Sei sulla pagina 1di 149

Dicembre 2013

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.2

Sommario
ANALISIDELTERRITORIO.........................................................................................................................................4
MONTERIFIUTI......................................................................................................................................................10
OBIETTIVI..............................................................................................................................................................17
MODELLODIRACCOLTA.........................................................................................................................................20
GENERALIT.....................................................................................................................................................................20
SCELTADEGLIAUTOMEZZI...................................................................................................................................................27
PARAMETRIDICALCOLOEDIMENSIONAMENTODEISERVIZIDIRACCOLTA............................................................31
CALCOLODEIQUANTITATIVI................................................................................................................................................31
VALUTAZIONEDELNUMERODIATTREZZATUREDASVUOTARE.....................................................................................................33
CALCOLODELNUMERODIAUTOMEZZITEORICO......................................................................................................................34
DEFINIZIONEDELNUMERODIAUTOMEZZIDIPROGETTO............................................................................................................39
DESCRIZIONEDEISERVIZIDIRACCOLTAEDORGANIZZAZIONEDELLAVORO...........................................................42
GENERALIT.....................................................................................................................................................................42
RACCOLTADELSECCORESIDUALE.........................................................................................................................................42
RACCOLTAFRAZIONEORGANICA...........................................................................................................................................45
RACCOLTAMULTIMATERIALE...............................................................................................................................................47
RACCOLTACARTA.............................................................................................................................................................49
RACCOLTAVETRO..............................................................................................................................................................50
RACCOLTACARTONE..........................................................................................................................................................52
RACCOLTAINGOMBRANTIRAEESFALCI..................................................................................................................................52
RACCOLTARIFIUTICIMITERIALI.............................................................................................................................................53
RACCOLTAPRESSOIPARCHICOMUNALI.................................................................................................................................55
RACCOLTAOLIVEGETALIESAUSTI..........................................................................................................................................55
RACCOLTAINDUMENTIUSATI..............................................................................................................................................55
ALTRISERVIZI........................................................................................................................................................56
RACCOLTAETRASPORTORIFIUTIABBANDONATI......................................................................................................................56
PULIZIADELLEAREEDIMERCATO..........................................................................................................................................56
PULIZIADELLEAREEINTERESSATEDAFESTEEMANIFESTAZIONI...................................................................................................57
LAVAGGIOSTRADE............................................................................................................................................................57
LAVAGGIOCARRELLATIECASSONETTI....................................................................................................................................57
RACCOLTADEIEZIONICANINE...............................................................................................................................................57
RACCOLTASIRINGHE..........................................................................................................................................................58
RACCOLTACARCASSEANIMALI.............................................................................................................................................58
SPURGOCADITOIEPOZZETTISTRADALI...................................................................................................................................59
SGOMBERONEVEESPARGIMENTOSALE.................................................................................................................................59
DERATTIZZAZIONE.............................................................................................................................................................60
DISINFEZIONE/DISINFESTAZIONE..........................................................................................................................................60
PULIZIACHEWINGGUM......................................................................................................................................................61
PULIZIASTRAORDINARIADOMENICALEDELCENTROSTORICO.....................................................................................................61

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.3

FABBISOGNIALTRISERVIZI...................................................................................................................................................62
CALENDARIO.........................................................................................................................................................63
TRASPORTI............................................................................................................................................................66
GESTIONECENTRIDIRACCOLTA.............................................................................................................................68
PIANODELLOSPAZZAMENTO................................................................................................................................72
ANALISIDELCONTESTO................................................................................................................................................72
MODALITADISPAZZAMENTOEPULIZIADELLEAREEPUBBLICHEESERVIZICONNESSI..............................................74
FABBISOGNIDELLOSPAZZAMENTO........................................................................................................................................87
AVVIODEISERVIZIDIRACCOLTAPORTAAPORTA..................................................................................................88
CAMPAGNACOMUNICAZIONE...............................................................................................................................92
INTRODUZIONE.................................................................................................................................................................92
OBIETTIVI........................................................................................................................................................................92
TARGET...........................................................................................................................................................................93
FORME,MEZZIESTRUMENTI...............................................................................................................................................94
MONITORAGGIOATTIVIT..................................................................................................................................................95
FABBISOGNI..........................................................................................................................................................95
INVESTIMENTI.......................................................................................................................................................97
COSTIDIGESTIONE................................................................................................................................................98
COSTIDELPERSONALE........................................................................................................................................................98
COSTIDEGLIAUTOMEZZI.....................................................................................................................................................98
COSTIDELLEATTREZZATURE................................................................................................................................................99
COSTIDEIBENIDICONSUMO.............................................................................................................................................100
OPEREEDILIALLESTIMENTOMINIISOLEECOLOGICHE..............................................................................................................100
COSTOMONITORAGGIOECONTROLLO................................................................................................................................100
COSTOCOMUNICAZIONEESTARTUP...................................................................................................................................101
COSTOUFFICI/SPOGLIATOI/RIMESSE...................................................................................................................................101
COSTOTRATTAMENTO.....................................................................................................................................................101
RICAVICONAI.................................................................................................................................................................102
COSTIDISICUREZZA.........................................................................................................................................................104
COSTOCOMPLESSIVODEISERVIZI.......................................................................................................................................105
QUADROGENERALEDISPESA............................................................................................................................................105
ALLEGATO1COSTIUNITARIPERSONALE,MEZZIEDATTREZZATURE..................................................................107


ANALISI
Il comune
ordine di e
territorio
agroaltad

Lazonade
vicolistret
utenze do
causa della
dovrannoe
attrazione
depoca.

I DEL TER
di Martina
estensione
suddiviso
densitabita
elcentrosto
tticonuna
mestiche (U
abassa viab
effettuarei
turistica pe

RRITORIO
a Franca co
tra i comun
inquattroz
ativa.
oricolare
mediadens
UD), soltant
bilit (strad
ilservizioin
er la sua st

9.461
utenze
domestic
2.393
utenze
domestic
Citt
O
opre una su
ni Italiani. P
zone:centr
eapiantic
sitabitativ
to l8% del
e strette),
ntempibre
essa archite

1
e
che
3
e
che
CENT
STOR
AGR
BASS
DENS
diMartinaF
Pianodeiserv
uperfice di
Per lorgani
rostorico,c

cadellacitt
vaecaseggi
totale UD.
sono impie
vianchepe
ettura nonc
TRO
ICO
CE
AB
A
M
DE
RO
SA
SITA

Franca
vizidiigieneurb
295 km2 r
izzazione de
entroabita
dimatrice
iatibassi.N
. Per lesec
egatimezzi
ernonesse
ch per lal
d
d
NTRO
BITATO
AGRO
MEDIA
NSITA
bana
isultando a
el servizio d
to,agroba
etardobaro
Nelcentros
uzione del
di piccola t
redintralci
ta concentr
2.500
utenze
omestiche
14.014
utenze
omestiche
al 31 esimo
di raccolta
ssadensit

occa,caratt
storicorisied
servizio di
taglia (tipo
ioinunazo
razione di m
pag.4
o posto per
dei rifiuti il
abitativae
terizzatada
dono2.393
raccolta, a
porter)che
onadiforte
monumenti
r
l
e
a
3
a
e
e
i

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.5

Centrostorico,viaSilvioPellico

Il centro abitato la zona della citt immediatamente adiacente al centro storico ad alta densit
abitativachesicaratterizzaperlampiezzadellestradeelapresenzadiunnumeroimportantedi
caseggiatialti;ilcentrourbanoospita14.014utenzedomestiche.Inquestapartedellacittsono
impiegati automezzi costipatori che effettueranno la raccolta domiciliarmente e andranno a
conferire di volta in volta il materiale raccolto presso il centro di raccolta comunale ad ogni
raggiungimentodelcaricomassimo.

Lazonaagrolareapivastadellacittcheasuavoltastatasuddivisaindueutilizzandocome
parametrodiscriminanteladensitabitativa:agrobassadensiteagromediadensitabitativa.
La zona a media densit abitativa presenta strade ampie ad alta percorrenza e bassi caseggiati
doverisiedono1.500utenzedomestiche.Inquestazona(estesaadaltre1.000utenzenellagroper
un totale di 2.500 utenze complessive) sar effettuata la raccolta domiciliare con automezzi
costipatoricomenelcentroabitato

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.6

In zona agro a bassa densit abitativa risiedono 9.461 utenze domestiche distribuite presso
caseggiati sparsi mediamente bassi, localizzati in zone a bassa viabilit. In questa area non
prevista la raccolta domiciliare ma saranno le stesse utenze che conferiranno i rifiuti nei giorni
stabiliti presso n.12 mini isole ecologiche che saranno realizzate nel territorio facente parte
dellareaagro.

Nella tabella sottostante riportato il numero di caseggiati presenti in ciascuna zona a seconda
della tipologia: monofamiliare, caseggiati e condomini suddivisi per numero di abitazioni che
ospitano.
Dalla tabella si evince che la maggior parte dei grandi condomini localizzata nel centro abitato
mentre nel centro storico si trovano quasi esclusivamente caseggiati monofamiliari e da 2 a 5
abitazioni.
N.caseggiati
abitazioni
monofamiliari
caseggiati
da2a5
abitazioni
condomini
da6a9
abitazioni
condominida
10a18
abitazioni
condominida
19a27
abitazioni
condomini
conpidi
27
abitazioni
totale
agro 5.827 1.812 68 43 15 8 7.773
centroabitato 2.328 557 299 321 75 48 3.628
centrostorico 1.694 294 2 0 1 0 1.991
sommano 9.849 2.663 369 364 91 56 13.392

Rappresen
diagramma
monofami
abitazionic

Nella tabe
caseggiato
zonaagro.

N.famiglie
agro
centro
abitato
centro
storico
sommano

ntandoilda
a circolare
liare, il 20%
compresot
ella che seg
o.Eevident

abitazioni
monofamiliari
5.827
2.328
1.694
9.849
ca
cond
a
tosullatipo
localizzato
% ospita da
traunminim
gue riport
techelama

caseggiatida
5abitazion
4.385
1.605
667
6.657
seggiatida2a
abitazioni
20%
ominida6a9
abitazioni
3%
Citt
ologiadica
in basso e
2 a 5 abita
modi6edu
tato il dato
aggiorparte
a2a
ni
condomin
9abitaz
491
2.20
12
2.71
a5
9
condomin
a18abit
3%
tipolo
diMartinaF
Pianodeiserv
asseggiatip
merge che
azioni, il res
unmassimo
o del nume
edeinuclei
nida6a
zioni
condo
18a
1
07
2
10
nida10
tazioni
%
condomi
a27abi
1%
ogiacase

Franca
vizidiigieneurb
resentinel
il 72% dei
stante 7%
odi27.
ero di fami
familiariris
minida10a
abitazioni
co
583
4.197
0
4.780
nida19
itazioni
%
condo
27
eggiati
bana
comunedi
caseggiati
caratteriz
glie a seco
siedeinzon
ondominida19
27abitazioni
335
1.699
20
2.054
abitazioni
monofamilia
73%
ominiconpi
7abitazioni
0%
MartinaFr
del comun
zzato da un
onda della t
nacentroab
9a condominic
di27abita
340
1.978
0
2.318
ari
di
pag.7
rancaconil
ne di tipo
numero di
tipologia di
bitatoedin
conpi
azioni
totale
11.961
8 14.014
2.393
8 28.368
l
o
i
i
n
1
4
8

Inucleifam
5 abitazion
abitazioni.

Nellatabe
Martina Fr
centrourb

Tip
Alb
Au
Ba
Ca
Cir
Dis
Im
Ne
Os
Scu
Sta
Stu
Su
Te
De
To

miliarisidis
ni, il 42% r
llainbasso
ranca. Si ev
banoeinpic
pologia
berghi,ristora
utorimesse,ar
ncheedistitu
serme,associ
rcoli,saledag
stributoridica
piantisportiv
egoziingenere
spedali,istitut
uolediognio
abilimenti,ed
udiprofession
permercati,e
atriecinemat
epositigarage
tale
stribuiscono
risiedono in
sonoriport
videnzia ch
ccolaparte
antiepension
reea parchegg
utidicredito
iazioniedist.
gioco
arburante
vicopertieno
e
idicurapubb
rdineegrado
ificiedopifici
naliedufficip
empori,grand
tografi,saled
condom
6a9abi
10%
condominida10
18abitazioni
17%
con
1
ab
Citt
operil35%
n caseggiati
tatiidatich
e il maggio
nellazonai
i
gioapag.
Rel....
blici

ind.
rivati
imagazzini
aballo
minida
tazioni
%
0a
dominida
19a27
bitazioni
7%
co
distribuz
diMartinaF
Pianodeiserv
%incaseggia
i ospitanti
heriguarda
or numero
industriale
ondominiconpi
di27abitazioni
8%
zionenuclei

Franca
vizidiigieneurb
atimonofam
da un mini
noleutenz
di utenze n
localizzatai
Agro Ce
36
4
4
3
2
29
3
2
117
13
79
292
abitazioni
monofamilia
35%

ifamiliari
bana
miliari,il23
imo di sei
zenondom
non domest
inareaagro
entrourbano
65
8
19
29
14
8
10
865
5
18
549
509
22
2
1792
3915
ari
caseggiatida2a
abitazioni
23%
3%incaseg
ad un mas

mestichedel
tiche si con
o.
Centrostor
14

12

71
1
2
28
34

107
269
a5
pag.8
ggiatida2a
ssimo di 27
comunedi
ncentra nel
rico
a
7
i
l

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.9

0 500 1000 1500 2000 2500


agro
centrourbano
centrostorico
distribuzioneutenzenondomestiche
ALBERGHI,RISTORANTIEPENSIONI
AUTORIMESSE,AREEAPARCHEGGIOAPAG.
BANCHEEDISTITUTIDICREDITO
CASERME,ASSOCIAZIONIEDIST.REL....
CIRCOLI,SALEDAGIOCO
DISTRIBUTORIDICARBURANTE
IMPIANTISPORTIVICOPERTIENO
NEGOZIINGENERE
OSPEDALI,ISTITUTIDICURAPUBBLICI

MO
Nell
ogni
(kg/

ONTE RIFIUT
asezioneprese
i tabella si ripo
mese).
TI
ntesonoriporta
rta la produzion
Pianodei
atealcunetabel
ne complessiva
Citt
iservizidiigieneurb
ledaticontenen
delle diverse f

diMartinaFran
ana
ntiinformazioni
frazioni merceol
ca
pag.10
sullaproduzion
logiche individu
0
edeirifiutinegl
ate dal codice
lianni2009,201
CER per ciascun
10,2011,2012.
n mese dellann
In
no

Pianodei
Citt
iservizidiigieneurb

diMartinaFran
ana
ca
pag.111

Pianodei
Citt
iservizidiigieneurb

diMartinaFran
ana
ca
pag.122

Siev
lass
Inba

videnziaunelem
senzadidatiper
assosiriportau
mentocomunen
rlafrazioneorga
natabellaesplic
Pianodei
neiquattroanni:
anicaedirifiutii
cativadellaprod
Citt
iservizidiigieneurb
:lefrazionimag
ingombranti.
duzionetotaledi

diMartinaFran
ana
ggiormenteracco
irifiutiurbanine
ca
pag.13
oltesonolacart
elperiodogenna
3
ta(20.01.01)ed
aio2009agost
ilcartone(15.01
to2012espressa
1.01).Sievidenz
aintonnellate.

zia

pag.14

La distribuzione mensile dei rifiuti urbani nei quattro anni rivela un aumento graduale della
produzione durante i mesi estivi, con un picco massimo nel mese di agosto, ed una diminuzione
altrettanto graduale nei mesi restanti. Laumento della produzione d rifiuti nel periodo estivo
dovutaalflussoturisticocheinteressasoprattuttolazonadelcentrostoricoelazonaagroabassa
densitabitativa.

Nelgraficocheseguesiriportalinterpolazionedeidatirelativiallaproduzioneannuacomplessiva.
Sievidenziaunadiminuzionedellaproduzioneadeccezionedellanno2010.

1.300
1.500
1.700
1.900
2.100
2.300
2.500
g
e
n
n
a
i
o
f
e
b
b
r
a
i
o
m
a
r
z
o
a
p
r
i
l
e
m
a
g
g
i
o
g
i
u
g
n
o
l
u
g
l
i
o
a
g
o
s
t
o
s
e
t
t
e
m
b
r
e
o
t
t
o
b
r
e
n
o
v
e
m
b
r
e
d
i
c
e
m
b
r
e
t
o
n
/
m
e
s
e
AndamentoproduzioneRU
2009
2010
2011
2012
y=206,81x+440653
R=0,2
24.400
24.600
24.800
25.000
25.200
25.400
25.600
2008 2009 2010 2011 2012
t
o
n
/
a
n
n
o
anno
ProduzioneannuaRU

In basso
gennaioal

Nella tabe
nei quattro
statoscelt
ottobread
73ton/gg.

riportata l
mesediAg
lla in basso
o anni non
ounvalore
dicembre)p

16.0
16.1
16.2
16.3
16.4
16.5
16.6
16.7
16.8
16.9
17.0
t
o
n
n
e
l
l
a
t
e
interpolazi
gosto.
o si riporta
ch il calco
ediprogett
paria63to
000
100
200
300
400
500
600
700
800
900
000
2008
Anda
Citt
P
ione lineare
la produzio
olo della pr
ochefarife
n/gg,edun
2009
amentopro
diMartinaF
Pianodeiserviz
e dei dati r
one giornali
oduzione m
erimentoa
naltrovalor
y=
2010
ann
duzioneRU

Franca
zidiigieneurba
relativi alla
iera dei rifi
media. Per
lperiodoor
rechefarif
199,26x+417
R=0,6368
2011
no
Ugennaioa
ana
produzione
uti espressa
il dimensio
rdinario(da
ferimentoa
7187
2012
agosto
e di rifiuti d

a in tonnel
onamento d
agennaioa
alperiodoe
2013
pag.15
dal mese di
late/giorno
dei servizi
daprile,da
estivoparia
i
o

a
a

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.16


50
55
60
65
70
75
80
85
g
e
n
n
a
i
o
f
e
b
b
r
a
i
o
m
a
r
z
o
a
p
r
i
l
e
m
a
g
g
i
o
g
i
u
g
n
o
l
u
g
l
i
o
a
g
o
s
t
o
s
e
t
t
e
m
b
r
e
o
t
t
o
b
r
e
n
o
v
e
m
b
r
e
d
i
c
e
m
b
r
e
t
o
n
/
g
g
Produzionegiornaliera
2009
2010
2011
2012
media
valorediprogetto

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.17

OBIETTIVI

La credibilit del sistema di raccolta differenziata fondamentalmente basata sulla necessit di


offriregaranziecircailrispettodegliobiettivi,nonsolointerminidiquantitatividirifiutiraccoltiin
mododifferenziato,maancheinterminidiqualitdeldifferenziatostesso.
Si parla sempre troppo poco infatti di qualit del raccolto e si dimentica che scarti troppo alti
fanno raccogliere rifiuti e non materiale riciclabile; vi dunque la necessit di affrontare tali
problematiche con soluzioni che siano credibili a tutte le parti interessate, in primis i cittadini,
parteattivaedeterminantedelprocessodiraccoltadifferenziata.
Sulla base dei dati acquisiti, viene stimato il grado di intercettazione dei materiali previsto nel
presenteprogetto.Dataledatostatocalcolatoilflussodimaterialiattesiequindilepercentuali
di raccolta differenziata che ci si aspetta. La percentuale di raccolta differenziata rappresenta il
rapporto, in percentuale, tra la somma delle varie frazioni riciclabili di rifiuto e il quantitativo di
rifiutitotaliraccolti.
Il dettaglio delle percentuali e quantitativi di raccolta differenziata per le singole frazioni e per
ciascunatipologiadiutenza,riportatonellatabellaseguente.
Descrizione CER % ton/anno
produzioneattesa(ton/giorno)
periodoordinario periodoestivo
rifiutibiodegradabilidacucineemense 20:01:08 25,1% 6.156,66 15,82 18,33
compostaggiodomestico 21:01:08 9,9% 2.423,89
cartaecartone 20:01:01 9,0% 2.206,43 5,67 6,57
multimaterialeleggera(plastica+acciaio+alluminio) 15:01:06 8,0% 1.961,27 5,04 5,84
imballaggiinvetro 15:01:07 7,0% 1.716,11 4,41 5,11
ingombrantieRAEE vari 3,0% 735,48 1,89 2,19
imballaggiincartone 15:01:01 8,0% 1.961,27 5,04 5,84
imballaggiinlegno 15:01:03 0,3% 73,55 0,19 0,22
exRUP(pile,farmaci,toner,T/F,ecc) vari 0,1% 24,52 0,06 0,07
seccoresiduodaraccoltaportaaporta 20:03:01 26,5% 6.496,70 16,70 19,35
rifiutidaspazzamentostradale 20:03:03 2,0% 490,32 1,26 1,46
rifiutibiodegradabilidagiardinieparchi 20:02:03 1,0% 245,16 0,63 0,73
rifiutideimercati 20:03:02 0,1% 24,52 0,06 0,07
totale 100,0% 24.515,83 63,00 73,00

Si riporta un grafico rappresentativo delle percentuali di raccolta differenziata delle varie frazioni
dirifiuto:

Ildatosull
comunale
due tabell
merceolog
Ilcalcolo
specificac
riscontrate
Pertantoin
iviriportat
f
rifiutibiodegra
compostaggio
compostaggio
cartaecartone
multimateriale
imballaggiinve
ingombrantie
imballaggiinca
imballaggiinle
exRUP(pile,fa
seccoresiduod

imballagg
imballagg
0
exRU
farmaci,
e
se
ra

a distribuzi
ha consent
e, una rela
gicasonosta
statoeffet
heinfased
edellevaria
nfasedista
ti.
frazionemerceol
adabilidacucinee
domestico
inCCR
e
eleggera(plastica
etro
RAEE
artone
egno
armaci,toner,T/F
daraccoltaporta
ingombrant
3%
giincartone
8%
giinlegno
0%
UP(pile,
toner,T/F,
ecc)
0%
eccoresiduod
accoltaporta
porta
28%
ionedellap
tito di defin
tiva al peri
aticalcolati
ttuatosulla
distartupsa
azionirispet
artupsaro
logica
emense
a+acciaio+allumin
F,ecc)
aporta
imball
tieRAEE
%
da
a
rifiu
spazz
stra
2
Citt
P
popolazione
nire i quant
iodo estivo
iquantitat
abasedeid
areffettua
ttoaquanto
opportunoe
UD
11,3
7
0,80
4,0
nio) 3,6
3,1
1,9

11,9
aggiinvetro
7%
utida
amento
adale
2%
Ob
diMartinaF
Pianodeiserviz

enellequat
titativi da r
e laltra a
ividirifiuto
datianagraf
atoilcensim
ocalcolato.
effettuarel
to
UND
3 4,5
7
0
0 1,6
6 1,4
1 1,3
9
5,0
0,2
0,1
9 4,8
multim
leg
(plastica+
um
rifiutibiodegr
dagiardinie
1%
biettiviR

Franca
zidiigieneurba
ttroareein
accogliere
l periodo in
ointercettab
ficifornitid
mentopunt

laggiornam
on/giorno_perio
agro agro
0,8
7
1,3
1,3
1,0
4,0
materiale
ggera
+acciaio+all
minio)
8%
radabili
parchi
RD
ana
cuistato
nelle sudde
nvernale in
biliperciasc
allamminis
ualedelleu
mentodeida
doordinario
oMD centrost
1,4 1,
0,4 0,
0,4 0,
0,3 0,
1,0 1,
rifiutideim
0%
osuddiviso
ette aree. S
cui per og
cunazona.
strazioneco
utenzeperc
atiedeglist
torico centroab
3 12,

3 3,
3 3,
3 2,

5,

0,
0 10,
rifiutibiod
dacucine
25
compostaggio
domestico
10%
cartaecarto
9%
mercati
pag.18

ilterritorio
Si riportano
gni frazione
omunale,si
cuisaranno
tessicalcoli
bitato
3
6
6
8
0
1
7
egradabili
emense
%
o
one
o
o
e
i
o
i

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.19

frazionemerceologica
ton/giorno_periodoestivo
UD UND agro agroMD centrostorico centroabitato
rifiutibiodegradabilidacucineemense 13,2 5,2 1,6 1,4 3,2 12,3
compostaggiodomestico 7 7
compostaggioinCCR 0,80
cartaecartone 4,7 1,8 1,6 0,4 1,0 3,6
multimaterialeleggera(plastica+acciaio+alluminio) 4,2 1,6 1,5 0,4 0,3 3,6
imballaggiinvetro 3,2 2,0 1,7 0,3 0,3 2,8
ingombrantieRAEE 2,2
imballaggiincartone 5,8 5,8
imballaggiinlegno 0,2
exRUP(pile,farmaci,toner,T/F,ecc) 0,1 0,1
seccoresiduodaraccoltaportaaporta 13,9 5,4 5,5 1,0 2,1 10,7

Lincremento della produzione di rifiuti nel periodo estivo interessa maggiormente le utenze
commerciali del centro storico e le utenze domestiche della zona agro a bassa densit abitativa.
Nelcasodiquestultimazonainfattisiregistraunsignificativoaumentodellapopolazioneneimesi
estivi.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.20

MODELLO DI RACCOLTA
Generalit

Nella progettazione di un nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani occorre tenere conto di
numerosifattorilocali.Infattiladozionediunmodello,inrelazionealcontestosocioculturale,al
contesto urbanistico, alla viabilit in cui si applica, produce risultati diversi. Pertanto possibile
affermarechelasceltadelmodellopiefficacesiaunasortadimediazionediesigenzediverse,a
volte contrastanti, per tendere verso quello che possa essere considerato da tutte le parti
interessate il pi adatto, il miglior risultato raggiungibile, anche in termini di rapporto costi
benefici.
ampiamente dimostrato, dalle diverse esperienze nazionali e non, che il solo sistema che
permette il superamento dei limiti percentuali di raccolta differenziata previsti dalla normativa
vigente,laraccoltaportaaporta.
Il presente piano prevede la suddivisione del territorio in quattro zone che si distinguono
essenzialmenteperladensitabitatielaconformazioneurbanistica:
1. Centrostorico;
2. Centrourbano
3. Agromediadensitabitativa
4. Agrobassadensitabitativa.

Centrostorico:
portaaporta
Centrourbano:
portaaporta
Agromedia
densit:portaa
porta
Agro bassa densit
abitativa: conferiemento
pressoCCRlocale

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.21

Si prevede di effettuare la raccolta porta a porta nelle zone 1, 2 e 3, delle seguenti frazioni di
rifiuto:
Frazioneorganica(CER20.01.08);
Multimaterialediimballaggiinplastica,acciaioealluminio;
Cartacongiunta
Cartoneselettivo(CER15.01.01);
Vetro(CER20.01.02);
Frazioneresidualedaavviareasmaltimento(CER20.03.01);
RAEE(CER20.01.36),rifiutiingombrantiesfalci.
Tali servizi saranno dedicati sia alle utenze domestiche che alle utenze non domestiche con
produzionedirifiutiassimilatiagliurbani.
Nella zona 4, agro a bassa densit abitativa, saranno le stesse utenze a conferire i rifiuti presso
n.12 mini isole ecologiche, localizzate in diversi punti della zona agro, ove saranno ubicati i
cassonettiperlaraccoltadellefrazionisecchedifferenziate.
Per la raccolta della frazione residuale previsto limpiego di una squadra formata da un
compattatoretreassieunoperatorechenelperiodoordinario,stazionern.2giorniasettimana
nei pressi delle mini isole ecologiche per consentire ai cittadini di conferire tale frazione. Nel
periodoestivoilconferimentodellafrazioneresidualepreviston.4giorni/settimana.
Per quanto concerne la frazione organica le utenze della zona agro a bassa densit abitativa
effettueranno il compostaggio domestico. Il compostaggio domestico potr essere effettuato
anche dalle utenze di altre zone della citt se ne dovessero fare richiesta e se dotate di spazi
esterniprivatidoveposizionarelecompostiere.
Siriportalelencodellestradedellazonaagrodovesiintendeeffettuareilportaaporta:
localit n.famiglie Tiporaccolta localit n.famiglie Tiporaccolta
LOCALITA'POSILLIPO 1 p/p STRADAPILOZZO 42 p/p
STRADAALCIDEDEGASPERI 7 p/p STRADAPILOZZOI 1 p/p
STRADACARMINE 20 p/p STRADAPILOZZOII 6 p/p
STRADACASINAGEMMA 79 p/p STRADAPILOZZOIII 6 p/p
STRADAFRANZULLO 133 p/p STRADAPILOZZOIV 1 p/p
STRADAFRANZULLOII 1 p/p STRADAPIZZODELVENTO 66 p/p
STRADAFRANZULLOI 1 p/p STRADAPIZZODELVENTOII 6 p/p
STRADAFRANZULLOII 18 p/p STRADAPIZZODELVENTOIII 1 p/p
STRADAFRANZULLOIII 1 p/p STRADASALISCENDI 140 p/p
STRADAFRANZULLOZONAG 1 p/p STRADASANPAOLO 92 p/p
STRADAGEMMA 15 p/p STRADASANPAOLOI 2 p/p
STRADAGEMMAII 17 p/p STRADASPARTACAVALLUZZO 10 p/p
STRADAGRASSI 66 p/p STRADASPARTACAVALLUZZO 1 p/p
STRADAGUGLIELMI 22 p/p STRADATAGLIENTE 105 p/p
STRADALANZO 112 p/p STRADATIROASEGNO 19 p/p
STRADALANZOLACROCE 27 p/p STRADAVICINALETRINITA' 1 p/p
STRADALANZOROSSINI 9 p/p STRADAVILLAGGIOTURISTICO 16 p/p
STRADALANZOSANPAOLO 83 p/p V.LEDEIPINI 1 p/p
STRADALANZOPETROSA 10 p/p STRADAMONTETULLIOGEMMA 28 p/p
STRADALANZOZONAG 1 p/p STRADAPERGOLO 91 p/p
STRADAMADONNAPICCOLA 29 p/p STRADAPETROSA 51 p/p
STRADAMONTETULLIO 156 p/p STRADAPETROSAI 5 p/p
STRADAMONTETULLIOGEMMA 3 p/p STRADAPETROSAII 9 p/p
Comesievincedallatabellaleutenzecoinvoltesonocirca1.500,maneicalcolisiipotizzerannoa
vantaggio di sicurezza, 2.500 utenze residenti in questarea servite con il porta a porta, questo
nellipotesi di poter accogliere richieste di passaggio al porta a porta da parte di altri cittadini
residentiinareelimitrofeallazonadelportaaporta.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.22

Si riporta lelenco delle strade della zona agro dove la raccolta si effettua presso le mini isole
ecologiche:

STRADAACQUARULO 5 isola STRADACOREGGIA 26 STRADAMAGLIII 29 STRADAPADULACAPPA 104 isola STRADATRAZZONARA 19


STRADAALBEROBELLO 252 isola STRADACORREGGIA 5 STRADAMALVA 30 STRADAPAGLIERONE 1 isola STRADATREPIANTELLE 98
STRADAALBEROBELLO ZONAA 1 isola STRADACOZZE 1 STRADAMANAMPOLA 5 STRADAPALAZZOLO MONGELLI 4 isola STRADATRETORNESI 50
STRADAALBEROBELLO ZONAB 3 isola STRADACRISPIANO 228 STRADAMANGIATELLO 13 STRADAPALMULLO 9 isola STRADAUVAPIENA 40
STRADAALBEROBELLO ZONAC 9 isola STRADACRISTI 18 STRADAMANGIATO 20 STRADAPALOMBELLA 4 isola STRADAVACCARA 74
STRADAALBEROBELLO ZONAD 3 isola STRADACROCIFISSO 13 STRADAMARANNA 19 STRADAPAOLOTTI 1 isola STRADAVANNELLAGRANDE 1
STRADAALBEROBELLOLOCOROTONDO 2 isola STRADACUCCHIAMANNA 28 STRADAMARIUCCIA 43 STRADAPAPADOMENICO 36 isola STRADAVECCHIACEGLIE 71
STRADABADESSA 13 isola STRADACUOCO 33 STRADAMARRAFFA 4 STRADAPARETONE 371 isola STRADAVECCHIATARANTO 3
STRADABARRATTA 29 isola STRADACUPA 81 STRADAMARTINA LOCOROTONDO 1 STRADAPARPARO 47 isola STRADAVILLACASTELLI 319
STRADABATTAGLINI 78 isola STRADACUPABLASI 2 STRADAMARTUCCI MICELI 6 STRADAPARPARO II 2 isola STRADAVITOSA 36
STRADABELLEZZA 45 isola STRADACUPINA 84 STRADAMASELLA 9 STRADAPARPARO VARRONE 2 isola STRADAVOCCOLE 1
STRADABELLOCCHIO 15 isola STRADACURCIO 48 STRADAMASSAFRA 325 STRADAPASQUALONE 123 isola STRADAVOLPE 5
STRADABOCCADICOPPA 11 isola STRADADESIATI 19 STRADAMASSAFRA(3^ROC) 1 STRADAPASTORE 39 isola STRADAVOLZA 37
STRADABOCCADICOPPAII 2 isola STRADADELFINO 99 STRADAMATERDOMINI 16 STRADAPASTOREII 2 isola STRADAVOTANO 62
STRADABRADAMONTE 19 isola STRADADELFINO ZONAD 1 STRADAMELE 5 STRADAPELUSIELLO 24 isola STRADAZIPPITELLO 2
STRADACALCARELLO 3 isola STRADADESIATI 9 STRADAMERCANTE 4 STRADAPELUSIELLO VII 1 isola STRADAZIPPO 5
STRADACALIANDRO 136 isola STRADADIFESA 144 STRADAMICELA 14 STRADAPENDUSCIO 2 isola STRADASANTALACHECCHIA 2
STRADACALIANNO 1 isola STRADADONNACATERINA 2 STRADAMICHELANGELO 4 STRADAPENTIMI 17 isola STRADASANTANTUONO 14
STRADACANONICA 18 isola STRADADONNAPASQUA 3 STRADAMINCO DITATA 23 STRADAPEPPUCCIO 56 isola STRADASANT'ELIA 2
STRADACAPITOLO 116 isola STRADAFALCECCHIA 90 STRADAMITA 71 STRADAPETRONE 51 isola STRADASANTORO 39
STRADACAPITOLO TAGLIENTE 1 isola STRADAFALSEGNA 13 STRADAMITAII 25 STRADAPEZZEMAMMARELLE 38 isola STRADASANTORO II 7
STRADACAPITOLO COLUCCI 1 isola STRADAFANELLI 4 STRADAMONACHE 41 STRADAPIPIRIELLO 47 isola STRADASCAGNO 5
STRADACAPITOLO STAFFONE 3 isola STRADAFARAONA 1 STRADAMONACHEII 2 STRADAPISCIACALZE 1 isola STRADASCATTAPIGNATA 35
STRADACAPO DIGALLO 24 isola STRADAFARAONE 21 STRADAMONACI 28 STRADAPISCIANNOTTE 4 isola STRADASCIALPI 4
STRADACAPPUCCINI 62 isola STRADAFELLONEV 1 STRADAMONTEFELLONE 73 STRADAPIZZO ROSSO 5 isola STRADASEMERARO 13
STRADACAPPUCCINI II 2 isola STRADAFERRARI 68 STRADAMONTEFELLONEII 10 STRADAPIZZO ROSSO I 1 isola STRADASEPPELANARDO 39
STRADACARAMIA 53 isola STRADAFILOMENA 6 STRADAMONTEFELLONEIII 3 STRADAPIZZO ROSSO II 1 isola STRADASINISI 11
STRADACARBONICO 11 isola STRADAFINIMONDO 85 STRADAMONTEFELLONEVIII 1 STRADAPOMPEI 2 isola STRADASISTO 3
STRADACARBONICO DELLELAMIE 1 isola STRADAFOGGEDIBARNABA 60 STRADAMONTEILARIO 7 STRADAPOPOLETO 9 isola STRADASOR LUCA 22
STRADACAROSITO 5 isola STRADAFOGGEVO 38 STRADAMONTESTABILE 34 STRADAPORCILE 57 isola STRADASPECCHIARINALDI 9
STRADACARPARI 12 isola STRADAFONTANELLI 1 STRADAMONTETRECARLINI 52 STRADAPORCILEC.DATRASCONI 1 isola STRADASPECCHIATARANTINA 32
STRADACARPINI 5 isola STRADAFRASCAROSA 31 STRADAMONTEBASILE 1 STRADAPORCILEPALESI 30 isola STRADASPEZZATARALLO 37
STRADACARRUCOLA 3 isola STRADAGALEONE 1 STRADAMONTESTABILE 25 STRADAPORTARILE 1 isola STRADASTABILE 48
STRADACARUCCELLO 2 isola STRADAGIANCONE 19 STRADAMONTIDEL DUCA 305 STRADAPOZZO CARUCCI 10 isola STRADASTABILEI 1
STRADACARVALO' 33 isola STRADAGIANFELICE 100 STRADAMONTICELLO 26 STRADAPOZZO FORNELLO 4 isola STRADASTABILEII 7
STRADACASAVOLA 36 isola STRADAGIULIANI 31 STRADAMONTICELLO LAGROTTA 1 STRADAPOZZO SALERNO 22 isola STRADASTAFFONE 26
STRADACASETTEDEL VENTO 43 isola STRADAGNIGNERO 125 STRADAMOTOLESE 32 STRADAPOZZO STELLA 24 isola STRADATARANTO 184
STRADACASETTEVECCHIE 3 isola STRADAGORGOFREDDO 4 STRADAMOTTOLA 255 STRADAPOZZO TREPILE 51 isola STRADATARANTO MASSER.ROSSINI 1
STRADACASTELLANA 11 isola STRADAGRASSITELLO 12 STRADAMOTTOLA/C.DAERMELLINO 1 STRADAPRESIDENTE 8 isola STRADATRASCONI 59
STRADACATTIVOLLA 15 isola STRADAGROTTAGLIE 26 STRADAMOTTOLAKM.2.200C.DACICERONE 1 STRADAPRIMICERIO 69 isola STRADATRASCONICHIANCONE 27
STRADACAVALCATORE 44 isola STRADAGUARDARELLO 69 STRADAMOTTOLAZONAIND. IIITRAV. 2 STRADAPROV.DEITRULLI 17 isola STRADATRAVERSA 7
STRADACAVALCATOREI 2 isola STRADAGUARDARELLO II 10 STRADANIGRI 84 STRADARAMPONE 50 isola
STRADACAVALCATOREII 4 isola STRADAGUARDARIELLO 3 STRADANIGRI UVAPIENA 1 STRADARASCHIAZAPPA 13 isola
STRADACAVALCATOREIIZONAE 5 isola STRADAGUARINI 39 STRADANIGRIMOTOLESE 10 STRADAREDENTORE 1 isola
STRADACAVALIERE 4 isola STRADAGUARINIBATTAGLINI 1 STRADANOCI 197 STRADAREDENTORE TRASCONI 20 isola
STRADACEGLIE 231 isola STRADAINFARINATA 10 STRADANOCIMASSERIASORANGELO 1 STRADAREINZANO 14 isola
STRADACEGLIEI 1 isola STRADALAGROTTA 78 STRADANOVECASETTE 13 STRADAROSPANO 79 isola
STRADACEGLIEZONAL 2 isola STRADALAGROTTA/MONTICELLO 1 STRADANOVECASETTEII 1 STRADAROSPANO LAGROTTA 1 isola
STRADACERROSA 16 isola STRADALAMONACA 5 STRADANOVECASETTEIII 2 STRADAROSSANOPARETONE 1 isola
STRADACERROSADICAROLI 1 isola STRADALAMIANUOVA 17 STRADANUNZIO 17 STRADAROSSINI 22 isola
STRADACERROSAI 1 isola STRADALAMIAVECCHIA 74 STRADANUOVECASETTE 2 STRADARUZZOLI 1 isola
STRADACERROSAII 3 isola STRADALAMIOLA 41 STRADANUOVECASETTEI 1 STRADASACRAMENTO 1 isola
STRADACHIAFELE 53 isola STRADALAMIONE 8 STRADANUOVECASETTEII 1 STRADASAN CARLO 15 isola
STRADACHIANCARO 284 isola STRADALO LUCO 1 STRADANUOVECASETTEIII 1 STRADASAN CATALDO 66 isola
STRADACHIANCARO I 24 isola STRADALOCOROTONDO 99 STRADAORIMINI 6 STRADASAN D.DELLO SCAGNO 2 isola
STRADACHIANCARO ZONAD 2 isola STRADALOCOROTONDO ZONAM 3 STRADAORTOLINI 47 STRADASAN DOMENICO 179 isola
STRADACHIANCARO ZONAINDUSTR. 1 isola STRADALUCO 4 STRADAOSPEDALE 9 STRADASAN DOMENICO I 7 isola
STRADACHIRULLI 18 isola STRADAMACCARONE 8 STRADAOSTUNI 249 STRADASAN GIOVANNI 8 isola
STRADACHIRULLII ZONAD 2 isola STRADAMADONNAD'ANDRIA 53 STRADACICERONE 47
STRADACIACCIOLO 4 isola STRADAMADONNADEL POZZO 183 STRADACISTERNINO 230
STRADACICCIO LASORTE 11 isola STRADAMADONNADEL POZZO II 7 STRADACOCCIOLINE 3
STRADACICCIOLASORTE 1 isola STRADAMADONNADEL POZZO III 1 STRADACODALUNGA 12
STRADAMADONNADEL POZZO IV 4 STRADACONFINE 33 STRADACOLUCCI 39
STRADAMADONNADEL POZZO VII 2 STRADACONSERVA 32 STRADACONSERVAPICCOLAIII 1
STRADAMADONNADEL ROSARIO 145 STRADACONSERVAPICCOLA 8 STRADACONSERVAPICCOLAVI 1
STRADAMADONNADELL'ARCO 1 STRADACONSERVAPICCOLAI 1 STRADACORAME 7
STRADAMADONNADELL'ARCO 128 STRADACONSERVAPICCOLAII 5 STRADACORAMEIII 1
STRADAMADONNADELLEGRAZIE 35

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.23

Perlaraccoltadomiciliarealleutenzedomestichesarannoconsegnateleseguentiattrezzature:
Sacco compostabile +Secchiello areato da 10 lt + secchiello antirandagismo da 25 lt da
utilizzareperilconferimentodellafrazioneorganica;
Secchielloda30ltimpilabiledautilizzareperilconferimentodellafrazioneresiduale;
Secchielloda30ltimpilabiledautilizzareperilconferimentodelvetro;
Secchielloda30ltimpilabiledautilizzareperilconferimentodellacarta;
Sacchildpeda80/100ltperlaraccoltamultimateriale(plastica,acciaio,alluminio);
Alleutenzenondomestichesarannoconsegnateleseguentiattrezzature:
Sacco compostabile +Secchiello areato da 10 lt + secchiello antirandagismo da 25 lt o in
alternativacarrellatoda240lt,dautilizzareperilconferimentodellafrazioneorganica;
Secchiello da 30 lt o in alternativa carrellato da 360 lt; da utilizzare per il conferimento
dellafrazioneresiduale;
Secchielloda30ltoinalternativacarrellatoda240lt,dautilizzareperilconferimentodel
vetro;
Secchielloda30ltoinalternativacarrellatoda240lt,dautilizzareperilconferimentodella
carta;
Sacchildpeda80/100ltperlaraccoltamultimateriale(plastica,acciaio,alluminio);

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.24

Pressoicaseggiaticonpidiseiabitazionisonoprevisteleseguentiattrezzatureaggiuntive:

Secchielloareato
10litri
Sacchicompostabili
Secchielloantirandagismo
25litri
RACCOLTARESIDUO
secchiello30litri
antirandagismo
RACCOLTACARTA
secchiello30litri
antirandagismo
RACCOLTAVETRO
secchiello30litri
antirandagismo
SacchiLDPE80100

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.25

a. Carrellato condominiale da 240 lt per la frazione organica, per la carta ed il vetro e


carrellati da 360 lt per la frazione residuale esclusivamente per caseggiati dotati di ampi
spazidovemettereadepositoicontenitoricondominiali.
b. Zac, il sistema salvaspazio per il conferimento dei rifiuti, dove vengono deposti un
massimodin.9secchielli;percaseggiatisenzaspazio.

Quando previsto limpiego di attrezzature condominiali del tipo (a), ciascuna utenza del
caseggiatodovrdeporreilcontenutodeisecchielliallinternodeirispettivicarrellati(carta,vetro,
frazione organica, frazione residuale) nelle fasce orarie e nei giorni in cui previsto il
conferimento. Gli utenti dei caseggiati che invece avranno lattrezzatura del tipo (b),
depositerannoglistessisecchiellineglispaziappositidelsistemazacdurantelefasceorarieenei
giorniincuiprevistoilconferimento.
Siriportanoletabelleriepilogativedellemodalitdiraccoltadellevariefrazionidirifiuto,inbase
allatipologiadiutenze:

ancheleutenzenonresidentinellagrosehannoladisponibilitadiungiardinopossonoeffettuare
ilcompostaggiodomestico.

Oltre6conspazio
Oltre6senzaspazio
Rastrelliera
Carrellaticondominiali

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.26

UTENZEDOMESTICHE
frazione
Centro
storico
Centro
urbano
Agromedia
densit
Agrobassa
densit
Frequenza
(solo
domiciliare)
frazioneorganica
DOMICILARE
Compostaggio
domestico
3/7
frazioneresiduale compattatore 2/7
vetro
pressomini
isola
1/7
multimateriale
pressomini
isola
1/7
carta
pressomini
isola
1/7
UTENZENONDOMESTICHE
frazione
Centro
storico
Centro
urbano
Agromedia
densit
Agrobassa
densit
Frequenza
frazioneorganica
DOMICILIARE
6/7
frazioneresiduale 2/7
vetro 2/7
multimateriale 2/7
carta 1/7
Cartoneselettivo 3/7

Nella zona agro a bassa densit abitativa lo stazionamento dei compattatori presso le mini isole
ecologicheavverrn.2giorniasettimananelperiodoordinario,n.4giorninelperiodoestivo.Ogni
giorno sar effettuata la raccolta presso n.4 isole di conseguenza in tre giorni sar completata la
raccolta presso le 12 isole. Lo svuotamento dei cassonetti delle frazioni riciclabili avverr con la
seguentefrequenza:
frazione
frequenzadisvuotamento
periodoordinario
frequenzadisvuotamento
periodoestivo
carta 3 6
plastica&lattine 6 12
vetro 3 6

frazioneorganica

Secchiello
10lt
Secchiello
25lt
Sacco
compostabile
Carrallato
240lt
zac
compostiera

Centro
storico
UDeUnD UDeUnD UDeUnd
Caseggiaticon
n.abitazioni>=6
conspazi;UnD
Caseggiaticon
n.abitazioni>=6
senzaspazi

Centro
urbano
Agromedia
densit
Agrobassa
densit
UnD UDeUnD Und UnD
Tuttele
abitazioni
Tuttele
abitazioni

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.27

frazioneresiduale

Secchiello
30lt
Carrallato
360lt
zac
Cassone/press
compattatorepresso
miniisola
Centrostorico
UDeUnD

Caseggiaticonn.
abitazioni>=6conspazi;
UnD

Caseggiaticonn.
abitazioni>=6senza
spazi

Centrourbano
Agromediadensit
abitativa
Agrobassadensit
abitativa
UnD UnD si

cartaevetro

Secchiello
30lt
Carrallato
240lt
zac
Cassone/pressocassonetto
miniisola
Centrostorico
UDeUnD

Caseggiaticonn.abitazioni>=6
conspazi;UnD

Caseggiaticonn.
abitazioni>=6senzaspazi

Centrourbano
Agromediadensit
abitativa
Agrobassadensit
abitativa
UnD UnD si

multimateriale

SaccoLDPE80/
100lt
Cassone/pressocassonettominiisola
Centrostorico
UDeUnD

Centrourbano
Agromediadensitabitativa
Agrobassadensitabitativa si

Sceltadegliautomezzi
La scelta degli automezzi uno dei perni centrali su cui si basa lintera organizzazione dei servizi
quiriportata.Lottimizzazionedelleattivitdiraccoltapassainevitabilmenteperlautonomiadelle
squadre di raccolta da quelle di trasporto. Pertanto quello che si vuole fare individuare degli
automezzitalida:
1. Riuscireatrattare/condizionareognifrazioneinmanieracorretta
Si vuole qui porre lattenzione sul fatto che la frazione organica per essere compostata
proficuamente deve giungere a bocca dimpianto, oltre che priva di notevoli impurit,
integra.InalcuneregionidelNordItaliadovegliimpiantidicompostaggiosonopresentie
ben funzionanti, i controllori pretendono di poter leggere sui sacchi il comune di
provenienza del rifiuto, per fare questo fondamentale non sottoporre a compattazione
talematerialeinmododagarantirnelintegrit,dinonfargliperderelumiditnecessariaal
processo, di non inquinare mischiando e rivoltando il materiale insieme alle eventuali
impurit che dovessero essere erroneamente raccolte o conferite. Analogamente per

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.28

riuscire a sottoporre il vetro alle necessarie operazioni di selezione per colore e alle altre
operazioni preliminari al recupero in forno, questo deve presentarsi a bocca dimpianto
non eccessivamente frantumato n granulato n polverizzato. In entrambi i casi si rende
necessario non sottoporre a compattazione miscelazione i materiali. Pertanto questi
sarannoraccolticonautomezziprividisistemadicompattazione/miscelazione.
2. Essere abbastanza piccoli e facilmente manovrabili da riuscire ad arrivare presso tutte le
utenzeequindisututtalaviabilitpresentesulterritorio
Per soddisfare le caratteristiche del punto 2 per la raccolta nel centro storico sono stati
sceltiesclusivamenteautomezziavascada2mc;nellealtrezonedellacittadesclusione
dellazonaagroabassadensitabitativasonoimpiegatevascheda5/7mcmontatesutelai
tipoISUZU75osimili.Nellazonaagroabassadensitabitativasonoutilizzaticompattatori
da 15 mc montati su automezzi tipo IVECO 100 o simili per la raccolta della frazione
residuale,lacartaelamultimaterialeleggeramentresonoimpiegatevascheda5/7mcper
laraccoltadelvetro.
Per la raccolta dei rifiuti ingombranti il pianale con sponda idraulica sar montato su
automezzitipodaily65osimili.
3. Minimizzare i tempi di svuotamento dei diversi contenitori, rendere il meno gravoso
possibileleripetuteattivitmanualinecessarieperlespletamentodeiservizi
Per ottemperare questo punto si prevede di installare
apposito sistema di svuotamento dei secchielli che
permette agli operatori di non dover sollevare fino
allaltezza della sponda della tramoggia di carico il
secchiello, ma solo fino alla bocca di carico del sistema
svuota secchielli posta a poche decine di centimetri da
terra.
Siriportaunafotorappresentativaditalesistema:

4. Avereunaportataequindiunaautonomiataledanonnecessitarediautomezzicentralina
doveconferireilmaterialeraccoltoperpotercontinuareleattivitallinternodelturnodi
lavoro.
Comegianticipato,gliautomezziadibitiallaraccoltanonavrannoilsupportodicentraline
dove conferire quanto prelevato. Questo per evitare di effettuare operazioni di trasbordo
su strada, ma di farlo solo ed esclusivamente presso lautoparco/isola ecologica. Pertanto
laportatadeveesseretaledaridurrealminimoiviaggiallautoparco/isolaecologicadove
vuotare i mezzi. Per fare questo il compattatore montato su un telaio tale da
massimizzare la portata massima scaricabile a terra. In questo modo si massimizza la
capacitdicontenimentodelmezzochealtrimentisarebbelimitatonondallasuacapacit
dicaricoedalrapportodicompattazione,madallaportatadeltelaiosucuimontato.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.29

Analogamente per raccogliere le frazioni non compattabili, non si usa il classico da 5 mc


conportatamassimaparia700kg,maunavascada5/7mcmontatasuuntelaioingrado
diportarelacapacitdicaricofinoa2tonnellate.Inoltreperottimizzareulteriormentele
attivitdiraccoltasiprevedediutilizzareautomezziavascaconguidaadestra.

Neldettaglio,iservizisonoorganizzatinelseguentemodo:
perlaraccoltadellefrazioninoncompattabili(adeccezionedellazonaagroabassadensit
abitativa),ciascunasquadraprendeserviziopressolasededelgestoreesidirigepressola
zona assegnatale; effettua la raccolta e raggiunto il pieno carico, conferisce il materiale in
appositi cassoni scarrabili presso lsola ecologica; i cassoni saranno trasportati presso gli
impianti di destino al termine delle operazioni di raccolta con autocarri con motrice e
rimorchioattrezzaticonsistemamultilift;
per la raccolta delle frazioni compattabili(ad eccezione della zona agro a bassa densit
abitativa),ciascunasquadraprendeserviziopressolasededelgestoreesidirigepressola
zona assegnatale; effettua la raccolta e raggiunto il pieno carico, conferisce il materiale
presso lsola ecologica in un semirimorchio compattante da 50 mc tipo COSECO K6 che
viene poi i trasportato agli impianti di destino da apposito autista con trattore tipo IVECO
STRALIS.
Nellazonaagroabassadensitabitativasarannoimpiegatiautomezzicompattatorida15
mc che stazioneranno presso le mini isole ecologica n.2 giorni a settimana nel periodo
ordinario, n.4 giorni/settimana nel periodo estivo, per consentire il conferimento della
frazione residuale; i mezzi compattatori saranno impiegati anche per lo svuotamento dei
cassonetti contenenti le frazioni secche riciclabili ad accezione del vetro. Il vetro sar
inveceritiratodaautomezziavascada5/7mc.

Per quanto riguarda le operazioni di trasporto, queste avverranno sempre a conclusione delle
attivitdiraccoltaesarannoespletatedapersonalediversodaquellochehaeffettuatolaraccolta.
Questoperottimizzaretutteleattivitenonaveretempimorti;infattiquandolostessomezzo,di
solitodigrandeportata,effettuasialaraccoltacheiltrasporto,sitendeavelocizzareleoperazioni
connesse alla prima fase (raccolta), a discapito della qualit del servizio, per permettere al solo
autista di effettuare i trasporti senza utilizzare troppo straordinario. Inoltre terminando le
operazioni di raccolta prima della conclusione del turno di lavoro, gli addetti a tali operazioni
restanoinutilizzatialungo.
Gliautomezziperiltrasportosaranno:
semirimorchiocompattatoreda50mccontrattoreperlefrazionicarta,plasticaemetalli,
frazioneresidua,frazioneorganica,vetrodaUD;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.30

autotreno lift+rimorchio con cassoni o press container per le frazioni carta, plastica e
metalli,frazioniresidua,frazioneorganicavetrodaUnDedilcartonechedopolaraccolta
sarannoconferitiinappositipresscontainer/cassoniscarrabili.

Siriportaunatabellariepilogativaditutteletipologiedimezziutilizzatiperleattivitdiraccolta:

tipologiaautomezzo servizio
compattatore15mc
Raccoltafrazioneresidua,carta,
cartone,plasticaelattinezonaagroa
bassadensitabitativa
Automezzoconvasca5/7mcguidaadx
Raccoltaincentrourbanotuttele
frazioni(eccezioneingombranti)e
raccoltavetroinzoneagroabassa
densitabitativa
Automezzoconvasca2mcguidaadx
Raccoltaincentrostoricotuttele
frazioni(eccezioneingombranti)
Autocarroconpianale Raccoltaingombranti,sfalcieRAEE
Semirimorchiocompattante50mc TrasportofrazioniraccoltepressoUD
Autotrenomotrice+rimorchioconcassoniopress
container
Trasportofrazioniraccoltepresso
UnD

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.31


PARAMETRI DI CALCOLO e DIMENSIONAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA

In questo capitolo sono indicate le modalit ed i parametri di calcolo utilizzate per il


dimensionamento del servizio di raccolta e trasporto. Il dimensionamento, che definisce i
fabbisogni di attrezzature, materiali di consumo, mezzi e personale, effettuato attraverso le
seguentifasi:
a) Calcolodeiquantitatividellevariefrazionidirifiutointercettatiognivoltachesieffettuala
raccolta;
b) Valutazionedelleattrezzature(secchielli/sacchi/carrellati)dasvuotare;
c) Calcolodelnumerodiautomezziteorico;
d) Definizionedelnumerodiautomezzidiprogetto.

Calcolodeiquantitativi
Ilquantitativodirifiutidaraccogliereunparametroessenzialepervalutare,inbaseallaportata
degliautomezziutilizzati,ilnumeroditrasbordichequestidevonoeffettuarenelmezzocentralina
onelcassoneonelpresscontainer.

I quantitativi di materiale che si prevede di intercettare mediamente ad ogni raccolta sono


calcolatisecondolaseguenteformula:

Dove:
Q
R
=rappresentailquantitativo(intonnellate)diunadeterminatafrazionedirifiutointercettato
nelleoperazionidiraccolta;
Q
gg
rappresenta il quantitativo giornaliero (in tonnellate) di una determinata frazione di rifiuto.
Questivalorisonoriportatinelcapitolorelativoagliobiettividiraccoltaesonocalcolatiinbaseal
quantitativodiprogettoottenutodallinterpolazionelinearedeidatiadisposizione;
f rappresentalafrequenzasettimanalediraccolta;
Srappresentaisettoriincuisiipotizzadisuddividereilterritorio
7sonoigiornidellasettimana

IlterritoriodiMartinaFrancastatosuddivisoinquattrozone(centrourbano,centrostorico,agro
altadensitabitativaeagroabassadensitabitativa),perlindividuazionespecificadellestessesi
fariferimentoallatavolaallegata:MAPPAZONEDIRACCOLTA.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.32

Si specifica che nel periodo estivo si registra un picco nella produzione totale di rifiuti dovuti al
flussoturisticocheinteressaprincipalmentelazonadelcentrostorico
In base alla formula prima riportata ed ai quantitativi di rifiuti stimati nel capitolo Obiettivi di
raccolta differenziata si ottengono i quantitativi di rifiuti da raccogliere in ciascuna zona. Si
specifica che a causa del flusso estivo la produzione presenta un picco del periodo estivo che
interessaesclusivamentelazonadelcentroabitatoedelcentrostorico.Inquestezonepertanto
previstounrafforzamentodelserviziodiraccoltanellastagioneturistica.

Calcoloquantitatividaraccoglierenelperiodoordinario
servizio zona frequenza settori Q.t(ton)
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND
centroabitato
3 1 28,72
raccoltacartacongiuntadaUD&UND 1 1 25,37
raccoltamultimaterialedaUD&UND 1 1 25,37
raccoltavetrodaUD&UND 1 1 19,73
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND 1 1 74,69
raccoltacartonedaUND 3 2 11,76
raccoltafrazioneorganicadaUND 3 1 4,54
raccoltamultimaterialedaUND 1 1 4,34
raccoltavetrodaUND 1 1 3,79
raccoltafrazioneresiduadaUND 1 2 7,18
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND
centrostorico
3 1 3,10
raccoltacartacongiuntadaUD&UND 1 1 2,39
raccoltamultimaterialedaUD&UND 1 1 2,39
raccoltavetrodaUD&UND 1 1 1,86
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND 1 1 7,03
raccoltacartonedaUND 3 2
raccoltafrazioneorganicadaUND 3 1
raccoltamultimaterialedaUND 1 1
raccoltavetrodaUND 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUND 1 1
ingombrantisfalciRAEE interacitt 1 6 2,015
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND
agroconmediadensit
3 1 3,23
raccoltacartacongiuntadaUD&UND 1 1 2,49
raccoltamultimaterialedaUD&UND 1 1 2,49
raccoltavetrodaUD&UND 1 1 1,94
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND 1 1 7,35
raccoltacartonedaUND 3 2
raccoltafrazioneorganicadaUND 3 1
raccoltamultimaterialedaUND 1 1
raccoltavetrodaUND 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUND 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND
agrobassadensitabitativa
2 1

13.90
raccoltaplasticaUD 6 1 1,57
raccoltavetrodaUD 3 2.44
raccoltacartadaUD 3 3.14
Idatisullaproduzionedirifiutidapartedelleutenzenondomestichenondisponibilepersingola
zona. Il dimensionamento dei servizi stato effettuato in base al numero di attrezzature da
svuotare. Si rimanda alla sezione che segue il dettaglio sul numero di attrezzature da fornire alle
utenzenondomestichesuddivisoperzona.

Calcoloquantitatividaraccoglierenelperiodoestivo

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.33

servizio zona frequenza settori Q.t(ton)


raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centroabitato 3 1 28,72
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 1 1 25,37
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 1 1 25,37
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 1 1 19,73
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centroabitato 1 1 74,69
raccoltacartonedaUND centroabitato 3 2 11,76
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 3 1 4,54
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 1 1 4,34
raccoltavetrodaUND centroabitato 1 1 3,79
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 1 2 7,18
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 3 1 7,44
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 1 1 6,84
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 1 1 2,10
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 1 1 1,89
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 1 1 14,70
raccoltacartonedaUND centrostorico 3 2
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico 3 1
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico 1 1
raccoltavetrodaUND centrostorico 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 1 1
ingombrantisfalciRAEE interacitt 1 6 2,015
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND agroconmediadensit 3 1 3,23
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconmediadensit 1 1 2,49
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconmediadensit 1 1 2,49
raccoltavetrodaUD&UND agroconmediadensit 1 1 1,94
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agroconmediadensit 1 1 7,35
raccoltacartonedaUND agroconmediadensit 3 2
raccoltafrazioneorganicadaUND agroconmediadensit 3 1
raccoltamultimaterialedaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltavetrodaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agrobassadensitabitativa 4 1 9,63
raccoltaplasticaUD agrobassadensitabitativa 12 1 0,88
raccoltavetrodaUD agrobassadensitabitativa 6 2,03
raccoltacartadaUD agrobassadensitabitativa 6 1,83

Valutazionedelnumerodiattrezzaturedasvuotare
Ilnumerodiattrezzaturedasvuotareilparametroprincipaleperildimensionamentodeiservizi
portaaporta.
Ilquantitativodirifiutidaraccoglieredicuialpuntoprecedenteservesoloaverificare,inbasealla
portata degli automezzi utilizzati, il numero di trasbordi che questi devono effettuare nel mezzo
centralinaonelcassoneonelpresscontainer.
Come gi scritto in precedenza, le utenze hanno gi in dotazione specifiche attrezzature per la
raccolta domiciliare. In questa sezione si valuta il numero di attrezzature da svuotare in base ai
datidellelencoTARSU.
Dallanalisi della distribuzione delle utenze domestiche nei diversi caseggiati ed alla tipologia e
dimensione delle utenze non domestiche si ottengono i quantitativi di attrezzature da svuotare
riportatinelleseguentitabelleriepilogative:

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.34

utenze UD UND depositi sommano riserve totale


secchielloareato 20.349 556 20.905 1.096 22.000
secchiello25litri 28.368 556 28.924 2.076 31.000
secchiello30litri 85.104 2.322 1.978 89.404 2.596 92000
portasecchielli 1.251 1.251 49 1.300
carrellato240FORSU 552 552 48 600
carrellato240carta 1.157 1.177 123 1.300
carrellato240vetro 423 423 27 450
carrellato360residuo 1.413 1.413 17 1.450
saccomaterbi 390.000 86.736 476.736 23.264 500.000
saccoLDPE 621.972 267.124 102.856 991.952 8.048 1.000.000
cassonetti1.700lt 104 104 5 109
cassonetti1.100lt 13 38 5 48
tanichettaoli 28.368 556 28.924 10 28.934
compostiera 8019 50 8.069
Si riporta nel dettaglio il numero di attrezzature da consegnare alle utenze non domestiche
suddivisoperzona:
area
Totale
UND
secchiello
areato
secchiello
30litri
carrellato240
FORSU
carrellato
240carta
carrellato
240vetro
carrellato360
residuo
sacchi
materbi
agro 213 13 159 73 175 59 184 2.028
centrourbano 2.123 509 1.923 333 818 229 1.049 79.404
centrostorico 162 34 240 136 164 135 180 5.304
totale 2.498 556 2.322 542 1.157 423 1.413 86.736

Nella zona agro saranno impiegate le seguentiattrezzatureper laraccolta presso le12 mini isole
ecologiche:

frazione
frequenzadi
svuotamento
(periodoordinario)
Frequenza
Svuotamento
(periodo
estivo)
Cassonetto
1.100lt
Cassonetto1.700
lt N.
mini_isole
carta 3 53
12
plastica&lattine 6 53
vetro 3 13
residuo 2

Siribadiscecheinfasediavviodeiservizisareffettuatoilcensimentopuntualeditutteleutenze
presenti sul territorio per cui i dati dovranno essere aggiornati sulla base delle informazioni
raccolte.
Calcolodelnumerodiautomezziteorico
Per stabilire il numero di mezzi da utilizzare necessario ipotizzare il numero di svuotamenti da
effettuare e la produttivit delle squadre intesacome capacit di svuotamento delle attrezzature
nel turno di lavoro. Oltre al parametro della produttivit entra in campo anche il grado di
esposizione delle attrezzature che traduce un fenomeno statisticamente rilevante che dice che
nontutteleattrezzatureconsegnatevengonoespostenelgiornodiraccolta,masolounapartedi

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.35

esse. Questo consente alle squadre di raccolta di servire pi utenze di quanto effettivamente
potrebberosetutteleattrezzaturefosserofissecomenelcasodeicassonettistradaliincuipienio
semipieni vanno svuotati con tempi di raccolta identici a prescindere dal quantitativo e dalla
tipologiadimaterialeraccolto.
A partire dal numero di attrezzature da svuotare per ciascuna frazione di rifiuto e in base alla
produttivit delle squadre di lavoro intesa come numero di attrezzature (sacchi, secchielli,
carrellati) che una squadra (operatori+automezzo) riesce a prelevare in un turno di lavoro, si
calcola analiticamente il numero di automezzi necessari (n.automezzi teorico), secondo la
seguenteformula:

NM
T
= _
S
UD
F
S_UD
+S
UND
F
S_UND
P
S
+
C
UND
F
C_UND
P
C
]

NN
T
=numeroteoricodiautomezzi
S
0B
=numerodiattrezzature(secchiello/sacco)dasvuotaredautenzedomestiche
S
0NB
=numerodiattrezzature(secchiello/sacco)dasvuotaredautenzenondomestiche
C
0NB
=numerodicarrellatidasvuotaredautenzenondomestiche
E
S_0B
=gradodiesposizionedelleattrezzaturesingoledomestiche(valorepercentualeatteso)
E
S_0NB
= grado di esposizione delle attrezzature singole non domestiche (valore percentuale
atteso)
E
C_0NB
=gradodiesposizionedeibidonicarrellatidelleutenzenondomestiche(valorepercentuale
atteso)
P
S
=produttivitdellasquadraintesacomenumerodisecchielli/sacchidasvuotareperturno
P
C
=produttivitdellasquadraintesacomenumerodicarrellatidasvuotareperturno

SiaivaloriEcheivaloriPvarianoinbaseallatipologiadirifiutodaraccogliere,allazonadiraccolta
e agli automezzi impiegati. In questo caso poich stato rilevato un aumento del flusso nel
periodoestivo,nellezoneinteressatedalflussoturisticovarierancheilgradodiesposizionecon
aumentosignificativonellastagioneestiva.
Siriportanoletabelleconivaloriutilizzatinelcalcolo:

gradoesposizione(E)(periodoordinario)

E
S_0B
E
S_0NB
E
C_0NB

raccoltafrazioneorganicada centroabitato 70% 50% 65%

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.36

UD&UND
raccoltacartacongiuntada
UD&UND centroabitato 50% 20% 60%
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 70% 50%
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 60% 80%
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND centroabitato 65% 20% 30%
raccoltacartonedaUND centroabitato 50%
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 20% 75%
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 70%
raccoltavetrodaUND centroabitato 50%
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 50%
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND centrostorico 70% 70%
raccoltacartacongiuntada
UD&UND centrostorico 60% 70%
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 75% 50%
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 80% 80%
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND centrostorico 70% 20% 60%
raccoltacartonedaUND centrostorico 75%
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico 75%
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico 75%
raccoltavetrodaUND centrostorico 75%
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 50%
ingombrantisfalciRAEE interacitt
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND
agroconmedia
densit 75% 50% 70%
raccoltacartacongiuntada
UD&UND
agroconmedia
densit 60% 20% 70%
raccoltamultimaterialedaUD&UND
agroconmedia
densit 75% 60%
raccoltavetrodaUD&UND
agroconmedia
densit 80% 80%
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND
agroconmedia
densit 70% 20% 55%
raccoltacartonedaUND
agroconmedia
densit 50%
raccoltafrazioneorganicadaUND
agroconmedia
densit 20% 75%
raccoltamultimaterialedaUND
agroconmedia
densit 70%

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.37

gradoesposizione(E)(periodoestivo)
E
S_0B
E
S_0NB
E
C_0NB
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND centrostorico 80% 90%
raccoltacartacongiuntada
UD&UND centrostorico 80% 90%
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 80% 90%
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 80% 90%
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND centrostorico 80% 20% 90%
raccoltacartonedaUND centrostorico 90%
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico 75%
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico 90%
raccoltavetrodaUND centrostorico 90%
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 50%

produttivitraccolta(P)
tiposquadra P
S
P
C

autista/operatore(mono) 700 130


autista+operatore 900 140

Per la sola raccolta dei rifiuti ingombranti+RAEE+sfalci si utilizza un criterio diverso. Il numero di
mezzi teorico si ottiene dividendo i quantitativi che si ipotizza di raccogliere per un quantitativo
massimoraccoglibileperturnodilavorosecondolaformula:

Dove:
NN
T
rappresentailnumeroteoricodiautomezzi
Q
R
rappresenta il quantitativo (in tonnellate) di una determinata frazione di rifiuto intercettato
nelleoperazionidiraccolta(nelcasospecificoingombranti+RAEE+sfalci);
Q
max
rappresentaletonnellatediingombranticheunasquadraformatadaautocarroconpianale
conautistaedoperatoreriesceaprelevareinunturnodilavoro
Perlaraccoltanellazonaagroabassadensitabitativailcalcolostatoeffettuatotenendoconto
delnumerodiattrezzaturedasvuotare.
Per quanto concerne la frazione residuale la squadra stazioner presso n.4 isole al giorno (n.1
compattatore +autista per isola) per cui in tre giorni avr effettuato la raccolta presso le 12 mini
isoleecologiche.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.38

Una volta noti i valori teorici (generalmente decimali) si passa alla definizione del valore di
progetto, che si ottiene approssimando per eccesso il valore teorico al numero intero, in modo
taledagarantireunbuonmarginedisicurezzaperilsistema.

Inbaseaiparametriedalleformuledicalcolosuriportatiefacendoriferimentoalleattrezzature
dasvuotaresiottengonoleseguentitabelledicalcolodelnumeroteoricodiautomezzinecessari
duranteilperiodoordinarioedilperiodoestivo:

periodoordinario
servizio zona
UD UND
N.mezzi
%E %E %E
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centroabitato 70% 50% 65% 12,73
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 50% 20% 60% 11,72
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 70% 50% 13,07
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 60% 80% 10,65
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centroabitato 65% 20% 30% 12,61
raccoltacartonedaUND centroabitato 50% 1,33
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 20% 75% 1,78
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 70% 1,65
raccoltavetrodaUND centroabitato 2,00
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 50% 1,87
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 70% 70% 3,13
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 60% 70% 2,93
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 75% 50% 2,50
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 80% 80% 3,57
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 70% 20% 60% 3,10
raccoltacartonedaUND centrostorico
1,00
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico 75%
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico
raccoltavetrodaUND centrostorico
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 50%
ingombrantisfalciRAEE interacitt 2,00
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND agroconmediadensit 75% 50% 70% 2,77
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconmediadensit 60% 20% 70% 2,21
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconmediadensit 75% 60% 2,72
raccoltavetrodaUD&UND agroconmediadensit 80% 80% 2,92
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agroconmedia densit 70% 20% 55% 2,56
raccoltacartonedaUND agroconmediadensit 50% 0,04
raccoltafrazioneorganicadaUND agroconmediadensit 20% 75% 0,07
raccoltamultimaterialedaUND agroconmediadensit 70% 0,05
raccoltavetrodaUND agroconmediadensit
raccoltafrazioneresiduadaUND agroconmediadensit

Periodoestivo

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.39

servizio zona
UD UND
N.mezzi
%E %E %E
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 80% 90% 3,00
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 80% 90% 3,18
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 80% 90% 2,29
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 80% 90% 2,99
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 80% 20% 90% 3,31
raccoltacartonedaUND centrostorico 90%
2,00
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico 75%
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico 90%
raccoltavetrodaUND centrostorico 90%
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 50%

Come sar ampiamente spiegato nei capitoli descrittivi delle modalit di raccolta e di
organizzazionedellesquadredilavoro,sisceltodiutilizzareperlaraccoltacongiuntadautenze
domestiche e non domestiche squadre con n.1 operatore e n. 1 autista, con lesclusione delle
utenzedomestichedelcentrostoricoedellazonaagroadaltadensitabitativadovesisceltodi
utilizzaresquadremonoperatore.
Nella zona agro il numero di automezzi calcolato tenendo conto del numero di attrezzature da
svuotare.Perlaraccoltadellafrazioneresidualeprevistolimpiegodiunasquadraformatadaun
compattatoretreassieunoperatorechenelperiodoordinario,stazionern.2giorniasettimana
nei pressi delle mini isole ecologiche per consentire ai cittadini di conferire tale frazione. Nel
periodoestivoilconferimentodellafrazioneresidualepreviston.4giorni/settimana.
:
periodoordinario
frazione
frequenzadi
svuotamento
mc/raccolta N.mini_isole vasca7mc 15mc autista operatore
carta 3 53
12
1 1 1
plastica&lattine 6 53 1 1 1
vetro 3 13 2 2 2
residuo 2 4 4

periodoestivo
frazione
frequenzadi
svuotamento
mc/raccolta N.mini_isole vasca7mc 15mc autista operatore
carta 6 53
12
1 1 1
plastica&lattine 12 53 1 1 1
vetro 6 13 2 2 2
residuo 4 4 4

Definizionedelnumerodiautomezzidiprogetto
Una volta noti i valori teorici (generalmente decimali) si passa alla definizione del valore di
progetto, che si ottiene approssimando per eccesso il valore teorico al numero intero, in modo
taledagarantireunbuonmarginedisicurezzaperilsistema.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.40

Siriportalatabellariepilogativadelcalcolonelperiodoordinarioenelperiodoestivo:

periodoordinario
servizio zona
costipator
e5/7mc
porte
r
pianal
e
compattator
e15mc
autist
a
operator
e
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 11 11 11
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltacartonedaUND centroabitato 2 2
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 2 2 2
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 2 2 2
raccoltavetrodaUND centroabitato 2 2 2
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 2 2 2
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltacartonedaUND centrostorico
1 1

raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico
raccoltavetrodaUND centrostorico
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico
ingombrantisfalciRAEE interacitt 2 2 2
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltavetrodaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltacartonedaUND agroconmediadensit
1 1

raccoltafrazioneorganicadaUND agroconmediadensit
raccoltamultimaterialedaUND agroconmediadensit
raccoltavetrodaUND agroconmediadensit
raccoltafrazioneresiduadaUND agroconmediadensit
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND
agrobassadensit
abitativa 4 4
raccoltaplasticaUD
agrobassadensit
abitativa 1 0,5 0,5
raccoltavetrodaUD
agrobassadensit
abitativa 2 0,5 0,5
raccoltacartadaUD
agrobassadensit
abitativa 0,5 0,5

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.41

Periodoestivo
servizio zona
costipatore
5/7mc
porter pianale
compattatore
15mc
autista operatore
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centroabitato 13 13 13
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 13 13 13
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 13 13 13
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centroabitato 13 13 13
raccoltacartonedaUND centroabitato 3 3
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 3 3 3
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 3 3 3
raccoltavetrodaUND centroabitato 3 3 3
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 3 3 3
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltacartonedaUND centrostorico
2

2
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico
raccoltavetrodaUND centrostorico
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico

Si specifica che alcune raccolte saranno effettuate dalla medesima squadra in un turno di lavoro
come nel caso delle raccolte presso le utenze non domestiche ubicate presso la zona centro
storicoelazonaadaltadensitabitativa.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.42


DESCRIZIONE DEI SERVIZI DI RACCOLTA ED ORGANIZZAZIONE DEL
LAVORO

Generalit
In questa sezione sono descritti nel dettaglio i servizi di raccolta e le modalit di esecuzione dei
singoliservizievidenziandoperognunodiessi:
Tipologiaequantitativiannuidimaterialediconsumoutilizzato,
numerotipologiaefrequenzasettimanalediimpiegodegliautomezziutilizzati,
numeromansioneefrequenzasettimanalediimpiegodelpersonale,
frequenzadiespletamento,
zoneepercorsidiraccolta

Si specifica che lincremento della produzione di rifiuti che si registra nella stagione estiva
interessa la zona del centro storico e la zona agro a bassa densit abitativa di conseguenza in
queste due zone lorganizzazione delle squadre di lavoro differisce nei due periodi dellanno. In
particolaredurantelastagioneestivanelcentrostoricoprevistounincrementodellesquadredi
lavoro che operano presso le utenze non domestiche mentre nella zona agro a bassa densit
abitativasonoraddoppiatelefrequenzadisvuotamentodeicassonettielaraccoltadellafrazione
residuarispettoalperiodoordinario.

Raccoltadelseccoresiduale
Perfrazioneseccaresidualeintendiamolapartedirifiutidomesticienondomesticicherestadopo
la separazione di tutte le frazioni riciclabilirecuperabili. Tale frazione composta principalmente
da oggetti in plastica diversi dagli imballaggi, pannolini, assorbenti, oggetti monouso con
lesclusionedipiattiebicchieridiplastica,guanti,spugneestracciesausti,materialedirisultadelle
puliziedomestiche,ecc.
Presso le utenze domestiche che effettuano il porta a porta (zona centro storico, centro abitato,
agroadaltadensitabitativa)lafrequenzadiraccoltaparian.1giorno/settimana.
Nella zona agro a bassa densit abitativa la raccolta avviene con frequenza pari a n. 2
giorni/settimana nel periodo ordinario, n.4 giorni/settimana nel periodo estivo. La raccolta del
residuo avverr attraverso il conferimento diretto presso i compattatori che stazionano presso le
miniisoleecologicheneglioraristabilitidallamministrazionecomunale.
Le utenze non domestiche effettuano la raccolta del residuo con frequenza pari a n. 2
giorni/settimana.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.43

Alle utenze che ne faranno specifica richiesta e che vengono pertanto iscritte in appositi registri
vieneeffettuatalaraccoltaspecificadipannoliniepannoloniconfrequenzaparia2/7.

Leutenzedomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada,
eventualeattrezzaturacondominialecostituitadaadeguatonumerodicarrellatida360litri
oinalternativaportasecchielli,innumerosufficientedasoddisfareleesigenzedeidiversi
condomini.

Leutenzenondomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada
eventuali bidoni carrellati da 360 litri, in numero sufficiente da soddisfare le diverse
esigenze. Anche per le utenze di dimensioni maggiori, preferibilmente e se non
strettamente necessario, non si prevede di consegnare contenitori di dimensioni maggiori
per far percepire la differenza tra raccolta stradale fatta con cassonetti e raccolta
domiciliare.

Siriportaunatabellariepilogativadelleattrezzaturedafornirealleutenze:

servizio zona
UD UND
Secchiellida30lt Secchiellida30ltri
Carrellati
360lt
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centroabitato 14.014 1.074 1049
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 524
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 2.393 133 180
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltafrazioneresiduadaUND agrocon mediadensit 2.500 50 10
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agrobassadensitabitativa

Laraccoltasisvolgernelseguentemodo:

La raccolta congiunta presso utenze domestiche e non domestiche del centro abitato sar
effettuata, mediante n.12 automezzi a vasca da 5/7 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La
raccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2automezziavascada
5/7mcconn.1autistaen.1operatore

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche del centro storico nel
periodo ordinario sar effettuata mediante n.3 automezzi a vasca tipo porter con n.1 autista e

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.44

n.1 operatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezziavascada2mctipomonoperatore.
Nelperiodoestivolaraccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2
automezziavascada2mctipomonoperatore.

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche della zona agro ad alta
densit abitativa sar effettuata mediante n.3 automezzi automezzi a vasca da 5/7 mc
monoperatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezzoavascada5/7mcmonoperatore.

La raccolta presso la zona agro a bassa densit abitativa sar effettuata mediante n.4
autocompattatori da 15 mc con n.1 autista . La squadra stazioner presso quattro mini isole
ecologiche al giorno distribuite sul territorio ed il conferimento della frazione residua avverr
presso gli stessi mezzi autocompattatori nei giorni e nelle fasce orarie stabilite
dallamministrazionecomunale.
Poich nel periodo invernale la frequenza di raccolta n.2 giorni/settimana occorrono tre giorni
per la raccolta del residuo presso le 12 mini isole ecologiche, di conseguenza le squadre
lavorerannon.6giorni/settimanaperlaraccoltadellafrazioneresiduale.Nelperiodoestivopoich
la frequenza di raccolta raddoppiata la squadre lavoreranno n.6 giorni/settimana nel turno di
mattinaedipomeriggio.
Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:

servizio zona
costipatore5/7
mc
porter pianale
compattatore15
mc
autista operatore
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltafrazioneresiduadaUND centroabitato 2 2 2
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltafrazioneresiduadaUND centrostorico 1* 1
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltafrazioneresiduadaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltafrazioneresiduadaUD&UND agrobassadensitabitativa 4 4
*nelperiodoestivolasquadrasarformatadan.2portermonoperatore

Lulteriore raccolta di pannolini e pannoloni sar effettuata contestualmente alle operazioni di


raccoltadallesoleutenzenondomestiche.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.45

Raccoltafrazioneorganica
Per frazione organica intendiamo la parte di rifiuti domestici e non domestici residui della
preparazione e consumo dei cibi, scarti vegetali di piccole dimensioni, cenere di combustione di
materiali lignei e cellulosici, scarti biodegradabili delle attivit di ristorazione e di vendita al
dettagliodiortofrutta,alimentariepianteefiori.possibileinserireanchematerialecellulosicodi
piccola taglia (fazzoletti unti, stuzzicadenti, tappi in sughero) e quantaltro semplicemente
biodegradabile.
La raccolta presso le utenze domestiche (UD) viene effettuata in tutti il territorio, ad eccezione
della zona agro a bassa densit abitativa, con frequenza pari a n.3 giorni/settimana tutto lanno,
mentrenellazonaruralesuddettasiprevedeilcompostaggiodomestico.
Laraccoltavieneeffettuatasututtoilterritoriocomunalepressoleutenzenondomestiche(UND)
confrequenzaparia6/7tuttolanno.
Leutenzedomestichehannoadisposizione:
Adeguatokitdisacchiinmaterbi;
Secchiellosottolavelloda10lt;
secchielloantirandagismoda25litriperlesposizionedelrifiutosustrada,
eventualeattrezzaturacondominialecostituitadaadeguatonumerodicarrellatida240litri
o in alternativa portasecchielli, in numero sufficiente da soddisfare le esigenze dei diversi
condomini.

Leutenzenondomestichehannoadisposizione:
adeguatokitdisacchiinmaterbi;
secchielloantirandagismoda25litriperlesposizionedelrifiutosustrada,
eventuali bidoni carrellati da 240 litri, in numero sufficiente da soddisfare le diverse
esigenze. Anche per le utenze di dimensioni maggiori, preferibilmente e se non
strettamente necessario, non si prevede di consegnare contenitori di dimensioni maggiori
per far percepire la differenza tra raccolta stradale fatta con cassonetti e raccolta
domiciliare.

Siriportaunatabellariepilogativadelleattrezzatureadisposizionedellediverseutenze:
servizio zona
UD UND
Sacchiello25lt Sacchiello25lt
Carrellati
240lt
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centroabitato 14.014 509 333
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 333
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 2393 136
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND agroconmediadensit 2500 50 10
raccoltafrazioneorganicadaUND agroconmediadensit 2500 50 10

Laraccoltasisvolgernelseguentemodo:

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.46

La raccolta congiunta presso utenze domestiche e non domestiche del centro abitato sar
effettuata, mediante n.12 automezzi a vasca da 5/7 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La
raccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2automezziavascada
5/7mcconn.1autistaen.1operatore

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche del centro storico nel
periodo ordinario sar effettuata mediante n.3 automezzi a vasca tipo porter con n.1 autista e
n.1 operatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezziavascada2mctipomonoperatore.
Nelperiodoestivolaraccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2
automezziavascada2mctipomonoperatore.

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche della zona agro ad alta
densit abitativa sar effettuata mediante n.3 automezzi automezzi a vasca da 5/7 mc
monoperatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezzoavascada5/7mcmonoperatore.
Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:
servizio zona costipatore5/7mc porter autista operatore
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltafrazioneorganicadaUND centroabitato 2 2 2
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltafrazioneorganicadaUND centrostorico* 1 1
raccoltafrazioneorganicadaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltafrazioneorganicadaUND agroconmediadensit 1 1
*nelperiodoestivolasquadrasarformatadan.2portermonoperatore

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.47

Raccoltamultimateriale
Per raccolta multimateriale intendiamo la parte di rifiuti domestici composta da imballaggi in
plastica flaconi, bottiglie, blister, sacchi e film in plastica, piatti e bicchieri in plastica, lattine e
barattoliinacciaioedalluminio,foglidalluminio,piccolioggettiinacciaioedinalluminio.
Lafrequenzasettimanalediraccoltapressoleutenzedomestiche,sututtoilterritoriocomunale
paria1/7.
La frequenza settimanale di raccolta presso le utenze non domestiche, su tutto il territorio
comunaleparia2/7.
Lo svuotamento dei cassonetti nelle 12 mini isole ecologiche della zona agro n.6 giorni a
settimananelperiodoordinarionelturnodimattina;nelperiodoestivon.6giorni/settimananel
turnomattutinoepomeridiano.
Leutenzedomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada,
eventualeattrezzaturacondominialecostituitadaadeguatonumerodicarrellatida360litri
o in alternativa portasecchielli, in numero sufficiente da soddisfare le esigenze dei diversi
condomini.

Leutenzenondomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada
eventuali bidoni carrellati da 360 litri, in numero sufficiente da soddisfare le diverse
esigenze. Anche per le utenze di dimensioni maggiori, preferibilmente e se non
strettamente necessario, non si prevede di consegnare contenitori di dimensioni maggiori
per far percepire la differenza tra raccolta stradale fatta con cassonetti e raccolta
domiciliare.

Siriportaunatabellariepilogativadelleattrezzatureadisposizionedelleutenze:

servizio zona
UD UND
Secchiello
35lt
Cassonetto
1.700lt
Secchiello
35lt
Carrellati
360lt
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 14.014 3.915
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 2.123
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 2.393 162
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltamultimaterialedaUND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconbassadensit 53

Laraccoltasisvolgernelseguentemodo:

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.48

La raccolta congiunta presso utenze domestiche e non domestiche del centro abitato sar
effettuata, mediante n.12 automezzi a vasca da 5/7 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La
raccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2automezziavascada
5/7mcconn.1autistaen.1operatore

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche del centro storico nel
periodo ordinario sar effettuata mediante n.3 automezzi a vasca tipo porter con n.1 autista e
n.1 operatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezziavascada2mctipomonoperatore.
Nelperiodoestivolaraccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2
automezziavascada2mctipomonoperatore.

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche della zona agro ad alta
densit abitativa sar effettuata mediante n.3 automezzi automezzi a vasca da 5/7 mc
monoperatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezzoavascada5/7mcmonoperatore.
Losvuotamentodeicassonettinellazonaagroabassadensitabitativasareffettuatamediante
mezzo compattatore da 15 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La stessa squadra dopo a ver
effettuato lo svuotamento dei cassonetti della multimateriale svuoter n.3 giorni/settimana i
cassonettidellacarta;n.3giorniasettimanautilizzandoilmezzoavascainvecedelcompattatore
svuotericassonettidelvetro.

Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:

servizio zona
costipatore
5/7mc
porter pianale
Compattatore
15mc
autista operatore
raccoltamultimaterialedaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltamultimaterialedaUND centroabitato 2 2 2
raccoltamultimaterialedaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltamultimaterialedaUND centrostorico 1* 1
raccoltamultimaterialedaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltamultimaterialedaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltamultimaterialeUD agrobassadensitabitativa 1 0,5 0,5
*nelperiodoestivolasquadrasarformatadan.2portermonoperatore

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.49

RaccoltaCarta
Perraccoltadellacartaintendiamolapartedirifiutidomesticicompostadacarta,giornali,riviste,
imballaggiincartaecartone,poliaccoppiatitipotetrapak.
Laraccoltapressoleutenzedomestiche(UD)enondomestiche(UND)vieneeffettuatasututtoil
territorio comunale ad eccezione della zona agro a bassa densit abitativa, con frequenza pari a
1/7.
Losvuotamentodeicassonettinelle12miniisoleecologichedellazonaagroabassadensitn.3
giorni/settimananelperiodoordinario;nelperiodoestivon.6giorni/settimana.
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada,
eventualeattrezzaturacondominialecostituitadaadeguatonumerodicarrellatida360litri
o in alternativa portasecchielli in numero sufficiente da soddisfare le esigenze dei diversi
condomini.

Leutenzenondomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada
eventuali bidoni carrellati da 240 litri, in numero sufficiente da soddisfare le diverse
esigenze. Anche per le utenze di dimensioni maggiori, preferibilmente e se non
strettamente necessario, non si prevede di consegnare contenitori di dimensioni maggiori
per far percepire la differenza tra raccolta stradale fatta con cassonetti e raccolta
domiciliare.

Siriportaunatabellariepilogativadelleattrezzatureadisposizionedelleutenze:

servizio zona
UD UND
Secchiello30lt
Cassonetto
1.700lt
Secchiello30lt Carrellati240lt
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 14.014 1.923 818
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 2.393 164
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconbassadensit 53

Laraccoltasisvolgernelseguentemodo:

La raccolta congiunta presso utenze domestiche e non domestiche del centro abitato sar
effettuata, mediante n.12 automezzi a vasca da 5/7 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La
raccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2automezziavascada
5/7mcconn.1autistaen.1operatore

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.50

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche del centro storico nel
periodo ordinario sar effettuata mediante n.3 automezzi a vasca tipo porter con n.1 autista e
n.1 operatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezziavascada2mctipomonoperatore.
Nelperiodoestivolaraccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2
automezziavascada2mctipomonoperatore.

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche della zona agro ad alta
densit abitativa sar effettuata mediante n.3 automezzi automezzi a vasca da 5/7 mc
monoperatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezzoavascada5/7mcmonoperatore.
Losvuotamentodeicassonettinellazonaagroabassadensitabitativasareffettuatamediante
mezzocompattatoreda15mcconn.1autistaen.1operatore.

Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:

servizio zona
costipatore
5/7mc
porter Compattatore15mc autista operatore
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centroabitato 12 12 12
raccoltacartacongiuntadaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltacartacongiuntadaUD&UND agrobassadensitabitativa 1 0,5 0,5

Raccoltavetro
Pervetrointendiamolapartedirifiutidomesticienondomesticicomprendentiimballaggiinvetro
bottiglie, vasetti, barattoli in vetro. Non si pu conferire insieme al vetro lampade e lampadine
(chevannoneiRAEE)oggettiinporcellana(chevannonellafrazioneresiduale),lastreedoggettidi
notevolidimensionidivetrochevannoportatidirettamenteallisolaecologica.
La raccolta presso le utenze domestiche (UD) ad eccezione della zona agro a bassa densit
abitativavieneeffettuatasututtoilterritoriocomunaleconfrequenzaparia1/7.Laraccoltaviene
effettuata su tutto il territorio comunale presso le utenze non domestiche (UND) con frequenza
paria2/7.
Losvuotamentodeicassonettinelle12miniisoleecologichedellazonaagroabassadensitn.3
giorni/settimananelperiodoordinario;nelperiodoestivon.6giorni/settimana.

Leutenzedomestichehannoadisposizione:
secchielloantirandagismoda30litriperlesposizionedelrifiutosustrada,

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.51

eventualeattrezzaturacondominialecostituitadaadeguatonumerodicarrellatida240litri
oinalternativaportasecchielli,seconcordatoconlAmministrazionecomunale,innumero
sufficientedasoddisfareleesigenzedeidiversicondomini.

Leutenzenondomestichehannoadisposizione:
bidonicarrellatida240litri,innumerosufficientedasoddisfarelediverseesigenze.Anche
per le utenze di dimensioni maggiori, preferibilmente e se non strettamente necessario,
non si prevede di consegnare contenitori di dimensioni maggiori per far percepire la
differenzatraraccoltastradalefattaconcassonettieraccoltadomiciliare.

Siriportaunatabellariepilogativadelleattrezzatureadisposizionedelleutenze:
servizio zona
UD UND
Secchiello
35lt
Cassonetto
1.100lt
Secchiello
30lt
Carrellati
240lt
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 14.014 229
raccoltavetrodaUND centroabitato 229
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 2.393 135
raccoltavetrodaUND centrostorico
raccoltavetrodaUD&UND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltavetrodaUND agroconmediadensit 2.500 50 10
raccoltavetrodaUD agrobassadensitabitativa 13

Laraccoltasisvolgernelseguentemodo:

La raccolta congiunta presso utenze domestiche e non domestiche del centro abitato sar
effettuata, mediante n.11 automezzi a vasca da 5/7 mc con n.1 autista e n.1 operatore. La
raccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2automezziavascada
5/7mcconn.1autistaen.1operatore

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche del centro storico nel
periodo ordinario sar effettuata mediante n.3 automezzi a vasca tipo porter con n.1 autista e
n.1 operatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezziavascada2mctipomonoperatore.
Nelperiodoestivolaraccoltapressoleutenzenondomesticheditalezonasareffettuatadan.2
automezziavascada2mctipomonoperatore.

La raccolta congiunta presso le utenze domestiche e non domestiche della zona agro ad alta
densit abitativa sar effettuata mediante n.3 automezzi automezzi a vasca da 5/7 mc
monoperatore. La raccolta presso le utenze non domestiche di tale zona sar effettuata da n.1
automezzoavascada5/7mcmonoperatore.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.52

Losvuotamentodeicassonettinellazonaagroabassadensitabitativasareffettuatamediante
automezzoavascada5/7mcconn.1autistaen.1operatore.
Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:
servizio zona costipatore5/7mc porter autista operatore
raccoltavetrodaUD&UND centroabitato 11 11 11
raccoltavetrodaUND centroabitato 2 2 2
raccoltavetrodaUD&UND centrostorico 3 3 3
raccoltavetrodaUND centrostorico 1* 1
raccoltavetrodaUD&UND agroconmediadensit 3 3
raccoltavetrodaUND agroconmediadensit 1 1
raccoltavetrodaUD agrobassadensitabitativa 2 0,5 0,5
*nelperidoestivolasquadrasarformatadan.2portermonoperatore
Raccoltacartone
Presso le sole utenze non domestiche si prevede la raccolta selettiva degli imballaggi in cartone
confrequenzadiraccoltaparia3/7.Ilterrritoriosarsuddivisoinduesettori,pertantolasquadra
cheeffettualaraccoltadelcartoneuscirn.6giorni/settimana.
Laraccoltadedicataallesoleutenzenondomestichedituttoilterritoriosareffettuatamediante
n.2 automezzo a vasca da 5/7 mc monoperatore. Si riporta la tabella riepilogativa dei servizi
erogati:

servizi costipatore autista


cartoneund 2 2

Raccoltaingombrantiraeesfalci
Per ingombranti si intende quella frazione di rifiuti urbani costituiti da beni di grosse dimensioni
che non possono essere conferiti al servizio ordinario di raccolta quali: poltrone, divani, armadi,
materassi. Per RAEE si intendono tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso
(monitor,computer,piccolielettrodomestici,lampade,condizionatoriecc.).Persfalcisiintendono
iresiduidellamanutenzionedelverdedagiardiniprivati.Perprenotareilconferimentoditalibeni
sar predisposto apposito numero verde. La raccolta viene effettuata con frequenza settimanale
daunasquadradiduepersoneconautomezzodotatodispondaidraulicaperilsollevamentodei
carichipesanti.
Il materiale raccolta viene conferito nellisola ecologica in appositi cassoni da 30 mc o ceste
consegnate direttamente dal Centro di Coordinamento RAEE. Il trasporto dei RAEE a carico del
suddetto centro di coordinamento, mentre il trasporto degli ingombranti e degli sfalci sar
effettuato dalla scrivente a mezzo autocarro con lift. Per la raccolta nella si prevede lutilizzo di
una squadra formata da n.1 automezzo con pianale, con autista ed operatore. La raccolta degli
ingombrantisareffettuatan.1giorno/settimana;lestensioneterritorialedelcomunediMartina
Franca impone la suddivisione del territorio in n.6 settori per minimizzare il numerodi risorse da

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.53

impiegareperlaraccolta,pertantolasquadracheeffettuailserviziooperern.6giorni/settimana.
Siriportalatabellariepilogativadeiservizierogati:

servizi pianale operatore autista


ingombranti,RAEE,verde 1 1 1

Raccoltarifiuticimiteriali
Il servizio di raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani sar effettuato in parallelo alla raccolta
differenziatapressolealtreutenze.
Dallanalisi merceologica dei rifiuti generalmente prodotti presso i cimiteri si evince unelevata
quantit di rifiuto organico costituito prevalentemente da fiori secchi, foglie e sfalci. Laltra
tipologia di rifiuto che si produce in quantit piuttosto rilevante, linvolucro porta ceri. Tale
involucro sostanzialmente un contenitore di plastica cilindrico dotato di un coperchio in banda
stagnata. Si tratta dunque di un rifiuto non riciclabile se si considera la componente plastica,
mentre il coperchio potrebbe essere recuperato per il riciclo conferendolo nel contenitore della
frazionemultimateriale.
Si riporta una tabella riepilogativa della composizione merceologica dei rifiuti prodotti presso i
cimiteri:

Composizionemerceologicadelrifiutourbanocimiteriale
tipologia produzione
Frazioneorganica alta
Contenitoreportaceri(frazioneresiduale) alta
Imballaggiinplastica Alta(soloindatiperiodi)
Filminplastica Alta(soloindatiperiodi)
Altririfiutidaimballaggio Alta(soloindatiperiodi)

Lacomposizionemerceologicadelrifiutourbanocimiterialecomunquesoggettaavariazionein
certiperiodiparticolaridellanno,infattinelmesedinovembreenelperiodoNataliziocisiattende
di raccogliere in grosse quantit, imballaggi in plastica, film in plastica, ed altri materiali da
imballaggio utilizzati per il trasporto di ornamenti floreali ed altro. Per agevolare le utenze che si
recanoinvisitapressoilcimiteroaraccogliereinmododifferenziatoirifiutiderivantidalleattivit
dicommemorazionedeidefunti,necessariofornireilcimiterodicontenitorididiversatipologia
per la raccolta della frazione organica, la frazione secca residua (involucri porta ceri), la frazione
multimateriale (plastica e metalli). Sui contenitori saranno apposti idonei adesivi per rendere pi
sempliceladifferenziazionedeirifiutidapartedeicittadini.

Tali conte
trasportare
utilizzando
Si convien
riciclabilel
Ilfabbisog
basso:

Per increm
campagne
bandastag
Sar comp
posizionare
agevolare
contenitor
zona dove
frazioni di
domestich
della frazio
produzione
lAmminist
effettuare
estumulaz
contenime
suddette a
cimiterope
conferimen

nitori potra
e in un se
ocontenitor
e che ne
lacartaepe
nodiconte
Frazione
Frazioneorga
Frazioneresid
Frazionemult
carta
mentare la
di sensibil
gnatacheco
petenza del
e altre tip
ilconferim
ripipiccol
e avviene l
rifiuto sar
e (3 volte/
one residu
edirifiutis
trazione co
altres la
ione. Tale
ento dei rif
attrezzature
er5giornia
nto.Iltrasp

anno esser
condo mom
rididimens
ecessario fo
erlafrazion
enitoristima
anica
duale
timateriale
raccolta d
izzazione s
ostituiscono
personale
pologie di
ento da pa
iaiconteni
accesso de
effettuata
/settimana
ale, 1 volta
iprevedel
munale. Ol
raccolta,
servizio p
fiuti cimite
e monouso.
antecedent
portoavverr
Citt
P
re posiziona
mento i rif
sioniminori
ornire il cim
nemultimat
atoinques
differenziata
i pu tenta
olinvolucro
interno al
contenitori
rte delle ut
torididime
ei camion c
a con frequ
la raccolta
a la raccolt
intensificaz
ltre alla rac
il trasport
prevede la
riali e di u
. Tale casso
tiladatafis
rmediante
diMartinaF
Pianodeiserviz
ati in punt
fiuti raccolt
.
mitero di ca
teriale.
staprimaan
contenitore
carrellato
carrellato
Cassonetto
carrellato
a della fraz
are di invog
oportaceri
cimitero, q
i di dimen
tenze e sop
ensionimag
che effettu
uenza pari
della frazio
ta multima
zionedellar
ccolta delle
to e lo sm
fornitura
un cassone
one sar po
ssataperilp
eunautom

Franca
zidiigieneurba
i diversi op
ti giornalm
arrellati per
nalisiprelim
Vol
1
zione multi
gliare i citta
.
qualora si r
nsioni mino
prattutto le
ggioriched
ano la racc
alla freque
one organic
ateriale). Ne
raccoltasec
e suddette
maltimento
di apposit
e chiuso al
osizionato i
prelievoei
ezzoscarra
ana
ppure in u
ente nellin
r la frazione
minarerip
ume(lt)
240
360
1.100
240
imateriale
adini al rec
ritenga nec
ori allinter
attivit di t
dovrannoes
colta. La ra
enza di racc
ca, 2 volte/
ei periodi i
condoleesi
frazioni di
dei rifiut
e attrezzat
linterno d
n unarea i
ltrasporto
bileconaut
narea ded
ntera area
e organica,
portatonell
numero
10
10
5
10
attraverso
cupero dei
cessario, pro
no del cim
trasporto d
ssereubica
accolta dell
colta presso
/settimana
in cui si ha
igenzeconc
rifiuto, si
ti da esum
ture mono
del quale c
interna o a
adidoneoi
tista.
pag.54
dicata dove
cimiteriale
per il non
atabellain
opportune
coperchi in
ovvedere a
mitero, per
ei rifiuti da
tipressola
e suddette
o le utenze
la raccolta
a maggiore
cordatecon
prevede di
mazione ed
ouso per il
conferire le
diacente al
impiantodi
e
e
n
n
e
n
a
r
a
a
e
e
a
e
n
i
d
l
e
l
i

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.55

Raccoltapressoiparchicomunali

I grandi parchi comunali Ortolini e Pianelle saranno provvisti di attrezzature per la raccolta
differenziataedavrannounserviziodipuliziacherientranelleattivitdispazzamento.
Il servizio di raccolta rifiuti sar effettuato dalla squadra che svolge la raccolta presso le utenze
nondomestiche.
Neipressidegliingressideiparchisarannoposizionatiicontenitoriperlaraccoltadifferenziataeci
sarannodegliaddetticomunalecheprovvederannoalladistribuzionedisacchettiatuttiivisitatori
peragevolarlinellaraccoltadeirifiuti.
Icontenitoriperlaraccoltadifferenziatasarannon.2cassonettida1.100ltperciascunatipologia
di frazione: frazione organica, vetro, carta, multimateriale, frazione residuale per un totale di 20
cassonetti
Raccoltaolivegetaliesausti
Siprevedeilserviziodiraccoltadegliolivegetaliesaustipressoleutenzedomestiche.Aciascunadi
taliutenzesarconsegnataunatanicada5lt,che,unavoltaraggiuntalamassimacapacit,dovr
essereconferitapressolisolaecologica,incuisarannoposizionatin.15contenitorida500ltperil
contenimentodellolio.

Raccoltaindumentiusati
La raccolta degli indumenti usati avverr presso idonei contenitori posizionati in aree comunali
sorvegliatecomescuoleoaltrestruttureincuiconsentitolaccessoduranteleorediurne.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.56

ALTRI SERVIZI
Raccoltaetrasportorifiutiabbandonati

Per la raccolta dei rifiuti abbandonati sulle strade comunali si provveder alla delimitazione e
messa in sicurezza dellarea, alleventuale caratterizzazione di rifiuti in caso di presenza di rifiuti
non assimilabili, speciali o pericolosi ed alla successiva rimozione. Il fabbisogno di risorse per lo
svolgimentoditaleserviziosarvalutatodivoltainvolta,inbaseallospecificocasoeallatipologia
equantitdimaterialipresenti

Puliziadelleareedimercato
La pulizia delle aree destinate ad attivit mercatali certamente uno dei servizi pi importanti
nell'ambitodell'igieneurbana;occorreperquestoeffettuarloconlamassimacurainmododanon
alterare le condizioni igieniche della commercializzazione delle merci e, altres, restituire quanto
prima ai luoghi interessati dalla vendita, al termine di questa, il normale standard di pulizia
presentenelrestodellacitt.
Nel Comune di Martina Franca si svolgono due mercati settimanali nelle giornate di mercoled e
sabato.
Per attivare la raccolta differenziata allinterno del mercato, si prevede di fornire i venditori di
prodottiortofrutticoli,dibidonicarrellatiperlafrazioneorganica,mentreperlealtretipologiedi
rifiuti(frazioneresidua,cartone,plastica,cassetteinplasticaeinlegno)siprevedediposizionare
appositicarrellatiallinternodellareamercatale.
Alla fine delle operazioni di vendita, la squadra addetta alle operazioni di pulizia delle aree
effettuer lo svuotamento dei carrellati e il prelievo delle altre tipologie di rifiuti, separando le
varie frazioni di rifiuto. Le operazioni avranno inizio immediatamente dopo la chiusura delle
attivitmercatali.
La raccolta dei rifiuti sar effettuata mediante automezzi a vasca da 57 mc, con autista ed
operatore, mentre la pulizia delle aree interessate da mercati sar effettuata mediante una
spazzatriceconautistaedoperatore.
Tali squadre effettuano prima la raccolta delle varie frazioni di rifiuto, poi lo spazzamento e il
lavaggiodelleareeinteressate.

Frazione contenitore Volume(lt) numero


Frazioneorganica carrellato 240 10
Frazioneresiduale carrellato 360 10
Frazionemultimateriale Sacchildpe 80/100 1560
carta carrellato 240 10

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.57

Puliziadelleareeinteressatedafesteemanifestazioni
Siprevededieffettuareilserviziodipuliziadelleareeinteressatedafeste,manifestazioneedaltri
eventi autorizzati dallAmministrazione Comunale, per un totale di n. 30 eventi lanno. Il servizio
dovr essere effettuato alla chiusura dellevento e, nel caso di eventi che si svolgono in 2 o pi
giornateconsecutive,ilserviziodovresseresvoltoallafinediognigiornata/serata.
Si propone di effettuare il servizio di raccolta differenziata in maniera analoga alle modalit
previsteperilmercato.Inbaseallatipologiadievento,sidecidervoltapervoltailfabbisognodi
personaleemezzi.

Lavaggiostrade
Siprevededieffettuareillavaggiodituttelestradeinteressatedallospazzamentoconfrequenza
mensile. A tal proposito sar utilizzata una spazzatrice lavastrade, dotata di un idoneo sistema di
lavaggio. Sar altres effettuato il lavaggio con frequenza mensile di tutto il basolato del centro
storicoconidropulitriceedetergentiadattiedappropriati.

Lavaggiocarrellatiecassonetti
Comesupportoaiservizidiraccoltasiprevededilavareicontenitoriperlaraccoltadellafrazione
organica e della frazione residua (carrellati e cassonetti) distribuiti alle utenze non domestiche e
condominiali,allescuoleesimiliconleseguentifrequenze:1lavaggiomesenelperiodoinvernale
e2lavaggi/meseperiodoestivo.
Pericontenitoridellealtretipologiedirifiutiillavaggioacaricodelleutenze.
Le attivit di lavaggio saranno effettuate mediante apposita lava carrellati con squadra di n.1
autista+n.1operatore.TaleautomezzoadisposizionedituttiiComunidellARO.
Inalternativailserviziopotressereeffettuatotrasportandoconappositoautomezzoconsponda
idraulicaicontenitoripressolisolaecologicadovesarannolavati,disinfettatiesanificatinellarea
predisposta per il lavaggio mezzi ed attrezzature attrezzata con sistema di convogliamento e
trattamento delle acque di lavaggio. Dopo il lavaggio saranno ricollocati presso le utenze dove
sonostatipresisempredallastessasquadraconlautomezzoconspondaidraulica.

Raccoltadeiezionicanine
Il personale addetto alle operazioni di spazzamento stradale, provveder alla rimozione di
deiezionicaninegiacentisullestradecomunali.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.58

Raccoltasiringhe
Il servizio di raccolta delle siringhe sar svolto mediante giri periodici di raccolta nelle zone della
cittamaggiorerischio,ecomunquemedianteunnumerominimodiinterventi/annoparia12.
A seguito di segnalazioni da parte da parte degli operatori presenti sul territorio impegnati nello
svolgimento dei servizi e/o dellAmministrazione comunale. La raccolta sar effettuata mediante
unautovettura appositamente allestita, con le idonee autorizzazioni. Loperatore sar dotato di
tuttiidispositividisicurezzaperlasalvaguardiadellasalutedelloperatorestesso.
Gliobiettivicheilserviziodiasportosiringhedevesoddisfaresonoiseguenti:
Assicurare un totale e tempestivo asporto delle siringhe potenzialmente infette da tutti i
luoghi aperti al pubblico con assoluta priorit per quelli frequentati dai bambini e per le
spiagge;
Garantireottimalicondizionidisicurezzaperglioperatorialfinediprevenireognirischio;
Assicurareuncorrettosmaltimentodiquantoraccolto.

Raccoltacarcasseanimali
La rimozione di carcasse animali verr effettuata con almeno 12 interventi/anno. Le carcasse
rinvenute dovranno essere poste in un robusto sacco di plastica spessa a chiusura ermetica per
procedereasuccessivosmaltimentoinappositiimpiantiautorizzatisecondolanormativasanitaria
ambientale(Reg.UE1774/2002es.m.i.D.Lgs152/06es.m.i.).
Incasodicarcassedigrandidimensioni(es.equini,bovini,ovini,suiniecc.)bisognerinteressare
l'autoritSanitariacompetenteeprocederesecondoledirettivediquest'ultimainaccordoconla
normativa sanitaria ambientale (Reg. UE 1774/2002 e s.m.i. D.Lgs 152/06 e s.m.i.) servendosi,
qualora necessario, di ditte terze appositamente autorizzate, con oneri, incluso lo
smaltimento/recupero, a carico dellAmministrazione Comunale. Non appena rimossa la carogna
dellanimalesiprovvederapulireedadisinfettareilsuoloimbrattatodallapresenzadellastessa,
usando prodotti a base di sali di ammonio quaternario, od altri prodotti consigliati dalla autorit
sanitariacompetente.Ilserviziodirimozioneditalirifiutigarantitosututtoilterritorioanchesu
segnalazionedellAmministrazioneComunale.
Il servizio sar svolto entro 24 ore dalla segnalazione (verbale o scritta) dellAmministrazione
Comunale.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.59

Spurgocaditoiepozzettistradali
Tale servizio di rilevante importanza per garantire il regolare deflusso delle acque anche in
occasione di rovesci di forte intensit. La scrivente prevede il servizio di pulizia delle caditoie
censite, griglie stradali e bocche di lupo presenti su territorio comunale, con frequenza pari a 2
volte/anno.Ilservizioprevedelasportazionedelmaterialecheostruisceilpassaggiodellacqua,il
trasporto e lo smaltimento finale di detto materiale. Le operazioni di pulizia e disostruzione
sarannosvoltesecondo2modalit:
a) puliziamedianteinsufflaggiodiacquaedisinfettante
b) puliziaconaspirazioneamezzodiautobottiospazzatriciaspiranti.
La pulizia del tipo a) avverr mediante insufflaggio di una corrente di acqua e disinfettante,
mediante una idropulitrice o una pompa. Laddove non sia opportuno utilizzare tali
apparecchiature (dove risulta pi intensa lattivit umana) si provveder esclusivamente ad una
puliziamanuale.
Perlapuliziadeltipob)siprevedediutilizzaredeimezzidioperainpossessodeirequisitiedelle
necessarieautorizzazionidapartedelleautoritregionaliedellAlboNazionaledegliSmaltitori.Le
squadre di lavoro sono costituite da un autista ed un operatore. Dopo aver debitamente isolato
lareadoveespletareleattivit,conlallestimentodelcantieremobileedituttelestrumentazioni
esegnaleticheorizzontalieverticaliattegarantirelasicurezzadelluogodilavoro,laprimafasedi
lavoro consiste nella aperture dei chiusini e nella valutazione del tipo di ostruzione presente. Si
procedeamontarelugelloidoneoalcasorilevatoesiprocedeconladisostruzione.Diseguitosi
procedenelleventualerotturadelleincrostazioniformatesiattraversolutilizzodiunautoespurgo
ounaspazzatriceaspiranteequindiconlosvuotamentodairifiutisolido/liquidi.Successivamente
sempre con lausilio dellautoespurgo/spazzatrice viene effettuata una pulizia attraverso lutilizzo
diungettodacquaadaltapressione.Leacquedipuliziavengonoraccolteetrasportateadidoneo
impiantodismaltimentoinsiemeairifiutisolido/liquidiprelevati.
Siprevedeunnumerominimodin.2interventi/anno.

Sgomberoneveespargimentosale
Incasodinevicate,gliaddettialserviziononimpiegatinellenormalimansioni,provvederannoallo
sgombero della neve davanti agli uffici pubblici, alle scuole ed agli altri centri di interesse sociale
(poste,ambulatori,eccetera),nelpiazzaledelcentrodiraccoltaeintornoadeventualicassonetti
stradaliperconsentirnelosvuotamento.
Siprevedeinoltrelospargimentodisalesustradeinpresenzadighiaccio.
Siprevedonon.6interventi/anno.
Tale personale si metter al servizio dellufficio tecnico del comune per essere diretti dal
Responsabiledelcompetentesettorenellevarieazionidaintraprendereperattuareilpianoneve
comunale.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.60

Derattizzazione
Il servizio prevede n.2 interventi/anno compreso nelle scuole, uffici comunali, caditoie stradali,
sottopassi.
Leattivitdiderattizzazioneverrannoespletatesecondounattentoesamedelsitoinfestatoprima
delliniziodegliinterventi.
Primadiprocederealladerattizzazionesarpostaparticolarecura,allesternodegliambienti,alla
rimozione dei rifiuti (di vario genere), della vegetazione e di altro materiale che fornisce riparo e
protezioneatopierattichesiavvicinanoagliedificiinfestati.
Colorochevivononellareaincuisisvolgerlinterventodiderattizzazionesarannoessereavvisati
primachelinterventoabbiainizio.Inparticolaresarannoforniteindicazionicirca:
Lenormegeneralidisicurezzadatenersinellareasottopostaaderattizzazione.
Le azioni da intraprendersi in caso di incidente: contatto con le esche, ingestione di
esche,eccetera.
Leazionidaintraprendersinelcasodirinvenimentodieschefuoriuscitedaicontenitori,o
diroditorimorti.
Lesatta ubicazione deipunti di adescamento attivati (fornire una piantina in cui tali punti
sono evidenziati), comunicare la quantit iniziale di esche deposte allinterno dei
contenitori.
Perogniinterventoverrrealizzata:
unamappadelsitocheriportituttiipuntidiadescamentoattivati;
nomedelformulatorodenticidaeindicazionedelprincipioattivocontenuto;
schedaperlaregistrazionedelledatediintervento,dellequantitdiescheutilizzateedei
consumirilevati.
Infineunanotariepilogativariassumerlandamentodellintervento.
Le ispezionisaranno inizialmente condotte ogni 34 giorni per poi diminuire di frequenza quando
inizia a diminuire il consumo delle esche. Solitamente i tempi richiesti per eseguire una efficace
derattizzazionesonodi23settimanemanondiradonepossonoesserenecessarieanchecinque.

Disinfezione/disinfestazione
Il servizio prevede n.10 interventi/anno (di cui 2 in primavera e 8 estivi) di disinfestazione e n.2
interventi/anno do disinfezione in tutte le strade comunali, scuole e uffici pubblici e sar svolto
conleseguentimodalit:
Disinfestazionedavespe:nellezoneaclimatemperatolevespesocialisisviluppanoseguendoun
ciclo annuale e solo le regine riescono a sopravvivere. Il rapido abbattimento delle vespe e dei
calabroni sar ottenuto mediante limpiego di formulati pronti alluso a base di piretroidi
sinergizzati con piperonil butossido. La presenza nel formulato insetticida di un piretroide ad

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.61

azione residuale (es. cipermetrina, permetrina) controlla le vespe che per qualche giorno
continuerannoavolareinprossimitdelfavo.
Disinfestazione da formiche: la disinfestazione contro le formiche richiede un trattamento
sistematico. Saranno effettuate preliminarmente accurate ispezioni dello stabile al fine di
individuare le vie da cui le formiche entrano e si spostano allinterno dello stabile. Vengono poi
verificateleseguenticondizionipredisponenti:
Ristagno di umidit, strutture in legno che toccano basamenti umidi, perdite dacqua da
tubi
Crepenellefondazionionelleinfrastrutturesuperiori.
Composizioneeprofonditdelterrenoneigiardini.
Presenzadipianteinfestatedainsetticheproduconomelata(afidi,metcalfa,).
Dopoquestaraccoltadiinformazionisiaprelostudiorelativoallepossibilitdicombinazionedei
treseguentimetodidiintervento:
1. Modifica dellambiente per renderlo non favorevole allo sviluppo delle colonie (eliminazione
delleperditedacqua,eliminazionedellefontidicibo).
2. Interventi meccanici: chiusura e sigillatura di crepe, fessure, passaggi, sfalcio regolare o
rimozionedellavegetazioneattornoagliedifici.
3.Interventichimici:utilizzodiformulatiedazioneresiduale(oesche)quali:
polvereseccanellefessure(intercapedini)
formulatiliquidifattipercolareallinternodeinidi
eschebasatesuregolatoridicrescita
Gli insetticidi ad azione residuale saranno applicati sul nido. In presenza di anfratti, interstizi,
cavitchiusesarinsufflatepolvereseccainlievestrato,onebulizzatafinementeconunprodotto
adazioneresiduale.

Puliziachewinggum
Si prevede di effettuare il servizio di rimozione chewing gum dalla pavimentazione stradale in
basolato,medianteunminimodin.3interventi/anno.
Tale servizio sar svolto da un operatore mediante lutilizzo di una apposita attrezzatura tipo
vaporella.

Puliziastraordinariadomenicaledelcentrostorico
Si prevede di effettuare il servizio di pulizia, spazzamento e decoro del centro storico con
svuotamento dei cestini stradali. Si prevede un intervento di 4 ore con n.1 operatore in orario
pomeridianodaconcordarepreventivamenteconlamministrazione.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.62

fabbisognialtriservizi
Siriportaunatabellariepilogativadeifabbisognidipersonale,mezzieattrezzature(espressiinore
dilavoro/anno)periserviziinnanzidescritti:

servizi
n.interventi/
anno
ore/
intervento
automezzo
convasca
5/7mc
pianale
con
sponda
caricatrice
apecar
spazzatrice
5mc
spazzaneve/spargisale
generatore
vapore
autista
3B
operatore
Raccolta e
trasporto
abbandonati
6 5 15 15 30 30
Pulizia aree
mercato
104 4 208 208 208 208
Servizio pulizia per
feste e
manifestazioni
30 4 60 60 60 60
Lavaggio strade 24 12 288 288
Lavaggio
cassonetti/carrellati
329,17 6 1975 1975
Raccolta deiezioni
canine
(contestualmente
allo spazzamento)

Raccolta siringhe 12 4 48 48
Rimozione
carcasse animali
12 4 24 24 48 48
Spurgo pozzetti
stradali e caditoie
2 20 40 40 40
Sgombero neve e
spargimento sale
6 12 72 72 0
derattizzazione 2 12 24 0 24
disinfestazione 10 4 40 0 40
disinfezione 2 24 48 0 48
pulizia chewing
gum
3 6 18 18 0 18

spazzamento
domenicale
pomeridiano
52 4 208
Totale 283 39 202 308 72 18 2929 2827
Perlosvolgimentodeiservizidicuisoprasononecessarin.2autistien.2operatoriedilnoleggio
dellemacchinenecessarieallosvolgimentodeidiversiservizisopraelencati.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.63


CALENDARIO
Icriteriperlapianificazionedelcalendariosettimanaledeiservizidiraccoltadeirifiutiurbanisono
iseguenti:
Ridurrealminimoilnumerodiautomezziinusocontemporaneamente;
Ridurrealminimoilfabbisognodimaestranzeoperativecontemporaneamente;
Ridurrealminimolavariabilitdeifabbisogni.

Per ottimizzare il numero di risorse necessarie, la raccolta dedicata alle sole utenze non
domestiche sar effettuata di pomeriggio o in un turno successivo a quello di raccolta delle altre
frazioni di rifiuto. Lorganizzazione del calendario di raccolta tale da ottimizzare lutilizzo di
personaleemezzi.Restaintesochelostessopuesseremodificatoinfaseoperativa.
Siriportalatabellariepilogativadelcalendariodeiservizidiraccoltanelperiodoordinario:

giorno turno servizi


luned
M
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(A)
raccoltafrazioneresiduada
UND(A)
raccoltamulti/cartazona
agro
marted
M
raccoltafrazioneresiduada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneorganicada
UND
raccoltamulti/vetrozona
agro
mercoled
M
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(A) raccoltavetrodaUND
raccoltamulti/cartazona
agro
gioved
M
raccoltacartacongiuntada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneorganicada
UND
raccoltamulti/vetrozona
agro
venerd
M
raccoltamultimaterialeda
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(A)
raccoltafrazioneorganicada
UND
raccoltamulti/cartazona
agro
sabato
M
raccoltafrazioneorganicada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazioneresidua
zonaagro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneresiduada
UND(B)
raccoltamulti/vetrozona
agro
domenica
M raccoltavetrodaUD&UND
P raccoltamultimaterialedaUND

Siriportalatabellariepilogativadelcalendariodeiservizidiraccoltanelperiodoestivo:

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.64

giorno turno servizi


luned
M raccoltafrazioneorganicada
UD&UND ingombranti/RAEE/sfalci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/cartazona
agro
P
raccoltacartonedaUND(A)
raccoltafrazioneresidua
daUND(A)
raccoltamulti/cartazona
agro
raccoltafrazione
residuazona
agro
marted
M raccoltafrazioneresiduada
UD&UND
ingombranti/RAEE/
sfalci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/vetrozona
agro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneorganica
daUND
raccoltamulti/
vetrozonaagro
raccoltafrazione
residuazona
agro
mercoled
M raccoltafrazioneorganicada
UD&UND
ingombranti/RAEE/
sfalci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/cartazona
agro
P
raccoltacartonedaUND(A) raccoltavetrodaUND
raccoltamulti/cartazona
agro
raccoltafrazione
residuazona
agro
gioved
M raccoltacartacongiuntada
UD&UND
ingombranti/RAEE
falci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/vetrozona
agro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneorganica
daUND
raccoltamulti/vetrozona
agro
raccoltafrazione
residuazona
agro
venerd
M raccoltamultimaterialeda
UD&UND
ingombranti/RAEE/
sfalci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/cartazona
agro
P
raccoltacartonedaUND(A)
raccoltafrazioneorganica
daUND
raccoltamulti/cartazona
agro
raccoltafrazione
residuazona
agro
sabato
M raccoltafrazioneorganicada
UD&UND
ingombranti/RAEE/
sfalci
raccoltafrazione
residuazona
agro
raccolta
multi/vetrozona
agro
P
raccoltacartonedaUND(B)
raccoltafrazioneresidua
daUND(B)
raccoltamulti/vetrozona
agro
raccoltafrazione
residuazona
agro
domenica
M raccoltavetrodaUD&UND
P raccoltamultimaterialedaUND

In base al calendario dei servizi sopra riportato, si calcolano i fabbisogni di personale e mezzi. In
particolare, per calcolare le unit di mezzi e personale necessarie per lespletamento di tutti i
servizidicuialpresentepiano,sisommanoigiornidilavoro/annoperciascunserviziosvoltoesi
dividetalesommaperlaproduttivitannuaintesacomen.giornilavoratinellanno(tenutoconto
deigiornidiferie,feste,etc.definitenelcontratto),secondolaformula:

Dove:
F
i
= fabbisogno iesimo con i che conta tutte le risorse (tipologia mezzi, le mansioni delle
maestranze)
f
iJ
=fabbisognodellarisorsaiesimanelgiornojesimodellasettimana

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.65

P
i
= produttivit della risorsa iesima intesa come giornate lavorate allanno per le maestranze o
giornatedieserciziopergliautomezzi
j=contatoredeigiornidellasettimana
52=numerodisettimanenellanno
Per il personale il numero di giorni di lavoro/anno pari a 266 (considerate le assenze per ferie,
feste, permessi, etc.), come previsto dal Contratto FiseAssoambiente, aggiornato ad Ottobre
2012.Pergliautomezziilnumerodigiornidilavoro/annoparia340,considerandounperiododi
fermopermanutenzioneordinariaestraordinariapariinmediaa25gg/anno.
Siriportaunatabellariepilogativadeifabbisognidipersonaleemezziperlaraccoltaneivarigiorni
dellasettimanaedilfabbisognocomplessivoottenutoapplicandolasuddettaformula:

giorno turno costipatore5/7mc porter pianale compattatore15mc autista operatore


luned
M 15 3 1 4 23 16
P 6 0 0 2 6 3
marted
M 15 3 1 4 23 16
P 7 1 0 1 7 3
mercoled
M 15 3 1 4 23 16
P 6 1 0 1 8 3
gioved
M 16 3 1 4 24 16
P 7 1 0 1 7 3
venerd
M 15 3 1 4 23 16
P 5 1 0 1 7 3
sabato
M 15 3 1 4 23 16
P 7 1 0 1 7 3
domenica
M 14 3 0 0 17 14
P 3 0 0 0 3 2
turni/anno 7592 1352 312 1612 10452 6760
max 16 3 1 4 24 16
min 3 0 0 1 3 2
calcolo 16,55 3,31 0,95 0,95 39,29 25,41
progetto 17 4 1 5 39 26

giorno turno costipatore5/7mc porter pianale compattatore15 mc autista operatore


luned
M 15 3 1 5 24 17
P 5 2 0 5 12 3
marted
M 18 3 1 5 25 17
P 7 2 0 5 12 4
mercoled
M 15 3 1 5 24 17
P 5 2 0 5 12 3
gioved
M 15 3 1 5 24 17
P 7 2 0 5 12 4
venerd
M 15 3 1 5 24 17
P 5 2 0 5 12 4
sabato
M 17 3 1 5 24 17
P 7 2 0 5 12 3
domenica
M 14 3 0 0 17 14
P 3 2 5 2
turni/anno 7696 1820 312 3120 12428 7228
max 18 3 1 5 25 17
min 3 2 0 1 5 2
calcolo 17,18 3,31 0,95 3,94 46,72 27,17
progetto 17 4 1 5 47 27

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.66

TRASPORTI
Leoperazioniditrasportodeimaterialipressogliimpiantiditrattamento/smaltimentoavverranno
sempreconclusionedelleattivitdiraccolta(adeccezionedegliingombranti,deiRAEE,deglisfalci,
del cartone e di tutti gli altri rifiuti conferiti direttamente dagli utenti al centro di raccolta) e
sarannoespletatedasquadrediverseasecondadellatipologiadirifiuto:

Per tutte le frazioni ad eccezione di cartone, ingombranti, imballaggi in legno rifiuti da


spazzamento stradale si prevede di effettuare il trasporto mediante un trattore stradale
con semirimorchio: i costipatori/compattatori effettuano la raccolta e conferiscono il
materialenelsemirimorchi.

il cartone, gli ingombranti, gli imballaggi in legno, i rifiuti da spazzamento si prevede di


effettuare la raccolta e conferire i rifiuti allinterno di press container/cassoni scarrabili
postinellisolaecologica.Quandotalicontenitoriavrannoraggiuntoilpienocaricosaranno
trasportati allimpianto di trattamento mediante una motrice attrezzata con lift e
rimorchio,conautista.

PeriRupsiprevedeiltrasportomediantefurgonatoconappositeautorizzazioni,atermine
di raccolta o quando i contenitori presenti nellisola ecologica avranno raggiunto il pieno
carico.

Siriportaunatabellariepilogativadeldimensionamentodeitrasporti:
trasporto
Q.t/anno
Q,t/
trasport
o
n.
trasporti/an
no
semirimorc
hi
trattor
e
motric
e
rimorchi
o
press
containe
r
casson
e
trasportofrazioneorganicadaUD&UND

6.156,66

35,05 156 2 2
trasportocartacongiuntadaUD&UND

2.206,43

30,25 52 2 2
trasportomultimaterialedaUD&UND

1.961,27

34,58 52 4 2
trasportovetrodaUD&UND

1.716,11

23,53 52 1 1
trasportofrazioneresiduadaUD&UND

6.496,70

89,07 52 4 2
trasportocartonedaUND

1.961,27

9,43 208 1 1

2,00
trasportoingombranti

367,74

7,07 52 1 1 4
trasportoimballaggiinlegno

73,55 26 1 1 2
trasportorifiutidaspazzamentostradale

490,32

18,86 26 1 1 2
trasportorifiutibiodegradabilidagiardinie
parchi

245,16

18,86 13 1 1
trasportocartazonaagro

12,00 42
trasportomultimaterialezonaagro

10 50
trasportovetrozonaagro

18 22

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.67

In base al numero di viaggi/anno, al numero di mezzi impiegati in ogni viaggio per il trasporto di
ciascunafrazionedirifiutoeallaproduttivitdeglioperatori(n.viaggi/turno),riportatinellatabella
precedente, si calcola il fabbisogno in termini di giorni di lavoro/anno di mezzi e personale
necessarioperlespletamentodelservizioditrasporto.
Siriportaunatabellariepilogativa:
trasporto
Q.t/an
no
Q,t/
traspor
to
n.
trasporti/a
nno
semirimo
rchi
tratto
re
motri
ce
rimorc
hio
press
contai
ner
casso
ne
produttivi
tautista
(viaggi/tu
rno)
gg/an
no
trasportofrazioneorganicada
UD&UND

6.156,66

35,05 156 2 2 1 312


trasportocartacongiuntada
UD&UND

2.206,43

30,25 52 2 2 2 52
trasportomultimaterialeda
UD&UND

1.961,27

34,58 52 4 2 2 52
trasportovetrodaUD&UND

1.716,11

23,53 52 1 1 2 26
trasportofrazioneresiduada
UD&UND

6.496,70

89,07 52 4 2 1 104
trasportocartonedaUND

1.961,27

9,43 208 1 1

2,00 2 104
trasportoingombranti

367,74

7,07 52 1 1 4 2 26
trasportoimballaggiinlegno

73,55 26 1 1 2 2 13
trasportorifiutidaspazzamento
stradale

490,32

18,86 26 1 1 2 1 26
trasportorifiutibiodegradabilida
giardinieparchi

245,16

18,86 13 1 1 1 13
trasportocartazonaagro

12,00 42 2 0
trasportomultimaterialezonaagro

10 50 2 0
trasportovetrozonaagro

18 22 2 0
n.totale 803 4 1,5 1 1 2 8 728

Siriportaunatabellariepilogativadeifabbisognicomplessiviperiltrasportodeirifiutiagliimpianti
diconferimento:

fabbisogni unit
autista 3
semirimorchio(*) 3,5
trattore 1,5
motrice 1
rimorchio 1
presscontainer 2
cassone scarrabile 8

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.68

GESTIONE CENTRI DI RACCOLTA

NellacittdiMartinaFrancasonopresentiduecentridiraccolta,chesarannoadeguatisecondo
quanto descritto nellallegato: Infrastrutturazione della rete di raccolta differenziata nell'agro ed
adeguamentodeiCentriComunalidiraccoltaesistentiprogettopreliminare,concostiinclusinel
canoneabasedappalto.
Inoltresarrealizzataunaterzaisolaecologicaconfondiregionali,noninclusidunquenelcanone
abasedappalto,secondoilprogettoallegatoalpresentePiano.
Tali isole ecologiche saranno presidiate da personale addetto unicamente alla gestione di dette
isole,peralmeno6giorni/settimana,per36ore/settimana.
Come descritto nel paragrafo relativo al modello di raccolta, nel presente Piano si prevede di
realizzare n.12 mini isole ecologiche non presidiate, tranne che per la raccolta della frazione
residua, che avverr nei pressi di dette isole. Il costo di realizzazione e gestione incluso nel
canone a base dappalto. Anche la descrizione di suddette mini isole contenuta nellallegato:
Infrastrutturazione della rete di raccolta differenziata nell'agro ed adeguamento dei Centri
Comunalidiraccoltaesistentiprogettopreliminare
Al presente Piano saranno allegati i progetti preliminari delle isole ecologiche e delle mini isole
ecologicheacuiattenersiperlarealizzazionedelleopere.
Il centro di raccolta parte integrante al servizio di raccolta porta a porta, visto che gli utenti
trovano nella struttura il giusto luogo per il conferimento delle diverse categorie di rifiuti sia
pericolosichenonpericolosi,siadigrandichedipiccoledimensioni.
Ilcentrodiraccoltaconsentedi:
Migliorare quantitativamente e qualitativamente la raccolta del rifiuto secco riciclabile e
delverde;
Raccogliereseparatamenteancheparticolarifrazionidirifiuti(oliusati,stracci,inerti,ecc.),
costituenti quote importanti dei R.S.U., che possono essere destinate alleffettivo
riutilizzo/recupero;
Stimolarelapopolazioneadunacollaborazioneattivaconilserviziopubblicodeirifiuti;
Realizzare lo stoccaggio del rifiuto in caso di intervalli prolungati fra una raccolta e laltra
(adesempioperfestivit)neilimitidellacapacitricettivapropriadellareadiraccolta;
Contenere i costi del servizio grazie alleliminazione o riduzione degli oneri da sostenere
per la raccolta di alcuni materiali (verde, ingombranti, cartoni, dalle utenze non
domestiche,ecc.);

Ilcentrodiraccoltasarattrezzatoperilconferimentodirettodapartedegliutentidomesticiche
diquellinondomesticidialmenoleseguenticategoriedirifiutidifferenziati:
Imballaggiinplastica;
Imballaggiinmetallo;
Imballaggiinvetro;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.69

Cartaecartone;
Vetro;
R.A.E.E.;
Oliegrassicommestibili;
Farmaci;
Batterieeaccumulatorialpiombo;
Sfalciepotature;
Ingombranti;
inerti
Abbigliamentoeprodottitessili.
EventualialtrefrazionisuspecificarichiestadellAmministrazioneepreviaassimilazione

Si prevede di installare un sistema informatizzato di pesatura dei


rifiuti conferiti dagli utenti. Tale sistema collegato con il software
per il monitoraggio dei mezzi e della raccolta domiciliare (di cui alla
relazione sistema di tracciabilit dei rifiuti). Tale sistema
predisposto per una tettoia autoportante per il riparo dagli agenti
atmosferici. Consente lidentificazione dellutente, la quantificazione
dei rifiuti in termini di peso, volume o numero di pezzi, la
memorizzazione di data, ora, utente, numero, tipologia di materiale
conferito.
Leoperazionidiconferimentodeirifiutidapartedellutenzaverranno
seguitedalpersonaleaddettoalcentro.Glioperatoriaddettialcentro
dovranno coordinare i flussi dentrata ed uscita dei trasportatori e
degli utenti; assicurarsi che tutte le operazioni di conferimento, movimentazione e caricamento
dei rifiuti avvengano in condizioni di massima sicurezza per le persone e per il sito e che non vi
siano sversamenti allesterno dei contenitori o miscelazioni accidentali degli stessi con possibilit
dinnesco vapori pericolosi o fenomeni dincendio nel qual caso dovranno intervenire secondo
specificheproceduredemergenza.

Ilserviziodigestionedellisolaecologicacomprendeleseguentiprestazioni:
gestione e manutenzione ordinaria per il conferimento da parte dei cittadini di tutte le
tipologiedirifiutiprevistedallanormativavigente;
trasporto dei rifiuti conferiti presso lisola ecologica verso impianti autorizzati, individuati
secondoleindicazioninormativeepianificatorienazionali,regionaliecomunali.
Percicheattienespecificatamenteirifiutiingombranti,questisaranno,previaseparazionedelle
frazioni destinate al recupero ed al riciclaggio dei materiali, per quanto tecnicamente possibile,
trasportatiesuccessivamentesmaltitipressogliimpiantidiriferimento.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.70

In merito allisola ecologica, lingresso e larea del piazzale dovranno essere mantenute
costantementepuliteesgombredaognirifiutoedopportunamentevigilatedapersonaledurante
lorario di apertura, addestrato ed opportunamente qualificato nel gestire le varie tipologie di
rifiutiiviconferibili.
I rifiuti dovranno essere conferiti in cassoni/contenitori distinti, per evitare che tipologie
incompatibili vengano a contatto fra loro. Le operazioni di conferimento dei rifiuti da parte
dellutenzaverrannoseguitedalpersonaleaddettoalcentro.
I rifiuti solidi non contenenti sostanze potenzialmente pericolose andranno depositati in cassoni
scarrabilioaltricontenitoridiidoneecaratteristichetecniche.Quellicontenentitipologiedirifiuti
deteriorabilie/odifaciledeperimento,verrannocoperticonteli/copertureimpermeabili.Analoga
sistemazione prevista per i beni durevoli ad uso domestico. I rifiuti contenenti sostanze
potenzialmentepericoloseedirifiutiliquidi,anchenonpericolosi,andrannodepositatiinappositi
contenitoriaventirequisiticostruttiviefunzionaliidoneiinrelazionealleproprietchimicofisiche
della specifica tipologia di rifiuto, nonch alle caratteristiche di pericolosit dello stesso; i
medesimi contenitori saranno collocati in unapposita area a loro esclusivamente riservata,
individuata allinterno del piazzale del centro. Sui recipienti fissi e mobili sar apposta idonea
etichettatura con lindicazione del rifiuto contenuto, conformemente alla normativa vigente in
materiadietichettaturadisostanzepericolose.
I rifiuti provenienti dallo spazzamento stradale contenenti potenziali residui di acque di lavaggio
conrilasciodieluati,verrannoconferitiincassoniatenutastagnaedotatidiidoneacopertura.
I RAEE verranno depositati e raggruppati seguendo i dettami previsti dalla vigente normativa,
secondo la potenzialit disponibile di spazi previsti allinterno dellisola ecologica, in
considerazionedelladimensionedeirifiuti,prediligendoquelletipologiechesiritengonopossano
essereconferiteconmaggiorefrequenzadapartedellutenza.
La movimentazione dei RAEE, con particolare riferimento ai beni durevoli ad uso domestico e
quella dei rifiuti pericolosi, dovr necessariamente essere condotta con particolari accortezze da
partedelpersonaleaddetto.
Ilresponsabileoperativodelcentrovisionerlequantitdirifiuticonferitepertipologiaspecifica
negliappositicontenitoriequando essigiungerannoai2/3 dellerelativecapienze,siattiverper
laloromovimentazione.Inognicasoessidovrannoperciesseresvuotatiogniqualvoltarisultino
pieniecomunqueladuratadeldepositodiciascunafrazionemerceologicaconferitaalcentronon
supererdifattoiduemesicomeprevistoaisensidellavigentenormativainmateria.
Al fine di prevenire le emissioni odorigene, la frazione organica verr avviata agli impianti di
recupero entro le 72 ore. Eventuali rifiuti provenienti dallo spazzamento stradale, saranno
allontanatidalcentrodiraccoltaversogliimpiantididestinazioneentrole48ore.
Gli operatori addetti dovranno coordinare i flussi dentrata ed uscita dei trasportatori e degli
utenti; assicurarsi che tutte le operazioni di conferimento, movimentazione e caricamento dei
rifiutiavvenganoincondizionidimassimasicurezzaperlepersoneeperilsitoechenonvisiano
sversamenti allesterno dei contenitori o miscelazioni accidentali degli stessi con possibilit

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.71

dinnesco vapori pericolosi o fenomeni dincendio nel qual caso dovranno intervenire secondo
specificheproceduredemergenza.
Duranteglioraridiaperturadelcentrosirendeopportunalapresenzadialmenounoperatore,i
cuicompitisonoriassuntiinbasso:
Verificare il contenuto dei sacchi, soprattutto se in presenza di sacchi neri e di notevoli
quantitdirifiuti.
Segnalare eventualmente allutente, se si rilevano modiche quantit di materiale non
differenziatonelsecco,lacorrettadifferenziazione.
Effettuareleoperazionidipesaturadeirifiuticonferitidagliutenti.
Fornire indicazioni di supporto agli utenti nel conferimento di rifiuti, soprattutto per
quantoconcerneladisposizionedeirifiutiallinternodeicassonidegliingombrantialfinedi
ottimizzarelospazioedevitareilrepentinoriempimentodeicontainer.
Evitare incendi ed esplosioni: le sostanze incompatibili devono essere stoccate in modo
taledaevitarecontattiancheaccidentali.
Gestiretutteleattrezzaturepresentiallinternodellareaseguendoproceduredisicurezza
cherispettinolalegislazionevigente.
Garantireilrispettodelleprescrizioniprovincialiecomunalirelativeaicentridiraccolta.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.72

PIANO DELLO SPAZZAMENTO

ANALISIDELCONTESTO
La citt di Martina Franca, situata nella Valle dItria, in provincia di Taranto, copre una superficie
di295kmqesitrovaadunaltitudinedi431metris.l.m.
Dalpuntodivistaurbanistico,ilterritoriosipudividerein3parti:
Centrostorico;
Areaurbana;
Arearurale.

Ilcentrostoricoilnucleoanticodellacittenerappresentalamaggioreattrattiva,,infatti,uno
splendido esempio di arte barocca, caratterizzato dalla presenza di stradine, vicoli ciechi, palazzi
signoriliemaestosechiese. Leabitazionisono sviluppateinsenso verticale e lestradesono
principalmente strette e piene di "spigoli", vicoli ciechi e strade nascoste: le uniche strade
percorribiliconautomezzidimedie/piccoledimensionisonolestradeprincipalicheconducevano
alleanticheporte,ovverofuoridalcentrostorico.Lapavimentazioneinbasolato,ilcherichiede
unaparticolareattenzionenelleoperazionidipuliziastradale.

PiazzaRoma

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.73

ViaVittorioEmanuele

Larea urbana la zona della citt immediatamente adiacente al centro storico, caratterizzata da
unalta densit abitativa e dalla presenza strade piuttosto ampie, per la maggior parte dotate di
marciapiedi.
Unadellemaggioricriticitrilevatelafortepresenzadiautoparcheggiateailatidellestrade,che
rende difficoltose le operazioni di pulizia delle strade stesse. A tal proposito dovranno essere
adottatiparticolariaccorgimenti.

CorsodeiMille

Larearuralelapartepivastadellacitt,comprendenumerosefrazioniemoltecasesparse.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.74

MODALITADISPAZZAMENTOEPULIZIADELLEAREEPUBBLICHEESERVIZICONNESSI

Aspettigenerali
Tra i servizi afferenti ligiene ambientale che risentono in modo pi rilevante delle esternalit
negative, quello riguardante la pulizia delle strade ed aree pubbliche sicuramente il pi
vulnerabile.
Inletteratura, per esternalitnegativa siintendelosvantaggioo ildannosubitodauna
molteplicit di soggetti a seguito del comportamento di altri, che consumano il territorio con
azionidioccupazioneediutilizzosenzavalutareglieffetticheessepotrannoaveresullambiente
circostante.
Alcune delle condotte umane che producono esternalit negative consistono in azioni,
ad esempio: il getto di rifiuti sul suolo pubblico; altre in omissioni: ad esempio il mancato
rispetto della segnaletica di divieto di sosta apposta lungo le strade che dovranno essere
interessatedalpassaggiodellespazzatrici.
Ilpregiudizioambientaledeterminatodatalicomportamentisitraduceindannoeconomico
poich pone a carico della collettivit un costo del servizio di pulizia tanto maggiore quanto pi
ampioecomplessodivieneilprocessoproduttivodestinatoarimuoverneleconseguenze.
Accanto agli effetti sul territorio provocati da fattori sociali, altri elementi di origine naturale
giocano un ruolo altrettanto importante per definire le risorse umane e strumentali di cui la
compagine operativa preposta alle attivit di pulizia dovr avvalersi e quindi per individuare
ilcostodelservizio.
I fattori di cui occorre tenere conto per definire le tecniche di erogazione del servizio di
spazzamento e pi in generale per dimensionare lorganico dei mezzi e del personale ad esso
deputato,passadunqueattraversolesamediduesistemidivalori:unolegatoagliaspetti
oggettivielaltroaquellisoggettiviespressidallarealtincuisiandradoperare.
Dinorma,unmodernoserviziodispazzamentosibasasudueprincipalitecniche:
1)lapuliziamanuale,
2)lapuliziameccanizzata.
Perquantoriguardaquestultima,leaziendediserviziosecondoleparticolariesigenzedel
territoriosiavvalgonodiautospazzatricimunitedidispositiviaspirantiomeccanici.
Illoromovimentosulterritorio,nellamaggioranzadeicasi,saraccompagnatodaunasquadradi
operatori, muniti di attrezzature manuali (scope, soffiatori), aventi il compito di spazzare i
marciapiedi e il margine delle carreggiate sui quali insistono auto in sosta e di trascinare i rifiuti
versoilcentrodellastradainmododapermettereallespazzoledellamacchinadiintercettareedi
asportareirifiuti.
Le attivitdipuliziamanuale sonoinveceinteramenteaffidateaglioperatoriecologiciche,
avvalendosi dimezziditrasportodipiccoledimensioni(ingenereapecarcassonati)sispostano
sullareaassegnataevieseguonosialospazzamentosiaaltreoperazionidicontorno
(svuotamentodeicestini,puliziadellecaditoie).

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.75

Lampiezza delle aree da assegnare a ciascun mezzo generalmente disegnata in funzione dei
seguentiprincipaliindicatori:
Illivellodiantropizzazionedellarea;
Ilnumerodiesercizicommerciali;
Lapresenzadialberaturelungolestradeelelorocaratteristiche;
Lampiezzadellecarreggiatestradali;
Lalunghezzadellareteviaria;
Lapresenzadiistituzionipubblicheconiconseguentiflussipendolari;
lapresenzaelafrequenzadisvolgimentodimercati,fiereedialtrieventipubblici
ricorrenti.
Questi fattori, in relazione alla porzione di territorio oggetto dellesame, possono essere
considerati valori costanti, sia perch la loro accorta e preventiva analisi permette di ottenere
automaticamenteiparametriperildimensionamentodelservizioesiaperchilcaricoambientale
che la concomitanza dei loro effetti produce sul territorio tende a non subire modificazioni nel
lungoperiodo.
Essi,infatti,unavoltautilizzatiperdimensionareilnumeroeperdefinirelatipologiadelle
macchinenecessarieacoprireilterritorio,lastrutturaorganizzativadelservizio,laquantificazione
degliequipaggi,lemodalitdierogazionedellaprestazionee,indefinitiva,icostidiinvestimento
e di esercizio predeterminati allatto della presentazione dellofferta e proporzionati agli impegni
finanziari della Committenza, solo di rado (in caso di guasti delle macchine o di eventi naturali
avversi)determinanovariazionisullacapacitproduttivadelsistemaesuirelativioneri.
Tuttavia, la tendenza a prendere in considerazione solo questi aspetti oggettivi della realt in
cuisiandradoperare,ogginonpisufficiente.
Enoto,infatti,cheentropochianniglistrumenticheiComuniavrannoadisposizionepercoprire
la spesa del servizio saranno basati sullapplicazione di una tariffa che il Legislatore
vorrebbe fosse proporzionata il pi possibile alleffettiva produzione di rifiuti da parte di ciascun
cittadino.Ladozione di tecniche di pesatura dei rifiuti inseriti nei cassonetti stradali o ancor
meglio deicontenitori forniti in dotazione a ciascuna utenza, l dove la raccolta si effettua con il
metodo del porta a porta, grazie allattuale tecnologia consente di individuare la produzione
individualeediriferireadessalapartevariabiledellatariffa.
Viceversa, nellambito del servizio di spazzamento di strade ed aree pubbliche, la dominanza
delle esternalit negative non consente di stabilire lincidenza della produzione individuale sul
totaledeirifiutiraccolti,amenocheinrelazionealladimensionedellareaassegnataealnumero
difamigliein essa residenti non si decida apoditticamente di assumere che la quantit dei rifiuti
raccolti da ciascuna spazzatrice meccanica sia da attribuire alla sola produzione interna alla zona
interessata. Non essendo logicamente possibile operare in tal senso, occorre individuare altri
strumenti per rendere accettabile al cittadino una tariffa il cui peso risente anche dei
comportamentipiomenovirtuosidialtriutentidellarea.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.76

Alriguardo,occorreconsiderarechenegliultimianni,comedirettaconseguenzadel
miglioramentodeltenoreeconomicodellasocietitalianaedellamaggioredisponibilitditempo
libero,sivasemprepiaffermandolesigenzadiassicurareallambienteurbano(edextraurbano)
unamaggiorevivibilit.
Comunemente, tale esigenza viene percepita non solo in relazione e come conseguenza delle
bellezze naturali e della ricchezza degli elementi architettonici e di arredamento presenti nella
citt ma anche dello stato di pulizia e di decoro del centro storico e di tutti i luoghi (anche
periferici) in cui si realizzano momenti di aggregazione peranziani, famiglie e giovani, per finalit
culturali,ludiche,sportiveoreligiose.
Severo,checiascunodiquestiluoghipresentapropriepeculiaritsecondolecondizioni
oggettive che le caratterizzano, lo altrettanto che i gruppi sociali che vi risiedono tendono ad
assumere,neltempo, comportamenticoerenticonle dominantioggettive della microarea
cittadinaincuiabitano(iquartieripiricchisarannocaratterizzatidaabitudinidivitapi
sofisticate e generalmente e da una maggiore sensibilit collettiva alla tutela ambientale degli
spazioccupati).
Perunaltroverso,talicomportamentisarannoinfluenzatidalleinterazionichesistabilisconotrai
diversigruppisocialinonchtraquestiedilterritorioedinfinedallororapportoconleIstituzioni
pubblichecheamministranolacitt.
Lapparente entropia delle dinamiche socio/ambientali che si verificano in ciascuna area non
esclude per che vi siano tratti fermi e comuni ai vari campioni di umanit interagenti nel
medesimocomprensoriocomunale.
Per tutti, infatti, esiste la necessit esistenziale di rapportarsi quotidianamente ad alcune
certezze:
la propria scuola, il proprio bar, il proprio negozio. Per tutti esiste linteriore bisogno di
appartenenza(alle)elesigenzadisentirsicuratidalleIstituzionipresceltepergovernarelacitt.
Pertanto anche il dimensionamento del servizio di spazzamento manuale pu svolgere un ruolo
importante per la soddisfazione, sia delle esigenze particolari di ciascuna microarea, sia di quelle
comunementeavvertitedallinterapopolazionediunostessoComune.
Siritienealtreschetaleobiettivosipossaraggiungerepiefficacementemediantelistituzione(o
megliolareintroduzione)delloperatoreecologicodizona.
In tale modello organizzativo i carichi di lavoro saranno determinati postulando, per un periodo
medio/lungo, lassegnazione di una specifica area territoriale ad un unico operatore, affinch
questipossaanalizzareecomprenderelepeculiariesigenzedellazonaassegnatasarinrelazione
agliaspettioggettivi,cheaquellisoggettiviedimparareagestirelareastessatenendocontodelle
sueparticolarit.
Conquestultimalocuzionesivuoleintendereche,coniltempo,loperatorenondovrlimitarsiad
eseguire passivamente le indicazioni fornite dal Responsabile del servizio o dai Suoi collaboratori
in ordine allo spazzamento della strade ricadenti nella zona assegnata, ma imparare a indirizzare
leproprieattivitversoleeffettivenecessitdellareastessa.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.77

Lassegnazioneduraturadiunadeterminataareaaciascunnetturbinoconsenteaquestultimodi
prendere coscienza delle tecniche da adottare per raggiungere e conservare un notevole livello
quali/quantitativo del servizio, favorisce lo sviluppo di un senso di appartenenzadelloperatore
alla propria zona e, nellarco di circa 10 giorni, consente di iniziare a stabilire un rapporto
fidelizzazionetraloperatoreelacollettivitservita.
Attraverso il processo di interazione con lambiente e la comunit che si andato mano a mano
creando, loperatore ha iniziato a prendere maggiore coscienza delle specifiche esigenze del
territorioassegnatoeaindirizzarepicorrettamenteleproprieenergielavorativeversogli
obiettivipisentitidaicittadini.
Inoltre,sipostoneiconfrontidelnucleodicontrollocomeunapedinaimportantedelsistemadi
comunicazioniinteraziendale,agevolandoilflussodiinformazionisututteleproblematichecheda
solo non poteva affrontare (presenza di cumuli di rifiuti allesterno di cassonetti; rottura o
insufficienzadelleattrezzature,ecc.)epermettendoaiResponsabilidelserviziodiintervenirecon
maggioretempestivitancheinsituazionialtrimentidifficilidaindividuare.
Infine, si sentito attore del miglioramento estetico e del livello di pulizia raggiunto nella zona,
nonch della soddisfazione manifestata dai residenti nellarea, incrementando il proprio
attaccamentoallavoro.
Talesistemahadimostratodunqueunelevataattitudineagarantirelaflessibilit,ildinamismo,la
visibilit e la cura delle esigenze specifiche dellutenza che, insieme, costituiscono il cardine del
rapportotracittadino/clienteedEnteerogatoredelserviziopostulatodallimminentepassaggioal
sistematariffario.
Ovviamente la sua efficacia diverr tanto maggiore quanto pi intenso e mirato sar lo sviluppo
delle campagne di sensibilizzazione dellUtenza da parte dellAzienda erogatrice del servizio e
quantomaggiore sar limpegno che le Autorit pubbliche porranno nel penalizzare
comportamenti persistentemente irregolari nella fruizione degli spazi pubblici da parte
dellacollettivit.
Non vi dubbio, infatti, che tutte le attivit di pulizia, dal semplice spazzamento al diserbo del
ciglio stradale, potranno essere eseguiti con maggiore efficacia econ minore sforzo (alias: minori
costi) se le Autorit faranno rispettare la segnaletica apposta per limitare la sosta veicolare per
favorireillavorodellespazzatricilungolezanelledeimarciapiediolesecuzionedelleoperazionidi
diserboedipuliziadellecaditoie.
Linfluenza determinante che tale impegno riveste per ridurre i costi ed aumentare la
produttivit e la qualit delle prestazioni di uomini e macchine dedicate alla pulizia del suolo
pubblicotestimoniatadalfattocheldoveidivietidisostasonoosservatilespazzatricipossono
operare anche senza il supporto dei netturbini per aspirare i rifiuti che si accumulano lungo il
bordodellastrada.
Dove il senso civico non sostiene adeguatamente i processi produttivi dellAzienda occorre
dunque che gli Organi Pubblici ne supportino lazione adottando provvedimenti preventivi e
repressivi idonei a contenere gli effetti delle esternalit negative che compromettono lefficacia

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.78

del servizio. Un adeguato regime di controllo pu favorire anche lo svolgimento delle attivit
complementarilacui regolare esecuzione contribuisce notevolmente a migliorare il decoro ed il
bisogno di ristoroconnessiallafruizionedispazipubblici.
Indipendentemente dal sistema gestionale che si voglia adottare per assicurare le attivit
essenziali assegnate al comparto in esame, mai come oggi il lavoro delle squadre preposte alla
pulizia del suolo pubblico risulta determinante per garantire la tanto auspicata vivibilit
dellambiente. Se, infatti, la definizione del numero delle risorse e della metodologia di lavoro
opinabileespessocondizionatadaivincoliimpostidaicapitolatispecialie/odaicontratticollettivi,
viceversa indubbio che lAzienda potr consegnare alla collettivit unimmagine di s pi o
meno vincente nella misura in cui sapr rapportarsi con le singole realt socio/economiche del
territorio, comprenderne e soddisfarne le esigenze e contribuire al suo sviluppo attraverso la
realizzazione di interventi idonei a consentire alla generalit dellUtenza la massima fruibilit
dellareaservita.(fonteseminariodott.DeStefanositowww.atia.it)

Per l'ottimizzazione dei servizi di igiene urbana di una citt, perci, sono richieste una serie di
valutazioni su molteplici variabili che rappresentano lambiente interno del problema di
progettazioneecondizionanolinsiemedellealternativedazione.
Adesempionellindividuareletecnichepirispondenti,interminidiefficienzaedefficacia,perlo
svolgimento dei servizi di igiene urbana, assumono rilevante importanza le caratteristiche delle
zoned'interventoedinparticolare:

Tipo di pavimentazione della carreggiata stradale e dei marciapiedi


Per una corretta valutazione delle diverse opportunit operative, per quanto riguarda le
caratteristiche della pavimentazione stradale, necessario rilevarne il grado di compattezza e
d'impermeabilit.Infattiquantopiquestesonoelevate,tantopidiventanoagevoligliinterventi
sia con mezzi meccanici che manuali. Di contro una superficie scabrosa, sconnessa o permeabile
non consente l'impiego di mezzi meccanici, gravosa da servire anche manualmente e rende
praticamenteimpossibilel'eliminazionedeirifiutiliquidiosemiliquidiassorbitiinprofondit.

Tipo di rifiuto
In considerazione dell'estrema variet merceologica dei rifiuti individuabili sul suolo stradale una
loro classificazione completa pressoch impossibile. Ai fini della scelta delle migliori soluzioni
operativeperpossibileindividuareunaloroclassificazioneperorigine,basataciosuirispettivi
cicliproduttivi.
Siavrannopertanto:
rifiutipropriamentestradali(polvere,terriccio,fangoesimili)derivantidall'azionecontinuadegli
agentiatmosfericiedeltraffico;
rifiuti stagionali (fogliame, ramaglie sabbia e simili) prodotti da cause climatiche naturali o da
azioniumaneconseguenti,elimitatiadeterminatiperiodidell'anno;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.79

rifiuti ricorrenti (carte, cartoni, polvere, terriccio, ecc.) dovuti essenzialmente all'indisciplina di
alcunecategoriediutenti,ingenerenegoziedattivitartigianali,cheeffettuanopulizieegettanoi
prodottisullepubblichevie;talirifiutisiaccumulanonellestradeindeterminateoredelgiornoe
quasisempreinpuntibenprecisi;
rifiuti casuali (pacchetti vuoti di sigarette e fiammiferi, biglietti, escrementi di animali, residui
oleosi di autoveicoli, ecc.) prodotti dal normale traffico cittadino e variabili in proporzione con
esso;
rifiutieccezionali,intendendocometalituttiqueimaterialiingenereabbastanzavoluminosi,che
l'utentesporadicamenteabbandonasullastrada.

Quantit di rifiuti presente per unit di superficie


Tale fattore assai importante per predisporre l'organizzazione degli interventi e determinare la
difficoltdelservizio.
Sipuanzituttorilevareche,nelcasopigenerale,irifiutisitrovanoaddensatilungolebanchine,
con prevalenza nelle relative zanelle (ad eccezione dei rifiuti stradali e stagionali, prodotti da
agenti atmosferici). E'evidente che,a parit di superficie da servire, lamaggiore densit di rifiuti
comportaunaltrettantomaggioreonerenelleoperazionidiraccoltaediallontamento,cosicchla
squadradiserviziopotrcoprire,nellostessotempolavorativo,unasuperficiestradalein
relazione pressoch inversa al valore della densit di rifiuto che pu ritenersi a sua volta con
sufficiente approssimazione proporzionale alla entit del traffico pedonale cittadino. Per lo
spazzamento meccanizzato, la densit di rifiuto non incide quasi per niente sui tempi di lavoro
dellemacchine.

Agibilit al servizio

E'questoilveroproblemadegliattualiservizidispazzamentoche,pereffettodeltrafficoveicolare
sempre pi caotico e delle esigenze di sosta degli autoveicoli, si trovano ad operare tra
innumerevoli ostacoli con conseguente aumento dei tempi di lavoro. In tale situazione, i mezzi
meccanici sono impossibilitati ad operare proprio nei punti ove la densit di rifiuti maggiore,
dovequindiillorointerventorisulterebbepiefficaceeredditizio.E'necessarioquindiprovvedere
arenderelestradesgombreconartificipiomenocostrittivi,qualiadesempioipercorsiprotetti
da divieto di sosta temporanea. In alternativa si pu invece utilizzare il mezzo meccanico per la
raccoltael'allontanamentodeirifiuti,mentrerimaneaffidatoalnetturbinol'oneredirimuoverei
materialidelleposizioniinagibiliallamacchina.

Distanze a vuoto percorse da uomini e mezzi


Questounfattoreorganizzativodinonsecondariaimportanzacheincidesullarapiditdi
rendere operative le squadre di lavoro ad inizio turno e sulla durata dello stesso limitando il
tempo di rientro in cantiere. Il servizio di spazzamento stradale ha beneficiato, al pari della
raccoltaedeltrasporto rifiuti, di innovazioni tecnologiche e/o metodologiche tendenti a rendere

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.80

pi efficienteedefficaceillavoromanuale,svincolandolo,quantopossibile,dallafaticafisicaeda
contatti antigienici, evoluzione alla quale la macchina spazzatrice ha dato un notevole
contributo. Essenziale in un moderno servizio di spazzamento e pulizia stradale pertanto la
ricerca del punto di giusto equilibrio tra lo spazzamento manuale e quello meccanizzato.
Operativamente, in relazione al tipo di servizio da svolgere, si devono individuare le modalit di
lavoropiidonee,perchognitipopresentasempre,daunaparte,unamaggiorfunzionalit
per uno specifico compito, ma, dallaltra, per sue stesse caratteristiche organizzative, assai
menoflessibileallusoperlavoridiversidaquelliperiqualistatospecificatamenteprogettato.
Vista lacomplessite la variabilit del problemada risolvere, nonch la necessit che detta
soluzione sia comunque valida, occorre che lorganizzazione del servizio di spazzamento sia
quantomaielasticaecapacediapplicarenellapraticaquantosviluppatodallaricercatecnologica.
L'economicit della pulizia del suolo, nel rispetto di elevati livelli qualitativi, si pu
ottenere esclusivamente affiancando allopera delloperatore addetto allo spazzamento
manuale quella,senzaltro pi efficace, del mezzo meccanico, secondo schemi organizzativi del
tipo integratoove, nellalternarsi delle mansioni, si esalta limpegno degli operatori
e, nellefficacia dellintervento, si suscita un inevitabile maggior interesse e partecipazione da
parte del cittadino.Infatti,seperpuliziadelsuolosi intendenonsololarimozionedeirifiutidi
qualsiasi natura su di esso presenti, ma tutto un insieme di operazioni tendenti alla
eliminazione della polvere e del terriccio che si consolida lungo le zanelle delle strade,
all'estirpazione delle erbacce presenti lungole cordonature stradale ed i marciapiedi ed alla
disinfezione e lavaggio periodica dei puntiigienicamente pi critici, evidente che il solo
intervento manuale di tipo tradizionale, o un limitato uso delle autospazzatrici ad
interventisporadicioabassaperiodicit,sarebbeinsufficienteepocoproduttivo.
Tale premessa utile per ribadire come la pulizia e lo spazzamento stradale siano servizi che
richiedonounadefinizioneerazionalizzazionedellerisorsedisponibiliparticolarmentepuntualee
precisa.Alriguardoilserviziostatoprogettatoprevedendodi:
suddividereilterritorioComunalesullabasedelleindicazioniriportatenelCapitolatodiGara;
individuareitinerariprecisidiinterventodaaffidareallesingolesquadredilavoro;
operareinterventimeccanizzatiinmanieradiffusasulterritorioComunale.
Lintegrazionetraspazzamentomanualeespazzamentomeccanicosicuragaranziadiunservizio
dielevataqualit,inquantoesclusivamentesovrapponendoidiversimodioperativisiarrivaad
unaefficienteedefficacepuliziaurbana.

UNITADILAVORO
Lunit di lavoro di spazzamento la squadra, composta di uomini e mezzi, in grado di eseguire
autonomamenteunaopidelletreoperazionifondamentalidellapuliziaespazzamentostradale:

rimozione
tipo,cona
raccoltad
allontana
finale (imp
containerd
Progettare
significa ut
soprattutto
qualitnel
Ogniopera
guantipro
calzature
cuffie
indument
Inoltresar
attrezzatur
protezione
eccetera),

Tecniche d
Negli ultim
evoluzione
di servizi m
sempre m
spazzamen
necessario
cosdauna

edeirifiuti,
ccumuloin
deirifiutiac
amento dei
pianto) o p
da6a30m
e ed organi
tilizzare le
o,integrand
rispettode
atoresard
otettivi
disicurezza
ticoncolor
istruitosu
re in dota
e dalle inte
nonchtes
di espletame
mi anni il
emetodolog
migliori, sia
maggiore d
nto stradal
omodernizz
aparteicos
,ciol'aspo
puntiagev
ccumulati,d
i contenitor
provvisorio
mc.circa).
izzare in m
diverse uni
doleinvario
eiprincipid
dotatodidis
aconpunta
ifotorifrang
uirischiche
azione. Ad
mperie (im
sserinodiric
ento delle o
servizio d
gicaedorga
a sotto las
dei costi d
e, ha una
zareiserviz
stiedallalt
Citt
P
ortazioneda
oliperlope
dallasuperfi
ri sino alla
(deposito
modo razion
t di lavoro
omodo,al
iefficienza
spositividip
aleantischi
gentiadele
ecomporta
ogni oper
permeabile
conoscimen
operazioni
i spazzame
anizzativa.I
spetto qua
della mano
a forte inc
i,ricorrendo
traqualifica
diMartinaF
Pianodeiserviz
allasuperfic
erazionesu
icieentroco
localit di
di travaso
nale e mod
o unicamen
finediattiv
edefficacia
protezione
iacciamento
evatavisibil
al'attivitla
ratore sar
e completo
ntodaappu
ento manu
Infatti,adu
litativo che
o dopera,
cidenza sul
oadunma
andoillavor

Franca
zidiigieneurba
ciestradale
ccessiva;
ontenitorid
smaltimen
in contenit
derno un se
nte nelle op
varequelle
aedeconom
individuale
o
it
avorativach
fornito a
di copricap
untarebeni
ale stat
unarichiesta
e quantitat
la quale,
l costo tot
ggiorimpie
rodegliope
ana

edeirifiutid
divariotipo
to. La local
tori di mag
ervizio di s
perazioni a
sinergiech
micit.
(DPI)tracu
hesvolgee
adeguato a
po, giaccon
nvistasulla
o interessa
acrescente
ivo, si af
, nel siste
ale del ser
egodimezzi
eratori.
diqualunqu
o;
lit pu es
ggiori dime
spazzament
loro pi co
eproducon
ui:
sulcorrett
abbigliamen
ne, e pantal
adivisadila
ato da una
e daparted
ffiancato u
ema tradi
rvizio. E st
imeccanici,
pag.81
uegeneree
sere quella
ensioni tipo
to stradale,
onfacenti e,
noservizidi
tousodelle
nto per la
loni, stivali,
avoro.
a notevole
deicittadini
n aumento
izionale di
tato perci
,riducendo
e
a
o
,
,
i
e
a
,
e
i
o
i

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.82

La meccanizzazione crescente del servizio di spazzamento stradale (uso di motocarri per gli
spostamenti degli operatori, attrezzature in dotazione pi moderne, eccetera), ha pertanto
modificatoprofondamentelaqualitediltipod'interventodipuliziaassegnatoalloperatore
manuale. In zone dove sono presenti ed operano le macchine spazzatrici, inoltre, laddetto
allo spazzamento manuale interviene sul settore assegnato con compiti principalmente di
mantenimentodelgradodipulizia.Unefficaceimpiegodellemacchinespazzatriciper
ostacolato, nella maggioranza dei centri urbani, dai problemi di traffico o parcheggio e pertanto
indispensabileintegrareedottimizzaretraloroillavorodipuliziameccanicaepuliziamanuale.
Questo tipo di intervento integrato ha consentito di estendere le zone di competenza per ogni
addetto(aumentodiproduttivit)odicompletarelefunzioniadessoassegnate,chesono
sintetizzabilinelmodoseguente:
lapuliziadelleaiuolespartitrafficoesistenti;
operazionidiaffiancamentoalleautospazzatricisecondospecificipianiprogramma;
lestirpazione di tutte le erbe interstiziali, nascenti e sporgenti su strade, marciapiedi
e piazze
(perilmantenimentodellavorosvoltodaspecifichesquadredidiserbo).

Il servizio comprende sempre e comunque: il taglio delle Erbe interstiziali marciapiedi strade,
sfalcio e rasatura erba nei cerchi degli alberi (formelle), raccolta rifiuti gettati sconsideratamente
nelleaiuole,nelleville,neigiardinieneiparchi.

Spazzamento manuale
Tale tipologia di spazzamento adottata nel centro storico, in cui
la maggior parte delle strade sono a viabilit limitata e con
pavimentazioneinbasolato.
Lo spazzamento manuale effettuato da operatori dotati di
apposite attrezzature manuali (spazzatrici manuali, scope,
pale).
Gli operatori si sposteranno a piedi, utilizzando le macchine
spazzatrici, che saranno parcheggiate in un deposito del Comune,
allinternodelcentrostoricostesso.

Spazzamento misto
Talesistemaadottatonellestradeedareeampie,dovenonsiattendonoparticolariproblemied
ostacoli n per la circolazione del mezzo n per lo spazzamento dellarea che deve essere per
lo pi, tranne poche eccezione, sgombra da auto in sosta e priva di marciapiedi di sezione
rilevante.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.83

In particolare, tale tipologia di spazzamento sar adottata nellarea urbana adiacente il centro
storico, caratterizzata, come indicato in precedenza, da una buona viabilit, ma da una elevata
presenzadiautoinsostacherendepiuttostodifficoltoseleattivitdispazzamentostesse.
Perlospazzamentomistovieneutilizzataunasquadratipoformatada:
Spazzatrice;
Autista;
Operatore.
Loperatore ha il compito di supportare lattivit di spazzamento della spazzatrice, in particolare
dovreffettuarelospazzamentosuimarciapiedieneipostinonraggiungibilidallaspazzatrice.
Ecomunquedatenerepresentecheloperatoremanualenoningradodieffettuareunaverae
propriapuliziacompletadell'area aluiassegnata,a meno dinonabbassare enormementeil
rendimento. Egli si limita in genere ad intervenire con la sua scopa in quei punti ove il rifiuto
visibile, cosicch per una pulizia totale dell'area con eliminazione del rifiuto fine polverulento, in
modocompletoerapido,occorreintervallarealsolointerventomanualeanchequellomeccanico
(autospazzatriceomezzilavastrade),comeprevistoinquestoprogetto.
Come si visto in precedenza, diverse sono le caratteristiche della rete viaria che condizionano
lo svolgimento dei servizi e pertanto, al fine di dimensionare correttamente i carichi di lavoro di
ciascuna unit lavorativa, funzionale classificare le strade in base alle difficolt che
presentano per lintervento di spazzamento e pulizia. Si riporta una foto rappresentativa della
zona in cui si intende effettuare lo spazzamentomisto:

CorsodeiMille

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.84

Dimensionamentodelserviziodispazzamentostradale
Al fine di dimensionare in modo ottimale il servizio di spazzamento, e, dunque individuare le
risorsenecessarieallespletamentodelleattivit,dopoaverclassificatolestradeinbase alle
modalit di spazzamento, necessario definire le produttivit delle squadre di lavoro. La
produttivit di una squadra di lavoro intesa come la lunghezza di strada (ml) che una squadra
riesce a pulire in un turno lavorativo (6 ore). Tale parametro dipende dalla tipologia di
spazzamento (manuale, meccanizzato, misto) e, dunque dalla tipologia di strada: ovviamente,
come descritto in precedenza, le caratteristiche delle strade determinano la maggiore o minore
difficoltadeffettuarelospazzamentoasecondadellaquantitdimaterialedaallontanareedella
presenzadiveicoliepersonechepossonointralciareerallentareleoperazioni.
Si riporta una tabella riepilogativa delle produttivit delle squadre a seconda della tipologia di
spazzamento. Tali valori sono stati desunti da studi effettuati in materia e confermati
dallesperienzanelcampodapartedellascrivente.

Produttivit(ml/ora)
Spazzamentomanuale 3.000
Spazzamentomisto 6.500/7.500

I valori di cui alla tabella precedente rappresentano i valori medi delle lunghezze di strada che
vengono pulite da una squadra, in entrambi i lati (ad es. una squadra addetta allo spazzamento
meccanizzatoinunturnolavorativopuliscesuentrambiilatiunastradadellalunghezzadi10.000
ml) e sono comprensivi anche delle distanze a vuoto percorse dalle squadre per raggiungere le
stradeinteressatedalservizio.
Unavoltanotiiseguentidati:
a)lunghezzadellestrade
b) modalitdispazzamento
c) frequenzedispazzamento
d) produttivitdellesquadreaddette

siprocedeconladefinizionedellesquadredilavoroedeipercorsigiornalieri,assegnandoadogni
squadra uno o pi raggruppamenti di strade in modo da soddisfare i valori di cui alla tabella
precedente.
Siriportanoletabelleriepilogativedeldimensionamentodellospazzamentostradale:

zone
lunghezza
(metri)

modalit
frequenza
settimanale

settori
produttivit
(metri/turno)
centro storico 8795 manuale 6 3000
area urbana 1 6570 misto 6 1 6500
areaurbana2 32430 misto 3 2 7500

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.85

zone
lunghezza
(metri)
produttivit
(metri/turno)
n.operatori/turno n.autisti/turno
spazzatrice
45mc
apecar
centrostorico 8795 3000 2,93
areaurbana1 6570 6500 1,01 1,01 1,00 1,00
areaurbana2 32430 7500 2,16 2,16 2,00 2,00

Dunque per lespletamento del servizio di spazzamento saranno utilizzatecomplessivamente n. 4


squadredilavoro,coscomposte:
squadra 1: n.3 operatori dotati di idonee attrezzature/macchine spazzatrici manuali per
lospazzamentomanualedaeffettuarenelcentrostoricoper6giorni/settimana;
squadra 2: n.1 spazzatrice da 45 mc con autista ed operatore a terra che effettua
lospazzamentonellestrade dellareaurbana1,ovverolazonaadiacentealcentrostorico
per6giorni/settimana;
squadra 3: n.2 spazzatrici da 45 mc (di cui 1 su telaio) con autista ed operatore a terra
che effettuano lo spazzamento nelle strade dellarea urbana 2, ovvero la zona urbana pi
lontana dal centro storico per 6 giorni/settimana. In particolare, considerando che la
frequenza di spazzamento in tale zona pari a 3 volte/settimana, per 3 giorni/settimana
effettueranno lo spazzamento in una met delle strade dellarea urbana 2 e per 3 giorni
nellerimanentistrade.
Le operazioni di spazzamento sopra descritte saranno effettuate nel turno mattutino dalle ore
6.00 alle ore 12.00. Le zone di spazzamento sono riportate nella planimetria allegata al presente
Piano.

Gestionecestinistradali
Al fine di agevolare i cittadini nel rispettare e mantenere la pulizia ed il decoro della citt
necessaria una fornitura di cestini stradali in quantit pari a 750. Tali cestini, da collocare sul
territorio, con particolare attenzione alle zone caratterizzate da flussi pedonali (scuole, esercizi
commerciali, fermate dellautobus), dovranno prevedere il conferimento di 4
diversetipologiedirifiuti(carta,plasticaemetalli,vetro,indifferenziato).
Si prevede, inoltre la fornitura di 20 cestini per deiezioni canine, da collocare
nelle aree comunalipi frequentate dai cani (ville comunali, spazi verdi,
etc.). I dispenser contengono circa 400 sacchetti, l'estrazione del sacchetto
semplice e dosata. Inoltre, le caratteristiche tecniche del dispenser sono tali
da consentire laggiunta di blocchi da 50 sacchetti in qualsiasi momento,
diminuendo cos la probabilit che il distributore rimanga improvvisamente
vuoto. I dispenser sono attaccati sui cestini portarifiuti, come mostra
limmagine riportata lato, in modo da rendere le operazioni di raccolta pi semplici ed
immediateeinvogliaredipiiproprietariall'usodelsacchetto.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.86

La gestione dei cestini stradali prevede lo svuotamento dei cestini stessi e la sostituzione dei
sacchi in polietilene, che assicura la pulizia interna del cestino e ligiene sia per lutente che per
loperatore. Tali operazioni saranno effettuate contestualmente alle attivit di spazzamento,
quindiconlestessefrequenzedispazzamentoinciascunastrada.
Durante le operazioni di svuotamento dei cestini si provveder altres alla raccolta dei rifiuti
abbandonatisuipratieallapuliziadelleareecircostanti.

Lavaggiodelsuolopubblicoedeimarciapiedi
Siprevededieffettuareillavaggiodellestradeepiazzeconpavimentazionepermanentecompresi
allinterno del perimetro urbano. In particolare, per tutte le strade di media/buona viabilit, si
prevede di effettuare il servizio mediante la spazzatrice/lavastrade, contestualmente alle
operazionidispazzamento.Perlestradestrettedelcentrostorico,nonaccessibiliallaspazzatrice,
si prevede di effettuare il lavaggio stradale mediante una idropulitrice, contestualmente alle
operazioni di spazzamento stradale. La frequenza di lavaggio pari a 1 volta/settimana nel solo
periodoestivo(giugno/settembre).

Pulizia aree dei mercati e fiere,feste,manifestazioni


Nella citt di Martina Franca si svolge un mercato settimanale, nel giorno di mercoled nel
quartiereSant'Eligioevielimitrofeperlavenditadiprodottidelsettorealimentareenon.Ilsabato
sisvolgeunmercatoortofrutticolo

Inoltre,nelperiodonataliziosisvolgeunmercatodomenicale(per34domeniche).
Nelleareeinteressate da talimercatisidovr effettuare laraccolta deirifiutiprodotti e la pulizia
(spazzamentoelavaggio)subitodopolachiusuradelleattivitdivendita.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.87

In particolare ai venditori di prodotti alimentari dovranno essere consegnati appositi bidoni


carrellatiperlaraccoltadellafrazioneorganica,primadellaperturadelleattivitmercatali.Perle
altrefrazionidirifiutopossibileindividuaredelleappositeareeallinternodellareamercatalein
cuicollocareprimadellaperturadelleattivitdivenditacarrellati/cassonettidivariavolumetriain
cuituttigliambulantidovrannoconferireirifiutiprodotti.
Al termine delle attivit interverr una squadra che effettuer lo svuotamento di tali contenitori,
lospazzamentoeillavaggiodellarea.
In caso di feste popolari, manifestazioni, fiere, spettacoli viaggianti organizzati da associazioni,
partiti, centri culturali, ovvero in ogni altro caso autorizzato dallAmministrazione Comunale, si
dovr provvedere innanzitutto a fornire agli enti organizzatori idonei contenitori per la raccolta
differenziata delle diverse frazioni merceologiche (frazione residua, frazione organica, carta,
multimateriale,vetro).

Per tutta la durata delle manifestazioni inoltre si dovr garantire la pulizia delle relative aree, il
trasportoeilconferimentodeirifiutiraccoltiagliimpiantidirecuperoesmaltimentoautorizzati.
Ilserviziodipuliziaespazzamentoditutteleareeinteressatedovravvenireentroilgiornostesso
di chiusura della manifestazione o, al massimo, previa autorizzazione dellAmministrazione
Comunale, entro il giorno successivo. Il numero e la composizione delle squadre operative
verranno opportunamente organizzati infunzionedellerealiecontingentiesigenzediesecuzione
delservizio.

Fabbisognidellospazzamento
Siriportalatabellariepilogativadeifabbisognidellospazzamento:

Vocedicosto Unit
Operatoreliv.1 7
Autistaliv.4b 4
Spazzatrice45mc 3
Apecar 3
Spazzatricemanuale 1
Cestinistradali 550
Cestinideiezionicanine 20
Sacchildpe 686.400
Altreattrezzature(scopa,pala,etc)

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.88

AVVIO DEI SERVIZI DI RACCOLTA PORTA A PORTA


Come gi anticipato nelle pagine precedenti, le utenze hanno gi a disposizione le attrezzature
domiciliari per la raccolta, in quanto il servizio di raccolta porta a porta stato avviato a giugno
2013.Pertantoprimadellavviodelnuovoservizio,siprovvederesclusivamentealladistribuzione
domiciliare del materiale informativo inerente le modalit di esecuzione del nuovo servizio di
raccoltaatutteleutenze.Negliannisuccessivigliutentipotrannoritirareisacchidirettamenteal
centrodiraccoltacomunale,pressolecosportello.
Lavvio del nuovo servizio riconducibile a due fasi: una preparatoria e laltra operativa che
vengonodiseguitodescritte:

Fase1:attivitpreparatoria

prog. soggetto azione


1 Gestore approvvigionamentomaterialediinformazione

Il Gestore provveder allacquisizione del materiale informativo da distribuire alle utenze per
lavviodelnuovoservizio.

prog. soggetto azione


2 AmministrazioneComunale PredisposizioneOrdinanzesindacali

Poich le modalit di raccolta cambiano notevolmente, sia per le utenze domestiche che per le
altre utenze, necessario, prima dellavvio del nuovo Piano dei servizi, predisporre un nuovo
regolamentocomunalechesiaconformeaquantoprevistoeapprovarloinconsigliocomunale.In
alternativa, per velocizzare lavvio delle attivit, le parti salienti del Regolamento comunale
inerentiinuoviorariemodalitdiraccolta,possonoessereinseriteinunaordinanzasindacale.

prog. soggetto azione


3 Gestore individuazioneeallestimentoufficiostartup

Sar cura del Gestore individuare ed allestire un ufficio, debitamente attrezzato, per la gestione
ordinariadelpersonaleaddettoallostartup.

prog. soggetto azione


5 Gestore selezionedelpersonaleaddettoallostartup

SarcuradelGestoreselezionareifacilitatorinecessariperlosvolgimentodelleattivitdistartup.
Attesaladelicatezzadellorocompito,iprofilisaranno:
Caposquadra/tutor:diplomaolaurea+esperienzaingestionedelpersonale,maxanni32;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.89

Facilitatore:diplomaolaureabreve,maxanni28patenteB;

SarcuradelGestore,tramiteisuoiconsulenti,formareadeguatamenteilpersonaleecoordinarlo
nellevarieattivitpertuttoilperiodoutileallavviodelnuovoservizio.

prog. soggetto azione


6 Gestore elaborazionematerialidisupportoalcontatto

Al fine di supportare la campagna di start up sar cura del Gestore, con lausilio di propri
consulenti,predisporreiseguentimateriali:
Bozza lettera dellamministrazione ai cittadini (la versione definitiva sar a cura
dellAmministrazionechelasottoscriver);
Bozza lettera dellamministrazione alle utenze commerciali (la versione definitiva sar a cura
dellAmministrazionechelasottoscriver);
Bozza lettera dellamministrazione alle utenze diverse (la versione definitiva sar a cura
dellAmministrazionechelasottoscriver);
Cartellinidiriconoscimentopergliaddettiallostartup.

prog. soggetto azione


7 Gestore elaborazionedocumentazioneinterna

Sar cura del Gestore elaborare la documentazione e la modulistica necessaria alla corretta
gestione,controlloerendicontazionedellevarieattivitoperativeconnesseallostartup.
Nellafattispeciedevonoesserepredisposti:
manualedelleprocedure;
databaseconsegnamaterialiedimensionamentovolumetrico;
schedarilevamentodatiedimensionamentoperutenzedomestiche;
foglidipresenza;
schedediorganizzazionedellavoroedordinidiservizio.

prog. soggetto azione


8 Gestore istituzionenumeroverde

Lattivazionediunosportelloinformativofacilmenteaccessibiledapartedegliutentialmomento
di introduzioni aggiuntive di nuovi servizi di raccolta o, a maggior ragione, di avvio di sistemi di
raccoltacheabbianocaratteristichecompletamenteinnovativerispettoaquelliinfunzionefinoa
quel momento su un determinato territorio, costituisce uno strumento valido che permette di
raggiungere,graziealrealesupportotecnicofornitoallutenza,obiettividivalenzasocio/politicae
tecnicaalcontempo.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.90

Taleserviziopermetteinfattidi:
garantire allutente un costante supporto ed una sicura collaborazione da parte
dellAmministrazioneodelgestoreinfondendo,quindi,nelcittadinounamaggiorefiducianel
lorooperato;
dimostrare la massima disponibilit nei confronti dellutente recependo con prontezza ogni
reclamoosegnalazionedidisfunzionetecnica;
divulgare ulteriormente le corrette modalit di conferimento e fugare i dubbi degli utenti in
merito, favorendo cos una riduzione degli errati conferimenti e, conseguentemente,
permettendo di incrementare il livello di qualit e la quantit dei materiali raccolti
separatamente;
recepire le segnalazioni di disfunzione del servizio per provvedere tempestivamente, in ogni
casopossibile,allacorrezionedelfattorecheabbiascatenatoodatoaditoataledisfunzione;
recepirelenecessitedesigenzecomunicatedagliutentiperanalizzareedeventualmente,se
possibile,attivarevariazionioadattamentidelsistemanonancoraprevisti.

prog. soggetto azione


9 Gestore/AmministrazioneComunale invioletteraallediverseutenze

Sar cura dellAmministrazione Comunale predisporre un elenco dei condomini con relativi
amministratori. Sar cura del Gestore far pervenire ai cittadini ed agli amministratori di
condominio apposita lettera (a firma anche del sindaco) per anticipare e preparare la visita dei
facilitatori.

Fase2attivitoperativa
Siriportaunelencodelleattivitdaeffettuarenellafaseoperativa:
carichidilavoro(programmadidistribuzione)
preparazionekitdadistribuirealleutenze
consegnakitematerialedicontattoalleUDeUNDdimensionamentovolumetrico
preparazionecarrellatidadistribuirealleutenzedomestiche,commercialiealtre
incontrocongliamministratoridicondominio
consegnacarrellatialleutenzedomestiche,commercialiealtre
applicazioneadesiviaicontenitoristradalidaeliminare

Prima di avviare gli addetti allo start up sul territorio questi saranno opportunamente formati. Si
riportanoimodulidiformazioneperilpersonaleaddetto:
modulo1:ciclointegratodeirifiuti;
modulo2:laraccoltadifferenziata;
modulo3:ilnuovoPianodiraccolta;
modulo4:elementidicomunicazioneambientaleedigestionedelconflitto;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.91

modulo5:leattivitdistartup.
Al termine delle attivit di formazione si provveder ad elaborare il programma di distribuzione,
allassegnazionedeicarichidilavoriaciascunasquadradifacilitatorieallapredisposizioneditutta
la documentazione interna (database delle consegne effettuate a ciascuna utenza, schede
cartaceedirilevamentocheutilizzerannoifacilitatoriperlaregistrazionedelleutenzecontattate,
foglidipresenza,etc.).Altermineditaliattivitinizierlafasedidistribuzione.
Ciascuna squadra di facilitatori raggiunger le utenze ad essa assegnata e provveder alla
consegnadeimaterialiinformativieallinformazionesullenuovemodalitdiraccolta.
Ogni giorno, a fine turno di lavoro, i facilitatori torneranno nellufficio start up dove
consegneranno le schede compilate relative alle utenze contattate. Gli addetti alle attivit di
ufficioprovvederannoallinserimentoditalidatineldatabase,chesarresodisponibileallUfficio
Ambiente.
Terminatalattivitdiinformazione,saravviatoilnuovoservizio.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.92

CAMPAGNA COMUNICAZIONE
Introduzione
Ilcoinvolgimentodelleutenzecittadinedifondamentaleimportanzaperilraggiungimentodegli
obiettividiraccoltadifferenziataprevistidalprogetto.Ilpianodicomunicazionedovrrenderei
cittadini protagonisti del cambiamento trasferendo le necessarie informazioni e motivazioni
affinch il nuovo modello di raccolta porta a porta possa essere facilmente compreso ed
consolidarsi negli anni. Fare la raccolta differenziata un gesto semplice e quotidiano che
racchiude non solo un comportamento ma sintetizza un insieme di valori ambientali, etici ed
economicichedevonoesserechiaramenteevidenziati.
In sostanza, la comunicazione per lavvio di nuovi sistemi di raccolta differenziata parte
funzionaledelsistemastesso,indispensabilesiainfasedistartup(avvio)cheinfasedifollowup
(consolidamento).

Lastrategiadicomunicazionedevegarantirealcuniconcettichiavecome:
partecipazione,comeazionesinergicatragliattoridelservizio
ascoltocostantedeicittadiniutenti,perrispondereadubbienecessit
semplificazione,necessariaperfacilitarelacomprensione.

Il piano di comunicazione deve prevede un mix di azioni a supporto: informazione,


sensibilizzazione, educazione ed identit. Queste sono interdipendenti, interagiscono fra loro e
solosecombinatesonoeffettivamenteefficaci.

Obiettivi
Il piano di comunicazione dovr avere unarticolazione pluriennale ed essere coerente con
lattivazionedeiservizidiigieneurbanaprevistidalprogetto.
In concomitanza con lattivazione del servizio porta a porta dovr essere pianificata una
campagna di comunicazione capillare ed efficace, con lobiettivo di rendere facilmente
comprensibile il nuovo servizio di raccolta. La partecipazione del cittadinoutente non pi
volontaria ma obbligata dal sistema stesso: richiesto un cambiamento radicale nei
comportamenti individuali. Questo passaggio delicato va accompagnato facendo comprendere
beneivantaggipersonaliecollettivi.Inoltrelemodaliteitempidiattuazionedelnuovoservizio
devono essere veicolati con estrema chiarezza e trasparenza. I messaggi e i materiali informativi
dovrannoessereelaboraticonsemplicitedimmediatezza.

Nel corso degli anni dovranno essere previste anche campagne di rafforzamento per informare i
cittadini sui risultati raggiunti, evidenziare i benefici per la collettivit, tenere alta lattenzione
sullimportanzadellaraccoltadifferenziataedeventualmentecorreggereleanomalieregistrate.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.93

Il tema delleducazione ambientale assume un ruolo fondamentale per educare le future


generazionisullimportanzadiuncomportamentochesiarispettosodellambienteedelterritorio
incuisivive.Ilpianodicomunicazionedovrprevedereuncoinvolgimentoattivodituttelescuole
presenti sul territorio in modo da rafforzare e rendere duraturi i risultati conseguiti e contribuire
allacrescitaculturaledellinteracomunit.Farebenelaraccoltadifferenziatasolounaspettodel
vivere civile che richiede un cambiamento forte in tutti i campi dellagire sociale. La scuola pu
contribuirepositivamentealmiglioramentogeneraledellacollettivit.

Il tema della riduzione dei rifiuti si impone in maniera forte anche in virt delleccessiva
produzione di rifiuti che caratterizza la nostra societ opulenta. Stimolare negli individui
comportamentisostenibiliunsegnaleimportantechepustimolareancheiproduttoridibenidi
consumo a realizzare merci con un basso consumo di risorse naturali e che siano facilmente
riutilizzabili e recuperabili alla fine della loro vita. Non basta fare la raccolta differenziata se
contestualmente si assiste ad una crescita continua dei rifiuti prodotti. Occorre invertire la rotta:
piraccoltadifferenziataemenorifiuti.

La qualit della raccolta differenziata un aspetto molto importante per rendere virtuoso un
sistemadigestionedeirifiuti.Nonbastaraccoglieretantoinmanieradifferenziatamaoccorreche
i materiali differenziati siano effettivamente valorizzabili presso i relativi impianti di trattamento.
Se il materiale conferito dallutente al servizio di raccolta di buona qualit poniamo le basi per
unarealetrasformazionedelrifiutoinrisorsa.

Target
Lafamigliailtargetprincipale.Gestireirifiutiefarelaraccoltadifferenziataincasasonoazionia
prima vista complesse. La raccolta differenziata viene spesso percepita come un disturbo.
necessario, pertanto, accompagnare i mutamenti legandoli ad obiettivi concreti: il contenimento
deicosti,ilmiglioramentodellaqualitdellavitasoprattuttoquelladellafuturegenerazione.

Le attivit commerciali e produttive rappresentano una parte significativa delle utenze servite,
soprattutto per la notevole produzione di alcune frazioni riciclabili. In questo caso, lutenza ha
bisogno del servizio per smaltire quantit significative. Il messaggio incentrato sulla richiesta di
rispetto delle regole, a fronte della qualit e puntualit del servizio rendendo il contesto esterno
attraenteancheperlasuaattivit.

Iportatoridinteresse(stakeholder)sonointerlocutoriimportantipercreareunclimafavorevolee
contribuire concretamente al cambiamento richiesto. Le associazioni cittadine devono essere
coinvolte in attivit che possano contribuire alla promozione della cultura della raccolta
differenziata nonch promuovere nellambito delle proprie attivit sociali il tema della corretta
gestionedeirifiutiinmodochediventiunpatrimoniodiconoscenzacollettivo.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.94

Gli organi di informazione e coloro che incidono sulla formazione delle opinioni sono soggetti
essenziali. necessario creare con essi un coinvolgimento immediato e diretto, rendendoli
informatiepartecipidelprocessodiimplementazionedelnuovosistema.Conessivannochiaritii
dettagli tecnici del servizio e di tutta la filiera della gestione dei rifiuti. Bisogna che siano chiari i
problemi,leesigenze,leopportunitelenecessitdiunamacchinacoscomplessa.Lasciaredubbi
inchihailcompitooilpoteredifareopinioneunerrorericorrente,daevitareconlatrasparenza
elaccessoalleinformazioni

Forme,mezziestrumenti
Studiopreliminareemappaturainterlocutori
Lostudiodellacomposizioneurbanistica,demograficaesocioculturaledelterritorioconsenteuna
correttamappaturadegliinterlocutori,deilinguaggiedellagiustatempisticadegliinterventi

Progettazionestrategia
Laprogettazionedellacomunicazionevadiparipassoconlimplementazionedeiservizidiigiene
urbana. necessario a tal proposito organizzare tavoli tecnici, a cui partecipino tutti gli attori
principali:Comune,Azienda,Espertidicomunicazione.Lacondivisioneditempi,modiestrumenti,
garantirunapianificazionecondivisaepartecipata,conlaprevisionedirischieopportunit,punti
deboliepuntidiforza.

Progettazionegrafica:testualeevisiva
Una linea grafica lineare e messaggi immediati aiutano lutente a cogliere rapidamente i nuovi
servizi,ilsuoruoloattivoegliobiettiviqualitativi.

Per informare la cittadinanza sul nuovo sistema di gestione rifiuti, ogni target potr essere
raggiuntoattraversounmixdimezziestrumenti,comeadesempio:
- materialicartacei(calendari,brochure,ecc)chehannoilcompitodiportareacasaoin
prossimitdellutenteleinformazioniriguardantileazionidicomunicazioneintrapreseedi
illustrare gli orari di raccolta ed utili informazioni sulla riciclabilit dei materiali e sulle
correttemodalitdiconferimentoeseparazionedeirifiutiincasa;
- materialidivisibilit(manifesti,striscioni,locandine,pannelli,ecc)chehannolobiettivo
di rendere percepibile nei luoghi di frequentazione delle diverse utenze il messaggio ed i
contenutidellazionedicomunicazione;
- radio, tv, giornali e web che possono essere utilizzati per amplificare gli obiettivi della
campagnadicomunicazioneeraggiungereunpubblicoselezionato;

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.95

- eventiedincontripubblicichepossanocoinvolgereattivamentelacittadinanzanellottica
di un confronto continuo e costruttivo con lEnte nonch discutere del tema rifiuti in
momentiinformali(es.:sagre,cerimonie,eventisportivi,ecc.)

Monitoraggioattivit
E importante prevedere azioni di monitoraggio continue ed in particolare in concomitanza con
lattivazione dei nuovi servizi, in modo da comprendere il grado di partecipazione degli utenti ai
servizi attivati sul territorio. Un monitoraggio puntuale permette di tenere sotto controllo il
sistema nel suo complesso e di intervenire tempestivamente per risolvere situazioni di criticit.
Potranno essere utilizzati strumenti cartacei, il web e prevedere azioni mirate in occasione degli
eventiprevistidalpianodicomunicazione.

FABBIS0uNI
Si riporta la tabella riepilogativa dei fabbisogni del personale necessario per lo svolgimento dei
servizidescrittinelpresentepiano:

personale N.
operatoreIIA(raccolta) 27
autistaIIIA(raccolta) 43
autistaIVA(raccolta) 3
ispettoreVA 2
OPERATORELIV.1(spazzamento) 7
AUTISTALIV.4B(spazzamento) 4
resp.OperativoVIA 1
lavorodomenicale(giornate) 1440
operatoreIIAstagionale 8
operatoreIIIAstagionale 1

Si riporta la tabella riepilogativa dei fabbisogni dei mezzi necessari per lo svolgimento dei servizi
descrittinelpresentepiano:

costipatore5/7mc 22
porter 4
pianale 1
compattatore10mc 5
semirimorchi 3,5
trattore 1,5
motrice 1

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.96

rimorchio 1
SPAZZATRICE45MC 3
spazzatricemanuale 1
APECAR 3
autovetturatipodobl 2
Siriportalatabellariepilogativadeifabbisognidelleattrezzaturenecessarieperlosvolgimentodei
servizidescrittinelpresentepiano:
VOCEDICOSTO N.
presscontainer 4
cassone 20
secchielloareato 22.000
secchiello25litri 31.000
secchiello30litri 92.000
portasecchielli 1.300
carrellato240FORSU 600
carrellato240carta 1.300
carrellato240vetro 450
carrellato360residuo 1.450
cassonetti1700lt 109
cassonetti1100lt 48
contenitoreindumentiusati 10
compostieradomestica 8.069
cont.Pile 86
cont.Farmaci 15
cont.T/F 86
cont.Oli 15
contenitoretoner 50
tanichettaoli 28.934
SOFFIATORE 2
CESTINISTRADALI 550
CESTINIDEIEZIONICANINE 20
calottaxcassonetti 132
bilanciaelettronica 12

Si riporta la tabella riepilogativa dei fabbisogni dei materiali di consumo necessari per lo
svolgimentodeiservizidescrittinelpresentepiano:

Materialediconsumo
Sacchicompostabili 500.000
Sacchildpe 1.000.000
Sacchildpe 686.400

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.97

INVESTIMENTI
Inquestocapitolosiriportanolestimedegliinvestimentidelservizioprogettato.Gliinvestimenti
sonorelativiagliautomezziedalleattrezzature.
Siriportainbassolatabelladeicostidiinvestimentoperlafornituradegliautomezzinecessariper
laraccoltaelospazzamento:

investimentoautomezzi
automezzi n. costounitario costocomplessivo
porter 4 17.000,00 68.000,00
costipatore5mc 22 40.000,00 880.000,00
compattatore15mc 5 90.000,00 450.000,00
pianale 1 35.000,00 35.000,00
trattore 1,5 90.000,00 135.000,00
semirimorchio 3,5 90.000,00 315.000,00
motrice 1 110.000,00 110.000,00
rimorchio 1 35.000,00 35.000,00
spazzatrice5mc 3 120.000,00 360.000,00
spazzatricemanuale 1 50.000,00 50.000,00
apecar 3 4.000,00 12.000,00
autovetturatipodobl 2 12.000,00 24.000,00
totale 2.474.000,00

Siriportalatabellarelativaagliinvestimentiperleattrezzature:

investimentoattrezzature
attrezzature n. costounitario costocomplessivo
presscontainer 4 18.000,00 72.000,00
cassone 20 5.000,00 100.000,00
secchielloareato 22000 3,00 66.000,00
secchiello25litri 31000 4,00 124.000,00
secchiello35litri 92000 5,70 524.400,00
portasecchielli 1300 140,00 182.000,00
carrellato240FORSU 600 35,00 21.000,00
carrellato240carta 1300 35,00 45.500,00
carrellato240vetro 450 35,00 15.750,00
carrellato360residuo 1450 50,00 72.500,00
cassonetti1700lt 109 150,00 16.350,00
cassonetti1100lt 48 123,00 5.904,00
contenitoreindumentiusati 10 1.000,00 10.000,00
compostieradomestica 8069 50,00 403.450,00
cont.Pile 86 50,00 4.300,00
cont.Farmaci 15 300,00 4.500,00
cont.T/F 86 200,00 17.200,00
cont.Oli 15 400,00 6.000,00
tanichettaoli 28934 3,00 86.802,00
cont.Toner 50 4,00 200,00
SOFFIATORE 2 302,00 604,00

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.98

CESTINISTRADALI 550 280,00 154.000,00


CESTINIDEIEZIONICANINE 20 230,00 4.600,00
calottaxcassonetti 132 2.395,00 316.140,00
bilanciaelettronica 12 14.000,00 168.000,00
totale 2.421.200,00

C0STI BI uESTI0NE
In questa sezione vengono descritti i costi da sostenere per lattivazione dei servizi di cui alla
presenterelazionetecnica.
I costi del personale sono stati stimati utilizzando le tabelle FISEASSOAMBIENTE aggiornate a
Ottobre2013.

I costi degli automezzi si compongono dei costi di gestione, dei costi di ammortamento e di
interessesulcapitale.
Nel costo di gestione degli automezzi sono stati considerati: i costi di manutenzione ordinaria e
straordinaria, i costi per carburante, olio e pneumatici, lassicurazione e le tasse. Nel presente
pianosiconsiderauntassoannuopercentualeparial6%eunperiododiammortamentoparia7
anni.
I costi dei materiali di consumo sono stati valutati utilizzando i prezzi di mercato. Le tabelle di
calcolodellammortamentodegliautomezziedelleattrezzaturesonoriportatenellallegato1.

Costidelpersonale
Inbaseaicostiunitari,riportatiinappendice,econriferimentoaifabbisognistimatieriportatinei
capitolirelativiaifabbisogni,sonostaticalcolatiicostirelativialpersonale.
Siriportaunatabellaesplicativadelcalcolodeicostidelpersonaleimpiegato:
VOCEDICOSTO N. costounitario costocomplessivo
operatoreIIA(raccolta) 27 41.765,69 1.127.673,63
autistaIIIA(raccolta) 43 43.933,80 1.889.153,40
autistaIVA(raccolta) 3 46.734,23 140.202,69
ispettoreVA 2 50.973,61 101.947,22
OPERATORELIV.1(spazzamento) 7 36.754,63 257.282,41
AUTISTALIV.4B(spazzamento) 4 45.468,52 181.874,08
resp.OperativoVIA 1 51.863,98 spesegenerali
lavorodomenicale(giornate) 1440 48,93 70.459,20
operatoreIIAstagionale 8 41.765,69 139.218,97
operatoreIIIAstagionale 1 43.933,80 18.305,75
totalecostodelpersonale 3.926.117,35
Costidegliautomezzi
Inbaseaicostiunitaridigestione,riportatiinappendiceeconriferimentoaifabbisognistimatie
riportati nel capitolo relativo ai fabbisogni, sono stati calcolati i costi annui di gestione degli

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.99

automezzi. A tali costi sommata la rata annua comprendente la quota di ammortamento e di


interessesulcapitale,secondoquantodescrittoinprecedenza.
Siriportalatabellaesplicativadeicostidegliautomezzi:

VOCEDICOSTO N. costounitario costocomplessivo


costipatore5/7mc 22 14.390,29 316.586,29
porter 4 8.268,57 33.074,29
pianale 1 11.864,00 11.864,00
compattatore15mc 5 15.557,14 77.785,71
semirimorchi 3,5 24.137,14 84.480,00
trattore 1,5 39.527,14 59.290,71
motrice 1 38.904,29 38.904,29
rimorchio 1 10.330,00 10.330,00
SPAZZATRICE45MC 3 36.166,86 108.500,57
spazzatricemanuale 1 13.176,86 13.176,86
APECAR 3 2.746,43 8.239,29
autovetturatipodobl 2 6.274,29 spesegenerali
totalecostoautomezzi 762.232,00

Costidelleattrezzature
Inbaseaicostiunitaridigestione,riportatiinappendiceeconriferimentoaifabbisognistimatie
riportatinelcapitolorelativoaldimensionamentodeiservizi,sonostaticalcolatiicostidigestione
delle attrezzature. I costi di gestione sono dati dalla somma dei costi di ammortamento
dellinvestimento(investimentodivisonumerodiannidellappalto+tassodinteresse)eicostidi
manutenzione ed esercizio. Come gi anticipato, non prevista la manutenzione per le
attrezzature da interno consegnate agli utenti, per cui i costi di gestione di tali attrezzature sono
pariaicostidiammortamentodegliinvestimenti.
Siriportaunatabellaesplicativadelcalcolodeicostidelleattrezzature:

VOCEDICOSTO N. costounitario costocomplessivo


presscontainer 4 4.191,43 16.765,71
cassone 20 964,29 19.285,71
secchielloareato 22000 0,69 15.180,00
secchiello25litri 31000 0,92 28.520,00
secchiello30litri 92000 1,31 120.612,00
portasecchielli 1300 33,60 43.680,00
carrellato240FORSU 600 11,55 6.930,00
carrellato240carta 1300 11,55 15.015,00
carrellato240vetro 450 11,55 5.197,50
carrellato360residuo 1450 16,50 23.925,00
cassonetti1700lt 109 49,50 5.395,50
cassonetti1100lt 48 40,59 1.948,32
contenitoreindumentiusati 10 330,00 3.300,00
compostieradomestica 8069 11,50 92.793,50
cont.Pile 86 11,50 989,00

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.100

cont.Farmaci 15 69,00 1.035,00


cont.T/F 86 46,00 3.956,00
cont.Oli 15 116,00 1.740,00
contenitoretoner 50
tanichettaoli 28934
SOFFIATORE 2 295,20 590,41
CESTINISTRADALI 550 75,60 41.580,00
CESTINIDEIEZIONICANINE 20 23,00 460,00
calottaxcassonetti 132 622,70 82.196,40
bilanciaelettronica 12 3.500,00 42.000,00
totalecostiattrezzature 573.095,05

Costideibenidiconsumo
Ilcalcolodeicostiperibenidiconsumosonostatistimatiinbaseaicostidimercato.Siriportauna
tabellariepilogativadeicostiannuiperlacquistoditalimateriali:

VOCEDICOSTO N. costounitario costocomplessivo


sacchicompostabili 500.000 0,05 22.500,00
sacchiLDPE 1.000.000 0,05 45.000,00
SACCHILDPE 686.400 0,03 20.592,00
costialtribeni acorpo 1.000,00
totalecostimaterialediconsumo 89.092,00

Opereediliallestimentominiisoleecologiche
I costi di allestimento delle mini isole ecologiche ed il costo di adeguamento dei due Centri di
raccolta comunali esistenti sono stati calcolati nel allegato : Infrastrutturazione della rete di
raccoltadifferenziatanell'agroedadeguamentodeiCentriComunalidiraccoltaesistenti,acuisi
rimanda. Il costo complessivo diviso per i 7 anni dellespletamento dellappalto di 64.285,71
oltreicostidellasicurezza.

opereedili(12miniisole+2adeguamenticcr) acorpo 64.285,71 64.285,71

Costomonitoraggioecontrollo
Si riporta la tabella riepilogativa del sistema di monitoraggio e controllo, comprensivo del costo
degli rfid applicati sulle attrezzature domiciliari, del costo del sistema di bordo degli automezzi
perlaraccoltaedellespazzatrici,delserverperlagestionedelsistema:
sistemamonitoraggio
attrezzature unit costounitario costocomplessivo
rfid 126.535 0,50 63.267,50
server+sistemaabordoautomezzi 35 500,00 17.500,00
costototaleannuomonitoraggio 80.767,50

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.101

Costocomunicazioneestartup
I costi per lavvio dei servizi di raccolta domiciliare sono stati calcolati ipotizzando un costo per
abitanteparia4perlostartupedicostiperlacomunicazioneparia1/abperilprimoanno;
moltiplicandotalicostiperilnumerodiabitantiedividendopersetteilnumerodiannididurata
dellappalto dei servizi, si ottiene il costo annuo; i costi della comunicazione sono calcolati
considerando un costo per abitante pari 0,5/ab moltiplicato i sei anni successivi allanno
dellavviodeiservizidivisoisetteannididuratadellappalto.

costostartupecomunicazione
vocedicosto costiunitari(/ab) costocomplessivo
costostartup 4,00 200.000,00
costocampagnacomunicazione1anno 1,00 50.000,00
costocampagnacomunicazioneannisuccessivi 0,50 150.000,00
costototale 400.000,00
costototalemedioannuo 57.142,86

Costouffici/spogliatoi/rimesse
Siriportailcostoperlagestionedeilocaliadibitiauffici/spogliatoi/rimessemezziedattrezzature,
stimatoparia3.000,00almese:

costouffici/spogliatoi/rimesse
vocedicosto costiunitari(/mese) costocomplessivo
costouffici/spogliatoi/rimesse
3.000,00 36.000,00

Talecostosarinclusonellespesegenerali.

Costotrattamento
Nellatabellachesegue,sonoevidenziatiicostiditrattamentodeimaterialiraccolti,nellipotesidi
applicazionedelpresentePiano.Icostiunitariditrattamentoriportatinellatabellaseguentesono
stati indicati dallAmministrazione Comunale. Il costo complessivo per il trattamento la
sommatoriadeicosticomplessividiciascunafrazione,ricavatodalprodottodeiquantitativiannui
raccolti perciascuna frazione per ilrelativo costo unitario di trattamento. La sceltadegli impianti
di conferimento, incluso le piattaforme Conai per il conferimento degli imballaggi, a carico
dellEnte, cos come i costi di trattamento/smaltimento. Si riporta una tabella riepilogativa del
calcolo del costo di trattamento della frazione multimateriale, che incluso nel canone a base
dappalto:

fraz.m
selez
scart
total

Siriportau
inclusonel
SMALT.RIFI
SMALT.RIFI
SMALT.RIFI
trattamento
trattamento
SMALTIMEN
selezionem
scartiselezi
totale
RicaviCon
Inquestoc
Perstimare
seguentes
Pla
Acc
Allu
Si ipotizz
computato
t
RIFI
S

merceologica
zionemultima
tiselezione
le
unatabella
lcanoneab
servi
IUTIURBANII
IUTIURB.INGO
UTIURB.DAS
oFRAZIONEO
oRIFIUTOVEG
NTOexrup
multimateriale
one
ai
capitolosis
eicontribu
suddivisione
stica:90,5%
ciaio:9%;
uminio:0,5%
zato uno sc
oneicostid
trattamento
UTOVEGETA
URBANO
0%
SMALTIMENT
rup
2%
ateriale
riepilogativ
basedappa
zio
INDIFFERENZI
OMBRANTI
SPAZZAMENTO
ORGANICAU
GETALEURBA

stimanoipo
utiprovenie
e:
%;
%.
carto in pia
ditrattamen
SM
SPA
trattamen
FRAZION
ORGANIC
UMIDARS
33%
LE

TOexselezione
multimater
7%
Citt
P
vadelcosto
alto,mache
C
ATI

O
MIDARSU
ANO

ossibiliricav
ntidalmate
attaforma d
nto.
MALT.RIFIUTI
URB.DA
AZZAMENTO
3%
nto
NE
A
SU
e
iale
scartiselez
5%
diMartinaF
Pianodeiserviz
Costounitari
5
10
odismaltim
erestaacar
Costounitario
104
150
100
80
30
1.000
50
104

viConaiinb
erialeracco
di selezione

zione

Franca
zidiigieneurba
o(/ton) Q.
50,00
00,00
mentodelle
ricodellEnt
o(/ton) Q.t
4,59
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
4,59

baseallacco
oltocomem
e per tutti i
SMALT.RI
URB.INGOM
I
4%
ana
t/anno(ton)
1.961,27
693,80
1.961
altrefrazio
te:
/anno(ton)
6.49
36
49
6.15
24
2
1.96
69
15.74
ordoANCIC
multimateria
i materiali
FIUTI
BRANT

) costoan
98.0
69.3
167.4
nidirifiuto
costoa
97 679
68 55.
90 49.
57 492
45 7.
25 24.
61 98.
94 72.
42 1.478.
CONAI.
ale,stata
raccolti. Ta
SMALT.RIFI
URBANI
INDIFFERENZ
46%
pag.102
nuo
063,33
379,81
443,14
o,chenon
nnuo
.489,42
.160,63
.031,67
.532,45
.354,75
.515,83
.063,33
.564,34
712,42

utilizzatala
ale scarto
IUTI

ZIATI

Nella segu
materiale
differenzia

frazione co
carta
cartone
vetro
acciaio
alluminio
plastica
legno
totale

Siriportau

uente tabe
dimballag
ataprevistip
ontributoCON

42
27

unagrafico
lla, ripor
gio, si pre
perciascun
NAI(euro/ton
26,25
90,00
34,00
82,24
20,33
76,41
13,71
rappresent
plastic
57%
Citt
P
rtata una p
evede che
afrazionem
) Q.t(ton/a
2.206
1.961
1.716
177
10
1.775
74
7.919
ativodeida
ca
diMartinaF
Pianodeiserviz
proiezione
lEnte recu
merceologic
anno) scartii
6
6
atidicuialla

legno
0%

Franca
zidiigieneurba
dei ricavi
uperer in
ca.
inpiattaform
5%
5%
5%
20%
20%
20%
10%
atabellapr
carta
8%
carto
24%
a
alluminio
1%
ana
sulle quan
base agli
a Q.taicon
2.096,
1.863,2
1.630,3
141,2
7,8
1.420,0
66,2
7.224,8
ecedente:
one
%
vetro
8%
cciaio
2%
ntit che, p
obiettivi
nsorzi ricav
1
2 16
3
2

0 39

8 68

pag.103
per ciascun
di raccolta
vi/anno
55.022,72
67.688,30
55.430,30
11.613,21
3.297,52
92.490,33
907,50
86.449,88
n
a

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.104

Costidisicurezza
IcostidisicurezzadicuialpresentePianosidistinguonoinduevocidistinte:
1) Costidisicurezzaperilavoridirealizzazionedelleopereedili;
2) Costidisicurezzaperiservizidiigieneurbana.

Il costo di sicurezza per la realizzazione delle opere edili stimato pari al 2% dellimporto delle
opere,comeriportatonellaseguentetabelladicalcolo:

vocedicosto
costo
realizzazioneopereedili
64.285,71
sicurezza(2%)
1.285,71

Siriportaunatabellariepilogativadeicostidisicurezzadeiservizi:

costidellasicurezza
vocedicosto TIPO q.t costounitario costocomplessivo
D.P.I.
GIUBBINOALTAVISIBILITA'FELPATIINVERNALI 95 30,00 2.850,00
PANTALONIALTAVISIBILITA'FELPATIINVERNALI 180 20,00 3.600,00
GIACCHEAVENTOALTAVISIBILITA' 180 45,00 8.100,00
CAPPELLINIINVERNALI 95 5,00 475,00
IMPERMEABILEARANCIONEOGIALLOCONCAPPUCCIO 95 7,00 665,00
SCARPEANTINFORTUNISTICHEALTE 95 30,00 2.850,00
GIUBBINOALTAVISIBILITA'ESTIVI 95 20,00 1.900,00
PANTALONIALTAVISIBILITA'ESTIVI. 180 15,00 2.700,00
SCARPEANTINFORTUNISTICHEBASSE 95 30,00 2.850,00
CAPPELLINIESTIVI 180 4,00 720,00
MASCHERINE 1000 2,50 2.500,00
PAIADIGUANTI 1000 2,00 2.000,00
VESTIARIO
MAGLIONIDILANA 180 20,00 3.600,00
CAMICIEINVERNALI 180 15,00 2.700,00
ICAMICIEESTIVE 180 10,00 1.800,00
ICALZEINVERNALI 180 3,00 540,00
CALZEESTIVE 180 2,00 360,00
SORVEGLIANZA
SANITARIA
VISITAPERIODICA;ESAMISTRUMENTALIEPRELIEVO
EMATICOPERANALISICLINICHE 95 120,00 11.400,00
VACCINAZIONIANTITETANO 95 20,00 1.900,00
VACCINAZIONIANTIEPATITE 95 30,00 2.850,00
APPLICAZIONIPROTOCOLLOPERPUNTUREACCIDENTALIDA
AGHI 95 150,00 14.250,00
CONSULENZA 1 12.000,00
COSTIGIAINCLUSINELLEBUSTEPAGA(ADETRARRE) 85 630,00 53.550,00
TOTALE 29.060,00

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.105

Costocomplessivodeiservizi
Il costo complessivo dei servizi di cui al presente Piano si ottiene sommando alle voci di costo
riportate nei paragrafi precedenti, le spese generali e lutile dimpresa (pari al 5% dei costi
industriali).
Sispecificachelespesegeneralicomprendonoicostidicuiallaseguentetabella:

spesegenerali
costocomunicazioneestartup 57.142,86
costomonitoraggioecontrollo 80.767,50
costoautovetturediservizio 12.548,57
costouffici/spogliatoi/rimesse 36.000,00
costopersonaleamministrativo/gestionale 225.540,85
altrespese 88.000,23
totale 500.000,00

Siriportaunatabellariepilogativadelcostocomplessivo:

costicomplessiviannui costo/ab/anno
costopersonale 3.926.117,35 78,52
costoautomezzi 762.232,00 15,24
costoattrezzature 573.095,05 11,46
costomaterialidiconsumo 89.092,00 1,78
opereedili 64.285,71 1,29
costiindustriali 5.414.822,11 108,30
costisicurezzaperservizi 29.060,00 0,58
costisicurezzaperlavori 1.285,71 0,03
spesegenerali 500.000,00 10,00
marginediimpresa 270.741,11 5,41
canone 6.215.908,93 124,32
smaltimento 1.478.712,42 29,62
ricaviconaiadetrarre 686.449,88 13,73
totale 7.008.171,46 140,21

Quadrogeneraledispesa
Si riporta una tabella riepilogativa del quadro di spesa complessivo per il sistema di gestione dei
servizi di igiene urbana, in cui vengono specificate, oltre alla voci di spesa relative al costo del
servizio, di cui anche alle tabelle precedenti, anche le spese sostenute per la gestione degli uffici
dellARO,lespeseperlecommissionigiudicatrici.

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.106


importocomplessivo
(7anni)
importoannuo
A.1 Importodeiservizi 42.848.942,64 6.121.277,52
A.2 Importodeilavori 450.000,00 64.285,71
A.3
Oneriperlasicurezzaperservizinonsoggetti
aribasso
203.420,00 29.060,00
A.4
Oneriperlasicurezzaperlavorinonsoggetti
aribasso
9.000,00 1.285,71
(A.1+..+A.4)
Totaleimportodeilavoriedeiservizi
(A.1+...+A.4)
43.511.362,64 6.215.908,95
importocomplessivo
(7anni)
importoannuo
B.1 SpesetecnicheufficioARO 123.204,33 17.600,62
B.2
OneriUfficioR.U.P.dicuiall'art.92del
D.Lgs.163/2006
2.514,37 2.514,37
B.3 Controllo,monitoraggioespeseperDEC 147.845,20 21.120,74
B.4 Spesepercommissionigiudicatrici 6.285,94 6.285,94
(B.1+.+B.4)
TotaleSommeadisposizione
dell'Amministrazione(B1+...+B4)
332.651,70 47.521,67
870.227,25 62.159,09
10.350.986,93 1.478.712,42
4.805.149,19 686.449,88
F.1 I.V.A.suLavorieServizi 4.351.136,26 621.590,89
F.2
I.V.A.suSommeadisposizione
dell'Amministrazione
73.183,37 10.454,77
F.3 I.V.A.suImprevisti 43.511,36 6.215,91
F.4 I.V.A.suSmaltimenti 1.035.098,69 147.871,24
F.5 I.V.A.suRicaviConai 480.514,92 68.644,99
F.1++F.5 totaleIVA(F.1+.F.5) 5.022.414,77 717.487,82
54.847.380,48 7.835.340,07
QUADROECONOMICODISPESAPERISERVIZIDIIGIENEURBANA
D.ONERIPERLOSMALTIMENTOESCLUSIDALCANONE
E.RICAVICONAIADETRARRE
F
.

I
.
V
.
A
TOTALECOMPLESSIVO
A
.

I
M
P
O
R
T
O

P
E
R

L
A
V
O
R
I

S
E
R
V
I
Z
I
A.ImportodeiLavoriedeiservizi
B
.

S
O
M
M
E

D
I
S
P
O
S
I
Z
I
O
N
E

D
E
L
L
'
A
M
M
I
N
I
S
T
R
A
Z
I
O
N
E
B.Sommeadisposizionedell'Amministrazione
C.IMPREVISTIEPREMIALITA'

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.107

Allegato 1 COSTI UNITARI PERSONALE, MEZZI ED ATTREZZATURE


CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.108

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.109

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.110

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.111

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.112

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.113

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.114

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.115

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.116

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.117

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.118

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.119

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.120

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.121

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.122

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.123

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.124

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.125

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana pag.126

CittdiMartinaFranca

Pianodeiservizidiigieneurbana pag.127

TIPOLOGIA
autoveicolo tipo dobl
prog. caratteristiche unitdimisura valore
a costo acquisto (IVA esclusa) 12.000
b portata Tonnellate 0,5
c percorrenza media annua km/anno 15.000
d consumo carburante litri/km 0,1
e consumo olio kg/km 0,002
f pneumatici pz. 4
g consumo pneumatici km/cambio 40.000
costi unitari unitdimisura valore
h costo gasolio /litro 1,5
i costo olio /kg 4
l costo pneumatici /Pz 180
m assicurazione RC %costoacquisto 7%
n tassa di propriet %costoacquisto 1%
o manutenzione %costoacquisto 5%
y tasso interesse %costoacquisto 6%
z ammortamento anni 7
determinazione costo annuo note /anno
p consumo carburante p=cxdxh 2.250,00
q consumo olio q=cxexi 120,00
r consumo pneumatici r=fxlxc/g 270,00
s assicurazione RC s=axm 840,00
t tassa di propriet t=axn 120,00
u manutenzione m=axo 600,00
v costo annuo di gestione v=p+q+r+s+t+u 4.200,00
w ammortamento e interesse anw=axy/2+a/7 2.074,29
6.274,29
autovetturaschedavalutazionedeicostidigestione
costo annuo complessivo

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.128

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.129

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.130

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.131

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.132

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.133

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.134

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.135

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.136

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.137

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.138

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.139

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.140

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.141

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.142

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.143

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.144

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.145

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.146

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.147

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.148

Citt
P
diMartinaF
Pianodeiserviz

Franca
zidiigieneurba ana

pag.149