Sei sulla pagina 1di 216

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA PRIMA FACOLT DI ARCHITETTURA LUDOVICO QUARONI CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA UE

APPUNTI DEL CORSO DI GEOTECNICA

Docente: Prof. Giuseppe LANZO

Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via A. Gramsci 53 00197 Roma tel: 06-49919173 mail: giuseppe.lanzo@uniroma1.it

A.A. 2008-2009

1 - INTRODUZIONE
La Geotecnica studia i problemi che si pongono per vincolare o inserire un'opera nel sottosuolo (fondazioni, gallerie, ecc.), per l'impiego dei terreni e delle rocce come materiali da costruzione (rilevati, argini, colmate, dighe), per il corretto uso del suolo e del sottosuolo (ad es. estrazione di fluidi) e, pi in generale, per la stabilit del territorio. La nascita della Geotecnica moderna risale al 1925, anno della pubblicazione della fondamentale opera di K. Terzaghi sulla "Meccanica dei terreni". In conseguenza dell'evoluzione delle opere costruite dall'uomo e del sempre maggior rilievo del problema dell'interazione tra queste opere e l'assetto del territorio, i problemi geotecnici sono diventati via via pi impegnativi. Tra l'altro, data la notevole espansione delle zone urbanizzate sul territorio, le costruzioni interessano sempre pi spesso terreni poco resistenti e molto deformabili, mentre le condizioni di sollecitazione aumentano per intensit e complessit. Di conseguenza, l'importanza della Geotecnica andata crescendo enormemente negli ultimi anni. Nasce, pertanto, l'esigenza di competenze specifiche sollecitate dalla peculiarit dei nuovi problemi che lo sviluppo delle opere civili e le caratteristiche del territorio pongono. Questa esigenza, primaria nel campo dell'Ingegneria Civile, egualmente sentita nel campo dell'Architettura, anche se con finalit ed approfondimenti diversi. Il progetto architettonico di un'opera, infatti, tra gli altri aspetti deve tener conto di quelli relativi alla stabilit; questa non solo dipende dalle caratteristiche delle strutture in elevazione, ma legata strettamente al comportamento del terreno al quale l'opera vincolata ed ai meccanismi di interazione tra il terreno e la struttura. Per questi motivi, anche l'Architetto deve disporre di conoscenze di tipo geotecnico per avere consapevolezza dei problemi che si presentano quando si progetta un'opera e, se il caso, per orientare le scelte progettuali tenendo conto anche delle esigenze statiche della struttura connesse con le caratteristiche del terreno di fondazione. Ai fini di una suddivisione degli argomenti trattati dalla Geotecnica si pu parlare di:

A - Geotecnica sperimentale, che studia le propriet fisiche e meccaniche dei terreni e delle rocce mediante prove di laboratorio ed in sito e mediante osservazioni sul comportamento di opere realizzate; B - Geotecnica teorica, che studia la "risposta" del terreno alle sollecitazioni indotte dalle opere (fondazioni) o dal peso proprio del terreno (opere di sostegno, scavi); essa utilizza principi e teorie di altre discipline, quali la Meccanica dei solidi (Teorie dell'Elasticit e della Plasticit), la Meccanica dei fluidi, ecc., e ricorre ad ipotesi semplificative per schematizzare il complesso comportamento del terreno (continuit, omogeneit, isotropia); C - Geotecnica Applicata, che riguarda i metodi per il dimensionamento delle opere vincolate al terreno (fondazioni, ecc.) e per la previsione del comportamento delle opere stesse e del sottosuolo, anche in assenza di interventi antropici (pendii naturali); questa parte una sintesi di A e B e del contributo di altre discipline, quali la Geologia per la conoscenza della costituzione, dell'origine e della storia dei terreni e l'Ingegneria delle Costruzioni Civili per la valutazione delle azioni esterne e dell'interazione terreno-struttura. Il corso di "Geotecnica ", istituito presso la Facolt di Architettura di Roma nel 1970, riguarda essenzialmente lo studio dei terreni. Per le loro caratteristiche meccaniche, infatti, i terreni, rispetto alle rocce, hanno maggiore rilevanza per i problemi che pongono nei riguardi della realizzazione di opere di pi immediato interesse per l'Architetto.

2 - ORIGINE E COSTITUZIONE DEI TERRENI

2.1 - DEFINIZIONI Roccia: aggregato di minerali facente parte della crosta terrestre, che, in campioni al di fuori della sua sede naturale, dotato di elevata coesione anche dopo prolungato contatto con acqua. tipi di rocce: - ignee sono formate da materiale magmatico raffreddatosi in seno alla crosta terrestre (rocce ignee intrusive: graniti, ......) o dopo essere stato effuso da vulcani (rocce ignee effusive: basalti, leucititi, ....) - sedimentarie si sono formate per sedimentazione di frammenti prodotti dalla disgregazione della parte emersa della crosta terrestre ad opera degli agenti atmosferici (rocce clastiche: arenarie, conglomerati, ....) o di residui fossili di organismi animali e vegetali (rocce di origine organica: calcari, selce, ......) - metamorfiche sono il prodotto di profonde trasformazioni della struttura e della costituzione di rocce ignee e sedimentarie, soggette ad alte pressioni e temperature (gneiss, quarziti, marmi,....) Ammasso roccioso: la roccia in sede, considerata con le discontinuit strutturali proprie delle condizioni naturali. Terreno: materiale naturale formato da aggregati di granuli, non legati tra loro o che

possono essere separati con modeste sollecitazioni o per mezzo di un pi o meno prolungato contatto con acqua.

Suolo ("terreno agrario"): il prodotto dell'alterazione dello strato superficiale, costituito da rocce o terreni, ad opera del clima e di fattori biologici (vegetazione, microflora, fauna e uomo). I suoli hanno spessore al massimo di qualche metro. Divisione granulometrica: i terreni, a seconda della costituzione granulometrica, cio delle dimensioni dei granuli che li costituiscono, sono classificati nel modo seguente (classifica AGI/S dell'Associazione Geotecnica Italiana): ARGILLA | LIMO | dimensione del granulo terreno coerente | terreno incoerente (o a grana fina) (o a grana grossa) SABBIA | GHIAIA | BLOCCHI e CIOTTOLI

_________ 0,002 ____ 0,06 ________ 2 __________ 60 _________

d(mm)

2.2 - FORMAZIONE DEI TERRENI NATURALI Durante le ere geologiche la crosta terrestre stata soggetta a continui movimenti e deformazioni. Sulla sua superficie sono avvenuti processi di alterazione e disgregazione delle rocce (degradazione meteorica), di trasporto e sedimentazione dei frammenti rocciosi, che hanno portato alla formazione dei terreni naturali. Nello schema seguente sono indicati gli agenti della degradazione meteorica e gli effetti da essa prodotti:
agenti processi chimici (alterazione) - acqua - acidi - ossigeno processi fisici (disgregazione) - temperatura - gelo effetti idratazione soluzione ossidazione esfoliazione frantumazione

I prodotti della degradazione meteorica possono accumularsi nella zona di formazione o possono essere asportati ad opera di agenti di trasporto diversi: gravit, vento e acqua in movimento (torrenti, fiumi, ghiacciai, correnti marine). I terreni naturali si formano anche a seguito dei processi di erosione, cio del logoramento delle terre emerse per piccoli frammenti ad opera di agenti di trasporto, quali: acque correnti; ghiacciai; vento. Anche le frane contribuiscono alla trasformazione della crosta terrestre ed alla formazione dei terreni naturali. L'attivit vulcanica di tipo esplosivo d origine a terreni che prendono il nome di "piroclastiti" (terreni vulcanici). Nello schema seguente sono indicati i tipi di terreno che si formano a seguito di processi che avvengono sulla crosta terrestre. processo disgregazione e alterazione _____________> + erosione e frane + trasporto + sedimentazione ______________> ______________> - sedimentario tipo di terreno

- residuale

vulcanismo

- piroclastico

2.3 - TERRENI PIU' COMUNI E LORO COSTITUZIONE GRANULOMETRICA 2.3.1 - Terreni di degradazione in sede (terreni residuali) Si formano quando i prodotti dell'alterazione di rocce o terreni non vengono rimossi dagli agenti di trasporto o quando la velocit di alterazione delle rocce in sede maggiore della velocit di rimozione dei prodotti dell'alterazione. I terreni residuali sono diffusi ed hanno spessore elevato (da alcuni metri a qualche decina di metri) nelle regioni tropicali ed equatoriali, nelle quali la fitta copertura vegetale impedisce che i prodotti dell'alterazione delle rocce, favorita dal clima caldo umido, siano asportati dalle acque ruscellanti. Nei nostri climi i terreni residuali sono poco comuni ed hanno spessore limitato ad alcuni metri. Granuli di forma irregolare; distribuzione granulometrica assortita; costituzione granulometrica: da ghiaia ad argilla. 2.3.2 - Terreni sedimentari Depositi detritici - Si formano generalmente ai piedi dei versanti montani e collinari per l'accumulo di frammenti di roccia distaccatisi dai versanti stessi ("detrito di falda"). Generalmente lo spessore di questi depositi varia da pochi metri fino ad alcune decine di metri (Fig. 2.1). Granuli di forma irregolare a spigoli vivi; distribuzione granulometrica assortita; costituzione granulometrica: da blocchi a limo. Depositi eolici (dune costiere e desertiche) - Si formano in seguito al trasporto ad opera del vento di frammenti di roccia staccatisi dalla loro sede ed alla successiva deposizione in ambiente subaereo. Dune costiere si rinvengono lungo il litorale laziale. Granuli tondeggianti e smerigliati; distribuzione granulometrica uniforme; costituzione granulometrica: sabbia fina.

Depositi glaciali (morene) - Si formano nella zona di scioglimento dei ghiacciai, dove avviene la deposizione del materiale solido trasportato o trascinato dal ghiacciaio. In Italia si rinvengono lungo tutto l'arco alpino ed allo sbocco delle valli montane nella pianura padana. Nell'Appennino si rinvengono a quote elevate (Campo Imperatore). Granuli a spigoli smussati e striati, distribuzione granulometrica assortita; costituzione granulometrica: da blocchi ad argilla. Depositi alluvionali - Si formano per trasporto di materiale solido ad opera delle acque di fiumi e torrenti e successiva deposizione in conseguenza della riduzione della velocit della corrente. Corsi d'acqua "giovani" molto ricchi di materiale di trasporto - Generalmente la corrente contiene pi materiale solido di quanto capace di trasportare e la deposizione avviene lungo tutto il letto del corso d'acqua. Un corso d'acqua di questo tipo caratterizzato da un alveo piuttosto ampio con uno o pi canali che mutano frequentemente di posizione, specialmente dopo le piene. Dato che la deposizione procede con velocit piuttosto elevata, un dato canale presto riempito di sedimenti. L'acqua quindi devia e segue un altro canale. I depositi sono perci formati da un insieme di lingue e lenti di terreno di diversa granulometria. La dimensione dei granuli dipende dalla velocit della corrente al momento della deposizione. Il materiale trasportato pu essere in "sovraccarico" in conseguenza di una improvvisa diminuzione di velocit della corrente, come nel caso di un corso d'acqua montano che sbocca in pianura; il deposito che si forma in questo caso prende il nome di "conoide alluvionale". Lo spessore dei depositi alluvionali originati da corsi d'acqua "giovani" varia da pochi metri fino a qualche decina di metri. Granuli tondeggianti e lisci, distribuzione granulometrica uniforme (nell'ambito di uno stesso episodio di deposizione); costituzione granulometrica: da blocchi a limo. Corsi d'acqua "maturi" relativamente poveri di materiale di trasporto - Si sviluppano in valli larghe e sono caratterizzati da meandri. In condizioni ordinarie, si ha un trasporto locale in quanto del materiale viene eroso lungo la sponda concava del meandro e

depositato lungo quella convessa. Questi depositi sono formati principalmente da limo e sabbia. Nel caso di esondazioni, si depositano grandi quantit di sedimenti dalle acque che non rientrano entro gli argini del fiume. Questi depositi sono formati principalmente da limo ed argilla. Essi costituiscono le grandi piane alluvionali ed il loro spessore pu raggiungere e superare il centinaio di metri. Caratteristica di tutti i depositi alluvionali la irregolare variabilit di costituzione sia in orizzontale che in verticale. Tale variabilit pi accentuata nei depositi originati da corsi d'acqua giovani ricchi di materiali di trasporto (Fig. 2.1). Depositi deltizi - Si formano quando un corso d'acqua che trasporta materiale solido sfocia in un bacino di acque ferme (lacustre o marino). Le acque, a causa della riduzione di velocit, depositano la maggior parte del loro carico solido che va a formare il delta. Distribuzione granulometrica poco assortita; costituzione granulometrica: da sabbia ad argilla. Depositi lacustri e palustri - Si formano in seguito alla deposizione di materiale solido in un bacino di acque ferme; spesso sono presenti sostanze organiche vegetali. Sono generalmente stratificati, sono cio formati da una successione di corpi tabulari molto estesi di spessore compreso tra qualche centimetro ed alcuni decimetri con caratteristiche granulometriche uniformi. Ciascun deposito presenta generalmente costituzione abbastanza uniforme. I depositi lacustri possono raggiungere spessori di qualche centinaio di metri. Costituzione granulometrica: sabbia, limo, argilla e termini misti. Depositi marini - Si formano in seguito alla deposizione di materiale solido in un bacino marino; si distinguono in: a) depositi litorali o di spiaggia - costituzione granulometrica: blocchi, ghiaia con granuli di forma appiattita, sabbia grossa;

b) depositi di mare poco profondo (< 200 m) - costituzione granulometrica: sabbia, limo e argilla frequentemente con resti organici (conchiglie, etc.); c) depositi di mare profondo (> 200 m) - costituzione granulometrica: argilla. I depositi di mare poco profondo e profondo sono generalmente stratificati ed hanno uniformit di costituzione su ampie estensioni e per spessori rilevanti (dalle centinaia fino ad oltre il migliaio di metri). Depositi organici - Sono originati dall'accumulo in acque calme e poco profonde di resti vegetali cresciuti sul posto (torbiere); si rinvengono allo stato puro (torbe) o associati a materiali a grana fina (limo ed argilla con sostanze organiche). 2.3.3 - Terreni vulcanici (Pozzolane, ceneri, lapilli) Sono formati dai prodotti lanciati dai vulcani durante le fasi di attivit esplosiva e ricaduti nelle zone circostanti, dopo un pi o meno lungo tragitto nell'aria. I depositi sono costituiti da banchi e lenti di terreno di diversa granulometria, corrispondenti ciascuno ad un dato episodio esplosivo, alternati a volte a colate laviche (Fig. 2.1). Granuli di forma irregolare, porosi, fragili ed a superficie scabra (ad esempio, pomici); distribuzione granulometrica assortita o uniforme; costituzione granulometrica: da blocchi a limo. 2.3.4 - Terreni di riporto Sono formati dall'accumulo, ad opera dell'uomo, dei materiali provenienti da scavi, demolizioni, rifiuti (discariche minerarie, urbane, etc.). La costituzione e le caratteristiche ganulometriche di questo tipo di terreni sono molto varie.

Fig. 2.1 - Schemi di depositi di terreni naturali : a) deposito detritico; b) deposito alluvionale di corso d'acqua "giovane"; c) deposito alluvionale di corso d'acqua "maturo"; d) rocce e terreni vulcanici

10

2.4 - COMPOSIZIONE DEI GRANULI I terreni sono costituiti da granuli solidi a contatto tra loro per punti o per piccole aree. Gli interstizi tra i granuli (pori) sono riempiti da un fluido (aria, acqua). La conoscenza della natura e della composizione dei granuli costituenti un terreno spesso indispensabile per comprendere il comportamento del terreno stesso. I granuli possono essere di origine inorganica o organica. I primi sono costituiti da frammenti di roccia (calcare, granito, etc.) o da minerali (quarzo, feldspati, miche, calcite, minerali argillosi, etc.) mentre i granuli di origine organica sono costituiti da residui vegetali in fase di carbonificazione pi o meno avanzata. I granuli costituiti da frammenti di roccia o di minerali la cui dimensione maggiore supera 0,002 mm si definiscono granuli inerti. Essi hanno generalmente le tre dimensioni dello stesso ordine di grandezza e forma rotondeggiante o spigolosa. In genere la costituzione mineralogica dei granuli di questo tipo ha scarsa influenza sulle propriet del terreno. La attivit superficiale dei granuli praticamente nulla, le forze di massa predominano su quelle di superficie e regolano le interazioni tra i granuli. Le interazioni chimiche tra fluido contenuto nei pori e granuli sono trascurabili. I granuli costituiti da minerali argillosi e da sostanze organiche la cui dimensione maggiore minore di 0,002 mm si definiscono granuli attivi. I granuli di minerali argillosi hanno forma appiattita con una dimensione molto minore delle altre due. Data la piccola dimensione e l'elevata superficie specifica le forze di superficie predominano su quelle di massa. I minerali argillosi pi comuni, ordinati per attivit superficiale crescente, sono: la caolinite, l'illite e la montmorillonite.

2.5 -

ATTIVITA' DEI GRANULI. INTERAZIONI ACQUA-MINERALI ARGILLOSI Ogni scaglia di minerale argilloso in sospensione nell'acqua ha delle cariche elettriche

negative sulla sua superficie che tendono ad attrarre ioni positivi per raggiungere un complessivo stato neutro. Questi ioni sono scambiabili. Le scaglie dei minerali argillosi fissano sulla loro superficie molecole d'acqua (dipoli) che formano uno strato di spessore dipendente dalla

11

costituzione del minerale argilloso e dalla natura degli ioni scambiabili (strato di acqua "adsorbita") (fig. 2.2).

Fig. 2.2 - Meccanismo di "adsorbimento" di molecole d'acqua polari sulla superficie di un minerale argilloso in presenza di ioni positivi A causa della struttura dei minerali argillosi e della presenza di cariche elettriche in superficie, in una sospensione di tali minerali tra le scaglie si generano delle forze di attrazione e repulsione la cui intensit dipende dalla distanza tra le scaglie stesse e dalle condizioni ambientali (tipo e valenza degli ioni in soluzione, concentrazione e pH della soluzione, temperatura). Le forze di repulsione sono dovute al fatto che ogni granulo elettricamente negativo e quindi respinge un altro granulo mediante una forza elettrica tipo quella di Coulomb. L'attrazione dovuta a forze di Van der Waals che agiscono su tutti gli adiacenti frammenti di materia. Le forze repulsive ed attrattive aumentano al ridursi della distanza fra i frammenti ed a piccola distanza prevalgono le forze attrattive.

12

Oltre ai due tipi di forza considerate esiste un altra forza elettrica che pu diventare molto importante quando la distanza tra le scaglie di minerale si riduce a valori molto piccoli. Questa forza dovuta alla carica positiva complessiva che si ha al bordo delle scaglie. Questa carica pu causare un legame elettrostatico tra due granuli di tipo bordo-faccia delle scaglie (fig. 2.3). L'insieme delle forze sopra richiamate determina il modo in cui le scaglie di minerali argillosi si dispongono durante la sedimentazione. Se la risultante delle forze tra le scaglie disperse in acqua un'attrazione le scaglie si muovono l'una verso l'altra e si congiungono (flocculazione); se la risultante delle forze una repulsione le scaglie restano separate (dispersione). A seconda della concentrazione elettrolitica nell'acqua al momento della deposizione si pu avere una struttura dispersa o flocculata. Nella struttura dispersa le scaglie sono generalmente parallele e non a contatto, in quella flocculata si hanno contatti bordo-faccia o bordo-bordo, a seconda delle cariche elettriche disposte irregolarmente sulla superficie delle scaglie (fig. 2.3). La struttura dispersa si ha nei depositi di acqua dolce in cui sono scarsi gli elettroliti (argille lacustri o palustri); la struttura flocculata tipica dei depositi marini in cui abbondano gli elettroliti.

Fig. 2.3 - Rappresentazione schematica di aggregati elementari di granuli: a) interazione tra singole scaglie di minerali argillosi; b) interazione tra granuli di limo o sabbia; c) interazione tra gruppi di scaglie di minerali argillosi. A sinistra strutture flocculate, a destra strutture disperse

13

2.6 - MODIFICHE SUBITE DAI TERRENI DOPO LA DEPOSIZIONE Dopo la deposizione i terreni sono soggetti a processi naturali di tipo fisico, chimico e biologico che ne modificano le propriet. Essiccamento - L'esposizione all'aria dei terreni a grana fina produce riduzione di volume e fessurazioni. Gli effetti possono risentirsi fino a qualche metro di profondit. Consolidazione ed addensamento - La consolidazione di un sedimento a grana fina (Cap. 7) , in generale, un processo dovuto alla successiva deposizione di nuovi terreni su quello considerato che risulta pertanto soggetto a carichi via via pi elevati. Tale processo determina la riduzione del contenuto d'acqua del terreno. L'addensamento, cio la riduzione del volume dei pori, riguarda i terreni a grana grossa e pu essere prodotto da cause analoghe alle precedenti; in generale per prodotto da sollecitazioni dinamiche dovute, ad esempio, ai terremoti. Cementazione - La cementazione di un terreno pu essere dovuta alla formazione di legami chimici tra i granuli ad opera di leganti quali il carbonato di calcio, la silice, l'allumina, l'ossido di ferro e prodotti organici. I materiali cementanti possono derivare dagli stessi minerali presenti nel terreno o possono provenire da soluzioni circolanti nel terreno stesso. La cementazione ha importanti effetti sulle propriet di molti terreni naturali. Diagenesi - Per diagenesi si intende un insieme di processi i quali comportano la trasformazione di alcuni minerali da un tipo ad un altro e la formazione di legami tra i granuli ad opera della pressione, della temperatura e del tempo (legami diagenetici). In un dato sedimento questi processi si attivano via via che aumenta lo spessore dei terreni di ricoprimento. Ad opera della diagenesi i terreni si trasformano fino a diventare vere e proprie rocce. Alterazione - Per effetto degli agenti esterni (acque meteoriche, gelo, insolazione, etc.) i terreni in superficie subiscono processi di alterazione che comportano la rottura di legami in precedenza formatisi, la formazione di nuovi minerali argillosi a spese di quelli esistenti e la creazione di reticoli di fessure. Gli effetti dell'alterazione, che in generale

14

comportano un peggioramento delle propriet dei terreni, si riducono all'aumentare della profondit rispetto alla superficie, ma possono risentirsi fino a molti metri di profondit. Formazione di superfici di discontinuit o di minore resistenza - Numerosi depositi formati da terreni argillosi, sia antichi che recenti, sono attraversati da reticoli di discontinuit orientate regolarmente (giunti) o casualmente (fessure). Queste discontinuit possono essersi formate per cause diverse: deformazioni di origine tettonica, scarico di tensioni a seguito dell'erosione, alterazione, essiccamento, etc. I reticoli di discontinuit conferiscono ad un deposito caratteristiche d'insieme diverse da quelle di un elemento di volume dello stesso terreno privo di discontinuit.

15

3 - ANALISI E CLASSIFICAZIONE DEI TERRENI

3.1 - GENERALITA' I terreni sono sistemi polifase. Ogni terreno costituito da una fase solida (granuli), da una fase liquida (generalmente acqua) e/o da una fase gassosa (aria). Nelle regioni a clima temperato, ad una certa profondit dalla superficie del suolo (generalmente pochi metri), la fase liquida quasi sempre presente e frequentemente riempie del tutto gli interstizi tra i granuli (terreni saturi). Nelle regioni a clima arido la fase liquida pu mancare del tutto. L'acqua presente nel sottosuolo pu essere quella originaria dell'ambiente di formazione dei terreni (terreni di origine alluvionale, lacustre, etc.) o pu essere dovuta ad apporti meteorici successivi alla formazione del terreno. Si definiscono propriet indici di un terreno le propriet fisiche che ne esprimono quantitativamente la composizione e lo stato di aggregazione. Alcune di queste propriet dipendono dalla natura e dalle dimensioni dei granuli (composizione granulometrica, peso specifico dei granuli, caratteristiche di plasticit), altre dalla struttura del terreno e cio dai rapporti tra dimensioni, forma e posizione reciproca dei granuli e dalla presenza di un fluido negli interstizi (peso dell'unit di volume, contenuto d'acqua, porosit, etc.). Alcune propriet indici non variano al variare dei fattori ambientali, del tempo e delle sollecitazioni applicate (composizione granulometrica, peso specifico dei granuli, etc.), altre variano in dipendenza delle vicissitudini alle quali i terreni sono sottoposti nella loro storia. Nel caso dei terreni a grana grossa, la composizione mineralogica dei granuli (granuli inerti) ha scarsa influenza sul comportamento fisico-meccanico dell'aggregato e per descriverne quantitativamente le caratteristiche sufficiente definire la distribuzione granulometrica, lo stato di addensamento e la forma dei granuli. Al contrario, nel caso dei terreni a grana fina coerenti, il comportamento dell'aggregato influenzato dalla natura dei granuli da cui dipendono in misura

16

notevole i fenomeni di interazione tra l'acqua e la parte solida. Per descrivere quindi in modo completo le caratteristiche dei terreni a grana fina vengono definite altre propriet indici (caratteristiche di plasticit) che tengono conto della composizione mineralogica dei granuli. Nella pratica geotecnica riveste enorme importanza poter confrontare le esperienze acquisite da operatori diversi. E' quindi necessario definire un sistema di identificazione e classificazione dei terreni che, pur limitandosi a considerare le caratteristiche del terreno pi facilmente determinabili, definisca in modo univoco alcuni parametri di riferimento. L'utilit di un sistema di classificazione non si limita per alle possibilit di confronto tra situazioni simili; in alcuni casi le propriet meccaniche di un terreno sono prevedibili con sufficiente approssimazione sulla base della determinazione di alcune semplici propriet indici e spesso la sola identificazione geotecnica di un terreno consente di progettare un opera di limitato impegno.

3.2 - RELAZIONI TRA LE FASI COSTITUENTI UN TERRENO Con riferimento alla Fig. 3.1, che rappresenta un elemento di terreno in cui le fasi solida, liquida e gassosa sono idealmente separate le une dalle altre, si definiscono:

Fig. 3.1 - Separazione ideale delle fasi in un elemento di terreno

17

1) Peso specifico dei granuli (s = Ps/Vs kN/m3): dipende dalla natura mineralogica dei granuli; il valore di s dei pi comuni costituenti dei terreni compreso nell'intervallo 2528 kN/m ; valori minori di 25 kN/m indicano in genere la presenza di sostanze organiche; 2) Contenuto d'acqua (w = Pw/Ps): definito convenzionalmente come il rapporto (espresso in percentuale) tra il peso dell'acqua persa per essiccamento in stufa a 105-110 C ed il peso del materiale essiccato; 3) Peso dell'unit di volume ( = P/V kN/m ): il rapporto tra il peso totale ed il volume di un campione di terra; dipende dal peso specifico dei granuli, dalla porosit dell'assieme e dalla percentuale dei pori riempiti d'acqua. Le tre grandezze sopra definite sono direttamente determinabili in laboratorio con specifiche prove su campioni di terreno. Sempre con riferimento alla Fig. 3.1, si definiscono altre quattro grandezze di uso comune: 4) Porosit (n = Vv/V): definita come il rapporto (espresso in percentuale) tra il volume dei vuoti ed il volume totale; dipende dalla granulometria, dalla forma dei granuli e dallo stato di addensamento; 5) Indice dei vuoti (e = Vv/Vs): definito come il rapporto tra il volume dei vuoti ed il volume del solido; dipende dalla granulometria, dalla forma dei granuli e dallo stato di addensamento; 6) Grado di saturazione (Sr = Vw/Vv): definito come rapporto (espresso in percentuale) tra il volume dell'acqua ed il volume dei pori; 7) Peso di volume del secco (d = Ps/V kN/m ): il rapporto tra il peso del campione di terra essiccato in stufa alla temperatura di 105-110 C ed il volume del campione stesso prima dell'essiccamento. Le grandezze da 4) a 7) non sono direttamente misurabili in laboratorio; esse vanno ricavate dalle prime tre grandezze sopra definire. Nella tabella 3.1 sono riportate alcune relazioni che legano le varie grandezze tra loro e
3 3 3 3

18

nella tabella 3.2 i valori di alcune propriet indici di terreni caratteristici. Tabella 3.1:Relazioni tra le grandezze che descrivono la composizione e lo stato di aggregazione di un terreno Condizioni generali Peso di volume Peso di volume secco Indice dei vuoti Porosit Grado di saturazione
= P/V d = Ps/V e = Vv/Vs = (s/d)-1 n = Vv/V x100 = e/(1+e) x100 Sr = Vw/Vv = sw/ we

Condizioni di saturazione
= P/V (=sat) d = Ps/V = sat/(1+w) e = Vw/Vs = (s/w)w n = Vw/V = d/w w Sr = 1

w : peso specifico dell'acqua (10 kN/m3) Tabella 3.2 - Valori di alcune propriet indici di terreni caratteristici (kN/m3) Sabbia uniforme non addensata Sabbia uniforme addensata Sabbia assortita addensata Argilla tenera Argilla consistente Argilla montmorillonitica 18,9 20,9 21,6 17,7 20,7 12,7 n (%) 46 34 30 45 37 84 e 0,85 0,51 0,43 0,82 0,59 5,25 w (%, a saturaz.) 32 19 16 45 22 94

Un'altra importante caratteristica dei terreni incoerenti (sabbie e ghiaie) lo stato di addensamento dei granuli. Questo viene espresso dall'indice di addensamento Dr, cos definito:
emax e e max e min

Dr =

dove emax ed emin sono i valori dell'indice dei vuoti corrispondenti rispettivamente al minimo ed al massimo addensamento del particolare terreno.

19

In relazione al valore di Dr un terreno si definisce: - non addensato - mediamente addensato - molto addensato Dr = 0 0,35 Dr = 0,35 0,65 Dr = 0,65 1.

3.3 - CLASSIFICAZIONE DEI TERRENI IN BASE ALLE CARATTERISTICHE GRANULOMETRICHE La pi semplice classificazione dei terreni comunemente usata nel campo delle applicazioni geotecniche basata sulla dimensione dei granuli. La suddivisione granulometrica adottata in Italia quella proposta dall'Associazione Geotecnica Italiana e riportata nel Capitolo 2. L'analisi granulometrica di un campione di terreno viene eseguita in modo diverso a seconda che il terreno sia a grana grossa (d > 0,06 mm) o a grana fina (d < 0,06 mm). Nel caso di un campione di terreno a grana grossa, l'analisi viene eseguita ponendo il materiale, preventivamente essiccato, su una pila di setacci aventi la dimensione delle maglie via via decrescente; i setacci vengono agitati con l'ausilio di una macchina vibrante ed i granuli costituenti il materiale si raccolgono nei diversi setacci a seconda delle loro dimensioni (vagliatura meccanica). Il peso del materiale trattenuto da un dato setaccio riferito al peso totale del campione detto trattenuto (in percentuale). Il complemento a 100 della somma dei trattenuti di tutti i setacci con dimensione delle maglie maggiore di quella del setaccio dato, nonch dello stesso setaccio, detto passante al setaccio considerato (e viene espresso anch'esso in percentuale). Per definire la distribuzione granulometrica di terreni costituiti da granuli di dimensione inferiore a 0,06 mm, si usa la tecnica della sedimentazione, basata sul principio che la velocit di sedimentazione di particelle solide di forma sferica in un liquido dipende dal diametro delle particelle stesse, dalla viscosit del liquido e dal rapporto tra le loro densit (Legge di Stokes). Il materiale viene immerso in acqua all'interno di un recipiente tarato e viene disperso con

20

opportuni additivi che hanno la funzione di impedire l'aggregazione dei granuli (deflocculanti). Al procedere della sedimentazione delle particelle solide viene misurata la variazione della densit della miscela. Dalle misure di densit si risale alla velocit di sedimentazione e quindi alle dimensioni dei granuli.

Fig. 3.2 - Curve granulometriche: a) granulometria uniforme (sabbia monogranulare); b) granulometria assortita (limo argilloso con sabbia); c) granulometria discontinua (limo con ghiaia debolmente argilloso) Operando nei modi descritti possibile costruire curve granulometriche in grafici aventi in ascissa, in scala logaritmica, la dimensione dei granuli ed in ordinate, in scala lineare, la percentuale di materiale passante o di trattenuto (Fig. 3.2). Per la denominazione dei terreni costituiti da pi frazioni granulometriche, vale la seguente convenzione: siano A,B,C i nomi relativi agli intervalli principali (argilla, limo,.....), siano P1,P2,P3 le percentuali di A,B,C presenti nel terreno in esame; se P1>P2>P3 il terreno viene denominato con il nome della frazione A seguito dai nomi delle frazioni B e C preceduti dalla congiunzione "con" se il corrispondente valore di P compreso tra il 50% ed il 25%, seguiti dal suffisso "oso" se P tra il 25% ed il 10%, infine seguiti dal suffisso "oso" e preceduti da "debolmente" se P compreso tra il 10% ed il 5% (ad esempio, un terreno formato dal 55% di sabbia ,dal 28% di

21

limo, dall'11% di argilla e dal 6% di ghiaia viene denominato: sabbia con limo,argillosa e debolmente ghiaiosa).

3.4 - CARATTERISTICHE DI PLASTICITA' DEI TERRENI COESIVI E RELATIVE CLASSIFICAZIONI Il comportamento dei terreni coesivi determinato soprattutto dalle azioni che si scambiano i granuli e dalle interazioni tra questi e l'acqua presente nei vuoti del terreno. Le propriet dei terreni coesivi dipendondono quindi oltre che dalle dimensioni dei granuli anche dalla loro natura. Un terreno argilloso pu contenere quantit d'acqua anche molto elevate; di questa acqua parte adsorbita (Paragrafo 2.4) e parte riempe i vuoti tra i granuli (acqua libera). L'acqua adsorbita, al contrario di quella libera, non si elimina in un normale processo di essiccamento a 105-110 C. Quanto pi un argilla costituita da granuli attivi dal punto di vista chimico-fisico tanto pi grande la quantit di acqua che pu trattenere e pi ampio il campo di variazione del contenuto di acqua libera nel quale l'argilla mantiene un certo stato fisico (solido, plastico, liquido), pur variando le sue caratteristiche di deformabilit. Questo comportamento alla base di un sistema di identificazione e classificazione dei terreni coesivi che individua indirettamente la quantit e la natura dei minerali argillosi per mezzo dei Limiti di consistenza (o Limiti di Atterberg). Limiti di consistenza : sono contenuti d'acqua caratteristici di ciascun terreno a grana fina per i quali si ha il passaggio da uno stato di consistenza ad un altro; essi sono determinati sperimentalmente con prove convenzionali. All'aumentare del contenuto d'acqua la consistenza del terreno diminuisce da quella di un solido a quella di un liquido.

22

Si definiscono: wL : limite di liquidit wP : limite di plasticit wS : limite di ritiro

wS

wP

wL

(w%)

_______|___________|__________|__________> consistenza consistenza solida semi-solida consistenza plastica consistenza liquida

Poich il passaggio di un terreno argilloso da uno stato fisico ad un altro avviene con gradualit al variare del contenuto d'acqua, sono state ideate procedure standardizzate per definire i contenuti d'acqua a cui far corrispondere i Limiti di consistenza. Limite di liquidit: viene determinato con un apparecchio detto cucchiaio di Casagrande e corrisponde al contenuto d'acqua per il quale, nella terra posta nell'apparecchio, un solco tracciato con un apposito utensile si chiude dopo 25 cadute del cucchiaio. Limite di plasticit: viene determinato formando per rotolamento cilindretti di terreno del diametro di 3 mm e corrisponde al contenuto d'acqua per cui si presentano le prime screpolature sulla superficie dei cilindretti. Limite di ritiro: usualmente non viene determinato in quanto di scarsa utilit pratica. Esso il contenuto d'acqua corrispondente al passaggio dallo stato di saturazione a quello di non saturazione. Si definisce: Indice di plasticit : IP = wL - wP questo indice generalmente impiegato, insieme al limite wL, per classificare i terreni a grana fina. Terreni ricchi di minerali argillosi attivi possono fissare molta acqua e di conseguenza

23

hanno valori di IP elevati. Per un dato terreno con contenuto d'acqua naturale w, noti i limiti di Atterberg, si pu valutare il grado di consistenza con la grandezza:
wL w wL w P wL w IP

Indice di consistenza : IC =

L'indice di consistenza IC risulta uguale a zero per w = wL e risulta uguale a 1 per w = wP. Il valore di IC pu fornire una stima delle propriet meccaniche (resistenza e compressibilit) di un dato terreno. Si definisce: Indice di Attivit o Attivit : A = IP / %<2m dove %<2m la percentuale della frazione argillosa del terreno. Questo indice fornisce una stima dell'attivit dei minerali argillosi presenti nel terreno (Fig. 3.3).

Fig. 3.3 - Attivit delle argille

24

E' da notare che il solo valore dell'indice di plasticit non sufficiente per definire l'attivit dei minerali argillosi presenti in un terreno. Infatti un valore elevato di IP (argilla molto plastica) pu dipendere sia da una bassa percentuale di minerali argillosi molto attivi sia da una alta percentuale di minerali argillosi poco attivi. Il metodo di classificazione proposto per i terreni coesivi da Casagrande si basa sull'osservazione che per i campioni di argilla di un dato deposito vale in genere una relazione lineare tra limite di liquidit e indice di plasticit e che gli scostamenti da questa relazione denunciano un comportamento particolare. Nella fig. 3.4 riportata la carta di plasticit di Casagrande. Il diagramma diviso in sei regioni ad ognuna delle quali corrispondono terreni coesivi di natura e caratteristiche diverse. La carta di plasticit di Casagrande consente di avere indicazioni sulle caratteristiche di plasticit e di compressibilit dei terreni a grana fina sulla base di sole prove di identificazione.

Fig. 3.4 Carta di plasticit di Casagrande. IP < 10, wL<25: limi organici di bassa compressibilit ed argille inorganiche di bassa plasticit (zona tratteggiata) CH: argille inorganiche di alta plasticit CL: argille inorganiche di media plasticit MH e OH: limi inorganici di alta compressibilit ed argille organiche ML e OL: limi inorganici di media compressibilit e limi organici

25

4 - L'ACQUA NEL TERRENO

4.1 - GENERALITA' I terreni sono costituiti da una parte solida e da uno o pi fluidi (acqua e/o aria). L'acqua contenuta nei vuoti del terreno pu trovarsi in stato di quiete (condizioni idrostatiche) oppure pu muoversi attraverso i vuoti tra loro comunicanti (moto di filtrazione). In genere i terreni naturali sono saturi d'acqua (in quiete o in moto) a profondit maggiori di pochi metri dalla superficie del suolo. Il comportamento dell'acqua nel terreno (considerata un mezzo incomprimibile) regolato dalle leggi dell'idraulica. In Fig. 4.1.a rappresentata la distribuzione della pressione con la profondit in una massa liquida in condizioni idrostatiche ed in Fig. 4.1.b la distribuzione della pressione dell'acqua con la profondit in un terreno saturo in condizioni di acqua in quiete.

Fig. 4.1 -

Distribuzione con la profondit della pressione dell'acqua in una massa liquida

in condizioni idrostatiche (a) ed in un terreno saturo con acqua in quiete (b) In una massa liquida la pressione dell'acqua (p) cresce linearmente con la profondit ed uguale in ogni punto al prodotto del peso specifico dell'acqua (w) per la profondit zw del punto considerato dalla superficie libera orizzontale, sulla quale insiste la pressione atmosferica

26

(pa), assunta convenzionalmente uguale a zero. La distribuzione della pressione dell'acqua contenuta nei vuoti di un terreno saturo la stessa di quella esistente in una massa liquida, essendo i vuoti comunicanti tra loro. La pressione dell'acqua nei vuoti di un terreno si indica con la lettera u. La somma dell'altezza geometrica (rispetto ad una qualsiasi terna di riferimento) di un punto della massa liquida in quiete (z) e dell'altezza di pressione (p/w) si definisce altezza o quota piezometrica (h) del punto considerato: h = z + p/w In condizioni idrostatiche la quota piezometrica di tutti i punti della massa liquida coincide con la quota della superficie di separazione acqua-atmosfera (superficie libera). La pressione dell'acqua contenuta in un recipiente pu essere misurata per mezzo di una tubazione (piezometro) collegata con il recipiente stesso (Fig. 4.2.a). Il livello della superficie libera dell'acqua nella tubazione definisce la quota piezometrica idrostatica, indipendentemente dalla forma della tubazione; il dislivello zw tra un punto G all'interno del recipiente e la detta superficie rappresenta l'altezza di pressione che moltiplicata per il peso specifico w misura la pressione dell'acqua nel punto G. Analogamente in un terreno saturo la pressione dell'acqua pu essere misurata per mezzo di un piezometro (Fig. 4.2.b).

Fig.4.2 - Schemi di piezometri

27

In una massa liquida in movimento si definisce superficie dei carichi il luogo dei punti aventi la quota fornita dalla relazione:
2

H = h + (v /2g) Nella relazione v la velocit dell'acqua e g l'accelerazione di gravit. In queste condizioni la superficie dei carichi non coincide con la superficie libera (quando esiste), ma si trova in ogni punto ad una quota pi elevata della quantit v /2g che prende il nome di altezza cinetica. L'altezza di carico totale (H) di ogni punto della massa si definisce quindi come la somma dell'altezza piezometrica e della altezza cinetica. Da un punto di vista energetico l'altezza di carico totale H rappresenta il valore dell'energia meccanica specifica posseduta dal fluido; essa la somma della energia di posizione (termine z), dell'energia di pressione (p/w) e dell'energia cinetica (v /2g).
2 2

4.2 - FILTRAZIONE E PERMEABILITA'


2

Nel caso di un moto di filtrazione attraverso un terreno il termine v /2g pu essere trascurato, dati i piccoli valori della velocit dell'acqua; ne risulta in questo caso l'equivalenza tra altezza di carico totale e altezza piezometrica (H=h). Si definisce pendenza piezometrica (o gradiente idraulico) il limite: i = lim h/l l 0 ove h la differenza di quota piezometrica (perdita di carico) tra due punti posti a distanza l. In un mezzo poroso saturo con acqua in quiete, l'altezza piezometrica in ogni punto la stessa; ne deriva che in due punti posti a quote diverse, (ad esempio A e B di Fig. 4.3.a), la pressione dell'acqua diversa e tale che risulta (uB-uA)/w = zA- zB.

28

Affinch tra due punti A e B in un mezzo poroso saturo si abbia moto dell'acqua, tra i punti stessi deve esserci una differenza di carico idraulico, deve cio essere hAhB. La differenza di altezza piezometrica pu essere dovuta sia alla differenza di quota tra i due punti aventi uguale pressione (Fig.4.3.b), sia ad una differenza di altezza di pressione (Fig. 4.3.c). La differenza di altezza di pressione pu compensare anche una differenza di quota, per cui nel caso della Fig. 4.3.c l'acqua si muove dal punto a quota minore al punto a quota maggiore. In definitiva, tra due punti di un mezzo poroso saturo, l'acqua si muove se tra i punti stessi esiste una differenza di carico idraulico che rappresenta la differenza di energia meccanica specifica posseduta dall'acqua in corrispondenza dei due punti.

Fig.4.3 - Condizioni idrostatiche (a) e idrodinamiche (b,c) in un mezzo poroso saturo

29

Il movimento dell'acqua nel terreno, considerato un mezzo poroso omogeneo ed isotropo, pu essere studiato nell'ipotesi di regime permanente (in ogni punto la velocit dell'acqua costante nel tempo). Alla velocit dell'acqua nel mezzo poroso viene attribuito un valore medio fittizio (v), pari al rapporto tra la portata (Q) dell'acqua attraverso una sezione e la superficie complessiva della sezione stessa (vuoti pi pieni rappresentati dai granuli). Pertanto v minore della velocit reale delle particelle liquide. Con riferimento allo schema di Fig. 4.4.a, per una corrente in pressione la velocit v data dalla seguente legge sperimentale (legge di Darcy): v=ki dove i = h/l il gradiente idraulico (i costante essendo costante la sezione A del tratto filtrante) e k prende il nome di coefficiente di permeabilit. Il valore del coefficiente k (che ha le dimensioni di una velocit) dipende dalle caratteristiche del terreno ed in particolare dalle dimensioni dei pori.

Fig. 4.4 - Schemi di filtrazione in regime permanente: a) corrente in pressione; b) corrente a superficie libera Sempre con riferimento alla Fig. 4.4.a, la portata Q (volume di acqua che transita nella sezione A nell'unit di tempo) data dal prodotto v x A.

30

In un mezzo poroso saturo in cui l'acqua in movimento si definiscono: - linea di flusso: la linea la cui tangente in ogni punto determina la direzione della velocit di filtrazione; - linea equipotenziale: il luogo dei punti aventi egual carico idraulico (h), cio il luogo dei punti in corrispondenza dei quali la somma dell'altezza geometrica e dell'altezza di pressione costante; - rete idrodinamica: l'insieme delle linee di flusso e delle linee equipotenziali; in un mezzo isotropo nei riguardi della permeabilit le linee di flusso sono ortogonali alle linee equipotenziali. Nello schema di Fig. 4.4.a, nel tratto filtrante le linee di flusso sono segmenti di rette orizzontali e le linee equipotenziali sono segmenti di rette verticali. Nello schema di Fig. 4.4.b (moto a superficie libera), le linee di flusso e quelle equipotenziali non sono rettilinee; fanno eccezione la linea di flusso XY, corrispondente alla base del tratto filtrante, e le due linee equipotenziali XX e YY. Inoltre, la sezione del tratto filtrante variabile e, ad una portata Q costante, corrisponde una velocit v crescente da X verso Y; la pendenza piezometrica (riferita alla linea di flusso coincidente con la superficie libera) variabile lungo il percorso atraverso il mezzo di permeabilit costante e cresce anch'essa da X verso Y. In tabella 4.1 si riportano i campi di variazione del valore del coefficiente di permeabilit k per diversi terreni. Tabella 4.1 Valori tipici della permeabilit dei terreni
TERRENO ghiaia pulita sabbia pulita e miscele di sabbia e ghiaia sabbia fina, limi, terreni a granulometria mista da sabbia ad argilla argilla 10 10
-8 -11

k (m/s) 110
-2 -2 -5

GRADO DI PERMEABILIT alto medio basso o molto basso praticamente impermeabile

10 10 10 10
-5

-8

31

Il coefficiente di permeabilit di un terreno pu essere determinato in laboratorio su provini di piccole dimensioni. Si utilizzano particolari apparecchi (permeametri) per ricavare la permeabilit dei terreni a grana grossa e si utilizza l'apparecchio edometrico per i terreni a grana fina. Va tenuto presente che il valore del coefficiente k misurato in laboratorio pu non essere rappresentativo della permeabilit in sito del deposito dal quale proviene il campione. Ci dovuto al fatto che nei depositi naturali sono presenti livelli e lenti di materiali pi o meno permeabili del terreno formante la maggior parte del deposito stesso. In queste condizioni la permeabilit di insieme del terreno pu essere valutata per mezzo di prove in sito che consistono nel variare le condizioni di filtrazione per mezzo di emungimenti da pozzo e controllare gli effetti di tali emungimenti in termini di variazione delle quote piezometriche.

4.3 - FALDE IDRICHE Si definisce falda idrica quella parte di sottosuolo in cui il terreno saturo e la pressione dell'acqua nei pori maggiore della pressione atmosferica, cio u > pa = 0. In particolare si distinguono: - falda freatica: falda con superficie superiore (superficie libera) a contatto con l'ambiente atmosferico attraverso i vuoti del terreno (sulla superficie limite superiore u=pa=0); - falda artesiana: falda con superficie superiore a contatto con mezzi praticamente impermeabili (sulla superficie limite superiore u>pa). In una falda artesiana pu accadere che la superficie dei carichi sia a quote maggiori della superficie del suolo; in questo caso l'acqua pu sgorgare naturalmente attraverso pozzi praticati nelle formazioni a tetto della falda idrica. Talvolta una falda pu essere in parte freatica ed in parte artesiana (Fig. 4.5).

32

Fig.4.5 - Esempi di falde idriche

4.4. CAPILLARITA' Al di sopra delle falde freatiche esiste una zona, di altezza variabile con le dimensioni dei vuoti del terreno, in cui l'acqua risale e viene trattenuta per capillarit. Questa zona detta frangia capillare. La capillarit il fenomeno per cui l'acqua, soggetta alla tensione superficiale ed alle forze di attrazione con i materiali presenti, sottoposta ad una forza la cui risultante si oppone alla gravit e tende pertanto a risalire nei vuoti a disposizione. In un tubo di diametro molto piccolo immerso in acqua: l'acqua risale nel tubo per una altezza che funzione del diametro del tubo stesso (pi piccolo il diametro pi grande l'altezza di risalita) e della natura del materiale che lo costituisce. Nella frangia capillare la pressione dell'acqua minore della pressione atmosferica. Al diminuire della dimensione dei vuoti nel terreno l'altezza di risalita capillare aumenta; i terreni a grana grossa anche poco al di sopra della superficie libera della falda sono parzialmente saturi, mentre i terreni argillosi possono essere saturi anche per altezze notevoli al di sopra di tale superficie (Fig. 4.6).

33

Fig.4.6 - Falda idrica e frangia capillare hcmin: risalita capillare minima, funzione dei pori di maggiore dimensione hcmax: risalita capillare massima, funzione dei pori di minore dimensione hcmin (m) ghiaia ghiaia sabbiosa sabbia limo 0,06 0,20 1,20 1,80 hcmax (m) 0,06 0,20 1,20 3,60

34

5 - INDAGINI GEOTECNICHE

5.1 - GENERALITA' Il progetto di un'opera di ingegneria richiede l'acquisizione di informazioni e dati di diversa natura (dati geometrici, dati relativi alle caratteristiche dei materiali, etc.). Mentre nel campo della progettazione e della costruzione delle strutture, l'acquisizione dei dati relativi alle caratteristiche dei materiali (acciaio, calcestruzzo) relativamente semplice (tali materiali hanno caratteristiche note e poco variabili), nel settore della Geotecnica necessario caratterizzare volta per volta, dal punto di vista fisico e meccanico, la parte di sottosuolo che influenza il comportamento dell'opera in progetto. I dati e le informazioni necessari a caratterizzare il sottosuolo devono essere acquisiti con indagini che vengono eseguite al fine di raccogliere tutti gli elementi qualitativi e quantitativi occorrenti per il progetto dell'opera. Poich le situazioni naturali sono molto variabili, ogni opera richiede uno specifico programma di indagini geotecniche. A questo proposito le Norme Tecniche contenute nel D.M. 11.3.1988 stabiliscono i criteri di carattere generale da seguire per il progetto e l'esecuzione di una campagna di indagini. Gli elementi acquisiti per mezzo delle indagini (costituzione del sottosuolo, regime delle acque sotterranee, propriet fisiche e meccaniche dei terreni, etc.) devono consentire di schematizzare la complessa situazione naturale allo scopo di ricostruire un "modello" del sottosuolo per eseguire le elaborazioni ed i calcoli di progetto. L'indagine geotecnica deve essere sempre eseguita, con l'eccezione delle opere di modesto rilievo che ricadano in zone ben note dal punto di vista geotecnico. Il livello di approfondimento dell'indagine ovviamente funzione del tipo di opera e della complessit della situazione. Quando l'indagine geotecnica non viene eseguita, o eseguita male, oppure insufficiente, le successive fasi del progetto risultano generalmente compromesse; i risparmi effettuati nella fase di indagine si scontano in corso di costruzione con ritardi e varianti di

35

progetto. Da un punto di vista generale le finalit dell'indagine geotecnica possono essere sintetizzate nei seguenti punti: verificare la fattibilit dell'opera in progetto; predisporre un progetto dell'opera valido dal punto di vista tecnico ed economico; individuare i procedimenti costruttivi pi idonei (ad esempio, nel caso di fondazioni su pali definire il tipo di palo: infisso o trivellato); prevedere le modifiche che l'inserimento dell'opera pu causare nell'area circostante; valutare il grado di sicurezza di opere esistenti o di situazioni naturali, per quanto attiene gli aspetti geotecnici, e progettare gli eventuali interventi di stabilizzazione (ad esempio, costruzioni su pendii, costruzioni che prevedono scavi profondi, etc.). Nel caso di opere che interessino aree vaste o che si sviluppino nel sottosuolo in profondit (ad esempio: nuovi insediamenti urbani, vie di comunicazione, gallerie, etc.), indispensabile eseguire un'indagine geologica dell'area di studio. Tale indagine indispensabile anche quando le opere ricadono in zone "difficili" dal punto di vista geologico e geotecnico (ad esempio: pendii in frana, aree in subsidenza, zone sedi di cavit sotterranee, etc.). In tutti gli altri casi utile, in particolare se si opera in zone la cui geologia non nota; di regola superflua nelle zone note e per opere di modesto rilievo. L'indagine geologica deve essere estesa ad un'area pi ampia di quella direttamente interessata dall'opera in progetto e deve essere strettamente finalizzata a fornire al progettista il quadro della situazione naturale esistente. I relativi mezzi di indagine sono di competenza del geologo. L'indagine geologica e quella geotecnica sono complementari e devono, ovviamente, essere congruenti.

5.2 - PROGETTO E FASI DELL'INDAGINE GEOTECNICA L'indagine deve essere eseguita sulla base di uno specifico programma (progetto) che deve tenere conto della complessit della situazione geologica e geotecnica e delle caratteristiche

36

dell'opera. Il programma delle indagini viene stabilito in base a: - finalit dello studio (varificare la fattibilit di un'opera; redigere un progetto, ecc.); - dati e conoscenze a disposizione sulla natura dei terreni; - costo dell'indagine e tempo occorrente alla sua esecuzione; - mezzi di indagine a disposizione. Per opere di modesta importanza conviene eseguire le indagini in un'unica fase sulla base di un programma prestabilito (eventualmente modificandolo qualora i primi accertamenti mettessero in luce una situazione diversa da quella prevista). Nel caso di grandi opere preferibile suddividere le indagini nelle fasi corrispondenti alle tappe della progettazione. Per ottenere i massimi risultati importante che il lavoro di indagine e quello di progetto dell'opera siano condotti in parallelo con continui scambi di informazioni e di dati. I dati raccolti con l'indagine suggeriscono soluzioni progettuali e queste indirizzano lo sviluppo delle indagini. E' in genere opportuno che la maggior parte delle indagini sia eseguita nella fase del progetto di massima in modo che nella fase esecutiva della progettazione non vengano messe in luce situazioni tali da modificare completamente l'impostazione dell'opera. Un'indagine geotecnica pu essere suddivisa nelle seguenti fasi: - accertamento della fattibilit; - progetto di massima ed esecutivo; - costruzione; - esercizio dell'opera. Accertamento della fattibilit - La fase preliminare di una indagine geotecnica consiste nella raccolta di dati e notizie dalla letteratura e dalla esperienza derivante dalla costruzione di altre opere. Nella fase di accertamento della fattibilit di un opera devono essere valutati la stabilit

37

di insieme della zona, prima ed a seguito della costruzione del manufatto in progetto, ed i problemi specifici del manufatto stesso. In questa fase necessario conoscere nelle grandi linee la struttura del sottosuolo, i tipi di terreno presenti e si deve accertare la presenza di eventuali falde idriche. Progetti di massima ed esecutivo - In queste fasi deve essere approfondita la caratterizzazione geotecnica del sottosuolo al fine di consentire la individuazione delle soluzioni possibili ed il loro confronto tecnico-economico (progetto di massima), la scelta della soluzione definitiva e l'esame delle questioni tecnologiche (progetto esecutivo). L'indagine geotecnica deve quindi fornire il profilo stratigrafico del sottosuolo, le propriet fisiche e meccaniche dei terreni che lo costituiscono, la profondit ed il regime delle acque sotterranee. Costruzione dell'opera - Durante questa fase si dovranno verificare le schematizzazioni di progetto ed, eventualmente, adattare il progetto stesso alle effettive condizioni riscontrate in sito. Se l'indagine stata eseguita correttamente, il rischio di varianti sostanziali in corso d'opera molto ridotto. Esercizio dell'opera - Indagini e controlli dovrebbero essere proseguiti anche ad opera ultimata, al fine di verificare le previsioni di progetto. Ci obbligatorio nel caso di grandi opere.

5.3 - AMPIEZZA DELL'INDAGINE (VOLUME SIGNIFICATIVO) L'indagine geotecnica deve riguardare quella parte del sottosuolo che verr influenzata dalla costruzione del manufatto o che influenzer il comportamento del manufatto stesso. Questa parte di terreno si definisce volume significativo dell'indagine e la sua estensione dipende dallo specifico problema. Nel caso delle fondazioni di un edificio, l'indagine verr estesa fino a dove si verificheranno significative variazioni dello stato tensionale nel sottosuolo (Capitolo 9). La

38

presenza nel sottosuolo di terreni particolarmente scadenti o di terreni molto resistenti pu modificare il volume significativo. In genere il volume di terreno direttamente sottoposto ad indagine dell'ordine di qualche percento del volume significativo e quindi, nel caso di un sottosuolo molto eterogeneo, l'indagine stessa deve essere particolarmente accurata ed estesa per poter ottenere i dati necessari alla previsione del comportamento dell'opera.

5.4 - MEZZI DI INDAGINE Come detto, l'indagine geotecnica deve fornire dati relativi a: - successione dei terreni presenti nel sottosuolo in tutto il volume significativo; - propriet fisiche e meccaniche dei terreni; - caratteristiche idrauliche del sottosuoluo. Nella tabella 5.1 sono riassunti, per ciascuna delle finalit indicate, i principali mezzi di indagine comunemente utilizzati. Tabella 5.1 - Mezzi di indagine
FINALITA' MEZZI DI INDAGINE Diretti Ricostruzione del profilo stratigrafico - pozzi - trincee - cunicoli Indiretti

scavi

- indagini geofisiche - prove penetrometriche

perforazioni di sondaggio in laboratorio in sito - prove su campioni - prove penetrometriche - prove scissometriche - a tubo aperto Misura della pressione neutra piezometri - Casagrande - celle piezometriche

Determinazione delle propriet fisiche e meccaniche dei terreni

39

5.4.1 - Ricostruzione del profilo stratigrafico Scavi: consentono l'osservazione diretta del sottosuolo (tipo e natura dei terreni, successione e spessore delle eventuali stratificazioni, loro giacitura, ecc.). Gli scavi di indagine si possono distinguere in: - trincee: lo scavo viene eseguito a mano o con mezzi meccanici, generalmente a profondit di 2-4 m (al massimo fino a 8 m); - gallerie o cunicoli: generalmente lo scavo eseguito a mano, con armature di sostegno; - pozzi: generalmente con scavo a mano e con armature di sostegno. Perforazioni di sondaggio (dette anche semplicemente "sondaggi"): consentono di ricostruire il profilo stratigrafico mediante l'esame di campioni di terreno estratti. Le tecnologie di esecuzione pi comuni sono la perforazione a percussione e quella a rotazione. - Perforazione a percussione (Fig. 5.1.a) - L'utensile di perforazione pi comunemente usato costituito da una sonda a valvola (curetta) che viene infissa nel terreno per caduta; durante l'infissione la valvola si apre; durante l'estrazione la valvola si chiude e trattiene il terreno; una volta riempitasi di terreno, la sonda viene portata in superficie e scaricata dalla parte superiore. Poich la perforazione eseguita in presenza d'acqua, immessa nel foro o proveniente dalla falda idrica, i materiali estratti, quando sono incoerenti, vengonono dilavati, con la conseguente perdita della frazione fina; se i terreni sono coesivi rigonfiano ed assorbono acqua. La profondit raggiungibile ed il diametro del foro di sondaggio dipendono dal tipo di utensile usato e dalla energia d'urto, nonch dalla natura del terreno. I diametri usuali variano da 150 a 600 mm; la profondit massima raggiungibile con questo tipo di tecnica circa 60 m. - Perforazione a rotazione (Fig. 5.1.b) - E' eseguita mediante un utensile che asporta frammenti di materiale, ruotando sul fondo del foro ed isolando all'interno una carota di

40

terreno. Con questa tecnica si pu attraversare qualsiasi tipo di terreno; la profondit ed il diametro dei fori dipendono dalla potenza e dal tipo di macchinari impiegati. Per le indagini geotecniche si adottano diametri compresi tra 75 e 150 mm. Per eseguire il foro spesso indispensabile la circolazione di un fluido (acqua, fango bentonitico, aria compressa) immesso attraverso le aste (circolazione diretta) o lungo le pareti del foro stesso (circolazione inversa). L'utensile di perforazione pi semplice consiste in un tubo di acciaio (carotiere) la cui estremit inferiore costituita da una corona tagliente provvista di elementi di metallo duro o di diamante. Il metodo consente il prelievo continuo di materiale, in particolare in terreni coesivi consistenti. E' di regola difficile prelevare campioni di terreni granulari incoerenti o di terreni coesivi teneri. Un altro utensile di perforazione il doppio carotiere, costituito da due tubi concentrici dei quali solo l'esterno ruota. Il tubo interno raccoglie il campione evitando che esso venga in contatto con la parte rotante dell'utensile e proteggendolo parzialmente dall'azione dilavante del fluido di circolazione. E' cos possibile ottenere campioni anche di terreni eterogenei o molto fratturati.

Fig. 5.1 - a) attrezzatura per perforazione a percussione; b) attrezzatura per perforazione a rotazione

41

Indagini geofisiche (metodi indiretti) - Possono fornire un quadro generale della costituzione del sottosuolo con costi relativamente bassi. L'impiego di questo tipo di indagini di regola limitato alle opere che interessano aree molto vaste. Esse si basano sulla misura di determinate caratteristiche fisiche dei terreni (conducibilit elettrica, velocit di propagazione delle onde elastiche, etc.). I terreni vengono riconosciuti in base ai diversi valori assunti dalla particolare caratteristica fisica misurata. Ad esempio: il metodo "sismico a rifrazione" permette di individuare nel sottosuolo terreni con differente velocit di propagazione delle onde elastiche longitudinali (ricerca di substrati consistenti); il metodo dei "sondaggi elettrici verticali" permette di individuare nel sottosuolo terreni con diversa resistivit elettrica (ricerca di falde acquifere e di terreni a grana grossa). Di regola i risultati forniti dalle indagini geofisiche devono essere interpretati con l'ausilio dei dati forniti da perforazioni di sondaggio.

5.4.2 - Campionamento Le propriet fisiche e meccaniche dei terreni costituenti il sottosuolo possono essere determinate per mezzo di prove da eseguire in laboratorio su campioni di terreno e di prove da eseguire in sito con tecniche ed apparecchiature particolari. La finalit dei diversi tipi di prova e le relative tecniche sperimentali verranno trattate in un capitolo successivo; in questo paragrafo sono descritte le modalit di prelievo dei campioni di terreno da sottoporre alla sperimentazione di laboratorio e le caratteristiche che tali campioni devono avere. Per la determinazione delle propriet fisiche e meccaniche dei terreni devono essere prelevati campioni di terreno che conservino la struttura, il contenuto d'acqua e la consistenza propri del terreno nella sua sede (campioni indisturbati). Il prelievo di campioni pu essere effettuato da scavi o per mezzo di perforazioni di sondaggio. Il prelievo di campioni indisturbati una operazione molto delicata che deve essere

42

eseguita da personale qualificato con tecniche e strumenti adatti alle caratteristiche del terreno. Non di regola possibile, con mezzi ed apparecchiature semplici, prelevare campioni indisturbati di terreni incoerenti. In base al grado di disturbo che i campioni presentano, ovvero in base alla quantit di informazioni geotecniche che da essi si possono ricavare, i campioni sono classificati come indicato in tabella 5.2. Il prelievo di campioni indisturbati richiede utensili particolari (campionatori) di caratteristiche diverse a seconda della natura del terreno. I campioni disturbati possono essere prelevati senza ricorrere ad attrezzature particolari, ma sono utili solo ai fini della ricostruzione del profilo stratigrafico. Tabella 5.2 - Classi di qualit dei campioni
Caratteristiche geotecniche determinabili Q1 Profilo stratigrafico Composizione granulometrica Contenuto d'acqua naturale Peso dell'unit di volume Caratteristiche meccaniche (Resistenza, deformabilit,...) Q1, Q2, Q3: Q4: Q5: Campioni disturbati o rimaneggiati Campioni a disturbo limitato Campioni indisturbati # Q2 # # Grado di qualit Q3 Q4 # # # # # # # Q5 # # # # #

Prelievo da scavi di indagine - Campioni di qualit Q5 possono essere estratti dalle pareti e dal fondo degli scavi utilizzando appositi cilindri campionatori da infiggere a pressione nel terreno. Dagli scavi possono anche essere prelevati blocchi di terreno, i quali dopo essere stati asportati devono essere avvolti in involucri impermeabili e posti in cassette con un imballaggio morbido. Prelievo di campioni per mezzo di perforazioni di sondaggio - Possono essere ottenuti

43

campioni a disturbo limitato o campioni del tutto indisturbati scegliendo gli utensili appropriati, in relazione alle caratteristiche del terreno ed alle esigenze dello specifico problema. Per avere la possibilit di effettuare in laboratorio le prove geotecniche necessarie a determinare le caratteristiche meccaniche di un campione di terreno, questo deve avere le seguenti dimensioni minime: diametro d =100 mm e lunghezza L = 600 mm. Campioni di qualit Q1, Q2 e Q3 possono essere ottenuti con i normali utensili da perforazione. Essi devono essere conservati ordinatamente in apposite cassette, senza particolari protezioni contro perdite di umidit (Q1 e Q2), oppure in sacchetti o barattoli a tenuta (Q3).

Fig. 5.2 - a) campionatore a pressione a parete sottile (tipo Shelby); b) campionatore a rotazione a doppia parete (tipo Mazier) Fra i tipi di utensili pi comunemente utilizzati per il campionamento sono da ricordare: campionatore a parete sottile (tipo Shelby), utilizzato generalmente in terreni a grana fina,

44

poco o moderatamente consistenti (fig. 5.2.a); il tubo di infissione, in acciaio di qualit, impiegato anche come contenitore; campionatore a rotazione a doppia parete (tipo Denison o Mazier) con scarpa tagliente avanzata (Fig. 5.2.b); si impiega in terreni coesivi di elevata consistenza nei quali non sia possibile l'infissione di campionatori a pressione; il tubo interno, non rotante, che funziona da contenitore spinto nel terreno mentre il tubo esterno, rotante e dotato di corona tagliente, asporta il terreno circostante; per un buon campionamento indispensabile che la scarpa del tubo interno sporga rispetto alla corona dentata del tubo rotante. 5.2.3 - Misura della pressione neutra In tutti i problemi geotecnici ha importanza fondamentale la conoscenza della distribuzione dei valori della pressione neutra. La misura della pressione neutra pu essere effettuata con diversi tipi di strumenti (piezometri), a seconda che le misure vengano effettuate in terreni permeabili o in terreni poco permeabili. Piezometro a tubo aperto (Fig. 5.3.a) - Pu essere utilizzato solo in terreni omogenei di permeabilit elevata ( k > 10-5 m/s ), sede di una falda idrica in quiete. E' costituito da un tubo di metallo o di materiale plastico posto in un foro trivellato nel terreno. Dopo la posa in opera del tubo, che pu essere perforato solo nel tratto finale o per tutta la lunghezza, l'intercapedine tra il tubo e la parete del foro viene riempita con materiale filtrante (sabbia o ghiaietto). La misura della profondit del livello dell'acqua viene effettuata calando nel tubo piezometrico una apposita sonda elettrica mediante un cavo graduato. Quando la sonda raggiunge il livello dell'acqua nel tubo emette un segnale acustico e si procede quindi alla misura della profondit della sonda mediante il cavo graduato. Piezometro Casagrande (Fig. 5.3.b) - Nelle situazioni pi usuali, informazioni di buona qualit sui valori della pressione neutra si possono avere con questo strumento, che consente di eseguire misure "puntuali" e segnala con sufficiente rapidit le variazioni della pressione dell'acqua nel

45

sottosuolo. Questo piezometro costituito da un cilindro di materiale poroso (ceramica, bronzo sinterizzato) con diametro di 35-50 mm, avente una cavit interna collegata con due tubi piezometrici di diametro molto piccolo (minimo 7 mm). I piezometri Casagrande sono calati in fori trivellati fino alla profondit alla quale si vuole effettuare la misura; il tratto di misura deve essere isolato con tamponi impermeabili (in genere di bentonite) di spessore sufficiente ad evitare l'infiltrazione di acqua dai tratti superiore ed inferiore. La misura del livello dell'acqua nel tubo piezometrico si esegue anche in questo caso con scandagli elettrici. Il tempo di risposta, dato il piccolo volume di acqua contenuto nello strumento, relativamente breve. L'impiego dei piezometri Casagrande limitato ai terreni di permeabilit media (k>10-8 m/s). Celle piezometriche - Si tratta di apparecchiature abbastanza sofisticate il cui impiego giustificato per opere di notevole impegno o per ragioni di studio. Le celle piezometriche sono in genere costituite da un filtro di materiale poroso; l'acqua che penetra nel filtro esercita una pressione su una membrana deformabile alla quale sono connessi trasduttori di vario tipo (celle piezometriche a filo vibrante, elettropneumatiche, etc.). Con questi piezometri non si ha movimento di acqua per cui il tempo di risposta brevissimo anche in terreni a permeabilit molto bassa. Le celle piezometriche vengono calate in fori di sondaggio alla profondit alla quale si vuole eseguire la misura; come nel caso del piezometro Casagrande il tratto di misura deve essere isolato con tamponi impermeabili. L'attendibilit delle misure di pressione neutra, indipendentemente dal tipo di strumento impiegato, dipende dalle modalit di posa in opera e in particolare dalla sigillatura del tratto di foro in cui si esegue la misura.

46

Fig. 5.3 - a) piezometro a tubo aperto; b) piezometro Casagrande

47

6 - TENSIONI E DEFORMAZIONI NEL TERRENO

6.1 - TENSIONI NEL TERRENO Il terreno, come visto, un mezzo polifase in cui la fase solida costituita dai granuli che formano uno scheletro solido continuo e la fase fluida da acqua e/o aria che ne riempiono i vuoti. Nello studio del comportamento meccanico, il terreno, indipendentemente dalla sua natura, viene assimilato ad un mezzo ideale continuo con caratteristiche indipendenti dalle dimensioni dell'elemento di volume considerato; al sistema delle forze intergranulari e degli spostamenti tra i granuli si sostituiscono le tensioni e le deformazioni di un mezzo continuo. Si consideri, ad esempio, il caso di un terreno asciutto costituito da granuli sferici disposti secondo i vertici di un cubo di lato "b", sottoposto al sistema di forze N, Tzx e Tzy definito come in Fig. 6.1.

Fig. 6.1 - Schema per la definizione delle tensioni nel terreno

48

In corrispondenza del piano orizzontale passante per i punti di contatto tra le sfere si definisce tensione normale la quantit:
N = A

(A = b 2 )

(6.2.1)

Sullo stesso piano, in maniera del tutto analoga, si definiscono le tensioni tangenziali (o di taglio):
Tzy A Tzx A

zy =

zx =

(6.2.2)

Le tensioni normali e tangenziali definite come sopra, cio secondo i criteri della Meccanica del continuo, non sono da confondere con le tensioni che si trasmettono i granuli al contatto. Se As l'area di effettivo contatto tra i granuli sulla sezione considerata, la tensione di contatto (o tensione intergranulare) data da:
N
s =

As

Tenuto conto che As molto pi piccola di A , s assume valori molto pi elevati di (fino ad alcune centinaia di MPa nei terreni a grana grossa). In quanto segue si far sempre riferimento alle tensioni definite come rapporto tra forza ed area totale (vuoti + pieni) secondo le (6.2.1) e (6.2.2).

6.2 - TENSIONE TOTALE, PRESSIONE NEUTRA E TENSIONE EFFICACE Nell'esempio considerato nel precedente paragrafo si assunto che la pressione del fluido contenuto nei pori sia nulla. Questo caso si verifica in natura solo nei terreni incoerenti

49

asciutti. Nei terreni al di sotto del livello della falda idrica il volume dei pori occupato dall'acqua con pressione maggiore della pressione atmosferica (pressione interstiziale o pressione neutra: u). Si consideri ora un campione di terreno contenuto in un cilindro a pareti indeformabili, sottoposto all'azione di una forza verticale F e di un carico idraulico, come rappresentato in Fig. 6.2. La forza F comprende, oltre al carico esterno agente sul pistone, anche il peso del pistone, quello dell'acqua posta al di sopra dello stesso pistone e quello del terreno compreso tra il pistone e il piano X-X. Sia A0 l'area della sezione orizzontale del cilindro.

Fig. 6.2 - Campione di terreno in un cilindro a pareti indeformabili In corrispondenza della superficie X-X, la pressione neutra : u = w zw Si definiscono: - tensione totale - tensione efficace = F/A0 ' = - u = F/A0 - w zw

L'equazione = ' + u (6.1.3)

50

l'equazione fondamentale della Geotecnica. Essa mostra che una sollecitazione applicata ad un terreno , per una parte, sopportata dallo scheletro solido (tensione efficace) e, per un'altra parte, dal fluido interstiziale (pressione neutra); in altre parole, una parte u agisce sull'acqua e sulla fase solida, con uguale intensit in ogni direzione, ed un'altra parte ' ha sede esclusivamente nella fase solida. In un terreno asciutto, essendo u = 0, la tensione efficace coincide con la tensione totale; cio ' = . L'equazione (6.1.3) nota come equazione delle tensioni efficaci ed stata dedotta dalle osservazioni sperimentali; come si vedr meglio nel seguito, essa indispensabile per lo studio del comportamento meccanico dei terreni e per la risoluzione dei problemi applicativi. E' necessario tener presente che: 1 - la tensione totale e la pressione neutra possono essere calcolate o misurate sperimentalmente; 2 - la tensione efficace pu essere ricavata solo dai valori della tensione totale e della pressione neutra tramite l'equazione (6.1.3). La tensione tangenziale:

T A

non influenzata dalla presenza dell'acqua, in quanto l'acqua non trasmette sforzi di taglio.

6.3 - RAPPRESENTAZIONE DEGLI STATI DI TENSIONE Lo stato di tensione nel terreno, considerato come un mezzo continuo, viene rappresentato con i metodi della Scienza delle Costruzioni. Lo stato di tensione definito quando sono note le tensioni principali 1, 2, 3 e l'orientamento delle tre direzioni

51

principali. Le tensioni di compressione si assumono positive. Dato che i problemi studiati in geotecnica sono in genere assimilabili a problemi piani, la descrizione dello stato di tensione si semplifica e si considerano solo le tensioni principali massima 1 e minima 3. Nella direzione normale al piano che contiene le tensioni e 3 le deformazioni sono nulle e la tensione 2 la tensione principale intermedia. Note le tensioni principali 1 e 3 possibile calcolare le tensioni e che agiscono su di un generico piano inclinato dell'angolo rispetto all'asse delle x (Fig. 6.3).

Fig. 6.3 - Rappresentazione dello stato di tensione in un problema piano mediante il cerchio di

Mohr
Dalle relazioni di equilibrio si ricava:

= =

(1 + 3 ) (1 3 )
2 (1 3 ) 2

cos 2

sen 2

Come noto dalla Scienza delle Costruzioni, lo stato tensionale in un punto viene rappresentato mediante il relativo cerchio di Mohr (Fig. 6.3).

52

Il punto K del cerchio di Mohr detto "polo delle giaciture"; il polo quel punto della circonferenza dal quale, se si traccia una retta per il punto corrispondente alle tensioni e , si individua la direzione della retta che parallela alla direzione del piano su cui agiscono le tensioni e . Il punto A di coordinate:

1 + 3 2

; = max =

1 3 2

rappresenta lo stato tensionale nel piano su cui agisce la tensione tangenziale massima. Le tensioni efficaci, definite dalla relazione ( ' = - u ), hanno lo stesso carattere delle tensioni totali. Le considerazioni riportate in quanto precede sono valide anche per le tensioni efficaci; queste differiscono infatti da quelle totali solo per una componente costante in tutte le direzioni (la pressione neutra u). Nel piano , i punti che rappresentano le tensioni efficaci risultano quindi traslati parallelamente all'asse delle ascisse verso l'origine degli assi della quantit u, rispetto ai punti corrispondenti alle tensioni totali; ci consente di rappresentare sugli stessi assi le tensioni totali e quelle efficaci '.

6.4 - DEFORMAZIONI NEL TERRENO

Per lo studio delle deformazioni dei terreni si adottano criteri analoghi a quelli impiegati per definire gli stati di tensione, si adotta cio il modello di mezzo continuo. La deformazione di un elemento di volume di terreno sotto l'azione di un sistema di forze applicato dovuta a due cause: 1 - deformazioni elastiche e plastiche dei granuli, per effetto delle tensioni di contatto; 2 - spostamenti relativi dei granuli che, partendo da un assetto iniziale dato, raggiungono un

53

nuovo assetto. Le deformazioni elastiche e plastiche dei granuli sono di regola molto piccole e contribuiscono solo in minima parte alla deformazione totale. Questa quindi dovuta per la massima parte al mutuo spostamento dei granuli, il quale avviene per scorrimenti, rotazioni e scavalcamenti. Il processo di deformazione porta ad una variazione del volume dei pori. In figura 6.4 riportata la deformazione di un insieme di sfere sotto l'azione di un dato sistema di forze. Da quando precede risulta che le deformazioni nei terreni sono per la massima parte irreversibili.

Fig. 6.4 - Deformazione di un sistema di sfere dallo stato di minimo addensamento a quello di

massimo addensamento

6.5 - STATI DI TENSIONE NEL TERRENO

6.5.1 - Stati di tensione naturale e stati di tensione indotti e relative condizioni di


deformazione

Una particolarit dei problemi geotecnici riguarda le condizioni di sollecitazione che si hanno nel terreno nella sua sede naturale.

54

Nel campo dell'Ingegneria delle strutture, specialmente nell'analisi del comportamento di elementi strutturali con una dimensione prevalente (pilastri e travi), le condizioni di sollecitazione possono essere ricondotte a sollecitazioni semplici, quali la compressione, la flessione e taglio, ecc., cos che l'analisi del comportamento di tali elementi relativamente agevole. Nei problemi geotecnici, invece, le condizioni di sollecitazione del terreno in sito sono sempre complesse e non facilmente riportabili a condizioni di sollecitazione semplici. Ad esempio, nel caso di un problema di fondazione di un manufatto, le condizioni di sollecitazione derivano dall'applicazione di carichi, variamente distribuiti in superficie o in profondit, che si ripartiscono entro grandi volumi di sottosuolo, sovrapponendosi allo stato di tensione naturale dovuto al peso proprio del terreno. In definitiva nei problemi geotecnici si hanno di regola sollecitazioni e geometrie che comportano condizioni di deformazione tridimensionale. Solo in alcuni casi o introducendo semplificazioni, le condizioni di deformazione possono essere ricondotte a quelle uniassiali o piane. Le condizioni di sollecitazione pi comuni del terreno nella sua sede naturale sono sintetizzate in Tabella 6.1. Nel caso degli stati di tensione indotti dall'applicazione di carichi, a seconda della geometria del problema e della distribuzione dei carichi stessi, le condizioni di deformazione corrispondenti possono essere ricondotte a condizioni di deformazione uniassiale, piana o assialsimmetrica (Fig. 6.5). Queste condizioni di deformazione, rispetto a quella tridimensionale (z x y), consentono di trattare il problema della definizione delle tensioni indotte nel sottosuolo e delle conseguenti deformazioni in modo pi agevole. Anche nel caso della stabilit dei pendii naturali e dei fronti di scavo, il pi delle volte la condizione di deformazione pu essere ricondotta a quella piana.

55

Tabella 6.1 : Stati di tensione nel terreno e relativi problemi geotecnici

STATI DI TENSIONE NATURALE

Superficie del terreno orizzontale (condizioni geostatiche) Superficie del terreno inclinata (stabilit di pendii naturali) Applicazione di carichi (fondazione di manufatti) Esecuzione di scavi (stabilit di fronti di scavo) Azioni dinamiche dovute a (effetti vari) superficie {in in profondit

STATI DI TENSIONE INDOTTI

{terremoti traffico

Va tenuto presente che nei problemi geotecnici le tensioni dovute al peso proprio del terreno hanno un ruolo rilevante. Queste tensioni, infatti, non solo sono responsabili delle condizioni di equilibrio dei pendii naturali e dei fronti di scavo, ma, essendo confrontabili in grandezza con le tensioni indotte dai carichi e tenuto conto del comportamento meccanico dei terreni, da esse dipendono le caratteristiche di resistenza e deformabilit dei terreni stessi da considerare nella risoluzione dei problemi geotecnici. Essendo, cio, i terreni dei materiali le cui caratteristiche meccaniche dipendono dalle tensioni agenti e dalla storia degli stati di tensione, le tensioni dovute al peso proprio vanno tenute in debito conto insieme a quelle indotte dai carichi.

56

Fig. 6.5 - Stati di tensione e deformazione indotti dall'applicazione di carichi in superficie Lo stato di tensione naturale in condizioni geostatiche verr considerato nel paragrafo seguente. Gli altri stati di tensione indicati in Tabella 6.1 verranno presi in esame quando si tratter dei problemi applicativi relativi a ciascun stato di tensione, sia naturale (stabilit dei pendii), sia indotto (fondazione di manufatti, stabilit dei fronti di scavo).

6.5.2 - Stato di tensione naturale in condizioni geostatiche In tutti i problemi geotecnici (fondazioni, scavi, etc.) indispensabile conoscere lo stato di tensione iniziale del terreno. Tale stato determinato dal peso proprio del terreno ed, in alcuni casi, dalla storia degli stati tensionali passati; nella generalit delle situazioni non pu essere definito facilmente. Nel caso di situazioni come quelle che si verificano piuttosto frequentemente nelle regioni pianeggianti costituite da terreni, coerenti e non, di origine sedimentaria (superficie del

57

suolo piana ed orizzontale, mezzo indefinito ed omogeneo) la definizione dello stato di tensione naturale dovuto all'azione del peso proprio semplice. Nella situazione geometrica considerata, dato che devono essere verificate contemporaneamente l'uniformit tensionale in direzione orizzontale e la simmetria radiale rispetto a qualsiasi asse verticale, le tensioni tangenziali sui piani orizzontali e verticali sono nulle. Le direzioni verticale ed orizzontale sono perci direzioni principali. In un punto alla profondit z sotto la superficie del suolo (Fig. 6.6), per l'equilibrio del prisma di terreno sovrastante si ha: v = W /A

Fig. 6.6 - Definizione delle tensioni litostatiche verticali in cui W il peso del prisma di terreno di base A sovrastante il punto considerato. Se il peso dell'unit di volume del terreno costante: v = z in generale nel caso di peso di volume variabile con la profondit = (z):
z

v = (z) dz
0

o, nel caso di terreno stratificato:

58

v = i i zi in cui zi lo spessore dello strato i-esimo e i il peso di volume dello strato i-esimo. Se a partire da una certa profondit z0 presente una falda idrica e quindi il terreno saturo (Fig. 6.6), la tensione verticale totale nell'ipotesi di sat = cost data da: v = 0 z0 + sat zw Nel punto considerato A agisce anche la pressione neutra: u = w zw Tenuto conto dell'equazione (' = - u) la tensione verticale efficace nel punto considerato : 'v = 0 z0 + ( sat - w ) zw = 0 z0 + ' zw ove ' il peso di volume del terreno immerso. Nei terreni naturali il rapporto K0 = 'h/'v, denominato coefficiente di tensione
laterale a riposo, espresso in funzione delle tensioni efficaci e dipende dalla natura e

composizione del terreno e dalla storia degli stati di tensione. I dati sperimentali indicano che in terreni mai sottoposti a tensioni verticali efficaci maggiori di quelle agenti all'istante considerato (terreni normalmente consolidati) K0 = 0,4 0,7. In terreni che siano stati sottoposti nel corso della loro storia a tensioni efficaci maggiori di quelle attuali (terreni sovraconsolidati) K0 > 1 e pu raggiungere valori dell'ordine di 3. Noto il valore di K0 lo stato tensionale di un terreno pu essere definito completamente. Con riferimento al caso semplice di terreno con = cost e con superficie libera della falda idrica

59

al piano di campagna, si ha: v= z u = w z 'v = ' z 'h = K0 'v h = 'h + u

60

7 - COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI

7.1 - CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

Realizzare un'opera, sia essa un fabbricato o una diga, eseguire uno scavo, o pi in generale intervenire sull'ambiente fisico significa modificare lo stato di tensione esistente nel sottosuolo. Chi opera deve prevedere gli effetti di tale modifica, in generale sull'ambiente ed in particolare sull'opera che si intende realizzare e sul territorio circostante. Il problema di prevedere la risposta del terreno alle variazioni dello stato di tensione nel sottosuolo affrontato dalla Geotecnica. Affinch questo problema possa essere risolto necessario conoscere il comportamento meccanico dei terreni, cio le leggi che legano le tensioni alle deformazioni e queste al tempo (leggi costitutive). Si visto che i terreni sono assimilati a mezzi continui, ma il loro comportamento meccanico notevolmente pi complesso di quello di altri materiali, come ad esempio il calcestruzzo e l'acciaio, studiati nella Tecnica delle Costruzioni, i quali hanno comportamento elastico lineare, almeno entro determinati campi di sollecitazione.

Fig. 7.1 Esempio di relazione tensioni-deformazioni del materiale "terreno" I terreni al contrario sono caratterizzati da un comportamento anelastico non lineare anche per piccoli valori degli sforzi applicati (Fig. 7.1), da cui deriva che le deformazioni

61

dipendono dal percorso delle tensioni ed in alcuni casi dal tempo. Come si vedr meglio nel seguito, ci dipende dalla costituzione granulare del terreno e dalla presenza di aria e/o di acqua nei pori. Per risolvere i problemi applicativi, per poter utilizzare cio le teorie ed i metodi di calcolo della Geotecnica, derivati dalla Teoria dell'Elasticit, da quella della Plasticit, ecc., necessario schematizzare il comportamento meccanico del terreno con modelli semplici, che soltanto in misura limitata ed in determinate condizioni ne descrivono il comportamento reale.

7.2 -

COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI IN RELAZIONE ALLA COSTITUZIONE GRANULARE ED ALLA PRESENZA DI PIU' FASI

7.2.1 - Risposta del sistema granulare polifase alle variazioni dello stato di tensione Si consideri un elemento di volume di un terreno incoerente asciutto, ad esempio una sabbia, al quale sia applicato una sollecitazione al contorno (Fig. 7.2).

Fig. 7.2

Condizioni di deformazione di un elemento di terreno: a) deformazioni laterali impedite; b) deformazioni laterali parzialmente impedite

62

Si visto che all'interno del terreno asciutto le forze agenti si trasmettono in corrispondenza dei punti di contatto tra i granuli e che per avere una deformazione dell'elemento di volume necessario che i granuli scorrano gli uni rispetto agli altri. Ci si verifica quando viene uguagliata la resistenza allo scorrimento tra i granuli, che funzione del coefficiente di attrito del materiale costituente i granuli e della componente normale alla superficie di contatto delle forze che i granuli si trasmettono. Dato che questi scorrimenti sono in gran parte irreversibili, nel senso che al cessare dello sforzo agente lo scheletro solido del terreno non riacquista la originaria configurazione, possibile comprendere perch il comportamento dei terreni di tipo non elastico. Se l'elemento di terreno sopra considerato sollecitato in condizioni di deformazioni laterali impedite (Fig. 7.2.a), lo scorrimento dei granuli, quando possibile, pu portare soltanto ad una riduzione di volume, cio i granuli si dispongono secondo una configurazione di maggior addensamento. A seguito dell'applicazione di un carico, una sabbia poco addensata subisce forti variazioni di volume, mentre una sabbia molto addensata non varia praticamente il suo volume. Nel primo caso si dice che il materiale molto compressibile, nel secondo che poco compressibile. Se l'elemento di terreno sopra considerato sollecitato in condizioni di deformazioni laterali parzialmente impedite (Fig. 7.2.b), lo scorrimento dei granuli pu portare, oltre che ad una riduzione di volume, anche alla rottura del terreno. Per rottura si intende un fenomeno di scorrimento indefinito dei granuli tra loro, che, se concentrato in una fascia di piccolo spessore, determina la formazione di una superficie di rottura. Nel caso di un elemento di terreno saturo, lo schema sopra considerato rimane ancora valido per ci che riguarda il risultato finale dei meccanismi di deformazione e di rottura, per per comprenderne lo sviluppo necessario tener conto dell'interazione dell'acqua con lo scheletro solido del terreno. Nel Capitolo 2 si visto che esiste un'interazione di tipo chimico tra acqua e granuli di minerali argillosi, che porta a far s che i granuli siano circondati da uno strato di acqua fortemente legata detta "adsorbita". L'acqua alla quale qui si fa riferimento invece quella

63

"libera", in grado di muoversi per effetto di una variazione delle tensioni totali applicate o della pressione interstiziale. Quest'acqua, come visto, pu muoversi pi o meno facilmente a seconda della permeabilit del terreno. Nei terreni a grana fina la permeabilit molto bassa e l'acqua si muove molto lentamente. Nei terreni saturi sotto falda idrica, i problemi geotecnici possono essere ricondotti a due diverse categorie: - problemi nei quali l'acqua in quiete o in moto permanente, cio la distribuzione della pressione neutra dipende soltanto dalle condizioni idrauliche al contorno. In particolare, nel caso di acqua in quiete, tale distribuzione dipende dalla posizione della superficie libera della falda idrica e, nel caso di acqua in moto permanente, dipende dalla rete di flusso; - problemi nei quali l'acqua in moto vario, a seguito di variazioni dello stato di tensione e della conseguente tendenza del terreno a variare di volume; in questo caso si genera una sovrappressione neutra transitoria che provoca il regime di moto vario. La prima categoria comprende i problemi nei quali si verificano condizioni drenate, la seconda comprende le condizioni non drenate ed i problemi di consolidazione.

7.2.2 - Condizioni drenate e non drenate Se si sottopone un provino di terreno saturo ad una sollecitazione di compressione, nell'ipotesi che sia i granuli che costituiscono lo scheletro solido sia l'acqua interstiziale siano incompressibili, si ha una variazione di volume del provino solo se pu variare il contenuto d'acqua nei pori.

64

MOLLA ACQUA

= scheletro solido = fluido interstiziale

VALVOLA = permeabilit del terreno Fig. 7.3 Modello fisico per descrivere la compressione e la consolidazione dei terreni

Per valutare l'interazione che si ha fra scheletro solido ed acqua interstiziale in un terreno saturo soggetto a compressione, pu essere utile far riferimento al semplice modello fisico rappresentato in Fig. 7.3, il quale costituito da un pistone in grado di trasmettere una tensione ad una molla immersa in acqua. In questo modello la molla schematizza il comportamento dello scheletro solido e il grado di apertura della valvola la permeabilit del terreno.

65

Fase iniziale = valvola aperta Nella fase iniziale il sistema in condizione di equilibrio con: tensione totale pressione neutra tensione efficace = tensione applicata = pressione dell'acqua = tensione nella molla = 0 u0 = h0 w '0 = 0 - u0 V = Vw = = 0

variazione di volume = abbassamento del pistone

Fase 1 = valvola chiusa Si applica al sistema un incremento di tensione totale dopo aver chiuso la valvola; poich il drenaggio impedito la molla non si deforma e le condizioni diventano (Fig. 7.3): tensione totale pressione neutra tensione efficace variazione di volume = 0 + u = u0 + u = u0 + = '0 V = 0

Fig. 7.4 Comportamento del modello fisico di Fig. 7.3

66

L'incremento di tensione totale si trasforma interamente in incremento di pressione neutra, in quanto l'acqua incompressibile, mentre la molla deformabile. Ne segue che la tensione efficace ed il volume non variano (Fig. 7.4). In questa fase il sistema in condizioni non drenate. Fase 2 = valvola aperta e t t0 Se all'istante t = t0 si apre la valvola, tra l'interno e l'esterno del pistone si determina un gradiente idraulico, che tender a far uscire l'acqua dal pistone. Col passare del tempo (t > t0), la sovrappressione neutra si riduce (uet < u), determinando un incremento di tensione efficace; le condizioni del sistema divengono (Fig. 7.4): tensione totale pressione neutra tensione efficace variazione di volume = 0 + u = u0 + uet ' = '0 + 't V = Vt

La velocit con la quale si hanno le variazioni di volume dipende dal grado di apertura della valvola, ovvero dalla permeabilit del terreno, e dalla rigidezza della molla, cio dalla compressibilit dello scheletro solido; tale processo di graduale variazione di volume prende il nome di consolidazione. Fase 3 = valvola aperta e t = Ad un tempo teoricamente infinito, il gradiente idraulico, che si creato per effetto dell'incremento di pressione neutra, diminuisce fino ad annullarsi ripristinando cos le condizioni di equilibrio: tensione totale pressione neutra tensione efficace variazione di volume = 0 + u = u0 ' = '0 + ' = '0 + V = Vt =

67

Il sistema nuovamente in condizioni drenate. In generale, nel caso dei terreni reali, quando si fanno variare le tensioni totali possono aversi le seguenti condizioni: - condizioni drenate se le tensioni sono applicate lentamente, in rapporto alla permeabilit k, in modo che il contenuto d'acqua vari senza che la pressione neutra aumenti apprezzabilmente rispetto al valore iniziale u0, ovvero: u u0 essendo u 0

- condizioni non drenate se l'elemento di terreno limitato da un contorno impermeabile, oppure se, pur avendosi continuit idraulica con l'esterno, le tensioni sono applicate con velocit tale che il contenuto d'acqua non pu variare immediatamente e nel terreno quindi si ha un aumento apprezzabile della pressione neutra rispetto al valore iniziale u0, ovvero: u = u0 + u con u = f ()
5

Nei terreni con coefficiente di permeabilit

k 10

m/s (sabbie e ghiaie) le

deformazioni avvengono sempre in condizioni drenate. Il comportamento dei terreni asciutti equivale a quello dei terreni saturi, purch si faccia riferimento per quest'ultimi alle tensioni efficaci. Nei terreni a grana fina (limi e argille) saturi dato che k molto basso le condizioni non drenate sono molto frequenti. 7.2.3 - Principio delle tensioni efficaci Nel capitolo precedente sono state definite le tensioni totali ed efficaci che in un terreno saturo sono legate dalla relazione: = ' + u

68

Dall'esperienza si visto inoltre che:

"tutti gli effetti misurabili di una variazione dello stato di tensione, come la compressione, la distorsione e la variazione della resistenza al taglio dei terreni, sono dovuti esclusivamente a variazioni delle tensioni efficaci".

L'equazione ( = ' + u) e l'enunciato di cui sopra costituiscono il Principio delle


tensioni efficaci, postulato da Terzaghi oltre mezzo secolo fa. Tale principio valido per tutti i

mezzi porosi saturi e per valori di ' < 20 MPa , cio nel campo di interesse dell'Ingegneria Civile. Il Principio delle tensioni efficaci essenziale per la comprensione del comportamento meccanico dei terreni e per la soluzione dei problemi applicativi.

7.3 -

MODELLAZIONE DEL COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI

Si accennato nel paragrafo 7.1 che per poter applicare le teorie ed i metodi di calcolo della Geotecnica, derivati dalla Teoria dell'Elasticit, da quella della Plasticit, ecc., necessario schematizzare il comportamento meccanico del terreno con modelli semplici. I modelli semplici elementari sono tre: il solido elastico lineare, il mezzo plastico
perfetto ed il mezzo viscoso (Fig. 7.5).

Fig. 7.5 Modelli semplici di comportamento meccanico dei terreni

69

Il modello di solido elastico lineare caratterizzato da una legge costitutiva indipendente dal tempo, nella quale le tensioni ( o ) e le corrispondenti deformazioni ( o ) sono in relazione biunivoca tra loro mediante il modulo di deformabilit longitudinale E (Modulo di Young) o il modulo di deformabilit trasversale G. Schematicamente questo modello rappresentato da una molla. Il modello di mezzo plastico perfetto (o rigido-plastico) caratterizzato dall'esistenza di una soglia di tensione (* o *) raggiunta la quale si manifestano deformazioni ( o ) permanenti (deformazioni plastiche). Questo modello rappresentato da un morsetto. Il modello di mezzo viscoso caratterizzato dall'esistenza di un legame tra le tensioni applicate ( o ) e le velocit di deformazione corrispondenti ( e ). Schematicamente questo modello rappresentato da uno stantuffo. In Fig. 7.6 indicata la possibile schematizzazione del comportamento anelastico non lineare di un terreno reale mediante un modello composto elasto-plastico.

Fig. 7.6 Possibile schematizzazione del comportamento di un terreno reale con un modello di mezzo elasto-plastico In generale il modello elastico lineare impiegato nei problemi di definizione delle tensioni indotte nel sottosuolo e nella valutazione delle deformazioni conseguenti a piccole variazioni degli stati di tensione (ad esempio cedimenti del piano di posa di una fondazione). Il
modello di mezzo rigido plastico impiegato nei problemi di rottura dei terreni (ad esempio

una fondazione collassa, un pendio frana e cos via). Il modello di mezzo viscoso impiegato nei problemi in cui il comportamento dei terreni dipende dal tempo (ad esempio cedimenti del

70

piano di posa di una fondazione sotto carichi costanti per processi di consolidazione o per deformazioni di creep). Ciascun modello semplice caratterizzato da parametri meccanici propri, che descrivono in termini quantitativi le relazioni tra tensioni, deformazioni e tempo (ad esempio nel caso del solido elastico il parametro il modulo di deformabilit E o il modulo G a seconda se si fa riferimento alle tensioni normali o a quelle di taglio; nel caso del mezzo plastico il parametro la tensione di soglia (* o *) che rappresenta la resistenza limite del terreno. Questi ed altri parametri, che quantificano il comportamento meccanico del terreno, vanno determinati sperimentalmente. Lo studio sperimentale del comportamento meccanico dei terreni richiede l'impiego di apparecchiature diverse, sia in laboratorio che in sito, in relazione alle diverse condizioni di tensioni e di deformazioni da imporre agli elementi di volume di terreno da provare.

71

8 - DETERMINAZIONE

SPERIMENTALE

DELLE

PROPRIETA' MECCANICHE DEI TERRENI

8.1 -

CONSIDERAZIONI SULLA SPERIMENTAZIONE IN LABORATORIO ED IN SITO

Come visto al capitolo precedente, per applicare le teorie della Geotecnica devono essere note le propriet meccaniche dei terreni. Queste propriet, che dipendono da natura e costituzione del terreno, storia degli stati di tensione, etc., possono essere determinate solo per mezzo di prove sperimentali che riproducano, con la migliore approssimazione possibile, le situazioni reali. La strada di regola seguita quella di riprodurre in laboratorio ed in sito i fenomeni che si verificano in vera grandezza. Cio su volumi di terreno ridotti si riproducono le condizioni di sollecitazione e di drenaggio che si possono avere nei casi reali e si determinano direttamente o indirettamente le propriet meccaniche del terreno che descrivono il comportamento osservato. In laboratorio si opera generalmente su provini di terreno di piccole dimensioni (dell'ordine del decimetro) in condizioni controllate, adottando tutte le necessarie cautele per garantire l'esattezza delle misure. Per determinare in laboratorio le propriet meccaniche dei terreni naturali, le prove devono essere eseguite su campioni indisturbati. I campioni, inoltre, devono essere
rappresentativi del terreno in sede. Dato che i terreni naturali non sono di regola omogenei, pu

essere necessario

provare un numero elevato di campioni per arrivare a caratterizzare

adeguatamente un dato "volume significativo" di sottosuolo. L'esecuzione di prove di laboratorio richiede in generale tempi piuttosto lunghi e costi elevati relativi anche al prelievo dei campioni indisturbati. Per ridurre l'incidenza di tali inconvenienti, si possono eseguire prove in sito. Queste hanno il vantaggio della rapidit di esecuzione e della relativa economicit e consentono di

72

superare, almeno per alcuni tipi di terreno, i problemi relativi alla rappresentativit dei campioni ed al campionamento indisturbato. In molti casi (terreni non campionabili, come ad esempio le sabbie incoerenti sotto il livello della falda idrica) possono rappresentare l'unico mezzo per valutare le propriet meccaniche dei terreni. Un altro vantaggio di queste prove consiste nella possibilit di indagare con continuit una verticale, ottenendo un profilo geotecnico praticamente continuo. E' da tenere presente, per, che le prove in sito possono essere impiegate solo in determinate condizioni e l'interpretazione dei dati di solito empirica o semi-empirica ed occorre perci esperienza nell'utilizzarli.

8.2 - APPARECCHIATURE PER PROVE DI LABORATORIO

Prima di descrivere le principali apparecchiature per prove di laboratorio e le relative modalit sperimentali, opportuno mettere in vista come queste apparecchiature siano state ideate per riprodurre in laboratorio le condizioni di sollecitazione del terreno che pi frequentemente si presentano in sito. Per alcuni comuni problemi geotecnici, nei grafici di Fig. 8.1 sono indicate in modo schematico le condizioni di sollecitazione in sito e le corrispondenti prove di laboratorio con le relazioni tensioni-deformazioni ottenibili da ciascuna prova. La Fig. 8.1.a si riferisce all'abbassamento dovuto alla deformazione di uno strato di terreno compressibile per effetto di un carico di intensit q uniformemente ripartito su un'area molto estesa con B >> Z (ad es. rilevato molto esteso, ecc.). Questo caso corrisponde alla condizione di deformazione uniassiale (z 0; x = y = 0); molti problemi di deformazione legati all'abbassamento dei manufatti possono essere riportati a condizioni di deformazione uniassiale. Anche il caso dell'abbassamento generale del livello della falda freatica, che determina un aumento delle tensioni verticali efficaci, corrisponde alla condizione di deformazione uniassiale nella direzione verticale (per un metro di abbassamento del livello della falda si ha: 'v = w x 1 m). La Fig. 8.1.b si riferisce alla condizione di sollecitazione indotta in uno strato di terreno

73

deformabile da un carico q, agente su un'area di dimensione trasversale B < H e che potrebbe produrre la rottura del terreno lungo la superficie EFG. In questo caso, al di sotto della zona caricata esitono condizioni di deformazione triassiale. La Fig. 8.1.c si riferisce alle condizioni di sollecitazione che si hanno in corrispondenza di un fronte di scavo verticale realizzato in un terreno coesivo nel quale potrebbe verificarsi una rottura lungo MN per effetto del peso del cuneo di terreno LMN. In questo caso, alla base del fronte di scavo si hanno condizioni di deformazione laterale libera.

Fig. 8.1 - Riproduzione in laboratorio delle condizioni di sollecitazione in sito

74

La Fig. 8.1.d si riferisce alle condizioni di sollecitazione che si hanno in un pendio indefinito lungo la superficie di scorrimento ST di una frana per scivolamento. Lungo tale superficie si hanno condizioni di deformazione per taglio. Come risulta dalla Fig. 8.1, le principali prove di laboratorio che riproducono le condizioni di sollecitazione che pi frequentemente si presentano in sito, sono: la prova edometrica o di compressione con espansione laterale impedita; per eseguire questa prova si impiega l'edometro che consente di determinare le caratteristiche di compressibilit dei terreni in condizioni di deformazione uniassiale; la prova di compressione triassiale; viene eseguita con l'apparecchio triassiale, che consente di determinare le caratteristiche di deformabilit e di resistenza dei terreni in condizioni di deformazioni triassiali; la prova di compressione semplice o ad espansione laterale libera, un caso particolare della prova triassiale e consente di determinare le caratteristiche di resistenza dei terreni coerenti; la prova di taglio diretto; si impiega l'apparecchio di taglio diretto o scatola di
Casagrande, che consente di determinare le caratteristiche di resistenza dei terreni coerenti

ed incoerenti in condizioni di superficie di rottura imposta. 8.2.1 - Edometro Questo apparecchio costituito da un anello indeformabile nel quale contenuto il provino di terreno di forma cilindrica con altezza Ho minore del diametro D (Fig. 8.2). Nelle apparecchiature usuali Ho = 20 mm e D = 70 mm. Il provino contenuto tra due piastre di materiale poroso permeabile per consentire il libero drenaggio dell'acqua interstiziale.

75

Fig. 8.2 - Edometro La prova si esegue applicando al provino di terreno una serie di incrementi di carico verticale (i). Dopo l'applicazione di ciascun incremento di carico, il carico complessivo (i = i-1 + i) lasciato agire per un intervallo di tempo sufficientemente lungo da assicurare la completa dissipazione degli eccessi di pressione neutra indotti dall'incremento di carico applicato (i). Per ciascun incremento di carico, mediante un micrometro, si misurano gli abbassamenti verticali (H) nel tempo. Date le condizioni di deformazione uniassiale, le variazioni di altezza del provino corrispondono alle variazioni di volume; si ha pertanto: = H/Ho = V/Vo = e/(1+eo) dove Vo il volume iniziale del provino ed eo l'indice dei vuoti iniziale del terreno.

76

Fig. 8.3 - Rappresentazione dei risultati di una prova edometrica I risultati delle prove edometriche possono essere rappresentati per mezzo di grafici abbassamento-tempo (H, t) (Fig. 8.3.a) e tensione-deformazione (', ) (Fig. 8.3.b). Al posto di quest'ultimo grafico, usualmente, i risultati della prova vengono rappresentati per mezzo del grafico indice dei vuoti-logaritmo delle tensioni (e, log ') (Fig. 8.3.c).

8.2.2 - Apparecchio triassiale L'apparecchio per prove di compressione trassiale consente di applicare a provini cilindrici di terreno una tensione radiale (r) ed una tensione assiale (z). Le tensioni r = 2 = 3 e z = 1 sono tensioni principali. L'apparecchio costituito da una cella formata da una base e da una cupola di acciaio, connesse da una superficie cilindrica di plexiglass (Fig. 8.4 ). Il provino montato su un piedistallo alla base della cella ed rivestito da una membrana di gomma. Nelle prove standard i provini hanno diametro di 37 mm ed altezza pari al doppio del diametro. Alle basi del provino sono poste due piastre porose. Sulla piastra porosa superiore posto un disco metallico per applicare il carico assiale. Il piedistallo forato e permette la connessione della faccia inferiore

77

del provino con l'esterno.

Fig. 8.4 - Apparecchio triassiale Montati il provino e gli accessori menzionati, si ricompone la cella e la si riempie d'acqua. Quindi l'acqua nella cella viene messa in pressione. La fase della prova durante la quale viene mantenuta costante la pressione di cella (c) la fase di consolidazione. Nella fase di rottura, tutta la cella viene posta sotto una pressa, costituita da un piatto (sul quale la cella viene appoggiata) che si solleva a velocit costante e da un contrasto che agisce sul pistone. Il contrasto strumentato in modo da misurare lo sforzo nel pistone (Fa), cio la reazione del provino alla deformazione imposta. Il condotto che immette la pressione nella cella rimane sempre aperto e la sorgente di pressione deve essere tale che c si mantenga costante per tutta la prova. Il condotto che proviene dalla base del provino collegato ad un misuratore di pressione o ad un sistema che consente di misurare il quantitativo d'acqua espulso o assorbito dal provino di terreno nel corso della prova. Se la valvola R (Fig. 8.4) mantenuta aperta, si realizzano condizioni di drenaggio

78

libero e le prove vengono dette drenate; se la valvola chiusa, il provino non in comunicazione con l'esterno ed il suo contenuto d'acqua si mantiene costante nel corso della prova (prove non drenate); in questo caso possibile misurare gli eccessi di pressione neutra u = f (). Dal punto di vista del drenaggio si distinguono tre tipi di prove: 1) Prove consolidate drenate (prove CD). Il provino viene consolidato sotto una pressione idrostatica '1 = '3 = c- u0 (u0 il valore iniziale della pressione neutra che viene applicata al provino per favorire la saturazione), misurando la variazione di volume ed il tempo di consolidazione. A consolidazione ultimata si incrementa la tensione assiale '1, misurando le deformazioni assiali = H/H0 ed il quantitativo d'acqua espulso (o assorbito). In realt, la deformazione imposta, e quindi nota, e si misurano gli incrementi '1 - '3. La prova condotta lentamente, in relazione alla permeabilit del terreno, in modo che nella fase di rottura sia sempre u = u0. 2) Prove consolidate non drenate (prove CU). La prima fase identica a quella della prova CD. A consolidazione ultimata il provino viene isolato rispetto all'esterno mediante la chiusura della valvola R. Si incrementa quindi la tensione assiale, misurando le deformazioni assiali e gli incrementi di pressione neutra u = f (1 - 3). Mentre nelle prove CD le tensioni efficaci concidono (a meno di u0) con le tensioni totali, in queste prove le tensioni efficaci e quelle totali differiscono di u+u0. 3) Prove non consolidate non drenate (prove UU). Il provino nelle sue condizioni iniziali di stato di tensione efficace, contenuto d'acqua, etc., sottoposto alla pressione idrostatica 1 = 3 = c, mantenendo chiusa la valvola R. Sono cio impedite le variazioni di volume e perci nel provino si sviluppa un eccesso di pressione interstiziale uc = c. Si incrementa successivamente la tensione assiale, misurando le deformazioni assiali. Durante tutta la prova

79

le tensioni totali non coincidono con le tensioni efficaci. I risultati dei tre tipi di prova, ottenuti durante la fase di incremento della tensione assiale, vengono rappresentati da diagrammi incremento della tensione assiale (1 - 3) deformazione assiale () (Fig. 8.5). Nelle prove CD si riporta anche il diagramma variazione di volume-deformazione assiale e nelle prove CU il diagramma variazione di pressione neutradeformazione assiale.

Fig. 8.5 - Rappresentazione dei risultati delle prove triassiali 8.2.3 - Apparecchio di taglio diretto In Fig. 8.6 schematizzato l'apparecchio di Casagrande per l'esecuzione della prova di taglio diretto. L'apparecchio consiste in una robusta scatola metallica, a sezione quadrata, tagliata secondo un piano orizzontale, in modo che le due parti possano scorrere relativamente in direzione orizzontale.

80

Fig. 8.6 - Apparecchio di taglio diretto (Scatola di Casagrande) Nella scatola, in cui inizialmente le due parti hanno i bordi coincidenti, viene inserito il provino di terreno, che ha un'altezza di 2 cm e lato di 6 cm. Le due facce del provino sono a contatto con due piastre porose che consentono il libero drenaggio dell'acqua contenuta nel provino. Attraverso la piastra superiore possibile applicare una tensione normale n. L'applicazione dello sforzo di taglio si ottiene facendo scorrere a velocit costante e molto bassa le due parti della scatola. La successione delle operazioni la seguente: - fase di consolidazione: si applica la tensione normale n fino alla stabilizzazione dei cedimenti verticali; - fase di rottura: si fanno scorrere le due parti della scatola e si misura lo sforzo di taglio ; la velocit di scorrimento viene scelta in funzione della permeabilit del terreno, in modo da avere sempre condizioni drenate durante il corso della prova. I risultati che si ottengono sono rappresentati mediante grafici sforzo di taglio ()spostamento orizzontale (), da cui si ricava il valore massimo della tensione di taglio (f) sviluppata dal provino di terreno (Fig. 8.7). Prolungando la prova dopo il raggiungimento della

81

tensione massima di taglio, fino al massimo scorrimento relativo consentito alle due parti della scatola, si pu rilevare se il valore residuo della tensione di taglio fR minore di f. Le prove di taglio diretto si eseguono sia su terreni incoerenti (sabbie) sia su terreni coerenti e sono sempre condotte in modo da avere condizioni drenate.

Fig. 8.7 - Rappresentazione dei risultati di una prova di taglio diretto

8.3 - APPARECCHIATURE PER PROVE IN SITO

8.3.1 - Penetrometro dinamico Le prove penetrometriche dinamiche consistono nella misura della resistenza alla penetrazione di un campionatore cilindrico a parete grossa di dimensioni e caratteristiche standard (Fig. 8.8), fatto avanzare per mezzo di un dispositivo a percussione (Standard
Penetration Test: SPT). Durante l'infissione viene registrato il numero di colpi N necessario

per ottenere l'avanzamento di 30 cm del campionatore. La prova viene eseguita a partire dal fondo di fori di sondaggio.

82

Fig. 8.8 - Apparecchiatura (a) e campionatore (b) per prove penetrometriche dinamiche SPT Le informazioni che la prova fornisce sono di tipo discontinuo, poich la distanza minima tra due prove consecutive non pu essere inferiore al metro. La prova pu essere eseguita in terreni coerenti ed incoerenti, ma fornisce risultati pi attendibili in quest'ultimi. Difficolt si incontrano in presenza di ghiaie a causa del limitato diametro interno dell'utensile campionatore. Va rilevato che questo utensile consente di portare in superficie campioni di terreno, per cui possibile correlare direttamente il risultato della prova al terreno provato. In ghiaie la scarpetta aperta del campionatore pu essere sostituita con una punta conica di egual diametro.

83

In base ai risultati della prova possibile valutare lo stato di addensamento dei terreni sabbiosi o lo stato di consistenza dei terreni argillosi (Tabella: 8.1).

Tabella: 8.1: Valutazione dello stato di addensamento di terreni sabbiosi e della consistenza di terreni argillosi mediante prove penetrometriche SPT TERRENI SABBIOSI stato di addensamento non addensato (sciolto) poco addensato moderatamente addensato addensato molto addensato consistenza privo di consistenza poco consistente (tenero) moderatamente consistente consistente molto consistente estremamente consistente (duro)

0-4 4 - 10 10 - 30 30 - 50 > 50 TERRENI ARGILLOSI

<2 2-4 4-8 8 - 15 15 - 30 > 30

8.3.2 - Penetrometro statico Le prove penetrometriche statiche (Cone Penetration Test: CPT) consistono essenzialmente nella misura della resistenza alla penetrazione (Rp) di una punta conica di dimensioni e caratteristiche standard, infissa a velocit costante nel terreno. L'attrezzatura comunemente impiegata in Italia consente anche la misura della resistenza laterale locale (Rl)

84

mediante un manicotto scorrevole (Fig. 8.9). La punta conica, che ha un'area di base di 10 cm2, viene fatta avanzare, a partire dalla superficie del suolo, mediante un'asta protetta da una tubazione di rivestimento. Le informazioni che la prova fornisce sono di tipo praticamente continuo, perch le misure di resistenza alla penetrazione sono eseguite a distanza molto ravvicinata (20-50 cm). Con il penetrometro elettrico, simile all'apparecchiatura sopra descritta, ma dotato di un sistema di misura di tipo elettrico della resistenza alla punta e di quella laterale locale, si ottengono profili di resistenza continui.

Fig. 8.9 - Penetrometro statico CPT: punta con manicotto

Fig. 8.10 - Risultati di una prova penetrometrica statica in un sottosuolo eterogeneo

85

Le prove penetrometriche statiche si eseguono su tutti i tipi di terreno compresi tra le argille di media e bassa consistenza e le sabbie a grana grossa. In Fig. 8.10 riportato un profilo penetrometrico relativo ad un sottosuolo costituito da terreni di natura diversa.

8.3.3 - Scissometro Le prove scissometriche (Vane tests) si eseguono per determinare direttamente la resistenza al taglio di terreni coesivi saturi di consistenza da bassa a media. La parte principale dell'apparecchio, cio lo scissometro, costituita da quattro alette rettangolari di lamiera di acciaio sottile unite a 90 tra loro lungo uno dei lati maggiori (Fig. 8.11.b). La prova consiste nell'infilare nel terreno un'asta con le quattro alette poste all'estremit e nel farla ruotare tagliando in sito un cilindro di terreno e misurando la coppia di torsione (Mt). Il diametro del cilindro d varia da 45 a 100 mm, l'altezza h di solito pari a 2d. La prova pu essere eseguita sia al fondo di un foro di sondaggio (Fig. 8.11.a), sia mediante un'apparecchiatura che consente di far penetrare direttamente lo scissometro nel terreno ("vane borer"), proteggendo la batteria di aste con una tubazione di rivestimento. Con quest'ultima tecnica non possibile attraversare strati di terreno molto consistenti o contenenti ghiaia.

Fig. 8.11 - Apparecchiatura per prove scissometriche (a) e scissometro (b)

86

8.4 - MISURA DELLA DEFORMABILITA' DEI TERRENI

8.4.1 -

Leggi tensioni-deformazioni-tempo in condizioni di deformazione uniassiale (caratteristiche di compressibilit e di consolidazione delle argille)

Lo studio di queste leggi di regola condotto in laboratorio mediante prove di compressione edometrica (Paragr. 8.1.2). In quanto segue si fa riferimento alle argille. La definizione delle caratteristiche di compressibilit e di consolidazione necessaria nei problemi di cedimento dei manufatti che possono essere riportati a condizioni di deformazione uniassiale del terreno di fondazione. Le caratteristiche di compressibilit servono per valutare la grandezza dei cedimenti, le caratteristiche di consolidazione servono per stimare il decorso dei cedimenti nel tempo, dipendente dal processo di consolidazione dei terreni di fondazione.

Fig. 8.12 -

Prove edometriche: relazioni logaritmo delle tensioni efficaci - indice dei vuoti di un'argilla ricostituita in laboratorio (a) e di un'argilla naturale indisturbata (b)

Per comprendere meglio il comportamento dei terreni naturali indisturbati, bene far riferimento prima al comportamento di un'argilla satura (Sr = 1) ricostituita artificialmente in laboratorio e non sottoposta in precedenza a carichi. Nella fase di carico (Fig. 8.12.a) l'indice dei

87

vuoti decresce secondo una linea retta nel piano (lg '- e) (tratto AB), definita dalla relazione: e = e0 - Cc lg ('/'0) Il coefficiente Cc (indice di compressibilit) dipende dalla natura e dalla composizione mineralogica dell'argilla. In prima approssimazione Cc legato al limite di liquidit dalla seguente relazione empirica valida per materiale indisturbato: Cc = 0,009 x (wL - 10) In fase di scarico l'indice dei vuoti aumenta secondo la linea BC. Ricaricando nuovamente, l'indice dei vuoti varia secondo la linea CB'D, nella quale si riconoscono due tratti con diversa pendenza: CB' e B'D. L'inflessione della curva si ha nellintorno della tensione 'c (tensione di preconsolidazione) raggiunta nella prima fase di carico. Il tratto B'D rettilineo nel piano semi-logaritmico ed espresso dalla relazione gi vista: e = e0 - Cc log ('/'0). Si consideri ora un campione indisturbato di un'argilla naturale (Sr = 1), sottoposto allo stesso tipo di prova (Fig. 8.12.b). Nella fase di carico si distinguono due tratti: EF con pendenza piccola e FG praticamente rettilineo con pendenza pi elevata. Il tratto GH corrisponde alla fase di scarico. E' evidente la somiglianza tra la linea EFG e la linea CB'D di Fig. 8.12.a. Se l'inflessione della curva di carico di un terreno naturale si ha per valori di 'c 'v (tensione litostatica verticale efficace a cui era sottoposto il campione in sito), il terreno definito normalmente consolidato; se 'c > 'v il terreno definito sovraconsolidato. Si definisce grado di sovraconsolidazione il rapporto: OCR = 'c/'v La sovraconsolidazione dei terreni naturali pu essere dovuta ai carichi esercitati da strati di terreno successivamente erosi, all'abbassamento generale del livello della falda idrica, all'essiccamento.

88

I carichi che agiscono su un'argilla durante la fase AB di primo carico (Fig. 8.12.a) provocano l'orientamento delle scaglie di minerali argillosi e lo sviluppo di legami tra le scaglie stesse. Il processo tanto pi marcato quanto pi elevata la tensione verticale agente e quanto pi lungo il periodo di tempo durante il quale detta tensione agisce. La struttura ed i legami cos formatisi non si distruggono durante lo scarico BC e conferiscono una certa "rigidit" allo scheletro solido del terreno, di modo che durante la fase di secondo carico (tratto CB') il terreno relativamente poco deformabile; il superamento della tensione 'c corrisponde alla rottura dei legami ed alla assunzione di nuove strutture durante il carico da B' a D. Dal grafico (lg ', e) si ricavano le caratteristiche di deformabilit del materiale espresse dal modulo edometrico: Eed = '/ = ('/e)(1+ e0) [F L-2]

Le caratteristiche di deformabilit sono funzione di ' e devono perci essere date indicando la tensione media cui esse si riferiscono. In Tabella 8.2 sono riportati a titolo indicativo i valori del modulo Eed e dell'indice di compressibilit Cc di alcuni terreni, per i valori delle tensioni pi usuali nei problemi di ingegneria civile. Tabella 8.2: Caratteristiche di compressibilit di alcuni terreni tipici Eed (MPa) - sabbie sciolte - sabbie addensate - argille normal. consolidate - argille sovraconsolidate - terreni organici 10 - 100 50 - 200 1 - 20 5 - 50 < 10 CC 0,2 - 1,0 >1

89

Come visto in 8.2.1, le relazioni deformazioni-tempo possono essere rappresentate nel piano (t, H) di Fig. 8.13.

Fig. 8.13 - Relazione abbassamento-tempo da una prova edometrica su argilla Nella fase iniziale il processo di deformazione (deformazione primaria) dovuto alla consolidazione unidirezionale del campione. Si pu tuttavia osservare che per tempi lunghi la velocit di deformazione non tende a zero. Le curve sperimentali mostrano infatti che la deformazione continua a crescere con legge di tipo esponenziale (deformazione secondaria). Tale comportamento, attribuito alla viscosit dello scheletro solido, avviene a pressione neutra praticamente costante ed tanto pi marcato quanto pi elevata la plasticit dell'argilla. Nei processi di consolidazione in condizioni edometriche si distinguono in definitiva due fasi: deformazione primaria (o di consolidazione) legata alla filtrazione dell'acqua in regime di

moto vario verso gli strati drenanti;


deformazione secondaria (o di creep) attribuita ai processi viscosi a livello dello scheletro

solido. Dai grafici tempo-abbassamento possibile determinare il coefficiente di


consolidazione:

90

cv = k Eed / w

[L2 T -1]

dove k il coefficiente di permeabilit del terreno. Il coefficiente cv fornisce la misura della velocit del processo di dissipazione delle sovrappressioni neutre; pi elevato il valore di cv pi rapido il processo di dissipazione. Le variazioni di cv sono piccole; in prima approssimazione per i terreni argillosi si pu assumere: cv = 10-7 - 10-8 m2/s Ricavato il coefficiente di consolidazione ed il modulo edometrico possibile calcolare il valore del coefficiente di permeabilit k. Per le sabbie (k 10-5 m/s; Eed > 50 MPa) cv molto elevato e perci il processo di consolidazione immediato.

8.4.2 - Leggi tensioni-deformazioni in condizioni di deformazioni triassiali Lo studio di queste leggi si esegue in laboratorio mediante prove triassiali. In quanto segue vengono distinti i terreni incoerenti (principalmente sabbie) dai terreni coerenti (principalmente argille). La definizione delle caratteristiche di deformabilit in condizioni di deformazioni triassiali necessaria nei problemi di cedimento dei manufatti che non possono essere riportati a condizioni di deformazioni uniassiali del terreno di fondazione.
Sabbie - Nel caso delle sabbie, data la loro elevata permeabilit, si hanno sempre condizioni

drenate, per cui si fa riferimento a prove di tipo drenato. In questi materiali, infatti, l'eccesso di pressione neutra generato dalla variazione di sforzi totali si dissipa molto rapidamente.

91

Fig. 8.14 - Comportamento delle sabbie in condizioni di deformazioni triassiali L'andamento delle curve ('1 - '3, ), ottenute mediante prove CD, dipende, a parit di altre condizioni, dal valore dell'indice dei vuoti iniziale eo (Fig. 8.14.a). Se e0 basso si ha l'andamento della curva b. Corrispondentemente la curva (V/V0, ) mostra che il materiale tende ad espandersi aumentando la sua porosit. Se e0 elevato il comportamento del materiale rappresentato dalla curva a. Il comportamento a deformazione delle sabbie addensate pu spiegarsi con riferimento alla Fig. 8.14.b, che rappresenta un insieme di granuli sferici incompressibili nelle condizioni di massimo addensamento. Se l'insieme sottoposto ad una sollecitazione di compressione, le deformazioni sono possibili solo se le sfere si spostano lateralmente (Fig. 8.14.c). Tale spostamento accompagnato da un aumento di volume dell'insieme, come risulta dal confronto

92

del volume dei pori nelle parti b e c della figura. L'aumento di volume di una sabbia addensata sottoposta ad una sollecitazione di compressione o di taglio chiamato dilatanza. Dai diagrammi ('1 - '3, ) si possono ricavare i valori del modulo di deformabilit: E' = d('1 - '3)/d che sono funzione di ('1 - '3) e dell'indice dei vuoti iniziale. A titolo di orientamento in Tabella 8.3 sono riportati alcuni valori indicativi del modulo di deformabilit delle sabbie. Tabella 8.3: Caratteristiche di deformabilit triassiale di sabbie tipiche E' (MPa) Tipo di granuli angolosi fragili tondeggianti di elevata resistenza sciolte 10 50 addensate 40 100

Il coefficiente di Poisson dato dal rapporto tra deformazione radiale e deformazione assiale, per piccoli valori di compreso tra 0,1 e 0,2.
Argille - Data la bassa permeabilit delle argille, bisogna considerare se esse sono sollecitate in

condizioni drenate o in condizioni non drenate. In condizioni drenate le curve tensioni-deformazioni e le curve variazioni di volumedeformazioni di un'argilla normalmente consolidata (NC) e di una argilla sovraconsolidata (OC) sono riportate in Fig. 8.15. Come risulta anche dalla figura, il modulo di deformabilit in condizioni drenate:

93

E' = d('1 - '3)/d funzione del livello di tensione e della tensione di consolidazione (o sovraconsolidazione). In particolare per le argille naturali i moduli sono fortemente influenzati dallo stato di disturbo dei campioni sottoposti alle prove.

Fig. 8.15 - Relazioni tensioni-deformazioni e variazioni di volume-deformazioni durante la fase di rottura di prove triassiali CD su argille Il modulo di deformabilit in condizioni non drenate delle argille: Eu = d(1 - 3)/d si ricava dai diagrammi (1 - 3, ) di prove triassiali CU. Generalmente per la definizione del valore di Eu si fa riferimento al modulo tangente iniziale alla curva tensioni-deformazioni. Anche il modulo non drenato dipende dallo stato di disturbo del campione e dalla tensione di

94

consolidazione. Empiricamente stato rilevato che Eu = cu, dove un coefficiente compreso tra 100 e 300 nel caso di argille sovraconsolidate e tra 200 e 800 nel caso di argille normalmente consolidate (i valori minori si riferiscono ad argille con IP elevato e viceversa) e cu la resistenza al taglio non drenata dell'argilla (punto 8.5.2). In condizioni non drenate il coefficiente di Poisson = 0,5.

8.5 - MISURA DELLA RESISTENZA AL TAGLIO DEI TERRENI

La definizione delle caratteristiche di resistenza al taglio dei terreni si effettua in laboratorio, mediante prove triassiali e di taglio diretto, ed in sito, mediante prove penetrometriche e scissometriche. In quanto segue i terreni incoerenti (principalmente sabbie) sono distinti dai terreni coerenti (principalmente argille); per quest'ultimi si considerano le condizioni di drenaggio libero separatamente da quelle di drenaggio impedito. La definizione delle caratteristiche di resistenza al taglio necessaria nei problemi di valutazione della capacit portante dei terreni di fondazione dei manufatti, di calcolo della spinta sulle opere di sostegno delle terre, di stabilt dei pendii naturali e dei fronti di scavo. Pi in generale, in tutti i problemi applicativi in cui i terreni sono sollecitati in modo che si possa formare una superficie di rottura lungo la quale una parte del terreno scorre rispetto ad un'altra.

8.5.1 - Terreni incoerenti (sabbie) Prove di laboratorio - Per la determinazione delle caratteristiche di resistenza al taglio in laboratorio delle sabbie si pu impiegare sia l'apparecchio triassiale, sia l'apparecchio di taglio diretto. In quanto segue si fa riferimento a prove triassiali, ma le considerazioni che verranno svolte sulle propriet di questi materiali valgono anche nel caso di prove di taglio diretto.

95

Si considerino tre provini saturi di una stessa sabbia, che vengono fatti consolidare a valori diversi della pressione di cella e quindi portati a rottura in condizioni drenate. Si esegue pertanto una prova triassiale CD con tempi di consolidazione e di rottura brevi, data l'elevata permeabilt delle sabbie. Per ciascun provino si hanno i valori di '3 e di '1 per i quali si avuta la rottura ed perci possibile costruire il cerchio di Mohr a rottura nel piano (',) (Fig. 8.16). L'inviluppo dei tre cerchi di Mohr a rottura fornisce la linea limite del materiale, che con buona approssimazione una retta passante per l'origine degli assi.

Fig. 8.16 - Risultati di prove triassiali CD su provini di sabbia L'equazione della linea limite espressa pertanto dalla relazione: f = ' tg ' (Criterio di rottura di Mohr-Coulomb)

dalla quale risulta che la resistenza al taglio di una sabbia (f) funzione della tensione efficace agente sul piano di rottura e della tangente dell'angolo ' che la retta di rottura forma con l'asse delle '. Il valore di ', angolo di attrito, dipende dal coefficiente di attrito f tra i granuli e dal grado di mutuo incastro tra i granuli stessi. In una sabbia con una data granulometria, in generale ' aumenta all'aumentare dell'indice di addensamento a causa dell'aumento dell'influenza dell'incastro tra i granuli sulla resistenza al taglio. Uno schema per spiegare il comportamento delle sabbie riportato in Fig. 8.17. Nella Fig. 8.17.a sono schematizzati alcuni granuli di sabbia che scorrono su una superficie liscia

96

formata dallo stesso materiale dei granuli. In questo caso la resistenza di attrito dipende solo dal coefficiente di attrito f caratteristico del materiale. Nel caso rappresentato dagli schemi b e c per avere lo scorrimento non sufficiente superare la resistenza di attrito tra i granuli, ma necessario che avvenga anche lo spostamento verso l'alto e lo scavalcamento dei granuli stessi, con aumento di volume dei pori.

Fig. 8.17 - Schematizzazione del comportamento a rottura delle sabbie All'aumentare delle dimensioni dei granuli, aumenta l'angolo di attrito delle sabbie; ci dovuto al maggiore incastro tra i granuli. Sabbie con granuli di forma spigolosa e con superficie scabra, a parit di granulometria, hanno angolo di attrito pi elevato di sabbie con granuli tondeggianti e lisci (Tabella 8.4).

Tabella 8.4: Valori dell'angolo di attrito ' di sabbie forma dei granuli tondeggiante tondeggiante spigolosa spigolosa granulometria uniforme assortita uniforme assortita non addensato 30 34 35 39 addensato 37 40 43 45

97

Prove in sito - Per valutare lo stato di addensamento ed i parametri di resistenza al taglio delle sabbie, in sito si eseguono prove penetrometriche dinamiche (SPT) e statiche (CPT). Da diversi Autori sono state proposte correlazioni tra i risultati di prove SPT e CPT e l'indice di addensamento (Dr) o l'angolo di attrito '. Si tratta in generale di correlazioni empiriche in fase di continua revisione, valide a livello regionale. Va tenuto presente che l'estrapolazione delle esperienze acquisite in una zona nota ad altre zone apparentemente simili pu essere causa di errori. Esempi di queste correlazioni sono riportati in Fig. 8.18.

Fig. 8.18 - a)Correlazione '= f(RP, 'v) per prove penetrometriche statiche in sabbie b)Correlazione '= f(NSPT , 'v) per prove penetrometriche dinamiche in sabbie

98

Come si rileva da queste correlazioni, la resistenza penetrometrica, sia statica che dinamica, funzione non soltanto delle caratteristiche della sabbia, ma anche del valore delle tensioni litostatiche efficaci che agiscono alla profondit di esecuzione della prova. Ci si spiega facilmente se si considera che eseguire una prova penetrometrica significa sollecitare al taglio il terreno e la resistenza al taglio funzione, oltre che dell'angolo di attrito, anche delle tensioni efficaci agenti sul piano di rottura (f = ' tg '). 8.5.2 - Argille sature in condizioni drenate Per determinare le caratteristiche di resistenza al taglio delle argille in condizioni drenate si opera in laboratorio, impiegando sia l'apparecchio triassiale sia l'apparecchio di taglio diretto. In quanto segue si fa riferimento prima a prove triassiali. Per comprendere meglio le differenze di caratteristiche tra argille naturali normalmente consolidate ed argille naturali sovraconsolidate, bene far riferimento al comportamento di un'argilla satura (Sr=1) ricostituita artificialmente in laboratorio e non sottoposta in precedenza a carichi. Si considerino tre provini di questa argilla, che vengono fatti consolidare nell'apparecchio triassiale a valori diversi della pressione di cella '3(I), '3(II) e '3(III) e quindi portati a rottura in condizioni drenate. Si esegue pertanto una prova CD con tempi di consolidazione e di rottura funzione delle caratteristiche di permeabilit del materiale provato. L'inviluppo dei tre cerchi di Mohr a rottura fornisce la linea limite del materiale, che con buona approssimazione una retta passante per l'origine degli assi (Fig. 8.19.a). L'equazione della linea limite espressa pertanto dalla relazione: f = ' tg 'NC L'argilla provata normalmente consolidata in quanto i massimi carichi ai quali sono

99

stati sottoposti i tre provini sono quelli relativi alla tensione di consolidazione nella cella triassiale. Per una argilla normalmente consolidata vale quindi il criterio di rottura di MohrCoulomb e la retta inviluppo passa per l'origine come per le sabbie. Durante la fase rottura si avuta una riduzione di volume (Fig. 8.19.a). Per quanto visto finora, le argille normalmente consolidate in condizioni drenate hanno comportamento al taglio analogo a quello delle sabbie poco addensate. L'angolo di attrito ' una caratteristica dell'argilla e dipende dalla sua composizione mineralogica: valori caratteristici sono ' = 3020, per IP = 20100. Per esaminare ora il comportamente delle argille sovraconsolidate, si considerino altri 4 provini della stessa argilla ricostituita in laboratorio, che vengono fatti consolidare tutti alla pressione di cella '3(IV) > '3(III).

Fig. 8.19 - Risultati di prove triassiali CD su provini di argille: a) normalmente consolidate (NC); b) sovraconsolidate (OC)

100

Terminata la fase di consolidazione, un provino (IV) viene portato a rottura in condizioni analoghe a quelle considerate in precedenza. Dato che anche questo provino costituito da materiale normalmente consolidato portato a rottura in condizioni drenate, il relativo cerchio di Mohr a rottura deve essere tangente alla retta limite individuata con le prove eseguite sui primi 3 provini. In Fig. 8.19.b tale retta indicata con linea tratteggiata. Per gli altri tre provini, consolidati anch'essi alla pressione di cella '3(IV), si riduce la pressione di cella rispettivamente a '3(III), '3(II) e '3(I), lasciando rigonfiare il materiale. Ultimata la fase di rigonfiamento, i tre provini si trovano nelle condizioni di materiale sovraconsolidato in quanto sottoposti a tensioni inferiori alla tensione massima di consolidazione. A questo punto i tre provini vengono portati a rottura, sempre in condizioni drenate. Dalle relazioni "tensioni-deformazioni" e da quelle "variazioni di volumedeformazioni" (Fig. 8.19.b) si rileva che i provini di materiale sovraconsolidato hanno resistenza maggiore dei corrispondenti provini di materiale normalmente consolidato e che nella fase di rottura si ha un aumento di volume del materiale sovraconsolidato, tanto pi elevato quanto pi alto il rapporto di sovraconsolidazione OCR. L'inviluppo dei tre cerchi di Mohr a rottura fornisce la linea limite del materiale sovraconsolidato. Con buona approssimazione questa linea una retta, che per non passa per l'origine degli assi (Fig. 8.19 b). La linea limite espressa dalla relazione: f = c' + ' tg 'OC Il criterio di rottura ancora quello di Mohr-Coulomb, ma rispetto al caso del materiale normalmente consolidato compare il termine c' denominato coesione. L'angolo di attrito del materiale sovraconsolidato ('OC) pi piccolo di quello dello stesso materiale normalmente consolidato ('NC). Per le argille sovraconsolidate, la resistenza funzione del grado di

101

sovraconsolidazione, oltre che della composizione mineralogica. Il comportamento delle argille sovraconsolidate trova una spiegazione fisica nei legami che si formano tra le scaglie di minerali argillosi durante la consolidazione e che non si distruggono completamente a seguito dello scarico. Il valore di c' dipende anche dal tempo che ha agito il carico di preconsolidazione. Nel caso delle argille naturali sovraconsolidate, i valori di c' variano da 0,03 a 0,15 MPa ed i valori di ' sono compresi nell'intervallo 16 - 26. Resistenza residua - Nel caso delle argille sovraconsolidate le curve sforzi-deformazioni mostrano che, raggiunto il valore massimo dello sforzo, al crescere delle deformazioni si ha una sensibile caduta di resistenza (Fig. 8.19.b). Questo comportamento pu essere meglio posto in evidenza con prove di taglio diretto, che consentono di sottoporre i provini di terreno a scorrimenti elevati. In Fig. 8.20.a sono riportate le curve tensioni di taglio-spostamento orizzontale ricavate da prove di taglio diretto di tipo drenato eseguite su tre provini di una stessa argilla sovraconsolidata, sottoposti a valori diversi della tensione normale di consolidazione ('n). Dalle curve ( , ) si rileva che la resistenza diminuisce fino ad un valore praticamente costante per spostamenti elevati (resistenza residua), a causa della rottura dei legami tra le scaglie di minerali argillosi e dell'isorientamento delle scaglie stesse.

Fig. 8.20 - Risultati di prove di taglio diretto su argille sovraconsolidate

102

Se nel diagramma ('n , ) si riportano i valori della resistenza massima e di quella residua relativi a ciascun provino, possibile costruire le linee limite nelle due condizioni. Entrambe le linee sono delle rette, quella relativa alla resistenza massima consente di definire i valori dei parametri coesione c' ed angolo di attrito ', allo stesso modo di come possibile fare con prove triassiali CD; quella relativa alla resistenza residua passa per l'origine degli assi ed individua il parametro 'R, angolo di attrito residuo. Per una data argilla quest'angolo minore dell'angolo ' e pu essere considerato un parametro caratteristico dell'argilla, dipendente esclusivamente dalla composizione mineralogica del terreno.

Ricapitolando quanto visto finora, i parametri di resistenza al taglio di argille naturali normalmente consolidate e sovraconsolidate possono essere determinati con prove trassiali CD e con prove di taglio diretto. Esiste, per, un'altra possibilit di determinare questi parametri in laboratorio, che quella di eseguire prove triassiali consolidate non drenate (CU) con misura della pressione neutra durante la fase di rottura. Se si riportano nel piano (', ) i cerchi di Mohr a rottura di pi provini in termini di tensioni efficaci (1 - uf ; 3 - uf), dove uf la pressione interstiziale a rottura, si individua una retta inviluppo che permette di definire i valori dei parametri c' e ' cos come possibile fare con prove di tipo drenato. 8.5.3 - Argille sature in condizioni non drenate Per determinare le caratteristiche di resistenza al taglio in condizioni non drenate delle argille, in laboratorio si opera con l'apparecchio triassiale o si eseguono prove di compressione semplice; in sito, quando possibile, si opera con lo scissometro o si interpretano i risultati di prove penetrometriche statiche. Prove di laboratorio - Si fa riferimento prima a prove trassiali. Tre provini di un'argilla satura in condizioni iniziali identiche sono sottoposti ad una prova non consolidata non drenata (UU) con

103

valori diversi della pressione di cella c = 3. Prima della prova la pressione neutra (u0 = ur), uguale nei tre provini, quella residua nel campione dopo il prelievo e le operazioni di preparazione dei provini; essa di solito negativa a causa della capillarit e la tensione efficace positiva essendo ='+ur=0 e quindi '=-ur>0. Durante la fase di applicazione della pressione di cella in condizioni di drenaggio impedito, l'aumento della tensione totale causa un aumento della pressione neutra u = 3, ma nei tre provini le tensioni efficaci restano uguali al valore iniziale '=-ur. Nella fase di applicazione del carico assiale, in condizioni non drenate, il contenuto d'acqua dei provini non varia ed il valore di 1 - 3 a rottura deve essere uguale per i tre provini. Se i tre cerchi di Mohr a rottura si riportano nel piano ( , ), la retta limite parallela all'asse delle ascisse (Fig. 8.21); in condizioni non drenate, cio, il materiale si comporta come se il suo angolo di attrito u fosse nullo e tutta la resistenza fosse di tipo coesivo: f = cu

Fig. 8.21 - Risultati di prove triassiali UU su provini di argilla La resistenza non drenata cu non dipende dalle variazioni della tensione totale 3 ed determinata solo dalla composizione e dallo stato iniziale del terreno espresso dal suo contenuto in acqua. Questo, a sua volta, funzione della storia degli stati di tensione ai quali il materiale stato sottoposto ed in particolare della tensione efficace di consolidazione. Nel caso delle argille normalmente consolidate esiste una relazione empirica tra resistenza non drenata e tensione verticale litostatica efficace agente in sede:

104

cu = (0,11 + 0,0037 IP) 'v A parit di composizione, la resistenza non drenata delle argille sovraconsolidate molto pi elevata di quella delle argille normalmente consolidate. Per quest'ultime, che di regola sono materiali di consistenza bassa, il valore di cu risente molto del disturbo che pu aver subito il campione durante le operazioni di prelievo e confezionamento dei provini.

Un tipo particolare di prova triassiale non consolidata non drenata la prova di


compressione semplice, nella quale la tensione laterale c = 3 = 0. Se la prova, infatti,

condotta molto rapidamente, il contenuto d'acqua del provino non varia, anche se il provino stesso non isolato idraulicamente. Se f la resistenza a compressione ottenuta dalla prova, la resistenza al taglio non drenata : cu = f /2 Per una data argilla, la prova di compressione semplice fornisce valori di cu inferiori a quelli forniti dalla prova triassiale UU, che deve ritenersi pi indicata per la corretta valutazione delle caratteristiche di resistenza non drenata delle argille in laboratorio. La prova di compressione semplice ha il vantaggio di essere di rapida esecuzione e di non richiedere apparecchiature complesse. Prove in sito - Per la determinazione della resistenza non drenata in sito delle argille di consistenza da bassa a media, come visto in 8.3.3, si impiega lo scissometro che consente di misurare direttamente il valore di cu. La coppia di torsione (Mt), infatti, legata direttamente alla resistenza al taglio cu che si sviluppa sulla superficie laterale del cilindro di rottura e sulle basi del cilindro stesso attraverso la relazione (Fig. 8.11):

105

cu =

6 Mt d2 (d + 3h )

Con lo scissometro si esegue una prova non drenata in quanto la velocit di rotazione delle alette elevata rispetto alla permeabilit delle argille naturali e tale da non consentire una variazione di contenuto d'acqua. La misura della resistenza non drenata mediante lo scissometro fornisce valori rappresentativi delle condizioni del terreno in sito, in quanto il disturbo provocato al terreno dall'infissione delle alette pu considerarsi trascurabile. Ma rispetto alle prove di laboratorio si ottengono valori di cu pi elevati. E' quindi necessario apportare una correzione moltiplicando i valori ottenuti con lo scissometro per un coefficiente che funzione di IP: IP 20 40 60 80 100 0,98 0,83 0,73 0,67 0,62

Le prove penetrometriche statiche sono assimilabili a prove rapide in condizioni di drenaggio impedito e consentono pertanto una stima della resistenza non drenata delle argille in sito. Dalle esperienze acquisite risulta: cu RP/20 dove RP la resistenza alla punta.

106

9 - GENERALITA' SULLE FONDAZIONI

9.1 - DEFINIZIONI Fondazione: quella parte di un'opera a diretto contatto con il terreno, destinata a trasmettere

al terreno stesso le forze provenienti dalla struttura in elevazione.


Fondazioni superficiali (o dirette): il piano di posa a profondit D dalla superficie del suolo

minore o uguale alla dimensione minore B della base della fondazione; i carichi sono trasmessi al terreno essenzialmente attraverso la base X-X (Fig. 9.1). I tipi pi comuni di fondazioni superficiali sono (Fig. 9.2): - plinti - travi rovesce e muri continui - platee
Fondazioni profonde: il piano di posa a profondit D maggiore o molto maggiore di B; i

carichi sono trasmessi al terreno, oltre che attraverso la base X-X, anche attraverso le superfici laterali X-Z (Fig. 9.1). I tipi pi comuni di fondazioni profonde sono (Fig. 9.2): - pozzi e cassoni (D/B >1) - pali (D/B >>1)

Nel seguito (Cap. 11) verranno considerate esclusivamente le fondazioni su pali, in quanto i pozzi ed i cassoni si impiegano solo in condizioni eccezionali e per opere particolari (fondazioni di ponti e viadotti soggette ad elevati carichi orizzontali; fondazioni di opere nell'alveo di corsi d'acqua o in bacini lacustri e marini).

107

Fig. 9.1 - Schemi di: a) fondazione superficiale; b) fondazione profonda

Fig. 9.2 -Tipi di fondazione: a) superficiali; b) profonde

108

9.2 - CRITERI DI PROGETTO

9.2.1 - Requisiti di una fondazione

Una fondazione deve poter trasmettere al terreno i carichi agenti sulla sovrastruttura in modo da garantire un adeguato sostegno all'opera da fondare insieme ad un suo soddisfacente comportamento. In altri termini, come prescrive la normativa italiana, i requisiti di una fondazione sono: - "lo stato di tensione indotto nel terreno deve essere compatibile con le caratteristiche di resistenza del terreno stesso, nella situazione iniziale ed in quelle che potranno presumibilmente verificarsi nel tempo"; - "gli spostamenti delle strutture di fondazione devono essere compatibili con i prefissati livelli di sicurezza e con la funzionalit delle strutture in elevazione". I suddetti requisiti possono non essere soddisfatti per una molteplicit di fenomeni che possono verificarsi nel sottosuolo. Con riferimento agli edifici ed alle situazioni che pi frequentemente si presentano nelle regioni italiane, le cause di collasso o di spostamenti eccessivi delle strutture di fondazione possono essere: - rottura o eccessive deformazioni del terreno per effetto dei carichi trasmessi dalla sovrastruttura (causa pi comune); - abbassamento della superficie del suolo (subsidenza) a seguito dell'abbassamento del livello della falda idrica; - costruzione di altre strutture in adiacenza; - deformazioni del terreno, prodotte da scavi a cielo aperto o in sotterraneo effettuati nel pressi dell'opera, oppure da fenomeni di instabilit di cavit naturali ed artificiali presenti nel sottosuolo; - erosione sotterranea di terreni incoerenti ad opera di acque provenienti da perdite di condutture sotterranee; - "liquefazione" di terreni sabbiosi poco addensati durante i terremoti.

109

9.2.2 - Fattori che influiscono sul comportamento delle opere di fondazione

Tenuto conto delle molteplici cause di "instabilit" delle strutture di fondazione, per progettare una fondazione che abbia i requisiti richiesti necessario considerare una serie di fattori di diversa natura, che riguardano il terreno di fondazione, l'opera in progetto e le condizioni ambientali.
Terreno di fondazione: successione e caratteristiche dei terreni; regime delle acque sotterranee;

cavit sotterranee; subsidenze; eventuali movimenti franosi nel caso di opere su pendio, ecc.
Opera in progetto: forma in pianta; dimensioni; carichi permanenti ed accidentali; tipo

strutturale; destinazione.
Condizioni ambientali: situazione topografica; regime delle acque superficiali; presenza e

caratteristiche di altri manufatti e sottoservizi; fattori climatici; azioni sismiche.

9.2.3 - Unitariet del progetto dell'opera e della sua fondazione

La normativa italiana prescrive che: "il progetto della fondazione di un'opera deve essere sviluppato congiuntamente al progetto dell'opera in elevazione ....". Al riguardo va tenuto presente che in numerose situazioni le caratteristiche del sottosuolo possono influire sulle scelte progettuali riguardanti l'opera nel suo insieme. Ad esempio, esigenze di carattere economico e statico possono consigliare di adottare particolari forme e volumetrie dell'opera o di impiegare particolari tipi strutturali per le parti in elevazione o accorgimenti come l'inserimento di "giunti". Ne consegue, pertanto, che il progetto della fondazione parte integrante del progetto dell'opera e deve potersi sviluppare in parallelo con questo in tutte le sue fasi (preliminare, massima, esecutiva, costruttiva).

110

9.3 - FASI DELLA PROGETTAZIONE

Il progetto di una fondazione consiste in una successione di operazioni, che possono essere cos sintetizzate: 1 - acquisizione dei dati necessari; 2 - scelta del tipo di fondazione e primo dimensionamento; 3 - verifiche nei riguardi della stabilit e degli spostamenti; 4 - dimensionamento definitivo delle strutture di fondazione. In quanto segue si accenner alle varie fasi in cui si articola il progetto di una fondazione, sia di tipo superficiale che profondo, mettendo in vista le procedure di carattere generale da seguire e gli elementi ed i dati da considerare. Nei capitoli successivi, le fondazioni superficiali saranno trattate separatamente da quelle profonde.

9.3.1 - Indagini e rilievi

L'indagine sul terreno di fondazione va estesa fino alle profondit per le quali le tensioni indotte nel sottosuolo sono significative nei riguardi delle deformazioni o della stabilit ("volume significativo": Paragrafo 5.3). Per fabbricati ordinari si consiglia di spingere l'indagine fino ad una profondit Di = (1 2)B ove B la lunghezza del lato minore del rettangolo che meglio approssima la pianta del fabbricato. Nel caso di fondazioni profonde Di deve essere misurata a partire dalla base della fondazione; in tal caso sar Di = (0.5 1)B (Fig. 9.3).

111

Fig. 9.3 - Profondit di indagine ("volume significativo") per fabbricati ordinari

L'indagine sul sottosuolo deve consentire di: - ricostruire la successione dei terreni e definirne le propriet fisico-meccaniche; - accertare la profondit e lo stato di moto dell'acqua eventualmente presente nel sottosuolo. Questa indagine sar effettuata secondo i metodi e con i mezzi indicati ai Capitoli 5 ed 8. La situazione topografica ed ambientale deve risultare da rilievi topografici e da indagini specifiche. In particolare devono essere individuate: - la forma della superficie del suolo e soprattutto la presenza di fronti ripidi; - il regime delle acque superficiali; - la presenza di altri manufatti e sottoservizi. Nel caso di costruzioni su o in prossimit di pendii si dovr accertare la stabilit del pendio. Indagini specifiche vanno eseguite nelle aree dove per ragioni geologiche, storiche o minerarie possono essere presenti cavit nel sottosuolo. E' questo il caso, ad esempio, dell'area urbana di Roma, nel cui sottosuolo sono presenti gallerie e cunicoli scavati in oltre duemila anni per finalit diverse (tombe ipogee, condotte idrauliche; prelievo di materiali da costruzione).

112

9.3.2 - Determinazione della grandezza e della distribuzione dei carichi

Le forze agenti alla base della struttura in elevazione si ricavano dall'analisi dei carichi e dipendono dalla destinazione e dal tipo di manufatto. E' necessario distinguere i carichi permanenti da quelli accidentali. I carichi permanenti sono costituiti dal peso proprio della struttura e della fondazione e dal peso dell'eventuale terreno di rinterro al di sopra della fondazione. I carichi accidentali sono tutti i carichi che possono essere applicati alla struttura. Questi vanno distinti in relazione alla frequenza con la quale agiscono: esistono carichi che agiscono quasi in permanenza (materiali nei silos e nei magazzini, un'aliquota del peso delle persone negli edifici, ecc.) ed altri che agiscono saltuariamente per brevi periodi di tempo (azioni del vento e della neve; traffico veicolare; folla compatta negli edifici, ecc.). Una categoria a parte sono i carichi dinamici (vibrazioni indotte dal traffico o da macchinari; azioni sismiche). Se il piano di posa della fondazione al di sotto della superficie libera della falda idrica, la pressione idrica o sottospinta idraulica agente sulla base della fondazione deve essere sottratta ai carichi agenti.

9.3.3 - Scelta del tipo di fondazione

Se non esistono motivi precisi che condizionano la scelta (ad es. terreni poco resistenti e molto compressibili che generalmente comportano l'adozione di fondazioni a platea generale o su pali), si sceglie inizialmente il tipo di fondazione pi semplice ed economico. Nel caso degli edifici, tale tipo generalmente corrisponde alla fondazione con plinti isolati, disposti ciascuno a sostegno di un pilastro. Se i plinti occupano pi del 30% della superficie coperta dall'edificio, possono risultare pi economiche fondazioni di tipo continuo (travi rovesce). Una platea generale pu risultare pi conveniente di fondazioni a plinti isolati o a travi, se queste occupano pi del 50% della superficie in pianta dell'edificio. Scelto il tipo di fondazione, se ne stabiliscono le dimensioni di massima e si ricava il

113

carico complessivo Q trasmesso al terreno.

9.3.4 - Scelta del piano di posa

Nel caso di fondazioni superficiali, il piano di posa deve essere al disotto del terreno vegetale ed al disotto dello strato superficiale di terreno ove si risentono gli effetti delle variazioni stagionali di contenuto d'acqua. Se nel sottosuolo presente una falda idrica, il piano di posa deve essere al disotto oppure completamente al disopra del livello della falda. La profondit, individuata in base ai criteri sopra esposti, rappresenta il valore minimo della profondit alla quale deve essere posto il piano di posa di una fondazione superficiale. In base alle verifiche indicate nel seguito, tale profondit potr eventualmente essere aumentata. E' consigliabile che il piano di posa sia lo stesso per tutti gli elementi di una fondazione. Ove ci non sia possibile, come nel caso di edifici su pendio, per evitare interferenze tra appoggi contigui, devono essere verificate le condizioni indicate in Fig. 9.4.

Fig. 9.4 - Criterio per stabilire la posizione reciproca di fondazioni contigue poste a quote diverse: rocce lapidee 45; terreni 30

9.3.5 - Verifica della stabilit del complesso terreno-fondazione

Dati il tipo e le dimensioni della struttura di fondazione e la profondit del piano di posa si verifica se:

114

Q Q am =

Q lim F

dove: Qam Qlim F il carico ammissibile il carico che produce la rottura del terreno; un opportuno coefficiente di sicurezza, il cui valore scelto in relazione al tipo di fondazione, alla destinazione dell'opera, al livello di conoscenza del sottosuolo e dei carichi agenti sulla sovrastruttura.

9.3.6 - Verifica nei riguardi dei cedimenti Rilevanza dei cedimenti - Definito il carico ammissibile Qam in base alla verifica di stabilit, si

procede alla valutazione dei cedimenti. Si definisce cedimento la componente verticale dello spostamento del piano di posa di una fondazione. Si distinguono: - cedimento assoluto: abbassamento di un punto del piano di posa riferito ad un caposaldo fisso; - cedimento differenziale: differenza dei cedimenti assoluti di due punti del piano di posa di una fondazione o di due elementi strutturali isolati facenti parte della fondazione di un unico manufatto (ad esempio plinti, travi o pali non collegati in testa da una struttura rigida). I cedimenti devono essere compatibili con lo stato di sollecitazione ammissibile per la struttura e con la funzionalit del manufatto. Ci significa che i cedimenti non possono superare determinati valori, dipendenti dalle caratteristiche e dalla destinazione del manufatto. Questa condizione pu comportare che il carico di esercizio debba essere pi piccolo di quello definito in base alla verifica di stabilit. La stabilit, infatti, non di regola la condizione pi gravosa nei riguardi del progetto di

115

una fondazione. Nel caso di sottosuolo formato da terreni compressibili ed eterogenei e di strutture sensibili ai cedimenti differenziali, la condizione pi gravosa rappresentata proprio dalla grandezza e dal tipo dei cedimenti che il piano di posa (e quindi la struttura in elevazione) pu subire. Nella maggior parte dei casi, pertanto, ai fini del progetto di una fondazione interessano soprattutto i cedimenti.

Tipi di cedimento - Il cedimento, che un'opera di fondazione pu subire sotto l'azione dei

carichi su di essa agenti, pu essere di vario tipo (Fig. 9.5): a) cedimento uniforme: il cedimento assoluto () uguale in ogni punto del piano di posa; b) cedimento disuniforme con rotazione rigida della struttura: si hanno cedimenti differenziali, ma la struttura non subisce distorsioni; si definisce "rotazione" il rapporto / l ; c) cedimento disuniforme con distorsione della struttura: si definisce "distorsione angolare" il rapporto / l .

Fig. 9.5 - Tipi di cedimento: a) uniforme; b) disuniforme con rotazione rigida; c) disuniforme con distorsione

In alcuni casi il cedimento disuniforme composto da una rotazione rigida e da una distorsione, cio da una combinazione di b) e c).

116

Cedimenti del tipo a) e b) si verificano quando il complesso struttura di fondazionesovrastruttura molto rigido; mentre il tipo c) si ha nel caso di fondazioni continue deformabili o di fondazioni costituite da elementi isolati (plinti, travi, pali non collegati in testa da una struttura rigida). Le cause principali dei cedimenti differenziali sono: 123eterogeneit dei terreni di fondazione distribuzione disuniforme dei carichi in fondazione distribuzione uniforme dei carichi su fondazioni flessibili

Cedimenti ammissibili dalle strutture - I cedimenti assoluti possono causare danneggiamenti o

cattivo funzionamento delle condutture dell'acqua, delle fognature, dei cavi elettrici e telefonici, ecc. al passaggio tra l'edificio e l'esterno. Possono, inoltre, influire sulle connessioni tra edifici adiacenti e possono causare dislivelli inaccettabili tra l'edificio stesso ed eventuali pavimentazioni esterne. Si impone, pertanto, una limitazione alla grandezza dei cedimenti assoluti, anche come mezzo indiretto per limitare i cedimenti differenziali. Se non esistono altri vincoli e nel caso di edifici ordinari, si consigliano i seguenti valori massimi dei cedimenti assoluti: strutture su argille strutture su sabbie max = 8 cm max = 4 cm

Nella maggior parte dei casi, per, sono i cedimenti differenziali che determinano il comportamento soddisfacente o non di una struttura. Infatti, cedimenti differenziali elevati tra due parti di una stessa struttura possono essere causa di danni alla struttura stessa. Per definire il cedimento pericoloso si soliti riferirsi alla "distorsione angolare" (/ l ). Nel caso di rotazioni rigide, non si hanno danni alla struttura, ma una rotazione eccessiva pu limitare la funzionalit dell'opera e pone problemi estetici. Per definire la rotazione rigida ammissibile si fa riferimento alla "rotazione" (/ l ). Nella Tabella 9.1 sono indicati i valori ammissibili del rapporto / l per strutture su

117

argille. Nel caso di strutture fondate su sabbie, i cedimenti si manifestano subito dopo l'applicazione dei carichi (cedimenti immediati). Nel caso di strutture fondate su argille i cedimenti si manifestano generalmente nel tempo e le strutture stesse hanno modo di adattarsi ai cedimenti differenziali con deformazioni di tipo viscoso, subendo minori danni, a parit di cedimenti, delle strutture su sabbie. Pertanto, nel caso di quest'ultime strutture devono essere fissati limiti pi contenuti rispetto a quelli indicati in Tabella 9.1.

Tabella 9.1 - Limiti della distorsione angolare e della rotazione per strutture su argille

9.3.7 - Criteri di primo dimensionamento delle strutture di fondazione

Si forniscono alcune indicazioni per il dimensionamento strutturale dei plinti, delle travi rovesce e delle platee, nonch delle strutture di collegamento delle teste dei pali. Le strutture di fondazione sono di regola realizzate in cemento armato anche per strutture in elevazione di

118

muratura o di acciaio.
Plinti isolati - Hanno generalmente forma in pianta quadrata o circolare; nel caso di forti

eccentricit dovute ai carichi permanenti possono avere forma rettangolare. In passato i plinti avevano forma a tronco di piramide; oggi per risparmiare oneri di lavorazione dell'armatura e della cassaforma hanno forma parallelepipeda. Al di sotto del plinto si realizza un sottoplinto di calcestruzzo "magro" non armato per un miglior getto del calcestruzzo armato del plinto stesso e per allargare l'effettiva base di appoggio sul terreno; per una efficace ripartizione del carico, l'aggetto del sottoplinto deve essere minore del suo spessore (Fig. 9.6a). I plinti sono generalmente collegati tra loro nelle due direzioni da "cordoli" di cemento armato, cio da strutture in grado di resistere a sollecitazioni di trazione o compressione, ma non di flessione. L'altezza H del plinto si ricava da una verifica a punzonamento impiegando la relazione (Fig. 9.6a): Qs 2(bo + c o ) H dove

< am

Qs il carico trasmesso dal pilastro e am lo sforzo di taglio ammissibile del

calcestruzzo. Per am=0,40,6 MPa, si ottengono plinti alti e massicci che richiedono solo una debole armatura; per am=0,61,0 MPa si ottengono plinti relativamente bassi da armare a flessione e taglio.

Travi rovesce - Nel caso che i pilastri della sovrastruttura siano disposti secondo un

allineamento con piccolo interasse e le caratteristiche del terreno di fondazione non consentano l'adozione di plinti isolati, si ricorre alla trave di fondazione. Questa ha in generale forma a T rovesciata: la soletta, tramite la sottotrave in calcestruzzo "magro", trasmette il carico al terreno

119

e sull'anima poggiano i pilastri; l'anima ha dimensione trasversale b leggermente maggiore di quella dei pilastri bo (Fig. 9.6b). Le travi rovesce possono essere collegate trasversalmente da "cordoli" o da vere e proprie travi equivalenti venendo a formare un reticolo o graticcio di travi. La rigidezza della trave di fondazione dipende dalla sua altezza H rispetto all'interasse l dei pilastri collegati dalla trave. Per avere travi sufficientemente rigide deve essere: - H l/4 - h = m (B-b) 30 cm dove m un coefficiente che varia da 0,25 a 0,60 all'aumentare delle tensioni trasmesse al terreno.

Fig. 9.6 - a) plinto isolato; b) trave rovescia

120

Platee di fondazione - Le platee generali possono essere di spessore costante o nervate (Fig.

9.7). Sono dette nervate quelle platee aventi la soletta irrigidita da un reticolo di travi disposte nelle due direzioni lungo gli allineamenti dei pilastri della struttura in elevazione. Le platee di spessore costante di regola hanno bassa rigidezza, tanto da essere considerate strutture flessibili. Comunque la soletta deve avere spessore hs proporzionato all'interasse dei pilastri ( l x e l y ). Per un primo dimensionamento si pu assumere hs l x/8 (con l x > l y ). La rigidezza delle platee nervate dipende essenzialmente dalla rigidezza delle travi. Per avere una struttura sufficientemente rigida si pu far riferimento a quanto indicato nel caso delle travi rovesce e cio assumere l'altezza della trave H l x /4 (con l x > l y). Lo spessore della soletta pu essere alquanto inferiore a quello delle platee di spessore costante e pu essere assunto:
h sn 1 10 1 12
lx

(l x > l y )

Fig. 9.7 - a) platea di spessore costante; b) platea nervata


Strutture di collegamento delle teste dei pali - Possono essere del tipo a trave o a piastra e

sono impiegate per irrigidire il complesso fondazione-sovrastruttura in modo da poter ripartire i

121

carichi tra i pali in modo uniforme (in realt anche nel caso di struttura di collegamento infinitamente rigida risultano pi caricati i pali posti alla periferia del gruppo). Comunque per avere strutture rigide, in prima approssimazione si pu assumere l'altezza della trave o lo spessore della piastra pari a circa la met dell'interasse dei pali, per diametri non maggiori di 800 mm.

9.3.8 - Dimensionamento definitivo delle strutture di fondazione

Nei paragrafi precedenti si visto che, dopo aver effettuato una prima scelta del tipo e delle dimensioni della fondazione, si procede alla verifica nei riguardi della stabilit e dei cedimenti. Se uno degli aspetti della verifica non soddisfatto, si modificano le dimensioni o addirittura il tipo di fondazione e si ripete la verifica. Raggiunte le condizioni volute per ci che riguarda stabilit e deformazioni, si stabiliscono le dimensioni definitive degli elementi strutturali della fondazione, verificando che le sollecitazioni agenti siano compatibili con le caratteristiche di resistenza e deformabilit dei materiali costituenti. Nel caso di elementi strutturali in cemento armato, si procede al dimensionamento dell'armatura ed alla verifica delle sollecitazioni nel calcestruzzo e nel ferro.

122

10 - FONDAZIONI SUPERFICIALI

10.1 - DEFINIZIONI

Con riferimento alla Fig. 10.1, che rappresenta una fondazione superficiale a pianta rettangolare (plinto) di lato minore B e lato maggiore C, si definiscono: A=B.C D Qs

Area di base

Profondit del piano di posa

Carico trasmesso dalla sovrastruttura

Carico complessivo trasmesso dalla fondazione al terreno

(P: peso del plinto; PR: peso del rinterro)


Carico unitario trasmesso dalla fondazione al terreno

Q = Qs + P + PR q = Q/A q' = q - wzw qo = D q = q - qo

Carico unitario ridotto della sottospinta idraulica

Sovraccarico unitario

Carico unitario netto

123

Fig. 10.1 -Schema per la definizione dei carichi relativi ad una fondazione superficiale a plinto

10.2 - CARICO LIMITE DEL COMPLESSO FONDAZIONE-TERRENO

10.2.1 - Generalit e meccanismi di rottura

Si definisce carico limite del complesso fondazione-terreno (o semplicemente carico


limite) il valore del carico unitario qlim, trasmesso da una struttura di fondazione al sottosuolo,

che provoca la rottura del terreno. A seconda della compressibilit del terreno, la rottura pu avvenire secondo due meccanismi limite diversi (Fig. 10.2): - rottura generale: si verifica nei terreni poco compressibili (sabbie addensate, argille consistenti) ed caratterizzata dalla formazione di superfici di scorrimento ben definite che si estendono fino in superficie; il terreno sottostante la fondazione viene spinto verso il basso e lateralmente e quello posto ai lati si solleva; se non esistono vincoli particolari, il collasso accompagnato da una rotazione della fondazione; con questo meccanismo di rottura il valore del carico limite risulta chiaramente individuato come punto di massimo della curva carichicedimenti; - rottura locale (o punzonamento): si verifica nei terreni molto compressibili (sabbie poco addensate ed argille tenere) ed caratterizzata dall'assenza di superfici di scorrimento ben definite e da cedimenti che crescono con gradualit all'aumentare del carico senza consentire una precisa individuazione del carico limite.

124

Fig. 10.2 -

Meccanismi di rottura : a) generale; b) locale (o punzonamento)

Nell'ipotesi che il meccanismo di rottura sia quello generale, la teoria della plasticit fornisce il valore del carico limite per una fondazione nastriforme indefinita (problema piano) sottoposta a carichi con risultante verticale e centrata. Il carico limite calcolabile nell'ipotesi che il terreno sia un mezzo rigido-plastico e che il criterio di rottura sia espresso dalla relazione f = c + tg (Fig. 10.3). Per il calcolo del carico limite esistono pi soluzioni proposte da vari Autori, che differiscono essenzialmente per le assunzioni fatte sulla forma delle superfici di scorrimento. Tutte le soluzioni esprimono il carico limite in funzione delle caratteristiche geometriche della fondazione e delle propriet fisico-meccaniche del terreno. E' importante al riguardo rilevare che il carico limite non una caratteristica del terreno, ma dipende anche dalla geometria della fondazione. Nel seguito si fa riferimento alla soluzione di Terzaghi, valida per fondazione nastriforme indefinita; mediante l'introduzione di coefficienti correttivi la relativa espressione del carico limite pu essere estesa ad altre condizioni (diversa forma della fondazione in pianta, meccanismo di rottura locale nel caso di terreno compressibile, ecc.).

125

10.2.2 - Fondazione nastriforme indefinita (Soluzione di Terzaghi)

Si considera il caso di una fondazione di lunghezza indefinita e di larghezza B, con piano di posa alla profondit D, sottoposta a carichi verticali e centrati. Siano 1 e 2 i pesi dell'unit di volume rispettivamente del terreno posto al di sopra ed al di sotto del piano di posa e c, i parametri di resistenza al taglio del terreno posto al di sotto del piano di posa (Fig. 10.3).

Fig. 10.3 - a) schema per il calcolo del carico limite di una fondazione nastriforme indefinita; b) modello di comportamento del terreno Si consideri, per il momento, la condizione di falda idrica assente. La base della fondazione attraverso la quale applicato il carico q considerata una soletta indeformabile orizzontale che, penetrando nel terreno, mobilita la resistenza al taglio del terreno stesso. Secondo la soluzione proposta da Terzaghi la resistenza del terreno pu ottenersi per sovrapposizione di tre contributi: a) - resistenza del terreno con b) - resistenza del terreno con c) - resistenza del terreno con 2 0 2 = 0 2 = 0 0 0 0 c= 0 c 0 c= 0 qo = 0 qo = 0 qo 0

126

Il campo di linee di scorrimento che determina il valore minimo del carico necessario per produrre la plasticizzazione del mezzo costituito da (Fig. 10.4): - una zona in stato passivo GDE (Capitolo 12); - una zona (GCD) in cui le linee di scorrimento sono archi di spirale logaritmica e segmenti di rette passanti per G. Nel cuneo CGG', per effetto delle tensioni tangenziali lungo GG' il terreno si comporta come un corpo rigido solidale con la fondazione. Nella soluzione di Terzaghi, il terreno posto al di sopra del piano di posa contribuisce al carico limite con il suo peso e non con la sua resistenza, in quanto le linee di scorrimento non si estendono al di sopra di tale piano (Fig. 10.4).

Fig. 10.4 - Meccanismo di rottura secondo Terzaghi

Terzaghi ha espresso il contributo dovuto ad a) e b) con la relazione:

q lim = 1 B 2 N + cN c 2 Il contributo dovuto a c) espresso da: q oN q = 1DN q Il carico limite per una fondazione nastriforme indefinita pu in definitiva essere

127

calcolato con la relazione:


1 q lim = cN c + B 2N + 1DN q 2

(10.2.1)

Le grandezze adimensionali Nc, Nq, N, definite coefficienti di capacit portante, sono funzione dell'angolo d'attrito . I valori ricavati da Terzaghi sono riportati nel grafico di Fig. 10.5.

Fig. 10.5 - Coefficienti di capacit portante secondo Terzaghi: rottura generale Nc Nq N ;


rottura locale: N'c N'q N'

128

10.2.3 - Forma in pianta della fondazione

Il carico limite di fondazioni rettangolari, quadrate o circolari valutato con criteri semi-empirici. La relazione di Terzaghi (10.2.1) si modifica nella: 1 B 2 N s + 1 D N q s q 2

q lim = c N c s c +

(10.2.2)

in cui sc, s , sq sono coefficienti di forma. Per fondazioni rettangolari: sc = sq = 1 + 0,2 B/C s= 1 - 0,3 B/C ove B e C sono i lati della fondazione (B < C). Per fondazioni circolari: sc = 1,3 sq = 1 s = 0,6

10.2.4 - Compressibilit del terreno (rottura locale)

Le relazioni sopra riportate sono basate sull'ipotesi di terreno rigido-plastico (Fig. 10.3.b). Per il caso in cui questa ipotesi non sia verificata e le deformazioni siano elevate anche per bassi valori del carico trasmesso al terreno, non si hanno teorie razionali per il calcolo del carico limite. Sulla base di criteri puramente empirici Terzaghi ha proposto di far riferimento ai

129

coefficienti N'q, N'c, N' che, a parit di , forniscono valori ridotti dei coefficienti di capacit portante (Fig. 10.5).

10.2.5 -

Scelta dei parametri di resistenza al taglio del terreno ed influenza della falda idrica

Nel caso di terreni molto permeabili, la verifica di stabilit deve essere eseguita in tensioni efficaci, tenendo conto dei valori di regime delle pressioni neutre nel terreno. Nel caso di terreni saturi a basso coefficiente di permeabilit l'incremento delle tensioni totali nel terreno genera un eccesso di pressione neutra u. Tale eccesso si dissipa in un tempo pi o meno lungo in funzione del coefficiente di consolidazione cv e delle condizioni di drenaggio. Il coefficiente di sicurezza raggiunge il valore minimo al termine della costruzione, quindi aumenta con il procedere della consolidazione nel terreno (Fig. 10.6).

Fig. 10.6 - Andamento nel tempo della pressione neutra e del coefficiente di sicurezza nel caso
di terreni saturi a basso coefficiente di permeabilit (tc = tempo di costruzione; q = carico unitario trasmesso al terreno)

130

La condizione pi sfavorevole per la stabilit della fondazione si ha perci al termine della costruzione. Pertanto, il calcolo del carico limite viene eseguito in termini di tensioni totali nelle condizioni di drenaggio impedito a fine costruzione. E' tuttavia consigliabile verificare anche le condizioni a lungo termine in tensioni efficaci.
Verifica in termini di tensioni efficaci - Per il calcolo del carico limite in condizioni drenate, la

resistenza al taglio del terreno espressa dai parametri c' e ' e bisogna tener conto dell'influenza della falda idrica se la superficie libera a profondit (d) rispetto al piano di posa minore o uguale a B (Fig. 10.7). All'aumentare del livello della falda si riducono le tensioni efficaci nel sottosuolo e di conseguenza si riduce il valore del carico limite. Con riferimento alla relazione 10.2.1 di Terzaghi per il calcolo del carico limite di una fondazione nastriforme indefinita, nel caso di Fig. 10.7.a, si ha:
1 2 B 1(D z w ) + 1 zw ] Nq 2 N + [

q lim = c Nc +

(10.2.3)

Nel caso di Fig. 10.7.b, si ha: d N + DN )B q lim = c Nc + 1 2 + ( 2 2 1 q 2 B

(10.2.4)

Se il piano di posa al di sotto della superficie libera della falda, qlim va confrontato con il carico unitario totale dedotta la sottospinta idraulica: q' = q - wzw.

131

Fig. 10.7 - Schemi per valutare l'influenza della falda idrica sul carico limite in termini di
tensioni efficaci

Verifica in termini di tensioni totali - Per il calcolo del carico limite in termini di tensioni totali

nel caso di terreno saturo, la resistenza al taglio espressa dai parametri = u = 0 e c = cu. Per u=0 risulta: Nc = 5,7; N = 0; Nq = 1 (Fig. 10.5). Nel caso di fondazione nastriforme indefinita l'espressione del carico limite pertanto diventa: qlim = 5,7 cu + 1 D ove 1 il peso di volume totale (acqua + scheletro solido). La relazione 10.2.5 valida anche per fondazioni rettangolari, quadrate e circolari; cio nelle verifiche in termini di tensioni totali non si tiene conto dei coefficienti di forma. Nel caso di piano di posa posto al di sotto della superficie libera della falda idrica, qlim va confrontato con il carico unitario totale agente q; cio da q non va sottratta la sottospinta idraulica. (10.2.5)

132

10.2.6 - Coefficiente di sicurezza

Le relazioni fornite in quanto precede hanno lo scopo di consentire la determinazione del carico limite (Qlim = qlim A) per il quale si ha il collasso dell'insieme fondazione-terreno. Definire il valore del carico ammissibile (Qam) un problema di ottimizzazione che pu essere risolto mettendo in conto la funzionalit e l'economicit della struttura di fondazione, la probabilit che avvenga il collasso e le conseguenze che esso avrebbe. Nella pratica il problema viene risolto dividendo per un opportuno coefficiente di sicurezza (F) il valore del carico limite:
Q lim F

Qam =

La scelta del valore di F determinata dalle caratteristiche e dalla destinazione della struttura in elevazione e dalla valutazione delle conseguenze dell'eventuale collasso. Nella scelta del coefficiente di sicurezza si deve naturalmente tener conto del grado di conoscenza delle caratteristiche del terreno di fondazione. I criteri di regola seguiti per assumere il valore del coefficiente di sicurezza sono sintetizzati in quanto segue: AStrutture nelle quali la probabilit che il carico massimo (permanente pi accidentali) agisca molto frequentemente (serbatoi, magazzini industriali, silos per autovetture). F=3 F=4 Bse stata eseguita un'indagine geotecnica molto accurata se permangono incertezze sulle caratteristiche del terreno di fondazione

Strutture nelle quali il carico massimo pu agire solo occasionalmente (ponti stradali, fabbricati civili ed industriali). F = 2,53,5 in dipendenza del grado di conoscenza del sottosuolo

C-

Strutture nelle quali il carico massimo ha scarsa probabilit di agire (fabbricati di civile abitazione).

133

F = 23 in dipendenza del grado di conoscenza del sottosuolo. I valori del coefficiente di sicurezza possono essere ridotti al 75% dei valori su riportati nel caso di opere temporanee; in ogni caso, l'esperienza sconsiglia di adottare valori minori di 2. Per strutture molto alte i valori sopra indicati devono essere aumentati dal 20% al 50%. Il regolamento italiano (D.M. 11.3.88) prescrive che la scelta del coefficiente di sicurezza sia adeguatamente motivata e, per le opere ordinarie, nei casi in cui non siano stati eseguiti studi e indagini particolari, fissa un valore minimo F = 3.

10.3 - VALUTAZIONE DEI CEDIMENTI

10.3.1 - Considerazioni generali Cause dei cedimenti - Le cause dei cedimenti di una fondazione superficiale possono essere

molteplici; quelle pi comuni sono: deformazioni del terreno sotto l'azione dei carichi trasmessi dalla fondazione; riduzione di volume del terreno di fondazione dovuta a processi di consolidazione indotti dall'abbassamento della superficie libera della falda idrica (subsidenze); deformazioni del terreno di fondazione conseguenti a scavi all'aperto o in sotterraneo effettuati nei pressi dell'opera; addensamento di terreni incoerenti sciolti a seguito di vibrazioni indotte dal traffico, da macchine vibranti, da terremoti, ecc. I cedimenti dovuti alla prima causa si verificano in maggiore o minore misura in tutti i casi; pertanto nel seguito si far riferimento soprattutto a questi cedimenti. Quelli dovuti alle altre cause sopra elencate sono meno frequenti e tra l'altro sono di difficile valutazione, per cui si tende piuttosto a fare in modo che non si abbiano cedimenti, operando opportune scelte progettuali (profondit del piano di posa) o prevedendo adeguate opere di sostegno degli scavi o interventi di miglioramento delle caratteristiche dei terreni (compattazione dei terreni incoerenti sciolti).
Tensioni indotte nel sottosuolo - Quando un carico applicato sulla superficie di un

134

semispazio, al suo interno si generano incrementi di tensione () rispetto alle tensioni preesistenti dovute al peso proprio (tensioni litostatiche). Per valutare le deformazioni del terreno e quindi i cedimenti della superficie su cui agisce il carico, necessario definire la grandezza degli incrementi di tensione indotti nel terreno sottostante l'area caricata.
Caratteristiche di deformabilit dei terreni - Per il calcolo dei cedimenti devono essere note

le caratteristiche di deformabilit dei terreni presenti nel sottosuolo, cio le relazioni tensioni- deformazioni-tempo. Come visto al Capitolo 8, tali relazioni variano con il tipo di terreno e con le condizioni di drenaggio ed i parametri che le descrivono vanno determinati sperimentalmente.
Il terreno come mezzo elastico per il calcolo dei cedimenti - Molti problemi geotecnici

possono essere risolti assumendo che la legge costitutiva del terreno reale coincida con quella di uno dei modelli reologici semplici. In particolare, il calcolo delle tensioni e delle deformazioni del terreno sotto l'azione del peso proprio o di forze esterne pu eseguirsi con l'ipotesi che il terreno sia un mezzo elastico. I problemi di cedimenti delle fondazioni di manufatti ricadono in questa categoria se il coefficiente di sicurezza nei riguardi della rottura del terreno di fondazione elevato ( 3). Nell'applicare la teoria dell'elasticit ai terreni reali, va tenuto presente che il modulo di deformabilit non costante, ma dipende dallo stato di tensione iniziale e dal valore dell'incremento di tensione. Il modello reologico ideale rappresenta sia il comportamento del terreno nel suo insieme (solido e fluido interstiziale), sia il comportamento del solo scheletro solido. Nel primo caso le relazioni tensioni-deformazioni sono date in funzione delle tensioni totali, nel secondo in funzione delle tensioni efficaci. Nelle applicazioni saranno indicati i casi nei quali si deve far riferimento alle tensioni totali e quelli nei quali si deve far riferimento alle tensioni efficaci.
Cedimenti immediati e cedimenti nel tempo - Nel caso di sottosuolo formato da terreni

permeabili (ghiaie, sabbie), sia in assenza che in presenza di falda idrica, i cedimenti delle fondazioni si verificano subito dopo l'applicazione dei carichi (cedimenti immediati). Nel caso di sottosuolo formato da terreni coesivi saturi, i cedimenti delle fondazioni si

135

verificano in parte subito dopo l'applicazione dei carichi (cedimenti immediati, dovuti a deformazioni del terreno in condizioni non drenate) ed in parte nel tempo (cedimenti dovuti alla consolidazione del terreno di fondazione). Nel caso di questi ultimi cedimenti, oltre al valore finale al termine del processo di consolidazione, va previsto il "decorso nel tempo", cio il modo come i cedimenti gradualmente si manifestano.
Attendibilit dei risultati del calcolo dei cedimenti - La rispondenza tra cedimenti calcolati e

cedimenti effettivi di una fondazione dipende essenzialmente dal grado di conoscenza della stratigrafia del sottosuolo e delle caratteristiche di deformabilit del terreno. Pertanto, l'aspetto pi importante riguarda la definizione di valori dei parametri di deformabilit che effettivamente rappresentino il comportamento del terreno in sito in tutto il "volume significativo". Al riguardo va tenuto presente che il volume di terreno investigato con prove di laboratorio ed in sito sempre una frazione molto piccola del "volume significativo" e che i valori dei parametri di deformabilit ottenuti con prove di laboratorio risentono in misura notevole del disturbo dei campioni. Inoltre, praticamente impossibile disporre di campioni indisturbati di terreni incoerenti. Ci comporta che i valori dei parametri di deformabilit che si impiegano nei calcoli il pi delle volte siano scarsamente rappresentativi del comportamento del terreno in sito. I valori dei cedimenti ottenuti dal calcolo, devono, pertanto, considerarsi come dati indicativi, la cui approssimazione nella maggior parte dei casi limitata all'ordine di grandezza.

10.3.2 - Tensioni indotte nel sottosuolo

Per il calcolo delle tensioni indotte nel sottosuolo da carichi esterni si fa ricorso alla teoria del semispazio elastico, omogeneo ed isotropo. Inoltre, le soluzioni riportate sono state ottenute considerando il terreno privo di peso; le relazioni forniscono perci le tensioni indotte da forze o carichi distribuiti applicati in superficie. Le tensioni agenti nel terreno sono ottenute sovrapponendo le tensioni calcolate (incrementi di tensione) a quelle litostatiche. Gli incrementi di tensione indotti in un punto P generico del semispazio di coordinate x, y, z dipendono:

136

- dalla intensit e distribuzione del carico in superficie; - dalla forma e dalla "rigidezza" della superficie di carico (fondazione); - dalle coordinate del punto. Nel caso che il piano di posa sia posto alla profondit D rispetto alla superficie, il carico da considerare quello netto: q = q - D. La rigidezza della fondazione dipende oltre che dalle caratteristiche della fondazione, anche dalle caratteristiche strutturali dell'opera in elevazione. In linea di primo orientamento, si considerano a seconda dei casi le condizioni limite di fondazione flessibile e di fondazione
rigida (ad es. platea generale nervata). Forza verticale agente in superficie - La soluzione del problema dovuta a Boussinesq (1863).

Nella Fig. 10.8.a, sono indicati gli incrementi di tensione indotti in un punto del semispazio dalla forza Q. L'incremento di tensione z dato dall'espressione:
3Q 3 2 cos 2 r

z =

(10.3.1)

dalla quale risulta che z indipendente dal modulo di elasticit E e dal coefficiente di Poisson

.
La distribuzione di z in funzione di z e di R riportata in Fig. 10.8.b, dalla quale risulta che gli incrementi di tensione decrescono sensibilmente all'aumentare della profondit z. Gli incrementi di tensione t, h e rz sono piccoli rispetto a z; di conseguenza questo incremento fornisce il maggior contributo alla deformazione verticale nel punto considerato ed all'abbassamento in superficie. Nella maggior parte dei casi, ai fini del calcolo dei cedimenti ci si limita perci a tener conto soltanto dell'incremento di tensione verticale.

137

Fig. 10.8 - Tensioni indotte in un semispazio elastico da una forza Q agente in superficie: a)
incrementi di tensione indotti in un punto ; b) distribuzione con la profondit degli incrementi di tensione verticale.
Carichi distribuiti su fondazioni flessibili - Le tensioni verticali indotte da carichi ripartiti su

superfici di forma qualsiasi possono essere determinate per sovrapposizione degli effetti, impiegando la relazione (10.3.1) e considerando la superficie di carico suddivisa in elementi infinitesimi su ciascuno dei quali agisce un carico concentrato. Tale analisi stata eseguita per fondazioni di forma varia, uniformemente caricate, ed i risultati sono disponibili sotto forma di grafici e tabelle. Gli incrementi di tensione verticale al di sotto di superfici di carico di forma quadrata e nastriforme sono disponibili sotto forma di curve (superfici nel caso tridimensionale) luogo dei punti di egual incremento della tensione verticale (isobare). L'insieme delle isobare forma il "bulbo di pressione", come mostrato in Fig. 10.9. Nel caso di superficie di carico di forma quadrata, gli incrementi di tensione verticale a profondit pari a due volte la larghezza della fondazione sono circa il 10% del carico unitario q applicato in superficie. Nella maggior parte dei casi, incrementi di carico inferiori al 10% di q sono considerati non significativi ai fini del calcolo dei cedimenti.

138

Fig. 10.9 - Luoghi dei punti di egual incremento della tensione verticale (isobare) per superfici
di carico: a) nastriforme; b) quadrata

Un altro tipo di grafici, che consente di ottenere i valori degli incrementi di tensione verticale al di sotto di superfici uniformemente caricate di forma rettangolare, quello che fornisce i valori del "coefficiente di influenza":

I = q z
funzione soltanto della dimensione della fondazione e della profondit del punto considerato. Il diagramma di Fig. 10.10 fornisce il coefficiente di influenza per il calcolo di z lungo la verticale passante per il vertice di una superficie rettangolare, flessibile, uniformemente caricata.

139

Fig. 10.10 - Coefficiente d'influenza I per l'incremento di tensione z lungo la verticale


passante per un vertice di una superficie di carico rettangolare flessibile uniformemente caricata.

Esso consente di calcolare le tensioni verticali indotte in un punto qualsiasi del semispazio da carichi distribuiti su superfici di forme diverse. La superficie viene divisa in rettangoli e per ciascuno dei rettangoli con vertice comune si ricava il valore di z; la tensione indotta dal carico agente sulla superficie totale, dato che gli effetti sono sovrapponibili, data dalla somma dei contributi dovuti ai rettangoli con vertice comune:

140

z = q I i
i=1

dove Ii il coefficiente di influenza relativo al rettangolo i-esimo.


Carichi agenti su fondazioni rigide - Le fondazioni flessibili trasmettono al terreno i carichi ad

esse applicati senza variarne l'intensit e la distribuzione. Le fondazioni rigide, non trasmettono al terreno i carichi cos come su di esse sono distribuiti, ma ridistribuiscono i carichi sul terreno in modo tale da non subire deformazioni. Esse, cio, subiscono traslazioni e rotazioni rigide, che dipendono dalla grandezza e dal punto di applicazione della risultante dei carichi e non dalla loro distribuzione. Come si vedr nel seguito, i cedimenti di una fondazione flessibile uniformemente caricata non sono uniformi. Essi sono massimi al centro e minimi ai bordi e la deformata della fondazione presenta concavit verso l'alto. A parit di carico risultante e di forma, una fondazione rigida presenta alcuni punti (punti caratteristici) con cedimento uguale a quello della corrispondente fondazione flessibile uniformementre caricata (Fig. 10.11). Pertanto, per calcolare i cedimenti di una fondazione rigida si pu far riferimento agli incrementi di tensione lungo la verticale passante per uno dei punti caratteristici della fondazione flessibile corrispondente. Oppure, in via approssimata, il cedimento di una fondazione rigida si pu assumere pari all'80% del cedimento massimo della corrispondente fondazione flessibile uniformemente caricata.

Fig. 10.11 - Punti caratteristici (X) di una fondazione rettangolare di lati B e C.

141

10.3.3 - Relazioni per il calcolo dei cedimenti

In linea generale, per calcolare il cedimento di un punto del piano di posa di una fondazione, noti gli incrementi di tensione lungo la verticale passante per il punto e le caratteristiche di deformabilit del terreno, si dovrebbe procedere al calcolo delle deformazioni unitarie verticali (z) ed alla loro integrazione. Ad esempio, il cedimento di un punto A della superficie caricata indicata in Fig. 10.12 dato da:
0 0

= z dz = 1 z x + y dz E

)]

(10.3.2)

Ai fini applicativi, tuttavia, il sottosuolo viene schematizzato con una successione di strati orizzontali di spessore finito (z) e, come detto, si trascura il contributo degli incrementi di tensione x e y. L'espressione 10.3.2, pertanto, si trasforma nella:
n

i= 1

z i z i Ei

(10.3.3)

dove: zi zi Ei incremento di tensione medio nello strato i-esimo spessore dello strato i-esimo modulo di deformabilit o compressibilit medio dello strato i-esimo

142

Fig. 10.12 - Schema generale per il calcolo dei cedimenti Il numero di strati viene definito in base al grado di approssimazione che si intende conseguire. In terreno omogeneo, all'aumentare della profondit, lo spessore degli strati viene gradualmente aumentato. La suddivisione in strati viene spinta fino alla profondit alla quale gli incrementi di tensione z possono ritenersi ancora significativi nei riguardi del calcolo dei cedimenti. In condizioni di sottosuolo omogeneo, di fondazione di forma semplice (quadrata, rettangolare e circolare) uniformemente caricata, la teoria dell'elasticit fornisce la seguente soluzione in forma chiusa dell'espressione 10.3.2:
2 = q B 1 I E

(10.3.4)

dove: q B I carico unitario applicato in superficie lunghezza del lato minore della fondazione (diametro nel caso di fondazione circolare) coefficiente di influenza, dipendente dalla forma e dalla rigidezza della fondazione In tabella 10.1 sono riportati i valori di I per il calcolo dei cedimenti di fondazioni di

143

forma varia, sia flessibili che rigide, poste sulla superficie di un semispazio elastico.

Tab. 10.1 - Coefficienti di influenza I per fondazioni poste sulla superficie di un semispazio elastico Flessibili Forma Circolare Quadrata Rettangolare: C/B = 2 C/B = 5 C/B = 10 1,53 2,10 2,56 0,76 1,05 1,28 1,12 1,68 2,10 1,30 1,82 2,24 1,12 1,60 2,00 Centro 1,00 1,12 Vertice 0,56 Bordo/met lato maggiore (C) 0,64 0,76 0,85 0,95 0,79 0,82 Medio Rigide

Se il piano di posa della fondazione posto alla profondit D rispetto alla superficie, il carico unitario da considerare quello netto (q= q - D), ed il cedimento inferiore a quello calcolato con l'espressione 10.3.4, in quanto le deformazioni del terreno sottostante la fondazione sono minori. In queste condizioni l'espressione 10.3.4 diventa:
2 = o q B 1 I E

(10.3.5)

dove o il coefficiente di influenza che tiene conto della profondit del piano di posa. Per fondazioni di forma rettangolare e quadrata i valori di o sono dati in tabella 10.2 (per fondazioni di forma circolare si pu fare riferimento ai valori relativi alla fondazione quadrata).

144

Tab. 10.2 - Coefficiente di influenza o della profondit del piano di posa D/B C/B 1 2 5 10 0,2 0,95 0,97 0,98 0,99 0,5 0,85 0,90 0,93 0,95 1,0 0,73 0,78 0,86 0,88 2,0 0,63 0,68 0,75 0,80

145

10.3.4 - Cedimenti di fondazioni su terreni a grana grossa (sabbie)

In generale il problema della valutazione dei cedimenti si pone per le sabbie, in quanto le ghiaie sono terreni poco deformabili; i cedimenti di fondazioni su ghiaie, infatti, sono di grandezza trascurabile nel caso di edifici ordinari. Nel caso delle sabbie, sia al di sopra che al di sotto della superficie libera della falda idrica, il cedimento pu considerarsi immediato: esso avviene cio in tempo molto breve e raggiunge il valore finale subito dopo il termine della costruzione. In linea teorica, il cedimento pu essere calcolato con le espressioni 10.3.3 e 10.3.4, nelle quali E il modulo di deformabilit e il coefficiente di Poisson della sabbia. Nella realt, poich di regola non possibile prelevare campioni indisturbati di sabbie, la determinazione delle caratteristiche di deformabilit di questi terreni non effettuabile in laboratorio. Il problema principale consiste, pertanto, nella valutazione delle caratteristiche del terreno. Esistono vari metodi empirici che consentono di ricavare le caratteristiche del terreno, quindi i cedimenti, dai risultati di prove in sito, in particolare: prove penetrometriche, statiche e dinamiche, e prove di carico su piastra. In generale, la valutazione del cedimento di fondazioni su sabbia sempre incerta, sia che si utilizzino le relazioni fornite dalla teoria dell'elasticit, sia che si impieghino i metodi empirici basati sui risultati di prove in sito. Si pu avere un'indicazione della grandezza del cedimento di una fondazione su sabbia utilizzando correlazioni statistiche tra cedimenti misurati di fondazioni reali, loro dimensioni minime in pianta B e caratteristiche di addensamento delle sabbie. Un esempio di queste correlazioni riportato in Fig. 10.13. Dalla figura risulta che la grandezza del cedimento dipende principalmente dallo stato di addensamento delle sabbie. A parit di dimensione B della fondazione e di carico unitario netto q, il cedimento nel caso di sabbie sciolte pu essere al limite di un ordine di grandezza maggiore di quello di sabbie addensate. Ci si spiega dal punto di vista teorico tenuto conto che le caratteristiche di deformabilit di una sabbia dipendono in larga misura dal suo stato di addensamento. Questo pu essere valutato mediante prove

146

penetrometriche dinamiche SPT. Il valore pi probabile del cedimento pu essere assunto pari alla met del limite superiore indicato in Fig. 10.13 ed il cedimento massimo in generale non eccede una volta e mezzo il valore pi probabile. Va tenuto presente che per utilizzare il metodo sopra indicato necessario che il
sottosuolo sia uniforme; cio sia costituito dallo stesso tipo di sabbia fino alla profondit alla

quale le tensioni indotte dalla fondazione sono significative nei riguardi dei cedimenti

Fig. 10.13 -

Cedimenti osservati di fondazioni su sabbie.

147

Dati i valori del modulo di deformabilit dei terreni incoerenti (di regola maggiori di qualche decina di MPa) i cedimenti assoluti sono in genere piccoli. E' da osservare per che i cedimenti differenziali, dovuti ad eterogeneit del terreno, possono essere dello stesso ordine di grandezza del cedimento assoluto massimo e raggiungere perci valori non ammissibili (Fig. 10.14).

Fig. 10.14 - Correlazione statistica fra il massimo cedimento assoluto max ed il massimo
cedimento differenziale per uno stesso edificio e per terreni diversi

10.3.5 - Cedimenti di fondazioni su terreni a grana fina (argille)

Nel caso di fondazioni su terreni argillosi saturi, i cedimenti avvengono in parte al momento dell'applicazione dei carichi per deformazioni a volume costante dell'insieme scheletro solido-acqua, cio in condizioni non drenate (cedimento immediato i), ed in parte gradualmente nel tempo a seguito di espulsione di acqua (cedimento di consolidazione: c). Quest'ultimo cedimento dovuto al processo di consolidazione che si sviluppa nel terreno via via che si dissipa l'eccesso di pressione neutra (u), dovuto all'aumento delle tensioni () indotte dai

148

carichi trasmessi dalla fondazione (Fig. 10.15). Ad un tempo t > tc (tc = tempo di costruzione) il cedimento complessivo : (t) = i + c(t) al termine del processo di consolidazione il cedimento complessivo : f = i + c

Fig. 10.15 -

Schema del decorso dei cedimenti nel tempo di una fondazione su argille

149

Cedimento immediato (i)

Si hanno cedimenti immediati quando il terreno di fondazione pu deformarsi lateralmente; ci accade se la dimensione minima B della fondazione minore o uguale allo spessore del terreno deformabile. Nel caso di fondazioni molto estese rispetto allo spessore del terreno deformabile, il cedimento immediato trascurabile ed il cedimento dovuto essenzialmente alla consolidazione. La valutazione del cedimento immediato importante soprattutto nel caso di fondazioni su argille sovraconsolidate, in quanto tale cedimento generalmente dello stesso ordine di grandezza del cedimento di consolidazione. Nel caso delle argille normalmente consolidate, il cedimento immediato molto minore del cedimento di consolidazione ed ai fini pratici pu essere trascurato. Il cedimento immediato pu essere calcolato con le relazioni 10.3.4 e 10.3.5, fornite dalla teoria dell'elasticit, e valide nel caso di sottosuolo omogeneo e di fondazione di forma semplice uniformemente caricata. Il modulo di deformabilit che compare nelle suddette relazioni il modulo Eu, ricavato dai diagrammi tensioni-deformazioni di prove di compressione triassiale consolidate non drenate o valutato in base alla resistenza al taglio non drenata cu (Paragrafo 8.4.2). Il coefficiente di Poisson = 0,5.

Cedimento di consolidazione finale (c)

Il cedimento per consolidazione pu essere valutato supponendo che il terreno si consolidi in condizioni di deformazione uniassiale (x = y = 0; z 0). In tal caso il cedimento dipende solo dagli incrementi di tensione verticale ed dato dalla relazione 10.3.3, in cui E il modulo di compressione edometrica (Eed) ricavato dai diagrammi tensioni-deformazioni di prove edometriche (metodo edometrico). La relazione 10.3.3 valida solo se nel sottosuolo si realizzano condizioni di

150

deformazione uniassiale (Fig. 10.16). Nel calcolo del cedimento bisogna tener conto che Eed funzione del livello di tensione, per cui per ogni strato si avr un valore del modulo dipendente dallo stato di tensione efficace preesistente, dovuto al peso proprio del terreno, e dall'incremento di tensione verticale indotto dal carico trasmesso dalla fondazione (Fig. 10.17). Nel caso di fondazione posta alla profondit D rispetto alla superficie, gli incrementi di tensione sono riferiti al carico netto q. Lo spessore di terreno da considerare determinato dall'eventuale esistenza alla profondit H di un terreno praticamente indeformabile (Fig. 10.16.a) o, nel caso di sottosuolo omogeneo, (Fig. 10.17), dalla profondit alla quale l'incremento di tensione z indotto dal carico pari al 20% della tensione verticale efficace preesistente in sito ('z).

Fig. 10.16 - Schemi di sottosuolo per i quali valida l'ipotesi di condizioni di deformazione
uniassiale (edometriche) per il calcolo dei cedimenti di consolidazione

151

Fig. 10.17 -

Metodo edometrico per il calcolo del cedimento di consolidazione finale nel caso di sottosuolo uniforme: a) argille normalmente consolidate; b) argille sovraconsolidati

Decorso dei cedimenti nel tempo (Teoria della consolidazione)

Il decorso dei cedimenti nel tempo e quindi il tempo necessario perch il cedimento di consolidazione raggiunga il valore finale possono essere valutati con la teoria della consolidazione monodimensionale.

152

Fig. 10.18 - Schema della consolidazione monodimensionale di uno strato di argilla drenato
solo verso l'alto

Si visto al paragrafo 7.2 che, se dopo aver impresso al terreno uno stato tensionale in condizioni non drenate si modificano le condizioni al contorno permettendo all'acqua di attraversare la superficie di contorno, si stabilisce un moto di filtrazione in regime vario. L'eccesso di pressione neutra u indotto dal carico esterno tende a dissiparsi in quanto la pressione neutra tende a mettersi in equilibrio con le condizioni idrauliche al contorno; contemporaneamente si ha un incremento delle tensioni efficaci e quindi una variazione di volume del mezzo. Questo processo prende il nome di consolidazione e si arresta quando u = 0 e non si hanno ulteriori incrementi delle tensioni efficaci. Il decorso della consolidazione avviene in un tempo pi o meno lungo in relazione ai valori del coefficiente di permeabilit (k) e del modulo di deformabilit dello scheletro solido (Eed), nonch al percorso massimo (H) che deve fare l'acqua per raggiungere le superfici drenanti al contorno. La distribuzione e l'andamento nel tempo degli eccessi di pressione neutra (ue = u) possono essere dedotti uguagliando il volume di liquido che nell'unit tempo attraversa la superficie di contorno di un generico elemento di volume del mezzo alla corrispondente variazione di volume dell'elemento.

153

La teoria della consolidazione monodimensionale di Terzaghi studia il processo di consolidazione di uno strato di argilla di spessore supposto costante nel quale la filtrazione pu avvenire in direzione verticale verso uno o due strati drenanti posti ai limiti dello strato di argilla. In Fig. 10.18 riportato il caso di uno strato di argilla di spessore H, nel quale la filtrazione pu avvenire solo verso uno strato drenante di sabbia posto in alto. L'equazione differenziale (10.3.6) descrive il processo di consolidazione dello strato di argilla: 2u e z 2 ue t

cv

(ue = eccesso di pressione neutra)

(10.3.6)

Il termine cv il coefficiente di consolidazione e rappresenta le propriet del mezzo: kE c v = ed w In Fig. 10.18.a indicata la distribuzione con la profondit delle pressioni interstiziali (ui) nello strato di sabbia ed in quello di argilla, prima dell'applicazione di un carico in superficie (condizioni iniziali). Nell'istante t = to viene applicato il carico q, indefinito ed uniformemente distribuito, cos che in ogni punto del sottosuolo si ha un incremento delle tensioni verticali z = q. Nello strato di argilla all'istante t = t0 non ci pu essere un flusso d'acqua attraverso la superficie drenante (per avere un flusso d'acqua in un tempo infinitesimo sarebbe necessaria un mezzo con permeabilit infinita), sicch la distribuzione iniziale delle sovrappressioni interstiziali uo indotte dal carico q e della pressione neutra totale u sono date da: uo = z = q u = ui + uo

154

mentre nello strato di sabbia, data l'elevata permeabilit, il carico si trasmette immediatamente allo scheletro solido, per cui: u = ui. Tra lo strato di argilla e il sovrastante strato di sabbia si stabilisce una differenza di carico idraulico, che provoca un moto di filtrazione diretto verso l'alto. Il sottile strato di argilla adiacente alla superficie drenante tender a mettersi in equilibrio idraulico con le condizioni al contorno pi rapidamente di quelli lontani e nell'istante generico t > to si ha una distribuzione delle sovrappressioni neutre del tipo di quella riportata in figura 10.18.c ed una riduzione di volume dello strato proporzionale all'incremento delle tensioni efficaci. Il processo si arresta quando in ogni punto dello strato di argilla le sovrappressioni interstiziali si sono ridotte a zero (Fig. 10.18.d) e tutto il carico esterno, come tensioni efficaci, sostenuto dallo scheletro solido dell'argilla che in queste condizioni subisce la massima deformazione. Le condizioni al contorno nel caso in esame sono: 1) 2) ue = 0 ue = uo per t to per t = to e e z=0 0<zH

e poich la superficie limite inferiore dello strato di argilla impermeabile:

3)

u e =0 z

per t 0

z =H

La dimensione H rappresenta il percorso che la particella d'acqua pi lontana dalla superficie drenante deve compiere per raggiungere detta superficie. Nel caso di strato con una sola superficie drenante, H coincide con lo spessore dello strato, mentre pari alla met dello spessore dello strato se il drenaggio pu avvenire verso l'alto e verso il basso (condizione di

155

doppio drenaggio). Assegnate le condizioni al contorno l'integrazione della 10.3.6 risolve completamente il problema della consolidazione monodimensionale. La soluzione espressa in funzione delle grandezze adimensionali T ed U*. In particolare: t H2
H

T = cv

prende il nome di fattore tempo

U = 1 0

u e (z,t ) dz u0 H =

Area ADCE Area ABCD

si definisce grado di consolidazione medio e rappresenta geometricamente il rapporto tra l'area ADCE e l'area ABCD nella Fig. 10.18.c. Nella Fig. 10.19 riportato il grado di consolidazione medio in funzione del fattore tempo T. Dal grafico si rileva che, all'aumentare del tempo, U* aumenta via via pi lentamente e, teoricamente, il processo di consolidazione si esaurisce a tempi infiniti.

Fig. 10.19 -

Teoria della consolidazione di Terzaghi: variazione del grado di consolidazione medio U* con il fattore tempo T

156

La funzione U* descrive anche l'andamento nel tempo della variazione di volume dello strato di argilla e quindi del cedimento di consolidazione c(t). Noto il valore finale del cedimento di consolidazione c, possibile conoscere il valore del cedimento ad un tempo generico t mediante la relazione: c(t) = U* c Il tempo t necessario per raggiungere un determinato grado di consolidazione U* dato dall'espressione: H2 cv

t =

Il valore di T si ricava in funzione di U* dal grafico di Fig. 10.19. Il valore di H dipende dalle condizioni di drenaggio dello strato di argilla soggetto a consolidazione. Come detto, nel caso di strato con una sola superficie drenante, H coincide con lo spessore dello strato, mentre pari alla met dello spessore dello strato se il drenaggio pu avvenire verso l'alto e verso il basso (condizione di doppio drenaggio). Nel caso di sottosuolo uniforme (Fig. 10.17) la Teoria di Terzaghi non valida in quanto non si verificano condizioni di consolidazione monodimensionale. Tuttavia in prima approssimazione si pu fare ancora riferimento a tale Teoria e quindi al grafico di Fig. 10.19, assumendo H pari alla dimensione minore in pianta (B) della fondazione. Il valore di cv si ricava dai risultati delle prove di laboratorio. Dati i bassi valori del modulo Eed delle argille normalmente consolidate, il cedimento finale di consolidazione pu essere molto grande e pu essere raggiunto in tempi anche lunghi, maggiori della vita economica dell'opera. Ci che conta per ai fini dell'ammissibilit dei cedimenti il cedimento durante la vita economica dell'opera, che per edifici civili pu essere

157

assunta pari a 100 anni. Di regola il cedimento differenziale minore del cedimento assoluto massimo (Fig. 10.14).

10.3.6 -

Criteri e metodi per la valutazione e la limitazione dei cedimenti differenziali

Nei paragrafi precedenti, l'attenzione stata rivolta soprattutto alla valutazione dei cedimenti assoluti, sia nel caso di fondazioni su sabbie che nel caso di fondazioni su argille. Al paragrafo 9.3.6 si visto che, i cedimenti differenziali, pi che quelli assoluti, determinano il comportamento di una struttura in termini di danni alla stessa o di sue rotazioni rigide eccessive. Pertanto essenziale poter valutare la grandezza dei cedimenti differenziali. Nello stesso paragrafo sono state indicate le cause pi comuni dei cedimenti differenziali, che qui di seguito sono richiamate. 1 - eterogeneit dei terreni di fondazione 2 - distribuzione disuniforme dei carichi in fondazione 3 - distribuzione uniforme dei carichi su fondazioni flessibili Nei casi in cui il cedimento di una fondazione disuniforme (Fig. 9.5) ed possibile calcolare i cedimenti assoluti corrispondenti, i cedimenti differenziali tra due punti del piano di posa della stessa fondazione, o tra due elementi strutturali isolati (plinti o travi) facenti parte della fondazione di un unico fabbricato, possono essere ottenuti per differenza tra i rispettivi cedimenti assoluti. Con riferimento alle cause dei cedimenti sopra richiamate, tale procedura pu essere impiegata: per la causa 1, se le caratteristiche del terreno di fondazione variano con regolarit in direzione orizzontale; per la causa 2, se la distribuzione disuniforme dei carichi pu essere scomposta nella somma di pi distribuzioni uniformi per ciascuna delle quali sia possibile calcolare i cedimenti assoluti; per la causa 3, se la fondazione pu considerarsi effettivamente flessibile. Se tali condizioni non si verificano, l'ordine di grandezza del cedimento differenziale massimo di una fondazione pu essere stimato con le correlazioni statistiche riportate in Fig.

158

10.14, facendo riferimento al cedimento assoluto massimo della stessa fondazione. Se i cedimenti differenziali non sono ammissibili, in quanto non sono rispettati i limiti alla distorsione angolare o alla rotazione della struttura riportati in Tabella 9.1, necessario modificare il progetto della fondazione, in modo da contenere i cedimenti differenziali entro valori ammissibili per la struttura. Ci pu essere ottenuto: a - limitando i cedimenti assoluti: a questo fine pu essere ridotto il carico unitario netto q, ampliando le dimensioni in pianta della fondazione o approfondendo il suo piano di posa (al limite possono essere adotatte "fondazioni compensate", cio fondazioni che trasmettono al terreno un carico unitario pari al peso dei terreni scavati: q = D); b - irrigidendo la struttura di fondazione (graticcio di travi alte, platea generale nervata, fino a scatolare con pareti di irrigidimento tra la soletta inferiore e quella superiore); c - adottando una fondazione di tipo profondo.

10.4 - REAZIONI DEL TERRENO DI FONDAZIONE

Per il dimensionamento di una struttura di fondazione devono essere note le azioni trasmesse dalla sovrastruttura e le reazioni del terreno. La teoria dell'elasticit ed osservazioni effettuate su strutture reali indicano che le reazioni del terreno su fondazioni uniformemente caricate non sono uniformi. La distribuzione delle reazioni dipende dalla rigidezza della fondazione e dal tipo di terreno. Un'analisi pu essere fatta nel caso di fondazione perfettamente flessibile o di fondazione rigida. Se la fondazione flessibile ed il carico uniforme, nel caso di terreno dotato di coesione ed attrito, il cedimento differente nei diversi punti della fondazione e la reazione del terreno uniforme (Fig. 10.11). Sempre nel caso di carico uniforme, se la fondazione rigida, il cedimento uniforme e perci la distribuzione delle reazioni del terreno deve coincidere con la ripartizione che causa un cedimento uniforme. Questa ripartizione dipende dalle caratteristiche del terreno ed di difficile

159

definizione. Nel caso di fondazione reale, non perfettamente rigida n perfettamente flessibile, la distribuzione delle reazioni non uniforme e dipende dalla rigidit relativa terreno-struttura. In molti casi ai fini del calcolo si adotta una ripartizione uniforme.

160

11 - FONDAZIONI SU PALI

11.1 - DEFINIZIONI E TIPI DI PALO Palo: elemento strutturale di fondazione, costruito in opera o infisso dalla superficie del terreno,

in grado di trasmettere al sottosuolo, anche lungo la sua superficie laterale, i carichi trasmessi dalla sovrastruttura.
Palificata: gruppo di pali posti a distanza ravvicinata e collegati tra loro da plinti, travi e

intelaiature.
Palo trivellato: palo eseguito con asportazione di terreno; esso realizzato mediante getto di

calcestruzzo in un foro trivellato preventivamente con attrezzatura a percussione (sonda a valvola, benna, scalpello) o a rotazione (cestello, elica continua, carotiere). I pali trivellati sono cilindrici. Si definisce diametro nominale il diametro dell'utensile di perforazione oppure il diametro esterno della tubazione di rivestimento in caso di perforazione rivestita. Convenzionalmente si suddividono in: - pali di grande diametro: hanno diametro maggiore di 700 mm (diametri commerciali: 8001000-1200-1500-2000 mm) e possono raggiungere, salvo casi speciali, lunghezze dell'ordine di 40 m; - pali di medio diametro: hanno diametro compreso tra 300 mm e 700 mm (diametri commerciali: 400-600 mm); la lunghezza di norma compresa tra 20 m e 40 m; - pali di piccolo diametro: hanno diametro compreso tra 80 e 300 mm (diametri commerciali: 80-100-120-150-200-250 mm) e lunghezza compresa fra 10 m e 20 m; essi sono armati per tutta la lunghezza con armatura metallica e sono realizzati con tecnologie ed attrezzature speciali diverse da quelle per pali di medio e grande diametro. Nella esecuzione del foro bisogna evitare il verificarsi di fenomeni di rilascio del terreno e di sifonamento che possono provocare una diminuzione della resistenza del terreno interessato dalla palificata.

161

Il getto di calcestruzzo deve avvenire senza soluzioni di continuit ed immediatamente dopo lo scavo del foro. In zona sismica, i pali di medio e grande diametro vanno armati su tutta la lunghezza. In zone non sismiche l'armatura pu essere limitata alla parte sommitale allo scopo di rendere solidali il palo e la sovrastante struttura di collegamento.
Palo infisso: palo eseguito senza asportazione di terreno; esso realizzato mediante l'infissione,

per mezzo di battipali e vibratori, di elementi prefabbricati (calcestruzzo, acciaio), oppure mediante getto di calcestruzzo in opera entro un tubo forma infisso nel terreno. Si distinguono:
- pali prefabbricati in c.a. ordinario: sono costituiti da elementi a sezione costante o

rastremata, di forma circolare, ottagonale, esagonale, quadrata, pieni o cavi (dimensione trasversale d = 0,2 0,8 m) aventi lunghezza che non supera in genere 20 m;
- pali prefabbricati in c.a. precompresso: sono simili, per quanto concerne la forma della

sezione, ai pali in c.a. ordinario e possono raggiungere lunghezza di 30 35 m; la precompressione viene adottata per limitare gli effetti delle sollecitazioni indotte durante il sollevamento e la battitura;
- pali di acciaio: in Italia l'impiego di questi pali limitato a quello degli elementi a sezione

circolare cilindrici o tronco-conici; il diametro di questi pali pu variare da un minimo di 0,2 m ad un massimo di 3 m e la loro lunghezza, particolarmente nelle opere marittime ed in quelle in mare aperto, pu raggiungere 100 metri;
- pali infissi gettati in opera: si tratta di pali in c.a. realizzati entro una cassaforma costituita

da un tubo d'acciaio di grande spessore, chiuso inferiormente, che viene infisso nel terreno fino alla profondit voluta; durante il getto del calcestruzzo il tubo di acciaio viene gradualmente estratto; la lunghezza di questi pali non supera in genere 30 35 m e il diametro compreso tra 0,3 e 0,6 metri; questi pali sono armati per tutta la lunghezza.

11.2 - CRITERI DI SCELTA DELLE FONDAZIONI SU PALI E DEL TIPO DI PALO

In Fig. 11.1 sono rappresentate schematicamente alcune situazioni in cui conveniente adottare la fondazione su pali. I fattori che determinano la scelta di questo tipo di fondazione

162

sono vari e connessi con il sottosuolo (ad es., presenza di terreni con caratteristiche scadenti negli strati superficiali), con l'opera da costruire e le sue caratteristiche funzionali (ad es., intensit e direzione dei carichi; necessit di limitare i cedimenti), con le condizioni ambientali (ad es., scalzamento da parte di corsi d'acqua, previsione di futuri scavi in adiacenza all'opera).

Fig. 11.1 -

Situazioni in cui pu essere opportuna una fondazione su pali

La scelta del tipo di palo pi adatto, in rapporto alla situazione locale, effettuata tenendo conto di: - natura e caratteristiche meccaniche dei terreni del sottosuolo; - modifiche provocate nel terreno dalla costruzione del palo; - attrezzature disponibili ed effetti prodotti dal metodo di costruzione del palo su manufatti adiacenti; - caratteristiche di resistenza e durevolezza del materiale impiegato per la costruzione del palo. Tenuto conto di tali fattori si possono indicare alcuni criteri generali per la scelta del tipo di palo. I pali infissi, specie se costruiti fuori opera, risultano di difficile esecuzione se il sottosuolo costituito da terreni con elevata resistenza o da terreni eterogenei con blocchi e

163

trovanti lapidei. Eseguiti in terreni incoerenti, provocano un addensamento che migliora le caratteristiche del terreno. Per contro, in terreni coerenti saturi, l'infissione provoca un aumento della pressione neutra e non si ha alcun effetto di addensamento. Le attrezzature per l'infissione sono di grandi dimensioni e possono perci essere impiegate solo in cantieri vasti e di agevole accesso. Le operazioni di infissione danno origine a vibrazione e scuotimenti nel terreno e a rumore intenso; questi provocano disturbo alle persone e, al limite, dissesti nei manufatti adiacenti. La qualit dei materiali ben controllabile nel caso di pali prefabbricati (c.a., c.a.p., acciaio). L'impiego di pali trivellati, adottando un adeguato sistema di perforazione, non trova limitazioni di rilievo nelle caratteristiche dei terreni del sottosuolo. Tuttavia, da tener presente che l'asportazione di materiale, caratteristica di questo tipo di pali, pu causare la decompressione e il peggioramento delle caratteristiche meccaniche del terreno. In terreni incoerenti al disotto del livello della falda idrica possono avvenire sifonamenti nel foro trivellato con franamento delle pareti o rifluimento di materiale dal fondo. Le attrezzature, a parte i limiti dipendenti dalle dimensioni, non pongono particolari problemi e gli effetti sull'ambiente circostante possono essere ridotti a valori accettabili. Le tecniche di getto del calcestruzzo impiegato per la confezione dei pali devono essere tali da evitare la separazione dei componenti ed il dilavamento del calcestruzzo.

11.3 -

PROGETTO DI PALI VERTICALI SOGGETTI A CARICHI ASSIALI DI COMPRESSIONE

La condizione di sollecitazione pi frequente per il palo di fondazione quella di carico assiale di compressione e di forza normale all'asse. Nel caso di fabbricati ordinari, anche in zona sismica, le forze normali all'asse (orizzontali) sono sempre molto piccole rispetto ai carichi assiali verticali, per cui se un palo verificato nei riguardi dei carichi assiali lo anche nei riguardi dei carichi normali all'asse. Nel seguito, pertanto, si far riferimento soltanto al

164

dimensionamento dei pali caricati da forze verticali di compressione, con l'avvertenza che, se le forze orizzontali sono maggiori del 10% circa delle forze verticali, come nel caso di strutture particolari (pile di ponti, fondazioni di archi e muri di sostegno, sostegni di linee elettriche, ecc.) i pali andranno verificati anche nei riguardi delle forze orizzontali. Il progetto di una palificata comporta la previsione del carico limite del singolo palo e del gruppo di pali, la definizione del carico assiale ammissibile e la valutazione dello spostamento verticale (cedimento) del palo singolo e del gruppo di pali. Come riferimento sia al singolo palo che al gruppo di pali, si definiscono:
Carico limite del singolo palo (Qlim): il minore tra i valori del carico che produce la rottura del

materiale costituente il palo o quella del terreno.


Carico limite del gruppo di pali (QLIM): il carico che produce la rottura del complesso

palificata-terreno.
Carico ammissibile del singolo palo (Qam): massimo valore del carico che pu essere applicato

ad un palo, in condizioni di sicurezza nei riguardi della rottura, tenuto conto del carico limite del singolo palo, del carico limite del gruppo di pali e dell'eventuale "attrito negativo" (Paragrafo 11.7).
Coefficiente di sicurezza del singolo palo (F): rapporto tra il carico limite ed il carico

ammissibile.
Carico di esercizio del palo (Qes): massimo valore del carico che pu essere applicato ad un

palo, in condizioni di sicurezza, tenuto conto del carico limite, dell'attrito negativo, della distanza tra i pali, della capacit portante del terreno al di sotto del palo e dei cedimenti ammissibili. Generalmente il carico di esercizio minore del carico ammissibile.

165

11.4 - CARICO LIMITE DEL SINGOLO PALO

11.4.1 - Generalit

Il valore del carico limite del complesso palo-terreno pu essere ricavato sulla base di metodi di calcolo teorici, che esprimono analiticamente il comportamento a rottura del terreno. Tra questi, le "formule statiche" sono impiegate per valutare il carico limite sia dei pali trivellati che di quelli infissi. Su base empirica, il carico limite pu essere ricavato da prove di carico su pali prototipo. Il valore del carico che produce la rottura del materiale costituente il palo si ricava con i metodi della Tecnica delle Costruzioni, tenuto conto delle caratteristiche di resistenza dei materiali costituenti il palo.

11.4.2 - Formule statiche

Le "formule statiche" consentono il calcolo del carico limite sulla base della geometria del palo e delle caratteristiche del terreno; in particolare, consentono di ricavare il valore di quel carico che applicato alla testa del palo produce la rottura del terreno posto al di sotto della punta del palo e lungo la sua superficie laterale. I meccanismi di rottura del terreno sotto le azioni trasmesse da un palo sono molto complessi e vari, sia perch il problema tridimensionale, sia perch un palo pu resistere prevalentemente alla punta o prevalentemente lungo il fusto, ovvero in entrambi i modi, a seconda delle caratteristiche di deformabilit e resistenza dei terreni attraversati dal palo e di quelli situati al di sotto della punta. Ai fini del calcolo, il carico limite Qlim di un palo viene suddiviso convenzionalmente in due parti: la resistenza di punta Qp e la resistenza laterale Qs, prescindendo dalla interferenza tra i due meccanismi di rottura. Esso dato dall'espressione:

166

Qlim = Qp + Qs - P dove P il peso proprio del palo.

(11.1)

Fig. 11.2 - Schema per il calcolo del carico limite mediante le "formule statiche" La resistenza alla punta pu essere valutata con la seguente relazione, analoga alle relazioni che forniscono il carico limite delle fondazioni superficiali in cui manca per il termine (1/2 d N in quanto trascurabile rispetto agli altri due (Fig. 11.2): Qp = qp Ap = (c Nc + qL Nq) Ap dove: qp Ap c Nc Nq resistenza unitaria alla punta del palo area della punta del palo = d /4 coesione del terreno in corrispondenza della punta del palo coefficiente di capacit portante, il cui valore definito su base empirica coefficiente di capacit portante, definito su base teorica in funzione dell'angolo di attrito del terreno in corrispondenza della punta del palo e del rapporto L/d (dove L e d sono rispettivamente la lunghezza ed il diametro del palo)
2

(11.2)

167

qL

tensione litostatica verticale alla profondit della punta del palo = L (ovvero qL = i zi se si in terreni stratificati, ove i e zi sono rispettivamente il peso di volume e lo spessore dello strato i-esimo) La resistenza laterale Qs data dalla seguente relazione (Fig. 11.2):
L 0

Qs = d qs (z ) dz

(11.3)

dove qs(z) la resistenza unitaria laterale alla profondit z. Questa pu essere valutata in base all'espressione della resistenza al taglio di Mohr-Coulomb (f = c + tg ), che nel caso specifico risulta: qs(z) = qa(z) + h(z) tg = qa(z) + K v(z) dove: qa(z) h(z) tg = K v(z) adesione palo-terreno indipendente dalla tensione h(z) tensione litostatica orizzontale = K v(z) coefficiente di attrito palo-terreno coefficiente di tensione laterale = h(z)/v(z) tensione litostatica verticale = z (ovvero v(z) = i zi per terreni stratificati). Per terreni stratificati l'espressione 11.3, tenuto conto della 11.4, diventa:
Qs = d (q ai + Ki vi i ) zi
i= 1 n

(11.4)

(11.5)

dove:

168

n vi

numero di strati attraversati dal palo tensione litostatica verticale media nello strato i-esimo

Terreni incoerenti - Nell'applicare le relazioni per il calcolo del carico limite va tenuto presente

che le verifiche si effettuano in tensioni efficaci data l'elevata permeabilit dei terreni incorenti e quindi necessario conoscere la posizione della superficie libera della falda idrica. Se il palo, in tutto o in parte, immerso in falda, nel calcolo delle tensioni litostatiche verticali ai terreni sotto falda va attribuito il peso di volume immerso ed al peso del palo va sottratta la spinta di galleggiamento. Inoltre, trattandosi di terreni incoerenti si ha c'= 0 e qa = 0. L'espressione 11.1, tenuto conto delle 11.2 e 11.5 (si suppone che il terreno sia stratificato) diventa:
n

Qlim = qL N q Ap + d K i vi i z i P
i=1

(11.6)

Il coefficiente di capacit portante Nq, come visto, dipende dall'angolo di attrito ' del terreno e dal rapporto L/d e ha valori diversi a seconda delle varie teorie disponibili. In tutte le teorie, il valore di Nq ha un elevato gradiente in funzione di ' (Fig. 11.3); pertanto un'incertezza di qualche grado sul valore di ' comporta un'incertezza molto grande nella valutazione della resistenza alla punta. Inoltre, l'angolo di attrito ' sensibilmente influenzato dalle modalit esecutive del palo. Per pali di medio diametro, i valori di Nq forniti dalla teoria di Berezantzev sono riportati in Fig. 11.3.a.

169

Fig. 11.3 - Coefficiente di capacit portante in funzione dell'angolo di attrito e della geometria
del palo: a) valori di Nq per pali di medio diametro; b) valori di N*q, corrispondenti all'insorgere delle prime deformazioni plastiche alla punta, per pali di grande diametro

Per pali di grande diametro, i risultati sperimentali mostrano che la resistenza laterale raggiunge il suo valore limite per cedimenti del palo di 5-10 mm circa, indipendenti dal diametro del palo, mentre la resistenza alla punta si mobilita solo dopo cedimenti dell'ordine di (0,150,25)d; i valori pi elevati si riferiscono ai terreni poco addensati. Tenuto conto di ci, la valutazione della resistenza alla punta basata su considerazioni di cedimenti ammissibili piuttosto che di rottura alla base del palo: il valore dello sforzo alla punta cui corrisponde l'insorgere nel terreno delle prime deformazioni plastiche (q*p = q'L N*q) assunto come resistenza unitaria mobilitabile. I valori di N*q secondo la teoria di Berezantzev sono riportati in Fig. 11.3.b. Per il calcolo della resistenza laterale, va tenuto presente che i valori di K e dipendono dalla tecnologia esecutiva del palo (pali trivellati, pali infissi). In Tabella 11.1 sono

170

riportati i valori indicativi di K e per diversi tipi di palo.

Tab. 11.1 - Valori di K e per terreni incoerenti


Valori di

Tipo di palo

Valori di K Stato di addensamento sciolto addensato

Infisso

- Acciaio - Calcestruzzo prefabbricato - Calcestruzzo gettato in opera


Trivellato

0.5 1 1 0.40.7 (*)

1 2 3

tg 20 = 0.36 tg (3/4 ') tg ' tg '

(*) Decrescente con la profondit

Nel caso di pali trivellati, la valutazione del carico limite particolarmente incerta a causa delle inevitabili modifiche delle caratteristiche del terreno prodotte dall'esecuzione del foro. Pertanto, opportuno applicare criteri cautelativi nella scelta del valore del coefficiente di sicurezza o ricorrere a prove di carico su pali prototipo.

Terreni coerenti - Nelle argille e nei limi saturi, le condizioni pi gravose sono quelle non

drenate al termine della costruzione, per cui il carico limite calcolato in termini di tensioni totali. La resistenza al taglio del terreno espressa da un valore della coesione cu con u = 0; Per u = 0, il coefficiente Nq = 1 e si suppone nullo il coefficiente di attrito palo-terreno . L'espressione 11.1, tenuto conto delle 11.2 e 11.5 (si suppone che il terreno sia stratificato), diventa:

171

Qlim = (c u Nc + q L ) A p + d q ai z i P
i= 1

(11.7)

dove: Nc = 9 su base empirica. I valori dell'adesione qa dipendono dalla resistenza al taglio non drenata cu e dalle modalit esecutive del palo. Dato che l'esecuzione del foro disturba il terreno posto lungo le sue pareti, l'adesione qa sempre minore di cu e tanto pi quanto pi elevate sono le caratteristiche di resistenza del terreno. In Tabella 11.2 sono riportati i valori di qa che possono essere assunti per valutare la resistenza laterale. Tab. 11.2 - Valori dell'adesione qa per pali trivellati in terreni coerenti in relazione alla resistenza al taglio non drenata cu
qa (kPa) = cu

Cu (kPa)

qa (Massima) (kPa)

25 25 50 50 75 75

0.9 cu 0.8 cu 0.6 cu 0.4 cu 100

11.4.3 - Prove di carico Scopo delle prove - E' quello di fornire indicazioni sul valore del carico limite del palo, sugli

abbassamenti del palo sotto carico e sulla integrit strutturale del palo stesso. E' possibile suddividere le prove di carico nei seguenti due tipi:
Prove di progetto, spinte possibilmente fino al carico limite, su pali appositamente costruiti; Prove di collaudo, eseguite su pali facenti parte della fondazione, dei quali non bisogna

172

compromettere l'integrit, per controllare che: - non esistano gravi deficenze esecutive del palo; - il palo sia in grado di sopportare il carico di esercizio previsto Qes con un coefficiente di sicurezza adeguato.
Limiti della significativit delle prove - Gli abbassamenti e il carico limite determinati con la

prova su un palo isolato non sono necessariamente in diretta correlazione con gli abbassamenti e il carico limite della palificata. Nella generalit dei casi, l'abbassamento misurato sotto il carico di esercizio durante la prova di carico un limite inferiore dell'abbassamento del palo in esercizio. Il "buon esito" di una prova di carico quindi una condizione necessaria, ma non sufficiente, a garantire il soddisfacente comportamento del palo in esercizio. I risultati delle prove di carico su pali singoli non permettono di prevedere gli abbassamenti per consolidazione nei terreni coerenti.

Prove ad incremento di carico controllato - Questo tipo di prova, in cui il carico viene

applicato ad incrementi prefissati, misurando i conseguenti abbassamenti, attualmente quello di uso pi frequente.
Preparazione: sulla sommit del palo viene costruito un dado in calcestruzzo armato sul quale,

in posizione orizzontale, viene cementata una piastra in acciaio di spessore adatto a distribuire uniformemente il carico sulla testa del palo.
Sistema di applicazione del carico: il carico pu essere applicato:

a) b)

per mezzo di un martinetto idraulico che contrasta contro una zavorra (Fig. 11.4.a). per mezzo di un martinetto idraulico che contrasta contro una trave solidale a due o pi pali di ancoraggio che lavorano a trazione (Fig. 11.4.b).

Misura degli abbassamenti: Si esegue mediante micrometri centesimali interposti tra travi

portamicrometri (solidali al terreno) e la testa del palo.

173

Modalit di esecuzione delle prove: una conveniente successione di carichi pu essere quella in

cui gli incrementi di carico sono pari al 25% del carico di esercizio Qes fino al raggiungimento di quest'ultimo; successivamente gli incrementi sono ridotti (ad es. 10% di Qes). Per le prove di collaudo il carico massimo di prova di norma compreso tra 1,5 e 2 Qes. Dopo l'applicazione di ciascun incremento di carico, raggiunta la stabilizzazione, si esegue la misura dell'abbassamento. Lo scarico pu avvenire in decrementi pari al 25% del carico massimo, mantenendo ciascun carico per l'intervallo di tempo necessario ad ottenere la stabilizzazione. Frequentemente il programma di carico prevede una fase di scarico a zero una volta raggiunto il carico di esercizio Qes per suddividere l'abbassamento sotto tale carico in una quota reversibile ed una irreversibile.

Fig. 11.4 - Possibili schemi di applicazione del carico: a) martinetto (M) che contrasta contro
una zavorra (Z); b) martinetto (M) che contrasta contro una trave ancorata a pali (T)

174

Interpretazione dei risultati delle prove: i risultati delle prove sono riportati sotto forma di

grafici abbassamento della testa del palo (p) in funzione del carico (Q) (Fig. 11.5). Il carico limite corrisponde al punto di inflessione della curva abbassamento-carico. Se la curva non presenta un'inflessione ben definita, come in Fig. 11.5, si considera carico limite Qlim il carico che per primo soddisfa una delle seguenti due condizioni: l'abbassamento pari a 0,1 d; l'abbassamento pari a due volte l'abbassamento (*p) sotto il carico 0,9 Qlim (Fig. 11.5).

Fig. 11.5 - Rappresentazione dei risultati di una prova di carico su palo e possibile definizione
del carico limite

175

11.4.5 - Coefficienti di sicurezza

Come posto in vista nei paragrafi precedenti, la grandezza dei parametri caratteristici del terreno che entrano nelle relazioni per il calcolo del carico limite influenzata dal tipo e dalle modalit esecutive del palo. I coefficienti che compaiono nelle stesse relazioni dipendono dalle ipotesi assunte per simulare il comportamento a rottura del complesso palo-terreno. Per tali motivi, le "formule statiche" devono essere considerate delle relazioni semi-empiriche e la scelta dei valori del coefficiente di sicurezza, per il calcolo del carico ammissibile, deve essere effettuata tenendo conto di tutti i fattori che determinano il comportamento del palo. La normativa italiana (DM 11.3.88) prescrive per il coefficiente di sicurezza da applicare al carico limite, valutato con metodi teorici, un valore non inferiore a 2,5. Se il carico limite determinato mediante prove di carico a rottura si pu assumere: 2,0 F 2,5. Il carico ammissibile ricavato con le seguenti espressioni:
Q p + Qs F Qlim F

- carico limite valutato con metodi teorici: - carico limite determinato mediante prove di carico:

Qam = Qam =

11.5 - CARICO LIMITE DEL GRUPPO DI PALI

I pali di fondazione vengono di regola impiegati in gruppo. Per evitare interferenze tra i pali, possibili danneggiamenti dei pali gi costruiti e riduzioni dell'efficienza della palificata (v. in seguito), l'interasse minimo fra i pali fissato ad un valore non minore di tre volte il loro diametro d. Noto il carico limite Qlim del singolo palo, si definisce efficienza del gruppo di n pali il coefficiente: = QLIM / n Qlim

176

dove QLIM il carico limite dell'intera palificata. Per palificate in terreni incoerenti e interassi usuali l'efficienza sempre maggiore dell'unit; nel progetto essa viene assunta pari ad uno. L'efficienza di gruppi di pali in terreni argillosi pu essere minore dell'unit.

Fig. 11.6 coesivi

Schema di rottura del terreno per effetto della palificata quale blocco in terreni

Nel caso di palificate in terreni coerenti teneri per interasse i < 4 d opportuno verificare la stabilit globale della palificata quale blocco. Con riferimento alla Fig. 11.6, la capacit portante limite risulta: QLIM = B C Nc cu(L) + 2 (C + B) L cu(s) (11.9)

177

ove cu(s) il valore medio della resistenza al taglio non drenata del terreno nel tratto di lunghezza L; cu(L) la resistenza al taglio non drenata alla profondit L; Nc il coefficiente di capacit portante che assume i valori riportati in Tab. 11.3, in funzione dei rapporti C/B e L/B.

Tab. 11.3 - Valori del coefficiente Nc nell'espressione 11.9 L/B C/B = 1 0.25 0.50 0.75 1.00 1.50 2.00 3.00 > 4.00 6.7 7.1 7.4 7.7 8.1 8.4 8.8 9.0 Nc C/B > 20 5.6 5.6 6.2 6.4 6.8 7.0 7.4 7.5

Se risulta = QLIM / n Qlim< 1, il carico ammissibile del singolo palo va ridotto ed dato da:

Qam =

Q p + Qs F

) P

178

11.6 - CEDIMENTI DEL SINGOLO PALO E DEL GRUPPO DI PALI Cedimento dei singolo palo (p)

Il cedimento del singolo palo dato dalla somma di tre contributi: a) accorciamento elastico del palo; b) penetrazione del palo nel terreno; c) riduzione di volume del terreno sottostante la punta del palo che si manifesta in tempi lunghi. La valutazione del cedimento p di un singolo palo sotto l'azione del carico di esercizio Qes pu essere utile sia per il caso di fondazione poggiante su un solo palo, sia come base per valutare il cedimento di una palificata costituita da pali di uguali caratteristiche. Il metodo pi attendibile per valutare p quello di far riferimento a risultati sperimentali, ottenuti a mezzo di prove di carico. Si rammenta, per, che nei terreni coerenti saturi le prove di carico, essendo generalmente di breve durata, non consentono di prevedere i cedimenti per consolidazione.

Cedimento del gruppo di pali (Gp)

Questo cedimento funzione del cedimento del singolo palo, ma anche della distanza tra i pali, della geometria della palificata, della deformabilit del terreno al di sotto della punta dei pali. Il cedimento Gp di una palificata in genere maggiore del cedimento p del singolo palo, a parit di carico medio per palo. Ci dipende dalle mutue interazioni fra i pali. In particolare, se la palificata sovrapposta a livelli di terreni compressibili, il suo cedimento sar molto pi elevato di quello misurato con una prova di carico su un palo prototipo, a causa della maggiore estensione in profondit della zona di sottosuolo caricata (Fig. 11.7).

179

Fig. 11.7 - "Bulbo delle pressioni" di un singolo palo e di una palificata, a parit di carico
medio per palo

Tenuto conto delle condizioni e limitazioni sopra riportate, la valutazione del cedimento di una palificata pu essere fatta: estrapolando i risultati relativi al palo singolo; con procedimenti analoghi a quelli impiegati per il calcolo dei cedimenti delle

fondazioni superficiali (metodo della fondazione equivalente). In Fig. 11.8 gli incrementi di tensione cui d luogo nel sottosuolo una palificata, di piccole o grandi dimensioni, sono paragonati a quelli relativi ad una fondazione superficiale delle stesse dimensioni. Per un gruppo di pali in cui le dimensioni in pianta sono piccole rispetto alla lunghezza dei pali, appare evidente che sia la distribuzione di tensioni sia la profondit dei terreni interessati sono molto simili a quelli che si hanno nel caso del palo singolo. Converr dunque calcolare il cedimento Gp estrapolando il cedimento p del palo singolo. Il contrario si verifica per una palificata in cui la lunghezza dei pali piccola rispetto alle sue dimensioni in pianta: in questo caso converr adottare il metodo della fondazione equivalente che, fra l'altro, consente di portare correttamente in conto l'effettivo profilo stratigrafico e di valutare i cedimenti di consolidazione.

180

Fig. 11.8 - Stato tensionale indotto nel sottosuolo da fondazioni superficiali e da palificate di
piccole e grandi dimensioni (le tensioni indotte sono espresse come percentuali del carico unitario in superficie)
Metodo dell'estrapolazione del cedimento del singolo palo. Nei casi un cui il terreno

interessato dalla palificata sia relativamente omogeneo, l'estrapolazione del cedimento p pu essere fatta con le seguenti espressioni empiriche:
1,2 B + 2,7 Gp = p 0,3 B + 4
2

(11.10)

0,6 B Gp = p 0,3 B + 0,3

(11.11)

in cui B la dimensione minore in pianta della palificata espressa in metri. La (11.10) valida per pali infissi; la (11.11) per pali trivellati.

181

Il metodo della fondazione equivalente consiste nel sostituire alla palificata una fondazione a

platea fittizia, posta ad una profondit z = (2/3 1) L (Fig. 11.9). Nel caso di pali resistenti prevalentemente lungo il fusto si assume z = 2/3 L e nel caso di pali resistenti prevalentemente alla punta, z = L. Si assume, inoltre, che il carico che grava sulla platea considerata rigida sia uniformemente distribuito e pari al carico applicato alla sommit dei pali (Q). Il carico unitario risulta pertanto: q = Q / B C , dove B e C sono le dimensioni in pianta della palificata. Alla fondazione equivalente vengono poi applicati i metodi per il calcolo dei cedimenti delle fondazioni superficiali.

Fig. 11.9 - Schemi di distribuzione nel sottosuolo delle tensioni indotte da una fondazione su pali:
a) pali resistenti prevalentemente lungo il fusto; b) pali resistenti prevalentemente alla punta

Se la struttura di collegamento delle teste dei pali posta alla profondit D rispetto alla superficie del terreno il carico unitario agente sulla platea fittizia :
Q BC

q =

182

11.7 - ATTRITO NEGATIVO

Quando il terreno circostante un palo subisce cedimenti maggiori di quelli del palo stesso, si determinano scorrimenti relativi verso il basso del terreno rispetto alla superficie laterale del palo. Tali scorrimenti inducono tensioni tangenziali dirette verso il basso, note come "attrito negativo". Cause dei fenomeni di attrito negativo possono essere: - il disturbo provocato dall'esecuzione dei pali in un terreno compressibile; - i cedimenti di un terreno compressibile per effetto di sovraccarichi in superficie (ad es. rilevati), di abbassamento del livello della falda idrica, di vibrazioni, etc. Effetti dell'attrito negativo sono la riduzione del carico limite (si annulla in parte la resistenza laterale) e l'aggiunta di un sovraccarico; diminuisce perci sensibilmente il carico utile che pu essere affidato al palo. Una valutazione quantitativa del valore limite superiore dell'attrito negativo pu essere effettuata, dopo aver individuato il tratto di palo in cui esso pu verificarsi, con gli stessi criteri indicati per il calcolo della resistenza laterale. Si pu far riferimento alla relazione qs(z) = K 'v(z) nella quale il termine K funzione del rapporto cu/'v (Tabella 11.4). Gli effetti dell'attrito negativo possono essere ridotti rivestendo la superficie laterale del palo (camicia in lamierino, asfalto, etc.). Tab. 11.4 - Valori del termine K in funzione del rapporto cu/'v cu/'v Pali infissi Pali trivellati Pali ricoperti con asfalto 0.2 0.25 0.12 0.06 0.3 0.28 0.17 0.07 0.4 0.34 0.21 0.08 0.5 0.35 0.23 0.09 0.6 0.38 0.26 0.10

183

12 - OPERE DI SOSTEGNO

12.1 - INTRODUZIONE

Le opere di sostegno sono strutture impiegate per fornire a masse di terreno non stabili naturalmente (terrapieni, fronti di scavo, ecc.) le forze necessarie per l'equilibrio. A questo fine possono essere impiegati vari tipi di strutture, tra cui muri di sostegno, paratie e palancolate. Queste opere possono essere classificate in base al principio di funzionamento; ad esempio, nel caso dei muri a gravit la spinta del terreno equilibrata dal peso proprio della struttura, mentre nel caso delle paratie la spinta del terreno equilibrata dalle reazioni che altre masse di terreno antistanti e retrostanti l'opera sono in condizioni di esercitare. Un altro modo di classificare queste opere si basa sulle caratteristiche di deformabilit strutturali; ad esempio, strutture rigide o deformabili (Fig. 12.1).

Fig. 12.1 - Tipi di opere di sostegno: a) muri (strutture rigide); b) paratie e palancolate
(strutture deformabili)

184

Indipendentemente dal tipo di opera, il principale problema geotecnico di progetto la valutazione delle spinte del terreno, che dipendono dai meccanismi di interazione tra la struttura di sostegno ed il terreno stesso. La grandezza e la distribuzione delle spinte del terreno funzione infatti degli spostamenti e delle deformazioni del terreno e della struttura e la loro determinazione un problema staticamente indeterminato. Per valutare in modo rigoroso la spinta del terreno su un'opera di sostegno, bisognerebbe definire, in ogni fase di costruzione e di esercizio dell'opera, lo stato di tensione e di deformazione del sistema terreno-struttura. Poich i meccanismi di interazione terreno-struttura sono molto complessi, necessario ricorrere a schematizzazioni del sistema terreno-struttura, che comportano l'assunzione di modelli semplificati di comportamento del terreno, in relazione alle caratteristiche ed alla modalit di funzionamento della struttura. Il modello di mezzo rigido-plastico impiegato per il calcolo della spinta su muri indeformabili e, con opportune ipotesi, anche per il calcolo delle azioni su pareti flessibili. Se si adottano il modello rigido-plastico ed il criterio di rottura di Mohr-Coulomb, le azioni del terreno sulla struttura sono calcolate nelle condizioni di rottura del terreno e non si hanno indicazioni sulle deformazioni in condizioni di esercizio. Le teorie per la valutazione della spinta dei terreni (teorie di Rankine, di Coulomb, di Caquot e Kerisel, ecc.) fanno tutte riferimento al modello di mezzo rigido-plastico: la spinta calcolata assumendo che il terreno spingente e reagente sia in condizioni di equilibrio plastico, cio in condizioni limiti di rottura. In queste condizioni, il problema della valutazione delle spinte del terreno staticamente determinato. Nel seguito si far riferimento alla teoria di Rankine, che consente una comprensione pi immediata del problema della valutazione delle spinte del terreno.

12.2 - TEORIA DI RANKINE SULLA SPINTA DEI TERRENI

Si consideri una ideale struttura di sostegno a pareti verticali, costruita per sostenere un terrapieno con superficie orizzontale, formato da un terreno incorente asciutto, avente peso di

185

volume e per il quale si adotta il modello rigido-plastico ed il criterio di rottura di MohrCoulomb (f = tg). Se, come indicato in Fig. 12.2.a, la struttura si sposta leggermente verso l'esterno senza che nascano sforzi di taglio al contatto terreno-paramento di monte, anche il terreno a tergo tende a spostarsi, dilatandosi in direzione orizzontale. Ci determina una riduzione delle tensioni orizzontali, mentre quelle verticali restano costanti, ed una mobilitazione della resistenza al taglio del terreno nel cuneo EFG.

Fig. 12.2 - Movimenti di una parete che producono lo stato attivo (a) e passivo (b) locali di
Rankine e relativi diagrammi di spinta

Nel generico elementino A, quando tutta la resistenza mobilitata, la tensione orizzontale, che ha raggiunto il valore minimo (ha), viene chiamata tensione attiva e il rapporto tra la tensione orizzontale e quella verticale (v = z) chiamato coefficiente di spinta attiva (Ka). In Fig. 12.3 indicato il cerchio di Mohr per lo stato di tensione attivo, dal quale risulta, con semplici deduzioni, che:

186

Ka =

ha v

= tg 2 45 1 + sen 2

1 sen

Fig. 12.3 - Stati di Rankine per le condizioni geostatiche (a) e relative orientazioni delle linee
di scorrimento (b): Pa e Pb sono i poli delle giaciture rispettivamente per lo stato attivo e per quello passivo

Se come indicato in Fig. 12.2.b la struttura si sposta verso il terrapieno, nell'ipotesi che non nascano sforzi di taglio al contatto terreno-paramento di monte, il terreno compresso in direzione orizzontale e si mobilita la sua resistenza al taglio. Nel generico elementino B, quando tutta la resistenza mobilitata, la tensione orizzontale, che ha raggiunto il valore massimo (hp), viene chiamata tensione passiva ed il rapporto tra la tensione orizzontale e quella verticale chiamato coefficiente di spinta (o meglio resistenza) passiva (Kp). Analogamente al caso attivo (Fig. 12.3) risulta:

187

Kp =

hp v

1 + sen

1 = = tg 2 45+ 1 sen 2 Ka

Pertanto, per una data tensione verticale geostatica (v), le tensioni orizzontali possono essere comprese soltanto tra i limiti Kav e Kpv. Il coefficiente di tensione laterale a riposo (Ko) corrisponde alla condizione di assenza di movimenti della ideale struttura di sostegno del terrapieno. Nei terreni normalmente consolidati, si riscontrato sperimentalmente che il valore di Ko dipende dall'angolo di attrito '. In particolare risulta: Ko = 1 - sen ' Gli stati di tensione delle due situazioni estreme, che corrispondono a condizioni di equilibrio limite e quindi di rottura del terreno, sono chiamati stati di Rankine, dall'ingegnere inglese Rankine che nel 1857 stabil le relazione tra le due condizioni attiva e passiva. In Fig. 12.3.b sono indicate anche le inclinazioni delle "linee di scorrimento" nelle due condizioni limiti sopra richiamate. La teoria sulla spinta dei terreni di Rankine, come le altre teorie sulla spinta dei terreni, non tiene conto delle deformazioni del terreno nelle fasi che precedono la rottura. Tuttavia, i valori limiti ha e hp sono mobilitati per valori diversi dello spostamento della parete. Per raggiungere la condizione attiva, infatti, sono sufficienti spostamenti inferiori a 0,001 H, mentre per mobilitare la resistenza passiva sono necessari spostamenti pari a 0,01 0,05 H (ove H : altezza della parete). Nel caso che il terreno sia, in tutto o in parte, immerso in acqua, i diagrammi di spinta attiva e passiva si riferiscono alle tensioni efficaci, cio i coefficienti di spinta Ka e Kp si applicano alle tensioni verticali efficaci ('v = z - u). In queste condizioni, su una struttura di sostegno oltre la spinta del terreno agisce la spinta dell'acqua.

188

Nel caso di terreno coerente, avente peso di volume e resistenza al taglio definita dalla relazione f = c' + ' tg ', la tensione attiva data dalla relazione: 'ha = Ka 'v - 2 c' Ka mentre la tensione passiva risulta: 'hp = Kp 'v + 2 c' Kp Nel calcolo della spinta attiva esercitata a lungo termine da terreni coerenti si trascura il contributo fornito dalla coesione. Ci perch, a causa dello scarico di tensioni e dei conseguenti processi di rigonfiamento ed alterazione dell'argilla spingente a tergo del muro, le caratteristiche di resistenza al taglio dovute alla coesione gradualmente si riducono. Pertanto, in favore della sicurezza, si fa affidamento soltanto sull'angolo di attrito. Nel caso di terreno incorente il rapporto 'h/'v assume i valori:
1 sen 1 + sen 1 + sen 1 sen

Ka =

Kp =

solo se nullo il coefficiente di attrito tra paramento di monte del muro e terreno, se la superficie del terrapieno orizzontale e se il paramento contro terra del muro verticale. Se tali condizioni non sono verificate, i coefficienti Ka e Kp sono funzione anche dell'angolo di attrito muro-terreno () e degli angoli che la superficie del terrapieno ed il paramento del muro formano con l'orizzontale e con la verticale rispettivamente. In questi casi i valori di Ka e Kp devono essere ricavati con la teoria di Coulomb o con altre teorie (ad es. Caquot e Kerisel).

189

12.3 - PROGETTO DEI MURI DI SOSTEGNO 12.3.1 - Azioni sul muro

Nella generalit dei casi i muri di sostegno possono considerarsi strutture rigide. Per effetto della spinta del terreno a tergo i muri, se poggiati su terreno deformabile, subiscono una traslazione e/o una rotazione intorno al lembo anteriore della base. Il terreno a tergo del muro tende perci verso condizioni di spinta attiva e, nella zona antistante il muro, il terreno tende verso condizioni di resistenza passiva. Salvo casi particolari di cui si dir nel seguito, gli ordinari spostamenti del muro sono sufficienti a portare il terreno a tergo in condizioni di spinta attiva, mentre nella zona antistante il muro generalmente non si raggiungono le condizioni di resistenza passiva.

Fig. 12.4 - Azioni su un muro a gravit Con riferimento alla Fig. 12.4 e nell'ipotesi di terreno omogeneo, incoerente e saturo fino alla superficie del suolo, per unit di lunghezza del muro si ha: [FL-1]
1 2 1 2

Peso proprio della struttura:

Spinta del terreno:

Fa =

H Ka

[FL-1]

Spinta dell'acqua:

Fw =

w H

[FL-1]

190

Resistenza passiva:

Fp =

1 2

H p2 K p

[FL-1]

ove: ' w H Hp Ka, Kp peso di volume del terreno immerso peso specifico dell'acqua altezza totale del muro inclusa la fondazione altezza del terreno a valle del muro coefficienti di spinta attiva e passiva calcolati con Rankine nell'ipotesi di assenza di attrito tra paramento di monte del muro e terreno [FL-1] [FL-1]

- Resistenza allo scorrimento del muro lungo il piano di posa: S = s B

- Carico limite del terreno di fondazione: Q

Fig. 12.5 - Tipi di drenaggio a tergo di muri a gravit Dalle relazioni precedenti si rileva che la spinta esercitata dall'acqua a tergo del muro sensibilmente pi elevata di quella esercitata dal terreno, dato che il prodotto ' Ka dell'ordine di 2,5-4,0 kN/m , mentre w pari a 10 kN/m . Ne deriva, pertanto, l'esigenza di realizzare a
3 3

191

tergo dei muri di sostegno un drenaggio, in grado di garantire anche nel tempo un adeguato smaltimento delle acque piovane e di falda (Fig. 12.5). Se l'opera di sostegno vincolata in modo da non poter soddisfare le condizioni di deformazione corrispondenti allo stato attivo, la resistenza al taglio del terreno disponibile mobilitata solo in parte e la spinta maggiore di quella attiva. Ci accade, ad esempio, nel caso di muri fondati su roccia e nel caso di muri di sostegno delle intercapedini di fabbricati, collegati alle strutture principali del manufatto. In queste condizioni il coefficiente di spinta dovrebbe essere in linea di principio quello a riposo (Ko), ma se il terreno a tergo del muro compattato la spinta pu essere maggiore di quella a riposo.

12.3.2 - Verifiche di stabilit dei muri di sostegno con fondazioni superficiali

Stabilit alla traslazione sul piano di posa

Salvo casi particolari non si deve tener conto del contributo di resistenza del terreno antistante il muro.

La resistenza per adesione e/o attrito alla base del muro valutata con relazioni del tipo: s = c' + ' tg '. Nei terreni incoerenti (c' = o) ' ' (sono spesso consigliati valori di '= 2/3 '). Nei terreni coerenti ed in condizioni di fine costruzione s = cu, ove cu la resistenza al taglio non drenata del terreno di appoggio e un coefficiente 1.

Il rapporto tra la somma delle forze resistenti nella direzione dello slittamento e la somma delle componenti nella stessa direzione delle azioni sul muro deve essere non inferiore a 1,3 (Fig. 12.4).
S Fa

1,3

192

Stabilit al ribaltamento del muro

Il rapporto tra il momento delle forze stabilizzanti e quello delle forze ribaltanti, rispetto al lembo anteriore della base, non deve risultare minore di 1,5 (Fig. 12.4): Pa

1 3

1, 5

H Fa

Stabilit del terreno di fondazione

E' verificata con le relazioni per il calcolo del carico limite delle fondazioni superficiali (ad es. Terzaghi). E' da tenere presente che la risultante dei carichi sul piano di fondazione eccentrica ed inclinata. Il coefficiente di sicurezza sul carico limite deve essere F 2.

Stabilit globale (Fig. 12.6)

Deve essere eseguita soprattutto se il terreno di posa del muro ha bassa resistenza, se il terreno limitato da una superficie inclinata e se il muro molto alto. La verifica effettuata con i metodi dell'equilibrio limite, adottando superfici di rottura circolari o di forma qualsiasi.

Fig. 12.6 - Verifica di stabilit globale

193

13 - STABILIT DEI PENDII

13.1 - INTRODUZIONE

Si definisce pendio un tratto di superficie del suolo inclinato rispetto all'orizzontale.


Pendio naturale - un pendio formatosi in tempi lunghi a causa degli eventi naturali

(principalmente l'erosione) che modellano la superficie del suolo. Sono pendii naturali i versanti dei rilievi collinari e montani formati da terreni e rocce di natura e resistenze meccaniche varie.
Pendio artificiale - un pendio dovuto all'opera dell'uomo che, con scavi o riporti di terreno, ha

modificato la originaria configurazione del suolo. Sono pendii artificiali i fronti di scavo (scavi di fondazione, trincee stradali e ferroviarie, canali, scavi minerari a cielo aperto) e le scarpate di opere in materiali sciolti (rilevati, argini, dighe in materiali sciolti). Lo stato di tensione in un pendio dovuto al peso proprio del materiale (terreno o roccia) costituente il pendio, alla storia tensionale (terreno normalmente consolidato o sovraconsolidato) e al regime delle acque sotterranee. Un pendio stabile se gli sforzi di taglio nel terreno (resistenza al taglio mobilitata) sono minori della resistenza al taglio disponibile del terreno in sede. Un pendio instabile se gli sforzi di taglio eguagliano la resistenza al taglio del terreno in sede, che soggetto a spostamenti verso valle. Si definisce frana lo spostamento verso il basso e verso l'esterno della massa di terreno o di roccia che forma un pendio naturale o artificiale. Le frane hanno caratteri geometrici (estensione, profondit e forma della massa in movimento) e cinematici (velocit di spostamento del corpo di frana) molto diversi: interessano volumi di terreno compresi tra poche migliaia di m e oltre il miliardo di m e si spostano con velocit comprese tra i mm/d ed i m/s. Le frane sono fenomeni naturali molto diffusi che hanno importanti conseguenze dannose per l'attivit umana e per l'utilizzazione del territorio. Una frana, anche di piccole
3 3

194

dimensioni, pu causare infatti interruzione delle vie di trasporto o delle linee dei servizi (acquedotti, gasdotti ed elettrodotti) e pu mettere in pericolo la pubblica incolumit. Le frane di grandi dimensioni rientrano tra le catastrofi naturali, alla stregua delle alluvioni, dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche, che devono essere tenute presenti per una politica di protezione civile e di pianificazione del territorio. Le frane sono diffuse in tutte le regioni collinose e montuose di formazione geologica recente come quelle italiane. I fenomeni di instabilit dei pendii assumono caratteri diversi in dipendenza dell'acclivit dei versanti e delle caratteristiche meccaniche dei terreni interessati. Nelle regioni alpine, costituite in prevalenza da rocce, le frane, per le grandi dimensioni e per l'alta velocit del movimento, possono avere il carattere di eventi catastrofici (ad es. la frana della Valtellina del 1987). Nelle regioni appenniniche, costituite da terreni prevalentemente argillosi, le frane sono molto diffuse, ma anche se di grande volume, hanno di regola velocit di spostamento bassa (m/h o m/d) e non assumono il carattere di catastrofi.

13.2 - CLASSIFICA DELLE FRANE

Data la complessit dei fenomeni di instabilit dei pendii e considerato il gran numero di fattori che li regolano, necessario stabilire un sistema di classifica che ne metta in vista gli aspetti essenziali, che sia basato su dati obiettivi semplici da osservare e che stabilisca un linguaggio comune tra gli operatori interessati ai problemi di stabilit dei pendii. Il sistema di classifica adottato internazionalmente che soddisfa al meglio le varie esigenze stato proposto da Varnes nel 1978. In questa classifica le frane sono distinte in base alla natura dei materiali (rocce e terreni) ed in base al tipo di movimento (crolli, scorrimenti rotazionali o traslativi, colamenti, ...). Sulla base della velocit di spostamento le frane sono suddivise in sette gruppi: da estremamente lente (v = mm/a) a estremamente veloci (v = m/s). In Tab. 13.1 e in Fig. 13.1 sono indicati i principali tipi di frane semplici, distinti per tipo di movimento.

195

Tabella 13.1 - Principali tipi di frane semplici secondo la classifica di Varnes CROLLI: Fronti molto ripidi - La massa si muove prevalentemente nell'aria - Distacco secondo superfici di discontinuit preesistenti - Prevalentemente in roccia A - ROTAZIONALI (o SCOSCENDIMENTI): Pendio ripido - La superficie di rottura si presenta concava SCORRIMENTI Superfici di rottura per taglio verso l'alto - Prevalentemente in terreni omogenei B - TRASLATIVI (o SCIVOLAMENTI): Pendio comunque inclinato - Superficie di scorrimento pi o meno piana o debolmente ondulata, coincidente, in tutto o in parte, con discontinuit preesistenti - In terreni omogenei o eterogenei e in ammassi rocciosi COLATE (nei terreni): Pendio dolce o molto dolce - Movimento tipo fluido viscoso in alveo definito

Fig. 13.1 - Tipi di frane semplici secondo la classifica di Varnes

196

13.3 - INDAGINI

Per lo studio della stabilit dei pendii devono essere eseguite indagini geologiche e geotecniche specifiche che hanno la finalit di accertare i seguenti dati ed elementi. a) Caratteri morfologici (forma della superficie del suolo) mediante rilievi di superficie, utilizzando i metodi della Topografia o mediante aerofotogrammetria. b) Caratteri geologici e geomorfologici (natura, origine e successione dei terreni del sottosuolo; caratteri tettonici della regione; modalit di formazione del pendio; agenti morfogenetici): le indagini su questi caratteri si eseguono con i metodi della Geologia mediante i dati raccolti con rilievi di superficie, prospezioni geofisiche, perforazioni e scavi di sondaggio. c) Propriet fisiche e meccaniche dei terreni (tipo, frequenza e giacitura delle discontinuit; resistenza meccanica e deformabilit alla scala dell'elemento di volume in laboratorio e del terreno in sede): le perforazioni e gli scavi di sondaggio eseguiti a scopo di caratterizzazione geologica devono essere condotti in modo da consentire di definire anche queste propriet. d) Distribuzione e valori della pressione dell'acqua interstiziale (caratteristiche delle falde idriche): per la misura delle pressioni neutre devono essere installati piezometri e devono essere eseguite misure prolungate nel tempo; i dati delle misure devono essere correlati con quelli delle precipitazioni meteoriche. e) Caratteri geometrici e cinematici delle frane (in atto o potenziali): gli spostamenti di punti siti sulla superficie del suolo sono controllati con metodi topografici mediante l'osservazione degli spostamenti di punti di riferimento rispetto a caposaldi fissi; la misura di spostamento del terreno in profondit e l'individuazione di eventuali superfici di scorrimento sono eseguite per mezzo di misure inclinometriche in fori di sondaggio appositamente attrezzati con una tubazione solidale al terreno (le sonde inclinometriche consentono di misurare, a varie profondit, le variazioni di inclinazione nel tempo della tubazione e da queste risalire alla deformata del foro). L'ampiezza dell'indagine, e di conseguenza il suo costo dipendono dall'importanza del problema. Tenuto conto che il verificarsi di una frana provoca di regola gravi danni, l'indagine deve essere molto accurata ed ampia e non pu essere limitata a sole osservazioni di superficie.

197

13.4 - VERIFICHE DI STABILIT

Ai fini della verifica delle condizioni di stabilit di un pendio, i franamenti possono essere riportati ai seguenti tre casi semplici dal punto di vista geometrico e cinematico. a) Scorrimenti traslativi (scivolamenti) su superficie piana parallela al pendio (ad es.: scivolamenti di coltri superficiali; colate; scivolamenti su superfici di stratificazione o su discontinuit). b) Scorrimenti rotazionali (scoscendimenti) su superficie di rottura cilindrica a direttrice circolare. c) Scorrimenti rotazionali (scoscendimenti) su superficie di rottura cilindrica di forma non circolare. L'analisi di stabilit eseguita nell'ipotesi di problema piano, impiegando i metodi dell'equilibrio limite. Con tali metodi si ipotizza l'esistenza di una superficie di scorrimento nel terreno (questa pu essere piana, circolare o di forma qualsiasi). Lungo la superficie di scorrimento la resistenza al taglio disponibile valutata assumendo che il criterio di rottura, valido per il terreno considerato, sia soddisfatto in tutti i punti di tale superficie. La resistenza al taglio necessaria per l'equilibrio che si ricava dal calcolo (resistenza mobilitata) confrontata con quella disponibile del terreno. Per tentativi, si trova la superficie di scorrimento critica in corrispondenza della quale minimo il rapporto tra resistenza disponibile e resistenza mobilitata. I metodi di calcolo basati sull'equilibrio limite sono relativamente semplici e consentono di tenere conto dell'influenza dei fattori pi importanti ai fini della stabilit (resistenza al taglio del terreno, pressione dell'acqua interstiziale, presenza di discontinuit). Essi non forniscono per alcuna indicazione sullo stato tensionale e sulle deformazioni del terreno. 13.4.1 - Scivolamenti piani (pendio indefinito) La condizione di pendio indefinito valida per tutte le frane relativamente superficiali in rapporto all'altezza ed alla lunghezza del pendio. In Fig. 13.2 sono riportate le ipotesi assunte per la verifica di stabilit e la relazione di equilibrio alla traslazione lungo la superficie di

198

scorrimento. Dalle relazioni d'equilibrio risulta evidente che la stabilit funzione: - del peso dell'unit di volume del terreno (); - dell'inclinazione della superficie di scorrimento (); - della profondit della superficie di scorrimento (z); z - dei valori della pressione dell'acqua interstiziale n = w ; z - della resistenza al taglio del terreno espressa dai parametri c' e '. Nel caso di terreni incoerenti la stabilit funzione solo delle pressioni interstiziali e dell'inclinazione media del pendio e per n=1 si ha F=1 se

1 . 2

13.4.2 - Scorrimenti su superfici circolari o di forma qualsiasi Il criterio applicato a tutte le frane su superfici relativamente profonde, in rapporto all'altezza ed alla lunghezza del pendio, esso rappresenta con discreta approssimazione il fenomeno fisico e, se i parametri determinanti ai fini della stabilit sono noti con sufficiente esattezza, fornisce risultati attendibili. Il problema staticamente indeterminato. Si fanno assunzioni e semplificazioni per rendere determinato il problema. Le equazioni della statica non sono sempre tutte rispettate e i valori del coefficiente di sicurezza calcolati sono approssimati. Il corpo ABC diviso in n strisce a facce verticali (Fig. 13.3). Si considera l'equilibrio delle singole strisce e della massa sotto l'azione del peso proprio, delle eventuali forze esterne Q e delle forze interne (X, E). Il metodo delle strisce consente di verificare la stabilit anche di pendii non regolari e in terreni eterogenei.

199

Fig. 13.2 Verifica di stabilit del pendio indefinito.

200

Metodo di Bishop semplificato

Impiego corretto nel caso di terreni omogenei ed isotropi. Il coefficiente di sicurezza si ottiene dall'equazione dei momenti intorno ad O del peso della massa potenzialmente instabile e della resistenza lungo la superficie di scorrimento (Fig. 13.3):
n

F = n i =1 Wix i
i= 1

R Si

La forza normale efficace sulla base del singolo concio N'=N-ul ricavata dalla relazione di equilibrio secondo la verticale e ponendo

(X n Xn +1 ) = 0
F= n 1

Wi sen i i= 1
i= 1

[cb i + (Wi ui bi )tg i ]m

1 i

[13.1]

dove tg itg i m i = cos i 1 + F La relazione [13.1] va risolta per successive iterazioni: I II III assunto un primo valore F1 si ricavano i valori di mi dalla [13.2]; dalla [13.1] si ricava un secondo valore F2; con F2 si ricavano i nuovi valori di mi dalla [13.2]; questi introdotti nella [13.1] forniscono il nuovo valore F3. [13.2]

201

La convergenza molto rapida. Il calcolo pu essere eseguito a mano o con piccoli calcolatori. Il metodo di Bishop semplificato, anche se trascura le forze di taglio lungo le facce dei conci e non soddisfa l'equilibrio delle forze nella direzione orizzontale, fornisce risultati accettabili.

Fig. 13.3 - Verifica di stabilit con il metodo di Bishop

13.5 - PROGETTAZIONE NEL CAMPO DELLA STABILIT DEI PENDII

I problemi di ingegneria geotecnica relativi agli interventi ed alle costruzioni sui pendii sono riassunti nella Tabella 13.2 e, in sintesi, possono essere riportati alla definizione del coefficiente di sicurezza F (casi A e C) o alla individuazione e progettazione delle opere di stabilizzazione necessarie affinch sia F > 1 (caso B).

202

Tabella 13.2 - Progettazione nel campo della stabilit dei pendii PENDII NATURALI A) Stabili F>1 determinare il valore del coefficiente di sicurezza nelle condizioni attuali e le sue variazioni per effetto della costruzione di opere B) Instabili F=1 Riconoscere le cause dell'instabilit e progettare le opere di stabilizzazione affinch sia F > 1 Individuare le coppie (H, : altezza ed inclinazione dello scavo) per le quali F = valore
dato (1,3 nel caso in cui siano note con sufficiente certezza le caratteristiche di resistenza del terreno e le condizioni idrauliche del sottosuolo);

PENDII ARTIFICIALI C) Fronti di cavo

definire i provvedimenti costruttivi


Dati del problema (da accertare con indagini):

- geometria del pendio - successione e caratteri litologici dei terreni - caratteri strutturali dell'ammasso di terreno - propriet meccaniche dei terreni e loro possibili variazioni; - distribuzione e valori della pressione neutra e loro possibili variazioni

13.6

INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE DI PENDII NATURALI E DI FRONTI DI SCAVO

13.6.1 Principi e metodi di stabilizzazione Un intervento di stabilizzazione di un pendio consiste nell'aumentare le forze
resistenti, cio quelle forze che si oppongono al movimento del terreno, oppure nel ridurre le

203

forze motrici, cio quelle forze che tendono a far avvenire il movimento stesso. Seguire l'uno o

l'altro principio, per stabilizzare una frana o per migliorare le condizioni di equilibrio di un pendio naturale o di un fronte di scavo, dipende da molteplici fattori e circostanze di ordine tecnico e di natura economica che vanno valutati caso per caso. In generale, un intervento di stabilizzazione tanto pi efficace quanto pi profondamente agisce nel senso di eliminare le cause del dissesto in atto o temuto. A titolo di esempio, se il fattore determinante dell'instabilit di un pendio il valore elevato delle pressioni neutre nel sottosuolo, l'intervento di stabilizzazione deve tendere a ridurre le pressioni neutre per aumentare la resistenza al taglio del terreno, piuttosto che a fornire alla massa di terreno instabile forze resistenti per mezzo di strutture di sostegno. In Tab. 13.2 sono riportati i principali metodi di stabilizzazione distinti secondo il principio di funzionamento, con alcune note sulla loro efficacia e sui campi di applicazione.
Metodi di stabilizzazione in relazione al tipo di frana - Nel caso di pendii in frana, la scelta del

metodo di stabilizzazione dipende in larga misura dal tipo di fenomeno franoso. Non tutti i metodi possono essere impiegati per i diversi tipi di frane e ciascun tipo di frana, in relazione ai suoi caratteri geometrici, cinematici ed idraulici, richiede criteri e metodi di intervento specifici. 13.6.2 Metodi di stabilizzazione pi in uso I metodi pi in uso sono: - scavi e riporti - drenaggi - strutture di sostegno - interventi per prevenire l'erosione Tutti i metodi sono in generale costosi e non sempre di esito sicuro specialmente a breve e a medio termine.

204

Tabella 13.3 - Principi e metodi di stabilizzazione dei pendii

PRINCIPIO

METODO

NOTE

1 - Modifica della geometria 1.1 Scavo di alleggerimento


del pendio con riduzione

Non sempre fattibile per il costo elevato, per l'esistenza di manufatti, per pendii molto lunghi.

sulla sommit del pendio scarpata (berme) e placcaggi al piede del pendio

delle forze che tendono a 1.1 e 1.2), o con aumento delle forze (metodo 1.3).

favorire la rottura (metodi 1.2 Abbattimento della resistenti 1.3 Costruzione di rinfianchi

2 - Riduzione delle pressioni 2.1 Allontanamento delle


neutre in punti interni o

2.1 Non risolutivo se impiegato da solo 2.2 Frequentemente applicabile con risultati soddisfacenti 3.1 Molto costosi e non

acque superficiali 2.2 Drenaggio a) trincee drenanti b) dreni orizzontali c) pozzi d) gallerie drenanti

lungo il contorno

3 - Incremento elementi forma-zione non dissesto.

delle

forze 3.1 Muri di sostegno

resistenti per mezzo di

sempre adeguati 3.2 Non sempre efficaci 3.3 Devono essere progettati con criteri cautelativi quando spe-cialmente

strutturali 3.2 Sistemi di pali sottostante dal a) tiranti b) chiodi

fondati o ancorati ad una 3.3 Ancoraggi interessata

previsti con funzione di sostegno permanente 3.4 Elementi strutturali con 3.4 Si applicano prevalentetiranti mente a pendii in roccia

205

13.6.2.1 Scavi e riporti Le modifiche della configurazione geometrica del pendio risultano efficaci nel caso delle frane rotazionali, mentre possono essere inutili per le frane di traslazione su superfici piane. Tali interventi, comunque, possono essere progettati razionalmente, nel senso che la posizione dello scavo o del riporto lungo il pendio pu essere scelta il modo che, a parit di volume di terreno rimosso o riportato, gli effetti stabilizzanti siano massimi.
Rimozione e sostituzione del terreno franato - Sia con materiale granulare permeabile, sia, pi

economicamente, con lo stesso materiale di frana ricompattato e drenato con adeguati sistemi di dreni. Questo metodo pu essere impiegato, ovviamente, solo per frane di modeste dimensioni.
Scavi di alleggerimento - Sia operando una generale riduzione di inclinazione del versante (Fig.

13.4a), sia alleggerendo la testa del pendio (Fig. 13.4b). importante che questi scavi siano correttamente posizionati.

Fig. 13.4 - Scavi di alleggerimento (a, b) e riporti per caricare il piede del pendio (c)

Riporti per caricare il piede del pendio - Generalmente mediante berme associate a volte con

altre strutture a gravit tipo gabbioni (Fig. 13.4c). Anche in questo caso importante il corretto posizionamento del riporto, cos come le sue condizioni di drenaggio.

206

13.6.2.2 Drenaggi Il coefficiente di sicurezza di un pendio, come visto, largamente influenzato dalle condizioni idrauliche. Nella maggior parte dei casi, i pendii naturali ed i fronti di scavo sono messi in movimento da fattori idraulici. L'acqua influisce sulla stabilit dei pendii in tre modi: a) attraverso l'aumento della pressione interstiziale e della pressione nelle discontinuit; b) attraverso l'aumento, per saturazione, del peso di volume del terreno (effetto generalmente del 2 ordine); c) degradando il terreno in superficie (effetto ammorbidimento), importante nei terreni argillosi sovraconsolidati. In generale l'influenza dell'acqua strettamente connessa con le variazioni della pressione interstiziale. Queste sono determinate dalle caratteristiche dei moti di filtrazione esistenti nel pendio. Per migliorare la stabilit di un pendio si deve quindi operare sul regime di filtrazione. Questo dipende dalle portate affluenti, dalle caratteristiche idrauliche del terreno e dalle condizioni idrauliche al contorno. Si deve pertanto operare riducendo gli apporti di acqua nel sottosuolo e variando le condizioni al contorno della filtrazione (con adeguati sistemi drenanti). La stabilizzazione dei pendii mediante drenaggi di vario tipo il metodo pi in uso e, tra l'altro, quello generalmente pi economico. Nello studio del comportamento dei sistemi drenanti viene di regola sottovalutato l'aspetto relativo al tempo necessario affinch nel terreno si stabilisca la condizione di moto di filtrazione in regime permanente. Se la permeabilit del terreno bassa ed il terreno compressibile, il tempo necessario affinch si raggiungano condizioni di regime pu essere lungo. Anche in terreni con elevata permeabilit secondaria, il sistema raggiunge le condizioni di regime in tempi dell'ordine di alcuni mesi; da ci consegue che l'effetto consolidante dei sistemi di drenaggio non di regola immediato e che i movimenti del terreno possono continuare anche dopo l'ultimazione dell'intervento. In molti casi pu perci essere conveniente sviluppare gli interventi in fasi successive, dimensionando le opere in base ai dati che si raccolgono nel corso

207

dei lavori ("metodo osservazionale").


Raccolta e smaltimento delle acque superficiali - Intervento da operare in ogni caso e al pi

presto per ridurre la quantit di acqua che penetra nel sottosuolo. Tuttavia questo intervento da solo produce effetti limitati sulla distribuzione della pressione neutra nel sottosuolo.

Prevenire l'aumento della pressione dell'acqua nelle fessure di trazione sopra la cresta del pendio - Il tentativo di sigillare tali fessure nell'intento di prevenire l'infiltrazione di acqua

superficiale generalmente non d buoni risultati in quanto modesti movimenti del terreno rompono la sigillatura. preferibile, pertanto, drenare direttamente le fessure.
Trincee drenanti - Sono i sistemi drenanti pi in uso e consistono in strette trincee (profondit

38 m) riempite di materiali permeabili (Fig. 13.5, pi o meno parallele e disposte secondo la massima pendenza del versante. Nel caso di frane profonde non necessario che le trincee drenanti siano spinte in profondit fino alla superficie di scorrimento della frana.

Fig. 13.5 - Sezione trasversale di una trincea drenante


Dreni tubolari - Sono fori suborizzontali di diametro 80120 mm all'interno dei quali viene

inserito un tubo "finestrato" (con aperture per il passaggio dell'acqua) ricoperto di geotessile. I fori sono realizzati dalla superficie del terreno mediante perforazione a rotazione ed hanno pendenza verso l'esterno. L'acqua proveniente dal terreno filtra attraverso il geotessile, che ha la funzione di trattenere le particelle fini per evitare l'intasamento del tubo, e poi mediante questo

208

viene rapidamente smaltita all'esterno. I dreni tubolari possono essere lunghi fino a 50-60 m (Fig. 13.6).

Fig. 13.6 - Schema geometrico di un sistema di dreni tubolari e condizioni idrauliche al


contorno
Gallerie drenanti - Sono piccole gallerie transitabili di dimensioni trasversali dell'ordine di 2 m,

rivestite con calcestruzzo gettato in opera. Sulle pareti e sulla volta del rivestimento esistono finestre, protette da griglie e geotessile, attraverso le quali l'acqua proveniente dal terreno penetra all'interno della galleria e defluisce naturalmente verso l'esterno in quanto l'asse della galleria ha pendenza verso l'imbocco.
Pozzi drenanti - Sono pozzi verticali di diametro variabile da qualche decimetro ad alcuni metri.

I pozzi di piccolo diametro sono realizzati mediante perforazione a rotazione: una volta eseguito il foro al suo interno viene sistemato un tubo "finestrato" in acciaio di diametro interno in grado di alloggiare una pompa di tipo sommerso e l'intercapedine tra il terreno e il tubo riempita con materiale drenante (ghiaietto o sabbia di granulometria tale da trattenere le particelle pi fini del terreno). La pompa ha la funzione di mantenere il livello dell'acqua nel tubo a quota inferiore a quella del livello della falda idrica; in queste condizioni l'acqua dal terreno filtra attraverso il materiale drenate, penetra nel tubo ed emunta dalla pompa. I pozzi di diametro maggiore di 1,5 m (fino ad una decina di metri) sono generalmente realizzati per scavo dall'interno e costruzione di anelli di calcestruzzo per il sostegno della parete. Sulla parete del pozzo sono praticate finestre che consentono il passaggio dell'acqua dal terreno all'interno del pozzo. L'acqua raccolta sul fondo del pozzo pu essere asportata mediante

209

pompe o, nel caso che la morfologia del terreno lo consenta, pu essere naturalmente convogliata all'esterno mediante fori suborizzontali trivellati dall'interno del pozzo fino alla superficie del terreno. In alcuni casi si realizza un allineamento di pi pozzi, tra loro collegati alla base con fori suborizzontali per il deflusso dell'acqua verso l'esterno.
Funzionamento dei sistemi drenanti (trincee, dreni tubolari, gallerie e pozzi) - Come detto la

funzione dei sistemi drenati quella di modificare la rete di flusso nel pendio in modo da ridurre i valori della pressione neutra. I dreni agiscono come superfici drenanti in corrispondenza delle quali la pressione pari a quella atmosferica. Nel pendio pertanto le linee di flusso tendono a deviare verso tali superfici, riducendo i percorsi di drenaggio ed abbassando i livelli piezometrici (Fig. 13.7). Perch ci avvenga necessario che i dreni siano correttamente posizionati rispetto all'originaria falda idrica e che la capacit di deflusso dell'acqua verso l'esterno sia tale da garantire al loro interno pressione pari a quella atmosferica (Fig. 13.8).

Fig. 13.7 - Schema di funzionamento di trincee drenanti e dreni tubolari in un pendio indefinito E' evidente che la scelta del tipo di dreno legata alla forma ed acclivit della superficie del pendio ed alla conformazione e profondit della falda idrica. Ad esempio le trincee drenanti possono essere impiegate nel caso di pendii indefiniti di pendenza non elevata e con superficie libera della falda a piccola profondit dalla superficie del terreno. Gli altri sistemi drenanti vanno utilizzati prevalentemente nel caso di versanti acclivi e di falde idriche relativamente profonde.

210

Fig. 13.8 - Configurazione della superficie libera della falda idrica in funzione del raggio della
galleria drenante

Vegetazione - La copertura vegetale agisce principalmente attraverso una riduzione delle

pressioni neutre nel terreno a seguito del processo di evapotraspirazione delle piante. In generale la vegetazione riduce l'azione degli agenti climatici sulle masse di terreno formanti il pendio a favore della stabilit nei seguenti modi. A) L'insieme degli alberi e dell'altra vegetazione agisce: - intercettando e proteggendo la massa dall'azione del sole, dei venti e della pioggia; - trattenendo considerevoli quantitativi di acqua piovana sulle ampie superfici formate dalle foglie, dai rami, dai tronchi; - eliminando come vapore grandi quantitativi di acqua per mezzo della evapotraspirazione. B) Il detrito vegetale che si accumula sul terreno agisce: - immobilizzando una buona parte dell'acqua che raggiunge il suolo per effetto dell'alta capacit di ritenuta - favorendo, insieme al sistema di radici superficiali, la filtrazione dell'acqua nell'immediato sottosuolo - riducendo il ruscellamento durante le intense precipitazioni e quindi evitando gli effetti erosivi.

211

C) Il sistema di radici favorisce la stabilit: - meccanicamente, aumentando la resistenza al taglio media del terreno e favorendo la distribuzione degli sforzi - idraulicamente, favorendo la filtrazione nell'immediato sottosuolo ed evitando che l'acqua si infiltri nel pendio. Mentre il disboscamento di un pendio produce una serie di effetti praticamente immediati che riducono il coefficiente di sicurezza, quali: - immediata cessazione degli effetti stabilizzanti dovuti alla vegetazione nei riguardi dei fattori climatici; - immediata cessazione dell'intercettazione e ritenuta dell'acqua e dell'evapotraspirazione (maggiori infiltrazioni nel pendio); - perdita entro breve tempo, per ossidazione ed erosione, degli effetti positivi prodotti dallo strato di detrito vegetale; - risalita della superficie libera della falda idrica con possibile saturazione dei terreni superficiali ed aumento del peso di volume. Il rimboschimento far risentire i suoi effetti positivi soltanto a tempi molto lunghi, quando verr a costituirsi una idonea copertura vegetale in grado di operare nei riguardi della stabilit nei modi sopra indicati. 13.6.2.3 Strutture di sostegno L'impiego di strutture di sostegno generalmente meno indicato dei metodi di stabilizzazione che comportano il drenaggio o la risagomatura del pendio. Tuttavia quando sono opportunamente impiegate, tali strutture possono essere efficaci specialmente in condizioni di spazio limitato. Le strutture di sostegno sono efficaci per tutti i tipi di frana purch sia realizzata la ovvia condizione di incastro della struttura nel terreno fermo. Il dimensionamento di queste

212

opere pu essere verificato col calcolo. A tale fine devono essere note le caratteristiche della frana, temuta o in atto, e le propriet dei terreni e devono essere valutate le interazioni tra struttura e terreno. Le azioni sulla struttura sono pi intense di quelle corrispondenti alla condizione di spinta attiva e dipendono dai rapporti tra le resistenze e le rigidit del terreno di frana, del terreno d'incastro e della struttura. Come gi ricordato a proposito dei drenaggi, anche l'effetto stabilizzante causato da modifiche della configurazione geometrica del pendio o da strutture di sostegno non immediato. In particolare nel caso delle frane di grandi dimensioni gli spostamenti del terreno, in superficie ed in profondit, possono continuare per un certo tempo anche dopo l'ultimazione di lavori.
Muri di sostegno fondati al di sotto del terreno instabile - Sono stati e sono variamente e

frequentemente impiegati, anche se in molti casi con scarso successo.


Pali e pozzi - Paratie di pali infissi a piccolo interasse possono essere efficaci per stabilizzare

frane superficiali (23 m di spessore). Per frane pi profonde (36 m) sono state impiegate paratie di pali trivellati di grande diametro a volte intirantanti alla testa (Fig. 13.9).

Fig. 13.9 - Paratia di pali con tiranti

213

Pozzi di grande diametro (fino a 13 m) ancorati, profondi circa 30 m, sono stati impiegati in Italia per stabilizzare grandi frane.
Ancoraggi nei terreni e nelle rocce - Si definisce "tirante di ancoraggio" un elemento strutturale

operante in trazione, costituito da (Fig. 13.10): - testata: insieme degli elementi terminali in acciaio atti a trasmettere alla struttura ancorata o direttamente alla roccia, la forza di trazione del tirante N; - parte libera: insieme degli elementi (armatura di trefoli di acciaio, del tipo di quella impiegata per strutture in cemento armato precompresso) atti a trasmettere la forza di trazione dalla testata alla fondazione; - fondazione: insieme degli elementi (armatura di trefoli di acciaio ed ancoraggio per cementazione) atti a trasmettere al terreno le forze di trazione del tirante. Si definisce "chiodo" una barra generalmente di acciaio integralmente connessa al terreno con cementazione mediante miscele cementizie o chimiche (Fig. 13.11) Tiranti di ancoraggio, generalmente pretesi, sono impiegati sia abbinati a strutture di sostegno tipo muri e paratie di pali (Fig. 13.9) sia da soli per ridurre le forze motrici di una frana (azione esercitata dalla componente Nt) e per aumentare le tensioni efficaci normali sulle superfici di scorrimento (azione esercitata dalla componente Nn). Perch il tirante possa funzionare correttamente la fondazione deve essere ubicata nel terreno sicuramente stabile situato in profondit. Le chiodature sono usate generalmente per stabilizzazioni superficiali di pendii in roccia.

214

Fig. 13.10 - Tirante di ancoraggio

Fig. 13.11 - Chiodo di ancoraggio 13.6.2.4 Interventi per prevenire l'erosione Esiste una stretta relazione tra frane ed erosione. Prevenire l'erosione significa prevenire le frane, in quanto l'asportazione del terreno ad opera delle acque ruscellanti modifica la geometria del pendio e generalmente provoca un aumento degli sforzi di taglio.
Erosione al piede del pendio - Nel caso di pendii lambiti al piede dalle acque del mare, di laghi,

di bacini artificiali, di fiumi, gli interventi comunemente adottati sono: muri di calcestruzzo, gabbionate, scogliere ad altri rivestimenti.
Erosione superficiale del pendio - Da prevenire con opportune opere di raccolta e smaltimento

delle acque di superficie (canalizzazioni, fossi, ecc.) e con adeguate coperture vegetali, eventualmente sostenute con grigliati prefabbricati in calcestruzzo o con sistemi di georeti o geogriglie.

215