Sei sulla pagina 1di 64

LINEAR MKII 3/3

SISTEMA STATICO DI CONTINUIT


USCITA TRIFASE

Manuale duso
codice 10H52159PU0C rev.3
COMPLIMENTI PER AVER SCELTO LINEAR MKII 3/3!

Con questo innovativo sistema statico di continuit, CHLORIDE POWER PROTECTION
Vi offre la sintesi fra la massima sicurezza e un sorprendente risparmio.
LINEAR MKII 3/3 protegger ogni Vostra apparecchiatura da qualsiasi disturbo,
proveniente dall'alimentazione elettrica di rete, poich assicura una protezione completa
contro abbassamenti e picchi di tensione, variazioni di frequenza, disturbi elettrici e
mancanza totale d'energia.
LINEAR MKII 3/3 disponibile nelle categorie 10, 15, 20, 30 e 40kVA. Queste possono
essere collegate in parallelo, fino ad un massimo di otto unit, per ottenere maggiore
capacit di potenza o ulteriore sicurezza (ridondanza). (Vedere paragrafo 8,
Funzionamento in parallelo.)

LA VOSTRA SICUREZZA COSTANTEMENTE SOTTO CONTROLLO
Approfondite ricerche dimostrano che lapplicazione di programmi di manutenzione
consente di ottimizzare le potenzialit degli UPS, migliorandone laffidabilit e
prolungandone la vita in esercizio.
Ecco perch CHLORIDE POWER PROTECTION Vi offre soluzioni appositamente
studiate per soddisfare le Vostre esigenze: dalla consulenza telefonica di esperti, alla
disponibilit di assistenza tecnica 24 ore su 24, 365 giorni allanno.
In particolare, se volete la tranquillit assoluta, potete scegliere LIFE, il sistema di
telediagnosi avanzata, che trasmette automaticamente i dati sul funzionamento del
Vostro UPS al nostro Servizio Clienti.
Ovunque Voi siate, qualunque sia la Vostra attivit, piccole o grandi che siano le Vostre
esigenze, potrete sempre contare sulla qualit del servizio CHLORIDE POWER
PROTECTION.

PREFAZIONE
Il presente Manuale dUso contiene informazioni che riguardano linstallazione, la messa
in servizio e lutilizzo del sistema statico di continuit (UPS).

Si raccomanda di conservare il presente Manuale dUso e di consultarlo prima
dellinstallazione (da compiersi a cura di personale qualificato) e prima di operare
sullUPS. Pertanto, necessario conservare e consultare il manuale ogni qualvolta sia
necessario eseguire degli interventi sullUPS.



Pagina 4 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
DICHIARAZIONE DI CONFORMIT


Costruttore: CHLORIDE POWER PROTECTION


con sede in:
Via Fornace, 30
40023 Castel Guelfo (Bologna)
ITALIA


DICHIARA CHE IL PRODOTTO: LINEAR MKII 3/3


CONFORME ALLE NORME INTERNAZIONALI DI SEGUITO ELENCATE:


EN 50091-1
EN 50091-2 (classe A)
EN 62040-3

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 5

1. SICUREZZA 7
2. CONSEGNA E IMMAGAZZINAMENTO 13
2.1 CONSEGNA 13
2.2 RIMOZIONE DELLIMBALLO 13
2.3 IMMAGAZZINAMENTO 14
2.4 MOVIMENTAZIONE 14
3. PREDISPOSIZIONE DEI LOCALI 14
3.1 CONDIZIONI AMBIENTALI 14
3.2 ACCESSO AI LOCALI 14
3.3 CARICO SUL PAVIMENTO 15
3.4 DIMENSIONI DEI LOCALI 16
3.5 PREDISPOSIZIONE DEI COLLEGAMENTI ELETTRICI 17
4. INSTALLAZIONE 18
4.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO 18
4.2 DATI DI INSTALLAZIONE 18
4.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE 19
4.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO 20
4.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI 20
4.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI 21
4.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI 22
4.8 MORSETTIERA UPS 10/20KVA - 3/3 23
4.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3 24
4.10 MORSETTIERA UPS 40KVA - 3/3 25
5. OPERATIVIT UTENTE 26
5.1 CONTROLLI PRELIMINARI 26
5.2 PANNELLO DI CONTROLLO 10 30KVA 27
5.3 PANNELLO DI CONTROLLO 40KVA 30
5.4 INTERRUTTORE DI COMANDO PRINCIPALE 37
5.5 MODI OPERATIVI 37
6. MANUTENZIONE 38
6.1 SMALTIMENTO DELLE BATTERIE 38
6.2 PULIZIA 39
7. INTERFACCIA UTENTE 40
7.1 PORTA DINTERFACCIA STANDARD COM 40
7.2 INTERFACCIA AL COMPUTER 41
7.3 INTERFACCIA DI SERVIZIO CONFIGURATA PPVIS 41
8. FUNZIONAMENTO IN PARALLELO 42
8.1 CONFIGURAZIONI DI SISTEMA 42
8.2 COMUNICAZIONE TRA I BLOCCHI 43
8.3 OPERATIVIT 44
8.4 INSTALLAZIONE DELL'OPZIONE PARALLELA 46
Pagina 6 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
9. DIAGNOSTICA 49
10. VERSIONE SPECIALE LAM INSTALLAZIONE 50
10.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO 50
10.2 DATI DI INSTALLAZIONE 50
10.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE 51
10.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO 51
10.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI 52
10.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI 53
10.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI 54
10.8 MORSETTIERA UPS 10/15/20KVA 3/3 LAM 55
10.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3 LAM 55
11. VERSIONE SPECIALE T INSTALLAZIONE 56
11.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO 56
11.2 DATI DI INSTALLAZIONE 56
11.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE 57
11.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO 57
11.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI 58
11.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI 59
11.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI 60
11.8 MORSETTIERA UPS 10/20KVA - 3/3 - T 60
11.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3 T 60
11.10 MORSETTIERA UPS 40KVA - 3/3 T 60
12. OPZIONI 61
12.1 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E SHUTDOWN 61
12.2 SOFTWARE DI SHUTDOWN PER LA PORTA DINTERFACCIA DEL
COMPUTER 61
12.3 ADATTATORE DI RETE MANAGEUPS
NET
61
12.4 AS400 MULTIPLEX 61
12.5 LIFE2000 61
12.6 MULTICOM 63
12.7 ARMADI BATTERIE ESTERNI 63
13. I VOSTRI SUGGERIMENTI 63



Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 7
1. SICUREZZA
AVVERTENZE
CHLORIDE POWER PROTECTION considera la sicurezza personale prima d'ogni
altra esigenza. Per questo fondamentale, all'inizio dei lavori d'installazione,
leggere attentamente le procedure inerenti la sicurezza ed in seguito rispettarle.
Il personale utilizzatore od operatore pu intervenire sullUPS seguendo
scrupolosamente le istruzioni riportate nei paragrafi 5 e 5.2 (Operativit utente e
Pannello di controllo).
1. L'Installazione dellUPS descritta nel capitolo 4, potr essere eseguita soltanto da
personale tecnico qualificato.
2. Linear MKII 3/3 dotato di un solo interruttore e il carico viene sempre alimentato se
l'alimentazione di rete collegata. Allinterno dellUPS sono presenti tensioni
pericolose, anche quando gli interruttori sono aperti; qualsiasi intervento che richieda
lapertura o lo smontaggio dei pannelli di protezione deve essere effettuato soltanto
da personale tecnico autorizzato da CHLORIDE POWER PROTECTION.
NORME DI SICUREZZA
- Trasportare lapparecchiatura esclusivamente in imballaggi atti a proteggerla da urti e
scosse.
- Lo spostamento dellapparecchiatura da un ambiente freddo alla sala operativa pu
provocare la formazione di condensa. Prima della messa in funzione necessario
verificare che lapparecchiatura risulti perfettamente asciutta. A tal fine si consiglia un
periodo di acclimatazione di almeno due ore.
- necessario installare lapparecchiatura conformemente alle condizioni ambientali
specificate in 3.1, Condizioni ambientali.
- L'interruttore a chiave (vedere Figura 15 Pannello di controllo) non isola dalla
rete l'UPS. Per isolare completamente dalla rete lUPS necessario scollegare i cavi
di alimentazione.
- In caso di interruzione della tensione di rete, la batteria integrata garantisce
lalimentazione elettrica del carico.
- Posare i cavi in modo da evitare che possano essere calpestati o essere di intralcio.
Per la connessione dellapparecchiatura allalimentazione elettrica attenersi alle
istruzioni fornite nel capitolo Installazione e messa in servizio.
- Accertarsi che nessun oggetto (ad es. pin, collane, graffette, ecc.) cada allinterno
dellapparecchiatura.
- In caso di emergenza (ad es. danni allalloggiamento, ai comandi o ai cavi di
alimentazione, penetrazione di liquidi o oggetti estranei) spegnere lapparecchiatura,
scollegare i cavi di alimentazione e rivolgersi al rappresentante del Servizio di
assistenza clienti.
- Non collegare apparecchi che sovraccarichino lUPS (ad es. stampanti laser o
aspirapolvere) oppure richiedano corrente DC (ad es. raddrizzatori di semionda o
asciugacapelli).
- Per la pulizia dellunit attenersi alle istruzioni fornite nel capitolo Manutenzione.
La somma delle correnti di fuga elevata (corrente del conduttore di protezione) dellUPS
e dei dispositivi collegati pu superare i 3,5 mA per tutte le potenze nominali di Linear
MKII. Prima di eseguire il collegamento allalimentazione necessario avere
predisposto il collegamento di terra.
Pagina 8 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
- Durante un temporale necessario evitare di collegare o scollegare le linee di
trasmissione dati.
- Lingresso dellArresto di emergenza (EPO) posto sul retro dellunit (vedere
Figura 1 e Figura 2 ). Quando tale collegamento viene aperto, il circuito logico arresta
immediatamente l'uscita dell'UPS (vedere paragrafo 4.10 per ulteriori informazioni).
Per garantire uninstallazione sicura dei cavi conforme al documento di
armonizzazione europea HD384-4-46 S1, necessario installare un interruttore di
emergenza (ESD) a valle dellUPS.
- Le versioni speciali chiamate T e LAM includono trasformatori di isolamento interni
che consentono l'isolamento galvanico per l'uscita. Per ulteriori dettagli, vedere i
relativi capitoli.
EMERGENZA
possibile interrompere l'alimentazione al carico solo scollegando l'alimentazione di rete
dall'UPS. NON USARE ACQUA per spegnere incendi nell'area in cui installato
l'UPS.
CORRENTI DI FUGA ELEVATA
Collegare il conduttore di protezione PE prima di ogni altro cavo.
RADIO-INTERFERENZE

Questo UPS un prodotto di classe A.
LUPS in grado di generare radiointerferenze su altri apparati nelle vicinanze; si
raccomanda di non porre l'UPS in prossimit di apparati particolarmente sensibili alle
interferenze elettromagnetiche (ricetrasmettitori, radar, metaldetector, sistemi
antintrusione).
CHLORIDE SUPPORT e CONSULTING CSC
Per qualsiasi altra informazione riguardo al modello, allinstallazione ed al funzionamento
del sistema statico di continuit, CSC in grado di offrire ai clienti unassistenza tecnica
altamente specializzata e gratuita.
Per maggiori informazioni rivolgersi a: CSC@Chloridepower.com
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 9
BATTERIE
La manutenzione delle batterie deve essere eseguita da personale autorizzato.
1. Attenzione: Le batterie acide al piombo possono causare un rischio chimico. In
condizioni normali, non fuoriesce nessun liquido dalle batterie. Solo nel caso, assai
raro, di rottura dell'involucro batterie, potrebbe verificarsi la fuoriuscita di elettrolito
dannosa al contatto con la pelle ed irritante per gli occhi. In questo caso, lavare con
abbondante acqua e consultare immediatamente un medico.
2. I terminali delle batterie sono sempre in tensione.
3. Una batteria, anche scarica, pu erogare unelevata corrente di cortocircuito, la quale
potrebbe danneggiare oltre che la batteria stessa anche i cavi ed eventualmente
procurare bruciature alloperatore.
3. Attenzione: Le tensioni presenti nelle batterie possono essere pericolose. La
tensione di una singola cella non pericolosa. Tuttavia, pi celle collegate in serie
possono raggiungere valori di tensione pericolosi. Durante le operazioni di
manutenzione, scollegare i blocchi batteria in modo che non siano collegate pi di
cinque batterie in serie.
N.B.
Le autonomie riportate si intendono con una precisione di +/- 5%. Il costruttore,
perseguendo una politica di continuo miglioramento del prodotto, si riserva il diritto di
modificare i valori di capacit nominali senza preavviso, pur confermando le
autonomie.
La batteria di accumulatori di tipo ermetico: lo stoccaggio o linattivit prolungata
non dovr mai superare i 6 mesi a 20C senza che venga ricaricata (con carica al
100% allinizio di detto periodo). Superato questo limite, necessario ricaricare la
batteria: questo richiede la messa in servizio dellapparecchiatura. Diversamente, la
garanzia delle batterie decade. Si consiglia comunque di eseguire la ricarica almeno
una volta ogni 4 mesi.
Poich le batterie nuove spesso non forniscono lintera capacit indicata, potrebbe
essere necessario eseguire un certo numero di cicli di scarica e ricarica prima di
raggiungere la prestazione ottimale.
Al fine di salvaguardare lambiente, le batterie devono essere smaltite secondo le
norme che regolano lo smaltimento dei rifiuti tossici e nocivi.
Nel caso di re-imballaggio procedere come segue:
Imballare questa apparecchiatura solo dopo un periodo di almeno 6 ore dallultima
ricarica.
Utilizzare un sacco di contenimento di materiale sufficientemente poroso da
garantire la traspirazione (es: polietilene 100m).
Non estrarre laria dallinterno dellimballo.




Pagina 10 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
LINEAR MKII - 3/3 10/15/20kVA

I
n
g
r
e
s
s
i
A
r
ia
4
3
5
I
n
t
e
r
r
u
t
t
o
r
e

d
i
C
o
m
a
n
d
o

P
r
in
c
ip
a
le
P
r
o
t
e
z
io
n
e
C
o
n
n
e
s
s
io
n
i
U
t
e
n
t
e
3
2 1
U
s
c
it
e

A
r
i
a
1
3
8
5
3

x

P
r
e
s
a
c
a
v
i
I
n
t
e
r
f
a
c
c
ia

A
S
4
0
0
U
s
c
it
e

A
r
ia
I
n
t
e
r
f
a
c
c
ia

R
S
2
3
2
C
o
n
t
a
t
t
i

E
P
O
7
8
5
5
5
POWER PROTECTION
CHLORIDE
P
a
n
n
e
llo

d
i
C
o
n
t
r
o
llo
4
4
0


Figura 1.


Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 11
LINEAR MKII - 3/3 30kVA
POWER PROTECTION
CHLORIDE
I
n
g
r
e
s
s
i

A
r
i
a
1
3
8
5
I
n
g
r
e
s
s
i

A
r
i
a
1
0
0
5
U
s
c
i
t
e

A
r
i
a
7
8
5
P
a
n
n
e
l
l
o

d
i
C
o
n
t
r
o
l
l
o
7
5
0
I
n
t
e
r
f
a
c
c
i
a
A
S
4
0
0
5
5
I
n
t
e
r
r
u
t
t
o
r
e

d
i
C
o
m
m
a
n
d
o
P
r
i
n
c
i
p
a
l
e
P
r
o
t
e
z
i
o
n
e
C
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i
U
t
e
n
t
e
3
2 1
C
o
n
t
a
t
t
i
E
P
O
I
n
t
e
r
f
a
c
c
i
a

R
S
2
3
2


Figura 2.

Pagina 12 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
LINEAR MKII - 3/3 40kVA
POWER PROTECTION
CHLORIDE
I
n
g
r
e
s
s
i

A
r
i
a
1
3
8
5
I
n
g
r
e
s
s
i

A
r
i
a
1
0
0
5
U
s
c
i
t
e

A
r
i
a
7
8
5
P
a
n
n
e
l
l
o

d
i
C
o
n
t
r
o
l
l
o
7
5
0
I
n
t
e
r
f
a
c
c
i
a
A
S
4
0
0
5
5
I
n
t
e
r
r
u
t
t
o
r
e

d
i
C
o
m
m
a
n
d
o
P
r
i
n
c
i
p
a
l
e
P
r
o
t
e
z
i
o
n
e
C
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i
U
t
e
n
t
e
3
2 1
C
o
n
t
a
t
t
i
E
P
O
I
n
t
e
r
f
a
c
c
i
a

R
S
2
3
2


Figura 3.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 13
2. CONSEGNA E IMMAGAZZINAMENTO
2.1 CONSEGNA
La merce stata controllata accuratamente prima della spedizione. Al ricevimento,
verificare gli imballi ed effettuare una ispezione visiva della merce. Informare il fornitore
circa eventuali danni o componenti mancanti entro e non oltre 8 giorni dalla data di
ricevimento.
2.2 RIMOZIONE DELLIMBALLO
necessario prestare la massima cura nella rimozione dellimballo per evitare danni
allapparecchiatura. Controllare il materiale di confezionamento prima dello smaltimento
per assicurarsi di non gettare anche componenti della fornitura. Rimuovere l'imballo
rispettando la sequenza illustrata nella Figura 4 e Figura 5.

Figura 4.


Figura 5.
Chiave 17
Chiave 15
Pagina 14 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
2.3 IMMAGAZZINAMENTO
Se non si intende utilizzare lUPS entro sette giorni dalla consegna, necessario
osservare le condizioni di immagazzinamento.
In caso di immagazzinamento, l'apparecchiatura e le batterie vanno conservate
in luogo pulito, asciutto e non soggetto a temperature eccessive. (Vedere
paragrafo 4.1, Dati di immagazzinamento).
2.4 MOVIMENTAZIONE
Lapparecchiatura deve sempre essere tenuta in posizione verticale e maneggiata con
cura: ogni urto violento o caduta potrebbe danneggiarla.

3. PREDISPOSIZIONE DEI LOCALI
3.1 CONDIZIONI AMBIENTALI
L'UPS deve essere installato in verticale, su una superficie piana ed uniforme ed in un
ambiente al riparo da fonti di calore eccessive, acqua ed umidit e privo di polveri
conduttive (Vedere capitolo 4, Installazione). Non impilare le unit e non porre alcun
oggetto sulla sommit dellunit.
La temperatura di esercizio dell'UPS compresa tra 0 C e 35 C (40C in caso di
funzionamento continuato per max. 8 ore).
La temperatura ambiente ideale compresa tra 15 C e 25 C.
La vita attesa della batteria definita a 20C. Per ogni incremento di 10 C sopra i 25 C
la vita prevista si riduce del 50%.
3.2 ACCESSO AI LOCALI
Il locale deve presentare uno spazio sufficiente a garantire i movimenti necessari per
l'installazione. Le porte devono avere dimensioni tali da consentire la movimentazione
dell'apparecchiatura (vedere capitolo 4, Installazione).

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 15
3.3 CARICO SUL PAVIMENTO
In considerazione del peso dell'UPS riportato nella Tabella 1 a pagina 18, necessario
scegliere un locale per l'installazione il cui pavimento sia in grado di sostenere il peso
dell'apparecchiatura.
LUPS fornito di ruote per agevolare brevi spostamenti.
Vedere la Figura 6 per il layout e i punti di contatto a terra.


55
80
90
90
135
Ruote fisse
305
Ruote
Piroettanti
10/15/20kVA
(FRONTE -
SENZA PANNELLO)
30
126
80
80
40
188 126
160
330
80
130
365 755
55
70
88.5
30
55
88.5 263
440
30kVA
(FRONTE -
SENZA PANNELLO)
40 160
750
550
690
80
30
30
100
30
100




Figura 6 Ingombro

30/40 kVA
(FRONTE SENZA
PANNELLO)
Pagina 16 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
3.4 DIMENSIONI DEI LOCALI
necessario lasciare i seguenti spazi minimi attorno all'UPS per consentire il flusso di
aria e permettere al personale di accedere (vedere Figura 7) e di eseguire i normali
interventi di manutenzione che richiedano la rimozione dei pannelli (vedere Figura 8).






Figura 7.
Si pu
avvicinare
fino alla parte
sporgente
ingresso cavi
Nel caso di macchine
affiancate (configurazione
parallela) lasciare
almeno 30mm di distanza
Min. 200mm tra
l'unit e la parete
laterale
Min. 500mm
sopra le unit
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 17

P
O
W
E
R

P
R
O
T
E
C
T
I
O
N
C
H
L
O
R
I
D
E


Figura 8.
3.5 PREDISPOSIZIONE DEI COLLEGAMENTI ELETTRICI
Durante linstallazione necessario isolare la sorgente dingresso ed assicurarla contro
la possibilit di una connessione involontaria.
Collegare l'UPS seguendo le istruzioni riportate al capitolo 4, Installazione, e nella
Figura 12.


Pagina 18 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
4. INSTALLAZIONE
N.B. Linstallazione deve essere eseguita esclusivamente da tecnici qualificati e
conformemente alle norme di sicurezza applicabili.
Per linstallazione elettrica necessario osservare la potenza nominale della sorgente.
L'UPS non stato progettato per essere collegato a sistemi di sotto-distribuzione a 16A.
4.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO
Temperatura ammessa SOLO batterie tra -20C e +50C*
Temperatura ammessa UPS senza batterie tra -15C e +70C
Livello di umidit relativa tra 0% e 90%
* Se non altrimenti specificato dal costruttore
4.2 DATI DI INSTALLAZIONE
Temperatura ambiente tra 0 e +35 C (max. 8 ore a 40C)
Livello di umidit relativa (senza condensa a 20 C) 90%
Altitudine max. (senza declassamento) 1000 m slm
Ingresso cavi dal basso sul retro
Ingresso aria frontale
Uscita aria retro
Tabella 1 - Dati nominali dellUPS con autonomia standard
U.M. Potenza nominale UPS DESCRIZIONE
kVA 10 15 20 30 40
Dati elettrici
Tensione Vrms 380, 400, 415; 3+N; + 15% (-30% con
declassamento)
Corrente
(per fase)*
Arms 16 23. 5 31. 5 47. 5 63

INGRESSO
Frequenza Hz Selezione automatica 50/60 Hz.
kVA 10 15 20 30 40 Potenza
nominale KW 8 12 16 24 32
Tensione Vrms 380, 400, 415; 3+N
Corrente
@400Vrms*
Arms 14. 5 22 29 43. 5 58
Frequenza Hz Selezione automatica 50/60 Hz.



USCITA
Forma donda - Sinusoidale
Dissipazione max. (@ carico
nom. e batt. in ricarica)
W 780 1130 1480 2170 2850

I valori di uscita e ingresso massimi sono calcolati sulla base di un valore nominale di 400
o 230V
ac
; per una tensione nominale pari a 380/220V
ac
moltiplicare per un coefficiente di
1,05; per una tensione nominale pari a 415/240V
ac
moltiplicare per un coefficiente di 0,96.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 19

Dati meccanici
TAGLIA kVA 10 15 20 30 40
Lunghezza mm 840
Larghezza mm 440 750
Altezza mm 1385
Max. Peso (senza batterie) kg 145 190 255
Con batterie* kg 365 570 635
Flusso aria ventole m
3
/h 500
Max. Livello di rumorosit (@ 1m) dBA <52 <55
*Per ulteriori informazioni sulla configurazione delle batterie, consultare il Manuale
batterie 10h52159PB1C
- Per le potenze nominali di sicurezza vedere letichetta
4.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE
Usare le sezioni trasversali dei cavi e i fusibili riportati nella Tabella 2 e Tabella 3.
Collegare i cavi di alimentazione di rete ai morsetti U1, V1, W1 e N dell'UPS. Collegare il
carico ai morsetti U3, V3, W3 e N dell'UPS. Le sezioni trasversali minime del conduttore
si applicano alle correnti massime:
1) Per cavi in rame con isolamento in PVC (a 70 C)
2) Quando posati in condotti per installazioni elettriche
3) Quando la temperatura dell'aria intorno ai condotti non supera i 30C
4) Per cavi lunghi fino a 30 m.

Nota 1). Qualora le condizioni di posa fossero diverse, necessario verificare le sezioni
in riferimento al tipo di posa in opera sempre in accordo con la norma IEC 287. Nel caso
in cui la lunghezza fosse tale da provocare una caduta di tensione > 3%, si render
necessario passare alla sezione superiore.

U.M. Taglia UPS kVA
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Dimensioni connettore mm
2
16 16 16 16 16
Corrente max. dingresso A
rms
21 31 33 48 63
Sezione cavo ingresso mm
2
4 10 10 16 16
Corrente max. uscita A
rms
16 24 32 48 58
Sezione cavo uscita mm
2
4 6 10 16 16
Sezione cavo di terra mm
2
4 10 10 16 16
Tabella 2.

Le sezioni dei cavi sono state definite per la corrente massima trasportata dai cavi stessi.
In caso di carichi non lineari, il valore nominale dei cavi di neutro sar incrementato per
un fattore pari a un massimo di 1,7.

Pagina 20 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
N.B. Al fine di evitare interferenze con apparecchiature particolarmente sensibili, si
suggerisce la posa dei cavi di ingresso, di uscita e della batteria esterna dellUPS in
condotti metallici connessi a terra, o lutilizzo di cavi schermati. La posa dei cavi (di
alimentazione, comunicazione o dati) di altre apparecchiature dovr essere
preferibilmente separata dai cavi dellUPS.
4.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO
L'inserimento dell'UPS in un impianto non modifica il regime di neutro (modalit di messa
a terra) pre-esistente.
Il regime di neutro pu essere modificato quando lUPS opera con il neutro sezionato a
monte.
4.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI
Questa apparecchiatura non dotata di un dispositivo d'interruzione dell'alimentazione di
rete. Pertanto, necessario che il cliente installi tale dispositivo nel locale d'installazione.
Questo deve essere installato in prossimit dell'UPS e contrassegnato come dispositivo
di separazione dell'alimentazione di rete per l'UPS.
(A monte dell'UPS devono essere installati dispositivi esterni per la protezione dei cavi di
collegamento allUPS. Tali dispositivi devono essere interruttori automatici in curva C o
fusibili del tipo GL/GG).
AVVERTENZA: Su tutti i sezionamenti installati nello stesso impianto elettrico dellUPS,
anche lontano dallarea dellUPS, obbligatorio prevedere la targa seguente:

ISOLARE IL SISTEMA DI CONTINUIT (UPS) PRIMA DI OPERARE SU
QUESTO CIRCUITO

La seguente tabella indica i dispositivi di protezione (interruttori automatici o fusibili) che
devono essere previsti a cura dellinstallatore per la protezione sia dei cavi di
collegamento che dell'apparecchiatura.
Tabella 3 Interruttori automatici o fusibili consigliati
Unit di
misura
Potenza nominale UPS
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Fusibile 20 25 40 50 63
INGRESSO
Automatico
A
25 32 40 50 80
Fusibile 16 20 40 50 60
USCITA
Automatico
A
16 25 40 50 60

N.B. Larmadio batterie esterno, se presente, deve essere posto accanto allarmadio
dellUPS. Se si tratta di unopzione fornita da Chloride Silectron, essa viene consegnata
completa di dispositivi di protezione e dei cavi di sezione adeguati. In caso di batterie
provenienti da altri fornitori, necessario contattare il Servizio di assistenza clienti per
ottenere il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione e dei cavi di
interconnessione.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 21
4.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI
La figura seguente mostra l'installazione di interruttori differenziali.
Al fine di evitare interventi indesiderati, le eventuali protezioni differenziali devono
- avere una corrente differenziale nominale NON INFERIORE A 100mA
- essere del tipo SELETTIVO (ad intervento ritardato)
- essere di tipo B per UPS dotati di ingresso trifase e di tipo A per UPS dotati di
ingresso monofase


Mains input
To Load
D1
= Differential
breaker


Figura 9 - Configurazione standard per potenze nominali 10 30kVA e 40kVA
con alimentazione di rete primaria e di riserva condivise

D1
Mains input
Two differential breakers
on the two lines, which
MUST be electrically
isolated from each other
D2 Reserve input
To Load

Figura 10 - Configurazione standard per potenza nominale 40kVA con
alimentazione di rete primaria e di riserva separate
= Interruttore
differenziale
Al carico
Ingresso
rete
Ingresso di riserva
Due interruttori differenziali
sulle due linee, i quali
DEVONO essere isolati
elettricamente tra loro
Ingresso
rete
Al carico
Pagina 22 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
4.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI
Per accedere alla zona in cui previsto lallacciamento elettrico esterno, rimuovere il
pannello di protezione sul retro dellUPS e inserire i cavi attraverso i pressa cavi
predisposti per ancorarli, prima di collegarli. Il primo cavo da collegare quello di terra.
Prima di rimuovere i pannelli verificare che lUPS sia isolato.



Figura 11.

NOTA: Al termine delle operazioni dinstallazione lUPS deve essere bloccato nella
posizione desiderata mediante gli appositi piedini a scorrimento verticale di cui dotato
LINEAR MKII 3/3.
PANNELLO
POSTERIORE
INGRESSO CAVI
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 23
4.8 MORSETTIERA UPS 10/20KVA - 3/3
INTERRUTTORE
DI COMANDO
PRINCIPALE
USCITA
INTERRUT-
TORE
BATTERIA
INTERNA
INGRESSO
RETE
W1 V1 U1 N1 U3
1
3
2
BATTERIA
ESTERNA
(se presente)
+ N3 W3 V3 -
435mm
INTERRUTTORE
NEUTRO

Figura 12 10/15/20kVA 3/3 Vista dal retro
Pagina 24 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
4.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3


Figura 13 30kVA 3/3 Vista dal retro

W1
INTERRUTTORE
NEUTRO
INGRESSO
RETE
INTERRUTTORE
BATTERIA
INTERNA
U1 V1
1 - UPS ON -CARICO SU UPS
2- UPS ON - CARICO SU BYPASS MANUALE
3- UPS OFF - CARICO SU BYPASS MANUALE
INTERRUTTORE
DI COMANDO
PRINCIPALE
1
3
2
BATTERIA
ESTERNA
(se presente)
USCITA
N3 N1 U3 W3 V3 - + + -
1005mm
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 25
4.10 MORSETTIERA UPS 40KVA - 3/3

U1 U2 V1 V2
1
3
2
V3 W2 W1 N1N2 U3 + - W3 N3
1005mm



Figura 14 40kVA 3/3 Vista dal retro

INTERRUTTORE
PRINCIPALE
N INTERRUTTORE
NEUTRO
4 ponti (jumper), inclusi nel pacchetto accessori dellUPS.
Collegare solo se lingresso dellalimentazione di rete
principale e di riserva sono in comune
INTERRUTTORI
BATTERIA
INTERNA
INGRESSO
RETE/RISERVA
USCITA BATTERIA
ESTERNA
(se presente)

Pagina 26 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
5. OPERATIVIT UTENTE
5.1 CONTROLLI PRELIMINARI
Prima di avviare l'UPS e quindi alimentare il carico, necessario seguire le seguenti
indicazioni:
a) verificare che nulla possa ostruire le griglie di ventilazione
b) verificare la presenza del collegamento di terra
c) verificare che tutti gli interruttori esterni siano in posizione OFF (0)
d) verificare che tutti gli interruttori della batteria esterna siano in posizione OFF (0)
e) verificare che l'interruttore del neutro sia in posizione ON (1)
Non collegare alcun dispositivo in grado di sovraccaricare lUPS oppure di
assorbire corrente DC (ad es. asciugacapelli, aspirapolvere).

nota: Il mancato rispetto delle indicazioni sopra riportate pu pregiudicare la corretta
alimentazione alle utenze.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 27
5.2 PANNELLO DI CONTROLLO 10 30KVA
Il pannello di controllo (vedere Figura 15) costituisce l'interfaccia utente dell'UPS. Dei
LED comunicano all'utente lo stato di funzionamento dell'UPS.

N.B. La chiave del pannello di controllo viene consegnata insieme ai documenti di
trasporto.
I numeri di guasto per allarme o guasto vengono visualizzati nel display a due cifre
durante l'operativit in linea. Durante l'operativit a batteria, il display visualizza
alternativamente il numero di guasto e l'autonomia residua prevista in minuti. Prima
viene brevemente visualizzato il numero di guasto (LED ALLARME o LED GUASTO
accesi contemporaneamente), quindi viene visualizzata l'autonomia residua con il carico
attuale (LED ALLARME e LED GUASTO spenti) per il doppio del tempo. Vedere Tabella
4 e Tabella 5 per la descrizione dei vari numeri di guasto.

SERVICE
ALARM
FAULT
LINE
ONLINE BYPASS
TEST/
RESET
OVERLOAD
BATTERY
BYPASS
ONLINE
LOAD
100%
25%
75%
50%
25%
50%
100%
75%
.

Figura 15 Pannello di controllo 10 30kVA

SOVRACCARICO (rosso), CARICO
(verde)
Carico su uscita UPS. Fase con carico
massimo in % di capacit.
BYPASS (giallo)
I carichi sono alimentati attraverso il by-
pass elettronico.
IN LINEA (verde)
I carichi sono alimentati dall'inverter.
BATTERIA (verde)
Capacit batteria disponibile.
LINEA (verde)
Tensione di rete OK
GUASTO (rosso)
Messaggio di guasto (vedere pagina...),
viene emesso un allarme acustico
costante.
INDICATORE NUMERO DI GUASTO
ALLARME (giallo)
Indicatore di avvertenza (vedere
pagina...), viene emesso un allarme
acustico intermittente.
Pagina 28 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
Il pulsante TEST/RIPRISTINA serve per gestire le funzionalit dei LED del pannello di
controllo e per ripristinare l'UPS in seguito alla rettifica di un guasto. Premendo il
pulsante durante le normali condizioni di funzionamento (in assenza di indicatori di
avvertenza o guasto), tutti i LED del pannello di controllo si accendono per circa 1,5
secondi. Dopodich, nel display a due cifre compaiono in successione gli ultimi quattro
indicatori di avvertenza. In caso di guasto, l'allarme acustico pu essere tacitato
premendo il pulsante. Una volta che il guasto stato rettificato, premendo il pulsante
l'UPS torna alle condizioni di funzionamento normali.
L'UPS pu essere portato dal funzionamento con by-pass a quello in linea tramite
l'Interruttore a chiave. possibile collegare un PC alla presa di servizio (SERVIZIO)
attraverso l'interfaccia seriale (RS232).
Tabella 4 Codici di avvertenza

AVVERTENZE
N. codice Significato
1 Sovratemperatura inverter
2 Mancanza alimentazione di rete su by-pass
3 Guasto del raddrizzatore
4 Carico eccessivo
5 Sottotensione circuito intermedio
6 Sovraccarico
7 Sequenza di fase errata in by-pass
8 By-pass di servizio acceso
9 Funzionamento a batteria
10 Tempo di riposo batteria superato
11 Sottotensione batteria
12 Messa in funzione o test avviati
13 Interruttore batteria inattivo
14 Tempo di durata ventola superato
15 Interruzione connessione a carica batteria
16 Avvertenza interna 16
23 Guasto comunicazione carica batteria
24 Guasto generico carica batteria
32 Avvertenza interna 32



Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 29

Tabella 5 Codici guasti

GUASTI
N. codice Descrizione
33 Temperatura convertitore troppo elevata
34 Guasto interno 34
35 Configurazione classe di potenza errata
36 Teleruttore inverter difettoso
37 Scollegamento inverter multiplo causa sovratemperatura
38 Guasto elettronica alimentazione
39 Sovratensione in circuito intermedio
40 Shutdown rapido esterno attivo
41 Difetto all'elettronica (elaboratore di segnale difettoso)
42 Difetto all'elettronica di potenza (raddrizzatore)
43 Difetto relativo all'elettronica di potenza (supervisione UCE)
44 Scollegamento per sovratensione
45 Input parametri falso durante iniz. H/W
46 Uscita UPS fuori limiti di tolleranza
47 Sovraccarico (I
2
t-Supervisione)
50 By-pass difettoso
51 By-pass difettoso (durante il trasferimento)
52 Sovraccarico by-pass
55 Elettronica difettosa (inverter EEPROM )
57 Elettronica difettosa (EPROM )
58 Temperatura ambiente inferiore a 0 o misurazione difettosa
59 Modulo opzionale guasto o non installato
60 By-pass in parallelo non eseguito
61 Guasto di segnale in Modulo Parallelo
78 Guasto Tiristore batteria
88 Riservato per test LED (nessun guasto)

Per ulteriori informazioni, consultare il manuale tecnico o contattare il Servizio Clienti
CHLORIDE POWER PROTECTION.

Pagina 30 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
5.3 PANNELLO DI CONTROLLO 40KVA
Il pannello di controllo (vedere Figura 16 costituisce l'interfaccia utente dell'UPS.
Dei LED comunicano all'utente lo stato di funzionamento dell'UPS.
Consulta le seguenti figure e tabelle per una descrizione della strutura dei menu e
un elenco dei dati disponibili.
5.3.1 PROCEDURE OPERATIVE
- Start Inverter
Premere il pulsante Inverter ON per 5 secondi.

- Stop Inverter
Premere il pulsante Inverter OFF per 5 secondi.

- Tacitazione Buzzer
Per tacitare il buzzer premere il pulsante Reset.

- Fault Reset
Per ripristinare il corretto funzionamento dellUPS a seguito di un fault,
ripristinare il guasto di macchina, quindi mantenere premuto il pulsante
Reset per almeno 1 secondo.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 31



Figura 16 Pannello di controllo 40kVA





DISPLAY
Pulsante
Menu Su
Pulsante
Selez. Destra
Pulsante Menu
Gi
Pulsante
Inverter ON
Fault LED
(rosso)
Lampeggia in
presenza di un
guasto
Pulsante
Reset
Warning LED (giallo)
Lampeggia in presenza di un
Warning
OK LED (verde)
- Acceso con load su
Inverter
- Lampeggia con load su
batteria
Pulsante
Inverter OFF
Pulsante
Selez. Sinistra
Pagina 32 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
Premere una volta per accedere
Premere un'altra volta per
ritornare allo Stato di Sistema
STATO SISTEMA
BLOCCO SISTEMA E MENU PRINCIPALE
DIAGNOSI
ALLARMI +
GUASTI
3* 1*
= PULSANTE
SELEZIONARE DESTRA
= PULSANTE
SELEZIONARE SINISTRA
= PULSANTE
MENU SU
= PULSANTE
MENU GIU'
AI SOTTO MENU
2*
MENU
PRINCIPALE


Figure 17
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 33
Table 6 Testo visualizzato Menu Principale e Stato di Sistema
No. Descrizione
Carico
Back-up: .. min.
1*
STATO
SISTEMA Presentazione Blocco Stato Sistema
Valori Attuali
Configurazione UPS
Test Batteria
LIFE 2000
Configurazione Display
2*
MENU
PRINCIPALE
Info.
ALLARMI GUASTI
Sovratemperatura Inverter Sovratemperatura Converter
Mancanza Rete Bypass Guasto Interno 34
Mancanza Rete Ingresso Power Class non Corretta
Carico Troppo Alto (i
2
t) Guasto Contatto di Inverter
Tensione bassa UDC Multiple Inverter Cutoff
Sovraccarico Guasto Alimentazione Interna
Senso Ciclico Errato Sovratensione UDC
Sezionatore Bypass Chiuso Shutdown Esterno Attivo
Funz. Da Batteria Electronic
Battery Rest Time Exceeded Power Electronic Rectifier
Tensione Batteria Bassa Power Electronic UCE
Sevizio Tec. Attivo o in Test Overcurrent Cutoff
Vita Ventilatore Esaurita Errato Parametro ingresso
Connection to Charger Lost Tensione Uscita UPS Fuori Toll.
Allarme Interno16 Sovraccarico Uscita (i
2
t)
Guasto Carica Batt. 1 Guasto Bypass
Guasto Carica Batt. 2 Guasto Bypass (Trasfer.)
Allarme Interno 32 Sovraccarico Bypass
Electronic (EEPROM)
Check-sum EPROM
Misura temperatura
Modulo Opzionale
Parallelo di Bypass
Module di Parallelo
Thyristor di Batteria
3*
DIAGNOSI
ALLARMI/
GUASTI
Test LEDs
Pagina 34 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
61*
INFO.
51*
CONFIGURAZIONE
DISPLAY
53*
CONFIGURAZIONE
CONTRASTO
52*
CONFIGURAZIONE
LINGUA
STATO
LIFE2000
41*
MANUALE CALL
REQUEST
SET/RESET
SERVICE MODE
44*
RESET DELAYED
CALL
42*
43*
31*
TEST BATTERIA
33*
SCEGLI TEST
32*
RISULT. E DATA
ULTIMO TEST
21*
CONFIGURAZIONE
UPS
11*
SUB MENUS
VALORI
ATTUALI
22*
FINESTRE
CONFIGURAZIONE
UPS
12*
FINESTRE
VALORI ATTUALI
35* 34*
ATTESA
FINE TEST
RISULTATO TEST
23*
SELEZIONARE
VALORE NUOVO
RISULTATO


Figure 18
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 35
Table 7 Testo visualizzato Sub Menu
No. Description
Ingresso UPS Uscita UPS 11* - VALORI
ATTUALI
Tensione DC Batteria
V Rete L1 I Uscita L3
V Rete L2 Potenza Attiva Tot.
V Rete L3 Potenza Attiva L1
Frequenza Potenza Attiva L2
V. interm. circ. Potenza Attiva L3
V. interm. Circ. + Potenza Appar. Tot.
V. interm. circ. - Potenza Appar. L1
V Uscita L1 Potenza Appar. L2
V Uscita L2 Potenza Appar. L3
V Uscita L2 V Batt. Per Cell
Frequenza Uscita Corrente Batteria
I Uscita L1 Capacit Batteria
12* - VALORI
MISURATI
I Uscita L2 Tempo Autonomia
Contatti Ingresso
Contatti Uscita
Scheda Opzionale (vedi a
destra per I numeri dei slot di
comunicazione)
21* -
CONFIGURAZIONE
UPS
Other
S
l
o
t

1
S
l
o
t

2
S
l
o
t

3
Communication box
(CU4/POB/Profibus)

Funzione EK1 Ritardo Off AK3
Ritardo On EK1 Inver. Ingresso AK3
Ritardo Off EK1 Funzione AK4
Inver. Ingresso EK1 Ritardo On AK4
Contatti Uscita Ritardo Off AK4
Funzione AK1 Inver. Ingresso AK4
Ritardo On AK1 Scheda in Pos. 2
Ritardo Off AK1 Scheda in Pos. 3
Inver. Ingresso AK1 Profibus bus indir.
Funzione AK2 Profibus PZD5
Ritardo On AK2 Profibus PZD6
Ritardo Off AK2 Profibus PZD7
Inver. Ingresso AK2 Profibus PZD8
Funzione AK3 Profibus PZD9
22* - FINESTRE
CONFIG. UPS
Ritardo On AK3
23* - CONFIG.
VALORI E RESET

Parametro non pu essere mod. verifica se UPS in Bypass
31* - TEST
BATTERIA

Stato Test

Esegui Test
Pagina 36 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
Risultato Ultimo test
Data Ult. Test
OK
32* - TEST
BATTERIA
(Finestra: Data ultimo
test e risultato)
Failed
10 Secondi Test 8 Minuti Test
1 Minuti Test 10 Minuti Test
2 Minuti Test 15 Minuti Test
4 Minuti Test 20 Minuti Test
33* - TEST
BATTERIA INIZIARE
(Finestra: Scegli
Test)
6 Minuti Test Test Autonomia
Capacit:
Rimanenza:
34* - TEST
BATTERIA STATO
(Finestra: Attesa fine
Test)
Autonomia
Test non possibile in questo
momento
Risultato: OK
Test cancellato Risultato: Fallito
35* - TEST
BATTERIA
RISULTATO
(Finestra: Risultato
Test)
Test Passato Autonomia Misurata
Life2000 non abilitato su
questo UPS
Attesa Connessione
Data pross. Chiamata Connesso
Ora Prossima Chiamata Trasmis. Dati Life
Chiamata ritar. dopo (
Window 42)
Trasmis Dati Easy
Stato Connessione Connessione PPVis
Tipo Chiamata( Window 43) Chiusura in Corso
Service Mode ( Window 44) Chiamata riprogramm.
41* - LIFE2000
(Finestra: Stato Life
2000)
UPS non Connesso
42* - LIFE2000
DELAYED
Reset Chiamata Ritardata?
43* - LIFE2000
MANUALE
Esegui una Chiamata Manuale?
44* - LIFE2000
MANUTENZIONE
Abilita Manutenz. Disabilita Manutenz.
51* -
CONFIGURAZIONE
DIS.
Lingua Contrasto
52* - LINGUA English / Deutsch / Franais / Italiano /
53* - CONTRASTO Contrasto: Su o Gi
61* - INFO Tipo di UPS Hotline Telephone Number
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 37
5.4 INTERRUTTORE DI COMANDO PRINCIPALE
L'interruttore di comando principale collocato all'interno dell'UPS, sul retro, vedere
Figura 12 Figura 14.
Tale interruttore necessario per gli interventi manutenzione, la messa in funzione,
l'avvio e lo spegnimento. L'alimentazione al carico non viene interrotta durante la
commutazione.

2
1
3

Se l'interruttore in posizione 1 (operazione UPS), l'UPS in In Linea. A
seconda delle condizioni di alimentazione di rete e di carico presenti, il
dispositivo pu passare automaticamente dal funzionamento "A batteria" a quello
"Con by-pass".
3
2
1

Se l'interruttore in posizione 2, l'UPS in modalit By-pass di Servizio e tutti
i componenti sono sotto tensione. I carichi sono alimentati direttamente
dall'alimentazione di rete tramite l'Interruttore di by-pass di servizio. Questa
impostazione stata progettata per eseguire test sul funzionamento dell'UPS
senza interrompere l'alimentazione ai carichi.
2
1
3

Se l'interruttore in posizione 3, l'UPS in modalit By-pass di servizio, ma
con l'interruttore della batteria aperto, in modo che non vi siano componenti
sotto tensione nell'UPS. Ci consente di eseguire interventi di manutenzione
sull'UPS.
5.5 MODI OPERATIVI
L'UPS dotato di quattro diversi Modi operativi, descritti nelle pagine seguenti:
5.5.1 FUNZIONAMENTO IN LINEA
L'UPS si trova in questo modo operativo in condizioni normali. I carichi vengono
alimentati dalla rete tramite l'inverter. Le batterie vengono caricate dal carica batteria.
L'Inverter filtra le interruzioni dell'alimentazione di rete e i disturbi, fornendo al carico
un'alimentazione costante e priva di disturbi. In questo modo operativo, i LED IN LINEA
e LINEA del pannello di controllo sono accesi.
Se si verifica un guasto alla rete durante il modo operativo In linea, l'UPS passa alla
modalit A batteria. Se sull'uscita si verificano un sovraccarico o un cortocircuito, l'UPS
passa al modo operativo Con by-pass.
5.5.2 FUNZIONAMENTO A BATTERIA
In questo modo operativo, il carico viene alimentato dalle batterie, tramite l'inverter. Se si
verifica un guasto alla rete, l'alimentazione al carico viene trasferita automaticamente
sulle batterie, senza interruzione. Se il guasto persiste per pi di 30 secondi, l'UPS indica
una condizione di guasto. Nel modo operativo A batteria il LED IN LINEA del pannello di
controllo acceso e il LED LINEA spento.
Una volta ripristinata l'alimentazione di rete, l'UPS esce da questo modo operativo, entro
i limiti di autonomia della batteria. Allo scopo di consentire l'adeguato spegnimento dei
carichi connessi, l'UPS fornisce le informazioni necessarie relativamente all'autonomia
residua della batteria.
Pagina 38 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
5.5.3 FUNZIONAMENTO CON BY-PASS
In questo modo operativo, il carico alimentato dalla rete, tramite il by-pass elettronico. Il
by-pass elettronico fornisce un'ulteriore garanzia di alimentazione al carico: se si
verificano sovraccarichi o cortocircuiti sull'uscita, questo viene attivato automaticamente
per garantire che non vi siano interruzioni all'alimentazione del carico. In questo modo
operativo, il LED BY-PASS sul pannello anteriore acceso. Una volta risolto il guasto,
l'UPS torna automaticamente In Linea.
inoltre possibile selezionare questo modo operativo tramite l'interruttore chiave del
pannello di controllo.
5.5.4 FUNZIONAMENTO CON BY-PASS DI SERVIZIO
In questo modo operativo, il carico viene alimentato direttamente dall'alimentazione di
rete. Il By-pass di servizio viene utilizzato per alimentare il carico durante gli interventi di
manutenzione. In questo modo operativo, l'Interruttore del by-pass di servizio dovrebbe
essere in posizione 2 o 3, a seconda che i componenti dell'UPS debbano rimanere sotto
tensione o meno.
possibile portare l'UPS in by-pass, senza interrompere l'alimentazione al carico,
mettendo l'Interruttore di by-pass di servizio in posizione 1.
6. MANUTENZIONE
6.1 SMALTIMENTO DELLE BATTERIE
LUPS non necessita di interventi di manutenzione da parte dellutente. Quando le
batterie sono scariche, deve provvedere alla sostituzione il rappresentante del Servizio
clienti. Gli accumulatori esausti, essendo classificati come rifiuti tossici nocivi, vanno
smaltiti, nel rispetto ambientale, da un ente qualificato.
Il Servizio clienti CHLORIDE POWER PROTECTION pu provvedere allo smaltimento
delle Vostre batterie, secondo le norme di legge vigenti e nel pieno rispetto
dellambiente.
Il ciclo di vita delle batterie , generalmente, di 3-5 anni, ad una temperatura ambiente di
25 C, tuttavia ci dipende anche dalla frequenza e dalla durata dei guasti alla rete.
Il TEST BATTERIA deve essere eseguito periodicamente (da 6 a 12 mesi) al fine di
accertare le condizioni generali delle batterie.
6.1.1 PRECAUZIONI
1. Durante le operazioni di manutenzione, scollegare i blocchi batteria in modo che non
siano collegate pi di cinque batterie in serie.
2. Osservare attentamente tutte le targhe di attenzione e le istruzioni di manovra.
3. Solo il personale qualificato abilitato a rimuovere i pannelli di protezione.
4. Togliersi orologi, anelli e qualsiasi altro oggetto metallico prima di eseguire
qualunque operazione sulle batterie.
5. Usare guanti di gomma.
6. Usare soltanto utensili isolati.
7. Utilizzare un tappeto di materiale isolante da porre davanti all'UPS prima si eseguire
qualunque operazione sullo stesso.
8. Non lavorare mai soli, ma garantirsi l'assistenza di una persona in grado di prestare
immediato soccorso in caso di incidenti.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 39
6.1.2 IMMAGAZZINAMENTO
In caso di immagazzinamento prolungato ad una temperatura ambiente < 25C,
necessario caricare le batterie per 5 ore una volta ogni 4 mesi; ad una temperatura di
immagazzinamento superiore si consiglia di ridurre questo intervallo a due mesi.
Collegare l'UPS ad una presa di alimentazione di rete con un collegamento a terra o
effettuare collegamenti fissi (secondo quanto descritto nel capitolo 4, Installazione) ad
una fonte adeguata. In presenza di collegamenti fissi, chiudere il microinterruttore
d'ingresso posto sul retro dell'UPS.
Dopo aver fatto trascorrere 5 ore, scollegare dall'alimentazione di rete o aprire il
microinterruttore d'ingresso dell'UPS. Quindi procedere scollegando le connessioni
dell'UPS in ordine inverso rispetto alla procedura descritta al paragrafo 4, Installazione.
Annotare, ad es. vicino allUPS oppure sul relativo imballo, la data in cui stata eseguita
la ricarica.
6.2 PULIZIA

Spegnere lUPS premendo il pulsante OFF e scollegando lUPS
dallalimentazione di rete.

Per la pulizia dellUPS non utilizzare detergenti in polvere o detergenti aggressivi.
Evitare di far penetrare liquidi allinterno dellUPS.
Verificare che le prese daria dellUPS non siano ostruite.
Pulire lesterno dellalloggiamento dellUPS con un panno asciutto o leggermente umido.

Pagina 40 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
7. INTERFACCIA UTENTE

L'UPS serie LINEAR MKII 3/3 dotato di un'interfaccia seriale standard RS232 COM per
protocollo di trasferimento dati e un'interfaccia a contatto AS400 per scambio di segnali,
entrambi poste sul pannello posteriore, e un' Interfaccia di servizio (posta sul pannello di
controllo) configurata esclusivamente per uso con PPVIS (opzionale).
possibile utilizzare queste interfacce per:
la comunicazione diretta tra UPS e computer
lintegrazione dellUPS come client allinterno di una rete di monitoraggio
centralizzato (SNMP)
il trasferimento di stati operativi a sistemi di allarme esterni
I necessari pacchetti del software di comunicazione ed i cavi dinterfaccia sono
disponibili come opzioni:
7.1 PORTA DINTERFACCIA STANDARD COM
Il connettore SUB-D a 9 poli (contatti pin) contiene i segnali RS 232.
1
6
5
9
8
4
7
2
3

La porta dinterfaccia COM isolata galvanicamente da tutti gli altri circuiti.

SGN sul pin 5
Questo punto di connessione funge da riferimento per tutti i segnali.

RXD sul pin 2 e TXD sul pin 3
Conforme alla configurazione standard di uninterfaccia RS 232.


Ricezione RS232
Trasmissione RS232
Non in uso
Non in uso
Non in uso
Non in uso
Non in uso
Non in uso
Segnale massa
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 41
7.2 INTERFACCIA AL COMPUTER
L'UPS dotato di un connettore maschio di tipo D a 9 pin comprendente contatti liberi da
tensione e conforme ai requisiti IBM AS400 e di altri sistemi informatici.
6
8
9
7
5
3
4
1
2

I contatti tampone vengono dimensionati a 24V, 1A.
7.3 INTERFACCIA DI SERVIZIO CONFIGURATA PPVIS

Negli UPS con potenza nominale da 10 a 30kVA, l'interfaccia di servizio situata sul lato
frontale del pannello di controllo; per quanto riguarda gli UPS da 40kVA, invece
collocata sul pannello posteriore (vedere Figura 3). un connettore di tipo D a 9 pin per
comunicazione seriale RS232, configurato attraverso l'interfaccia PPVIS per il
monitoraggio e il controllo del software (PPVIS).
I pin hanno le seguenti funzioni:
6
8
9
7
5
3
4
1
2

By-pass attivo
Batteria bassa
Contatto somma allarmi
Mancanza rete
Segnale massa
By-pass attivo
Batteria bassa
Contatto somma allarmi
Mancanza rete
NC
NC
NC
NC
NO
NO
NO
NO
Abilitazione trasmissione RS232
Massa
TXD
RXD
Non in uso
Non in uso
Massa RS232
RTS
Non in uso
Non in uso
Ricezione RS232
Trasmissione RS232
Protezione
Pagina 42 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
8. FUNZIONAMENTO IN PARALLELO

LINEAR MKII
TM
3/3 pu essere collegato in parallelo, in modo da accrescere la capacit
di potenza o fornire una sicurezza ancora maggiore per il carico (ridondanza). Se le unit
sono dotate di POB (Parallel Operation Board) opzionale, possibile installare in
configurazione parallela fino a 8 unit di pari potenza nominale.

Questa opzione pu essere aggiunta anche in un momento successivo. Vedere
paragrafo 8.4.

Un sistema a blocchi multipli viene automaticamente regolato e controllato tramite i
controller delle singole unit. I by-pass elettronici e gli inverter dei singoli blocchi operano
di concerto, dividendo tra loro il carico. Tutte le comunicazioni necessarie per il
funzionamento in parallelo viaggiano attraverso cavi conduttori schermati a 25 vie. Ogni
unit UPS correlata di un cavo di circa 5m, sufficiente per la gran parte dei requisiti di
installazione.

Durante la progettazione del sistema e l'installazione, i cavi di alimentazione che
collegano la distribuzione d'ingresso e i morsetti d'ingresso dell'UPS (U1, V1, W1, N1;
U2, V2, W2, N2), nonch quelli che collegano i morsetti di uscita dell'UPS (U3, V3, W3,
N) e il punto di connessione parallela, devono avere la stessa lunghezza. Per cavi
superiori ai 20m, sono permesse differenze di lunghezza fino ad un massimo del 20%,
mentre per cavi di lunghezze maggiori, le differenze non devono superare il 10%.

La messa in funzione di sistemi paralleli a blocchi multipli pu essere eseguita solo da
personale tecnico qualificato.
8.1 CONFIGURAZIONI DI SISTEMA
Vedere Figura 19 per lo schema a blocchi di un sistema parallelo a blocchi multipli.
I blocchi UPS sono stati progettati per uso con batterie separate, tuttavia anche
possibile utilizzare una batteria di tipo comune. In quest'ultimo tipo di configurazione, il
sistema di gestione della batteria non in grado di fornire informazioni in merito
all'autonomia e capacit residue, pertanto i LED verdi posti sul pannello frontale non
vengono utilizzati.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 43
8.2 COMUNICAZIONE TRA I BLOCCHI
Gli UPS comunicano tra loro attraverso il cavo di connessione a 25 vie fornito con
ciascuna unit. Vedere Figura 19 per i circuiti ad anello monitorati elettronicamente. La
posa dei cavi di comunicazione schermati deve essere eseguita in modo che essi siano
separati dai cavi di alimentazione.
8.2.1 ALLINEAMENTO DI TENSIONI IN USCITA E PARAMETRI
PARALLELI
Questo test deve essere eseguito sui singoli UPS, e dunque prima dell'installazione del
kit in parallelo. Se il kit stato gi installato, scollegare i cavi di interconnessione tra gli
UPS e collegarli tra le prese X140 e X130 di ogni singola POB, in modo da creare un
circuito chiuso.
Prendendo l'UPS1 come riferimento (la tensione dell'inverter dell'UPS1 non deve
essere regolata), misurare la differenza di tensione sull'inverter tra U3 (UPS1) e U3
(UPS2) ecc. Dopodich, seguendo le istruzioni qui di seguito riportate, regolare la
tensione sull'inverter dell'UPS2 fino ad ottenere una differenza media inferiore a 1V:
Dal PPVIS selezionare Input parametri (se non stato gi selezionato), quindi
selezionare Impostazione UPS.
Parametro Valore impostato Invio
Livello di accesso (ESPERTI) Esperti (3)
Selezione funzione CU4 Iniz. H/W (2)
Correzione V inv. Correzione Regolazione decimali, es. 0.1
Selezione funzione CU4 Indietro (0)
Livello di accesso (ESPERTI) Oper. normale (1)

Poi selezionare Impostazione parallela inv. P78 e verificare che i seguenti parametri
siano corretti:

Parametro Valore
. (78.1) 32767
. (78.2) 27737
. (78.3) 1092
. (78.4) 512
. (78.5) 63406
. (78.6) 0

Collegare (o ricollegare) i cavi di interconnessione seguendo la Procedura di
installazione parallela (8.4.1).
8.2.2 TEST DI FUNZIONAMENTO PARALLELO
Collegare il sistema in parallelo, mettere l'Interruttore di comando principale (QS1) di
ciascun UPS in posizione 1 e accendere tutti gli inverter (posizionando gli interruttori del
panello frontale su IN LINEA). Alimentare un carico pari al valore nominale di ciascun
UPS sull'uscita del sistema parallelo e verificarne il corretto funzionamento (ovvero che
le tensioni degli inverter e le correnti in uscita siano equamente distribuite tra tutte le
unit).
Pagina 44 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
8.3 OPERATIVIT
8.3.1 IN LINEA
L'Interruttore di comando principale deve essere sempre posizionato su 1 (vedere
paragrafo ) 5.4).
Gli interruttori a chiave del pannello di controllo devono essere posizionati su IN LINEA.
Dal momento in cui tutti gli interruttori a chiave sono posizionati su IN LINEA, tutti gli
inverter si sincronizzano e iniziano ad alimentare il carico. A questo punto lUPS si trova
in modalit IN LINEA.

8.3.2 BY-PASS
Il passaggio dall'operativit IN LINEA al funzionamento CON BY-PASS viene effettuato
tramite gli interruttori a chiave posti sul pannello frontale. Questi vanno posizionati su BY-
PASS in sequenza. Una volta che l'ultimo interruttore viene posizionato su BY-PASS,
tutti gli inverter si spengono e tutti gli UPS passano all'operativit con by-pass. Il by-pass
di servizio esterno (vedere Figura 19) pu essere collegato solo durante l'operativit con
by-pass.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 45

P
E N
P
E
P
E
N
N
U
,
V
,
W
3
U
,
V
,
W
3
U
,
V
,
W
3
U
,
V
,
W
1
U
,
V
,
W
1
1
)
1
)
1
)
2
)
3
)
3
)
3
)
4
)
U
,
V
,
W
1
P
E
N


Figura 19 Diagramma a blocchi di un sistema a blocchi multipli
1
)
P
e
r

i

v
a
l
o
r
i

n
o
m
i
n
a
l
i

v
e
d
e
r
e

l
e

t
a
b
e
l
l
e

1

e

3
)

2
)
V
a
l
o
r
e

n
o
m
i
n
a
l
e

d
e
t
e
r
m
i
n
a
t
o

d
a
l

v
a
l
o
r
e

S
B
S

3
)

C
o
n
t
a
t
t
o
r
e

a
u
t
o
m
a
t
i
c
o


4
)

I
n
t
e
r
r
u
t
t
o
r
e
,

c
o
n
t
a
t
t
o
r
e

a
u
t
o
m
a
t
i
c
o

o

f
u
s
i
b
i
l
i


D
i
s
t
r
i
b
u
z
i
o
n
e

d
i

c
a
r
i
c
o

R
E
T
E
Pagina 46 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
8.4 INSTALLAZIONE DELL'OPZIONE PARALLELA
Il kit dell'Opzione parallela consta dei seguenti elementi:
POB (Parallel Operating Board)
Supporto per CU4 e POB
Cavo a nastro a 26 vie per interconnessione tra CU4 e POB
Cavo di comunicazione schermato a 25 vie, lungo 5 metri, con connettori di tipo D,
per interconnessione tra le POB di ciascuna unit nel sistema in parallelo.
8.4.1 PROCEDURA D'INSTALLAZIONE
N.B. Questo intervento deve essere eseguito soltanto da personale tecnico
autorizzato da CHLORIDE POWER PROTECTION. L'UPS deve essere spento e tutte
le sorgenti di alimentazione scollegate, prima di iniziare questa procedura. Le
istruzioni sono valide per ciascun UPS che va a comporre una configurazione
parallela. Fare riferimento alla Figura 20).

1. Dopo aver rimosso il pannello frontale di ciascuna unit (vedere Figura 8),
scollegare il cavo a nastro della Scheda del Commutatore statico dalla presa X110
della scheda CU4 ed estrarre questa dall'alloggiamento del PCB posto sul pannello
frontale del modulo di potenza.
2. Inserire il supporto nell'alloggiamento, facendo attenzione ad orientarlo nel verso
giusto, dal momento che una volta incastrato non pi possibile rimuoverlo.
3. Inserire le due schede (CU4 sulla sinistra, in corrispondenza della sua posizione
originale, e POB sulla destra) nell'alloggiamento del PBC del pannello frontale.
4. Collegare il cavo a nastro a 26 vie tra la presa X110 della CU4 e la presa X120 della
POB, e il cavo a nastro della Scheda del Commutatore Statico alla presa X110 della
POB.
5. Collegare il connettore contrassegnato con A40/A11/X140 del cavo di
comunicazione parallela alla presa X140 della POB del primo UPS (UPS1) della
configurazione. Vedere Figura 21.
6. Collegare il connettore contrassegnato con A40/A11/X140 del cavo di
comunicazione parallela alla presa X130 della POB del secondo UPS (UPS2) della
configurazione. Vedere Figura 21.
7. Collegare tutti gli UPS in questo modo, usando il cavo di comunicazione parallela
dell'ultimo UPS (UPSn) per collegare la presa X140 della POB alla presa X130 della
POB dell'UPS1, completando quindi il circuito. Vedere Figura 21.
8. Rimontare tutti i pannelli anteriori degli UPS, verificando che tutti i cavi di
comunicazione parallela passino attraverso gli scassi presenti sul fondo di ciascun
pannello. Vedere Figura 22.
9. Ricollegare l'alimentazione, prestando attenzione al corretto senso ciclico (U1 di
UPS1 collegato alla stessa fase di U1 di UPS2, UPS3, UPSn; lo stesso per quanto
riguarda V1, W1, U3, V3 e W3), in modo da evitare il rischio di cortocircuito sulle fasi
d'ingresso quando gli interruttori di comando principali (QS1) vengono posizionati su
1. Tornare al paragrafo 8.2.1.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 47
X110
X120
3
CU4 POB
CU4
1
X130
X110
X140
4
2


Figura 20 Connessione dell'opzione parallela POB



Supporti CU4 e
POB
Alla scheda del
commutatore statico
Modulo di
potenza
Supporti CU4
e POB
Cavo a nastro a
26 vie
Alla scheda del
commutatore statico
Modulo di
potenza
Pagina 48 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003

Figura 21 Cavi di comunicazione parallela

UPS2 UPS1
C
H
L
O
R
I
D
E
P
O
W
E
R

P
R
O
T
E
C
T
I
O
N
UPSn
C
H
L
O
R
I
D
E
P
O
W
E
R

P
R
O
T
E
C
T
I
O
N
C
H
L
O
R
I
D
E
P
O
W
E
R

P
R
O
T
E
C
T
I
O
N

Figura 22 - Layout
UPS1 UPS2 UPSn
UPS2 UPSn
X130
X140
X130
X140
UPS1
X130
X140
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 49
9. DIAGNOSTICA

Nel caso in cui si verifichino problemi a LINEAR MKII, prima di rivolgersi al Servizio di assistenza
clienti eseguire i seguenti controlli:
- Lalimentazione di rete dellUPS sta funzionando in modo corretto?
- Il fusibile di ingresso si bruciato oppure linterruttore automatico di ingresso scattato?
Quando si effettua la chiamata al Servizio di assistenza necessario tenere a portata di mano i
seguenti dati:
- Modello, potenza nominale, numero dordine e numero di serie (etichetta dati).
- Descrizione completa del problema (tipo di carico collegato, frequenza de problema regolare
o sporadica, ecc.).
Problema Possibile causa Rimedio
NFB principale spento Accendere NFB principale
Tensione di rete non disponibile Fare controllare la rete da un esperto
Assenza di segnalazioni
Assenza di allarmi
(UPS spento)
Fusibile di ingresso bruciato
oppure interruttore automatico
di ingresso scattato
Sostituire il fusibile con un altro dello stesso
tipo oppure attivare linterruttore automatico.
Se il problema persiste, contattare il Servizio
di assistenza.
LED LINE spento,
emissione intervallata di
segnali acustici
Guasto alla rete Funzionamento UPS (vedere anche
paragrafo 5, Operativit utente.)
LED LINE spento, ma
tensione di rete
disponibile, emissione
intervallata di segnali
acustici
Fusibile di ingresso bruciato
oppure interruttore automatico
di ingresso scattato
Sostituire il fusibile con un altro dello stesso
tipo oppure attivare linterruttore automatico.
Se il problema persiste, contattare il Servizio
di assistenza.
Guasto allUPS Rivolgersi al Servizio di assistenza LED ALARM acceso,
allarme acustico
continuo
Sovratemperatura Abbassare la temperatura ambiente
FUSIBILE BATTERIA
dellestensione batteria in
posizione APERTO

Batterie non completamente
cariche
Batterie difettose
Autonomia
dellalimentazione di
emergenza inferiore alle
specifiche
Carica batterie guasto
Caricare le batterie (vedere 3.3 Messa in
funzione) e controllare lautonomia
dellalimentazione di emergenza. Se il
problema persiste, rivolgersi al Servizio di
assistenza
LED OVERLOAD
acceso
Sovraccarico O/P UPS Ridurre il carico fino al valore ammesso
Cavo seriale non appropriato Controllare se stato utilizzato il cavo
giusto (cavi modem standard ed i cavi null
modem non sono ammessi)
Interfaccia PC utilizzata da
diversi processi o guasta
Controllare se allinterfaccia PC stanno
accedendo diversi software o servizi oppure
selezionare unaltra interfaccia seriale
Mancanza
comunicazione tra UPS
e computer
Interferenza sul cavo dati Ripristinare il cablaggio
Pagina 50 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
10. VERSIONE SPECIALE LAM INSTALLAZIONE
In questo capitolo sono illustrati i dettagli relativi all'installazione di Linear MKII 33
LAM. Questa versione speciale di Linear MKII 33 dotata di trasformatori
integrati per l'adattamento della tensione.
N.B. Linstallazione deve essere eseguita esclusivamente da tecnici qualificati e
conformemente alle norme di sicurezza applicabili.
Per linstallazione elettrica necessario osservare la potenza nominale della sorgente.
L'UPS non stato progettato per essere collegato a sistemi di sotto-distribuzione a 16A.
10.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO
Temperatura ammessa SOLO batterie tra -20C e +50C*
Temperatura ammessa UPS senza batterie tra -15C e +70C
Livello di umidit relativa tra 0% e 90%
* Se non altrimenti specificato dal costruttore
10.2 DATI DI INSTALLAZIONE
Temperatura ambiente Tra 0 e +35 C (max. 8 ore a 40C)
Livello di umidit relativa (senza condensa a 20 C) 90%
Altitudine max. (senza declassamento) 1000 m slm
Ingresso cavi dal basso sul retro
Ingresso aria frontale
Uscita aria retro
Tabella 8 - Dati nominali dellUPS con autonomia standard
U.M. Potenza nominale UPS DESCRIZIONE
kVA 10 15 20 30 40
Dati elettrici
Tensione Vrms 208/220, 3+N, + 15% (-30% con
declassamento)
Corrente (per
fase)
Arms 33 50 66 99 123

INGRESSO
Frequenza Hz 60Hz
kVA 10 15 20 30 40 Potenza
nominale KW 8 12 16 24 32
Tensione Vrms 208/220V, 3+N
Corrente a
400Vrms
Arms 28 42 56 84 116
Frequenza Hz 60Hz



USCITA
Forma donda - Sinusoidale
Dissipazione massima (con
carico nom. e batt. in ricarica)
W 1170 1716 2262 3353 4977

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 51

Dati meccanici
Lunghezza mm 840
Larghezza mm 440 750
Altezza mm 1385
Peso (senza batterie) kg 308 406 421
Peso max.
(con batterie)*
kg 528 855 669
Max. Livello di rumorosit (@
1m)
dBA <55 <58

*Per ulteriori informazioni sulla configurazione, consultare il Manuale batterie
10h52159PBMC
- Per le potenze nominali di sicurezza vedere letichetta
10.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE
Usare le sezioni trasversali dei cavi e i fusibili riportati nella Tabella 9 e Tabella 10.
Collegare i cavi di alimentazione di rete ai morsetti U1, V1, W1 e N dell'UPS.
Collegare il carico ai morsetti U3, V3, W3 e N dell'UPS. Le sezioni trasversali
minime del conduttore si applicano alle correnti massime
1) Per cavi in rame con isolamento in PVC (a 70 C)
2) Quando posati in condotti per installazioni elettriche
3) Quando la temperatura dell'aria intorno ai condotti non supera i 30C
4) Per cavi lunghi fino a 30 m.
Nota 1). Qualora le condizioni di posa fossero diverse, necessario verificare le sezioni
in riferimento al tipo di posa in opera sempre in accordo con la norma IEC 287. Nel caso
in cui la lunghezza fosse tale da provocare una caduta di tensione > 3%, si render
necessario passare alla sezione superiore.
Tabella 9.
Unit di
misura
Potenza nominale UPS
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Dimensioni connettore mm
2
35 35 35 35 35
Corrente max. dingresso A
rms
33 50 66 100 123
Sezione cavi fase ingresso mm
2
6 10 16 25 35
Corrente max. uscita A
rms
28 44 58 86 116
Sezione cavi fase uscita mm
2
6 10 16 25 35

Le sezioni dei cavi sono state definite per la corrente massima trasportata dai cavi stessi.

N.B. Al fine di evitare interferenze con apparecchiature particolarmente sensibili, si
suggerisce la posa dei cavi di ingresso, di uscita e della batteria esterna dellUPS in
condotti metallici connessi a terra, o lutilizzo di cavi schermati. La posa dei cavi (di
alimentazione, comunicazione o dati) di altre apparecchiature dovr essere
preferibilmente separata dai cavi dellUPS.
10.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO
L'inserimento dell'UPS in un impianto non modifica il regime di neutro (modalit di messa
a terra) pre-esistente.
Il regime di neutro pu essere modificato quando lUPS opera con il neutro sezionato a
monte.
Pagina 52 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
10.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI
Questa apparecchiatura non dotata di un dispositivo d'interruzione dell'alimentazione di
rete. Pertanto, necessario che il cliente installi tale dispositivo nel locale d'installazione.
Questo deve essere installato in prossimit dell'UPS e contrassegnato come dispositivo
di separazione dell'alimentazione di rete per l'UPS.
(A monte dell'UPS devono essere installati dispositivi esterni per la protezione dei cavi di
collegamento allUPS. Tali dispositivi devono essere interruttori automatici in curva C o
fusibili del tipo GL/GG).
AVVERTENZA: Su tutti i sezionamenti installati nello stesso impianto elettrico dellUPS,
anche lontano dallarea dellUPS, obbligatorio prevedere la targa seguente:

ISOLARE IL SISTEMA DI CONTINUIT (UPS) PRIMA DI OPERARE SU
QUESTO CIRCUITO

La seguente tabella indica i dispositivi di protezione (interruttori automatici o fusibili) che
devono essere previsti a cura dellinstallatore per la protezione sia dei cavi di
collegamento che dell'apparecchiatura.
Tabella 10 Interruttori automatici o fusibili consigliati
Unit di
misura
Potenza nominale UPS
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Fusibile 35 50 66 100 2 x 63
INGRESSO
Automatico
A
35 50 66 100 --
Fusibile 20 50 35 50 2 x 63
USCITA
Automatico
A
20 50 35 50 --

N.B. Larmadio batterie esterno, se presente, deve essere posto accanto allarmadio
dellUPS. Se si tratta di unopzione fornita da Chloride Silectron, essa viene consegnata
completa di dispositivi di protezione e dei cavi di sezione adeguati. In caso di batterie
provenienti da altri fornitori, necessario contattare il Servizio di assistenza clienti per
ottenere il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione e dei cavi di
interconnessione.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 53
10.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI
Le figure seguenti mostrano l'installazione di interruttori differenziali.
Al fine di evitare interventi indesiderati, le eventuali protezioni differenziali devono
- avere una corrente differenziale nominale NON INFERIORE A 100mA
- essere del tipo SELETTIVO (ad intervento ritardato)
- essere del tipo B


Figura 23 - Configurazione LAM per potenze nominali 10 30kVA e 40kVA con
alimentazione di rete primaria e di riserva condivise



Figura 24 - Configurazione LAM per potenza nominale 40kVA con
alimentazione di rete primaria e di riserva separate

D1
CARICO
D1 =
Interruttore
differenziale

Ingresso rete
D2
D1
Due interruttori differenziali
sulle due linee, i quali
DEVONO essere isolati
elettricamente tra loro
Ingresso
rete
Ingresso di
riserva
Al carico
Pagina 54 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
10.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI
Per accedere alla zona in cui previsto lallacciamento elettrico esterno, rimuovere il
pannello di protezione sul retro dellUPS e inserire i cavi attraverso i pressa cavi
predisposti per ancorarli, prima di collegarli. Il primo cavo da collegare quello di terra.
Prima di rimuovere i pannelli verificare che lUPS sia isolato.

Vedere - Figura 11 - pagina 22.

NOTA: Al termine delle operazioni dinstallazione lUPS deve essere bloccato nella
posizione desiderata mediante gli appositi piedini a scorrimento verticale di cui dotato
LINEAR MKII 3/3.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 55
10.8 MORSETTIERA UPS 10/15/20KVA 3/3 LAM

Figura 25 10/15/20kVA 3/3 LAM Vista dal retro

10.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3 LAM


Figura 26 30kVA 3/3 - LAM Vista dal retro
I
n
g
r
e
s
s
o

U
s
c
i
t
a

B
a
t
t
e
r
i
e

e
s
t
e
r
n
e

S
e
n
s
o
r
i

t
e
m
p
e
r
a
t
u
r
a

N
e
u
t
r
o

N
e
u
t
r
o

I
n
g
r
e
s
s
o

U
s
c
i
t
a

B
a
t
t
e
r
i
e

e
s
t
e
r
n
e

S
e
n
s
o
r
i

t
e
m
p
e
r
a
t
u
r
a

Pagina 56 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
11. VERSIONE SPECIALE T INSTALLAZIONE
N.B. Linstallazione deve essere eseguita esclusivamente da tecnici qualificati e
conformemente alle norme di sicurezza applicabili.
Per linstallazione elettrica necessario osservare la potenza nominale della sorgente.
LUPS non stato progettato per essere collegato a sistemi di sotto-distribuzione a 16A.
11.1 DATI DI IMMAGAZZINAMENTO
Temperatura ammessa SOLO batterie tra -20C e +50C*
Temperatura ammessa UPS senza batterie tra -15C e +70C
Livello di umidit relativa tra 0% e 90%
* Se non altrimenti specificato dal costruttore
11.2 DATI DI INSTALLAZIONE
Temperatura ambiente Tra 0 e +35 C (max. 8 ore a 40C)
Livello di umidit relativa (senza condensa a 20 C) 90%
Altitudine max. (senza declassamento) 1000 m slm
Ingresso cavi dal basso sul retro
Ingresso aria frontale
Uscita aria retro
Tabella 11 - Dati nominali dellUPS con autonomia standard
U.M. Potenza nominale UPS DESCRIZIONE
kVA 10 15 20 30 40
Dati elettrici
Tensione Vrms 400, 3+N, + 15% (-30% con
declassamento)
Corrente (per
fase)*
Arms 15 22 29 42 68

INGRESSO
Frequenza Hz Selezione automatica 50/60 Hz.
kVA 10 15 20 30 40 Potenza
nominale KW 8 12 16 24 32
Tensione Vrms 380, 400, 415, 3+N
Corrente
@400Vrms*
Arms 14. 5 22 29 43. 5 58
Frequenza Hz Selezione automatica 50/60 Hz.



USCITA
Forma donda - Sinusoidale
Dissipazione massima (con
carico nom. e batt. in ricarica)
W 970 1400 1860 2750 4173

* I valori di uscita e ingresso massimi sono calcolati sulla base di un valore nominale
di 400 o 230V
ac
; per una tensione nominale pari a 380/220V
ac
moltiplicare per un
coefficiente di 1,05; per una tensione nominale pari a 415/240V
ac
moltiplicare per un
coefficiente di 0,96.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 57

Dati meccanici
Lunghezza mm 840
Larghezza mm 440 750
Altezza mm 1385
Peso (senza batterie) kg 280 320 335
Peso max. (con batterie)* kg 500 769 784
Max. Livello di rumorosit (@ 1m) dBA <55 <58
*Per ulteriori informazioni sulla configurazione, consultare il Manuale batterie
10h52159PBMC
- Per le potenze nominali di sicurezza vedere letichetta
11.3 TABELLA DELLE CORRENTI E SEZIONI DEI CAVI CONSIGLIATE
Usare le sezioni trasversali dei cavi e i fusibili riportati nella Tabella 12 e Tabella
13. Collegare i cavi di alimentazione di rete ai morsetti U1, V1, W1 e N dell'UPS.
Collegare il carico ai morsetti U3, V3, W3 e N dell'UPS. Le sezioni trasversali
minime del conduttore si applicano alle correnti massime:
1) Per cavi in rame con isolamento in PVC (a 70 C)
2) Quando posati in condotti per installazioni elettriche
3) Quando la temperatura dell'aria intorno ai condotti non supera i 30C
4) Per cavi lunghi fino a 30 m.
Nota 1). Qualora le condizioni di posa fossero diverse, necessario verificare le
sezioni in riferimento al tipo di posa in opera sempre in accordo con la norma IEC
287. Nel caso in cui la lunghezza fosse tale da provocare una caduta di tensione
> 3%, si render necessario passare alla sezione superiore.
Tabella 12.
Unit di
misura
Potenza nominale UPS
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Dimensioni connettore mm
2
16 16 16 16 16
Corrente max. dingresso A
rms
21 31 33 48 73
Sezione cavi fase ingresso mm
2
4 10 10 16 25
Corrente max. uscita A
rms
16 24 32 48 58
Sezione cavi fase uscita mm
2
4 6 10 16 16
Sezione cavo di terra mm
2
4 10 10 16 25

Le sezioni dei cavi sono state definite per la corrente massima trasportata dai cavi
stessi.

N.B. Al fine di evitare interferenze con apparecchiature particolarmente sensibili, si
suggerisce la posa dei cavi di ingresso, di uscita e della batteria esterna dellUPS in
condotti metallici connessi a terra, o lutilizzo di cavi schermati. La posa dei cavi (di
alimentazione, comunicazione o dati) di altre apparecchiature dovr essere
preferibilmente separata dai cavi dellUPS.
11.4 CONNESSIONI DEL NEUTRO
I neutri di ingresso e di uscita sono isolati elettricamente. Per mantenere invariato il
sistema di neutro, inserire un ponte tra i neutri di ingresso e di uscita
Pagina 58 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
11.5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ESTERNI
Questa apparecchiatura non dotata di un dispositivo d'interruzione dell'alimentazione di
rete. Pertanto, necessario che il cliente installi tale dispositivo nel locale d'installazione.
Questo deve essere installato in prossimit dell'UPS e contrassegnato come dispositivo
di separazione dell'alimentazione di rete per l'UPS.
(A monte dell'UPS devono essere installati dispositivi esterni per la protezione dei cavi di
collegamento allUPS. Tali dispositivi devono essere interruttori automatici in curva C o
fusibili del tipo GL/GG).
AVVERTENZA: Su tutti i sezionamenti installati nello stesso impianto elettrico dellUPS,
anche lontano dallarea dellUPS, obbligatorio prevedere la targa seguente:

ISOLARE IL SISTEMA DI CONTINUIT (UPS) PRIMA DI OPERARE SU
QUESTO CIRCUITO

La seguente tabella indica i dispositivi di protezione (interruttori automatici o fusibili) che
devono essere previsti a cura dellinstallatore per la protezione sia dei cavi di
collegamento che dell'apparecchiatura.
Tabella 13 Interruttori automatici o fusibili consigliati
Unit di
misura
Potenza nominale UPS
Descrizione
kVA 10 15 20 30 40
Fusibile 20 25 40 50 63
INGRESSO
Automatico
A
25 32 40 50 63
Fusibile 16 20 40 50 60
USCITA
Automatico
A
16 25 40 50 60

N.B. Larmadio batterie esterno, se presente, deve essere posto accanto allarmadio
dellUPS. Se si tratta di unopzione fornita da Chloride Silectron, essa viene consegnata
completa di dispositivi di protezione e dei cavi di sezione adeguati. In caso di batterie
provenienti da altri fornitori, necessario contattare il Servizio di assistenza clienti per
ottenere il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione e dei cavi di
interconnessione.
Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 59
11.6 UTILIZZO DEGLI INTERRUTTORI DIFFERENZIALI
A causa dell'isolamento dei neutri di uscita e ingresso, eventuali protezioni differenziali
non sono in grado di rilevare guasti di corrente di terra a valle.
Nel caso di dell'aggiunta di un ponte tra i neutri di ingresso e uscita, vedere il capitolo
3.6.



Figura 27 - Configurazione T per potenze nominali 10 30kVA e 40kVA con
alimentazione di rete primaria e di riserva condivise



Figura 28 - Configurazione T per potenza nominale 40kVA con alimentazione di
rete primaria e di riserva separate

D2
D1
Due interruttori differenziali
sulle due linee, i quali
DEVONO essere isolati
elettricamente tra loro
D1 =
Interruttore
differenziale
Al carico
Al carico
Pagina 60 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
11.7 COLLEGAMENTI ELETTRICI ESTERNI
- Vedere paragrafo 4.7 pagina 22.
11.8 MORSETTIERA UPS 10/20KVA - 3/3 - T
- Vedere Figura 12 - pagina 23.
11.9 MORSETTIERA UPS 30KVA - 3/3 T
- Vedere Figura 13 - pagina 24.
11.10 MORSETTIERA UPS 40KVA - 3/3 T
- Vedere Figura 14 - pagina 25.

Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 61
12. OPZIONI
12.1 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E SHUTDOWN
MopUPS
PROFESSIONAL
(soluzione avanzata)
La principale funzione di MopUPS
PROFESSIONAL
per Windows larresto sicuro del sistema
operativo di un computer non sorvegliato da personale in caso di interruzione
dellalimentazione. Tutti i file vengono chiusi ed i puntatori delle directory vengono scritti
su disco mentre il sistema viene alimentato dalle batterie dellUPS.
MopUPS
PROFESSIONAL
per Windows offre questa ed altre funzionalit utili agli
amministratori di rete, tra le quali:
1. Risposta automatica a vari tipi di eventi e-mail, messaggistica, cercapersone,
attivazione di file script, ecc.
2. Registrazione su file di vari eventi e informazioni sullo stato dellUPS
3. Visualizzazione in tempo reale dellalimentazione e delle informazioni sullo stato
dellUPS.
4. Shutdown amministrativo per programmare gli arresti pianificati del sistema.
5. Controllo delle prestazioni dellUPS impostazione del riavvio in manuale,
tacitazione allarmi, regolazione punti di attivazione.
6. Accesso remoto e telecontrollo dellUPS collegato a server remoti di rete
utilizzando il protocollo Named Pipes oppure TCP/IP.
12.2 SOFTWARE DI SHUTDOWN PER LA PORTA DINTERFACCIA DEL
COMPUTER
MopUPS
PROFESSIONAL
(soluzione base)
Questo software consente ai sistemi operativi non sorvegliati da personale di operare in
rete o su stazioni di lavoro locali, utilizzando la porta di comunicazione combinata e di
essere spenti in modo controllato, utilizzando i contatti presenti su LINEAR MKII.
12.3 ADATTATORE DI RETE MANAGEUPS
NET

ManageUPS
NET
(precedentemente noto come adattatore SNMP) include un pacchetto
completo che consente il monitoraggio ed il controllo in rete di LINEAR MKII attraverso il
protocollo TCP/IP. Ladattatore consente:
il monitoraggio dellUPS dalla stazione NMS tramite SNMP
il monitoraggio dellUPS da PC tramite browser Web
la notifica degli eventi tramite e-mail
12.4 AS400 MULTIPLEX
Per la connessione tra UPS ed un computer del tipo AS400 o simili, disponibile un
cavo da 50 m completo di appositi connettori.
12.5 LIFE2000
Questa opzione consente di eseguire la telediagnosi dellUPS tramite linee
telefoniche dedicate, in modo da garantire la massima affidabilit dellUPS per
lintera vita utile. LUPS contatta automaticamente via telefono il servizio assistenza
a intervalli stabiliti per fornire informazioni dettagliate che vengono analizzate per
prevedere eventuali problemi a breve termine. Inoltre, possibile controllare lUPS a
distanza.
Pagina 62 Manuale dUso MI01/10070 rev. 3 06/2003
La trasmissione dei dati dallUPS al Centro di Assistenza CHLORIDE avviene
direttamente via modem attraverso un numero verde e pu essere:
di ROUTINE: tipicamente ogni settimana
di EMERGENZA: al verificarsi di una anomalia o quando i parametri escono
dalle tolleranze ammesse.
MANUALE: su richiesta del cliente.
BIDIREZIONALE: su richiesta del Centro di Assistenza.

Durante la chiamata lesperto CHLORIDE:
Identifica lUPS collegato
Riconosce il tipo di chiamata
Richiede i dati immagazzinati nella memoria dellUPS nellintervallo di
tempo trascorso dallultimo collegamento
Richiede allUPS informazioni in linea (selezionabile).

La memorizzazione di tutti questi dati e la successiva elaborazione consentono al
servizio Clienti di emettere una dettagliata relazione da inviare periodicamente al Cliente,
allo scopo di metterlo a conoscenza dello stato dellUPS e prevenire potenziali criticit.
12.5.1 COMMUTATORE TELEFONICO PER LIFE 2000:
Linstallazione di questo commutatore telefonico per LIFE 2000 consente allutente di
utilizzare una linea telefonica normalmente impiegata per altri usi (fax o telefono).


Manuale duso MI01/10070 rev. 3 06/2003 Pagina 63
12.6 MULTICOM
Questa opzione replica la porta RS232 consentendo la connessione di un massimo di 3
applicazioni di connettivit distinte. Le applicazioni disponibili per il collegamento
simultaneo a MultiCom sono elencate nella seguente tabella:

ManageUPS
NET

MopUPS
PROFESSIONAL

(avanzata)
MopUPS
PROFESSIONAL

(base)
ManageUPS
NET
S S No
MopUPS
PROFESSIONAL

(avanzata)
S S No
MopUPS
PROFESSIONAL

(base)
No No No
12.7 ARMADI BATTERIE ESTERNI
Per prolungare lautonomia dellUPS in caso di interruzione dellalimentazione di rete,
sono disponibili i seguenti armadi batterie esterni opzionali. Questi armadi hanno le
stesse dimensioni, colori e design degli armadi UPS LINEAR MKII.




13. I VOSTRI SUGGERIMENTI

CHLORIDE impegnata da molti anni in un progetto di Qualit Totale e oggi investe
risorse ed energie nella ricerca dell'eccellenza nel servizio post-vendita al Cliente.
Per questo consideriamo ogni Vostro suggerimento uno spunto per il nostro continuo
miglioramento.
Grazie per i Vostri consigli, che potrete inviare agli indirizzi elencati in ultima pagina.




Direzione qualit produzione
Tel. +39-0542-632111
Fax. +39-0542-632120

Questa pubblicazione ha soltanto scopo informativo. LAzienda persegue una politica di
continuo miglioramento del prodotto, perci si riserva la facolt di variare, anche solo
parzialmente, le informazioni riportate in questo documento senza preavviso.




CHLORIDE
UPS SYSTEMS

www.chloridepower.com

Australia
CHLORIDE HYTEK
Block C
Centrecourt Business Park
25-27 Paul Street North
North Ryde NSW 2113
Tel : +61-2-98881266
Fax : +61-2-98881966
Brazil
CHLORIDE DO BRASIL
Rua Arizona 1349
Ed Luxor Center, 6 andar
Brooklyn Novo
So Paulo CEP 04567-002
Tel. +55-11-5505 4661
Fax: +55-11-5505 4832
France
CHLORIDE POWER PROTECTION
1 rue Felix Potin
Z.A. Les Belles Vues
91290 Arpajon
Tel: +33-1-6926 1281
Fax: +33-1-6083 1816
France
CHLORIDE TELECOM SYSTEMS
Z.A. Les Rolandires
35120 Dol de Bretagne
Tel: +33-2-99 48 4213
Fax: +33-2-99 48 4478
France
CHLORIDE INDUSTRIAL SYSTEMS
30 Avenue Montgolfier BP 90
F-69684 Chassieu Cdex
Tel: +33-4-7840 1356
Fax: +33-4-7890 5890
Argentina
CHLORIDE Koexa S.A.
San Nicols 1542/44
CP: C1407DDD
Buenas Aires
Tel.: +54 11 4639-4404
Fax: +54 11 4639-4405
Germany
MASTERGUARD
Schallershofer Str. 141
D-91056 Erlangen
Tel: +49-9131-9855231
Fax: +49-9131-9855279
Italy
CHLORIDE S.p.A.
Via Fornace, 30
40023 Castel Guelfo (BO)
Tel: +39-0542 632111
Fax: +39-0542 632120
Portugal
CHLORIDE POWER PROTECTION
Rua dos Teros, 574
Zona Industrial de Canelas,
4405 270 Canelas VNG
Tel.: +351-22-7151210
Fax: +351-22-7126337
Spain
CHLORIDE ESPAA
Edificio EUROPA III
C/ San Rafael, 1
Pol. Ind. Alcobendas
28108 Alcobendas (Madrid)
Tel: +34-91-414-00-30
Fax: +34-91-662-37-76
Thailand
CHLORIDE POWER PROTECTION
Panjathani Tower, 20
th
Floor
127/25 Nonsee Road
Chongnonsee, Yannawa
Bangkok 10120
Tel: +66-2-6810100
Fax: +66-2-6810109
Turkey
MASTERGUARD
E-5 Bostanci Kopru Kavsagi
Sebnem Sokak N14 Kat 3-4-7-8
81110 Bostanci-Istanbul
Tel: +90-216-464 4700
Fax: +90-216-464 4715
United Arab Emirates
CHLORIDE IUPS SYSTEMS ME
Building 5
Office 104
Dubai Internet City
Dubai
Tel: +971-(4)-3913205
Fax: +971-(4)-3916803
United Kingdom
CHLORIDE POWER PROTECTION
(Chloride World Headquarters)
George Curl Way
Southampton
Hampshire SO18 2RY
Tel: +44-(0)23 8061 0311
Fax: +44-(0)23 8061 0852
United Kingdom
ONEAC Europe
18 & 20 Blacklands Way
Abingdon Business Park
Abingdon
Oxon. OX14 1DY
Tel.: +44-(0)1235 534721
Fax: +44-(0)1235 534197
USA
CHLORIDE POWER PROTECTION
UPSYSTEMS INC.
28430 N. Ballard Drive
Lake Forest
Illinois 60045
Tel: +1-800 239 2257
Fax: +1-800- 833 6829
USA
ONEAC Corporation
27944 North Bradley Road
Libertyville
Illinois 60048
Tel: +1-847 816 6000
Fax: +1-847 680 5124