Sei sulla pagina 1di 67

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI UDINE

Corso di Laurea Triennale in

Scienze e Tecnologie Multimediali


cl. L !"

IL SU#N# E L# S$%&I# MET#DI E TECN#L#GIE C#NTEM$#R%NEI' D%LL% REGISTR%&I#NE %LL% DI((USI#NE

Relatore) $ro*. Gio+anni De Mezzo

Laureando) Marco (urlanetto N di matr.: ,"-./

%NN# %CC%DEMIC# !"0!102

INDICE
ABSTRACT........................................................................................................................................2 INTRODUZIONE............................................................................................................................./ 1 LA PERCEZIONE DELLA SPAZIALIT: LA DEFINIZIONE DELLO SPAZIO UDITIVO................................................................................................................................ 1.1 La localizzazione di una sorgente sonora................................................................... 1.2 3RIR e 3RT(................................................................................................................0! 2 LA REGISTRAZIONE DELLA SPAZIALIT: IMMORTALARE LO SPAZIO CON IL SUONO.................................................................................................................02 2.1 I 4rinci4i della ri4resa s4aziale.................................................................................02 2.1.1 La ri4resa s4aziale 4er il cinema......................................................................0/ 2.2 Tecnic5e 6inaurali........................................................................................................02.2.1 La ri4resa 6inaurale............................................................................................02.2.2 Dumm7 5ead recording....................................................................................0. 2.2.3 #lo*onia...............................................................................................................!" 2.3 Tecnic5e di registrazione surround..........................................................................!0 2.3.1 Coincident arra7 tec5ni8ues.............................................................................!0 2.3.1.1 %m6isonics.................................................................................................!! 2.3.1.2 Dou6le M1S.................................................................................................!9 2.3.2 Near coincident arra7 tec5ni8ues....................................................................!2.3.3 S4aced tec5ni8ues..............................................................................................!2.3.3.1 (ront Micro45one :Tri4let: Tec5ni8ues...................................................!. 2.3.3.1.1 Decca Tree.........................................................................................!. 2.3.3.1.2 Surround Decca Tree.......................................................................!; 2.3.3.1.3 (u<ada Tree' 67 %. (u<ada' N3=.................................................!, 2.3.3.1.4 #CT >#4timized Cardioid Triangle?' 67 G. T5eile @ 3. Aitte<' IRT......................................................................................................2" 2.3.3.1.5 #CT !.................................................................................................2" 2.3.3.1.6 #CT Surround >21! Stereo setu4?' 67 G. T5eile' IRT...................20 2.3.3.1.7 IN%.....................................................................................................20 2.3.3.2 9 C5annel :Rear: Micro45one Tec5ni8ues.............................................2! 2.3.3.2.1 IRT Cross >a<a BT5eileC or B%tmoC cross?' 67 G. T5eile' IRT....22 2.3.3.2.2 3amasa<i S8uare' 67 =. 3amasa<i' N3=...................................22 2.3.3.2.3 #RT( Surround................................................................................29 2.3.3.3 ! C5annel :Rear: Micro45one Tec5ni8ues.............................................29 2.3.3.3.1 Dumm7 5ead tec5ni8ue..................................................................2/ 2.3.3.3.2 S4ace cardioid tec5ni8ue................................................................2/ 2.3.3.4 Surround Micro45ones.............................................................................22.3.3.4.1 D$% /0""...........................................................................................22.3.3.4.2 3olo45one Micro45ones................................................................2. 2.3.3.4.3 Sc5oe4s =(M 2-" Surround Micro45one S7stem.......................2; 0

3 L'ELABORAZIONE DELLA SPAZIALIT : LA SPAZIALIZZAZIONE.................9" 3.1 La creazione di am6ienti realistici.............................................................................90 3.2 Imaging and $anning..................................................................................................90 3.3 Tecnic5e di 4anning multi canale.............................................................................92 3.3.1 $airDise am4litude 4anning.............................................................................99 3.3.2 Raccomandazioni sul 4anning 4er %m6isonic...............................................99 3.3.3 3ead related 4anning........................................................................................9/ 3.4 DoDnmiEing.................................................................................................................93.5 U4miEing >B(auE /.0C?................................................................................................93.6 L:e+oluzione della 4ost 4roduzione surround........................................................9. 3.6.1 %MS NEVE D(C consoles.................................................................................9; 3.6.2 Studer e il VS$.....................................................................................................9; 3.6.3 I#S#N# e l:audio s4aziale...............................................................................9, 3.6.4 Aa+es 2-"F Surround Tools' un esem4io di suite VST dedicata al surround..............................................................................................................9, 3.7 Un caso 4articolare di 4assaggio dal dominio analogico a 8uello digitale) dal Dorldizing al con+olution re+er6......................................................................./0 4 LA RIPRODUZIONE DELLA SPAZIALIT: LA DIFFUSIONE IMMERSIVA...../2 4.1 imm sound..................................................................................................................../9 4.2 Dol67 %tmos................................................................................................................./4.3 %uro 2D........................................................................................................................./. BIBLIOGRAFIA..............................................................................................................................-" SITOGRAFIA..................................................................................................................................-! FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI...............................................................................................-2

ABSTRACT

S4atial audio is a conce4t t5at noDada7s originates an enormit7 o* su6Gects . In t5is 4a4er some o* t5ese su6Gects are intended to 6e made' 4utting t5e 5uman role as t5e t5ird 4art7 element in a relation D5ic5 re4resents suc5 a li+el7 *ield o* studies' researc5 and eE4erimentation. T5e ado4ted a44roac5 deal Dit5 more tec5nical and aest5etic coordinates' t5an semantic and contents related ones' Dit5 t5e Dill to ma<e an excursus a6out t5e t5eories and 4rocedures o* t5e 5uman com4re5ension and re4roduction models u4on t5e s4atial audio conce4t. T5ese models 5a+e clearl7 seen a +er7 acti+e and 4roducti+e tec5nological actualization' alt5oug5 it can:t 6e com4ared ' at least until t5e recent 7ears' Dit5 t5e +isual com4onent. In *act' t5ese tec5ni8ues and tec5nologies 5a+e 6een 4articularl7 a44lied in t5e artistic s45ere and' more 4recisel7' in t5e musical and audio +isual areas. T5ere67' muc5 o* t5e 4resented in t5is Dor< is t5e result o* great interest and *urt5er in de4t5 anal7sis a6out t5e modern eE4erience Dit5 t5e de*inition o* met5ods and t5e realization o* tools directed to t5e eE4erimental and inno+ation usage and t5e more 4roducti+e' 4ractical and commercial one as Dell' tr7ing to distinguis5 t5e res4ecti+e goals and to s5oD a 6road ruling too' Dit5out going *urt5er Dit5 4redictions t5at ma7 6e easil7 re+ealed as untrue. E+en in recognizing t5e com4leEit7 6etDeen man7 to4ics' t5ere is t5e aDareness a6out an a6solutel7 *ascinating and *ull o* *ood *or t5oug5t matter' as Dell as Dort5 o* greater sensorial consideration. In *act' a su4erior s4ot is occurring in recent times t5an<s to t5e esta6lis5ing o* neD tec5nologies D5ic5 are a6le to do Gustice to t5e auditor7 com4leEit7 and +italit7 in t5e real Dorld. T5e <e7 Dords are realism' immersion and emotional in+ol+ement' eac5 one recurring D5en one tal<s a6out 5earing t5e s4ace t5roug5 t5e sound.

INTRODUZIONE La dimensione s4aziale >o s4azialitH? del suono I uno degli as4etti maggiormente interessati da studi' s4erimentazioni e' 8uindi' rinno+ate a44licazioni tecnologic5e. Tutta+ia' in +irtJ della reale natura del suono' sare66e 4iJ corretto 4arlare di multi dimensione s4aziale' con il 4reciso ri*erimento a due concetti) 1. la 4ro4agazione tridimensionale di un segnale sonoro emesso da una sorgenteK 2. la connotazione tridimensionale dello s4azio uditi+o in cui un ascoltatore I collocato' in continua ricezione di segnali sonori 4ro+enienti da 8ualsiasi direzione. Le suddette sono condizioni costanti' 4resso le 8uali un ascoltatore rica+a im4ortanti in*ormazioni dell:am6iente in cui I' letteralmente' immerso. I caratteri della s4azialitH' siano essi 4ro4ri di situazioni reali >ad esem4io' un concerto di musica sin*onica in un teatro' o un:a**ollata 4iazza commerciale di una grande cittH?' o44ure ricercati ar6itrariamente tramite s4azializzazione >ad esem4io' una 6attaglia su un antico cam4o di guerra' con com6attimenti tutt:intorno' o44ure un ar4eggio di c5itarra ri+er6erato e localizza6ile +erso sinistra? sono oggi ottenuti sulla 6ase di decenni di s4erimentazioni tecnic5e e s+ilu44i tecnologici. In*atti' l:intera catena audio >articola6ile in tre macro *asi) registrazione' 4ost 4roduzione e di**usione? 5a conosciuto una moltitudine di inno+azioni' 4iJ o meno eclatanti' con la tendenza generale del coin+olgimento immersi+o' attua6ile realizzando le due condizioni 4recedentemente es4oste. Dalle tecnic5e micro*onic5e e i micro*oni stessi' alle tecnic5e e gli strumenti >5ardDare e so*tDare? di 4ost 4roduzione' 4er arri+are ai sistemi di di**usione' l:intenzione dominante I stata 8uella di ri4rendere' ela6orare e ri4rodurre le in*ormazioni s4aziali dei suoni' delle sorgenti c5e li 4roducono e dell:am6iente in cui esse si collocano. L:ascoltatore de+e 4oter raggiungere un alto grado d:immedesimazione nell:es4erienza' coadiu+ato magari' nel caso di un audio +isi+o' dalle immagini' con cui i suoni de+ono intrattenere un *ondamentale ra44orto di coerenza stilistica' di cui uno dei 4iJ im4ortanti *attori I la +erosimiglianza. Essa s*ocia s4esso e +olentieri nell:i4er realismo' 8uella situazione di realtH aumentata' di 4articolari esas4erati' di mani4olazioni con un 4izzico di licenza creati+a' il tutto al ser+izio' come si I giH detto' del coin+olgimento. L:o6ietti+o I rendere +i+o il momento e il luogo in cui si *ruisce dell:es4erienza e di riuscire a *ar scon*inare al di *uori dello sc5ermo 8uello c5e si sta +edendo' o di +enire 4roiettati in una situazione di ascolto musicale di**uso' senza una 4recisa identi*icazione dei 4unti di di**usione. I sistemi stereo*onici' in 8uesto senso' si sono e+oluti aumentando 4rogressi+amente la co4ertura sonora intorno all:ascoltatore' 4rima sul 4iano 4lanare >di**usori *rontali' laterali e 4osteriori? e 8uindi su 8uello mediano >di**usori so4raele+ati' su 4arete o da so**itto?' adem4iendo cosL alla 4iena tridimensionalitH dello s4azio uditi+o e meritando l:a44ellati+o di surround. Sono 4rinci4almente due le 4ercezioni c5e de+ono essere soddis*atte) 8uella di immersione' ossia di sentirsi calati nel mezzo di uno s4azio dinamico e 4regno di suoni' e 8uella di localizzazione' o++ero la ca4acitH di identi*icare la /

4ro+enienza di un segnale sonoro' attra+erso la decodi*ica' da 4arte del cer+ello' dei cam4i sonori diretto ed indiretto. Solo cosL si concorre ad una corretta de*inizione dello s4azio uditi+o. $arallelamente alla contro4arte +isi+a' anc5e l:audio 4uM *regiarsi di una nomea' tanto cara al mar<eting odierno' c5e I sem4licemente un ri*erimento alla reale natura del suono) 2D' tridimensionale. Se I +ero c5e 8uanto tecnicizzato in termini di s4azializzazione N *isica' con i sistemi di natura stereo*onica' e +irtuale' con le tecnic5e di DS$ N 5a ele+ato il grado di so*isticatezza e di com4lessitH dei sistemi di registrazione' 4ost 4roduzione e di**usione' raggiungendo alti li+elli di resa s4aziale' I altrettanto +ero c5e esistono di+ersi altri +alidi metodi. $er esem4io' le tecnic5e 6inaurali' 6asate sul naturale 4rocesso d:ascolto umano' con tutte le +aria6ili anatomic5e c5e esso com4ortaK o44ure' le tecnic5e di sintesi del cam4o sonoro' o4eranti nel dominio audio +irtuale. Si 4uM dire c5e tali metodi stiano *inalmente con8uistando terreno al di *uori del contesto s4erimentale' nonostante di+erse limitazioni siano ancora in essere >costi di 4roduzione' modalitH di *ruizione' massi*icazione tecnologica?. Le 4rinci4ali a44licazioni sono le 4er*ormance musicali dal +i+o >in am6ienti 4eculiari?' il settore +ideo ludico e la simulazione di am6ienti +irtuali' ma sta crescendo l:interesse anc5e da 4arte di altri am6iti' come 8uello audio +isi+o' nonostante sia saldamente ancorato alla stereo*onia. Una 4roduzione multi canale de+e essere in grado di con*erire +erosimiglianza alla situazione sonora c5e si 4re*igge di ricreare. In *ase di 4rogettazione del com4arto sonoro >sound design? si 4ros4ettano anc5e 8uanti e 8uali *ormati di di**usione andranno im4lementati. CiM com4orta l:allineamento o4erati+o dell:intera sound crew c5e 4otrH cosL la+orare nel modo 4iJ 4ertinente 4ossi6ile in merito agli o6ietti+i da raggiungere. Con l:introduzione sul mercato dei nuo+i sistemi audio 2D' il workflow audio I stato assecondato dai medesimi 4roduttori delle suddette tecnologie al *ine di garantire il massimo in+estimento 4ossi6ile di tem4o ed energie nel 4rocesso di creazione' senza *ar gra+are 8uestioni tecnic5e contro4roducenti. Un 4arametro di grande im4ortanza I' a44unto' l:automazione' ossia la 4ossi6ilitH di rendere automatic5e 8uelle o4erazioni c5e risc5iano di sottrarre 8ualsi+oglia risorse ad altri 4assaggi dal carattere creati+o. %utomatic5e sia nel senso di indi4endenti dall:inter+ento manuale' sia nel senso di estremamente sem4li*icate. Un esem4io 4ratico I l:automazione a44licata alla >retro?com4ati6ilitH tra materiali e sistemi' dal momento c5e un 4rodotto audio +isi+o de+e 4oter essere *rui6ile a 4rescindere dalla tecnologia im4iegata 4er la di**usione >ad esem4io' sale cinematogra*ic5e non e8ui4aggiate con gli ultimi sistemi audio 2D' o lo s4ettatore domestico c5e non dis4one di un im4ianto surround?. O innega6ile c5e +i sia molto *er+ore intorno al mondo della s4azialitH sonora e data la continua ricerca I lecito as4ettarsi ancora molto' nonostante da un certo 4unto di +ista sia di**icile andare oltre la tridimensionalitH del suono. CiM c5e +anta un certo margine I l:ottimizzazione tecnologica di tutta la catena audio. Inoltre' rimane aus4ica6ile una decisa con+ergenza delle +arie tecnic5e ancora *ortemente s4erimentali +erso l:industria commerciale' una +olta c5e si saranno su4erati i limiti legati alla com4ati6ilitH multi *ormato' al su44orto in*ormatico 4er l:ela6orazione dei *lussi di dati e ai costi e alla 4raticitH d:installazione dei sistemi di di**usione. -

C !"#$%$ I LA PERCEZIONE DELLA SPAZIALIT: LA DEFINIZIONE DELLO SPAZIO UDITIVO


T5e main di**erence 6etDeen t5e tDo ears is t5at t5e7 are not in t5e same 4lace.0

1.1 L %$& %"'' '"$() *" +( ,$-.)(#) ,$($Tale 4rocesso consiste nell:indi+iduazione s4aziale di una sorgente sonora' in seguito o nel mentre di una sua emissione sonora. Lo s4azio uditi+o I un:entitH tridimensionale' ossia I l:interezza dello s4azio in cui si 4uM 4ro4agare un:onda di 4ressione sonora. Ra44resentato gra*icamente' si tratta di una s*era al cui cuore I situato l:ascoltatore. La localizzazione a++iene su due 4iani' o dimensioni) 1. orizzontale >horizontal sound localization? 2. +erticale >vertical sound localization? Inoltre' il sistema uditi+o I in grado di sta6ilire >con 6uona a44rossimazione' tranne in alcuni casi limite? la distanza esistente tra la 4ro4ria 4osizione e 8uella della sorgente sonora. ! La localizzazione orizzontale' alla 6ase della stereo*onia ' si *onda sostanzialmente su due meccanismi >la cosiddetta Duplex Theory ?) 1. ITD >interaural time difference? 9 2. ILD >interaural level difference? o IID >interaural intensity difference? La rile+anza di ciascuno sulla localizzazione della sorgente sonora di4ende dalla com4osizione s4ettrale del segnale emesso e dalla connotazione acustica dell:am6iente in / cui la sorgente e l:ascoltatore 4ossono tro+arsi. Entram6i s*ruttano la dis4osizione degli a44arati uditi+i ai lati della testa. Puesto *a sL un segnale sonoro emesso da una sorgente in 4osizione non 4er*ettamente *rontale >8uindi con angolo azimutale Q "F? +enga 4erce4ito con tem4i >ITD? e li+elli di 4ressione sonora >ILD? di**erenti tra un orecc5io e l:altro. Nel dominio tem4orale' a+remo c5e il suono arri+a 4rima ad un orecc5io >suono diretto' first wavefront?' 4oi all:altro >ri*lessioni sull:am6iente circostante?. Nel dominio energetico' a+remo c5e il suono arri+a 4iJ *orte ad
0 S. C%RLILE' !irtual "uditory #pace: $eneration and "pplications' S4ringer 0,,-' 4. 2/K cit. di R. S. A##DA#RT3' 3. SC3L#SRERG' %xperimental &sycholo'y' NeD Sor<' 3olt' Rine5art and Ainston' 0,-!. ! D. T. S%NG' C. =SRI%=%=IS' C. C. T%S =U#' (i'h)*idelity +ultichannel "udio ,odin'' NeD Sor<' 3indaDi' !""-' 4. 02. 3 Teoria 4ro4osta da Lord Ra7leig5 nel 0,". e ri4resa da T. RL%UERT' #patial (earin' ) the &sychophysics of (uman #ound Localization' Cam6ridge' Mit $ress' 0,;2. 9 S. C%RLILE' !irtual "uditory #pace: $eneration and "pplications' S4ringer' 0,,-' 4. 2/. / (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. 2..

un orecc5io e 4iJ de6ole all:altro. Comune ad am6edue i meccanismi I l:energia s4ettrale di un suono' nel senso c5e le 8ualitH s4ettro mor*ologic5e di un suono in*luiscono 4esantemente sulla sua 4ercezione e sulla sua localizzazione' sia relati+amente al dominio tem4orale c5e a 8uello energetico.

(ig. 0 N Esem4io di ricezione di un segnale sonoro' con ra44resentazione dei concetti di ITD e ILD e' 8uindi' della localizzazione sul 4iano 4lanare.

La localizzazione +erticale risulta maggiormente com4lessa ris4etto a 8uella orizzontale' 4oic5U ci sono 4iJ elementi ad in*luenzare la 4ercezione) la testa' la 8uale 5a un e**etto sc5ermante sulle *re8uenze acute l:orecchio esterno N in 4articolare la 4inna N 4ossiede delle aree di risonanza c5e am4li*icano o ri*lettono i segnali con lung5ezza d:onda limitata e in misura *ortemente di4endente dalla loro direzione le spalle e il torso attenuano i segnali sonori 4ro+enienti dal 6asso e ri*lettono 8uelli dall:alto.

(ig. ! N Come l:anatomia dell:orecc5io umano in*luenza la ricezione di un segnale sonoro.

CiM c5e a++iene I un com4lesso *iltraggio dei segnali sonori' i 8uali +engono 4erce4iti' a seconda della loro ele+azione' a seguito di sensi6ili modi*icazioni' sia nel dominio s4ettrale c5e 8uello tem4orale' *rutto di 4recise interazioni con le suddette 4arti anatomic5e. La determinazione dell:ele+azione di una sorgente sonora 4ermette di colmare una lacuna della localizzazione orizzontale' de*inita cono di confusione) 8ualora si tentasse di descri+ere una sorgente in un 4unto 8ualsiasi dello s4azio tridimensionale la teoria Du4leE *ornire66e in*initi 4unti di localizzazione lungo cur+e di uguale distanza dagli orecc5i' cioI cur+e c5e ammettono gli stessi ILD e1o ITD. Tali cur+e *ormano il cosiddetto cono di con*usione. Gli e**etti direzionali introdotti dalla 4inna 4ossono risol+ere 8uesti casi di am6iguitH' in 4articolare 4er la localizzazione +erticale' con la de*inizione dello zenit5.

(ig. 2 N Il cono di con*usione.

Un im4ortante considerazione +a 4osta 4oi al mo+imento della testa' naturale atteggiamento occorrente anc5e in ris4osta a necessitH +isi+e. Esso com4orta 8uindi la traslazione dei 4iani dimensionali con conseguente +ariazione dei ri*erimenti di ricezione dei segnali sonori e localizzazione delle sorgenti sonore. Si 4ensi ad esem4io ai casi in cui a44aia di**icile' o non immediato' identi*icare la 4ro+enienza di un suono) si 4uM tendere a rimanere in 4osizione *issa' magari nel caso di una sorgente in mo+imento' o44ure 4uM risultare s4ontaneo ruotare o inclinare la testa alla ricerca di una condizione maggiormente *a+ore+ole alla ricezione di ri*erimento ri+elatori sulla 4osizione della sorgente. La ca4acitH umana di 8uanti*icare la distanza di una sorgente sonora I condizionata 4rinci4almente dall:identi*icazione' da 4arte dell:ascoltatore' della sorgente sonora' dalla *amiliaritH con essa e dall:acustica am6ientale c5e +a a +iziare la 4ro4agazione e la ricezione del segnale sonoro. I cosiddetti distance clues 4ossono essere relati+i a tre as4etti) 1 s4ettro delle *re8uenze 2 intensitH >o loudness? 3 ri+er6erazione Es4erimenti condotti da Gardner e Von Re<es7 5anno 4ortato alla conclusione c5e
- M. R. G%RDNER' Distance estimation of 0 or apparent 0)oriented speech si'nal in anechoic space ' Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' Vol. 9/' 0,-,' 44. 9. /2. 7 G. V#N RE=ESS' The moon illusion and similar auditory phenomena' T5e %merican Tournal o* $s7c5olog7' Vol. -!'
.

molto s4esso tra i 2 e i 0/ metri di distanza dall:ascoltatore non +i I coincidenza *ra la distanza 4erce4ita della sorgente sonora e la sua distanza reale' 4oic5U I raro c5e sussistano le condizioni ideali c5e 4ermettono di determinare la distanza solo sulla 6ase di +ariazioni d:intensitH del segnale) 8uest:ultimo do+re66e mantenere un li+ello di 4ressione sonora costante nel tem4o e l:ascoltatore do+re66e 4oter dis4orre di un ri*erimento assoluto al riguardo' in modo da e**ettuare il do+uto con*ronto. Se cosL *osse' la distanza dalla sorgente sare66e 8uanti*ica6ile con la le''e inversa del 1uadrato2.

(ig. 9 N Ra44resentazione della legge in+ersa del 8uadrato.

Tutta+ia' le attenuazioni non riguardano soltanto la 4ressione sonora' ma anc5e lo s4ettro di *re8uenze del segnale' a causa delle 4ro4rietH *isic5e del suono in relazione al mezzo di 4ro4agazione. In ri*erimento so4rattutto alle distanze su4eriori ai 0/ metri dalla sorgente' si a+rH c5e le *re8uenze acute' 4er loro natura' si smorzano 4rima di 8uelle gra+i e tenendo conto del *atto c5e 8ueste ultime non sono caratterizzate da direzionalitH >8uantomeno rile+ante?' di un segnale sonoro se ne 4erce4irH la distanza ma non necessariamente la locazione. %l contrario' con una distanza com4resa tra i 2 metri e i 0/ centimetri non si 4uM 4iJ ignorare il *iltraggio dello s4ettro di un segnale o4erato dalla , testa e dall:orecc5io esterno dell:ascoltatore' in 8uanto il *ronte d:onda non I considera6ile 4iano come 4er le distanze maggiori' 6ensL s*erico. In 8uesto senso' alcuni test s+olti da 0" LaDs dimostrarono c5e le +ariazioni di s4ettro di4endenti dalla distanza esistono 4er sorgenti molto +icine >V !/ centimetri?' mentre' allontanandosi *ino ai 2 metri' tali +ariazioni si *anno +ia +ia 4iJ tenui' a meno di non testare segnali 3road3and44. In*ine' 4er le distanze molto ridotte >nell:ordine del raggio della testa? non si 4arla 4iJ di localizzazione ma di lateralizzazione) la sensazione I 8uella di 4erce4ire un segnale 4ro+eniente da una sorgente interna della testa >I3L' 5nside)the)(ead Locatedness? e non dall:esterno come 4er la localizzazione. Puesto ti4o di 4ercezione I ti4ica della ri4roduzione in cu**ia' 4ro4rio 4erc5U lo stimolo sonoro +iene 4roiettato direttamente nell:orecc5io interno' annullando cosL l:azione *iltrante di testa e 4inna' le 8uali' come si I detto' 4ermettono la localizzazione' intesa come sensazione dello s4azio tridimensionale.
Uni+ersit7 o* Illinois $ress' 0,9,' 44. /9" //!. ; L:intensitH di una sorgente sonora omnidirezionale si riduce di circa - dR 4er ogni raddo44io della distanza della sorgente sonora. , Data un:onda c5e si 4ro4aga nello s4azio' il *ronte d:onda costituisce l:insieme dei 4unti c5e +i6rano concordemente' ossia c5e si tro+ano in coincidenza di *ase. 0" $. L%AS' 6n the pro3lem of distance hearin' and the localization of auditory event inside the head ' Dissertation' Tec5nisc5e 3oc5sc5ule' %ac5en' 0,.!. 11 Un segnale 3road3and I costituito da com4onenti *re8uenziali estese e +arie' distri6uite 4er l:intero s4ettro. Si contra44one al segnale narrow3and' il 8uale 4resenta una +arietH *re8uenziale limitata.

0"

La lateralizzazione I una 4ercezione ti4icamente con*erita da registrazioni e**ettuate mediante l:utilizzo delle tecnic5e stereo*onic5e tradizionali' in 8uanto la s4azialitH I a++erti6ile sul solo asse intracranico c5e +a da orecc5io ad orecc5io. %l contrario' con la tecnica de*inita re'istrazione 3inaurale ) e la dummy head recordin' in 4articolare +iene simulata *edelmente la 4ercezione s4aziale umana e il 4rocesso di localizzazione c5e a++iene relati+amente allo s4azio tutt:intorno' 8uindi esternamente alla testa. Riassumendo' +engono raccolti ri*erimenti 4er ciascuno orecc5io > monoaural cues? e con*rontati tra loro >difference cues o 3inaural cues?' nonostante +i siano studi c5e dimostrino la ca4acitH di localizzare una sorgente anc5e solo con un orecc5io. Tali ri*erimenti sono *rutto dell:interazione tra la sorgente sonora' il segnale originale emesso e l:anatomia umanaK una loro ela6orazione a li+ello cere6rale 4ermette la localizzazione della sorgente. Puesto ti4o di 4ercezione del suono 4uM essere misurata e tras4osta matematicamente' al *ine di ottenere algoritmi c5e consentano la simulazione di am6ienti tridimensionali +irtuali.

(ig. / N Ra44resentazione riassunti+a delle distanze angolari e dei 4iani dimensionali con i 8uali I suddi+isi6ile lo s4azio uditi+o.

00

1.2

/RIR ) /RTF

La +olontH di studiare in modo a44ro*ondito il *unzionamento dell:a44arato uditi+o e di de*inirlo tramite algoritmi 5a 4ortato a conce4ire la localizzazione di una sorgente sonora come una serie di in*ormazioni' o ri*erimenti' risultanti dall:interazione tra am6iente' sorgente sonora e relati+a direzionalitH' mezzo di 4ro4agazione e ascoltatore N nello s4eci*ico torso' s4alle' testa ed orecc5io' esterno ed interno. Tali ri*erimenti 4ossono essere rile+ati e 8uanti*icati tramite ris4osta all:im4ulso > impulse response?' la 8uale' in 8uesto senso' assume la denominazione di (ead)Related 5mpulse Response >(R5R?. La 0! relati+a tras*ormata in *re8uenza di (ourier I de*inita (ead)Related Transfer *unction 02 09 >(RT*?. Inizialmente teorizzata da Rlauert ' sono gli es4erimenti di Aig5tman e =istler 0/ 0- 0. 0; ' 6asati sulle 4rocedure s+ilu44ate da Me5rgardt e Mellert ' a introdurre l:era 0, moderna degli studi 6inaurali N in 4articolare della 3RT(. Essi utilizzarono sonde micro*onic5e all:interno delle orecc5ie 4er rile+are e de*inire la *unzione di tras*erimento dalla sorgente sonora al tim4ano) 8uella c5e +enne de*inita' a44unto' come 3RT(' e la sua relati+a >nel dominio tem4orale? 3RIR. #++iamente' esse +ariano di caso in caso' dal momento c5e sono soggette a +aria6ili *isic5e' anatomic5e e am6ientali. Una s4eci*ica co44ia 3RIR 3RT( I unica e soggetti+a' 4uM ri*erirsi esclusi+amente a un determinato insieme di ri*erimenti misurati con un 4reciso tester. Sul 4iano 4ratico' la misurazione di un 3RIR +iene e**ettuata in un am6iente anecoico' in modo da ottenere il giH menzionato clean si'nal. Vengono 8uindi im4iegate delle teste arti*iciali >o dummy head? 4ro++iste di *edeli re4lic5e dell:orecc5io umano' al cui interno I collocata una s4eciale ca4sula micro*onica. In 8uesto modo' il segnale sonoro sarH 4erce4ito ad a++enuto *iltraggio da 4arte dell:orecc5io esterno. La 3RT( I im4iegata nello s+ilu44o di am6ienti sonori tridimensionali +irtuali' come' ad esem4io' nell:am6ito +ideo ludico' e nella simulazione dell:e**etto surround >virtual surround?' a44licato nel settore della tecnologia di consumo.

0! Trattasi di uno strumento di calcolo c5e 4ermette di rica+are da un segnale generico >4eriodico o meno? una somma in*inita di sinusoidi caratterizzate da 4arametri 8uali *re8uenza' am4iezza e *ase di**erenti. L:insieme di +alori in *unzione della *re8uenza I detto spettro di ampiezza e spettro di fase. 02 T. RL%UERT' R7umliches (8ren. S. 3irzel Verlag' Stuttgart' 0,.9. 09 (. L. AIG3TM%N' D. T. =ISTLER' (eadphone simulation of free)field listenin'. 5: #timulus synthesis9 Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,;,' ;/);/;N;-.. 15 5vi9 ;.);-;N;.;. 0- (. L. AIG3TM%N' D. T. =ISTLER' *actors affectin' the relative salience of sound localization cues9 in R. 3. GIL=ES' T. R. %NDERS#N >eds.?' :inaural and #patial (earin' in Real and !irtual %nvironments' LaDrence Erl6aum %ssociates' 0,,.' 44. 0N!2. 0. T. C. MIDDLERR##=S' T. C. M%=#US' D. M. GREEN' Directional sensitivity of sound)pressure levels in the human ear canal9 Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,;,' ;-);,N0";. 0; S. ME3RG%RDT' V. MELLERT' Transformation charactersitics of the external human ear' Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,..' -0)0/-. 0/.-. 0, A. DELI%NG' GUS T. RR#AN >eds.?' ,omputational "uditory #cene "nalysis9 To5n Aile7 @ Sons' Inc.' !""/' ca4. /' 44. 2 9.

0!

C !"#$%$ II LA REGISTRAZIONE DELLA SPAZIALIT: IMMORTALARE LO SPAZIO CON IL SUONO 2.1 I !-"(&"!" *)%% -"!-), ,! '" %) La registrazione multi micro*onica >o multi traccia' s4ostando il ri*erimento alla 4ost 4roduzione?' largamente adottata negli studi di registrazione' solitamente +a a con*luire in una sessione di missaggio e conseguente masterizzazione stereo*onici' 4er la di**usione *inale in cu**ia o mediante sistema !." N !.0. CiM non toglie c5e se ne 4ossa trarre un utilizzo multi canale' anzi) *re8uente I il caso di re missaggi di materiale 4recedentemente la+orato 4er nuo+e edizioni multi canale. La registrazione surround' d:altro canto' I una classe di tecnic5e conce4i6ile come *acente 4arte di un surround workflow' ossia un 4rocesso di 4roduzione audio multi canale' il 8uale com4orta scelte e metodi di la+oro di**erenti' da sta6ilire sin dalla 4rogettazione. Le di**erenze a monte di 8ueste due ti4ologie di registrazione' laddo+e tecnicamente 4ossono anc5e coincidere' sono dun8ue le intenzioni' le 8uali 4ossono costituire im4ortanti discriminanti in merito alle 4rocedure da seguire e ai risultati otteni6ili. % li+ello creati+o' il *onico o il sound designer' guidati dall:es4erienza' 4ossono s4erimentare com6inazioni di micro*oni e tecnic5e giH esistenti. Le osser+azioni c5e si 4ossono *are sono 8uelle inerenti alle s4eci*ic5e tecnic5e della strumentazione >ad esem4io' la *igura 4olare e la ris4osta in *re8uenza dei micro*oni? e 8uelle deri+anti dalla location o dal momento in cui si e**ettua la ri4resa) caratteristiche >+aria6ili? am3ientali come acustica e Bin8uinamentoC acustico de+ono essere tenute in de6ito conto' nonostante esse 4ossano anc5e costituire +alore aggiunto' se non il soggetto +ero e 4ro4rio della registrazione. In 8uest:ultimo caso non si 4arlerH 4iJ di in8uinamento acustico ma' a44unto' di ri4resa am6ientale' *unzionale alla s4azialitH della registrazione' cosL come al realismo dell:immagine sonora' 4er giungere all:e**etto di immersione in sede di ri4roduzione. Un:ulteriore di**erenziazione di a44rocci alla registrazione 4ro+iene dal suo sco4o 4rimario) cosa e 1uanto si +uole registrare. In*atti' dialog5i ed e**etti sonori' siano 8uest:ultimi field recordin';0 o foley recordin';4' ric5iedono tecnic5e e strumenti adatti 4er la loro resa sonora ottimale) 4er i dialog5i si tende 4rediligere una ri4resa il 4iJ ra++icinata 4ossi6ile' al *ine di assicurare intelligi6ilitH' ma senza inter*erire con l:in8uadratura della camera. La strumentazione coin+olta normalmente com4rende) micro*oni dalla s4iccata

!" Con l:es4ressione field recordin' si de*inisce 8ualsiasi registrazione audio e**ettuata al di *uori di uno studio) dal contesto naturale a 8uello ur6ano e industriale' dalla rumoristica s4ontanea ed estem4oranea alle 4er*ormance artistic5e' come concerti di musica. !0 La *oley "rt consiste nel registrare e**etti sonori in studio' 8uindi in un am6iente acusticamente trattato. Lo sco4o I 8uello di incrementare il 4otenziale sonoro andando a risaltare o a rendere 4iJ realistica' o i4er realistica' un:azione' un mo+imento' un contatto e' in genere' 8ualsiasi cosa 4ossa a+ere una contro4arte sonora merite+ole di una 4articolare 4rominenza sensoriale o narrati+a.

02

direzionalitH' lung5i 3oom pole;; o44ure micro*oni lavalier; . $er le registrazioni am6ientali' come giH accennato' si ricorre a micro*oni e tecnic5e c5e 4ermettano la ri4resa simultanea ottimale delle 8ualitH s4aziali e dell:articolata com4osizione dei 4aesaggi sonori. !9 Si 4ossono' 8uindi' indi+iduare tre metodologie 4er la ri4resa audio ) 1. ripresa am3ientale in loco >s4azialitH naturale?) alla 6ase di 8uesta 4ratica c:I la +olontH di registrare il 4anorama sonoro reale' con le sue 8ualitH s4aziali e tutte le interazioni acustic5e tra sorgenti sonore e am6iente. O necessaria la >4re?dis4osizione micro*onica atta a 8uesto sco4o' i cui segnali 4otranno andare a costituire altrettanti canali discreti da ri4rodurre in surroundK 2. ricostruzione am3ientale in post)produzione >s4azialitH arte*atta?: in 8uesto caso si 4iani*ica di modellare la s4azialitH degli elementi sonori direttamente in *ase di 4ost 4roduzione' a++alendosi di strumentazione 5ardDare e1o so*tDare come i D%(W >di'ital audio effects;<?. Il 4arco micro*oni si riduce allo stretto necessario' ossia 4er la ri4resa dei segnali sonori 4iJ im4ortanti' solitamente in close mikin'K 3. composizione com3inata >s4azialitH mista?) con 8uest:ultimo metodo s:intende ottenere la resa s4aziale mediante un missaggio di registrazioni am6ientali reali con altre s4azializzate elettronicamente >+edi il 4to. !?. Come 4er la ri4resa di cui al 4to. 0' si ricorre alla micro*onazione su44lementare 4er l:am6iente. La 4rima metodologia tro+a un 4iJ *re8uente im4iego nella registrazione di esecuzioni musicali dal +i+o e di e+enti s4orti+i. $er le 4rime sono ric5ieste la *edeltH e la naturalezza tim6rica e s4aziale dell:e+ento sonoro' 4er esigenze immediate di am4li*icazione e !di**usione diretta mediante sound reinforcement system o 4er e+itare un:arti*iciosa ela6orazione in *ase di 4ost 4roduzione' nel caso di ri+ersamento su su44orto *isico destinato alla +endita. In merito ai secondi' sussiste la necessitH della trasmissione in direttaK cosL' a**iancato alle ri4rese +ideo in 3D >alta de*inizione?' si 4uM dis4orre del
!! Un 3oom pole >asta 6oom? I un su44orto micro*onico in dotazione al 3oom operator' il *onico di 4resa diretta. Trattasi di un:asta telesco4ica c5e 4re+ede' a una delle due estremitH' il montaggio di un micro*ono' oltre c5e di altri accessori 4rotetti+i. Viene im4iegata al *ine di ri4rendere i suoni mantenendo una certa distanza dalla sorgente' 4er non intralciare la ri4resa +ideo o 4er non contaminare il segnale c5e si sta registrandoK 4uM consentire inoltre il raggiungimento di 4unti inarri+a6ili al *onico o 4articolarmente scomodi' c5e non assicurano sta6ilitH e 4osizione. !2 I lavalier sono micro*oni molto contenuti nelle dimensioni al *ine di non costituire una distrazione +isi+a. Vengono largamente im4iegati nel settore giornalistico e tele+isi+o' nei 8uali conduttori' os4iti' giornalisti e inter+istati indossano tali micro*oni) grazie alla dotazione di un attacco a cli4' 4ossono essere assicurati al 6ordo di una giacca o di una camicia e' 4untati +erso la gola e la 6occa' garantiscono una resa +ocale molto cor4osa e 4resente. !9 (. M%NGI#NE' ,ostruire il suono9 volume 555' $alermo' Dario (lacco+io Editore s.r.l.' Settem6re !""!' 44. ., ;". !/ E**etti audio digitali !- Il sound reinforcement system >sistema di rin*orzo sonoro? I tutto 8uell:insieme di strumentazione atta a micro*onare' am4li*icare' 4rocessare' missare e 4oi di**ondere tutti gli strumenti di un:esecuzione musicale li+e' in modo da rendere il sound generale 6ilanciato' grade+ole e d:im4atto e' relati+amente a ogni strumento' c5iaro ed intelleggi6ile. Da 8ui si 4uM com4rendere la denominazione di cui so4ra' dal momento c5e il *ronte sonoro de+:essere il 4iJ uni*orme 4ossi6ile sia 4er l:audience 4iJ 4rossima allo sta'e' sia 4er 8uella 4iJ distante.

09

com4arto audio in multicanale' la cui corretta ri4roduzione di4ende' o++iamente' dall:utente *inale e dall:im4ianto in suo 4ossesso. 2.1.1 L -"!-), ,! '" %) !)- "% &"()0

Nell:am6ito della cinematogra*ia +iene esercitata ciascuna delle suddette metodologie' con modalitH del tutto di4endenti dal genere del 4rogetto. #ccorre *are le do+ute considerazioni in merito ai +ari modus operandi' dal momento c5e +i sono im4licate delle dinamic5e com4letamente di**erenti dalla casistica accennata so4ra. Innanzitutto' 6isogna guardare al 6inomio estetica e narrazione. Volendo *are 8ualc5e esem4io' si 4ensi al *ilm di *antascienza o *antas7' al *ilm documentaristico e al *ilm d:animazione) essendo' i 4rimi' *ilm di *inzione e' nei casi s4eci*ici' legati a realtH e situazioni immaginarie o 8uantomeno su44oni6ili >anc5e se Balla lontanaC?' I 4aci*ico c5e 4ossano essere sonorizzati e s4azializzati in maniera ar6itraria e creati+aK di conseguenza' dal lato tecnico' l:utilizzo di e**etti' la creazione di suoni e la loro mani4olazione digitale *anno 4arte' di diritto' del sound desi'n;=. $er 8uanto riguarda il *ilm documentaristico' in+ece' I *acile su44orre c5e il sonoro sia 6asato su registrazioni reali N 8uindi soggetto alle +igenti leggi *isico acustic5e N e c5e il legame tra suoni e immagini sia del tutto incontesta6ile 4erc5U 4ro4rio della realtH in cui +i+iamo. In secondo luogo' si 4one una 8uestione di tempi di 4roduzione) il *atto c5e il 4rocesso d:ideazione e creazione di un audio+isi+o si articoli in *asi e sessioni di la+oro dislocate tem4oralmente N non solo 4er ogni di4artimento creati+o' ma altresL all:interno !; di uno stesso di4artimento N 4ermette a c5i di do+ere nella sound crew di e**ettuare ri4rese audio in momenti e sedi di**erenti dal set +ero e 4ro4rio. Si 4ensi ad esem4io al concetto 4recedentemente menzionato di field recordin'9 relati+o agli e**etti sonori' i 8uali' in 8uesto contesto' +engono de*initi am3ience effects. Essi 4ossono essere registrati 4rima e1o do4o le ri4rese di una scena' ma mai durante. Puesto 4erc5U durante le ri4rese ci si de+e concentrare sui dialog5i o comun8ue sugli attori' i 8uali 4rodurranno sem4re dei suoni >tracce? c5e torneranno utili in *ase di sync con le immagini o in studio 4er la foley art. %lle ri4rese am6ientali 6isogna dedicare tem4o e assicurare le giuste condizioni e com4etenze. In 8uesto discorso 4ossono' in*atti' inserirsi le tecnic5e di registrazione surround) esse 4ossono cosL a+ere tem4o e luogo di attuazione' oltre c5e signi*icato e +alore estetico e' in ultima istanza' adem4imento tecnico.

27 Il sound desi'n I il 4rocesso di 4rogettazione dell:intera com4onente sonora di una 8ualsiasi 4roduzione audio+isi+a c5e 4re+eda l:im4iego e ric5ieda il coordinamento di molte4lici elementi sonori' come music5e' dialog5i ed e**etti sonori. !; #rganico dedito alla com4onente sonora di un audio+isi+o.

0/

2.2

T)&("&1) 2"( +- %"

2.2.1 L -"!-), 2"( +- %) Nata +erso la *ine del WIW secolo' la ri4resa 6inaurale 5a +isto negli anni :." una crescita d:interesse ed a44licazione' I stata soggetta a studi e s+ilu44i ed I tuttora moti+o di +i+a discussione nel cam4o della ricerca 4sicoacustica. L:assunto alla 6ase di 8uesta tecnica I la ricezione del suono da 4arte dell:a44arato uditi+o umano' la sua 4ercezione a li+ello cere6rale e la determinazione degli elementi c5e 4ermettono la localizzazione di una sorgente sonora. La +olontH era 8uella di ri4rodurre lo stesso ti4o di sintesi dello s4azio uditi+o e**ettuato dall:essere umano' includendo tutti i ri*erimenti 4ercetti+i >perceptual cues;> o localization cues 0? e le modi*ic5e del segnale 4ro+ocate dalla con*ormazione *isica dell:uomo) si 4arla 8uindi di una ri4resa head)related >relati+a alla testa?. $artendo dal 4resu44osto c5e i canali uditi+i sono canali discreti >ossia indi4endenti?' lo scenario ideale 4re*igurato in sede di ri4roduzione era 8uello di con+ogliare i segnali sonori +eicolati nei canali sinistro e destro >clean si'nals? alle ris4etti+e orecc5ie' in +ia del tutto uni+oca ed esclusi+a' annullando 8uel *enomeno conosciuto come cross)talk 4. La tecnica originaria 2! 4re+ede+a l:utilizzo di due micro*oni omnidirezionali ' 4osizionati su un su44orto a circa 0; cm di distanza l:uno dall:altro e in direzione reci4rocamente di+ergente. Se44ur tale im4ostazione restituisse un:immagine sonora di discreta s4azialitH' grazie al *atto di simulare a grandi linee la dis4osizione 4lanare delle orecc5ie' non tene+a 4erM conto di due 4rinci4ali elementi) 1. esse sono se4arate dalla testa' la 8uale 4uM 4ro+ocare l:occultamento di una delle due orecc5ie al 4ercorso diretto di un segnale sonoro' andando a ritardare o ad attutire la ricezione 4er 8uell:orecc5ioK 2. le orecc5ie 5anno una geometria del tutto 4articolare ma assolutamente *unzionale alla ricezione *inalizzata alla localizzazione delle sorgenti sonore. Pueste im4ortanti considerazioni 5anno condotto all:e+oluzione della tecnica 6inaurale' da44rima *ra44onendo un sem4lice disco >disco di Tec<lin? tra i due micro*oni' atto a simulare la 4resenza della testa tra le due orecc5ie >8uindi sul 4iano mediano?. In
!, D. T. S%NG' C. =SRI%=%=IS' C. C. T%S =U#' (i'h)*idelity +ultichannel "udio ,odin'' NeD Sor<' 3indaDi' !""-' 4. 02. 2" L. $ICIN%LI' La spazializzazione 3inaurale ? La ripresa microfonica' in Com4uter Music @ $roGect Studio' No+em6re !"",' Ri+iste Digitali' 44. 09 0-. 20 In am6ito audio ci si ri*erisce alla ricezione di un segnale sonoro emesso da un di**usore >sinistro o destro? da 4arte di entram6e le orecc5ie' mentre in realtH do+re66e giungere solo ad una delle due. Puesto *enomeno non I certo aus4ica6ile 4er l:e**etto 6inaurale' 4oic5I ogni canale uditi+o rice+e in*ormazioni di+erse dello stesso segnale sonoro e la trasmissione e la ricezione di 8uesti 4arametri uni+oci ad entram6i i canali uditi+i +anno a in+alidare il 4rinci4io della 6inauralitH e a *alsare la localizzazione s4aziale di una sorgente sonora. 32 Un micro*ono omnidirezionale I sensi6ile' in misura uni*orme' ai suoni 4ro+enienti da 8ualsiasi direzione.

0-

seguito ci si I resi conto di do+er com4iere un 4asso ulteriore nella ri4roduzione delle modalitH dell:ascolto umanoK I stato cosL intra4reso lo s+ilu44o determinante nella tecnica conosciuta sotto il nome di dummy head recordin'9 dalla ele+ata resa tridimensionale dello s4azio uditi+o.

(ig. - N Registrazione 6inaurale con testa arti*iciale.

2.2.2

D+003 1) * -)&$-*"(.

Essa 4uM essere considerata la naturale e+oluzione della ri4resa 6inaurale' giacc5U ne ri4rende l:idea alla 6ase e la integra sul 4iano 4ratico con gli studi a44ro*onditi riguardanti la *isiologia dell:udito umano. La conseguente inno+azione I l:utilizzo di una re4lica arti*iciale in scala 0)0 di una testa umana dotata di una co44ia >intercam6ia6ile? di *edeli ri4roduzioni di orecc5ie umane >dummy head?. I materiali costrutti+i 4ossono +ariare >4er lo 4iJ di natura 4lastica?' ma rimane in ogni caso la necessitH di garantire l:im4edenza acustica generata da una +era testa >ri*lessione' assor6imento' di**razione?. %ll:im6occatura di ciascuno dei due dotti uditi+i I 4osto un micro*ono omnidirezionale' cosicc5U' come 4er l:a44arato uditi+o umano' +enga co4erta la totalitH delle direzioni 4ossi6ili dalle 8uali un suono 4otre66e giungere' con la discriminante del *iltraggio o4erato dall:orecc5io >interno ed esterno?' in 4articolar modo dalla 4inna' e dalla testa. Di *atto' la dummy head recordin' I 4ro6a6ilmente il metodo 4iJ sem4lice 4er ottenere dei segnali 6inaurali e 8uindi 4er simulare 4aesaggi sonori tridimensionali' con la raccomandazione di adottare l:ascolto in cu**ia. In*atti' la ri4roduzione mediante una co44ia di di**usori riduce drasticamente la resa s4aziale caratteristica di 8uesta tecnica' 4oic5U si +eri*ica il *enomeno del cross)talk >descritto 4recedentemente?. Tutta+ia' in tem4i recenti s+ariati sistemi di cross)talk cancellation di natura digitale sono stati messi a 4unto ed a44licati' con risultati c5e a44ortano 8ualc5e miglioria alla 4ercezione s4aziale' se66ene l:ascolto in cu**ia rimanga il metodo di ri4roduzione ideale 4er godere a44ieno della sensazione del naturale ascolto umano. La tecnica in 8uestione tro+a molte a44licazioni) dalle registrazioni artistic5e >musica li+e' ra44resentazioni teatrali? a 8uelle 4er audio+isi+i >ri4resa di dialog5i' ri4rese creati+e 4er e**etti sonori?K dalle a44licazioni in cam4o medico a 8uelle in cam4o industriale e ci+ile >misurazioni dell:in8uinamento acustico' rumorositH di strumentazione meccanico elettrica?. In*ine' ma non meno im4ortante' anzi) la rile+azione di 3RIR 1 3RT( e il generale utilizzo 4er misurazioni *inalizzate alla creazione di standard. Versioni 4iJ com4lesse e alternati+e alla dummy head sono com4oste anc5e di s4alle' 6usto' *ino ad arri+are alla +ita >3%TS' (ead)and)Torso 0.

#imulator ?. Esse sono studiate 4er simulare com4letamente l:anatomia umana' dal momento c5e alle modi*ic5e del segnale sonoro 4erce4ite dal tim4ano contri6uiscono 29 anc5e le s4alle e il torso. Di seguito sono elencati alcuni tra i modelli 4iJ *amosi e 4otenti ) Neumann9 serie @A) l:azienda tedesca 5a 4rodotto' migliorandone di +olta in +olta le caratteristic5e' tre modelli di dummy head) =U ;" >0,./?' =U ;0 >0,;!? e =U 0"" >0,,!?. Puest:ultima 4resenta un:accurata ri4roduzione dei 4adiglioni auricolari' un range dinamico molto esteso' un 6assissimo rumore di *ondo e un:alta 4redis4osizione alle registrazioni musicali' oltre a una 6uona com4ati6ilitH sia 4er la ri4roduzione in cu**ia' sia 4er 8uella tramite di**usori. La ris4osta in *re8uenza' non 4ro4riamente lineare' di**erisce dall:utilizzo free)field a 8uello diffuse)field.

(igg. . ; N % sinistra' s4accato della dumm7 5ead Neumann =U;0K a destra' dettagli sulle connessioni e sulla ri4roduzione dell:orecc5io umano del modello =U0"".

(ig. , N Gamma di dumm7 5ead 4rodotte dalla Neumann nel corso della sua storia.

@%+"R -@nowles %lectronics +anikin for "coustic Research/ ) lanciata sul mercato nel 0,.!' I una delle dumm7 5ead 4iJ utilizzate 4er le misurazioni delle 3RT(. Vanta una ri4roduzione anatomica dalla 4recisione maniacale e una ris4osta in *re8uenza

22 (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress !"",' 4. /"9. 29 L#REN&# $ICIN%LI' La spazializzazione 3inaurale ? La ripresa microfonica' in Com4uter Music @ $roGect Studio' No+em6re !"",' Ri+iste Digitali' 44. 09 0-.

0;

assolutamente lineare. Risogna comun8ue sottolineare c5e non I uno strumento 4ensato 4er l:am6ito musicale' 8uanto 4iuttosto 8uello medico. N,5 -Neutrik),ortex 5nstruments/9 +anikin +@4 and +odular #ystem +@; ) trattasi di una dummy head com4osta da testa e 6usto in materiale 4lastico' 4osti so4ra un:unitH di ela6orazione digitale del segnale' collega6ile a una Dor<station e inter*accia6ile con un a44osito so*tDare di analisi. $are c5e sia uscita di 4roduzione da 8ualc5e anno do4o essere stata largamente utilizzata nel cam4o delle misurazioni. (%"D "coustics9 (+# 5!) dumm7 5ead decisamente moderna e tecnologica' integra un sistema digitale a !9 6it c5e garantisce un range dinamico >099 dR? e8ui+alente' se non su4eriore' a 8uello dell:a44arato uditi+o umanoK inoltre' 4ermette l:ela6orazione del segnale sonoro tramite s+ariati 4reset di e8ualizzazione. Puesta dummy head 4uM essere integrata a un sistema di ri4roduzione in cu**ia di altissima 8ualitH >$EP IV' $EP IV.2' 3% III?.

(ig. 0" N Dumm7 5ead 3E%D acoustics' 3MS IV.

Merita un accenno anc5e 8uella categoria di micro*oni 4er registrazioni 6inaurali non inseriti all:interno di una dummy head. Ri4rendendo il concetto di sonda micro*onica ado4erata da Rlauert nei suoi es4erimenti' sono stati s+ilu44ati micro*oni a do44ia ca4sula >omnidirezionale o' al limite' cardioide? a guisa di cu**ie >3E%D %custics R3M III.!? o auricolari >Soundman #=M II?. Dal 4unto di +ista commerciale' la tecnica non 5a mai rice+uto attenzioni molto im4ortanti' dal momento c5e 4resenta delle limitazioni ancora da su4erare e**icacemente) il *atto c5e la ri4roduzione de66a a++enire in cu**ia al *ine di assicurare la 4iena resa s4aziale l:uni+ocitH delle 3RT(' la 8uale 4uM 4ro+ocare e**etti uditori indesiderati e non assicura comun8ue la 4ercezione corretta a c5iun8ue non sia titolare della s4eci*ica 3RT(.

Nell:am6ito della ricerca si stanno com4iendo molti studi e molte s4erimentazioni al *ine di risol+ere entram6e le 8uestioni.

0,

2.2.3

O%$4$("

Si tratta di una tecnica s+ilu44ata e 6re+ettata negli anni :;" dall:ingegnere argentino 3ugo &accarelli e da Um6erto Maggi' eE 6assista del gru44o musicale italiano Nomadi. Risogna sottolineare c5e la 6i6liogra*ia' la sitogra*ia e' in generale' la documentazione dis4oni6ile in merito alla +era entitH del grado d:inno+azione dell:olo*onia risultano 4iuttosto con*use e' in alcuni caso contraddittorie' dal momento c5e 2/ l:unica 4u66licazione u**iciale I il 6re+etto stesso . %ltro as4etto molto discusso I la 4aternitH dell:in+enzione) se66ene' come succitato' esista un 6re+etto de4ositato e registrato c5e attri6uisce l:in+enzione a &uccarelli' sono molto di**usi i ri*erimenti >4ro6a6ilmente senza *onte? c5e indicano Maggi come ideatore' in+entore e detentore del 6re+etto. Come se non 6astasse' lo 4sic5iatra e 4sicotera4euta Gian*ranco $isano 5a ri+endicato di a+er s+olto i 4rimi es4erimenti con 8uesta tecnica giH nel 0,..' dic5iarazione su44ortata dall:ammissione di esistenza di registrazioni e**ettuate 4er i 2- 2. 2; 4ro4ri studi nell:am6ito della musicotera4ia . Si 4resume c5e olofonia sia solo un altro modo di dire ripresa 3inaurale' sul 4iano concettuale' e dummy head recordin'' sul 4iano 4ratico) l:a44licazione do+re66e essere la medesima e 4re+edere l:utilizzo di una testa arti*iciale' dotata di *edeli re4lic5e delle orecc5ie umane e al cui interno sono collocati due micro*oni. &uccarelli 5a ri*iutato di rendere dis4oni6ile la strumentazione interna alla testa arti*iciale >c5iamata a**ettuosamente Rin'o?. Se66ene' a onor del +ero' &uccarelli I stato 4iJ scru4oloso >e 4oco generoso nel dis4ensare dettagli? nella ricostruzione della testa umana' arri+ando a un li+ello di *edeltH e 4recisione im4ressionanti >tanto c5e alcuni credettero c5e a+esse 2, utilizzato la testa di un cada+ereX? ' la resa sonora I 4raticamente la stessa' come con*ermato da test e misurazioni. Si 4uM dire c5e l:olo*onia sia la standardizzazione della ri4resa 6inauraleK ciM I attestato oltre c5e dal 6re+etto dal *atto c5e la tecnica +enne im4iegata sotto tale nomea in s+ariate 4roduzioni discogra*ic5e' a 4artire dal disco The *inal ,ut >0,;2? degli inglesi &ink *loyd.

2/ 3. &UCC%RELLI' &rocess for formin' an acoustic monitorin' device' US $atent 9'-;"';/-' 0,;.. 2- 5tt4)11DDD.olo*onia.com1 37 (. Guarna' Ano psichiatra di +ontepaone introduce una nuova tecnica per uscire dalla depressione ' articolo 4u66licato nel sito 5tt4)11DDD.so+eratoneDs.com' !!1"01!""9. 38 YDr. &isano $ianfranco +aurizio 5N!%NT6R% ed "AT6R% dellB6L6*6N5". D5R5TT6 5NT%LL%TTA"L%: 6ri'ini: 1uesta tecnolo'ia C nata in 5talia9 ma la sua paternitD C discussa tra Am3erto +a''i -ex 3assista dei Nomadi/9 $ianfranco &isano psichiatra e psicoterapeuta e lEin'e'nere elettronico ar'entino (u'o Fuccarelli. &isano rivendica di aver svolto esperimenti 'iD nel 4>== e di avere le prove che lBolofonia C nata in ,ala3ria. Y Dic5iarazione d:intestazione del sito internet 5tt4s)11sites.google.com1site1musicotera4iaolo*onicamasi1. Vedi anc5e 5tt4s)11sites.google.com1site1olo*onienelmondo15ome1*onte 39 5tt4)11DDD.i4s.org.u<1audiocom4endium1indeE.454Ztitle[3olo45onics

!"

2.3 T)&("&1) *" -).",#- '"$() ,+--$+(* Con l:a**ermarsi dello standard /.0 come metodo di ri4roduzione surround' s+ariate tecnic5e micro*onic5e 5anno iniziato ad emergere. %lcune sono la naturale e+oluzione delle tecnic5e stereo*onic5e' mentre altre sono la ri+isitazione delle tecnic5e multi micro*onic5e ado4erate so4rattutto in am6ito musicaleK altre ancora sono state s+ilu44ate di 4ari 4asso alla maturazione dello standard ITU R RS ../' ossia la ri4roduzione con sistema /.0. %nalogamente alle tecnic5e stereo*onic5e >4er le 8uali si usa la dicitura pair' 4aio?' anc5e 8uelle surround si 4ossono suddi+idere sulla 6ase di un concetto molto im4ortante) l:array micro*onico' inteso come un certo numero di micro*oni c5e la+orano in simultanea. Di conseguenza a+remo) 1. coincident arra7 2. near coincident arra7 3. s4aced arra7 Rumse7 ' similmente' 4ro4one una du4lice classi*icazione' sem4re in ri*erimento alla standardizzazione del / canali) 1. *i+e c5annel main micro45one tec5ni8ues 2. tecni8ues Dit5 *ront and rear se4aration 2.3.1 C$"(&"*)(# -- 3 #)&1("5+),
9"

S4erimentate inizialmente da Rlumlein nell:am6ito della stereo*onia' 8ueste tecnic5e consistono nel 4osizionare' direzionandole di+ersamente' ca4sule micro*onic5e il 4iJ +icino 4ossi6ile tra loro' andando a *ormare un singolo array. In 8uesto modo +engono minimizzate le di**erenze di tem4o tra i canaliK di conseguenza' gli unici ri*erimenti utili alla localizzazione sono 8uelli relati+i alla di**erenza d:intensitH tra segnali. In a44licazioni stereo*onic5e' 8uesta im4ostazione conduce a una c5iara' 4recisa e sta6ile immagine 90 sonora >phantom ima'e ? in ri4roduzione' oltre ad essere mono com4ati6ile. In a44licazioni multicanale' in+ece' mirano a con*erire direzionalitH e s4azialitH soddis*acenti' 4ur mantenendo un sc5ema di 4osizionamento *isso. T5eile' tutta+ia' 4recisa c5e la realizzazione di un:immagine sonora naturale ric5iede tutt:altro metodo' a 9! causa della com4licata relazione tra i 4arametri 4sico acustici coin+olti . Di conseguenza'
9" R. =%SSIER' 3. =. LEE' T. RR##=ES' (. RUMSES' "n informal comparison 3etween surround)sound microphone techni1ues9 Con+ention $a4er -9!,' %udio Engineering Societ7' Guild*ord' !""/. Citazione di (. RUMSES' #patial "udio9 Music Tec5nolog7 Series' (. Rumse7 >ed.?' #E*ord' (ocal $ress' !""0. 90 Trattasi di un concetto alla 6ase della stereo*onia e indice di 8ualitH di una registrazione. La phantom ima'e I una sorgente sonora a44arente localizzata tra due di**usori. Dal momento c5e nella stereo*onia una sorgente sonora centrale non I il risultato di due segnali sonori identici >come a++iene 4er la mono*onia? emessi da entram6i gli alto4arlanti' la phantom ima'e a44arirH 4iH realistica e s4azializzata. 9! G. T3EILE' +ultichannel natural recordin' 3ased on psychoacoustic principles9 %udio Engineering Societ7 0,t5 International Con*erence' Sc5loss Elmau' German7' !""0.

!0

4ro4rio a causa della direzionalitH delle ca4sule micro*onic5e ' si 4resenta s4esso lo s+antaggio di una certa colorazione del suono' con lacune nella 4arte 6assa dello s4ettroK inoltre' si a++erte una s4azialitH ridotta im4uta6ile all:estrema +icinanza delle ca4sule tra loro e' 8uindi' alla mancanza di di**erenza di *ase tra i canali. CiM non toglie c5e 8uesto a44roccio micro*onico alla ri4resa surround a66ia raccolto consensi di**usi da 4arte degli addetti ai la+ori' grazie alla comoditH e 4orta6ilitH delle +arie soluzioni micro*onic5e' relati+a ra4iditH nel settaggio delle 4ossi6ili con*igurazioni e minor in+estimento di tem4o e risorse in *ase di 4ost 4roduzione. Non di meno' 8ueste tecnic5e 5anno +isto im4ortanti a44licazioni' s+ilu44i ed inno+azioni' 4rima *ra tutte la tecnica "m3isonics. 2.3.1.1 A02",$("&,

92

Innanzitutto I 6ene 4recisare c5e %m6isonics I un sistema c5e non si limita alla ri4resa' 6ensL 4resente ad ogni li+ello della 4roduzione audio' *ino alla ri4roduzione) si 99 4uM 8uindi de*inire un sistema uni*icato . S+ilu44ato da Gerzon' Rarton e (ellgett nei 4rimi anni :."' 4one le 4ro4rie 6asi su studi com4iuti 4recedentemente da alcuni ricercatori' 4rimo *ra tutti il dr. Coo4er >4recursore dell:audio 2D?' ed estende i 4rinci4i del surround di Rlumlein. L:intento era 8uello di registrare e+enti sonori c5e 4otessero essere ri4rodotti con 8ualsiasi ti4o di sistema' sia stereo*onico c5e multicanale' cercando di mantenere intatte le 8ualitH s4aziali del suono. In 8uesto senso' 4ur essendo conce4ito 4er la di**usione con 8uattro alto4arlanti >similmente al sistema coetaneo Puad?' il sistema 4resenta+a una certa +ersatilitH e 4otenza nell:adattamento a di+erse con*igurazioni di alto4arlanti' caratteristica' 8uesta' c5e lo di**erenzia+a dai sistemi concorrenti. CiM era 4ossi6ile grazie al controllo dei segnali a ogni stadio) una sorta di catena di montaggio dello s4azio uditi+o. Una registrazione %m6isonic +iene e**ettuata con un micro*ono 4articolare' c5iamato #oundfield9 dotato di 8uattro ca4sule micro*onic5e denominate left)front >L(?' ri'ht)front >R(?' left)3ack >LR? e ri'ht)3ack >RR?' ognuna dis4osta sul +ertice di un i4otetico tetraedro. La direzionalitH I di+ergente e' a dis4etto delle suddette etic5ette' due di esse 4untano +erso l:alto mentre le altre due +erso il 6assoK il diagramma 4olare I cardioide o' al limite' su6 cardioide. Il 4rototi4o +enne s+ilu44ato in colla6orazione con Calrec %udio' do4odic5U +enne *ondata la Sound*ield Ltd.' azienda dedita allo s+ilu44o s4eci*ico di 8uesta tecnologia e alla realizzazione di 4rodotti correlati' tro+andosi a detenere tutti i 6re+etti e i diritti di 4ro4rietH intellettuale. Di *atto' la tecnologia %m6isonic concretizzata nel Sound*ield microphone' oltre a costituire l:estensione tridimensionale della tecnica micro*onica M1S >+id #ide? di Rlumlein' +iene considerata res4onsa6ile dell:introduzione delle tecnic5e coincident nell:am6ito del surround' 4ortandole a un nuo+o standard) il cosiddetto sin'le point)sourceG<' o sin'le point surround sound techni1ue. Esso 4re+ede
92 Sono 4rediletti diagrammi 4olari cardiodi o addirittura i su4er cardiodi' 4er +ia del note+ole ra44orto segnale diretto 1segnale ri+er6erato. Citazione >trad.? da (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. /9;. 44 (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. /29 /2,. 9/ 5tt4)11DDD.calrec.com1u<1Com4an71$ages13istor7.as4E

!!

l:utilizzo di un unico cor4o micro*onico al cui interno I collocato l:arra7 tetraedrico descritto so4ra. La tecnica in sU consiste di 8uattro *ormati' ognuno dei 8uali identi*ica una *ase o un concetto 4recisi) A64$-0 # >o first)order %m6isonics?) trattasi del 4rimo set di segnali registrati dalle 8uattro ca4sule del micro*ono Sound*ield. L:unico sco4o di 8uesti segnali I 8uello di essere codi*icati' +ia 5ardDare >mediante il 4rocessore di segnale *acente 4arte del Sound*ield <it? o +ia so*tDare >a seconda del micro*ono?' nel successi+o *ormatoK B64$-0 # >dicitura con cui' s4esso' ci si ri*erisce ad %m6isonics?) 8uesto I il *ormato audio standard 4rodotto dal Sound*ield' il *ulcro della tridimensionalitH di %m6isonics. $rocessati i segnali dell:% *ormat' a+remo le seguenti com4onenti) 1. A N canale mono' non direzionale' corris4onde all:out4ut di un micro*ono omnidirezionale >in sostanza' somma degli altri segnali? 2. W N canale mono' direzionale' corris4onde all:asse front)3ack sul 4iano 4lanare' e8ui+ale alla ris4osta di un 4olar 4attern B*igura ;C 3. H ? canale mono' direzionale' corris4onde all:asse left)ri'ht sul 4iano 4lanare' e8ui+ale alla ris4osta di un 4olar 4attern B*igura ;C 4. F N canale mono' direzionale' corris4onde all:asse up)down sul 4iano mediano' e8ui+ale alla ris4osta di un 4olar 4attern B*igura ;C

(igg. 00 0! N % sinistra' sc5ema della com4osizione del R *ormat nei 8uattro canali A' W' S e &K a destra' esem4io di micro*ono sound*ield.

C64$-0 # >conosciuto anc5e come U/7?) *ormato di codi*ica mono e stereo com4ati6ile' 4ermette la ri4roduzione di %m6isonics recordings 4ur non dis4onendo di un sistema di di**usione da 8uattro o 4iJ alto4arlanti. I 8uattro canali originari sono de*initi L e R >4er il 4iano orizzontale?' T >incrementa l:accuratezza della localizzazione? e P >aggiunge la com4onente dell:altezza' rendendo cosL il full)sphere surround' o 4eriphony) l:e**etto tridimensionale?K essi rimangono dis4oni6ili alla codi*ica nel caso di un sistema c5e 4re+eda il relati+o !2

s4ea<er' agendo secondo una logica di gerarc5iaK D64$-0 #) i segnali di 8uesto *ormato sono 8uelli assegnati 4er la ri4roduzione e +engono gestiti a seconda della con*igurazione e della cali6razione degli alto4arlanti' e**ettuata tramite decoder. Come si I giH accennato' non +i sono restrizioni sul numero di di**usori utilizzati' nU 4er 8uanto riguarda la loro dis4osizione' ossia il la7out del sistema.

Merita di essere citato anc5e un altro *ormato' di genesi 4iJ recente' 4oic5U nato dalla 4resa di consa4e+olezza relati+a alla di**usione della tecnologia %m6isonics e relati+i strumenti. $ur non conoscendo una +asto im4iego nell:industria multimediale' %m6isonics I rimasta una scelta di 8ualitH in am6ito musicale. CiM c5e 5a ra44resentato un limite 4er la distri6uzione e la *ruizione di 4rodotti %m6isonics I stata la 4enuria di strumentazione dedicata 4resso l:utenza *inale. Di conseguenza' si I 4ensato di 4ro++edere alla decodi*ica giH in *ase di 4ost 4roduzione' sgra+ando il *ruitore dell:esigenza di un decoder. Il *ormato da cui rica+are il neonato G64$-0 # era uno tra R *ormat e U3T' senza 4ossi6ilitH' 4erM' di ri4ristinare il *ormato d:origine. Puesto si ri+elM essere uno s+antaggio' dal momento c5e' una +olta codi*icato un G *ormat secondo una s4eci*ica con*igurazione >ad esem4i) stereo' /.0?' non era consentito tornare indietro al *ine di +ariare tale con*igurazione. Dun8ue' c5iun8ue dis4onesse di un sistema di+erso da 8uello 4er cui era stato 4re+isto il G *ormat in 8uestione' a+re66e accusato' in misura +aria6ile' 4erdita di accuratezza nella localizzazione.

(ig. 02 N Sound*ield M<V Micro45one S7stem. 2.3.1.2 D$+2%) M8S

Come si I 4recedentemente a**ermato' la tecnologia %m6isonics e+ol+e dalla stereo*onia teorizzata e 4raticata da Rlumlein' in 4articolare relati+amente alla tecnica M1SK essa' in 8uanto coincident array' I com4osta da due micro*oni 4osti in asse e ra++icinati) uno con diagramma 4olare B*igura ;C' con la 6i direzionalitH ri+olta a sinistra \ e a destra >de*initi S e S ' con *ase in+ertita ris4etto al 4rimo?' l:altro >Mid? I solitamente un omnidirezionale' tutta+ia I 4ossi6ile o4tare anc5e 4er un cardioide' o un direzionale ecc. Un com4romesso tra la tecnica M1S e %m6isonics I la D$+2%) M8S) ris4etto alla 4rima !9

incrementa la ri4resa am6ientale 4osteriore e della seconda elimina la com4onente +erticale >l:asse F' +edi so4ra?' dal momento c5e la resa dell:ele+azione di una sorgente I a44annaggio di 6en 4oc5i sistemi di ri4roduzione. Di tale tecnica si 4ossono indi+iduare due +ersioni. La 4rima si limita ad aggiungere un terzo micro*ono >cardioide o i4ercardioide? direzionato 4osteriormente. Puindi' se la M1S *orni+a *ino a tre canali discreti in ri4roduzione >L' C' R?' la Dou6le M1S 4ermette di dis4orre anc5e dei due canali surround >Ls' Rs?K ciM nonostante' il sistema rimane sia mono c5e stereo com4ati6ile' oltre a garantire una matricizzazione 21! con cin8ue canali discreti' 8uindi adatta a una codi*ica e conseguente ri4roduzione surround. La seconda +ersione +enne s+ilu44ata da Curt Aittig e Neil Munc7 ed es4licata da 9Rumse7 ed I considera6ile come la +era e 4ro4ria 4roiezione nella ri4resa am6ientale della tecnica M1S) in*atti' consiste in due com4lete e distinte con*igurazioni M1S' una 4er le sorgenti *rontali' 8uindi atta a ri4rendere i segnali diretti' l:altra in direzione o44osta' dedicata alla ri4resa dell:am6iente' e 4osizionata oltre la cosiddetta distanza critica >dc I critical distance ?.
In a re+er6erant s4ace' t5e sound 4ercei+ed 67 a listener is a com6ination o* direct and re+er6erant sound. T5e ratio o* direct sound is de4endent on t5e distance 6etDeen t5e source and t5e listener' and u4on t5e re+er6eration time in ]t5e room^. %t a certain distance t5e tDo Dill 6e e8ual. T5is is called t5e Ycritical distance.J
9.

#ccorre 4recisare c5e 8uesta seconda +ariante della tecnica non rientra 4erM nella classe delle tecnic5e coincident in senso stretto' dal momento c5e su6entra una 4rassi di dis4osizione ti4ica delle tecnic5e spaced' come si a**ronterH in seguito. Come 4er la stero*onica M1S' anc5e l:e+oluta Dou6le M1S ric5iede c5e si 4roceda all:ela6orazione dei segnali registrati in 4ost 4roduzione' in modo da renderne correttamente la direzionalitH e modellare +erosimilmente lo s4azio uditi+o ri4reso.

(ig. 09 N somma e risultante delle *igure 4olari dei tre micro*oni' con conseguente co4ertura Dou6le M1S.
9- (. RUMSES' #patial "udio' U=' (ocal $ress' Ta7lor @ (rancis' !""0. 9. _In uno s4azio ri+er6erante' il suono 4erce4ito dall:ascoltatore I una com6inazione del segnale diretto e di 8uelli ri*lessi. Il ra44orto del segnale diretto di4ende dalla distanza tra la sorgente ]sonora' ndr^ e l:ascoltatore' e anc5e dal tem4o di ri+er6erazione ]dello s4azio arc5itettonico^. % una certa distanza' i due ]segnale diretto e segnale ri*lesso' ndr^ saranno e8ui+alenti. Tale distanza I de*inita Ydistanza criticaY.` G. A3ITE' G. L#UIE' The "udio Dictionary' 2rd edition' Uni+ersit7 o* Aas5ington $ress !""/' 4. ;,. Citazione in T. 3#DGS#N' Anderstandin' Records' Continuum' !"0"' 4. 2-.

!/

(ig. 0/ N Sc5oe4s DMS!(i+e.

2.3.2

N) -6&$"(&"*)(# -- 3, #)&1("5+),

Lo sco4o 4rinci4ale di una tecnica near)coincident I di *are da 4onte tra i 4unti di *orza di una tecnica coincident >phantom ima'e sta6ile e de*inita? e 8uelli di una tecnica spaced >s4azialitH?) 4rodurre 8uindi un:immagine sonora il 4iJ naturale 4ossi6ile. Nell:am6ito del surround' sem6ra c5e le tecnic5e near)coincident risultino essere 8uelle 4iJ com4licate' dal momento c5e' cercando di assol+ere la loro *unzione 4rimaria di ra44resentare naturalmente la sorgente sonora originale' *iniscono 4er es4orre molte delle de6olezze della stereo*onia a cin8ue +ie. 2.3.3 S! &)* -- 3, #)&1("5+),

Se le tecnic5e coincident sono caratterizzate da una phantom ima'e >o immagine stereo? c5iara e sta6ile' ma da una s4azialitH limitata' le tecnic5e spaced sono 4raticamente l:o44osto' almeno sul 4iano teorico. %44licate alla stereo*onia' esse s*ruttano le di**erenze di ricezione del segnale in termini tem4orali al *ine di creare l:immagine stereo' c5e risulterH cosL 4iuttosto am4ia. D:altro canto' il risc5io maggiore I 4ro4rio 8uello di renderla +aga' di**usa e magari anc5e insta6ile' a seconda della distanza relati+a tra i micro*oni e l:estensione stereo del 4anorama. Tutta+ia' un grosso +antaggio di 8ueste tecnic5e I la 4ossi6ilitH di utilizzare micro*oni omnidirezionali' i 8uali o**rono una colorazione del suono molto naturale do+uta a44unto al diagramma 4olare decisamente am6ientale e 4redis4osto ad un range molto esteso di *re8uenze gra+i. % 8uesto 4unto' si 4uM intuire come mai tali tecnic5e +engano ado4erate da s+ariati decenni >4rimi anni :/"? 4er registrazioni orc5estrali. O 4rinci4almente in 8uesto contesto c5e le c5e le tecnic5e spaced tro+ano a44licazione' ossia 8uando si +uole dare risalto alla com4onente am6ientale' alla caratterizzazione acustica dello s4azioK in tal senso' un discreto im4iego si riscontra anc5e nelle registrazioni in studio' anc5e se *orse lo sco4o 4rimario di 8uesta casistica di !-

a44licazione I 8uello di ri4rendere il suono d:insieme di un:entitH >multi am4li*icazione' gru44o intero?. %ltre occasioni in cui le tecnic5e spaced tro+ano attuazione 4re+edono sem4re' o++iamente' la ri4resa di 4anorami am4i o di s4azi acusticamente interessanti o' addirittura' *unzionali al *ine ultimo 4er cui concorrono tali registrazioni. $er esem4io' in am6ito audio +isi+o) *ield recording *inalizzato alla sonorizzazione ' alcuni ti4i di *ole7 recording' ri4resa diretta in s4azi a4erti ecc. #ggigiorno 8ueste tecnic5e sono +i+amente s4erimentate' stra+olte e rinno+ate' in +irtJ delle 4otenzialitH date dal surround. Motore di 8uesta intensi*icazione I stata comun8ue la +olontH di colmare le lacune tecnic5e N di cui si I accennato alle 4rinci4ali N e s*ruttare le nuo+e tecnologie di ri4roduzione multicanale 4er migliorare il grado di realismo dell:es4erienza d:ascolto. Un concetto di nuo+a introduzione' in 8uesto senso' I 8uello di separazione tra fronte 9; e retro ) il *ronte sonoro diretto e la sua ri+er6erazione sono trattati se4aratamente. Sul 4iano delle con*igurazioni micro*onic5e' ciM si I concretizzato con l:adozione di com6inazioni di tecnic5e N ricordandone sem4re l:origine stereo*onica N esistenti' dedicate al segnale discreto o alla sua decorrelazione' e alla reci4roca distanza *isica. Di conseguenza' s+ariate nuo+e tecnic5e spaced sono state s4erimentate e meticolosamente descritte in ra44orti u**iciali' alcune sono di+entate standard. Si +uole ora 4ro4orre un eEcursus delle 4iJ im4ortanti e alcune recentemente a44ro+ate nella loro +aliditH. 2.3.3.1 2.3.3.1.1 F-$(# M"&-$!1$() 'T-"!%)#' T)&1("5+), D)&& T-))

(ig. 0- N Tecnica Decca Tree.

Introdotta da alcuni ingegneri della Decca Record Com4an7 >tali Ro7 Aallace' %rt5ur 3add7' =ennet5 Ail<inson e Stan Goodall? nei 4rimi anni :/"' la tecnica Decca Tree ra44resenta uno standard 4er la registrazioni orc5estrali' sia di esecuzioni dal +i+o' sia 4er una colonna sonora cinematogra*ica. In 8uanto tecnica spaced' mira a ri4rodurre la s4azialitH del sound sta'e s*ruttando sia le di**erenze di ricezione del segnale tem4orali' sia 8uelle d:intensitH' oltre ad o**rire una resa tim6rica e s4ettrale migliore grazie all:utilizzo
9; R. =%SSIER' 3. =. LEE' T. RR##=ES' (. RUMSES' "n informal comparison 3etween surround)sound microphone techni1ues9 Con+ention $a4er -9!,' %udio Engineering Societ7' Guild*ord' !""/. Citazione di (. RUMSES' #patial "udio9 Music Tec5nolog7 Series' (. Rumse7 >ed.?' #E*ord' (ocal $ress' !""0.

!.

4re+alente di micro*oni omnidirezionali. La con*igurazione 4re+ede una struttura a T ro+esciata' i cui tre segmenti congiungenti le estremitH micro*onic5e con l:incrocio centrale sono tutti di ugual misura >." 0"" cm?. Il micro*ono centrale' essendo 4iJ a+anzato >ossia +icino al sound sta'e?' rece4irH 4rima il segnale' con*erendo sta6ilitH e c5iarezza alla phantom ima'e9 segnando cosL un 4rimo' im4ortante 4unto di s+olta con le 4recedenti tecnic5e spaced >come l:% R? e le near)coincident >come l:#RT(' da cui mutua l:angolazione delle ca4sule esterne?. Il missaggio *inale 4uM essere stereo*onico' con il segnale centrale distri6uito ugualmente tra i canali L e R' o44ure multicanale' con ogni segnale discreto indirizzato +erso il ris4etti+o s4ea<er' L' C' R. Verso la *ine degli anni :;"' Streic5er iniziM a s4erimentare una com6inazione tra la tecnica Decca Tree e la M1S' laddo+e 8uesta anda+a a sostituire il singolo micro*ono omnidirezionale centrale) il *ine era 8uello di unire la s4azialitH della 4rima con l:accuratezza dell:immagine stereo data dalla seconda. %nc5e le lung5ezze dei segmenti *urono leggermente ritoccate >/" 0"" cm?' +aria6ili sem4re a seconda dell:am4iezza del sound sta'e. 2.3.3.1.2 S+--$+(* D)&& T-))

Un:ulteriore' interessante +ariazione +enne conce4ita' nell:ottica di un com4leto adeguamento alle dinamic5e del suono surround. Essa 4re+ede l:im4iego di un micro*ono Sound*ield M= V >o una 4iJ sem4lice con*igurazione M1S? in 8ualitH di micro*ono centrale a+anzatoK inoltre' due 4aia di micro*oni erano collocati sull:asse orizzontale 4osteriore) due 4osti alle estremitH >0"" cm?' orientati 4osteriormente >surround?' e due a metH >/" cm? dei segmenti' direzionati *rontalmente' a costituire i canali L e R su una 4iJ am4ia scala. Da 8ui deri+a il +antaggio 4rinci4ale di 8uesta +ariante delle tecnica Decca Tree' o++ero la *lessi6ilitH nello s4erimentare e com6inare di**erenti con*igurazioni stereo*onic5e all:interno di 8uesta struttura di massima. Un:im4ortante caratteristica I la relati+a +icinanza tra le ca4sule micro*onic5e' cosL da ridurre le 4ossi6ilitH di incorrere in anomalie di *aseK 8uestione im4ortante considerata la scala6ilitH del *ormato *inale di ri4roduzione c5e' se do+esse essere stereo*onico o addirittura mono*onico' 4resentere66e 9, un diminuito risc5io di cancellazione di *ase o com3 filterin' . Un ultima nota +a *atta a 4ro4osito dell:uso dei micro*ono Sound*ield M= V) essendo di 4er sU un micro*ono surround' 6asato sulla tecnologia %m6isonics' i segnali registrati costituiscono una risorsa molto im4ortante 4er il conseguente missaggio' dal momento c5e 4ermettono la modellazione di uno s4azio uditi+o molto dettagliato a li+ello s4ettrale' direzionale e di 4anorama com4lessi+o.

9, Il com3 filterin' I il *enomeno di alterazione nella 4ercezione dello s4ettro di un segnale do+uta ad una sua ricezione uditi+a in tem4i di+ersi' 8ualora esso +enga emesso da 4iJ sorgenti 4oste a distanze di+erse ris4etto all:ascoltatore' o nel sem4lice caso di un am6iente ri+er6erante' in cui il segnale diretto e le sue ri*lessioni +engono rece4ite' a44unto' in tem4i di**erenti.

!;

2.3.3.1.3

F+9 * T-)): 23 A. F+9 * : N/;

(ig. 0. N Tecnica (u<ada Tree.

$resentata all:"%# ,onvention di NeD Sor< nel 0,,.' 8uesta tecnica 4ro4one una ri+isitazione del *ronte micro*onico della Decca Tree' della 8uale ri4rende la struttura a T ro+esciata' con un micro*ono 4er ogni estremitH. Nel caso della (u<ada Tree' 4erM' le ca4sule non 5anno 4iJ un diagramma 4olare omnidirezionale' 6ensL cardioide' in modo da ridurre il contri6uto delle ri*lessioni del segnale sonoro *rontale. Inoltre i micro*oni esterni 5anno un:angolazione +aria6ile *ino a ,"F ris4etto al sound sta'e *rontale' /" incrementando la connotazione a4erta e s4aziale . Tutta+ia' anc5e a causa dell:aumento in lung5ezza dei segmenti strutturali' c5e si traduce in aumento di distanza tra le ca4sule /0 micro*onic5e' 4uM sussistere un 4otenziale 4ro6lema di effetto precedenza ' il 8uale' in sede di ri4roduzione' 4ro4rio a causa di 8uesta di**icoltH nella distri6uzione 6ilanciata delle /! sorgenti 45antom' com4orta una non 4er*etta localizzazione . Il moti+o 4er cui 8uesta tecnica si 4uM de*inire BsurroundC a 4ieno titolo consiste nell:aggiunta di due micro*oni come *ronte 4osteriore >LS e RS? e due micro*oni *rontali esterni su44lementari >LL e RR? N 8uesti 4erM omnidirezionali N da distanziare di circa ," cm dai ris4etti+i L e R' atti ad incrementare la 4ortata in am4iezza del sound stage e ad ammor6idire la connessione /2 sonora tra *ronte e retro . Su dic5iarazione dello stesso ingegnere gia44onese' gli inter+alli tra i micro*oni e le loro angolazioni 4ossono +ariare in 6ase alle dimensioni del sound /9 stage da ri4rendere e in 6ase alle dimensioni e all:acustica am6ientale .

/" G. T3EILE' +ultichannel natural recordin' 3ased on psychoacoustic principles9 %udio Engineering Societ7 0,t5 International Con*erence' Sc5loss Elmau' German7' !""0. /0 L:e**etto 4recedenza' o (aas effect' descri+e 8uel *enomeno 4sico acustico 4er cui' se tra la 4ercezione di due di**erenti segnali intercorre un lasso di tem4o non su4eriore ai 2/ ms' tali segnali +erranno inter4retati come unico' mentre 4er ritardi su4eriori ai 2/ ms' l:onda sonora 4erce4ita 4er 4rima determina la direzione del segnale sonoro' con conseguente de*inizione della s4azialitH. /! R. =%SSIER' 3. =. LEE' T. RR##=ES' (. RUMSES' "n informal comparison 3etween surround)sound microphone techni1ues9 Con+ention $a4er -9!,' %udio Engineering Societ7' Guild*ord' !""/' 4. 2. /2 M. S%A%GUC3I' %. (U=%D%' +ultichannel sound mixin' practice for 3roadcastin' ' IRC Con*erence' 0,,,' $roceedings' in 4rint. /9 53idem.

!,

2.3.3.1.4

OCT <O!#"0"')* C -*"$"* T-" (.%)=: 23 G. T1)"%) > /. ?"##)9: IRT

(ig. 0; N Tecnica #CTK nella ta6ella a destra' si 4uM notare come distanza dei micro*oni L R e angolo di ri4resa dell:arra7 siano in+ersamente 4ro4orzionali.

Puesta tecnica micro*onica *rontale I stata conce4ita 4er ottimizzare la resa della phantom ima'e' riducendo il *enomeno di cross tal< e *a+orendo di**erenze tem4orali nella ricezione del segnale. Puesto +iene assicurato mediante l:utilizzo di ca4sule con diagramma 4olare su4er cardioide 4er le 4osizioni laterali >angolate a ,"F? e cardioide 4er // 8uella centrale . Di conseguenza' si a+rH una *orte se4arazione tra i settori L C e C R' deri+ando un allargamento dello s4azio uditi+o e un minor risc5io di riscontrare 45antom image multi4le. Venne inoltre 4ro4osto di incrementare la ris4osta delle *re8uenze gra+i 4er L e R associando ciascun su4er cardioide' *iltrato con un 4assa alto' un micro*ono omnidirezionale' 4rocessato con un *iltro 4assa 6assoK la *re8uenza di crosso+er sare66e stata di 0"" 3z. La ditta tedesca Sc5oe4s s+ilu44M un 4rototi4o di 8uesto arra7 e gli diede il nome con cui I conosciuto tuttora. Le distanze tra i micro*oni' se44ur +aria6ili a seconda della situazione' sono nettamente ridotte) tra i 9" e i ," cm tra L e R e soli ; cm tra C e l:asse orizzontale. 2.3.3.1.5 OCT 2

Puesta +ariante della tecnica #CT 4re+ede un sem4lice a+anzamento del micro*ono centrale' da ; a 9" cm di distanza dall:asse L R' riducendo cosL la correlazione tra canali N /incrementando 8uindi le 4otenzialitH di downmixin' e risultando un i6rido tra la tecnica #CT e la Decca Tree. Volendo mantenere le 8ualitH in localizzazione della 4rima' si 4uM a44licare' in *ase di 4ost 4roduzione' un sensi6ile ritardo di circa 0 ms al segnale centrale.

// Il 4attern su4er cardioide I 4iJ direzionale ris4etto al cardioide e +anta il 4iJ alto ra44orto segnale diretto 1 segnale ri*lesso tra tutti i micro*oni direzionali *irst order. /- $rocesso di missaggio atto a ridurre il numero di canali destinati alla ri4roduzione. %d esem4io' il 4assaggio da /.0 a stereo*onico >!." !.0?.

2"

2.3.3.1.6

OCT S+--$+(* <382 S#)-)$ ,)#+!=: 23 G. T1)"%): IRT

(igg. 0, !" N % sinistra' tecnica #CT Surround >ra44resentata da Toru =ame<aDa?K a destra' a44licazione della tecnica con strumentazione Sc5oe4s.

Trattasi della naturale estensione surround della tecnica #CT' cui' alla com4onente *rontale L C R' +iene aggiunta la com4onente 4osteriore LS e RS' costituita da due ca4sule dal diagramma 4olare cardioide direzionate in totale o44osizione al *ronte sonoro anteriore' cosL da so44rimere com4letamente la ricezione del segnale diretto. %nc5e in 8uesto caso si a+rH la totale se4arazione dei settori dello s4azio auditi+o e una netta di**erenziazione tra *ronte e retro. Tutta+ia' la ridotta distanza tra L C R e LS RS >9" cm? e la lung5ezza dell:asse LS RS >!" cm in 4iJ di 8uella L R? sono conce4ite 4er assicurare un:ottimale ra44resentazione stereo*onica dei suoni laterali. Puello c5e ne consegue I una realistica resa s4aziale' ideale 4er molte occasioni merite+oli di registrazione) il li+ello di ri+er6erazione I e8ui+alente 4er ogni canale' mantenendo comun8ue il giusto grado di correlazione. Naturalmente' ciM non solle+a a**atto dal la+oro di +alutazione' 4recedente alla registrazione' da e**ettuare relati+amente alla situazione) dimensioni dello s4azio' entitH del sound stage' resa sonora da ottenere ecc.. Tutte considerazioni di4endenti dall:es4erienza dell:ingegnere del suono. 2.3.3.1.7 INA

(igg. !0 !! N % sinistra' tecnica IN% 2K a destra' tecnica IN% / >ra44resentata da Toru =ame<aDa?.

La tecnica IN% >5deale Nieren "nordnun'' ossia 5deal ,ardioid "rray o44ure 5deal ,ardioid "rran'ement? +enne s+ilu44ata da Vol<er 3en<els e Ul* 3errmann ed I 6asata sul 20

concetto di critical linkin'9 4ro4osto da Ailliams e Le Du . Relati+amente alla +ariante INA63' tale nozione consiste nel *ondere il segmento sinistro >L C? con 8uello destro >C R? dell:immagine sonora *rontale senza so+ra44osizione' con lo sco4o di assicurare una ra44resentazione 6ilanciata e uni*icata del sound stage attra+erso il *ronte L C R in una con*igurazione stereo 21!. Il critical linkin' si 4uM ottenere in due modi) offset elettronico' inserendo' ad esem4io' del ritardo >dela7? o una di**erenza d:intensitH tra *ronte e retroK offset della posizione microfonica' raggiunto +ariando la 4osizione *isica dei micro*oni al *ine di cali6rare le di**erenze d:intensitH e di tem4o dell:arra7.

/. /;

O consiglia6ile con*igurare l:arra7 in modo tale c5e i micro*oni esterni 4untino ai limiti d:am4iezza del sound stage' cosL da ottenere la com4leta estensione dell:immagine stereo' mentre il micro*ono centrale sia direzionato' a44unto' +erso il centro. La +ersione surround I de*inita INA65 ed I stata commercializzata attra+erso alcuni sistemi' il 4iJ *amoso dei 8uali I l: "tmos <.4 #urround +icrophone #ystem ' 4rodotto dalla S$L1Rrauner. Esso consiste di due elementi) la console S$L %tmos /.0 e il Rrauner %SM /, >"dKusta3le #urround +icrophone? / . Il modulo %tmos /.0 consente un +asto range di o4erazioni di mani4olazione del suono e missaggio in out4ut) attenuazione in ingresso' in+ersione di *ase' *iltri di *re8uenze' mandate ausiliare e 8uant:altro. O inoltre dotato di una 4otente matrice 4er un 4an4ot molto +ersatile dei segnali' il 8uale 4ermette ogni ti4o di modi*ica dell:immagine sonora in uscitaK a 8uesto contri6uisce anc5e la 4ossi6ilitH di regolare' in 8ualsiasi momento il diagramma 4olare di ogni ca4sula micro*onica. L:arra7 %SM / dimostra anc5:esso un:ele+ata *lessi6ilitH o4erati+a' oltre c5e *isica) rotazione delle cin8ue ca4sule in tem4o reale' regolazione dell:angolazione di ogni 6raccio della struttura a seconda delle esigenze. La con*igurazione surround I stata de*inita dagli stessi autori "tmonkreuz >atmos45ere cross?. 2.3.3.2 46C1 (()% 'R) -' M"&-$!1$() T)&1("5+),

Pueste tecnic5e sono dedicate alla 4ura ri4resa am6ientale' 4rediligendo 8uindi la mera azione di**usi+a dei segnali sonori' senza *ocalizzarsi nella ri4roduzione di una 4recisa phantom ima'e. I canali registrati e ri4rodotti corris4ondono a L' R' LS e RS di una con*igurazione standard 21!.

/. M. AILLI%MS' G. LE DU' +icrophone "rray "nalysis for +ultichannel #ound Recordin'9 4resentato alla %ES 0".t5 Con+ention' 0,,,' 4re stam4a nF 9,,.. /; M. AILLI%MS' G. LE DU' +ultichannel microphone array desi'n9 4resentato alla %ES 0";t5 Con+ention' !"""' 4re stam4a nF /0/.. /, R. #ASINS=I' The Recordin' %n'ineerBs (and3ook' Course Tec5nolog7 $TR' !""/' 44. !-! !-2.

2!

2.3.3.2.1

IRT C-$,, < 9 @T1)"%)A $- @A#0$A &-$,,=: 23 G. T1)"%): IRT

(igg. !2 !9 N % sinistra' tecnica IRT Cross a44licata con strumentazione Sc5oe4sK a destra' la tecnica ra44resentata da Toru =ame<aDa.

L:ingegnere tedesco T5eile 4ro4ose una con*igurazione si**atta) 8uattro ca4sule micro*onic5e' ognuna collocata sul +ertice di un 8uadrato +irtuale e direzionata lungo la 4roiezione esterna del 4ro4rio asse' 8uindi angolata di ,"F ris4etto alle ca4sule adiacenti e -" di 0;"F ris4etto alla ca4sula o44osta . I micro*oni 4ossono essere cardiodi' con una lung5ezza di lato suggerita di !/ cm' o44ure omnidirezionali' con una distanza consigliata di 9" cm. Tutta+ia T5eile tiene a 4recisare c5e tali s4eci*ic5e sono ancora a4erte a s4erimentazioni e ride*inizioni e 8uesta 4resa di coscienza ac8uista maggior senso in relazione alle +arie 4ro6lematic5e c5e 4ossono insorgere' come il *enomeno di cross)talk causato da una non su**iciente so44ressione del segnale diretto. Una con*igurazione 4iJ c5iusa tende a risaltare l:azione ri*lettente dell:am6iente' mentre una 4iJ a4erta I 4iJ indicata 4er la ri4resa della ri+er6erazione di uno s4azioK in entram6i i casi' una loro estremizzazione 4ro+oc5erH una 4erdita di s4azialitH.

2.3.3.2.2

/ 0 , 9" S5+ -): 23 ;. / 0 , 9": N/;

(igg. !/ !- N % sinistra' tecnica 3amasa<i S8uareK a destra' la tecnica +ista con la 4ros4etti+a di un:a44licazione generica con una 4er*ormance indoor.
-" G. T3EILE' ,apa3ilities and limits of L;)stereo recordin' ' 0,. Tonmeistertagung' $roceedings' 0,,-' 44. 02, 0/;.

22

$rendendo come ri*erimento il la7out della IRT Cross' la 3amasa<i S8uare 4re+ede nelle medesime 4osizioni 8uattro micro*oni 6idirezionali >o B*igura ;C?' con il null point.4 direzionato +erso il sound stage' e ogni di4olo 4ositi+o ri+olto +erso l:esterno della con*igurazione. In 8uesto modo si a+rH un:ottima so44ressione del segnale diretto e una ri4resa esclusi+a dell:interazione acustica suono am6iente. Inizialmente' la distanza -! consigliata era di 0 metro ' ma in seguito a calcoli e test d:ascolto +enne ridimensionata a -2 ! 2 metri . Tale arra7 I solitamente 4osto a una certa distanza dal sound stage e a una certa altezza' cosL da incrementare il ra44orto segnale ri+er6erato 1 segnale diretto. 2.3.3.2.3 ORTF S+--$+(*

(ig. !. N % sinistra' tecnica #RT( Surround a44licata con strumentazione Sc5oe4sK a destra' accessori Sc5oe4s.

Puesta tecnica 4re+ede una con*igurazione simile a 8uella della IRT Cross' con due di**erenze sostanziali) i micro*oni im4iegati sono su4er cardioidi e il la7out I rettangolare' ossia la distanza tra le ca4sule *rontali' cosL come 8uelle 4osteriori' I di 0" cm' con un:angolazione di 0""FK la distanza tra *ronte e retro' in+ece' I di !" cm' con un:angolazione di ;"F. La ditta tedesca Sc5oe4s 5a realizzato un arra7 #RT( Surround' utilizzato come metodo standard di ri4resa audio in molte mani*estazioni s4orti+e' tra le 8uali i Cam4ionati del mondo di calcio !"0" in Sud %*rica. 2.3.3.3 26C1 (()% 'R) -' M"&-$!1$() T)&1("5+),

Pueste tecnic5e mirano a registrare segnali indi4endenti da +eicolare alla com4onente 4osteriore >LS' RS? di una con*igurazione di ri4roduzione 21!.

-0 L:asse +irtuale di di+isione delle due aree sensi6ili >*ronte e retro? alla ri4resa' 4ro4rie del diagramma 4olare in 8uestione. -! =. 3%M%S%=I' +ultichannel sound in television: Technical and aesthetic approach9 4resentato al 2rd International Multic5annel Sound (orum' !""". -2 =. 3%M%S%=I' =. 3IS%M%' Reproducin' spatial impression with multichannel audio9 4resentato alla %ES !9t5 International Con*erence' !""2.

29

2.3.3.3.1

D+003 /) * T)&1("5+)

Puesta tecnica' s+ilu44ata da To5n =le4<o della McGill Uni+ersit7' com6ina un arra7 *rontale di tre micro*oni direzionali >L e R sono due su4ercardiodi' C I un cardioide? -9 con una dummy head. =le4<o a**erma+a c5e i 4ro6lemi di cross tal< alle altre *re8uenze causati dalla ri4roduzione di segnali 6inaurali mediante alto4arlanti sono risolti automaticamente 8uando una dummy head I usata 4er i canali 4osteriori. Dal momento c5e' secondo lo standard del /.0' gli s4ea<er 4er LS e RS sono 4osizionati 8uasi 4er*ettamente ai lati e' 8uindi' *rontali tra loro' la testa dell:ascoltatore +a a creare un e**etto di di**razione 4er le *re8uenze su4eriori a 0 <3z' le 8uali con+ogliano la maggior 4arte dei ri*erimenti 3RT(. D:altro canto' se si riesce ad a+ere una 6uona cancellazione di cross tal< tra canali 4osteriori' lo stesso non si 4uM dire 4er 8uanto riguarda i canali *rontali' anzi) a causa della ridotta distanza tra la dummy head e l:arra7 *rontale >0'!9 m?' l:e**etto risultante sarH una note+ole lacuna nella localizzazione della phantom ima'e. $er 4oter utilizzare 8uesta tecnica con 4ro*itto' la dummy head +a necessariamente collocata ad una maggior distanza dall:arra7 *rontale' in modo da ridurre il 4iJ 4ossi6ile l:intensitH del segnale diretto. 2.3.3.3.2 S! &)* C -*"$"* T)&1("5+)

Puest:ultima 4re+ede l:utilizzo di una con*igurazione stereo*onica' 4ossi6ilmente s4aziata' im4ostata in maniera tale da ri4rendere esclusi+amente segnali ri*lessi e ri+er6erati' riducendo ai minimi termini la registrazione di segnali diretti.

-9 T. =LE$=#' <)channel microphone array with 3inaural head for multichannel reproduction9 4resentato alla %ES 0"2rd Con+ention' 0,,.' 4restam4a nF 9/90.

2/

2.3.4 2.3.4.1

S+--$+(* M"&-$!1$(), DPA 51BB

(igg. !; !, 2" Da in alto a sinistra in senso antiorario) D$% /0"" su stati+o e ingrandimento del cor4o micro*onico' D$% /0"" montato su telecamera' D$% /0"" con i diagrammi 4olari delle ca4sule micro*onic5e.

$rodotto dalla statunitense D$% Micro45ones ' il modello /0"" ra44resenta una soluzione com4atta e 4ortatile 4er una ri4resa surround immediata e senza tro44i *ronzoli. Il cor4o micro*onico os4ita cin8ue trasduttori a 4ressione caratterizzati da una 6assa sensi6ilitH al +ento e rumori meccanici' ridotta distorsione' ris4osta in *re8uenza estesa e am4io range dinamico. Grazie a tu6i d:inter*erenza 4er le ca4sule omnidirezionali L' C e R e a 6a**le acustici' +engono garantite un:a44ro4riata se4arazione e direzionalitH dei canali e accuratezza di li+elli in uscita. I tre micro*oni *rontali sono in coincident arra7' cosL da eliminare di**erenze tem4orali in ri4resa e 4ermettere un downmixin' 4rotetto da e+entuali distorsioni di *ase. I micro*oni 4osteriori in+ece sono omnidirezionali standard' ottimamente s4aziati tra loro e tra i *rontali cosicc5U si 4ossa simulare la natura s4azialitH 6asata sulle di**erenze di tem4o. Il canale L(E > Low *re1uency %ffects' .0? +iene originato dalla somma dei canali L e R' 4er 4oi essere attenuato di 0" dR ris4etto agli altri canali' in accordo con le diretti+e del *ormato /.0.

-/

-/ DDD.d4amicro45ones.com

2-

2.3.4.2

/$%$!1$() M"&-$!1$(),

(igg. 20 2! 22 29 Da sinistra) 3olo45one /.0 32 D' 3olo45one 3! $R# /.0. 1 ..0' 3olo45one 39 Su4erMINI' 3olo45one $ortaMic $ro

L:3olo45one +enne conce4ito e 6re+ettato dal musicista e sound designer Mi<e God*re7. Egli' col4ito dal realismo con*erito dalla registrazioni 6inaurale' iniziM una serie di es4erimenti +olti a ri4rodurre 8uel ti4o di resa sonora e' do4o +ari tentati+i utilizzando le dummy head' ca4L di do+er a44licare alcune tecnic5e ado4erate 4er il suono surround 4er 4oter godere dell:e**etto tridimensionale senza l:ausilio delle cu**ie. Do4o a+er realizzato il 4rimo 4rototi4o' a++iM una colla6orazione con l:istituto di ricerca nazionale >NRC? canadese con l:intenzione di realizzare un +ero e 4ro4rio 4rodotto. In realtH' l:3olo45one costituisce un sistema' 4iJ c5e un micro*ono in sU. Il *ulcro rimane comun8ue il 4luri 4remiato /26PRO >$ro*essional ..0 C5annel?' un cor4o ellissoidale contenente otto micro*oni omnidirezionali) cin8ue nella con*igurazione standard' uno 4osteriore centrale' uno sulla sommitH 4er l:ele+azione e uno 4osto al cuore del cor4o' de4utato al canale L(E. Sulla scia del successo di 8uesto 4rimo dis4ositi+o' la ditta 3olo45one' nel tem4o' am4liM il catalogo con la +ersione ridotta dell:originale' ossia il &rofessional <.4 ,hannel (;)&R6 <.4' una +ersione 4iJ economica' il &rofessional <.4 ,hannel ( )D' 4oi la +ersione &rofessional <.4 ,hannel (G #uper+5N5' dotata di encoder Dol67 $ro Logic II' ed in*ine la soluzione -4ensata 4er il montaggio su camere' il &orta+ic &ro .

-- R. #ASINS=I' The Recordin' %n'ineerBs (and3ook' Course Tec5nolog7 $TR' !""/' 44. !/. !/;.

2.

2.3.4.3

S&1$)!, ;FM 36B S+--$+(* M"&-$!1$() S3,#)0

(igg. 2/ 2- 2. Da sinistra in senso anti orario) Sc5oe4s =(M 2-"' Sc5oe4s DS$ 9 =(M 2-"' deri+azione dei segnali *ronte destro >R? e surround destro >RS? come 4ro4osto da Rruc< >diagramma 4ro++isorio?.

Puesto sistema' considera6ile come una tecnica 4seudo 6inaurale si de+e al location recordist Terr7 Rruc<' il 8uale' cercando di incrementare le 4otenzialitH direzionali -; della s*era micro*onica =(M - ' 4ensM di so+ra44orre alle ca4sule omnidirezionali' collocate nella testa come orecc5ie' un micro*ono 6idirezionale ciascuna >con l:asse 4rinci4ale orientato *ronte retro?' cosL da ottenere una do44ia con*igurazione M1S. I segnali in out4ut sono matricizzati come un 4aio di rozzi diagrammi cardiodi direzionati in senso o44osto +erso l:esterno. La s*era' agendo come ostacolo ed attenuatore' rende i -, diagrammi 4olari al8uanto irregolari . %ggiustando i relati+i li+elli dei segnali *ronte e retro dei micro*oni con *igura ;' I 4ossi6ile controllare la se4arazione tra *ronte e retro. Come conseguenza' si otterrH una ris4osta 4iJ realistica' riuscendo a simulare la distanza e il mo+imento ris4etto alla sorgente sonora. I segnali matricizzati in out4ut 4ossono essere +eicolati a 8uattro canali della con*igurazione /.0K in alternati+a' il modulo di ela6orazione DS$ 9 4uM deri+are digitalmente i sei canali dello standard /.0' ottenendo il canale C dalla somma dei due segnali *rontali dei micro*oni 6idirezionali. Un ulteriore canale' 4er le *re8uenze gra+i' *ino agli ;" 3z' +iene creato dalla somma dei segnali dati dai trasduttori a 4ressione' con riduzione del li+ello di - dR. Il 4rocessore DS$ 9 4uM consentire molte altre regolazioni' memorizza6ili e ric5iama6ili' sia in *ase di registrazione c5e di 4ost 4roduzione' al *ine di cali6rare la ris4osta del sistema nella misura 4iJ o44ortuna alla situazione.
-. (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 44. //9 ///. -; D. S%T& >trad.?' #urround Recordin' Techni1ues' Sc5oe4s Mi<ro*one' Durlac5' German7' 001!""-' 4. 00. -, R%RTLETT %ND R%RTLETT' &ractical Recordin' Techni1ues -<th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. 9.2.

-.

2;

Come dic5iarato da Rruc< stesso)


T5e s7stem is re+elator7 in its a6ilit7 to recreate a li+e e+ent. $er5a4s most remar<a6le is t5e *reedom a listener 5as to mo+e around and select a *a+ored 4osition' as one mig5t mo+e around in a concert 5all to select a 4re*erred seat. T5e image remains sta6le' Dit5out a discerni6le sDeet s4ot. T5e re4roduction is uno6trusi+el7 natural and con+incing in its sense o* 6eing t5ere .".

." _Il sistema si ri+ela sor4rendente nella ri4roduzione di un e+ento dal +i+o. %ncora 4iJ ragguarde+ole' *orse' I la li6ertH di mo+imento e di scelta di una 4osizione c5e un ascoltatore 4uM +antare' come se *osse alla ricerca di un 4osto a sedere in una sala concertistica. L:immagine rimane sta6ile' senza un distingui6ile 4unto ottimale d:ascolto. La ri4roduzione I assolutamente naturale e con+incente nel suo senso d:immersione.` 53idem.

2,

C !"#$%$ III L'ELABORAZIONE DELLA SPAZIALIT : LA SPAZIALIZZAZIONE La maggior 4arte dell:audio' musicale o *ilmico' I ancora registrato in mono o stereo' ricorrendo alle modalitH tradizionali. Molti missaggi musicali in /.0 sono costruiti sulle stesse tracce di un missaggio stereo' con la sola aggiunta di canali utili 4er il 4anning. CiM risulta essere utile 4rinci4almente 4er il *atto c5e a+ere 4iJ alto4arlanti riduce il masc5eramento di molte4lici suoni 4ro+enienti dalla stessa direzione e riduce inoltre il degrado di un suono da un di**usore c5e de+e ri4rodurre s+ariate sorgenti contem4oraneamente. Essere circondati dalla musica 4uM anc5e essere 4iJ 4iace+ole ris4etto alla *ruizione stereo*onica' risultando un 4anorama sonoro 4iJ a4erto ed immersi+o. Si noti c5e immersione non signi*ica necessariamente realismo. Il 4rocesso del 4anning I dettato 4iJ da scelte artistic5e c5e da metodi di registrazione. La 4rima regola della registrazione Bnon ci sono regole' solo linee guidaC I assolutamente a44lica6ile .0 anc5e alla 4ratica del missaggio surround . Gli e**etti sonori 4er *ilm 4ossono essere) foley recordin'' registrati in studio' mono o stereo field recordin'' registrati *uori dallo studio' mono' stereo o surround

Registrazioni in mono o stereo sono 4iJ immediate da gestire' ric5iedono meno s4azio di arc5i+iazione e sono relati+amente sem4lici da 4an4ottare all:interno del 4anorama .! sonoro. L:im4iego di cor4i micro*onici stereo' 8uadri*onici >%m6isonics ? e con cin8ue o 4iJ ca4sule >3olo45one? *acilita non 4oco le registrazioni surround. Puesto signi*ica c5e c5e i suoni non 5anno nemmeno 6isogno di essere 4an4ottati) i canali +engono direttamente +eicolati nei ris4etti+i alto4arlanti. Un settore del sonoro 4er *ilm in cui le registrazioni surround +engono giH utilizzate I l:e**ettistica sonora am6ientale. Puesta ti4ologia di suoni s4esso a44are in tutti gli alto4arlanti' inclusi 8uelli 4osteriori' a di**erenza della gran moltitudine di e**etti sonori 4ro+eniente 4re+alentemente dal *ronte. Tutta+ia' gli am6ienti sono ancora registrati in mono o stereo. Una registrazione mono 4uM dare un discreto senso di 4resenza 8uando ri4rodotto attra+erso tutti gli alto4arlanti' ma il medesimo segnale sem6rerH 4ro+enire da tutte le direzioni' ed ogni elemento in mo+imento a44arirH immo6ile' aumentando o diminuendo di +olume >con un accennato e**etto Do44ler?' ma non realmente dinamico.

.0 D. M. 3URER' R. E. RUNSTEIN' +odern Recordin' Techni1ues -.th ed./' (ocal $ress' !""/' 4. /9". .! La ri4roduzione di suoni 4ro+enienti da ogni direzione mediante un sistema /.0 standard non I 4er*etta' anc5e con di**usori di alto li+ello. Un sistema c5iamato %m6isonics 4uM essere d:interesse' dato c5e si 4re*igge di alle+iare molti dei 4ro6lemi di localizzazione sonora dimostrati dai sistemi surround a canali discreti. Nel caso di %m6isonics' i suoni sono 4osizionati nel cam4o sonoro e ri4rodotti attra+erso ogni alto4arlante come occorre c5e sia' 4iuttosto c5e mandare i segnali a canali s4eci*ici. Nel 4unto d:ascolto centrale' i suoni sono ricostruiti esattamente.

9"

3.1 L &-) '"$() *" 02")(#" -) %",#"&" Se non si sta la+orando con materiale registrato mediante molte4lici micro*oni am6ientali >o arra7 micro*onici multi canale?' il *onico surround a+rH s4esso a c5e *are con sorgenti mono canale c5e de+ono essere accuratamente 4osizionate all:interno di uno s4azio a4erto e de*inito. Si 4resenta s4esso anc5e il 6isogno di muo+ere li6eramente i suoni in tale s4azio N e allo stesso tem4o di rendere correttamente i 4rinci4i acustici. $er *ar *unzionare realisticamente un tale 4anning di 4recisione' l:atmos*era annessa do+rH cam6iare anc5:essa. La c5ia+e 4er conseguire 8uesto o6ietti+o consiste nell:utilizzo di e**etti decorrelati' mediante i 8uali il segnale d:uscita di ogni canale I il medesimo' o 8uasi. La decorrelazione I raggiunta 8uando uno o 4iJ 4arametri di 6ase N ti4icamente sono im4ostazioni di *iltraggio' tem4i di ritardo' intonazione N +ariano molto sensi6ilmente in ogni canale. In un:i4otetica co44ia di canali L R' +eicolando in essi il medesimo suono' du4licato ma decorrelato' esso +errH distri6uito uni*ormemente attra+erso lo s4azioK 4er contro' l:out4ut di L R contenenti lo stesso suono' solo du4licato' suonerH mono*onico. Di conseguenza' la somma di due segnali correlati I di - dR 4iJ ele+ata nel centro' mentre la somma di due segnali 4er*ettamente decorrelati I di soli 2 dR 4iJ alta nel centro. Cosa 4iJ im4ortante' i segnali decorrelati conducono a una 4ercezione realistica di am6iente' 4oic5U lo s4azio uditi+o reale I caratterizzato da decorrelazione >si +eda il 4rimo ca4itolo della 4resente tesi?' e l:immagine s4aziale risulterH 4iJ am4ia. Nel caso di un ri+er6ero surround decorrelato' in+ece di 4erce4ire una ri+er6erazione di+ersa 4osteriormente' riscontra6ile con ri+er6eri standard' l:ascoltatore 4ro+a la sensazione di reale s4azialitH. Mentre s4eci*ici algoritmi di ri+er6erazione multi canale e dis4ositi+i 5ardDare *orniscono mezzi sem4lici di decorrelazione' essa 4uM anc5e essere ottenuta mediante ri+er6eri stereo*onici' o anc5e mono*onici. Nel caso di ri+er6eri stereo*onici' i 8uali +engono s4esso 4rogrammati con i medesimi 4arametri 4er il canale sinistro e 8uello destro' de+:essere 4osta attenzione nell:alterare uno o 4iJ 4arametri 6ase in uno soltanto dei due canali. %lcuni ingegneri del suono' in+ece' 4re*eriscono usare molte4lici ri+er6eri mono*onici' collegati ognuno a un di+erso di**usore' creando cosL decorrelazione con il ric5iamo dello stesso 4reset in ogni s4ea<er' 4er 4oi modi*icare leggermente le im4ostazioni selezionate73. Come 4er la maggior 4arte delle tecnic5e di missaggio' il modo migliore 4er intra4rendere la creazione di am6ienti multi canale realistici I 8uello di ascoltare attentamente e s4erimentare' 8uindi ritornare in studio e 4ro+are a re4licare ciM c5e si I sentito. 3.2 I0 ."(. (* P (("(. Gli ingegneri audio' missando in stereo' 4er molto tem4o 5anno *atto a**idamento sull:a6ilitH di creare un 45antom center 4osizionando 8uantitH e8ui+alenti di segnale in L e
.2 T3E REC#RDING %C%DEMS:S $R#DUCERS @ ENGINEERS AING ' Recommendations *or #urround #ound &roduction9T5e National %cadem7 o* Recording %rts @ Sciences' Inc.' !""9' 4. 9 ..

90

R74. Tutta+ia tale 4rassi I sem4re stata *ortemente di4endente dalla 4ossi6ilitH c5e l:ascoltatore non si tro+asse in 4osizione ottimale > sweet spot? o c5e comun8ue si 4otesse s4ostareK rimane il *atto c5e' anc5e in 4osizione centrale' minime di**erenze di *ase sono sem4re 4resenti e incidenti sulle com4onenti *re8uenziali del segnale. L:aggiunta *isica di un canale centrale nel surround elimina 8uesti 4ro6lemi' *ornendo un aggancioK i segnali +eicolati in 8uel canale a44aiono sem4re 4ro+enire dal centro N con una 4iena ris4osta in *re8uenza N a 4rescindere dalla 4osizione s4aziale dell:ascoltatore. Molti 4ro*essionisti del missaggio surround o4tano 4er l:utilizzo sia del canale centrale' sia del 45antom center. Un im4ortante controllo de*inito diver'enza 4ermette la 4recisa determinazione della 8uantitH relati+a dei segnali 4an4ottati centralmente +eicolati nel canale centrale' contro 8uelli indirizzati in misura uguale a L e R. La 4resenza di un canale centrale dedicato 4ermette all:ingegnere del missaggio surround di creare immagini 45antom tra L C e C R' incrementando signi*icati+amente la localizzazione. % causa della ridotta distanza tra gli alto4arlanti' 8uesto ti4o di Bin*raC immagini 45antom non sono cosL *ortiK tutta+ia' 4ossono essere utili 8uantomeno 4er il 4osizionamento di suoni lungo il muro *rontale. Nell:a44licazione di 8ueste tecnic5e' tutta+ia' l:addetto al missaggio de+e tenere in considerazione c5e l:utente *inale 4otre66e non dis4orre di un adeguato sistema di ri4roduzione surround N o non dis4orne a**attoX Similmente' un centro 45antom 4osteriore 4uM essere creato +eicolando 8uantitH e8ui+alenti di segnale a LS e RS. Se gli ./ alto4arlanti 4osteriori sono correttamente 4osizionati e angolati ' l:immagine 4uM essere sta6ile 8uasi 8uanto 8uella *rontale. La 4resenza di un alto4arlante 4osteriore centrale in una sistema -.0 consente un ancoraggio aggiunti+o di un segnale 4osteriore centrale e consente inoltre la creazione e gestione di un:in*ra immagine 45antom 4osteriore. Di contro' immagini 45antom laterali' indi+idua6ili tra L LS e R RS' risultano essere molto de6oli ed insta6ili' +ani*icate anc5e con il 4iJ sensi6ile dei mo+imenti della testa. CiM I do+uto al sem4lice *atto c5e le nostre teste rientrano nell:asse. (unzioni come la 3RT( dimostrano 8uanto sia *acile discernere leggeri mo+imenti di 4anning da L a C' e 8uindi da C a R >trattasi della modalitH raccomandata di eseguire 4anning L R in un sistema surround?. Tutta+ia' esse dimostrano 4ure c5e un sem4lice 4anning tra *ronte e retro non I 4ossi6ile' anc5e in 4resenza di un alto4arlante 4osteriore centrale' 4re+isto da un sistema -.0. Puesto 4erc5U la ris4osta in *re8uenza dell:orecc5io umano con segnali 4ro+enienti dal retro I 4ro*ondamente di+ersa da 8uella con suoni originati *rontalmenteK in sostanza' un 4assaggio *ronte retro I 4iuttosto una dissol+enza > fade? c5e un 4an4ot. Ciononostante' 4assaggi *ronte retro in sistemi -.0 non so**rono 4oi cosL tanto di com3 filterin' dal momento c5e il 4anning I eseguito tra due singole sorgenti. Inoltre' dal momento c5e la taglia della testa rimane costante nonostante di+erse com4onenti *re8uenziali generino di**erenti lung5ezze d:onda' la localizzazione risulta essere molto di4endente dalle s4ettro) le *re8uenze acute *a+oriscono maggiormente la localizzazione ris4etto a 8uelle gra+i. Di *atto' I 4iuttosto di**icile localizzare suoni com4osti 4re+alentemente da com4onenti *re8uenziali molto 6asse nello s4ettro' e 8uesto s4iega 4erc5U +iene usato' solitamente' un solo su6Doo*er 4er gestire gli L(E in un
.9 5vi' 4. 9 2. ./ Standard ITU R RS ../.

9!

sistema surround. Un 4otenziale 4ro6lema c5e 4uM sorgere dal +eicolare un segnale in due o 4iJ di**usori I il 4ericolo di un aumentato' e sem4re 4iJ com4lesso' com3 filterin'. Tale 4ro6lema si molti4lica tanti 4iJ alto4arlanti sono coin+olti e 4uM di+entare critico nel caso di downmixin' 4rocessato dal sistema di ri4roduzione. Comun8ue' molti *onici surround com4etenti s4engono seletti+amente i canali del miEer 8uando si tratta di 4ortare un suono all:interno del 4anorama sonoro o 8uando 4an4ottano dinamicamente un suono da un:area all:altra nello s4azio sonoro. Si raccomanda' ogni 8ual +olta si 4osizioni un segnale in tre' 8uattro o cin8ue di**usori' c5e esso +enga decorrelato. Vale la 4ena notare c5e' mentre la maggior 4arte delle console di missaggio 4redis4oste al surround 4ro++edano 8uattro o cin8ue moduli di 4an4ot >s4esso in *orma di Go7stic<?' I 4ure 4ossi6ile N e a +olte 4re*eri6ile N com4iere un 4osizionamento 4untuale mediante l:utilizzo ragionato di delay. 3.3 T)&("&1) *" ! (("(. 0+%#"6& ( %) Il 4an4ot di segnali tra 4iJ di due alto4arlanti 4resenta una serie di 8uestioni 4sico acustic5e' con 4articolare riguardo alla distri6uzione a44ro4riata dell:energia dei segnali' all:accuratezza nella localizzazione della phantom ima'e' all:ascolto *uori asse >no sDeet s4ot? e al tim6ro del suono 76. Un certo numero di soluzioni di**erenti sono state 4ro4oste' in aggiunta al relati+amente acer6o a44roccio di co44ia > pairwise? usato 4er il sonoro di molti *ilm. La 8uestione della simulazione della distanza di una sorgente I 4arimenti discusso. Mic5ael Gerzon si es4resse cosL' nel de*inire una legge 4er un 6uon 4anning 4er il surround)
T5e aim o* a good 4an4ot laD is to ta<e mono45onic sounds' and to gi+e eac5 one am4litude gains' one *or eac5 louds4ea<er' de4endent on t5e intended illusor7 directional localisation o* t5at sound' suc5 t5at t5e resulting re4roduced sound 4ro+ides a con+incing and s5ar4 45antom illusor7 image. Suc5 a good 4an4ot laD s5ould 4ro+ide a smoot5l7 continuous range o* image directions *or an7 direction 6etDeen t5ose o* t5e tDo outermost louds4ea<ers' Dit5 no a 6unc5ing b o* images close to an7 one direction or a 5oles b in D5ic5 t5e illusor7 imaging is +er7 4oor==.

.- (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. //.. .. _Lo sco4o di una regola 4er un 6uon 4anning I di 4rendere suoni mono*onici' assegnare a ciascuno guadagni in am4iezza' +eicolarne uno 4er alto4arlante' a seconda dell:illusione della localizzazione direzionale ricercata 4er 8uel suono' cosicc5U il risultante suono ri4rodotto 4ro++eda a una 45antom image de*inita e con+incente. Una 6uona legge sul 4anning come 8uesta do+re66e *ornire un inter+allo armonioso e continuo di 4ro+enienze d:immagini 4er ogni direzione tra 8uelle esistenti realizzate dai due di**usori 4iJ esterni' senza raggru44amenti di immagini con*inate in una sola direzione 8ualun8ue' o 6uc5i caratterizzati da una scarsa 45antom image.`

92

3.3.1

P "-C",) 0!%"#+*) ! (("(.

Il cosiddetto panpot di coppia in ampiezza78 I il ti4o di controllo del 4anorama ris4etto a cui la maggior 4arte degli ingegneri del suono 5a *amiliaritH' in 8uanto I l:a44roccio utilizzato nella maggioranza dei miEer a due canali in uscita. Com4orta la regolazione dell:am4iezza relati+a in una co44ia di di**usori tra loro adiacenti' in modo da creare una phantom ima'e in un 4unto determinato del 4anorama. Puesta 4rassi I stata estesa alla con*igurazione data da tre canali *rontali e' 8ualc5e +olta' I utilizzata anc5e 4er il 4anning tra di**usori laterali >L LS o R RS? e di**usori 4osteriori. La maggior 4arte di moduli 4an4ot del genere sono costruiti cosL 4er assicurare 4otenza costante' dal momento c5e le sorgenti sono 4an4ottate 4resso com6inazioni di**erenti di alto4arlantiK 8uindi' il li+ello a44rossimato dei segnali rimane costante. Il 4an4ot c5e *a ricorso a di**erenze d:am4iezza o di tem4o tra alto4arlanti laterali am4iamente s4aziati non 5a 4articolare successo nella creazione di phantom ima'e accurate. Le immagini laterali non tendono a muo+ersi linearmente cosL come sono state 4an4ottate e il *enomeno 4iJ ricorrente I 8uello di salti im4ro++isi tra il *ronte e il retro. Di**erenze s4ettrali originate da 3RT( in contrasto tra suono *rontale e 4osteriore tendono a *ar a44arire le sorgenti sonore di+ise o disomogenee 8uando 4an4ottate ai lati. In alcuni miEer 4rogettati 4er la+orare in surround' s4ecialmente nell:am6ito *ilmico' sono 4re+isti moduli 4an4ot dedicati' 4er L C R' LS RS e 4er il surround *rontale. Com6inazioni di 4osizioni con*erite da 8uesti moduli 4an4ot in am4iezza consentono di s4ostare i suoni in +arie locazioni' ma un 4o: 4iJ 4ro*icuamente ris4etto ad altri. I Go7stic< di 4an4ot com6inano 8ueste relazioni d:am4iezza sotto il controllo di una singola le+a c5e 4ermette il 4osizionamento dinamico di un suono in 8ualsiasi 4unto all:interno del 4anorama surround. Gli e**etti di mo+imento resi 4ossi6ili da 8uesti Go7stic< risultano s4esso non con+incenti e de+ono essere usati con cautela. Una ricerca intra4resa da Tim Aest dell:Uni+ersitH di Miami dimostrM c5e' a ., dis4etto delle limitazioni del 4anning di co44ia con 4otenza costante ' l:immagine sonora risulta+a ragione+olmente 4iJ sta6ile ed accurata' sia 4er 4osizioni d:ascolto centrali c5e decentrate' 4er sorgenti in mo+imento e stazionarie' com4arato con 8ualc5e altro e 4iJ com4lesso algoritmo. Con*usione tra *ronte e retro +iene riscontrata in 8ualc5e caso' relati+amente a sorgenti 4an4ottate alle s4alle dell:ascoltatore. 3.3.2 R &&$0 (* '"$(" ,+% ! (("(. !)- A02",$("&

Esse sono 4rinci4almente 6asate sulla necessitH di ottimizzare i 4arametri di localizzazione 4sico acustica in accordo ai modelli di se4arazione tra *re8uenze gra+i e acute' 4ro4ri dell:ascolto umano. Gerzon 4ro4ose una certa +arietH di linee guida sul 4anning ottimizzato 4sico acusticamente 4er molte4lici alto4arlanti' le 8uali 4ossono
.; (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. //; //,. ., Il 4anning con 4otenza costante occorre 8uando si +uole mantenere un li+ello costante di +olume 4er un segnale sonoro' a 4rescindere dal suo grando di 4an4ot' ossia dalla sua 4osizione nel 4anorama.

99

essere teoricamente estese a 8ualsiasi numero di di**usori DB. %lcune im4ortanti caratteristic5e sono) sussiste s4esso un:uscita da molte4lici di**usori dell:arra7' 4iuttosto c5e solo da dueK tendono ad esi6ire catti+e com4onenti di guadagno >segnali *uori *ase? in alcuni canali relati+amente ad alcune 4osizioni nel 4anoramaK la se4arazione dei canali I 4iuttosto scarsa.

Di+ersi autori 5anno dimostrato come 8uesta ti4ologia di 4anning 4ossa essere estesa a con*igurazioni a cin8ue canali. Mc=innie 4ro4ose una tecnica di 4anning a cin8ue canali 6asata sui 4rinci4i similari' adatta alle angolazioni standard degli alto4arlanti. %nc5e Moorer 4ro4ose alcune 4rocedure di 4anning a 8uattro e cin8ue canali. % di**erenza di Mc=innie' egli a**erma+a c5e l:angolazione standard di c 2"F 4er gli alto4arlanti *rontali *osse tro44o stretta 4er la ri4roduzione musicale' e c5e ciM desse origine a li+elli' nel canale centrale' in molti casi tro44o ele+ati 4er ottenere un:adeguata decorrelazione L R' cosL come 4ro+ocasse elementi *uori *ase. Egli suggerL di aumentare tale angolazione a c9/F 4er e+itare 8uesti 4ro6lemi. 3.3.3 /) *6-)% #)* ! (("(.

3or6ac5' dell:azienda s+izzera Studer' 5a 4ro4osto delle tecnic5e di 4anning ;0 alternati+e 6asate sull:association model di T5eile ela6orate a 4ro4osito della 4ercezione stereo*onica. Esso ricorre a degli assunti simili a 8uelli utilizzati 4er il micro*ono s*erico Sc5oe4s >+edi ;.;.G #urround +icrophones?' 6asati sull:idea c5e di**erenze tra segnali head) related o 4seudo 6inaurali do+re66ero essere create tra segnali di alto4arlanti al *ine di generare immagini s4aziali naturaliD2. O stato 4ro4osto c5e ciM 4uM *unzionare senza cancellazione di cross tal<' ma c5e essa 4uM essere aggiunta 4er incrementare l:e**etto di com4leta tridimensionalitH 4er un limitato inter+allo di 4osizioni d:ascolto. Nel creare le sue leggi sul 4anning' 3or6ac5 sceglie di emulare la ris4osta data da un sem4lice modello di testa s*erica' la 8uale non 4ro+oca 4icc5i di *re8uenze acute e solc5i in ris4osta ti4ici di teste 4ro++iste di ri4roduzioni di 4inne delle orecc5ie. Il risultato I una naturale ris4osta in *re8uenza 4er l:ascolto mediante alto4arlanti' molto simile a 8uella c5e si otterre66e con un micro*ono a s*era utilizzato 4er ri4rendere la stessa sorgente sonora. Dalla ri4roduzione di un segnale di cancellazione di cross tal< attra+erso il di**usore o44osto a 8uello +eicolante il segnale originale' si a+rH la 4ercezione di un 4anorama sonoro 4iJ am4io e non limitato alla reale angolazione dei di**usori' 8uindi una 4ercezione di aumentata s4azialitH. I 4anning degli arra7 *rontale e 4osteriore e del canale centrale sono incor4orati da strumenti con+enzionali di controllo dell:am4iezza. 3or6ac5 4ro4one inoltre di utilizzare un miEer digitale 4er generare ec5i o ri*lessioni arti*iciali delle sorgenti unitarie' +eicolati +erso i ris4etti+i canali d:uscita' al *ine di stimolare le
;" (. RUMSES' T. MCC#RMIC=' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. //, /-0. ;0 G. T3EILE' 6n the localisation in the superimposed soundfield' dissertation' Rerlin' 0,;". ;! 5vi9 4. /-0.

9/

acustic5e naturali delle sorgenti sonore in s4azi reali e di *ornire ri*erimenti di distanza. 3.4 D$C(0"E"(. Trattasi del 4rocesso di con+ersione di un missaggio in un secondo missaggio caratterizzato da un numero in*eriore di canali in uscita. %d esem4io' si 4uM 4arlare di downmixin' di un missaggio surround >/.0' ..0 ecc.? in un missaggio stereo' o addirittura mono. Esso +iene ela6orato dal decoder dell:5ome t5eater in 4ossesso dell:utente *inale' ma anc5e in *ase di 4ost 4roduzione' 8ualora si 4re+edano molte4lici destinazioni d:uso del 4rodotto sonoro. Nel circuito del downmixin'' LS e RS sono *usi con L e R' mentre C I distri6uito in misura e8ui+alente tra L e R. Il canale L(E +iene missato coi canali *rontali' o44ure del tutto tralasciato. DoDnmiE si**atti raramente originano un missaggio stereo adeguatamente 6ilanciato' 8uindi occorre controllare la com4ati6ilitH stereo*onica del missaggio surroundD3. Sistemi di monitoraggio surround do+re66ero essere 4ro++isti di un controllo di doDnmiE cosL da 4oter ascoltare la resa di un missaggio surround tras4osto in uno stereo*onico dal decoder *inale. La soluzione migliore rimane 8uella di com4orre un missaggio stereo se4arato da includere nel su44orto *inale a cui +errH destinato il 4rodotto. 3.5 U!0"E"(. <@F +E 5.1A= Il 4rocesso di costruzione di un missaggio multi canale I considere+olmente 4iJ com4lesso di un missaggio stereo' ric5iedendo una note+ole 8uantitH di com4etenza e decisioneD4. %d esem4io' gli am6ienti de66ono essere conce4iti all:interno del cam4o sonoro surround N o4erazione normalmente conseguita con l:a44licazione di ri+er6eri e ritardi a44ositamente 4ersonalizzati. In aggiunta' un missaggio multi canale de+:essere attentamente modellato in modo da mantenere la sua integritH anc5e 8uando ascoltato al di *uori del 4unto ottimale. Puando un nuo+o missaggio multi canale deri+a da una registrazione 4recedentemente stereo*onica >4rocesso de*inito riproposta?' de+e ris4ettare l:estetica originale. Puesti sono o6ietti+i raggiungi6ili solamente con l:orecc5io e la mente umani. In tem4i recenti' s+ariati 4rocessori di segnale audio e so*tDare s+olgono in automatico il cosiddetto upmixin' >c5iamato a +olte unwrappin'?) la con+ersione di missaggi stereo*onici in missaggi surround. Tali strumenti *orniscono di+ersi li+elli di controllo e 4ossono essere di gran 6ene*icio 4er l:ingegnere del suono 8uando si tratta di ri4ro4orre materiale non originariamente registrato in multi traccia' o44ure 8uando i su44orti *isici sono danneggiati o non dis4oni6ili. Tutta+ia' nessuno strumento di upmixin' 4uM sostituire un remiE realmente surround costruito 4artendo dal materiale multi traccia originale' 4er le seguenti ragioni)
;2 R%RTLETT %ND R%RTLETT' &ractical Recordin' Techni1ues -<th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",' 4. 9-,. ;9 T3E REC#RDING %C%DEMS:S $R#DUCERS @ ENGINEERS AING' Recommendations *or #urround #ound &roduction9T5e National %cadem7 o* Recording %rts @ Sciences' Inc.' !""9' 4. / -.

9-

un missaggio surround reale com4rende 4iJ materiale di**erenziato. Il risultato *inale consiste di un:es4ansione del sound stage N +i I un accesso 4iJ am4io ai suoni' con un migliorato 4osizionamento discreto dei segnali indi+iduali. In alcuni casi' l:ingegnere del suono 4uM sco+are materiale inedito 4recedentemente inutilizzato' da im4iegare nel remiE come +alore aggiuntoK dal momento c5e i suoni 4ossono essere recu4erati indi+idualmente in un missaggio surround reale' 4ossono essere conce4ite nuo+e ed intere 4ros4etti+e o4erati+e e creati+e' 4otendosi concedere magari della licenza artistica' a 4atto di non snaturare o stra+olgere l:im4atto o l:estetica originali. Il risultato *inale 4uM com4ortare un nuo+o ed inas4ettato li+ello di coin+olgimentoK mediante l:utilizzo di e**ettistica e tecnic5e di missaggio surround' un ingegnere del suono ca4ace 4uM generare un 4iJ am4io 4unto ottimale d:ascolto. 3.6 L')F$%+'"$() *)%% !$,#6!-$*+'"$() ,+--$+(*

#ggigiorno il mercato dell:audio 4ro*essionale N ma oramai anc5e 8uello amatoriale N o**re un consistente numero di soluzioni 4er la 4ost 4roduzione' sia 5ardDare c5e so*tDare' al *ine di o4erare sessioni multi canale. Molto s4esso 8ueste soluzioni sono integrate' ossia 4re+edono l:uso com6inato di 4iJ com4onenti inter*accia6ili tra loro e 4ro++isti di *unzionalitH dedicate a un 4reciso *ormato o a una s4eci*ica tecnologia. Non *anno eccezione' naturalmente' i recentissimi sistemi 6asati sulla concezione di audio tridimensionale e c5e 8uindi 5anno ric5iesto l:adeguamento delle tecnic5e e delle strumentazioni atte a 4rodurre com4arti sonori ri4roduci6ili attra+erso nuo+i la7out di di**usione. Si guardi' ad esem4io' alle nuo+e tecnologie cinematogra*ic5e Dol67 %tmos e %uro 2D' illustrate nell:ultima sezione del 4resente ela6orato. Entram6e' nel dettaglio della 4ro4ria 4rogettazione' da un lato sono corredate da una serie di linee o4erati+e 4er l:a44roccio inedito al Dor<*loD audio c5e esse im4licanoK dall:altro sono com4rensi+e della tecnologia 4ro4rietaria necessaria 4er andare ad inserirsi in tutti i segmenti interessati. Puesto signi*ica' l:im4iego di nuo+i 4rocessori audio c5e' oltre ad essere a44ositamente conce4iti 4er i nuo+i *ormati' assicurano una *ondamentale retro com4ati6ilitH' +alutata sia sulla 6ase delle s+ariate nature delle 4roduzioni' dettate da scelte artistic5e come da 8uestioni di 6udget' sia 4ensando alla 4rogressi+a adozione dei nuo+i sistemi da 4arte delle sale. $rendendo in considerazione il mero am6ito degli strumenti dedicati alla 4ost 4roduzione surround' gli addetti ai la+ori 4ossono dis4orre di strumenti aggiornati' 4otenti ed estremamente +ersatili' in grado di ottimizzare tem4i e risorse 4ro4ri delle +arie *asi di la+oro. Di seguito +erranno 6re+emente descritti alcuni dei 4iJ moderni e di**usi mezzi tecnologici.

9.

3.6.1

AMS6NEVE DFC &$(,$%),

(ig. 2; N Dettaglio dei dis4la7 di controllo e meter 6ridge di una console %MS NEVE D(C Gemini.

Il 4restigioso 4roduttore di 6anc5i di missaggio >tra le altre cose? +anta una serie di console digitali 4ensate s4eci*icatamente 4er il missaggio cinematogra*ico) la D(C > Di'ital *ilm ,onsole?. In 4articolare' il modello $emini costituisce la 4unta di diamante grazie alla ;/ sua 4redis4osizione 4er i succitati sistemi Dol67 %tmos e %uro 2D . O dotata in*atti di alcune caratteristic5e a+anzate come la tecnologia Su4erStemd' 4er la gestione degli insiemi uni*icati multi traccia >music5e' dialog5i' *E?K consente di registrare e missare nati+amente *ormati audio 2D' arri+ando a monitorare com4lesse sessioni multi canaleK non ric5iede com4onenti esterni >come 4lug in? 4er la 4roduzione com4leta dei *ormati 2DK *unzioni a+anzate di 4anning >con co4ertura orizzontale e +erticale? ed automazione >tecnologia Encored !?K tras+ersale a tutti gli am6ienti so*tDare 4ro*essionali >$ro Tools' Nuendo' $7ramiE ecc.?. Senza du66io si tratta di un ri*erimento 4er il di4artimento sonoro dell:attuale industria cinematogra*ica. 3.6.2 S#+*)- ) "% VSP

L:azienda s+izzera incor4ora nelle sue console di 4unta la tecnologia VS$ > !irtual ;#ound &annin'? . Trattasi di uno strumento di 4osizionamento di segnali mono in 4iJ canali di ri4roduzione' *ino ad otto. %gisce generando le 4rime ri*lessioni all:interno di uno s4azio acustico simulato' a seconda della 4osizione di 4anning. Di conseguenza 8ueste ri*lessioni sono ri4rodotte dalla giusta direzione' al tem4o corretto. Inoltre incrementa la direzionalitH di un:immagine sonora aggiungendo in*ormazioni di *ase e *re8uenza alla di**erenza d:am4iezza 4ersonalizzata tra di**usori sinistri e destri. L:ultimissima +ersione del VS$ ricrea anc5e la ri+er6erazione' in *orma decorrelata e indi4endente dalla 4osizione di 4anning' in tutti i canali dis4oni6ili. Il risultato I c5e si a+rH un sound stage molto 4iJ dinamico e s4aziale.

;/ DDD.ams ne+e.com ;- DDD.studer.c5

9;

3.6.3

IOSONO ) %' +*"$ ,! '" %)

(igg. 2, 9" N % sinistra' screens5ot di S4atial %udio Aor<stationK a destra' screens5ot di %n7miE.

La com4agnia tedesca s4ecializzata in soluzioni audio 2D anno+era nel suo catalogo ;. un 4aio di 4iatta*orme so*tDare molto interessanti . La 4rima si c5iama #patial "udio Morkstation e consiste in un editor con cui I 4ossi6ile s4azializzare sorgenti sonore a 4rescindere dalla con*igurazione in ri4roduzione' ris4etto alla 8uale tragitti e 4osizioni +erranno adattati e memorizzati. La seconda I "nymix' un:unitH +irtuale di ela6orazione audio c5e assol+e alle *unzioni di surround 4anner' con+ertitore di *ormati *ino all:;.0. Entram6i gli strumenti sono molto e**icienti' ottimi 4lug in anc5e 4er l:inter*accia6ilitH con i se8uencer 4iJ di**usi. 3.6.4 ? F), 36BG S+--$+(* T$$%,: +( ),)0!"$ *" ,+"#) VST *)*"& # % ,+--$+(*

(ig. 90 N Collage delle inter*acce gra*ic5e dei 4lug in della suite Aa+es 2-"F Surround Tools.
;. DDD.iosono sound.com

9,

La so*tDare 5ouse Aa+es' do4o anni di ricerc5e nell:am6ito delle 4otenzialitH o**erte dalle tecnologie surround e del Dor<*loD in *ase di 4ost 4roduzione' 5a 4rodotto una suite com4rensi+a di 8ualsiasi ti4o di strumento +irtuale utile ad incrementare l:e**icienza e a *acilitare il 4rocesso di 4roduzione audio surround. ;; Puesta suite I stata c5iamata .0 #urround Toolkit e s*rutta la tecnologia VST . I 4lug in di cui I costituita rico4rono 8ualsiasi as4etto o4erati+o relati+o al missaggio surround. Di seguito +engono elencati) S36BG S+--$+(* P (()-) mani4olazione dell:immagine' 4anning della distanza' generazione di early reflections' *unzione di shufflin' 4er incrementare la larg5ezza 4anoramica delle *re8uenze gra+i e la 4ercezione di 4ro*onditH S36BG S+--$+(* I0 .)-) molto simile al &anner' o**re di+erse regolazioni addizionali relati+e all:immagine sonora e alla sua com4osizione *re8uenziale R36BG S+--$+(* R)F)-2) mutua la stessa tecnologia di generazione della coda di ri+er6ero dal 4luri 4remiato Maves Reinassance Rever3' in 4iJ o**re la modellazione acustica 4er am6ienti surround /.0 L36BG S+--$+(* L"0"#)-) limitin' multi canale' ditherin'' e smussamento del rumore C36BG S+--$+(* C$0!-),,$-) com4ressione soft)knee' studiata a44ositamente 4er 4roduzioni surround' 4arametri dedicati 4er ogni canale M36BG S+--$+(* M ( .)-) modulo di monitoraggio' 6ilanciamento e regolazione della matrice surround' *unzione di downmixin' in dieci *ormati M36BG S+--$+(* M"E*$C() modulo corollario al +ana'er LFE36BG L$C6P ,, F"%#)-) *iltraggio e 4otenziamento del canale L(E > Low *re1uency %ffects? IDR36BG S+--$+(* B"# R)5+ (#"')-) riduce il numero di 6it in 8uantizzazione utilizzando una tecnologia 6re+ettata di ditherin' 4sico acustico e modellazione del rumore D$--$+.1 S+--$+(* E*"#"$() monitoraggio dei li+elli esteso a tutti i canali *ino alla con*igurazione /.0 MV36BG) 4rocessore di dinamic5e a due *unzioni >com4ressione di alti 1 6assi

;; La !irtual #tudio Technolo'y' s+ilu44ata nel 0,,. dalla so*tDare tedesca Stein6erg' I uno standard c5e 4ermette la 4roduzione di 4lug in musicali' siano essi strumenti c5e e**etti e 4rocessori di segnale' 8uindi emulatori +irtuali di dis4ositi+i reali' ma anc5e com4lesse deri+azioni rese 4ossi6ili dalla tecnologia digitale.

/"

li+elli? 4er a44licazioni surround /." e /.0 UM225 8 UM226) 4rocessori 4er l:upmixin' da stereo a surround L$A"-) generatore di su6 armonic5e' controlli di *iltraggio 4assa 6asso e aggiustamento di *re8uenza' ela6orazione di materiale 4oli*onico' creazione del canale L(E da sorgenti stereo o /.".

Da 8uesta essenziale descrizione dei moduli della suite Maves .0 #urround Toolkit si 4otrH intuire la com4lessitH del missaggio surround' una 4ro*onda e+oluzione 4er 8uanto riguarda la tecnica e il 4otenziale comunicati+o del sonoro tutto. 3.7 U( & ,$ ! -#"&$% -) *" ! ,, .."$ * % *$0"("$ ( %$."&$ C$-%*"'"(. % &$(F$%+#"$( -)F)-2 5+)%%$ *"."# %): * %

Nato come 4uro es4erimento' la tecnica del worldizin' 5a conosciuto una +asta di**usione ed a44licazione in s+ariati altri settori' dal *ilmico a 8uello musicale. Le sua ;, e**etti+a de*inizione +iene accreditata a Murc5 ' nonostante il *atto c5e la 4rimissima a44licazione si *accia risalire a Aelles con il suo *ilm Touch of %vil. Nel corso della 4ost 4roduzione di "merican $raffiti di Lucas' Murc5 si tro+M a 4ensare a come rendere +erosimile una certa registrazione' ossia a come integrarla realisticamente nel 4aesaggio sonoro *ilmico. L:idea *u di ri4rodurre' tramite alto4arlanti' tale registrazione in uno s4azio reale' un cortile su6 ur6ano' e di ri registrare l:esecuzione in tale contesto. Il risultato *u la ri4resa del segnale sonoro caratterizzato dalla colorazione tim6rica con*erita dall:acustica dell:am6iente in cui esso era stato ri4rodotto. Puesta soluzione si 4one come alternati+a alla ri+er6erazione arti*iciale di un suono' ottenuta mediante algoritmi 4resenti nei moduli 5ardDare o plu')in VST. La ri+er6erazione in studio' 4erM' non sem4re 4ermette di ottenere risultati realistici' so4rattutto nei casi in cui siano im4licati am6ienti acusticamente 4eculiari e di**icilmente ri4roduci6ili. Inoltre' 6isogna considerare tutta una serie di elementi arc5itettonici' come le 6arriere' c5e contraddistinguono maggiormente gli s4azi. Non di meno' 4ossono sussistere delle moti+azioni artistic5e' di ricerca sonora' 4er cui una ri+er6erazione arti*iciale 4otre66e non assicurare risultati soddis*acenti. Moti+o 4er cui la tecnica del worldizin' I stata' ed I tuttora' s4erimentata intensamente in cam4o musicale' s4ecialmente nel genere elettroacustico. Sulla 6ase di 8uesto concetto 4oggia la 4ratica del field recordin'' de*ini6ile come un:associazione della foley art con il worldizin'. Tutta+ia' 6enc5U interessante e molto stimolante' la tecnica in 8uestione non gode certo di 4raticitH' do+endo allestire un sistema >anc5e contenuto? di ri4roduzione e di registrazione in loco. % 8uesto si aggiunga il limite tecnico c5e non 4re+ede un riutilizzo della ris4osta acustica dell:am6iente ris4etto al segnale sonoro' in 8uanto codi*icata in modo uni*orme e indi+isi6ile con il suono originale' ri4rodotto e ri registrato. Un e+oluzione del worldizin'' alla luce delle suddette considerazioni' si I a+uta in
;, Si +eda l:articolo Morldizin' al sito DDD.*ilmsound.org.

/0

seguito all:introduzione dell:am6ito audio nel dominio digitale. Il river3ero a convoluzione >o a cam4ionamento?' in*atti' ri4rende l:assunto iniziale di ris4osta acustica in s4azio reale e lo com6ina con l:ela6orazione algoritmica o4erata da un e**etto a tecnologia VST. Nasce cosL una tecnica i6rida c5e da origine a numerose a44licazioni tecnologic5e. Sul 4iano 4ratico' consiste nell:emettere un segnale >im4ulso? in un dato am6iente' il 8uale +errH successi+amente registrato assieme alle in*ormazioni acustic5e dello s4azio) si a+rH cosL una ris4osta d:im4ulso >IR' 5mpulse Response?. In un secondo momento' grazie all:azione del con+olutore >convolver?' un plu')in VST s4esso coincidente col modulo di ri+er6erazione stesso' l:IR +iene 4rocessato assieme al segnale audio >con+oluzione?. Il risultato *inale sarH il suono ri+er6erato secondo le 4ro4rietH acustic5e dello s4azio in cui I stato registrato l:im4ulso) a++iene 8uindi una sorta di 4assaggio di 8ualitH acustic5e' corris4ondenti alla reale ris4osta di un am6iente. %ltro grande +antaggio I la 4ossi6ilitH di riutilizzare un IR 4er 8ualsiasi *utura a44licazioneK I su**iciente registrarlo una +olta soltanto 4er costituire 4oi un ri*erimento 6en 4reciso. %l momento sono dis4oni6ili ingenti 8uantitH di IR' organizzati tutti in li6rerie' 4ro4rietarie o li6ere. In*atti' altro im4ortante as4etto I la *acoltH di 4ro++edere in ," ,0 autonomia alla 4roduzione di IR ' dalla 8ualitH e *edeltH o++iamente +aria6iliK cionondimeno' ormai i mezzi sono alla 4ortata di tutti e 8uesto 4ermette il cam4ionamento di**uso di am6ienti' 4re+alentemente indoor' naturali o arti*iciali' e la 4ossi6ilitH di dis4orne con gran +arietH. Un ulteriore cam4o d:a44licazione di 8uesta tecnica I la simulazione +irtuale di am6ienti reali' *acente 4arte' tra gli altri' del 4rocesso di creazione di +ideogioc5i. %lcuni plu')in VST sono) "udio%ase "ltiver3' +cD#& Revolver' ,! TL space' Maves 5R4' #pace Desi'ner .

(igg. 9! 92 N % sinistra' ra44resentazione del concetto di DorldizingK a destra' alcuni 4o4olari ri+er6eri a con+oluzione.
," T. S3E%((ER' E. ELS%S3IV' 5mplementation of 5mpulse Response +easurement Techni1ues ' Aa+es %udio Ltd.' !""/. ,0 Si +eda la sezione 5R +easurement9 an en'ineerBs personal story al sito DDD.acoustics.net. ,! V. N%IR' 5R Rever3 ,omparisons' DDD.re sounding.com' 0/ Giugno !"00.

/!

C !"#$%$ IV LA RIPRODUZIONE DELLA SPAZIALIT: LA DIFFUSIONE IMMERSIVA Negli ultimi anni si sta assistendo all:a**ermarsi di sistemi e *ormati audio tridimensionali' in +irtJ della ricerca dell:es4erienza di immersione e coin+olgimento totali. I 4rimi *ormati commerciali +enuti alla luce sono stati Dol3y &ro Lo'ic 55z e DT# Neo:N' i 8uali im4lementano una 4rima *orma di co4ertura sonora in ele+azione. Tutta+ia' non si 4uM 4arlare ancora di una +era e 4ro4ria inno+azione nell:am6ito dell:audio 2D 4er tre moti+i) 1. trattasi di sistemi di upmixin'' 8uindi non *ormati 2D nati+i 2. i canali aggiunti+i so4raele+ati sono matricizzati e non discreti 3. i canali so4raele+ati sono 4re+isti 4er un 4osizionamento *rontale >L5 e R5?' 8uindi non 4ro++edendo a una com4leta co4ertura aerea. Mentre Dol3y &ro Lo'ic 55z si *erma a una con*igurazione ,.0' DT# Neo:N si s4inge *ino all:00.0' im4lementando nel 4ro4rio la7out due ulteriori canali discreti laterali' al *ine di 4otenziare la sta6ilitH sonora sul 4iano mediano. Si 4uM considerare comun8ue come un 4rimo 4asso +erso l:introduzione di sistemi audio 2D commerciali. Un:altra con*igurazione surround allargata' merite+ole di citazione' I la (amasaki ;;.;' o sem4licemente ;;.;. S+ilu44ato all:interno dei #cience O Technolo'y Research La3oratories' di4artimento di ricerca della N3=' l:azienda statale radio tele+isi+a gia44onese' tale *ormato I stato conce4ito 4er lo standard +ideo #uper (i)!ision >conosciuto anc5e come U3DTV' Altra (i'h Definition Television' o ;=' in ri*erimento alla risoluzione' ..-;"e9.2!" 4iEel?. Il !!.! 4re+ede tre anelli di di**usori dis4osti su altrettante di+erse altezze' oltre a un canale L(E addizionale. Ren 4oc5e a44licazioni sono state e**ettuate *inora' e tutte di carattere dimostrati+o' al *ine 4rimario di testare la 4ortata delle reti ottic5e gia44onesi e alcune so*isticate tecnic5e di com4ressione. La resa s4aziale 5a comun8ue dimostrato di essere note+ole' con un:area d:ascolto am4ia' sta6ile e molto ,2 naturale . Un:ulteriore 4ro+a nell:andare oltre i sistemi surround 6idimensionali l:5a com4iuta ,9 Tomlinson 3olman' l:ingegnere dietro il T3W ' nei TM3 La6s' s+ilu44ando un *ormato a 09 canali discreti' a44lica6ile in due di+erse con*igurazioni' 0".! >la 4iJ *amosa? e 0!.! >con la sem4lice aggiunta di due alto4arlanti di**usi+i' o dipole speakers><?. In seguito I a++enuta la commercializzazione da 4arte della ditta %ud7sse7 della tecnologia Dynamic #urround
,2 =. 3%M%S%=I' T. NIS3IGUC3I' R. #=UMUR%' S. N%=%S%M%' %. %ND#' ;;.; +ultichannel #ound #ystem for Altra (i'h)Definition T!' N3= Science @ Tec5nical Researc5 La6oratories' To<7o' 0/. ;/0"' Ta4an. ,9 Il Tomlison 3olman eW4eriment I un certi*icato di 8ualitH' 6re+ettato dalla Lucas*ilm di George Lucas' a44lica6ile a strumentazione audio' sia 4ro*essionale c5e domestica' a sale cinematogra*ic5e' studi di 4roduzione e 4rodotti so*tDare come *ilm in d+d16lue ra7 o +ideogioc5i. ,/ Trattasi di di**usori c5e 4re+edono 4unti di emissione sonora 4arallela 4er lo s*ruttamento dell:am6iente di ri4roduzioneK in sostanza' in essi sono 4resenti sia Doo*er *rontali' 4er i segnali diretti' sia laterali o 4osteriori' 4er i segnali ri*lessi.

/2

eNpansion >DSW?' ca4ace di ele+are il surround nell:5ome +ideo *ino a 00.0. Come 4er i succitati Dol67 e DTS' i decoder e8ui4aggiati con tecnologia DSW >giunta ora alla seconda ,+ersione ? com4iono l:u4miE dei contenuti nati+i !."' /.0 o ..0 in ,.! o 00.!. %llo stato ,. attuale' un cos4icuo numero di %VR >rice+itori audio +ideo? 4ermette ai consumatori di dis4orre di un 5ome t5eater con co4ertura in ele+azioneK tutta+ia' i costi com4lessi+i si ri+elano essere decisamente 4roi6iti+i. In tem4i 4iJ recenti in+ece si I deciso di immergersi a *ondo nel concetto di audio tridimensionale' andando a s+ilu44are delle tecnologie c5e ra44resentassero una deciso salto in a+anti' anc5e alla luce dei sem4re 4iJ consistenti in+estimenti com4iuti sul lato +isi+o' 4rimo 4ortatore al 4u66lico del *enomeno del 2D. Una +olta concretizzate 8ueste intenzioni' ci si I tro+ati di *ronte a una nuo+a generazione del suono di**uso) i collegamenti tra le +arie *asi 4rodutti+e si stanno *acendo +ia +ia 4iJ stretti e codi*icati) ad esem4io' *ormati di ri4roduzione c5e ric5iedono s4eci*ic5e tecnic5e micro*onic5e e s4eci*ici 4assaggi o66ligati nel missaggio. $uM +oler dire c5e si stanno de*inendo maggiormente dei metodi' ed I com4rensi6ile c5e si +oglia andare in direzione di una 4ossi6ile standardizzazione' ora c5e sem6ra esserci un:im4ortante s+olta 4er le tecnologie di di**usione multi canale. CiM non toglie c5e 4ermanga sem4re una certa li6ertH creati+a e un:onni4resente a4ertura alla s4erimentazione tecnica. 4.1 "00 ,$+(*

(ig. 99 N Simulazione della con*igurazione di alto4arlanti 4rogettata da imm sound.

Trattasi di una com4agnia 4ri+ata di Rarcellona' s4ecializzata nella tecnologia del suono 2D e nella 4ost 4roduzione 4er il cinema ed altri settori mediatici. Nel tardo !"0" di+enne la 4rima com4agnia di audio cinematogra*ico ad im4lementare in sale cinematogra*ic5e sistemi ca4aci di ri4rodurre colonne sonore channel free>2. La *iloso*ia 4rinci4ale alla 6ase della tecnologia imm sound era' a44unto' un a44roccio alla s4azializzazione del suono s+incolato dal concetto di canale > channel free?' laddo+e tale concetto I radicato dalla 4ost 4roduzione alla distri6uzione. La creazione di colonne
,- 5tt4)11DDD.aud7sse7.com1audio tec5nolog71aud7sse7 dsE ! ,. 5tt4)11DDD.aud7sse7.com14roductsZ@@@4id[%ll@4t74e[%ll ,; T. M%TE#S' V. Lf$E&' %. %RTIG%S' immersive D sound for cinema' imm sound D5ite 4a4er.

/9

sonore imm 2D I eseguita senza alcun riguardo +erso la dis4osizione di alto4arlanti. Puesto riduce la com4lessitH nel 4rocesso creati+o ed elimina tutte le decisioni 6asate sui canali >channel)3ased?. $iuttosto' gli ingegneri del suono 4ossono concentrarsi sulle 4ro4rietH s4aziali degli elementi sonici senza do+ersi 4reoccu4are di 8uali di**usori stanno realmente ri4roducendo. I cinema sono li6eri di scegliere il numero e la dis4osizione degli alto4arlanti c5e meglio soddis*ano i 4ro4ri 6isogni e limiti arc5itettonici' assicurando l:esatta ri4roduzione del sonoro' cosL come era stata 4iani*icata. Numero e 4osizionamento degli alto4arlanti negli studi imm sound 4ossono comun8ue di**erire dalla con*igurazione dei cinema. La tecnologia 4uM inoltre ri4rodurre una colonna sonora tridimensionale nei *ormati con+enzionali odierni' come il /.0' il ..0 o 8ualsiasi altro *uturo *ormato multi di**usore. Il contrario I 4ure 4ossi6ile) 8ualsiasi dis4osizione ar6itraria di alto4arlanti 4uM essere simulata nel reale la7out di alto4arlanti' ricorrendo al concetto di di**usori +irtuali >virtual speakers?. Il sistema im4iega i 4ro4ri algoritmi di ela6orazione s4aziale del suono' com6inando a44rocci 6asati su oggetti e %m6isonics di alto ordine > hi'her order?. CiM consente non solo di utilizzare 8ualun8ue arra7 micro*onico N come anc5e registrazioni in loco e**ettuate mediante micro*oni 2D >Sound*ield e Eigenmi<e? N ma rende 4ossi6ili i 4lug in 2D nati+i' s4ecialmente gli algoritmi di ri+er6ero 2D. I 4rocessori audio imm sound' cosL come gli strumenti imm sound di 4ost 4roduzione' includono anc5e la tecnologia di upmix 2D' ca4ace di con+ertire in tem4o reale 8ualsiasi *ormato in ingresso' sia esso stereo' /.0 o ..0' nel *ormato imm sound 2D a canale li6ero. Esso analizza il segnale originale e' attra+erso un 4rocesso di deduzione *isica e 4sicoacustica' genera un 4anorama sonoro com4letamente tridimensionale' 4ur ris4ettando la regola sacra di lasciare 4redominanti tutti i dialog5i' suoni diretti di strumenti ecc. Se66ene il suo uso 4rinci4ale ricorra in *ase di 4ost 4roduzione' cinema com4letamente a6ilitati al *ormato lo utilizzano anc5e 4er contenuti alternati+i. La com4agnia I stata in*ine ac8uisita da Dol67 ,, nel Luglio !"0! .

,, C. GI%RDIN%' Dol3y La3oratories "c1uires DDD.5oll7Doodre4orter.com' !2 Luglio !"0!.

Rival

5++

#ound '

articolo

4reso

dal

sito

//

4.2 D$%23 A#0$,

(ig. 9/ N Ra44resentazione dall:alto della rinno+ata con*igurazione di alto4arlanti c5e costituisce il nuo+o sistema Dol67 %tmos.

Da 8uanto si 4uM leggere' l:ac8uisizione da 4arte di Dol67 di imm sound e dell:integrazione della tecnologia 4ro4rietaria sem6ra essere mirata al 4otenziamento del nuo+o sistema conce4ito dal colosso americano. "tmos) 8uesto I il nome della nuo+a tecnologia Dol67' annunciata nell:%4rile !"0!' cui 5a *atto seguito la 4rima installazione nel Dol67 T5eatre a 3oll7Dood. Tale denominazione lascia su44orre una 4rima intenzione) l:incremento della sensazione di immersione sonora mediante un sistema di ri4roduzione sem4re 4iJ orientato alla tridimensionalitH' alla co4ertura di ogni direzione 4lausi6ile 4er un suono di 4ro+enire N e 8ui il ric5iamo al concetto di atmos*era' inteso come s4azio uditi+o' ossia l:interezza dello s4azio occu4a6ile dal suono. La concretizzazione di 8uesta +olontH ra44resenta il 4rimo' +ero elemento di no+itH) il Dol3y "tmos ,inema &rocessor ,&2<0400' il cuore com4utazionale del sistema. $er 4oter as4irare a un li+ello su4eriore di immersione sonora' do+e+ano essere ri+alutati alcuni concetti alla 6ase della 4roduzione audio multi canale +igente. Il 4iJ im4ortante I relati+o alla gestione degli oggetti sonori 4re+isti dal sound design) si I ri+elato necessario 4oter muo+ere con maggiore li6ertH e 4recisione le sorgenti attra+erso il 4anorama sonoro. Di conseguenza' una 4iJ ele+ata risoluzione I stata im4lementata in *ase di renderin'' dal momento c5e non sussiste 4iJ solamente il 4aradigma del canale' ma su6entra 8uello di oggetto sonoro. Esso +iene mani4olato' in *ase di missaggio' mediante automazioni di 4anning c5e 4ermettono il 4osizionamento non solo a li+ello di canale' il 8uale 4uM com4rendere 4iJ alto4arlanti de4utati alla sua ri4roduzione' ma addirittura a li+ello del singolo di**usore. Puesto I 4ossi6ile associando degli s4eci*ici metadata al segnale sonoro. Va da sU c5e' considerati tutti i contenuti 4ossi6ili del sound design di un *ilm' ci saranno
0"" D#LRS L%R#R%T#RIES' INC.' Dol3y "tmos9 Next)$eneration "udio for ,inema' D5ite 4a4er' !"02.

/-

sia segnali relati+i ai canali' in 8uanto su6 miE >i cosiddetti 3eds' ossia i suoni am6ientali' music5e?' sia i segnali c5e costituiscono le unitH 4iJ 4iccole e c5e 4ossono essere +eicolati in uno s4eci*ico alto4arlante. Il sistema %tmos su44orta *ino a 0!; tracce in ingresso e -9 in uscita' il c5e +uol dire *ino a -9 alto4arlanti. %nc5e sul 4iano della con*igurazione del sistema di di**usione sono state conce4ite delle no+itH) in primis' l:introduzione di alto4arlanti so4raele+ati >overhead?. In sostanza' si aggiunge la com4onente dell:ele+azione del suono' *attore molto im4ortante nella localizzazione delle sorgenti sonore e 6en resa dalle tecnic5e e tecnologie di registrazione e ri4roduzione 6inaurale >come si I +isto 4recedentemente?. In secondo luogo' sono stati aggiunti degli s4ea<er laterali ed I stata ri+ista l:angolazione generale di tutti gli alto4arlanti' nonc5U il ra44orto di distanza con lo sc5ermo e con il *ruitore' in modo da 0"0 ottimizzare lo sweet spot' o sweet area' in +irtJ di tali 4ro*onde inno+azioni . 4.3 A+-$ 3D

(ig. 9- N Illustazione di con*ronto tra la co4ertura sonora di un sistema /.0 >a sinistra? e il nuo+o sistema %uro 2D >a destra?.

Un sistema multi canale alternati+o I 8uello s+ilu44ato da %uro Tec5nologies' un 4rogetto conce4ito da Ail*ried Van Raelen dei GalaE7 Studios' e 4rodotto dalla com4agnia 6elga Rarco in 4artners5i4 con Datasat) I stato c5iamato "uro D. Essendo un sistema nato con l:intenzione della di**usione realistica tridimensionale' una delle no+itH 4iJ im4ortanti I la co4ertura della 4ros4etti+a so+rastante l:ascoltatore. Il la7out I in*atti costituito da tre arra7 di di**usori) surround >4iano standard' il 4iJ 6asso?' hei'ht >4iano intermedio? e top >4iano so4raele+ato' a li+ello del so**itto?. Di conseguenza' 0"! data la modularitH del *ormato' si 4ossono ottenere *ino a cin8ue con*igurazioni ' delle 8uali le 4rime tre sono 6asate sullo standard /.0' mentre le restanti due' ris4etti+amente' sugli standard -.0 e ..0) 1. ,.0 %uro 2D) \ 9 canali alti >uno so+rastante ogni di**usore 1 arra7 d:angolo? 2. 0".0 %uro 2D) \ / canali alti >\TS [ canale Y+oce di DioY? 3. 00.0 %uro 2D) \ - canali alti >\ alto centrale?
0"0 D#LRS L%R#R%T#RIES' INC.' Dol3y "tmos9 ,inema Technical $uidelines' D5ite 4a4er' !"0!. 0"! A. V%N R%ELEN' T. RERT' R. CL%S$##L' T. SINN%EVE' "uro 44.4 " new dimension in cinema sound' Rarco D5ite 4a4er' 4. /.

/.

4. 0!.0 %uro 2D [ 00.0 %uro 2D \ 4osteriore centrale >-.0? 5. 02.0 %uro 2D [ 0!.0 %uro 2D \ 4osteriore centrale alto Secondo i res4onsa6ili di %uro' 8uesta scelta I dettata dalla necessitH di una co4ertura ottimale del 4iano medianoK necessitH c5e giusti*ica la 4resenza di tre anelli di di**usori e c5e mette in discussione la +aliditH della soluzione adottata 4er %tmos' adducendo a una certa disconnessione tra il li+ello del so**itto e il 4iano surround standard e una disomogeneitH a++erti6ile 4ro+eniente dall:alto. In seconda istanza' un:altra im4ortante di**erenza tra i due sistemi I l:assunto alla 6ase della gestione dei segnali) ,hannel)3ased o 63Kect)3ased' canale od oggetto. $er %uro 2D si I 4re*erito o4tare 4er il sistema ,hannel) 3ased' dic5iarando c5e uno dei 4unti di *orza del li+ello intermedio > hei'ht? I la ri4roduzione di im4ortanti ri*lessioni 4ro+enienti dall:alto' incrementando signi*icati+amente la localizzazione dei suoni 4osizionati nel li+ello 4iJ 6asso' anc5e senza l:utilizzo di tecnologie 63Kect)3ased. In 8uanto al *lusso dati' %uro 2D 4ermette la distri6uzione di un singolo in+entario e non *a ricorso a meccanismi di com4ressione lossy' ossia con 4erdita di 8ualitH N sem4licemente incor4ora in*ormazioni eEtra relati+amente ai canali nei 6it meno signi*icati+i di un *lusso audio a !9 6it. In 8uesto modo %uro 2D 4uM a44oggiarsi agli standard odierni 4er il tras4orto dati. Inoltre garantisce un missaggio di 8ualitH con minor larg5ezza di 6anda ris4etto ad altre tecnic5e di com4ressione dati lossless' ossia senza 4erdita di in*ormazioni' e con una latenza 6assa a++icinandosi alla 4er*ormance in tem4o reale. Strumenti a+anzati di missaggio e masterizzazione sono giH dis4oni6iliK ad esem4io' 4lug in 4er console %MS NEVE e sistemi Digidesign1$roTools) "uro ,odec' "uro) +atic &ro' "uro)&anner e "uro)!er3 costituiscono una suite dedicata alla 4roduzione nati+a nel *ormato %uro 2D. $er la ri4resa' denominata nello s4eci*ico "urophonic recordin'40 ' registratori e micro*oni 4er il suono tridimensionale sono 4rontamente dis4oni6ili e 4ossono essere im4lementati usando attrezzatura esistente. % 4ro4osito dell:im4ostazione delle sale di ri4roduzione) %uro 2D I com4ati6ile con gli auditorium odierni e la 4rogettazione di 4ostazioni di missaggio. %lto4arlanti aggiunti+i ed am4li*icatori 4er il su44orto del *ormato %uro 2D costano una *razione dell:in+estimento ric5iesto 4er altri sistemi 4ro4osti. Puesto nuo+o sistema si sta dimostrando una +alida alternati+a al 6en 4iJ 6lasonato collega %tmos' dal momento c5e un numero crescente di catene di sale 0"9 cinematogra*ic5e sceglie di installarlo nelle 4ro4rie sedi ' sia come sistema sonoro 2D esclusi+o' sia magari a**iancato a sistemi Dol67' i 8uali costituiscono da di+erso tem4o una 4resenza *issa nei cinema di tutto il mondo. $ro4rio 4er 8uesto' %uro 2D ra44resenta senza du66io una no+itH 4iJ c5e interessante' e la curiositH di sentirlo all:o4era' do4o c5e s+ariate 4roduzioni 5anno deciso di adottarlo 4er il com4arto sonoro' s4inge molti utenti'
0"2 R. V%N D%ELE' A. V%N R%ELEN' &roductions in "uro) D ? &rofessional workflow and costs ' %uro Tec5nologies D5ite 4a4er' !"0!. 0"9 5tt4)11DDD.6arco.com1en1NeDs1$ress releases1Cinemar< Inc and Rarco Goin *orces to re+olutionize toda7s audio cinematic eE4erience 67 6ringing im.as4E

/;

4iJ o meno *amiliari con l:am6iente audio multi canale' ad a+anzare con*ronti tra le attuali 0"/ tecnologie di audio tridimensionale . C:I da dire c5e' esulando dalle mere 8ualitH tecnic5e dei sistemi' una s4iccata rile+anza I ri+estita dalla gestione del materiale sonoro in *ase di 4ost 4roduzione' il 8uale 4uM andare ad in*iciare in misura im4ortante l:es4erienza data dal sistema c5e lo ri4roduce. $er ora' tanto %uro 2D 8uanto Dol67 %tmos stanno +i+endo la loro gio+inezza' contraddistinta da una certa assimilazione delle tecnic5e di 4roduzione' da usi e' com:I logico as4ettarsi' anc5e da a6usi.

0"/ O 4ossi6ile *arsi un:idea e**ettuando delle ricerc5e in InternetK 5tt4)11DDD.a+s*orum.com1t109;/;0;1el7sium in 6arco auro 00 0 and dol67 atmos.

ad

esem4io'

/,

BIBLIOGRAFIA

R%RTLETT R. %ND R%RTLETT T.' &ractical Recordin' Techni1ues -<th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",. RL%UERT T.' R7umliches (8ren. S. 3irzel Verlag' Stuttgart' 0,.9. RL%UERT T.' #patial (earin' ) the &sychophysics of (uman #ound Localization ' Cam6ridge' Mit $ress' 0,;2. C%RLILE S.' !irtual "uditory #pace: $eneration and "pplications' S4ringer' 0,,-. DELI%NG A.' RR#AN GUS T. >eds.?' ,omputational "uditory #cene "nalysis9 To5n Aile7 @ Sons' Inc. !""/. D#LRS L%R#R%T#RIES' INC.' Dol3y "tmos9 ,inema Technical $uidelines' D5ite 4a4er' !"0!. D#LRS L%R#R%T#RIES' INC.' Dol3y "tmos9 Next)$eneration "udio for ,inema' D5ite 4a4er' !"02. G%RDNER M. R. ' Distance estimation of 0 or apparent 0)oriented speech si'nal in anechoic space' Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' Vol. 9/' 0,-,. 3%M%S%=I =.' +ultichannel sound in television: Technical and aesthetic approach9 4resentato al 2 International Multic5annel Sound (orum' !""". 3%M%S%=I =.' 3IS%M% =.' Reproducin' spatial impression with multichannel audio9 4resentato alla %ES !9 International Con*erence' !""2. 3%M%S%=I =.' NIS3IGUC3I T.' #=UMUR% R.' N%=%S%M% S.' %ND# %.' ;;.; +ultichannel #ound #ystem for Altra (i'h)Definition T!' N3= Science @ Tec5nical Researc5 La6oratories' To<7o' 0/. ;/0"' Ta4an. 3URER D. M.' RUNSTEIN R. E.' +odern Recordin' Techni1ues -.th ed./' (ocal $ress' !""/. =%SSIER R.' LEE 3. =.' RR##=ES T.' RUMSES (.' "n informal comparison 3etween surround)sound microphone techni1ues9 Con+ention $a4er -9!,' %udio Engineering Societ7' Guild*ord' !""/ Citazione di (. RUMSES' #patial "udio9 Music Tec5nolog7 Series' (. Rumse7 >ed.?' #E*ord' (ocal $ress' !""0. =LE$=# T.' <)channel microphone array with 3inaural head for multichannel reproduction9 4resentato alla %ES 0"2 Con+ention' 0,,.' 4restam4a nF 9/90. L%AS $.' 6n the pro3lem of distance hearin' and the localization of auditory event inside the head ' Dissertation' Tec5nisc5e 3oc5sc5ule' %ac5en' 0,.!. -"
rd t5 rd

M%NGI#NE (.' ,ostruire il suono9 volume 555' $alermo' Dario (lacco+io Editore s.r.l.' Settem6re !""!. M%TE#S T.' Lf$E& V.' %RTIG%S %.' immersive D sound for cinema' imm sound D5ite 4a4er. ME3RG%RDT S.' MELLERT V.' Transformation charactersitics of the external human ear' Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,..' -0)0/-. 0/.-. MIDDLERR##=S T. C.' M%=#US T. C.' GREEN D. M.' Directional sensitivity of sound)pressure levels in the human ear canal9 Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,;,' ;-);,N0";. #ASINS=I R.' The Recordin' %n'ineerBs (and3ook' Course Tec5nolog7 $TR !""/. $ICIN%LI L.' La spazializzazione 3inaurale ? La ripresa microfonica' articolo 4u66licato nella ri+ista Com4uter Music @ $roGect Studio' No+em6re !"",' Ri+iste Digitali. RUMSES (.' #patial "udio' U=' (ocal $ress' Ta7lor @ (rancis !""0. RUMSES (.' MCC#RMIC= T.' #ound and Recordin' -.th ed./' #E*ord' (ocal $ress' !"",. S%T& D. >trad.?' surround recordin' techni1ues' sc5oe4s mi<ro*one' durlac5' german7' 001!""-. S%A%GUC3I M.' (U=%D% %.' +ultichannel sound mixin' practice for 3roadcastin' ' IRC Con*erence' 0,,,' $roceedings' in 4rint. S3E%((ER T.' ELS%S3IV E.' 5mplementation of 5mpulse Response +easurement Techni1ues ' Aa+es %udio Ltd.' !""/. T3E REC#RDING %C%DEMS:S $R#DUCERS @ ENGINEERS AING' Recommendations *or #urround #ound &roduction9T5e National %cadem7 o* Recording %rts @ Sciences' Inc.' !""9. T3EILE G.' 6n the localisation in the superimposed soundfield' dissertation' Rerlin' 0,;". T3EILE G.' ,apa3ilities and limits of L;)stereo recordin'' 0,. Tonmeistertagung' $roceedings' 0,,-. T3EILE G.' +ultichannel natural recordin' 3ased on psychoacoustic principles9 %udio Engineering Societ7 0,t5 International Con*erence' Sc5loss Elmau' German7' !""0. V%N R%ELEN A. ' RERT T.' CL%S$##L R.' SINN%EVE T.' "uro 44.4 " new dimension in cinema sound' Rarco D5ite 4a4er. V%N D%ELE R.' V%N R%ELEN A.' &roductions in "uro) D ? &rofessional workflow and costs ' %uro Tec5nologies D5ite 4a4er' !"0!. V#N RE=ESS G.' The moon illusion and similar auditory phenomena ' T5e %merican Tournal o* -0

$s7c5olog7' Vol. -!' Uni+ersit7 o* Illinois $ress' 0,9,. A3ITE G.' L#UIE G.' The "udio Dictionary' 2 edition' Uni+ersit7 o* Aas5ington $ress' !""/. Citazione in T. 3#DGS#N' Anderstandin' Records' Continuum' !"0". AIG3TM%N (. L.' =ISTLER D. T.' (eadphone simulation of free)field listenin'. 5: #timulus synthesis9 Tournal o* t5e %coustical Societ7 o* %merica' 0,;,' ;/);/;N;-.. AIG3TM%N (. L.' =ISTLER D. T.' *actors affectin' the relative salience of sound localization cues9 in R. 3. GIL=ES' T. R. %NDERS#N >eds.?' :inaural and #patial (earin' in Real and !irtual %nvironments' LaDrence Erl6aum %ssociates' 0,,.. AILLI%MS M.' LE DU G.' +icrophone "rray "nalysis for +ultichannel #ound Recordin'9 4resentato alla %ES 0". Con+ention' 0,,,' 4re stam4a nF 9,,.. AILLI%MS M.' LE DU G.' +ultichannel microphone array desi'n9 4resentato alla %ES 0"; Con+ention' !"""' 4re stam4a nF /0/.. A##DA#RT3 R. S.' SC3L#SRERG 3.' %xperimental &sycholo'y' NeD Sor<' 3olt' Rine5art and Ainston' 0,-!. S%NG D. T. ' =SRI%=%=IS C.' T%S =U# C. C.' (i'h)*idelity +ultichannel "udio ,odin'' NeD Sor<' 3indaDi' !""-. &UCC%RELLI 3.' &rocess for formin' an acoustic monitorin' device' US $atent 9'-;"';/-' 0,;..
t5 t5 rd

SITOGRAFIA

5tt4)11DDD.auro tec5nologies.com1 5tt4)11DDD.acoustics.net >Si +eda la sezione 5R +easurement9 an en'ineerBs personal story? 5tt4)11DDD.ams ne+e.com 5tt4)11DDD.aud7sse7.com 5tt4)11DDD.a+s*orum.com 5tt4)11DDD.calrec.com1u<1Com4an71$ages13istor7.as4E 5tt4)11DDD.*ilmsound.org >Si +eda l:articolo Morldizin'/ 5tt4)11DDD.d4amicro45ones.com 5tt4)11DDD.5oll7Doodre4orter.com >C. GI%RDIN%' Dol3y La3oratories "c1uires Rival 5++ -!

#ound'!2 Luglio !"0!? 5tt4)11DDD.iosono sound.com 5tt4)11DDD.i4s.org.u<1audiocom4endium1indeE.454Ztitle[3olo45onics 5tt4)11DDD.re sounding.com >V. N%IR' 5R Rever3 ,omparisons'' 0/ Giugno !"00? 5tt4s)11sites.google.com1site1musicotera4iaolo*onicamasi1 del sito internet del Dr. $isano Gian*ranco Maurizio? 5tt4s)11sites.google.com1site1olo*onienelmondo15ome1*onte >+edi so4ra? 5tt4)11DDD.so+eratoneDs.com >(. Guarna' Ano psichiatra di +ontepaone introduce una nuova tecnica per uscire dalla depressione9 !!1"01!""9? 5tt4)11DDD.studer.c5 5tt4)11DDD.Da+es.com >Dic5iarazione d:intestazione

FONTI DELLE ILLUSTRAZIONI

(ig. 0) 5tt4s)116ta2"9.Di<is4aces.com1 (ig. !) 5tt4)11DDD.ssc.education.ed.ac.u<1courses1dea*1dno+0"i.5tml (ig. 2) http://courses.washington.edu/psy333/lecture_pdfs/ ee!9_"ay2.pdf (ig. 9) 5tt4)11Eoomer.+irgilio.it1e.giordani1docs1s4atga.$D( (ig. /) 5tt4)11DDD.m42l7rics7nc.com1giorgio1%udioEditing1%udio2d1Tesina1ca40.5tml (ig. -) 5tt4)11en.Di<i4edia.org1Di<i1Rinauralgrecording (ig. .) 5tt4)11DDD.<all6inauralaudio.com1a 6rie* 5istor7 o* 6inaural audio1 (ig. ;) 5tt4)11DDD.*lic<r.com145otos1astra6log12,-;-"!!9/1 (ig. ,) 5tt4)11DDD.ste<<ie.com1Z4[029(ig. 0") 5tt4)11+intagemicro45one.com1TS5o414roduct.454ZE$rod[0." (ig. 00) 5tt4)11DDD.surround li6rar7.com1D5ite 4a4ers (ig. 0!) 5tt4)11margiesoundsca4e.Dord4ress.com1!"0"10012"1!-91 (ig. 02) 5tt4)116log.s+conline.com16rie*ingroom1!"001"21!91sound*ield goes to 5ar+ard 5ar+ards neD sound*ield mar< + micro45one 6roadens 5orizons1 (ig. 09) 5tt4)11DDD.imaico.co.G41sc54s1stereo1dou6le ms.5tm -2

(ig. 0/) 5tt4)11DDD.radio.u8am.ca1am6isonic1dms!*i+e.5tml (ig. 0-) 5tt4)11DDD.*ilme6ase.4t1%4lic1estereo.5tml (ig. 0.) 5tt4)11radiomagonline.com1studiogaudio1surround1radiogneEtgste4sgsurround11indeE2.5t ml (ig. 0;) 5tt4)11sam4lelin<.6logs4ot.it1!"0!1"21surround sound tecnic5e di ri4resa.5tml (ig. 0,) 5tt4)11DDD.san<en mic.com1en18anda1indeE.c*m10;./(ig. !") 5tt4)11DDD.4ro sound.com1Merc5ant!1gra45ics1"""""""01oct surround e.G4g (ig. !0) 5tt4)11area sound.de1images1idealegnierenanordnungginag2g9;".G4g (ig. !!) 5tt4)11DDD.san<en mic.com1en18anda1indeE.c*m10;./(ig. !2) 5tt4)11DDD.4ost5orn.com1stereosurroundsets.5tml (ig. !9) 5tt4)11DDD.san<en mic.com1en18anda1 (ig. !/) 5tt4)11DDD.tont5emen.de1+ieDto4ic.454Z4[-2.0 (ig. !-) 5tt4)11DDD.47gm7troll4roductions.com16log1Z4[2(ig. !.) 5tt4)11de.ziogiorgio.com1images1!"",1s5oe4s1sc5oe4sgort*gsurround.G4g (ig. !;) 5tt4)11digitalaudioser+ice.de1d4a /0"" mo6ile surround micro45one.5tml (ig. !,) 5tt4)11DDD.ziogiorgio.es1!"",1001021micro*ono surround d4a /0""1 (ig. 2") 5tt4)11DDD.realmusic.ua1catalog14roduct1details1.num19-,1.articule1/!/"/01 (ig. 20) 5tt4)11DDD.ric5mond*ilmser+ices.co.u<1e8ui4ment1stereo micro45ones1SMI"2/.5tml (ig. 2!) 5tt4)11DDD.treDaudio.com1store13olo45one 3! $ro Surround Micro45one S7stem.5tml (ig. 22) 5tt4)11DDD.+*gadgets.com15olo45one15olo45one 59 su4er mini 4orta6le discrete /0 c5annel camera mounta6le surround micro45one (ig. 29) 5tt4)11DDD.musicla6.com.au14roduct in*o15olo45one 4ortamic 4ro 4orta6le surrround mic (ig. 2/) 5tt4)11DDD.tedes.it1Sc5eda$rodotto1!"9 (ig. 2-) 5tt4)11DDD.areitec.*r1sc5oe4s <*m2-" s45ere surround 4roduit //.5tml (ig. 2.) 5tt4)11DDD.studitec5.ru1catalogue1sc5oe4s1surround.5tm -9

(ig. 2;) 5tt4)11ams ne+e.com1 (ig. 2,) 5tt4)11iosono sound.com1an7miE 4lug ins.5tml (ig. 9") 5tt4)11DDD.iosono sound.com1assets1drgalleries10""16iggsaDgmotiong4at5.G4g (ig. 90) 5tt4)11DDD.gearnuts.com1store1detail12-"SurrNat1 (ig. 9!) 5tt4)11designingsound.org1!"0"1"-1c5arles ma7nes s4ecial Dorldizing1 (ig. 92) 5tt4)11audio.tuts4lus.com1tutorials1sound design15oD to use con+olution *or re+er6 e**ects1 (ig. 99) 5tt4)11DDD.multimediaenglis5.org1Z4[-22 (ig. 9/) 5tt4)11DDD.dol67.com1us1en1consumer1tec5nolog71mo+ie1dol67 atmos details.5tml (ig. 9-) 5tt4)11commons.Di<imedia.org1Di<i1(ile)%urog00.0gsound*ieldgdiagram.4ng

-/