Sei sulla pagina 1di 80

job

GUIDA
ALLUNIVERSIT
IL PARERE DI PROF
ESPERTI E STuDEnTI
TEST DINGRESSO
Le date e tutte le novit
introdotte dal Miur
Corriere delluniversit Job - anno 5 n. 6 Luglio - Agosto 2012 - 3,00 euro
Il Ministro dellIstruzione
Francesco Profumo
I 10 CONSIGLI
DEL MINISTRO
RISCHIO DI SCELTA
Carriere Costruite sul passaparola e un orientamento Che tarda ad arrivare.
disoCCupazione giovanile figlia di Cattive sCelte.
franCesCo profumo detta i tempi per indirizzare gli studenti:
scegliete luniversit senza farvi condizionare
LONDRA 2012 OSCAR PISTORIUS PRIMO ATLETA DISABILE ALLE OLIMPIADI
DESTINAZIONE SPAZIO SAMANTHA CRISTOFORETTI, UNA DONNA ITALIANA IN ORBITA
Corsi in lingua inglese
Opportunit di studio allestero
Borse di studio
Corsi di laurea triennale e magistrale
www.aup.edu
admissions@aup.edu
La mia universit
americana a Parigi!
3
leditoriale
C
ari ragazzi, anche questanno e per
il diciottesimo anno consecutivo,
vi presentiamo con lavvicinarsi
delle vacanze estive la nostra guida alla
scelta delluniversit. Da leggere magari
sotto lombrellone, fra un tuffo e laltro.
Abbiamo incluso, visto che hanno pari
dignit, le accademie, i conservatori e gli
ITS. Una guida che non vuole solo indi-
care cosa e dove studiare. Lobiettivo che
ci poniamo quello di invitarvi a rifettere
su quanto sia importante concentrarsi
e dedicare del tempo al proprio futuro
formativo o professionale che sia. Scelte
affrettate, superfciali, o peggio, lasciate al
caso, determinano unaltissima probabilit
di insuccesso e disadattamento. I tassi di
disoccupazione giovanile che ci vengono
ormai proposti tutti i mesi in maniera
direi ossessiva, non devono allarmarci,
ma devono accendere in maniera forte
lattenzione verso il tema delle proprie
scelte e della formazione che ne consegue.
Da dove partire dunque? Intanto inizierei a
pormi delle domande e a capire se durante
gli anni scolastici emerso un interesse
verso una determinata materia o area di
studi. Soprattutto, cercherei di approfon-
dire quali sono i mestieri e le professioni
che determinati studi prospettano. Studio
cosa divento chi. Questo credo sia un
buon modo di presentare lorientamento
ai ragazzi. Non fatevi condizionare nelle
scelte da nessuno. Anche perch gli altri in
genere sono poco informati e soprattutto
sanno poco di voi stessi. Informatevi per
bene, chiedete agli studenti che hanno gi
fatto un pezzo di strada, controllate gli
sbocchi occupazionali e le percentuali di
successo o di abbandono delle facolt a cui
intendete iscrivervi. Cercate tutte le garan-
zie possibili, perch solo cos inizierete un
percorso con maggiore consapevolezza e
minori rischi. Se poi volete qualcuno con
cui confrontarvi o relazionarvi, scrivete
al tutor del Corriere dellUniversit Job,
risponderemo alle vostre domande come
facciamo tutto lanno per lorientamento
in itinere ed in uscita. Ma sappiate che
dovete studiare bene e con impegno. La
concorrenza internazionale fortissima
e non possiamo presentarci sul mercato
del lavoro senza adeguate conoscenze e
competenze. Consiglio di alternare periodi
di studio con periodi di lavoro. Fate qua-
lunque cosa, anche lavori umili e faticosi.
Anzi vi dico di pi: i miei amici selezio-
natori sono a caccia di ragazzi con alle
spalle esperienze umili ed impegnative.
Nelle loro aziende vogliono giovani svegli
e pronti alle battaglie del lavoro. E quando
si tratta di scegliere, preferiscono qualcuno
che si sia sporcato le mani, piuttosto che
un laureato e basta.
Contate pure su di me per quanto vi possa
essere utile, avete tutti i miei riferimenti
e sar contento, anche nella breve pausa
agostiana, di continuare il dialogo con i
lettori.
Abbiamo scelto di aprire la guida con il
ministro dellistruzione e delluniversit,
Francesco Profumo, perch nella sua
recente visita alla nostra redazione, ha
presentato i suoi consigli agli studenti e in-
viato gli auguri di buone vacanze e buone
scelte a studenti, docenti e personale non
docente. Ai suoi auguri, uniamo i nostri.
direttore@corriereuniv.it
twitter@berrypost
di Mariano Berriola
Corriere dellUniversit Job
anno 5 n.6 Luglio-Agosto 2012
Guida alla Scelta dellUniversit
Reg. Trib. di Roma
aut. n 289/2008 del 22.07.2008
Direttore responsabile:
Mariano Berriola
(direttore@corriereuniv.it)
Direzione, Redazione e Pubblicit
Piazza dellenciclopedia italiana, 50 - 00186 roma
tel. 06.98181406 - 06.98181416
sommario
la guida
2012
LeditoriaLe di Mariano Berriola
Sporcatevi le mani
attuaLita
Lintervista al Ministro Profumo
Orientamento, lancette indietro di un anno
Almalaurea, Laurearsi in tempo di crisi,
cos cambia luniversit
Formazione- Lavoro
ITs Innovatori del made in Italy
orIenTAMenTo Test dingresso
Corriere Mondo Studio e lavoro allestero
LUniversit social
scuole di eccellenza
Testimonianze
Guida aLLa SceLta deLLuniverSit
Agraria
Architettura
Design
Dams
Economia
Farmacia
Scienze Biotecnologiche
Giurisprudenza
Ingegneria
Lettere e Filosofa
Lingue
Medicina-Chirurgia-Odontoiatria-Prot.Dent.
Veterinaria
Professioni Sanitarie
Psicologia
Scienze della Comunicazione
Ss.MM.FF.NN.
Scienze della Formazione
Scienze Motorie
Scienze Politiche
Scienze Statistiche
Sociologia
Servizio Sociale
Turismo
Beni Culturali
Accademia di belle arti
Cinema e Teatro
Conservatori
Accademia Militare
3
4
6
12
11
10
8
16
19
20
38
61
27
48
69
24
44
65
33
56
52
72
22
41
63
31
50
71
26
46
67
35
59
54
74
77
76
78
Sporcatevi le mani
Corsi in lingua inglese
Opportunit di studio allestero
Borse di studio
Corsi di laurea triennale e magistrale
www.aup.edu
admissions@aup.edu
La mia universit
americana a Parigi!
Redazione di Napoli e Pubblicit
Via andrea disernia, 28 - 80122 Napoli
tel. 081.19179634
Pubblicit istituzionale
Piazza enciclopedia italiana, 50 - 00186 roma
tel. 06.98181422
Editore
report Giovani SCrl
Via andrea disernia, 28 - 80122 Napoli
Progetto grafco:
report Giovani
Hanno collaborato:
anna di russo
amanda Coccetti
ivana Berriola
Martina Gaudino
Stampa:
arti Grafche Boccia
Via tiberio Claudio Felice, 7
Salerno
4
attualit
OrientamentO,
lancette indietrO di un annO
Universit aperta al mondo del lavoro e studenti indirizzati alla scelta del corso di laurea gi dal quarto
superiore. Francesco Profumo indica la strada da seguire per affrontare un percorso di studi ottimale e non
disprezza il calcio balilla durante la visita alla Redazione del Corriere dellUniversit Job.
Futuro in politica? Sono un professore e mi piace fare quello.
Un augurio a tutti gli studenti che hanno conseguito la Ma-
turit. Ora necessaria una bella vacanza e poi una profonda
rifessione sulla scelta delluniversit che determiner molte
decisioni di vita futura. E chiaro e diretto linvito del ministro
dellIstruzione, Francesco Profumo, ai giovani che intendono
proseguire il percorso formativo universitario. Durante lincontro
col direttore del Corriere dellUniversit, Mariano Berriola,
tenutosi nella redazione romana del giornale, Profumo ha posto
lattenzione su una moltitudine di temi importanti per il futuro
del paese.

Orientarsi per la scelta. Innanzitutto lorientamento. Per for-
mare una classe dirigente valida e professionale fondamentale
aiutare gli studenti alla scelta del corso di laurea. Un tassello
fondamentale per il ministro, che ha unidea precisa a tal proposi-
to: Innanzitutto bisogna aprire luniversit al mondo del lavoro,
sottolinea. Gli operatori del settore devono dare concretezza a
che cosa signifca fare un certo lavoro anche attraverso visite in
aziende o flmati illustrativi. I ragazzi hanno bisogno di essere
indirizzati. C una statistica allarmante in Italia: il 60% delle
scelte universitarie degli studenti basata sul passaparola.
Non va assolutamente bene. E anche le istituzioni devono
fare la propria parte

Ministero della Persona. Sono le persone e le loro
esperienze al centro del pensiero di Profumo, tanto da
volergli dedicare un ministero ad hoc perch il ciclo
della vita e delle attivit si alterato rispetto al passato.
Nel futuro avremo unalternanza scuola/lavoro
e tempo libero. Dobbiamo pensare alle persone
che abbiano uno zainetto sulle spalle ricco di
esperienze. E proprio queste sono fondamentali
per il futuro dei giovani.

Confronto e idee. I giovani avranno un ruolo
fondamentale per la formazione della nuova
universit. Sono loro, infatti, che dovranno es-
sere capaci di generare idee per il futuro con
uno spirito di unit e innovazione. Secondo
Profumo confrontarsi con gente che provie-
ne da esperienze diverse fondamentale. Il
mio modello ideale si basa sullinserimen-
to di giovani e meno giovani allinterno
di gruppi di ricerca e che possano dare
contributi di accelerazione alla cono-
scenza, molto di pi rispetto a situazioni
consolidate nella cultura italiana che si
basa sulla cooptazione.

Profumo e gli studenti. In questi
mesi di esperienza politica, il ministro
Profumo si mostrato una persona di-
sponibile al dialogo con chiunque. Un
atteggiamento positivo che ha trovato
molti consensi da parte dellopi-
nione pubblica. Ho vissuto tutta la
mia vita nella scuola afferma-, e
i momenti in cui ho appreso di piu
non stato solo sui libri ma anche nei
LINTERVISTA AL MINISTRO DELLISTRUZIONE
I DIECI CONSIGLI DEL MINISTRO
PER UN PERCORSO UNIVERSITARIO
SENZA INTRALCI
1. Autovalutazione dei propri interessi e delle
proprie capacit
2. Impegno massimo nel percorso di studio
che si sceglie di intraprendere
3. Essere studenti modello ma relazionarsi
sempre con gli altri
4. Vivere sempre la vita universitaria
completamente
5. Seguire i corsi, prendere appunti e dare
gli esami senza attendere anni
6. Anticipare le relazioni col mondo del
lavoro
7. Svolgere una parte del percorso formativo
allestero
8. Prepararsi al meglio per laccesso
alluniversit con test dingresso
9. Non farsi infuenzare dal passaparola
degli amici per la scelta
10. Costruire competenze per il mondo
del lavoro
5
rapporti con gli studenti e con le persone. Non ho
mai avuto paura del confronto, anzi mi ha sempre
stimolato.

I temuti test dingresso. E nemmeno gli
studenti devono aver paura dei temuti test
dingresso. Non sono un problema, se preparati
in tempo e con criterio. Nei paesi stranieri
i ragazzi iniziano con un anno di anticipo
lorientamento alluniversit e la preparazione
pre-quiz. Questo signifca avere idee chiare
gi durante gli anni scolastici, rimarca il
componente di Governo. E sulle graduato-
rie nazionali e locali promette alle future
matricole di starci lavorando, ricordando
che la gestione dei test in parte affdata
allautonomia delle universit che nel
bene e nel male bisogna rispettare.

Proroga dei rettori. Autonomia ma
con lesigenza di un rinnovamento
totale, partendo dai rettori: Sono
stato un rettore giovane e ho ter-
minato il mandato prima della sua
scadenza naturale, perch credo
che luniversit abbia bisogno di
contributi e di idee che debbano
avere una dinamica nel tempo e una
loro circolarit. Ad esempio le grandi
scuole dovrebbero avere rettori in
successione che non provengano
dagli stessi settori. E sulla loro
proroga risponde rispolverando la
legge 240. Quando approvato lo
statuto c un anno per la gestione
del transitorio e in questo caso il tran-
sitorio, per legge, deve essere gestito
dai rettori. La legge da poi due scadenze
per la presentazione dello statuto: il 29 luglio 2011 e
29 ottobre 2011. Il ministero ha avuto 120 giorni per
dare una risposta, defnitiva o di tipo interlocutorio.
Alcuni statuti sono stati approvati e pubblicati nella
primavera del 2012 e per questi rettori il termine del
loro mandato sar lanno accademico 2012/2013.

Fondi di Ricerca Europei. Universit, ma anche
ricerca. In particolar modo, i fondi (circa 8.100 milioni
di euro) destinati a fnanziare progetti e annunciati
a Bruxelles dalla Commissione Europea. Si tratta di
fnanziamenti previsti nellambito del VII Programma
Quadro sui quali Profumo intende investire: Da parte
mia c il massimo impegno a recuperare una parte
delle risorse che in questo momento sono state deviate
su altre attivit, ma dobbiamo rivedere - dice- i nostri
modelli di gestione della ricerca del Paese. NellUe,
lItalia perde 500 milioni lanno - differenziale tra
quanto investiamo (14,4%), e quanto riporteremo a casa
(l8,5%). Perdita che diventer di 800-900 milioni con
Horizon 2020. E parlando della volont di recuperare i
fondi che lItalia investe in Europa in materia di ricerca
e innovazione, precisa che, in questo momento di
grandissima diffcolt bisogna dimostrare di avere una
capacit di competere, e soprattutto di recuperare quelle
risorse che il nostro Paese non ha.

Il futuro da prof. Non si conosce ancora il futuro lavo-
rativo di Francesco Profumo. Diffcilmente continuer
la carriera politica dopo il 2013 perch, come dice,
sono un professore universitario e mi piace fare quello.
Dopo il rettorato al Politecnico, sono stato nominato
presidente del Cnr fno al 2015, ma poi improvvisa-
mente sono stato scelto per il ruolo di ministro. Quando
terminer vedremo cosa far da grande.

Il percorso universitario. Infne una serie di consigli
agli studenti che si apprestano ad iscriversi alluniversi-
t: Bisogna fare una scelta di tipo razionale e avere una
autovalutazione dei propri interessi, delle proprie forze
e delle proprie capacit, ricorda Profumo. Luniversit
una cosa seria e si deve prendere nella giusta dimen-
sione. Luniversit deve formare bravi medici, giuristi
ma soprattutto buoni cittadini e buone cittadine globali.
Studiare ma anche relazionarsi con gli altri. Credo che
sia importante percorrere una parte del percorso alle-
stero ed anticipare le relazioni col mondo del lavoro.
Insomma, studenti modello che faranno strada senza
troppi indugi. E, considerato il momento diffcile che
vive il paese, necessario che ci sia una svolta totale.
LA SCHEDA
Nome: Francesco
Cognome: Profumo
Nato a: Savona
Anni: 59 anni
Carica attuale: Ministro dellIstruzione,
dellUniversit e della Ricerca
Titolo di studio: Laureato in Ingegneria
elettrotecnica al Politecnico di Torino
Cariche ricoperte: Ex Presidente e Rettore
della Facolt dIngegneria del Politecnico di
Torino, ex presidente del Cnr, attualmente
Presidente di Columbus, del Forum Torino e
del Panel 09 del Comitato di Indirizzo per la
Valutazione della Ricerca (CIVR) del Miur. Gi
membro del Consiglio di Amministrazione di
Reply, di FIDIA S.p.A., Unicredit Private Bank,
membro del Consiglio di Amministrazione di
Telecom Italia. Consigliere per Il Sole 24 Ore
e Pirelli, membro del comitato di indirizzo di
Italianieuropei.
Due momenti della visita del
Ministro alla redazione del
Corriere dellUniversit Job
6
alMalaurea
laurearSi in tempO di criSi
cos cambia luniversit
I dati del XIV rapporto Almalaurea sul proflo dei nostri laureati confermano alcuni trend, introducendo per qualche
elemento di novit: siamo soddisfatti dei nostri studi e non ci fermiamo alla triennale, riuscendo anche ad accorciare le
distanze con il conseguimento del diploma. Ma sulla mobilit territoriale restiamo ancora indietro rispetto allUe.
La triennaLe SoLo Linizio
continuare GLi Studi La norma

61 laureati su 100 proseguono con la specialistica
Alla laurea specialistica, che lobiettivo pi diffuso fra quanti
sono orientati a proseguire gli studi, ambiscono 61 laureati su
cento. Concluso il corso di primo livello, 77 studenti su cento
dichiarano lintenzione di andare avanti: il 94 per cento dei ne-
opsicologi e l89 per cento dei laureati del gruppo geo-biologico,
ma anche il 63 per cento del gruppo insegnamento e il 60 per
cento di quello giuridico.
L82-87 per cento dei laureati dei gruppi ingegneristico, geo-
biologico e psicologico intenzionato a proseguire, ma lattrat-
tiva della specialistica riguarda anche il 46 per cento dei laureati
in educazione fsica, il 43 per cento del gruppo insegnamento e
il 21 per cento delle professioni sanitarie. La continuit di sede,
invece, riguarda il 74 per cento dei laureati di primo livello
intenzionati a proseguire con la laurea magistrale. Lo studente
che vuole continuare con una laurea magistrale ha caratteristiche
pi favorevoli allingresso, migliori performance alluniversit,
pi soddisfatto del percorso compiuto. E lo fa perch vuole com-
pletare la propria formazione, infuenzato anche delle diffcolt
di inserimento nel mondo del lavoro.
Tra i laureati specialistici il 42% ha ottenuto 110 e lode
Ad essere promossi a pieni voti sono sempre i laureati
dei percorsi letterari: superano il voto medio di 110,
arrivando spesso a conquistare anche la lode. Mentre
allestremo opposto si collocano le votazioni dei laureati
dei gruppi ingegneria, educazione fsica, economico-sta-
tistico, e giuridico. Ma esistono limitazioni nei criteri di
assegnazione dei voti? La documentazione AlmaLaurea
registra prassi valutative non omogenee nei percorsi di-
sciplinari (alcuni pi severi di altri) per quanto riguarda i
voti assegnati negli esami universitari e nellattribuzione
dei bonus in sede di laurea. Ed soprattutto nel proflo
dei laureati specialistici che la votazione fnale risulta
prossima al massimo (in media 107,8 su 110), con un
evidente appiattimento delle votazioni nella direzione
dei valori elevati. Ci fnisce per penalizzare seriamente
la possibilit di misurare e distinguere le capacit degli
studenti attraverso il voto di laurea.
Le laureate tra i 30 e 34 anni superano di 9 punti percentua-
li la popolazione maschile: sono il 24,2% rispetto al 15,5%
Pi reGoLari e briLLanti neGLi Studi
Le donne Si Laureano Prima
Le votazioni Pi aLte?
Si danno neLLe FacoLt Letterarie
Non esistono pi le roccaforti maschili. Le donne
ormai sono prevalenti nei percorsi universitari, anche
in quei settori nei quali si sempre registrata una larga
maggioranza di uomini. E oggi rappresentano il 64 per
cento del complesso dei laureati specialistici a ciclo
unico (Medicina e chirurgia, Odontoiatria, Medicina
veterinaria, Farmacia, Architettura e Giurisprudenza).
Brillanti sono poi le loro performance: arrivano alla
laurea pi giovani (26,7 anni rispetto ai 27,2 degli
uomini tra tutti i laureati 2011; 25,5 anni nelle lauree di
primo livello contro i 26 anni dei colleghi maschi; 27,6
anni contro 28 nelle lauree specialistiche; 26,4 anni
contro 27,1 nelle specialistiche a ciclo unico). E sono
pi regolari negli studi. Si laurea in corso il 40,6 per
cento delle laureate 2011 contro il 36,4 per cento degli
uomini; differenze che si riscontrano in tutti i tipi di
laurea a vantaggio delle donne (in particolare, in corso
il 48,2 per cento delle laureate nei percorsi specialisti-
ci contro il 45,7 per cento dei laureati). Eppure, quella
femminile si conferma una presenza che stenta ancora
ad essere riconosciuta adeguatamente sul mercato del
lavoro nel nostro Paese, ove le disparit di genere sono
ancora elevate.
voto di laurea - 1 livello
voto di laurea - lauree specialistiche
regolarit negli studi
laureati in corso
letterario 110,7
geo-biologico 110,0
chimico-farmaceutico 109,7
scientifco 109,3
linguistico 109,1
medico / prof. sanitarie 108,9
agrario 108,9
insegnamento 108,3
architettura 108,1
totale 107,9
politico-sociale 107,9
psicologico 107,2
educazione fsica 106,7
ingegneria 106,7
economico-statistico 106,6
giuridico 103.0
riuscita
negli studi
valori medi
gruppo
disCiplinare
riuscita
negli studi
riuscita
negli studi
1livello lmCu lm
2011
1livello lmCu lm
2011
pre-riforma*
laureati 2004
voto di laurea
*comprende
Cdl e lmCu
valori medi
valori percentuali
in corso: compresi i laureati regolari che hanno concluso
gli studi nella sessione straordinaria (gennaio-aprile)
riuscita
negli studi
valori medi
gruppo
disCiplinare
letterario 105,5
medico / prof. sanitarie 103,6
linguistico 102,7
insegnamento 102,4
architettura 102,0
geo-biologico 101,7
chimico-farmaceutico 101,3
agrario 101,2
scientifco 100,4
totale 100,3
politico-sociale 99,5
psicologico 98,5
educazione fsica 98,0
ingegneria 97,4
economico-statistico 95,8
giuridico 93,2
7
alMalaurea
Professioni Sanitarie: 65 laureati su cento la concludono in tre anni
Rispetto alluniversit pre riforma si incrementata la quota di giovani che
terminano gli studi nei tempi previsti, aumentata la frequenza alle lezioni,
si estesa lesperienza di stage e tirocini svolti durante gli studi, cos come le
opportunit di studio allestero. Ma chi arriva in tempo alla laurea di primo
livello? Di solito proviene da classi sociali meno favorite, tende a studiare
sotto casa, forse anche per effetto della moltiplicazione dei corsi universitari,
e raggiunge il traguardo a 24 anni. Poche le esperienze allestero durante
luniversit, mentre si moltiplicano per tre gli stage durante il percorso di
studio. E dopo la laurea? La maggior parte dei triennali intende proseguire
la formazione, ma chi vuole farlo con la specialistica il 61%. Tra i laureati
Le noStre univerSit
attraGGono Poco

Solo il 3,3 per cento degli iscritti proviene da altri Paesi
Poca mobilit sia in entrata che in uscita. Le universit italiane
faticano ad attirare studenti stranieri e la conferma arriva dal
confronto internazionale. I Paesi OCSE registrano un numero di
studenti stranieri pari all8,7 per cento, contro il nostro 3,3%.
La stessa mobilit attraverso il programma Erasmus evidenzia
che per 100 studenti italiani che vanno allestero, ne entrano
solo 83. Aumenta invece il numero dei connazionali che decide
di studiare in altri Paesi anche per la preoccupazione di avere
diffcolt a trovare unadeguata collocazione lavorativa in
patria. Ma si dilata contemporaneamente anche la tendenza a
non allontanarsi da casa, a studiare nella sede pi vicina, quale
che sia lofferta formativa disponibile, spesso perfno nella
prosecuzione degli studi, oltre il primo livello. A frenare questo
tipo di mobilit territoriale concorrono anche i costi, spesso
insostenibili per le famiglie. Nel 2011, 49 laureati su 100 sono
stanziali, ovvero hanno concluso il percorso di studi univer-
sitari nella stessa provincia in cui hanno ottenuto il diploma.
Altri 26 si sono spostati al massimo in una provincia limitrofa
a quella in cui si erano diplomati. Altri 11 su cento si sono
spostati ma sono rimasti nella stessa ripartizione geografca; 12
su cento hanno effettuato una migrazione per studio dal Sud al
Centro-Nord. I rimanenti, 2 su cento, hanno ottenuto il diploma
allestero.
Si voLa aLLeStero
con i ProGrammi ue

Le esperienze di studio fuori dal proprio Paese coinvolgono
il 10,2 % dei laureati di primo livello
Lultima indagine sulla condizione occupazionale dei laureati
ha accertato che, a parit di condizioni, chi ha svolto unespe-
rienza allestero durante gli studi ha il 13,6% in pi di proba-
bilit di lavorare. Cos la partenza con i programmi Erasmus,
dopo una prima contrazione negli anni successivi allavvio
della riforma, ha ripreso quota come le altre esperienze di
studio allestero. Fra i laureati pre-riforma del 2004, l8,4 per
cento aveva studiato allestero utilizzando Erasmus ed altri
programmi dellUe. Nel 2011 la stessa opportunit ha riguar-
dato il 5,3 per cento dei laureati di primo livello: 22 neodot-
tori su cento nel gruppo linguistico, 7,2 su cento nel gruppo
politico-sociale, ma pochissimi (fra 1,2 e 1,7 per cento) fra i
laureati dei gruppi chimico-farmaceutico, giuridico e medico-
professioni sanitarie. Assai diffuse risultano le esperienze di
tirocinio e stage riconosciute dal corso di studi, a sottolineare
il forte impegno delle universit e la crescente collaborazione
con il mondo del lavoro (oltre l80 per cento dei tirocini sono
stati svolti al di fuori delluniversit). Sono esperienze che
entrano nel bagaglio formativo di 60 laureati su cento: 89 su
cento neodottori in agraria, 87 laureati del gruppo insegna-
mento, 84,5 di quello delle professioni sanitarie, ma anche
41,5 laureati su cento del gruppo economico-statistico e
perfno 33 neodottori su cento nelle materie giuridiche.
ancora Pochi Laureati
LitaLia rincorre LeuroPa

Solo il 20% degli italiani, tra i 30 e i 34 anni, in possesso di
laurea. Lobiettivo europeo del 40%
A lievitare in Italia pi che i laureati sono stati i titoli universitari:
un aumento del 68 per cento, in larga parte dovuto alla duplicazio-
ne dei titoli (laurea di primo livello seguita da laurea specialistica).
Cos il numero delle lauree cresciuto, passando dalle 172mila
del 2001 alle 289mila del 2010, mentre, il processo di universita-
rizzazione ha registrato un incremento solo del 19 per cento.
Anche nella classe di et 25-34 anni, lItalia registra il 20 per
cento di laureati contro il 37 per cento nel complesso dei Paesi
Ocse, cio delle realt economicamente pi avanzate a livello
internazionale. I diciannovenni che si iscrivono alluniversit,
invece, rappresentano solo il 29% dei coetanei confermando il
ridotto interesse per gli studi universitari di questa fascia di po-
polazione giovanile. Negli ultimi otto anni le immatricolazioni si
sono ridotte del 15 per cento per effetto anche del calo demogra-
fco (nel periodo 1984-2009, ha visto contrarsi di quasi 370mila
unit la popolazione diciannovenne), della diminuzione degli
immatricolati in et pi adulta e del deterioramento della condi-
zione occupazionale dei laureati. A questi fattori si aggiunta la
crescente diffcolt di tante famiglie a sostenere i costi diretti ed
indiretti dellistruzione universitaria e una politica del diritto allo
studio ancora carente.
iL titoLo arriva nei temPi
diminuiScono i Fuori corSo
voto di laurea - 1 livello
et alla laurea
voto di laurea - lauree specialistiche
letterario 110,7
geo-biologico 110,0
chimico-farmaceutico 109,7
scientifco 109,3
linguistico 109,1
medico / prof. sanitarie 108,9
agrario 108,9
insegnamento 108,3
architettura 108,1
totale 107,9
politico-sociale 107,9
psicologico 107,2
educazione fsica 106,7
ingegneria 106,7
economico-statistico 106,6
giuridico 103.0
1livello lmCu lm
pre-riforma*
laureati 2004
*comprende
Cdl e lmCu
letterario 105,5
medico / prof. sanitarie 103,6
linguistico 102,7
insegnamento 102,4
architettura 102,0
geo-biologico 101,7
chimico-farmaceutico 101,3
agrario 101,2
scientifco 100,4
totale 100,3
politico-sociale 99,5
psicologico 98,5
educazione fsica 98,0
ingegneria 97,4
economico-statistico 95,8
giuridico 93,2
riuscita
negli studi
valori medi,
in anni *comprende anche leventuale ritardo negli studi accumulato nel percorso universitario precedente.
Complesso
dei laureati
2004 2011
pre-riforma
(Cdl elmCu) 1 livello lmCu lm
et alla laurea 27,8 25,7 26,7 27,8
ritardo alliscrizione 0,9 1,7 0,5 2,6*
et alla laurea
al netto dellet 26,8 24,0 26,1 25,2
discrizione
indice di 0,65 0,44 0,26 0,2
ritardo alla laurea
specialistici, biennali e a ciclo unico, si riscontra una maggiore
selezione sociale: sono giovani pi avvantaggiati socialmente e
culturalmente pi disponibili alla mobilit tra sedi universitarie,
sono quelli con pi esperienze di studi allestero nel curricu-
lum. Anche se una percentuale maggiore lavora durante gli studi, forse per
effetto della crisi economica e di carenze nel diritto allo studio.
8
innOvatOri del made in italy
con gli itS
Un canale formativo di livello post-secondario parallelo ai percorsi accademici quello dei corsi ItS: Istruzione
tecnica Superiore. La tipologia e gli indirizzi di queste scuole speciali di alta tecnologia rispondono ai settori
prioritari per lo sviluppo economico consentendo cos di accelerare lingresso dei giovani nel mondo del lavoro.
Rilasciano crediti formativi (CFU) spendibili in tutte le universita.
Chi studia negli istituti tecnici e professionali ha pi probabilit di trovare un lavoro
prima degli altri. I tecnici battono di gran lunga i liceali su tasso di occupazione,
retribuzione e contratti pi sicuri. I dati, forniti da Almadiploma e AlmaLaurea, par-
lano chiaro: il tasso di occupazione ad un anno dal diploma del 61% per gli istituti
professionali, 45,3% per gli istituti tecnici e del 26,7% per i licei. La retribuzione
mensile media netta sempre ad un anno dal diploma di euro 813 per i professionali,
746 per i tecnici e di soli 364 per i licei. Alla voce contratti a tempo indeterminato
troviamo un 23,1% per i profes-
sionali contro un 6,6 per i licei e a
quella senza contratto un 6,6%
per i primi contro un 30,9 per
i secondi. Dal momento che la
domanda di specializzazione del
tessuto produttivo e dei servizi
del territorio cresce sempre pi,
se non si intendete seguire la for-
mazione universitaria, ci si pu
rivolgere ai corsi di istruzione
tecnica superiore (ITS). Questi
gli obiettivi: assicurare lofferta
di tecnici che rispondano ai
fabbisogni del mercato del lavo-
ro; sostenere lintegrazione tra
istruzione, formazione e lavoro;
diffondere la cultura tecnica e
scientifca; sostenere misure per
linnovazione e il trasferimento
delle piccole e medie imprese.
Istituiti nel 1999 con la legge n.
144, sono rivolti ai diplomati che
intendono puntare su un rapido
inserimento nel mondo del lavoro
raggiungendo livelli di qualif-
cazione superiore e competenze
specifche. Sono progettati e ge-
stiti da soggetti associati in forma
di Fondazione di partecipazione
che comprende scuole, enti di
formazione, imprese, universit,
centri di ricerca ed enti locali. La loro durata va da 2 a 4 semestri (1200-2400 ore) e
la didattica incentrata su attivit di laboratorio e tirocini obbligatori per almeno il
30% del monte orario complessivo, anche allestero. Il 50% dei docenti proviene dal
mondo del lavoro e delle professioni e rilasciano titoli di diploma di Tecnico Supe-
riore con lindicazione dellarea tecnologica e della fgura nazionale di riferimento
(V livello del Quadro europeo delle qualifche - EQF).
Le aree tecnoLogiche individuate per
gLi itS Sono:
effcienza energetica
Mobilit sostenibile
Nuove tecnologie della vita
Nuove tecnologie per il Made in italy (sistemi
meccanica, moda, alimentare, casa, servizi alle
imprese)
tecnologie innovative per i beni e le attivit
culturali
tecnologie dellinformazione e della comu-
nicazione
Per informazioni su modalit e
termini per liscrizione ai corsi
ITS rivolgersi direttamente alle
Fondazioni. Per i recapiti consul-
tare la sezione del sito Gli ITS sul
territorio su www.indire.it/its
ForMazioNe laVoro
Mettetevi alla prova!

innegabile che una certa familiarit con i test fondamentale per
affrontare con successo una prova: chi ha gi avuto esperienze di
test di fatto sa cosa aspettarsi ed pi sicuro di s rispetto a chi
non ne ha avute. Per capire cosa vi troverete davanti subito dopo le va-
canze estive, ecco per voi un piccolo assaggio di domande a risposta
multipla tratte dai volumi Hoepli Test per verifcare la vostra prepara-
zione. Ricordatevi che ogni quesito ammette una sola risposta corretta.
1 Il cardias :
A una membrana che avvolge il ventricolo sinistro del cuore
B una ghiandola endocrina
C una valvola che controlla lentrata del bolo alimentare nello stomaco
D una valvola che controlla luscita del contenuto gastrico
E il muscolo cardiaco
2 Latte : Lotto = 65 440 : X:
A X = 75 440
B X = 66 441
C X = 67 447
D X = 68 558
E X = 66 449
3 Aggiungi il numero che completa la serie 3, 7, 16, 35, ...:
A 41
B 34
C 23
D 51
E 74
4 In quale data fu compiuta la strage alla stazione di Bologna?
A 12 dicembre 1969
B 2 agosto 1980
C 28 maggio 1974
D 4 agosto 1974
E 27 giugno 1980
5 Choose the word which best completes the following sentence.
The accident victim was ______ dead on arrival at the hospital.
A Pronounced
B Called
C Said
D Defned
E Stated
6 Gli amminoacidi costituiscono:
A i polisaccaridi
B i lipidi
C la cellulosa
D le proteine
E lamido
Risposte corrette
1 2 3 4 5 6
C C E B A D
Visitate il sito www.hoeplitest.it
Seguiteci su Twitter (Hoepli_Test) e Facebook
Oppure scriveteci a info@hoeplitest.it
Per saperne di pi
hoepLi teSt la collana di volumi, continuamente aggiornata con nuovi titoli e ar-
ricchita di numerose sezioni online, che ti prepara validamente sia ai test dingresso
ai corsi di laurea a numero programmato (come Medicina, Ingegneria o i corsi di
laurea per le Professioni sanitarie) sia alle prove di verifca delle conoscenze iniziali,
il test orientativo previsto dai corsi di laurea a numero aperto.
Per risolvere qualsiasi tipo di quesiti, nozionistici e logici, affdati a Hoepli Test e il
numero chiuso non sar pi un problema!
continua in libreria
Per ogni facolt troverai i libri specifci per la tua preparazione: Ma-
nuale di teoria - esercizi svolti e commentati - prove simulate - Quiz.
Ma il mondo Hoepli Test non conosce limiti: 11 apps gratis su iTunes e
Google Play!
10
ForMazioNe laVoro
teSt dingreSSO
dal miur arriva laggregazione
Stesso giorno e stessa prova. Ma non gli stessi diritti a parit di merito. E la sorte che attende gli aspiranti camici bianchi del nostro Paese dal 1999
con la legge che regola le norme in materia di accessi ai corsi universitari. Disparit dunque lungo lo stivale dove per essere ammessi presso un ateneo
occorre raggiungere un risultato di 49 punti e ad un altro anche 10 di meno. Continue le proteste di studenti e famiglie. I test restano ma una novit
arriva con il decreto 196 del 28 giugno 2012 che introduce il sistema di aggregazione universitaria. Gli studenti avranno la possibilit di selezionare
la sede di preferenza dal 6 al 10 settembre (fno alle ore 15.00). Ma prima dovranno confrontarsi con gli ottanta quesiti. Si parte il 4 settembre.
medicina e chirurGia e odontoiatria
e ProteSi dentaria
La prova sar unica per entrambi i corsi e il contenuto identico su tutto il
territorio nazionale. Anche questanno, si svolger il test dingresso in lingua
per accedere ai corsi di Medicina in inglese. Verranno avviati oltre che alle
Universit di Milano, Sapienza di Roma e di Pavia, anche presso lUni-
versit degli Studi di Bari Aldo Moro, Seconda Universit degli Studi di
Napoli, Universit degli Studi di Roma Tor Vergata. Il test, con inizio alle
ore 14.00 del 5 settembre, sar elaborato in collaborazione con lUniversit
di Cambridge e si svolger contestualmente alle Universit di Londra e
Cambridge.
I quIz. Gli aspiranti dottori dovranno confrontarsi con ottanta quesiti che
presentano cinque opzioni di risposta, di cui il candidato ne deve individuare
una soltanto, su argomenti di: cultura generale e ragionamento logico (40
quesiti); biologia (18); chimica (11); fsica e matematica (11).
La vaLutazIOnE. Per essere introdotti in graduatoria bisogna aver
ottenuto al test dingresso almeno 20 punti.
GLI ORaRI. Due ore a partire dalle 11.00. Per gli studenti affetti da disles-
sia concesso un tempo aggiuntivo pari al 30 per cento.
IL GIORnO. 4 settembre 2012; il 5 settembre per Medicina e Chirurgia in
inglese.
medicina veterinaria
La prova di ammissione unica e di contenuto identico sul territorio nazio-
nale.
I quIz. La prova di ammissione consiste nella soluzione di ottanta quesiti
che presentano cinque opzioni di risposta, di cui il candidato ne deve indivi-
duare una soltanto, su argomenti di: chimica (25 quesiti); cultura generale e
ragionamento logico (23); biologia (20); fsica e matematica (12).
La vaLutazIOnE. Per essere introdotti in graduatoria bisogna aver
ottenuto al test dingresso almeno 20 punti.
GLI ORaRI. Due ore a partire dalle 11.00. Per gli studenti affetti da disles-
sia concesso un tempo aggiuntivo pari al 30 per cento.
IL GIORnO. 10 settembre 2012
architettura
Il contenuto dellesame di ammissione identico sul territorio nazionale.
I quIz. Ottanta quesiti che presentano cinque opzioni di risposta. Gli
argomenti previsti sono: cultura generale e ragionamento logico (32 quesiti);
storia (19), disegno e rappresentazione (16); matematica e Fisica (13).
La vaLutazIOnE. Per essere introdotti in graduatoria bisogna aver
ottenuto al test dingresso almeno 20 punti.
GLI ORaRI. Due ore e quindici minuti a partire dalle 11.00. Per gli studen-
ti affetti da dislessia concesso un tempo aggiuntivo pari al 30 per cento.
IL GIORnO. 6 settembre 2012
ProFeSSioni Sanitarie
La prova di ammissione predisposta da ciascuna universit ed identica
a tutte le tipologie dei corsi attivati presso ciascun ateneo. Lo studente
pu indicare nella domanda di ammissione fno a tre opzioni, in ordine di
preferenza.
I quIz. Per lammissione ai corsi richiesto il possesso di una cultura
generale, con particolari attinenze allambito letterario, storico- flosofco,
sociale ed istituzionale, nonch della capacit di analisi su testi scritti di
vario genere e da attitudini al ragionamentologico-matematico. Le aree di ri-
ferimento sono: Cultura generale e ragionamento logico; Biologia; Chimica;
Fisica e Matematica.
La vaLutazIOnE. Per essere introdotti in graduatoria bisogna aver
ottenuto al test dingresso almeno 20 punti.
GLI ORaRI. Due ore a partire dalle 11.00. Per gli studenti affetti da disles-
sia concesso un tempo aggiuntivo pari al 30 per cento.
IL GIORnO. 11 settembre 2012
a cura di Ivana Berriola
criteri GeneraLi di vaLutazione
per la valutazione delle prove si tiene conto dei
seguenti criteri:
1 punto per ogni risposta esatta;
meno 0,25 punti per ogni risposta sbagliata;
0 punti per ogni risposta non data.
aggregazioni territoriaLi per i corSi di
MagiStraLe in Medicina e chirurgia e in
odontoiatria e proteSi dentaria
- Bari, Foggia, Molise
- Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, Politecnica delle Marche
- Brescia, Pavia, Verona
- Cagliari, Sassari
- Catania, Catanzaro Magna Graecia, Messina, Palermo,
- Chieti - G. DAnnunzio , LAquila, Perugia, Roma Tor Vergata
- Genova, Torino I Facolt, Torino II Facolt
- Milano, Milano Bicocca, Varese Insubria, Vercelli Avogadro
- Napoli Federico II, Napoli Seconda Universit, Salerno
- Padova, Trieste, Udine
- Roma La Sapienza Med. e Farmacia Policlinico A E, Roma La Sapienza
Med. e Odontoiatria Policlinico B C D, Roma La Sapienza Med e Psicologia
- Firenze, Parma, Pisa, Siena
aggregazioni per i corSi di MagiStraLe in
ingegneria ediLe/architettura
- Universit degli studi di Napoli Federico II e Universit degli studi di
Salerno
aggregazioni per i corSi di MagiStraLe in Medicina
veterinaria
- Universit degli studi di Bologna, di Milano, di Parma e di Padova,
- Universit degli studi di Teramo e di Camerino
11
ForMazioNe laVoro
MARCO DE ANGELIS,
Laureato in ingegneria strutturale
presso Roma Tre, dottorato a
Liverpool
Marco, avevi mai pensato di studiare
allestero?
Quando sentivo parlare i miei compagni
di corso a proposito della loro volont di
espatriare, lo ritenevo un capriccio. Chi non
capace di trovare lequilibrio a casa, non lo sar
neanche altrove, tuttavia ho mai rifutato lidea di lasciare il paese.
Come sei venuto a sapere di questa opportunit e come si svolta la
selezione per il dottorato?
La selezione stata eseguita per titoli, valutando la mia idoneit in base alle
credenziali accademiche: voto di laurea degli esami sostenuti e competenza
linguistica che ho dimostrato con un attestato di lingua inglese riconosciuto nel
Regno Unito. Tra le documentazioni esaminate, provenienti dellUnione Euro-
pea, la mia, stata considerata, la pi idonea e cos sono stato chiamato per un
colloquio, due settimane dopo linvio della documentazione. Dopo il colloquio,
ha avuto inizio la mia avventura a Liverpool.
ti costato abituarti a un diverso sistema di formazione?
Qui le cose per gli studenti sono semplici, si possiede un account e si ricevono
informazioni in tempo reale. Le differenze pi evidenti le ho riscontrate dal
punto di vista amministrativo, regole chiare e accessibili, che non lasciano spa-
zio allinterpretazione. Inoltre, il vantaggio di studiare in un paese aperto alle
altre culture e diversit come il Regno Unito,ti permette di conoscere persone
di tutto il mondo, rendendo la ricerca, particolarmente stimolante. Aspetto
valido anche per gli studenti universitari, i quali si trovano a confrontarsi
con docenti e studenti di diversa nazionalit. In Italia, fatta eccezione per gli
studenti Erasmus, non sussiste un forte scambio interculturale.
a.c.
StudiO e lavOrO alleSterO
corriere mondo
In vacanza si timidi, in viaggio sfrontati. In vacanza ci
si rilassa, il viaggio unesperienza che richiede forza del
corpo e curiosit dellintelletto (Paul theroux, da
Lespresso)
ProGrammi euroPei
Per La mobiLit StudenteSca
ERasMus Tra i programmi europei di maggior successo, lErasmus, de-
stinato agli studenti universitari (si pu fare domanda a partire dal secondo
anno di iscrizione). Ogni universit, al proprio interno, ha luffcio Erasmus,
che eroga un bando annuale di partecipazione. Per informazioni, consultare
il sito di Erasmus Network (www.esn.org)
LEOnaRdO da vInCI Il programma Leonardo da Vinci, rivolto alla
formazione professionale dei giovani dai 18 ai 30 anni. Lo studente propone
un proprio progetto formativo presso unistituzione pubblica o privata di uno
dei paesi dellUnione Europea, per un stage. (http://www.programmaleonar-
do.net/llp/home.asp).
SuGGeStioni di mobiLit
ploteus (portale europeo per opportunit di studio e di
lavoro)
ec.europa.eu/ploteus/home.jsp
portale europeo dei giovani (iniziative rivolte ai gio-
vani)
europa.eu/youth
eures (The European Job Mobility Portal)
europa.eu.int/jobs/eures
eurodesk- punto di incontro dei giovani con leuropa
www.eurodesk.it
Servizio civile internazione-www.sci.it
Yap- Youth action for peace- www.yap.it
LINTERVISTA
YOuth In aCtIOn. Giovent in azione mira a rafforzare lo spirito
sociale dei giovani verso la cittadinanza attiva e lo scambio interculturale.
Un gruppo informale di giovani pu presentare il proprio progetto. Per
informazioni: www.agenziagiovani.it
oLtre Lunione euroPea
FREE MOvERs I free movers sono studenti che non partecipano ad
un programma organizzato, ma scelgono in modo autonomo, lateneo
estero. Per frequentare i corsi e ottenerne il riconoscimento, bisogna avere
lautorizzazione della facolt di provenienza e lammissione delluniversit
ospitante. Luffcio rapporti internazionali di ogni ateneo gestisce i free
mover..
tItOLI COnGIuntI I titoli di laurea congiunti prevedono un percorso di
studi, in due paesi. Consultare negli atenei di interesse, lofferta formativa
delle lauree congiunte e vistare il sito cimea.it.
suMMER and wIntER sChOOL Le summer e winter school indi-
cando mini corsi su un argomento specifco (letterario, storico, scientifco),
spesso, in lingua inglese nel periodo estivo e/o invernale allinterno di una
facolt/dipartimento.
CaMPI dI LavORO Le associazioni non proft coinvolgono i giovani in
progetti di cooperazione internazionale, come il servizio Civile Internazio-
nale (movimento laico di volontariato, presente in 43 paesi in tutto il mon-
do) cos come associazioni giovanili, quali YaP (Youth Action for peace),
specializzata in campi di lavoro internazionale.
12
Regione UniveRsit sito web social netwoRk
luniverSita SOcial
abruzzo Universit degli Studi di LAquila www.univaq.it @univaq Universit-degli-Studi-dellAquila
Universit degli Studi di Teramo www.unite.it @UniTeramo universita.teramo
Universit degli Studi G.DAnnunzio www.unich.it @univUda Universit-degli-Studi-Gabriele-DAnnunzio
Accademia di Belle Arti di LAquila www.accademiabellearti.laquila.it
Conservatorio di Musica di LAquila A. Casella www.consaq.it
Conservatorio di Musica di Pescara Luisa DAnnunzio www.conspe.it
Istituto Superiore di Studi Musicali Gaetano Braga di Teramo www.istitutobraga.it
basilicata Universit degli Studi della Basilicata www.unibas.it Universit-degli-Studi-della-Basilicata
Conservatorio di Musica di Matera Egidio R. Duni www.conservatoriomatera.it
Conservatorio di Musica di Potenza Gesualdo da Venosa www.conservatoriopotenza.it
calabria Universit della Calabria www.unical.it @UniCalPortale Universit-della-Calabria
Universit degli Studi Magna Graecia di Catanzaro www.unicz.it
Universit degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria www.unirc.it @UniMediterranea uni mediterranea
Conservatorio di Musica Torrefranca Vibo Valentia www.conservatoriovibovalentia.it
Conservatorio di Musica di Reggio Calabria F. Cilea www.cilea.altervista.org Conservatorio-Francesco-Cilea
Conservatorio di Musica di Cosenza Giacomantonio www.conservatoriodicosenza.it
Istituto Musicale pareggiato www.tchaikovsky.it conservatoriodimusica.tchaikovsky
di San Mango DAquinio (CZ) P.I Tchaikovsky
Accademia di Belle Arti Catanzaro www.abacatanzaro.it
Accademia di Belle Arti Reggio Calabria www.accademiabelleartirc.it Accademia-di-Belle-Arti
campania Universit degli Studi di Napoli Federico II www.unina.it @UninaIT Universit-degli-Studi-di-Napoli-Federico-II
Universit degli Studi di Napoli LOrientale www.iuo.it Universit-degli-Studi-di-Napoli-LOrientale
Universit degli Studi di Napoli Partenophe www.uniparthenope.it Universit-degli-Studi-di-Napoli-Parthenope
Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa www.unisob.na.it Universit-degli-Studi-Suor-Orsola-Benincasa
Seconda Universit degli Studi di Napoli www.unina2.it @unina2 Unina2
Universit degli Studi del Sannio www.unisannio.it @UstaUnisannio UNISANNIO-Universit-degli-Studi-di-Benevento
Universit degli Studi di Salerno www.unisa.it Universit-degli-Studi-di-Salerno
Accademia di Belle Arti Napoli www.accademiadinapoli.it Accademia-di-belle-arti-di-Napoli
Conservatorio di musica di Avellino Domenico Cimarosa www.conservatorio.avellino.it Conservatorio-di-Musica-Cimarosa-di-Avellino
Conservatorio di musica di Benevento Nicola Sala www.conservatorionicolasala.eu
Conservatorio di Musica di Napoli S.Pietro a Majella www.sanpietroamajella.it Conservatorio-di-San-Pietro-a-Majella
Conservatorio di Musica Salerno www.consalerno.com
Emil. romaGna Universit degli Studi di Bologna Alma Mater www.unibo.it @UniBologna Alma mater studiorum Universit di Bologna
Universit degli Studi di Ferrara www.unife.it Universit-degli-Studi-di-Ferrara
Universit degli Studi di Modena e Reggio Emilia www.unimore.it @UNIMORE_univ Universit-degli-Studi-di-Modena-e-Reggio-Emilia
Universit degli Studi di Parma www.unipr.it @unipr unipr
Accademia di Belle Arti Bologna www.ababo.it @ababo_it Accademia-di-Belle-Arti-di-Bologna
Accademia di Belle Arti Ravenna www.accademiabellearti.ra.it
Conservatorio di Bologna Giovan B.Martini www.conservatorio-bologna.com
Conservatorio di Ferrara Girolamo Frescobaldi www.conservatorioferrara.it Conservatorio-di-Ferrara-Corso-di-Musica-applicata
Conservatorio di Cesena Bruno Maderna www.conservatoriomaderna-cesena.it
Istituto musicale di Modena Vecchi Tonelli www.comune.modena.it/oraziovecchi vecchitonelli
Conservatorio di musica di Parma Arrigo Boito www.conservatorio.pr.it
Conservatorio di musica di Piacenza Giuseppe Nicolini www.conservatorio.piacenza.it
Istituto musicale di Ravenna Giuseppe Verdi www.istitutoverdi.ra.it
Istituto musicale di Reggio Emilia Achille Peri www.istitutoperi.com
Istituto musicale di Rimini G.Lettimi www.istitutolettimi.it
friuli v. Giulia SISSA Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati www.sissa.it
Universit degli Studi di Trieste www.units.it @UniTrieste universitatrieste
Universit degli Studi di Udine www.uniud.it @uniud uniud
Conservatorio di musica Tartini Trieste www.conservatorio.trieste.it Conservatorio-di-musica-Giuseppe-Tartini-Trieste
lazio IUSM - Universit degli Studi di Roma Foro Italico www.uniroma4.it
Libera Universit degli Studi San Pio V www.luspio.it @Ermes_Luspio luspio
LUISS - Libera Universit Internazionale www.luiss.it @UniLUISS uni.luiss
degli Studi Sociali Guido Carli
LUMSA - Libera Universit Maria Ss. Assunta www.lumsa.it @lumsaorienta Universit-LUMSA-LUMSAORIENTA
Universit Campus Bio-Medico di Roma www.unicampus.it @CampusBioMedico Universit-Campus-Bio-Medico-di-Roma
Universit degli Studi della Tuscia www3.unitus.it Universit-degli-Studi-della-Tuscia
Universit degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale www.unicas.it @uni_cassino universita.cassino
Sapienza Universit di Roma www.uniroma1.it @SapienzaRoma SapienzaRoma
Universit degli Studi di Roma Tor Vergata www.uniroma2.it Universit-degli-Studi-di-Roma-Tor-Vergata
Universit degli Studi Europea di Roma www.universitaeuropeadiroma.it UniversitaEuropeaDiRoma
Universit degli Studi Roma Tre www.uniroma3.it universita.tre
13
Regione UniveRsit sito web social netwoRk
lazio Accademia delle Belle Arti di Frosinone Accademia-di-Belle-Arti-FROSINONE
Conservatorio di Frosinone Licinio Refce www.conservatorio-frosinone.it
Conservatorio di Latina Ottorino Respighi www.conservatorio.latina.it Conservatorio-statale-di-musica-ORespighi-LATINA
Conservatorio di Roma Santa Cecilia www.conservatoriosantacecilia.it
liGuria Universit degli Studi di Genova www.unige.it Universit-degli-Studi-di-Genova
Conservatorio di Genova Nicol Paganini www.conservatoriopaganini.org conservatorio.genova
Conservatorio di La spezia Giacomo Puccini www.conservatoriopuccini.com
lombardia IULM - Libera Universit di Lingue e Comunicazione www.iulm.it @uniiulm IULM.Universita
Politecnico di Milano www.polimi.it @polimi polimi
Universit Carlo Cattaneo - LIUC www.liuc.it @UniLIUC Liuc
Universit Cattolica del Sacro Cuore www.unicattolica.it UniCattolicaMI
Universit Commerciale Luigi Bocconi www.unibocconi.it @unibocconi Universit-Bocconi-Italian
Universit degli Studi dellInsubria Varese-Como www.uninsubria.it
Universit degli Studi di Bergamo www.unibg.it Universit-degli-studi-di-Bergamo
Universit degli Studi di Brescia www.unibs.it @unibs_offcial unibs.offcial
Universit degli Studi di Milano www.unimi.it @unimisegreterie laStatale
Universit degli Studi di Milano-Bicocca www.unimib.it @unimib bicocca
Universit degli Studi di Pavia www.unipv.eu @unipv universitapavia
Universit Vita-Salute San Raffaele www.unisr.it Universit-Vita-Salute-San-Raffaele
Accademia di Belle Arti di Milano Brera www.accademiadibrera.milano.it
Conservatorio di Brescia Luca Marenzio www.conservatorio.brescia.it
Conservatorio di Cuneo G.F. Ghedini www.conservatoriocuneo.it conservatorio.cuneo
Conservatorio di Mantova Lucio Campiani www.conservatoriomantova.com
Conservatorio di Milano Giuseppe Verdi www.consmilano.it
Istituto musicale pareggiato Gaetano Donizetti Bergamo www.issmdonizetti.it
Istituto musicale pareggiato Claudio Monteverdi Cremona www.istitutomonteverdi.it
Istituto musicale pareggiato Giacomo Puccini Gallarate (MI)
Istituto musicale pareggiato Franco Vittadini di Pavia www.istitutovittadini.it
marchE Universit Politecnica delle Marche www.univpm.it Universit-Politecnica-delle-Marche
Universit degli Studi di Camerino www.unicam.it @UnicamUffStamp unicam.uffciostampa
Universit degli Studi di Macerata www.unimc.it @UniMC universit.macerata
Universit degli Studi di Urbino Carlo Bo www.uniurb.it @uniurbit uniurbit
Accademia di Belle Arti Macerata www2.abamc.it Accademia-di-belle-arti-di-Macerata
Accademia di Belle Arti Urbino www.accademiadiurbino.it accademia.belle.arti.urbino
Conservatorio di Musica di Pesaro Gioacchino Rossini www.conservatoriorossini.it
Conservatorio di Musica di Fermo G.B. Pergolesi www.conservatorio.net Conservatorio-di-Musica-GB-Pergolesi-Fermo
Istituto musicale Pareggiato Giovambattista Pergolesi www.istitutopergolesi.it
molisE Universit degli Studi del Molise www.unimol.it Universit-degli-Studi-di-Molise
Conservatorio di musica di Campobasso Lorenzo Perosi www.conservatorioperosi.it
piEmontE Politecnico di Torino www.polito.it @poliTOnews politecnicotorino
Universit degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro www.unipmn.it unipmn
Universit degli Studi di Torino www.unito.it @unito unito.it
Universit di Scienze Gastronomiche www.unisg.it @UNISG UNISG.University.of.Gastronomic.Sciences
Accademia di Belle Arti di Torino Albertina www.accademialbertina.torino.it
Conservatorio di musica di Alessandria Antonio Vivaldi www.conservatoriovivaldi.it
Conservatorio di musica di Novara Guido Cantelli www.conservatorionovara.it
puGlia LUM - Libera Universit Mediterranea Jean Monnet www.lum.it @uniLUM liberauniversitamediterranea
Politecnico di Bari www.poliba.it forumpoliba
Universit degli Studi di Bari www.uniba.it @unibait unibait
Universit degli Studi di Foggia www.unifg.it @unifg Universit-degli-Studi-di-Foggia
Universit degli Studi del Salento www.unisalento.it universitadelsalento
Accademia di Belle Arti di Bari www.accademiabelleartiba.it Accademia-di-belle-arti-di-Bari
Accademia di Belle Arti di Foggia www.abafg.it arteattiva.abafg
Accademia di Belle Arti di Lecce www.accademiabelleartilecce.com
Conservatorio di musica di Bari Niccol Piccinni nuke.conservatoriopiccinni.it
Conservatorio di musica di Foggia Umberto Giordano www.conservatoriofoggia.it
Conservatorio di musica di Lecce Tito Schipa www.conservatoriolecce.it
Conservatorio di musica di Monopoli Nino Rota www.conservatoriodimonopoli.org
Istituto musicale pareggiato di Ceglie Messapica (BA) www.conservatoriolecce.it
sardEGna Universit degli Studi di Cagliari www.unica.it unica.cagliari
Universit degli Studi di Sassari www.uniss.it @unissTwit Universit-di-Sassari
Accademia di Belle Arti Sassari www.hdemiass.org @hdemiass Accademia-di-Belle-Arti-di-Sassari
luNiVerSit SoCial
14
Regione UniveRsit sito web social netwoRk
sardEGna Conservatorio di musica Pierluigi da Palestrina www.conservatoriocagliari.it
Conservatorio di musica Luigi Canepa www.conservatorio.sassari.it
sicilia Universit degli Studi di Catania www.unict.it @uni_ct Universit-degli-Studi-di-Catania
Universit degli Studi di Messina www.unime.it Universit-degli-Studi-di-Messina
Universit degli Studi di Palermo www.unipa.it @immaweb Universit-Degli-Studi-Di-Palermo
Accademia di Belle Arti Catania www.accademiadicatania.com Accademia-di-Belle-Arti-di-Catania
Accademia di Belle Arti Palermo www.accademiadipalermo.it @ABAPalermo accademiadipalermo
Istituto musicale pareggiato Arturo Toscanini Ribera www.istitutotoscanini.it
Istituto superiore di studi musicali www.istitutobellini.cl.it
Vincenzo Bellini Caltanissetta
Istituto musicale pareggiato Bellini Catania www.istitutobellini.it Istituto-musicale-Vincenzo-Bellini-di-Catania
Conservatorio di musica di Messina Arcangelo Corelli www.conservatoriomessina.it
Conservatorio di musica di Palermo Vincenzo Bellini www.conservatoriobellini.it Conservatorio-Vincenzo-Bellini
Conservatorio di musica di Trapani Antonio Scontrino www.conservatorio-trapani.it Conservatorio-di-Musica-AScontrino-di-Trapani
toscana Universit degli Studi di Firenze www.unif.it
Universit degli Studi di Pisa www.unipi.it @unipisa Universit-di-Pisa-Pagina-Uffciale
Universit degli Studi di Siena www.unisi.it @unisiena unisiena
Universit per Stranieri di Siena www.unistrasi.it Unistrasi
Scuola Normale Superiore di Pisa www.sns.it @scuolanormale Scuola-Normale-Superiore-di-Pisa
Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento www.sssup.it scuolasuperioresantanna
SantAnna Pisa
Istituto Musicale pareggiato Luigi Boccherini Lucca www.boccherini.it
Istituto musicale pareggiato R. Franci Siena www.istitutofranci.com istitutofranci
Conservatorio di Firenze Luigi Cherubini www.conservatorio.frenze.it Conservatorio-Luigi-Cherubini
trEn. a.adiG E Libera Universit di Bolzano www.unibz.it FUBozenBolzano
Universit degli Studi di Trento www.unitn.it UniTrento
Conservatorio di musica di Bolzano Claudio Monteverdi www.conservatoriobolzano.it Esercitazioni-Corali-al-Conservatorio-
Claudio-Monteverdi-di-BolzanoBozen
Conservatorio di musica di Trento Francesco A.Bonporti www.conservatorio.tn.it conservatorio.tn
umbria Universit degli Studi di Perugia www.unipg.it Universit-degli-Studi-di-Perugia
Universit per Stranieri di Perugia www.unistrapg.it Universit-per-Stranieri-di-Perugia
Conservatorio di Perugia Francesco Morlacchi www.conservatorioperugia.com conservatorio.diperugia
Istituto musicale pareggiato Giulio Briccialdi www.briccialditerni.it
vallE daosta Universit della Valle dAosta www.univda.it @studvda Universit-della-Valle-dAosta-
Universit de la Valle DAoste Universit-de-la-Valle-dAoste
vEnEto Universit Iuav di Venezia www.iuav.it @Iuav Universit-Iuav-di-Venezia
Universit Ca Foscari di Venezia www.unive.it @CaFoscari cafoscari
Universit degli Studi di Padova www.unipd.it @unipd unipd
Universit degli Studi di Verona www.univr.it @UniVerona univr
Accademia di Belle Arti di Venezia www.accademiavenezia.it Accademia-di-Belle-Arti-di-Venezia
Conservatorio Statale di musica di Padova Cesare Pollini www.conservatoriopollini.it
Conservatorio di musica di Adria Antonio Buzzolla www.conservatorioadria.it Conservatorio-di-musica-Antonio-Buzzolla-di-Adria
Conservatorio di musica di Rovigo Francesco Venezze www.conservatoriorovigo.it
Conservatorio di musica di Castelfranco Veneto www.steffani.it
Agostino Steffani
Conservatorio di musica di Venezia Benedetto Marcello www.conseve.it Conservatorio-Benedetto-Marcello
Conservatorio di musica di Verona F.E. dallAbaco www.conservatorioverona.it Conservatorio-di-Musica-FE-Dall-Abaco-Verona
Conservatorio di musica di Vicenza Arrigo Pedrollo www.consvi.org conservatorio.divicenza.9
univ.tElEmatichE Universit telematica Leonardo da Vinci www.unidav.it Universit-telematica-Leonardo-da-Vinci
E campus Universit Telematica www.uniecampus.it @uni_ecampus Universit-telematica-e-Campus
Universit Telematica Guglielmo Marconi www.unimarconi.it Universit-degli-Studi-Guglielmo-Marconi
Universit Telematica UNITELMA SAPIENZA www.unitelma.it @unitelma Universit-telematica-UNITELMA-Sapienza
Universit Telematica Internazionale UNINETTUNO www.uninettuno.it @uni_nettuno utiu.university
Universit Telematica Giustino Fortunato www.unifortunato.eu @unifortunato uni fortunato
Universit Telematica Pegaso www.unipegaso.it @univtelpegaso universitatelematicapegaso
Universit Telematica Niccol Cusano www.unisu.it @unicusano universitatelematica.niccolocusano
Universit Telematica San Raffaele Roma www.unisanraffaele.gov.it
Telematica Universitas Mercatorum www.unimercatorum.it Universitas-Mercatorum
luNiVerSit SoCial
15
luNiVerSit SoCial
ScOpri Se Sei unO Studente SOcial
il teSt del cOrriere univerSita JOB
1. quante ore passi in media al computer?
A. Meno di 1 ora al giorno
B. Da 1 a 3 ore al giorno
C. Da 4 a 6 ore al giorno
D. Da 6 a 8 ore al girono
E. Pi di 6 ore al giorno
2. a quale di questi social network sei iscritto/a?
A. A nessun social network
B. Ho un account su alcuni social network ma non li uso
C. Uso solo Facebook
D. Uso Facebook e Twitter
E. Uso Facebook, Twitter, Youtube, Google+, Linckedinchi pi ne ha
pi ne metta..
3. quanto usi i social network?
A. Mai
B. Poco
C. Occasionalmente
D. Pi volte al giorno
E. Sempre
4. SehaiunproflopersonaleFacebook,quandoaggiorniiltuoStatus?
A. Quasi mai
B. Una volta al mese: tanto per non far morire il proflo
C. Una volta a settimana: quando mi succede qualcosa di eclatante da
raccontare al World Wide Web
D. Una volta al giorno: per aggiornare i miei Amici circa quello
che penso e/o vivo
E. Pi volte al giorno: passo da scrivere massime ed aforismi alle cose pi
futili che mi frullano in testa
5. quanto spesso condividi link, commenti o metti Mi piace
su Facebook?
A. Quasi mai
B. Condivido, commento o metto Mi piace solo agli Status e link degli
amici pi stretti
C. Solo per gli Status e link pi interessanti o divertenti
D. Solo per i link riguardanti miei interessi particolari
E. Condivido, commento e metto Mi piace a ogni tipo di Status e link
6. SehaiunproflopersonaleTwitter,quantoTwittioRetwitti?
A. Quasi mai
B. Una volta ogni tanto: per non far morire il mio proflo
C. Retwitto solo le cose che ritengo interessanti,
ma non Twitto personalmente
D. Twitto frasi semplici e spesso senza @ e/o #
E. Twitto e Retwitto pi volte al giorno tutti i giorni
7. SehaiunproflopersonalesuTwitter,chetipodipersoneSegui?
A. Non seguo nessuno
B. Solo familiari e amici
C. Seguo familiari, amici e colleghi che conosco personalmente
D. Seguo amici, amici di amici e personaggi che ritengo interessanti
E. Seguo chiunque mi capiti
8. se hai un account Youtube, in che modo lo utilizzi?
A. Non ho canale personale Youtube: lo uso sporadicamente
B. Ho un canale personale ma non carico video
C. Ho un canale personale: guardo video altrui e ogni tanto carico
video personali
D. Lo uso come un diario personale interattivo
E. Guardo video e carico video personali e video risposta per altri utenti
9. utilizzi dispositivi mobili (smartphone, tablet) per connetterti ai
social network?
A. No non possiedo questi dispositivi
B. Possiedo uno smartphone ma non lo uso per i social network
C. Uso raramente le applicazioni dei social network dal mio smartphone,
preferisco il mio personal computer
D. Attivo le applicazioni ai social network e mi connetto quando ho tempo
libero e non sono a casa
E. Si tengo sempre accesi e connessi i miei account sui social network,
pronti alluso in ogni momento o luogo
10. Che uso fai dei social network?
A. Non li uso, li ritengo di poca utilit e me ne tengo alla larga.
B. Li uso molto raramente; ho creato i miei profli personali solo perch
oggigiorno una cosa quasi necessaria.
C. Li uso occasionalmente per tenermi in contatto con le persone che cono-
sco: vicine e lontane.
D. Li uso abbastanza spesso.
E. Non riesco a farne a meno.
riSuLtati
Maggioranza di a: Non sei affatto uno studente social
Non usi i social network e anzi li ritieni inutili. Non ti importa di non essere al passo
con i tempi e la tecnologia che invade la societ moderna, la tua vita quotidiana non
risente della mancanza di una vita virtuale.
Maggioranza di B: Sei un tipo poco Social
Certamente non consideri i social network una parte essenziale o necessaria nella
tua vita. Senza riesci a vivere benissimo ugualmente. Sono solo una comodit in pi
di cui usufruire occasionalmente. Ormai tutti hanno un proflo Facebook e anche
Twitter sta guadagnando terreno in Italia, ma il tuo rapporto con i social network
rimane sempre basato sulla diffdenza e sulla noia: non capisci cosa ci trovino tutti di
cos speciale...
Maggioranza di C: Sei uno studente social quanto basta
I social network per te sono uno strumento utile; un ottimo mezzo di comunicazione
per tenerti sempre in contatto con tutti in modo facile e veloce. Li consideri delle
reti virtuali che permettono di organizzare e mantenere vive le relazioni sociali, sia
personali sia professionali, tramite applicazioni on-line.

Maggioranza di d: Sei un social sano
Tra facebook-addicted e twitstar varie diffcile riuscire a utilizzare in modo sano i
social network senza cadere nella loro rete: riesci a usarli quotidianamente senza farli
diventare unossessione perch hai capito che la portata del mezzo in s strepitosa,
ma va utilizzata in modo intelligente. Leggi i blog e le discussioni nei social network;
guardi i video; leggi le recensioni e i commenti su prodotti e servizi. Ritieni i social
network uno strumento per tenerti in contatto con gli amici, i colleghi e le persone
che conosci ma anche conoscere gente nuova!
Maggioranza di E: Sei un social networker addicted
Aggiorni il tuo status e twitti ad ogni evenienza; dai la tua opinione su prodotti e
servizi; commenti i blog di altri utenti; contribuisci alle discussioni; usi i feed RSS;
aggiungi i Tag alle foto; usi i bottoni Mi piace e Condividi. Non riesci a farne a meno,
oramai i social network fanno parte della tua vita e non puoi separartene neanche un
istante. Ogni occasione buona per urlare al mondo intero cosi vivi o pensi! Carichi
i tuoi video e le tue foto. Scrivi post, articoli, storie e le pubblichi. Non riesci a stare
unintera giornata senza aggiornare il tuo status su Facebook, twittare qualcosa o
postare una foto su Instagram: i social network sono entrati nella tua vita quotidiana
in modo quasi ossessivo, ogni tanto prova a trascorrere qualche ora senza loggare!
16
ForMazioNe-laVoro
Le scuole di eccellenza sono istituti di alta forma-
zione destinati alla didattica dottorale e post-dot-
torale, dotate di un corpo docente permanente, un
proprio bilancio e autonomi organismi dirigenti.
Queste scuole, sono nate sul modello francese
delle grandes ecoles proprio per adeguare lalta
formazione italiana agli standard europei e degli
Stati Uniti.
IstItutO ItaLIanO dI sCIEnzE uManE dI FIREnzE
aCCEssO: rigorosa selezione dei criteri qualitativi
LIstituto Italiano di Scienze Umane di Firenze la prima universit
italiana dedicata esclusivamente allalta formazione nellambito
delle scienze umane. Il suo sviluppo nel corso degli anni sempre
stato teso allarricchimento della ricerca e della formazione in ambi-
to didattico. La scuola, fortemente aperta allinternazionalizzazione,
garantisce mobilit agli studenti, alta qualit del corpo docente e
promozione dello sviluppo socio-culturale del nostro Paese.
sCuOLa suPERIORE santa ChIaRa dI sIEna
aCCEssO: Gli studenti sono gli iscritti alle scuole di dottorato e
agli altri corsi di studio post-laurea afferenti alla scuola superiore.
La Scuola Superiore Santa Chiara si snoda in Progetti Multidisci-
plinari, proposti da almeno tre Scuole di Dottorato e bandisce Visi-
ting Chair su discipline emergenti che si trovano allincrocio fra
discipline gi consolidate. I principali ambiti di interesse variano
dalle biotecnologie al diritto, dalla logica alla flologia romanza
ma anche genetica, preistoria e protostoria. Le sedi ospitano i visi-
ting research students, i titolari delle chair e i fellow dove possono
essere anche organizzati convegni scientifci e workshop.
sCuOLa suPERIORE dI CatanIa
aCCEssO: Esame dingresso
La Scuola Superiore di Catania rappresenta un elemento di forte
attrazione nel panorama del Mezzogiorno. Listituto opera princi-
palmente nei seguenti campi: beni culturali, biotecnologia, diritti
umani ed informazione quantistica. Gli studenti vivono gratuita-
mente nella struttura godendo, oltre che di grande qualit della
didattica, anche di proiezioni cinematografche a tema, incontri
culturali, attivit sportive e ricreative.
IstItutO dI studI avanzatI dI LuCCa
aCCEssO: 75 studenti ogni anno. Iscrizione gratuita per tutti, solo
per 40 gratuiti anche vitto e alloggio pi una borsa di studio.
La Scuola di dottorato IMT Alti Studi di Lucca opera in settori stra-
tegici per lo sviluppo culturale, sociale e produttivo del Paese quali:
biorobotica, scienza ed ingegneria dellinformatica, tecnologia e
management dei beni culturali, economia, mercati ed istituzioni,
sistemi politici e cambiamenti istituzionali. LIMT ha un forte
approccio interdisciplinare grazie al prestigio scientifco del corpo
docente e allelevata predisposizione allinternazionalizzazione.
sCuOLa nORMaLE suPERIORE dI PIsa
aCCEssO: concorso scritto ed orale
Nata nellottobre 1810 come succursale dellcole Normale di Pa-
rigi rappresenta un dei massimi centri dellalta formazione. Le sue
attivit didattiche rendono lIstituto un riferimento per la ricerca a
livello nazionale e internazionale. Lofferta si basa su due principali
cardini: materie umanistiche (lettere, storia, flosofa, storia dellarte,
archeologia) e materie scientifche (scienze biologiche, chimica,
fsica, informatica, matematica). Per avvicinare gli studenti al mon-
do delle imprese, organizza incontri con enti o aziende operanti a
livello nazionale e internazionale ed esperienze di valore formativo
professionale per un primo contatto con il lavoro.
sCuOLa suPERIORE santanna dI PIsa
aCCEssO: rigida selezione dingresso
Lattivit di ricerca della Scuola Superiore SantAnna di Pisa,
si svolge allinterno di laboratori e centri di ricerca del Polo
Scientifco della Scuola. Lattivit di ricerca si suddivide in
una formazione universitaria ordinaria, una formazione di
perfezionamento triennale post-laurea e dottorato, master e alta
formazione. Lofferta didattica relativa allambito delle scienze
applicate: economiche, giuridiche, politiche, sociali, agrarie,
mediche, sperimentali ed ingegneria industriale. Per favorire
linserimento degli studenti nel mondo del lavoro, la scuola d
spazio a collaborazioni con enti, aziende e industrie.
IstItutO suPERIORE unIvERsItaRIO
dI FORMazIOnE IntERdIsCIPLInaRE dI LECCE
aCCEssO: selezione tramite test dingresso
Learning in action il metodo privilegiato dallIsuf, ovvero
apprendere e allo stesso tempo ottenere risultati concreti. Si
propone come ponte di collegamento interdisciplinare di giovani,
ScuOle di eccellenza
www.camplus.it
Per informazioni chiama
il numero verde
800 302 008
Con Camplus fare l'Universit
molto di pi!
Borse di studio per studenti meritevoli
Scegli la residenza e la soluzione che fa per te a:
MILANO TORINO BOLOGNA CATANIA
C
A
R
E
E
R
S
S
E
R
V
I
C
E
TUTORSHIP
I
N
C
O
N
T
R
I




C
U
L
T
U
R
A
L
I
C
O
L
L
E
G
E
La rete di residenze universitarie Camplus ti offre:
strutture di qualit
tutorati personalizzati
workshop e tirocini in azienda
spazi per studio e svago
incontri e attivit culturali
Camplus una realt in cui universit, cultura e mondo del
lavoro si incontrano. Il modo migliore per vivere intensamente
gli anni delluniversit e costruire il proprio futuro.
C
OM
M
UN
ITY
C
M
Y
CM
MY
CY
CMY
K
camplusGUIDAallaSCELTAdell'universit.pdf 1 06/07/12 11:34
18
ForMazioNe-laVoro
PaRLa LO studEntE
alice Leone,
Laureata presso la Scuola
Normale di Pisa
Il consiglio quello di partire da ci che si
ha voglia di studiare o diventare e trovare il
percorso migliore per quel risultato
Come stata la tua esperienza dopo il diploma di scuola superiore?
Per quello che mi riguarda la decisione sulla strada da prendere dopo le
superiori era gi maturata nei mesi precedenti, quindi immediatamente
dopo il diploma ho iniziato la preparazione per gli esami di ammissione
alla Scuola Normale, pur lasciandomi un po di tempo per festeggiare la
fne del liceo. Quanto ai mesi successivi, la prima fase di adattamento alla
vita universitaria stata complicata. Si tratta di un ambiente diverso dalle
superiori, che prevede dei ritmi ed un tipo di studi molto pi autonomi e
quindi diffcili da gestire. Nel mio caso poi il cambiamento di citt e la
vita da studentessa fuorisede sono stati unaltra novit con cui fare i conti.
In questo senso una struttura come la Scuola Normale, che prevede la
residenza nei collegi e la mensa, semplifca molto il passaggio.
Che tipo di valutazione hai fatto prima di scegliere una scuola di
eccellenza?
Nel mio caso la decisione arrivata in un primo momento su suggerimen-
to dei miei genitori, ma si trattato soprattutto di una scelta dettata dal
desiderio di studiare al meglio possibile una materia, come le lettere anti-
che, che non offre di per se particolari sbocchi professionali. Una scuola di
eccellenza come la Scuola Normale permette di ricevere una formazione
di altissimo livello ed offre una qualifca in pi che in un campo che
prevede poche opportunit sempre un elemento positivo.
Come ti sei appassionata alle materie che studi?
Credo di aver deciso di studiare il mondo antico quando ero ancora alle
elementari, e mi sono innamorata della mitologia greca. Allora sognavo di
diventare archeologa subacquea.
Naturalmente il progetto iniziale ha subito qualche variazione, e nella
prima fase della mia carriera universitaria mi sono dedicata soprattutto ai
testi antichi, che gi al liceo avevo cominciato a conoscere e leggere. In
realt poi proseguendo nel mio percorso ho fnito per riavvicinarmi alla
strada iniziale e a dedicarmi in primo luogo alla storia antica, che la
materia in cui mi sono poi laureata, ed anche allarcheologia, il cui fascino
mi sempre stato molto chiaro.
un messaggio per i ragazzi che devono affrontare la scelta
Il consiglio quello di partire da ci che si ha voglia di studiare o diven-
tare e trovare il percorso migliore per quel risultato senza avere paura di
cambiare quando serve la strada che si presa.
m.g.
PaRLa IL dIREttORE
GUIDO MARTINELLI,
Direttore della SISSA International
School for Advanced Studies
Gli ingredienti importanti per partecipare a questa
avventura sono la motivazione, la forte passione per
la ricerca scientifca, il talento per linnovazione e
loriginalit di pensiero
quali sono le competenze che uno studente deve accertare di possedere
prima di considerare una scuola di eccellenza nel proprio percorso di
studi?
Per accedere allesame, oltre ai titoli di studio richiesti e due lettere di presenta-
zione, uno studente deve avere un proflo (tipo di studi e risultati) di alto livello.
Al momento del concorso bisogna superare una serie di prove scritte e orali
sulla competenza scientifca nel campo di interesse, fra le materie affrontate nei
corsi.
Oltre ad una valutazione personale molti considerano anche il lato econo-
mico. Oggi quanto costa in media essere eccellente?
Presso la Sissa i corsi di PhD sono gratuiti, la scuola fornisce inoltre uno stipen-
dio lordo annuo di circa 15.000 euro, un contributo per lalloggio di 100 euro
al mese, 400 euro per lacquisto di un laptop, fno a 500 euro per un viaggio a
casa per gli studenti etracomunitari, e altro ancora. Anche i viaggi di lavoro,
la partecipazione a congressi internazionali e le visite a laboratori stranieri
vengono pagati.
quali ritiene siano i settori con maggiore possibilit di occupazione?
Le scuole in generale offrono ottime opportunit in termine di occupazione, per
quanto riguarda la nostra scuola tutti i settori scientifci offrono ottime possi-
bilit di carriera: il 50% degli allievi ha una posizione permanente e almeno il
93% occupato. Pi dell80% occupato nella ricerca accademica. Circa il 5%
lavora in quella privata o nel settore IT, quasi il 3% nella fnanza. Circa il 40%
lavora in Italia, circa il 25% in altri paesi UE, pi del 13% negli Stati Uniti.
un suo personale consiglio agli studenti che intendono approcciare ad una
scuola di eccellenza.
Gli ingredienti importanti per partecipare a questa avventura sono la motiva-
zione, la forte passione per la ricerca scientifca, il talento per linnovazione e
loriginalit di pensiero. Lo studente che intenda conseguire una formazione
rigorosa in un ambiente internazionale, lavorando fanco a fanco con scienziati
di alto proflo, trover da noi lambiente pi favorevole.
m.g.
provenienti dallItalia ma anche dai diversi Paesi del mondo. LI-
stituto concentra le sue attivit su quattro aree di innovazione:
nanoscienze e grid computing, diritti e politiche euro mediterra-
nee, e-business management e beni culturali.
IstItutO unIvERsItaRIO dI studI suPERIORI
dI PavIa
aCCEssO: concorso nazionale di selezione
LIstituto Universitario di Studi Superiori di Pavia opera su tre livel-
li: dai corsi pre-laurea della SUS ai master internazionali distinti in
otto indirizzi (scienza e tecnologia dei media, scienza dei materiali,
gestione integrata dellambiente, cooperazione e sviluppo, tecno-
logie nucleari e delle radiazioni ionizzanti, riduzione del rischio
sismico, metodi per la gestione dei sistemi complessi, seminario
internazionale di progettazione) ai corsi post-laurea specialistica,
ovvero dottorati o corsi della SAFI. Fondamentali tra le attivit
dellIstituto, i corsi ordinari, distinti in quattro classi: scienze umane,
scienze sociali, scienze e tecnologie, scienze biomediche.
sCuOLa IntERnazIOnaLE dI studI avanzatI
dI tRIEstE
aCCEssO: concorso di selezione
La SISSA di Trieste un istituto di ricerca e di istruzione supe-
riore di grado post-universitario primo in Italia a fornire il titolo
di Ph.D. La didattica si snoda nei seguenti settori: analisi funzio-
nali e applicazioni, astrofsica, fsica matematica, fsica statistica
e biologica, neurobiologia, neuroscienze cognitive, teoria degli
stati condensati, teoria delle particelle elementari. I vari settori
di ricerca conducono progetti di ricerca originali e organizzano
training per laureati che si svolgono in tutto il mondo.
19
teStiMoNiaNze
LuIsa CORna
L
e attivit con sfondo umanitario
sono ci di pi alto possa sce-
gliere un giovane studente, essendo
un settore che ci coinvolge in prima
persona, cos come tutto ci che ri-
guarda la salvaguardia dellambiente, anche se ho la
consapevolezza che le nuove professioni sono quelle
legate al mondo di internet. Lavorare nel mondo
dello spettacolo non stata una vera e propria scelta,
ma unistintivit fortissima, un grande desiderio che
fortunatamente si avverato. Per erano anche anni
diversi, tutto era pi semplice, leconomia era in cre-
scita e ci si poteva permettere con pi facilit di in-
seguire i propri sogni. Non che oggi non lo si debba
fare, anzi, ma pi diffcile. Se non avessi lavorato
nello spettacolo mi sarebbe piaciuto fare psicologia
ma ora non pi possibile. C un mondo che ha
bisogno di voi, di giovani di talento che diano dei
segnali forti. Con questo non voglio parlare dellos-
sessione di doversi ad ogni costo imporre professio-
nalmente, inseguendo il potere, la fama, la ricchezza,
parlo di valori umani costruttivi che questa societ ha
perso e che deve ritrovare e voi giovani siete lunica
forza che abbiamo. In bocca al lupo!
LuCa aRGEntERO
S
e oggi dovessi iscrivermi alluniversit, sareb-
be una scelta diffcile, come quando mi trovai
a doverla fare davvero. Oggi ci sono molte pos-
sibilit che vaglierei: un corso di laurea eco, una
laurea in lingue (cinese magari), una facolt che abbia a che fare
con lo sport. Sarei confuso insomma, come normale quando ci
si trova davanti ad un bivio cruciale. La vita poi mi ha dimostrato
quanto poco si possa indirizzare il destino: mi sono laureato in
economia e faccio lattore. Limportante lo studio come forma
di educazione alla vita sociale, allapprendimento, alluso della
parola. Poi bisogna lasciarsi guidare dalla passione e dalla vita.
Mi piacerebbe diventare un fotografo ma oggi solo una grande
passione. State per iniziare una
delle tappe pi esaltanti della
vita di un essere umano, piena
di incontri, esperienze, diff-
colt e soddisfazioni, il tutto
condito dalla forza degli anni
ruggenti della giovinezza, con
la consapevolezza che, fnita
questa corsa, vi chiederanno di
essere adulti. E allora vi auguro
di arrivare a quel giorno senza
rimpianti, divertiti dal viaggio,
preparati e pronti a realizzare i
sogni che avrete progettato in
questi anni di formazione. In
bocca al lupo
FLavIO InsInna
S
e oggi dovessi sce-
gliere una facolt
sarebbe medicina, per
proseguire il lavoro
iniziato e per tanti anni portato avanti
da mio pap. Ma se dovessi cambiare
improvvisamente lavoro sono certo
che mi dedicherei ad una piccola atti-
vit che abbia a che fare con il mare.
Le idee vanno coltivate e difese. Non
ve le fate soffocare dalle diffcolt
della vita. Vi auguro di avere sempre
entusiasmo da bambino e pensieri da
uomo
EnzO IaCChEttI
D
ico ai ragazzi che
studiano che au-
guro loro il futuro che
si meritano, un futuro
che le nostre generazioni non sono
riuscite a preparare, auguro loro altres
di non accontentarsi mai, di prendere
la vita anche con un po di rabbia
quando ci vuole. In bocca al lupo, io
vi sono vicino
Tra vecchi ricordi e passioni
i vip vi auguranO
BuOna fOrtuna
OFFERTA FORMATIVA
20
agraria
aCCEssO: prove di ingresso locali, non a numero programmato
oBiettiVi ForMatiVi
la facolt di agraria si propone di fornire agli studenti le basi culturali, gli
strumenti scientifci e tecnici per promuovere e sviluppare linnovazione tec-
nologica e gestionale nel settore primario nel rispetto dellambiente e della
salvaguardia del benessere animale. tra le aree di studio: agricoltura, alle-
vamento, aziende ittiche, aziende minerarie e di estrazione, scienze forestali,
agro tecnologie per il territorio, tutela dellambiente e del territorio, tecnolo-
gie e produzioni animali e scienze gastronomiche in unottica di sostenibilit.
Consideriamo che lindustrializzazione della produzione alimentare e la
costante espansione del mercato internazionale, hanno reso indispensabile
un salto di qualit nel processo di industrializzazione delle preparazioni
alimentari, realizzabile solo attraverso lintervento di tecnologi specializzati
nella produzione, distribuzione e controllo degli alimenti di origine animale
e vegetale, qualit e sicurezza dei cibi, cos per i terreni, le foreste e il cibo.
i corsi di laurea sono spesso strettamente collegati al tessuto connettivo
agroalimentare del territorio, contribuendo a livello nazionale ed interna-
zionale allavanzamento delle conoscenze scientifche e alla formazione
degli studenti. le materie oggetto di studio sono caratterizzate dalla
aBruzzo
universit degli Studi di teramo
BaSiLicata
universit degli Studi della Basilicata
caLaBria
universit degli Studi Mediterranea di
reggio Calabria
caMpania
universit degli Studi di Napoli Fede-
rico ii
eMiLia roMagna
universit degli Studi di Modena e
reggio emilia; universit degli Studi di
Parma; universit di Bologna
FriuLi venezia giuLia
universit degli Studi di udine
Lazio
universit degli Studi della tuscia
LoMBardia
universit degli Studi di Milano; uni-
versit Cattolica del Sacro Cuore
Marche
universit Politecnica delle Marche
MoLiSe
universit degli Studi del Molise
pieMonte
universit degli Studi di torino, univer-
sit di Scienze Gastronomiche (Bra)
pugLia
universit degli Studi di Bari; universi-
t degli Studi di Foggia
Sardegna
universit degli Studi di Sassari
SiciLia
universit degli Studi di Catania;
universit degli Studi di Palermo;
universit degli Studi di Messina*
(Scienze Gastronomiche- Medicina e
Chirurgia)
toScana
universit degli Studi di
Firenze;universit degli Studi di Pisa
trentino aLto adige
libera universit di Bolzano (Scienze e
tecnologie)
uMBria
universit degli Studi di Perugia
veneto
universit degli Studi di Padova; uni-
versit degli Studi di Verona
univerSit teLeMatica
universit telematica San raffaele
roma* (Scienze dellalimentazione e
della Gastronomia)
universit telematica Guglielmo Mar-
coni roma
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
ANNA CARBONE
Professore associato
di Economia agraria
ed estimo rurale
- Universit della
Tuscia - Viterbo
Un ecursus, sul mondo articolato
dellagraria e sulle infnite possibilit formative e professionali in una
dimensione di sostenibilit ambientale ed umana.
quali sono le caratteristiche chiave di un aspirantestudente di
Agraria?Lascarsaconoscenzadellemateriescientifche,potrebbe
costituire un deterrente?
I nostri studenti provengono da studi superiori molto differenti: la
SBoCCHi ProFeSSioNali
la facolt di agraria prepara tecnici in grado di gestire problematiche del
comparto agrario, nei settori della produzione agricola, vegetale, zootecnica,
ambientale e nel campo delle scienze gastronomiche. il laureato in agraria
pu dedicarsi alla libera professione in forma singola o associata, fornendo
consulenze specialistiche oppure pu inserirsi nella pubblica amministra-
zione, nelle aziende private e nelle istituzioni di ricerca. agronomi, zoonomi
e biotecnologi agrari, per esercitare la professione, devono essere iscritti
allalbo sezione B. Mentre i dottori agronomi e forestali, albo sezione a
(laurea magistrale) la capacit di lavorare in maniera interdisciplinare porta
il laureato in agraria anche a nuove professionalit ed occasioni di lavoro tra
le quali ricordiamo la diagnostica delle strutture lignee, cos come le fattorie
didattiche e lagriturismo.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: tecnologo agronomo, enologo,
agronomo forestale, zoonomo, specialista delle scienze gastronomiche, merceologo
alimentare, tecnico dellalimentazione, agronomo sociale, educatore ambientale,
ispettore e valutatore processi di qualit.
n
n
* corso di laurea
oFFerta ForMatiVa
21
agraria
maggior parte ha un diploma di perito agrario o la maturit scientifca, ma anche
maturit classica, scientifca e tecnica. I corsi di base, quelli impartiti al primo
anno, come matematica, fsica, chimica ecc., prevedono programmi accessibili
alla provenienza variegata degli studenti. Una caratteristica tuttavia li accomuna, la
passione per la natura, la voglia di avvicinarsi in modo pratico e fattivo al mondo
delle coltivazioni e degli alimenti in unottica di economia moderna. Desiderano
costruire un mondo migliore, concentrandosi sulla produzione di beni agricoli ed
alimentari, sugli interventi forestali, nel rispetto della biodiversit e del paesaggio.
quali sono i corsi di laurea, allinterno dei dipartimenti che a chiusura del
primo ciclo triennale, permettono di inserirsi nel mondo del lavoro?
Tutti i nostri corsi di laurea triennali si distinguono dalla maggior parte di quelli
offerti in altre aree scientifco-tecnologiche per il loro carattere professionalizzante.
Questo risultato si deve a diversi accorgimenti didattici: in primo luogo, molte
materie di insegnamento hanno contenuti sia teorici che applicativi; inoltre, tutto
il percorso didattico svolto non solo in aula ma con esercitazioni esterne e visite
aziendali; infne, il tirocinio pratico-applicativo una tappa importante dellintero
corso di studi, anche in termini di crediti formativi, e a questo fne sono state stipu-
late alcune centinaia di convenzioni con imprese ed istituzioni dellarea affnch
gli studenti possano davvero calarsi nella realt produttiva del settore. Sotto questo
proflo, larea del viterbese, con il suo sviluppato settore primario, rappresenta
un ambiente ottimale per lintegrazione con la realt produttiva. Molti dei nostri
studenti trovano, direttamente o indirettamente, il loro primo impiego proprio
attraverso le relazioni stabilite durante le tesi e il tirocinio.
Il campo degli studi di agraria davvero ampio, quali i principali sbocchi
professionali che offrono i diversi percorsi formativi?
Gli sbocchi professionali sono davvero molti. Il pi classico quello del dottore
agronomo e forestale, liberi professionisti, in qualit di consulenti delle aziende
agricole, forestali ed agroforestali per quasi tutti gli aspetti della gestione, dalle
tecniche colturali e di allevamento, alla difesa delle piante coltivate, delle foreste e
degli animali dai patogeni, dalla commercializzazione dei prodotti, alla burocrazia
legata alla Politica Agricola dellUE. Altrimenti, sbocco per la professione, dipen-
dente o consulente in Enti pubblici come Regioni, Province, Ministeri, Comunit
Montane. I dottori forestali possono ricoprire ruoli dirigenziali in parchi naturali e
nelle riserve, ivi compresi i parchi urbani; ma possono anche aspirare ad una car-
riera allinterno del Corpo Forestale dello Stato. Nel campo della ricerca, i nostri
laureati sono esperti genetisti agrari e/o forestali, in grado di scegliere e selezionare
le specie pi resistenti ad avverse condizioni ambientali e di coltivarle il ripopola-
mento arboreo. Ampio spettro di possibilit nel campo delle biotecnologie.
Come valuta lesperienza allestero durante gli anni di studi in questo settore?
Lesperienza allestero con i programmi Erasmus o con qualsiasi altro canale la
renda possibile davvero importante. Vi un numero crescente di giovani che
passano un periodo signifcativo della fase di introduzione nel mercato del lavoro in
paesi diversi dallItalia. Tuttavia, ancor pi importante la conoscenza dellinglese,
anche per chi aspira a restare in Italia. il mondo che globale, i mercati entrano
in casa nostra e noi dobbiamo poter cogliere la sfda..
due motivi per iscriversi ai corsi di agraria e Forestale?
Primo, il settore non cos affollato di giovani che
premono per entrare, positivo il rapporto tra
la domanda e lofferta: i giovani bravi che si sono
preparati seriamente il lavoro lo trovano ed anche di
soddisfazione. Secondo, gli sbocchi professionali dei
nostri corsi di laurea sono molto vari e la capacit di
lavorare in maniera interdisciplinare porta il nostro
laureato anche a nuove professionalit ed occasioni
di lavoro tra le quali ricordiamo la diagnostica delle
strutture lignee, cos come le fattorie didattiche e
lagriturismo e molto altro ancora.
multidisciplinariet: chimica, fsica, biologia
molecolare, matematica, statistica, genetica,
fsiologia vegetale. a secondo dellindirizzo,
enologia, culture arboree, viticultura, produzioni animale,analisi dei
sistemi forestali,geologia, produzione vegetale, marketing, storia e
cultura dellalimentazione, nutrizione, ispezione degli alimenti. il settore
forestale, invece gestisce e recupera territori e ambienti profondamente
degradati, cura la conservazione ed il restauro del patrimonio forestale
e del paesaggio. previsto il tirocinio pre-laurea. dato il carattere
multidisciplinare della facolt/dipartimento possibile trovare il corso
interfacolt ed interclasse di Biotecnologie (vedi sezione nella Guida)
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 27,4%
- lavora ed iscritto alla specialistica 17,9%
guadagno mensile netto (media in euro)
uomini 978 euro
donne 716 euro

*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
PaRLa LEsPERtO
FRANCESCA DURASTANTE,
Agronomo sociale
Da una scelta guidata dalla razionalit,
lapprodo ad una professione gratifcante
e stimolante che consente una relazione
completa con la natura, lambiente e,
soprattutto, le persone.
Come sei arrivata al percorso formativo in agraria?
Allora io sono arrivata alla facolt di agraria, attraverso un processo
razionale che si basava su due punti chiari: non intendevo proseguire gli
studi umanistici (provengo dal liceo classico) e consapevole della mia con-
fusione, cercavo un percorso di studi che mi offrisse un ampio ventaglio di
sbocchi professionali. Agraria mi apparsa da subito, ideale a queste mie
due esigenze.
Dunqueunasceltapragmaticachepoisirivelatavincente.Diffcolt
iniziali?
Limpatto con le materie scientifche stato disorientante, ma trascorso
il primo momento di smarrimento, il cammino stato, solo in salita. Si
dischiuso davanti a me, un sapere a 360 gradi. Le materie scientifche non
sono vincolanti per la scelta. Inoltre, ho rivalutato i miei studi classici che
mi hanno dotato di un metodo che si rilevato ottimo per affrontare le tante
materie che si studiano,e ti consente di trovare la correlazione tra vari rami
del sapere, fornendoti uno stimolo intellettuale fortissimo. Linterdiscipli-
narit ti apre la mente e ti permette un approccio critico alla diverse materie
studiate. Un lavoro mentale e fsico, un percorso di crescita a tutto tondo.
Come ti sei avvicinata allagricoltura civile?
Mi sono trovata a svolgere un tirocinio in unazienda agricola gestita da
unASL che lavorava con i disabili psichici. Questo stato il mio primo
approccio con lagricoltura civile che poi ho approfondito con il Master
in Agricoltura Etico - sociale. In questi ultimi anni, il settore si evoluto e
sono aumentate le realt che utilizzano lagricoltura come percorso di inse-
rimento lavorativo per le categorie pi svantaggiate e/o a scopo terapeutico
ed io mi sono specializzata nella fgura dellagronomo sociale. Si tratta
inoltre di uscire dalla logica dellassistenza e di creare percorsi formativi
e di inserimento lavorativo in unottica di inclusione e di potenziamento
dellautonomia verso il raggiungimento di una qualit di vita, soggetta a
diverse declinazioni.
Tidefnisciagronomosociale.Comehaiiniziatoacostruireiltuo
percorso professionale?
Durante il Master creammo uno spazio virtuale di confronto, dando vita
alla piattaforma lombrico sociale che con il tempo si evoluta. Tre di noi
masterizzate lhanno resa operativa, incrementando le attivit di comuni-
cazione e di formazione. Il rapporto con
lestero e con altri approcci metodolo-
gici vitale. Successivamente, abbiamo
creato IAcare (Agenzia Italiana per la
Campagna e lAgricoltura Responsabile
e Etica aicre.it) attivit che svolgo in
parallelo con la mia funzione di consu-
lente e progettista per aziende agricole.
Si tratta di un lavoro nuovo che d un
elevato grado di soddisfazione altissimo,
che ti permette di lavorare sulla terra, la
natura e, soprattutto, sulle relazioni con
le persone.
Consiglibibliografci
un bellissimo giorno di primavera.
Saggio di educazione ambientale (Antonio
Battista)
La buona terra di Pearl S. Buck
non c sulletichetta di Felicity Lawrence
OFFERTA FORMATIVA
22
aCCEssO: Lauree triennali a numero programmato, test a livello a livello locale
Laurea magistrale a ciclo unico: test a livello nazionale il 6 settembre 2012
architettura
oBiettiVi ForMatiVi
a seconda degli atenei, in virt della riforma universitaria 270/2004 e 240/2010
troverete la laurea in architettura a ciclo unico (cinque anni) diretta alla
formazione dellarchitetto e le lauree triennali in Scienze dellarchitettura, a
cui seguir la laurea magistrale su diverse specializzazioni (architettura degli
interni, del paesaggio), compresa la formazione per architetto. lobiettivo
principale della facolt quello di formare fgure professionali capaci di operare
e incidere nelle trasformazioni della realt. infatti, lo studente conseguir una
solida formazione sia culturale che professionalizzante. e importantissima la
cultura critica, teorica e storica, cos come le tematiche inerenti al territorio. tra
le materie base oggetto di studio: analisi matematica, disegno, storia dellarchi-
tettura, progettazione architettonica,animazione e prototipazione, urbanistica,
a seconda dellindiriz zo scelto, materie caratterizzanti, quali architettura
degli interni, scienze dei materiali, illuminotecnica,pianifcazione del territorio.
Fondamentale lattivit nei laboratori. tra gli strumenti fondamentali, luso di
programmi digitali di progettazione, quali il Cad. obbligatorio il tirocinio pre
laurea. Segnaliamo che la laurea a ciclo unico in ingegneria-edile architettura,
titolo riconosciuto a livello europeo, che consente lesercizio della professione
nel campo della progettazione architettonica e edilizia in tutti gli Stati membri,
anche nellambito del recupero del patrimonio storico-artistico. Si trova in
ingegneria e architettura.
aBruzzo
Universit degli Studi Gabriele DAnnun-
zio (Architettura); Universit degli studi
dellAquila ( Ingegneria edile-Architettu-
ra-Ingegneria)
BaSiLicata
Universit degli Studi della Basilicata
(Architettura)
caLaBria
Universit degli Studi Mediterranea
di Reggio Calabria; Universit della
Calabria (Ingegneria edile-Architettura-
Ingegneria)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fe-
derico II (Architettura), (Ingegneria
edile-architettura- INGEGNERIA); SUN
Seconda Universit degli Studi di Napoli
(Architettura);
eMiLia roMagna
Universit degli studi di Bologna Alma
Mater (Architettura) - (Ingegneria edile-
architettura- Ingegneria); Universit degli
Studi di Ferrara (Architettura); Universit
degli Studi di Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Universi-
t degli Studi di Udine* (Ingegneria)
Lazio
Sapienza Universit di Roma e Archi-
tettura; Ingegneria edile-architettura*
(Ingegneria Civile E Industriale; Univer-
sit degli Studi Roma Tre; Universit
degli Studi di Tor Vergata,(Ingegneria
edile-architettura* Ingegneria)
Liguria
Universit degli Studi di Genova
dove Si Studia
PaRLa LEsPERtO
MAURO SPAGNOLO,
Architetto, docente, direttore di www.rinnovabili.it
Molti giovani sono frenati dalliscriversi ad architettura dal numero
chiuso e la presunta saturazione rofessionale degli architetti. Lei che
ne pensa?
Effettivamente la professioni di architetto in Italia, sta soffrendo perch il
numero chiuso un problema antipatico,ma reale. La risposta a monte.
Il numero chiuso si sarebbe potuto risolvere, se avessimo lavorato in
questi ultimi 20 anni sulla qualit e lautorevolezza del nostro mestiere.
In altre parole, da noi, a differenza di altri paesi, un mestiere, poco
considerato, non qualifcato e non certo per la formazione. Uno studente
italiano di architettura superiore (lo dico sia per esperienza didattica
che professionale) alla media internazionale. Limpatto che subiscono
i giovani quello con il mondo del lavoro. Dalle basse parcelle,
SBoCCHi ProFeSSioNali
i laureati in architettura potranno svolgere attivit professionali in diversi ambiti,
dalla programmazione alla progettazione e trasformazione dellambiente fsico,
con piena conoscenza del contesto istituzionale e degli aspetti estetici, funziona-
li, strutturali e con attenzione critica ai mutamenti culturali e ai bisogni espressi
dalla societ contemporanea. Potranno svolgere attivit di consulenza a secon-
da del curriculum universitario prescelto, come tecnici dellarchitettura quali la
direzione lavori ed il collaudo relativi a opere di edilizia civile, i rilievi topografci
e la cartografa di base; la suddivisione dei terreni, gli accatastamenti territoriali
e urbani; la valutazione quantitativa ed estimativa dei manufatti e delle opere di
edilizia civile e dei terreni; le perizie giudiziarie. obbligatoria liscrizione allalbo
degli architetti, sezione a (laurea magistrale) previo esame di stato per esercita-
re la professione di architetto. Si trova nella facolt di ingegneria.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: architetto,bioarchitetto, esperto
di programmazione del territorio, architetto di interni, architetto di paesaggi, architetto di
beni culturali,urbanisti, e specialisti del recupero e della conservazione del territorio.
n
n
* corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
23
architettura
PaRLa LO studEntE
LAURA ZINNANTI,
Studentessa della Facolt di
Architettura dell Universit degli
Studi di Palermo.
quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a
scegliere architettura?
Ho scelto di studiare architettura perch sempre stato
il mio sogno, me ne sono innmorata da piccola quando vedevo disegnare mio padre.
Sono dellidea che la scelta della facolt debba essere suggerita dalla tua passione,
non si pu studiare qualcosa che non piace e per essere sicura di ci che stessi
scegliendo, mi interrogai principalmente su una cosa e cio se fosse davvero quello il
mestiere che avrei voluto fare nel mio futuro.
Punti di forza e di debolezza della facolt
A mio parere i punti di forza sono rappresentati dalla parte pratica dell insegnamento
in quanto, le materie tecniche come i laboratori di progettazione, di costruzione ecc.,
essendo materie pratiche, ti permettono di intervallare lo studio delle materie orali
e ti permettono di acquisire esperienza nel campo della progettazione. Allo stesso
tempo trovo debolezza nelle stesse materie pratiche di cui parlavo
prima e cio il fatto che molte volte pur lavorando molto su un
progetto rischi di arrivare allesame con un lavoro che i professori
non sempre approvano.
Che cosa diresti ad un neodiplomato che vuole iscriversi ad
architettura?
Di esserne convinto. La via impegnativa ma non impossibile
(come per tutte le facolt), devi essere propenso a viaggiare di
tanto in tanto, per visitare luoghi che ospitano architetture degne di
attenzione, in quanto lo studio non si limita solo alla lettura dei libri
ma si approfondisce abituando locchio a cogliere larchitettura,
devi essere disposto ad accettare le critiche dei professori riguardo i
tuoi progetti. Larchitettura una scienza, perch regolamentata da
tecniche specifche, ma non essendoci un solo modo di progettare, il
tuo modo, pu essere criticato, non ma ovviamente anche elogiato..
a.c.
allincertezza dei pagamenti, allinsolvenza dei
potenziali clienti, dalla presunta qualit del progetto
per mancanza di regole certe, tutti elementi che
squalifcano la professione.
Perch un giovane dunque dovrebbe iscriversi
ad architettura?
Semplicemente, perch un percorso straordinario.
Il pi ricco, profondo e articolato che luniversit
italiana possa offrire. Tuttavia, una volta laureato,
consiglierei di affacciarsi al mercato di lavoro,
almeno europeo.
Sin dagli anni universitari,si possono iniziare a stabilire delle relazioni, con la
speranza (sono un ottimista) di tornare in Italia, visto che il sistema Italia sta
esplodendo, dopo la defagrazione ci sar la ricostruzione.
nel campo delle energie rinnovabili e della sostenibilit, quali saranno le
fgurepirichiestedalmercatodellavoro?
Sicuramente quella del progettista del green building, mercato in pieno
sviluppo, anche in questo caso, ritengo pi utile fare unesperienza allestero.
Studiare la progettazione, ad esempio, di un edifcio che auto produce le-
nergia per il proprio fabbisogno, altamente innovativo sia come formazione
che potenzialit professionali. Letture e corsi specializzati, , fuori dal contesto
universitario, incrementano consapevolezza e competenze sulla cultura soste-
nibile e facilitano linserimento
nel mondo lavorativo. Basti pen-
sare ai lavori sperimentali che si
stanno gi attuando per costituire
smart cities, vale a dire citt inte-
rattive dal punto di vista energeti-
co e funzionale. Personalmente
mi sono avvicinato allenergia
sostenibile con il progetto di tesi
(imbarcazione ad energie pulite.)
che poi ho sviluppato come
ricercatore (responsabile del pro-
getto) al Cnr. Parallelamente alla
progettazione, mi sono dedicato
alla comunicazione e sensibi-
lizzazione delle energie rinnovabili, diventano giornalista, collaborando a
programmi televisivi e fondando la rivista www.rinnovabili.it
Scarseconoscenzematematicheedeboleattitudinealdisegno,infciano
il percorso di studi?
No. La caratteristica fondamentale essere dotati di sensibilit, vale a dire, la
capacit di sintetizzare delle esigenze sul riferimento unico che larchitettura
ha, ossia luomo. Cucire delle esigenze intorno allo spazio vissuto dalluomo,
unico vero obiettivo dellarchitettura. Capacit matematica o tecnologica
costituiscono competenze e valori successivi.
a.c.
dove Si Studia
LoMBardia
Politecnico di Milano (Architettura e
Societ- Architettura Civile) - Ingegneria
edile-architettura (Ingegneria Edile-
Architettura); Universit degli Studi di
Brescia (Ingegneria edile-Architettura-.
Ingegneria); Universit degli studi di
Pavia (Ingegneria edile-architettura*-
Ingegneria)
Marche
Universit degli Studi di Camerino;
Universit Politecnica delle Marche( In-
gegneria edile-architettura* Ingegneria)
pieMonte
Politecnico di Torino
pugLia
Politecnico di Bari (Ingegneria edile-
architettura - Ingegneria), Universit
degli Studi del Salento (Ingegneria edile-
Architettura- Ingegneria)
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari; Univer-
sit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania (Archi-
tettura) - Ingegneria edile-architettura-
Ingegneria); (Architettura a Siracusa);
Universit degli Studi di Palermo (Archi-
tettura), (Ingegneria edile-architettura - I
Ingegneria); Universit Kore di Enna(
Architettura. (Ingegneria, Architettura e
Scienze Motorie)
toScana
Universit degli Studi di Firenze e Archi-
tettura; Universit degli Studi di Pisa, (In-
gegneria edile-architettura - Ingegneria)
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento, (Inge-
gneria edile-architettura* - Ingegneria)
uMBria
Universit degli Studi di Perugia, (Inge-
gneria edile-architettura* (Ingegneria))
veneto
Universit IUAV di Venezia; Universit
degli Studi di Padova,(Ingegneria edile-
architettura - Ingegneria)
univerSit teLeMatiche
UNITEL - Universit Telematica Inter-
nazionale
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 20,2%
- lavora ed iscritto alla specialistica 14,2%
guadagno mensile netto (media in euro)
uomini 880 euro
donne 634 euro

*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
Ilsignifcatonascostodellarchitettura
classica di George Hersey
apollo nella democrazia di Walter Gropius
architettura a basse emissioni di Mary
Guzowski
* corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
24
aCCEssO: numero programmato a livello locale
I corsi di laurea di design industriale (classe L-4) rientrano nella facolt di Architettura.
Segnaliamo inoltre i corsi in design della moda.
design
oBiettiVi ForMatiVi
il corso di laurea in design ha la fnalit di formare fgure professiona-
li rivolte ai molteplici settori del design, inteso come progettazione di
un prodotto nei vari campi di applicazione (industria, moda, artigiana-
to). i designer devono essere capaci di gestire tutte le fasi del proces-
so progettuale dalla elaborazione del concept fno alla realizzazione
del progetto esecutivo. Gli studenti, al termine del corso, dovranno
conoscere adeguatamente gli strumenti e le tecniche relativi alla
rappresentazione formale e funzionale del prodotto (dal disegno
manuale al disegno tecnico, dalla fotografa alla produzione di modelli
tridimensionali del prodotto), le tecniche di produzione delle immagini
digitali, i linguaggi visivi, i meccanismi percettivi che caratterizzano gli
individui e i sistemi cromatici. il designer un progettista nel campo
dellarchitettura, della moda, della comunicazione visiva. Fonda-
mentale la partecipazione ai laboratori dove si metter alla prova le
proprie conoscenze teoriche e abilit manuali, cos come il tirocinio
pre-laurea, una volta raggiunti i crediti necessari. in particolare
aBruzzo
universit degli Studi G. dannunzio*
caMpania
universit degli Studi di Napoli Fede-
rico ii, Seconda universit degli Studi
di Napoli*- design della moda*
eMiLia roMagna
universit di Ferrara*; iSia (istituto
Superiore per le industrie artistiche)
di Faenza; universit degli Studi di
Bologna*, tecniche e culture della
Moda* (Filosof. lett. Sc.umanistiche e
St.orientali)
FriuLi venezia giuLia
istituto universitario di architettura
iuaV
Lazio
Sapienza, universit di roma*; Scienze
della moda e del costume*(l-3)- (let-
tere e Filosofa); iSia (istituto Superio-
re per le industrie artistiche) di roma
Liguria
universit degli Studi di Genova*
LoMBardia
Politecnico di Milano- design della
moda*; universit degli Studi di Brescia*
Marche
universit degli Studi di Camerino*,
universit degli Studi di urbino*, iSia,
istituto Superiore per le industrie arti-
stiche, di urbino
pieMonte
Politecnico di torino*
pugLia
Politecnico di Bari*
San Marino
universit degli Studi della repubblica
di San Marino*
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
MARCO VAGNINI,
Vice direttore di ISIA Roma
Una volta che il design si rivela, la lettura del
mondo cambia.
secondo lei, ci sono delle competenze di base
per il design industriale?
S e no. C bisogno di una discreta manualit, ma
non solo per il disegno, anche per la costruzione dei modelli, ma soprattutto
forte determinazione e motivazione, non un posto dove parcheggiarsi. Molte
attivit sono legate alla ricerca e al saper fare.
Chi il designer del terzo millennio? cambiato il concetto di designer?
S, si stravolto. Il concetto di designer, spesso improprio, iniziando dagli
stessi mezzi di comunicazione. Qualsiasi progettista un designer. Nelluso
comune, si d valore prevalentemente, alla componente estetica, riferendosi
alla linea.. Gli interventi del designer, sono sfaccettati e anche nascosti, e non
SBoCCHi ProFeSSioNali
i laureati in design, potranno svolgere attivit nellambito della libera profes-
sione, degli studi e le societ di progettazione, delle imprese, delle istituzioni
ed enti pubblici e privati, che operano nellarea del design in tutti i settori di
applicazione della disciplina e negli ambiti pi emergenti, dal designer di
prodotto che opera allinterno di molteplici ambiti merceologici - apparecchi
dilluminazione, nautica, trasporti, elettronica di consumo, macchine utensili
- includendo tutti i settori relativi ai beni di consumo, durevoli e strumentali
che rappresentano ambiti di vocazione delleconomia nazionale; al designer
che opera allinterno di tutti i settori pi avanzati della comunicazione -
dalleditoria multimediale al web design, al mondo della grafca, dal progetto
dei sistemi segnaletici allimmagine coordinata e allidentit di marca,
sino alla progettazione dellimmagine cinetica (video e cinematografca) -
includendo tutti i settori emergenti della comunicazione legati ai new media
e alle nuove tecnologie; e al designer che opera allinterno dei settori legati
allambito moda - dallabbigliamento, agli accessori, al progetto tessile, alla
comunicazione e marketing del prodotto. in particolare, in questi ultimi
n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA OFFERTA FORMATIVA
25
design
gli studenti dovranno essere attenti alla funzionalit ed ergonomia dei
prodotti progettati, andando oltre laspetto estetico delloggetto e alla
lettura ed interpretazione dei contesti socio-culturali di riferimento,
tra le materie di studio: geometria per il disegno industriale, infor-
matica e rappresentazione industriale, storia del disegno industriale,
storia dellarte contemporanea, laboratori di design del prodotto, me-
todi e strumenti per la progettazione meccanica, ricerca dei materiali,
semiotica, ergonomia. Nellambito di design
industriale, (classe di laurea l-4) rientra
anche il design per comunicazione visiva e
design della moda. tra le materie studia-
te: storia della moda, storia del costume,
fashion design, sociologia dei processi cultu-
rali, storia della moda, materiali e tecnologia
dei tessuti, ricerca e tendenze, modellistica,
graphic design. la conoscenza della lingua
inglese e delle culture diverse fondamen-
tale per larte creativa e progettuale.
emergono nel risultato fnale.
quali sono gli elementi che il designer deve tener in considerazione al di l della-
spetto estetico?
La riproducibilit e quei processi tecnologici che permettono lidentifcazione dellogget-
to, parte del lavoro del designer far lavorare bene, chi deve fare loggetto. Lergonomia,
la corretta fruizione della comunicazione, intorno alloggetto; si parla molto di interaction
design, ossia linterazione tra dispositivi di piccola intelligenza, che interpretano i gesti
delluomo, pensiamo solo allI-Pad. Inoltre, c laspetto ecologico (eco-design), per
esempio, oggetti a basso impatto ambientali, realizzati con materiali eco-compatibili,
dispositivi semplici da smontare per consentire la differenziazione dei rifuti. Il designer
una fgura trasversale che deve saper parlare con tutti, dellimprenditore alla squadra che
svolge le operazioni.
Il suo percorso formativo - professionale, oltre laccademia?
Diploma di ragioneria, poi studente di ISIA Roma (Istituto Superiore per le Industrie
Artistiche). In estate, lavoravo in uno studio di grafca. Il mio primo prodotto risale alle
medie, con la costruzione di un modulo contenitore primordiale che poteva funzionare
come libreria. Ho incontrato inoltre, il design, vedendo oggetti a casa di amici, innamo-
randomi di un mondo tecnologico e poetico. I mie primi clienti appartenevano al settore
del packaging. Una volta che il design si rivela, la lettura del mondo cambia.
augurio per i ragazzi?
Trovare un sogno e di inseguirlo. Essere onesti nel riconoscerlo, e distinguerlo dalla
fascinazione passeggera.
a.c.
Consiglibibliografci
da cosa nasce cosa. appunti per una
metodologia progettuale di Bruno Munari
a designers art by Paul Rand
Eco moda di Sass Brown
anni si sta sviluppando la fgura delleco-desi-
gner, vale a dire del progettista che considera
materiali, consumo e produzione dellenergia,
ciclo del prodotto, al packaging e alle colorazioni, in unottica di sostenibilit
umana ed ambientale. Cos come luso e la ricerca di eco- tessuti quali il
cotone biologico, stoffe di riciclo, fno ai prodotti dellequo e solidale per
sviluppare il settore della moda etica.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: interaction designer; designer
specialista in prodotti e servizi orientati alla sostenibilit ambientale e sociale;
designer del gioiello; product manager;fashion designer, costumista, illustratore,
graphic designer;
PaRLa LEsPERtO
VINCENZO DI MARIA,
FRSA. Co-founder & Catalyst
I designers sono facilitatori creativi che si confronta-
no con bisogni sociali. Io non cerco lavoro, voglio
crearlo.
quando sei entrato in contatto per la prima volta
con il mondo del design?
I miei genitori sono entrambi architetti e da piccolo amavo combinare oggetti
nello spazio, disegnare e perdermi nel mondo di lego. Il libro- svolta,Progettare
per il mondo reale, di Victor Papanek, un architetto visionario che negli anni 70
parlava di responsabilit progettuale in senso sociale e ambientale. Fu cos che
cominciai a dare un senso pi profondo alla parola design.
Ci puoi descrivere in breve, il tuo percorso formativo - professionale?
Negli anni di studio, ho fatto mia, la flosofa progettuale dei maestri Italiani,
studiando semiotica, psicologia della percezione, ergonomia, dando importanza
agli aspetti concettuali. Il disegno industriale ridefnisce i comportamenti delle
persone e loro modo di interagire. In seguito al programma Erasmus (universit
di Plymouth), mi orientati verso il people centred design. Feci un master al
Central Saint Martins, college, dove collaborai in alcuni progetti di ricerca ed
insieme al mio collega Bruno Taylor, lanciai unidea di design sociale. Nacque
cos commonground, dove il design incontra il cambiamento sociale positivo.
Ora progetto giocattoli educativi e biodegradabili per bambini che vivono nei
quartieri periferici di Lisbona.
secondo te, quale la funzione del designer? In Italia, esiste uno spazio
suffcienteperlacreazionesostenibile?
La nostra economia basata per un buon 70% sullerogazione e vendita di servizi
o esperienze. Lindustria ci considera, tecnici
di sistema, creatori di prodotti di cui nessuno
ha bisogno. Il design emozione, funzionalit
e sostenibilit. I designers sono i problem-
solvers o facilitatori creativi che, lavorando
in gruppi interdisciplinari, si confrontano con
problemi ben pi ampi del prossimo spremi
agrumi. ovvio che web e design interattivo,
siano settori forenti, ma nella crescente
dematerializzazione, saranno i designer, in
grado di gestire lintangibilit, proponendo
soluzioni, vicine ai biosgni della gente e alle
risorse dellambiente, a formare il futuro. In-
novare le dinamiche sociali signifca trovare
nuove risposte a problemi complessi.
a.c.
dove Si Studia
Sardegna
universit degli Studi di Sassari*
SiciLia
universit degli Studi di Palermo*
toScana
universit degli Studi di Firenze*,
iSia, istituto Superiore per le industrie
artistiche
trentino aLto adige
libera universit di Bolzano (design e
arti)
veneto
universit iuaV di Venezia , design della
moda, arti visive, teatro*(design e arti)
univerSit teLeMatiche
universit San raffaele roma*- Corso
di laurea in Moda e design industriale
(architettura e design industriale)
universit telematica e-Campus, design
e discipline della moda* (lettere e Filo-
sofa), NoVedrate
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 45,9 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 5,8 %
guadagno mensile netto (media in euro)
uomini 763 euro
donne 704 euro

*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
26
dams
aCCEssO: corso a libero accesso con verifca delle conoscenze (test dingresso)
* Corso di Laurea che si trova allinterno della facolt di Lettere
oBiettiVi ForMatiVi
obbiettivi formativi qualifcanti del corso di laurea dams sono
il possesso di unadeguata formazione di base nei settori
delle arti, dello spettacolo, del cinema e della musica. Per
raggiungere tali obbiettivi, il percorso prevede di fornire nel
primo anno le conoscenze storico umanistiche e caratteriz-
zanti di base, specifcando progressivamente le conoscenze
e le competenze nel secondo e nel terzo anno attraverso
insegnamenti mirati. le esperienze laboratoriali e di tirocinio,
presso agenzie lavorative o enti del settore, mirano a favorire
lacquisizione di precise capacit e comportamenti adatti al
confronto e linserimento con il mondo delle professioni.
caLaBria
universit della Calabria*
caMpania
universit degli studi di
Salerno*(lingue e letterature Stra-
niere)
eMiLia roMagna
universit degli Studi di Bologna
alma Mater *
FriuLi venezia giuLia
universit degli Studi di udine*; uni-
versit degli Studi di Padova*
Lazio
universit degli Studi roma
tre*; Sapienza universit di
roma*(Filosof. lett. Sc.umanistiche
e St.orientali);universit degli studi di
roma tor Vergata*
Liguria
universit degli Studi di Genova*
LoMBardia
universit Cattolica del Sacro Cuore*
pieMonte
universit degli studi di
torino*(Scienze della Formazione)
SiciLia
universit degli Studi di
Messina*(Scienze della Formazione);
universit degli Studi di Palermo*
toScana
universit degli Studi di Siena*;
universit degli Studi di Firenze*;
universit degli Studi di Pisa*
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
il conseguimento di un diploma di laurea in questa disciplina
consente laccesso a svariate professioni: in enti pubblici e pri-
vati, della comunicazione, della gestione delle risorse umane,
e in tutti quegli ambiti istituzionali che richiedono competenze
letterarie, linguistiche, antropologiche, artistiche, storiche e
geografche. il corso si propone di formare principalmente tre
fgure professionali: quella delloperatore culturale nei vari
settori in cui prevista la gestione del patrimonio artistico,
cinematografco e musicale; quella delloperatore coinvolto
nellideazione, organizzazione e gestione di eventi artistici e
spettacolari; quella delladdetto alla fornitura di contenuti per
lindustria culturale inserendosi nelle diverse fasi del processo
artistico-produttivo.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: regista;
direttore artistico; attore; doppiatore; sceneggiatore; compositore;
cool hunter (cacciatore di tendenze); fotografo; presentatore (radio e
televisione); operatore tecnico (audio/video).
* corso di laurea
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 50,1 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 4,8 %
guadagno mensile netto (media in euro)
uomini 1.151 euro
donne 922 euro

*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
storia Essenziale del teatro C. Bernardi e C.Susa
QuadernidiSerafnoGubbiooperatoreLuigi Pirandello
Io sono il diavolo Cesare Zavattini
Mmoires Carlo Goldoni
PaRLa LEsPERtO
ANDREA PERINI,
Reporter
Prima la laurea e poi gli stage e lestero.
Per Andrea Perini il Dams stato solo il
primo tassello della sua formazione. Il resto?
Tutta esperienza. Oggi Andrea lavora in una
televisione locale e da due anni telecamera e
microfono sono i principali strumenti della sua
professione.
quali sono state le esperienze e gli studi che lhanno realmente
formata?
Le esperienze come stagista in un workshop destinato ad attori, registi,
sceneggiatori con importanti registi italiani. Per quanto riguarda gli studi,
sicuramente i viaggi studio in Inghilterra nei college.
quali problemi riscontrano i laureati in questo settore?
Sicuramente la diffcolt del settore stesso, essendo quello dello spettacolo
in generale un mondo pieno di raccomandazioni e di diffcile inserimento
per chi, appunto, non riesce ad averne.
un consiglio ai ragazzi che oggi vogliono intraprendere questa
strada?
Di studiare e prepararsi molto, e soprattutto di avere una spiccata versati-
lit nei vari ambiti.
E per chi vuole diventare attore?
Esistono le scuole di recitazione apposite. Non assolutamente compito
del Dams preparare queste fgure.
a.d.r.
OFFERTA FORMATIVA
27
aCCEssO: libero/numero programmato a livello locale
economia
oBiettiVi ForMatiVi
la facolt di economia volta alla formazione di soggetti in grado di
analizzare il contesto economico-sociale di un Paese in relazione a molti
fattori che, in passato, venivano messi da parte. leconomista moderno,
infatti, deve necessariamente fare i conti con una serie di attivit tecnolo-
giche ed informatiche di recente introduzione. tra i corsi di laurea mag-
giormente proposti sul territorio nazionale abbiamo: economia aziendale,
economia e commercio, economia delle imprese e dei mercati, economia
delle istituzioni, scienze del turismo ad indirizzo manageriale, statistica ed
informatica per leconomia e le imprese, economia e diritto dellimpresa
e delle amministrazioni. ognuno di questi cdl presenta degli obiettivi a s
stanti. il cdl economia aziendale d allo studente gli strumenti metodo-
logici e scientifci necessari ad interpretare il funzionamento dellazienda
nelle sue diverse tipologie ed aspetti. lo studente maturer la conoscenza
delle diverse funzioni aziendali, degli strumenti di supporto, di indirizzo e di
analisi della gestione acquisendo al contempo la capacit di cogliere
aBruzzo
universit degli Studi Gabriele dan-
nunzio Chieti Pescara; universit degli
Studi de laquila
BaSiLicata
universit degli Studi della Basilicata
caLaBria
universit della Calabria
caMpania
universit degli Studi di Napoli Federico
ii; Seconda universit degli Studi di
Napoli; universit degli Studi di Napoli
Parthenope; universit degli Studi
di Salerno; universit degli Studi del
Sannio
eMiLia roMagna
universit degli Studi di Bologna;
universit degli Studi di Ferrara;
universit Cattolica del Sacro Cuore;
universit degli Studi di Modena e
reggio emilia; universit degli Studi
di Parma
FriuLi venezia giuLia
universit degli Studi di trieste; uni-
versit degli Studi di udine
Lazio
universit degli Studi di Cassino; Sa-
pienza universit di roma; universit
degli Studi di roma tor Vergata; uni-
versit degli Studi roma tre; universit
degli Studi della tuscia
Liguria
universit degli Studi di Genova
LoMBardia
universit degli Studi di Bergamo;
universit degli Studi di Brescia; uni-
versit Carlo Cattaneo; universit degli
Studi Milano Bicocca; universit degli
Studi insubria Varese Como; universit
Commerciale luigi Bocconi di Milano;
universit Cattolica del Sacro Cuore;
universit degli Studi di Pavia
Marche
universit degli Studi di Macerata;
universit Politecnica delle Marche;
universit degli Studi di urbino Carlo
Bo
MoLiSe
universit degli Studi del Molise
pieMonte
universit degli Studi del Piemonte
orientale amedeo avogadro
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
il laureato in economia un soggetto con competenze tecniche
e professionali grazie alle quali svolger funzioni operative di
tipo specialistico e di coordinamento tra specifci settori di atti-
vit, nelle pubbliche amministrazioni e nelle libere professioni
oltre che funzioni imprenditoriali o manageriali. anche lecono-
mia un settore con alta occupabilit sia in italia che allestero
e prevede delle collocazioni cosiddette naturali nei settori
economici del pubblico e del privato tra cui: imprese, Pubblica
amministrazione, Camere di Commercio, organismi sindacali,
territoriali ed enti di ricerca nazionali ed internazionali. Come
per quasi tutti i settori, il laureato in economia deve scegliere
tra due distinti percorsi: il primo alle dipendenze di imprese e
in secondo quello di libera professione.
il curriculum prodotto da un laurea in economia consente im-
piego in molteplici settori produttivi: marketing strategico
n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
28 economia
Consiglibibliografci
Le isole del tesoro. viaggio nei paradisi
fscalidovenascostoiltesorodella
globalizzazione
Nicholas Shason
Economia dellabbastanza. Gestire leco-
nomia come se del futuro ci importasse
qualcosa
Diane Coyle
e operativo, trade marketing, direzione vendite, integrated inter-
net marketing manager, web project manager e web communi-
cation manager.
il percorso sui temi delleconomia fnanziaria consente al sog-
getto di trovare occupazione presso banche, assicurazioni e mol-
te altre istituzioni fnanziarie. la laurea in economia aziendale
permetter linserimento in consulenza direzionale, professio-
nale, societ di consulenza e revisione, attivit imprenditoriali,
professione di dottore commercialista e revisore contabile senza
escludere lattivit di ricerca. il corso di diritto dimpresa avvier
attivit di consulenza privata alle imprese, amministrazione
delle attivit dimpresa, del personale e delle relazioni sindacali,
operatori delle agenzie private di collocamento e delle agenzie
di lavoro interinale. il laureato in scienze del turismo occupe-
r ruoli manageriali in imprese turistiche o enti come catene
alberghiere, di ristoranti, agenzie di viaggio e tour operator, svol-
ger attivit professionali nel settore del turismo in riferimento
ad un organizzazione sempre compatibile con lambiente. Con
un titolo di laurea in economia e commercio, invece, il laureato
potr esercitare la libera professione di dottore commercialista,
potr accedere allinsegnamento nelle scuole secondarie, potr
ricoprire incarichi pubblici o in aziende di tipo provato.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: economista, econo-
mista in ambito finanziario, risk manager, blogger, giornalista economico,
docente, sviluppatore dimpresa
pugLia
universit degli Studi di Bari aldo
Moro; luM Jean Monnet; universit
degli Studi di Foggia; universit degli
Studi del Salento
Sardegna
universit degli Studi di Cagliari; uni-
versit degli Studi di Sassari
SiciLia
universit degli Studi di Catania;
universit degli Studi di Messina;
universit degli Studi di Palermo
toScana
universit degli Studi di Firenze; uni-
versit di Pisa; universit degli Studi
di Siena
trentino aLto adige
universit degli Studi di Bolzano;
universit degli Studi di trento
uMBria
universit degli studi di Perugia
veneto
universit degli Studi di Padova; uni-
versit C Foscari di Venezia; universi-
t degli Studi di Verona
teLeMatiche
universit degli Studi europea di
roma; libera universit internazio-
nale Studi Sociali Guido Carli luiss;
libera universit degli Studi per
linnovazione e le organizzazioni lu-
spio; universit telematica e-Cam-
pus; universit telematica Gugliel-
mo Marconi; universit telematica
internazionale uninettuno; univer-
sit telematica unitelma Sapienza;
universit telematica delle Scienze
umane unisu; universit telemati-
ca universitas Mercatorum
dove Si Studia
facolt/dipartimento * corso di laurea
le interazioni tra impresa e ambiente. le attivit formative sono dirette
a sviluppare le necessarie competenze di base in discipline aziendali,
economiche, giuridiche ed anche quantitative. Nelleconomia delle
imprese e dei mercati si fornisce allo studente una buona padronanza
di strumenti metodologici e contenuti scientifci generali, nonch
lacquisizione di specifche abilit professionali, relativi allanalisi
dei mercati. inoltre, approfondire le problematiche relative alle aree
direzionali, professionali ed alle aree funzionali delle aziende avendo
particolare riguardo per le tematiche derivanti dallintegrazione
comunitaria. Con economia delle istituzioni si intende formare esperti
provvisti di una preparazione culturale e professionale avanzata, fon-
data su conoscenze in ambito economico-territoriale, socio-culturale
e ambientale integrata con una solida formazione tecnica. il corso in
scienze del turismo ad indirizzo manageriale fornisce conoscenze
di tipo economico aziendale, statistico, culturale e linguistico legate
al management delle imprese del settore. Sviluppa, cos, fgure
professionali che capacit critica e propositiva con notevole fessibilit,
necessaria nel mondo del lavoro attuale.
il cdl in statistica e informatica per la gestione delle imprese propone
di formare laureati in grado di svolgere attivit consulenziali e mana-
geriali nellambito della gestione e del trattamento dellinformazione
allinterno di imprese industriali e di servizi. lo studente apprende le
conoscenze di base in ambito matematico e statistico, i principali stru-
menti utili alla modellazione quantitativa di problemi inerenti la gestio-
ne aziendale e alle operazioni connesse di acquisizione, le nozioni di
base necessarie alla comprensione dei principali processi economici
ed economico aziendali, con particolare attenzione alle problematiche
gestionali, trattamento e diffusione di informazioni, competenze ope-
rative nellambito dellinformation technology con speciale attenzione
allambito del software open-source. Con il corso in economia e
diritto dellimpresa e delle
amministrazioni si intende
formare studenti con
padronanza di strumenti
metodologici e contenuti
scientifci generali. Si
richiede una spiccata inte-
grazione delle competenze
economiche ed aziendali-
stiche con quelle di diritto,
in rapporto alle nuove
esigenze del sistema
impresa e dalla Pubblica
amministrazione.
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specia-
listica 21.1%
- lavora ed iscritto alla specialisti-
ca 16.4%
guadagno mensile netto (media in
euro)
- uomini 1.039 euro
- donne 839 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
29
economia
PaRLa La LauREata
MADDALENA CAVICCHIOLI,
Laureata in Economia
Universit C Foscari di Venezia
Quando guardo indietro il mio primo sentimento
quello di gratitudine, per i tanti doni ricevuti
e le meravigliose persone incontrate nel mio
percorso.
quando nata la passione per leconomia?
La passione per leconomia e, in particolare, per leconometria nata
durante il periodo trascorso presso lUniversit di Goteborg, in Svezia,
nellambito del progetto Erasmus. Qui, tra i vari insegnamenti seguiti,
ho frequentato un appassionante corso di econometria e al mio ritorno
ero sicura di volermi specializzare in questo campo ed approfondire
tematiche relative a questo settore degli studi economici. E cos stato.
Dopo la laurea triennale, mi sono iscritta al corso di laurea magistrale in
economia e il lavoro fnale della tesi riguardava proprio un argomento di
econometria. A fanco ai modelli matematici, ho sempre creduto che gli
studi economici mi dessero unopportunit unica per mettere la scienza
al servizio delluomo; e noi giovani siamo chiamati ad impegnarci tanto
oggi per poter costruire, come diceva Giuseppe Toniolo, un miglior bene
avvenire.
qual il segreto per una carriera brillante?
Innanzitutto ritengo che sia ancora presto per me poter parlare di carriera
brillante, ma credo di aver compiuto fno ad ora un percorso di vita e di
studio interessante e stimolante, condiviso con altrettanti giovani brillanti,
italiani e stranieri, che sono limmagine pi bella e pulita di una comunit
che vuole crescere con un sentire comune e cambiare in meglio la realt
delle cose. Lingrediente principale del mio percorso sempre stata una
volont forte di fare bene e di fare tanto, a dispetto delle diffcolt che
inevitabilmente si incontrano ogni giorno.
Qualisonostatelepigrossediffcoltincontratenelpercorsodi
studio?
Quando guardo indietro il mio primo sentimento quello di gratitudine,
per i tanti doni ricevuti e le meravigliose persone incontrate nel mio per-
corso. Alcune diffcolt che ci sono state e le relative sofferenze vissute
in alcuni rapporti, comunque necessarie per fortifcare il carattere, tendo a
dimenticarle nel tempo, anche perch se guardo a tutti i doni che ho avuto
mi sento veramente fortunata.
Credi che la preparazione offerta dalle universit sia adeguata alla
richiesta del mercato del lavoro?
Come sempre parlo della mia esperienza per non cadere in luoghi
comuni: la preparazione universitaria che io ho ricevuto nelle universit
frequentate credo che sia adeguata ad una certa richiesta del mercato del
lavoro. Non nascondo che la volont personale di volersi formare con
altri corsi, scuole estive, convegni,periodi allestero, intership stata
determinante per me in questi anni. Ho sempre creduto che la semplice
laurea non mi poteva bastare e quindi ho voluto prepararmi in maniera
molto pi avanzata, in primo luogo per la mia crescita personale e per
avere una formazione scientifca pi completa.
un consiglio concreto alle future matricole
Prima di tutto, cominciate con entusiasmo e passione il vostro percorso di
studi universitari facendo ci che vi piace secondo le vostre inclinazioni e
doti. In secondo luogo, non iscrivetevi al corso di laurea che, come sento
dire in giro, vi garantisce un posto di lavoro sicuro perch oggi
nulla sicuro. Infne, cercate in tutti i modi di fare esperienze di studio
e lavoro allestero perch questo certamente motivo di crescita umana
e professionale. Inoltre, siate appassionati, creativi e certi che, prima o
poi, il vostro sforzo sar premiato, anche se spesso quello che vedete o
vivete tende ad essere motivo di sfducia per il futuro. Mettete il vostro
entusiasmo giovanile a servizio delluomo perch tutti possiamo costruire
un futuro bello, pulito ed onesto: in questo io credo molto.
m.g.
PaRLa LEsPERtO
LEONARDO BECCHETTI,
Ordinario presso lUniversit di
Roma Tor Vergata,
blogger di Repubblica
Il mondo cambia continuamente e quindi bisogna
fare un rifessione diversa. Domani le cose
potrebbero essere diverse da oggi.
quando nata la passione per leconomia?
Sono stato sempre un grande appassionato, ho sempre pensato che le-
conomia fosse lo strumento per comprendere al meglio i problemi della
societ ma anche analizzare, capire e conoscere i fenomeni della vita che
ci circonda.
Oggi ci sono diverse applicazioni per la materia. quali sono le pro-
fessioni future delleconomia?
Oggi a predominare il settore della fnanza. Diciamo che il laurea-
to in economia pu trovare occupazione in diversi settori che vanno
dallimpresa al privato ma anche nelle istituzioni. Oggi c un panorama
cos ampio che un buon economista richiesto nei giornali, nello sport,
nellarte e lo spettacolo. Praticamente ovunque, non ci sono pi i vecchi
limiti della professione.
In Italia c ancora possibilit per i laureati?
La crisi attualmente si ripercuote su tutti i settori e non solo in Italia,
una situazione cos generalizzata. E vero che per alcuni settori
preferibile spostarsi allestero per un lavoro pi immediato, magari nel
mondo accademico per continuare a fare ricerca o comunque restare
nellambiente universitario. Il mondo cambia continuamente e quindi
bisogna fare un rifessione diversa. Domani le cose potrebbero essere
diverse da oggi.
un consiglio alle matricole
Bisogna essere competitivi. La competitivit viene solo da una grande
forza di volont e quindi importante studiare essere sempre aggiornati
ed avere passione e motivazione nello studio e nel lavoro che si andr a
svolgere.
m.g.
OFFERTA FORMATIVA
31
aCCEssO: libero/numero programmato a livello locale
farmacia
oBiettiVi ForMatiVi
larea di studi in farmacia si propone di fornire conoscenze teorico-
pratiche in campo biologico, chimico, farmaceutico, tecnologico,
fsiopatologico, farmacologico e tossicologico, che permettano ai
laureati di affrontare il processo multidisciplinare che dalla proget-
tazione strutturale, porta alla produzione, commercializzazione e
ad un corretto utilizzo e controllo del farmaco. Fornisce inoltre una
preparazione scientifca in campo sanitario mirata a fornire un ele-
mento di connessione fra paziente, medico e strutture della sanit
pubblica. tra i corsi di laurea: farmacia (distribuzione, informazione
e regolamentazione del farmaco); chimica e tecnologia farmaceu-
tiche (progettazione, sintesi, controllo ed immissione sul mercato
di farmaci e di prodotti per la salute e il benessere); scienze della
nutrizione (competenze su valore nutrizionale); tecnologia dei pro-
dotti cosmetici (uso innovativo in ambito cosmetologico di prodotti,
anche di origine naturale); scienze e tecnologie cosmetologiche
ed erboristiche; controllo qualit del farmaco (competenze
aBruzzo
Universit degli Studi de LAquila*
(Medicina e Chirurgia)
caLaBria
Universit della Calabria
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fe-
derico II; Seconda Universit degli
Studi di Napoli* (Medicina e Chirurgia);
Universit degli Studi di Salerno
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna; Uni-
versit degli Studi di Modena e Reggio
Emilia
Lazio
Universit Cattolica del Sacro Cuore*
(Medicina e Chierurgia); Sapienza
Universit di Roma
LoMBardia
Universit degli Studi di Milano
Marche
Universit degli Studi di Camerino;
Universit degli Studi di Urbino Carlo
BO
pieMonte
Universit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo
Moro
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania; Uni-
versit degli Studi di Messina
toScana
Universit degli Studi di Firenze;
Universit di Pisa
veneto
Universit degli Studi di Padova.
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
larea di studi in farmacia volta alla preparazione di una
fgura professionale nel campo dellindustria, in primo luogo
farmaceutica, ma anche cosmetica, alimentare, erboristica,
chimica. i laureati potranno operare in diversi settori: farmacie
aperte al pubblico, farmacie ospedaliere, servizi farmaceutici
territoriali del Servizio Sanitario Nazionale, industrie chimi-
che, farmaceutiche, alimentari e cosmetiche ed industrie
ad esse collegate, laboratori analisi e merceologici privati e
pubblici, enti preposti alla elaborazione di normative tecniche
o alla certifcazione di qualit, strutture del sistema sanitario
nazionale, tecnico di laboratorio in farmacie ospedaliere o altri
laboratori del Servizio Sanitario Nazionale. occupano anche
erboristerie, laboratori erboristici, industrie del settore erbori-
stico, ftocosmetico e dietetico-alimentare; centri di controllo e
gestione delle problematiche ambientali allinterno di aziende
pubbliche e private; universit e altri enti di ricerca pubblici e
privati. tali attivit potranno essere svolte dal laureato presso
le strutture pubbliche o private o come libero-professionista
o come dipendente,e potr anche assumere il ruolo di re-
n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
PaRLa IL dOCEntE
ADRIANA MEMOLI,
Professore Ordinario presso
lUniversit Sapienza di Roma
Il contatto umano tra il farmacista e lutente
insostituibile e ne prendiamo atto continuamente
anche attraverso le testimonianze dei nostri
studenti.
Sedovessesuggerireunospecifcocorsodi
laurea nellambito degli studi di farmacia,
quale sarebbe?
Non facile suggerire un corso di laurea in particolare perch ogni corso di laurea
ha le sue specifcit. Attualmente nella facolt di Farmacia e Medicina della Sa-
pienza vi sono, nellarea farmaceutica, due corsi di laurea magistrale a ciclo unico
(5 anni) Farmacia e Chimica e Tecnologie Farmaceutiche- che danno accesso
allesame di abilitazione della professione sia di Farmacista che di Chimico, ed un
corso di laurea triennale Scienze Farmaceutiche Applicate con due curricula:
informazione scientifca sul farmaco e scienze erboristiche. La differenza
OFFERTA FORMATIVA
32 farmacia
sponsabile o dirigente. riportiamo sotto i principali
sbocchi professionali per i diversi corsi di laurea:
farmacista di comunit; farmacista ospedaliero;
farmacista territoriale; farmacologi, batteriologi;
ricercatori e tecnici laureati nelle scienze chimiche;
tecnici biochimici; specialisti in igiene, epidemio-
logia e sanit pubblica; tecnici della medicina
popolare ed altri tecnici paramedici; tecnici addetti
allorganizzazione e al controllo gestionale della
produzione; tecnici dei prodotti alimentari; control-
lore di qualit dei prodotti per la salute; operatori
di apparecchi medicali e per la diagnostica medica;
tecnici della cura estetica.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni:
farmacista, erborista, esperto di controllo alimentare,
informatore farmaceutico, ricercatore, docente, giornali-
sta scientifico, tecnico
PaRLa IL LauREatO
MARCO BASILE,
Laureato in Farmacia presso
lUniversit Federico II di Napoli
Se lavorerete bene e imparerete tanto, quello che
inizialmente stato solo un tirocinio pu tramutarsi
in una possibile offerta di lavoro.
quando nata la passione per la farmacia?
Ero un fresco diplomato al liceo scientifco ed ero molto affascinato dalle
materie scientifco sanitarie cosi a settembre feci il test di ingresso a
medicina che non and bene ma farmacia mi apr un mondo. La passione
sbocciata e forita durante gli anni del mio percorso universitario.
qual il segreto per una carriera brillante?
Il tempo. La chiave bilanciare il tempo libero e quindi la vita sociale
con il tempo per lo studio poich si indipendenti, non ci sono compiti
assegnati come al liceo, si responsabili di quanto e di come si studia.
Qualisonostatelepigrossediffcoltincontratenelpercorsodi
studio?
Ogni esame ha una storia a s, ricordo particolarmente il 2 anno, non
ero riuscito a prendere un esame importante e questo sulla mia tabella di
marcia mi aveva rallentato un po, ma una volta assimilato il metodo di
studio sono riuscito ad applicarlo per gli esami successivi con un impe-
gno maggiore. I risultati mi hanno soddisfatto.
Credi che la preparazione offerta dalle universit sia adeguata alla
richiesta del mercato del lavoro?
Purtroppo no, lo capisco ora che sono laureato e che mi affaccio a questo
mondo. Complice anche il momento economico non favorevole, il mer-
cato esige neolaureati con una preparazione molto specifca, ecco perch
specialmente in questo periodo non bisogna mai perdere lallenamento
e la curiosit allo studio. La facolt dovrebbe affacciarsi di pi alle
esigenze del mercato ma oggi non cosi. Ecco perch i neolaureati si
avvicinano ai corsi post-laurea, che spesso non sono alla portata di tutti,
master e corsi di formazione.
un consiglio concreto alle future matricole
Durante il percorso universitario vi trovate spesso di fronte a delle va-
lutazioni: gli esami a scelta, il periodo del tirocinio in farmacia che rap-
presenta la prima opportunit di conoscere il mondo del lavoro. Cogliete
questoccasione e vivetela seriamente, se lavorerete bene e imparerete
tanto, quello che inizialmente stato solo un tirocinio pu tramutarsi in
una possibile offerta di lavoro. Consiglio la specialistica soprattutto per
chi ambisce a lavorare in contesti aziendali e di laboratorio. Vedete la
facolt come una palestra, tutto il percorso che fate un allenamento.
m.g.
Consiglibibliografci
Il farmacista di auschwitz
Dieter Schlesak
La salute dalla Farmacia del signore
Maria Treben
chimiche, farmacologiche e biologiche
per svolgere attivit nellambito del
controllo di qualit); informazione
scientifca sul farmaco; tossicologia
dellambiente (controllo analitico,
biologico chimico, chimico-tossicolo-
gico e tossicologico per garantire la
sicurezza ambientale e degli alimenti a
tutela della salute della popolazione).
in alcuni atenei gli ultimi quattro corsi
di laurea citati sono raggruppati nel
corso di laurea Scienze farmaceutiche
applicate.
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specia-
listica 41.7%
- lavora ed iscritto alla specialisti-
ca 18.7%
guadagno mensile netto (media in
euro)
- uomini 1.117 euro
- donne 824 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
sta nelle fgure professionali che ne derivano: nel primo caso farmacisti che
trovano impiego pi facilmente, vista la richiesta del mercato, nelle farmacie;
nel secondo, che prevede un percorso accademico leggermente pi complesso,
fgure pi adatte al mondo dellindustria ed alla ricerca, fgure molto specializ-
zate nel caso della laurea triennale.
quali sono, a suo parere, le professioni del futuro legate a questa materia?
Non possibile parlare di professioni future nel settore farmaceutico a tutto
campo. Il contatto umano tra il farmacista e lutente insostituibile e ne pren-
diamo atto continuamente anche attraverso le testimonianze dei nostri studenti
durante il loro periodo di tirocinio obbligatorio. Ci dicono proprio questo,
si rendono conto che non si potr mai fare a meno di questa fgura perch
spesso, specie nel caso di alcuni quartieri, dei piccoli centri e per gli anziani, il
farmacista continua a rappresentare una fgura fondamentale di riferimento. La
digitalizzazione e i processi tecnologici certamente rivestono e rivestiranno un
ruolo sempre pi importante nel campo della ricerca.
sfatiamo un mito. Molti credono che occuparsi di erboristeria sia sempli-
ce, quali competenze sono invece richieste?
Ritengo che nelle erboristerie debba esserci personale assolutamente compe-
tente e preparato nel settore farmaceutico. Le erbe contengono principi attivi
che possono renderle veri e propri farmaci. Basti pensare alla infnita variet di
tisane vendute nelle erboristerie come, ad esempio, le tisane lassative. Non sono
certo suffcienti corsi di pochi mesi o addirittura di poche lezioni per rendere
professionali i gestori di queste strutture. Presso il nostro Ateneo stato attivo
per alcuni anni un corso di laurea triennale in Scienze e Tecnologie dei Prodotti
Erboristici, corso che divenuto ora il curriculum di Scienze Erboristiche del
corso in Scienze Farmaceutiche Applicate proprio
In Italia c ancora possibilit per i laureati in farmacia?
Il mercato non saturo. Certo la crisi c ovunque ma fortunatamente quella del
farmacista una delle poche fgure che in Italia riesce a vivere. Inoltre, perso-
nalmente, spezzo una lancia a favore delle parafarmacie ovvero di quei luoghi
in cui si vendono esclusivamente i farmaci da banco, quelli senza obbligo di
prescrizione medica. Questi luoghi, nei quali, tra laltro, si pu esplicare una
vera professionalit, hanno aperto nuove possibilit e se si pensasse di allestire
corner farmaceutici in pi supermercati si potrebbe dare lavoro a molti laureati
che escono dalla nostra facolt.
un consiglio concreto alle future matricole
Prima di tutto necessario prepararsi bene al test dingresso. Sul nostro sito i
futuri studenti possono trovare informazioni e anche il pool di test da cui sono
estratti i quesiti della prova di ammissione; buone nozioni basilari di matematica
e fsica per facilitano sia il superamento del test e, soprattutto, il percorso dei
primi anni. Superato il test, il mio consiglio uno solo: studiare, studiare con
tenacia e costanza, con curiosit e con il piacere di farlo!
m.g.
OFFERTA FORMATIVA
33
aCCEssO: libero
scienze biotecnologiche
oBiettiVi ForMatiVi
il percorso di studi in biotecnologie mira a fornire risorse culturali,
scientifche e tecnologiche per affrontare problematiche in ambito
biotecnologico con moderne metodologie di studio e ricerca, nonch co-
noscenza dei problemi economici ed etici. di seguito i principali corsi di
studio: biotecnologie (conoscenze della natura chimica delle molecole
biologiche, dei metodi di indagine adatti a studiare queste molecole e
conoscere le procedure per progettarle e produrle); biotecnologie me-
diche e farmaceutiche (conoscenze dei sistemi biologici e competenze
tecnologiche che permettano di esercitare attivit di ricerca e sviluppo
nei diversi settori biotecnologici con particolare attenzione al settore
medico e farmaceutico); biotecnologie veterinarie (conoscenze di base
dei principali settori delle biotecnologie applicate ai diversi campi di
interesse della medicina veterinaria, che abbiano familiarit con le me-
todologie scientifche e che siano in grado di applicarle nel rispetto delle
normative e delle problematiche deontologiche e bioetiche); biotecno-
logie sanitarie; biotecnologie industriali e ambientali); biotecnologie
agrarie; scienze e tecnologie biologiche; biotecnologie agro-industriali.
aBBruzzo
Universit degli Studi dellAquila;
Universit degli Studi di Teramo*
(Agraria)
BaSiLicata
Universit degli studi della Basilicata*
(SS.MM.FF.NN.)
caLaBria
Universit della Calabria* (SS.MM.FF.
NN.); Universit degli Studi Magna
Graecia di Catanzaro* (Medicina e
Chirurgia)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fe-
derico II; Seconda Universit degli
Studi di Napoli* (Scienze del farmaco
per lambiente e la salute); Universit
degli Studi del Sannio di Benevento*
(SS.MM.FF.NN.), Universit di Napoli
Parthenope*
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna* (SS.
MM.FF.NN.); Universit degli Studi di
Modena e Reggio Emilia; Universit
degli Studi di Parma* (SS.MM.FF.NN)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste* (Me-
dicina e Chirurgia); Universit degli
Studi di Udine* (Medicina Veterinaria)
Lazio
Universit Cattolica del Sacro Cuo-
re* (Medicina e Chirurgia); Sapienza
Universit di Roma,* (SS.MM.FF.NN.);
Universit degli Studi di Roma Tor Ver-
gata* (SS.MM.FF.NN.); Universit degli
Studi della Tuscia* (SS.MM.FF.NN.)
Liguria
Universit degli Studi di Genova* (SS.
MM.FF.NN.)
LoMBardia
Universit degli Studi di Brescia*
(Medicina e Chirurgia); Universit
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
le biotecnologie rappresentano il settore di sviluppo di ricerca appli-
cata pi promettente del prossimo futuro, preparano ad attivit che
consistono nellapplicare protocolli defniti e conoscenze consolidate
afferenti alle scienze della vita utilizzando tecnologie e sistemi biologici
per attivit di servizio o di produzione. i campi in cui le biotecnologie
trovano applicazione sono: lagricolo, lalimentare, lambientale, il
chimico/industriale, linvestigativo/militare, il medico/ farmacologico,
il veterinario. diversi sono i contesti professionali in cui inserirsi tra
cui: universit ed enti di ricerca pubblici e privati, strutture sanitarie,
industrie biotecnologiche, chimico-farmaceutiche, agro-alimentari,
laboratori di analisi e controllo qualit pubblici e privati, centri di
fecondazione assistita, studi e/o societ di consulenza per registra-
zioni di brevetti e propriet intellettuale, agenzie di comunicazione e
divulgazione scientifca, enti preposti alla elaborazione di normative
sanitarie o brevettuali riguardanti lo sfruttamento di prodotti biotec-
nologici, consulente per piccole e medie imprese, nel settore della
qualit ambientale e delligiene sui posti di lavoro, agenzie regionali e
agenzie Nazionale, Parchi nazionali e regionali, istituzioni nazionali che
operano sul territorio
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: biologo, biochimico,
botanico, agronomo, zoologo, zootecnico, biotecnologo alimentare, tecnico dei
prodotti alimentari, tecnico di laboratorio biochimico, tecnico della nutrizione
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
PaRLa IL dOCEntE
ANTONIO MARZOCCHELLA,
Responsabile orientamento facolt di scienze
biotecnologiche Federico II
Mi fa piacere segnalare che i biotecnologi napoletani dono apprezzati nel mon-
do e molti di loro svolgono (e hanno svolto) tesi di dottorato di ricerca allestero
quando nata la sua passione per le scienze biotecnologiche?
Lo studio delle biotecnologie maturato nellambito dello sviluppo processi
industriali eco-sostenibili. Tra questi linteresse recente focalizzato sulla
produzione di vettori energetici alternativi. In particolare, lobiettivo della ricerca
la produzione di vettori energetici alternativi ai combustibili di origine fossile
mediante sistemi microbici alimentati con fonti riciclabili.
Sedovessesuggerireunospecifcocorsodilaureaadunneodiplomato,
quale sarebbe?
La scelta del corso di laurea da parte di un neodiplomato un momento molto
delicato della sua crescita culturale. Sicuramente una rifessione sui concetti
acquisiti nel corso degli studi superiori fondamentale. Poi, suggerirei al neodi-
plomato di acquisire informazioni sulle fnalit dei corsi di laurea presso
OFFERTA FORMATIVA
34 scienze biotecnologiche
degli Studi di Milano* (Farmacia,
SS.MM.FF.NN.; Agraria, Medicina e
Chirurgia, Medicina Veterinaria); Uni-
versit degli Studi di Milano Bicoc-
ca* (SS.MM.FF.NN.); Libera Univer-
sit Vita Salute S.Raffaele Milano*
(Medicina e Chirurgia); Universit
degli Studi di Pavia* (SS.MM.FF.NN.)
Marche
Universit degli Studi di Camerino*
(Scienze e Tecnologie); Universit
degli Studi di Urbino Carlo Bo*
(Scienze e Tecnologie)
pieMonte
Universit degli Studi del Piemon-
te Orientale Amedeo Avogadro*
(Medicina e Chirurgia e Scienze della
Salute); Universit degli Studi di
Torino* (SS.MM.FF.NN.)
pugLia
Universit degli studi di Bari Aldo
Moro; Universit degli Studi del
Salento* (SS.MM.FF.NN.)
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari*
(SS.MM.FF.NN.); Universit degli
Studi di Sassari* (SS.MM.FF.NN.)
SiciLia
Universit degli Studi di Messina*
(Medicina e Chirurgia); Universit de-
gli Studi di Palermo* (SS.MM.FF.NN.)
toScana
Universit degli Studi di Firenze*
(Agraria); Universit di Pisa* (Agra-
ria, SS.MM.FF.NN.); Universit degli
Studi di Siena* (Medicina e Chirurgia)
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento* (SS.
MM.FF.NN.)
uMBria
Universit degli Studi di Perugia*
(SS.MM.FF.NN.)
veneto
Universit degli Studi di Padova*
(Agraria; SS.MM.FF.NN.; Medicina
Veterinaria); Universit degli Studi di
Verona* (SS.MM.FF.NN.)
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 5.8%
- lavora ed iscritto alla specialistica 2.9%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 662 euro
- donne 505 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
strutture/operatori preposti allo scopo.
quali sono, a suo parere, le professioni del futuro legate a questa mate-
ria?
Le attivit professionali dei biotecnologi sono piuttosto vaste. Esse si differen-
ziano in base agli approfondimenti/fnalit degli studi scelti. Presso lateneo
federiciano sono offerti corsi di laurea magistrale ad ampio spettro, dalle
applicazioni mediche a quelle veterinarie, dalle farmaceutiche alle molecolari,
dallalimentare allindustriale. La formazione acquisita potr aprire le porte
di societ operanti in vari settori produttivi e di servizi. Tra questi possiamo
ricordare a titolo di esempio le societ operanti nel settore farmaceutico, del
biorisanamento ambientale, della produzione di enzimi, della bio-conversione,
della diagnostica.
Crede che oggi ci sia ancora futuro per un giovane che intende fare ricer-
ca in questo campo? E in quale Paese?
La ricerca il fuoco sacro che arde in molti degli allievi biotecnologi. Bisogna
per essere consapevoli che il mondo della ricerca non ristretto allItalia ma
bisogna intendere il mercato del lavoro esteso a tutta lEuropa ed oltre. Mi fa
piacere segnalare che i biotecnologi napoletani dono apprezzati nel mondo e
molti di loro svolgono (e hanno svolto) tesi di dottorato di ricerca allestero.
un consiglio concreto alle future matricole
La scelta di una laurea scientifca, come di qualunque altra, deve essere gui-
data dalla passione per le materie da studiare. Lo studio universitario richiede
continuit e impegno oltre i tempi di lezione-esercitazione e solo la scelta
consapevole pu aiutare nel corso degli anni di studio. Consiglio di valutare
bene la scelta della laurea anche tormentando chi pu dare informazioni
chiarifcatrici. In ogni caso suggerisco ai neo-diplomati indecisi che hanno nel-
lo spettro delle loro preferenze corsi di studio a numero programmato (come
i corsi di laurea offerti preso la Facolt) di iscriversi ai test di accesso. Dopo
il test c ancora un po di tempo per decidere e solo con il patentino del
successo al test si ha diritto alliscrizione.
m.g.
PaRLa LEsPERtO
CLAUDIO CARPENTIERI,
Coordinatore Italian American
Pharmaceutical Group
Guardatevi sempre intorno e imparate le lingue. Per
lingue non intendo linglese poich ormai una cono-
scenza data per scontata
Il settore delle scienze biotecnologiche ancora
fertile per la ricerca italiana?
Sicuramente si, le biotecnologie sono un settore fertile sia a livello nazionale che
internazionale. Sta cambiando radicalmente il modo di fare ricerca, diciamo che
prima venivano costruite delle grandi cattedrali nel deserto con numerosi ricer-
catori che lavoravano dedicati alla scoperta di nuove molecole. In Italia attualmen-
te c grande produzione scientifca ma manca la brevettazione. Luniversit come
luogo di ricerca dovrebbe avere un sistema pi meritocratico e pi stimolato dalle
istituzioni. Un passo importante in tal senso venne fatto da Enrico Rossi, oggi Pre-
sidente della Regione Toscana che da assessore si rec in visita negli Usa. Al suo
rientro si attiv subito per costituire uffci brevetti in universit e per incentivare
gli studi clinici. LItalia pu ancora competere se adotta questi procedimenti.
quali saranno le professioni future in questo modello di ricerca in evoluzio-
ne?
Le nuove professioni verranno sempre pi dalla contaminazione di fsica e biochi-
mica ed in generale dalla ricerca di nuove opportunit terapeutiche. Il mix delle
discipline diventa sempre pi fondamentale.
un consiglio alle future matricole
Guardatevi sempre intorno e imparate le lingue. Per lingue non intendo linglese
poich ormai una conoscenza data per scontata. Stiamo attraversando un forte
momento di crisi ma importante guardare in prospettiva futura, aprirsi a nuove
esperienze e essere proiettati a cogliere le nuove opportunit.
m.g.
dove Si Studia
Consiglibibliografci
Luomo pi dei suoi geni. La verit sulle biotecnolo-
gie di Mario Capanna
non sparate sulla scienza
di Robin Dunbar
OFFERTA FORMATIVA
35
aCCEssO: libero/test valutativo a seconda degli atenei
giurisprudenza
aBruzzo
Universit degli Studi di Tera-
mo; Universit degli Studi di
LAquila*(Economia); Universit degli
studi G.Dannunzio Chieti-Pescara*
(Economia)
caLaBria
Universit della Calabria*(Economia);
Universit degli Studi di Catanzaro
Magna Grecia;Universit degli Studi
Mediterranea di Reggio Calabria
caMpania
Universit degli Studi Suor Orsola Be-
nincasa; SUN, Seconda Universit degli
Studi di Napoli; Universit degli Studi
di Napoli Parthenope; Universit degli
Studi di Salerno, Universit degli Studi
di Napoli Federico II.
eMiLia roMagna
Universit degli studi di Bologna; Uni-
versit degli Studi di Ferrara; Universit
degli Studi di Modena e Reggio Emilia:
Universit degli Studi di Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Univer-
sit degli Studi di Udine
Lazio
Sapienza Universit di Roma; Universit
degli Studi Tor Vergata; Universit degli
Studi di Roma Tre; Universit degli Stu-
di di Cassino e del Lazio Meridionale;
LUISS - Libera Universit Internazionale
degli Studi Sociali Guido Carli; Uni-
versit non Statale Europea di Roma;
Libera Universit degli Studi Maria
SS.Assunta LUMSA.
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli studi di Bergamo; Uni-
versit degli Studi di Milano; Libero Isti-
tuto Universitario Carlo Cattaneo;
dove Si Studia
PaRLa LEsPERtO
MICHELE BONETTI,
Avvocato
Passione, prima di tutto. Per Michele Bonetti, avvocato
dellUnione degli Universitari, la scelta del corso universitario,
qualunque essa sia, necessita di un forte slancio dettato dalla
passione. Questo indubbiamente pu essere un buon inizio,
soprattutto in determinate facolt, come in quella di Giurispru-
denza in cui limpegno richiesto davvero tanto.
Prima di scegliere una facolt come giurisprudenza impor-
tante conoscere tutti i principali sbocchi professionali che il
settore offre?
Bisogna innanzitutto fare una autoanalisi per capire lambito
ove si riversa il maggior interesse. La passione, lo studio e la
SBoCCHi ProFeSSioNali
il laureato in giurisprudenza pu operare in numerosi settori
del privato, dalla consulenza al mondo bancario e assicurativo,
dove spesso ricercato. inoltre la fessibilit mentale e le ca-
pacit gestionali ed organizzative che la laurea in giurispru-
denza fornisce garantiscono la possibilit di svolgere attivit
differenti rispetto a quella prettamente giuridica. il dottore in
giurisprudenza trover impiego, per esempio, anche nelle aree
commerciale, di gestione del personale, di marketing.
il laureato in Giurisprudenza nel Corso Magistrale a ciclo
unico, previo svolgimento dei tirocini richiesti per le diverse
professioni, avr titolo legale di accesso allesame di stato per
labilitazione alla professione di avvocato, al concorso notarile
e alla acquisizione del titolo di secondo grado necessario per
laccesso al concorso ai ruoli dellordinamento giudiziario.
oBiettiVi ForMatiVi
il corso di laurea in Giurisprudenza consente di acquisire una
solida preparazione nel campo del diritto, garantendo lacces-
so alle professioni legali tradizionali, grazie a una formazio-
ne rigorosa, di respiro internazionale e fornendo un solido
background di tipo economico-manageriale indispensabile
per poter operare nel mondo giuridico attuale. tra gli obiettivi
vi quello di offrire saperi, metodi e tecniche adeguati e
necessari ad una formazione giuridica superiore, premessa
indispensabile per lavvio alle professioni legali.
i laureati dei corsi della classe di laurea conseguiranno
elementi di approfondimento della cultura giuridica di base
nazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie ca-
sistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione e alla
valutazione di principi o istituti del diritto positivo. dovranno
inoltre possedere capacit di produrre testi giuridici (norma-
tivi e/o negoziali e/o processuali) chiari, pertinenti ed effcaci
in rapporto ai contesti di impiego, ben argomentati, anche con
luso di strumenti informatici. i laureati nei corsi trien-
n n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
oFFerta ForMatiVa
36 giurisprudenza
preparazione diventano moneta
spendibile anche nel mercato
del lavoro, dal momento che
rappresentano la chiave del
successo. In questa fase di scelta,
ad ogni modo, necessaria anche
uninformazione che negli ultimi
anni si intensifcata tramite le
giornate di orientamento presso
gli atenei che propongono le
proprie offerte formative.
una volta uscito dalluniversit
sapeva gi cosa avrebbe fatto?
La mia passione per il diritto nasce tra i banchi del Liceo Ma-
miani prima e poi al Tacito, con i primi studi di storia e flosofa.
Iniziai ad appassionarmi alla Giustizia seguendo i nuovi scenari
processuali e i nuovi metodi di indagine del Maxi Processo. Come
tutte le matricole, non nascondo che allinizio ho avuto il timore
di aver sbagliato tutto, ma mi bastata la prima lezione di diritto
costituzionale (con il Prof. Ferrara) e poi di diritto privato e penale
con il Professor Coppi nellAula Magna della Sapienza a capire
che era la mia strada.
ha iniziato a lavorare presto?
Allet di 23 anni, ancora da studente, ricordo di essere stato cos
affamato di conoscenza, che cominciai gi a lavorare in uno studio
legale, per toccare con mano quello che fno ad allora leggevo
solo sui libri. E cos ricordo le sveglie di mattina alle 4 per andare
a notifcare, le fle negli uffci, i depositi, i ritiri. Ero felice e mi
piaceva. In quel tempo, ho scoperto il mio interesse per il diritto
del lavoro, cos dopo la laurea conseguita con il massimo dei voti,
ho seguito il Master in Diritto del Lavoro, nonch altri titoli di
specializzazione in diritto civile, penale ed amministrativo presso
le pi note scuole di alta formazione giuridica.
Le recenti riforme stanno rendendo pi complesso lapproccio
dei neolaureati con il mondo lavorativo?
In linea di massima, a mio parere no. Ad esempio il d.l. 24
gennaio 2012 introduce alcune innovazioni che tentano un nuovo
tipo di dialogo tra luniversit e il mondo del lavoro, in continua
trasformazione. Lart. 9 comma 6 del decreto, infatti, dispone che
la durata della pratica legale di 18 mesi e non pi di 24. In ogni
caso, penso che il periodo di pratica sia una fase fondamentale per
la formazione del professionista che, al di l della durata, deve
essere vissuta con il massimo impegno e la massima dedizione e
grinta che solo un giovane laureato pu dimostrare. Nel notariato
sono state poste in essere delle riforme dirette ad aumentare i
posti messi a disposizione per i prossimi concorsi, ma ci ancora
insuffciente.
nali affronteranno specifci percorsi destinati ad acquisire
le competenze giuridiche in un determinato settore, tra cui:
giurista dimpresa, imprese pubbliche, imprese amministrati-
ve, consulenti del lavoro.
consigliabile un Corso di laurea magistrale in giurispru-
denza, articolato su un ciclo unico di 5 anni, se lobiettivo
il perfezionamento delle capacit menzionate e laccesso a
professioni forensi quali quelle di magistrato avvocato e notaio
e giuristi dimpresa.
n
OFFERTA FORMATIVA
37
Laccesso alle professioni un tasto dolente per questi studi
Sono convinto che il problema non solo lUniversit ma anche
laccesso alle Professioni, i cui criteri di ingresso ed entrata sono
principalmente gestiti dagli Ordini Professionali che notoriamente
hanno interessi di segno opposto al libero accesso, mirando a pre-
servare particolarismi di casta e privilegi. Tuttavia solo da una sana
competizione sul campo possono uscire e individuarsi i migliori
Avvocati, Notai, Uffciali Giudiziari, Giudici, Pubblici Ministeri
etc. I giovani reclamano lopportunit di studiare soprattutto poter
gareggiare. Non pretendono altro se non di partecipare alla gara
della propria vita.
di solito dopo quanti anni un laureato in Giurisprudenza inizia
realmente ad entrare nel mercato del lavoro?
Le statistiche parlano chiaro: giurisprudenza una delle facolt pi
gettonate, tuttavia ha alcune delle percentuali pi alte di abbandoni
e di disoccupazione dei neolaureati. I requisiti per entrare nel mon-
do del lavoro, per, vanno oltre la capacit di memorizzare innu-
merevoli argomenti. Le tre principali professioni forensi (avvocato,
magistrato e notaio) richiedono che lo studente sviluppi determinate
abilit oratorie e sia capace di creare emozioni, suggestioni ed in-
canti attraverso la sua capacit espressiva, il morso della polemica,
la geometria del raziocinio, lo splendore delleloquenza, la risorsa
della dottrina. Il numero di anni trascorsi i quali un laureato entra
nel mondo del lavoro, pertanto, dipende principalmente dalle sue
qualit soggettive. La permanenza nel predetto mondo del lavoro
legata, invece, allimpegno ed alla capacit di adattarsi e superare
gli ostacoli presenti nella nuova realt lavorativa.
Lauree triennali. a suo avviso, hanno una loro validit o ne-
cessaria la magistrale e/o altri corsi di specializzazione?
A mio parere la laurea in Giurisprudenza una di quelle che sono
tassativamente da evitare per tutti quelli che pensano non so che
fare, far legge perch in tal modo ho un ampio raggio di prospet-
tive, tanto dovrei guadagnare bene in ogni caso. Ci premesso,
necessaria - bench neppure suffciente a mio avviso nellottica di
una formazione eccellente - la laurea magistrale per comprendere le
diramazioni, i settori, le nozioni e le relative problematiche di una
materia complessa.
a.d.r.
giurisprudenza
Universit Cattolica del Sacro Cuore;
Universit degli studi di Brescia;
Universit degli Studi dellInsubria: Uni-
versit degli Studi di Milano Bicocca;
Universit degli Studi di Pavia; Universi-
t commerciale Luigi Bocconi.
Marche
Universit degli Studi di Macerata;
Universit degli Studi di Camerino; Uni-
versit degli Studi di Urbino Carlo Bo
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
Orientale Amedeo Avogadro; Univer-
sit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli studi di Bari Aldo
Moro; Universit Mediterraneo Jean
Monnet; Universit degli Studi di Fog-
gia: Universit degli Studi del Salento
Sardegna
Universit degli studi di Cagliari; Uni-
versit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania: Libera
Universit degli Studi di Enna Kore;
Universit degli Studi di Messina; Uni-
versit degli Studi di Palermo
trentino
Universit degli Studi di Trento
toScana
Universit degli Studi di Firenze;
Universit degli Studi di Pisa; Universit
degli Studi di Siena
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi di Padova; Univer-
sit degli Studi di Verona
univerSita teLeMatiche
E-Campus; Giustino Fortunato;
Guglielmo Marconi; Pegaso; Nicol
Cusano
dove Si Studia
Potr inoltre accedere alla Scuola di specializ-
zazione per le professioni legali e a quella per
laccesso allinsegnamento di materie giuridiche
nelle scuole secondarie superiori, ai concorsi
per il dottorato di ricerca, ai concorsi pubblici per
i ruoli di funzionario e trovare occupazione nel
sistema delle aziende private, degli intermediari
bancari e fnanziari.
ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni:
giudice; notaio; avvocato; avvocato dufficio; magistrato;
procuratore; alta dirigenza o funzionario nella pub-
blica amministrazione o nelle imprese private; carriera
diplomatica; organizzazioni internazionali; consulente
banche e assicurazioni.
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 30,1%
- lavora ed iscritto alla specialistica 18,8%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.339 euro
- donne 944 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
La legge oscura
Michele Anis
toghe rotte. La giustizia raccontata da chi la fa
Bruno Tinti
Farla franca. La legge uguale per tutti?
Colombo Gherardo; Marzoli Franco
OFFERTA FORMATIVA
38
ingegneria
aCCEssO: Accesso: libero/numero programmato a livello locale, secondo gli atenei.
test di ingresso il 5 settembre 2012, a livello nazionale
aBruzzo
Universit degli Studi de LAquila
BaSiLicata
Universit degli Studi della Basilicata
caLaBria
Universit della Calabria; Universit
degli Studi Mediterranea
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Federico
II; Seconda Universit degli Studi di
Napoli; Universit degli Studi di Napoli
Parthenope; Universit degli Studi
di Salerno; Universit degli Studi del
Sannio
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Genova; Uni-
versit degli Studi di Ferrara; Universit
degli Studi di Modena e Reggio Emilia;
Universit degli Studi di Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Univer-
sit degli Studi di Udine
Lazio
Universit degli Studi di Cassino; Uni-
versit degli Studi di Roma Tor Vergata;
Universit degli Studi Roma Tre; Sa-
pienza Universit di Roma; Universit
Campus Bio Medico Roma
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi di Bergamo; Uni-
versit degli Studi di Brescia; Universit
Carlo Cattaneo; Politecnico di Milano;
Universit degli Studi di Pavia
Marche
Universit Politecnica delle Marche
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise
pieMonte
Politecnico di Torino
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
Gli sbocchi professionali per un laureato in ingegneria sono
variegati e molto articolati. Gli ingegneri, infatti, essendo attivi
in campi molto diversi tra loro possono trovare impiego come
liberi professionisti, nellindustria o in enti pubblici ma anche
nel settore della ricerca. Questa fgura professionale gode di
ottima occupabilit sia in italia che allestero dove lattivit di
progettazione di grandi opere e prototipi industriali sempre
pi richiesta. limpiego nellindustria e nel terziario rappresen-
ta al momento lo sbocco professionale pi denso. un campo
sempre pi in via di sviluppo, richiede delle fgure costante-
mente aggiornate quindi possiamo affermare con certezza che
necessario un aggiornamento costante. i principali sbocchi
occupazionali dellarea dellingegneria civile riguardano impre-
se di costruzione e manutenzione di opere civili, impianti
oBiettiVi ForMatiVi
la facolt di ingegneria in tutti i suoi molteplici corsi di laurea
tende a formare un soggetto con specifche competenze tecni-
che, progettistiche e culturali tali da consentirne lapplicazione
nei diversi campi dinteresse.
tra i cdl con maggiore affuenza possiamo annoverare: linge-
gneria civile, ambientale, elettronica e delle telecomunicazioni,
edile, informatica, gestionale, energetica e nucleare, biomedica
ed aerospaziale. in quella civile lo scopo formare esperti di
metodi e contenuti scientifci con competenze specifche nello
sviluppo di progetti e di cantieri di costruzioni civili, idrauliche e
di infrastrutture di trasporto. lingegneria ambientale fornisce
al soggetto la capacit di analizzare e valutare le conseguenze
che intercorrono nel rapporto costruzioni - ambiente, nel settore
delelettronica oltre a dover acquisire i cardini dellingegne-
n n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
39
ingegneria
dove Si Studia
facolt/dipartimento * corso di laurea
PaRLa IL dOCEntE
ALESSANDRO TALAMELLI,
Professore associato
confermato presso lAlma
Mater Studiorum di
Bologna
Scegliere una sede che permetta loro di
seguire al meglio le lezioni e di instaurare un
rapporto diretto con i propri docenti. Porre
molta attenzione alle materie di base
Sedovessesuggerireunospecifcocorsodilaureanellambitodellavasta
offerta ingegneristica quale sarebbe? Perch?
E molto diffcile suggerire un corso specifco. In primo luogo direi di seguire le
proprie inclinazioni e le proprie passioni. In mancanza di una chiara vocazione si
pu fare riferimento a quelle discipline che potenzialmente hanno unofferta di
lavoro pi ampia. Attenzione per, questa scelta pu essere pericolosa. Si deve
tenere infatti presente che dal momento della scelta del corso di studi al giorno
della laurea, e quindi della effettiva disponibilit ad entrare nel mondo del lavoro,
passano degli anni e lo scenario pu cambiare radicalmente. Comunque, nellam-
bito delle discipline ingegneristiche, qualora ci si accorga di avere scelto un corso
di studio non adatto alle proprie aspirazioni si pu facilmente cambiare.
quali sono, a suo parere, le professioni del futuro legate allingegneria?
Vedo molto interessanti le professioni legate al recupero energetico e allo studio
di nuove fonti di energia alternativa. Questo tipo di attivit coinvolgono Ingegneri
Meccanici, Elettronici, Elettrici e anche Ingegneri Aerospaziali. Il settore dei
trasporti avr anchesso bisogno di Ingegneri con diverse specializzazioni,
Meccanica, Aerospaziale, Elettronica. Nel prossimo futuro si dovr lavorare
molto al fne di minimizzare i consumi e migliorare leffcienza complessiva dei
mezzi di trasporto, sia per diminuire i costi di esercizio che per ridurre le sostanze
inquinanti emesse.
In termini di occupazione, crede che lingegneria possa offrire ancora oppor-
tunit in Italia? Oppure vede maggiore possibilit di successo allestero?
Ho la fortuna di insegnare, oltre che a Bologna, al Royal Institute of Technology a
Stoccolma. Confrontando il panorama industriale dei due paesi ho limpressione
che in Italia purtroppo si stia facendo sempre meno innovazione e progettazione.
Questo pu essere parzialmente dovuto alla crisi attuale, ma anche frutto di
scelte industriali del passato che purtroppo si sono rivelate pessime. Penso che in
Italia ci sar sempre bisogno di Ingegneri per cui non mi preoccuperei troppo dal
punto di vista occupazionale. Penso per che allestero ci saranno pi opportunit
per partecipare a grossi progetti strategici e quindi pi possibilit di crescere
professionalmente.
un consiglio alle future matricole
Seguire in primo luogo le proprie passioni. Scegliere una sede che permetta loro di
seguire al meglio le lezioni e di instaurare un rapporto diretto con i propri docenti.
Porre molta attenzione alle materie di base, in particolare quelle del primo anno.
Costituiranno le fondamenta della loro professione futura.
m.g.
pugLia
Universit degli Studi del Salento;
Politecnico di Bari
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania;
Universit degli Studi di Messina;
Universit degli Studi di Palermo
toScana
Universit degli Studi di Firenze; Uni-
versit di Pisa; Universit degli Studi
di Siena
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento
uMBria
Universit degli studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi di Padova
teLeMatiche
Universit telematica E-Campus;
Universit Telematica Internazionale
Uninettuno
PaRLa LEsPERtO
SAMANTHA CRISTOFORETTI,
Aviatrice e Astronauta
Italiana presso ESA
European Space Agency
Consolidare un curriculum interna-
zionale e pratico. E acquisire una
conoscenza dellinglese analoga a
quella dellitaliano
quando nata la passione per lo
spazio?
Fin da molto giovane sono stata appassionata dellavventura
degli esseri umani nello spazio. La passione si poi consolidata
attraverso gli studi di ingegneria aerospaziale e laddestramento
come pilota militare.
Sedovessesuggerireunospecifcocorsodilaureanellambi-
to dellingegneria, quale sarebbe?
Credo che tutti i corsi di ingegneria forniscano le solide basi teo-
riche e la capacit di problem solving che rendono gli ingegneri
molto apprezzati in tante professioni, anche non squisitamente
tecniche. Consiglierei quindi di scegliere lo specifco corso di
laurea sulla base delle inclinazioni personali e valutando i punti
di forza degli specifci atenei in considerazione.
Laerospazio un settore in continua evoluzione, quali
sono, a suo parere, le professioni del futuro legate a questa
materia?
Pi che le professioni del futuro, ho in mente i neo-ingegneri
del futuro. Giovani che si sono laureati in tempi ragionevoli
e che nel loro percorso di studi hanno cercato ogni occasione
di lavorare su progetti ingegneristici reali e le universit per
fortuna oggi offrono sempre di pi tali opportunit. Giovani
che portano quindi fn da subito labitudine a lavorare in team,
a cercare soluzioni innovative, a confrontarsi con scadenze e
limiti di budget.
Crede che oggi in Italia sia possibile essere un ingegnere
aerospaziale?
Certamente, ma vero che laccesso allindustria aerospaziale
forse tra i pi competitivi. Peraltro lavorare nei programmi
spaziali non appannaggio esclusivo degli ingegneri aerospa-
ziali, richiesta anzi una grande variet di specializzazioni e il
valore dellindividuo ben pi importante che non possedere
uno specifco titolo accademico piuttosto che un altro.
un consiglio concreto alle future matricole
Cogliere ogni occasione di consolidare un curriculum inter-
nazionale e pratico. E acquisire una conoscenza dellinglese
analoga a quella dellitaliano. Sembra banale, ma purtroppo i
giovani del sud Europa sono ancora penalizzati da un defcit di
competitivit in questo senso.
m.g.
oFFerta ForMatiVa
40 ingegneria
Consiglibibliografci
dallo spazio alla terra. una storia
di uomini e tecnologie
Giovanni Caprara
Lingegnere, una vita
Paolo Barbaro
ed infrastrutture civili.
Gli sbocchi occupazionali dellarea dellingegneria am-
bientale e del territorio possono comprendere sia imprese
pubbliche che private e studi professionali per la progettazio-
ne, pianifcazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi
di controllo e monitoraggio dellambiente e del territorio.
Nellarea biomedica riguardano industrie del settore biome-
dico e farmaceutico produttrici e fornitrici di sistemi, appa-
recchiature e materiali per diagnosi, cura e riabilitazione. Nel
campo elettronico si pu trovare impiego presso imprese di
progettazione e produzione di componenti, apparati e sistemi
elettronici ed optoelettronici, industrie manifatturiere ma
anche amministrazioni pubbliche ed imprese di servizi che
applicano tecnologie ed infrastrutture elettroniche per il
trattamento, la trasmissione e limpiego di segnali in ambito
civile, industriale e dellinformazione. lingegnere gestionale
lavorer allinterno di imprese manifatturiere, di servizi e
pubblica amministrazione per gestione di materiali, organiz-
zazione aziendale e produzione, automazione dei sistemi pro-
duttivi, logistica, project management e controllo di gestione.
larea dellingegneria informatica consente di trovare occu-
pazione presso industrie informatiche effcaci negli ambiti
della produzione hardware e software, presso industrie per
lautomazione e la robotica o imprese operanti nellarea dei
sistemi informativi e delle reti di calcolatori. i principali sboc-
chi occupazionali dellarea dellingegneria aerospaziale sono
nel campo delle industrie aeronautiche e spaziali, aziende
di trasporto aereo, enti per la gestione del traffco aereo,
aeronautica militare.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: lingegnere
potr essere chimico, fisico, civile, edile, informatico, nucleare,
aerospaziale, aeronautico, gestionale
ria generale, lo studente imparer a lavorare nellambito della
progettazione elettronica (sistemi elettronici, circuiti, apparati) o
delle telecomunicazioni (tecnologie elettromagnetiche, telemati-
ca e trasmissione ed elaborazione dellinformazione).
lingegneria informatica da allo studente una competenza
complessa e ben articolata dellinformatica pi avanzata, non
viene tralasciata ovviamente una formazione di tipo complessivo
della materia base. il cdl in meccanica fornisce allo studente
competenze per poter concorrere alle attivit di progettazione,
realizzazione e gestione sia dellingegneria meccanica che
industriale, verr insegnato loro come conoscere gli aspetti
teorico-scientifci della matematica e delle altre scienze di base
ed essere capaci di utilizzarle per interpretare e descrivere i
problemi dellingegneria.
il cdl in gestionale forma soggetti in grado di ricoprire ruoli
manageriali per i quali siano richieste competenze di natura
tecnologica, con riferimento allanalisi e gestione dei processi
di produzione e logistici e dei processi gestionali aziendali.
lingegneria aerospaziale da allo studente gli strumenti per
essere in grado di applicare gli strumenti analitici, le tecniche
di simulazione e le conoscenze relative alle tecnologie avanza-
te, il soggetto dovr esser in grado di produrre modelli fsico/
matematici tali da analizzare caratteristiche e prestazioni degli
aeromobili, la struttura dellambiente fsico e della situazione
meteorologica, studiare metodi avanzati per la regolazione
e sorveglianza della circolazione aerea mediante sistemi di
elaborazione e trasmissione delle informazioni in ambiente ae-
rospaziale. il cdl in ingegneria energetica e nucleare si propone
di fornire una buona conoscenza delle discipline matematiche,
fsiche, chimiche e informatiche, nonch delle tematiche fon-
damentali dellingegneria industriale, con particolare riguardo
alla termodinamica, fuidodinamica, trasmissione del calore e
allelettrotecnica. lingegneria biomedica fornisce unelevata
preparazione culturale e professionale nellambito delle materie
specifche della classe, con particolare riguardo alla progetta-
zione innovativa di dispositivi biomedici per diagnosi, analisi di
sistemi biologici complessi, terapia, riabilitazione, elaborazione
di dati e immagini, gestione di servizi di ingegneria clinica.
largo spazio riservato allapprendimento dei moderni metodi
di progettazione assistita e di modellistica e simulazione.
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 13.5%
- lavora ed iscritto alla specialistica 14.4%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 994 euro
- donne 628 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
41
aCCEssO: libero
lettere e flosofa
aBruzzo
Universit degli Studi Gabriele DAn-
nunzio di Chieti-Pescara; Universit
degli studi dellAquila
BaSiLicata
Universit degli Studi della Basilicata
caLaBria
Universit della Calabria
caMpania
Universit degli Studi di Napoli -
Federico II; Universit degli Studi di
Salerno; Universit degli Studi Suor
Orsola Benincasa; Seconda Univer-
sit degli Studi di Napoli; Universit
degli Studi di Napoli LOrientale
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Universit degli studi di Parma;
Universit degli Studi di Ferrara;
Universit degli Studi di Modena e
Reggio Emilia; Universit degli studi
di Pavia
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Uni-
versit degli Studi di Udine
Lazio
Sapienza Universit di Roma (Filoso-
fa, Lettere, Sc.Umanistiche e Studi
Orientali); Universit degli Studi
Roma Tre; Universit degli Studi di
Roma Tor Vergata; Universit degli
Studi della Tuscia; Libera Universit
degli Studi Maria Ss.ma Assunta
LUMSA di Roma; Universit degli
Studi di Cassino; Universit degli
Studi Europea di Roma* (Fac. in AM-
BITO di STORIA)
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi di Milano;
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
MARIA LUISA CHIRICO
Facolt di Lettere e
Filosofa della Sun
Il primo requisito, per non perdere la
bussola, sapere che cosa si vuol fare,
avere un interesse, un obiettivo. Il se-
condo requisito informarsi, chiedere.
Per Maria Luisa Chirico, presidente del
corso di laurea in Lettere alla Seconda
Universit di Napoli, lorientamento
preuniversitario dovrebbe essere uno
step fondamentale per iniziare a muove-
re i primi passi dentro gli atenei.
SBoCCHi ProFeSSioNali
Negli ultimi anni mutata la relazione tra umanisti e mondo
del lavoro in conseguenza, soprattutto, di una progressiva crisi
della professione di insegnante, tradizionalmente collegata alla
Facolt di lettere e Filosofa. la laurea in lettere consente di
svolgere, autonomamente e con funzioni dirigenziali, attivit
professionali in ambiti diversi come la redazione e la correzione
di testi, la supervisione e lattivit di editor; le pratiche di pubbli-
cista, di organizzatore e operatore culturale, di curatore di uffci
stampa, di orientamento e promozione della lettura.
Nel settore pubblico la laurea in lettere e flosofa da accesso
a tutti i concorsi per biblioteche, uffci studio, organizzazione
culturale, pubblicit, gestione del personale, servizio stampa,
pubbliche relazioni. Nel settore privato, invece, le opportunit
sono in giornalismo, programmazione presso aziende, gestione
del personale, pubblicit creativa, gestione tecnologica
oBiettiVi ForMatiVi
il corso mira a fornire una solida preparazione di base per chi
intenda proseguire gli studi per accedere allinsegnamento, ma
mira anche a formare fgure professionali che operino in enti
pubblici e privati, nel campo culturale, nel settore delledito-
ria e del giornalismo. il Corso di laurea in lettere offre allo
studente una solida formazione articolata principalmente nelle
materie letterarie, linguistiche, storiche, artistiche. il Corso
prevede percorsi specifci: indirizzo classico (ambito flologico-
letterario, ambito storico, ambito archeologico), indirizzo mo-
derno (ambito flologico-linguistico, ambito letterario, ambito
storico, ambito artistico), indirizzo culture letterarie europee.
Concorrono a questa formazione le competenze linguistiche
relative alla civilt italiana e a quella europea moderna e la
padronanza degli strumenti informatici di gestione di dati e di
elaborazione multimediale per lacquisizione e la diffusione del
sapere nel campo delle scienze umanistiche.
n
n
n
* corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
42 lettere e flosofa
PaRLa LEsPERtO
DOMENICO FIORMONTE,
Ricercatore in
Sociologia della
comunicazione
Universit Roma Tre
Allappuntamento con il
mercato del lavoro gli studenti
dovrebbero arrivare preparati e
consapevoli che dopo la laurea,
a volte, c da aspettare.
In questi casi, consiglia domenico Fiormonte, non bisogna
avere troppa ansia di allungare i tempi di ingresso, perch oggi
proseguire la formazione in et adulta la regola in tutti i paesi
occidentali.
Lei si laureato in Lettere con una tesi sperimentale sullin-
fuenzadelcomputersullascrittura.Especializzandosiche
si trovano sbocchi professionali nel settore umanistico?
Pi che di specializzazione io parlerei di innovazione: cercan-
do nuove idee che si costruisce il futuro. Bisogna scegliere un
argomento che ci appassiona e affrontarlo con determinazione
ma anche con serenit. Oggi nessuno in grado di dirci che
lavoro troveremo alla fne del percorso universitario. Non esi-
stono ricette universali. Perci tanto vale investire in ci in cui
crediamo. Alla fne il successo lavorativo solo un rifesso della
soddisfazione personale, non viceversa come comunemente si
crede.
Lei la prova che i laureati in lettere possono sopravvivere
benissimo al mercato del lavoro
Sono stato fortunato perch prima di vincere un concorso da
ricercatore ho lavorato come consulente vari anni per la RAI,
per la FAO e per altre aziende e amministrazioni nel campo della
scrittura professionale, dei contenuti web e delledizione digi-
tale. Alle spalle avevo un dottorato preso nel Regno Unito e nel
complesso quattro anni passati allestero. Oggi fare unesperien-
za fuori dei propri confni ancora pi essenziale. E se il lavoro
non si trova, a maggior ragione occorre investire nella propria
formazione. Senza troppa ansia di allungare i tempi di ingresso
nel mercato del lavoro, perch oggi proseguire la formazio-
Universit degli Studi di Pavia;
Universit Cattolica del Sacro Cuore;
Universit degli Studi di Bergamo*
(Fac. Scienze Umanistiche); Univer-
sit Vita-Salute San Raffaele* (Fac. di
Filosofa)
Marche
Universit degli Studi di Macerata; Uni-
versit degli Studi di Urbino Carlo Bo
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise*
(Fac. Scienze Umane e Sociali)
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
Orientale Amedeo Avogadro; Uni-
versit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo
Moro; Universit degli Studi di Fog-
gia; Universit degli Studi del Salento
Sardegna
Universit degli studi di Cagliari;
Universit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Palermo;
Universit degli Studi di Catania; Uni-
versit degli studi di Messina
toScana
Universit degli Studi di Firenze; Uni-
versit degli Studi di Pisa; Universit
degli Studi di Siena; Universit per
stranieri di Siena (Laurea in Lingua
e Cultura Italiana); Scuola Normale
Superiore Pisa;
trentino
Universit degli Studi di Trento
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi Ca Foscari
di Venezia; Universit degli Studi di
Udine; Universit degli Studi di Pado-
va; Universit degli Studi di Verona;
Universit degli Studi di Padova
dove Si Studia
Ma professoressa anche vero che unofferta formativa molto
ampia genera confusione?
Oggi ci sono incontri nelle scuole, incontri presso le varie facolt,
c molto materiale informativo a disposizione delle aspiranti
matricole. Quello, per, che mi sentirei di suggerire agli studenti
cercare un contatto diretto con i docenti e i tutores che si occupano
di orientamento, ai quali formulare domande, esporre dubbi, chie-
dere informazioni mirate.
Quali sono i corsi di laurea, allinterno della Facolt, che a
chiusura del primo ciclo triennale permettono di inserirsi nel
mondo del lavoro?
Teoricamente entrambi i Corsi di laurea attivi presso la nostra
facolt, Lettere e Conservazione dei beni culturali dovrebbero of-
frire la possibilit di inserirsi nel mondo del lavoro. In particolare,
il Corso di laurea triennale in Lettere, secondo quanto prevede
la legge, offre competenze e saperi spendibili in pi mbiti. Il
laureato potr, innanzitutto, utilizzare le conoscenze e le capacit
critiche acquisite per intraprendere il percorso dellinsegnamento
delle discipline letterarie nelle scuole secondarie, accedendo alle
lauree magistrali e agli ulteriori percorsi abilitanti. Le competenze
acquisite dai laureati in lettere sono tuttavia utili anche in altri
settori, pubblici e privati, quali gli archivi, le biblioteche, leditoria
e la pubblicit; esse possono,inoltre, essere utilizzate anche nelle-
mergente settore dei servizi alla persona (in enti pubblici e privati
e nelle istituzioni che organizzano attivit culturali), in attivit
associative o centri di orientamento e promozione della lettura.
Cosa rappresenta la tesi di primo livello per gli studenti della
vostra Facolt?
la naturale conclusione del percorso formativo, il momento
in cui si tirano le somme. Al candidato si chiede di indagare un
aspetto, una questione particolare, legata al suo percorso di studi
e agli interessi maturati durate il triennio. Si tratta, nella maggior
parte dei casi, di tesi compilative, spesso per informate da spirito
critico.
Il mercato premia i vostri laureati?
Oggi la situazione del mercato del lavoro, diffcile per tutti i set-
tori, crea una situazione generale di incertezza, di cui siamo tutti
consapevoli. Ai nostri studenti consigliamo, perci, di approfon-
dire durante il triennio la conoscenza delle lingue straniere, su cui
il nostro ateneo e la nostra facolt stanno investendo molto, per
offrire delle chances in pi, per metterli in condizione di essere
competitive e di muoversi, nel loro futuro, in una prospettiva pi
ampia.
a.d.r.
n
* corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
43
lettere e flosofa
ne in et adulta la regola in tutti i paesi occidentali.
un maturando che vuole orientarsi verso studi umanistici
come pu districarsi nellenorme offerta formativa del setto-
re. Lei aveva le idee chiare prima di iniziare?
Non ce lavevo affatto ahim! Allinizio volevo studiare teatro
ma sono fnito a laurearmi in Storia della lingua italiana, affa-
scinato dalla concretezza della materia e dalle indimenticabili
lezioni di un grande professore come Luca Serianni. Perci
quello che consiglio di seguire le materie e le discipline dove
appare pi solido e pi concreto linsegnamento.
Per fare la scelta giusta che cosa si deve guardare allinterno
di un corso di laurea?
Non facile per una matricola districarsi nellattuale e spes-
so caotica offerta formativa. Il mio consiglio di andare alle
giornate di orientamento e di ascoltare che cosa dicono i docenti.
Il che non vuol dire necessariamente scegliere gli indirizzi pi
applicativi. In realt la rifessione teorica (flosofca, antropo-
logica, sociologica, ecc.) uno strumento chiave per comprende-
re (e cambiare) la societ.
Fermarsi alla triennale o continuare con la magistrale?
Purtroppo il sistema attuale, almeno per ci che riguarda i corsi
di laurea umanistici, rende spesso insuffciente linsegnamento
triennale. Il 3+2 stato pensato con in mente il modello angloa-
mericano, senza tenere in conto le profonde differenze culturali
di ciascun paese, nonch la peculiarit degli studi umanistici.
Per cui io consiglierei di iniziare con il triennio ed eventual-
mente essere pronti a spostarsi altrove, magari anche in unaltra
universit, per il biennio di specializzazione.
a.d.r.
condizione occupazionaLe
e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 22,7 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 16,8 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 887 euro
- donne 688 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
degli archivi, marketing, organizzazione culturale e artistica.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: dirigente
scolastico; giornalista; orientatore al lavoro; insegnante (maestro/
professore); insegnante di sostegno; archivista; docente universita-
rio; e-learning menager; responsabile della didattica; information
broker.
Consiglibibliografci
storia europea della letteratura
italiana Alberto Asor Rosa
Guida alluso delle parole
Tullio De Mauro
Esercizi di stile Raymond Queneau
Il polo umanistico della Sapienza rappresenta una signifcativa realt universitaria europea dedicata allo studio della tradizione umanistica, nei suoi molteplici
aspetti e prospettive di ricerca.
In seguito alla riorganizzazione prevista dal nuovo Statuto della Sapienza, alla Facolt afferiscono otto Dipartimenti ( Filosofa; Istituto italiano di Studi
Orientali-ISO; Scienze dellAntichit; Scienze documentarie, linguistico-flologiche e geografche; Storia dellArte e Spettacolo-Arti visive, digitali, teatro,
cinema, danza e patrimoni culturali; Storia, Culture, Religioni; Studi europei, americani e interculturali; Studi greco-latini, italiani, scenico-musicali), dislocati
in diverse sedi (edifcio di Lettere della Citt Universitaria; Villa Mirafori; edifcio dell Ex Caserma Sani; edifcio delle Ex Vetrerie Sciarra).
La ricca Offerta Formativa prevista per la. a. 2012- 2013 articolata in 15 Corsi di Laurea triennale: tre a numero programmato e con prova daccesso
(Lingue e Civilt orientali; Mediazione linguistica e interculturale; Scienze della Moda e del Costume), gli altri dodici con prova dingresso per la verifca delle
conoscenze-PVC (Arti e Scienze dello Spettacolo; Filosofa; Letteratura, Musica e Spettacolo; Lettere classiche; Lettere moderne; Lingue, Culture, Letterature,
Traduzione; Scienze archeologiche; Scienze archivistiche e librarie; Scienze del Turismo; Scienze geografche per lambiente e la salute; Storia, Antropologia,
Religioni; Studi storico- artistici).
Per la Laurea Magistrale, i corsi attivati sono 18. Di essi, due sono a numero programmato per i quali richiesta la verifca dei requisiti curriculari e una
prova daccesso (Editoria e Scrittura; Lingue e Civilt orientali); gli altri sedici prevedono la verifca dei requisiti curriculari e della personale preparazione
(Archeologia; Archivistica e Biblioteconomia; Discipline etno- antropologiche; Filologia, Letterature e Storia del mondo antico; Filosofa; Gestione e
valorizzazione del territorio; Letteratura e Lingua: studi italiani ed europei; Linguistica; Musicologia; Scienze della Moda e del Costume; Scienze del Testo;
Scienze linguistiche, letterarie e della traduzione; Scienze storiche: Medioevo, Et moderna, Et contemporanea; Scienze storico- religiose; Spettacolo teatrale,
cinematografco, digitale: teorie e tecniche; Storia dellArte).
LOfferta Formativa post lauream garantisce, oltre allambito delle Scuole di Specializzazione, Master di primo e secondo livello e un articolato numero di
Dottorati di ricerca.
Orientamento studenti sort:
Palazzo di Lettere
Tel. 06/49913028
Villa Mirafori, Via Carlo Fea 2, Filosofa
Tel. 06/49917261
Via Principe Amedeo 182/b, Studi Orientali
Tel. 06/44704363
oFFerta ForMatiVa
44
aCCEssO: a numero programmato/ libero, a seconda dellateneo
con eventuali test di verifca, non vincolanti alliscrizione
lingue
aBruzzo
Universit degli Studi, G. DAnnunzio-
Chieti Pescara; Universit dellAquila*
(Lettere e Filosofa);
BaSiLicata
Universit della Basilicata* (Lettere e
Filosofa);
caLaBria
Universit della Calabria* (Lettere e
Filosofa);
caMpania
Universit degli Studi Suor Orso-
la Benincasa* (Lettere e Filosofa);
Universit degli Studi di Napoli
LOrientale; Universit degli Studi
di Napoli LOrientale*(Lettere e
Filosofa);Universit degli Studi di
Napoli Federico II*(Lettere e Filosofa);
Universit degli Studi di Salerno
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Scuola Superiore di Lingue Moderne
per Interpreti e Traduttori (SSLMIT-
Univesit degli studi di Bologna-); Uni-
versit degli Studi di Ferrara*(Lettere
e Filosofa); Universit degli studi di
Parma* (Lettere e Filosofa);Universit
degli Studi di Modena e Reggio Emilia*
(Lettere e Filosofa).
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di
Trieste*(Lettere e Filosofa), Universi-
t degli Studi di Udine; Scuola Supe-
riore di Lingue Moderne per Interpreti
e Traduttori di Trieste
Lazio
Sapienza Universit di Roma*
(Lettere e Filosofa), Universit
degli Studi Roma Tre* (Lettere e
Filosofa), Universit degli Studi Tor
Vergata*(Lettere e Filosofa); Uni-
versit degli Studi della Tuscia;
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
GIOVANNI TURCHETTA,
Presidente del Corso di laurea in mediazione
linguistica e culturale
Universit degli Studi di Milano
Molti ragazzi sono attratti dalle lingue ma poi temono il vuoto professionale,
lei cosa ne pensa?
In merito al corso di mediazione linguistica culturale, ci sono riscontri molti buo-
ni, ma noi siamo molto diversi da lingue,che ha una calatura verso le letterature
con sbocchi come linsegnamento e il settore editoriale. Mediazione culturale,
offre un ventaglio di discipline giuridiche, sociali ed economiche, volte a formare
gli operatori sociali e gli addetti alle relazioni internazionali nelle aziende. Non
si tratta di traduttori, ma di operatori che in contesti sociali di vari impegno, come
ospedali, tribunali,ONG, contesti diplomatici, sono in possesso di capacit non
solo linguistiche, ma di percezione culturale.
Il corso in mediazione culturale, attrae anche gli studenti stranieri. Lintera-
zione interculturale facilita il percorso formativo?
In parte s, ma anche vero che lo studente che si avvicina a questo tipo di studi
gi in possesso di una predisposizione allincontro. Il nostro ateneo conta con un
20% di studenti stranieri, provenienti da Cina, Nord Africa, paesi dellex Europa
orientale e Sud America, per i quali abbiamo creato un curriculum apposito
(mediatore straniero) che immodestamente posso dire di avere creato. Il contatto
diretto e quotidiano con lo straniero, incrementa la consapevolezza dellaltro.
Esiste una tendenza ai raggruppamenti culturali e linguistici, ma il livello di scam-
bio alto. Costituiamo una sorta di progetto pilota di integrazione culturale.
Lei come si avvicinato alla cultura della mediazione linguistica? da italiani-
sta a Presidente del Corso di Laurea in Mediazione linguistica?
Come spesso succede, stato un caso. Agli inizi del 2001, quando stava per
nascere il corso, mi hanno coinvolto nella sua costituzione, allinizio non sai
bene dove ti trovi, poi ti rendi conto che stai facendo una cosa che vale la pena.
chiaro che chi si occupa soprattutto di Novecento letterario, possiede un
orientamento al presente, in questo senso c la congruenza didattica e formativa.
La mediazione proprio questo, la conciliazione tra gli studi letterari e quelli
giuridico - sociali.
a.c
oBiettiVi ForMatiVi e SBoCCHi
i corsi di lingue sono caratterizzati da unampia variet
tematica. ogni indirizzo e classe di laurea, ha una sua
specifcit: dal turismo, alla letteratura, alla cooperazio-
ne internazionale, alla mediazione linguistica. lacqui-
sizione di competenze letterarie, linguistiche e culturali
delle lingue, oggetto di studio, consentir allo studente
di comprendere a pieno i fenomeni socio-linguistici e
culturali dei paesi studiati, fornendogli inoltre, strumenti
di analisi critica e di lettura degli avvenimenti storici e di
attualit. i laureati potranno utilizzare le conoscenze ac-
quisite come operatori in vari settori dellintermediazio-
ne linguistica e culturale (istituti di cultura, biblioteche,
centri di ricerca); attivit nel campo editoriale (traduzio-
ne, copywriting, editing,etc.); giornalismo e informazio-
ne; comunicazione dimpresa; turismo e beni culturali;
relazioni internazionali; rappresentanze diplomatiche e
consolari; organizzazione di eventi culturali; operatori in
contesti multietnici e multiculturali. le scuole e le facol-
t di interpretariato e traduzioni, si distinguono dallo
studio di lingue e letterature, mirano alla formazione
delle professioni di traduttore ed interprete. Per gli enti
governativi, si accede per concorso.importante verifcare
in modo dettagliato i requisiti e le competenze richieste;
la conoscenza di tre lingue il curriculum base per
accedere alle organizzazioni internazionali come inter-
prete e traduttore. Nel campo della traduzione, molto
richieste sono le specializzazioni in informatica, fnanza,
legge e medicina. Professioni emergenti: traduttori
web e linguisti computazionali. tra le materie studiate:
linguistica, flologia, letteratura straniera, grammatica
della lingua, storia, psicolinguistica, geografa, glottolo-
gia, sociologia dei processi culturali.
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA OFFERTA FORMATIVA
45
lingue
Libera Universit degli Studi Maria
Ss.ma Assunta*, Libera Universit
degli Studi San Pio V (Interpretaria-
to e Traduzione); Universit degli Studi
di Cassino e del Lazio Meridionale*
(Lettere e Filosofa), Universit tele-
matica Guglielmo Marconi* (Lettere e
Filosofa).
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli studi di Bergamo,
Libera Universit di Lingue e Comu-
nicazione IULM,(Facolt di Interpre-
tariato, traduzione e studi linguistici
e culturali), Universit degli Studi di
Milano* (Lettere e Filosofa), Uni-
versit degli Studi di Pavia* (Lettere
e Filosofa),Universit degli Studi
dellInsubria Varese-Como* (Giuri-
sprudenza), Fondazione Milano Lin-
gue (Scuola Superiore per Mediatori
Linguistici, lIstituto Superiore Inter-
preti e Traduttori, lIstituto Superiore
Relazioni Internazionali), Universit
Cattolica del Sacro Cuore
Marche
Universit degli Studi di Macerata*
(Lettere e Filosofa), Universit degli
Studi di Urbino Carlo Bo,
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
orientale Amedeo Avogadro*(Lettere
e Filosofa), Universit degli Studi di
Torino.
pugLia
Universit degli Studi di Bari, Univer-
sit degli Studi del Salento
Sardegna
Universit degli studi di Cagliari, Uni-
versit degli Studi di Sassari,
SiciLia
Universit degli Studi di Catania,
Universit degli studi di Messina*
(Lettere e Filosofa), Universit degli
Studi di Palermo* (Lettere e Filosofa),
Universit degli studi di Enna Kore*(
Scienze Umane e Sociali).
toScana
Universit degli Studi di
Firenze*(Lettere e Filosofa), Universit
degli Studi di Pisa, Universit degli
Studi di Siena*(Lettere e Filosofa-
Arezzo), Universit per Stranieri di
Siena (Lingua e Cultura Italiana)
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento*(Lettere
e Filosofa), ISIT (Istituto Universita-
rio per Mediatori Linguistici) di Trento.
uMBria
Universit degli Studi di Perugia*
(Lettere e Filosofa), Universit per
Stranieri di Perugia (Lingua e Cultura
Italiana)
vaLLe daoSta
Universit della Valle dAosta - Uni-
versit de la Valle DAoste (Lingue e
comunicazione per limpresa e per il
turismo)
veneto
Universit degli di Ca Foscari di Ve-
nezia (Dipartimento di Studi Linguistici
e Culturali Comparati)- (Dipartimento
di Studi sullAsia e sullAfrica Medi-
terranea), Universit degli Studi di
Padova* (Lettere e Filosofa), Universit
degli Studi di Verona - Lingue per
leditoria
PaRLa LEsPERtO
PERICLE SALVINI,
Ricercatore in robotica etica
presso la Scuola SantAnna
di Pisa
Laure in lingue, master in studi teatrali
e dottorato in scienze robotiche, ci pu
descrivere il suo percorso?
Gli esami di drammaturgia del mio corso di
studi, mi portarono a svolgere il lavoro di
tesi in Inghilterra (dove ero gi stato con il programma Erasmus) sul rapporto
tra teatro e nuove tecnologie. Tematica che poi ho proseguito negli studi del
master in studi teatrali, presso lUniversit di Lancaster (a mie spese). Pi pro-
priamente dunque, mi sono occupato di performing art. Un teatro sperimen-
tale che mostra gli scenari, sia positivi che negativi, di fronte a cui luomo pu
ritrovarsi, mediante un uso smodato delle nuove tecnologie.
sperimentazione, nuove tecnologie, scenari futuri e futuristici. sono questi
i fattori che lhanno condotta alla ricerca nel campo della robotica etica?
Quando lessi il bando della Scuola di SantAnna, aperto anche gli umanisti per
un settore prettamente ingegneristico, come la robotica, mi sembr un sogno.
Il mio campo di ricerca la dimensione etico flosofca, in rapporto alla
robotica. Non ho a che fare direttamente con laspetto ingegneristico, sebbene
non mi sia tirato indietro nel campo della progettazione. Ho ideato e realizzato,
con il supporto di tecnici, un volto robotico in grado di esprimere emozioni.
quali sono i campi della robotica etica?
Interazione uomo-macchina, studio della comunicazione, dellatto prossemico,
vale a dire, la distanza delluomo dalla macchina, latteggiamento etico da
adottare. Ho partecipato al progetto europeo Neurobotics ((fusione delle
neuroscienze e della robotica per migliorare le capacit delluomo) che ope-
rava proprio in questo settore. Aumentare le possibilit di interazione, senza
tralasciare, laspetto etico.
Lostudiodellelingue,hainfuitosullasuaspecializzazione?
Ci ho rifettuto molto e credo su due punti essenziali. Primo, il conoscere
linglese mi ha permesso di confrontarmi con la lingua della ricerca per
antonomasia, dandomi libert di espressione. Nei progetti europei ho potuto
scrivere direttamente in inglese. Secondo, linestimabile bagaglio culturale
che ti dona una visione ed uno sguardo diverso sulle cose, dalla capacit di
interpretare un testo, alla capacit di pensare e vivere altre culture che ti per-
mettono di proiettarti verso il futuro, e a soluzioni innovative e collegamenti
inusuali. Osare con la mente e con la progettazione. Inoltre, ti d la possibilit
di comunicare con laltro, di costruire relazioni umane e professionali in una
dimensione interculturale.
a.c
Consiglibibliografci
La mente prigioniera di Czesaw Miosz
Fra Oriente europeo e Occidente slavo di
Luigi Marinelli
Panino al prosciutto di Charles Bukowski
dove Si Studia
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 22,0 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 23,4 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 955 euro
- donne 907 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
46
aCCEssO: test di ingresso a livello nazionale il 4 settembre 2012
il 5 settembre 2012 in lingua inglese
medicina chirurgia
odontoiatria protesi dentaria
PaRLa LEsPERtO
STELLA EGIDI,
Medico infettivologo presso
Medici senza Frontiere
(www.medicisenzafrontiere.it)
E un lavoro diffcile per tempo e costanza.
Ma se ci si crede veramente, dona grandi
soddisfazioni
Partendo dalla sua esperienza, quando e come ha capito la passione
per la medicina?
La rifessione nata ai tempi del liceo. Sentivo di avere delle doti personali
e cercavo una professione che richiedesse non solo capacit tecniche ma
una responsabilit sociale. Mi ritrovo nelle parole di Seneca che diceva:
Vive veramente chi utile allumanit e sa usare se stesso. Dicia-
aBruzzo
Universit degli Studi G. dAnnunzio
Chieti-Pescara; Universit degli Studi
de LAquila
caLaBria
Universit degli Studi Magna Graecia
di Catanzaro
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fede-
rico II; Seconda Universit degli Studi
di Napoli; Universit degli Studi di
Salerno
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Universit degli Studi di Ferrara;
Universit degli Studi di Modena e
Reggio Emilia; Universit degli Studi di
Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Uni-
versit degli Studi di Udine
Lazio
Sapienza Universit di Roma; Universi-
t Cattolica del Sacro Cuore; Universit
degli Studi di Roma Tor Vergata; Uni-
versit Campus Bio-Medico Roma
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi di Brescia;
Universit degli Studi Insubria Varese-
Como; Universit degli Studi di Mila-
no; Universit degli Studi di Milano-
Bicocca; Libera Universit Vita Salute
S. Raffaele Milano; Universit degli
Studi di Pavia
Marche
Universit Politecnica delle Marche
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
diversamente da alcuni percorsi di studio, quello in medicina indirizza
direttamente allattivit professionale di medico sono poi le specializza-
zioni ad aprire un gran numero di possibilit lavorative. Per quasi tutti i
laureati lavvento nel mondo del lavoro parte con incarichi a tempo de-
terminato in qualit di medici assistenti, con il compito di curare pazienti
in un ospedale. Si pu, poi, optare per il percorso di specializzazione che
avviene parallelamente allattivit professionale. C anche la possibilit di
spaziare in diverse tematiche come quelle giuridiche o legate alla medici-
na legale. Coloro che risultano essere abili nel far interagire linformatica
e la professione di medico, potrebbero trovare lavoro nei settori informati-
ca medica e statistica. i laureati dotati di capacit comunicativa potranno
trovare occupazione presso un call center medico, ma anche operare nel
campo del giornalismo. la ricerca medica in ambito universitario un al-
tro dei settori di maggiore attrazione per i neo medici, attivit solitamente
accompagnata dallinsegnamento accademico.
oBiettiVi ForMatiVi
il percorso di studi nella facolt di Medicina e Chirurgia forma un
laureato dotato di solide competenze scientifche e teorico-pratiche
necessarie allo svolgimento della professione. lo studente dovr
gradatamente raggiungere una stabile autonomia professionale che
gli consenta di rilevare e valutare criticamente i dati attinenti lo stato
di salute e di malattia del singolo paziente, interpretando tali fenomeni
alla luce delle conoscenze scientifche, della fsiopatologia e delle
patologie di organo e di apparato da lui acquisite ma anche secondo le
proprie abilit ed esperienza unite alla capacit di autovalutazione.
il laureato dovr altres aver acquisito competenze nella conoscenza
dei meccanismi biologici fondamentali di difesa; dovr avere unop-
portuna conoscenza delle malattie pi rilevanti dei diversi apparati, la
capacit di valutarle criticamente e correlare tra loro i sintomi, i segni
fsici. la sua preparazione dovr essere piuttosto approfondita in molti
altri aspetti. infatti, fondamentale la conoscenza dei concetti basilari
delle scienze umane per quanto concerne levoluzione storica dei va-
lori della medicina, compresi quelli etici ed inoltre abilit e sensibilit
per valutare criticamente gli atti medici allinterno della quipe
n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
47
medicina-chirurgia-odontoiatria-protesi dentaria
dove Si Studia
PaRLa IL LauREandO
SALVATORE FERDINANDO
ARUTA,
Universit degli studi di
Napoli Federico II
Non vi ispirate a Dr. House e simili. Medi-
cina un corso molto lungo e impegnativo,
ma se sar per noi il lavoro pi bello del mondo allora sar comunque un
piacere.
La tua scelta maturata gi nei banchi di scuola?
Diciamo di s, anche se con molto ritardo, infatti solo alla fne del 5anno ca-
pii quale sarebbe stato il mio lavoro ideale. Nella scuola italiana viene fatto
poco dibattito sulla scelta del corso di laurea. La scelta fu resa diffcile anche
dalle caratteristiche della mia scuola, un istituto per geometri, che trattava
materie completamente diverse da quelle medico/scientifche.
Come hai affrontato il test dingresso?
La prima volta che ho affrontato i test lo feci con molta superfcialit. Fallii
per 0,5 punti ma non mi diedi per vinto. Dopo aver frequentato per due mesi
biotecnologie capii che non era quello che volevo e mi rimisi a studiare per
il concorso per lammissione. Studiai per 7 mesi le materie dei quiz utiliz-
zando i testi di preparazione allammissione, testi dei licei e testi universita-
ri, sotto la vigile guida di due amici di famiglia, un ingegnere e un medico,
che mi aiutarono a recuperare le mie lacune.
Qualisonostatelemaggioridiffcoltchehairiscontrato?
Nella sezione cultura generale le domande spaziano dallattualit, allo sport,
alla letteratura alla logica eccA mio parere premiano i ragazzi che si
interessano di un po di tutto. Nelle altre sezioni invito i ragazzi a dedicarsi
molto alla chimica e alla biologia due materie bellissime e soprattutto utili
per i test (sono le domande a risposta secca, ovvero le pi rapide da rispon-
dere) ma ancor pi per il dopo.
I tuoi consigli agli studenti che vogliono intraprendere il corso di studi
in Medicina
Chi sceglie medicina deve amare la scienza. I primi tre anni sono estrema-
mente teorici con molta biochimica e biologia, non vi ispirate a Dr. House e
simili, i pazienti arriveranno dal 4anno in poi...
Bisogna rifettere molto su quello che si vuole dal futuro, medicina un
corso molto lungo e impegnativo e da qua a 11 anni (laurea +specializzazio-
ne) non possiamo sapere come evolveranno le cose, quanti posti di lavoro
ci saranno e quanto sar consistente il contratto. Gi oggi con le assunzioni
bloccate e i contratti a tempo determinato si ha una paga molto modesta.
Ma se sar per noi il lavoro pi bello del mondo allora sar comunque un
piacere.
In bocca al lupo a tutti!!!
i.b.
Orientale Amedeo Avogadro; Univer-
sit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo Moro;
Universit degli Studi di Foggia
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari; Uni-
versit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania; Uni-
versit degli Studi di Messina; Universi-
t degli Studi di Palermo
toScana
Universit degli Studi di Firenze; Uni-
versit di Pisa; Universit degli Studi di
Siena
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi di Padova; Univer-
sit degli Studi di Verona
sanitaria. da un punto di vista culturale il laureato in medicina
deve essere cosciente dello sviluppo della societ multietnica e
quindi con riferimento alla molteplicit degli aspetti valoriali e in-
tellettuali. infne deve sempre tenere a mente le norme connesse
allelevata responsabilit professionale derivante dal suo lavoro.
facolt/dipartimento * corso di laurea
mo che avevo le idee chiare e Medicina stata la prima scelta. La laurea
arrivata a 25 anni e a 29 la specializzazione in malattie infettive. Subito dopo
e fno ad un anno fa ho lavorato a tempo pieno per Medici senza Frontiere
per lo pi nei paesi africani: Congo, Malawi, Kenia, di recente in Libia. Da
un anno sono nelluffcio nazionale a Roma nella parte medica che si occupa
dei rapporti con le Universit, per organizzare convegni e sensibilizzare le
persone sul tema.
CosasignifcaesercitarelaprofessionedimedicoinqueiPaesi?
In generale, confrontarsi con la diversit e quindi con altre culture sempre
una grande fonte di arricchimento. Per i camici bianchi si tratta di unoppor-
tunit per ampliare le proprie conoscenze e sviluppare capacit cliniche che
non sarebbe possibile sviluppare nel nostro Paese. Le faccio un esempio: un
chirurgo in Italia sceglie una branca in cui specializzarsi e si occupa per lo
pi di quel ramo; un chirurgo in Africa, invece, dovr fare un podi tutto.
E possibile partire con Medici senza frontiere gi durante gli studi?
Medici senza frontiere unorganizzazione molto esigente. Richiede
che partano le persone con competenze avanzate ma nella galassia delle
organizzazioni non governative possibile, gi durante gli studi, vivere delle
esperienze brevi. Io incoraggio tutti a partire.
Il suo consiglio agli studenti che vogliono intraprendere il corso di studi.
Il percorso di studi lungo. Oltre la laurea e la specialistica, la professione ri-
chiede un aggiornamento costante e continuo. E un lavoro diffcile per tem-
po e costanza: bisogna essere metodici, disciplinati e molto motivati. Per
un lavoro che ripaga. Se ci si crede veramente, dona grandi soddisfazioni.
i.b.
Consiglibibliografci
La medicina del futuro Giorgio Mambretti
appunti di un giovane medico Michail A. Bulgakov
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora 34,2 %
- Non lavora e non cerca 53,7 %
- Non lavora ma cerca 12,1 %
- Quota che non lavora, non cerca ma impegna-
ta in un corso universitario/praticantato 39,3%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.489 euro
- donne 1.164 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
48
aCCEssO: numero programmato
Test di ingresso il 10 settembre 2012, a livello nazionale
veterinaria










aBruzzo
Universit degli Studi di Teramo
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Federico
II
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna ;
Universit degli Studi di Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Udine
LoMBardia
Universit degli Studi di Milano
Marche
Universit degli Studi di Camerino
pieMonte
Universit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo
Moro
Sardegna
Universit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Messina
toScana
Universit di Pisa
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi di Padova
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
il laureato in medicina veterinaria sar un professio-
nista in grado di occuparsi della tutela della salute
animale oltre che quella degli uomini che vivono a
contatto con gli stessi. la sua professione pu variare
dallattivit libera a quella di impiegato servizio sa-
nitario nazionale, nelle Forze armate, nellindustria
pubblica e privata (zootecnica, farmaceutica, man-
gimistica, di trasformazione degli alimenti di origine
animale) e negli enti di ricerca. il titolo da inoltre la
possibilit di svolgere insegnamento presso gli istituti
di istruzione secondaria. lattivit prevede anche quelle
pratiche relative alla diagnosi, la terapia, la prevenzio-
ne e la riabilitazione delle malattie degli animali che
operano in competizione sportive. il medico dovr avere
anche buona conoscenza di quelli esotici in laiuto delle
forze dellordine nei molteplici casi di infrazione delle
normative sul trasporto clandestino di animali da altri
Paesi del mondo.
oBiettiVi ForMatiVi
il corso di laurea in medicina veterinaria ha lobiettivo
di formare professionisti dotati delle basi scientifche
e della preparazione teorico- pratica necessarie alle-
sercizio della professione di medico veterinaria ed in
possesso delle basi metodologiche e culturali necessa-
rie alla formazione permanente, nonch dei fonda-
menti metodologici della ricerca scientifca. i laureati
devono possedere: conoscenze teoriche essenziali che
derivano dalle scienze di base, la capacit di rilevare e
valutare criticamente lo stato di salute, di malattia e di
benessere dellanimale singolo ed in allevamento, com-
presi gli organismi acquatici, possedere conoscenze di
epidemiologia, diagnosi, proflassi, terapia e controllo
delle malattie infettive e parassitarie degli animali;
conoscere i processi produttivi e di trasformazione
degli alimenti di origine animale; saper valutare lo stato
di salubrit, ligiene, la qualit e le alterazioni degli
alimenti di origine animale che possono pregiudicare
la salute delluomo, progettare, attuare e controllare i
piani della sanit pubblica veterinaria.
facolt/dipartimento * corso di laurea
PaRLa IL dOCEntE
LUIGI ESPOSITO,
Dipartimento di Scienze
Zootecniche ed Ispezione degli
Alimenti Universit di Napoli
Federico II
In generale ci si avvicina a questa disciplina per una
visione romantica, unattrazione per i piccoli animali da compagnia, i cosiddetti
pet. La professione di veterinario invece molto pi ampia. Un primo ambito
dintervento quello del controllo per la salute umana degli alimenti di origine
animale, ancora il controllo delle malattie infettive come le pi note aviaria e
mucca pazza. C poi un mondo nuovo per linterazione nelle aree naturali, nei
parchi e nelle aree protette che necessitano di unazione di controllo dello stato
di salute degli animali selvatici. Anche nella pet therapy, che riguarda luso degli
animali in supporto ad alcune malattie psicosomatiche, urge la presenza di un
medico veterinario. Gli studenti vicini alla scelta di questo corso di laurea dovranno
dedicare una grossa disponibilit di tempo agli studi e allapplicazione sul territorio.
Consiglio loro di aprirsi allEuropa e ancor pi al mondo prendendo conoscenza di
tutte le opportunit per una professione che richiede sempre pi un aggiornamento
continuo.
i.b.
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora 43,2 %
- Non lavora e non cerca 23,0 %
- Non lavora ma cerca 33,8 %
- Quota che non lavora, non cerca ma impegnata in
un corso universitario/praticantato 9,6 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 728 euro
- donne 663 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
Lamore la medicina migliore
Nick Trout
49
FacSimiLe teSt
biologia
1) durante la profase della 1^ divisione meiotica,
quale di questi fenomeni nOn avviene?
A) I cromosomi si allineano sul piano equatoriale
della cellula
B) La membrana nucleare si dissolve
C) I cromosomi omologhi si appaiano
D) Il nucleolo scompare
E) I cromosomi sono ben evidenti
2) Il virus hIv, responsabile dellaIds, penetra:
A) nelle cellule del fegato
B) nelle cellule del cervello
C) nelle cellule delle mucose interne
D) nei globuli rossi
E) nei linfociti
3) Considerando un elefante ed una formica,
quale di queste affermazioni vERa?
A) Lelefante contiene un maggior numero di cellule
B) Le cellule dellelefante sono pi grandi di quelle
della formica
C) Le cellule dellelefante sono pi complesse di
quelle della formica
D) Le molecole dellelefante sono pi grandi di
quelle della formica
E) La formica ha cellule pi piccole
chimica
4) La formula h2sO3, secondo la nomenclatura
tradizionale corrisponde a:
A) lacido solforoso
B) lacido solfdrico
C) lacido solforico
D) lacido ortosolforico
E) lacido meta solforico
5) quale delle seguenti affermazioni e CORREt-
ta?
A) una molecola di O2 pesa 32 g;
B) una molecola di O2 pesa 16 g;
C) una molecola di O2 occupa 22,414 L in condizio-
ni standard;
D) una mole di O2 pesa 32 g;
E) una mole di O2 pesa 16 g.
6) quale dei seguenti composti possiede nella
molecola pi atomi di ossigeno?
A) Diidrossiacetone
B) Glicole etilenico
C) Alcool terziario monofunzionale
D) Alcool primario monofunzionale
E) Dialdeide
Fisica e matematica
7) quanti sono i numeri naturali diversi da
zero che soddisfano la condizione il loro triplo
diminuito della loro met un numero naturale
minore di due?
A) Nessuno
B) Tutti
C) Uno
D) Quattro
E) Cinque
8) In un veicolo che si avvia su strada diritta, tutto
il contenuto sottoposto ad una forza:
A) diretta in verso opposto alla velocit
B) diretta in verso concorde alla velocit
C) detta di Coriolis
D) proporzionale alla velocit
E) proporzionale alla accelerazione di gravit
9) La somma algebrica degli scarti rispetto alla
media aritmetica dei numeri -4,-3,-2,5,6,7,8 e:
A) 17;
B) 35;
C) 7;
D) 0;
E) 2,43.
Soluzioni
1 A ; 2 E ; 3 A ; 4 A ; 5 D ; 6 A ; 7 A ; 8 A ; 9 D










D
I
S
I
T

w
w
w
.
d
i
s
i
t
.
u
n
i
p
m
n
.
i
t

Universit degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro
Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
Viale T. Michel, 11
Alessandria
Tel. 0131 360388/
0131 360320
Il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica (DISIT) dellUniversitdel Piemonte Orientale (sede di
Alessandria) propone corsi di base quali le lauree triennali di Scienze Biologiche, Chimica, Informatica. Le lauree
triennali trovano il loro naturale sbocco in lauree magistrali, quali Biologia, Scienze Chimiche e Informatica. Negli
anni, per, levoluzionedella ricerca pi avanzata ha costituito la base per nuove iniziative didattiche, quali le
lauree in Scienze Ambientali e Gestione del Territorio e in Scienze dei Materiali (sede di Vercelli). Inoltre le
esperienze di differenti facolt sono state messe in comune in due lauree interfacolt in Biotecnologie e Informatica
Giuridica per la Pubblica Amministrazione e per le Imprese, nella laurea magistrale in collaborazione con
lUniversitdi Torino (Fisica dei Sistemi Complessi) e in una magistrale europea (Erasmus Mundus) in Informatica.
Il master Materiali per Energia e Ambiente completa il quadro delloffertaformativa per lA.A. 2012/2013.
Le tesi di laurea che vengono svolte nei laboratori del DISIT sfociano spesso in pubblicazioni su riviste internazionali. Queste attivit sono state
volute dal territorio e rappresentano unopportunitper i nostri giovani laureati di entrare in contatto con la matrice produttiva e gestionale della
societ in Italia e in Europa. Questo forte legame fra attivit scientifiche e mondo produttivo pubblico e privato testimoniato dallalta percentuale
di nostri studenti che trovano impiego a meno di un anno dal conseguimento della laurea (dati Alma Laurea).
Nel nostro Dipartimento la didattica supportata da una ricerca sperimentale e teorica, di base o applicata, che raggiunge livelli estremamente
elevati come verificabile dai giudizi del Comitato dIndirizzoper la Valutazione della Ricerca, dallelevatonumero di programmi di ricerca nazionali
ed europei finanziati negli ultimi anni e da pi di 500 pubblicazioni scientifiche su prestigiose riviste internazionali realizzate nel passato biennio.
Su tale attivit di ricerca si basano i 4 dottorati di ricerca attivi nel nostro Dipartimento.
Corsi di laurea 2012/2013
Biologia
Chimica
Informatica
Scienza dei Materiali
Scienze Ambientali
OFFERTA FORMATIVA
50
(rieducazione della voce per cantanti e attori), oppure pu fare attivit privata
da singolo o presso poliambulatori multifunzionali (fsioterapia, logopedia,
audiometria, dietistica) in associazione con altre fgure professionali sanitarie.
Per i giovani attualmente il mercato (a Napoli) un po saturo, ma se se
disposti a spostarsi anche in altre regioni qualcosa si pu fare.
un consiglio ai giovani che vogliono intraprendere la tua stessa professio-
ne
Tanta, ma davvero tanta pazienza...e anche voglia di studiare seriamente e di
aggiornarsi sempre. Le professioni sanitarie sono in continua evoluzione, biso-
gna conoscere sempre nuove tecniche riabilitative per poter lavorare al meglio.
Ci vuole anche tanta umilt e predisposizione al confronto, sia con i colleghi
che con gli specialisti medici con cui si collabora quotidianamente.
i.b.
aCCEssO: test l11 settembre 2012 a livello locale
professioni sanitarie
(FACOLTA MEDICINA E CHIRURGIA)
PaRLa LEsPERtO
VALERIA PELLEGRINI,
Logopedista
Che soddisfazione aiutare le
persone, soprattutto i bambini con
cui lavoro pi volentieri, e vederle
rinascere linguisticamente
valeria, ci racconti in breve la tua
storia allindomani dellesame di
maturit?
Oddio, e adesso che faccio? A quale
facolt mi iscrivo? Questi i primi pensieri che mi sono venuti in mente.
Scelta a dir poco ardua, soprattutto a 18 anni appena compiuti. Ragio-
nando per esclusione: no giurisprudenza (troppi esami a memoria), no
facolt scientifche (odio la matematica!!), no lettere e flosofa (gli
insegnanti fanno la fame!), che cosa rimane? Economia e commercio
(si iscrivono parecchi amici, magari si studier insieme...): fallimento
totale! pochi esami, e il pensiero angosciante di continuare su questa
strada...poi una persona amica che faceva la logopedista dice: perch
non provi? il corso giusto per te.. Risultato: esami a raffca, tirocini
massacranti, tanta fatica e stress..laurea conseguita in 3 anni e lavoro
subito (era il 1996, ora forse un po diverso..).
Laspetto pi appagante della tua professione ma anche quello pi
diffcile
Sar banale, ma la soddisfazione di aiutare persone con diffcolt di
linguaggio e di vederle rinascere linguisticamente, soprattutto i
bambini (quelli con cui lavoro pi volentieri) non ha prezzo. Diffcile
il contatto quotidiano con la sofferenza dellhandicap e la consapevo-
lezza che alcune patologie sono irrisolvibili, anzi tendono a peggiorare.
In quali ambiti pu lavorare il logopedista? C sempre spazio per
i giovani in questo settore?
Il logopedista lavora nel comparto sanit pubblica o privata accredi-
tata (ospedali, presidii ASL, centri di riabilitazione) nelle scuole (fa
prevenzione e screening per patologia), nel settore dello spettacolo
SBoCCHi ProFeSSioNali
Quello delle professioni sanitarie uno dei settori che attualmente
vanta loccupazione pi alta. Gli sbocchi sono numerosi e con vasta
possibilit per i giovani. ambiti come quello della fsioterapia, logo-
pedia, pietistica o igienistica dentale si evolvono con facilit con una
richiesta sempre maggiore di laureati esperti. Scegliendo dietistica
il laureato potr espletare attivit libero-professionale presso servizi
ospedalieri di diabetologia, aziende che operano nel campo della pro-
duzione e distribuzione di alimenti e aziende che operano nel campo
della ristorazione collettiva, ligienistica dentale consente di svolgere
attivit professionale in strutture sanitarie su indicazione degli odon-
toiatri e dei medici chirurghi legittimati allesercizio dellodontoiatria,
il laureato in tecniche audiometriche collabora con il medico in atti
che implicano la piena responsabilit e autonomia come program-
mi di prevenzione e riabilitazione della sordit. il conseguimento
della laurea da altres spazio alle tecniche di laboratorio biomedico
o a quelle di radiologia medica contribuendo alla formazione del
personale di supporto e concorrendo direttamente allaggiornamento
relativo al loro proflo professionale e alla ricerca. anche scienze
oBiettiVi ForMatiVi
il laureato in professioni sanitarie possiede una
formazione culturale e professionale avanzata per
intervenire con solide competenze nei processi
gestionali, assistenziali, formativi e di ricerca in
uno degli ambiti delle professioni sanitarie. al
termine del percorso formativo il laureato in
grado di esprimere competenze di tipo educativo e
preventivo in risposta ai problemi primari di salute
della popolazione in et pediatrica, adulta e ge-
riatrica e ai problemi legati alla qualit dei servizi.
Gli specialisti sviluppano un metodo integrato ai
problemi organizzativi e gestionali delle profes-
sioni sanitarie, idoneo grazie alla padronanza
delle tecniche e delle procedure del management
sanitario, nel rispetto delle altrui competenze. le
conoscenze metodologiche acquisite consentono
anche di intervenire nei processi formativi e di
ricerca. le competenze dei laureati specialisti
n
n
OFFERTA FORMATIVA
51
professioni sanitarie
PaRLa LEsPERtO
DEBORA SABATINI,
Fisioterapista
Alla base di tutto ci vuole una grande pas-
sione, tanta pazienza e sensibilit
Qualisonostate,secisonostate,lediff-
colt durante gli studi e il test dingresso?
Per quanto riguarda il test dingresso linco-
gnita maggiore stata non sapere esattamen-
te su cosa si basasse la prova orale delle preselezioni. Per il percorso
di studi invece la maggiore diffcolt stata conciliare il tirocinio, le
lezioni, lo studio e nellultimo anno e mezzo il lavoro.
a tuo avviso, quali caratteristiche fondamentali deve possedere
unaspirantefsioterapista?
Credo che alla base di tutto ci voglia una grande passione, tanta
pazienza e sensibilit dato che si sta sempre a contatto con persone
che soffrono nel corpo e nello spirito.
Lesoddisfazionielediffcoltdiquestaprofessione
Le soddisfazioni sono sicuramente date dal rapporto quotidiano
che si ha con i pazienti e le loro famiglie e poi dai piccoli e grandi
risultati riabilitativi che si ottengono. Le diffcolt sono attualmente
dovute alla grave situazione sanitaria che continua a fare tagli, a
ridurre terapie, budget e posti di lavoro.
un consiglio ai giovani che vogliono intraprendere il tuo stesso
percorso
Innanzitutto fondamentale valutare attentamente se la strada che si
vuole scegliere proprio quella di lavorare in ambito sanitario. Se si
predilige questo percorso bisogna sapere che sar faticoso ma ricco
di soddisfazioni se sar fatto con coscienza e cuore.
i.b.
comprendono: utilizzare le competenze di economia sanitaria e di
organizzazione aziendale necessarie per lorganizzazione dei servizi
sanitari e per la gestione delle risorse umane e tecnologiche dispo-
nibili, applicare le conoscenze di base delle scienze pertinenti alla
specifca fgura professionale necessarie per assumere decisioni
relative allorganizzazione e gestione dei servizi sanitari, program-
mare lottimizzazione dei vari tipi di risorse siano esse umane,
tecnologiche o informative di cui dispongono le strutture sanitarie;
sviluppare le capacit di insegnamento per la specifca fgura pro-
fessionale nellambito delle attivit tutoriali e di coordinamento del
tirocinio nella formazione di base, complementare e permanente.
Sono diversi gli ambiti professionali coinvolti: ambito professionale
delle tecniche audiometriche, ambito professionale delle tecniche
diagnostiche di laboratorio biomedico, ambito delle tecniche di
diagnostica neuro fsiopatologica. al termine degli studi il laureato
avr acquisito competenze specifche come: conoscere i principi
dellanalisi economica e le nozioni di base delleconomia pubblica
e aziendale, elementi essenziali dellorganizzazione con partico-
lare riferimento al settore dei servizi sanitari; i principi del diritto
pubblico e del diritto amministrativo applicabili ai rapporti tra le
amministrazioni e lutenza coinvolta nei servizi sanitari ma anche
gli elementi della gestione delle risorse umane.
erboristiche rientra tra le numerose possibilit del laureato in
professioni sanitarie che avr accesso allattivit professionale nel
settore della produzione, lavorazione, trasformazione e del confe-
zionamento di parti di piante e loro derivati. inoltre, con tossicolo-
gia dellambiente, il neo laureato svolger attivit professionale nel
settore del controllo chimico-tossicologico a tutela della sicurezza
dellambiente, dellindustria e degli alimenti.
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 56,2 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 2,4 %
- Non lavora ed iscritto alla specialistica 4,6 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica e
non cerca 2,7 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica ma
cerca 34,1 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.159 euro
- donne 890 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Professioni sanitarie della Prevenzione
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 76,4 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 1,1 %
- Non lavora ed iscritto alla specialistica 0,8 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica e
non cerca 2,1 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica ma
cerca 19,5 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.421 euro
- donne 1.324 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Professioni sanitarie infermieristiche e ostetricia
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 78,0 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 2,4 %
- Non lavora ed iscritto alla specialistica 1,4 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica e
non cerca 3,5 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica ma
cerca 14,7 %
guadagno mensile netto (media in euro)
uomini 1.160 euro
donne 971 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Professioni sanitarie della riabilitazione
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 55,2 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 3,2 %
- Non lavora ed iscritto alla specialistica 6,6 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica e
non cerca 3,3 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica ma
cerca 31,8 %
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.235 euro
- donne 1.037 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Professioni sanitarie tecniche
OFFERTA FORMATIVA
52
aCCEssO: libero/programmato a livello locale, secondo gli atenei
psicologia
oBiettiVi ForMatiVi
il laureato triennale potr assumere ruoli di natura tecnico-operativa, nel campo
di assistenza familiare, istruzione, sviluppo delle risorse umane, analisi di
mercato e marketing. il percorso completo 3+2 da considerarsi obbligatorio per
esercitare la professione di Psicologo (iscrizione allalbo, sezione a) ai sensi della
legge 56/89, cos come per lesercizio dellattivit psicoterapeutica che prevede
una specifca formazione professionale, mediante corsi di specializzazione post-
laurea, almeno quadriennali. ecco, un ventaglio delle professioni: psicoterapeuta,
psicologo clinico, psicologo del lavoro e dellorganizzazione, specialista in risorse
umane, formatore, mediatore familiare
aBruzzo
Universit degli Studi de LAquila*
(Scienze della Formazione); Universit
degli Studi G. dAnnunzio Chieti-
Pescara.
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fede-
rico II* (Lettere e Filosofa); SUN- Se-
conda Universit degli Studi di Napoli;
Universit degli Studi Suor Orsola Be-
nincasa* (Scienze della Formazione).
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Universit degli Studi di Parma.
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste.
Lazio
Sapienza Universit di Roma* (Di-
partimento di medicina e Psicologia);
Libera Universit degli Studi Maria
SS.Assunta Roma* (Scienze della
Formazione); Universit non statale
Europea di Roma.
Liguria
Universit degli Studi di Genova*
(Scienze della Formazione)
LoMBardia
Universit degli Studi di Bergamo*
(Scienze della Formazione); Univer-
sit degli Studi di Milano Bicocca;
Universit Cattolica del Sacro Cuore
Milano; Libera Universit Vita Salute
S.Raffaele Milano; Universit degli
Studi di Pavia* (Lettere e Filosofa).
Marche
Universit degli Studi di Urbino Carlo
Bo* (Scienze della Formazione).
pieMonte
Universit degli Studi di Torino.
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo
Moro* (Scienze della Formazione);
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
GABRIELLA ANTONUCCI,
Coordinatrice corsi L- 24
Professore ordinario,
Sapienza Universit di Roma
Chi si iscrive a Psicologia ha un interesse
diffuso verso il comportamento umano, ma
spesso non si ha chiaro il percorso formati-
vo che si sta per affrontare.
Molti sono gli studenti interessati agli
studidiPsicologia.Secondolei,sitrattadiuninteressescientifcoouna
sorta di fascinazione senza una valutazione consapevole?
Credo che le motivazioni di quanti si iscrivono ai corsi in Psicologia stiano
progressivamente cambiando. Accanto allinteresse sempre presente di capire
il comportamento umano, emergono interessi specifci legati ad aspetti pi
propriamente scientifci (basti pensare allambito delle neuroscienze). Devo
per ammettere che raramente gli studenti hanno ben chiaro il percorso
formativo che li attende
Esistono delle motivazioni ricorrenti da parte dei ragazzi non dovrebbero
essere prese in considerazione, come fattori di scelta?
Sinceramente le motivazioni ricorrenti sono plausibili (mi piace aiutare gli
altri, mi piacciono i bambini, voglio capire cosa passa nella testa della gente,
voglio fare lo psicoterapeuta); negli ultimi anni gli studenti sono molto attratti
dalla criminologia, conseguenza evidente della visione di flm e serie televi-
sive e quindi unaltra motivazione che riportano quella di capire le menti
distorte o patologiche.
quali sono i corsi di laurea in scienze psicologiche che, a chiusura del
ciclo triennale, permettono di inserirsi nel mondo del lavoro?
Per la tipologia della formazione piuttosto raro trovare un inserimento lavo-
rativo con la laurea triennale; c anche da tener conto che le nuove triennali,
partite questanno, presentano una logica molto diversa dalle precedenti: una
solida preparazione di base in tutti gli ambiti della disciplina che consente
laccesso alle diverse magistrali.
a.c.
SBoCCHi ProFeSSioNali
il percorso di studi in Psicologia fnalizzato allacquisizione di una for-
mazione di base nelle discipline psicologiche, utilizzabile in primo luogo per
lammissione alla laurea magistrale in Psicologia, unico titolo accademico
utilizzabile per laccesso alla professione di psicologo (previo superamento
dellesame di stato per la sezione a dellalbo), ma anche per accedere al
mercato del lavoro con il proflo di psicologo junior previa iscrizione alla
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
n
OFFERTA FORMATIVA
53
psicologia
sezione B dellalbo degli Psicologi. il laureato triennale potr assumere ruoli
di natura tecnico-operativa, sotto la supervisione di un laureato magistra-
le in Psicologia, svolgendo funzioni di prevenzione, assistenza, sostegno,
promozione, valutazione e sviluppo in aree quali: la salute, i servizi alla coppia
e alla famiglia, la gestione e sviluppo delle risorse umane, analisi di mercato
e marketing, il lavoro nelle istituzioni, nei contesti educativi ed in contesti
sociali e di comunit. il percorso completo 3+2 da considerarsi obbligatorio
per esercitare la professione di Psicologo ai sensi della legge 56/89, cos
come per lesercizio dellattivit psicoterapeutica che prevede una specifca
formazione professionale, mediante corsi di specializzazione post-laurea,
almeno quadriennali. Nuovi contesti si riscontrano nel campo della gestione
delle relazioni in ambito digitale (comprensione del meccanismo relazionale
nei social network). ambiti professionali di riferimento saranno strutture
pubbliche e private, istituzioni educative, imprese e organizzazioni del terzo
settore, specialisti in scienze sociali e della vita.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: psicoterapeuta, psicologo clinico,
psicologo del lavoro e dellorganizzazione, specialista in risorse umane, formatore,
mediatore familiare, tecnico operatore psicologo dello sviluppo e delleducazione,
ricercatore, psicologo della comunicazione e del marketing.
dove Si Studia
Universit degli Studi del Salento Lec-
ce * (Scienze della Formazione).
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari*
(Scienze della Formazione)
SiciLia
Universit degli Studi di Catania*
(Scienze della Formazione); Libe-
ra Universit della Sicilia Centrale
KORE Enna-* (Scienze della
Formazione); Universit degli Studi di
Messina* (Scienze della Formazione);
Universit degli Studi di Palermo*
(Scienze della Formazione).
toScana
Universit degli Studi di Firenze; Uni-
versit di Pisa* (Medicina e Chirurgia).
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento*
(Scienze Cognitive).
uMBria
Universit degli Studi di Perugia*
(Scienze della Formazione, Medicina e
Chirurgia)
vaLLe daoSta
Universit della Valle DAosta
veneto
Universit degli Studi di Padova; Uni-
versit degli Studi di Verona* (Scienze
della Formazione).
univerSit teLeMatiche
Universit Telematica non statale
Leonardo da Vinci* (Giurispruden-
za); Universit Telematica Guglielmo
Marconi* (Scienze della Formazione);
Universit Telematica Internazionale
Uninettuno; Universit Telematica
e-Campus.
PaRLa LEsPERtO
LELIO BIZZARRI,
coordinatore della Sipap
Psicologo-Psicoterapeuta
Accrescere il senso di effcacia della persona,
requisito fondamentale per la qualit di vita di
ogni essere
secondo lei, lo studente che si approccia a
questo tipo di studi, deve avere gi determi-
nate caratteristiche?
Interesse per le persone e per la realt psicologica delle persone, importan-
te latteggiamento aperto nei confronti di una scienza e metodologicamente
corretto, ma non ci sono materie per le quali bisogna essere particolarmen-
te portati. Fondamentale, mantenere vivo linteresse e il metodo di studio.
Inquestiultimianni,laprofessionehasubitodellemodifche?
In particolare, si sta affermando la psicologia di comunit e la psicologia
del lavoro, rivolta al miglioramento della qualit della vita. Non ci si
concentra tanto sulla diagnosi, ma sulla prevenzione, aiutando le persone
che non hanno particolari patologie a stare meglio. Direi che si tratta di
una tendenza molto positiva perch si lavora sulla prevenzione e non sulla
psicopatologia individuale e sociale. Consideriamo inoltre, che il settore
della psicologia saturo. Tuttavia, ancora la maggior parte degli studenti
tende ad intraprendere il percorso della psicologia clinica.
Lei ha appena dichiarato che il settore della psicologia clinica saturo,
prospettive future?
Come dicevo prima, la stragrande maggioranza dei laureati tende ad
affrontare il percorso della psicologia clinica, per poi avviarsi verso la
psicoterapia. In Italia, ci sono poche istituzioni pubbliche che ospitano la
fgura professionale dello psicologo ed inoltre, da un punto di vista forma-
tivo, bisogna considerare gli alti costi delle scuole di specializzazione (per
la maggior parte, private) e per lapertura uno studio professionale. Da noi,
sussiste ancora una scarsa cultura psicologica per cui non si investe nella
fgura dello psicologo. Le persone preferiscono confdarsi con il medico di
base piuttosto che con lo psicologo, il cui ricorso, viene ancora visto come
stigma sociale. Esistono ricerche condotte sul lavoro multidisciplinare tra
medici e psicologi che illustrano come molti disturbi per i quali ci si rivol-
ge al medico di base, sono di origine psicosomatica. La fgura del medico
di base viene vissuta come una sorta di psicoterapeuta cui confdare i pro-
pri timori e disagi. Per tanto se ci fosse una struttura di servizi psicologici
pi ampia, si decongestionerebbe il pronto soccorso. La collaborazione tra
medici e psicologi auspicata da anni.
quale stato il suo percorso professionale?
Il mio un percorso classico (vecchio ordinamento-laurea quinquennale),
successivamente ho fatto un Master in counselling che mi ha permesso di
rafforzare le mie competenze nella costruzione delle relazioni. Scuola di
specializzazione, in psicoterapia, e psicologia di comunit, indirizzata ad
individuare le caratteristiche della comunit in cui si vive, ipotizzando gli
interventi da eseguire per migliorare il benessere della comunit.
a.c.
facolt/dipartimento * corso di laurea
Consiglibibliografci
Il codice dellanima. Carattere,
vocazione, destino di James Hillman
La signorina Else di Arthur Schnitzler
Le parole per dirlo di Marie Cardinal .
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 9,2%
- lavora ed iscritto alla specialistica 27,5%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 924 euro
- donne 654 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
54
oFFerta ForMatiVa
scienze della comunicazione
aCCEssO: libero/programmato a livello locale
oBiettiVi ForMatiVi
Stare al passo con i repentini mutamenti della nostra societ nel
rispetto della tradizione: questa la missione delle facolt in Scienze
della Comunicazione. le lauree triennali forniscono agli studenti le
competenze per comprendere il ruolo dei media, delle tecnologie
e delle pi diverse piattaforme dinterazione del tessuto socio-
economico e culturale. Si propongono di garantire lacquisizione delle
competenze necessarie per analizzare criticamente le dinamiche di
cambiamento e le direzioni di sviluppo delle istituzioni pubbliche, delle
imprese e delle organizzazioni. tra le materie studiate: storia della
comunicazione, statistica, storia, pubblicit, diritto, flosofa teoretica,
semiologia, estetica, macroeconomia, psicologia della comunicazione,
processi culturali e comunicativi, metodologia della ricerca sociale.
Fondamentali le competenze delle tecnologie digitali, dellindustria
culturale e svolgere il tirocinio pre-laurea.
aBruzzo
Universit degli Studi di Teramo; Uni-
versit degli Studi dellAqulia* (Lettere
e Filosofa);
caLaBria
Universit della Calabria* (Lettere e
Filosofa); Comunicazione e DAMS
caMpania
Universit degli Studi Suor Orsola
Benincasa* (Scienze della Formazio-
ne); Universit degli studi di Salerno*
(Lettere e Filosofa)
eMiLia roMagna
Universit degli studi di Bologna Alma
Mater* (Lettere e Filosofa); Uni-
versit degli studi di Modena Reggio
Emilia (Scienze della Comunicazione
e dellEconomia)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste*
(Scienze della Formazione): Universit
degli studi di Udine* (Scienze della
Formazione)
Lazio
Sapienza Universit di Roma *(Dipar-
timento, Scienze Politiche, Sociologia,
Comunicazione); Universit degli studi
di Tor Vergata*(Lettere e Filosofa);
Universit degli studi Roma Tre*
(Lettere e Filosofa); Universit della
Tuscia*(Dipartimento di Scienze uma-
nistiche, della comunicazione e del
turismo ex- Scienze Politiche); Univer-
sit degli Studi di Cassino e del Lazio
Meridionale* (Lettere e Filosofa)
Liguria:
Universit degli studi di
Genova*(Scienze della Formazione):
LoMBardia
Libera Universit di Lingue e Comu-
nicazione IULM; Universit degli
studi di Milano* ( Lettere e Filosofa
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
GIOVANNI BOCCIA ARTIERI,
Presidente del Corso di laurea in Informazione
Media Pubblicit
Universit di Urbino
suffcienteavereuninteressediffusoversolacomunicazioneoaveregiin
mente il proprio percorso?
Si potrebbero avere tutte e due le attitudini. Ci sono corsi, data la multidiscipli-
nariet delle materie e di laboratori in cui sperimentare forme di giornalismo,
cinema, e pubblicit che permettono di affnare linteresse. Tuttavia, la condizione
ideale, avere gi una vocazione.
Qualiiprofliprofessionalipirichiestidalmondodellavoro?
La dimensione dellinformazione, per esempio, sapere interpretare una fonte
informativa, saperla mettere in forma, in particolare per il web, in modalit
SBoCCHi ProFeSSioNali
alla luce della centralit della comunicazione, gli ambiti per
laureato in comunicazione sono variegati: la gestione della
comunicazione aziendale interna ed esterna, con particolare
attenzione alle strategie pubblicitarie e allanalisi di mercato;
la gestione dei sistemi informativi ed editoriali; la struttura-
zione di eventi comunicativi; la gestione delle relazioni con il
pubblico; lorganizzazione dellattivit di un uffcio stampa; la
progettazione di pacchetti multimediali nellambito arti-
stico e musicale. Sempre pi ricercate le fgure in grado di
combinare conoscenze umanistiche con le nuove tecnologie,
in particolare, marketing e comunicazione digitale. Per la
professione di giornalista professionista, necessario svolge-
re un corso di laurea, riconosciuto dallordine Nazionale dei
giornalisti. Si consiglia di iniziare collaborazioni con riviste e
giornali cartacei ed online, sia a livello locale che nazionale.
Per maggiori informazioni: www.odg.it
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: addetto alle
pubbliche relazioni, copywriter, giornalista, organizzatore eventi,
pubblicitario, assistente alla comunicazione; ufficio stampa, web
advisor, marketing & communication manager, account.
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
55
scienze della comunicazione
di proto giornalismo; uffcio stampa e pubbliche
relazioni. I mestieri del domani sono strettamente legati
al web. necessario ragionare sulle nuove modalit di
promozione, anche per il mondo del turismo e dellin-
trattenimento dove si hanno nuovi modi di rapportarsi
al consumatore. La dimensione dello spettacolo
((cinema, teatro, danza e tutte le arti) ) di cui, parla
Henry Jenkins, in termini di narrazione trans mediale,
necessit forme di narrazione innovative. Il laureato in
SdC svolge il ruolo di mediatore culturale e noi docenti,
dobbiamo allevare la loro lintelligenza creativa.
quali gli elementi da considerare per chi affronta il
mondo della comunicazione?
Mix tra tendenze del mercato neo-tradizionale e le possibilit di sviluppo delle cosid-
dette nicchie di massache partono dai loro bisogni. Pensiamo solo ai cicloturisti che
hanno diffcolt a trovare percorsi e alloggi. Alle stesse aziende, dovremmo insegnare
ad utilizzare i giovani nella ricerca, cos da innovare le modalit di comunicazione e di
marketing. La parte culturale e la parte metodologica (la parte tecnica per dare strumenti
ai ragazzi) sono essenziali per la didattica. Inoltre, la conoscenza dellinglese (lingua
veicolare della comunicazione) e i soggiorni allestero (in particolare Brasile e Spagna)
non possono mancare nel curriculum del giovane comunicatore.
La rete sempre pi popolata di blog e social network. Che valenza formativo -
professionale hanno per i giovani comunicatori?
Il blog utile a costruire rapporti sociali, a rendere vi-
sibile ci che si offre, gi durante gli anni universitari.
Una ragazza/o che ha labilit di montare le proprie
esperienze in modo divertente, verr subito notato
da unagenzia che produce video virali. Il nostro
curriculum esteso. Noi insegniamo agli studenti
luso di Linkedin dove si pu partecipare a discussioni
sul mondo lavorativo, creando cos un collante tra chi
studia e chi lavora.
a.c.
dove Si Studia
Scienze Politiche);Universit de-
gli studi Pavia (Lettere e Filosofa);
Universit degli studi Milano Bicocca*
(Psicologia Scienze della Forma-
zione): Universit Cattolica del Sacro
Cuore* (Lettere e Filosofa-Scienze
Politiche); Universit Vita-Salute San
Raffaele* (Psicologia); Universit degli
Studi di Bergamo* (Lingue e letteratu-
re straniere)
Marche
Universit degli Studi di Macerata;
Universit degli studi di Urbino Carlo
Bo (Sociologia);
MoLiSe
Universit degli studi del
Molise*(Scienze Umane e Sociali)
pieMonte
Universit degli studi di
Torino*(Lettere e Filosofa)
pugLia
Universit degli studi di Bari* (Scienze
della Formazione) - Scienze della
comunicazione e dellanimazione
socio-culturale, Universit degli Studi
del Salento* (Lettere e Filosofa)
eMiLia roMagna
Universit degli studi di
Bologna*(Lettere e Filosofa): Univer-
sit degli studi di Ferrara* (Lettere e
Filosofa)
Sardegna
Universit degli studi Cagliari* (Scien-
ze della Formazione- Lingue e Let-
terature Straniere); Universit degli
Studi di Sassari* (Scienze Politiche)
SiciLia
Universit degli studi di Enna Kore (
Facolt delle Arti e della Comunicazio-
ne); Universit degli studi di Messina*
(Scienze della Formazione); Univer-
sit degli Studi di Catania* (Lettere
e Filosofa); Universit degli studi di
Palermo* (Scienze della Formazione)
toScana
Universit degli Studi di Siena* (Lette-
re e Filosofa); Universit degli Studi di
Firenze* (Lettere e Filosofa)
trentino aLto adige
Universit degli studi di Trento*
(Scienze Cognitive); Libera Universit
di Bolzano* (Scienze della Formazio-
ne)
veneto
Universit degli studi di Verona* (Let-
tere e Filosofa)
PaRLa LEsPERtO
MARTA SCETTA,
Editor di Work Style
quali sono secondo te, le competenze richieste da
mondo della comunicazione?
Viviamo in un mondo interconnesso, simile a quello
predetto nel 1948 da George Orwell nel suo capo-
lavoro 1984. In particolare risultano vincenti, le soft
skills, le attitudini e la personalit. Poi ovviamente,
le capacit tecniche, come la scrittura, luso dei programmi di grafca, luso di
software per il montaggio video.. Bisogna essere un po jack of all trades, master
of none.
quando ti iscrivesti alluniversit, avevi gi in mente il lavoro che avresti
voluto fare?
Non avevo unidea certa, unet diffcile, dove un giorno vuoi essere il nuovo
Aldo Grasso e quello dopo, il nuovo Mick Jagger. Mi piaceva lidea di fare
la giornalista, nonostante la mia professoressa di italiano delle medie non mi
avrebbe dato due lire.
Come sei entrata nel mercato del lavoro?
A 26 anni, dopo un master in gestione dei processi creativi, ho svolto uno stage
retribuito presso Publicis. In agenzia lavoravo insie-
me allaccount director. Ce la misi tutta, ma passavo
pi tempo con i creativi che con gli account. Cos,
di comune accordo con lagenzia che mi avrebbe
prolungato lo stage, decisi di non rinnovarlo, e tra-
mite una conoscenza, iniziai a lavorare con Mirko
Nesurini come assistente per le ricerche, interviste,
contatti e correzione bozze del suo libro Brand
Action. Terminato il libro, mi propose di dedicarmi
alla sua rivista Work Style e cos iniziata la mia
avventura editoriale.
Che cosa consiglieresti ad un giovane interessato
a scienze della Comunicazione?
Come direbbe Miranda Priestly, neI Diavolo veste Prada, tutti vorrebbero essere
noi! Lopportunit per il comunicatore del terzo millennio quella di buttarsi
sul web, sulle app e i social media. Stiamo andando incontro a una human-
technology civilization, come lha defnita il mio amico Parag Khanna. Dunque:
tweettate, siate presenti online; buttatevi sulla comunicazione digitale; siate
umili, ma sempre sognatori; imparate le lingue.
a.c
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 33,0%
- lavora ed iscritto alla specialistica 21,9%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.166 euro
- donne 813 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
Cultura convergente di Henry Jenkins
Bel ami di Guy de Maupassant
Manuale di giornalismo di Alessandro Barbano
OFFERTA FORMATIVA
56
aCCEssO: libero/programmato a livello locale
Scienze MM.FF.NN.
oBiettiVi ForMatiVi
la facolt di scienze matematiche fsiche e naturali vede insieme discipline
diverse tra loro. i corsi di laurea, infatti, sono variegati: scienze biologiche, bio-
tecnologie, scienze e tecnologie fsiche, scienze e tecnologie chimiche, scienze
matematiche, scienze e tecnologie informatiche. lo scopo principe di questo
percorso di studi fornire allo studente una preparazione di base ma approfon-
dita nei vari settori della matematica insieme ad una signifcativa padronanza dei
metodi numerici e statistici e degli strumenti informatici. la capacit di utilizzare
questi sistemi, consente allo studente una buona capacit di inserimento nei vari
settori applicativi della ricerca e del mondo produttivo. attraverso lesperienza in
laboratorio le scienze sperimentali forniranno allo studente la capacit di dare
risposte e soluzioni concrete ai fenomeni del mondo che ci circonda. Per operare
al meglio ed essere competitivi nel mercato diventa fondamentale la conoscenza
di una seconda lingua dellunione europea oltre la lingua italiana, meglio se
diversa dallinglese che oggi viene dato come padronanza scontata.
aBruzzo
Universit degli Studi G. dAnnunzio
Chieti-Pescara; Universit degli Studi
de LAquila
caLaBria
Universit della Calabria
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fe-
derico II; Seconda Universit degli
Studi di Napoli; Universit degli Studi
di Salerno; Universit degli Studi del
Sannio di Benevento
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Universit degli Studi di Ferrara;
Universit degli Studi di Modena e
Reggio Emilia; Universit degli Studi
di Parma
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste; Uni-
versit degli Studi di Udine
Lazio
Sapienza Universit di Roma; Univer-
sit degli Studi di Roma Tor Vergata;
Universit degli Studi Roma Tre;
Universit degli Studi della Tuscia
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi Insubria Varese-
Como; Universit degli Studi di Mila-
no; Universit degli Studi di Milano-
Bicocca; Universit Cattolica del Sacro
Cuore; Universit degli Studi di Pavia
Marche
Universit Politecnica delle Marche
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
la laurea in matematica consente lingresso ad un mercato di professioni che
richiedono la conoscenza di strumenti matematici. in particolare, il laureato in
matematica pu ambire allinserimento nelle aziende e nellindustria, laboratori
e centri di ricerca, nei settori produttivi o di servizio della societ. il laureato
in fsica potr occuparsi di promozione e sviluppo dellinnovazione scientifca
e tecnologica, trover occupazione nella didattica, formazione e diffusione
della cultura scientifca. i laureati magistrali potranno trovare impiego a livello
dirigenziale nella ricerca fondamentale ed applicata, ed in altre attivit come la
produzione e studio delle propriet di nuovi materiali, prevenzione e controllo dei
rischi ambientali, analisi nel campo dei beni culturali, analisi del rischio sismico.
i laureati nei corsi di laurea della classe di biotecnologie svolgeranno attivit
professionali in ambito industriale agrario, ambientale, farmaceutico, sanitario
e in quello della comunicazione scientifca. i laureati in ecologia marina devono
essere capaci di svolgere compiti tecnico-operativi ed attivit professionali di
supporto in attivit produttive e tecnologiche, laboratori e servizi, a livello di
analisi, controlli e gestione dellambiente marino e delle sue risorse. i laureati nei
corsi di laurea della classe di scienze biologiche svolgeranno attivit produttive e
tecnologiche di laboratori e servizi a livello di analisi, controllo e gestione.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: chimico, fisico, matematico, ricercato-
re, biologo marino, analyst manager, radioprotection manager
n
PaRLa La LauREata
BARBARA BENUCCI,
Laureata triennale in Scienze
biologiche alla facolt di
Scienze matematiche, fsiche
e naturali dellUniversit di
Firenze
Dovrebbe essere lasciato pi spazio alle
attivit di laboratorio, si potrebbero anche inserire alcuni corsi in lingua
inglese cos da arrivare pi preparati nel mondo del lavoro
quando nata la passione per le scienze matematiche?
Da sempre sono stata appassionata alle materie scientifche e quando al
liceo ho iniziato a studiare biologia ho subito capito che avrei voluto fare
la ricercatrice nel campo delle scienze biologiche.
qual il segreto per una carriera brillante?
facolt/dipartimento * corso di laurea
n
OFFERTA FORMATIVA
57
scienze MM.FF.NN.
dove Si Studia
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
Orientale Amedeo Avogadro-Vercel-
li; Universit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo
Moro; Universit degli Studi del
Salento
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari;
Universit degli Studi di Sassari
SiciLia
Universit degli Studi di Catania;
Universit degli Studi di Messina;
Universit degli Studi di Palermo
toScana
Universit degli Studi di Firenze; Uni-
versit di Pisa; Universit degli Studi
di Siena
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
veneto
Universit degli Studi di Padova; Uni-
versit C Foscari Venezia; Universi-
t degli Studi di Verona
Magari lo sapessi avrei gi vinto il Nobel! Credo che la cosa pi importante
sia mettere passione in quello che si studia, porsi un obiettivo chiaro e cercare di
raggiungerlo. Sicuramente importante sapersi organizzare, cos da dedicare un
adeguato tempo allo studio, ma avere anche spazio per altre attivit.
Qualisonostatelepigrossediffcoltincontratenelpercorsodistudio?
Il primo anno stato il pi faticoso in quanto ti trovi in un ambiente totalmente
nuovo che devi imparare a conoscere. Entrare nel meccanismo universitario non
semplice, bisogna riorganizzare i propri tempi e il metodo di studio, ma prima si
riesce ad ingranare e meglio si affronta la vita universitaria.
Credi che la preparazione offerta dalle universit sia adeguata alla richiesta
del mercato del lavoro?
Credo che luniversit offra una buona preparazione, ma come tutte le cose alcuni
aspetti potrebbero essere migliorati. Ad esempio dovrebbe essere lasciato pi
spazio alle attivit di laboratorio; si potrebbero anche inserire alcuni corsi in lingua
inglese, cos da arrivare pi preparati e con adeguate competenze nel mondo del
lavoro, che nellambito scientifco sempre pi internazionale.
un consiglio alle future matricole
Il consiglio che posso dare alle future matricole per prima cosa scegliere luni-
versit in base alle proprie passioni e, una volta capita la strada, vivere il percorso
di studi in modo pro-attivo in quanto luniversit fornisce i mezzi, ma dobbiamo
essere noi studenti a saperli sfruttare al meglio per crearci le nostre occasioni.
m.g.
PaRLa LEsPERtO
GERMANO DABRAMO,
Matematico e fsico italiano
lavora presso lIstituto di
Astrofsica Spaziale e Fisica
Cosmica e lIstituto Nazionale di
Astrofsica a Roma
Se un ricercatore riesce a svolgere ricerca in
questo Paese, intendo dire in forma non precaria e intellettualmente e fnanziaria-
mente libera, la persona pi fortunata del mondo
Quandonatalapassioneperlafsica?
La mia passione per le invenzioni e soprattutto la chimica ha origine nellin-
fanzia, ma la vera e propria vocazione per la fsica nata nei primi anni di liceo
scientifco e si consolidata verso la fne, soprattutto grazie al mio docente di
fsica. La sua modalit di insegnamento era estremamente sui generis; la defnirei
un corso sperimentale di epistemologia, una sorta di flosofa della scienza in la-
boratorio, che ha acceso in me la fammella del pensiero critico. Il valore di questo
insegnamento e dellinsegnate, bench lavessi subito intuito, mi stato chiaro solo
con le esperienze di studio successive (universit e ricerca). Non un caso che, ad
oggi, considero il mio professore di fsica del liceo la fgura forse pi importante
nella mia formazione.
Sedovessesuggerireunospecifcocorsodilaurea,qualesarebbe?
Innanzitutto io suggerirei di seguire la passione e linclinazione. Ognuno di noi
ha talento e passione per qualcosa. E ognuno capace di sapere dentro di se con
certezza e onest quali sono. Ecco, se si sicuri veramente di quali sono, bisogna
seguirli. Questo non metter al riparo da diffcolt, delusioni, ripensamenti e
rimpianti. Ma in fondo nulla a questo mondo pi farlo e allora tanto vale tentare di
fare ci che ci piace. Anche perch, diffcilmente si disposti a lottare per ci che
non ci piace.
quali sono, a suo parere, le professioni del futuro legate a questa materia?
Secondo me le nanotecnologie e la scienza dei materiali sono settori molto pro-
mettenti, a cui un fsico pu dedicare fruttuosamente il suo impegno. Secondo me
riserveranno molte sorprese.
Crede che oggi ci sia ancora futuro per un giovane che intende fare ricerca in
questo campo, in quale Paese?
Si, credo proprio di si. Magari le forme attraverso le quali ci si trover a fare ricerca
saranno diverse da quelle del passato. Ci sar pi ricerca e sviluppo industriale (o
fondazioni private) e meno ricerca nellambito universitario, non so. Ma la ricerca
nel campo della fsica, per defnizione, pu solo avere un futuro pi luminoso del
suo passato. Per quanto riguarda il Paese, beh mi verrebbe da dire: Tutti i Paesi
occidentali, esclusa lItalia. Tuttavia, se un ricercatore riesce a svolgere ricerca in
questo Paese, intendo dire in forma non precaria e intellettualmente e fnanziaria-
mente libera, la persona pi fortunata del mondo.
un consiglio concreto alle future matricole
Anche se non facile, lo ammetto, sforzatevi di avere le idee chiare e soprattutto
cercate di laurearvi il prima possibile. Questo vi consentir di avere pi margine per
assestamenti e virate future nel mondo del lavoro. Non mi mai piaciuta lapologia
del lavoro soprattutto in termini di quantit: se si usa la ragione, si pu e si deve
ridurre la quantit di lavoro e migliorarne la qualit. Anche per avere pi tempo per
se stessi e per coltivare... il pensiero critico.
m.g.
facolt/dipartimento * corso di laurea
Consiglibibliografci
Lequazione di dio
Amir Aczel
Lenigma dei numeri primi. Lipotesi
di Riemann, il pi grande mistero della
matematica
Du Sautoy Marcus
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 18.5%
- lavora ed iscritto alla specialistica 13.5%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 966 euro
- donne 651 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
www.federica.unina.it Passaparola...
P.O. FESR 2007-2013 Asse V, O.O. 5.1 e-government ed e-inclusion - Progetto: Campus Virtuale
Miniguide Federica
Tutti i corsi a portata di mouse!
info@federica.unina.it studentifederica@unina.it
Sono online le
Miniguide Federica
per la scelta del Corso di Laurea
dellUniversit di Napoli Federico II.
Le Miniguide Federica
sono una guida essenziale alla
scelta del Corso di Laurea,
realizzata in collaborazione con il
Sof-Tel, Centro per lorientamento,
la formazione e la teledidattica.
Disponibili anche
in formato eBook!
OFFERTA FORMATIVA
59
aCCEssO: libero/programmato a livello locale
scienze della formazione
oBiettiVi ForMatiVi
Gli itinerari formativi rivolti alle scienze pedagogiche e delleducazione
sono strettamente collegati alle discipline umane e sociali. i saperi
sociologici, psicologici, antropologici, flosofci, storici e giuridici sono
connaturati allo studio e alla pratica educativa cos da approfondire ogni
declinazione del processo formativo. importanti le competenze lingui-
stiche e informatiche. le conoscenze di base dello studio: pedagogia
generale, psicologia, sociologia, storia e flosofa, pedagogia sociale,
psicologia dello sviluppo e delleducazione, educazione degli adulti,
metodologia delleducazione musicale, sociologia delle organizzazioni
consentono di analizzare realt sociali, culturali e territoriali cos da
elaborare, realizzare, gestire e valutare interventi e progetti educativi. a
seconda degli indirizzi e dei curricula (Scienze delleducazione, Scienze
della Formazione Primaria, educatori di Comunit, educazione degli
adulti) il piano di studi ha diverse declinazioni. in particolare, il corso di
laurea in Scienze della formazione primaria preordinato alla forma-
zione culturale e professionale degli insegnanti della scuola dellinfanzia
e della scuola primaria e abilita allinsegnamento.
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
PAOLO FERRI,
Professore associato
Scienze della Formazione
Universit Milano Bicocca
Formazione e new media: in che
modo le nuove tecnologie, contri-
buiscono alla formazione?
Ormai le tecnologie, sono gli stru-
menti della formazione, non si pu
farne a meno. Il problema italiano
relativo alla mancanza di infrastrut-
ture ed investimenti in questi anni di
trasformazione. I docenti sia a livello scolastico che universitario, presenta-
no scarse competenze digitali. Sussiste una base di utenza accademica,
SBoCCHi ProFeSSioNali
i laureati in SdF possono operare come docenti, formatori, esper-
ti di orientamento, istruttori, tutor, esperti dei processi comuni-
cativi anche nellambito delle tecnologie digitali nelle imprese, nei
servizi, nelle scuole, nei centri di formazione e nelle pubbliche
amministrazioni; svolgere attivit di consulenza e di progettazio-
ne nei servizi culturali, nelle strutture scolastiche ed educative
extra scolastiche e in strutture territoriali connesse anche al ter-
zo settore. il laureato potr svolgere attivit di assistenza, educa-
zione nella scuola primaria, comunicazione, editoriali dinfanzia,
relazione con terzi in ambiti pubblici, nazionali, internazionali. a
livello interculturale, i laureati potranno occuparsi di progettazio-
ne di interventi formativi ed educativi di mediazione culturale. .
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: formatore,
insegnante dellinfanzia e della scuola primaria, educatore di comunit,
europrogettista sociale, esperto di educazione per gli adulti, specialisti
delle risorse umane e dellorganizzazione del lavoro.
n
n
aBruzzo
Universit degli Studi G. dAnnunzio
Chieti-Pescara
Universit degli Studi de lAquila
BaSiLicata
Universit degli Studi della Basilicata
caLaBria
Universit della Calabria* (Lettere e
Filosofa)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Suor
Orsola Benincasa
Universit degli Studi di Salerno
[Fisciano]
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna
Universit degli Studi di Modena e
Reggio Emilia
Universit degli studi di Parma* (Lettere
e Filosofa)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste
Universit degli Studi di Udine
Lazio
Universit degli Studi di Roma Tre
Sapienza Universit di Roma* (Medicina
e Psicologia)
Universit degli Studi di Roma Tor
Vergata * (Lettere e Filosofa)
Universit degli Studi di Cassino e del
Lazio Meridionale* (Lettere e Filosofa)
Libera Universit degli Studi Maria SS.
Assunta LUMSA (Scienze Umane)
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi di Bergamo
Universit degli Studi di Milano Bicocca
Universit Cattolica del Sacro Cuore
Marche
Universit degli Studi di Macerata
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
60 scienze della formazione
dove Si Studia
molto refrattaria alluso delle nuove tecnologie nella didattica. Inoltre
da considerare come la scarsa qualit di formazione online pi in odore
di truffa, che di saperi rafforzati, ha contribuito a sminuirne la valenza.
Competenze indispensabili per un aspirante formatore?
Inglese, competenze nelluso della tecnologie, competenze della lingua 1
(litaliano) che non sempre riscontriamo. Tre fattori essenziali.
Per un giovane, interessato al mondo educativo, quale il modo
migliore di gestire formazione, media e social network?
Le fnalit educative dei social, direi sono scarse. La risorsa Internet
affanca la formazione e la integra. Allestero, gli studenti universitari
hanno la password per scaricare i materiali didattici dal web. Se si ha un
ambiente digitale produttivo, la didattica ne rafforzata. Al momento,
noi, ci limitiamo alla posta elettronica e, in alcune universit, il wireless.
I vantaggi effettivi della didattica digitale sono: laccesso qualifcato al
sapere del mondo (se luniversit furba, si abbona alle banche dati ed ai
siti interessanti), la condivisione, e la sburocratizzazione.
Come arrivato alla specializzazione in questo settore, partendo da
unalaureainFilosofa?
Ho lavorato per anni in una casa editrice dove ho approfondito le mie
conoscenze nel campo multimediale e dopo anni di lavoro ho fatto il
dottorato e poi il concorso per professore, allUniversit Bicocca. Fonda-
mentale coniugare lesperienza aziendale con quella accademica.
augurio agli studenti
Seguire le proprie passioni, con metodo, impegno e disciplina. Da non
tralasciare, la preparazione scientifco-tecnologica, a prescindere dal pro-
prio ambito di studi, se si vuole comprendere la societ contemporanea e
sviluppare competenze relazionali e professionali. Non solo ostacoli per
i giovani, se si affronta lo studio con impegno e attenzione alle tendenze
socio-culturali e lavorative della nostra era.
a.c.
PaRLa La studEntEssa
SIMONA MEDICI,
Laureanda in Scienze dellEducazione - Roma Tre
Come ti sei avvicinata al campo delleducazione?
Allora, da un punto di vista formativo, la scelta devia dalla mia istruzione
pregressa (liceo artistico), ma come cultura familiare ed inclinazione naturale,
ho sempre svolto volontariato ed animazione giovanile. A 19 anni, optai per il
servizio civile internazionale, partendo per Lesotho e Zambia, per un progetto
di strada con ragazzi di contesti non urbani. Esperienza che considero quasi
obbligatoria per chiunque voglia dedicarsi al campo delleducazione. Tornata
a Torino, decisi di trasferirmi a Roma e di iscrivermi a Scienze dellEduca-
zione.
Come hai mosso i tuoi primi passi nel mondo del lavoro?
Inizialmente, bar e pub, poi ho trovato un corso di formazione privato ricono-
sciuto che mi permetteva di lavorare nelle scuole materne e nelle ludoteche,
come tecnico di ludoteca. Grazie alla buona conoscenza dellinglese, mi fu
offerto di lavorare in una scuola, come docente di sostegno di inglese e poi
come educatrice di inglese. Parallelamente facevo volontariato per lArch
(Associazione per i bambini sieropositivi) da cui passai allarea di progetta-
zione e di assistenza domiciliare, promossa dal Comune.
Ilvolontariatoancorapercepitocomeformadibenefcenza.Sene
dovessispiegareilsignifcato?
Secondo me una cosa bellissima, che fai per te, non essendoci di mezzo i
soldi. Vedere una persona stare meglio per una sciocchezza, un piccolo gesto,
riempie tanto. Il fatto di farlo per una persona sconosciuta, ti d unaltra
lettura del mondo, come se fosse tutto pi piccolo e tutto pi vicino, come
un grande paese. Rendersi utile, oltre studio e le uscite con gli amici.
studio e lavoro, dunque una costante del tuo percorso,che cosa consiglie-
resti alle matricole?
In questo percorso di studi, la pratica fondamentale. Non ci si pu laureare,
senza avere svolto almeno un tirocinio. essenziale che lo studente si trovi
un lavoretto attinente al campo educativo, compreso il volontariato che
anche un modo per professionalizzarsi. Inoltre, cos non si avr la preoccu-
pazione drammatica, mi laureo e poi? Per me il problema dunque non sar
trovare lavoro, ma eventualmente di cambiarlo.
a.c.
Universit degli Studi di Urbino Carlo
Bo
pieMonte
Universit degli Studi di Torino
pugLia
Universit degli Studi di Bari Aldo Moro
Universit degli Studi di Foggia
Universit degli Studi del Salento
Libera Universit degli Studi Maria SS.
Assunta LUMSA [Taranto]
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari
Universit degli Studi di Sassari * (Lette-
re e Filosofa)
SiciLia
Universit degli Studi di Catania
Universit degli Studi di Messina
Universit degli Studi di Palermo (Agri-
gento Palermo)
Libera Universit degli Studi Maria SS.
Assunta LUMSA [Palermo]
toScana
Universit degli Studi di Firenze
Universit degli Studi di Siena * (Lettere
e Filosofa) [Arezzo]
trentino aLto-adige
Libera Universit di Bolzano
uMBria
Libera Universit degli Studi Maria SS.
Assunta LUMSA [Gubbio]
Universit degli Studi di Perugia
vaLLe daoSta
Universit della Valle dAosta
veneto
Universit degli Studi di Padova
Universit degli Studi di Verona
univerSita teLeMatiche
Universit Telematica Leonardo da
Vinci; Universit Telematica Italian
university line; Universit Telematica
delle scienze umane UNISU
facolt/dipartimento * corso di laurea
Consiglibibliografci
Pedagogia della speranza di Paulo Freire
La testa ben fatta. Riforma dellinsegnamento
e riforma del pensiero di Edgar Morin
due lettere sulla banalit del male di Hannah
Arendt e Gershom Scholem
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 36,2%
- lavora ed iscritto alla specialistica 18,2%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1127 euro
- donne 822 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
61
aCCEssO: a numero programmato a livello locale
scienze motorie
oBiettiVi ForMatiVi
i percorsi di studi in scienze motorie intendono promuovere una forma-
zione di base per integrare le conoscenze biologiche, psicopedagogi-
che, sociologiche e giuridico-economiche, con i contenuti fondamentali
delle discipline motorie e sportive al fne di recepire e gestire linnova-
zione, adeguandosi allevoluzione scientifca e metodologica.
il percorso formativo prevede lintegrazione delle aree disciplinari con
le competenze necessarie alla progettazione, allorganizzazione, alla
gestione ed alla valutazione delle attivit motorie e sportive. tali cono-
scenze e competenze sono fnalizzate alla promozione e al manteni-
mento del benessere psico-fsico dellindividuo come sancito dai princi-
pi generali dello.M.S. ed in particolare sono fnalizzate ad acquisire le
competenze metodologiche, tecniche e scientifche per:
pianifcare e condurre programmi motori e sportivi a carattere
ludico-ricreativo, agonistico e educativo, differenziati per genere, et e
condizione psico-fsica;
promuovere stili di vita attivi fnalizzati al mantenimento della qualit
di vita dellindividuo;
interagire in maniera effcace con professionalit dellarea sanitaria
per la promozione e il mantenimento della salute e del benessere
dellindividuo.
aBruzzo
Universit degli Studi G. dAnnunzio
Chieti-Pescara; Universit degli Studi
de LAquila;
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Parthe-
nope; Universit degli studi di Salerno
(Scienze della Formazione)*
eMiLia roMagna
Alma Mater Studiorim Universit di Bo-
logna; Universit degli Studi di Ferrara*
(Medicina e Chirurgia); Universit degli
Studi di Parma* (Medicina e Chirurgia);
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Udine* (Medici-
na e Chirurgia);
Lazio
Universit degli Studi di Cassino; Uni-
versit degli Studi di ROMA Tor Verga-
ta* (Medicina e Chirurgia); Universita
degli Studi di Roma Foro Italico;
Liguria
Universit degli Studi di Genova* (Medici-
na e Chirurgia);
LoMBardia
Universit degli Studi di Brescia* (Medi-
cina e Chirurgia); Universit degli Studi
INSUBRIA Varese-Como* (Medicina
e Chirurgia); Universit degli Studi di
Milano; Universit Cattolica del Sacro
Cuore* (Scienze della Formazione);
Universit degli Studi di Pavia* (Medicina
e Chirurgia);
Marche
Universit degli Studi di Urbino Carlo
BO;
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise* (Scien-
ze del Benessere)
pieMonte
Universit degli Studi di Torino* (Medici-
na e Chirurgia II San Luigi Gonzaga)
pugLia
Universit degli Studi di BARI Aldo
dove Si Studia
PaRLa IL CaMPIOnE
OSCAR PISTORIUS,
I just love the feeling
of being competitive and
active
atleta sudafricano soprannominato the
fastest thing on no legs. amputato bila-
terale detiene il record del mondo sui 100,
200 e 400 metri piani nella categoria t44.
Corregrazieaparticolariprotesiinfbra
di carbonio, denominate cheetah. il primo ed unico atleta amputato capace di
vincere una medaglia in una competizione iridata per normodotati, ottenendo
largento con la staffetta 4400 metri ai Mondiali di daegu. Concorrer alle
Olimpiadi 2012.
SBoCCHi ProFeSSioNali
Molteplici sono gli sbocchi di lavoro che si presentano al laureato in
Scienze Motorie, tuttavia necessario sottolineare alcune criticit
che bene che lo studente tenga in considerazione: da una parte il fat-
to che i corsi triennali sono prevalentemente metodologici, pertanto si
consiglia il proseguimento degli studi in un corso di laurea magistrale
del settore motorio sportivo o in eventuali master di i livello e dallaltra
il fatto che il proflo professionale del laureato in Scienze Motorie, ad
oggi, ancora in via di defnizione sul piano legislativo e normativo. Cio-
nonostante i laureati, dopo adeguata formazione, potranno esercitare
lattivit professionale nel campo delleducazione motoria e sportiva
nella scuola, nelle strutture pubbliche e private, nel campo dellasso-
ciazionismo sportivo, ricreativo e sociale e in quello della salute dei
cittadini. in tali strutture essi possono svolgere attivit di conduzione,
gestione e valutazione di attivit motorie individuali e di gruppo a ca-
rattere compensativo, adattativo, educativo, ludico-ricreativo, sportivo,
fnalizzate al mantenimento del benessere psicofsico mediante la n
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
62 scienze motorie
Moro* (Medicina e Chirurgia); Univer-
sit degli Studi di FOGGIA* (Medicina e
Chirurgia);
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari* (Medi-
cina e Chirurgia);
SiciLia
Universit degli Studi di Catania*
(Medicina e Chirurgia); Libera Universit
della Sicilia Centrale KORE; Universi-
t degli Studi di Messina* (Medicina
e Chirurgia);Universit degli Studi di
Palermo;
toScana
Universit degli Studi di Firenze* (Me-
dicina e Chirurgia); Universit di Pisa*
(Medicina e Chirurgia);
uMBria
Universit degli Studi di Perugia* (Medi-
cina e Chirurgia)
veneto
Universit degli Studi di Padova* (Medi-
cina e Chirurgia); Universit degli Studi
di Verona;
univerSit teLeMatiche
Universit Telematica San Raffaele
Roma
dove Si Studia
quando hai capito che lo sport sarebbe stato per sempre parte della tua
vita?
Sono sempre stato coinvolto nello sport fn dalla pi tenera et. La mia
una famiglia molto sportiva: io, mio fratello e mia sorella abbiamo avuto la
possibilit di fare tante attivit. Ho fatto rugby, pallanuoto, lotta, pugilato,
nuoto, pesca, sport estremi, mi piace la sensazione di essere competitivo e
attivo. E stato con un infortunio al ginocchio a 16 anni (mentre giocavo a
rugby) che ho iniziato la mia carriera atletica. La corsa stata parte della mia
riabilitazione e il mio allenatore, Ampie Louw ha visto in me il potenziale.
Dopo soli nove mesi dalla prima volta che ho messo il piede su una pista e ho
provato le protesi, ero gi in competizione ai Giochi paraolimpici di Atene.
Sono tornato con un oro e ho capito di avere un talento naturale. Da allora ho
voluto fare tutto quello che potevo con lo stesso talento per essere il miglior
atleta possibile.
Comehaiconciliatolosportelostudio?statodiffcile?
E stata dura quando mi sono reso conto bisogna allenarsi a tempo pieno per
essere il migliore. Per ora i miei studi sono fermi. Mi piace molto studiare,
anche se porta via tanto tempo so che riaprir i libri in futuro.
qual il tuo consiglio per i futuri sportivi, allenatori e preparatori
atletici italiani?
Il mio consiglio di essere veramente appassionati di quello che si studia,
portare le proprie esperienze e la personalit negli studi e nel modo con cui si
raccontano le cose. Godete di ci che state facendo. Lo sport unisce le perso-
ne e far parte di questo, qualunque sia il campo, una sensazione fenomenale.
m.g.
PaRLa LEsPERtO
EUGENIO PISTONE,
laureando in Attivit motorie preventive
e adattate presso l Universit degli studi
di Roma Foro Italico
Il percorso richiede un dispendio di energie non solo
mentali ma anche fsiche per il superamento delle prove
di carattere pratico.
quando nata la tua passione per lo sport?
Sin da piccolo, io e i miei fratelli, siamo stati abituati a praticare tanta attivit
sportiva, in quanto molti membri della mia famiglia, diplomati ISEF e abilitati
all insegnamento delleducazione fsica, ci hanno inculcato la passione per lo
sport. Grazie a questa forte cultura sportiva familiare ho deciso di intraprendere
questo percorso di studi.
Qualisonostatelepigrossediffcoltincontratefnoadoranelpercorso
di studi?
Lunica vera diffcolt risiede nellapproccio a questo particolare percorso di
studi, in quanto non richiede soltanto dispendio di energie mentali per prepararsi
ad affrontare esami di tipo teorico (come nelle normali facolt), ma anche di
energie fsiche atte al superamento delle prove di carattere pratico.
Credi che la preparazione offerta dalle universit sia adeguata la richiesta
del mercato del lavoro?
Credo che attualmente ogni facolt possa ottimizzare la propria offerta didattica
verso il nuovo mercato del lavoro. Con i tempi che corrono si richiedono
competenze sempre pi specifche. A mio modesto parere sembra quasi che
il Ministero del lavoro e delle politiche sociali non collabori con il MIUR in
maniera tale da formare laureati funzionali alle richieste di mercato: non
trasformando cos un capitale in una risorsa per lo Stato. Il mio auspicio che ci
sia un rinnovamento in termini di dialogo tra i due Ministeri.
Cosa ti piacerebbe fare in futuro?
Mi piacerebbe lavorare in un ambito che conosca, che rispetti e tuteli letica
dello sport e possa offrire un reale benefcio sociale e non solo alla popolazione.
un consiglio ai futuri studenti.
Spero che tutti i futuri colleghi che decideranno di intraprendere questo percorso
di studi lo faranno con la consapevolezza di mantenere la reale cultura sportiva
e agire secondo questa. Questa Universit mi ha dato la possibilit di vivere
una bellissima esperienza che ricorder e mi ha dato la possibilit di crescere e
trovare la mia strada.
i.b.
facolt/dipartimento * corso di laurea
promozione di stili di vita attivi. tenendo presente, inoltre, limpor-
tanza data in ambito europeo e internazionale allattivit motoria
in et evolutiva in ambito scolastico, ed in considerazione dellau-
tonomia scolastica i laureati triennali possono essere responsabili
di progetti formativi per le scuole materne ed elementari.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: tecnico sportivo,
esperto in educazione dellattivit motoria del bambino e delladolescen-
te, gestore di impianti sportivi, esperto in marketing dello sport, ope-
ratore dellorganizzazione delle attivit sportive, manager delle attivit
sportive, formatore, preparatore atletico, operatore ludico-ricreativo,
educatore specializzato in wellness, addetto alla riabilitazione
Consiglibibliografci
Il movimento delluomo. storia di un concetto
Pasquale Bellotti, Sergio Zanon
Il corpo nella mente
Stefano Scarpa
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 18.5%
- lavora ed iscritto alla specialistica 13.5%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 966 euro
- donne 651 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
63
scienze politiche
aCCEssO: libero/a seconda delle facolt, con test valutativo
oBiettiVi ForMatiVi
i corsi di laurea in scienze politiche si propongono di
fornire conoscenze e competenze di carattere giuridico,
politico-istituzionale, economico-statistico, gestionale -
organizzativo e storico-giuridico, cos da fornire strumenti
critici per cogliere la dimensione nazionale e sovranazio-
nale e linterdipendenza nella quale si svolgono gli attuali
processi sociali, politici e istituzionali. tra le materie
di base: storia, statistica, economia, sociologia, diritto,
scienza politica, relazioni industriali, scienza dellam-
ministrazione e lingue. Segnaliamo limportanza della
conoscenza delle lingue straniere per chi intende seguire
il percorso formativo - professionale delle relazioni e
cooperazione internazionale. Principali indirizzi: Pubblica
amministrazione, relazioni internazionali, Studi Politici,
Cooperazione internazionale. una specializzazione, sem-
pre pi diffusa, i diritti umani.
aBruzzo
Universit degli Studi di Teramo
caLaBria
Universit della Calabria:
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fede-
rico II: Universit degli studi di Napoli
LOrientale: Universit degli Studi di
Salerno; SUN, Seconda Universit
degli Studi di Napoli (Facolt di Studi
Politici Jean Monnet)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Trieste
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna;
Universit degli Studi di Parma
Lazio
Sapienza Universit di Roma (Dipar-
timento, Scienze Politiche, Sociologia,
Comunicazione); Universit degli studi
Roma Tre; Universit Guido Carlo
Luiss; Universit degli studi La
Tuscia* (Dipartimento di Istituzioni
linguistico-letterarie, comunicazio-
nali e storico-giuridiche dellEuropa);
Luspio Libera Universit; Lumsa-
Libera Universit degli Studi Maria
SS.Assunta* (Giurisprudenza)
Liguria
Universit degli Studi di Genova
LoMBardia
Universit degli Studi di Milano;
Universit Cattolica del Sacro Cuore:
Universit degli Studi di Pavia:
Marche
Universit degli Stu-
di di Macerata; Universit di
Camerino*(Giurisprudenza); Universit
degli studi di Urbino Carlo Bo
dove Si Studia
SBoCCHi ProFeSSioNali
Molteplici gli sbocchi professionali: giornalismo, carriera
diplomatica, attivit professionali in imprese e organizzazioni
nazionali e multinazionali, organizzazioni pubbliche nazionali
comunitarie e internazionali, amministrazione pubblica cen-
trale e locale, organizzazioni non governative. in particolare,
a chi interessato alla pubblica amministrazione, consente
laccesso ad un ampio ventaglio di concorsi pubblici. in
campo internazionale, opportunit nelle istituzioni interna-
zionali europee, agenzie onu e organizzazioni non proft,
molto attive nel campo della cooperazione internazionale.
indispensabile la conoscenza di due lingue straniere. Per la
carriera internazionale, essenziale esperienze (tirocini-stage)
allestero, gi durante gli anni di studio. i campi di lavoro in
paesi in via di sviluppo, costituiscono vere e propri saggi di
accesso professionale e di motivazione e capacit attitudinali
del soggetto a lavorare in zone disagiate.
Ecco un ventaglio delle professioni: operatore internazio-
PaRLa La LauREata
GRAZIELLA MOSCHELLA,
cultrice della materia Sapienza Universit di Roma
Ci puoi descrivere in breve il percorso di scelta che ti ha portato ad iscriverti a
scienze Politiche?
La scelta di iscrivermi a Scienze Politiche stata abbastanza istintiva. Volevo approfon-
dire la passione, per la ricerca e la scrittura. Scienze politiche mi sembrata la via pi
completa e interessante per arrivare ad una lettura della societ che mi circondava.
Che cosa risponderesti a chi ritiene che si tratta di un percorso formativo - professio-
nale facile?
Di certo, chi lo afferma ha scelto di svolgere il suo percorso di studio in maniera superf-
ciale. Ad una prima occhiata gli scienziati politici possano apparire cenerentole nel
mare dei tanti professionisti (giurisprudenza o ad economia e commercio, ad esempio).
In realt, Scienze politiche altamente formativa. Permette di acquisire quegli strumenti
e quelle skills fondamentali nel contesto odierno e futuro, dove il multi (inteso come
multitasking, multiculturale, multilinguistico), lessenza di quasi ogni professione.
n
n n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
64 scienze politiche
dove Si Studia
MoLiSe
Universit degli Studi del
Molise*(Economia e Giurisprudenza);
pugLia
Universit degli Studi di Bari; Univer-
sit degli Studi del Salento* (Lettere e
Filosofa)
pieMonte
Universit degli Studi del Pie-
monte Orientale Amedeo
Avogadro*(Dipartimento di Giurispru-
denza e Scienze Politiche, Economiche
e Sociali): Universit degli Studi di
Torino
Sardegna
Universit degli Studi di Ca-
gliari: Universit degli Studi di
Sassari*(Dipartimento di Scienze
Politiche, Scienze della Comunicazione
e Ingegneria dellInformazione)
SiciLia
Universit degli Studi di Catania:
Universit degli Studi di Messina:
Universit degli Studi di Palermo:
toScana
Universit degli Studi di Firenze: Uni-
versit degli Studi di Pisa: Universit
degli Studi di Siena
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento* (So-
ciologia)
uMBria
Universit degli Studi di Perugia
vaLLe daoSta
Universit della Valle dAosta:
veneto
Universit degli Studi di Padova:
univerSita teLeMatiche
Guglielmo Marconi; Unicusano
PaRLa LEsPERtO
ANGUEL KONSTANTINOV BEREMLIYSKY,
Rappresentanza in Italia della Commissione Europa
Uffcio stampa
hai sempre saputo che avresti studiato scienze Politiche? Come nato in te
linteresse verso questo settore?
Allinizio ero indeciso tra le scienze giuridiche e quelle politiche, ma valutando
che avrei voluto tentare la la strada della diplomazia e del lavoro nellambito delle
istituzioni internazionali, cap che studi politici erano indispensabili, unite alle
nozioni di diritto, economia e lingue.
Potresti descriverci in breve il tuo percorso formativo - professionale?
Ho studiato il corso di laurea in Scienze internazionali diplomatiche. Al secondo
anno, mi sono appassionato delle questioni europeo e ho scelto lindirizzo attinen-
te. Il tirocinio formativo post laurea in unambasciata mi ha permesso di mettere
in pratica conoscenze e competenze che ho approfondito successivamente con
un Master (Parlamento e politiche pubbliche) ed un ulteriore tirocinio (presso la
Rappresentanza della Commissione Europea) che si rivelato fondamentale per il
mio percorso professionale.
quali sono secondo te, le competenze necessarie specializzarsi in relazioni
internazionali?
In parte, quelle sopradescritte, unottima capacit di operare con strumenti e
concetti delle scienze sociali, e un incessante
interesse per il mondo circostante. La cono-
scenza multlinguistica un muste i rapporti,
essenza di una carriera nel campo politico, specie
internazionale. La differenza la fa la persona che
sa trarne benefcio.
Oltre allistruzione accademica, come for-
marsi?
Se lUniversit una palestra, lallenamento
non si deve mai fermare. Dal mio punto di vista,
ogni esperienza ha un suo valore e ruolo da
giocare nel percorso personale. Per quanto mi
riguarda, il tirocinio si rivelato sempre una specie di sesta marcia.
a.c
Consiglibibliografci
La posta in gioco di Giovanni Falcone
Le mie prigioni di Silvio Pellico
In viaggio con Erodoto di Ryszard Kapu-
scinski
Affrontare esami di diritto, economia, storia,
sociologia, flosofa, lingue straniere, statistica,
forse non da tutti. Come ha scritto Esopo
nondum matura est, nolo acerbam sumere.
quali sono i punti di forza e di debolezza
dello studio di scienze politiche?
La forza e la debolezza di scienze politiche sta
nella vastit dei temi. Forza, perch permette
di costruirsi un bagaglio culturale ampio
e suffcientemente esaustivo (nel settore
delle scienze sociali). Ma anche debolezza,
proprio perch pu generare quel fenomeno
di pressapochismo, dato dalla mancanza di approfondimenti. Trovare la propria
strada, scegliere la propria passione e cercare di farne una professione non di
certo cosa facile!
tu ora sei cultrice della materia, progettista e hai creato unassociazione
allinterno della sapienza (Eurosapiens). quanto conta lassociazionismo
nella formazione?
Lassociazionismo il sale della vita! Aggregarsi, conoscersi, fare formazione ed
informazione, integrate a quella canonica fondamentale per crescere e diven-
tare cittadini attivi. Non basta esserci, occorre partecipare, esprimere le proprie
idee, se necessario, urlarle al mondo, anche da chi si trova troppo in alto per
sentire bene. Lassociazionismo, che sia politico, sociale, culturale (come nel
mio caso), aiuta ad abbattere i muri. E faticoso, ma tanta la soddisfazione di
realizzare qualcosa, grazie solo alle forze di un gruppo di
giovani che condividono unidea comune.
stai per partire per Londra, quanto sono importanti i
soggiorni allestero?
Viaggiare, per me, tutto. Ho iniziato a 14 anni con
la mia prima vacanza studio in Scozia, e non mi sono
fermata pi! Ho lavorato e studiato in molti paesi (anche
complessi, come in Medio Oriente), e ne sono sempre
tornata arricchita e pi adulta. La conoscenza delle
lingue e la voglia di mettersi in gioco con culture diverse,
una tappa obbligata per chi studia scienze politiche.
Come diceva SantAgostino : Il mondo un libro, e chi
non viaggia legge solo una pagina.
a.c
nale, esperto di diritti umani, esperto di fundraising, operatore
per la soluzione pacifica dei conflitti, operatore del terzo
settore, politico, specialista in risorse umane, esperti legali
in imprese, project manager, carriera diplomatica, dirigente
pubblica amministrazione, consulente aziendale.
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 28,7%
- lavora ed iscritto alla specialistica 17,9%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.188 euro
- donne 856 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
65
aCCEssO: libero
scienze statistiche
oBiettiVi ForMatiVi
la facolt di scienze statistiche forma i soggetti per lo svolgimento di
attivit professionali in ambito statistico, biodemografco, statistico-
economico e aziendale. le competenze acquisite in questo corso di studi
trovano oggi una vasta applicazione quindi il tipo di formazione va a toc-
care diversi aspetti del mercato, delle fnanze, della matematica e altro.
il cdl offre una solida preparazione sui principi e la teoria della statistica
cos da consentirgli di: eseguire indagini complesse sulle dinamiche
di popolazione, indagini epidemiologiche e statistico sanitarie, analisi
quantitative in campo economico aziendale, analisi di mercato, gestire
indagini quantitative in tutti gli ambiti fenomenici, gestire banche dati o
fare sondaggi e molto altro ancora.
il cdl in scienze statistiche ed economiche intende fornire le conoscenze
teoriche, le competenze operative e le abilit atte a rilevare e trattare dati
economici al fne di descrivere ed interpretare i fenomeni reali sia a livello
microeconomico sia a livello macroeconomico. Consente al laureato
di possedere unadeguata padronanza delle metodologie statistiche
generali integrata con competenze nelle discipline statisticoeconomiche,
economico-politiche ed economico-aziendali.
caMpania
Universit Federico II (ECONOMIA)*; Univer-
sit degli Studi del Sannio (SEA)*; Universit
di Napoli Parthenope (ECONOMIA)*
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna
Lazio
Universit degli Studi di Cassino (ECONO-
MIA)*; Sapienza Universit di Roma* (Dipar-
timento di scienze statistiche); Universit
degli Studi di Roma Tor Vergata; Universit
degli Studi Roma Tre* (Dipartimento di
scienze statistiche); Libera Universit Inter-
nazionale Studi Sociali Guido Carli Luiss*
(Dipartimento di economia e business);
Universit degli Studi della Tuscia* (ECO-
NOMIA AZIENDALE); Universit degli Studi
per lInnovazione e le Organizzazioni Luspio*
(ECONOMIA); Libera Universit degli Studi
Maria SS.Assunta Lumsa* (GIURISPRU-
DENZA)
LoMBardia
Universit degli Studi di Milano Bicocca
SiciLia
Universit degli Studi di Catania* (ECONO-
MIA); Universit degli Studi di Messina;
Universit degli Studi di Palermo* (Diparti-
mento di scienze statistiche e matematiche);
Uke - Universit Kore di Enna* (SCIENZE
ECONOMICHE E SOCIALI)
veneto
Universit degli Studi di Padova
teLeMatiche
Universit Telematica Guglielmo Marconi*
(ECONOMIA); Universit Telematica San
Raffaele Roma* (SCIENZE MOTORIE); Uni-
versit Telematica Internazionale Uninettu-
no* (INGEGNERIA); Universit Telematica
Unitelma Sapienza* (ECONOMIA); Universit
Telematica delle Scienze Umane Unisu*
(ECONOMIA); Universit Telematica Univer-
sitas Mercatorum* (ECONOMIA)
dove Si Studia
PaRLa IL LauREatO
FABIO TASINATO,
laureato in scienze statistiche presso lUniversit
degli Studi di Padova
Bisogna essere sempre impegnati e soprattutto al passo con gli esami. Chi
resta indietro si perde molto facilmente
quando nata la passione per le scienze statistiche?
Gi alle scuole superiori dimostravo una forte propensione per le scienze
statistiche poich ho frequentato un liceo in cui studiavamo anche alcune
cose di questa materia. Col passare del tempo mi sono reso conto che que-
sto un settore di nicchia e che quindi avrei trovato un buon posto di lavoro
con grande probabilit, cos ho scelto di iscrivermi alla facolt.
Qualisonostatelepigrossediffcoltincontratenelpercorsodi
studio?
Le cose allinizio sono sempre complicate. Io, come ho gi detto, sono par-
tito leggermente avvantaggiato ma con le scienze statistiche si entra in
SBoCCHi ProFeSSioNali
le prospettive lavorative di questa laurea interessano molteplici
settori dal momento che lo statistico pu essere assunto nei pi
svariati campi dove richiesto un professionista dei numeri. Per il
corso in statistica, economia, fnanza e assicurazioni le possibilit
riguardano lattivit in banche commerciali, banche dinvestimento
e altri intermediari fnanziari, imprese di assicurazione, centri di
ricerca e di analisi economico-fnanziaria ma anche Pa e organismi
internazionali. Per il cdl in statistica, economia e societa gli sbocchi
sono quelli per cui richiesta la capacit di affrontare lo studio, la
comparazione e la comprensione di fenomeni sociali ed economici.
Gi con una laurea di primo livello, si pu prevedere linserimento del
laureato in statistica, economia e societ in amministrazioni, aziende,
agenzie e istituti di ricerca che operano nel campo dellanalisi dei
bisogni di famiglie e individui; nelle organizzazioni del terzo settore;
negli enti territoriali - comuni, province e regioni, aziende sanitarie
(aSl); in tutte le strutture della rete del Sistema Statistico Nazionale
(Sistan). Con il cdl in statistica gestionale il laureato giova di un
n n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
66 scienze statistiche
buon inserimento nel lavoro poich questa laurea ha la potenzialit
di continuare a soddisfare le esigenze tradizionali del mercato del
lavoro e a incontrare anche richieste di nuovi profli applicando le
metodologie ai settori pi tradizionali della statistica. i principali
sbocchi possono riguardare aziende del settore pubblico e privato
per la gestione delle informazioni relative sia alla produzione che
allorganizzazione interna, enti che utilizzano i metodi statistici per
la produzione, lo sviluppo e la ricerca, agenzie per il monitorag-
gio della salute pubblica e dellambiente, agenzie di valutazione
e scoring, aziende per analisi di mercato, istituzioni fnanziarie,
aziende di servizi ad elevato contenuto tecnologico in settori come
le telecomunicazioni fsse e mobili e i servizi internet come Google.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: analista, program-
matore informatico, risk analyst, performance measurement analyst;
quantitative portfolio manager, financial consultant; risk manager
un mondo completamente diverso,
con un altro linguaggio. Io sono
sempre stato entusiasta e questo mi
ha aiutato. Una cosa certa si avr
sempre a che fare con i numeri, con
la matematica e i pc.
Credi che la preparazione offerta
dalle universit sia adeguata alla
richiesta del mercato del lavoro?
Io ho subito trovato lavoro,
immediatamente dopo la laurea
e nonostante la crisi. Credo che i
contenuti dellofferta universitaria
siano buoni ed i piani di studio
aggiornati e completi quindi si entra del mondo del lavoro con le
giuste competenze e professionalit.
un consiglio alle matricole
Bisogna essere sempre impegnati e soprattutto al passo con gli
esami. Chi resta indietro si perde molto facilmente. Mi dispiace dirlo
ma bisogna dimenticare la vita privata! Scherzi a parte suffciente
avere costanza giorno dopo giorno perch solo cos si impara ad
affnare il metodo di studio.
m.g.
PaRLa LEsPERtO
MARCO CILIA,
Web analytics manager
presso InTarget Intelligence
Se avete intenzione di fare i web analyst,
iniziate presto. Anche se gli strumenti
cambiano, alcuni concetti sono sempre
validi: avete un sito? Istallateci uno o pi
strumenti, analizzate, provate, sbagliate,
migliorate
Il terreno delle analisi statistiche anco-
ra fertile? Oppure i giovani dovrebbero indirizzarsi altrove?
E molto fertile. Il web un ambito enorme, non bisogna pensare che
esistano solo i siti: ci sono i social network, le applicazioni mobile, le
analisi sulluso dei software, gli studi di usabilit e le materie collegate
(eye tracking, heatmap, clickstream analysis), lanalisi del sentiment, della
reputazione dei brand, le analisi sullo spending e sul Return Of Investment.
Ogni volta che nasce un nuovo servizio, qualcuno ha bisogno di sapere se
funziona o no, o come lo usano gli utenti. E le statistiche sono sempre in
prima linea quando bisogna rispondere. Io credo che in futuro ci sar sempre
pi bisogno di fgure che sappiano analizzare bene i dati e tradurre i numeri
in storie: storie facili da capire e che sappiano dare indicazioni utili a chi
deve poi variare i budget o modifcare i siti, a chi produce i contenuti o a chi
gestisce le campagne di advertising.
quali competenze sono richieste nel concreto per diventare un consulen-
te di web analytics?
Un consulente di uno strumento di web analytics deve innanzitutto cono-
scere a menadito lo strumento stesso: e per farlo lo deve avere usato molto,
moltissimo. In seconda battuta non pu accontentarsi di conoscerne il
funzionamento logico, ma deve anche conoscerne il funzionamento tecnico:
questo perch uno strumento che produce dati sbagliati uno strumento
inutile, e il sistema pu produrre dati sbagliati se viene confgurato male.
Bisogna essere in grado di mettere mano o sapere dare indicazioni a chi deve
modifcare il sito, bisogna conoscere i settori in cui possono operare i siti
dei clienti, i costi medi, i comportamenti tipici degli utenti del settore, avere
una buona memoria ed essere organizzati: i dati non sono solo dentro allo
strumento, ma in molti altri luoghi, siti, persone, agenzie: fondamentale
sapere chi sa cosa, per quando se ne avr bisogno.
un consiglio concreto alle future matricole
Se avete intenzione di fare i web analyst, iniziate presto. Anche se gli
strumenti cambiano, alcuni concetti sono sempre validi: avete un sito? In-
stallateci uno o pi strumenti, analizzate, provate, sbagliate, migliorate. Solo
cos sarete preparati quando arriver un nuovo strumento. E poi guardatevi
sempre in giro, il prossimo trend, cio il prossimo posto dove cercheranno
persone, dietro langolo (e cambia molto spesso). In questi mesi si parla
molto dei BigData, e vedo foccare le posizioni lavorative. Fino allanno
scorso non li avevo nemmeno mai sentiti nominare. Domani, chiss.
m.g.
Consiglibibliografci
Mentire con le statistiche
Darrel Huff
Pi o meno quanto. Larte di fare
stime sul mondo
Lawrence Weinstein, John A. Adam
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 23,7%
- lavora ed iscritto alla specialistica 19.5%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.078 euro
- donne 881 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
il cdl in statistica e gestione delle informazioni fornisce le compe-
tenze tali da descrivere ed interpretare fenomeni reali quali quelli
ambientali, demografco-sociali e relativi alle bioscienze. a tal
fne offre una solida preparazione generale nei metodi statistici
fortemente integrata con lo strumento informatico.
OFFERTA FORMATIVA
67
aCCEssO: corso ad accesso libero / test valutativo a seconda degli atenei
sociologia
oBiettiVi ForMatiVi
il corso di laurea in Sociologia si rivolge a quanti sono interes-
sati a comprendere i meccanismi e le modalit di funzionamen-
to e di trasformazione delle societ contemporanee, alla luce
degli scenari disegnati dai processi di globalizzazione e dalle
nuove tecnologie dellinformazione. attraverso una prospet-
tiva di tipo interdisciplinare, il percorso formativo fornisce gli
strumenti concettuali e le tecniche di ricerca necessarie per
conoscere ed intervenire nelle dinamiche sociali e personali,
sotto il proflo relazionale, comunicativo, culturale, religioso,
politico ed economico.
i laureati in Scienze sociali disporranno di unadeguata
formazione nellambito delle scienze economiche, giuridiche,
sociologiche, politologiche e storiografche. Ci consentir loro
di delineare i contorni dei fenomeni sociali che saranno oggetto
della loro attivit professionale. inoltre il percorso prevede lo
studio e la conoscenza di almeno una lingua comunitaria, oltre
ovviamente la lingua madre.
aBruzzo
Universit degli Studi Gabriele DAn-
nunzio* (Scienze sociali)
caLaBria
Universit della Calabria* (Scienze
Politiche)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fe-
derico II,Universit degli Studi di
Salerno* (Lettere e Filosofa)
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna
Alma Mater
Lazio
Universit degli Studi di Roma La
Sapienza*(S.Politiche,Sociologia e
comunicazione), Universit degli Stu-
di Roma Tre*(S. della formazione)
LoMBardia
Universit Cattolica del Sacro
Cuore,Universit degli Studi Milano
Bicocca
Marche
Universit degli studi di Urbino Carlo
Bo
pieMonte
Universit degli Studi di
Torino*(Scienze politiche)
pugLia
Universit degli Studi del
Salento*(Scienze sociali, politiche e
del territorio)
SiciLia
Universit degli Studi di
Catania*(Scienze politiche); Libe-
ra Universit della Sicilia Centrale
KORE* (Scienze umane e sociali)
toScana
Universit degli Studi di Pisa*(scienze
politiche);Universit degli Studi di
Firenze* (Scienze politiche)
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento
uMBria
Universit degli Studi di
Perugia*(Scienze politiche)
veneto
Universit degli Studi di
Padova*(scienze politiche)
dove Si Studia
PaRLa IL PREsIdE
BERNARDO VALLI,
Preside Facolt di Sociologia
Universit degli Studi di Urbino Carlo Bo.
Secondo i dati Almalaurea, il 34,1% dei laureati in sociologia decisamente
soddisfatto del corso di studi intrapreso e si iscriverebbe di nuovo a questa
facolt. Infatti, nonostante le diffcolt post laurea nella ricerca di un lavoro,
la sociologia resta un settore aperto e in continuo cambiamento, in grado di
offrire diversi sbocchi occupazionali. Sempre se, spiega Bernardo Valli, preside
della Facolt di Sociologia di Urbino, i sociologi avranno la capacit di
osservare la societ che cambia in maniera cos travolgente.
Preside, quale sar il ruolo del sociologo nella societ del futuro?
Credo che sar lo stesso ruolo che ha avuto nel passato, forse anche con un
SBoCCHi ProFeSSioNali
Gli sbocchi occupazionali previsti dai corsi di laurea in Sociologia
variano a seconda dellindirizzo. Gli specialisti in scienze sociali
potranno trovare occupazione nei settori di sviluppo territoria-
le (come tecnici di politiche territoriali) nelle strutture e nelle
organizzazioni che si occupano delle politiche sociali, culturali ed
economiche (come sociologi, dirigenti di associazioni nazionali e
sovranazionali o di organizzazioni per la rappresentanza di inte-
ressi collettivi, mediatori culturali, esperti in ricerche di mercato e
addetti a servizi studi e ricerche) nelle amministrazioni pubbliche
e nellimprenditoria privata (come sociologi e come specialisti di
organizzazione del lavoro, di gestione del personale e aziendale).
Questo tipo di laurea costituisce il requisito necessario per
laccesso allesame di stato che abilita allesercizio della
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
68 sociologia
miglioramento se i sociologi avranno
la capacit di osservare la societ che
cambia in maniera cos travolgente.
La vostra disciplina si sta avvicinan-
do sempre di pi alle scienze esatte?
Non penso che questo avvenga anche
se la sociologia utilizza sempre pi gli
apparati informatici ed inserita molto
bene allinterno del mondo digitale.
Il settore ricerca offre importanti
sbocchi professionali anche ai vostri
studenti?
In questo momento, la ricerca universi-
taria vive un momento di stasi dovuta
ai noti problemi del mondo accademico, ma credo che si potrebbero aprire
ampi spazi della ricerca relativi al mondo imprenditoriale e a quello dei ser-
vizi pubblici. Infatti il sapere del sociologo potrebbe contribuire a risolvere la
complessit che stiamo vivendo in questi settori.
Il mercato del lavoro premia i vostri laureati?
Nel caso specifco dellUniversit di Urbino i dati di Alma Laurea ci danno
con valori che sono un po pi alti della media nazionale.
a.d.r.
PaRLa LEsPERtO
ROCCO DI SANTO,
Sociologo specialista in sistemi
ed organizzazioni sociosanitarie
Essere sociologo, per Rocco Di Santo, esperto
in disabilit e immigrazione, signifca aprire
gli occhi alla realt attraverso metodi e tecni-
che in grado di svolgere unanalisi con metodi
scientifci. Il sociologo nella sua cassetta
degli attrezzi ha gli strumenti necessari per
progettare, valutare, indagare, osservare,
descrivere, analizzare, revisionare, ecc. ed inoltre, pu fare da raccordo tra
le diverse fgure di una stessa quipe di lavoro.
Rocco,quantohainfuitolasuaformazioneuniversitarianellavoroche
oggi svolge?
Tantissimo. Gli anni universitari sono stati loccasione per formarmi ma
soprattutto per acquisire una specifca forma mentis.
Come arrivato a specializzarsi nel campo della salute?
Dopo una breve esperienza come coordinatore di un centro per disabili mi
sono iscritto ad un master universitario riguardante la valutazione della
qualit dei servizi sociosanitari. Se il percorso universitario mi ha consentito
di formarmi pi da un punto di vista teorico, il master mi ha permesso
di acquisire gli strumenti e le conoscenze necessarie per addentrarmi nel
mondo del lavoro.
Grazie al percorso postlaurea, infatti, ho avuto la possibilit di ottenere
una borsa di studio prima con il Dipartimento di Neuropsichiatria infantile
dellASL di Matera e poi con il Centro di Riferimento Regionale Autismo
dellASL de LAquila, occupandomi di ricerca, classifcazione della disa-
bilit, qualit e formazione professionale. Inoltre, ho avuto la possibilit di
occuparmi di processi migratori e povert, ed insegnato Sociologia Generale
e dei Processi Culturali e Comunicativi presso lUniversit di Bari.
Lei la prova che i laureati in sociologia possono Inventarsi il loro
lavoro,costruendosiunproflosumisura.
Pi che inventare un lavoro preferisco pensare che mi sono creato una
identit professionale, ricca di successi ma non esente da sacrifci, errori
ed ostacoli. Innanzitutto non ho mai smesso di formarmi frequentando
corsi, summer school e partecipato a altri eventi formativi. Formazione ed
esperienza professionale hanno cos accresciuto la mia professionalit tale
da essere spesso contattato in qualit di esperto per consulenze, ricerche
e formazione. Per esempio, da diversi anni mi occupo di Disabilit come
fenomeno strettamente legato al tema della Salute. I miei studi mi hanno
permesso di sviluppare un modello interpretativo che lho proposto nel
volume: Sociologia della disabilit. Come lascia intendere il titolo, il lavoro
tratta la disabilit non sotto la lente di osservazione sanitaria o psicologica
ma sociologica.
si riscriverebbe a sociologia?
Indubbiamente.
un consiglio ai ragazzi che stanno per intraprendere questo corso di
studi
Ai futuri colleghi mi sento di sottolineare che il Sociologo non un Edu-
catore n uno Psicologo; non uno Statistico n un Assistente sociale, ma
soprattutto non un tuttologo. Oggi la confusione regna sovrana e spesso si
costringono i neolaureati a lavori e mansioni incoerenti con i propri curricu-
la. A mio parere, la congiuntura socioeconomica di questi anni, le tipologie
di contratto e le offerte di lavoro sconvolgono spesso ruoli e competenze.
Farsi largo con un proprio proflo professionale, altamente specializzato,
consente di avere una propria individualit professionale la quale offre pi
chance possibili. In un mercato fessibile e insicuro, tale strategia lunica in
grado di poter sopravvivere al canto delle sirene.
a.d.r.
Consiglibibliografci
Elementi di sociologia Ian Robertson
LalogicadellascopertascientifcaKarl Popper
Famiglia e trasformazioni sociali William J. Goode
professione di assistente sociale presso amministrazioni pubbli-
che (Comuni, aziende sanitarie, Ministero di Grazia e Giustizia),
strutture private che si occupano di servizi sociali di servizi alla
persona e/o organizzazioni del terzo settore (associazioni e
cooperative).
i laureati potranno svolgere ruoli di consulenti o addetti alle rela-
zioni esterne presso enti pubblici e privati, cooperative e organiz-
zazioni non governative; potranno operare come operatori in ruoli
defniti nelle amministrazioni pubbliche e private, con autonomia
e responsabilit, come quadri politici e sindacali; funzionari di
uffci-studi e uffci-stampa in enti pubblici e privati; esperti per
lassistenza ai carcerati; ricercatori e pubblicisti specializzati nel
campo degli studi politici, parlamentari, penali, criminologici.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: sociologo; giornali-
sta; direttore di marketing strategico; responsabile risorse umane; ricer-
catore statistica sociale; ufficio stampa; esperto in selezione e valutazione
del personale; media planner; consulente aziendale; europroggettista.
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 36,0%
- lavora ed iscritto alla specialistica 17,2%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.333 euro
- donne 887 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
OFFERTA FORMATIVA
69
aCCEssO: numero programmato tramite prova dammissione
servizi sociali
aBruzzo
Universit degli Studi di Chieti* (Lette-
re e Filosofa); Universit degli Studi di
LAquila* (Dip.to Medicina Sperimentale)
caLaBria
Universit degli Studi Magna Graecia
Catanzaro* (Interateneo); Universit della
Calabria* (Scienze Politiche)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fede-
rico II* (Lettere e Filosofa), Universit
Suor Orsola Benincasa (Scienze della
Formazione)
eMiLia roMagna
Universit degli Studi di Bologna* (Dipar-
timento di Sociologia); Universit degli
Studi di Parma* (Giurisprudenza)
Lazio
Sapienza, Universit di Roma* (Lettere e
Filosofa); Universit degli Studi di Cassi-
no* (Lettere e Filosofa); Universit degli
Studi - Roma Tre* (Scienze della Forma-
zione); L.U.M.S.A.- Libera Universit degli
Studi Maria SS. Assunta di Roma*(Scienze
della Formazione).
Liguria
Universit degli Studi di Genova* (Giuri-
sprudenza)
LoMBardia
Universit Cattolica del Sacro Cuore-
Milano* (Sociologia); Universit degli
Studi di Milano Bicocca* (Sociologia);
Universit degli Studi dellInsubria*
(Giurisprudenza);Universit degli Studi
di Pavia* (Dipartimento di Studi Politici e
Sociali)
Marche
Universit degli Studi di Urbino Carlo
Bo* (Sociologia)
MoLiSe
Universit degli Studi del Molise* (Econo-
mia)
pieMonte
Universit del Piemonte Orientale A.
Avogadro* (Scienze Politiche);
pugLia
L.U.M.S.A*. Libera Universit
dove Si Studia
oBiettiVi ForMatiVi
il corso di laurea interclasse in Servizio Sociale forma professionalit
dotate di un bagaglio teorico, metodologico, tecnico ed esperienziale
che gli consente tanto la lettura e lanalisi dei fenomeni sociali, quanto
la progettazione e la realizzazione di azioni strategiche in grado di
rispondere ai problemi di natura sociale. Pertanto, la strutturazione del
corso di studio, valorizza gli aspetti comuni alla formazione socio-peda-
gogica, politica, giuridica, medica e ad assicurare una solida e condivisa
preparazione di natura interdisciplinare. il Corso si propone di formare
persone in grado di riconoscere e analizzare i bisogni sociali di individui,
gruppi e comunit per promuovere progetti orientati al benessere
dei cittadini e per organizzare, gestire e valutare i servizi sociali (alla
persona, ai gruppi e alle comunit). a chi consegue il titolo di studio in
servizio sociale si apre in primo luogo la opportunit di acquisire, previo
esame di stato, liscrizione allordine degli assistenti sociali (albo B). le
competenze acquisite nel percorso formativo gli consentono di svolgere
ruoli di progettazione, organizzazione e gestione di servizi sociali a
favore di minori, famiglie, anziani il Corso di studio prevede esperienze
di tirocinio obbligatorie.
SBoCCHi ProFeSSioNali
il laureato in Servizio sociale potr accedere allesame di Stato
per lesercizio della professione di assistente sociale - sezione
B dellalbo. Gli ambiti occupazionali sono, principalmente, quelli
della sanit, dellistruzione, dei servizi alla famiglia e di tutti quei
servizi fnalizzati ad affrontare le diverse forme dellesclusione
e della marginalit sociale, compresi i servizi volti a garantire
pari opportunit e tutela dei soggetti deboli. il corso prepara
anche alle professioni di tecnici dei servizi sociali e tecnici della
assistenza e della previdenza sociale nelle quali potr operare
con autonomia tecnico-professionale in tutte le fasi di inter-
vento per la prevenzione, il sostegno o il recupero di persone,
famiglie, gruppi e comunit in situazioni di bisogno e disagio;
coordinare con mansioni direttive altre fgure, volontarie e non,
impegnate in interventi individuali e collettivi; svolgere attivit
didattico-formativa e di supervisione nel campo del servizio
sociale. Gli sbocchi professionali di questo Corso di laurea
n
n
facolt/dipartimento * corso di laurea
PaRLa IL dOCEntE
FRANCESCA MANTOVANI
docente di principi e fondamenti del
servizio sociale presso l Universit
di Bologna
Occorre lasciarsi coinvolgere ma non sconvolgere
dalla sofferenza
nuove emergenze educative e nuove tecnologie.
Come cambiata la professione rispetto al passato?
Credo che oggi la professione di assistente sociale debba pi che mai tenere in
considerazione i principi, i valori e gli atteggiamenti professionali che devono essere
acquisiti durante la formazione e durante tutta lesperienza lavorativa. Inoltre lap-
prendimento di sistemi di archiviazione dei dati e di trasmissione dellinformazione
scritta sempre pi veloce e completa concorrono infatti a ridurre i tempi di attesa e ad
una lettura del territorio e dei suoi bisogni sempre pi completa nel rispetto della n
OFFERTA FORMATIVA
70 servizi sociali
degli Studi Maria SS. Assunta di Taranto
(Scienze della Formazione); Universit
degli Studi del Salento* (Scienze Sociali,
Politiche e del Territorio); Universit degli
Studi di Bari*(Scienze Politiche)
toScana
Universit degli Studi di Siena* (Scienze
Politiche) ; Universit degli Studi di Pisa*
(Scienze Politiche); Universit degli Studi
di Firenze*(Scienze Politiche)
uMBria
Universit degli Studi di Perugia* (Scien-
ze Politiche)
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari*
(Scienze Politiche); Universit degli Studi
di Sassari* (Dipartimento Economia,
Istituzioni e Societ)
SiciLia
L.U.M.S.A*. - Libera Universit degli Studi
Maria SS. Assunta di Taranto (Scienze
della Formazione); Universit degli
Studi di Palermo*(Lettere e Filosofa/
Giurisprudenza); Universit degli Studi di
Catania* (Scienze Politiche); Universit
degli Studi di Messina* (Scienze Politiche)
trentino-aLto adige
Libera Universit di Bolzano* (Scienze
della Formazione); Universit degli Studi
di Trieste* (Scienze della Formazione);
Universit degli Studi di Trento* (Sociolo-
gia)
veneto
Universit Ca Foscari* (Lettere e
flosofa);Universit degli Studi di Padova
(Scienze della Formazione); Universit
degli Studi di Verona* (Scienze della
Formazione)
dove Si Studia
sono in continua evoluzione, in quanto i problemi della vita
sociale sono destinati a crescere con la modernizzazione. la
formazione acquisita in questo Corso di studio, inoltre, rende
possibile laccesso ai Corsi di laurea specialistica in altri corsi
di laurea come in Sociologia (classe 89/S).
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: assistente
sociale, facilitatore sociale, educatore professionale, operatore tec-
nico addetto allassistenza, collaboratore generico polifunzionale,
formatore, progettista, program manager, tecnico esperto della
documentazione sociale, operatore di sostegno scolastico
facolt/dipartimento * corso di laurea
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 37,8 %
- lavora ed iscritto alla specialistica 12,0 %
- Non lavora ed iscritto alla specialistica 23,6 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica e non cerca 4,5 %
- Non lavora, non iscritto alla specialistica ma cerca 22,1%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 1.053 euro
- donne 756 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
Consiglibibliografci
Lassistente sociale allo specchio Amadei Tinina
alunni speciali. apprendere linclusione a scuola
Aminta Patrizia Infantino
dignit e unicit della persona. Inoltre ritengo sia necessario porre lattenzione sia verso le
cosiddette materie professionali sia verso quegli insegnamenti come per esempio il dirit-
to, leconomia, psicologia, sociologia che partecipano ad una formazione interdisciplinare
che non comporta perdita di identit e di specifcit metodologica ma di competenze che
siano capaci di approfondire i molteplici aspetti della persona.
quali competenze e attitudini deve possedere laspirante studente in servizio sociale?
Deve possedere capacit di ascolto e di creare relazioni empatiche con laltro, deve lascar-
si coinvolgere ma non sconvolgere dalla sofferenza, senza sviluppare atteggiamenti dan-
nosi di maternage. Rispettare la centralit dei bisogni ma anche le sue aspirazioni, aspet-
tative e desideri. Deve inoltre possedere lattitudine al lavoro di gruppo e sapersi mettere
in discussione. Deve essere dotato di creativit e fessibilit soprattutto in condizioni di
scarsit di risorse messe a disposizione, proponendo delle alternative e promuovendo
partecipazione individuale stimolando la capacit della persona di autodeterminarsi.
In quali contesti lavorativi i laureati trovano maggiore possibilit di occupazione?
La professione di assistente sociale non si esercita necessariamente in strutture pubbliche
ma pu trovare spazi anche dentro aziende, organizzazioni del privato sociale, associa-
zioni.
Chi si occupa di formazione ha il dovere di indagare i nuovi spazi di applicazione delle
competenze che contribuisce a formare come per esempio a campi del sapere sociologico.
i.b.
PaRLa La LauREata
VALENTINA TOSTI,
Scuola Servizi Sociali dellUniversit
degli Studi di Perugia
Siate sempre curiosi e pronti a mettervi in gioco.
La tua scelta maturata gi nei banchi di scuola?
A dire il vero no. Nei banchi di scuola avevo maturato
tuttaltra idea: al termine del percorso ero molto
propensa ad abbandonare gli studi per intraprendere
il mestiere di parrucchiera. Mi ero gi informata sulla
possibilit di andare fuori sede per frequentare unaccademia, ma fortunatamente
qualcosa mi ha fatto cambiare idea.
Qualisonostatelemaggioridiffcoltchehairiscontrato?
Devo dire che durante il percorso universitario non ho riscontrato notevoli
diffcolt. Le diffcolt che mi vengono in mente sono quelle che provano molti
studenti, in molte universit, quando si accingono a dover sostenere i primi
esami: le modalit di preparazione degli stessi che si differenziano rispetto alle
scuole superiori. Alluniversit occorre gestire da soli il tempo di preparazione,
ma appreso il metodo le prime volte poi risulta tutto pi semplice.
In che ambito speri di realizzarti?
Spero di realizzarmi nellambito lavorativo del sociale. Dopo aver completato
il percorso universitario ed aver sostenuto lesame di stato, la speranza di
riuscire ad entrare, tramite concorso, nel settore pubblico. Dico questo perch
la professione dellAssistente Sociale (che esercitabile sia in forma autonoma
che subordinata) a cui ambisco inserita e opera principalmente allinterno dei
Comuni. Si tratta di un ambito lavorativo in cui ho avuto modo di entrare durante
il percorso di tirocinio universitario. Una delle note positive di questo percorso
universitario proprio la possibilit di affancare un professionista nel suo lavoro
e vedere effettivamente cosa signifca lavorare nel sociale.
un consiglio ai giovani che vogliono intraprendere il tuo stesso percorso
Questo tipo di percorso offre infnite possibilit di conoscenza e da la possibilit
ai giovani di entrare in contatto con persone che hanno molto da trasmettere.
Penso non solo alle lezioni, ma anche ai convegni, seminari che lUniversit
organizza creando un ponte con lesterno, col mondo che tutti i giorni si opera di
sociale. Ecco vorrei consigliare ai giovani di essere sempre curiosi e pronti a
mettersi in gioco.
i.b.
OFFERTA FORMATIVA
71
aCCEssO: libero/test valutativo
turismo
oBiettiVi ForMatiVi - SBoCCHi ProFeSSioNali
il percorso di studio in turismo rivolto alla conoscenza della gestione e
organizzazione dei servizi turistici, fornendo una preparazione multidi-
sciplinare, di carattere umanistico, economico, giuridico e manageriale,
in relazione allindirizzo di studi prescelto. Fondamentale la conoscenza
di almeno due/tre lingue straniere e la conoscenza delle tecnologie
multimediali. le attivit turistiche si articolano in due settori principali:
territoriale (istituzioni pubbliche, parchi, consorzi, musei, sistemi turistici)
ed imprenditoriale (imprese, agenzie private, catene alberghiere, compa-
gnie nazionali e internazionali).
Ecco, un ventaglio delle professioni: manager specializzato in gestione alber-
ghiera; esperto di turismo sostenibile; organizzatore eventi; guida ed accompagna-
tore turistico; promoter turistico; operatore agenzia di viaggio.
aBruzzo
Universit degli Studi di
Teramo*(Scienze Politiche)
caLaBria
Universit della Calabria*(Economia)
caMpania
Universit degli Studi di Napoli Fede-
rico II*(Economia); Seconda Univer-
sit degli Studi di Napoli*(Economia);
Universit degli Studi Suor Orsola
Benincasa*(Lettere), Universit degli
studi di Napoli Parthenope* (Economia)
eMiLia roMagna
Universit degli studi di
Bologna*(Economia)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli Studi di Udine*(Lettere
e Filosofa)
Lazio
Sapienza Universit di Roma (Filosofa,
Lettere, Scienze umanistiche e Studi
orientali); Universit degli Studi di Roma
Tor Vergata*(Lettere e Filosofa)
LoMBardia
Universit degli Studi Insubria Varese-
Como*(Giurisprudenza); Universit degli
Studi di Milano Bicocca*(Sociologia);
Libera Universit di lingue e comunica-
zione IULM-Milano
Marche
Universit degli Studi di
Macerata*(Scienze della Formazione)
MoLiSe
Universit degli Studi del
Molise*(Economia)
pieMonte
Universit degli Studi del Piemonte
ORIENTALE Amedeo Avogadro-
Vercelli*(Economia); Universit degli
Studi di Torino*(Lingue e Letterature
Straniere )
Sardegna
Universit degli studi di
Cagliari*(Economia); Universit degli
Studi di Sassari*(Lingue e Letterature
Straniere)
SiciLia
Universit degli Studi di
Catania*(Scienze della formazione);
Universit degli Studi di Messina*
(Scienze della Formazione); Universit
degli Studi di Palermo*(Economia)
toScana
Universit degli Studi di
Firenze*(Economia); Universit di
Pisa*(Lingue e Letterature Straniere)
trentino aLto adige
Universit degli studi di
Bolzano*(Economia)
uMBria
Universit degli studi di
Perugia*(Economia)
veneto
Universit degli Studi di Padova*(Lettere
e Filosofa)
dove Si Studia
PaRLa IL dOCEntE
NICOLA BOCCELLA,
Presidente del corso di laurea in
Scienze del Turismo Sapienza
Universit di Roma
quali le caratteristiche per uno studente
rivolto al settore del turismo?
Non vi sono caratteristiche peculiari. Importante possedere un
interesse, che pu anche essere il risultato della precedente esperienza
scolastica, e avere la consapevolezza di impegnarsi in un corso di studi
multidisciplinare.
quali sono i pregi e i difetti di questo percorso formativo?
Questo un corso di laurea nuovo ed innovativo, sia per gli obiettivi fna-
lizzati a dare competenze a nuove fgure professionali sia per le modalit
didattiche. Si dovrebbe incrementare lincidenza per la conoscenza delle
lingue straniere.
Il turismo spesso in Italia non valorizzato a dovere. Perch?
Sicuramente un ruolo non secondario va ricercato nellassenza di ade-
guate competenze professionali che incentrino lo sviluppo del turismo
nella destinazione e non in singole componenti. La domanda turistica
diventata sempre pi esigente e richiede unofferta articolata e completa,
dal patrimonio museale, archeologico, artistico e paesaggistico allade-
guata offerta ricettiva e uneffciente rete di trasporti.
un laureato nellambito del turismo trova occupazione facilmente?
Si tratta di un settore, non semplice, tuttavia la domanda di lavoro mostra
dinamiche positive. Proprio per rispondere alle esigenze del mercato del
lavoro, abbiamo progettato un Master di Primo livello sulla Progettazio-
ne e gestione dei sistemi turistici e del patrimonio culturale.
Qualisbocchiprofessionalipispecifci?
Gli sbocchi professionali attengono sia al settore privato che al settore
pubblico: dalle imprese ricettive, a quelle delleditoria per il turismo, al
marketing per il turismo, al management della destinazione, al coordina-
mento delle attivit di promozione dei sistemi turistici locali, alla creazio-
ne di eventi stagionali o ai tour-operator.
Consiglibibliografci
noi e il mondo
Manuele Gazzardi
facolt/dipartimento * corso di laurea
OFFERTA FORMATIVA
72
aCCEssO: libero/numero programmato/ test valutativo a seconda degli atenei
beni culturali
dove Si Studia
aBruzzo
Universit degli Studi G. dAnnunzio
Chieti-Pescara * (Lettere e Filosofa)
BaSiLicata
Universit degli studi della Basilicata*
(Lettere e Filosofa)
caLaBria
Universit degli studi della Calabria*
(Lettere e Filosofa)
caMpania
Universit degli studi di Napoli Federico II
* (Lettere e Filosofa); Seconda Universit
degli Studi di Napoli; Universit degli
studi Suor Orsola Benincasa Napoli*
(Lettere e Filosofa); Universit degli studi
di Napoli LOrientale* (Lettere e Filosofa);
Universit degli studi di Salerno* (Lettere
e Filosofa)
eMiLia roMagna
Universit degli studi di Bologna
(interfacolt CONSERVAZIONE dei BENI
CULTURALI con SCIENZE MATEMATICHE
FISICHE e NATURALI); Universit degli
studi di Parma* (Lettere e Filosofa)
FriuLi venezia giuLia
Universit degli studi di Trieste* (Lettere
e Filosofa); Universit degli studi di
Udine* (Lettere e Filosofa)
Lazio
Universit degli studi della
Tuscia(CONSERVAZIONE dei BENI
CULTURALI); Universit degli Studi di
Roma Tor Vergata* (Lettere e Filosofa);
Universit degli studi Roma Tre* (Let-
tere e Filosofa); Sapienza Universit di
Roma*(SCIENZE MATEMATICHE FISICHE
e NATURALI)
Liguria
Universit degli studi di Genova* (Lettere
e Filosofa);
LoMBardia
Universit degli studi di Milano* (Lettere
e Filosofa); Universit Cattolica del
sacro Cuore* (Lettere e Filosofa);
IULM Libera Universit di Lingue e
Comunicazione; Universit degli studi di
Pavia*(LETTERE e MUSICOLOGIA)
facolt/dipartimento * corso di laurea
oBiettiVi ForMatiVi
il Corso di laurea in Beni Culturali intende anzitutto assicurare una solida
formazione di base nelle aree disciplinari che ruotano intorno al tema dei beni
culturali e del patrimonio culturale. Si propone di mettere in rilievo i percorsi
della storia, i segni lasciati dal passaggio delle societ e i loro strumenti
giuridici ed istituzionali. al corso appartengono le scienze della conservazione
e del restauro, larcheologia, la storia dellarte, la musicologia, la biblioteco-
nomia e larchivistica, linformatica applicata ai beni culturali ed unulteriore
serie di materie, pi tecniche o specifche, per consentire ulteriori appro-
fondimenti e conoscenze pi mirate. il laureato avr acquisito la capacit
dindividuare uno specifco bene culturale, di riconoscerne lo stato di conser-
vazione e di ricostruirne per sommi capi il contesto dorigine. Sar, quindi,
in grado di predisporre una prima traccia di azioni volte a salvaguardarlo e
a valorizzarlo. Sapr comprendere, con unanalisi del rapporto fra societ e
cultura nel contesto in cui si trova ad operare, il rilievo che tale patrimonio
riveste nella comunit. Conoscer il quadro giuridico relativo ai beni culturali,
i supporti informatici principali sotto forma di programmi aggiornati adottati
dalle istituzioni e dagli enti operanti nellambito del patrimonio culturale, e
padronegger almeno una lingua straniera.
SBoCCHi ProFeSSioNali
la laurea in Scienze dei beni culturali consente di svolgere, sia su un piano generale
che per i diversi ambiti defniti, attivit di sostegno alla ricerca, di assistenza agli
interventi di gestione programmata, di catalogazione, di promozione e divulgazione del
patrimonio. tali attivit possono essere svolte sia allinterno delle istituzioni pubbliche
cui compete la tutela dei beni culturali, sia nel pi generale contesto degli interventi di
valorizzazione (organizzazione di mostre e convegni, attivit editoriali e di marke-
ting). il laureato in beni culturali trover occupazione presso enti locali ed istituzioni
specifche, quali, ad esempio, sovrintendenze, musei, biblioteche, archivi, cineteche,
parchi naturali. il curriculum musicale apre alla possibilit di lavorare come operatore
in archivi storico-musicali, teche musicali, sezioni musicali di musei e biblioteche in
istituzioni pubbliche e private; presso istituzioni musicali, teatri, enti musicali, industria
dello spettacolo, emittenti radiotelevisive. il curriculum cinematografco, invece, indi-
rizza a lavori come loperatore in archivi storico-cinematografci, fotografci, cineteche,
sezioni cinematografche di biblioteche e musei in istituzioni pubbliche e private, negli
uffci stampa di associazioni culturali ed enti cinematografci. Consente, inoltre,
PaRLa IL PROFEssORE
PAOLA ZITO,
Docente di Discipline del libro e del documento
alla Facolt di Lettere della SUN
uno studente che vuole iscriversi a Beni culturali quali caratteristiche
deve avere?
E auspicabile che abbia solide basi in archeologia e storia dellarte, che sia in
grado di orientarsi sul piano storico, che sappia esprimersi in maniera corretta
e disinvolta sia oralmente che per iscritto, che conosca almeno unaltra lingua.
Ma requisito davvero imprescindibile che possegga curiosit e passione per
loggetto dei suoi studi, e coraggio suffciente per raccogliere quella che oggi
pi che mai rappresenta una sfda vera e propria.
Oggi una laurea triennale in questo campo cosa puo dare ad uno studente?
Primo traguardo da raggiungere senzaltro la consapevolezza della n n
OFFERTA FORMATIVA
73
beni culturali
PaRLa LO studEntE
NOEMI DABROSCA,
Laureata in Conservazione dei
Beni Culturali in storia dell
Arte Contemporanea alla SUN e
iscritta alla Magistrale in Filolo-
gia Moderna
noemi, quando hai deciso di iscriverti a Conser-
vazione dei Beni culturali perch lo hai fatto e cosa hai pensato?
Dopo la maturit ho deciso di iscrivermi a Conservazione dei Beni Culturali perch
ho sempre avuto una grandissima predisposizione e un notevole interesse per le
materie storico-artistiche e per tutto il panorama culturale che mi circonda. Non ho
avuto alcun dubbio e ho preso la mia strada.
Credi che ci siano doti particolari che uno studente deve accertare di possede-
re prima di intraprendere un percorso del genere?
Penso che se uno studente che termina la scuola superiore voglia iscriversi a questo
tipo di Corso di Laurea debba essere attratto al panorama artistico-culturale in
generale. Se si ha questa dote non si avranno troppi problemi durante il percorso di
studio. In caso contrario credo sia inutile.
Pregi e difetti del tuo percorso universitario?
Dal punto di vista delle materie che studio non trovo alcun difetto. Forse una
piccola lamentela la potrei rivolgere al comparto organizzativo della mia universit,
ovviamente parlo di segreteria amministrativa. Per quanto concerne i docenti,
posso dire con certezza che sono davvero molto preparati, competenti e sempre
disponibili.
nella tua scelta universitaria hai pensato ad una valutazione economica
(quanto mi costa, quanto guadagner in futuro) o hai ragionato sugli sbocchi
lavorativi?
Purtroppo non ho ragionato sugli sbocchi lavorativi ma sono stata guidata solo dal-
la mia passione. Nonostante le molteplici diffcolt, credo che se tornassi indietro
rifarei la scelta.
ti sei iscritta alla specialistica? Perch?
S. Al termine della Triennale mi sono iscritta a Filologia Moderna. Voglio comple-
tare gli studi attraverso un percorso completo. Non vorrei avere rimpianti futuri.
dai un consiglio a chi intende intraprendere la tua strada?
Ci vuole davvero tanta passione, pazienza e forza di volont. Ma se quello che si
ama studiare vi dico di intraprendere questo percorso universitario.
Consiglibibliografci
Codice dei beni culturali e del paesaggio
Collana: Le fonti del diritto italiano
La descrizione del manoscritto. storia,
problemi, modelli Armando Petrucci
facolt/dipartimento * corso di laurea
Marche
Universit di Macerata
pieMonte
Universit di Torino* (Lettere e Filosofa)
pugLia
Universit degli studi del Salento;
Universit degli studi di Bari Aldo Moro*
(Lettere e Filosofa); Universit degli studi
di Foggia* (Lettere e Filosofa)
Sardegna
Universit degli Studi di Cagliari* (Lettere
e Filosofa); Universit degli studi di Sas-
sari* (Lettere e Filosofa)
SiciLia
Universit degli studi di Catania* (Lettere
e Filosofa); Universit degli studi di Paler-
mo* (Lettere e Filosofa)
toScana
Universit degli studi di Firenze* (Lettere
e Filosofa); Universit di Pisa* (Lettere e
Filosofa); Universit degli studi di Siena*
(Lettere e Filosofa)
trentino aLto adige
Universit degli Studi di Trento* (Lettere e
Filosofa)
uMBria
Universit degli studi di Perugia* (Lettere
e Filosofa)
veneto
Universit degli studi di Padova* (Lettere
e Filosofa); Universit C Foscari Vene-
zia* (Lettere e Filosofa); Universit degli
studi di Verona* (Lettere e Filosofa)
dove Si Studia
di entrare nel mercato della comunicazione culturale, nel campo del turismo,
delleditoria, dei media e, in generale, della valorizzazione del patrimonio
culturale.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: restauratore; operatore didattico
museale; archeologo; curatore di mostre; addetto alla promozione di eventi (hostess/
steward); blogger/ articolista; responsabile della sicurezza dei beni culturali; direttore
di organizzazioni culturali; fundraiser dei beni culturali; architetto dei beni culturali.
condizione occupazionaLe e ForMativa
- lavora e non iscritto alla specialistica 20.5%
- lavora ed iscritto alla specialistica 12,1%
guadagno mensile netto (media in euro)
- uomini 884 euro
- donne 586 euro
*fonte: Almalaurea, indagine anno 2011
vastit di orizzonti con i quali ci si confronta e la molteplicit di approcci metodologi-
ci che, in realt, convergono nella stessa direzione. Accanto alle discipline cosiddette
di base, anche nel triennio sono tanti i corsi che mirano a trasmettere saperi pro-
fessionalizzanti, in possesso dei quali gi possibile mettersi alla prova della prima
esperienza lavorativa.
Puo bastare il triennio?
Certo, per il completamento della formazione, per affnare il metodo. per maturare
a pieno nel percorso e nelle conoscenze, il biennio della Magistrale senzaltro
necessario. In effetti, anche la nostra didattica in questa fase cambia, accentuando
le aperture seminariali incoraggiando i viaggi di studio allestero, richiedendo che
venga dimostrata una maggiore autonomia .
Che professione puo fare uno studente laureato in Beni Cultirali? Ci sono
diffcoltpostlaurea?
Gli sbocchi professionali sono tanti. A parte
linsegnamento, ci sono i settori dellarcheologia e
dellarcheologia preventiva (oggi molto richiesta),
dei musei, delleditoria. Dunque, la diffcolt
costituita dal doversi fare largo, con tenacia e de-
terminazione, senza trascurare lo spirito di gruppo
e senza arrendersi ai muri di gomma.
Che consiglio darebbe a coloro che vogliono
intraprendere questo percorso?
I consigli sono sostanzialmente due: scegliete quel-
lo che vi piace (il piano di studi ampio e duttile), e
studiatelo bene. Credete fno in fondo in quello che
fate, investite sulle vostre speranze e sui vostri progetti, e senza dubbi sarete ripagati.
OFFERTA FORMATIVA
74
accademia di belle arti
aCCEssO: Esame di ammissione
oBiettiVi ForMatiVi
le accademie di Belle arti sono inserite nel sistema universitario
M.i.u.r. - settore a.F.a.M. (alta Formazione artistica Musicale e
Coreutica) quali sedi primarie di alta formazione, specializzazione e di
ricerca nel settore artistico e svolgono correlate attivit di produzione.
lofferta formativa delle accademie di Belle arti si articola in corsi di
diploma accademico di primo livello (triennio), corsi di diploma acca-
demico specialistico di secondo livello (biennio). i diplomi accademici
di 1 e 2 livello sono equiparati alle corrispettive lauree. il primo
livello consente lammissione ai corsi di diploma accademico di se-
condo livello nonch ai corsi di laurea specialistica, purch congiunti
a diploma di istruzione secondaria di secondo grado. Per accedere ad
unaccademia non obbligatorio essere diplomati ad un istituto darte.
ovviamente ogni accademia offre la propria offerta formativa. in gene-
rale i corsi di diploma di primo livello sono strutturati in: Pittura;
aBruzzo
Accademia di Belle Arti di Laquila
caLaBria
Accademia di Belle Arti di Catanzaro
Accademia di Belle Arti di Reggio
Calabria
caMpania
Accademia di Belle Arti di Napoli
eMiLia roMagna
Accademia di Belle Arti di Bologna
Lazio
Accademia di Belle Arti di Frosinone
Accademia di Belle Arti di Roma
LoMBardia
Accademia di Belle Arti di Milano
Brera
Marche
Accademia di Belle Arti di Macerata
Accademia di Belle Arti di Urbino (Ps)
pieMonte
Accademia di Belle Arti di Torino
Albertina
pugLia
Accademia di Belle Arti di Bari
Accademia di Belle Arti di Foggia
Accademia di Belle Arti di Lecce
toScana
Accademia di Belle Arti di Carrara
Accademia di Belle Arti di Firenze
Sardegna
Accademia di Belle Arti di Sassari
SiciLia
Accademia di Belle Arti di Catania
Accademia di Belle Arti di Palermo
veneto
Accademia di Belle Arti di Venezia
dove Si Studia
PaRLa La LauREata
PRUDENZA ELISEO,
Laureata presso Accademia di Belle Arti di
Napoli
Larte come stile di vita. E questo il credo di Prudenza Eliseo, maestra
darte laureata alla Reale Accademia di Belle Arti di Napoli, che crede
fermamente alla strada che ha intrapreso sette anni fa, anche se
convinta che seguire un percorso artistico purtroppo non equivalga,
nella stragrande maggioranza dei casi, ad unaffermazione nel campo
del lavoro.
Pittura e arte: la tua passione quando nata?
Ho iniziato a nutrire un interesse verso il disegno fn da bambina laddove
il piacere ludico si limitava a poche ore e a scatole di cioccolatini vuote,
alla distruzione di bambole e ai rifugi improvvisati nella casa dei nonni.
Fino al momento in cui ho sentito che sostituire oggetti ai comuni gio-
chi non mi bastava pi: dovevo iniziare a concepirli come qualcosa di
vivo per attribuirgli un senso. E cos le lunghe giornate seduta sui gradini
del giardino per cercare di ritrarre gerani, le prime composizioni di vasi, i
primi colori ad olio, il primo manuale di disegno di Walter Foster.
dipingi quadri da sempre. a cosa ti ispiri di solito?
La mia identit creativa si sviluppata in maniera pi consapevole
SBoCCHi ProFeSSioNali
Gli sbocchi lavorativi offerti dalle accademie di Belle arti sono nume-
rosi. Ci sono quelli cosiddetti tradizionali che sono collegati alla forma-
zione dellartista (arti visive, plastiche,decorative, dello spettacolo), ma
anche quelli connessi alla produzione artistica attraverso le tecnologie
moderne. in linea generale si pu dire che il settore offre un ampio
spettro di professionalit da inserire in circuiti operativi di diversa
natura: cinema, teatro, media televisivi e radiofonici, ma anche ani-
mazione locale e territoriale, restauro, promozione di eventi. lofferta
formativa negli ultimi anni si arricchita molto formando quindi non
solo scultori, pittori, scenograf ma, con una particolare attenzione alle
dinamiche di mercato e alle innovazioni tecnologiche, anche operatori
che collaboreranno alla programmazione, progettazione e attuazione
degli interventi specifci delle nuove tecnologie, dalla progettazione
e realizzazione di opere audiovisive e multimediali interattive alla
modellistica virtuale. lattenzione data allinnovazione non tralascia
laspetto di laboratorio e sperimentale, caratteristico delle accademie,
in accordo con la tradizione e il patrimonio del Paese. da qualche anno
le accademie hanno sviluppato particolare interesse per la comunica-
zione audiovisiva perch i mille mestieri legati allelaborazione creativa
della fotografa, del cinema e del video, offrono senzaltro sbocchi
occupazionali interessanti. il triennio in fotografa, cinema e televisio-
ne contempla le varie fasi e i vari sistemi di applicazione delle
n
n
n
oFFerta ForMatiVa
75
accademia di belle arti
Scultura; decorazione; Grafca darte; Scenografa; Conservazione
e restauro delle opere darte moderne e contemporanee; Graphic
design; Nuove tecnologie dellarte; Fashion design; didattica dellarte;
Fotografa; Grafca editoriale; didattica e comunicazione dellarte; Co-
municazione e valorizzazione del patrimonio artistico contemporaneo;
teorie e tecniche dellaudiovisivo; arti Multimediali e tecnologiche.
Materie che sono dislocate nelle varie accademie presenti in tutto lo
Stivale.
tecnologie di fotografa, ripresa, montaggio, diversifcati per campi di
applicazione.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: libero professionista,
scenografo, pittore, arredatore, insegnante, grafico, fotografo, illustra-
tore, scultore, curator (legate alla gestione e salvaguardia del patrimonio
artistico).
col tempo, attraverso gli anni del Liceo. Infatti,
negli anni, ho direzionato il mio interessamento
verso il Ritratto e quindi allanalisi, oltre che mor-
fologica e mimica del soggetto, introspettiva dello
stesso. Cionondimeno, chiaro che la prerogativa
della mia arte verta essenzialmente su tutto ci che
reale e quindi ad una rappresentazione quanto
pi fedele al vero, e di oggetti e delluomo.
Con la pittura si puo vivere?
Mi duole affermare, tuttavia, che seguire un
percorso artistico purtroppo non equivale, nella
stragrande maggioranza dei casi, ad unafferma-
zione nel campo del lavoro. Larte, per dirla in parole povere, pu dare buoni frutti e
buoni compensi solo se raggiunge vette alte e se supportata da validi galleristi. Oggi
lartista, da solo, e per solo intendo privo di supporter in ambito internazionale, non
va da nessuna parte e rischia, sebbene dotato di talento indiscutibile, di restar noto
esclusivamente nella ristretta cerchia del suo hinterland.
quello che hai studiato allaccademia ti servito per migliorare la tua tecnica?
Il far parte di un ateneo, in primis, congiunto ad una brillante formazione certamen-
te funge da buon trampolino di lancio nel vasto e famelico mondo dellarte. Ci che
si apprende pi velocemente il concetto di aggregazione e di contaminazione.
Se si aspira a diventare dei buoni artisti non si deve mai dimenticare che essenzia-
le accettare lidea di infuenza per poter defnire gli obiettivi e lo stile della propria
arte. Il talento si modella su una buona base di competizione, di determinazione e
soprattutto di tendenze espressive.
se potessi tornare indietro sceglieresti sempre questa strada?
Affacciandomi su sette anni indietro, decisamente sceglierei di nuovo la strada che
ho percorso. Checch si sostenga in relazione alla qualit dello studio nellambito
accademico, sono stata sempre fermamente convinta che ogni singolo esame, se
affrontato con la giusta seriet e abnegazione verso la strada che si liberamente
scelti di seguire, possa condurre a risultati eccellenti come in qualsiasi altro ateneo.
Suggerirei piuttosto, Ho talento? Voglio esercitare bene il mio mestiere? Se la
risposta sar Si!, allora siate caparbi e fregatevene di quello che penseranno gli
altri: scegliete per voi, scegliete ci verso cui siete veramente spinti da una forte
passione!.Come vedi il tuo futuro?
Il mio futuro lo vedo come il passaggio dalla carriola alla cattedra, dal piatto servito
ad un forestiero al piatto della bilancia che pender, ardentemente si spera, dalla
parte della realizzazione di ci che Ho voluto, fortissimamente voluto! Questo
vuol dire che non dovrete arrendervi mai se vorrete conseguire un obiettivo in cui
credete, un progetto tutto vostro.
Consiglio agli studenti che intendono iscriversi ad una accademia?
Vivere il vero imprevisto che a tutti capita di dover affrontare giorno dopo gior-
no. Nessuno preparato a rispondere a ci che gli accadr. Ho trascorso e piantato
le mie radici a Napoli per sei lunghi anni e la mia vita potrebbe essere raccontata
infnite volte in un libro solo per quanto sia stata un continuo sperimentare, un
ripetersi di azioni volte a sdrucirla, danneggiarla fno al punto di perderla di vista.
Quando si fnisce per non riconoscere pi i requisiti della propria identit inevitabil-
mente tutto ci che la riguarda diventa una tabula rasa.
PaRLa LEsPERtO
ALESSANDRA CARLONI,
Diplomata allAccademia
di Belle Arti di Roma,
insegnante, pittrice e
decoratrice
Vivere e guadagnare nel mondo dellarte.
Nella societ contemporanea non cos facile, ma chi ha la passione
che arde non pu e non vuole rinunciare ad una strada piena di insidie
ma ricca di soddisfazioni personali. Ne parliamo con Alessandra Carlo-
ni, diplomata allAccademia di Belle Arti di Roma nel 2008, iscritta alla
Magistrale in Storia dellArte alla Sapienza Universit di Roma e, allo
stesso tempo, insegnante di pittura, pittrice e decoratrice.
quando nata la tua passione per larte e perch hai scelto il per-
corso dellaccademia?
Lho avuta fn da adolescente, divoravo i fumetti, avevo un amore per le
immagini in generale. Le copiavo per studiare in maniere molto essen-
ziale lanatomia. In realt ho avuto un percorso esclusivamente artistico
avendo iniziato dal Liceo Artistico Sperimentale. Grazie allausilio
di buoni professori che mi hanno saputo indirizzare verso la passione
per la pittura, stato automatico scegliere di intraprendere il percorso
Accademico.
Rifaresti la stessa scelta e perch?
Assolutamente s, anche se non in questi tempi per i mutamenti che ci
sono stati. Si perso quel concetto di laboratorio - vita - arte, che in
passato era fondamentale.
Diciamo che in generale un periodo nero, lo viviamo tutti e sappiamo
le diffcolt che ci sono in questo momento. Larte forse lultima delle
categorie, la prima ad essere dimenticata in questo senso ed emarginata
da un concetto di mercato se poi c...
si puo vivere e guadagnare grazie allarte?
Per i giovani molto diffcile, poich non pi come una volta. Le
Gallerie sono circuiti molto chiusi, aperti ai soliti nomi. La soluzione
se non la si trova nei tradizionali circuiti (gallerie, fere e altro) bisogna
riuscire a maturarla mettendo in campo la propria professionalit su
pi ambiti, su pi professioni, come la grafca, il design, larredamento.
Bisogna essere disposti ad allargare le proprie competenze per crearsi
pi possibilit, in questo modo si riesce a vivere di arte mantenendo
parallelamente le proprie passioni. Penso che chi ha delle doti artistiche
in questo senso pi avvantaggiato perch ha pi facilit di apprendere i
diversi mestieri creativi che si aprono sul mercato.
Come vedi il tuo futuro?
Se devo parlare per me lo vedo positivo perch, alla fne, riesco a fare
quello che mi piace, pur vivendo comunque le diffcolt che sono tipiche
di questo mestiere. Posso comunque ritenermi soddisfatta per quel che
fno ad ora ho seminato e che spero e credo, anche perch spinta dalla
passione, posso proseguire nei prossimi anni.
Consiglio agli studenti che intendono scegliere uno dei corsi di
qualsiasi accademia in Italia?
Il consiglio lavorare molto, chiudersi nelle aule e produrre a volont,
per far maturare la crescita di uno stile personale che una volta fuori
dallAccademia potr esprimersi liberamente.
Consiglibibliografci
Mir: larmonia del fantastico
Joan Mir
Comunicare con larte
Enzo N. Terzano
OFFERTA FORMATIVA
76
conservatori
oBiettiVi ForMatiVi - SBoCCHi ProFeSSioNali
i conservatori e gli istituti pareggiati formano esperti in
ambito artistico-musicale, musicisti e direttori dorche-
stra. Si rilascia il diploma accademico di primo livello
(triennio) e di secondo livello (biennio). Ci sono pre-corsi
con prova di accesso, pre- diploma universitario per i
principianti. Come attivit principali: concertistica ed
insegnamento (il titolo rilasciato d labilitazione). altra
via, concorsi e premi che offrono la possibilit di inserirsi
in cori, in orchestre, lattivit editoriale, quali la critica
letteraria e il giornalismo.
Ecco, in sintesi, un ventaglio delle professioni: cantante;
musicista compositore; insegnante di musica; direttore dor-
chestra; strumentista; fonico; addetto al mixer; consulente e
critico musicale; arrangiatore; autore di colonne sonore.
aBruzzo
Alfredo Casella(Aquila), Luisa dAnnunzio
(Pescara); Gaetano Braga*(Teramo)
BASILICATA
Egidio R. Duni(Matera), Gesualdo da Veno-
sa (Potenza)
caLaBria
Giacomantonio(Cosenza), Francesco
Cilea(Reggio Calabria), Fausto Torrefranca
(Vibo Valenzia)*; P.I. Tchaikovsky*( Nocera
Terinese -CZ)
caMpania
Domenico Cimarosa(Avellino), Ni-
cola Sala(Benevento), S. Pietro a
Majella(Napoli), G. Martucci (Salerno)
eMiLia-roMagna
Giovan B. Martini(Bologna), Bru-
no Maderna(Cesena), Girolamo
Frescobaldi(Cesena), Arrigo Boito (Pia-
cenza); Giuseppe Nicolini (Piacenza); Orazio
Vecchi - Antonio Tonelli*(Ravenna),Giuseppe
Verdi*(Reggio Emilia), Achille Peri e Merulo*(
Castelnovo Ne Monti), G. Lettimi*(Rimini)
FriuLi venezia giuLia
Giuseppe Tartini(Trieste), Jacopo
Tomadini(Udine)
Lazio
Licinio Refce(Frosinone), Ottorino
Respighi(Latina), Santa Cecilia(Roma)
Liguria
Nicol Paganini(Genova), Giacomo
Puccini*(La Spezia)
LoMBardia
Luca Marenzio(Brescia), G.F.
Ghedini(Cuneo), Giuseppe Verdi(Como),
Lucio Campiani(Mantova), Giuseppe
Verdi(Milano); Gaetano Donizetti*(Bergamo),
Claudio Monteverdi*(Cremona), Gia-
como Puccini*(Gallarate-Va), Franco
Vittadini*(Pavia)
Marche
Gioacchino Rossini(Pesaro), Giovam-
battista Pergolesi(Fermo-AP); G.B.
Pergolesi*(Ancona)
MoLiSe
Lorenzo Perosi* (Campobasso)
pieMonte
Antonio Vivaldi(Alessandria) Guido
Cantelli(Novara) Giuseppe Verdi(Torino)
pugLia
Niccol Piccinni(Bari), Umberto
Giordano(Foggia), Tito Schipa(Lecce /Ceglie
Messapica-BR), Nino Rota (Monopoli-BA);
Giovanni Paisiello*(Taranto)
Sardegna
Pierluigi da Palestrina*(Cagliari), Luigi
Canepa*(Sassari)
SiciLia
Arcangelo Corelli(Messina) Vin-
cenzo Bellini(Palermo), Anto-
nio Scontrino(Trapani); Vincenzo
Bellini*(Caltanisetta), Vincenzo
Bellini*(Catania), Arturo Toscanini*(Ribera-
AG)
toScana
Luigi Cherubini(Firenze); Pie-
tro Mascagni*(Livorno), Luigi
Boccherini*(Lucca), Rinaldo Franci*(Siena)
trentino aLto adige
Claudio Monteverdi(Bolzano), Francesco A.
Bonporti(Trento)
uMBria
Francesco Morlacchi(Perugia); Giulio
Briccialdi*(Terni)
vaLLe daoSta
Istituto Valle dAosta*
veneto
Agostino Steffani(Castelfranco
Veneto-TV), Antonio Buzzolla(Adria-
RO) , Cesare Pollini(Padova), Fran-
cesco Venezze(Rovigo), Benedetto
Marcello(Rovigo), E. F. dallAbaco(Rovigo),
Arrigo Pedrollo(Vicenza)
dove Si Studia
PaRLa IL PROFEssORE
ANGELICA CELEGHIN,
Flautista, musicologa, docente di teoria
ritmica e percezione musicale al
Conservatorio di Perugia
Laprovenienzafamiliarenelcampomusicale,quantohainfuenzatoilsuoamoreper
la musica?
Quanto pu fare un ambiente familiare culturalmente stimolante:le frequentazioni intellet-
tuali dei genitori sono degli ottimi input.
Caratteristiche per un giovane che decide di scegliere la strada della musica?
Talento naturale, forza di volont e dedizione: mi sforzo di spiegare ai miei studenti che
la via intrapresa deve essere percorsa con determinatezza. La volubilit non ammessa: il
confronto con lestero ci obbliga a livelli qualitativi molto elevati.
differenze sostanziali tra il sistema formativo italiano ed estero?
Con lequiparazione universitaria, i Conservatori hanno avviato importanti rimodulazioni
didattiche, fatti salvi i parametri ministeriali. Sar interessante verifcare, quanti di essi,
riusciranno a proporsi come fonte dispirazione anche per realt corrispettive estere.
un laureato al conservatorio trova occupazione?
Ribadisco che dipende molto dalla dedizione dello studente; ci sono studenti che affrontano
le 1800 ore annuali del triennio tra lezioni frontali, lezioni individuali e ricerca, lasciando-
sene circa 400 alle spalle, nel Conservatorio in cui erano nati e godevano di ottimo credito.
un consiglio che pu dare ad un amante della musica che vuole iscriversi ad un
Conservatorio.
Porsi degli obiettivi defniti. Viste le eccellenze che i nostri Conservatori offrono , la scelta
deve essere oculata, non basata sullillusione,sfruttando le potenzialit degli studi, del corpo
docenti e dellistituzione nella sua interezza.
Consiglibibliografci
La grammatica della musica
Otto Karolyi
La musica tra conoscere e fare
Giuseppina La Face Bianconi,
Anna Scalfaro
conservatori -* istituto musicale pareggiato
aCCEssO: prova di selezione
OFFERTA FORMATIVA
77
teatro & cinema
PaRLa LEsPERtO
LORENZO SALVETI,
Direttore dellAccademia
Teatrale Silvio DAmico
Come si avvicinato al teatro? stata una
suapassionefndallateneraet?
E stata sempre una passione, nata anche per
caso. Da piccolo abitavo a Spoleto, cera il
Festival fn da bambino ci partecipavo con ruoli diversi. Poi, accantonai
linteresse e lo ripresi allUniversit, quando iniziai a frequentare lIstituto
di Storia del teatro e dello spettacolo del prof..Giovanni Macchia, come
fervente appassionato di studi teatrali. Mi laureai in inglese con il prof.
Lombardo sulle rappresentazioni del teatro elisabettiano che mi diede
la possibilit di conoscere tanti registri, tra cui Aldo Trionfo e Luca
Ronconi. Trionfo, direttore del teatro stabile di Torino, mi propose di fare
lassistente regista. Dovevo starci 15 giorni e ci sono rimasto per tutta la
vita.
Che cosa consiglierebbe agli aspiranti artisti?
C bisogno di una vocazione specifca. Inizialmente c una fascinazio-
ne, ma si deve verifcare se si tratta di vera vocazione, se si disposti a
dedicare la propria vita a questo esercizio, in qualche modo sacerdotale.
Unadesione piena e assoluta, che stravolge i ritmi dellesistenza. In
questo senso la scuola di teatro, simula la realt del teatrante: lezioni
e laboratori dalla mattina alla sera, a volte, anche fno a mezzanotte. Si
apprende e si rifette sul tipo di vita che si ha di fronte.
Come uomo di teatro a tutto tondo, regista teatrale, lirico, radiofoni-
co, docente di teatro, quali consigli darebbe a uno studente che deve
prepararsi per la selezione?
Sicuramente, lattitudine a dedicarsi ad un processo comunicativo come
quello dellattore comporta una costante disponibilit ad entrare ed uscire
da s. Bisogna amare la comunicazione, vale a dire, amare il pubblico e
la narrazione del destino altrui. Comunicare un altro da s, ci che noi
chiamiamo talento. Lo stesso vale per la regia. Voler parlare con gli altri,
raccontarli. Il periodo di studio permette di sperimentarsi, di incontrare
personaggi illustri che vanno presi come sollecitazioni, non come modelli
da imitare. Si cresce con la propria e laltrui esperienza, operando poi una
sintesi cos da creare una linea personale. Chi si dedica al processo comu-
nicativo deve essere curioso, ascoltare chi lo circonda. Prima di raccontare
o interpretare il mondo, bisogna conoscerlo. Si deve mangiare vita. Noi
dobbiamo stare dentro il mondo ed acuire la capacit di leggerlo, non chiu-
si in una turris eburnea per poi raccontare la vita come la vediamo noi.
Per i ragazzi che non rientrano nella selezione, come possono conti-
nuare a portare avanti il loro sogno?
Da noi, c il concorso, molti ragazzi provano sia da noi che in altre scuo-
le. Noi siamo lunica scuola a livello nazionale, ma ci sono tante buone
scuole, in particolare quelle legate ai teatri stabili, collegate dunque con
la produzione del teatro. Inoltre, possono riprovare da noi, in molti casi, si
entra alla seconda o terza volta. Limportante interrogarsi sulla propria
determinazione, sulla maniacale volont a persistere nel percorso e
allora cercare tutte le vie, ci che si chiama auto pedagogia. Ognuno,
conoscendosi, pu capire come migliorarsi.
Consigli tecnici per la preparazione della selezione?
Per la recitazione (scena e monologo), recitare un testo che si ama, che si
sente lesigenza di fare, perch vicino alla propria sensibilit emotiva ed
intellettuale. Se si hanno problemi di ortofonia o andamento prosodico
dialettale, fondamentale mostrare la volont di migliorarsi. Per i registi,
non obbligatorio che recitino, bens devono presentare una loro scena,
con attori propri. Anche qui, si deve vedere lurgenza di aver scelto quel
testo con ragioni fondate e profonde, che dia la sensazione che si ha
attitudine a pensare il testo in piedi, di gestire lo spazio, i rapporti con i
personaggi e tutti gli elementi del racconto.
sarebbe impensabile unaccademia senza selezioni?
Una sola, s. Le scuole di teatro non possono avere grandi dimensioni.
un lavoro che si fa insieme, complesso, una classe di recitazione un
po come una compagnia, fa spettacoli continuamente, una classe di
massimo 22-24 persone. Se si mette in scena Le tre sorelle di Chechov,
si lavora insieme, non che uno studia da una parte e uno dallaltra. Ritor-
niamo al concetto di simulazione.
un augurio ai giovani
La nuova generazione ha una grande responsabilit, quella di reinventare il
teatro contemporaneo e futuro, sia sul piano linguistico che tecnico-orga-
nizzativo. Spetta a loro, ripensare il teatro, con curiosit e sano coraggio.
Dal passato possiamo attingere la liberta di inventare, ma anche il rigore
che qualsiasi prodotto di artigianato artistico richiede. Un augurio per lo
spazio che ci sar dato da altri, ma anche per quello che noi stessi, siamo in
grado di guadagnarsi, mediante libert ed inventiva, sempre con rigore.
a.c.
Le istituzioni formative in campo teatrale e cinematografco a ca-
rattere privati, sono presenti su tutto il territorio nazionale. A livello
statale, oltre ai corsi segnalati nella sezione del DAMS:
accademia nazionale di teatro Silvio damico che rilascia titoli
equipollenti alluniversit (Roma): corsi di recitazione e regia. Pro-
va di selezione per laccesso. www.accademiasilviodamico.it
centro Sperimentale di cinematografa (Roma con sedi decentrate
in: Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Sicilia): fotografa, montaggio,
produzione, recitazione, regia, sceneggiatura, scenografa, costu-
me, tecnica del suono. Prova di selezione per laccesso. www.snc.it
Per il teatro inoltre, da considerare le scuole teatrali allintero dei
teatri stabili.
dove Si Studia
conservatori -* istituto musicale pareggiato
OFFERTA FORMATIVA
78
aCCEssO: Lesame daccesso alle accademie militari il cui compito quello di formare gli uffciali ha
cadenza annuale. Il bando di concorso viene pubblicato sulla gazzetta uffciale verso il mese di dicembre. I
concorsi per le accademie di Esercito, Aereonautica e Marina sono indetti dal Ministero della Difesa, quello
della Guardia di Finanza dal Ministero delle Finanze. Requisito di accesso per liscrizione alle accademie,
il diploma di scuola media superiore quinquennale. Per diventare uffciali, necessario ottenere almeno il
diploma di laurea triennale. La formazione in Accademia poggia su quattro pilastri: etica militare ed arte
del comando, studi universitari, studi militari, attivit sportiva. Le accademie militari, a seconda del loro
indirizzo, rilasciano titoli in Scienze politiche, Giurisprudenza, Economia, Ingegneria, Informatica, Scienze
della comunicazione, Farmacia, Medicina e Medicina Veterinaria.
accademia militare
PaRLa LEsPERtO
GIUSEPPE CAVO DRAGONE,
Ammiraglio Comandante lAccademia Navale di
Livorno - Ammiraglio di Divisione
necessarioaveredellecompetenzeeattitudinispecifcheperaffron-
tarelacarrieradiUffcialediMarina?Achinonconsiglierebbedi
iscriversi al concorso per laccademia navale?
Chi si accosta allAccademia Navale e alla prospettiva di divenire Uffciale
della Marina Militare Italiana non deve avere in partenza delle competenze
particolari ma deve essere animato da passione per il mare, attaccamento
alla Patria ed alle sue Istituzioni, vivacit intellettuale, spirito di adatta-
mento ed ottimismo. Percorso, non appropriato a chi mira alla vita facile,
piuttosto per chi alla ricerca di una vita avventurosa, fondata su valori
assoluti ed immutabili nel tempo, e ricca di esperienze e conoscenze.
Per entrare in accademia navale necessario partecipare ad un
concorso. Come si articola il concorso e quali sono le prospettive per
chi lo vince?
I giovani che concorrono per divenire allievi dei corsi normali dellAc-
cademia devono possedere il diploma distruzione secondaria di secondo
grado, unet compresa tra i 17 ed i 22 anni e devono godere di unottima
forma fsica. I requisiti sono indicati nei bandi di concorso, pubblicati sulla
gazzetta uffciale, normalmente nel mese di dicembre. La selezione se-
vera e si basa, su una prova di selezione culturale, su visite mediche, prove
deffcienza fsica, prove psico-attitudinali ed infne su un esame orale di
matematica e su un esame facoltativo di lingua straniera. Solo un candidato
su 40 riesce a coronare il suo sogno e divenire Allievo Uffciale della
nostra Marina. E una volta entrati, la selezione continua, sia per attitudine
che per lo studio universitario.
Come si svolge la vita in accademia per un giovane universitario?
Per chi vince il Concorso inizia un percorso che dura cinque anni: sin dal
primo giorno, gli allievi vengono suddivisi nei sei corpi del ruolo degli
uffciali e seguono un piano di studi universitario peculiare (scienze marit-
time e navali per lo Stato Maggiore, ingegneria navale per il Genio Navale,
ingegneria delle telecomunicazioni per le Armi Navali, giurisprudenza per
il Commissariato, medicina e chirurgia per il Sanitario e scienze del gover-
accademia aeronautica di pozzuoli (www.aeronautica.it
Agli allievi uffciali dellAccademia Areonautica di Pozzuoli riservato
laccesso e la frequenza al corso di laurea triennale in scienze aeronau-
tiche presso lUniversit di Napoli.
accademia navale di Livorno (http:www.marina.difesa.it/accademia/
index.asp)
accademia Militare di Modena (http://www.esercito.difesa.it/siti_scuo-
le/Modena/index.html)
LAccademia Militare provvede alla formazione di base degli Uffciali di:
dellArma dei Carabinieri, delle Armi di fanteria, cavalleria, artiglieria,
genio, trasmissioni; dellArma dei Trasporti e dei Materiali; del Corpo
degli Ingegneri dellEsercito; del Corpo Sanitario dellEsercito; del
Corpo di Amministrazione e di Commissariato dellEsercito.
accademia della guardia di Finanza (http://www.gdf.it/Home/)
Il ciclo formativo dellUffciale del Corpo il seguente:: tre anni di
Accademia (un biennio come allievo uffciale ed un come sottotenente);
due di Applicazione (uno come sottotenente ed uno come tenente).
dove Si Studia
no e dellamministrazione del mare per le Capitanerie di Porto). Ai docenti
civili, provenienti in massima parte dalla prestigiosa universit di Pisa, si
affancano numerosi insegnanti militari che completano la preparazione
degli allievi trattando delle materie con particolare valenza professionale.
Tutti gli allievi Uffciali, prima di completare il loro ciclo di formazione ed
essere avviati alle loro destinazioni, devono conseguire la laurea speciali-
stica e le abilitazioni professionali peculiari del loro corpo dappartenenza.
Inoltre, lallievo deve cimentarsi con diversi tipi di esercitazioni a carattere
militare e marinaresco, deve praticare numerose discipline sportive, tra le
quali spiccano la vela, il canottaggio, il nuoto, latletica leggera e lequita-
zione, deve portare a buon fne degli incarichi di tipologia molto variegata,
che gli vengono assegnati a scopo formativo, con diffcolt crescenti
quali sono secondo lei, gli ostacoli maggiori che si incontrano in
questo tipo di formazione e successivamente di professione? E quali, i
benefci?
I principali problemi che gli Allievi dellAccademia Navale incontrano
sono legati alla oggettiva diffcolt di conciliare lo studio universitario con
il resto delle attivit formative (sportive ed etico/professionali). Tuttavia,
gli elevati standard di preparazione a tutto campo, consentono di gestire
e superare le diffcolt. Capacit di adattamento, resistenza allo stress,
coraggio fsico e morale sono presupposti indispensabili e fondanti i futuri
quadri direttivi della Forza Armata. A tali diffcolt corrisponde la possibi-
lit di vivere esperienze e di ottenere soddisfazioni professionali uniche.
cambiato il mondo militare con lingresso delle donne come allieve?
Lingresso delle donne in Accademia, avvenuto nel 2000, stata inizial-
mente una sorpresa ma con il passare degli anni diventata una piacevole
realt. Oggi le Allieve sono perfettamente amalgamate con i loro colleghi
maschi, rappresentano oltre il 20% di ogni Corso e forniscono un concreto
valore aggiunto al progresso dellimpresa.
a.c.
Iscriviti allUniversit degli Studi di Scienze Gastronomiche
www.unisg.it
scopri lopportunit di studiare viaggiando
E
N
T
R
A
N
E
L
FU
T
U
R
O
D
E
L
C
IB
O
!
> Laurea Triennale in Scienze Gastronomiche
> Laurea Magistrale in Promozione e Gestione del Patrimonio Gastronomico e Turistico
Master in Food Culture and Communications:
> Human Ecology and Sustainability
> Food, Place and Identity
> Media, Representations and High Quality Food
S
c
r
i
b
a
S
t
u
d
i
o
Campus di Pollenzo piazza Vittorio Emanuele 9, fraz. Pollenzo - 12042 Bra (Cn)
tel. +39 0172 458511 - email: info@unisg.it - www.unisg.it
UNISG pubb 150x210 [OrientaRoma 04-2012] 27-04-2012 11:15 Pagina 1
Media Partner: Realized by:

Created by: