Sei sulla pagina 1di 96

Assessorato alle Attività

Promozionali e Spettacolo Pro Loco Lendinara


Comune di Lendinara

Sesta Edizione – Anno 2007

Lendinara, 15 dicembre 2007


Progettazione grafica e impaginazione: Davide Dal Maso (2007)
Stampa a cura della Pro Loco di Lendinara

Logo del concorso: Davide Dal Maso (2006)

Si ringraziano: tutti i partecipanti, l’Amministrazione comunale di Lendinara, l’Assessore Fabrizio Pavan, il


Presidente Vittorio Turcato e tutta la Pro Loco di Lendinara, la giuria, la Presidentessa/ideatrice del concorso
Gloria Venturini e la sua famiglia.

2
Sommario

Presentazione................................................................ 9
L’antologia .................................................................................................................................................. 9

La Giuria....................................................................... 11
Gloria Venturini......................................................................................................................................... 11
Giuseppe Bianco ........................................................................................................................................ 11
Davide Dal Maso ....................................................................................................................................... 12
Cristina Gallina .......................................................................................................................................... 12
Luca Grigoli............................................................................................................................................... 12
Paolo Santato ............................................................................................................................................. 12

Sezione A .....................................................................15
Premio Speciale Racconto e Prosa Adulti ................................................... 15
INVISIBILE di Giulia Crepaldi – Adria (RO) .......................................................................................... 15
L’APPUNTAMENTO di Laura Appignanesi – Ancona........................................................................... 18

Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 21


· IL SOGNO DI LUCILLA di Alessandro Fort – Treviso.................................................................... 21
· NERO SU BIANCO di Alessio Viscardi – Napoli ............................................................................. 21
· SESTIGLIO, O LA CASA GRANDE di Enzo Fuso – Rovigo.......................................................... 21
· TURIDDU – PRIPITUNI di Gaetano Marzullo – Gravina di Catania (CT) ....................................... 21
· IL CIELO SOPRA IL BUIO di Giovanni Scannavacca – Lendinara (RO) ....................................... 21
· VETRI ROTTI di Giuseppina Zupi – Roma ...................................................................................... 21
· GIROTONDO TRA I FIORI di Lara Frabbi – Bosco Mesola (FE) .................................................. 21
· LA RESA DEI CONTI di Lenio Vallati – Sesto Fiorentino (FI)........................................................ 21

Quinto premio............................................................................................... 22
EVA 14 di Rita Mazzon – Padova ............................................................................................................. 22

Quarto premio .............................................................................................. 24


INDACO di Giovanni Scannavacca – Lendinara (RO).............................................................................. 24

Terzo premio................................................................................................. 27
URGE ATTENDERE di Antonio Villa – Formia (LT) ............................................................................ 27
Secondo premio ............................................................................................ 29
I GIORNI DI MARIA di Massimo Ravagnan – Mestre (VE) .................................................................. 29

Primo premio................................................................................................ 31
LA VITA di Elisabetta Bilei – Favaro Veneto (VE) .................................................................................. 31

Sezione B .................................................................... 33
Premio Speciale del Presidente della Giuria ............................................... 33
UN TEMPO di Maria Palumbo – Bologna................................................................................................ 33
HO ATTESO, PADRE, DOVE SI RICONCILIA L’ACQUA… di Melina Gennuso – Massa Lombarda
(RA)........................................................................................................................................................... 35

Premio Speciale della Giuria ....................................................................... 37


TRAMONTO di Marco Lupo – Roma...................................................................................................... 37

Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 39


· IL VIAGGIO di Michela Castelluccia – San Raffaele Cimena (TO) .................................................. 39
· SETTEMBRE di Lorenza Cantoni – Salvirola (CR) .......................................................................... 39
· VIAGGIO DI UN’ANIMA di Anna Santarelli – Rieti ....................................................................... 39
· DIETRO I MURI di Franco Casadei – Cesena (FC) .......................................................................... 39
· ANGELI FRAGILI di Michele Vaccaro – Pompei (NA)................................................................... 39
· OSSARI di Adriano Nascimbeni – Udine ........................................................................................... 39
· MI HANNO DETTO di Matteo Pasquini – Coriano (RN) ................................................................. 39
· IL VOLO DEI GUFI di Gianluca Battistel – Bolzano ....................................................................... 39
· OCEANO di Anna Nardo – Roccagloriosa (SA)................................................................................. 39
· ALLA FOCE DEL MAGRA di Maura Dall’ospedale – Pianello VT (PC)........................................ 39
· HO PORTATO CON ME I TUOI OCCHI di Francesco Albano – Pignola (PZ)............................. 39

Quinto premio............................................................................................... 40
COME AL VENTO LA VITA di Andrea Rossi – Sestri Levante (GE) ................................................... 40
IL TUO VOLTO (FRATELLO PERDUTO) di Mauro Domenella – Castelfidardo (AN)...................... 41

Quarto premio .............................................................................................. 43


CANTI D’AUTUNNO di Raffaello Spagnoli – Bovezzo (BS) ................................................................. 43

Terzo premio................................................................................................. 44
LA GIOSTRA DEGLI ABBRACCI di Monica Schiaffini – Sestri Levante (GE) ................................... 44

Secondo premio ............................................................................................ 46


LE STELLE DELLA VAL VISDENDE di Augusto Finessi – Serravalle (FE)....................................... 46

Primo premio................................................................................................ 47
MALINCONIA di Leonardo Vitto – Rivignano (UD) .............................................................................. 47

Sezione C.....................................................................49
Premio Speciale Racconto Giovani.............................................................. 49
IL GRANDE SOGNO di Elisa Filippi – Santa Giustina in Colle (PD) ..................................................... 49

4
Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 50
· RICORDI DALLE PROFONDITÀ DELLA TERRA di Anna Priante – Montorso Vicentino (VI) 50
· I RICORDI DEL FIUME NEL DESERTO – BOHÉMIEN di Carlo Costanzelli – Sermide (MN). 50
· IL CAVALIERE di Daniele Zolfanelli – Montecalvoli (PI) ............................................................... 50
· LE MASCHERE DEL MALE di Federica Astengo – Genova.......................................................... 50
· IL VECCHIO E LA MOSCA di Francesco R. Giannone – Roma..................................................... 50
· IL BALCONE DI MIA NONNA di Giorgia Bandiera – Castelfranco Veneto (TV) .......................... 50
· ROSSO RELATIVO di Giulia Bolognese – Gavello (RO) ................................................................ 50
· I BAMBINI CHE RIPORTARONO LA LUCE di Giulia Castagna – Montuolo (LU) .................... 50
· IL MORSO di Gwendoline Bernard – Saint-Raphaël (FRANCIA)..................................................... 50
· LA NASCITA DELLE NUVOLE di Rossella Bicchieri – San Giorgio Jonico (TA)......................... 50
· LA VERA VITA di Sonia Santini – Ticino (SVIZZERA) .................................................................. 50

Quinto premio............................................................................................... 51
INVISIBILITÀ di Lisa Maggiolo – Frassinelle Polesine (RO) ................................................................. 51

Quarto premio .............................................................................................. 54


IL PAESE DEI BAMBÙ di Giusy Palma Bicchieri – San Giorgio Jonico (TA)....................................... 54

Terzo premio................................................................................................. 55
ALL’ANGOLO di Ilaria Stefani – Forlì (FC) ........................................................................................... 55

Secondo premio ............................................................................................ 59


IL PATTO DELLA LEPRE di Cèline Noir – Saint-Raphaël (FRANCIA) .............................................. 59

Primo premio................................................................................................ 62
BREVE INTERVISTA CON LA MORTE di Marcellino Iovino – Casaluce (CE)................................. 62

Sezione D .................................................................... 65
Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 65
· PAGINE DI VITA NUOVA di Stefani De Silva – Sesto San Giovanni (MI)..................................... 65
· DIFENDO LA VITA di Stefano Hu – Sesto San Giovanni (MI)........................................................ 65
· ESAME PSICOLOGICO di Vincenzo Abitante – Tursi (MT) .......................................................... 65
· LA POESIA – INVOCAZIONE ALLA MUSA di Beatrice Cavallari – Comacchio (FE) ................ 65
· GOCCE DI PIOGGIA di Elena Bozzolan – Vigonovo (VE)............................................................. 65
· FULMINE di Mario De Rosa – Meta (NA) ........................................................................................ 65
· PENSIERI NASCOSTI di Davide Scucchia – Sesto San Giovanni (MI) ........................................... 65
· FANTASTICO VIAGGIO di Davide Picozzo – Sesto San Giovanni (MI)........................................ 65
· MISTERO di Jessica Malfatto – Paterno Dugnano (MI)..................................................................... 65
· NEI BOSCHI DI CASTEL S. GIMIGNANO di Carlotta Guerranti – Poggibonsi (SI) .................... 65

Quinto premio............................................................................................... 66
GLI ALBERI DEI MORTI di Arianna Petrosino – Bari ......................................................................... 66

Quarto premio .............................................................................................. 67


DOLOMITI di Elisa Cionchi – Sesto San Giovanni (MI) ......................................................................... 67

5
Terzo premio................................................................................................. 68
NEBBIA di Laura Capella – Saint-Raphaël (FRANCIA) .......................................................................... 68

Secondo premio ............................................................................................ 69


FELICE DI AVERE LA VITA di Giovanni Santoro – Sesto San Giovanni (MI).................................... 69

Primo premio................................................................................................ 70
AL MIO PAPÀ di Filippo Quagliato – Lusia (RO)................................................................................... 70

Sezione E .....................................................................71
Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 71
· IRONIA DEL FOLLE di Cristian Pretolani – Forlì (FC)................................................................... 71
· MITIGATA MOLE di Dario Becci – Mannheim (GERMANIA) ...................................................... 71
· DIDO di Francesca Toglia – Napoli .................................................................................................... 71
· I DUE FRATELLI di Franco Casadei – Cesena (FC) ........................................................................ 71
· BREVITÀ DI VITA di Giuseppe Gambini – Garbagnate Milanese (MI) ........................................... 71
· CANTI E ROVINE di Luigi Bruno – Ischia (NA) ............................................................................. 71
· IL VORTICE DELLA VITA di Luigi Golinelli – San Felice sul Panaro (MO)................................. 71
· ARMONIA di Mara Penso – Mestre (VE) .......................................................................................... 71
· AI MARGINI di Maria Angela Rossi – Scandicci (FI)....................................................................... 71
· SOLITUDINE di Maria Lucci – ROMA ............................................................................................ 71
· STRALCI DAL NULLA di Maura Dallospedale – Pianello Val Tidone (PC) ................................... 71
· LE MENZOGNE DEL TEMPO di Mauro Domenella – Castelfidardo (AN) ................................... 71
· ALGEBRA di Michele Vaccaro – Pompei (NA)................................................................................. 71
· DEL PERDUTO AMORE di Stefania Sabrina Rifici – Capo d’Orlando (ME).................................. 71

Quinto premio............................................................................................... 72
SERE D’ESTATE di Rodolfo Vettorello – Milano .................................................................................. 72

Quarto premio .............................................................................................. 73


PHOENIX di Giorgio Milazzo – Padova .................................................................................................. 73

Terzo premio................................................................................................. 74
IL SENSO DELLA SERA di Francesco Brunetti – Chiavari (GE)........................................................... 74

Secondo premio ............................................................................................ 75


CANTI CELTICI di Renzo Montagnoli – Virgilio (MN)......................................................................... 75

Primo premio................................................................................................ 76
CANTICO di Mattia De Poli – Rovigo ..................................................................................................... 76

Sezione F..................................................................... 77
Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 77
· CICALE – FORMICA di Giulia Borroni Cangelli – Castellanza (VA) ............................................. 77
· DONNA MIA di Raffaello Spagnoli – Bovezzo (BS) ......................................................................... 77
· NON VOLANO PIÙ di Vanes Ferlini – Imola (BO) .......................................................................... 77
· OLTRE LA FOSCHIA di Marina Temporal – Milano ...................................................................... 77

6
· TIRO DEL SASSO di Armando Bertozzi – Roma ............................................................................. 77
· ALBERI ARIDI di Giuseppe Gambini – Garbagnate Milanese (MI) ................................................. 77
· FRA LE FOGLIE di Sara Emanuela Colognesi – Treviso ................................................................. 77
· LEVITÀ di Antonio Villa – Formia (LT)............................................................................................ 77
· CANTO DI MARE di Andrea Rossi – Sestri Levante (GE) ............................................................... 77

Quinto premio............................................................................................... 78
FISSO UNA LENTA di Nasr Meeten – Milano ....................................................................................... 78

Quarto premio .............................................................................................. 79


L’ULTIMA ONDA – CIME D’ALBERI di Anna Maria Consolo – Carnago (VA) ................................ 79

Terzo premio................................................................................................. 80
FREDDO PUNGENTE di Luisa Sello – Udine........................................................................................ 80

Secondo premio ............................................................................................ 81


E GUARDA SERIO di Maria Elsa Scarparolo – Vicenza......................................................................... 81

Primo premio................................................................................................ 82
UN VECCHIO SIEDE – DALLA BATTIGIA di Daniela Basti – Chieti ............................................... 82

Sezione Stranieri.......................................................... 83
Premio Speciale Giovani Stranieri .............................................................. 83
LA VERA VITA di Sonia Santini – Ticino (SVIZZERA) ........................................................................ 83

Segnalati con menzione d’onore.................................................................. 85


· L’AMICHETTO KOL – CIELO DI CARTA di Giovanna Li Volti Guzzardi – Melbourne
(AUSTRALIA) .......................................................................................................................................... 85
· UN NUOVO GIORNO di Maria Aprile – Melbourne (AUSTRALIA) .............................................. 85
· ALLEGRIA di Franco Coppola – Melbourne (AUSTRALIA) ........................................................... 85

Terzo premio................................................................................................. 86
NON RIMANE PIÙ NULLA poesia di Samuele Arba – Catalunya (SPAGNA)...................................... 86

Secondo premio ............................................................................................ 87


ESTEBAN NON VOLEVA RUBARE racconto di Dario Becci – Mannheim (GERMANIA)................. 87

Primo premio................................................................................................ 89
OLTRE CIELO E MARE poesia di Salvatore D’Aprano – Montreal (CANADA) ................................. 89

Premi Speciali...............................................................91
Premio alla Cultura...................................................................................... 91
AGLI ANGELI libro di Emilio Diedo – Ferrara ....................................................................................... 91

Premio Speciale Giovani .............................................................................. 93


FILASTROCCA PER MIO PAPÀ poesia di Chiara Albani – Cernusco sul Naviglio (MI) – Istituto Don
Clemente Baroni – Carugate (MI).............................................................................................................. 93

Premio dell’Assessorato alle Attività Promozionali e Spettacolo................ 94


LYCEÈ “SAINT-EXUPÈRY” – Saint-Raphaël (FRANCIA).................................................................. 94

7
BIBLIOTECA DEI RAGAZZI “VIRGILIO CANZI” – Sesto San Giovanni (MI)............................... 94

Premio Speciale Scuola................................................................................ 95


SCUOLA PRIMARIA “ORIANI” – Sesto San Giovanni (MI)............................................................... 95
SCUOLA PRIMARIA “O.R. PIGHIN” – Lusia (RO)............................................................................ 95
SCUOLA PRIMARIA “S. CATERINA DA SIENA” – Sesto San Giovanni (MI) ................................. 95
SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO “GIORGINA SAFFI” – Forlì (FC)..................................... 95

8
Presentazione
di Gloria Venturini

L’ANTOLOGIA della Sesta Edizione del Premio Internazionale “L’Arcobaleno della


Vita” – Città di Lendinara, è una raccolta di testi, selezionati tra poesia e narrativa, che
ha lo scopo di segnalare la qualità dei testi partecipanti e di offrire l’occasione per una
piacevole lettura delle opere in concorso.
Questo Premio vuole dare spazio a tutti coloro che hanno qualcosa dentro di sé da
trasmettere agli altri, e il grande numero dei partecipanti rafforza e conferma questa
nostra scelta.
Le opere pervenute in questa edizione, tra racconti e poesie, sono state infatti 1.817 con
la partecipazione di 915 autori provenienti da tutte le province d’Italia e da Stati esteri
quali Francia, Germania, Spagna, Svizzera, Australia, Canada.
Ringrazio tutti i partecipanti perché ognuno, a modo suo, ha contribuito a colorare con
la propria anima una parte dell’Arcobaleno della Vita.
Sono orgogliosa di presiedere la Giuria composta da persone disponibili, amanti della
lettura, della cultura e della poesia, persone di elevato spessore culturale ed umano.
Ringrazio quindi il dott. Davide Dal Maso, giornalista e poeta, Giuseppe Bianco,
scrittore, Paolo Santato, poeta, il dott. Luca Grigoli e la dott.ssa Cristina Gallina per
l’attenzione, la disponibilità e l’impegno profuso.
Il lavoro quest’anno si è rivelato ampio e complesso. La scelta è stata impegnativa per
l’elevato livello dei testi pervenuti.
I parametri per la valutazione delle poesie sono stati lo stile, il contenuto ed il lirismo;
per i racconti brevi e le prose sono stati determinanti la capacità di coinvolgimento,
oltre che la sostanziale correttezza espressiva dei testi e lo stile, che spesso ha visto la
prosa innalzarsi a vera poesia.
Vorrei poi ringraziare anche l’Assessore alle Attività Promozionali Fabrizio Pavan, il
Signor Sindaco di Lendinara, Alessandro Ferlin, il Presidente della Pro Loco Vittorio
Turcato, per la loro sensibilità e per aver permesso lo svolgimento di questo evento
culturale, per aver contribuito a concretizzare questo sogno, che è diventato una
bellissima realtà. Ringrazio la lettrice Cassandra Venturini, nonché preziosa segretaria
del Concorso, gli attori Gino Bazzan e Velida Fontan che ci accompagneranno con la
loro voce nella lettura delle opere.
L’ottima partecipazione, sia dal punto di vista numerico che da quello qualitativo,
ottenuta dalla nostra iniziativa ha permesso alla città di Lendinara di essere conosciuta a
livello nazionale ed internazionale. Il successo del nostro premio letterario dimostra
quanto esso sia stato considerato seriamente, sia da noi ideatori ed organizzatori, che
dai partecipanti. Noi ce l’abbiamo messa proprio tutta ed i risultati ottenuti ci spronano
a migliorare ancora nelle prossime edizioni.
La mia piccola voce, unita a tutti coloro che credono in questo evento culturale, si è
unita in un coro forte e melodioso: la voce del Premio Letterario Internazionale
“L’Arcobaleno della Vita”, ha avuto ascolto anche a Roma, tanto che il Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano ci ha destinato una medaglia.
Un plauso quindi a tutti i partecipanti, alla Giuria, agli organizzatori e agli sponsor.
E a tutti coloro rimasti fuori dalla rosa dei segnalati, è comunque d’obbligo il
riconoscimento al loro coraggio nel porsi in discussione, nel sottoporsi a giudizio.
Dare spazio alle parole, ai pensieri: è importante per noi far respirare la libertà e
l’universo di ogni persona, che attraverso le sue opere ci ha inviato un po’ della sua
anima.
Ritengo che la poesia non sia solo comunicazione, espressione e verità introspettiva, ma
sia vita, nel suo significato più intenso, creazione, magia ed incanto. In un mondo come
il nostro, dove la tecnologia e la frenesia hanno preso il sopravvento, a volte è
necessario fermarsi un istante e lasciare che il tempo rimanga sospeso, in modo tale che
il buio della nostra esistenza venga circoscritto e illuminato dalle parole.
A questo proposito vorrei citare una poesia di Emily Dickinson: «Muore la parola /
appena è pronunciata: / così qualcuno dice. / Io invece dico / che comincia a vivere /
proprio da quel momento».
E vorrei dedicare le parole della poetessa Alda Merini ad ogni autore: «Ogni poeta /
laverà nella notte / il suo pensiero / ne farà tante lettere / imprecise / che spedirà
all’amato / senza un nome».
A tutti i partecipanti grazie, ai vincitori e segnalati sinceri complimenti.

10
La Giuria

GLORIA VENTURINI

Vive a Lendinara, paese della verde provincia di Rovigo, immersa nella quiete dei
campi fioriti, nell’azzurro del cielo e nella luce solare della campagna. Ha conseguito la
Maturità Magistrale ed ama molto leggere e scrivere, in particolar modo adora
imprimere sulla carta storie di vita vissute, storie di fantasie del cuore, storie di anima.
Possiede immensi tesori, le sue adorate tre figlie.
Lavora come impiegata in un ufficio tecnico, ma alla sera, dopo le varie vicissitudini di
ogni giorno, raggiunge la terra del libro, il mondo dei sogni e scrive.
Gloria è ideatrice e Presidente del Premio e della Giuria del Concorso Internazionale di
Poesia e Prosa, “L’arcobaleno della Vita” della Città di Lendinara, giunto alla sesta
edizione.
Vincitrice di numerosi Premi nazionali ed internazionali, tra gli ultimi citiamo il 1°
Premio Città di Racconigi 2007 con 5 haiku, il 1° Premio al Giulio Astolfi di Pignola
2007, il 1° premio Città di Forlì 2007, il 1° Premio Immagine e poesia di Cuneo, il 2°
Premio Valeria di Rieti, il 2° Premio Concorso Internazionale ALIAS di Melburne. Ha
pubblicato libri di poesia e racconti, quali Camminando tra i giardini dell’anima,
L’arcobaleno della vita, Ai bordi della vita, Coriandoli di ricordi, Rivoli di donna, Ti
seguirò nel vento, inoltre è curatrice dell’antologia poetica Parole tra le pagine edita a
novembre 2007 dalla Albus Edizioni di Napoli.

GIUSEPPE BIANCO

Scrittore, poeta e promotore culturale. Dal 2000 al 2002 organizzatore del premio
Letterario Nazionale “Tra le parole e l’infinito”. Nel 2001 pubblica il libro Lungo la
strada del tempo, edizioni Spartaco. Dal 2002 organizzatore del premio Letterario
Nazionale “Città di Caivano”, già giunto alla settima edizione. Nel 2003 pubblica on-
line la rivista “Le parole per te” (www.leparoleperte.it ), il sito da scrivere e da leggere.
Nel 2001 vince la 13a edizione del premio Letterario nazionale “Silarus”, con il
racconto Il profumo della primavera. È in giuria nel concorso letterario nazionale
“Napoli Cultural Classic”. Nel 2007 è in giuria al Concorso Letterario per ragazzi “Il
dolce in racconto”. Per Albus Edizioni, nella collana Narrando, ha pubblicato la
raccolta di racconti Chiedilo all'amore.

DAVIDE DAL MASO

Trentenne, nato e residente a Lendinara. Laureato in Lettere presso l’Università degli


Studi di Ferrara con una tesi sulle figure foniche nella poesia di Ungaretti. Ha ottenuto
diversi riconoscimenti in concorsi letterari, tra cui: 3° classificato alla IX edizione del
Premio Nazionale Città di Rovigo (1998), finalista alla prima edizione (1998) e
segnalato alla seconda edizione (2000) del Premio Nazionale di Poesia “Poetando
Insieme” di Recoaro Terme (VI), Menzione Speciale della Giuria alla prima (2002) e
alla terza (2004) edizione del Premio di Poesia “FITeL Nazionale” di Roma, finalista al
Premio “Sotterranea Poesia 2004” di San Benedetto del Tronto (AP). Per alcuni anni è
stato corrispondente per il mensile “La Piazza”. Attualmente è impiegato tecnico presso
un laboratorio chimico. Tra i suoi interessi ci sono l’informatica, l’ecologia e il
trekking; da anni si dedica alla musica.

CRISTINA GALLINA

Nata a Treviso nel luglio del 1979, lavora come tecnologa in un’importante industria
del settore alimentare. Ha sempre amato scrivere, ma solo da pochi anni partecipa a
premi letterari sia in lingua italiana che in dialetto veneto, molte sue opere sono
pubblicate in raccolte di poesie e racconti. Attraverso la scrittura spera di poter
comunicare la meraviglia che si nasconde nelle piccole cose.

LUCA GRIGOLI

Nato nel 1973 ad Argenta (FE), dove risiede tuttora. Laureato in Filosofia presso
l’Università degli Studi di Ferrara con una tesi in Sociologia dei processi culturali. Da
anni scrive poesie; ha partecipato a diversi concorsi letterari ottenendo tra l’altro una
segnalazione di merito al concorso Il Golfo di La Spezia. Ha collaborato alla stesura di
testi di musica Rock. Per alcuni anni ha curato la rubrica musicale sul periodico “La
Tribuna” di Budrio (BO). Attualmente segue un Master per Esperto in didattica
museale presso l’Università di Ferrara.

PAOLO SANTATO

Diplomato, accanito lettore, oltre seimila sono i libri da lui letti. Ha ottenuto diversi
riconoscimenti in concorsi letterari, tra cui: il premio Arrigo Vanzelli al rinomato

12
concorso il Cosmo d’Oro di Canaro nel 2006, 2° premio a Guspini, premio speciale al
San Giacomo di Ferrara, numerose menzioni d’onore e segnalazioni di merito. Le sue
opere sono pubblicate in diverse antologie, ha scritto alcune recensioni e prefazioni,
inoltre ha pubblicato un libro intitolato Uno squarcio nella nebbia, dedicato alla sua
famiglia, come primo premio assegnatogli dai Nuovi Poeti di Trezzo sull’Adda.

13
Sezione A
Adulti: prosa o racconto breve a tema libero
180 opere – 128 autori

Premio Speciale Racconto e Prosa Adulti

INVISIBILE di Giulia Crepaldi – Adria (RO)

Motivazione:
La vita è come un cerino che lentamente si spegne nella notte su un marciapiede lasciando
solo un’impercettibile traccia di cenere. Tra le righe di questo racconto un’esistenza
dimenticata dall’uomo ritrova nell’invisibile abbraccio della natura, il calore, la serenità e
la pace. CG

INVISIBILE

Le vecchie membra si irrigidivano e si contraevano attanagliate dalla morsa pungente di


quella fredda notte d’inverno. Una misera coperta di lana bucherellata non bastava a
scaldare quel corpo fragile e scarno. Così tentava inutilmente di riparare il povero volto
segnato dalle intemperie, dal tempo, dalla fame. Ogni ruga era una cicatrice indelebile
di fatica, sofferenza, lotta continua per la sopravvivenza. Bastava guardarla in faccia
per decifrare la tortuosa mappa della sua dolorosa esistenza!
Una vita trascorsa rannicchiata ai margini delle strade, sui sagrati delle chiese, sulle
panchine dei parchi; con addosso sempre lo stesso vestito ormai logoro e sgualcito, le
calze bucate, e ciabatte rotte; con un pezzo di cartone come materasso, un sacco di
stoffa per cuscino, una ciotola di metallo triste e vuota, dimenticata da tutti come lei.
La sua mente era annebbiata… da quanto non mangiava? Non riusciva nemmeno a
ricordarlo. Forse tre giorni prima un signorotto elegante, incoraggiato dalla moglie, le
aveva snocciolato qualche moneta, ma l’eco di quel debole tintinnio metallico non
aveva riempito né la ciotola, né il suo stomaco stanco di brontolare.
Era una sensazione così strana quando qualcuno si accorgeva di lei, quando incrociava i
suoi timidi occhi smeraldo che, rassegnati, non brillavano più nemmeno di lacrime!
Spesso infatti la gente era troppo indaffarata a contemplare le vetrine invitanti dei
negozi, a chiacchierare con spensieratezza, ad armeggiare con il cellulare ultimo
modello.
Le scorreva velocemente davanti, carne un vivace ruscello, quello scroscio rumoroso di
tacchi, voci, risa, quell’arcobaleno di scarpe, vestiti costosi e colorati; le onde
profumate dei capelli curati, i visi giovani, freschi e imbellettati, i gioielli scintillanti.
Lei non era mai stata dal parrucchiere e nascondeva quei pochi ciuffi bianchi che le
erano rimasti sotto uno scialle una volta bianco, ora grigio e sudicio. I rossetti? Mai
usati. Ecco perché le sue labbra erano così pallide e screpolate! I gioielli poi… come
avrebbe potuto permetterseli! L’unica cosa che le ricordava vagamente un diamante, era
un bottone argentato che aveva raccolto una sera al parco, incantata dal suo sfavillante
luccichio.
Si sentiva trasparente, allungava le mani, come per sfiorare quel turbinio di passanti
frettolosi, per afferrare quelle ricchezze, quel benessere… ma richiudeva i pugni vuoti,
colmi solo di aria, che era povera come lei.
Poi, quando capitava casualmente che qualcuno la osservasse, intravedeva la solita
pietà, tenerezza in quegli sguardi in apparenza appagati, tutti uguali e monotoni.
I graffi di quel vento gelido si facevano sempre più taglienti, le sue dita possenti si
insinuavano con insistenza tra i buchi della coperta e tra le pieghe del vestito e lei si
stringeva in sé stessa con tutta la forza che le rimaneva; anche se ormai i movimenti
erano diventati difficili e pesanti, il respiro faticoso, un peso al petto da giorni la
opprimeva, una forte stanchezza la immobilizzava. Cercava di distrarsi frugando
disperatamente tra i cassetti impolverati della sua memoria per ritrovare i ricordi felici.
Erano stati pochi ma intensi e di grande valore per chi come lei non possedeva nulla se
non sé stessa: il sorriso generoso di un bambino che, nonostante i rimproveri dei
genitori, le aveva donato la sua focaccia fumante… quel profumo dolce, quei bocconi
fragranti, quel sapore delizioso! Come dimenticare poi la compagnia di Pallino, il
piccolo cane randagio tutto nero con una macchiolina bianca sul petto, suo unico amico
che, senza vergogna, la seguiva, le mostrava affetto, la scaldava col suo pelo soffice
nelle notti rigide! E il dolore per averlo trovato una mattina morto schiacciato sul
selciato!
Lo spettacolo meraviglioso dell’alba e del tramonto… il sole che appare nel cielo rosato
e miracolosamente con il suo primo sbadiglio, soffia e sparge vita tutto intorno; poi,
arrossendo d’amore alla vista della luna, si ritira lentamente sotto la scura e preziosa
coperta della notte che si distende quieta sulla terra.
È incredibile come la natura sia viva e cerchi di comunicare con noi! Il bisbiglio del
vento ci solletica l’orecchio confidandoci i suoi arcani segreti, le sue mani forti ci
guidano, ci sospingono, le sue lievi carezze ci incoraggiano e ci consolano. I caldi raggi
del sole riaccendono i cuori, li illuminano di gioia e speranza; il sorriso argenteo della

16
luna protegge e alimenta mostri sogni. Le fronde degli alberi ci salutano animatamente,
l’erba è un tappeto morbido che attutisce i nostri passi. E allora capiamo che non siamo
soli, che non dobbiamo avere paura perché ci pensano loro a prendersi cura di noi!
Si abbandonò, senza opporre più alcuna resistenza… scivolò via lasciandosi cullare dal
respiro palpitante dell’universo, galleggiava come una piuma… leggera e libera
finalmente dalle fatiche di un corpo sgradito. Come vapore che si dirada e svanisce, la
sua anima si era dissolta nell’immensità del cielo stellato.
Una macchia scura sul marciapiede, un cerino consumato e spento che il giorno
seguente qualcuno avrebbe urtato o calpestato… questo era quello che rimaneva di lei!
Invisibile.

17
L’APPUNTAMENTO di Laura Appignanesi – Ancona

Motivazione:
In questo racconto l’attesa è un attimo fugace di colore in un destino inghiottito dal
grigiore della noia, è il profumo della speranza che vince l’acre odore della solitudine, è
infine la vittoria di una paura inconsapevole che imprigiona la libertà nel sogno e priva la
realtà di ogni volontà e dolcezza. CG

L’APPUNTAMENTO

«Non è quello che ho sempre voluto,


anche se ne allontanava il pensiero
per timore che avvenisse?
O quello che non volevo,
per timore che non fosse
come avevo sperato?»
Umberto Eco

Su una sedia, in cucina. Verso sera. Il viso appoggiato sul braccio, il braccio sul
tavolo.
Manca meno di un’ora all’appuntamento: sognato, sperato, desiderato, atteso… con
trepidazione da ragazzina, certo un po’ridicola per la sua mezza età.
Questo pensa Anna, mentre guarda senza vedere, quelle solite cose di sempre, sulla
mensola della cucina. Tra le dita sgrana una ad una le perle della collana, in un rosario
d’attesa. Dentro le orecchie il ticchettio dell’orologio – lo stillicidio del tempo: secondi,
minuti, ore, giorni… Tic tac tic tac, come gocce di sangue, brevi e inesorabili, in
un’emorragia senza scampo. Subdola, quasi impercettibile, nel turbine della
quotidianità. La sveglia alle sei, il lavoro al supermercato: le bottiglie da allineare sullo
scaffale, i cartoni vuoti da buttare, ogni giorno. E poi di corsa a casa: la spesa il pranzo i
piatti il pavimento il bucato.
Ogni giorno a stirare con cura le grinze della vita, a spazzare via briciole e rimpianti.
Poi a seppellire i sogni, all’ombra del giardino.
Un uomo a fianco, da tanti anni. Da troppi anni. L’uno accanto all’altro: binari paralleli
che percorrono lo stesso spazio senza incontrarsi mai. L’uno di fronte all’altro: lui
sprofondato nella sua poltrona esistenziale, intento a sorseggiare la noia. Lei che lo
fissa sommessa, mentre ricama il silenzio.
L’attesa, invano, di un figlio, li aveva svuotati a poco a poco e resi sempre più sterili.
Sterili dentro l’anima. Avevano lentamente filato il loro bozzolo, giorno dopo giorno,
nel loro lavoro, nelle cene masticate davanti al televisore, persino nelle passeggiate

18
domenicali sempre più silenziose, sempre più deserte. Ognuno sul proprio pianeta,
intento a girare attorno alla sua orbita. Inderogabile; come una legge della fisica.
E intanto, oltre la finestra, appassivano le foglie. Ferite aperte, nascoste. Custodite
dentro come un doloroso segreto. Così si era chiusa nel silenzio e sentita sola. Si era
fermata un attimo per riprendere fiato e aveva sentito tutta la stanchezza della sua corsa
cieca. La sensazione confusa e tangibile di aver perso qualcosa. E di non poter più
tornare indietro a riprenderla.
Da allora i suoi giorni erano rotolati guardando vivere gli altri, come se guardasse una
telenovela alla televisione, da lontano, senza la minima possibilità di entrare dentro la
trama. Aveva tessuto la sua tela di cose non fatte, di parole non dette. Se l’era sentita
addosso come un sudario. Mentre l’onda della depressione le dilagava dentro… lenta e
silenziosa… senza ostacoli senza trincee… solo pensieri, sommersi relitti di sogni che
galleggiano opachi… schegge di parole a deflagrare il silenzio.
Ma adesso no. Non più. Di colpo, in un giorno qualsiasi, tutto si era ridipinto con colori
nuovi. Freschi e vivaci. Com’è luminoso il destino, quando, improvvisamente, esplode.
Nel momento in cui quel nuovo cliente era entrato e le aveva chiesto informazioni, i
loro sguardi si erano subito incontrati, i loro sorrisi sincronizzati. Qualcosa le era
scattato dentro. Lo aveva capito subito. Un giro di carica improvviso proprio ora che
l’estate era finita, e, oltre la finestra, le foglie cadevano a terra: esauste. C’era una
nuova, insperata, possibilità. Si erano parlati poco, ma capiti al volo. Si erano cercati e
trovati nella solitudine fluttuante della folla. Si era sentita avvolgere dal velluto del suo
sguardo, dalla musica della sua voce.
Aveva assaporato nel sogno, al riparo dal mondo, la dolce violenza del suo abbraccio.
Ed ora tutto questo stava per diventare realtà. Un frullare d’ali. Una forza in piena che
irrompe e spacca gli argini. Poteva chiudere alle spalle le giornate di attesa infinita. Ora
la vita era tornata a scorrere… e lei era di nuovo giovane, di nuovo viva. Era giunto il
momento di immergersi nel presente, spezzare le sbarre, aprire l’improbabile cassetto
dove custodiva piume, per ricucire ali tagliate e provarci, voleva provarci davvero, a
spiccare di nuovo il volo. Al ritmo forte del cuore che batte il tempo della primavera,
sarebbe volata libera e solare, fuori da ogni regola e da ogni opportunità…
L’ora pattuita si avvicinava… Sarebbero andati sulla spiaggia, deserta a quell’ora, in
quella stagione. Sentiva i brividi frizzare sotto la pelle e il cuore alla deriva.
Si sarebbero appartati in una piega del tempo, fuori dal cerchio della vita. Avrebbero
respirato il sapore del sale nei frantumi delle onde. E l’odore inebriante di pino.
L’acqua avrebbe tessuto per loro un tappeto di luce argentata e ricamato le onde di
schiuma. Si sarebbero parlati con un muto linguaggio di mani. E con lievi frasi
fluttuanti sopra il respiro del mare. Avidi di carezze, avrebbero preso a morsi la vita, di
più sempre di più, fino allo sfinimento: tremule ombre annegate dentro la luce della
luna, ubriaca e smarrita in mezzo a stormi di stelle. Attorno soltanto l’ebbra danza degli
alberi abbracciati al vento.

19
Questo pensa Anna, mentre guarda senza vedere, quelle solite cose di sempre, sulla
mensola della cucina. Intanto, fuori dalla finestra, il sole affonda dentro colori
struggenti: l’arancio, il rosso, il viola.
Poi il cielo si tinge di nero, e il quartiere viene inghiottito da una colata di silenzio…
Lei è ancora là. Il braccio sul tavolo, il viso appoggiato sul braccio. Inchiodata alla
sedia.
L’anima paralizzata dalla paura. Incapace di scegliere, anche per una sola volta.
Solo una manciata di stelle nel cielo. E un pugno di cenere nel cuore.
Sogna il suo appuntamento.
L’appuntamento cui non è andata
a cui non andrà mai

20
Segnalati con menzione d’onore

· IL SOGNO DI LUCILLA di Alessandro Fort – Treviso

· NERO SU BIANCO di Alessio Viscardi – Napoli

· SESTIGLIO, O LA CASA GRANDE di Enzo Fuso – Rovigo

· TURIDDU – PRIPITUNI di Gaetano Marzullo – Gravina di Catania (CT)

· IL CIELO SOPRA IL BUIO di Giovanni Scannavacca – Lendinara (RO)

· VETRI ROTTI di Giuseppina Zupi – Roma

· GIROTONDO TRA I FIORI di Lara Frabbi – Bosco Mesola (FE)

· LA RESA DEI CONTI di Lenio Vallati – Sesto Fiorentino (FI)

21
Quinto premio

EVA 14 di Rita Mazzon – Padova

Motivazione:
Quel che resta della paura è un velo d’innocenza scucito dal corpo, è un getto d’acqua
pura che non riesce a lavare i pensieri, è il silenzio ch’è memoria di un grido rimasto nel
petto. Questo racconto scopre la ferita di una violenza taciuta e svela l’intima sofferenza
di un’adolescente, che impotente e fragile raccoglie i cocci della sua spensieratezza. CG

EVA 14

Il grido non si scolla dalla gola. Si è pompato troppo con un fiato marcio che brucia e
non lo fa uscire. Sotto la doccia i capelli stracciati dai rivoli dell’acqua moltiplicano i
pensieri. Sibilano come serpi e toccano la pelle, fino ad insinuarsi fra le pieghe e
sferzare lo spaventato corpo, che chiede solo silenzio, ora.
La paura ha inforcato gli occhiali, dilatando il presente e divorando i sogni.
Le raccomandazioni della mamma si sforbiciano nelle gocce, scivolano lente sul box di
cristallo, per poi colare a picco dentro il cuore.
…Nel pomeriggio il sole accecava il cielo. Eva era contenta. Aveva comperato un
costume arancione. La gioia pigiata negli occhi colava dagli orli. Gocce di sale sul viso
che sapeva già di mare. Sabbie immacolate, lisce, morbide senza strappi…
Ora, come avrebbe potuto crederci, ancora?
La fonda in cui aveva appoggiato il sassolino dei suoi pensieri s’era ritratta ed il sasso
le era piombato contro. Sente il sangue schiumarle sulla punta della lingua. Eva strofina
le labbra per distrarre il dolore. La sofferenza ha artigli che non abbandonano la preda.
Non ha il coraggio di uscire dall’involucro di vetro. Non ha la forza di riappropriarsi
della sua normalità percossa. Si guarda allo specchio stringendo l’accappatoio al seno.
Si sente nuda davanti a se stessa. Per fortuna lo specchio ha pietà e frappone un vapore
umido fra il corpo e gli occhi che sbattono indifese ali di farfalla.
Passa la manica sullo specchio che svela il viso conosciuto. Vuole scoprire da un
foruncolo scoppiato la tragedia. Tutto è liscio, compatto.
Non piange. C’è troppa acqua intorno per piangere. Si mescolano i capelli bagnati al
respiro che alita umida vergogna. Non ha la volontà di rivestirsi, si troverebbe di nuovo
nuda e non vuole guardarsi.
…Era andata in centro quel pomeriggio per comprarsi il costume arancione. Ritorna in
un ritornello rotto la visione del negozio, il sacchetto che tiene stretto nella mano…

22
Domani sarebbe andata al mare con le amiche. I suoi gliel’avevano concesso. “Ora chi
se ne frega del costume, del mare…” Si sente stupida e vuota.
Era successo all’improvviso. La calce bianca del cielo si era rannuvolata e la luce si era
spenta. Buio. Lo scroscio della pioggia aveva invaso la città.
Eva aveva trovato un portone aperto. “Aspetto che spiova.” Aveva pensato.
L’entrata era scura come il cielo. Lei non se n’era accorta.
Una mano umida di sudore le toccò la nuca. Un’ombra la prese con forza.
Si senti spingere verso il buio, in un angolo in cui si annusavano piscio e paura.
Si ancorò con un tentativo fragile al portone, ma la presa viscida le scivolò dalle dita
che si attorcigliarono sulla veste fradicia. La mano scura le spopolò la gioia.
Lei si sentì sola, perduta e la paura sconfisse un grido rimasto chiuso nel petto.
La mano si annodò alla maglietta aperta, esplorando le dune giovani del suo corpo.
Il suo sguardo sfondato non vide più nulla, tanto la mano oscena sbatteva, colpiva,
affondava fino ad estirparle la vista ed il respiro…
Delle risate sul marciapiede agguantarono la scena.
L’ombra scomparve in un tremito convulso.
Lei stette lì un minuto, forse ore per cercare di riabilitarsi al suo essere bambina.
Avrebbe dovuto gridare, lacerare il buio, chiedere aiuto. Ma restò chiusa.
Si contrappose il suo mutismo a quell’essere che l’aveva con tanta forza esplorata.
L’animo sbandato fluttuò dall’oscurità e si ritrovò tra le luci dei lampioni accesi.
Intatto il sacchetto col costume, in mano. Contaminato il corpo con l’odore ancora di
quell’ombra addosso.
Strinse più forte la borsa di plastica che trasudava sole e immortalava un sospiro di
gioia provato poco prima.
L’autobus comparve per rassicurarla. Si aprì la porta a vetri ed un brivido la percosse.
Gli occhi di due ragazzi la guardarono. Avevano intuito? Sapevano qualcosa?
Una signora le sorrise. Avrebbe voluto dirlo a lei il suo dolore: “Hanno cercato di
violentarmi, mi aiuti, Signora!” Poi ancora quei ragazzi a ridere e a scherzare.
Non avrebbe certo dato in pasto a quei due il racconto scarno della violenza subita.
Tanto oramai sarebbe arrivata a casa e… tutto passato…

Sua madre bussa piano. “Eva, tutto bene?” Lei si attarda un poco: “Sì, bene. Adesso
esco…” Si riveste in fretta, più in fretta.
Apre la porta, si specchia negli occhi della madre.
Tutto il suo silenzio si spacca ora in un pianto.

23
Quarto premio

INDACO di Giovanni Scannavacca – Lendinara (RO)

Motivazione:
In questo racconto la vita è legata ad un sottile filo di mistero, nel seno della natura un
volere più alto guida la nascita di Makena. La sua anima è incoronata da un nome che
significa “Quella che sorride” e che appare come un improbabile segno del destino.
Makena affiderà il suo sorriso al buio della notte e all’indaco del mare per portarne la luce
fino alla sua nuova vita. CG

INDACO

All’inizio fu il rosso: in cielo e in terra.


Rosso come il fuoco e il sangue, come il tramonto e la terra bruciata dal sole.
“Un buon momento per nascere.” Aveva sentenziato Aidan, l’anziano, ma nessuno
l’aveva preso sul serio.
Da tempo non c’erano momenti buoni e lui lo sapeva bene. Da quando il loro gruppo
aveva deciso di incamminarsi erano trascorsi parecchi giorni ed erano almeno altrettanti
quelli di loro che se ne erano andati per sempre. Alla gente della tribù quello non
pareva un momento buono per nascere. Quello non era momento buono per nulla.
L’ultimo pozzo era a tre giorni di cammino e nessuno sapeva se ve ne fossero altri sulla
loro strada né era chiaro quanto fosse ancora lungo il viaggio.
“Il fresco della notte aiuterà madre e figlia.” Disse la più anziana delle donne. Nessuno
le rispose. Non c’era molto altro da dire, in quei giorni.
E l’ultima luce si tuffò nel nero della notte che si distese veloce sulla terra rossa.
Quando venne il giallo della nuova alba in molti si accorsero che non era ancora stato
deciso quale nome attribuire alla nuova nata. Non c’era stato tempo di riunire le
famiglie per decidere come chiamare l’ultima arrivata, né per interrogare gli astri sul
suo destino e su cosa ricordare nel suo nome evocando fortuna ed esorcizzando pericoli.
Bisognava decidere in fretta, prima che il sole fosse alto, per essere certi di cacciare
tutte le maledizioni che gli spiriti della notte lasciavano su ogni nuovo nato che fosse
ancora privo di nome. Makena – Quella che sorride – aveva proposto il solito Aidan
con l’aria di chi sa il fatto suo.
In parecchi avrebbero avuto da ridire, perché quello non era il momento di sorridere,
ma nessuno osò criticare. Non si poteva escludere che il vecchio avesse studiato da solo
il cielo per indovinare il destino della bambina, né erano disponibili alternative
egualmente forti e bene auguranti.

24
Così, nonostante fosse priva di legami e la madre fosse morta di parto, Makena iniziò il
suo viaggio terreno affidata a Rehema, una madre che aveva perso il suo bambino.
La carovana riprese il cammino, evitando le ore più calde e sperando di arrivare presto
a destinazione. Alle loro spalle c’erano povertà, morte, massacri. Nulla di peggio
avrebbero potuto trovare sul loro cammino.
Per questo, quando scorsero all’orizzonte una striscia di azzurro che si faceva
lentamente più spessa, esultarono: la foresta che segnava il confine della pianura era in
vista.
La conferma arrivò quando l’azzurro cedette il posto a un verde sempre più deciso.
Purtroppo, contrariamente ad ogni previsione, la foresta non fu un punto di ristoro.
Protetti dagli alberi i predoni li stavano attendendo per spogliarli di tutto. In molti non
ce la fecero e Makena fu un po’ più sola.
Qualcuno imprecò contro Aidan che aveva voluto imporle quel nome che pareva uno
sberleffo e arrivò perfino a proporre di liberarsi di lei, piccolo fardello, intralcio nel
lungo cammino, ma Rehema, la balia, lo mise a tacere con le brusche in modo che il
suo dire non attirasse gli spiriti maligni.
Il viaggio proseguì.
Bisognava raggiungere il mare.
Nessuno aveva idea di cosa fosse di preciso, ma quella era la loro nuova meta.
Fu un viaggio lungo e faticoso di un gruppo sempre più piccolo e meno motivato che,
ogni giorno, perdeva qualcuno.
Pareva che il rosso del sangue che aveva segnato l’inizio del viaggio dovesse inghiottire
tutti, ma Makena non lo sapeva e proseguì ignara e sorridente il tragitto sulle spalle di
Rehema.
Nessuno se ne era accorto, ma lei aveva fatto il suo primo sorriso al cielo azzurro un
giorno che le era riuscito di spostare lo sguardo evitando la luce piena del sole e aveva
continuato a sorridere fino a quando il dondolio del passo di Rehema non l’aveva fatta
addormentare. Aveva ripreso a sorridere al blu della notte durante una marcia più
veloce del solito all’avvicinarsi della meta.
Quando la carovana decimata e stremata arrivò al mare Makena dormiva.
Li buttarono su vecchi motoscafi e li stiparono in modo che non potessero muoversi.
Makena avvertì un dondolio differente, ma riprese a dormire.
Il seguito fu identico a mille altre storie, a mille altri drammi. Una manovra sbagliata
segnò la fine del viaggio di quel che restava della carovana e il freddo dell’acqua nel
buio della notte svegliò Makena bruscamente.
Come avesse fatto Rehema con un ultimo sforzo estremo a deporre il suo carico su un
salvagente senza che questo scivolasse poi in acqua, restò mistero, ma accadde.
Quando la recuperarono Makena dormiva placidamente cullata dalle onde, un puntino
nero su un salvagente giallo, persi entrambi nell’indaco del mare.
Il seguito è solo in apparenza normale come Luisa, il nuovo nome che la nuova famiglia
ha dato a Makena, ignorando tutto di lei, del suo viaggio e della profezia di Aidan.

25
Di sicuro c’è che ora il suo nome antico sarebbe davvero azzeccato perché Luisa può
permettersi il lusso di non aver paura della notte e si diverte come gli altri bambini al
luna park certa, lei scura come la notte, di potersi poi gettare fra le braccia di una
mamma bionda e di pelle chiarissima.
Ignora che lassù, nel cielo sconfinato, Aidan, l’anziano se la ride beato per aver scelto
quel nome in apparenza improbabile per quella creatura che davvero oggi sorride.
E, fra le stelle, in risposta all’anziano solista, si alza ritmato il canto della tribù:
Sia il rosso dei fiori ad accogliere i nuovi nati, ad ornare le tavole alle feste a dipingere
la pianura sconfinata.
Siano rossi solo i guerrieri di cartapesta dei castelli incantati, mai sia il rosso del sangue
a turbare il sonno dei bambini.
Nel giallo del sole alto giochino i figli senza distinzione fra ricchi e poveri.
Scoprano e rincorrano farfalle arancioni e gialle e rosse.
Possano essi ruzzolare felici sui verdi prati e trovare sollievo dalla calura sotto le foglie
degli alberi.
Sia la notte blu come il cielo più profondo e la quiete più tranquilla.
E il nero serva solo a dar risalto alla luminosità della luce.
Sottolinei l’indaco del mare la meraviglia di fronte all’immensità.
Sentano le madri i canti degli anziani e con essi compongano le ninne nanne per i loro
figli.
Giunga la melodia antica a Makena, abbracciata mani e piedi alla sua nuova madre
persa nell’azzurro di uno sguardo amico e si trasformi in inno di pace per lei e per tutti i
bambini del mondo.

26
Terzo premio

URGE ATTENDERE di Antonio Villa – Formia (LT)

Motivazione:
I pensieri di un padre nell’attesa che suo figlio veda la luce, scorrono come un fiume
d’emozioni. Timoroso e felice racconta con coinvolgente semplicità il mistero della
nascita e, ricamando le parole con delicato affetto, svela l’immensità racchiusa in una
piccola «vita emersa dal nulla». CG

URGE ATTENDERE

Non oro mai entrato prima in una sala travaglio. Il ginecologo non ci ha messo molto a
convincere mia moglie che dovevo essere presente anch’io. Lei aveva un po’ vergogna,
io ero imbarazzato. Con gli altri figli non era successo. Lei era entrata ed io, fuori, ad
aspettare col patema. La raccomandavo a sant’Anna, attendevo l’acuto liberatorio che
trapassava le porte fonoassorbenti ed era fatta. Un istante dopo, il vagito mi annunciava
che ero diventato padre. Quando l’infermiera usciva ad annunciare “tutto bene, un bel
bambino di quasi quattro chili, o poi me lo portava a vedere, mi sentivo come un
colpevole finalmente graziato. Restavo in meditazione sulla grandezza della vita, i
disegni del Creatore, le meraviglie della natura. Ho contribuito a chiamare sulla terra un
altro essere vivente. Sarò un responsabile collaboratore del Creatore fino all’ultimo?
– Se ci sono l’infermiera e il ginecologo, signora, perché non dovrebbe esserci suo
marito? C’è qualcosa di più bollo dell’arrivo di una nuova vita al mondo? Non capita
tutti i giorni. Ed è la vostra creatura… (Rivolto a me)
– Si va all’aeroporto ad attendere un parente che viene da lontano, e non si ha il
coraggio di vedere arrivare il proprio figlio che viene dai confini del mondo?
– Dottore, pensavo di essere d’intralcio, dato il momento, ma se mia moglie vuole…
– Certo che sì… scusatemi… anzi, più ci penso è più mi sembra strano che prima
nessuno ce l’abbia proposto. È un nuovo orientamento ospedaliero? Speriamo che non
passi di moda. Quando si nasceva in casa (sommessamente… hai!… mmmh!… mi sa
che ci siamo!)… quando si nasceva in casa tutti erano coinvolti. Le suocere, le sorelle
partecipavano… e anche il marito, che solitamente si preoccupava di tenere pronto un
pentolone d’acqua calda. Ripensandoci, non so perché il padre è stato fino ad ora
mantenuto come un tifoso pericoloso, fuori stadio. Vieni Salvatò…
Mi ha preso la mano, gliel’ho stretta lievemente. L’ho seguita accanto al letto-barella
che l’immetteva nelle segrete.

27
Collegata al monitor che registra la frequenza cardiaca del nascituro, Pina incomincia a
urlare. L’asciugo come posso, senza lasciarle la mano.
Stringe i denti e resiste alle doglie che si succedono irregolarmente. Di tanto in tanto,
quando le fitte si fanno più acute, respira più profondamente, impedendosi con ferrea
volontà di gridare. Soffre. Vorrei poter fare qualcosa di più per lei. Stare a guardare
mentre una persona soffre dà una sensazione d’impotenza insopportabile. E quando si
tratta di una persona cara, il dispiacere s’insinua fin dentro le ossa. Stringo anch’’io i
denti per dominarmi… Il monitor segnala una frequenza irregolare e altissima del
battito cardiaco. Allarmato, chiamo il medico, che controlla e mi dice di non
preoccuparmi. È tutto nella norma.
Io sono brachicardico: cinquanta pulsazioni al minuto. A settanta sto male. Come si
sentirà quest’esserino a oltre centocinquanta battiti? Gli scoppierà il cuore!…
Ma la frequenza sale ancora. Non ho il coraggio di guardare il display. Succederà
qualcosa di grave, con danno irreversibile. Impossibile resistere a lungo a queste
sollecitazioni (speriamo che il dottore sappia veramente il fatto suo…). L’infermiera
viene a controllare… Le chiedo dei battiti.
– Tutto normale, non si preoccupi. Stiamo a sei centimetri di dilatazione e… come si
chiamerà?
– Angelo.
– Tempo una mezz’oretta, poco più e potrete vedere il vostro Angelo…
La mezzora più lunga della mia vita. Entrano ginecologo, ostetrica, pediatra, e
infermiera. Pina è trasferita sul letto da parto… Ecco la testa, timorosa e impaziente di
affacciarsi alla vita.
– Signora, spinga, spinga più forte che può così… brava…bravissima…
Un grido, un altro, un altro ancora…la diga della resistenza al silenzio ha ceduto. Pina
spasima fino alla liberazione con l’urlo finale…L’ostetrica svolge rapidamente il
cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo. Ho i brividi al pensiero che il bambino
ha rischiato il soffocamento. Il primo vagito ci fa esultare. Ben arrivato, Angelo mio!
Bravissima, Pina, grazie a tutti!
– È un bel capellone!
Tagliato il cordone ombelicale, il neonato è ripulito, lavato, controllato, avvolto in un
lenzuolino. In disparte, sto attento a non interferire neanche col respiro.
Me lo mettono in braccio. Con le mani rigide come un vassoio, mi piego per mostrarlo
a Pina… Angelo piange; controllo il minimo movimento. È così fragile e sparuto.
Come tranquillizzarlo? Fisso l’attimo che vive intorno a lui, punto focale di un esistere
nuovo delle cose. Il suo essere si dilata ai rumori, alla luce oltre le persiane, al tempo e
allo spazio infinito. L’universo è tutto lì, in quella vita emersa dal nulla…
Al nido. Il primo riposo fuori dal grembo materno. Lui sta al di là dai vetri e sono
venuti, come i Magi e i pastori, nonni, zii, amici…

28
Secondo premio

I GIORNI DI MARIA di Massimo Ravagnan – Mestre (VE)

Motivazione:
La morte ci priva della voce di chi amiamo, del suo corpo, ma non può portare con sé la
dolcezza delle sue parole, non può privarci della sua presenza. In questo racconto Maria
racchiude nei suoi gesti quotidiani il sentimento che ancora la lega a Giuseppe e dal
sorriso di un volto in fotografia trova la forza per continuare a vivere. CG

I GIORNI DI MARIA

Dalla finestra della camera da letto, Maria guardava il lento albeggiare di fine ottobre
illuminare l’infreddolita campagna.
Un brivido le percorse le minute spalle, così si strinse nell’ampio scialle di lana che
aveva confezionato lei stessa per la dote quando, ancora ragazza, sognava di sposarsi.
Scese le scale a memoria, accompagnata dallo scricchiolio delle vecchie assi di legno
che al suo passaggio lanciavano lamenti all’unisono con le anziane ossa arrugginite.
Nella modesta cucina sfavillavano in penombra fiochi barlumi rossi, così Maria
alimentò il fuoco nella stufa aggiungendo altri rami secchi. Poi, agitando energicamente
un vecchio giornale, ravvivò la fiamma che allungò l’ombra ricurva della donna sul
muro.
Prese dalla credenza la scatola di latta scolorita dove conservava il macinato da caffè e
preparò la caffettiera.
Il primo raggio di sole accarezzava le tende, curiosando a piccoli passi dentro la cucina,
mentre Giuseppe pareva osservare gli spostamenti della sua compagna, sorridendo sotto
i suoi baffoni cenerini dei quali era sempre andato orgoglioso.
Maria girandosi, ne colse lo sguardo ricambiandolo affettuosamente e passandosi
timidamente le mani tra i capelli, si sistemò con le dita ossute la ciocca ribelle dietro
l’orecchio.
“È quasi pronto, sai?” disse Maria sentendo la moka emettere il familiare gorgoglio.
L’aroma della bruna bevanda intiepidì la stanza di buono e Maria riempì le due tazzine
sedendosi di fronte a Giuseppe.
“Oggi c’è molto lavoro da sbrigare, caro Beppe. Devo strappare le erbacce secche
dall’orto e dare da mangiare alle capre nella stalla” disse la donna sorseggiando il
caffè.
Lo sguardo di Maria era innamorato come allora, quando appena diciottenne, Giuseppe
l’aveva voluta in sposa.

29
Era un amore che durava ancora, mai affievolito nel tempo.
Così lei indossò il cappotto sgualcito e il fazzoletto sbiadito sui capelli canuti.
Mentre apriva la porta che dava sul cortile, prima d’uscire Maria ritornò, come sempre,
sui suoi passi. Prese la cornice d’argento e la strofinò delicatamente con la manica
dicendo: “Caro il mio Beppe!”
Appoggiò l’immagine accanto alla tazza di caffè ormai tiepido, chiudendo dietro di sé
la porta che dava sull’aia.
Nella foto in bianco e nero, sotto i baffi cenerini, Giuseppe immobile sorrideva nella
stanza vuota, sembrava ascoltare con malinconia i passi della sua donna disperdersi nel
vento.

30
Primo premio

LA VITA di Elisabetta Bilei – Favaro Veneto (VE)

Motivazione:
Uno scrigno prezioso la vita che custodisce sorrisi e lacrime, dolore, stupore e gioia.
Questo racconto dipinge le emozioni di un uomo e ci guida attraverso il percorso di
un’esistenza che, nel buio e doloroso avvento della malattia, si scontra con la forte luce
dell’amore trovando il coraggio per reagire, sorridere e regalare infine una nuova vita…
CG

LA VITA

Era buio la prima volta che la vidi, e pioveva.


Io volevo solo tornare a casa e piangere, urlare, magari anche suicidarmi visto che
avevo appena scoperto di avere un tumore, ma la vita aveva altri programmi per me.
L’asfalto era scivoloso, il mio piede incalzava sull’acceleratore e la radio non la
smetteva di suonare canzoni d’amore. Chiusi gli occhi, e feci una curva pregando di
morire.
Sentii un botto, e pensai di esserci riuscito. Li riaprii, e scoprii che avevo solo distrutto
la macchina davanti. Corsi a vedere come stavano i tamponati, nella speranza di non
dovermi portare anche questo fardello addosso. La mia anima era già abbastanza in
soprappeso.
Una giovane donna era alla guida, ed era sola. Le avevo provocato un taglio sulla
fronte, e subito mi premurai di chiamare l’ambulanza.
Per un attimo mi persi nei suoi occhi dal color dei prati inglesi, ma mi dovetti destare
quando lei mi chiese “Dove dovevi andare con questa fretta?”
“…”
“Allora?!? Scusa eh ma il minimo che puoi fare dopo avermi tamponato è rispondere
alle mie domande!”
Silenzio. Mi sentii imbarazzato come quando da piccolo ero alla lavagna e sbagliavo
un’operazione di matematica. Sentivo gli occhi di tutti su di me, sentivo la maestra
scuotere la testa e i miei compagni deridermi. E sentivo che volevo morire, proprio
come oggi.
“Va bene, allora visto che sei timido comincio io”, mi disse sorridendo.
Ero basito. Lei avrebbe dovuto inveire contro di me, picchiarmi, denunciarmi, e invece
si comportava come se l’avessi salvata.

31
“Prima che tu mi sfondassi il paraurti stavo tornando a casa. Probabilmente mi sarei
ubriacata fino a vomitare, avrei urlato fino a perdere la voce e mi sarei addormentata
con il rimmel che imbrattava la federa del cuscino visto che avevo appena scoperto il
tradimento di quello che sarebbe dovuto diventare il mio futuro marito.”
La guardai ancora più perplesso. Aveva una bella gonna che le scendeva morbida fino
al ginocchio, e portava tacchi alti che sottolineavano la sua caviglia fina. Il cappotto
corto che indossava si stava inzuppando tutto e così anche i suoi capelli lunghi e
corvini, ma lei sembrava fregarsene con la stessa spensieratezza con cui si mangiano le
fragole con la panna.
Mi stava raccontando della sua pessima serata, del suo dolore, della sua vita come se ci
conoscessimo da sempre, e forse era così davvero.
“Mi dispiace”, ecco tutto quello che riuscii a dire. Banale, forse anche stupido, ma
sincero.
Lei mi guardò, sorrise e poi tornò a sedersi in macchina. La raggiunsi, e mi accorsi che
stava spostando con una delicatezza estrema i capelli da un lato cercando di
massaggiarsi il collo, maldestramente.
Mi avvicinai ancora di più. “Se vuoi posso farlo io”, glielo chiesi con una naturalezza e
con una tranquillità che spaventarono perfino me.
Presi la sua pelle tra le mie mani e scoprii che era esattamente come me l’aspettavo:
delicata, chiara e liscia.
“Dimmi dove stavi correndo” sussurrò, dolcemente. Mi decisi a confessarle tutto.
“Ero a cena con degli amici, quando ha chiamato il mio dottore. Se un medico telefona
di sera è sempre un brutto segno.”
Si staccò dal mio massaggio e si voltò, all’improvviso. Mi guardò apprensiva e tenera.
Era così spontanea e dolce che avrei voluto baciarla, ma non lo feci.
“Mi ha detto che sono malato. Ho il cancro.”
Si gettò tra le mie braccia, e mi strinse forte. Era zuppa di pioggia e spettinata, ma per
me era la donna più bella che avessi mai visto.
Le luci blu dell’ambulanza in arrivo ci interruppero. Mi prese il viso tra le sue mani, e
mi chiese di accompagnarla in ospedale.
Io lo feci e, a distanza di anni, siamo ancora qui.
Abbiamo passato molto tempo da quell’incidente dentro a questo posto: quella notte la
medicarono, e le misero il collare. Tornammo qualche giorno dopo per parlare con i
medici della mia malattia, e poi per fare le analisi, e per toglierle il collare, e dopo per
operarmi, e dopo ancora per tutte le visite di controllo.
E poi, oggi.
All’improvviso sento delle porte sbattere, e vedo un dottore uscire dalla sala operatoria.
Gli corro incontro, emozionato ma anche spaventato.
“È andato tutto bene. Sua moglie sta benissimo, e anche sua figlia”, mi dice il medico
con voce rassicurante.
Ora so quali erano gli altri programmi che la vita aveva per me.

32
Sezione B
Adulti: poesia a tema libero
833 opere – 345 autori

Premio Speciale del Presidente della Giuria

UN TEMPO di Maria Palumbo – Bologna

Motivazione:
Nell’io di questi versi la poetessa è protagonista e narratrice del suo tempo, dove scorrono
libere le speranze. La mano riempie i fogli bianchi del libro della vita. La disillusione
avanza spazzando via ogni sogno d’intesa. L’autrice cerca di reprimere le ultime voci che
le urlano dentro, secche, vuote, ma profondamente dense di poesia. GV

UN TEMPO

Eppure… nell’ultimo
vento d’estate
miravo gli uccelli migrare
sul mare.
Eppure… sul ciglio d’un fosso
tendevo la mano
ad un amico caduto
nel buio.
Eppure… ad un terreno franato
creavo un sostegno,
un modo qualunque,
per cui valesse la pena
lottare.
Eppure… su di una vela
rapita dall’onda
scorgevo i colori
dell’avvenire.
Eppure… un giorno,
sulla mia anima
impressi il sigillo:
io scelsi… la strada.

Ed infine, un tempo,
creavo spiragli d’intesa,
che la mano stilava
su fogli.
Un tempo…
un presente che il vento
ha lasciato alla soglia
degli anni.
Ma ora il mio sguardo,
bruciato d’attesa,
non scorge né uccelli
né tinte, ma grigio
intorno.
E la mano inaridita
non porge più aiuto,
non calca più segni
di saggio;
ma, incurante,
scaccia le ultime voci
di dentro

34
HO ATTESO, PADRE, DOVE SI RICONCILIA L’ACQUA… di Melina Gennuso
– Massa Lombarda (RA)

Motivazione:
L’acqua costituisce il principio essenziale della creazione, è legata indissolubilmente alla
storia dell’uomo e sta al confine tra la vita e la morte. In questa dolcissima lirica, le parole
accarezzano i ricordi ed è nell’acqua purificatrice che l’autrice dà libero sfogo al suo
dolore. Attenta osservatrice del viale dell’esistenza intriso di misteri, attende il tempo
«che ancora separa», mentre la vita, fitta fra le foglie, danza. GV

HO ATTESO, PADRE, DOVE SI RICONCILIA L’ACQUA...

Dove, dimmi dove


guardarono i tuoi occhi
mentre s’oscurava il rosso
che nel mare spegneva
la sua luce…

Ho atteso
dove si riconcilia l’acqua
goccia a goccia,
ho immerso le mie braccia
e poi il mio corpo
sperando tu sentissi
nell’onda il mio dolore
e, dei tuoi giorni, l’ombra
dei tigli lungo il viale
e di ogni foglia
raggiungerti la musica
e l’odorosa luce,
e l’alchimia del vento
e il rosso dei papaveri
cresciuti d’abitudine
fedeli al ciglio della strada,
dove passi indugiano incuranti…
E tu tornassi indietro
seguendo le mie lacrime
che, goccia a goccia,
il fiume ha riportato

35
là, dove si riconcilia l’acqua,
e accarezzassi gli anni miei
che passano a fatica…
In modo che io possa
percorrere la strada
che ancora ci separa
guardando senz’ansia
il vento, gli alberi, la luce
che tra le fitte foglie,
danza.

36
Premio Speciale della Giuria

TRAMONTO di Marco Lupo – Roma

Motivazione:
La Poesia come salvezza, come riscatto. L’unica difesa – illusoria, forse – contro lo
scorrere implacabile e vano dei nostri giorni alienati è la Poesia, la capacità di comunicare
le nostre emozioni, la nostra Essenza attraverso la scrittura. Il testo, venato di malinconica
ironia, rispecchia perfettamente lo spirito del nostro concorso, formato proprio da quelle
parole – magari «boriose» – con cui ciascuno di noi cerca, ogni giorno, di liberarsi dalle
incombenze che la vita del nostro tempo ci impone. DDM

TRAMONTO (TORNO A CASA IN TRENO DOPO IL LAVORO)

C’era un tramonto rosa e nero


Mi ha svelato che davvero
Se oggi un giorno se n’è andato
Qualche cosa mi han rubato

Se la luce di quel sole


Ora nascosto all’orizzonte
Ha scaldato altre persone
Ma ha mancato la mia fronte

Le palpebre non han sofferto


E gli occhi sopra il consueto muro
Non proiettavano il giallo cerchio:
Il furto dunque, si è compiuto

Un furto lento ed elaborato


Che non può essere denunciato
Un altro giorno di lavoro
Un altro giorno l’han preso loro

Scorre il tempo sopra i binari


Ed il capello s’imbianca e cade
Fuori il buio cala furtivo
La campagna silente tace

37
E il passeggero non più ragazzo
Tace ed è noto: chi tace acconsente
Che gli si porti via la vita
Che si vanifichi la sua mente

Vana speranza fugace illusione


Che il cuore crede – la mente sopprime
Che la difesa al maldestro furto
Siano queste boriose rime

38
Segnalati con menzione d’onore

· IL VIAGGIO di Michela Castelluccia – San Raffaele Cimena (TO)

· SETTEMBRE di Lorenza Cantoni – Salvirola (CR)

· VIAGGIO DI UN’ANIMA di Anna Santarelli – Rieti

· DIETRO I MURI di Franco Casadei – Cesena (FC)

· ANGELI FRAGILI di Michele Vaccaro – Pompei (NA)

· OSSARI di Adriano Nascimbeni – Udine

· MI HANNO DETTO di Matteo Pasquini – Coriano (RN)

· IL VOLO DEI GUFI di Gianluca Battistel – Bolzano

· OCEANO di Anna Nardo – Roccagloriosa (SA)

· ALLA FOCE DEL MAGRA di Maura Dall’ospedale – Pianello VT (PC)

· HO PORTATO CON ME I TUOI OCCHI di Francesco Albano – Pignola (PZ)

39
Quinto premio

COME AL VENTO LA VITA di Andrea Rossi – Sestri Levante (GE)

Motivazione:
Il difficile compito di trovare un senso alla propria vita. Grazie alle numerose immagini
simboliche il testo riesce a trasmettere il senso di smarrimento e solitudine che si prova
nei momenti di interrogazione esistenziale. La vita appare come un casuale – forse vano –
soffio di vento. DDM

COME AL VENTO LA VITA

Sospeso fra vortici di cielo


respiro albe di stelle,
incompiuti attimi
di precari equilibri.
Gocce di rugiada
trafiggono scalfiti silenzi
di solitari orizzonti.
Risposte al vento
soffocano spirali di fumo,
gelidi abbracci di fine.
L’urlo della notte
placa sete di giorni atoni,
contorni di ieri
fra scie di domani.
Vuoti passi rincorrono
veli di malinconia,
luci tra le fronde
come al vento la vita.

40
IL TUO VOLTO (FRATELLO PERDUTO) di Mauro Domenella – Castelfidardo
(AN)

Motivazione:
Il poeta rivive frammenti della sua vivacissima e luminosa infanzia. Episodi che il
fratello, morto in tenera età, non ha potuto vivere. L’ampio ed efficace uso di immagini
analogiche rende vivido il ricordo che però acuisce il rimpianto. Ma la consolazione viene
trovata pensando che il fratello, per sempre immune dalla desolante vecchiaia,
accompagna il poeta ogni giorno. DDM

IL TUO VOLTO (FRATELLO PERDUTO)

Ti concesse un guizzo d’innocenza,


il mio Dio, per poi diventare
graffito nei suoi disegni,
e divenne incessante naufragio
il trasbordare di ogni giorno.
Germogliai funambolo sull’orlo del rimpianto,
la consapevolezza dell’essere
che girava con le lacrime in tasca.
Io pigolavo tra angoli di vento,
fringuello sulla fronda dell’innocenza.
Le estati annegavo nel sole,
le ginocchia mai sazie di graffi,
per acquietarmi solamente
dinnanzi al rogo del tramonto.
Quanta fretta di vivere tutto!
E la malia delle notti di giugno, poi,
che trasudavano arabeschi di stelle,
mentre le lucciole, a stuoli,
seminavano fosforo nel grano…
Che rimane, se ancora prima di fiorire,
la falce recide il fruscio della spiga?
Forse solo il latrato del silenzio,
i suoi echi distratti allo srotolare degli anni
che conduce, clemente, ad un sentire impolverato.
Ma nell’abisso s’ingorgano maree di rivolta,
relitti sepolti nel limo del passato riaffiorano
ora che anch’io so il mio viso.

41
T’immagino bocciolo di narciso,
redento da uno sfatto sudario,
mentre quaggiù, tra selve di spini,
s’incrina la sordità del mio Dio;
allora il fragore ammutolisce,
orlato di luce si fa vero il tuo volto
in questo deserto cullato da miraggi.

42
Quarto premio

CANTI D’AUTUNNO di Raffaello Spagnoli – Bovezzo (BS)

Motivazione:
Il poeta canta l’autunno della propria vita: la «stagione che declina» e la solitudine per la
perdita delle persone care. La fragilità della nostra umanità è vista con pacata
rassegnazione attraverso uno stile piano e carico di emozione. DDM

CANTI D’AUTUNNO

Sto qui da solo


a rimirare il tempo,
a contarmi le ore
che senza pace vanno.
Ho mani troppo secche
per carezzare i tuoi capelli
oramai non più scuri
ma ancora porto dentro
il tiepido sapore del tuo bacio.
E intanto l’aria fresca
di questa stagione che declina
mi accappona la pelle.
No che non c’è consolazione
ora che il sole oscura
e in me non c’è un colore.
Sto qui da solo.
Ti vedo andare via
e non hai voglia di saluti
perché non c’è domani
nei nostri corpi fragili.
Sto qui da solo
con il cuore assordato
dal frastuono terribile
dei miei canti d’autunno.

43
Terzo premio

LA GIOSTRA DEGLI ABBRACCI di Monica Schiaffini – Sestri Levante (GE)

Motivazione:
Una dinamica, quasi cinematografica carrellata di immagini paesaggistiche che, anche
grazie al ritmato spezzarsi dei versi, ci trasporta – in treno – assieme all’autrice diretti
verso la persona amata. L’efficace e brusco arresto degli ultimi tre versi chiude con
un’ulteriore immagine di moto circolare la poesia, e la scena sfuma… DDM

LA GIOSTRA DEGLI ABBRACCI

Inseguo lembi ferroviari,


grigiori d’asfalto
in corsa scomparire.
Ed è tutto un lasciare
d’ulivi protesi,
di fasce brunite,
di squarci marini
da scogli assolati,
sentieri in declivio
su rive di sale,
limoni e ginestre,
aromi ai balconi.
Abbandono
l’aspra dolcezza
della mia terra,
Fazzoletti in costa,
scampoli sottili
di vigneti e sudore
per umili rese gloriose.
Poi d’un battito
fra cornici marmoree
s’aprono ridenti
le tue dolci colline,
orizzonti infiniti
di verde e di cielo,
spazi dischiusi

44
a morbidezza nuova,
aree sopite
di profumate zolle,
di grano in crescita,
di greggi pascenti.
Culle di piccole vite
si svelano timide
fra alberi increspati di rami
lungo i cigli erbosi dei canali.
Cipressi in processione
lenti profilano
isolati casali,
che affiorano
da ondeggianti declivi
a squarciare vastità d’aratura
per tingere gli spazi
di chiazze sanguigne.
Il treno s’arresta alla fine del viaggio.
Ecco i tuoi occhi.
Da qui solo la giostra degli abbracci.

45
Secondo premio

LE STELLE DELLA VAL VISDENDE di Augusto Finessi – Serravalle (FE)

Motivazione:
Un passeggiata nel bosco svela indefinite correspondances tra il cosmo e le nostre vite.
«Siamo solo delle voci / dentro questo buio» ma «Un alfabeto luccicante / nitido, vivido e
incombente / perfora la coltre della notte»: dal buio alla luce, dal senso di smarrimento
alla meravigliosa, inspiegabile certezza di avere una direzione da seguire. DDM

LE STELLE DELLA VAL VISDENDE

Siamo solo delle voci


dentro questo buio di inchiostro nero.
Pensieri in movimento
di entità invisibili,
onde calde e vive
che si rifrangono sulla brina
del sottobosco.
Il gelo morde la pelle del viso
e ingravida i nostri respiri
in una scia vaporosa senza colori.
Non vedo la strada ma la sento
non cerco tesori ma li scorgo
nell’alto.
Un alfabeto luccicante
nitido, vivido e incombente
perfora la coltre della notte
tempestando di brillanti
una pagina del nostro tempo.
E lieve e rarefatto
un coro di meraviglia s’alza
verso la volta cristallina
dove la polvere aurea
avvolge la condensa
del respiro dell’universo.

(passeggiata notturna nel bosco)

46
Primo premio

MALINCONIA di Leonardo Vitto – Rivignano (UD)

Motivazione:
La visione del paesaggio si fonde con le immagini rievocate dalla memoria, le voci degli
elementi e della natura risuonano nell’orecchio del poeta che, attraverso uno stile
complesso e il tratteggio di fitte immagini simboliche, racconta il suo abbandono quasi
onirico ad un attimo di rivelazione, di vita autentica, al «fragore / tenerissimo della sua
malinconia». DDM

MALINCONIA

Un cuore batte nel cavo monte.

La prima luna si leva esitante


dai cipressi, occhi smarriti
s’aprono d’improvviso come finestre
nel nitore dell’aria, mani
scivolano indiscrete e nude
sulla fermezza dell’acqua
e la roccia – avvolta da ondulata crepa –
rimarca il tempo sigillato nelle rughe
dei volti di salice.

Quanta freschezza nel linguaggio


del mare – ora che la barca si distende –
nonostante l’amara salsedine
abbia prosciugato le nostre parole
e una fetta di cuore è bevuta
insieme all’acqua del ricordo;
quante labbra si levano dal precipizio
cantando per il sordo orecchio
quasi che dapprima fosse nato il suono
molte vite più tardi l’uomo.

Sfuma sotto il sole nuovo


l’ombra alleggerita dal corpo

47
mentre pigri si destano i fili d’erba
tra i muri
disputandosi con cerimoniosi inchini
il primo odore del mattino.

Com’è appagante questa calma


che mi sfronda, e come mi arrendo
e mi abbandono nel fragore
tenerissimo della mia malinconia.

48
Sezione C
Giovani: prosa o racconto breve a tema libero
32 opere – 30 autori

Premio Speciale Racconto Giovani

IL GRANDE SOGNO di Elisa Filippi – Santa Giustina in Colle (PD)

Motivazione:
Un sogno meraviglioso, un racconto che risveglia la magia dei mondi incantati che
abbiamo dimenticato nella soffitta della nostra memoria. Un viaggio nelle meraviglie
della fantasia, dove un bambino, scivola allegro di mondo in mondo regalando ai suoi
amici fantastiche scintille di felicità. CG
Segnalati con menzione d’onore

· RICORDI DALLE PROFONDITÀ DELLA TERRA di Anna Priante – Montorso


Vicentino (VI)

· I RICORDI DEL FIUME NEL DESERTO – BOHÉMIEN di Carlo Costanzelli –


Sermide (MN)

· IL CAVALIERE di Daniele Zolfanelli – Montecalvoli (PI)

· LE MASCHERE DEL MALE di Federica Astengo – Genova

· IL VECCHIO E LA MOSCA di Francesco R. Giannone – Roma

· IL BALCONE DI MIA NONNA di Giorgia Bandiera – Castelfranco Veneto (TV)

· ROSSO RELATIVO di Giulia Bolognese – Gavello (RO)

· I BAMBINI CHE RIPORTARONO LA LUCE di Giulia Castagna – Montuolo


(LU)

· IL MORSO di Gwendoline Bernard – Saint-Raphaël (FRANCIA)

· LA NASCITA DELLE NUVOLE di Rossella Bicchieri – San Giorgio Jonico (TA)

· LA VERA VITA di Sonia Santini – Ticino (SVIZZERA)

50
Quinto premio

INVISIBILITÀ di Lisa Maggiolo – Frassinelle Polesine (RO)

Motivazione:
Questo racconto è la preghiera di un’anima in fuga da un destino che non ha scelto, da
una madre che ama, ma disapprova, dall’indifferenza che la rende invisibile. Questo
racconto ci fa credere che la luce di Dio possa farci uscire dall’ombra, ci fa sperare che la
vita si possa cambiare e che al mondo ci siano molti occhi disposti ad accorgersi di noi e
molti cuori pronti ad amarci nonostante i nostri errori. CG

INVISIBILITÀ

Io non valgo niente.


I fari di una macchina mi accecano nella loro luce abbacinante. Mi fermo sul ciglio
della strada e cerco di scendere nell’erba bagnata stando attenta a non cadere giù per la
collina. Qui “guard-rail” è solo una parola. Aspetto che la vettura passi oltre, spero
quasi di confondermi nel buio delle piante così che il conducente non mi noti. Non che
faccia un grande sforzo. Nessuno mi nota. L’auto sparisce oltre la curva e io alzo gli
occhi al cielo nero e oscuro. Le gocce di pioggia scivolano imperturbabili lungo le mie
guance come se fossero le lacrime che ho già sprecato troppo tempo fa. Lascio vagare
lo sguardo sul Burren immerso nell’umidità e nella foschia, e penso, per l’ennesima
volta da quella mattina, che l’Irlanda è magnifica. Le luci offuscate di Kinvara, il mio
paese, mi ammiccano quasi gentili; il campanile gotico svetta perso nella pioggia, i
lampioni dalla luce aranciata regalano imperfetti aloni tremuli sulle facciate di case e
negozi. Sento l’oceano infrangersi rumoroso sulla costa; continuo a camminare con la
mente persa. Il Green’s sarà già strapieno di gente a quest’ora e i musicisti avranno
sicuramente iniziato a suonare le loro note irlandesi favoleggiando con i violini, i flauti
e le concertine. Mary Green si starà chiedendo perché non sia andata da Lei a mangiare
e io mi sto chiedendo perché non l’ho fatto, anche perché so che mi avrebbe fatto stare
meglio. Sospiro.
Il mio nome Roxanne O’Riordan e sono figlia di una gitana spagnola. O meglio, di una
zingara, di una strega, di una cagna, come dicono i miei compagni di scuola.
“Sei nata per errore, Roxy” aveva detto mia madre, usando quell’odioso nomignolo. Me
l’aveva sbattuto in faccia, così come se mi avesse chiesto che cosa volevo per cena.
“Questa sera parlerò al mio capo, vedrò di farti assumere. Hai sedici anni ed è ora che ti
procuri da vivere”. Aveva sorriso e poi mi si era avvicinata. “Allora, ti preparo un
caffè?”.

51
A quel punto non mi ricordo bene che cos’era successo, ma sapevo che tipo di lavoro il
capo di mia madre avrebbe potuto offrirmi e non avevo la minima intenzione di farlo.
Mi aveva assunta all’incirca tre settimane fa. “Tua madre ha messo una buona parola”
aveva detto snudando i denti in un sorriso che non aveva nulla di allegro.
In quelle tre settimane non avevo portato a casa niente e lui si era molto arrabbiato. “è
giovane, non c’è da aspettarsi niente” mi scusava mia madre. “Appunto perché è
giovane dovrebbe avere molti clienti!”. Al lavoro le prendevo dal mio capo, a casa da
mia madre. “Non sei una ragazza!” aveva gridato una volta “E nemmeno una
sgualdrina!”. Allora io mi ero alzata in piedi e l’avevo guardata negli occhi. “Sono una
violinista” avevo detto con fermezza. Lei era scoppiata in una grassa risata orribile.
“No, tu... tu non sei nulla”. Quella frase mi colpì.
Ha ragione, io non sono nulla. Sono sparita da dieci giorni e nessuno si accorto della
mia assenza. Né a scuola, dove peraltro la mia assenza sembra un bene, né a casa dove
anche lì sono tutti più contenti se non ci sono. Cosa dovrei pensare? Non mi vede
nessuno, nessuno sente la mia mancanza. Sono la sgualdrina invisibile e non sono la
prima, ma nemmeno l’ultima. Riesco a considerarmi addirittura fortunata. Almeno non
sono scomparsa per sempre. Ci sono certi capaci di uccidere se non vengono obbediti,
certi che non considerano la morte come il modo di mettere fine ad una vita, ad una
persona, ma soltanto uno strumento facile e abbordabile per risolvere le proprie
questioni. L’idea di essere in un certo senso fortunata sparisce in fretta com’era
arrivata. Penso che forse uccideranno mia madre e sarà colpa mia. Penso che sono
responsabile della sua fine. E penso anche che, per quanto lei abbia già messo fine alla
mia vita, non posso fare a meno di sentirmi in ansia per la sua incolumità. Stringo i
denti. Forse non dovrei avere paura per Lei, ma ce l’ho, incalcolabile e
incontrovertibile. ‘t9lcuni direbbero che sono una stupida, altri direbbero che per
quanto doloroso possa apparire, alla fine sarà un bene perdere la causa delle mie
sventure. Purtroppo la causa delle mie sventure mi ha messo al mondo e per un certo
tempo mi ha voluto bene, anche se ero nata per errore. Se tornassi indietro morirei. Se
andassi avanti diventerei un’assassina. Ma sono poi così sicura che la faranno fuori?
Lancio un’occhiata dietro di me. Sì, assolutamente sicura.
Camminando ho svoltato per un sentierino che scende nella radura. La strada, il mio
lavoro, lontano. Tra le piante c’è quell’umido profumo di sottobosco, quell’essenza di
terra fresca e di erba bagnata che si sente sempre dopo un acquazzone. Lo adoro.
Chiudo gli occhi. Anche a mia madre piaceva quell’odore così selvaggio e libero.
Quand’ero una mocciosetta mi vestiva in gran fretta e mi portava sempre nel bosco
dopo la pioggia; gli occhi le luccicavano e lei sorrideva sempre facendomi danzare nel
cerchio delle fate che c’era dietro casa. Riapro gli occhi, Accarezzo i pini gocciolanti e
arrivo nella radura. C’è una chiesetta, poco più grande di una rimessa per gli attrezzi,
ma bella più dell’alba sull’oceano, ed è circondata da un cerchio delle fate, fatto di
piccole e aggraziate statue bianche. Le vecchie lanterne ad olio fanno baluginare le
vesti di pietra delle ninfe mi sembra di essere finita dentro una silenziosa danza del

52
Tuatha de Danaan, la stirpe elfica irlandese. Apro silenziosamente 1a porta della
cappella, vi sguscio dentro trascinandomi dietro il voluminoso e fradicio vestito folk
che avevo indossato per andare al Green’s, mi siedo in una delle piccole panche. Fisso
la candela accanto al tabernacolo, poi lascio spaziare lo guardo sulle vetrate e sugli
affreschi. C’è un’incredibile mescolanza tra cristianesimo e credenze popolari. La croce
celtica ricorre dappertutto, i nomi dei re elfici si mescolano a quelli dei santi, le fate si
affiancano agli angeli, le ballate vengono citate alla pari di vangeli. Spero che tutto ciò
non sia eretico perché mi piace tantissimo. Osservo con insistenza la croce celtica sopra
l’altare. Forse qualcuno di loro, o fate o angeli, mi ascolterà. Mi inginocchio.
– Per favore Dio – invoco poco ortodossa – sa1va mia madre. Io non so perché ha preso
quella strada, ma forse avrà avuto un buon motivo che non gli ho mai chiesto. Forse
non voleva farlo, forse non voleva costringermi a seguirla –.
Una voce nella mia testa mi dice che come io sono riuscita a resistere, anche mia madre
avrebbe potuto benissimo farlo. Penso che abbia ragione, ma forse lei non aveva la
forza per farlo e quando mi sono rifiutata di obbedirle forse sarà stata orgogliosa di me
pensando che almeno io ce l’avevo fatta.
– Ti prego Dio. Non so che colpa abbia e non posso giudicarla. Ti prego Dio, dimmi
che non sono invisibile anche ai Tuoi occhi, aiutala Forse, dopo lei aiuterà me –.
Quella sciocca speranza mi fece quasi ridere. Fissai a lungo la fiamma della candela
rossa e mi addormentai.
Ora non ricordo più molto. Ma una cosa mi rimase nel cuore quella notte e penso che ci
rimarrà per tutti gli anni che devono ancora passare. Quando stavo per chiudere gli
occhi assonnati, divorata dalla fame che non potevo placare, io vidi un ragazzo. Lui mi
si avvicinò e mi accarezzò una guancia. In seguito mi parve di sognare. C’erano tante
persone, la chiesetta era troppo stretta perché ci potessero stare tutte, ma ci stavano e
non so come. Parlavano animatamente, ma non ignorandomi come sempre. Mi
guardavano benevole e mi accorsi di avere la testa posata sulle gambe di Mary Green
che sorrideva sollevata. E fra i tanti volti che scorsi, fra i tanti sguardi che incrociai vidi
quello di mia madre.
Mi raccontarono che l’autista di quella macchina, che credevo non mi avesse notato,
aveva immediatamente capito che ero sola e mi aveva seguito. Era stato lui a salvarmi
l’anima e mia madre. Tutti i dubbi furono chiariti, il capo di mia madre spedito in
prigione e lei liberata dalla morsa che la stringeva quando aveva dovuto cominciare per
forza quel lavoro.
“Allora non sono invisibile” pensai quando quel ragazzo mi raccontò di non essere
riuscito a staccarmi gli occhi di dosso. Gli sorrisi e lo ringraziai.
Adesso ho ventisei anni e noi abbiamo una splendida bambina. Eire.

53
Quarto premio

IL PAESE DEI BAMBÙ di Giusy Palma Bicchieri – San Giorgio Jonico (TA)

Motivazione:
Questo racconto, come polvere di fata, fa volare i nostri pensieri sulle ali della fantasia
fino al magico paese dei bambù dove i fiori hanno petali musicali, l’acqua diffonde la
pace, le farfalle sono simboli d’amore ed ogni desiderio diventa realtà. CG

IL PAESE DEI BAMBÙ

Nel paese dei bambù c’era un grande lago vicino a un’altissima palma. Il terreno
intorno così pieno di bambù aveva alcuni alberi speciali: c’erano gli alberi dei cuscini,
che al posto delle foglie facevano crescere cuscini colorati e morbidi che si staccavano
facilmente dai rami; gli alberi della fortuna che donavano ai meno fortunati ricchezze e
tutto ciò che desideravano; alberi colorati che regalavano ai bambini tutti i tipi di colori,
grandi fiori con le foglie rosa con petali musicali che staccati producevano le musiche
desiderate, uccelli parlanti, volpi ballerine, tartarughe volanti, lucertole salterine, rane
velocissime e leoni con le capacità di superman aiutati dai cani che si
“teletrasportavano”.
L’acqua del laghetto proveniva da un ruscello formatosi su una verde collina.
Quest’acqua permetteva a chi la beveva di prevedere il futuro, e con la sua magia
manteneva la pace nel paese. Molti uomini, andavano a pescare al laghetto e le canne
da pesca le costruivano con le proprie mani utilizzando i bambù. I pesci pescati, erano
particolari perché potevano respirare anche fuori dall’acqua e questi non venivano
pescati per essere mangiati, ma per fare compagnia alle persone. Ogni volta che veniva
tagliata una canna di bambù, questa nel giro di un’ora ricresceva. In questo paese una
farfalla simboleggiava la nascita di qualcuno: maschio, se la farfalla era celeste o verde,
e femmina, se era rosa o arancione. Ai bambini appena nati si regalavano cuscini a
forma di orso o di papera poi, dopo qualche anno, svariati colori che animavano ciò che
si disegnava e una volta diventati grandi, si mettevano alla ricerca della farfalla che
aveva segnato la loro nascita. Trovatala potevano regalarla a qualcuno come simbolo di
affetto o amore.
Chi si recava sulla montagna del paese dei bambù poteva esprimere qualsiasi desiderio
che poi veniva esaudito. Tutti amavano quel posto, ma noi non sapremo mai dove si
trovava.

54
Terzo premio

ALL’ANGOLO di Ilaria Stefani – Forlì (FC)

Motivazione:
Nella voce di questo racconto si nasconde l’anima di un timido specchio che osserva
vivere la sua briciola di mondo in un piccolo paese di montagna dove i profumi si
mescolano in una fragranza di mattino, dove alle voci s’accompagna sempre un volto
conosciuto ed ai nomi s’uniscono personaggi e simpatiche storie. CG

ALL’ANGOLO

Odore di paese.
Odore di paese cullato dai morbidi pendii delle montagne, odore di paese immerso in
una valle dall’erba rigogliosa. Odore di… aspettate, forse farei meglio a chiamarlo…
profumo, sì, proprio così, profumo.
Nessuna fragranza è comparabile al profumo del paese la mattina.
Profumo di pane appena sfornato, profumo dei ciottoli di porfido dei viali, profumo
delle foglie degli alberi che tremano al passare della prima brezza del giorno, anche
quella profumata, profumo dell’umidità dei muri, profumo dell’acqua del fiume,
profumo delle tapparelle che si alzano, profumo degli sbadigli assonnati dei lavoratori e
dei respiri dei bambini che ahimè, presto dovranno alzarsi per andare a scuola; profumo
delle prime auto che si muovono forse ancora un po’ addormentate per le strade,
profumo della bici del postino, profumo dei primi raggi del sole che sembra si
arrampichino alle montagne, arrivino in cima e quindi incomincino allegri la discesa,
arrivando a lambire ogni piccolo spazio del paese, ogni suo angolo remoto.
Sono nato qui.
A dire il vero, non ho idea di dove questo piccolo paesino di montagna si trovi. Da
come sento parlare i passanti, direi che ci troviamo in Italia. Non importa; da che ho
memoria, sono sempre stato in questo posto. Proprio qui, all’incrocio del corso con una
piccola strada secondaria, via Mozart. Sono contento di abitare qui, all’angolo,
comunicante con una via che porta il nome di un personaggio così straordinario.
Lo conosco bene, Mozart; la signora del piano di fronte non fa altro che ascoltarlo. La
vedo spesso, mentre si muove lentamente ad occhi chiusi, sulle note di qualche
sinfonia. Ha la brutta abitudine di lasciare spalancata la portafinestra del salotto, ed io
non posso fare a meno di sbirciare. Questa signora ha certamente conosciuto tempi
migliori, ma non è mai sfiorita in lei la passione per la lirica. Ha sempre sognato di
diventare una prima donna, un tenore di fama mondiale. Tutti ignorano questo suo

55
sogno; nessuno la vede quando, appena i figli e il marito escono, si mette davanti allo
specchio, posa una mano sul petto, alza il mento con aria fiera e comincia a cantare.
Nessuno tranne me, ovviamente. Di certo non si perdono nulla, sarebbe un’eresia
chiamare “canto” quell’insieme di gridolini acuti e strilli, ma ci mette davvero tutto il
cuore.
Eh già, ce n’è di gente strana qui. Soggetti davvero particolari.
Possiamo parlare ad esempio di Laura, un nome come tanti, una donna come poche. Per
fortuna. Abita proprio qui dietro. Laura soffre di un’esagerata mania di protagonismo.
Nel corso della sua ultima crisi, si è ammanettata da sola alla ringhiera del terrazzo,
sperando forse che qualcuno la “salvi”. Per ora due bambini la bersagliano di stucco
con le loro cerbottane.
Un altro tizio davvero buffo è Garibaldi: è un anziano dallo sguardo vacuo che crede di
essere ancora nella seconda guerra mondiale. Si veste sempre con la stessa camicia
rossa, che inspiegabilmente è ancora integra e che deve possedere qualche strana
capacità termoregolatrice, visto che viene indossata quando c’è un caldo torrido ma
anche a venti gradi sotto zero. Nessuno conosce il suo vero nome, come nessuno
conosce la sua età. Io credo che sia un vero pezzo d’antiquariato, un fossile oserei dire,
ma è più arzillo di un adolescente in piena fase ormonale. Passa sotto di me ogni giorno
verso le undici. Lo potete vedere mentre corre dietro a una ragazza, bella o brutta che
sia, non importa, tanto non ci vede più da un pezzo.
Una farfalla si è appena posata sopra di me. Che rabbia. Odio gli insetti che volano. Se
potessi fare qualcosa per scacciarla, non esiterei un attimo. Oh, ma ecco che sta
arrivando Gualtiero! Dovete sapere che Garibaldi non è l’unico donnaiolo del paese.
Gualtiero, l’ubriacone dongiovanni, la sua fama lo precede a chilometri di distanza, ma
nonostante tutto, trova sembra pesci che abboccano. Ma forse è proprio questo il suo
fascino. È pure brutto. Quest’uomo ha già due famiglie, una in India e una in Inghilterra
– come abbia fatto a comunicare rimane un mistero.
Sembra che anche oggi Gualtiero abbia fatto conquiste. Sta parlando con una giovane di
dieci anni più giovane, aspetta, la conosco, credo si chiami Valeria. Povera, piccola
Valeria, è così forte il desiderio in lei di avere un ragazzo che è in grado di sopportare il
peso dell’alito di quell’uomo, tutto muffa acida e panchina di spogliatoio. Passa degli
interi pomeriggi affacciata al balcone nella speranza di trovare il suo principe.
Parlano da almeno venti minuti, si sono piazzati proprio qui sotto di me. A lui piace lei
e a lei piace lui, ma li separa un dettaglio: lei è ancora sicura di essere immortale, lui sa
di essere già morto. Passiamo al povero Benito, diciannove anni, magro e pallido,
un’adolescenza passata a lottare contro il soprannome “lo scarso”, dovuto alla sua
miserevole abilità calcistica e alimentato dai vestiti, bigi e tristi, da chierico o da
vedovo, che la madre gli imponeva. Quindi Benito si è comprato un cappotto in pelle,
ma tutto quello che ha ottenuto è essere diventato “lo scarso col cappotto”. Ricordo
bene il giorno dell’incidente. Erano più o meno le due di notte, io ero sveglio, e mi
chiedevo che cosa ci facesse Benito al volante a quell’ora. Poi l’ho visto arrivare a

56
velocità sempre più alta verso di me. Non ho nemmeno avuto il tempo di realizzare, ma
ho davvero temuto per la mia sorte, credevo di essermi spaccato a metà. Ricordo che
quando arrivò la polizia disse che probabilmente era stato un incidente, forse un colpo
di sonno. Ma io ho bene impresso a fuoco nella mente, più vivido di un’istantanea, lo
sguardo lucido, determinato e disperato di Benito mentre stringe il volante e accelera.
La mia vicina è la più grande pettegola del paese, ma che dico, di tutta la nazione. Si
chiama Livia, ed è falsa, talmente falsa che ha anche cambiato nome all’anagrafe.
Prima si chiamava semplicemente Maria. Ha un cane odioso quanto lei, che tutte le
volte che mi vede si ferma per adempiere ad ogni sorta di bisogno fisiologico su di me.
Guardatela, sta uscendo di casa per andare incontro a Lavinia, che sta tornando da
scuola.
– Lavinia, non mi piace quello con cui ti ho vista ieri: sembra posseduto. – le dice
sottovoce. Non abbastanza per me.
– Magari fosse posseduto, e magari mi possedesse – mormora stizzita Lavinia mentre
mi passa di fianco. – E poi ha stile – continua più forte, in difesa dell’ultimo darkettone
con cui sta ammazzando i pomeriggi. Poi di nascosto, ascolta Venditti.
Il tempo passa, è un continuo viavai di persone, auto, polvere, suoni, colori, rifiuti,
gente che va, gente che viene.
Finalmente arriva la mezzanotte e il paese, come cenerentola, si trasforma. Si spoglia
dell’abito impegnativo, quello elegante, e ritorna ad essere un modesto paesino,
semplice, vestito dei soliti stracci, consunti ma resistenti.
Ora l’angolo di strada che ho di fronte è deserto, l’oscurità è trafitta dalla bianca luce
dei lampioni e di nascosto, anche dal timido bagliore della luna, forse troppo debole per
reggere il confronto, Mi lascio pervadere da questo silenzio, rotto soltanto dallo
strascicare delle cartacce sul marciapiede mosse dal vento…
Oh, sento dei passi. Ma che dico dei passi, i suoi passi! La riconoscerei fra mille, quella
nota leggermene strascicata di un piccolo tacco sull’asfalto. Eccola, è proprio sotto di
me, è lei: Camilla. Che la natura sia bizzarra e ingiusta nel distribuire bellezza e talenti
è cosa nota, tuttavia quando si accanisce in questo modo è impossibile non sospettare
l’esistenza di un'intelligenza superiore. Camilla appartiene alla famiglia più ricca della
città, ma da mesi intrattiene una relazione amorosa con il meccanico del quartiere, un
tipo povero ma onesto e sincero. Passano pochi minuti e anche lui è qui, sotto di me.
Mi si stringe il cuore a vederli mentre si abbracciano, si scambiano timide carezze che
poi sfociano in baci appassionati. Sento ridere Camilla. Lui le sta facendo il solletico.
Quindi si mettono a parlare un po’. A un certo punto Camilla alza i suoi occhi azzurri –
uno scorcio d’oceano – e li posa su di me.
Oddio. Mi sento esplodere.
– La vuoi sapere una cosa? – dice rivolgendosi al meccanico. – Però non prendermi in
giro. – Mantiene lo sguardo fisso.
– Avanti – le risponde dolcemente lui.

57
– A volte mi sembra che quello mi osservi. – Fa un cenno col mento verso di me e
scoppia in una timida risatina. Il meccanico si volta a guardarmi. Ride anche lui.
– Ma cosa, quel vecchio specchio dell’angolo? –.
La prende per mano e si dirigono verso il corso.

58
Secondo premio

IL PATTO DELLA LEPRE di Cèline Noir – Saint-Raphaël (FRANCIA)

Motivazione:
Rincorriamo ogni giorno il desiderio di avere di più, di essere più di quello che siamo e
non ci accorgiamo dei molti doni che già ci appartengono. Questo racconto ci insegna a
metterci alla prova, a migliorare le nostre capacità, a raggiungere i nostri obiettivi
sfruttando i talenti che possediamo e ci ricorda che alla base di un grande potere deve
esserci sempre il rispetto e la forza di un animo buono e gentile. CG

IL PATTO DELLA LEPRE

Un giorno una lepre se ne andò a trovare il Grande Genio del bosco e gli disse:
«O Grande Genio! Tu che vegli su tutti gli abitanti della boscaglia, tu che sei il padrone
dei padroni, tu che puoi tutto, fa che aumenti la potenza del mio cervello, affinché possa
diventare l’animale più intelligente tra quelli che vivono nel bosco».
Il Grande Genio dopo aver riflettuto per un po’ rispose:
«Va bene! Ma occorre, prima, che mi mostri ciò che sei capace di fare. Porta via questa
fiaschetta e riempila di piccoli uccelli; prendi questa zucca e riempila di latte di cerva;
porta via anche questo bastone e cerca un serpente lungo quanto il bastone. Quando
ritornerai con la fiaschetta piena di piccoli uccelli, la zucca piena di latte di cerva, ed il
serpente lungo come il bastone, allora vedrò ciò che posso fare per te».
La lepre partì per il suo difficile viaggio e, dopo aver percorso lunghi sentieri, stanca
pensò di riposarsi presso una fonte, alla quale molti animali al calar del sole erano soliti
andare a bere. Seduta sotto un lussureggiante albero si mise a pensare, mentre il sole
cominciava a scomparire all’orizzonte. Intanto i piccoli uccelli abitanti del bosco
arrivavano numerosi per il loro rito serale, che consisteva nel saltellare, bere, cantare,
giocare, volare, rotolarsi ed ondeggiare. La lepre allora pensò:
«Vediamo di che sono capace» e, uscendo dal suo angolo, inizio a saltare a destra, a
sinistra, davanti, indietro, gridando con tutte le sue forze: «No! No!... Mai!... Non è
possibile in verità!... Come si può credere una cosa simile No, no e no!... Non sono
abbastanza numerosi per quello».
Gli uccelli, ignari della missione della lepre la chiamarono:
«Lepre! Cosa dici? Cosa ti succede?»
L’astuto animale approfitta subito e risponde:

59
«Oh! Non ne parliamo! Si tratta di una cosa completamente impossibile... Perché
qualcuno mi ha detto che potreste entrare in questa fiaschetta e riempirla! Ma so bene
che è completamente impossibile: non siete abbastanza numerosi per questo».
«Stai scherzando, lepre!» esclamarono gli uccelli mentre ridevano, saltellavano e
cantavano. «Invece possiamo riempirla intera… Anzi siamo capaci di farla stracolma».
La lepre, senza muoversi, disse:
«No! Non penso proprio, anzi in verità, sono certa che non vi riuscirete».
«Ah non possiamo» ripresero gli uccelli adirati. «Allora aspetta un po’ e vedrai!».
Un primo uccello entrò nel fiasco e subito dopo un secondo ed un terzo e così via,
finché la fiaschetta fu piena. Allora, la furba lepre chiuse ben stretto il tappo del
recipiente e lo nascose in un angolo. Intanto una cerva arrivava per bere alla fonte. E la
nostra lepre si rimise a saltare a destra, a sinistra, davanti, dietro, gridando con tutte le
sue forze:
«No! No! Mai! Non è possibile in verità! Come si può credere una cosa simile! No, no
e no!...Non ha abbastanza latte…»
La cerva un po’ perplessa si fermò sulle sue quattro zampe e chiese:
«Lepre cosa dici?... Parla?».
Il furbo animale riprese:
«Oh non ne parliamo! Si tratta di una cosa completamente impossibile… qualcuno mi
ha detto che potresti riempire del tuo latte questa zucca. Ma so che non ne avete
abbastanza».
«Tu stai scherzando, lepre! – riprende – invece la posso riempire».
La lepre scosse le orecchie e disse:
«No, in verità, non potete!».
«Ah non posso» disse la cerva contrariata. «Anzi aspetta e vedrai!».
Dopo qualche minuto la zucca fu stracolma.
«Ho perso la mia scommessa» disse la lepre, «in quanto mio cugino, il leone, aveva
ragione quando affermava che voi date più latte della mucca».
«Il leone?» chiese la cerva, mentre tremava già dallo spavento.
«Ma sì, il leone… è là, molto vicino… aspetta che lo vado a chiamare».
Appena sentito ciò la cerva alzò le zampe e via di gran corsa. Allora la lepre chiuse
accuratamente la zucca piena di latte e la nascose. Presto un serpente arrivò per
rinfrescarsi. Appena la lepre lo vide iniziò a camminare lungo il bastone contando i suoi
passi e gridando con tutte le sue forze:
«Due no… Tre no… Quattro no… No! No! Mai… Cinque no… Non è possibile in
verità! Sei no… Come si può credere una cosa simile! Sette no… No, no e no! Non è
abbastanza grande…».
Il serpente si fermò, tutto sorpreso, si erse diritto sulla sua coda, osservò la lepre e la
chiamò:
«Cosa dici, lepre?».

60
«Oh non ne parliamo!» rispose l’astuto roditore. «Si tratta di una cosa completamente
impossibile… Qualcuno mi ha detto che eravate così lungo come questo bastone. Ma so
bene che non è vero!».
«Stai scherzando, lepre » esclamò il serpente!
Così si mise a sogghignare, a strisciare sull’erba e a fischiare. Intanto riprese:
«Guarda sono, invece, lungo come il tuo bastone…». Ma la lepre annuendo disse:
«No in verità, no, non lo siete!».
Allora il serpente furioso di essere preso per un bugiardo, si allungò dritto, dritto contro
il bastone, a questo punto anche questo era fatto. La lepre fece un salto e legò il
serpente ben, bene tanto che questi non poté più muoversi. Dopodiché prese la
fiaschetta, la zucca e il bastone e partì alla ricerca del Grande Genio della boscaglia.
«Grande Genio! Grande Genio!» chiamò forte, e dopo un po’ comparve il Genio.
La lepre gli fece dono della fiaschetta, della zucca, e del bastone. Ma il Grande Genio
dopo aver costatato l’intelligenza e l’astuzia della lepre si rivolse all’animale che
impaziente aspettava di essere premiato e disse:
«In verità, se aumentassi la tua potenza, farei una grande sciocchezza, perché sei
abbastanza volpone così! E se lo fossi di più, diventeresti il mio padrone».
Senza aggiungere altro il Genio scomparve. La lepre, se pur un po’ contenta di aver
misurato la sua intelligenza e rammaricata di non essere riuscita ad soddisfare il suo
desiderio, decise allora di migliorare il suo talento per superare questa volta il Grande
Genio, mentre ridava la libertà agli animali, perché in fondo dietro a quel suo forte
desiderio di potere si nascondeva un animo sensibile e buono.

61
Primo premio

BREVE INTERVISTA CON LA MORTE di Marcellino Iovino – Casaluce (CE)

Motivazione:
Originale intervista, schietta e diretta, che esplica con brevi tratti la storia dell’umanità,
alla ricerca del vero senso della vita. Il giovane autore, con stile scorrevole e allegro,
affronta il problema della morte raffigurandola con vesti umane. Assillata da dubbi e
incertezze, è anche lei alla ricerca, come l’intera umanità, dei veri valori dell’esistenza.
GV

BREVE INTERVISTA CON LA MORTE

N.B. Dato che il seguente articolo risulta meno drammatico di quanto il titolo possa far
immaginare, non ne è sconsigliata la lettura ad un pubblico sensibile e delicato.

Cari lettori, anche questa settimana continuano le interviste ai personaggi straordinari.


Dopo aver intervistato Hitler, Pinocchio, Giuda, Ulisse, gli alieni, e con mio grande
piacere, la settimana scorsa, Dante Alighieri, stavolta ho fatto due chiacchiere con la
Morte.

Tra i tanti posti sul pianeta, questo è l’ultimo in cui mi aspettavo di trovarla. Che ci fa
ricoverata in una clinica per lo stress?
E me lo chiede? Sto impazzendo. Il mio è un lavoraccio, la gente mi odia, niente
sindacato, un contratto che dura in eterno ferie non pagate. Faccio un reclamo al
governo Prodi?
Quand’è stata l’ultima volta che si è presa una vacanza?
Dicembre 2004, Sri Lanka, ma non fu molto piacevole. Dovetti lavorare dannatamente
anche lì.
A proposito, ma dove sono il mantello e la falce?
Mai avute. Sono leggende popolari, da sempre la gente mi rappresenta così perché mi
teme. Mi creda, non è una cosa molto piacevole.
Nella sua carriera plurimillenaria, qual è stato l’uomo che più di ogni altro si ostinava a
non voler morire?
Molti, milioni, anzi miliardi. Posso citare qualche nome illustre come Napoleone a
Sant’Elena.
Quello che non avrebbe voluto portare via?
Un bellissimo neonato, in un ospedale, l’altro ieri.

62
Quello più straordinario di tutti?
Mah, non so. Mi viene in mente un nazareno incontrato più di duemila anni fa.
L’ultimo libro che ha letto?
Daniel Hayes: Morte nel lago, tuttavia io preferisco il mare.
Va al cinema?
Quasi mai, non ne ho il tempo.
Destra o Sinistra?
Sono anarchica.
Secondo lei, cos’è cambiato sulla terra da quando la sua carriera ha avuto inizio?
Praticamente niente. Senza offesa per il simpatico quadrumane, ma appeso ad un
albero o su una navicella spaziale l’uomo diventa sempre più identico ad una scimmia.
Un animale, dunque?
Sì e della peggior specie, l’unico che mi fa lavorare di più e anche quando non ce n’è
la necessità. Ma tutto sommato gli sono affezionato.
Si trova bene in questa clinica?
Benissimo, me l’ha consigliata il medico da cui ero in analisi.
È stata in analisi?
Sì. Lo sono ancora, da più di cento anni. Il mio primo psicoanalista fu Freud, non le
dico. Fu un vero disastro.
Lo credo. Senta, per concludere, un gruppo di lettori mi ha pregato di rivolgerle questa
domanda: lei che porta via agli uomini la vita, conosce il suo senso. Se sì, qual è?
Certo che lo conosco, dunque il senso della vita è…

63
Sezione D
Giovani: poesia a tema libero
292 opere – 248 autori

Segnalati con menzione d’onore

· PAGINE DI VITA NUOVA di Stefani De Silva – Sesto San Giovanni (MI)

· DIFENDO LA VITA di Stefano Hu – Sesto San Giovanni (MI)

· ESAME PSICOLOGICO di Vincenzo Abitante – Tursi (MT)

· LA POESIA – INVOCAZIONE ALLA MUSA di Beatrice Cavallari – Comacchio


(FE)

· GOCCE DI PIOGGIA di Elena Bozzolan – Vigonovo (VE)

· FULMINE di Mario De Rosa – Meta (NA)

· PENSIERI NASCOSTI di Davide Scucchia – Sesto San Giovanni (MI)

· FANTASTICO VIAGGIO di Davide Picozzo – Sesto San Giovanni (MI)

· MISTERO di Jessica Malfatto – Paterno Dugnano (MI)

· NEI BOSCHI DI CASTEL S. GIMIGNANO di Carlotta Guerranti – Poggibonsi


(SI)
Quinto premio

GLI ALBERI DEI MORTI di Arianna Petrosino – Bari

Motivazione:
Questa poesia svela l’umanità della natura che accoglie nel suo grembo misterioso le
anime che si apprestano all’addio. Al doloroso spegnersi delle piccole vite innocenti dei
bimbi si uniscono gli alberi ed il vento in un quadro dolce e commovente. CG

GLI ALBERI DEI MORTI

Alti, robusti, fedeli


Guardiani
Vegliano notte e giorno
Sulle case dei morti
Sui loro volti pallidi,
Sui loro corpi coperti solo
Da un abito bianco
Che oscilla al tocco del vento.
Accolgono ogni nuovo arrivato
Con calore, gli riservano un posto,
Cantano a lui pure
Una dolce e lieve
Melodia d’addio.
Danno a lui
Un vestito bianco,
Per unirlo ancor più
Ai suoi compagni.
Poi, insieme al vento,
Giocano tristi
– con volti cupi
e veli grigi sugli occhi –
Sulle piccole
E innocenti
Tombe dei bambini.

66
Quarto premio

DOLOMITI di Elisa Cionchi – Sesto San Giovanni (MI)

Motivazione:
L’intima voce della natura ci parla suscitando un desiderio di vita e felicità. In questa
poesia la purezza di un paesaggio incontaminato diviene forza nuova per una natura che
non vuole distruggere ma rinascere ogni giorno in armonia con l’uomo. CG

DOLOMITI

La voce dell’eco,
una voce lontana,
a malapena la sento,
ma so che c’è
e suscita in me
un desiderio di vita e felicità,
lontano dalla babele
che domina la mente umana
come un’aria nuova,
pulita che soffia
sulle vette innevate
di un paesaggio sano, naturale,
che non ha paura di mostrarsi
come è nato.

67
Terzo premio

NEBBIA di Laura Capella – Saint-Raphaël (FRANCIA)

Motivazione:
In questa poesia l’emozione di un sogno ed il dolce fiorire di un amore bastano a scaldare
l’anima e a sciogliere il velo di incertezze e di paure che, come nebbia, oscurano agli
occhi del nostro cuore il meraviglioso spettacolo della vita. CG

NEBBIA

Dietro di lei,
l’infinito!

Oltrepassandola,
il mondo;

Guardandola,
il nulla;

Sono i pensieri miei!

All’improvviso,
Il calore di un amore, il piacere di un sogno,
Ed ecco che, come il volo di uno stormo,
Tutto è più chiaro,
Le paure volano via;
Così come la nebbia si alza,
Come un sipario,
Inizia lo spettacolo,
Inizia la vita!

68
Secondo premio

FELICE DI AVERE LA VITA di Giovanni Santoro – Sesto San Giovanni (MI)

Motivazione:
Un sorriso, come un fiore sbocciato tra le labbra e l’anima, raccoglie nella sua innocenza
il silenzio in questa poesia che ci consente di assaporare la forza e la gioia di sentirsi vivi.
CG

FELICE DI AVERE LA VITA

Sul fiore del sorriso


si inchina il silenzio.
Io non ho bisogno
che di ali.
Riprendo forza,
trattengo la vita:
l’anima e le labbra si schiudono
nel sorriso
e le dita vorrebbero
rinchiudere le stelle.
Nel fiore del destino,
che mi aiuta a vivere,
mi sento felice
di avere la vita.

69
Primo premio

AL MIO PAPÀ di Filippo Quagliato – Lusia (RO)

Motivazione:
Dolce e delicata come una carezza, questa poesia è illuminata da una commovente luce di
speranza e ci regala la certezza che la vita e l’amore non avranno fine con la morte. CG

AL MIO PAPÀ

Papà, mi dispiace che sei morto,


e per questo ti scrivo una poesia.
Tu sei morto in una tomba
e la tomba della tua anima
è il cielo,
tu volteggi come un uccello.
Ma non ti preoccupare,
presto resusciteremo,
e se siamo risorti
senza alcuna porta,
siamo come un fantasma,
noi cambieremo la vita
e chissà se moriremo ancora…

70
Sezione E
Silloge inedita di poesie a tema libero
73 opere – 73 autori

Segnalati con menzione d’onore

· IRONIA DEL FOLLE di Cristian Pretolani – Forlì (FC)

· MITIGATA MOLE di Dario Becci – Mannheim (GERMANIA)

· DIDO di Francesca Toglia – Napoli

· I DUE FRATELLI di Franco Casadei – Cesena (FC)

· BREVITÀ DI VITA di Giuseppe Gambini – Garbagnate Milanese (MI)

· CANTI E ROVINE di Luigi Bruno – Ischia (NA)

· IL VORTICE DELLA VITA di Luigi Golinelli – San Felice sul Panaro (MO)

· ARMONIA di Mara Penso – Mestre (VE)

· AI MARGINI di Maria Angela Rossi – Scandicci (FI)

· SOLITUDINE di Maria Lucci – ROMA

· STRALCI DAL NULLA di Maura Dallospedale – Pianello Val Tidone (PC)

· LE MENZOGNE DEL TEMPO di Mauro Domenella – Castelfidardo (AN)

· ALGEBRA di Michele Vaccaro – Pompei (NA)

· DEL PERDUTO AMORE di Stefania Sabrina Rifici – Capo d’Orlando (ME)


Quinto premio

SERE D’ESTATE di Rodolfo Vettorello – Milano

Motivazione:
Silloge composta di poesie lineari e ben ritmate. Il poeta rivive memorie, tratteggia
paesaggi, riflette sulla morte e sulla vita. Ricrea suggestive immagini e riporta illuminanti
riflessioni esistenziali con uno stile preciso ed evocativo. DDM

LE MANI

Ragnatela di segni;
nel palmo della mano il labirinto
dei destini tracciati.
Le linee della vita e degli amori,
vicende scritte tutte ormai da sempre.
E nel dorso di mani geografia
di una vita vissuta e le sue storie.
Nelle vene la trama elaborata
di fiumi navigati
e nelle macchie scure,
simulacri di nuvole sospese
che minacciano pioggia.
E cicatrici antiche a ricordare
giorni lontani.
Il taglio della falce e sangue a fiotti
e la paura
ed il filo spinato che ricama
lacerazioni
e le croste che lasciano ricordi.
Guardo sempre negli occhi
chi mi parla
ma nascondo le mani
quando voglio
restare sconosciuto
e ancora solo.

72
Quarto premio

PHOENIX di Giorgio Milazzo – Padova

Motivazione:
Phoenix è la famosa Araba Fenice, il favoloso uccello mitologico che rinasce dalle
proprie ceneri. Questa silloge poetica è una fresca e piacevole melodia d’amore. Un canto
intenso e limpido che accede con delicatezza ai tragitti del cuore, facendone vibrare le
corde più arcane. È un’alba che nessuno dedicherà mai, un foglio troppo bianco per
scriverci una poesia, parole che le fiamme dell’inferno bruciano, un dolore confuso in un
abbraccio senza troppi perché, e un lungo dolcissimo sguardo con la consapevolezza di
risorgere in un noi senza confini. GV

VERDE TENERO

Questo foglio
è troppo bianco
per scriverci
una poesia
che parli di te.
Ed è strano
riprendere
questa penna,
che da sempre ricordo triste,
per dire che le foglie degli alberi
sono verde tenero in primavera,
che il cielo è blu a pois nuvolosi,
molto meglio dissolversi
in una introvabile metafora
che dica che
siamo
due cerini al vento
che nessuno spegnerà mai
finché staremo accesi
insieme.

73
Terzo premio

IL SENSO DELLA SERA di Francesco Brunetti – Chiavari (GE)

Motivazione:
Uno stile mosso ma sempre fortemente analogico caratterizza questa raccolta. Ritmi
diversi – versi brevi e frammentati si alternano a componimenti più prosastici e articolati
– e immagini fortemente simboliche compongono una silloge in cui ricordi, sogni e
riflessioni sembrano rincorrersi. DDM

MASTICO FOGLIE DI MENTA ASPETTANDO CAREZZE

La sabbia
entra piano
nel mio piccolo mondo,
trovando fessure;
tiepida e lieve
s’accumula sugli scaffali
del tempo,
nasconde inesplorati percorsi,
leggende.
Non cerco la fuga,
soffio lontano,
paziente,
i grani che cercano,
insistenti,
le mie labbra sottili.
Gli ospiti,
i pochi rimasti,
masticano foglie di menta
e tengono in mano
teiere orientali;
profumo di menta
svapora nell’aria.
Sai, non vorrei andar via,
non questa sera,
senza avere carezze…
di sabbia.

74
Secondo premio

CANTI CELTICI di Renzo Montagnoli – Virgilio (MN)

Motivazione:
Sogni e rievocazioni di un passato epico che oggi sembra dimenticato. In un’atmosfera
guerriera, a tratti fiabesca e spesso nostalgica – resa attraverso uno stile narrativo e lineare
– sembra rivivere il popolo degli antichi abitatori delle sponde del Po. DDM

CANTO CELTICO

S’alzano le brume del mattino


frustate dagli strali del primo sole
e al lontano suono di cornamuse
s’accompagna la lenta melodia di una cetra.
Della notte, popolata di folletti,
resta solo l’erba imperlata di sudore.
Il dormiveglia si anima di gesta antiche,
di rullar di tamburi, del suono cupo
di cavalli portati allo scontro dai guerrieri.
Gli dei di quel tempo si sono ormai assopiti,
ma alle note del citaredo che saluta l’alba
s’affacciano nella nebbia che si dirada
per un ultimo sguardo a un mondo
che non è più loro,
a una terra dal futuro senza memoria.
Sembra allora di indovinare nella caligine armati
che cantano le gesta al levar del sole.
Ma tutto sfuma, tutto cessa, nella luce
che ravviva il giorno e che spegne la notte.
Solo nel bosco la vecchia quercia conserva
negli scrigni preziosi delle foglie
le note malinconiche di cento cornamuse.
La realtà ritorna,
il sogno si nasconde,
fino alla prossima alba.

75
Primo premio

CANTICO di Mattia De Poli – Rovigo

Motivazione:
Il poeta sembra percorrere un viaggio interiore dal cupo sconforto della disillusione
all’improvvisa e luminosa liberazione dalle inquietudini. Il percorso è segnato da poesie
levigate, suggestive e ben ritmate, ricche di richiami fonici. Un soliloquio di riflessione
che diventa Cantico, inno alla luce che «dissolve i fantasmi». DDM

solo polvere alzata dal vento


passi ad occhi chiusi come ciechi
arida polvere che la pioggia infanga
molle fango che il sole indurisce e crepa

steli verdi che il sole ingiallisce


scheletri di foglie dure e arse
basta un alito di vento a scavezzarli
basta il piede di un bambino a frantumarli

ecco un pesce buttato a terra


che spalanca la bocca
e dimena la coda
che si gonfia e si sgonfia
senza riuscire a riprendere fiato

e più schiaffeggia il suolo


e più s’indebolisce
con l’occhio fisso a riprendere il mare
l’acqua salata le onde e il riflesso
del sole
e, la sera, la brezza vira

76
Sezione F
Haiku
401 opere – 88 autori

Segnalati con menzione d’onore

· CICALE – FORMICA di Giulia Borroni Cangelli – Castellanza (VA)

· DONNA MIA di Raffaello Spagnoli – Bovezzo (BS)

· NON VOLANO PIÙ di Vanes Ferlini – Imola (BO)

· OLTRE LA FOSCHIA di Marina Temporal – Milano

· TIRO DEL SASSO di Armando Bertozzi – Roma

· ALBERI ARIDI di Giuseppe Gambini – Garbagnate Milanese (MI)

· FRA LE FOGLIE di Sara Emanuela Colognesi – Treviso

· LEVITÀ di Antonio Villa – Formia (LT)

· CANTO DI MARE di Andrea Rossi – Sestri Levante (GE)


Quinto premio

FISSO UNA LENTA di Nasr Meeten – Milano

Motivazione:
Il lento – quasi ipnotico – dondolio di una gondola… Grazie all’ultimo verso si ha poi il
ribaltamento di senso che proietta l’immagine descritta nell’interiorità del poeta. Il
microcosmo evocato si ripiega sullo stato d’animo del poeta, affondato in «neri pensieri»
dai quali è difficile riemergere. DDM

Fisso una lenta


gondola. Ristagnano
neri pensieri.

78
Quarto premio

L’ULTIMA ONDA – CIME D’ALBERI di Anna Maria Consolo – Carnago (VA)

Motivazione:
Il primo haiku trasmette un vago senso di smarrimento antropizzando il moto ondoso e
descrivendo un’onda che «perde il passo», che si confonde nella vastità del mare. Il
secondo componimento osserva la pioggia da un punto di vista diverso: gli alberi
sembrano bucare il cielo, come a cercare qualcosa… DDM

L’ultima onda
risucchiata dal mare
perde il passo.

Cime d’alberi
bucano le nuvole,
piove nel bosco.

79
Terzo premio

FREDDO PUNGENTE di Luisa Sello – Udine

Motivazione:
Haiku “urbano” al quale la natura partecipa ellitticamente. Il «freddo pungente» e il vuoto
degli specchi tratteggiano un quadro cupo e spento, che diventa ancora più desolato
quando nell’ultimo verso la scena è finalmente collocata nella grigia città moderna. DDM

Freddo pungente
dietro gli specchi vuoti
dei grattacieli.

80
Secondo premio

E GUARDA SERIO di Maria Elsa Scarparolo – Vicenza

Motivazione:
Efficace haiku in cui il senso del testo emerge più dagli spazi di silenzio che dalle parole.
Lo sguardo dell’esperto pescatore diventa anche per noi gravemente «serio» quando
capiamo – nell’ultimo verso – che la fonte della preoccupazione sono «pesci a galla».
Applicata perfettamente la poetica Haiku, il completamento della scena e le conclusioni
sono taciute eppure comunicate… DDM

E guarda serio
un vecchio pescatore
pesci a galla.

81
Primo premio

UN VECCHIO SIEDE – DALLA BATTIGIA di Daniela Basti – Chieti

Motivazione:
In entrambi gli haiku l’uso del kire (cesura, interruzione) focalizza l’attenzione
sull’ultimo verso. Nei «cerchi di fumo» presumibilmente emessi dal «vecchio» seduto a
contemplare il tramonto c’è il senso dello scorrere del tempo comunicato dal primo
componimento. Il «contare i cerchi» del secondo haiku carica invece di significato il
semplice gesto del lanciare sassi in acqua. DDM

Un vecchio siede
sulla soglia al tramonto –
cerchi di fumo

Dalla battigia
scaglio ciottoli in mare
e conto i cerchi

82
Sezione Stranieri
Partecipanti stranieri in tutte le sezioni
36 opere – 25 autori

Premio Speciale Giovani Stranieri

LA VERA VITA di Sonia Santini – Ticino (SVIZZERA)

Motivazione:
Emblematico racconto. L’ombra della paura affligge il protagonista che trova la libertà
dal carcere in cui è intrappolata la sua vita segnata, lasciandosi cadere nell’ignoto. Ma
ecco che, sciolto da ogni vincolo, riprende il volo verso nuove avventure, verso una nuova
vera vita. GV

LA VERA VITA

Tutto era successo in un attimo, nell’istante più lungo della sua vita.
Non aveva fatto nulla per meritarselo, eppure era accaduto.
In quella giornata che fino a quel momento era stata tanto monotona, tutto stava
andando nel migliore dei modi, fino a quando aveva deciso dì attraversare la strada.
La folle corsa di quell’automobile, il viso stralunato del conducente che tentava invano
di frenare, lo schianto, e poi il nulla.
Aveva ripreso i sensi due giorni dopo all’ospedale, ricordandosi ancora appieno quanto
era successo.
Subito aveva avvertito la presenza di qualcosa di nuovo in se stesso.
Era l’ombra.
Quell’ombra che mai più nella sua vita lo avrebbe lasciato, quell’ombra che prendeva il
nome di “Paura”.
Era la Paura di essere improvvisamente diverso dagli altri.
E anche mesi dopo l’accaduto, mentre scriveva una lettera seduto ai tavolo della cucina
di casa sua, avvertiva quell’ombra che gli stringeva il cuore in una morsa d’acciaio.
Sapeva che, nonostante i suoi cari gli fossero stati vicini, lui era ormai diverso.
Per sempre.
Lei gli aveva semplicemente detto di non preoccuparsi.
– Andrà tutto bene… – diceva.
Avrebbe voluto crederle, ma era troppo difficile, se non impossibile.
Tutti gli istanti della sua vita, se così si poteva ancora chiamare, trascorrevano in una
lentezza angosciante che gli faceva venire le lacrime agli occhi ogni qual volta ci
pensava. E tutte le notti rivedeva ciò che era successo, o peggio, ciò che avrebbe potuto
evitare.
Certo, avrebbe dovuto accettarlo, ma non voleva accettare tutto questo e men che meno
l’ombra che da tempo abitava il suo cuore.
Questa non era vita, ne era convinto.
Ma che cosa era poi la vita? E poiché non era vita, perché avrebbe dovuto viverla?
Prese la decisione più sconvolgente una fresca mattina d’aprile.
Le scrisse una lettera chiedendole perdono e spiegandole la sua scelta.
Anche se pensò che non sarebbe mai riuscito ad esprimere ciò che provava realmente
sapeva che, una volta superato lo shock, lei lo avrebbe capito e forse sarebbe riuscita
anche a perdonarlo.
Quella decisione era la liberazione dal carcere della vita.

****

Si stava trascinando come poteva, reggendosi sulle stampelle, fino al ponte che si
affacciava sulla cascata, e che spesso aveva osservato prima che tutto cambiasse
guardando le goccioline d’acqua che si abbattevano sui massi dopo cinque metri dì
caduta.
La luna splendeva alta nel cielo che mai aveva visto così buio come quella sera, ignara
di ciò che stava per accadere.
Si stava intanto sporgendo dal parapetto, pensando a lei.
Sentiva l’ombra dentro di sé stringerlo forte, come volesse soffocarlo.
Chiuse gli occhi e lasciò che le lacrime iniziassero a scorrergli sul viso.
Poi alzò la testa di scatto, sfidando coraggiosamente il vento che soffiava imperterrito
scompigliandogli i capelli.
L’ultma lacrima scivolò sulla sua guancia.
Richiuse gli occhi e si lasciò cadere nell’ignoto.
La folle caduta, il fischio del vento nelle orecchie, gli ultimi attimi di esistenza che
scorrevano via insolitamente veloci, lo schianto, e poi tutto si spense nel nulla.
E seppe che finalmente l’ombra lo aveva lasciato andare, libero per sempre, in una
nuova avventura.

84
Segnalati con menzione d’onore

· L’AMICHETTO KOL – CIELO DI CARTA di Giovanna Li Volti Guzzardi –


Melbourne (AUSTRALIA)

· UN NUOVO GIORNO di Maria Aprile – Melbourne (AUSTRALIA)

· ALLEGRIA di Franco Coppola – Melbourne (AUSTRALIA)

85
Terzo premio

NON RIMANE PIÙ NULLA poesia di Samuele Arba – Catalunya (SPAGNA)

Motivazione:
Poesia dai versi duri e forti, come il tema trattato, la guerra. È un attimo soltanto che
divide la vita e la morte, rimangono solo “occhi secchi di lacrime” destinati ad eclissarsi
dietro lo schermo della televisione. GV

NON RIMANE PIÙ NULLA

Non rimane più nulla


pallottola che attraversa il cervello
trasformandosi in luce accecante
drastico cambiamento
dalla vita alla morte.

Non rimane più nulla al soldato


continuo peregrinare
prigioniero della sua stessa guerra
giunta al capolinea
solo una manciata di secondi
dal gran caldo al gran freddo.

L’ ultima allucinazione
sentendosi già galleggiare
lucido ricordo dell’infanzia
il rosso che sporca che consuma
che fugge via lentamente.

Dal satellite ci mandano sempre in onda


occhi eclissati
nelle loro tute mimetiche
occhi secchi di lacrime
consumate a piangersi addosso
per colpa d’altri.

86
Secondo premio

ESTEBAN NON VOLEVA RUBARE racconto di Dario Becci – Mannheim


(GERMANIA)

Motivazione:
Racconto d’attualità. È la storia di un giovane disoccupato che combatte contro la propria
volontà, contro i propri valori, per il semplice motivo che “ha fame” e vorrebbe mangiare.
Il principio dell’onestà vince, ed Esteban non riesce a rubare, per cena un piatto di erbette
e cipolle, quelle che la moglie ha seminato vicino a casa. GV

ESTEBAN NON VOLEVA RUBARE

Esteban non voleva rubare. Proprio non lo desiderava, ma era costretto a farlo. Era da
tre mesi senza lavoro, e tutto ciò che gli avevano offerto era solo un invito allo
sfruttamento, perché non c’è peggior inganno per un lavoratore di non figurare
ufficialmente come tale. Aveva persino speso del tempo cercando di destreggiarsi nel
labirinto degli impieghi, e quando si era convinto ad accettarne uno in un’azienda di
pulizie, gli avevano premesso che avrebbe lavorato un giorno sì e un altro Dio sa
quando, perché il lavoro è fatto cosi, va preso in affitto ed elargito con cautela: non
troppo a pochi, piuttosto poco a molti, dividendo, spaccando, interinando. E va bene, si
convinse il giovane; però con quattro ore a settimana non poteva certo campare: chi
glielo diceva al cane che doveva mettersì a dieta? Il fatto è che aveva paura. Sì, una fifa
tremenda che lo sorprendessero quelle telecamere piazzate ovunque, e quei cartelli posti
all’entrata; sorridi furfante! lo facevano desistere da qualsiasi proposito. Ormai era
dentro, nella mecca, dove anche la spazzola per il cesso era degna di essere presa in
gloria, e doveva risolversi rapidamente. A casa lo aspettava la moglie: una bella cenetta
in due con un bicchiere di vino a testa, come ai vecchi tempi, quando ancora lavorava in
una fonderia, prima che questa venisse chiusa definitamente. Pù che la dolce scena, era
l’appetito, già sveglio dai tempi di Ivan il Terribile, a spingere affinché si procedesse in
modo rapido e rigoroso, ma subito egli si accorse che la vera lotta non era tra lui e i
sorveglianti, e i circuiti televisivi interni, e i cartellini antifurto attaccati con
meticolosità sulle confezioni di pasta. Le gambe quasi non reggevano il peso del busto,
le mani non volevano proprio afferrare nessun oggetto, tanto che si erano serrate in
pugni, e un rossore improvviso era divampato in volto. Tutto ciò ancor prima che i
propositi si trasformassero in azione, tanto che Esteban fu costretto a procedere
rassegnato verso l’uscita. Coloro che si trovavano nei pressi avevano certamente notato
qualcosa che non andava, e al di là delle telecamere avevano probabilmente già intuito

87
ogni intenzione; quindi non gli restava altro da fare che abbandonare il posto con
mestizia e malcelato scontento per la prematura dipartita. Lo attendevano anche per
quella sera la solita erbetta che cresceva spontanea nel cortile di casa con le cipolle
piantate dalla moglie, sempre sperando che il domestico animale le avesse risparmiate
da inadeguati bisogni.

88
Primo premio

OLTRE CIELO E MARE poesia di Salvatore D’Aprano – Montreal (CANADA)

Motivazione:
Romantica poesia che dipinge contemporaneamente un fantastico e realistico quadretto in
cui il paesaggio marino e notturno, rievocato con semplicità, meraviglia ed emozione,
riverbera il sentimento degli amanti protagonisti. «Noi restiamo ad ascoltare / il fievole
sciabordio delle onde» «seguendo l’impulso del cuore», sotto un cielo di stelle, di luna e
di mare, voliamo con le ali dell’amore verso l’oltre… GV/DDM

OLTRE CIELO E MARE

Imbruna, si fa sera.
Il sole, stanco di vagare,
è andato già a dormire
dietro quel monte
in un punto lontano.
Dolce è l’aria di primavera
e noi restiamo ad ascoltare,
seduti sul pontile,
il fievole sciabordio delle onde
tenendoci per mano.
La notte giunge magica e silente
e come per incanto
regala al cielo un manto
tempestato di stelle lucenti.
Sembrano luminarie accese
che illuminano le strade
nelle sagre di paese
ai festeggiamenti del Patrono.
Anche un’immensa luna appare
e col suo chiarore
dona un luccichio al mare.
E in questa fiabesca atmosfera
ci baciamo con ardore
mentre spira un alito di brezza.
Seguendo l’impulso del cuore,

89
sempre propenso alla tenerezza,
incominciamo a volare
con le ali dell’amore
oltre il cielo, oltre il mare.

90
Premi Speciali

Premio alla Cultura

AGLI ANGELI libro di Emilio Diedo – Ferrara

Emilio Diedo:
Veneziano residente a Ferrara, laureato in Giurisprudenza, poeta, narratore, critico
letterario, pluripremiato, ha pubblicato opere sia di poesia che di narrativa, numerosi sono
i suoi volumi, quali Mea culpa, Risorgeremo, Tra mille e più, Le ebrezze di Cronos,
Sbarchi d’arte, La fiamma sulla croce, Farfalle d’autunno, Lettera dal paradiso,
Madama Etrom. È socio fondatore del Gruppo Autori Ferraresi, ideatore e organizzatore
del Premio letterario Internazionale San Maurelio.
Motivazione:
Lo scorso anno vinse nella sezione silloge inedita. È stato un onore ed una grande
soddisfazione per noi veder pubblicata quella silloge. Ringraziamo l’autore per aver
applicato alle copie del libro la fascetta riportante il riconoscimento assegnatogli dal
nostro Premio. GV
Il pessimismo, il disincanto e la sfiducia nel mondo che ci circonda (espressi con lucida
precisione) si alternano a momenti di conforto e relativa pace trovata grazie alla Fede e
alla creazione poetica. Nonostante le delusioni, la fatica di vivere e il tempo che passa
inaridiscano progressivamente la parte migliore di noi, rimane una tenace volontà di
riscatto («Verrà il sole, lo so, arriverà / a rischiarare quei quarti di luna / ritagliati con il
coltello del sangue»), non importa se in una mera illusione o nella certezza data dalla
Fede («C’è luce per tutti, dentro, in ognuno di noi, / lasciamola uscire, troveremo il
paradiso!»). DDM

IL SOLE VERRÀ

Verrà, arriverà il sole e


irradierà ogni angolo buio,
si porterà via la triste smorfia
che ridicolizza la nostra bocca.

Verrà, il sole potrà


riscaldare le algide mattinate
sciogliendo ghiaccio nei cuori.

Il sole verrà come un laser


a perforare perfino la notte
con i suoi raggi di coraggio
mettendo in gioco l'essenza.

Verrà il sole, lo so, arriverà


a rischiarare quei quarti di luna
ritagliati con il coltello del sangue.

92
Premio Speciale Giovani

FILASTROCCA PER MIO PAPÀ poesia di Chiara Albani – Cernusco sul Naviglio
(MI) – Istituto Don Clemente Baroni – Carugate (MI)

Motivazione:
Parole semplici, ben articolate in una dolcissima filastrocca dedicata al papà. La giovane
autrice decanta con un gioco di parole, con occhi di bambina, il suo bravo e bel papà. GV

FILASTROCCA PER MIO PAPA’

Bravo, bello, esigente e un po’ severo


e non dirmi che non è vero.
L’ordine, il rispetto sono il suo credo
e di questo ne va fiero.
Il computer è la sua mania
che per fortuna non è la mia.
Quando lo vedo grido urrà
sapete perché, è il mio papà.

93
Premio dell’Assessorato alle Attività
Promozionali e Spettacolo

LYCEÈ “SAINT-EXUPÈRY” – Saint-Raphaël (FRANCIA)

BIBLIOTECA DEI RAGAZZI “VIRGILIO CANZI” – Sesto San Giovanni (MI)

94
Premio Speciale Scuola

SCUOLA PRIMARIA “ORIANI” – Sesto San Giovanni (MI)

SCUOLA PRIMARIA “O.R. PIGHIN” – Lusia (RO)

SCUOLA PRIMARIA “S. CATERINA DA SIENA” – Sesto San Giovanni (MI)

SCUOLA SECONDARIA DI 2° GRADO “GIORGINA SAFFI” – Forlì (FC)

95