Sei sulla pagina 1di 3

Dimensionamento Fusibili

01/10/15, 17:33

Dimensionamento Fusibili
I fusibili sono dispositivi di protezione con caratteristica d'intervento a tempo inverso.
In altre parole, il tempo di intervento di un fusibile diminuisce se la sovracorrente che si
sviluppa in un circuito guasto (o
sovraccaricato) aumenta.
Parlando di sovracorrenti necessario distinguere le stesse in due categorie:
cortocircuito e sovraccarico. Il primo si verifica quando due elementi attivi di un circuito
vengono in contatto fra di loro in modo franco, cio con una connessione reciproca che
presenta una bassissima resistenza. Il sovraccarico si ha quando un'utenza, spesso un
motore, chiamata a compiere un lavoro straordinario per il quale necessiterebbe di
una maggiore energia che in realt non in grado di convertire. In quel
caso l'utenza assorbe pi corrente di quella che i suoi componenti interni possono
sopportare e generalmente, dopo qualche tempo, si guasta. E' il caso di molti
verricelli...
Rispetto alla corrente assorbita nominalmente da un'utenza si parla di cortocircuito
quando la corrente di guasto circolante pari almeno al doppio/triplo della corrente
nominale (nella pratica spesso molto di pi). Si intende per sovraccarico una corrente
superiore alla nominale di alcuni punti percentuali (anche decine di punti percentuali).
Ad esempio: se in un circuito con una nominale di 10 A misuro in condizioni di guasto
150 A, si tratta sicuramente di cortocircuito. Se rilevo 11,6 A si tratta di sovraccarico.
Nel caso degli impianti automobilistici, la corrente di guasto circolante in caso di
cortocircuito equivale alla corrente che circolerebbe congiungendo i poli negativo e
positivo della batteria (non fatelo!) dedotte le perdite sui cavi e sulle giunzioni.
La corrente di cortocircuito generata dalla batteria (nell'ordine di parecchie centinaia di
ampre, sostanzialmente equivalente alla corrente di spunto) aumenta in funzione della
diminuzione della resistenza interna della batteria stessa. La resistenza interna della
batteria generalmente tanto pi bassa quanto pi alta la sua capacit. In ogni caso
dipende dalle caratteristiche costruttive degli elementi costituenti l'accumulatore.
Tanto per capirci, a parit di capacit, una batteria per avviamento ha generalmente
una resistenza interna pi bassa di quella di una batteria perl'alimentazione di servizi in
regime di scarica lenta.
http://www.roverworld.com/dimensionamento_fusibili.htm

Pagina 1 di 3

Dimensionamento Fusibili

01/10/15, 17:33

Analizzando un qualunque circuito terminale di un impianto automotive e risalendo alla


sorgente d'alimentazione, ovvero la batteria, incontreremo un certo numero di
elementi. Per esempio si potrebbe cominciare con la morsettiera del portalampada di
un proiettore, dopo seguirebbe qualche metro di cavo di piccola sezione, dopo
incontreremmo un connettore di servizio (necessario ad esempio per disassemblare gli
elementi della carrozzeria), quindi nuovamente cavo elettrico, dopo lo zoccolo di un
rel, il rel stesso, di nuovo cavo, poi un fusibile di basso calibro, ancora cavo ma di
sezione pi elevata, un fusibile di elevato calibro e, probabilmente, giungeremo
finalmente alla batteria con un cavo di grande sezione.
Questo insieme di conduttori e giunzioni introduce una resistenza, ovvero si oppone in
certa misura al passaggio della corrente elettrica generando perdite in calore.
Attenzione anche al percorso di massa (polo negativo) anch'esso ha la sua importanza
e introduce una resistenza nel circuito.
La corrente di guasto, ovvero per convenzione la corrente che circola nei conduttori in
caso di cortocircuito, molto elevata in prossimit della batteria ma diminuisce man
mano che ci si "allontana" dalla stessa per effetto della resistenza introdotta dagli
elementi di cui sopra. Notare che qualunque elemento elettrico introduce una
resistenza, seppur piccola.
Nel dimensionamento di un circuito si presta molta attenzione a mantenere tali
resistenze il pi basse possibile per evitare inutili sprechi d'energia e cadute di tensione
troppo elevate le quali potrebbero causare il malfunzionamento od il basso rendimento
di un'utenza. Al di l dei problemi di tensione, anche necessario verificare che la
corrente di guasto presente in un circuito in caso di cortocircuito, sia sufficiente a
provocare l'intervento dei dispositivi di protezione.
Come accennavo prima, i fusibili hanno una caratteristica di intervento inversa.
Analizzando questo concetto da un altro punto di vista, lecito affermare che in caso
di correnti di guasto molto basse il fusibile potrebbe non intervenire tempestivamente e
mantenere alimentata un'utenza in condizioni di guasto, spesso peggiorando le cose.
Ecco perch nella mia precedente mail affermavo che i fusibili sono poco idonei alla
protezione contro i sovraccarichi.
La ragione di questo comportamento da ricercare nella tecnologia costruttiva dei
fusibili. Il fusibile sostanzialmente costituito da uno spezzone di conduttore calibrato
http://www.roverworld.com/dimensionamento_fusibili.htm

Pagina 2 di 3

Dimensionamento Fusibili

01/10/15, 17:33

in grado di sopportare permanentemente il passaggio di una certa corrente. Se la


corrente aumenta il fusibile si scalda poich la sezione dello spezzone di conduttore
calibrato non in grado di veicolare un flusso maggiore. Man mano che sale la
temperatura si raggiunge il punto di rammollimento o di fusione del metallo costituente
il
fusibile e lo stesso si interrompe disalimentando il circuito. L'interruzione pu avvenire
per deformazione del metallo il quale si distacca da uno dei due punti ancoraggio o per
vera e propria distruzione dello stesso.
Considerato che anche i fusibili introducono una resistenza elettrica e quindi generano
calore, il costruttore cerca il miglior compromesso fra bassa dissipazione termica ed
un'elevata prestazione d'intervento. Ci nonostante, molto difficile ottenere buone
prestazioni per basse sovracorrenti. Una grande sovracorrente, ovvero un
cortocircuito, genera un'elevata sovratemperatura sul fusibile distruggendolo nel giro
di qualche millisecondo. Un sovraccarico di bassa entit riscalda il fusibile molto

http://www.roverworld.com/dimensionamento_fusibili.htm

Pagina 3 di 3