Sei sulla pagina 1di 110

Veneto

Ebook

2014

QUESTO EBOOK NASCE DA UN'ESPERIENZA DI LABORATORIO


CON L'OBIETTIVO DI SVILUPPARE LE COMPETENZE
INFORMATICHE DI OGNI BAMBINO E
CONTEMPORANEAMENTE DI CONSOLIDARE LA
CONSAPEVOLEZZA STORICA, CULTURALE, PAESAGGISTICA ED
ARTISTICA DELLA PROPRIA REGIONE.

Progetto a
cura delle
classi della
Scuola
Primaria
Marconi
5A-5B-5C-5D

2014

Veneto Ebook
Sommario

INTRODUZIONE ............................................................................................................................. 5
CARTA D'IDENTITA' ....................................................................................................................... 6
IL CLIMA.......................................................................................................................................... 7
LE MONTAGNE ............................................................................................................................... 8
LE PREALPI VENETE ................................................................................................................... 10
LA COSTA........................................................................................................................................ 11
LA PIANURA PADANA VENETA .................................................................................................. 14
LA PIANURA VENETA .................................................................................................................. 15
LA COLLINA .................................................................................................................................. 16
STORIA ............................................................................................................................................ 18
INTRODUZIONE ........................................................................................................................... 19
I VENETI ANTICHI .......................................................................................................................20
IL VENETO SOTTO ROMA ........................................................................................................... 21
Personaggio ................................................................................................................................ 22
I SECOLI BUI ................................................................................................................................. 22
L'ASCESA DI VENEZIA ................................................................................................................. 23
Personaggio ................................................................................................................................ 24
VENEZIA CONQUISTA LA TERRAFERMA.................................................................................. 25
SPLENDORE E DECADENZA DELLA SERENISSIMA ................................................................ 26
Personaggio ................................................................................................................................ 27
La Basilica Di San Marco ........................................................................................................... 27
Il Campanile Di San Marco ........................................................................................................ 27
La Piazza San Marco ................................................................................................................... 28
DAL 1797 ALLANNESSIONE ALLITALIA ................................................................................... 29
Personaggio ................................................................................................................................ 29
LE DUE GRANDI GUERRE ...........................................................................................................30
TERRA .............................................................................................................................................. 31
FAUNA ........................................................................................................................................... 32
La Montagna ............................................................................................................................... 33
Il Cervo........................................................................................................................................ 34
La Collina .................................................................................................................................... 35
Pianura........................................................................................................................................ 37
FLORA ............................................................................................................................................ 39
La Montagna ...............................................................................................................................40
La Collina .................................................................................................................................... 42
La Pianura................................................................................................................................... 44

2014

Veneto Ebook

TURISMO ........................................................................................................................................ 46
CITTA DARTE .............................................................................................................................. 47
PADOVA ......................................................................................................................................... 48
Itinerario ..................................................................................................................................... 49
VENEZIA ........................................................................................................................................ 52
Itinerario ..................................................................................................................................... 53
VICENZA ........................................................................................................................................ 57
Itinerario ..................................................................................................................................... 58
VERONA.........................................................................................................................................60
Itinerario ..................................................................................................................................... 61
TREVISO ........................................................................................................................................ 63
Itinerario ..................................................................................................................................... 64
BELLUNO ...................................................................................................................................... 66
Itinerario ..................................................................................................................................... 67
CITTA' MURATE............................................................................................................................68
VALLE DEL MIS ............................................................................................................................ 69
COLLI EUGANEI .......................................................................................................................... 70
GROTTE DI OLIERO ..................................................................................................................... 71
IL CANSIGLIO ............................................................................................................................... 72
MONTI BERICI .............................................................................................................................. 73
LE TRE CIME DI LAVAREDO ....................................................................................................... 74
VALLE AVERTO ............................................................................................................................ 75
MULINI DI STALIS....................................................................................................................... 76
OASI DI CERVARA ........................................................................................................................ 77
LONGARONE................................................................................................................................. 78
MONTE GRAPPA ........................................................................................................................... 79
SUSEGANA ................................................................................................................................... 80
GASTRONOMIA ............................................................................................................................. 81
RICETTE VENETE ......................................................................................................................... 84
Ricetta Ripieno Al Radicchio: ..................................................................................................... 84
Ricetta Pasta E Fagioli ................................................................................................................86
Baccal Alla Vicentina ................................................................................................................86
LA POLENTA VENETA..................................................................................................................88
Il Mais Da Polenta ......................................................................................................................89
Polenta Pasticciata Alla Veneta ..................................................................................................89
Polenta E Seppie ......................................................................................................................... 91
Fegato Alla Veneziana ................................................................................................................ 92

2014

Veneto Ebook

Sbrisolona ................................................................................................................................... 93
VINI E GRAPPE ............................................................................................................................. 96
Tagliata Al Vino E Aromi ............................................................................................................ 97
PROVERBI E SAGGEZZA CONTADINA ................................................................................. 100
ZENARO ....................................................................................................................................... 101
FEBRARO..................................................................................................................................... 102
MARSO ......................................................................................................................................... 103
APRIL ........................................................................................................................................... 105
MAJO ........................................................................................................................................... 107
GIUGNO ....................................................................................................................................... 108

2014

Veneto Ebook

INTRODUZIONE
Il Veneto una regione che comprende molteplici
forme
del
paesaggio
naturale:
dalla
fascia
costiera
era alla pianura ai colli
alle Dolomiti.
olomiti. Il Veneto
Venet
costituisce lottava regione
italiana
taliana per superficie con i
suoi 18.390 kmq.
Il
suo
territorio

morfologicamente
molto
vario,
io, con una prevalenza di pianura (56.4%), ma
anche estese zone montuose (29.1%) e, in minor
misura, collinari (14.5%).
La presenza dei differenti ambienti e paesaggi ha
favorito lo sviluppo di attivit economiche molto
varie: lagricoltura, lindustria, lallevamento, il
turismo, la pesca.

2014

Veneto Ebook

CARTA D'IDENTITA'
Confini:
nord:Trentino Alto Adige e Austria
est:Friuli Venezia Giulia e Mar Adriatico
sud:Emilia Romagna
ovest:Lombardia e Trentino Alto Adige
Estensione:18391kmq
18391kmq
Popolazione:4511714
:4511714 abitanti
Capoluogo di regione:
regione Venezia
Capoluoghi di provincia:
provincia
Verona,Padova,Vicenza,Belluno,Rovigo,Tr
Verona,Padova,Vicenza,Belluno,Rovigo,Treviso.

2014

Veneto Ebook

IL CLIMA
Dal clima freddo delle
Dolomiti arriviamo a
quello mite della costa
adriatica,
il Veneto
riassume in
una
superficie
di
poco
superiore ai 18.000
kmq le temperature
dellEuropa.
Il clima del Veneto di tipo sud-continentale, ma con
lagente mitigante del mare e la catena delle Alpi a
proteggerlo dai venti del nord, si presenta
complessivamente temperato.
Tra le zone climatiche principali troviamo: la regione
alpina, caratterizzata da estati fresche e temperature
rigide in inverno con frequenti nevicate, la fascia
collinare e parte di quelle pianeggiante dove il clima
pi mite, la maggior parte della pianura dove invece il
clima di tipo pi continentale (inverni relativamente
freddi e umidi, estati calde e afose).
Il lago di Garda fa caso a s: grazie ad un clima assai
mite,lo si pu apprezzare in tutti i mesi dellanno.

2014

Veneto Ebook

LE MONTAGNE
Pittori, scrittori e poeti hanno
cantato le lodi del veneto.
La
montagna
veneta

rappresentata
per
il
70%
dalle Dolomiti della Provincia di
Belluno.
Quest'area,
di
particolare valore paesaggistico e
naturalistico, ma anche turistico,
include note vallate e regioni
quali
il Cadore,
il Comelico,
l'Ampezzano e l'Agordino.
Spesso le cime superano i 3.000 m s.l.m. e culminano
con
i
3.342 m
della Marmolada. Altri
massicci degni di nota
sono le Tre Cime di
Lavaredo,
l'Antelao,
il Pelmo, le Tofane, il
Cristallo, il Sorapiss e il
Civetta.
Le
montagne
venete
sono
sono
di natura, attivit, relax, folclore e arte.

sinonimo

2014

Veneto Ebook

Da sempre qui le vacanze in montagna sono da


intendersi a 360 per tutte le possibilit che offrono,
accontentando davvero tutti.

2014

Veneto Ebook

LE PREALPI VENETE
Il ripiegamento ed
il sollevamento di
strati sedimentari
marini ha formato
quella
lunga
catena di rilievi,
dette Prealpi,
caratterizzata
dall'alternarsi
di
massicci e vasti altipiani. La catena fa da corona alla
pianura e si estende dal lago di Garda sino al confine
con il Friuli-Venezia
Venezia Giulia, dove continuata
dalle Prealpi carniche.
Tra i massicci e le localit pi importanti, sono da
ricordare la Lessinia, l'altopiano dei Sette Comuni, il
massiccio del monte Grappa, la catena del monte
Cesen, il Nevegal nella Valbelluna e infine l'altopiano
del Cansiglio e l'Alpago. Le cime superano di rado i
2.000 m e raggiungono il loro massimo con il Col
Nudo (2.472 m).

10

2014

Veneto Ebook

LA COSTA
Il Veneto,
oltre
a
presentare un elenco di
citt degne di nota
dall'architettura
prestigiosa
e
dal
patrimonio
artistico
invidiabile,, molto
conosciuto anche per il
suo litorale sul mare
Adriatico, animato e
all'avanguardia, peraltro a poca distanza dalla Laguna
di Venezia.
Il turismo si concentra lungo tutti i principali centri
della zona costiera: nei mesi di giugno, luglio e agosto
le
spiagge
sono
superaffollate.
Tante le localit balneari prese di mira: partendo da
nord Bibione,, la frazione di San Michele al
Tagliamento, a pochi passi da Lignano Sabbiadoro,
cittadina in provincia di Udine. Spostandosi un po' pi
a sud, sempree all'interno della provincia di Venezia, ci
si imbatte in Caorle,
Caorle, una delle mete marine pi ambite
con i suoi quindici chilometri di spiaggia.
Scendendo ancora si pu ammirare Eraclea (o meglio
a Eracleamare, la zona del comune che tocca

11

2014

Veneto Ebook

l'Adriatico) o la rinomata Jesolo, centro legato al


divertimento. Qui si trovano bar, locali, ristoranti,
oltre a un numero altissimo di posti per dormire, per
tutte le tasche e con tutti i comfort. Superando il golfo
di Venezia, inoltre, meritano una visita la citt
di Chioggia,, con il suo porto e le sue attrazioni
storiche, e Rosolina, con la sua pineta, ideale per chi
ama alternare la tintarella ad un po' di ombra.
Le spiagge sono il
luogo ideale per le
vacanze in famiglia.
Qui,
infatti,
la
profondit del mare
aumenta lentamente:
i pi piccini possono
cos
avere
a
disposizione
un'ampia parte di
mare
are dove bagnarsi senza correre alcun pericolo.
A questo si unisce poi una fitta attenzione da parte dei
Comuni: i bagnini sorvegliano ogni spiaggia e
contribuiscono ad aumentare
aumentare la sicurezza. Accanto al
mare tanti sono i motivi per cui vale la pena recarsi in
vacanza sulla costa veneta: in primo luogo la vicinanza
con le citt d'arte come Venezia, Vicenza, Verona,
Padova e Treviso. Inoltre, questa la zona perfetta
12

2014

Veneto Ebook

per chi vuole godersi una vacanza enogastronomica: la


cucina locale, specializzata in piatti di pesce,
prelibata ed assolutamente invitante.

13

2014

Veneto Ebook

LA PIANURA PADANA
VENETA
La pianura PadanoVeneta la pi vasta pianura
italiana e dell'Europa meridionale.
Ha la forma di un triangolo che si estende per circa 50
000 kmq tra le Alpi e gli Appennini, nell'Italia
settentrionale. Prende il nome dal fiume Po che la
attraversa da ovest a est, dal Monviso al Mar
Adriatico, ma comprende anche i bacini idrografici dei
suoi affluenti, dell'Adige e di altri fiumi alpini e
appenninici. in realt un insieme di molte pianure e
interessa cinque regioni: Piemonte, Lombardia,
Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia
Giulia.
I nostri antenati che colonizzarono la Pianura Padana
si trovarono di fronte a un paesaggio ben diverso da
quello attuale e decisamente inospitale.
In origine la Pianura Padana non era che un'immensa
insenatura (o rientranza) del Mar Adriatico che
arrivava ai piedi delle Alpi e degli Appennini.

14

2014

Veneto Ebook

LA PIANURA VENETA

La pianura veneta stata (ed tuttora) resa tale e


ingrandita grazie all'intervento di alcuni fra i pi
importanti fiumi italiani: da sud a nord, si ricordano
il Po, l'Adige, il (o la) Brenta, il Sile, il (o la) Piave, il (o
la) Livenza, il Lemene e il Tagliamento. Favoriscono
l'agricoltura una fitta rete di canali artificiali che
spesso sfruttano l'acqua proveniente dalla fascia
delle risorgive che caratterizza la media provincia di
Treviso. Il Polesine, zona pianeggiante in provincia di
Rovigo compresa tra il fiume Adige e Po, presenta
delle caratteristiche peculiari, essendo la sua
altitudine media inferiore ai 30 m. Questo ha reso
necessario l'edificazione di argini per i grandi fiumi,
nei quali le acque scorrono ad un livello spesso
superiore a quello della pianura circostante. Tuttavia,
la presenza abbondante di acqua ha reso questo tratto
di pianura molto fertile.

15

2014

Veneto Ebook

LA COLLINA
Un rilievo si pu definire collina se si eleva sul livello
del mare di almeno 200 metri si considera per
consuetudine gi montagna.
I rilievi collinari vengono catalogati in base al modo in
cui si sono originati in almeno 4 categorie: colline
derivanti dall'erosione di montagne, da movimenti
delle placche terrestri, dal depositarsi di detriti di
ghiacciai e da vecchi vulcani.
La maggior parte delle colline venete sono collegate al
movimento (tuttora in corso) di sollevamento delle
Alpi ed infatti si dispongono parallelamente all'arco
alpino. questo il caso per esempio della fascia
collinare che parte da Bassano del Grappa, attraversa
Asolo e Conegliano, fino a Vittorio Veneto.
Sono invece colline moreniche le trevigiane allo
sbocco del Piave e le veronesi a sud ed est del lago di
Garda, allo sbocco dell'Adige.
Infine i Colli Berici, dove non raro trovare reperti
fossili di molluschi, alghe e coralli, derivano
dall'innalzamento di un antico mare ed i Colli
Euganei, ricchi di sorgenti termali e dalla tipica forma
a cono, sono di origine vulcanica.

16

2014

Veneto Ebook

Grazie per al clima particolarmente favorevole ad


alcune colture di pregio. le colline venete negli ultimi
decenni stanno vedendo rinascere l'attenzione e la
cura a loro dedicate.

17

2014

Veneto Ebook

STORIA

18

2014

Veneto Ebook

INTRODUZIONE
in questa regione che,nel corso di tutta la storia,si
sono incontrate civilt e popolazioni dalle colture pi
diverse,creando cos un mix incredibile di fusioni
culturali,sociali e anche gastronomiche. Le tipicit
gastronomiche vanno infatti citate tra le principali
caratteristiche e motivi di orgoglio del Veneto e
ognuna delle sette province venete vanta una propria
cucina tradizionale,con ricette tipiche e uniche legate a
specifiche zone.

19

2014

Veneto Ebook

I VENETI ANTICHI
Nella regione, che oggi si chiama Veneto, si sono
stabiliti anticamente (verso il 900 a.C.) i Veneti una
popolazione proveniente, per via mare, dall Asia
Minore, che si era alleata con i Troiani per difendere la
loro capitale Troia dallattacco dei Greci.
Secondo una tarda tradizione romana, parallela a
quella di Enea, essi, al seguito di Antenore, avrebbero
fondato Padova molto prima, nel 1184 a.C.
Non si sa in quale relazione fossero questi Veneti con
altri popoli, chiamati egualmente Veneti, distribuiti in
tutta lEuropa antica: forse si trattava di una
denominazione
generica
col
significato
di
conquistatori.
Verso nord si insediarono gli Euganei, labitavano.
Mentre di questi Euganei sappiamo tanto poco, che
alcuni hanno dubitato perfino della loro esistenza, sui
Veneti possediamo un tale numero di informazioni da
poter ricostruire la loro vita quotidiana. Sia le notizie
trasmesse dagli scrittori greci e latini, sia soprattutto i
tanti rinvenimenti archeologici trovati nelle Tre
Venezie (lapidi, vasi di bronzo, oggetti di eccellente
artigianato), sia le iscrizioni sepolcrali e votive,

20

2014

Veneto Ebook

permettono di delineare con sufficiente esattezza la


cultura e la civilt dei Veneti.
Abitavano in capanne, probabilmente simili ai casoni
di paglia delle campagne e delle lagune venete,
costruite vicino ai fiumi, che consentivano rapidi
collegamenti tra villaggio e villaggio e lo smercio di
prodotti con gli Etruschi, con i quali confinavano
verso sud, e con gli intraprendenti mercanti greci, che
portavano i loro raffinati prodotti di ceramica e di
metallo in cambio dellambra e di altre ricercate resine
provenienti dallEuropa settentrionale.
Rinomatissimi erano fin dai tempi di Omero i cavalli
veneti, che partecipavano con successo a molte gare.
Parlavano una lingua, che gli studiosi moderni
chiamano venetico.

IL VENETO SOTTO
ROMA
Tra il 200 e 180 a.C. i Romani ,in accordo con i
Veneti,iniziarono a colonizzare la regione da prima
costruirono strade (la via Postumia e la via Annia),poi
ampliarono
i
centri
abitati
gi
esistenti
(Este,Padova,Vicenza,Verona,Traviso,Belluno,Oderzo)
e fondarono nuove citt (Altino,Concordia).Nel 49 a.C.
tutta la regione ottenne la cittadinanza romana. Dal 1
21

2014

Veneto Ebook

secolo a.C. al 150 d.C. il Veneto visse un periodo di


pace e prosperit,i commerci aumentarono,la
popolazione crebbe,le citt furono circondate con
mura e abbellite con monumenti. Ma questa
situazione non dur a lungo:dal 2 secolo ripetute
incursioni dei popoli del nord costrinsero la regione a
lunghe guerre. Roma tent di respingere gli assalti,
ma senza successo: nel 479 a.c. anche limpero
romano cadeva, e cominciava un periodo di lotte e
divisioni.

Personaggio
Tito Livio uno storico latino, nato a Padova nel 59
a.c..
Trasferitosi
a
Roma,
divenne
amico
dellimperatore Augusto, pur nutrendo poca simpatia
per la forma di governo del principato, a cui preferiva
il sistema repubblicano. Livio non smise comunque
mai di sentirsi padovano: anche se scriveva in latino
impeccabile e pulito,la lingua da lui parlata
probabilmente manteneva laccento della loro terra. E
proprio nella sua citt, a Padova, Tito Livio, torn,
ormai anziano: qui mor; secondo la tradizione da San.
Girolamo nel 17 d.C. allet di 76 anni

I SECOLI BUI
Dal V al IX secolo d.C. la religione visse un periodo di
decadenza: i commerci diminuirono,vaste zone di
22

2014

Veneto Ebook

pianura furono abbandonate boschi le paludi presero


il posto delle coltivazioni. Le citt si spopolarono,le
strade divennero inagibili.
L'arrivo dei Longobardi,che dominarono sul
Veneto nei secoli VI e VII,e le continue scorrerie di
popoli invasori costrinsero parte della popolazione a
trovare rifugio nelle isole della laguna:fu cos
che nacque Venezia.

L'ASCESA DI VENEZIA
Il primo nucleo abitato di Venezia si sviluppo attorno
alla zona di Rialto e si organizzo dando un forte
impulso ai commerci marittimi; in pochi secoli la citt
divenne una potente repubblica marinara ed estese i
suoi domini sull'Adriatico e in tutto il Mediterraneo
orientale, divenendo il pi importante ponte
commerciale tra l'Oriente e l'Occidente.
Venezia era governata da un doge ,i cui poteri erano
per limitati dal Consiglio dei Savi,un organo di
controllo composto dalle famiglie nobili,
rappresentavano gli interessi dei ricchi mercanti.

23

che

2014

Veneto Ebook

Personaggio
Nel 1271 Marco Polo part da Venezia insieme al padre
Nicol e lo zio Matteo, ricchi mercanti che
commerciavano con l' Oriente. Attravers la Persia, il
Pamir, il Deserto di Gobi,la mongolia e nel 1275 giunse
a Chemenfu dove incontr Kublai Khan,imperatore
dei mongoli. Marco si trattenne in Cina per ben 25
anni,raccogliendo notizie sulle tradizioni ,sugli usi e
sui costumi di quel lontano popolo. Fece ritorno a
Venezia nel 1295.
Nel 1298 ,durante una battaglia tra Venezia e Genova ,
fu fatto prigioniero in carcere detto a Rustichello da
Pisa i suoi ricordi ne Nacque il milione, lo
straordinario resoconto dei viaggi in Oriente.

24

2014

Veneto Ebook

VENEZIA CONQUISTA
LA TERRAFERMA
A partire dal x secolo le citt della terraferma
cominciarono a risollevarsi: ripresero i commerci,
l'agricoltura si svilupp, la popolazione aument.
Nel XI e nel XII le maggiori citt divennero comuni
con un proprio governo, e seppero opporsi al Potere
imperiale di Federico Barbarossa unendosi nella
famosa Lega Veronese.
A partire dal XII secolo alcuni governi comunali si
trasformarono in Signorie .
Quando Venezia decise di ampliare il proprio governo
conquistando le citt della terraferma, i piccoli governi
locali non poterono nulla per difendere la loro
autonomia. Nel 1339 fu conquistata Treviso, e in meno
di un secolo vennero occupate anche Vicenza, Padova,
Verona, Belluno, Rovigo, parte della Lombardia
(Brescia e Bergamo, fino allAdda) e del Friuli.

25

2014

Veneto Ebook

SPLENDORE E
DECADENZA DELLA
SERENISSIMA
A partire da 1400 la storia del Veneto coincide con
quella di Venezia.Dopo la conquista della
terraferma,la Serenissima divenne una potenza dal
duplice volto: una parte dei suoi interessi rest legata
al mare ai commerci, ai possedimenti in Oriente, una
parte si rivolse alla terra e al economia agricola.
Nel 1508 la Lega antiveneziana di Cambrai, formata
da alcuni stati europei, e la minacciosa presenza dei
Turchi nel Mediterraneo arrestarono l espansione di
Venezia.
Le citt si rinnovarono e furono costruite splendide
abitazioni.
I Nobili trascorrevano il tempo divisi tra le ville di
campagna sulla terraferma e le feste e gli spettacoli
teatrali a Venezia.
Dagli inizi del XVIII secolo tuttavia, la crisi si fece
sempre pi pesante .
Nel 1797 Napoleone Bonaparte fece il suo ingresso a
Venezia: lingresso a Venezia:lindipendenza della
Serenissima Repubblica era finita.
26

2014

Veneto Ebook

Personaggio
Vivaldi detto il Prete Rosso, fu uno dei compositori
pi straordinari del epoca barocca. Nella sua musica si
possono cogliere la freschezza e levit della vita
veneziana del tempo, di cui fu significativo
protagonista. I concerti di "Le quattro stagioni",
contenuti nel Cimento dellArmonia e dellinvenzione,
e lestro armonico sono le sue opere pi famose.

La Basilica Di San Marco


La basilica di SAN MARCO un imponente e
ricchissima costruzione ispirata al arte bizantina,
decorata da preziosi mosaici e sormontata da cinque
cupole.

Il Campanile Di San Marco


Sorge, lontano dalla basilica ,in un angolo della piazza,
sulle rovine di un antica torre di avvistamento. Forse
per la sua altezza (m 97), la forma sottile e la posizione
isolata, il campanile ha sempre avuto una vita difficile:
fulmini, intemperie, lesioni, fino al crollo del 14 luglio
1902.Lattuale costruzione, identica alloriginale,risale
al 1912. Ai piedi del campanile, c una loggetta tutta
in marmo, progettata dal architetto Sansovino, che per
molto tempo fu punto di ritrovo dei nobili della citt e
poi sede della Guardia dOnore della Repubblica di
Venezia(gli Arsenalotti).
27

2014

Veneto Ebook

La Piazza San Marco


E chiusa su tre lati della Procuratie ,lunghi palazzi
sostenuti da grandi portici ,dove avevano sede i
Procuratori di San Marco ,la pi vecchia magistratura
dellantica Repubblica. A nord le Procuratie Vecchie,a
sud quelle Nuove e a ovest le Nuovissime o
Napoleoniche ,aggiunte solo nel 1810.
Il lato est della piazza dominato dalla splendida
Basilica di San Marco.
Sotto i portici si trovano eleganti negozi e famosi,
antichi caff.

28

2014

Veneto Ebook

DAL 1797
ALLANNESSIONE
ALLITALIA
Nel 1797 , con il trattato di Campoformio , Napoleone
cedette Venezia e il Veneto all Austria . Iniziava un
profondo malcontento. I veneti mal sopportavano il
dominio di una potenza straniera che si imponeva con
la forza della polizia e della repressione , e
parteciparono con convinzione alle guerre per l
indipendenza dell Italia . Nel 1848 il Piemonte
dichiar guerra all Austria ( prima guerra di
indipendenza ): gli scontri si conclusero per con una
sconfitta, e il Veneto rimase all impero Austro
Ungarico. Dovevano passare quasi altri ventanni
prima che la regione ottenesse l indipendenza:nell
aprile 1866 Italia e Prussia e cedette il Veneto allItalia
nel luglio dello stesso anno (3 guerra
dIndipendenza).

Personaggio
Avvocato e scrittore, Carlo Goldoni, nelle sue
commedie descrisse la vita e le abitudini dei veneziani.
Alle vicende dei personaggi fanno sfondo i ricchi
palazzi dei patrizi,le modeste abitazioni dei poveri le

29

2014

Veneto Ebook

calli e i campielli di Venezia.Tra le sue opere pi


famose ricordiamo I rustreghi, La locandiera, Le
baruffe chiozzotte.

LE DUE GRANDI
GUERRE
Il veneto ebbe un ruolo importantissimo durante la
grande guerra del 1915-18 quando il fronte italoaustriaco, che in un primo tempo passava nel
altopiano di Asiago e le Dolomiti venete fino ai colli di
Gorizia, arretr dopo la disfatta di Caporetto (24
ottobre 1917) al Monte Grappa e al Piave , ossia fino
alle soglie della pianura: prima linea che fu decisiva
per l'esito del conflitto (a ricordo di ci, il sacrario di
Cima Grappa e i numerosi monumenti ai Caduti
presenti in ogni comune).
L' armistizio venne firmato il 3 novembre 1918 a Villa
Giusti a Padova.
La seconda guerra mondiale non port
altrettanta devastazione, sebbene Treviso e Verona
subirono pesanti bombardamenti, per fu terribile l'
0ccupazione nazi-fascista a specie dopo l' 8 settembre
1943: la data dell'annuncio dell' armistizio con gli
alleati e della fine dell' alleanza militare con la
Germania.
30

2014

Veneto Ebook

TERRA

31

2014

Veneto Ebook

FAUNA
Complesso delle specie animali che vivono sulla Terra
o in una data regione.

32

2014

Veneto Ebook

La Montagna

Nel fondovalle facile incontrare rettili come


l'orbettino e il ramarro, uccelli come il saltimpalo e la
ballerina bianca. tra i mammiferi no mancano la lepre
e il capriolo.
Lungo il corso dei ruscelli vivono il rospo comune e la
salamandra.
I prati sono l'habitat ideale delle vipere. nei boschi di
faggi si possono incontrare uccelli come la
cinciallegra, il picchio e il gufo. Frequenti sono anche i
mammiferi: il giro, lo scoiattolo, il tasso...
Il maestoso cervo il mammifero pi rappresentativo
dei boschi di conifere. nell'ambiente delle quote alpine
superiori vivono gli animali strettamente legati alla
montagna: marmotte, camosci, aquile reali,
stambecchi...

33

2014

Veneto Ebook

Il Cervo
Il cervo un grosso mammifero (80/150kg).
Il maschio dotato di corna
(palco) che cadono in inverno
per poi riformarsi, in pochi
mesi, pi robuste e ramificate.
Questo animale vive in branchi
formati da femmine e giovani, i
maschi entrano a farne parte
solo nel periodo degli amori.
Il richiamo amoroso (bramito)
utilizzato per invitare le femmine o per sfidare
eventuali maschi rivali.
La durata della vita di un cervo pu raggiungere i
18/20 anni.

34

2014

Veneto Ebook

La Collina

Nelle aree non coltivate, occupate dai boschi, si


possono trovare: volpi, donnole, tassi
Numerosi sono gli uccelli come la poiana, il gheppio,
la quaglia, il barbagianni, il picchio
Sono frequenti alcune specie di rettili come la biscia,
la vipera, il saettone (un serpente arboricolo),
lorbettino

35

2014

Veneto Ebook

Il Barbagianni
un uccello rapace notturno. Le
mediamente pi grandi dei maschi.

femmine

sono

I barbagianni hanno la testa


abbastanza grande, di colore
marrone chiaro, con il disco
facciale bianco a forma di
cuore.
Questi
uccelli
vedono
benissimo anche nelle ore
notturne e sono in grado di
localizzare con precisione i
suoni.
Sono capaci di volare in modo silenzioso grazie alla
particolare conformazione delle loro penne.
Depongono in media dalle quattro alle sette uova.
Dopo una cova che dura circa un mese, la femmina
nutrir i piccoli per poco pi di tre settimane con il
cibo procurato dal maschio.
Il barbagianni considerato utile per l'uomo perch si
ciba di animali dannosi per l'agricoltura.

36

2014

Veneto Ebook

Pianura

Negli ambienti naturali della pianura vivono anfibi


come il rospo,la rana,la raganella.
Ci sono rettili: la lucertola,la testuggine palustre,il
ramarro.
Numerose sono la specie di uccelli:passeri,
merli,aironi,gallina dacqua, anatre
Tra i mammiferi troviamo:il riccio,la talpa il
pipistrello, il moscardino, il topo delle risaie, la volpe ,
la donnola

37

2014

Veneto Ebook

La Volpe
Le volpi sono piccoli Canidi con il muso
appuntito, cranio leggero e piuttosto appiattito,
orecchie larghe e coda molto pelosa. La loro taglia
varia da una lunghezza totale del corpo di 60-80 cm,
la lunghezza della coda di circa 30-49 cm e un peso
di 8-10 kg.
Si nutrono di conigli,
roditori e uccelli, ma
anche di invertebrati
come scarafaggi,
cavallette e lombrichi
usano tecniche di caccia
che possono variare
dall'appostamento furtivo
fino all'attacco
improvviso.
Le volpi si riproducono una volta all'anno. Il numero
dei cuccioli normalmente da 1 a 6 per cucciolata.

38

2014

Veneto Ebook

FLORA
Complesso delle piante spontanee o largamente
Coltivate in un determinato ambiente.

LA FLORA SPONTANEA:

39

2014

Veneto Ebook

La Montagna

Immediatamente al di sotto delle nevi perenni


pere
troviamo muschi e licheni.
licheni Scendendo si incontrano
arbusti e cespugli: il rododendro, il ginepro nano,il
pino mugo...
A quote pi basse crescono alberi ad altro fusto, le
aghifoglie : abeti rossi, abeti bianchi, pini cembri e
larici;
quindi alberi a foglie caduche: roveri; cerri, castagni,
querce, faggi...

40

2014

Veneto Ebook

Stella Alpina
Cresce nei pascoli alpini da 1500 a 3000m, una
pianta rara,
protetta.
Da piccole
dimensioni,
raggiunge a
malapena i 20cm di
altezza. Le foglie
sono ricoperte da
peluria argentea.
L'infiorescenza formata da 2-10 capolini giallastri
circondati da una rosetta di 9-12 foglie carnose e
vellutate di colore biancastro, erroneamente
considerate dei petali, riunite tra loro tanto da
formare un fiore a stella.
Fiorisce in luglio, agosto.

41

2014

Veneto Ebook

La Collina

La vegetazione spontanea caratterizzata da:


carpini, querce, tigli,aceri, castagni, betulle
betulle

42

2014

Veneto Ebook

La Quercia
La quercia un albero
forte e maestoso,
pu raggiungere i 1000
anni di vita e i 40-45
metri daltezza.
Il suo tronco robusto e
da esso si diramano
dei grossi rami che
formano una grande
chioma.
Viene considerato
lalbero della forza e della saggezza.

43

2014

Veneto Ebook

La Pianura

La vegetazione tipica dellalta pianura la brughiera


cio un terreno povero dacqua coperto da erbe alte e
fitti arbusti. Gli alberi pi diffusi in questa zona sono:
farnie, querce, carpini, noccioli, olmi, frassini e tigli.
Nella bassa pianura, lungo le rive dei fiumi, crescono
pioppi, salici, ontani

44

2014

Veneto Ebook

Il Salice Bianco
Il salice una
specie tipica dei
suoli alluvionali
lungo i corsi
dacqua.
Pu raggiungere
i
30
metri
daltezza.
Ha una chioma
slanciata, il tronco diritto ,spesso biforcato,ricoperto
da una scorza grigiastra rugosa e solcata; i rami sono
sottili e flessibili.
una pianta che cresce rapidamente.

45

2014

Veneto Ebook

TURISMO

46

2014

Veneto Ebook

CITTA DARTE
I capoluoghi di provincia rappresentano quelle che un
tempo erano le citt pi importanti del territorio
Veneto, quelle che sorgevano lungo i percorsi toccati
dalle strade Romane, o erano fortezze e contro le
invasioni nemiche, sedi di famiglie nobiliari e centri di
coltura commerciali.

47

2014

Veneto Ebook

PADOVA
Citt gi
i rilevante in epoca romana, sede di
unimportantissima universit e accolse Antonio di
Padova durante lultima parte della sua vita. Tra i
monumenti pi importanti : la basilica di Sant
Antonio da Padova , Prato della Valle, il Palazzo della
Ragione, Palazzo del BO,
la Cappella degli
SCROVEGNI, il Duomo di Padova, la chiesa di Santa
Sofia, i musei civici e la chiesa degli Eremitani.

48

2014

Veneto Ebook

Itinerario
L itinerario classico cittadino, consente la visita in
una sola giornata dei principali monumenti e luoghi di
grande interesse, inizia da Piazza Eremitani dove si
trova la Cappella degli SCROVEGNI capolavoro di
Giotto, i Musei Civici
Eremitani ( sezione
archeologica,pinacoteca con opere dal 300 al 700,
inclusi gli Angeli di GUARIENTO, un crocifisso di
Giotto, opere del Bellini), la Chiesa degli Eremitani
(con affreschi di GUARIENTO, di Giusto de
MENABUOI e di Andrea Mantenga).
Si prosegue poi con Caff PEDROCCHI, l Universit il
BO, una delle pi antiche d Europa con il famoso
cinquecentesco teatro Anatomico e la cattedra di
Galileo GALILEI, Palazzo della Regione e Piazze
circostanti (Piazza delle Erbe,Piazza dei Frutti e Piazza
dei Signori ) sede di un pittoresco mercato quotidiano
.Dalle piazze in pochi minuti si raggiunge il Duomo
con il prezioso Battistero del Duomo custode di
bellissimi affreschi di Giusto de MENABUOI . Da non
perdere la vista del Museo Diocesano . Inserito nell
antico Palazzo Vescovile, che conserva preziose opere
di pittura , scultura e oreficeria, gran parte del ricco
Tesoro della Cattedrale, paramenti sacri, codici
miniati ed incunaboli .La visita include la Cappella di
Santa Maria degli Angeli, con affreschi di fine
49

2014

Veneto Ebook

Quattrocento e il magnifico Salone dei Vescovi ,ampia


sala con oltre 900 metri quadrati di pareti
interamente affrescate con i ritratti dei primi 100
vescovi di Padova.
Percorrendo via SONCIN e via S. Canziano si ritorna a
Piazza Antenore dove c il monumento che il poeta
rinascimentale LOVATO de LOVATI indic come
tomba delleroe troiano Antenore, leggendario
fondatore di Padova,e non lontano Palazzo
ZABARELLI,antica dimora CARRESE ora prestigiosa
sede di mostre ed eventi .
Percorrendo via del Santo si giunge alla Basilica S.
ANTONIO tempio della fede e scrigno di opere d arte
, ogni anno meta di milioni di pellegrini e turisti .La
Basilica circondata da altri insigni monumenti quali
la statua del GATTAMELATA, di Donatello, l Oratorio
di S. GIORGIO capolavoro del Trecento, i Musei
ANTONIANI e la Scuola del Santo. Non lontano
dalla Basilica, alla fine di via CESAROTTI, sorge il
complesso monumentale di Loggia e ODEO
CORNARO, splendidi esempi di architettura
rinascimentale in Padova.
Ritornati a Piazza del Santo si prende via dell Orto
Botanico dove si trova lOrto Botanico,il pi antico
orto botanico universitario d Europa nel 1545,e poco
oltre Prato della Valle, monumentale piazza ellittica,
50

2014

Veneto Ebook

su cui si affacciavano numerosi edifici storici,antichi


palazzi, tra cui Palazzo Angeli che ospita il Museo del
PRECINEMA e, sul lato sud, la Basilica di s. Giustina,
una delle pi grandi d Europa .

51

2014

Veneto Ebook

VENEZIA
Capoluogo storico del territorio veneto, importante
per la sua architettura, per la sua cultura, tra le citt
pi visitate al mondo, prima in Italia con 50 milioni di
presenze annue. Tra i suoi monumenti vanno ricordati
il campanile di San Marco, la basilica di San Marco il
Palazzo Ducale, le tre chiese progettate da Andrea
Palladio (San Giorgio, Zitelle, Redentore ), le Gallerie
dell Accademia (che ospitano un percorso artistico
dedicato ai pittori veneti), le chiese di Santa Maria
Glorioso dei Frari e di Santi Giovanni e Paolo, il ponte
di Rialto. Oltre ai monumenti e alle gallerie d arte,
Venezia ospita fondazioni culturali tra cui l Ateneo
veneto e l Istituto veneto di scienze, lettere ed arti;
sede di una biennale d arte,di fondazioni per il teatro,
e fondazioni culturali come la Fondazione Giorgio
Cini, che sviluppa attivit culturali e di ricerca storica
per valorizzare la citt e la sua conoscenza. Dal 1987
catalogata come Patrimonio dell umanit dall
UNESCO.

52

2014

Veneto Ebook

Itinerario
Nonostante sia veramente difficile decidere quali delle
numerose opere artistiche siano da non perdere
durante una breve passeggiata a Venezia, abbiamo
cercato di compilare un itinerario che contenga tutte
le pi importanti attrazioni di Venezia per permettere
di farvi un idea della bellezza di questa citt. Dato che
la maggior parte dei visitatori di Venezia arriva alla
stazione ferroviaria di Santa Lucia, anche noi
inizieremo il nostro breve itinerario da qui.

53

2014

Veneto Ebook

Direttamente davanti alla stazione ferroviaria


troverete un approdo del traghetto. Da qui
partono sia i battelli turistici, sia i normali
traghetti. Quest ultimi sono pi economici, ma
non offrono informazioni aggiuntive e percorrono
il Canal Grande, come un normalissimo autobus,
fino a Piazza San Marco. La decisione su quale
mezzo di trasporto prendere, dipender quindi dal
tempo a disposizione e dal portafoglio.
Cercherete un posto in coperta per poter scattare
delle belle foto. Navigando sul Canal Grande,
passerete davanti a 250 magnifici palazzi, 15
chiese ed il famoso Ponte di Rialto fino alla Piazza
San Marco.
Scendendo dal traghetto, vi trovate nella Piazzetta
che vi offrir una delle vedute pi caratteristiche
di Venezia: la Basilica di San Marco, il Palazzo
Ducale, il Campanile e la bellissima vista della
laguna.
Vi consigliamo di visitare la Basilica di San Marco
ed il Palazzo Ducale o la mattina presto o nel
pomeriggio per evitare lunge code davanti all
ingresso che si formano soprattutto intorno all
ora di pranzo. Visitando il Palazzo Ducale, potrete
farvi un idea degli appartamenti privati del doge e

54

2014

Veneto Ebook

delle sale di rappresentanza della repubblica


ducale. Attraversando il famosissimo Ponte dei
Sospiri raggiungerete il carcere, da cui evase
Casanova.
La Basilica di San Marco un esempio dell
architettura occidentale-orientale unico in tutta l
Europa.Bastano i grandiosi mosaici ed i pavimenti
per giustificare una visita alla Basilica. Da non
perdere anche il Museo Marciano, dove potrete
vedere da vicino i famosissimi cavalli in bronzo e
godervi, dalla loggia, la vista su Piazza San Marco.
Se avete abbastanza tempo a disposizione, non vi
lasciate sfuggire una salita con l ascensore sul
Campanile. Il panorama che vi si offrir da qui
mozzafiato.
La vostra passeggiata continua sotto la Torre dell
Orologio lungo le Mercerie. Le Mercerie
consistono in tre vie per lo shopping e sono le pi
conosciute di Venezia. Queste portano dalla Piazza
San Marco fino all ex quartiere commerciale
intorno al Ponte di Rialto. Qui gli amanti dello
shopping troveranno tutto ci che possono
desiderare.

55

2014

Veneto Ebook

Appena avrete raggiunto il Ponte di Rialto, potrete


scegliere tra due percorsi per tornare nuovamente
alla stazione ferroviaria: il percorso pi veloce
quello di prendere il traghetto all approdo di
Rialto fino alla stazione. Chi invece ha ancora un
po di tempo a disposizione e vorrebbe percorrere
i vicoli a piedi dovr attraversare il Ponte di Rialto
e seguire le vie lungo i canali fino alla stazione, il
tragitto durer tra i 30 ed 40 minuti.
Per attraversare il Canal Grande prendete il Ponte
degli Scalzi che vi porter direttamente davanti
alla stazione centrale.

56

2014

Veneto Ebook

VICENZA
Citt importante per la fisionomia che le ha attribuito
Andrea Palladio, famosa per Corso Palladio (dove
molti dei palazzi sono opera dellarchitetto stesso), la
Basilica Palladiana, il Teatro Olimpico, Palazzo
Chiericati, il Santuario della Madonna di Monte
Berico che domina la citt del colle di Monte Berico.
Importanti le mostre dedicate al Palladio allinterno
della citt e nelle immediate compagne circostanti,
presso le ville da egli stesso progettate. Grazie ai
capolavori dellarchitetto anche Vicenza nel 1994
stata dichiarata citt Patrimonio dellumanit
UNESCO.

57

2014

Veneto Ebook

Itinerario
Vicenza, citt natale e lavorativa ANDREA
PALLADIO, una stupenda citt con molti edifici ed
attrazioni interessanti. Lungo il Corso Andrea
Palladio, si attraversa la citt in una bella passeggiata
da ovest ad est, passando davanti ai monumenti pi
importanti e celebri di Vicenza. Potrete ammirare la
Basilica Palladiana, il Teatro Olimpico ed il palazzo
Chiericati oltre ai numerosi palazzi sontuosi sulle
strade principali.
Il CENTRO STORICO DI VICENZA racchiude tutte le
opere pi belle ed importanti di ANDREA PALLADIO.
Per visitare il centro citt di Vicenza, si pu impiegare
mezza giornata. Se preferite, potete ovviamente
prolungare la vostra visita alla citt natale di Palladio.
Litinerario da PIAZZA DEL CASTELLO, dove
troverete i resti dellantico castello Scaligero. Da qui il
percorso conduce lungo il Corso Andrea Palladio,
passando davanti al PALAZZO PORTO BREGANZE
ed il PALAZO THIENE BNIN LONGARE.
Dopo soli 200 metri, lungo i quali passerete davanti
ad alcuni bei palazzi, si dirama a sinistra Corso
Antonio Fogazzaro. fermiamoci qui per una breve
visita al PALAZZO VALMARANA BRAGA ROSA ed
alla CHIESA DI LORENZO.

58

2014

Veneto Ebook

Tornati sul corso Andrea Palladio, imboccate la


CONTR PASINI, ubicata direttamente di fronte al
Corso Antonio Fogazzaro, e proseguite fino a PIAZZA
DUOMO dove si trova la Cattedrale di Vicenza.
Sul lato est di Piazza Duomo, seguite la strada fino alla
PIAZZA DEI SIGNORI con la sua monumentale
Basilica Palladiana. Qui vale la pena soffermarsi per
un po e avere splendida atmosfera di Vicenza.
Tramite la CONTR DEL MONTE raggiungerete
nuovamente il Corso Andrea Palladio, che vi
consigliamo di attraversare per dare un rapido
sguardo ai bei palazzi della Contr Porti.
Proseguite lungo Corso Andrea Palladio fino alla
Chiesa di Santa Corona, che custodisce la tomba
originaria di Palladio cos coma alcuni bei dipinti di
Bellini e Veronese.
Infine, arriverete in Piazza Matteotti dove sorge il
Palazzo Chiericati, al cui interno troverete la
Pinacoteca di Vicenza, ed il Teatro Olimpico.
Se avete ancora un po di tempo a disposizione,non
perdetevi la Basilica di Monte Berico nel sud della
citt come le ville Valmarana ai Nanie Rotonda che
meritano davvero di essere visitate!

59

2014

Veneto Ebook

VERONA
Quarta citt turistica d'Italia, importante
storicamente in quanto crocevia di strade romane,
collegava la pianura padana con il nord Europa,
grazie alla via che transitava per il Brennero, facendo
di Verona incrocio tra arte nordica e italica .
Tra i suoi monumenti pi importanti c' senz' altro l '
Arena di Verona, il ponte di Castel Vecchio, il ponte
Pietra, il balcone attribuito a Romeo e Giulietta dalla
tradizione, le varie piazze del centro storico.
Sul piano culturale vanno ricordate le rassegne teatrali
al teatro romano e il Festival Lirico che si tiene ogni
anno all' Arena.
Per quanto riguarda i musei, importante la pinacoteca
di arte veneta presente al museo civico di
Castelvecchio. Anche a Verona, dal 2000, un
Patrimonio dell' umanit UNESCO .

60

2014

Veneto Ebook

Itinerario
Ecco cosa non perdere di Verona ...
L'intinerario parte visitando l'ARENA l' imponente
anfiteatro romano collocato nella animata e vivace
PIAZZA BRA.
La direzione da prendere quella di via Mazzini,
sempre affollata dagli amanti dello shopping.
Al termine della via si incrocia via Cappello dove, al
circo 23, secondo la leggenda, sorge la CASA DI
GIULIETTA con il balcone pi famoso al mondo.

61

2014

Veneto Ebook

Sempre da via Cappello, si raggiunge anche la


suggestiva PIAZZA DELLE ERBE , con la colonna del
mercato, la fontana Madonna Verona, la colonna di
San Marco, sulla cui sommit fu issato il leone
simbolo della Repubblica di Venezia.
La piazza incrociata da palazzi ed edifici che hanno
segnato la storia di Verona: la DOMUS
MERCATORUM,
la
TORRE
DEL
GARDELLO/PALAZZO MAFFEI. Alla destra della
piazza si trovano le cinquecentesche CASE DEI
MAZZANTI unite dal portico.
Da piazza delle Erbe, imboccando via dalla Costa si
arriva in PIAZZA DEI SIGNORI, detta anche "piazza
Dante" per la statua dedicata al padre della lingua
italiana che vi collocata. La piazza resa preziosa da
palazzi di grande importanza storica e architettonica,
come la LOGGIA DEL CONSIGLIO, il PALAZZO DEL
GOVERNO e la domus Nova.

62

2014

Veneto Ebook

TREVISO
Citt gi importante in epoca romana, si afferm
durante il Medioevo come sede vescovile, comune e
quindi signoria.
Molti lhanno paragonata a Venezia per la fitta rete
stradale di canali che ne caratterizza il suggestivo
centro.
Tra i monumenti di maggiore interesse, da ricordare
la chiesa gotica di San Nicol, il palazzo dei Trecento,
la Loggia dei Cavalieri, il Duomo, la cinta muraria, la
chiesa di San Francesco, Ca dei Carraresi sede
espositiva che ospita rinomate mostre darte.

63

2014

Veneto Ebook

Itinerario
All interno delle mura cittadine di Treviso,il visitatore
scoprir un bellissimo centro storico,Tenete conto
che,per visitare la citt di Treviso, ci vorr mezza
giornata o anche un intera giornata, a seconda della
vostra voglia e della condizione fisica.
La nostra passeggiata inizia nella parte occidentale del
centro storico e conduce prima al chiesa di San Nicol,
dove potrete ammirare gli affreschi di Tommaso da
Modena. Prendendo la Via Angelo Garbizza,
raggiungerete ora Piazza Duomo, dove sorge la
monumentale Cattedrale di Treviso.
Lungo la Via Calmaggiore passeggerete fino alla
piazza principale di Treviso La Piazza Dei Signori
con i suoi magnifici palazzi.
Direttamente dietro il palazzo dei Trecento troverete
la Piazza San Vito con due belle cappelle. Da qui
raggiungerete la piccola isola fluviale sul Canale
Cagnan con il famoso mercato del pesce. Dal mercato
del pesce prendete la Via San Pirisio fino alla chiesa di
San Francesco, che custodisce la tomba di Pietro,
figlio di Dante.
Da qui vale la pena fare una breve passeggiata fino alla
Porta San Tommaso, dove potrete godere di un
magnifico panorama delle Alpi.
64

2014

Veneto Ebook

Tornate sulla Via Filippini ed di imboccate la Via


Roggia probabilmente una delle pi belle strade di
Treviso con numerose case pittoresche e suggestive
piazze.
Gli appassionati di cultura dovrebbero fare ora una
scappatina al Museo Luigi Bailo, dove sono esposti i
dipinti di famosi artisti veneziani. Per tornare al punto
di partenza, prendete il Viale Cesare Battisti.

65

2014

Veneto Ebook

BELLUNO
Citt interessante oltre che per la sua collocazione
geografica anche per limpianto urbano, ha ospitato
importanti artisti come Andrea Brustolon, Sebastiano
Ricci e Giovanni De Min. Tra i punti importanti
culturalmente il Duomo, i palazzi che si affacciano su
piazza Duomo tra cui il palazzo dei Rettori, le porte
cittadine, ancora conservano, la chiesa di San Pietro,
la gotica chiesa di Santo Stefano, Via Mezzaterra e le
vie caratteristiche di borgo Piave.

66

2014

Veneto Ebook

Itinerario
La piccola citt, che gode di una posizione favolosa,
pu essere facilmente e rapidamente scoperta a piedi:
per visitare
Belluno ed i suoi luoghi pi belli, impiegherete circa
due ore.
Il nostro itinerario attraverso il centro citt di
Belluno inizia nella Piazza dei Martiri lungo i
porticati fino a raggiungere il teatro.
Una volta arrivati in Piazza Vittorio Emanuele I;
girate a destra della Porta Dojona con i suoi
stupendi palazzi.
Imboccando la Via Cipro, raggiungerete il Palazzo
della Crepadona con il suo museo da qui vi
separano solo pochi passi fino alla Torre Civica.
Prima di dirigervi verso il duomo, fate un salto in
Piazza delle Erbe e tornate sulla Via Duomo fino alla
Piazza del Duomo. Se avete abbastanza tempo a
disposizione, potete anche visitare il Museo Civico.
Dopo un ampio giro nel duomo e nel Palazzo dei
Rettori, raggiungerete attraverso Piazza Castello il
punto di partenza in Piazza dei Martiri.

67

2014

Veneto Ebook

CITTA' MURATE
Importante la testimonianza delle citt murate nel
territorio veneto, che contraddistinguono un' epoca
storica segnata da esigenze difensive. Alcune di queste
citt, hanno anche un importante valore artistico,
come Castel Franco Veneto, nella quale si possono
trovare la casa natale del Giorgione e alcune sue opere
del Duomo.
Provincia di Belluno: Feltre
Provincia di Padova: Cittadella, Montagnana
Provincia di Treviso: Asolo, Castelfranco Veneto,
Oderzo, Treviso
Provincia di Venezia: Noale
Provincia di Verona: Peschiera Del Garda
Provincia di Vicenza: Bassano del Grappa,
Marostica.

68

2014

Veneto Ebook

VALLE DEL MIS


Uno dei parchi nazionali pi belli e meno sfruttati,
vale a dire il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.
Nella Valle del Mis, a pochi chilometri da Belluno, il
torrente Brentn ha scavato delle particolarissime
cavit naturali, dette dagli esperti marmitte di
evosione ma conosciuto qui in zona da tutti come i
cadini, cio i catini. Una volta risalito il lago del Mis
lungo la strada fino alla localit Gena Bassa parte un
sentiero, recentemente sistemato e attrezzato dall
Ente Parco, per accedere a queste spettacolari cavit
piene di fresca acqua zampillante.
Ad aver creato questa particolare forma di erosione ha
sicuramente contribuito la posizione fisica, infatti i
cadini vengono raggiunti dal sole per poche ore al
giorno durante la bella stagione e mai in inverno; ci
favorisce il ristagno di aria fresca e umida favorevole
all inversione della vegetazione. Qui infatti troviamo
piante quali il rododendro e il pino mugo,
normalmente presenti a quote pi alte.

69

2014

Veneto Ebook

COLLI EUGANEI
La vallata tra i Colli Euganei e i Monti BERICI, molto
ricca di reperti storici, archeologici e anche
importante dal punto di vista naturalistico. I Colli
Euganei infatti risultano abitati gi nel Paleolitico e
possono vantare nei secoli una continuit di presenza
umana, anche quando le circostanti zone di pianura,
spesso paludose, vennero abbandonate. Non a caso
intorno a ESTE si svilupp la civilt degli Euganei
prima e dei Veneti Antichi poi, a testimonianza del
fatto che ci troviamo in una parte di Veneto dal cuore
antico. Oggi i Colli Euganei rappresentano una forte
attrattiva anche dal punto di vista dei prodotti tipici
naturali, che vanno dai vini tipici, allolio, al miele, al
prosciutto e ai formaggi .

70

2014

Veneto Ebook

GROTTE DI OLIERO
Lungo il corso del brenta, sulla sponda opposta
rispetto alla superstrada BASSANO-TRENTO in
localit VALSTAGNA sono queste grotte di origine
Carsica dal momento che ricevono lacqua
direttamente dall Altopiano di Asiago, vale a
dire1000m pi in alto. Inaccessibili per secoli all
uomo, danno la possibilit di entrare nellaffascinante
mondo delle STALLATITI, stalagmiti, oscurit, acqua
vorticosa. Si entra accompagnati da guide a bordo di
una barca illuminati da fiochi lumini.

71

2014

Veneto Ebook

IL CANSIGLIO
La foresta del Cansiglio lantica riserva di legno da
remi della Repubblica di Venezia. Per questo motivo
questi boschi sono sempre stati tutelati nei secoli se
qualcuno prelevava del legname di frodo veniva
puntualmente punito; inoltre lo sviluppo turistico si
qui limitato in modo da mantenere le originali
caratteristiche agropastorali del territorio.
Regione Veneto e Unione Europea che hanno fatto s
che molte malghe venissero restaurate e tenute in
funzione; sono avviate precise iniziative si
salvaguardia delletnia dei Cimbri del Cansiglio,
Antica popolazione di origine germanica che abita
nelle montagne venete da sette secoli, precisamente
nellAltopiano di Asiago dal 1300,territorio da cui agli
inizi dell Ottocento un gruppo di Cimbri part per
stabilirsi qui nel Cansiglio.

72

2014

Veneto Ebook

MONTI BERICI
Alla scoperta dei Monti BERICI. Si tratta di dolci
colline situate immediatamente a sud di Vicenza,
hanno mantenuto la loro ben precisa identit storica e
naturalistica, due mete, il lago di FIMON; la seconda
meta invece dedicata a tutti quelli che sono stanchi
di traffico e stress e desiderano fare un salto nel
passato, vale a dire nel borgo rurale di CALTO.
Nel lago di FIMON, in comune di ARCUGNANO,
possibile passeggiare,prendere il sole,fare un giro in
barca, mentre nel borgo rurale di CALTO di
ZOVENCEDO c la possibilit di vedere ancora forni
a legna comunitari, mulini ruotanti, posti per le
lavandaie, vecchi attrezzi rurali appesi,toccare con
mano la vita contadina comera presente in buona
parte del Veneto a pochi decenni fa.

73

2014

Veneto Ebook

LE TRE CIME DI
LAVAREDO
Questo itinerario ci permetter di toccare da vicino la
vita delle genti di montagna e la loro storia, spesso
dura e difficile, soprattutto durante i periodi che
hanno visto questi luoghi trovarsi proprio lungo la
linea del fronte della Grande Guerra. A VINGO di
Cadore avremo la possibilit di visitare un vero
villaggio alpino, uno dei pochi rimasti, questo paesino,
che offre splendidi panorami e numerosi TABIA in
legno ben rifiniti, oggi in buona parte disabitato. Da
qui possiamo tornare a TAI di Cadore e salire verso
AURONZO e MISURINA, oppure proseguire fino a
Cortina, celeberrima stazione turistica, per prendere
la Strada del Passo Tre Croci: una volta superato il
passo si scende anche qui a MISURINA.

74

2014

Veneto Ebook

VALLE AVERTO
Lungo la S. S. 305 romea, allaltezza di Luogo oasi
gestita dal WWF propone un itinerario allinterno
della natura e della cultura della laguna. Comprende
un museo all aperto delle valli venete nel quale
ammirare esempi di barche e attrezzi usati dai
pescatori della laguna. D possibilit di conoscere le
principali tipologie di alberi e farfalle e di provare
lemozione del BIRD WATCHING.

75

2014

Veneto Ebook

MULINI DI STALIS
Al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, nel
comune di Gruaro lungo il corso del fiume Lemene, si
puo' visitare una splendida copia di mulini con ruota
funzionante conservati in maniera eccezionale che
risalgono al 1400.
Interessante scoprire il funzionamento del mulino e la
sua funzione in un atmosfera medievale .Consigliata la
visita al museo adiacente per capire la complessit del
mestiere e gli strumenti utilizzati.

76

2014

Veneto Ebook

OASI DI CERVARA
Pochi Km a ovest di Treviso all' interno del parco
reginale del fiume Sile , uno degli ultimi esempi
rimasti di area umida di risorgiva pochi km pi a valle
dei ''Fontanassi'' dove nasce il Sile, il pi lungo fiume
di risorgiva di Europa. L'oasi ospita un mulino,
vegetazione molto particolare, numerose specie di
piante palustri,uccelli e rettili d'acqua dolce e un
giardino botanico dove sono state inserite e descritte
le piante pi rare.

77

2014

Veneto Ebook

LONGARONE
Nel territorio bellunese, poco dopo la stretta di Ponte
delle Alpi,si giunge a Longarone. La localit ora una
cittadina moderna e all infuori della sede municipale,
Palazzo Mazzol del 1797, e di alcune rarissime
abitazioni scampate al disastro della diga del Vajont,
tutto frutto della recente ricostruzione. Se nel
dirigerci a Longarone anzich lautostrada abbiamo
scelto la statale proveniente da Vittorio Veneto non ce
ne pentiremo: salita nel Fadalto prima, e panoramica
sul lago di Santa Croce, poi, ci premieranno. Immersi
nel verde passeremo per Cadola per giungere infine a
Ponte nelle Alpi. Qui il panorama si apre lasciandoci
per intravedere in fondo a destra il Monte Toc alto
1921 m.

78

2014

Veneto Ebook

MONTE GRAPPA
Nella parte centrale delle Prealpi Venete, tra le
Province di Treviso, Belluno e Vicenza si estende il
massiccio del Grappa, rilievo che giunge fino ai 1775 m
dell ossario con il rifugio Bassano. Aspetti storici e
della memoria oltre che di osservazione del panorama
e della natura , accompagnano lesplorazione dei
cunicoli e delle gallerie in un ambiente prealpino
selvaggio e di rara bellezza.

79

2014

Veneto Ebook

SUSEGANA
Nei pressi di Conegliano nel comune di Susegana,
esiste il castello dei Conti Collalto.
Itinerario tra storia e natura per scoprire ponti levatoi,
monti,torri,armature e corazze mentre la guida spiega
la storia di questa nobile famiglia.
Usciti dal castello
alberi,vigneti, pascoli.

un

80

ridente

panorama

di

2014

Veneto Ebook

GASTRONOMIA

81

2014

Veneto Ebook

La tradizione culinaria veneta si basa sulla sapienza


antica abbinata alla capacit di legare i sapori del
territorio con le novit che di volta in volta gli eventi
storici hanno introdotto nella regione. Granturco ,
riso, fagioli, patate, baccal e un 'infinit di verdure
di stagione sono gli ingredienti fondamentali della
gastronomia veneta e molti di essi sono giunti in
questa regione grazie ai contatti con i paesi
confinanti,ai
commerci
internazionali
della
repubblica della Serenissima insieme alle leggi, ai
costumi, alle tecniche, alla lingua, la Serenissima
influenz decisamente, nei territori che furono
soggetti o meglio che protesse e vivific col suo buon
governo, anche la gastronomia. per quanto il
popolino lo chiamasse ''turco'', cio straniero, quel
grano che dall' 'ora fu detto appunto granturco,
divenne l' alimento base di tutto il Veneto e lo
tuttora. E all'influsso degli Austriaci durante
l'occupazione della regione. Il baccal protagonista
della tavola, ruvido e modesto cibo popolare che in
Veneto giunge a vette di prelibatissima perfezione. Si
tratta ancora di cibo forestiero perch il merluzzo
non poteva certo attecchire in laguna, ma la
Serenissima ne faceva arrivare nel suo porto
quantit ragguardevoli che poi prendevano la strada
dell' interno per essere cucinati in molte variet. Va
chiarito tuttavia che, nonostante il nome che qui
82

2014

Veneto Ebook

assume, si tratta di stoccafisso, cio di merluzzo


essiccato e non sotto sale. Il vero baccal, i veneti lo
chiamano ''bertagnin''. Delle varie ricette, quella
vicentina certo la pi celebre, anche se il massimo
traguardo raggiunto per molti buongustai dal
baccal mantecato, specialit di Venezia. Prepararlo
una faccenda lunga: dopo esser stato scottato in
acqua bollente, spellato e diliscato, il merluzzo viene
sminuzzato in piccole scaglie che vanno sbattute col
mestolo di legno aggiungendo via via olio d' oliva: ed
eccolo ''montare'' come uno zabaione, trasformandosi
in una soffice spuma che andr ancora messa al
fuoco in modo da diventare perfettamente fluida e
omogenea. Il migliore accompagnamento per questo
trionfo del baccal la polenta: pu essere a fette
abbrustolite o, nella versione alla vicentina, ben
calda e morbida, appena fatta. In questo piatto
raggiunge la sua massima espressione, forse, una
caratteristica propria di tutta la cucina veneta.

83

2014

Veneto Ebook

RICETTE VENETE
Dal punto di vista degli ortaggi, il Veneto vanta ben 7
prodotti identificati dai marchi di tutela: il Radicchio
(quello Rosso di Verona, quello Rosso di Chioggia,
quello variegato di Castelfranco Veneto, quello Rosso
di Treviso). Tutte le variet dei radicchi
appartengono alla famiglia delle Composita. Cresce
in altezza e sviluppa un fiorellino di un intenso colore
blu-violetto, quasi una piccola stella. Produce il seme,
la cui raccolta avviene 50-60 giorni dopo la fioritura.
Ancora oggi sono numerosi gli agricoltori che
coltivano nella propria azienda le piante da seme
individuando le variet pi adatte a esaltare il
proprio Radicchio.

Ricetta Ripieno Al Radicchio:


600g di radicchio Trevigiano, una cipolla,
besciamella, parmigiano grattugiato,vino bianco
secco, sale, pepe.
Affettate finemente la cipolla; lavate accuratamente il
radicchio e affettatelo in striscioline sottili, quindi fate
appassire cipolla e radicchio in un tegame insieme con
qualche cucciata dolio. Spruzzate la verdura con vino
bianco, salate, spolverate con una manciata fresca di
pepe e abbassando il fuoco, proseguite con la cottura

84

2014

Veneto Ebook

per altri 10 minuti. Preparate la besciamella, e


amalgamatene met al radicchio stufato. Con il
composto ottenuto farcite crepes che ripiegherete pi in
e disporrete in una pirofila imburrata in modo che si
sormontino leggermente luna allaltra. Condite la
superficie delle crepes con il resto della besciamella
condita con una spolverata di parmigiano grattugiato
e qualche fiocchetto di burro quindi lasciate gratinare
in forno caldo. Gli asparagi (tra cui i pi famosi sono
quelli di Bassano e di Cimadolmo).
Ricetta risotto con asparagi:
300g di riso, 300g di asparagi di Bassano, di
cipolla tritata, 50g di burro, 50g di parmigiano
grattugiato, un bicchiere di vino bianco secco, brodo
di manzo, sale e pepe.
Mettere nel tegame met del burro con la cipolla
tritata. Lavare gli asparagi, eliminare la parte pi
dura del fondo, tagliarli a pezzetti e versarli nel
tegame; salarli e cuocerli lentamente per 30/40
minuti aggiungendo se necessario un po di brodo.
Versate il vino bianco, farlo evaporare e calare il riso
irrorandolo via via di brodo e mescolando lentamente
per circa 15 minuti. A fine cottura aggiungere, il burro
il parmigiano, una spolveratina di pepe e lasciare che
si amalgami il tutto prima di servire. I fagioli,

85

2014

Veneto Ebook

soprattutto quelli di Lamon, nel Bellunese, elemento


fondamentale per la tipica pasta e fasioi.

Ricetta Pasta E Fagioli


250g di fagioli borlotti gia cotti, mezza costa di
sedano, mezza carota, 1 scalogno, 1lt di brodo vegetale,
2 cucchiai di olio extravergine di olive, 2 spicchi
daglio, timo, origano, maggiorana, 4 foglie di salvia,
sale, 120g di pasta, 4 rametti di prezzemolo, pepe nero
macinato al momento.

Baccal Alla Vicentina


700g di baccal, 3/4 l di latte, 1 cipolla, 2 spicchi d'
aglio, 5 acciughe, 3 cucchiai di farina, 50g di
parmigiano grattugiato, un pizzico di cannella, 2
chiodi di garofano, 2 cucchiai di prezzemolo tritato,
vino bianco, 1 cucchiaio di bicarbonato, 50g di burro,
1 bicchiere di olio extravergine d' oliva, sale, pepe.
Mettere il baccal secco in ammollo per 3 giorni in
una pentola d' acqua con un cucchiaio di bicarbonato.
Scolatelo, liberatelo dalle lische e dalle squame e
bagnatelo a pezzi mettendolo in una terrina;insaporito
con sale, pepe,cannella e chiodi di garofano. Infarinate
i pezzi di baccal e poneteli su una teglia da forno
spolverandolo con un manciata di parmigiano. In un
tegamino rosolate nell' olio un trito di cipolla e aglio,
unite un trito di acciughe e prezzemolo, bagnando il
86

2014

Veneto Ebook

tutto con un po' di vino bianco secco. Lasciato


evaporare e poi aggiungete il latte caldo e il burro a
pezzetti. Versate la salsa ottenuta sopra il baccal e
mettere il tegame sul fuoco come prender il bollore,
passate la teglia in forno fino a quando si sar ristretto
in condimento. Il segreto per la buona riuscita di
questa ricetta, sta in una cottura molto lenta. Servito
con una buona polenta fumante.

87

2014

Veneto Ebook

LA POLENTA VENETA
Lunico alimento a tornare un po ovunque nella
regione, seppure con le debite differenze di
preparazione, la polenta. Per i veneti la polenta la
forma naturale di utilizzare il cereale di base, e
infatti non sono gran mangiatori di pane, bench ne
abbiano di ottimo. La si pu incontrare per esempio
sui piatti di pesce (lungo tutto il litorale Adriatico),
insieme ai salumi tipici e alle verdure (nelle
campagne), cotta nel vino (a Verona), mantecato col
burro oppure impastata a gnocchi (in montagna),con
carni bianche e rosse alla griglia (nelle zone collinari).
Per il resto assomigliarsi nei piatti veneti sono luso di
ingredienti poveri e i sapori non particolarmente
forti: la cucina veneta unisce nello stesso tempo
semplicit e suggestione, genuinit e sontuosit,
evidenziando soprattutto il piacere delle piccole cose.
Nel Veneto si trovano grandi produzioni di
barbabietole da zucchero, frumento ma soprattutto
mais. Estato per lungo tempo un elemento essenziale
nellalimentazione veneta, soprattutto con il suo piatto
simbolo, la polenta. Ma non dimentichiamo le grandi
produzioni di riso Vialone nano , una tipicit veronese
riconosciuta dal marchio IGP.

88

2014

Veneto Ebook

Il Mais Da Polenta
Si chiama Maranelo questa variet di mais selezionata
a Marano Vicentino ed una rari del cereale, e ancora
oggi viene comunemente giudicata tra le migliori per
la produzione di farina da polenta.Le caratteristiche
della granella, se ben macinata e una giusta cottura ne
fanno un prodotto unico. E per recuperare una variet
che rischiava di essere persa, nato il Consorzio Mais
Marano. Impegnato tra laltro nella lotta a ogni
manipolazione genetica del mais. Attenzione: questa
farina si pu acquistare, per la sua genuinit e il breve
tempo di conservazione, solo da dicembre a tutto
marzo, presso le aziende associate al Consorzio Tutela
Mais Marano.

Polenta Pasticciata Alla Veneta


INGREDIEDI PER 6 PERSONE
800g di pomodori pelati, 500g di farina gialla, 500g
di vitellone tritato, 100g di fegatini di pollo, 80g di
funghi secchi, 80g di parmigiano, 60g di burro, 1
bicchiere di vino bianco secco, un pezzo di carota, 1
gambo di sedano, di cipollina, 2 cucchiai di olio, 1
cucchiaio di prezzemolo tritato, 2 l di acqua, sale,
pepe.
In un paiolo preparate la polenta, versando a pioggia
la farina in 2 l di acqua bollente salata. Appena sar
89

2014

Veneto Ebook

pronta versatela in un piatto da portata rotondo e


lasciatela raffreddare.
In una casseruola fate soffriggere la cipolla, la carota,
il prezzemolo e il sedano tritati, con olio e una noce di
burro; quando le verdure saranno dorate unitevi la
carne trita e fatela rosolare bene.
Bagnate con il vino e fate evaporare, aggiungetevi i
pelati passati al passatutto, e cuocete a fuoco basso per
circa 1 ora.
Fate rinvenire i funghi secchi in acqua tiepida
tagliateli grossolanamente, fateli insaporire in una
padellina con un pochino di olio e un pizzico di sale.
Uniteli quindi al rag. Nettate e lavate i fegatini di
pollo e tagliateli a fettine. Metteteli a rosolare in una
casseruola con una noce di burro e un pochino di sale
e, quando saranno cotti, toglieteli dal fuoco e teneteli
in attesa al caldo. Ungete una teglia da forno, coprite il
fondo con uno strato di fette di polenta, conditele con
il sugo di carne, spolverizzatele con una manciata di
parmigiano grattugiato e aggiungetevi i fegatini di
pollo: fate tanti strati quanti ne permettono gli
ingredienti. Ricoprite lultimo solo con il sugo, mettete
la teglia in forno caldo a 200C e fate cuocere per 35
minuti.

90

2014

Veneto Ebook

Polenta E Seppie
Ingredienti: 1 kg. di seppie - aglio- prezzemolo - olio
di oliva salsa di pomodoro concentrata aceto
sale pepe.
Pulire le seppie, togliendo loro le interiora, gli occhi, la
bocca, la pellicina esterna ed anche il sacchetto dell
umore nero che va per conservato da parte. Tagliare
le seppie a pezzetti, dopo averle lavate sotto acqua
corrente. Preparare un soffritto di olio ed aglio, quest
ultimo va tolto non appena diventa dorato, lasciarlo
intiepidire prima di calarvi le seppie questo per evitare
che il pesce perda la sua morbidezza. Salare un
pochino, pepare, aggiungere un cucchiaio di salsa di
pomodoro diluita in acqua i sacchetti dell umore nero
e un cucchiaio di aceto.
Cuocere a fuoco lento per 45 minuti. Il pesce pronto
quando tutta la sua acqua si completamente
consumata. Questo piatto va accompagnato,
tradizionalmente, con polenta gialla appena
raffreddata o abbrustolita. Secondo altre varianti si
pu aggiungere al pesce in fase di cottura anche una
manciata di prezzemolo fresco, ben tritato, mentre si
pu eliminare l aceto o sostituirlo con un bicchierino
di vino bianco secco.

91

2014

Veneto Ebook

Dalle influenze straniere e dallincredibile fertilit e


produttivit del territorio nascono le pi famose
ricette venete:il baccal mantecato (lo stoccafisso del
nord reso cremoso e delicato), le sarde in saor (le
tipiche sardine mediterranee preservate con aceto e
cipolle, una delle ricette venete pi antiche),i risi e
bisi ( forse il piatto pi tipico di Venezia), il fegato
alla veneziana, la passtissada de caval,la polenta e
osei (piccoli uccelli delle campagne), il gran bollito
padovano(tutte le carni tipiche delle corti padovane),
il tiramis, il risotto polesane moltissime altre ancora

Fegato Alla Veneziana


700g di fegato di vitello, 700g di cipolle bianche,latte
oppure aceto,prezzemolo, burro,olio extra vergine di
oliva,sale.
Mettete a marinare il fegato tagliato a listarelle nel
latte(oppure in acqua e aceto)per almeno unora.
Tagliate le cipolle a fettine fatele appassire molto
lentamente in burro e olio. Aggiungete le listarelle di
fegato sgocciolandole dalla marinata di latte (o di
aceto) e fatele cuocere a fuoco vivo per qualche
minuto. Salate verso fine cottura,spolverate con
prezzemolo tritato.
92

2014

Veneto Ebook
Sarde In Saor

600g di sarde fresche,50g di pinoli,50g di uvetta


sultanina ammollata in acqua tiepida, 300g di
cipolle,farina bianca, un quarto di litro di aceto,una
dozzina di cucchiai dolio, sale.
Squamate le sarde, togliete la testa, le interiora e la
lisca centrale, lavatele e asciugatele.
Fate scaldare l olio in padella, friggetevi le sarde
leggermente le sarde, scolatele e disponetele su un
piatto grande o in una terrina, salatele. Scolate lolio
rimasto, per togliere leventuale farina sul fondo,
rimettetelo in padella (pulita con un tovagliolo di
carta) e friggetevi piano le cipolle affettate: quando
saranno leggermente imbiondite, versate laceto, l
uvetta scolata e i pinoli.
Salate, bollite per qualche minuto e versate il tutto
sulle sarde. Coprite e lasciatele riposare almeno24 ore
in luogo fresco, ma non in frigorifero.

Sbrisolona
200g di farina di frumento, 200gdi farina di mais
fine, 200g di mandorle, 150g di zucchero,120 g di
burro, 100 g di strutto, 2 tuorli duovo, 1
limone,zucchero a velo, vanillina, sale.

93

2014

Veneto Ebook

Sbucciate le mandorle tuffandole in acqua


bollente,quindi asciugatele e tritatele. Sul piano di
lavoro a fontana le farine mescolate fra loro e nel
centro mettete lo zucchero,le mandorle tritate,i
tuorli,la buccia grattugiata del limone,un pizzico di
sale e uno di vanillina. Mescolate bene fra loro gli
ingredienti, per riformare la fontana e nel centro
mettete il burro fatto ammorbidire e lo strutto e
impastate tutto. Non riuscirete a ottenere un impasto
compatto, limportante per che i singoli ingredienti
si amalgamino bene tra loro.
Distribuite la pasta in una tortiera unta e infarinata
sbucciandola con cura e formando uno strato
uniforme; prima di infornare battete lo stampo sul
piano di lavoro in modo da togliere eventuali spazi
vuoti che si potrebbero formare allinterno della pasta.
Fate quindi cuocere in forno caldo per circa unora,
lasciate raffreddare e servite spolverizzando con
zucchero a velo.

94

2014

Veneto Ebook

Ma il Veneto ''sono pure i bacari '', le vecchie osterie


veneziane, con i loro ''cicchetti'' - ''stuzzichini'' vari:
folpetti, uova, formaggi, tardine ...- e la cosiddetta
ombra di vino; le trippe, il formaggio Asiago; ( tra i
formaggi,il pi celebre l' Asiago, che prende il nome
dall' altopiano dove principalmente si produce a
pasta dura e semidura, da grattugia e da tavola; un
antichissima prodotto della casearia veneta; gi al
tempo della Serenissima veniva esportato in diversi
paesi del Mediterraneo). Dolci
quali i galani e le
frittelle di carnevale, la pinza e altri la cui fama e
produzione hanno valicato i confini regionali come il
pandoro di Verona.

95

2014

Veneto Ebook

VINI E GRAPPE
Le fasce collinari, le dolci pianure e le larghe valli
caratterizzano la grande zona di produzione dei vini
veneti che si espandono dalle sponde gardesane alla
marca trevigiana, con localit note proprio per il buon
vino: Soave, Valpolicella, Valdobbiadene.
Ai giorni nostri, il Veneto il pi gran produttore
di vini in Italia, concentrando i numeri maggiori
nelle province di Verona e Treviso. Molti sono i
vitigni coltivati: a bacca bianca citiamo il Prosecco, il
Moscato bianco il Sauvignon, il Verduzzo, il
Chardonday, il Pinot bianco e il Vespaiolo; a
bacca rossa il Carbenet, il Merlot, il Tocai rosso,
la Corvina, la Molinara,la Rondinella,il Friulano
e il Raboso. Con quest enorme produzione,la
disponibilit di vinacce fresche non manca,facendo del
Veneto anche il primo produttore di grappa in
Italia. Infatti dire Veneto dire anche grappa, un
distillato di vinacce ad alto grado etilico di cui
Bassano del Grappa (VI) e Conegliano (TV)
rappresentano di sicuro i regni incontrastati.
Un discorso a parte merita la pregiata produzione di
vini, che qui raggiunge tra i livelli qualitativi e

96

2014

Veneto Ebook

quantitativi pi elevati di tutta la penisola Non a


caso la pi grande esposizione in Italia per il mondo
vitivinicolo quella che si tiene ogni aprile a
Verona e che si chiama Vinitaly.

Tagliata Al Vino E Aromi


TEMPO DI PREPARAZIONE E COTTURA: 30
MINUTI
DIFFICOLT: NESSUNA
PER PORZIONE: CALORIE 335
DOSI PER 4 PERSONE
INGREDIENTI:
600 g di costata di manzo senzosso oppure 1 kg con
losso
2 cucchiai di olio extravergine doliva
1 spicchio daglio
60 g di burro
1 cucchiaino di farina
1 bicchiere di vino bianco
1 piccola cipolla
1 bicchiere di brodo di carne o un dado
qualche rametto di rosmarino, salvia, timo e
maggiorana
sale pepe
carta da forno

97

2014

Veneto Ebook

I consigli
Togliate la carne dal frigorifero mezzora prima di
cuocerla, altrimenti resta fredda allinterno. Ungete la
costata pochissimo, quel tanto che serve per evitare
che si attacchi alla carta e non salatela prima della
cottura per averla poi pi morbida: non bisogna
esagerare mai con il condimento, ma usarlo con
discrezione. Per girare la costata usate due cucchiai
invece delle forchette per evitare di forarla, altrimenti
la carne perderebbe i suoi succhi. Non cuocetela
troppo, ricordatevi che allinterno deve rimanere
rosata.

Quale vino abbinare?


LAmarone della Valpolicella, il Bagnoli Cabernet e il
Bardolino superiore, tre ottimi vini veneti in
abbinamento ad un piatto dal sapore
decisoConsultatene di seguito le caratteristiche.
LAmarone della Valpolicella viene prodotto in diversi
comuni della provincia di Verona. Vuole un periodo
minimo di invecchiamento di 2 anni a partire dal 1
gennaio dopo la vendemmia. consigliato in
abbinamento a carni rosse, selvaggina. Ha colore
rosso granato piuttosto carico, odore di frutta matura,
confettura di amarena e di lamponi. In quelli pi
affinati si possono percepire anche sentori speziati.

98

2014

Veneto Ebook

Il sapore vellutato caldo asciutto. La gradazione


alcolica minima di 14.
Il Bagnoli Cabernet viene prodotto in Veneto in
particolare in provincia di Padova, un vino tutto
pasto, dal colore rubino intenso al granato o al
mattone con linvecchiamento. Ha odore vinoso tipico
intenso se invecchiato, sapore pieno erbaceo,
gradazione alcolica minima 11.
Il Bardolino superiore un vino veneto, prodotto in
provincia di Verona, in zone di antica tradizione.
anche un vino tutto pasto, dal colore rubino chiaro al
cerasuolo e al granato con linvecchiamento, ha odore
vinoso con leggero profumo delicato, sapore asciutto
sapido leggermente amarognolo armonico sottile,
gradazione alcolica minima 11,5.

99

2014

Veneto Ebook

PROVERBI E
SAGGEZZA
CONTADINA

100

2014

Veneto Ebook

Sul tempo, sui mesi e sulle stagioni che condizionano


il lavoro della terra.
Proverbi in dialetto veneto.

ZENARO

1.

Se zenaro no f el giasso, Febraro f il pajasso

2. Chi vol un bon ajaro lo pianta a Zenaro


3. Gran fredo de Zenaro se incolma el granaro
4. I ultimi de Zenaro sentat sol fogolaro
Sfaliva e
fredo che spuncia fredo ,
po bele zornae
nuvolo
giasarlla
101

2014

Veneto Ebook

poca piova
paciorin
mezo seren
bea mattina
e sera calivera
continua el calivo
paciughetto

FEBRARO

1. VENETO DAL CANTON DE LE ATOLE


Borin
bavela par le siese
frescolin da bruscar
tempo che se mua
paltan cof col

102

2014

Veneto Ebook

pacioco par i trosi


broson broseta
sirocheto
2. Par S.Matia (24
febbraio) la neve
para via
3. Febraro vien co' la
tempesta el va col sol

MARSO

Sol straco
ventasso
mataran
tonesea
l'aria

103

2014

Veneto Ebook

se descrudisse
vento mostrigna
quatro giossi
par le gombine
sol de puina
pastori che
torna in

montagna
seren de note
nuvoloni
matina e sera
un bigolo de
vento
il tempo d su
el sol scaldussa

104

2014

Veneto Ebook

Marso sventolr formento in granr

1. Marso mato no ga un d come un altro

APRIL

April unora el pianze, unora el ride


1. Da S. Giorgio (23 APRILE) se semena lorzo
2. Lacqua de aprile, fromento sol barile
3. Da San Marco le vigne butta larco

105

2014

Veneto Ebook

Fumarioi in
lontananza
caldeto
refoli de vento
sol che fa l'oceto
raquante spiovae

IL MAIS
A S. Joani la biava cres, A S. Giovanni il
mais cresce,
in Luio fioris, in luglio fiorisce,
a Setembre maduris, a settembre matura,
e in Otobre la magnariss e ad ottobre la mangerei
se lparon me la lasariss, se il padrone me la lasciasse.

106

2014

Veneto Ebook

MAJO

Zorni
solarioli
tempo
in balansa
toni lontani
cielo lustro
el buleghea
piovesina
per le erbete
fumarioi in
lontananza
refoli de
vento nuvoloni
107

2014

Veneto Ebook

1. Majo ridente. fa allegra la


salute.
2. Majo fresco, fava e
frumento.
3. A S. Pelegrin (5 maggio)
poca paglia e poco vin
4. Par S.Urban e il frumento
xe fato gran.

GIUGNO

Rinfresca
caldo suto
tempo che vien
su dal mar
come che fassa,
trova vissinei da
108

2014

Veneto Ebook

Casacorba
arieta, pioveta che
sgionfa el quego
russa la mare de S.Piero.

1. Se piove di S. Desiderata, casca la ua e resta la grata.


2. Se far bello a S. Luigino (23 giugno) far caldo a
S. Paolino ( 29 giugno).
3. Finch giugno no se a lotto, non cavarte il
cappotto.

109

2014

Veneto Ebook

110