Sei sulla pagina 1di 324

UNIVERSITÀ degli STUDI di TRIESTE

Facoltà di Ingegneria
Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Corsi di
IDROLOGIA TECNICA
SISTEMAZIONE dei BACINI e dei CORSI d’ACQUA
prof. ing. Elpidio Caroni

APPUNTI
? ? ? Andrea Lisjak ? ? ?
andrea.lisjak@gmail.com

Trieste, 5 dicembre 2007


Indice

I Idrologia Tecnica 1
1 Idrologia e misure idrauliche 3
1.1 Ciclo idrologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.1.1 Bilancio idrologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.2 Bacini imbriferi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2.1 Delimitazione del bacino imbrifero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3 Processi idrologici fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.3.1 Precipitazione piovosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.4 Misure di precipitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.4.1 Pluviometro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.4.2 Radar meteorologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.4.3 Valutazione dei volumi d’afflusso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.5 Misure di portata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.5.1 Mulinelli idrometrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.5.2 Profilatori di velocità ad ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.5.3 Misure di livello: scala delle portate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.5.4 Sezioni stabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.5.5 Misura mediante traccianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
1.6 Evaporazione e misure di evaporazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.6.1 Psicrometro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.6.2 Determinazione del tasso di evaporazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.6.3 Strumenti di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
1.7 Infiltrazione e misure di infiltrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.7.1 Infiltrometro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.7.2 Legge di Horton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.7.3 Valutazione del ruscellamento superficiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.8 Risposta idrologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
1.8.1 Separazione dell’idrogramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
1.8.2 Separazione dello ietogramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.8.3 Funzione di risposta del bacino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
1.9 Modelli di idrogramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.9.1 Metodo sperimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.9.2 Modello della corrivazione o cinematico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
1.9.3 Modello italiano o dell’invaso lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
1.9.4 Modello di Nash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.9.5 Interpretazione probabilistica dell’idrogramma unitario istantaneo . . . . . . . . . . . 52
1.10 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
1.10.1 Determinazione dell’idrogramma di Nash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

2 Statistica degli estremi 55


2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.1.1 Metodo della curva inviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.1.2 Probabilità associata all’evento di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
2.1.3 Richiami di probabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

iii
iv INDICE Andrea Lisjak

2.1.4 Curva di durata delle portate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58


2.1.5 Curva di utilizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
2.1.6 Frequenza cumulata empirica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.1.7 Modelli di probabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.2 Modelli probabilistici in idrologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.2.1 Il caso delle portate al colmo di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.2.2 Metodo dei picchi sopra una soglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.2.3 Metodo del massimo in un intervallo di tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.2.4 Tempo di ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.3 Stima numerica dei parametri statistici di adattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.3.1 Richiami di statistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.3.2 Metodo dei momenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.3.3 Metodo di Gumbel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
2.3.4 Metodo dei minimi quadrati lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.3.5 Metodo della massima verosimiglianza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
2.4 Applicazioni all’intensità di pioggia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2.4.1 Linea segnalatrice di possibilità pluviometrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
2.5 Applicazioni alle portate al colmo di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.5.1 Pioggia di progetto ad intensità costante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.5.2 Calcolo della portata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.5.3 Modello della corrivazione lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.5.4 Modello dell’invaso lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.5.5 Modello di Nash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
2.6 Test statistici di adattamento di una distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
2.6.1 Passi di un test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
2.6.2 Test χ2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
2.6.3 Test di Kolmogorov–Smirnov . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2.7 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
2.7.1 Determinazione della LPP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
2.7.2 Valutazione della durata critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
2.8 Appendice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.8.1 Alcune distribuzioni di probabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.8.2 Valori di cα,N per il test di Kolmogorov-Smirnov . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100

3 Idrologia e risorse idriche 101


3.1 Elementi di geomorfologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
3.1.1 Superfici e versanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
3.1.2 Tettonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
3.1.3 Movimenti franosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
3.2 Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
3.2.1 Forme dei bacini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
3.2.2 Forme delle aste fluviali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
3.2.3 Forme delle reti idrografiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
3.2.4 Sistemi di ordinamento delle reti: leggi di Horton–Strahler . . . . . . . . . . . . . . . . 113
3.2.5 Reticoli sintetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
3.3 Modelli di formazione del deflusso superficiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
3.3.1 Schema hortoniano e schema dunniano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
3.3.2 Formula di Fántoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
3.3.3 Metodo del Curve Number (CN–SCS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
3.3.4 Modello “fisico” di Green–Ampt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
3.3.5 Formula di Philip . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
3.3.6 Probability Distributed Moisture Model (PDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.3.7 Top Model . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
3.4 Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
3.4.1 Approccio basato sul metodo di Horton–Strahler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
3.4.2 Approccio basato sulla funzione di ampiezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Andrea Lisjak INDICE v

3.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147


3.5.1 Determinazione dei parametri di Horton–Strahler del fiume Cellina . . . . . . . . . . . 147
3.5.2 Determinazione dello GIUH del torrente But . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149

II Idraulica fluviale 151


4 Moto permanente nelle correnti a pelo libero 153
4.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
4.1.1 Ipotesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
4.2 Caratteristiche energetiche della corrente in una sezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
4.2.1 Portata assegnata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
4.2.2 Energia specifica assegnata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
4.3 Alvei a debole pendenza e a forte pendenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
4.3.1 Ipotesi di moto uniforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
4.3.2 Pendenza critica per sezioni rettangolari larghe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
4.4 Carattere cinematico dei due tipi di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
4.4.1 Celerità di propagazione delle perturbazioni di livello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
4.4.2 Numero di Froude . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
4.5 Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
4.5.1 Equazione differenziale del profilo del pelo libero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4.5.2 Alvei a debole pendenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
4.5.3 Alvei a forte pendenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
4.5.4 Osservazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
4.5.5 Tracciamento quantitativo dei profili di moto permanente . . . . . . . . . . . . . . . . 170
4.6 Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
4.6.1 Passaggio graduale da corrente lenta a corrente veloce . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
4.6.2 Passaggio graduale da corrente veloce a corrente lenta . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
4.7 Esempi applicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
4.7.1 Procedura per la determinazione dei profili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
4.7.2 Presenza di una paratoia piana in alvei a debole pendenza . . . . . . . . . . . . . . . . 181
4.7.3 Presenza di una paratoia piana in alvei a forte pendenza . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
4.7.4 Cambio di pendenza con paratoia piana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
4.7.5 Passaggio sopra una soglia di fondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
4.7.6 Stabilizzazione di un risalto idraulico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
4.7.7 Passaggio fra le pile di un ponte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
4.8 Tracce dell’onda di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
4.8.1 Valutazione della portata in condizioni di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
4.8.2 Valutazione di variazioni del coefficiente di scabrezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
4.9 Estrapolazione della scala delle portate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
4.10 Alvei con sezioni composite o con scabrezza eterogenea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
4.10.1 Calcolo della portata totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
4.11 Curve nei canali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4.11.1 Correnti lente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4.11.2 Correnti veloci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
4.12 Alvei in letti alluvionali: condizioni di stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
4.12.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
4.12.2 Caratterizzazione del sedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
4.12.3 Condizioni critiche: inizio del trasporto solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
4.13 Principi di modellistica idraulica da laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.13.1 Derivazione di una scala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.14 Ulteriori considerazioni sulle correnti veloci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
4.14.1 Propagazione di perturbazioni di livello infinitesime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
4.14.2 Propazione di perturbazioni di livello finite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
4.15 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
4.15.1 Tracciamento di un profilo di moto permanente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
vi INDICE Andrea Lisjak

4.15.2 Localizzazione di un risalto in corrispondenza di un salto di fondo . . . . . . . . . . . 212


4.15.3 Calcolo della portata sfiorabile da uno stramazzo laterale . . . . . . . . . . . . . . . . 214

5 Moto vario nelle correnti a pelo libero 217


5.1 Equazioni del moto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
5.1.1 Equazioni di de Saint–Venant . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
5.2 Onde di piena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
5.2.1 Modello di Boussinesq . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
5.2.2 Modello cinematico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
5.2.3 Modello parabolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222

6 Trasporto solido 225


6.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
6.2 Caratterizzazione dei materiali trasportati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.3 Condizioni critiche: inizio del trasporto solido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
6.3.1 Formulazione di Shields: curva di instabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
6.4 Trasporto solido al fondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.4.1 Metodi di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.4.2 Metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
6.5 Trasporto solido in sospensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.5.1 Metodi di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.5.2 Equazione della diffusione–dispersione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.5.3 Metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
6.6 Trasporto solido totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
6.6.1 Metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
6.7 Modellamento del fondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
6.7.1 Forme del fondo mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
6.8 Resistenza al moto degli alvei a fondo mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
6.8.1 Determinazione della resistenza superficiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.8.2 Determinazione della resistenza di forma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.8.3 Determinazione della resistenza globale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.9 Geometria idraulica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
6.9.1 Metodo “at station” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
6.9.2 Metodo “downstream” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
6.9.3 Relazione larghezza e portata “bankfull” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
6.9.4 Teorie del regime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258

III Sistemazione dei corsi d’acqua 263


7 Sistemazione dei bacini montani 265
7.1 Sistemazione dei versanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
7.1.1 Interventi di raccolta e allontanamento delle acque . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
7.1.2 Interventi di consolidamento del pendio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
7.2 Briglie e soglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
7.2.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
7.2.2 Struttura della briglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
7.2.3 Dimensionamento della gáveta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
7.2.4 Dimensionamento della vasca di dissipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
7.2.5 Dimensionamento statico della briglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
7.2.6 Filtrazione sotto le briglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
7.2.7 Altri tipi di briglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
7.3 Difese di sponda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
7.3.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
7.3.2 Difese longitudinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
7.3.3 Difese sporgenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
Andrea Lisjak INDICE vii

8 Sistemazioni fluviali 305


8.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
8.1.1 Aumento della capacità di portata delle sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
8.1.2 Diminuzione della portata di progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
8.2 Regolazione delle portate a mezzo di serbatoi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
8.2.1 Dighe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
8.2.2 Casse di espansione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
8.3 Arginatura dei corsi d’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
8.3.1 Arginature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
8.3.2 Distanze dagli argini per piantagioni, scavi e manufatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
8.3.3 Filtrazione nel corpo arginale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
8.3.4 Stabilità degli argini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
8.3.5 Protezione delle rive e delle arginature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
8.3.6 Stabilizzazione degli alvei di magra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
viii INDICE Andrea Lisjak
Parte I

Idrologia Tecnica

1
Capitolo 1

Idrologia e misure idrauliche

Nei paesi occidentali il consumo medio di acqua è di circa 500 l/giorno pro capite, che equivalgono a
200 m3 /anno. Supponendo una popolazione mondiale di 5 miliardi di persone si arriva a 1000 miliardi
di m3 /anno.
L’acqua disponibile sulla Terra è circa 1, 4 × 109 km3 (1 km3 = 109 m3 ). L’acqua è così distribuita:

- 97,2 %: oceani;

- 2,2 %: calotte polari e ghiacciai;

- ∼ 0, 6 %: acque del sottosuolo (falde acquifere);

- rimanente: acque di superficie.

Le acque di superficie sono così distribuite:

- laghi: 125.000 km3 ;

- laghi salati: 100.000 km3 ;

- fiumi: 1.300 km3 .

Residuano:

- umidità del suolo: 70.000 km3 ;

- atmosfera: 13.000 km3 .

1.1 Ciclo idrologico


La presenza dell’acqua sulla Terra è di tipo dinamico, ossia caratterizzata da una serie di scambi continui
tra:

• atmosfera;

• superficie solida e corpi idrici;

• sottosuolo;

• oceani.

L’insieme di questi flussi d’acqua prende il nome di ciclo idrologico. In particolare si hanno:

(A) precipitazioni : passaggio dall’atmosfera alla superficie solida ed agli oceani (pioggia, neve, grandine e
rugiada);

(B) evaporazione: passaggio dallo stato liquido al suolo a quello di vapore in atmosfera;

3
4 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

(G) traspirazione: passaggio dell’acqua dal sottosuolo direttamente in atmosfera grazie all’azione dei
vegetali;

(C) ruscellamento: trasferimento sulle superfici solide ai corpi idrici e agli oceani;

(F) infiltrazione: passaggio dalla superficie solida al sottosuolo;

(E) esfiltrazione: passaggio dell’umidità del sottosuolo (non saturo) in superficie;

(D) sorgenti subacquee: passaggio delle acque sotterranee nei corpi idrici o negli oceani.

Figura 1.1. Ciclo idrologico.

Il movimento continuo del ciclo idrologico è possibile grazie all’energia solare, la quale produce i trasferi-
menti di calore che rendono possibile tale moto. Dal punto di vista degli aspetti dinamici l’atmosfera è la
parte più importante in quando è la prima ad assorbire tale energia.

I principi fisici fondamentali del ciclo sono:

1. il principio di conservazione della massa: dà luogo al bilancio idrologico;

2. il principio di conservazione dell’energia: spesso non viene considerato in quanto, vista la complessità
dei processi, in idrologia ci sia accontenta del primo.

La differenza tra idrologia e idraulica è essenzialmente dovuta alla scala di osservazione spazio-temporale:

• idraulica: m −→ km, s −→ min;

• idrologia: km −→ . . . , anno solare (serve a tralasciare gli effetti della stagionalità).

1.1.1 Bilancio idrologico


Analizziamo una superficie di area A e sia V il volume accumulato su tale area a causa delle precipitazioni.
Se si suppone di spargere in maniera uniforme tale volume su tutta la superficie si ottiene un’altezza d’acqua
pari a:
V
h=
A
L’equazione fondamentale del bilancio idrologico è:
dV
= Qin − Qout (1.1)
dt
Per poter applicare concretamente tale equazione bisogna:

• definire A;

• conoscere i flussi in entrata ed in uscita.


Andrea Lisjak 1.1. Ciclo idrologico 5

Se si analizza il ciclo idrologico alla scala dell’anno solare si può ammettere, a meno di approssimazioni più
o meno grandi, che se ci si trova in un ciclo di un anno medio, dopo un anno le condizioni dovrebbero essere
uguali a quelle di un anno prima:
dV
≈0
dt anno solare

Esempio

Figura 1.2. Esempio di bilancio idrologico.

Consideriamo un anno medio:

- pioggia che cade sulla superficie degli oceani: 1120 mm;


- pioggia che cade sulle terre emerse: 720 mm;
- acqua che evapora dalla superficie degli oceani: 1250 mm;
- acqua che evapora dalla superficie solida: 410 mm;

- acqua che passa dalla superficie solida a quella degli oceani: 310 mm (rispetto alla superficie solida),
130 mm (rispetto alla superficie degli oceani);
- acqua che viene scambiata a livello di sottosuolo: trascurabile.
Facendo una media ogni anno cade sulla superficie terrestre 1 m d’acqua.
Il volume di pioggia annua è pari a:

Vpa = 500 × 106 × 10−3 = 500.000 km3 /anno

Il volume d’acqua in atmosfera è pari a:

Vatm = 13 × 103 km3

Ciò significa che il tempo di permanenza dell’acqua in atmosfera è estremamente breve: mediamente ogni
anno l’intera quantità d’acqua presente in atmosfera si riversa sulla Terra circa 40 volte (= Vpa /Vatm ),
quindi la durata media della permanenza dell’acqua in atmosfera è di circa 9 giorni (365/40). Altri esempi
di tempi di permanenza sono:

- fiume Po: 700 km, v=1 m/s, circa 200 ore ossia 10 giorni;
- sottosuolo: 30 anni.
6 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.2 Bacini imbriferi


Si definisce bacino imbrifero o idrografico relativo alla sezione S la porzione di territorio in cui le piogge
cadute contribuiscono al deflusso nella sezione S. Il primo termine si riferisce esplicitamente a tale definizione
mentre il secondo è relativo alla distribuzione dei canali che raccolgono le acque da una superficie e le portano
alla sezione S.

Figura 1.3. Bacino imbrifero.

Si definisce reticolo idrografico il grafo formato dalle aste fluviali e orientato dalle zone a potenziale gravi-
tazionale maggiore verso quelle a potenzionale minore. Normalmente nelle zone imbrifere, ossia nelle zone
dove le portate sono generate, il reticolo è ad albero, ossia è costituito da tante sorgenti e da una sola uscita
detta sezione di chiusura del bacino.
I corsi d’acqua possono essere suddivisi ciascuno in tre parti principali:

1. bacino imbrifero propriamente detto: il processo fondamentale è la raccolta d’acqua, corrisponde alla
zona montana;

2. canale di trasporto: il processo fondamentale è l’interazione con le falde freatiche (in condizioni di
magra il fiume cede acqua alle falde freatiche), corrisponde alla zona in cui non ci sono più grossi
affluenti;

3. foce: il processo fondamentale è l’interazione col corpo idrico recettore.

1.2.1 Delimitazione del bacino imbrifero


Le linee di massima pendenza dei versanti tagliano perpendicolarmente le linee equipotenziali, il moto
avviene quindi parallelamente ad esse e sono dette linee di spartiacque. Le zone di crinale sono invece dei
massimi locali nella superficie topografica. I massimi di curvatura delle curve di livello possono essere:

- zone di crinale;

- aste fluviali.

L’utilizzo del DTM (Digital Terrain Model) è molto utile per il riconoscimento automatico dell’andamento
degli espluvi e degli impluvi.
Andrea Lisjak 1.2. Bacini imbriferi 7

Figura 1.4. Linee di massima pendenza e crinali.

Figura 1.5. Linee di espluvio e linee di impluvio.

Acque sotterranee
A contribuire alla portata di un fiume non c’è solo l’acqua di ruscellamento in superficie ma anche una
componente di filtrazione nel terreno. A rigore quindi l’analisi topografica è sufficiente solamente per il rus-
cellamento e non per i moti di filtrazione, i quali forniscono acqua nei periodi asciutti. Approssimativamente

Figura 1.6. Influenza delle condizioni geostrutturali sul bacino idrologico.

possiamo dire che della pioggia che cade mediamente:


- 1/3 evapora;
- 1/3 s’infiltra;

- 1/3 scorre in superficie.


8 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.3 Processi idrologici fondamentali


1.3.1 Precipitazione piovosa
Il fenomeno fondamentale per la precipitazione piovosa è la condensazione ossia il passaggio dell’umidità
dell’atmosfera dallo stato di vapore allo stato liquido quando l’atmosfera risulta satura. La massima quantità
di vapor d’acqua che la miscela aria può contenere è detta tensione di vapor d’acqua saturo.
La condensazione è essenzialmente dovuta ad un raffreddamento: sottraendo calore ad una massa umida
essa diventa satura e si ha la condensazione.
La probabilità maggiore è quella che una goccia d’acqua vada a formarsi attorno ad un granello di
pulviscolo atmosferico. Una volta che una microgoccia si è formata è più probabile che si abbia un’altra
condensazione attorno ad essa.
Le nuvole sono gocce d’acqua allo stato liquido. Su di esse agisce il loro peso proprio e le tensioni
tangenziali dovute ai moti turbolenti dell’aria.
Si ha una precipitazione piovosa quando a causa di un particolare raffreddamento si ha un ingrossamento
delle gocce d’acque e la rottura dell’equilibrio di forze che si era instaurato precedentemente.
I processi fondamentali di raffreddamento sono 3:

1. raffreddamento ciclonico: è legato alla circolazione atmosferica ed al trasferimento di masse d’aria a


differente contenuto termico e d’umidità da zone ad alta pressione a zone a bassa pressione;

Figura 1.7. Zona anticiclonica e ciclonica nell’emisfero Nord.

2. raffreddamento orografico: quando una corrente d’aria incontra una catena montuosa la massa d’aria
tende ad innalzarsi e, dal momento che gli strati alti dell’atmosfera sono più freddi, si ha un raffred-
damento;

3. raffreddamento convettivo: se la superficie del terreno è molto calda essa riesce a scaldare l’aria che,
diventando più leggera, tende a salire per la spinta archimedea, in superficie arriva altra aria che a
sua volta si scalda e risale formando una colonna ascendente che mentre sale si raffredda (meccanismo
convettivo).

Circolazione ciclonica
La scala a cui avviene è molto ampia: 1.000–5.000 km (le carte sinottiche dei meteorologi sono a livello di
continente).
Per effetto dell’accelerazione di Coriolis, dovuta alla rotazione terrestre, gli spostamenti non sono
rettilinei ma (nell’emisfero Nord):

• circolazione anticiclonica (avviene attorno ad un centro di alta pressione) è oraria;

• circolazione ciclonica (avviene attorno ad un centro di bassa pressione) è antioraria.

Le masse d’aria che arrivano in queste zone possono avere contenuti di umidità e temperatura diverse in
quanto possono provenire da Nord, Sud, Ovest o Est. Si consideri, per esempio, un centro di bassa pressione
con dell’aria fredda proveniente da Nord e dell’aria calda proveniente da Sud. Si definisce:

- fronte: zona di contatto fra masse d’aria diverse;


Andrea Lisjak 1.3. Processi idrologici fondamentali 9

- fronte caldo: zona del fronte dove spinge l’aria calda;


- fronte freddo: zona del fronte dove spinge l’aria fredda.

Figura 1.8. Fronte caldo e fronte freddo.

Consideriamo la sezione A-A’: nel centro si parla di fronte occluso ossia l’aria ristagna, si ha una stratifi-
cazione dell’aria (aria calda sopra, aria fredda sotto) con formazione di nuvolosità diffusa o deboli piogge.
Consideriamo la sezione B-B’:
• l’aria calda che arriva trova l’aria fredda ferma, che avendo un’inerzia maggiore (più densa) tende a
rimanere al suolo causando lo scivolamento dell’aria calda sopra di essa: si ha una condensazione in
verticale lungo il fronte con grande sviluppo in pianta, ne conseguono:
- forti sistemi nuvolosi ;
- piogge di media-bassa intensità.
• l’aria fredda che arriva s’insinua sotto l’aria calda che a sua volta tende a sollevarsi molto più rap-
idamente che nel caso precedente, a causa dell’elevata quantità di moto dell’aria fredda: si ha una
condensazione con modesto sviluppo in pianta, ne conseguono:
- sistemi nuvolosi modesti ;
- piogge di intensità elevata.

Tutto questo meccanismo si sviluppa spazialmente in un quadro sinottico (>1.000 km), al suo interno si
hanno zone di precipitazione legate ai fronti (100-1000 km), esistono infine dei nuclei di precipitazione
più elevata detti celle di scroscio (1-10 km). La misura delle pioggia è fortemente influenzata da questi
meccanismi.

Circolazione orografica
Le masse d’aria che passano sopra i mari e le pianure si caricano di umidità per evaporazione, quando
incontrano una catena montuosa s’innalzano e si ha la generazione di sistemi nuvolosi e precipitazioni.

Circolazione convettiva
È legata alla presenza di superfici calde che riscaldano l’atmosfera per contatto: l’aria calda tende ad
innalzarsi, si ha una diminuzione di pressione nella zona bassa e un richiamo di altre masse d’aria fredda
dalla superficie. Il processo termina quando la superficie cessa di essere calda.
Dal momento che la corrente ascensionale che si sviluppa è molto forte le gocce d’acqua per cadere
devono avere dimensioni molto grosse. È questo il meccanismo, tipico delle celle di scroscio, che porta alla
formazione dei cosiddetti temporali estivi (eventi brevi ma intensi).
10 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.9. Sezioni A-A’ e B-B’.

Figura 1.10. Circolazione orografica e convettiva.

1.4 Misure di precipitazione


1.4.1 Pluviometro
Un pluviometro è essenzialmente costituito da un recipiente con bocca orizzontale di forma circolare che
consente l’accumulo dell’acqua di precipitazione. Esso viene disposto in aree aperte in modo da evitare
schermature dovute alla presenza di edifici o coperture vegetali. Passato un certo tempo ∆t, detto intervallo
di osservazione, si misura l’acqua raccolta all’interno dello strumento1 .

1 Nel caso di misurazioni effettuate ad intervalli di tempo piuttosto lunghi (es. pluviometri stagionali) si ricorre all’utilizzo

di un film d’olio in modo da ricoprire la pioggia che si raccoglie nello strumento ed impedirne l’evaporazione.
Andrea Lisjak 1.4. Misure di precipitazione 11

Si definisce altezza di pioggia [mm]:


V
∆h = (1.2)

dove:
- V : volume accumulato;
- Ω: area della superficie di captazione (valore standard Ω = 0, 1 m2 ).
Si misura l’altezza invece che il volume di pioggia in quanto si vuole estrapolare il campionamento puntuale
sull’area attorno ad esso.
Si definisce intensità di pioggia [mm/giorno]:

∆h
j= (1.3)
∆t

Servizio Idrografico Nazionale


Il vecchio Servizio Idrografico Nazionale2 era dotato di una rete di osservatori con una densità media di
uno strumento ogni 300 − 400 km2 . Esso osservava le cosiddette piogge giornaliere: piogge cadute tra le 9
a.m. del giorno precedente e le 9 a.m. del giorno di osservazione. I dati venivano poi pubblicati sugli Annali
Idrologici (parte I).

Pluviometri registratori (pluviografi)


Dal momento che per gli eventi importanti il dato giornaliero non è sufficiente si è resa necessaria l’in-
troduzione accanto al pluviometro di uno strumento che registrasse l’andamento nel tempo dell’altezza di
pioggia.
• Pluviometro a bilancia: l’ago della bilancia è dotato di un pennino che lascia una traccia su una carta
ad orologeria (gli apparecchi più moderni sono di tipo digitale).
Il difetto principale di questi pluviometri è che quando la vaschetta si riempie bisogna andare a
svuotarla.
• Pluviometro a sifone: il serbatoio è dotato di un sifone che, una volta innescato, fa svuotare il serbatoio.
I difetti sono il fatto che il sifone può non innescarsi e che esso risente molto delle impurità della
pioggia.
• Pluviometro a vaschetta basculante: una volta che la prima vaschetta si riempie (20 cm3 = 0, 2 mm) si
forma una coppia ribaltante che fa svuotare la vaschetta piena e mette sotto raccolta quella vuota. Su
una carta ad orologeria il ribaltamento viene indicato con uno scatto sul diagramma, quando si arriva
al bordo della carta l’andamento viene invertito. L’avanzamento del rullo di carta è di 2 mm/ora ossia
una striscia di carta da 40 cm ogni settimana.
I difetti principali sono la difficile taratura meccanica dello strumento e il fatto che durante il ribalta-
mento una parte di pioggia non viene raccolta.

Sorgenti principali di errore


Il problema principale delle misurazioni effettuate con pluviometri è la significatività della misura. In
particolare la World Meteorological Organization (WMO) ha individuato 5 sorgenti principali di errore:
1. l’esposizione: −5 % ÷ −80 %
2. l’evaporazione: ∼ −1 %
3. lo splash in e lo splash out: ∼ +1 %
4. l’adesione: ∼ −0, 5 %
5. l’orizzontalità della bocca: ∼ −0, 5 %
2 Servizio nato per scopi energetici ed agricoli attualmente passato alle competenze delle Regioni (ARPA)
12 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Nivometri
I nivometri sono particolari pluviometri che raccolgono e poi sciolgono la neve, misurandone la quantità.
Gli errori che si commettono nel misurare le precipitazioni nevose sono ancora più grandi in quanto avendo
la neve una velocità di caduta più bassa della pioggia essa risente maggiormente della turbolenza dell’aria.

1.4.2 Radar meteorologico


Il principio fisico sfruttato dal radar meteorologico è che onde radio con lunghezza d’onda comparabile alla
dimensione delle gocce d’acqua vengono riflesse dalla presenza d’acqua in atmosfera.
Il radar meteorologico è in grado di vedere non tanto la pioggia (ad eccezione dei modelli che sfruttano
l’effetto doppler) quanto il contenuto d’acqua in atmosfera, ossia soprattutto le grosse masse d’acqua a quote
elevate (nuvole). Esso esegue una sorta di tomografia ossia una serie di spazzate con alzo variabile (ossia
rivoluzioni con inclinazione variabile) in modo da riconoscere la struttura verticale degli ammassi nuvolosi.
Il risultato fornito è quello del contenuto d’acqua liquida sopra pixel di circa 1 km2 .
I dati forniti vengono poi elaborati mediante specifici algoritmi che permettono di:

• fornire una buona distribuzione spaziale delle precipitazioni ;

• fornire solamente un’indicazione di massima sull’intensità di pioggia (classi di intensità).

Il raggio d’azione è al massimo di 100–200 km, oltre comincia a risentire eccessivamente dell’effetto della
curvatura terrestre.
La Regione Friuli Venezia Giulia è attualmente coperta da 2 radar meteorologici situati a:

- Téolo (Veneto - Colli Euganei);

- Fossalòn di Grado.

1.4.3 Valutazione dei volumi d’afflusso


Una volta ottenute le misure puntuali di pioggia il passo successivo è quello di passare ad una stima del
volume complessivo di pioggia caduto su una determinata area. La definizione corretta del problema della
valutazione del volume d’afflusso V richiede a sua volta la definizione di:

a) area topografica A;

b) intervallo di tempo ∆t (per esempio: 1 ora, 6 ore, 1 giorno, 1 anno);

Siano Pi le posizioni a cui sono associate le altezze di pioggia hi cadute nell’intervallo di tempo ∆t:

Pi −→ hi (in ∆t)

Metodo delle isoiete


Date le altezze di pioggia nelle posizioni Pi il metodo consiste nel tracciare le curve di uguale altezza di
pioggia (isoiete). Generalmente di suppone un andamento lineare dell’altezza di pioggia tra due posizioni.
Le isoiete possono venir tracciate con diverse equidistanze: se si adotta un’equidistanza di 100 mm allora il
passaggio da una isoieta all’altra comporta un salto di 100 mm nell’altezza di pioggia.
Una volta definita l’area A sulla quale si vuole effettuare la valutazione del volume d’afflusso, si fissano
delle aree di competenza Ai tali che:
X X
A0i = AV∆t = A0i Hi

Ad esempio si può assegnare l’altezza H1 = 1000 mm a tutta l’area A1 compresa tra le isoiete 950 e 1050 mm.

I vantaggi principali di tale metodo sono:

X le isoiete seguono un andamento plausibile delle precipitazioni;

X le isoiete possono tener conto di come varia la topografia dell’area;


Andrea Lisjak 1.4. Misure di precipitazione 13

(a) (b)

Figura 1.11. Metodo delle isoiete.

X è possibile sfruttare conoscenze acquisite in precedenza per modificare in maniera opportuna l’anda-
mento delle isoiete.
Gli svantaggi principali di tale metodo sono:

- il procedimento di tracciamento può essere molto soggettivo;


- se le altezze hi nelle posizioni Pi variano o se varia il tempo ∆t su cui vengono valutate allora bisogna
ricalcolare nuovamente le aree A0i .

Metodo dei poligoni di Thiessen o dei topoieti


Con questo metodo ad ogni punto dell’area A viene assegnata un’altezza di pioggia pari a quella misurata
nella posizione Pi più vicina. Di conseguenza per individuare la aree A0i , associate alle altezze hi , bisogna
considerare i segmenti congiungenti posizioni Pi vicine e tracciare il luogo dei punti equidistanti da entrambe
le posizioni considerate, ossia gli assi dei segmenti. Il volume d’afflusso sull’area A è pari a:
X
V∆t = A0i hi

L’altezza media di pioggia caduta sall’area A è pari a:

V X A0
i
h= = · hi
A A
I vantaggi principali di tale metodo sono:
X la suddivisione delle aree dipende esclusivamente dalla posizione dei pluviometri quindi, una volta
determinate, al variare dei valori hi non serve che vengano ricalcolate.
Gli svantaggi principali del metodo sono:

- è un procedimento meno flessibile del precedente in quanto non è possibile tener conto di altre nozioni
acquisite precedentemente.

Osservazione
Per entrambi i metodi considerati l’afflusso di precipitazione in una determinata area può dipendere da
misure effettuate al di fuori dell’area in esame.
14 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.12. Metodo di Thiessen.

1.5 Misure di portata


Si consideri una sezione trasversale al moto medio di un canale, si vuole sapere qual’è la massa che passa
in tale sezione nell’unità di tempo. Dal momento che l’acqua viene considerata incompressibile (ρ = cost),
parlare di portata volumetrica equivale a parlare di portata di massa:
Z
Q= ~v · ~n dA (1.4)
A

Il calcolo della portata si traduce praticamente in un’integrazione numerica, in cui si valutano le componenti
ortogonali vni della velocità rispetto alla sezione considerata per ogni area ∆Ai in cui viene suddivisa l’area
A della sezione: X
Q≈ vni ∆Ai (1.5)
i

Ciò significa che per ogni ∆Ai si deve eseguire almeno una misura di velocità.

1.5.1 Mulinelli idrometrici


Nei mulinelli idrometrici ad elica l’elica viene messa in moto dal filetto fluido che l’attraversa. Ad un
giro completo di elica corrisponde una determinata distanza percorsa dall’acqua detta passo idraulico 3 ,
misurando quindi il numero di giri n nel tempo ∆t e noto il passo idraulico p dell’elica si ricava la velocità
del filetto fluido:
n·p
v≈ (1.6)
∆t
Il mulinello ad elica valuta di per sé la componente normale della velocità purché il suo asse sia perpendicolare
alla sezione da valutare.
L’operazione di misura delle velocità col mulinello idrometrico può essere effettuata:

• al guado: utilizzando un’asta idrometrica per sostenere lo strumento e misurare la profondità dell’ac-
qua;

3 Si noti che il passo idraulico non corrisponde esattamente al passo d’avvitamento dell’elica, ma esso viene valutato nelle

canalette idrauliche, dove è possibile regolare la velocità dell’acqua e misurare il numero di giri dell’elica.
Andrea Lisjak 1.5. Misure di portata 15

• in sospensione con un battello: per tener conto dell’effetto di trascinamento dell’acqua nella valutazione
della profondità si è soliti utilizzare un’approssimazione di tipo triangolare.

La differenza fondamentale fra il mulinello idrometrico ad elica e quello a cucchiaie è che quest’ultimo misura
direttamente il modulo della velocità (la rotazione è indifferente alla direzione della velocità). Poi mediante
un giroscopio si determina la direzione ed il verso della pinna e si risale alla componente normale di velocità.

Durata della misura


La durata dell’intervallo di misura ∆t deve essere sufficientemente lunga (30”-1’) per due motivi principali:

1. utilizzando i mulinelli idrometrici si misurano sempre n giri interi, quindi si possono perdere i mezzi
giri in partenza ed i mezzi giri alla fine:
n·p 1 p
v≈ ±
∆t 2 ∆t
È bene che n sia sufficientemente elevato.

2. a causa della turbolenza si hanno fluttuazioni del campo di velocità nel tempo (variabili in funzione
della classe di turbolenza), quindi ∆t deve essere tale da mediare tali effetti.

Numero di punti misurati


Maggiore è il numero di punti su cui si valuta la velocità e migliore è la stima della portata. Un giusto
compromesso tra stima corretta della portata e tempo globale di misura è dato da 30 punti.
Dal momento che la distribuzione delle velocità lungo la verticale in un canale rettangolare è di tipo
logaritmico, la misura effettuata ad una profondità pari a 0, 6y dovrebbe corrispondere alla misura della
velocità media lungo la verticale. In questo modo si può effettuare una stima con un’unica misura su ogni
verticale considerata. Leggermente più precisa è la stima mediante 3 misure:

v = (v0,2 + 2v0,6 + v0,8 )/4 (1.7)

Figura 1.13. Profilo di velocità in un canale rettangolare.

1.5.2 Profilatori di velocità ad ultrasuoni


Tali strumenti emettono in maniera diagonale rispetto alla direzione del flusso un’onda sonora. Se l’acqua
fosse perfettamente limpida ci sarebbe un solo eco dal fondo, in realtà la presenza di impurità fa sì che gli
echi di ritorno siano più di uno.
L’intervallo di tempo ∆t trascorso tra l’emissione del suono e il ritorno fornisce la distanza dell’ostacolo che
ha provocato l’eco.
16 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.14. Profilatore di velocità ad ultrasuoni.

La mutazione di frequenza tra il segnale emesso e quello ricevuto dà invece, grazie all’effetto Doppler,
indicazioni sulla velocità del flusso.
Con questi strumenti è possibile effettuare moltissime misure tuttavia si possono avere dei problemi nella
taratura dello strumento.

1.5.3 Misure di livello: scala delle portate


La registrazione in continuo delle portate con uno dei sistemi visti non è praticamente possibile. Ciò che
invece si può misurare con continuità è il livello Z, da cui si può mediante una relazione univoca del tipo
Q = Q(Z), detta scala delle portate dell’alveo, risalire alla portata.

Figura 1.15. Scala delle portate.

Dal momento che il fondo del canale può subire delle variazioni Z viene sempre riferito ad una scala detta
scala idrometrica, la quale a sua volta è riferita in maniera assoluta al livello medio del mare (zero assoluto).
Le scale idrometriche vengono materializzate mediante stadie fissate alle spalle dei ponti o ad altre strutture
rigide e fisse.
Durante l’onda di piena Q(Z) non è più biunivoca ma forma un ciclo d’isteresi detto cappio di piena.
Proprio durante le onde di piena tuttavia le misure di portate non sono possibili, essenzialmente per due
motivi:
1. le velocità sono elevate ed il fiume trascina del materiale asportato dalle sponde;
2. essendo in un transitorio bisognerebbe essere veloci nella misura.
In generale comunque i cappi di piena sono piuttosto schiacciati per cui la consuetudine è quella di
approssimarne l’andamento con la curva di moto permanente.

Idrometri
I tipi di idrometri più diffusi sono:
Andrea Lisjak 1.5. Misure di portata 17

• stadie;
• a galleggiante;

• a sensore di pressione;
• a gorgoglio d’aria;
• ad ultrasuoni4 ;
• con polvere di sughero (misure di massima altezza).

Figura 1.16. Idrometro a gorgoglio d’aria.

Determinazione della scala delle portate


Supponiamo di installare uno strumento nuovo e di effettuare una serie di misure di livello in periodi di
magra. All’aumentare del livello Z aumenta sia la sezione A che la velocità media V . Consideriamo infatti
un canale regolare in moto uniforme, sussiste la ben nota relazione di Chézy:

(1.8)
p
V = C gRif

- C: coefficiente d’attrito;

- R: raggio idraulico (Ω/p con p perimetro bagnato);


- if : pendenza del fondo.
Si noti come all’aumentare di Z il raggio idraulico R aumenti facendo aumentare anche V .
Ne consegue che all’aumentare del livello Z la portata aumenta più che linearmente, sussiste infatti una
relazione di potenza del tipo:
Q = k(Z − Z0 )α (1.9)
dove Z0 è il livello idrometrico per cui Q = 0.

4 Necessita di correzioni in base alla temperatura dell’aria dalla quale dipende la densità dell’aria, dalla quale a sua volta

dipende la velocità delle onde sonore. Risente molto del problema delle vibrazioni dovute al vento.
18 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.17. Perimetro bagnato.

La stima di k, Z0 ed α avviene attraverso la relazione:

log Q = log k + α log(Z − Z0 ) (1.10)

Z0 viene trovato per tentativi finché i punti sperimentali si dispongono su una retta.

Figura 1.18. Stima di Z0 , k e α.

Il passo successivo è quello di valutare la scala delle portate per portate grandi, per fare ciò è necessario
ricorrere ad un’operazione di estrapolazione. Essa può avvenire secondo tre livelli di precisione (ordine
decrescente):
1. Si utilizzano le equazioni del moto permanente gradualmente variato tarandole sulle sezioni disponibili
ed applicandole poi anche alle altre.
2. Si considera la relazione:
Q=A·V
con V velocità media, e si istituisce una scala delle velocità medie.
Supponendo il livello dell’acqua orizzontale e conoscendo la sezione trasversale del canale si valuta A
in funzione di Z, mentre V viene estrapolata sulla base delle misure di velocità effettuate per piccoli
valori di Z. Rispetto all’estrapolazione diretta di Q (metodo 3) l’estrapolazione di V è più sicura in
quanto da un certo Z in poi V varia di poco.
3. Si estrapola, graficamente o analiticamente, la legge ricavata per le parti basse anche alle parti alte.

Instabilità della scala delle portate


Se durante le portate di piena il fondo cambia assetto (mutamento delle barre di fondo) la scala delle portate
non cambia di molto.
Andrea Lisjak 1.5. Misure di portata 19

(a) Scala delle velocità. (b) Area della sezione trasversale.

Figura 1.19. Metodo 2 per la determinazione della scala delle portate.

Se invece durante le portate di magra il fondo cambia assetto (si possono avere anche migrazioni del
canale all’interno dell’alveo) la scala delle portate subisce forti variazioni sia nella sezione considerata sia
per tutto un tronco di alveo a monte e a valle. Le portate di magra non sono importanti per la valutazione

Figura 1.20. Instabilità della scala delle portate.

della sicurezza delle zone rivierasche bensì per la valutazione della risorsa: si può affermare infatti che il
volume d’acqua che passa ogni anno per la sezione di misura è formato per metà da piene e per metà da
magre ed esaurimenti.

Figura 1.21. Alveo di magra.


20 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.5.4 Sezioni stabili


Le misure di portata andrebbero fatte in corrispondenza delle cosiddette sezioni stabili, ossia quelle sezioni
che, grazie al fondo sufficientemente rigido, non variano al passaggio dell’onda di piena:
• possono essere stabili per loro natura: emersione di roccia (soglie geologiche);
• possono essere rese stabili da opere di stabilizzazione trasversale:
– traverse di presa;
– briglie o soglie di stabilizzazione: opere trasversali (meno di 15 m); realizzate, per esempio, a
valle delle pile dei ponti, servono ad evitare i fenomeni di sottoerosione delle fondazioni.

Figura 1.22. Sezione stabile.

Stramazzi
Nel caso in cui l’efflusso sia libero, ossia non condizionato dai livelli d’acqua a valle, allora la scala delle
portate Q = Q(Z) è nota a priori. Si può infatti assimilare questo tipo di struttura a degli stramazzi : luci
attraverso cui passa un flusso d’acqua che non sia sotto battente.

(a) Sezione longitudinale. (b) Sezione trasversale.

Figura 1.23. Stramazzo in parete grossa.

Stramazzo rettangolare in parete grossa:

(1.11)
p
Q = 0, 385Bh 2gh
Andrea Lisjak 1.5. Misure di portata 21

Stramazzo rettangolare in parete sottile:

(1.12)
p
Q = CQ Bh 2gh

con CQ funzione delle condizioni di flusso e dalla spessore dello stramazzo.

Figura 1.24. Stramazzo in parete sottile.

Figura 1.25. Sezione trapezia di uno stramazzo.

Stramazzo trapezio in parete sottile:

(1.13)
p
Q = CQ (B0 h + mh2 ) 2gh

Stramazzo triangolare in parete sottile:

(1.14)
p
Q = CQ mh2 2gh

In generale sussiste un relazione del tipo:


Q = khα (1.15)
con:

- α = 1, 5 per sezioni rettangolari;

- α = 2, 5 per sezioni triangolari;

Carico piezometrico e carico cinetico


Per essere esatti nelle espressioni viste il carico piezometrico h dovrebbe essere accompagnato da quello
cinetico v 2 /2g, tuttavia se il petto p dello stramazzo è almeno pari ad h allora il termine cinetico è trascurabile
rispetto a quello piezometrico.
22 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.26. Relazione generale per gli stramazzi.

Bisogna tener conto del carico cinetico nei casi in cui, a causa dell’alluvionamento dell’alveo in seguito
alla diminuzione di velocità a monte della traversa, il petto dello stramazzo diminuisce di molto.
Uno stramazzo funziona correttamente con tiranti minimi di 5 cm, sotto tale valore si hanno problemi
dovuti a fenomeni di adesione.
È importante inoltre che i filetti fluidi siano rettilinei e che non ci siano quindi contrazioni laterali.
Andrea Lisjak 1.5. Misure di portata 23

1.5.5 Misura mediante traccianti


Tale tipo di misura consiste nell’immettere, a portata costante, una sostanza diluita nel corso d’acqua,
generalmente cloruro di sodio o coloranti alimentari. La portata è pari a:
Ci − Cd
Q=q (1.16)
Cd − Cb
- Ci : concentrazione iniettata;
- Cd : concentrazione diluita (a valle);

- Cb : concentrazione di base (a monte);


- q: portata immessa.
Per poter effettuare una misura di questo tipo è necessario attendere di essere a regime con l’immissione e
la diluizione (circa 30 minuti). La misura risulta precisa nei casi in cui:

- il canale non è così piccolo da essere misurato “a secchi”;


- il canale non è così grande da rendere necessario l’utilizzo degli idrometri a mulinello.
Esiste anche una versione di tale misurazione con diluizione ad impulso istantaneo.
24 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.6 Evaporazione e misure di evaporazione


Consideriamo uno specchio d’acqua oppure un terreno saturo d’acqua.

Figura 1.27. Evaporazione.

Se l’atmosfera al di sopra di tale superficie è ferma allora il tasso di evaporazione E (mm/h) è legato alla
presenza di umidità nell’atmosfera. Il fenomeno dell’evaporazione è un classico fenomeno diffusivo e quindi
segue la prima legge di Fick :
de
E = −K (1.17)
dz
- e: tensione di vapore;

- de/ dz: gradiente verticale della tensione di vapore.

All’interno di una miscela di gas ogni componente ha una propria pressione che contribuisce a formare la
pressione della miscela: la tensione di vapore e è la componente di pressione che riguarda il vapore acqueo.
Sussiste infatti la legge di Dalton: X
p= pi (1.18)
i

In base alla legge dei gas perfetti si ha che:


e
e = ρv Rv T = 1, 61ρv RT =⇒ ρv = 0, 622 (1.19)
RT
ρv corrisponde alla densità del vapore acqueo ed è detta umidità assoluta [M/L3 ]. L’aria umida, avente
una pressione p, è una miscela composta da vapor acqueo, avente pressione e e da aria secca (miscela di vari
gas), avente pressione p − e. Ne consegue che la densità della miscela è:
 
p−e e p e
ρm = + 0, 622 = 1 − 0, 378 (1.20)
RT RT RT p

Se e = 0 allora ρaria secca = p/RT . Si noti come la densità dell’aria umida sia inferiore a quella dell’aria
secca.
Si definisce tensione di vapore saturo es la massima umidità assoluta dell’aria a temperatura T . In
corrispondenza di es si ha la densità dell’aria umida minima. es dipende da T attraverso l’equazione di
Clausius-Clapeyron. In via approssimata si può assumere:
 
17, 67T
es = 6, 112 exp (1.21)
T + 243, 5

Si definisce umidità relativa (%):


e
r= (1.22)
es
L’umidità relativa può essere misurata sfruttando la modifica di certe prorietà di taluni materiali al suo
variare (esempio: igrometri a capello), oppure mediante lo psicrometro.
Andrea Lisjak 1.6. Evaporazione e misure di evaporazione 25

1.6.1 Psicrometro
Lo psicrometro è costituito da due termometri, uno a bulbo secco (TA ) ed uno a bulbo bagnato soggetto a
ventilazione (TB ). Si osserva che TA > TB in quanto la ventilazione produce un’evaporazione dal batuffolo
di ovatta con conseguente estrazione di calore. La differenza di temperatura ∆T = TA − TB dipende da
quanta acqua riesce ad evaporare e dalla differenza di umidità ∆E rispetto alla condizione di saturazione
es (se r = 100% allora TA = TB ).
Scrivendo l’equilibrio termico:

(TA − TB )(ρcp + ρv cpv ) = (ρs − ρv )Le (1.23)

- cp : calore specifico dell’aria secca a pressione costante;

- Le : calore latente di evaporazione

Supponendo che sia evaporata tutta la ρs − ρv allora:


 
e cp p 0, 622cpv e
r= =1− (TA − TB ) 1 − (1.24)
es 0, 622 es cp T

Definendo una temperatura virtuale detta temperatura di rugiada (◦ C) :

TA
T∗ = (1.25)
1 − 0, 378e/p

Si ottiene:
es = 6, 11 + 0, 61T ∗ (1.26)
e:
e p
r= = 1 − 0, 00066 (TA − TB )(1 + 1, 146TB ) (1.27)
es es
con p in mmHg e T in ◦ C.
Si ha in questo modo un sistema lineare di 3 equazioni (1.25, 1.26, 1.27) in 3 incognite (e, es e T ∗ ).

1.6.2 Determinazione del tasso di evaporazione


Il tasso di evaporazione E può essere valutato seguendo 2 principi fondamentali:

1. fenomeno diffusivo + aria in movimento;

2. approccio energetico.

Approccio energetico
Isolando un sistema e facendo un bilancio energetico si ottiene la quantità di energia che è possibile spendere
per l’evaporazione:

1. energia radiante (infrarossa);

2. scambi termini sotterranei;

3. riflessioni di energia da superfici;

4. radiazioni emesse;

5. energia condotta dall’atmosfera (calore sensibile);

6. evaporazione (calore latente).


26 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.28. Bilancio energetico.

Superfici d’acqua a pelo libero


Vale la seguente formula di Rohuwer, adatta soprattutto per i laghi :
es − e
E = 0, 771(1, 465 − 0, 0005p)(0, 44 + w) (1.28)
1, 33

- p: pressione atmosferica (hPa);


- w: velocità media giornaliera del vento (km/h);
- e: tensione di vapore (hPa);
- es : tensione di vapore saturo (hPa).
Vale la seguente formula di Coutagne:

es (1 − r)
E= (1.29)
1, 33(0, 47 + 0, 035T )

- E: tasso di evaporazione (mm/giorno) mediata nell’arco di un mese;


- r: umidità relativa media mensile;
- T : temperatura media mensile (◦ C).

Superfici di terreno (evapotraspirazione)


Nella valutazione del tasso di evaporazione da superfici di terreno bisogna tener in conto l’effetto della
traspirazione dei vegetali, i quali, per ottenere i nutrimenti necessari, prelevano l’acqua dal terreno con le
radici e la trasportano fino alle foglie, dove evapora.
Con riferimento alla figura 1.29 analizziamo l’andamento del carico piezometrico durante il percorso che
l’acqua compie. Inizialmente esso scende sotto il livello delle radici, si ha poi un aumento del carico grazie
al risucchio osmotico operato dalle radici: l’acqua tende a muoversi dalla zona a minor concentrazione verso
quella a maggior concentrazione attraverso una membrana permeabile. Lungo il fusto la perdita di carico
non è molto elevata in quanto le fibre vegetali offrono una resistenza minima. Giunti alle foglie, grazie ai
pori micrometrici di cui esse sono dotate, interviene il fenomeno della capillarità, il quale fornisce all’acqua
una certa differenza di potenziale. L’organismo vegetale è in grado di regolare la portata a livello delle foglie
variando il diametro dei tubicini di cellulosa che trasportano l’acqua. La traspirazione è quindi legata a tre
fattori:
1. il tipo di specie vegetale;
2. la stagione;
Andrea Lisjak 1.6. Evaporazione e misure di evaporazione 27

Figura 1.29. Traspirazione: andamento del carico piezometrico.

3. la disponibilità d’acqua nel terreno.

Si definisce evapotraspirazione ET la somma dell’evaporazione libera dal suolo e della traspirazione vegetale.
Si definisce evapotraspirazione potenziale ET P l’evaporazione che si avrebbe se il terreno fosse sempre
in grado di fornire la completa disponibilità d’acqua alle specie vegetali.
Vale la seguente formula di Penman, necessitante di misure meteoclimatiche molto precise:
 
1 ∆
ET P =   W + Le B(e∗s − e∗ ) (1.30)
ρe Le ∆ + 1 γ
γ

dove:

- ρe : densità dell’acqua evaporata;

- Le : calore latente di evaporazione;

- ∆ = des / dT (tabellato);

- γ = cB p con cB costante di Bowen (≈ 6, 1 × 10−4 ◦ C−1 );

- W = (Qi − Qu )/A: flusso netto di calore con cielo limpido (valore astronomico dipendente dalla
P
stagione e dalla latitudine, tabellato);

- B: coefficiente di trasferimento turbolento (in mm/giorno, tabellato).

Vale la seguente formula di Penman giornaliera:

∆ · H − 0, 27E 0
ET P = [mm/giorno] (1.31)
∆ − 0, 27
dove:

- ∆ = des / dT (tabellato);

- H = W (1 − ϕ)(0, 18 + 0, 55S) − B[0, 56 − 0, 092(es r)0,5 ](0, 10 + 0, 90S) (in mm/giorno);

- r = e/es : umidità relativa;

- ϕ: rapporto tra superfici riflettenti ed opache;

- S: frazione di soleggiamento (tempo in cui il sole è visibile rispetto alla durata complessiva del giorno);
28 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

- E 0 = 0, 35es (1 − r)(1 + 0, 0061w) (in mm/giorno);


- w: distanza sfilata dal vento in un giorno all’altezza5 di 2 m (espressa in km);

- pressioni in mmHg (1 hPa=1 mmHg/1,33).


Vale la seguente formula di Thornthwaite, che fornisce la ET P media mensile:
 a
10Tm
ET P = 16 k [mm/mese] (1.32)
ϑ

dove:
- Tm : temperatura media del mese in cui si fa la stima di ET P (◦ C).

- ϑ: coefficiente numerico, detto indice termico annuale, che rappresenta la temperatura media nel mese
considerato e negli undici precedenti:
m  1,514
X Ti
ϑ= Ti > 0 (1.33)
i=m−11
5

- a = 6, 75 × 10−7 ϑ3 − 7, 71 × 10−5 ϑ2 + 1, 79 × 10−2 ϑ + 0, 4924

- k: coefficiente che dipende dal mese e dalla latitudine (tabellato); k ≈ 1 nel caso di latitudini nulle
(equatore) e mese di 30 giorni, ad una latitudine di 45◦ k vale 0,8 a gennaio, 1,31 a luglio e 0,75 a
dicembre.

1.6.3 Strumenti di misura


Evaporimetri
Sono serbatoi contenenti acqua a livello costante che misurano la quantità d’acqua che è necessario immettere
per mantenere tale livello costante. Generalmente vengono disposti su galleggianti in mezzo ai laghi.

Lisimetri
Della porzione di terreno considerata si misurano gli scambi idrici:
• celle di pressione per il peso;

• piezometri all’esterno e regolatori di flusso per far variare il contenuto d’acqua all’interno del lisimetro;
• pluviometri;
• flussi sotterranei.

L’evaporazione viene ricavata per differenza. Sono strumenti tipici di stazioni di agricoltura sperimentale.

5 Se le misure sono state effettuate ad una quota z diversa da 2 m si può ipotizzare un profilo logaritmico di vento:
log 2
w = wz ·
log z
Andrea Lisjak 1.7. Infiltrazione e misure di infiltrazione 29

Figura 1.30. Lisimetro.

1.7 Infiltrazione e misure di infiltrazione


L’infiltrazione viene definita mediante il il tasso di infiltrazione f : volume d’acqua che si infiltra attraverso
l’unità di superficie del terreno nell’unità di tempo (mm/ora).

Figura 1.31. Infiltrazione.

1.7.1 Infiltrometro
È costituito da un cilindro metallico infisso nel terreno in cui viene versata dell’acqua con un battente
costante, si misura la quantità d’acqua che è necessario immettere per mantenere il livello costante.
Per evitare che la misura venga falsata da moti di filtrazione non verticali si adottano gli infiltrometri a
doppia camicia.

Figura 1.32. Infiltrometro a doppia camicia.


30 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.7.2 Legge di Horton


La legge di Horton afferma che il tasso di infiltrazione segue una legge decrescente di tipo esponenziale:

f = f∞ + (f0 − f∞ )e−t/k (1.34)

Si noti come:
de−t/k

1 −t/k 1
=− e =− (1.35)
dt t=0 k
t=0 k

Figura 1.33. Legge di Horton.

Infiltrazione e ruscellamento
Si definisce capacità di campo il massimo volume d’acqua assorbibile dal suolo. Ogni suolo è caratterizzato
dal punto di vista della legge di infiltrazione di Horton dai parametri f∞ , f0 e k.
Consideriamo un suolo su cui piove con un’intensità di pioggia j. Si possono presentare 2 casi:

1. j < f : tutta la j s’infiltra ossia fe = j < f ;

2. j > f : una parte di j s’infiltra ossia fe = f < j mentre una parte r = j − f > 0 o rimane in superficie,
se questa è piana, o contribuisce al ruscellamento superficiale.

Si noti come la legge di Horton venga applicata direttamente a bacini interi, anche se questa nasce come
legge puntuale; in questo caso si pone il problema del significato dei parametri t∞ , t0 e k per l’intero bacino.

1.7.3 Valutazione del ruscellamento superficiale


Nella valutazione del ruscellamento alla scala di un bacino con f s’intendono non solamente le acque che
effettivamente s’infiltrano ma tutte quelle che non ruscellano, ossia anche quelle che evaporano (durante e
dopo la pioggia) o che ristagnano.

Schema di Horton
Analizziamo una sequenza di piogge, come riportato in figura 1.34. Se si considerano le altezze medie di
pioggia cadute in intervalli di tempo ∆t costanti allora si può analizzare la sequenza in termini di intensità
media semplicemente dividendo le altezze per ∆t.
Per valutare il ruscellamento superficiale basta confrontare all’interno di ogni periodo l’intensità di
pioggia con l’infiltrazione. Si possono presentare 2 casi principali.
Andrea Lisjak 1.7. Infiltrazione e misure di infiltrazione 31

1. Per effetto di precipitazioni precedenti f = cost. L’altezza d’acqua che s’infiltra in ∆t è pari a:

F1 = f · ∆t

2. Il tasso d’infiltrazione è decrescente mediante legge di Horton.


Si noti come per ogni ∆t solitamente si prende il valore centrale di f e lo si considera costante su tutto
l’intervallo di tempo.

(a) Tasso di infiltrazione costante. (b) Tasso di infiltrazione decrescente.

Figura 1.34. Schema di Horton.

Schema ad area contribuente


Si consideri un bacino idrografico su cui comincia a piovere con una certa intensità. Ovviamente sia l’intensità
di pioggia, sia il tasso di infiltrazione, sia l’intensità di ruscellamento sono funzione sia dello spazio che del
tempo: j = j(t, x), f = f (t, x), r = r(t, x). Se si prescinde dalla dipendenza dello spazio e si considerano
dei valori medi su tutto il bacino si trascura il fatto che:

- a fondo valle: la pendenza è piccola, l’acqua ristagna, il terreno è umido e si arriva a f∞ abbastanza
velocemente;

- nelle zone di spartiacque: la pendenza è elevata e si arriva a f∞ molto lentamente.

Per tener conto di questo fatto si può pensare che l’area Ab del bacino sia formata da due sottoaree:

• area assorbente A0 : f = f0 → ∞ ossia tutta l’acqua che piove infiltra;

• area contribuente Ac = Ab − A0 : f = f0 = 0 ossia tutta l’acqua che piove ruscella.

Uno schema di tale tipo, alternativo a quello di Horton, è detto schema ad area contribuente.
Si definisce coefficiente d’afflusso (alla rete idrografica):

Ac Ab − A0
ϕ= = (1.36)
Ab Ab
I valori di ϕ si trovano tabellati in funzione del tipo di bacino (parchi: ϕ = 0, 1 ÷ 0, 2, centri commerciali:
ϕ = 0, 7 ÷ 0, 9).
La portata di pioggia vale:
Qp = j · Ab (1.37)
La portata di infiltrazione vale:
Qinf = j · A0 (1.38)
32 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

(a) Suddivisione del bacino. (b) Diagramma di ruscellamento ed infiltrazione.

Figura 1.35. Schema ad area contribuente.

La portata di ruscellamento vale:


Qr = j · Ac (1.39)
L’intensità di ruscellamento media sul bacino vale:
Qr Ac
r= =j =ϕ·j (1.40)
Ab Ab
Il tasso effettivo di infiltrazione vale:

fe = j − r = j · (1 − ϕ) (1.41)

Le differenze principali tra questo modello e quello di Horton sono:


- nello schema ad area contribuente l’intensità di pioggia può essere piccola a piacere ma c’è sempre un
quantità di ruscellamento;
- la legge di Horton è variabile nel tempo mentre il coefficiente di deflusso è inteso come una costante.

La scelta di quale schema utilizzare dipende dal tipo di bacino:


• bacini con grosse diversità di copertura del terreno (es. fognature urbane) sono ben rappresentati
dallo schema ad area contribuente;
• bacini agricoli uniformi dal punto di vista della copertura vegetale sono ben rappresentati dallo schema
di Horton.
Andrea Lisjak 1.8. Risposta idrologica 33

1.8 Risposta idrologica


Uno dei problemi centrali dell’idrologia è la determinazione dei deflussi causati in una data sezione di un
corso d’acqua dagli afflussi meteorici al bacino idrografico corrispondente.
L’analisi della relazione esistente tra piogge e portate, ossia la cosiddetta trasformazione afflussi-deflussi
o risposta idrologica, è di fondamentale importanza in quanto le misure di deflusso presentano difficoltà e
costi di molto superiori rispetto alle misure di precipitazione.

Figura 1.36. Risposta idrologica.

Le relazioni viste in precedenza per la valutazione dell’intensità di ruscellamento, nel caso dei due schemi,
rappresentano cosa succede in un punto rappresentativo di tutto il bacino. Da qui a passare alla valutazione
della portata, il ruscellamento deve essere prima raccolto e trasportato sino alla sezione S0 dove si vuole
valutare Q. Esse permettono quindi solamente di dire che il volume d’acqua affluito alla rete è pari al
volume d’acqua defluito dalla sezione S0 di chiusura del bacino:
Z d Z ∞
Ab r(t) dt = Q(t) dt (1.42)
0 0

Dal momento che le portate nei corsi d’acqua continuano per un certo tempo dopo che la precipitazione è
cessata significa che la risposta idrologica deve venir rappresentata mediante leggi:
- esaurienti nell’interpretare il fenomeno;
- semplici.
Questa trasformazione viene analizzata in termini di sistemi lineari. Prima di poter effettuare tale operazione
bisogna semplificare l’idrogramma in uscita attraverso la cosiddetta separazione dell’idrogramma.

1.8.1 Separazione dell’idrogramma


Si vuole effettuare una separazione dell’idrogramma in base alla diversa provenienza delle acque che formano
la portata. L’idrogramma è costituito da:
- deflusso di base (Qbase ): legato all’esaurimento delle sorgenti;
- ramo di risalita;
- colmo di piena;
- ramo di discesa: legato allo svuotamento dei canali;
- ramo di esaurimento.
Per poter effettuare la separazione dell’idrogramma tra:
X risposta rapida, legata alla portata di ruscellamento (QR );
X risposta ritardata o differita, legata all’esaurimento delle falde attraverso la portata di base (QB );
è necessario individuare:
34 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.37. Separazione dell’idrogramma.

→ punto A: facilmente individuabile in quanto l’idrogramma in questo punto è caratterizzato da un netto


cambiamento di pendenza;

→ punto B: da questo punto in poi le portate non sono più legate al ruscellamento superficiale ma solo
al deflusso profondo;

→ la linea congiungente A con B: si ipotizza, in maniera del tutto convenzionale, essere una retta.

Regime di esaurimento delle sorgenti

Dall’analisi delle sorgenti si è potuto osservare che dopo i periodi piovosi la portata decresce in maniera
esponenziale, le sorgenti hanno quindi un regime di esaurimento esprimibile mediante la legge:

Qs = Qs (t) = Q0 e−t/k (1.43)

Ammettendo che il ramo di esaurimento sia dominato solamente dal regime di esaurimento delle sorgenti, è
possibile individuare il punto B e quindi il tempo tB corrispondente effettuando la trasformata logaritmica
di Q(t) (e basta) e fittando quindi i dati con la retta:

ln Qs (t) = ln Q0 − t/k (1.44)

1.8.2 Separazione dello ietogramma


Si definisce ietogramma l’andamento delle piogge nel tempo. La pioggia può essere scomposta in 3 compo-
nenti:

1. pioggia efficace: contribuisce alla portata di risposta rapida QR (deflusso rapido);

2. alimentazione delle falde: contribuisce alla portata di base QB ;

3. perdite: contribuiscono all’evapotraspirazione ET .

D’ora in poi ci si occuperà solamente della trasformazione della pioggia efficace (j = je ), ottenuta o mediante
l’applicazione dello schema di Horton o di quello ad area contribuente, in deflusso rapido (Q(t) = QR (t)).
Andrea Lisjak 1.8. Risposta idrologica 35

Figura 1.38. Regime di esaurimento delle sorgenti.

1.8.3 Funzione di risposta del bacino


Ipotesi di modello lineare
Tutto ciò che succede nel bacino e che fa sì che, a partire da una pioggia efficace, si abbia un certo deflusso
rapido viene inglobato in quella che prende il nome di funzione di risposta del bacino.
Dal momento che si suppone il modello lineare essa gode di 3 proprietà:

1. conservazione della massa: Z d Z ∞


Ab je (t) dt = QR (t) dt (1.45)
0 0

2. proporzionalità:
j1 (t) −→ Q1 (t) allora m · j1 (t) −→ m · Q1 (t) (1.46)

3. additività: 
j1 (t) −→ Q1 (t)
=⇒ j1 (t) + j2 (t) −→ Q1 (t) + Q2 (t) (1.47)
j2 (t) −→ Q2 (t)

Idrogramma unitario istantaneo - IUH


Si definisce impulso unitario o impulso di Dirac un evento piovoso avente le seguenti caratteristiche:

 j→∞
dt → 0 (1.48)
h=1

La funzione di risposta viene solitamente data come risposta all’impulso unitario, e successivamente, a
partire da questa e sfruttando la convoluzione, è possibile ricavare la funzione di risposta (idrogramma) per
un qualsiasi segnale di pioggia in entrata. Una tale funzione di risposta u(t) è detta idrogramma unitario
istantaneo (IUH - Instantaneous Unit Hydrograph).
Dal momento che l’equazione di continuità deve valere anche per l’idrogramma unitario istantaneo si ha:
Z ∞
u(t) dt = 1 (1.49)
0
36 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

(a) Proporzionalità. (b) Addittività.

Figura 1.39. Proprietà dei sistemi lineari.

Figura 1.40. Idrogramma unitario istantaneo.

Ne consegue che u(t) ha le dimensioni di [T −1 ].


Dal momento che non si possono avere portate negative, l’idrogramma istantaneo unitario applicato ai
bacini idrografici deve essere tale che:
u(t) ≥ 0 ∀t (1.50)
Se si vuole ottenere la portata Q in m3 /s allora bisogna far sì che il tasso di ruscellamento superficiale sia
espresso in tale unità di misura, in particolare esprimendo l’area del bacino Ab in km2 e l’intensità di pioggia
Andrea Lisjak 1.8. Risposta idrologica 37

efficace je in mm/h si deve effettuare la seguente trasformazione:


1
r(t) = Ab j e (1.51)
3, 6

Convoluzione
Per ottenere la portata Q(t) ossia la funzione di risposta si deve procedere alla convoluzione dell’idro-
gramma istantaneo unitario con il tasso di ruscellamento superficiale (il quale agisce come una specie di
moltiplicatore), ossia si deve risolvere il cosiddetto integrale di convoluzione 6 :
Z t
Q(t) = r(t) ∗ u(t) = r(τ )u(t − τ ) dτ (1.52)
0

dove:

- t: istante in cui si vuole valutare la Q(t);


- τ : istante in cui cade la pioggia;
- t − τ : la risposta alla pioggia che cade in τ parte dal valore 0 in corrispondenza di t = τ , ossia è
traslata di una quantità pari a τ .

Nota quindi u(t) e nota la pioggia r(t) si risolve questo integrale, generalmente per via numerica in quanto
r(t) non è analitica, e si ottiene la funzione di risposta del bacino.

Figura 1.41. Convoluzione.

6 Tale affermazione potrebbe essere dimostrata sia sfruttando le proprietà dei sistemi lineari sia l’interpretazione

probabilistica dello IUH.


38 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Idrogramma unitario - UH
Nel caso in cui il segnale r(t) è costante su intervalli ∆t l’integrale di convoluzione si semplifica leggermente:
Z ∆t Z 2∆t Z K∆t
Q(K∆t) = r(τ )u(t − τ ) dτ + r(τ )u(t − τ ) dτ + . . . + r(τ )u(t − τ ) dτ =
0 ∆t (K−1)∆t
Z ∆t Z k∆t Z K∆t
= r1 u(t − τ ) dτ + . . . + rk u(t − τ ) dτ + . . . + rK u(t − τ ) dτ
0 (k−1)∆t (K−1)∆t

Ponendo θ = t − τ si ha dθ = − dτ e gli estremi di integrazione diventano θinf = [K − (k − 1)]∆t e


θsup = (K − k)∆t, quindi, considerando solamente il termine k-esimo, si ha:
Z (K−k+1)∆t
rk u(θ) dθ = rk · wK−k+1 (1.53)
(K−k)∆t

dove:
- rk : intensità di ruscellamento nel k-esimo ∆t;

- wK−k+1 : “peso” K-k+1-esimo, i pesi wi (adimensionali) sono tali che:


X
wi = 1 (1.54)

In questo modo l’integrale di convoluzione si riduce ad una ben più semplice sommatoria pesata di con-
voluzione:
K
X
QK = ri · wK−i+1 (1.55)
i=1

La sequenza dei pesi wi è detta idrogramma unitario (UH - Unit Hydrograph).

Figura 1.42. Determinazione dell’idrogramma unitario.

Dal punto di vista storico l’idrogramma unitario è stato introdotto negli anni ’30 mentre l’idrogramma
unitario istantaneo negli anni ’60 (Nash). La differenza fondamentale fra i due è che lo IUH è una caratter-
istica universale del bacino idrografico mentre lo UH dipende anche dal passo ∆t adottato per il segnale in
ingresso.
Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 39

1.9 Modelli di idrogramma


Per il calcolo pratico della risposta idrologica di un bacino ad un evento piovoso si distinguono due fasi:
1. definizione dello IUH o dello UH del bacino: proprietà del bacino idrografico che può essere ottenuta
integralmente per via sperimentale oppure mediante modelli teorici basati su parametri sperimentali;
2. risoluzione dell’integrale di convoluzione o della sommatoria di convoluzione per una determinata
pioggia (generalmente di intensità costante e durata limitata).

1.9.1 Metodo sperimentale


Permette di ottenere l’idrogramma unitario UH di un bacino idrografico, noti che siano uno ietogramma ed
il relativo idrogramma sperimentale.
a) Si effettua la misurazione di un evento mediante misuratori di pioggia e di livello, si ottengono quindi
lo ietogramma e l’idrogramma.
b) Si effettua la separazione dell’idrogramma ottenendo QR (t) e quindi VR (volume di ruscellamento pari
al volume dovuto alla risposta rapida).
c) Si effettua la separazione dello ietogramma determinando r(t):
- 1◦ modo: applicando lo schema di Horton si cerca f (costante) tale che il volume d’afflusso sia
pari al volume di ruscellamento:
f : VA = VR
- 2◦ modo: applicando lo schema ad area contribuente si cerca ϕ tale:
d
h · Ab
Z
VR
ϕ : Vtot = j dt = =⇒ ϕ =
0 1000 Vtot

(a) 1◦ modo. (b) 2◦ modo.

Figura 1.43. Separazione dello ietogramma.

d) Si effettua la cosiddetta deconvoluzione ossia si risolve (nel senso dei minimi quadrati) un sistema
lineare sovradimensionato con incognite i pesi wk , ossia:
K
X k
X
ε2k = min εk = Qk − xk xk = ri · wk−i+1 (1.56)
k=1 i=1

dove:
40 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

- xk : portate calcolate;
- Qk : portate misurate.

1.9.2 Modello della corrivazione o cinematico


In tale modello si osserva che esiste ed è unico il percorso che l’acqua percorre e che congiunge un punto P
qualsiasi del bacino alla sezione di chiusura S0 . Tale percorso è caratterizzato da una velocità di percorrenza
v(x) che non dipende né dall’intensità di pioggia né dallo stato di saturazione del bacino, essa è quindi una
costante nel tempo del percorso7 .

Figura 1.44. Metodo cinematico.

Si definisce tempo di corrivazione del punto P il tempo che la goccia di pioggia che cade in tale punto
impiega a raggiungere la sezione di chiusura S0 , tempo che è costante in quanto la velocità è costante:
L
tc = tpercorrenza P →S0 = (1.57)
v
Si definiscono linee isocorrive i luoghi dei punti che hanno il medesimo tempo di corrivazione.
Per ricavare l’idrogramma unitario istantaneo IUH conviene far riferimento non alla funzione di impulso
unitario bensì alla sua funzione integrale, ossia alla funzione scalino unitario o di Heaviside.

7 Si noti come la velocità di percorrenza possa variare all’interno del percorso in quanto la velocità sui versanti è di un

ordine di grandezza inferiore a quella nei canali.


Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 41

Figura 1.45. Funzione di Heaviside.

Una volta ricavata la funzione di risposta s(t) a tale funzione calcolandone la derivata si può risalire alla
funzione di risposta impulsiva:
ds(t)
u(t) = (1.58)
dt

Figura 1.46. Risposta impulsiva e risposta alla funzione di Heaviside.

Si consideri quindi una pioggia, rapportata direttamente all’area del bacino, che possa essere rappresentata
da una funzione di Heaviside.
Al tempo t∗ l’acqua che è caduta fino a quel momento si è messa in moto verso la sezione S0 , considerando
la pioggia che è caduta al tempo t = 0 si possono distinguere 3 casi:
1. la pioggia caduta lungo l’isocorriva tc = t∗ esce dalla sezione al tempo t∗ ;
2. la pioggia caduta sopra l’isocorriva tc = t∗ al tempo t∗ deve ancora uscire dalla sezione S0 ;
3. la pioggia caduta sotto l’isocorriva tc = t∗ al tempo t∗ è già uscita dalla sezione S0 .
Con riferimento alla figura 1.44:
• porzione A0 : sta alimentando l’uscita dal bacino
42 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.47. Ricerca della risposta alla funzione di Heaviside.

• porzione A00 : è ancora in moto verso l’uscita.


Ne consegue che al generico tempo t la portata in uscita vale:

A0 (t)
Q(t) = r · (1.59)
Ab

Per ricavare la risposta del bacino è sufficiente tracciare quindi la funzione delle aree A0 , adimensionalizzate
rispetto all’area Ab , rispetto al tempo.

Figura 1.48. Funzione delle aree adimensionalizzate A0 /Ab .

Tale funzione è crescente all’aumentare del tempo in quanto le aree A0 aumentano, finchè si arriva al
punto idraulicamente più distante dalla sezione S0 . Si definisce tempo di corrivazione o di risposta del bacino
Tc il massimo dei tempi di corrivazione del bacino:

Tc = max(tc ) (1.60)
Ab

Modello della corrivazione lineare


Il metodo della corrivazione lineare si presta bene ad essere applicato alle reti di canali irrigui e alle fognature.
Esso ipotizza che la funzione di risposta alla funzione di Heaviside sia di tipo lineare:

 0 t<0
s(t) = t/Tc 0 ≤ t ≤ Tc (1.61)
1 t > Tc

Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 43

Ne consegue che l’idrogramma unitario istantaneo è definito da:



 0 t<0
IU H = u(t) = 1/Tc 0 ≤ t ≤ Tc (1.62)
0 t > Tc

Figura 1.49. Metodo della corrivazione lineare: semplificazione introdotta.

Consideriamo quindi il caso di una pioggia con intensità costante r(t) = r (in m3 /s) di durata limitata d.

Figura 1.50. Funzione di impulso.

Per ricavare la funzione di risposta conviene pensare la funzione r come somma di due funzioni scalino una
positiva ed una negativa, calcolare le rispettive funzioni di risposta ed effettuare la somma algebrica delle
due.
Si possono presentare 3 casi:
1. d < Tc : la portata al colmo vale:
d
Qmax = r · =r·ε (1.63)
Tc
dove:
- ε: coefficiente di attenuazione della piena.
2. d > Tc : la portata al colmo vale:
Qmax = r

3. d = Tc : la portata al colmo vale:


Qmax = r (1.64)
L’onda di piena è di tipo triangolare (isoscele).
44 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.51. Metodo della corrivazione lineare: calcolo della funzione di risposta per d <
Tc .

Il metodo delle corrivazione lineare è completamente definito dal parametro Tc . Il tempo di corrivazione
è tuttavia un concetto generale, che si applica a tutti i modelli di idrogramma e che equivale al tempo
necessario affinché abbia termine lo IUH.

Formula di Giandotti per la stima del tempo di corrivazione di un bacino


La formula di Giandotti, proposta dall’ing. Giandotti negli anni ’30 e facente parte del cosiddetto metodo
di Giandotti per la determinazione delle portate fluviali (oramai caduto in disuso), fornisce una stima del
tempo di corrivazione di un bacino: √
4 Ab + 1, 5L
Tc = √ (1.65)
0, 8 Hm − Z0
dove:

- Tc : tempo di corrivazione del bacino in ore;

- Ab : area del bacino in km2 ;

- L: lunghezza dell’asta principale in km;

- Hm : altitudine media del bacino in m:


Z
1
Hm = Z(x, y) dx dy
Ab Ab

- Z0 : quota della sezione di chiusura del bacino (zero idrometrico) in m.


Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 45


Dividendo sopra e sotto per L si ottiene:
p √
4 Ab /L + 1, 5 L
Tc = p (1.66)
0, 8 (Hm − Z0 )/L

si può quindi osservare che il tempo di corrivazione di un bacino è direttamente proporzionale alla dimensione
della larghezza ed alla dimensione longitudinale ed inversamente proporzionale alla pendenza.
Per determinare l’altitudine media di un bacino a partire dalla carta topografica che lo rappresenta:

1. si considera una curva di livello e si trova l’area del bacino avente altitudine maggiore;
2. si effettua questa operazione per varie curve di livello ottenendo la cosiddetta curva ipsografica del
bacino;
3. si cerca il valore medio di tale curva ossia, con riferimento alla figura 1.52, Hm tale che V1 = V2 .

Figura 1.52. Determinazione dell’altitudine media di un bacino idrografico mediante la


curva ipsografica.
46 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.9.3 Modello italiano o dell’invaso lineare


Un invaso è un serbatoio da cui esce dell’acqua, essa può uscire da:
• uno stramazzo: p
Q = CQ kh 2gh ∝ h3/2

• una luce di fondo sotto battente: p


Q = CQ ω 2gh ∝ h1/2

Figura 1.53. Stramazzo e luce di fondo sotto battente.

Se immaginiamo l’invaso come un serbatoio cilindrico di volume W allora:

attraverso una relazione con h3/2



Q = Q(W )
attraverso una relazione con h1/2

L’invaso lineare è una via di mezzo tra questi due invasi, ossia si ha:
W
Q = Q(W ) = con k = [T ] (1.67)
k
Con tale metodo si immagina il bacino come un immenso serbatoio lineare dove la portata uscente è funzione
lineare del volume immagazzinato nel bacino8 .

Determinazione dello IUH


Si ricava ora direttamente la risposta all’impulso, costituito dal riempimento istantaneo a t = 0 con un
volume W = 1. Per fare ciò è necessario disporre di un’equazione che descriva l’andamento della portata
nel tempo, essa può essere facilmente ottenuta applicando l’equazione di continuità al bacino:
dW dQ dQ 1 dt t
= Qin − Q =⇒ k = −Q =⇒ = − dt =⇒ d(ln Q) = − =⇒ ln Q = − + cost
dt dt Q k k k

Applicando la condizione iniziale: Q(0) = W/k = 1/k, si ottiene:


1 −t/k
u(t) = Q(t) = e (1.68)
k
È di immediata verifica9 che lo IUH così definito gode delle proprietà dell’idrogramma unitario istantaneo.
8 Si noti che a questo punto si ragiona già in termini di afflusso efficace, il bacino è già per così dire impermeabile e quindi

le componenti di infiltrazione ed evapotraspirazione sono già state scontate.


9

u(t) ≥ 0 ∀t perchè k ≥ 0 ∧ e−t/k > 0


Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 47

Figura 1.54. Portata in uscita da un invaso lineare.

Determinazione dell’idrogramma di risposta ad una pioggia costante di durata limitata


Si può verificare che la risposta alla funzione scalino di durata d e afflusso R è costituita da:
- ramo di risalita:
Q(t) = R(1 − e−t/k ) (1.69)

- ramo di discesa:
Q(t) = Qmax e−(t−d)/k (1.70)

La portata al colmo si ottiene per t = d:

Qmax = R(1 − e−d/k ) = R · ε < R (1.71)

Con riferimento alla figura 1.55 si ha che A1 (corrispondente al volume di pioggia che entra nel bacino e
viene immagazzinato) deve essere uguale a A2 (corrispondente al volume di pioggia che comincia ad uscire
una volta che l’evento è finito).
Il metodo dell’invaso lineare è completamente definito dalla costante di invaso k:
W
k= (1.72)
Q
Si noti come per entrambi i metodi lineari il colmo di piena si ha nel momento in cui la pioggia termina.
La differenza principale fra i due metodi è invece:

metodo dell0 invaso lineare : ε = 1 ⇐⇒ d → ∞


metodo della corrivazione lineare : ε = 1 ⇐⇒ d ≥ Tc

Ricaviamo ora analiticamente le espressioni 1.69, 1.70 e 1.71 relative alla portata Q(t) in uscita nel caso di
afflusso R costante per una durata pari a d. Si distinguono due casi.
- Ramo di risalita: 0 ≤ t ≤ d.
Z t Z t/k
1
Q(t) = R e−(t−τ )/k dτ = R e−t/k eτ /k d(τ /k) =
0 k 0

Z ∞ Z ∞ 1 −t/k ∞ 0
u(t) dt = e dt = −e−t/k = e−t/k = 1 − lim e−t/k = 1 − 0 = 1 

0 0 k 0 ∞ t→+∞
48 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.55. Metodo dell’invaso lineare: funzione di risposta per afflusso di intensità
costantee durata fissata.

Z t/k h i h i
= Re−t/k ex dx = Re−t/k et/k − 1 = R 1 − e−t/k
0

La portata al colmo vale: h i


Qmax = Q(d) = R 1 − e−d/k = R · ε

Il fattore ε < 1 è detto fattore di attenuazione della portata in uscita. Esso tiene conto del cosiddetto
effetto d’invaso, ossia del fatto che l’acqua viene trattenuta dall’invaso e ceduta gradualmente nei
tempi successivi.
- Ramo di discesa: t > d.
h i h i
Q(t) = Q(d)e−(t−d)/k = Rεe−(t−d)/k = R 1 − e−d/k e−t/k · ed/k = R ed/k − 1 e−t/k
Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 49

1.9.4 Modello di Nash


Il modello di Nash opera con una successione di n serbatoi lineari, aventi tutti la medesima costante di
tempo k:
Wi
Qi = ∀i = 1, . . . n (1.73)
k

Figura 1.56. Modello di Nash.

Applicando a ciascun serbatoio l’equazione dell’invaso:


dWi
= Qi−1 − Qi (1.74)
dt
ed integrando in successione queste equazioni si ottiene Q(t).

IUH di Nash
Per valutare lo IUH nel suo complesso si deve applicare ricorsivamente la regola che fornisce lo IUH dell’in-
sieme di due elementi posti l’uno in serie all’altro. Per brevità si riporta solamente il risultato finale, ossia
il cosiddetto IUH di Nash:  n−1
1 t
u(t) = e−t/k (1.75)
kΓ(n) k
La funzione Γ(n) corrisponde per n ∈ N a (n − 1)!. Essa tuttavia è definita anche per n ∈ R:
Z ∞
Γ(n) = xn−1 e−x dx (1.76)
0
Dal momento che questo integrale non dà luogo ad una forma analitica esso può essere risolto solo numeri-
camente.

Stima dei coefficienti n e k


I coefficienti n e k possono essere visti rispettivamente come dei parametri di forma (numero di serbatoi) e
tempo (costante di invaso).
Essi sono difficilmente correlabili ad una particolare geometria del bacino, vengono quindi determinati sulla
base di misurazioni di Q e di j. Il procedimento per ricavarli si sviluppa in più fasi.
50 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

Figura 1.57. IUH di Nash per n = 1, 2, 3 (qualitativo).

1. Si effettua la separazione dell’idrogramma: Q = QR + Qb .


2. Si effettua la separazione dello ietogramma ricavando l’intensità di pioggia efficace/affluente.
3. Si trasforma la pioggia efficace j in afflusso mediante la relazione:
1
r= jAb
3, 6

4. Si effettua un confronto tra la portata registrata QR e la portata stimata Q:


b
Z t
Q(t) =
b r(τ )u(t − τ ) dτ
0

Si definisce l’errore al tempo t come:

δt (n, k) = QR (t) − Q(t)


b

I valori ottimali di n e k si ottengono imponendo la condizione:


N
X
δt2 (n, k) = min (1.77)
t=1

Si tratta di un problema non lineare ai minimi quadrati.


Dal momento che le piogge sono registrate ad intervalli di tempo costante conviene lavorare con l’idrogramma
unitario a passo temporale costante. Bisogna quindi calcolare i pesi wk :
Z k∆t
wk = u(t) dt (1.78)
(k−1)∆t

Poichè, come si è visto, l’integrale non è analitico, per il suo calcolo si possono adottare, per esempio, due
diversi metodi numerici di approssimazione:
- Metodo dei trapezi :
u(tk−1 ) + u(tk )
wk ≈ · ∆t (1.79)
2
- Metodo del punto medio:
wk ≈ u(tk−1 + ∆t/2) · ∆t
Andrea Lisjak 1.9. Modelli di idrogramma 51

Ovviamente queste approssimazioni sono accettabili solamente se ∆t  k (costante d’invaso). Nel caso
contrario bisogna spezzare l’intervallo di tempo in tanti sottointervalli ed effettuare la somma dei pesi
calcolati sui sottointervalli:
X10
w∆t = w∆τ con ∆τ = ∆t/10
1

(a) ∆t  k. (b) ∆t > k

Figura 1.58. Calcolo approssimato dei pesi.

Una volta nota la sequenza di pesi wk si può calcolare la portata:


t
X
Q
bt = ri wt−i+1 (1.80)
i=1
52 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak

1.9.5 Interpretazione probabilistica dell’idrogramma unitario istantaneo


Si è visto che la funzione u(t) gode delle proprietà:

u(t) ≥ 0 ∀t
R +∞
0
u(t) dt = 1

Ne consegue che l’idrogramma unitario istantaneo può essere interpretato come una funzione di densità di
probabilità (PDF), la cui variabile aleatoria associata è un tempo e viene detto tempo di residenza o di
ritardo del bacino Tr .

Figura 1.59. Interpretazione probabilistica dello IUH di Nash (Distribuzione di Pearson -


III tipo).

Il tempo di residenza rappresenta l’intervallo di tempo che intercorre tra la caduta a terra di una goccia
qualsiasi e la sua restituzione alla sezione di chiusura del bacino. L’aleatorietà del processo sta nel fatto che
dal momento che la goccia d’acqua viene scelta a caso essa può cadere ovunque e quindi fare un percorso
qualsiasi.
Esistono vari metodi di interpretazione probabilistica dello IUH. Nel caso dello IUH di Nash esso rap-
presenta una funzione di densità di probabilità caratterizzata da due parametri (n e k) che viene detta
distribuzione di Pearson del III tipo o distribuzione gamma incompleta a 2 parametri.
Andrea Lisjak 1.10. Esercizi 53

1.10 Esercizi
1.10.1 Determinazione dell’idrogramma di Nash
Dati
• Ab : area del bacino idrografico;
• φ: coefficiente d’afflusso;
• n, k: parametri dello IUH-Nash;

• serie temporale di piogge a ∆t = 1 ora per 25 ore.

Incognite
• Q(t): idrogramma.

Svolgimento (concettuale)
1. Separazione dello ietogramma mediante il coefficiente d’afflusso:

pef f = p · φ

2. Trasformazione delle piogge efficaci in portate:


1
R= Ab pef f
3, 6

3. Calcolo dei pesi wj (approssimazione dell’integrale mediante metodo del punto medio):
 n−1
1 (j − 0, 5)∆t (j−0,5)∆t
wj = ∆t · e− k
kΓ(n) k

4. Convoluzione:
t
X
Q(t) = ri wt−i+1
i=1
54 Capitolo 1. Idrologia e misure idrauliche Andrea Lisjak
Capitolo 2

Statistica degli estremi

2.1 Generalità
L’andamento nel tempo dei fenomeni piovosi e delle portate nei fiumi è fortemente oscillante. Il transito di
una piena comporta sempre:
- spostamento di materiale in alveo;
- asportazione dei vegetali in alveo;
- erosione concentrata in corrispondenza delle strutture rigide presenti in alveo.
Il dimensionamento delle opere fluviali deve essere tale da consentire il passaggio di eventi di piena di una
certa entità, i quali quindi devono essere in qualche modo valutati.

2.1.1 Metodo della curva inviluppo


In passato il metodo adottato dal Genio Civile era quello di valutare una piena comunque grande mediante
la costruzione delle cosiddette curve inviluppo. Una curva inviluppo è una curva che nel piano Ab , Qcolmo /Ab
sottende tutti punti corrispondenti ad eventi misurati. Le opere che dovevano essere costruite erano dimen-

Figura 2.1. Curva inviluppo.

sionate per sopportare una portata al colmo ottenuta come funzione dell’area del bacino preso in esame
mediante la curva inviluppo.
I difetti principali di questo metodo erano:

55
56 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

• man mano che le osservazioni aumentavano qualche punto cominciava a cadere oltre la curva inviluppo
precedentemente tracciata, con la conseguenza che le opere realizzate fino a quel momento non erano
adeguate alla nuova piena;

• man mano che le osservazioni aumentavano le opere da realizzare aumentavano di dimensione;

• non teneva conto del tipo di area in cui il fiume passava (e quindi del rischio associato).

2.1.2 Probabilità associata all’evento di piena


Associando una probabilità ad un evento di piena si passa dal considerare una portata comunque grande,
concetto estremamente debole dal punto di vista statistico, all’associare un certo rischio ad un determinato
evento di piena.
Il rischio è dato dal “prodotto” di 3 fattori:

rischio = probabilità (evento) × valore esposto × esposizione

- Probabilità associata all’evento: dipende dall’idrologia delle piene.


Può essere diminuito mediante la costruzione di opere strutturali: casse di espansione, . . . .

- Il valore di ciò che è esposto: dipende dalla politica urbanistica.


Può essere diminuito evitando di mettere attività ricche in zone suscettibili di allagamenti. I cosiddetti
piani di bacino servono a porre dei vincoli urbanistici che tengano conto dell’assetto fluviale.

- L’esposizione: dipende da interventi non strutturali.


Può essere diminuito mediante procedure di allarme meteorologico e piani di evacuazione adeguati.

Noi ci concentreremo sulla valutazione del rischio idrologico, ossia della probabilità che capiti un evento
causante danni.

2.1.3 Richiami di probabilità


Probabilità

La probabilità associata ad un evento è un numero compreso tra 0 e 1. Si immagini un esperimento (esempio:


il lancio di una moneta), a seguito del quale viene effettuata una misura x. Il campo della probabilità è
quello che permette di associare una probabilità ad una classe di uscita sull’esito dell’esperimento, prima
che questo venga fatto.

Variabili aleatorie

Nell’ingegneria civile ed ambientale si opera con variabili aleatorie generalmente appartenenti ad R+ . La


variabile aleatoria è indicata con la lettera maiuscola X mentre il valore numerico della misura con la lettera
minuscola x.

Funzione di probabilità cumulata

La probabilità di non superamento di un determinato valore x è una funzione di x che viene detta funzione
di probabilità cumulata (CDF- Cumulative Distribution Function) (adimensionale):

CDF = FX (x) = prob(X ≤ x) (2.1)


Andrea Lisjak 2.1. Generalità 57

Figura 2.2. Funzione di probabilità cumulata.

Funzione di densità di probabilità


La probabilità di contenimento in un intervallo è definita da:

prob(x ≤ X ≤ x + ∆x)

essa dipende oltre che da x anche da ∆x e quindi risulta poco utile, al contrario invece della funzione di
densità di probabilità (PDF - Probability Density Function):

prob(x ≤ X ≤ x + ∆x)
P DF = fX (x) = lim (2.2)
∆x→0 ∆x

È evidente che:
FX (x + ∆x) − FX (x) dFX (x)
fX (x) = lim =
∆x→0 ∆x dx
La dimensione di fX (x) è quindi [x]−1 .

Quiz

Consideriamo una circonferenza di raggio r ed il triangolo equilatero in essa inscritto, il cui lato vale 3r. Supponendo
di tracciare una retta a caso che tagli la circonferenza definendo una corda di lunghezza c, si vuole sapere:

prob(c > 3r) =?

È possibile ragionare in 3 modi.


1. Considerando un fascio di rette parallele si ottiene:

prob(c > 3r) = 1/2

2. Considerando un fascio di rette uscente da P , punto di tangenza, si ottiene:



prob(c > 3r) = 1/3

3. Considerando una corda ed il suo punto centrale assieme al cerchio inscritto nel triangolo equilatero, di raggio
r0 = r/2. si ottiene:
√ πr02 1
prob(c > 3r) = =
πr2 4
È evidente che nessuna di queste probabilità corrisponde alla probabilità cercata, la quale dovrebbe essere unica, in
quanto esse si riferiscono a 3 variabili aleatorie diverse e quindi non commisurabili.
58 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

(a) I modo. (b) II modo (c) III modo

Figura 2.3. Possibili soluzioni del quiz.

2.1.4 Curva di durata delle portate


Consideriamo un corso d’acqua e la variabile aleatoria corrispondente alla portata Q nella sezione S0 di
chiusura del bacino. A questa variabile aleatoria rimane associata una funzione di probabilità cumulata:

CDF : FQ (q) = prob(Q ≤ q)

la quale esprime la variabilità della portata nella sezione S0 in un giorno qualsiasi ad un’ora qualsiasi.
Si definisce curva di durata delle portate:

F1 Q (q) = prob(Q > q) = 1 − FQ (q) (2.3)

Figura 2.4. Curva di durata delle portate.

Normalmente tale curva viene riportata, per questioni di comodità tecnica, in un piano in cui:

- ascisse: F1 Q (q) trasformata in durata %:

X 1 ⇒ 365 giorni/anno: 365 giorni all’anno la portata è maggiore del valore ad esso associato (qmin );
X 0 ⇒ 0 giorni/anno: per nessun giorno all’anno la portata è maggiore del valore ad esso associato.
Andrea Lisjak 2.1. Generalità 59

- ordinate: q.
La qmin può anche essere nulla (fiumi che vanno in secca).

Applicazione alle opere di presa ad acqua fluente


Consideriamo un’opera di presa che capti l’acqua da un corso d’acqua la cui curva di durata delle portate
è rappresentata in figura 2.5. Sia q ∗ la massima portata prelevabile da tale opera (portata di dimensiona-
mento). Nel caso non vi siano vincoli di alcun tipo l’area V rappresenta il volume d’acqua prelevato in 1
anno.

Figura 2.5. Applicazione della curva di durata delle portate alle opere di presa ad acqua
fluente.

In realtà esistono dei vincoli che limitano il prelievo delle portate da un corso d’acqua. Essi possono essere
di 3 tipi.
1. Deflusso Minimo Vitale (DMV). Portata d’acqua minima, stabilita per legge (L. 183/89), che le
utenze devono rilasciare al corso d’acqua per garantire la sopravvivenza delle specie biotiche nel tratto
compreso tra l’opera di presa e quella di reimmissione. Ne consegue che:
- in condizioni di magra: si privilegia il DMV e si riduce la portata utilizzata qu ;
- in condizioni di piena: si capta tutta la q ∗ e si rilascia una portata maggiore del DMV.

2. Portata minima accettabile Qmin . Capita che per problemi tecnici (esempio: funzionamento delle
turbine) la portata prelevata non deve essere inferiore ad un determinato valore.
3. Portata massima accettabile Qmax . Capita che se la portata del fiume è maggiore di un determinato
valore non può essere prelevata alcuna portata (esempio: trasporto solido eccessivo negli impianti
idroelettrici).
60 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

Figura 2.6. Deflusso minimo vitale.

Figura 2.7. Applicazione della curva di durata delle portate alle opere di presa ad acqua
fluente con vincoli.

2.1.5 Curva di utilizzazione


Data una curva di durata delle portate, senza vincoli, resta definita una portata media di deflusso:
Vtotale
Qm = (2.4)
365 giorni
Sia:

- q ∗ : portata di dimensionamento;

- qu = V /365 giorni: portata media di utilizzo.

Si definisce rapporto di captazione:


q∗
χ= (2.5)
Qm
Andrea Lisjak 2.1. Generalità 61

Figura 2.8. Portata di dimensionamento e portata di utilizzo.

Si definisce rapporto di utilizzo:


qu
η= (2.6)
Qm
La curva di utilizzazione è la curva che descrive l’andamento del rapporto di utilizzo in funzione di quello
di captazione.
- Se q ∗ = 0 allora χ = 0 e η = 0: non si prende acqua.

- Se q ∗ aumenta allora χ aumenta ma η aumenta di meno a causa del minor aumento di qu ;


- Se q ∗ → +∞ allora η → 1 perchè qu → Qm .

Figura 2.9. Curva di utilizzazione.

Sulla base di queste considerazioni ne consegue che all’aumentare delle dimensioni dell’opera di presa (au-
mento di q ∗ e quindi di χ) non corrisponde un aumento proporzionale del beneficio ottenuto (aumento di
qu e quindi di η).
Se si considera una curva di durata delle portate con la presenza di vincoli allora tale effetto (sproporzione
tra aumento dei costi e aumento dei benefici conseguenti) è ancora più marcato.
62 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.1.6 Frequenza cumulata empirica


Data la variabile aleatoria Q si osserva un certo numero di realizzazioni, l’andamento della distribuzione di
probabilità può essere desunta, mediante un’operazione statistica, dalle frequenze di accadimento.
Mettendo in ordine le portate dalla più piccola alla più grande, indipendentemente dall’ordine cronologico
(tabella 2.1), è possibile costruire un grafico di frequenza cumulata empirica (figura 2.10).

Tabella 2.1. Costruzione della frequenza empirica cumulata.

ordine portata frequenza cumulata regola di Weibull


1 Qmin 1/N 1/(N+1)
2 Q2 2/N 2/(N+1)
... ... ... ...
i Qi i/N i/(N+1)
... ... ... ...
N Qmax 1 N/(N+1)

Figura 2.10. Frequenza cumulata empirica.

Assumendo la probabilità come:


numero di casi favorevoli
probabilità =
numero di casi possibili
allora si ha che:
frequenza cumulata ≈ prob(Q ≤ q)
Per evitare che a QN corrisponda un probabilità unitaria e a Q0 una probabilità nulla, si utilizza come
espressione della frequenza cumulata una funzione del tipo:
i−p
Fi =
N +q
La più comune è la frequenza cumulata empirica di Weibull :
i
Fi = (2.7)
N +1
Il difetto di questo modo di operare è che si è dipendenti dal campione, per cui al suo variare è possibile che
i valori della portata massima e minima cambino.
Andrea Lisjak 2.1. Generalità 63

Si vuole quindi un’approssimazione esprimibile in termini analitici che non sia semplicemente un’inter-
polazione delle osservazioni, ma qualcosa di più significativo, ossia la vera distribuzione di probabilità FQ (q)
da cui discendono le osservazioni.

2.1.7 Modelli di probabilità


I modelli di probabilità servono a trovare FQ (q). Sono dei modelli concettuali basati sulla descrizione
accurata dell’esperimento considerato, ancora prima che questo venga effettuato.
Nel caso del lancio della moneta il modello concettuale è quello dell’equiprobabilità, in quanto non c’è
alcun motivo per preferire una faccia o l’altra.

Modello additivo
Siano X1 , X2 , . . . , Xn delle variabili aleatorie dotate delle rispettive funzioni di distribuzione di probabilità,
sia Z una variabile aleatoria tale che:

Z = X1 + X2 + . . . + Xn

Ci si chiede se si può dire qualcosa sulla distribuzione di probabilità di Z sulla base delle distribuzioni di
Xi . A tal proposito sussiste il cosiddetto teorema del limite centrale:
se n → ∞, comunque siano distribuite X1 , X2 , . . . , Xn allora Z tende ad avere una distribuzione normale
(o gaussiana):
1 2
fX (x) = √ e−x /2 (2.8)

L’ultima relazione scritta rappresenta la cosiddetta gaussiana standardizzata, ossia avente media nulla e
deviazione standard pari a 1. Per passare da una variabile z, avente media Mz e deviazione standard Sz , a
quella standardizzata basta effettuare la sostituzione:
z − Mz
x=
Sz
Nel caso delle portate si ha:
1 (q − q)2
 
1
fQ (q) = √ exp − (2.9)
2πσq 2 σq2

Modello moltiplicativo
Siano X1 , X2 , . . . , Xn delle variabili aleatorie dotate delle rispettive funzioni di distribuzione di probabilità,
sia Z una variabile aleatoria tale che:

Z = X1 · X2 · . . . · Xn

Tale modello può essere ricondotto ad un modello additivo mediante i logaritmi delle singole distribuzioni:
n
X
log Z = log Xi
i=1

Una volta ricondotti ad un modello additivo nei logaritmi, per il teorema del limite centrale, log Z è
distribuita come una normale e quindi Z ha una distribuzione log-normale.
64 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.2 Modelli probabilistici in idrologia


2.2.1 Il caso delle portate al colmo di piena
Per dimensionare le opere fluviali interessa la portata al colmo Qc . All’interno di un evento la portata che
interessa a questo scopo è solamente quella massima. A questo proposito per trovare la variabile aleatoria
giusta si rendono necessari dei modelli:

• metodo dei picchi sopra la media;

• metodo del massimo in un intervallo di tempo.

Figura 2.11. Evento di piena.

2.2.2 Metodo dei picchi sopra una soglia


Si considera la sequenza continua delle portate nel tempo. Si sceglie una portata di soglia qs e si separano
gli eventi come porzioni di grafico che stanno costantemente sopra la portata di soglia. Per ogni evento si
prende poi il solo valore massimo.

Figura 2.12. Metodo dei picchi sopra una soglia.


Andrea Lisjak 2.2. Modelli probabilistici in idrologia 65

In questo modo si ottiene una serie di valori Nea di piena che oltrepassano la soglia. Di fatto viene effettuato
un campionamento di eventi aventi una certa significatività.
L’intervallo medio di attesa tra due eventi successivi, espresso in giorni, è dato da:
365
τ= (2.10)
Nea

Distribuzione di Frechet
La distribuzione delle eccedenze x = Qc − qs è una distribuzione esponenziale o di Frechet, con funzione di
probabilità cumulata:
FX (x) = 1 − e−λx (2.11)
Tale modello non è molto utilizzato in quanto i dati pubblicati non forniscono tutti i picchi sopra una certa
soglia. Risulta quindi più facile, a meno che non si abbia accesso ai dati originali, ricorrere al metodo del
massimo in un intervallo di tempo.

2.2.3 Metodo del massimo in un intervallo di tempo


La serie temporale viene separata ad intervalli ∆t = 1 anno, in questo modo si riesce ad avere una
distribuzione più omogenea delle portate. All’interno di ogni ∆t si prende la portata massima:

max(Qc )
∆t

Si effettua in questo modo un campionamento ogni ∆t e con un intervallo medio di attesa τ = ∆t.

Figura 2.13. Metodo del massimo in un intervallo di tempo.

Tale metodo è più comodo del precedente, tuttavia, a differenza del primo, presenta lo svantaggio statistico
che servono almeno 20-30 valori (e quindi osservazioni per 20-30 anni) per effettuare un’indagini statistica
significativa.

Modello del valore estremo: distribuzione di Gumbel


Il metodo del massimo in un intervallo di tempo conduce al modello probabilistico del valore estremo:

X: è distribuita in maniera qualsiasi ed è osservabile nel tempo;

Y = max∆t (X): è detto estremo.


66 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

Ci si chiede cosa si può dire a priori sulla distribuzione di Y quale che sia la distribuzione di X. Tale
problema è stato studiato da Gumbel : se gli estremi sono molto alti (all’ampliarsi dei ∆t) allora:

FY (y) → 3 tipi di distribuzione : distribuzioni del valore estremo

La più nota è la distribuzione del valore estremo del 1◦ tipo (EV1 - Extreme Value 1st type) o distribuzione
di Gumbel, la quale ha una funzione di probabilità cumulata (standardizzata) nota anche come doppia
esponenziale:
FY (y) = exp(− exp(−y)) (2.12)
Derivando la doppia esponenziale si ottiene la funzione di densità di probabilità (standardizzata):

fY (y) = exp[− exp(−y)] · exp(−y) (2.13)

(a) Distribuzione di probabilità cumulata. (b) Funzione di densità di probabilità.

Figura 2.14. Distribuzione di Gumbel.

La doppia esponenziale gode delle proprietà delle distribuzioni di probabilità:

- FY (y) > 0 ∀y

- y → −∞ : exp(−y) → +∞ =⇒ exp(− exp(−y)) → 0

- y → +∞ : exp(−y) → 0 =⇒ exp(− exp(−y)) → 1

È possibile istituire un rapporto tra la variabile standardizzata y e la variabile non standardizzata Qca ,
mediante dei parametri di adattamento α e β (portate):

Qca − β
y= (2.14)
α
ottenendo quindi:   
q−β
FQca (q) = exp − exp − (2.15)
α
    
1 q−β q−β
fQca (q) = exp − exp − exp − (2.16)
α α α
In questo modo è possibile adattare una distribuzione standard teorica ai campioni osservati.

Stima grafica dei parametri di adattamento


Le trasformazioni di variabili si prestano bene ad essere impiegate per cercare la distribuzione reale in
maniera empirica: data una sequenza di portate ordinate si cerca di adattare la rappresentazione a scalini
della frequenza cumulata empirica facendo variare i parametri di adattamento della distribuzione di Gumbel.
Andrea Lisjak 2.2. Modelli probabilistici in idrologia 67

Si osserva innanzitutto che la trasformazione tra Qca e y è lineare:

Qca = β + αy

Inoltre:
FY (y) = exp(− exp(−y)) = prob(Y ≤ y)

i
FQ (qi ) ≈
N +1
Ma vale:
FQ (qi ) = FY (y)
in quanto:

se y ∗ → prob(Y ≤ y ∗ ) allora q ∗ = β + αy ∗ → prob(Q ≤ q ∗ ) e prob(Y ≤ y ∗ ) = prob(Q ≤ q ∗ )

Quindi:
i
FY (y) ≈ = exp(− exp(−y))
N +1
da cui si ottiene:   
N +1
y = − ln ln (2.17)
i
Date quindi delle coppie (Qi , yi ) esse vengono plottate su un piano Q, y e poi interpolate linearmente al fine
di trovare α e β.

Figura 2.15. Determinazione grafica dei parametri di adattamento per la distribuzione di


Gumbel.
68 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.2.4 Tempo di ritorno


Ci si chiede qual’è l’intervallo medio di attesa tra 2 eventi di superamento di un certo valore q ∗ o, equiva-
lentemente, quante volte bisogna tentare l’esperimento (ossia quanti anni bisogna aspettare), in media, per
superare un certo valore q ∗ .
La risposta è data dal tempo di ritorno:
τ
TR = (2.18)
1 − FQ (q ∗ )

Poiché di norma τ = 1 anno si ha:


1
TR = (2.19)
1 − FQ (q ∗ )
È facile vedere che il tempo di ritorno altro non è che una parametrizzazione della probabilità:
1 TR − 1
FQ (qTR ) = 1 − = (2.20)
TR TR
Se TR = 100 anni si ha una probabilità di non superamento del 99 %: significa che, preso un qualsiasi periodo
di osservazione di un anno, la probabilità che la massima portata in quell’anno sia inferiore a q100 è del
99 %.
È evidente che con il tempo di ritorno si misura il rischio accettabile: maggiore è il tempo di ritorno fissato
per determinato evento, maggiore è la portata al colmo corrispondente e maggiore è il rischio idrologico
associato. Esso viene stabilito dalla consuetudine progettuale o dalla normativa ed è fissato in funzione del
tipo di opera che si va a realizzare:
- fognature: 5 anni;

- argini dei fiumi: si progettano per piene con TR = 100 anni (+1 metro);
- sfioratori delle dighe: 1000 anni.
Andrea Lisjak 2.3. Stima numerica dei parametri statistici di adattamento 69

2.3 Stima numerica dei parametri statistici di adattamento


La struttura intrinseca di probabilità non è nota, però è possibile partendo da una serie di realizzazione
della variabile aleatoria cercare di approssimare al meglio la vera distribuzione di probabilità. In pratica si
effettua un adattamento della F̂X (x) ad un campione ossia una stima approssimata della vera distribuzione
FX (x). Ciò avviene in due fasi:
1. ricerca di una famiglia di distribuzioni da attribuire alle osservazioni (vedi paragrafo 2.2);

2. stima numerica dei parametri statistici di adattamento del tipo di distribuzione scelta.

2.3.1 Richiami di statistica


Momenti statistici
Data una funzione di densità di probabilità fX (x):
si definisce momento del I ordine o media:
Z +∞
mX = xfX (x) dx (2.21)
−∞

si definisce momento di ordine n: Z +∞


mn = xn fX (x) dx (2.22)
−∞

si definisce momento centrale di ordine n:


Z +∞
Sn = (x − mX )n fX (x) dx (2.23)
−∞

Il momento centrale del II ordine è detto varianza:


Z +∞
S2 = σ 2 = (x − mX )2 fX (x) dx (2.24)
−∞

Stima dei momenti statistici (momenti statistici campionari)


Nel caso in cui il modello probabilistico sia di tipo equiprobabile si ha che:
la media campionaria vale:
N
1 X
x̄ = xi (2.25)
N i=1

la varianza campionaria non distorta (unbiased) vale:


N
1 X
2
SX = (xi − x̄)2 (2.26)
N − 1 i=1
70 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.3.2 Metodo dei momenti


Il metodo dei momenti fu per la prima volta proposto da Pearson nel 1894. Il concetto su cui si basa è
molto semplice. Si consideri la PDF fX (x; θ1 , θ2 , . . . , θm ) per la quale i parametri θj , j = 1, 2, . . . m devono
essere stimati sulla base del campione X1 , X2 , . . . , Xn di X. I momenti teorici della vaariabile aleatoria X
valgono: Z +∞
mi = xi f (x; θ1 , θ2 , . . . , θm ) dx i = 1, 2, . . .
−∞

Essi sono in generale funzione dei parametri sconosciuti:

mi = mi (θ1 , θ2 , . . . , θm )

È possibile inoltre determinare i momenti campionari dei vari ordini sulla base del campione di X:
n
1X i
Mi = X i = 1, 2, . . .
n j=1 j

Il metodo dei momenti afferma che al fine di determinare una stima dei parametri θ1 , θ2 , . . . , θm basta
eguagliare un numero sufficiente di momenti campionari ai corrispondenti momenti teorici. Risolvendo un
numero di equazioni pari al numero dei parametri da stimare si ottengono i valori stimati dei parametri.

Applicazione alla distribuzione di Gumbel


Consideriamo il caso della distribuzione di Gumbel :
  
x−β
FX (x) = exp − exp −
α
    
1 x−β x−β
fX (x) = exp − exp − exp −
α α α
Dalla distribuzione teorica si ha che:
media = media(α, β)
varianza = varianza(α, β)

Dalle osservazioni sperimentali si ha che:


x̄ = numero
S 2 = numero
Avendo in questo caso 2 parametri da determinare si ottiene un sistema di 2 equazioni in 2 incognite (α, β):
Z +∞ N
X xi
mX = xfX (x) dx = β + γα = x̄ =
−∞ i=1
N
+∞
π2 2
Z
S2 = (x − mX )2 fX (x) = 2
α = SX
−∞ 6
La costante γ è detta costante di Eulero-Mascheroni e vale 0,5772. . . . Riarrangiandole si ottiene:
√ u
v
N
SX √ 6u
t 1
X
α= 6= (xi − x̄)2 (2.27)
π π N − 1 i=1

β = x̄ − γα (2.28)
Andrea Lisjak 2.3. Stima numerica dei parametri statistici di adattamento 71

2.3.3 Metodo di Gumbel


Questo metodo può essere applicato solo alla distribuzione di Gumbel. Stimando graficamente la frequenza
empirica cumulata di non superamento mediante la regola di Weibull:
i
Fi =
N +1
si ottiene, come già visto in precedenza, una variabile standardizzata:
N +1
yi = − ln ln
i
In un campione di dimensione [N ] si possono calcolare la media e lo scarto quadratico medio campionari di
y:
N
1 X
ȳ = yi
N i=1
v
u
u 1 X N
SY = t (yi − ȳ)2
N − 1 i=1

Osservando che:
x−β
y= =⇒ x = β + αy
α
si suppone che esista una relazione del tipo:
x − x̄ y − ȳ
=
SX SY
risolvendo in x si ottiene:  
SX SX SX
x = x̄ + (y − ȳ) = x̄ − ȳ + y
SY SY SY
da cui si possono riconoscere le espressioni delle stime dei parametri α e β:
SX
α= (2.29)
SY

SX
β = x̄ − ȳ (2.30)
SY
Si può dimostrare che se N → +∞ allora il metodo dei momenti applicato alla distribuzione di Gumbel ed
il metodo di Gumbel coincidono.
72 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.3.4 Metodo dei minimi quadrati lineari


Il metodo dei minimi quadrati lineari è semplicemente un affinamento numerico del metodo grafico visto
per la determinazione dei parametri di adattamento della distribuzione di Gumbel, esso è quindi privo della
giustificazione teorica del metodo dei momenti. Esso è inoltre estremamente sensibile al valore assunto dagli
estremi.
Dal punto di vista operativo si plottano su di un piano i punti (xi , yi ) con i = 1, . . . , N corrispondenti
alle coppie osservazioni – variabili standard della distribuzione. Si effettua poi un’interpolazione lineare ai
minimi quadrati risolvendo il sistema lineare sovradimensionato:
N
X
(xi − yi (α, β))2 = min (2.31)
i=1

Si noti come essendo i valori xi noti e i valori yi stimati si debba porre in ascissa i primi ed in ordinata i
secondi, altrimenti si ottengono dei risultati leggermente diversi.

Figura 2.16. Metodo dei minimi quadrati lineari.


Andrea Lisjak 2.3. Stima numerica dei parametri statistici di adattamento 73

2.3.5 Metodo della massima verosimiglianza


Il metodo della massima verosimiglianza fu per la prima volta introdotto da Fisher nel 1922.
Sia fX (x; α, β) una PDF della variabile aleatoria X e siano α e β, per semplicità, gli unici due parametri
che devono essere stimati dai valori campionari x1 , x2 , . . . , xN .
Si definisce funzione di verosimiglianza (likelihood function) di una serie di n valori campionari:
N
Y
L(x1 , x2 , . . . , xN ; α, β) = fX (xi ; α, β) (2.32)
i=1

Quando i valori campionari sono dati la funzione di verosimiglianza diventa, in questo caso, una funzione
delle 2 variabili α e β. La procedura di stima di α e β basata sul metodo di massima verosimiglianza consiste
nel scegliere come stima di α e β quei particolari valori che massimizzano la funzione di verosimiglianza.
È possibile dare una giustificazione intuitiva della definizione di L: con riferimento alla figura 2.17 se i val-
ori di α (parametro di scala) e β (parametro di posizione) non sono corretti il valore assunto da L diminuisce,
ne consegue che devono esistere dei valori di α e β che massimizzano la funzione di verosimiglianza.

(a) Variazione di β. (b) Variazione di α.

Figura 2.17. Costruzione della funzione di verosimiglianza.

La stima di massima verosimiglianza (MLE - Maximum Likelihood Estimate) dei valori di α e β, basata
sui valori campionari x1 , . . . , xN , può essere ottenuta come soluzione di un problema di ricerca di massimo
di una funzione di 2 variabili e quindi ottenibile come soluzione delle equazioni:

∂L/∂α = 0
(2.33)
∂L/∂β = 0

Dal momento che L è sempre non negativa e raggiunge il suo massimo per i medesimi valori di α e β di
log L (in quanto il log è una funzione monotona crescente), è in generale più conveniente ottenere la MLE
effettuando la trasformata logaritmica di L:
N
X
log L = log fX (xi ; α, β) (2.34)
i=1

e risolvendo le cosiddette equazioni di verosimiglianza:



∂ log L/∂α = 0
(2.35)
∂ log L/∂β = 0
74 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

Applicazione alla distribuzione di Gumbel


Se fX (x) è una funzione di Gumbel:
    
1 x−β x−β
fX (x) = exp − exp − exp − (2.36)
α α α

applicando le proprietà dei logaritmi si ottiene:


N N
1X X xi −β
ln L = −N ln α − (xi − β) − e− α (2.37)
α i=1 i=1

Imponendo le condizioni di ricerca del massimo si ottiene un sistema non lineare di 2 equazioni in 2 incognite
(α, β).
N N
∂ ln L N 1 X 1 X xi −β
=− + 2 (xi − β) − 2 (xi − β)e− α = 0
∂α α α i=1 α i=1
N
∂ ln L N 1 X − xi −β
= − e α =0
∂β α α i=1
Dopo alcuni “semplici” passaggi algebrici si ottiene un’equazione non lineare in α:
N N
! n
X 1 X X
xi e−xi /α
− xi − α e−xi /α = 0 (2.38)
i=1
N i=1 i=1

La quale può essere risolta, ad esempio, con il metodo di sostituzione, dopo averla scritta nella forma:
PN PN PN
x̄ i=1 e−xi /α − i=1 xi e−xi /α i=1 xi e
−xi /α
α= PN −x /α = x̄ − PN −x /α
i=1 e i=1 e
i i

Una volta trovato il parametro α si può calcolare β mediante la relazione:


" #
N
β = α ln PN (2.39)
−xi /α
i=1 e
Andrea Lisjak 2.4. Applicazioni all’intensità di pioggia 75

2.4 Applicazioni all’intensità di pioggia


La serie temporale delle precipitazioni è molto più oscillante e “casuale” di quella delle portate in un corso
d’acqua. L’interesse è in ogni caso rivolto ad eventi che abbiano una durata minima dei quali interessa
sapere:
- la durata;
- il volume d’acqua scaricato.

Figura 2.18. Serie temporale dell’intensità di pioggia.

Le variabili intercorrelate con cui ci si confronta sono:


1. l’intensità di pioggia j [L/T] (mm/h);
2. l’altezza di pioggia h [L] (mm);
3. la durata d [T] (h).
I dati su cui ci si appoggia sono quelli del Servizio Idrologico Nazionale, il quale fornisce1 le massime altezze
di pioggia annue per assegnate durate di 1, 3, 6, 12, 24 ore.
La distribuzione delle piogge viene indagata per mezzo del metodo dei massimi annuali, che conduce
al modello probabilistico del valore estremo e quindi alla distribuzione probabilistica di Gumbel. Poiché le
variabili aleatorie sono 5 si hanno 5 diverse distribuzioni di Gumbel, una per ogni durata.

Tabella 2.2. Distribuzioni di probabilità per le diverse variabili aleatorie.

durata variabile aleatoria FH (h)


1 H1 FH1 (h)
3 H3 FH3 (h)
6 H6 FH6 (h)
12 H12 FH12 (h)
24 H24 FH24 (h)

Una volta trovati i parametri di adattamento α e β per le singole distribuzioni, è possibile, fissata la durata
dell’evento, conoscere la probabilità corrispondente al superamento del massimo annuo.
1 Gli Annali Idrologici fornivano anche i valori delle massime altezze di pioggia giornaliere per 1, 2, 3, 4, 5 giorni consecutivi.

Tali dati, a differenza delle massime altezze di pioggia annue per durate assegnate, che vengono ottenute mediante pluviografi,
venivano ottenuti mediante pluviometri manuali e quindi si riferivano solamente ai valori massimi registrati alle 9 di mattina
ed indipendetemente dalla durata dell’evento.
76 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.4.1 Linea segnalatrice di possibilità pluviometrica


Tracciando in funzione della variabile standardizzata di Gumbel y = − ln ln 1/F i valori dell’altezza di
pioggia, corrispondenti alle 5 durate, si ottengono 5 rette, una per ogni variabile aleatoria.

Figura 2.19. Andamento dell’altezza di pioggia in funzione della variabile regolarizzata


di Gumbel per 5 diverse variabili aleatorie Hi , corrispondenti alle massime
altezze di pioggia annue per durate di 1, 3, 6, 12, 24 ore.

Tale grafico può essere letto in due maniere distinte:


1. fissata un’altezza di pioggia h si ottiene la probabilità di non superamento per ogni singola durata:
questa aumenta al diminuire della durata;
2. fissata una probabilità di non superamento (ad esempio attraverso un tempo di ritorno) si ottiene per
ogni singola durata l’altezza di pioggia: questa aumenta all’aumentare della durata.
Dal momento che lo scopo è quello di ottenere l’altezza di pioggia in funzione del tempo di ritorno anche
per eventi di durata diversa da quella per cui vengono forniti i dati allora si è di fronte ad un problema di
interpolazione.
La curva segnalatrice della possibilità pluviometrica (LPP - Linea di Possibilità Pluviometrica) è una
forma analitica semplice che, per un assegnato tempo di ritorno (ossia una determinata frequenza), lega
l’altezza di pioggia alla durata dell’evento.
Assegnato un TR e quindi una frequenza:
1 TR − 1
F =1− =
TR TR
si calcola:
TR
yTR = − ln ln
TR − 1
si entra nel grafico precedente e per ciascuna durata d si ottiene h. Si riportano i 5 punti nel piano d, h e si
effettua in’interpolazione mediante una relazione di potenza del tipo:

h = adn (2.40)

oppure nella forma classica:


h = atn (2.41)
Si noti come una LPP sia valida soltanto per un determinato tempo di ritorno.

Stima grafica dei parametri a e n


Sul piano bilogaritmico la relazione h = atn diventa bilineare:

log h = log a + n log t (2.42)


Andrea Lisjak 2.4. Applicazioni all’intensità di pioggia 77

Figura 2.20. Linea segnalatrice di possibilità pluviometrica.

I valori di a ed n si ottengono quindi interpolando con una retta i 5 punti corrispondenti alle 5 durate.

Figura 2.21. Stima grafica dei parametri a ed n.

Relazione tra l’intensità media di pioggia e la durata


Una volta ottenuta la LPP è possibile costruire una relazione tra l’intensità media di pioggia e la durata:
h
j= = atn−1 (2.43)
t
Si osservi come:
• a parità di tempo di ritorno, all’aumentare della durata l’altezza di pioggia aumenta quindi:

n>0

• l’intensità media di pioggia nei massimi annuali deve essere maggiore di quella calcolata su tempi mag-
giori (a meno che non si sia nel caso particolare di intensità di pioggia costante), quindi all’aumentare
78 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

della durata l’intensità media di pioggia diminuisce:

n<1
Andrea Lisjak 2.5. Applicazioni alle portate al colmo di piena 79

2.5 Applicazioni alle portate al colmo di piena


Si vuole applicare la LPP alla determinazione delle portate di piena in sezioni di un corso d’acqua in cui
non si hanno misure di portata. Ciò può essere eseguito con la seguente serie di passi:
1. si sceglie un tempo di ritorno TR e si calcolano i parametri a ed n della LPP (vedi paragrafo 2.4.1);
2. si sceglie l’altezza h e la durata t∗ di una pioggia tipo che ottemperi alla LPP;

3. si sceglie un modello di trasformazione afflussi–deflussi, tale scelta consiste a sua volta in una doppia
scelta:
(a) scelta del modello con cui valutare il ruscellamento:
i. modello di Horton: f0 , f∞ , k;
ii. schema ad area contribuente: φ;
(b) scelta dello IUH:
i. modello della corrivazione lineare: Tc ;
ii. modello dell’invaso lineare: k;
iii. modello di Nash: n, k;
4. si applica il modello afflussi–deflussi alla pioggia scelta ottenendo una portata uscente;
5. si calcola il massimo della portata uscente ricavando la portata al colmo di piena;

6. si calcola il massimo della portata al colmo al variare della durata della pioggia ricavando la portata
critica.

2.5.1 Pioggia di progetto ad intensità costante


La pioggia tipo più utilizzata per problemi di progetto è quella ad intensità costante. In tal caso la determi-
nazione della portata di ruscellamento può essere fatta in maniera equivalente con entrambi i metodi visti:
 
f
jef f = jtot − f = jtot 1 − = jtot · φ
jtot
Nel seguito verrà utilizzato lo schema ad area contribuente.

Figura 2.22. Pioggia ad intensità costante.


80 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.5.2 Calcolo della portata


La portata uscente dipende sia dalla jef f che dalla durata t∗ . Assegnato uno IU H = u(t) essa si ottiene
risolvendo l’integrale di convoluzione:

Ab t Ab · jtot φ t
Z Z
Q(t) = jef f (τ )u(t − τ ) dτ = u(t − τ ) dτ
3, 6 0 3, 6 0

Cambiando la variabile integranda si ottiene:


Z t
Ab jtot φ
Q(t) = u(τ ) dτ (2.44)
3, 6 max(0,t−t∗ )

Figura 2.23. Generico idrogramma istantaneo unitario.

Portata al colmo di piena


Il massimo della portata si ottiene quando l’area dello IUH calcolata tra (t − t∗ ) e t è massima:
"Z #
t
Ab jtot φ Ab jtot φ Ab jtot φ 0
Qc = max Q(t) = · max u(τ ) dτ = · max ε = ·ε (2.45)
t 3, 6 t ∗
max(0,t−t ) 3, 6 t 3, 6

Il massimo di quell’integrale in cui solo gli estremi dipendono da t si ottiene, applicando la regola di Lagrange:
Z t0
0 0 0
t : u(t ) = u(t − t ) =⇒ ε =∗ 0
u(τ ) dτ (2.46)
max(0,t0 −t∗ )

Portata critica
Si definisce portata critica la massima portata al colmo di piena che si ha al variare della durata della
pioggia: h i
Qcrit = max

Qc = max

max Q(t) (2.47)
t t t

In maniera del tutto convenzionale si attribuisce alla portata critica Qcrit lo stesso tempo di ritorno della
pioggia che l’ha generata.

2.5.3 Modello della corrivazione lineare


Portata al colmo di piena
Definendo lo IUH con il metodo della corrivazione lineare si possono presentare due casi.
Andrea Lisjak 2.5. Applicazioni alle portate al colmo di piena 81

Figura 2.24. Applicazione della regola di Lagrange allo IUH.

Figura 2.25. IUH definito mediante il metodo della corrivazione lineare.

1. t∗ < Tc −→ t0 = t∗ :
t∗
ε0 =
Tc
La portata al colmo di piena vale :

Ab · φ · a · t∗ n−1 t∗ Ab · φ · a · t ∗ n
Qc = = (2.48)
3, 6 Tc 3, 6 · Tc
Poiché n > 0 allora la portata al colmo di piena aumenta all’aumentare della durata della pioggia.
2. t∗ > Tc −→ t0 = Tc :
ε0 = 1
La portata al colmo di piena vale:

Ab · φ · a · t∗ n−1
Qc = (2.49)
3, 6

Poiché (n − 1) < 1 allora la portata al colmo di piena diminuisce all’aumentare della durata della
pioggia.

Portata critica
Se t∗ < Tc allora la portata al colmo aumenta all’aumentare della durata, se t∗ > Tc la portata al colmo
diminuisce all’aumentare della durata, ne consegue che il massimo si ha per una durata t∗ = Tc :

Ab · φ · a · Tcn−1
Qcrit = max Qc = Qc (t∗ = Tc ) = (2.50)
∗t 3, 6
82 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

(a) t∗ < Tc . (b) t∗ > Tc .

Figura 2.26. Valutazione della portata al colmo di piena.

2.5.4 Modello dell’invaso lineare

Portata al colmo di piena

Definendo lo IUH col metodo dell’invaso lineare si ha:


1 −t/k
u(t) = e
k
Dal momento che u(t) è una funzione decrescente il massimo di ε si ha per t0 = t∗ e quindi:

Figura 2.27. IUH definito mediante il metodo dell’invaso lineare.


ε0 = 1 − e−t /k

La portata al colmo di piena vale quindi:

Ab · φ · a · t∗ n−1  ∗

Qc = 1 − e−t /k (2.51)
3, 6
Andrea Lisjak 2.5. Applicazioni alle portate al colmo di piena 83

Portata critica
La portata critica vale:

Ab · φ · a · t∗ n−1 
 
−t∗ /k
Qcrit = max [Qc ] = max 1−e (2.52)
t∗ t∗ 3, 6

Dal momento che Qc è una forma analitica senza punti di discontinuità, la durata tcrit a cui corrisponde la
portata al colmo massima può essere calcolata imponendo la condizione:
dQc d h ∗ n−1   −t∗ /k
i
= t 1 − e =0 (2.53)
dt∗ dt∗
Si ha quindi:
d  ∗ n−1 0  ∗ n−2 0 ∗ n−1 dε0
t · ε = (n − 1) · t · ε + t · =0
dt∗ dt∗
dε0 t∗
 
n−1 ∗
 ∗

t∗ n−1 ε0 ∗ + ∗ = 0 =⇒ e−t /k = (1 − n) · 1 − e−t /k (2.54)
t dt k
L’equazione 2.54 costituisce un’equazione non lineare in t∗ che risolta fornisce il valore della durata t∗ = tcrit
per cui Qc (tcrit ) = Qcrit .
È prassi comune definire un tempo adimensionale θ definito dal rapporto tra la durata corrispondente
alla portata critica e la costante di invaso:
tcrit
θ= (2.55)
k
La relazione 2.54 diventa quindi:
θe−θ = (1 − n) 1 − e−θ (2.56)


La quale può essere sviluppata in modo da ottenere una relazione esplicita tra n e θ:

1 − (θ + 1)e−θ
n= (2.57)
1 − e−θ

Figura 2.28. Andamento di θ, ε e D in funzione di n.

La figura 2.28 rappresenta graficamente la relazione 2.57. Si noti come:


84 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

- se n = 0, 42 allora tcrit = k (θ = 1);

- se n > 0, 42 allora tcrit > k (θ > 1);

- se n < 0, 42 allora tcrit < k (θ < 1).

Sfruttando la relazione 2.55 la portata critica può essere espressa come:


Ab Ab
Qcrit = φak n−1 θ| n−1
{z ε} = 3, 6 φak
n−1 n−1
θ (1 − e−θ ) (2.58)
3, 6 | {z }
D D

Il valore assunto da D può anch’esso essere plottato sul medesimo grafico di θ e di ε.


Effettuando la seguente approssimazione:

D ≈ 0, 65 (2.59)

allora per un calcolo approssimato della portata critica si può utilizzare la relazione:
Ab
Qcrit ≈ 0, 65 φak n−1 (2.60)
3, 6

Figura 2.29. Andamento della portata al colmo in funzione della durata.

2.5.5 Modello di Nash


Portata al colmo di piena
Definendo lo IUH secondo Nash si ha:
1  τ m−1 −τ /k
u(τ ) = e (2.61)
kΓ(m) k

Anche in questo caso bisogna calcolare:


"Z #
t
0
ε = max ε = max u(τ ) dτ
t t max(0,t−t∗ )

Il massimo di tale integrale si ottiene, per tentativi, cercando t0 tale che:

u(t0 ) = u(t0 − t∗ )

Trovato t0 si calcola numericamente l’integrale 2.46 e si applica l’equazione 2.45 trovando quindi la portata
al colmo di piena Qc per una durata assegnata t∗ .
Andrea Lisjak 2.5. Applicazioni alle portate al colmo di piena 85

Portata critica
Per trovare la portata critica Qcrit si calcola la portata al colmo di piena per varie durate t∗ e si trova,
nuovamente per tentativi, la portata in corrispondenza della quale si passa dall’aumento alla diminuzione
del suo valore.
86 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.6 Test statistici di adattamento di una distribuzione


Una volta scelta la famiglia di distribuzioni ed effettuato l’adattamento con uno dei metodi visti ci si chiede
se, indipendentemente dal metodo utilizzato, la distribuzione di probabilità cumulata ottenuta FX (x; â, b̂),
basata sui parametri di adattamento â e b̂ stimati, sia rappresentativa del campione e quindi se la scelta
del modello probabilistico e l’adattamento siano stati soddisfacenti oppure no. Se infatti la distribuzione di
probabilità ipotizzata non è corretta, il modello probabilistico risultante con i parametri stimati in qualsiasi
maniera, anche la più elegante, non può offrire una corretta rappresentazione del fenomeno fisico o naturale
che sta alla base.
Equivalentemente la domanda può essere così formulata: il campione osservato è plausibile che sia
estratto a caso dalla distribuzione FX (x; â, b̂)? La risposta può essere data mediante dei test statistici di
adattamento di una distribuzione.
Essi sono dei metodi per verificare l’adattamento di una distribuzione ipotizzata per una determinata
variabile aleatoria sulla base di un campione di realizzazioni. Il problema della verifica di un modello sulla
base di informazioni tratte dai campioni ricade quindi nell’ambito della verifica delle ipotesi statistiche.

Principio che sta alla base dei test statistici di adattamento


Consideriamo la media campionaria di una distribuzione:
N
1 X
x̄ = xi
N i=1

Dal momento che il valore di x̄ cambia al variare di xi , allora essa può essere considerata a sua volta come
una variabile aleatoria X. Si consideri una generica statistica p con associata la variabile aleatoria P : essa
possiede una distribuzione di probabilità FP (p) incognita a meno che non si verifichi una certa ipotesi, detta
ipotesi nulla: FP (p|H0 ), che rende nota la distribuzione del parametro P .

Figura 2.30. Funzione di densità di probabilità della statistica P .

Se una media campionaria p1 dovesse cadere nelle zone di coda di tale distribuzione di probabilità allora è
possibile ipotizzare che l’ipotesi H0 non sia vera e quindi che la distribuzione che ne consegue non sia quella
giusta.

2.6.1 Passi di un test


1. Si definisce una statistica P : regola per calcolare un numero da un campione (esempio: la media).
Essa serve a fornire una misura della deviazione della distribuzione osservata, costruita sulla base del
campione, dalla distribuzione ipotizzata.

2. Si determina una ipotesi H0 , detta ipotesi nulla, in base alla quale è nota la distribuzione della
statistica.
Andrea Lisjak 2.6. Test statistici di adattamento di una distribuzione 87

Per costruire un criterio per la verifica delle ipotesi è necessario anche stabilire un’ipotesi alternativa
H1 rispetto alla quale verificare l’ipotesi H0 . Esempi di ipotesi alternative possono essere:
– un’altra distribuzione ipotizzata;
– l’ipotesi che H0 non sia vera: in seguito si farà uso di questa.
3. Si definisce una distribuzione delle aree di non rigetto: campo delimitato da p0 e p00 (nel caso di test a
due code) o solamente da una delle due (nel caso di test ad una coda), tale per cui se il valore calcolato
della statistica P è interno si può dire che H0 è vera, se invece il valore calcolato della statistica è
esterno allora si può dire che H0 è falsa.
Si definisce un livello di probabilità α su cui valutare il campo di rigetto dell’ipotesi H0 :

α = area sottesa da fP (p) esternamente a p0 e p00

I test per la verifica delle ipotesi sono comparati in termini della probabilità degli errori che possono
essere commessi. Si possono presentare due tipi di errore di base:
(a) errore del I tipo: H0 è vera ma l’ipotesi viene comunque rigettata (α grande);
(b) errore del II tipo: H0 è falsa ma l’ipotesi viene comunque accettata (α piccolo).
Defininendo H1 come l’ipotesi esattamente opposta di H0 si ha che:
- se α è grande allora β, corrispondente alla probabilità di accettare H0 quando H0 è falsa (e quindi
H1 vera), è piccola (errore del I tipo grande);
- se α è piccolo allora β è grande (errore del II tipo grande);
ne consegue che la scelta della probabilità α è legata al fatto che al diminuire della probabilità di
commettere un errore di un tipo aumenta quella di commettere l’altro. Nel costruire un test statistico
c’è quindi la necessità di controllare i due tipi di errori cercando di minimizzare l’errore globale. Per un
dato test, la valutazione della probabilità degli errori del I tipo può essere fatta quando l’ipotesi H0 è
data e quindi è specificata la distribuzione di probabilità; la definizione di un’ipotesi alternativa implica
delle probabilità di commettere errori del II tipo. Nel nostro caso l’ipotesi alternativa è semplicemente
l’ipotesi che H0 non sia vera e quindi il fatto che la classe delle alternative sia così ampia rende difficile
l’utilizzo degli errori del II tipo come criterio.
Generalmente si lavora solamente con errori del I tipo, fissando i seguenti limiti di confidenza:

 1%
α= 5%
10 %

Figura 2.31. Correlazione tra errore del I tipo ed errore del II tipo.
88 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

4. Calcolo di p0α e p00α .


Nel caso di test ad una coda destra si cerca:

p00α : prob(P ≤ p00α ) = FP (p00α ) = 1 − α

Nel caso di test a due code si cerca:

p0α : prob(P ≤ p0α ) = FP (p0α ) = α/2p00α : prob(P ≤ p00α ) = FP (p00α ) = 1 − α/2

Figura 2.32. Determinazione di p0α e p00α per α = 95 %.

5. Si calcola la statistica dal campione ottenendo un valore p∗ che viene confrontato con p0α e p00α :

- se p0α ≤ p∗ ≤ p00α : H0 con probabilità 1 − α è vera;


- se p∗ > p00α ∨ p∗ < p0α : H0 con probabilità 1 − α è falsa.

Ipotesi H0 dei test statistici di adattamento


Nel caso dei test statistici di adattamento H0 è che il campione osservato [xi ; i = 1, 2, . . . , N ] rappresenti N
valori della funzione di distribuzione cumulata stimata FX (x; â, b̂). Ciò equivale a supporre a che FX (x; â, b̂)
sia la vera distribuzione di probabilità che dà luogo al campionamento effettuato.

2.6.2 Test χ2
Il test statistico χ2 di adattamento (chi-squared goodness-of-fit test) fu introdotto da Pearson nel 1900.
Consideriamo il caso, che più comunemente capita di affrontare, in cui i parametri della distribuzione
di probabilità siano stati stimati con uno dei metodi visti in precedenza sulla base del campione. Al fine di
verificare l’ipotesi H0 si definisce come statistica del campione la differenza tra il diagramma della frequenza
empirica, costruita dal campione, e la corrispondente funzione di densità di probabilità definita per ipotesi.
La frequenza cumulata empirica può essere valutata mediante la regola di Weibull:
i
Fi =
N +1
Per poter definire empiricamente la funzione di densità di probabilità fX (x) è necessario valutare la frequenza
per classi : si suddivide l’asse x in una serie di classi contigue e si contano quanti eventi sono avvenuti in
ciascuna classe.

1a classe : x < x1 2a classe : x1 ≤ x < x2 . . . M + 1 − esima classe : xM ≤ x

Se si hanno M separatori x1 , x2 , . . . , xM allora il numero di classi Mc = M + 1.


Andrea Lisjak 2.6. Test statistici di adattamento di una distribuzione 89

Probabilità osservata
La probabilità osservata associata alla classe i-esima è data dalla frequenza empirica:
Oi
fi = (2.62)
xi − xi−1

- Oi : numero di eventi osservati che ricadono nella classe (xi−1 , xi );


- xi − xi−1 : ampiezza della classe.
Il numero di eventi osservati ricadenti nella classe i-esima vale quindi:

Oi = fi · (xi − xi−1 ) (2.63)

Probabilità teorica
Come si è detto nella classe generica (xi−1 , xi ) non ricadono solo le osservazioni bensì anche eventi estratti
direttamente dalla distribuzione teorica fX (x; â, b̂) ipotizzata.
La probabilità teorica associata alla classe i-esima è data da:
Z xi
pi = prob(xi−1 ≤ x < xi ) = fX (x, â, b̂) dx = FX (xi ; â, b̂) − FX (xi−1 ; â, b̂) (2.64)
xi−1

Se il campione è composto da N eventi il numero di eventi atteso nell’i-esima classe è dato da:

Ei = N · pi (2.65)

Figura 2.33. Probabilità teorica associata alla classe (xi−1 , xi ).

Statistica del test


La statistica del test è data da:
Mc
X (Ok − Ek )2
D= (2.66)
Ek
k=1

Essa costituisce una naturale misura della deviazione ai minimi quadrati. Si noti come D sia una statistica
in quanto è funzione degli Oi , i quali a loro volta sono funzione del campione x1 , . . . , xN .
Se la distribuzione che genera il campione è proprio quella che si è stimato, ossia l’ipotesi H0 è vera, si
può dimostrare che la statistica D ha una distribuzione del tipo χ2 :
  −1 (ν−2)/2 −d/2
fD (d) = χ2 (D, ν) = 2ν/2 Γ ν2 d e se d ≥ 0 (2.67)
0 se d < 0
90 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

- ν = Mc − 1 − np : parametro che definisce i gradi di libertà, con np pari al numero di parametri stimati
(nel nostro caso 2: â e b̂).

Si noti come questa distribuzione sia indipendente dal tipo di distribuzione ipotizzata.

Livello di confidenza
Supponiamo di voler accettare una probabilità di errore del I tipo pari ad α. Il test χ2 prevede che l’ipotesi
H0 venga respinta quando:
Mc
X (Ok − Ek )2
d= > χ2α,ν (2.68)
Ek
k=1

dove d è il valore di D basato sui valori del campione xi , i = 1, . . . , n e χ2α,ν assume un valore tale che:

prob(D > χ2α,ν ) = α (2.69)

il cui valore si ottiene mediante tabelle in funzione di α e dei gradi di libertà ν.


Il valore di α è detto anche livello di confidenza: esso rappresenta l’area sottesa dalla funzione fD (d)
alla destra di χ2ν,α . Se per esempio α = 0, 05 significa che effettuando il test si respinge l’ipotesi H0 nel caso
in cui la misura della deviazione d, calcolata da un determinato campione, cade all’interno della regione del
5 %, o, in altre parole, ci si aspetta di respingere H0 per il 5 % dei casi in cui H0 è vera.

Procedura di esecuzione del test


1. Si suddivide l’asse x in un numero Mc di classi e si valutano per ogni classe il numero di eventi osservati
Ok che vi cadono dentro.
Dal momento che solitamente si preferisce lavorare con delle classi equiprobabili, ossia con un numero
costante di eventi attesi per ogni classe:
N
E1 = E2 = . . . = Ek =
Mc
avente quindi probabilità:
Ek 1
pk = =
N Mc
la suddivisione delle classi sull’asse x viene effettuata in modo tale che, se l’ipotesi H0 è vera, allora
ci si dovrebbe aspettare un numero uguale di eventi osservati in ogni classe. Per garantire questo
risultato l’ampiezza degli intervalli viene trovata con l’operazione riportata in figura 2.34.
2. Si stimano, a partire dai dati, i parametri â e b̂ di adattamento, mediante il metodo di massima
verosimiglianza (od un altro metodo), ottenendo FX (x; â, b̂).
3. Si calcola, a partire dalla distribuzione ipotizzata con i parametri stimati, il numero di eventi atteso
Ek per ogni classe (equazioni 2.64 e 2.65)
4. Si sceglie un livello di confidenza α e si determina χ2ν,α .
5. Si costruisce il valore misurato d della statistica (equazione 2.68).
6. Si rifiuta l’ipotesi H0 se d > χ2ν,α , altrimento la si accetta.

I vincoli di affidabilità del test sono:


- affinché il test sia significativo: ν ≥ 2 =⇒ Mc ≥ 5 =⇒ M ≥ 4
- Ek ≥ 5 ∀k (almeno 5 eventi per classe);
- (=⇒ N ≥ 25).
Il test χ2 è definito un test esatto nel senso che tiene conto del fatto che si sono utilizzati i medesimi
parametri di adattamento sia per l’esecuzione del test che per la valutazione del numero di eventi attesi.
Andrea Lisjak 2.6. Test statistici di adattamento di una distribuzione 91

Figura 2.34. Determinazione dell’ampiezza delle classi (Mc = 5) in modo che siano
equiprobabili.

2.6.3 Test di Kolmogorov–Smirnov


Il test di Kolmogorov–Smirnov (K-S test) si basa su una statistica che misura la deviazione dell’istogramma
cumulato di frequenza rispetto alla funzione di distribuzione cumulata ipotizzata FX (x; â, b̂).
Data un insieme di valori campionari x1 , x2 , . . . , xN di una variabile aleatoria X si possono considerare
due istogrammi di frequenza cumulata (diversi da quello ottenuto con la regola di Weibull):

i − i−1
Fi+ = Fi = (2.70)
N N

Figura 2.35. Approssimazioni empiriche della funzione di distribuzione cumulata.

Statistica del test


Rispetto alle due frequenze cumulate empiriche definite è possibile valutare due distanze:

i − 1 + i
Di− = FX (xi ) − (2.71)

D = F (x
X i ) −
N i N

La statistica del test è definita da:


N 
D2 = max Di+ ; Di− (2.72)

i=1

La distribuzione della statistica D2 è difficile da ottenere analiticamente, tuttavia i valori assunti dalla
funzione di distribuzione possono essere calcolati numericamente e valutati per numerosi valori. È tuttavia
92 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

Tabella 2.3. Costruzione delle CDF empiriche e delle distanze.

Ordine Osservazione Fi− Fi+ D− D+


1 1−1 1

1−1

x1 FX (x1 ) − FX (x1 ) − 1
N N N N
... ... ... ... ... ...
i i−1 i
i−1

xi FX (xi ) − FX (xi ) − i
N N N N
... ... ... ... ... ...
N N −1 N −1
N

xmax FX (xN ) − FX (xN ) − N
N N N N

possibile dimostrare che la distribuzione di D2 è indipendente dalla distribuzione ipotizzata e che, fissato
un livello di confidenza α, se N diventa grande (N ≥ 50) allora:

cα,N = √
N
- vα : valore che dipende da α.

Livello di confidenza
Supponiamo di voler accettare una probabilità di errore del I tipo pari ad α. Il K-S test prevede che l’ipotesi
H0 venga respinta quando:
N 
d2 = max Di+ ; Di− > cα,N (2.73)

i=1

dove d2 e il valore di D2 basato sui valori del campione xi , i = 1, . . . , N e cα,N assume un valore tale che:

prob(D2 > cα,N ) = α (2.74)

il cui valore si ottiene, mediante tabelle, in funzione di α e di N .

Procedura di esecuzione del test


1. Si riordinano i valori xi osservati dal più piccolo al più grande.

2. Si valutano le funzioni empiriche Fi+ e Fi− .

3. Per ogni xi si valuta FX (xi ) mediante la distribuzione ipotizzata, eventualmente adattata mediante
uno dei metodi visti.

4. Si costruiscono le differenze Di+ e Di− .

5. Si sceglie un livello di confidenza α e si determina mediante tabelle cα,N .

6. Si calcola la statistica d2 (equazione 2.72).

7. Si rifiuta l’ipotesi H0 se d2 > cα,N , altrimenti la si accetta.

L’esecuzione del test può essere anche di tipo grafico (figura 2.36) tracciando una fascia di accettabilità
compresa tra la FX (x; â, b̂) e ± cα,N e verificando che l’istogramma di frequenza cumulata empirica sia
sempre interno a tale fascia.

Osservazioni
Le caratteristiche principali del K-S test sono:

• è valido per tutti i valori di N (a differenza del test χ2 );

• utilizza i dati osservati nella loro forma non aggregata (a differenza del test χ2 );

• è valido solamente per distribuzioni continue;


Andrea Lisjak 2.6. Test statistici di adattamento di una distribuzione 93

Figura 2.36. Esecuzione grafica del test di Kolmogorov–Smirnov.

• i valori di cα,N si basano su distribuzioni ipotizzate completamente specificate (ossia senza stima dei
parametri di adattamento), quando i parametri della distribuzione devono venir stimati allora non
esiste, a differenza del test χ2 , alcun modo rigoroso per correggere il test.
94 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.7 Esercizi
2.7.1 Determinazione della LPP
Dati

Alla stazione meteorologica di Gemona si sono registrati i seguenti valori di pioggia, di cui si riportano
solamente alcuni valori delle medie e delle deviazioni standard campionarie.

d 1 ora 3 ore 6 ore 12 ore 24 ore


N 50 50 50 50 50
h̄ (mm) 42,60 ... ... ... ...
σh (mm) 14,05 ... ... ... ...

Svolgimento semi-concettuale

Supponiamo di aver effettuato un’adattamento statistico col metodo dei momenti e di aver trovato per le 5
distribuzioni i parametri di adattamento α e β. Fissato un tempo di ritorno, ad esempio pari a 10 anni, si
calcola la corrispondente variabile regolarizzata di Gumbel e si trovano 5 valori di altezza di pioggia.
d: 1 ora 3 ore 6 ore 12 ore 24 ore
h: 61, mm 90 mm 108 mm 134 mm 176 mm
j: 61 mm/h 30 mm/h 18 mm/h 11,2 mm/h 7,3 mm/h
Si passa dunque alla stima dei parametri a ed n della LPP in base alla relazione:

ln h = ln a + n ln t

t ln t ln h
1 0,00 4,11
3 1,10 4,50
6 1,79 4,68
12 2,48 4,90
24 3,18 5,17

Figura 2.37. Determinazione dei parametri a ed n.

Dall’interpolazione grafica lineare dei valori calcolati si ottiene:

n ≈ 0, 31a ≈ 60
Andrea Lisjak 2.7. Esercizi 95

L’equazione della LPP è quindi:


h = 60t0,31

2.7.2 Valutazione della durata critica


Dati
La LPP è definita da h = 60t0,31 , l’area del bacino è pari a Ab = 150 km2 ed il coefficiente d’invaso vale
φ = 0, 35. Si valuti la durata critica sia col metodo dell’invaso lineare con coefficiente d’invaso k = 2, 5 ore
sia col metodo di Nash con m = 2.

Svolgimento
Col metodo dell’invaso lineare si deve risolvere l’equazione non lineare in t? :
 ?
 ?
t? = (1 − n) 1 − e−t /k et /k k

Da cui sostituendo i valori numerici si ha:


 ?
 ?
t? − 1, 725 1 − e−t /2,5 et /2,5 = 0

La quale può essere risolta per tentativi mediante alcune iterazioni:

- t? = 2 ore: =⇒ −1, 06
- t? = 1, 5 ore: =⇒ 0, 08
- t? = 1, 6 ore: =⇒ 0, 05

- t? = 1, 7 ore: =⇒ 0, 02
- t? = 1, 8 ore: =⇒ 0, 018
Si può assumere con buona approssimazione tcrit ≈ 1, 8 ore.

Col metodo di Nash si deve seguire la procedura riportata nel paragrafo 2.5.5. . . .
96 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak
2.8
2.8.1
Andrea Lisjak

Caratteristiche salienti di alcune distribuzioni standardizzate

Nome Espressione Parametri Campo Media Moda Mediana Varianza Asimmetria Curtosi
Appendice

⎛N⎞ N −m 1− 2p 1− 6p
Binomiale P( X = m ) = ⎜⎜ ⎟⎟ p m (1 − p ) N, p 0÷N Np Np(1-p)
⎝ m⎠ Np(1 − p ) Np(1 − p )

τm
Poisson P( X = m ) = exp(− τ ) τ 0÷∞ τ max(INT≤τ) τ 1 τ 3 +1 τ
m!

f X ( x ) = 1 se 0 ≤ x ≤ 1
Uniforme − 0÷1 0.5 − 0.5 1/12 0 9/5
f X ( x ) = 0 altrimenti

1 ⎛ 1 ⎞
Normale f X (x ) = exp⎜ − x 2 ⎟ − -∞ ÷ ∞ 0 0 0 1 0 3
2π ⎝ 2 ⎠
Alcune distribuzioni di probabilità
2.8. Appendice

Gamma 1 α-1
f X (x ) = x α −1 exp(− x ) α 0÷∞ α α 2 α 3+6 α
incompleta 1 Γ(α ) solo se α>1

Esponenziale FX ( x ) = 1 − exp(− x ) − 0÷∞ 1 0 0.693 1 2 9

Gumbel π2
FX ( x ) = exp[− exp(− x )] − -∞ ÷ ∞ 0.5772 0 0.3665 1.1396 5.4
(EV1) 6

1
Conosciuta anche come Pearson III Tipo e legata alla distribuzione Chi quadro
97
98

Caratteristiche salienti di alcune distribuzioni derivate

Nome Espressione Par. Campo Media Moda Mediana Varianza Asimmetria Curtosi

x−a
f X (x ) = 1
Uniforme b−a a, b a÷b (a+b)/2 − (a+b)/2 (b − a )2 0 9/5
12
in a ≤ x ≤ b

Normale 1 ⎛ 1 ⎛ x − b ⎞2 ⎞

f X (x ) = exp⎜ − ⎜ a, b -∞ ÷ ∞ b b b a2 0 3
2 parametri a 2π ⎜ 2 ⎝ a ⎟⎠ ⎟
⎝ ⎠

Gamma α −1
1 ⎛ x⎞ ⎛ x⎞
incompleta f X (x ) = ⎜ ⎟ exp⎜ − ⎟ α, k 0÷∞ kα k2α 2 α 3+6 α
a 2 parametri kΓ(α ) ⎝ k ⎠ ⎝ k⎠

Gamma α −1
1 ⎛x−β ⎞ ⎛ x−β ⎞
incompleta f X (x ) = ⎜ ⎟ exp⎜ − ⎟ α, β, k 0÷∞ kα+β k2α 2 α 3+6 α
a 3 parametri kΓ(α ) ⎝ k ⎠ ⎝ k ⎠
Capitolo 2. Statistica degli estremi

Esponenziale
a1 FX ( x ) = 1 − exp(− x / k ) k 0÷∞ k 0 0.693 k k2 2 9
parametro

Esponenziale ⎛ x−β ⎞ 0.693 k


FX ( x ) = 1 − exp⎜ − ⎟ k, β β÷∞ k+β β k2 2 9
a 2 parametri ⎝ k ⎠ +β

Gumbel ⎡ ⎛ x − b ⎞⎤ b+ b+ (aπ )2
FX ( x ) = exp⎢− exp⎜ − ⎟ a, b -∞ ÷ ∞ b 1.1396 5.4
(EV1) ⎣ ⎝ a ⎠⎥⎦ 0.5772a 0.3665 a 6
Andrea Lisjak
Andrea Lisjak 2.8. Appendice 99
100 Capitolo 2. Statistica degli estremi Andrea Lisjak

2.8.2 Valori di cα,N per il test di Kolmogorov-Smirnov

Kolmogorov-Smirnov Test
(Se il rapporto calcolato è maggiore del valore sotto indicato, si rigetti l’ipotesi nulla al livello di confidenza
prescelto.)

DIMENSIONE LIVELLO di SIGNIFICATIVITÀ per D = MAX [ F0(X) - Sn(X) ]


CAMPIONARIA
(N) .20 .15 .10 .05 .01

1 .900 .925 .950 .975 .995

2 .684 .726 .776 .842 .929

3 .565 .597 .642 .708 .828

4 .494 .525 .564 .624 .733

5 .446 .474 .510 .565 .669

6 .410 .436 .470 .521 .618

7 .381 .405 .438 .486 .577

8 .358 .381 .411 .457 .543

9 .339 .360 .388 .432 .514

10 .322 .342 .368 .410 .490

11 .307 .326 .352 .391 .468

12 .295 .313 .338 .375 .450

13 .284 .302 .325 .361 .433

14 .274 .292 .314 .349 .418

15 .266 .283 .304 .338 .404

16 .258 .274 .295 .328 .392

17 .250 .266 .286 .318 .381

18 .244 .259 .278 .309 .371

19 .237 .252 .272 .301 .363

20 .231 .246 .264 .294 .356

25 .210 .220 .240 .270 .320

30 .190 .200 .220 .240 .290

35 .180 .190 .210 .230 .270

1.07 1.14 1.22 1.36 1.63


OLTRE 35 __ __ __ __ __
√N √N √N √N √N
Capitolo 3

Idrologia e risorse idriche

3.1 Elementi di geomorfologia


3.1.1 Superfici e versanti
Le superfici possono essere distinte in:

• superfici strutturali : sono costituite da un’unica unità geologica, disposta suborizzontalmente ed


affiorante sulla superficie del terreno (figura 3.1);

Figura 3.1. Superficie strutturale.

• superfici di spianamento: sono costituite da unità geologiche differenti che, disposte originariamente
inclinate, sono state spianate per effetto di fenomeni di natura erosiva (figura 3.2).

Figura 3.2. Superficie di spianamento.

La figura 3.3 riporta un classico esempio di erosione differenziata: a partire da una superficie di spianamento
le rocce a maggior resistenza meccanica rimangono intatte mentre quelle più scadenti vengono erose con la
conseguente creazione di superfici inclinate. Si definiscono versanti o falde versanti le superfici inclinate.
Esistono diversi tipi di versanti in relazione alla disposizione degli strati ed al conseguente meccanismo di
formazione:

• versanti a gradinata: si formano in seguito a fenomeni erosivi differenziati in corrispondenza di strati


suborizzontali con caratteristiche meccaniche diverse (figura 3.4); le rocce tenere sono caratterizzate
da fenomeni erosivi diffusi mentre le rocce dure sono interessate perlopiù da fenomeni di crollo;

101
102 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.3. Resti di una superficie di spianamento (a − a) conservati su rocce dure (d).

Figura 3.4. Versante a gradinata, con pareti e cornici dove affiorano le testate dei banchi
più duri; ripiani o terrazzi di denudazione (t) in corrispondenza all’esposizione
degli strati di rocce tenere.

Figura 3.5. Esempio di rilievo tabulare o mesa; torrione isolato o testimone. t = rocce più
tenere.

• rilievi tabulari : si formano quando uno strato di roccia dura giace sopra ad uno di roccia tenera (figura
3.5);
• rilievi monoclinali : si formano in seguito a fenomeni erosivi in corrispondenza di strati inclinati
in seguito a fenomeni di tipo plicativo (figura 3.6); in queste condizioni la stabilità dei versanti è

Figura 3.6. Asimmetria strutturale delle valli e dei rilievi “monoclinali” (strati inclinati).

fortemente condizionata dalla giacitura degli strati in relazione alla superficie topografica;
• rilievi monoclinali di tipo hogback : sono rilievi monoclinali che si formano in seguito alla presenza di
un’alternanza di strati inclinati duri e teneri (figura 3.7).
Andrea Lisjak 3.1. Elementi di geomorfologia 103

Figura 3.7. Rilievi monoclinali di tipo hogback (su strati duri e teneri molto inclinati).

(a) Rilievi monoclinali di tipo questa. (b) Disposizione delle valli in aree con formazioni
rocciose a strati inclinati .

Figura 3.8. Terminologia specifica. S: superfici strutturali. A puntini: rocce tenere.

3.1.2 Tettonica
I terremoti sono la testimonianza evidente che movimenti orogenetici di natura tettonica sono tuttora in
atto. Si noti come i movimenti tettonici possano dare problemi anche sul breve–medio periodo, ossia proprio
quello che riguarda alcune opere dell’ingegneria civile.

Faglie
I piani che separano blocchi di roccia in movimento relativo tra loro sono detti faglie (figura 3.9). La figura
3.10 illustra diverse possibili evidenze morfologiche di una faglia.

Figura 3.9. Blocchi a comportamento rigido, dislocati da faglie. 1. Piani di faglia (qui
per semplicità sono considerati solo esempi di “faglie dirette”). 2. Blocco
sollevato, che forma un Horst o pilastro tettonico. 3. Blocco abbassato, che
forma un Graben o fossa tettonica. 4. Blocchi inclinati, che danno luogo a
depressioni di angolo di faglia. S. Scarpate di faglia.
104 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.10. Schemi di scarpate di faglia e loro evoluzione. A. Scarpata “fresca”, faglia
ancora attiva. B. Scarpata di faglia ormai poco riconoscibile in seguito all’ero-
sione del blocco sollevato e alla sedimentazione su quello abbassato. Questo
esempio può derivare da A, parecchio tempo dopo la cessazione del movimen-
to della faglia. C. Scarpata di faglia che tende a retrocedere per fenomeni
erosivi, e, nella parte inferiore, a venir sepolta. D. Scarpata di faglia “ringio-
vanita” in seguito ad una ripresa del movimento, partendo da una situazione
del tipo schematizzato in B.

Figura 3.11. Schemi di scarpate di linee di faglia. A. Scarpata di linea di faglia di senso
opposto al rigetto: l’erosione ha eliminato la roccia 1 e quasi completamente
la roccia 2 sul blocco sollevato. Un nuovo gradino si è formato per erosione
selettiva, in quanto la roccia 2 è più tenera della roccia 1. C’è inversione del
rilievo. B. Scarpata di linea di faglia nello stesso senso del rigetto: l’erosione
è in uno stadio più avanzato; la roccia 1 e in parte la roccia 2 sono state
eliminate anche sul blocco abbassato. Anche questo gradino si è formato per
erosione selettiva, la roccia 2 è più tenera della roccia 3.

Pieghe

Non sempre i movimenti tettonici portano alla formazione di faglie ma, se la duttilità della roccia è sufficiente,
si formano delle pieghe (figura 3.12).
Andrea Lisjak 3.1. Elementi di geomorfologia 105

Figura 3.12. Terminologia relativa a strutture a pieghe e a rilievi tettonici risultanti. Qui
si immaginano limitatissimi gli effetti dell’erosione; si è impostata una rete
idrografica che segue le pendenze determinate dal piegamento della superficie,
ed è in corso di erosione una valle trasversale.

Figura 3.13. Tipi morfostrutturali schematici in una catena costituita da una serie di pieghe
parallele.

3.1.3 Movimenti franosi


Masse coinvolte
Con riferimento alla figura 3.14 si definiscono:

• suolo: porzione di terreno sotto la superficie topografica soggetta ad azioni di alterazione da parte
della biosfera (radici vegetali, animali), caratterizzata da un forte contenuto in materia organica;
106 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

• substrato alterato: porzione di roccia in posto fortemente alterata;


• regolite: insiemte di suolo e substrato alterato.

Figura 3.14. Suolo e regolite.

Classificazione dei movimenti franosi


I movimenti franosi possono riguardare:
– il suolo;
– il regolite;
– la roccia in posto.
I movimenti franosi possono essere suddivisi in due grandi gruppi in base alla velocità del movimento:
1. movimenti lenti : sono caratterizzati da velocità dell’ordine del m/anno (figura 3.15);
(a) soil creep: avviene a scapito di un sottosuolo caratterizzato da strati che tendono ad opporsi al
movimento;
(b) soliflusso: l’inclinazione degli strati non contrasta il movimento;

Figura 3.15. Movimenti lenti del regolite.

2. movimenti veloci : avvengono in tempi dell’ordine dei minuti e delle ore (figura 3.16);
(a) frana di crollo;
(b) frana di scivolamento;
(c) frana con movimento rotazionale (figura 3.17);
(d) smottamento;
(e) frana per colamento.
Andrea Lisjak 3.1. Elementi di geomorfologia 107

Figura 3.16. Alcuni tipi di frane.

Figura 3.17. Nomenclatura di una frana di tipo rotazionale.


108 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

3.2 Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici


3.2.1 Forme dei bacini
Si faccia riferimento al bacino idrografico riportato in figura 3.18.

Figura 3.18. Bacino idrografico.

Parametri areali
I parametri areali ([L2 ]) di un bacino idrografico sono:

1. area Ab .

Parametri lineari
I parametri lineari ([L]) di un bacino idrografico sono:

1. perimetro P : lunghezza complessiva degli spartiacque;

2. lunghezza L: lunghezza del canale principale;

3. diametro Db : massima distanza tra la sezione di chiusura ed un punto del perimetro;

4. lunghezza della rete drenante LR : lunghezza totale del reticolo drenante;

5. asse vettoriale: composizione vettoriale degli assi dei canali affluenti principali.

Parametri adimensionali
I parametri adimensionali ([−]) di un bacino idrografico sono essenzialmente dei parametri di forma per-
lopiù legati ad una classificazione morfologica del bacino e quindi meno interessanti dal punto di vista
ingegneristico–applicativo:

1. fattore di forma:
Ab
F = (3.1)
Db
Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 109

2. circolarità:
Ab 4πAb
C= = (3.2)
P 2 /4π P2

Pendenza dei versanti


Per quanto riguarda i versanti e con riferimento alla figura 3.19 si definisce pendenza locale del versante:
∆H
iv = (3.3)
L0
dove:

- ∆H: equidistanza isoipse;

- L0 : distanza media tra le isoipse;


2Ai
L0 ≈ (3.4)
L1 + L2

Figura 3.19. Determinazione della pendenza locale dei versanti.

Sfruttando la relazione 3.4 la pendenza locale del versante può essere approssimata con:

∆H(L1 + L2 )
iv ≈ (3.5)
2Ai
Date le pendenze locali dei versanti, ossia quelle riferite alle aree Ai , è possibile ottenere la pendenza media
del versante come media pesata con le aree Ai delle pendenze locali.

Pendenza dei canali


Per quanto riguarda i canali la loro pendenza tende a diminuire dalla sorgente verso la foce. Esistono diverse
forme di identificazione della pendenza media.
Con riferimento alla figura 3.19 si ha:
Z80 % − Z20 %
ic 20−80 = (3.6)
L20−80

Da un punto di vista invece idraulico si definisce pendenza media ic di un canale composto da una serie di
tratti a pendenza variabile e caratterizzato da una portata specifica q costante la pendenza costante di un
canale a sezione rettangolare che fa percorrere in moto uniforme il canale nel medesimo tempodel primo.
Nel calcolo della pendenza media si utilizzano le relazioni ben note dall’idraulica dei moti a pelo libero,
ossia la relazione di Chezy in forma adimensionale:
√ √
v = C gyc q = Cy gyc (3.7)

I principali difetti di questa definizione di pendenza media sono:


110 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.20. Determinazione della pendenza media di un canale secondo criteri


geomorfologici.

– si suppone che la portata specifica sia costante da monte a valle;


– il coefficiente di scabrezza adimensionale è anch’esso supposto costante da monte verso valle;
In ogni caso l’utilità di una definizione di un parametro medio in presenza spesso di una forte variazione
spaziale sta nella possibilità di poter ottenere dei risultati semplificati utili in alcune valutazioni quantitative.

Densità di drenaggio
Si definisce densità di drenaggio:
LR
DD = (3.8)
Ab
Tale parametro esprime i km di rete idrografica presenti in media ogni km2 di bacino idrografico.

Distribuzione delle altitudini


La distribuzione delle altitudini in un bacino idrografico è rappresentata dalla curva ipsografica A =
A(z) (figura 3.20) la quale esprime la distribuzione delle aree del bacino rispetto alle quote. Nel caso
di bacini lacustri si considera come altitudine la quota dell’incile (ossia la quota della soglia dell’emis-
sario). Adimensionalizzando le aree rispetto all’area del bacino Ab si ottiene la funzione di distribuzione di
probabilità cumulata delle altitudini all’interno del bacino:

A(z)
FZ (z) = (3.9)
Ab
A partire dalla curva ipsografica si può ricavare l’altitudine media Zm del bacino (figura 3.22):
Z
1
Zm = Z(x, y) dx dy (3.10)
Ab A b

Tale parametro viene ad esempio utilizzato nella formula di Giandotti per la stima del tempo di corrivazione
di un bacino.

3.2.2 Forme delle aste fluviali


Andamento planimetrico
Si definisce sinuosità di un corso d’acqua il rapporto esistente tra la lunghezza in asse del canale e la
lunghezza in asse della valle.
Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 111

Figura 3.21. Curva ipsografica.

Figura 3.22. Determinazione dell’altitudine media di un bacino idrografico a partire dalla


curva ipsografica.

La determinazione della lunghezza del canale può essere resa difficile dal fatto che esso può variare la
propria lunghezza a seconda che sia in fase di piena o di magra, mentre la determinazione della lunghezza
della valle solitamente è resa agevole dal fatto che molti canali sono compresi tra vecchi terrazzi alluvionali,
in caso contrario si considera l’asse della fascia individuata dalle tangenti all’andamento planimetrico del
canale.
Sulla base dell’andamento planimetrico i corsi d’acqua possono essere suddivisi in (figura 3.23):
– rettilinei ;
– di transizione;
– regolarmente sinuosi ;
– irregolarmente sinuosi ;
– tortuosi.
Sempre sulla base dell’andamento planimetrico i corsi d’acqua possono essere suddivisi in:
• a canale unico: sono tipici di:
112 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.23. Classificazione delle forme fluviali in base all’andamento planimetrico.

– pendenze molto elevate (dell’ordine dello 0,01) e quindi dei torrenti di montagna, dove la geome-
tria della valle costringe il canale nel fondovalle (thalweg);
– pendenze estremamente piccole (dell’ordine dello 0,001-0,0001);

• a canali multipli : questi canali (braided rivers, nella letteratura inglese) sono caratterizzati dalla
presenza quasi permanente di filoni di corrente che si separano e poi si ricongiungono, essi sono tipici
delle pendenze medie:

– uscite delle vallate alpine;


– conoidi;
– tratti intermedi di trasporto dei canali.

Sezioni trasversali
Da un punto di vista delle sezioni trasversali si possono avere:

• sezioni trapezie: sono tipiche dei canali alpini;

• sezioni rettangolari molto ampie: sono tpiche dei canali multipli;

• sezioni compatte fortemente incise: sono tipiche dei canali di pianura;


Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 113

le sponde risultano ben marcate grazie alla presenze di numerosi vegetali e alla coesione del materiale
costituente la sponda;
in queste sezioni le piene ordinarie viaggiano a pelo delle sponde mentre le piene maggiori fuoriescono
da questa sezione in una area di espansione di piena, la cui funzione è quella di creare la pianura
alluvionale;
gli argini sono dei presidi artificiali che hanno lo scopo di contenere tale area di espansione dentro una
certa zona, che è funzione dei beni da proteggere.

3.2.3 Forme delle reti idrografiche


Nella parte montana del bacino idrografico i canali non sono quasi mai isolati ma vanno a costituire una
rete ramificata, la quale viene percorsa dall’acqua sempre nello stesso verso, in quanto il moto è dovuto alla
diferenza di potenziale gravitazionale che si trasforma in energia cinetica.
Da un punto di vista topologico la rete idrografica puà essere definita come un grafo orientato avente
una sola radice, coincidente con la sezione di chiusura, e diverse ramificazioni.
Le forme che la rete idrografica può assumere sono diverse e sono legate all’interazione tra processi
orogenetici e fenomeni erosivi (figura 3.24)

(a) (b)

Figura 3.24. Forme delle reti idrografriche.

Tra queste vale la pena ricordare:


– radiale: il processo assolutamente prodominante è quello orogenetico, tipica dei coni vulcanici;
– dendritico: il processo assolutamente predominante è quello erosivo, che si esplica su formazioni
litologiche omogenee;
– a traliccio: determinata abbastanza dal processo orogenetico, tuttavia l’erosione ha svolto il suo ruolo,
forma che si ha ad esempio quando la rete idrografica si impone su una struttura a faglie;
– a forme anostomosate: tipica di bacini idrografici di pianura, caratterizzata dalla presenza diffusa di
laghi e stagni.

3.2.4 Sistemi di ordinamento delle reti: leggi di Horton–Strahler


La forma della rete e il senso unico di percorrenza dell’acqua produce una relazione gerarchica fra i diversi
rami che costituiscono la rete. Tale gerarchia è stata ad esempio utilizzata dalle popolazioni per dare un
nome ai fiumi: partendo dalla foce si è proceduti verso monte seguendo il corso d’acqua principale.
La relazione gerarchica è tuttavia anche quella che permette la creazione di sistemi di ordinamento delle
reti (figura 3.25). Esistono diversi metodi che consentono di dare un ordine numerico alle reti idrografiche,
114 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

nel seguito verrà esposto quello introdotto da Horton (anni ’30) e successivamente corretto da Strahler:
metodo di Horton–Strahler.

Figura 3.25. Alcuni sistemi di ordinamento delle reti idrografiche.

Cenni alle teoria dei grafi

Un grafo è costituito da un certo numero di punti P nel piano, collegati da un certo numero di lati L. È
possibile che in un grafo alcuni punti rimangano isolati. Per creare un grafo ad albero si costruisce il primo
lato e poi si agganciano i lati successivi.

−→ In un grafo ad albero vale:


L=P −1 (3.11)

−→ Se il grafo risulta disconnesso vale:


L=P −C (3.12)
dove C è il numero di parti connesse.

−→ Se il grafo presenta delle maglie chiuse il numero di maglie indipendenti o numero ciclomatico vale:

M = L − (P − 1) (3.13)

Regole per la numerazione delle reti secono Horton–Strahler

Le reti trattate da Horton e Strahler sono esclusivamente quelle ad albero. Con riferimento alla figura 3.26
la numerazione della rete avviene secondo le due regole di seguito riportate.

1. Individuate le sorgenti, da queste scaturiscono canali di ordine ω = 1.

2. Alla confluenza tra due canali si distinguono due casi:


Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 115

(a) se confluiscono due canali dello stesso ordine il canale uscente ha l’ordine aumentato di uno:

α − β −→ γωα = ωβ −→ ωγ = ωα + 1 (3.14)

(b) se confluiscono due canali di ordine diverso si mantiene l’ordine maggiore tra i due:

α − β −→ γωα 6= ωβ −→ ωγ = max(ωα , ωβ ) (3.15)

Figura 3.26. Ordinamento di una rete idrografica secondo il metodo di Horton–Strahler.

Il “difetto” di questo metodo è che esso distingue i nodi tra:

– effettivi: sono nodi di termine per il canale di monte e di inizio per il canale di valle.

– fittizi: sono nodi di termine per il canale di monte ed intermedi per il canale di valle;

Parametri
X Ω: ordine del bacino, ossia massimo ordine del canale nella sezione di chiusura.

X nω : numero di canali di ordine ω.


La sua determinazione risulta relativamente facile. Partendo tuttavia dalla cartografia ci può essere
una certa arbitrarietà nella separazione tra canali attivi e canali effimeri.

X Lω : lunghezza media dei canali di ordine ω.


La sua determinazione influenzata da due fattori di distorsione:

– la posizione delle sorgenti viene spesso individuata con una certa arbitrarietà;
– LΩ è un dato statisticamente poco affidabile in quanto ottenuto come media di un solo valore
(problema di distorsione legato all’inferenza statistica).

X Aω : area media drenata dai canali di ordine ω. Si osservi come tale area comprenda non solo le falde
versanti che danno direttamente sul canale di tale ordine bensì le aree che competono ai tributari di
monte.
Anche in questo caso la determinazione di AΩ = Ab è caratterizzata da un problema di inferenza
statistica.
116 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

ω n L A
1 L1 A1
2 L2 A2
.. .. .. ..
. . . .
Ω 1 LΩ Ab

Tabella 3.1. Parametri di una rete idrografica secondo il metodo di Horton–Strahler.

Per ogni bacino idrografico e rispettiva rete idrografica analizzata è possibile ottenere una tabella come la
??.
Sulla base di numerosi dati relativi a reti idrografiche di bacini naturali, di forma tipicamente dendritica,
Horton e Strahler formularono delle leggi che individuano una tendenza razionale nello sviluppo delle reti
idrografiche.

Prima legge di Horton–Strahler


Si definisce rapporto di biforcazione il numero medio di canali di ordine ω che insiste su canali di ordine
ω + 1:

RB = (3.16)
nω+1
La prima legge di Horton–Strahler afferma che “il rapporto di biforcazione RB per una rete idrografica è
costante su ω”.
Poiché nΩ = 1 si ha che:
nΩ−1 = RB · nΩ = RB
2
nΩ−2 = RB · nΩ−1 = RB
...
k
nΩ−k = RB
La prima legge di Horton può quindi essere così formulata:
Ω−ω
nω = RB (3.17)

Effettuando la trasformata logaritmica si ottiene:

log nω = (Ω − ω) · log RB (3.18)

Ne consegue che riportando su di un piano (ω, log nω ) i punti relativi ad una determinata rete idrografica, il
rapporto di biforcazione può essere determinato a partire dal coefficiente angolare della retta che interpola
tali punti (figura 3.27):
RB : log RB = tan ϕ
Si noti come l’adattamento può essere effettuato normalmente oppure imponendo il passaggio per il punto
(ω, 1).

Seconda legge di Horton–Strahler


Si definisce rapporto di lunghezza:
Lω+1
RL = (3.19)

La seconda legge di Horton–Strahler afferma che “il rapporto di lunghezza RL per una rete idrografica è
costante su ω”.
Si ha che:
L2 = L1 · RL
Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 117

Figura 3.27. Determinazione del rapporto di biforcazione mediante la prima legge di


Horton–Strahler.

2
L3 = L2 · RL = L1 · RL
...
k
Lk+1 = L1 · RL
La seconda legge di Horton può quindi essere così formulata:
ω−1
Lω = L1 · RL (3.20)

Effettuando la trasformata logaritmica si ottiene:

log Lω = log L1 + (ω − 1) · RL (3.21)

Ne consegue che riportando su di un piano (ω, log Lω ) i punti relativi ad una determinata rete idrografica,
il rapporto di lunghezza può essere determinato a partire dal coefficiente angolare della retta che interpola
tali punti (figura 3.28).
Per problemi di inferenza statistica alle volte può essere opportuna effettuare l’adattamento escludendo
gli ordini estremi e considerando solo quelli intermedi.

Figura 3.28. Determinazione del rapporto di lunghezza mediante la seconda legge di


Horton–Strahler.
118 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Terza legge di Horton–Strahler

Si definisce rapporto di area:


Aω+1
RL = (3.22)

La terza legge di Horton–Strahler afferma che “il rapporto di area RA per una rete idrografica è costante su
ω”.
Si ha che:
A2 = A1 · RA
2
A3 = A2 · AL = A1 · R A
...
k
Ak+1 = A1 · RA
La terza legge di Horton può quindi essere così formulata:
ω−1
Aω = A1 · R A (3.23)

Effettuando la trasformata logaritmica si ottiene:

log Aω = log A1 + (ω − 1) · RA (3.24)

Ne consegue che riportando su di un piano (ω, log Aω ) i punti relativi ad una determinata rete idrografica,
il rapporto di lunghezza può essere determinato a partire dal coefficiente angolare della retta che interpola
tali punti.

Determinazione del rapporto di area a partire dalla densità di drenaggio

La lunghezza totale di tutta la rete vale: X


Z= li (3.25)
i

La densità di drenaggio è definita da:


Z
DD = (3.26)
Ab
Se il bacino è grande si può assumere:
DDΩ−1 = DDΩ (3.27)
Ne consegue che:
ZΩ−1 ZΩ AΩ ZΩ
≈ =⇒ = RA =
AΩ−1 AΩ AΩ−1 ZΩ−1
Applicando la prima e seconda legge di Horton–Strahler si ottiene:

X Ω
X
ω−1
ZΩ = nω Lω = L1 RL
ω=1 ω=1

da cui moltiplicando numeratore e denominatore per RB


ω−1
si ottiene:
Ω  ω−1 Ω  ω−1
X
Ω−1 RL Ω−1
X RL
ZΩ = L1 RB = L1 RB
ω=1
RB ω=1
RB

Ponendo β = RL /RB e sapendo che 1 + β + β 2 + . . . + β Ω−1 = (β Ω − 1)/(β − 1) si ha:

βΩ − 1
ZΩ = L1 RbΩ−1
β−1
Andrea Lisjak 3.2. Morfometria dei bacini e delle reticoli idrografici 119

In definitiva si ottiene:

ZΩ RΩ−1 β Ω − 1 β−1 βΩ
RA = = B
Ω−2
· · Ω−1 = RB · Ω−1 (3.28)
ZΩ−1 RB β−1 β −1 β −1

3.2.5 Reticoli sintetici


Dari il rapporti RB , RL e RA di un bacino ed alcuni valori caratteristici come A1 ed L1 è possibile costruire
una rete idrografica ipotetica. Imponendo ad esempio Ω = 4 si ottiene:

ω n L
1 3
RB L1
2 2
RB L1 · RL
3 RB 2
L1 · RL
4 1 3
L1 · RL

Analogamente se da Ω = 4 si volesse passare ad una rete con Ω = 5 si avrebbero dei rapporti costanti.

Cenni alla teoria dei frattali


I frattali sono figure geometriche che si ottengono modificando una figura geometrica di base mediante una
regola fissa ripetuta all’infinito. In tali figure esistono dei rapporti geometrici che rimangono costanti. La
presenza di frattali in natura è alquanto diffusa.
Si considerino i seguenti esempi:
• 1o esempio (triangolo di Sierpinski): a partire da un triangolo equilatero si divide ciascun lato a metà
e si elimina dalla figura il triangolo interno, si procede poi allo stesso modo con i nuovi triangoli che
si vengono a creare;
• 2o esempio: a partire da un triangolo equilatero si divide ciascun lato in tre parti uguali e si sostituisce
al segmento centrale il triangolo equilatero avente come lato quel segmento, si procede poi allo stesso
modo con i nuovi triangoli che si vengono a creare;
facendo il limite per un numero di triangoli che tende ad infinito si ottiene una figura avente area
finita ma perimetro infinito;
• 3o esempio: a partire da un quadrato si divide ciascun lato a metà e si tracciano i quadrati, di procede
poi allo stesso modo con i nuovi quadrati che si vengono a creare.
Si definisce dimensione frattale:
log N P
D= (3.29)
log N
dove:
- N P : numero di pezzi autosimili;
- N : rapporto dimensionale o fattore di ingrandimento.
La dimensione frattale non dipende dall’ “ingrandimento” della figura (ossia da N ).
Se si considera il triangolo di Sierpinski si ha che:
– N = 2 −→ N P = 3:
log 3
D= ≈ 1, 58
log 2
– N = 4 −→ N P = 9:
log 9 log 3
D= = ≈ 1, 58
log 4 log 2
Poiché la dimensione frattale del triangolo di Sierpinski è 1,58 esso non può essere considerato né una linea
né una superficie. Se si considera il 3o esempio si ha che:
120 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

(a) Triangolo di Sierpinski. (b) .

Figura 3.29. Esempi di frattali.

– N = 2 −→ N P = 4:
log 4
D= =2
log 2
– N = 3 −→ N P = 9:
log 9
D= =2
log 3
La dimensione del quadrato è quindi 2.

Applicazione alle reti idrografiche


Le reti drenanti naturali sono state studiate come oggetti frattali, ossia come oggetti formati, fino ad una
determinata scala1 , da parti autosimili. È possibile attribuire a reti descritte secondo il metodo di Horton–
Strahler una dimensione frattale: pur essendo costituita da elementi lineari (dimensione unitaria) essa
possiede una dimensione che tende a 2. Questo come conseguenza del fatto fisico che la rete raccoglie le
acque su di una copertura areale convogliandola in canali lineari.
Il vantaggio derivante dallo studio dei reticoli idrografici secondo la teoria dei frattali si manifesta nella
possibilità di comprendere meglio la funzione esercitata dalla forma della reticolo nella produzione degli
eventi di piena (vedi paragrafo 5.3(b)).

1 Ciò non vale se si arriva a considerare la rete idrografica a livello del versante.
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 121

3.3 Modelli di formazione del deflusso superficiale


3.3.1 Schema hortoniano e schema dunniano
Dall’Idrologia Tecnica si è visto come la valutazione delle perdite nei bacini in relazione alla produzione di
deflussi in alveo possa essere valutata secondo due schemi differenti:
X schema hortoniano: il comportamento del bacino viene supposto omogeneo e il coefficiente di ruscel-
lamento è pari alla differenza tra l’intensità di pioggia e il coefficiente di infiltrazione:

r =j−f (3.30)

X schema dunniano: il bacino viene suddiviso in:


– parte impermeabile di area Ai : l’infiltrazione è nulla (f = 0) e tutta la pioggia si trasforma in
ruscellamento (j = r);
– parte infinitamente permeabile di area Ap : l’infiltrazione è infinita (f → ∞) e tutta la pioggia
infiltra nel terreno (j = f ).
Complessivamente si può scrivere:
Ab = Ai + Ap (3.31)
j · Ai + 0 · Ap Ai
r= =j· =j·ϕ (3.32)
Ab Ab
dove ϕ è detto coefficiente di afflusso.

È evidente che queste schematizzazioni permettono delle valutazioni molto semplici del coefficiente di rus-
cellamento. Se si vogliono fare delle valutazioni più complesse ed elaborate è necessario riconoscere che i
bacini non si comportano né esattamente come il modello di Horton né esattamente come il modello di
Dunn.

3.3.2 Formula di Fántoli


Formula di Fántoli
I primi ad accorgersi di quanto riportato sopra sono stati i costruttori di fognature. A Milano il prof. Fántoli
si rese conto che il coefficiente di afflusso non è una costante bensì dipende dall’intensità di pioggia. Per la
valutazione del coefficiente medio di afflusso alla rete egli propose quella che va sotto il nome di formula di
Fántoli :
ϕ = CF · h1/3 (3.33)
dove:

- CF : coefficiente di Fántoli (costante);


- h: altezza di pioggia.
L’inconveniente derivante dall’utilizzo di tale formula sta nel fatto che per altezze di pioggia molto grandi
il coefficiente di afflusso può superare il valore unitario (figura 3.30), cosa che è fisicamente impossibile dal
momento che il ruscellamento non può essere maggiore dell’intensità di pioggia.

Formula di Fántoli–Lombardo
Per porre rimedio a questo difetto negli anni ’60 la formula di Fántoli è stata modificata da Lombardo in
modo tale che il coefficiente di afflusso tenda asintoticamente al valore unitario (figura 3.31):
 3
0, 75 1
ϕ = CF · h1/3 se ϕ ≤ 0, 75ϕ = (1 − 0, 25) · se ϕ > 0, 75 (3.34)
CF h
122 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.30. Rappresentazione grafica della formula di Fántoli per la determinazione del
coefficiente di afflusso.

Figura 3.31. Rappresentazione grafica della formula di Fántoli–Lombardo per la


determinazione del coefficiente di afflusso.

3.3.3 Metodo del Curve Number (CN–SCS)


Il metodo CN–SCS (Curve Number – Soil Conservation Service 2 ) è un metodo basato su numerose misure
dirette eseguite su bacini di drenaggio sperimentali.
Con tale metodo si prendono in considerazione le altezze di pioggia cumulate P = h (espresse in mm) il
ruscellamento R anch’esso cumulato nel tempo. Inizialmente la pioggia va a sopperire alle carenze idriche
preesistenti, dalle quali viene completamente assorbita. Tali carenze, le quali rappresentano un parametro
IA (Initial Abstraction) da darsi al metodo, sono costituite dall’acqua di adesione fogliare o di altre superfici,
da piccoli invasi, da depressioni, . . . . Si ha quindi che finché tutta la IA non è riempita il ruscellamento è
nullo:
R = 0 se P ≤ IA (3.35)
Successivamente si ha:
(P − IA )2
R= se P > IA (3.36)
P − IA + S
2 Tale servizio fa parte dello United States Department of Agriculture e la sua funzione è quella di prevenire la desertificazione

dei suoli, intesa come rimozione della sua parte fertile.


Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 123

Per comprendere il significato del parametro S è utile ragionare in termini di altezze in funzione dell’altezza
di precipitazione:
S = lim F (3.37)
P →∞

S rappresenta quindi il volume disponibile all’interno del suolo per immagazzinare l’acqua infiltrata (storage
o immagazzinamento).

Figura 3.32. Rappresentazione grafica del metodo CN-SCS.

Un’altra assunzione fatta dal metodo è che:

IA = λS con λ ≈ 0, 2 (3.38)

Determinazione del parametro di immagazzinamento S

Per la determinazione del parametro di immagazzinamento S il metodo CN-SCS introduce il coefficiente


CN mediante la relazione:
1.000
CN = (3.39)
10 + S
124 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

con S espresso in pollici, oppure:


1.000
CN = (3.40)
10 + S/25, 4
con S espresso in mm. Invertendo la relazione 3.40 si ottiene:
 
1.000
S= − 10 · 25, 4 (3.41)
CN

dove CN varia tra 0 e 100:


– CN = 0 =⇒ S → ∞: terreno infinitamente permeabile;
– CN = 100 =⇒ S = 0: terreno impermeabile.
Il coefficiente CN dipende da:

1. costituzione pedologica e litologica del substrato (tabella 3.2);


2. tipo di copertura del suolo (tabella 3.3).

Tabella 3.2. Metodo CN-SCS: tipi di suolo.

Gruppo Descrizione
A Scarsa potenzialità di deflusso.
Comprende sabbie profonde con scarsissimo limo e argilla; anche ghiaie profonde, molto permeabili.
B Potenzialità di deflusso moderatamente bassa.
Comprende la maggior parte dei suoli sabbiosi, meno profondi che nel gruppo A, ma il gruppo, nel
suo insieme, mantiene alte capacità di infiltrazione, anche a saturazione.
C Potenzialità di deflusso moderatamente alta.
Comprende suoli sottili e suoli contenenti notevoli quantità di argille e colloidi, anche se meno che
nel gruppo D. Il gruppo, a saturazione, ha scarsa capacità di infiltrazione.
D Potenzialità di deflusso molto alta.
Comprende la maggior parte delle argille con alta capacità di rigonfiamento, ma anche suoli sottili
con orizzonti pressoché impermeabili in vicinanza della superficie.

Difetto del metodo


Il metodo CN–SCS è adatto alla descrizione di un singolo evento, tuttavia da un punto di vista previsionale
presenta un grosso difetto: dal momento che tale metodo non prevede il ritorno del sistema nelle condizioni
di partenza risulta difficile l’analisi di una serie di eventi, la capacità di infiltrazione infatti diminuisce
all’aumentare dell’altezza di pioggia tuttavia quando l’evento termina l’acqua si asciuga ed il sistema si
riporta verso le condizioni iniziali.
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 125

Tabella 3.3. Metodo CN-SCS: valori di CN per tipo di suolo e tipo di copertura.

Copertura Suolo
A B C D
Terreno coltivato:
senza trattamenti di conservazione 72 81 88 91
con trattamenti di conservazione 62 71 78 81
Terreno da pascolo
cattive condizioni 68 79 86 89
buone condizioni 39 61 74 80
Praterie
buone condizioni 30 58 71 78
Terreni boscosi o forestati:
sottile, sottobosco povero, senza foglie 45 66 77 83
buon sottobosco e copertura fogliare 25 55 70 77
Spazi aperti, prati rasati, parchi:
buone condizioni, copertura erbosa > 75 % 39 61 74 80
condizioni normali, copertura erbosa pari 50 % 49 69 79 84
Aree commerciali (coperture impermeabili 85 %) 89 92 94 95
Distretti industriali (coperture impermeabili 72 %) 81 88 91 93
Aree residenziali con copertura media del:
65 % 77 85 90 92
38 % 61 75 83 87
30 % 57 72 81 86
25 % 54 70 80 85
20 % 51 68 79 84
Parcheggi impermeabilizzati, tetti 98 98 98 98
Strade
pavimentate, con cunette e fognature 98 98 98 98
inghiaiate o selciate, con buche 76 85 89 91
in terra battuta 72 82 87 89

3.3.4 Modello “fisico” di Green–Ampt


Consideriamo un suolo omogeneo ed isotropo tale per cui l’analisi di una sua colonna equivale all’analisi del
suolo nel suo complesso (figura 3.33).
Man mano che piove si osserva l’avanzamento di un fronte umido che procede verso il basso come un impulso
rettangolare, governato dalla legge di Darcy:
dH
v = −K · (3.42)
dx
dove:
- H: carico piezometrico;
- x: distanza percorsa nel senso del moto.
Supponiamo di avere:
- ψS : carico piezometrico in superficie;
- ψF : carico piezometrico sul fronte umido, è presente infatti un potenziale capillare che tende a
risucchiare l’acqua verso il basso.
Sia inoltre:
- θS : contenuto d’acqua nella zona satura;
126 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.33. Modello di Green–Ampt.

- θi : contenuto d’acqua nella zona non satura.


Si ha quindi:  
dF dH ψS + z − ψF ψS − ψF
f= = KS · = KS · = KS · 1 + (3.43)
dt dz z z
poiché per continuità vale:
F
z= (3.44)
θS − θi
ne consegue che:  
dF (ψS − ψF )(θS − θi )
= KS · +1 (3.45)
dt F
Tale relazione costituisce un’equazione differenziale ordinaria con variabile indipendente il tempo t. Asseg-
nate le condizioni iniziali :
t = 0 −→ F = 0 (3.46)
è possibile integrare in t al variare di F ottenendo una soluzione implicita3 ossia per quale tempo t si ha
una determinata altezza di infiltrazione F (formula di Green–Ampt):
 
F (θS − θi )(ψS − ψF ) F
t= − ln 1 + (3.47)
KS KS (θS − θi )(ψS − ψF )

Per poter utilizzare questa formula è necessario conoscere alcune caratteristiche del terreno:
– coefficiente di infiltrazione KS ;
– porosità θS ;

– umidità iniziale θi .
È necessario inoltre formalizzare i potenziali.
Il risultato che si ottiene è simile alla formula di Horton tuttavia è ricavato partendo da uno modello
fisico del terreno.

3 La soluzione F (t) di tale equazione differenziale è invece di più difficile determinazione.


Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 127

3.3.5 Formula di Philip


La formula di Philip per la determinazione del tasso di infiltrazione in un suolo è la seguente:

f = A + B(t − t0 )−1/2 (3.48)

dove:

- t0 : tempo relativamente antecedente all’inizio dell’infiltrazione;


- A: parametro;
- B: parametro.

I tre parametri sono valori sperimentali che devono essere determinati mediante misure dirette di infiltrazione
nel terreno. Se si considera un tempo t0 negativo si ha (figura 3.34):

A+B
f0 = √ (3.49)
−t0
f∞ = A (3.50)

Figura 3.34. Rappresentazione grafica della formula di Philip.

In generale si può affermare che l’utilizzo di una formula piuttosto che di un’altra dipende essenzialmente
dalla confidenza tecnica di chi la usa con una o con l’altra e dalla disponibilità numerica dei parametri in
essa contenuti. La formula di Horton è più diffusa in ambito idrologico mentre quella di Philip lo è in ambito
agronomico.
128 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

3.3.6 Probability Distributed Moisture Model (PDM)


Dal momento che l’obiettivo ingegneristico è la valutazione dell’infiltrazione alla scala del bacino idrografico,
il quale presenta notevoli disomogeneità sia dal punto di vista della copertura che del tipo di substrato, è
evidente che l’utilizzo di formule come quelle di Horton, Philip e Green–Ampt, fa sorgere un problema di
fondo: è possibile partire da valutazioni puntuali e poi considerare tali risultati rappresentativi dell’intero
bacino idrografico? E ancora: il comportamento medio può essere utilizzato per modellare correttamente il
comportamento reale del bacino?
Tale problema ha cominciato a trovare delle soluzioni teoriche a partire dalla fine degli anni Settanta.
A questo proposito il primo modello è stato il Probability Distributed Moisture Model di Wood.

Idea di base
Gli elementi di immagazzinamento multiplo possono riempirsi durante gli eventi piovosi e svuotarsi du-
rante i periodi tra gli eventi. Se qualche serbatoio è pieno allora le precipitazioni successive raggiungono
direttamente i canali come ruscellamento superficiale. Una lenta componente di drenaggio può svuotare
i serbatoi nel periodo tra gli eventi, contribuendo alla recessione dello scarico nei canali e ripristinando
l’immagazzinamento iniziale prima dell’evento successivo. Si tiene anche conto dell’evapotraspirazione da
ciascun serbatoio durante i periodi intra–evento.
Ad ogni evento evidentemente i serbatoi con la capacità minore si riempiranno per primi e cominceranno
a produrre ruscellamento superficiale per primi. La capacità di ciascun serbatoio è supposta rappresentare
una determinata proporzione del bacino in modo che man mano che i serbatoi si riempiono la percentuale
di area producente ruscellamento può anche essere calcolata. Questa area si espande durante gli eventi e
si contrae negli altri periodi in maniera tale che essenzialmente la distribuzione dei serbatoi rappresenta
un’area contribuente dinamica alla produzione di ruscellamento.
La distribuzione dei serbatoi usati nel modello è solamente una distribuzione di serbatoi concettuali
e il problema nasce su quale tipo di distribuzione può essere più appropriata per un determinato per un
determinato bacino.
Supponendo un’intensità di pioggia j e un tasso di infiltrazione f omogenei nel bacino ma variabili nel
tempo, ad un determinato istante l’altezza infiltrata F è all’incirca costante nel bacino. Diagrammando la
profondità Z (m) in funzione della capacità di campo C (m) (figura 3.35) si ha che:
• la capacità di campo non può essere superiore alla profondità, al massimo può essere Z = C;
• se C = 0 è evidente che l’altezza di pioggia infiltrata è nulla;
• se Ct è la capacità di campo all’istante t ed F è l’altezza infiltrata si possono presentare due casi:
1. se F ≤ Ct il terreno è saturo;
2. se F >
All’aumentare dell’altezza infiltrata F la capacità di campo al tempo t aumenta e quindi l’area contribuente
varia nel tempo: il bacino si comporta come un polmone che si espande e si contrae. In realtà tale modello
si occupa solamente della fase di espansione ossia quella di creazione delle piene.

Ipotesi probabilistica
L’ulteriore ipotesi su cui si basa il modello è che l’altezza infiltrata F è indipendente dalla distribuzione
spaziale della capacità di campo nel bacino, ciò che conta è la sua distribuzione di densità di probabilità
fC (c).

Algoritmo di calcolo
Sulla base del modello di comportamento del bacino e dell’ipotesi vista è possibile sviluppare un algoritmo
per il calcolo del volume d’acqua immagazzintato nel terreno.
1. Al tempo t la capacità d’immagazzinamento vale:

ct = c? (3.51)

dove:
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 129

Figura 3.35. Andamento della capacità di campo in funzione dell’altezza d’acqua.

- c? : capacità critica che distingue i terreni saturi da quelli non saturi.

Il volume d’acqua immagazzinato nel bacino è dato dalla somma integrale delle singole capacità pesate
per la loro rappresentatività all’interno del bacino, espressa dalla funzione di densità di probabilità:
Z ∞ Z c? Z ∞ Z c?
S= cfC (c) dc = ?
cfC (c) dc + c fC (c) dc = [1 − FC (c)] dc (3.52)
0 0 c? 0

Noto S è possibile, mediante tale relazione, calcolare c? .

2. Si effettua ora un bilancio alla superficie del bacino, in modo da tenere conto che della pioggia che
cade una parte ruscella, una parte infiltra ed una parte evapotraspira:

j =r+f +e (3.53)

Dal momento che durante gli eventi piovosi l’atmosfera è pressoché satura il contributo dell’evapo-
traspirazione è pressoché trascurabile, consideriamo quindi solo il tasso:

π =r+f (3.54)

L’incremento infinitesimo di capacità di campo dc corrispondente ad un incremento dt vale:

– zona satura: dc = 0;
– zona non satura: dc = π dt, in quanto tutta l’acqua che cade infiltra.

Immaginando un tasso π costante su intervalli di tempo ∆t si ha che :

c? (t + ∆t) = c? (t) + π∆t (3.55)

Dal momento che il ruscellamento avviene solamente nella zona satura si ha che:

r = π · FC (c? ) (3.56)
130 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

3. Sempre nell’ipotesi di π costante su intervalli di tempo ∆t il volume d’acqua ruscellato vale:


Z t+∆t Z t+∆t Z c? (t+∆t)
VR = r(τ ) dτ = π FC (c? (τ )) dτ = π FC (x) dx (3.57)
t t c? (t)

4. La variazione di volume immagazzinato nell’intervallo di tempo ∆t vale:

∆S = π∆t − VR (3.58)

Riepilogando si ha che:
1. S −→ c?

2. c? −→ r (passo non necessario dal punto di vista del calcolo)


3. r −→ VR
4. VR −→ ∆S
Ciclando tra i passi 1, 3 e 4 è possibile descrivere l’andamento del tempo dell’area contribuente, ossia di
quella porzione di bacino che contribuisce al ruscellamento.
Tale modello ha avuto esclusivamente risonanza teorica in quanto presenta il grosso limite applicativo che
necessita della conoscenza diretta della funzione di densità di probabilità della capacità d’immagazzinamento
del bacino fC (c).
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 131

3.3.7 Top Model


Il passo successivo è stato quello di considerare come punto di partenza il concetto probabilistico del PDM
e di cercare modelli teorici basati su parametri morfometrici del bacino, dipendenti direttamente dalla
fC (c). Una soluzione di questo tipo è stata proposta alla fine degli anni Settanta da Beven con un modello
rappresentante l’interazione idrologica a livello della superficie del terreno: tale modello è noto come Top
Model ed è quello attualmente più utilizzato.
Il Top Model si presenta come una struttura aperta ed è distribuito gratuitamente con un file sorgente
scritto in linguaggio Fortran. Nel seguito ne verranno esposti i principi generali.

Assunzioni fondamentali
Il Top Model parte da 3 ipotesi di lavoro.
1. È intuitivo pensare che in un bacino idrografico le zone sature si dispongano attorno alle aste fluviali,
in quanto esse coincidono con le emergenze della falda stessa. Ciascuna di queste zone sature è in
equilibrio con una ricarica stazionaria proveniente dal pendio di area contribuente a (figura 3.36).

Figura 3.36. Top Model: ipotesi 1.

2. La tavola d’acqua è subparallela alla superficie in modo tale che il gradiente idraulico efficace sia
uguale alla pendenza superficiale locale tan β (figura 3.37). La dinamica della zona satura può essere
approssimata mediante rappresentazioni successive stazionarie della zona satura su un’area a drenante
in un punto del pendio.

Figura 3.37. Top Model: ipotesi 2.

3. Il profilo di trasmissività può essere descritto da una funzione esponenziale del deficit di immagazz-
inamento, con un valore T0 quando il terreno è saturo sino in superficie (deficit nullo) (figura 3.38).
132 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.38. Top Model: ipotesi 3.

Flusso stazionario nella zona satura e indice topografico


Sotto le ipotesi viste in ogni punto i del pendio la portata unitaria sotterranea in zona satura può essere
descritta dalla seguente equazione:
qi = T0 tan β exp(−Di /m) (3.59)
dove:

- Di : deficit di immagazzinamento locale per unità di superficie [L]

- m: parametro che controlla la velocità di diminuzione della trasmissività all’aumentare del deficit di
immagazzinamento,

- T0 e tan β: valori locali riferiti al punto i.

Poi sotto l’assunzione che, in ogni momento, esista un flusso quasi stazionario attraverso il terreno, assumento
un tasso di ricarica r spazialmente omogeneo verso la tavola d’acqua, si può scrivere:

qi = ra (3.60)

Combinando le due equazioni è possibile derivare una formula per ciascun punto che metta in relazione la
profondità locale della tavola d’acqua all’indice topografico ln(a/ tan β) in quel punto, al parametro m, alla
trasmissività locale satura T0 ed al tasso di ricarica r:
 
ra a
Di = −m ln = −m ln − m ln r (3.61)
T0 tan β T0 tan β

Si noti che quando il terreno è saturo il deficit locale è nullo e come il terreno si asciuga e la tavola d’acqua
scende i valori numerici del deficit di immagazzinamento aumentano.
Un’espressione per il deficit medio può essere ottenuta mediando arealmente la somma su tutti i punti
interni al bacino:
     
1 X ra 1 X a
D= Ai −m ln = −m ln r + Ai −m ln (3.62)
A i T0 tan β A i T0 tan β

Assumendo r spazialmente costante si può scrivere una relazione tra la profondità media della tavola d’acqua,
la profondità locale della tavola d’acqua, le variabili topografiche e la trasmissività satura:
  
a
Di = D + m γ − ln (3.63)
T0 tan β
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 133

dove:

- ln(a/T0 tan β: indice topografico di Beven;

-
1 X a
γ= Ai ln (3.64)
A i T0 tan β

È possibile definire un valore medio di tramissività areale:


1 X
ln Te = Ai ln T0 (3.65)
A i

L’equazione (3.63) può essere riarrangiata in:


 
D − Di a
= − λ − ln + [ln T0 − ln Te ] (3.66)
m tan β

dove:

- λ = (1/A) Ai ln(a/ tan β): costante topografica del bacino


P
i

Tale equazione esprime la deviazione che esiste tra la profondità media della tavola d’acqua nel bacino
(deficit) e la profondità locale della tavola d’acqua (deficit) in ogni punto in termini di deviazione dell’indice
topografico dalla sua media areale, e la deviazione del logaritmo della trasmissività locale dal suo valore
integrale areale. Tale relazioen è scalata mediante un parametro m.

Indice topografico come indice di similarità idrologica

L’implicazione dell’equazione (3.63) è che in ciascun punto del bacino con il medesimo valore dell’indice
topografico:  
a
IT = ln
T0 tan β
si prevede che rispondenderà idrologicamente in maniera simile. Non è quindi necessario eseguire i conti per
ciascun punto dello spazio ma solo per diversi valori dell’indice topografico.
Nella maggiorparte delle applicazione del Top Model la distribuzione dell’indice topografico viene dis-
cretizzata in un certo numero di incrementi rappresentanti appropriati percentuali del bacino: una volta
valutata la distribuzione dell’indice topografico sul bacino è possibile costruire delle classi comprese tra
dei valori prefissati (IT1 , IT2 , . . . ) e successivamente attribuire ad ogni classe l’area Ai della superficie di
bacino avente indice topografico compreso. Si può quindi costruire un istogramma di frequenza delle aree
aventi indice topografico all’interno di tali intervalli (figura 3.39). Adimensionalizzando poi tali aree Ai
rispetto all’area del bacino idrografico Ab si ottiene un diagramma di frequenze relative confrontabile con
una funzione di densità di probabilità.
Ad ogni passo, quegli incrementi con elevati valori dell’indice topografico vengono predetti come saturi
o aventi basso deficit d’immagazzinamento. I calcoli per ciascun incremento vengono completati con una
componente di zona non satura.

Derivazione dell’indice topografico

L’analisi della topografia del bacino è richiesta ai fini della derivazione della funzione di distribuzione di
a/ tan β. Al fine di ottenere valori discreti di a/ tan β è necessario effettuare un campionamento della
topografia. Attualmente viene utilizzata una tecnica computerizzata basata per la derivazione della funzione
di distribuzione dell’indice topografico basata sulla divisione del bacino in unità di sottobacino. Ogni unità
viene poi discretizzata in piccoli elementi locali di pendio sulla ase dei percorsi di flusso dominanti.
Esistono poi altre tecniche più evolute basate sull’utilizzo di DTM.
134 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.39. Top Model: istogramma di frequenza delle aree in funzione dell’indice
topografico.

Umidità del terreno: flussi in zona non satura


La struttura base del terreno può essere utilizzata per modellare varie descrizioni di processi che avvengono
in zona non satura. Una formulazione assume che l’immagazzinamento nella zona delle radici per ogni
valore dell’indice topografico sia svuotata solo dall’evapotraspirazione, e che l’acqua sia aggiunta allì’im-
magazzinamento della zona non satura solo dopo che la zona delle radici ha raggiunto la capacità di campo.
Il drenaggio è assunto essenzialmente verticale ed il flusso di drenaggio per unità di area qv viene calcolato
per ogni classe dell’indice topografico.
Una forma spesso utilizzata è:
Suz
qv = (3.67)
Di td
dove:
- Suz : immagazzinamento [L] nella zona non satura (drenaggio per gravità);
- Di : deficit di immagazzinamento locale per drenaggio a gravità e dipendente dalla profondità locale
della tavola d’acqua [L].

Schematizzazione del processo di infiltrazione


È possibile analizzare il Top Model con la seguente schematizzazione del singolo elemento (figura 3.40).
Con riferimento alla figura 3.40 si supponga un’intensità di pioggia j, nel sottosuolo si possono individuare
4 zone ideali:
1. zona di immagazzinamento a livello delle radici;
2. zona non satura costituita dai pori più piccoli;
3. zona in cui si ha il flusso di ricarica della falda, costituita dalla frazione più grossolana;
4. zona satura al di sotto della falda.
Se il deficit diminuisce a livello di bacino si hanno sempre maggiori contatti fra la superficie topografica e
la falda; inoltre l’immagazzinamento viene ad essere legato al deficit stesso con la sostituzione di T (D) con
K0 (D):
– se j > K0 allora r = j − K0 ;
– se j < K0 allora r = 0.
Andrea Lisjak 3.3. Modelli di formazione del deflusso superficiale 135

Figura 3.40. Top Model: schematizzazione del singolo elemento.

Finché non viene raggiunta la capacità massima del suolo di immagazzinare l’acqua (Sr < Sr,max ) si ha che
il tasso d’infiltrazione vale:
f = min(j, K0 ) (3.68)
e quindi l’immagazzinamento vale:
Sr (t + ∆t) = Sr (t) + f ∆t (3.69)
Una volta che la capacità di immagazzinamento massima del terreno è stata raggiunta l’infiltrazione profonda
I comincia a ricaricare la falda:
– se Sr < Sr max allora I = 0;
– se Sr ≥ Sr max allora I = f .
Con il Top Model la superficie del bacino viene distinta in due porzioni:
1. porzione che produce dirttamente ruscellamento di tipo hortoniano (D = 0);
2. porzione che produce ruscellamento per annullamento del deficit.
Il Top Model può essere suddiviso in 2 moduli:
1. un modulo complesso che controlla il ruscellamento a scala locale mediante il modello di Horton o ad
area contribuente (?);
2. un modulo di trasporto secondo i concetti dell’idrogramma unitario.
È evidente che rispetto al metodo CN-SCS il Top Model permette, in quanto maggiormente legato alla fisica
del sistema, di seguire anche una successione di eventi piovosi oltre che il singolo evento.

Varianti al modello base


Esistono numerose varianti al Top Model con le quali tener conto di ulteriori processi idrologici, tra le quali:
• è possibile prevedere un modulo che calcoli l’acqua che arriva alla sezione di chiusura del bacino in
seguito al deflusso di base dovuto all’esaurimento delle falde sotterranee; in questi casi è possibile
valutare la portata di base in termini di deficit d’immagazzinamento medio del bacino:
 
D
Qb = Q0 exp − (3.70)
m
136 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.41. Top Model: schematizzazione dell’intero bacino idrografico.

• è possibile prevedere un modulo che calcoli l’acqua che arriva alla sezione di chiusura del bacino per
effetto dello scioglimento delle nevi ;

• è possibile prevedere un modulo che calcoli le perdite nel bacino dovute all’evapotraspirazione; in
questi casi si utilizza una formula come quella di Penman.
La versioni attuali del Top Model usano due serbatoi per rappresentare la zona non satura, uno rappre-
sentante gli immagazzinamenti per intercezione e dovuto alle radici, per il quale viene calcolato un deficit
aggiuntivo dovuto all’evapotraspirazione, e un magazzino di drenaggio che controlla la ricarica della zona
satura.
La rappresentazione dell’infiltrazione può essere anche inclusa nel modello mediante approcci più esplici-
tamente fisici (esempio Horton).
Andrea Lisjak 3.4. Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico 137

3.4 Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico


Esistono situazioni in cui è necessario conoscere la risposta idrologica di un bacino, rappresentabile dal-
l’idrogramma unitario istantaneo (IUH - Instantaneous Unit Hydrograph), in tempi relativamente brevi e
quindi prescindendo dall’esecuzione di misure di precipitazione e di portata. I primi modelli di questo tipo
sono stati proposti verso la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta. Dal momento che essi permettono
la ricostruzione della risposta idrologica in termini di IUH basandosi esclusivamente sulla morfologia del
bacino e quindi su dati topografici vengono detti Idrogrammi Unitari Istantanei Geomorfologici (GIUH -
Geomorfological Instantaneous Unit Hydrograph).
Il problema della determinazione dello GIUH è stato affrontato dai primi ricercatori che hanno studiato
tale problema (Gupta e Rodriguez–Iturbe) secondo due punti di vista differenti.

3.4.1 Approccio basato sul metodo di Horton–Strahler


Tale approccio al modello è stato per la prima volta pubblicato nel 1979 sulla rivista Water Resources
Research. Esso parte da una serie di concetti fondamentali:

X tempo di residenza nel bacino;

X ordinamento del reticolo idrografico secondo il metodo di Horton–Strahler;

X interazione debole tra le particelle d’acqua.

Tempo di residenza nel bacino


L’idrogramma unitario istantaneo può essere interpretato come una funzione di densità di probabilità avente
come variabile aleatoria il tempo di residenza nel bacino (detto anche tempo di risposta): una quantità
d’acqua piovuta in un punto qualsiasi del bacino ha una densità di probabilità u(t) di uscire al tempo t
dalla sezione di chiusura del bacino. L’aleatorietà del processo sta nel fatto che non è noto a priori il punto
da cui parte il percorso della gocciolina di pioggia verso la sezione di chiusura.

Figura 3.42. Funzione di densità di probabilità associata al tempo di residenza nel bacino.

Ordinamento del reticolo idrografico secondo il metodo di Horton–Strahler


Il bacino idrografico viene rappresentato mediante un reticolo di canali ordinato secondo il metodo di
Horton–Strahler. Esso è quindi caratterizzato dai parametri RB , RL ed RA e da canali di ordine ω =
1, . . . , Ω.
138 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Interazione debole tra le particelle d’acqua


La pioggia che dà luogo a ruscellamento (ossia la pioggia efficace, valutata mediante uno dei metodi visti
in precedenza) è schematizzabile mediante n particelle identiche, aventi cioè ugual massa, debolmente
interagenti tra di loro.
Il tempo di residenza della particella i-esima dipende dal suo percorso verso la sezione di chiusura:
X
Ti = ti,k (3.71)
k∈percorso

dove:

- Ti : tempo di residenza della particella i-esima;

- ti,k : tempo parziale di percorrenza della particella i-esima del tratto parziale k − esimo appartenente
al percorso;
in maniera simile a quanto visto per il modello cinematico o della corrivazione si può assumere:
Lk
ti,k = (3.72)
vk
dove:

- Lk : lunghezza del tratto parziale k − esimo;


- vk : velocità media di percorrenza del tratto k−esimo, considerata come una caratteristica propria
del tratto e non del numero di particelle che lo percorre (ipotesi di interazione debole).

Interazione debole tra le particelle


Bisogna innanzitutto procedere alla scomposizione del bacino e del reticolo idrografico tenendo presente il
metodo di ordinamentodi Horton–Strahler.

1. Il bacino viene suddiviso in:

−→ canali cω (ω = 1, . . . , Ω): vengono individuati in base all’ordine di Horton–Strahler;


−→ aree elementari contribuenti rω : rappresentano tutti i percorsi al di fuori della rete di canali
permanente (prati, tetti, strade, . . . ), l’ordine ω dell’area è uguale a quello del canale a cui
afferisce;
si noti come nella determinazione dell’area di ordine ω di debba seguire un procedimento leg-
germente diverso da quello visto nel metodo di Horton–Strahler: essa comprende esclusivamente
l’area che afferisce al solo canale di ordine ω e non le aree a monte afferenti a canali di ordine
inferiore; deve essere:
XΩ
rω Nω = Ab (3.73)
ω=1

dove:
- Nω : numero di aree di ordine di ω;
- rω : area media delle aree di ordine ω.

2. Tutti i possibili percorsi fisici della pioggia efficace per arrivare alla sezioen di chiusura vengono
riassunti, in base all’ordinamento di Horton–Strahler nella seguente maniera:
se consideriamo un bacino idrografico di ordine Ω = 4 si hanno 8 possibili percorsi:

(a) r4 −→ c4 −→ S;
(b) r3 −→ c3 −→ c4 −→ S;
(c) r2 −→ c2 −→ c3 −→ c4 −→ S;
(d) r2 −→ c2 −→ c4 −→ S;
Andrea Lisjak 3.4. Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico 139

Figura 3.43. Determinazione delle aree elementari rk .

(e) r1 −→ c1 −→ c2 −→ c3 −→ c4 −→ S;
(f) r1 −→ c1 −→ c3 −→ c4 −→ S;
(g) r1 −→ c1 −→ c2 −→ c4 −→ S;
(h) r1 −→ c1 −→ c4 −→ S.

3. Dal momento che il tempo di residenza è assunto come una variabile aleatoria, la probabilità che venga
seguito il percorso s − esimo è data da:

ps = πr · pr→c · pc→c · . . . (3.74)

dove:

- πrω : probabilità che una particella cada nell’area elementare r;


essa è direttamente proporzionale al’estensione delle aree di ordine ω:

πrω = Nω · (3.75)
Ab

- prω →cω : probabilità che ci sia il passaggio della particella dall’area rω al canale cω ;
dal momento che aree di ordine ω afferiscono solamente a canali di ordine ω si ha:

πrω →cω = 1 (3.76)

- pcω →cω0 >ω : probabilità che ci sia il passaggio della particella da un canale ad un altro canale di
ordine maggiore;
sia dato per esempio un bacino di ordine Ω = 4 e sia N1 il numero di canali di ordine 1, si possono
presentare i seguenti casi si trasferimento di una particella da un canale di ordine 1 verso altri
canali:
(a) c1 −→ c2 con m1 numero di canali di ordine 1 che afferiscono a canali di ordine 2:
m1
pc1 →c2 = (3.77)
N1
(b) c1 −→ c3 con m2 numero di canali di ordine 1 che afferiscono a canali di ordine 3:
m2
pc1 →c3 = (3.78)
N1
140 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

(c) c1 −→ c4 con m3 numero di canali di ordine 1 che afferiscono a canali di ordine 4:


m3
pc1 →c4 = (3.79)
N1
Deve essere inoltre: X
ps = 1 (3.80)

Determinazione dello GIUH


Il tempo di residenza nel bacino relativo al percorso s − esimo vale:
X
Ts = Tk (3.81)
k∈percorso

Il tempo di residenza nel bacino ovviamente dipende dal percorso seguito, tuttavia in termini formali è
possibile scrivere: X
TB = δs · Ts (3.82)
k∈p.p.

dove:

- p.p.: percorsi possibili;

- δs è la delta di Dirac.

La probabilità che il tempo di residenza di una particella sia inferiore a TB vale:


X
prob(Tb < t) = prob(Ts < t) · ps (3.83)
s∈p.p.

L’idrogramma unitario istantaneo essendo una funzione di densità di probabilità è la derivata della funzione
di probabilità cumulata:
d
u(t) = prob(Tb < t) (3.84)
dt
dopo alcuni passaggi si ottiene: X
u(t) = ps · [f1 ∗ f2 ∗ . . . fΩ ] (3.85)
s∈p.p.

dove:

- ∗: integrale di convoluzione;

- fk : funzioni di densità di probabilità dei tempi di residenza all’interno dei singoli elementi.

Ipotizzando che le funzioni di densità di probabilità siano espresse in forma esponenziale (figura 5.3(b)):

fk = λk exp (−λk t) (3.86)

le convoluzioni assumono un’espressione semplificata:


k
X
f1 ∗ f2 ∗ . . . ∗ fk = cjk exp (−λjt) (3.87)
j=1

dove: Qk
j=1 λj
cjk = Qk (3.88)
i=1∧i6=j (λi − λj )
Dal momento che nella maggiorparte dei casi si lavora con un tempo discreto è possibile sviluppare un
algoritmo di calcolo per la risoluzione di tale problema.
Andrea Lisjak 3.4. Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico 141

Velocità media nei canali e di ruscellamente superficiale


I valori della costante λk sono legati al tempo di residenza delle singole particelle nel k−esimo elemento.
La lunghezza media dei canali di ordine ω è data da:
ω−1
Lω = L1 RL (3.89)

Se vc è la velocità media di trasferimento nei canali allora il tempo medio di percorrenza di un canale di
ordine ω è dato:

tω = (3.90)
vc
Se il k − esimo elemento è costituito da un canale di ordine ω allora si può assumere:
1 vc
λk = = (3.91)
tω Lω
La velocità media di trasferimento lungo le falde versanti vr è invece di un ordine di grandezza più piccolo
rispetto a quella di trasferimento nei canali (0,1 m/s contro 1–1,5 m/s). Ipotizzando di adottare per le aree
rk una schematizzazione rettangolare (figura 3.44) si ha che la distanza percorsa lungo il versante dell’area
r di ordine ω è pari a:
Bw rω
Lrω = = (3.92)
2 2Lw
Se il k − esimo elemento è costituito da un’area di ordine ω allora si può assumere:
1 vr rω
λk = = = (3.93)
trω Lrω 2Lω vr

Figura 3.44. Schematizzazione rettangolare delle aree rk .

Soluzione di Rodriguez
La soluzione di Rodriguez parte dalle seguenti ipotesi:
1. medesima velocità di trasferimento V per ogni canale di ordine ω ed ogni superficie r;
2. approssimazione triangolare dello GIUH (figura 3.45);
tale forma di idrogramma unitario istantaneo è caratterizzato da due parametri:
– tc : tempo al colmo;
– u? : valore massimo; esso definisce anche il tempo tB in quanto:
Z tB
tB · u? 2
u(t) dt = = 1 =⇒ tB = ? (3.94)
0 2 u
142 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.45. Soluzione di Rodriguez: idrogramma unitario istantaneo triangolare.

Partendo da un bacino idrografico ordinato secondo il metodo di Horton–Strahler ed eseguendo una serie
di elaborazioni statistiche Rodriguez ha ricavato le seguenti espressioni per la determinazione dei parametri
tc e u? :  −1
0,43 V
tc = 1, 31 · RL · (3.95)
 0,55 LΩ
R B −0,38 V
u? = 0, 44 · · RL · (3.96)
RA LΩ

Soluzione di Rosso
A partire dai parametri del bacino idrografico RB , RL , RA e LΩ la soluzione di Rosso definisce i parametri
n e k dello IUH di Nash:  n−1  
1 t t
u(t) = exp − (3.97)
Γ(n) k k
La costante di tempo degli n serbatoi lineari è pari al tempo di percorrenza dell’ultimo canale scalato per
una certa quantità che dipende dalla forma della rete:
 0,48
RA LΩ
k = 0, 70 (3.98)
RB RL V

Il numero n di serbatoi lineari non dipende né dall’area del bacino Ab né dall’ordine Ω del bacino bensì solo
dall’articolazione della rete idrografica:
 0,78
RA 0,07
n = 3, 29 RL (3.99)
RB
Andrea Lisjak 3.4. Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico 143

3.4.2 Approccio basato sulla funzione di ampiezza


Tale approccio al modello si deve a Gupta, Waymire e Rodriguez–Iturbe.

Funzione di ampiezza della rete idrografica


Tale metodo di determinazione dell’idrogramma unitario istantaneo geomorfologico prescinde da qualsiasi
forma di ordinamento del reticolo idrografico e dall’analisi di ciò che avviene sui versanti. Esso si basa
esclusivamente sulla descrizione del reticolo mediante una funzione di ampiezza.

Figura 3.46. Determinazione della funzione di ampiezza di un bacino.

Si definisce funzione di ampiezza del reticolo idrografico N (x) il numero di canali che si trova ad una distanza
x dalla sezione di chiusura S del bacino, tale distanza non viene misurata in linea d’aria bensì con riferimento
ad un’ascissa curvilinea lungo gli assi dei canali (figura 3.46).

Figura 3.47. Funzione di ampiezza di un bacino (qualitativa).

Ipotesi di base
L’ipotesi di base di tale approccio è la seguente: per tutti i punti distanti x dalla sezione di chiusura la
densità di probabilità g(t; x) che la goccia d’acqua immessa nel bacino alla distanza x esca al tempo t è la
medesima. La variabile aleatoria associata a tale distribuzione è il tempo di percorrenza Tp,x da x ad S.
Con riferimento alla figura 3.48 si può dimostrare che:

g(t; x + y) = g(t; x) ∗ g 0 (t; y) (3.100)


144 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Figura 3.48. .

Dal punto di vista operativa risulta opportuno utilizzare delle funzioni di densità di probabilità che godano
della condizione di semigruppo, ossia tali che il risultato della convoluzione sia una funzione della stessa
forma di quelle in ingresso:
• distribuzione impulso di Dirac;
• distribuzione gamma incompleta;
• distribuzione normale.
L’idrogramma unitario istantantaneo è pari alla convoluzione di tutte le funzioni di densità di probabilità
lungo le aste:
1 ∞
Z
u(t) ≡ f (t; 0) = N (x)g(t; x) dx (3.101)
Z 0
dove:
- Z: lunghezza totale della rete idrografica;
R∞
- 0 g(t; x) dt = 1
R∞
- 0 N (x) dx = Z
In pratica si pesano le densità di probabilità locali con il numero di canali che stanno a quella distanza
(figura 3.49).

Figura 3.49. .

Distribuzione impulso di Dirac


Utilizzando la distribuzione impulso di Dirac si ha:
 
 x  y x+y
δ t− ∗δ t− =δ t− (3.102)
v v v
Andrea Lisjak 3.4. Idrogramma Unitario Istantaneo Geomorfologico 145

Se si ipotizza che tutta la rete4 venga percorsa da con la medesima velocità v allora il modello che si ottiene
è proprio quello cinematico. Se le funzioni di densità di probabilità sono costituite dall’impulso di Dirac
allora il modello diventa di tipo deterministico: è certo che la goccia immessa alla distanza x esca alla
sezione di chiusura al tempo x/v in quanto la densità di probabilità è infinita.

Figura 3.50. Funzione impulso di Dirac.

Distribuzione gamma incompleta


La distribuzione gamma incompleta o di Pearson del III tipo è la seguente:
 x−1  
1 t t
g(t; x) = · exp − (3.103)
kΓ(x) k k

Tale distribuzione non viene tuttavia utilizzata in quanto g(t; x) dipende da x e quindi dalla dimensione della
rete, il che risulta in contraddizione col fatto che il numero di serbatoi lineari dipende solo dall’articolazione
della rete idrografica.

Distribuzione normale
La distribuzione normale è la seguente:

(x − ct)2
 
x
g(t; x) = √ exp − (3.104)
4πDt3 4Dt

Affinchè i parametri c e D siano adimensionali deve essere:

c = [LT −1 ]D = [L2 T −1 ] (3.105)

Si dimostra che tale distribuzione è soluzione dell’approssimazione parabolica delle equazioni di moto vario
nei nei canali (paragrafo 5.2.3).
Tale modello presenta due vantaggi:

1. parte da una descrizione della rete che prescinde dal suo ordinamento;
2. i coefficienti c e D sono legati ad un processo fisico come la propagazione dell’onda di piena in una
rete idrografica (paragrafo 5.2).

4 In realtà è sufficiente che la velocità sia costante con la distanza x.


146 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Risoluzione numerica del problema


Consideriamo l’espressione dello IUH definita da:

1 ∞
Z
u(t) = N (x)g(t; x) dx (3.106)
Z 0

e la funzione di densità di probabilità gaussiana:

(x − Ct)2
 
x
g(t; x) = √ exp − (3.107)
4πDt3 4Dt

Si noti come in questa formulazione g(t; x) diventi a parametro t e variabile x. N (x) è una funzione costante
a tratti, in quanto la sua determinazione avviene per passi spaziali costanti (ad esempio di 50 m), e definita
da valori reali a valori interi.
L’integrale può quindi essere scomposto nel seguente modo:
"Z #
x1 Z x2 Z L
1
u(t) = N (x)g(t; x) dx + N (x)g(t; x) dx + . . . + N (x)g(t; x) dx = (3.108)
Z 0 x1 ...
L0 Z xi
1 X
= Ni g(t; x) dx (3.109)
Z i=1 xi−1

dove:
- Ni = N (x) per xi−1 ≤ x ≤ xi .
Dal momento che per t = 0 la funzione g(t; x) non è definita si impone u(0)=0.
Andrea Lisjak 3.5. Esercizi 147

3.5 Esercizi
3.5.1 Determinazione dei parametri di Horton–Strahler del fiume Cellina
Si vuole determinare:

– rapporto di biforcazione RB ;

– rapporto di lunghezza RL ;

– rapporto di area RA mediante il metodo della densità di drenaggio;

del reticolo idrografico del fiume Cellina, con i dati riportati in tabella 3.4.

Tabella 3.4. Parametri di Horton–Strahler relativi al reticolo idrografico del fiume Cellina.

ω n Ltot (km) L (km)


1 9.171 - -
2 2.195 633,25 0,29
3 492 259,73 0,53
4 110 89,29 0,81
5 25 54,55 2,18
6 8 40,23 5,03
7 2 14,98 7,49
8 1 22,60 22,60

Determinazione del rapporto di biforcazione


Interpolando linearmente i punti riportati in figura 3.51 e calcolando la pendenza della retta (tan ϕ) si
ottiene:
RB = exp(tan ϕ) = 0, 26

10,00

8,00

6,00
log n

4,00

2,00

0,00
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9

-2,00

Figura 3.51. Determinazione del rapporto di biforcazione.


148 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Determinazione del rapporto di lunghezza


Interpolando linearmente i punti riportati in figura 3.52 e calcolando la pendenza della retta (tan ϕ) si
ottiene:
RL = exp(tan ϕ) = 1, 99

2,50

2,00

1,50

1,00

0,50
ln L

0,00
0 1 2 3 4 5 6 7

-0,50

-1,00

-1,50

-2,00

Figura 3.52. Determinazione del rappporto di lunghezza.

Determinazione del rapporto di area


La determinazione del rapporto di area viene effettuata a partire dalla densità di drenaggio. Definendo
β = RL /RB = 7, 60 e Ω = 8 si ha:

βΩ
RA = RB · = 1, 99 (3.110)
β Ω−1 − 1
Andrea Lisjak 3.5. Esercizi 149

3.5.2 Determinazione dello GIUH del torrente But


Si vuole determinare l’idrogramma unitario istantaneo geomorfologico, secondo l’approccio GWR, relativo
al torrente But, con sezione di chiusura alla confluenza nel fiume Tagliamento, nell’ipotesi di funzione di
densità di probabilità normale (equazione 3.53), noti che siano:

– la funzione di ampiezza a passo spaziale costante ∆x = 0, 5 km (figura 5.3(b));

– l’area del bacino idrografico: Ab = 300 km2 ;

– la portata al colmo di piena: 700 m3 /s;

– la pendenza media dell’asta principale: if = 0, 01;

– la larghezza media dell’asta principale: B = 0, 2 km;

– la velocità media di trasferimento dell’acqua sui versanti: vv = 0, 1 m/s;


Grafico1

– la velocità media nei canali: vc = 2 m/s;


Funzione di ampiezza del t. But

35

30

25

20
N(x)

15

10

0
0 5 10 15 20 25 30 35
Distanza x dalla foce (km)

Figura 3.53. Funzione di ampiezza del torrente But.


Pagina 1

Stima dei parametri c e D


La lunghezza della rete idrografica vale:
Z Lmax N
X N
X
Z= N (x) dx = Ni ∆xi = ∆x Ni = 327, 8 km
0 i=1 i=1

La densità di drenaggio del bacino idrografico vale:


Z
DD = ≈ 1 km−1
Ab
Il tempo di corrivazione del bacino può essere stimato come somma del tempo di percorrenza dei versanti e
del tempo di percorrenza dell’asta principale:
0, 5 km L
Tc = tv + tc = + ≈ 1, 5 + 4, 5 ≈ 6 h
vv vc
150 Capitolo 3. Idrologia e risorse idriche Andrea Lisjak

Il parametro di celerità vale:


L
c= ≈ 5, 4 km/h
Tc
Il coefficiente di diffusione D può essere stimato mediante l’approssimazione di Hayami:
Q
D≈ = 0, 63 km2 /h
2Bif

Determinazione dell’idrogramma unitario istantaneo


L’idrogramma unitario istantaneo è dato da:
Z Lmax
1
u(t) = N (x)g(t; x) dx
Z 0

Tale integrale viene risolto numericamente sia perché la funzione N (x) è data a passo costante sia perché
la g(t; x) non è integrabile analiticamente. Si ha quindi:
N Z xi "  2 #
1 X x 1 1 x − ctj
u(tj ) = Ni √ exp − dx j = 1, . . . , M
Z i=1 xi−1 tj 2πσtj 2 σtj

dove:
- σtj =
p
2Dtj

Approssimando l’integrale della g(t; x) mediante rettangoli si ottiene:


N
"  2 #
1 X xi 1 1 xi − ctj
u(tj ) = Ni ∆x √ exp − dxi j = 1, . . . , M
Z i=1 t 2πσtj 2 σtj

Calcolando u(t) con una scansione temporale di mezz’ora per un tempo complessivo di 15 ore ed imponendo
u(0) = 0 si ottiene uno GIUH il cui andamento è rappresentato in figura 3.54.

0,4

0,35

0,3

0,25
u(t) (h^-1)

0,2

0,15

0,1

0,05

0
0 2 4 6 8 10 12 14
Tempo (h)

Figura 3.54. Idrogramma unitario istantaneo geomorfologico del torrente But.


Parte II

Idraulica fluviale

151
Capitolo 4

Moto permanente nelle correnti a pelo


libero

4.1 Generalità
Si tratta essenzialmente delle correnti idriche che percorrono i corsi d’acqua naturali (fiumi, torrenti) o i
canali artificiali (di bonifica, di irrigazione, di fognatura, di impianti idroelettrici, di navigazione interna).
Queste correnti sono caratterizzate dall’avere la parte superiore della superficie di contorno non a contatto
con una parete solida, bensì con un gas, che nella più grande generalità dei casi è l’atmosfera. Questa
superficie si dice superficie libera o pelo libero, essa è una superficie isobarica (p = cost), almeno se si
considerano tronchi di corrente non eccessivamente estesi.

4.1.1 Ipotesi
Studio a grande scala
Lo studio delle correnti a pelo libero viene effettuato su grande scala, non andando quindi ad indagare su
ciò che avviene puntualmente (per lo studio dei cui fenomeni si rendono necessarie le equazioni di Navier-
Stokes). Invece quindi di ragionare in termini di forze e sforzi si ragiona in termini di energia (grandezza
scalare) e quantità di moto (grandezza vettoriale).

Correnti lineari o gradualmente variate


Salvo situazioni eccezionali, in genere limitate a brevi tratti di corrente e che andranno esaminate caso
per caso con apposita trattazione, si fa riferimento al caso delle correnti lineari o gradualmente variate:
esse sono caratterizzate da una trascurabile curvatura delle singole traiettorie e quindi da una distribuzione
sensibilmente idrostatica della pressione in ogni sezione trasversale.
Ne consegue che l’intersezione di una generica sezione trasversale con la superficie libera risulta una retta
orizzontale.
È possibile quindi parlare della quota del pelo libero di una generica sezione e definire un profilo longitudi-
nale del pelo libero della corrente, o più semplicemente profilo del pelo libero, come linea d’intersezione della
superficie libera col cilindro a generatrici verticali contenente una generica traiettoria (il quale si discosterà
assai poco da un piano verticale).

Teoria unidimensionale
Lo studio del moto può essere condotto secondo la teoria unidimensionale, con riferimento cioè ad una
sola coordinata spaziale: l’ascissa curvilinea s misurata lungo una traiettoria. Ne consegue che del vettore
velocità ~v si considera solamente la componente assiale e si trascurano le componenti orizzontali e verticali
nel piano della sezione.
Tale teoria viene inoltre ulteriormente semplificata ipotizzando che la pendenza dell’alveo in cui si muove
la corrente, e quindi la pendenza di tutte le traiettorie e del profilo del pelo libero, siano trascurabili, sicché

153
154 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

le sezioni trasversali possano assimilarsi, senza sensibile errore, a piani verticali. Tale ipotesi risulta ben
accettabile in quanto valori tipici di pendenza dei corsi d’acqua sono:
- lungo i fondo valle: 1/100;

- lungo i conoidi: 1/1.000;


- lungo le pianure alluvionali: 1/10.000.
Così facendo si possono inoltre prendere le componenti orizzontali di spostamento e di velocità al posto di
quelle lungo l’ascissa della traiettoria:
dzf dzf
if = − ≈− vs ≈ vx (4.1)
ds dx
Andrea Lisjak 4.2. Caratteristiche energetiche della corrente in una sezione 155

4.2 Caratteristiche energetiche della corrente in una sezione


Si fissi l’attenzione su una generica sezione trasversale di una corrente. Sia assegnata la geometria della
sezione, in modo che l’area Ω della parte di essa occupata dalla corrente (area bagnata o area della sezione
liquida) possa considerarsi funzione nota dell’altezza y misurata a partire dal punto più basso del contorno:

Ω = Ω(y) (4.2)
Il carico totale della corrente vale:
V2
H = zf + y + α = h + hc (4.3)
2g
- quota geodetica del fondo: zf ;
- profondità della corrente: y;
- carico o altezza piezometrica: h = zf + y;
- carico o altezza cinetica: hc = αV 2 /(2g)
- V : velocità media nella sezione trasversale: V =
R 

v dΩ /Ω = Q/Ω
- α: coefficiente di Coriolis; serve a tener conto della non uniforme distribuzione della velocità nella
sezione trasversale. Nel seguito si ipotizzerà sempre α = 1.
Si definisce energia specifica della corrente nella sezione considerata il carico totale misurato rispetto al
fondo dell’alveo:
V2 Q2
E =y+α =y+α = H − zf (4.4)
2g 2gΩ2

Figura 4.1. Carico totale ed energia specifica.

4.2.1 Portata assegnata


Supponiamo prefissata la portata Q della corrente. Tale portata può muoversi attraverso l’assegnata sezione
trasversale per ogni valore dell’altezza y e quindi dell’area bagnata Ω compreso tra lo zero ed il massimo
consentito dalla sezione: aumentando y, e quindi Ω, diminuirà la velocità media V della corrente e viceversa.
Ne risulta che l’energia specifica è una funzione univoca dell’altezza y:

E = E(y) (4.5)
156 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

- Se la profondità y diminuisce, tendendo a zero, tende a zero l’area Ω, aumenta e tende all’infinito la
velocità V , e quindi l’energia specifica E tende all’infinito.
- Se la profondità y aumenta, tendendo all’infinito, tende all’infinito l’area Ω, diminuisce e tende a zero
la velocità V e quindi il carico cinetico, di conseguenza l’energia specifica E tende a ridursi alla sola
parte piezometrica y, ma con essa cresce pure indefinitamente.
La curva dell’energia specifica E(y) deve quindi avere un asintoto coincidente con l’asse delle E e un altro
asintoto obliquo nella retta coincidente con la bisettrice del quadrante, di equazione E = y. Ne consegue
che, essendo la E(y) positiva, essa deve presentare un minimo per un ben determinato valore positivo di y.

Figura 4.2. Curva dell’energia specifica E = E(y).

La condizione di minimo si trova imponendo:

dE Q2 dΩ
=1−2 3
· =0 (4.6)
dy 2gΩ dy

Incrementando di dy l’altezza y l’incremento di area bagnata vale dΩ = B · dy + k( dy)2 e quindi, a meno


di infinitesi di ordine superiore in dy, si ha dΩ/ dy = B, con B = B(y).
Il minimo di E si ha quindi per quel valore di y per cui risulta:

Ω3 Q2
= (4.7)
B g
Il valore di y che soddisfa la relazione 4.7 viene indicata con yc e si dice altezza critica.

Stato critico
Dicesi altezza critica di una corrente a pelo libero di assegnata portata Q, quell’altezza yc per cui risulta
minima l’energia specifica E rispetto al fondo dell’alveo.
Dicesi stato critico della corrente quella particolare condizione in cui essa viene a trovarsi quando la sua
altezza assume valore critico.
Andrea Lisjak 4.2. Caratteristiche energetiche della corrente in una sezione 157

Dicesi velocità critica Vc la velocità media corrispondente allo stato critico. Dalla relazione 4.7 si ha:

Q2 Ωc
Vc2 = =g (4.8)
Ω2c Bc

Poiché il rapporto ym = Ω/B rappresenta genericamente la profondità media della corrente ed indicando
con ymc il valore che ym assume in corrispondenza dello stato critico, la relazione 4.8 può scriversi come:

Vc = g · ymc (4.9)

Figura 4.3. Profondità media della corrente.

Sezioni rettangolari
Nel caso delle sezioni rettangolari la trattazione risulta estremamente semplice dal punto di vista analitico.
Si può fare riferimento in questo caso ad una portata unitaria, per unità di larghezza dell’alveo:
Q
q= (4.10)
B
Essendo Ω = By, si ricava subito dalla 4.7 che:
s s
Q2 q2
yc = 3
= 3
(4.11)
gB 2 g

e dalla 4.9, essendo in ogni caso Ω/B = ym = y:



Vc = g · yc (4.12)

Il valore minimo dell’energia specifica può infine essere ricavato dalla 4.4:
yc 3
Emin = Ec = yc + = yc (4.13)
2 2

Nel caso particolare della sezione rettangolare si ha dunque che, in corrispondenza dello stato critico, un
carico cinetico pari alla metà dell’altezza della corrente ed un’energia specifica pari a 3/2 della profondità
stessa.

Sezioni di forma generica


Poiché vale la relazione 4.9, per una sezione di forma generica si può scrivere:
ymc
Ec = yc + (4.14)
2
158 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.4. Sezione rettangolare.

Correnti veloci e correnti lente


Ogni punto della curva E(y) rappresenta una particolare corrente di portata Q. Il punto di minimo divide
la curva in due tratti.

- il tratto a sinistra del punto di minimo rappresenta correnti che hanno un’altezza y minore dell’altezza
critica yc e quindi una velocità media V maggiore della velocità critica Vc : correnti veloci ;

- il tratto a destra del punto di minimo rappresenta correnti che hanno un’altezza y maggiore dell’altezza
critica yc e quindi una velocità media V minore della velocità critica Vc : correnti lente.

Figura 4.5. Correnti veloci e correnti lente.

4.2.2 Energia specifica assegnata


Tutte le considerazioni viste, ed in particolare quelle relative allo stato critico, possono essere anche riprese
osservando i fatti da un altro punto di vista. Sempre assegnata la sezione trasversale prefissiamo il valore
dell’energia specifica E della corrente, e studiamo come varia la portata Q al variare dell’altezza y.
I limiti di variabilità della y sono, in queste condizioni, lo zero e la stessa E, non potendo il carico
piezometrico superare quello totale.
Andrea Lisjak 4.2. Caratteristiche energetiche della corrente in una sezione 159

Conviene risolvere l’equazione 4.4 rispetto a Q:

(4.15)
p
Q = Ω 2g(E − y)

La portata Q si annulla in due casi:


1. y = 0: si annulla l’area Ω;
2. y = E: si annulla il carico cinetico e quindi la velocità.
Variando y tra questi due limiti, i valori della portata Q devono dunque passare per un massimo.

Figura 4.6. Andamento della portata Q in funzione della profondità y della corrente.

Imponendo la condizione di massimo:


dQ p dΩ gΩ
= 2g(E − y) · −p =0 (4.16)
dy dy 2g(E − y)

e moltiplicando ambo i membri per 2g(E − y) (che è non nullo in quanto sicuramente la soluzione non è
p

y = E) e ricordando che dΩ/ dy = B, si ottiene:

Ω ym
y=E− =E− (4.17)
2B 2
Ma si riconosce dalla 4.14 che questa condizione si ha proprio in corrispondenza dello stato critico; e si trova
quindi che la portata massima compatibile con l’assegnata energia specifica E si ha proprio quando y = yc .
Ne consegue una seconda definizione dell’altezza critica: dicesi altezza critica di una corrente di assegnata
energia specifica E rispetto al fondo dell’alveo, quell’altezza a cui corrisponde il massimo valore della portata.

Sezioni rettangolari
Nel caso particolare di sezioni rettangolari (ym = y e Ω = By), l’altezza critica vale:
yc 2
yc = E − = E (4.18)
2 3
e il valore massimo della portata:
√ 2
(4.19)
p
Qmax = Qc = Byc gyc = √ BE 2gE
3 3
160 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Esempio di sezione trapezia

(a) Portata nulla. (b) Portata massima.

Figura 4.7. Esempio di energia specifica fissata.

Consideriamo un lago con all’interno dell’acqua ferma, dalla cui sponda esce un canale che si porta via
dell’acqua. Si vuole valutare la portata in uscita nei casi in cui:
- il canale s’immette in un altro lago avente la stessa profondità riferita alla sezione dell’incile;
- il canale va verso valle senza nulla che faccia aumentare l’altezza della sezione.
Il canale è a sezione trapezia isoscele con B0 = 5 m ed m = 2, l’altezza della corrente nel lago è pari a
y = E = 2 m rispetto al livello zero definito dall’incile. Nel primo caso il livello energetico è assegnato y = E

Figura 4.8. Sezione A-A’.

ed è costante. La portata è quindi nulla.


Nel secondo caso la corrente si adatta alla profondità che preferisce, arriva quindi all’altezza critica:
ymc
yc = E −
2
Sostituendo al posto di ymc l’espressione dell’altezza media si ottiene un’equazione non lineare in yc che può
essere risolta, ad esempio, per tentativi:

1 B0 yc + myc2
yc = E − · = 1, 45 m (4.20)
2 B0 + 2myc
Una volta ricavata l’altezza critica yc la portata si calcola mediante la relazione:
p p
Qc = Ω 2g(E − yc ) = (B0 yc + myc2 ) 2g(E − yc ) = 37, 63, m3 /s
Andrea Lisjak 4.3. Alvei a debole pendenza e a forte pendenza 161

4.3 Alvei a debole pendenza e a forte pendenza


Finora ci si è limitati all’esame delle relazioni esistenti tra l’altezza d’acqua, l’energia specifica e la portata
per una assegnata sezione trasversale. Si vuole ora estendere l’osservazione ad un tratto di alveo di lunghezza
finita, abbracciante la sezione stessa.

4.3.1 Ipotesi di moto uniforme


Viene formulata l’ipotesi che la corrente si muova di moto uniforme, ossia un moto in cui le condizioni
idrauliche che si trovano in una sezione sono le stesse di quelle che si trovano in qualsiasi altra. Affinché
ciò avvenga la forma della sezione deve essere sempre uguale e la pendenza del fondo deve essere costante,
quindi il canale deve essere di tipo prismatico o cilindrico.

Caratterizzazione idraulica del moto uniforme


In condizioni di moto uniforme la velocità media V è legata alle caratteristiche dell’alveo (pendenza, scabrez-
za, forma della sezione trasversale) e della corrente (profondità, area bagnata, raggio idraulico) dalla legge
del moto uniforme, che di norma si esprime attraverso la legge di Chézy:

(4.21)
p
V0 = χ R · if

dove:
- χ: indice di scabrezza avente le dimensioni della radice di una accelerazione [L1/2 T −1 ], ne consegue che
i coefficienti che compaiono nelle formule che la definiscono hanno un valore che dipende dal sistema
di riferimento adottato;
- if : pendenza del fondo (al posto della cadente J);
- R: raggio idraulico, nel caso di sezione trasversale rettangolare:
Ω By y
R= = = (4.22)
P B + 2y 1 + 2y/B

La relazione di Chézy può anche essere scritta con l’indice di scabrezza in forma adimensionale:

(4.23)
p
V0 = C g · R · if

- C: indice di scabrezza adimensionale.


La definizione del coefficiente C avviene per mezzo di formule empiriche (Bazin, Kutter, Strickler, . . . ),
che lo pongono in relazione con un altro indice di scabrezza e con il raggio idraulico, formule valide per le
situazioni di moto puramente turbolento (come è quello nei canali).

4.3.2 Pendenza critica per sezioni rettangolari larghe


Consideriamo il caso semplice della sezione rettangolare molto larga, per il quale, essendo B  y allora si
può porre R ≈ y. Si vuole calcolare in questo caso il valore della pendenza critica ic .
La relazione di Chézy può essere scritta in termini di portata unitaria:

(4.24)
p
q = V0 · y = yC gyif

da questa è possibile ricavare la profondità del moto uniforme:


s
q2
y0 = 3 (4.25)
gC 2 if

ed uguagliandola all’altezza critica fornita dalla 4.11 si ricava il valore della pendenza critica:
1
ic = (4.26)
C2
162 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Si presentano due possibilità:


– if < ic : alvei a debole pendenza (y0 > yc ) −→ correnti uniformi lente (V0 < Vc );

– if > ic : alvei a forte pendenza (y0 < yc ) −→ correnti uniformi veloci (V0 > Vc ).
Si noti come la pendenza critica dipenda dalla portata ed in particolare diminuisca al crescere di essa.
Per rendere evidente questo fatto si consideri la formula del moto uniforme di Gauckler-Strickler 1 , ossia la
formula di Chézy con indice di scabrezza calcolato secondo Gauckler e Strickler:
1/2
V0 = Ks R2/3 if (4.27)

Confrontandola, mediante rapporto con la formula di Chézy con coefficiente di scabrezza adimensionale, si
ottiene l’espressione dell’indice di scabrezza secondo Gauckler e Strickler:

C gR Ks R2/3 −1/2 Ks
1= 2/3
=⇒ C = √ R = √ R1/6 (4.28)
Ks R g g

Se la portata è piccola il raggio idraulico è piccolo, per la relazione 4.28 il coefficiente adimensionale di
Chézy è anch’esso piccolo e quindi ic è grande. Ciò significa che un alveo di assegnata pendenza if può
essere a debole pendenza (corrente lenta) per piccole portate e a forte pendenza (corrente veloce) per portate
maggiori.

Figura 4.9. Relazione tra pendenza critica e portata.

Considerando un campo di variabilità di C tra 7 e 20 si ottengono valori della pendenza critica dell’ordine
di 10−2 e quindi nelle situazioni pratiche si devono considerare sia alvei a forte che a debole pendenza.

1 Del tutto identica alla formula di Gauckler-Strickler è la formula di Manning, la più diffusa fra i tecnici anglo-americani:

sola differenza è che in luogo di Ks vi compare il suo inverso Ks = 1/n, i cui valori, almeno nell’originaria tabellazione, erano
riferiti al sistema di misura inglese.
Andrea Lisjak 4.4. Carattere cinematico dei due tipi di corrente 163

4.4 Carattere cinematico dei due tipi di corrente


Lo stato critico delle correnti a pelo libero è stato individuato sulla base di considerazioni energetiche. La
distinzione fra correnti lente e correnti veloci non è tuttavia una semplice definizione analitica, bensì è
proprio la diversità di comportamento fisico dei due tipi di correnti che è tale da giustificarne la distinzione.
La differenza sta soprattutto nelle modalità con cui si propagano le perturbazioni di livello: si riconosce
che la celerità di propagazione delle piccole perturbazioni è superiore alla velocità del movimento nelle
correnti lente, inferiore invece nelle correnti veloci.

4.4.1 Celerità di propagazione delle perturbazioni di livello


Si abbia una corrente in un alveo rettangolare, supponiamo il moto uniforme (ipotesi comunque non neces-
saria) di altezza y0 e velocità media V0 . Ad esso si sovrapponga un’onda positiva di altezza δ, sicché dopo
il passaggio del suo fronte l’altezza risulti y1 = y0 + δ.

Figura 4.10. Propagazione di una perturbazione di livello.

Si definisce celerità assoluta a della perturbazione la velocità con cui il fronte d’onda avanza rispetto all’alveo
fisso; si definisce celerità relativa c = a − V0 la velocità con cui la perturbazione si propaga rispetto alla
corrente di base, di velocità V0 .
Si può facilmente dimostrare che, se si considera un δ infinitesimo, vale la seguente espressione di
Lagrange:

c = ± gy (4.29)
Confrontiamo ora il valore della celerità c trovata per le perturbazioni infinitesime con quello della velocità
iniziale V della corrente.

Correnti lente

Se la corrente è lenta la velocità V è, per definizione, inferiore alla velocità critica, mentre l’altezza y è
maggiore dell’altezza critica yc . Confrontando l’espressione di Lagrange per c con la 4.12 si ha che:
√ √
V < gyc < gy = |c| (4.30)

La celerità di propagazione delle piccole perturbazioni in una corrente lenta è maggiore della velocità della
corrente.
Ne consegue che le piccole perturbazioni provocate in una corrente lenta possono non solo propagarsi

lungo l’alveo verso valle, con celerità assoluta a = V + gy > 0, ma anche verso monte, con celerità assoluta

a = V − gy < 0.
Immergendo verticalmente un bastone in una corrente lenta si forma attorno al punto di immersione
un’onda circolare che si espande sempre circolarmente ma contemporaneamente il suo centro si sposta verso
valle con la corrente, ossia con velocità V : il fronte d’onda riesce però a propagarsi anche verso monte,
seppur con celerità minore che verso valle.
164 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Correnti veloci
Se la corrente è veloce la velocità V è, per definizione, superiore alla velocità critica, mentre l’altezza y è
minore dell’altezza critica yc . Confrontando l’espressione di Lagrange per c con la 4.12 si ha che:
√ √
V > gyc > gy = |c| (4.31)

La celerità di propagazione delle piccole perturbazioni in una corrente veloce è minore della velocità della
corrente.
Ne consegue che le piccole perturbazioni provocate in una corrente veloce non possono che propagarsi

verso valle, in quanto anche quelle che rimontano la corrente con celerità relativa c = − gy presentano

rispetto all’alveo una celerità assoluta a = V − gy > 0, e si propagano quindi verso valle.
Immergendo verticalmente un bastone in una corrente veloce la velocità con cui il centro dell’onda
circolare segue la corrente è superiore alla celerità c, e quindi anche il fronte dell’onda diretto contro corrente
è costretto a spostarsi verso valle. Ne derivano, per inviluppo delle successive posizioni assunte dall’onda
circolare, due fronti d’onda rettilinei.

(a) Corrente ferma. (b) Corrente lenta. (c) Corrente veloce.

Figura 4.11. Propagazione di piccole perturbazioni.

4.4.2 Numero di Froude


Le osservazioni appena fatte possono essere a base di un facile criterio pratico distintivo dei due tipi di
corrente.
Si definisce numero di Froude il rapporto tra la velocità della corrente e la celerità delle piccole pertur-
bazioni:
V
Fr = √ (4.32)
gy
- F r < 1: correnti lente;
- F r > 1: correnti veloci;
- F r = 1: stato critico.
Si noti come quanto dimostrato per gli alvei rettangolari sia valido anche per gli alvei con sezione trasversale
di forma qualsiasi, sostituendo alla y l’altezza media ym e ricordando che per essi la velocità critica vale

gymc .
Dal momento che il tipo di corrente costituisce la condizione al contorno per la valutazione dei profili di
moto permanente, in quanto, come si vedrà nel seguito, nel caso di corrente lenta la condizione è determinata
dal livello di valle mentre nel caso di corrente veloce la condizione è determinata dal livello di monte, ne
deriva che nei due casi si hanno dei profili di aspetto totalmente diverso.
Andrea Lisjak 4.5. Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero 165

4.5 Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero


Consideriamo una corrente in moto permanente con le sole condizioni che la pendenza sia piccola e le
variazioni di sezione piuttosto graduali, sicché la corrente stessa possa considerarsi lineare.
La condizione di moto permanente equivale a considerare nulle tutte le variazioni rispetto al tempo (ossia
∂/∂t = 0). Tuttavia se tali variazioni sono molte lente (ossia ∂/∂t ≈ 0) è possibile comunque analizzare
approssimativamente il moto come una successione di moti permanenti.
Le caratteristiche geometriche possono essere invece funzione dello spazio (ossia y = y(x)) così come
quelle dinamiche (ossia V=V (x), Q = Q(x)).

Principio di conservazione della massa


Isoliamo un tronco di alveo di lunghezza ∆x compreso tra le sezioni 1 e 2.

Figura 4.12. Tronco di alveo.

Applicando il principio di conservazione della massa o principio di continuità si ha che:


dW12
= Q1 − Q2 (4.33)
dt
Poiché si è in condizioni di moto permanente il termine a sinistra della relazione 4.33 è nullo e deve quindi
essere:
Q1 = Q2 =⇒ Q = cost (4.34)

(a) Nodo. (b) Afflusso continuo.

Figura 4.13. Variazioni di portata.

L’unico caso in cui si può avere una variazione di portata tra le due sezioni 1 e 2 si ha in presenza di afflussi
o deflussi nel tratto considerato. Esistono due tipi di afflussi/deflussi:
1. nodo:
Q3 = Q1 + Q2 (4.35)

2. afflusso/deflusso continuo: Z x
Q(x) = Q0 + ql (η) dη (4.36)
0
166 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

L’andamento della portata sezione per sezione è quindi noto in ogni caso.

Principio di conservazione dell’energia

Figura 4.14. Applicazione del principio di conservazione dell’energia.

Lungo il tronco isolato l’abbassamento del fondo vale (nell’ipotesi che la pendenza sia piccola):

∆z = if · ∆x (4.37)

l’abbassamento della linea dei carichi totali vale:

∆hf = J · ∆x (4.38)

essendo J la cadente, ossia la perdita di carico per unità di lunghezza.


Il pelo dell’acqua, ossia la linea piezometrica, potrà essere discendente o ascendente nel senso del moto,
anche rispetto all’orizzontale.
Applicando il principio di conservazione dell’energia tra le sezioni 1 e 2 si ha quindi:

V2 V2
H1 = H2 + ∆hf =⇒ ∆z + y1 + 1 = y2 + 2 +∆hf (4.39)
2g 2g
| {z } | {z }
E1 E2

Da cui si ottiene:
E2 − E1
= if − J (4.40)
∆x

4.5.1 Equazione differenziale del profilo del pelo libero


Se la lunghezza del tronco di alveo isolato tende a zero (∆x → 0) allora si ottiene l’equazione differenziale
del profilo del pelo libero di una corrente gradualmente variata in moto permanente:
dE
= if − J (4.41)
dx
Con questa equazione si esprime il fatto che l’energia specifica totale rispetto al fondo aumenta per l’abbas-
samento del fondo stesso e diminuisce per effetto delle resistenze.
Tenuta presente la definizione di E è possibile scrivere:

dy Q2 dΩ
− = if − J (4.42)
dx gΩ3 dx
Andrea Lisjak 4.5. Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero 167

Sempre per un alveo del tutto generico, l’area Ω della sezione bagnata può variare non soltanto perchè varia
y ma anche con la x possono variare forma e le dimensioni della sezione trasversale, quindi considerando
che Ω = Ω(x, y(x)) si ha:

dΩ ∂Ω ∂Ω dy ∂Ω dy
= + = +B (4.43)
dx ∂x y=cost ∂y dx ∂x y=cost dx

La forma più generale dell’equazione differenziale del profilo del pelo libero di una corrente gradualmente
variata in moto permanente con portata costante risulta quindi:

Q2 Q2 ∂Ω
 
dy
1− B − = if − J (4.44)
dx gΩ3 gΩ3 ∂x

Tale equazione risulta integrabile per qualsiasi tipo di alveo solamente con metodi numerici (metodi spettrali,
metodi alle differenze).
Si noti come Ω e B siano funzione nota di x e y. Nel caso particolare che l’alveo sia cilindrico si annulla
l’ultimo addendo del primo membro e sia Ω che B restano funzioni note della sola y.

Alvei cilindrici
Si vuole ora trarre dalla 4.41 indicazioni qualitative circa l’andamento dei possibili profili di moto permanente
nel caso di alvei cilindrici, per cui la E risulta funzione di x per il tramite della sola y, ossia E = E(y(x));
si ha quindi:
dE dE dy
= (4.45)
dx dy dx
Si trae dalla 4.41:
dy if − J
= dE (4.46)
dx dy

Studiando il segno della funzione fratta è possibile valutare l’andamento della profondità della corrente in
funzione di x e quindi, di fatto, il profilo del pelo libero.
Per quanto riguarda il denominatore si è già visto che:
→ y < yc (correnti veloci): dE/ dy < 0;

→ y > yc (correnti lente): dE/ dy > 0;


→ y = yc (correnti critiche): dE/ dy = 0.
Per quanto riguarda il numeratore esso si annulla in condizioni di moto uniforme, in quanto in questo caso
la linea dei carichi totali risulta parallela al fondo (if = J) e si ha di conseguenza dy/ dx = 0, che è appunto
la definizione di moto uniforme. Accettando poi per la perdita di carico unitaria l’espressione:

V2 Q2
J= = (4.47)
C 2 gR C 2 gRΩ2

si riconosce che essa è tanto più piccola quanto maggiore è y (con y crescono tutti i fattori del denominatore)
e quindi:
→ y < y0 : if − J < 0;
→ y > y0 : if − J > 0;

→ y = y0 : if − J = 0.
Conviene ora studiare separatamente quel che può avvenire negli alvei a debole e forte pendenza.
168 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.5.2 Alvei a debole pendenza


Assegnata la portata è possibile ricavare l’altezza del moto uniforme y0 dalla relazione di Chézy (re-
lazione 4.25 per sezioni rettangolari larghe) e l’altezza critica yc dalla relazione 4.7 (relazione 4.11 nel
caso di sezioni rettangolari larghe), si troverà y0 > yc .
Tracciamo allora due rette parallele al fondo e distanti da esso rispettivamente yc e y0 (quest’ultima
corrisponde al profilo del moto uniforme). Queste due rette ed il fondo dell’alveo delimitano 3 zone, entro
ognuna delle quali può svilupparsi un profilo di moto permanente.

Figura 4.15. Profili del pelo libero: alvei a debole pendenza.

Profilo D1 - profilo di rigurgito


Per y > y0 > yc si ha una corrente lenta con altezza superiore a quella del moto uniforme. Sia il numeratore
che il denominatore della 4.41 sono positivi e quindi dy/ dx > 0, il che significa che la corrente è ritardata.
Se ci si spinge verso monte si trovano valori di y decrescenti e quindi sempre più prossimi ad y0 ; anche
la pendenza del profilo tende a if : il moto uniforme viene raggiunto asintoticamente verso monte.
Se ci si spinge verso valle si trovano valori di y crescenti e, teoricamente, possono tendere all’infinito;
la resistenza tende con ciò ad annullarsi ed il numeratore del secondo membro della 4.41 tende ad if ; il
denominatore invece tende all’unità come si riconosce dal fatto che la E(y) ha un asintoto nella bisettrice
del primo quadrante: dy/ dx tende a if , il che significa che il profilo tende a disporsi orizzontalmente, in
quanto il pelo dell’acqua si solleva rispetto al fondo di altrettanto di quanto il fondo si abbassa rispetto
all’orizzontale.

Profilo D2 - profilo di richiamo


Per y0 > y > yc si ha una corrente lenta con altezza inferiore a quella del moto uniforme. Il numeratore
della 4.41 risulta negativo mentre il denominatore risulta positivo e quindi dy/ dx < 0, il che significa che
la corrente è accelerata.
Se ci si spinge verso monte si trovano valori di y crescenti e quindi tendenti ad y0 , valore che viene
raggiunto in via asintotica.
Se ci si spinge verso valle si trovano valori di y decrescenti e quindi tendenti a yc e il profilo raggiunge
lo stato critico con tangente verticale.

Profilo D3
Per y0 > yc > y la corrente risulta veloce: si è di fronte ad una corrente veloce in un alveo a debole pendenza.
Sia il numeratore che il denominatore della 4.41 sono negativi e quindi dy/ dx > 0, il che significa che la
corrente è ritardata.
Se ci si spinge verso valle le altezze y crescono e tendono a yc , altezza che il profilo teorico raggiun-
gerebbe con tangente verticale: il profilo è quindi ascendente non solo rispetto al fondo ma anche rispetto
all’orizzontale.
Andrea Lisjak 4.5. Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero 169

Se ci si spinge verso monte le altezze y decrescono: il profilo teorico, dopo aver tagliato il fondo dell’alveo,
presenterebbe valori di y negativi, privi ovviamente di significato fisico: con ragionamento analogo a quello
svolto per il profilo D1 si riconoscerebbe l’esistenza di un asintoto orizzontale.
Per riconoscere l’effettivo andamento del profilo in prossimità del fondo, occorre nella 4.41 esplicitare
la J. Supponendo per semplicità l’alveo rettangolare molto largo (R ≈ y), adottando l’espressione di
Gauckler-Strickler per il coefficiente C:

q2 q2
J= = (4.48)
C 2 y3 g Ks2 y 10/3

ricordando inoltre che:


dE q2
=1− 3
dy gy
risulta: 2

dy if − K 2 qy10/3
s
= q2
dx 1 − gy 3

Per y tendente a zero il numeratore è infinito di ordine 10/3, mentre il denominatore è infinito di ordine 3;
la frazione tende quindi all’infinito, ed il profilo si dispone verticale.

4.5.3 Alvei a forte pendenza


Per un’assegnata portata l’altezza del moto uniforme risulta inferiore all’altezza critica: y0 < yc .
Si tracciano le rette y = y0 (profilo del moto uniforme) e y = yc , che delimitano, col fondo dell’alveo, 3
zone, entro ciascuna delle quali può svolgersi un profilo di moto permanente.

Figura 4.16. Profili del pelo libero: alvei a forte pendenza.

Profilo F1

Per y > yc > y0 si ha una corrente lenta, la sola corrente lenta possibile in alveo a forte pendenza. Sia il
numeratore che il denominatore della 4.41 sono positivi e quindi si ha dy/ dx > 0.
Se ci si spinge verso monte si trovano valori decrescenti delle y, che tendono al valore critico yc , il quale
viene raggiunto con tangente verticale: il profilo risulta dunque ascendente rispetto al fondo.
Se ci si spinge verso valle, per profondità crescenti teoricamente fino all’infinito, una ragionamento
identico a quello svolto per il profilo D1 porta a riconoscere l’esistenza di un asintoto orizzontale.
170 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Profilo F2
Per yc > y > y0 si ha una corrente veloce, con altezza maggiore di quella del moto uniforme. Il numeratore
della 4.41 ha il numeratore positivo ma il denominatore negativo e quindi dy/ dx < 0 ed il moto risulta
accelerato.
Se ci si spinge verso monte le y tendono a yc che il profilo raggiunge con tangente verticale.
Se ci si spinge verso valle le y decrescono e tendono a y0 mentre la pendenza del profilo tende a if
( dy/ dx → 0); il moto uniforme viene ripristinato asintoticamente verso valle.

Profilo F3
Per yc > y0 > y la corrente è ancora veloce e la sua altezza è inferiore a quella del moto uniforme.
Numeratore e denominatore della 4.41 sono entrambi negativi e quindi dy/ dx > 0: moto ritardato.
Se ci si spinge verso valle per y crescenti si tende asintoticamente al moto uniforme; la pendenza del
profilo tende pure a quella del moto uniforme, sicché il profilo, pur riguardando una corrente ritardata
risulta discendente rispetto all’orizzontale.
Si ci si spinge verso monte il profilo teorico, dopo aver attraversato il fondo, presenterebbe valori di y
negativi, crescenti in valore assoluto, e col solito ragionamento si riconoscerebbe una tendenza ad un asintoto
orizzontale.

4.5.4 Osservazioni generali


Dal confronto dei 6 profili di moto permanente è possibile trarre qualche conclusione di carattere generale.

• Alvei a debole pendenza: il moto uniforme, che è di corrente lenta, viene sempre raggiunto asintotica-
mente verso monte.
Infatti una perturbazione (scostamento dal moto uniforme), originata in una sezione qualsiasi di una
corrente lenta, può risalire lungo l’alveo fino all’infinito a monte.

• Alvei a forte pendenza: il moto uniforme, che è di corrente veloce, viene raggiunto asintoticamente
verso valle.
Infatti una perturbazione, originata in una sezione qualsiasi di una corrente veloce, non può che
propagarsi verso valle.

• Allo stato critico si tende sempre:

– verso valle: alvei a debole pendenza;


– verso monte: alvei a forte pendenza.

• Dei 6 profili 4 corrispondono a correnti ritardate, mentre 2 a correnti accelerate (questi ultimi si svolgo-
no nell’intervallo di altezze comprese fra quella critica e quella del moto uniforme, indipendentemente
dalla pendenza dell’alveo).

4.5.5 Tracciamento quantitativo dei profili di moto permanente


Si è visto come i profili di moto permanente siano analiticamente rappresentabili a mezzo di una ODE del
I ordine. Per poterla risolvere è necessario definire una condizione al contorno: si impone la condizione che
in una determinata sezione x∗ si abbia una determinata altezza y ∗ :

y(x∗ ) = y ∗ (4.49)

Tale condizione va ricercata in corrispondenza della causa perturbatrice, che provoca, in una certa sezione,
un’altezza y diversa da quella di moto uniforme: tale altezza andrà stabilita in base al modo di agire della
causa perturbatrice. Si noti come la causa perturbatrice possa esercitare la propria influenza:

• verso monte soltanto se la corrente è lenta (o diventa lenta per causa sua): se la corrente è veloce
infatti le perturbazioni si propagano con celerità relativa inferiore alla velocità della corrente e quindi
non possono risalire l’alveo;
Andrea Lisjak 4.5. Correnti in moto permanente. Profili del pelo libero 171

• verso valle soltanto se la corrente è veloce (o diventa veloce per causa sua): si può dimostrare per
assurdo.

Sulla base di queste considerazioni si può affermare che la condizione al contorno per la precisazione dell’in-
tegrale particolare dell’equazione del profilo, e quindi il punto di partenza per il materiale tracciamento del
profilo stesso, va ricercata:

→ all’estremo a valle se la corrente è lenta;

→ all’estremo a monte se la corrente è veloce.

In questa sezione estrema dovrà quindi ritenersi nota l’altezza y ∗ determinata dalla causa perturbatrice e
quindi sarà noto anche il dislivello y ∗ − y0 rispetto al moto uniforme.

Metodo alle differenze finite


Per il tracciamento per punti del profilo di moto permanente conviene scrivere l’equazione differenziale del
profilo del pelo libero sostituendo incrementi finiti ai differenziali:
∆E
∆x = (4.50)
if − J

Figura 4.17. Metodo alle differenze finite per il tracciamento dei profili di moto
permanente.

1. Si suddivide l’altezza del rigurgito y ∗ − y0 in un sufficiente numero di parti ∆yi = yi − yi−1 (non
necessariamente uguali, anzi col criterio di adattare la fittezza della suddivisione all’andamento del
profilo cercato, che almeno qualitativamente è noto a priori).

2. Per ciascuna delle altezze yi estreme dei singoli intervalli ∆yi si possono calcolare a mezzo della 4.4
(o dedurre dal grafico della curva dell’energia specifica) le corrispondenti energie specifiche Ei ; quindi
le differenze ∆Ei spettanti a ciascun intervallo, a partire dal più vicino alla causa perturbatrice.

3. Mentre la if è nota, la cadente J¯i da attribuire al singolo intervallo viene determinata adottando la
formula di Gauckler-Strickler (relazione 4.48 nel caso di sezioni rettangolari larghe) e facendo la media
aritmetica delle J riferite agli estremi dell’intervallo.

4. Mediante la 4.50 si calcola la differenza ∆xi , cioè la lunghezza del tronco di corrente lungo la quale
l’altezza varia di ∆yi .
172 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Si noti come questo procedimento, pur essendo stato esposto con implicito riferimento agli alvei cilindrici (i
soli per i quali si possa parlare di moto uniforme), sia valido in generale. Per un esempio numerico si veda
l’esercizio 4.15.1.
Andrea Lisjak 4.6. Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto 173

4.6 Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto


Per semplicità consideriamo solamente il caso di alvei cilindrici, formati da tratti a pendenza costante.
Ci si chiede se è possibile il passaggio graduale, cioè con profilo continuo, attraverso lo stato critico e in
caso affermativo in quali circostanze esso possa avvenire.

4.6.1 Passaggio graduale da corrente lenta a corrente veloce


Una corrente che da lenta tenda a diventare veloce dovrà essere accelerata, in modo da raggiungere lo stato
critico verso valle con altezze via via decrescenti: il solo profilo di corrente lenta che possa soddisfare questo
requisito è il D2.
Superato lo stato critico, la corrente, ormai veloce, dovrà ancora essere accelerata e tendere verso valle
al moto uniforme: il solo profilo di corrente veloce che possa soddisfare questo requisito è l’F2.

Figura 4.18. Passaggio attraverso lo stato critico: da corrente lenta a corrente veloce.

Cambiamento di pendenza dell’alveo


Affinchè ci sia il passaggio graduale di una corrente da lenta a veloce è dunque necessario un cambiamento
di pendenza nell’alveo, da debole a forte.
Tale condizione è tuttavia sufficiente: quando l’alveo presenta un simile cambiamento di pendenza e
non esistano lungo di esso altre cause perturbatrici, il passaggio graduale descritto avviene sempre, perchè
avviene spontaneamente. La causa perturbatrice infatti, rappresentata appunto dal cambiamento di pen-
denza, è situata all’estremo a valle della corrente lenta e a quello a monte della corrente veloce, sicché su
entrambe può esercitare la propria influenza, che si estende fino all’infinito.
Proprio in corrispondenza della sezione dove avviene il cambiamento di pendenza si stabilisce l’altezza
critica yc .

4.6.2 Passaggio graduale da corrente veloce a corrente lenta


Consideriamo il caso di una corrente veloce che tenda a diventare lenta.
Essa deve essere ritardata in modo da raggiungere verso valle lo stato critico per altezze crescenti: il solo
profilo di corrente veloce che soddisfa questo requisito è il D3, che si svolge in alveo a debole pendenza.
Superato lo stato critico, la corrente, ormai lenta, deve ancora essere ritardata in modo da allontanarsi
dallo stato critico stesso: il solo profilo che soddisfa questo requisito è l’F1, che si svolge in alveo a forte
pendenza.

Cambiamento di pendenza dell’alveo


Condizione necessaria per il ricercato passaggio graduale attraverso lo stato critico è un cambiamento di
pendenza da debole a forte.
Questa volta però tale condizione non è sufficiente: il cambiamento di pendenza, a valle della corrente
veloce e a monte della corrente lenta, non può esercitare alcuna influenza né sull’una né sull’altra.
174 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.19. Passaggio attraverso lo stato critico: da corrente veloce a corrente lenta.

La corrente veloce deve essere provocata (nell’alveo a debole pendenza) e condizionata nel suo svolgimento
da una causa situata a monte, ad esempio una paratoia che obbliga la corrente a passare attraverso una luce
battente ad essa soggiacente.
Analogamente la corrente lenta deve essere provocata (nell’alveo a forte pendenza) e condizionata nel
suo svolgimento da una causa situata a valle, ad esempio un’altra paratoia.
È evidente che le due paratoie devono proprio essere regolate in modo che i due profili di moto permanente
da esse provocati raggiungano l’altezza critica nella sezione dove ha luogo il cambiamento di pendenza; se si
varia di poco l’apertura anche solo di una delle due l’altezza critica viene raggiunta in una sezione diversa
da quella del cambiamento di pendenza e quindi non si può realizzare il passaggio graduale attraverso lo
stato critico.
Il passaggio graduale di una corrente da veloce a lenta è possibile teoricamente ma con probabilità nulla,
perchè subordinato al verificarsi contemporaneo di due circostanze entrambe con probabilità nulla.

Risalto idraulico

Il passaggio di una corrente dallo stato veloce a quello lento avviene quindi attraverso una discontinuità, un
brusco sollevamento del pelo libero, detto risalto idraulico o salto di Bidone.
Questo brusco sollevamento nella sua manifestazione più tipica è accompagnato dalla formazione di un
imponente vortice superficiale ad asse orizzontale, che assorbe aria presentandosi schiumeggiante, e dissipa
rilevanti quantità di energia.

Figura 4.20. Risalto idraulico.


Andrea Lisjak 4.6. Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto 175

Interpretazione teorica
L’interpretazione teorica del fenomeno è possibile da ottenere applicando l’equazione globale dell’equilibrio
dinamico (conservazione della quantità di moto) al breve tronco di corrente che comprende il vortice.

Figura 4.21. Applicazione dell’equazione globale dell’equilibrio dinamico.

Consideriamo un tronco di corrente in alveo cilindrico, compreso fra la sezione 1 che precede immediatamente
il risalto e una sezione 2, che lo segue, alla minima distanza necessaria perché si possa considerare ristabilita
la linearità della corrente e quindi la distribuzione idrostatica delle pressione. Applichiamo a questo tronco
l’equazione globale dell’equilibrio dinamico, proiettandola nella direzione del moto e trascurando:
- la componente del peso nella direzione stessa (equivale a supporre che il fondo sia orizzontale);
- la resistenza dell’alveo.
Le forze da mettere in gioco sono quindi:
- le spinte idrostatiche sulle sezioni estreme 1 e 2;
- le quantità di moto delle masse che attraversano le sezioni nell’unità di tempo.
Si può quindi scrivere:
Π1 + M1 = Π2 + M2 (4.51)
La somma della spinta idrostatica Π e del flusso della quantità di moto M è detta spinta totale S della
corrente.

Figura 4.22. Generica sezione trasversale dell’alveo.

Consideriamo ora una generica sezione trasversale dell’alveo. Siano:


176 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

- Ω: area bagnata;

- B: larghezza del pelo libero;

- ηG : immersione del baricentro sotto il pelo dell’acqua.

La spinta totale può essere scritta come:

Q2
Z
S=γ η dΩ + ρQV = γΩηG + ρ = S(y) (4.52)
Ω Ω

Essa risulta funzione univoca di y quando si consideri la portata costante (Q = cost) e la geometria della
sezione nota.
Dal momento che:

- se y → 0 allora S = [0 + ∞] → +∞

- se y → +∞ allora S = [+∞ + 0] → +∞

S(y) deve presentare un punto di minimo. Il valore di y che dà luogo al minimo di S si ottiene imponendo
la condizione:
dS
=0
dy
Conviene prima esprimere la profondità ηG del baricentro come rapporto tra il momento statico della sezione
rispetto al pelo libero e l’area della sezione stessa:
1
R 2
2 η dB
ηG =

a meno di infinitesimi di ordine superiore si ha quindi:

Q2 dΩ Q2 B
Z
dS
= γ y dB − ρ 2 = γΩ − ρ 2 = 0
dy Ω dy Ω
di cui si ottiene proprio la condizione che definisce lo stato critico:

Q2 B Ω3 Q2
= 1 =⇒ = (4.53)
gΩ3 B g
Così come l’energia specifica E anche la spinta totale S ha il proprio minimo in coincidenza con lo stato
critico.

Alvei a sezione rettangolare


Nel caso di sezione rettangolare la spinta totale vale:

1 Q2
S= γBy 2 + ρ
2 By
ed il suo minimo si ha quando:
dS Q2
= γBy − ρ 2 = 0
dy By
cioè per: s s
Q2 q2
y = yc = 3
= 3
(4.54)
gB 2 g
Il punto di minimo suddivide dunque anche il grafico rappresentante la S(y) in due rami, di cui uno (per
y < yc ) rappresenta situazioni di corrente veloce e l’altro (per y > yc ) situazioni di corrente lenta.
In base alla 4.51 le due altezze y1 e y2 delle sezioni che delimitano il risalto devono trovarsi allineate su una
medesima parallela AB all’asse delle y: esse sono dette altezze coniugate del risalto.
Andrea Lisjak 4.6. Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto 177

Figura 4.23. Andamento della spinta totale in funzione dell’altezza della corrente.

Il grafico di figura 4.24 può essere tracciato in base alla 4.52 per una qualsiasi sezione; esso consente
di risolvere il problema della determinazione dell’altezza a valle del risalto nota che sia quella a monte, o
viceversa.

Figura 4.24. Altezze coniugate del risalto.

Nel caso di sezione rettangolare è pure agevole la soluzione analitica. Con riferimento ad una striscia di
larghezza unitaria, percorsa dalla portata q = Q/B, la 4.51 si scrive:

1 2 q2 1 q2
γy1 + ρ = γy22 + ρ
2 y1 2 y2
da cui:
y22 − y12 q 2 y2 − y1 y2 − y1
= = yc3
2 g y1 y2 y1 y2
178 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

e quindi:
2yc3
y1 + y2 = (4.55)
y1 y2
Essa è una relazione simmetrica tra y1 e y2 in cui la portata entra come parametro attraverso l’altezza
critica yc . Essa consente di calcolare una qualsiasi delle altezze coniugate del risalto quando sia nota l’altra.
Se ad esempio è nota l’altezza y1 , l’equazione di 2◦ grado in y2 fornisce come radice significativa:
" s #  
y1 8yc3 y1
q
y2 = −1 + 1 + 3 = −1 + 1 + 8F r1 2 (4.56)
2 y1 2

Nel caso di sezione rettangolare è pure abbastanza semplice il calcolo dell’energia specifica dissipata nel
risalto:
q2 1 y3 y2 − y2
 
1
E1 − E2 = y1 − y2 + 2 − 2 = y1 − y2 + c 2 2 2 1
2g y1 y2 2 y1 y2
da cui, eliminando yc attraverso la 4.55, si ottiene:

(y2 − y1 )3
E1 − E2 = (4.57)
4y1 y2

Forme di risalto idraulico


In funzione della velocità della corrente in entrata e quindi del suo numero di Froude cambia l’aspetto
esteriore del risalto idraulico:

- 1 < F r1 / 1, 7: il risalto assume un aspetto ondulato;


- 1, 7 / F r1 / 2: il risalto assume l’aspetto di un vortice ad asse orizzontale;
- F r1 > 3: il risalto assume l’aspetto di un vortice ad asse orizzontale con formazione di un’onda
frangente.

Lunghezza del risalto


La lunghezza LR del tronco di corrente interessato dal risalto è un elemento che non si può valutare con
precisione perché, mentre è abbastanza ben individuabile sperimentalmente la sezione iniziale, altrettanto
non può dirsi per la sezione terminale del risalto stesso.
Esistono in letteratura alcuni valori sperimentali della lunghezza di risalto, espressi in funzione del
numero di Froude F r1 e parametrizzati o rispetto alla profondità di valle y2 o rispetto all’ampiezza del salto
y2 − y1 .

Tabella 4.1. Lunghezza del risalto.

F r1 LR /y2 LR /(y2 − y1 )
2 4,4 7,6
3 5,3 7,2
5 6,0 7,0
10 6,1 6,6
15 5,9 6,2
20 5,5 5,7
Andrea Lisjak 4.6. Passaggio attraverso lo stato critico. Il risalto 179

Esempio
Consideriamo un torrente di montagna (corrente veloce) che si getta in un lago (corrente lenta). Vogliamo
individuare il punto in cui si forma il risalto applicando la condizione S1 = S2 .

Figura 4.25. Determinazione della posizione del risalto.

Supponiamo che le cause pertubatrici a monte siano lontane, in modo da poter assumere a monte del risalto
l’altezza di moto uniforme y0 , si trova quindi F r0 e si calcola:
 
y0
q
y2∗ = −1 + 1 + 8F r02
2

È possibile quindi seguire il profilo F1 verso monte finché si ottiene un valore di y pari a y2∗ , è questo il
punto in cui si forma il risalto. Approssimando il profilo F1 come orizzontale si può scrivere:
y1 − y2∗
y1 − if x = y2∗ =⇒ x ≈
if
180 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.7 Esempi applicativi


4.7.1 Procedura per la determinazione dei profili
1. Trovare l’altezza critica yc .
Nel caso di alvei a sezione rettangolare vale la relazione:
s
q2
yc = 3
g

2. Trovare l’altezza di moto uniforme y0 .


Nel caso di alvei rettangolari larghi (R ≈ y):
s !3/5
3
q2 q
y0 = 2
y0 = 1/2
C gif Ks if

Nel caso di alvei rettangolari si deve risolvere l’equazione non lineare in y0 :


 2/3
By0 1/2
q − Ks y0 if =0
B + 2y0

Determinare se l’alveo è a forte o debole pendenza.


3. Determinare le condizioni al contorno e/o i vincoli interni.
4. Verificare la presenza di un eventuale passaggio da una corrente veloce a monte ad una lenta a valle
e quindi la formazione di un risalto idraulico.
In caso affermativo ricorrere all’equazione globale dell’equilibrio dinamico.
Nel caso di alvei a sezione rettangolare la relazione per le profondità coniugate del risalto idraulico
vale: " s #  
y1 8yc3 y1 q
q
y2 = −1 + 1 + 3 = −1 + 1 + 8F r12 F r1 = √
2 y1 2 y1 gy1

Trovare la posizione del risalto (nell’ipotesi che esso abbia un profilo verticale) in modo tale che y1 ed
y2 siano una coppia di profondità coniugate.
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 181

4.7.2 Presenza di una paratoia piana in alvei a debole pendenza


Consideriamo l’effetto della presenza in una determinata sezione di un alveo cilindrico, di una paratoia
piana, che obblighi la corrente a defluire attraverso una luce. La portata Q costante in moto uniforme
assume l’altezza y0 . Essendo l’alveo a debole pendenza il moto uniforme vi si dovrebbe svolgere in regime
di corrente lenta.

Condizioni al contorno
Poiché si è in un alveo a debole pendenza la condizione al contorno va ricercata a valle. Dal momento che
non è presente nulla si suppone che le eventuali cause perturbatrici siano sufficientemente lontane in modo
da poter supporre che il profilo sia asintotico con il profilo di moto uniforme (D1 o D2).

Vincoli interni
La luce della paratoia si comporta come un foro in un serbatoio, la portata uscente vale:

(4.58)
p
q = Cv Cc a 2gym

dove:

- Cc : coefficiente di contrazione;

- Cv : coefficiente correttivo per la velocità di approccio;

- CQ = Cc · Cv : coefficiente di portata;

- a: altezza della luce della paratoia;

- ym : altezza della corrente immediatamente a monte della paratoia.

L’altezza della corrente contratta è quindi da ritenere nota e pari a:

ye = C Q a (4.59)

Nella sezione contratta la corrente deve necessariamente essere veloce: dal momento che l’area della sezione
stessa e la velocità sono determinate dalla posizione della paratoia, la quale, rispetto alla sezione contratta,
è situata a monte, la corrente non può essere lenta altrimenti la paratoia non potrebbe esercitarvi alcuna
influenza.
Nella stessa sezione contratta l’energia specifica rispetto al fondo vale:

Ve2
E e = ye + (4.60)
2g
Essa deve essere maggiore di quella competente al moto uniforme: prima che questo venga ricostituito verso
valle la corrente veloce dovrà dissipare più energia che non la corrente uniforme (vedi relazione 4.47) e questa
quantità in più dovrà essere stata accumulata in precedenza e trovarsi disponibile nella sezione contratta.
Supponendo nulla la perdita di carico nell’efflusso, l’altezza ym che si stabilisce a monte della paratoia
è subito determinata in base al grafico di figura 4.27 come quella della corrente lenta cui compete l’energia
specifica rispetto al fondo Ee . Nel caso di alveo a sezione rettangolare si ha:

q2
ym = 2 a2 2g (4.61)
CQ

Tracciamento del profilo


Poiché la corrente a monte della paratoia è lenta deve essere ym > y0 . Nel tronco di canale a monte si
stabilisce un profilo di tipo D1 che è possibile tracciare per punti partendo dal suo estremo a valle dove è
nota l’altezza ym .
182 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.26. Paratoia in alveo a debole pendenza: profilo del moto.

A valle della paratoia si stabilisce invece un profilo di tipo D3, ossia l’unico di corrente veloce realizzabile
in alveo a debole pendenza. Esso può essere tracciato partendo dalla sezione contratta dove è nota l’altezza
ye .
A valle il profilo D3 tende all’altezza critica la quale però non viene raggiunta a causa dell’intervento di
un risalto idraulico che riporta la corrente allo stato lento, ripristinando il moto uniforme di altezza y0 .

Figura 4.27. Paratoia in alveo a debole pendenza: energia specifica ed altezza della
corrente.

Posizione del risalto

Nota l’altezza di valle y0 è possibile calcolare, nell’ipotesi di sezione rettangolare, l’altezza coniugata y1 a
monte: " s #  
y0 8yc3 y0
q
y1 = −1 + 1 + 3 = −1 + 1 + 8F r02
2 y0 2
Il risalto ha luogo proprio in quella sezione in cui il profilo di corrente veloce raggiunge l’altezza y1 .
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 183

Aumento dell’area sotto la paratoia


Aumentare l’altezza ye significa traslare verso monte senza deformazione il profilo D3 della corrente veloce
e quindi il risalto.
Quando l’altezza nella sezione contratta supera il valore y1 coniugato di y0 il profilo D3 scompare del
tutto e il risalto risulta addossato del tutto alla paratoia (risalto annegato). L’efflusso non è più libero,
bensì rigurgitato, e il livello a monte non dipende più soltanto dall’apertura della paratoia bensì anche dal
livello che si viene a stabilire a valle, a ridosso di essa.
184 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.7.3 Presenza di una paratoia piana in alvei a forte pendenza


Condizioni al contorno
Poiché si è in un alveo a forte pendenza la condizione al contorno va ricercata a monte. Dal momento che
non è presente nulla si suppone che le eventuali cause perturbatrici siano sufficientemente lontane in modo
da poter supporre che il profilo sia asintotico con il profilo di moto uniforme (F2 o F3).

Vincoli interni
La paratoia origina ancora subito a valle una sezione contratta di altezza ye ; e subito a monte si stabilisce
un’altezza ym , che è possibile determinare come in precedenza.
Anche in questo caso, subito a monte della paratoia, la corrente risulta lenta: è necessario che ciò
avvenga affinché la paratoia possa agire su di essa in modo da procurare quell’incremento di energia specifica
occorrente per vincere le maggiori resistenze della corrente a valle (vedi relazione 4.47), che si svolge con
altezze inferiori a quella del moto uniforme.

Tracciamento del profilo

Figura 4.28. Paratoia in alveo a forte pendenza: profilo del moto.

Il profilo di moto permanente che si stabilisce a valle con y < y0 è del tipo F3, asintotico al moto uniforme.
Lo si può tracciare per punti a partire dalla sezione contratta in cui è nota ye .
A monte della paratoia si stabilisce invece un profilo di tipo F1, ossia l’unico di corrente lenta realizzabile
in alveo a forte pendenza. Esso può essere tracciato partendo dall’estremo di valle dove è nota l’altezza ym .
A monte il profilo F1 tende all’altezza critica la quale però non viene raggiunta a causa dell’intervento
di un risalto idraulico che riporta la corrente allo stato veloce, ripristinando il moto uniforme di altezza y0 .

Posizione del risalto


Nota l’altezza di monte y0 è possibile calcolare, nell’ipotesi di sezione rettangolare, l’altezza coniugata y2 a
valle: " s #  
y0 8yc3 y0
q
y2 = −1 + 1 + 3 = −1 + 1 + 8F r0 2
2 y0 2
Il risalto si ha proprio in quella sezione in cui il profilo di corrente lenta F1 raggiunge l’altezza y2 .
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 185

4.7.4 Cambio di pendenza con paratoia piana


Consideriamo un alveo a debole pendenza a valle di una paratoia che vi determina una corrente veloce con
profilo D3. Supponiamo che dopo un tratto più o meno lungo l’alveo diventi a forte pendenza.
Siano yo0 e y000 le altezze di moto uniforme nei due tronchi d’alveo e yc l’altezza critica.
Si possono presentare due diverse situazioni a seconda della lunghezza L del tratto d’alveo a debole
pendenza:
1. lunghezza minore di quella necessaria (Lc ) affinché il profilo D3 pervenga allo stato critico;
2. lunghezza maggiore di quella necessaria (Lc ) affinché il profilo D3 pervenga allo stato critico.

Figura 4.29. Cambio di pendenza con paratoia piana: profilo del moto.

L < Lc
In questo caso la corrente resta ovunque veloce. A valle della sezione dove ha luogo il cambiamento di
pendenza si sviluppa un profilo di tipo F2 o F3 a seconda che y000 sia minore o maggiore dell’altezza raggiunta
dal profilo D3. Al limite si può avere in corrispondenza del cambiamento di pendenza proprio l’altezza critica
yc , nel cui caso si avrà verso valle un profilo F2, partente proprio da yc .

L > Lc
In questo caso la corrente veloce non può svilupparsi fino a yc ma interviene prima un risalto che la trasforma
in corrente lenta. L’altezza critica viene quindi a cadere proprio in corrispondenza del cambiamento di
pendenza e a monte si ha un profilo D2 fino alla sezione dove ha luogo il risalto.

Posizione del risalto


La localizzazione della sezione in cui avviene il risalto non è immmediata in quanto non si conosce a priori
nessuna delle due altezze coniugate.
Il procedimento da seguire è: per alcune sezioni (AM, BH, . . . ) del profilo di monte D3 (o di quello di
valle) si determinano le altezze coniugate (AM’, BH’, . . . ) e si riportano a partire dal fondo. Gli estremi
superiori (M’, H’, . . . ) si trovano su una curva, detta luogo del risalto, che si traccia unendoli “a sentimento”:
essa taglia il profilo di valle (o di monte) proprio nella sezione dove avviene il risalto.
186 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.7.5 Passaggio sopra una soglia di fondo


Supponiamo che una soglia di altezza a e di modesta lunghezza interrompa la continuità di un alveo.

Energia specifica elevata e/o altezza della soglia piccola

Figura 4.30. Passaggio sopra una soglia di fondo (energia specifica elevata): profilo del
moto.

Sia E0 l’energia specifica della corrente in arrivo, supponiamo che nel breve percorso della corrente lungo il
raccordo iniziale della soglia le dissipazioni siano trascurabili: sopra la soglia si ritrova la linea dell’energia
alla medesima quota che a monte della soglia. Ciò significa che l’energia specifica risulta minore:

E1 = E0 − a (4.62)

Analizzando il grafico dell’energia specifica in funzione dell’altezza.


• Alveo a forte pendenza: la corrente veloce passa dall’altezza y000 del moto uniforme ad un’altezza
y100 > y000 .
Il pelo libero di solleva ed il sollevamento risulta maggiore dell’altezza stessa della soglia.
• Alveo a debole pendenza: la corrente lenta passa dall’altezza y00 del moto uniforme ad un’altezza
y10 < y00 . Poiché l’inclinazione della E(y) è minore di quella della bisettrice degli assi risulta y00 −y10 > a.
Il pelo libero della corrente sulla soglia si abbassa.

Energia specifica piccola e/o altezza della soglia elevata


In questo caso può darsi che l’energia specifica E0 della corrente in arrivo non sia sufficiente per farle
oltrepassare la soglia.
Ciò avviene quando la retta di equazione E = E 0 = E0 − a non taglia il grafico della E(y), essendo
appunto E 0 < Ec .
• Alveo a debole pendenza: la corrente è costretta a rigurgitare, il suo livello si solleva e con ciò, essendo
la corrente lenta, aumenta l’energia specifica, fino al minimo valore indispensabile.
Questo viene raggiunto quando sulla soglia si stabilisce proprio lo stato critico, con altezza yc e carico
totale Ec rispetto al piano superiore della soglia stessa.
Subito a monte avremo un carico totale E1 = Ec +a rispetto al fondo dell’alveo, e corrispondentemente
un’altezza y1 > y0 : un profilo di rigurgito del tipo D1 si estenderà fino all’infinito a monte.
Raggiunto lo stato critico sulla soglia, la corrente, sempre accelerando, diventa subito a valle veloce,
in quanto le sue condizioni sono determinate proprio dalla soglia (causa posta a monte).
Nell’ipotesi che anche al termine della soglia non intervenga sensibile dissipazione di energia, l’altezza
y2 subito al piede della soglia è fornita dal grafico della E(y).
Deve seguire un profilo di tipo D3, di corrente veloce ritardata in alveo a debole pendenza, interrotto
infine da un risalto che ristabilisce il moto uniforme.
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 187

Figura 4.31. Passaggio sopra una soglia di fondo (energia specifica elevata): energia
specifica ed altezza della corrente.

(a) Alvei a debole pendenza. (b) Alvei a forte pendenza.

Figura 4.32. Passaggio sopra una soglia di fondo (energia specifica piccola): energia
specifica ed altezza della corrente.

• Alveo a forte pendenza: anche in questo caso si stabilisce sulla soglia lo stato critico. Ciò richiede
tuttavia un sollevamento della linea dell’energia anche a monte e quindi un’influenza della soglia sulla
corrente in arrivo, ne consegue che questa deve diventare lenta, assumendo subito a monte l’altezza
y1 corrispondente al carico totale E1 = Ec + a.
Si stabilisce un profilo di rigurgito di tipo F1, di corrente lenta in alveo a forte pendenza, che inizia a
monte con un risalto.
Varcato lo stato critico sulla soglia, a valle la corrente ridiventa veloce; ma subito al piede, nell’ipotesi
che anche allo sbocco non si dissipi energia e quindi il carico totale rispetto al fondo resti E1 , si
ha un’altezza y2 < y0 , in quanto in una corrente veloce un aumento di energia corrisponde ad una
diminuzione di altezza.
Il moto uniforme viene ristabilito asintoticamene verso valle, a mezzo di un profilo del tipo F3.
188 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.33. Passaggio sopra una soglia di fondo (energia specifica piccola): profilo del
moto per alvei a debole pendenza.

Figura 4.34. Passaggio sopra una soglia di fondo (energia specifica piccola): profilo del
moto per alvei a forte pendenza.

4.7.6 Stabilizzazione di un risalto idraulico


La determinazione della posizione del risalto serve ad individuare le zone in cui il fondo del canale sarà
sottoposto a forti sollecitazioni. Essendo infatti il risalto un fenomeno fortemente dissipativo esso provoca
delle forti perturbazioni di pressione verso il fondo, le quali si trasferiscono al materiale costituente il fondo
movimentandolo ed inducendo fenomeni di disgregazione.
Consideriamo lo sfioratore di una diga: esso è costituito da una sorta di scivolo che permette di scaricare a
valle l’eccesso d’acqua dovuto ad un’onda di piena. Poiché la pendenza di tale scivolo può raggiungere anche
il 100 % gran parte dell’energia presente alla sommità si trasferisce a valle, dove viene dissipata mediante un
risalto, di cui è necessario stabilizzare la posizione al piede dello scivolo. Il risalto tende infatti a spingersi
molto a valle in quanto:  
y2
q
0 2
y3 = −1 + 1 + 8F r2  y0 v
2
Le possibilità che si presentano sono due.
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 189

1. Approfondire la vasca di una quantità a in modo tale che:

y0 v + a = y30

2. Creare uno sbarramento, detta controbriglia, di altezza b in modo che:

ys + b = y30 =⇒ b = y30 − ys

Figura 4.35. Stabilizzazione di un risalto idraulico: profilo del moto.

L’altezza ys può essere ottenuta considerando le formule per gli stramazzi :


 
p 3
Q = CQ Bs ys 2gys =⇒ ys ≈ yc
2

A valle della controbriglia si formerà un altro risalto, il quale tuttavia sarà molto più piccolo, in quanto gran
parte dell’energia sarà stata già dissipata nella prima vasca.

Figura 4.36. Stabilizzazione di un risalto idraulico: energia specifica ed altezza della


corrente.
190 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.7.7 Passaggio fra le pile di un ponte


Il processo di movimento in questo caso è del tutto paragonabile a quello visto per il caso della passaggio
sopra una soglia di fondo, tuttavia in questo caso:
- si mantiene costante l’energia specifica E rispetto al fondo;
- varia la portata q per unità di larghezza.
Consideriamo una corrente che supponiamo contenuta in un alveo a sezione rettangolare larga B1 , sia Q la
sua portata e quindi q1 = Q/B1 la portata per unità di larghezza del canale.
Facciamo l’ipotesi che il passaggio tra le pile del ponte avvenga senza sensibile dissipazione di energia
(E = cost). Fra le pile la larghezza complessiva della sezione liquida si riduce a B2 < B1 e quindi la portata
unitaria aumenta diventando q2 = Q/B2 > q1 .

Piccolo restringimento
Consideriamo separatamente i due casi di alvei a debole e a forte pendenza; siano y00 e y000 le rispettive altezze
di moto uniforme.
• Alvei a debole pendenza: poichè a parità di y all’aumentare di q si ha un aumento di E, ne consegue
che per effetto del restringimento:
- yc aumenta;
- y10 < y00 : la corrente si abbassa.
• Alvei a forte pendenza: in maniera analoga si ha:
- yc aumenta;
- y100 > y000 : la corrente si alza.

(a) Profilo del moto. (b) Energia specifica ed altezza della corrente.

Figura 4.37. Passaggio tra le pile di un ponte (piccolo restringimento).

Si trova quindi lo stesso fenomeno che si era trovato studiando il passaggio sopra una soglia con l’osservazione
che:
X corrente lenta: l’aumento della portata unitaria si attua mediante un aumento di velocità al quale
corrisponde una diminuzione della quota piezometrica (y);
X corrente veloce: l’aumento della portata unitaria si attua mediante una diminuzione dell’energia
cinetica, che porta ad un aumento dell’area liquida.
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 191

Grande restringimento
Può anche in questo caso succedere che, se il restringimento della sezione è piuttosto rilevante, l’energia
disponibile nella corrente in arrivo non sia sufficiente a superare l’ostacolo.
Interviene un rigurgito che realizza subito a monte del ponte una corrente lenta con carico totale E1 > E0 .
In particolare la corrente si porta ad un livello energetico pari al minimo valore indispensabile per il
passaggio fra le pile, ossia quel valore per cui il passaggio si realizza allo stato critico con altezza:
s
q2
yc1 = 3 2
g

Il valore dell’energia è quindi pari a:


3
E1 = yc1
2
Il valore di y1 è ottenibile risolvendo l’equazione non lineare:
s
3 3 q22 q2
= y1 + 1 2
2 g 2gy1

Figura 4.38. Passaggio attraverso le pile di un ponte (forte restringimento): energia


specifica ed altezza della corrente per alvei a debole pendenza.

• Alvei a debole pendenza: il rigurgito provocato dal ponte si estende fino all’infinito a monte, secondo
un profilo di tipo D1.
La corrente, attraversato lo stato critico fra le pile, diventa veloce subito a valle, con altezza y2
deducibile dal grafico di figura 4.38, nell’ipotesi che anche allo sbocco la dissipazione di energia sia
trascurabile. Segue un profilo D3, di corrente veloce, che termina con un risalto, a valle del quale si
ristabilisce il moto uniforme.
• Alvei a forte pendenza: subito a monte del ponte si ha un profilo di tipo F1, di corrente lenta, che
inizia con un risalto, a monte del quale si ha il moto uniforme della corrente veloce.
A valle del ponte, subito dopo lo sbocco, la corrente veloce ha altezza y2 < y0 , ed il moto uniforme
viene ristabilito asintoticamente, a mezzo di un profilo di tipo F3.

Condizione di non attraversamento della profondità critica


La condizione affinché in assenza di perdite non si verifichi l’attraversamento della profondità critica è
che l’energia specifica della corrente indisturbata sia maggiore od uguale all’energia specifica critica per la
192 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.39. Passaggio attraverso le pile di un ponte (forte restringimento): profilo del
moto per alvei a debole pendenza.

Figura 4.40. Passaggio attraverso le pile di un ponte (forte restringimento): profilo del
moto per alvei a forte pendenza.

portata assegnata: s
q12 3 q22
y0 1 + 2 ≥ 3
(4.63)
2gy0 1 2 g
Il numero di Froude della corrente indisturbata vale:
V0 q1
F r0 = √ = √
gy0 1 y0 1 gy0 1
Andrea Lisjak 4.7. Esempi applicativi 193

e quindi la 4.63 diventa:


2/3
F r02

3 F r0 B1
1+ − ≥0 (4.64)
2 2 B2
Nel caso di uguaglianza, ad ogni valore del rapporto di restringimento B2 /B1 corrispondono due soluzioni
positive per i numeri di Froude F r0 , che si indicano come numeri limite FL : FL0 < 1 e FL00 > 1. La corrente
si mantiene ovunque lenta nel passaggio attraverso il restringimento se risulta F r0 ≤ FL0 ed analogamente
ovunque veloce se F r0 > FL00 .
Il diagramma di figura 4.41 rappresenta l’andamento delle soluzioni FL in funzione del rapporto di
restringimento B2 /B1 . Si individuano 3 campi:
1. il moto avviene in condizione di corrente sempre lenta: moto subcritico;
(equivale al caso dell’alveo a debole pendenza con piccolo restringimento);
2. il moto avviene in condizione di corrente sempre veloce: moto supercritico;
(equivale al caso dell’alveo a forte pendenza con piccolo restringimento);
3. il moto avviene con transizione attraverso la profondità critica:
- 30 : alveo a debole pendenza con grande restringimento;
- 300 : alveo a forte pendenza con grande restringimento.

Figura 4.41. Andamento delle soluzioni FL in funzione del rapporto di restringimento.

Valutazione del rigurgito per il moto in condizioni subcritiche


Quando il punto di coordinate assegnate (F r0 , B2 /B1 ) cade in campo 1 il rigurgito ∆y, cioè la sopraele-
vazione del pelo libero a monte del restringimento rispetto alla profondità y0 della corrente indisturbata2 ,
si può calcolare con la formula empirica di Yarnell :
"  4 #
∆y B2 B2
2
= k2 (k2 − 0, 6 + 5F r0 ) 1 − + 15 1 − F r02 (4.65)
y0 B1 B1

dove k2 è un fattore di forma delle pile, i cui valori sono indicati nella figura 4.42.

2 Questo rigurgito non è riportato nel disegno di figura 4.37(a).


194 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.42. Fattore di forma k2 delle pile del ponte per la formula di Yarnell.

4.8 Tracce dell’onda di piena


Si è già detto nel capitolo 1 che in condizioni di piena risulta estremamente difficoltoso eseguire delle buone
misurazioni dirette della portata in un corso d’acqua. Risulta a tal proposito interessante valutare le tracce
lasciate sulle sponde dalle onde di piena: esse sono formate generalmente o da una striscia di limo depositato
o dal segno dell’erba piegata. Tali tracce hanno il vantaggio di rimanere ben visibili anche alcuni giorni
dopo l’evento permettendone così un rilievo mediante picchettaggi da parte di una squadra topografica.

Figura 4.43. Picchettaggio della traccia dell’onda di piena.

4.8.1 Valutazione della portata in condizioni di piena


Per la valutazione della portata in condizioni di piena è quindi possibile seguire un procedimento di questo
tipo.

1. Si riporta in un grafico x − Z l’andamento della quota del fondo Zf in un funzione della coordinata
longitudinale x rispetto ad un sistema di riferimento per le quote, ciò avviene per punti attraverso il
rilievo topografico di una serie di sezioni trasversali del canale.

2. Si riportano sullo stesso grafico le altezze dei punti picchettati ZP (x).

3. Noti il coefficiente di scabrezza del canale Ks e la condizione al contorno y0 , altezza di monte o di valle
a seconda del tipo di corrente, si sfrutta l’equazione del profilo del pelo libero in moto permanente
y = y(x; Q, Ks , y0 ) (calcolabile alle differenze finite) per trovare la portata Q che minimizza una
determinata funzione obiettivo relativa a:

ε = y + Zf − ZP (4.66)

4. Tipi possibili di funzione obiettivo sono:

(a) minimi quadrati : X 


min ε2 (4.67)
Q
Andrea Lisjak 4.8. Tracce dell’onda di piena 195

Figura 4.44. Valutazione della portata mediante la traccia dell’onda di piena.

(b) minimax :
min (max |ε|) (4.68)
Q

4.8.2 Valutazione di variazioni del coefficiente di scabrezza


La differenza esistente tra i punti del profilo calcolati alle differenze finite e i punti calcolati può essere utile,
entro certi limiti, per la valutazione di eventuali variazioni di scabrezza del canale nel tratto considerato.

Figura 4.45. Variazione del coefficiente di scabrezza: profilo del pelo libero.

In base alla formula di Gauckler-Strickler si ha che:

Q = Ks R2/3 ΩJ 1/2

Grazie alla picchettatura del profilo e al rilievo topografico delle sezioni è possibile conoscere Ω, R, y ed
entro certi limiti J. Rimane incognita la coppia Q, Ks . Supponiamo di aver scelto un unico valore di Ks1
costante per tutto il tronco di canale considerato ma che in realtà questo passi dal valore Ks1 nel primo
tratto ad un valore Ks2 > Ks1 nel secondo (vedi anche relazione 4.26). Ciò che si ottiene è un profilo che
ben si adatta ai punti misurati nel primo tratto e male a quelli del secondo.
...
196 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.9 Estrapolazione della scala delle portate


In tratti di alveo in cui è noto il coefficiente di scabrezza Ks i profili di moto permanente possono essere
utilizzati per tarare la scala delle portate ed estrapolarla per alti valori della portata stessa.
Si è visto come in condizione di corrente lenta una perturbazione a valle produca un profilo di tipo D1
o D2 che converge verso monte a quello di moto uniforme. Il procedimento da seguire è il seguente: si fissa
una portata Q e si calcola il profilo del moto permanente soggetto ad ipotesi arbitrarie circa la profondità y
a valle (yc , y1 , y2 , . . . ), in questo modo si riesce a determinare alle differenze finite il livello h corrispondente
nella sezione di misura dove è installato l’idrometro (hc , h1 , h2 , . . . ). Se la distanza tra sezione a valle
e sezione di misura a monte è grande allora i valori di h convergono ad un unico valore (quello di moto
uniforme). Per ottenere il livello corrispondente alla portata Q si effettua la media degli h calcolati.

Figura 4.46. Calcolo dei profili del pelo libero.

Ciò può essere fatto per diversi valori della portata Q ottenendo in tal modo altre coppie (Q, h) da utilizzare
per la determinazione della scala delle portate.

Figura 4.47. Estrapolazione della scala delle portate.


Andrea Lisjak 4.10. Alvei con sezioni composite o con scabrezza eterogenea 197

4.10 Alvei con sezioni composite o con scabrezza eterogenea


La sezione trasversale dei corsi d’acqua a pelo libero è spesso costituita da parti chiaramente diverse tra
loro per la forma, la profondità e talvolta anche per la scabrezza.
Negli alvei naturali la parte centrale, più profonda, costituisce il letto di magra (Ks = 35 ÷ 45 m1/3 s−1 ),
mentre le parti laterali si estendono sopra le golene (Ks = 15 ÷ 25 m1/3 s−1 in presenza di vegetazione rada)
fino agli argini maestri, destinate al contenimento delle portate di piena.

Figura 4.48. Esempio di alveo con sezione composita e scabrezza eterogenea.

4.10.1 Calcolo della portata totale


Il deflusso in queste condizioni avviene con velocità differenti nelle varie parti sia per variazione del raggio
idraulico sia del coefficiente di scabrezza. Per il calcolo della portata totale si può scrivere, in base alla legge
di Gauckler-Strickler:
Q = Ks ΩR2/3 J 1/2 = K · J 1/2 (4.69)
dove K è detta capacità di convogliamento (conveyance).
Dal punto di vista operativo si ipotizza che il livello d’acqua sia orizzontale lungo tutta la sezione e si
valutano separatamente i contributi alla portata delle singole sottosezioni in cui si può suddividere l’intera
sezione. La separazione si fa di solito mediante rette verticali. Si può quindi scrivere:
X √ X
Q= Qi = J Ki (4.70)
i

Le singole capacità di convogliamento riferite alle sottosezioni si possono calcolare una volta che siano noti
il coefficiente di scabrezza, l’area della sottosezione ed il raggio idraulico:
2/3
Ki = Ksi Ωi Ri (4.71)

Per la valutazione del perimetro bagnato delle singole sottosezioni può venire il dubbio se considerare o
meno l’interfaccia di separazione liquido–liquido. A tal proposito esistono due possibilità operative:

1. si suppone che le tensioni tangenziali all’interfaccia liquida, al pari di quelle all’interfaccia liquido-aria,
siano trascurabili e quindi non si considerano tali tratti;
2. alcuni autori sostengono che:
• per quanto riguarda le sottosezioni relative alle aree golenali si debba trascurare tale interfaccia
in quanto la velocità in tali zone è più piccola di quella del canale principale;
• per quanto riguarda la sottosezione relativa al canale principale si considera anche tale interfaccia
in quanto, essendo le sezioni adiacenti a velocità più bassa, l’attrito non è trascurabile.
198 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.11 Curve nei canali


4.11.1 Correnti lente
L’effetto di una curva su una corrente lenta è messo in evidenza dalla inclinazione che assume la superficie
libera, con una sopraelevazione sulla sponda esterna ed una depressione su quella interna.
Lo studio del fenomeno si può condurre in modo semplificato su una curva circolare a fondo piano e
pareti verticali assumendo che le velocità dipendano dal raggio di curvatura r come nel vortice irrotazionale.

Figura 4.49. Curva circolare in un canale.

Ogni elemento fluido è soggetto alla forza specifica verticale g dovuta al potenziale gravitazionale e ad
una forza centrifuga specifica orizzontale pari a V 2 /r. Il pelo libero deve perciò assumere una pendenza
trasversale per disporsi perpendicolarmente alla risultante di queste due forze. Ne consegue che la pendenza
del pelo libero è data da:
∂y V2
=
∂r gr
ed avendo assunto:
c1
V =
r
con c1 intensità del vortice, si ottiene:
∂y c2
= 13
∂r gr

Figura 4.50. Andamento del pelo libero nella sezione trasversale di una curva circolare.

Integrando questa equazione fra i raggi r1 interno e r2 esterno della curva e le corrispondenti quote del pelo
libero y1 e y2 si ha:
c21 1
 
1
∆y = y2 − y1 = − 2 (4.72)
2g r12 r2
Andrea Lisjak 4.11. Curve nei canali 199

Essendo Vm la velocità sulla curva di raggio medio rm e B = r2 − r1 la larghezza del canale si ha


equivalentemente:
V 2 B r3
∆y = y2 − y1 = m · 2m2 (4.73)
g r1 r2

Formula di Grashof
Con buona approssimazione si può sostituire al raggio medio aritmetico quello medio geometrico, quindi
3
rm /r12 r22 con 1/rm , e a Vm la velocità media V nella sezione. Si ottiene in questo modo la formula di
Grashof :
2
V B
∆y ≈ (4.74)
grm
Essa fornisce una valutazione tecnicamente3 soddisfacente del dislivello ∆y per rm /B ≥ 1, 5.

4.11.2 Correnti veloci


Il caso delle corrente veloci risulta notevolmente più complicato in quanto non essendo tali correnti influen-
zate da ciò che succede a valle la corrente “urta” violentemente contro le sponde esterne della curva, per
cui si creano nel pelo libero dei sovralzi che si propagano verso valle attaccati alla parete. La trattazione
analitica del problema viene quindi tralasciata.

3 Una tipica applicazione tecnica che necessita della conoscenza del dislivello del profilo trasversale è il dimensionamento

degli argini. Questo dislivello non viene invece tenuto in considerazione nel tracciamento dei profili longitudinali del pelo libero.
200 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.12 Alvei in letti alluvionali: condizioni di stabilità


4.12.1 Introduzione
I corsi d’acqua naturali assumono una forma che è legata al tipo di sedimento presente sul fondo e sulle
sponde e agli aspetti idrologici che si esplicitano in quel corso d’acqua.
Normalmente i corsi d’acqua vengono considerati come qualcosa di fisso e stabile nel loro andamento
plano-altimetrico; in realtà così non è: è evidente, ad esempio, che per riuscire a riempire di sedimenti le
pianure alluvionali i corsi d’acqua devono nel tempo invadere tutta la pianura.
L’arginazione di un corso d’acqua equivale a fissarne l’andamento planimetrico e quindi ad impedire
alluvionamenti della pianura circostante e ad imporre un alluvionamento selettivo della fascia interarginale.
Ne consegue che col tempo il canale compreso tra gli argini maestri si alza e quindi il livello del piano
campagna al suo interno diviene più alto di quello esterno. Tale innalzamento per sedimentazione riguarda
soprattutto le golene.

Figura 4.51. Arginazione di un corso d’acqua.

Si noti come questo tipo di dinamica fluviale non avvenga solamente alla scala dei tempi geologici (migliaia
d’anni) bensì anche a quella che riguarda la vita tecnica delle opere di ingegneria fluviale (decine d’anni).
Ne consegue che l’analisi del trasporto solido (valutazione della portata solida e dell’inizio del trasporto
al fondo) e dei fenomeni di modellamento dell’alveo e di resistenza siano di grande interesse ingegneristico.

4.12.2 Caratterizzazione del sedimento


Densità
Dal punto di vista idraulico la prima caratteristica distintiva dei materiali trasportati dalla corrente è la
loro densità ρs .

Dimensioni
Ipotizzando di approssimare un granulo con un ellissoide, s’individuano i seguenti elementi:

- diametro massimo Dmax : corrisponde alla massima distanza tra due punti appartenenti al ciottolo;

- sezione maestra: corrisponde alla sezione di area massima tra tutte quelle ortogonali all’asse massimo;

- diametro minimo Dmin : è il diametro minimo tra tutti quelli appartenenti alla sezione maestra;

- diametro medio Dmed : è il diametro appartenente alla sezione maestra ortogonale al diametro minimo.

La caratterizzazione di un miscuglio di granuli di varie dimensioni avviene mediante la distribuzione granu-


lometrica, corrispondente alla distribuzione di probabilità dei diametri dei granuli all’interno del miscuglio.
Dal momento che la sedimentazione in un corso d’acqua non è omogenea, nel campionare i sedimenti
per effettuarne l’analisi granulometrica bisogna stare molto attenti alla rappresentatività del campione. In
funzione della dimensione dei granuli la tecnica di analisi granulometrica varia:

X limi e argille: aerometria;


Andrea Lisjak 4.12. Alvei in letti alluvionali: condizioni di stabilità 201

X sabbie e ghiaie: setacciatura (il passaggio attraverso il setaccio è condizionato dal diametro medio
della sezione maestra);
X ciottoli: campionamento per numero alla superficie.

La terza tecnica consiste nel misurare direttamente il diametro medio di singoli elementi lapidei campionati a
caso. Il prelievo casuale di ciottoli dall’alveo avviene solitamente mediante grigliatura (gridding, quadrillage):
si materializza, mediante fili e picchetti, una griglia a maglia quadrata sovrapposta al deposito alluvionale.
L’apertura della maglia deve essere maggiore della dimensione massima del masso più grosso presente sul
luogo del campionamento, in modo da evitare di prendere in considerazione due volte lo stesso elemento
lapideo. Il numero N di nodi deve essere sufficientemente elevato: generalmente per questioni di comodità
se ne considerano 100. Mediante un filo a piombo ci si pone nel nodo e si misura il masso stante sulla
verticale. In generale il numero N 0 di diametri misurati è inferiore a quello degli N nodi in quanto capita
spesso che il filo a piombo vada a cadere su sedimenti fini affioranti.
La percentuale di passante alla più piccola misura (D0 ) è data da:

N − N0
p= · 100
N
La distribuzione granulometrica degli elementi misurati si ottiene con una tabella del tipo 6.1.

Tabella 4.2. Distribuzione granulometrica ottenuta mediante campionamento per numero.

k D % passante
1 D1 (N − 1)/N · 100
2 D2 (N − 2)/N · 100
.. .. ..
. . .
N0 D0 (N − N 0 )/N · 100

Per ottenere la distribuzione granulometrica complessiva è necessario riscalare a p la curva granulometrica


ottenuta per i fini.

Velocità di caduta in acqua ferma


Strettamente connessa con la dimensione e con la densità della particella è la sua velocità limite ws di caduta
libera in acqua ferma. La sua espressione per sfere di diametro ds e densità ρs è:
s  
1 4 ρs − ρ
ws = √ gds (4.75)
CR 3 ρ

dove:

- CR : coefficiente di resistenza.
202 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.12.3 Condizioni critiche: inizio del trasporto solido


I primi tentativi empirici di esprimere quantitativamente la condizione di equilibrio del materiale incoerente
posto sul fondo di canali percorsi da acque torbide risalgono alla fine dell’Ottocento.
La ricerca della larghezza, della profondità e della pendenza necessaria per raggiungere una condizione in
cui il deflusso di una data portata mantiene in movimento tutto il carico di materiale solido, senza deposito
e senza erosione dell’alveo, richiede di associare all’equazione del moto della corrente altre condizioni che
riguardano appunto il fenomeno del trasporto solido e lo stato di equilibrio del fondo.
La prima interpretazione teorica del fenomeno di inizio del trasporto solido si deve a Shields (1936).

Condizione critica per il fondo


L’indagine effettuata da Shields fu rivolta ad individuare la relazione che il valore τcr della tensione al
contorno τ0 , ossia quella che provoca il primo movimento del materiale sul fondo, ha con le proprietà µ e ρ
del fluido e con le caratteristiche ρs e ds dei granuli.
Si definisce condizione critica per il fondo l’inizio di instabilità dell’equilibrio dei sedimenti.

Tensione tangenziale sul fondo


Considerando un canale con pendenza if , con una corrente in moto uniforme ed isolando un tronco di
lunghezza unitaria, si ha che:

- la resistenza agente sul fondo vale (p: perimetro bagnato):

τ0 · 1 · p

- la forza agente (peso dell’acqua proiettato lungo la direzione del moto) vale:

γ · Ω · 1 · sin if ≈ γ · Ω · if

uguagliando i due termini si ottiene il valore della tensione tangenziale agente sul fondo in moto uniforme:

τ0 = γ · R · if (4.76)

Nel caso di alvei a sezione rettangolare molto larga (R ≈ y):

τ0 = γ · y · if (4.77)

Velocità di attrito
Invertendo e applicando la legge di Chézy (V = C gRif ) si ottiene:
p

ρV 2
τ0 = γyif = ρgyif =
C2
da cui si definisce la velocità d’attrito: r
V τ0

V = = (4.78)
C ρ

Formulazione di Shields: curva di instabilità


Si suppone che in condizioni critiche la resistenza al moto dei granuli di diametro ds e peso specifico γs , che
dipende linearmente dal peso del granulo immerso (ossia il peso proprio depurato della spinta archimedea)
ed è quindi proporzionale a:
(γs − γ)d3s
uguagli la forza di trascinamento al fondo all’inizio del trasporto:

CR τcr d2s
Andrea Lisjak 4.12. Alvei in letti alluvionali: condizioni di stabilità 203

Sulla base delle informazioni sperimentali si può ritenere che il coefficiente CR sia funzione, a parità di
forma dei sedimenti, di un numero tipo Reynolds costruito con grandezze caratteristiche del moto attorno
al granulo:
- velocità d’attrito V ∗ ;
- diametro del granulo ds ;
- viscosità cinematica del fluido ν = µ/ρ.
Esso viene detto numero di Reynolds d’attrito:
V ∗ ds
Re∗ = (4.79)
ν
Ne deriva che:
V ∗ ds
 
τcr
=f (4.80)
(γs − γ)ds ν
Il legame tra Re∗ ed il parametro di stabilità:
τ0
τ∗ = (4.81)
(γs − γ)ds

è rappresentato, in condizioni critiche, dalla curva di instabilità di Shields, riportata nel grafico di figura 4.52.

Figura 4.52. Curva di instabilità di Shields.

Tale curva è stata ricavata sulla base di numerose esperienze su materiali incoerenti di differente densità,
ma sempre con forme pseudosferiche e con granulometria uniforme. Per l’applicazione ai letti alluvionali,
dal momento che interessa principalmente che non vengano trasportati i ciottoli più grossi, si verifica la
condizione di stabilità con il D80 della distribuzione granulometrica.
È evidente l’analogia con l’andamento delle curve che rappresentano la dipendenza funzionale del coef-
ficiente di resistenza dal numero di Reynolds nei moti nelle condotte in pressione (diagramma di Moody).
Anche in questo caso sono ben visibili due regimi limite:
- per bassi Re∗ (fino a circa 2) le particelle restano immerse nello strato dominato dalla viscosità:
τcr

τcr = (4.82)
(γs − γ)ds

è inversamente proporzionale a Re∗ ;


- per alti valori di Re∗ (maggiori di 300-400) la turbolenza è completamente sviluppata e τcr

diventa
indipendente da Re , assestandosi su un valore pari a circa 0,06.

204 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.13 Principi di modellistica idraulica da laboratorio


Mediante i modelli da laboratorio è possibile studiare fenomeni idraulici particolarmente complessi che non
sono possibili da analizzare mediante modelli fisico-matematici. L’applicazione principale di tali modelli è
relativa alle costruzioni idrauliche. Il vantaggio fornito dalla riproduzione mediante modello di un prototipo
deriva dalla possibilità di tenere sotto controllo tutte le condizioni dell’esperimento e di misurarne con una
certa facilità i principali parametri fisici.
È evidente che nella maggior parte dei casi la riproduzione del prototipo in scala reale non è, per questioni
di spazio, fattibile. Risulta inevitabile quindi la realizzazione di modelli in scala ridotta imponendo una
determinata scala di rapporto tra una misura effettuata sul prototipo e la misura analoga effettuata sul
modello.

Scala geometrica
Si definisce scala geometrica del modello:
xP
nL = (4.83)
xM
dove:
- xP : misura di lunghezza relativa al prototipo [L];

- xM : misura di lunghezza relativa al modello [L].


Risulta sempre nL ≥ 1, nel caso di uguaglianza si parla di modelli in scala reale.

Leggi e condizioni di scala


Una volta definita la scala geometrica bisogna definire le scale per le altre grandezze del modello idraulico:
tempo, velocità, portata, viscosità, . . . . Per poter fare ciò bisogna tenere conto di:

• leggi di scala: sono leggi fisiche valide sempre sia nel modello che nel prototipo;
ad esempio: legge di gravitazione, legge di resistenza del moto, . . .
• condizioni di scala: sono condizioni che il realizzatore del modello impone;
sono legate ad un giudizio di rilevanza che viene attribuito a particolari gruppi adimensionali che
discendono direttamente dal teorema di Buckingham4 ; nel caso dei problemi idraulici si considerano:

- numero di Froude: rapporto tra le forze inerziali (V ) e quelle gravitazionali ( gym );
- numero di Reynolds: rapporto tra le forze inerziali (V ) e quelle viscose (ν/4R).
A seconda del fatto che il fenomeno sia dominato da inerzia e gravità o da inerzia e viscosità si pone
l’uguaglianza tra modello e prototipo di uno dei due numeri. Dalle considerazioni che seguono sulla
derivazione di una scala risulterà evidente come la condizione di uguaglianza di entrambi i numeri sia
possibile solo nel caso, molto particolare, di modelli in scala reale.

4.13.1 Derivazione di una scala


Il processo di derivazione di una scala si basa su alcune leggi.

- Se una quantità è data dalla somma di due o più quantità allora la scala è data dalla somma delle
scale:
Z = X + Y −→ nZ = nX + nY (4.84)

4 Il teorema di Buckingham o teorema π afferma che dato un problema descritto da un certo numero di equazioni in cui

siano presenti n variabili fisiche, se le dimensioni fondamentali di queste n variabili sono x, allora il problema può essere
completamente descritto da n − x variabili adimensionali. È possibile quindi studiare il medesimo problema usando un numero
inferiore di variabili purché queste siano adimensionali. Adimensionalizzare un’equazione significa moltiplicare o dividere i suoi
membri per variabili fisiche finché tutti i membri non diventano privi di dimensioni.
Andrea Lisjak 4.13. Principi di modellistica idraulica da laboratorio 205

- Se una quantità è data dal prodotto di due o più quantità allora la scala è data dal prodotto delle
scale:
Z = X · Y −→ nZ = nX · nY (4.85)

Si parla di modello distorto quando la scala delle lunghezze in una direzione è diversa dalla scala delle
lunghezze in un’altra. In questo caso non vale la regola della somma.
Deriviamo ora le scale per le due condizioni di scala viste in precedenza.

Condizione di scala alla Froude


Supponiamo che la condizione di scala sia:
F rP
nF r = =1 (4.86)
F rM
Ne consegue che:
nV
√ =1
ng · nH
dove:

- nV : scala delle velocità;


- ng : scala dell’accelerazione di gravità;
- nH : scala altimetrica.

Supponendo, come è lecito fare per le applicazioni tecniche di questo tipo, che ng = 1 si ottiene:

nV = nH (4.87)

Poiché V = x/t si ha che:


√ nL
nV = nH = (4.88)
nt
Supponendo che il modello non sia distorto (nH = nL ) si ottiene:
√ √
nt = nL = nH = nV (4.89)

Per quanto riguarda la scala delle portate si ha che:

n3L 5/2
nQ = = nL (4.90)
nt

Condizione di scala alla Reynolds


Supponiamo che la condizione di scala sia:
ReP
nRe = =1 (4.91)
ReM
Ne consegue che:
nV · nH
=1

Dal momento che per le applicazioni idrauliche principali si utilizza acqua5 nν = 1 e quindi:
1
nv = (4.92)
nH

5 Un esempio di modello in cui si utilizza un fluido diverso dall’acqua è il modello di Hele-Shaw : il moto di un sottile strato

d’olio tra due lastre di vetro parallele equivale al flusso d’acqua in un mezzo poroso omogeneo ed isotropo.
206 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

È evidente quindi che la condizione affinché possa valere sia la condizione alla Froude che quella alla Reynolds
è che:
√ 1
nV = nH = −→ nH = 1 (4.93)
nH
e quindi che il modello sia in scala reale.

Applicazione ai modelli idraulici


Nel caso dei modelli idraulici applicati alle costruzioni idrauliche si impone la condizione di scala alla Froude,
in quanto lo scopo principale non è quello di simulare gli effetti viscosi e di attrito (risultato ottenibile con
un una condizione di scala alla Reynolds). Valgono inoltre le seguenti considerazioni:
X dal momento che il modello considera effetti localizzati se la regione non è troppo estesa le perdite di
energia sono piccole;

X anche tenendo in conto le perdite di energia, dal momento che ReM e ReP sono noti è possibile
mediante le leggi di scala correggere, ad esempio, la scabrezza di parete del modello in modo da
ottenere lo stesso effetto del prototipo.
Bisogna fare attenzione quando ReM < ReP in quanto in tal caso lo spazio percentuale occupato dallo
strato limite nel modello diventa maggiore di quello occupato nel prototipo.
Andrea Lisjak 4.14. Ulteriori considerazioni sulle correnti veloci 207

4.14 Ulteriori considerazioni sulle correnti veloci


4.14.1 Propagazione di perturbazioni di livello infinitesime
Quando una corrente veloce incontra un ostacolo lungo il suo percorso si generano delle onde di superficie
che si muovono lungo il flusso ed allo stesso tempo vengono trasportate verso valle. Il risultato complessivo
è la formazione di un fronte d’onda obliquo analogo alle onde caratteristiche di Mach del flusso supercritico.
La formazione di tali onde è illustrata in figura 4.53

Figura 4.53. Movimento di piccole perturbazioni di livello in corrente (a) lenta, (b) critica
e (c) veloce.

Si può dimostrare che vale:


c 1 1
sin β = = o (4.94)
v Fr M a
Le due alternative sono giustificate dal fatto che tale equazione è applicabile sia alle onde di compressione
in gas comprimibili sia alle onde di superficie in un liquido.

4.14.2 Propazione di perturbazioni di livello finite


Si consideri un flusso stazionario all’interno di un canale, al contatto con le irregolarità delle pareti dell’alveo
si ha la formazione di un pattern di fronti d’onda stazionari (figura 4.54).
In tal caso tuttavia non è possibile applicare l’equazione (4.94) in quanto essa è valida nell’ipotesi di onde

lunghe e di ampiezza infinitesima, per cui c = gy. Onde maggiori tuttavia viaggiano a velocità molto più
elevate:
gL 2πy
c2 = tanh (4.95)
2π L
dove:
- L: lunghezza d’onda finita dell’onda;

Deviazione di sponda
Un esempio di perturbazioni di livello finite è la deviazione delle pareti verticali di un canale di un angolo
finito ∆θ (figura 4.55).
208 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.54. Pattern di fronti d’onda stazionari in un canale uniforme.

Figura 4.55. Vista in pianta di un fronte d’onda inclinato in condizioni di flusso


supercritico.

Poiché il fronte d’onda che si forma è caratterizzato da un dislivello finito pari a ∆y, l’angolo di deviazione
β1 non è valutabile mediante la relazione (4.94). È tuttavia possibile analizzare il problema considerando
il fronte d’onda come un risalto idraulico sul quale è sovrapposta parallelamente al fronte del risalto una
determinata componente di velocità.
Tale componente deve essere la stessa da entrambe le parti del fronte, in quanto la variazione di profondità
∆y non implica la presenza di alcuna forza diretta parallelamente al fronte. Si può quindi scrivere:

v1 cos β1 = v2 cos(β1 − ∆θ) (4.96)

L’equazione di continuità di esprime considerando le componenti di velocità normali al fronte d’onda:

v1 y1 sin β1 = v2 y2 sin(β1 − ∆θ) (4.97)

L’equazione di conservazione della quantità di moto è analoga a quella vista per i risalti idraulici con v1 sin β1
al posto di v1 :
v12 sin2 β1
 
1 y2 y2
= +1 (4.98)
gy1 2 y1 y1
Da quest’ultima di ottiene: s  
1 1 y2 y2
sin β1 = +1 (4.99)
Fr 1 2 y1 y1
Andrea Lisjak 4.14. Ulteriori considerazioni sulle correnti veloci 209

la quale si riduce alla (4.94) quando l’onda è infinitesiva e y2 → y1 .

Sponde curve
Il caso particolare di onde infinitesime può essere ulteriormente approfondito eliminando v2 /v1 tra le
equazioni (4.96) e (4.97):
y2 tan β1
= (4.100)
y1 tan(β1 − ∆θ)
Fissando y2 = y1 + ∆y e facendo tendere ∆θ a zero si ottiene:

dy y v2
= = tan β (4.101)
dθ sin β cos β g

Tale equazione esprime l’aumento continuo di profondità della corrente lungo una sponda curva (figura
4.56).

Figura 4.56. Pattern di onde dovuto al flusso lungo un sponda curva.

Per ogni valore di θ di determina non solo il valore di y in corrispondenza della sponda ma anche lungo una
linea che parte dalla sponda stessa. L’integrazione della (4.101) dipende dalle assunzioni che vengono fatte
circa la dissipazione di energia.
210 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.15 Esercizi
4.15.1 Tracciamento di un profilo di moto permanente
Si vuole tracciare il profilo di moto permanente gradualmente variato di una corrente con portata per unità
di larghezza pari a q = 8 m2 /s che transita in un alveo a sezione rettangolare molto larga che passa da
una pendenza del 4 % ad una pendenza di 0, 8 m/km. Si supponga che il coefficiente di scabrezza dell’alveo
secondo Gauckler-Strickler sia pari a Ks = 45 m1/3 s−1 .

Svolgimento

1. Determinazione della profondità critica.


s s
3 q2 3 82
yc = = = 1, 87 m
g 9, 81

2. Determinazione delle due profondità di moto uniforme.


Alveo con pendenza del 4 % (tronco di monte):
!3/5  3/5
q 8
y0 m = p = √ = 0, 93 m < 1, 87 m =⇒ alveo a forte pendenza
Ks if m 45 0, 04

Alveo con pendenza di 0, 8 m/km (tronco di valle):


!3/5  3/5
q 8
y0 v = p = √ = 3, 01 m > 1, 87 m =⇒ alveo a debole pendenza
Ks if v 45 0, 0008

3. Valutazione delle condizioni al contorno.


Il tronco di monte in condizioni di moto uniforme è in corrente veloce, quindi, in assenza di condizioni
specifiche, si può supporre che all’estremo di monte il profilo converga alla profondità di moto uniforme:
y ≡ y0 m .
Il tronco di valle in condizioni di moto uniforme è in corrente lenta, quindi, in assenza di condizioni
specifiche, si può supporre che all’estremo di valle il profilo converga alla profondità di moto uniforme:
y ≡ y0 v .

4. Valutazione dei vincoli interni.


L’unico vincolo interno è la variazione di pendenza che, trasformando la corrente veloce in corrente
lenta, genera un risalto idraulico.

5. Determinazione della posizione del risalto.


Numero di Froude della corrente veloce di monte:
q 8
F r0 m = √ = √ = 2, 85
y0 m gy0 m 0, 93 9, 81 × 0, 93

Numero di Froude della corrente lenta di valle:


q 8
F r0 v = √ = √ = 0, 49
y0 v gy0 v 3, 01 9, 81 × 3, 01

Altezza coniugata dell’altezza di moto uniforme di monte:


 
y0 m 0, 93 h
q p i
0 2
y2 = −1 + 1 + 8F r0 m = −1 + 1 + 8 × 2, 842 = 3, 31 m > y0 v = 3, 01 m
2 2
Andrea Lisjak 4.15. Esercizi 211

(a) Profilo del moto. (b) Spinta totale in funzione dell’altezza della
corrente.

Altezza coniugata dell’altezza di moto uniforme di valle:


 
y0 v 3, 01 h
q p i
0 2
y1 = −1 + 1 + 8F r0 v = −1 + 1 + 8 × 0, 492 = 1, 06 m > y0 m = 0, 93 m
2 2

Ne risulta che S2 < S1 e quindi che la corrente sul cambio di pendenza tende a spingere il moto uniforme
lento verso valle. Poiché la corrente veloce si propaga nell’alveo a debole pendenza l’unico profilo possibile è
il D3. Il risalto si forma quando l’altezza vale y10 = 1, 06 m. Per individuare la posizione del risalto idraulico
basta calcolare alle differenze finite l’andamento del profilo D3 tra le altezze 0,93 m e 1,06 m, utilizzando le
relazioni:
q2 q2 ∆E
E=y+ J = ∆x =
2gy 2 y 10/3 Ks2 if − J

y (m) E (m) J (m/km) ∆E (m) J (m/km) ∆x (m) x (m)


0,93 4,70 40,3 0
0,95 4,56 37,5 -0,14 38,9 3,67 3,67
1,00 4,26 31,6 -0,30 34,6 8,88 12,55
1,05 4,01 26,9 -0,25 29,3 8,77 21,32
1,06 3,96 26,0 -0,05 26,5 1,95 23,27

Si ottiene x = 23, 27 m.
212 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.15.2 Localizzazione di un risalto in corrispondenza di un salto di fondo


In un canale rettangolare si presenta un salto di fondo di altezza δ = 1, 00 m. Con la portata per unità
di larghezza q = 6, 00 m2 /s la profondità, a valle del gradino, vale 3, 50 m. Calcolare entro quali limiti
può oscillare la profondità ym della corrente a monte del gradino affinché il risalto resti localizzato in
corrispondenza del gradino stesso.
Si considerano come posizioni estreme del risalto idraulico quella in cui la sua sezione iniziale coincide
praticamente con la sezione del salto di fondo (caso A) e quella in cui, spostandosi il risalto verso monte,
la sua sezione terminale viene a trovarsi molto vicino al gradino senza sorpassarlo (caso B). Al caso A
corrisponde il limite inferiore della profondità di monte mentre al caso B il limite superiore: è evidente per
quanto visto in precedenza che, nel caso di correnti veloci, un aumento della spinta verso valle si ha con una
diminuzione dell’altezza della corrente a monte.

Figura 4.57. Localizzazione di un risalto in corrispondenza di un salto di fondo: caso A e


caso B.

Caso A

Si applica al risalto l’equazione della quantità di moto, tenendo conto anche della spinta verso valle fornita
dalla parete dello scalino:
(ym + δ)2 q2 y2 q2 S
γ +ρ =γ v +ρ =
2 ym 2 yv B
Sostituendo i dati nell’equazione, il termine noto diventa:

yv2 q2
+ = 7, 17 m2
2 gyv
quindi, dall’equazione della quantità di moto divisa per γ:

(ym + 1, 00)2 6, 002


+ = 7, 17 m2
2 9, 81 × ym
si ottiene: ym = 0, 63 m.

Caso B

Dal momento che il risalto idraulico è spostato tutto a monte del gradino è come se quest’ultimo non ci
fosse. Ne consegue che si può applicare direttamente l’equazione della quantità di moto come fatto per il
risalto in alveo rettangolare, che equivale in ultima analisi ad applicare la relazione per la determinazione
delle profondità coniugate del risalto idraulico.
Il numero di Froude nella sezione a valle vale:
q 6, 00
F rv = √ = √ = 0, 485
yv gyv 2, 50 9, 81 × 2, 50
Andrea Lisjak 4.15. Esercizi 213

L’altezza della corrente a monte coniugata di quella a valle vale:


yv  p  2, 50  p 
ym = −1 + 1 + 8F rv2 = −1 + 1 + 8 × 0, 4852 = 0, 87 m
2 2

Il risalto resta quindi localizzato sul gradino finché la profondità di monte è contenuta nel campo 0, 63 m <
ym < 0, 87 m.
214 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

4.15.3 Calcolo della portata sfiorabile da uno stramazzo laterale

Uno sfioratore laterale sulla sponda di un canale rettangolare largo 5,0 m ha soglia lunga 8,0 m alla quota
d = 1, 30 m sul fondo. Si vuole calcolare la portata sfiorabile in moto permanente partendo da un valore a
monte Q0 = 25 m3 s−1 ed essendo imposta a valle l’altezza d’acqua yL = 2, 10 m sul fondo.

Figura 4.58. Canale con stramazzo laterale.

Svolgimento

In prima approssimazione, considerato che la profondità della corrente lungo lo sfioratore sarà mediamente
attorno a 2 m, si valuta la portata media sfiorata per unità di lunghezza con la formula per gli stramazzi:

qm = CQ 2g(ym − d)3/2 = 0, 40 2 × 9, 81 × 0, 73/2 = 1, 0 m3 s−1 /m


p p

La portata finale deve risultare quindi intorno a QL = 25 − 1, 0 × 8, 0 = 17 m3 s−1 e ad essa corrisponde


l’energia specifica:
172
EL = 2, 10 + = 2, 234 m
2 × 9, 81 × 52 × 2, 102
Si esegue quindi il calcolo del profilo con passo ∆x = 1 m utilizzando le equazioni:

 dQ(x) = −q(x) √
dx
qu (x) = CQ 2g(y − d)3/2 (4.102)
E = y + Q2 (x)/2gΩ2 = y + Q2 (x)/2gB 2 y 2 = EL = cost

ottenute ipotizzando l’energia specifica costante lungo il tronco di canale interessato dallo stramazzo (che
equivale a trascurare le perdite di carico in quel tratto), scritte nella forma:

 E = yi + Q2i /2g5 2 2
y = 2, 234 m
√ i
(i = 0, 1, . . . , 7)
∆Qi = qi = CQ 2g(yi − d)3/2
Qi+1 = Qi − ∆Qi

e conoscendo le condizioni del moto nella sezione iniziale (Q0 = 25 m3 /s). I risultati sono riportati nel
quadro che segue:
Andrea Lisjak 4.15. Esercizi 215

x (m) Q (m3 s−1 ) y (m) q (m3 s−1 /m)


0 25,000 1,869 0,760
1 24,240 1,903 0,829
2 23,411 1,936 0,897
3 22,514 1,967 0,965
4 21,549 1,996 1,028
5 20,521 2,024 1,091
6 19,430 2,051 1,152
7 18,277 2,076 1,210
8 17,067 2,099 -

Si constasta un’ottima concordanza del valore finale dell’altezza d’acqua con il dato 2,10 m. La portata
complessivamente sfiorabile risulta pari a 25, 00 − 17, 07 = 7, 93 m3 s−1 .

Profili del moto lungo la soglia


Come al solito si effettua la distinzione:
• corrente lenta: il profilo lungo la soglia dello sfioratore è crescente verso valle;
l’energia specifica E è data dalla corrente indisturbata di valle;
• corrente veloce: il profilo lungo la soglia dello sfioratore è decrescente verso valle;
l’energia specifica E è data dalla corrente indisturbata di monte.
Generalmente si evita di costruire sfioratori laterali in correnti veloci senza averle prima rallentate in quanto
la diminuzione dell’altezza della corrente può essere tale da far sì che lo stramazzo non venga più alimentato
e che, in presenza di una corrente lenta a valle, si formi un risalto idraulico.

(a) Corrente lenta. (b) Corrente veloce.

Figura 4.59. Profili di moto su uno stramazzo laterale.

Osservazione: afflusso laterale perpendicolare alla direzione del canale


Nel caso in cui i filetti fluidi affluenti siano perpendicolari alla direzione della corrente nel canale, la variazione
di quantità di moto è notevole (grande dissipazione di energia) per cui non si può applicare la conservazione
dell’energia ma bisogna riccorrere alla costanza della spinta totale:

Q2
S(x) = γηg (x)Ω + ρ = cost (4.103)

dove la portata è nota e varia secondo:
Z x
Q(x) = Q0 + q(x) dx (4.104)
0
216 Capitolo 4. Moto permanente nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

Figura 4.60. Canale con afflusso laterale.


Capitolo 5

Moto vario nelle correnti a pelo libero

5.1 Equazioni del moto


Si considerano in questo capitolo correnti a pelo libero soggette a variazioni graduali di sezione e velocità
nello spazio e nel tempo. Sebbene la loro superficie libera sia necessariamente in movimento, tali correnti
conservano forma quasi cilindrica, velocità sensibilmente parallele alla direzione del moto e distribuzione
idrostatica della pressione nelle sezioni trasversali (figura ??). I fenomeni ondosi che rientrano in questo
schema sono quindi caratterizzati da piccole pendenze e da piccole curvature del pelo libero. La densità del
liquido si può ritenere sempre ed ovunque costante.

Figura 5.1. Schema di una corrente lienare in moto vario.

Le equazioni di moto vario, escludendo afflussi e deflussi laterali, si dimostra essere:

∂(ρQ) ∂(ρΩ)
+ =0 (5.1)
∂x ∂t

U2
 Z 
∂ dp 1 ∂U τ0
z+ +β =− − (5.2)
∂x γ 2g g ∂t γR
dove:

- x: ascissa lungo il fondo dell’alveo della corrente in esame;

- t: tempo;

- ρ: densità;

217
218 Capitolo 5. Moto vario nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

- Q: portata;

- z: quota dell’asse baricentrico della sezione di area Ω;

- Ω: area della sezione bagnata;

- p: pressione nel baricentro della sezione di area Ω;

- γ: peso specifico;

- U : velocità media nella sezione di area Ω;

- β: coefficiente di ragguaglio della portata di quantità di moto;

- g: accelerazione di gravità;

- R: raggio idraulico della sezione (R = Ω/B);

- τ0 : perdita distribuita di energia totale, per unità di peso e lunghezza, dovuta alle resistenze al
contorno.

5.1.1 Equazioni di de Saint–Venant


Imponendo la condizione di densità costante ed assumendo quasi uniforme la distribuzione delle velocità
nella sezione, in modo da poter il coefficiente di ragguaglio della portata di quantità di moto β = 1, si
ottengono le cosiddette equazioni di de Saint–Venant:

−→ equazione di continuità:
∂Q ∂Ω
+ =0 (5.3)
∂x ∂t
−→ equazione dinamica:
U2
 
∂ p 1 ∂U τ0
z+ +β =− − (5.4)
∂x γ 2g g ∂t γR

La posizione β = 1 trova giustificato impiego nelle applicazioni tecniche anche per la modesta importanza
del termine cinetico e per la limitata approssimazione con cui è valutabile il termine rappresentativo delle
perdite di carico effettivo per unità di lunghezza dovute alle resistenze al contorno e che solitamente viene
indicato j e valutato mediante la formula di Chézy:

τ0 U2
j= = 2 (5.5)
γR C gR

Canali rettangolari
Indicando con zf la quota del fondo della sezione normale di un canale e con y la profondità misurata nel
piano della sezione, coincidente con la quota del pelo libero sul fondo, la pendenza vale:
dzf
if = (5.6)
dx
Le equazioni di de Saint–Venant, per alveo di sezione rettangolare, diventano:

∂(U y) ∂y
+ =0 (5.7)
∂x ∂t

∂y U ∂U 1 ∂U
+ + = if − j (5.8)
∂x g ∂x g ∂t
Trascurando nella 5.3(b) la variazione di velocità nel tempo si ottiene l’equazione del moto permanente:

∂y U ∂U
+ = if − j (5.9)
∂x g ∂x
Andrea Lisjak 5.1. Equazioni del moto 219

Trascurando anche le variazioni di velocità e profondità della corrente nello spazio si ottiene l’equazione del
moto uniforme:
if − j = 0 (5.10)
220 Capitolo 5. Moto vario nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

5.2 Onde di piena


Una delle applicazioni più importanti delle equazioni del moto vario delle correnti a pelo libero riguarda
la simulazione matematica della propagazione delle onde di piena negli alvei naturali. Per questi calcoli
l’equazione di continuità e l’equazione dinamica della corrente, senza afflussi e deflussi laterali, si usano
scrivere nelle forme:
∂Q ∂Q
+ =0 (5.11)
∂s ∂t
∂y U ∂U 1 ∂U
+ + = if − j (5.12)
∂x g ∂x g ∂t
La complicazione numerica richiesta per la soluzione di tale sistema consiglia il ricorso a modelli semplificati,
utili anche per mettere in evidenza qualche aspetto di carattere generale delle onde di piena.

5.2.1 Modello di Boussinesq


Il più semplice di tali modelli è quello suggerito da Boussinesq nel 1872, basato sull’assunzione che il passaggio
dell’onda di piena dia luogo ad una successione di stati quasi uniformi, in modo che risulti sempre:

if − j = 0

L’ipotesi si giustifica con il riferimento ad onde di periodo molto lungo, per cui la corrente è soggetta a
variazioni estremamente graduali nello spazio e nel tempo. L’equazione dinamica si riduce allora ad una
relazione tra la portata Q e la profondità y, o la sezione bagnata Ω, espressa dall’equazione del moto
uniforme. Tale legame è espresso dalla cosiddetta scala delle portate (o di deflusso):

Q = kΩm (5.13)

con k ed m generalmente assunti costanti. In generale, per le sezioni larghe e larghissime, l’esponente m ha
valori compresi tra 3/2 (sezione rettangolare) e 5/3.

5.2.2 Modello cinematico


Dalla considerazione della scala delle portate:

Q = kΩm

insieme all’equazione di continuità:


∂Q ∂Q
+ =0
∂s ∂t
si ottiene l’equazione del modello di propagazione delle piene detto cinematico. La denominazione deriva
dall’importanza del ruolo svolto dalla condizione cinematica di continuità in questo schema di calcolo.
Indicando con c la derivata di Q rispetto ad Ω:
dQ Q
c= = m = c(Q)
dΩ Ω
e tenuto conto che:
∂Q dQ ∂Ω ∂Ω
= = c(Q)
∂t dΩ ∂t ∂t
dall’equazione di continuità si deduce che:
∂Q ∂Q
+ c(Q) =0 (5.14)
∂t ∂x
che è l’equazione differenziale del modello cinematico.
L’integrazione è immediata con il metodo delle caratteristiche. L’equazione alle derivate parziali (5.14)
Andrea Lisjak 5.2. Onde di piena 221

è equivalente al sistema di equazioni differenziali ordinarie:


dx
= c(Q) (5.15)
dt

∂Q ∂Q dx dQ
+ · = =0 (5.16)
∂t ∂x dt dt
di cui la prima fornisce l’unica famiglia di curve caratteristiche. Qui c indica la celerità di propagazione di
uno stesso valore di portata. Con riferimento ai predetti valori di m si ha:
 
Q 3 5
c = kmΩ m−1
=m = ÷ U (5.17)
Ω 2 3

Dalla costanza di Q sulle caratteristiche, espressa dall’equazione (5.16) deriva che le caratteristiche stesse
sono rette la cui pendenza sul piano x, t cresce con il crescere del valore della portata nella sezione x = 0.
Come mostra la figura 5.2, assegnata per x = 0 la condizione al contorno:

Q(0, t) = F (t) per t ≥ 0 (5.18)

e posta inoltre la condizione che Q sia limitata per s → ∞, è immediata la conoscenza della Q = Q(x, t) in
tutto il tratto in esame:
Q(x, t) = F (τ ) (5.19)
dove τ è un tempo definito implicitamente dalla
x
t=τ+ (5.20)
c[F (τ )]

ottenuta integrando l’equazione delle caratteristiche (5.15).

Figura 5.2. Propagazione di un’onda di piena secondo lo schema cinematico.

Dato il legame tra Q ed Ω rappresentato dalla scala di deflusso, le variazioni di sezione si propagano con
la stessa celerità delle variazioni di portata. Inoltre, poiché c risulta crescente con Q, la propagazione
è tendenzialmente accompagnata da una distorsione che, in assenza di attenuazione, dovrebbe rendere il
fronte dell’onda sempre più ripido con l’avanzamento.
222 Capitolo 5. Moto vario nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak

5.2.3 Modello parabolico


Un secondo schema semplificato, per lo studio delle onde di piena, si ottiene considerando trascurabili i
termini inerziali dell’equazione di de Saint–Venant, per cui quest’ultima si riduce a:
∂y
= if − j (5.21)
∂x
L’approssimazione risulta del tutto giustificata, come si dimostrerà più avanti, negli alvei con pendenza
molto dolce. Tenendo conto anche dell’equazione di continuità:
∂Q ∂Ω
+ = 0, (5.22)
∂x ∂t
della definizione della scala delle portate:
Q = kΩm ,
e dell’equazione del moto uniforme:
(5.23)
p
Q = CΩ gRif ,
tale sistema di PDE del I ordine di tipo iperbolico è riconducibile ad un’unica PDE del II ordine di tipo
parabolico, la quale può essere scritta nella forma:

∂Q ∂Q ∂2Q
+c =D 2 (5.24)
∂t ∂x ∂x
nota come equazione di convezione–diffusione.
Il coefficiente c è detto coefficiente di convezione ed ha la medesima espressione della celerità del modello
cinematico:
Q
c=m

Il coefficiente D è detto coefficiente di diffusione ed è ottenibile mediante l’approssimazione di Hayami :

k 2 Ω2m Q Qc
D= = ≈ (5.25)
2BQif 2Bj 2Bif

La diffusione aumenta all’aumentare della portata per unità di larghezza (canali ben incassati) e al diminuire
della pendenza. Come ordine di grandezza il coefficiente D si aggira attorno ai 1.000 − 50.000 m2 /s.
La possibilità di sostituire il sistema iperbolico di partenza cui corrisponde un doppio valore della celerità,
con una forma parabolica che ammette una sola determinazione della celerità, è giustificata dal particolare
tipo di fenomeni propagatori in esame: quello delle onde di piena. Esse sono caratterizzate anche, oltre
che da variazioni della sezione e della portata molto lente nel tempo e nello spazio, da una propagazione
esclusivamente verso valle.
Dalla 5.24 risulta evidente anche l’attenuazione del colmo dell’onda: per un osservatore che si muova
con la celerità c la portata varia infatti con la legge:

∂2Q
D
∂x2
Si possono presentare due casi.

• Se D = 0 allora Q è costante e l’osservatore vede sempre la stessa portata

• Se D > 0 allora Q varia proporzionalmente a D in funzione della curvatura della portata in x (con x
che va da monte a valle). Con riferimento alla figura ?? si possono distinguere 2 zone:

1. zona di colmo: ∂ 2 Q/∂x2 < 0 =⇒ dQ/ dt < 0 ossia la portata al colmo, per effetto diffusivo,
tende a diminuire nel tempo;
2. zona pre– e post– colmo: ∂ 2 Q/∂x2 > 0 =⇒ dQ/ dt > 0 ossia la portata, per effetto diffusivo,
tende ad aumentare nel tempo.
Andrea Lisjak 5.2. Onde di piena 223

(a) . (b) .

Figura 5.3. Propagazione dell’onda di piena nel tempo.

La propagazione dell’onda di piena nello spazio è tale per cui la portata al colmo tende ad abbassarsi mentre
le code tendono ad allargarsi, ne consegue che da monte verso valle il colmo di piena diminuisce di intensità
ma aumenta di durata.
L’equazione 5.24 del modello parabolico si può risolvere in forma analitica se la si linearizza assumen-
do valori costanti per i coefficiente c e D. Per questa linearizzazione conviene attribuire ad essi i valori
corrispondenti, in moto permanente, ad una portata media dell’evento di piena. La soluzione è data nella
forma di un integrale di convoluzione:
Z t
Q(x, t) = u(x, τ )Q(0, t − τ ) dτ (5.26)
0

dove:
- Q(0, t) è la portata nella sezione x = 0 per t ≥ 0;
- u(x, τ ) è la risposta del sistema lineare ad una portata impulsiva unitaria:

(ct − x)2
 
x
u(x, t) = √ exp − (5.27)
2t πtD 4Dt

Figura 5.4. Propagazionne nel tempo di una funzione impulso di Dirac.


224 Capitolo 5. Moto vario nelle correnti a pelo libero Andrea Lisjak
Capitolo 6

Trasporto solido

6.1 Introduzione
I corsi d’acqua naturali assumono una forma che è legata al tipo di sedimento presente sul fondo e sulle
sponde e agli aspetti idrologici che si esplicitano in quel corso d’acqua.
Normalmente i corsi d’acqua vengono considerati come qualcosa di fisso e stabile nel loro andamento
plano-altimetrico; in realtà così non è: è evidente, ad esempio, che per riuscire a riempire di sedimenti le
pianure alluvionali i corsi d’acqua devono nel tempo invadere tutta la pianura.
L’arginazione di un corso d’acqua equivale a fissarne l’andamento planimetrico e quindi ad impedire
alluvionamenti della pianura circostante e ad imporre un alluvionamento selettivo della fascia interarginale.
Ne consegue che col tempo il canale compreso tra gli argini maestri si alza e quindi il livello del piano
campagna al suo interno diviene più alto di quello esterno. Tale innalzamento per sedimentazione riguarda
soprattutto le golene.

Figura 6.1. Arginazione di un corso d’acqua.

Si noti come questo tipo di dinamica fluviale non avvenga solamente alla scala dei tempi geologici (migliaia
d’anni) bensì anche a quella che riguarda la vita tecnica delle opere di ingegneria fluviale (decine d’anni).
Ne consegue che l’analisi del trasporto solido (valutazione della portata solida e dell’inizio del trasporto
al fondo) e dei fenomeni di modellamento dell’alveo e di resistenza siano di grande interesse ingegneristico.

225
226 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

6.2 Caratterizzazione dei materiali trasportati


Densità
Dal punto di vista idraulico la prima caratteristica distintiva dei materiali trasportati dalla corrente è la
loro densità ρs .

Dimensioni
Ipotizzando di approssimare un granulo con un ellissoide, s’individuano i seguenti elementi:

- diametro massimo Dmax : corrisponde alla massima distanza tra due punti appartenenti al ciottolo;

- sezione maestra: corrisponde alla sezione di area massima tra tutte quelle ortogonali all’asse massimo;

- diametro minimo Dmin : è il diametro minimo tra tutti quelli appartenenti alla sezione maestra;

- diametro medio Dmed : è il diametro appartenente alla sezione maestra ortogonale al diametro minimo.

La caratterizzazione di un miscuglio di granuli di varie dimensioni avviene mediante la distribuzione granu-


lometrica, corrispondente alla distribuzione di probabilità dei diametri dei granuli all’interno del miscuglio.
Dal momento che la sedimentazione in un corso d’acqua non è omogenea, nel campionare i sedimenti
per effettuarne l’analisi granulometrica bisogna stare molto attenti alla rappresentatività del campione. In
funzione della dimensione dei granuli la tecnica di analisi granulometrica varia:

X limi e argille: aerometria;

X sabbie e ghiaie: setacciatura (il passaggio attraverso il setaccio è condizionato dal diametro medio
della sezione maestra) o campionamento per peso sul volume;

X ciottoli: campionamento per numero alla superficie.

La terza tecnica consiste nel misurare direttamente il diametro medio di singoli elementi lapidei campionati a
caso. Il prelievo casuale di ciottoli dall’alveo avviene solitamente mediante grigliatura (gridding, quadrillage):
si materializza, mediante fili e picchetti, una griglia a maglia quadrata sovrapposta al deposito alluvionale.
L’apertura della maglia deve essere maggiore della dimensione massima del masso più grosso presente sul
luogo del campionamento, in modo da evitare di prendere in considerazione due volte lo stesso elemento
lapideo. Il numero N di nodi deve essere sufficientemente elevato: generalmente per questioni di comodità
se ne considerano 100. Mediante un filo a piombo ci si pone nel nodo e si misura il masso stante sulla
verticale. In generale il numero N 0 di diametri misurati è inferiore a quello degli N nodi in quanto capita
spesso che il filo a piombo vada a cadere su sedimenti fini affioranti.
La percentuale di passante alla più piccola misura (D0 ) è data da:

N − N0
p= · 100
N
La distribuzione granulometrica degli elementi misurati si ottiene con una tabella del tipo 6.1.

Tabella 6.1. Distribuzione granulometrica ottenuta mediante campionamento per numero


alla superficie.

k D % passante
1 D1 (N − 1)/N · 100
2 D2 (N − 2)/N · 100
.. .. ..
. . .
i Di (N − i)/N · 100
.. .. ..
. . .
N0 D0 (N − N 0 )/N · 100
Andrea Lisjak 6.2. Caratterizzazione dei materiali trasportati 227

Il problema successivo è quello di ottenere la distribuzione granulometrica complessiva. A tal proposito è


stata dimostrata (Kellerhals, Price) l’omogeneità statistica dei due tipi di campionamento. Di conseguenza
è sufficiente riscalare i valori delle ordinate della curva granulometrica relativa ai fini moltiplicandoli per p
(figura 6.2).

Figura 6.2. Unione delle due curve granulometriche.

Una volta ottenuta la distribuzione granulometrica complessiva, dal punto di vista applicativo risultano
importanti alcuni suoi parametri :

X percentili : dx : prob(D ≤ dx ) = x;
· diametro mediano d50 ;
X parametri di dispersione:
· d84 − d16 ;
· d75 − d25 .

Velocità di caduta libera in acqua ferma


Strettamente connessa con la dimensione e con la densità della particella è la sua velocità limite w di caduta
libera in acqua ferma. La sua espressione per sfere di diametro ds e densità ρs è (formula di Newton):
s  
1 4 ρs − ρ
ws = √ gds (6.1)
CR 3 ρ

dove:
- CR : coefficiente di resistenza.

La figura 6.4 rappresenta l’andamento tipico della curva w = w(ds ), con ds diametro della sfera di ugual
volume del granulo, per granuli quarziferi di diversa forma in acqua a 20◦ C (ρs /ρ = 2, 65).
228 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.3. Velocità di caduta libera di granuli di quarzo con diversi parametri di forma
ψs .

6.3 Condizioni critiche: inizio del trasporto solido


I primi tentativi empirici di esprimere quantitativamente la condizione di equilibrio del materiale incoerente
posto sul fondo di canali percorsi da acque torbide risalgono alla fine dell’Ottocento.
La ricerca della larghezza, della profondità e della pendenza necessaria per raggiungere una condizione in
cui il deflusso di una data portata mantiene in movimento tutto il carico di materiale solido, senza deposito
e senza erosione dell’alveo, richiede di associare all’equazione del moto della corrente altre condizioni che
riguardano appunto il fenomeno del trasporto solido e lo stato di equilibrio del fondo.
La prima interpretazione teorica del fenomeno di inizio del trasporto solido si deve a Shields (1936).

Condizione critica per il fondo

L’indagine effettuata da Shields fu rivolta ad individuare la relazione che il valore τcr della tensione al
contorno τ0 , ossia quella che provoca il primo movimento del materiale sul fondo, ha con le proprietà µ e ρ
del fluido e con le caratteristiche ρs e ds dei granuli.
Si definisce condizione critica per il fondo l’inizio di instabilità dell’equilibrio dei sedimenti.

Tensione tangenziale sul fondo

Considerando un canale con pendenza if , con una corrente in moto uniforme ed isolando un tronco di
lunghezza unitaria, si ha che:

- la resistenza agente sul fondo vale (p: perimetro bagnato):

τ0 · 1 · p
Andrea Lisjak 6.3. Condizioni critiche: inizio del trasporto solido 229

- la forza agente (peso dell’acqua proiettato lungo la direzione del moto) vale:

γ · Ω · 1 · sin if ≈ γ · Ω · if

uguagliando i due termini si ottiene il valore della tensione tangenziale agente sul fondo in moto uniforme:

τ0 = γ · R · if (6.2)

Nel caso di alvei a sezione rettangolare molto larga (R ≈ y):

τ0 = γ · y · if (6.3)

Velocità di attrito
Invertendo e applicando la legge di Chézy (V = C gRif ) si ottiene:
p

ρV 2
τ0 = γyif = ρgyif =
C2
da cui si definisce la velocità d’attrito: r
V τ0
V∗ = = (6.4)
C ρ

6.3.1 Formulazione di Shields: curva di instabilità


Si suppone che in condizioni critiche la resistenza al moto dei granuli di diametro ds e peso specifico γs , che
dipende linearmente dal peso del granulo immerso (ossia il peso proprio depurato della spinta archimedea)
ed è quindi proporzionale a:
(γs − γ)d3s
uguagli la forza di trascinamento al fondo all’inizio del trasporto:

CR τcr d2s

Sulla base delle informazioni sperimentali si può ritenere che il coefficiente CR sia funzione, a parità di
forma dei sedimenti, di un numero tipo Reynolds costruito con grandezze caratteristiche del moto attorno
al granulo:
- velocità d’attrito V ∗ ;
- diametro del granulo ds ;
- viscosità cinematica del fluido ν = µ/ρ.
Esso viene detto numero di Reynolds d’attrito:
V ∗ ds
Re∗ = (6.5)
ν
Ne deriva che:
V ∗ ds
 
τcr
=f (6.6)
(γs − γ)ds ν
Il legame tra Re∗ ed il parametro di stabilità:
τ0
τ∗ = (6.7)
(γs − γ)ds

è rappresentato, in condizioni critiche, dalla curva di instabilità di Shields, riportata nel grafico di figura 6.4.
Tale curva è stata ricavata sulla base di numerose esperienze su materiali incoerenti di differente densità,
ma sempre con forme pseudosferiche e con granulometria uniforme. Per l’applicazione ai letti alluvionali,
dal momento che interessa principalmente che non vengano trasportati i ciottoli più grossi, si verifica la
condizione di stabilità con il D80 della distribuzione granulometrica.
230 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.4. Curva di instabilità di Shields.

È evidente l’analogia con l’andamento delle curve che rappresentano la dipendenza funzionale del coef-
ficiente di resistenza dal numero di Reynolds nei moti nelle condotte in pressione (diagramma di Moody).
Anche in questo caso sono ben visibili due regimi limite:

- per bassi Re∗ (fino a circa 2) le particelle restano immerse nello strato dominato dalla viscosità:
τcr

τcr = (6.8)
(γs − γ)ds

è inversamente proporzionale a Re∗ ;


- per alti valori di Re∗ (maggiori di 300-400) la turbolenza è completamente sviluppata e τcr

diventa
indipendente da Re , assestandosi su un valore pari a circa 0,06.

La limitazione più restrittiva alla curva di Shields deriva dal fatto di essere riferita a materiali omogenei, cioè
con granulometria praticamente uniforme. L’applicazione di tale criterio alle condizioni reali deve essere
fatta con la consapevolezza che esso costituisce un criterio di massima, in quanto ottenuto con valutazioni
di laboratorio in canalette artificiali (figura 6.5).
Andrea Lisjak 6.4. Trasporto solido al fondo 231

Figura 6.5. Schema di canaletta idraulica da laboratorio.

6.4 Trasporto solido al fondo


Il trasporto solido al fondo è dovuto al materiale che si stacca dal fondo, percorre una certa distanza e poi
ricade nel breve periodo nuovamente sul fondo. Esso consiste quindi in una sequenza di saltazioni, confinate
in una fascia limitata del tirante idraulico.

6.4.1 Metodi di misura


La misura diretta del trasporto solido al fondo può essere effettuata mediante campionatori locali, costituiti
da una sorta di scatole adagiate sul fondo con lo scopo di raccogliere il materiale trasportato dalla corrente.
Il problema principale nell’utilizzo di tali dispositivi sta nel disturbo locale che essi inducono al campo di
velocità, il quale può aumentare o diminuire il distacco di materiale dal fondo. Con lo scopo di evitare in
parte tale inconveniente esistono dei campionatori realizzati mediante geotessuto permeabile.
Un altro sistema consiste nella realizzazione di trincee sul fondo del corso d’acqua, con le quali valutare
il volume di sedimenti accumulato nel tempo.
Esistono in Italia due bacini sperimentali, di cui uno a Torino realizzato dal CNR ed uno in Toscana
dall’Università di Firenze, dotati trappole per sedimenti molto più complesse (figure 6.6 e 6.7).

Figura 6.6. .

Figura 6.7. .

Un ulteriore metodo di valutazione del trasporto solido a livello globale si basa sulla valutazione della
velocità di interrimento delle dighe.
232 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

6.4.2 Metodi di calcolo


L’interesse tecnico nel calcolo del trasporto solido al fondo è sorto durante la progettazione di grandi canali
di irrigazione in India da parte degli ingegneri inglesi. Oltre alla valutazione delle condizioni di stabilità del
fondo di tali canali non pavimentati, si poneva il problema di evitare che il materiale trasportato al fondo
dal fiume finisse col sedimentare nei canali riducendo la capacità di trasporto dell’acqua.
Numerose equazioni sono state proposte per il calcolo della portata solida trascinata al fondo da una
corrente liquida, portata che indicheremo con i simboli:
- Qs : portata solida al fondo in volume;
- qs : portata solida al fondo in volume per unità di larghezza dell’alveo.

Formula di Du Boys
La prima equazione che ha trovato conferme sperimentali è stata quella suggerita da Du Boys nel 1879 sulla
base di un modello di trasporto per strati striscianti sovrapposti:

qs = Ks0 τ0 (τ0 − τcr ) (6.9)

dove:
- Ks0 : coefficiente caratteristico del materiale trasportato.
L’importanza che la formula di Du Boys ha avuto sul condizionamento di una lunga serie di relazioni per il
calcolo della portata solida al fondo e la sua buona verifica sperimentale sono andate ben oltre l’attendibilità
dello schema elementare di rappresentazione del fenomeno.

Formula di Shields
Shield (1936), con considerazioni basate sempre sull’effetto dell’eccesso di sforzo al fondo rispetto al valore
critico, propose l’equazione:
γs q s ρs − ρ τ0 − τcr
= 10j (6.10)
γq ρ (γs − γ)ds
dove:
- q: portata liquida per unità di larghezza dell’alveo.
La formula di Shields non è molto utilizzata in quanto basata su dati sperimentali di laboratorio e poco
adatta all’applicazione fluviale.

Formula di Schoklitsch
Di tipo diverso è invece l’equazione che fu proposta da Schoklitsch (1930, 1934) sulla base dell’analisi di
numerosi risultati sperimentali e di misure sperimentali. La formula di Schoklitsch ha la forma:

qs = Ks00 j η (q − qcr ) (6.11)

dove:
- Ks00 : coefficiente caratteristico del materiale trasportato:
2.500
Ks00 = (6.12)
ρs

- η: esponente con valori intorno a 3/2 per il trasporto al fondo di miscugli formati da sedimenti
caratterizzati con il diametro D40 (in m);
- qcr : portata critica per unità di larghezza alla quale inizia il movimento del fondo:
 5/3 3/2
ρs − ρ D40
qcr = 0, 26 (6.13)
ρ j 7/6
Andrea Lisjak 6.4. Trasporto solido al fondo 233

Tale formula è abbastanza utilizzata per i corsi d’acqua alpini.

Formula di Kalinske
Kalinske (1947), assumendo la portata solida proporzionale al volume della particella, al numero di quelle
partecipanti al moto e alla loro velocità, considerata approssimativamente pari alla differenza media tem-
porale tra la velocità al fondo e la velocità critica di trascinamento, ha ottenuto un’equazione del tipo:
 
qs τ0

=f (6.14)
V Ds τcr
L’andamento della funzione f , espresso analiticamente da Kalinske, è rappresentato graficamente nella figura
6.8.

Figura 6.8. Equazione di Kalinske (1947) per il calcolo della portata solida al fondo qs
(per unità di larghezza).

Formula di Meyer–Peter e Müller


Un contributo importante per la valutazione del trasporto solido al fondo, ottenuto separando gli effetti della
resistenza dovuta ai granuli da quelli dovuti alla morfologia del fondo, è stato dato dai lavori sperimentali
della Eidgenössische Technische Hochshule di Zurigo e dagli studi di Meyer-Peter e Muller, che hanno fornito
una interpretazione soddisfacente di quelle esperienze. La formula da loro proposta nel 1948 si è dimostrata
234 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

in accordo sia con i risultati della E.T.H., sia con numerosi altri rilievi di laboratorio e di campagna, anche
successivi.
La resistenza complessiva al moto della corrente fluida si ritiene separabile in due componenti:

1. componente dovuta alla scabrezza superficiale dei granuli ;

2. componente dovuta alla forma del fondo.

La tensione totale media sul contorno vale:

τ0 = τ00 + τ000 (6.15)

dove:

- τ00 : tensione dovuta alla resistenza superficiale;

- τ000 : tensione dovuta alla resistenza di forma.

Essendo τ0 = γjR si può altresì scrivere:

τ0 = γR(j 0 + j 00 ) (6.16)

Per miscugli di varia granulometria la formula di Meyer–Peter e Müller si può scrivere nella seguente forma
adimensionale: 2/3
Rj 0 (ρs qs )2/3

ρs − ρ ρs − ρ
− 0, 047 = 0, 25 (6.17)
Ds ρ Ds (ρ2 g)1/3 ρ
dove:

- j 0 : parte della pendenza motrice j che è dovuta alla sola resistenza dei granuli e non alla conformazione
del fondo;
la valutazione di j 0 si ottiene confrontando la relazione di Gauckler–Strickler–Manning
√ per sezioni
rettangolari larghe (V = ks y 2/3 j 1/2 ) con la relazione di di Chézy (V = C gyj):
3/2
j0

ks
= (6.18)
j ks0

dove:

- ks : coefficiente di scabrezza di Gauckler–Strickler complessiva;


- ks0 : coefficiente di scabrezza di Gauckler–Strickler dovuta esclusivamente ai granuli del materiale
mobile;
può essere valutato con la formula:
26
ks0 = 1/6 (6.19)
D90
L’utilizzo del D90 , diametro corrispondente ad un passante del 90%, viene giustificato con il
fenomeno del corazzamento (o armoring) del fondo:
durante le fasi di piena gran parte della granulometria presente in alveo si muove, mentre durante
le fasi di morbida è lecito pensare che la frazione più grossolana si fermi mentre quella più fine
continui ad essere trasportata, ne consegue che la pezzatura grossolana arresta il proprio moto,
s’incastra e perde il fine presente tra di essa tuttavia protegge dal distacco tutto il materiale che
sta sotto di essa; il materiale in superficie di un deposito alluvionale è sempre più grossolano di
quello che sta più in profondità, ne consegue che sono i diametri più grandi (D90 ) quelli indicativi
della resistenza del fondo.

La condizione critica di inizio del movimento al fondo può essere ottenuta imponendo nulla portata solida
al fondo qs = 0:
ρ Rj 0
= 0, 047 (6.20)
ρs − ρ Ds
Andrea Lisjak 6.4. Trasporto solido al fondo 235

Essendo gRj 0 = τ00 /ρ e τ00 = τcr


0
nelle condizioni in esame si ottiene:
0
τcr
= 0, 047 (6.21)
(γs − γ)Ds

Tale valore corrisponde alla τcr



dovuta alla sola resistenza della componente di attrito dei granuli.

Formula di Einstein
Attraverso una serie di studi, iniziati negli anni ’40 e portati a conclusione nel 1950, Einstein1 introdusse
un metodo probabilistico per la valutazione della portata solida al fondo e propose una formula che ha avuto
largo impiego tecnico.
Tale metodo si basa sull’introduzione di due parametri adimensionali:
X parametro di stabilità:
ρs − ρ gDs 1
Ψ= = ∗ (6.22)
ρ V∗ τ
esso è uguale all’inverso del parametro di stabilità di Shields;
X parametro di trasporto:
 −1/2
ρs − ρ 3
Φ = qs gDs (6.23)
ρ

Nello schema di Einstein si considera una superficie unitaria sul fondo dell’alveo: in condizioni permanenti
il numero di granuli depositati nell’unità di tempo deve essere uguale al numero di granuli erosi. A causa
della turbolenza della corrente il fenomeno di erosione e sedimentazione è supposto casuale.
Il trasporto al fondo è il risultato di un certo numero di passi che ogni granulo del materiale sedimentato
compie saltuariamente fino a trovare le condizioni favorevoli all’arresto. La distanza media percorsa dai
granuli dal momento in cui sono erosi al momento in cui sono depositati vale:

< L >= AL Ds (6.24)

dove:

- Ds : diametro dei granuli; la distanza percorsa è direttamente proporzionale al diametro in quanto


minore è la possibilità di incontrare punti favorevoli all’arresto;
- AL : costante di proporzionalità.
Il numero di granuli depositati per unità di tempo ed area è proporzionale al numero di granuli trasportati,
all’incirca pari a qs /Ds3 , moltiplicato per la probabilità che vi sia deposizione, pari a 1/L, e quindi a:
qs ρs
numero granuli depositati ∝
ρs Ds3 AL Ds

Il numero di granuli erosi per unità di tempo ed area è proporzionale al numero di granuli presenti, pro-
porzionale a 1×1/Ds2 , moltiplicato per la probabilità che vi sia distacco, proporzionale alla frazione temporale
θ in cui la portanza dovuta alla turbolenza supera il peso della particella, moltiplicata per la probabilità di
non ricadere, proporzionale al tempo di caduta in acqua ferma ts da un’altezza pari ad 1 diametro pari a:
Ds
ts ∝ r 
ρs −ρ
ρ gDs

e quindi a: q
ρs −ρ
θ ρ gDs
numero granuli erosi ∝
Ds3

1 Si tratta di Hans Albert Einstein, figlio di Albert Einstein.


236 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Uguagliando questo numero a quello delle particelle depositate attraverso un coefficiente globale di pro-
porzionalità C, si ottiene l’equazione del trasporto solido:
r
ρs qs θ g ρs − ρ
4
=C 2
AL ρs Ds Ds Ds ρ

La distanza < L >= AL Ds può essere espressa come prodotto della lunghezza media del singolo passo λDs
di un granulo per il numero di passi, il quale è inversamente proporzionale alla probabilità di deposizione
1 − θ, si ottiene:
λDs
AL Ds =
1−θ
l’equazione del trasporto solido diventa:
θ
= AΦ
1−θ
ossia:

θ= (6.25)
1 + AΦ
La probabilità di erosione θ può essere espressa, secondo Einstein, in funzione del rapporto tra il peso della
particella immersa nel fluido e la portanza fluidodinamica, si può quindi scrivere:

g(ρs − ρ)Ds3 1
 
θ=f (6.26)
ρDs2 Vf 2 Cp

dove:
- Cp : coefficiente di portanza;
- Vf 2 : velocità al fondo.
Poiché la velocità al fondo è proporzionale alla velocità di attrito:

Vf ∝ V ∗

l’equazione del trasporto solido al fondo può essere espressa da:


 
g(ρs − ρ)Ds
θ=f = f (Ψ) (6.27)
ρV ∗ 2
Per trasporto debole, ossia per valori Φ < 0, 4 Einstein ha proposto l’equazione:

0, 465Φ = exp [−0, 391Ψ] (6.28)

rappresentata da una retta nel diagramma di figura 5.3(b).

Confronto fra la formula di Einstein e quella di Meyer–Peter e Müller


È stato eseguito un confronto fra l’equazione di Einstein e quella di Meyer-Peter e Müller, trasformando la
seconda ed esprimendola con gli stessi parametri di Einstein:
 3/2
1
Φ=8 − 0, 047 (6.29)
Ψ

Il confronto fra le curve rappresentatrici delle due equazioni e i risultati su sedimenti uniformi è rappresentato
nella figura 5.3(b), che ne mostra la buona concordanza.
L’accordo si riscontra anche con miscugli a granulometria non uniforme, per i quali però è consigliato
assumere per il diametro Ds due differenti valori:
−→ formula di Einstein: Ds = D35
−→ formula di Meyer–Peter e Müller: Ds = D50 .
Andrea Lisjak 6.4. Trasporto solido al fondo 237

Figura 6.9. Relazione fra le funzioni Φ e Ψ di Einstein (1942).

Formula di Yalin

Yalin (1963) ha ottenuto la sua formula per il calcolo di qs partendo dall’ipotesi che il moto dei granuli
avvenga per salti e che ogni salto si presenti come la traiettoria di un proiettile la cui massima altezza è
conseguenza non dell’azione continua di una forza di trascinamento, ma della velocità acquistata inizialmente
dal granulo.
Il risultato viene qui riportato in termini dei parametri Φ e Ψ di Einstein, con riferimento specifico al
trasporto di granuli di quarzo in acqua (ρs /ρ = 2, 65):
  
Ψcr 1 1 1
Φ = cost √ − 1− log10 (1 + as ) (6.30)
Ψ Ψ Ψcr as
con  
p 1 1
as = 1, 66 Ψcr − (6.31)
Ψ Ψcr
la costante è risultata pari a 0,635, dal confronto con altri risultati sperimentali.
Con l’aumentare della portata solida as diventa molto grande e quindi:
1
ln(1 + as ) → 0
as
sicché l’equazione di Yalin si riduce alla:
 
Ψcr 1 1
Φ = 0, 635 √ − (6.32)
Ψ Ψ Ψcr
238 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.10. Relazione grafica di Einstein (1950), curva a linea intera, e di Meyer–Peter e
Müller (1948), curva a tratti, per il calcolo della portata solida al fondo.

Formula di Bagnold
L’equazione di Bagnold (1956) per il trasporto solido al fondo è analoga all’equazione 6.32 ma con 0,21 al
posto del coefficiente 0,635:  
Ψcr 1 1
Φ = 0, 21 √ − (6.33)
Ψ Ψ Ψcr

Considerazioni generali sull’impiego di formule per il calcolo del trasporto solido al fondo
Di tutte le formule esposte quella di Einstein è a tutt’oggi quella che si avvicina di più concettualmente alla
fisica reale del problema. Lo studio del trasporto solido al fondo nei corsi d’acqua naturali è un problema
che viene reso ancora più complicato da una serie di varianti rispetto alle sperimentazioni di laboratorio:
X disponibilità di materiale per il trasporto solido non sempre garantita;
X impulsività del trasporto;

X turbolenza della corrente e presenza di discontinuità di parete.


Tali formule possono in definitiva essere utilizzate per dare una valutazione di massima sul campo di
variabilità atteso del fenomeno.
Andrea Lisjak 6.5. Trasporto solido in sospensione 239

6.5 Trasporto solido in sospensione


Il trasporto solido in sospensione interessa la frazione granulometrica fine che, una volta sollevata dal fondo,
rimane permanentemente miscelata all’interno dell’acqua senza dar luogo ad una nuova precipitazione,
almeno finchè l’acqua rimande in movimento. Il trasporto in sospensione dà luogo alla torbidità dell’acqua
e per questo motivo viene detto anche trasporto torbido.

6.5.1 Metodi di misura


La torbidità dell’acqua è essenzialmente una misura di concentrazione della fase solida presente, essa può
essere espressa come:
−→ concentrazione massica: rapporto massa solida e volume d’acqua torbida (g/l)
−→ concentrazione volumica: rapporto tra volume solido e volume d’acqua torbida (ppm).
La misura di concentrazione implica per sua stessa natura un processo di campionamento. È evidente
quindi che il suo valore è influenzato dal volume utilizzato: esso deve essere sufficientemente grande da
non interagire con granuli, paradossalmente un volume delle stesse dimensioni dei granuli può dari luogo
solamente a misure di concentrazione unitaria o nulla, e sufficientemente piccolo da non interagire con la
sezione idrica nel suo complesso, in modo tale da poter apprezzare le variazioni di concentrazione con la
profondità.
Esistono anche metodi di misura di tipo indiretto, ossia basati sulla variazione dell’opacità dell’acqua in
funzione della torbidità (torbidimetri ).

6.5.2 Equazione della diffusione–dispersione


Conservazione della massa
Lo studio del trasporto solido in sospensione utilizza la conservazione della massa della sostanza dispersa.
Seguendo un approccio di tipo lagrangiano si assume:
Z
D
Cs dV = 0 (6.34)
Dt V

dove:
- Cs = Cs (y, y, z, t): concentrazione della sostanza dispersa;
- V : volume mobile di controllo;
- D/Dt: derivata sostanziale (si prende un volume di fluido e lo si segue nel suo percorso).
Alla (6.34) si può applicare il teorema del trasporto in modo da considerare il problema in termini di flussi
entranti ed uscenti da un volume di controllo fisso V (approccio euleriano):
Z Z
∂Cs
dV − Cs vs · n dA = 0 (6.35)
V ∂t A

dove:
- n: versore normale interno alla superficie A che delimita V ;
- vs : velocità di migrazione del materiale disperso.
Applicando il teorema della divergenza, in modo da trasformare l’integrale di superficie in un integrale di
volume, segue: Z  
∂Cs
+ div(Cs vs ) dV = 0 (6.36)
V ∂t
da cui, per l’arbitrarietà del volume di controllo V e per la continuità dell’integrando, si ha:
∂Cs
+ div(Cs vs ) = 0 (6.37)
∂t
240 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

La parametrizzazione della velocità vs può essere effettuata in due modi:


1. mediante le equazioni di moto del sedimento all’interno del fluido ambiente;
2. esprimendo la velocità del sedimento in funzione della velocità del fluido ambiente, una volta risolto
il campo di moto di quest’ultimo.
In tale contesto si utilizza il secondo metodo per cui si considera che a produrre la velocità vs concorrano
meccanismi diversi che possono anche presentarsi assieme:
1. diffusione: avviene a livello molecolare per variazioni di concentrazione;
2. dispersione: avviene per agitazione turbolenta del fluido ambiente;
3. convezione: è indotta dal moto medio del fluido ambiente;
4. sedimentazione: è indotta dal difetto della spinta di galleggiamento rispetto al peso.

Diffusione
In presenza di diffusione la migrazione avviene verso le zone a concentrazione più bassa e la velocità di
diffusione si assume di norma proporzionale al gradiente della concentrazione (prima legge di Fick ):

Cs vs = −Ed grad Cs (6.38)

dove:
- Ed : coefficiente di diffusione [L2 /T ];

Dispersione
In presenza di turbolenza conviene scindere Cs e vs nel seguente modo:

Cs = C s + Cs0 (6.39)
vs = v s + vs0 (6.40)
dove:
- C s , v s : valori medi temporali di Reynolds;
- Cs0 , vs0 : componenti fluttuanti a media temporale nulla su un periodo sufficientemente lungo;
ne segue che:
Cs vs = C s vs + C s vs0 + Cs0 vs + Cs0 vs0 = C s vs + Cs0 vs0 (6.41)
dove:
- Cs0 vs0 : termine di dispersione turbolenta;
- C s vs : termine di convezione.
In analogia con lo schema diffusivo si usa porre:

Cs0 vs0 = −E · grad C s (6.42)

dove:
- E: tensore di dispersione:  
E11 E12 E13
E =  E21 E22 E23  (6.43)
E31 E32 E33
Eij esprime come fluttua la concentrazione nella direzione i (Cs0 vsi ) per effetto di una fluttuazione
della velocità nella direzione j (∂C s /∂xj ).
Andrea Lisjak 6.5. Trasporto solido in sospensione 241

Convezione
La velocità media di migrazione vs è legata invece alla velocità media temporale v del fluido ambiente. Si
è soliti porre:
C s vs = C s Ec v (6.44)
dove:

- v: velocità media temporale del fluido ambiente;

- Ec : coefficiente di convezione [−], eventualmente unitario.

Sedimentazione
Se la fase dispersa ha densità ρs diversa da quella ρ del fluido, nascono spinte di galleggiamento differenti
dal peso proprio del materiale sospeso, che acquista di conseguenza una velocità vs , propria, distinta da
quella del fluido ambiente.

Equazione di continuità per la fase dispersa


Nei moti turbolenti la diffusione molecolare ha spesso importanza trascurabile e l’equazione di continuità
per la fase dispersa diventa:

∂C s
+ div(C s Ec v) − div(E · grad C s ) = 0 (6.45)
∂t
Assumendo come assi coordinati x, y, z gli assi principali del tensore della dispersione, ed indicando con Ex ,
Ey e Ez i relativi coefficienti, si ottiene complessivamente in termini scalari:
 
∂C s ∂C s ∂C s ∂C s ∂C s ∂C s ∂C s
+ Ec v x + vy + vz + vsx + vsy + vsz +
∂t ∂x ∂y ∂z ∂x ∂y ∂z
     
∂ ∂C s ∂ ∂C s ∂ ∂C s
− Ex − Ey − Ez =0 (6.46)
∂x ∂x ∂y ∂y ∂z ∂z
avendo assunto div v = div vs = 0

6.5.3 Metodi di calcolo


Un’applicazione particolarmente semplice dell’equazione della dispersione si presenta nello studio del trasporto
solido in sospensione, sotto le seguenti ipotesi:

1. moto permanente:

=0
∂t
2. moto uniforme:

=0
∂x
3. moto bidimensionale nel piano x, y (figura 6.11):

vy = vz = 0
vsx = vsz=0

∂Cs
=0
∂z
4. pendenza del fondo modesta e quindi quasi verticalità dell’asse y:

vsy = −ws
242 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

dove:

- ws : velocità di caduta libera del materiale nel fluido in esame.

Figura 6.11. Ipotesi di moto bidimensionale nel piano x, y.

Per semplificare la scrittura omettiamo nel seguito il soprasegno su Cs , intendendo con questo simbolo
sempre il valore medio temporale del volume di materiale sospeso per unità di volume. L’equazione (6.46)
si riduce alla:  
dCs d dCs
−ws − Ey =0 (6.47)
dy dy dy
da cui, integrando, deriva:
dCs
Cs ws + Ey =0 (6.48)
dy
Nell’ipotesi di una distribuzione della turbolenza tale da rendere il coefficiente Ey indipendente da y,
l’integrazione della (6.48) può essere fatta separando le variabili (figura 6.12):
 
C ws
= exp − (y − a) (6.49)
Cs Ey

dove:

- y: distanza generica dal fondo a cui corrisponde la concentrazione Cs ;

- a: distanza dal fondo alla quale la concentrazione ha il valore noto Csa , corrisponde alla presenza di
uno strato limite o all’inizio del trasporto solido al fondo.

In generale tuttavia, per una corrente liquida in moto uniforme, il coefficiente di dispersione Ey è
funzione di y.

Soluzione di Rouse
Rouse, ipotizzando di correlare Ey all’agitazione turbolenta ed assumendo una legge di distribuzione log-
aritmica della velocità, ottenne che il coefficiente di dispersione turbolento può essere assunto pari a:
 y
Ey = kv ∗ y 1 − (6.50)
Y
dove:

- k: costante di Kármán, pari all’inverso del coefficiente moltiplicatore del logaritmo della distribuzione
della velocità; secondo Nikuradse k = 1/2, 5 = 0, 4;

- Y : quota del pelo libero.


Andrea Lisjak 6.5. Trasporto solido in sospensione 243

Figura 6.12. Andamento della concentrazione della frazione dispersa nell’ipotesi di


coefficiente di dispersione turbolento indipendente da y.

Sostituendo l’espressione (6.50) nella (6.47) si ottiene:

dCs ws dy
=− ∗ · (6.51)
Cs kv y(1 − y/Y )

la cui soluzione è data da:  ws /kv∗


Cs Y −y a
= · (6.52)
Csa y Y −a
Tale soluzione in pratica tiene conto del fatto che l’effetto gravitativo viene controbilanciato dalla fluttuazione
del coefficiente di dispersione turbolento.
Alcune curve, ricavate dall’equazione (6.52) per valori ws /kv ∗ = cost sono riportate nella figura 5.3(b)
a linea continua e poste a confronto con i risultati sperimentali di Vanoni (1946). Per quanto riguarda la
distanza a dal fondo, il valore consigliato normalmente è 0, 05Y .
La presenza del materiale solido in sospensione in realtà influisce sul meccanismo della turbolenza del
fluido principalmente attenuando l’ampiezza delle oscillazioni turbolente di velocità. In tale modo gli effetti
dissipativi dovuti alla turbolenza devono diminuire, ma al fluido in moto è richiesta una maggiore quantità di
energia per mantenere in atto la sospensione stessa. Uno degli aspetti cinematici più evidenti dell’influenza
del materiale sospeso è un aumento del gradiente della velocità nella sezione trasversale. Si veda nella
figura 5.3(b) la rappresentazione grafica delle distribuzioni di velocità rilevate sperimentalmente da Vanoni
e Nomicos.

Soluzione di Lane e Kalinske

La soluzione di Lane e Kalinske (1941) consiste nel calcolare Cs con l’equazione (6.49) assumendo però
come coefficiente di dispersione Ey il valore medio sulla verticale del coefficiente Ey di Rouse:
Y
kv ∗ kv ∗ Y
Z  y
Ey ≈ y 1− dy = (6.53)
Y 0 Y 6

dove con k = 0, 4 si ottiene:


v∗ Y
Ey ≈ (6.54)
15

Determinazione della portata

Per quanto riguarda la portata massica ρs qs del materiale in sospensione per unità di larghezza si ha:
Z Y
ρs qs = Cs vs dy (6.55)
0
244 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.13. Curve di distribuzione della concentrazione Cs , rapportata alla concen-


trazione Csa alla quota a del fondo, a confronto con i risultati sperimentali
di Vanoni (1946).

Figura 6.14. Misure di velocità in funzione della distanza dal fondo eseguite da
Vanoni e Nomicos (1959) su correnti con materiale in sospensione a varie
concentrazioni medie–spaziali C̃s .
Andrea Lisjak 6.5. Trasporto solido in sospensione 245

dove:

- Cs : concentrazione espressa in massa per unità di volume;

- vs : velocità media locale del materiale trasportato nella direzione della corrente.

Nota la distribuzione sulla verticale di Cs /Csa a partire da un’altezza a sul fondo, molto piccola rispetto
a Y , e assunta la distribuzione logaritmica delle velocità, l’equazione della portata massica in sospensione
diventa: Z 1      
Cs y ds y

ρs qs = Csa v Y 2, 5 ln +f d (6.56)
a/Y Csa Y Y Y
dove:

- f (ds /Y ) è una funzione di attrito dipendente dalla scabrezza relativa ds /Y del materiale di fondo;

- (C/Csa ) si può utilizzare ad esempio l’espressione data da Rouse, oppure quella proposta da Lane e
Kalinske.

Einstein (1950) ha utilizzato, per la distribuzione delle velocità lungo la verticale, l’espressione logaritmica:
 
vs 30, 2χy
= 5, 75 log10 (6.57)
v 0∗ D65
dove:

- v∗0 : velocità di attrito dovuta alla sola scabrezza granulare;

- χ: coefficiente correttivo assegnato in forma grafica (figura 6.15) in funzione del rapporto fra D65 e lo
spessore convenzionale δ = 11, 6ν/v 0∗ .

Figura 6.15. Coefficiente correttivo χ di Einstein da introdurre nella legge di distribuzione


logaritmica delle velocità.

Con tale distribuzione di velocità e con l’equazione di Rouse (6.52) per esprimere Cs /Csa , la portata solida
massica in sospensione, per unità di larghezza vale:
   
∗0 30, 2χY
ρs qs = 11, 6Csa v a 2, 303I1 ln + I2 (6.58)
D65

dove:
246 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

- I1 e I2 sono detti integrali di Einstein:


1  γ
1−x
Z
I1 = dx (6.59)
a/Y x

1  γ
1−x
Z
I2 = ln x dx (6.60)
a/Y x

Assumendo la portata solida al fondo pari a qs,fondo = 11, 6Csa v ∗ 0 a si ottiene l’equazione che correla il
trasporto solido in sospensione con quello al fondo, sempre per unità di larghezza:
   
30, 2χY
qs,s = qs,fondo 2, 303I1 ln + I2 (6.61)
D65

Il trasporto solido totale può quindi essere assunto pari a:


   
30, 2χY
qs,tot = qs,fondo 1 + 2, 303I1 ln + I2 (6.62)
D65
Andrea Lisjak 6.6. Trasporto solido totale 247

6.6 Trasporto solido totale


6.6.1 Metodi di calcolo
Il trasporto solido totale di una corrente liquida può essere valutato secondo due approcci:

1. sommando le portate solide al fondo ed in sospensione, calcolate con i metodi visti in precedenza;

2. utilizzando formule destinate specificatamente a questo scopo.

Metodo di Einstein

Il metodo di Einstein prevede di calcolare il trasporto solido totale per classi granulometriche, ipotizzando
che ogni classe sia debolmente interagente con le altre. Dal punto di vista operativo si suddivide quindi il fuso
granulometrico in fasce percentili Dik ÷Dsk , per ognuna delle quali si determina il diametro rappresentativo,
corrispondente al diametro mediano Dk , e si determina il trasporto solido, mediante la formula di Einstein,
relativo a quel diametro:    
30, 2χY
qs = qs,fondo 1 + 2, 303I1 ln + I2 (6.63)
D65
Successivamente si sommano tutti in contributi, pesandoli per la rispettiva misura percentuale all’interno
dell’ammasso di sedimenti:
ϕk = prob(Dik < D < Dsk )
Il metodo si esplica nella seguente procedura di calcolo:

1. al diametro mediano Dk si associa il parametro:


ρs − ρ gDk
Ψk =
ρ v∗

2. si applica la relazione di Einstein:


Φk = f (Ψk )

3. la portata solida volumetrica al fondo per unità di larghezza del materiale di dimensione media Dk
vale: r
3/2 ρs − ρ
qsk = Φk Dk g
ρ

4. la portata solida massica al fondo per unità di larghezza del materiale di dimensione media Dk vale:
r
3/2 ρs − ρ
Gk = ρs qsk = ρs Φk Dk g
ρ

5. la portata solida massica totale per unità di larghezza del materiale di dimensione media Dk vale:
r    
3/2 ρs − ρ 30, 2χY
Gk,tot = ρs Φk Dk g 1 + 2, 303I1 ln + I2
ρ D65

6. la portata solida massica totale per unità di larghezza vale:


X
Gtot = ϕk Gk,tot

È evidente che il limite di tale approccio sta nell’ipotesi di interazione debole tra le classii granulometriche,
nella realtà il trasporto solido è caratterizzato da movimenti tipicamente impulsivi con forti interazioni in
termini di urti fra le diverse particelle.
248 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Metodo di Bagnold
Il metodo di Bagnold si basa su condiderazioni energetiche relative al lavoro richiesto ed al rendimento
sperimentale del processo.
La potenza necessaria per il trasporto di materiale solido al fondo, per unità di superficie, vale:

Nf = g(ρs − ρ)qs tan α

dove:
- vs : velocità media del materiale solido al fondo;
- qs : portata volumetrica solida al fondo per unità di larghezza;

- tan α: coefficiente di attrito del materiale.


La potenza necessaria per il trasporto solido in sospensione, per unità di superficie, vale
 
ws
Ns = g(ρs − ρ)qs0
vs

dove:

- ws : velocità di caduta libera;


- qs0 : portata volumetrica solida in sospensione per unità di larghezza.
La potenza disponibile da parte della corrente liquida, per unità di larghezza B del canale della sezione
rettangolare, è:
N = γY jV
dove:

- j: perdita di carico effettivo per unità di percorso (j = dH/ ds).


Bagnold ha introdotto un coefficiente di rendimento ηf per esprimere la frazione della potenza disponibile
utilizzata per il trasporto solido al fondo:
Ns = ηf N
ed un coefficiente di rendimento ηs del trasporto in sospensione rispetto alla restante potenza disponibile
(1 − ηf )N :
Ns = ηs (1 − ηf )N
Tenendo conto di queste posizioni e delle precedenti relazioni energetiche si può scrivere la portata solida
totale qs,tot , per unità di larghezza, nella forma:
 
N ηf vs
qs,tot = qs + qs0 = + ηs (1 − ef ) (6.64)
g(ρs − ρ) tan α ws

Il calcolo della portata qs,tot richiede la conoscenza dei quattro parametri ηf , ηs , tan α e vs . Per rendere
pratico il suo impiego Bagnold ha suggerito di porre vs pari alla velocità media della corrente V e di
assumere, per sospensioni in moto turbolento completamente sviluppato, ηs (1 − ηf ) ≈ 2/3 ≈ 0, 01, per cui
risulta:  
Y jV ηf V
qs,tot = ρ + 0, 01 (6.65)
ρs − ρ tan α ws
Bagnold ha inoltre fornito graficamente valori consigliabili di tan α e di ηf .
Andrea Lisjak 6.7. Modellamento del fondo 249

6.7 Modellamento del fondo


Il movimento di una corrente fluida su un fondo incoerente, quando è accompagnato da trasporto solido,
influisce sulla configurazione del fondo stesso che assume forme correlate con le caratteristiche della corrente
e del materiale trasportato.

6.7.1 Forme del fondo mobile


Classificazione di Simons
Una classificazione delle forme del fondo che trova attualmente largo credito è quella proposta da Simons
(1961) sulla base delle sistematiche ricerche sperimentali condotte dalla Colorado State University.
Il criterio fa in primo luogo riferimento al regime del moto caratterizzato dal numero di Froude:
v
Fr = √ (6.66)
gy

dove:
- v: velocità media della corrente;
- y: altezza media della corrente.
Per quanto riguarda la caratterizzazione dello stato dell’alveo, la scelta più conveniente è apparsa quella
basata sui numeri seguenti:
X numero di Reynolds del trasporto solido:
V ∗ Ds
Re∗ = (6.67)
ν
dove:
- V ∗ : velocità di attrito relativa alla sola scabrezza granulare del fondo;
- Ds : diametro equivalente del materiale mobile costituente il fondo;
- ν: viscosità cinematica del fluido.
X numero di Froude del trasporto solido:
V∗
F r∗ = (6.68)
ws
dove:
- ws : velocità di caduta libera dei granuli in acqua ferma.
Al crescere di F r e F r∗ , a parità di numero di Reynolds del trasporto solido, si osservano generalmente le
configurazioni di seguito riportate (figura 6.16).
I. Ripples (F r  1): piccoli corrugamenti della superficie del fondo, lunghi da 5 a 50 cm e alti da 0,5
a 5 cm;
II. dune (F r < 1): ondulazioni più accentuate con pendenza dolce a monte e ripida a valle, e con
movimento lento verso valle. I ripples possono formarsi anche sopra le dune le quali hanno lunghezza
variabile da 50 cm fino a qualche metro.
Dal punto di vista idraulico essendo la corrente lenta si ha un abbassamento del profilo del pelo libero
in controfase rispetto all’andamento del fondo, si ha quindi una corrente accelerata sul lato di monte,
con conseguente erosione di materiale, ed una corrente rallentata sul lato di valle, con conseguente
deposizione di materiale. Nel tempo si ha una traslazione del profilo di forma verso valle.
III. Transizione (F r ≈ 1): corrisponde ad uno stato di fondo con ondulazioni lievi e lunghe, quasi
piatto; esso segue allo spianamento ed all’asportazione delle dune.
IV. Fondo piano: assenza di modellamento del fondo.
250 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.16. Forme del fondo mobile secondo Simons.

V. Antidune (F r > 1): ondulazioni regolari e simmetriche, stazionarie o in moto più frequentemente
verso monte.
Dal punto di vista idraulica essendo la corrente veloce si ha un abbassamento del profilo del pelo
libero in fase con l’andamento del fondo, si ha quindi una corrente rallentata sul lato di monte, con
conseguente deposizione di materiale, ed una corrente accelerata sul lato di valle, con conseguente
deposizione di materiale. Nel tempo si ha una traslazione dl profilo di forma verso monte.
VI. Antidune con onde frangenti (F r  1): essendo la corrente molto veloce in fase di apertura dei
filetti fluidi alcuni di essi fuoriescono dall’andamento di forma dell’onda e si miscelano all’aria dando
luogo ad onde frangenti.

Grafico di Simons e Richardson


Simons e Richardson (1961) hanno proposte per tutte le forme la rappresentazione delle curve limite delle
varie configurazioni nel piano Re∗ , Fr∗ , in tale rappresentazione (figura 6.17) l’inizio del moto è definito dalla
curva di Shields.

Grafico di Bogárdi
Bogárdi (1959) ha proposto un diagramma (figura 6.18) sia per il calcolo del trasporto solido totale sia per
l’individuazione delle configurazioni del fondo.
Andrea Lisjak 6.8. Resistenza al moto degli alvei a fondo mobile 251

Figura 6.17. Grafico di Simons e Richardson (1961) per l’individuazione della


configurazione del fondo.

6.8 Resistenza al moto degli alvei a fondo mobile


Il modellamento del fondo induce una resistenza al moto della corrente fluida che si ritiene separabile da
quella dovuta alla scabrezza superficiale e con essa sommabile. La tensione totale media sul contorno vale
dunque:
τ0 = τ00 + τ000 (6.69)
dove:

- τ00 : tensione dovuta alla resistenza superficiale;

- τ000 : tensione dovuta alla resistenza di forma.

La stessa equazione, essendo τ0 = γjR, si può scrivere:

τ0 = γj(R0 + R00 )

oppure:
τ0 = γR(j 0 + j 00 )
In termini di velocità di attrito: r
∗ τ0 p
v = = gRj
ρ
si ha: s
∗0 τ00 p p
v = = gR0 j = gRj 0
ρ
s
∗ 00 τ000 p p
v = = gR00 j = gRj 00
ρ
252 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.18. Grafico di Bogárdi (1965) per il calcolo del trasporto solido totale e per
l’individuazione delle configurazioni di fondo.

e quindi l’equazione (6.69) diventa:


v ∗ 2 = v ∗ 02 + v ∗ 002 (6.70)
In condizioni di moto uniforme, j coincide con la pendenza del fondo if e l’equazione:
p
V = C gRif

si può scrivere:
U
=C
v∗
Introducendo la solita suddivisione sul coefficiente adimensionale di resistenza C, questa equazione è sepa-
rabile nelle:
U
= C0
v∗ 0
U
= C 00
v ∗ 00
con il legame, che discende dalla (6.70):
1 1 1
2
= 02 + 002 (6.71)
C C C
Andrea Lisjak 6.8. Resistenza al moto degli alvei a fondo mobile 253

6.8.1 Determinazione della resistenza superficiale


Formula di Gauckler–Strickler–Manning
A partire dalla formula di Chézy del moto uniforme:
p
V =C gY j

e dalla formula di Gauckler–Strickler–Manning:

V = ks χ2/3 j 1/2

si ottiene:
Y 1/6
C 0 = ks0 √ (6.72)
g
Il suggerimento di Müller è quello di porre:
26
ks0 = 1/6
D90

in tal modo si ottiene:  1/6


26 Y
C0 = √ (6.73)
g D90

Formule logaritmiche
Si possono utilizzare le formule logaritmiche come la formula di Colebrook e White con l’avvertenza di
sostituire al diametro D del tubo 4R e come numero di Reynolds 4V R/ν.
In tal caso come parametro di scabrezza ε è abbastana pronunciata la dispersione fra i valori proposti
dai diversi autori: 2D65 , D84 oppure 2, 5D90 quando Y /D90 & 100.

6.8.2 Determinazione della resistenza di forma


Formula di Einstein–Barbarossa
L’effetto della resistenza di forma viene valutato attraverso una dipendenza funzionale del coefficiente di
resistenza dal parametro:
ρs − ρ D35
Ψ35 = (6.74)
ρ R0 j
ottenuta graficamente e rappresentata dalla curva nel diagramma C 00 = U/v ∗ = f (Ψ35 ) della figura 5.3(b).

6.8.3 Determinazione della resistenza globale


Diverse proposte sono state avanzate per rappresentare la resistenza globale, ossia il relativo coefficiente C,
con relazioni logaritmiche analoghe a quelle utilizzate per il calcolo di C 0 negli alvei a fondo fisso.

Formula di Richardson
Richardson (1967) ha fornito le relazioni seguenti, per alvei molto larghi (R ≈ Y ) e fondo piano:

– con trasporto solido scarso o nullo:


Y
C = 5, 9 log10 + 5, 44 (6.75)
D85

– con trasporto solido apprezzabile:


Y
C = 7, 4 log10 (6.76)
D85
254 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Formula di Vanoni
Per correnti lente Vanoni (1967) ha proposto, sulla base di esperienze di laboratorio, la seguente formula:

R
C = 9, 9 log10 − 6, 5 (6.77)
e∆hm
dove:
- ∆hm : altezza media delle ondulazioni del fondo di lunghezza L;

- e: parametro di esposizione, dato dal rapporto tra la proiezione orizzontale di tutto il fondo ondulato
e la proiezione della sua parte riparata rispetto alla corrente.

Formula di Hey
Per corrente abbastanza veloci in alvei ghiaiosi Hey ha proposto la seguente formula:
 
aR
C = 5, 75 log10 (6.78)
3, 5D85

dove:
- a: coefficiente che dipende dalla compattezza della sezione (a = 11 ÷ 13, 5).
Andrea Lisjak 6.9. Geometria idraulica 255

6.9 Geometria idraulica


6.9.1 Metodo “at station”
Leopold e Maddock hanno considerato la sezione di un canale attivo, con l’obiettivo di determinare le
relazioni esistenti tra la portata Q, la profondità media della corrente Y , la larghezza della sezione B e la
velocità media della corrente v. È evidente che al crescere della portata aumentano sia Y , sia B che v, si
può quindi scrivere:
B = αQm (6.79)

Y = βQn (6.80)

B = γQp (6.81)
dove:

- m, n, p > 0.

Le tre variabili Y , B e v non sono variabili indipendenti, si ha infatti:

Q = Ωv = BY v (6.82)

ne consegue che:
Q = αβγQm+n+p
Dal momento che deve anche essere:
αβγ = 1

m+n+p=1
si ha che:
0 < m, n, p < 1 (6.83)

6.9.2 Metodo “downstream”


Il metodo “downstream” prevede l’analisi di sezioni diverse di uno stesso corso d’acqua. Se si considera una
sezione di monte ed una di valle il confronto può essere fatto considerando portate avente il medesimo tempo
di ritorno, ossia la medesima frequenza di accadimento, nelle due sezioni; generalmente si ha:

Qm < Qv

dove:

- Qm : portata di monte;

- Qv : portata di valle.

Fissata una probabilità di non superamento essa deve essere uguale nelle due sezioni:

prob(Qm < qm ) = prob(Qv < qv )

Per la determinazione reale di tali portate è necessario fissare una durata ed utilizzare la curva di durata
delle portate di valle e di monte (figura 6.19).

Relazione tra portata e larghezza del canale


La figura 6.20 riporta la relazione tra portata Q e larghezza del canale B:

– procedendo da monte a valle la differenza tra l’andamento della portata di magra e quella di piena è
molto grande;
256 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.19. Curva di durata delle portate.

– la differenza tra portata di valle e portata di monte, riferite a due sezioni distinte, è invece molto
piccola.

Relazione tra portata e profondità della corrente


La figura 6.20 riporta la relazione tra portata Q e la profondità della corrente Y : si può notare un andamento
analogo a quello della larghezza del canale ma con variazioni più contenute.

Relazione tra portata e velocità della correte


La figura 6.20 riporta la relazione tra portata Q e velocità della corrente Y :

– procedendo da monte a valle la differenza tra l’andamento della portata di magra e quella di piena è
piccola;

– la differenza tra portata di valle e portata di monte, riferite a due sezioni distinte, è invece molto
grande.

6.9.3 Relazione larghezza e portata “bankfull”


Indipendentemente dalla presenza di argini in un corso d’acqua naturale è quasi sempre possibile individuare
delle sponde naturali (banks). Le portate che riempiono tutta l’alveo di un corso d’acqua da sponda a sponda
sono dette portate “bankfull”. Da un punto di vista geomorfologico è utile indagare questa condizione in
quanto significativa per la forma dell’alveo.
Sotto l’ipotesi che la condizione “bankfull” corrisponda ad una portata Qb di pari frequenza in tutti i
canali è possibile esprimere mediante i criteri della geometria idraulica una relazione tra la portata Qb e la
larghezza bankfull B:
Qb = f (B)
A tal proposito sono stati eseguiti degli studi sul bacino idrografico del fiume Po (figura 6.21 con 60 misure
di larghezza in corrispondenza di tratti rettilinei di canali, in assenza di soglie geologiche e vincoli strutturali
di tipo antropico ed in corrispondenza delle stazioni di misura delle portate del Servizio Idrografico, in modo
da poter ottenere anche la distribuzione delle portate di piena FQ (q).
Si è visto che le migliori relazioni tra portate e larghezze “bankfull” si ottengono per valori di Qb prossimi
al valore mediano Q50% , ossia aventi tempo di ritorno pari a 2 anni:

∆t 1 1
TR = = = = 2 anni
1−F 1−F 1 − 0, 5
Andrea Lisjak 6.9. Geometria idraulica 257

Figura 6.20. Geometria dei corsi d’acqua.

Ciò significa che le portate che mantengono attivo l’alveo vengono mediamente superate una volta ogni 2
anni. Per portate con tempo di ritorno maggiore si ha l’inondazione delle zone golenali.

I risultati di tali ricerche sono stati tradotti nel diagramma di figura 5.3(b): semplicemente misurando
la larghezza del canale è possibile fornire una stima della portata avente tempo di ritorno pari a 2 anni. La
retta A si riferisce ai corsi d’acqua alpini mentre la retta B ai corsi d’acqua di pianura e a quelli appenninici.
258 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

Figura 6.21. Bacino idrografico del fiume Po e ubicazione dele stazioni di misura.

Figura 6.22. Diagramma delle correlazione fra larghezza “bankfull” e portata mediana dei
colmi per 60 casi presi in considerazione nel bacino padano. L’individuazione
di due gruppi porta a meglio definire la relazione tra larghezza e portate.

6.9.4 Teorie del regime


Il problema è quello di stabilire delle relazioni fisiche per spiegare e prevedere l’evoluzione di un corso
d’acqua naturale. Tale problema dal punto di vista pratico si traduce nella determinazione di un numero di
equazioni funzionali almeno pari al numero di gradi di libertà, ossia di parametri, di un corso d’acqua.
Andrea Lisjak 6.9. Geometria idraulica 259

Parametri
I parametri fondamentali per la descrizione dello stato di un corso d’acqua naturale sono 8:
−→ parametri di Leopold e Maddock:
1. larghezza del canale B;
2. profondità della corrente Y ;
3. velocità media della corrente U ;
4. pendenza del fondo if ;
−→ parametro di forma della sezione:
5. perimetro bagnato P o raggio idraulico R;
−→ parametri relativi alle forme di fondo:
6. altezza ∆h;
7. lunghezza d’onda L;
−→ parametro di andamento planimetrico:
8. rapporto di sinuosità s (=Lc /Lv ).
Tra i parametri aggiuntivi c’è anche la ripidità delle sponde.

Equazioni
Le equazioni disponibili sono 7 e interessano:
1. continuità: (Q, B, Y, U );
2. resistenza: (U, R, if , Ds , Y );
3. trasporto solido: (U, R, Ds , ρs , if , Qs );
4. e 5. forme di fondo: (∆h, L) (2 equazioni);
6. resistenza delle sponde: (Q, Qs , U, B, Y, R, Ds );
7. meandri (s).
I termini forzanti, ossia le variabili indipendenti, sono Q, Qs , Ds e ρs .
Anche utilizzando modelli più semplificati o più complessi il numero di equazioni disponibili è pari sempre
al numero di parametri di stato meno uno e risultano quindi insufficienti a descrivere il problema.

Principio variazionale
Il modo per risolvere tale problema è quello di ricorrere a qualche principio variazionale, ossia si ipotizza che
il sistema naturale si evolva in maniera tale da massimizzare o minimizzare qualche parametro globale del
sistema. Dal momento che la massimizzazione o la minimizzazione implicano l’esecuzione di una derivata
parziale il principio variazionale è associato sempre ad un principio di conservazione.
Le teorie che sfruttano un principio variazionale, basato su un qualche parametro, sono dette teorie del
regime. Le più semplici considerano come variabili di stato solamente i parametri di Leopold e Maddock e
sfruttando:
1. continuità;
2. equazione di moto;
3. equazione del trasporto solido;
4. un principio variazionale;
260 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak

cercano di esprimere:
(B, Y, U, if ) = f (Q, Qs , Ds )
Vista l’arbitrarietà del principio variazionale utilizzato tale tipo di approccio fornisce solo delle indicazioni
di massima.

Teoria di Chang
La teoria di Chang (1985) utilizza come principio variazionale quello della costanza della potenza idraulica
spesa per unità di lunghezza del canale:
∆z
W = γQ = γQj = cost (6.84)
∆l
Sfruttando una serie di simulazioni numeriche al calcolatore Chang ha prodotto il grafico riportato in figura
6.23:

X Grafico superiore:
– ascissa: portata in condizione “bankfull” (cfs = piedi cubi al secondo, cms = metri cubi al
secondo);
– ordinata: rapporto tra la pendenza del fondo S e la radice quadrata di D.
le linee continue definiscono l’andamento della larghezza “bankfull” B (in metri) mentre le linee
tratteggiate definiscono l’andamento della profondità della corrente Y (in metri).
X Grafico inferiore:
– ascissa: portata in condizione “bankfull” (cfs = piedi cubi al secondo, cms = metri cubi al
secondo);
– ordinata: rapporto tra la portata di materiale solido al fondo e la portata d’acqua volumetriche
espresse in ppm.
Si possono individuare:
– linea I: soglia di stabilità;

– regione 1: canali artificiali e fiumi a meandri;


basse pendenza e trasporto solido per lo più al fondo;
– regione 2: tratti rettilinei a canali intrecciati;
– regione 3 e 4: canali di transizione da canali intrecciati (a monte) e regime a meandri (a valle).
Andrea Lisjak 6.9. Geometria idraulica 261

Figura 6.23. Relazioni di regime secondo la teoria di Chang per corsi d’acqua con fondo
sabbioso.
262 Capitolo 6. Trasporto solido Andrea Lisjak
Parte III

Sistemazione dei corsi d’acqua

263
Capitolo 7

Sistemazione dei bacini montani

Gli interventi di sistemazione dei bacini montani possono essere di due tipi.
1. Interventi di sistemazione dei versanti ;
hanno lo scopo di:
(a) raccogliere e localizzare le acque piovane;
(b) consolidare il pendio.
2. Interventi di sistemazione delle aste torrentizie.
Hanno lo scopo di:
(a) diminuire l’erosione del fondo;
(b) limitare il trasporto solido;
(c) preservare dall’erosione i versanti ;
(d) difendere opere (esistenti).
Tali interventi sono legati in primo luogo alla portata di piena o di progetto Qp ed al diametro ds del
sedimento.
Nel caso dei bacini montani il corso d’acqua occupa normalmente quasi completamente il fondo valle. Ne
consegue un’azione erosiva applicata al piede dei versanti con possibilità di instabilità globale del versante
a causa dello scalzamento al piede. Le frane conseguenti producono fenomeni di restringimento localizzato
dell’alveo e conseguenti variazioni delle condizioni di trasporto solido.

7.1 Sistemazione dei versanti


7.1.1 Interventi di raccolta e allontanamento delle acque
Gli interventi di raccolta e allontanamento dell’acqua piovana che cade sul pendio possono essere di due
tipi:
1. canalizzazioni superficiali;
2. dreni subsuperficiali.

Canalizzazioni superficiali
Le canalizzazioni superficiali sono costruite in modo tale da raccogliere le acque di ruscellamento su piccole
porzioni di pendio (dell’ordine dei 100 ha al massimo). Lo schema fondamentale di intervento è quello
riportato in figura 5.3(b).

X Canali di gronda: vengono realizzati mediante scavo manuale o meccanizzato ed hanno una larghezza
massima dell’ordine del mezzo metro. Possono essere rifiniti in modo diverso.

265
266 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

−→ Cunette in materiale lapideo locale: tale pavimentazione ha il duplice scopo di evitare fenomeni
di erosione accelerata e di rallentare il flusso.
−→ Realizzati con elementi prefabbricati: sono costituiti da una sorta di tegole rovesciate a sezione
trapezia con il lato di valle più stretto di quello di monte in modo da poterle incastrare l’una
nell’altra. Sono abbastanza sensibili all’erosione e a fenomeni di gelo–disgelo dell’acqua che
s’infiltra nelle fessure.
−→ Cunette in materiale legnoso: sono opere di ingegneria naturalistica o forestale.
X Canale scaricatore: viene realizzato in corrispondenza dei tratti a pendenza maggiore (fino al 45%) ed
è caratterizzato da portate di una certa entità. Talvolta è possibile realizzare una successione di salti
in modo tale da far defluire l’acqua con una serie di cascate e dissipare notevoli quantità di energia.
Devono assolutamente essere pavimentati, tuttavia si sconsigliano gli interventi di ingegneria natural-
istica per problemi di durabilità dei materiali impiegati.
Vengono realizzati secondo due modalità principali.

−→ Cunettoni.
−→ Gabbioni a materasso: a causa di problemi di corrosione della rete metallica se ne sconsiglia
l’impiego in vicinanza delle correnti principali.

I criteri progettuali di tali tipi di intervento sono essenzialmente di natura empirica e basati sull’esperienza.

Dreni subsuperficiali
L’obiettivo di tali interventi è quello di limitare le escursioni della falda in terreni potenzialmente instabili.
È possibile eseguire secondo due schemi.

X Captazione in testa dell’acqua di falda proveniente da monte:


−→ dreni a cielo aperto.
X Captazione dell’acqua all’interno del terreno, cercando di raggiungere la profondità corrispondente
alla superficie di scivolamento critica:

−→ tubi drenanti;
−→ pozzi drenanti;
−→ gallerie e microgallerie drenanti.

7.1.2 Interventi di consolidamento del pendio


Gli interventi di consolidamento del pendio possono avere due scopi:
1. protezione del pendio dall’erosione;

2. aumento della stabilità del pendio.

Interventi di protezione dall’erosione


X Tecniche di idro–semina 1 : consistono nel getto a pressione di una miscela fluida contenente semi vegetali,
fertilizzanti e materiale d’impasto.
X Procedimento nero–verde: consiste nella disposizione sulla superficie del pendio dei seguenti strati: paglia,
rete deteriorabile, bitume nebulizzato e sementi con nutrienti.

X Piantumazioni collegate a zolle “viventi”:


X Cordonate.

1 Hydro–mulching nella letteratura inglese.


Andrea Lisjak 7.1. Sistemazione dei versanti 267

Interventi di aumento della stabilità


X Muri in calcestruzzo.
X Terre armate.
X Muretti a secco.

X Muri in gabbionate.
X Telai a conci in calcestruzzo.
X Viminate o graticciate.
268 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

7.2 Briglie e soglie


7.2.1 Generalità
La sistemazione dell’asta di un torrente è generalmente ottenuta diminuendone la pendenza con opere
trasversali che ne fissino l’alveo:

X briglie: strutture sporgenti;

X soglie: strutture fissate nell’alveo stesso.

Obiettivo
Gli obiettivi che gli interventi si propongono sono quelli di:

−→ ridurre l’attitudine al trasporto solido di fondo;

−→ proteggere, quando sia adottata la soluzione a briglie, le sponde per la stabilizzazione che il riempi-
mento del prisma, avente come base il paramento di monte della briglia stessa, induce.

Gli schemi della figura 7.1 illustrano la sistemazione con briglie e soglie.

Figura 7.1. Schemi di sistemazione con briglie e soglie.

Pendenza di progetto
Lo scopo è quello di garantire che la tensione tangenziale al fondo:

τ0 = γRif

sia tale, in base al criterio di stabilità di Shields, che non ci sia erosione di materiale. L’idea è quella di
ridurre la pendenza del canale:
∆Z
if =
L
Dal momento che non è possibile aumentare la lunghezza L, per ottenere la pendenza di progetto ip dell’asta
bisogna intervenire sul dislivello creando uno o più salti e valutando, mediante un criterio appropriato,
l’energia dissipata.
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 269

Criteri di scelta
La scelta di una sistemazione a soglie o briglie di un torrente è da vedersi in una prospettiva in dipendenza
dallo stato dell’asta:

– briglie: pendenza lontana da quella desiderata;

– soglie: pendenza prossima a quella desiderata.

Distribuzione spaziale
La distribuzione delle briglie lungo l’asta dovrebbe consentire l’instaurarsi di deflussi regolari, compatibili
con gli obiettivi posti a base della sistemazione, in modo che possa realizzarsi, per la portata di progetto,
uno stato di moto prossimo a quello uniforme.
La soglie garantiscono, fissando lo stato naturale, una maggiore stabilità della sistemazione nel tempo.
Mentre con le briglie l’assetto desiderato può conseguirsi in modo relativamente certo trattandosi di un pro-
cesso di riempimento, con le soglie l’esito è più incerto, legato com’è a un processo di scavo. Questa ragione
consiglia di adottare nella distribuzione delle soglie un passo o modulo rapportato all’altezza dell’opera
minore di quello proposto delle briglie, a parità di pendenza.

Cenni sulla normativa


Le briglie chiuse si comportano in un primo tempo (fino al riempimento dell’alveo che esse controllano),
come modeste dighe di sbarramento. La loro approvazione fa riferimento al Servizio Nazionale Dighe se
viene verificata almeno una delle seguenti condizioni:

– altezza sul piano di fondazione superiore a 15 m;

– invaso (provvisorio) maggiore di 1.000.000 m3

7.2.2 Struttura della briglia


Una briglia classica, di muratura di calcestruzzo o pietrame, è costituita da un muro a sezione generalmente
trapezia, con paramento di monte spesso verticale, con adeguate fondazioni in alveo e sulle sponde nelle
quali il muro stesso è immorsato.
Il bordo superiore del muro è interessato dal deflusso di piena solo nella parte centrale, la cui sommità è
quindi più depressa. La sezione di deflusso, trapezia, è detta gáveta. Le parti del muro poste a fianco della
gáveta sono denominate ali della briglia (figura 7.2).

Figura 7.2. Prospetto e sezione schematica di una briglia classica a gravità.

Gáveta
La gáveta, orizzontale o leggermente concava, si chiude sulle ali con due raccordi generalmente a 45◦ , mentre
il bordo superiore delle ali è inclinato verso il centro di circa il 10%.
Le funzioni della gáveta sono:
270 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

−→ mantenere concentrato il deflusso di piena nella parte centrale del torrente, evitando che la corrente
possa produrre, a monte del manufatto, per erosione delle sponde, l’aggiramento delle ali;
−→ tenere il getto stramazzante dalla gáveta contenuto nell’alveo di valle, eventualmente allargato, ancora
impedendo l’erosione delle sponde nelle quali sono immorsate le ali.
Il bordo superiore della gáveta è leggermente sporgente rispetto al muro d’elevazione per poter allontanare
dal paramento di valle e dal blocco di fondazione la zona d’impatto della lama stramazzante, evitando così
gli urti del materiale solido trasportato e le azioni distruttive sul blocco stesso.
La gáveta è quindi esposta alle azioni d’urto e di abrasione, per difendersi dalle quali essa può essere
protetta da una lamiera di acciaio oppure da masselli o bolognini di pietra dura non geliva annegati nel
getto.

Fondazioni
Le fondazioni della briglia, specie nella parte centrale, devono essere profonde a sufficiente perché non
abbiano a soffrire a causa dello scavo che, in assenza di una difesa, il getto può produrre nella zona d’impatto.
Le ali vanno immorsate per non meno di 2 m se le sponde sono di terra.
L’approfondimento del blocco di fondazione verso monte con un piccolo taglione di calcestruzzo o dente
di ancoraggio è spesso adottato per migliorare le condizioni di stabilità allo scorrimento.

Drenaggi
Il corpo murario della briglia è attraversato da un discreto numero di punti da fori di drenaggio, il cui
compito è quello di ridurre la spinta dovuta all’acqua.

Controbriglia
A valle della briglia si provvede, solitamente, alla creazione d’una vasca di dissipazione, per ottenere la quale
è necessario disporre, ad un’adeguata distanza a valle, una soglia. Essa, definita controbriglia, è ottenuta
con un muro esteso a tutta la larghezza del corrente (larghezza della gáveta e delle due ali) oppure con due
muri radicati sulle sponde (quinte) e un’apertura centrale.
In entrambi i casi il muro è attraversato, a interasse appropriato, da fori che assicurano la rimozione del
materiale che possa depositarsi nella vasca di dissipazione. A valle delle quinte l’alveo e le sponde devono
essere adeguatamente protetti assumendo che la corrente si espanda con tangente planimetrica 1:4. Al
termine della protezione è da collocare una soglia.

Vasca di dissipazione
Le dimensioni da assegnare alla vasca (lunghezza, altezza e forma della controbriglia), possono determinarsi
utilizzando le proposizioni relative ai processi dissipativi propri dei salti di fondo.
La platea della vasca è da proteggere per evitare gli scavi che l’impatto della lama stramazzante può
produrre sul fondo. La protezione, quando sia realizzata con materiale di adeguata pezzatura bloccato sul
fondo, può concorrere apprezzabilmente, per la scabrezza che crea, a rendere più efficace la dissipazione.
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 271

Figura 7.3. Schema tridimensionale di briglia e controbriglia.

7.2.3 Dimensionamento della gáveta


Fissata la portata di progetto Q i modi di deflusso sono due:
1. transitorio: prima che il tronco di monte sia riempito del materiale trasportato e trattenuto;
2. a riempimento avvenuto: quando il tronco di monte ha assunto la pendenza di progetto.
Il deflusso sulla gáveta è nel primo caso, quello considerato di norma per il suo dimensionamento, quello
degli stramazzi in parete grossa. Essendo la gáveta a sezione trapezia (figura 7.2), la relazione che dà la
portata è notoriamente:
Cq p Cq
(7.1)
p
Q= 2gh0 = (11b0 + 4b1 )h0 2gh0
Ω 15
dove:
- b0 e b1 : basi minore e maggiore della gáveta;
- h0 : carico di monte;
- Cq = 0, 385: coefficiente di portata.
Nota la portata di progetto Q è quindi possibile calcolare i valori (b0 , b1 , h0 ) di dimensionamento della
gáveta. Generalmente si pongono due ulteriori vincoli:

1 m ≤ h0 ≤ 2 m (7.2)

1
b1 ≤ B (7.3)
2
dove:
- B: larghezza dell’alveo.
272 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Quando il tronco di monte sia riempito di materiali non è più lecito trascurare la velocità che anima la
corrente in arrivo, in quanto la corrente è quasi sempre veloce per la pendenza del tronco stesso superiore
a quella critica. L’altezza sulla soglia può allora determinarsi utilizzando:

−→ l’equazione del moto permanente quando la configurazione geometrica della sezione del tronco di monte
sia diversa da quella della gáveta;

−→ l’equazione del moto uniforme se, com’è usuale, la larghezza dell’alveo sia eguale a quella della gaveta
e nell’ipotesi, naturalmente, che il tronco sia esteso a a sufficienza perché il moto uniforme possa
instaurarsi.

7.2.4 Dimensionamento della vasca di dissipazione


La delimitazione della vasca di dissipazione avviene mediante una struttura detta controbriglia, la quale
costringe la corrente veloce a passare in critica e a formare un risalto idraulico con forte dissipazione di
energia. Essa può essere costituita da:

– muro;

– restringimento dell’alveo (figura 7.4).

Figura 7.4. Schema di una vasca di dissipazione con restringimento.

Per la valutazione dell’effetto di tali struttura sul pelo libero del corso d’acqua si rimanda al corso di Idrologia
Tecnica.
Quando il salto ∆z sia di qualche rilievo, la corrente di valle non può avere influenza alcuna sul canale di
monte, com’è schematicamente rappresentato in figura 7.5. Nel caso rappresentato le fonti di dissipazione
sono due:

1. nel tratto tra le sezioni 0 e 1, compreso tra il muro e la sezione d’incidenza;

2. nel risalto tra le sezioni 1 e 2.


Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 273

Figura 7.5. Briglia con getto libero e corrente lenta a monte.

Se la corrente di monte defluisce in stato di corrente lenta sulla soglia s’instaura lo stato critico, quindi
con Fr = 1. Noti la portata specifica q ed il salto ∆z, le relazioni che danno l’altezza y1 el’energia H1 nella
sezione 1 (distante L1 dal muro) rapportate all’altezza critica:
s
q2
yc = 3 (7.4)
g
sono: " 1/2 #−1


y1 ∆z 3
= 2 1, 06 + + (7.5)
yc yc 2
 2
H1 y1 1 yc
= + (7.6)
yc yc 2 y1
La dissipazione ∆H che avviene tra le sezioni 0 e 1 è pertanto:
 2
∆H1 H0 − H1 3 ∆z y1 1 yc
= = + − − (7.7)
yc yc 2 yc yc 2 y1

mentre l’altezza yp del vortice compreso tra 0 e 1 è:


" 2 #1/2
yp y1 yc
= +2 −3 (7.8)
yc yc y1

L’angolo d’incidenza θ è: "  −1/2 #


∆z 3
θ = cos −1
1, 06 + (7.9)
yc 2
La lunghezza L1 vale:
L1  y 0
1
= 4, 30 , 09 (7.10)
∆z ∆z
A valle della sezione 1 valgono le formule relative alla formazione del risalto:
y1  q 
y2 = −1 + 1 + 8Fr21 (7.11)
2
274 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

La lunghezza del risalto L2 , fondamentale per il dimensionamento della lunghezza della vasca di dissipazione,
è funzione di y2 e Fr1 . Una serie di misure sperimentali ha condotto ai seguenti valori

L2 ≈ 17y2 per Fr1 ≈ 2 (7.12)

L2 ≈ 7 ÷ 8y2 per Fr1 ≈ 5 (7.13)

Erosione a valle della briglia


Si vuole valutare lo scavo sul fondo di un corso d’acqua non protetto che si può produrre per l’azione del
getto sfiorante dalla briglia (figura 5.3(b)). Esiste a tale scopo la formula di Schoklitsch (1932):

h0,2 q 0,57
smax = 4, 75 − y1 (7.14)
d0,32
90

dove:
- h e y1 in metri;
- d90 : diametro del materiale di fondo in millimetri;

- q1 in m3 /s.

Figura 7.6. Erosione a valle di una briglia.

Tale formula può essere utilizzata per il dimensionamento del diametro D dei blocchi di protezione del
fondo, imponendo che la sottoescavazione sia pari a D e risolvendo l’equazione non lineare:

D1,32 = 4, 75h0,2 q 0,57 − y1 D0,32 (7.15)

La protezione del fondo a valle della briglia può essere effettuato mediante:

−→ massi legati;
−→ taglioni o diaframmi trasversali di contenimento dei blocchi;
−→ platea di fondazione in calcestruzzo con eventuali massi annegati.
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 275

7.2.5 Dimensionamento statico della briglia


Il problema statico delle briglie classiche è assai semplice: si tratta di un muro a gravità il cui stato di
equilibrio può essere indagato con la statica dei sistemi rigidi.
Le forze che sollecitano la struttura per le varie e possibili condizioni sono:
1. peso proprio;
2. spinta sul paramento di monte;
3. sottopressioni lungo la linea di contatto calcestruzzo–terreno di fondazione;
4. eventuali azioni sismiche.

Geometria
La figura 7.7 rappresenta la sezione maestra di una briglia classica.

Figura 7.7. Sezione maestra di una briglia classica.

Su un dado di fondazione a sezione rettangolare, alto P e largo B, si eleva il muro a sezione trapezia.
La struttura, d’altezza H, è tracimata in sommità da una lama alta h defluente in parete grossa. A valle il
deflusso avviene con altezza hv contata a partire dalla base del dado assunta come piano di riferimento.
Il terreno che, con il defluire di piene e morbide, si ferma a ridosso della briglia, è caratterizzato da un
angolo di attrito ϕ e dalla porosità n. Se γd è il peso specifico del materiale, il peso di volume, per terreno
asciutto , è γt = γd (1 − n); per terreno saturo d’acqua γsat = γt + nγ. Il coefficiente di spinta attiva Ka
vale:  ϕ
Ka = tan2 45 − (7.16)
2

Fasi di verifica
Le varie possibilità di sollecitazione della struttura sono esposte nelle figure 5.3(b), 5.3(b) e 5.3(b). In esse
sono messe in evidenza le varie spinte:
– a monte (m);
– a valle (v);
– idrostatiche (SI );
– dovute al terreno (ST );
– di sottopressione (SP ).
Le varie possibilità di sollecitazione e quindi di verifica sono legate a 3 diversi stati:
276 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

1. prima dell’interrimento di monte;


2. dopo l’interrimento di monte in presenza di drenaggi nel corpo murario della briglia;
3. dopo l’interrimento di monte in assenza di drenaggi nel corpo murario della briglia.

Spinte agenti prime dell’interrimento a monte

Figura 7.8. Spinte agenti su una briglia prima dell’interrimento.

Prima dell’interrimento a monte della briglia si forma un piccolo bacino, si hanno le spinte seguenti
(figura 7.8).
– Spinta idrostatica sul paramento di monte e di valle più un’ulteriore spinta dovuta al terreno (immerso,
peso di volume γsat − γ) nella zona compresa tra il fondo dell’alveo e il piano di fondazione.
La presenza dei fori di drenaggio riduce la spinta nell’intorno dei fori stessi, però in una misura che,
per essere localizzata, è in sostanza trascurabile.
– Spinta dovuta alle sottopressioni lungo il piano di contatto tra la fondazione ed il terreno.
L’andamento delle sottopressioni è assunto variabile linearmente lungo il piano di fondazione tra il
carico idrostatico di monte e quello di valle.

Spinte agenti dopo l’interrimento a monte in presenza di drenaggi nel corpo murario della
briglia
Dopo l’interrimento, nel caso di briglie con drenaggi, si hanno le spinte seguenti(figura 7.9).
– Spinta del terreno sul paramento di monte, dell’acqua nell’eventuale zona immersa nelle vicinanze del
piano di fondazione e dell’acqua per il carico h sulla gáveta.
Per il calcolo della spinta del terreno sul paramento di monte è da osservare che parte del terreno
stesso, in prossimità del piano di fondazione, è in stato di saturazione, mentre la rimanente parte lo
è solo parzialmente, ne consegue che il peso specifico del terreno è legato al suo grado di saturazione,
tuttavia la sicurezza consiglia di assumere γt = γsat .
Sul paramento di valle agisce la spinta idrostatica e un’ulteriore spinta dovuta al terreno (immerso)
nella zona compresa tra il fondo alveo ed il piano di fondazione.
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 277

Figura 7.9. Spinte agenti su una briglia dopo l’interrimento a monte in presenza di drenaggi
nel corpo murario della briglia.

– Spinta dovuta alle sottopressioni lungo il piano di contatto tra fondazione e terreno.
L’andamento delle spinte delle sottopressioni è assunto variabile linearmente lungo il piano di fon-
dazione tra la pressione di monte ed il carico idrostatico di valle.

Spinte agenti dopo l’interrimento a monte in assenza di drenaggi nel corpo murario della
briglia

Figura 7.10. Spinte agenti su una briglia dopo l’interrimento a monte in assenza di
drenaggi nel corpo murario della briglia.

Dopo l’interrimento, nel caso di briglie senza drenaggi, si hanno le spinte seguenti (figura 7.10).
– Spinta idrostatica sommata a quella del terreno (immerso) sul paramento di monte, spinta idrostat-
278 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

ica sul paramento di valle sommata ad un’ulteriore spinta del terreno (immerso) compreso il fondo
dell’alveo ed il piano di fondazione.

– Spinta dovuta alle sottopressioni lungo il piano di contatto tra la fondazione ed il terreno.
L’andamento delle sottopressioni è assunto variabile linearmente lungo il piano di fondazione tra il
carico idrostatico di monte e quello di valle.

Osservazioni sulla valutazione delle spinte


Le spinte sui paramenti della briglia e lungo la linea di fondazione sono state valutate nell’ipotesi cautelativa
che le perdite di carico siano concentrate lungo il piano di fondazione, assunto impermeabile. È questo il
caso delle dighe fondate su roccia. Negli altri casi, l’instaurarsi di un importante moto di filtrazione nel
materiale raccolto a monte riduce la sia la spinta idrostatica agente sul paramento di monte sia la sottospinta
sul piano di fondazione. Queste riduzioni sono comunque di non immediata determinazione dipendendo dalle
proprietà del terreno di riempimento, di fondazione e dalla geometria del campo di moto.
È importante osservare il benefico effetto dei dreni sulla riduzione delle spinte cui è assoggettata la
struttura. Dal confronto tra i casi con e senza dreni si può osservare:

1. l’assenza della spinta idrostatica nel caso drenato in corrispondenza del paramento di monte;

2. la riduzione della pressione di monte nel caso drenato per il calcolo della sottospinta.

Tipi di verifia
Per i 3 casi illustrati sono da fare le seguenti verifiche statiche:

X verifica allo schiacciamento/galleggiamento della fondazione:

G + PT > SP (7.17)

X verifica al ribaltamento:
Mstab > Mrib (7.18)

X verifica allo scivolamento:


(G + R − SP ) tan ϕ > R0 (7.19)

7.2.6 Filtrazione sotto le briglie


Le opere idrauliche sollecitate da un dislivello tra monte e valle possono essere esposte a fenomeni di
instabilità dipendenti dal processo di filtrazione che s’instaura nel terreno entro il quale le opere sono
fondate.
I problemi relativi al sifonamento sono da intendersi in due modi:

1. il primo modo si produce quando in qualche parte del campo di moto, prenda origine la rimozione, ad
opera della corrente, di particelle terrose: la rapida esaltazione del processo con la formazione di vene
o piccoli canali sotterranei (piping), può portare al collasso del manufatto;

2. il secondo modo riguarda la possibilità di sollevamento di una parte del terreno (heaving) nella zona
posta al piede di valle dell’opera quando abbia a verificarsi, in quell’intorno, la condizione che la
pendenza locale ie superi quella critica ic .

Criterio di stabilità di Lane


Il processo di sifonamento prende avvio quando la velocità massima assuma in qualche punto valori che
possano sare luogo alla rimozione delle particelle terrose più fini. Per controllare il fenomeno è quindi
necessario contenere il valore della velocità, mediante allungamento delle linee di flusso, con conseguente
diminuzione della pendenza.
Il criterio di stabilità di Lane si fonda sul fatto che la resistenza al moto è molto minore lungo il contatto
tra la base (orizzontale o quasi) del manufatto ed il terreno che lungo gli altri contatti tra le strutture
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 279

(verticali) di tenuta (diaframmi, palancole, taglioni) ed il terreno. Si può individuare tra i vari percorsi
dell’acqua quello critico: esso è prudenzialmente rappresentato dal contorno dell’opera inserita nel mezzo
porosom il cui sviluppo, adeguatamente pesato nei suoi tratti (1/3 se il contatto è orizzontale o inclinato
di un angolo ≤45◦ , 1 se verticale o inclinato di un angolo >45◦ deve essere un multiplo del dislivello h tra
monte e valle, il cui valore deve essere non inferiore a quello definito dalla natura dei terreni interessati.

Figura 7.11. Esempio di applicazione del criterio di stabilità di Lane.

Nel caso dell’esempio riportato in figura 5.3(b) si ha:

d1 + 2ss + b/3 + 2s2 + d2


F = ≥ F∗ (7.20)
h

Figura 7.12. Applicazione del criterio di stabilità di Lane ad una briglia.


280 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Nel caso della briglia di figura 5.3(b) si ha, a fine costruzione:

Lv1 + Lv2 + Lv3 + (L01 + L02 )/3


F = ≥ F∗ (7.21)
h
In generale può scriversi, detti Lo e Lv gli sviluppi orizzontale e verticale:

1/3L0 + Lv
F = ≥ F∗ (7.22)
h
I valori di F ∗ si trovano tabellati in funzione della granulometria del terreno.

Criterio di stabilità di Terzaghi


Con riferimento allo schema di figura 7.13, una ritenuta limitata da un diaframma infisso per la profondità
S0 , Terzaghi ha considerato che possa essere interessata dal sifonamento una porzione di terreno larga S0 /2
e profonda, al massimo, S0 .

Figura 7.13. Schema di calcolo secondo Terzaghi.

Alla base del prisma di terreno sono da considerare tre diverse pressioni:

– pressione neutrale: è l’azione che si trasmette attraverso i pori, essa vale, a carico nullo (h = 0), per
terreno saturo:
u = γS0 (7.23)
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 281

– pressione totale: è dovuta al peso del terreno saturo, essa vale:

σ = γsat S0 (7.24)

– pressione efficace: è l’azione che si trasmette al contatto tra i granuli, essa è pari alla differenza tra la
pressione totale e quella neutrale:
σ0 = σ − u (7.25)

Si consideri il prisma di terreno di lati S0 (profondità del diaframma) ed S0 /2. Il campo di moto filtrante (a
potenziale di velocità) sia descritto (mediante modello matematico, fisico o manuale) dal reticolo di flusso.
In base alla definizione di potenziale:
 
p
Φ=k z+ (7.26)
γ

dove:
- p: pressione nel punto;
- k: coefficiente di conducibilità idraulica;
sia ha che la differenza di potenziale fra valle e monte che viene dissipata tra valle e monte vale:

Φ1 − Φn = kh (7.27)

Disegnate le curve equipotenziali Φj nell’intorno della base del diaframma, si può calcolare il valor medio Φ
nello spessore S0 /2, riportando in ordinate sul piano 1–1 a profondità S0 , nei punti di intersezione, i valori
Φj , Φj+1 , dal quale si deduce il valor medio della sottopressione:

Φ
h= (7.28)
k
Indicato con γsat il peso specifico del terreno saturo sovrastante, lo stato critico nelle condizioni di stabilità
del prisma S0 × S0 /2 si produce quando la presione effettiva sul piano 1–1, che vale (γsat − γ)S02 /2, eguaglia
la sottopressione γhS0 /2. In queste condizioni, la pendenza, data dal rapporto h/S0 è detta critica; essa
vale:
h γsat − γ
ic = = ≈1 (7.29)
S0 γ
La stabilità si realizza quando la pendenza ie = h/S0 sia apprezzabilmente minore di ic . Il criterio di
sicurezza secondo Terzaghi impone che sia:
ic S0
F = = ic ≥4÷5 (7.30)
ie h
Se la relazione (7.30) non è soddisfatta, un miglioramente può ottenersi con un filtro rovescio (di sovraccarico
q per unità di superficie), applicato su S0 /2 e realizzato, per esempio con un adeguato strato di materiale
inerte e incoerente ed un geotessuto, così da portare F al valore desiderato. Si ha in questo caso:
S0 q
F = ic + (7.31)
h γh

7.2.7 Altri tipi di briglie


Briglie aperte
I tipi di briglie, diversi da quelli classici in muratura di calcestruzzo o di pietrame, presentano una varia e
maggiore distribuzione di aperture ricavate nel corpo briglia, con l’obiettivo, accanto a quello di consentire
il deflusso, di fare defluire verso valle parte del materiale trasportato, ritardando o evitando il rapido
riempimento del tratto a monte.
Sono così nate, accanto alle briglie chiuse, le briglie aperte, variamente denominate (figura 7.14):
282 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

X filtranti;

X selettive:

– con apertura a finestra;


– a fessura;
– a pettine;
– reticolari.

Figura 7.14. Schemi di briglie aperte: a finestra, a fessura, reticolari; a pettine.

Il criterio di dimensionamento fa conto per il deflusso della portata di progetto solamente sulla gáveta,
mentre portate minori impegnano solamente la parte filtrante.

Briglie selettive
Le briglie selettive, a differenza di quelle classiche che trattengono nel primo periodo di vita tutto il materiale
trasportato dalla corrente, permettono una sua selezione granulometrica, trattenendo solamente i materiali
di maggior diametro e rendendo quindi meno incisivo l’intervento di sistemazione.
Le briglie selettive (figura 7.15) sono sostanzialmente delle briglie di tipo classico dotate di un’apertura
di notevoli dimensioni nella parte centrale. Tale apertura può essere fornita di una griglia a maglie molto
larghe quando la briglia sia utilizzata anche per la trattenuta del materiale trasportato in superficie dalle
acque di piena: tronchi, arbusti, . . . In quest’ultimo caso è necessario provvedere alla sua manutenzione
periodica, specialmente dopo le piene di qualche entità.

Figura 7.15. Briglia selettiva con passerella.

Di particolare delicatezza per il corretto funzionamento del manufatto è il dimensionamento dell’apertura.


Quando una corrente veloce incontra un ostacolo possono verificarsi due casi:
Andrea Lisjak 7.2. Briglie e soglie 283

1. la corrente ha energia specifica sufficiente per oltrepassare l’ostacolo conservando il suo carattere
veloce;
2. la corrente non ha sufficiente energia per oltrepassare l’ostacolo: passa in condizioni lente tramite
un risalto a monte dell’ostacolo e acquista energia specifica necessaria per attraversare l’ostacolo in
condizioni critiche (figura 7.16).

Figura 7.16. Schema di funzionamento di una briglia selettiva.

Una briglia selettiva ben dimensionata deve provocare un regime idraulico del secondo tipo: ne consegue la
formazione di un tratto a monte con velocità relativamente nmodeste, che produce il deposito del materiale
solido. A causa della pendenza del fondo prima si depositano i materiali di maggiore diametro e poi quelli
sempre più fini.
Il vantaggio di una briglia selettiva è quindi che essa riduce notevolmente il flusso di materiale solido
durante la piena e consente successivamente la rimozione del materiale più fine, distribuito nel tempo, per
quantità e per qualità, in funzione delle portate transitanti nel corso d’acqua.

Briglie per la trattenuta di materiale galleggiante


La scarsa cura dedicata alla parte alta dei bacini montani, l’instabilità dei versanti e quindi della copertura
vegetale e arborea possono dare luogo alla mobilitazione di quantità notevoli di materiali litoidi e vegetali.
I quali, affluendo nei torrenti, trascinati sul fondo, in sospensione o galleggianti possono creare problemi di
notevole gravità.
Un provvedimento che rende relativamente agevole la rimozione dei tronchi è quello di dotare la briglia
aperta di trefoli di acciaio tesi nella parte superiore, e di lasciare invece priva di ostacoli la parte bassa
dell’apertura.
Alcune briglie sono realizzate con il paramento di monte inclinato verso valle. La disposizione favorisce il
movimento del materiale galleggiante verso l’alto e dà modo al materiale lapideo di defluire dalle luci libere
sul fondo. La struttura di queste briglie (figura 7.17) è costituita da due spalle laterali di conglomerato
cementizio e da alcuni (eventuali) speroni intermedi per sostenere una serie di travi, generalmente di acciaio,
inclinate di 45–60◦ sull’orizzontale.
284 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.17. Briglia aperta per la trattenuta di corpi galleggianti realizzata con
calcestruzzo ed acciaio.
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 285

7.3 Difese di sponda


7.3.1 Generalità
I torrenti di montagna hanno la tendenza a procedere in maniera rettilinea a causa della provalenza delle
forze inerziali su quelle gravitative, ciò si traduce in tiranti limitati e velocità elevate. Le curve sono dovute
essenzialmente a vincoli esterni di tipo geologico. In presenza di una curva si ha un’approfondimento della
sponda esterna per erosione e lo spostamento del materiale eroso verso l’interno a causa di correnti secondarie
vorticose.
Le opere di difesa di sponda hanno come scopo principale quello di evitarne l’erosione, specie quando
essa possa compromettere la stabilità dei versanti. Le difese sono di due tipi.
X Difese longitudinali o radenti : sono costruite fissando, con un muro o una scogliera o altro dispositivo,
la linea di sponda che si vuole realizzare a torrente sistemato.
X Difese sporgenti (pennelli o repellenti ): sono ottenute con manufatti che, radicati nella sponda, si
protendono verso l’alveo per definire, con la loro testa, i punti che fissano la nuova linea di sponda.
È opportuno ricordare che anche le briglie e le soglie (paragrafo 7.2) contribuiscono, fissando la sezione, alla
difesa delle sponde.

7.3.2 Difese longitudinali


Le difese longitudinali possono essere ottenute in vari modi e con l’utilizzo di materiali differenti a seconda
di:
−→ azioni cui è esposta la riva;
−→ propensione del fiume a scavare e trasportare materiale;
−→ scarpa che è possibile assegnare alla sponda.

Difesa con scogliere


La difesa con scogliere viene effettuata nel caso degli alvei con le sponde sponde più cimentate.
La difesa con sogliera è realizzata con massi di varia pezzatura e peso: le dimensioni devono assicurare la
stabilità della scogliera affinché i massi non siano asportati dalla corrente di piena, con misure che raramente
superano il metro di diametro (massi di circa 1–1,5 t). Quando, tuttavia, si tema la loro rimozione e
asportazione, specie per lo scavo che può prodursi al piede delle sponde, i massi possono essere collegati tra
loro con cavi d’acciaio (trefoli), ancorati ai massi con chiodi cementati.
La fondazione della scogliera deve essere approfondita a non meno di 2–3 m sotto la linea di talweg. La
scarpa della scogliera deve essere dell’ordine di 3/2 o 2/1.
La sommità della difesa si limita in genere alla quota massima piena, assumendo rispetto a questa un
franco di 0,5 m.
La figura 7.18 mostra 4 diversi tipi di una difesa scogliera:
a) difesa di tipo classico;
b) difesa con taglione al piede di conglomerato cementizio;
c) difesa con taglione al piede realizzato con jet–grouting;
d) difesa con taglione al piede rivestito per la parte emergente con pietrame: la scogliera è rivestita con
terreno vegetale inerbito.
La figura 7.19 rappresenta una difesa di sponda realizzata con massi:
a) con la piantagione di talee2 di salice tra i massi, il cui sviluppo radicale crea un collegamento tra la
scogliera ed il terreno mentre l’ingrossamento del tronco comporta una compressione tra i massi vicini,
con un miglioramento della stabilità;
2 Le talee sono segmenti di fusto di specie arbustive ed arboree in grado di produrre radici e di generare in breve tempo un

altro esemplare (tra le specie che posseggono queste caratteristiche si ricordano salici, pioppi, noccioli ldots).
286 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.18. Difese di sponda con scogliera.

Figura 7.19. Difese di sponda realizzata con massi.

b) con latifoglie solo al di sopra della difesa, in zona che non dovrebbe essere interessata dalle piene
maggiori
La figura 7.20 mostra un difesa di sponda a massi con talee di salice piantate tra di essi.
Le figure 7.21 e 7.22 illustrano una difesa a massi protetta al piede con colonne di jet–grouting
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 287

Figura 7.20. Talee di salice tra i massi di una difesa.

Figura 7.21. Difesa di sponda a massi con protezione al piede con colonne consolidate.

La figura 7.23 riporta il dettaglio del collegamento tra loro dei massi collocati al piede della difesa.

Difesa con gabbioni


I gabbioni sono parallelepipedi di rete metallica prodotti in stabilimento. Ripiegati per il trasporto, vengono
poi aperti in sito, riempiti di pietrame, e chiusi con coperchio ancora in rete. La rete è di acciaio zincato di
2–2,2 mm circa di diametro. Il filo è talvolta plastificato; in qualche caso è impiegato filo d’alluminio. La
figura 7.24 illustra alcune varianti di difesa a gabbioni:
a) difesa di tipo classico;
b) difesa di tipo classico ma ricoperta con terreno vegetale piantato e inerbito;
288 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.22. Difesa di sponda a massi con protezione al piede con colonne consolidate:
dettaglio delle colonna.

Figura 7.23. Collegamente elastico dei massi al piede di una difesa.

c) difesa di tipo classico ma con materiali di ricoprimento più grossolani e con piantagione di arbusti
(maggiore resistenza alle piene e quindi scabrezza superiore);

d) difesa ricoperta da terreno ma sostenuta con tondame orizzontale e paletti al piede per la sua protezione
contro le piene più frequenti.

Le strutture a gabbioni possono essere adottate solo in corsi d’acqua con trasporto solido limitato per
dimensioni e velocità: il materiale grossolano, investendo la struttura, potrebbe infatti rompere la rete e
dar quindi luogo al suo dissesto.
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 289

Figura 7.24. Difese di sponda con gabbioni.

Figura 7.25. Difese di sponda con astoni di salice.

Difesa con astoni di salice


La figura 7.25, relativa ad un corso d’acqua sottoposto ad azioni non molto intense, rappresenta una difesa
con astoni di salice disposti lungo la sponda e ancorati con filo d’acciaio e paletti. Gli astoni sono protetti
al piede con una scogliera costituita da una fila di massi di adeguata pezzatura, generalmente collegati tra
loro (figura 7.23).
La soluzione è adottata per alvei con pendenza minore del 3% e con limitato trasporto solido.
290 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Difesa con legname e pietrame


Una difesa di sponda di tipo naturalistico consiste in una struttura a cassone realizzata con tondame di larice
o castagno e pietrame (figura 7.26). Il manufatto è ottenuto utilizzando coppie di longaroni paralleli alla
sponda a interasse di 1–1,5 m, distanziati da tondelli sovrapposti (a interasse di circa 1,5 m). La struttura è
inclinata verso la sponda del 10–15%. Gli elementi (d=15–25 cm) ortogonali alla sponda hanno un interasse
di circa 1,5 m e formano un piccolo incastro che collabora con la chiodatura alla stabilità complessiva. Lo
spazio tra il tondame è riempito con pietrame e terreno proveniente dallo scavo. Nel materiale di riempimento
sono inserite talee di salice (circa 10 al metro) o ramaglia viva. Lo sviluppo dell’apparato radicale delle
piante costituisce un collegamento tra la palizzata e la sponda d’alveo.
Il manufatto viene difeso dallo scalzamento al piede con una collana di massi collegati fra di loro e
protetti con pali di legno o spezzoni di rotaia infissi per almeno 2 m.
Una variante per la difesa al piede è illustrata in figura 7.27: il piede è protetto dallo scalzamento da un
tappeto di pietrame che s’arresta contro una struttura di legname. Se si producesse uno scavo sul bordo
esterno del tappeto, il rotolamento dei massi eviterebbe l’ulteriore scavo, proteggendo così il cassone di
legname e pietrame in elevazione.
È talvolta utilizzata una soluzione più economica, detta a parete semplice. La parete contro la terra è
abolita: il tondame ortogonale è sostituito da pali che vengono infissi per almen0 50 cm nella sponda (figura
7.28). Questa soluzione è adottata per le minori altezze per le minori altezze e con ridotto pericolo di
scalzamento.
Per limitare lo scavo al piede della sponda sono talvolta usate le stesse strutture ma con un tappeto di
protezione esterno verso l’alveo. La figura 7.29 mostra una difesa con un tappeto di protezione al piede.
La figura 7.30 illustra una difesa integrata costituita da una difesa di sponda a parete semplice e soglie
in alveo realizzate con legname e pietrame.
La figura 7.31 mostra una difesa di sponda ottenuta con pali battuti accostati e il dettaglio della tirantatu-
ra. L’impiego dei pali battuti può farsi solo, e per contenuta profondità, in terreni sabbiosi e moderatamente
ghiaiosi.

Difesa con viminate e fascinate


Per la difesa delle sponde dei corsi d’acqua sono usate anche viminate (dette anche palizzate, graticci,
staccionate) e fascinate (figura 7.32).
X Le viminate sono costituite da pali conficcati nel terreno tra i quali s’intrecciano vimini di salice fresco.
X Le fascinate sono simili alle viminate, con la differenza che la struttura, anziché essere costituita da un
graticcio di vimini, è formata da parecchie fascine sovrapposte.
La figura 7.33 mostra una difesa costituita da una fila di massi alla base con una sovrastante fascinata viva.

Difesa con muri di sponda


La difesa con muri di sponda o muri d’ala è impiegata quando siano da contenere al minimo gli spazi occupati
dal torrente, per la presenza di manufatti, quali strade, abitazioni oppure di speciali situazioni geotecniche
o topografiche: sponde molto ripide,. . .
Anche i muri di sponda vanno fondati per non meno di 2,00–2,50 m sotto la linea di talweg e, talvolta,
protetti da massi gettati alla rinfusa per evitare o ridurre lo scavo (figura 7.34)
I muri sono dotati di fori di drenaggio di diametro adeguato ed opportunamente distribuiti per indurre la
spinta sul muro. Anche in questi casi può essere utilizzata la tecnica del jet–grouting, quando le fondazioni
del muro siano da spingere a profondità maggiori di quella indicata poc’anzi.
In qualche caso, per proteggere l’abitato contro piene che abbiano prodotti livelli maggiori dei massimi
conosciuti, si deve provvedere al sovralzo di muri già esistenti (figura 7.35).

7.3.3 Difese sporgenti


Le difese sporgenti – pennelli o repellenti – sono opere non rigide, radicate alla sponda e protese verso l’alveo
fino a delimitarlo secondo il previsto disegno di sistemazione.
La forma dei pennelli può essere:
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 291

Figura 7.26. Difese di sponda con legname e pietrame a parete doppia.

- ad asta semplice;

- a L;

- a martello;

- a baionetta;

- a mazza da hockey.
292 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.27. Muro di sponda con legname e pietrame a parete doppia con tappeto di
pietrame al piede.

La disposizione planimetrica rispetto all’asse dell’alveo sistemato, può essere:


- ortogonale;
- discendente;
- ascendente.
La figura 7.36 mostra i vari tipi di pennelli e la loro possibile disposizione rispetto alla direzione della
corrente.
La distanza tra i pennelli è dell’ordine di 2–4 volte la loro sporgenza: in queste condizioni può ritenersi
che il costo, con l’ammorsamento alla sponda e la difesa della testa contro lo scalzamento, sia comporabile
con quello di una difesa longitudinale.
La presenza dei pennelli crea zone d’alveo inattive ai fini del deflusso, nelle quali, specie durante le piene,
si sedimenta una parte del materiale trasportato dalla corrente: in queste zone si sviluppano vegetazioni,
spontanee o piantate, che facilitano l’ulteriore sedimentazione e rendono stabile la sponda.
La stabilità dei manufatti può essere compromessa dall’azione della corrente che li investe e dallo scavo
che può crearsi intorno allo loro testa. I manufatti con andamento planimetrico ascendente e quelli con
la testa a martello rivolta verso monte sono i più esposti alle azioni della corrente. Per contenere le quali
spesso il pennello è costruito con la sommità degradante dalla sponda verso l’alveo, in modo che la sezione
esposta si riduca a misura che aumenta la velocità della corrente. Per contro questi pennelli presentano il
vantaggio d’indirizzare la corrente che li sormonta ortogonalmente alla testa verso il centro dell’alveo.
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 293

Figura 7.28. Difesa di sponda con legname e pietrame a parete semplice.

Se lo scavo prodotto dalla corrente alla testa del pennello giungesse ad interessare il piano d’imposta
delle fondazioni, si potrebbe produrre un franamento di una sua parte. Al quel seguirebbe un nuovo scavo al
piede della nuova estremità e un ulteriore franamento: con la distruzione progressiva del manufatto, specie
se questo sia costituito da una struttura rigida anziché da una struttura a massi, che risulta più deformabile
e che può, con un crollo parziale, costituire protezione al piede per la parte rimanente.
La difesa contro l’azione dello scavo si ottiene:
−→ approfondendo in maniera adeguata il piano di imposta delle fondazioni;
−→ disponendo attorno alla testa una difesa: cortina di colonne di jet–grouting armate collegate in sommità
294 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.29. Difesa di sponda con legname e pietrame a parete semplice con tappeto di
pietrame al piede.

con un cordolo di conglomerato cementizio;


−→ disponendo alla base del pennello e particolarmente in corrispondenza della testa, un tappeto di
protezione ancorato al pennello stesso. Le formazioni vorticose cui il pennello dà luogo esauriscono
infatti buona parte della loro azione contro la protezione. Un eventuale scavo sul bordo del tappeto
può produrre un movimento verso il basso dei massi della struttura, bloccando così l’ulteriore scavo.
Nei casi di minore rilievo può essere protetta da una cortina di pali di legno o di profilati metallici.
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 295

Figura 7.30. Difesa di sponda e soglie con legname e pietrame.


296 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.31. Difesa di sponda pali battuti e tirantati.


Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 297

Figura 7.32. Difesa di sponda con viminate o fascinate variamente disposte.

Figura 7.33. Difesa di sponda con viminate o fascinate variamente disposte.


298 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.34. Difese con muro di sponda.

Figura 7.35. Sovralzo di muro di sponda.


Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 299

Figura 7.36. Tipi di pennelli e loro disposizione rispetto alla direzione della corrente.
300 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.37. Pennello ortogonale costruito con massi di diametro di circa 1 m: a) intestato
alla sponda; b) a protezione di un muro di sponda.
Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 301

Figura 7.38. Pennello di massi protetto da una cortina di jet–grouting.


302 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.39. Pennello di legname e pietrame radicato su sponda rivestita in pietrame.


Andrea Lisjak 7.3. Difese di sponda 303

Figura 7.40. Pennello ad asta semplice con tappeto di protezione al piede.


304 Capitolo 7. Sistemazione dei bacini montani Andrea Lisjak

Figura 7.41. Pennello a L con tappeto di protezione.


Capitolo 8

Sistemazioni fluviali

8.1 Generalità
La difesa di un’area esposta ad esandazioni di un corso d’acqua in piena può ottenersi essenzialmente in 2
modi:
1. aumentando la sua capacità di portata;
2. diminuendo la portata di piena che, con prefissata frequenza, transita nel tratto in esame.

8.1.1 Aumento della capacità di portata delle sezioni


La portata che transita in un corso d’acqua può essere espressa come:

(8.1)
p
Q=K j

dove:
- K: conveyance;
- j: pendenza motrice.
È evidente quindi che per aumentare la capacità di una sezione si può agire sia sulla conveyance K che sulla
pendenza motrice j.

Aumento della conveyance


La conveyance può essere valutata mediante la formula di Gauckler–Strickler–Manning:

K = ks ΩR2/3 = ks ByR2/3 (8.2)

Un suo aumento può essere ottenuto quindi in 3 modi:


1. Aumentando la profondità del canale (y) ossia agendo sul raggio idraulico R.
In generale è un metodo sconsigliabile in quanto non produce una variazione di energia.
2. Aumentando la larghezza B del canale.
È un metodo molto efficace tuttavia spesso è impedito da vincoli inamovibili. A tal proposito l’Autorità
di Bacino produce dei Piani di Bacino in cui fissa delle zone di rispetto (P0, P1, P2, P3, P4) in base
alla pericolosità del rischio idraulico:
- P0: nessun vincolo;
- P1: pericolosità moderata;
- P2: pericolosità “consistente”;
- P3: immediato pericolo (abitazioni a ridosso degli argini);

305
306 Capitolo 8. Sistemazioni fluviali Andrea Lisjak

- P4: aree di competenza fluviale.

3. Diminuendo la scabrezza dell’alveo, mediante periodica manutenzione atta a rimuovere le specie


vegetali

Aumento della pendenza motrice


La pendenza di un corso d’acqua vale:
∆H
j= (8.3)
∆L
Dal momento che il dislivello ∆H è generalmente fissato, l’unica possibilità è quella di diminuirne la lunghez-
za complessiva. Tale risultato viene ottenuto mediante parziali rettifiche di percorso. Vista la drasticità di
tali interventi essi sono da eseguire solamente quando strettamente necessari e comunque mantendo una
certa congruenza:

−→ nelle curvature;

−→ nella sinuosità.

8.1.2 Diminuzione della portata di progetto


Quando tutte le alternative appena esposte sono state valutate allora è possibile intervenire direttamente
sul sistema fiume diminuendo la portata di piena associata ad un determinato tempo di ritorno QTR . Per
ottenere tale risultato si possono utilizzare:

−→ effetti d’invaso sia concentrati che diffusi;

−→ canali scolmatori.

Effetti d’invaso localizzati


La creazione di una diga in linea provoca la creazione di un lago artificiale a monte di essa. L’equazione del
lago può essere approssimato mediante l’equazione dell’invaso:

dW (t)
= Q(t) − R(W, ξ) (8.4)
dt
dove:

- W (t): volume d’invaso;

- Q(t): portata in ingresso nell’invaso;

- R(W, ξ): funzione di rilascio dipendente sia dal volume d’invaso sia da operazioni umane controllate
mediante un parametro ξ di controllo delle paratoie in uscita

Tale equazione può essere facilmente integrata alle differenze finite. La figura 5.3(b) esprime un possibile
andamento della portata in entrata Q(t) e della funzione di rilascio R.
Risulta evidente che in uscita l’onda di piena è caratterizzata da uno sviluppo temporale più lungo ma da
un colmo di piena più piccolo.

Effetti d’invaso diffusi


Per la valutazione degli effetti d’invaso diffusi si ricorre all’approssimazione parabolica dell’equazione della
convezione–diffusione relativa al moto vario nei canali:
∂Q ∂Q ∂2Q
+C =D 2
∂t ∂x ∂x
Il termine che consente la diminuzione della portata al colmo è il coefficiente di diffusione D, sul quale è
possibile intervenire mediante aree golenali di rallentamento.
Andrea Lisjak 8.2. Regolazione delle portate a mezzo di serbatoi 307

Figura 8.1. Possibile andamento della portata in entrata ed in uscita da un invaso.

Canali scolmatori
Mediante canali scolmatori si lascia che la piena arrivi non attenuata e poi si scarica parte della portata in
un altro corpo idrico.

8.2 Regolazione delle portate a mezzo di serbatoi


8.2.1 Dighe
Lo scopo principale per cui vengono costruite le dighe è la produzione di energia elettrica. L’utilizzo delle
dighe per la laminazione delle piene è generalmente un effetto secondario, all’ente gestore stesso della diga
conviene infatti che la diga sia riempita il più possibile. Normalmente una diga è dotata di paratoie fisse
che non permettono di scaricare l’acqua a valle sin dall’inizio dell’evento di piena.

Figura 8.2. Effetto di una diga per la laminazione delle piene.

Sistema distribuito di dighe


Esistono due motivazioni principali che consentono di affermare la non equivalenza tra un’unica grande
diga posta alla chiusura del bacino e un sistema distribuito di tante piccole dighe in corrispondenza degli
affluenti:
308 Capitolo 8. Sistemazioni fluviali Andrea Lisjak

1. fasatura dei colmi : ciascuna diga opera una diminuzione della portata al colmo ed un aumento della
durata al colmo, ne consegue che allungando le code si mandano in fase diverse onde di piena con
effetto sovrappositivo nella sezione di chiusura del bacino;

2. tempi di corrivazione diversificati : il tempo di corrivazione del bacino nel suo complesso è diverso dai
tempi di corrivazione dei singoli sottobacini.

8.2.2 Casse di espansione


Le casse di espansione svolgono in pianura un’azione analoga a quella delle dighe poste alla chiusura dei
bacini montani. La casse di espansione sono degli immagazzinamenti laterali ad un corso d’acqua, limitati
da arginature, con un’opera di presa a monte della cassa ed un’opera di restituzione in alveo. La captazione
delle acqua di norma non viene regolata ma si avvia in base al livello di monte mentre la restituzione è
controllata in modo da avvenire progressivamente.

Figura 8.3. Schema di una cassa di espansione.

Ripartitore
Il ripartitore di una cassa di espansione è generalmente costituito da uno stramazzo laterale con successi-
vamente posta una briglia a fessura, la quale costringendo la corrente lenta a passare in condizioni critiche
funge da sezione di controllo della corrente a monte. Il progetto delle dimensioni P ed L dello stramazzo
laterale viene eseguito per tentativi integrando l’equazione per gli stramazzi laterali in modo da garantire
lo sfioro della portata Qp − Qlim .

Briglia
In uscita dalla briglia la pendenza del canale è di norma inferiore a quella critica: if < ic .
Le soluzioni possibili sono due:
Andrea Lisjak 8.2. Regolazione delle portate a mezzo di serbatoi 309

Figura 8.4. Effetto di una cassa di espansione: l’area tratteggiata rappresenta il volume
avviato verso la cassa.

Figura 8.5. Schema del ripartitore.

– figura 8.6(A): tale soluzione non è ottimale in quanto la vasca di sedimentazione funziona come una
trappola per sedimenti;
– figura 8.6(B): tale soluzione è quella ottimale in quanto la presenza del risalto creato da una contro-
briglia produce una movimentazione del sedimento e non vi sono pareti che ne possono bloccare il
trasporto.

Organi di scarico
Gli organi di scarico della cassa di espansione sono solitamente delle paratoie piane o a settore. All’uscita
dalla vasca di dissipazione non ci sono mai problemi di sedimentazione in quanto l’acqua in entrata è priva
di trasporto solido significante.
310 Capitolo 8. Sistemazioni fluviali Andrea Lisjak

Figura 8.6. Possibili soluzioni per dissipare l’energia della corrente in uscita dalla briglia a
fessura.

8.3 Arginatura dei corsi d’acqua


8.3.1 Arginature
Nomenclatura e criteri di dimensionamento
Per evitare le esondazioni di un corso d’acqua una delle posssibilità è quella di arginarlo, o, se il fiume è già
arginato, di provvedere al sovralzo e ringrosso arginale nei tratti esposti, quando si debba controllare una
portata maggiore di quella massima conosciuta.
La piena alla quale commisurare la quota arginale è di regola quella caratterizzata da un tempo di
ritorno di 100 anni, ovviamente con la riserva di sicurezza rappresentata da un franco arginale assunto non
inferiore ad 1,00 m.
L’arginatura viene generalmente eseguita con un rilevato di terra omogenea. Il materiale è solitamente
terra omogenea limosa e argillosa compresa tra il tipo A-6 della classificazione CNR–UNI 10.066, ed il tipo
A-4. Al materiale terroso usato per il rilevato arginale sono richiesti:

– modesta permeabilità, non superiore a 10−6 − 10−8 m/s;

– elevato peso specifico.

La compattazione contribuisce a migliorare entrambe le proprietà.


La figura 8.7 riporta la nomenclatura in uso per le arginature.
Oltre alla necessità di limitare la filtrazione e di assicurare la stabilità del pendio, di deve impedire che
il rilevato e la zona circostante (a campagna) siano esposti a fenomeni di sifonamento o impaludamento.
Questa ulteriore garanzia comporta, talvolta, lo spostamento del piede dell’argine verso campagna più di
quanto sia richiesto dalle normali verifiche statiche. La sezione trasversale di un argine deve infatti assicurare
la copertura della linea di infiltrazione che può stabilirsi nel corpo arginale, a partire dalla quota di massima
piena.

8.3.2 Distanze dagli argini per piantagioni, scavi e manufatti


Le attività o gli interventi che in qualche circostanza possono svolgersi o farsi in prossimità delle arginature
fluviali sono da considerare con particolare cura per evitare che da essi possano derivare danni alla struttura
o che processi di moto che si instaurino nel corpo arginale e nel sottosuolo possano evolversi pericolosamente.
La materia è fondamentalmente disciplinata dal Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere
pubbliche delle diverse categorie (T.U. 25 luglio 1904, n. 523).

8.3.3 Filtrazione nel corpo arginale


La presenza dell’acqua in un corpo terroso influisce in modo apprezzabile sulle sue condizioni di stabilità,
specie per un abbassamento relativamente rapido del livello nel corso d’acqua.
Lo studio dell’andamento della filtrazione e delle sue evoluzioni in regime vario può effettuarsi utilizzando
le equazioni di flusso in mezzi porosi. Esse sono di facile scrittura ma non di facile manipolazione, a causa
dell’incognita e variabile forma della superficie libera.
Andrea Lisjak 8.3. Arginatura dei corsi d’acqua 311

Figura 8.7. Nomenclatura in uso per le arginature.

8.3.4 Stabilità degli argini


Richiami normativi
La nozione di stato di stabilità di un pendio in materiale sciolto è espressa dal fattore di sicurezza, indicato
solitamente col simbolo F , inteso come rapporto fra le azioni resistenti o stabilizzanti che si oppongono al
dissesto della struttura e quelle che invece tendono a favorirlo. Il valore ottenuto è da confrontare con quelli
dettati dalla normativa tecnice che disciplina la materia.
La stabilità deve essere verificata relativamente alle seguenti condizioni:

1. a termine costruzione: F = 1, 2;
312 Capitolo 8. Sistemazioni fluviali Andrea Lisjak

2. a serbatoio pieno con il livello di massimo invaso: F = 1, 4;

3. a seguito di rapido svuotamento del serbatoio da livello massimo a livello di minimo invaso e, ove
significativo, anche a livelli intermedi: F = 1, 2.

8.3.5 Protezione delle rive e delle arginature


I paramenti delle rive e degli argini devono essere protetti sia dalle acque che corrono nell’alveo sia dalle
acque meteoriche. I modi utilizzati per proteggere il corpo arginale sono relativamente abbastanza numerosi.
Le figure 8.8 e 8.9 rappresentano l’insieme delle possibili cause di rottura o di dissesto di un argine.

Figura 8.8. Possibili cause di rotture e dissesti arginali: rotture verso campagna.

8.3.6 Stabilizzazione degli alvei di magra


Nei corsi d’acqua aventi un’ampia sezione trasversale la corrente di magra è contenuta generalmente in una
zona ristretta, detta alveo di magra. Per evitare divagazioni del filone di corrente, che potrebbero modificare
in maniera più o meno sistematica le zone golenali, anche con possibili timori per la stabilità degli argini
maestri, l’alveo di magra è spesso stabilizzato con opere appropriate.
Le opere impiegate si suddividono in due classi.

1. Opere radenti o longitudinali : sono manufatti costruiti parallelamente alla corrente disposti special-
mente nelle sponde concave delle curve. Esse sono realizzati con muri o rilevati difesi con adatti
rivestimenti delle sponde:

– muri in calcestruzzo;
– lastre di calcestruzzo gettare in opera o prefabbricate;
– scogliere con blocchi naturali o artificiali;
– gabbioni.

2. opere sporgenti o pennelli : sono opere che, a partire dalla sponda nella quale sono radicati, si proten-
dono in alveo allo scopo di modificare in un certo tratto di fiume, le caratteristiche del campo di moto
della corrente.
Andrea Lisjak 8.3. Arginatura dei corsi d’acqua 313

Figura 8.9. Possibili cause di rotture e dissesti arginali: rotture verso fiume.

Come regola generale d’intervento bisogna sempre effettuare una progressione per tempi successivi, proce-
dendo:
– da monte a valle: se l’intervento viene fatto per motivi di sedimentazione;
– da valle a monte: se l’intervento viene fatto per motivi di sicurezza contro le esondazioni.
314 Capitolo 8. Sistemazioni fluviali Andrea Lisjak
Bibliografia

[1] Moisello U., Idrologia tecnica, Pavia, Edizioni La Goliardica Pavese, 1999
[2] Soong T.T., Fundamentals of probability and statistics for engineers, John Wiley & Sons Ltd, 2004
[3] Montgomery D.C., Runger G.C., Applied statistics and probability for engineers, III ed., John Wiley &
Sons Ltd, 2003

[4] Castiglioni G.B., Geomorfologia


[5] Citrini D., Noseda G., Idraulica, II ed., Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 1987
[6] Marchi E., Rubatta A., Meccanica dei Fluidi, I ed., Torino, UTET, 1981
[7] Henderson F.M., Open Channel Flow, Prentice-Hall, 1966

[8] Da Deppo L., Datei C., Salandin P., Sistemazione dei Corsi d’Acqua, IV ed., Padova, Libreria
Internazionale Cortina, 2002

315