Sei sulla pagina 1di 217

Dispense di

Laboratorio II
Dagli appunti del professor Riccardo Checchetto

A.A. 2013/2014

Trascrizione LATEXdi Luca Malorzo <luca.malorzo@unitn.it>


ii

Indice
I

Fisica del vuoto

1 Fisica dei gas


3
1.1 Gas perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8
1.1.1 Legge di Dalton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9
1.2 Teoria cinetica dei gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9
1.2.1 Test sperimentale sulla distribuzione di Maxwell-Boltzmann 12
1.3 Capacit`a termica di un gas perfetto . . . . . . . . . . . . . . .
13
1.3.1 Teoria meccanica classica della capacit`a termica di un
gas composto da molecole poliatomiche . . . . . . . . .
14
1.4 Gas reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
15
1.4.1 Punto critico di un gas . . . . . . . . . . . . . . . . . .
18
1.4.2 Isoterma di Van der Waals . . . . . . . . . . . . . . . .
21
1.4.3 Interazioni molecola-molecola . . . . . . . . . . . . . .
22
1.5 Collisioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
24
1.5.1 Collisioni molecola-superficie . . . . . . . . . . . . . . .
25
1.5.2 Processo di effusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
26
1.5.3 Collisioni molecola- molecola . . . . . . . . . . . . . . .
27
1.6 Fenomeni di trasporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
29
1.6.1 Aspetti microscopici . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
30
1.7 Entit`a matematiche e quantit`a fisiche . . . . . . . . . . . . . .
30
1.7.1 Gradiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
30
1.7.2 Flusso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
31
1.8 Diffusione (Autodiffusione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
33
1.9 Conducibilit`a termica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
34
1.10 Viscosit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
37
1.10.1 Esperimento di Newton . . . . . . . . . . . . . . . . . .
38
1.10.2 Analisi microscopica del processo . . . . . . . . . . . .
39
2 Flusso di gas
2.1 Canalizzazioni . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Sistema da vuoto . . . . . . . . . . . .
2.3 Trasferimento di gas attraverso i solidi:
2.3.1 Determinazione sperimentale . .
iii

. . . . . . . .
. . . . . . . .
degassamento
. . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

43
46
49
52
53

INDICE
3 Fenomeni di interazione gas-solido
3.1 Adsorbimento fisico . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Adsorbimento chimico . . . . . . . . . . . . .
3.2.1 Geometria chemisorbimento nei metalli
3.3 Connessioni con la tecnologia del vuoto . . . .
3.3.1 Pompe getter . . . . . . . . . . . . . .
3.3.2 Pompa a criosorbimento . . . . . . . .
3.3.3 Pompe criogeniche a condensazione . .
3.3.4 Criotrapping . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.

57
59
61
63
64
64
66
70
70

4 Ionizzazione dei gas


4.1 Conducibilit`a elettrica nei gas . . . . . . . . . . . . . . . . . .

73
78

5 Interazione superfici-particelle cariche


5.1 Interazione elettroni-superfici . . . . . . .
5.2 Interazione ioni-superfici . . . . . . . . . .
5.3 Interazione superfici-fotoni . . . . . . . . .
5.3.1 Effetto fotoelettrico . . . . . . . . .
5.3.2 Desorbimento di molecole adsorbite

.
.
.
.
.

81
81
84
88
88
89

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

91
91
91
92
92
93
94
94
95
96
97
97
98
98
99
100
100
101
101
102
108
108
109
110
111

6 Pompe
6.1 Classificazione delle pompe . . . . . . . . .
6.2 Parametri caratterizzanti . . . . . . . . . .
6.3 Pompe meccaniche . . . . . . . . . . . . .
6.3.1 Pompa rotativa a palette . . . . . .
6.3.2 Pompa rotativa a pistone rotante .
6.3.3 Pompa trocoidale . . . . . . . . . .
6.3.4 Problemi pompe rotative . . . . . .
6.3.5 Pompa rotativa: zavorra daria . .
6.3.6 Pompa a membrana . . . . . . . .
6.3.7 Pompa Scroll . . . . . . . . . . . .
6.3.8 Pompa Roots . . . . . . . . . . . .
6.3.9 Pompa Turbomolecolare . . . . . .
6.4 Pompe a a fluido motore . . . . . . . . . .
6.4.1 Pompa a diffusione . . . . . . . . .
6.5 Pompe criogeniche . . . . . . . . . . . . .
6.6 Pompa getter . . . . . . . . . . . . . . . .
6.7 Raccorderia . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.7.1 Ermeticit`a dei sistemi da vuoto . .
6.7.2 Giunzioni . . . . . . . . . . . . . .
6.8 Sensori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.8.1 Sensori di pressione . . . . . . . . .
6.8.2 Tubo ad U . . . . . . . . . . . . . .
6.8.3 Manometri McLeod . . . . . . . . .
6.8.4 Vacuometri Meccanici a diaframma
iv

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

INDICE
6.8.5
6.8.6
6.8.7
6.8.8
6.8.9
6.8.10
6.8.11
6.8.12
6.8.13

II

Vacuometri Meccanici Bourdon . . . . . . . . .


Vacuometri Capacitivi . . . . . . . . . . . . . .
Vacuometri piezoresistivi o strain gauge . . . . .
Vacuometro Pirani . . . . . . . . . . . . . . . .
Vacuometro a termocoppia . . . . . . . . . . . .
Vacuometro Spinning rotor . . . . . . . . . . . .
Vacuometro a ionizzazione a catodo caldo . . .
Vacuometro a ionizzazione a catodo freddo . . .
Tabella riassuntiva range di misura di diversi
vacuometri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
. . . .
tipi di
. . . .

Ottica

7 Ottica Geometrica
7.1 Riflessione e rifrazione della luce .
7.2 Diottro sferico . . . . . . . . . . .
7.2.1 Definizione dei fuochi . . .
7.2.2 Formazione dellimmagine
7.3 Lente sottile . . . . . . . . . . . .
7.3.1 Lente convergente (f > 0)
7.3.2 Lente divergente (f < 0) .
7.4 Strumenti ottici . . . . . . . . . .
7.4.1 Cannocchiale astronomico
7.4.2 Lente di ingrandimento . .
7.4.3 Microscopio composto . .
7.4.4 Aberrazioni . . . . . . . .
7.5 Occhio umano . . . . . . . . . . .
7.6 Microscopio ottico . . . . . . . .
7.7 Specchi . . . . . . . . . . . . . . .

111
112
112
113
114
115
115
117
118

119
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

121
121
127
130
131
132
134
137
138
138
140
142
142
146
148
149

8 Onde in mezzi elastici


151
8.1 Onde sinusoidali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
8.2 Onde Meccaniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
9 Modello ondulatorio della luce
9.1 Principio di Huygens-Fresnel . . . . .
9.2 Sorgenti ordinare di luce . . . . . . .
9.3 Sorgenti luminose coerenti . . . . . .
9.3.1 Interferenza . . . . . . . . . .
9.3.2 Velocit`a di gruppo . . . . . .
9.4 Fenomeni di interferenza . . . . . . .
9.4.1 Esperimento di Young (1801)
9.4.2 Interferenza su lamine sottili .
9.5 Interferometri . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

157
161
164
166
166
168
169
173
177
180
v

INDICE
9.5.1 Interferometro di Michelson . . . . . . . . . .
9.5.2 Formazione delle frange di interferenza . . . .
9.5.3 Interferometro di Rayleigh . . . . . . . . . . .
9.6 Fenomeni di diffrazione . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.6.1 Diffrazione da fenditura rettilinea . . . . . . .
9.6.2 Diffrazione da apertura circolare o disco opaco
9.7 Limite di risoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.7.1 Potere di risoluzione di un cannocchiale . . . .
9.7.2 Potere di risoluzione di un microscopio . . . .
9.7.3 Potere separatore occhio umano . . . . . . . .
9.7.4 Limite di risoluzione delle lenti . . . . . . . .
9.8 Reticolo di diffrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.8.1 Potere risolutivo del reticolo . . . . . . . . . .
9.9 Polarizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.9.1 Lamine polarizzanti . . . . . . . . . . . . . . .
9.9.2 Polarizzazione per riflessione . . . . . . . . . .
9.10 Interferometro di Fabry-Perot . . . . . . . . . . . . .
9.10.1 Spettroscopia . . . . . . . . . . . . . . . . . .

vi

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

181
183
187
188
189
193
194
194
195
196
196
198
203
205
207
209
210
210

Parte I
Fisica del vuoto

Capitolo 1
Fisica dei gas
La materia `e costituita da quattro fasi:
solido
liquido
gas
plasma
La fase che prenderemo in esame `e quella gassosa. I gas possiedono caratteristiche peculiari:
1. Sono composti con un numero grande di molecole (N) in moto costante
veloce e casuale. Le molecole collidono fra loro e con le pareti del
recipiente che le contiene
2. Riempiono completamente il volume del recipiente che li contiene
3. Su ampi intervalli di pressione e temperatura le forze intermolecolari sono
deboli e possono essere ignorate
4. Lo stato di un gas viene definito indicandone la pressione (P), il volume
interno del recipiente che lo contiene (V), la temperatura (T) ed il numero
di moli (ni ) di ogni specie chimica presente:
-i=1,2,...,n: gas misto;
-i=1: gas puro;
Le grandezze che definiscono un gas sono quantit`a misurabili:
P P a = N/m2
V m3
T K
n numero puro
In condizioni di equilibrio termodinamico noti tre di questi parametri
(chiamati coordinate termodinamiche) si pu`o conoscere il quarto tramite lequazione
3

1. Fisica dei gas


di stato del gas. Sperimentalmente si osserva che per la maggior parte
dei gas in condizioni di temperatura e pressione standard (TPS), ovvero a
T Tambiente e P . Patmosf erica , P V ' nRT dove R rappresenta la costante
universale dei gas:

 8.314
J mole K 1 = P a m3 mole1 K 1
3
L atm mole1 K 1
R = 82.057 10
2
cal mole1 K 1

Differenza fra gas e vapore: Quando la fase gassosa di una sostanza `e


presente in condizione di pressione e temperatura in cui `e normalmente solida
o liquida, chiamiamo tale gas vapore. La fase gassosa `e chiamata gas quando
alla temperatura e pressione di interesse non esiste per quella sostanza fase
condensata(liquido o solido).
Pressione di vapore:

Le molecole di un liquido in equilibrio con lambiente esterno hanno una


distribuzione di energia cinetica descritta con una funzione f (E).
N f (E)dE: numero di molecole con energia cinetica compresa fra E e E + dE.
E : energia cinetica necessaria per sfuggire allattrazione da parte delle molecole
del liquido circostante. Una frazione delle molecole della superficie del liquido
ha energia cinetica sufficiente per sfuggire allattrazione da parte delle molecole
circostanti(la molecola passa da fase condensata a fase vapore).
4

Consideriamo un sistema chiuso


Sistema isolato: Le molecole che rimangono nel liquido hanno energia cinetica media minore e quindi il liquido si raffredda.
Sistema a contatto con lambiente(serbatoio termico): calore viene
assorbito dallambiente e altre molecole lasciano il liquido.
Processo competitivo: alcune delle molecole in fase gassosa collidono con
la supergicie del liquido e vengono da esso catturato.
Si viene a creare una situazione di equilibrio dinamico: il numero di molecole
che lasciano il liquido per unit`a di tempo `e uguale al numero di quelle che a
seguito di collisioni con la superficie del liquido vengono da esso catturate.

La pressione del gas in equilibrio con il liquido (fase condensata) viene


chiamata pressione di vapore. Se il recipiente `e aperto, lequilibrio dinamico non viene mai raggiunto ed il liquido evapora completamente.

Sostanza

0 C

20 C

eteredietilico
etanolo
acqua

185 Torr
12 Torr
5 Torr

442 Torr
44 Torr
18 Torr

30 C
647 Torr dove 1Torr=1mmHg=133Pa
74 Torr
32 Torr

Letere-di-etilico `e una sostanza molto volatile mentre lacqua `e poco volatile


5

1. Fisica dei gas

H
H

H
C

OH C2 H5 OH Etanolo

H (C2 H5 )2 OH Eteredietilico

H
H
H
H
Sono sostanze utilizzate generalmente nella pulizia della strumentazione grazie
alla loro elevata volatilit`a.
Equilibrio liquido-vapore:

Figura 1.1: diagramma di stato di una sostanza pura


punto A: TA , PA `e di equilibrio la fase .
punto B: TB , PB `e di equilibrio la fase .
punto C: TC , PC la fase e la fase sono in equilibrio fra loro.
Esempio importante H2 O:

Un liquido entra in ebollizione quando la pressione di vapore `e uguale alla


pressione esterna.

Evaporazione: Le molecole fuggono dalla superficie del liquido.


Ebollizione: Agglomerati di molecole in fase gassosa si formano anche allinterno del liquido.
Pvap (15 C)[mbar]
sostanza
altezza [m] Tboiling ( C) H2 O
acetone
500
benzene
100
0
60
alcool etilico
800
30
toluene
1600
Hg
1.5103
La relazione fra tensione di vapore e temperatura `e data



Hv 1
1
P (T ) = P1 exp

R
T
T1

100
95.0
76.5
da:

dove P1 rappresenta la tensione di vapore alla temperatura T1 ovvero:




Hv
P (T ) = P0 exp
RT
con Hv calore di vaporizzazione
7

1. Fisica dei gas


sostanza

Hv [kJ/kg]

Tb [ C]

H2 O
Hg
N H3
etanolo
He
O2
toluene

2272
294
1369
855
21
213
351

100
375
-33
78.3
-269
-183
111

dove Tb sta per Boiling Temperature

Figura 1.2: Pressione di vapore di oli per pompa rotativa.


Pressione di vapore di oli per pompa rotativa.
Nei sistemi da vuoto la pressione di vapore di certe componenti pu`o essere
il fattore limitante il raggiungimento di vuoti spinti. Le sostanze con alta tensione di vapore a temperatura temperatura ambiente sono dette sostanze
volatili

1.1

Gas perfetto

Un gas perfetto segue esattamente la legge P V = nRT e la sua energia interna


dipende solo dalla temperatura. Un gas si comporta in ottima approssimazione
8

1.2 Teoria cinetica dei gas


come un gas perfetto quando:
1. il volume complessivo occupato dalle molecole (covolume) `e molto minore del volume del recipiente (in parole povere il gas `e rarefatto)
2. lenergia potenziale di interazione fra le molecole `e trascurabile rispetto
alla loro energia cinetica.
Il gas residuo in un sistema da vuoto `
e descrivibile come un gas
ideale
R
N
RT = N
= N KB T
P V = nRT =
NA
NA
dove rappresentano:
1. NA = 6.023 1023 moli1 , il numero di Avogardo
2. N , il numero di molecole che compongono il gas contenuto nel recipiente
di volume V
3. KB = 1.38 1023 J K 1 = 8.62 105 eV K 1 = 1.9871 K cal mole1 ,
la costante di Boltzmann.
1eV corrisponde allenergia cinetica acquistata da un elettrone quando `e
accelerato da una differenza di potenziale di 1 Volt nel vuoto.
EK = q V = 1.6 1019 C 1V = 1.6 1019 J = 1eV
1eV = 1.6 1019 J = 23.061K cal mole1

1.1.1

Legge di Dalton

Se il recipiente di volume V contiene n1 moli di gas 1, n2 moli di gas 2,. . . ,


nn moli di gas n:
P1 = n1 RT
+
P2 = n2 RT
P
+. . . P P
= P1 + P2 + . . . = i ni RT
= n RT
V
V
dove n = i ni rappresenta il numero totale di moli e P la pressione totale

1.2

Teoria cinetica dei gas

La teoria cinetica dei gas `e lo studio del comportamento microscopico delle


molecole che costituiscono un gas e delle loro interazioni. Lo scopo `e quelle
di stabilire delle relazioni fra le ipotesi di carattere microscopico e quantit`a
sperimentali misurabili (macroscopiche): temperatura (T) e pressione (P).
Tale teoria assume:
le molecole sono separate da distanze grandi rispetto alle loro dimensioni
la distribuzione spaziale delle molecole (densit`a) `e uniforme
9

1. Fisica dei gas


la direzione del moto delle particelle `e distribuita in maniera isotropa e
casuale
le molecole sono sfere rigide che compiono urti perfettamente elastici fra
loro e con le pareti del recipiente che le contiene
non si hanno interazioni a distanza fra le molecole che fra un urto ed il
successivo compiono traiettorie lineari.
Sulla base di queste ipotesi si ottiene la distribuzione delle velocit`a di
MaxwellBoltzmann f (v):
f (v)dv: probabilit`a che la velocit`a di una particella sia compresa fra v e
v + dv
v = |v| dove v rappresenta il vettore velocit`a


f (v) = 4

m
2KB T

3/2



mv 2
exp
v2
2KB T

f (v) =densit`a di probabilit`a= [ms1 ]


f (v)dv : numero puro

r
f (vi ) =



m
mv 2
exp
2KB T
2KB T

Figura 1.3: La funzione densit`a di probabilit`a della velocit`a di alcuni gas nobili
alla temperatura di 298.15 K(25 C). Dalla distribuzione si pu`o evincere che
non ci sono molecole con energia E=0, poche molecole con E alta e non esiste
un E massima e quindi anche una velocit`a massima poiche E = EK = 1/2mv 2
10

1.2 Teoria cinetica dei gas

Dalla distribuzione f (v) si possono ricavare alcune utili relazioni:


1. vP velocit`a pi`
u probabile
r
vP =

2KT
=
m

2RT
M

dove M rappresenta la massa molecolare M = mNA e R = KB NA


2. vm velocit`a media
r
r
R
vf
(v)dv
8K
T
8RT
B
=
=
vm = R0
m
M
f (v)dv
0
3. v 2 velocit`a quadratica media
R 2
v f (v)dv
2
v = R0
= 3KB T /m = 3RT /M
f (v)dv
0
Vale che:

gas

r
 1/2 r 3
3
v2
=
vm =
vp
2
2
vm (T=20 C) [m/s]

H2
1755
Ar
395
CO
471
CO2
376
N2
471
O2
440
Si ricava anche che: EK = 12 mv 2 = 32 KB T
T = 300K EK ' 3.8 102 eV 10meV
11

1. Fisica dei gas


1.2.1 Test sperimentale sulla distribuzione di MaxwellBoltzmann
Preso un recipiente contenente un gas allequilibrio e applicato un piccolo foro
(slit) sulla parete da esso escono delle molecole. Tale processo viene chiamato
effusione. Tipicamente la dimensione D del buco deve essere pi`
u piccola
del cammino libero medio delle molecole. Se attorno al recipiente viene fatto
il vuoto, le molecole m effuse possono essere collimate utilizzando ulteriori
fenditure e producendo un fascio molecolare

La velocit`a delle molecole contenute nel fascio molecolare viene studiata


utilizzando un selettore di velocit`a, posto fra lultima fenditura ed il detector
di particelle.
Selettore di velocit`
a: Coppia di dischi montati su una asse comune che
pu`o ruotare a velocit`a angolare nota. I dischi sono identici ed hanno diverse
fessure intagliate sullasse esterno. I dischi agiscono quindi come otturatori
(shutter) alternativamente aperti o chiusi.

12

1.3 Capacit`a termica di un gas perfetto


Se i dischi sono correttamente allineati e lasse non ruota tutte le molecole
che escono dalla fenditura raggiungono il detector passando attraverso fessure
corrispondenti nei due dischi.

Quando i dischi sono in rotazione ( 6= 0) non tutte le molecole che passano la fenditura nel primo disco possono raggiungere il detector. Le molecole
che raggiungono il detector sono quelle la cui velocit`a `e tale che il tempo impiegato per raggiungere il secondo disco `e uguale(o uguale a sottomultipli)
al tempo necessario affinche la fessura successiva nel secondo disco ruoti fino
alla posizione della fessura originaria (ovvero quella da cui `e passato il fascio
molecolare) del primo disco.

Figura 1.4: dove rappresenta la frequenza angolare di rotazione dei dischi e


quindi possiamo indicare = 1/6 il tempo affinche la fessura successiva sul
secondo disco ruoti alla posizione della fessura originaria nel piano.
Pertanto passano le molecole con velocit`a v = L/, L/2, . . . selezionando velocit`a angolari di rotazione del disco diverse si selezionano molecole con
velocit`a diverse. Si misura il numero relativo di molecole che arrivano al detector per unit`a di tempo avente velocit`a diverse. Stimo: L 1m, v 100m/s
v = L/6v 10 103 Hz

1.3

Capacit`
a termica di un gas perfetto

Supponiamo che le molecole siano sfere rigide. Sistema chiuso: gas N molecole.
EK = 32 KB T , ET OT = 32 N KB T = 32 NNA NA KB T = 32 nRT
13

1. Fisica dei gas


Supponiamo di far assorbire al gas una quantit`a di calore dq. Il gas `e
contenuto in un recipiente a pareti rigide non viene scambiato lavoro con
dq
lesterno. dE : aumento di energia interna; dE = dq = 32 nRdT Cv = dT
=
3
3
nR

c
=
C
/N
=
R
capacit`
a
termica
molecolare
a
volume
costante.
v
v
2
2

1.3.1

Teoria meccanica classica della capacit`


a termica
di un gas composto da molecole poliatomiche

Grado di libert`a meccanico di una molecola rappresenta un modo indipendente


di moto (traslazione, rotazione, vibrazione)in una delle tre direzioni indipendenti (assi ortogonali)dello spazio. Una molecola composta da A atomi si
hanno GL = 3A dove GL rappresenta il numero gradi di libert`a. Tali gradi di
libert`a sono distribuiti come segue:
3 al moto di traslazione del centro di massa, poiche tutte le molecole
atomiche e molecolari possono traslare nelle 3 direzioni spaziali;
2 al moto rotazionale, poiche la rotazione lungo lasse congiungente
gli atomi non `e percepibile, e i rimanenti gradi di libert`a al moto vibrazionale per molecole lineari come ad esempio O2 , H2 , N2 . . . . o anche
non biatomiche come CO2 , N O2 , C2 H2 , . . . ;
3 al moto rotazionale nel caso di molecole non lineari, e i rimanenti gradi
di libert`a al moto vibrazionale;
forma

GLtrasl.

GLrot.

GLvibr.

3
3
3
3

0
2
2
3

0
1
4
3

X
Y

Y
X
X

Y
Y
Principio di equipartizione:
ogni grado di libert`a traslazionale e rotazionale contribuisce con 12 nRT
allenergia termica di n moli di gas;
ogni grado di libert`a vibrazionale contribuisce allenergia termica con
nRT per n moli di gas.
forma

Eth trasl.

X
X
Y
Y

Y
X
X

3
3
3
3

Y
1

R = 1.987cal mol K 1
14

1
nRT
2
1
nRT
2
1
nRT
2
1
nRT
2

Eth rot.
0
2 12 nRT
2 12 nRT
3 12 nRT

Eth vibr.

cv

0
1 nRT
4 nRT
3 nRT

3
R
2
7
R
2

13
R
2

= (3A 25 )R
6R = (3A 3)R

1.4 Gas reali


gas

cth.equip
v

cal mol K

cexp
v

cal mol1 K 1 (T=25 C)

2.983.0= 32 R
4.97= 25 R (N2 , O2 )
6.7(CO2 )
6.1(H2 O)
7.4(SO2 )
Escludendo i gas monoatomici i risultati sperimentali differiscono dalle
previsioni teoriche. Apparentemente alla capacit`a termica dei gas composti
da molecole poliatomiche contribuiscono esclusivamente i gradi di libert`a rotazionali e traslazionali. Nel 1910 si osserv`o comunque che a temperature
inferiori a temperatura ambiente la capacit`a termica di molecole biatomiche
diminuisce rispetto al valore 7/2R. La meccanica Newtoniana non rende conto
del comportamento dei sistemi molecolari.
monoatomico
molec. lineari A=2
molec. lineari A=3
molec.non lineari A=3

2.98= 32 R
6.95= 72 R
12.90
11.90

Figura 1.5: calore specifico molare a volume costante de gas H2 in funzione


della temperatura

1.4

Gas reali

Il differente comportamento di un gas reale rispetto a quello ideale viene descritto quantitativamente tramite un parametro macroscopico chiamato fattore di compressibilit`
a(z). Fissata temperatura e pressione le interazioni fra
molecole fanno si che il volume s` che il volume molare sia maggiore(dominano
interazioni a carattere repulsivo)o minore (dominano interazioni a carattere
attrattivo) di quello occupato nelle stesse condizioni da un gas ideale
1

dovuto al fatto che i GLvibr. sono considerati congelati

15

1. Fisica dei gas

PV
=
z=
nRT

16

 1 interazione molecola-molecola trascurabili


< 1 il gas occupa un volume minore di quello ideale (forze attrattive)
> 1 il gas occupa un volume maggiore di quello ideale (forze repulsive)

1.4 Gas reali

La variazione del fattore di compressibilit`a con la pressione viene espressa


per mezzo di equazioni del tipo:
z=

n
 n 2
PV
n
= 1 + B(T )
+ C(T )
+ D(T )( )4 + . . .
nRT
V
V
V

dove B(T ), C(T ), . . . rappresentano i coefficienti del viriale. Per pressioni


basse P < 10atm:z = 1 + B(T )( Vn ) descrive correttamente il comportamento di un gas reale. Importanza del termine del viriale: permette la
verifica sperimentale delle ipotesi microscopiche sui potenziali di interazione
molecola-molecola.

Si dimostra infatti che:

Z
B(T ) = 2NA

(1 exp[v(r)/nT ]) r2 dr

17

1. Fisica dei gas


1.4.1 Punto critico di un gas

Isoterma di una mole di ammoniaca(N H3 )fra: P = 0 200atm, T = 77


147 C, TC = 132.5 C dove TC sta per temperatura del punto critico.
T > 150 C N H3 si comporta come un gas ideale; lisoterma `e
descritta adeguatamente da P V = nRT .
T < 132.5 C la pressione rimane costante su ampi intervalli di valore
del volume occupato dal gas.
Es.T=100 CP=61.8atm 37ml < Vmolare < 300ml
Nel volume V a T<132.5 C coesistono due fasi dellammoniaca: fase gassosa e
fase liquida. Le due fasi sono separate da un interfaccia netta detta menisco

18

1.4 Gas reali

Alla temperatura di 100 C diminuendo il volume occupato da una mole da


300ml a 37 ml la quantit`a di materia in fase gassosa diminuisce ed aumenta
quella in fase liquida.

Il valore di pressione costante a cui la trasformazione ha luogo `e detta pressione di vapore a quella temperatura. Aumentando la temperatura sperimentalmente si nota che il segmento orizzontale della curva PV(coesistenza
delle fasi) diventa pi`
u cortoaumentando T aumenta il volume molare del
liquido e diminuisce quello del gas. Ad una temperatura (T?132.5 C per
N H3 )il volume molare del liquido coincide col volume molare del gas:

N H3
N H3
T = 132.5 C Vmolare
(gas) = Vmolare
(liquido)

Il punto C dellisoterma a T = 132.5 C = TC `e chiamato punto critico.


Punto critico:C=(TC , VC , PC )
T > TC non esiste una chiara distinzione fra fase liquida e gassosa di una
sostanza. Si parla di Fluido Supercritico
19

1. Fisica dei gas

Relazione di Berthollet:
"
 2 #
9 RTC
TC
B=
16
128 PC
T
Per pressioni P > PC lequazione di stato pi`
u accurata per un gas `e la

Equazione di stato di Van der Waals:




P + n2

a 
(V nb) = nRT con a, b > 0
V2

Equazione di stato di Berthollet:




n2 a
P+
(V nb) = nRT con a, b > 0
TV 2
20

1.4 Gas reali


Equazione di stato di Dieterici:
h na i
(V nb) = nRT con a, b > 0
P exp
V RT

1.4.2

Isoterma di Van der Waals

T > TC : le isoterme vdW descrivono accuratamente il comportamento


di un gas
T < TC : nella regione della transizione di fase non presentano il tratto
orizzontale osservato sperimentalmente ma hanno un andamento ad S
che interseca il tratto orizzontale in due punti: non hanno significato
fisico
tratto E B: prevedono una diretta proporzionalit`a fra pressione e
volume: assurdo
tratto A B: sperimentalmente realizzabile in camera pulita diminuendo lentamente la pressione del liquido al di sotto della tensione di
vapore il liquido non comincia a bollire: Liquido Surriscaldato
Vapore soprasaturo e liquido surriscaldato sono stati di equilibrio metastabile.
P =

a
RT
2 con n = 1
V b V

21

1. Fisica dei gas


Dal grafico.
La curva C `e detta Curva di Andrews (Campana di Andrews)
La curva C `e detta Curva di Vaporus (Punti di Rugiada, dew point)
La curva C `e detta Curva di Liquidus
Per T < TC , aumentando T lampiezza delle oscillazioni delle curve vdW(FED,
DBA) diminuisce edil punto E tende a coincidere con il punto B. Le oscillazioni
si riducono ad un punto di sella della curva che corrisponde al punto critico
del gas: PC , VC , TC .
8PC VC
1
dP/dV = 0 ; d2 P/dV 2 = 0 b = VC , a = 3PC VC2 , R =
3
3TC
Sostituendo nellequazione vdW:
"

P
+3
PC

VC
V

2 # 


V
1
8 T

=
VC
3
3 TC

Definendo le variabili ridotte:


Pr = P/PC Vr = V /VC Tr = T /TC si ottiene:


3
Pr + 2
Vr



1
8
Vr
= Tr
3
3

In termini delle variabili ridotte tutti i gas hanno la stessa equazione di


stato: Legge degli stati Corrispondenti

1.4.3

Interazioni molecola-molecola

Consideriamo due molecole sferiche (es. Argon: Ar) di dimensione delle


molecole d. Indicando con r la distanza fra le molecole:
r +: le molecole non esercitano forze luna sullaltra
r d: forze di carattere attrattivo dovute ad effetti di correlazione
elettronica (Forze di dispersione o Forze di London)
r < d: forze di carattere repulsivo dovute alla sovrapposizione delle
nuvole elettroniche
22

1.4 Gas reali

Le forze di London rappresentano il termine attrattivo che `e esprimibile


con :
fL = k/r7 dove k > 0 dipende dalla natura delle due molecole.
Le forze di Lennard-Jones rappresentano il termine repulsivo esprimibile con:
fR = k/rm dove L, m sono costati empiriche e m = 13 15
f=

k
IA IB
L
A B p = E
7 ; kAB = 9
13
r
r
IA + IB

dove I rappresenta lenergia di ionizzazione della molecola e la polarizzabilit`a della molecola.


dU = f dr rappresenta la variazione di energia interna a seguito di uno
spostamento delle molecole di una distanza dr. Se f risulta attrattiva (f < 0)
un aumento della loro distanza (dr > 0) comporta un aumento dellenergia
interna (dU > 0), ovvero bisogna compiere lavoro sul sistema.
U (r) potenziale di interazione fra due molecole a distanza r
Z

U (r) =

Z r
f dr =


k
1 L
1k
L
7 dr =
6
13
12
r
r
12 r
6r

Funzione Potenziale Empirica{Legge 12-6:



 
a
b
12  6
U (r) = 12 6 = 4

r
r
r
r
dove `e la profondit`a della buca di potenziale e `e il diametro della sfera che
approssima latomo o la molecola in un modello a sfera rigida chiamato anche
diametro durto delle molecole.
23

1. Fisica dei gas

gas

Tboiling [K]

/KB [K]

[
A]

/KB Tb

Ne
Ar
O2
N2
CH4
CO2

26.3
87.5
90.2
77.4
111.7
194.7

35.6
119.8
117.5
90.05
148.2
205

2.75
3.40
3.58
3.70
3.82
4.07

1.35
1.37
1.30
1.23
1.27
1.05

1.5

Collisioni

Le collisioni sono un processo fondamentale nella fisica dei gas. Possiamo avere
due possibili approcci allo studio delle collisioni:
1. fisico: `e il meccanismo di trasferimento energetico molecola-molecola e
molecola-esterno (pareti recipiente)
2. chimico: meccanismo alla base delle reazioni chimiche
La frequenza con cui avvengono le collisioni in un sistema gassoso definisce la
scala dei tempi degli eventi. Abbiamo due tipi di collisioni:
1. collisioni molecola-parete
2. collisioni molecola-molecola
24

1.5 Collisioni
1.5.1

Collisioni molecola-superficie

Calcoliamo il numero di urti che una superficie dS subisce da parte delle


molecole del gas cui `e esposta.

Consideriamo le molecole con velocit`a compresa fra vx e vx + dvx . Di tutte


queste molecole quelle che in un istante di tempo dt collidono con la parete dS
sono quelle contenute nel parallelepipedo di base dS ed altezza vx dt. Il loro
numero dnvx `e dato da:
snvx = nf (vx )dvx dSvx dt
dove n = N/V rappresenta la densit`a di particelle e non il numero di moli
come nellequazione dei gas perfetti.Flusso:

 

s m m molecole
molecole
dnvx
= f (vx )vx dvx n

=
dvx =
dS dt
m s s
m3
m2 s
dove dvx rappresenta il numero di molecole che collidono con la parete per
unit`a di superficie e di tempo, avente velocit`a compresa fra vx e vx + dvx
Il numero di molecole che collidono con la parete per unit`a di superficie e
di tempo si ottiene integrando su tutte le velocit`a:
Z
Z
x =
dvx =
nf (vx )vx dvx
0



 m 1/2
mvx2
exp
f (vx ) =
2kT
2kT
e utilizzando P V = N kT n = N/V
r
n
2kT
x =
=
m
2

= P/KT , vm =

p
8kT /m

1
P
nvm =
4
2mkT

P[Pa,mbar]

n[molec/m3 ]

x [molec/cm2 s] a T=295K

1.013 105 , 1 103


1.013 102 , 1
1.013 101 , 1 103
1.013 104 , 1 106
1.013 108 , 1 1010

2.5 1025
2.5 1022
2.5 1019
2.5 1016
2.5 1012

2.9 1023
2.9 1020
2.9 1017
2.9 1014
2.9 1010
25

1. Fisica dei gas


Calcolo della pressione: in un urto di particelle-parete limpulso trasferito
per molecola `e dato da px = 2mvx . L impulso totale trasferito in un tempo
dt `e dato da:
Z
I=
2mvx nf (vx ) Svx dtdvx
0
Z
I
vx2 f (vx )dvx
F =
= 2mnS
dt
0
Z
1
F
3kT
N
1
vx2 f (vx )dvx = mnv 2 == mn
P =
= 2mn
= nkT = kT
S
3
3
m
V
0

1.5.2

Processo di effusione

Un gas a pressione P e temperatura T esce in vuoto attraverso un piccolo foro


di area A presente nella parete del recipiente che lo contiene. dimensione
foro, dove rappresenta il libero cammino medio. In questo modo le molecole
che arrivano al foro passano attraverso di esso senza collidere.
dN
: numero di molecole che escono dal foro per unit`a di tempo
dt
dN
P
= A =
A
dt
2mkT





1/2
dP
d N KB T
kT dN
kT
P
dP
kT
A
=
=
=

A
=
dt
dt
dt
V
V dt
V
P
2m
V
2mkT
Integrando entrambi i membri si ottiene:

1/2
2m
V
P (t) = P0 exp[t/ ] dove =
: tempo tipico
kT
A
Una misura di permette la determinazione della massa molecolare. Il processo di effusione `e stato utilizzato anche per la separazione di isotopi come
U 235 (0.72%) e U 238 (99.28%). L Uranio veniva trasformato in U F6 facilmente
vaporizzabile per T > Tamb . I due isotopi venivano separati a seguito di
successivi processi di effusione.

26

1.5 Collisioni
La legge di effusione o Legge di Graham:
r
effusion rate gas 1
M2
=
effusion rate gas 2
M1
dove con M1 , M2 indichiamo rispettivamente la massa molare del gas 1 e del
gas 2.

1.5.3

Collisioni molecola- molecola

Libero cammino medio: media statistica della distanza che una particella
compie fra una collisione con unaltra particella del gas e la successiva.
Modello semplice: assumiamo che le molecole che formano il gas siano
descrivibili come sfere rigide di diametro D: Collision Diameter. Una
molecola nel suo moto collide con tutte le molecole il cui centro dista di una
distanza inferiore a D dal proprio centro.

Calcoliamo il numero di urti che una particella compie in un tempo dt


assumendo che sia muova a velocit`a vm . Sia la densit`a del gas abbastanza
bassa da rendere trascurabili gli urti fra tre o pi`
u molecole. Il numero di urti
`e uguale al numero di particelle contenute nel cilindro avente:
base = D2

altezza = vm dt

cammino percorso
vm dt
=
numero di urti
n vm dt D2
Un espressione approssimata del cammino libero medio che non tiene conto
del fatto che:
: libero cammino medio =

a seguito degli urti la traiettoria di una molecola non `e una linea retta
ma una spezzata
le molecole hanno una distribuzione di velocit`a e non sono ferme.
27

1. Fisica dei gas


risulta essere:

1
nD2
dove n = N/V rappresenta la densit`a delle molecole. Lespressione esatta del
cammino libero medio `e:
=

1
1
1
kT
=
=
2
2 nD
2D2 P
La frequenza di collisione:
z : collision frequency =

numero urti
nvm dtD2
=
unit`a di tempo
dt

Unespressione approssimata allo stesso modo del cammino libero medio:


z=

P
N
D2 vm = (D2 )vm
V
kT

Lespressione esatta della frequenza di collisione:

P
z = ( 2D2 )vm
kT
Per unire le due espressioni basta ricordare che = /vm e z = 1/
molecola peso molecolare [g/mol] D [nm] vm [m/s]a T=300K P [mPa]
H2
O2
H2 O
Ar
Gas misto A, B:

2.106
32.00
18.02
39.94

0.27
0.36
0.46
0.40


= AB = (A + B )/2

1706
443
592
397

1.23 102
7.20 103
4.40 103
7.07 103

A
zAB = 2 2 vm
nB
2 A
zAA = 2 2 vm nA

Esempio: gas misto composto da Xe, H2 di volume totale V = 24600cm3


1 mol Xe, P=1atm, T=300K
1 mol H2 , P=1atm, T=300K
n = nXe = nH2 =
r

8RT
=
MH2

8 8.314 107 erg K 1 mol1 300K


= 1.78105 cms1
3.14 2g/mol

8RT
=
MXe

8 8.314 107 erg K 1 mol1 300K


= 2.2104 cms1
3.14 131g/mol

H2
vm
=

Xe
vm
=

28

6.023 1023 molec/mol


molec
= 2.45 1019
3
24600cm /mol
cm3

1.6 Fenomeni di trasporto


zH2;Xe =


2

4.9 + 2.5
2

2

1016 cm2 (1.78105 cm/s)(2.451019 molec/cm3 ) =


= 2.65 1010 s1

zXe;H2 =


2

2.5 + 4.9
2

2

1016 cm2 (2.2104 cm/s)(2.451019 molec/cm3 ) =


= 3.27 109 s1

1.6

Fenomeni di trasporto

La capacit`a di un gas di trasportare grandezze fisiche differenti danno vita a


fenomeni differenti:
trasporto di materia Fenomeno di diffusione
trasporto di energia Fenomeno di conduzione termica


trasporto di quantit`a di moto Viscosita
Diffusione: La densit`a del gas non `e uniforme. Si ha un trasporto di massa
dalle zone a densit`a maggiore a quelle a densit`a minore (Legge di Fick). Il
fenomeno `e caratterizzato dal coefficiente di diffusione D.

Conduzione termica: Il gas non `e in equilibrio termico, ovvero la temperatura del sistema non `e uniforme. Si ha un trasferimento di energia termica
dalle zone pi`
u calde a quelle pi`
u fredde (Legge di Fourier). Il fenomeno `e
caratterizzato dal coefficiente di conducibilit`a termica K.

29

1. Fisica dei gas


Viscosit`
a: Il gas ha un moto netto di insieme (Moto Convettivo) con velocit`a di deriva non uniforme. Si ha un fenomeno di attrito dovuto al trasporto
di quantit`a di moto da una zona allaltra del sistema (Legge di Newton).
Il fenomeno `e caratterizzato dal coefficiente di viscosit`a .

vx = vx (z)

1.6.1

Aspetti microscopici

La molecola nella sua traiettoria dal punto A al punto B trasporta energia,


massa (materia) e quantit`a di moto. Tuttavia abbiamo due fenomeni differenti
a seconda dello stato del gas:
1. Gas in equilibrio termodinamico: unaltra molecola (in media) trasferir`a
la stessa quantit`a di energia, massa e quantit`a di moto dal punto B al
punto A
2. Gas non in equilibrio termodinamico: la densit`a oppure la temperatura
(energia) oppure la quantit`a di moto non sono uguali in tutti i punti del
sistema. Il movimento delle molecole realizza un trasferimento netto di
massa, energia, quantit`a di moto da una zona allaltra del gas.

1.7
1.7.1

Entit`
a matematiche e quantit`
a fisiche
Gradiente

Il gradiente di un campo scalare f = f (x, y, z) `e una funzione vettoriale a pi`


u
variabili reali definita come:


f f f
,
,
f = f (x, y, z) f =
x y z
30

1.7 Entit`a matematiche e quantit`a fisiche


Indica come una grandezza fisica varia in funzione dei suoi parametri. Consideriamo un sistema di riferimento (x, y, z) e supponiamo che le grandezze fisiche
in esame varino lungo una sola direzione.
 n = n(x, y, z)
(n/y) = (n/z) = 0; (n/x) 6= 0
gradiente di concentrazione lungo lasse x

In ogni piano allasse x


, la densit`a `e uniforme.
 T = T (x, y, z)
(T /y) = (T /z) = 0; (T /x) 6= 0
gradiente di temperatura lungo lasse x

In ogni piano allasse x


, la temperatura `e uniforme.
Dato un fluido con moto convettivo in una certa direzione (assumiamo come
direzione quella dellasse x
). v = (vx , vy , vz ) = (vx , 0, 0)
La funzione scalare `e la funzione che descrive la velocit`a vx . Consideriamo il
sistema di riferimento (
x,
z). Sia la velocit`a vx funzione della sola coordinata
z: vx = vx (z).
In ogni piano allasse
z, la velocit`a convettiva delle molecole `e costante. La
velocit`a vx presenta un gradiente lungo lasse
z.
(vx /x) = (vx /y) = 0; (vx /z) 6= 0

1.7.2

Flusso

Il flusso rappresenta una quantit`a di materia, energia, di moto che passa attraverso una superficie unitaria per unit`a di tempo.
Flusso di massa:
kg/m2 s
mol/m2 s
in STP cm3 Pstp /m2 s
particelle/m2 s
31

1. Fisica dei gas


Flusso di energia: J/m2 s
Flusso di quantit`a di moto: kg ms1 /m2 s
Sperimentalmente si osserva che in presenza di un gradiente di concentrazione, temperatura, quantit`a di moto si instaura un flusso di materia, energia, quantit`a di moto nella direzione in cui il varia gradiente. In generale il
flusso e gradiente sono fra loro proporzionali.

Legge di Fick

Jxmateria = D

dn
dx

D : Costante di diffusione

Legge di Fourier

Jxenergia = K

Legge di Newton
32

dT
dx

K : Costante di conducibilit`a termica

1.8 Diffusione (Autodiffusione)

= dvx
Jzmomento lineare lungo x
dz

1.8

: Coefficiente di viscosit`a

Diffusione (Autodiffusione)

Consideriamo un gas allequilibrio termico (T=cost.). Sia la densit`a del gas n


non uniforme lungo lasse x: n = n(x). Consideriamo il flusso di molecole che
attraversano da destra a sinistra una finestra immaginaria posta normalmente
allasse x
: f = 41 nvm

dove in x = 0 posizione finestra immaginaria


Consideriamo un intervallo di tempo t piccolo, t 1/z, dove z rappresenta la frequenza di collisione. Le particelle che in questo intervallo di
tempo attraversano la finestra sono quelle provenienti da destra e da sinistra
per una distanza pari ad un libero cammino medio . Il numero di particelle
provenienti da destra e da sinistra dipende dalla densit`a di particelle n(+) e
33

1. Fisica dei gas


n(), rispettivamente:

n() = n(0)

dn
dx


;

n(+) = n(0) +

dn
dx


0

Quindi:

 
1
1
dn
JL = n()vm = vm n(0)
verso sinistra
4
4
dx 0

 
1
1
dn
JR = n(+)vm = vm n(0) +
verso destra
4
4
dx 0
1
1
J = JL JR = vm n(0) vm
4
4

dn
dx

1
1
vm n(0) vm
4
0 4

dn
dx


0

1
= vm
2

dn
dx

Legge di Fick
Jxmateria = D

dn
dx

D : Costante di diffusione

Da cui otteniamo un espressione approssimata del coefficiente di diffusione:


1
D = vm
2
Tuttavia lespressione esatta risulta essere:
1
D = vm
3
Aumentando T, vm aumenta D aumenta T 3/2
Aumentando P, diminuisce D diminuisce 1/P
Esempio: N2 RT, 1 atm; vm = 443m/s; P = 7.2 103 m P a
D = 31 vm ' 0.1cm2 /s Dexp = 0.185cm2 /s

1.9

Conducibilit`
a termica

Consideriamo un gas allequilibrio meccanico e chimico (n =cost.). Sia la


temperatura del gas non uniforme lungo lasse x: T=T(x). Come prima
consideriamo una finestra immaginaria posta normalmente allasse x
in x=0.
1
f (x) = 4 nvm

34


0

1.9 Conducibilit`a termica

= KB T : energia cinetica media di una molecola, dove rappresenta il


valore appropriato dato dal teorema di equipartizione.
gas monoatomico = 3/2
Consideriamo il flusso di molecole che colpiscono la finestra unitaria da
destra e da sinistra e la quantit`a di energia che trasporta ognuna di esse.
1
JL = n()vm
4
Jth,L


 
dT
1
1
1
= n()vm () = nvm KB T () = nvm KB T (0)
4
4
4
dx 0
1
JR = n(+)vm
4

Jth,R


 
1
1
1
dT
= n(+)vm (+) = nvm KB T (+) = nvm KB T (0) +
4
4
4
dx 0
 
1
dT
Jth = JL JR = vm KB n
2
dx 0

Legge di Fourier
Jxenergia = K

dT
dx

K : Costante di conducibilit`a termica

Da cui otteniamo un espressione approssimata della costante di conducibilit`a


termica:
1
K = vm KB n [W/m K]
2
Tuttavia lespressione esatta risulta essere:
1
K = vm KB n
3
CV = KB : capacit`a termica (per molecola)
CV = KB NA : capacit`a termica molare.
35

1. Fisica dei gas


Valori della costante di conducibilit`a termica al variare della temperatura per
materiale
gas
100K
300K
600K
aria
9.4103
26.2103 45.7103
Ar
6.2103
17.9103 30.6103
H2
68.6 103 186.9 103
/
/
18.7103 47.1103
H2 O
N2
9.8103
26.0103 44.0103
vetro
/
1.05
/
/
80.2
/
Fe
polimeri
/
0.03
/
Stima numerica: T = 300K vm 500m/s, D = 2 1010 m,
KB = 1.38 1023 J/K, Cv = 32 KB
K=

1
1
1 1 3 1 1.38 1023 J/K 500m/s
3
J
2

KB vm =
'
2

10
3 2D2 2
3 22
(2 1010 m)2
mK

Consideriamo la condizione D   L. In questo limite K `e indipendente dalla pressione del gas. Sperimentalmente si osserva che la conducibilit`a
termica di un gas `e K = 31 CV nvm . Si osserva inoltre che:
1. 1/P , n P K indipendente dalla pressione
2. n indipendentedalla temperatura, CV indipendente dalla temperatura
K vm T
Questi risultati valgono in intervalli di pressione dove:
1. la densit`a del gas `e sufficientemente bassa da poter trascurare gli urti a
tre o pi`
u corpi:  D dove D diametro delle molecole
2. il gas `e abbastanza denso da rendere predominanti gli urti molecolamolecola rispetto a quelli molecola-parete:  L dove L rappresenta la
dimensione caratteristica del sistema.
Unendo le due condizioni si ottiene: D   L
Valendo entrambe le condizioni K dipende dalle dimensioni e geometria del
sistema e dalla pressione del gas in maniera lineare: Kth P .
Lo scambio di calore fra due superfici unitarie reali a temperatura differente
(T2 > T1 ) per conduzione termica del gas con cui sono a contatto `e data
dallespressione (Knudsen):
r


1
2R + 1
J
=
(T2 T1 )P
Jth
2
m s
4
M T1 1
dove: = cP /cv , (Accomodation Coefficient) `e una costante numerica
1 il cui valore dipende dalla geometria del sistema e dal materiale della
superficie.
36

1.10 Viscosit`a

Il trasferimento di calore per conduzione molecolare nei gas dipende da:


natura del gas (M) e pressione del gas (P).
Questa circostanza permetti di costruire misuratori di pressione in cui la variazione di una quantit`a misurabile legata alla conducibilit`a termica di un gas
pu`o essere correlata alla variazione di pressione. Vacuometri a conducibilit`a
termica (Pirani Termocoppia) indipendente dalla pressione su ampi intervalli di pressione. Per gas semplici, come per lesempio, K indipendente da P
per valori di pressione compresi fra 102 P a e 106 P a.
P = 102 P a M AX =

7 103 P a m
= 7 105 0.1mm
2
10 P a

P = 106 P a min =

7 103 P a m
= 7 109
106 P a

Si noti che tipicamente:


D 2 109 m confrontabile con min ;
L 1cm confrontabile con M AX .

Sperimentalmente si osserva che nellintervallo di pressione 102 P a < P <


102 P a la conducibilit`a termica risulta proporzionale alla pressione K P .

1.10

Viscosit`
a

Descrive la resistenza di un fluido alle deformazioni quando soggetto ad uno


sforzo di taglio (Shear Stress): forza su una superficie esercitata parallelamente alla superficie stessa.
37

1. Fisica dei gas

1.10.1

Esperimento di Newton

A: area piastra superiore; F: forza esercitata sulla superficie


A seguito della forza F la piastra mobile sulla superficie assume a regime
una velocit`a costate v0 . F/A: shear stress il fluido ha un moto dinsieme(Convettivo)
nella direzione della forza F.
vx (z): velocit`a convettiva del fluido nello stato sottostante la piastra mobile
ad un altezza z rispetto alla piastra ferma.
Si osserva che `e presente un gradiente della velocit`a vx nella direzione
z:
vx (z = d) = v0

; vx (z = 0) = 0

ovvero gli stati di fluido a contatto con la piastra ne assumono la velocit`a.


:
Relazione sperimentale Legge di Newton della viscosita
v0
F
=
A
d

[N ]
[kg m/s2 ]
[kg m/s]
=
=
2
2
[m ]
[m ]
[m2 ][s]

dove rappresenta il coefficiente di viscosit`a che dipende dalla natura del


fluido. = [P a s] ed una sua unit`a di misura `e il Poise: 1P oise = 0.1P a s.
Densit`a di alcuni fluidi a temperatura differente misurata in [mP a s]
0 C
20 C
100 C
fluido
H2 O
glicerina
Hg
olio motore
38

1.79
12070
/
/

1.002
1410
1.55
2001000

0.28
14.7
1.27
/

1.10 Viscosit`a
Densit`a di alcuni gas a temperatura differente misurata in [ P a s]
gas 100K 300K 400K
aria
7.1
18.6
23.1
/
9.0
/
H2
He
/
20.0
/
O2
/
20.8
/
N2
/
17.9
/
/
23.2
/
Xe
Uninterpretazione qualitativa del risultato:
v0 /d rappresenta il gradiente macroscopico della quantit`a vx (z) lungo lasse
z
e rappresenta la costante di proporzionalit`a.
F/A pu`o essere interpretato come un flusso di quantit`a di moto lungo lasse x

trasferito alla piastra mobile dallesterno. La condizione stazionaria si ottiene


quando la piastra mantiene velocit`a vx costante e il flusso di quantit`a di moto
`e trasferito dalla piastra alla lamina di fluido immediatamente sottostante
(z=d). Lo strato di fluido immediatamente sottostante mantiene la sua velocit`a
costante (vx (d) = v0 ) e cos` tutti i successivi strati di fluido (ciascuno degli
strati sottostanti ha una velocit`a costante inferiore a quella subito sopra e
superiore a quella subito sotto). Interpretiamo il fenomeno dicendo che il flusso
di quantit`a di moto dellesterno (F/A) ceduto dalla piastra mobile attraverso
il fluido raggiunge la piastra inferiore da cui viene assorbito.

Jz (Px ) =

1.10.2

F
v0
z
dvx (z)
= ; vx (z) = v0 Jz (Px ) =
A
d
d
dz

Analisi microscopica del processo

Moto del fluido:


movimento termico delle molecole (MaxwellBoltzmann) disordinato vth
moto convettivo del fluido con velocit`a vx (z)
I due tipi di moto sono sovrapposti ma vth  vx (z).

39

1. Fisica dei gas

: piano immaginario k (parallelo) x


y
posto allaltezza z = z0 . molecole:
sfere rigide di massa m, temperatura (T) e densit`a n del gas uniformi.
Le molecole attraversano il piano in entrambe le direzioni (da z < z0 a
z > z0 e da z > z0 a z < z0 ) in conseguenza del moto termico. Ciascuna
molecola attraversando il piano porta con se una certa quantit`a di moto
convettiva.

40

1.10 Viscosit`a
Le molecole che attraversano il piano da z < z0 trasferiscono meno quantit`a di moto che quelle che attraversano il piano da z > z0 trasferimento della quantit`a di moto convettiva in direzione normale a quella del moto
convettivo del fluido.

1
up
z;
J z = n(z0 + )vm
4

dove n(z0 + ) = n

1
up
J z (Px ) = nvm [mvx (z0 + )]
z
4
down

Jz

1
= n(z0 )vm
z;
4
down

Jz
dove vm =

dove n(z0 ) = n

1
z
(Px ) = nvm [mvx (z0 )]
4

p
8KT /m : vth
J z (Px ) = J up + J down

1
= nmvm
2

dvx (z)
dz

z
Z0

Legge di Newton
= dvx
Jzmomento lineare lungo x
dz

: Coefficiente di viscosit`a

Da cui otteniamo un espressione approssimata del coefficiente di diffusione:


1
= nmvm
2
Tuttavia lespressione esatta risulta essere:
1
= nmvm
3
41

1. Fisica dei gas


Esempio:
superficie in movimento a distanza d da una superficie ferma (esperimento di
Newton). Avendo anche la condizione  L :
r
M
=d
P
2RT
Il trasferimento di quantit`a di moto fra la parete mobile e quella fissa
dipende da:
natura del gas (M)
pressione del gas (P)
Questa circostanza permette di costruire misuratori di pressione in cui la variazione di una quantit`a misurabile legata ad effetti di viscosit`a di un gas pu`o
essere correlata alla variazione di pressione. Vacuometri a viscosit`a: Smorzamento sfera rotante. Stima numerica:
1
(vm )2
1
= nmvm = nm
3
3
vm
dove considerando (vm )2 = 8KT /m ' v 2 = 3KT /m e che P = 7 103 P0 m
a T = Tamb si ottiene:
P/vm =

7 103 P a m
105 P a s
4 102 m/s

Si noti che:
indipendente dalla pressione

T corretto per i gas ma non per i liquido dove le forze intermolecolari non sono trascurabili.
Come nel caso della conducibilit`a termica lindipendenza di dalla pressione
`e corretta nel caso in cui D   L ovvero tipicamente per pressioni :
102 P a < P < 106 P a.
Invece per valori di pressione 102 P a < P < 102 P a si osserva che P .
Si nota che:
1
K = cv nvm
3
1
= mnvm
3
Quindi eseguendo il rapporto fra le due equazioni si ottiene:
K
cv
(K/)
=

=1

m
(cv /m)
Sperimentalmente si osserva che (K/)/(cv /m) assume valori compresi fra
1.3 e 2.5. Si pu`o dimostrare che questa discrepanza `e dovuta al fatto che non
si tiene conto della distribuzione delle velocit`a delle molecole ma si assume che
abbiano velocit`a uniforme vm
42

Capitolo 2
Flusso di gas
Trasferimento di gas in un sistema (apparato da vuoto-tubi, pompa,. . . ) a
seconda di:
dimensione componenti sistema
specie gassosa
temperatura
possono esistere diversi regimi di flusso.

Indicando con L la dimensione caratteristica (per membrane rettangolari


la dimensione caratteristica `e il lato minore o la radice dellarea, per una
sfera/cilindro il diametro della sfera/cilindro) del sistema e il libero cammino
medio:
> L: regime molecolare, dominano urti molecola-parete.
< L: regime viscoso, dominano urti molecola molecola
Il numero di Knudsen pu`o farci capire velocemente che tipo di regime abbiamo
davanti:

KB T
Kn = =
L
2 2 P L
Inoltre `e possibile differenziare due tipologie di regime viscoso:
43

2. Flusso di gas
flusso laminare: gli strati di gas si muovono parallelamente ed ogni strato
ha una sua velocit`a costante
flusso turbolento: gli strati di gas non sono paralleli e fra i vari strati si
formano vortici
Si definisce il numero di Reynolds:
Re =

vd

dove:
[kg/m3 ]: densit`a del gas
[P s s]: viscosit`a del gas
v: velocit`a del gas (spesso si prende v = vm )
d: dimensione caratteristica del sistema
Per valori di Re > 2200 abbiamo un flusso turbolento, mentre per Re < 1200
si ha un flusso laminare.

P[Pa]

[cm]

100 6.7 103


101
6.7
103
6.7 102
Il regime di flusso molecolare `e quello di interesse nel campo dellalto vuoto
ed ultra-alto vuoto.
Descrizione quantitativa

44

Dove indichiamo con:


piano a temperatura uniforme T
dV volume di gas che attraversa il piano in un tempo dt
dV /dt volume di gas che attraversa il piano per unit`a di tempo (Volumetric
Gas Flow)
P pressione del gas misurata nel piano
Si definisce Portata (Gas Flow Rate/Throughput)
Q=P

dN
dV
[P a m3 s1 ] = KT
Q = SP
dt
dt

Dove lultima espressione `e considerata l Equazione Fondamentale della fisica del vuoto. Sia il piano la porta di ingresso di una pompa.
Per una pompa da vuoto il costruttore indica la velocit`a di pompaggio S ovvero
il volume di gas per unit`a di tempo fluito all interno della pompa. Il volume
`e misurato alla pressione della porta di ingresso della pompa (ovvero il piano
).

Il valore della velocit`a di pompaggio S viene generalmente misurato in L/s


e viene indicato per i valori di pressione differenti.
45

2. Flusso di gas

Una pompa avente velocit`a di pompaggio (500L/s) preleva dal sistema


quantit`a diverse di gas a 108 mbar e a 105 mbar:
Q = 500 108

mbar L
mol
dN

= 2 1010
s
dt
s

Q = 500 105

2.1

dN
mol
mbar L

= 2 107
s
dt
s

Canalizzazioni

Con canalizzazione si intendono sistemi (tubi, aperture, . . . ) attraverso cui


si realizza un flusso di gas. Tale flusso si instaura quando agli estremi della
canalizzazione si mantiene una differenza di pressione.

Sia data la relazione:


Q = C(P1 P2 )
dove il parametro C rappresenta la conduttanza della canalizzazione e se P1 >
P2 costanti allora anche Q risulter`a costante di conseguenza.
Per una data canalizzazione, il valore della conduttanza dipende dal tipo di
regime di flusso del gas e dalla natura del gas. Ad esempio per un tubo circolare
di diametro d e lunghezza L
46

2.1 Canalizzazioni

a regime molecolare C = (d3 /12L)vm , mentre a regime viscoso C =


Kd P/L dove con P intendiamo P = P1 + P2 /2 e con K ' /128
Notiamo che:
4

in regime viscoso la conduttanza dipende dalla viscosit`a del gas, dalla


geometria del sistema e dalla pressione del gas ai suoi estremi
in regime molecolare dipende dalla temperatura del gas (poiche vm T ),
dal tipo di gas (poiche vm M ) e dalla geometria del sistema, ma `e
indipendente dalla pressione ai suoi estremi
Valgono le seguenti relazioni:
1. Condutture in serie
1
CT OT

X 1
1
1
1
+
+ ... +
=
C1 C 2
CN
Ci
i

2. Condutture in parallelo
CT OT = C1 + C2 + . . . + CN =

N
X

Ci

Calcoliamo la conduttanza di una piccola apertura in condizioni di flusso


molecolare.
47

2. Flusso di gas

Dove indichiamo con A larea dellapertura e valgono le condizioni


e n2 < n1 (densit`a del gas ai due lati del foro). Risulta che:

A

1
1
f = n1 vm A n2 vm A = f12 f21
4
4
dove f12 , f21 sono chiamati Flusso di Bombardamento e con f indichiamo
il flusso netto di molecole da sinistra a destra dellapertura.
dN
1
= vm (n1 n2 )A
dt
4
da cui otteniamo:
Q = KT

1
dN
= KT (n1 n2 )vm A
dt
4

e ricordando che KT n = (N/V )KT = P abbiamo che:


1
Q = vm (P1 P2 )A
4
e uguagliando l ultima espressione con Q = C(P1 P2 ):

C(
P1P
2)

1
1

= vm (
P1P
2 )A C =
4
4

8RT
A
M

Si noti che in regime molecolare una molecola che passa lapertura rimane nel
volume opposto. In regime viscoso (in particolar modo turbolento) pu`o tornare
nel volume di partenza immediatamente a causa di urti con altre molecole.
Il flusso netto non `e quindi dato dalla differenza fra i flussi di bombardamento
f12 , f21
48

2.2 Sistema da vuoto

Formula pratica: aria secca


avendo R = 8.31P a m3 mol1 K 1 , T = 273K e M = 30 103 kg/mol risulta
C = 11.62A dove con A indichiamo l area dellapertura in cm2 e C `e espressa
in L/s

2.2

Sistema da vuoto

Un semplice sistema da vuoto `e costituito da una camera da vuoto, una pompa


da vuoto e da delle canalizzazioni (tubi, fori, . . . )

dove indichiamo con Q [P am3 /s il flusso di gas aspirato, P, P 0 le pressioni


allingresso della pompa e della camera da vuoto. da cui otteniamo che S =
Q/P 0 . Possiamo individuare inoltre una velocit`a di pompaggio efficace Sef f
ovvero la velocit`a di pompaggio quando la pompa e collegata alla camera con
una canalizzazione di conduttanza C. A regime vale che:
Q = SP 0 = Sef f P non si ha accumulo di gas nel tubo
49

2. Flusso di gas
ricordando la definizione di conduttanza Q = C(P P 0 ), dopo aver notato che
la velocit`a di pompaggio ha la stesse grandezze della conduttanza nonostante
abbia un significato fisico differente, la velocit`a di pompaggio efficace andr`a
determinata tenendo conto della resistenza della canalizzazione disposta in
serie con la pompa rispetto alla camera:
1
Sef f

1
1
+
S C

Da questa relazione `e possibile notare che la velocit`a di pompaggio di una


pompa da vuoto viene pesantemente ridotta in presenza di una canalizzazione
a bassa conduttanza.
In un sistema da vuoto, oltre al gas presente all inizio del processo di
pompaggio, si verificano processi che limitano il vuoto limite ottenibile:
perdite (buchi, fratturazioni dei materiali, . . . )
degassamento delle pareti
permeazione di gas attraverso la parete
evaporazione di sostanze o componenti
presenza di gas o vapori provenienti dalle pompe (Backstreaming)
Ognuno di questi processi produce un flusso di gas che si misura in [P am3 s1 ]
o in [P a m3 m2 s1 ].

Indicando con Fp il flusso di perdita di gas (Leak Flux), Fd il flusso


di degassamento e/o permeazione del gas e con Fr flusso di gas da pompa
(Backstreaming flux) il flusso totale che limita il vuoto sar`a pari a:
FT OT = Fp + Fd + Fr
Per cui possiamo scrivere:
Q = Sef f P (Fp + Fd + Fr ) ;
50

Q = V

dP
dt

2.2 Sistema da vuoto


da cui otteniamo lEquazione generale del pompaggio:
V

dP
= Sef f P FT OT
dt

In condizioni di equilibrio:
P = P0 = cost. e indicando con Pult la pressione finale
dP
FT OT
= 0 Pult S = FT OT Pult =
dt
Sef f
Soluzioni dellequazione generale:
1. camera priva di perdite da vuoto
FT OT = 0 Pult = 0
 
 
 
 
Sef f
Sef f
P (t) = P (t0 )exp
t = P0 exp
t
V
V
2. F 6= 0, Pult = FT OT /Sef f
 
 
 
 
Sef f
FT OT
Sef f
= P0 exp
t +
t +Pult
P (t) = [P (t = 0)Pult ]exp
V
Sef f
V
In queste espressioni avremmo potuto utilizzare = V /Sef f in cui indica
il tempo tipico della permanenza della molecola nella camera da vuoto.

Esempio:

51

2. Flusso di gas
P0 = 102 P a, Pult = 5 106 P a, S = 100L/s, V = 500L, ltubo = 20cm,
dtubo = 2cm, aria secca a T=293K.
Quanto vale la pressione dopo 10 minuti di pompaggio?
6.7 103 m P a
= 67cm
102 P a
poiche > l, d ci troviamo in condizioni di regime molecolare. Quindi:
P = 6.7 103 P a m =

3
3.14 (2 102 )3 m3
L
1 2d
2
3 m
d vm =
=4
4

10
m/s
=
4

10
1
12
l
12
2 10
s
s

1
1
1
4L/s 100L/s
C S
Sef f =
+
=
' 4L/s
=
C S
C +S
104L/s


4L/s
2
6
P (t = 10min = 600s) = (10 P s510 P a)exp
600s +5106 P a =
500L

C=

= 9.8 105 P a
Pult = FT OT /Sef f FT OT = Pult Sef f = 5106 P a4103 m3 /s = 2108

2.3

P a m3
s

Trasferimento di gas attraverso i solidi:


degassamento

La pressione minima ottenibile in una camera da vuoto ed il tempo di pompaggio necessario a raggiungerla dipendono dal rilascio di gas e vapori dalla
superficie della camera esposta al vuoto e dal trasferimento di gas dallatmosfera attraverso le pareti stesse.

Dove indichiamo con:


52

2.3 Trasferimento di gas attraverso i solidi: degassamento


Vaporizzazione: transizione di fase pressione di vapore
Desorbimento : vengono rilasciati gas o vapori assorbiti da un materiale
Diffusione: le molecole si muovono attraverso un solido fino alla sua
superficie dove vengono desorbite.
Permeazione : a seguito di processi di assorbimento a diffusione molecole
vengono trasferite dallatmosfera allinterno della camera da vuoto

Degassamento (Outgassing): emissione di gas dalle superfici dei componenti di un sistema da vuoto per effetti dei processi precedentemente menzionati.
Il fenomeno ha importanza nel campo dellalto ed ultra-alto vuoto (P0.1
mbar).
Outgassing rate: quantit`a di gas rilasciata per unit`a di tempo e superficie misurata in [mbar Ls1 cm2 o in [P a m3 s1 m2 e avente le seguenti
caratteristiche:
1. Dipende dalla temperatura e diminuisce col tempo quando il sistema `e
sotto pompaggio e raggiunge un valore costante dopo qualche ora
2. Polimeri ed elastomeri degassano a velocit`a centinaia di volte maggiore
di metallo e vetro
3. Dipende dal diverso trattamento di pulizia e dalla storia del materiale

2.3.1

Determinazione sperimentale

Condizioni stazionarie P2 < P1 . Il gas rilasciato dal campione viene evacuato


dalla pampa attraverso il foro.
r
r
RT
RT
Fdeg = C(P1 P2 ) =
A(P1 P2 ) '
AP1
M
M
Loutgassing rate viene determinato misurando Fdeg e dividendo per larea del
campione. Il tipo di gas desorbito (M) viene determinato tramite spettrometro
53

2. Flusso di gas
di massa. Seguono valori caratteristici di outgassing rate per materiali costruttivi di sistemi da vuoto.
Outgassing rate per metalli e vetri misurato in [mbar L s1 cm2 1010 ]
Materiale
1h vuoto 4h vuoto
rame (meccanicamente pulito)
47
acciaio dolce (leggermente arrugginito)
58520
acciaio inossidabile (grezzo)
266
66
acciaio inossidabile (lucidatura elettrolitica)
Pyrex (grezzo)
99
16
Pyrex (1 mese ad 1 atm)
Outgassing rate per polimeri, ceramiche ed elastomeri misurato
s1 cm2 108 ]
Materiale
1h vuoto 4h vuoto
Poliestere Melinex
Nitrile
Fluoroelastomeri (Viton-A)
Per ridurre il degassamento:

333
/
152

7
199
20
5
8
3
in [mbar L

66
63
15

NO elastomeri, idrocarburi, oli e grassi


NO materiali con caratteristiche di outgassing negative(acciaio inossidabile grezzo, materiali porosi)
riscaldamento del sistema (T 250 C) per alcune ore (Baking in
vuoto)
NO materiali che non possono essere sottoposti a baking (esempio il
bronzo poiche fuoriesce lo zinco)
NO sporcare i componenti, infatti, tipicamente si utilizza lacciaio inossidabile (stainless steel)
Prove eseguite su una camera da vuoto con diametro=altezza=30cm e velocit`a di pompaggio S=50 L/s. Indicheremo con i valori di degassamento in
[mbar L s1 ]
sistema
pareti
gasket
Pult [mbar]
NO baking
3.6 107 195 107
4 107 90% H2 O,
+ elastomeri
5% Hn CN (idrocarburi),4%N2 e O2
7
7
NO baking+Cu gasket 3.6 10
0.2 10
8 109 100% H2 O
baking(T=250 C)
1.8 109 0.1 109
4 1011 60% H2 ,
+Cu gasket
40%CO
Da ci`o si nota che gli elastomeri lasciano passare molecole di idrocarburi, azoto e ossigeno, mentre i gasket di rame bloccano queste ultime molecole ma
non riescono ad eliminare il contributo dellacqua. Tale contributo lo si riesce
ad eliminare effettuando un baking, cos` facendo i contributi principali sono
dovuti a molecole come lidrogeno ed il monossido di carbonio che trasudano
54

2.3 Trasferimento di gas attraverso i solidi: degassamento


dalle pareti della camera. Per cercare di limitare il loro contributo si rivestono
le pareti della camera di film parzialmente impermeabili a tali molecole come
un film di argento o di nitruro di titanio.

55

2. Flusso di gas

56

Capitolo 3
Fenomeni di interazione
gas-solido
A regime molecolare gli urti molecola-parete generano processi chimico-fisici
delle molecole in fase gassosa. Sono quindi importanti dei fenomeni di interazione gas-superfici solide:
processi di scambio energetico molecole-parete
cattura/rilascio delle molecole da parte di superfici (Adsorbimento/Desorbimento)
reazioni chimiche fra molecole adsorbite e atomi che formano la superficie
delle pareti.

Adsorbimento: la molecola aderisce alla superficie


Desorbimento: la molecola fugge dalla superficie
Scattering: la molecola urta elasticamente o anelasticamente
I fenomeni di interazione fra molecole gassose e superfici portano quindi a:
1. variazione di densit`a delle molecole gassose (pressione) in un sistema da
vuoto
2. variazione di composizione del gas presente in un sistema da vuoto
3. catalisi di reazioni chimiche fra i gas componenti il gas in camera e il
sistema da vuoto
57

3. Fenomeni di interazione gas-solido


Nel processo di adsorbimento la molecola gassosa `e attratta dalla superficie:
risiede nei pressi della superficie per tempi lunghi rispetto al tempo
medio di collisione (molecola-molecola, molecola-parete) caratteristici(caratt =
N/Sef f ) per una molecola in fase gassosa
perde almeno uno dei tre gradi di libert`a traslazionali.
Si possono individuare due tipi di adsorbimento:
1. Fisisorbimento (adsorbimento fisico) il processo di adesione `e
dovut a forze di tipo Van der Waals fra la molecola e gli atomi (molecole)
che formano il materiale
2. Chemisorbimento (adsorbimento chimico) formazione di un legame
chimico fra la molecola e gli atomi della superficie del materiale. Il
processo pu`o dare luogo alla dissociazione della molecola

Quando la superficie `e ricoperta da uno strato completo di molecole adsorbite si ha la formazione di un Monostrato (Monolayer): 1 monolayer
1015 atomi/cm2 .
Indichiamo con Grado di ricoprimento la frazione di superficie ricoperta da molecole adsorbite: rapporto fra il numero di molecole adsorbite ed il
numero di molecole necessarie a formare un monostrato (=numero di siti di
adsorbimento superficiali totali).
Si nota che quando la superficie `e ricoperta da un monostrato di molecole
adsorbite la formazione di strati successivi da luogo alla formazione di un
condensato di molecole precedentemente in fase gassosa. Tale fenomeno si
verifica quindi solo se sono soddisfatte le condizioni termodinamiche (P, T)
per cui la fase condensata `e in equilibrio.
58

3.1 Adsorbimento fisico

3.1

Adsorbimento fisico

Tale fenomeno si verifica quando:


distanza molecola-molecoladistanza di interazione nei solidi e nei liquidi
le forze di dispersione (Van der Waals) sono additive
In tali condizioni il potenziale di interazione fra una molecola e una superficie `e
dato dalla somma dei potenziali fra la molecola e tutti gli atomi della superficie.
Potenziale di interazione fra una molecola singola A e lelemento di volume dB
del solido risulta essere (Potenziale 12-6):

 
12  6 2

r dr sin() d d
dU = 4n
r
r
dove n indica la densit`a atomica del solido. Integrando (Potenziale 9-3):

  
1 9 1  6
3

U = 4n
45 z
6 z
dove z indica la distanza molecola-superficie del solido.
Data la struttura discontinua e periodica della superficie del solido (reticolo
cristallino) esistono dei minimi associati allenergia potenziale che corrispondono a posizioni privilegiate per ladsorbimento delle molecole alla superficie
del solido :Siti di adsorbimento.
Caratteristiche del fisisorbimento:
qualunque molecola pu`o essere adsorbita su qualunque superficie (il fisisorbimento non `e selettivo)
il processo di fisisorbimento pu`o portare alla formazione di multistrati di
gas adsorbito
59

3. Fenomeni di interazione gas-solido


il processo non ha carattere dissociativo per la molecola adsorbita
il processo di fisisorbimento non presenta barriere di potenziale

dove `e la profondit`a della buca di potenziale, ZP = /1.16 indica la


distanza di legame e UP = 2.2n 3 lenergia di fisisorbimento. Nella tabella
seguente si confrontano i valori di potenziali molecola-molecola e molecolaparete di vetro poroso (P)
E = 4[(/r)12 (/r)6 ] U = 4n 3 [(1/45)(/z)9 (1/6)(/z)3 ]
[kcal/mol] 0 (
A)
UP [kcal/mol] 0 (
A)
He-He
0.203
2.55
N2 N2
0.182
3.68
CO2 CO2
0.377
3.99
Ar Ar
0.246
2.41
P Ne
1.54
3.62
P Ar
3.78
3.67
P H2
1.97
2.62
P O2
4.1
3.71
P N2
4.26
3.41
In un minimo di potenziale (Buca di Potenziale) la molecola oscilla in
direzione
z attorno alla sua posizione di equilibrio ma pu`o traslare parallelamente alla superficie a meno che non gli venga fornita unenergia sufficiente a
sfuggire dalla buca di potenziale (energia termica che diventa cinetica)gas
bidimensionale. La linea di confine per saltare dalla buca di potenziale considerando lespressione exp[E/KB T ] (o sostituendo a KB T RT ). A
temperatura ambiente Tamb = 300K il valore corrispondente risulta essere
RT ' 0.593 kcal/mol = 0.025 eV /mol.
gas
He
H2
Ne
N2 CO O2 CH4
Evaporizzazione [kcal/mol] 0.02 0.215 0.431 1.33
metallo
Ba Ag Cu T i W
Esublimazione [kcal/mol]
60

42

68

81

133

202

1.44 1.63

1.96

3.2 Adsorbimento chimico


Lenergia di fisisorbimento dei gas sulla superficie dei solidi `e maggiore dellenergia di vaporizzazione: gas pesanti (O2 ) di un fattore 23, gas leggeri
(H2 ) di un fattore 10.

E=Evap N2 (= 1.33kcal/mol) ; E=UP N2 su vetro(= 4.26kcal/mol)/su carbone(=


3.70kcal/mol)

3.2

Adsorbimento chimico

Si verifica la formazione di legame chimico fra la molecola adsorbita e atomi di


superficie del solido attraverso la sovrapposizione degli orbitali e trasferimento
di carica. Conseguenze:
lenergia di chemisorbimento `e maggiore dellenergia di fisisorbimento
la distanza di legame molecola-superficie `e minore nel chemisorbimento
che nel fisisorbimento
il processo di chemisorbimento `e selettivo e legato alla natura di assorbitoassorbente
il processo di chemisorbimento porta alla formazione di al pi`
u di un
monostrato di assorbente (quindi le molecole gassose non formano altri
legami di valenza con sostanze della superficie)
il processo di chemisorbimento ha generalmente carattere dissociativo
per la molecola adsorbita
il processo di chemisorbimento pu`o presentare barriere di potenziale
gli atomi (molecole) chemisorbite sono fortemente localizzate
UP (N2 ) < 5 50kj/mol = 1 10kcal/mol
UC (2N ) < 50kj/mol = 10kcal/mol
Ediss : energia di dissociazione della molecola
Eads : barriera di potenziale.
61

3. Fenomeni di interazione gas-solido


Con Gas attivi indichiamo gas che possono essere chemisorbiti(O2 , N2 , H2 ,
H2 O, CO, . . . )
Con Superfici Getter indichiamo superfici capaci di assorbire grandi quantit`a di gas attivi (T i, Ba, . . . )
Gas non attivi sono i gas nobili e molti idrocarburi (CH4 ) mentre superfici
non getter sono ad esempio Au, vetro.

Le molecole adsorbite possono tornare in fase gassosa se viene loro fornita


energia sufficiente per sfuggire alla buca di potenziale (UP , UC ):Processo di

Desorbimento

Energia termica: RT
Energia per sfuggire alla buca di potenziale: UP + Eads = Ed , dove Ed indica
lenergia di attivazione per il desorbimento.
62

3.2 Adsorbimento chimico


Una molecola adsorbita su una superficie risiede su di essa per un tempo
caratteristico (Sojourn time) prima di essere desorbita:
= 0 exp [Ed/RT ] con 0 = 1012 1013 s
dove 0 rappresenta il tempo caratteristico di oscillazione della molecola (atomo) adsorbita in direzione normale alla superficie
molecole
[s](a T=300K)
Eads [kcal/mol]
0.1
1.5
20
30
150

3.2.1

He
H2 fisisor.
H2 chemisorb.
CO chemisorb. su N i
O chemisorb. su W

1.2 1013
1.3 1010
10kcal/mol=0.4eV/molecola
100
4 109 (100 anni)
1100
10 ( 101090 secoli)

Geometria chemisorbimento nei metalli

Idrogeno H2 : Il processo ha sempre carattere dissociativo


H2 2HM
dove M indica un atomo metallico.
1 atomo H-1 atomo metallo

Ossigeno O2 : Il processo ha generalmente carattere dissociativo. Latomo


O occupa reti ad alto numero di coordinazione.

Monossido di carbonio CO: Forma carburi metallici con gli atomi


nella parte sinistra della tavola periodica. Il chemisorbimento ha carattere
molecolare con atomi del gruppo 11/IB (Cu, Ag) e con gli altri metalli di
transizione.

63

3. Fenomeni di interazione gas-solido

3.3

Connessioni con la tecnologia del vuoto

Il pompaggio da vuoto in connessione con i processi di adsorbimento consiste nella rimozione di molecole da fase gassosa a seguito di adsorbimento
(su superficie della pompa). Per ottenere un grande o almeno  durata
dellesperimento abbiamo due modi (ricordando che = 0 exp[Ed /RT ]):
1. Ed grande (almeno 20 kcal/mol): Pompe Getter
2. T piccolo ( 80K) :Pompe Criogeniche

3.3.1

Pompe getter

Sfruttando il chemisorbimento e Ed grande fissano le molecole gassose alla


loro superficie formando composti chimicamente stabili. Le condizioni per il
funzionamento sono:
gli atomi (metallici) sulla superficie della pompa sono chimicamente
attivi, ovvero abbiano legami chimici vacanti (dangling bonds)
i gas da rimuovere sono a loro volta chimichamente attivi

Si nota che:
gas chimicamente inerti (gas nobili, idrocarburi, . . . ) non vengono adsorbiti(SHe =
SN e = . . . = SCH4 = . . . = 0)
sono necessarie superfici costituite da materiali molto reattivi (Ti, Ba,
Zr, . . . )
i componenti chimici formati a seguito di chemisorbimento devono avere
bassa pressione di vapore
una volta satura, la superficie getter deve essere ripristinata
64

3.3 Connessioni con la tecnologia del vuoto


Esistono due tipi di pompe getter che si distinguono su come ripristinare
la superficie:
1. evaporazione in siti di uno strato sottile di materiale getter tipicamente
Ti(Pompe a sublimazione di titanio)
2. riscaldamento ad ante temperature della superficie ossidata in modo da
permettere allossigeno di diffondere allinterno del materiale. La temperatura richiesta per il processo `e detta healing temperature(Pompe
getter non evaporabili). Tale tipo di pompe `e costituita da materiali polveri come ad esempio St101 (84% Zr, 16% Al) e St707 (70% Zr,
24.6 % V, 5.4% Fe).
Pompa sublimazione Ti

Pompa getter non evaporabile

65

3. Fenomeni di interazione gas-solido


Polveri di materiale getter fissate su substrato metallico, Substrato metallico
(acciaio). Per attivare: St101 bisogna portarlo a 750 C per 1h, St707 bisogna
portarlo a 400 C per 1h.
LEP chamber:12m di lunghezza, 2cm di diampetro pompa getter (30L/s) materiale St101.
Pult 1012 mbar (Ar, CH4 ) con baking a 150 C.

3.3.2

Pompa a criosorbimento

Pompa a cattura che utilizzano materiali assorbenti ad alta superficie di azione


(Zeoliti) raffreddati ad azoto liquido. Gli zeoliti sono un materiale poroso di
superficie geometrica Sgeo = 0.1cm2 ma di superficie fisica Sf is = 550m2 /g in
pellets di 5 8mm di diametro.

Caratteristiche della criopompa:

se raffreddata allazoto liquido la criopompa permette di raggiungere


Pult 2 4P a

`e selettiva (non rimuove H2 , He, N e)

va rigenerata annualmente
66

3.3 Connessioni con la tecnologia del vuoto

Soluzioni di N2 liquido schermano termicamente il criopannello e riducono


quindi il consumo di He liquido.
Dopo un certo tempo di lavoro, che dipende dalla pressione in camera, le
pompe criogeniche sono sature. Lo spessore del condensato `e tale per cui la
temperatura alla sua superficie `e maggiore di 4.2K (temperatura He liquido).
Sono necessari processi di rigenerazione per il funzionamento della pompa.
Tale rigenerazione avviene tramite riscaldamento a temperatura 120 C del
criopannello per alcune ore sotto flusso di azoto secco al sistema di pompaggio
preliminare in azione.
Valgono due considerazioni:

1. 4.2 107 P a e una pressione relativamente alta ed `e quindi necessario un


sistema di pompaggio ausiliario per H2

2. il contributo dei He `e generalmente trascurabile (frazione molare He in


aria=5.24 106 , frazione volumetrica He in aria=7 107 )
67

3. Fenomeni di interazione gas-solido

1
S = A
4

"

PS
8RTg
1
M
P

TC
Tg

dove PS rappresenta la pressione di vapor saturo del gas a temperatura TC ;il


coefficiente di cattura 0 risulta essere:

"

PS
0 = 1
P

TC
Tg

dove ( 1) `e denominato coefficiente di condensazione che per pressioni P > 10PS risulta essere coincidente con 0 . Sperimentalmente si osserva
che 0 ' 0.5 1.

68

3.3 Connessioni con la tecnologia del vuoto

69

3. Fenomeni di interazione gas-solido


3.3.3 Pompe criogeniche a condensazione
Funzionano sfruttando superfici metalliche dette Criopannelli che vengono
portate a bassissima temperatura tramite refrigeranti liquidi. I pi`
u utilizzati
risultano essere azoto, idrogeno ed elio che a pressione atmosferica si presentano liquidi a temperature di: T = liq(N2 ) = 77.3K, T = liq(H2 ) = 20.4K e
T = liq(He) = 4.2K . Sulla superficie raffreddata avviene la condensazione
dei gas presenti in camera se la loro pressione `e maggiore della tensione di
vapore del condensato alla temperatura del criopannello.

La criopompa `e un esempio di pompa ad accumulo. Se il criopannello


`e raffreddato a T = 20K condensano tutti i gas escluso N e, He, H2 . La
pressione parziale dei gas condensati eguaglia la pressione di vapor saturo a
T = 20K e quindi risulta essere inferiore a 1014 atm = 109 P a = 1011 mbar.
In un sistema da vuoto con criopannello a 20K il vuoto residuo `e composto da
N e, He e H2 .
Se il criopannello `e raffreddato a T = 4.2K condensa anche il Ne e la
sua pressione parziale `e inferiore a 1014 atm. Nel sistema da vuoto con
criopannello a 4.1K il vuoto residuo `e composto da H2 e He. Il contributo prevalentemente `e dato da H2 la cui pressione di vapore risulta essere
H2
Pvap
(4.2K) = 4 105 P a.

3.3.4

Criotrapping

La superficie `e mantenuta ad una certa temperatura e i due gas avanzati dal


criopannello interagiscono con essa.

70

3.3 Connessioni con la tecnologia del vuoto


Il principio di funzionamento del criotrapping consiste in un crio-assorbimento
di gas con alta pressione di vapore (H2 , He) in presenza di gas carrier facilmente condensabili (ed esempio lAr) sulla superficie monostrato a quella
temperatura.

71

3. Fenomeni di interazione gas-solido

72

Capitolo 4
Ionizzazione dei gas
Gli atomi delle molecole neutre in particolari condizioni possono acquistare
o perdere uno o pi`
u elettroni diventando cos` rispettivamente ioni negativi o
positivi.
A + Ei A+ + e
Dove Ei rappresenta lenergia di ionizzazione.
A + e A + Eaf f
Dove Eaf f rappresenta lenergia di affinit`a elettronica. Ricordando che
1eV = 23.06kcal/mol, RT = 0.59kcal/mol dove R = 1.98 103 kcal/(mol K)
particella EiI [eV ] EiII [eV ] EiIII [eV ]
H
13.595
H2
15.427
N
14.53
29.59
47.43
N2
15.576
O
13.61
35.11
54.89
O2
12.06
CO
14.01
CO2
13.77
Na
5.14
K
4.34
Hg
10.43
Dove con EiI , EiII e EiIII indichiamo rispettivamente lenergia di
prima,seconda e terza ionizzazione.
particella Ediss [eV ]
particella Eaf f [eV ]
Be
C
Cl
F
O2

3.36
1.12
3.61
3.45
0.45

H2
H2 O
HCl
CO
N2
O2
73

4.48
4.05
4.43
11.04
9.75
5.11

4. Ionizzazione dei gas


Dove Ediss indica lenergia di dissociazione.
I processi di ionizzazione si distinguono in base alla maniera con cui lenergia viene apportata alla molecola:
urto elettrone-molecola neutra
urto ione-molecola neutra
urto neutra-neutra
assorbimento di radiazione elettromagnetica
urto molecola neutra-parete calda
Per la fisica e tecnologia del vuoto il processo pi`
u importante `e quello di
urto molecola neutra-elettrone. A seguito di questo urto possono avvenire vari
effetti:
urto elastico, piccola perdita di energia dellelettrone senza cambiamento
dello stato quantico dellatomo colpito

urto anelastico con cambiamento dello stato quantico dellatomo (eccitazione)

urto anelastico con dissociazione della molecola urtata.

74

urto anelastico con ionizzazione della molecola urtata

La ionizzazione della molecola urtata avviene se (condizione necessaria ma non


sufficiente):
1
me ve2 > Ei
2
Se tale condizione non `e verificata pu`o aver luogo leccitazione della molecola
urtata. Il suo ritorno allo stato fondamentale `e accompagnato dallemissione
di radiazione elettromagnetica (fotoni) di frequenza = W/h in cui W
`e la differenza di energia fra lo stato fondamentale ed eccitato, h = 6.63
1034 m2 kg/s ([J s]) = 4.14 1015 eV s `e la Costante di Planck.
 di ionizzazione risulta essere:
La probabilita
=

coppie e A+
# urti seguiti da ionizzazione
=
# urti totali
# urti totali

Dalla probabilit`a di ionizzazione si ricava il Coefficiente di ionizzazione


specifico:
i
[m1 P a1 ]
i =
e P
Il coefficiente di ionizzazione specifico ha il significato del numero di coppie
e A+ prodotto per percorso unitario (infatti si divide per il libero cammino
medio dellelettrone e ) e pressione unitaria.

Si nota che:
75

4. Ionizzazione dei gas


la probabilit`a di ionizzazione, fissata lenergia dellelettrone, dipende
dalla natura della molecola
per tutte le specie, il massimo della probabilit`a di ionizzazione si fra 70
e 120eV
Nellintervallo di pressione 1mP a 0.1P a la corrente di scarica `e proporzionale alla pressione, fissata la tensione Va .

Con opportuna geometria del sistema anodo-catodo e di campo elettrico e


magnetico (E B) si possono ottenere relazioni del tipo:
I+ = k P m ;

m = 1 1.4

Tali relazioni hanno validit`a fino a pressioni 107 P a.


Si noti che la presenza di contaminanti nel gas (N e) anche in piccola concentrazione (0.0005%Ar) cambia fortemente il potenziale di scarica.
In condizioni di scarica la conducibilit`a elettrica di un gas diviene molto
alta e quindi conducibilit`a facilmente misurabili.

Caduta di potenziale fra anodo e catodo


A basse pressioni (P < 1 10P a) la scarica elettrica pu`o essere mantenuta
solo in presenza di un campo magnetico non parallelo (normale!) al campo
elettrico. La presenza di questo campo aumenta la lunghezza del cammino
76

dellelettrone dal catodo allanodo aumentando la probabilit`a di generare per


impatto con una molecola gassosa un altro elettrone.
Curva I-V tubo al neon alla pressione P = 1T orr. 2 elettrodi a disco (diamentro =2cm a distanza di L = 50cm).

Potenziale di scarica: differenza di potenziale fra i due elettrodi che


determina la scarica ad una determinata pressione P del gas a distanza L fra
gli elettrodi. Dipende dalla natura del gas.

Valgono le seguenti propriet`a:


A pressioni molto basse (P < 10P a) la corrente tende ad annullarsi. Il
vuoto `e un isolate elettrico perfetto
77

4. Ionizzazione dei gas


Se il campo elettrico (differenza di potenziale) fra anodo e catodo `e sufficientemente intenso allora gli elettroni prodotti dalla radioattivit`a naturale (primari) e quelli derivati dai processi di ionizzazione (secondari)
acquistano energia sufficiente a produrre successivi eventi di ionizzazione
Processo di ionizzazione a catena autosostenuto scarica
elettrica
Nel processo di scarica una parte degli elettroni (sia primari che secondari) non ionizza ma eccita le molecole con cui collidono Emissione di
radiazione anche visibile fenomeni luminosi intensi
Abbiamo tre tipi di scarica possibili:
1. Scarica oscura:ISO < 107 A, VSO fino a 104 105 V , radiazione
emessa trascurabile
2. Scarica a bagliore:ISB < 106 101 101 A, VSB dipende da P
ed L ma comunque VSB < VSO , radiazione emessa intensa
3. Scarica ad arco:ISA > 101 A, VSA 10 100V , radiazione visibile
intensa e Tgas 103 105 K

4.1

Conducibilit`
a elettrica nei gas

Tubo a scarica

78

4.1 Conducibilit`a elettrica nei gas


Pompa da vuoto e sistema immissione dei gas, P pressione gas nel tubo, L
distanza fra anodo e catodo.
Radiazione naturale: raggi ultravioletti, raggi , particelle X, particelle , . . .
Molecole gassose colpite da questa radiazione possono essere ionizzate causando la presenza nel gas di ioni ed elettroni liberi. Se nel gas non immersi
due elettrodi a potenziale differente, ioni positivi ed elettroni si muovono in
direzioni opposte:
ioni positivi (cationi)Catodo (polo negativo)
elettroni (anioni)Anodo (polo positivo)
Questo spostamento provoca il passaggio nel gas di corrente elettrica. Quando un elettrone urta una molecola pu`o avere energia sufficiente a rompere
qualche legame interatomico e quindi dissociare la molecola stessa. I prodotti
di dissociazioni (frammenti) possono essere a loro volta ionizzati: Ioni di
Frammentazione.
I vari tipi di ioni di frammentazione prodotti da una stessa molecola per effetto
del bombardamento di elettroni di una determinata energia viene denominato
Cracking Pattern.

79

4. Ionizzazione dei gas

80

Capitolo 5
Interazione superfici-particelle
cariche
5.1

Interazione elettroni-superfici

Nei sistemi da vuoto le superfici sono costantemente o saltuariamente sottoposte a bombardamento elettronico.
I processi che si verificano dipendono da:
energia degli elettroni
natura della superficie
natura dei gas adsorbiti
Tali processi sono:
1. riflessione elastica o anelastica
2. emissione elettroni secondari
3. emissione radiazione elettromagnetica
4. riscaldamento del solido
5. desorbimento specie adsorbite
6. dissociazione molecole adsorbite
7. emissione di ioni
81

5. Interazione superfici-particelle cariche

Urto elettrone-atomi del solido cui segue la decelerazione dellelettrone con

emissione di onde elettromagnetiche

dove:
> 0.2nm raggi X molli ;

< 0.2nm raggi X duri

hc
con h = 6.631034 m2 kgs1 , c = 3108 m/s, E : energia elettrone = eV
E
I raggi X caratteristici vengono emessi se gli elettroni incidenti hanno energia superiore ad un livello minimo caratteristico di ogni elemento, tipicamente
1keV . I raggi X dello spettro continuo (bremsstrahlung) sono emessi
anche a seguito di bombardamento di una superficie con elettrone a bassa energia (raggi X molli).
0 =

82

5.1 Interazione elettroni-superfici


Urto elettrone-molecole adsorbite cui segue il desorbimento della molecola (dissociazione delle molecole, instaurazione di ioni molecolari).
Tale processo ha influenza sul livello di vuoto di un sistema poiche fa variare:
pressione in camera
composizione del gas residuo

me
m
dove Ei indica lenergia di attivazione, me massa dellelettrone e m massa della
molecole
molecola. Quindi se Ei = 1keV EM
' 2eV
AX
Siccome lenergia di assorbimento delle molecole, nel caso di adsorbimento
chimico, variano da 1eV ad 8eV .
molecola
EM
= 4Ei
AX

1. il processo di desorbimento indotto da bombardamento elettronico richiede


elettroni con energia dellordine o superiore a 1eV (Electron Impact
Desorption) per molecole desorbite
2. molecole fisisorbite possono essere rilasciate a seguito di bombardamento
con elettroni meno energetici
Caratteristiche del processo EID:
`e specifico della specie adsorbita (alcune specie non possono essere desorbite)
esiste unenergia di soglia ES : se lelettrone ha energia inferiore la specie
non viene desorbita; ES `e specifico di ogni specie
solo una parte su cento (1%) della specie desorbita `e carica
Vale la relazione:

J
dN
=N Q
dt
e
dove N rappresenta la densit`a di molecole adsorbite ad un dato istante suscettibili
al desorbimento, J la densit`a di corrente elettronica, Q la sezione durto di
desorbimento che:
Q = 1017 1020 cm2 per molecole neutre
Q = Q+ = 1018 1021 cm2 per ioni molecolari
83

5. Interazione superfici-particelle cariche

5.2

Interazione ioni-superfici

In un sistema da vuoto in cui vi `e linterazione fra ioni energetici e superfici. I


fenomeni che si verificano sono :
riflessione degli ioni
emissione di elettroni
emissione di ioni secondari
penetrazione nel solido e cattura
polverizzazione della superficie (Sputtering)

Dato uno ione incidente, dopo urto con atomi del solido si verifica perdita
di energia e lo ione si arresta, ovvero risulta intrappolato sotto la superficie
del solido. La profondit`a di penetrazione dipende dalla natura dello ione e del
solido e dallenergia E0 dello ione.

84

5.2 Interazione ioni-superfici

Lo ione catturato pu`o tornare alla superficie del solido ed essere desorbito
a seguito di:
1. processi di diffusione
2. polverizzazione degli strati atomici sovrastanti
3. urto diretto fra lo ione catturato e ione incidente
Come conseguenza di tale fenomeno abbiamo che la concentrazione degli
ioni catturati presenta un valore di saturazione che dipende dalle condizioni
fisiche in gioco (temperatura, natura della superficie e dello ione, energia dello
ione, . . . ).

Numero di ioni Ar catturati in funzione del numero di ioni Ar incidenti per


unit`a di area a varie energie. Quando = 1 tutti gli ioni incidenti sono stati
catturati. Materiale: tungsteno. Il numero di Ar+ catturati `e stato valutando
scaldando il solido a 2400K (dopo il processo di bombardamento) e valutando
il numero di atomi Ar desorbiti.
Uno ione incidente su una superficie che causa sputtering e successiva estrazione di atomi con efficienza che dipende dal sistema ione-superficie e dallenergia dello ione. Gli atomi estratti si allontanano dalla superficie con una
certa energia che dipende da quella dello ione incidente e dalla natura della
85

5. Interazione superfici-particelle cariche


superficie. Il processo avviene se lo ione ha un energia minima (Energia di
soglia) 10 50eV .

Efficienza di sputtering per ioni Ar incidenti ad energia diversa su varie


superfici. Fascio incidente normalmente alla superficie.

Efficienza di sputtering da parte di ioni differenti su una superficie di argento. Fascio incidente normalmente alla superficie.
Vale la relazione:

vP = SP

m
NA

J+
e

[g s1 cm2 ]

dove m rappresenta il peso molecolare dellatomo della superficie bombardata,


NA il numero di Avogadro, SP la resa di sputtering e J + `e la corrente ionica.
86

5.2 Interazione ioni-superfici


+

Tabella contenente i valori di uno ione Ar incidente con vari materiali


solido velocit`a di asportazione (m/h)
Si
2
SiO2
2.3
Al2 O3
0.8
E0 = 1keV ; J + = 0.85mA/cm2
Ag
18
12
Au
2.6
Al
Fe
1.9
1.8
Nb
Si noti che la velocit`a di polverizzazione dipende anche da:
angolo che il fascio ionico incidente forma con la superficie
faccia cristallina del materiale bombardato

SPM AX = SP ( = 60 70 ) ; SPM AX = (2 10)SP ( = 0 )


Ione incidente che causa emissione di elettroni (elettroni secondari)
=

#elettroni secondari emessi


#ioni incidenti

dove indica lefficienza di estrazione.

87

5. Interazione superfici-particelle cariche


Efficienza di estrazione di elettroni secondari da parte di ioni Ar+ incidenti su superfici solide diverse. dipende dalla faccia cristallina del solido
bombardato.
Si possono misurare correnti ioniche attraverso le particelle cariche colpiscono un elettrodo. Lemissione di elettroni secondari `e un fenomeno rilevante
poiche un elettrone che lascia la superficie di un collettore (elettrodo che raccoglie gli ioni carichi positivamente) `e equivalentemente, dal punto di vista della corrente elettrica, ad uno ione positivo incidente. Misure accurate richiedono
la conoscenza del parametro .

5.3

Interazione superfici-fotoni

Ci sono due effetti rilevanti dellinterazione superfici-fotoni per la fisica del


vuoto:
1. Effetto Fotoelettrico, ovvero rilascio di elettroni
2. Desorbimento/decomposizione di molecole adsorbite

5.3.1

Effetto fotoelettrico

Avviene se lenergia del fotone supera una certa soglia critica detta Funzione lavoro del materiale.
4eV M AX ' 3100
A = 31nm ;
=

Si nota che:
88

h =

12.4 103
[eV ]
(
A)

# elettroni emessi
: rendimento fotoelettrico
# fotoni incidenti

5.3 Interazione superfici-fotoni


il massimo di rendimento fotoelettrico si ha per energie del fotone
15 20eV
il rendimento fotoelettrico dipende fortemente dal grado di pulizia della
superficie
per energie del fotone da 2 a 7 eV (visibile ed UV) i metalli hanno
103
Questo effetto `e importante nel campo del vuoto (ed ultra-alto vuoto in particolare): fotoelettroni emessi da un collettore di ioni sono equivalenti infatti
dallarrivo di ioni positivi. La misura di corrente risulta quindi falsata!

5.3.2

Desorbimento di molecole adsorbite

Leffetto del fotodesorbimento negli apparati da vuoto standard (da laboratorio) `e di importanza trascurabile rispetto alleffetto del desorbimento termico.
In:
Bassovuoto (P 103 mbar) si ha il fotodesorbimento di CO da Ni, H2 O
da Cd e Zn, O2 da ZnO
UHV si ha fotodesorbimento di CO da Ni, CO da vetro pyrex, CO da W

89

5. Interazione superfici-particelle cariche

90

Capitolo 6
Pompe
6.1

Classificazione delle pompe

In generale `e possibile distinguere due grandi categorie di pompa da vuoto:


1. pompe che aspirano gas dal sistema da vuotare e lo trasferiscono allesterno del sistema stesso: pompe rotative, a diffusione di olio o mercurio,
pompe turbomolecolari ecc.
2. pompe che accumulano in se stesse il gas presente nel sistema, attraverso opportuni sistemi di fissazione: pompe getter, pompe ione- getter,
criogeniche
I vari tipi di pompe sono talora distinte anche in relazione al loro pi`
u
specifico principio di funzionamento:
pompe meccaniche (con parti meccaniche in movimento)
pompe a fluido motore (il gas viene eliminato grazie al moto o allazione
di determinati fluidi)
pompe getter (il pompaggio avviene per desorbimento chimico o fisico
del gas e per cattura di ioni)
pompe criogeniche (si ha adsorbimento o condensazione del gas su superfici raffreddate a temperature uguali o minori dellN2 liquido, e in genere
dellH2 o He liquido)

6.2

Parametri caratterizzanti

` la misura della quantit`a di gas che la


 di pompaggio E
Velocita
` esprespompa riesce ad aspirare dallingresso nellunit`a di tempo. E
sa in m3 /s, ad una determinata pressione allimboccatura della pompa
(talvolta `e espressa in L/s e anche L/min e m3 /h).
91

6. Pompe
Portata `e la velocit`a moltiplicata per la pressione del gas allingresso,`e
misurata in P a m3 /s( ma anche in T orr l/s. La velocit`a di pompaggio
e la portata di una pompa possono essere anche fortemente dipendenti
dalla natura del gas che viene pompato, cio`e le pompe possono essere
selettive.
Pressione limite, la minima pressione raggiungibile allimbocco della
pompa
Rapporto di compressione
Pressione di scarico
Presenza di olio

6.3
6.3.1

Pompe meccaniche
Pompa rotativa a palette

Questo tipo di pompa `e costituito da un corpo cilindrico nel quale un rotore


eccentrico gira nel senso indicato dalla freccia. In una scanalatura diametrale del rotore sono collegate due palette spinte contro le pareti del corpo
cilindrico da una molla. Durante la rotazione, ottenuta mediante un motore
elettrico, queste palette scorrono lungo la parete del corpo cilindrico della pompa, comprimendo in tal modo il gas che entra attraverso lapertura, connessa
al recipiente da vuotare, ed espellendolo poi attraverso la valvola di scarico.
Questa valvola `e immersa nellolio che serve sia a sigillare la valvola stessa sia
92

6.3 Pompe meccaniche


a lubrificare e a fare tenuta evitando che il gas compresso sfugga, attraverso
il contatto palette-parete, dalla zona dove il gas `e compresso a quella a bassa
pressione collegata al sistema da vuoto.
Velocit`a di pompaggio: fino a 50m3 /h

6.3.2

Pompa rotativa a pistone rotante

Lalbero di rotazione del rotore `e coassiale rispetto alla cavit`a cilindrica mentre
il corpo del rotore (camma) `e eccentrico rispetto allalbero.
1. Un pistone cavo trascinato dalla camma eccentrica pone in comunicazione il recipiente da evacuare con la cavit`a cilindrica.
2. La camma nella sua rotazione fa si che il pistone scorra con moto alternativo nella guida (oscillante nella sua sede) e metta alternativamente la
camera di compressione in comunicazione con il recipiente da evacuare
oppure la isoli.
3. Il rotore durante il suo moto comprime i gas fino ad espellerli nellatmosfera attraverso la valvola di scarico.
Le pompe a pistone rotante per le loro caratteristiche costruttive sono pi`
u adatte delle pompe a palette per le grandi portate volumiche (S = 50500m3 /h)
93

6. Pompe
6.3.3 Pompa trocoidale

E una pompa meccanica volumetrica in cui il pistone rotante ha la forma di


ipotrocoide.

6.3.4

Problemi pompe rotative

La pressione limite ottenibile dipende essenzialmente da:


Necessit`a di avere elevatissimi rapporti di compressione (105 ) per scaricare il gas nellatmosfera esterna
problemi di tenuta tra palette o pistone e parete della camera in cui
avviene la compressione
la tensione di vapore dellolio
la decomposizione dellolio in composti pi`
u volatili
la perfetta lubrificazione delle parti meccaniche
la condensazione dei vapori con conseguente impossibilit`a, o grande difficolt`a, a eliminarli dal sistema da vuoto.
Gli oli che si utilizzano hanno di solito tensione di vapore di circa 103 Pa o
meno e sono praticamente inerti nei confronti dei principali gas da pompare.
94

6.3.5

6.3 Pompe meccaniche


Pompa rotativa: zavorra daria

Per eliminare il problema della condensazione dei vapori durante la compressione, si ricorre di solito ad un dispositivo detto zavorra daria. Talvolta
sono utilizzate anche trappole ad allumina e a zeoliti disposte tra la pompa e
il sistema da vuotare. Questo sistema consiste in una valvola ( gas ballast)
che permette limmissione nella camera della pompa, prima che inizi la fase
di compressione, di una quantit`a daria esattamente dosata in modo tale da
ridurre sensibilmente il rapporto di compressione (per es. ad un massimo di
10:1). Perdita di efficienza della pompa.
95

6. Pompe
6.3.6 Pompa a membrana

Sfrutta la flessibilit`a di un diaframma mosso da un pistone che, con un


gioco di valvole di ingresso e scarico, genera una compressione e una
aspirazione intermittenti.

Pressione limite: 100 Pa a uno stadio, 10 Pa a 4 stadi

Portata non elevata

NO olio
96

6.3 Pompe meccaniche


6.3.7

Pompa Scroll

Sfrutta la compressione via via crescente che un volume daria subisce per
riduzione progressiva del condotto a spirale ottenuto da due chiocciole accoppiate. Una delle due chiocciole, lo statore, `e ferma, mentre laltra, il rotore,
opera un movimento rototraslatorio di 5 mm per ciclo. La pressione raggiunta
da una pompa scroll `e inferiore a 1 Pa.

6.3.8

Pompa Roots

Opera normalmente in combinazione con pompe preliminari, per es. del tipo
rotativo E costituita da due rotori a forma approssimativa di otto, rotanti
in senso opposto in una camera connessa da una parte al sistema da vuoto e
dallaltra alla pompa preliminare. I rotori non si toccano tra di loro, ne toccano
le pareti della camera: il gioco tra i rotori e la parete e di alcuni decimi di
millimetro o meno. Nella pompa Roots la pressione limite dellordine di 103
Pa e minori, ha portate molto elevate, il movimento dei rotori avviene senza
attrito e senza necessit`a di lubrificazione
97

6. Pompe
6.3.9 Pompa Turbomolecolare
Le molecole dei gas sono trascinate verso la bocca di evacuazione da un sistema
di palette (pompa turbomolecolare) posti in rapida rotazione. Nelle pompe turbomolecolari lazione di trascinamento sulle molecole dei gas `e esercitata da
un sistema di palette opportunamente distanziate ed inclinate (rispetto alla
direzione di moto) e poste in rapida rotazione allinterno di uno statore cilindrico. Per il loro funzionamento `e necessario disporre di una pompa meccanica
primaria che mantenga una pressione di 101 Pa nella regione a pressione pi`
u
7
elevata. Si ottengono cos` pressioni finali dellordine di 10 Pa e la velocit`a di
pompaggio presenta un andamento praticamente costante in tutto lintervallo
operativo.

Necessario disporre di una pompa primaria per il prevuoto e per lo scarico


della pompa.
Esistono modelli a levitazione magnetica o a cuscinetti ceramici per
applicazioni oil free
Pompano male i gas leggeri

6.4

Pompe a a fluido motore

Nelle pompe a fluido motore, come la stessa denominazione lascia intendere, `e


sempre presente un fluido (vapore o liquido) che, nel suo rapido movimento in
98

6.4 Pompe a a fluido motore


una data direzione, trascina con se le molecole del gas da pompare scaricandole nellatmosfera esterna oppure comprimendole verso una zona dalla quale
vengono pompate attraverso una pompa preliminare.

6.4.1

Pompa a diffusione

Nelle pompe a diffusione si utilizza un getto di molecole ad alta velocit`a di un


vapore che ha la funzione di trasferire per urto quantit`a di moto alle molecole
del gas da evacuare in direzione della bocca di pompaggio. Nelle prime pompe
si utilizzavano vapori di mercurio, nelle pompe attuali si utilizzano oli speciali
con bassa tensione di vapore a temperatura ambiente (5 107 108 P a).
Pompano bene i gas leggeri
Presenza di fluido ad alta temperatura che pu`o rifluire nella camera da
vuoto
Necessario disporre di una pompa primaria per il prevuoto e per lo scarico
della pompa.
Necessario circuito di raffreddamento
Le molecole di vapore, provenienti dal liquido in ebollizione localizzato alla
base della pompa, passando attraverso una strozzatura anulare (a forma di
99

6. Pompe
becco), acquistano velocit`a di alcune centinaia di m/s dirette verso il basso,
dove si trova la bocca di aspirazione connessa alla pompa meccanica che assicura il pre-vuoto, e verso la parete fredda della pompa. Le molecole del gas
che arrivano alla bocca della pompa a diffusione vengono trascinate nel getto
di vapore ed acquistano una quantit`a di moto diretta verso il basso. Quando le
molecole di vapore del getto incidono sulla parete fredda vengono condensate
e ritornano sotto forma di liquido nel bagno che sta alla base della pompa,
assicurando la continuit`a del meccanismo di pompaggio.

6.5

Pompe criogeniche

Le pompe criogeniche per il loro funzionamento utilizzano le bassissime temperature raggiunte mediante luso di opportuni refrigeranti tra i quali principalmente lazoto, il neon, lidrogeno, lelio e lossigeno liquidi. In esse il gas da
pompare viene condensato su opportune superfici fredde e il vuoto ottenibile
dipende dalla tensione di vapore dei gas condensati alla temperatura usata.
In alcune pompe criogeniche si utilizza lazoto liquido per realizzare ladsorbimento, essenzialmente fisico, dei gas su superfici di adsorbenti ad elevata
superficie specifica: pompe ad adsorbimento.

6.6

Pompa getter

La pompa `e costituita da una camera contenente un filamento (di Ti o sue


leghe) che viene riscaldato per passaggio di corrente. Il filamento evapora e
questi vapori vanno a condensarsi sulla superficie interna della camera della
100

6.7 Raccorderia
pompa, che viene raffreddata con acqua o alla temperatura dellazoto liquido. Le molecole dei gas attivi presenti nella camera urtano le pareti su cui `e
condensato un leggero strato di getter e vengono adsorbite chimicamente. Se
si usa Ti, la pompa getter realizza elevate velocit`a di pompaggio, soprattutto
per H2 che con il Ti forma una soluzione solida. A mano a mano che ladsorbimento procede sullo strato evaporato, altri atomi di getter vengono fatti
depositare sullo strato precedente, in modo che la superficie risulti continuamente rinnovata e pulita. Abbinato a pompaggio ionico si possono raggiungere
Pressioni limite di 108 109 P a
Materiali:
1. bario: la lega viene riscaldata fino a 800 900 C.
2. zirconio: se ben degasato adsorbe elevate quantit`a di O2 , N2 , CO e CO2
a 400 C.
3. tantalio: forma soluzioni solide con H2 e N2 e ossidi molto stabili con
O2 .
4. molibdeno: simile al T i ma richiede elevate temperature per levaporazione.
5. vanadio: non `e molto efficace nel pompaggio dellidrogeno.
6. titanio: anche il vapore acqueo `e adsorbito bene dal T i. Su superfici
adsorbenti di T i si pu`o formare CH4 per effetto della reazione di H2 e
H2 O con carbonio presente come impurezza.
7. niobio: la capacit`a di adsorbimento per H2 a 77K `e maggiore rispetto a
quella del titanio.

6.7
6.7.1

Raccorderia
Ermeticit`
a dei sistemi da vuoto

Perdita reali
Flusso di gas che fluisce dallatmosfera esterna verso linterno di un sistema da
vuoto. Sono dovute a:
1. Pori, piccoli fori o fessure nelle pareti o nelle zone di giunzione
2. Permeazione
3. Perdite persistenti
4. In un sistema isolato le perdite reali portano il sistema alla pressione
esterna (atmosferica)
101

6. Pompe
Perdita virtuali
Sviluppo di gas allinterno del sistema da vuoto
Sono dovute a:
1. presenza di sostanze a tensione di vapore non trascurabile
2. desorbimento di gas dalle superfici interne
3. Diffusione del gas occluso o disciolto nelle componenti del sistema da
vuoto
4. Perdite che diminuiscono di intensit`a nel tempo
5. La loro diminuzione pu`o essere accelerata da opportuni trattamenti termici
6. In un sistema isolato la pressione si stabilizza verso un valore di pressione
( es: tensione di vapore dellacqua o olio)
In conclusione:
Non `e praticamente possibile eliminare tutte le perdite reali
Non vi sono sistemi da vuoto a perfetta tenuta ma solo sistemi con perdite
accettabili
Il valore accettabile di una perdita reale dipende anche dallefficienza del
sistema di pompaggio
` un flusso quindi si misura in P a m3 /s
E

6.7.2

Giunzioni

Giunzioni permanenti Parti saldate tra loro mediante varie tecniche che
dipendono se la saldatura `e metallo-metallo, o metallo- vetro, o metallo-ceramica,
o vetro-ceramica.
Giunzioni smontabili Parti collegate tra loro mediante flange o ghiere che
premono su opportune guarnizioni Grande variet`a e forme a seconda delluso
e dei gradi di vuoto che si vogliono ottenere.Parti collegate tra loro mediante
flange o ghiere che premono su opportune guarnizioni Grande variet`a e forme
a seconda delluso e dei gradi di vuoto che si vogliono ottenere. Attenzione
allo stato delle guarnizione e alle superfici di contatto. Attenzione allo stato
delle guarnizione e alle superfici di contatto.
Giunti da vuoto in vetro

102

6.7 Raccorderia

Sistema per basso e medio vuoto


Parti tenute in posizione dalla pressione atmosferica
Giunzioni coniche in cui la tenuta `e realizzata mediante grasso da vuoto.
Giunti ISO KF

Guarnizione in elastomero (Viton, Teflon,...) tenute in sede da opportuni


anelli e compresse con opportune flange o ghiere tramite cravatte
Basso, medio e alto vuoto
Trattamenti termici fino a 200 C
103

6. Pompe
Diametri 10, 16, 25, 40, 50
ISO K dal diametro 10 al 630 con cravatte ( dette anche NV)
ISO F dal diametro 10 al 1000 con flange fisse

Giunti Conflat o CF

Guarnizione a forma di rondella, normalmente di rame di circa 2 mm di


spessore
Flange di compressione munite di coltello che incide la guarnizione
Serraggio tramite bulloni
Alto e ultra-alto vuoto
Trattamenti termici fino a 300 400 C
Valvole a sfera
104

6.7 Raccorderia

La tenuta `e fatta ruotando una sfera cava in una opportuna sede

Valvola per basso e medio vuoto

Utilizzo per isolare canalizzazione o pompe

Valvole a membrana

La chiusura `e effettuata mediante il movimento di una vite che agisce


sul diaframma in elastomero comprimendolo contro una sede opportuna dove
avviene la tenuta.
Valvole a soffietto
105

6. Pompe

R Lapertura `
La tenuta sul corpo e sullotturatore `e in Viton .
e comandata
da un volantino e il sistema isolato dal vuoto tramite il soffietto.
Valvole a farfalla

Un piatto sul cui bordo scanalato `e disposto un o-Ring in elastomero pu`o


essere fatto ruotare attorno a un diametro in modo da lasciare libera lapertura
o di chiuderla quando la guarnizione viene a trovarsi compressa contro una sede
opportuna.
Valvole gate
106

6.7 Raccorderia

Un disco munito di adatte guarnizioni si muove lungo unestensione laterale del corpo della valvola in un piano perpendicolare alla direzione di flusso
del gas. Valvole con questa struttura permettono di ottenere delle condutture
particolarmente elevate. Il movimento del disco pu`o essere regolato manualmente oppure mediante mezzi elettromagnetici o pneumatici. Le guarnizioni
usate possono essere completamente metalliche; se in combinazione con esse
si usa un meccanismo di trasmissione del moto al disco reso ermetico mediante un soffietto metallico, invece che con guarnizioni a elastomero, tali valvole
diventano adatte per sistemi a ultra-alto vuoto.
Valvola a spillo

Per la regolazione fine di un flusso di gas da una parte allaltra di un


sistema da vuoto sono state realizzate valvole specifiche normalmente basate
sullo spostamento micrometrico di un piccolo pistone a forma di spillo in una
opportuna apertura.
107

6. Pompe

6.8
6.8.1

Sensori
Sensori di pressione

Ricordando che le pressione che un gas esercita sulle pareti del recipiente che
lo contiene `e data dal rapporto tra la componente normale della forza che si
esercita su una superficie e larea della superficie stessa.La pressione risulta
essere:
proporzionale alla massa del gas
proporzionale alla temperatura/velocit`a
inversamente proporzionale al volume occupato
Unit`a di misura SI: Pascal (Pa) definito come la pressione ottenuta
applicando 1N su una superficie di un m2
Nelluso pratico sono utilizzati anche il mbar e il T orr
Pa

mbar

Torr

atm

Kg/cm2

1 Pa
1
102 750 105 986.9108 10.19 106
2
1mbar
10
1
750 103 986.9 106 10.19 104
1Torr
1.333 102 1.333
1
131.5 105 13.59 104
2
1atm
1013 10
1013
760
1
1.033
735.5
967.8 103
1
1 Kg/cm 980.6 102 980.6
Lintervallo di pressioni ottenibili in un sistema da vuoto `e cos` ampio (da
105 Pa a 1012 Pa) che non `e possibile utilizzare un solo strumento per coprirne
la misura.
Una prima classificazione dei vacuometri pu`o quella in diretti ed indiretti:
misuratori diretti: sono strumenti che danno una misura diretta e indipendente dalla natura del gas della componente normale della quantit`a di moto delle molecole su una superficie (Sono misuratori in cui la
pressione viene determinata come forza che agisce su una superficie)
misuratori indiretti: sono strumenti che legano la pressione a qualche
altra grandezza fisica del gas quale la ionizzazione o la conducibilit`a
termica; vanno opportunamente tarati
Una classificazione dei vacuometri in base al loro principio di funzionamento
pu`o essere:
Vacuometri di tipo meccanico: la forza esercitata dal gas `e utilizzata per
variare il livello di una colonna di liquido o per deformare una parete
sottile
108

6.8 Sensori
Vacuometri a conducibilit`a termica: la conducibilit`a termica del gas influenza la perdita di calore da un elemento riscaldato del misuratore
immerso nel gas
Vacuometri a viscosit`a: viene sfruttato lattrito tra un corpo ruotante o
oscillante e il gas per determinare la pressione
Vacuometri radiometrici: viene applicato un trasferimento di quantit`a
di moto attraverso il gas , da una superficie calda e una fredda in modo
che venga ad esercitarsi una forza.
Vacuometri a ionizzazione: si ionizzano le molecole del gas e si misura la
corrente ionica che giunge su un opportuno collettore
Vacuometri del tipo tubo a scarica: sono vacuometri a ionizzazione
ma in cui si utilizza una scarica elettrica nel gas per ionizzare lo stesso.

6.8.2

Tubo ad U

Sfruttando la legge:
P = gh
Il misuratore contiene mercurio:
= 13545.868kg/m3
Tensione di vapore 1.33 106 Pa
Densit`a elevata quindi misura in campo ristretto di pressione
Il mercurio `e tossico
109

6. Pompe
6.8.3 Manometri McLeod
1. Manometri McLeod

2. Manometro McLeod tipo Flosdorf

Range di misura: 10 103 mbar (103 101 P a)


Accuratezza: 10%
Utilizzo tipico: per tarare vacuometri di tipo indiretto
110

6.8 Sensori
Vantaggi: misura indipendente dal tipo di gas
Svantaggi: fragile, lento, complicato, non consente misure dinamiche,
contiene mercurio

6.8.4

Vacuometri Meccanici a diaframma

Lazione della pressione si esercita su una membrana elastica piana o corrugata che separa lambiente sotto vuoto da quello esterno; il movimento della
membrana viene opportunamente rilevato per via elettrica o meccanica.

6.8.5

Vacuometri Meccanici Bourdon

Consiste di un tubo chiuso a una estremit`a mentre laltra `e collegata al sistema da vuoto. Il tubo `e piegato ad arco e poiche lestremit`a aperta `e fissa,
un cambiamento di pressione produce un cambiamento della sua curvatura.
Attraverso un sistema di leve ed ingranaggi tale variazione di curvatura viene
trasmessa ad una scala graduata.
111

6. Pompe
Range di misura: 1000 1mbar
Accuratezza: 5 10%
Le sovrappressioni possono danneggiare lo strumento o alterarne stabilmente la taratura

6.8.6

Vacuometri Capacitivi

Di fronte al diaframma `e posto un elettrodo che costituisce, assieme al diaframma i piatti di un condensatore
Range di misura: 1000mbar 104 /105 mbar
Accuratezza: 0.1 1%
Utilizzo: Misure accurate ed indipendenti dal gas
Vantaggi: No parti calde o filamenti, Lineare nel range di lettura, Costruito con parti inerti ai gas.
Svantaggi: Sensibile alla temperatura Manometro differenziale
Se P2 `e molto inferiore a P1 allora la pressione letta `e la pressione assoluta

6.8.7

112

Vacuometri piezoresistivi o strain gauge

6.8 Sensori
Un piccolo volume pressurizzato a bassa pressione `e chiuso a tenuta da un
diaframma; su di esso `e depositato il materiale piezoresistivo che cambia le
sua propriet`a elettriche se sottoposto a deformazione
Range di misura: 2000mbar 1mbar
Accuratezza:1% del fondoscala
Svantaggi: richiedono frequenti calibrazioni

6.8.8

Vacuometro Pirani

Un filamento dissipa calore in funzione della pressione


113

6. Pompe
Misuro la variazione di resistenza del filamento dovuta alla variazione di
temperatura in funzione della pressione
Range di misura: 100 mbar a 103 mbar
Accuratezza: 15% < 100mbar
Strumento robusto
Risponde rapidamente
La lettura dipende dal gas
Tarato per Azoto

6.8.9

Vacuometro a termocoppia

Lelemento sensibile `e costituito da un filamento riscaldatore e da una


termocoppia che ne misura la temperatura.
Pi`
u compatto del Pirani
Meno sensibile del Pirani
Range di misura: 10 103 mbar
La misura dipende dal gas
114

6.8 Sensori
6.8.10

Vacuometro Spinning rotor

La pressione `e determinata misurando la riduzione di velocit`a angolare


di un piccolo rotore sferico sospeso nel vuoto.
Range di misura: 1 107 mbar
Accuratezza: 1%
La misura dipende dal gas
Viene usato per calibrare altre teste di misura e per la determinazione
di pressioni con grande accuratezza

6.8.11

Vacuometro a ionizzazione a catodo caldo

Funzionamento:
Un filamento riscaldato ( 1000 C) emette elettroni per effetto termoionico
115

6. Pompe
Gli elettroni ionizzano le molecole del gas

Gli ioni vengono accelerati e raccolti su un collettore

Il vacuometro `e tarato per lazoto; per gli altri gas si moltiplica la


pressione letta per un fattore di conversione (GCF)

Caratteristiche:

Range di misura: 5 104 mbar2 1010 mbar

Accuratezza: 50%

Ripetibilit`a: 5%

Filamento caldo: attenzione a non eccedere le pressioni di lavoro

La pressione letta dipende dal gas

116

6.8.12

6.8 Sensori
Vacuometro a ionizzazione a catodo freddo

Funzionamento:
Non c`e un filamento, ma viene innescata una scarica stabilendo una
differenza di potenziale di alcuni kV tra anodo e catodo
Gli elettroni, sotto leffetto del campo elettrico e magnetico percorrono
lunghe traiettorie a spirale aumentando la probabilit`a di ionizzazione
Gli ioni positivi vengono raccolti dal catodo e producono una corrente
proporzionale alla pressione.
Caratteristiche:
Range di misura: tra 102 mbar e 109 mbar
Accuratezza: 30%
Misuratore robusto
Presenza di un campo magnetico permanente
La pressione letta dipende dal gas
117

6. Pompe
6.8.13 Tabella riassuntiva range di misura di diversi tipi
di vacuometri

118

Parte II
Ottica

119

Capitolo 7
Ottica Geometrica
Lottica geometrica studia il funzionamento di numerosi strumenti ottici. Il
nome deriva dal fatto che tutte le deduzioni che si fanno vengono ricavate
tramite costruzioni geometriche.

Leggi fondamentali dell'ottica geometrica

1. in un mezzo omogeneo la luce si propaga lungo raggi rettilinei

2. quando due raggi si incrociano i loro cammini non si influenzano

3. leggi della riflessione

4. leggi della rifrazione

7.1

Riflessione e rifrazione della luce

Quando un raggio di luce incontra la superficie di separazione fra due mezzi


trasparenti (1) e (2) d`a luogo a due raggi distinti:

raggio riflesso

raggio rifratto (trasmesso)


121

7. Ottica Geometrica

raggio riflesso: rimane nel primo mezzo


raggio rifratto: penetra nel secondo mezzo
P: punto di incidenza del raggio incidente sulla superficie di separazione
Il Raggio riflesso giace nel piano individuato dal raggio incidente e
dalla normale alla superficie nel punto di incidenza P. Langolo di incidenza
`e uguale allangolo di riflessione . Langolo `e misurato rispetto alla normale
=(Legge della riflessione)
Il Raggio rifratto giace nello stesso piano e forma con la normale un
angolo
r diverso da quello di incidenza. In caso di incidenza normale entrambi
gli angoli sono nulli. Per ogni raggio monocromatico vale la relazione:
sen
= n12 :costante
senr
dove n12 rappresenta lindice di rifrazione del mezzo (2) rispetto al mezzo (1).
Lindice di rifrazione di un mezzo rispetto al vuoto si chiama indice di
rifrazione assoluta e si indica con n con un solo pedice. Ad esempio n1
rappresenta un generico indice di rifrazione del mezzo (1) rispetto al vuoto.
Valgono le seguenti relazioni:
1. n12 = n2 /n1 (n2 > n1 > r il raggio rifratto si avvicina alla normale)
2. n12 = 1/n21

Riflessione totale La rifrazione si verifica sempre se il mezzo da cui


proviene la luce (1) `e meno rifrangente dellaltro (2) (ovvero se n1 < n2 ). Nel
caso opposto si pu`o avere il fenomeno della riflessione totale. Se n2 < n1 :
senr =
122

n1
sen r > Il raggio rifratto si allontana dalla normale
n2

7.1 Riflessione e rifrazione della luce


La direzione di propagazione del raggio rifratto si allontana dalla normale
alla superficie di separazione.
Tale situazione presenta un caso limite ovvero quando aumentando , r raggiunge il valore /2. Tale situazione si ha per un angolo di incidenza limite
che indicheremo con l per cui si verifica:
senl n1 = n2 sen(/2) senl = n2 /n1 < 1

Per valori di > l non esistono valori reali di r il raggio rifratto non si
forma e il raggio incidente `e totalmente riflesso (Attenzione! aumentando
aumenta sin sinr dovrebbe essere maggiore di 1)

Figura 7.1: Situazione per <l

Figura 7.2: Situazione per =l

Figura 7.3: Situazione per >l


Definizione di angolo limite per riflessione totale
123

7. Ottica Geometrica

La fibra ottica `e una guida di luce fatta di un cilindro di materiale trasparente immerso in un mezzo di indice di rifrazione minore (generalmente sono di
diametro D ' 50m).

La lunghezza donda della luce visibile va dai valori della luce rossa =
620750nm(frequenza 400484T Hz) al violetto = 380450nm (frequenza
668 789T Hz).
Nella seguente tabella indichiamo i valori degli indici di rifrazione di alcuni
materiali
n1
materiale
n1
materiale
fluorite (CaF2 )
1.434
acqua (l)
vetro (SiO2 + impurezze) 1.46 1.96
alcool et.
1.544
H2 (l)
quarzo (SiO2 )
quarzo fuso
1.458
N2 (l)
ioduro di sodio (N aI)
1.775
vapor dacqua
diamante
2.419
H2 (g)
plexiglass
1.50
aria
Dispersione della luce in un mezzo trasparente:
sin i
n2
= n12 =
sin r
n1

124

1.333
1.361
1.110
1.205
1.00025
1.00013
1.00029

7.1 Riflessione e rifrazione della luce


Il parametro n12 assume valori diversi a seconda della lunghezza donda del
raggio incidente.

I colori del raggio policromatico vengono dispersi.

Lamina a facce piane e parallele

125

7. Ottica Geometrica
Si pu`o dimostrare che =
0
La luce incidente con angolo viene parzialmente riflessa, parzialmente trasmessa con angolo
allinterno del vetro e parzialmente trasmessa con angolo
0 uscendo nuovamente in aria dalla lamina opposta. Si hanno successive riflessioni
e rifrazioni con intensit`a via via decrescenti. Applicazioni in ottica:
attenuatori
beam-splitter (lamina semi-riflettente)

Lintensit`a del raggio luminoso incidente si divide in due parti uguali fra
raggio trasmesso e riflesso.

Prisma

Lastra di materiale trasparente a facce piane formanti un angolo detto apertura del prisma.
Consideriamo un prisma la cui sezione sia un triangolo isoscele ed avente
un angolo di apertura /2.

Il raggio AO incide normalmente sul cateto (=0) r=0, ovvero il raggio


rifratto `e il prolungamento di quello incidente.
Tale raggio incide sullipotenusa con un angolo /4 maggiore dellangolo limite
126

7.2 Diottro sferico


e si ha quindi riflessione totale: il raggio riflesso P O0 forma con la normale
allipotenusa un angolo di 45 .
Tale raggio incide normalmente in O sullaltro cateto e si ha quindi =0, r=0.
Si ha quindi che il raggio incidente AO `e deviato di 90 .

7.2

Diottro sferico

Coppia di mezzi trasparenti con indici di rifrazione assoluti n1 e n2 separati


fra loro tramite una superficie sferica.
Asse ottico: una qualunque retta passante per il centro di curvatura C.
Vertice: punto in cui lasse ottico interseca la superficie sferica (V).

Vediamo come viene modificato il cammino di un fascio di raggi luminosi


uscenti dal punto sorgente P nellattraversare il diottro.
Consideriamo la luce proveniente da sinistra (come nel disegno).
Convenzione sui segni per loggetto:
127

7. Ottica Geometrica
associamo un numero p al punto P
tale numero `e la distanza del punto P dal vertice V del diottro
p > 0 oggetto a sinistra del vertice, p < 0 oggetto a destra del vertice
Convenzione sui segni per limmagine:
associamo un numero q al punti Q
tale numero `e la distanza del punto Q dal vertice del diottro
q > 0 immagine a destra del vertice, q < 0 immagine a sinistra del vertice
Convenzione sui segni per il raggio di curvatura:
AC = R raggio di curvatura del diottro
R > 0 il centro di curvatura C si trova a destra del vertice V (Superficie
sferica convessa), R < 0 il centro di curvatura C si trova a sinistra
del vertice V (Superficie sferica concava)
Convenzione sui segni delle Distanze verticali:
oggetti: y > 0 se il punto `e sopra lasse ottico, y < 0 se il punto `e sotto
lasse ottico
immagini: y > 0 se il punto `e sotto lasse ottico, y < 0 se il punto `e sopra
lasse ottico

Convenzione segni su posizione oggetto (p) ed immagine (q).

Convenzione sui segni del raggio di curvatura.

128

7.2 Diottro sferico


Convenzione sui segni delle distanze dallasse ottico (y: oggetto; y: immagine)
Vogliamo ora trovare la relazione fra PV(p) e VQ (q).

e QAC.

Applichiamo il Teorema dei seni ai triangoli P AC


:
P AC

:
QAC

PC
PA
PC
sin i
CP
PA
=

=
sin
sin( i)
sin
sin i
sin
AP
QA
QC
QA
QC
sin
QA
=

=
sin( )
sin r
sin
sin r
sin r
QC

Ovvero:
p+A
sin i
=
sin
AP

sin
QA
=
sin r
qR

n2
p + R QA

=
n1
q R PA

Applichiamo adesso il Teorema di Carnot ai due triangoli:



1/2
AQ = (q R)2 + R2 2(q R)R cos( )

1/2
AP = (p + R)2 + R2 2(p + R)R cos
Sostituendo queste espressioni nellequazione precedente si ottiene il legame
fra q e p.
Si noti che in generale q non dipende solo dalla posizione di P (p) ma anche
dallangolo di incidenza (i): non tutti i raggi uscenti da P vanno a finire
nello stesso punto Q.
Se per`o langolo di incidenza `e piccolo vale lapprossimazione: AQ ' q
e AP ' p . Tale approssimazione si chiama Approssimazione di Raggi
Parassiali. Si ricava:
p+R q
n2
=

n1
qR p
Con alcuni semplici calcoli si ottiene lEquazione del diottro sferico
convesso in cui la luce passa da un mezzo con indice di rifrazione n1 minore
ad uno di indice di rifrazione n2 maggiore:
n1 n2
n2 n1
+
=
p
q
R
129

7. Ottica Geometrica
Inoltre il secondo membro dellequazione:
n2 n1
[m1 ]
R
prende il nome di Potere Diottrico o Diottria. Quando la relazione fra
p e q non dipende dallangolo di incidenza , si dice che il diottro `e Stigmatico

7.2.1

Definizione dei fuochi

(a) Quando loggetto `e posto a distanza p = , limmagine `e reale (si forma


a seguito di congiungimento di raggi luminosi reali) e si forma a distanza:


n2
f2
R
q = f2 =
R
=
n2 n1
n2
n2 n1
Il punto F2 a distanza f2 a destra del vertice V `e detto Fuoco Posteriore
del Diottro.
(b) Limmagine si forma allinfinito q = quando loggetto `e posto a distanza
f1 dal vertice nel punto F1 alla sua sinistra:


f1
R
n1
R
=
f1 = p(q = ) =
n2 n1
n1
n2 n1

Si dimostra che valgono le seguenti relazioni:


f1
f2
=
n1
n2

oppure
f1 f2
+
=1
p
q

130

f1
n1
=
f2
n2

7.2 Diottro sferico

f1 > 0, f2 > 0, p > f1 q > 0; Q: immagine reale


f1 > 0, f2 > 0, p < f1 q < 0; Q: immagine virtuale

7.2.2

Formazione dellimmagine

(a) Diottro convesso


' A0 B 0 C A0 B 0 /(q r) = AB/(p + r)
I triangoli ABC

m = A0 B 0 /AB =

qr
p+r

Ingrandimento immagine rovesciata


(b) Diottro concavo
131

7. Ottica Geometrica

n n0
n0 n
+
=
p
q
r
n, n0 > 0 ; n0 > n , r < 0; p > 0 q < 0

7.3

Lente sottile

Lente sferica : mezzo trasparente limitato da due facce sferiche. Si tratta


di due diottri aventi un mezzo in comune.
Asse ottico: retta che passa per i centri di curvatura di due diottri (`e unico).

Il raggio emesso da P verr`a rifratto dal primo diottro in P e dal secondo


in Q. Vogliamo determinare la posizione Q. Consideriamo raggi parassiali e
utilizziamo due volete la formula del diottro sferico. P: oggetto per il diottro
sferico (convesso) di raggio R1 ; P: immagine di P.
132

7.3 Lente sottile

n1 n2
n2 n1
+
=
p1
q1
R1

P: oggetto per il diottro di raggio R2 (diottro concavo); Q: immagine di


P.

n3 n2
n2 n3
+
=
p2
q2
R2
Vale di conseguenza una terza relazione:
p 2 = s q1 < 0
Limmagine del primo diottro `e loggetto del secondo.
Poniamo:
s=0 lente sottile
n1 = n3 , il primo ed il terzo mezzo sono uguali
Si ottiene:


1
1

R1 R2


n1 n1
1
1
+
= (n2 n1 )

p1
q2
R1 R2
Essendo V1 = V2 p1 = p , q2 = q.
Poniamo lEquazione del costruttore di lenti:


1
n2 n1 1
1
=

f
n1
R1 R2
1
= (n 1)
f

133

7. Ottica Geometrica
cui segue che la distanza focale:
f=

n1
R2 R1

n2 n1 R2 R1

(ricordando anche che 1/f `e il potere diottrico o diottria)


Si ottiene lEquazione delle lenti sottili o Formula dei punti coniugati:
1 1
1
= +
f
p q
dove per f > 0 abbiamo una Lente convergente e per f < 0 Lente
divergente.

7.3.1

Lente convergente (f > 0)

Consideriamo loggetto allinfinito (p = ). Limmagine si forma in F2 , fuoco


posteriore o secondo fuoco principale.

F2 V = f distanza focale
F1 , fuoco anteriore, punto in cui poniamo loggetto. p = f primo fuoco
principale.

Limmagine si forma allinfinito: q =


Vediamo come si forma limmagine.
134

7.3 Lente sottile

1. raggio parallelo allasse ottico che dopo la rifrazione attraverso la lente


passa attraverso il fuoco principale F2
2. raggio che passa attraverso il primo fuoco F1 e dopo essere rifratto dalla
lente esce parallelo allasse ottico.
3. raggio che passa attraverso il centro della lente e non risulta deviato
(rifratto).
QI immagine di OP:
reale: `e fatta da raggi luminosi reali
invertita: `e invertita rispetto a quella reale
ingrandita
Uno schermo posto nel punto Q normalmente allasse ottico ci farebbe vedere
limmagine netta delloggetto.
Si noti che 1/p < 1/f 1/q > 0 q > 0 immagine a destra del vertice.
Poniamo ora loggetto fra il fuoco ed il vertice della lente.

QI immagine di OP:
virtuale: limmagine `e formata dal prolungamento dei raggi reali
135

7. Ottica Geometrica
non invertita
ingrandita
Si noti che in questo caso 1/p > 1/f (infatti, p < f ).
Quindi 1/q < 0 q < 0 limmagine si forma a sinistra del fuoco.
Calcoliamo adesso lingrandimento di un oggetto da parte di una lente convergente.

: tan = hi /q da cui otteniamo che hi /ho =


OP V : tan = ho /p ; OIV
q/p
La formula di Ingrandimento (trasversale) lineare di una lente
risulta pertanto:
q
hi
=
M=
ho
p
dove M < 0 immagine reale ed invertita.
Ingrandimento longitudinale I

V F1 = V F2 = f
q
= I2
p
 

2
fp
dq
f
q=
q =
p =
p = I 2 p
pf
dp
pf
I =

136

7.3 Lente sottile


7.3.2

Lente divergente (f < 0)

Consideriamo loggetto posto allinfinito (p = ) q = f < 0 per cui


limmagine si forma nel punto focale a sinistra del vertice.

Vediamo come si forma limmagine di una lente divergente.

QI immagine di OP:
virtuale
non invertita
magnificata
Oggetto fra fuoco e vertice

137

7. Ottica Geometrica

QI immagine di OP:
virtuale
non invertita
magnificata

7.4
7.4.1

Strumenti ottici
Cannocchiale astronomico

1. Strumento ottico per osservare oggetti e sorgenti luminose lontane


2. Produce un forte ingrandimento angolare
3. Aspetti energetici: se la pupilla di uscita del cannocchiale `e minore di
quella centrata, tutta la potenza luminosa che fluisce nellobbiettivo viene
utilizzata per illuminare la retina.
4. A parit`a di ingrandimento maggiore `e il diametro dellobbiettivo (diaframma) maggiore `e lilluminazione dellimmagine sulla retina. Come
conseguenza si ha che guardando il cielo con un cannocchiale si vedono
pi`
u stelle che ad occhio nudo.

Il cannocchiale astronomico `e formato da due lenti otticamente centrate:


Obbiettivo e Oculare.

138

7.4 Strumenti ottici

Il secondo fuoco principale dellobbiettivo coincide con il primo fuoco principale delloculare.

Ingrandimento Oculare

Supponiamo di avere due sorgenti puntiformi ( esempio coppia di stelle). Locchio umano le vede sotto un angolo . Se `e troppo piccolo locchio non le
distingue e vede le stelle come ununica stella. Interponendo un cannocchiale
locchio vede le stelle sotto un angolo > il sistema di due stelle viene
risolto. Definiamo Ingrandimento angolare:
=

2 e O0 AF
1.
Consideriamo i triangolo OAF
2 tan = AF2 /fob ; O0 AF
1 tan = AF2 /foc
OAF
Raggi parassiali essendo le sorgenti allinfinito 0 tan ' da ci`o
risulta che:

fob
= =

foc
Esistono lenti allingrandimento alterabile di carattere:
139

7. Ottica Geometrica
1. tecnologico-costruttivo
2. fisico (ottica ondulatoria)

7.4.2

Lente di ingrandimento

Migliora la percezione della struttura di oggetti vicini.

Un occhio normale (Emmetrope) `e in grado di dare immagini nitide di


oggetti posti fra linfinito (Punto Remoto) ed il cosiddetto Punto prossimo che si trova generalmente a distanza di 25 cm ( dipende dallefficienza dei
muscoli ciliari).
La lente di ingrandimento `e una lente convergente con focale f minore della
distanza del punto prossimo ( f < d = 25 cm).
Ingrandimento virtuale (LenteOcchio Osservatore)
p: distanza oggetto-occhio . f =lImmagine virtuale osservata dallocchio appare ingrandita. (losservatore mantiene locchio in corrispondenza di
uno dei due fuochi).

tan = y/d
tan = y 0 /D ' y/p approssimando tan ' tan ' segue che:
=

(y 0 /D)
25cm
=
= d/p '

(y/d)
p

dove tale valore corrisponde ad una Visione distinta.


Si nota che questa relazione esprime un ingrandimento angolare e non da
informazioni sulla dimensione lineare dellimmagine. Lingrandimento visuale
140

7.4 Strumenti ottici


massimo si ha quando la distanza p delloggetto dalla lente `e tale per cui
limmagine si forma a distanza q = d ovvero sul punto prossimo.
1
1
25f
25
25 + f
25
1
+
= p=
; max
=
= 25
=1+

p d
f
25 + f
p
25f
f
Si noti che locchio umano osserva in maniera rilassata quando i raggi luminosi arrivano paralleli, ovvero la visione rilassata si verifica quando limmagine
si forma allinfinito. Questo avviene quando p ' f

In queste condizioni lingrandimento visuale risulta:


=

25
:Visione all'infinito
f

Esempio:
25
25
= 4 ;
relax
=
= 3

8.3
8.3
La dimensione lineare dellimmagine dipende dalla distanza fra locchio e la
lente
f = 8.3 cm

=1+
max

Vale che:
I=

L
a+f
=
;
h
f

L = (a + f ) = (a + f ) =

h
(a + f )
f

L aumenta allaumentare di h.
141

7. Ottica Geometrica
7.4.3 Microscopio composto

(limmagine si forma nel fuoco, visione all infinito ma rilassata)


Loggetto (di dimensione h) `e posto appena davanti al primo fuoco F1 dellobbiettivo di distanza focale fob . Lobbiettivo forma unimmagine reale Q
capovolta di altezza h0 . Il tiraggio s `e tale che limmagine Q cada nel fuoco anteriore Foc della lente oculare. Limmagine Q si trova ad una distanza
q = fob + s.
h ' fob tan , h0 = s tan , m =

s
h0
=
' 50 100
h
fob

Il tiraggio s `e scelto in modo che limmagine Q cada nel primo fuoco Foc
della lente oculare. Loculare si comporta come la lente di ingrandimento.
Nellocchio entrano raggi paralleli e si forma unimmagine allinfinito ( occhio
in visione rilassata). Chiamiamo con Mmicro l ingrandimento del microscopio
e con h00 laltezza complessiva dellimmagine.
h00 =

25 cm 0 25 cm s
h =

h
foc
foc
fob

dove il rapporto 25 cm/foc 5 10 `e lingrandimento trasversale


dell'obbiettivo e il rapporto s/fob `e lingrandimento angolare dell'oculare. Otteniamo , inoltre, che:
mmicro =

h00
25 cm s
=

= m m
h
foc
fob

Si arriva ad un ingrandimento 2000

7.4.4

Aberrazioni

Tutte le considerazioni fatte finora valgono solo in approssimazione parassiale


o approssimazione di Gauss. Alcune importanti propriet`a di tale approssimazione si possono cos` riassumere:
142

7.4 Strumenti ottici


astigmatismo (stigma = punto): i raggi provenienti da un oggetto puntiforme emergono dal sistema in modo che essi o i loro prolungamenti
convergono in un punto, detto immagine. I punti oggetto ed immagine
si dicono coniugati e giacciono in un piano con lasse ottico
aplanetismo: a raggi provenienti dai punti di un piano corrispondono
raggi emergenti che convergono a loro volta in punti situati in un piano;
se il primo piano e perpendicolare allasse ottico, anche il secondo lo e e
si dice che e coniugato al primo
ortoscopia: fissati due piani coniugati normali allasse, il rapporto tra le
distanze dallasse di due punti coniugati qualsiasi e costante. Questa propriet`a si ricava direttamente dalla relazione che definisce lingrandimento
trasversale.
Considerando i fasci di luce con raggi lontani dallasse ottico e incidenti rispetto ad esso, utilizzando luce non monocromatica le immagini che si ottengono
si discostano da quelle calcolate nellapprossimazione di raggi parassiali. Tale
fenomeno `e detto Aberrazione. Abbiamo differenti tipi di aberrazione.

1.Aberrazione cromatica
Lindice di rifrazione dipende dalla lunghezza donda e come conseguenza si
ha che con raggi di lunghezza donda differente cambia la distanza focale.

1
= (n 1)
f

1
1

R1 R2

Per cui essendo nrosso < nvioletto frosso > fvioletto . Una risoluzione a tale
problema consiste nellutilizzo di un doppietto acromatico.

2.Aberrazione sferica Presa una sorgente che illumina completamente


una lente si ottiene unapertura a cono di luce non trasversale e come conseguenza cade lapprossimazione di raggi parassiali.
143

7. Ottica Geometrica

I raggi trasmessi non focalizzano pi`


u nello stesso punto: i pi`
u incidenti
focalizzano in A, i meno incidenti focalizzano in B. Limmagine si sposta da A
a B. Sotto ad un certo angolo limmagine non si sposta pi`
u (poiche si ritorna
in condizione di approssimazione di raggi parassiali).
I raggi marginali sono i raggi pi`
u inclinati.
AB: aberrazione sferica longitudinale dipende dal diametro della pupilla che
 di Campo.
limita lapertura della lente
Profondita
Tagliando il fascio emergente con un piano normale allasse ottico si ottiene un
cerchio di luce in cui il raggio `e detto Aberrazione sferica Trasversale.
Fra A e B esiste un punto in cui questo raggio `e minimo. Il cerchio che
si va a formare `e detto di Minima confusione ( zona in cui i raggi sono
maggiormente concentrati).
Delle possibili soluzioni sono:
Diaframma ( minore quantit`a di energia luminosa)
Sistemi ottici composti

3.Coma

Sorgente puntiforme fuori da asse ottico. Sul piano immagine si forma un


fascio di forma di cometa con apice nel punto P0 , immagine parassiale della
144

7.4 Strumenti ottici


sorgente.
Il coma `e analogo allaberrazione di sfericit`a, ma riguarda oggetti puntiformi
posti al di fuori dellasse ottico. In questo caso limmagine non `e un disco,
ma ha una forma che ricorda quella di una cometa (donde il nome) in quanto
la simmetria circolare esistente nel caso di oggetto sullasse ottico viene a
mancare. Cosa accade quando lapprossimazione parassiale non `e sufficiente?

4.Astigmatismo

Riguarda come il coma immagini di sorgenti poste al di fuori dellasse e


concerne la formazione dellimmagine in direzione parallela allasse. Spostando lungo lasse uno schermo ortogonale allasse della lente si osserva che i raggi
emessi da un punto al di fuori dellasse ottico prima si concentrano nei punti
di un segmento verticale, poi stanno su un disco e successivamente nei punti di
un segmento orizzontale. Limmagine meglio definita `e quella a forma di disco.

5.Curvatura di campo
Un sistema ottico possiede piani coniugati solo in approssimazione di Gauss: a
145

7. Ottica Geometrica
punti oggetto giacenti su un piano non corrispondono in generale immagini che
stanno su un piano. Questo fenomeno e tanto pi`
u importante quanto pi`
u ci si
allontana dallasse ottico. La curvatura di campo causa perdita di definizione
ai bordi dellimmagine di un oggetto esteso.

6.Distorsioni
Lingrandimento e in generale funzione della distanza dallasse ottico: limmagine di un oggetto esteso risulta quindi distorta

7.5

Occhio umano

La dimensione apparente di un oggetto `e legata allangolo visuale che esso individua. Questo `e approssimativamente dato dal rapporto tra le dimensioni
lineari delloggetto e la distanza alla quale esso si trova dallocchio dellosserva` questo il motivo per cui uno stesso oggetto ci pare pi`
tore. E
u o meno grande
a seconda della sua distanza dal nostro occhio. Dunque avvicinando allocchio
un oggetto se ne aumenta la dimensione apparente. Tuttavia locchio umano `e
in grado di mettere a fuoco un oggetto solo se questo si trova ad una distanza
superiore al cosiddetto limite della visione distinta, che corrisponde allincirca
a 25 cm. Per questo motivo non `e possibile apprezzare i dettagli di un oggetto molto piccolo semplicemente aumentandone la dimensione apparente, ossia
avvicinandolo indefinitamente allocchio. Questo problema pu`o essere risolto
facendo uso di dispositivi ottici noti come microscopi.

Locchio umano `e compatibile con una lente positiva o convergente (cristallino) focalizza un fascio collimato parallelo allasse in un punto focale, a distanza
f dalla lente. Un oggetto viene messo a fuoco in modo capovolto e il cervello
`e in grado di raddrizzare limmagine.
Cornea: superficie diottrica sferica di raggio R1 = 8 mm
Umore acqueo: spessore s1 = 3.6 mm e indice di rifrazione n = 1.336
La cornea separa laria (n = 1) dallumore acqueo.
Cristallino: lente biconvessa di raggi R2 = 10 mm e R3 = 6 mm e di
indice di rifrazione n = 1.413
146

7.5 Occhio umano


Umore vitreo: spessore s2 = 17 mm e indice di rifrazione n2 = 1.336
Retina: sensore di raggi luminosi.
I raggi R2 e R3 del cristallino cambiano sotto contrazione dei muscoli ciliari a seconda della distanza delloggetto (Accomodamento) in modo che
limmagine si formi sulla retina.
Iride: delimita unapertura (Pupilla) di diametro variabile fra 8 e 2 mm a
seconda della quantit`a di luce che giunge allocchio.
Dimensione complessiva dellocchio 25 mm
Retina: ricezione dei segnali luminosi grazie ad elementi fotosensibili:
Coni ( cilindri di diametro 6 m)
Bastoncelli (cilindri di diametro 2 m)
I coni sono 6 7 milioni e sono sensibili alla luce. Sono disposti al centro della
retina ( Macula) di diametro 2.5 3 mm. I coni vengono suddivisi in rossi,
verdi e blu ( colori principali).
immagine
I bastoncelli sono circa 120 milioni, non sono sensibili al colore e sono disposti
su tutta la retina.
Ogni colore viene ottenuto come combinazione lineare dei tre colori principali
( tale fenomeno avviene con lattivazione di pi`
u o meno coni blu, rossi o verdi).
100 bastoncelli sono collegati ad un singolo neurone; 1 cono `e collegato ad un
singolo neurone. Il totale risulta essere di 10 milioni di neuroni attraverso il
Nervo Ottico.

La grandezza apparente di un oggetto `e determinata dalla grandezza dellimmagine sulla retina. Pi`
u grande `e limmagine maggiore `e il numero di coni
e bastoncelli stimolati ( maggiore informazione). Si ha una visione migliore
quando loggetto si trova nel punto prossimo (d 25 cm per locchio emmetrope).
y
y
tan = =
d
25
147

7. Ottica Geometrica
Gli strumenti ottici consentono di osservare loggetto sotto un angolo maggiore.

7.6

Microscopio ottico

La luce proveniente dalla lampada viene inviata, tramite il condensatore, sul


preparato. I raggi luminosi, emessi da questultimo, passando attraverso il sistema di lenti dellobiettivo, finiscono allinterno del tubo, nel cosiddetto piano
dellimmagine intermedia, dove formano un primo ingrandimento delloggetto
in esame. In generale, limmagine ingrandita `e capovolta e speculare rispetto
alloriginale. Limmagine intermedia viene ulteriormente ingrandita dalloculare che `e composto da due lenti di cui la pi`
u bassa, o lente di campo, pone
limmagine intermedia nel piano focale della lente superiore, o lente dellocchio,
148

7.7 Specchi
che funge da semplice lente di ingrandimento, permettendo la riproduzione sulla retina dellimmagine ingrandita del preparato.

7.7

Specchi

Gli specchi ottici sono superfici riflettenti per cui vale anche la legge
1
1 1
+ =
p q
f

p = AV , q = A0 V , f = OV = CV /2 e C rappresenta il centro di curvatura.


Esistono specchi piani in cui p = q

149

7. Ottica Geometrica

Q: immagine ( virtuale) di P

=r=
Esistono, inoltre, specchi sferici

1 1
1
+ =
p q
f
p = AV , q = DV , f = F V = CV /2 = R/2

150

Capitolo 8
Onde in mezzi elastici
Una perturbazione esercitata su una qualche grandezza fisica in una regione
limitata di spazio si propaga nello spazio circostante con modalit`a che dipendono da:
tipo di perturbazione
caratteristiche del mezzo che riempie lo spazio
Sasso lanciato in acqua perturbazione ondosa.
Grandezza che viene perturbata: posizione delle particelle di liquido attorno
alla loro posizione di equilibrio.
Si propaga Non la materia ma Il movimento della Materia.
La propagazione dellonda comporta trasferimento di energia ( cinetica e potenziale).

Lanello `e il luogo geometrico dei punti ( molecole) dotate ad ogni istante


della stessa velocit`a: tali punti si muovono in fase.
Tali luoghi geometrici sono detti Fronti d' Onda.

151

8. Onde in mezzi elastici

I punti A, A0 e A00 hanno la seguente caratteristica. le molecole qui presenti


si muovono tutte alla stessa velocit`a (convettiva). Tale velocit`a `e diretta
verso lasse y.
Stessa considerazione vale per i punti B, B 0 , B 00 e C, C 0 e C 00 e cos` via.
A, A0 e A00 : Fronte d'Onda

I vari fronti donda si allontanano dal centro alla stessa velocit`a: Velocita
di propagazione.
Identifichiamo due tipi di onde:

1. Onde Sferiche | si propagano in un mezzo isotropo dove non ci sono


ostacoli. I fronti donda sono sferici.

2. Onde Piane | la posizione del fronte donda `e assimilabile ad un


piano: accade quando londa `e lontana dal punto in cui `e stata generata.

Forma matematica

Onda Longitudinale | il moto delle particelle si sviluppa parallelamente


alla direzione di propagazione dellonda.
Onda trasversale | il moto delle particelle si sviluppa normalmente alla
direzione di propagazione dellonda.
: grandezza fisica per cui la perturbazione si propaga lungo lasse x
in un
mezzo elastico.

152

Ad ogni istante z la grandezza fisica dipende dalla coordinata x


Fissato il valore di x la grandezza in x varia in funzione del tempo
Come conseguenza si ha che:
= (x, t)
Inoltre vale che:
(x, t) = f (x vt)

+ onda regressiva
{ onda progressiva
Londa obbedisce ad unequazione del tipo:
1 2f
2f
= 2 2
x2
v t
Tale equazione `e detta Equazione di D'Alambert
153

8. Onde in mezzi elastici

8.1

Onde sinusoidali



2
(x.t) = A sin
(x vt)

A: ampiezza dellonda
: lunghezza donda ( periodo spaziale della perturbazione)
T = /v: periodo temporale dellonda
= 2/T : pulsazione dellonda
k = 2/: numero donda.
= vT

Pi`
u in generale:

2
(x vt) +
(t, x) = A sin

dove rappresenta la Fase iniziale dell'onda.


Principio di sovrapposizione

Se in un mezzo ondoso si propagano simultaneamente due propagazioni ondose


1 (x, t) e 2 (x, t) il risultato `e la propagazione di unonda (x, t):
(x, t) = 1 (x, t) + 2 (x, t)

8.2

Onde Meccaniche

Onde in una corda tesa

154

8.2 Onde Meccaniche

s(x, t) : spostamento rispetto alla posizione di equilibrio della corda nel


punto x rispetto al tempo t.
T : tensione che agisce ai due capi dellelemento di corda dl posto in x, x + dx.
ai due estremi dellelemento di corda.
, 0 : angoli formati da T con lasse x
0
Fx = T (cos cos )
;
Fy = T (sin 0 sin )
Per piccoli spostamenti vale che:
sin ' tan ' ; sin 0 ' tan 0 ' 0 ; cos ' cos 0 ' 1
Fx = 0 ; Fy = T (tan 0 tan ) = T

(tan )dx ; tan 0 = tan + (tan )dx


x
x

Fx = 0 ; F6 = 0 onda trasversale.
tan = s/x Fy = T ( 2 s/x2 )dx.
Indicando con la densit`a della corda e con S la superficie trasversale della
stessa risulta che la massa infinitesima di un pezzo di corda `e pari a
dm = dl S = l dx
Laccelerazione dellelemento di corda risulta per cui essere a = 2 s/t2 .
F = Fy = ma = Sdl ( 2 s/t2 ) = l dx( 2 s/t2 )
Eguagliando le due espressioni per Fy si ottene:
2

l dx

s
s
T s
s
s
s
= T 2 dx 2 = 2 2 = v 2 2 v =
2
t
x
t
l x
t
x

T
l

Mettiamo ora in evidenza come la propagazione di unonda si accompagni


p alla
propagazione di energia. Corda: l , T s(x, t) = A sin(kx t), v T /l

155

8. Onde in mezzi elastici

ds: spostamento infinitesimo trasversale di un elemento di corda centrato


nel punto P.
T : forza sullelemento di corda centrato in P dovuta allelemento di corda
immediatamente a sinistra.
Di conseguenza:
dW = T ds
rappresenta il lavoro infinitesimo dovuto allelemento di corda in P e :
P =

s
dW
=T
dt
t

`e la potenza trasferita allelemento di corda. Tale espressione pu`o essere


riscritta:
 s

s
+
= T sin
P = T cos
2
t
t
sfruttando lapprossimazione sin tan = s/x :
P = T

s s

= T A2 k cos2 (kx t)
x t

p
La media Potenza media nel tempo risulta essere ( ricordando che v = T /l ; =
kv) :
1
1
hP itempo = PM = T kA2 = l 2 A2 v = Wl v
2
2
2 2
dove Wl = (1/2)l w A rappresenta la densit`a lineare di energia meccanica

156

Capitolo 9
Modello ondulatorio della luce
Facciamo la seguente ipotesi: descriviamo un raggio luminoso Monocromatico che so propaga in un mezzo omogeneo mediante una quantit`a la cui
ampiezza E dipende dalla posizione x e dal tempo t. x pertanto `e la direzione
di propagazione del raggio luminoso. Utilizziamo un prisma, ovvero una lastra
di materiale trasparente a facce piane formanti un angolo detto angolo di
apertura del prisma.

Ogni punto in cui passa il raggio monocromatico `e sede della quantit`a fisica
E normale alla direzione di propagazione.

157

9. Modello ondulatorio della luce

La direzione di E `e sempre normale alla direzione di propagazione del raggio, ma varia da punto a punto.
Se E si mantiene sempre nello stesso piano contenente anche la direzione di
propagazione del raggio si dice che il raggio luminoso `e Radiazione Polarizzata in modo rettilineo.

Assumiamo E = E
y come ipotesi per cui E = (0, Ey , 0).
Descriviamo il raggio monocromatico con la relazione:

E = Ey (x, t) = Eym sin 2


x L
+
T

dove Eym rappresenta lampiezza dell'onda; = 1/T frequenza dell'onda e = 1/ `e il numero d'onda. Vale inoltre che k = 2/ `e il
vettore d'onda e = 2/T `e la pulsazione. Possiamo definire il fattore
2(x/ L/T + ) come Fase dell'onda e fase iniziale.
Onda piana monocromatica polarizzata rettilineamente.

158

Se unonda ha una certa fase 0 ne punto x0 allistante t0 , al tempo t0 + t


avr`a la stessa fase in un punto x0 + x tale che:




x0 L0
x0 + x L 0 + L

+ = 2

+
2

T
Si ottiene cos`:

x L
x
t
= =
T
L
L

 di fase:
La fase si propaga lungo lasse x con velocit`a detta velocita
v=

x
= =
t
T
k

Prendendo unonda sferica:


E(r, t) =

E0
cos(kr t)
r

Fronte d'onda:
`e il luogo geometrico dei punti investiti dalla radiazione dove il campo E
presenta lo stesso valore di fase.

x L
E = Eym sin 2
+
T

Il fronte donda `e costituito dai piani normali alla direzione di propagazione


dellonda Onda Piana

159

9. Modello ondulatorio della luce

E=

E0
cos(kr t)
r

Nellottica geometrica unonda piana corrisponde ad un raggio luminoso ( fascio di raggi paralleli).

Nellottica geometrica le onde sferiche corrispondono a raggi divergenti o


convergenti.

160

9.1 Principio di Huygens-Fresnel

r
I=

9.1

2
E

Principio di Huygens-Fresnel

Ogni punto di un fronte donda pu`o essere considerato come centro di


unonda sferica secondaria
Il fronte donda in un qualsiasi istante successivo `e dato dallinviluppo
di tali onde

E0
cos(kr t)
r
O: Sorgente di onde elettro-magnetiche sferiche
d Sorgente di onde sferiche secondarie di ampiezza proporzionale a E0 /r e
Ep =

161

9. Modello ondulatorio della luce


a d.

Vediamo come analizzare e descrivere la legge della rifrazione in termini


del principio di Fresnel.

162

9.1 Principio di Huygens-Fresnel

Il tempo che impiega la luce ad andare da e a c nellaria `e uguale al tempo


che impiega ad andare dal punto h al punto g nel vetro. La forma del raggio
( colore rosso) `e il dato sperimentale. Nellaria va a velocit`a v1 , nel vuoto va
a velocit`a v2 < v1 ( si tratta di velocit`a di fase).
Questo deve succedere affinche si ricostruisca il fronte donda come previsto
dal principio di Huygens.
t : fronte donda e c in mezzo 1
t : fronte donda h g in mezzo 2
2
1
v1
1
= t =

=
v1
v2
2
v2
Vale che:
hc sin 1 = 1 ;

hc sin 2 = 2

Uguagliando queste due equazioni e sfruttando la Legge di Snell si ottiene:


1
sin 1
n2
v1
n2
=
=

=
= n12 = n
2
sin 2
n1
v2
n1
Dove con 1 intendiamo laria e la corrispettiva velocit`a della luce v1 ' c e con
2 un mezzo differente con velocit`a della luce al suo interno pari a v2 = v.
163

9. Modello ondulatorio della luce


E quindi:
v=

c
n

La velocit`a di fase della luce in un mezzo `e data dalla velocit`a di fase della
luce nel vuoto (' aria) diviso lindice di rifrazione del mezzo.
Nellintervallo della luce visibile 800nm > > 400nm risulta:
n() = A +

B
2

Nella propagazione di onde in un mezzo materiale trasparente a lunghezze


dond adifferenti corrispondono velocit`a di fase differenti:

v() =

c
n()

vf ase (blu) < vf ase (rosso)

In conclusione:
Ogni elemento d di un fronte donda si pu`o considerare formalmente come
una sorgente secondaria di onde sferiche in fase con la primaria e di ampiezza
proporzionale a quella dellonda primaria e allarea d. La perturbazione
prodotta in un punto dello spazio si pu`o sempre ottenere come sovrapposizione
di tutte le onde sferiche secondarie che raggiungono quel punto(Inviluppo).

9.2

Sorgenti ordinare di luce

Sorgente di luce ordinaria: atomi eccitati che oscillando a frequenza


5 1014 Hz emettono onde luminose ( 5 1014 Hz T 2 1015 s). Lemissione avviene in tempi t 108 s:EmissioneDiseccitazione. Limpulso
di luce emesso `e detto Pacchetto d'onde.

164

9.2 Sorgenti ordinare di luce

Il pacchetto donde contiene un numero grandissimo di oscillazioni N


t/T 5 106 , si muove a velocit`a c = 3 108 m/s ed ha una lunghezza
spaziale c t 3m.
Nel punto P possiamo descrivere l onda emessa come :

E=

E0
(t + 0 )
rp

Nel tempo t, E e 0 rimangono costanti.


La diseccitazione un altro atomo `e scorrelata rispetto a quella del primo atomo: E0 ed sono eguali, ma la direzione di E ed il termine 0 sono diversi:
Polarizzazione e fase sono costanti solo per tempi t 108 s
Londa emessa da una sorgente ordinaria `e la risultante di pacchetti donda elementari emessi dai singoli atomi; le rispettive fasi sono distribuite in maniera
casuale e la fase dellonda varia con frequenza molto elevata. Londa non `e
polarizzata.
Conclusione: onde provenienti da punti di una sorgente estesa e onde provenienti da sorgenti diverse sono fra loro Incoerenti.

165

9. Modello ondulatorio della luce

9.3

Sorgenti luminose coerenti

Due onde luminose si sovrappongono nello stesso punto P dello spazio


Siano armoniche ed abbiano la stessa frequenza
E0
sin(kr1 t + 1 )
r1
E0
E2 =
sin(k22 t + 2 )
r2
= [kr2 t + 2 ] [kr1 t + 1 ] = k(r2 r1 ) + (2 1 )
E1 =

dove rappresenta la differenza di fase delle due onde nel punto P.


La differenza di fase finale che hanno le onde nel punto P contiene due termini:
1. k(r2 r1 ) dipende dalla differenza di cammino r = (r2 r1 ) delle due
sorgenti al punto P
2. 2 1 = differenza di fase intrinseca che dipende dalle propriet`a
delle due sorgenti
Quando la differenza di fase fra le due onde in un qualsiasi punto P nello spazio
`e costante nel tempo le due sorgenti si dicono Sorgenti Coerenti.
Se = 2 1 = 0 le sorgenti si dicono Sorgenti Sincrone
Se = (t) le sorgenti sono Sorgenti Incoerenti

9.3.1

Interferenza

I fenomeni di interferenza sono fenomeni che avvengono quando si sovrappongono onde emesse da due o pi`
u sorgenti coerenti.
E(t) = E0 sin[kx t + (t)]
Per tempi t 108 s (t) = cost.
Prendendo lIntervallo di coerenza temporale:
166

9.3 Sorgenti luminose coerenti


t < t: londa appare come una sinusoide con fase intrinseca costante

t > t: londa appare come una sinusoide per un tempo t dopo di che
cambia intrinsecamente la propria fase

Analisi di Fourier: onda luminosa


t 108 s = 1/t 100M Hz = 108 Hz /0  1
La frequenze sono comprese fra 0 /2 e 0 + /2.
Siccome  0 la radiazione pu`o considerarsi Quasi Monocromatica.
Poiche = 0 t = :

Radiazione Monocromatica Tempo di coerenza infinito

l = ct: lunghezza di coerenza.


Se l  r12 fra P1 e P2 si estende un unico treno donda.
Se l  r12 fra P1 e P2 si estendono treni donda diversi ciascuno con fase
intrinseca casuale.
Principio di Huygens-Fresnel: indica come ottenere due o pi`u sorgenti di luce coerente. Si introduce nel cammino donda di unonda sferica uno
schermo opaco sferico con centro la sorgente su cui vengono fatti due o pi`
u
fori.
La differenza di fase fra le onde secondarie emesse fra una qualunque coppia
di fori `e nulla in quanto i fori fanno parte dello stesso fronte donda. Da un
singolo pacchetto hanno origine N pacchetti.

167

9. Modello ondulatorio della luce

9.3.2

Velocit`
a di gruppo

E = E0 sin(k r t) rappresenta unonda periodica sinusoidale. Tale onda


non esiste in natura: ha infatti una durata spazio-temporale infinita e la sua
ampiezza non subisce variazioni. Unonda ( segnale) presenta modulazione in
ampiezza o frequenza ed ha carattere impulsivo nello spazio-tempo.

Tale onda ( Fourier) pu`o essere pensata come sovrapposizione di onde armoniche con frequenze diverse, alcune delle quali contribuiscono con peso
maggiore di altre Pacchetto d'onde.
Se il pacchetto donde si propaga in un mezzo materiale trasparente lindice
di rifrazione n e quindi la velocit`a di propagazione delle onde dipendono dalla
frequenza. Le diverse componenti si propagano con velocit`a diversa ed il pacchetto subisce forte distorsioni e allargamenti.
 di gruppo: `e la velocit`a con cui si muove il pacchetto donda (
Velocita
segnale) `e diverso dalle singole velocit`a di fase delle varie componenti.
Per semplicit`a consideriamo unonda data dalla sovrapposizione di due componenti armoniche che si propagano in direzione x tale che:
A1 = A2 = A ; k =
168

(k1 k2 )
(1 2 )
 k1 , k2 ; =
 1 , 2
2
2

9.4 Fenomeni di interferenza


E = E1 + E2 = A sin(k1 x 1 t) + A sin(k2 x 2 t) =

= 2A cos

k1 k2
2


x

1 2
2

 



 
k1 + k2
1 + 2
t sin
x
t
2
2

E = 2A cos[kx t] sin(kx t)
Si tratta di unonda che si propaga con pulsazione molto vicina a quella
1 , 2 delle singole onde componenti.
Lampiezza di tale onda ha anche essa forma ondulatoria: si tratta di unonda
di piccola pulsazione e piccolo numero donda k che descrive linviluppo
della somma delle componenti.

 di gruppo.
Tale inviluppo si muove con velocit`a vg = /k Velocita
Se v1 6= v2 6= vg le onde modulata e modulante si propagano con differenti
velocit`a. Nel limite k 0 vg = d/dk
Se 1 ' 2 vg = v (dv/d)
Se v() cresce con vg < v Dispersione Normale.
Se v() diminuisce con vg > v Dispersione Anomala .
Il segnale fisico `e linviluppo delle componenti e non la singola componente:
 vg
Si muove a velocita

9.4

Fenomeni di interferenza

Fenomeni che avvengono quando due onde luminose si sovrappongono nello


spazio.
Consideriamo due sorgenti S1 ed S2 separate da una distanza d. Calcoliamo
lampiezza dellonda risultante in un punto P distante r1 e r2 dalle sorgenti.

169

9. Modello ondulatorio della luce

Utilizziamo sorgenti monocromatiche e puntiformi ( generatrici di onde


sferiche).
E1 (P ) =

E1
E2
sin(t kr1 ) ; E2 (P ) =
sin(t kr2 )
r1
r2

Le due onde presentano lo stesso valore di pulsazione 2/T = e vettor donda


2/ = k.
E0
[sin(t kr1 ) + sin(t kr2 )]
R
p
Si `e assunto r1 ' r2 = R ; E1 = E2 = E0 I0 = / (E02 /R2 )




+

sin + sin = 2 sin


cos
2
2
E(P ) = E1 (P ) + E2 (P ) =

In aggiunta
E1 =

E0
E0
sin[t kr1 + 1 (t) ; E2 =
sin[t kr2 + 2 (t)
R
R

Sorgenti incoerenti
n(t)
}|
{
2E0
k(r1 + r2 )
k(r1 r2 )
E(P ) =
sin t
cos
+ (t)
R
2
2


z

Dove (t) = 1 (t) 2 (t) varia casualmente nel tempo.


r
r
r 2
4E02
420 1
0
2
I=
2 hcos n(t)itempo =
2 =2
= 2I0
R
R 2
R2
Onda di ampiezza 2E0 /R Fattore di modulazione
z
z  }|
 }|
{
{
2E0
k(r1 + r2 )
k(r1 r2 )
E(P ) =
sin t
cos
R
2
2
170

9.4 Fenomeni di interferenza


Nei punti abbastanza lontani delle sorgenti, tutto avviene come se essi fossero
investiti da unonda la cui ampiezza `e 2E0 /R e viene modulata da un termine:


(r1 r2 )
<1
0 < cos k
2
= k(r1 r2 )/2 ; r = r1 r2 Differenza di cammino ottico e
= k(r1 r2 ) Differenza di fase fra le due onde. Vedendo come
unica lampiezza dellonda al variare di ovvero r.
Ampiezza Massima

Lampiezza massima dellonda si verifica quando la differenza di cammino ottico fra i due raggi `e pari ad un multipolo intero della lunghezza donda della
luce (in fase).
cos k(r1 r2 )/2 = 1 ; k = 2/
= 2m Multipli Pari di
= m e r1 r2 = m con m = 0, 1, 2 . . . Onde in fase
Ampiezza Minima

Lampiezza dellonda `e minima quando la differenza di cammino ottico fra i


due raggi `e pari a multipli dispari di mezze lunghezze donda (m opposizione
di fase).
cos k(r1 r2 )/2 = 0 ; k = 2/
= (2m + 1) Multipli Dispari di




1
1
e r1 r2 = m +
con m = 0, 1, 2 . . . Onde in antifase
= m +
2
2
p
p
Conseguentemente lintensit`a dellonda I = /E 2 = (2E0 /R)2 / cos2 []
Lintensit`a massima equivale a quattro volte lintensit`a di una singola
sorgente
r
r
4E02
E02
=4 2
IM AX =
= 4I0
R2
R

Imin = 0
Riassumendo:

Quando si sommano onde piane monocromatiche coerenti si ottiene unonda (


onda risultante) la cui intensit`a I non `e pari a quella dovuta alla somma delle
intensit`a I1 + I2 delle onde componenti. In un dato punto nello spazio varia da
un valore massimo quando le due onde componenti sono in fase ad un valore
minimo quando son in opposizione di fase Fenomeno di Interferenza

fra le onde

171

9. Modello ondulatorio della luce


Consideriamo il caso di due onde monocromatiche con la stessa frequenza e
la stessa fase iniziale .
E1
sin(t k1 r) ; E2 (r, t) = sin(t k2 r)
r
Supponiamo che E1 = E2 = E0 e 0 = cT . Le onde hanno la stessa frequenza
ma percorrono cammini in mezzi diversi n1 e n2 . Hanno quindi diversi vettori
donda k1 e k2 dato che si propagano con diversa velocit`a e quindi hanno diversa lunghezza donda.
n1 v1 = c/n1 1 = v1 T = (c/n1 )T = 0 /n1
n2 v2 = c/n2 2 = v2 T = (c/n2 )T = 0 /n2
k1 = 2/1 = n1 (2/0 ) ; k2 = 2/2 = n2 (2/0 )
0 = cT : lunghezza donda che la radiazione monocromatica avrebbe nel vuoto.
E1 (r, t) =


r2
r1
2
= k2 r2 k1 r1 = 2

(n2 r2 n1 r1 )
=
2 1
0
Definiamo come Cammino ottico il cammino geometrico moltiplicato per
lindice di rifrazione del mezzo. La differenza di cammino ottico pertanto
risulta:
lott = n2 r2 n1 r1
Se il raggio luminoso compie un tragitto in mezzi di indice di rifrazione diversi
il cammino ottico `e dato da:
X
dott =
ni ri
i

172

9.4 Fenomeni di interferenza


Lo sfasamento che si realizza `e dato da:
=

2
2
(n1 r1 + n2 r2 + . . .) =
dott
0
0

dove 0 rappresenta la lunghezza donda della radiazione nel vuoto.

9.4.1

Esperimento di Young (1801)

Luce ordinaria monocromatica incidente sullo schermo A in cui `e praticata una


fenditura S0 ( Pinhole: foro di spillo).
La luce uscente da S0 arriva su uno schermo B su cui sono praticate due fenditure S1 , S2 equidistanti da S0 (Pinholes, sorgenti secondarie).
Dal pinhole S0 i pacchetti che investono S1 e S2 hanno origine da una stessa
regione S0 ( Sorgente primaria).
I pacchetti donda che escono da S1 ed S2 hanno le stesse caratteristiche
sono Sorgenti coerenti sincrone.
La luce uscente da S1 ed S2 produce unimmagine sullo schermo C posto a
destra L  d dallo schermo B.
Si chiama immagine la figura di interferenza formata da frange chiare e scure
parallele alle fenditure: Frange di interferenza
Frange chiare: massimi di intensit`a ( interferenza costruttiva)
 distruttiva)
Frange scure: minimi di intensit`a ( intensita

173

9. Modello ondulatorio della luce

La luminosit`a delle frange diminuisce al crescere di |z| e di |x|.

L  d. Facciamo i conti limitatamente alla retta (x, 0, 0) ovvero calcoliamo


lintensit`a in P = P (x, 0, 0).

E1 =

E0
r1


sin(kr1 t) ; E2 =

E0
r2


sin(kr2 t)

= k(r2 r1 ) ; 1/r1 ' 1/r2 ' 1/r ; r2 r1 = d sin


Ep =

E0
E0
sin(kr1 t) +
sin(kr2 t)
r
r

Utilizziamo il Metodo dei Fasori, ovvero ad ogni onda armonica


E1 = (E0 /r) sin(kr1 t) associamo un vettore (detto Fasore) di modulo
(E0 /r) che ruota intorno allorigine con velocit`a angolare . La proiezione del
fasore sullasse verticale da, ad ogni istante il vettore di E1 (t).

174

9.4 Fenomeni di interferenza

Rappresentiamo le due onde che si sommano in P come due fasori che formano fra loro un angolo pari ala loro differenza di fase in P.

#1/2
2  2
 2
E0
E0
E0
EP =
+
+2
cos
r
r
r
 
r  2
0 E0

2
IP = 4I0 cos
; I1 = I2 = I0 =
2

r


2
d sin
= 4I0 cos2
d sin = 4I0 cos2
IP = 4I0 cos2

dove rappresenta la differenza di fase fra le onde.


"

Condizione affinche IP = IM AX
2
d sin = 2m ; d sin = m ,

Condizione per IP = Imin = 0



2
d sin = (2m + 1) ; d sin = m +
=

m = 0, 1, 2, . . .

1
2


, m = 0, 1, 2, . . .
175

9. Modello ondulatorio della luce


Lintensit`a della luce sullo schermo `e data da:
d x

IP (x) = 4I0 cos2


L
Infatti, tan ' sin = x/L ' . Inoltre la condizione per linterferenza
costruttiva risulta essere:
x

L
sin ' = m ;
= m x = m
d L
d
d

La distanza fra i centri di due frange consecutive (chiara-scura) Passo:


P =

L
2d

Nota 1.

Se le sorgenti sono incoerenti nel termine compare la differenza di fase


= 2 1 :


2 k(r2 r1 ) +
2
= 4I0 cos
IP = 4I0 cos
2
r
Siccome varia casualmente nel tempo varia casualmente nel tempo
dobbiamo prendere il valor medio di cos2 (/2) nel tempo:

1
hcos2 iT =
2
2
Segue che IP = 2I0 : non esiste la figura di interferenza.
Nota 2.

Se il dispositivo di Young viene illuminato con luce consistente di pi`


u di una
lunghezza donda (1 , 2 , 3 ).

176

9.4 Fenomeni di interferenza


x=m

L
; d = 0.2mm , L = 40 cm in aria
d

Prendendo x in mm:
violetto = 400 nm xM AX = 0.8, 1.6, 2.4 ;
giallo = 550 nm xM AX = 1.1, 2.2, 3.3 ;
rosso = 700 nm xM AX = 1.4, 2.8, 4.2 ;
Si noti che la frangia centrale corrispondente ad m = 0 `e bianca perche in
x = 0 tutte le lunghezze donda interferiscono costruttivamente.
Nota 3.

Se le fenditure invece che essere pinholes fossero fenditure lunghissime e sottili, il pattern di diffrazione sarebbe costituito da strisce di luminosit`a circa
costante anche per z

9.4.2

Interferenza su lamine sottili

Interferenza dovuta alla riflessione della luce del sole su due superfici (Boyle
1663)
S0 : sorgente di luce (emette un fascio sottile di luce, raggio luminoso)
Lamina sottile di spessore d e indice di rifrazione n.

177

9. Modello ondulatorio della luce

Le sorgenti verticali prodotte dalla riflessione della luce sulla prima superficie della lamina (A) e sulla seconda (B) sono sorgenti coerenti: Potrebbero
produrre sullo schermo S fenomeni di interferenza. Calcoliamo la differenza di
fase fra le onde:
geom = AB + BC AD ; ottico = n(AB + BC) AD
dove: AB = BC = d/ cos r ; AD = AC sin i = 2d(sin r / cos r ) sin i
ott =

sin r
2nd
2d
sin i ; sin i = n sin r ; ott = 2nd cos r
cos r
cos r

Differenza di fase :
= |cammino ottico + |riflessione
Regola:

La riflessione avviene con cambiamento di fase di (ovvero /2)

178

9.4 Fenomeni di interferenza


Non vi `e alcun cambiamento di fase.
Londa riflessa dalla superficie superiore della lamina `e sfasata di , quella
riflessa dalla superficie inferiore non risulta sfasata.
= 2nd cos r

2
= 2ndk cos r

Sullo schermo a destra L  d si forma un sistema di frange di interferenza


analogo a quello osservato nellesperimento di Young. Per un dato spessore
della lamina d ed angolo di incidenza del raggio luminoso si avr`a sullo schermo
un colore dominante, quello per cui = 2m. Gli altri colori sono attenuati.
Per sorgenti estese, come ad esempio la luce solare: la distanza fra due sorgenti virtuali varia con r . Per ciascun valore di r si produce sullo schermo un
sistema di frange il cui passo dipende da r .
La sovrapposizione dei vari sistemi di frange non da luogo a fenomeni di interferenza osservabili.

Consideriamo la situazione in cui losservazione `e fatta direttamente sulla


superficie della lamina: i ' 0 ' r

179

9. Modello ondulatorio della luce


Tutti i sistemi di frange hanno lo stesso passo. I sistemi di frange risultano
sovrapposti: il sistema di frange Localizzato `e osservabile.
r ' 0 cos r ' 1

4nd

Quindi:
 = 2m
m = 0, 1, 2, . . .
d = (2m + 1)(/4n)
= (/4n), (3/4n), . . .
interferenza costruttiva

 = (2m + 1)
m = 0, 1, 2, . . .
d = m(/2n)
= (/2n), (/n), (3/2n) . . .
interferenza distruttiva

9.5

Interferometri

Gli interferometri sono strumenti per misure accurate di lunghezze donda,


distanze e indici di rifrazione.

180

9.5 Interferometri
9.5.1

Interferometro di Michelson

Un fascio di luce proveniente dal laser viene in parte riflesso, in parte trasmesso
da un beam-splitter.
La parte de fascio riflessa va verso lo specchio fisso M2 , quella trasmessa p
uguale in intensit`a verso lo specchio mobile M1 . I fasci riflessi dagli specchi
tornano verso il beam-splitter. Il fascio proveniente da M2 viene parzialmente
trasmesso verso lo schermo. Il fascio proveniente da M1 viene parzialmente riflesso verso lo schermo. Questi due fasci arrivando sullo schermo interferiscono.
Si noti che:

i due fasci sono fra loro coerenti essendo stati ottenuti da ununica onda
per divisione di ampiezza

i due fasci hanno la stessa intensit`a (il BS trasmette 50% di luce e riflette
laltro 50%)
181

9. Modello ondulatorio della luce

La figura di interferenza prodotta dallinterferometro `e quella che verrebbe


generata dalla sorgente verticale S 0 la cui luce viene riflessa da due specchi M2
ed M10 separati da una distanza d = d2 d1 equivalente ad una lamina daria
in questo spessore.
La differenza di cammino ottico (Optical Path Difference) fra i
due raggi `e data da : OP D = 2d
Lo schermo `e chiaro quando:
OP D = 2d = m : massimo di intensit`a di luce

Variando la posizione dello specchio mobile M1 si varia d e quindi OP D.


Sullo schermo lintensit`a della luce varier`a da un valor massimo ad uno minimo
m volte. Lo specchio M2 ha percorso una distanza d = (1/2)m.
Si ottengono misure di lunghezza con precisione /2. Nellinterferometro
viene posta una lastra di compensazione fra il beam-splitter e lo specchio
mobile. Tale lastra ha lo stesso spessore del beam-splitter ed assicura che i
raggi di ritorno dai due specchi dipendono soltanto da d = d2 d1 , dove
d1 , d2 rappresentano i bracci dell'interferometro.
182

9.5 Interferometri

9.5.2

Formazione delle frange di interferenza

Sono possibili due casi:


1. S sorgente puntiforme frange circolari
2. Fascio luminoso parallelo frange di eguale spessore
Caso frange di eguale spessore:

Un fascio di raggi luminosi paralleli `e inviato allinterferometro (Sorgente


Laser). Unonda piana incide su M2 ed M10 si formano due onde riflesse
con OP D = 2d.


1
2d = m schermo chiaro ; 2d = m +
schermo scuro
2
Se i due specchi sono perfettamente paralleli (si intende M2 ed M10 ) tutta larea
dello schermo `e uniformemente illuminata.
Le frange appaiono se M2 `e inclinato rispetto ad M1 di un angolo /2.

183

9. Modello ondulatorio della luce


Equivalente ottico: M2 parallelo M10

Equivalente ottico M2 inclinato /2

k1 = kz ; k2 = k cos z+k sin


x
E = E0 sin(k r t) : onda piana generica
z: distanza fra punto O e schermo
d: distanza fra i centri dei due specchi (M2 reale ; M10 virtuale).
Calcoliamo la distanza fra le frange che si formano sullo schermo.
E1 = E0 sin [k(z + 2d) t] ; E2 = E0 sin[kx0 sin + kz cos t]
E = E1 + E2 =



 0
kz cos + kx0 sin + k(z + 2d)
x sin + z cos (z + 2d)
t cos k
= 2E0 sin
2
2


kz cos + kx0 sin + k(z + 2d)
1
1
= 2E0 sin
t cos k[d+ x0 sin + z(cos 1)]
2
2
2


1
1
I = 4I0 cos2 k d + x0 sin + z(cos 1)
2
2
184

9.5 Interferometri
2

Considerando il termine che modula lintensit`a (cos k[. . .]) pu`o essere riscritto:

1
= cos k d x0 sin + z sin2
2
2

 

Quindi fissato d si hanno frange di interferenza ad intervalli di: x0 =


2/ sin .
Muovendo M10 in direzione normale alla propria faccia il pattern di diffrazione si
muove dato che d cambia. Il numero di frange che attraversano il centro dello
schermo quando M10 si muove di una distanza d `e data da: m = 2d/.
Vediamo come si formano le Frange circolari utilizzando una sorgente
puntuale S e d = d2 d1 .

S 0 immagine virtuale di S formata dal BS.


S100 immagine virtuale di S 0 in M10 .
S200 immagine virtuale di S 0 in M2 .
S100 , S200 sono sorgenti coerenti di onde sferiche.
Linterferenza sul piano E di onde sferiche di raggio diverso R1 e R2 da
luogo alle frange circolari.

185

9. Modello ondulatorio della luce

Calcoliamo il raggio delle frange circolari.

Consideriamo il punto P sulla p-esima frangia.


OP D in P = = R1 R2 = 2d cos . Tale approssimazione `e corretta perche
R1 , R2  d.
Etichettiamo le frange:
p = 0 centro schermo n0 = 2d/
p = 1 prima frangia
n1 = n0 1
p = 2 seconda frangia n2 = n0 2
...
...
...
p esima
np = n0 p
186

9.5 Interferometri
(1/2)P2

(rP2 /2R0 )

tan P ' P ' rP /R0 ; cos P ' 1


=1
R0 = dE + ds + 2dr


nP
rP2
rP2

=
nP = 2d 1
2R02
2d
2R02
Consideriamo la frangia centrale: rP = 0
(i)

n0
=0
2d

Per la frangia generica:


(ii)

nP
r2
= P2
2d
2R0

Sottraendo (i) da (ii) ricordando che nP = n0 p si ottiene:


r
p
rP = R0
d

9.5.3

Interferometro di Rayleigh

Misura indice di rifrazione di gas e liquidi.

S: sorgente puntiforme (o lunga fenditura)


T1 , T2 : tubi di lunghezza L identici che possono essere riempiti con un gas o
liquido.
Sullo schermo appare la figura di interferenza (frange tipo Young). Le sorgenti
verticali secondarie S1 e S2 sono coerenti fra di loro (divisione di fronte donda).
I tubi T1 e T2 vengono evacuati e sullo schermo appare la figura di interferenza
di Young con la frangia centrale nel punto P.
Si riempie il tubo T2 con il gas di cui si vuole misurare lindice di rifrazione:
si introduce una differenza di cammino ottico fra i due raggi pari a:
OP S = (n 1)L, dove n identifica lindice di rifrazione del gas.
Il sistema di frange si sposta dalla posizione corrispondente a T1 e T2 vuoti.
Si conta il numero di frange m corrispondenti a tale spostamento.
Vale che:
0
(n 1)L = m0 n = 1 + m
L
187

9. Modello ondulatorio della luce

9.6

Fenomeni di diffrazione

Particolare fenomeno di interferenza che si realizza quando unonda incontra


nel suo percorso un ostacolo o unapertura (filo, foro, . . . ).
Lequivalenza apertura-ostacolo `e data dal Principio di Babinet:
Le figure di diffrazione formate da una fenditura qualsiasi ed uno schermo
opaco, che occupi unicamente la zona della fenditura, sono equivalenti con
lesclusione del punto corrispondente alla componente non diffratta ( = 0)
Le onde si propagano in direzioni diverse da quelle di incidenza e sovrapponendosi in dati punti dello spazio avvengono fenomeni di interferenza.
Gli effetti sono tanto pi`
u evidenti quanto pi`
u le dimensioni dellostacolo o apertura sono vicine alla lunghezza donda usata.

Esistono due modi con cui si realizza ed osserva la diffrazione da parte di


aperture ed ostacoli illuminati:
1. Diffrazione di Fresnel: sorgente S e schermo C a distanza finita
dallapertura i raggi luminosi che arrivano in P non sono paralleli.
2. Diffrazione di Fraunhofer: sorgente S e schermo C a distanza
infinita dallapertura i raggi luminosi che arrivano nellapertura e nel
punto sono paralleli
188

9.6 Fenomeni di diffrazione

Nel seguito considereremo solamente diffrazione alla Fraunhofer.

9.6.1

Diffrazione da fenditura rettilinea

Foro di lunghezza L e larghezza a  L. Tale fenditura viene illuminata con


unonda piana di lunghezza donda con fronte donda parallelo al piano contenente lapertura.

189

9. Modello ondulatorio della luce

La figura di diffrazione che si osserva sullo schermo consiste in una franga


chiara centrale e frange chiare di intensit`a decrescente allontanandosi dal centro intervallate da frange scure. Diminuendo a, la frangia centrale si allarga,
ovvero il sistema si dilata.
Per studiare il fenomeno consideriamo lapertura divisa in N strisce, ognuna
di larghezza a/N = y. Ogni striscia funge da sorgente di onde secondarie.
Calcoliamo lampiezza complessiva del campo elettrico in un punto P dello
schermo.

EP : campo elettrico nel punto P.


E: contributo al campo elettrico complessivo EP da parte di ogni sorgente
di onde secondarie.
Il punto P `e determinato dallangolo di uscita del raggio rispetto alla normale
al piano della fenditura.
2
=
sin

190

9.6 Fenomeni di diffrazione


rappresenta lo Sfasamento fra i contributi relativi a due strisce adiacenti.

Metodo dei fasori

Gli N fasori rappresentano le E ampiezze delle singole sorgenti secondarie in


cui `e divisa la fenditura.
2
y sin N

rappresenta lo sfasamento di ogni fasore rispetto al precedente.


Utilizzando , inoltre, la relazione N y = a otteniamo:
=

2
a sin

dove rappresenta lo sfasamento fra londa emessa dallestremo B e lestremo


A.
Nel limite in cui y 0, N + e la poligonale diventa un arco di circonferenza.
Identificando con EP lampiezza del campo elettrico in P0 e con EM AX lampiezza massima che si osserva nel centro dello schermo ( = 0) tutte le onde
emesse dalle singole strisce sono in fase:

sin(/2)
; EM AX = = EP =
EP = 2 sin
2
/2

191

9. Modello ondulatorio della luce


Siccome lintensit`a `e proporzionale al quadrato dellampiezza:

IP = I() = IM AX

sin(/2)
/2

2

e utilizzando = (2/)a sin si ottiene la dipendenza dellintensit`a dallangolo :



2
sin[(a/) sin ]
I() = IM AX
(a/) sin
Per a = :

Per a = 5:

Per a = 10:

192

9.6 Fenomeni di diffrazione

I() = 0 minimi di diffrazione

a sin
=
= sin
2

sin = m(/a) , m = 1, 2, 3, . . .
Primi minimi di diffrazione a destra e sinistra del minimo centrale:
sin = (/a).

(sin ) =

2
: Larghezza angolare del massimo centrale di diffrazione
a

a  (sin ) ' 0 molto piccola leffetto della diffrazione `e trascurabile (Condizione luce corpuscolare).
a = si forma un primo ed unico minimo a sin = = 90 .
Questo equivale a dire che per:
a tutto lo spazio al di l`a della fenditura `e illuminato.
Si pu`o dimostrare che la maggior parte della potenza luminosa ( 80%) `e
concentrata nella frangia centrale Immagine della fenditura.
(sin ): Larghezza angolare dell'immagine.
Per a  ' 2/a

9.6.2

Diffrazione da apertura circolare o disco opaco

Figura di diffrazione: disco luminoso centrale circondato da corone circolari


alternativamente scure o chiare.

193

9. Modello ondulatorio della luce

Langolo a cui cade il primo minimo di intensit`a si ha per:


sin = 1.22

= 0.61
D
R

dove D, R rappresentano rispettivamente il diametro e il raggio dellapertura.


Se  R sin 2 ' 2 = 2.44(/D) = 1.22(/R) lunghezza angolare del
massimo centrale. Il massimo centrale contiene circa 80% dellenergia luminosa trasmessa dallapertura: rappresenta unimmagine del foro.
Questi risultati si applicano anche ad una lente di apertura D (raggio R) per
cui loggetto `e dato da una sorgente puntiforme molto lontana. Limmagine
nel piano focale della lente (convergente) `e un disco luminoso di diametro:
d = 2f .

S = 2.5 cm, f = 5 cm, = 0.55 m


2 = 2.44/D = 5.37 105 rad d = 2f = 2.44(f /D) = 2.68 m

9.7
9.7.1

Limite di risoluzione
Potere di risoluzione di un cannocchiale

Il potere di risoluzione del cannocchiale `e fissato dal diametro dellobiettivo Dob


che limita il fronte donda piana che arriva dalla sorgente lontana (loculare
194

9.7 Limite di risoluzione


trasmette allocchio tutta la parte di fronte donda trasmessa dallobiettivo).
R = 1.22

1
Dob

; =
=
Dob
r
1.22

Prendendo come esempio i valori Dob = 100 mm ; = 0.589 m segue che


R = 7.2rad = 1.5 secondi di grado. Ricordando che la misura in radianti
180 : = : (rad) (100 = 2.77 104 , 7.2 rad ' 1.500 )

9.7.2

Potere di risoluzione di un microscopio

` pi`
E
u conveniente specificare la distanza minima s fra due parti distinguibili.
Siano i due punti posti sul piano focale della lente obiettivo.

I due punti vengono visti sotto langolo = s/fob .


Sono visti separati (sono Risolti) se = R = 1.22/D. Segue che s =
1.22fob /D = 0.61fob /R.
Si definisce Angolo di Accettanza obiettivo tramite:
sin =

R
fob

Quindi:
s=

0.61
0.610
=
sin
n sin

dove n indica lindice di rifrazione della sostanza in cui sono calati i punti e la
parte anteriore dellobiettivo.
An = n sin : Apertura numerica Obiettivo.
l = 1/s = An /0.610 : Potere Risolutivo Lineare
Dei valori tipici risultano essere: An = 1.4, 0 = 0.55 m s = 0.24 m ;
l = 4.2 107 m1
195

9. Modello ondulatorio della luce


9.7.3 Potere separatore occhio umano
Dpupilla = 8 mm(per R = 0.84 104 rad) 2 mm(per R = 3.36 104 rad)
con un = 0.55 m.
L=25 cm (visione distinta):
s = Lr = 2503.36104 rad = 84 m ; s = Lr = 2500.84104 rad = 21 m
Sperimentalmente langolo minimo risolubile dellocchio umano `e 4104 rad

 Limitato dalla Diffrazione


Non e

sr = f r = 10 m ; f = 2.5 cm. Risulta che s = LR `e la separazione


minima che devono avere due sorgenti puntiformi distanti L dallocchio per
essere distinte.

9.7.4

Limite di risoluzione delle lenti

Immagine di un punto data dalla lente risulta essere un Dischetto. Questo


fatto pone dei limiti a quanto si pu`o fare quando si vogliono distinguere
(Risolvere) due oggetti puntiformi visti sotto un piccolo angolo.

S1 , S2 : sorgenti puntiformi lontane viste dalla lente L sotto un angolo .


Se  = 1.22/D non vi `e sovrapposizione fra i dischetti che rappresentano
196

9.7 Limite di risoluzione


limmagine di S1 e S2 : le due sorgenti appaiono distinte ovvero Risolte.
Se = R = 1.22/D il primo minimo della figura di diffrazione di una delle
due sorgenti coincide con il centro del massimo principale di diffrazione dellaltra. Le due sorgenti sono Appena Risolte. Questo `e noto come Criterio
di Rayleigh (si esclude il fattore 1.22).
R = /a ,dove a `e lampiezza della fenditura, viene detto angolo minimo
risolubile.
= 1/R = a/: Potere risolutivo della lente.

Nel piano focale della lente la lunghezza dellimmagine della fenditura


quindi `e data da:
x = f m =

x
2f
; f tan m =
, tan ' x = f 2m = f m
a
2

a = 5 102 mm; v = 0.4 103 mm; R = 0.7 103 mm; f = 50 cm


197

9. Modello ondulatorio della luce

sin V = V /a = 8 103 rad ' V ; sin R = R /a = 14 103 rad ' R


xV = f V = 4 mm ; xR = f R = 7 mm Lintensit`a `e modulata con un
andamento sinusoidale e diminuisce allaumentare del x = sin : distanza dal
centro dello schermo.

9.8

Reticolo di diffrazione

Facciamo un esperimento in cui abbiamo unonda piana monocromatica che


investe uno schermo su cui `e praticata unapertura circolare di diametro d  .
In questa situazione ponendo uno schermo davanti alla strumentazione precedente si avr`a illuminazione unicamente per = 0, ovvero lunico punto in cui
il campo elettrico EG () 6= 0 e lintensit`a IG () 6= 0.
Poniamo adesso un disco opaco di diametro D < d e dimensione confrontabile
con sullo schermo precedente in modo tale da ottenere effetti di diffrazione
(che saranno pi`
u evidenti pi`
u il buco `e stretto). In questa situazione avremo
che per ogni punto P (): EA () e IA () EA ()2 . Posso ottenere un risultato
equivalente con un opportuno ostacolo posto davanti alla sorgente luminosa
EB () e IB () EB ()2 .
In conseguenza del fatto che nello spazio si crea un campo elettrico, se si vanno
a porre i due sistemi equivalenti davanti alla sorgente luminosa per ricavare il
campo elettrico risultate devo utilizzare il principio di sovrapposizione.
Per tale motivo per 6= 0, EG () = EA () + EB () 0 EA () = EB ()
e quindi IA () = IB (). Per tale motivo le figure di diffrazione prodotte, escluso = 0, sono equivalenti (Principio di Babinet relativo al campo
elettrico).
Sfruttando tali considerazioni costruiamo il reticolo di diffrazione che consiste
di un sistema di N fenditure investite dal fascio luminoso( numero sorgenti secondarie)
ciascuna i larghezza a ed equispaziate di distanza d (Passo del reticolo).

198

9.8 Reticolo di diffrazione

Valori tipici: L = 2.5 cm, N = 104 , d = 2.5 m e a d/4


Unonda piana di lunghezza donda incide normalmente sul reticolo. Si osserva la figura di interferenza sul piano focale di una lente convergente posta
dietro il reticolo.

dove P () `e il punto di osservazione e angolo di emissione e osservazione.


In virt`
u del Principio di Huygens-Fresnel ogni fenditura del reticolo rappre199

9. Modello ondulatorio della luce


senta una sorgente di onde sferiche secondarie.
Le sorgenti sono fra di loro coerenti (divisione del fronte donda) ma non sincrone poiche `e presente una differenza di cammino ottico (ogni sorgente `e
sfasata di un rispetto a quella che la precede).
d sin : differenza di percorso fra i raggi luminosi emessi da due sorgenti adiacenti.
2
d sin

rappresenta la differenza di fase che deriva dalla differenza di percorso.


Nel punto P () lintensit`a dei campi prodotti dalle onde generate dalle singole
sorgenti `e uguale ma le fasi sono diverse.
In = 0, = 0 ed il campo elettrico e lintensit`a risultano massimi EM AX =
N E0 , IM AX = N 2 I0 . Utilizzando il metodo dei fasori lampiezza dellonda
risultante in P `e data dalla risultante della somma di vettori aventi modulo
uguale ognuno sfasato rispetto al precedente di un angolo costante = 2m
dove m = 0, 1, 2, . . . . Per cui si ottiene:
=

D sin = 2m sin = m

D
Possiamo anche valutare la situazione in cui abbiamo un numero N di fenditure
e vogliamo trovare quanto vale sapendo che i fasori sono rappresentati da
una spezzata chiusa poligonale. Da tale ultima condizione sappiamo che
ER = 0 e I = 0, inoltre imponiamo che N = 2(k) con k = 0, 1, . . . .
Segue che:

=
sin =
ND
L
(Aumentando N lintensit`a sar`a sempre pi`
u grande).
La linea spezzata risultante `e inscrivibile in una circonferenza di cui `e possibile trovare il raggio r ricordando che la lunghezza dei fasori, ovvero lintensit`a di campo elettrico generata dalle singole sorgenti secondarie, `e la stessa
(E1 = E2 = . . . = EN = E0 ).

200

9.8 Reticolo di diffrazione

2
rappresenta londa risultante da ununica sorgente (ununica fenditura).
Lampiezza totale, onda risultante, risulta essere:
E0 = 2r sin

Er = 2r sin

N
sin(N /2)
= E0
2
sin(/2)

Lintensit`a risulta essere:


I = I0

sin2 N /2
sin2 /2

Individuiamo:
massimi principali
massimi secondari: N-2 massimi secondari fra due massimi principali
minimi: N-1 minimi fra due massimi principali
Aumentando N il massimo principale si stringe e diminuisce lintensit`a
dei massimi secondari
I = I0

sin2 (N d sin /)
sin2 (d sin /)

Massimi principali
d sin / = m d sin = m con m = 0, 1, 2, . . .
I = N 2 I0

Minimi
N d sin / = m N d sin = m
201

9. Modello ondulatorio della luce


con m = 1, 2, . . . , (N 1), (N + 1), . . . , (2N 1), (2N + 1), . . .
(poiche in kN ricado (con k intero) nelle condizioni di massimo)
I=0

Posizionandoci nella posizione del primo massimo principale a destra di


quello di ordine 0, ovvero sin = m/N d in cui m = +N (condizione di primo
massimo) otteniamo sin = /d. Indicando con il minimo precedente al
massimo di ordine 1 e con quello successivo:
sin | =

(N 1) ; sin | =
(N + 1)
Nd
Nd

Facendone la differenza si ottiene:


(sin ) =

2
2
=
dN
L

Se /L  1 (sin ) = cos
m =

2
L cos m

rappresenta la Larghezza/Allargamento angolare del massimo principale di ordine m.


Leffetto della diffrazione sar`a quello di far diminuire lintensit`a di ogni singola fenditura allaumentare di m . Dallinterferenza abbiamo la funzione di
interferenza normalizzata:
Iint /N 2 = I0
202

sin2 [(sin )N d/]


N 2 sin2 [(sin )d/]

9.8 Reticolo di diffrazione


dove I0 `e la densit`a di flusso di ogni singola sorgente che arriva in P. La
dipendenza da si nota maggiormente nella forma:
2

sin[(a/) sin ]
0
If end = I0
(a/) sin
che rappresenta la funzione dellintensit`a di una singola fenditura normalizzata
con N 2 (I00 = I0 /N 2 ). Il valore dellintensit`a nei punti di massimo risulta
pertanto essere: I = N 2 I0
Se il reticolo viene illuminato con unonda piana: I = Iint If end

2 
2
sin[(sin )N d/]
sin[(a/) sin ]
2
2
I()/N = I0

N sin[(sin )d/]
(a/) sin
che rappresenta la funzione di intensit`a normalizzata di un reticolo costituito
da N fenditure simili ed equidistanti

9.8.1

Potere risolutivo del reticolo

Se la sorgente che emette luce non `e monocromatica, quando illumina il reticolo la differenti lunghezze donda producono massimi principali ad angoli diversi: Dispersione Angolare.

Solo il massimo centrale si forma a = 0 per tutte le lunghezze donda.


Il reticolo di diffrazione permette di analizzare la composizione della luce che
lo colpisce.
Potere risolutivo: capacit`a del reticolo di distinguere fra due onde luminose con lunghezze donda molto vicine.
203

9. Modello ondulatorio della luce


Consideriamo un reticolo con N fenditure illuminando con radiazione composta da luce di lunghezze donda 1 e 2 (2 > 1 ). Sia d il passo del reticolo. I
massimi di ordine m ed i minimi ad essi adiacenti si formano a:
sin m,1 = m

1
1
1
sin m,1 = m +
d
d
Nd

sin m,2 = m

2
2
2
sin m,2 = m
d
d
Nd

Secondo il criterio di Rayleigh le due righe sono risolubili quando il massimo


di una (2 ) coincide con il minimo dellaltra (1 ). 1 ' 2 = ; 2 1 =

R=

= mN : Potere risolutivo del reticolo

Noto R, per un dato valore di esprime la minima differenza risolubile.


Quindi:
1. R aumenta con N
2. R aumenta con lordine del massimo utilizzabile
3. R non dipende dal passo del reticolo

Dispersione D: capacit`a del reticolo di fornire informazioni utili alla


misura di lunghezze donda.
: separazione angolare fra righe spettrali che differiscono in lunghezza donda di .
La dispersione `e definita come la separazione angolare per intervallo di lunghezza donda:

D=

204

9.9 Polarizzazione
Considerando d sin = m e prendendone la variazione infinitesima (deriviamo) d cos d = m d segue che:

D=

m
=

d cos

Quindi:

1. la dispersione aumenta diminuendo la distanza fra le fenditure

2. la dispersione aumenta passando ad ordini superiori

3. la dispersione `e indipendente da N

9.9

Polarizzazione

x
: direzione di propagazione di unonda.
y
,z: assi ortogonali ad x
.
In generale unonda trasversale `e rappresentabile come: E = E(x, t) Se londa
y + E z (x, t)
z
`e trasversale (onde e.m.): E = E y (x, t)
Onda non polarizzata: il vettore E pu`o assumere in un dato istante nei
punti dellasse x
una qualsiasi direzione normale ad x
, ovvero , fissato un punto,
in esso al passare del tempo pu`o assumere una qualsiasi direzione ortogonale
ad x
.
E ha una direzione completamente casuale da x e t.
Onda polarizzata: la variazione della direzione di E da x e t pu`o essere
espressa come una legge precisa.
E y = E 0,y sin(kx t) ; E z = E 0,z sin(kx t + )
Tali espressioni rappresentano le componenti di unonda piana trasversale armonica per cui possiamo costruire ovunque la funzione donda E = E(x, t).
Esaminiamo alcuni casi specifici.
Caso 1.

= 0, componenti dellonda in fase.

205

9. Modello ondulatorio della luce

E ha una direzione fissa. tan = Ez /Ey = Ez0 /Ey0


E(x, t) = E0 cos sin(kx t)
y E0 sin sin(kx t)
z
dove il segno (+) = 0, mentre () =
E ha direzione fissa Onda Polarizzata Linearmente.
q
2
2
E0 = E0,z
+ E0,y
Direzione polarizzazione: direzione di E
Piano di polarizzazione: piano dove giace E
Caso 2.

= /2, 3/2 componenti in opposizione di fase.


Ey = E0y sin(kx t) ; Ez = E0z cos(kx t)
Vale che :
Ey2
Ez2
+
=1
2
2
E0y
E0z
Tale espressione rappresenta lequazione di un ellisse con centro nellorigine ed
assi paralleli agli assi cardinali.
In un generico punto P, al passare del tempo, si vede la punta del vettore E
descrivere un ellisse. T = 2/: Periodo di Rotazione.
Verso di rotazione orario guardando verso la direzione di propagazione dellonda.

206

9.9 Polarizzazione

N
: x
entrambe nel piano del foglio. Si noti che lampiezza dellonda non `e
costante.
In questo caso si parla di onda Polarizzata ellitticamente.
Se: E0z = E0y = E0 Onda Polarizzata Circolarmente.
Lampiezza dellonda `e costante.

Unonda piana armonica trasversale Non polarizzata pu`o essere formalmente descritta tramite:
Ey (x, t) = Ey0 sin(kx t) ; Ez (x, t) = Ez0 sin(kx t + )
assumendo che = (t).

9.9.1

Lamine polarizzanti

Luce non polarizzata (naturale) incidente su una lamina polarizzante (Polaroid).


Nella lamina esiste una direzione polarizzante caratteristica: la lamina trasmette
207

9. Modello ondulatorio della luce


Solo quelle componenti dei treni donda i cui vettori E vibrano parallelamente
a questa direzione ed assorbono quelle che vibrano perpendicolarmente ad essa: la luce uscente dalla lamina risulta polarizzata in un piano.

E = E cos
y + E sin
z . Viene trasmesso solo: E = E cos
y.
2
2
2
Lintensit`a totale trasmessa `e proporzionale a Ey = E cos .
Segue che hcos2 i = 1/2 I = I0 /2.
Ponendo una seconda latra polaroid P2 dopo la lastra P1 , si trovano due posizioni di P2 , una a 180 C rispetto allaltra, nelle quali lintensit`a luminosa
trasmessa `e nulla. Sono le due posizioni dove le direzione polarizzanti di P1 e
P2 sono fra loro ortogonali.

208

9.9 Polarizzazione
Em : ampiezza luce polarizzata che incide su P2 .
Em cos : ampiezza di luce uscente da P2 .
: angolo fra le direzioni di polarizzazione di P1 e di P2
Segue la Legge di Malus:
I = Im cos2
Quando lintensit`a della luce trasmessa risulta essere minima ( = /2) i due
polaroid si dicono incrociati. Per polaroid ideali Imin = 0.

9.9.2

Polarizzazione per riflessione

La luce pu`o essere completamente o parzialmente polarizzata per riflessione


(1809).

(a): Fascio di luce non polarizzato incidente su una superficie in vetro.


Per certi materiali (vetro) si osserva che un certo angolo di incidenza P
(Angolo di Brewster) per il quale il coefficiente di riflessione della componente polarizzata sul piano della lastra `e zero.
La componente polarizzata con polarizzazione parallela al piano di incidenza
`e completamente rifratta.
La componente polarizzata con polarizzazione perpendicolare al piano di incidenza `e in parte riflessa in parte rifratta.
Segue, ricordando che P + r = /2, la Legge di Brewster :
n1 sin P = n2 sin r tan P =

n2
n1
209

9. Modello ondulatorio della luce

9.10

Interferometro di Fabry-Perot

Tale interferometro `e costituito da due superfici piane altamente riflettenti


(spesso in quarzo rivestito da un film altamente riflettente) mantenute parallele
con grande precisione. Una lunghezza donda `e completamente trasmessa solo
quando:
m = 2d cos
Come un reticolo di diffrazione linterferometro di Fabry-Perot `e fatto in modo
che sia possibile distinguere le diverse lunghezze donda. Pu`o essere utilizzato in due modi, ma quello pi`
u comune `e con d, distanza fra le due superfici,
costante (Fabry-Perot Etalon). Con lo strumento utilizzato in questo
modo, quando un raggio di luce giunge in maniera leggermente inclinata, una
determinata lunghezza donda sar`a trasmessa con un dato angolo sempre
uguale. Lunica differenza fra i raggi trasmessi uscenti dalla seconda superficie riflettente consister`a, oltre alla differente posizione di uscita, nel differente
cammino ottico ed intensit`a dellonda.
Con questa strumentazione, pertanto, data la distanza fra le superfici d = cost.
si possono ottenere le lunghezze donda della sorgente luminosa in analisi.
Se la luce che giunge allinterferometro non `e monocromatica, la luce trasmessa fornisce informazioni riguardo la distribuzione spettrale della luce utilizzata. Considerando infatti che venga utilizzata una luce con due componenti
monocromatiche la loro differenza di lunghezza donda `e gradualmente incrementata, e assumendo che la loro intensit`a non differisca troppo, la loro presenza sar`a evidenziata da due set di massimi mutualmente traslati nella figura
di interferenza.
Per questo motivo linterferometro Fabry-Perot ha un ruolo dominante nella
branca della Spettroscopia, in quanto riesce a far osservare direttamente la
struttura delle linee spettrali, che lo spettrometro di Michelson riesce solo ad
interferire.

9.10.1

Spettroscopia

Tutte le sostanze (intendendo con sostanze ci`o che `e costituito da materia) opportunamente eccitate e poi riportate alla loro condizione di equilibrio emet210

9.10 Interferometro di Fabry-Perot


tono radiazione. La spettroscopia analizza le radiazioni emesse dalle sostanze,
anche chiamate Spettro.
Fare unanalisi spettroscopica nel campo del visibile consiste nellosservare
quali lunghezze donda specifiche (quali colori) emette una data sostanza. La
singola lunghezza donda luminosa emessa dalla sostanza `e detta Riga Spettrale e tutte le lunghezze donda di una data sostanza formano lo Spettro
di emissione della sostanza.
Quando le righe sono distinguibili si parla di Spettro a righe (generalmente
emesso da vapori o gas monoatomici rarefatti), mentre quando le righe sono
talmente vicine da confondersi si parla di Spettro a bande (generalmente
emesso da sostanze biatomiche o pi`
u complesse). Si parla di Spettro continuo quando si ha un segnale su tutte le lunghezze donda e tale radiazione
`e emessa da particolari oggetti chiamati Corpo Nero (infatti, un nome alternativo di tale spettro `e Radiazione di Corpo Nero).
Unaltra particolare tipologia di spettri consiste negli Spettri di assorbimento. Tali spettri si ottengono quando la luce emessa da una sorgente, passa
per un gas a bassa pressione e temperatura (coincide con un negativo dello
spettro a righe o bande del gas attraverso cui `e fatta passare la radiazione
luminosa).

211