Sei sulla pagina 1di 2

Matteo Carcassi - Wikipedia

http://it.wikipedia.org/wiki/Matteo_Carcassi

Controllo di autorit VIAF: 74116223 (http://viaf.org/viaf/74116223) LCCN: n81014469 (http://id.loc.gov/authorities/names/n81014469)

Matteo Carcassi
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Matteo Carcassi (Firenze, 1792 Parigi, 16 gennaio 1853) stato un chitarrista e compositore italiano. Inizia giovanissimo lo studio della chitarra, divenendo, a partire dal 1810, celebre concertista. Si stabilisce, riscuotendo grande successo, a Parigi (1816 ca.), citt che dal 1822 frequentemente lascia per compiere tourne in Italia, Inghilterra e Germania. Le sue prime pubblicazioni escono nel 1820, e nel 1836 il suo Mthode complte pour la Guitare op.59 inizia a circolare nella capitale francese riscuotendo molti consensi. Nel 1835 Carcassi ritorna stabilmente in Italia, e alterna l'attivit concertistica a quella didattica. Muore a Parigi il 16 gennaio 1853.
Indice 1 Composizioni 2 Bibliograa 3 Altri progetti 4 Collegamenti esterni

Matteo Carcassi

Composizioni
Le composizioni di Carcassi si caratterizzano per l'uso frequente di posizioni alte sulla tastiera, per l'utilizzo di una vasta gamma di effetti chitarristici e per una particolare cura riservata alla linea melodica. Peculiarit, quest'ultima, che ha come risvolto un minor interesse per gli aspetti polifonici. Probabilmente la sua produzione non al livello di quella dei due massimi compositori per chitarra di questo periodo, Fernando Sor e Mauro Giuliani, ma senza dubbio il compositore orentino ci ha lasciato lavori imprescindibili dal punto di vista didattico. Tra questi si ricordano il Metodo op. 59, tuttora utilizzato, Sei Capricci op. 26, e soprattutto i Venticinque studi melodici e progressivi op. 60, non eccessivamente impegnativi e di livello musicale elevato, che sviluppano tutti gli aspetti della tecnica chitarristica dell'epoca (scale semplici e doppie, arpeggi, legati, abbellimenti, ecc.) Di grande virtuosismo sono invece le Fantasie (Op.33-38), costruite secondo una moda dell'epoca (vedi anche le Rossiniane di Giuliani) su motivi operistici, prevalentemente di Rossini (n2 Il Conte Ory e n4 Guglielmo Tell) e Auber (n1 La muta di Portici e n5 Fr Diavolo).

Bibliograa
Mauro Mariottini - Matteo Carcassi: un aggiornamento bio-bibliograco, "Il Fronimo", ottobre 1999. Mario Dell'Ara - Catalogo delle opere di Matteo Carcassi, "Il Fronimo", ottobre 1999.

Altri progetti
Commons (//commons.wikimedia.org/wiki/Pagina_principale?uselang=it) contiene immagini o altri le su Matteo Carcassi (//commons.wikimedia.org/wiki/Matteo_Carcassi?uselang=it)

Collegamenti esterni
Una buona versione dei Venticinque studi op. 60 si trova alle pagine eythorsson.com (http://www.eythorsson.com/en/Music.aspx?author=Matteo+Carcassi) e http://www.gitarrenschule-

1 di 2

11/02/14 16:49

Matteo Carcassi - Wikipedia

http://it.wikipedia.org/wiki/Matteo_Carcassi

biebertal.de/ (cliccando sulla voce Guitar scores/Notenarchiv). Il download gratuito. Alla pagina http://www.delcamp.net/auteurs/en/3_classique/carcassi_en.html si possono scaricare gratuitamente gli studi 1,3,6,11,14 tratti dall'op. 60 e si trova la bibliograa completa delle opere di Carcassi. La Biblioteca musicale di Stato svedese (http://www.muslib.se/ebibliotek/boije/Boije_c.htm) offre poi circa 70 numeri d'opera del compositore. Spartiti liberi di Matteo Carcassi su International Music Score Library Project Portale Biograe Portale Musica classica

Categorie: Chitarristi italiani Compositori italiani del XIX secolo Nati nel 1792 Morti nel 1853 Morti il 16 gennaio Nati a Firenze Morti a Parigi Compositori classici Chitarristi classici | [altre] Questa pagina stata modicata per l'ultima volta il 26 set 2013 alle 21:52. Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le Condizioni d'uso per i dettagli. Wikipedia un marchio registrato della Wikimedia Foundation, Inc.

2 di 2

11/02/14 16:49