Sei sulla pagina 1di 38
il “Fronimo” rivista trimestrale di chitarra e liuto diretta da Ruggero Chiesa PRESSO LE EDIZIONI SUVINI ZERBONI - MILANO anno settimo n, 29 - ottobre 1979 - L, 1500 SOMMARIO Incontri 3 Intervista a Vincenzo De Bonis di Marino Sorriso 3 Intervista a Leo Brouwer di Francesco Gorio 5 Bibliografia delle principali_ intavolature per chitarra di Peter Danner 7 Una concezione dinamica di alcuni pro- blemi chitarristici di Mario Sicca 18 Teoria e pratica del “‘suonare sopra’l bas- so” nel primo Seicento di Marco Ma- terassi 24 Storia della letteratura del liuto ¢ della chitarra di Ruggero Chiesa 32 XXIX. Tl Cinguecento, 32 Francesco da Milano 32 Idee a confronto 35 T concerti in Italia 36 Corsi e concorsi internazionali 36 La bottega della chitarra 37 Recensioni 37 Dischi 37 Encounters Interview with Vincenzo De Bonis by Ma- rino Sorriso Interview with Leo Brouwer by Francesco Gorio The Guitar Tablature and Abecedario: A Bibliography of Primary Sources by Peter Danner Some Problems of Guitar Technique vie- wed from the Standpoint of Dynamics by Mario Sicea ‘Suonare sopra'l basso”: Theory and practice in the Music of the early Se- venteenth Century by Marco Materassi Hystory of the Literature of the Lute and Guitar by Ruggero Chiesa XXIX, The Sixteenth Century Francesco da Milano Exchange of Ideas and Opinions Concerts in Italy International Courses and Competitions The Guitar Shop Reviews Records DIRETTORE RESPONSABILE: RUG 10 CHIESA REDATTORE CAPO; SILVIO CERUTTI DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE E PUBBLICITA': UDIZIONL SUVINI ZERBONI 20138 MILANO = VIA MF. QUINTILIANO 40 - TEL. 5064 | AUTORIZZAZIONE: TRIBUNALE DI MILANO N. 331 DEL 13 SETTEMBRE 1972 ‘TUTTI I DIRITTI RISERVATI . ALL RIGHTS RESERVED - PRINTED IN ITALY [MANOSCRITTI E FOTOGRAFIE ANCHE SE NON PUBBLICATI NON VERRANNO RESTITUITI UN NUMERO: ITALIA L. 1500 - ESTERO L. 2000 ABBONAMENTO ANNUO: ITALIA L, 5.000 - ESTERO § 8 MEDIANTE VERSAMENTO TN CONTO CORRENTE POSTALE CCP 37871209 ‘NUMERI ARRETRATI DISPONIBILI L. 1500 FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI OTTOBRE 1979 CON 1 TIPE DELL’ARCHETIPOGRAFIA DI MILANO Vincenzo De Bonis INCONTRI Ivrervista pr Marino Sorriso 4 ViNCENZO Dz Bonts (BISIGNANO, MaRz0 1979) Bisignano, antico pacse dalf'illustre passa to, 2 costruito sulle estreme propaggini sabbio- se distese sui primi contrafforti della Sila Gre- ca. Qui, unico e, purtroppo, ultimo depositario di secolati esperienze e tradizioni, vive il liutaio Vincenzo De Bonis. Le sue chitarre sono fa- ‘mose da tempo e tanti, specialisti e non, hanno sctitto della sua bottega, dei riconoscimenti uf: ciali_ conquistati ai vari concorsi ¢ manifesta- zioni cui ha partecipato, finché non & stato di- chiarato « fuori concorso » (come gia il com- pianto fratello Nicola: e questa 2 Tunica sua timida vanteria). Forse ora 2 bene che sia egli stesso a parlare del suo lavoro, delle sue idee, dei suoi progetti MS. Signor De Bonis, sul « Dictionnaire Universel des Lhutistes » del Vannes si legge, attraverso le biografie della sua famiglia, la storia della sua Bottega, Potrebbe riassumerla brevemente indicando quali strumenti venivano costruiti nelle varie epoche? V.D.B.: L'epoca esatta dell’inizio dell'attivita di questa bottega non & ancora chiara; le prime notizie, riportate dal Vannes e da altri Autori, risalgono alla seconda meta del ’700, quando. un certo Michele De Bonis costruiva piccoli liu: ti, chitarre barocche ¢ chitarre battenti. Nell’800 la produzione della bottega consistette soprat- tutto di chitarre battenti ¢ di chitarre « alla francese », nonché di chitarrini (chitarra terzina, NaR.}; a questi si affiancavano vari tipi di mandolini. Nel 900 mio padre Giacinto, senza tralasciare la chitarra batiente che fino a qual che decennio fa era molto usata, a livello popo: late soprattutto, nei paesi della costa jonica calabrese, ed il mandolino, decise di dedicarsi con grande impegno alla chitarra classica. La sua opera di perfezionamento fu continuata dal figlio Nicola, suo allievo, che dedicatosi fin da ragazzo solo alla costruzione di strumenti di alta classe, raggiunse Veccellenza nella sua atte. Adesso io, allievo di Nicola, sto cercando di perfezionare sempre piti questo meraviglioso strumento, cercando di conferirgli il massimo 3