per chi
45 Hinc te pontifices circumdant, inde ministri, ama il tempo non trascorre mai, la tua opera sublime arriva certamen-
cingi! te totum hinc honor, inde favor.
Clericus ecce choris resonat, plebs inde coraulis:
quisque tuutn votum qua valet arte canit. (16) Su Eufronio si rimanda alla nota 1.
Tarda fuere tibi quia fit mora semper amanti, (17) È il tema della Chiesa coine corpo mistico di Cristo.
res sublimis enim tarda, sed ampia venit. (18) Do1niziano vescovo di Angers: cf. DUCHESNE, Fastes épiscopaux, II, 358.
'" Venanzio gli dedicò la Vila dt' sanl'Albino e lo no1nina in carm. 11, 25, 9. Vittorio ve-
scovo di Rennes: cf. DUCHESNE, Fastes épiscopaux, II, 345.
6 Cf. Act. 20, 29. (19) Donnola vescovo di Le Mans dal 559 fino alla morte, avvenuta in odore
di santità nel 581; sulla sua carriera ci infonna GREG. TUR. Frane. 6, 9: dappri1na fu
28. SEDUL. carm. pasch. 1, 341: iura sacerdotii. - 32. INSCR. christ. Diehl 1767, 4: abate di un 1nonastero a Parigi, in seguito Clotario I lo designò quale vescovo di
reddite vota deo. - 35. VERG. Aen. 4, 298: omnia tuta timens. Avignone. Donnolo ricusò la no1nina: da uomo del nord te1neva I' atnbiente assai più
colto e raffinato della Gallia meridionale. Alla morte d'Innocenzo, vescovo di Mans,
(15) La metafora, frequente negli elogi fortunaziani, si fonda su un passo Clotario poté finalmente nominarlo quale successore. H.omacario, vescovo di Cou-
paolino, Col 4, 6: sermo vester semper in gratia sale sit eondi'tus, ut sct'atis quomo- tances (cf, DUCHESNE, Fastes épiseopaux, II, 240), occupava ancora quella cattedra
do oporteat vos unieuique respondere. nel 585: cf. GREG. TuR. Frane. 8, 31.
CARMI, L. III, 6-7 199
CARMINA, L. III, VI-VII
te tardi, ma è meravigliosa. Ora tu canta le lodi del Signore, assieme
Nunc Domini laudes inter tua classica tanta alle tue trombe e la triplice costruzione (20) echeggi delle opere della
et Trinitatis opem machina trina sonet. Trinità. Tu, o vescovo, aggiungi gli olocausti ricchi di midollo nei tem·
Adde medullata in templis holocausta 7 sacerdos pli: così tu brillerai a lungo quale vittima pura davanti a Dio.
quo diuturna mices hostia pura Deo.

; ì
:
7. IN ONORE DI COLORO LE CUI RELIQUIE SONO IVI CONSERVATE,
VII. IN HONOHE EORUM QUORUM !BI RELIQUIAE CONTINENTUR CIOÈ DI SAN Prnrno E DI SAN PAOLO, A NANTES
ID EST PE11U ET PAULI NAMNITAS
Monti lnccicanti, meravigliose cime di Sion, cedri gemelli del Li·
'I ,j Siderei montes, speciosa cacu1nina Sion? bano ricoperti di fiori, porte del cielo, due lumi del vasto mondo: Pao·
a Lihano gemini flore comante cedri, lo tuona con la bocca, Pietro illumina dall'alta reggia. Tra le corone
caelorum portae, lati duo lumina mundi, degli apostoli dalla luce raggiante il primo è più dotto nel suo insegna·
ore tona! Paulus, folgora! aree Petrus. mento, il secondo più alto nel suo rango. Grazie all'uno si aprono i
I i I , Inter apostolicas radianti lu:e ~oronas cuori degli nomini, grazie all'altro gli astri; coloro che il primo am·
doctior hic monitu, cels10r ille gradu. . maestra con la penna, dal secondo sono accolti in cielo. Questo apre
Per hunc corda hominum reserantur et astra per illum, la via del cielo con la dottrina, quello con le chiavi; Pietro è la porta
quos docet iste stilo, suscipit ille polo. fedele per coloro per i qnali Paolo è la via. Questo è pietra stabile e
Pandit iter caeli hic dogmate, clav1hus alter, salda, quello è l'architetto, su costoro s'innalza un tempio dove si tro-
w est via cui Paulus, ianua fida Petrus. va un altare gradito a Dio. Da un'unica fonte-essi etnanano a un tem-
Hic petra firma manens, ille architectus habetur, po acque salutari: con tale dolce bevanda placano l'avida sete: A chi
surgit in his templum quo placet ara Deo. brama conquistare il cielo combattendo con coraggio la battaglia, il Re
Uno fonte pares medicata flu~nta rig~i;tes diede questi capi come comandanti di truppa (21). Gallia, applaudi
restingunt avidam dulce liquore sltun. soddisfatta, Roma ti manda la salvezza: la luce degli apostoli visita gli
" Fortia bella gerens quisquis ~u~it astra tenere, , Allobrogi (22).
rex dedit hos proceres milms esse duces. Di fronte al nemico stanno a presidio due baluardi: la città capi·
I ,, I Gallia, plaude libens, n:dttit tibi Roma salutem, tale del mondo li ha come torri della fede. Questi risplendono, occhi
fulgor apostolicus v1s1tat Allobrogas. del prezioso corpo di Cristo, che con la loro luce guidano le altre
., A facie hostili duo propugnacula pr~esunt
'11; membra. Gallia, raccogli grazie a Felice le messi del cielo e venera gli
:'i\:' '° quos fidei turres urbs caput orb1s habet. splendidi voti del tuo vescovo. Il suo casto amore donò, in onore di
,I i :
Hi radiant oculi pretioso in corpore Chnst1 Dio, qnesta dimora alla Chiesa sua sposa come dote perenne. Dall'alta
lumine qui proprio cetera membra regunt. sommità si dispiega la forma tripartita della basilica, consacrata a Dio
1: ! Munere Felicis caeli cape, Galha, fruges nel nome degli apostoli. Di quanto il loro merito è più grande tra i
11
!' pontificisque tui vota beata cole santi, di tanto queste altezze proiettano più in alto le loro cuspidi. Nel
z5 cuius castus amor dedit hanc in honore superno mezzo un'alta torre si eleva sublime nell'aria: una merlatura alleggeri·
ecclesiae nuptae dote perenne d?mun:· sce e arrotonda la mole qnadrata. Più in alto, per tua meraviglia, !ad·
: Vertice sublimi pater aulae forma mform1s dove la costruzione sale con arcl1i, co1ne tu1a montagna la struttura del
' nomine apostolico sanctificata Deo. . . .
'' tempio termina in pnnta (23 ). Lì le pitture ti sembrano animarsi al sof·
'
i I
Quantum inter sanctos meritum supçrem1net ill1s,
,! '° celsius haec tantum culmina culmen h~bent.
In medium turritus apex super ardua tendit
quadratumque levans crista rotundat opus. (20) Secondo VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Les monuments, 180, con l'espres-
Altius ut stupeas, aree ascendente per arcus sione macht'na trina Venanzio intese designare la basilica a tre navate. La studiosa
' I però non esclude che si sia trattrato di un edificio a pianta trilobata.
in~tar montis agens aedis acumen habet. (21) È il tema della mi/itia Christi.
(22) Ovvero, Ro1na ha donato queste reliquie alla Gallia. Quest'ultima è designa·
ta metonimicamente tramite la popolazione degli Allobrogi, come in carm. 2, 15, 2.
7 Ci. Ps. 65, 15. (23) Dovrebbe trattarsi di una sorta di torre a cuspide con lanterna posta al di
i i
52 ' p RUD'CCath ' 9' 14· trina rerum macht'na. . . 1 64 1 sopra dell'altare 1naggiore contenente le reliquie: cf. VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Les
7 3. OIUPP. r'US t • 2 , 171·• duo Jumt'na mundi·' lNSCR. christ. D1eh 17 , : monuments, 180s. e 399. Secondo la studiosa, il tono stupefatto della descrizione
hic Pet;us et Paulus, mundi <duo> lumina praesunt.
jl '·

200 CARMINA, L. III, VII-VIII CARMI, L, III, 7-8 20I

J5 Illic expositos fucis anin1antibus artus fio dell'arte (24); i corpi raffigurati sono ravvivati dai colori. Appena il
vivere picturas arte reflante putas. sole nel suo corso ha. illuminato i tetti di stagno, dove la sua luce rossa
Sol vagus ut dederit per stagnea tecta colorem, ha colpito, di rimando balugina un bianco fulgore, Al vibrare dei raggi
lactea lux resilit, cum rubar inde ferit. vedi le figure andare e venire e il soffitto dà l'effetto .che suole dare
Ire redire vides radio crispante figuras )'onda del mare. La copertura metallica riproduce (25) il fulgore degli
4n atque lacunar agit quod maris unda solet. astri, e, col loro splendore, il tetto ha le sue proprie stelle. Tutte le vol-
Fulgorem astrorum meditantur tecta metallo te che la luna brilla al suo levarsi tra le stelle, dalla sacra dimora si ele-
et splendore suo culmina sidus habent. va agli astri un secondo lume. Se un passante in transito durante la
Luna coronato quotiens radiaverit ortu, notte vi volge lo sguardo, pensa cl1e anche la terra possieda le proprie
alter ab aede sacra surgit ad astra iubar. stelle. Dotata di grandi finestre, accoglie da ogni parte i raggi solari e
45 Si nocte inspiciat hanc praetereundo viatori all'interno tu godi di quella luce che qui dal!' esterno ammiri. Nel mo-
et terram stellas credit habere suas. metÌto in cui l'oscurità ritorna, mi sia concesso dirlo, al mondo tocca
Tota rapit radios patulis oculata fenestris la notte, la basilica trattiene il giorno. La parte destra del tempio è illu-
,I et quod mireris hic foris intus habes. strata dai meriti di Ilario, con cui Martino, suo compagno (26), condi-
,i I
Tempore quo redeunt tenebrae, mihi dicere fas sit, videva la dignità episcopale. Cosi la Gallia propaga ovunque i propri
'° mundus habet noctem, detinet aula diem. patroni: coloro che la terra qui ricopre il mondo li ha per fanali. I: al-
Dextera pars templi meritis praefulget Hilari, tra parte è sacra a Ferreolo che, di spada ferito, risplende come gem-
co1npare Martino consociante gradum. ma preziosa grazie al suo martirio (27). Felice, vescovo, ha offerto tut-
I
Gallia sic proprios dum fudit ubique pattonos to ciò per essere ancor più, o Cristo, tuo tempio, egli che a Te donò
''!.
quos hic terra tegit, lumina mundus habet. templi.
,, Altera Ferreoli pars est qui vulnere ferri
munere martyrii gemma superba nitet.
Obtulit haec Felix, ut sit magis ipse sacerdos,
I'
Christe, tuum templum qui tibi tempia dedit. 8. ANCORA AL MEDESIMO, IN SUA LODE (28)

' ' È sorto il giorno solenne; la gioia mi porta a esprimere, da solo e


, :.1 I
con amore, ciò che potrebbe esprimere il popolo. Sebbene I'Armorica
VIII. ITEM AD EUNDEM IN LAUDE sia la più remota regione del m9ndo, grazie a Felice si 1nostra prima
fra tutte. I:Oriente e la Gallia hanno avuto una sorte simile: il primo
Inluxit festiva dies, me gaudia cogunt risplende dei raggi del sole, la seconda dei tuoi. Ciascuno infatti reca i
ut quod plebs poterat solus amore loquar. suoi doni con uno splendore inusitato: tu li rechi all'oceano, il sole al
;: '• Ultima quamvis sit regio Armoricus in orbe, Mar Rosso. Inoltre, se lo spirito rifulge come una lanterna luminosa, le
i! Felicis merito cernitur esse prior. tue qualità sono paragonabili alla luce del giorno. Una nobilissima di-
, Miserunt similes Oriens et Gallia sortes, scendenza, illustrata da antichissime glorie, il cui eccelso prestigio ri-
illa micat radiis solis et ista tuis. suona fin dai capostipiti. Infatti tutti i potenti che posero la campagna
Na1n splendore novo sua munera quisque ministrat:
tu fers Oceano lumen et ille rubro.
Denique si sensus clara pro lampade fulget,
10 ingenium vestrum luminis instar habet. (24) Stesso motivo in carm. 1, 12, 17-18.
Maxima progenies titulis ornata vetustis (25) Medt'tari ha in Venanzio il significato di imitari.
cuius et a proavis gloria celsa tonat. (26) Un altare a destra custodiva reliquie di sant'Ilario. Sui lega1ni tra, i due si
veda SULP. SEV. Mart. 5, 1. Compare si legge nelle edizioni a sta1npa in luogo di cum
pare o cum patre della tradizione manoscritta.
(27) Nella versione più antica della Passio, Ferreolo muore 1na1tire, in epoca
itnptecisata, presso Vienne. Nel V secolo il suo corpo fu ritrovato con la testa del
39. STAT. silv. 1, 2, 35: t're redire. - 47. Ov. met. 14, 752: patulis . . sublime fene- martire Giuliano, sicché si creò una nuova leggenda d1c associava nel martirio i due,
stris. in un medesilno luogo: Brioude. Sulla questione si veda G. MATHON, Ferreolo di
Vienne, BS V, 1964, 651-652.
suggerisce che si tratti di un genere architettonico che Venanzio non aveva mai (28) Su questo carine si veda GEORGE, Venantius Fortunatus. A Latin Poet,
visto in Italia. Per la forma tripartita si rimanda alla nota 20. 77-79.
CARMI, L. III, 8-9 203
cARMINA, L. III, vrn~IX
202
aquitana sotto il proprio dominio contribuirono a dare lustro alla tua
Nam quicumque potens Aquit~nica rura subegit, stirpe (29). O compimento di un'antica stirpe, venerabile nel mondo
extitit ille tuo sangume luciparens. . intero, la cui gloria si fonda su ogni virtù, fiore della tua schiatta, tuto-
15
Germinis antiqui venerabile culmen in orbe, re della patria, censore del popolo, torrente di eloquenza, fonte di sag-
laudibus in cuius militat omne decus, gezza, onda eloquente, sentiero (30) della dottrina, difensore delle giu-
flos generis, tutor patriae, ~orrectio plebis, ste cause, placatore dell'ira, nella cui indole è qui risorta una novella
eloquii flumen, fans sahs, und~ loq'.'ax, Roma. Ciò che lì essa poteva insegnare con molti maestri, la Gallia lo
semita doctrinae, ius causae, termmus ira~, impara soltanto da te, suo cittadino. Tu porti ornamenti che risplen-
20
cuius in ingenium hic nova Roma venlt. dono di un duplice dono e da una parte ti glorifica il tuo operare,
Illic quod poterat per plures illa docere dall'altra la tua stirpe.
te contenta suo Gallia cive placet. Ma se tu rifulgevi della nobiltà secolare, ora con più eccelsa spe-
..
',· !
Ornamenta geris gemino fulgentia dono ranza governi la Chiesa (31). Al suo prestigio, o buon servitore, ti de-
et te concelebrant hinc opus, inde genus. dichi incessantemente sicché hai già offerto molti splendidi doni a
i': ,, Sed qui terrena de nobilitat'.'.nitebas. Dio: hai preso la Chiesa in isposa, hai contratto un vincolo fecondo, tu
:' ecclesiam nunc spe nobiliare reg1s. che remuneri questa nobildonna con una dote cospicua. Conduci uni-
Cuius ad on1atum, bone cultor, iugiter instans, to a essa un'esistenza senza macchia, né un'altra donna trovò posto nel
ut iam multa Deo splendida dona dares, tuo cuore. Tu la conservi negli occhi, nell'animo e nel tuo cuore puro:
nupsisti ecclesiae, fclicia vota iugasti, con l'essere tua sposa essa si mantiene ancor più casta. Essa ti donò
hanc qui matronam dote p~tente r'.'ples. una prole, pur rimanendo vergine nel corpo e posò amorevolmente un
'" Cuius in amplexu ducis s1ne cr1m1ne v1tam popolo nel tuo grembo. Ecco i tuoi figli, avuti- dalla divina consorte:
altera nec mulier corde recepta fuit 8 • ora essi si rallegrano in te, che li proteggi con la tua ombra paterna.
Hanc oculis, animo retines et corde pudico, Tu, pastore, corri per le strade per la salvezza del tuo gregge e, una
unde tibi nupsit, ~astior inde man~t. volta allontanato il lupo, la pecorella è custodita al sicuro. Con attenta
,, Illa tibi prolem pepent, sed corpore v1rgo, opera allontani i pericolosi Britanni (32), nessuno con le armi può
et populum gremio fudit a;nata tuo. quel che tu puoi con la lingua. Tu sei inoltre cibo per chi ha fame, pa-
Ecce tuos natos divina ex coniuge sumptos ne per chi è bisognoso: ciascuno vede in te il compimento dei propri
et modo te gaudent quos patris umbra tegit. desideri. Nascondi le tue personali ricchezze nella bocca di un povero,
ì I'
Proque salute gregis pastor per con?eta curns collochi abbondanti fortune nel ventre di un mendicante. Nel momen-
~o exclusoque lupo tuta tenetur ov1s. to in cui Cristo ritornerà, allora al cospetto del sommo Giudice questo
Insidiatores removes vigil arte Britannos, borsellino ti restituirà ogni cosa.
nullius arma valent quod tua lingua facit. Possa tu godere di salute duratura per moltissimi anni, sia tu per
Tu quoque ieiunis cibus e~, t1:l panis egen:i, sempre Felice, di nome, d'indole, di fede!
quae sibi quisque cup!t .h1c sua vota videt.
45 Divitias proprias in pauper1s ore recondis,
largas mendici ventre reponis opes '., . 9. AL VESCOVO FELICE, SULLA PASQUA (33)
Tempore quo veniet Christus, tunc omma vob1s
iudicis in facie sacculus 1ste refert. L'atmosfera, improntata al sereno che favorisce la fioritura, si tin~
Sit tibi fixa salus numerosos ampia per annos ge di rosso e la porta del cielo si spalanca di luce più intensa. Il corso
perpetuo Felix nomine, mente, fide.
'"
(29) Luciparens è correzione di M. Reydellet per luce parens dei manoscritti.
IX. AD fELICEM EP!SCOPUM DE PASCHA (30) Semita è correzione di C. Brower per il semina della tradizione.
(31) Prhna di essere eletto vescovo, Felice, come suo padre Eu1nerio, aveva ri-
coperto cariche civili.
Tempora florigero rutilant distincta sereno (32) Si veda la nota 13,
et maiore poli !umine porta patet. (33) Il carme celebra la conversione dei Sassoni, avvenuta grazie al ruolo svolto
dal vescovo Felice di Nantes. La cerhnonia del battesimo collettivo avvenne il giorno
8 Cl. 1Tim.),2. 9 Cf. Mt. 19, 21; Mc. 10, 21; Le. 18, 22. di Pasqua. In questa co1nposizione l'ispirazione si è levata ben al di sopra della cir-
costanza, regalandoci una poesia che senza dubbio è tra le più belle del nostro poe-
8, 31. PROSP. epigr. 79, 1: vùam sine crimine ducens. ~ 32. Ov. epist. 19, ta. Nel corso del Medioevo la parte più proprian1ente pasquale (vv. 39-88) venne
156: o perdtus toto corde recepte mihi.'
204 CARMINA, L. III, IX CARMI, L, III, 9 205

Altius ignivomum solem cacli orbita ducit dei cieli porta più in alto il sole che arde infocato e che nella sua traiet-
qui vagus Oceanas exit et intrat aquas. toria esce e rientra dalle acque dell'Oceano. Coi suoi raggi armati per-
5 Armatis radiis elementa liquentia lustrans corre il liquido elemento, al termine di una breve notte dispiega il
adhuc nocte brevi tendit in orbe diem. giorno sul mondo. Il ciclo splendente mostra il suo volto senza mac-
Splendida sincerum producunt aethera vultum chie e gli astri col loro splendore testimoniano la loro serenità. La ter-
laetitiamque suam sidera clara probant, ra fertile elargisce i suoi doni con molteplici rinascite quando l'anno
Terra favens vario fundit munuscula fetu, restituisce propizio l'opulenza della primavera. Soffici violette dipin-
!' gono di porpora il prato, le distese erbose verdeggiano e i fili d'erba
I
rn cum bene vernales reddidit annus opes.
Mollia purpureum pingunt violaria campum, fanno capolino ondeggiando. A poco a poco compaiono brillanti (34)
prata virent herbis et micat hcrba comis. luccichii di fiori e l'erba sorride, punteggiata da questi suoi occhi. Dal
Paulatim subcunt stellantia lumina f!orum seme sparso si eleva nei campi la messe ricca di nutrimento: promette
arridentque oculis gramina tincta suis. al contadino che potrà sconfiggere la fame. Una volta che il tralcio è
15 Se1nine deposito lactans seges exilit arvis, stato reciso, il ceppo stilla le lacrime della sua gioia, ora la vite produ-
spondens agricolae vincere passe famem. ce acqua per poi donare vino. Nascendo con molle lanugine dalla cor-
Caudice desecto lacrimai sua gaudia palmes, teccia della madre, la gemma turgida prepara il suo ricettacolo per il
unde merum tribuat dat modo vitis aquam. parto. Durante il periodo invernale, la chioma di foglie era caduta: ora
Cortice de matris tenera lanugine surgens il bosco verdeggiante stende novamente il suo tetto di fronde. Il mirto,
20 praeparat ad partum turgida gemina sinu1n. il salice, labete, il nocciòlo, il vimine, lolmo, l'acero: tutti gli alberi
Tempore sub hiemis foliorum crine revulso, gioiscono, ingentiliti dalle proprie chiome. I: ape si allontana lasciando
ian1 reparat viridans frondea tecta nen1us. la sua dimora per costruire i favi; ronzando sopra i fiori ne cava il mie-
Myrta, salix, abies, corylus, siler, ulmus, acernus le con le zampe. l:uccello è novamente spinto a cantare: impedito nel
'•:'i '
''I 'I I plaudit quaeque suis arbor amoena comis. canto dal freddo dell'inverno si era impigrito e fatto muto. Ora Fila-
I I'::
25 Construitura favos apes bine alvearia linquens mela intona modulazioni sulle sue canne e l'aria diventa più soave per
1] ·,li ' j floribus instrepitans poplite mella rapit. l'aleggiare del canto.
,:·.i
' Ad cantus revocatur aves quae carmine clauso Ecco, il fascino del mondo che rinasce attesta che tutti i beni sono
pigrior hiberno frigore muta fuit. restituiti assieme al loro Signore (35). Infatti per ogni dove il bosco
~ I: Hinc filamela suis adtemperat organa cannis con le sue fronde, il prato con i suoi fiori plaudono a Cristo, trionfante
fitque repercusso dulcior aura melo. dopo la tristezza del Tartaro. Schiacciate le leggi dell'inferno, la luce, il
cielo, i campi, il mare .lodano solennemente Dio che ascende al di so-
'
Ecce renascentis testatur gratia mundi pra degli astri (36). Quel Dio che era stato crocefisso, ecco, regna su
' omnia cum Domino dona redisse suo.
tutte le cose e tutto il creato si effonde in preghiera al suo Creatore.
Namque triumphanti post tristia Tartara Christo Salve, o giorno di festa, venerabile per leternità, in cui Dio ha
undique fronde nemus, gramina flore favent. vinto l'inferno e si è insediato nel cielo: fastigio dell'anno, gloria dei
35 Legibus inferni oppressis super astra meantem mesi, trofeo dei giorni, lustro delle ore, che illumini i minuti e gli
laudant rite Deum lux, polus, arva, fretum.
Qui crucifixus erat Deus ecce per om:hia regnat
dantque Creatori cuncta creata precem.
Salve, festa dies, toto venerabilis aevo
'
qua Deus infernum vicit et astra tenet,
'I I'
40

nobilitas anni, mensum decus, arma dieru1n,


horarum splendor, scripula, puncta fovens.

9, 11. Ov. met. 10, 125: mollia purpureis. - 17. VERG, georg. 2, 30: caudkibus dies, "Transactions of the American Philological Association", LXXVIII (1947),
sectis. - 22. VERG. georg. 4, 61: frondea semper I tecta. - 25. CLAUD. 5, 461: apes 208-222.
qui dulcia raptu I mella vehit. - 34. VERG. georg. 2, 400: levandum I /ronde nemus. (34) Stellantia è correzione di C. Brower per stillantia dei inanoscritti.
- 39. PAUL. NoL. carm. 6, 141: longo ... venerabilis aevo; STAT. Theb. 11, 427. (35) Il vivo senso della natura, proprio di Venanzio, lo porta a dire che non
soltanto l'uon10, ma ogni creatura naturale, ha tratto beneficio dall'azione redentrice
muskata e cantata nelle processioni solenni: la melodia si trova nella tavola III. di Cristo.
''' Sulla fortuna medievale del cornponilnento si veda R.E. MESSENGER, Salve festa (36) Cl. carm. 2, 2, 21.
206 CARMINA, L, III, IX CARMI, L. III, 9 207

Hinc tibi silva comis plaudit, hinc campus aristis, istanti. Qui plaude a te il bosco con le sue chiome, Il il campo con le
hinc grates tacito palmite vitis agit. spighe; qui la vite ti rende grazie col suo tralcio silenzioso. Se ora ira-
45 Si tibi nunc avium resonant virgtÙta susurro, mi risuonano per te del mormorio degli uccelli, io, passero più piccolo
has inter minimus passer amore cano. di tutti, canto con amore questi versi.
Christe, salus _rerum, bone conditor atque redemptor, Cristo, salvezza del creato, buon creatore e redentore, unica pro-
unica progenies ex deitate patris, genie dalla divinità del Padre, che ineffabihnente procedi dal cuore
inrecitabiliter manans de corde parcntis, paterno, Verbo sussistente, che puoi introdurti ovunque, eguale, con-
verbu1n subsistens et penetrare potens, corde, associato, coeterno al Padre (37), principio da cui il mondo ha
aequalis, concors, socius, cu1n patre coaevus, avuto origine: tu tieni sospeso il cielo, tieni compatta la terra, dai cor-
quo sumpsit mundus principe principium, so alle acque; sotto il tuo governo tutto ciò che esiste prospera. Poiché
aethera suspcndis, sola congeris, aequora fundis avevi constatato che il genere umano era precipitato nel profondo, ti
quaeque locis habitant quo moderante vigent. sei addirittura fatto uomo per salvare l'uomo. Infatti non hai soltanto
55 Qui genus hu1nanum cernens mersisse profundo, voluto nascere dotato di un corpo, ma sei diventato carne che sop-
ut homincm eriperes es quoque factus homo. portò nascita e morte. Subisci i riti del funerale, tu che sei l'autore del-
Nec voluisti etenim tantum te corpore nasci, la vita e del mondo: accingendoti al cammino della morte presti opera
sed caro quae nasci pertulit atque mori. di salvezza. Si sciolsero i tristi vincoli della legge dell'inferno e il caos
Funeris exequias pateris, vitae auctor et orbis, si ritrasse terrorizzato per la luce che lo investiva dal tuo volto. Le te-
60 intras mortis iter dando salutis opem. nebre si dissolvono, messe io fuga dal bagliore di Cristo e cadono gli
Tristia cesserunt infernae vincula legis spessi mantelli cieli' oscura notte. O potenza benefica, mantieni ora la
expavitque chaos luminis ore premi. promessa fatta, ti supplico, è giunto il terzo giorno, risorgi, o mio se-
Depereunt tenebrae Christi fulgore fugatae polto! Non è giusto che il tuo corpo sia ricoperto da un m,ucchio di
et tetrae noctis pallia crassa cadunt. terra, né che pietre comuni pesino sul riscatto del mondo. E cosa in-
"' Pollicitam sed redde fidem, precor, alma potestas, degna che una pietra tenga nascosto, inaccessibile tra i sassi, colui nel
tertia lux rediit, surge, sepulte meus ! cui cavo della mano sta racchiuso tutto il creato. Ti prègo, togliti le
Non decet ut humili tumulo tua membra tegantur bende, lascia il sudario nel sepolcro: tu sei tutto per noi e senza di te
neu pretium mundi villa saxa premant. nulla esiste. Libera le ombre incatenate nell'infornai prigione e richia-
Indignum est cuius clauduntur cuncta pugillo 10 ma verso lalto tutto ciò che precipita nel profondo. Restituiscici il tuo
10 ut tegat inclusum rupe velante lapis. volto, perché le generazioni vedano la luce, restituiscici la luce del
Lintea talle, precor, sudaria linque sepulchro giorno, che ci ha abbandonato nell'ora della tua morte. Ma ritornando
tu satis es nobis et sine te nihil est 11. nel mondo tutto hai compiuto, o pio vincitore: il tartaro langue
Salve catenatas inferni carceris umbras schiacciato e ha perduto i suoi diritti. L'inferno che apre senza mai sa-
et revoca sursuni quicquid ad ima ruit. ziarsi le sue fauci profonde, che sempre ghermiva, diviene la tua pre-
n Redde tuam facie1n, videant ut saecula lumen, da, o Dio. Strappi dal carcere della morte una moltitudine infinita ed
redde diem qui nos te moriente fugit 12. essa, libera, segue il cammino del suo creatore. La belva feroce in un
Sed piane implesti remeans, pie victor, ad orbem,
Tartara pressa iacent nec sua iura tenent.
Inferus insaturabiliter cava guttura pandens
'" qui rapuit semper fit tua praeda, Deus.
Eripis innumerum populum de carcere mortis
et sequitur liber quo suus auctor adit.

10 Cf. !s. 40, 12. 11 Cf. Io. I, 3. 12 Cf. Mt. 27, 45; Mc. 15, 33; Le.
23, 44.

45. V.ERG. georg. 2, 328: resonant avibus virgulta canori's. - 59. Ov. trist. 3, 5, 40:
funeris exsequiae. - 62. SEDUL. carm. pasch. 4, 286: extremui't letale chaos; DRAC. (37) Si noterà la perfetta ottodossia dimostrata dal poeta·. Cristo è generato e
Orest. 783. extt'muit natura chaos; VEN. FORT. carm. 3, 9, 87. - 73. IUVENC. 2, non creato dal.Padre secondo quanto sancito dal concilio di Nicea del 325, è indis-
512: caect' de carceri's umbris. - 79. VERG. Aen. 6, 421: fame rabida tria guttura solubile unità di natura umana e natura divina secondo i precetti del concilio di Cal-
pandens. cedonia del 451.
',,
'i.i
208 CARMINA, L. III, IX-X CARMI, L. III, 9-10
I ! I,
Evomit absorptam trepide fera belva plebem rantolo vomita la folla inghiottita e l'Agnello sottrae le pecorelle dalla
et de fauce lupi subtrahit agnus oves. bocca del lupo. Ora, portandoti novamente al sepolcro, una volta rias-
s5 Hinc tumulum repetens, post Tartara carne rcsumpta, sunta la carne dopo la discesa, tu, combattente, rechi al cielo magnifi-
belliger ad caelos ampia trophea refers. ci trofei. La voragine del castigo ha ormai restituito, davanti a te, colo-
Quos habuit poenale chaos iam reddidit in te ro che deteneva e ora una vita nuova avvince coloro che la morte ave-
et quos n1ors peteret, hos nova vita tenet. va ghermito (3 8).
O Re santo, ecco, una gran parte del tuo trionfo risplende, allor-
Rex sacer, ecce tui radiat pars magna triumphi, ché il santo battesimo rende beate le anime pur.e. Un candido esercito
cu1n puras animas sancta lavacra beant. esce dalle acque chiare e in un fiume nuovo cancella l'antico peccato.
Candidus egreditur nitidis exercitus undis Anche una veste bianca contrassegna le anime raggianti e il pastore si
atque vetus vitium purgat in amne novo. rallegra alla vista dcl gregge del color della neve. A questo riscatto si
Fulgentes animas vestis quoque candida signat unisce, compartecipe, il vescovo Felice che intende così rendere il
et grege de niveo gaudia pastor habet. doppio dei talenti al suo Signore. Egli attira al loro bene coloro che si
95 Additur hac Felix consors mercede sacerdos perdono negli errori dei pagani, egli rinforza l'ovile di Dio perché la'
qui dare vult Domino dupla talenta suo n. besria non colpisca. Coloro che precedentemente Eva scellerata aveva
Ad meliora trahens gentili errore vagantes, corrotto, egli ora restituisce alla Chiesa: questa li nutre del suo latte
bestia ne raperet, munit ovile Dei. dalla mammella e dal petto. Con discorsi pacati egli ha cura degli ani-
Quos prius Eva nocens infecerat, hos modo reddit mi rozzi; per dono di Felice da un roveto è sorta una messe. Un popo-
!• 100 ecclcsiae pastos ubere, lacte, sinu, lo fiero, il Sassone, che vive con abitudini quasi da bestia: o sant'uo-
I' mitibus alloquiis agrestia corda colendo, mo, grazie al tuo trattamento, la belva restituisce la pecorella. Tu riem-
munere Felicis de vepre nata seges. pi i granai dei frutti di una messe copiosa: essi per sempre rimarranno
·I i:; Aspera gens,-Saxo vivens quasi more ferino, presso di te, con un reddito cento volte maggiore. Possa codesto po-
l''I
te medicante, sacer, belva reddit ovem. polo senza macchia ravvivarsi tra le tue braccia e possa tu portarlo al
10s Centeno reditu tecum mansura per aevum cielo come schietto testimone al cospetto di Dio. Ti sia donata dall'al-
.:: messis abundantis horrea fruge reples 14. to, per i tuoi meriti, una prima cotona; un'altra ne fiorisca, conquista-
Inmaculata tuis plebs haec vegetetur in ulnis ta al servizio del tuo popolo.
:li, ::I
atque Deo purum pignus ad astra feras.
Una corona tibi de te tribuatur ab alto,
uo altera de populo vernet adepta tuo. 10. SUL VESCOVO FELICE DI NANTES,
QUANDO DEVIÒ UN FIUME DAL SUO CORSO (39)

X.DE DOMNO FELICE NAMNETICO Retrocedano gli antichi poeti e tutto ciò che essi raccontano: i fat-
CUM FLUVIUM ALIBI DETORQUERET ti dell'antichità sono superati dalle novità dell'oggi. Se Omero, ai tem-
I : ~ ' pi suoi, avesse contemplato lo sbarramento dei fiumi, avrebbe piutto-
' Cedant antiqui quicquid meminere poetae: sto infarcito di questo argomento la sua fascinosa opera: ora tutti leg-
I
vincuntur rebus facta vetusta novis. gerebbero di Felice e nessuno di Achille, sotto il cui nome è cresciuta
Includi fluvios si tunc spectasset Homerus, la gloria dell'arte epica.
inde suum potius dulce replesset opus:
, cuncti Felicem legerent modo, nullus Achillem
nomine sub cuius cresceret artis honor, quello aquileiese, tramandatoci da Rufino di Concordia nel suo Commento al Simbo-
lo, ripreso da Venanzio nella Spiegazione del simbolo; per ulteriori dettagli si ritnan-
da all'Introduzione a quest'ultitna opera, pp. 597ss.
(39) Sulle opere compiute da Felice di Nantes si ri1nanda a D. AUPEST-CONDU-
13 Cl. Mt. 25, 14ss.; Le. 19, 12ss. 14 Cf. Mt. 13, 23. CHÉ, Les travaux de saint Félix à Nantes et !es communicatt'ons avec le sud de la Loire
in AA.Vv., Actes du 97' congrès national des sociétés savantes, Nantes 1972. Les pay;
91. PRUD. perist. 8, 5: hlc .. liquido flut't .. fonte I ac veteres maculas diluit amne de l'Ouest. Etudes archéologiques, Paris 1977, 147-163. Lo scopo della deviazione
novo. del corso del fiu1ne (probabilmente la Loira, ma potrebbe anche trattarsi dell'Erdre)
~·runite la costruzione di una diga eradi au1nentare la produttività delle ca1npagne,
(38) Sulla discesa di Cristo agli inferi cf. E/ 4, 9, Fm 2, 10 e 1 Pt 3, 19 e 4, ricavando nuovi terreni coltivabili in una zona acquitrinosa. Anche qui, come in
6. Il primo Simbolo di fede in cui compare l'articolo sulla discesa agli inferi è carm. 1, 21, Venanzio adopera il topos del inondo, alla rovescia.
''i i·

CARMINA, L. III, X-XI CARMI, L. III, 10-11 2Il


210

qui probus ingenio mutans meliore rotatu Tu, valente nella tua intraprendenza, apportando modifiche se-
currere prisca facis flumina lege nova. condo una legge nuova, fai scorrere fiu1ni antichi in un percorso mi-
Aggere composito removens in gurgite lapsum gliore. Con bco~truzione di una diga hai riportato nel letto il ramo de-
10 quo natura negat cogis habere viatn. viato: lo costr111g1 cosl a tenere m1 percorso che la natura gli nega (40).
Erigis bic vallem subdens ad concava montem Qui, riportando terra nel concavo fondo di una valle, innalzi una
et vice conversa haec tumet, ille iacet. montagna e, con inversione di ruoli, questa s'innalza quello resta bas-
Altera in alterius migravi! imagine forma: so. La forma dell'una si è trasferita nell'aspetto dell'altro: il monte si
mons in valle sedet, vallis ad alta subit. abbassa nella valle, la valle si eleva in altitudine. Dove vi era la rapida
,, Quo fuit unda fugax, crevit pigro obice terra onda, si accumulò la terra in un ostacolo inerte, e dove un te1npo fila-
et quo prora prius, hoc modo plaustra meant. vano in1barcazioni, ora viaggiano i carri. ~fu indirizzi le acque deviate
Collihus adversis flexas superinvehis undas oltre i colli posti nel frammezzo e guidi un fiume docile a dispetto del-
et fluvium docilem monte velante trahis. la montagna. Dove esso scorreva rapido, il fiume giunge velocemente
Qua rapidus flueret, veniens celer amnis obhaesit e ristà, e davanti al colle sorto all'improvviso piega il proprio corso. Le
et subito nato colle retorsit iter. acque, che un tempo defluivano rapide senza recare benefici, ora ser-
Quae prius in praeceps veluti sine fruge rigabant, vono al nutrimento della popolazione. Si miete una messe nuova, nata
ad victum plebis nunc famulantur aquae. dal fiume per gli uomini, ora che grazie a te l'acqua produce cibo per
Altera de fluvio metitur seges orta virorum, il popolo.
cum per te populo parturit unda cibum. Come saprai dirigere le incerte inclinazioni degli uomini, tu che
2s Qualiter incertos ho1ninum scis flectere 1notus con le tue redini disciplini le rapide sorgenti? O Felice, duri per sem-
qui rapidos fontes ad tua frena regis? pre la tua vita senza macchia, -tu, al cui- comando l'onda mutò il suo
Stet sine labe tibi, Felix, pia vita per aevum, percorso.
cuius ad imperium transtulit unda locum.
: ! '
! IL ,;
11. Su NICEZIO, VESCOVO DI TREVIRI (41)
-~;;.',:"

'' •11·· XL DE Nrcrmo EPISCOPO TREVERENSI -~ ,-


•i''
Splendore, vertice della fede, Nicezio dall'anima venerabile ama·
~ to dal mondo intero e capo dei vescovi, sommo pastore, insig;e nel-
Splendor, apex fidei, venerabile mente Niceti,
totius orbis amor pontificumque caput, !'apostolico gregge: coi tuoi meriti hai accresciuto tutti gli onori di cui
summus apostolico praecellens pastor ovili godevi (42).
auxisti meritis quicquid honoris habes, Tralasci le cose terrene per dedicarti ali' opera divina: per te il
5 Divino insistens operi terrena relinquis: mondo è morto, perciò rimani ilnmortale. La vita è breve per tutti, ma
cui moritur mundus, non moriture manes. non è breve per i beati: poiché le buone opere non si cancellano, a
Vita brevis cunctis, sed non brevis illa beatis: buon diritto tu sarai eterno. Sei sempre parco con te stesso e generoso
cum bona non pereant, iure perennis eris. con i bisognosi: confida che ciò che fai per gli ultimi è donato a Dio (43 ).
Dum tibi restrictus maneas et largus egenis, Ogni prigioniero che ritorna, rivedendo la propria soglia si impossessa
rn quod facis in minimis te dare crede Deo. della casa paterna; tu allo stesso modo ti assicuri il cielo. r; esule trova
I
! Captivus quicumque redit sua lin1ina cernens qui un sostegno, l'affamato trova il cibo: chi giunge in preda alla fame
ille lares patrios, tu capis inde polos. se ne va di qui sazio. Profondi il tuo impegno verso gli afflitti conso-
Hic habet exul opero, ieiunans invenit escas
qui venit esuriens hinc satiatus abit.
(41) Il cal'n1e è databile al principio del soggiorno di Venanzio in Gallia nel
566. La vita di Nic,ez.io di Treviri ci è stata narrata da GREG. TuR. vit. patr. li: cf.
DUCHESN.E, Fastes eptscopaux, III, 37 n. 24. Fu deposto da Clotario I e poi reinsedia-
10> 9. VERG, Aen. 7, 6: aggere composito tumuli. - 10, CLAUD. rapt. fros. 1, to da Sigiberto I.
praef. 4: quas natura negat praebuit arte vias. - 23. Ov. met. 3, 110: seges clypea- (42) Cl. carm. I, 15, 34; 3, 15, 2.
ta virorum. . (4?) e~. <?'REG. T~R. !rar:c· ~o. 29_: Erat enim tunc temporis apud urbem Trive"
r~cam vir ~xtmtae sanctztatis Nicettus eptscopus, non solum in praedù:atione admirabi-
(40) Sembra che il vescovo abbia convogliato i rami del fiun1e in un unico lts /acundzae, verum etiam in operibus bonis ac mt'rabilibus celeberrimus habebatur in
plebe.
letto.
i' I

212 CARMINA, L. III, XI-XII CARMI, L. III, 11-i2 213

., Tristibus inponis curas purgando querellas !andane i lamenti e un unico rimedio risana tutti gli uomini. Ora
et sanat cunctos una medella viros. asciughi le .lacrime di u? povero infondendo in lui la gioia: egli, che
Pauperis bine lacrimas desiccas gaudia praestans: prtma sospirava, ora puo sperare la salvezza. Poiché tu sorvegli le tue
qui prius ingemuit vota salutis babet. greggi, mai il lupo ghermirà gli agnelli: coloro che sono protetti nel
I'
' Te pascente greges numquam lupus abripit agnos, tu? ovi,le ~t~nn? in tutt~ _sicurezza. Tu. hai riportato l'ru1tico tet11 pio di
sunt bene securi quos tua caula tegit. D10 all origtnar1a n1agn1ficenza e, grazie al tuo restauro esso pur nella
Templa vetusta Dei revocasti in culmine prisco sua vetustà rifiorisce (44). '
et floret senior te reparante domus. Possa tu per lunghi anni esaudire qui le pie preghiere del popolo,
Hic populis longos tribuas pia vota per annos e, perché le pecorelle non siano ridotte a brani, possa tu restare loro
et maneas pastor, ne lacerentur oves. pastore.

XII. ITEM DE CASTELLO EIUSDEM SUPER MosELLA 12. ANCORA SUL CASTELLO DEL MEDESIMO SULLA MOSELLA (45)
I. i
Mons in praecipiti suspensa mole tumescit Un monte si protende a precipizio con una massa pron1inente e
et levat excelsum saxea ripa caput. --r il costone petroso solleva assai in alto la sua testa. Esso innalza le sue
Rupibus expositis intonsa cacumina tollit -,,;
cime boscose in mezzo alle rupi, dove queste si fanno accessibili e la
tutus et elato vertice regnat apex. vetta troneggia sicura dalla sua altissima quota. I eampi che salgono
, Proficiunt colli quae vallibus arva recedunt, dalle vallate danno lustro al colle: da ogni parte la terra si fa più bas-
undique terra minor vergit et iste subit. sa, mentre esso si eleva. La Mosella impetuosa e anche l'esiguo Roda-
Quem Mosella tumens, Rodanus quoque parvulus ambit no (46) lo circondano e gareggiano nel dare nutrimento alla regione
certanturque suo pascere pisce locum. coi loro pesci. In altre zone i fiumi incostanti devastano le dolci mes-
Diripiunt dulces alibi vaga flumina fruges. si: questi producono vivande per te, Mediolano (47). Quanto più la
w Haec tibi parturiunt, Mediolane, dapes. M.osella s'. gonfia di a~q~a, tanto più vicino protende per te i suoi pe-
Quantwn crescit aquis, pisces vicinius offert; sci; a offrire vivande e 1elemento che comunemente ne fa distruzio-
I exbibet bine epulas unde rapina venit. ne. I: abitante osserva compiaciuto i solchi feraci, formulando voti
''· Cernit frugiferos congandens incola sulcos, per un raccolto ricco e abbondante. Gli agricoltori dilettano i loro
vota ferens segeti fertilitate gravi. occhi della messe futura, mietono con lo sguardo prima che la stagio-
15 Agricolae pascunt oculos de messe futura, ne co1npia la sua opera. La campagna è piacevole e ridente, ricoperta
! ;·,, '
i'' ante metit visu quam ferat annus opem. da erbe verdeggianti, i teneri prati ricreano gli animi smarriti.
_:i,[11 _', Ridet amoenus ager tectus viridantibus herbis, Così Nicezio, uomo apostolico, visitando questo paese da buon
." oblectant animos mollia prata vagos . pasto:e istituì. per il .suo gregge l'ovile che esso desiderava. Egli cir-
condo da ognt parte il colle con trenta torri. Impiantò un manufatto lì
Hoc vir apostolicus Nicetius ergo peragrans dove prima vi era un bosco. Dalla sommità del!' altura le mura si di-
'" condidit optatum pastor ovile gregi. partono in bracci fin dove la Mosella, con le sue acque, ne segna la fi-
Turribus incinxit ter denis undique collem. n.e. Spl_endeva, costruito sulla vetta rocciosa, un palazzo, e quell'edifi-
Praebuit hic fabricam quo nemus ante fuit. cto sara una montagna posta sopra alla montagna (48). Si volle chiude-
Vertice de summo demittunt brachia murum,
dum Mosella suis terminus extet aquis.
,.
I, i
,, Aula ta1nen nituit constructa cacumine rupis c~ra di), Die ~oselgedichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Hono-
et monti inposito 1nons erit ipsa domus. rtus Cle'!"entzanus ~ortunatus, herausgegeben und erkliirt van C. H., Marburg i H.
1926' [rrst. anast. Hildesheim-New York 1981], 97-101.
i. (46) Natural~ente non il Rodano, ma il Dhron, il Drahonus di AusoN. Mos. 365.
(47) Non Milano, 1na una località che si è voluto identificare con Niederemn1e1
12, 3. STAT. Ach. 1, 448: rupibus expositis. presso..Neumagen, .su uno dei meand.ri della Mosella: cf. I(. BòHNER, Die friinkischen
Altertumer des Trterer Landes, Berlm 1958, citato da GAUTIITER, Liévangélisation
(44) Secondo N. GAUTIJIER, L'évangél:isq,ti'on des pays de la Mosetle. La 185 nota 84. '
province romaine de Première Belgique entre Antiquité et Moyen Age (III -VIII'
0
, (48) Nicezio restattra una villa che fu elegante trasfor1nandola in un castellum
s.), Paris 1980, 81, l'espressione senior domus designerebbe la cattedrale. u·runite l'aggiunta di un piano, che non è stato ancora terminato; «una montagna· sul-
(45) Per un commento puntuale a questo carme si timanda a C. HOSIUS (a la montagna».
214 CARMINA, L. III, XII-XIII CARMI, L. III, 12-13 215

'
'I, Conplacuit latum muro concludere campum re con un muro la distesa dei campi e questa casa forma da sola uua
et prope castellum haec casa sola facit. sorta di fortilizio, L'alta costruzione è supportata da coloune marmo-
Ard1,1a ma1moreis suspenditur a1,1la colmnnis ree: da essa si scorgono, durante l'estate, le barche nel fiume, Il fabbri-
qua super aestivas cernit in atn~1e rates .. cato si è sviluppato in larghezza e pure su tre piani, cosicché puoi cre-
Ordinibus ternis extensaque machma crev1t dere, una volta salito in alto, che i tetti siano campi (49). Sul declivio
ut, posi:quam ascendas, iugera tecta putes. opposto è posta sull'accesso una torre: è il luogo dei santi, baluardo
Turris ab adverso quae constitit obvia clivo: che deve essere presidiato dai prodi. Lì vi è pure una balestra a getto
sanctorum locus est, arma tenenda viris. duplice che lascia dietro di sé la morte e poi fugge. L'onda sinuosa è
,, Illic est etiam gemino ballista volatu convogliata attraverso rigide condotte: grazie a questa, una veloce ma-
quae post se mortem linquit et ipsa fugit. cina procura alimento alla popolazione. Egli ha introdotto su queste
Ducitur in rigidis sinuosa canalibus unda colline sterili le uve dal succo soave: dove"[lrima era una boscaglia, ora
ex qua fert populo hic mola rapta cibum. vi è una vigna lavorata. Dappertutto sorgono giovani alberi da frutto
Blandifluas stupidis induxit collibus uvas: seminati e i fiori impregnano il luogo dei loro mille odori. Tutto ciò
vinea culta viret quo fuit ante frutex. che noi lodiamo in codeste tue opere ti rende gloria, tu che presti così
Insita pomorum passim plantaria surgunt numerosi benefici, magnifico pastore del gregge.
et pascunt vario flores odore locum,
Haec tibi proficiunt quicquid laudamus in illis
qui bona tot tribuis, pastor opime gregis. 13. A VILLICO, VESCOVO DI METZ (50)
I:,' La Mosella distende i flutti nel suo corso azzurro e il fiume tra-
I i : 1,1
XIII. AD VILICUM EPISCOPUM METTINSEM sporta delicatamente la massa delle sue acque (51). Lambisce le rive
olezzanti di erba prinrnverile e l'onda dolcemente lava le chiome delle
Gurgite caeruleo pelagus Mosella relaxat erbe. Da destra si immette l'affluente che è detto Salia, ma mena avan-
: ! et movet ingentes 1nolliter amnis aquas. ti i suoi flutti con una portata meno ricca. Qui, dove si immette nella
Lambit odoriferas vernanti gramine ripas Mosella dal limpido corso e morendo ne accresce la forza, in questo
et lavat herbarum leniter unda comas. luogo fu fondata la bella Metz, splendente, che si compiace dei suoi
Hinc dextra de parte fluit qui Salia fertur, due fianchi assediati dai pesci. La campagna è deliziosa e ridente
flumine sed fluctus pauperiore trahit. quando i campi si rinnovano: da una parte vedi le distese coltivate,
Hic ubi perspicuis Mosellam cursibus intrat, dall'altra scorgi roseti. Sotto di te stanno colli ricoperti di fronde om-
alterius vires implet et ipse perit. breggianti, il luogo è un molteplice rivaleggiare di fertilità.
Hoc Mettis fondata loco speciosa, coruscans Città ben fortificata, cinta dalle mura e dalle acque, grazie al tuo
w piscibus obsessum gaudet utrumque latus. vescovo ti ergi ancor più maestosa. Villico, che cosi onorevolmente
Deliciosus ager ridet vernantibus arvis: milita sotto le armi del cielo, egli, col corpo prostrato a terra ti solleva
1. hinc sata culta vides, cernis at inde rosas. sulle sue ginocchia (52). Per il fatto che ti getti a terra con umiltà, o
Prospicis umbroso vestitos palmite colles,
certatllr varia fertilitate locus.

15 Urbs munita nimis quam cingit murus et amnis,


(49) La costruzione aveva u,n piano terra assai esteso con, da un lato soltanto,
pontificis merito stas valitura magis. una torre di tre piani. Dall'alto della torre il tetto del resto del palazzo, tanto più
: .,, Vilicus, aetheriis qui sic bene militat armis, basso, si confondeva con la campagria circostante.
stratus humi genibus te levat ille suis. (50) Per un commento puntuale ai primi 18 versi del carme, che risale al
566/567, si rimanda a Die Moselgedichte, 102-103. Su Villico di Metz si veda Du-
CHESNE, Fastes épiscopaux, III, 55, nonché GAUTHIER, L'évangélisation, 209-211. Ve-
nanzio lo nomina anche in carm. 6, 8, 22.
(51) Lo stile riprende i tratti delle descrizioni naturali della poesia latina classi-
ca: il poeta intende a un teinpo compiacere il destinatario e fare mostra della propria
formazione culturale.
34. Ov. fast. 2, 102: arma tenenda tuis. - 37. VERG. georg. 3, 330: currentem ... (52) L'in1magine è incoerente: Venanzio avrà scritto troppo in fretta o avrà vo-
canalibus undam. luto compiacersi in un'imtnagine piuttosto ardita. Il senso è: Villico u1niliandosi sol-
13, 13. Ov. met. 15, 710: generosos palmite colles. leva la sua città verso il cielo.
---<

CARMINA, L, III, XIII-Xlllb CARMI, L. III, 13-13b 217

Unde hun1ilis terris te proicis, ahne sacerdos, vescovo benigu?, pregando.guidi al cielo la capitale della patria (53). '·
arando hinc patriae dncis ad astra caput. Con lacnme assidue procuri al popolo la gioia: le pecorelle sono ralle-
Fletibus adsiduis adquiris gaudia plebi: grate dal pia.nto del pastore (54). Quantunque il maligno minacci con i
pastoris lacrhnis lactificantur oves. suoi attacchi 1n1potenti, coloro per i quali sei tu il 1nuro non temono
Ictibus invalidis qua1nvis minitetur iniquus, ferita alcuna; e seppure il lupo tende le sue insidie al gregge al riparo
tu quibus es murus, vulnera nuU.a timent con te come custode dell'ovile il predatore non vi causa alcun danno'.
,, et licet incluso lupus insidietur ovili, Infondi nel popolo la gioia col tuo volto sereno, senza nubi: la tua de-
te custode gregis, nil ibi praedo nocet. licata grazia rinfranca gli animi di tutti. Se un ospite sconosciuto ri-
Oblectas populos vultu sine nube sereno chiede aiuto, tu gli offri cibo e presso la tua dimora egli ritrova il suo
cunctorumque animos gratia blanda fovet, focolare. siuando tu sfami il poveretto, egli finisce col dimenticare,
Si poscat novus hospes opem tu porrigis escas esule, le ricchezze che possedeva nella sua terra nativa (55). Allontani i
}o invenit et proprios ad tua tecta lares. lamenti dalfa bocca di chi ti riferisce le pwprie sventure, fughi ogni
Dum satias querulum, magis obliviscitur illas tristezza e gh rendi la gioia. Qui tu rivesti i nudi, lì alimenti i bisogno-
quas habet in patriis finibus exul opes. si. Il povero nou ti dà nulla in cambio, ma Dio ti ricompensa col suo
Qui sua damna refert, gemitus subducis ab ore, amore. Tu n1andi innanzi i tuoi granai, conservi còsì 1neglio le tue ri~
gaudia restituens tristia cuncta fugas. serve: il paradiso ti rende i beni di cui sei cosl genewso (56). Hai re-
>5 Protegis hinc nudos, illinc tu pascis egentes. stau~ato le to~ri dcl tempio, o sollecito Villico: quando il Signore
Nil tibi reddit inops, reddit amore Deus. verra, ecco qut sta la tua opera (57). Vedo che tu non hai sotterrato il
Horrea praemittis, melius tua condita servans: talento che ti è stato affidato; piuttosto il tuo impegno messo a frutto
quas sic diffundis dat paradisus opes. si è moltiplicato .. Possa tu continuare ancora per -lunghi anni opere co~
Culmina templorum renovasti, Vilice cultor: sì degne e possa il tuo nome, o magnifico, durare per sempre.
cum veniet Dominus, stat labor ecce tuus.
Commissum video non suffodisse talentum 15, 13a. ANCORA AL MEDESIMO (58)
sed magis aptatum multiplicatur opus.
Longius extensos peragas tam digna per anuos O magnifico pastore del gregge, a tutti giova il tuo foraggio. Co-
et 1naneat semper nomen, opime, tuum. me alimenti bene 1 corpi, tu che sazi le anime! Rendi i convitati così
golo~i dcl nettar~ del tuo latte, che ora ci vuole una scodella per sa-
z1arh1 mentre sohtan1ente bastava un cucchiaio.
XIIla.. ITEM AD EUNDEM

Pastor opime gregis, cunctis tua pabula prosunt. 13b. ANCORA AL MEDESIMO
! :
Qui satias animas, qua1n bene me1nbra foves!
Sic avidos reddis convivas nectare lactis, La pecorella corre cercando presso di te il suo alimento, o pasto-
ut scutella levet quod cocleare solet. re. Tu che usualmente le dai il cibo, aiutami dandomi un po' di pane.

, (55) Anch~ in questo caso sarà da scorgere un tratto autobiografico; Venanzio


XIJib. ITEM AD EUNDEM esprime la propna gratitudine per l'accoglienza ricevuta.
(56) '.'illi70 non -ratis~e perdita f~cendo elargizioni ai poveri: i suoi granai lo
precedono 1n cielo, cosi egli conserva ciò che ha messo da patte meglio di come po-
Currit ovis repetens a te sua pascua, pastor. te~a fare s;ill~ terr~ se non avesse ceduto nulla. Un concetto frequentissimo nei car-
Qui cibus esse sales, da mihi panis opem. m1 venanz.1an1, denvato.da Mt 19, 21: Si vt's perfectus esse, vade, vende quae habes, et
da paupertbus, et habebts thesaurum in caelo .
.(57) Secondo la VIEILLARD-TROIÉKOUROFF, Les monuments, 173, l'edificio in
!5 Cl. Mt. 25, 25. questione sarebbe la cattedrale di Metz.
(~8) I quat.tro epigrammi seguenti devono essere stati improwisati durante
25, VERG. Aen. 9, 59: pieno lupus insidiatus ovili.
uno dei, n1;1ffi~ros1 pran~i o~ferti da. Villico al poeta. Venanzio probabilmente li coin-
(53) Metz, la capitale del regno di Sigiberto. pose .~ 11rutaz1one degli ep1gr~1n1 di M~rzial~ e di Ausonio. Il tono non è però di
(54) Le virtù elencate di seguito sono quelle tipiche del buon vescovo: un1011smo P.U?gent:i. quanto piuttosto dr elogio scherzoso. Gli editori hanno asse-
p1·otezione n1ateriale e spirituale dei fedeli, beneficenza verso i poveri 'e gli stra- gnat? a tu~U 1 pezzi il medesimo numero in quanto nel catalogo iniziale essi sono
nieri. Le immagini adoperate dal poeta sono per lo più di ascendenza biblica, cons~der~u al~a stregua di un solo carme; in questo e nei successivi libri si presenta-
no d1vers1 casi analoghi.
mentre classica è la metafora della 1nuraglia difensiva.
i· I
218 CARMINA, L. III, XIII e-XIV CARMI, L. III, 13c-14 219

XIIlc. DE PICTURA VITIS IN MENSA EIUS DICTUM 13c. PAROLE Dll'!TE ALLA SUA TAVOLA SU UN DlPINTO
MFF!GURANTE UNA VIGNA
Vitibus intextis ales sub palmite vernat
et leviter pictas carpit ab ore dapes. In un intreccio di pampini, un volatile fa capolino sotto un tralcio
Multiplices epulas meruit conviva tenere: e con grazia afferra col becco dei bocconi dipinti. Il tuo convitato me-
aspicit bine uvas, inde falerna bibit. rita di godersi molte leccornie: nello stesso tempo vede le uve e beve il
vino Falerno (59).

XIIId. DE PISCIBUS IN MENSA EIUS


13d. SUI PESCI SERVITI ALLA SUA TAVOLA
Retia vestrai pater, oneroso pisce redundant:
apparet Petti vos meruisse vices 16, Le tue reti, o padre, traboccano di pesce in quantità: è evidente
che tu hai meritato di succedere a Pietro.

XIV. DE PONTIFICE CARENTINO COLONIAE


14. SUL VESCOVO CA!UJNTINO DI COLONIA (60)
Carentine) decus fidei) Deitatis amice,
nomine de proprio care, perennis amor, Carentino, gloria della fede, amico di Dio, caro conformemente
pontificem pollens Agripina Colonia praefert, al tuo nome, oggetto di amore perenne; la fiorente Colonia Agrippi-
frugiferis agris digne colone Dei. na (61) porta alto il suo vescovo, te, degno colono di Dio in campi fe-
Si videas aliquos quacumque ex geute creatos, condi. Se tu vedi degli uomini, quale che sia la loro nazionalità, anche
quamvis ignotos mox facis esse tuos. se ti sono sconosciuti, li fai subito tuoi. Quelli che una volta hai legato
Quos semel affectu adstringis pietate paterna a te con laffetto, nella tua ·bontà paterna mai più potrai staccarli da te.
ulterius numquam dissociare potes, Il tuo favore, arrivando inaspettato, non si allontana come un fuggitivo
uec subito veniens veluti fugitiva recedit, ma, rapidamente accordato, rimane durevole. Dai compimento alla
10 sed concessa cito gratia fixa manet. parola di Dio e, come ami te stesso, così ogni uomo è da te amato co-
Verba Dei conplens sicut te diligis ipsum 17, me tuo prossin10. Sei ritenuto un degno seguace della parola dell' Apo-
a te ita diligitur proximus omnis homo. stolo che antepose alla fede !'animo caritatevole. Tranquillo, mite,
Vocis apostolicae sectator dignus haberis quieto, sereno senza nubi sul volto, il furore del mondo non può vin-
quae caros anirnos praeposuit fidei 18. certi in alcun modo. Ristori i cuori di tutti con la dolcezza delle tue pa-
1s Tranquillus, placidus, mitis, sine nube serenus, role, col tuo volto rendi gioiosi i cuori rattristati. Tu sei cibo per i po-
cui rabies muudi nil dominare potest. veri e alimento per gli affamati, sei veramente padre del popolo, dac-
Pectora cunctorum reficis dulcedine verbi, ché offri aiuto per la sua salvezza. Rinnovi il tempio dorato, costruito
laetificas vultu tristia corda tuo. con preziosi ornamenti: tu risplendi di quell'onore di cui rifulge la ca-
Pauperibus cibus es, sed et esurientibus esca, sa di Dio (62). Perché i templi possano contenere un maggior numero
w rite pater populi dando salutis opem. di fedeli, si aggiunge un'altra galleria sospesa in alto. La pia sollecitu-
Aurea tempia novas pretioso folta decore: dine per il gregge ti sprona, pastore opulento; sotto la tua custodia
tu nites unde Dei fulget honore domus.
i
~
!; . , I '
Maioris numeri quo templa capacia constent,
I•: alter in excelso pendulus ordo datur.
' 2s Sollicitat pia cura gregis te, pastor opime, (60) Sul personaggio si veda DUCHESNE, Fastes épiscopaux, III, 179.
nil lupus ab stabulis quo vigilante rapit. (61) La città, che ebbe dapprima il nome di oppidum Ubiorum dalla popolazio-
ne germanica stanziata nella regione, era sede di legioni romane e fu elevata a colo-
nia nel 50 d.C., con il no1ne di Colonia Agrippina o Colonia Claudia Ara Agrippinen-
sium, poiché il 6 nove1nbre del 15 d.C. vi era nata Agrippina Minore, figlia di Ger-
16 Cl. Le. 5, 5. 17 Cl. Le. 10, 27. 18 Cl. 1Cor.13, 13. manico e di Agrippina Maggiore, nonché inoglie dell'hnperatore Claudio e 1nadre
dell'imperatore Nerone.
(59) L'allusione dotta al Falerno, vino tra i più rinomati nell'antichità ro- (62) La basilica di San Gereone, che all'epoca era detta Sanctt' aurei con riferi-
mana, è certo una cortesia complimentosa verso il destinatario, colto esponente 1nento allo sfarzo dei mosa