Sei sulla pagina 1di 17

FRANCESCO SINI

Universit di Sassari


Dai documenti dei sacerdoti romani: dinamiche
delluniversalismo nella religione e nel diritto pubblico di
Roma antica



SOMMARIO: 1. Urbs auspicato inauguratoque condita (Livius 5.52.2). 2. Una religio per la
pax deorum. 3. Tensioni universalistiche della religione romana. 4. Dai documenti dei
sacerdoti romani ("aperture cultuali e "procedure operative delluniversalismo religioso). 5. La
tradizione documentaria dei collegi sacerdotali come "memoria delle istituzioni giuridiche e
politiche.



1. Urbs auspicato inauguratoque condita (Livius 5.52.2)

Nei libri ab urbe condita di Tito Livio si registra di norma una convinta adesione
forse anche influenzata dalla coeva restaurazione religiosa di Augusto alla
"teologia della storia propria dei collegi sacerdotali romani; i quali, fin dalle prime
elaborazioni teologiche e giuridiche rilevabili nei loro documenti, teorizzarono un
rapporto di imprescindibile causalit con la religio
1
[1] per la vita e limperium del
Popolo romano
2
[2].
Nellopera liviana, infatti, traspare pi volte la convinzione che la storia dei
Romani costituisse la prova pi inconfutabile di come nelle vicende umane omnia
prospera evenisse sequentibus deos
3
[3]; unitamente ad un altro convincimento
1

(*) Pubblico senza alcuna modifica la comunicazione presentata nel XII Seminario Internazionale
di Studi Storici "Da Roma alla Terza Roma Citt ed Ecumene. I luoghi delluniversalismo, da Roma a
Costantinopoli a Mosca (Roma, Campidoglio, 12-23 aprile 2002).

[1] Per significati e spettro semantico della parola, cfr. H. FUGIER, Recherches sur lexpression du
sacr! dans la langue latine, Paris 1963, pp. 172 ss.; . BENVENISTE, "e vocabulaire des institutions indo#
europ!ennes, $. %ouvoir, droit, religion, Paris 1969, pp. 265 ss.; H. WAGENVOORT, &esen'(ge
altr)mischer Religion, in *u+stieg und ,iedergang der r)mischen &elt, I.2, Berlin-New York 1972, pp. 348
ss. [ripubblicato col titolo Characteristic -raits o+ *ncient Roman Religion, in ID., %ietas. .elected .tudies
in Roman Religion, Leiden 1980, pp. 223 ss.]; G. LIEBERG, Considera'ioni sulletimologia e sul signi+icato
di Religio, in Rivista di /ilologia e di Istru'ione Classica 102, 1974, pp. 34 ss.; R. MUTH, 0on &esen
r)mischer religio, in *u+stieg und ,iedergang der r)mischen &elt, II.16.1, Berlin-New York 1978, pp. 290
ss.; R. SCHILLING, "originalit! du vocabulaire religieux latin, in ID., Rites, cultes, diex de Rome, Paris
1979, pp. 30 ss.; E. MONTANARI, v. Religio, in Enciclopedia 0irgiliana, IV, Roma 1988, pp. 423 ss.
Quanto invece all'antitesi religio1superstitio, vedi il lavoro ormai classico di W. F. OTTO, Religio und
Superstitio, in *rchiv +(r Religions2issenscha+t 14, 1911, pp. 406 ss.; e il pi recente saggio di M.
SACHOT, Religio1superstitio. 3istoire dune subversion et dun retournement, in Revue de l3istoire des
Religions 208, 1991, pp. 355 ss.
2

[2] Valgano, al riguardo, le acute osservazioni di R. ORESTANO, 4al ius al fas. Rapporto tra
diritto divino e umano in Roma dallet primitiva allet classica, in 5ullettino dellIstituto di 4iritto
Romano 46, 1939, p. 198, per il quale certo che nella storia primitiva di Roma domina il concetto che
non solo le principali vicende, ma i principi stessi dell'organizzazione sociale fossero rispondenti alla
volont degli Di.
3

profondo: la pietas e la +ides
4
[4] avevano costituito (e costituivano) gli elementi
essenziali per la legittimazione divina dellimperium dei Romani. A suo avviso, gli Di
si sarebbero mostrati, in ogni circostanza, assai pi ben disposti verso coloro i quali
avessero osservato la pietas ed onorato la +ides (+avere enim pietati +ideique deos,
per quae populus Romanus ad tantum +astigii venerit)
5
[5].
Per il tema che intendo trattare in questa comunicazione, appare rilevante un
altro passo di Tito Livio
6
[6], peraltro assai conosciuto, tratto dal quinto dei suoi ab
urbe condita libri (Liv. 5.52.1-3). In questo testo, relativo alla narrazione degli eventi
appena successivi alla distruzione dellUrbe ad opera dei Celti, il grande annalista, con
un discorso attribuito a Furio Camillo, ha voluto caratterizzare la citt di Roma come il
luogo massimamente votato alla religione
7
[7]:
[3] Titus Livius 5.51.4-5: Equidem, si nobis cum urbe simul positae traditaeque per manus
religiones nullae essent, tamen tam evidens numen hac tempestate rebus ad+uit Romanis, ut omnem
neglegentiam divini cultus exemptam hominibus putem. Intuemini enim horum deinceps annorum vel
secundas res vel adversas6 invenietis omnia prospera evenisse sequentibus deos, adversa spernentibus.
Cfr. Titus Livius 1.9.3-4: Urbes quoque, ut cetera, ex in+imo nasci6 dein, quas sua virtus ac dii iuvent,
magnas opes sibi magnumque nomen +acere6 satis scire origini Romanae et deos ad+uisse et non
de+uturam virtutem. 1.21.1-2: *d haec consultanda procurandaque multitudine omni a vi et armis
conversa, et animi aliquid agendo occupati erant, et deorum adsidua insidens cura, cum interesse rebus
humanis caeleste numen videretur, ea pietate omnium pectora imbuerat, ut +ides ac ius iurandum pro
legum ac poenarum metu civitatem regerent. Et cum ipsi se homines in regis velut unici exempli mores
+ormarent, tum +initimi etiam populi, qui antea castra non urbem positam in medio ad sollicitandam
omnium pacem crediderant, in eam verecundiam adducti sunt, ut civitatem totam in cultum versam
deorum violare ducerent ne+as. 1.55.3-4: Inter principia condendi huius operis movisse numen ad
indicandam tanti imperii molem traditur deos6 nam cum omnium sacellorum exaugurationes admitterent
aves, in -ermini +ano non addixere6 idque omen auguriumque ita acceptum est, non motam -ermini
sedem unumque eum deorum non evocatum sacratis sibi +inibus +irma stabiliaque cuncta portendere.
8.3.10: 3oc demum proelium .amnitium res ita in+regit, ut omnibus conciliis +remerent minime id quidem
mirum esse, si impio bello et contra +oedus suscepto, in+estioribus merito deis quam hominibus, nihil
prospere agerent. 28.11.1: In civitate tanto discrimine belli sollicita, cum omnium secundorum
adversorumque causas in deos verterent, multa prodigia nuntiabantur.
4

[4] M. MERTEN, /ides Romana bei "ivius, Diss. Frankfurt am Main 1965; W. FLURL, 4editio in
+idem. Untersuchungen 'u "ivius und %ol7bios, Diss. Mnchen 1969, pp. 127 ss.; su +ides e pietas vedi T.
J. MOORE, *rtistr7 and Ideolog78 "iv7s 0ocabular7 o+ 0irtue, Frankfurt am Main 1989, in part. pp. 35 ss.,
56 ss.
5

[5] Titus Livius 44.1.9-11: %aucis post diebus consul contionem apud milites habuit. 9rsus a
parricidio %ersei perpetrato in +ratrem, cogitato in parentem, adiecit post scelere partum regnum
vene+icia, caedes, latrocinio ne+ando petitum Eumenen, iniurias in populum Romanum, direptiones
sociarum urbium contra +oedus. Ea omnia quam dis quoque invisa essent, sensurum in exitu rerum
suarum6 +avere enim pietati +ideique deos, per quae populus Romanus ad tantum +astigii venerit. Per una
visione complessiva delle concezioni religiose del sommo annalista romano, sono da consultare G.
STBLER, 4ie Religiosit:t des "ivius, Stuttgart-Berlin 1941; I. KAJANTO, ;od and +ate in "iv7, Turku
1957; A. PASTORINO, Religiosit romana dalle .torie di -itus "ivius, Torino 1961; W. LIEBESCHUETZ,
-he Religious position o+ "iv7s 3istor7, in -he <ournal o+ Roman .tudies 67, 1967, pp. 45 ss.; D. S.
LEVENE, Religion in "iv7, Leiden-New York-Kln 1993; per le formule di preghiera, vedi invece F. V.
HICKSON, Roman pra7er language8 "iv7 and the *eneid o+ 0irgil, Stuttgart 1993.
6

[6] Gi G. SCHERILLO, Il diritto pubblico romano in -itus "ivius, in AA.Vv., "iviana, Milano 1943,
pp. 79 ss., sottolineava, a ragione, la notevole rilevanza dei libri ab urbe condita del grande annalista,
quale fonte privilegiata per la conoscenza della complessa materia dello ius publicum in et repubblicana;
nello stesso senso, pi di recente, C. ST. TOMULESCU, "a valeur =uridique de lhistoire de -ite#"ive, in
"abeo 21, 1975, pp. 295 ss.
7

[7] Cfr., in tal senso, A. FERRABINO, Urbs in aeternum condita, Padova 1942; J. VOGT,
R)mischer ;laube und r)misches &eltreich, Padova 1943. Per quanto riguarda, invece, pi
specificamente lideologia, vedi H. HAFFTER, Rom und r)mische Ideologie bei "ivius, in ;7mnasium 71,
1964, pp. 236 ss. [= ID., R)mische %oliti> und r)mische %oliti>er, Heidelberg 1967, pp. 74 ss.]; M.
MAZZA, .toria e ideologia in "ivio. %er unanalisi storiogra+ica della ?prae+atio ai ?libri ab urbe condita,
Catania 1966, in part. pp. 129 ss.; G. MILES, Maiores, Conditores, and "iv7s %erspective o+ the %ast, in
-ransactions o+ the *merican %hilological *ssociation 118, 1988, pp. 185 ss.; B. FEICHTINGER, Ad

Titus Livius 5.52: [1] Haec culti neglectique numinis tanta monumenta in
rebus humanis cernentes ecquid sentitis, Quirites, quantum uixdum e naufragiis
prioris culpae cladisque emergentes paremus nefas? [2] Vrbem auspicato
inauguratoque conditam habemus; nullus locus in ea non religionum
deorumque est plenus; sacrificiis sollemnibus non dies magis stati quam loca
sunt in quibus fiant. [3] Hos omnes deos publicos priuatosque, Quirites,
deserturi estis?.
[Tito Livio 5.52.1-3: 0edendo queste cos@ grandi prove dellimportan'a
che ha nelle cose umane il rispetto degli 4Ai, non avvertite, o Buiriti. Buale
empiet ci prepariamo a commettere, appena scampati dal nau+ragio della
colpa e della rovina precedenteC *bbiamo una citt +ondata con regolari auspici
e augurii, dove non vi A luogo che non sia pieno di cose sacre e di dAi6 per i
sacri+ici solenni, nonch! i giorni, sono stati +issati anche i luoghi in cui devono
compiersi. 0olete abbandonare, o Buiriti, tutti questi 4Ai, pubblici e privatiCD

La valenza religiosa di questo testo liviano era stata gi colta assai bene da
Huguette Fugier nelle sue ricerche sulle espressioni del sacro nella lingua latina
8
[8];
del resto il testo di Livio molto esplicito: con buone argomentazioni, tutte svolte sul
filo della teologia e dello ius sacrum, Camillo sosteneva che il Popolo romano sarebbe
perito qualora avesse abbandonato il sito dellUrbs Roma, dove peraltro nullus locus
in ea non religionum deorumque est plenus; cio lunico luogo che aveva
determinato (al momento della fondazione) e poteva assicurare (nel tempo) lidentit
religiosa e giuridica del Popolo romano, in quanto fondato da Romolo con un atto
inaugurale seguendo il volere degli Di.
Detto in altre parole, il pensiero di Camillo che non si potesse conservare la
pax deorum al di fuori del solo ambito locale (la Urbs Roma) adatto a contenere i riti e
i sacrifici che ordinariamente assicuravano al Popolo romano la conservazione della
pax deorum.
Anzi nella parte finale del testo, si confondono volutamente i luoghi con gli Di
onorati in quei luoghi: Tito Livio, infatti, fa dire a Camillo che labbandono del sito di
Roma corrisponderebbe allabbandono degli Di romani: Volete abbandonare, o
Quiriti, tutti questi Di, pubblici e privati?
Questo imprescindibile legame tra Di e luoghi deputati al loro culto, di cui la
Urbs Roma rappresenta un esempio tanto significativo, non deve far dimenticare,
tuttavia, che la religione politeista romana, proprio perch finalizzata alla
conservazione della pax deorum, fu sempre caratterizzata da forti tensioni
universalistiche e da costanti "aperture cultuali verso lesterno. Di questo tratter
nella mia comunicazione.


2. Una religio er !a pax deorum

maiorem gloriam Romae. Ideologie und /i>tion in der 3istoriographie des "ivius, in "atomus 51, 1992,
pp. 3 ss.
8

[8] H. FUGIER, Recherches sur lexpression du sacr! dans la langue latine, cit., p. 207: En fait,
le populus ne pourrait subsister sil perdait le milieu sacr qui le nourrit pour ainsi dire, en quittant lurbs
fonde avec lacquiescement des auspices et par un acte inaugural; ou pour exprimer la mme ide un
niveau religieux un peu plus moderne, il ne pourrait conserver la pax deorum, hors du cadre seul apte
contenir les sacrifices rguliers, par lesquels cette "paix se maintient. Telles sont les vrits que lui
rappelle Camille, pour ruiner la folle suggestion des tribuns, dmigrer en masse vers le site de Vies;
ma vedi anche la riflessione di C. M. TERNES, Tantae molis eratE 4e la ?n!cessit! de +onder Rome, vue
par quelques !crivains romains du FGer siAcle, in HCondere UrbemI. *ctes des $Ames Rencontres
.cienti+iques de "uxembourg J=anvier GKKGL, Luxembourg 1992, pp. 18 s.
La sapientia (teologica e giuridica) dei sacerdoti romani, mediante la definizione
del ne#+as che bene ricordare riguardava tempo e spazio, (sia tempora sia loca)
rivolgeva le sue prime e maggiori cautele ai rapporti tra uomini e Di; con lo scopo
precipuo di preservare la pax deorum, che riposava sulla perfetta conoscenza di tutto
ci che potesse turbarla; degli atti che mai dovevano essere compiuti; delle parole che
mai dovevano essere pronunciate
9
[9].
Nell'antitesi +as1ne+as
10
[10], fondata in particolar modo sulla concezione
teologica che spazio e tempo appartenessero agli Di, si manifestava compiutamente
la peculiarit dei rapporti tra uomini e divinit nel sistema giuridico-religioso
romano
11
[11].
Come si gi accennato, la teologia e lo ius divinum dei sacerdoti romani
rappresentavano la vita e la storia del Popolo romano in rapporto di imprescindibile
causalit con la religio: la volont degli Di aveva concorso a determinare il luogo (e il
tempo) della fondazione dellUrbs Roma
12
[12]; ne aveva sostenuto la prodigiosa
"crescita del numero dei cittadini (civitas augescens)
13
[13]; infine, presiedeva
9

[9] R. ORESTANO, I +atti di norma'ione nellesperien'a romana arcaica, Torino 1967, p. 114: In
queste condizioni tutta la vita privata e quella pubblica erano dominate dall'assillo ansioso e ininterrotto
di operare in accordo con queste "forze" o "deit", di procurarsi il loro ausilio, di propiziarsi il loro
assenso, di mettersi al riparo dalle loro influenze ostili, di non fare nulla che potesse suscitare il loro
sfavore o una loro reazione. La paura di non soddisfare gli di o, peggio, che qualche atto o
comportamento potesse rompere la pax deorum da cui dipendevano il benessere dell'individuo, della
famiglia, della comunit, rendeva il romano continuamente attento a cercare in qualunque aspetto della
natura i segni della volont divina.
10

[10] F. SINI, Bellum nefandum. 0irgilio e il problema Mdiritto interna'ionale anticoM, [Pubblicazioni
del Seminario di Diritto Romano dell'Universit di Sassari, 7] Sassari 1991, pp. 83 ss.
11

[11] Ho utilizzato lespressione sistema giuridico-religioso in luogo di ordinamento giuridico
sulla base delle motivazioni offerte da P. CATALANO, "inee del sistema sovranna'ionale romano, Torino
1965, pp. 30 ss., in part. p. 37 n. 75; ID., *spetti spa'iali del sistema giuridico#religioso romano.
Mundus, templum, urbs, ager, Latium, Italia, in *u+stieg und ,iedergang der r)mischen &elt, II.16.1,
Berlin-New York 1978, pp. 445 s.; ID., 4iritto e persone. .tudi su origine e attualit del sistema romano,
Torino 1990, p. 57; con il quale concorda, in parte, anche G. LOMBARDI, %ersecu'ioni, laicit, libert
religiosa. 4allEditto di Milano alla M4ignitatis 3umanae, Roma 1991, pp. 34 s. Contro, R. ORESTANO,
4iritto. Incontri e scontri, Bologna 1981, pp. 395 ss.; ID., "e no'ioni di ordinamento giuridico e di
esperien'a giuridica nella scien'a del diritto, in Rivista trimestrale di 4iritto %ubblico 4, 1985, pp. 959 ss.,
in part. 964 ss.; ID., Introdu'ione allo studio del diritto romano, Bologna 1987, pp. 348 ss.; seguito, fra
gli altri, da P. CERAMI, %otere ed ordinamento nellesperien'a costitu'ionale romana, 3 ed., Torino 1996,
pp. 10 ss.; e parzialmente da A. GUARINO, "ordinamento giuridico romano, 5 ed., Napoli 1990, pp. 56
s.
12

[12] Gi il poeta Ennio aveva cantato, in questo modo, lantichissima fondazione dellUrbe:
*ugusto augurio postquam inclita condita Roma est (Svetonius, *ugust. 7: cum, quibusdam censentibus
Romulum appellari oportere quasi et ipsum conditorem urbis, praevaluisset, ut *ugustus potius
vocaretur, non solum novo sed etiam ampliore cognomine, quod loca quoque religiosa et in quibus
augurato quid consecratur augusta dicatur, ab auctu vel ab avium gestu gustuve, sicut etiam Ennius
docet scribens8 *ugusto augurio postquam inclita condita Roma est.); cfr. anche Livius 1.4.1: .ed
debebatur, ut opinor, +atis tantae origo urbis maximique secundum deorum opes imperii principium. Le
varie `fondazioni, di cui Roma sarebbe stata oggetto in epoche diverse, sono state studiate da A.
GRANDAZZI, "a +ondation de Rome. R!+lexion sur lhistoire, Paris 1991; di cui vedi, in part. p. 195, dove
lo studioso francese sostiene che i Romani ebbero piena coscienza di questo recommencement
perptuel che aveva caratterizzato la storia della loro citt.
13

[13] D. 1.2.2.7 (Pomponius libro singulari enchiridii): *ugescente civitate quia deerant quaedam
genera agendi, non post multum temporis spatium .extus *elius alias actiones composuit et librum
populo dedit, qui appellatur ius *elianum. Le implicazioni giuridiche e politiche del concetto di civitas
augenscens, con particolare riguardo alla raccolta di iura ordinata dallimperatore Giustiniano, sono state
ben delineate da P. CATALANO, 4iritto e persone. .tudi su origine e attualit del sistema romano, Torino
1990, pp. XIV s. Sulla stessa linea interpretativa, vedi ora M. P. BACCARI, Il concetto giuridico di civitas
augescens8 origine e continuit, in .tudia et 4ocumenta 3istoriae et Iuris 61, 1995 [= .tudi in memoria
allincomparabile fortuna dellimperium populi Romani e garantiva la sua estensione
sine +ine
14
[14].
I sacerdoti romani avevano postulato, dunque, fin dalle prime attestazioni della
loro memoria storica e documentaria, il legame indissolubile della Urbs Roma con il
culto degli Di e della vita del Popolo romano con la sua religio (religione, id est cultu
deorum)
15
[15]; al fine di conseguire e conservare, mediante i riti e i culti della
religione politeista, la pax deorum
16
[16] (pace degli Di, ma da intendere nel senso
di pace con gli Di)
17
[17].
Per la vita del Popolo romano si riteneva indispensabile il permanere di una
situazione di amicizia nei rapporti tra uomini e Di
18
[18], considerati anchessi una
di ;abrio "ombardi, II, Roma 1996], pp. 759 ss.; EAD., Cittadini popoli e comunione nella legisla'ione dei
secoli I0#0I, [Pubblicazioni del Seminario di Diritto Romano dell'Universit di Sassari, 9] Torino 1996, pp.
47 ss.
14

[14] Vergilius, *en. 1.275-279: Inde lupae +ulvo nutricis tegmine laetus 1 Romulus excipiet
gentem et Mavortia condet 1 moenia Romanosque suo de nomine dicet. 1 3is ego nec metas rerum nec
tempora pono8 1 imperium sine +ine dedi. La forte carica ideologica e la precisa connotazione religiosa del
passo non sono sfuggite a P. BOYANC, "a religion de 0irgile, Paris 1963, p. 54, per il quale proprio
sullannuncio Imperium sine +ine dedi sur lannonce de lEmpire dans la bouche du dieu suprme repose
pour ainsi dire toute luvre. Gi i commentari antichi (cfr. Servius, in 0erg. *en. 1.278) avevano
stabilito un nesso ben preciso tra limperium sine +ine e leternit di Roma; lo stesso orientamento si
registra nella maggior parte della dottrina contemporanea. Tuttavia, ad un esame pi attento, il verso
non sembra avere univoco senso temporale. Lo interpretano in senso spazio/temporale sia G.
PICCALUGA, -erminus. I segni di con+ine nella religione romana, Roma 1974, p. 209; sia R. TURCAN,
Rome !ternelle et les conceptions gr!co#romains de l!ternit!, in Roma Costantinopoli Mosca [Da Roma
alla Terza Roma, Studi I], Napoli 1983, p. 16; mentre A. MASTINO, Orbis, kosmos, oikoumene8 aspetti
spa'iali dellidea dellimpero universale da *ugusto a -eodosio, in %opoli e spa'io romano tra diritto e
pro+e'ia, ["Da Roma alla Terza Roma, Studi III], Napoli 1986, p. 71, sostiene che nei due versi *en. 1,
278-279 attestata la propensione augustea a superare tutti i limiti di spazio: limpero romano era
almeno teoricamente un imperium sine +ine, che non aveva frontiere. Per la bibliografia sul poema
virgiliano, mi pare utile rinviare a W. SUERBAUM, 3undert <ahre 0ergil#/orschung8 eine s7stematische
*rbeitsbibliographie mit besonderer 5er(c>sichtigung der *eneis, in *u+stieg und ,iedergang der
r)mischen &elt, II.31.1, Berlin-New York 1980, pp. 3 ss. Quanto alla divini et humani iuris scientia di
Virgilio, vedi invece F. SINI, Bellum nefandum. 0irgilio e il problema del Mdiritto interna'ionale anticoM,
cit., pp. 17 ss.
15

[15] Questo significato di religio attestato da Cicerone, 4e nat. deor. 2.8: C. /laminium Coelius
religione neglecta cecidisse apud -ransumenum scribit cum magno rei publicae vulnere. Buorum exitio
intellegi potest eorum imperiis rem publicam ampli+icatam qui religionibus paruissent. Et si con+erre
volumus nostra cum externis, ceteris rebus aut pares aut etiam in+eriores reperiemur, religione, id est
cultu deorum, multo superiores. Sul passo, vedi fra gli altri C. BAILEY, %hases in the religion o+ ancient
Rome, Berkeley 1932, rist. Westport, Conn. 1972, pp. 274 s.; R. TURCAN, Religion romaine. $. "e culte,
Leiden - New York - Kbenhavn - Kln 1988, pp. 5 s.: C'est la pit collective et institutionnelle, aux
religions de la cit que les Romains attribuaient le succs de leur politique et leur hgmonie universelle.
[...] A cet gard, les Romains pouvaient bon droit se targuer de l'emporter sur tous peuples religione,
id est cultu deorum; da ultimo, M. HUMBERT, 4roit et religion dans la Rome antique, in M!langes /elix
&ubbe, Fribourg Suisse 1993, pp. 196 s.
Nello stesso senso, anche altri testi ciceroniani: 4e nat. deor. 1.117 (religionem, quae deorum
cultu pio continetur); 4e leg. 1.60 (cum suis, omnesque natura coniunctos suos duxerit, cultumque
deorum et puram religionem susceperit); 2.30 (Buod sequitur vero, non solum ad religionem pertinet,
sed etiam ad civitatis statum, ut sine iis, qui sacris publice praesint, religioni privatae satis +acere non
possint6 continet enim rem publicam consilio et auctoritate optimatium semper populum indigere.
4iscriptioque sacerdotum nullum iustae religionis genus praetermittit. ,am sunt ad placandos deos alii
constituti, qui sacris praesint sollemnibus, ad interpretanda alii praedicta vatium neque multorum, ne
esset in+initum, neque ut ea ipsa, quae suscepta publice essent, quisquam extra collegium nosset); 4e
har. resp. 18 (Ego vero primum habeo auctores ac magistros religionum colendarum maiores nostros,
quorum mihi tanta +uisse sapientia videtur ut satis superque prudentes sint qui illorum prudentiam non
dicam adsequi, sed quanta +uerit perspicere possint6 qui statas sollemnisque caerimonias ponti+icatu,
rerum bene gerendarum auctoritates augurio, +atorum veteres praedictiones *pollinis vatum libris,
portentorum expiationes Etruscorum disciplina contineri putaverunt).
16

delle parti del sistema giuridico-religioso; certo la pi importante, in ragione
dellintrinseca potenza che si riconosceva alle divinit
19
[19].
Dal punto di vista umano (cio dello ius sacrum e dello ius publicum), il
legalismo religioso (lespressione di Pasquale Voci)
20
[20] dei sacerdoti romani
configurava la pax deorum come un insieme di atti e comportamenti, ai quali
collettivit e individui dovevano necessariamente attenersi per poter conservare il
favore degli Di. In questa prospettiva, pu ben comprendersi la ragione per cui la
conservazione della pax deorum costituisse il fondamento teologico dell'intero rituale
romano
21
[21]. Oggetto, quindi, dello ius del Popolo romano (ius publicum), non a caso
tripartito in sacra, sacerdotes, magistratus
22
[22].

[16] Per la definizione di pax deorum, vedi H. FUCHS, *ugustinus und der anti>e /riedengedan>e.
Untersuchungen 'um neun'ehnten 5uch der Civitas 4ei, Berlin 1926, pp. 186 ss.; ampi riferimenti alle
fonti attestanti i comportamenti umani suscettibili di violarla in P. VOCI, 4iritto sacro romano in et
arcaica, in .tudia et 4ocumenta 3istoriae et Iuris 19, 1953, pp. 49 ss. [= ID., .critti di diritto romano, I,
Padova 1985, pp. 226 ss.]; ai quali sono da aggiungere: J. BAYET, "a religion romaine. 3istoire politique
et ps7chologique, (1957), 2a ed., Paris 1969 [rist. 1976], pp. 57 ss. [= Id., "a religione romana. .toria
politica e psicologica, trad. it. di G. Pasquinelli, Torino 1959 (rist. 1992), pp. 59 ss.]; M. SORDI, Pax
deorum e libert religiosa nella storia di Roma, in AA.VV., "a pace nel mondo antico, Milano 1985, pp.
146 ss.; E. MONTANARI, Il concetto originario di pax e pax deorum, in "e conce'ioni della pace. 0III
.eminario Interna'ionale di .tudi .torici M4a Roma alla -er'a RomaM, Relazioni e comunicazioni, 1, Roma
1988, pp. 49 ss.; ID., Mito e storia nellannalistica romana delle origini, Roma 1990, pp. 85 ss.
(Appendice I: "Tempo della citt e pax deorum: l'infissione del clavus annalis"); F. SINI, Bellum
nefandum. 0irgilio e il problema Mdiritto interna'ionale anticoM, cit., pp. 256 ss. (ivi fonti e letteratura
precedente); ID., Populus et religio dans la Rome r!publicaine, in *rchivio .torico e ;iuridico .ardo di
.assari 2, N. s., 1995 (ma 1996), pp. 77 ss.; ID., "a nega'ione nel linguaggio precettivo dei sacerdoti
romani, in Il "inguaggio dei ;iuristi Romani. *tti del Convegno Interna'ionale di .tudi, "ecce, N#O
dicembre GKKP, a cura di O. Bianco e S. Tafaro, [Universit di Lecce Dipartimento di Scienze
dellAntichit. Studi di Filologia e Letteratura 5, 1999] Galatina 2000, pp. 176 ss.; infine, ma con qualche
riserva, R. FIORI, 3omo sacer. 4inamica politico#costitu'ionale di una san'ione giuridico#religiosa, Napoli
1996, pp. 167 ss.
17

[17] M. HUMBERT, 4roit et religion dans la Rome antique, in M!langes /elix &ubbe, Fribourg
Suisse 1993, p. 195: La conception d'ordre philosophique du monde romain est celle d'un ensemble
de rapports ou de forces en quilibre: toute action humaine affecte par dfinition cette harmonie
naturelle et trouble l'ordre voulu par les dieux. D'o la ncessit, avant (ou, au pire, aprs) toute action,
de se concilier l'accord des dieux tmoignant leur adhsion. La paix universelle est alors sauvegarde. La
religion consiste ainsi rester en bons rapports avec les dieux, pour les avoir avec soi.
18

[18] P. VOCI, 4iritto sacro romano in et arcaica, cit., p. 49 [= ID., .critti di diritto romano, I,
cit., p. 224].
19

[19] J. SCHEID, "e prQtre et le magistrat. R!+lexions sur les sacerdoces et le droit public la +in
de la R!publique, in AA.VV., 4es ordres Rome, direction de C. Nicolet, Paris 1984, pp. 269 s.: La
Rpublique est effectivement une association de trois partenaires: les dieux, le peuple et les magistrats
20

[20] P. VOCI, 4iritto sacro romano in et arcaica, cit., p. 50: Legalismo religioso l'insieme
delle regole che insegnano a mantenere la pax deorum [= Id., .critti di diritto romano, cit., p. 225].
21

[21] C. BAILEY, %hases in the religion o+ *ncient Rome, Berkeley 1932 [rist. Westport, Conn.
1972], p. 76: Roman ritual, as it was later formulated in the ius divinum of the State-cult, recognized
four means (caerimoniae ) for securing and maintaining the pax deorum, the relation of kindliness
between gods and men.
22

[22] D. 1.1.1.2 (Ulpianus libro primo institutionum): 3uius studii duae sunt positiones, publicum
et privatum. %ublicum ius est quod ad statum rei Romanae spectat, privatum quod ad singulorum
utilitatem8 sunt enim quaedam publice utilia, quaedam privatim. %ublicum ius in sacris, in sacerdotibus,
in magistratibus consistit. Riguardo al frammento di Ulpiano, mi pare che possano ormai considerarsi
superate sia affermazioni contrarie alla genuinit del testo (F. SCHULZ, %rin'ipien des r)mischen Rechts,
Mnchen 1934; qui cit. in trad. it.: I principii del diritto romano, trad. it. a cura di V. Arangio-Ruiz,
Firenze 1949, p. 23 nt. 33; U. VON LBTOW, 4as r)mische 0ol>. .ein .taat und sein Recht, Frankfurt am
Main 1955, p. 618: Die merkwrdige Dreiteilung des ius publicum8 in sacris, in sacerdotibus, in

". #ensi$ni universa!isti%&e de!!a re!i'i$ne r$(ana

Riguardo alluniversalismo della religione romana, sar bene partire da un dato
quasi ovvio: per i popoli che non credevano allesistenza di un unico dio, non cerano
falsi di.
Le basi delluniversalismo religioso romano poggiavano proprio su questa
concezioni politeistica e multireligiosa, propugnata dalla teologia e dallo ius sacrum
dei sacerdoti romani; concezione ben sintetizzata da Cicerone in un passo
dellorazione %ro /lacco:

.ua cuique civitati religio, "aeli, est, nostra nobis
23
[23].

Per quanto gli Di delle diverse popolazioni non fossero ritenuti tutti egualmente
potenti, tutti per erano ritenuti veri in eguale maniera. I pontefici romani
aggiornavano costantemente, per includervi nuovi Di, le liste delle divinit
conosciute
24
[24], i nomina deorum dei libri ponti+icum
25
[25]. Grazie a questi scrupoli
magistratibus stammt sicherlich nicht von Ulpian), sia dubbi e perplessit (B. ALBANESE, %remessa allo
studio del diritto privato romano, Palermo 1978, p. 192 nt. 295). Favorevoli all'autenticit del testo, fra
gli altri: F. STELLA MARANCA, Il diritto pubblico romano nella storia delle istitu'ioni e delle dottrine
politiche, in ID., .critti vari di diritto romano, Bari 1931, pp. 102 ss.; SILVIO ROMANO, "a distin'ione +ra
ius publicum e ius privatum nella giurispruden'a romana, in .critti giuridici in onore di .anti Romano, IV,
Padova 1940, pp. 157 ss.; G. NOCERA, Ius publicum J4. $, GP, RSL. Contributo alla ricostru'ione storico#
esegetica delle regulae iuris, Roma 1946, pp. 152 ss.: Ulpiano sulla scia della pi pura tradizione
romana (p. 161); Id., Il binomio pubblico#privato nella storia del diritto, Napoli 1989, pp. 171 ss.; F.
WIEACKER, 4oppelexemplare der Institutionen /lorentins, Marcians und Ulpians, in M!lenges 4e
0isscher, II, Bruxelles 1949, p. 585, il quale sostiene che sacra, sacerdotia e magistratus una
suddivisione di inconfondibile stampo repubblicano; A. CARCATERRA, "analisi del ius e della lex come
elementi primi. Celso, Ulpiano, Modestino, in .tudia et 4ocumenta 3istoriae et Iuris 46, 1980, pp. 272
ss.; G. ARIC ANSELMO, Ius publicum # ius privatum in Ulpiano, ;aio e Cicerone, in *nnali del .eminario
;iuridico dellUniversit di %alermo 37, 1983, pp. 447 ss., in part. 461 ss.; H. ANKUM, "a nociTn de ius
publicum en derecho romano, in *nuario de 3istoria del 4erecho EspaUol 53, 1983, pp. 524 ss.; M.
KASER, Ius publicum und ius privatum, in Veitschri+t der .avign7#.ti+tung +(r Rechtsgeschichte JR. *.L
103, 1986, pp. 6 ss.; F. SINI, Bellum nefandum. 0irgilio e il problema del Hdiritto interna'ionale anticoI,
cit., p. 223 nt. 112; P. STEIN, Ulpian and the 4istinction bet2een ius publicum and ius privatum, in
Collatio iuris Romani. Wtudes d!di!es 3ans *n>um loccasion de son ONAme anniversaire, II,
Amsterdam 1995, pp. 499 ss.; V. MAROTTA, Ulpiano e limpero, I, Napoli 2000, pp. 153 ss.
23

[23] Cicero, %ro /lacco 28.
24

[24] Arnobius, *dv. ,at. 2.73.18: ,on doctorum in litteris continetur, *pollinis nomen %ompiliana
indigitamenta nescire? Sui nomina deorum che si invocavano negli indigitamenta, risulta di qualche utilit
il vecchio lavoro di J. A. AMBROSCH, Xber die Religionsb(cher der R)mer, Bonn 1843; ancora
indispensabili, invece, sia il bel libro di A. BOUCH-LECLERCQ, "es ponti+es de lancienne Rome. Wtude
historique sur les institutions religieuses de Rome, Paris 1871 [rist. an. New York 1975], pp. 24 ss.; sia il
manuale di J. MARQUARDT, R)mische .taatsver2altung, III. 4as .acral2esen, 2 ed. a cura di G.
Wissowa, Leipzig 1885 [rist. an. New York 1975], pp. 7 ss. [= ID., "e culte che' les Romains, I, trad.
francese di M. Brissaud, Paris 1889, pp. 10 ss.]; pi di recente, vedi l'importante articolo di J. BAYET, "es
+eriae sementivae et les indigitations dans le culte de C!rAs et de -ellus, in Revue d3istoire des Religions
137, 1950, pp. 172 ss. [ora in ID., Cro7ances et rites dans la Rome antique, Paris 1971, pp. 175 ss.]; ma
anche G. B. PIGHI, "a religione romana, Torino 1967, pp. 45 ss.; A. PASTORINO, "a religione romana,
Milano 1973, pp. 199 ss.; G. DUMZIL, "a religion romaine archaYque, 2 ed., Paris 1974, pp. 50 ss. [=
ID., "a religione romana arcaica, trad. it. a cura di F. Jesi, Milano 1977, pp. 46 ss.]; R. DEL PONTE, "a
religione dei Romani, Milano 1992, pp. 78 ss.
25

[25] Sullarchivio dei pontefici, ma senza pretesa di completezza bibliografica, si vedano: J.-V. LE
CLERCQ, 4es =ournaux che' les Romains, recherches pr!c!d!es dun m!moire sur les annales des
ponti+es, et suivies de +ragments des =ournaux de lancienne Rome, Paris 1838, in part. pp. 127 ss.; I. A.
AMBROSCH, .tudien und *ndeutungen im ;ebiet des altr)mischen 5odens und Cultus, Breslau 1839, in
part. pp. 159 ss.; ID., 9bservationum de sacris Romanorum libris particula prima, Vratislaviae 1840; E.
religiosi verso tutti gli Di, la religione politeista romana ignorava, quasi del tutto, il
proselitismo e lintolleranza
26
[26].
Questo spiega anche la condotta tenuta dai Romani nei confronti delle religioni
straniere nel corso della conquista dellImpero: non distruggevano i templi, n
proscrivevano le divinit dei popoli sottomessi; la religio consigliava di onorarle in
maniera adeguata, volgendo in tal modo anche la loro potenza a favore dellimperium
populi Romani
27
[27].
A questo punto, va detto con chiarezza che riguardo alla religione politeista
romana risultano del tutto inadeguati e forse anche un poco fuorvianti i concetti
moderni di libert individuale
28
[28], isolamento e laicizzazione
29
[29].
Costituirebbe ugualmente un grave errore metodologico, assumere come parametro
categorie quali tolleranza o intolleranza, per quanto limmagine della religione
romana come religione tollerante costituisca un motivo ormai accettato, in maniera
quasi unanime, dalla dottrina pi recente
30
[30].
LUEBBERTUS, Commentationes ponti+icales, Berolini 1859; A. BOUCH-LECLERCQ, "es ponti+es de
lancienne Rome, cit., pp. 19 ss.; P. PREIBISCH, Buaestiones de libris ponti+iciis, Vratislaviae 1874; ID.,
/ragmenta librorum ponti+iciorum, Tilsit 1878; J. MARQUARDT, R)mische .taatsver2altung, III, cit., pp.
299 ss. [= ID., "e culte che' les Romains, II, cit., pp. 358 ss.]; R. PETER, 4e Romanorum precationum
carminibus, in Commentationes %hilologae in honorem *ugusti Rei++erscheidii, Vratislaviae 1884, pp. 67
ss.; ID., Buaestionum ponti+icalium specimen, Argentorati 1886; W. ROWOLDT, "ibrorum ponti+iciorum
Romanorum de caeremoniis sacri+iciorum reliquiae, Halis Saxonum 1906; C. W. WESTRUP, 9n the
*ntiquarian#3istoriographical *ctivities o+ the Roman %onti+ical College, Kbenhavn 1929 (lo stesso tema
viene poi ripreso dal Westrup nel quarto volume della sua opera di maggiore impegno: Introduction to
earl7 Roman "a2. Comparative sociological studies, IV. .ources and Methods, London-Copenhagen
1950); G. ROHDE, 4ie Zultsat'ungen der r)mischen %onti+ices, Berlin 1936, pp. 14 ss.; R. BESNIER, "es
archives priv!es, publiques et religieuses Rome au temps des rois, in .tudi in memoria di Emilio
*lbertario, II, Milano 1953, pp. 1 ss.; G. B. PIGHI, "a religione romana, Torino 1967, pp. 41 ss.; infine F.
SINI, 4ocumenti sacerdotali di Roma antica, cit., pp. 17 ss.; J. A. NORTH, -he boo>s o+ the ponti+ices, in
"a m!moire perdue. Recherches sur ladministration romaine, Avant-propos de C. Moatti, Rome 1998, pp.
45 ss.
26

[26] G. BOISSIER, "a religion romaine d*uguste aux *ntonins, I, cit., p. 228 : Si elle se gardait
bien de dtruire la religion des peuples vaincus, elle tait bien plus loigne encore de vouloir leur
imposer la sienne.
27

[27] Per la nozione giuridica di "impero risulta ormai indispensabile il saggio di P. CATALANO,
*lcuni sviluppi del concetto giuridico di imperium populi Romani, in %opoli e spa'io romano tra diritto e
pro+e'ia, ["Da Roma alla Terza Roma, Studi III], Napoli 1986, pp. 649 ss.
28

[28] Per una recente discussione sul problema de La libert nella Roma arcaica e repubblicana,
vedi G. LOMBARDI, "editto di Milano del RGR e la laicit dello .tato, in .tudia et 4ocumenta 3istoriae et
Iuris 50, 1984, pp. 10 ss., il quale si propone di chiarire come la consapevolezza del fondamento
dell'autonomia dell'uomo sia sostanzialmente mutata a sguito del diffondersi del cristianesimo (p. 11);
ID., %ersecu'ioni, laicit, libert religiosa. 4allEditto di Milano alla M4ignitatis humanaeM, Roma 1991.
29

[29] Sulla questione vedi ora, brevemente, le puntuali riflessioni di P. CATALANO-P. SINISCALCO,
"aicit tra diritto e religione. 4ocumento introduttivo del [I0 .eminario H4a Roma alla -er'a RomaI,
pubblicato in Index 23, 1995, pp. 461 ss.; in part. paragrafo 5 'Laicizzazione' della giurisprudenza e
cosiddetta 'Isolierung' del diritto, p. 463: Il sistema romano antico, sia precristiano sia cristiano, non
conosce l'isolamento del diritto rispetto alla morale o alla religione. Non vi isolamento del diritto nell'et
repubblicana (ius civile in penetralibus ponti+icum repositum erat, Liv. 4.3.9), n nell'Impero cristiano
(publicum ius in sacris, in sacerdotibus, in magistratibus consistit, D. 1.1.1.2). Quanto alla
giurisprudenza, significativa la definizione contenuta in D. 1.1.10.2: divinarum atque humanarum
rerum notitia, iusti atque iniusti scientia. [...] E' corrente poi nella dottrina romanistica l'uso del termine
"laico" per indicare i giuristi non sacerdoti (onde si parla di laicizzazione della giurisprudenza).
30

[30] Sulla sostanziale tolleranza della religione politeista romana, vedi fra gli altri: M. ADRIANI,
-olleran'a e intolleran'a religiosa nella Roma antica, in .tudi Romani 6, 1958, p. 507 ss.; R. BLOCH, "a
religione romana, in H.-CH. PUECH, .toria delle religioni, I.$ "9riente e lEuropa nellantichit, trad. it.,
Roma-Bari 1976, pp. 554 s., il quale indica l'apertura e la tolleranza verso divinit straniere come
un'espressione singolare e affascinante della religione romana; J. A. NORTH, Religious -oleration in
La prospettiva dei sacerdoti romani era piuttosto quella di tutelare i diritti degli
Di, mossi dalla preoccupazione di non violare, seppure inconsapevolmente, aliquid
divini iuris: si voleva salvaguardare, insomma, soprattutto il diritto degli Di di essere
adorati come essi stessi avevano prescritto; da qui traeva legittimit il diritto del
singolo di adorare la divinit secondo la propria coscienza, cio nella forma che a lui
sembrava pi necessaria.
Grazie a questa peculiare concezione della pax deorum, la religione politeista
romana, nel corso di una storia millenaria, fu sempre in grado di far coesistere nel suo
ambito le esigenze cultuali particolaristiche del Popolo romano e la tensione
universalistica della sua teologia e del suo diritto (divino e umano).
Del resto, le fonti antiche attestano in maniera non equivoca una religione
cittadina, affatto esclusivista fin dalla sua fase primordiale
31
[31]; anzi, a ben vedere,
questa apertura originaria della religione romana si ricava dalla stessa memoria
storica dei pontefici romani, i quali presentavano la coesistenza di culti patrii e
peregrini
32
[32] regolamentata naturalmente dalla scienza sacerdotale , quale dato
originario, e fra i pi caratteristici, della riforma religiosa di Numa Pompilio
33
[33].
Altre prove di questa originaria "apertura cultuale dellantichissima religione
romana sono costituite sia dal carattere assai risalente dell'influenza greca
34
[34], sia
da quegli italische Einflsse, magistralmente studiati da Kurt Latte nel suo manuale
sulla religione romana
35
[35].

Republican Rome, in %roceedings o+ the Cambridge %hilological *ssociation 25, n. s., 1979, pp. 85 ss.
Sottolinea, invece, le ambiguit insite nell'atteggiamento "tollerante dei Romani A. MOMIGLIANO,
*ppunti preliminari sull\opposi'ione religiosa] allimpero romano, in ID., .aggi di storia della religione
romana, Brescia 1988, p. 154; ma in altro senso, ID., -he desadvantages o+ monotheism +or a universal
.tate, in Classical %hilolog7 81, 1986, pp. 285 ss.
31

[31] La stessa tradizione antica ricorda, del resto, l'introduzione a Roma di numerosi culti
"stranieri" gi ad opera dei re: cfr., da ultimo, P. M. MARTIN, "id!e de ro7aut! Rome. I. 4e la Rome
ro7ale au consensus r!publicain, Clermont-Ferrand 1982, pp. 110 ss.
32

[32] Titus Livius 1.20.6: Cetera quoque omnia publica privataque sacra ponti+icis scitis subiecit,
ut esset quo consultum plebes veniret, ne quid divini iuris neglegendo patrios ritus peregrinosque
adsciscendo turbaretur6 nec celestes modo caerimonias, sed iusta quoque +unebria placandosque manes
ut idem ponti+ex edoceret, quaeque prodigia +ulminibus aliove quo visu missa susciperentur atque
curarentur. Commento al passo in R. M. OGILVIE, * Commentar7 on "iv7. 5oo>s G#N, Oxford 1965
[reprinted 1998], p. 101.
33

[33] Sulla riforma religiosa del primo sovrano sabino di Roma, vedi F. RIBEZZO, ,uma %ompilio e
la ri+orma etrusca della religione primitiva di Roma, in Rendiconti dell*ccademia dei "incei, ser. VIII, vol.
5, 1950, pp. 553 ss.; E. M. HOOKER, -he .igni+icance o+ ,umas Religious Re+orms, in ,umen 10, 1963,
pp. 87 ss.; F. DELLA CORTE, ,uma e le streghe, in Maia 26, 1974, pp. 3 ss.; M. A. LEVI, Il re ,uma e i
penetralia pontificum, in Rendiconti dellIstituto "ombardo 115, 1981 (pubbl. 1984), pp. 161 ss.; J.
MARTINEZ PINNA, "a re+orma de ,uma 7 la +ormaciTn de Roma, in ;eriTn 3, 1985, pp. 97 ss.; J.
POUCET, "es origines de Rome. -radition et histoire, Bruxelles 1985, in part. pp. 194 ss., 219 ss.; L.
FASCIONE, Il mondo nuovo. "a costitu'ione romana nella .toria di Roma arcaica di 4ionigi
d*licarnasso, I parte, Napoli 1988, pp. 128 ss.; G. CAPDEVILLE, "es institutions religieuses de la Rome
primitive daprAs 4en7s d3alicarnasse, in %allas, 39, 1993, pp. 153 ss.
34

[34] Sul tema, a parte i pi usati manuali di storia della religione romana, cfr. E. NORDEN, *us
altr)mischen %riesterb(chern, Lund-Leipzig 1939, pp. 246 ss.; J. GAG, *pollon romain. Essai sur le culte
d*pollon et le d!veloppement du Mritus ;raecusM Rome des origines *uguste, Paris 1955; fra i lavori
pi recenti, G. RADKE, Vur Ent2ic>lung der ;ottesvorstellung und der ;ottesverehrung in Rom,
Darmstadt 1987, pp. 31 ss.; A. BERNARDI, "a Roma dei re +ra storia e leggenda, in .toria di Roma, I.
Roma in Italia, direzione di A. Momigliano e A. Schiavone, Torino 1988, pp. 191 s. (con breve cenno a
culti locali e influenze greco-asianiche); M. A. LEVI, *ppunti su Roma *rcaica, in "a %arola del %assato
46, 1991, pp. 121 ss.
35

[35] K. LATTE, R)mische Religionsgeschichte, cit., pp. 148 ss.

). *ai d$%u(enti dei sa%erd$ti r$(ani (+aerture, %u!tua!i %$(e
+r$%edure $erative, de!!-universa!is($ re!i'i$s$)

Abbiamo gi visto che una costante apertura religiosa verso lesterno era
fortemente connaturata alla stessa concezione romana di pax deorum. La religione
politeista romana, nell'intero arco del suo sviluppo storico, appare caratterizzata dalla
costante esigenza (e preoccupazione) di integrare l "alieno" (divino o umano): dalle
divinit dei vicini fino alle divinit dei nemici
36
[36], in cerchi concentrici sempre pi
larghi, che potenzialmente abbracciavano l'intero spazio terrestre e, quindi, tutto il
genere umano.
Dai documenti sacerdotali emergono numerose testimonianze e frammenti delle
"procedure operative che hanno permesso ai sacerdoti di dare corpo a questa
vocazione universalistica. Per ragioni di brevit, in questa sede, mi limiter a
segnalare solo alcuni esempi.

1.
Varro, 4e ling. "at. 5.33: Ut nostri augures pubblici dixerunt, agrorum
sunt genera quinque: Romanus, Gabinus, peregrinus, hosticus, incertus.
Romanus dictus unde Roma ab Rom<ul>o; Gabinus ab oppido Gabis;
peregrinus ager pacatus, qui extra Romanum et Gabinum, quod uno modo in
his servantur auspicia; dictus peregrinus a pergendo, id est a progrediendo: eo
[quod] enim ex agro Romano primum progrediebantur. Quocirca Gabinus
quoque peregrinus, sed quod auspicia habet singularia, ab reliquo discretus;
hosticus dictus ab hostibus; incertus is, qui de his quattuor qui sit
ignoratur
37
[37].

Il questa citazione varroniana di documenti sacerdotali attiene alla distinzione
dei genera agrorum elaborata dalla disciplina augurale
38
[38]; distinzione che possiamo
leggere in un passo del quinto libro 4e lingua "atina di M. Terenzio Varrone.
La divisione dello spazio in cinque agrorum genera rappresenta un mirabile
esempio della semplicit, dellefficacia interpretativa e delle potenzialit
universalistiche della scienza sacerdotale. Pur salvaguardando la centralit dellager
romanus (anche verso gli Di), la classificazione dei genera agrorum mostra una
fortissima propensione teologica e giuridica ad instaurare rapporti tanto reali quanto
potenziali con la molteplicit degli spazi terrestri; con gli homines che hanno
relazioni a vario titolo con questi spazi; con gli innumerevoli Di che quegli spazi (e
quanti li abitano) presiedono e tutelano.

2
Cicero, 4e nat. deor. 1.84: At primum, quot hominum linguae, tot
nomina deorum; non enim ut tu Velleius, quocumque veneris, sic idem in Italia
36

[36] Sul complesso fenomeno dei rapporti con gli di dei vicini e con gli di dei nemici,
interpretato in termini di "estensioni" e "mutamenti" della religione tradizionale, vedi G. DUMZIL, "a
religion romaine archaYque, cit., pp. 409 ss., 425 ss. [= ID., "a religione romana arcaica, cit., pp. 355
ss., 369 ss.].
37

[37] A. BRAUSE ("ibrorum de disciplina augurali ante *ugusti mortem scriptorum reliquiae,
Lipsiae 1875, p. 42, fr. XXVII.
38

[38] In merito a questa divisione elaborata dal collegio degli auguri e, pi in generale, sul valore
giuridico dell'ager, cfr. P. CATALANO, *spetti spa'iali del sistema giuridico#religioso romano. Mundus,
templum, urbs, ager, Latium, Italia, cit., pp. 492 ss.
Volcanus, idem in Africa, idem in Hispania. Deinde nominum non magnus
numerus ne in pontificiis quidem nostris, deorum autem innumerabilis
39
[39].

3
Servius Dan., in 0erg. ;eorg. 1.21: DIQUE DEAEQUE OMNES post
specialem invocationem transit ad generalitatem, ne quod numen praetereat,
more pontificum, (per) quos ritu veteri in omnibus sacris post speciales deos,
quos ad ipsum sacrum, quod fiebat, necesse erat invocari, generaliter omnia
numina invocabantur
40
[40].

I testi 2 (Cicero, 4e nat. deor. 1.84) e 3 (Servius Dan., in 0erg. ;eorg. 1.21) si
riferiscono, invece, al collegio dei pontefici. In 4e nat. deor. 1.84, Cicerone attesta la
rigorosa propensione dei pontefici romani a determinare, con la maggiore certezza
possibile, i nomina deorum; divinit di cui tuttavia sfuggiva alla conoscenza umana il
dato numerico quantitativo.
Il testo n. 3 si presenta in logica connessione col passo di Cicerone. Servio
Danielino riferisce ad un antico mos ponti+icum la cautela rituale osservata nelle
solenni formule di preghiera rivolte agli Di: quasi ad esorcizzare l'umana impossibilit
di conoscere il numero degli Di, i pontefici romani prescrivevano al fedele di rivolgersi
sempre ad generalitatem, ne quod numen praetereat, una volta pronunciata
l'invocazione alle divinit particolari onorate nella cerimonia.
Non senza ragione, proprio in questo antico mos ponti+icum delle preghiere pu
ravvisarsi la potenzialit universalistica della religione politeista romana e la sua
propensione ad operare, fin dai primordia civitatis, una "apertura illimitata verso
tutti gli Di
41
[41].

4
Festus, 4e verb. sign., v. %eregrina sacra, p. 268 L.: Peregrina sacra
appellantur, quae aut evocatis dis in oppugnandis urbibus Romam sunt 1 conata
1 [conlata Gothofr.; coacta Augustin.], aut quae ob quasdam religiones per
39

[39] Cfr. Gellius, ,oct. *tt. 13.23.1: Comprecationes deum immortalium, quae ritu Romano +iunt,
expositae sunt in libris sacerdotum populi Romani et in plerisque antiquis orationibus; Agostinus, 4e civ.
4ei 4.8). Per A. S. PEASE, M. -ulli Ciceronis 4e natura deorum, I, Darmstadt 1968 [rist. della 1 ed.
1955], p. 426, nel passo ciceroniano The word libris is understood, as often with annales; cfr. anche
ledizione curata da M. VAN DEN BRUWAENE, Ciceron, 4e natura deorum. "ivre premier, Bruxelles 1970,
p. 146: dans nos livres pontificaux. G. ROHDE, 4ie Zultsat'ungen der r)mischen %onti+ices, Berlin
1936, pp. 18-19, formula invece lipotesi che Cicerone abbia attinto alle *ntiquitates rerum divinarum di
Varrone: Woher diese Vorstellung stammt, ist nicht zu sagen; doch darf nicht vergessen werden, dass
zur Zeit, als Cicero seine philosophischen Schriften abfasste, Varros Antiquitates bereits an das Licht
getreten waren, und dass Cicero dieses Werk kannte. Infine, F. SINI, 4ocumenti sacerdotali di Roma
antica, cit., p. 94 e 96.
40

[40] Su questo passo di Servio, vedi da ultimo F. SINI, 4ai peregrina sacra alle pravae et
externae religiones dei baccanali8 alcune ri+lessioni su ?alieni e sistema giuridico#religioso romano, cit.,
pp. 59 s.

41
[41] M. ADRIANI, -olleran'a e intolleran'a religiosa nella Roma antica, cit., p. 516: Ora,
lecito su questa base parlare di tolleranza? A noi interessa, come si detto, questo sfondo, in quanto vale
pregiudizialmente a far intendere un certo tono e tipo di tolleranza vigente a Roma. Volgersi a tutti gli di
come nel mos ponti+icius delle invocazioni si verifica, e attraverso un rinvio dallambito degli di
conosciuti e nominabili allambito dei molti di cui non si sa il nome e che non possono quindi avere un
culto determinato, ma dei quali si pensa lesistenza e cui si vuole rendere perci un ossequio almeno
indiretto attraverso il riconoscimento di un limite che il limite proprio, linea implicita alla tolleranza
religiosa, perch confessione della generalit rispetto al particolare di partenza, e quindi ammissione
delladventicium. E da questo angolo visuale che si legittima un atteggiamento che potremmo dire
positivo in quanto ravvisabile in una "apertura illimitata, e insieme un modo altrettanto costante,
ordinato negativamente, poich quella illimitatezza rivela nonostante tutto dei limiti.
pacem sunt petita, ut ex Phrygia Matris Magnae, ex Graecia Cereris, Epidauro
Aesculapi: quae coluntur eorum more, a quibus sunt accepta
42
[42].

Il quarto testo citato, anchesso riferibile al collegio dei pontefici, attiene al
significato teologico e cultuale, nonch alla concreta procedura operativa,
dell'interpretatio Romana. stato autorevolmente dimostrato da J.-L. Girard
43
[43] che
fu proprio tale interpretatio a permettere ai sacerdoti romani di conciliare lassoluta
fedelt alla religione nazionale, con la propensione allapertura potenzialmente
illimitata verso i culti stranieri
44
[44]. Proprio grazie alla concreta procedura operativa
dellinterpretatio Romana, i culti stranieri potevano di norma essere integrati nel
rituale romano, come ha sottolineato Sesto Pompeo Festo nella definizione di
peregrina sacra che si legge nel 4e verborum signi+icatu.
A fondamento dellinterpretatio Romana stava un senso "cosmico e "politico
della religione, che si traduceva, secondo J. Bayet, nei concetti di pax deorum e
religio
45
[45]. La propensione ad allargare la sfera degli di, e quindi dei rapporti
42

[42] Quanto alla fonte del testo verriano, F. BONA, Contributo allo studio della composi'ione del
\de verborum signi+icatu] di 0errio /lacco, Milano 1964, p. 16 n. 11, ipotizza che possa essere una
"glossa catoniana: una delle glosse, cio, il cui lemma costituito da espressioni verbali o nominali
tratte dal lessico di Catone (nella quasi totalit dalle orazioni) (p. 15); nello stesso senso ID.,
9pusculum /estinum, Ticini 1982, p. 15.
43

[43] J.-L. GIRARD, Interpretatio Romana. Buestions historiques et problAmes de m!thode, in
Revue d3istoire et %hilosophie Religieuses 60, 1980, pp. 21 ss.; scopo dichiarato dello studioso quello
di comprendere pienamente la ragione del fait, solidement attest, mais devenu un peu surprenant, que
les grandes divinits trangres, et notamment grecques, aient, pour la plupart sans difficult aucune,
trouv des homologues Rome. A suo avviso, inoltre, sarebbe un grave errore valutare negativamente
il procedimento teologico che stava alla base dellinterpretatio sacerdotale: non si tratta, infatti, n di un
confusionnisme dissolvant lhritage primitif de la religion romaine, n di un irnisme bas en dernire
analyse sur le scepticisme lgard de toutes les formes desprit religieux; al contrario, conclude lo
studioso francese: elle permet dviter la fois les conflits ouverts avec les religions trangres et la
conversion de certains lments de la population des cultes nouveaux, et tmoigne de la sagesse dun
peuple qui ne crut jamais que sa recherche de luniversalit dt passer par une autre voie que par
lapprofondissement de ses traditions particulires (pp. 26 s.).
Qualche anno prima, al complesso fenomeno dell'interpretatio aveva dedicato un approfondito
studio anche R. BLOCH, Interpretatio, in ID., Recherches sur les religions de lItalie antique, Genve
1976, pp. 1 ss. Pur senza soffermarsi specificamente sugli aspetti generali della complessa problematica,
l'illustre studioso non trascurava comunque di evidenziare due questioni: Tout au long de leur histoire,
le jeu de l'interpretatio a permis aux Romains de rapprocher de leurs propres divinits et de leur unir des
dieux lointains par les lieux de culte et mme, parfois, par leur nature. Certes, un tel processus n'est pas
le seul fait de Rome. On retrouve, dans bien des secteurs du paganisme ancien, le sentiment plus ou
moins clair que, sous des noms diffrents, les divers peuples ne pouvaient pas ne pas honorer les mmes
dieux. D'o rsulta un mcanisme complexe et rciproque par lequel les divers panthons antiques se
rapprochrent les uns des autres malgr les diffrences profondes qui, le plus souvent, les sparaient.
Sans doute, cependant, la relative pauvret de l'imagination religieuse romaine et le caractre
essentiellement fonctionnel des dieux de Rome ont-ils permis, plus qu'ailleurs, un trs large
dveloppement d'interpretationes de toutes sortes. La tolrance religieuse, presque constamment
atteste, des Romains y trouvait son compte.
44

[44] In questa prospettiva, risultano chiaramente invecchiate alcune esposizioni manualistiche
della materia: cfr., ad esempio, K. LATTE, R)mische Religionsgeschichte, cit., pp. 264 s., per il quale il
fenomeno da intendersi nel senso di "Hellenisierung der Gtter: Die rationalistische Kritik an den
berlieferten Vorstellungen, die diese Epoche in Griechenland bewegt hatte, erklang nun, in
eindrucksvollen Schlagworten zusammengefasst, vor den Ohren des rmischen Publikums. Es konnte
seine Wirkung um so weniger verfehlen, als man jetzt zwischen griechischen und rmischen Gttern
keinen Unterschied mehr zu machen gewohnt war.
45

[45] Quil ne sagisse point l dun phnomne second, mais dun primat psychologique, cest ce
que prouvent deux expressions spcifiquement latines: pax deorum; religio. Les Romains dsirent,
chaque instant de leur vie publique la "paix des dieux, cest--dire lassurance quau del de leur nature
et de leur activit humaines ils ne rencontrent pas, sopposant leur vouloir, la raction hostile des dieux
umani, all'infinito fu una caratteristica congenita della religione politeista romana; ci
determinava, necessariamente, un rapporto inscindibile tra polythisme et pluralisme
cultuel, come ha scritto in un suo recente saggio Robert Turcan: Le polythisme est
foncirement tranger lesprit dune "religion dEtat, puisquil implique la possibilit
dun largissement du panthon linfini
46
[46].

5
Titus Livius 5.21.3: Te simul, Iuno regina, quae nunc Veios colis, precor
ut nos victores in nostram tuamque mox futuram urbem sequare, ubi te dignum
amplitudine tua templum accipiat
47
[47].

6
Macrobius, .at. 3.9.6-9: Nam repperi in libro quinto rerum reconditarum
Sammonici Sereni utrumque carmen, quod ille se in cuiusdam Furii vetustissimo
libro repperisse professus est. Est autem carmen huius modi quo di evocantur
cum oppugnatione civitas cingitur: "Si deus, si dea est, cui populus civitasque
Carthaginiensis est in tutela, teque maxime, ille qui urbis huius populique
tutelam recepisti, precor venerorque, veniamque a vobis peto ut vos populum
civitatemque Carthaginiensem deseratis, loca templa sacra urbemque eorum
relinquatis, absque his abeatis eique populo civitatique metum formidinem
oblivionem iniciatis, propitiique Romam ad me meosque veniatis, nostraque
vobis loca templa sacra urbs acceptior probatiorque sit, mihique populoque
Romano militibusque meis propitii sitis. Si <haec> ita faceritis ut sciamus
intellegamusque, voveo vobis templa ludosque facturum. In eadem verba
hostias fieri oportet, auctoritatemque videri extorum, ut ea promittant
futura
48
[48].

Gli ultimi due frammenti proposti riguardano gli esempi pi conosciuti di
evocationes degli Di del nemico
49
[49]: si tratta delle formule solenni concepite dai
- y compris (ceci est important) ceux de ladversaire ou ceux dont le camp est douteux: queste parole si
leggono in un breve, ma denso, paragrafo significativamente intitolato Il cosmico e il politico8 pax
deorum e religio: J. BAYET, "a religion romaine, cit., p. 58 [= ID., "a religione romana, cit., pp. 61 s.].
46

[46] Cfr. in tal senso R. TURCAN, "ois romaines, dieux !trangers et \religion dEtat], in 4iritto e
religione da Roma a Costantinopoli a Mosca [Da Roma alla Terza Roma, Rendiconti dellXI Seminario], a
cura di M. P. Baccari, Roma 1994, pp. 23 ss.: la citazione a p. 31.
47

[47] L'evocatio di Giunone Regina stata studiata, fra gli altri, da V. BASANOFF, Evocatio. Wtude
dun rituel militaire romain, cit., pp. 42 ss.; S. FERRI, "a Iuno Regina di Veii, in .tudi Etruschi 24, 1955,
pp. 106 ss.; J. HUBAUX, Rome et 0!ies. Recherches sur la chronologie l!gendaire du mo7en ^ge romain,
Paris 1958, pp. 154 ss.; R. E. A. PALMER, Roman Religion and Roman Empire. /ive Essa7s, Philadelphia
1974, pp. 21 ss.; G. DUMZIL, "a religion romaine archaYque, cit., pp. 426 s. [= ID., "a religione romana
arcaica, cit., pp. 370 s.]; R. BLOCH, Interpretatio, cit., pp. 15 ss.
48

[48] Sul frammento e sul giurista sono da vedere P. PREIBISCH, /ragmenta librorum
ponti+iciorum, cit., p. 11 fr. 52; F. P. BREMER, Iurisprudentiae antehadrianae quae supersunt, I, cit., p.
29 fr. 1; C. THULIN, Italische sa>rale %oesie und %rosa. Eine metrische Untersuchung, Berlin 1906, pp. 59
ss.; PH. E. HUSCHKE - E. SECKEL - B. KBLER, Iurisprudentiae anteiustinianae reliquias, I, cit., p. 15 fr.
1.
49

[49] Plinius, Nat. hist. 28.18: 0errius /laccus auctores ponit, quibus credat in obpugnationibus
ante omnia solitum a Romanis sacerdotibus evocari deum, cuius in tutela id oppidum esset, promittique
illi eundem aut ampliorem apud Romanos cultum. Et durat in ponti+icum disciplina id sacrum, constatque
ideo occultatum, in cuius dei tutela Roma esset, ne qui hostium simili modo agerent; Servius Dan., in
Verg. Aen. 2.351: E[CE..ERE quia ante expugnationem evocabantur ab hostibus numina propter
vitanda sacrilegia. Inde est, quod Romani celatum esse voluerunt, in cuius dei tutela urbs Roma sit. Et
iure ponti+icum cautum est, ne suis nominibus dii Romani appellarentur, ne exaugurari possint;
Macrobius, Sat. 3.9.2-5: Constat enim omnes urbes in alicuius dei esse tutela, moremque Romanorum
sacerdoti romani per levocatio delle divinit che proteggevano due mortali nemici di
Roma, quali la citt etrusca di Veio e la metropoli africana dellimpero dei Fenici
dOccidente, Cartagine
50
[50].
Non posso certo discutere, qui e ora, le implicazioni teologiche e giuridiche della
formula e del rito delle evocationes degli Di del nemico; baster al riguardo
richiamare i risultati conseguiti nel lavoro, ormai fondamentale, di V. Basanoff
51
[51].
Mi preme, invece, evidenziare ancora una volta, proprio nelle evocationes degli Di del
nemico, una delle prove pi significative della costante apertura religiosa verso
lesterno della religione politeista romana, fortemente connaturata alla stessa
concezione di pax deorum elaborata dalla teologia e dal diritto dei sacerdoti romani.


5. La tradi.i$ne d$%u(entaria dei %$!!e'i sa%erd$ta!i %$(e +(e($ria, de!!e
istitu.i$ni 'iuridi%&e e $!iti%&e

Vorrei concludere questa mia comunicazione, formulando alcune considerazioni
pi generali sull'attendibilit e sulla rilevanza dei documenti riferibili agli archivi dei
grandi collegi sacerdotali romani; specialmente per quanto attiene alla ricostruzione
delle istituzioni giuridiche e politiche di Roma arcaica.
arcanum et multis ignotum +uisse ut, cum obsiderent urbem hostium eamque iam capi posse con+iderent,
certo carmine evocarent tutelares deos6 quod aut aliter urbem capi posse non crederent, aut etiam si
posset, ne+as aestimarent deos habere captivos. ,am propterea ipsi Romani et deum in cuius tutela urbs
Roma est et ipsius urbis "atinum nomen ignotum esse voluerunt. .ed dei quidem nomen non nullis
antiquorum, licet inter se dissidentium, libris insitum et ideo vetusta persequentibus quicquid de hoc
putatur innotuit. *lii enim Iovem crediderunt, alii "unam, sunt qui *ngeronam, quae digito ad os admoto
silentium denuntiat6 alii autem, quorum +ides mihi videtur +irmior, 9pem Consiviam esse dixerunt. Ipsius
vero urbis nomen etiam doctissimis ignoratum est, caventibus Romanis ne quod saepe adversus urbes
hostium +ecisse se noverant, idem ipsi quoque hostili evocatione paterentur, si tutelae suae nomen
divulgaretur.
50

[50] Per il contesto storico dellevocatio, cfr. V. BASANOFF, Evocatio. Wtude dun rituel militaire
romain, cit., pp. 37 ss.; R. BLOCH, Interpretatio, cit., pp. 17 s.; N. BERTI, .cipione Emiliano, Caio ;racco
e levocatio di ;iunone da CartagineM, in *evum 64, 1990, pp. 69 ss.
51

[51] Per un esame completo della documentazione antica e della dottrina moderna sulla formula e
sul rito, rinvio all'ampio studio di V. BASANOFF, Evocatio. Wtude dun rituel militaire romain, cit.; ma vedi
anche K. LATTE, R)mische Religionsgeschichte, cit., p. 125; G. DUMZIL, "a religion romaine archaYque,
cit., pp. 425 s. [= ID., "a religione romana arcaica, cit., pp. 369 s.]; J. ALVAR, "a +Trmula de la evocatio
7 su presencia en contextos desacrali'adores, in *rchivo EspaUol de *rqueolog_a 57, 1984, pp. 143 ss.;
ID., Mat!riaux pour l!tude de la +ormule sive deus, sive dea, in ,umen 32, 1985, pp. 236 ss.; J. RPKE,
Domi militiae. 4ie religi)se Zonstru>tion des Zriges in Rom, Stuttgart 1990, pp. 162 ss.; A. BLOMART,
4ie evocatio und der -rans+er +remder ;)tter von der %eripherie nach Rom, in H. CANCIK-J. RPKE (a
cura di), R)mische Reichsreligion und %rovin'ialreligion, cit., pp. 99 ss.
noto che i materiali religiosi e giuridici degli archivi sacerdotali
52
[52] (e quindi
il lessico e i concetti elaborati dai sacerdoti)
53
[53] rappresentano le evidenze pi
autentiche e le prime riflessioni sistematiche dellantica giurisprudenza romana
54
[54].
Questi materiali costituiscono altres il nucleo pi risalente e affidabile della
storiografia romana, poich in essi possibile trovare gli elementi basilari, le
caratteristiche originarie e la dialettica dello sviluppo delle istituzioni, pubbliche e
private.
I documenti sacerdotali sono da considerare, dunque, strumenti indispensabili
per un riesame complessivo dell'organizzazione 'politica' romana, a cominciare dalla
ridefinizione dello ius publicum in chiave non "statualista"
55
[55]; il ricorso a tali
documenti consente, inoltre, di superare linadeguatezza delle moderne categorie
52

[52] Le basi per la ricostruzione critica del materiale contenuto negli archivi sacerdotali erano gi
state poste, nella prima met dellOttocento, dalle opere di I. A. AMBROSCH: .tudien und *ndeutungen
im ;ebiet des altr)mischen 5odens und Cultus, Breslau 1839, in part. pp. 159 ss.; 9bservationum de
sacris Romanorum libris particula prima, Vratislaviae 1840; Xber die Religionsb(cher der R)mer, Bonn
1843; Buaestionum ponti+icalium caput primum, Vratislaviae 1848; Buaestionum ponti+icalium caput
alterum, Vratislaviae 1850. Sulle compilazioni sacerdotali e sul valore storico-giuridico dei dati provenienti
da tali documenti, vedi, fra gli altri, C. W. WESTRUP, 9n the *ntiquarian#3istoriographical *ctivities o+
the Roman %onti+ical College, Kbenhavn 1929 (lo stesso tema viene poi ripreso dal Westrup nel quarto
volume della sua opera di maggiore impegno: Introduction to earl7 Roman "a2. Comparative sociological
studies, I0. .ources and Methods, London-Copenhagen 1950); E. NORDEN, *us altr)mischen
%riesterb(chern, Lund-Leipzig 1939; R. BESNIER, "es archives priv!es, publiques et religieuses Rome
au temps des rois, in .tudi in memoria di Emilio *lbertario, II, Milano 1953, pp. 1 ss.; G. B. PIGHI, "a
religione romana, Torino 1967, pp. 41 ss.; infine F. SINI, 4ocumenti sacerdotali di Roma antica, I. Libri e
commentarii, Sassari 1983, pp. 17 ss.; J. A. NORTH, -he boo>s o+ the ponti+ices, in "a m!moire perdue.
Recherches sur ladministration romaine, Avant-propos de Claude Moatti, [Collection de lcole Franaise
de Rome, 243] Rome 1998, pp. 45 ss.
53

[53] F. SINI, 4ocumenti sacerdotali e lessico politico#religioso di Roma arcaica, in *tti del
Convegno sulla lessicogra+ia politica e giuridica nel campo delle scien'e dellantichit J-orino, $S#$K
aprile GK`SL, a cura di I. Lana e N. Marinone, [Suppl. al vol. 113, *tti dell*ccademia delle .cien'e di
-orino, II. Classe di .cien'e Morali, .toriche e /ilologiche], Torino 1980, pp. 127 ss.; pi in generale vedi
C. NICOLET, "exicographie politique et histoire romaine8 problAmes de m!thode et directions de
recherches, ibid., pp. 19 ss.
54

[54] Cfr., in tal senso, le Remarques prliminaires sur la dignit et lantiquit de la pense
romaine di G. DUMZIL, Id!es romaines, Paris 1969, pp. 9 ss.; in quelle pagine lillustre studioso
francese ha dimostrato, in maniera peraltro assai convincente, che des techniques aussi complexes que
laugurale ius et le ius civile taient constitues ds la fin des temps royaux, avec la rglementation
rigoureuse que nous leur connaissons au seuil de lEmpire (25).
Gi negli studi sulla giurisprudenza romana di P. JRS, R)mische Rechts2issenscha+t 'ur Veit der
Republi>, I. 5is au+ die Catonen, Berlin 1888, pp. 15 ss., si dedicava ampio spazio allanalisi della
pontificale Jurisprudenz e al ruolo insostituibile dei suoi Ritualvorschriften, intesi non senza ragione
come modelli della successiva elaborazione giurisprudenziale. Nello stesso senso, G. NOCERA,
Iurisprudentia. %er una storia del pensiero giuridico romano Roma 1973, pp. 11 ss.; ma soprattutto F.
WIEACKER, *ltr)mische %riester=urispruden', in Iuris pro+essio. /estgabe +(r Max Zaser 'um Sa.
;eburtstag, Wien-Graz-Kln 1986, pp. 347 ss.; ID., R)mische Rechtsgeschichte. Buellen>unde,
Rechtsbildung, <urispruden' und Rechtsliteratur, I, Mnchen 1988, pp. 310 ss.; cfr. anche M. BRETONE,
.toria del diritto romano, Roma-Bari 1987, pp. 107 ss.; A. SCHIAVONE, "inee di storia del pensiero
giuridico romano, Torino 1994, pp. 4 s.; e C.A. CANNATA, %er una storia della scien'a giuridica europea,
I. 4alle origini a "abeone, Torino 1997, pp. 33 ss.
55

[55] Per la critica all'interpretazione "statualista'' del sistema giuridico-religioso romano, rinvio ad
alcuni studi di P. CATALANO: %opulus Romanus Buirites, Torino 1974, pp. 41 ss. (con ampia analisi [pp.
52 ss.] dei motivi di opposizione nei confronti della Staatslehre mommseniana, presenti nella cultura
giuspubblicistica italiana dellOttocento); "a divisione del potere in Roma repubblicana, in P. CATALANO -
G. LOBRANO, Il problema del potere in Roma repubblicana [Pubblicazioni del Seminario di Diritto Romano
dellUniversit di Sassari, 1], Sassari 1974, pp. 9 ss. = ID., "a divisione del potere in Roma Ja proposito
di %olibio e di CatoneL, in .tudi in onore di ;iuseppe ;rosso, VI, Torino 1974, p. 673 ss. Da vedere anche
J. BLEICKEN, "ex publica. ;eset'e und Recht in der r)mischen Republi>, Berlin-New York 1975, pp. 16
ss. (Kritik der Staatsrechtslehre von Th. Mommsen). Pi di recente, tutta questa problematica stata
giuridiche a rappresentare pienamente le caratteristiche pi significative del "sistema
giuridico-religioso" dei Romani.
Nella tradizione documentaria dei collegi sacerdotali, possono individuarsi due
linee di tendenza, in qualche misura complementari. Da una parte, si riscontra un
formalismo assai rigoroso (cio conservazione del testo originario, o di quello ritenuto
tale) per quanto riguarda gli antichissimi carmina
56
[56], recitati ancora in et
imperiale avanzata in una forma linguistica molto antica, ormai mal compresi dagli
stessi sacerdoti (Quintilianus, Instit. orat. 1.6.39-41)
57
[57].
Lautorevole testimonianza di Quintiliano chiarisce le ragioni di un simile
comportamento da parte dei sacerdoti romani: illa mutari vetat religio et consecratis
utendum est. A questo proposito, mi pare da condividere la suggestiva interpretazione
del tradizionalismo rituale delle societ antiche, elaborata nellOttocento da Numa
Denis Fustel de Coulanges
58
[58].
D'altra parte i sacerdoti, mentre con prassi documentaristica costante e
minuziosa registravano gli atti significativi del loro operare quotidiano, procedevano
nel contempo all'aggiornamento linguistico dei testi riguardanti regole rituali e forme
di culto. Cos, di generazione in generazione, si vennero accumulando negli archivi
sacerdotali numerosi documenti per la maggior parte costituiti da decreta e
responsa
59
[59] che attraverso revisioni e sistemazioni periodiche pervennero
riaffrontata, con importanti contributi critici e metodologici, da G. LOBRANO, ,ote su \diritto romano] e
\scien'e di diritto pubblico] nel [I[ secolo, in Index 7, 1977 [ma 1979], p. 66; Il potere dei tribuni della
plebe, Milano 1982, pp. 6 ss.; 4iritto pubblico romano e costitu'ionalismi moderni [Pubblicazioni del
Seminario di Diritto Romano dellUniversit di Sassari, 5], Sassari 1990, pp. 81 ss.; Res publica res
populi. "a legge e le limita'ioni del potere [Pubblicazioni del Seminario di Diritto Romano dellUniversit di
Sassari, 10], Torino (1994) 1996, pp. 42 ss.
56

[56] Per il significato e l'antichit del termine vedi A. ROSTAGNI, .toria della letteratura latina, 3
ed., I, Torino 1964, p. 41. Derivano certamente dagli archivi dei sacerdoti sia il carmen saliare
(frammenti in: C. M. ZANDER, Carminis saliaris reliquiae, Lundae 1888; B. MAURENBRECHER, Carminum
.aliarium reliquiae, in <ahrb(cher +(r classische %hilologie, Suppl. XXI, 1894, pp. 315 ss.; W. MOREL,
/ragmenta poetarum latinorum epicorum et liricorum praeter Ennium et "ucilium, 2 ed. (1927), rist.
Stutgardiae 1963, pp. 1 ss.) sia il carmen *rvale (sul quale vedi: M. NACINOVICH, Carmen *rvale, 2
voll., Roma 1933-1934; E. NORDEN, *us altr)mischen %riesterb(chern, cit., pp. 99 ss.; G. RADKE,
*rchaisches "atein, Darmstadt 1981, pp. 100 ss.; I. PALADINO, Fratres Arvales. .toria di un collegio
sacerdotale romano, Roma 1988, pp. 195 ss.); ma anche le solenni formule giuridico-religiose di cui le
fonti ci hanno conservato i testi: Inauguratio, in Titus Livius 1.18.6 ss.; +oedus, in Titus Livius 1.24.3 ss.;
indictio belli, in Titus Livius 1.32.11-13; deditio, in Titus Livius 1.38.2; devotio, in Titus Livius 8.9.16;
evocatio, in Macrobio, .at. 3.9.7. Cfr. C. M. ZANDER, 0ersus Italici antiqui, Lundae 1890; C. THULIN,
Italische sa>rale %obsia und %rosa. Eine metrische Untersuchung, Berlin 1906; G. APPEL, 4e Romanorum
precationibus, [Religionsgeschichte Versuche und Vorarbeiten, 7.1] (Gissae 1909) rist. an. New York
1975; G. B. PIGHI, "a poesia religiosa romana, Bologna 1958.
57

[57] Quintilianus, Instit. orat. 1.6.39-41: 0erba a vetustate repetita non solum magnos
adsertores habent, sed etiam ad+erunt orationi maiestatem aliquam non sine delectatione8 nam et
auctoritatem antiquitatis habent, et, quia intermissa sunt, gratiam novitati similem parant. .ed opus est
modo, ut neque crebra sint haec nec mani+esta, quia nihil est odiosius ad+ectatione6 nec utique ab ultimis
et iam oblitteratis repetita temporibus, qualia sunt \topper] et \antegerio] et \exanclare] et \prosapia]
et .aliorum carmina vix sacerdotibus suis satis intellecta. .ed illa mutari vetat religio et consecratis
utendum est. Cfr. E. PERUZZI, *spetti culturali del "a'io primitivo, Firenze 1978, p. 166.
58

[58] N. D. FUSTEL DE COULANGES, "a cit! antique. Wtude sur le culte, le droit, les institutions de
la ;rAce et de Rome (1864), 16 ed., Paris 1898, p. 197: Toutes ces formules et ces pratiques avaient
t lgues par les anctres qui en avaient prouv lefficacit. Il ny avait pas innover. On devait se
reposer sur ce que ces anctres avaient fait, et la suprme pit consistait faire comme eux. Il
importait assez peu que la croyance changet: elle pouvait se modifier librement travers les ges et
prendre mille formes diverses, au gr de la rflexion des sages ou de limagination populaire. Mais il tait
de la plus grande importance que les formules ne tombassent pas en oubli et que les rites ne fussent pas
modifis [= ID., "a citt antica, trad. it. di G. Perrotta (1924), rist. con nota introduttiva di G. Pugliese
Carratelli, Firenze 1972, p. 202].
59

sostanzialmente integri ai sacerdoti-giuristi e agli antiquari degli ultimi due secoli
dell'et repubblicana
60
[60].




[59] La distinzione tra i decreta e i responsa sacerdotali non risulta del tutto chiara in dottrina:
per tutti, P. JRS, R)mische Rechts2issenscha+t 'ur Veit der Republi>, cit., pp. 29 ss.; E. DE RUGGIERO,
v. 4ecretum, in 4i'ionario Epigra+ico di *ntichit Romane, II.2, Roma 1910, pp. 1497 ss.; G. WISSOWA,
Religion und Zultus der R)mer, 2 ed., Mnchen 1912, pp. 541 s., 527 ss., 551; F. SCHULZ, 3istor7 o+
Roman "egal .cience, 2 ed., Oxford 1953, pp. 15 ss. [= ID., .toria della giurispruden'a romana, trad.
it. a cura di G. Nocera, Firenze 1968, pp. 37 ss.]. Nellambito di uno studio pi ampio sulla normativa
decretale in Roma repubblicana, si occupa dei decreta ponti+icum G. MANCUSO, .tudi sul decretum
nellesperien'a giuridica romana, in *nnali del .eminario ;iuridico dellUniversit di %alermo 40, 1988,
pp. 78 ss.; infine da menzionare (ma non ho potuto vedere) L. L. COHEE, Responsa and decreta o+
Roman priesthoods during the Republic, Dissertation University of Colorado at Boulder 1994. Per quanto
riguarda i responsa, non neppure certo se, e in che misura, essi vincolassero il magistrato, il senato o il
privato che li avevano richiesti; tuttavia il prestigio dei sacerdoti era tale da far s che raramente
venissero disattesi. Cfr. Cicero, 4e harusp. resp. 6.12: Buae tanta religio est qua non in nostris
dubitationibus atque in maximis superstitionibus unius %. .ervili ac M. "uculli responso ac verbo
liberemurC 4e sacris publicis, de ludis maximis, de deorum penatium 0estaeque matris caerimoniis, de
illo ipso sacri+icio quod +it pro salute populi Romani, quod post Romam conditam huius unius casti tutoris
religionum scelere violatum est quod tres ponti+ices statuissent, id semper populo Romano, semper
senatui, semper ipsis dis immortalibus satis sanctum, satis augustum, satis religiosum esse visum est.
60

[60] Mi permetto di rinviare a quanto ho gi trattato in un mio precedente lavoro (F. SINI,
4ocumenti sacerdotali di Roma antica, cit., pp. 163 ss.), dove credo di aver dimostrato la sostanziale
continuit della tradizione documentaria sacerdotale, individuando, anche, alcune probabili revisioni o
sistemazioni dei materiali degli archivi nel corso della storia di Roma.