Sei sulla pagina 1di 64
Fronimo’” sheben Kaede rivista trimestrale di chitarra e liuto diretta da Ruggero Chiesa PRESSO LE EDIZIONI SUVINI ZERBONI - MILANO anno decimosettimo n. 69 - ottobre 1989 - L. 7.000 SOMMARIO Note di copertina di Ruggero Chiesa 3 Cover Notes by Ruggero Chiesa Incontri Encounters Intervista a Julian Bream 5 Interview with Julian Bream Intervista a Flavio Cucchi di Adriano Seba Interview with Flavio Cucchi by Adriano stant 7 Sebastiani , Il repertorio chitarristico. Un punto sulla The Guitar Repertoire. A Status Update by situazione di Ruggero Chiesa 3 Ruggero Chiesa Parte seconda 13 Parttwo Ulteriori osservazioni sul manoscritto Gali- Further Observations on Galileian Manus. leiano « 6 » della Nazionale di Firenze di cript No. «6» in the National Library of Maria Therese Annoni 22 Florence, by Maria Therese Annoni Una sconosciuta raccolta per chitarra del ‘An Unknown Collection for Guitar in the Fondo Noseda di Francesco Tapella 32 Noseda Foundation by Francesco Tapella Un fondo di musica da camera con chitarra A Fund of Chamber Music with Guitar, by di Alberto Gérard 39 Alberto Gérard | Liutisti itineranti e rapporti culturali fra le Wandering Lutists and Cultural Relations corti italiane del primo Cinquecento di Among the Italian Courts of the Eearly Six. Franco Pavan 42° teenth Century, by Franco Pavan Idee a confronto 53 Exchange of Ideas and Opinions Recensioni 56 Reviews Musiche 56 Music Dischi 60 Recordings Corsi € concorsi internazionali 64 — International Courses and Competitions La bottega della chitarra 63 Guitar Shop DIRETTORE RESPONSABILE: RUGGERO CHIESA REDATTORE CAPO: SILVIO CERUTTI - SEGRETARIA DI REDAZIONE: PAOLA MAZZINI DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE E PUBBLICITA’: EDIZIONL SUVINI ZERBONI 20138 MILANO - VIA MF. QUINTILIANO 40 - TEL. 50.84.65 AUTORIZZAZIONE: TRIBUNALE DI MILANO N. 5331 DEL 13 SETTEMBRE 1972 ‘TUTTE I DIRITTY RISERVATI « ALL RIGHTS RESERVED . PRINTED IN ITALY UN NUMERO: ITALIA L, 7000 - ESTERO L. 10.000 - ABBONAMENTO ANNUO: ITALIA L. 25.000 - ESTERO L. 3.000 MEDIANTE VERSAMENTO IN CONTO CORRENTE POSTALE CCP 37871209 NUMERI ARRETRATI DISPONIBILI: ITALIA T. 7000 - ESTERO L. 10.000 MANOSCRITTI E FOTOGRAFIE ANCHE SE NON PUBBLICATI NON VERRANNO RESTITUITI SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE GRUPPO IV FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI OTTOBRE 1989 CON 1 TIPL DELLA MUSICOGRAFICA LOMBARDA DI BRUGHERIO ee NOTE DI COPERTINA ms 23, #27 massio di questanno si & svolta a Bari una manifestazione intito- lata « Omaggio a Andrés Segovia », che com- prendeva concerti, conferenze, proiezioni fil imate, dibattiti. La’ prima serata ha visto come protagonisti Eliot Fisk, Oscar Ghiglia, Linda Calsolaro, Alirio Diaz,’ in un concerto che Ii ha portati in scena nell’ordine citato, e uniti poi tutti e quattro per eseguire un brano di Al- vato Company, intitolato Memento. La sera successiva é stata la volta di Oscar Ghiglia, so- lista nel Concerto op. 99 di Castelmuovo-Tede- sco, mentre l'ultima giornata si e aperta al mat- tino con un documentario su Segovia allestito dalla BBC circa venti anni or sono, al quale sono seguite due conferenze e, nel pomeriggio, un dibattito sempre incentrato sulla figura del Maestro. I concertisti hanno sfoggiato le loro forti personaliti in un programma tutto sego- viano, come era ovvio, mentre il brano di Com- pany si & fatto apprezzare per la raffinata at- mosfera ¢ il toccante pathos. Nel dibattito del- Ja giornata conclusiva sono intervenuti, oltre ali anisti invitati, la signora Emilita Segovia, ctitici, organizzatori e parte del pubblico, Ab biamo ascoltato fatti conosciuti, altri un poco pid inediti (ad esempio i non sempre idilliaci Tappotti. tra Segovia € Villa-Lobos), racconti, testimonianze, aneddoti Fin qui la pura cronaca degli avvenimenti, attraverso i quali il grande concestista spagno- lo @ stato degnamente ricordato, Vorrei invece soffermarmi sul filmato della BBC, che non conosceyo, ¢ che mi ha indotto a compiere al- cune riflessioni. In queste immagini si @ visto un Segovia in eta matura, aveva circa 75 anni, ‘ma ancora nel pieno delle sue energie, arguto conversatore, conscio del suo ruolo di grande personaggio. Terminato il film, mi sono chie- sto se ess0 eta riuscito a rinnovare dentro di ime cid che avevo avvertito durante la vita del Maestro, specialmente quando, durante il pe- tiodo senese all’Accademia Chigiana, assistevo alle sue lezioni, lo osservavo da vicino mentre suonava, meditavo sui suoi commenti. Devo dire che nulla mi & parso cambiato, e che, pur attraverso il filtro fotografico e malgrado il tempo trascorso, ho avvertito intatto i potere di seduzione dellartista assieme a quell'auto- ritt che aveva sempre un po’ soggiogato chi ali stava intorno. Nel documentario, Segovia ha suonato nu metose volte. Se ben ricordo, la Sarabanda di Bach dalla Suite BWV 996, la Danza 1. 10 € La Maja de Goya di Granados, il Fandanguillo di Moreno Torroba, una Canzone popolare ca Jalana di Llobet, tutti pezzi seguiti meticolosa mente dalla macchina da presa, che mostrava una sinistra morbida, forte, elastica, e una de stra altrettanto disinvolta, spesso giovanilmen. te scattante. Le interpretazioni sono state tra le pid belle tra quante abbia mai ascoltato dal celebre concertista, sottolineate da_un suono di estrema lucentezza, altamente espressive ma senza alcun manierismo, vivissime ed equili brate nello stesso tempo. Ad una domanda dellintervistatore sulle possibilita timbriche della chitarra, Segovia ha risposto con pochi pratici esempi: una frase monodica in prima posizione, ripetuta poi su corde diverse con Paiuto di un intenso vibrato, un po’ di ponti cello, Veffetto pizzicato. E bastato cid per dare uun'immagine sul colore della chitarra piti elo quente di tanti trattati. C’era tutto Segovia in quel film. Lo sguardo serio ma interrotto spes. so da guizzi ironici, la semplicita con la quale esptimeva le proprie idee, che nascondeva perd una determinazione fortissima, la certezza di aver lavorato nella giusta direzione. Un fatto inequivocabile veniva fuori dopo aver visto il film, e ciot che qualsiasi spettatore, dal sem. plice curioso al musicista di professione, avreb- be ricevuto un’impressione fortemente posi tiva, indelebile, dell'esecutore e dello stru- mento. Mi sono chiesto allora chi, ai nostri giorni, 3