Sei sulla pagina 1di 1

20

SPORT

3 NOVEMBRE 2013 |

Se il traguardo un progetto di solidariet


Geoffrey Gikuni illustra il sistema-Run2gether
Atleti alla maratona di Venezia e, a sinistra, Geoffrey Gikuni, leader di Run2gether e due volte vincitore alla maratona di Dublino
tadino. Poi, grazie a Run2gether, ha avuto un biglietto aereo per lEuropa. Vincitore, nel 2011, delle maratone di Skopje (Macedonia) e St. Wendel (Germania), grazie alla corsa sta riuscendo a mantenere moglie e figlio, di sei mesi. Per Daniel Kinyua, classe 1992, il futuro nel podismo potrebbe essere pi brillante. Intanto, con il denaro guadagnato, riuscito a costruire una casa alla madre a Kirinyaga, ai piedi del monte Kenya, e ad avviare un allevamento di capre. Difficile sapere quanto il sistema-Run2gether, fondato sulla solidariet, possa competere nel lungo periodo contro le corazzate del podismo, che spesso scelgono potenziali mezzofondisti come se fossero albicocche, selezionando e scartando. E, di certo, la squadra austriacokeniota, nata tre anni fa, stata letteralmente trainata dai premi conquistati da Geoffrey Gikuni, che forte ma non eterno. E si andati ben oltre il principale obiettivo. Grazie a Run2gether, infatti, a pochi passi dalle stanze degli atleti, nata una scuola che accoglie 40 bambini orfani della zona. E i progetti di solidariet fioriscono uno dopo laltro: allultima Stramilano, per esempio, la corsa di Geoffrey Ngugi (quarto allarrivo) servita allacquisto di protesi da regalare a giovani africani amputati. Per offrire, a chi ha vissuto sulla propria pelle lorrore di una guerra, la possibilit di tornare a camminare e perch no a correre. Nella speranza che, un passo dopo laltro, recuperi anche il sorriso. Per info: www.run2gether.com Lorenzo Galliani

e il traguardo non solo un filo di nylon allarrivo, ma un progetto di solidariet e sostegno reciproco, allora anche la corsa pu diventare uno sport di squadra. Alla maratona di Venezia, il sorprendente quarto posto del 32enne Dickson Kipkoros Terer e il premio come movimentatore della gara dato al 21enne Daniel Kinyua Wanjiru (in testa come lepre fino al 30 chilometro), hanno fatto gioire Kiambogo, un piccolo villaggio a 160 chilometri a nord di Nairobi. Qui, in una delle mulattiere non lontane dal grande lago Naivasha, sono state costruite non molto tempo fa alcune piccole strutture in pietra, modeste e spartane. il quartiere generale di Run2gether, la squadra di Daniel e Dickson. I due atleti corrono per questi colori, ma

anche anzi, soprattutto per una promessa, quella di non lasciare solo nessun compagno. Si corre assieme, appunto, come suggerisce il nome del team. Non un impegno da poco: lindustria dellatletica, rispetto alle altre, produce podi e record invece di beni e servizi, ma si basa anchessa sul profitto. Sei forte e vai a premi? Resti in squadra. Ti infortuni o comunque ti dimostri meno veloce del previsto? Devi lasciare il tuo posto. Il nostro team diverso racconta Geoffrey Gikuni , leader di Run2gether e due volte vincitore alla maratona di Dublino (2011-2012) . In altre realt si rischia, dopo non aver ottenuto buoni risultati, di venire allontanati. Noi, invece, facciamo di tutto anche per reintegrare gli ex atleti in altri ruoli: da segretario a cuoco.

Il meccanismo abbastanza semplice: chi va a premi trattiene per s una quota pi bassa delle vittorie (il 70%, contro l85-90% delle altre squadre) e lascia il resto alla societ. Che, oltre a pagare trasferte e allenatore, pu quindi avvalersi di un piccolo fondo extra per garantire uno stipendio minimo a chi incappa in un infortunio nella corsa pi importante dellanno, e gestire alcuni servizi sociali di base per la popolazione di Kiambogo. Il tutto integrato dallattivit turistico-sportiva, organizzata in Kenya e in Austria, grazie allimpegno di Thomas Krejci, presidente della societ e amico di Gikuni. Chi ama correre in alta quota, infatti, pu allenarsi assieme ad atleti in grado di chiudere i 42 chilometri sotto le due ore e dieci.

Per i 20 ragazzi e ragazze di Kiambogo, intanto, la vera vittoria avere la fiducia di una squadra. Rimanere da solo, per un talento keniano, significa non poter andare in Europa e, di conseguenza, essere costretto a correre nel proprio Paese, dove i premi sono pi bassi e gli avversari decisamente pi veloci (per forza: sono tutti keniani, verrebbe da dire. Ma il motivo, in effetti, proprio questo). Prendiamo Terer, quarto a Venezia. Un buon atleta, certo, ma non di primissimo piano: il tempo di 2h 17 30, fatto registrare domenica, nel suo Paese se lo possono permettere in molti. Ultimo di nove fratelli, fino a cinque anni fa tirava avanti facendo il con-

Il pubblico sar la nostra forza


Il tecnico Andrea Giani presenta la rinnovata squadra di volley del Calzedonia Verona
iazza Bra dipinta di giallobl. Con una promessa che aleggia nellaria:Vi regaleremo emozioni. Applausi per la nuova Calzedonia Verona, nuova in tutti i sensi. Dallallenatore ai giocatori, passando per una societ che si sta rinnovando e per lentusiasmo che il neo main sponsor ha portato fra i tifosi. Proprio quello che serviva dopo una stagione di delusioni, nonostante la passione non sia mai mancata. La societ giallobl si presentata ad autorit, sponsor, media e appassionati lo scorso 16 ottobre, a due passi dallArena, simbolo di una citt innamorata della pallavolo. Sul maxischermo scorrono le immagini della medaglia dargento conquistata agli Europei 2013 dalla Nazionale italiana maschile, con protagonista il tecnico scaligero Andrea Giani, assistant coach del ct Mauro Berruto. Tanto per rompere il ghiaccio, per cominciare la serata sulla scia delle emozioni. Emozioni che in questa stagione la Calzedonia decisa a trasmettere: Verona una citt magnifica, che in parecchi anni di volley non ho mai sperimentato. Il pubblico sar la nostra forza, la nostra benzina: lappoggio dei tifosi davvero indispensabile, sia nei successi che nelle sconfitte ha confessato Giani . Abbiamo investito su molti giovani interessanti che, siamo sicuri, daranno il massimo, come lintera squadra. Vogliamo essere la sorpresa del campionato, continuando a crescere e a vincere il pi possibile. Per la mole di lavoro che stiamo affrontando

Foto Blu Volley

Andrea Giani e il pubblico in piazza Bra Per una formazione integrale dello studente e del professionista
Formazione Professionale:
o Scuola di Psicomotricit, triennale - convenzionata con ISRP di Parigi e in collaborazione con Scienze della Formazione, Universit di Verona

Formazione specialistica:
o Master Universitario Internazionale in Psicomotricit, biennale, in collaborazione con lUniversit di Verona, Parigi e Murcia o Corso in tecniche di rilassamento, biennale o Corso per formatori, biennale

Formazione permanente:
o Corsi strutturati, biennale e annuale, nazionale e internazionale o Corsi monotematici, di breve durata

Per la prevenzione del disagio psichico e laiuto psico-corporeo alla persona


m m m m m m

e per il desiderio di andare in palestra e impegnarsi, sono convinto che i risultati arriveranno. La formazione scaligera sulla strada giusta: la sconfitta contro la Tonno Callipo Vibo Valentia alla prima giornata aveva dato in ogni caso segnali positivi. Dante Boninfante e compagni hanno invece esultato a squarciagola domenica scorsa allesordio al PalaOlimpia, vincendo 3-1 contro la Bre Lannutti Cuneo, davanti a 3.200 spettatori. Un urlo di liberazione, un successo frutto della grinta di una squadra che ha lottato su tutti i palloni, dallinizio alla fine. La nostra sar una formazione con unidentit precisa aveva messo in chiaro il tecnico al suo arrivo a Verona. E la Calzedonia sembra aver proprio recepito il messaggio. Un Giani sullonda dellentusiasmo, che si improvvisato pure cantante, duettando sul palco insieme a Katia Ric-

ciarellli sulle note di O sole mio e L isola che non c di Edoardo Bennato. In una serata dipinta di giallobl, c chi ha deciso di dedicare un omaggio a Giovanni Martinelli, il vicepresidente dellHellas Verona, scomparso il giorno prima a 62 anni dopo una lunga malattia: Un uomo che ha dato tutto se stesso per la nostra citt, una persona che anche nei momenti difficili non ha mai mollato e ha riportato il Verona in alto ha ricordato il presidente di Calzedonia Nereo Destri . Lo sport scaligero gli deve molto: noi ci impegneremo a onorarlo sul campo. Proprio su quel parquet dove ogni domenica combattono i 13 giocatori della Calzedonia, presentati uno a uno. Vincere il campionato difficile, ma il pubblico e la societ vogliono emozionarsi ugualmente: la squadra cercher di esaudire il loro desiderio: chiara la promessa del capitano, Dante Bonifante. Regalare emozioni. Matteo Sambugaro

Consulenza neuropsichiatrica infantile Consulenza psicologica, psicodiagnosi, psicoterapia Consulenza e valutazione psicomotoria Psicomotricit, rilassamento e grafomotricit, individuale e di gruppo Logopedia Pedagogia rieducativa

CISERPP srl dal 25 novembre in NUOVA SEDE Viale del Commercio, 47 37135 - Verona
CISERPP SRL
Lungadige Catena, 5 - 37138 - Verona Tel. 045.8307801/8325563 - Fax 045.8344208
Ente accreditato n. 2783-A0539 DGR Veneto, n.299/17.5.2011

ciserpp@ciserpp.com - www.ciserpp.com

Foto Blu Volley

La presentazione della nuova squadra Calzedonia Verona