Sei sulla pagina 1di 233

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

IDRAULICA, MARITTIMA, AMBIENTALE E GEOTECNICA


I M A GE
sede IDRA: via L. Loredan, 20 - I 35131 Padova
tel +39 049 8275424 - fax +39 049 8275446 - poleni@unipd.it
struttura di VOLTABAROZZO: Lungargine Rovetta, 8 - I 35127 Padova
tel +39 049 8278993 - fax +39 049 8278984

 
REGIONE LOMBARDIA

SVILUPPO DI UN PROGETTO DI LANDFILL MINING

Rapporto Finale

Responsabili Scientifici

Prof. Ing. Raffaello Cossu

Prof. Ing. Roberto Raga

Collaboratori

Riccardo Repetti
Viviana Salieri
Federico Simion

Luglio 2010
INDICE

PARTE I – LA TECNICA DEL LANDFILL MINING

1. INTRODUZIONE ........................................................................................................... 3

2. BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE .......................................................... 5


2.1 Problematiche ambientali delle vecchie discariche....................................................... 5
2.2 Criteri ed alternative di bonifica.................................................................................... 6
2.2.1 Impermeabilizzazione superficiale o capping (opzione A) ............................... 8
2.2.2 Stabilizzazione aerobica in situ dei rifiuti (opzione B) ..................................... 9
2.2.3 Landfill Mining (opzione C)............................................................................ 12
2.3 Risultati ottenibili........................................................................................................ 13

3. LANDFILL MINING ................................................................................................... 15


3.1 Descrizione della tecnica di intervento ....................................................................... 15
3.2 Storia ........................................................................................................................... 16
3.3 Landfill Mining: il processo........................................................................................ 18
3.3.1 Indagini preliminari ........................................................................................ 18
3.3.2 Impatto ambientale dell’intervento e suo contenimento: Aerazione in situ.... 21
3.3.3 Scavo e rimozione dei rifiuti............................................................................ 23
3.3.4 Impianti per il trattamento dei rifiuti .............................................................. 26
3.4 Qualità e trattamento delle frazioni ottenibili ............................................................. 29
3.5 Vantaggi e limitazioni del Landfill Mining................................................................. 32
3.5.1 Vantaggi .......................................................................................................... 32
3.5.2 Limitazioni....................................................................................................... 33
3.6 Pianificazione delle fasi operative di un intervento di LFM....................................... 34
3.7 Misure di sicurezza per l’ambiente e i lavoratori........................................................ 35
4. CASI DI LANDFILL MINIG IN USA E EUROPA ................................................. 39
4.1 Landfill Mining negli USA ......................................................................................... 39
4.1.1 Naples Landfill (Collier County, Florida) ...................................................... 39
4.1.2 Edinburg Landfill,(Edinburg, New York)........................................................ 41
4.1.3 Frey Farm Landfill (Lancaster County, Pennsylvania) .................................. 42
4.2 Landfill Mining in Europa........................................................................................... 43
4.2.1 Masalycke Landfill, Svezia.............................................................................. 43
4.2.2 Burghof Landfill, Germania............................................................................ 45
4.2.3 Discarica di Modena....................................................................................... 48
4.2.4 Discarica di Campodarsego (Padova)............................................................ 58
4.2.5 Discarica in Italia nord-occidentale ............................................................... 65
4.3 Valutazione dei punti critici e dei punti di forza dei casi di studio analizzati............. 79
4.4. Criteri per l’individuazione di siti idonei per un intervento di LFM .......................... 79

5. BILANCIO ECONOMICO: ANALISI DI COSTI E BENEFICI............................ 89


5.1 Benefici economici...................................................................................................... 90
5.2 Costi dell’intervento.................................................................................................... 91
5.3 Casi di studio............................................................................................................... 92
5.3.1 Discarica Lancaster County (Pennsylvania, USA) ......................................... 92
5.3.2 Discarica di Campodarsego (Padova)............................................................ 93

6. BILANCIO AMBIENTALE: ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) ................. 97


6.1 Possibili applicazioni dell’analisi del ciclo di vita ...................................................... 97
6.2 Applicazione dell’Analisi del Ciclo di Vita al Landfill Mining.................................. 97
PARTE II - APPLICABILITA' DEL LANDFILL MINING IN LOMBARDIA

7. OBIETTIVI E METODI ............................................................................................ 101

8. DESCRIZIONE DELLE DISCARICHE CANDIDATE......................................... 103


8.1 Discarica di Filago (BG) ............................................................................................. 103
8.1.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 103
8.1.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 105
8.1.3 Percolato ....................................................................................................... 106
8.1.4 Produzione e captazione del biogas.............................................................. 108
8.2 Discarica di Mazzano (BS) ..................................................................................... 108
8.2.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 108
8.2.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 110
8.2.3 Percolato ....................................................................................................... 111
8.2.4 Produzione e captazione biogas.................................................................... 111
8.3 Discarica di Gerenzano (VA) ................................................................................. 112
8.3.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 112
8.3.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 114
8.3.3 Percolato ....................................................................................................... 115
8.3.4 Produzione e captazione biogas.................................................................... 116
8.4 Discarica di Vergiate (VA) ..................................................................................... 118
8.4.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 118
8.4.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 119
8.4.3 Percolato ....................................................................................................... 120
8.4.4 Produzione e captazione biogas.................................................................... 120
8.5 Discarica di Castelleone (CR)................................................................................. 121
8.5.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 121
8.5.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 122
8.5.3 Percolato ....................................................................................................... 122
8.5.4 Produzione e captazione biogas.................................................................... 124
8.6 Discarica di Cremona (CR) .................................................................................... 125
8.6.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito............................................. 125
8.6.2 Aspetti idrogeologici ..................................................................................... 127
8.6.3 Percolato e biogas......................................................................................... 129
8.7 Discarica di Vizzolo Predabissi (MI) ......................................................................... 129

9. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE PROVINCE


DI BERGAMO, BRESCIA, VARESE, CREMONA E MILANO...................... 131
9.1 La produzione di rifiuti........................................................................................... 131
9.1.1 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Bergamo.................... 131
9.1.2 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Brescia ...................... 134
9.1.3 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Varese ....................... 137
9.1.4 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Cremona.................... 139
9.1.5 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Milano....................... 142
9.2 Destino dei flussi di rifiuti generati dai diversi sistemi di raccolta..................... 145
9.2.1 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – BG................................ 145
9.2.2 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – BS................................. 148
9.2.3 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – VA ................................ 149
9.2.4 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – CR ................................ 151
9.2.5 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – MI ................................ 153
9.3 Costo di gestione dei rifiuti..................................................................................... 155
9.3.1 I costi di gestione nella Provincia di Bergamo ............................................. 155
9.3.2 I costi di gestione nella Provincia di Brescia ............................................... 156
9.3.3 I costi di gestione nella Province di Varese e Cremona ............................... 156
9.3.4 I costi di gestione nella Provincia di Milano ................................................ 157
9.3.5 Costi, ricavi e tariffe nella gestione dei rifiuti (Regione Lombardia)........... 157

10. SCENARI DI PROGETTO........................................................................................ 163


10.1 Introduzione............................................................................................................. 163
10.2 Analisi delle scelte progettuali in pregressi casi di LFM ..................................... 164
10.2.1 Scavo e vagliatura......................................................................................... 165
10.2.2 Scavo e vagliatura bi-stadio......................................................................... 167
10.2.3 Scavo, vagliatura e selezione meccanica ...................................................... 170
10.3 Analisi della realtà impiantistica esistente ................................................................ 174
10.3.1 Impianti di termovalorizzazione nel territorio regionale.............................. 175
10.3.2 Impianti di trattamento, selezione e produzione CDR .................................. 176
10.4 Analisi di caratterizzazione dei rifiuti depositati in discarica............................. 179
10.4.1 Analisi merceologica del rifiuto.................................................................... 179
10.4.2 Caratterizzazione biochimica del rifiuto………………………………………..180
10.5 Identificazione di possibili scenari progettuali ..................................................... 181
10.5.1 Descrizione degli scenari di progetto ........................................................... 181
10.5.2 Confronto tra i diversi scenari di progetto ................................................... 193
10.6 Utilizzo di modelli LCA nella valutazione di differenti scenari progettuali ...... 196
10.6.1 Linee guida per l’applicazione di un modello LCA ...................................... 197
10.6.2 Esempio di applicazione di uno studio di LCA ............................................. 201
10.7 Applicabilità intervento LFM nei siti investigati ................................................. 202
10.7.1 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Bergamo .............................. 202
10.7.2 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Brescia ................................ 203
10.7.3 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Cremona.............................. 204
10.7.4 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Varese.................................. 205
10.7.5 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Milano ................................. 207
10.7.6 Considerazioni conclusive sull’applicabilità dell’intervento di LFM .......... 207

11. CONCLUSIONI .......................................................................................................... 217

BIBLIOGRAFIA................................................................................................................. 221
PARTE I – LA TECNICA DEL LANDFILL MINING
2
1. INTRODUZIONE

Il presente elaborato si inserisce all’interno di uno studio più ampio che prevede la
collaborazione tra il Dipartimento IMAGE (Ingegneria Idraulica, Marittima, Ambientale e
Geotecnica) dell’Università di Padova e la Regione Lombardia. Tale studio ha come finalità
l’analisi di dati tecnici relativi alle discariche cessate ed in post-gestione presenti in
Lombardia e la valutazione dell’opportunità di effettuare in esse un intervento di bonifica
attraverso la tecnica del Landfill Mining (LFM).

Studiato in maniera approfondita negli anni ’90 ed in seguito poco utilizzato in applicazioni in
scala reale, esso risulta attualmente al centro di grande attenzione a causa della crescente
attenzione verso i problemi di contaminazione degli acquiferi, il reperimento di nuove aree
per lo smaltimento in discarica dei rifiuti residui della raccolta differenziata e il recupero di
materiali. In particolare, la presente relazione descrive la tecnica del Landfill Mining come
tipologia di intervento sulle vecchie discariche, passando in rassegna alcuni casi di studio
relativi a progetti realizzati ed analizzando i vantaggi di tipo economico ed ambientale che
potrebbero derivare da una sua applicazione in scala reale, gli eventuali impatti e le relative
opere necessarie al loro contenimento.

Dopo aver effettuato alcune considerazioni sui diversi flussi di materiali recuperabili in
seguito all’esecuzione di tale intervento (tipologia, qualità, trattamento e possibili destinazioni
finali), la relazione esamina, i fattori principali da considerare nell’esecuzione dei bilanci
economici, per la valutazione dei costi e dei possibili ricavi ottenibili in seguito alla
realizzazione di un progetto di Landfill Mining, e nell’esecuzione dei bilanci ambientali,
considerando gli eventuali benefici (per. es. riduzione degli impatti ambientali a medio –
lungo termine) che si potrebbero trarre dalla messa in atto di tale intervento rispetto a quanto
atteso lasciando invariata la situazione. La prima parte della relazione, infine, definisce dei
criteri di massima per l’individuazione di siti di discarica idonei alla realizzazione di un
progetto di Landfill Mining.

Nella seconda parte del presente elaborato sono invece stati definiti alcuni criteri per
l’individuazione di alcuni siti ottimali a cui eventualmente applicare il LFM partendo da una
lista di discariche potenzialmente candidate direttamente individuate dalla Regione

3
Lombardia. A tal fine, sono state fatte alcune considerazioni di carattere tecnico, ambientale
ed economico sulla base delle informazioni fornite dai gestori degli impianti relative allo stato
di fatto delle singole discariche, della situazione impiantistica esistente nelle Province relative
a ciascun sito e delle altre informazioni utili alla definizione di possibili scenari progettuali di
intervento.

La presente relazione è stata redatta sulla base di dati risultanti da studi ed esperienze condotte
dal Dipartimento IMAGE e di informazioni reperibili nella letteratura internazionale di
settore.

4
2. BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE

2.1 Problematiche ambientali delle vecchie discariche

Generalmente il concetto di bonifica è legato alle “vecchie” discariche dal momento che in
passato, prima degli anni ottanta, non si prestava molta attenzione ai problemi ambientali
connessi allo smaltimento dei rifiuti in discarica, primo fra tutti il controllo delle emissioni
(percolato e biogas) nell’ambiente. Le barriere (intese come strumenti atti a ridurre la
diffusione incontrollata delle emissioni verso l’ambiente), erano molto blande se non
totalmente inesistenti.

Con lo sviluppo che si è avuto dagli anni ottanta dei materiali geosintetici, ed in particolare
delle geomembrane in polietilene, si è arrivati all’affermazione della discarica “moderna” con
contenimento delle emissioni, con drenaggio, raccolta del percolato, deposito con grossa
compattazione dei rifiuti, processo anaerobico, captazione del biogas. Anche questo tipo di
discarica, fondato su materiali e tecnologie avanzate, ha tuttavia mostrato, nel tempo, i suoi
limiti. In particolare, l’accettazione fideistica della potenziale efficienza dei nuovi materiali ha
portato a realizzare discariche dove mai si sarebbe fatto sorgere né un mondezzaio né uno
scarico controllato di tipo semplice. Sono state così costruite discariche in cave di ghiaia, in
valli con risorgive, in cave con venute d’acqua, ecc. La riscontrata limitata efficienza nel
tempo dei materiali e delle tecnologie applicative (indicata in Tabella 2.1), in connessione
spesso con gestioni inadeguate tecnicamente, ha tuttavia portato a veri e propri disastri
ambientali, proprio data la realizzazione di discariche dove mai si sarebbe pensato di
posizionarle.

Quando oggi si parla di bonifica di vecchie discariche, i casi più gravi riguardano proprio
“moderne” discariche, cioè quelle costruite negli ultimi vent’anni (Cossu, 2005). Nei primi
esempi di scarico controllato, infatti, basati sul principio “attenua e disperdi”, il controllo del
percolato era demandato ad una attenuazione negli strati di terreno insaturo, a bassa
permeabilità, che dovevano essere presenti (naturalmente e talora artificialmente) al di sotto
del deposito di rifiuti. Per la localizzazione delle discariche non venivano quindi prese in
considerazione aree caratterizzate da suoli con elevata permeabilità o comunque
ambientalmente vulnerabili.

5
Tabella 2.1. Durata indicativa di diverse tipologie di barriere (Cossu, 2005):
DURATA, anni 10 30 >100
Geomembrane X
Strati di argilla X X
Drenaggio X
Impermeabilizzazione superficiale X X
Barriera geologica X X X

Oggi le nuove discariche devono essere concepite sulla base del principio della sostenibilità
ambientale e prevedere sistemi multibarriera. Per sostenibilità ambientale di una discarica si
intende che il livello di accumulo di sostanza organica putrescibile e l’entità delle emissioni
(percolato e biogas) devono raggiungere valori minimi, compatibili con la qualità ambientale,
entro il tempo massimo di una generazione (20-30 anni). In questo periodo la discarica deve
essere presidiata da un sistema di barriere che eviti o minimizzi a livelli trascurabili le
emissioni di percolato e di biogas. Intendendo per barriera tutto ciò che contribuisce ad
evitare o minimizzare le emissioni, le barriere applicabili non sono solo quelle fisiche
(caratterizzate come visto da ben definiti tempi di durata ed efficienza) ma anche la stessa
qualità dei rifiuti in ingresso (condizionabile con trattamenti preliminari quali raccolta
differenziata, pretrattamento meccanico-biologico, pretrattamento termico), la scelta del tipo
di processo di degradazione dei rifiuti (in condizioni anaerobiche, cioè in presenza di
ossigeno, la velocità è 10 volte superiore rispetto alle condizioni anaerobiche), la tipologia
della copertura (questa deve far penetrare l’acqua necessaria per la degradazione dei rifiuti), i
drenaggi del percolato (che devono essere strutturati per evitare fenomeni di intasamento con
conseguente crescita del livello di percolato all’interno della discarica), la stessa
localizzazione della discarica.

2.2 Criteri ed alternative di bonifica

L’intervento su una vecchia discarica rappresenta un’operazione ingegneristica


particolarmente delicata, sia per le diverse competenze specialistiche coinvolte, sia per la
notevole dimensione che l’intervento può raggiungere. Per tali motivi è necessaria
un’impostazione progettuale accurata e la definizione di tutte le misure operative e dei relativi
aspetti di costo. Una conoscenza dettagliata delle modalità di indagine, delle diverse
possibilità di intervento e dei criteri progettuali da adottare, rappresenta un requisito

6
essenziale per rendere l’intervento efficace dal punto di vista tecnico ed ambientale (Cossu e
al., 1995a).

Le opzioni di intervento su una vecchia discarica possono essere molteplici, caratterizzate da


costi diversi e da differenti gradi di protezione dell'ambiente, richiesti dalla data situazione
esaminata (caratteristiche morfologiche e strutturali della discarica, definizione globale delle
emissioni, grado di sensibilità dell'ambiente circostante e rischio per la salute dell'uomo,
disponibilità economica per l'intervento, etc.). In linea di massima si possono configurare due
tipologie di interventi:
• interventi passivi, che si limitano a controllare o a isolare dall'ambiente circostante
l'ammasso dei rifiuti, senza tuttavia rimuovere la causa del potenziale inquinamento. In
tale tipologia possono essere compresi i seguenti interventi:
- controllo idraulico del pennacchio dei contaminanti per la salvaguardia della falda
acquifera;
- copertura superficiale per la minimizzazione delle emissioni gassose e
dell'infiltrazione delle acque meteoriche;
- realizzazione di un sistema di isolamento laterale o di fondo della discarica, per il
contenimento delle potenziali emissioni;
• interventi attivi, che mirano alla attenuazione/rimozione della sorgente inquinante
consentendo una soluzione definitiva del rischio di inquinamento. Tra tali interventi
rientrano:
- la stabilizzazione in situ dei rifiuti;
- lo scavo dei rifiuti depositati, ed il loro successivo trattamento, che oltre a rimuovere
la fonte potenzialmente contaminante consente di recuperare risorse ed aree
(tecnologia del Landfill Mining).

In base ai risultati delle indagini conoscitive, che rappresentano il primo e fondamentale passo
da compiere per il recupero delle vecchie discariche, si possono prendere in considerazione,
come illustrato in Figura 2.1, le tecniche di bonifica più appropriate in funzione della gravità
della situazione rilevata. Ponendosi come obiettivo la sostenibilità ambientale, la linea guida
fondamentale per la bonifica delle vecchie discariche deve essere quindi, nella logica del
sistema multibarriera, quella di costruire, ricostruire, riparare le barriere esistenti o integrare le
barriere mancanti (Cossu, 2005).

7
Nei paragrafi che seguono sono illustrate le peculiarità delle tecniche di intervento prima
elencate.

0 100 %
Do nothing Passive actions: In situ Landfill
sealing, containing, aerobisation mining
capsulating, draining

Figura 2.1. Schema del range di scelta tra le varie tecnologie di bonifica in accordo con l’analisi di
rischio e la complessità e il costo della tecnologia (Cossu, 2005).

2.2.1 Impermeabilizzazione superficiale o capping (opzione A)


L'impermeabilizzazione superficiale o capping consiste nel modellamento del terreno
finalizzato alla regolarizzazione delle superfici e alla realizzazione di una copertura
impermeabile superficiale della discarica. Tale copertura deve assicurare l’isolamento dei
rifiuti dall’ambiente esterno, la minimizzazione delle infiltrazioni d’acqua, la riduzione al
minimo della necessità di manutenzione, la minimizzazione dei fenomeni di erosione e la
resistenza agli assestamenti ed a fenomeni di subsidenza localizzata. Come previsto dal
D.Lgs. 13 gennaio 2003 n. 36, la copertura viene realizzata “mediante una struttura
multistrato costituita, dall’alto verso il basso, dai seguenti strati:
1. strato superficiale di copertura con spessore maggiore o uguale ad 1 metro che favorisca
lo sviluppo delle specie vegetali di copertura ai fini del piano di ripristino ambientale,
fornisca una protezione adeguata contro l’erosione e consenta di proteggere le barriere
sottostanti dalle escursioni termiche;
2. strato drenante maggiore o uguale a 0,5 m in grado di impedire la formazione di battente
idraulico sopra le barriere di cui ai successivi punti 3 e 4;
3. strato minerale superiore compattato di spessore maggiore o uguale a 0,5 m e di
conducibilità idraulica minore o uguale a 10-8 m/s o di caratteristiche equivalenti;
4. strato di drenaggio del gas e di rottura capillare con spessore maggiore o uguale a 0,5 m;
5. strato di regolarizzazione con la funzione di permettere la corretta messa in opera degli
strati sovrastanti.”

8
I vantaggi di questa soluzione sono i seguenti:
− previene o limita l'infiltrazione di acque meteoriche entro il corpo discarica, così da evitare
o ridurre la formazione di percolato che potrebbe poi contaminare le acque sotterranee e il
suolo;
− previene o limita le emissioni incontrollate di biogas nell'atmosfera;
− previene la fuoriuscita di percolato da discariche in rilevato all'interno delle quali si sia
formata una falda sospesa di livello superiore al piano campagna;
− consente il recupero dell'area e la sua integrazione con il paesaggio circostante, favorendo
la crescita di un manto erboso, di piante e di arbusti;
− previene i fenomeni di erosione che potrebbero deteriorare il sistema di copertura
superficiale;
− migliora la resistenza della discarica alle avverse condizioni climatiche;
− migliora la stabilità del sito.

Gli svantaggi di questa soluzione sono i seguenti:


− limita i problemi che potrebbero verificarsi con la produzione di percolato, ma non si
ottiene il risanamento del sito;
− rimane il rischio, nel caso di rotture dei sistemi di impermeabilizzazione, di percolazione
delle acque;
− nel caso di infiltrazione di acque meteoriche e lisciviazione dei rifiuti, porta alla
produzione di un percolato con concentrazioni, dei contaminanti ambientalmente più
significativi, che si mantengono elevate per tempi molto lunghi;
− non sono rimossi i rifiuti dalla zona e viene limitato un riutilizzo futuro del sito.

La soluzione in conclusione non è ambientalmente sostenibile, la sua efficacia è legata alla


durata del sistema barriera costruito, richiede interventi di manutenzione straordinaria per un
tempo indefinito. Si ottiene sostanzialmente una mummificazione (temporanea) dei rifiuti.

2.2.2 Stabilizzazione aerobica in situ dei rifiuti (opzione B)


Una possibilità per procedere in maniera ambientalmente sostenibile alla bonifica delle
discariche chiuse e ridurre drasticamente la durata della fase di post-chiusura (durante la quale
occorre provvedere al monitoraggio e alla gestione attiva delle emissioni) è quella di

9
intervenire sui processi di degradazione che si svolgono all'interno della massa dei rifiuti, allo
scopo di accelerarli e raggiungere in tempi brevi la stabilizzazione dei rifiuti. Ciò può essere
conseguito applicando la tecnica dell’aerazione in situ con processo “Airflow”. Essa è stata
studiata inizialmente in scala di laboratorio presso il Dipartimento IMAGE dell’Università di
Padova e successivamente applicata alla scala reale in diversi casi di studio (Brevetto
Spinoff). Le esperienze già maturate riguardano i seguenti casi:
− Discarica di Modena (2003) – Intervento di aerazione dei rifiuti eseguito preventivamente
alla realizzazione della trincea per l’alloggiamento del rilevato ferroviario della linea altà
velocità Milano-Bologna;
− Discarica in località Torretta, Comune di Legnago, Provincia di Verona (2005) –
Stabilizzazione aerobica di rifiuti per il risanamento del tronco in alveo della discarica di
RSU di Legnago;
− Discarica di S. Andrea di Campodarsego in Provincia di Padova (2005) - Aerazione in situ
per la stabilizzazione dei rifiuti depositati nel primo lotto non impermeabilizzato e per
rendere agevole e sicura la futura eventuale rimozione degli stessi mediante Landfill
Mining nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’area.

La tecnologia dell’aerazione in situ “Airflow” prevede l'insufflazione d'aria da una serie di


pozzi e la contemporanea estrazione del gas da altri pozzi situati ad una certa distanza (vedi
Figura 2.2).

Estrazione gas Iniezione aria Estrazione gas Iniezione aria

ESTRAZIONE ESTRAZIONE ESTRAZIONE ESTRAZIONE


PERCOLATO PERCOLATO PERCOLATO PERCOLATO

Figura 2.2. Schema del flusso di aria che si instaura in discarica per effetto dell’insufflazione d’aria e
dell’aspirazione del gas di processo dai pozzi trivellati (Tecnologia “Airflow”)

10
L’obiettivo è quello di accelerare la stabilizzazione dei rifiuti per mezzo di processi aerobici
di degradazione della sostanza organica. L’insufflazione d’aria e la contemporanea
aspirazione del gas favoriscono la propagazione dell’ossigeno all’interno del corpo dei rifiuti
ed evitano che il gas prodotto dai processi di degradazione aerobica migri verso l’atmosfera
attraverso la copertura. L'ossigeno contenuto nell'aria crea condizioni adatte a modificare, da
anaerobico ad aerobico, il processo di conversione della sostanza organica biodegradabile
contenuta nei rifiuti. Il carbonio organico quindi, anziché essere convertito in metano,
anidride carbonica e composti ridotti maleodoranti (idrogeno solforato, mercaptani, indolo,
scatolo, ammine, etc.) è trasformato in anidride carbonica, acqua e sostanze ossidate (nitrati,
fosfati, solfati, etc.). Il metabolismo aerobico è inoltre favorito dal punto di vista energetico
rispetto a quello anaerobico; comporta un incremento di temperatura (analogo a quello che si
ha nel compostaggio) ed una velocità di degradazione notevolmente superiore (oltre 10 volte
superiore).

Allo scopo di rendere più efficace il processo, occorre che il battente di percolato in discarica
sia mantenuto basso, tramite estrazione anche dagli stessi pozzi utilizzati per l'insufflazione e
l'aspirazione del biogas. Il biogas estratto, prima dell'immissione in atmosfera viene
opportunamente convogliato verso un filtro per l'abbattimento degli odori e l'eliminazione dei
composti tossici. Raggiunta la stabilizzazione dei rifiuti attraverso l’aerazione in situ, è
possibile prevedere la realizzazione di una copertura impermeabile della discarica, come da
soluzione A descritta nel precedente paragrafo, per assicurare l’isolamento dei rifiuti
dall’ambiente esterno e la minimizzazione delle infiltrazioni d’acqua attraverso la massa dei
rifiuti. I vantaggi di questa soluzione sono i seguenti:
− viene ridotta notevolmente la durata dell’impatto ambientale di lungo termine della
discarica grazie alle cinetiche più veloci dei processi di degradazione dei rifiuti (processo
aerobico);
− i composti organici biodegradabili presenti nel percolato, in seguito all'aerazione sono
rapidamente trasformati: si nota infatti un veloce calo dei valori di COD, BOD5 e azoto
ammoniacale e al termine della stabilizzazione i composti organici sono costituiti solo da
composti debolmente degradabili o non degradabili, di insignificante impatto ambientale;
− raggiunta la stabilizzazione dei rifiuti, si annulla o si riduce la produzione di biogas perché
rende trascurabile l’incidenza dei processi di biodegradazione residui;

11
− limita l'infiltrazione di acque meteoriche entro il corpo discarica evitando la formazione di
percolato. In questo caso il percolato non sarebbe inquinante, ma il suo accumulo potrebbe
comunque creare problemi di stabilità meccanica;
− elimina le emissioni incontrollate di biogas nell'atmosfera;
− consente il recupero dell'area e la sua integrazione con il paesaggio circostante con messa a
verde della superficie (manto erboso, piante e arbusti, etc.);
− previene i fenomeni di erosione che potrebbero deteriorare il sistema di copertura
superficiale;
− migliora la stabilità del sito;
− genera un percolato con un carico contaminante residuo costituito da composti inorganici
ed organici refrattari, comunque di entità tali da non comportare significativi rischi
ambientali.

2.2.3 Landfill Mining (opzione C)


La tecnica del Landfill Mining (LFM) prevede che i rifiuti depositati in discarica siano scavati
e che il materiale ottenuto sia inviato ad un trattamento meccanico, grazie al quale si separa
una frazione riutilizzabile da una residua da ridepositare in discarica in modo controllato,
secondo i concetti di discarica sostenibile (vedi Figura 2.3). Numerosi vantaggi provengono
dall’applicazione di questo tipo di intervento preceduto dall’Aerazione in Situ allo scopo di
stabilizzare i rifiuti, come sarà descritto in modo particolareggiato nel capitolo 3.

Prima Seconda Separatore Separatore Frazione fine a


vagliatura vagliatura magnetico ad aria Medio - alto potere
Calorifico

Figura 2.3. Descrizione del LFM come tecnica di bonifica di vecchie discariche. I rifiuti depositati
vengono scavati ed inviati ad un trattamento meccanico di cui sono indicati i passaggi
principali.

12
2.3 Risultati ottenibili
Nei grafici in Figura 2.4 sono riportati gli andamenti nel tempo delle emissioni incontrollate,
nel caso di discarica incontrollata e di discarica “moderna” impermeabilizzata ed i risultati
che si possono ottenere intervenendo con una delle tecniche di bonifica prima descritte.

Nel grafico A è solo descritto l’andamento delle emissioni con le due tipologie di discarica.
Nella discarica incontrollata il massimo di emissioni si ha durante l’esercizio e poi il loro
livello si attenua gradatamente. Nel caso di discarica impermeabilizzata, controllata cioè solo
dalle barriere fisiche, finché l’efficienza delle barriere dura (10-30 anni) non si registrano
emissioni significative, dopo le emissioni raggiungono livelli che eccedono il livello
accettabile per l’ambiente (ea). Supponendo di intervenire con la bonifica dopo 30 anni dalla
chiusura della discarica, quando le emissioni eccedono il livello accettabile, sia per la
discarica incontrollata che per quella impermeabilizzata, si possono presentare le situazioni
illustrate nei grafici B, C e D.

Nel caso in cui si realizzi un intervento di capping (Grafico B), si può notare come, dopo un
iniziale repentino abbassamento delle emissioni ad un livello inferiore a quello accettabile
(ea), queste risalgano successivamente nel tempo, in relazione ad un inevitabile
deterioramento dei materiali utilizzati nelle impermeabilizzazioni di fondo e sulla copertura.
Con l’applicazione dell’aerazione in situ (Grafico C), le emissioni vengono controllate e
decrescono progressivamente nel tempo fino a raggiungere livelli accettabili all’interno del
periodo di post-chiusura della discarica, cioè quando la discarica è ancora sottoposta a
controllo secondo la vigente normativa.

Nel caso del LFM ( Caso D ), le emissioni decadono in modo permanente in corrispondenza
del totale asporto dei rifiuti e quindi della fonte di possibile contaminazione.

13
Figura 2.4. Grafici che rappresentano gli effetti sulle emissioni di lungo termine secondo le diverse
tecnologie di bonifica applicate ad una vecchia discarica e ad una discarica
impermeabilizzata secondo l’attuale normativa (Cossu, 2005)

14
3. LANDFILL MINING

3.1 Descrizione della tecnica di intervento

Il Landfill Mining (LFM), come prima accennato, rappresenta una tecnologia di intervento
sulle discariche che consiste nell’escavazione dei rifiuti depositati e nel loro successivo
trattamento finalizzato all’inertizzazione delle frazioni pericolose e alla separazione e
selezione delle diverse componenti (materiale fine, frazioni recuperabili e residui) destinate ad
essere successivamente gestite in modo differenziato. Scopo di un intervento di Landfill
Mining è la completa rimozione del deposito di rifiuti al fine di perseguire uno o più dei
seguenti obiettivi:
− Bonifica di discariche inquinanti. La rimozione dell’intero ammasso di rifiuti (fonte di
potenziale contaminazione) e la successiva inertizzazione delle frazioni pericolose
consente una risoluzione totale e definitiva del problema (Cossu, 2002).
− Recupero di volume. Il LFM consente di utilizzare una notevole parte dell’ammasso
dei rifiuti e di avere alla fine del processo una ridotta percentuale di residui: in tal
modo si ottiene un prolungamento della vita di discariche in esercizio o, con la
ricostruzione di vecchie discariche, la disponibilità di un sito per la localizzazione di
una nuova discarica.
− Recupero di risorse. Gli ammassi di rifiuti che altrimenti verrebbero lasciati sine die
all’interno di vecchie discariche, rappresentando una minaccia continua per l’ambiente
tanto maggiore quanto minore è il livello tecnologico adottato nella realizzazione della
discarica, vengono invece valorizzati con conseguente ottenimento di benefici
economici.
− Recupero ambientale del sito di discarica. Nel caso in cui la zona della discarica
rivesta particolare interesse territoriale, si può pensare al recupero di tale area da
destinare a diverso sviluppo funzionale (sviluppo commerciale o industriale, aree
verdi, etc.).

I casi di LFM condotti su scala reale, principalmente negli USA (Kornberg, 1993; Cossu et
al., 1995b) e alcuni progetti dimostrativi effettuati in Europa (Hogland et al., 1995;
Rettenberger, 1995; Obermeier e Saure, 1995; Cossu et al., 1997) hanno confermato la

15
potenzialità di questa tecnica e il suo interesse dal punto di vista economico, ambientale e
territoriale. La realizzazione di un intervento di LFM comporta,infatti, numerosi vantaggi:
− la rimozione dell’ammasso dei rifiuti consente una risoluzione totale e definitiva del
problema ambientale, essendo eliminata completamente la fonte di potenziale
contaminazione;
− si recuperano materiali suscettibili di essere riciclati (metalli ferrosi e alluminio);
− si recuperano materiali ad alto potere calorifico (carta, plastica, tessili, legno) che
possono convenientemente essere utilizzati a fini energetici.
− si recuperano materiali inerti direttamente reimpiegabili (sassi, ghiaia, cocci, ecc.)
− i materiali fini recuperati possono essere utilizzati come copertura giornaliera in lotti di
discarica in esercizio, riducendo i costi di acquisto dall’esterno del terreno di copertura;
− qualora l’area della vecchia discarica possa essere ancora destinata a tale uso vengono
recuperati volumi per il deposito di nuovi rifiuti; infatti, il LFM consentendo il
recupero di gran parte dei rifiuti comporta che solo una ridotta percentuale di residui
debba essere ridepositata in discarica;
− vengono completamente eliminati i costi derivanti da operazioni di monitoraggio e
post-chiusura della discarica;
− qualora la zona della discarica rivesta particolare interesse territoriale si ha il recupero
di aree da destinare a diverso sviluppo funzionale.

Possibili modalità di gestione del LFM sono già da molto tempo oggetto di studio e di ricerca.
Molto nota è, per esempio, la necessità di portare la discarica in condizioni aerobiche al fine
di contenere gli eventuali impatti ambientali dell’intervento, rendere possibili le operazioni di
scavo in condizioni di sicurezza e rendere più agevole la gestione dei materiale scavato (bassa
umidità ed elevato livello di stabilizzazione). In questo senso, l’accoppiamento del LFM con
un preliminare intervento di aerazione in situ realizzato in modo tale da permettere anche
l’estrazione del percolato dai pozzi di aerazione garantisce un interessante effetto sinergico.

3.2 Storia

Il primo intervento di LFM fu realizzato da una società privata nel 1953 in una discarica di
Tel Aviv, in Israele, con il fine principale di recuperare il materiale fine per la produzione di

16
ammendante. Il materiale scavato veniva sottoposto a trattamento mediante utilizzo di un
vaglio rotante: il sottovaglio era destinato alla produzione di compost, il sopravaglio veniva
inviato a successivi trattamenti di selezione manuale per la separazione delle frazioni
recuperabili. Questo intervento rimase l’unico esempio di applicazione di LFM fino agli anni
‘80, quando l’esigenza di reperire spazi per la realizzazione di nuove discariche e
l’importanza del recupero di materiali, favorirono lo sviluppo e l’applicazione di questa
tecnologia di bonifica.

Il primo progetto di Landfill Mining negli USA è stato realizzato nel 1986 presso una
discarica di Collier County (Florida), con l’obiettivo di recuperare materiale da utilizzare per
la copertura giornaliera della parte di discarica ancora in esercizio. Questo intervento,
effettuato in un luogo dove la reperibilità di terreno di copertura risulta molto scarsa e costosa,
ha assunto, quindi, un rilevante interesse di tipo economico. La realizzazione di tale
intervento fu inquadrata anche nella prospettiva finale di modernizzare i circa 6 ettari di
discarica realizzando un nuovo sistema di impermeabilizzazione.

In Europa la prima esperienza di Landfill Mining è stata condotta in Germania presso la


discarica di Burghof dove a partire dal 1993 è stato realizzato un progetto pilota al fine di
studiare la fattibilità tecnica ed economica dell’intervento su scala reale e di definire tutte le
misure di sicurezza necessarie ad assicurare condizioni ambientali ottimali per cittadini e
lavoratori. Altri studi preliminari sono in atto presso molte altre discariche in Germania,
come, per esempio, quella di Schoeneiche, una delle più grandi in Europa. L’obiettivo
dell’eventuale intervento di LFM in questo caso è quello di bonificare il sito e recuperare lo
spazio per realizzare nuovi settori di discarica tecnologicamente più avanzati.

In Italia il primo studio preliminare alla realizzazione di un intervento di Landfill Mining è


stato condotto in una vecchia discarica ubicata presso la località di Simbirizzi (Cagliari) nel
1994 con l’obiettivo di caratterizzare la discarica e i rifiuti presenti in vista della progettazione
delle linee di trattamento necessarie alla selezione dei diversi flussi di materiali e per la
definizione delle misure da adottare in fase di scavo. Questa tecnologia, inoltre, è stata già
applicata in due discariche nel Nord Italia (la discarica di Portogruaro in provincia di Venezia
e la discarica di Villadose a Rovigo), oltre ad essere stata utilizzata anche presso la discarica
di Modena quando la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità, il cui tracciato

17
attraversava la discarica, ha comportato la rimozione ed il trattamento di circa 150.000 m3 di
rifiuti. In questo caso il Landfill Mining era accoppiato ad un intervento di aerazione in situ.

3.3 Landfill Mining: il processo

Il LFM rappresenta un’operazione ingegneristica di una certa complessità, sia per le diverse
competenze specialistiche coinvolte, sia per la notevole dimensione che l’intervento può di
volta in volta raggiungere. Peraltro, risulta molto difficile standardizzare le condizioni di
processo vista l’elevata disomogeneità dei rifiuti depositati e la stretta dipendenza delle
modalità operative dalle caratteristiche specifiche del sito di intervento. Un progetto di LFM
può, quindi, essere realizzato in diversi modi, con un approccio basato sugli obiettivi che si
intendono raggiungere e sulle caratteristiche proprie del sito di intervento. Generalmente,
prevede le seguenti operazioni:

1) Indagine preliminare per la caratterizzazione dell’area di intervento;


2) Intervento di aerazione in situ al fine di stabilizzare i rifiuti;
3) Scavo e rimozione dei rifiuti;
4) Trattamento dei rifiuti scavati finalizzato alla separazione delle diversi frazioni
ottenibili.

La fase conclusiva del progetto è volta alla valorizzazione delle frazioni risultanti dalle
precedenti attività di selezione e alla sistemazione tecnica ed ambientale del lotto oggetto di
intervento. Le modalità di selezione e trattamento dei rifiuti scavati sono assai simili a quelle
che venivano utilizzate in un recente passato per la selezione di rifiuti grezzi con l’adozione di
vagli, separatori magnetici, areaulici, balistici, classificatori densimetrici, etc.

3.3.1 Indagini preliminari


Il Landfill Mining costituisce una operazione ingegneristica di una certa complessità. Ai fini
della predisposizione dei diversi livelli progettuali (in particolare definitivo ed esecutivo) è
necessario svolgere una serie di indagini ad hoc atte ad acquisire informazioni di dettaglio
sugli aspetti qui di seguito elencati.
- Caratteristiche morfologiche e geomeccaniche dell’ammasso dei rifiuti. Tali
informazioni sono utili, le prime, per pianificare le modalità operative di scavo (spazi

18
liberi, pendenze, lavorazione per strisciate, ecc.) e le seconde per definire eventuali
rischi di instabilità (franamenti) durante le stesse operazioni di scavo.
- Caratterizzazione merceologica, chimico-fisica e granulometrica dei rifiuti. Questi
elementi conoscitivi consentono di valutare in modo preciso la qualità e la quantità delle
frazioni ottenibili, la loro riciclabilità ed il loro comportamento ambientale qualora
destinate ad essere ridepositate in una nuova discarica. Per questi motivi esse sono alla
base delle scelte tecniche di trattamento del materiale dopo lo scavo e delle valutazioni
economiche sul progetto.
- Qualità ambientale della discarica. Questa è intesa come definizione della quantità e
qualità delle emissioni di percolato e di biogas prodotte nonché dei livelli di accumulo
di tali fluidi nel corpo della discarica. Ciò è estremamente utile per definire e
dimensionare gli interventi di pretrattamento in situ, da effettuare prima dello scavo sia
per completare il quadro delle modalità operative di scavo (drenaggi, sostegni, etc), sia
per individuare le più appropriate misure di sicurezza per gli operai e per la popolazione,
sia per garantire la tutela dell’ambiente da inquinamenti atmosferici ed idrici.
- Valutazione dettagliata degli aspetti economici. La valutazione degli aspetti economici
associati alla realizzazione di un intervento di LFM è strettamente specifica per ogni
progetto, dipendendo essenzialmente dalla composizione dei rifiuti depositati in
discarica e dalla possibilità di riutilizzo dei materiali recuperati, definita sulla base della
qualità degli stessi e della richiesta di mercato. Un’analisi costi-benefici effettuata in una
fase preliminare alla realizzazione del progetto è di fondamentale importanza per la
valutazione della sua fattibilità i, in quanto definisce, sia dal punto di vista economico
che dal punto di vista ambientale, i vantaggi ottenibili e la convenienza dell’intervento.

Diverse esperienze finora condotte (tra cui Obermeier e Saure 1995; Cossu et al. 1995b)
hanno sottolineato l’importanza della fase preliminare di indagine: in tale operazione, in
particolare, risulta fondamentale una corretta impostazione del campionamento dei rifiuti in
discarica.

Nelle Figure 3.1 e 3.2 vengono riportati degli schemi riassuntivi delle attività condotte
durante le indagini preliminari di caratterizzazione svolte rispettivamente nelle discariche di
Schoeneiche (Germania) e Simbirizzi (Cagliari).

19
Figura 3.1. Diagramma del programma preliminare di investigazione adottato per la discarica di
Schoeneiche, Germania (modificato da Obermeier e Saure, 1995). Indagini di
caratterizzazione dei rifiuti.

Figura 3.2. Schema di flusso delle attività svolte nella indagine preliminare svolta sulla discarica di
Simbirizzi, Cagliari (Cossu et al. 1995b).

20
3.3.2 Impatto ambientale dell’intervento e suo contenimento: Aerazione in situ
I maggiori rischi ambientali posti dall’intervento di Landfill Mining sono legati, in ordine
crescente di importanza ai seguenti fenomeni:
I. Presenza di biogas (miscela di metano, anidride carbonica e di altri gas in traccia)
dovuto alla degradazione anaerobica dei rifiuti. Ciò può comportare rischi di asfissia e
di tossicità per gli addetti alle operazioni di scavo e diffusione di cattivi odori, con
disagi per gli individui esposti (operai, abitanti nelle vicinanze della discarica). Inoltre il
metano forma con l’aria, in un intervallo di concentrazione compreso tra il 5 ed il 15%
vol, miscele esplosive, analoghe al grisou che si forma nelle miniere di carbone.
II. Instabilità dei rifiuti. I rifiuti si configurano come un terreno sciolto, con tessitura molto
eterogenea. In genere le peculiarità meccaniche del materiale, alta compressibilità e
buon angolo di attrito, sono tali, in condizioni ben drenate, di consentire scavi anche con
pareti in forte pendenza. Materiali quali plastica, carta e tessili fungono infatti come una
sorta di armatura del materiale. Tuttavia in presenza di elevati livelli idrici nel corpo
rifiuti, o di sacche di biogas e falde sospese di percolato o di depositi di materiali
incoerenti (ceneri, fanghi di depurazione, terre, gessi, ecc) sono possibili locali fenomeni
di instabilità che possono mettere a rischio l’incolumità fisica degli addetti.
III. La movimentazione dei rifiuti può dar luogo ad emissione di polveri, creando dei fastidi
soprattutto agli operatori.
IV. Possono registrarsi tracimazioni di percolato nel caso sia presente un battente piuttosto
elevato o la presenza di falde sospese.
V. Nelle vecchie discariche incontrollate possono incontrarsi rifiuti pericolosi smaltiti
quando le normativa erano meno restrittive.

Per quanto riguarda il rischio di contaminazione da germi e batteri, in diverse esperienze


condotte esso è risultato molto basso, del tutto paragonabile a quello che si presenta durante le
operazioni di deposito o di trattamento dei rifiuti (Rettenberger, 1995) non rappresentando,
quindi, un rilevante pericolo per i lavoratori e per la popolazione risiedente nelle vicinanze
della zona di intervento. Come già anticipato in precedenza, per contenere ed arginare la gran
parte dei problemi di impatto ambientale del Landfill Mining, è necessario procedere ad un
pretrattamento in situ dei rifiuti depositati, mediante la tecnica dell’aerazione prolungata, a
bassa pressione, con contemporaneo allontanamento del percolato (tecnologia “AirFlow”). Si
tratta cioè di operare con la stessa tecnologia descritta in precedenza come possibile
alternativa per la messa in sicurezza/bonifica delle vecchie discariche. Solitamente viene

21
utilizzato uno schema a due linee: la prima aspira aria atmosferica la insuffla nel corpo
discarica; la seconda linea aspira il biogas e lo invia al biofiltro per la degradazione del
metano e del biogas in tracce (Figura 3.3).

Estrazione Estrazione
percolato percolato

Aspirazione
Insufflazione Sonde monitoraggio
Aria composizione biogas Biofiltro

Rifiuti BIOGAS
Battente percolato

Battente percolato durante


l’estrazione

ARIA

Figura 3.3. Schema del sistema di stabilizzazione dei rifiuti in situ con la tecnologia “Airflow”.

Il flusso dell’aria è invertito periodicamente (secondo intervalli prestabiliti) in maniera tale da


evitare la formazione di percorsi preferenziali dell’aria nell’ammasso dei rifiuti. I risultati
sono di solito piuttosto notevoli (tra gli altri Rettenberger, 1995), con livelli di odori anche
cinque volte inferiori a quelli riscontrabili in una discarica di rifiuti freschi durante le
operazioni di deposito e compattazione e con livelli di metano ed altri composti in tracce
praticamente nulli. In questo caso tale tecnologia, che converte da anaerobiche ad aerobiche le
condizioni di degradazione dei rifiuti, viene impiegata come pretrattamento al Landfill
Mining al fine di conseguire i seguenti vantaggi:
- degassazione dell’ammasso dei rifiuti con allontanamento del biogas da parte della
massa d’aria insufflata;
- l’aerazione prolungata stabilizza i rifiuti evitando o minimizzando la riformazione di
biogas quando l’aerazione viene interrotta;
- la stabilizzazione della sostanza organica comporta anche una ossidazione del
percolato (riduzione di COD, BOD ed Ammoniaca) che potrà anche essere
parzialmente ricircolato per mantenere omogenee condizioni di umidità dei rifiuti
necessarie per garantire una buona degradazione;

22
- l’allontanamento del percolato, effettuato contestualmente all’immissione ed
aspirazione di aria impiegando gli stessi pozzi, consente di ridurre l’umidità dei rifiuti
da scavare, ne migliora il comportamento in fase di selezione meccanica dopo lo
scavo, ne migliora la riciclabilità, riduce i rischi di instabilità meccanica dei rifiuti ed
infine consente una migliore efficienza dell’aerazione grazie alla riduzione del
volume di pori occupati dal percolato;
- la stabilizzazione della sostanza organica, da ultimo, consente anche dei vantaggi
nella gestione delle frazioni dei rifiuti sottoposti a selezione meccanica; in particolare
i materiali fini, ricchi di sostanza organica, potranno convenientemente essere
utilizzati, se stabili, come succedanei del terreno per la copertura di una nuova
discarica controllata; allo stesso modo i residui destinati al rideposito in discarica
risulteranno stabili e tali da consentire la realizzazione di una discarica sostenibile
(vedi paragrafo 2.1).

Solo per le discariche di inerti o nei rari casi in cui la stabilizzazione biologica abbia
raggiunto livelli molto elevati è possibile effettuare lo scavo senza misure di pretrattamento
dei rifiuti o dopo semplice aspirazione del biogas (Cossu et al., 2009). L’applicabilità della
tecnica della stabilizzazione in situ attraverso aerazione deve, comunque, essere valutata
mediante prove di laboratorio e in campo, allo scopo di ottenere informazioni necessarie per
la corretta progettazione dell’intervento.

3.3.3 Scavo e rimozione dei rifiuti


Il processo di escavazione dei rifiuti è condotto, generalmente, facendo ricorso a tecniche
simili a quelle utilizzate nelle operazioni di estrazioni di minerali, di costruzione di opere
civili ed edili o di deposizione dei rifiuti in discarica. In questa fase vengono comunemente
impiegati escavatori o mezzi a pala frontale attraverso i quali vengono estratti i rifiuti dai lotto
di discarica. Il materiale scavato, dopo essere stato sottoposto ad un primo controllo visivo,
viene trasportato con mezzi gommati o attraverso nastri di trasporto direttamente all’impianto
di trattamento realizzato on-site; in alternativa può essere temporaneamente stoccato e trattato
successivamente, sia on site che off-site. Il numero di mezzi e macchinari coinvolti dipende,
ovviamente, dalla complessità del processo.

Già nella fase preliminare di pianificazione dell’intervento, la zona di discarica viene


suddivisa in moduli, intesi come macro-aree sulle quali effettuare lo scavo, al fine di

23
programmare e contenere entro ambiti governabili le operazioni di rimozione dei rifiuti ed
effettuare un efficace controllo ambientale del materiale ancora da scavare. La geometria di
tali moduli e le loro dimensioni vengono definite sulla base di considerazioni legate
essenzialmente alle modalità operative scelte (tipologia dei mezzi, potenzialità impianti di
trattamento, condizioni ambientali, necessità di pre- trattamento, garanzie di sicurezza e
stabilizzazione delle superfici).

La sequenza di scavo dei moduli d’intervento e la direzione vengono scelti in relazione alla
sistemazione logistica degli impianti e delle aree di stoccaggio temporaneo dei materiali
scavati. Su ciascun modulo, prima di avviare lo scavo, vengono di norma eseguite:
- prove penetrometriche per l’individuazione preventiva dell’eventuale presenza di
depositi di fanghi o sacche di percolato;
- campionamento del rifiuto da sottoporre a test respirometrico al fine di verificare il
grado di stabilità raggiunto dal materiale in seguito al trattamento di aerazione.

I risultati forniti dalle analisi sopra elencate consentono di verificare l’effettivo grado di
stabilizzazione raggiunto dal rifiuto a seguito del trattamento di aerazione in situ e di adeguare
conseguentemente il post-trattamento, definendo opportunità e durata di una fase preliminare
di ulteriore ventilazione ed essiccazione in cumulo. Nel caso in cui le suddette indagini
mettessero in evidenza la presenza di aree a composizione omogenea, le operazioni di scavo
seguiranno la stessa configurazione, al fine di formare cumuli di rifiuti il più possibile
omogenei, facilitando così la gestione del materiale scavato.

Le operazioni di scavo e rimozione dei rifiuti depositati devono essere condotte in maniera
piuttosto veloce e minimizzando i movimenti dei mezzi, al fine di ottimizzare il trasporto del
materiale all’interno dell’area di cantiere (Cossu e al., 1997), minimizzando l’emissione di
polveri. I rifiuti possono essere rimossi sia scavando dal piano di coronamento della discarica,
sia procedendo per strati: nel primo caso, un escavatore estrae il materiale dalla superficie fino
a 2-3 m di profondità; nel secondo caso, un mezzo a pala frontale rimuove i rifiuti per strati di
spessore 0,5 m (Figura 3.5). Quest’ultimo metodo viene generalmente utilizzato quando il
materiale depositato è costituito principalmente da materiale inerte. In entrambi i casi è
importante che i mezzi utilizzati siano dotati di un sistema di aerazione artificiale e di cabine
pressurizzate, onde evitare che gli operatori vengano direttamente in contatto con batteri,
polveri, o altri contaminanti eventualmente rilasciati durante le operazioni di scavo.

24
E’ fondamentale, inoltre, che durante l’avanzamento del fronte di scavo si effettui un
controllo visivo della presenza di eventuali depositi particolari preventivamente alla
movimentazione del materiale.

Operazione di scavo dal piano della discarica

2-3 m

Direzione dello scavo

Operazione di scavo per strati

0,5 m

Direzione dello scavo

Figura 3.5. Modalità di scavo durante le operazioni di LFM (Goelsch, 1999).

Durante tale fase è opportuno prelevare periodicamente dei campioni di rifiuto sui quali
effettuare analisi merceologiche e granulometriche, allo scopo di ottenere informazioni sulle
caratteristiche del materiale depositato, più precise di quelle nella fase di indagine
preliminare: queste ultime, infatti, data la grande eterogeneità dei rifiuti smaltiti nella
discarica, possono essere limitatamente rappresentative di tutto l’ammasso. Una volta, quindi,
che si hanno a disposizione informazioni più approfondite si può provvedere a più accurata
valutazione della qualità e delle quantità di materiale da ridepositare o avviare ad ulteriore
trattamento.

25
Una volta terminato l’intervento su un modulo, le pareti libere dello scavo devono essere
protette mediante predisposizione di coperture temporanee realizzate con geotessuti, al fine
di:
− trattenere gli odori che si potrebbero sviluppare dal materiale circostante non scavato;
− prevenire erosione superficiali;
− favorire il ruscellamento delle acque meteoriche.

Devono, inoltre, essere predisposti nel modulo dei sistemi di regimazione e collettamento
delle acque superficiali che, se private del contatto con il rifiuto, possono essere smaltite in
superficie; altrimenti devono essere convogliate verso gli esistenti pozzetti di raccolta e
sollevamento del percolato a servizio delle discariche.

3.3.4Impianti per il trattamento dei rifiuti


L’applicazione del LFM come tecnica di intervento su vecchie discariche prevede la
realizzazione di un impianto on site di trattamento meccanico o l’invio delle frazioni separate
ad idoneo impianto di trattamento esterno. Durante questa fase, le frazioni contenute nei
rifiuti vengono separate generalmente in una frazione fine ad elevato contenuto di sostanza
organica biodegradabile, una frazione leggera costituita da materiale a potere calorifico
inferiore medio-alto, metalli (frazione recuperabile) e un materiale di scarto non recuperabile.
L’attrezzatura utilizzata in operazioni semplificate di Landfill Mining è costituita
generalmente da vagli, nastri trasportatori e deferrizzatori. Nelle operazioni più complesse per
il recupero e la diversificazione di più frazioni di materiali sono usate specifiche macchine
quali trituratoti, classificatori ad aria, separatori balistici, etc. La scelta della tecnologia da
adottare per la separazione dei rifiuti nelle diverse frazioni viene eseguita sulla base delle
caratteristiche del rifiuto scavato desunte dalle indagini preliminari, sulla base delle finalità
che si vogliono raggiungere, e sulla base dei costi e dei benefici ad esse associati. L’impianto
può, quindi, risultare, a seconda dei casi specifici, semplice o complesso.

Di seguito si riporta un caso esemplificativo (Figura 3.6): il materiale scavato viene scaricato
su un vaglio grossolano che permette di allontanare i materiali non processabili. La parte
rimanente passa attraverso un vaglio fine dal quale si recupera la frazione fine (per lo più
costituita da terra, inerti, sostanza organica stabilizzata), da utilizzare come materiale di
copertura giornaliero in nuove discariche (o nella stessa, nel caso vi siano settori ancora in
esercizio). Il materiale trattenuto dal vaglio è inviato ad un separatore magnetico attraverso il

26
quale si recuperano i metalli. Il rifiuto viene successivamente sottoposto ad un trattamento di
separazione ad aria per la separazione dei rifiuti a minore densità (carta, plastica, tessuti, etc.)
dalla frazione costituita da materiali quali vetro, inerti e legno, caratterizzati da elevata
densità; questi ultimi vengono portati attraverso un nastro trasportatore ad un sottosistema di
recupero del legno, mentre gli altri vanno ad una pressa imballatrice a canale per la riduzione
del flusso in balle ad elevato potere calorifero, da utilizzare per il recupero energetico.

Nel caso in cui le indagini preliminari evidenzino la presenza di alcune delle suddette frazioni
in quantità ridotte o qualora le finalità dell’intervento non richiedano una separazione così
accurata, l’impianto può essere semplificato. Allo stesso modo, nel caso sia necessaria una
separazione più spinta, possono essere previste ulteriori componenti che permettano una
maggior suddivisione delle diverse frazioni. Durante le fasi di selezione vengono allontanate
dal flusso di rifiuti anche le componenti pericolose quali pile, batterie per autoveicoli etc., per
avviarle ad opportuno trattamento e smaltimento. La separazione delle componenti pericolose
deve avvenire, ovviamente, attraverso un sistema automatizzato, evitando che l’operatore
addetto a seguire tale operazione venga in diretto contatto con esse.

frazione leggera
RSU scavati
vaglio grossolano
- vaglio fine
+ Separatore Classificatore (plastica, carta)
CDR
magnetico a densità

+ - frazione pesante
(non-ferrosa, vetro,
frazione sassi, legno, tessili)
non
di suolo
processabili
Ferro sottosistema di Legno, tessili
separazione

Residuo a discarica Fine stabilizzato

inerti

Figura 3.6. Schema esemplificativo di un processo adottabile per il trattamento dei rifiuti nell’ambito
di un eventuale intervento di Landfill Mining.

Per la separazione dei materiali tessili e dei pneumatici usati, generalmente si utilizza una
tecnica di selezione manuale. In diversi progetti realizzati, tale tecnica è stata utilizzata anche
per la separazione di materiali riciclabili non processabili.

27
La scelta delle caratteristiche del sistema di vagliatura (numero di vagli e relativa larghezza
della maglie) dipende strettamente dalla finale destinazione del materiale recuperato. Per
esempio, nel caso in cui la frazione fine recuperata venga riutilizzata come materiale di
copertura giornaliera nella stessa discarica, possono essere tranquillamente impiegati dei vagli
grossolani. Se, invece, deve essere smaltita in siti di discarica esterni, si deve prevedere una
vagliatura fine per rimuovere le rocce o altri elementi grossolani eventualmente presenti: si
diminuisce in questo modo il peso del materiale e, quindi, i costi di smaltimento. Nel caso in
cui debba essere riutilizzata per altre applicazioni all’esterno dell’area che richiedano
materiale ad alto contenuto di suolo (reinterri stradali, ricostruzione morfologia di alcune zone
di territorio, etc.) è opportuno prevedere anche la presenza di una seconda vagliatura fine, per
ottenere un ulteriore grado di raffinazione del materiale, eliminando piccoli pezzi di metallo,
di plastica, di vetro e carta eventualmente presenti. Una doppia vagliatura, è un’operazione
necessariamente richiesta nel caso sia prevista la separazione di frazioni ad elevato potere
calorifico ed un loro successivo utilizzo a fini energetici come CDR.

Per quanto riguarda, infine, la scelta del tipo di vaglio da utilizzare, i dati relativi alle
esperienze di LFM fino ad ora effettuate dimostrano che i vagli tipo trommels sono più
efficienti dei vibrovagli (Kurian et al., 2008).
Per concludere, l’obiettivo della fase di selezione è la suddivisione del materiale scavato nelle
seguenti classi principali:
− un materiale ad elevato peso specifico, della consistenza di un terriccio e di matrice
prevalentemente organica, il cui grado di stabilizzazione varia a seconda del caso in
dipendenza da vari fattori (processi di degradazione del rifiuto in discarica, pre-trattamento
in situ dei rifiuti depositati, etc.);
− un materiale leggero caratterizzato da un elevato potere calorifico (materiale cellulosico e
plastiche), classificabile (a titolo indicativo) come un CDR grezzo da sottoporre a
termovalorizzazione;
− metalli;
− scarti ed inerti.
Nel successivo paragrafo verranno definite più in dettaglio le caratteristiche dei flussi di
materiali ricavabili con il Landfill Mining.

28
3.4 Qualità e trattamento delle frazioni ottenibili

Nella caratterizzazione dei flussi di materiali interessati da Landfill Mining è possibile


distinguere le seguenti frazioni del rifiuto scavato, sulla base del loro possibile recupero:

• frazione grossolana, composta da carta, cartone, plastiche, legno e tessuti. I componenti di


tale frazione sono separabili dagli altri rifiuti come sopravaglio (in genere 40 - 50 mm o anche
superiore). Tale frazione è caratterizzata da elevato potere calorifico, variabile a seconda delle
esperienze tra 7÷8 MJ/kg (Hogland et al., 1995) e 11 MJ/kg (Obermeier e Saure, 1995) tale da
permettere un utilizzo energetico senza dover ricorrere a combustibili ausiliari. In altre
esperienze (Cossu et al., 1995b; Rettenberger, 1995) sono stati ottenuti valori prossimi a 20
MJ/kg, e tali da far pensare alla realizzazione di appositi impianti per una vantaggiosa
utilizzazione energetica. In alcuni casi si è preferito separare i fogli di plastica dalle altre
componenti e sottoporli ad adeguato trattamento di lavaggio e condizionamento, inviandoli
successivamente a recupero (Rettenberger, 1995). Una possibile alternativa al riciclaggio per
queste frazioni sottoposte a trattamento di lavaggio è rappresentata dallo smaltimento in una
nuova discarica, nell’ottica di sfruttare le potenzialità delle moderne discariche di svolgere il
ruolo di deposito geologico di carbonio (carbon sink) con un efficace contributo alla riduzione
delle emissioni di gas serra (Cossu e Piovesan, 2007). Questo è di particolare interesse anche
perché solo una frazione della plastica da Landfill Mining può essere effettivamente riciclata e
il processo potrebbe non essere quindi sostenibile a causa dei costi e della elevata produzione
di scarti che andrebbero comunque depositati in discarica se non avviati a trattamento termico
con produzione netta di gas serra. L’idea di prevedere il deposito in discarica dopo il lavaggio
della plastica recuperata con il Landfill Mining assume particolare interesse anche alla luce di
recenti studi in laboratorio (Cossu et al., 2010) sugli effetti del lavaggio sul miglioramento
della qualità di specifiche tipologie di rifiuto (i.e. residui dalla raccolta differenziata della
plastica, residui della frantumazione di autoveicoli): i test hanno permesso di quantificare la
drastica riduzione delle emissioni attese dalle frazioni lavate dopo il conferimento in nuove
discariche, che perdono quindi la connotazione di impianto di smaltimento e che dovrebbero
essere ridefinite e quindi progettate e realizzate con modalità innovative e con funzione di
deposito geologico per la riduzione delle emissioni di gas serra (Cossu e Raga, 2010).

29
• metalli, soprattutto quelli ferrosi, potenzialmente avviabili a riciclaggio. Questi sono
materiali facilmente rimettibili nel ciclo produttivo in quanto caratterizzati da una bassa
presenza di materiali estranei;

• frazione fine, a maggiore contenuto di sostanza organica. Nelle diverse esperienze finora
condotte, è stata prevalentemente utilizzata come matrice di copertura di nuove discariche.
Problematico appare di solito un utilizzo agricolo di tale frazione come ammendante,
soprattutto perché la sua qualità potrebbe risultare penalizzata dalla presenza di metalli
pesanti. In alcune esperienze (tra le altre Hogland et al., 1995; Cossu et al., 1995) il contenuto
di sostanze contaminanti nella frazione fine non appare elevata, pur con alcuni parametri
eccedenti i limiti di legge. Tali caratteristiche, anche se non consentono un uso della frazione
fine come ammendante agricolo, ne possono però consentire l’utilizzo anche al di fuori dei
siti di discarica per creazione di argini o rilevati, riempimento di depressioni, etc. In
quest’ultimo caso, tuttavia, in accordo con la normativa di settore (D.Lgs. 152/2006; D.M.
186/2006), il materiale deve essere sottoposto a test di laboratorio per la caratterizzazione
chimico-fisica. In una recente esperienza condotta in Tailandia (Prechthai et al., 2008) è stato
proposto di utilizzare la frazione fine (granulometria < 25 mm) come compost per coltivazioni
a fini energetici, visto che le caratteristiche chimico fisiche non ne consentirebbero l’utilizzo
per colture a scopi alimentari. Le indagini di caratterizzazione preliminare svolte in una
discarica del Nord Italia in vista di un eventuale applicazione di un intervento di LFM
finalizzato alla bonifica ambientale ed alla riqualificazione territoriale dell’area, hanno,
inoltre, evidenziato la possibilità di mandare convenientemente a recupero energetico per via
termica non solo le frazioni caratterizzate da un potere calorifico medio alto, ma anche la
frazione fine (sottovaglio a 20 mm), caratterizzata da un potere calorifico medio – basso (870
kcal/kg, ovvero 3.640 kJ/kg). Nel caso contrario, infatti, il PCI medio dei rifiuti in ingresso
all’impianto risulterebbe addirittura troppo elevato e il materiale quindi inadatto ad un
tradizionale impianto di termovalorizzazione dei rifiuti. Interessanti sono stati i risultati di
trattamenti idromeccanici della frazione fine (Bilitewski, 1995), composti essenzialmente da
due fasi: nella prima fase di lavaggio si separa il materiale inerte pesante dalla frazione
galleggiante (legno e plastica). Quest’ultima può essere facilmente separata e avviata a
recupero energetico o a deposito in discarica, ancora nell’ottica del nuovo ruolo di Carbon
Sink che è stato definito recentemente per le discariche (Cossu e Piovesan, 2007). Nella
seconda fase la sospensione viene separata in una frazione inerte fine e in una frazione di
fango, nella quale si trova concentrata la sostanza organica. Mediante tale trattamento si

30
ottiene una fase solida più pulita, meno contaminata dalla sostanza organica o da composti
pericolosi: essa risulta in questo modo più facilmente riciclabile, o in alternativa nel caso
venisse smaltita in una nuova discarica, porterebbe ad una riduzione degli impatti ambientali
ad essa associati, in accordo con il concetto di sostenibilità ambientale. La frazione fango
richiede, invece, un ulteriore trattamento.

• inerti, quali pietre o vetro, che rappresentano le componenti principali della frazione
pesante. Risultati lusinghieri sono stati ottenuti in alcune esperienze nella separazione del
vetro dagli altri inerti, mediante prelavaggio e processo combinato con rottura del vetro ad
urto e separazione della frazione risultante mediante vaglio a maglie fini (Cossu et al., 1995b);

• frazione residua, da smaltire successivamente in discarica. Anche se tale componente


rappresenta una percentuale non trascurabile in peso, generalmente può essere ben compattata
fino a raggiungere una densità molto elevata: questo comporta un incremento notevole del
volume recuperato in discarica e disponibile per il deposito di nuovi rifiuti. In ogni caso le
discariche interessate da smaltimento dei residui e di parte della frazione fine, hanno
evidenziato semplicità nello smaltimento (per le operazioni di stoccaggio, compattazione dei
rifiuti etc.) e contenute quantità di emissioni, vista la qualità del materiale, caratterizzate da
bassi tenori di sostanze contaminanti (Rettenberger, 1995).

La quantità e le caratteristiche del materiale recuperato da una discarica sono funzione dei
rifiuti smaltiti nella discarica stessa e dipendono dalle loro proprietà fisico-chimiche,
dall’efficacia della tecnica utilizzata per l’escavazione dei rifiuti, oltre che da altri fattori quali
modalità di smaltimento, caratteristiche strutturali della discarica e condizioni climatiche
locali. Dai dati delle esperienze fin qui maturate, riguardanti anche i rendimenti dei processi
meccanici, si può vedere che la percentuale di suolo recuperata o riutilizzata oscilla tra 85% e
95%, quella dei metalli ferrosi tra 70% e il 90%, quella dei materiali plastici tra 50% e 75%.
Il suolo (terreno naturale) è presente tra il 30% e il 70% in peso nel materiale estratto
mediante Landfill Mining, e dipende dalle modalità di copertura giornaliera adottate in fase di
deposito.

Nella Tabella 3.1 viene riportato il rapporto tra suolo e rifiuti espresso in percentuale (in peso)
rilevato in diverse esperienze finora condotte.

31
Tabella 3.1. Rapporto suolo/rifiuti (%) in varie discariche sottoposte a scavo (Kurian et al, 2008).

Discarica Suolo/rifiuti [%]


Edinburg, NY, USA 75:25
Horicon, NY, USA 65:35
Hague, NY, USA 50:50
Chester, NY, USA 25:75
Coloni, NY, USA 20:80
Sandtown, Delaware, USA 46:54
Burghof, Germania 71:29 *
Schoneiche, Germania 77:23 *
Dobeln-Hohenlauft, Germania 62:38 *, 21:79 **
Schoneiche, Germania 20-80 *, 30:70 **
Dresden, Germania 74-26 *, 19:81 **
Sengenbuhl, Germania 11-89 *, 45:65 **
Basslitz, Germania 50:50 *, 34:66 **
Cagliari 31:69 *
Filborna, Svezia 65:35
Perungudi, India 45:55
Kodungaiyur, India 65:35
Deonar, Mumbai, India 70:30
* vaglio 40mm, **vaglio 8-40mm - vaglio 24mm dove non indicato

3.5 Vantaggi e limitazioni del Landfill Mining

Di seguito verranno esposti vantaggi e limitazioni derivanti dall’applicazione in scala reale di


un intervento di LFM desunti dai dati relativi alle esperienze finora maturate.

3.5.1 Vantaggi
Come già anticipato più volte nel corso del presente elaborato, la realizzazione di un
intervento di LFM comporta numerosi vantaggi, sia ambientali che economici. In particolare:
− la rimozione dell’ammasso dei rifiuti consente una risoluzione totale e definitiva del
problema ambientale, essendo eliminata completamente la fonte di potenziale
contaminazione;
− vengono rimossi rifiuti pericolosi eventualmente presenti, smaltiti quando le normativa
erano meno restrittive;
− si recuperano materiali suscettibili di essere riciclati (metalli ferrosi e alluminio),
materiali ad alto potere calorifico (carta, plastica, tessili, legno) che possono
convenientemente essere utilizzati a fini energetici e materiali inerti direttamente
reimpiegabili (sassi, ghiaia, cocci, ecc.)

32
− i materiali fini recuperati possono essere utilizzati come copertura giornaliera in lotti di
discarica in esercizio, riducendo i costi di acquisto dall’esterno del terreno di copertura;
− qualora l’area della vecchia discarica possa essere ancora destinata a tale uso vengono
recuperati volumi per il deposito di nuovi rifiuti;
− vengono completamente eliminati i costi derivanti da operazioni di monitoraggio e
post-chiusura della discarica;
− qualora la zona della discarica rivesta particolare interesse territoriale si ha il recupero
di aree da destinare a diverso sviluppo funzionale.

3.5.2 Limitazioni
In generale, si può dire che le principali limitazioni alla realizzazione di tale intervento, sono:
− la bassa qualità e la scarsa versatilità riscontrate spesso nei materiali scavati (eccetto che
per la frazione fine che può essere utilizzata nella copertura di discariche), aspetti che
rendono difficile un loro opportuno inserimento nel mercato;
− la richiesta di una grande quantità di manodopera e macchinari;
− il temporaneo aumento di traffico e dei rumori nella zona di intervento;
− il temporaneo aumento di polveri: Rettemberger (1995) riporta, tuttavia, che l’aumento
della concentrazione di metalli pesanti misurato nelle polveri emesse durante l’intervento
è risultato trascurabile;
− la riduzione della durata operativa di mezzi e macchinari utilizzati vista l’elevata densità
dei rifiuti scavati.

A ciò si aggiunge il fatto che molto spesso i rifiuti pericolosi eventualmente smaltiti in
discarica quando la normativa era meno restrittiva vengono riportati alla luce, rappresentando
un potenziale rischio per gli operatori addetti e richiedendo, inoltre, delle specifiche modalità
di gestione. Per quanto riguarda la gran parte dei problemi di impatto ambientale che la
realizzazione di un intervento di LFM comporta, si è già visto (vedi paragrafo 3.3.2) che, al
fine di consentire un loro efficace contenimento, è necessario e sufficiente procedere ad un
pretrattamento in situ dei rifiuti depositati, mediante la tecnica dell’aerazione prolungata, a
bassa pressione, con contemporaneo allontanamento del percolato. In particolare, tale tecnica
permette agli operatori di agire in condizioni di massima sicurezza e di gestire più
agevolmente il materiale scavato (bassa umidità e discreto grado di stabilizzazione).

33
3.6 Pianificazione delle fasi operative di un intervento di LFM

La realizzazione di un intervento di LFM richiede una accurata pianificazione di tutte le fasi


operative, tanto più dettagliata quanto maggiore è la scala dell’intervento e pericolosa la
natura dei rifiuti.

Anche se ogni applicazione risulta diversa a seconda delle caratteristiche sito sul quale si
intende operare, della natura dei rifiuti scavati e degli obiettivi finali, in generale, prima di
procedere alla realizzazione dell’intervento di LFM, risulta necessario:

− identificare i possibili impatti ambientali a breve e lungo termine derivanti dalla


realizzazione dell’intervento e le misure necessarie per contenerli;
− definire i moduli di intervento, la sequenza e la durata della fase di scavo;
− individuare la tipologia di mezzi e macchinari necessari per lo scavo, la movimentazione,
il trasporto e il trattamento meccanico dei rifiuti scavati;
− determinare la quantità di manodopera necessaria e le relative competenze richieste;
− stimare il volume di tutte le frazioni di rifiuto ottenibili: inerti, frazione combustibile,
metalli, frazione fine, frazione residua;
− effettuare un’analisi sul potenziale profitto economico derivante dall’inserimento nel
mercato delle diverse frazioni ottenute;
− effettuare un’analisi dei costi totali dell’intervento (compresi i costi relativi alla
manutenzione di apparecchiature e macchinari) ed identificare gli investimenti necessari;
− considerare gli aspetti legali e autorizzativi relativi alla realizzazione di questo intervento.

Non da meno, deve essere effettuata un’analisi per valutare i potenziali rischi per i lavoratori e
le procedure necessarie per garantire che gli stessi operino in sicurezza. Queste saranno
funzione della tipologia di discarica in cui si svolgeranno i lavori, della natura dei rifiuti
scavati (qualità e quantità) e delle modalità di svolgimento delle operazioni nelle varie fasi di
intervento.

34
3.7 Misure di sicurezza per l’ambiente e i lavoratori

Durante le operazioni di LFM, si possono configurare dei rischi per la salute degli operatori e
della popolazione limitrofa, principalmente connessi all’eventualità di:
- emissioni di polveri in atmosfera;
- contaminazione delle acque superficiali e sotterranee attraverso il ruscellamento delle
acque meteoriche nella zona di scavo e nelle aree di stoccaggio temporaneo dei
materiali scavati eventualmente presenti;
- trasferimento di contaminanti all’esterno del sito nel caso di una non adeguata pulizia
dei mezzi di trasporto;
- presenza di livelli piuttosto elevati di rumori e vibrazioni durante le operazioni;
- presenza di traffico veicolare nella zona di interesse.

La gravità degli effetti dipende da numerosi fattori quali: la natura e il livello di


contaminazione dei rifiuti scavati; la durata delle operazioni di LFM; le condizioni climatiche;
il grado di vicinanza della popolazione all’area di interesse; l’eventuale presenza di falde
sotterranee o di aree particolarmente sensibili o di interesse, e, ovviamente, l’importanza e
l’efficienza delle misure messe in atto per il contenimento dei suddetti rischi (Tabella 3.2).

Naturalmente, come già più volte indicato nel corso del presente elaborato, per proteggere gli
operatori, la popolazione residente e in generale l’ambiente, è necessario intervenire
preventivamente in discarica con una stabilizzazione dei rifiuti mediante aerazione in situ e
contemporanea estrazione del percolato dai pozzi di aerazione. Per il controllo dei rischi
ambientali connessi alla realizzazione dell’intervento, vengono adottate generalmente le
seguenti misure:

- installazione di inclinometri sui versanti della discarica e dello scavo al fine di


riconoscere in tempo eventuali segnali di franamento;
- monitoraggio delle polveri e dei rumori;
- utilizzo di macchinari e materiali ignifughi nell’impianto di aerazione in situ ed
estrazione del percolato;
- adozione di un sistema di selezione automatizzato per la separazione di rifiuti
pericolosi;

35
- la regimazione delle acque meteoriche ricadenti sui moduli di scavo e sulle aree di
stoccaggio temporaneo dei materiali scavati e dei materiali residui, al fine di
contenere la diffusione dei contaminanti eventualmente presenti verso le zone
limitrofe. Il sistema di drenaggio nell’area di scavo consente, inoltre, di operare in
condizioni di sicurezza assicurando la stabilità delle sponde del modulo;
- l’utilizzo di opportune misure di contenimento delle emissioni di polveri nell’area di
scavo, come, per esempio, un tendone mobile con un sistema di controllo e
monitoraggio dell’aria;
- la copertura con teli impermeabili dell’area di discarica scavata;
- la copertura temporanea dei cumuli di rifiuti scavati o dei materiali residui stoccati,
attraverso l’utilizzo di teli impermeabili per proteggerli dagli agenti atmosferici ed
impedire, quindi, il rilascio di polveri e, nel caso di rifiuti pericolosi, la diffusione di
contaminanti;
- l’adozione di un sistema di bagnatura dell’area di intervento per il contenimento delle
polveri;
- la recinzione del sito al fine di impedire eventuali accessi non autorizzati.

Oltre a quanto sopra riportato, è necessario anche un monitoraggio giornaliero delle


condizioni meteorologiche locali e dei livelli di emissioni di gas nell’area di discarica,
rilevando in particolare le concentrazioni di metano, ossigeno e composti organi volatili
(VOC). Per quanto riguarda, infine, la sicurezza del personale operante in discarica, non
occorrono di solito particolari misure oltre a quelle utilizzate nelle aree contaminate. E’
necessario, comunque, che i mezzi siano dotati di un sistema di aerazione artificiale e di
cabine pressurizzate, onde evitare che gli operatori vengano direttamente in contatto con
batteri, polveri, o altri contaminanti eventualmente rilasciati durante le operazioni di scavo.

36
Tabella 3.2. Misure di contenimento da adottare durante un’operazione di LFM in vecchie discariche
(Kurian et al, 2008).
Impatto Misure di contenimento
− Restrizione delle operazioni a condizioni climatiche
favorevoli;
− Bagnatura dell'area;
− Copertura temporanea dell'area di intervento durante
Inquinamento atmosferico
l'escavazione, la movimentazione, lo stoccaggio;
− Temporanea copertura della zona scavata;
− Controllo e pianificazione delle operazioni di trasporto
e movimentazione.
− Restrizione delle operazioni a condizioni climatiche
favorevoli;
− Suddivisione dell'area di intervento in zone operative;
− Bagnatura dell'area;
Diffusione di contaminanti − Misure di decontaminazione dei mezzi (lavaggio ruote,
etc.);
− Coperture temporanee;
− Controllo delle polveri nell'area di scavo e di
movimentazione mezzi.
− Realizzazione di un sistema di drenaggio superficiale
temporaneo;
− Controllo della regimazione delle acque meteoriche del
Contaminazione delle acque
trattamento e dell'autorizzazione allo scarico di acque
superficiali e sotterranee
reflue;
− Monitoraggio delle aeree di stoccaggio temporaneo dei
rifiuti scavati o dei materiali residui.
− Opportuna localizzazione delle apparecchiature
rumorose all'interno del sito;
Rumore e vibrazioni
− Restrizione delle operazioni alle ore strettamente
lavorative.
− Utilizzare il trasporto a rotaia dove possibile;
− Attento posizionamento all'interno dell'area degli
Traffico veicolare accessi e delle uscite dei mezzi su ruota;
− Stretta osservanza della pianificazione della viabilità
interna.

37
38
4. CASI DI LANDFILL MINIG IN USA E EUROPA

Di seguito si riporta una breve descrizione di alcuni dei progetti di LFM realizzati nel mondo,
in particolare negli Stati Uniti ed in Europa (Svezia, Germania, Italia). Di questi verranno
evidenziati gli obiettivi iniziali (che, come si vedrà, variano caso per caso), i risultati ottenuti,
le modalità di esecuzione e gestione degli interventi, nonché i punti critici e di forza rilevati.
Altre esperienze di LFM sono state condotte anche in regioni asiatiche, quali, per esempio,
India e Cina. La descrizione di questi casi, tuttavia, si tralascia in quanto ritenuta poco
rappresentativa ai fini del presente studio, trattandosi di paesi in via di sviluppo.

4.1 Landfill Mining negli USA

4.1.1 Naples Landfill (Collier County, Florida)


L’Environmental Protection Agency (EPA, 1997) riporta tra i primissimi interventi di LFM
mai eseguiti negli Stati Uniti, quello realizzato nel 1986 presso la discarica di Naples (Collier
County, Florida). Al tempo questa era una discarica non impermeabilizzata di circa 13 ettari,
nella quale erano stati smaltiti per più 15 anni rifiuti solidi urbani. In uno studio condotto
dall’Università della Florida su 38 discariche incontrollate presenti nello Stato, si rilevò che la
discarica di Naples (insieme ad altre 27) era responsabile di una contaminazione in falda
dovuta ad emissioni incontrollate di percolato dal fondo. La normativa ambientale della
Florida risultava molto restrittiva in relazione ai presidi ambientali da adottare e ai
monitoraggi da effettuare in caso di chiusura di discariche incontrollate. Per questo motivo, il
Collier County Solid Waste Management Department decise di mettere in atto un progetto di
bonifica del sito avente come obiettivi:
− la riduzione dei costi di chiusura della discarica;
− la riduzione dei rischi di contaminazione in falda
− il recupero e la termovalorizzazione di rifiuti a medio-alto potere calorifico in un
impianto appositamente costruito;
− il recupero di suolo per un suo utilizzo come materiale di copertura giornaliera in
discarica;
− recupero materiale riciclabile.

39
Di fatto l’impianto di recupero energetico per via termica dei rifiuti non è mai stato costruito.
Tuttavia il progetto ebbe un notevole successo in relazione al notevole quantitativo di suolo
riutilizzato come materiale di copertura dei rifiuti in discarica. Per quanto riguarda il riciclo di
alcuni materiali scavati (quali plastica, vetro, metalli ferrosi e alluminio) questo non dette dei
buoni risultati: tali materiali, infatti, richiedevano, a causa della presenza di rilevanti impurità,
un trattamento molto spinto affinché si potesse raggiungere un grado di qualità sufficiente per
la vendita. Questo processo non fu considerato economicamente sostenibile.

Nel 1991 l’EPA selezionò la discarica di Naples per la realizzazione di un progetto pilota di
bonifica del sito attraverso la tecnica del LFM, all’interno di un programma di studio
denominato Municipal Innovation Technology Evaluation (MITE). Gli obiettivi erano quelli
di recuperare suolo da utilizzare come materiale di copertura, studiare gli aspetti ambientali
del progetto, le caratteristiche dei materiali recuperati e la possibilità reinserirli nel mercato,
ed, infine, gli aspetti economici in termini di costi e benefici dell’intero progetto. I risultati
ottenuti indicarono come il progetto fosse assolutamente efficiente per quanto riguarda il
recupero del suolo; lo stesso non si può dire per il recupero di materiali riciclabili di qualità.
Il monitoraggio della qualità dell’aria prima e durante le operazioni di scavo indicarono che le
emissioni di biogas dal corpo discarica erano assolutamente trascurabili, probabilmente a
causa dell’elevato grado di stabilizzazione biologica raggiunto dai rifiuti depositati. Come
conseguenza, gli operatori non dovettero indossare dispositivi di sicurezza particolari, se non
quelli ordinari indicati dalla normativa vigente. In totale fu recuperato un quantitativo di suolo
pari a 50.000 t. Gli altri rifiuti scavati, a parte un piccolo quantitativo di materiali riciclabili
(pneumatici e tessili), vennero ridepositati in settori della discarica impermeabilizzati. Per la
separazione della frazione fine ad alto contenuto di suolo fu utilizzato un vaglio a maglie di
76 mm. Il rapporto in peso tra questa e gli altri materiali non recuperati era di 60:40. Questo
significa che il 60% (in peso) del rifiuto scavato è stato riutilizzato come suolo per la
copertura. I benefici economici derivanti dall’applicazione della tecnica del LFM alla
discarica di Naples sono: una riduzione dei costi di bonifica attraverso il riutilizzo del suolo di
copertura, un allungamento della vita della discarica, riduzione dei rischi di contaminazione in
falda legati alla presenza di settori non impermeabilizzati, possibile riduzione dei futuri costi
di bonifica.

40
4.1.2 Edinburg Landfill,(Edinburg, New York)
Il New York State Energy Research (NYSERDA) e il New York State Department of
Environmental Conservation, sulla base del successo ottenuto dall’esperienza nella discarica
di Naples a Collier County, decisero di finanziare progetti pilota di LFM al fine studiare la
fattibilità tecnica ed economica di tale intervento come tecnologia atta a ridurre i costi di
chiusura delle discariche. L’EPA (1997) riporta che il primo progetto pilota finanziato dal
NYSERDA è stato condotto nella discarica di Edinburg, nella quale sono stati smaltiti rifiuti
dal 1969 al 1991. Tale discarica fu scelta viste le piccole dimensioni (2 ha) e l’assenza di
rifiuti pericolosi. La prima parte del progetto fu realizzata su una parte di discarica di circa
mezzo ettaro e fu finanziata dal NYSERDA; l’amministrazione della città di Edinburg decise
successivamente di co-finanziare la prosecuzione dell’intervento su una parte della discarica
leggermente più grande della prima.

NYSERDA divise la realizzazione del progetto in tre fasi. La prima fase cominciò nel
Dicembre 1990 e riguardò lo scavo di circa 4.000 m3 di rifiuti ad una profondità media di 6 m,
e deposti in una zona della discarica vecchia circa 12 anni. La seconda fase iniziò nel Giugno
del 1991: furono rimossi circa 8.000 m3 di rifiuti ad una profondità media di 2 – 3 m, da una
zona della discarica entrata in post esercizio circa 20 anni prima. Mediamente furono scavati
circa 900 m3 di rifiuti al giorno. La terza ed ultima fase comportò la rimozione di circa 24.000
m3 di rifiuti in 28 giorni. Poiché non furono trovati finanziamenti per continuare l’opera di
bonifica attraverso la tecnica del LFM, si decise di procedere ad una chiusura della discarica
attraverso un capping superficiale. La discarica di Edinburg è ubicata in una zona molto ricca
di suolo, nella quale risulta semplice il reperimento materiale da utilizzare per la copertura
della discarica. Per questo motivo, si decise di vendere il suolo recuperato, che costituiva
circa il 75% in peso dei rifiuti scavati, come materiale di riempimento nelle costruzioni
stradali. Furono effettuati anche dei test per la determinazione del potere calorifico inferiore
(PCI) in vista di un eventuale recupero energetico per via termica di alcune frazioni separate
dai rifiuti scavati. I risultati ottenuti evidenziarono che il PCI non era sufficientemente elevato
a causa della rilevante quantità di pietre presenti. La restante parte di materiale scavato (circa
il 25%) fu sottoposta a selezione manuale per la separazione dei materiali riciclabili, i quali
rappresentavano una percentuale in peso pari circa al 50%. Non si ritenne, comunque,
economicamente sostenibile un loro inserimento nel mercato, vista la necessità di sottoporli a
trattamenti specifici per il raggiungimento degli standard di qualità richiesti.

41
Pneumatici, tessili e metalli ferrosi furono, tuttavia, in buona parte recuperati e riciclati. La
restante parte dei materiali fu smaltita in una discarica nelle vicinanze. Il progetto di LFM
realizzato nella discarica di Edinburg fu vantaggioso sia per la vendita del suolo recuperato
sia per la riduzione dei costi di chiusura della discarica. I benefici economici sono ancor più
rilevanti se si considerano la riduzione dei costi di post-chiusura e monitoraggio, il
risanamento del sito ed il recupero di volume disponibile in discarica.

4.1.3 Frey Farm Landfill (Lancaster County, Pennsylvania)


Nel 1990 Lancaster County Waste Management Authority costruì un termovalorizzatore al
fine ridurre il volume di rifiuti in ingresso alla discarica controllata di Frey Farm, nella quale
furono smaltiti per 5 anni rifiuti solidi urbani. Una volta costruito l’impianto per la
combustione dei rifiuti, la quantità di rifiuti in ingresso all’impianto diminuì drasticamente
lasciando una linea inutilizzata. Al fine, quindi, di massimizzare l’efficienza del
termovalorizzatore e, quindi, la produzione di energia, le autorità finanziarono un progetto di
LFM della discarica in modo da sopperire alla mancanza di rifiuto fresco mediante l’apporto
di rifiuto scavato. L’EPA (1997) riporta per quest’ultimo un PCI medio - alto, pari a circa
7.200 kJ/kg (1.700 kcal/kg). Per ottenere, un PCI più elevato, si decise di miscelare quattro
parti di rifiuto fresco con una parte di rifiuto vecchio,ottenendo in questo modo un PCI molto
più elevato, pari circa a 12.000 kJ/kg (2.800 kcal/kg).

Tra il 1991 e il 1993 furono rimossi circa 375.700 m3 rifiuti, pari a circa 2.645 t a settimana di
materiale sottoposto alle operazioni di selezione e separazione delle diverse frazioni: il 56%
(in peso) del materiale scavato fu inviato all’impianto di termovalorizzazione come CDR; il
41% (in peso) fu recuperato come suolo dalle operazioni di vagliatura. Il rimanente 3% era
costituito da una frazione residua del processo di selezione ridepositata in discarica. Alla fine
dell’intervento di LFM nel 1996, furono rimossi 250.000-300.000 m3 rifiuti. Durante
l’intervento furono adottate dagli operatori particolari misure per impedire che il geosintetico
presente sul fondo della discarica venisse danneggiato. Fu messo in atto, inoltre, un
monitoraggio in continuo della qualità dell’aria per controllo accurato delle emissioni di
metano sia nella cabine dei veicoli che nella zona di intervento. In questo caso, i benefici
economici derivanti dalla realizzazione del progetto nella discarica in esame furono: il
recupero di volume di discarica, recupero di energia e recupero di materiali quali suolo e
metalli ferrosi.

42
Alcune criticità si registrarono nell’aumento di emissioni di polveri dovuto alla presenza di
una rilevante quantità di suolo nel rifiuto scavato, all’aumento degli odori nella zona di
intervento (nessun trattamento di aerazione in situ era stato effettuato sul corpo discarica
prima di procedere alle operazioni, e all’incremento di traffico veicolare tra l’impianto di
termovalorizzazione e la discarica. I costi di esecuzione del progetto furono notevolmente
bassi vista la ridotta distanza tra la discarica e l’impianto di termovalorizzazione e il fatto che
la Lancaster County Waste Management Authority aveva la gestione di entrambi. Nel 1996
non vi fu più la necessità di sopperire alla mancanza di rifiuti nel termovalorizzatore mediante
l’apporto di rifiuti scavati. L’intervento di LFM, quindi, fu concluso nel Giugno dello stesso
anno.

4.2 Landfill Mining in Europa

4.2.1 Masalycke Landfill, Svezia


La discarica di Masalyche, ubicata nella nel Sud della Svezia, fu costruita agli inizi degli anni
’70. Hogland (2002) riporta i risultati di uno studio di caratterizzazione condotto su tale
discarica al fine di valutare la fattibilità di un intervento di LFM. L’obiettivo era quello di
recuperare volumi disponibili per il deposito di nuovi rifiuti.

Le indagini condotte in questa fase erano mirate soprattutto a definire le possibili destinazioni
delle frazioni separabili dai rifiuti scavati. In particolare, si valutò la possibilità o meno di
riutilizzare la frazione suolo come ammendante, di recuperare energia dalla frazione organica
in un bio-reattore, e di recuperare plastica per la produzione di Polyplanks (materiale
composito costituito da rifiuto plastico e fibre di legno). L’interesse, in realtà, era rivolto
soprattutto verso questo ultimo aspetto, relativo alla produzione di nuovi materiali da
costruzione dalla trasformazione di materie plastiche separate dai rifiuti scavati da discariche.
Durante le operazioni di scavo il rifiuto è stato prima pesato e poi sottoposto a vagliatura, con
l’ottenimento di tre distinte frazioni: <18 mm, 18-50 mm, >50 mm. Ciascuna di queste è stata
a sua volta raccolta e pesata. Sono stati, inoltre, prelevati alle varie profondità diversi
campioni rappresentativi dei rifiuti scavati. Gli stessi sono stati successivamente inviati in
laboratorio per l’esecuzione delle indagini sulla qualità e sulla composizione merceologica e
granulometrica del materiale scavato. I risultati dell’analisi merceologica effettuata nel corso
di tale studio (vedi Figura 4.1) evidenziarono che le frazioni merceologiche preponderanti nei

43
campioni analizzati erano rappresentate principalmente da carta (presente con una
percentuale, in peso, del 28,7%), legno (presente con una percentuale, in peso, pari al 18,6%)
e da una “frazione non definibile merceologicamente”, simile a suolo (presente con una
percentuale, in peso, del 16,9%). Quest’ultima, a matrice prevalentemente fine, era costituita,
oltre che da suolo e sabbia, anche da particelle parzialmente decomposte di carta e di rifiuto
da giardinaggio e da qualche piccolo pezzo di vetro e metalli.

Carta
Plastica
16,9% Pannolini
28,7%
Tessili
2,4% Gomma
Pelle
10,3% Vetro, ceramica
Metalli
Domestici
6,5%
Elettronici
Verde da giardino
2,1%
Legno
18,6% 1,2%
6,2% 0,6% Pietre
0,1% Pericolosi
1,2% 0,2%
0,1% 4,9% Miscellanea

Figura 4.1. Composizione del sopravaglio 50 mm per la discarica di Masalycke (Hogland, 2002).

Per quanto riguarda i risultati dell’analisi granulometrica condotta sul materiale scavato, i
risultati ottenuti evidenziarono che la frazione grossolana del rifiuto (>50 mm) era costituita
principalmente legno e carta, in una percentuale complessiva quasi del 50% (in peso). La
frazione intermedia (18-50 mm), era costituita prevalentemente da pietre e dalla “frazione non
definibile merceologicamente”. La frazione fine (<18 mm), invece, era costituita da materiale
simile a torba mista a piccoli pezzi di rifiuto di varia natura.

Le determinazioni analitiche effettuate sulla frazione fine (<18 mm) evidenziarono basse
concentrazioni di contaminanti, ma non abbastanza da renderla idonea ad un suo utilizzo
come ammendante in agricoltura. Poteva, invece, essere utilizzata come materiale di copertura
di nuove discariche.

44
Nella frazione intermedia (18-50 mm), pur essendovi un quantitativo di inerti maggiore
rispetto alla frazione fine, il quantitativo di frazione organica non stabilizzata era decisamente
non trascurabile: fu, dunque, considerato possibile un recupero energetico di tale frazione
attraverso una digestione anaerobica.

Per quanto riguarda, infine, la frazione grossolana (>50 mm), dal momento che questa
risultava composta, come detto in precedenza, principalmente da legno e carta, ovvero da
frazioni caratterizzate da un potere calorifico medio-alto, ne poteva essere preso in
considerazione anche un recupero energetico per via termica.

Venne considerata, inoltre, anche l’ipotesi di recuperare biogas (in particolare metano) da tale
frazione e dalla frazione intermedia. La sperimentazione condotta in campo diede, infatti, dei
risultati promettenti, evidenziando un miglioramento della produzione di metano nella cella in
cui era stata depositato il rifiuto fresco misto alla frazione grossolana ed intermedia separate
dal rifiuto scavato (in questo caso il materiale era stato inumidito anche con percolato
prelevato dai serbatoi di raccolta), rispetto a quella in cui vi era solo rifiuto fresco. In
particolare, dopo 3 giorni, furono rilevate rispettivamente concentrazioni di metano pari al
50% nel primo caso e 40% nel secondo.

4.2.2 Burghof Landfill, Germania


A partire dal settembre 1993 nella discarica per rifiuti urbani di Burghof in Germania è stato
implementato il primo progetto tedesco di LFM finalizzato al recupero di volume per il
deposito di nuovi rifiuti, al miglioramento delle condizioni ambientali della discarica e degli
impatti ambientali ad essa associati e, conseguentemente, alla minimizzazione dei costi di
post gestione. I risultati dello studio condotto sono riportati da Rettemberger (1995).

Fino all’ottobre 1994, sono stati scavati circa 54.000 t di rifiuti, corrispondenti ad un volume
recuperato in discarica pari a circa 46.000 m3 (densità media dei rifiuti rimossi 1,16 t/ m3).
Durante lo scavo della discarica i vecchi rifiuti sono stati rimossi per strati di altezza pari a 3
m, dopo la stabilizzazione per evitare problemi di odori. I rifiuti scavati sono stati separati in
un impianto di trattamento meccanico e suddivisi in materiali riutilizzabili (metalli, pietre,
plastica), materiali combustibili (legno, frazioni a basa densità) e materiali non riutilizzabili
(frazioni fine). Quest’ultima frazione è stata ridepositata e compattata raggiungendo una
densità di 1,8 t/m3.

45
Per la stabilizzazione degli odori, si è portata la discarica in condizione aerobiche prima dello
scavo, attraverso l’installazione di un sistema generalmente impiegato in questi casi. Si tratta
di un impianto costituito da due linee: la prima, aspira l’aria attraverso un biofiltro (con un
arricchimento di batteri aerobi) e la insuffla nel corpo discarica; la seconda, invece, aspira il
biogas e lo invia al biofiltro per la degradazione del metano e dei gas in tracce (vedi Figura
4.2). Il flusso dell’aria è invertito periodicamente (a brevi intervalli) in maniera tale da
mantenere condizioni aerobiche nei biofiltri ed evitare la formazione di percorsi preferenziali
dell’aria nell’ammasso di rifiuti.

Figura 4.2. Schema di un impianto per la stabilizzazione degli odori prima della escavazione deirifiuti
da sottoporre a selezione (Rettenberger, 1995).

Le emissioni di odori rilevate durante le operazioni di LFM sono state circa cinque volte più
basse rispetto a quelle rilevabili in prossimità dei depositi di rifiuti freschi. L’impianto di
trattamento meccanico del progetto pilota, dimensionato per un flusso di 250 t/d di rifiuti in
ingresso, è stato realizzato per perseguire i seguenti obiettivi:
− separazione della frazione inerte;
− separazione di pietre e cementi;
− separazione dei rifiuti pericolosi e dei materiali pericolosi;
− separazioni dei materiali valorizzabili quali plastica, legno e metalli;
− separazione della frazione combustibile (a bassa densità).

I materiali pericolosi sono stati selezionati in quantità relativamente molto basse,


concordemente alla tipologia di discarica. Per quanto riguarda i materiali riutilizzabili, invece,
(quali plastica, legno, pietre, parte della frazione fine) e la frazione combustibile, è risultato
che dovessero essere sottoposti ad ulteriori trattamenti per migliorarne la qualità.

46
In ogni caso, i risultati ottenuti da questo studio indicano che circa il 17,5% (in peso) del
rifiuto scavato dalla discarica di Burghof è composto da una frazione leggera combustibile.
Circa il 12% (in peso) può essere direttamente riutilizzata (10% pietre e 1,7% metalli). Il
70,5% (in peso) è rappresentata da frazione fine e può essere ri-depositata in discarica.
Tuttavia, vista l’elevata densità di tale frazione dopo la compattazione in discarica (circa 1,8
t/m3) si è calcolato che il rideposito della stessa comporti un recupero di volume pari a circa il
56% rispetto al volume originariamente occupato dai rifiuti. Un ulteriore incremento potrebbe
derivare dal riutilizzo della frazione fine all’esterno del sito, per esempio, come materiale di
riempimento nelle costruzioni civili.

Per valutare gli eventuali miglioramenti nel comportamento a lungo termine dei materiali
destinati ad essere ridepositati (frazione fine), sono state costruiti due modelli di discariche di
volume di 6.000 m3 ciascuna e di altezza pari a 6 m. Il sistema di drenaggio è stato realizzato
mediante la stesura di uno strato di ghiaia di pezzatura 16-32 mm di spessore 20 cm, su un
basamento di asfalto. La frazione fine separata all’impianto di trattamento meccanico è stata
depositata senza ulteriori pre-trattamenti. Sono state, quindi, studiate le reazioni in discarica
attraverso l’analisi sulla qualità e quantità di biogas e percolato prodotti; sono state, inoltre,
esaminate anche le tecniche di deposizione e compattazione della frazione fine.

Parte della frazione fine scavata durante le operazioni di LFM condotte è stata, invece,
ridepositata in un nuovo settore di discarica appositamente costruito, dotato di sistemi di
drenaggio indipendenti, al fine di studiare l’andamento delle emissioni nel lungo termine.
I risultati ottenuti possono essere di seguito riassunti.
La produzione di gas in discarica è stata minima. Dopo due settimane di deposito, la
produzione potenziale residua di biogas dei rifiuti è stata misurata di 7,5 m3/t rifiuto. Non
sarebbe necessario, quindi, attivare per molto tempo in discarica il sistema di estrazione di
gas. Il materiale ridepositato può essere ben compattato, riducendo al minimo la sua
permeabilità all’acqua. Per questo motivo, è attesa una quantità relativamente bassa di
percolato. Un buon sistema di regimazione delle acque meteoriche consentirebbe alla
discarica di produrre contenute quantità di percolato durante la sua fase operativa (riducendo,
per esempio, i relativi costi di smaltimento). Il carico contaminante associato al percolato
prodotto dalla frazione fine ridepositata è ampiamente inferiore a quello prodotto in discarica
prima di essere sottoposta a LFM.

47
4.2.3 Discarica di Modena
La discarica di Modena è costituita da quattro siti morfologicamente ben distinti, anche se
continui, sviluppatisi cronologicamente uno di seguito all’altro dall’inizio degli anni ’50. In
tali impianti sono state smaltite le seguenti tipologie di rifiuti: rifiuti urbani e assimilabili agli
urbani; rifiuti speciali quali fanghi biologici stabilizzati, terre di fonderia, materiali da
demolizione e costruzione, scorie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani.

Una parte della discarica di Modena è stata oggetto di un intervento di LFM nel 2001: la
realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Milano - Bologna, il cui tracciato
attraversa attualmente la discarica, ha comportato la costruzione di una trincea e quindi la
rimozione e trattamento di circa 150.000 m3 di rifiuti, tra i quali 222 t di capi suini affetti da
afta epizootica, abbattuti e smaltiti in discarica nel 1987. Tale intervento si è inserito
all’interno di un progetto più ampio, di dismissione programmata dell’attività di discarica e
riqualificazione morfologica dell’area decisa dal Comune di Modena a metà degli anni ’90,
per rispondere alla necessità di ridurre gli impatti a medio - lungo termine delle discariche
seguendo dei criteri di sostenibilità ambientale e alla necessità di recuperare materiale da
utilizzare nelle operazioni di ripristino ambientale dell’area.

Per consentire lo svolgimento delle operazioni di scavo in condizioni di sicurezza ed


eliminare i problemi connessi alla formazione di eventuali odori durante la loro rimozione, è
stato effettuato un intervento di pretrattamento in situ dei rifiuti depositati e del terreno
sottostante contaminato dal percolato da essi prodotto, mediante la tecnica dell’aerazione in
situ. Contemporaneamente, si è estratto il percolato al fine di ridurre il battente nella zona di
intervento, assicurando una maggior stabilità delle pareti dello scavo e la riduzione di
eventuali odori che dovessero formarsi durante le operazioni di rimozione. La durata
dell’intervento di aerazione è stata inizialmente prevista di 6 mesi. Tuttavia, in seguito ai
buoni risultati raggiunti, è stato possibile interrompere il trattamento dopo soli 4 mesi. Esso è
stato preceduto da test di caratterizzazione di campioni di rifiuto prelevati mediante carotaggi.
Alla fine dell’intervento di stabilizzazione in situ i rifiuti ed il terreno immediatamente
sottostante sono stati rimossi e trattati in un impianto di selezione, il quale separava una
frazione fine ad elevato contenuto di sostanza organica (stabilizzata a seguito dell’aerazione,
poi utilizzata come materiale di copertura in discarica) e una frazione grossolana, conferita in

48
una zona di discarica appositamente approntata in modalità semi-aerobica. Tale intervento è
stato ovviamente preceduto da una campagna di indagini di caratterizzazione dell’area di
discarica d’interesse (RSU2 e RSU3, Figura 4.3).

Indagine preliminare
Le indagini di caratterizzazione, condotte dal Dipartimento IMAGE dell’Università di Padova
nella fase preliminare alla realizzazione dell’intervento, evidenziarono un discreto grado di
stabilizzazione per il rifiuto depositato, il che di per sé rappresentava una condizione molto
favorevole per lo svolgimento delle operazioni di scavo. Nella Figura 4.5 viene riportato il
grafico relativo alla produzione di biogas in test di fermentazione (Cossu e Raga, 2008) per
ciascun campione prelevato alle diverse profondità: si nota, oltre ad una buona correlazione di
tale parametro con la profondità di prelievo dei campioni, come i valori misurati fossero
variabili tra 0 e 5.7 Nl/kg ST; a titolo di confronto si pensi che i rifiuti grezzi presentano una
produzione di biogas valutabile intorno a 150 Nl/kg ST.

Figura 4.3. Area della discarica di Modena sottoposta ad intervento di Landfill Mining e tracciato della
linea ad alta velocità realizzata.

Anche i valori inferiori a 0,2 del rapporto BOD/COD misurato sull’eluato dei test di cessione
con acqua distillata ed i risultati del test respirometrico (Cossu e Raga, 2008), con un
consumo di O2 molto basso, sono stati ulteriori indici di una buona stabilizzazione dei rifiuti
analizzati. Le stesse analisi sulla qualità del percolato avevano evidenziato come questo
poteva essere considerato un liquame con bassissima concentrazione di sostanza organica

49
biodegradabile ed elevata concentrazione di azoto in forma ridotta. I valori di BOD5/COD
rilevati, compresi nell'intervallo 0,04 - 0,14 per tutti i campioni (Figura 4.6), e i pH misurati
(Tabella 4.1) sono tipici, infatti, di percolato da discarica in fase metanigena avanzata e sono
indicativi di materiali ben stabilizzati. La presenza di concentrazioni di acido acetico intorno a
20-30 mg/l e valori medi del TKN attorno a 2000 mg/l (Figura 4.7) suggerivano, inoltre, la
presenza in discarica di bassissime quantità di sostanza organica degradabile non ancora
stabilizzata, cosa peraltro confermata dai bassi valori di BOD5 (10-170 mg/l).

B21 [Nl/kg TS]


0 1 2 3 4 5 6
0
Profondità [m]

10

Figura 4.5. Produzione di biogas in test di fermentazione in 21 giorni (B21), riferita ai solidi totali
(ST), dei campioni prelevati alle profondità di 3 e 9 metri nei diversi punti.

0,16 3000
0,14 2500
0,12
2000
TKN (mg/l)
BOD5/COD

0,1
0,08 1500
0,06 1000
0,04
500
0,02
0
0
MO3A

MO 2A
MO3E
MO3C
BG08

BG10

P RSU3
MO3E
MO3C
BG08

BG10

P RSU3

MDTR06

P RSU2
MO3A

MO 2A

Figura 4.6. Valori del rapporto BOD5/COD nei Figura 4.7. Concentrazione di TKN nei
campioni di percolato in campioni di percolato in
corrispondenza dei diversi punti di corrispondenza dei diversi punti
prelievo. di prelievo.

50
Tabella 4.1. Valori del pH e delle concentrazioni di solfati e cloruri nei campioni di percolato in
corrispondenza dei diversi punti di indagine

Punti di prelievo pH SO4= (mg/l) Cl-(mg/l)


BG08 7,83 <50 220
BG10 7,39 <50 176
MO3A 7,36 <0,1 1372
MO3C 7,34 <0,1 1551
MO3E 7,50 <0,1 1432
P RSU3 7,65 <0,1 1849
MO 2A 7,96 <50 289
MDTR06 7,00 <50 60
P RSU2 7,77 <50 244
MDTR08 10,36 <50 596

Le misure piezometriche dai fori di sondaggio effettuati nel corso della campagna di indagine
preliminare, permisero, invece, la stima del battente di percolato, risultato di circa 4 m dal
fondo nell’area interessata dalla linea ferroviaria, ed il relativo dimensionamento della rete di
drenaggio che consentì lo svolgimento delle operazioni di scavo in condizioni di sicurezza per
gli operatori. Nel corso della stessa campagna preliminare, furono condotte anche un’indagine
granulometrica e merceologica sui campioni di rifiuto prelevati nell’area oggetto
dell’intervento al fine di ottenere informazioni necessarie alla valutazione dei materiali
ottenibili e delle possibilità di utilizzo degli stessi, alla definizione delle linee di trattamento
meccanico, alla stima dei volumi residui da ridepositare in discarica e all’individuazione delle
misure da adottare durante le operazioni di rimozione dei rifiuti.

I risultati evidenziarono come le frazioni grossolane fossero costituite principalmente da


materiali plastici, cellulosici e da inerti, rilevati in discreta quantità. Il sottovaglio a 50 mm,
nel quale sono contenute le percentuali maggiori di frazione organica putrescibile, si dimostrò
la frazione preponderante, rilevandosi nell’area oggetto di intervento in percentuale (in peso)
variabile tra il 55% e il 67%. Questo risultato è in linea con quanto rilevato in precedenti
esperienze di LFM riportate in letteratura (Cossu et al., 1995). Nelle Figure 4.8 ÷ 4.11 sono
sintetizzati i risultati ottenuti dall’indagine granulometrica e merceologica per le discariche
RSU3 e RSU2, oggetto dell’intervento.

51
100 100
90 90
80 3At1-5 80
70 70

% passante
2Bt4,5-6
% passante

3At5-10
60 60
50 3Ct1-5 50
40 40
3Ct-5-10
30 30
3Et1-5 20 2Bt6-10
20
10 3Et5-10 10
0 0
200 100 75 60 50 40 25 20 10 200 100 75 60 50 40 25 20 10
d (mm) d (mm)

Figura 4.8. Percentuale di passante dei Figura 4.9. Percentuale di passante dei
campioni prelevati dai sondaggi 3At, 3Ct, 3Et campioni prelevati dal sondaggio 2Bt in
in relazione alla spaziatura tra le maglie φ(mm) relazione alla spaziatura tra le maglie φ(mm)
dei vagli adottati (Discarica RSU3). dei vagli adottati (Discarica RSU2).

20% 14%
materiali cellulosici
materiali plastici
21% materiali metallici
inerti
20 mm<d<50 mm
35% 3% sottovaglio <20 mm
7%

Figura 4.10. Frazioni in peso delle classi merceologiche evidenziate nei sei campioni provenienti dalla
RSU3.

3% 6% 3%
materiali cellulosici
materiali plastici
48% 21%
materiali metallici
inerti
20 mm<d<50 mm
sottovaglio <20 mm
19%

Figura 4.11. Frazioni in peso delle classi merceologiche evidenziate nei due campioni provenienti
dalla RSU2

52
Operazioni di Landfill Mining
Durante le operazioni di scavo è stato condotto il monitoraggio della zona tramite analisi in
continuo del gas estratto e prelievi di solido e gas per più accurate analisi di laboratorio. La
sequenza degli scavi è stata definita in funzione dell'esito dei carotaggi effettuati nella fase
preliminare e della tipologia dei rifiuti rilevati: in particolare, si è proceduto intervenendo su
sotto-aree (moduli), perseguendo ovviamente il concetto di escavazione in arretramento verso
il nuovo settore di deposito (lato Sud) e verso l’impianto di selezione presso cui sono state
adibite tutte le aree di stoccaggio dei materiali scavati.

La geometria e la dimensione dei moduli sono state definite sulla base di considerazioni
legate alle modalità operative adottate. Considerando, cioè, la potenzialità dell’impianto di
selezione (500-600 t/d) e la capacità di rimozione giornaliera dei mezzi escavatori (che nelle
specifiche condizioni ambientali possono agevolmente rimuovere un’analoga quantità), è stata
stimata la produzione giornaliera e mensile di rifiuti scavati (10.000 t/mese). Da qui, fissata
una densità del materiale estratto pari a circa 1 t/m3, si è definito un modulo operativo
standard mensile (MOS) di forma rettangolare, con dimensioni di 70 m di lunghezza, 30 m di
larghezza e 5 m di profondità, contenente 10.000 t di rifiuti. La profondità di 5 metri è stata
imposta dai vincoli geometrici dell’escavatore (lunghezza dello sbraccio) e dalla morfologia
della trincea, che presentava una banca intermedia proprio alla profondità media di – 5 metri
dal p.c.. Questo calcolo ha permesso di stimare a priori la durata totale dell’intervento,
prevedendo la realizzazione di 16 moduli ed altrettanti mesi lavorativi.

La sequenza di scavo in questo progetto è stata individuata, sia in senso planimetrico che in
senso altimetrico. La disposizione dei moduli ha seguito, infatti, in una prima fase di scavo
più superficiale, una sequenza Ovest-Est con assetto longitudinale del singolo modulo in
direzione Nord-Sud (lato lungo trasversale all’asse della trincea), mentre in una seconda fase
più profonda, l’assetto longitudinale dei moduli ha seguito una progressione da Est verso
Ovest (questa volta il lato lungo dei moduli parallelo all’asse della trincea). Prima di
approfondire lo scavo il modulo è stato messo in condizioni di sicurezza attraverso un
intervento di aerazione in situ, avvenuto in due fasi:
- nella prima fase, propedeutica allo scavo, l’insufflazione d’aria ha avuto la funzione
principale di stabilizzare la sostanza organica putrescibile (ancora presente nei rifiuti
destinati ad essere rimossi) e di rimuovere il biogas presente;

53
- nella seconda fase, avviate le operazioni di scavo, i pozzi centrali di insufflazione sono
stati progressivamente disattivati in funzione della progressione per moduli dello scavo.
A scavo aperto, infatti, l’aspirazione laterale ha continuato ad essere attiva e l’aria non è
stata più insufflata ma direttamente aspirata dall’atmosfera (Figura 4.12).

Prima di procedere allo scavo sono state, inoltre, eseguite sia delle prove penetrometriche, al
fine di individuare eventuali depositi di fanghi nell’area di intervento, che test respirometrici
su campioni di rifiuto, per verificare il grado di stabilità biologica raggiunto in seguito
all’intervento di aerazione. Sin dall’inizio dei lavori di asportazione dei rifiuti sono stati
predisposti ed attivati circa 40 pozzi di drenaggio del percolato della profondità di circa 10-12
metri e ubicati sui due lati esterni della trincea, con la funzione di drenare verso il basso
eventuali sacche sospese di percolato durante la fase di asportazione dei volumi di rifiuto più
superficiali. Gli stessi sono stati attrezzati con pompe di sollevamento una volta iniziata
l’asportazione dei volumi di rifiuto più profondo, laddove era attesa una maggior presenza di
percolato da allontanare dalla zona di scavo.

Aria dallo scavo aperto Dai pozzi di insufflazione


esterni allo scavo

Figura 4.12. Schema dell'aspirazione dell'area dallo scavo aperto realizzato nella discarica di Modena.

Durante le operazioni di rimozione dei rifiuti, sono state realizzate, contemporaneamente


all’avanzamento dello scavo, due trincee drenanti posizionate al piede delle scarpate, al fine di
intercettare il percolato formatosi durante l’intervento. Questo sistema di drenaggio (illustrato
nella Figura 4.13) ha fatto in modo che le operazioni di scavo siano avvenute in condizioni di
sicurezza per gli operatori e in “condizioni asciutte”. Le operazioni di scavo sono state
condotte attraverso l’ausilio di un mezzo escavatore e di una pala cingolata (vedi Figura 4.14).
Il materiale rimosso dall'escavatore veniva ripreso dalla pala e depositato nel cassone di un

54
dumper per essere trasportato all'area di stoccaggio, con funzione di polmone per
l'alimentazione per l'impianto di selezione. L'accumulo è stato dimensionato per un volume di
12.000 m3, atto a far fronte a circa 10 giorni di eventuale fermata dell'impianto. Il calcolo è
stato fatto considerando una produzione giornaliera di rifiuti di 500t/d ed un peso di volume
di 0,4 t/m3, come conseguenza dell'aumento di volume dovuto alla movimentazione del
materiale.

Durante lo scavo della parte di rifiuto più profonda e quindi più umida, il materiale è stato
stoccato su aree di drenaggio per una sua naturale disidratazione. In caso di pioggia il cumulo
veniva rivestito da un telone in goretex, impermeabile all'acqua ma non al vapore acqueo.
Tutte le aree di stoccaggio sono state ubicate in prossimità dell'impianto di selezione
composto da una sezione adibita a triturazione del materiale ed una successiva di vagliatura.

Drenaggi laterali allo scavo


Percolato ai pozzetti
Pozzi di drenaggio verticale di raccolta della discarica

Attraversamento Discarica RSU3 Discarica RSU2

Trincea di drenaggio
alloggiata nel cavo Minutara

Figura 4.13. Schema dei drenaggi del percolato lungo la trincea di attraversamento delle due
discariche.

55
Figura 4.14. Operazioni di scavo e rimozioni di rifiuti nella discarica di Modena.

Sulla base dei risultati delle indagini merceologiche condotte nella fase preliminare,
l’obiettivo dell'impianto di selezione era sostanzialmente quello di produrre due flussi: un
materiale fino, ad alta concentrazione di sostanza organica stabilizzata da impiegare per le
coperture superficiali ed eventuale supporto di impianti vegetali, ed un materiale grossolano
da ridepositare in un’area di discarica appositamente approntata. Le unità operative
dell’impianto sono riportate graficamente nella Figura 4.15. Il vaglio utilizzato è di tipo
trommel. Nelle Figure 4.16 e 4.17 vengono riportate le foto della frazione fine e della frazione
grossolana separate nell’impianto.

Ricircolo

Membrana in Goretex
Trituratore Vaglio 20 mm Frazione grossolana
+
Essiccazione _

Materiale per in
Sottovaglio Conferimento
livellazioni e
riempimenti area di
un’apposita
discarica

Materiale per copertura


e supporto impianti
vegetali

Figura 4.15. Schema di selezione per i rifiuti scavati utilizzato nel LFM della discarica di Modena e
destinazione dei flussi separati.

56
Figura 4.16. Frazione fine separata nell’impianto di selezione dai rifiuti scavati durante l’intervento di
LFM della discarica di Modena.

Figura 4.17. Frazione grossolana separata nell’impianto di selezione dai rifiuti scavati durante
l’intervento di LFM della discarica di Modena.

57
4.2.4 Discarica di Campodarsego (Padova)
La discarica per rifiuti solidi urbani sita in località S. Andrea di Campodarsego (PD), sorge su
una zona di ex cave d’argilla abbandonate. L’attività di smaltimento è iniziata verso la fine
degli anni ’70 su una porzione di esse.

La discarica è suddivisa in due lotti di coltivazione distinti. Il primo, che rappresenta la


vecchia discarica, riflette la situazione tipica delle discariche costruite prima dell’entrata in
vigore del D.P.R. 915/82: inizialmente, infatti, non era dotato né di un sistema di
impermeabilizzazione di fondo, né di sistemi per la captazione del percolato e del biogas.
Solo successivamente sono stati installati dei pozzi per la raccolta del percolato e per la
captazione del biogas. Si tratta, quindi, di un impianto che non offre le migliori garanzie di
tutela ambientale. Il secondo lotto, invece, è stato modernamente progettato e dotato di presidi
ambientali. L’esistenza di conclamate evidenze di inquinamento della falda dovute alla
presenza della discarica, ha spinto la Regione Veneto a stanziare nel 2003 dei finanziamenti
per la realizzazione di un Progetto di Bonifica Ambientale finalizzato alla minimizzazione
dell’impatto residuo dovuto alla vecchia discarica. Scopo finale, la ricomposizione ambientale
e riqualificazione territoriale dell’area.

Al fine di poter procedere alla redazione del progetto sono state eseguite a cura del
Dipartimento IMAGE dell’Università di Padova, in collaborazione con la Società Spinoff srl,
una serie di indagini specialistiche necessarie ad acquisire gli elementi conoscitivi per la
progettazione. Dai risultati delle indagini e degli studi svolti risultò che i rifiuti depositati in
discarica erano ancora altamente putrescibili e che la presenza del battente di percolato
nell’ammasso di rifiuti poteva creare problemi per la contaminazione in falda, in modo
particolare per l’ammoniaca, parametro persistente per lungo tempo in ambiente anaerobico.
Si è deciso, quindi, di procedere ad una messa in sicurezza della vecchia discarica tramite la
stabilizzazione aerobica dei rifiuti depositati mediante insufflazione di aria e l’aspirazione del
percolato presente entro il corpo rifiuti ottenendo un deciso miglioramento nella qualità delle
emissioni. Successivamente, si era pensato alla possibilità di completare l’intervento
attraverso un’operazione di rimozione e trattamento dei rifiuti scavati (LFM) finalizzata non
solo alla eliminazione della fonte di contaminazione (rifiuti), ma anche alla ricomposizione
ambientale e riqualificazione territoriale dell’area attraverso la creazione di nuove morfologie
paesaggistiche in funzione di una predefinita destinazione d’uso (parco multifunzionale per
diverse attività di tipo culturale e ricreativo).

58
Le indagini di caratterizzazione preliminari svolte dal Dipartimento IMAGE nel 2002 hanno
avuto come obiettivo finale la valutazione, quindi, della fattibilità dell’intervento di LFM
proposto. In particolare, al fine di effettuare una prima stima sulla quantità in peso e volume
delle frazioni potenzialmente ottenibili, è stata condotta un’analisi merceologica e
granulometrica (eseguita secondo il metodo messo a punto dal Dipartimento IMAGE) su n. 2
campioni di rifiuto prelevati dalle trivellazioni di due pozzi (P1 e P3). Nella Tabella 4.2 viene
riportato il peso delle frazioni merceologiche per i due campioni considerati. L’indagine ha
coinvolto circa 300 kg di rifiuto per sondaggio.

Nella Figura 4.18 si evidenziano in forma grafica le frazioni in peso delle varie classi
merceologiche indagate. Si nota che la frazione preponderante è rappresentata dal sottovaglio
a 20 mm, ovvero dalla frazione fine, la quale rappresenta il 62-63% in peso del campione
analizzato, confermando quanto risulta da esperienze precedentemente condotte riportate in
letteratura (Cossu et al., 1995). In essa è contenuta una grossa componente di materiale
terroso-argilloso: questo risultato è di estrema importanza per la scelta del tipo di post-
trattamento da effettuare sul rifiuto scavato e per una stima dei quantitativi di rifiuti
eventualmente riutilizzabili all’interno della discarica nell’ambito del Progetto di
ricomposizione ambientale.

Tabella 4.2. Peso delle frazioni merceologiche nei singoli sondaggi.


P1 P3
TOTALE NETTO (kg) TOTALE NETTO (kg)
mat.cellulosici 19 4,7
materie plastiche 38,6 46,7
mat.metalliche 3,4 3,8
vetro ed inerti 40,4 57,9
organico 3,8 5,6
tessili 13,8 9,8
sottovaglio (<20mm) 200 212,5
SOMMA 319 341

59
SONDAGGIO P1

12%
6%

1%

13%
63% 1%
4%

SONDAGGIO P3

1%
14%
1%

17%

62%
2%
3%

mat.cellulosici materie plastiche mat.metalliche vetro ed inerti


organico tessili sottovaglio (<20mm)

Figura 4.18. Frazioni in peso delle classi merceologiche evidenziate nei due campioni.

Le materie plastiche rappresentano una frazione in peso piuttosto rilevante del rifiuto scavato.
Ne consegue che, visto il basso peso specifico ad esse associato, un’eventuale bonifica della
discarica mediante la tecnica del LFM consentirebbe di recuperare un notevole volume
disponibile per il conferimento di nuovi rifiuti. Inoltre, una percentuale elevata di materie
plastiche, tessili, legno e carta garantisce l’ottenimento di una frazione ad elevato potere
calorifico che potrà essere utilizzata come CDR cioè come combustibile da avviare a
termovalorizzazione.

Sulla base dei risultati delle suddette indagini, si è proposto di gestire nel modo seguente i
materiali ottenuti dal trattamento meccanico dei rifiuti scavati presso la discarica di
Campodarsego:

− frazione combustibile, composta da carta, cartone, plastiche, legno e tessuti. I componenti


di tale frazione si ritrovano soprattutto nelle parti a più elevata granulometria, separabili
dagli altri rifiuti come sopravaglio (a 60 mm). Tale frazione è caratterizzata da elevato
potere calorifico, quantificabile intorno alle 3000-5000 kcal/kg: può essere

60
convenientemente utilizzata come CDR per il recupero di energia. Il progetto di bonifica
con LFM ha previsto delle aree di stoccaggio temporaneo per tale frazione, dotate di
impermeabilizzazione di fondo e di un sistema di drenaggio del percolato;

− metalli ferrosi, che rappresentano piccole quantità da avviare a riciclaggio in fonderia;

− frazione fine, composta prevalentemente dalla frazione a maggiore contenuto di sostanza


organica e dal materiale utilizzato per la copertura (sottovaglio a 20 mm). A seguito del
trattamento di stabilizzazione in situ tale frazione si presenta ben mineralizzata e può
essere utilizzata, previa caratterizzazione secondo il D.Lgs.152/2006, come materiale di
copertura e di riempimento di depressioni nell’ambito della modellazione del parco
previsto nel progetto di ricomposizione ambientale dell’area;

− inerti, quali pietre o vetro, i quali possono essere utilizzati per il drenaggio del percolato,
stesi sopra lo strato drenante di ghiaia di fondo nelle aree di stoccaggio del CDR grezzo e
della frazione residua,;

− frazione residua (rigetto), da ridepositare temporaneamente in discarica in aree


appositamente impermeabilizzate e dotate di un sistema di drenaggio del percolato, e da
utilizzare successivamente per la rimodellazione morfologica dell’area.

I risultati dell’ analisi granulometrica eseguita sui rifiuti provenienti dai due sondaggi sono
riassunti in Tabella 4.3, dove è riportato sia il peso netto trattenuto in kg sia la frazione netta
di materiale passante nei singoli vagli. Dall’esame dei dati si rileva come la percentuale di
sottovaglio a 20 mm superi il 60%. In questa frazione si è distinta in maniera evidente la
presenza di materiale di copertura giornaliera a forte componente argillosa.

Tabella 4.3. Peso netto trattenuto (kg) e frazione passante (%) nei vagli di diametro ∅ (mm) dei rifiuti
prelevati dalla trivellazione dei pozzi P1 e P3.

Φ P1 P3
Peso netto Frazione passante Peso netto Frazione passante
trattenuto (kg) (%) trattenuto (kg) (%)
20 7 62,6 8,3 62,3
25 19,7 64,8 20,4 64,7
40 8 71,0 7,2 70,7
50 10,6 73,5 13,3 72,8
60 8,1 76,8 13,4 76,7
75 13,3 79,4 8,3 80,6
100 52,3 83,6 57,6 83,1

61
In Figura 4.19 sono riportate le curve granulometriche dei due campioni analizzati. Le due
curve presentano un andamento molto simile; la quantità globale di materiale esaminato
(superiore ai 600 kg) è rappresentativa dell’ammasso rifiuti contenuto nella discarica.

Le distribuzioni granulometrica delle varie componenti merceologiche sono riportate nella


Figura 4.20. L’analisi dei dati porta a concludere che le frazioni grossolane sono costituite
principalmente da carta, plastica e tessili, mentre le frazioni fini sono costituite principalmente
da vetro ed inerti. L’organico e le materie metalliche non costituiscono un campione
rappresentativo, visto il scarso peso che costituiscono; basta infatti un campione di metallo di
dimensioni elevate per falsare il grafico. In ogni caso per completezza dell’analisi compiuta
sono state riportate le curve granulometriche per l’organico e per le materie metalliche.

SONDAGGIO P3
SONDAGGIO P1

90
90
80
80
70 70

60 60
% passante
% passante

50 50

40 40
30 30
20 20
10 10
0 0
20 25 40 50 60 75 100 20 25 40 50 60 75 100
diametro vagli (mm) diametro vagli (mm)

Figura 4.19. Curve granulometriche dei rifiuti prelevati dal sondaggio P1 e P3. La percentuale di
materiale passante è riportata in relazione alla spaziatura φ (mm) tra le maglie dei vagli
adottati.

62
SONDAGGIO P1

120

100

80

% passante
60

40

20

0
20 25 40 50 60 75 100
dimensione vaglio (mm)

SONDAGGIO P3

90
80

70
60

% passante
50
40
30

20
10
0
20 25 40 50 60 75 100
dimensione vaglio (mm)

materiale cellulosico materie plastiche materie metalliche vetro ed inerti organico tessile

Figura 4.20. Distribuzione granulometrica delle categorie merceologiche nei rifiuti prelevati dai
sondaggi P1 e P3. La percentuale di materiale passante è riportata in relazione alla
spaziatura φ (mm) tra le maglie dei vagli adottati.

Sulla base dei risultati ottenuti dall’indagine merceologica e granulometrica è stato pensato
l’impianto di trattamento meccanico dei rifiuti scavati riportato in Figura 4.21. In particolare, i
dati ottenuti hanno permesso di effettuare una stima sulla percentuale in peso delle frazioni
separabili in seguito ai trattamenti e di risalire, quindi, ai quantitativi giornalieri in uscita. La
potenzialità dell’impianto di selezione pari a 130 t/d è stata determinata considerando la
quantità di rifiuti depositata sulla vecchia discarica (pari a 292.500 t, corrispondente ad un
analogo volume in m3 se si valuta il peso di volume pari a 1 t/m3) e fissando una durata
complessiva dell’intervento di 7,5 anni. Per quanto riguarda la frazione di vetro e inerti con
pezzatura superiore a 80 mm, secondo le analisi merceologiche eseguite sul rifiuto scavato nel
2002 è pari al 3,5%; considerando, però, che in testa all’impianto è previsto un trituratore

63
prima della vagliatura e data la fragilità del vetro, si presume che la frazione di vetro e inerti >
80 mm sia inferiore e quindi viene assunta pari al 2,5%.

Dallo schema di flusso riportato nella Figura 4.21 si sono ottenute le quantità prodotte nei 7,5
anni di intervento (Figura 4.22). Nella Tabella 4.4 si sono determinati i volumi dei diversi
flussi di materiali in uscita dall’impianto di trattamento, partendo dalle quantità in peso
prodotta ed assumendo per ciascuna le densità. Nel caso specifico della discarica di
Campodarsego, l’intervento di LFM porterebbe al recupero di risorse e riciclabili (materiali
metallici) e di risorse riutilizzabili nell’ambito del ripristino ambientale dell’area (frazione
fine, vetro e inerti, frazione residua) o a fini energetici (CDR grezzo). La scelta della gestione
dei flussi ottenibili è stata tale da minimizzare la quantità residua di materiale da ridepositare
in discarica, e massimizzando il recupero totale di volume: così facendo, si è stimato che alla
fine dell’intervento, il recupero totale di volume risulterebbe pari a circa il 75% dell’attuale
rifiuto depositato.

19,5 t/d
(15%)
metalli
1,3 t/d Pressa
CDR grezzo
(1%)
130 t/d
(100%)

Separatore
Trituratore Separatore Vaglio rotante
eolico
magnetico 80 mm 22,7 t/d
(17,5%)

106 t/d
vetro e inerti 3,2 t/d
(81,5%) (2,5%)

Vaglio a dischi 25,4 t/d


frazione residua
20 mm (19,5%)

80,6 t/d
frazione fine
(62%)

Figura 4.21. Schema a blocchi della linea di trattamento dei rifiuti scavati dalla vecchia
discarica di Campodarsego e flussi di materiali.

64
fine
stabilizzato
RICICLAGGIO
Landfill mining

t
0
MATERIALI
discarica

35
t rigetto

1.
0
15

18
. 2.925 t
57
Trattamento 2.925 t metalli
292.500 t rifiuti scavati 43.
875
t Sopravaglio Recupero energia
80 mm

7.
20
(CDR grezzo)

0
t
43.875 t

Vetro e
inerti MODELLAZIONE E
COPERTURA FINALE
DELLA NUOVA DISCARICA

238.500 t

Drenaggio di base

7.200 t

Figura 4.22. Schema a blocchi relativo ai quantitativi (tonnellate nel periodo di 7,5 anni) delle varie
frazioni ottenibili e loro destinazioni.

Tabella 4.4. Volumi delle varie frazioni in uscita dall’impianto di trattamento meccanico.
m3 tot in
uscita / m3
Frazioni in uscita t in t in m3 in m3 tot
densità m3 al giorno attualmente
dall’impianto 1 anno 7,5 anni 1 anno nei 7,5 anni
depositati
[%]
Frazione fine
24.180 181.350 1,5 53,7 16.120 120.900 41
< 20 mm
CDR grezzo 5.850 43.875 0,6 32,5 9.750 73.125 25
Scarto
7.620 57.150 1 25,4 7.620 57.150 20
tra 20 e 80 mm
Vetro e inerti 960 7.200 1 3,2 960 7.200 2
Metalli 390 2.925

4.2.5 Discarica in Italia nord-occidentale


Nel presente paragrafo verranno discussi i risultati di una serie di indagini di caratterizzazione
condotte in una discarica in Italia nord-occidentale, caratterizzata dalla presenza di vecchi lotti

65
da tempo esauriti e da lotti ancora in esercizio, in vista di un eventuale applicazione di un
intervento di LFM.

La discarica presenta rilevanti problemi territoriali ed ambientali che ne giustificano


ampiamente una radicale bonifica. Tali problemi sono così riassumibili:
− la discarica configura, con la sua sola presenza, una grave distonia funzionale e
paesaggistica con il territorio circostante;
− la discarica crea un insormontabile vincolo allo sviluppo urbanistico e territoriale di
un’area funzionalmente complessa e di grande valenza strategica per la riqualificazione
ambientale della zona di accesso al centro abitato. Qui, i centri commerciali e di
insediamenti alberghieri di nuova costruzione risultano fortemente interessati dagli odori
provenienti dalla discarica e dall’adiacente impianto per la depurazione delle acque
reflue;
− la discarica sorge su un’area ambientalmente sensibile ed altamente vulnerabile, essendo
ubicata in riva ad un fiume a regime torrentizio che è stato interessato negli ultimi 15 anni
da rilevanti aumenti delle portate, conseguenti ad eventi meteoclimatici particolari:
nell’anno 2000 un’importante esondazione ha interessato anche le aree limitrofe alle
discariche);
− alcuni settori della discarica sono privi di adeguati sistemi di impermeabilizzazione;
− anche le impermeabilizzazioni, presenti nei più recenti settori di scarico, sono destinate a
perdere la loro efficienza nel tempo, in un tempo inferiore comunque al tempo di impatto
della discarica;
− la discarica è di tipo tradizionale e prevede il deposito dei rifiuti tal quali, quindi con un
rilevante contenuto di sostanza organica putrescibile; questa è tale da determinare
produzioni di percolato e di biogas che si protraggono per tempi molto lunghi,
dell’ordine, per alcuni parametri quali l’ammoniaca, di centinaia d’anni;
− le acque sotterranee presentano già segni di contaminazione da ricondursi alla presenza
nella zona di discariche non impermeabilizzate precedenti alla realizzazione degli attuali
lotti in esercizio: tale contaminazione nelle attuali condizioni è destinata ad acuirsi nel
tempo;
− la discarica si sviluppa prevalentemente in rilevato, con pendenze di ragguardevole entità.
In queste condizioni possono registrarsi, soprattutto in presenza di forti piogge o di

66
esondazioni, significativi fenomeni di instabilità meccanica con rischio di franamenti e di
trasporto di rifiuti e di percolato verso il fiume.

Oltre a queste considerazioni di carattere territoriale ed ambientale è opportuno sottolineare


come la normativa italiana sulle discariche (D.Lgs.36/03) impone una gestione post-operativa
di almeno 30 anni, e comunque di durata tale che la discarica non crei più problemi per
l’ambiente. Nell’attuale situazione, la discarica potrebbe necessitare di tempi secolari per il
raggiungimento di tale obiettivo. Con le considerazioni economiche, amministrative, legali,
sociali, etiche e politiche che ciò può significare.

In questo contesto, la proposta di eseguire una bonifica della discarica attraverso un intervento
di LFM, è apparsa l’alternativa più efficace per risolvere le problematiche ambientali e
territoriali dalla stessa imposte. In particolare, è stata considerata, insieme all’ipotesi di LFM,
anche la possibilità di un successivo invio a recupero energetico per via termica delle frazioni
combustibili selezionate meccanicamente. Tale soluzione di intervento da un lato consente il
recupero di frazioni ad elevato potere calorifico e dall’altro permette il risanamento dell’area,
il recupero del territorio e la sua riqualificazione funzionale e ambientale. Nel caso specifico,
inoltre, come verrà meglio approfondito in seguito, risulta interessante inviare a recupero
energetico anche la frazione fine (sottovaglio a 20 mm) pur presentando un potere calorifico
medio –basso.

Per ottenere, quindi, importanti elementi conoscitivi in vista di un’eventuale applicazione


della tecnica del Landfill Mining, tra il settembre 2008 e l’aprile 2009 è stata condotta nella
discarica in esame una campagna di indagini di caratterizzazione. In particolare, sono state
eseguite le seguenti indagini: indagine geognostica, indagine geofisica; indagine sui rifiuti;
indagine sulla qualità del percolato; indagine idraulica; indagine geotecnica. Sono stati
effettuati, inoltre, una serie di test di aerazione in situ, al fine di verificare la fattibilità di tale
tecnologia come pretrattamento dei rifiuti in situ finalizzato alla loro stabilizzazione
biologica. Per quanto riguarda l’indagine sui rifiuti, questa ha permesso di acquisire degli
elementi conoscitivi utili a definire le caratteristiche qualitative degli stessi e la quantità delle
frazioni merceologiche caratterizzate da un buon potere calorifico inferiore (tessili – legno,
carta – cartone, plastica, i quali compongono la frazione considerabile come CDR)
recuperabili in seguito all’eventuale applicazione della tecnica del Landfill Mining.

67
Tale indagine è consistita nell’esecuzione di un’analisi merceologica e granulometrica su
campioni prelevati durante le trivellazioni dei pozzi di aerazione del campo prove dei test di
aerazione in situ, e di una serie determinazioni analitiche su campioni di rifiuto estratti
durante l’esecuzione dei sondaggi geognostici. Al fine di approfondire alcuni aspetti della
caratterizzazione, è stato necessario effettuare, inoltre, alcune indagini integrative su nuovi
campioni di rifiuto. Esse sono consistite nell’esecuzione di un’analisi merceologica e
granulometrica e nella determinazione analitica del potere calorifico inferiore (PCI) delle
classi merceologiche considerate.

Per quanto riguarda l’analisi merceologica e granulometrica condotta nel novembre 2008,
dall’esame dei dati ottenuti, riportati in Tabella 4.5 e in Figura 4.23, si rileva che in tutti i
campioni analizzati la frazione nettamente preponderante è rappresentata dal “materiale non
definibile merceologicamente”, la cui percentuale (in peso) varia tra il 48,8%-57,1%. Si
osserva una percentuale significativa di plastica (variabile tra il 13,4% e il 27,4%), una
percentuale discreta di tessili - legno (variabile tra 1% e il 10,8%), carta-cartone (variabile tra
il 4,1% e il 4,8%) e materiali inerti (variabile tra il 4,1% e il 14,1%), una percentuale
relativamente bassa di metalli (variabile tra il 1,8% e il 3,5%). Si osserva come la percentuale
di sottovaglio a 20 mm sia relativamente bassa, variabile tra 2,8% e 9,7%, soprattutto se
confrontata con i dati reperibili in letteratura relativi ad esperienze di LFM finora condotte
(Cossu et.al 1995). Questo è attribuibile al fatto che dalle trivellazioni è stato estratto del
rifiuto caratterizzato da un elevato grado di umidità e, probabilmente, la maggior parte del
materiale fine costituente il sottovaglio è rimasta adesa alle particelle di dimensioni maggiori,
contribuendo a formare quella che è stata indicata come la “frazione non definibile
merceologicamente”.

Nell’indagine effettuata, i valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti
analizzati evidenziano una percentuale media complessiva (in peso) del 30% circa di frazioni
merceologiche caratterizzate da un buon potere calorifico inferiore (plastica, carta – cartone,
tessili – legno). Esse compongono una frazione considerabile come CDR (Combustibile
Derivato dai Rifiuti).

68
Tabella 4.5. Valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti analizzati (novembre
2008).

I trivellazione II trivellazione III trivellazione Valori medi


Tessili - Legno 1,0% 2,2% 10,8% 4,7%
Carta - Cartone 4,1% 4,8% 4,7% 4,6%
Plastica 27,4% 20,1% 13,4% 20,3%
Metalli 3,5% 2,1% 1,8% 2,4%
Materiale inerte 4,1% 14,1% 10,7% 9,6%
Materiale non def. merc. 57,1% 48,8% 48,9% 51,6%
Sottovaglio 20 mm 2,8% 8,0% 9,7% 6,8%

6,8% 4,7% 4,6%

20,3%

2,4%

51,6%
9,6%

Tessili - Legno Carta - Cartone Plastica


Metalli Materiale inerte Materiale non def. merc.
Sottovaglio 20 mm

Figura 4.23. Rappresentazione dei valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti
analizzati (novembre 2008).

La distribuzione granulometrica media (Figura 4.24) indica che le frazioni più grossolane del
rifiuto sono costituite principalmente da carta-cartone, plastica, e da legno-tessili, mentre le
frazioni fini sono composte per la maggior parte dal materiale costituente la “frazione non
definibile merceologicamente”e in, minor misura, da materiale inerte.

I risultati ottenuti dall’analisi merceologica e granulometrica condotta nel novembre 2008


evidenziano la notevole eterogeneità dei rifiuti depositati nei lotti in coltivazione (sotto
indagine) ed un elevato e disomogeneo stato di umidità degli stessi, molto dissimile da quello
che si avrebbe a seguito della stabilizzazione aerobica dei rifiuti preliminare all’eventuale
intervento di bonifica della discarica attraverso Landfill Mining.

69
100
90
80
70 Tessili - Legno
% Passante

60 Carta - Cartone
50 Materiale plastico
40
Metalli
30
Materiale inerte
20
Materiale non def.
10
merc.
0
200 100 50 40 30 20
Diametro vaglio [mm]

Figura 4.24. Distribuzione granulometrica media dei rifiuti prelevati dai lotti in coltivazione (indagine
novembre 2008).

Da qui la necessità di eseguire un’analisi merceologica e granulometrica integrativa, condotta


nel marzo 2009 secondo il metodo messo a punto dal Dipartimento IMAGE (Università di
Padova), su campioni di rifiuto preventivamente asciugati all’aria aperta al fine di abbassarne
il grado di umidità, simulando le condizioni che si avrebbero con l’applicazione
dell’aerazione in situ. Sui campioni così trattati è stato possibile procedere, quindi, ad una
classificazione merceologica più rappresentativa: tale operazione ha, infatti, consentito di
classificare merceologicamente anche la parte di trattenuto che era stata definita come
“frazione non definibile merceologicamente”.

I valori medi ottenuti per ciascuna componente merceologica nei campioni di rifiuto prelevati
alle varie profondità sono riportati in Tabella 4.6 e rappresentati in Figura 4.25. I risultati
ottenuti evidenziano che la frazione nettamente preponderante in tutti i campioni analizzati è
costituita dal sottovaglio a 20 mm, la cui percentuale in peso varia tra il 44,9% e il 58,9%.
Tale risultato conferma che esso costituisce in maniera prevalente la “frazione non definibile
merceologicamente”, e si rimette in linea con i valori reperibili in letteratura relativi alla
percentuale in peso di frazione fine nei rifiuti depositati.

70
Per quanto riguarda le altre frazioni merceologiche, si osserva una buona corrispondenza con i
valori medi ottenuti nelle precedenti analisi merceologiche effettuate (Tabella 4.7): per la
discarica in esame, quindi, la frazione di CDR recuperabile con il Landfill Mining si attesta
intorno al 30-35% circa.

Tabella 4.6. Valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti prelevati dalle
trivellazioni A, B, C (marzo 2009).
Valori
Trivellazione A Trivellazione B Trivellazione C
medi
Tessili 2,8% 3,7% 4,3% 3,6%
Legno 1,3% 1,8% 2,2% 1,7%
Carta - Cartone 3,5% 1,5% 3% 2,7%
Plastica 19,7% 26,4% 31% 25,7%
Metalli 3% 2,8% 3,7% 3,2%
Materiale inerte 10,8% 12% 10,9% 11,2%
Sottovaglio 20 mm 58,9% 51,8% 44,9% 51,9%

25,7%

2,7%
51,9%
3,6%
1,7%

3,2%
11,2%

Plastica Carta - Cartone Tessili Legno Metalli Inerti Sottovaglio 20 mm

Figura 4.25. Rappresentazione dei valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti
estratti dalle trivellazioni A, B, C.

71
Tabella 4.7. Valori medi ottenuti per le componenti merceologiche nei rifiuti depositati nei lotti in
coltivazione nelle campagne di indagine effettuate (novembre 2008, marzo 2009).

Valori medi Valori medi


analisi novembre 2008 analisi marzo 2009
Tessili - Legno 4,7% 5,3%
Carta - Cartone 4,6% 2,7%
Plastica 20,3% 25,7%
Metalli 2,4% 3,2%
Materiale inerte 9,6% 11,2%
Sottovaglio 20 mm 58,4%* 51,9%

(*) Si è considerato per il sottovaglio il valore pari alla somma della “frazione non definibile
merceologicamente” e del sottovaglio stesso.

Nell’ottica di un eventuale intervento di bonifica della discarica attraverso Landfill Mining e


del successivo invio a recupero energetico per via termica delle frazioni combustibili
selezionate meccanicamente, è risultato d’interesse effettuare la determinazione del potere
calorifico inferiore (PCI), relativo alle categorie merceologiche identificate nei campioni di
rifiuto prelevati nel corso della campagna effettuata nel marzo 2009.

L’elaborazione dei risultati acquisiti ha permesso di calcolare per ciascuna delle frazioni
merceologiche analizzate, i valori medi del PCI, riportati in Tabella 4.8 insieme ai
corrispondenti valori di umidità media rilevati. Da essi risulta un valore medio pesato del PCI
della miscela delle frazioni merceologiche combustibili, comprendendo tra queste anche
quelle a medio – basso potere calorifico come il sottovaglio, di 7.535 kJ/kg, ovvero 1.800
kcal/kg. I calcoli sono stati effettuati considerando una durata dell’intervento di 25 anni ed
una quantità totale di rifiuti rimossi pari a 1.910.650 t, equivalenti a 1.855.000 m3.
Considerando che il PCI secco del sottovaglio varia tra 6.280 e 7.535 kJ/kg (ovvero tra 1.500
e 1.800 kcal/kg), il PCI complessivo della miscela, a seguito dell’aerazione in situ che ridurrà
l’umidità del sottovaglio, risulterà più alto.

Valutando l’ipotesi di avviare a recupero energetico anche il sottovaglio, quindi, la quantità


complessiva della frazione combustibile risulta di 1.635.516 t di rifiuti, pari all’85,6% dei
rifiuti depositati in discarica. Nel caso contrario, il PCI medio dei rifiuti in ingresso
all’impianto risulterebbe pari a 13.563 kJ/kg (3.240 kcal/kg): tale valore sarebbe addirittura
troppo elevato e il materiale quindi inadatto ad un tradizionale impianto di
termovalorizzazione dei rifiuti.

72
Tabella 4.8. Valori medi di PCI (espressi in kcal/kg e kJ/kg) calcolati per le frazioni merceologiche
analizzate sulla base dei dati acquisiti. Viene indicata anche l’umidità media (%) rilevata
nei campioni esaminati.
PCI medio
Classi merceologiche U media [%]
[kcal/kg] [kJ/kg]
Plastica 3.300 13.820 32,7
Legno 3.225 13.500 52,7
Tessili 3.100 12.980 44,0
Carta - Cartone 2.880 12.060 57,5
Sottovaglio < 20 mm 870 3.640 26,5

Sui campioni di rifiuto prelevati durante l’esecuzione dei sondaggi geognostici e delle
trivellazioni dei pozzi di aerazione sono state effettuate altre determinazioni analitiche al fine
di valutare il grado di putrescibilità (connessa alle potenziali emissioni residue) e la presenza
di componenti lisciviabili. Esse sono consistite nell’esecuzione di test per la determinazione
di umidità (U), solidi totali (ST), solidi volatili (SV), indice respirometrico (IR4) e produzione
di biogas in test di fermentazione (B21). Gli stessi campioni sono stati sottoposti a test di
cessione in acqua distillata per la determinazione dei parametri COD e N-NH4+ negli eluati.

Per quanto riguarda, per esempio, il parametro COD (Chemical Oxygen Demand), i valori
riscontrati variano rispettivamente tra 43,6 e 5846 mgO2/l. In generale, si osserva che negli
eluati relativi ai campioni di rifiuto prelevati dal sondaggio ubicato nella parte di discarica
relativa ai lotti esauriti, le concentrazioni di COD risultano mediamente più basse. I valori
medi di COD rilevati sui campioni prelevati alle medesime profondità sono rappresentati nella
Figura 4.26. La concentrazione media di COD più elevata, pari a 2.593 mgO2/l, si riscontra
negli eluati dei rifiuti prelevati più superficialmente.

Relativamente alle concentrazioni di azoto ammoniacale misurate, esse variano tra 2 mg N-


NH4+/l e 289 N-NH4+/l. Anche per tale parametro si osserva che i valori di concentrazione più
bassi si riscontrano negli eluati relativi ai campioni prelevati dal sondaggio ubicato nella parte
di discarica relativa ai lotti esauriti. La concentrazione media massima di azoto ammoniacale,
pari a 213,5 mg N-NH4+/l si riscontra alla profondità di 9 m circa da p.c. (Figura 4.27).

73
COD [mgO2/l]

0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000


0,0

2.593
5,0

Profondità [m] 1.901

10,0
768

15,0

866
20,0

1.091
25,0

Figura 4.26. Rappresentazione delle concentrazioni medie COD calcolate in corrispondenza delle
differenti profondità di prelievo dei campioni analizzati.

N-NH4+ [mgN-NH4+/l]
0 50 100 150 200 250 300 350 400
0,0
114,4
5,0
Profondità [m]

213,5
10,0
140,5
15,0
134,2
20,0
188,7
25,0

Figura 4.27. Andamento con la profondità dei valori medi di N-NH4+ calcolati in corrispondenza delle
differenti profondità di prelievo dei campioni analizzati.

I valori misurati per l’indice respirometrico riferito a quattro giorni (IR4) variano in un
intervallo compreso tra 0,2 mgO2/gST e 39,8 mgO2/gST. I valori più bassi si rilevano nei
campioni di rifiuto prelevati dal sondaggio ubicato nella parte di discarica relativa ai lotti
esauriti. I rifiuti depositati nei primi 10 m da p.c. presentano un valore medio di IR4 superiore
a 10 mgO2/gST, indice questo di una discreta attività biologica caratteristica di un rifiuto non
ancora stabilizzato. A profondità più elevate tale parametro assume valori sensibilmente

74
inferiori, pari a circa 4 mgO2/gST. La produzione potenziale di biogas (B21) rilevata nei
campioni di rifiuto analizzati risulta variabile tra 0,7 e 32,5 Nl/kgST. Come osservato per
l’indice respirometrico, anche per il parametro B21 i valori medi calcolati risultano più elevati
per i rifiuti depositati nei primi 10 m da p.c.. Il valore medio massimo di B21 si riscontra a
circa 4 m di profondità ed è pari a 12,2 Nl/kgST. A profondità maggiori di 10 m tale
parametro assume un valore pari a circa 2 Nl/kgST, indice della maggior stabilità biologica di
tali rifiuti.

Si osserva, infine, una buona correlazione tra i valori misurati per l’indice respirometrico e
quelli della produzione potenziale di biogas dopo 21 giorni (B21). Il valore calcolato per il
coefficiente di correlazione R, pari a circa 0,98, indica, infatti, una buona corrispondenza tra i
due indici nella valutazione della stabilità del rifiuto (Figura 4.28).

L’insieme dei dati risultanti dalle determinazioni analitiche effettuate indica come la discarica
non sia stabilizzata e presenti un’elevata disomogeneità qualitativa verticale ed areale,
costituendo una significativa sorgente di emissioni (percolato e biogas) potenzialmente
contaminanti.

R2 = 0,976
45

40

35
IR4 (mg O2 / g ST)

30

25

20

15

10

0
0 5 10 15 20 25 30 35
produzione di biogas B21 [Nl / kg ST]

Figura 4.28. Correlazione tra consumo di ossigeno IR4 e produzione di Biogas B21 per unità di solidi
totali.

Le analisi per la determinazione della qualità del percolato sono state condotte su n.3
campioni prelevati in corrispondenza dei pozzetti di raccolta del percolato rispettivamente dei
lotti in coltivazione (lotti 1, 2, 3).

75
Dai risultati analitici relativi ai parametri esaminati riportati in Tabella 4.9, si osserva che, per
quanto riguarda il BOD5, le concentrazioni rilevate variano tra 1.233 e 4.095 mgO2/l. La
concentrazione media risulta pari a 2.182 mgO2/l per il campione di percolato relativo al lotto
1 e 1.343 mgO2/l per quello relativo al lotto 2; il valore medio massimo si misura nel
campione raccolto dal lotto 3 ed è pari a 3.932 mgO2/l. I valori di COD misurati sono
compresi tra 5.161 e 11.975 mgO2/l. La concentrazione media più elevata, analogamente a
quanto accade per il parametro BOD5, si riscontra nel campione di percolato raccolto dal lotto
3 ed è pari a 11.707 mgO2/l; per i campioni relativi ai lotti 1 e 2, invece, essa risulta
rispettivamente pari a 7.182 mgO2/l e 5.280 mgO2/l. Nei campioni analizzati il rapporto
BOD5/COD medio varia tra 0,26 (lotto 2) e 0,34 (lotto 3). Tali valori indicano che i rifiuti
depositati nei lotti 1, 2 e 3 della discarica non si possano considerare completamente
stabilizzati.

Relativamente all’azoto ammoniacale, si osservano valori compresi 3.206 e 5.879 mgN-


NH4+/l, superiori a quelli caratteristici di discariche in cui vengono smaltiti RSU (30-3.000
mgN-NH4+/l, Cossu 1998). Il valore medio massimo è stato misurato nel campione di
percolato relativo al lotto 3 ed è pari a 5.136 mgN-NH4+/l. L’azoto ammoniacale rappresenta
la quasi totalità dell’azoto presente nel percolato.

Per quanto riguarda le concentrazioni degli elementi metallici si osserva che solamente il
Cromo è stato rilevato in concentrazioni superiori a quelle normalmente riscontrate nel
percolato (30-1.600 μgCr/l, Andreottola et al. 1992): esse variano tra 935 e 2.460 μgCr/l. I
valori dei parametri chimici del percolato confermano che la discarica si trova in condizioni
ben lontane dalla sostenibilità ambientale, soprattutto per quanto riguarda l’azoto
ammoniacale. In particolare questo parametro è molto critico in quanto in condizioni
anaerobiche l’azoto ammoniacale non si degrada e permane per tempi molto lunghi (300 - 500
anni!), non compatibili con la durata delle barriere fisiche (impermeabilizzazioni) predisposte
per la protezione ambientale della discarica

L’indagine idraulica ha evidenziato che all’interno dell’ammasso di rifiuti si hanno elevati


battenti di percolato (circa 7-11 m), che configurano il rischio di una maggiore velocità di
infiltrazione nel sottosuolo e di una instabilità dell’ammasso dei rifiuti, ancora più critica
considerando che si registra una massiccia presenza di fanghi con elevata umidità.

76
Per quanto concerne i test di insufflazione effettuati, essi hanno evidenziato che l’aerazione in
situ è una tecnica applicabile ed efficace nella discarica in esame. Essa può consentire sia la
degradazione accelerata della sostanza organica, sia l’ossidazione dell’azoto ammoniacale, sia
l’abbassamento del battente di percolato. Tale intervento potrà permettere la stabilizzazione
della discarica da un punto di vista sia biochimico che meccanico. Tale operazione pertanto è
comunque raccomandabile come intervento atto a garantire la sostenibilità ambientale della
discarica, anche a prescindere dall’applicazione del Landfill Mining.

Le indagini effettuate, per concludere, hanno messo in evidenza come la discarica configuri
una situazione ambientale non sostenibile, con rischio di significativi impatti a medio-lungo
termine. In questo contesto, quindi, un intervento di Landfill Mining permetterebbe, non solo
il risanamento dell’area in vista di un futuro recupero del territorio e la sua riqualificazione
funzionale e ambientale, ma anche il recupero di una quantità di CDR pari al 30-35% in peso
dei rifiuti depositati, percentuale che sale fino all’85,6% nell’ipotesi di recuperare tutte le
frazioni combustibili, anche quelle a medio-basso potere calorifico come il sottovaglio a 20
mm.

77
Tabella 4.9. Dati risultanti dalle analisi effettuate in triplo sui campioni di percolato prelevati dai pozzi di raccolta dei lotti 1, 2, 3. Vengono riportati anche i
valori medi calcolati.
Lotto 1 Lotto 2 Lotto 3
Parametro U.M.
Lab. 1 Lab. 2 Lab. 3 Valori medi Lab. 1 Lab. 2 Lab. 3 Valori medi Lab. 1 Lab. 2 Lab. 3 Valori medi
Conducibilità mS/cm 40,3 37,59 39,9 39,3 34,0 31,446 32,7 32,7 43,5 39,881 42,7 42,0
pH 7,9 7,87 7,8 7,9 8,2 8,06 8,1 8,1 8,4 8,28 8,3 8,3
TVA mg/l Ac.Ac 2.143 / / 2.143 2.964 / / 2.964 4.736 / / 4.736
Potenziale Redox mV -157 -81 -125 -121 -175 -100 -193 -156 -217 -286 -207 -236,7
Azoto totale mgN/l / / 4.951 4.951 / / 3.915 3.915 / / 6.193 6.193
TKN mgN/l 4.109 4.515,5 / 4.312 3.311 3.654,1 / 3.483 4.739 5.103,1 / 4.921
N-NH4+ mg N-NH4+/l 3.983 4.393 4.570 4.315 3.206 3.385,1 3.709 3.433 4.445 5.084,9 5.879 5.136
N-NO3- mg N-NO3/l 0,59 < 0,5 < 0,9 0,6 1,47 < 0,5 < 0,5 1,5 10,74 <0,5 < 0,9 10,7
N-NO2- mg N-NO2/l 0,08 0,24 0,31 0,21 0,01 0,14 < 0,9 0,08 0,15 0,47 0,51 0,38
COD mg/O2/l 7.207 7.025 7.315 7.182 5.393 5.161 5.287 5.280 11.693 11.975 11.452 11.707
BOD5 mg/O2/l - 2.063 2.301 2.182 - 1.233 1.453 1.343 - 3.769 4.095 3.932
BOD5/COD mg/O2/l - 0,29 0,31 0,30 - 0,24 0,27 0,26 - 0,31 0,36 0,34
SO4- - mgSO4- -/l 295 10 42 116 215 5 29 83 459 6 27 164
Fe μgFe/l 10.600 13.700 8.600 10.967 11.600 10.560 87.000 36.387 15.500 8.900 14.100 12.833
Mn μgMn/l 128 140 110 126 102 120 360 194 84 100 270 151
Cu μgCu/l 179 30 160 123 180 50 60 97 353 50 90 164
Pb μgPb/l < 30 80 < 30 80 < 30 80 < 30 80 < 30 70 < 30 70
Ni μgNi/l 592 900 800 764 511 790 800 700 519 910 1.300 910
Cd μgCd/l < 10 < 20 9 9 < 10 < 20 <3 / < 10 < 20 <3 /
Cr totale μgCr/l 1.870 1.770 2.300 1.980 935 1.270 1.340 1.182 2.430 2.460 1.600 2.163
Be μgBe/l < 10 < 20 / / < 10 < 20 / / < 10 < 20 / /
Co μgCo/l 95 140 / 118 90 130 / 110 85 140 / 113
Se μgSe/l / < 50 < 25 / / <50 < 25 / / <50 < 25 /
V μgV/l 142 100 / 121 123 100 / 112 177 190 / 184
Zn μgZn/l 784 1.160 1.700 1.215 552 830 1.100 827 1.050 1.580 1.300 1.310
Acido acetico mg/l / <1 / / / <1 / / / <1 / /
Acido butirrico mg/l / 10 / 10 / 8,7 / 8,7 / <1 / /
Acido formico mg/l / 18,7 / 18,7 / <1 / / / 5,7 / 5,7

78
4.3 Valutazione dei punti critici e dei punti di forza dei casi di studio analizzati

Nella Tabella 4.10 viene riportata un’analisi dei casi di studio precedentemente esposti,
evidenziando per ognuno i punti critici e i punti di forza riscontrati. Come si può vedere, in
alcune delle esperienze prese in esame la principale criticità si è rilevata nella scarsa qualità di
materiali recuperati, i quali generalmente necessitano di trattamenti spinti, e quindi piuttosto
costosi, per il raggiungimento degli standard di qualità richiesti dal mercato. A ciò si
aggiungono spesso le problematiche relative alle emissioni di odori durante la fase di
intervento, anche se questa criticità si rileva solo nei casi in cui non si sia effettuato un
preventivo trattamento di stabilizzazione in situ dei rifiuti.

Per quanto riguarda i punti di forza, si nota come essi siano legati ai benefici ambientali
derivanti dalla rimozione permanente di una potenziale fonte di contaminazione (rifiuti), e ai
benefici economici derivanti dal riutilizzo del suolo recuperato come materiale di copertura
all’interno del sito, dalla vendita dello stesso per utilizzi esterni, dalla riduzione dei costi di
chiusura, di post gestione e di monitoraggio della discarica, dal recupero di volume
riutilizzabile nel sito e dal recupero energetico per via termica della frazione combustibile
recuperata.

4.4. Criteri per l’individuazione di siti idonei per un intervento di LFM

Alla luce di quanto finora esposto, si possono definire dei criteri di massima per la definizione
di siti idonei all’applicazione di un intervento di LFM. In particolare, l’applicazione di tale
tecnologia rappresenta una scelta ottimale nel caso in cui:
I. la discarica sia caratterizzata da rilevanti problemi di impatto ambientale connessi per
esempio, ad emissioni incontrollate di percolato o biogas dall’ammasso di rifiuti: si è già
sottolineato più volte, infatti, come l’applicazione di tale intervento comporti una
risoluzione definitiva del problema ambientale.
II. lo scavo di rifiuti consenta di recuperare spazio utile al nuovo deposito di rifiuti
consentendo di allungare la vita della discarica, qualora vi siano problemi connessi al
reperimento di nuovi siti per lo smaltimento di rifiuti.
III. l’area in oggetto rivesta un particolare interesse territoriale che la renda
economicamente appetibile per una riqualificazione ambientale in vista di uno specifico

79
utilizzo funzionale: per esempio, è economicamente più redditizio operare un intervento
di LFM su una discarica ubicata in una zona industrializzata o densamente popolata,
piuttosto che su una situata in un’area rurale, in relazione, ovviamente, al futuro valore
economico dell’area risanata.
IV. la discarica sia caratterizzata da costi di post gestione notevoli. Questo succede, per
esempio, quando vengono prodotte nel deposito di rifiuti rilevanti quantità di percolato o
esigue quantità ma con carichi di contaminanti piuttosto elevati. In questo caso, infatti,
la rimozione dei rifiuti comporterebbe un definitivo abbattimento dei costi di
smaltimento e di trattamento del percolato.
V. lo scavo dei rifiuti consenta di recuperare materiali di qualità per i quali esista
un’effettiva possibilità di inserimento nel mercato locale: per esempio, una volta
assodata la qualità della frazione combustibile, deve esistere effettivamente nelle
vicinanze un impianto di recupero energetico per via termica a cui inviarla come CDR.
VI. sia possibile usufruire dell’impianto di selezione meccanica del rifiuto scavato nelle
immediate vicinanze della discarica, al fine di limitare il più possibile il traffico
veicolare, nonché le spese di carburante connesse.

Si sottolinea, comunque, che vista l’estrema specificità di ogni situazione, al fine di valutare
la fattibilità o meno di un simile intervento è necessario studiare adeguatamente ogni singolo
caso ed eseguire sempre un’analisi costi-benefici che tenga conto dei materiali effettivamente
recuperabili e di tutti i costi connessi alle operazioni. In questo contesto, risultano utili anche
le più moderne applicazioni fornite dall’analisi del ciclo di vita LCA, come verrà meglio
specificato in seguito.

80
Tabella 4.10. Analisi riassuntiva dei casi esposti ed indicazione specifica di punti critici e di forza.
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Naples Landfill 1991 13 ha - ƒ Riduzione dei Fu recuperato un Il riciclo di plastica vetro Il progetto ebbe
(Collier County, costi di chiusura quantitativo totale di metalli ferrosi, alluminio non notevole successo in
della discarica; suolo pari a 50.000 t. fu ritenuto economicamente relazione al notevole
Florida)
ƒ Riduzione dei Gli altri rifiuti sostenibile: tali materiali quantitativo di suolo
rischi di scavati, a parte un necessitavano di un riutilizzato come
contaminazione in piccolo quantitativo trattamento molto spinto materiale di copertura
falda; di materiali riciclabili affinché si potesse giornaliera in discarica.
ƒ Recupero di (pneumatici e tessili) raggiungere un buon grado di
suolo; sono stati ridepositati qualità per la vendita.
ƒ Recupero di in nuovi settori
materiale impermeabilizzati
riciclabile della discarica.
Edinburg Landfill Dicembre 1990 – 1 ha 36.000 m3 Studio finalizzato a Il suolo, che ƒ Il potere calorifico inferiore Rilevanti vantaggi
(Edinburg, New Giugno 1991 valutare la fattibilità costituiva circa il (PCI) delle frazioni che economici derivanti
Agosto – tecnica ed economica 75% in peso dei generalmente sono ƒ dalla vendita del suolo
York)
Settembre 1992 dell’intervento di rifiuti scavati, è stato considerabili come CDR che costituiva la parte
LFM come rivenduto come (plastica, carta, tessili, in peso più rilevante
tecnologia atta a materiale di legno, etc), è risultato del rifiuto scavato;
ridurre i costi di riempimento in troppo basso per un loro ƒ dalla riduzione dei
chiusura delle reinterri stradali. possibile recupero costi di chiusura della
discariche. Pneumatici, tessili e energetico per via termica, discarica;
metalli furono in a causa della rilevante ƒ riduzioni dei costi di
buona parte presenza di pietre. post-chiusura e
recuperati e riciclati. ƒ Non si ritenne, monitoraggio;
La restante parte di economicamente ƒ recupero di volume in
materiale è stata sostenibile un inserimento discarica.
smaltita in una vicina nel mercato delle suddette
discarica. frazioni: erano necessari
dei trattamenti spinti per il
raggiungimento degli
standard di qualità richiesti.

81
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Frey Farm Landfill Giugno 1991 – - 250.000 – Le autorità Le frazioni a medio Si registrò un aumento di ƒ Recupero di volume
(Lancaster County, Luglio 1996 300.000 finanziarono un alto potere calorifico emissioni di polveri dovuto in discarica;
m3 progetto di LFM (plastica, carta, a: ƒ recupero di energia;
Pennsylvania)
della discarica in tessili, etc.) furono ƒ presenza di rilevante ƒ recupero di suolo;
modo da sopperire inviate ad quantità di suolo nel rifiuto ƒ recupero di metalli;
alla mancanza di termovalorizzazione scavato; ƒ costi di esecuzione
rifiuto fresco in come CDR. ƒ aumento di odori nella zona del progetto
ingresso al nuovo Il suolo fu recuperato di intervento (nessun notevolmente risotti
termovalorizzatore come materiale di trattamento di aerazione in a causa della ridotta
mediante l’apporto di copertura in situ era stato effettuato distanza tra discarica
rifiuto scavato. discarica. prima di procedere); e impianto di
L’obiettivo era La frazione residua ƒ incremento di traffico termovalorizzazione.
quello di (circa il 3% in peso veicolare tra impianto di
massimizzare del rifiuto scavato) fu termovalorizzazione e
l’efficienza del ridepositata in discarica.
termovalorizzatore e, discarica
quindi, la produzione
di energia.

82
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Masalycke Landfill Risultati riportati - - Studio di LFM Le determinazioni Lo studio è stato effettuato in Possibilità di recupero
(Svezia) da Hogland, 2002 finalizzato al analitiche effettuate una piccola zona della energetico sia della
recupero di volume indicarono che: discarica, non è quindi frazione grossolana
disponibile in ƒ la frazione (<18 rappresentativo per i rifiuti di (<50 mm), che della
discarica per il mm), composta tutto l’ammasso. Prima di frazione intermedia (18-
deposito di nuovi prevalentemente da procedere ad un intervento di 50mm).
rifiuti. suolo non poteva LFM è necessario indagare
essere utilizzato altre zone del deposito.
come ammendante
in agricoltura ma
come materiale di
copertura in
discarica.
ƒ possibile recupero
energetico per via
termica, di plastica,
legno e carta, che
costituivano la
frazione grossolana
(>50 mm).
ƒ possibile rideposito
della frazione
intermedia (18-
50mm) composta
prevalentemente da
sostanza organica
non stabilizzata
finalizzato al
recupero di biogas.

83
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Burghof Landfill Settembre 1993 – - 46.000 m3 ƒ Recupero di Rideposito in Frazione combustibile o ƒ Le emissioni di odori
(Germania) Ottobre 1994 volume in discarica della riutilizzabile (plastica, legno, rilevate durante
discarica; frazione fine (suolo). carta, tessili) doveva essere l’intervento sono
ƒ Miglioramento Riutilizzo diretto di sottoposta ad ulteriori state circa 5 volte
delle condizioni metalli e inerti trattamenti per migliorarne la più basse rispetto a
ambientali della (pietre). qualità. quelle rilevabili in
discarica e degli Recupero energetico prossimità del
impatti associati; o riciclo di plastica, deposito di rifiuti. La
ƒ Minimizzazione carta, tessili, legno. zona di interesse era
costi di post stata
gestione. precedentemente
portata in condizioni
aerobiche.
ƒ Recupero di volume
stimato intorno al
56, destinato ad
aumentare se si
considera che parte
del suolo potrebbe
essere inviata a
riutilizzo esterno al
sito;
ƒ Lo studio effettuato
sul comportamento
in discarica della
frazione fine
ridepositata, ha dato
degli ottimi risultati
relativamente alla
riduzione della
quantità e
miglioramento della
qualità di biogas e
percolato prodotti.

84
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Discarica di 2001 150.000 m3 La realizzazione Utilizzo della - Un preliminare
Modena della linea ad alta frazione fine (ad intervento di
velocità, il cui elevato contenuto di stabilizzazione aerobica
tracciato attraversava sostanza organica dei rifiuti in situ ha
la discarica ha stabilizzata) come permesso di arginare
comportato la materiale di copertura tutti i potenziali impatti
necessità di superficiale. associati all’intervento
effettuare lo scavo e Rideposito della (vedi paragrafo 3.3.2).
la rimozione di una frazione grossolana
parte di rifiuti. in un’apposita zona
Tale intervento si di discarica
inserisce all’interno appositamente
di un progetto più approntata in
ampio di dismissione modalità semi-
programmata aerobica.
dell’attività di
discarica e
riqualificazione
morfologica dell’area
voluta dal Comune di
Modena a metà degli
anni ’90.

85
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Discarica di Studio condotto - - Progetto di bonifica Recupero di frazione - ƒ L’aerazione in situ
Campodarsego nel 2003 del vecchio lotto di combustibile da ha dato dei buoni
discarica volto alla inviare al recupero risultati sulla
(Padova)
minimizzazione energetico per via riduzione degli
dell’impatto residuo termica come CDR. impatti
(in particolare Materiali ferrosi da dell’intervento (vedi
evidenze conclamate inviare in riciclerai. paragrafo 3.3.2);
di inquinamento in Frazione fine che a ƒ Recupero di volume
falda dovute alla seguito del processo in discarica;
presenza della di stabilizzazione in ƒ Recupero di una
vecchia discarica). situ si presenta frazione
Scopo finale, la mineralizzata e può combustibile da
ricomposizione essere utilizzata come inviare a recupero
ambientale e la materiale di copertura energetico per via
riqualificazione giornaliera. termica;
territoriale dell’area. Inerti possono essere ƒ Rimozione della
utilizzati per creare fonte di
un ulteriore strato inquinamento in
drenante nelle areeedi falda.
stoccaggio del CDR e
della frazione
residua.
Frazione residua da
ridepositare
temporaneamente in
discarica in
prospettiva di un suo
futuro utilizzo come
materiale per la
ricomposizione
morfologica del
paesaggio.

86
Volume
Periodo di Superficie Obiettivi di Utilizzo dei Punti di forza
Progetto di rifiuti Punti critici dell’intervento
intervento scavata intervento materiali separati dell’intervento
scavati
Discarica in Italia Lo studio - - Progetto di bonifica ƒ Frazione - ƒ Recupero energetico
nord-occidentale preliminare della discarica: combustibile da per via termica della
all’intervento è ƒ Riduzione degli recuperare per frazione
stato svolto tra il impatti ambientali via termica; combustibile e della
settembre 2008 e ad essa associati ƒ Frazione fine e frazione fine;
l’aprile 2009 (vedi paragrafo frazione residua ƒ Risanamento
5.2.5); da ridepositare in ambientale dell’area
ƒ Risamento discarica. attraverso la
dell’area e rimozione della
riqualificazione fonte di potenziale
territoriale; contaminazione;
ƒ Recupero ƒ Riduzione dei costi
energetico per via di chiusura, di post
termica delle gestione e
frazioni monitoraggio.
combustibili.

87
88
5. BILANCIO ECONOMICO: ANALISI DI COSTI E BENEFICI

I costi e i benefici economici legati alla realizzazione di un intervento di LFM variano


considerevolmente per ogni caso specifico in relazione a diversi aspetti quali: l’obiettivo del
progetto (bonifica ambientale, recupero di volume per una nuova e più moderna discarica,
etc.); le caratteristiche proprie della discarica sulla quale si vuole intervenire (tipologia del
materiale depositato, stato di degradazione dei rifiuti, modalità di deposizione degli stessi, età
e profondità della discarica, etc.); condizioni economiche locali (valore del territorio
recuperato, costi di chiusura della discarica e di monitoraggio, etc.) (Cossu et al., 1997). Ogni
situazione, quindi, rappresenta un caso a se stante e deve essere studiata adeguatamente.
Risulta, comunque, necessario effettuare sempre una dettagliata analisi costi-benefici che
consideri, oltre ai costi per l’escavazione, il trattamento in situ e la selezione dei rifiuti, anche
i costi per la ricostruzione della discarica (realizzazione di una nuova barriera di fondo, delle
strutture di drenaggio del percolato e captazione del biogas, etc.), il valore del sito recuperato
e il risparmio delle attività di monitoraggio e controllo che si sarebbero affrontate per il
vecchio sito di discarica (Cossu, 2002). Casi di studio riportati in letteratura indicano come
molti progetti di LFM abbiano avuto esito positivo in termini di costi e benefici (Van der Zee
et al., 2004).

L’analisi costi-benefici deve analizzare caso per caso se le diverse operazioni connesse
all’intervento risultano effettuabili a costi sostenibili rispetto ai relativi benefici economici
che ne possono derivare. Per esempio, se la frazione combustibile separata dai rifiuti scavati
viene inviata a recupero energetico per via termica in un impianto esterno, bisognerà
considerare, per esempio, se i costi di trasporto sono controbilanciati dai benefici economici
derivanti dal recupero di energia. A tal proposito, le più recenti tecniche fornite dall’analisi
del ciclo di vita (LCA; Life Cycle Assessment) sembrano essere particolarmente promettenti
come strumento di scelta della strategia ottimale per la gestione delle diverse frazioni separate
dai materiali scavati (Cossu et al., 2009).

Nei paragrafi seguenti verranno valutati i potenziali benefici economici ed i costi da


considerare nell’analisi di fattibilità economica di un intervento di LFM, mettendo in
evidenza anche i principali fattori da cui gli stessi dipendono.

89
5.1 Benefici economici

L’applicazione in scala reale di un intervento di LFM comporta dei potenziali benefici


economici (di natura indiretta) che derivano dal riciclo, dal riutilizzo o dal recupero
energetico per via termica dei materiali separati, dall’aumento di volume eventualmente
disponibile per il nuovo deposito di rifiuti, dalla riduzione dei costi di chiusura, post-gestione
e monitoraggio della discarica, dall’eventuale riqualificazione paesaggistica o funzionale del
zona di interesse. C’è poi un nuovo aspetto sul quale solo ultimamente si sta concentrando
l’attenzione e che può rappresentare un interessante beneficio di cui tener conto nell’analisi di
fattibilità economica dell’intervento: poiché l’applicazione di un intervento di LFM comporta
di fatto una riduzione delle emissioni di metano CH4 e anidride carbonica CO2 dalla discarica
(dal momento che viene attuata la rimozione definitiva della fonte di emissione, i rifiuti), sono
previsti dal Protocollo di Kyoto dei finanziamenti (carbon credit) per la realizzazione del
progetto (Kurian et al, 2008).

I potenziali benefici economici derivanti dalla realizzazione di un intervento di LFM, possono


ricadere, quindi, all’interno di due categorie: i benefici legati al risanamento dell’area di
discarica (riduzione dei costi di chiusura e monitoraggio, riduzione dei costi di smaltimento di
biogas e percolato, finanziamenti derivanti dalla riduzione delle emissioni di metano ed
anidride carbonica in atmosfera) e i benefici risultanti dall’ottenimento di frazioni riciclabili.
In particolare, i vantaggi economici derivanti dal recupero, dal riciclo o dal riutilizzo delle
diverse frazioni separate dai materiali scavati di effettivo interesse commerciale (suolo,
frazione combustibile, inerti, metalli), dipendono da vari fattori quali: la qualità, in termini di
purezza, della frazione separata; le prospettive di inserimento della stessa ed i relativi prezzi
proposti nel mercato locale. Per questo motivo risulta di particolare interesse effettuare nella
fase preliminare dell’intervento un’analisi di sensibilità sui prezzi di mercato delle diverse
frazioni separate che possono avere un effettivo interesse commerciale (Hogland et al., 2009).
Ovviamente, la fattibilità economica di un intervento di LFM è commisurata non solo
all’esistenza di un effettivo mercato per i materiali separati, ma al fatto che gli stessi
costituiscano una quantità significativa in volume rispetto al volume totale dei rifiuti
inizialmente depositati in discarica: questo, infatti, si traduce in un pari volume recuperato.
Van der Zee et al. (2004) ritengono, inoltre, che vi sia una forte corrispondenza tra la presenza
di alcuni materiali riciclabili e l’età della discarica: alcuni di essi, infatti, sono presenti in
maniera rilevante solo se l’impianto è sufficientemente vecchio, in conformità all’evoluzione

90
della legislazione locale di settore e all’implementazione della raccolta differenziata. In
questo senso, quindi, non solo un’indagine di mercato, ma anche la conoscenza dell’età della
discarica può fornire importanti informazioni sui possibili benefici economici che si possono
trarre dal recupero e riutilizzo delle diverse frazioni separate che possiedono un effettivo
interesse commerciale.

Se l’obiettivo del LFM è la riqualificazione ambientale e territoriale del sito, nell’analisi dei
potenziali benefici economici derivanti da tale operazione si deve considerare il nuovo valore
di mercato dell’area bonificata, diverso a seconda dei casi in relazione a molteplici fattori. Per
esempio, se si interviene in una zona densamente popolata (zona urbana), il valore del
territorio dopo la bonifica con LFM è molto alto in quanto rappresenta uno spazio che può
essere destinato alla costruzione di nuove abitazioni, industrie, etc.. Lo stesso se l’area di
discarica è molto vicina alla zona abitata.

5.2 Costi dell’intervento

Generalmente, nella stima dei costi di un’operazione di LFM si considerano i costi di


investimento iniziali (capital costs) e i costi di intervento (operational costs). I primi
riguardano sostanzialmente i costi relativi a: preparazione del sito; noleggio o acquisto delle
macchine e degli strumenti per l’escavazione dei rifiuti; noleggio o acquisto
dell’equipaggiamento personale per la sicurezza degli operatori; costruzione o ampliamento
delle zone adibite alla movimentazione e al trattamento dei rifiuti scavati; noleggio o acquisto
dei mezzi di movimentazione e dei macchinari per il trattamento del materiale rimosso. I costi
di intervento, invece, comprendono i costi di: manodopera; carburante; smaltimento in
discarica della frazione residua o trasporto della stessa in siti esterni; eventuale smaltimento in
discarica dei residui dal processo di termovalorizzazione della frazione combustibile; spese
amministrative, legali, autorizzative; spese per la formazione degli operatori (corsi di
sicurezza sul lavoro, etc.).

Altre voci da considerare tra i costi generali sono: costi per l’apporto scientifico e per
l’esecuzione di test ed analisi in fase di indagine preliminare e in fase di esecuzione
dell’intervento; eventuali costi per la termovalorizzazione della frazione combustibile;
eventuali costi per la rimozione di rifiuti pericolosi; costi legati alle procedure amministrative

91
di progettazione; eventuali costi per la ricostruzione morfologica e paesaggistica dell’area;
costi per eventuali consulenze specialistiche.

I costi totali di realizzazione dell’intervento, inteso come trattamento aerobico in situ dei
rifiuti depositati, rimozione e selezione dei rifiuti scavati, dipendono in maniera significativa
principalmente da due fattori:
− profondità della discarica, poiché maggiore è la profondità di rimozione del rifiuto, più
costosa risulta l’operazione di scavo;
− rapporto suolo – rifiuti (espresso in peso, vedi Tabella 3.1), poiché più elevato risulta
questo rapporto, maggiore è quantità di residuo da ridepositare in discarica o da
trasportare all’esterno in caso di diverso utilizzo (Kurian et al, 2008).

Altri fattori da considerare per una prima stima dei costi di realizzazione dell’intervento
possono essere: il grado di stabilizzazione biologica dei rifiuti depositati (necessità di
aerazione in situ più o meno prolungata nel tempo); la presenza o meno di rifiuti pericolosi; le
condizioni geologiche e la topografia del sito; il volume di rifiuti depositati; la reperibilità in
loco di personale altamente qualificato; la velocità, e quindi, la durata, delle operazioni di
scavo; i costi locali di scavo.

5.3 Casi di studio

Di seguito si riportano alcuni esempi di analisi di costi e ricavi relativi a progetti di Landfill
Mining, al fine di evidenziare le modalità di volta in volta utilizzate per l’esecuzione dei
bilanci economici. Si affronteranno, in particolare, le analisi economiche riguardanti la
discarica Lancaster County e la discarica di Campodarsego (vedi paragrafo 4.1.3 e paragrafo
4.2.4).

5.3.1 Discarica Lancaster County (Pennsylvania, USA)


Kurian et al. (2008) riportano i dati di produzione, i costi e i ricavi settimanali relativi
all’intervento di LFM realizzato presso la discarica di Lancaster County (Pennsylvania,
USA). Il periodo di analisi considerato è quello compreso tra gli anni 1992 e 1993. Come si
rileva dalle elaborazioni riportate in Tabella 5.1, i costi relativi alle operazioni di scavo e di
selezione dei rifiuti rimossi (comprese le operazioni di vagliatura e le spese di combustibile)

92
costituiscono circa il 33% dei costi totali di realizzazione del progetto. I costi di trasporto
della frazione combustibile all’impianto di termovalorizzazione e i costi di smaltimento dei
residui di processo rappresentano, invece, il 30% dei costi totali. Nel caso considerato, tali
costi sono stati bilanciati dai profitti derivanti dalla vendita di energia elettrica ottenuta dal
recupero termico della frazione combustibile, dalla vendita dei metalli separati, dal riutilizzo
di suolo e dal recupero di volume nuovamente in discarica.

Tabella 5.1. Analisi dei dati di produzione, costi e ricavi settimanali (modificata da Kurian et al.,
2008)
Descrizione Valori medi Valori medi
Periodo di analisi [settimane] 95 RICAVI
Volume totale di rifiuti rimossi [m3] 218.887 Vendita di materiali ferrosi $ 370
Volume di rifiuti rimossi per settimana [m3] Vendita di elettricità $ 27.304
Quantità totale di rifiuti rimossi [t] 140.207 RICAVI TOTALI $ 27.674
Quantità di rifiuti rimossi per settimana [t] 1.476 $/ton rifiuto rimosso $ 18.75
Quantità di suolo recuperata per settimana [t] 1.076 RICAVI NETTI $ 5.812
Quantità di frazione non-combustibile
93 $/ton rifiuto rimosso $ 3,94
ridepositata per settimana [t]
Volume netto recuperato per settimana [m3] 1.879 RICAVI AGGIUNTIVI
COSTI: OPERAZIONI IN DISCARICA Suolo recuperato ($ 2/ton) $ 2.152
Scavo/selezione $ 4.362 Volume di discarica recuperato [m3] 1.893
Vagliatura $ 1.305 Valore corrente ($ 14,39/m3) $ 27.258
Combustibile $ 579 RICAVI AGGIUNTIVI TOTALI $ 29.410
$ 4.943
Trasporto rifiuti al termovalorizzatore PROFITTI DEL PROGETTO
($ 3,35/t)
COSTI: TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI
Ricavi netti + Ricavi aggiuntivi $ 35.222
COMBUSTIBILI
Calce $ 970 DATI GENERALI
Potere calorifico superiore della
Tariffa di smaltimento a termovalorizzatore ($ 0,66/t)
frazione leggera [kJ/kg] 13.184
Tariffa totale (smaltimento a
$ 4.471 586
termovalorizzatore + smaltimento in Ceneri residue di processo [t]
($ 3,03/t) (269 m3)
discarica delle ceneri residue di processo)
$ 2.441 Quantità di materiali ferrosi recuperati
Trasporto dei residui di processo in discarica
($ 1,65/t) per settimana [t] 28
Elettricità (kWh, per una media di 2
Spese amministrative $ 671 528.845
anni)
$ 21.862
COSTI TOTALI Materiale scavato [kWh/t] 3.568
($ 14,81/t)

5.3.2 Discarica di Campodarsego (Padova)


Rossetti et al. (2004) riportano un’analisi dei costi relativa alla realizzazione del progetto di
LFM nella discarica di Campodarsego. Questi sono stati valutati per unità di volume di rifiuti
rimossi nell’anno allora corrente.

93
Si ricorda che l’obiettivo dell’intervento è la realizzazione di una nuova discarica nello stesso
sito, utilizzando l’area della discarica esistente e intervenendo con la realizzazione di un
nuovo sistema di impermeabilizzazione. La bonifica, quindi, prevede le seguenti operazioni:
− intervento di aerazione in situ al fine di stabilizzare i rifiuti;
− scavo e rimozione dei rifiuti;
− stoccaggio temporaneo, durante il primo anno, del materiale su un’area che può essere
realizzata anche sopra la discarica esistente, creando degli argini di contenimento;
− realizzazione dell’edificio che ospiterà l’impianto;
− realizzazione e gestione dell’impianto di trattamento di selezione meccanica, costituito
da due linee di triturazione, vagliatura e rimozione metalli, al fine di ottenere dal
flusso di rifiuti una frazione ad elevato potere calorifico (costituita prevalentemente da
plastiche) da inviare eventualmente a termovalorizzazione, una frazione fine
stabilizzata mediante pretrattamento con aerazione in situ e una frazione contenente
metalli da inviare a recupero.
− realizzazione dei nuovi lotti di discarica con impermeabilizzazione del fondo e
gestione della discarica stessa.

La prima fase dell’analisi ha riguardato l’identificazione dei costi di investimento iniziali e


dei costi di intervento. In particolare, i primi riguardano:
− l’acquisto del terreno per la realizzazione dell’impianto di trattamento;
− la preparazione del terreno e la realizzazione del capannone che ospita l’impianto;
− l’acquisto delle macchine che costituiscono l’impianto di selezione;
− la realizzazione di una zona di stoccaggio dei rifiuti scavati (finché non verrà resa
disponibile l’area da impermeabilizzare);
− la realizzazione e gestione dell’impianto di aerazione in situ per il trattamento
preliminare dei rifiuti;

Per quanto riguarda, invece, i costi di intervento, essi comprendono:


− lo scavo con rimozione dei rifiuti e l’invio all’impianto di trattamento;
− lo spostamento dei materiali dall’area di deposito alla nuova discarica;
− la realizzazione della nuova discarica;
− la gestione della nuova discarica;

94
− invio a termovalorizzazione del materiale caratterizzato da medio-alto potere
calorifico ricavabile dalla selezione dei rifiuti scavati.

E’ stata ipotizzata,inoltre, la realizzazione di un impianto di selezione e di trattamento dei


rifiuti scavati avente una potenzialità di 240 t/d (30 t/h). Tale quantità di rifiuti è stata scelta in
modo precauzionale, in quanto molto spesso gli impianti di trattamento dei rifiuti presentano
problemi, soprattutto ai vagli, legati alle elevate quantità di terreno presente nella frazione fine
dei rifiuti che deriva dagli strati di copertura giornaliera stesi in discarica. Considerando il
numero di giorni lavorativi in un anno, si è ipotizzato di poter trattare una quantità di rifiuti
pari a 50.000-60.000 m3/anno. Tale volume, nella discarica presa in esame, corrisponde ad
una superficie di circa 4.000 m2, area disponibile per la realizzazione di un nuovo settore di
discarica. Si è ipotizzato per i terreni adiacenti alla discarica un costo di 15 €/m2. Tale terreno,
pur essendo ad uso agricolo, può ospitare colture che ne aumentano il valore (per esempio nel
caso della coltivazione di vigneti).

Altri costi considerati nella presente analisi sono legati ai lavori di preparazione del terreno e
realizzazione delle opere civili per ospitare l’impianto di trattamento e selezione. Tali costi si
aggirano generalmente sui 200 - 250 €/m2. Ipotizzando quindi una superficie di 5.000 m2 e
uno spazio occupato dal capannone di almeno 2.000 m2, il costo complessivo si aggira sui
570-600.000 Euro (1,4-1,5 €/m3 di rifiuti scavati).

Il costo di realizzazione di un impianto di trattamento e selezione della potenzialità indicata è


stato valutato nel 2004 di circa 1,8-2,0 Milioni di Euro, corrispondente a 4,5-5 Euro/m3. Le
ultime voci di costo considerate nella presente analisi riguardano:
− trattamento preliminare dei rifiuti mediante aerazione in situ: 3-4 €/m3;
− gestione dell’impianto di trattamento: 15-18 €/m3;
− realizzazione nuova discarica (impermeabilizzazione): 10-12 €/m3;
− gestione della discarica: 15-20 €/m3;

Nella Tabella 5.2 vengono riportate tutte le voci di costo considerate, riferite al volume di
rifiuti scavati. Il costo totale di un intervento di bonifica mediante Landfill Mining applicato
alla discarica presa in esame si aggira quindi su 65-75 €/m3. Se prendiamo in considerazione
anche lo smaltimento del CDR prodotto dall’impianto di trattamento, supponendo una

95
produzione pari al 30% della quantità originale e un costo di smaltimento presso
termovalorizzatore pari a 85-90 €/m3, ai costi di bonifica occorre aggiungere un costo di circa
25-27 €/m3. Si sottolinea che in tale analisi sono stati considerati solo i costi di realizzazione
del progetto. Un bilancio economico completo deve contenere, invece, anche un’analisi dei
benefici economici. Nel caso specifico, per esempio, anche il riutilizzo della frazione fine ad
elevato contenuto di suolo come materiale di copertura giornaliera nella nuova discarica o per
la ricostruzione morfologica del sito, porterebbe a dei benefici economici legati alla riduzione
delle spese per il reperimento degli stessi all’esterno del sito. Si vede, quindi, come anche nel
caso in esame sia necessaria l’esecuzione di un’analisi costi e benefici che definisca quali
sono i vantaggi ottenibili dalla realizzazione di un intervento di LFM e la convenienza un
punto di vista economico.

Tabella 5.2. Fasi operative e costi dell’intervento di LFM riferiti per m3 di rifiuti da scavare (Rossetti
et al., 2004).
Fasi operative Costi [€/m3]
STABILIZZAZIONE DEI RIFIUTI
Realizzazione impianto di aerazione in situ e gestione 3-4
IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO DEI RIFIUTI
Acquisto del terreno, preparazione e realizzazione capannone 1,4 - 1,5
Impianto di selezione e trattamento dei rifiuti 4,5 - 5
Gestione impianto 15 - 18
SCAVO RIFIUTI E SMALTIMENTO FRAZIONI
Rimozione rifiuti dalla discarica e trasporto presso impianto,
approntamento area di deposito, movimentazione rifiuti da area di 13 - 14
deposito a nuovo discarica e da impianto a nuova discarica
Realizzazione nuova discarica (impermeabilizzazione e drenaggio) 10 - 12
Gestione nuova discarica 15 - 20
TOTALE 65 - 75

96
6. BILANCIO AMBIENTALE: ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA)

6.1 Possibili applicazioni dell’analisi del ciclo di vita

La metodologia dell’Analisi del Ciclo di Vita (LCA - Lyfe Cycle Assessment) viene
comunemente applicata per una vasta gamma di scopi: dalla applicazione originale su prodotti
o processi industriali fino a quella più recente sul fine vita degli stessi. L’Analisi del Ciclo di
Vita ha come scopo quello di definire il profilo ambientale di un prodotto oppure di un
processo, con la possibilità di comparare più alternative dal punto di vista dell’impatto
ambientale globale. Lo strumento si propone di calcolare e valutare i carichi ambientali totali
che occorrono durante l’intero ciclo di vita del prodotto o durante il processo, utilizzando un
approccio del tipo “dalla culla alla tomba”, ovvero calcolando e poi elaborando tramite
opportuni software i flussi di materia ed energia. Esso perciò non sostituisce, una analisi di
rischio o una valutazione di impatto ambientale, poiché si limita a valutare i carichi
ambientali aggregandoli attraverso lo spazio e il tempo. I risultati devono essere considerati
come impatti potenziali sull’ambiente in quanto non sono considerate le concentrazioni
effettivamente rilasciate e neppure la specificità del sito.

6.2 Applicazione dell’Analisi del Ciclo di Vita al Landfill Mining

L’Analisi del Ciclo di Vita può essere applicata alla gestione dei rifiuti al fine di individuare
ed effettuare le scelte più sostenibili dal punto di vista ambientale, considerando i carichi
ambientali (emissioni dirette in aria, acqua e suolo) e il consumo di risorse e di energia
globali.

Nel caso di un processo di LFM, visto il quadro articolato a più livelli e le diverse possibilità
di destinazione delle frazioni separate dai rifiuti scavati, l’Analisi del Ciclo di Vita suggerisce
le scelte che da un punto di vista ambientale risultano essere più sostenibili, sulla base di un
bilancio energetico e di massa. In particolare, un’Analisi del Ciclo di Vita applicata al
contesto del presente studio, consente di:

97
1. inquadrare il processo di LFM da un punto di vista ambientale attraverso un confronto
tra situazioni di non intervento, e situazioni di intervento con LFM o altre tecnologie di
bonifica disponibili.
2. definire, da un punto di vista ambientale, la strategia ottimale per la gestione dei
materiali scavati.

La metodologia dell’LCA permette, quindi, di definire il profilo ambientale del processo di


LFM garantendo una visione globale degli impatti o dei benefici collegati alle operazioni
pianificate. Essa, inoltre, consente un confronto diretto con le possibili alternative in modo da
orientare le scelte sugli interventi applicabili alla discarica in esame, giustificandole da un
punto di vista ambientale.

98
PARTE II – APPLICABILITA’ DEL LANDFILL MINING IN LOMBARDIA

99
100
7. OBIETTIVI E METODI

Dopo aver definito e descritto le principali peculiarità connesse alla tecnica del Landfill
Mining (LFM), si passa ora ad analizzare questo tipo di intervento in funzione di una sua
possibile applicazione in alcuni siti localizzati nella Regione Lombardia. Sono state
individuate dalla Regione stessa alcune discariche potenzialmente candidate ad un intervento
di questo tipo, localizzate nelle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Milano e Varese:
ƒ Discarica di Filago (BG);
ƒ Discarica di Mazzano (BS);
ƒ Discarica di Cremona, località San Rocco;
ƒ Discarica di Castelleone (CR);
ƒ Discarica di Vizzolo Predabissi (MI);
ƒ Discarica di Gerenzano (VA);
ƒ Discarica di Vergiate (VA).

Scopo di questa parte dello studio è stato quello di definire dei criteri per individuare i siti
ottimali sui quali applicare il LFM tra quelli sopra elencati, in base a considerazioni di
carattere tecnico, ambientale ed economico, di analizzare ed elaborare i dati disponibili per i
siti segnalati dalla Regione Lombardia e di individuare tipo di indagini conoscitive necessarie
a completare il quadro informativo ai fini della progettazione preliminare dell’intervento di
LFM.

Nel fare ciò, sono state anzitutto descritte le caratteristiche di maggior rilievo di ciascuna delle
discariche candidate, provvedendo allo studio dei documenti forniti dai gestori ed eseguendo
sopraluoghi sul campo.

Successivamente sono stati analizzati i dati sulla produzione e gestione dei rifiuti nelle
Province relative a ciascuna delle discariche considerate, al fine di evidenziare:
- La tipologia di impianti utilizzabili per il trattamento dei rifiuti prodotti nel bacino,
nell’ottica di una loro possibile utilizzazione per trattare frazioni dei rifiuti rimossi dalle
vecchie discariche mediante LFM;
- L’eventuale esigenza di nuovi volumi per lo smaltimento in discarica dei rifiuti residui
prodotti nelle diverse Province.

101
Note queste informazioni, si è infine passati ad ipotizzare il tipo di soluzioni applicabili,
realizzando scenari progettuali con carattere generale e individuando il tipo di indagini
necessarie al fine di poter pianificare in maniera più dettagliata e con minor incertezza un
eventuale intervento di Landfill Mining.

102
8. DESCRIZIONE DELLE DISCARICHE CANDIDATE

8.1 Discarica di Filago (BG)

8.1.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


La discarica di Filago (Bergamo) è ubicata al confine tra i territori dei Comuni di Filago,
Madone e Bottanuco (Figura 8.1).

Figura 8.1 Localizzazione discarica di Filago

Dalla lettura delle pubblicazioni sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Regione
Lombardia, 1988 e successivi) emerge che la costruzione della discarica venne autorizzata
con le delibere del 2 agosto 1988 (individuazione del sito) e del 13 dicembre 1988
(autorizzazione alla realizzazione del sito). Nell’area interessata allo smaltimento rifiuti
tuttavia era già presente un vecchia discarica, la cui attività venne sospesa con delibera dell’8
febbraio 1983, imponendo inoltre all’ex proprietario, Soc. Colture Agricole Bergamasche, la
bonifica dell’area. Come riportato nella “Progetto preliminare per la riqualificazione
ambientale dell’area ex discarica di Madone” (ECOGEO 1999), è possibile ricostruire quanto
avvenuto nell’area in esame, seppur con un certo grado di incertezza, sulla base della
documentazione fornita all’epoca dal Consorzio ATS e delle informazioni verbali fornite dai
tecnici dello stesso. Prima della realizzazione della bonifica, erano presenti nella parte nord ed
in quella occidentale RSU ed altri materiali, scaricati senza alcun controllo lungo il vecchio
alveo del Rio Zender nell’arco di una decina di anni. La superficie occupata dai rifiuti era di

103
circa 5,5 ha, con un volume di 440.000 m3 e spessori massimi di circa 14 metri. L’alveo del
rio, che risultava tombato al di sotto dei rifiuti per un tratto di circa 250 metri, rappresentava
un punto di recapito, raccolta ed allontanamento del percolato prodotto dai vecchi rifiuti,
anche per il fatto che la vecchia tombatura si presentava deteriorata e lesionata. Con la stesura
e la realizzazione del “Progetto di Bonifica” si decide di attuare un’immediata deviazione del
Rio Zender lungo il margine settentrionale ed orientale dell’area discarica, in modo tale da
non intercettare i rifiuti depositati. Sopra questi ultimi viene realizzato uno strato argilloso di
impermeabilizzazione al fine di ospitare nuovi conferimenti. Contestualmente, vengono
predisposti nuovi lotti, con modalità compatibili con la normativa del tempo.

Figura 8.2 Panoramica discarica e localizzazione Rio Zender

L’impermeabilizzazione di fondo viene garantita tramite stati bentonitici e geomembrane in


HDPE, mentre la captazione e l’allontanamento del percolato prodotto avviene per mezzo di
uno strato drenante e di tubazioni fessurate. Il percolato viene poi convogliato a stazione di
raccolta e rilancio, e successivamente a stazione di stoccaggio, situata nella zona
settentrionale dell’area discarica. Dal 1988 al 1991 la discarica viene colmata e chiusa
definitivamente, la post-gestione dell’area rimane in carico alla Società MAVER S.p.A. fino
al 1995, e dal 1995 ad oggi al Consorzio tra i Comuni di Madone, Filago e Bottanuco
(Consorzio ATS). Il progetto di realizzazione della discarica prevedeva il conferimento di
rifiuti solidi urbani, rifiuti speciali assimilabili agli urbani, fanghi di depurazione. In assenza
di ulteriori informazioni sulla tipologia e sulle caratteristiche del rifiuto presente nel sito, può
essere presa in considerazione l’analisi merceologica presente nella parte V della relazione

104
tecnica del “Progetto preliminare per la riqualificazione ambientale dell’area ex discarica di
Madone”, progetto realizzato nel 1999 dallo studio ECOGEO:

Metalli
4%
Stracci e tessuti
Sottovaglio e
5%
metalli vari
Legno e verde 11%
4%

Materiale
Carta e cartoni
organico
25%
32%
Vetro Plastica
6% 13%

Figura 8.3 Composizione merceologica del rifiuto (da dati ECOGEO, 1999)

8.1.2 Aspetti idrogeologici


La profondità della falda rispetto al piano campagna è circa di 50 m, falda diretta da nord-
ovest a sud-est e contenuta in uno strato ad elevata permeabilità (sabbioso-ghiaioso)
sottostante l’orizzonte prevalentemente argilloso affiorante nell’area. Sono presenti 5 pozzi di
monitoraggio delle acque di falda, uno posto a nord della discarica (pozzo A), gli altri quattro
a sud di essa (pozzi B, C, D, E). Sulla base dell’analisi granulometrica riferita ad ogni pozzo,
è possibile tracciare un andamento del profilo argilloso sottostante la discarica (Tabella 8.1).

Tabella 8.1 Profondità fronte argilloso in corrispondenza dei pozzi di monitoraggio A, B, C, D ed E


(“Resoconto indagine anni 2006-2007, Relazione Tecnica” – ECOGEO)

Quota boccaforo Quota assoluta della base dei Profondità massima dei
Pozzo
(m s.l.m.) terreni argillosi (m s.l.m.) terreni argillosi (m)

A 211,85 187,85 24
B 211,50 187,50 24
C 202,00 185,00 17
D 212,00 184,00 28
E 202,20 184,20 18

105
Partendo dal piano campagna, il fronte argilloso ha profondità tra i 18 e i 24 m garantendo
dunque al di sotto della discarica la presenza di terreni argillosi con uno spessore compreso
tra i 12 e i 15 metri in grado di fornire adeguata protezione alla falda, come testimoniato dalle
ripetute analisi chimiche dei campioni di falda prelevati nei 5 pozzi di monitoraggio.

Un particolare aspetto da segnalare è il fatto che la discarica è stata realizzata sul vecchio
alveo del rio Zender, piccolo corso d’acqua deviato nel tratto in corrispondenza del sito. A
seguito di alcune indagini è stata individuata nelle acque del sub-alveo del vecchio rio Zender
la causa della produzione di percolato non correlata direttamente con i valori di precipitazione
(Provincia di Bergamo, 2003 e successivi). Per ovviare a tale inconveniente è stata inoltrata
richiesta per la realizzazione di un diaframma bentonitico per limitare le infiltrazioni d’acqua
lungo la via preferenziale costituita dal vecchio alveo che si sviluppa al di sotto del corpo
discarica (Provincia di Bergamo, 2008).

8.1.3 Percolato
Il percolato viene raccolto, convogliato in un’apposita vasca di stoccaggio e periodicamente
inviato a trattamento in altro impianto. Dall’analisi dei registri di movimentazione, trasporto e
smaltimento è stato possibile fare delle comparazioni di tipo quantitativo e qualitativo per gli
anni 2005, 2006 e 2007 (Consorzio ATS, 2008). I valori annuali, espressi in tonnellate,
indicano un aumento nella produzione tra il 2005 e il 2006, mentre tra il 2006 e l’anno
successivo la produzione rimane pressoché costante (Tabella 8.2).

Tabella 8.2 Quantitativi di percolato avviati a smaltimento (2005-2007)

Anno Percolato smaltito (t)

2005 1352
2006 1703
2007 1711

Le caratteristiche qualitative rimangono invece molto simili nel corso degli anni, con una
concentrazione di COD di 2.160 mg/l e una concentrazione di NH4 di 3.150 mg/l (valori
riferiti all’anno 2006).

106
Alcuni sversamenti accidentali di percolato fuori dalla zona impermeabilizzata si sono
verificati nel corso degli anni. Tali informazioni sono state ricavate dall’elenco delle
lavorazioni ordinarie e straordinarie condotte nel sito durante la fase post-operativa a partire
dal 1995 (anno di subentro del Consorzio alla gestione del sito) e aggiornate al 2007
(Consorzio ATS, 2008). In particolare:

ƒ fuoriuscita percolato nella zona Sud (10.02.1997)


ƒ ristagno percolato fuori area impermeabilizzata (19.06.1997)
ƒ bonifica zona Sud (18.07.1997)
ƒ fuoriuscita percolato zona Nord (11.12.1997)
ƒ inizio lavori risanamento zona Nord (20.01.1998)
ƒ realizzazione trincee di sicurezza per evitare fuoriuscite dalla zona impermeabilizzata
(03.10.2002).

Da segnalare inoltre la presenza di pozze circoscritte di liquido marroncino nella canaletta di


raccolta acque meteoriche a sud della discarica rilevate a seguito delle ispezioni del 2008,
2006, 2005, 2004, 2003. Tuttavia, come rappresentato in Figura 8.4 sulla base dei dati forniti
dal Consorzio ATS, ripetute analisi delle acque meteoriche scaricate a Nord e Sud della
discarica non hanno mai evidenziato il superamento dei limiti di legge (scarico in acque
superficiali).

Concentrazioni di COD nelle acque meteoriche scaricate a Nord e Sud della


discarica

180

160

140

120
COD (mg/l)

100

80
Nord
60
Sud
40
Limite Legge
20

0
2/7/2006 10/10/2006 18/1/2007 28/4/2007 6/8/2007 14/11/2007 22/2/2008

Figura 8.4 Concentrazioni di COD nelle acque scaricate a Nord e Sud della discarica

107
8.1.4 Produzione e captazione del biogas
Secondo un’indagine realizzata durante la realizzazione del “Progetto preliminare per la
riqualificazione ambientale dell’area ex discarica di Madone” (ECOGEO 1999), il sito
risultava essere nella fase di processo di biodegradazione anaerobica definita stabile
metanigena. Tale indicazione era confermata dal reperimento di percentuale di metano
superiore al 60%. Durante questa fase di analisi era stata inoltre monitorata la quantità di
metano mensilmente estratta tra il luglio 1998 e il dicembre 1999. Tali valori risultano essere
compresi tra un minimo di 45.336 Nm3/mese e 199.839 Nm3/mese, con una quantità cumulata
durante tutto il periodo di indagine di 2.527.991 Nm3.

Durante le fasi di gestione post-operativa emerge la necessità di migliorare l’efficienza del


sistema di captazione del biogas, come suggerito sia dalla relazione del progetto di
riqualificazione, sia dai rapporti di servizio delle visite di ispezione al sito negli anni 2006,
2005, 2004 e 2003. Per fare ciò viene dapprima sostituita la torcia di combustione nel 2005, e
successivamente tra gli anni 2006-2007 vengono potenziate le linee di captazione con la
realizzazione di 60 nuovi pozzi. Tali accorgimenti sembrano aver dato buon esito dal
momento che, secondo quanto emerge dal rapporto di servizio della visita di ispezione del
26.03.2008, la concentrazione di CH4 convogliata all’utilizzatore è aumentata dal 17% al
45%, concentrazioni tali da indurre il gestore a pianificare per il futuro la realizzazione di un
sistema di tipo cogenerativo.

8.2 Discarica di Mazzano (BS)

8.2.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


Il primo progetto per il sito di Mazzano risale al 1983 e nasce come azione di bonifica e
sistemazione di una discarica preesistente, al fine di prevedere una successiva attività di
smaltimento nel medesimo sito, insistente nell’area dell’ex cava Del Bono in frazione
Ciliverghe (Figura 8.5).

La vecchia discarica, in cui l’attività era iniziata nel 1979, era localizzata nella porzione Ovest
dell’ex cava, occupando una superficie di circa 20.000 m2 e con un accumulo di circa 60.000
m3 di rifiuti. L’impermeabilizzazione del fondo consisteva in uno strato di 100 cm di
materiale limoso posto sotto lo strato di rifiuti.

108
Figura 8.5 Localizzazione discarica di Mazzano

Il progetto del 1983 prevedeva dunque una bonifica della zona già occupata dalla preesistente
discarica (realizzazione fosso di guardia, ricopertura della superficie dei rifiuti al fine di
prevenire l’infiltrazione di acqua) e le operazioni di preparazione di tutto il sito finalizzato al
conferimento dei rifiuti. Tali operazioni prevedevano:

ƒ Posa sul fondo scavo e sulle pareti di un telo impermeabilizzante con relativo sistema
protettivo
ƒ Posa del sistema di captazione del percolato, costituito da un collettore principale di
300 mm steso lungo la diagonale maggiore
ƒ Realizzazione di 11 pozzi per la captazione biogas da realizzare una volta ultimato il
conferimento

Il percolato doveva essere inizialmente ricircolato e successivamente avviato a smaltimento.


La configurazione a discarica colmatata prevedeva un’altezza di 12 m rispetto al piano
campagna, una pendenza pari al 10% e una copertura realizzata con 50 cm di terreno naturale
posto sopra lo strato di regolarizzazione. Nel 1984 viene acquistato un ulteriore lotto
aumentando così la superficie disponibile (salita a circa 86.000 m2). Nel 1989 per far fronte
alla quantità reale di rifiuti prodotta, eccedente i valori stimati in fase progettuale, viene

109
ampliato ulteriormente il sito utilizzando l’adiacente “buca Molteni” (circa 9.200 m2). Questa
porzione della discarica viene allestita, secondo normativa in vigore al tempo, con un doppio
strato in HDPE, intervallato da uno strato drenante con apposite tubazioni e sovrapposto ad
uno strato di argilla compattata di 50 cm. Per la copertura finale è prevista la posa di 1 metro
di argilla e 50 cm di terreno naturale (già da alcuni sopraluoghi condotti nel 1991 emerge però
che lo spessore reale dello strato di argilla varia tra i 40 e i 190 cm). La configurazione finale
della discarica di Mazzano prevede dunque una superficie complessiva di 95.000 m2 con una
volumetria di rifiuti depositati di circa 1.000.000 m3. Nel 2008, a seguito di una serie di
indagini condotte negli anni precedenti è giunto a conclusione un iter amministrativo che ha
portato all’approvazione di un progetto definitivo esecutivo per la messa in sicurezza del
corpo della discarica.

8.2.2 Aspetti idrogeologici


La configurazione idrogeologica del sito risulta essere relativamente complessa. La discarica
è situata sopra una zona costituita da profondi orizzonti argillosi con livelli ghiaioso -
sabbiosi. Sopra lo strato argilloso è invece presente un deposito essenzialmente ghiaioso. Lo
spessore di questo deposito maggiormente permeabile è di 18 metri in corrispondenza della
discarica, mentre aumenta in modo rilevante sia a nord del sito (58 m) sia a sud (70 m).
Questa particolare stratigrafia del terreno determina la presenza di differenti tipi di falda nella
zona in esame.

I livelli ghiaioso – sabbiosi contenuti negli orizzonti argillosi ospitano una falda confinata
utilizzata a scopo idropotabile e sufficientemente protetta da eventuali contaminazioni grazie
allo spessore dello strato di argilla.

A nord e a sud della discarica sono invece presenti due falde acquifere libere con un livello
piezometrico situato rispettivamente a 28-30 e 35-40 metri di profondità rispetto al piano
campagna circostante. I due acquiferi non sono direttamente collegati, in quanto lo strato
argilloso sottostante la discarica funge da barriera idraulica, separando di fatto le due falde. E’
inoltre presente una piccola falda sospesa in corrispondenza della discarica stessa, situata ad
una profondità compresa tra i 10 e i 18 metri rispetto al piano campagna circostante. Tale
falda poggia sullo strato argilloso appena menzionato, avvolgendo completamente l’ammasso

110
di rifiuti. Ciò determina una possibile fonte di contaminazione della falda posta a sud della
discarica di Mazzano, poiché i due acquiferi risultano essere collegati idraulicamente.

8.2.3 Percolato
Il sistema di drenaggio e raccolta del percolato dovrebbe essere costituito da una tubazione
principale di 300 mm posta lungo la diagonale maggiore che confluisce nel pozzo di raccolta
posto nell’angolo di sud-est. Da segnalare inoltre la presenza di altri due pozzi, uno relativo
all’area posta a sud, e uno relativo al’area posta ad ovest, non collegati però ad alcuna
tubazione. In realtà, a seguito di un’indagine tecnica condotta dagli ingegneri Gorio e
Cavallari (2006) emerge che lo smaltimento del percolato avviene tramite l’installazione di
pompe sommerse nei pozzi di aspirazione del biogas, i quali peraltro non raggiungono il
fondo della discarica ma sono posti ad un’altezza di circa + 5 m dal fondo. Secondo quanto
riportato nella relazione è inoltre ipotizzabile un accumulo del percolato all’interno della
discarica, dal momento che i dati relativi alle quantità inviate a trattamento se confrontati con
quelli di siti con le medesime caratteristiche risultano essere inferiori.

A seguito dell’approvazione nel 2008 della proposta progettuale di messa in sicurezza


dell’area (Gorio, Cavallari e Ziliani, 2008), è previsto il potenziamento del sistema di
captazione del percolato attraverso le seguenti operazioni:

ƒ Riattivazione del sistema di aspirazione del percolato dai pozzetti del biogas esistenti
interni al corpo discarica (portando il numero di pozzi attivi da 19 a 30)
ƒ Realizzazione di nuove tubazioni di raccolta e trasporto
ƒ Realizzazione di una nuova area di stoccaggio

8.2.4 Produzione e captazione biogas


Il primo progetto realizzato nel 1983 prevedeva la realizzazione, a conferimento ultimato, di
11 pozzi per la captazione del biogas. Con l’ampliamento del 1989 viene prevista anche la
realizzazione di un setto plastico di 110 metri di lunghezza, da posarsi lungo il lato nord-ovest
per limitare le fughe incontrollate verso i terreni vicini. E’ inoltre presente una barriera
perimetrale di controllo del biogas, posta all’esterno del corpo rifiuti della discarica, costituita
da un collettore perimetrale e 60 pozzetti disposti lungo i 1.500 metri di perimetro. Tuttavia, a

111
seguito di un’indagine realizzata precedentemente alla realizzazione del progetto di messa in
sicurezza è stato constatato il non funzionamento di tale rete perimetrale. Nell’esecutivo del
2008 (Gorio, Cavallari e Ziliani, 2008) emerge perciò la necessità di riattivare tale rete,
indispensabile per evitare l’eventuale migrazione di metano nei terreni confinanti. Altri
interventi previsti consistono nella realizzazione di una nuova stazione di aspirazione e un
nuovo utilizzatore finale, in relazione con le concentrazioni relativamente basse monitorate
nel sito di Mazzano. Il nuovo sistema prevede l’invio a biofiltro per concentrazioni inferiori al
5%, l’utilizzo in torcia per concentrazioni maggiori del 20%, la diluizione e l’invio a biofiltro
per le concentrazioni intermedie.

8.3 Discarica di Gerenzano (VA)

8.3.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


Il sito di Gerenzano si sviluppa complessivamente su un’area di circa 90 ettari, in Provincia di
Varese, situata nel territorio del Comune di Gerenzano a Sud-Ovest del centro abitato e sul
confine con i Comuni di Rescaldina e Uboldo.

Il sito può essere distinto in tre settori:


ƒ Gerenzano 1: porzione di circa 40 ettari delimitata a Nord dalla strada intercomunale per
Rescaldina, ad Est dalla via Matteotti (che separa Gerenzano 1 dall’area laghetto), a Sud
dal tracciato ferroviario Novara-Seregno, ad Ovest dal torrente Bozzente;
ƒ Gerenzano 2: porzione di circa 10 ettari delimitata a Sud dalla strada intercomunale per
Rescaldina, a Nord-Est dalla via per Rescaldina e ad Ovest dal torrente Bozzente;
ƒ Area Laghetto: porzione di circa 40 ettari, attualmente denominata “Parco degli Aironi”,
delimitata a Nord dalla strada intercomunale per Rescaldina, ad Est e Sud dai terreni
agricoli della cascina Inglesina e da un’area industriale, ad Ovest dalla via Matteotti.

Il sito di Gerenzano è caratterizzato da due porzioni di discarica denominate “Gerenzano 1” e


“Gerenzano 2” e da un’area, ex “Area Laghetto” ora denominata “Parco degli Aironi”
riconsegnata al Comune di Gerenzano a seguito del completamento dell’intervento di
recupero ambientale finalizzato al riuso del laghetto ivi presente e delle sue sponde e
pertinenze. Le due aree di discarica rifiuti sono fisicamente ben separate tra loro e

112
caratterizzate da un livello tecnologico assai diverso, dovuto essenzialmente al mutare nel
tempo degli obblighi normativi e delle modalità operative in materia di gestione dei rifiuti.

Figura 8.6 Panoramica del sito di Gerenzano

Gerenzano 1, la porzione più vecchia di discarica, è sorta sull’area adiacente all’area di cava
denominata “Area Laghetto”. L’intera area era presentata da precedente attività di cava di
ghiaia cessata nei primi anni sessanta e fin da allora parzialmente utilizzata come discarica di
rifiuti. Nel periodo intercorrente fra i primi anni sessanta ed il 1981, l’utilizzo dell’area di
discarica si è svolto in modo non sistematico ed in assenza di una precisa regolamentazione
nazionale e regionale. Le modalità di deposito dei rifiuti erano sommarie dal punto di vista
della tutela ambientale e la tipologia stessa dei rifiuti non era controllata, stante la possibilità
da parte di singoli privati ed industrie di usufruire dello scarico, in assenza di precise regole o
convenzioni. A partire dal 1981 e fino al 1990, AMSA (all’epoca AMNU) è subentrata nella
coltivazione della rimanente parte di discarica (“vasca C”), gestendo direttamente lo scarico
controllato di soli RSU, e realizzando una sezione di impianto strutturata secondo i requisiti
richiesti dalla normativa allora vigente e come disposto dalla Regione Lombardia. I
conferimenti sono cessati nel 1988, salvo l’utilizzo consentito solo per pochi mesi nel corso
del 1990.

Gerenzano 2, è la porzione di discarica realizzata e gestita da AMSA nel periodo dal 1989 al
1991, anno in cui sono cessati i conferimenti. Vi risultano depositate circa 573.000 tonnellate

113
di rifiuti, e, dal punto di vista delle tecnologie applicate, è dotata di tutti i presidi a tutela
dell’ambiente previsti dalla normativa.

Non disponendo di dati certi, si stima che tra gli anni ’60 e la fine della gestione AMSA nel
complesso dei diversi bacini di stoccaggio costituenti le due discariche siano state smaltite
quasi 10 milioni di tonnellate di rifiuti.

L’intervento di AMSA nella conduzione della discarica è avvenuto mediante sottoscrizione


con il Comune di Gerenzano di apposite Convenzioni, la prima nel 1980 (relativa alle sole
Gerenzano 1 e Area Laghetto), revisionata ed integrata (per la parte inerente la porzione di
Gerenzano 2) con successivi atti sottoscritti nel 1987 e nel 1989. In base a tali convenzioni e
contestualmente alla coltivazione della discarica, AMSA ha assunto specifiche obbligazioni
nei confronti del Comune di Gerenzano, impegnandosi a provvedere ad opere di bonifica e
messa in sicurezza a presidio di quanto messo a dimora nel periodo di diretta gestione e del
pregresso. Gli interventi principali sviluppati nel corso degli anni sono stati:

ƒ Sistemazione morfologica dell’area;


ƒ Isolamento superficiale (copertura) dei rifiuti con telo impermeabile;
ƒ Gestione del biogas (impianti di captazione e cogenerazione);
ƒ Trattamento delle morchie acide conferite da ignoti e riscontrate nelle adiacenze del lago
Porro (Area Laghetto);
ƒ Raccolta e canalizzazione delle acque meteoriche;
ƒ Captazione, allontanamento e trattamento del percolato (impianto di trattamento del
percolato);
ƒ Captazione e trattamento delle acque di spurgo (impianto di trattamento delle acque di
spurgo della falda);
ƒ Recupero ambientale dell’area.

8.3.2 Aspetti idrogeologici


Non si dispone al momento di uno studio idrogeologico della zona circostante la discarica.
Appare tuttavia evidente che l’intera zona è caratterizzata da un orizzonte di tipo sabbioso-
ghiaioso, giustificato dalla tuttora presente attività di estrazione di ghiaia. Le caratteristiche
del suolo pongono di fatto la falda in una situazione di criticità nei confronti della

114
contaminazione da percolato emesso dalla discarica, considerando soprattutto il fatto che
quest’ultima, almeno per quel che riguarda la porzione “Gerenzano 1”, è stata realizzata senza
alcun tipo di impermeabilizzazione del fondo.

La contaminazione in realtà è già stata accertata, con concentrazioni di ammoniaca nelle


acque di falda superiori ai limiti di legge, motivo per cui AMSA ha provveduto alla
realizzazione di uno specifico impianto di trattamento delle acque di spurgo della falda.
L’attività consiste nella depurazione delle acque emunte da una barriera di sbarramento
idraulico attiva dal 1987, costituita da 5 pozzi di spurgo, implementati a 8 alla fine del 2004. I
pozzi prelevano in continuo l’acqua della falda a valle delle discariche per impedire la
migrazione sotterranea delle acque contaminate, acque che vengono deprate dall’elevato
carico di ammoniaca prima dello scarico nel corpo recettore (torrente Bozzente). Tali pozzi
hanno una profondità compresa tra 80 e 82 metri e sono dotati di elettropompa sommersa.
L’impianto di depurazione è di tipo chimico-fisico, costituito da due linee in parallelo. Il
principio di funzionamento di base consiste nel creare condizioni di pH basico (> 10,5) e con
temperature di 35°C, al fine di favorire lo spostamento dell’ammoniaca in soluzione acquosa
(NH4+) ad ammoniaca gassosa (NH3).

8.3.3 Percolato
Come già introdotto nella descrizione del sito, la porzione più vecchia della discarica è stata
realizzata in assenza di specifici sistemi di intercettazione delle emissioni inquinanti. La parte
di “Gerenzano 1” coltivata prima del subentro di AMSA nella gestione del sito, è priva di
alcun tipo di impermeabilizzazione del fondo e di alcun sistema di drenaggio o raccolta del
percolato. In questa porzione di discarica, il percolato viene prelevato da alcuni torrini
verticali con l’ausilio di autobotti, ma la maggior parte è destinata a raggiungere la sottostante
falda (vedi paragrafo precedente).

La porzione coltivata tra il 1981 e il 1990 (“vasca C”) invece, è dotata di apposito sistema di
captazione, così come la più recente “Gerenzano 2”. Il percolato intercettato viene inviato a
stazioni di raccolta (Figura 8.7) e successivamente trattato nell’impianto di trattamento.
Alcuni dati relativi alle quantità di percolato raccolte nel corso degli ultimi anni sono riportati
in Tabella 8.3, indicando anche la percentuale sul totale relativa a “Gerenzano 1” e
“Gerenzano 2” (G2).

115
Fig. 8.7 Stazione di stoccaggio del percolato

Tabella 8.3 Percolato captato nelle discariche Gerenzano 1 e 2 (Varese)

Pecolato captato Percolato da G2


Anno totale (t) su totale (%)

2001 15300 -
2002 15300 -
2003 9200 -
2004 11500 -
2005 10700 -
2006 10400 30
2007 7300 33
2008 9500 19
2009 8200 9

8.3.4 Produzione e captazione biogas


Il sistema di captazione del biogas prodotto in discarica è costituito da circa ottanta pozzi
verticali, collegati tramite tubazioni a stazioni di regolazione disposte lungo tutta la discarica,
e da due stazioni di estrazione dotate di turbo aspiratori. Nel 2003 è stato installato un sistema
automatico di monitoraggio che ha migliorato l’efficienza globale del sistema, portando a
percentuali di metano nel biogas estratto pari a circa il 40%. Ogni singola stazione di
regolazione gestisce tra i 5 ed i 7 pozzi di captazione, è dotata di valvole pneumatiche con
controllo remoto e di separatori di condensa (Figura 8.8 a e b ).

116
(a) (b)

Fig. 8.8 stazione di regolazione biogas: (a) veduta interna della stazione; (b) veduta esterna della
stazione

Il biogas captato, in condizioni di normale esercizio dell’impianto, viene utilizzato per


l’alimentazione di tre gruppi cogenerativi e, nel quantitativo strettamente necessario a tenere
accesa per motivi di sicurezza la fiamma pilota, bruciato nella torcia presente nell’area di
“Gerenzano 1”. In caso di guasto o manutenzione invece, il biogas estratto viene avviato a
combustione in torcia. L’energia elettrica prodotta viene utilizzata per il fabbisogno interno
del sito, mentre il quantitativo in esubero viene ceduto alla rete Enel. Il calore prodotto viene
invece utilizzato per riscaldare le acque di falda dirette a trattamento, così da favorire il
processo di strippaggio dell’ammoniaca. Vengono ora riportati alcuni dati relativi alle
quantità di biogas totali estratte globalmente nel sito, indicando anche la percentuale sul totale
relativa a “Gerenzano 1” (G1) e “Gerenzano 2” (G2).

Tabella 8.4 Biogas estratto dalle discariche Gerenzano 1 e 2 (Varese)

Biogas totale estratto Biogas estratto da G1 Biogas estratto da


Anno (Nm3) (%) G2 (%)

2001 11500000 86 14
2002 8300000 91 9
2003 8000000 96.2 3.8
2004 7400000 95.9 4.1
2005 7700000 96.1 3.9
2006 7300000 98.6 1.4
2007 7800000 99.7 0.3
2008 8700000 99.5 0.5
2009 6400000 99.4 0.6

117
8.4 Discarica di Vergiate (VA)

8.4.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


L’area occupata dalla discarica è situata a cavallo del confine tra i Comuni di Somma
Lombardo e Vergiate ed è compresa in una zona boschiva delimitata dal torrente Strona e
dalla S.P. Cimbro-Somma Lombardo, oltre la quale si sviluppa l’area a servizio della ditta
Agusta.

(a) (b)

Figura 8.9 a) Localizzazione discarica di Vergiate; b) Panoramica dell’area discarica

Prima della realizzazione della discarica il sito era adibito a cava per l’estrazione di materiale
inerte, attività iniziata negli anni ’60 e terminata nei primi anni ’80. Secondo i dati storici, una
prima porzione del sito venne già adibita in questa fase a discarica per lo smaltimento di
materiali inerti.

Il 23 Settembre 1980 il Comune presentò domanda alla Regione Lombardia per ottenere
l’autorizzazione a convertire l’area in discarica regionale per RSU, cosa che avvenne nel
Novembre del 1981. Il progetto approvato prevedeva dapprima il recupero della porzione
interessata dagli inerti, e successivamente la realizzazione dei nuovi lotti destinati a ricevere i
rifiuti urbani. Il flusso medio di materiale sulla base di cui venne eseguita la progettazione si
attestava attorno alle 400 tonnellate al giorno. Tuttavia, a causa dei problemi legati allo
smaltimento dei rifiuti provenienti soprattutto dalla Provincia di Milano, la Regione
Lombardia, con una serie di ordinanze tra il 1986 ed il 1987, incrementò la quantità effettiva
di rifiuti in ingresso all’impianto. Ciò determinò la necessità di modificare il progetto

118
originario, andando ad aumentare le pendenze delle superfici e la morfologia finale dell’area.
Complessivamente il sito è costituito da 4 lotti, di cui i primi tre situati all’interno del
territorio comunale di Vergiate, il quarto in quello di Somma Lombardo. Ulteriori emergenze
relative allo smaltimento di rifiuti prodotti in Provincia di Milano, determinarono lo
smaltimento di quantitativi di RSU sempre maggiori, pari a circa 2.000 tonnellate al giorno tra
gli anni 1991-1992. Per far fronte a questo ulteriore incremento, la Regione dispose la
realizzazione di un bacino in sopralzo ad una porzione di discarica già colmata compresa tra il
primo ed il secondo lotto, e l’estensione della sopraelevazione sopra al terzo lotto. Da
segnalare inoltre, lo smaltimento nel corso degli anni di quantità non trascurabili di fanghi
industriali e di depurazione. Complessivamente, la massa di rifiuti depositati tra il 1980 ed il
1994, anno di chiusura, risulta essere di 3.315.000 tonnellate di rifiuti, pari a circa 4 milioni di
metri cubi smaltiti in un’area di 15,5 ettari. Attualmente, è in fase di approvazione un progetto
per la realizzazione di un impianto fotovoltaico su parte della superficie della discarica (circa
20.000 m2).

8.4.2 Aspetti idrogeologici


Secondo le informazioni fornite dal “Piano di Caratterizzazione Ambientale, Aprile 2007”
redatto dall’IDROGEA SERVIZI s.r.l., l’area dal punto di vista idrogeologico è
contraddistinta da due idrostrutture, quella relativa al torrente Strona, alimentata da piogge e
dalle perdite in sub-alveo del torrente stesso, e l’idrostruttura Vergiate-Somma Lombardo,
costituita da un acquifero prevalentemente di tipo libero, ospitato dall’orizzonte ghiaioso-
sabbioso con spessore di circa 30 metri, sovrastante l’orizzonte delle argille a bassa
permeabilità. Questa conformazione del sito determina essenzialmente due problematiche
connesse alla presenza della discarica:

ƒ Interferenze tra discarica ed il torrente Strona, soprattutto nella porzione settentrionale del
sito, realizzata senza impermeabilizzazione, determinando nei periodi piovosi elevata
produzione di percolato con conseguente accumulo;
ƒ Contaminazione della falda, causata dalla mancanza di impermeabilizzazione o, ove
presente, dalla sua inefficienza; questo aspetto risulta di primaria in portanza dal momento
che a sud (idrografico) del sito, sono presenti pozzi adibiti ad uso idro-potabile. Per questa
ragione, le concentrazioni di inquinanti sono costantemente monitorate al fine di

119
determinare estensione e movimento del plume inquinante. Attualmente è allo studio la
realizzazione di una barriera idraulica per delimitare e controllare la contaminazione.

8.4.3 Percolato
Come già introdotto precedentemente, il percolato rappresenta uno degli aspetti di maggior
criticità relativi al sito di Vergiate. Nonostante la realizzazione di un capping bentonitico dello
spessore di 50 centimetri, la produzione risulta essere notevole, determinando cos’
elevatissimi costi di gestione, Il percolato estratto dai pozzi infatti, viene dapprima avviato ad
un serbatoio intermedio in vetroresina, collegato quest’ultimo ad un serbatoio principale in
cui avviene lo stoccaggio ed il periodico prelievo con autobotte. Il percolato viene poi avviato
a smaltimento presso specifici impianti (è attualmente allo studio la progettazione di un
impianto di trattamento da realizzare all’interno del sito).

L’aspetto di maggior criticità, come descritto nel paragrafo precendente, è rappresentato alla
contaminazione della falda. Secondo le informazioni fornite dal “Rapporto Idrochimico, anno
2009” a cura del Dott. Geol. Mario Lolla, le analisi eseguite sui campioni prelevati dai
piezometri di controllo hanno evidenziato un netto e costante aumento dell’ammoniaca tra il
2006 ed il 2009, con un valore massimo di 69,8 mg/l, molto superiore del valore di parametro
(0,5 mg/l), e valori eccedenti quelli di parametro anche per nichel, manganese, e ferro.

8.4.4 Produzione e captazione biogas


Il sito di Vergiate è caratterizzato da una rete di captazione del biogas prodotto all’interno
dell’ammasso di rifiuti e da una serie di pozzi perimetrali realizzati al fine di impedire la
migrazione laterale del metano. Il biogas intercettato viene avviato a motore per la produzione
di energia elettrica. Non essendo in possesso di valori precisi, ci si limita ad osservare che la
produzione di biogas risulta essere non trascurabile allo stato attuale, dal momento che è in
fase di realizzazione una seconda linea per la combustione del biogas e la conseguente
produzione di energia elettrica.

La persistente attività degradativa, è inoltre suggerita anche dagli elevati cedimenti e


assestamenti dei rifiuti, quantificabili secondo il gestore attorno i 60-80 centimetri all’anno.

120
8.5 Discarica di Castelleone (CR)

8.5.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


Il progetto per la costruzione della discarica nel Comune di Castelleone (CR) venne
presentato dal Consorzio di Imprese EMIT, EMAS, HADEP, LA INERTI (denominato poi
Consorzio Castelleone) e approvato dalla Regione Lombardia con DGR n. V/5258 del
05/02/1991. Tale progetto prevedeva la costruzione di una discarica controllata per rifiuti
solidi urbani ed assimilabili all’interno del territorio comunale, mediante affidamento in
concessione di costruzione e gestione da parte del suddetto Consorzio di Imprese. L’area
interessata dall’impianto, realizzato in rilevato a partire dal piano campagna, è ubicata in
località Corte Madama e si estende per una superficie totale di circa 73.700 m2, di cui parte
interessata dall’accumulo di rifiuti e parte da aree servizi.

I lavori di costruzione dell’impianto sono iniziati il 17/10/1991, mentre l’attività di gestione è


iniziata il primo luglio dell’anno successivo. Il conferimento dei rifiuti in discarica si è
protratto fino al 22/07/1995, con un quantitativo complessivo di 338.900 tonnellate di rifiuto
smaltite all’interno del sito.

La costruzione della discarica è stata eseguita secondo le disposizioni normative in vigore al


momento dell’intervento. In particolare, i lavori principali sono consistiti in:
ƒ Scortico generale dell’area con asportazione del manto vegetale per uno spessore di
30-50 cm;
ƒ Regolarizzazione fondo scavo;
ƒ Riporto di materiale con granulometria controllata per la sagomature del fondo e la
costruzione degli argini di contenimento;
ƒ Riporto sul fondo di strato impermeabilizzante in argilla avente spessore 1 metro;
ƒ Posa del manto in PEAD avente spessore 2 mm;
ƒ Posa di sistema drenante realizzato con materiale naturale (con spessore
rispettivamente di 30 e 40 cm) con rete di captazione costituito da tubazione in PEAD.

Il piano superiore di quest’ultimo strato drenante costituisce il piano di appoggio dei rifiuti.
Alla fine del conferimento sono state eseguite le opere di copertura definitiva sulla superficie
di colmata autorizzata secondo i seguenti interventi:

121
ƒ Regolarizzazione della massa rifiuti con materiale inerte;
ƒ Posa di uno strato di ghiaia mista con spessore pari a 20 cm;
ƒ Posa di uno strato di sabbia con spessore pari a 10 cm;
ƒ Stesura e posa di tessuto non tessuto;
ƒ Stesura e posa di materassino bentonitico;
ƒ Stesura e posa di manto impermeabilizzante in PEAD da 1,5 mm;
ƒ Stesura e posa di tessuto non tessuto;
ƒ Posa di uno strato di inerte sabbioso con spessore pari a 20 cm;
ƒ Stesura e posa di tessuto non tessuto;
ƒ Posa di uno strato di terreno da coltivo con spessore pari a 60 cm;
ƒ Semina sull’intera superficie.

8.5.2 Aspetti idrogeologici


Non si dispone di uno studio delle caratteristiche geologiche ed idrogeologiche dell’area
interessata dalla discarica, ed è possibile dunque fornire esclusivamente delle indicazioni di
massima relative a tali aspetti. In generale, questa zona di origine alluvionale è caratterizzata
dall’alternanza di terreni sabbiosi e terreno limosi. La prima falda, maggiormente esposta, è di
tipo freatico con un limite superiore a circa 90 centimetri dal piano campagna ed
un’estensione di 18-20 metri. Essa tuttavia non viene utilizzata per scopi idropotabili, data la
sua scarsa qualità, soprattutto per parametri come manganese e ferro .

8.5.3 Percolato
Come già introdotto durante la descrizione della discarica, esiste un valido sistema di
impermeabilizzazione del fondo, costituito da uno strato di argilla con ottimo livello di
compattazione (reso possibile dal fatto che la discarica è stata realizzata in rilevato partendo
dal piano campagna) e da un manto in PEAD di 2 mm. Questo aspetto è di vitale importanza
date le caratteristiche idrogeologiche del sito, con presenza di falda esposta poco profonda.

La captazione del percolato è invece affidata ai sistemi drenanti costituiti da strati di ghiaia
dotati di tubazioni fessurate in PEAD. Il percolato defluisce poi per gravità mediante
tubazioni di sottopasso degli argini di contenimento e viene raccolto all’esterno dell’area di
conferimento dei rifiuti, in un pozzo esterno costituito da un serbatoio in vetroresina, aperto

122
alla sommità, all’interno di un bacino di contenimento in cemento armato. Successivamente,
il percolato raccolto nel pozzo esterno viene rilanciato mediante pompe sommerse a 2 serbatoi
di accumulo fuori terra in vetroresina (Figura 8.10), e infine avviato periodicamente al
trattamento presso impianti autorizzati. Da segnalare inoltre la realizzazione di un impianto di
ricircolo del percolato mediante la realizzazione di pozzi di ricircolo.

Fig. 8.10 Serbatoi di accumulo del percolato

Dai dati di percolato smaltito tra il 2007 ed il 2009 (Tabella 8.5), appare evidente come la
produzione non sia molto elevata in termini quantitativi, aspetto probabilmente dovuto
all’impermeabilizzazione superficiale che limita fortemente l’intrusione di acqua meteorica.
Tuttavia questo aspetto comporta un rallentamento sostanziale delle reazioni biochimiche di
degradazione del rifiuto, come suggerito anche dal valore non sufficientemente basso del
rapporto BOD5/COD del percolato estratto (Tabella 8.6), allungando di fatto la fase di attività
biologica anaerobica.

Tabella 8.5 Quantità di percolato smaltite negli anni 2007 - 2009

Anno 2007 2008 2009

Percolato smaltito (kg) 404380 481340 621420

N° trasporti 14 16 21

123
Tabella 8.6 Dati medi di analisi del percolato prodotto negli anni 2007 - 2009

Anno 2007 2008 2009

pH 8.1* 8.1* 8.1*


Conducibilità a 25°C (μS/cm) 24230* 23333* 22577*
BOD5 560 400 540
COD 2781* 3739* 2626*
Solidi sospesi totali 115 105 65
Cloruri 2386 2415* 2391*
Solfati - - 69.3

* = dati ricavati dalla media delle analisi in accettazione all’impianto chimico-fisico di AEM

8.5.4 Produzione e captazione biogas


Il sito è dotato di un apposito sistema di captazione e successivo utilizzo del biogas prodotto
all’interno del corpo discarica. Per alcuni anni è stato utilizzato come utilizzatore finale un
motore cogenerativo con produzione di energia elettrica. A seguito della diminuzione della
concentrazione di metano nel biogas estratto tuttavia, questo sistema è stato sostituito da un
impianto di combustione in torcia. La captazione del biogas prodotto è invece affidata a 15
pozzi, dotati di regolazione ed eventuale punto di campionamento.

Alcuni parametri relativi alle caratteristiche del biogas intercettato tra gli anni 2007 – 2009 è
riportato in Tabella 8.7.

Tabella 8.7 Dati di analisi del biogas prodotto negli anni 2007 -2009

Anno 2007 2008 2009

Metano % 34 43.5 29
Idrogeno % <2 < 0.5 <1
Anidride carbonica % 25 31.8 22.9
Ossigeno % 3 < 0.1 2.9
Idrogeno solforato mg/Nm3 2.1 12.1 6.4
Mercaptani mg/Nm3 < 0.6 1 <1
Ammoniaca mg/Nm3 < 0.4 0.8 1.4
Polveri totali mg/Nm3 - 1.4 1.1

124
8.6 Discarica di Cremona (CR)

8.6.1 Inquadramento e ricostruzione storica del sito


Il sito si colloca a sud-est della città di Cremona, in località San Rocco, tra gli abitati di Bosco
ex Parmigiano e Battaglione, a ridosso dell’attuale impianto di termovalorizzazione di RSU,
all’interno del perimetro del parco locale di interesse sovra comunale “Parco del Po e del
Morbasco” (zona di pregio naturalistico con elementi costitutivi della rete ecologica,
nell’ambito della Rete ecologica Provinciale). Complessivamente, l’area interessata dalla
discarica ha un’estensione di circa 11 ettari ed è costituita da due settori distinti separati nel
mezzo dal canale Colatore Morta, chiamati rispettivamente settore “destro” e “sinistro”.

Figura 8.11 Localizzazione settori “Destro”,“Sinistro”e canale “Colatore Morta”

La morfologia dell’area antecedente ai conferimenti di rifiuti è ricostruita nel “Piano di


recupero ambientale delle ex discariche di rifiuti di via San Rocco”, (1984). Secondo tale
relazione, il Canale Colatore Morta (Figura 8.12) scorreva in questo tratto entro due argini di
contenimento, facendo defluire le acque della fognatura civica in Po con un percorso
impostato, probabilmente, su un paleoalveo del fiume. Tra le arginature di contenimento ed il
corso d’acqua della Morta sussistevano abbondanti zone umide alimentate dal ristagno
d’acqua piovana e da infiltrazioni della Morta. Tali depressioni, ancorché di origine naturale,
furono anche ottenute con gli scavi per alzare gli argini o per asportazione dello strato

125
superficiale limoso-argilloso da parte delle locali fornaci.

Figura 8.12 “Il Colatore Morta”

Le paludine, in sinistra della Morta, furono riempite, tra il 1964 e il 1973, fin quasi al livello
superiore dell’arginatura, con rifiuti solidi urbani potenti in media da 5 a 6 metri. I terreni, la
cui superficie assomma a 5,42 ha, furono coperti con uno strato di materiali inerti, spesso 0,5
m circa, e restituiti ad una ridotta produzione agricola. Si passò quindi a riempire le
depressioni in destra della Morta: lavorando sul suolo comunale si superò di circa 10 m la
sommità dell’arginatura, ottenendo un piano inclinato che cresce da nord a sud raggiungendo
un’altezza massima di 15 m con una larghezza medi alla base 60-70 metri e una lunghezza di
800 m circa, ed una superficie di 5,8 ettari.

La discarica venne realizzata con apporti autorizzati di rifiuti urbani dal 1964 al 1983, prima
cioè dell’entrata vigore della normativa in materia di discariche controllate (Delib. C.I.
27/7/84), e successivamente con conferimenti di rifiuti inerti (sempre autorizzati) fino
all’Aprile del 1999, data di chiusura definitiva dell’impianto. Nel 1992 la proprietà della
discarica è passata dal Comune di Cremona all’Azienda Municipalizzata AEM. A seguito
dell’evoluzione societaria, la proprietà è passata all’Azienda Speciale municipale AEM nel
1994 e ad AEM SpA nel 1999. Attualmente la discarica è di proprietà di AEM SpA, che si
avvale di AEM Gestioni Srl per la gestione operativa dei propri beni.

Il sito, come già detto, è caratterizzato da due distinti settori. Il settore in destra orografica

126
chiuso definitivamente nel 1999, è di forma collinare e completamente piantumato (Figura
8.13); E’ costituito in parte da depositi di R.S.U. e in parte da rifiuti inerti, ha uno sviluppo di
circa 1 km, una larghezza di circa 80 m e un’altezza di 20-23 m, occupa una superficie di
circa 5,8 ha. Relativamente a questa porzione esistono molti dati pregressi, desumibili da
campagne di indagine eseguite nel corso degli anni da soggetti diversi. La prima porzione di
questo settore è inoltre stata soggetta ad un intervento finalizzato al recupero di parte del
materiale inerte presente, materiale prelevato e trattato per essere poi utilizzato in una nuova
discarica. Tali operazioni hanno determinato, nella zona soggetta all’intervento, un
abbassamento complessivo di qualche metro.

(a) (b)

Fig 8.13 Panoramica del settore “Destro”: (a) vista in direzione Sud-ovest; (b) vista in direzione Est

Il settore di sinistra orografica si presenta come un’area pianeggiante di circa 5,5-6 ha. La
ricostruzione storica evidenzia fino al 1984, riempimenti con RSU delle fosse degli
avvallamenti presenti. La zona è stata completata in superficie con uno strato non omogeneo
di rifiuti inerti. Per questa parte sinistra non sono disponibili dati quali-quantitativi utili per la
perimetrazione dei confini della discarica e per una stima dei volumi di RSU sepolti.

8.6.2 Aspetti idrogeologici


Dal punto di vista geomorfologico l'area si inserisce all'interno di una vasta pianura di tipo
alluvionale, attribuibile all’attività del Fiume Po, il cui corso attuale è individuabile 2
chilometri circa a sud dell'area. In particolare, La base della discarica si colloca su alluvioni in
prevalenza limoso-argillose soprastanti a sabbia più o meno grossolana. Un profilo geologico

127
locale essere schematizzato come di seguito indicato, partendo dal piano campagna presente
nell’intorno dell’area di discarica:

ƒ Litozona A - acquifero superficiale a falda libera; la litozona A è rivenibile, a partire


dal piano campagna, sino a profondità comprese tra 17-20 metri. E' costituita
prevalentemente da sabbia da medio-grossolana, a tratti debolmente limosa, con rara
ghiaia inclusa. Nella porzione superiore (primi 4-5 m) il deposito risulta regolarmente
costituito da limo da argilloso a debolmente sabbioso caratterizzato da permeabilità
decisamente ridotta. Il deposito è sede di un acquifero superficiale a falda libera, il cui
livello statico è rinvenibile mediamente a profondità comprese tra 1 e 2 metri dal
piano campagna; il livello di base dell'acquifero è costituito dal tetto della Litozona B.

ƒ Litozona B - locale livello semipermeabile-impermeabile; la litozona B è costituita da


limo argilloso, localmente debolmente sabbioso. Il tetto del deposito è rinvenibile
nell'area a profondità compresa tra 17-20 metri dal p.c. mentre la base è situata a circa
27-30 metri dal p.c.. Lo spessore medio è valutabile quindi in 10 metri circa; la
continuità del livello nell'area indagata è da considerarsi buona. La permeabilità media
della litozona è estremamente bassa e può essere considerata un locale settore
impermeabile di separazione tra acquiferi sovrapposti.

ƒ Litozona C - acquifero a falda semiconfinata; la litozona C è prevalentemente


costituita da sabbia da media-grossolana, localmente limosa, con rara ghiaia inclusa e
quindi litologicamente assimilabile alla litozona A. Il deposito è sede di un acquifero a
falda parzialmente o totalmente confinata, il cui tetto è rappresentato dalla litozona B.
Il livello di base dell'acquifero, sulla base di dati acquisiti da perforazioni di pozzi
profondi, sembra essere presente tra i 60 e gli 80 metri dal p.c..

Il monitoraggio delle acque di falda avviene attraverso una serie di piezometri posti a monte e
a valle del sito. La qualità della prima falda locale presenta un segnale di compromissione per
alcuni parametri di riferimento, specificatamente le forme dell’ammoniaca, alcuni metalli e
sali. E’ tuttavia ben noto e documentato il fatto che la qualità della prima falda risulta bassa
in molta parte del territorio del comune di Cremona, motivo per cui i dati sulla qualità non
sono direttamente correlabili con la presenza della discarica.

128
8.6.3 Percolato e biogas
Non è presente nel sito né un sistema di captazione del percolato prodotto, né un sistema di
intercettazione per il biogas. Per quanto riguarda il primo aspetto, sia la falda, sia il canale
Colatore Morta sono monitorati al fine di investigare l’eventuale contaminazione delle acque.
I risultati ottenuti tuttavia, non danno particolari indicazioni in questo senso, anche a causa
delle già citata mediocre qualità delle acque di prima falda nel cremonese. Per quanto riguarda
il biogas invece, va segnalata la presenza di dreni superficiali, realizzati per sopperire alla
mancanza di un apposito sistema di captazione. L’abbondante vegetazione presente sia sulla
sommità che sulle sponde, suggerisce tuttavia l’assenza di particolari fenomeni di emissione
incontrollata di metano dalla superficie.

8.7 Discarica di Vizzolo Predabissi (MI)

La discarica di Vizzolo Predabissi (Figura 8.14), localizzata a circa 10 chilometri da Milano,


venne realizzata negli anni ’80 ed è rimasta operativa fino al 1999. Adibita allo smaltimento
degli RSU, si stima una quantità complessiva di rifiuti di circa 4 milioni di tonnellate.

Discarica di Vizzolo

Fig 8.14 Localizzazione discarica di Vizzolo

Il sito risulta essere dotato di un adeguato sistema di impermeabilizzazione, di captazione del


percolato e del biogas. A seguito della fine dei conferimenti, è stato realizzato un capping

129
superficiale (terra e argilla) al fine di prevenire la formazione del percolato, caratterizzato dal
punto di vista quantitativo da una produzione di circa 7.000 m3/anno, ma con bassi tenori di
ammoniaca e degli altri parametri. I cedimenti e gli assestamenti risultano essere ormai
completati, ed il sito è attualmente interessato da una fase di recupero ambientale, al fine di
conseguire la realizzazione di un’area di continuità con la vicina ansa del fiume Lambro
(Figura 8.15).

Figura 8.15 Inserimento territoriale della discarica all’interno dell’area del Fiume Lambro

130
9. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE PROVINCE DI BERGAMO,
BRESCIA, VARESE, CREMONA E MILANO

9.1 La produzione di rifiuti

Vengono ora analizzate le caratteristiche della produzione di rifiuti per le Province di


Bergamo, Brescia, Varese, Cremona e Milano, al fine di mettere in evidenza:
ƒ La tipologia di impianti utilizzabili per il trattamento dei rifiuti prodotti nel bacino,
nell’ottica di una loro possibile utilizzazione per trattare frazioni dei rifiuti rimossi dalle
vecchie discariche;
ƒ L’eventuale esigenza di nuovi volumi per lo smaltimento in discarica dei rifiuti residui
prodotti nella Provincia.

9.1.1 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Bergamo


Le frazioni considerate nell’analisi dell’andamento storico per il periodo 1993-2006, secondo
i dati pubblicati nel “Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti” (Provincia di Bergamo,
2009), sono la frazione indifferenziata destinata a smaltimento (con accorpato il valore
relativo allo spazzamento stradale), le raccolte differenziate e gli ingombranti. In modo
sintetico si possono individuare nel periodo preso in esame le seguenti tendenze (Figura 9.1):
- Aumento della produzione totale dei rifiuti;
- Decremento della frazione destinata a smaltimento;
- Aumento delle raccolte differenziate.

Tra il 1993 e il 2006 la produzione totale di rifiuti urbani (RU) passa da 328.290 tonnellate a
478.816 tonnellate, con un incremento complessivo del 45,9% (2,9% annuo). Nello stesso
periodo va inoltre evidenziato anche un aumento demografico stimato attorno al 10,3%,
corrispondente ad un incremento annuo dello 0,8%. In termini di produzione pro capite,
l’incremento espresso in kg di rifiuto per abitante-anno è stato complessivamente del 32,2%
(2,2% annuo). Va segnalato tuttavia negli ultimi anni un sensibile rallentamento nella crescita
della produzione pro capite di rifiuti (Tabella 9.1), rallentamento decisamente più pronunciato
rispetto all’andamento su scala regionale e nazionale.

131
Evoluzione nella produzione dei rifiuti in Provincia di Bergamo
x 10^3
600

500

RU
400 RUi
Tonnellate

RD
300

200

100

0
1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008
Anno

Figura 9.1 Andamento della produzione di rifiuti nella Provincia di Bergamo

Tabella 9.1 Andamento della produzione di rifiuti nella Provincia di Bergamo

Incremento RUi + Incremento Incremento


Anno Abitanti RU annuo spazzamento annuo RD annuo
t/anno % t/anno % t/anno %

1993 946829 328290 - 274698 - 16198 -


1994 953457 359188 9.4 278528 1.4 33121 104.5
1995 935520 330587 -8 227261 -18.4 64793 95.6
1996 942915 345957 4.6 214239 -5.7 105916 63.5
1997 950639 350181 1.2 193943 -9.5 126666 19.6
1998 956289 364403 4.1 179579 -7.4 153239 21
1999 964802 390555 7.2 179637 0 174779 14.1
2000 974290 410450 5.1 181741 1.2 187740 7.4
2001 981341 432591 5.4 185503 2.1 204936 9.2
2002 990600 441783 2.1 187862 1.3 213508 4.2
2003 1004612 439579 -0.5 189056 0.6 211055 -1.1
2004 1021710 454971 3.5 197227 4.3 221629 5
2005 1029056 461969 1.5 201711 2.3 226184 2.1
2006 1044487 478816 3.6 207947 3.1 237337 4.9

La frazione indifferenziata avviata a smaltimento congiuntamente allo spazzamento stradale


(RUi) ha subito una riduzione passando da 274.698 tonnellate del 1993 a 207.947 tonnellate
del 2006, con un decremento complessivo del 24,3% (2,1% annuo). La diminuzione è stata

132
tuttavia più marcata tra il 1995 e il 1998, periodo in cui, per contro, è aumentata la raccolta
differenziata (RD). Quest’ultima nel corso degli anni ha subito un notevole incremento
passando da circa 16.200 t/a nel 1993 ad un quantitativo quattordici volte superiore nel 2006,
pari a 237.337 t/a. L’ incremento medio annuo è stato del 22,9%, valore che però si riduce al
4% prendendo in considerazione solo gli anni 2004 – 2005 – 2006, indicando che solo nei
primi anni la crescita è stata molto marcata. Per quanto riguarda gli ingombranti infine, si
registra una diminuzione del 10% (0,8% annuo), passando infatti da un quantitativo di 37.394
tonnellate a 33.533 tonnellate.

Analizzando con maggiore dettaglio i dati relativi alla produzione di RSU nel 2006, risultano
essere state prodotte in Provincia di Bergamo 478.816 tonnellate di rifiuti; di queste, il 50,1 %
è stato intercettato da sistemi di raccolta differenziata (fig. 9.2). Tale quantitativo comprende
anche la quota di ingombranti avviati al recupero di materia (0,5% su 7% totale di
ingombranti prodotti).

Produzione RSU nella Provincia di Bergamo - 2006

Raccolta
differenziata
49%
RU indifferenziati
39%

Spazzamento
Ingombranti a
stradale
smaltimento
5%
7%

Figura 9.2 Produzione RSU nella Provincia di Bergamo nel 2006

La frazione maggiormente intercettata dalla RD risulta essere la carta con 60,9 kg/ab·anno (il
26,5% del totale rifiuti intercettati dalla RD), seguita dalla frazione organica (42,5 kg/ab·anno,
ovvero il 18,5%), dal verde (38,8 kg/ab·anno, ovvero il 16,9%) e dal vetro (36,9 kg/ab·anno,
ovvero il 16,1%). Le percentuali delle diverse frazioni della raccolta differenziata sono
riportate in fig. 9.3.

133
Raccolte differenziate nella Provincia di Bergamo - 2006

Carta e cartone
Ingombranti a 26%
recupero
Vetro
1%
16%

Frazioni umide
36%

Plastica
5%
Altro
Metalli
2% Legno
Multimateriale Tessili 5%
7%
2% 0%

Figura 9.3 Raccolta differenziata nella Provincia di Bergamo nel 2006

9.1.2 Analisi della produzione di rifiuti nella provincia di Brescia


I dati rilevati annualmente dall’Osservatorio Provinciale Rifiuti e pubblicati nel “Piano
Provinciale di Gestione dei Rifiuti” (Provincia di Brescia, 2007), disponibili per il periodo
1995 – 2005, permettono di tracciare l’andamento della produzione totale di rifiuti, di valutare
l’evoluzione dei sistemi di raccolta differenziata e di quantificare i volumi di RSU avviati
annualmente a smaltimento (come rappresentato in Tabella 9.2 e Figura 9.4).

Tabella 9.2 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Brescia

Incremento Incremento Incremento


Anno Abitanti RU annuo RUi annuo RD annuo
t/anno % % t/anno %

1995 1071469 486576 - 431497 - 55079 -


1996 1073465 509512 4.7 436540 1.2 72972 32.5
1997 1080752 530395 4.1 439211 0.6 91184 25.0
1998 1088258 546899 3.1 443197 0.9 103702 13.7
1999 1097618 599301 9.6 466536 5.3 132764 28.0
2000 1109391 616317 2.8 463227 -0.7 153090 15.3
2001 1121586 641239 4.0 470856 1.6 170383 11.3
2002 1133155 670494 4.6 467715 -0.7 202779 19.0
2003 1150810 670936 0.1 456129 -2.5 214807 5.9
2004 1170474 683237 1.8 469347 2.9 219798 2.3
2005 1179065 700406 2.5 467743 -0.3 232663 5.9

134
Evoluzione nella produzione dei rifiuti in Provincia di Brescia
x 10^3
800

700
RU
600
RUi
500 RD
Tonnellate

400

300

200

100

0
1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006
Anno

Figura 9.4 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Brescia

Nella Provincia di Brescia la produzione totale di rifiuti tra il 1995 e il 2005 passa da 486.576
tonnellate a 700.406 tonnellate, con un aumento percentuale complessivo del 43,9%, a fronte
di un aumento demografico annuale medio pari allo 0,97%. Nello stesso periodo si registra
anche un marcato aumento della quantità di rifiuti intercettata da raccolta differenziata (da
55.079 a 232.663 tonnellate, corrispondente ad un incremento complessivo del 322,4%),
aumento che porta a valori di raccolta differenziata pari al 33,22% del rifiuto totale (fig. 9.5).
Il valore di produzione pro-capite di rifiuto riferito al 2005, espresso in kg/abitante·anno,
risulta essere pari a 594,04 indicando un aumento dello 30,8% rispetto al 1995 e un aumento
medio annuale del 2,75%.

L’aumento della raccolta differenziata negli anni, nonostante il contemporaneo aumento nella
produzione di rifiuti, ha tuttavia permesso di contenere il fabbisogno di smaltimento, senza
che però si verificasse l’inversione di tendenza nel trend di produzione di rifiuti. Analizzando
più in dettaglio quelle che sono le caratteristiche della raccolta differenziata in base ai dati
pubblicati dall’Osservatorio Provinciale, emerge che la frazione maggiormente intercettata da
tale raccolta risulta essere il verde, che con 60.316 tonnellate rappresenta il 26,55% sul totale
RD (fig. 9.6). Seguono poi carta e cartone (26,08%), il vetro (14,08%), il legno (8,89%),
l’organico (8,61%), i metalli (6,42%) e la plastica (4,37%).

135
Produzione RSU nella Provincia di Brescia - 2005

Raccolta
differenziata
33%

RSU
indifferenziati,
ingombranti,
spazzamento
stradale
67%

Figura 9.5 Produzione RSU nella Provincia di Brescia nel 2005

Raccolte differenziate nella Provincia di Brescia - 2005

Metalli Legno
Organico
6% 9%
Plastica 9%
4% Carta e cartone
26%

Verde
27%

Altre Vetro
5% 14%

Figura 9.6 Raccolta differenziata nella Provincia di Brescia nel 2005

136
9.1.3 Analisi della produzione di rifiuti nella provincia di Varese

In modo sintetico, in base ai dati pubblicati nel “Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti”
(Provincia di Varese, 2009), si possono individuare nel periodo preso in esame le seguenti
tendenze (rappresentate anche in Figura 9.7):
- Aumento della produzione totale dei rifiuti;
- Decremento della frazione destinata a smaltimento;
- Aumento delle raccolte differenziate.

Evoluzione nella produzione dei rifiuti in Provincia di Varese


x 10^3
450

400

350 RU
RUi
300
RD
Tonnellate

250

200

150

100

50

0
1995 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009
Anno

Figura 9.7 Andamento produzione di rifiuti nella Provincia di Varese

Tra il 1996 e il 2007 la produzione totale di RU passa da 331.359 tonnellate a 424.048


tonnellate, con un incremento complessivo del 28% e un incremento medio annuo del 2,3%.
Nello stesso periodo va inoltre evidenziata anche un aumento demografico stimato attorno
allo 6,5%, corrispondente ad un incremento annuo dello 0,6%, che porta la popolazione
complessiva da 810.556 a 862.888 abitanti.

In termini di produzione pro capite giornaliera, l’incremento espresso in kg di rifiuto per


abitante-giorno è stato complessivamente del 20,5% (1,7% annuo), con valori di produzione
per l’anno del 2007 pari a 1,35 kg/ab·giorno, corrispondenti ad una produzione pro capite

137
annua di 491 kg/ab·anno. Il trend di produzione pro capite di RU tra il 1996 ed il 2007 risulta
in crescita fino al 2000, mentre dal 2001 al 2007 tale parametro è rimasto pressoché costante.
La frazione indifferenziata avviata a smaltimento ha subito una riduzione del 29,5%, passando
da 268.159 tonnellate nel 1996 a 189.007 tonnellate nel 2006.

La quantità di rifiuti intercettata tramite raccolta differenziata è invece notevolmente


aumentata nel corso degli anni, subendo un incremento da circa 63.200 t/a nel 1996 a
235.041 t/a nel 2007 (+ 272%). L’ incremento medio annuo è stato del 10,5%, valore che però
si riduce al 4,9% prendendo in considerazione solo gli anni 2005 – 2006 – 2007, indicando
che solo nei primi anni la crescita è stata molto marcata.

I valori di rifiuti prodotti nel periodo considerato sono riportati in Tabella 9.3.

Tabella 9.3 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Varese

Incremento Incremento Incremento


Anno Abitanti RU annuo RUi annuo RD annuo
t/anno % % t/anno %

1996 810566 331359 - 268159 - 63200 -


1997 810894 341224 3.0 253939 -5.3 87285 38.1
1998 813511 355098 4.1 244854 -3.6 110244 26.3
1999 815930 382976 7.9 252294 3.0 130682 18.5
2000 820285 393910 2.9 253295 0.4 140615 7.6
2001 823187 409027 3.8 258921 2.2 150106 6.7
2002 827527 410646 0.4 251786 -2.8 158860 5.8
2003 834553 398460 -3.0 216992 -13.8 181468 14.2
2004 841875 412708 3.6 214552 -1.1 198156 9.2
2005 846877 408710 -1.0 199830 -6.9 208889 5.4
2006 854736 419682 2.7 193819 -3.0 225863 8.1
2007 862888 424048 1.0 189007 -2.5 235041 4.1

Con riferimento ai dati relativi all’anno 2007, sono state prodotte in provincia di Varese
424.048 tonnellate di rifiuti, di cui il 55,3% è stato intercettato da sistemi di raccolta
differenziata, corrispondenti a circa 235.041 tonnellate (fig.9.8). La frazione maggiormente
intercettata dalla RD risulta essere la frazione organica con 60,9 kg/ab·anno (il 12% sul totale
rifiuti), seguita dal verde (55,4 kg/ab·anno, ovvero l’11%), da carta e cartone (51,4
kg/ab·anno, ovvero il 10%), dal vetro (47,2 kg/ab·anno, ovvero il 10%), dal legno (21,9

138
kg/ab·anno, ovvero il 4%), dalla plastica (16,8 kg/ab·anno, ovvero il 3%) e dai materiali
ferrosi (10,8 kg/ab·anno, ovvero il 2%). Infine, il materiale derivante dallo spazzamento strade
rappresenta il 3% sul totale dei rifiuti prodotti, gli ingombranti avviati a smaltimento l’8% e il
materiale recuperato dagli ingombranti l’1%.

Raccolte differenziate nella Provincia di Varese - 2007

Plastica
Vetro Legno
3%
10% 4%
Carta e cartone Materiali ferrosi
10% 2%

Verde
11% Altro
3%

RSU indifferenziati,
Frazione organica ingombranti e
12% spazzamento strade
45%

Figura 9.8 Raccolta differenziata nella Provincia di Varese nel 2007

9.1.4 Analisi della produzione di rifiuti nella provincia di Cremona


I dati rilevati annualmente dall’Osservatorio Provinciale Rifiuti, disponibili per il periodo
1991 – 2005 e pubblicati nel “Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti” (Provincia di
Cremona, 2009), permettono di tracciare l’andamento della produzione totale di rifiuti, di
valutare l’evoluzione dei sistemi di raccolta differenziata e di quantificare i volumi di RSU
avviati annualmente a smaltimento (come riportato in Tabella 9.4 e Figura 9.9).

139
Tabella 9.4 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Cremona

Incremento Incremento Incremento


Anno Abitanti RU annuo RUi annuo RD annuo
t/anno % t/anno % t/anno %

1991 328243 123397 - 113191 - 10206 -


1992 325695 129085 4.6 115453 2.0 13632 33.6
1993 329111 135414 4.9 118176 2.4 17238 26.5
1994 328518 138569 2.3 117794 -0.3 20775 20.5
1995 330170 138061 -0.4 113873 -3.3 24188 16.4
1996 331029 142834 3.5 111652 -2.0 31182 28.9
1997 330889 150272 5.2 113239 1.4 37033 18.8
1998 333079 154436 2.8 109073 -3.7 45363 22.5
1999 334317 161113 4.3 104250 -4.4 56863 25.4
2000 335705 163330 1.4 101392 -2.7 61938 8.9
2001 337065 165882 1.6 94257 -7.0 71625 15.6
2002 338667 168972 1.9 86404 -8.3 82568 15.3
2003 342921 166979 -1.2 83600 -3.2 83379 1.0
2004 345531 174575 4.5 81823 -2.1 92752 11.2
2005 348102 176766 1.3 83563 2.1 93203 0.5

Evoluzione nella produzione dei rifiuti in Provincia di Cremona


x 10^3
200

180

160 RU
140 RUi
120 RD
Tonnellate

100

80

60

40

20

0
1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006
Anno

Figura 9.9 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Cremona

140
Nel 2005, la produzione dei Rifiuti Urbani (RU) in provincia di Cremona ha raggiunto le
176.766 t facendo registrare aumento di circa l’1,3 % rispetto alle le 174.575 t del 2004. Tale
produzione corrisponde ad una media procapite annua di circa 507,8 kg pari ad una
produzione giornaliera di 1,4 kg, tenuto conto che la popolazione residente in Provincia è
cresciuta dello 0,7% rispetto al 2004 raggiungendo 348.102 abitanti. Nel 2004 la produzione
procapite annua ammonta a circa 507,8 kg, con un incremento dello 0,5% rispetto l’anno
precedente. Il trend di produzione di RU tra il 1991 ed il 2005 risulta in costante crescita con
un incremento medio del 2,6% anno e valori particolarmente significativi negli anni 1992 e
1993 rispettivamente con il 4,6% e 4,9%. Una unica eccezione è rappresentata dal 2003 dove
si registra un calo del 1,2% rispetto l’anno precedente.

I rifiuti raccolti in forma differenziata nel 2005 (Figura 9.10) ammontano a 93.203 t, pari ad
una resa procapite di 267,2 kg con un aumento, rispetto l’anno precedente, dello 0,5%.

Raccolte differenziate nella Provincia di Cremona - 2005

Plastica
2% Vetro
8% Carta e cartone
RU indifferenziati 13%
48% Plastica
Vetro
Legno Carta e cartone
3% Legno
Metallo
Verde
Metallo
< 1% Organico
Altro
RU indifferenziati

Verde
Altro Organico 13%
5% 8%

Figura 9.10 Raccolta differenziata nella Provincia di Cremona nel 2005

La flessione nel quantitativo di raccolta differenziata che si è registrata nel 2005 in termini di
percentuale è da attribuire ad una revisione del sistema di contabilizzazione dei rifiuti.
L’incremento nel quantitativo di rifiuti raccolti in modo differenziato nel periodo considerato
è comunque stato molto significativo, passando dall’ 8,3% sul totale dei rifiuti urbani nel

141
1991 al 52,7% sul totale dei rifiuti urbani nel 2005, con un incremento medio annuale in
termini di tonnellate all’anno pari al 17,5%. Analizzando più nel dettaglio i dati relativi
all’anno 2005, la frazione maggiormente intercettata da questo tipo di raccolta risulta essere il
verde con 63,3 kg/ab·anno, pari al 13% sul totale del rifiuto prodotto, seguito da carta e
cartone (62,1 kg/ab·anno pari al 13% sul totale del rifiuto prodotto), dalla frazione organica
(43,1 kg/ab·anno pari all’ 8% sul totale del rifiuto prodotto), dal vetro (43,0 kg/ab·anno pari
all’ 8% sul totale del rifiuto prodotto) dal legno e dalla plastica.

9.1.1 Analisi della produzione di rifiuti nella Provincia di Milano


L’analisi della produzione di rifiuti urbani, delle raccolte differenziate e dell’andamento
storico di tali valori è stata condotta sulla base dei dati a disposizione dell’Osservatorio Rifiuti
della Provincia di Milano, pubblicati nel “Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti”
(Provincia di Milano, 2008). In modo del tutto sintetico, è possibile individuare nel periodo
considerato le seguenti tendenze (riportate in Figura 9.11):
- Aumento della produzione totale;
- Decremento della frazione destinata a smaltimento;
- Consistente aumento delle raccolte differenziate.

Evoluzione nella produzione dei rifiuti in Provincia di Milano


x 10^3
2500

2000 RU
RUi
1500 RD
Tonnellate

1000

500

0
1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005
Anno

Figura 9.11 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Milano

142
In particolare, considerando la produzione totale di rifiuti urbani, nel decennio 1995 – 2004 si
evidenzia, termini assoluti, una sostanziale crescita, con picchi relativi di produzione negli
anni 1996 e 2001. Complessivamente, la produzione di RSU è infatti passata da 1.582.600
tonnellate nel 1995 a 1.917.600 tonnellate nel 2004, con un incremento complessivo del
21,2% (Tabella 9.5).

Tabella 9.5 Andamento produzione rifiuti nella Provincia di Milano

Incremento Incremento Incremento


Anno Abitanti RU annuo RUi annuo RD annuo
t/anno % % t/anno %

1995 3807007 1582589 - 1301248 - 217904 -


1996 3768045 1691236 6.9 1212873 -6.8 419980 92.7
1997 3768760 1672351 -1.1 1051736 -13.3 548884 30.7
1998 3790880 1741089 4.1 929989 -11.6 633273 15.4
1999 3799657 1800873 3.4 940175 1.1 680715 7.5
2000 3841200 1860198 3.3 955987 1.7 722731 6.2
2001 3863050 1931301 3.8 1011474 5.8 743312 2.8
2002 3802024 1925768 -0.3 992273 -1.9 754467 1.5
2003 3809816 1891669 -1.8 950336 -4.2 766392 1.6
2004 3836504 1917634 1.4 955045 0.5 797348 4.0

La frazione indifferenziata ha subito una diminuzione negli anni, passando da 1.301.248


tonnellate nel 1995 a 955.045 tonnellate nel 2004, con un decremento complessivo del 26,6%.
Tale decremento è stato più accentuato tra il 1995 ed il 1998, anno a seguito del quale il
valore della frazione indifferenziata a smaltimento ha oscillato tra 950.000 e poco più di
1.000.000 di tonnellate, rispecchiando l’andamento osservato per la produzione totale. Il
valore della produzione pro-capite di rifiuto indifferenziato a smaltimento è diminuito di poco
meno di 100 kg/ab·a nel decennio considerato, con un andamento pressoché analogo a quello
della produzione in termini di tonnellate. Per contro, i quantitativi di rifiuti raccolti in forma
differenziata hanno registrato tra il 1995 ed il 2004 un notevole incremento pari, in termini
assoluti, al 266%. Si è infatti passati da un valore di circa 218.000 tonnellate ad un valore più
che triplicato, pari a797.348 tonnellate. Tale crescita è stata molto veloce fino al 1998 (+93%
annuo tra il 1995 ed il 1996, +31% tra il 1996 ed il 1997, +15% tra il 1997 ed il 1998), per poi
rallentare negli anni successivi. Tra il 2003 ed il 2004 si è verificata un’inversione di tendenza
e l’incremento annuo è tornato ad aumentare, sebbene non con i ritmi degli anni 1995- 1998.

143
In termini di percentuale sulla produzione totale di rifiuti, si è passati dal 13,8% del 1995 al
41,6% del 2004 (42,8 se si considera anche la quota di rifiuti ingombranti avviati a recupero).
Un ulteriore incremento sarebbe tuttavia richiesto per arrivare all’obiettivo del 50% di
raccolta differenziata nel 2011, obiettivo assunto nello scenario del Piano Regionale di
Gestione dei Rifiuti.

Analizzando ora con maggior dettaglio la situazione relativa all’anno 2004, emerge che la
produzione complessiva di RSU è stata pari a 1.917.634 tonnellate, di cui il 41,6% (ovvero
797.348 tonnellate) è stato raccolto con modalità differenziata ed avviata a recupero, mentre
la restante quota, costituita da rifiuti indifferenziati, ingombranti e spazzamento stradale, è
stata destinata a smaltimento, fatta eccezione per un’ulteriore quota dell’1,2% costituita da
materiale recuperato dagli ingombranti (Figura 9.12).

Produzione RSU nella Provincia di Milano - 2004

Ingombranti Spazzamento
5% 4%
Indifferenziato
49%

Raccolte
Differenziate
42%

Figura 9.12 Produzione RSU nella Provincia di Milano nel 2004

Considerando ora i rifiuti raccolti in modo differenziato, le principali frazioni intercettate


sono la carta ed il cartone (25,9%), l’organico (22,5%), il verde (10,4%) ed il vetro (20,1%),
che compongono l’80% di tutte le RD; se si considerano anche il legno e la plastica si supera
il 90% dei quantitativi raccolti. I dati relativi ai flussi della raccolta differenziata sono riportati
in Tabella 9.6 e Figura 9.13.

144
Tabella 9.6 Contributi alla raccolta differenziata in Provincia di Milano - 2004

Classe merceologica t %

Carta e cartone 206212 25.9


Plastica 50884 6.4
Multimateriale 31658 4
Organico 179431 22.5
Verde 82608 10.4
Vetro 159963 20.1
Alluminio 19573 2.5
RAEE, ferrosi 9201 1.2
Legno 46866 5.9
Pericolosi 3982 0.5
Altro 6970 0.9

Totale 797348 100

Raccolte differenziate nella Provincia di Milano - 2004

Altro
Pericolosi
Verde
Carta e cartone
Plastica
Altro Multimateriale
Vetro
Organico
Alluminio
RAEE, ferrosi
Legno

Figura 9.12 Raccolta differenziata nella Provincia di Milano nel 2004

9.2 Destino dei flussi di rifiuti generati dai diversi sistemi di raccolta

9.2.1 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale - BG


Vengono ora riportati i destini dei diversi flussi di rifiuti urbani relativi all’anno 2006 (Figura
9.14) sulla base delle dichiarazioni pervenute all’Osservatorio Provinciale (Provincia di
Bergamo, 2009).

145
Figura 9.14 Schema destino rifiuti provincia di Bergamo

Il flusso di rifiuti indifferenziati complessivo (privato del contributo relativo allo spazzamento
stradale) ammonta nel 2006 a 184.899 tonnellate. L’89,9% di questi rifiuti (166.224
tonnellate) è stato sottoposto a trattamento in impianti provinciali, in particolare:
- Il 60,2% è stato avviato a trattamento termico presso l’impianto REA di Dalmine
- Il 29,7 % è stato avviato all’impianto A2A (ex BAS) di Bergamo ed è stato pretrattato
producendo CDR o altro rifiuto destinato a successivo trattamento termico

Il rimanente 10,1% del rifiuto indifferenziato (18.737 t) è stato esportato fuori provincia con i
seguenti destini:
- 18.735 tonnellate sono state conferite al trattamento termico presso l’impianto A2A di
Brescia
- 2 tonnellate sono state avviate a trattamento termico presso l’impianto SILEA in
Valmadrera (LC)

Complessivamente, il 70,7% del rifiuto indifferenziato è stato destinato direttamente ad


impianti di trattamento termico, il 29,3% ad impianti di pretrattamento.

146
Il flusso di frazione organica complessivo ammonta nel 2006 a 44.360 tonnellate, di cui il
99,5% è stato destinato ad impianti provinciali di compostaggio, mentre lo 0,5% (240 t) è
stato conferito ad impianti fuori Provincia.
I conferimenti in impianti operanti in provincia sono stati i seguenti:
ƒ 24.367 t all’impianto MONTELLO SpA di Montello
ƒ 16.328 t all’impianto BERCO di Calcinate
ƒ 3.425 t all’impianto SPURGHI dei F.lli Terzi di Grassobbio
I conferimenti ad impianti extra-provinciali sono stati i seguenti:
ƒ 222 t all’impianto SYSTEMA AMBIENTE di Bagnolo Mella (BS)
ƒ 18 t all’impianto ECO-POL di Bagnolo Mella (BS)

La lista degli impianti a cui sono stati avviate le altre frazioni intercettate con la raccolta
differenziata risulta essere particolarmente numerosa. Sono presenti nel territorio provinciale:
- 49 impianti per trattamento e recupero materiali ferrosi
- 30 impianti per trattamento e recupero carta
- 29 impianti per trattamento e recupero alluminio
- 24 impianti per trattamento e recupero plastica
- 22 impianti per trattamento e recupero legno
- 19 impianti per trattamento rifiuti ingombranti
- 17 impianti per trattamento e recupero vetro

Per quanto riguarda lo smaltimento in discarica, sono in esercizio 6 impianti (dato relativo ad
Ottobre 2007), di cui 4 per rifiuti inerti con una capacità residua di 292.557 m3 (Ottobre
2007), una per rifiuti speciali pericolosi con una capacità residua di circa 150.000 m3 (Ottobre
2007) ed una per rifiuti non pericolosi con una capacità residua di 150.000 (Ottobre 2007). Le
due discariche per rifiuti pericolosi e non pericolosi sono:
- Discarica di Cavernago (rifiuti non pericolosi);
- Discarica di Gorno/Premolo (rifiuti speciali pericolosi).

La discarica controllata di Cavernago, per rifiuti non pericolosi, ha una capacità complessiva
di 1.263.000 m3 suddivisi in 7 lotti ed in fase di esaurimento. Nel Piano Provinciale di
Gestione dei Rifiuti viene riportata la richiesta di ampliamento del sito in questione per una
volumetria aggiuntiva di circa 390.000 m3, in grado di prolungarne l’operatività per ulteriori 5
anni. Secondo i dati disponibili (Regione Lombardia 2010), la capacità residua al 31/12/2008

147
risultava pari a soli 90.000 m3, scesi 31.465 m3 al 31/04/2010, individuando come data
stimata di esaurimento completo del sito (allo stato attuale) il mese di dicembre 2010.
Tuttavia, a giugno 2010 risulta essere stato approvato il già citato ampliamento (Regione
Lombardia 2010).

La discarica di Gorno/Premolo invece, posta al servizio dello stabilimento Pontenossa S.p.A.,


è adibita allo smaltimento delle scorie residue provenienti da acciaierie. Anche per questo sito
risultava essere in corso la richiesta di ampliamento (anno 2007) al fine di portare il volume
disponibile a circa 700.000 m3, garantendo conferimenti per ulteriori 15 anni (sempre a partire
dal 2007). Secondo le ipotesi di scenario realizzate nel Piano Provinciale di gestione dei
Rifiuti, non risulta invece soddisfatto in ambito provinciale il fabbisogno di smaltimento di
ceneri leggere derivanti da trattamenti termici.

9.2.2 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – BS


Lo schema di gestione dei flussi di rifiuti provenienti da raccolta differenziata e non,
realizzato sulla base dei dati pervenuti all’Osservatorio Provinciale nel 2005 (Provincia di
Brescia, 2007), è rappresentato in Figura 9.15.

Figura 9.15 Schema destino rifiuti provincia di Brescia

La frazione intercettata tramite raccolta differenziata viene inviata nei numerosi impianti
localizzati in ambito provinciale (impianti di stoccaggio, compostaggio, trattamento e

148
recupero). Il sito di riferimento per il trattamento della frazione umida domestica è l’impianto
di compostaggio Systema di Bagnolo Mella. Per quanto riguarda i rifiuti urbani indifferenziati
invece, secondo i dati pubblicati dall’Osservatorio Provinciale nel 2005, l’89,85% è stato
trattato presso l’impianto di termovalorizzazione A2A di Brescia (impianto con una
potenzialità annua di trattamento di RSU di 500.000 t/anno, ipoteticamente estendibile a
780.000 t/anno utilizzando per gli RSU anche la terza linea attualmente autorizzata solo per il
conferimento di rifiuti speciali), mentre solo il restante 10,15% è stato avviato a smaltimento
in discarica, corrispondenti a 37,07 kg/ab·anno (senza tener conto però delle scorie decadenti
dall’impianto di termovalorizzazione e avviate successivamente a discarica). Il ricorso a
quest’ultimo tipo di smaltimento è andato riducendosi nel corso degli anni a favore di un
sempre maggiore conferimento di rifiuti presso l’impianto di termoutilizzazione, ed è oggi
sostanzialmente limitato ai quantitativi di rifiuti ingombranti non smaltibili, ai rifiuti urbani
non conferiti all’impianto di termovalorizzazione durante i fermi tecnici per manutenzione e,
come già detto, alle scorie residue a valle del trattamento termico. I siti di riferimento
individuati dal Piano di Gestione Rifiuti sono la discarica di Montichiari e quella di Rovato.
Considerate le potenzialità impiantistiche esistenti ed il trend di produzione di rifiuti, è
possibile affermare che la Provincia di Brescia risulta essere autosufficiente, senza la
necessità di realizzare nuovi impianti per la gestione dei rifiuti urbani indifferenziati.

Secondo i dati a disposizione (Regione Lombardia, 2010), i volumi disponibili nei due siti di
Montichiari e Rovato risultavano essere di 265.000 m3 e 77.000 m3 al 31/12/2008, scesi a
192.000 m3 e 11.500 m3 al 31/04/2010. Tali capacità residue permettono di stimare
l’esaurimento delle discariche di Montichiari e Rovato rispettivamente a dicembre 2011 e
settembre 2010. L’esigenza di nuovi volumi per lo smaltimento in discarica delle scorie e dei
rifiuti residui prodotti in futuro in Provincia di Brescia deve essere valutata in base alla
volumetria attualmente disponibile nelle discariche di Montichiari e Rovato ed in altre
eventuali discariche che potrebbero rendersi disponibili.

9.2.3 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale – VA


Vengono ora riportati i destini dei diversi flussi di rifiuti urbani relativi all’anno 2007 (Figura
9.16) sulla base delle dichiarazioni pervenute all’Osservatorio Provinciale e riportate nel
Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (Provincia di Varese, 2009).

149
Figura 9.16 Schema destino rifiuti provincia di Varese

Il 75% dei rifiuti indifferenziati prodotti è stato smaltito in Provincia di Varese nella discarica
Econord di Gorla Maggiore (circa 59.000 t) e nel termovalorizzatore ACCAM di Busto
Arsizio (circa 48.000 t). Il restante quantitativo è stato destinato per la maggior parte (17%
pari a circa 23.000 t) ad impianti di termovalorizzazione ubicati al di fuori del territorio
provinciale. Una frazione pari al 7% (circa 10.000 t) è stata destinata all’impianto di
pretrattamento Tramonto Antonio di Vergiate, sito in Provincia di Varese. In merito a
quest’ultima frazione si fa presente che tale impianto non costituiva un terminale di
recupero/smaltimento ma effettuava esclusivamente operazioni intermedie finalizzate al
successivo trattamento presso altri impianti. Nel corso del 2009 tale impianto è stato
autorizzato a produrre CDR per una potenzialità pari a 30.000 t/a. La restante frazione pari
all’1% (circa 1.500 t) è stata destinata alla stazione di trasferimento Econord di Cadegliano
Viconago, sita in Provincia di Varese. Le frazioni avviate all’impianto di pretrattamento ed
alla stazione di conferimento situati in ambito provinciale sono successivamente avviati ad
impianti non individuati per i quali non è possibile valutare la localizzazione o meno
all’interno del territorio provinciale.

150
Il maggior quantitativo di rifiuti da spazzamento prodotti (54% pari a circa 7.000 t) è stato
smaltito in Provincia di Varese nella discarica Econord di Gorla Maggiore. Se si esclude una
parte pari al 12% destinata all’impianto di stoccaggio La Solarese di Saronno, il restante
quantitativo di rifiuti da spazzamento prodotti è stato destinato ad impianti fuori provincia.
Il 76% (pari a 39.000 t) dell’umido prodotto è destinato ad impianti di compostaggio ubicati
al di fuori del territorio provinciale, di cui il 35% (pari a circa 18.000 t) ad impianti ubicati al
di fuori del territorio regionale. Solamente il 24% della FORSU (pari a circa 12.000 t) viene
avviata all’impianto di stoccaggio Econord di Ferrera ed all’impianto di stoccaggio di
ACCAM; tali quantitativi vengono però avviati ad altri impianti di recupero ubicati fuori
Provincia in quanto sul territorio provinciale non esistono impianti che trattano tale frazione
di rifiuti. Per quanto riguarda il verde prodotto, Il maggior quantitativo (64% pari a circa
30.000 t) è destinato ad impianti di compostaggio ubicati nel territorio provinciale. Un
quantitativo pari al 22% (circa 10.000 t) del verde viene avviato ad impianti di stoccaggio in
provincia. Il restante quantitativo (30% pari a circa 15.000 t) viene avviato ad impianti di
stoccaggio e compostaggio ubicati al di fuori del territorio provinciale; in particolare il 2%
(pari a circa 1.000 t) ad impianti extra-regionali. Il maggior quantitativo del vetro prodotto
(82% pari a circa 33.000 t) è destinato ad impianti di recupero ubicati nel territorio
provinciale. Un quantitativo pari al 7% (circa 3.000 t) del vetro viene avviato ad impianti di
stoccaggio in provincia. Il restante quantitativo (11% pari a circa 4.500 t) viene avviato ad
impianti di recupero ubicati al di fuori del territorio provinciale; in particolare l’8% (pari a
circa 3.500 t) ad impianti extra-regionali. Il maggior quantitativo di carta e cartone prodotto
invece (69% pari a circa 30.500 t) è destinato ad impianti di recupero/stoccaggio ubicati nel
territorio provinciale. Il restante quantitativo (31% pari a circa 14.000 t) viene avviato ad
impianti di recupero ubicati al di fuori del territorio provinciale.
Per quanto riguarda la discarica di Gorla Maggiore, la volumetria residua, individuata in
871.100 m3 al 31/04/2010 (Regione Lombardia, 2010) dovrebbe assicurare conferimenti fino
ad aprile 2016.

9.2.4 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale - CR


Lo schema di gestione dei flussi di rifiuti provenienti da raccolta differenziata e non,
realizzato sulla base dei dati pervenuti all’Osservatorio Provinciale nel 2005 (Provincia di
Cremona, 2009), è rappresentato in Figura 9.17.

151
Figura 9.17 Schema destino rifiuti provincia di Cremona

Secondo i dati pubblicati dall’Osservatorio Provinciale, i rifiuti urbani indifferenziati (83.563


t, ovvero il 47,3 % sul totale degli RSU prodotti) sono stati avviati sia a smaltimento in
discarica, sia ad utilizzo presso impianto di termovalorizzazione. I rifiuti inceneriti sono stati
il 30,5 % del rifiuto totale, pari a 53.858 tonnellate. In questa quota, come si evince dallo
schema, sono compresi oltre ad una frazione del rifiuto indifferenziato anche gli scarti di
processo degli impianti di recupero (es. compostaggio, recupero del vetro, ecc.). I rifiuti
avviati a smaltimento in discarica invece sono stati, nell’anno 2005, 38.151 tonnellate, pari al
21,6 % del totale RSU. In questo caso, oltre alla preponderante frazione di rifiuto
indifferenziato, è stata considerata anche la parte di scorie, a valle del processo di
termoutilizzo, destinata appunto a smaltimento in discarica. Per quanto riguarda i flussi
generati dalla raccolta differenziata del rifiuto invece, nel 2005 sono state intercettate 49.917
tonnellate di imballaggi (circa il 28% del rifiuto totale), di cui 47.614 riciclate e recuperate,
mentre 2.303 avviate a smaltimento presso impianto di termovalorizzazione. La frazione
compostabile complessivamente raccolta è stata circa il 21% del rifiuto totale, con un valore
in peso di 37.034 tonnellate. Di queste, 19.934 tonnellate sono diventate compost (11,3 % del

152
rifiuto totale), mentre 2.143 tonnellate sono state destinate a trattamento termico poiché
rappresentavano scarti di processo. Dall’analisi dei dati disponibili e delle previsioni di
crescita nella produzione di rifiuto, emerge, per la Provincia di Cremona, la necessità di
potenziare ulteriormente i rendimenti di raccolta differenziata e recupero di materiale, di
aumentare il recupero di materiale dal rifiuto indifferenziato prima dello smaltimento finale, e
di diminuire il flusso di rifiuti destinati a smaltimento in discarica.

L’attuale discarica individuata nell’ambito della gestione dei rifiuti urbani è la discarica di
Malagnino. Secondo i dati pubblicati nel Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (2009), il
volume residuo per lo smaltimento nel sito in questione era ad inizio 2007 di circa 110.000
m3, scesi a soli 5.500 m3 al 31/04/2010 (Regione Lombardia, 2010), indicando dunque la
necessità di reperire nuovi volumi per i rifiuti non pericolosi. A tal fine, al momento della
redazione del Piano di Gestione dei Rifiuti (2009) era stato preso in considerazione
esclusivamente l’ampliamento della discarica di Malagnino, inteso come occupazione
dell’area adiacente all’impianto per una superficie non superiore al 50% dell’area occupata
dall’esistente discarica.

9.2.5 Destino dei rifiuti prodotti in ambito provinciale - MI


Vengono ora riportati i destini dei diversi flussi di rifiuti urbani relativi all’anno 2004 (Figura
9.18) sulla base delle dichiarazioni pervenute all’Osservatorio Provinciale (Provincia di
Milano, 2008).

Figura 9.18 Schema destino rifiuti provincia di Milano

153
Il flusso di rifiuti indifferenziati complessivo ammonta nel 2004 a 955.045 tonnellate. Il
69,5% di questi rifiuti (664.239 tonnellate) è stato sottoposto a trattamento in impianti
provinciali, in particolare:
- 374.123 t sono state pretrattate e termo valorizzate (fatta eccezione per il sottovaglio dal
pretrattamento) presso l’impianto di termovalorizzazione AMSA Silla 2, in Comune di
Milano;
- 80.962 t sono state termo valorizzate presso l’impianto Ambiente 2000/Prima di Trezzo;
- 65.249 t sono state termo valorizzate presso l’impianto CORE di Sesto San Giovanni;
- 52.899 t sono state termo valorizzate presso l’impianto BEA di Desio;
- 45.895 t sono state trattate presso l’impianto Fertilvita di Lacchiarella, con produzione di
bioessicato o CDR destinato a smaltimento o termovalorizzazione in altri impianti;
- 26.674 t sono state pretrattate presso l’impianto di Mediglia, essendo il rifiuto pretrattato
destinato quindi ad altri impianti per lo smaltimento;
- 18.437 t sono state pretrattate presso l’impianto AMSA Maserati Light, in Comune di
Milano, con successivo avvio del sopravaglio e del sottovaglio a smaltimento in altri
impianti.
Il 21,4% dei rifiuti indifferenziati (204.407 tonnellate) è stato direttamente esportato fuori
Provincia, presso impianti di pretrattamento, termovalorizzazione e smaltimento in discarica.
Il flusso di frazione organica da raccolta differenziata complessivo ammonta nel 2004 a
179.431 tonnellate, di cui il 38% (ovvero 68.138 t) è stato destinato ad impianti provinciali ed
il 62% (ovvero 111.292 t) ad impianti ubicati all’esterno del territorio provinciale. In
particolare, i conferimenti ad impianti operanti in Provincia nel 2004 sono stati i seguenti:
- 24.456 t all’impianto AMSA di Muggiano (non più operante dal 2005);
- 23.391 t all’impianto Ecosesto/Econord di Cologno Monzese;
- 20.292 t all’impianto Fertilvita di Lacchiarella.

Le rimanenti frazioni intercettate a valle della raccolta differenziata, sono state avviate ai
numerosi impianti presenti sia in Provincia di Milano, sia nelle altre Province lombarde.
Secondo i dati pubblicati nel Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (2008), non sono
presenti discariche per RSU operative all’interno del territorio provinciale. I flussi destinati a
smaltimento in discarica sono perciò avviati ad impianti extra-provinciali. L’unico sito
operativo nel territorio provinciale è la discarica per speciali non pericolosi di Inzago, con una
volumetria residua disponibile di oltre un milione di metri cubi (Ottobre 2009).

154
9.3 Costo di gestione dei rifiuti

La conoscenza dei costi delle diverse fasi della gestione dei rifiuti è utile per poter valutare i
costi di gestione dei materiali da Landfill Mining. Le informazioni di seguito riportate,
ricavate dai piani provinciali di gestione dei rifiuti delle Province considerate, possono fornire
un’utile base per l’impostazione di successivi studi di fattibilità.

9.3.1 I costi di gestione nella Provincia di Bergamo


La valutazione dei costi di gestione dei rifiuti, secondo i dati pubblicati nel Piano Provinciale
di Gestione dei Rifiuti (Provincia di Bergamo, 2009), è effettuata con riferimento al costo
totale dichiarato e sostenuto dai singoli Comuni nell’anno 2006 al netto dei ricavi derivanti
dai contributi Conai o da altri ricavi connessi al recupero di materiale o energia. Il costo
medio annuo per abitante relativo all’anno di indagine è pari a 77 €/ab·anno che corrisponde
ad un costo medio per tonnellata di rifiuto di 168,1 €/t. Raggruppando i Comuni in aree
omogenee dal punto di vista territoriale e socio-economico, emergono lievi scostamenti del
costo di gestione dei rifiuti rispetto al valore provinciale. Per i Comuni di Bottanuco, Madone
e Filago ad esempio, classificati nella medesima area omogenea di “Pianura”, il costo pro-
capite di riferimento risulta essere pari a 69,6 €/ab·anno, mentre il costo specifico medio è
stimato in 155,1 €/t. In via del tutto generale, si può inoltre osservare che tanto maggiore è la
percentuale di raccolta differenziata raggiunta, tanto più si riducono i costi medi pro-capite,
nonostante qualche eccezione. Per avere un’idea più dettagliata sul costo economico totale di
gestione dei rifiuti nella Provincia di Bergamo, è possibile scomporre quest’ultimo nelle
diverse parti che concorrono alla sua formazione. Da questa analisi emerge che le voci di
maggior incidenza sono quelle relative ai costi di gestione del rifiuto indifferenziato e del
rifiuto differenziato (rispettivamente il 52,1% e 32,2% del costo totale), mentre i costi comuni
e del capitale incidono complessivamente per un 15,7%. Il trattamento termico e lo
smaltimento in discarica del rifiuto residuo incidono per il 21,6% sul costo totale, seguiti dalla
raccolta e trasporto (16% sul totale). Sul costo totale di gestione incidono inoltre la raccolta
differenziata (22,4% sul totale), seguita dal costo di trattamento-riciclo (9,9% sul totale).
Infine, i ricavi derivanti dal recupero di materiale e recupero energetico si assestano su valori
attorno al 4% sul totale. Passando ad un’analisi suddivisa per aree omogenee, le zone definite
di “pianura”, come i Comuni di Bottanuco, Madone e Filago, presentano valori sensibilmente
differenti come riportato in Tabella 9.7:

155
Tabella 9.7 Costi gestione rifiuti per Comuni di pianura – Provincia di Bergamo

Rifiuto indifferenziato Rifiuto differenziato

CRi CTRi AC CSL totale i CRd CTRd totale i R Costi netti totali

% CT 16,0 22,9 2,7 10,1 51,8 28,0 11,3 39,2 2,9 97,1
€ / ab·anno 11,5 16,5 2,0 7,3 37,2 20,1 8,1 28,2 2,1 69,7
€ / ton 25,6 36,6 4,4 16,1 82,8 44,7 18,0 62,7 4,7 155,1

Con: CT = costo totale, CRi = costo raccolta e trasporto rifiuto indifferenziato, CTRi = costo trattamento rifiuto
indifferenziato, AC = altri costi, CSL = costi spazzamento e lavaggio strade, CRd = costo raccolta e trasporto rifiuto
differenziato, CTRd = trattamento rifiuto differenziato, R = ricavi (materiale ed energetici).

9.3.2 I costi di gestione nella Provincia di Brescia


Sulla base dei dati presenti nel Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (Provincia di
Brescia, 2007), le voci che maggiormente incidono sui costi totali di gestione dei rifiuti urbani
sono la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento. I costi d’uso del capitale, il costo di
ammortamento, i costi generali e i costi di amministrazione incidono invece in maniera
decisamente meno marcata sulla formazione del costo totale. Per quanto riguarda l’anno 2005,
il costo totale per la gestione dei rifiuti urbani nella Provincia di Brescia è stato di circa 111
milioni di euro, corrispondenti a 93,9 €/ab. Ci sono tuttavia delle difficoltà nel calcolo del
dettaglio del costo, poiché non tutti i comuni hanno fornito i dati all’Osservatorio Provinciale
(dato da aggiornare). Secondo le informazione pubblicate nel 2005, i costi pro-capite di
raccolta e trasporto sono di 23,9 €/ab·anno (60 €/t) per i rifiuti indifferenziati e di 16
€/ab·anno (79,5 €/t) per quelli differenziati, mentre i costi di trattamento e smaltimento si
assestano su valori di 26 €/ab·anno (67 €/t) per i rifiuti urbani indifferenziati e di 10 €/ab·anno
(48 €/t ) per i rifiuti intercettati da raccolta differenziata. I costi totali per le due categorie
risultano essere rispettivamente pari a 63,6 e 21,1 €/ab·anno.

9.3.3 I costi di gestione nelle Province di Varese e Cremona


I dati forniti dal Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti di Varese e dal Piano
Provinciale per la Gestione dei Rifiuti di Cremona non permettono una ricostruzione
dettagliata delle varie voci di costo come nelle altre Province. Importanti indicazioni di
massima sono tuttavia pubblicate nel “Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti” (Regione
Lombardia, 2005).

156
9.3.4 I costi di gestione nella Provincia di Milano
La valutazione dei costi di gestione dei rifiuti, secondo quanto pubblicato nel Piano
Provinciale di Gestione dei Rifiuti (2008), è compiuta con riferimento al costo totale
sostenuto dai singoli Comuni, valutato al netto dei ricavi derivanti dai contributi Conai o altri
ricavi legati alla cessione di materiale recuperabile e dall’eventuale recupero energetico di
rifiuti termo valorizzati. Tale dato è disponibile per 185 Comuni sui 188 facenti parte (anno
2004) della Provincia di Milano (98,9% degli abitanti).Il costo complessivo sostenuto dai
Comuni per cui è disponibile il dato è pari a 438.980.491 €/a, che corrisponde ad un costo
medio per tonnellata di rifiuto prodotto di 231,6 €/t. Le voci con una maggiore incidenza sono
quelle relative ai costi di gestione del rifiuto indifferenziato e differenziato (rispettivamente il
54% ed il 20% del costo totale, corrispondenti a 146,53 €/t e 55,75 €/t). I costi comuni
rappresentano invece il 17% dei costi totali, i costi d’uso del capitale circa il 9%, mentre i
ricavi rappresentano circa il 14%. Relativamente ai costi di gestione del rifiuto
indifferenziato, la voce di costo con maggior peso risulta essere il trattamento e lo
smaltimento (21,4% del costo totale), seguita dallo spazzamento e lavaggio strade (18,7%) e
dalla raccolta e trasporto (11,6%). Per quel che riguarda la gestione del rifiuto differenziato
invece, ad incidere maggiormente è la raccolta (14,4% del costo totale), seguita dal
trattamento-riciclo (6,1%).

9.3.5 Costi, ricavi e tariffe nella gestione dei rifiuti (Regione Lombardia)
Sulla base dei dati forniti nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (Regione Lombardia,
2005), è stato possibile confrontare costi unitari, ricavi e tariffe applicate dai gestori nelle tre
Province prese in esame. In Tabella 9.8, 9.9, 9.10, 9.11 e 9.12 ed in Figura 9.19 ad esempio
sono riportati i valori di costo (espressi in euro per chilo di rifiuto) riferiti alla raccolta e al
trasporto dei rifiuti differenziati. Tra gli aspetti che incidono maggiormente sulla voce
trasporto, vi è ovviamente la distanza dall’impianto di trattamento finale per la singola classe
merceologica. Proprio per questo motivo, il costo unitario può rappresentare un buon
indicatore rispetto alla capacità di trattamento delle diverse frazioni separate a valle della
raccolta differenziata.

157
Costi unitari di raccolta e trasporto RD

0.9
Brescia
0.8
Varese
0.7
Bergamo
0.6
Cremona
euro / kg

0.5 MIlano
0.4

0.3

0.2

0.1

0
Allumino Carta e cartone Materiali ferrosi Organico Plastica Vetro

Frazione merceologica

Figura 9.19 Confronto tra i costi unitari di raccolta e trasporto delle frazioni della RD

Tabella 9.8 Costi unitari raccolta e trasporto RD (Bergamo)

Frazione rifiuto Comuni dichiaranti Media costi unitari comunali

(%) €/kg €/ab·anno

Allumino 7 0,1702 0,4343


Carta e cartone 50 0,0674 2,6424
Materiali ferrosi 24 0,0777 0,7477
Organico 35 0,1330 5,9625
Plastica 44 0,2264 2,0491
Vetro 43 0,0631 2,3201

Tabella 9.9 Costi unitari raccolta e trasporto RD Brescia

Frazione rifiuto Comuni dichiaranti Media costi unitari comunali

(%) €/kg €/ab·anno

Allumino 3 0,5244 0,8002


Carta e cartone 19 0,0784 1,8922
Materiali ferrosi 4 0,0493 0,7472
Organico 5 0,2858 5,4863
Plastica 16 0,1261 0,2264
Vetro 7 0,0441 0,8686

158
Tabella 9.10 Costi unitari raccolta e trasporto RD Varese

Frazione rifiuto Comuni dichiaranti Media costi unitari comunali

(%) €/kg €/ab·anno

Allumino 0 - -
Carta e cartone 32 0,0693 2,5614
Materiali ferrosi 15 0,0124 0,1697
Organico 8 0,1714 5,5721
Plastica 31 0,2461 2,4333
Vetro 20 0,0314 1,4877

Tabella 9.11 Costi unitari raccolta e trasporto RD Cremona

Frazione rifiuto Comuni dichiaranti Media costi unitari comunali

(%) €/kg €/ab·anno

Allumino 11 0,2216 0,3187


Carta e cartone 19 0,0639 2,9203
Materiali ferrosi 3 0,0135 0,1140
Organico 10 0,2076 5,5734
Plastica 17 0,2018 2,3029
Vetro 17 0,0183 0,6728

Tabella 9.12 Costi unitari raccolta e trasporto RD Milano

Frazione rifiuto Comuni dichiaranti Media costi unitari comunali

(%) €/kg €/ab·anno

Allumino 6 0,8196 0,9388


Carta e cartone 41 0,0784 (*) 3,4760
Materiali ferrosi 20 0,0520 0,4616
Organico 49 0,1248 6,9638
Plastica 36 0,2414 2,7661
Vetro 23 0,0411 (**) 1,4534

(*) = valore dichiarato solo dal 40% dei Comuni; (**) = valore dichiarato solo dal 21% dei Comuni

159
Un altro importante confronto che emerge dai dati pubblicati dalla Regione Lombardia, è
quello tra i costi unitari e gli eventuali ricavi (entrambi espressi in euro per tonnellata di
rifiuto) connessi allo smaltimento presso differenti tipologie impiantistiche (Tabella 9.13 e in
Figura 9.20).

Tabella 9.13 Costi, ricavi e tariffe per i diverse tipologie di impianto

Tariffa
Tipologia impianto Valori dichiarati Costi totali Ricavi applicata
€/t €/t €/t

Impianto di selezione, Valore medio 84,04 12,09 98,08


biostabilizzazione e CDR Valore min 6,04 0,24 78,24
Valore max 165,74 18,52 137,37

Impianto di compostaggio Valore medio 48,45 2,73 41,34


Valore min 34,01 2,07 18,08
Valore max 81,37 3,40 62,00

Impianto di termovalorizzazione Valore medio 126,52 66,47 82,48


Valore min 51,03 1,35 50,72
Valore max 224,03 210,13 120,00

Discarica controllata Valore medio 41,64 5,58 64,55


Valore min 29,97 1,74 51,15
Valore max 49,70 9,41 76,20

Costi e ricavi per tipologia di smaltimento

140

120

100 Costi
euro/tonnellata

Ricavi
80

60

40

20

0
Pretrattamento e selezione Compostaggio Termovalorizzazione Discarica

Tipo di impianto

Figura 9.20 Costi e ricavi per i differenti tipologie di impianto

160
Lo smaltimento presso impianti di termovalorizzazione risulta essere il processo più costoso,
con un costo medio di 126,52 euro per tonnellata smaltita (valore soggetto però ad un forte
scostamento, essendo compreso tra un minimo di 51 €/t e un massimo di 224 €/t). Tuttavia,
grazie all’elevato recupero energetico e alla produzione di energia elettrica, presso gli
impianti di termovalorizzazione si registrano anche valori medi di ricavo più elevati e, in
generale, decisamente maggiori rispetto alle altre soluzioni impiantistiche.

Data l’elevata variabilità dei dati disponibili comunque, lo studio di fattibilità di un intervento
di Landfill Mining dovrà essere basato sull’analisi dei costi specifici degli impianti a cui
eventualmente destinare i flussi di materiali estratti dalla discarica.

161
162
10. SCENARI DI PROGETTO

10.1 Introduzione

Come più volte sottolineato, il Landfill Mining (LFM) rappresenta un’operazione


ingegneristica di una certa complessità. Ciò è dovuto sia alle differenti competenze
specialistiche coinvolte nell’intervento sia per le dimensioni che esso può di volta in volta
raggiungere. Inoltre, vista l’elevata disomogeneità dei rifiuti depositati e la stretta dipendenza
delle modalità operative dalle caratteristiche specifiche del sito considerato, risulta molto
difficile standardizzare le condizioni di processo. Proprio per questi motivi, la progettazione
di un intervento di LFM dovrà tener conto di una lunga lista di parametri, alcuni connessi a
considerazioni di tipo prettamente ingegneristico, altri connessi a scelte di carattere strategico,
altri ancora riferiti a considerazioni di carattere economico. Una schematizzazione abbastanza
efficace di quelle che possono essere le considerazioni a monte di un intervento di Landfill
Mining è rappresentata in Figura 10.1

Figura 10.1 Schema di processo di pianificazione di un progetto di LFM

Come suggerito da tale schematizzazione, la scelta progettuale finale non è altro che la fase
conclusiva (output) di un processo di analisi e confronto. Essa rappresenta l’insieme di tutte
le scelte che compongono e caratterizzano il singolo intervento. A monte di ciò, in genere, vi

163
è la formulazione di differenti ipotetici scenari progettuali, i quali vanno poi verificati anche
eventualmente attraverso l’applicazione di specifiche procedure o modelli decisionali, come
ad esempio i modelli LCA, che permettono di valutarne l’applicabilità e l’efficacia.

Per la creazione di questi scenari progettuali ipotetici, gli aspetti e i parametri da considerare
sono molteplici. Occorre conoscere le caratteristiche del rifiuto da trattare, dato di input
dell’intero processo di Landfill Mining su cui modellare un’appropriata soluzione
tecnologica. Inoltre, la pianificazione di un intervento di LFM non può non tenere conto delle
realtà impiantistiche presenti nel contesto analizzato, dal momento che, in moti casi, la
realizzazione di specifici impianti risulta essere economicamente non sostenibile. Infine,
importanti indicazioni possono essere fornite anche dall’analisi di casi storici in cui questo
intervento di bonifica è stato applicato, mettendo in evidenza i punti di forza e quelli critici
delle diverse scelte progettuali adottate.

Tutti questi aspetti, che se opportunamente incrociati permettono la delineazione di ben


determinati scenari di progetto, vengono ora discussi singolarmente, indicando sia lo stato di
fatto delle conoscenze attuali sia, ove necessario, la necessità di integrazione e reperimento di
ulteriori dati o informazioni.

10.2 Analisi delle scelte progettuali in pregressi casi di LFM

Lo studio di pregresse esperienze di Landfill Mining rappresenta un importante step


preliminare nella pianificazione di un intervento. Questo approccio infatti, nota la situazione
antecedente alla bonifica, permette di analizzare la bontà o meno delle scelte adottate,
mettendo in evidenza quelli che sono i punti di forza e di debolezza di determinate soluzioni,
nonché i relativi rendimenti attesi (utili sia per un bilancio di tipo ambientale che per un
successivo bilancio in termini di costi e ricavi).

Con riferimento ai casi già esposti nel Capitolo 4, ci si limita ora a descriverne esclusivamente
il tipo di soluzioni tecnologiche utilizzate e a confrontarne i risultati ottenuti, con lo scopo di
fornire delle basi utili alla definizione di un’adeguata filiera di processo da adottare anche nei
siti individuati dalla Regione Lombardia.

164
10.2.1 Scavo e vagliatura
Lo scavo seguito dalla sola vagliatura del materiale movimentato rappresenta probabilmente
la linea progettuale più semplice applicata a interventi di LFM. Una soluzione tecnologica di
questo tipo è stata utilizzata nel caso della discarica di Modena (Figura 10.2).

Figura 10.2 Intervento di LFM presso la discarica di Modena

Le operazioni di scavo sono state precedute da una fase di aerazione forzata in situ, con lo
scopo di stabilizzare maggiormente il materiale e di controllare al tempo stesso i livelli di
percolato all’interno del corpo discarica. Il rifiuto, una volta scavato, è stato stoccato su aree
di drenaggio per favorirne la disidratazione e successivamente avviato ad impianto. A seguito
delle operazioni di movimentazione è stata registrata una netta diminuzione nelle densità del
materiale, passato da 1 t/m3 a circa 0,4 t/m3, aspetto di cui tenere conto in fase progettuale per
un corretto dimensionamento dei flussi volumetrici giornalieri. La vagliatura (preceduta da
una triturazione poco spinta) è stata l’unica operazione a cui il rifiuto scavato è stato
sottoposto. Scopo di tale fase era quello di separare due flussi, uno di materiale grossolano da
ridepositare in un’area della discarica adibita a smaltimento semi-aerobico, l’altro di materiale
fino ricco di sostanza organica stabilizzata da utilizzare come copertura giornaliera nella
stessa discarica. La scelta del tipo di vaglio e delle sue caratteristiche è stata determinata sulla
base dei risultati delle indagini merceologiche condotte nelle fasi preliminari. Il vaglio
utilizzato è di tipo trommel, con una dimensione dei fori di 20 mm che ha dunque determinato
un flusso di pezzatura < 20 mm (frazione fine) e un flusso di pezzatura > 20 mm (frazione
grossolana). La dimensione delle luci del vaglio deve essere comunque scelta accuratamente
in modo da evitare problemi di periodico intasamento come nel caso della discarica di
Modena.

Un ulteriore esempio in cui è stata utilizzata una soluzione progettuale di questo tipo è
rappresentato dall’intervento di LFM presso la discarica di Frey Farm, Lancaster,
Pennsylvania (Fig. 10.3).

165
Figura 10.3 Intervento di LFM presso la discarica di Frey Farm (Pensylvania)

Secondo quanto riportato da Forster (2001), l’unico trattamento a cui il materiale è stato
sottoposto a seguito della movimentazione è stata una vagliatura tramite vaglio rotante mobile
Re-Tech 723 trommel, dotato di luci di forma quadrata con apertura di 1” (2,54 cm). Tale
macchinario è stato trasportato ed utilizzato direttamente on site (Figura 10.4). Nelle
operazioni giornaliere di scavo, vagliatura e trasporto sono stati impiegati 3 operatori; le
operazioni di ispezione e manutenzione del vaglio hanno richiesto ogni giorno trenta minuti.

Figura 10.4 Operazioni di vagliatura in situ presso la discarica di Frey Farm (Kurian et al., 2008)

La fase di vagliatura ha permesso di individuare tre distinti flussi di materiale:


ƒ materiale non processabile, caratterizzato da dimensioni incompatibili rispetto al tipo di
vaglio utilizzato; questi rifiuti sono stati intercettati nella zona di carico ed alimentazione
del trommel e successivamente depositati in discarica;

166
ƒ sovvallo, avviato a recupero energetico presso termovalorizzatore; a seguito di indagini
merceologiche, il 67% di questa frazione del rifiuto è risultata essere composta da frazioni
combustibili (carta, plastica, ecc.), il 30% da terreno e pietrame, il 3% da metalli.
Complessivamente, il materiale avviato a termovalorizzazione è stato il 56% del totale di
rifiuto scavato;
ƒ sottovaglio, utilizzato come copertura giornaliera in discarica; complessivamente, la
frazione di materiale recuperato e riutilizzato come copertura è stato il 41% in peso del
totale del rifiuto scavato.

La semplicità delle scelte progettuali adottate nel caso di Modena e della discarica di Frey
Farm erano sostanzialmente determinate dalla decisione di non recuperare materiale
riutilizzabile dal rifiuto scavato, eccezion fatta per la frazione fine usata come terreno di
copertura e, nel caso di Frey Farm, del sovvallo avviato a termovalorizzazione senza ulteriori
trattamenti. Da qui, la decisione si applicare uno schema progettuale molto semplice costituito
dalla sola vagliatura monostadio tramite vaglio rotante. La filiera di trattamento può essere di
complessità via via crescente in base agli scopi che si vogliono perseguire, come riportato nei
paragrafi 10.2.2 e 10.2.3.

10.2.2 Scavo e vagliatura bi-stadio


Una prima evoluzione dello schema progettuale visto in precedenza è ad esempio stata
utilizzata nell’intervento sperimentale di LFM svolto presso la discarica di Masalycke, Svezia
(Figura 10.5).

Figura 10.5 Intervento di LFM presso la discarica di Masalycke (Svezia)

167
In questo caso il rifiuto, movimentato tramite escavatore Åkerman H14B HD, è stato caricato
in container, pesato ed avviato alla vicina stazione di vagliatura, costituita da un vaglio bi-
stadio in grado di separare tre distinti flussi granulometrici (una frazione < 18 mm, una
frazione compresa tra 18-50 mm e una frazione > 50 mm). I materiali ingombranti, non
processabili a causa delle loro dimensioni, sono stati intercettati ed allontanati direttamente
alla bocca di alimentazione del sistema di vagliatura. Successivamente il materiale così
frazionato granulometricamente è stato avviato a selezione manuale finalizzata
esclusivamente alla caratterizzazione merceologica dei tre distinti flussi.

A seguito di analisi merceologica, i tre flussi con differente granulometria sono stati
caratterizzati come segue:

ƒ frazione < 18 mm, utilizzabile come materiale di copertura;


ƒ frazione 18 – 50 mm, caratterizzata dalla presenza di inerti e sostanza organica;
ƒ frazione > 50 mm, costituita per circa il 50% da legno e carta, presenza considerevole di
metalli (5%).

Nel caso di Masalycke è stata indagata inoltre la possibilità del recupero energetico della
frazione più grossolana, costituita principalmente da materiali cellulosici e da materiali
plastici, caratterizzati dunque da elevato potere calorifico, o di recuperare plastica per la
produzione di Polyplanks (materiale composito costituito da rifiuto plastico e fibre di legno).
Un altro aspetto importante da segnalare è legato alle caratteristiche della sostanza organica
presente nel rifiuto. Non essendo stati applicati metodi di aerazione a monte delle operazioni
di scavo, il quantitativo di sostanza organica non stabilizzata è risultato essere non
trascurabile. Per questo motivo, la frazione intermedia è stata avviata a bioreattore per la
produzione di metano.

Una soluzione progettuale caratterizzata da vagliatura e selezione manuale è stata utilizzata


anche nell’intervento di Landfill Mining presso la discarica di Edinburg, New York, USA
(Fig. 10.6).

168
Figura 10.6 Intervento di LFM presso la discarica di Edinburg (New York)

In questo caso, il rifiuto movimentato durante le operazioni di scavo è stato avviato a stazione
mobile di vagliatura bi-stadio caratterizzata da superfici di vagliatura con dimensioni delle
maglie rispettivamente di 7,6 cm e 2,5 cm. A seguito di tali operazioni, il 75% del rifiuto è
risultato essere costituito da frazione fine, venduta come materiale utilizzabile nelle
costruzioni stradali. La rimanente frazione grossolana è stata invece sottoposta a selezione
manuale finalizzata ad un eventuale recupero dei materiali riciclabili. Il sovvallo con
dimensioni maggiori di 7,6 cm era costituito principalmente da plastica, tessili, legno carta e
metalli. La frazione compresa tra 7,6 e 2,5 cm è invece risultata essere composta
essenzialmente da lattine e bottiglie.

A seguito della selezione manuale circa il 50% del sovvallo (materiale con dimensioni
maggiori di 2,5 cm) è risultato essere potenzialmente recuperabile. Tuttavia, a causa dei costi,
solo una piccola frazione di materiale, costituita da materiale ingombrante separato
direttamente a monte delle operazioni di vagliatura (pneumatici e ferro), è stata effettivamente
recuperata e riciclata. Il rifiuto residuo a seguito della separazione della frazione più fine è
stato inoltre sottoposto a test atti a valutarne il PCI nell’ottica di un eventuale utilizzo di
impianti di termovalorizzazione. L’elevata presenza di pietre e materiale inerte non separabili
manualmente tuttavia ha determinato un PCI troppo basso per tale utilizzo del sovvallo. Il
materiale residuo è stato dunque depositato in una limitrofa discarica.

169
10.2.3 Scavo, vagliatura e selezione meccanica
Una ulteriore evoluzione dello schema progettuale relativo ad un intervento di LFM consiste
nel sottoporre i flussi generati dalle operazioni di vagliatura ad una o più fasi di selezione e
separazione di tipo meccanico. In questo modo è possibile intercettare separare specifiche
classi merceologiche presenti nell’ammasso di rifiuto utilizzando una successione di differenti
tipologie di macchinario. I sistemi utilizzabili possono essere sia di tipo mobile e quindi
trasportabili direttamente on site, sia di tipo fisso all’interno di specifici impianti di
trattamento. Un primo esempio di intervento di LFM in cui il materiale è stato sottoposto a
trattamenti di vagliatura e selezione di tipo meccanico è rappresentato dal caso della discarica
di Naples, Collier County, Florida (USA), schematizzato in Figura 10.7.

Figura 10.7 Intervento di LFM presso la discarica di Naples (Florida)

Le operazione di vagliatura e selezione sono state condotte in un’area limitrofa alla zona di
scavo del rifiuto tramite l’utilizzo dei seguenti macchinari:

ƒ vaglio vibrante “Grizzly” per la separazione del materiale grossolano (> 15 cm);
ƒ vaglio rotante “Trommel” per la separazione della frazione fine (< 2 cm);
ƒ separatori magnetici posti sopra nastri trasportatori per la separazione dei metalli;
ƒ separatore aeraulico “a coltello” con tecnologia DE-STONER per la rimozione dei
materiali pesanti e la separazione delle frazioni leggere.

Secondo quanto riportato dalla relazione tecnica del EPA (1993), i macchinari sono stati
disposti su una superficie di 27 x 34 metri, e la loro installazione ha richiesto circa due giorni.

170
Durante le operazioni di scavo sono stati utilizzati un escavatore con pala dentata (con
capacità di 5 m3) ed un Caterpillar D8 per la rottura delle zone maggiormente compattate. Gli
stessi macchinari sono poi stati utilizzati per lo stoccaggio temporaneo del materiale
movimentato.

Il primo trattamento a cui è stato sottoposto il rifiuto è stata la vagliatura grossolana per la
separazione dei materiali ingombranti non ulteriormente processabili a causa delle loro
dimensioni. Il vaglio vibrante, alimentato direttamente tramite escavatore, ha permesso
l’allontanamento di materiali quali tessuti e pneumatici, successivamente depositati in
discarica (ma eventualmente recuperabili). La restante frazione del rifiuto è stata avviata
tramite nastro trasportatore al vaglio rotante trommel. Questa successiva operazione di
vagliatura ha permesso la separazione della frazione fine (< 2 cm) utilizzabile come copertura
giornaliera. Il sovvallo invece è stato avviato, sempre tramite nastro trasportatore, ai
successivi trattamenti. Due separatori magnetici hanno permesso la separazione dei materiali
ferrosi mentre la separazione delle frazioni più leggere da quelle più pesanti è stata effettuata
tramite l’impiego del separatore aeraulico “a coltello” con tecnologia DE-STONER. Questo
macchinario è costituito da due distinte fasi di processo: in una prima fase il materiale viene
ulteriormente separato tramite vaglio vibrante in due flussi a differente granulometria (in
questo caso le dimensioni delle maglie del vaglio sono state le medesime utilizzate nel
trommel). Il sottovaglio viene allontanato, stoccato ed utilizzato come terreno, il sovvallo
invece viene avviato alla seconda fase di trattamento che consiste nella separazione di frazioni
leggere da quelle più pesanti. Il flusso entrante di rifiuto viene violentemente attraversato da
un getto d’aria in grado di trascinare con sé il materiale più leggero mentre quello più pesante
continua la sua caduta senza risentire dell’azione di trascinamento. Le due frazioni così
separate vengono infine raccolte in due differenti tramogge.

I diversi flussi di materiali separati meccanicamente sono stati successivamente avviati presso
laboratorio di analisi al fine di verificarne qualità ed omogeneità. A titolo esemplificativo, il
ferro selezionato tramite separatori magnetici è risultato avere una purezza dell’82%, mentre
la purezza della plastica intercettata a valle del separatore aeraulico è risultata essere del 75%.
I materiali separati dal rifiuto non sono risultati in generale competitivi se paragonati con le
frazioni riciclabili ottenibili tramite raccolta differenziata, a causa degli elevati costi di
trattamento necessari per un loro eventuale riutilizzo sul mercato. Per contro, il processo di
vagliatura e selezione è stato giudicato positivo per quel che riguarda la separazione della

171
frazione fine (circa il 60% in peso del rifiuto scavato) utilizzata come materiale di copertura in
discarica.

Ove presenti, gli impianti fissi di trattamento e selezione meccanica rappresentano uno dei
sistemi più efficaci per la separazione delle diverse componenti del rifiuto proveniente da
operazioni di Landfill Mining. Una soluzione progettuale di questo tipo è stata impiegata
presso la discarica di Burghof, Germania. L’impianto di trattamento, localizzato in prossimità
della zona di scavo e progettato dalla IUT Global Pte Ltd, è stato realizzato in modo da
garantire una certa flessibilità durante le fasi operative, permettendo l’eventuale sostituzione o
l’aggiunta di nuovi macchinari (Rettenberger, 1995). Le diverse fasi di selezione del
materiale, schematizzate in Fig. 10.8, sono state realizzate attraverso l’utilizzo di:
ƒ Vaglio rotante “trommel” con luci di 60 mm;
ƒ Separatore gravimetrico;
ƒ Sistema automatizzato di selezione con braccio meccanico;
ƒ Separatore magnetico;
ƒ Frantumatore;
ƒ Separatore balistico.

Figura 10.8 Intervento di LFM presso la discarica di Burghof, Germania (Rettenberger, 1995)

172
Il rifiuto, dopo essere stato scavato, è stato dapprima inviato al vaglio rotante, che ha
permesso la separazione della frazione più fine (< 60 mm) depositata in discarica.
Successivamente il sovvallo è stato avviato tramite nastro trasportatore ad un primo
separatore gravimetrico di tipo aeraulico per la separazione del materiale più leggero da
quello a più elevata densità (pietre e detriti da demolizione). Dopo aver separato i materiali
pesanti, il rifiuto residuo ha subito un trattamento di selezione tramite braccio robotizzato (al
fine di allontanare legno, sintetici e gli eventuali materiali pericolosi) seguito dalla
separazione dei metalli tramite separatore magnetico posto sopra il nastro trasportatore e
parallelo ad esso. Il materiale residuo è stato poi avviato, sempre tramite nastro trasportatore,
ad un secondo separatore gravimetrico, seguito da un frantumatore (utilizzato per ottenere una
maggiore omogeneizzazione del volume del rifiuto) ed infine da un separatore balistico.
Quest’ultimo, ha permesso la definitiva separazione di una frazione fine (depositata in
discarica), una frazione pesante (costituita essenzialmente da pietre e detriti da demolizione) e
una frazione leggera ad alto PCI da avviare a termovalorizzatore.

Un esempio di separatore balistico è raffigurato in Figura 10.9. Il rifiuto da trattare viene


caricato in un’apposita tramoggia, da qui prelevato in piccole quantità da un dispositivo
rotante che ne impone una forte accelerazione proiettandolo al di sopra delle bocche di
diverse tramogge poste alla base di una camera chiusa. La classificazione delle componenti
avviene in base alla distanza raggiunta da ciascuna di esse, aspetto legato alle specifiche
caratteristiche elastiche e di densità dei differenti materiali.

Figura 10.9 Separatore balistico (www.brt.biz)

173
Complessivamente, il processo di trattamento ha permesso dunque la separazione di pietre e
detriti da demolizione (10% del rifiuto scavato) riutilizzabili, previo successivo trattamento,
come materiale di riempimento, di una frazione a bassa densità con elevato PCI da avviare a
termovalorizzazione (17,5% del rifiuto scavato), di un’esigua frazione di rifiuti pericolosi, di
una frazione di metalli direttamente recuperabili e di una frazione fine depositata in discarica.
Nonostante quest’ultima rappresentasse più del 70% in peso del totale scavato, grazie alle già
menzionate caratteristiche granulometriche e a seguito delle operazioni di compattazione (che
hanno permesso di raggiungere densità attorno al valore di 1,8 t/m3), il volume di recuperato
alla fine del processo è stato circa il 56% del volume originariamente occupato dai rifiuti.

L’intervento di Burghof, protrattosi dal 1993 al 1996, ha permesso alla IUT Global Pte Ltd di
collaudare e validare la linea di trattamento e selezione meccanica appena descritta.
Attualmente, va segnalato come sia in corso un importante intervento di LFM presso la
discarica di Sharjah (Emirati Arabi), progettato e gestito dalla IUT Global Pte Ltd, sulla base
di uno schema progettuale molto simile a quello di Burghof.

10.3 Analisi della realtà impiantistica esistente

Come già emerso nell’analisi di pregressi casi di applicazione di LFM, la determinazione


delle varie fasi di intervento e la scelta delle diverse operazioni tecnologiche coinvolte
nell’intervento sono aspetti strettamente correlati con la capacità impiantistica nel territorio in
esame. Quest’ultima infatti, oltre ad influire in modo diretto sulle finalità che si intendono
perseguire, ovvero sulle frazioni che si intendono intercettare, determina l’effettiva capacità
tecnica di intervento nel sito in esame. Molto spesso infatti, prevedere la realizzazione di
specifici impianti per le operazioni a valle del LFM risulta un’operazione del tutto irrealistica
a causa degli elevati investimenti coinvolti. Proprio per questo motivo, è la quantità di
impianti già presenti nel territorio, la loro capacità di accogliere nuovi flussi di rifiuto da
trattare e il loro livello tecnologico a determinare lo scenario progettuale più efficace.

Si passa ora ad analizzare dunque la realtà impiantistica presente nella Regione Lombardia,
con un occhio di riguardo alle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Milano e Varese,
possibili obiettivi di interventi di Landfill Mining. Per fare ciò, vengono prese in
considerazione le pubblicazioni dell’APAT, i Piani Provinciali di Gestione dei Rifiuti delle

174
cinque Province in esame, il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti della Regione Lombardia
e le informazioni direttamente fornite dai gestori dei differenti consorzi e impianti. Le
tipologie di impianto interessate da questo tipo di indagine sono essenzialmente gli impianti
di termovalorizzazione, gli impianti di pretrattamento, gli impianti di produzione CDR e gli
impianti di recupero materiale.

10.3.1 Impianti di termovalorizzazione nel territorio regionale


Secondo quanto riportato dal Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (2003), nella Regione
Lombardia sono attivi 13 impianti di termovalorizzazione adibiti al trattamento di rifiuti
urbani o assimilabili. Di questi, 9 sono localizzati nelle Province di Brescia, Bergamo,
Cremona, Milano e Varese, come riportato in Tabella 10.1. Per quanto concerne l’utilizzo di
combustibile da rifiuto (CDR), questo viene smaltito solamente in tre impianti presenti nel
territorio lombardo, di cui solo uno è localizzato in una delle Province di interesse (Bergamo).
Dal punto di vista della capacità di trattamento invece, l’impianto più importante è il
termovalorizzatore di Brescia, con una portata media di rifiuti trattati di 1.660 t/d
corrispondenti a 552.000 tonnellate/anno (dati relativi all’anno 2003). Da segnalare inoltre la
presenza di un impianto di termovalorizzazione per rifiuti industriali nel Comune di Filago
(BG).

Tabella 10.1 Impianti di termovalorizzazione RU e assimilabili nella Regione Lombardia

Comune Provincia Tipologia rifiuti trattati Capacità media

(t/d) (t/y)

Cremona CR RU 270 90.000


Busto Arsizio VA RU, Sanitari 360 119.000
Como CO RU, Sanitari 230 77.000
Valmadrera LC RU 240 79.000
Brescia BS RU 1.660 552.000
Bergamo BG CDR 210 71.000
Dalmine BG RU 400 132.000
Milano (Silla2) MI RU 1.360 453.000
Desio MI RU, Sanitari 160 55.000
Sesto S. Giovanni MI RU 220 67.000
Trezzo d'Adda MI RU 510 167.000
Corteolona PV CDR 200 67.000
Parona PV RU, CDR, RS, Sanitari (fraz. Secca) 340 112.000
Filago BG Rifiuti industriali liquidi e solidi (t/h) 10 -

175
Un aspetto di primaria importanza da evidenziare ai fini della pianificazione di un intervento
di LFM in Regione Lombardia è la considerevole vicinanza sia dell’impianto di
termovalorizzazione di Filago rispetto alla discarica candidata all’intervento di Landfill
Mining localizzata nel medesimo Comune, sia dell’impianto di termovalorizzazione di
Cremona rispetto alla discarica di San Rocco, anch’essa candidata all’intervento di LFM e
con la quale l’impianto di termovalorizzazione confina. Tale aspetto, in caso di un’eventuale
intervento nei siti indicati, determinerebbe una netta e considerevole riduzione dei costi
relativi ai al trasporto del materiale movimentato, incidendo positivamente sul bilancio
economico finale.

Più in generale, la presenza di un elevato numero di impianti di questo tipo, unita alla
contemporanea buona distribuzione all’interno del territorio regionale, permette dunque, da
un punto di vista prettamente impiantistico, di ipotizzare un eventuale recupero della frazione
ad alto PCI separata durante le operazioni di Landfill Mining.

10.3.2 Impianti di trattamento, selezione e produzione CDR


Viene ora analizzata la presenza e la distribuzione nel territorio regionale degli impianti
adibiti al trattamento meccanico e biologico dei rifiuti, alla selezione delle diverse componenti
e alla produzione di CDR. Sono esclusi da tale censimento gli impianti finalizzati alla
produzione di compost di qualità, le cui caratteristiche sono incompatibili con il rifiuto
proveniente da LFM. Va inoltre segnalato che la lista degli impianti esistenti, riportata in
Tabella 10.3, non è del tutto completa. Ciò è dovuto al fatto che non è stato possibile reperire
alcun elenco ufficiale di tutte le realtà impiantistiche di questo tipo presenti nella Regione
Lombardia (i dati forniti sono stati infatti estrapolati dai Piani Provinciali di Gestione dei
Rifiuti, dal Piano Regionale di gestione dei Rifiuti, dalle informazioni direttamente fornite dai
diversi gestori operanti nel territorio lombardo e dalle pubblicazioni dell’Agenzia APAT).

Sono stati individuati 13 impianti attivi suddivisi tra le Province di Milano, Pavia, Mantova,
Bergamo e Lodi. Alcuni di questi, come nel caso dell’impianto “Maserati Light” di Milano, si
limitano ad una separazione meccanica del rifiuto in ingresso, individuando cosi flussi
destinati ad ulteriori trattamenti diversificati. Altri invece, come nel caso del sito di Giussago
(PV), sono finalizzati ad una rapida stabilizzazione o bioessiccazione del rifiuto. La maggior
parte degli impianti tuttavia, prevede anche la produzione di una frazione di combustibile da

176
rifiuti o CDR. In tre casi in particolare (Bergamo, Corteolona e Pavia), la frazione
combustibile, ottenuta a valle di specifici processi di trattamento di tipo meccanico, viene
utilizzata e incenerita direttamente nel medesimo impianto di produzione.

La filiera impiantistica cosi generata (produzione CDR e conseguente utilizzo termico) appare
dunque una realtà decisamente affermata all’interno del territorio regionale, e fornisce, al
tempo stesso, una valida opzione da considerare nel processo di progettazione e pianificazione
di un intervento di Landfill Mining nelle tre Province in esame. Un po’ meno numerosa, ma
comunque interessante, è la presenza di impianti predisposti ad un trattamento meccanico e
biologico del rifiuto, alternativa progettuale da considerare in presenza di materiale non
ancora stabilizzato dal punto di vista biologico.

177
Tabella 10.3 Elenco impianti di selezione, trattamento e produzione CDR nella Regione Lombardia.

Comune Provincia Tipologia impianto Tipo di rifiuto Capacità (t/anno) Gestore

Giussago PV Bioessiccazione RSU e Speciali 80.000 Fertilvita S.r.l.

Corteolona PV Bioessiccazione e raffinazione RSU e Speciali 160.000 Fertilvita S.r.l.


finalizzata al recupero energetico

Montanaso Lombardo LO Bioessiccazione e raffinazione RSU e Speciali 75.000 Bellisolina S.r.l.


finalizzata al recupero energetico

Lacchiarella MI Bioessiccazione e raffinazione RSU e Speciali 75.000 Fertilvita S.r.l.


finalizzata al recupero energetico Frazione organica 40.000
produzione compost di qualità

Milano MI Separazione meccanica RSU - AMSA

Mediglia MI Triturazione RSU 99.000 Mediglia Servizi Ecologici


Triturazione e vagliatura RSU 9.900 Mediglia Servizi Ecologici

Parona PV Selezione, trattamento e RSU - Lomellina Energia S.r.l.


produzione CDR

Monticello di Brianza LC Selezione e produzione CDR RSU 18.000 Seruso S.p.a.

Bergamo BG Produzione CDR RSU 53.000 A2A

Pieve di Coriano MN Selezione, trattamento e RSU 75.000 S.I.E.M.


produzione CDR

Castel Goffredo MN Trattamento e recupero RSU 15.500 S.I.E.M.

Ceresara MN Selezione, trattamento RSU 75.000 S.I.E.M.


e produzione CDR

Vergiate VA Trattamento e produzione CDR RSU residui 30.000 Tramonto Antonio S.r.l.

178
10.4 Analisi di caratterizzazione dei rifiuti depositati in discarica

Come già accennato nel Capitolo 3, esiste una lunga serie di indagini (geotecniche,
geofisiche, geognostiche, idrauliche, chimiche, merceologiche, ecc.,) a cui è possibile far
riferimento nella caratterizzazione di una discarica. Tuttavia in questa fase dello studio ci si
limita ad entrare nel dettaglio solo delle analisi necessarie alla definizione delle caratteristiche
merceologiche e del livello di stabilità biochimica del rifiuto, aspetti fondamentali per la
pianificazione di un intervento di Landfill Mining (LFM).

10.4.1 Analisi merceologica del rifiuto


Questo tipo di indagine ha l’obiettivo di valutare la composizione merceologica dei rifiuti
depositati e le caratteristiche delle varie frazioni, permettendo dunque la definizione dei
materiali potenzialmente recuperabili ed i trattamenti idonei alla gestione del materiale
movimentato durante l’intervento di LFM.

L’analisi viene eseguita su campioni di materiale estratto a diverse profondità nel corpo
discarica, mediante scavo aperto o trivellazione. Prima di procedere all’esecuzione dell’analisi
merceologica e granulometrica, il materiale estratto può essere steso su teli impermeabili e
asciugato all’aria aperta, al fine di abbassarne il grado di umidità. Successivamente, un tipo di
analisi utilizzabile messa a punto dal dipartimento IMAGE dell’Università di Padova, consiste
nell’utilizzo di quattro vagli di dimensioni pari a 100x70 cm, caratterizzati da una spaziatura
tra le maglie di 100, 75, 50 e 20 mm, opportunamente impilati in ordine decrescente di
dimensione. L’analisi merceologica viene effettuata sul sopravaglio 100, 75, 50 e 20 mm,
mentre il sottovaglio 20 mm è considerato come una classe a parte ed è in buona parte
costituito da terreno naturale (presente tra il 30% e il 70% in peso nel materiale estratto con
LFM a seconda delle modalità di copertura giornaliera adottate in fase di deposito).
Le classi merceologiche generali considerate sono:
- tessili;
- legno;
- carta – cartone;
- plastica;
- metalli;
- materiale inerte.

179
Successivamente, nell’ottica di un eventuale invio a recupero energetico delle frazioni
combustibili selezionate meccanicamente, può risultare d’interesse effettuare la
determinazione del potere calorifico inferiore (PCI), relativo alle categorie merceologiche
identificate nei campioni di rifiuto prelevati alle diverse profondità. In particolare, tale
determinazione viene generalmente condotta sulle seguenti frazioni merceologiche:
- plastica con granulometria > 100 mm;
- plastica con granulometria > 75 mm;
- plastica con granulometria > 50 mm;
- plastica con granulometria > 20 mm;
- legno;
- tessili;
- carta – cartone;
- sottovaglio a 20 mm.
Per la plastica è d’interesse valutare l’andamento del PCI in funzione della granulometria dato
che è stato riscontrato che il PCI è più alto per le frazioni a più elevata granulometria, grazie
alla minore presenza di impurità.

10.4.2 Caratterizzazione biochimica del rifiuto


Questo tipo di indagini ha l’obiettivo di definire lo stato di degradazione della frazione
organica, la qualità delle varie frazioni del rifiuto e di ricostruire il profilo di umidità lungo la
profondità della discarica. Alcuni di questi aspetti, come ad esempio la residua capacità di
produzione di metano, sono di primaria importanza nella pianificazione di un intervento di
LFM, poiché influiscono direttamente sulle modalità operative di intervento (ad es. necessità
o meno di applicare sistemi di aerazione in situ).

Anche in questo caso le indagini vengono condotte su campioni di materiale estratti, a


seconda delle situazioni, mediante scavo aperto o trivellazione, a diverse profondità nel corpo
discarica. I test di laboratorio permettono successivamente la determinazione almeno dei
seguenti parametri:
ƒ umidità;
ƒ solidi volatili;
ƒ indice respirometrico;
ƒ indice di produzione di biogas in test di fermentazione.

180
10.5 Identificazione di possibili scenari progettuali

La conoscenza su più livelli (storico, impiantistico e sito-specifico) degli aspetti connessi ad


un intervento di Landfill Mining (LFM) permette la definizione di alcuni ipotetici scenari di
progetto. La scelta tra questi andrà successivamente fatta in base a valutazioni economiche e
strategiche; si sta recentemente diffondendo anche l’uso di strumenti di supporto alle
decisioni descritti in altre parti di questa relazione (LCA, capp. 6 e 10.6).

10.5.1 Descrizione degli scenari di progetto


Sono di seguito delineati alcuni generici scenari progettuali per la realizzazione di un
intervento di LFM nella Regione Lombardia, sulla base delle ipotesi sintetizzate in Tabella
10.4.

Non potendo elaborare dati connessi alle caratteristiche del rifiuto, alla sua composizione
merceologica, al suo livello di stabilità biologica, ecc., la definizione di tali scenari è avvenuta
principalmente sulla base della situazione impiantistica esistente nella Regione Lombardia
(nelle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Milano e Varese), dell’analisi di pregressi casi
di LFM (inerenti soprattutto all’effettiva capacità di recupero di materiale e al tipo di
materiale recuperabile) e sulle ipotetiche caratteristiche del rifiuto interessato dal LFM.
Quest’ultime sono state via via modificate e differenziate, in modo tale da poter simulare gran
parte delle situazioni effettivamente possibili e riscontrabili su scala reale.

Gli ipotetici scenari progettuali così individuati si differenziano dunque sia per il numero e la
tipologia di soluzioni impiantistiche di volta in volta previste, sia per le caratteristiche che il
materiale movimentato deve presentare.

181
Tabella 10.4 Identificazione di differenti scenari progettuali relativi a differenti caratteristiche del
rifiuto interessato da LFM

Scenario Principali caratteristiche del rifiuto interessato da LFM

Bassa stabilità biologica, eventuale presenza di materiali


A
recuperabili, elevato PCI

Bassa stabilità biologica, eventuale presenza di materiali


B
recuperabili, elevato PCI

Bassa stabilità biologica, basso rapporto terreno/rifiuto, bassa


C
presenza di materiali recuperabili, elevato PCI

Bassa stabilità biologica, elevata presenza di materiali


D
recuperabili, elevato PCI

Bassa stabilità biologica, elevata presenza di materiali


E
recuperabili, elevato PCI

Bassa stabilità biologica, elevato rapporto terreno/rifiuto, elevata


F
presenza di materiali recuperabili, basso PCI

Bassa stabilità biologica, elevato rapporto terreno/rifiuto, elevata


G
presenza di materiali recuperabili, basso PCI

Elevata stabilità biologica, eventuale presenza di materiali


H
recuperabili, elevato PCI

Alta stabilità biologica, elevato rapporto terreno/rifiuto, elevata


I
presenza di materiali recuperabili, basso PCI

Alta stabilità biologica, basso rapporto terreno/rifiuto, bassa


L
presenza di materiali recuperabili, elevato PCI

Alta stabilità biologica, elevata presenza di materiali recuperabili,


M
elevato PCI

Le linee guida che verranno ora fornite rappresentano un importante punto di partenza su cui
poter sviluppare successivi e più approfonditi studi.

I primi tre scenari di intervento, indicati con A, B e C sono schematizzati in Figura 10.10:

182
Figura 10.10 Applicazione di un intervento di Landfill Mining nel territorio della Regione Lombardia – scenari di progetto A, B e C

183
Gli scenari A, B e C si riferiscono ad un rifiuto caratterizzato da un basso libello di stabilità
biologica (residua capacità di produzione di metano). Per tale motivo, prima dell’intervento di
LFM, è prevista una fase di aerazione in situ con il duplice scopo di raggiungere un elevato
livello di stabilità biologica del materiale presente nel sito (diminuendo cosi la produzione di
biogas, e rendendo di conseguenza più sicure le operazioni di scavo) e di
controllare/diminuire il battente di percolato all’interno del sito stesso. Tuttavia, mentre per lo
scenario A tale si ipotizza una fase di aerazione piuttosto prolungata al fine di raggiungere la
completa stabilità biologica del materiale da scavare, per gli scenari B e C è prevista
un’aerazione più rapida, con il solo obiettivo di garantire condizioni di sufficiente sicurezza
durante le fasi di scavo. Questa scelta è giustificata dal fatto che per lo scenario B si ipotizza
un successivo trattamento meccanico-biologico che prevede dunque un’ulteriore fase di
stabilizzazione biologica (cosa che non accade nell’ipotesi progettuale A), mentre per lo
scenario C si ipotizza un trattamento di tipo termico, che di fatto rende pressoché ininfluente
il livello di stabilità raggiunto dal rifiuto.

Successivamente all’aerazione in situ, la cui durata dipende dagli obiettivi dell’intervento,


iniziano i lavori di scavo, le cui modalità vanno definite in base alla volumetria movimentata,
alle caratteristiche dei rifiuti e alle condizioni sito-specifiche. Negli scenari A e B il materiale
scavato subisce poi un’operazione di vagliatura in situ, attraverso un vaglio mobile le cui
caratteristiche, in termini di capacità oraria e di dimensioni delle maglie, saranno legate alle
qualità dei rifiuti ed in particolar modo al loro frazionamento granulometrico e merceologico.
Nell’ipotesi di scenario C invece, relativa ad un rifiuto con una basso rapporto terreno/rifiuto,
con bassa presenza di materiale recuperabile ed elevato PCI, si prevede di avviare il materiale
movimentato direttamente a termovalorizzazione presso uno degli impianti individuati nel
paragrafo 10.3.1, senza predisporre una precedente operazione di vagliatura.

A valle della fase di vagliatura negli scenari A e B si generano due flussi con caratteristiche
differenti. Il sovvallo, caratterizzato dalla presenza di materiale recuperabile, è soggetto ad
una successiva fase di selezione e separazione delle frazioni riutilizzabili (es. metalli, inerti da
impiegare come riempimento nelle costruzioni stradali, ecc.), operazione che potrà essere di
tipo manuale (per materiali facilmente intercettabili come ad esempio i pneumatici), oppure di
tipo meccanico. Numero e tipologia di macchinari dovranno essere valutati in base alle
effettive caratteristiche del rifiuto; le operazioni di selezione potranno avvenire sia in situ
mediante l’utilizzo di macchinari di tipo mobile, sia presso gli impianti di selezione presenti

184
in Regione Lombardia ed individuati nel paragrafo 10.3.2. Tuttavia, come evidenziato dal
tratteggio, tale fase di separazione potrà essere by-passata in caso di una bassa presenza di
materiali recuperabili. La frazione di rifiuto residua potrà successivamente essere avviata ad
impianto di termovalorizzazione per RSU e assimilabili (a patto che il materiale scavato
presenti caratteristiche compatibili con tale tipologia impiantistica), ad impianto di
produzione CDR con successivo recupero energetico presso specifico impianto (vedi par.
10.3.1 e 10.3.2) o ad altri impianti di termovalorizzazione (es. impianto per rifiuti industriali
di Filago). L’eventuale frazione di scarto non combustibile prodotta nella preparazione del
CDR andrà infine smaltita in discarica. Ciò potrà avvenire nel sito interessato dal Landfill
Mining, previa realizzazione di nuovi settori secondo la normativa vigente, oppure presso un
altro impianto qual’ora si preveda una nuova destinazione d’uso dell’area a seguito
dell’intervento di LFM.

Il sottovaglio invece, costituito in parte da sostanza organica biodegradabile, potrà essere


utilizzato come copertura giornaliera in discarica. Nell’ipotesi di scenario A, data la
prolungata fase di aerazione preliminare, la sostanza organica sarà ben stabilizzata e l’utilizzo
è di tipo diretto. Nell’ipotesi di scenario B invece, risulta necessario un ulteriore trattamento
finalizzato ad una maggiore stabilizzazione biologica del materiale, da realizzarsi presso gli
impianti di trattamento meccanico-biologico presenti in Regione Lombardia ed individuati nel
paragrafo 10.3.2.

Altri due scenari progettuali applicabili in un intervento di LFM nel territorio lombardo,
alternativi ai già esposti scenari A e B e C ed identificati come Scenario D e Scenario E, sono
schematizzati in Figura 10.11.

185
Figura 10.11 Applicazione di un intervento di Landfill Mining nel territorio della Regione Lombardia – scenari di progetto D ed E

186
Come negli scenari precedenti, è prevista anche in questo caso una fase più o meno
prolungata di aerazione in situ con le medesime modalità già descritte nei casi A e B seguita
dalle operazioni di scavo e vagliatura. In questi due scenari tuttavia, supponendo di dover
gestire un materiale con elevata presenza sia di materiali inerti sia di materiale con elevato
PCI, è possibile ipotizzare l’impiego di un vaglio bi-stadio di tipo mobile da utilizzare
direttamente in situ. Le dimensioni dovranno essere tali da separare tre distinti flussi con le
seguenti caratteristiche:

ƒ Materiale con pezzatura grossolana, con dimensioni generalmente superiori ai 15 cm;


questo materiale potrà successivamente subire operazioni di selezione manuale o
meccanica al fine di intercettare le frazioni eventualmente riutilizzabili (es. pneumatici, da
avviare ad apposito trattamento di recupero). Il rifiuto residuo sarà depositato in discarica
(presso i nuovi settori realizzati nel sito oggetto di LFM oppure presso un altro impianto
qual’ora si preveda una nuova destinazione d’uso dell’area a seguito dell’intervento di
LFM);
ƒ Materiale con pezzatura intermedia da avviare ad impianto di separazione delle frazioni
recuperabili (da definire in base alle caratteristiche merceologiche del rifiuto) ed eventuale
separazione della frazione leggera ad alto PCI mediante separazione aeraulica (da avviare
a termovalorizzazione). Il rifiuto residuo sarà smaltito in discarica secondo le modalità già
viste;
ƒ Materiale fino da utilizzare come copertura giornaliera in discarica (direttamente nel caso
D, e previa biostabilizzazione presso specifico impianto nel caso E).

Una variante dello scenario appena descritto può essere introdotta in caso di elevata presenza
di materiali inerti costituiti da rifiuti di demolizione. In questo caso, per poterne consentire un
significativo recupero, è possibile utilizzare un impianto, eventualmente anche mobile,
costituito da una o più fasi di frantumazione, deferrizzazione, vagliatura ed abbattimento
polveri. Il materiale così ottenuto alla fine del processo potrà essere reimpiegato, ad esempio,
come materiale di riempimento nelle costruzioni stradali. In caso di contemporanea elevata
presenza di materiali leggeri caratterizzati da alto PCI potrà essere impiegato un impianto
mobile di tipo vaglio-aeraulico, oppure un separatore aeraulico mobile, in grado di allontanare
le frazioni più leggere da avviare a smaltimento presso termovalorizzatore.

187
Tutte le scelte progettuali viste finora prevedono lo smaltimento di parte del materiale scavato
presso impianti di termovalorizzazione. Questa scelta, come già ribadito, è determinata dalla
numerosa presenza di impianti di questo tipo all’interno del territorio regionale e
dall’assunzione di dover gestire un materiale con una frazione non trascurabile ad alto PCI.
Tuttavia, se quest’ipotesi dovesse venir meno a seguito di indagini sulle effettive
caratteristiche del rifiuto soggetto a LFM, uno smaltimento di questo tipo sarebbe
difficilmente realizzabile. In questo caso quindi, è opportuno fare riferimento ad altri due
scenari progettuali, F e G, schematizzati in Figura 10.12.

Anche in questo caso, similmente agli scenari già descritti, è prevista una fase più o meno
prolungata di aerazione in situ, seguita dalle operazioni di scavo e dalla vagliatura
monostadio. Il sovvallo, dovrà subire una fase di separazione delle frazioni recuperabili e
riutilizzabili (es. metalli e inerti) prima di essere depositata in discarica, cercando di
recuperare il maggior quantitativo possibile di materiale al fine di contenere i volumi di
smaltimento necessari per la frazione residua. Per tale motivo, è preferibile che tali operazioni
avvengano presso gli impianti fissi esistenti nel territorio regionale (paragrafo 10.3.2), in
grado di garantire rendimenti di trattamento superiori agli impianti di tipo mobile. Il
sottovaglio invece, come già esposto negli scenari precedenti, potrà essere utilizzato come
copertura giornaliera in discarica, sia direttamente (Scenario F), sia a seguito di apposita fase
di biostabilizzazione presso impianto di trattamento meccanico-biologico (Scenario G).

188
Figura 10.12 Applicazione di un intervento di Landfill Mining nel territorio della Regione Lombardia – scenari di progetto F e G

189
Le scelte progettuali viste finora sono stare definite a partire dall’ipotesi di rifiuto non ancora
stabilizzato, caratterizzato dunque da una residua capacità di produrre ed emettere biogas.
Tuttavia, si potrebbe verificare il caso in cui, a valle di accurate indagini conoscitive sul
rifiuto, la sostanza organica presenti un alto livello di mineralizzazione, il che si traduce in
un’elevata stabilità biologica del materiale da sottoporre a LFM. In questo caso quindi, è
opportuno fare riferimento ad altri scenari progettuali, alternativi a quelli finora esposti,
schematizzati in Figura 10.13.

Gli scenari proposti, identificati come Scenario H, I e L presentano caratteristiche molto


simili ai già descritti scenari A, F e C. Le operazioni successive allo scavo del rifiuto risulta
infatti essere la medesima ai tre casi già descritti. In questo caso tuttavia, data l’elevata
stabilizzazione raggiunta dal rifiuto (da verificare tramite accurate indagini già introdotte nel
paragrafo 10.4) si ipotizza essere by-passabile la fase di aerazione in situ. Discorso analogo
per lo Scenario M, schematizzato in Figura 10.14, concettualmente simile al già descritto
Scenario D, eccezion fatta per la fase di aerazione preliminare non prevista nell’ipotesi di alto
livello di stabilità biologica del rifiuto.

Si sottolinea tuttavia come a livello pratico tale supposizione relativa ad una stabilità molto
elevata del rifiuto sia generalmente molto difficile da riscontrare globalmente nell’ammasso di
rifiuti, ribadendo dunque l’importanza sia di eseguire accurate indagini conoscitive, sia
prevedere una fase di aerazione in situ preliminare.

190
Figura 10.13 Applicazione di un intervento di Landfill Mining nel territorio della Regione Lombardia – scenari di progetto H, I e L

191
Figura 10.14 Applicazione di un intervento di Landfill Mining nel territorio della Regione Lombardia – scenari di progetto M

192
10.5.2 Confronto tra i diversi scenari di progetto
Gli ipotetici scenari individuati per la realizzazione di un intervento di LFM nella Regione
Lombardia, si differenziano sia per il numero e la tipologia di soluzioni impiantistiche di volta
in volta previste, sia per le caratteristiche che il materiale movimentato deve presentare. Nelle
seguenti tabelle sono riassunte le caratteristiche degli scenari considerati (Tabella 10.5) con
riferimento ad ipotesi di qualità dei rifiuti estratti (Tabella 10.6)

Tabella 10.5 Confronto tra le operazioni previste nei differenti scenari progettuali

Scenario
Tipologia impiantistica

A B C D E F G H I L M

Aerazione in situ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

Vagliatura mono-stadio ■ ■ ■ ■

Vagliatura bi-stadio ■ ■ ■

Selezione materiali recuperabili □ □ ■ ■ ■ ■ □ ■ ■

Produzione CDR □ □ □

Biostabilizzazione/essiccazione ■ ■ ■

Termovalorizzatore ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

Discarica ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

■ = Trattamento caratterizzante dello scenario


□ = Trattamento by-passabile in base alle effettive condizioni operative

193
Il processo di aerazione in situ, necessario per ottenere una buona stabilizzazione del rifiuto
prima delle operazioni di scavo (con conseguente riduzione delle emissioni di CH4 e minori
rischi per gli operatori durante le fasi di cantiere), è previsto in tutti i casi in cui sia presente
una residua capacità, da parte del rifiuto, di produrre ed emettere metano. Negli scenari B, E e
G, è prevista un’ulteriore fase atta a stabilizzare il materiale soggetto a LFM, eseguita a
seguito delle operazioni di scavo presso specifici impianti di trattamento del rifiuto. Per tutti
gli scenari, tranne per lo Scenario C e lo Scenario L, è prevista una fase di vagliatura,
realizzabile sia in situ mediante l’utilizzo di un impianto mobile, sia presso apposito impianto,
avendo in questo caso cura di minimizzare i costi di spostamento e trasporto del materiale. In
generale, sarà maggiormente vantaggioso eseguire tale fase presso il sito stesso, in modo tale
da diminuire la volumetria del materiale da allontanare e, di conseguenze, i già citati costi di
trasporto. Per quanto concerne il tipo di vagliatura (mono- o bi-stadio), sono valide le
considerazioni già esposte durante la definizione dei diversi scenari progettuali. Per gli
scenari appena citati inoltre, deve anche essere individuato un impianto (eventualmente anche
mobile) di selezione per l’intercettazione di materiali facilmente recuperabili. Questa fase può
tuttavia essere by-passata negli scenari A, B e H.

Lo smaltimento in discarica gioca un ruolo molto importante nella gestione del materiale
movimentato. La prima decisione riguarda l’utilizzo o meno di siti già esistenti ed operativi
oppure la costruzione di una nuova discarica nel sito oggetto di bonifica. In questo caso, si
potrà tener conto di diverse opzioni progettuali (discarica tradizionale, discarica semi-
aerobica, ecc., ) al fine di avvicinarsi il più possibile al concetto di “discarica sostenibile”.
Un’importante annotazione va fatta in merito al destino delle scorie e delle ceneri pesanti a
valle del trattamento in impianti di termovalorizzazione. Questa tipologia di rifiuto residua è
stata considerata esterna al sistema costituito dal progetto di LFM. Tuttavia, in fase
decisionale, potrà essere presa in considerazione, e opportunamente “pesata”, attraverso
l’utilizzo di modelli LCA o di analisi costi-benefici.

Le informazioni fornite in tabella 10.5 permettono di stimare in modo preventivo il numero di


impianti necessari a seconda dello scenario considerato, ma non permettono di correlare le
scelte progettuali da effettuare con le caratteristiche del rifiuto. Qualche informazione
aggiuntiva può quindi essere fornita dalla Tabella 10.6 in cui, in modo del tutto generico, si
cerca di evidenziare quali trattamenti siano più appropriati in base a determinate qualità del
materiale movimentato.

194
Tabella 10.6 Confronto tra le caratteristiche del materiale movimentato e i diversi scenari progettuali

Scenario
Caratteristiche materiale scavato

A B C D E F G H I L M

Bassa stabilità biologica ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ○ ○ ○ ○

Alta stabilità biologica ○ ○ ○ ○ ○ ○ ○ ■ ■ ■ ■

Elevato rapporto terreno*/rifiuto ■ ■ ○ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ○ ■

Basso rapporto terreno*/rifiuto ■ ■ ■ ■ ■ ○ ○ ■ ○ ■ ■

Elevata presenza materiali recuperabili ■ ■ ○ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ○ ■

Bassa presenza materiali recuperabili ◊ ◊ ■ ○ ○ ○ ○ ◊ ○ ■ ○

Elevato PCI ■ ■ ■ ■ ■ ○ ○ ■ ○ ■ ■

Basso PCI ○ ○ ○ ○ ○ ■ ■ ○ ■ ○ ○

* (sottovaglio 20 mm)
■ = Caratteristica compatibile con lo scenario progettuale
◊ = Caratteristica non vincolante nello scenario progettuale
○ = Caratteristica non compatibile con lo scenario progettuale

Come si evince dalla Tabella 10.5, le caratteristiche variabili del rifiuto scavato considerate
sono:

ƒ Livello di stabilità biologica;


ƒ Rapporto terreno (sottovaglio 20 mm) / rifiuto;
ƒ Presenza di materiale facilmente recuperabile;
ƒ Potere calorifico del materiale.

195
Gli scenari A e B presentano la maggiore flessibilità connessa con le possibili caratteristiche
del materiale interessato da Landfill Mining. Tutte le altre opzioni invece sono caratterizzate
da un numero maggiore restrizioni non trascurabili, come ad esempio un basso livello del
potere calorifico negli scenari F, G ed I o la bassa presenza di materiali recuperabili in D, E,
F, G, I e M. Analizzando la questione più in dettaglio e focalizzando l’attenzione sugli aspetti
che rendono lo scenario non compatibile con il tipo di rifiuto da trattare, appare evidente che,
in presenza di un materiale costituito in modo preponderante da terreno / sostanza organica,
un trattamento di tipo termico potrebbe non essere la soluzione più appropriata, sia perché da
un lato si avrebbe a che fare con un flusso dotato di scarso PCI, sia perché dall’altro l’elevato
rapporto terreno / rifiuto farebbe propendere per un più sensato riutilizzo come terreno di
copertura in discarica. Anche l’elevata presenza di materiali recuperabili risulta essere non
compatibile con l’ipotesi di progetto descritta nello Scenario C e nello Scenario L, poiché tali
elementi non sarebbero intercettati e recuperati. Passando ora ad analizzare le ipotesi D, E ed
M, viene invece considerata incompatibile la scarsa presenza di materiale recuperabile, dal
momento che questa evenienza non giustificherebbe l’adozione di un vaglio bi-stadio. Stessa
considerazione per un eventuale basso PCI del materiale, poiché questo è essenzialmente
determinato dalla presenza di cellulosici e plastiche direttamente separate grazie alla fase di
vagliatura bi-stadio. Per quel che riguarda gli scenari F, G ed I infine, bassi valori nel
rapporto terreno / rifiuto determinerebbero elevati volumi per il ricollocamento in discarica,
vanificando per certi versi i vantaggi delle operazioni di LFM.

10.6 Utilizzo di modelli LCA nella valutazione di differenti scenari progettuali

Come già introdotto nel Capitolo 6, la metodologia dell’Analisi del Ciclo di Vita (LCA) può
essere applicata ad una vasta gamma tematiche, dalla applicazione originale su prodotti o
processi industriali fino a quella più recente sul fine vita degli stessi. Essa ha come scopo
quello di definire il profilo ambientale di un prodotto oppure di un servizio, con la possibilità
di comparare più alternative dal punto di vista dell’impatto ambientale globale. Lo strumento
si propone di calcolare e valutare i carichi ambientali totali che occorrono durante l’intero
ciclo di vita del prodotto o del servizio utilizzando un approccio del tipo “dalla culla alla
tomba”, essenzialmente calcolando e poi elaborando tramite opportuni software i flussi di
materia ed energia. Esso perciò non restituisce come risultato e quindi non sostituisce una
analisi di rischio oppure una valutazione di impatto ambientale poiché valuta solamente i
carichi ambientali aggregandoli attraverso lo spazio e nel tempo. I risultati devono essere

196
considerati come impatti potenziali sull’ambiente in quanto non sono considerate le
concentrazioni effettivamente rilasciate e neppure la specificità del sito.

Considerato il quadro articolato a più livelli e le numerose scelte possibili di trattamento dei
rifiuti nella pianificazione di un intervento di Landfill Mining, l’Analisi del Ciclo di Vita può
aiutare a disegnare un quadro più chiaro ed a segnalare le scelte che da un punto di vista
ambientale risultano essere più sostenibili, essendo sicuri di aver considerato in maniera
globale i carichi ambientali ed il consumo di risorse impiegato. Si ripete come tale procedura
non costituisca un modello decisionale vero e proprio, e non sostituisca il ruolo fondamentale,
in sede di pianificazione di un intervento, rivestito dalle procedure di stima economica o di
analisi dei costi-benefici. Esso piuttosto rappresenta un utile strumento per confrontare
l’efficacia, da un punto di vista di bilancio ambientale, di differenti scenari progettuali.

10.6.1 Linee guida per l’applicazione di un modello LCA


Vengono ora riassunte e schematizzate le procedure e le informazioni necessarie alla
realizzazione di un’analisi LCA applicate ad un intervento di LFM. Come più volte ribadito, il
grado di incertezza e la scarsa conoscenza delle caratteristiche sito-specifiche delle aree
oggetto di indagine non permettono di andare oltre ad un semplice approccio generale
sull’argomento trattato. Le indicazioni che seguono rappresentano dunque delle importanti
linee guida a cui attenersi per la realizzazione di una più approfondita procedura di analisi,
specifica per il sito di interesse. Detto ciò, la procedura di Analisi del Ciclo di Vita può essere
suddivisa in 4 fasi successive di organizzazione del lavoro, ovvero:

1. identificazione e caratterizzazione degli obiettivi e degli scopi;


2. inventario e reperimento delle informazioni necessarie;
3. valutazione degli impatti;
4. interpretazione dei risultati.

Il primo passo ha la funzione di definire in maniera chiara e dettagliata quelli che sono gli
scopi e gli obiettivi che tale analisi si prefigge di ottenere, indicando inoltre a chi sono rivolti
tali risultati e con quale fine di utilizzo. Questi risultati finali saranno costituiti da un valore
per ogni categoria di impatto sull’ambiente considerata (Riscaldamento globale,
Acidificazione delle acque, Eutrofizzazione, Tossicità, ecc.,). Tale valore potrà essere positivo

197
(= impatto sull’ambiente) o negativo (= impatto evitato sull’ambiente). In generale, potranno
esserci emissioni che insistono su più categorie di impatto: in questo caso esse andranno
accorpate e distribuite all’interno delle singole categorie. Un aspetto molto importante di cui
tener conto in questa prima fase è la definizione dell’unità funzionale di base, la
determinazione dei confini del sistema (in grado quest’ultimi di influenzare in maniera molto
marcata gli esiti della modellazione) e la scelta dell’orizzonte temporale.

Il secondo step invece consiste nel reperimento delle informazioni necessarie alla
realizzazione del modello vero e proprio. Per fare ciò, alcuni dati devono necessariamente
essere acquisiti tramite monitoraggio o altre operazioni svolte direttamente sul campo (come
nel caso delle emissioni di biogas), altri invece, essendo più generici, possono essere reperiti
tramite consultazione di opportune banche dati (come nel caso della produzione di energia
elettrica). Durante questo secondo step è conveniente, da un punto di vista concettuale,
suddividere l’intervento di LFM oggetto di analisi in tre differenti fasi operative. Una prima
fase, precedente all’intervento di scavo vero e proprio, una seconda fase relativa alle
operazioni di movimentazione del rifiuto, alle operazioni di vagliatura, selezione e
trattamento, e una terza fase relativa allo smaltimento finale, evidenziando, ove presente,
l’eventuale recupero di energia o materia. Per ciascuna di queste tre fasi andranno valutati i
flussi di energia e materia, sia entranti sia uscenti dal sistema (Figura 10.15). Le singole fasi
cosi individuate vanno successivamente ulteriormente suddivise nelle operazioni base che le
caratterizzano. Si determina così un lungo elenco di attività il cui “peso” nel bilancio
ambientale andrà di volta in volta stimato e valutato. Una possibile lista di operazioni unitarie
tipiche in un intervento di LFM è riportata in Tabella 10.6.

Figura 10.15 Schematizzazione di un intervento di LFM nella realizzazione di modelli LCA

198
Una volta che tutte le informazioni preliminari sono state individuate e reperite, si passa al
terzo step, che rappresenta il nucleo centrale in un’Analisi del Ciclo di Vita. Qui ogni
sostanza emessa/evitata viene collegata alle categorie di impatto viste in precedenza. Per
potere fare ciò vengono utilizzati degli opportuni fattori di caratterizzazione, che permettono
di rapportare tutte le emissioni di differenti sostanze ad un unico composto di riferimento (ad
es. CO2 per la categoria “riscaldamento globale”, SO2 per la categoria “acidificazione delle
acque”, e cosi via). Tuttavia, a seguito di tale operazione, non risulta possibile svolgere un
immediato confronto tra i valori di impatto, poiché questi presentano unità di misura
differenti. Per ovviare al problema si procede con un’operazione di normalizzazione che
permette di esprimere tutti i risultati in emissione media pro-capite o popolazione equivalente
(PE), dividendo l’impatto totale di un’area per la popolazione delle stessa.

La quarta fase infine ha l’importante scopo di valutare sia la consistenza o meno dei risultati
prodotti dalla modellazione, sia la sensitività dei parametri utilizzati.

199
Tabella 10.6 Esempio di informazioni necessarie allo sviluppo di uno studio di LCA

FASE 1 - CARATTERIZZAZIONE DISCARICA

CARATTERISTICHE DELLA DISCARICA


Volume occupato della discarica e densità media
Caratterizzazione merceologica e chimica del rifiuto mediante campionamenti
Definizione area/volume interessata dalle operazioni di Landfill Mining

IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO e BIOGAS


Caratteristiche chimiche del percolato estratto
Portata annuale in ingresso all'impianto
Consumo energia elettrica dell'impianto
Consumo dei reagenti per trattamento del percolato
Portata annuale in uscita all'impianto e concentrazioni medie inquinanti

BIOSTABILIZZAZIONE ED ESTRAZIONE DEL PERCOLATO


Consumo energia elettrica pompe insufflazione aria
Consumo energia elettrica pompe aspirazione percolato
Percolato estratto totale

FASE 2 – OPERAZIONI DI LANDFILL MINING

OPERAZIONI DI RIMOZIONE DEL RIFIUTO (*)


Emissioni dai mezzi escavatori
Consumo di carburante dei mezzi escavatori
Stima del rilascio di biogas in atmosfera durante la escavazione dei rifiuti

OPERAZIONI DI SELEZIONE DEL RIFIUTO


Consumo energia elettrica impianto di selezione
Calcolo del bilancio di massa del processo una volta caratterizzato il materiale entrante
Stima delle frazioni separate in massa ed ipotesi di successivo utilizzo
Calcolo delle emissioni rilasciate in aria (se prevedo stabilizzazione/essiccazione)

FASE 3 - RECUPERO DI MATERIA ED ENERGIA DAL RIFIUTO SELEZIONATO (**)

Ipotesi di riciclo delle frazioni metalli ferrosi e non recuperate


Ipotesi di riciclo della frazione carta recuperata
Ipotesi di riciclo della frazione plastica recuperata
Ipotesi di riciclo della frazione vetro recuperata
Ipotesi di utilizzo del CDR prodotto (termovalorizzazione, cementificio, centrale elettrica,
etc.)
Ipotesi di utilizzo della frazione fine (recupero come copertura in discarica se stabilizzata)

(*) Bisogna valutare l'impiego dei camion nel trasporto dei rifiuti e il chilometraggio necessario a coprire le
distanze tra i vari impianti scelti
(**) Lo studio di LCA tiene conto dei benefici del riciclo dei materiali recuperati attraverso la sostituzione nella
produzione di materiale vergine. Se possibile, ci si metterà in contatto con i riciclatori direttamente, al fine di
ottenere informazioni sul processo di riciclo in termini di consumo energetico, emissioni e consumo di reagenti.

200
10.6.2 Esempio di applicazione di uno studio di LCA
Per cercare di capire con maggior chiarezza che tipo di informazioni si possano desumere
dall’utilizzo di un’Analisi del Ciclo di Vita, vengono ora presentati i risultati di uno studio in
cui tale modello è stato applicato alla gestione dei rifiuti. Scopo di tale indagine era quello di
confrontare differenti strategie di smaltimento in ambito europeo, valutando quali
presentassero i maggiori vantaggi da un punto di vista di bilancio ambientale. In Figura 10.16
ad esempio sono rappresentati i valori di impatto sulla categoria “Riscaldamento globale” di
differenti tipi di smaltimento in discarica, caratterizzati da livelli diversificati di
pretrattamento del rifiuto prima dello smaltimento finale. Come appare da subito evidente, in
alcuni scenari gli impatti negativi sull’ambiente (ricordando che si tratta di impatti
normalizzati in persone equivalenti e non di valori di concentrazione) risultano essere
decisamente più marcati rispetto ad altri.

Figura 10.16 Impatti positivi e negativi sull’ambiente determinati da differenti metodi di smaltimento
in discarica del rifiuto (Simion, 2009)

201
10.7 Applicabilità intervento LFM nei siti investigati

Quanto esposto nei precedenti capitoli permette da un lato di descrivere e caratterizzare i


differenti siti individuati dalla Regione Lombardia, dall’altro di considerare le caratteristiche
principali del Landfill Mining in virtù della situazione impiantistica esistente, ovvero del
contesto di realizzazione di tale intervento, e di pregresse esperienze progettuali di questo
tipo. Nel seguente paragrafo invece, si cercherà di incrociare le informazioni e i dati finora
raccolti, evidenziando, per ciascun sito tra quelli individuati dalle Province di Bergamo,
Brescia, Cremona, Milano e Varese, gli aspetti di maggior criticità connessi alla presenza dei
rifiuti e, al tempo stesso, i vantaggi eventualmente derivanti dall’applicazione di un intervento
di Landfill Mining. Nel fare ciò si ribadisce ulteriormente come la scarsa conoscenza delle
caratteristiche sito-specifiche, come ad esempio la composizione dei rifiuti smaltiti ed il loro
grado di degradazione, non permetta la formulazione di una dettagliata lista di priorità di
intervento. In generale dunque non sarà possibile spingersi nel dettaglio della trattazione, ma
ci si limiterà ad avanzare delle osservazioni sulla base dei dati disponibili.

10.7.1 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Bergamo


L’unico sito individuato dalla Provincia di Bergamo nell’ambito del presente progetto è l’ex-
discarica di Filago. Le maggiori criticità individuate sono quelle relative all’elevata
produzione di percolato, con conseguenti alti costi di gestione e smaltimento, e all’interazione
tra il Rio Zender e l’ammasso di rifiuti. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, come già
esposto nel Capitolo 8, nonostante la deviazione dello Zender continuano a sussistere dei
problemi dovuti alle acque del rio che causano interferenze con la presenza dei rifiuti (si
ricorda che la discarica è stata realizzata sul vecchio alveo dello Zender). Un intervento di
Landfill Mining permetterebbe dunque una definitiva risoluzione del problema, permettendo
di ripristinare il vecchio alveo, oppure di realizzare un nuovo sito con adeguata protezione
idraulica nei confronti delle acque dello Zender. Anche per quanto concerne li secondo
elemento di criticità, cioè l’elevata produzione di percolato, l’applicazione del LFM
permetterebbe, a fronte di un certo investimento di intervento, di azzerare i costi annuali di
gestione e smaltimento del percolato, dal momento che verrebbe eliminata la causa sorgente.
Tuttavia tale aspetto relativo ai costi-benefici connessi all’intervento andrà valutato con
maggior dettaglio, a seguito di più approfondite indagini sul sito.

202
Da sottolineare inoltre, ai fini della progettazione delle eventuali operazioni di scavo e
gestione del materiale movimentato, la presenza nel comune di Filago di un impianto di
termovalorizzazione dei rifiuti. Questo aspetto è di primaria importanza dal momento che,
qual’ora dovesse esserci compatibilità del rifiuto scavato con il materiale combustibile
nell’impianto, la vicinanza tra ex-discarica e termovalorizzatore sarebbe a tutto vantaggio dei
costi di gestione di intervento. Va inoltre menzionata la buona disponibilità impiantistica
presente in Provincia di Bergamo dal momento che, in aggiunta al già citato impianto di
Filago, sono presenti altri due termovalorizzatori, uno destinato allo smaltimento di RSU e
uno all’utilizzo di CDR, e un impianto di trattamento e produzione di CDR, garantendo
dunque una buona flessibilità allo schema progettuale dell’intervento in base alle
caratteristiche del rifiuto movimentato e al suo potere calorifico medio.

10.7.2 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Brescia


Il sito individuato dalla Provincia di Brescia nell’ambito del presente progetto è l’ex-discarica
di Mazzano, in località Ciliverghe. La criticità più evidente emersa dallo studio del materiale
disponibile durante la caratterizzazione del sito è costituita dall’accumulo di percolato
all’interno del corpo rifiuti. Il sito di Mazzano infatti venne realizzato con un inadeguato
sistema di captazione del percolato, costituito da un’unica tubazione di fondo e alcuni pozzi
idraulicamente non interconnessi, non sufficiente a garantire un’adeguata intercettazione,
come descritto nel Capitolo 8. Altro aspetto non secondario, è la presenza di una falda sospesa
immediatamente attorno alla discarica, non utilizzata ad alcuno scopo ma collegata
idraulicamente ad una falda freatica a sud del sito e soggetta ad emungimenti, determinando
quindi, in via ipotetica, una possibile via di contaminazione delle acque sotterranee.

Anche in questo caso dunque, la realizzazione di un intervento di LFM permetterebbe il


risanamento del sito, eliminando direttamente le fonti responsabili delle maggiori criticità nei
confronti delle matrici ambientali. L’area, una volta movimentati i rifiuti, potrebbe essere
riutilizzata come sito di smaltimento, adottando tutte le misure protettive e di contenimento
previste dalla vigente normativa.

203
10.7.3 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Cremona
La Provincia di Cremona ha individuato due distinti siti nell’ambito del seguente progetto,
l’ex discarica di Cremona, in località San Rocco, e l’ex-discarica di Castelleone.

Per quanto riguarda la prima discarica, situata a sud est della città, sono emersi nel corso della
caratterizzazione del sito alcuni aspetti particolarmente favorevoli ad un intervento di Landfill
Mining, che vengono ora sintetizzati. Anzitutto, l’ex discarica confina con l’unico
termovalorizzatore di rifiuti urbani presente in Provincia di Cremona, al quale è direttamente
collegato tramite viabilità interna. Questo fatto avrebbe effetti positivi sui costi di trasporto
connessi ad un eventuale termovalorizzazione della frazione ad alto potere calorifico del
rifiuto scavato. A seguito dell’evoluzione storica del sito inoltre, è lecito ipotizzare la
presenza in discarica di un rifiuto con un’elevata percentuale di materiale inerte,
principalmente proveniente da attività edilizia. Si tratta dunque di materiale che, previo
trattamento, può essere recuperato e riutilizzato, trovando impiego ad esempio nella
realizzazione di costruzioni stradali o come materiale drenante in nuove discariche
(operazione già effettuata in una porzione del sito, vedi capitolo 8). Questi due aspetti dunque,
in via teorica, permetterebbero da un lato di limitare alcune voci di costo tipiche di un
intervento di LFM (i.e. trasporto) e dall’altra di avere buoni rendimenti nel recupero del
materiale movimentato, limitando la quantità di rifiuto da depositare in discarica. A tal
proposito inoltre, la già citata vicinanza all’impianto di termovalorizzazione di RSU da un
lato, e alla città di Cremona dall’altro, renderebbe l’area particolarmente adatta ad un
intervento di LFM con realizzazione di una nuova discarica nel sito per il deposito dei rifiuti
residui della città e della Provincia. Per contro, il sito è localizzato in una zona di interesse
naturalistico e allo stato attuale non sembra determinare particolari problematiche nei
confronti delle matrici ambientali, nonostante l’assenza di un sistema di captazione del
percolato e del biogas. Le concentrazioni di inquinanti nella falda più esposta sono infatti
sostanzialmente in linea con tutta l’area del cremonese anche nelle immediate vicinanze del
sito, mentre l’abbondante vegetazione che ricopre l’ammasso di rifiuti suggerisce l’assenza di
particolari fenomeni di emissione incontrollata di metano.

Anche per quanto riguarda il sito di Castelleone non sembrano sussistere particolari criticità
di carattere ambientale. Il sito, realizzato in epoca più recente rispetto all’ex discarica di
Cremona e adibito allo smaltimento dei soli RSU, è infatti dotato di adeguate misure di
contenimento delle sorgenti inquinanti, costituite da un sistema di captazione del biogas e da

204
un sistema di captazione e allontanamento del percolato. In questo caso, l’applicazione del
Landfill Mining presenterebbe il vantaggio, a fronte di un determinato costo di intervento, di
eliminare gli elevati costi di gestione connessi essenzialmente al trasporto e trattamento del
percolato estratto (aspetto ovviamente da valutare in sede di una più dettagliata e approfondita
analisi costi – benefici). Tuttavia, la localizzazione del sito a circa 20 chilometri dal
termovalorizzatore di RSU e dalla città di Cremona, renderebbe evidentemente più onerosi gli
eventuali costi connessi al trasporto del materiale movimentato e destinato a
termovalorizzazione, se paragonati a quelli dello scenario ipotizzabile nel caso dell’ex
discarica di San Rocco (a parità di altre condizioni). Il recupero dell’area, inserita in un
contesto prettamente di tipo agricolo, non permetterebbe inoltre un particolare recupero di
tipo economico a valle dell’intervento, risultando poco verosimile la realizzazione di un
nuovo sito per ulteriori conferimenti di rifiuti.

10.7.4 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Varese


La Provincia di Varese ha individuato due distinti siti nell’ambito del seguente progetto, la
discarica di Gerenzano e la discarica di Vergiate.

Per quanto concerne il sito di Gerenzano, uno degli aspetti di maggior rilievo emersi durante
la descrizione e la caratterizzazione dell’area è sicuramente quello legato alla contaminazione
delle acque di falda causata dell’assenza, in buona parte della discarica, di un sistema di
impermeabilizzazione del fondo. Come spiegato nel Capitolo 8, per far fronte a tale
problematica, è stata predisposta in corrispondenza del sito una barriera idraulica, costituita da
pozzi che emungono le acque sotterranee e le avviano a trattamento depurativo. Se da un lato
ciò scongiura il diffondersi di un plume inquinante nel sottosuolo, dall’altro tale soluzione
presenta il grosso limite di doversi protrarre verosimilmente per un lunghissimo periodo, dal
momento che le alte concentrazioni di ammoniaca presenti nel percolato non sono soggette ad
alcun fenomeno di attenuazione nell’ambiente anerobico della discarica. Di conseguenza, in
assenza di ulteriori interventi, la gestione del sito risulta essere onerosa e con un orizzonte
temporale decisamente esteso. Appare sufficientemente evidente dunque quali sarebbero i
vantaggi di lungo termine derivanti dall’applicazione di adeguate misure di bonifica dell’area,
sia in termini ambientali che economici. Tuttavia nel breve termine i costi per il
funzionamento dell’impianto di pump and treat che permette il controllo della contaminazione
in falda sono coperti dalla produzione di energia da combustione del biogas prodotto in

205
discarica. Inoltre esistono alcuni altri motivi che rendono difficile se non problematica la
realizzazione di un intervento di LFM:
ƒ il sito ha un’estensione elevatissima sia in termini di superficie (circa 90 ettari) che di
volumetria (la quantità totale smaltita è prossima ai 10 milioni di tonnellate di rifiuto), che
di profondità, rendendo molto onerosa la realizzazione di uno scavo con queste
caratteristiche;
ƒ la persistente produzione di biogas con portate tutt’altro che trascurabili e l’elevata
profondità dello strato di rifiuti (in alcune zone pari a circa 40 metri) potrebbe rendere
poco efficace o troppo onerosa l’applicazione dell’aerazione in situ preliminare al Landfill
Mining, con la conseguenza di notevoli emissioni di biogas in fase di scavo.

La bonifica del sito potrebbe essere effettuata quindi non appena la produzione di biogas non
sia più sufficiente per garantire la convenienza dello sfruttamento energetico, mediante
aerazione in situ non seguita da landfill mining. Una soluzione di questo tipo permetterebbe
l’ossidazione dei composti maggiormente impattanti nei confronti della falda e non altrimenti
eliminabili (i.e. ammoniaca), andando cosi ad eliminare in tempi ragionevolmente brevi la
fonte di contaminazione e risolvendo in problema in modo definitivo.

Considerando ora il sito di Vergiate, è possibile individuare alcuni aspetti e alcune


considerazioni per certi versi simili a quelle esposte per il caso di Gerenzano. Innanzitutto,
anche in questa discarica esistono delle tutt’altro che trascurabili criticità connesse
all’inquinamento della falda. La mancanza di un’adeguata impermeabilizzazione di fondo
determina infatti una contaminazione della falda esposta, soprattutto per parametri quali
ammoniaca, ferro e nichel. Questa situazione è particolarmente problematica a causa della
relativa vicinanza dell’abitato di Somma Lombarda, e della relativa presenza pozzi di
emungimento. Nonostante sia attualmente allo studio la possibilità di realizzare una barriera
idraulica per contenere e controllare il plume, una soluzione di questo tipo determinerebbe
degli elevati costi di gestione con orizzonte temporale non definibile, come peraltro si sta già
verificando nel sito di Gerenzano. Viceversa, l’applicazione del Landfill Mining
permetterebbe un definitivo risanamento dell’area, eliminando la causa della contaminazione.
Un altro aspetto positivo derivante dall’applicazione del LFM risulterebbe essere inoltre la
soluzione delle interferenze tra l’ammasso del rifiuti ed il torrente Strona, responsabile
quest’ultimo di probabile intrusione di acqua all’interno dell’ammasso di rifiuti con
conseguente accumulo di percolato.

206
Allo stato attuale tuttavia, ed in base ad alcuni dati forniti direttamente dal gestore, esistono
alcuni aspetti che rendono problematica l’applicazione di un intervento di bonifica di questo
tipo. Anzitutto va menzionata la probabile elevata presenza di fanghi all’interno del sito,
ovvero di materiale di cui risulta impossibile un eventuale recupero, aspetto che determina un
aumento dei volumi di materiale da ridepositare in discarica. In secondo luogo, sussiste una
residua attività biochimica in discarica, indice di una stabilizzazione non ancora raggiunta da
parte dei rifiuti. Questo aspetto, in mancanza di ulteriori dati, è suggerito sia dagli elevati
cedimenti e assestamenti registrati annualmente, sia dalla residua produzione di biogas,
sufficiente da giustificare il raddoppio della linea di combustione con conseguente produzione
di energia elettrica. Infine, va menzionata la decisone da parte del gestore di realizzare su
parte della superficie della discarica un impianto fotovoltaico con un’estensione complessiva
di circa 20.000 m2, aspetto che pone delle complicazioni a livello di progettazione e
pianificazione di un eventuale intervento di Landfill Mining.

10.7.5 Realizzazione intervento LFM in Provincia di Milano


Il sito individuato dalla Provincia di Milano nell’ambito del presente progetto è l’ex-discarica
di Vizzolo Predabissi. Da un punto di vista di esistenti criticità ambientali, la discarica non
presenta particolari problematiche e, al contrario, risulta ottimamente inserita all’interno
dell’area territoriale del Fiume Lambro, con cui forma una zona di continuità. Risulta quindi
poco verosimile applicare un intervento di LFM in tale sito, dal momento che l’area risulta
ben ripristinata dal punto di vista ambientale, e nuovi conferimenti di rifiuti non sarebbero
giustificabili.

10.7.6 Considerazioni conclusive sull’applicabilità dell’intervento di LFM


Ribadendo come lo stato attuale delle conoscenze sia insufficiente a fornire delle precise linee
guida, è tuttavia possibile individuare alcune discariche che, in base alle caratteristiche già
evidenziate e discusse nel presente capitolo, potrebbero essere designate come possibili
candidate ad ulteriori e più approfondite indagini, al fine di raccogliere informazioni per
redigere un progetto preliminare per applicazione del Landfill Mining.
Sulla base delle informazioni a disposizione, tre dei siti considerati sono ottimi candidati per
un intervento di LFM:

207
ƒ Discarica di Filago (Bergamo)
ƒ Discarica di Mazzano (Brescia)
ƒ Discarica di Cremona, località San Rocco

Al fine di rendere le considerazioni appena sviluppate maggiormente chiare e di più rapida


consultazione, si riporta nelle seguenti tabelle una schematizzazione con le informazioni
principali per ognuno dei siti interessati dall’indagine, suddividendo questi ultimi in base alle
rispettive Province di appartenenza (Tabella 10.7 ÷ 10.11) ed individuando per ciascun caso i
vantaggi sito-specifici derivanti dall’applicazione del LFM, i punti di forza e quelli critici
connessi all’applicabilità dell’intervento.

208
Tabella 10.7 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Bergamo

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Filago, Bergamo ƒ Soluzione definitiva delle ƒ Vicinanza della discarica ad un -


problematiche connesse alle impianto di termovalorizzazione
interferenze tra il corso d’acqua per rifiuti, localizzato all’interno
Rio Zender e la discarica del territorio comunale, a cui
(realizzata in corrispondenza del eventualmente avviare la
vecchio alveo dello Zender). frazione di materiale scavato
con sufficiente potere calorifico

ƒ Eliminazione degli elevati costi di ƒ Buona disponibilità impiantistica a


gestione dovuti al trasporto e al livello provinciale, caratterizzata
trattamento del percolato estratto dalla presenza di impianti di
nel sito (aspetto da valutare termovalorizzazione sia per RSU
nell’ambito di una ben più che per CDR, e da impianti di
articolata analisi costi-benefici trattamento e preparazione CDR

ƒ Recupero di volume utile da


adibire eventualmente a
smaltimento di nuovi rifiuti con
costruzione di una nuova discarica
controllata sul sito e/o ripristino
ambientale dell’area

209
Tabella 10.8 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Brescia

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Mazzano, Brescia ƒ Presenza all’interno del territorio ƒ Ubicazione del sito in una
ƒ Eliminazioni delle problematiche provinciale di un impianto di zona non industriale, vicinanza
connesse all’accumulo del termovalorizzazione a cui ad insediamenti
percolato all’interno dell’ammasso eventualmente avviare la
di rifiuti frazione di rifiuto ad alto PCI

ƒ Eliminazione di una possibile


fonte di contaminazione delle
acque di falda

ƒ Recupero di volume utile da


adibire eventualmente a
smaltimento di nuovi rifiuti con
costruzione di una nuova
discarica controllata sul sito

210
Tabella 10.9 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Cremona – San Rocco

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Cremona, ƒ Recupero di volume utile da ƒ Vicinanza della discarica -


località San Rocco adibire eventualmente a all’impianto di termovalorizzazione
smaltimento di nuovi rifiuti, con di RSU di Cremona, a cui
costruzione di una nuova eventualmente avviare la frazione
discarica controllata sul sito di materiale scavato con
sufficiente potere calorifico

ƒ Elevata presenza di rifiuti inerti


recuperabili e riutilizzabili come
materiale di riempimento nelle
costruzioni stradali (previo
trattamento) o materiale di
drenaggio in nuove discariche

ƒ Necessità in ambito provinciale


di reperire nuovi volumi per lo
smaltimento di rifiuti non
pericolosi (esaurimento
discarica di Malagnino stimato
ad agosto 2010)

211
Tabella 10.10 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Cremona - Castelleone

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Castelleone, ƒ Eliminazione degli elevati costi ƒ Relativa vicinanza ad impianto ƒ Ritorno economico trascurabile
Cremona fissi di gestione post-operativa di termovalorizzazione di RSU di in caso di utilizzazione agricola
(dovuti essenzialmente alla Cremona dell’area ricavata dall’intervento
gestione del percolato e alla di LFM e conseguente difficoltà
manutenzione ordinaria) a coprire i costi dell’intervento

ƒ Recupero dell’area per ƒ Dimensioni del sito ridotte: la


utilizzazione agricola come tutto il gestione di un intervento di LFM
territorio circostante risulterebbe particolarmente
agevole.

ƒ Necessità in ambito provinciale


di reperire nuovi volumi per lo
smaltimento di rifiuti non
pericolosi (esaurimento
discarica di Malagnino stimato
ad agosto 2010)

212
Tabella 10.11 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Varese - Gerenzano

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Gerenzano, ƒ Risoluzione definitiva della - ƒ Elevata volumetria (circa 10


Varese problematica connessa alla milioni di m3) ed elevata
contaminazione delle acque di profondità (circa 40 metri),
falda (situazione attualmente buon inserimento
gestita tramite utilizzo di paesaggistico; l’intervento di
barriera idraulica e trattamento risanamento potrebbe
delle acque contaminate, che consistere nella sola aerazione
determina elevati costi di in situ, applicabile nei prossimi
gestione con orizzonte anni a seguito della
temporale non definito) diminuzione nella produzione
di biogas, garantendo
l’abbattimento dell’ammoniaca
e degli altri composti di
interesse per la salvaguardia
della falda

ƒ La residua produzione di biogas


rende attualmente difficile
l’applicazione dell’aerazione in
situ, indispensabile per la
realizzazione di un intervento di
LFM in discariche con residua
attività biologica

213
Tabella 10.12 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Varese - Vergiate

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Vergiate, Varese ƒ Risoluzione definitiva della - ƒ La residua produzione di


problematica connessa alla biogas rende attualmente
contaminazione delle acque di difficile l’applicazione
falda dell’aerazione in situ,
indispensabile per la
realizzazione di un intervento
di LFM in discariche con
residua attività biologica

ƒ Risoluzione definitiva delle ƒ Approvazione progetto di


interferenze tra la discarica ed il realizzazione di un impianto
torrente Strona fotovoltaico da realizzare su parte
della superficie della discarica

ƒ Recupero di volume utile da


adibire eventualmente a
smaltimento di nuovi rifiuti (previo
adeguamento e predisposizione
del sito secondo Normativa
vigente)

214
Tabella 10.13 Applicabilità LFM a discariche ubicate in Provincia di Milano

Localizzazione del sito Principali vantaggi derivanti Punti di forza dell'intervento di LFM Punti critici dell'intervento di LFM
dall'applicazione di LFM

Discarica di Vizzolo - - ƒ Buon inserimento


Predabissi, Milano paesaggistico ed ambientale
del sito

ƒ Assenza di particolari
problematiche nei confronti delle
matrici ambientali

ƒ Riutilizzo del sito come discarica


per nuovi conferimenti non
giustificabile

215
216
11. CONCLUSIONI

Il presente elaborato è stato prodotto nell’ambito di una collaborazione tra il Dipartimento


IMAGE (Ingegneria Idraulica, Marittima, Ambientale e Geotecnica) dell’Università di
Padova e la Regione Lombardia, finalizzata allo studio e alla definizione delle modalità di
applicazione del Landfill Mining (LFM) a discariche localizzate in Lombardia.
La prima parte dell’elaborato è dedicata alla descrizione del LFM e delle relative modalità
tecniche di realizzazione, effettuata attraverso una prima fase di analisi di casi concreti, con
relativa valutazione dei punti di forza e di quelli critici da un punto di vista tecnico,
ambientale ed economico.
Sono state poi riportate alcune considerazioni sui flussi di materiali recuperabili, sui fattori
principali da considerare nell’esecuzione dei bilanci economici, per la valutazione dei costi e
dei possibili ricavi ottenibili in seguito alla realizzazione di un progetto di LFM, e
nell’esecuzione dei bilanci ambientali, considerando gli eventuali benefici (per. es. riduzione
degli impatti ambientali a medio – lungo termine) che si potrebbero ottenere dalla messa in
atto di tale intervento rispetto a quanto atteso lasciando invariata la situazione.
Successivamente, sono stati individuati siti idonei per l’applicazione del LFM in Lombardia.
Questa fase dello studio è stata svolta mediante sopraluoghi in alcune vecchie discariche
direttamente segnalate dalla Regione Lombardia, seguiti dall’analisi ed elaborazione dei dati
e della documentazione disponibili per i siti di interesse. In particolare, ai fini della
caratterizzazione, si è provveduto a descrivere brevemente l’evoluzione storica di ciascun sito,
evidenziando le scelte progettuali adottate e l’eventuale presenza di criticità nei confronti
delle matrici ambientali.
Sono stati poi analizzati i dati sulla produzione e gestione dei rifiuti nelle Province relative a
ciascuna delle discariche considerate al fine di evidenziare:
- la tipologia di impianti utilizzabili per il trattamento dei rifiuti prodotti nel bacino,
nell’ottica di una loro possibile utilizzazione per trattare frazioni dei rifiuti rimossi dalle
vecchie discariche mediante LFM;
- l’eventuale esigenza di nuovi volumi per lo smaltimento in discarica dei rifiuti residui
prodotti nel bacino.
Note queste informazioni, si è infine passati ad ipotizzare il tipo di soluzioni tecnologiche
applicabili, realizzando degli scenari progettuali con carattere generale ed individuando il tipo
di indagini necessarie al fine di poter pianificare in maniera più dettagliata e con minor

217
incertezza un eventuale intervento di LFM. A valle di questo processo di elaborazione dei dati
e delle informazioni disponibili, è stato possibile individuare tre siti che, in virtù delle loro
peculiarità, risultano maggiormente idonei alla possibile applicazione del LFM e,
conseguentemente, candidati ad ulteriori indagini conoscitive. Le tre discariche individuate
sono:

ƒ Discarica di Filago, Bergamo;


ƒ Discarica di Mazzano, Brescia;
ƒ Discarica di Cremona, località San Rocco.

Il sito di Filago, ubicato al confine tra i territori dei Comuni di Filago, Madone e Bottanuco,
oltre ad avere degli elevati costi di gestione essenzialmente determinati dall’elevata
produzione di percolato e dagli oneri del suo smaltimento, presenta criticità connesse
all’interferenza tra le acque del Rio Zender e l’ammasso di rifiuti. In questo senso,
l’applicazione di un intervento di Landfill Mining garantirebbe una risoluzione definitiva
delle problematiche esistenti e permetterebbe il recupero di volume da adibire a nuovi
conferimenti (previa costruzione di nuovi settori della discarica secondo Normativa vigente)
o, alternativamente, il ripristino dell’area. Nel caso di Filago tale intervento, differentemente
da altre siti, sarebbe favorito dalla buona capacità impiantistica presente in Provincia di
Bergamo (impianti di produzione CDR e termovalorizzazione) e dalla presenza nelle
vicinanze della discarica di un impianto di termovalorizzazione per rifiuti speciali, aspetto che
andrebbe ad incidere positivamente sui costi di trasporto durante le fasi operative.
Alcune di queste considerazioni sono valide anche per quel che riguarda il sito di Mazzano,
dal momento che la Provincia di Brescia, similmente a quella di Bergamo, possiede una
buona capacità a livello impiantistico, principalmente grazie alla presenza di un impianto di
termovalorizzazione relativamente vicino alla discarica. In questo caso l’intervento di LFM
permetterebbe di eliminare le problematiche connesse all’accumulo del percolato all’interno
dell’ammasso di rifiuti, rimuovendo quindi una fonte di contaminazione per le acque
sotterranee.
Per quel che riguarda invece la discarica di San Rocco (Cremona), non sussistono allo stato
attuale evidenti o conclamate criticità nei confronti delle matrici ambientali, dal momento che
non si registrano particolari anomalie dei parametri chimici nelle acque di falda in prossimità
del sito (ricordando peraltro la generale compromissione qualitativa della falda di Cremona).
Tuttavia, l’assoluta vicinanza del sito all’impianto di termovalorizzazione di RSU cittadino,

218
unita alla massiccia presenza di rifiuti inerti recuperabili (si veda il Capitolo 10), rende la
discarica di San Rocco particolarmente adatta ad un intervento di Landfill Mining, garantendo
un elevato riutilizzo del materiale movimentato e, di conseguenza, ridotti volumi di rifiuti
residui da gestire, a tutto vantaggio di un consistente recupero di volume da adibire allo
smaltimento di nuovi rifiuti. Questo aspetto risulta di notevole importanza data la necessità in
ambito provinciale di reperire nuovi spazi per lo smaltimento di rifiuti non pericolosi, dal
momento che l’esaurimento dell’attuale discarica di Malagnino è previsto ad agosto 2010 (si
veda il Capitolo 9).
La scelta del sito dove avviare la prima esperienza di LFM in Lombardia può avvenire dopo
opportune valutazioni strategiche alle quali devono partecipare tutti gli attori coinvolti.
Inoltre, per il singolo caso occorre effettuare valutazioni economiche e ambientali di
confronto tra diversi scenari di progetto, che possono essere chiaramente delineati soltanto a
valle dell’acquisizione di più precise informazioni sulle caratteristiche della discarica.
Per questo motivo occorre procedere con indagini ad hoc e in particolare potranno essere
effettuati:
− Caratterizzazione merceologica e biochimica del rifiuto, al fine di definire la
composizione merceologica dei rifiuti depositati e della qualità delle varie frazioni. Le
indagini vengono condotte su campioni di materiale estratti, a seconda delle situazioni,
mediante scavo aperto o trivellazione, a diverse profondità nel corpo discarica (Capitolo
10.4).
− Test idraulici, per acquisire informazioni sulle caratteristiche di permeabilità dei rifiuti,
sui livelli di percolato presenti in discarica, sulla presenza di falde sospese, sul volume di
percolato accumulato e sulla generale fluidodinamica del percolato nel corpo discarica al
fine di progettare la gestione del percolato;
− Indagini sul percolato, eseguite con l’obiettivo di conoscere la sua qualità nelle varie zone
della discarica e di valutarne conseguentemente il trattamento più idoneo. Ai fini della
definizione delle caratteristiche del percolato, sarà possibile eseguire alcuni test per la
valutazione di parametri quali temperatura, pH, conducibilità, potenziale redox, alcalinità,
COD, BOD, TOC, acidi volatili, azoto organico ed ammoniacale, solfati, cloruri, metalli.
− Test di aerazione in situ, per la valutazione della fattibilità dell’intervento di aerazione in
situ preliminare al LFM e per la determinazione del raggio di influenza dei pozzi di
insufflazione e di aspirazione che saranno installati allo scopo in discarica. I test sono
condotti con un impianto pilota installato in discarica, costituito da una unità mobile di

219
aerazione e da pozzi di aerazione e di monitoraggio, opportunamente trivellati in
discarica, che saranno poi parte integrante dell’impianto di aerazione in situ in scala reale.

220
BIBLIOGRAFIA

AMSA S.p.A. (2010). Comunicazione personale


AMSA S.p.A. (2010). Identificazione del Complesso IPPC
ATI professionale (2006). Ex discarica di Ciliverghe – Punto di Misura del Biogas, Relazione
Tecnica.
Consorzio ATS (2008). Ex discarica storica di Madone (BG), Relazione Monitoraggio e
Manutenzione – Anno 2006-2007.
Cossu R. e Motzo G.M. (1995a). Recupero ambientale ed espansione di vecchie discariche:
criteri progettuali di intervento. Discariche incontrollate e vecchi siti di scarico-
Tecniche di intervento (Giornate europee di studio sull’ambiente), CIPA Editore,
Milano.
Cossu R., Motzo G.M., Laudadio M. (1995b). Preliminary study for a Landfill Mining project
in Sardinia. Proceedings Sardinia 1995, Fifth International Landfill Symposium. CISA
Publisher, Italy.
Cossu R., Hogland K.H.W., Salerni E. (1997). Landfill mining in Europe and in the USA.
ISWA Directory book, 107-114.
Cossu R., Hogland W., Saleni E. (1997). Landfill Mining in Europe and USA. International
Directory of Solid Waste Management. ISWA Yearbook. J. Mouer and L. Uhre (Eds.).
James and James Science Publisher Ltd., London, UK, pp. 107-114.
Cossu R. (2002). La tecnica del Landfill Mining. Atti del Seminario di aggiornamento “La
Bonifica delle Vecchie Discariche ” , Università di Padova, 10-12 Giugno 2002.
Cossu R. (2005). Principles of landfill remediation. Proceedings Sardinia 2005, Tenth
International Waste Management and Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy.
Cossu R., Piovesan E. (2007). Modern role of landfill as geological sink for carbon and other
elements. Proceedings Sardinia 2007, Eleventh International Waste Management and
Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy
Cossu R., Raga R. (2008). Test methods for assessing the biological stability of biodegradable
waste. Waste Management. vol. 28, pp. 381-388. Elsevier Ltd. ISSN: 0956-053X.
Cossu R., Lavagnolo M.C., Raga R. (2009). Teoria e pratica del Landfill Mining: casi di
studio e prospettive. Proceedings Sardinia 2009, Twelfth International Waste
Management and Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy.

221
Cossu R., Lai T., Sartorello B. (2010). Lavaggio dei rifiuti prima del deposito in discarica. RS
Rifiuti Solidi, Vol XXIV vol. 1, Gennaio - Febbraio 2010. CIPA Editore, Milano.
Cossu R., Raga R. (2010). La tecnica del Landfill Mining per la bonifica delle discariche.
Recycling, n.1, anno 14, Gennaio 2010. Edizioni PEI.
Gorio C. e Cavallari S. (2006). Indagini specialistiche e monitoraggi ambientali ex
discarica di Ciliverghe.
Gorio C., Cavallari S. e Ziliani L. (2008). Interventi di messa in Sicurezza del Corpo Ex-
Discarica di Ciliverghe, Progetto Definitivo-Esecutivo.
ECOGEO (1999). Progetto Preliminare per la Riqualificazione Ambientale dell’Area Ex
Discarica di Madone.
EPA (1993). Evaluation of the Collier County, Florida Landfill Mining Demonstration. Office
f Research and Development Washington, DC 20460. EPA/600/R-93/163. September
1993.
EPA (1997). Landfill Reclamation. Solid Watse and Emergency Response (5306W). EPA530
– F -97 – 001. July 1997.
Forster G. A. (2001). Assessment of landfill reclamation and the effects of age on the
combustion of recovered MSW. Municipal Solid Waste Management. Forester
Communications Inc., March/April 2001
Geysen D., P.T. Jones, K. Van Acker, S. Van Passel, M. Craps, J. Eyckmans, K. Vrancken, B.
Laenen, P. Laevers (2009). Enhanced landfill mining – a future perspective for
landfilling. In: Proceedings Sardinia 2009, Twelfth International Waste Management
and Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy
Goeschl R. (1999). Remediation of disused landfill sites through excavation, redeposition and
treatment. Proceedings Sardinia 1999, Seventh International Waste Management and
Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy.
Hogland K.H.W., Jagodzinski K., Meijer J.E. (1995). Landfill mining tests in Sweden.
Proceedings Sardinia 1995, Fifth International Landfill Symposium. CISA Publisher,
Italy.
Hogland W. (2002). Remediation of an old landfill site. Environ. Sci. & Pollut. Res.. Special
Issue 1 (2002): 49-54. Ecomed Publishers.

222
Hogland M., Berg B., Hogland W., Marques M. (2009). Planning of an economic constraints
related to a Landfill Mining project in Norway. Proceedings Sardinia 2009, Twelfth
International Waste Management and Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy.
IDROGEA Servizi S.r.l. (2007). Piano di caratterizzazione ambientale discarica di Vergiate.
Kornberg J.F., Von Stein E.L., Savage G.M. (1993). Landfill mining in the United States: an
analysis of current projects. Proceedings Sardinia 1993, Fourth International Landfill
Symposium. CISA Publisher, Italy.
Kurian J., Nagendran R., Thanasekaran K., Visvanathan C., Hogland W. (2008). Dumpsite
rehabilitation manual. Published by Centre of Environmental Studies, Anna
University - Chennai, Chennai-600 025, India.
Obermeier T., Saure T. (1995). Landfill reconstruction, biological treatment of landfill waste.
Proceedings Sardinia 1995, Fifth International Landfill Symposium. CISA Publisher,
Italy.
Prechthai T., Padmasri M., Visvanathan C. (2008). Qualità assessment of mined MSW from
an old dumpsite for recycling potential resources, Conservation and Recycling 53
(2008), 70-78. Elsevier.
Provincia di Bergamo (2002). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 03.10.2002 alla
ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2003). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 05.05.2003 alla
ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2004). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 24.06.2004,
25.06.2004 e 27.07.2004 alla ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani
sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2005). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 21.02.2005 alla
ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2006). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 12.12.2005 alla
ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2008). Rapporto sulla visita tecnica eseguita in data 26.03.2008 alla
ex discarica per rifiuti urbani e assimilabili agli urbani sita in Comune di Madone.
Provincia di Bergamo (2009). Piano Provinciale di Gestione dei Rifitui.
Provincia di Brescia (2007). Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti.
Provincia di Cremona (2009). Piano Provinciale di Gestione dei Rifitui.
Provincia di Milano (2008). Piano Provinciale di Gestione dei Rifitui.

223
Provincia di Varese (2009). Piano Provinciale di Gestione dei Rifitui.
Regione Lombardia (1983). Deliberazione della Giunta Regionale dell’8 febbraio 1983 – n.
3/24783, Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1987). Deliberazione della Giunta Regionale del 4 maggio 1987 – n.
4/20523 e Deliberazione della Giunta Regionale del 24 dicembre 1987 - n. 4/27457,
Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1988). Deliberazione della Giunta Regionale del 2 agosto 1988 – n.
4/35619 e Deliberazione della Giunta Regionale 13 dicembre 1988 – n. 4/38235,
Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1989). Deliberazione della Giunta Regionale del 14 marzo 1989 – n.
4/40913 e Deliberazione della Giunta Regionale del 1 agosto 1989 – n. 4/45788,
Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1990). Deliberazione della Giunta Regionale del 16 ottobre 1990 - n.
4/5/1446, Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1991). Deliberazione della Giunta Regionale del 21 maggio 1991 - n.
5/8993, Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (1992). Deliberazione della Giunta Regionale del 30 giugno 1992 - n.
5/24402, Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.
Regione Lombardia (2005). Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti.
Regione Lombardia (2010). Comunicazione personale.
Rettenberger G. (1995). Results from a Landfill Mining demonstration project. Proceedings
Sardinia 1995, Fifth International Landfill Symposium. CISA Publisher, Italy.
Rossetti D., Cestaro S., Sterzi G. (2004). Valutazione dei costi di investimento e di gestione
per le diverse tecniche di intervento. Atti del Seminario di aggiornamento
“Caratterizzazione e bonifica delle vecchie discariche”. Isola di Albarella, Rovigo;
16-17 Settembre 2004.
Simion F. (2009). Environmental assessment of waste management systems, Master Thesis,
Technical University of Denmark (DTU), August 2009.
Studio Associato “Geologia Applicata” (2007). Piano caratterizzazione discarica di Cremona,
località San Rocco.
Studio Problematiche Ambientali (1990). Stato di avanzamento dei lavori di bonifica e
ripristino ambientale della discarica controllata di RSU di Ciliverghe.

224
Studio Problematiche Ambientali (1990). Valutazione dello stato ambientale della discarica in
località Ciliverghe destinata allo smaltimento di rifiuti solidi urbani.
Studio Problematiche Ambientali (1990). Valutazione dello stato ambientale del territorio
circostante l’impianto di smaltimento.
Studio Problematiche Ambientali, 1991. Valutazione dello stato ambientale del territorio
circostante l’impianto di smaltimento.
Van der Zee D.J., Achterkamp M.C., de Visser B.J. (2004). Assessing the market
opportunities of landfill mining. Waste Management 24 (2004) 795 – 804. Elsevier.

225