Sei sulla pagina 1di 1

S

antaMariadelleGrazierimanelin-
canto di una chiesa a un passo dal
fiume, appena appartata in Sonci-
no, dipinta clamorosamente dalla
forza dei Campi, metro per metro, orien-
tando il confronto per la moltitudine dei
personaggi versoladottrinamichelangio-
lesca del Giudizio Universale.
UnaSistinaperi Filosofi lungolOglio, sce-
si di nuovo in tanti, laltra sera, accolti da
Francesca Nodari, grata subito per tutti a
suor Firmina e suor Nazarena della Sacra
Famiglia, offrendo a chi aveva affrontato
laseratorridadellapianurail frescodi mu-
ri rinascimentali, la garanzia di una lezio-
ne pervasa da argomentazioni incalzanti
del prof. FrancescoMianointornoal tema
La responsabilit come fiducia.
Lindaginedi questanuovaedizionedel fe-
stival filosofico, del resto, intornoalla fi-
ducia e il relatore stringe lunivocit della
responsabilit e della fiducia, luna viva
per laltra, oppure entrambe aride, infe-
conde.
Il prof. Miano conosce lostacolo del luo-
go comune secondo il quale il tema della
responsabilit viene orientato, troppo
spesso, sul crinale della giuridicit e della
politica. Invece, pi profondamente e
non intimisticamente, la responsabilit
la risposta a un appello della vita, ancora
di pi in tempi come i nostri in cui si so-
vrappongono voci indistinte, babeliche e
privedi riscontri valoriali equandosentia-
mo il bisogno di scorgere la voce che con-
ta, il richiamo al significato, il legame a
quella parte di senso connessa al sostan-
ziale, a ci di cui nonpossiamo fare a me-
no.
Laresponsabilit, dunque, muoversi ver-
so laltro e scoprire un appello che richie-
de una risposta. La responsabilit la ne-
gazione del silenzio, della schiavit a un
neutralismo di comodo, impegnando, al
contrario, il rischio, nella libert comple-
ta, di fidarsi dellaltro. Il prof. Miano valo-
rizza la necessit dellascolto, non c re-
sponsabilit e fiducia senza lascolto, nel-
la tensione completa di una libera scelta,
con la responsabilit di aggiungere cono-
scenza, stabilendouncampo di maggiore
forza nella risposta.
Laresponsabilitunarispostanellaliber-
t, nellordinedellerelazioni umaneenon
fuori dal tempo, qui edora, nonnel cuore
di istituzioni intese astrattamente, alme-
noquelleprivedi responsabilitetenden-
zialmente cariche di indifferenza, di
unastensioneedi unastinenzaormai cro-
nicadi stimaedi critica. Comeseesistesse
un progetto, di per s malefico, affidato a
falsi predicatori, che sanno o non sanno
quello che dicono, meglio, a che risultati
conducono le loro parole, con unincita-
zionepermanenteacomprareedistribui-
repacchetti sofisticati esofistici di sospet-
to, di pauraedi diffidenza, cercandodi di-
mostrare che la fiducia dello sciocco,
merceinutileeabuonmercatoelarespon-
sabilit corrispondente diviene un intral-
cio, un affaticamento inutile.
Neconsegue, aggiunge FrancescoMiano,
la spinta verso un disfattismo pi o meno
calcolato, secondo i gruppi sociali di ela-
borazioneincui vienealimentato, eil ten-
tativo di rendere esangui i valori della re-
sponsabilit e della fiducia.
Nonesistonoricettevittoriosecontroil di-
sfattismo e chi semina la tempesta della
distruzione. Esiste, conclude il relatore, il
ricorso alla responsabilit del pensare, al
rilancio del sapere contro lignoranza. Af-
finch venga mascherato il disegno perfi-
do di chi incita alla sfiducia, allinutilit
dellaresponsabilit, magari per imporreil
pensierounicodi unirresponsabilesfidu-
cia verso laltro, riducendo di molto - e in
fretta - la distanza che ci separa dallabis-
so.
ToninoZana
S
torie di campioni che hanno
abbandonato una brillante
carrieraperseguireunavoca-
zione e un progetto pi al-
ti.
Sonoquelle che il giornalista e scrit-
tore Lorenzo Galliani, cronista per
passione e collaboratore del quoti-
diano Avvenire e di altre testate,
descrive attraverso una serie di av-
vincenti interviste, mostrandoal let-
tore come sia possibile partire dallo
sport per approdare ad una vita da
consacrati, inun convento o accan-
to ai pi poveri.
Nel libro Un assist dal cielo - Storie
di campioni convocati dal Signore
(Elledici, 2014, 96pagine, 9euro)Gal-
liani haraccoltoletestimonianzean-
che di chi ha scopertoil professioni-
smo gi da religioso e gli interventi
di grandi personaggi del mondoago-
nistico, come Sara Simeoni, David
Rudisha, Osvaldo Bagnoli e Davide
Ballardini, chenel loropercorsohan-
no incontrato alcuni dei protagoni-
sti di questo libro. Per esempio, sta-
va correndoa Brescia la maratoneta
Elena Rastello - poi divenuta suora
missionaria in Africa - mentre Sara
Simeoni stabiliva il record del mon-
do di 2,01 metri il 4 agosto 1978 al
campodi viaMorosini. Nonsi allena-
vano insieme, ma facevamo parte
dellastessaNazionaleazzurradi atle-
tica leggera.
Ad arricchire la riflessione sul dialo-
gotra sport e fede, lex portiere della
Nazionale di calcio Dino Zoff firma
la prefazione: Credo - scrive - che
tutto lo sport debba servire a farci
crescere come persone. Altrimenti,
perch mai si dovrebbe iscrivere un
bambino a una scuola di calcio?.
Lorenzo Galliani, classe 1985, bolo-
gnese, laureato in Scienze Politi-
chee, primadi questolibro, hascrit-
toreportagedal Kenyaesul terremo-
to in Emilia.
Lorenzo, questo libro ti ha portato
ingiroper lItaliae ti fattoconosce-
re molti amici, come sottolinei
nei ringraziamenti. Quale testimo-
nianzaha lasciatomaggiormente il
segno?
Sarbanale, ma, se nonaltro, since-
ro: tutte. Da Stefano Albanesi, che
hastracciatounriccocontrattoinse-
rie B per diventare Francescano, a
Maria del Pino, chera campionessa
spagnola di tuffi e oggi si spacca la
schienaper aiutarei poveri di Mani-
la.
Ma se proprio devo fare una scelta,
dico Chase Hilgenbrinck, perch
statoordinatosacerdotepropriopo-
chi giorni fa. Statunitense, vennein-
gaggiato da una squadra di calcio
del massimo campionato cileno. La
sua vita fu stravolta: un altro Stato,
unaltra cultura, la lontananza dagli
amici e dalla famiglia... Solo due co-
se, racconta, non cambiarono. La
primaerail calcio, perchconi com-
pagni di squadra ci si intende anche
quandononsi parla lastessa lingua.
La seconda era la Chiesa. Cap che
poteva cambiare tutto, ma quei due
punti di riferimento li avrebbe sem-
preavuti. Eforseanchedal hainizia-
to a germogliare la sua vocazione.
Dovenascelispirazioneper questo
lavoro?
Dalla curiosit, come per ogni lavo-
ro giornalistico. Perch un ragazzo
che riuscitoa realizzare i sogni che
avevadabambino-diventarecalcia-
tore, ovincere maratone importanti
- dovrebbe gettare alle ortiche tutto
questo per entrare inseminario o in
convento? Vista da fuori, pu sem-
brare quasi una sconfitta. Ma sono i
diretti interessati a testimoniare,
conil loroentusiasmo, chenonhan-
no perso nulla. E che magari si sono
tolti la maglia del clubper indossare
una tonaca, eppure i valori dello
sport li portano sempre nel cuore.
Fede e sport, due componenti im-
portanti dellesistenza. Le persone
a cui hai dato voce nel tuo libro di-
mostranocosa vuole dire essere at-
leti con un obiettivo pi alto. Si
puesserepiforti nellosportattra-
versolafedeo, meglio, si puessere
piforti nellafedegrazieallosport?
Bastaricordarsi di come, inuncam-
pettodacalcio, abbiamostrettoami-
cizie, faticato per aiutare il compa-
gno in difficolt, chiesto scusa per
dei nostri errori.
Giovanni Paolo II, al Giubileo degli
sportivi del 2000, afferm che lo
sport pu contribuire allaffermar-
si nel mondo della nuova civilt
dellamore. Le cose sono due: o la
vediamocomeunasimpaticafrasea
effetto, eci fermiamol, olaprendia-
mo sul serio. Papa Wojtyla ci dice
che lo sport pu fare cose grandi, e
Papa Francesco rilancia, invitando-
ci anonaccontentarci di una vita da
pareggio.
Al Lorenzogiornalistaunultimado-
manda: in questi Mondiali che co-
minciano in Brasile, quale giocato-
re della Nazionale di Cesare Pran-
delli vorresti intervistare?
Tutti, chiaramente. Certo, lavoravo
in un quotidiano romagnolo quan-
do il mio Bologna fu sconfitto dal
Cesena, grazie a un gran gol di Mar-
co Parolo, a pochi minuti dal termi-
ne. Sonostatoinevitabilmentesom-
mersodagli sfottdegli amici roma-
gnoli. Cos, se lopotessi intervistare,
laprimadomandasarebbe: Marco,
come hai potuto?.
FrancescaGardenato
Laprefazione
di DinoZoff
Le mie storie
di campioni
convocati da Dio
Lorenzo Galliani ha intervistato atleti
che hanno seguito la vocazione religiosa
Il grandesalto
Nelle foto grandi: Maria
del Pino, ex campionessa
spagnola di tuffi, ritratta in
gara da atleta e tra i
bambini poveri di Manila
dopo essere divenuta
missionaria.
Nelle immagini in basso: la
copertina di Un assist dal
cielo e lautore del libro, il
giornalista e scrittore
Lorenzo Galliani.
Al centro Dino Zoff, lex
portiere della Nazionale
italiana di calcio, che ha
scritto la prefazione del
volume, edito dalla
torinese Elledici, dedicato
alle storie di atleti che
hanno lasciato lo sport per
seguire la vocazione
religiosa
La responsabilit la risposta a unappello della vita
Ne ha parlato Francesco Miano a Soncino, per il festival Filosofi lungo lOglio
FrancescoMiano,
cui statoaffidato
il temaLa
responsabilit
comefiducia
UN ASSIST DAL CIELO
CULTURA&SPETTACOLI
38 MERCOLED 11 GIUGNO 2014 GIORNALEDI BRESCIA
GOoNbkokRGqWuUYPhIxJ3xRS9i0q82R5hUeMziBLP+I=