Sei sulla pagina 1di 1

14

GIOVED 27 GIUGNO 2013

Roma, il sindaco Marino presenta la squadra Dodici assessori, Luca Pancalli allo Sport
ROMA. Presentata in Campidoglio dal sindaco

IN ITALIA
IL "BINGE DRINKING" PRATICATO DAL 35% DEGLI STUDENTI

Il sindaco di Roma, Marino

Sei donne e sei uomini met politici e met tecnici Luigi Nieri (Sel) a sorpresa il vicesindaco con delega al Patrimonio

Ignazio Marino la nuova giunta capitolina. Dodici assessori, sei donne e sei uomini, met politici e met tecnici. Luigi Nieri di Sel il vicesindaco (anche se Marino aveva promesso una donna) con delega al Patrimonio. Una squadra giovane ha dichiarato il sindaco che esprime discontinuit. Le persone sono state scelte da me, sulla base dei loro curricula e di un rapporto fiduciario. Discontinuit anche nei nomi degli assessorati a sottolineare il nuovo indirizzo politico, come ha tenuto a precisare il primo cittadino: per esempio lassessorato allUrbanistica si chiamer assessorato alla Trasformazione urbana. Questo lelenco della squadra che governer Roma nei prossimi cinque anni: Flavia Barca (docente di Economia dei media e Ict alla Sapienza, sorella dellex-ministro di Monti, Fabrizio) alla Cultura, Creativit e Promozione artistica; Alessandra Cattoi (giornalista, ha coordinato il comitato elettorale di Marino) alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari opportunit; Giovanni Caudo (architetto,

saggista, insegna a Roma Tre) alla Trasformazione urbana; Rita Cutini (assistente sociale, docente a Roma Tre e alla Lumsa) al Sostegno sociale e Sussidiariet; Guido Improta (ex sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti nel governo Monti) ai Trasporti e Mobilit; Marta Leonori (nel 2012 presidente del Pd Lazio) a Roma produttiva; Estella Marino (ingegnere ambientale, consigliere pi votato) allAmbiente, Rifiuti e Agroalimentare; Paolo Masini (con trascorsi nel volontariato cattolico) alle Periferie e Lavori pubblici; Daniela Morgante (magistrato della Corte dei conti) al Bilancio e Razionalizzazione della spesa; Luigi Nieri al Patrimonio; Daniele Ozzimo al Lavoro, Casa ed Emergenza abitativa; Luca Pancalli (presidente del Comitato Italiano Paralimpico) alla Qualit della vita, Sport e Benessere. Sul "no" di Grillo a una partecipazione di M5S, il sindaco ha ribadito che spera comunque in una collaborazione con i consiglieri grillini. Poi ha annunciato la convocazione della prima riunione della giunta per oggi alle 14.30.

Nel nostro Paese, la crescita delle droghe sintetiche contenuta e attentamente monitorata, assicura il Dipartimenti Politiche antidroga, ma il problema tossicodipendenza continua a essere attuale e riguarda soprattutto i giovani, rivela il 15 rapporto Espad-Italia del Cnr di Pisa. Nel 2012, su una popolazione scolastica pari a 2,5 milioni di ragazzi, oltre 500mila studenti delle scuole medie superiori hanno consumato cannabis, poco pi di 60mila cocaina, 30mila oppiacei, 60mila allucinogeni e altri 60mila stimolanti. L1,3% fa uso di oppiacei, mentre appare stabile il consumo di cocaina che interessa comunque il 2,7% dei giovani. Let media del primo contatto 15 anni ed sempre maggiore la tendenza degli adolescenti al "binge drinking", l "abbuffata alcolica" praticata dal 35,1% degli studenti.

LA GIORNATA INTERNAZIONALE

Dal rapporto Onu del 2013 emerge una crescita continua di nuove sostanze allucinogene fabbricate in

laboratori clandestini. Incremento del 50% tra le molecole identificate: 166 nel 2009, 251 lanno scorso

Il mondo va in ecstasy Allarme droghe sintetiche


I consumatori sono 33,8 milioni, 211mila i morti
DA MILANO PAOLO LAMBRUSCHI

a nuova sfida globale viene dalle droghe sintetiche, che stanno soppiantando eroina e cocaina e la cui variet cresciuta a dismisura. Resta invece stabile il consumo planetario delle droghe tradizionali. la foto scattata dal rapporto mondiale 2013 sulle droghe, presentato ieri a Vienna dallUnodc, ufficio dellOnu contro droga e crimine, secondo il quale nel 2011 il consumo di stupefacenti ha ucciso 211mila persone, perlopi giovanissimi. Secondo il rapporto le morti sono dovute a mancanza di cure e prevenzione: solo un caso su sei viene affrontato adeguatamente. In Italia l1,7% della popolazione tra i 15 e i 64 anni viene considerata affetta da tossicodipendenza. Cala del 12% rispetto al 2008 il numero di chi si inietta droghe. Secondo le stime Onu sono circa 14 milioni tra i 15 e i 64 anni, mentre scende a 1.6 milioni - il 46% in meno - il popolo di tossicodipendenti affetti da Aids. Il rapporto lancia dunque lallarme droghe sintetiche, che stanno proliferando a tassi senza precedenti provocando sfide impreviste alla salute pubblica e possono essere pi pericolose delle droghe tradizionali. Luso di anfetamine, esclusa lecstasy, diffuso tra lo 0,7% della popolazione tra i 15 e i 64 anni. Nel globo 33,8 milioni di persone ne hanno fatto uso, mentre nel 2011 i consumatori di ecstasy erano 19 milioni, lo 0,4%, concentrati soprattutto sul mercato occidentale. Si affermano per facilit di produzione nei laboratori clandestini, libert di acquisto e bassi costi. Rispetto alla cocaina, il cui prezzo in calo, lo sballo con una dose in tavolette in Italia costava nel 2011 meno della met. Secondo una ricerca di Eurobarometro il 7% dei giovanissimi consumatori europei di pasticche acquista su Internet sostanze chiamate nel gergo delle strade con nomi quali miao miao, sali da bagno o spezie per far passare un falso concetto di bassa pericolosit. Il direttore generale dellagenzia Onu, Yuri Fedotov, chiede agli stati azioni concertate per prevenire traffico e abuso di queste sostanze. Un nemico letale che cambia faccia velocemente: vengono sintetizzate in fretta e in forme mutevoli in laboratori clandestini (nel solo 2011 ne sono stati scoperti oltre un centinaio). Prodotte con "brevetti" nel Sudest asiatico, dove lindustria chimica e farmaceutica avanzata, le pillole stanno inon-

dando il globo. Il numero di nuove droghe identificate passato dalle 166 del 2009 alle 251 del 2012, con un incremento di oltre il 50%. Per la prima volta, afferma il rapporto, il numero di sostanze sintetiche supera quello di 234 registrate nei protocolli internazionali. Solo in area Ue, dove 5 under 24 su 100 le hanno sperimentate, il numero di pasticche illecite passato dalle 14 del 2005 alle 236 dellanno scorso. Regno Unito, che vale un quarto del business, Polonia, Francia, Germania e Spagna assorbono tre quarti del mercato. Sul versante "tradizionale", la cannabis resta la droga pi diffusa al mondo con 180 milioni di consumatori. Dopo essere passato di moda in Europa lo scorso decennio, ora in ripresa il consumo di "erba" marocchina e nigeriana. Il rapporto 2013 rileva la stabilit del consumo di eroina e cocaina che riguarda lo 0.4% della popolazione tra i 15 e 64 anni (circa 16 milioni di persone). Il calo del consumo di coca nei paesi occidentali compensato dalla crescita nelle economie asiatiche emergenti e in America Latina. LAfghanistan resta leader nella coltivazione globale

di oppio con il 75% della produzione illegale 2012 e le informazioni preliminari sul 2013 prevedono ulteriori espansioni. La produzione mondiale diminuita di un terzo rispetto al 2011 e il Messico resta il primo produttore americano. LAfrica sta emergendo come area strategica per il narcotraffico. I dati, ancora scarsi, segnalano che le rotte su gomma continentali orientali e occidentali stanno soppiantando quelle marittime pi controllabili. LOnu segnala ad esempio la nuova via che passa a sud dellAfghanistan nei porti di Iran e Pakistan, sempre pi usata dai trafficanti di eroina per raggiungere i mercati europei attraverso i porti africani, unalternativa alle battute strade balcaniche e allo sbocco in Medio Oriente via Iraq. Mentre il trasporto via mare di cocaina dalla Colombia, produttore principe, oggi si sta spostando sulla triangolazione atlantica lusofona dal Brasile al Portogallo via Angola. Per Fedotov occorre uno sforzo internazionale per monitorare la situazione ed evitare che lAfrica diventi un nuovo feudo del narcocrimine.
RIPRODUZIONE RISERVATA

inchiesta
Analizzati due prodotti comperati da uno smart shop olandese: non stata rintracciata la presenza di stupefacenti, ma ne bastano tre per non dormire due notti di fila

Una pasticca di Kryptonite vale dieci caff


DA MILANO LORENZO GALLIANI

a via dello sballo non ha confini: basta cliccare in cerca di un grew shop o di uno smart shop e dare unocchiata alla lista dei prodotti per improvvisarsi coltivatore di piantine non proprio ornamentali o provare un intruglio di sicuro effetto. Noi optiamo per uno smart shop olandese, tra i pi importanti centri di smistamento di salvia divinorum, pillole psichedeliche e funghetti allucinogeni. Prenotiamo due tipi di prodotti "low cost" dalle confezioni suggestive: una si chiama Kryptonite, laltra Stargate. Avremo una sensazione di energia euforica, ci viene assicurato. Per dare il via libera alla spedizione si pu persino utilizzare una forma di pagamento completamente anonima, attraverso le carte di acquisto in vendita in bar o tabaccherie di mezza Italia: basta digitare il pin e il gioco fatto. Della consegna si occupa un corriere espresso: come se avessimo ordinato un libro o una caffettiera.

Quelle che ci venivano presentate come prodotti simili allecstasy, non sono in realt sostanze stupefacenti. Lesame del Centro Analisi Monza, in collaborazione con tecnici dellIstituto di Medicina Legale dellUniversit di Pavia, rileva solo un altissimo concentrato di caffeina. In soldoni: ogni pastiglia "vale" dieci caff. Se un ragazzino ne ingerisce due o tre, per forza che poi si sentir pieno di energia durante la serata in disco. Star sveglio anche la notte successiva, come minimo. Ma se dovesse accusare un malore, lui - che le analisi non le ha fatte fare - non saprebbe neppure spiegare che cosa ha davvero ingurgitato. Droghe furbe? Di certo non gli acquirenti. Anche se i nostri pazienti, per questo tipo di problemi, sono ancora pochi - commenta Fabrizio Gatti del Sert di Milano -, sono sempre pi preoccupato per laffermarsi di queste nuove sostanze. C una possibilit pressoch infinita di realizzarne di tipi differenti, e ormai la gente non sa neppure cosa prende. Tanto pi che questi prodotti

lappello
Don Battaglia (Fict): mancano risorse e molti servizi stanno chiudendo ma i tossicodipendenti sono in continuo aumento
DA MILANO

Comunit terapeutiche allo stremo


ri, che raccontano di unItalia divisa, con rette per la fascia pedagogica residenziale che vanno dai 142 euro del Trentino-Alto Adige ai 27 della Campania. Osservando le statistiche, essere ottimisti unimpresa: I tossicodipendenti aumentano, cos come aumenta il consumo di droga soprattutto tra i giovani, prosegue don Battaglia, ricordando lesplosione delle dipendenze comportamentali: dai disturbi alimentari allutilizzo sfrenato di internet e dei social network. Passando per la piaga dellazzardo con, nella fascia tra i 15 e i 64 anni, oltre il 4% di giocatori problematici o patologici. E lo Stato, evidenzia il presidente della Fict, si comporta in modo schizofrenico, perch mentre trae profitto tramite il gioco, ammala se stesso con unaltra dipendenza legalizzata. Nonostante i drammi, sul mondo delle droghe ci sono sempre meno riflettori accesi, e laumento della tolleranza verso il consumo di sostanze, afferma don Battaglia, ha aperto un percorso strisciante e silenzioso di "rottamazione delle persone dipendenti": sarebbe pi efficace, invece, lavorare sulle politiche di cura e di prevenzione rivolte alla diminuzione della cronicit dei tossicodipendenti. La lotta alle droghe resa pi difficile dalla crisi economica, che rende le persone pi fragili e disorientate. Tuttavia, commenta don Battaglia, necessario investire risorse per raggiungere un obiettivo fondamentale che la promozione della vita, per sostenere, accompagnare e liberare i nostri giovani e non solo da falsi miti, riconsegnando loro il diritto di scegliere e costruire una societ pi libera. Senza dimenticare, conclude il presidente della Fict, di riconoscere alle Comunit Terapeutiche il diritto di continuare a vivere ed operare, a costruire e progettare, ad incontrare le persone ed in particolare quelle che vivono in uno stato di disagio che nemmeno riescono a riconoscere come tale. questa la missione della Fict, presente con una rete di 44 associazioni ed enti di solidariet sociale, e attiva con progetti e servizi a livello nazionale e nellambito della cooperazione internazionale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

e Comunit terapeutiche sono in sofferenza e molti servizi stanno chiudendo a causa della inadeguatezza delle risorse investite che crea costi sociali imponenti. lallarme lanciato, nella giornata dedicata alla lotta contro le droghe, da don Mimmo Battaglia, presidente della Fict (Federazione Italiana Comunit Terapeutiche). Pi che i proclami, spiega, parlano i nume-

possono anche essere realizzati praticamente ovunque, in laboratori semiartigianali. C chi arrotonda cos. Come un lombardo che ci propone delle miscele "speciali" e sostanze dal risultato garantito, dice lui. A fare la consegna - a mano - sar un suo parente. Venti euro al grammo, prendere o lasciare. Ma cosa acquistiamo? Non riveliamo il nome per ovvi motivi commerciali, risponde via mail. Ci fermiamo qui e non proseguiamo nellacquisto. Il ragazzino in cerca di emozioni facili pu per farsi tentare. Forse finir per sniffare qualche grammo di zucchero a velo, e si sentir truffato. Oppure davvero avr tra le mani una sostanza pesante. E, se star male, non potr dire ai medici quale veleno lo sta lacerando: gli stato nascosto, per gli "ovvi motivi commerciali" della spietata industria dello sballo. Lofferta poi arricchita dalle nuove sostanze psicoattive, le cosiddette smart drugs, "droghe furbe" le chiama qualcuno. Furbe perch, spiega il rapporto Europol, sono chimicamente simili alle droghe gi conosciute, ma sufficientemente differenti per riuscire a sfuggire alle leggi. Che, di tanto in tanto, devono aggiornare lelenco delle sostanze vietate: 41 nel 2010, 49 nel 2011, addirittura 73 lo scorso anno. Circa 240 quelle registrate dal 2005 ad oggi. Non si fa in tempo a scoprire - e a vietare - nuove molecole tossiche, che gi iniziano a circolarne altre. E intanto i grew shop hanno trovato il modo di dare meno nellocchio. Lavvertenza-scamotage al limite del ridicolo: siccome la coltivazione di cannabis - senza apposita autorizzazione - vietata, i semi in vendita potranno essere utilizzati esclusivamente per fini collezionistici e per la preservazione genetica. Che tutti gli acquirenti siano davvero amanti della natura o ricercatori? Difficile crederlo: e comunque la responsabilit del negoziante si ferma l. Ma, gi che ci sono, vendono fertilizzanti, complessi kit idroponici e vasi, che con il collezionismo centrano ben poco. Da qui la denuncia dellEuropol e dellOsservatorio europeo delle droghe e delle dipendenze (Oedt): non sono soltanto attivit commerciali, ma veri e propri centri di apprendimento per la coltivazione della cannabis. E il fai-da-te permette di sfuggire pi facilmente ai controlli delle forze dellordine.
RIPRODUZIONE RISERVATA