Sei sulla pagina 1di 164

Catalogo Schede

Composti | OlosVita | FitoBlasto | FitoMater | OligoCeleste

Le indicazioni suggerite sono da intendersi come consigli e non intendono, n possono sostituirsi al parere e alle prescrizioni del proprio medico che va consultato all'insorgenza dei primi sintomi del disturbo. A tal proposito ErbeNobili s.r.l. declina espressamente ogni responsabilit per le eventuali conseguenze ottenute da un utilizzo improprio o senza idonea supervisione medica dei nostri prodotti.

Indice
Composti & OlosVita

FitoBlasto

FitoMater

OligoCeleste

pag.12 pag.15 pag.17 pag.19 pag.21 pag.23 pag.26 pag.29 pag.31 pag.35 pag.38 pag.42 pag.45 pag.47 pag.49 pag.52 pag.55 pag.57 pag.61 pag.64 pag.67 pag.69 pag.72 pag.76 pag.78 pag.81 pag.83 pag.88 pag.91 pag.94 pag.97 pag.100 pag.103 pag.107 pag.109 pag.112 pag.115 pag.118 pag.120 pag.123 pag.126 pag.128 pag.130 pag.132 pag.135 pag.138 pag.141 pag.144

AllergVin AnemiVin ArgenVin AurumRosso BroncoVin CefaVin ColonVin CorallVin CoreVin ControKal DepreVin DepurVin DigesVin DismenoVin DissenterVin DiurVin EnerVin EpaVin EpidermaVin FebVin FerVin FluProp GalegaVin GeaVin GlucoVin HermesVin ImmunVin InfiaVin InfluVin InfluVin - T IperteVin M-Dmg MenopaVin Multimagnesio OsseoVin PropGola ProstVin RamVin RenVin RhaLax GRANI RoburVin SedaVin SenexVin SerenVin SnelS TiroVin TossVin VenaVin

pag.146

Abies Pectinata Aesculus Hippocastanum Alnus Glutinosa Betulla Pubescens Betulla Verrucosa Linfa Calluna Vulgaris

pag.150

Achillea Aglio Agnocasto Amamelide Ananas Angelica

pag.156

Ca Co Cu Cu-Au-Ag F Fe I K Li Mg Mn Mn-Co Mn-Cu Mn-Cu-Co Multiceleste Ni-Co P S Zn Zn-Cu Zn-Ni-Co Zn-Ni-Cu


pag.157

pag.151

Artiglio del Diavolo Bardana Betulla Biancospino Calendola Carciofo

pag.147

Carpinus Betulus Castanea Vesca Cedrus Libani Crataegus Oxycantha Ficus Carica Fraxinus Exelsior
pag.152


pag.158

Cardo Mariano Centella Asiatica Curcuma Echinacea Equiseto Erisimo Escolzia Finocchio

pag.148

Juglans Regia Olea Europea Ribes Nigrum Rosa Canina Rosmarinus Officinalis

pag.153

Fucus Ginkgo Biloba Ginseng Rosso Iperico Luppolo Melissa Mirtillo Nero Olivo

Rubus Idaeus Salix Alba Sequoia Gigantea


pag.154

Ortica Passiflora Peperoncino Pilosella Propoli Ribes Nero Rosa Canina Salvia

pag.149

Sorbus Domestica Tamarix Gallica Tilia Tomentosa Vaccinum Myrtillus Vaccinium Vitis Idaea
pag.155

Spaccapietra Tarassaco Uncaria Uva Ursina Valeriana

Viscum Album Vitis Vinifera

PROFILO AZIENDALE Innovazione, professionalit, rispetto della natura e delluomo, sono i componenti con i quali lazienda ErbeNobili si presenta sul mercato. Pensate alle differenze di sapore, odore e colore che esistono fra una FitoMater spagyrica ErbeNobili e una qualsiasi Tintura Madre grazie alle differenti fasi di produzione. Il tempo di macerazione, la temperatura, lumidit, la decantazione, sono tutte fasi che vanno rigorosamente controllate e modulate per ottenere una tintura di elevata qualit. Cos nascono le FitoMater Spargyriche (tinture madri spagyriche) capaci di interagire e coadiuvare le funzionalit dellorganismo umano.

FILOSOFIA AZIENDALE Un prodotto Spagyrico una passione che impegna profondamente tutte le risorse di un produttore il cui traguardo pi ambizioso : raggiungere la "Qualit Totale ".

In un grande laboratorio di 800 mq, autorizzato ai sensi del D. Lgs 111/92, prepariamo i nostri prodotti utilizzando materie prime rigorosamente selezionate nel rispetto della natura, delluomo e della tradizione erboristica pi antica e facciamo di questa selezione uno dei punti di forza dei nostri preparati. Ci possibile grazie al fatto che le piante vengono sottoposte al delicato periodo della macerazione nella nostra serra, in un ambiente in cui la luce, lumidit e la temperatura sono ottimali per lestrazione spagyrica, cio per lestrazione equilibrata e armonica di tutte le sostanze attive delle piante che vanno a costituire lessenza del fitocomplesso. Le tecniche di estrazione, sebbene moderne, rispettano le tradizioni pi antiche che esaltano i principi attivi delle materie prime vegetali utilizzate.

Una conquista di "qualit" basata sulle caratteristiche fisiche, alchemiche e sensoriali di un prodotto, per divulgare e far assimilare il nuovo concetto di " Elementi Nobili delle piante ", il pi prezioso ed imprescindibile valore aggiunto nel difficile percorso verso l'eccellenza.

Competenza e passione non bastano, ma conoscere lo straordinario processo fisico dell'Arte spagyrica e saperlo applicare alle piante, permette di portare alla luce la loro parte incorruttibile, dotata di energia eccezionale che in grado di risvegliare i vari processi metabolici e fisiologici nell'organismo, che riceve il preparato spagyrico, ripristinando gli equilibri, fisici ed energetici. Per fare ci ci siamo affidati a processi semplici, naturali, ma in grado di donare quellenergia che solo la natura ha e riesce a trasmetterci tramite: il sole, la luna, le piante, la forza e lenergia generate dai campi elettromagnetici sviluppatisi con la musica in serra.

to biofisico sia conservato ed esaltato e, nel contempo, crei analogia con le propriet biochimiche dellindividuo.

A tal proposito l'azienda Erbenobili srl di Corato (Bari), ha conseguito valutazioni di valore assoluto a testimonianza dell'eccellente qualit energetica dei prodotti. I risultati ottenuti sono da considerarsi di estremo interesse tecnico - scientifico, grazie all'altissimo valore energetico e all'indubbia qualit sensoriale. Il grado di competenza e di consapevolezza, raggiunti, dimostrano come una realt produttiva di eccellenza, quale ErbeNobili possa conquistare anche l'ambizioso traguardo della "qualit totale" in sintonia con la salute del consumatore.

I risultati permettono di rilevare la natura, la qualit energetica ed i fattori di forza, presenti nei prodotti, svelando la matrice "morfogenetica" di un prodotto. I risultati dipendono dal grado di integrit e di naturalit di una sostanza, in stretta relazione con il sistema di produzione, di trasformazione e di condizionamento adottati per tutta la sua filiera produttiva, con l'ausilio di raggi solari e lunari, in modo che l'aspet-

Introduzione
3

FASI DI PREPARAZIONE DELLE FITOMATER 1. Dopo l'aggiunta, in una prima fase di alcool etilico di vino spagyrico e vino rosso in giuste proporzioni alla pianta fresca, la stessa viene posta a macerare per 28 giorni in una damigiana in serra, per far si che inizi il cosiddetto "MICROCOSMO ESTRATTIVO". Questo prevede una estrazione dei principi attivi della pianta a determinate condizioni di temperatura, umidit e luce (sole e luna) alla quale si aggiunge lenergia della musica che solo la nostra serra pu fornire senza alterarli o degradarli come pu avvenire con altri metodi estrattivi che utilizzano la tecnologia per cercare di simulare le forze della natura.

2. Dopo una prima fase di macerazione e decantazione, durata 28 giorni in serra, i residui della pianta vengono tolti dalla soluzione e subiscono una prima fase di torchiatura che permette di rompere le fibre vegetali e liberare gli elementi funzionali ancora intrappolati nella pianta.

3. A questo punto i residui della pianta torchiata vengono presi e posti in muffola ventilata a 850 C permettendo cos di ottenere ceneri ancora ricche di piccolissime concentrazioni di principio attivo, elementi funzionali della pianta e sali minerali. Ceneri rappresentanti la cosiddetta MEMORIA DELLA PIANTA. Queste tramite un processo spargyrico vengono cristallizzate ottenendo i sali della pianta.

4. I sali vengono aggiunti e disciolti nella soluzione ottenuta dalla macerazione. Sulla damigiana si capovolge unaltra damigiana delle stesse dimensioni in modo che le imboccature delle stesse coincidano perfettamente per essere sigillate con il luto, cio, una striscia di carta imbevuta in una pasta formata da farina, acqua, albume d'uovo e calce chiamato dagli Antichi "Luto di Sapienza". La doppia damigiana ottenuta viene riportata in serra per altri 12 giorni per ricominciare il "MICROCOSMO estrattivo DI CIRCOLAZIONE" e sottoporla allassorbimento dellenergia della musica, recuperando cos anche la minima parte di quei principi attivi che andrebbero dispersi con qualsiasi altro procedimento di estrazione. Al termine, il luto si spaccher e sar il segno che la FITOMATER PRONTA. Quando il luto si spaccato vuol dire che terminato il tempo per la circolazione, si separano le due damigiane, si filtra la soluzione con un filtro a carta, si lascia decantare per 40 minuti e poi s'imbottiglia, oppure si miscelano pi piante fra di loro se si vogliono fare delle miscellanee spagyriche sinergiche.

Oggi ci sono aziende che utilizzano ESTRATTORI che completano il ciclo di estrazione in poche ore o pochi giorni, utilizzando alcuni tipi di solventi in grado di estrapolare in tempi brevi i principi attivi, e ce ne sono altre che dicono di avere ESTRATTORI SPAGYRICI in cui viene imitato il ciclo della natura. Noi per sappiamo che luomo non pu imitare la natura, solo lei pu offrire lenergia solare e lenergia lunare che donano lenergia nobile delle piante e della vita.

Introduzione
5

OLOSVITA: FitoMater Spagyriche oligoelementi - vitamine

Gli oligoelementi (dal greco "olos", poco), sono dei biocatalizzatori, ovvero sostanze che attivano o accelerano le reazioni chimiche e metaboliche indispensabili alla vita. Sono presenti nel nostro organismo in quantit piccolissime, ma la loro carenza induce alterazioni strutturali e fisiologiche da non sottovalutare. Somministrati a giuste dosi, prevengono e sopperiscono agli stati di carenza, e il loro impiego aiuta a ripristinare le funzioni deficitarie dell'organismo. Si integrano perfettamente con la nostra costituzione biochimica, in quanto sostanze appartenenti all'organismo, completamente diversi dai farmaci di sintesi che sostituiscono parzialmente un funzionamento deficitario. I farmaci allopatici vengono abitualmente eliminati attraverso gli organi emuntori, mentre gli oligoelementi entrano nel tessuto cellulare riportando il corpo allo stato di equilibrio funzionale.
6

combinazioni organiche e inorganiche. Nella nutrizione umana sono essenziali circa diciassette minerali. Bench solo il 4 o 5 per cento del corpo umano sia costituito da sostanza minerale, i minerali sono indispensabili per il benessere mentale e fisico. Tutti i tessuti e i fluidi interni degli organismi viventi contengono variabili quantit di minerali. Essi sono fondamentali costituenti delle ossa, dei denti, dei tessuti molli, dei muscoli, del sangue e delle cellule nervose e svolgono un'azione importante nei processi fisiologici, rinforzando le strutture dello scheletro e preservando il vigore del cuore e del cervello, cos come quello di tutti i muscoli e del sistema nervoso. Gli oligoelementi aiutano a mantenere il delicato equilibrio idrico dell'organismo, impediscono ai tessuti fluidi e al sangue di diventare troppo acidi o troppo alcalini e permettono alle altre sostanze nutritive di passare con facilit nel sistema circolatorio. Favoriscono in sostanza l'omeostasi. Calcio, cloro, fosforo, potassio, magnesio, sodio e zolfo sono conosciuti come macrominerali,poich la loro presenza relativamente alta nei tessuti del corpo e si misurano in milligrammi.

Gli oligoelementi hanno valore nutritivo ed esistono nell'organismo e nel cibo in

Altri minerali, denominati oligoelementi, sono presenti nell'organismo solo in piccolissime quantit ma sono essenziali per un buon funzionamento dell'organismo. Le vitamine (vitamina significa "amina della vita") scoperte nel 1911 dal medico polacco Kazimierz Funk, che estrasse per la prima volta dalla crusca una sostanza in grado di curare il beri beri (una malattia causata da una scarsit di vitamina B1 o tiamina), sono nutrienti essenziali per la salute la cui regolare assunzione, (attraverso gli alimenti), pu avere effetti importanti nella prevenzione di numerose malattie, tra cui varie forme di anemie, di disturbi del sistema nervoso, fino ad alcuni tipi di cancro.

malattie. L'ipovitaminosi pu dipendere da un'insufficiente assunzione di vitamina con gli alimenti, da un aumentato fabbisogno, come avviene ad esempio in gravidanza, o dalla presenza di alterazioni intestinali che ne impediscono l'assorbimento, come nel caso di alcune patologie. Solitamente, la somministrazione di dosi di vitamina, tramite l'alimentazione o integratori specifici, sufficiente a eliminare i disturbi. Gli oligoelementi coesistono con le vitamine e le loro funzioni sono correlate. Per esempio, alcune vitamine del complesso B vengono assorbite solo quando sono in combinazione con il fosforo, la vitamina C favorisce fortemente l'assorbimento del ferro e l'assorbimento del calcio non avviene se non in presenza della vitamina D. Lo zinco aiuta la vitamina A ad essere liberata dal fegato. Alcuni minerali fanno persino parte delle vitamine: la vitamina B1 contiene zolfo e la B12 cobalto. Gli oligoelementi e le vitamine insieme svolgono importanti funzioni per l'organismo: partecipano alle reazioni metaboliche essendo indispensabili per le trasformazioni dei nutrienti e per il trasporto delle sostanze attraverso le membrane cellulari; regolano l'attivit di quasi tutti gli enzimi; contribuiscono al mantenimento dell'equilibrio acido-base; regolano la permeabilit delle membrane cellulari; partecipano alla composizione di sostanze fondamentali alla vita come per esempio l'emoglobina; partecipano alla costituzione dell'osso conferendogli rigidit e consistenza.

Le vitamine sono un insieme molto eterogeneo di sostanze chimiche, normalmente necessarie in minime quantit, regolano una serie di reazioni metaboliche, spesso in forma di coenzimi. La carenza di vitamina, definita ipovitaminosi, quando la vitamina presente in quantit insufficienti nell'organismo e avitaminosi nei casi, molto pi rari, in cui totalmente assente, si presenta con sintomi specifici a seconda del tipo di vitamina e pu causare diversi disturbi o

Introduzione
7

COMPOSTI

Dalla sinergia e dall'unione delle nostre Tinture Madri nascono i nostri Composti. L'unicit dei prodotti Erbenobili deriva dalla modalit di preparazione degli stessi. Sin dalla fase iniziale, infatti, Erbenobili associa qualit biofisiche all'azione biochimica propria dei preparati fitoterapici.

OLOSVITA

OlosVita di erbenobili, rimedi naturali capaci di coadiuvare e apportare benefici alle fisiologiche funzioni del nostro organismo. Il loro punto di forza sta nella particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta l'energia dell'alcool spagyrico rosso attivato attraverso un processo spagyrico denominato Microcosmo Estrattivo, che conferisce allo stesso veicolo di estrazione una maggiore capacit estrattiva.

In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere per un individuo. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dell'era moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e l'equilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non sempre soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Da questa sinergia nascono gli OlosVita di ErbeNobili. OLOS come oligoelementi e VITA come vitamine, entrambi scelti opportunamente per le

specifiche funzioni che rivestono all'interno dell'organismo e associati con Tinture Madri Spargyriche per aumentarne e coadiuvarne la forza . I 12 OlosVita ErbeNobili sono stati preparati per rispondere ai disturbi pi frequenti che affligono l'uomo moderno: IpertenVin: Utile per il riequilibrio dei valori pressori. CoreVin: Utile per il benessere dell'apparato cardio-circolatorio. TiroVin: Utile per il fisiologico mantenimento della funzionalit tiroidea. CefaVin: Utile nell'attenuare tensioni alla testa, disturbi muscolari e osteo-articolari. FebVin: Utile nei disturbi associati alla stagione pi fredda. EpidermaVin: Utile per il fisiologico benessere della pelle. AnemiVin: Utile per compensare carenze di nutrienti come il ferro. RenVin: Utile per favorire le funzionalit delle vie urinarie e del rene. DepreVin: Utile per il riequilibrio del tono dell'umore. MenopaVin: Utile per attenuare i disturbi tipici della menopausa. ImmunVin: Utile nel rafforzare il sistema immunitario e le difese dell'organismo. GalegaVin: Utile alla donna durante il periodo dell'allattamento.

FITOBLASTO

Ricavati per macerazione dei tessuti vegetali giovani, i gemmoderivati depurano, proteggono l'organismo, riducono lo stress sviluppando la propria azione nella terapia di drenaggio d'organo ripristinando le normali funzioni fisiologiche. Grazie alla loro carica di energia vitale e alla ricchezza di principi attivi, tali elementi vegetali sono in grado di rivitalizzare e riequilibrare corpo e mente.

La storia Agli inizi degli anni '50, Pol Henry, medico belga, sviluppando l'intuizione di Paracelso, studia l'effetto terapeutico delle gemme e dei tessuti embrionali di arbusti ed alberi. Egli infatti ha precronizzato l'uso di questi preparati basandosi sul presupposto che le piante, nel loro primo sviluppo, contengano sostanze con caratteristiche uniche sia per la qualit che per la quantit. E' stato evidenziato infatti che nei tessuti embrionali vegetali (gemme, germogli, radichette) sono presenti dei componenti come le auxine e le giberelline, fattori di crescita, enzimi, proteine, acidi nucleici (DNA, RNA), vitamine e i fitormoni, che si ritrovano solo in

Introduzione
9

tracce nelle parti adulte delle piante. Egli speriment i singoli gemmoderivati annotando le modificazioni che essi erano in grado di indurre negli animali. In tal modo riusc a cogliere l'attivit terapeutica specifica di ciascuno di essi. I suoi studi, in seguito, sono stati approfonditi, sia da un punto di vista clinico che da un punto di vista sperimentale, da studiosi francesi, tra cui ricordiamo: Martin, Paqualet, Netien, Tetau, Bergeret. In particolare, al professor Netien dell'Universit di Lione, si devono i rigorosi controlli di laboratorio sui gemmoderivati e l'indagine per la ricerca e il dosaggio di alcuni principi attivi. "La foresta una sorgente di vita, ma una fonte terapeutica misconosciuta" (Pol Henry)

FITOMATER

Quando parliamo di "FitoMater", parliamo di Tinture Madri Spagyriche uniche nel loro genere. L'unicit dei prodotti Erbenobili deriva dalla modalit di preparazione degli stessi. Tecniche che prevedono il connubio di tradizione erboristica e scienza moderna. Sin dalla fase iniziale, infatti, Erbenobili associa qualit biofisiche all'azione biochimica propria dei preparati.

OLIGOCELESTE

Questi nuovi prodotti sono stati studiati dalla nostra equipe, sviluppando una formulazione in grado di rendere biodisponibile quegli oligoelementi necessari in caso di loro carenza. La presenza di Clorofilla, oltre alle propriet intrinseche, funge da vero e proprio catalizzatore e amplifica l'effetto dei minerali.

10

RICERCHE E STUDI SCIENTIFICI SUI NOSTRI PRODOTTI

OsseoVin compresse, CefaVin gocce, CorallVin gocce dellazienda Erbenobili s.r.l con analisi dellefficacia terapeutica della Fitoterapia Funzionale utilizzando i prodotti succitati, comparata alla Peloidoterapia (cure termali). Metodiche utilizzate: Bioelettronica di Vincent, dosaggio urinario dell8IDROSSI2DESOSSIGUANOSINA - 8OH2DG -, esame di lipidomica, nonch dei fitocomplessi e integratori adoperati, peloidoterapia.

Collaborazione con lUniversit degli Studi di Salerno Lo studio scientifico verteva sullefficacia terapeutica della Fitoterapia Funzionale utilizzando i prodotti OSSEOVIN compresse, CEFAVIN gocce, CORALLVIN gocce dellazienda ErbeNobili s.r.l comparata alla Peloidoterapia (cure termali).

Peloidoterapia e fitoterapia funzionale: valutazioni biofisiche e biochimiche Studio scientifico effettuato per conto dellazienda Erbenobili s.r.l. in collaborazione con lUniversit di Salerno, dal Dott. Antonio Esposito, Medico Chirurgo Docente di Medicina integrata allUniversit di Milano, di Bioclimatologia, Biotecnologie e Medicine Naturali. Sperimentazione e studi clinici effettuati su 45 pazienti divisi in due gruppi A e B, pazienti affetti da patologie reumatiche: artrosi, poliartrosi, osteocondrosi, spondiloartosi, coinvolgimento di legamenti, tendini e muscoli (soggetti fibromialgici) e artrite reumatoide, basata sullutilizzo di

Conclusioni: Il gruppo A ha utilizzato solo la Peloidoterapia mentre il gruppo B ha utilizzato la Peloidoterapia associata alla Fitoterapia funzionale. Il gruppo primo gruppo (A), soddisfacendo le aspettative, ha mostrato sempre miglioramenti tra gli esami preliminari al ciclo di cura e quelli finali. Nel secondo gruppo (B), i miglioramenti sono stati, tuttavia, palesemente maggiori. Ovviamente per entrambi i gruppi ci riserveremo di controllare la eventuale riduzione delle recidive acute nei prossimi mesi invernali, per poter cos aggiungere altri dati utili alla nostra ricerca.

Per ulteriori ricerche scientifiche e dati tecnici, effettuate dallequipe di erbenobili, possibile registrarsi sul nostro sito www.erbenobili.com

Introduzione
11

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

AllergVin
Integratore alimentare confezione da 30 compresse da 850 mg Cod. EN1
INDICAZIONI SALUTISTICHE Naturale sinergia fra piante officinali e sostanze funzionali, in grado di mantenere il fisiologico equilibrio del sistema immunitario e di attenuare i sintomi legati alle allergie. Questo rimedio grazie ai suoi componenti riesce a coadiuvare 2 importanti azioni fisiologiche: a) Azione antiflogistica che si esplica in particolar modo a livello gastro - duodenale e del grosso intestino(soggetti affetti da gastriti, gastro - duodeniti). b) Azione anti - disreattiva e quindi del riequilibrio del sistema immunitario (profilassi e terapia), utilissima per i soggetti affetti da allergie e/o intolleranze alimentari cronicizzate. Nel caso di distonie neurovegetative con somatizzazione sullapparato digerente si consiglia lassociazione con: SERENVIN o SEDAVIN. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: liquirizia (Glycyrrhiza glabra L.) radice estratto secco (al 10% in acido glicirrizico), piantaggine (Plantago major L.) foglie estratto secco, camomilla (Matricaria recutita Rausch.) fiori estratto secco (allo 0.3% in apigenina), ortica (Urtica dioica L.) foglie estratto secco. Sostanze funzionali: metilsulfonilmetano, quercetina, acidi grassi polinsaturi della serie omega 3 da olio di pesce. Vitamine: vitamina C, vitamina B5, Eccipienti: addensante: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 2 compresse al giorno da assumere lontano dai pasti, preferibilmente al mattino prima di colazione, nei casi pi delicati e sotto consiglio medico si pu aumentare il dosaggio fino a 4 compresse al giorno. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non riscontrati ai normali dosaggi. In caso di sovradosaggio sono stati riscontrati disturbi gastrointestinali minori, ovvero, aumento lieve della frequenza delle evacuazioni che nel soggetto tendenzialmente diarroico pu essere ovviato prendendo il rimedio a stomaco pieno, viceversa nel soggetto tendenzialmente stitico tale effetto collaterale pu essere sfruttato al fine di avere un alvo pi regolare e a tal scopo, quindi assumendo il rimedio lontano dai pasti. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico allimpasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi, funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come il vino e lalcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. Questa combinazione tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti, che confermano gli effetti benefici a livello

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 2 cpr
Componenti Olio di pesce microincapsulato apporto di EPA DHA Liquirizia radice ES apporto di acido glicirrizico Piantaggine foglie ES Camomilla fiori ES apporto di apigenina Ortica parti aeree ES MSM Quercetina Vitamina C - 100% RDA Vitamina B5 acido pantotenico - 100% RDA per 2 cpr 400 mg 16,4 mg 10,8 mg 220 mg 22 mg 190 mg 180 mg 0,54 mg 160 mg 90 mg 80 mg 80 mg 6 mg

ES = estratto secco MSM = metisulfonilmetano RDA = dosaggio alimentare raccomandato

12

dellapparato respiratorio e cutaneo interessati da manifestazioni allergiche. Liquirizia - Specie: Glycyrrhiza glabra L. Famiglia: Papilionaceae - Droga: radice La droga contiene saponine triterpeniche principalmente glicirrizina, costituita da Sali di ammonio e di calcio dellacido glicirrizico, e da 24 - idrossiglicirrizina, sono inoltre presenti altre saponine triterpeniche, triterpeni e numerosi composti flavonoidici. Lestratto titolato in acido glicirrizico, in grado di esplicare un effetto benefico nei fenomeni allergici, grazie alla combinazione di due azioni sinergiche: antiflogistica e antiallergica. Lazione antiflogistica da attribuirsi principalmente alla glicirizzina in quanto inibisce la liberazione di ROS (specie reattive dellossigeno responsabili dellazione ossidativa cellulare) da parte dei neutrofili, inoltre inibisce lenzima 11beta - HSD, che converte il cortisolo a cortisone, aumentando la concentrazione plasmatica di cortisolo che uno steroide naturale con spiccate propriet antinfiammatorie. Infine la Glicirizzina inibisce selettivamente la via classica del complemento che porta allinfiammazione. Mentre lestratto di liquirizia, svolge unattivit antiradicalica e protettiva sulle membrane liposomiali contro la perossidazione lipidica. Lazione antiallergica strettamente connessa al contenuto di glicirizzina capace di inibire la produzione di IgE e la reazione cutanea anafilattica che porta alla dermatite, diminuisce la reazione di ipersensibilit tramite un effetto immunomodulatore opponendosi al calo numerico dei leucociti, stimola linterferone - g e altre citochine con attivit antinfiammatoria. Molto importante allo scopo anafilattico, il potenziamento dellattivit dei glucocorticoidi tramite inibizione del loro metabolismo (blocco dellenzima 11beta - HSD) e linibizione della classica via del complemento. Mentre lacido glicirretinico (aglicone della glicirizzina e per OS il metabolita maggiore), inibisce il rilascio distamina da parte dei mastociti dopo contatto con lantigene e la produzione di prostaglandina - E2. Camomilla - Specie: Matricaria recutita L. Famiglia: asteracee - Droga: fiori La droga contiene 0,25 - 1% di essenza, i cui principali costituenti (fino al 50%) sono il bisabololo ed i suoi ossidi, inoltre contiene un gran numero di flavonoidi, alcuni dei quali hanno effetto spasmolitico e il pi importante lapigenina. Sia lapigenina che il bisabololo sono i principali costituenti responsabili dellattivit antiinfiammatoria. Le azioni utili per favorire una riduzione dei sintomi allergici, sono una attivit antinfiammatoria e spasmolitica esplicata dagli estratti di camomilla, i quali sono in grado di inibire il rilascio di istamina, acetilcolina e bradichinina. Inoltre la camomilla riduce anche il sintomo di prurito spesso associato alle allergie cutanee. Del resto esistono studi che hanno dimostrato come una dieta molto ricca di flavonoidi ed altre importanti sostanze antiossidanti, riduca significativamente lincidenza delle patologie asmatiche. Quindi una giusta combinazione di sostanze ad effetto antiossidante di natura polifenolica, possono risultare estremamente utili nel ridurre gli stati allergici.

Piantaggine - Specie: Plantago lanceolata L. Famiglia: Piantaginaceae - Droga: foglie I costituenti pi importanti della droga sono glucosidi iridoidi ( acubina, catalpolo, asperuloside), tannini, cumarine, flavonoidi, acido salicilico. Le azioni esplicate da questa pianta utili per il trattamento delle allergie, sono unazione antiflogistica e antiallergica. Lazione antiflogistica dovuta alla presenza nella pianta di glucosidi iridoidi in particolar modo laucubina e il catalpolo. Entrambi i componenti, sono in grado di inibire sia la formazione di edema dovuta alla sintesi di carragenano, che il rilascio da parte dei mastociti di citochine proinfiammatorie come la IL - 6 ed il TNF - a (fattore di necrosi tumorale). Non va poi dimenticata unazione di tipo immunomodulatorio capace di riequilibrare i livelli e i vari tipi di immunoglobuline. Lazione antiallergica dovuta in modo specifico allaucubina, la quale in grado di bloccare selettivamente il fattore nucleare kappa B (NF - KB) e il fattore di trascrizione che regola il rilascio di IL - 6 e TNF - a da parte dei mastociti. Ortica - Specie: Urtica dioica L. Famiglia: Urticaceae - Droga: foglie Dellortica si possono utilizzare sia le radici che le parti aeree, in questo preparato si sfruttano le propriet delle parti aeree pi specifiche per lobiettivo del prodotto. Queste sono ricche di sostanze minerali soprattutto ferro e silicio, inoltre sono presenti carotenoidi, vitamine fra cui lacido ascorbico, acidi organici e numerosi flavonoidi. Le azioni pi importanti esplicate dalle parti aeree dellortica utili nei casi di allergie, sono anche in questo caso attivit antiflogistica e antiallergica, con meccanismo di azione assolutamente sinergici e complementari con quelli esplicati dalle altre piante presenti nel preparato. Lazione antiflogistica dovuta alla presenza di acido malico e citrico che inibiscono la sintesi di leucotrieni, mentre lintero fitocomplesso inibisce gli enzimi responsabili dei processi infiammatori quali ciclossigenasi e lipossigenasi. Tale azione si rivelata anche molto efficace nelle terapie per le patologie artritiche. Lazione antiallergica stata dimostrata sia in vivo che in vitro, in quanto gli estratti di ortica sono in grado di diminuire significativamente i livelli di IL 1. A conferma di ci esiste uno studio clinico che ha messo in evidenza come lintero estratto, sia capace di ridurre i maggiori sintomi della rinite allergica. MSM (metisulfonilmetano) MSM un composto sulfureo organico che si trova naturalmente nella frutta, nella verdura, nel grano e negli animali, incluso luomo. MSM un composto solido solubile in acqua, conosciuto anche come dimetil - sulfone, sulfonilbismetano e metil - sulfone. Lo zolfo il quarto minerale come quantit presente nel nostro corpo, quindi di fondamentale importanza per tutte le funzioni delle nostre cellule. Se siamo carenti di zolfo organico, il nostro organismo non riesce a produrlo da solo e quindi necessaria una supplementazione di questa sostanza. Uno dei compiti dello zolfo, quello di rendere le cellule pi permeabili e questa caratteristica pu spiegare la capacit dell MSM di lenire il dolore che spesso, causato da un accumulo di sostanze tossiche nelle articolazioni,

AllergVin
13

nei muscoli e nei liquidi. Inoltre lo zolfo necessario per il nostro corpo per la sintesi di innumerevoli molecole bioattive come enzimi, ormoni, amminoacidi, anticorpi, sostanze antiossidanti. Diversi studi rilevano che la concentrazione sistemica di MSM nei mammiferi diminuisce negli anni, forse in seguito a mutamenti metabolici o cambiamenti nelle abitudini alimentari. Con la carenza di zolfo, si assiste allirrigidimento dei muscoli e dei legamenti, al raggrinzimento della pelle, e alla riduzione dellelasticit dei tessuti polmonari e dei vasi sanguigni arteriosi (Kocsis JJ et al., Layman DL et al.). Per quanto riguarda il suo utilizzo nella sintomatologia allergica, il MSM ha un ampio e profondo effetto benefico: riduce la reazione allergica ad allergeni da inalazione, ingestione e contatto. Infatti in un recente studio clinico stato evidenziato come lMSM sia gi in grado di ridurre i sintomi da rinite allergica dopo un trattamento di una settimana, mentre dopo 2 settimane riesce ad aumentare la naturale energia dellorganismo ridotta dallallergia. Importante allo scopo antiallergico, anche la sua attivit anaflogistica ed antiossidante in quanto inibisce la liberazione di sostanze ossidanti da parte dei neutrofili. Oltre a queste attivit stato anche evidenziato dalla letteratura internazionale, che lMSM utile nelle malattie autoimmuni in quanto diminuisce lattivit autoimmune e liperplasia degli organi linfoidi quali timo e linfonodi. Oltretutto clinicamente viene anche usato in caso di sclerodermia, fibromialgia, lupus eritematoso sistemico e artriti degenerative. Inoltre un altro aspetto da non trascurare la sua capacit di trasportatore, ossia la sua presenza facilita lassorbimento di altre sostanze attive come flavonoidi e polifenoli, in genere aumentandone la biodisponibilit e attivit. Quercetina La quercetina uno dei pi comuni flavonoidi che stato isolato da numerose specie come: ippocastano, calendula, biancospino, camomilla, gingko, iperico ecc., e come la maggior parte dei flavonoidi in grado di esplicare unazione antiflogistica e antiallergica. Lazione antiflogistica si ottiene in quanto tale sostanza, stabilizzando la membrana, previene la degranulazione sia dei mastociti che dei basofili, inibendo perci il rilascio dei mediatori infiammatori, in particolare i livelli e lespressione genica di TNF - a e IL - 1 oltre a quelli di altre interleuchine. Inoltre la quercetina un potente antiossidante ed un inibitore dellenzima ialuronidasi, responsabile della degradazione del collagene. Lazione antiallergica, supportata da quella antinfiammatoria, da attribuire allefficace inibizione del rilascio di istamina da parte sia dei mastociti che dei basofili. Vitamine La vitamina C nelle affezioni allergiche risultata un valido alleato in quanto esercita numerosi effetti: previene lescrezione di istamina e aumenta i processi di detossificazione, grazie alla sua potente azione antiossidante. stato riscontrato che i livelli di istamina aumentano esponenzialmente quando quelli di acido ascorbico diminuiscono. In uno studio clinico sulle riniti allergiche stato dimostrato come la vitamina C, somministrata sottoforma di spray nasale,

sia efficace nel combatterne la sintomatologia. Inoltre lacido ascorbico risulta essere sia non tossico che privo di effetti collaterali. La vitamina B5 o acido pantotenico, un membro del gruppo vitaminico B, un nutriente essenziale per tutte le forme di vita in quanto coinvolto in numerose reazioni biologiche come la produzione di energia, il catabolismo degli acidi grassi e degli aminoacidi, la sintesi di acidi grassi, dei fosfolipidi, degli sfingolipidi, del colesterolo endogeno e degli ormoni steroidei. Lacido pantotenico anche un componente del coenzima A (CoA), che un coenzima essenziale coinvolto in molte reazioni indispensabili per lorganismo umano. La vitamina B5 anche conosciuta come un essenziale elemento per il mantenimento della ghiandola surrenale, infatti stato visto che la sua mancanza compromette le funzioni di tale ghiandola. Un recente studio ha messo in evidenza come la vitamina B5 renda la ghiandola surrenale pi sensibile allACTH, e di conseguenza aumenti la produzione di glucocorticoidi (alcuni dei quali importanti per la loro azione antinfiammatoria) fra cui in modo significativo, quella del corticosterone. Omega 3 Gli omega 3 (acido - linolenico) sono una categoria di acidi grassi polinsaturi indispensabili per il corretto funzionamento dellorganismo.Negli ultimi anni il cambiamento delle abitudini alimentari (pasti veloci, raffinati, surgelati, confezionati e precotti) ha portato da un lato una notevole riduzione nel consumo di alimenti contenenti omega 3 (pesce, oli vegetali come soja, lino e girasole ma anche noci e legumi), dallaltro un sempre pi preoccupante aumento dellincidenza di patologie infiammatorie come asma, allergie, cardiopatie, aterosclerosi (P.N. Black et al). A seguito di ci numerose equipe di ricercatori a livello mondiale hanno dimostrato quanto gli omega 3 siano indispensabile nel mantenimento di un sano ed equilibrato organismo grazie ai suoi benefici effetti sulla salute.

AllergVin
14

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 9. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 10. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 11. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 12. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Bender A. D. Novel functions of vitamin B6 Proceedings of the Nutrition Society (1994), 53,625 - 630. 15. Pelucchi C., Galeone C., Talamini R., Negri E., Parpinel M., Franceschi S., Montella M., La Vecchia C. Dietary folate and risk of prostate cancer in Italy. Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention Vol. 14, 944 - 948, April 2005.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

AnemiVin
Integratore alimentare a base di estratti vegetali flacone da 50 ml Cod. OV81
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale che aiuta e riequilibra i processi di assorbimento ed utilizzazione del ferro, tale da risultare utile in tutti i casi di anemie associate a carenze o alterazioni nellassorbimento dell'oligoelemento. Il prodotto rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio di tutte le funzioni biochimiche dellorganismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. NellOlosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nellAnemivin, alla nostra tintura spagyrica di Romice, contenente al suo interno oligoelementi naturali (sali minerali) della pianta come: Zinco e soprattutto Ferro, vengono aggiunte vitamine e minerali (Ferro, Vitamina C, Vitamina B12) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia e assicurarne il beneficio. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: romice (Rumex crispus) rizoma, vitamina C, ferro gluconato, vitamina B12. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima delluso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non evidenziati tranne rari casi di reazioni allergiche. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI La Romice stata scelta per questo preparato, per il suo contenuto elevato di ferro e altri minerali. Il Ferro appunto, raggiunge concentrazioni di 2,5 mg sia in forma inorganica che legato a proteine, e viene assorbito con facilit dallorganismo. Parallelamente, la Romice costituisce unottima fonte di 3 vitamine: la vitamina C, la provitamina A (da 2 a 3 mg / 100 g, al pari degli spinaci e del crescione), la vitamina B9. La vitamina C facilita lassorbimento del ferro e quindi aiuta tutti quei soggetti colpiti da problemi o disturbi correlati allanemia. un antinfiammatorio naturale, aumenta le capacit dellorganismo di autoproteggersi da attacchi di virus e batteri ed fondamentale per il buon funzionamento delle attivit cellulari e quindi funge da coadiuvante per il nostro sistema immunitario. La vitamina B12, cobalamina , cura un tipo particolare di anemia: lanemia perniciosa. caratterizzata da anemia megaloblastica e disturbi neuronali. utile

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Romice rizoma Vitamina C - 100% RDA Ferro - 15% RDA Vitamina B12 - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 80 mg 2,1 mg 2,5 mcg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

15

anche per la funzionalit del sistema nervoso, interviene nella sintesi della mielina, nella formazione dei globuli rossi, nella integrit del sistema nervoso, rafforza il sistema immunitario, ed interviene nel metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Il Ferro un oligo - minerale concentrato nel sangue e presente in ogni cellula vivente, complessato a proteine per adempiere alla sua funzione principale: la formazione delle emoglobine, la sostanza colorante i globuli rossi. La pi comune carenza di ferro determina lanemia ipocromica, nella quale la quantit di emoglobina nei globuli rossi viene ridotta e le cellule di conseguenza diventano pi piccole. Romice - Specie: Rumex crispus Famiglia: Poligonacee - Droga: rizoma La droga contiene saponine triterpeniche principalmente glicirrizina. Il nome dal latinorumex = lancia, indica la forma delle foglie, il nome crispus indica la caratteristica increspatura delle foglie. Il Rumex crispus L. in America, fra le poche piante che naturalizzate dallEuropa, sono state adottate da alcune trib indiane e utilizzate insieme ad altre specie native di Rumex, in particolare i teton dakota applicavano le foglie verdi tritate sui foruncoli per promuoverne il processo suppurativo. Le radici contenenti tannino erano invece utilizzate dai flambeau ojibwa per favorire la cicatrizzazione e la chiusura dei tagli, inoltre la si utilizzava come pianta antianemica per la sua ricchezza in ferro. La radice contiene molto ferro organico, e, ridotta in polvere, si somministra ai clorotici e anemici 3 - 4 volte al giorno, in ragione di 0,75 gr. per volta. Vitamina B12 La vitamina B12 deve la sua importanza alla capacit di curare lanemia perniciosa: inizialmente infatti si era visto che le persone affette da questa patologia ricevevano beneficio dal consumo di ingenti quantit di fegato crudo, successivamente si passati a somministrare ai pazienti estratti concentrati di fegato, ed infine nel 1948 si isol la vitamina B12 (cianocobalamina), cio la molecola capace di guarire lanemia perniciosa. Chimicamente la vitamina B12 formata da un anello con al centro un atomo di cobalto chelato con quattro atomi di azoto. lunica molecola contenente cobalto importante per il nostro organismo. La vitamina B12 molto solubile in acqua, e per questo motivo non passa facilmente la membrana cellulare, e per essere assorbita dopo lingestione, la vitamina B12 necessita di essere legata al fattore intrinseco prodotto dalle cellule parietali dello stomaco e viene assorbita nellileo. Vitamina C Ci sono studi che hanno dimostrato che la vitamina C favorisce lassorbimento del ferro assunto con gli alimenti. Questo permette di contrastare la perdita di questo metallo connessa con il ciclo mestruale o con la gravidanza. In particolare, lanemia post parto sembra essere connessa con la depressione, che pu quindi essere prevenuta assumendo la vitamina C. Anche lassorbimento del calcio, minerale la cui perdita causa dellosteoporosi, facilitato dallacido ascorbico.

Una carenza di vitamina C (acido ascorbico) spesso associata ad anemia ipocromica. Ferro Il ferro un oligo - minerale concentrato nel sangue e presente in ogni cellula vivente, complessato a proteine per adempiere alla sua funzione principale: la formazione delle emoglobine, la sostanza principale dei globuli rossi. Lemoglobina trasporta ossigeno attraverso il sangue dai polmoni ai tessuti ed quindi vitale per le loro funzioni primarie. Il ferro inoltre necessario per la formazione della mioglobina presente nei tessuti muscolari, anchessa coinvolta nel trasporto di ossigeno indispensabile per la contrazione muscolare. Solo il 10% circa del ferro alimentare assimilato con il cibo. Soggetti con carenze di ferro possono tuttavia assimilarne dal 20 al 30%. Molti fattori ne influenzano lassorbimento: lacido ascorbico, ad esempio, contribuisce a ridurre il ferro ferrico in ferroso, facilitandone cos lassorbimento. La solubilit e la disponibilit del ferro nel cibo, invece regolata dallacidit gastrica. inoltre importante ricordare che il ferro presente nelle proteine animali assorbito pi velocemente di quello che si trova nei vegetali. La pi comune carenza di ferro determina lanemia ipocromica, nella quale la quantit di emoglobina nei globuli rossi viene ridotta e le cellule di conseguenza diventano pi piccole. Come in altre forme di anemia, quella da carenza di ferro riduce la capacit di trasportare lossigeno nel sangue e si manifesta con pallore e stanchezza anormale. Sintomi di anemia possono essere stitichezza, mancanza di lucidit, unghie fragili e difficolt respiratoria. Lanemia emorragica, caratterizzata da emorragie interne, pu non essere scoperta subito, soprattutto se associata alla perdita di sangue che pu verificarsi nelle ulcere peptiche. Uneccessiva donazione di sangue pu causare questo tipo di anemia.

AnemiVin
16

BIBLIOGRAFIA 1. Audera C et al. Mega - dose vitamin C in treatment of the common cold: a randomised controlled trial. 2001; 175 (7): 359 - 62 2. Douglas RM Vitamin C for preventing and treating the common cold. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007; (3): CD000980 3. Peterkofsky B. Ascorbate requirement for hydroxylation and secretion of procollagen: relationship to inhibition of collagen synthesis in scurvy. American Journal of Clinical Nutrition 1991; 54 (6 Suppl): 1135 - 40 4. Fain Q. Musculoskeletal manifestations of scurvy. 2005; 72 (2): 124 - 8 5. Fairfield KM et al. Vitamins for chronic diseases prevention in adults. Journal of the American Medical Association 2002; 287 (23): 3116 - 3126 6. Li Y et al. New developments and novel therapeutic perspectives for vitamin C. Journal of Nutrition 2007; 137 (10): 2171 - 2184 7. Loria CM et al. Vitamin C status and mortality in US adults. American Journal of Clinical Nutrition 2000; 72 (1): 139 - 145 8. Knekt P et al. Antioxidant vitamins and coronary heart disease risk: a pooled analysis of 9 cohorts. American Journal of Clinical Nutrition 2004; 80 (6): 1508 - 20 9. Joshipura KJ et al. The effect of fruit and vegetable intake on risk for coronary heart disease. Annals of Internal Medicine 2001; 134 (12): 1106 - 14 10. Chen Q et al. Pharmacologic doses of ascorbate act as a prooxidant and decrease growth of aggressive tumor xenografts in mice. Proceeding of the National Academy of Sciences 2008; 105 (32): 11037 - 8 11. Traxer O. et al. Vitamin C and stone risk. Review of the literature. Progrs en Urologie 2003; 13 (6): 1290 - 4 12. Urivetzky M et al. Ascorbic acid overdosing: a risk factor for calcium oxalate nephrolithiasis. Journal of Urology 1992; 147 (5): 1215 - 8 13. Serafini M et al. Effect of acute ingestion of fresh and stored lettuce (Lactuca sativa) on plasma total antioxidant capacity and antioxidant levels in human subjects. British Journal of Nutrition 2002; 88 (6): 615 - 23 14. Williams PG Vitamin retention in cook/chill and cook/hot - hold hospital food - services. 1996; 96 (5): 490 - 8 15. S.I.N.U. Societ Italiana di Nutrizione Umana. Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti per la Popolazione Italiana. Revisione 1996 16. Klose P.K.: Prove di efficacia degli estratti di Romice, Lerborista, n.3, 1992 17. Giusti E.: Romice, botanica, chimica, farmacologia, terapia, Erboristeria Domani, n. 11, 1992.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

ArgenVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN2
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale, rafforzato grazie alla particolare estrazione che sfrutta lenergia dellalcol attivato attraverso il processo alchemico della distillazione. Il preparato a base di germogli di lampone arricchito con oli essenziali di cannella ha uno spiccato tropismo a livello della muscolatura liscia, tale da risultare un efficace miorilassante, per questo trova applicazione come valido coadiuvante nei disturbi associati ad affaticamento e tensione, e nei disturbi che interessano lapparato genito - femminile, ed indicato per favorire un fisiologico rilassamento e un generale benessere psicofisico. Risulta utilissimo per tutti i pazienti che hanno subito interventi chirurgici nellambito dellapparato digerente (es. gastroresecati, k del colon, resezioni parziali). LArgenvin in grado di coadiuvare e intensificare l'attivit profilattica anti-infettiva. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerato glicerico (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di lampone (Rubus idaeus L.) giovani getti, olio esenziale di cannella (Cinnamomum zeylancum L.) corteccia. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 3 - 5 gocce 2 volte al giorno preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio, lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne un migliore e pi rapido assorbimento. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima delluso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico, come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi favorisce una pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino e alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli, radichette), sono ricchi di sostanze caratteristiche tipiche dei tessuti in accrescimento, come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine che gli conferiscono delle propriet peculiari. In generale i gemmoderivati trovano impiego nella cura di terreno e di drenaggio di organo. Il lampone infatti ha un tropismo per lapparato genitale femminile. Nellargenvin al gemmo - derivato del lampone si aggiunge olio essenziale di cannella, che oltre al suo effetto tonico e miorilassante, rafforza le propriet del prodotto rendendolo utile nel favorire un fisiologico rilassamento e un generale benessere psicofisico. La particolare composizione, rende attivo il prodotto gi a bassi dosaggi (3 - 5 gocce 2 volte al giorno).

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Lampone giovani getti MG Cannella di ceylon corteccia OE per 1 ml 20 mg 1 mg

MG = macerato glicerico OE = olio essenziale

17

Lampone - Specie: Rubus idaeus L. Famiglia: Rosaceae - Droga: Gemme Pianta sarmentosa, spinosa, spontanea nelle montagne, coltivata per i frutti aciduli e ricchi di sostanze benefiche. Le foglie contengono tannini, antociani, mucillagini e sono impiegate in tisana antinfiam - matorie e astringenti. Il macerato glicerico dei giovani getti, in gemmoterapia indicato nella disfunzionalit di disturbi correlati alla sfera genitale femminile, grazie all azione dei principi attivi miorilassanti. Il macerato trova impiego sia nei disturbi leggeri collegati al ciclo mestruale, sia nei casi di disfunzione ed irregolarit del ciclo (dismenorrea, amenorrea) nella fase puberale, regola la funzione delle gonadi in pre - menopausa e menopausa, rendendo il passaggio meno drammatico. Oltre alla sintomatologia organica anche lo stato psichico femminile connesso con questa funzione, positivamente influenzato dal lampone. Oli Essenziali La cannella oltre alle note propriet antibatteriche e antivirali, ha anche un interessante propriet emmenagoga e anticovulsivante, ed un noto tonico con effetto miorilassante indicato per affrontare in modo adeguato ed equilibrato tale particolare momento della vita. Infine una essenza carminativa e quindi allevia lo stato di gonfiore addominale spesso associato al ciclo mestruale.

ArgenVin
18

BIBLIOGRAFIA 1. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 2. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 3. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 4. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 5. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 6. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 7. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. 8. Piter F. Compendio di gemmoterapia clinica. Meristemoterapia. Edizione De Ferrari. 9. Camporese A., Oli essenziali e malattie infettive. Tecniche Nuove, Milano 1998. 10. Valussi M., Il grande manuale dellaromaterapia, fondamenti di scienza degli oli essenziali, Tecniche nuove.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

AurumRosso
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN3
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale rafforzato grazie alla particolare estrazione, che sfrutta lenergia dellalcol attivato attraverso il processo alchemico della distillazione, conferendo allo stesso una maggiore capacit estraente. In questo modo le gemme di rovere, possono meglio esplicare le loro propriet potenziate anche dalla presenza degli oli essenziali. Alla capacit tonica e immunostimolante della quercia, si unisce quella antisettica e protettiva delle essenze, tale da rendere il preparato un efficace rimedio in tutti i casi in cui lorganismo pi esposto a stimoli stressogeni e quindi pi debole. Il preparato un valido rigenerante cellulare, per questo lAURUMROSSO viene impiegato con successo nel decadimento senile. Risulta utilissimo per tutti i pazienti che hanno subito interventi chirurgici nellambito dellapparato digerente (es. gastroresecati, k del colon, resezioni parziali). LAurum rosso, ha un alto potere tonificante che consente un notevole recupero fisico-energetico per lintero organismo. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerato glicerico (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di: quercia rovere (Quercus pedunculata Erhr. L.) gemme. Miscela di oli essenziali: zenzero (Zingiber officinale Roscoe) rizoma, limone (Citrus limon (L.) burm.) scorze, arancio dolce (Citrus aurantium L. var. dulcis) scorze, anice ( Pimpinelle anisum L.) frutti, garofano (Eurgenia caryophyllata Thunb.) chiodi, pepe nero (Piper nigrum L.) grani. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 3 - 5 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima delluso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino e alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli, radichette), sono ricchi di sostanze tipiche dei tessuti in accrescimento come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine, che attribuiscono propriet caratteristiche. In generale i gemmoderivati trovano impiego nelle cure di terreno e di drenaggio di organo. Il Quercus peduncolata presenta un tropismo per la corteccia surrenale tale da stimolare la produzione di ormoni steroidei e favorire

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Rovere gemme MG Zenzero rizoma OE Limone scorze OE Arancio scorze OE Anice frutti OE Garofano chiodi OE Pepe nero grani OE per 1 ml 20 mg 1 mg 1 mg 1 mg 1 mg 1 mg 1 mg

MG = macerato glicerico OE = olio essenziale

19

un effetto tonico e stimolante generale. La presenza poi di essenze naturali e dellOro alchemico, in grado di rigenerare il sangue e le cellule in genere, rende AURUMROSSO un rimedio ottimale nel decadimento senile. La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi (3 - 5 gocce 2 volte al giorno). AURUMROSSO si consiglia in tutte i casi in cui lorganismo particolarmente debilitato, nelle convalescenze, quando si deve affrontare periodi in cui ci richiesta particolare attenzione e concentrazione (studenti, manager). Valida alternativa ai classici tonici a base di ginseng, guaran, eleuterococco (non privi di effetti collaterali), adatto a tutte let anche a quella geriatrica in cui lorganismo necessita di una sferzata di energia. Quercia Rovere - Specie: Quercus pedunculata Ehrh. - Famiglia: Fagaceae - Droga: Gemme Albero maestoso delle foreste temperate. La corteccia ricca di tannini, uno dei pi noti astringenti della tradizione fitoterapica. In gemmoterapia si impiega il macerato glicerico delle gemme per la sua azione stimolante a livello della corteccia surrenalica, aumentando la secrezione di corticosteroidi e agendo anche a livello delle gonadi maschili. Fondamentalmente un tonico stimolante, ma lazione della quercia, utile ovunque vi siano stati di stress conclamato o anche atteso, come ad esempio una convalescenza, un periodo di superlavoro o di stress metereopatici indotti dai cambi di stagione, e per lastenia sessuale maschile, in quanto stimola la secrezione di testosterone. Oli Essenziali La scelta di questa miscela di essenze, stata fatta cercando di combinare in modo equilibrato sostanze eccitanti e toniche con blandi nervini, per ottenere un adeguato apporto energetico dellorganismo senza sottoporlo a sovraccarico nervoso. Si combina pertanto ad unazione tonica e stimolante data dallo zenzero, usato tradizionalmente come stimolante afrodisiaco, e dal pepe e garofano con propriet antiasteniche ed energizzanti, azioni leggermente ansiolitiche poi, vengono apportate da due agrumi (limone ed arancio dolce), la miscela completata da un effetto antispasmodico dellanice.

AurumRosso
20

BIBLIOGRAFIA 1. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 2. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 3. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 4. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 5. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 6. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 7. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. 8. Piter F. Compendio di gemmoterapia clinica. Meristemoterapia. Edizione De Ferrari. 9. Camporese A., Oli essenziali e malattie infettive. Tecniche Nuove, Milano 1998. 10. Valussi M., Il grande manuale dellaromaterapia, fondamenti di scienza degli oli essenziali, Tecniche nuove.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

BroncoVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN4
INDICAZIONI SALUTISTICHE Indicato per favorire la funzionalit dellapparato respiratorio e la fisiologica produzione di muco, al fine da proteggere la mucosa dagli agenti irritanti. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerati glicerici (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di: ribes nero (Ribes nigrum L.) gemme, faggio ( Fagus sylvatica L.) gemme, betulla (Betula pubescens Ehrh.) gemme, ontano nero (Alnus glutinosa L.) gemme, rosa canina (Rosa canina L.) germogli. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno, se necessario fino a 4 volte, diluite in un po di acqua o disciolte in una bevanda calda eventualmente dolcificata con del miele. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima delluso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino e alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva.La combinazione indicata quale rimedio in caso di irritazioni e arrossamenti delle vie aeree gola e bronchi, utile per dare sollievo in caso di tosse secca. Ribes Nero - Specie: Ribes nigrum L. Famiglia: Sassifragaceae - Droga: gemme Il ribes nero un arbusto spontaneo nei boschi dellEuropa continentale ma si ritiene di origine del massiccio dellAtlante, introdotto in Europa dagli Arabi. Il ribes contiene sostanze attive praticamente in tutte le sue parti: acidi fenolici, flavonoidi e tannini sulle foglie, vitamina C e acido salicilico su foglie e frutti, acidi grassi essenziali nellolio dei semi. In gemmoterapia le gemme fresche macerate in soluzione idroalcolglicerica, agiscono sulle ghiandole surrenali stimolandole al rilascio di sostanze antinfiammatorie e anti - allergiche. Il macerato di ribes pertanto, utilissimo negli stati infiammatori dei bronchi siano essi dovuti a fatti influenzali che a stimoli allergenici. Faggio - Specie: Fagus sylvatica L. Famiglia: Fagaceae - Droga: gemme un albero delle foreste montane dellEuropa. Delluso tradizionale si conosce solo limpiego della corteccia come febbrifugo e delle foglie come astringenti per

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Ribes gemme MG Faggio gemme MG Betulla pubescens gemme MG Alnus glutinosa gemme MG Rosa canina germogli MG per 6 ml 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg

MG = macerato glicerico

21

via della ricchezza in tannini fenoli. Le gemme fresche sono ricche di principi antinfiammatori, immunostimolanti e antistaminici, i quali aiutano lorganismo a difendersi da tutte le infezioni e a ridurre lentit di reazioni allergiche, che possono essere una componente importante delle patologie legate al tratto respiratorio. Il faggio inoltre ha un tropismo sia verso le vie urinarie, sia verso il reticolo endoteliale. Lazione diuretica si accompagna ad una pi generale azione drenante, modula il metabolismo lipidico e proteico, in particolare riduce il tasso di colesterolo ematico. Per questo motivo ritenuto un rimedio da associare ad una dieta ipocalorica per favorire la riduzione del peso corporeo. Inoltre leffetto di drenaggio esplicato dal faggio, reso pi completo grazie anche alla sua azione sul sistema immunitario, in particolare sul reticolo - endoteliale e pi precisamente a livello delle cellule di Kupfer, tale da stimolare la produzione di macrofagi coinvolti nei processi di difesa dellorganismo. Per queste molteplici attivit pu risultare utile quale coadiuvante nelle reazioni allergiche, al fine da velocizzare la guarigione e soprattutto ridurre le recidive e le fasi di acutizzazione. Betulla Nordica - Specie: Betula pubescens Ehrh. Famiglia: Betulaceae - Droga: gemme Albero delle foreste del Nord Europa presente come relitto nelle Alpi Liguri e in Piemonte. Le foglie della betulla sono diuretiche, mentre la linfa ricca di potassio, un energetico e rimineralizzante. Il macerato ottenuto sia dalle gemme che da giovani radici e scorza interna delle stesse, dotato di attivit specifica di stimolo della corteccia surrenalica, al pari di Alnus glutinosa e di Ribes nigrum. La betulla quindi indicata per stimolare il sistema immunitario a reagire specialmente nelle infezioni e alle infiammazioni sistemiche, pertanto un rimedio di eccellenza per le bronchiti di diversa origine. Ontano Nero - Specie: Alnus glutinosa L. Famiglia: Fagaceae - Droga: gemme Questo grande albero vive lungo i fiumi dove si ritrova con le radici sommerse dalle acque. Forse per questo motivo elabora sostanze che difendono la pianta dai marciumi e dalle infezioni vascolari. Queste sostanze concentrate nelle gemme, sembrano fatte apposta per alleviare i sintomi delle sindromi mucoso catarrali, le infiammazioni profonde dei bronchi e delle vie aeree, come nelle sinusiti e bronchiti anche persistenti. Rosa Selvatica - Specie: Rosa canina L. Famiglia: Rosaceae - Droga: germogli La rosa canina nota per le sue bacche rosse e carnose (cinorrodi) ricchissimi di vitamina C, indicati negli infusi invernali. Lazione del macerato si pu rilevare come un aumento delle globuline dopo la somministrazione, il che sta ad indicare unattivit immunostimolante che integra lazione sistemica della betulla con una attivit localizzata, e con una secondaria azione d neutralizzazione della tiramina, fattore scatenante della cefalea, spesso associata a stati influenzali.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 16. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 17. Duo E. La gemmo terapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 18. Campanini E. Manuale pratico di gemmo terapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000.

BroncoVin
22

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

CefaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV78
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio utile per attenuare tensioni alla testa e infiammazioni muscolari alleviando: dolori reumatici,dolori muscolari provocati da artrosi, artriti,mialgia, cefalea muscolo-tensiva. Il prodotto viene rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico definito MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Nell'Olosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nel Cefavin, alla nostra tintura spagyrica di Partenio (Tanacetum parthenium) e Harpago (Harpagophytum procumbens), contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali) delle piante come magnesio, potassio e zinco, vengono aggiunte vitamine, minerali e sostanze nutraceutiche (Mg, K ,VIT B3, VIT B2 e Solfato di Glucosamina) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia e apportando benefici soprattutto nei casi di cefalee o disturbi provocati da reumatismi e flogosi muscolari. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di piante 20%), di: partenio (Tanacetum parthenium) fiori, artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) radice, glucosamina solfato, potassio gluconato, niacina, vitamina B2. Minerali: Magnesio gluconato,Calcio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Il Partenio, ha propriet conosciute fin dai tempi antichi per la sua efficacia contro il mal di testa e i dolori mestruali. I principi attivi del Partenio (flavonoidi e sequiterpeni) hanno la capacit di ridurre le contrazioni della muscolatura liscia e di agire sui sanguigni con effetti rilassanti e analgesici. Il Partenio utile soprattutto se preso per lunghi periodi, non subito infatti leffetto viene esplicato ma a lungo termine gli episodi acuti dellemicrania tendono ad attenuarsi. Un importante studio (Murphy e coll. Lancet 23, 1988) ha dimostrato la riduzione della frequenza de-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Partenio fiori Harpago radice Glucosamina solfato Potassio Niacina- 100% RDA Vitamina B2- 100% RDA per 6 ml 1200 mg 1200 mg 200 mg 120 mg 16 mg 1,4 mg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

23

24

gli attacchi e della loro intensit. Altre recenti ricerche, per la maggior parte anglosassone, hanno evidenziato una notevole attivit nei confronti delle emicranie, in particolar modo quelle definite vasomotorie, nelle quali si ha un'alternanza di stimoli sui vasi sanguigni con conseguente vasocostrizione e una successiva vasodilatazione. Questo provoca una deformazione delle pareti dei vasi stessi, che vanno cos a premere sulle terminazioni nervose vicine, innescando il dolore, che pu diventare sempre pi lancinante a causa della concomitante produzione di mediatori che potenziano il segnale doloroso. L'abbinamento con altre piante antinfiammatorie consigliabile per aumentare lefficacia del Partenio anche perch le cause e la natura dellemicranie possono essere molto diverse. Secondo alcuni studi sarebbero stati individuate alcune piante, gi note comunque in passato, impiegabili proprio per questi fini. Una di queste sarebbe l'artiglio del diavolo, piccola pianta originaria del Kalahari impiegata dai boscimani proprio per i dolori. Alcune ricerche avrebbero mostrato che l'artiglio del diavolo ha un ampio spettro d'azione, antiflogistico,analgesico e spasmolitico. Per questi suoi effetti viene utilizzato come antireumatico e anticefalgico. Ovviamente necessitano ulteriori studi per confermare l' impiego dell'artiglio nel trattamento dei dolori ma secondo Van Haelen questa pianta presenta un'azione simile agli antiinfiammatori non steroidei, in grado di inibire la sintesi delle prostaglandine, senza per presentarne gli effetti collaterali. Il mal di testa, per quanto spesso sottostimato, una vera malattia, riconosciuta a livello internazionale e inserita tra le 20 malattie pi diffuse al mondo. I meccanismi alla base dellinsorgenza di questo disturbo non sono ancora del tutto chiari e spesso sono riconducibili a fattori diversi. Studi sul livello di magnesio nel sangue e nella saliva di persone colpite da mal di testa, sia durante gli attacchi che nei periodi di riposo, offrono interessanti spunti di ricerca. In particolare i risultati di uno studio condotto su giovani affetti da emicrania, con e senza aura, suggeriscono come durante gli attacchi sussista una situazione di deficit di magnesio a livello delle cellule cerebrali e come, partendo da questa considerazione, si potrebbe identificare la soglia per gli attacchi emicranici e di cefalea. Il professor Alexander Mauskop del New York Headache Center, uno degli studiosi pi noti a livello mondiale, concorda sullopportunit di somministrare magnesio a chi soffre di cefalea, in particolare come trattamento preventivo. La carenza di magnesio provocherebbe costrizione e spasmo dei vasi sanguigni del cervello. Le ricerche hanno dimostrato che anche il bilancio dei minerali nellorganismo riveste un ruolo importante nellinsorgenza degli attachi emicranici. Il potassio, per esempio, indispensabile alla trasmissione degli impulsi nervosi a livello celebrale e se il nostro organismo esaurisce le scorte di potassio, frequentemente abbiamo reazioni quali nausea, vomito e cattivo umore. La Vitamine B3 detta anche Niacina si dimostrata utile nel prevenire attacchi di emicrania o tensioni alla testa, grazie alla sua capacit di dilatare i vasi sanguigni aumentando la circolazione periferica. Studi clinici hanno dimostrato che la Vitamina B2 (riboflavina), pucontrastare i sintomi dell'emicrania in quasi il 40% dei soggetti affetti da tale disturbo. In soggetti che prendono 2 mg al giorno di vitamina B2 si

evidenziata una riduzione del 37% dei sintomi dolorosi causati dall'emicrania. La glucosamina un composto naturale che il nostro organismo ricava dal glucosio. necessaria quindi per la produzione di una importante famiglia di macromolecole chiamate appunto glicosaminoglicani (GAG). Con l'invecchiamento (dopo i 35 anni), la quantit di glucosamina prodotta dall'organismo diminuisce progressivamente. Il risultato una deficienza di GAG. Partenio - Specie: Tanacetum parthenium Famiglia: Composite - Droga: fiori Il Tanacetum partenium, pi noto con il nome di Partenio, una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Composite (genere Asteracee). Originaria del Sud Est dell'Europa oggi diffusa in numerose zone europee. I costituenti pi importanti sono lattoni sesquiterpenici; tra i quali il partenolide, fondamentale per l'attivit terapeutica. Altri costituenti chimici contenuti sono flavonoidi, composti guaianolidici, monoterpenici (canfora) e poliacetileni. Nella medicina tradizionale il Partenio stato utilizzato per trattare la febbre, la cefalea, dolori articolari, la dismenorrea, come emmenagogo e per favorire l'espulsione della placenta. stato anche usato come colluttorio e per uso esterno come antisettico per ferite e contusioni. Nella fitoterapia moderna principalmente usato nella profilassi dell'emicrania. Vecchi studi clinici hanno dimostrato, in un esiguo numero di pazienti, che la somministrazione quotidiana di estratti di Partenio determina una riduzione della frequenza e della severit, ma non della durata, degli attacchi di emicrania. Recentemente sono stati pubblicati due studi, uno nel 1988 e uno nel 2000, che hanno operato una revisione degli studi clinici randomizzati, in doppio cieco e verso placebo, condotti per verificarne l'efficacia nella profilassi dell'emicrania. Artiglio del Diavolo Specie: Harpagophytum procumbens Famiglia: Pedaliacee (Scrofulariacee) - Droga: radici una pianta erbacea strisciante che vive nel deserto del Kalahari dove i popoli boscimani hanno imparato ad usarla da millenni come panacea, ma principalmente per le propriet antiinfiammatorie e antidolorifiche. Deve il suo nome ai frutti ricoperti da lunghi uncini. Fu lo studioso tedesco dr. G.H. Menert a riportare le notizie degli usi di questa pianta in Germania allinizio del secolo scorso. Le propriet sono state poi studiate a fondo fino ai giorni nostri. I principi attivi che sono ritenuti responsabili dellazione terapeutica sono dei glicosidi iridoidi (arpagoside, arpagide e procumbide) che si trovano nei tessuti della radice carnosa. Contiene anche fitosteroli (b - sitosterolo e acido eleanoico), flavonoidi (kaempferolo e luteolina), acidi fenolici, e esteri fenilpropanoici. Sebbene i principi attivi responsabili dellattivit antinfiammatoria attivit siano considerati gli iridosidi (harpagoside e harpagide), le sperimentazioni hanno dimostrato che il "fitocomplesso" nel suo insieme possiede un'attivit pi efficace e completa dei singoli principi attivi. Magnesio Il magnesio un minerale essenziale che rappresenta circa lo 0,05% del peso totale del corpo. Il 70% circa di esso si trova nelle ossa insieme al calcio e al fosforo,

CefaVin

mentre il rimanente 30% situato nei tessuti molli e nei fluidi dellorganismo. Il magnesio necessario per la costituzione dello scheletro, per l'attivit nervosa e muscolare, per il metabolismo dei grassi e per la sintesi proteica. Gli integratori di magnesio possono proteggere dalle ischemie cardiache (mancanza di ossigeno del muscolo cardiaco causata da spasmi o restringimenti e intasamenti delle arterie coronarie). Sicuramente il minerale pi indicato come miorilassante e dostensivo, da qui il suo utilizzo nella sindrome premestruale, nei crampi muscolari e nellemicranie. Potassio Il potassio un minerale essenziale che si trova principalmente nel fluido intracellulare (98%) dove costituisce la pi importante forza ionica positiva. Se ne trovano piccole quantit anche nel fluido extracellulare. Il potassio costituisce il 5% del contenuto totale di minerali nellorganismo. Il sangue contiene dai 16 ai 22 mg di potassio. Il potassio e il sodio aiutano a regolare lequilibrio idrico allinterno dellorganismo (il potassio passa pi facilmente), ossia la distribuzione dei fluidi allesterno e linterno delle cellule, e conservano una giusta alcalinit dei fluidi corporei. Il potassio regola anche il passaggio delle sostanze nutritive alle cellule. Ha una funzione nellattivit chimica delle cellule e nella trasmissione degli impulsi elettrochimici. Il Potassio extracellulare coinvolto nei processi di trasmissione dell'impulso nervoso, nel controllo della contrazione muscolare e della pressione arteriosa. Pi del 90% del Potassio alimentare assorbito nell'intestino tenue. quindi un minerale essenziale che costituisce il 5% del contenuto totale di minerali dell'organismo, ed concentrato soprattutto nel fluido intracellulare. Vitamine B2 (Riboflavina) La vitamina B2, conosciuta anche come riboflavina, una vitamina idrosolubile, presente naturalmente in quei cibi in contemporaneamente sono presenti altre vitamine del gruppo B. La riboflavina si rivela stabile al calore, allossidazione e allacido, bench si disintegri in presenza di alcali o della luce, specialmente di quella ultravioletta. Il ruolo della riboflavina unico perch non solo lavora allinterno della cellula per la produzione di energia, ma pulisce anche la cellula da eventuali agenti infettanti. Diminuisce i segni di degenerazione, combatte le screpolature e le ipersecrezioni sebacee. Molte persone con frequenti emicranie soffrono di carenza di vitamina B2. Vitamine B3 (Niacina) La niacina fa parte del complesso B ed idrosolubile. un efficace disintossicante (anche per narcotici e alcol). I ricercatori (che lhanno sperimentata nellambito delle ricerche sul tumore del pancreas) ritengono che la niacina sia un composto chemio - preventivo, una sostanza nutritiva che non pu curare il tumore, ma che pu prevenirlo. La niacina efficace per la circolazione e la riduzione del tasso di colesterolo nel sangue. La niacina viene assorbita nellintestino ed immagazzinata soprattutto nel fegato. La cosa sorprendente a proposito della niacina la velocit con la quale pu curare le disfunzioni. La niacina spesso usata per abbassare la pressione sanguigna alta e per migliorare la circolazione nelle gambe di persone anziane che pre-

sentano crampi e dolori. Si pu evitare che molti mal di testa da emicrania possano raggiungere lo stadio di dolore lancinante con lassunzione di niacina al primo sintomo dellattacco o crisi. Sedici anni dopo uno studio effettuato su individui di sesso maschile, colpiti da infarto, i sopravvissuti che avevano preso la niacina per diminuire il livello dei grassi nel sangue, hanno registrato una mortalit inferiore dell11% rispetto ad un gruppo simile a cui era stato somministrato un placebo. Glucosamina La glucosamina un aminozuccchero ampiamente diffuso in natura, si trova infatti nella chitina, uno dei principali componenti dell'esoscheletro degli insetti e di altri artropodi, della parete cellulare di funghi e batteri, del perisarco degli idroidi ed presente anche nella cuticola epidermica o in altre strutture superficiali di molti altri invertebrati. Dopo la cellulosa, la chitina il pi abbondante biopolimero presente in natura. Quindi la glucosammina viene preparata per isolamento dalla chitina. anche presente naturalmente nellorganismo, principalmente nelle cartilagini, dove viene prodotta per trasformazione del glucosio. La sua assunzione quindi consente di bloccare la generazione di radicali superossidi che determinano l'infiammazione e favorisce la costruzione di cartilagine nuova e blocca la distruzione di quella esistente. Negli ultimi anni sono apparsi molti studi su glucosamina e osteoartrite. La conclusione di questi studi che la glucosamina solfato riduce il dolore e migliora la funzionalit dei giunti ossei (migliora il movimento) nella maggior parte dei soggetti con una leggera o moderata osteoartrite. I risultati sono pi rilevanti dopo le 4 settimane di integrazione. Un importante studio scientifico, pubblicato nel 2001 su Lancet, dimostra che gi dopo 2 mesi la glucosamina in grado di aiutare l'organismo a contrastare lavanzamento dei processi degenerativi e di controllare il dolore che ne deriva. Tutti gli studi dimostrano che la glucosamina sicura, praticamente senza controindicazioni e comunque pi sicura dei farmaci normalmente utilizzati contro l'osteoartrite.

BIBLIOGRAFIA 1. Heptinstall S, Awang DV, Dawson BA, Kindack D, Knight DW, May J Parthenolide content and bioactivity of feverfew (Tanacetum parthenium (L.) Schultz - Bip). Estimation of commercial and authenticated feverfew products. J Pharm Pharmacol 1992; 44: 391 - 395. 2. Williams CA, Harborne JB, Geiger H, Hoult JR. The flavonoids of Tanacetum parthenium and T. vulgare and their anti - inflammatory properties. Phytochemistry 1999; 51: 417 - 42 3. Groenewegen WA, Knight DW, Heptinstall S. Progress in the medicinal chemistry of the herb feverfew. Prog Med Chem 1992; 29: 217 - 238. 4. Knight DW. Feverfew: chemistry and biological activity. Nat Prod Rep 1995; 12: 271 - 276. 5. Johnson ES, Kadam NP, Hylands DM, Hylands PJ. Efficacy of feverfew as prophylactic treatment of migraine. Brit. Med. J 1985; 291: 569 - 573. 6. Diamond S. Herbal therapy for migraine. An unconventional approach. Postgrad Med 1987; 82: 197. 7. Murphy JJ, Heptinstall S, Mitchell JRA. Randomised double - blind placebo - controlled trial of feverfew in migraine prevention. Lancet 1988; 2: 189 - 192. 8. Vogler BK, Pittler MH, Ernst E. Feverfew as a preventive treatment for migraine: a systematic review. Cephalalgia 1998; 18: 704 - 708. 9. Pittler MH, Vogler BK, Ernst E. Feverfew for preventing migraine. Cochrane Database Syst Rev; (3): CD002286. 10. Pattrick M, Heptinstall S, Doherty M. Feverfew in rheumatoid arthritis: a double blind, placebo controlled study. Ann Rheum Dis 1989; 48: 547 - 549. 11. Brown DJ. Herbal Prescriptions for Better Health. Rocklin, CA: Prima Publishing, 1996, 91 - 95. 12. De Weerdt CJ, Bootsma HPR, Hendriks H. Herbal medicines in migraine prevention. Phytomed;3:225 - 30. 13. Collier HO, Butt NM, McDonald - Gibson WJ, Saeed SA. Extract of feverfew inhibits prostaglandin biosynthesis. Lancet 1980; 2: 922 - 923. 14. Pugh WJ, Sambo K. Prostaglandin synthetase inhibitors in feverfew. J Pharm Pharmacol 1988; 40: - 745. 15. Makheja AN, Bailey JM. A platelet phospholipase inhibitor from the medicinal herb feverfew (Tanacetum parthenium). Prostaglandins Leukot Med 1982; 8: 653 - 660.

CefaVin
25

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

ColonVin
Integratore alimentare confezione da 100 mg Cod. EN119
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di piante della tradizione erboristica, opportunamente scelte che sfruttano le loro propriet sinergiche per favorire e sostenere i fisiologici processi digestivi e intestinali. Luso tradizionale di piante come lo psillio, il lino, lagaragar proprio specifico per proteggere le mucose del tratto gastroenterico. Il loro comune denominatore rappresentato dalla mucillagine, polisaccaride che posto in acqua forma soluzioni colloidali viscose. Grazie a questa caratteristica le mucillagini a contatto con le mucose dell'apparato digerente si stratificano rivestendole con uno strato protettivo - viscoso che attenua le irritazioni di qualunque natura (meccanica, termica, chimica). COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: psillio (Plantago psyllium) semi polvere, lino (Linum usitatissimum) semi polvere, agar-agar (Gelidium armansii) alghe polvere, anice verde (Pimpinella anisum) frutti polvere, finocchio (Foeniculum vulgare) semi polvere, zenzero (Zingiber officinalis) rizoma polvere, liquirizia (Glycyrrhiza glabra) radice polvere. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato 1 cucchiaino da caff (circa 2,5 g) 2 volte al d da assumere preferibilmente prima dei pasti principali in poca acqua tiepida. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Il preparato tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti, che opportunamente combinati, agiscono favorevolmente sulle funzioni fisiologiche dellintestino soprattutto nei casi di irritazione o infiammazione. Fondamentale assicurare il buon funzionamento intestinale. A causa di errate abitudini alimentari, stili di vita sedentari, stress lavorativo, si verifica un accumulo di tossine che sviluppano frequentemente irritazioni o infiammazioni intestinali portando ad un rallentamento del transito intestinale con stipsi o stitichezza, o al contrario a casi di dissenteria. Lirregolarit e la costipazione sono, sovente, alla base di molti altri disturbi; nello stesso tempo possono essere una conseguenza e una causa di disordini quali gonfiori e dolori addominali e di squilibrio della flora batterica gastro - intestinale. Psillio - Specie: Plantago psyllium Famiglia: Plantaginaceae - Droga: semi La Plantago psyllium o psillio una pianta officinale appartenente alla famiglia delle plantaginaceae. Cresce principalmente nell'Europa del sud, in Nord Africa e in Asia.La principale caratteristica dei semi di psillio legata proprio al rivestimento mucillaginoso che li ricopre, che a contatto con l'acqua si espande fino ad aumentare di 25 volte il proprio peso. Il pi noto effetto dello psillio, quello lassativo, dipende quindi dalla sua capacit di richiamare liquidi nel lume dell'intestino, gonfiandosi, aumentando il contenuto intestinale e stimolando di conseguenza la peristalsi e l'evacuazione. Il gel che si forma aumenta il volume della

Tenore medio degli ingredienti per dose giornaliera pari a 5 g


Componenti Plantago psyllium semi PLV Linum usitatissimum semi PLV Gelidium armansii alghe PLV Pimpinella anisum frutti PLV Foeniculum vulgare semi PLV Zingiber officinalis rizoma PLV Glycyrrhiza glabra radice PLV per 5 g 2000 mg 1500 mg 1500 mg 250 mg 250 mg 250 mg 250 mg

PLV = polvere

26

massa fecale, ne ammorbidisce il contenuto e stimola la peristalsi intestinale facilitando lo svuotamento e la defecazione. La mucillagine ha inoltre propriet antinfiammatorie e lenitive sulla mucosa, quindi indicata nelle coliti e nel colon irritabile. Per questo suo effetto normalizzante sul transito intestinale e sulla consistenza delle feci, lo psillio si dimostrato utile anche nella diverticolosi; il suo effetto lubrificante, legato alla capacit di aumentare la morbidezza delle feci, lo rende utile anche in presenza di emorroidi e ragadi anali. I semi di psillio vantano anche propriet prebiotiche, grazie alla loro capacit di favorire la crescita di una flora batterica acidofila a discapito di specie batteriche ad azione putrefattiva. I semi di psillio sono quindi utili per rinforzare le difese immunitarie, migliorare l'efficienza intestinale e proteggere il colon - retto. Lino - Specie: Linum usitatissimum Famiglia: Linaceae - Droga: semi Il lino era coltivato gi nell'epoca preistorica sia per le fibre, atte alla filatura, sia per i semi commestibili. I medici ippocratici, Teofrasto, Dioscoride, Plinio e tanti altri, utilizzavano la pianta per curare infiammazioni "interne ed esterne", disturbi intestinali, tosse ecc. Attualmente la prescrizione dei semi trova indicazione nel trattamento della stipsi, nei soggetti affetti da intestino irritabile e in coloro che hanno il colon danneggiato. I suoi semi ricchi di mucillagini esplicano infatti un effetto emolliente ed antinfiammatorio. Le mucillagini sono in grado di rigonfiare nell'intestino e l'aumento della massa fecale provoca, un aumento della peristalsi grazie alla conseguente stimolazione del riflesso di stiramento, da qui l'effetto lassativo. I semi contengono anche una frazione minerale ricca in sali di potassio, calcio, magnesio che contribuisce a ottimizzare la loro azione salutistica. Agar - Agar - Specie: Gelidum armansii Famiglia: Gelidiacee - Droga: alghe L'Agar - Agar, estratto da alcune alghe della famiglia delle gelidiacee, viene prima disseccato e poi lavorato. Ha un alto contenuto di mucillagini (65%) e di Carragenina (sostanza gelatinosa, nota in farmacopea come alginato). La gelatina prodotta dallagar - agar ha un sapore tenue ed molto nutriente perch ricca di minerali. Ma non solo, lagar - agar il suo principale utilizzo in fitoterapia legato all'effetto calmante, antinfiammatorio, e protettivo che esso esercita a livello della mucosa gastrica e dell'intestino poich ricopre con un sottile strato le mucose e le protegge dagli ulteriori danni dell'infiammazione. A dosaggi pi elevati esso efficacissimo come lassativo: per la propriet di idratarsi, aumenta la massa intestinale e si comporta da purgante meccanico, privo di effetti collaterali. Liquirizia - Specie: Glycyrrhiza glabra L. Famiglia: Fabacee - Droga: radice Pianta erbacea, a cespuglio, diffusa in Europa orientale e meridionale, le infiorescenze sono a spighe formate da piccoli fiori lilla, era una pianta nota in India e Antico Egitto. Impiegata gi cinquemila anni fa in Cina per curare mal di gola, tosse, malaria e intossicazioni alimentari, viene citata anche da Ippo-

crate che la impiegava per le affezioni respiratorie e per lasma. La Radice di Liquirizia migliora la funzione delle ghiandole surrenali, deterge il colon, ripristina l'equilibrio del corpo, e combatte i batteri, i virus, e riduce le infiammazioni. Le parti della liquirizia che vengono utilizzate sono la radice (rizoma) e gli stoloni, cio i fusti orizzontali sotterranei. La liquirizia esplica un' azione protettiva sullo stomaco grazie alle sue attivit antigastritica e antiulcerosa, legate soprattutto alla glicirrizina ma anche ai flavonoidi. Tale azione sembra dovuta sia ad un aumento della secrezione del muco gastrico da parte delle cellule della parete dello stomaco, sia ad un'attivit diretta sulla mucosa infiammata e/o ulcerata, e determina un rapido miglioramento della sintomatologia del paziente. L'azione anti - infiammatoria legata probabilmente al potenziamento indiretto dell'attivit degli ormoni glicocorticoidi. La glicirrizina e il suo derivato acido glicirretico inibiscono alcuni enzimi che degradano i glicocorticoidi, aumentandone in tal modo i livelli nel sangue. Inoltre i flavonoidi di cui la pianta ricca inibiscono l'attivit di enzimi che stimolano la produzione di sostanze endogene che favoriscono i processi infiammatori. Zenzero - Specie: Zingiber officinalis Famiglia: Zingiberaceae - Droga: rizoma Lo Zenzero originario dellAsia meridionale ma largamente coltivato in tutte le regioni tropicali. I principi attivi sono rappresentati da gingerina, gingerolo, gingerone, zingiberina, linalolo, canfene, fellandrene, citrale, cineolo, borneolo. Il rizoma da sempre usato in India e Cina come spezia, rientra inoltre come medicamento molto usato dalla medicina orientale. A livello intestinale, grazie ai suoi principi attivi, aumenta il tono della parete muscolare attivando la peristalsi. Lo zenzero pu essere utilizzato nel trattamento dei disturbi dellapparato digerente, in quanto in grado di: migliorare la digestione, concorrere a ripristinare una flora intestinale ottimale, contrastare i principali disturbi causati dalle disfunzioni dellapparato digerente. In effetti, lo Zenzero in grado di ottimizzare la digestione e lassorbimento intestinale, grazie alle sue propriet stimolanti lassunzione del cibo (contrasto dellinappetenza) e alla sua capacit di incrementare le funzioni digestive e di assorbimento. Finocchio - Specie: Foeniculum vulgare Famiglia: Apiaceae - Droga: semi Il principale effetto del finocchio quello carminativo come conseguenza della sua capacit di inibire i processi fermentativi nel grosso intestino sia dalla sua azione antispastica sulla muscolatura liscia del colon. Infatti durante la fermentazione intestinale, in particolare quella degli zuccheri, vengono prodotte elevate quantit di biogas, che fanno rigonfiare l'intestino e stimolano le contrazioni della muscolatura liscia, provocando senso di gonfiore, flatulenza e dolori all'addome. Uno studio clinico ha evidenziato che il Finocchio ha, su questi sintomi, un'efficacia paragonabile a quella della metoclopramide, un noto farmaco ad azione digestiva, ma con un'incidenza di effetti collaterali assai minore. L'olio essenziale di finocchio provoca rilassamento della muscolatura li-

ColonVin
27

scia dellintestino. Il meccanismo di azione alla base di questo effetto sembra riconducibile alla capacit dell'olio essenziale di impedire la penetrazione del calcio nelle cellule muscolari lisce della parete intestinale riducendone cos la capacit contrattile. Per questo motivo viene frequentemente utilizzato per ridurre anche gli spasmi dolorosi tipici della sindrome del colon irritabile. Anice Verde - Specie: Pimpinella anisum Famiglia: Apiaceae - Droga: semi A questa pianta vengono tradizionalmente attribuite propriet di riduzione del meteorismo intestinale e spasmolitiche, oltre che inibenti i processi di fermentazione intestinale. Questa pianta viene normalmente utilizzata nel trattamento dei disturbi digestivi quali sensazione di gonfiore a livello addominale, insufficienza digestiva, eruttazioni, flatulenza e come coadiuvante nella terapia del colon irritabile. L'olio essenziale di anice verde provoca rilassamento sulla muscolatura liscia dell'intestino e in misura minore anche su quella della trachea, regolarizzandone nel contempo la motilit. L'Anice verde e il Finocchio usati assieme mostrano un netto sinergismo d'azione.

phytochimie plantes medicinales. Ed. Lavoisier, Paris, 1993. 27. Fintelmann V. Modern phytotherapy and its uses in gastrointestinal conditions. Planta Med. 57, S 48 - S 52, 1991. 28. Westpahl J. et al. Phytotherapy in functional upper abdominal complaints: results of a clinical study with a preparation of several plants. Phytomedicine 2, 285 - 291, 1996. 29. Deans S.G et al. The antibacterial properties of plant essential oils. Int. J. Food Microbiol. 5, 265 - 280, 1987. 30. Schilcher H. Fitoterapia in pediatria. Ed. OEMF, 1996. 31. Reiter M. et al. Relaxant effects on tracheal and ileal smooth muscles of the guinea pig. Arzneimittelforschung 35:1A, 408 - 414, 1985. 32. Zhu M. et al. Effect of oral administration of fennel (Foeniculum vulgare) on ciprofloxacin absorption and disposition in the rat. J. Pharm. Pharmacol. 51, 1391 - 1396, 2000. 33. Alexandrovich I. et al. The effect of fennel (Foeniculum Vulgare) seed oil emulsion in infantile colic: a randomized, placebo - controlled study. Altern Ther Health Med. 9(4):58 - 61, 2003. 34. Bruneton J. Pharmacognosie et phytochimie plantes medicinales. Ed. Lavoisier, Paris, 1993. 35. Fintelmann V. Modern phytotherapy and its uses in gastrointestinal conditions. Planta Med. 57, S 48 - S 52, 1991. 36. Westpahl J. et al. Phytotherapy in functional upper abdominal complaints: results of a clinical study with a preparation of several plants. Phytomedicine 2, 285 - 291, 1996. 37. Deans S.G et al. The antibacterial properties of plant essential oils. Int. J. Food Microbiol. 5, 265 - 280, 1987. 38. Schilcher H. Fitoterapia in pediatria. Ed. OEMF, 1996. 39. Reiter M. et al. Relaxant effects on tracheal and ileal smooth muscles of the guinea pig. Arzneimittelforschung 35:1A, 408 - 414, 1985.

ColonVin
28

BIBLIOGRAFIA 1. Farese R.V. et al. Licorice - induced hypermineralocorticoidism. New Engl. J. Med. 325, 1223 - 1227, 1991. 2. De Klerk G.J. et al. Hypokaliaemia and hypertension associated with use of liquorice flavoured chewing.gum. Br. Med. J. 314, 731 - 732, 1997. 3. Walker B.R. et al. Licorice - induced hypertension and syndromes of apparent mineralocorticoid excess. Endocrinol. Metab. Clin. North America 23, 359 377, 1994. 4. Caradonna P. et al. Acute miopathy associated with chronic licorice ingestion: reversible loss of myoadenylate deaminase activity. Ultrastructural Pathol. 16, 529 - 535, 1992. 5. Bernardi M. et al. Effect of prolonged ingestion of graded doses of licorice by healthy volunteers. Life Sci. 55, 863 - 872, 1994. 6. Soma R. et al. Effect of glycyrrhizin on cortisol metabolism in humans. Endocr. Regul. 28, 31 - 34, 1994. 7. Dehpour A.R. et al. The protective effect of liquorice components and their derivatives against gastric ulcer induced by aspirin in rats. J. Pharmacy Pharmacol. 46, 148 - 149,1994. 8. Ishii Y. et al. Effects of FM 100, a fraction of licorice root, on serum gastrin concentrations in rats and dogs. Jap. J. Pharmacol. 32, 23 - 27, 1982. 9. Shibata S. A drug over the millennia: pharmacognosy, chemistry, and pharmacology of licorice. Yakugaku Zasshi 120, 849 - 862, 2000. 10. Olukoga A. et al. Liquorice and its health implications. J. R. Soc. Health 120, 83 - 89, 2000. 11. Fischer - Rasmussen W. et al. Ginger treatment of hyperemesis gravidarum. Eur. J. Obstet. Gynecol. Reprod. Biol. 38, 19 - 24, 1991. 12. Bone M.E. et al. Ginger root, a new antiemetic. The effect of ginger root on postoperative nausea and vomiting after major gynaecological surgery. Anaesthesia 45, 669 - 671, 1990. 13. Holtmann S. et al. The anti - motion sickness mechanism of ginger. A comparative study with placebo and dimenhydrinate. Acta Otolaryngol. (Stockh.) 108, 168 - 174, 1989. 14. Al Yahya M.A. et al. Gastroprotective activity of zingiber officinalis Roscoe in albino rats. Am. J. Chin. Med. 17, 51 - 56, 1989. 15. Ernst E. et al. Efficacy of ginger for nausea and vomiting: a systematic review of randomized clinical trials. Br. J. Anaesth. 84, 367 - 371, 2000. 16. Weidner M.S. et al. The safety of a ginger extract in the rat. J. Ethnopharmacol. 73, 513 - 520, 2000. 17. Weidner M.S. et al. Investigation of the teratogenic potential of a Zingiber officinale extract in the rat. Reprod. Toxicol. 15, 75 - 80, 2001. 18. Vutyavanich T. et al. Ginger for nausea and vomiting in pregnancy: randomized, double - masked, placebo - controlled trial. Obstet. Gynecol. 97, 577 - 582, 2001. 19. Power M.L. et al. A survey on the management of nausea and vomiting in pregnancy by obstetrician/gynecologists. Primary Care Update for Ob/Gyns 8, pp. 69 - 72, 2001. 20. Niebyl J. R. et al. Overview of nausea and vomiting of pregnancy with an emphasis on vitamins and ginger. Am. J. Obstet. Gynecol. 185 (5 Suppl Understanding): S253 - 255, 2002. 21. Willetts K.E. et al. Effect of a ginger extract on pregnancy - induced nausea: a randomised controlled trial. Aust N Z J Obstet Gynaecol. 43(2):139 - 44, 2003. 22. Portnoi G. et al. Prospective comparative study of the safety and effectiveness of ginger for the treatment of nausea and vomiting in pregnancy. Am J ObstetGynecol. 189(5):1374 - 7, 2003. 23. Smith C. Et al. A randomized controlled trial of ginger to treat nausea and vomiting in pregnancy. Obstet Gynecol. 103(4):639 - 45, 2004. 24. Borrelli F. et al. Effectiveness and safety of ginger in the treatment of pregnancy - induced nausea and vomiting. Obstet Gynecol. 105(4):849 - 56, 2005. 25. Betz O. et al. Is ginger a clinically relevant antiemetic? A systematic review of randomized controlled trials. Forsch Komplementarmed Klass Naturheilkd. 12(1):14 - 23, 2005. 26. Bruneton J. Pharmacognosie et

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

ControKal
Integratore alimentare confezione da 60 compresse da 500 mg

VO NUO OTTO D PRO

Cod. EN147
INDICAZIONI SALUTISTICHE Valido coadiuvante in regimi dietetici ipocalorici rivolti alla perdita di peso corporeo. Indicato per ridurre la massa grassa senza diminuire od intaccare la massa magra. Ricordiamo che il prodotto va sempre associato ad una dieta ipocalorica e ad una buona attivit fisica. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: garcinia (Garcinia cambogia) scorza del frutto estratto secco (titolato al 60% in acido idrossicitrico), gymnema (Gymnema silvestre) foglie disseccate estratto secco (titolato al 25% in acido gymnemico), griffonia (Griffonia simplicifoglia) semi della pianta estratto secco (in 10% 5-idrossi-triptofano 5-HTP), acai (Euterpe oleracea Mart.) bacche estratto secco, fucus (Fucus vesiculosus L.) tallo disseccato estratto secco (in 0,2% Iodio totale), glucomannano (Amorphophallus konjac) polvere (80-85%). Vitamine e minerali a supporto dellazione salutistica: vitamina C, tirosina-L, Lglutamina, carnitina-L, vitamina B3, vitamina B5, vitamina B2, vitamina B6, cromo picolinato, vitamina B12. Eccipienti: agente di carica: cellulosa microcristallina; antiagglomeranti: magnesio stearato vegetale, biossido di silicio. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Assumere 4 compresse al giorno. 2 compresse preferibilmente mezzora prima di pranzo e 2 mezzora prima di cena. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit verso uno dei costituenti. Si sconsiglia lutilizzo a soggetti con disturbi tiroidei (ipertiroidismo) a causa della presenza di iodio presente nell alga Fucus. Sconsigliato in gravidanza ed allattamento. EFFETTI INDESIDERATI Non riscontrati ai normali dosaggi. Sovradosaggi potrebbero indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico allestratto secco prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilita dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi, funge da catalizzatore e attivatore. importante tenere presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati come estratti secchi. Il preparato favorisce una maggiore attivazione del metabolismo lipidico favorendo il fisiologico processo di termogenesi, inoltre controlla lassorbimento degli zuccheri e il senso di fame. Ad una formula base composta da estratti vegetali in grado di controllare il peso corporeo, sono stati aggiunti minerali e vitamine in grado di riequilibrare processi metabolici che influenzano il fisiologico metabolismo dei nutrienti. come ad esempio il cromo picolinato importante nella regolazione dellinsulina.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Garcinia ES acido idrossicitrico Gymnema ES acido gymnemico Griffonia ES idrossitriptofano Acai ES Fucus ES iodio Glucomannano Vitamina C - 100% RDA L-glutammina L-carnitina L-tirosina Vitamina B3 - 100% RDA Vitamina B5 acido pantotenico - 100% RDA Vitamina B5 acido pantotenico - 100% RDA Vitamina B2 - 100% RDA Vitamina B6 - 100% RDA Cromo - 100% RDA Vitamina B12 - 100% RDA per 4 cpr 340 mg 180 mg 340 mg 74,8 mg 240 mg 40 mg 240 mg 240 mg 0,2 mg 200 mg 80 mg 40 mg 40 mg 40 mg 16 mg 6 mg

6 mg

1,4 mg 1,4 mg 40 mcg 2,5 mcg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

29

Il cromo un minerale essenziale nella nutrizione umana ed stato ormai dimostrato il suo fondamentale ruolo nel metabolismo dei carboidrati. In carenza di cromo si sviluppa una intolleranza al glucosio.Nella forma di picolinato particolarmente attivo e biodisponibile, numerosi sono gli studi effettuati utilizzando il cromo in questa forma salina che hanno dimostrato la sua capacit di mobilitare le riserve di grasso e facilitarne il loro catabolismo La gymnema (Gymnema sylvestre R. Br.) una pianta che cresce nella foresta pluviale dell'India Centrale e Meridionale. Impiegata da tempo nella cura del diabete di tipo 2. Il suo nome indiano, "gurmar", significa "distruttore di zuccheri". Secondo la cultura popolare, masticare le foglie della pianta fa svanire il sapore dolce che quindi non viene pi percepito. La gymnema grazie alla presenza di acido gymnemico che mima la struttura del glucosio, inibisce i recettori degli zuccheri e quindi riduce l'assorbimento del glucosio a livello intestinale. Il glucomannano (Amorphophallus Konjac Koch) una fibra alimentare idrosolubile derivata dalla radice di Amorphophallus konjac dotata di notevole capacit di rigonfiamento (accresce il proprio volume di circa 90 volte quello secco). Questo rigonfiamento massimo in ambiente acido e pertanto assai utile per la sua azione saziante di tipo meccanico, a livello dello stomaco. Questo aumento di volume inizia circa 15 minuti dopo l'ingestione e raggiunge il massimo valore dopo circa 60 minuti. Questa droga permane nello stomaco per circa due ore, dopodich passa nell'intestino , dove non viene assorbito e quindi non causa alcun effetto sistemico. La massa mucillaginosa, giunta all'intestino, esercita azione lassativa massaggiando le parti intestinali e stimolando in tal modo l'evacuazione. Questa pianta in grado di ridurre l'assorbimento intestinale dei lipidi, in particolare del colesterolo. Il glucomannano un integratore di fibre utilizzabili per favorire il senso di saziet. Fondamentale lassunzione di abbondante acqua, almeno due bicchieri (la fibra deve avere la possibilit di rigonfiarsi e diventare quella massa gelatinosa capace di svolgere le sue azioni), mezzora prima del pasto. Il frutto della garcinia (Garnina Cambogia Gaernt.) come molte Clusiacee, produce una resina di gomma arancio-marrone usata una volta come pigmento in polvere. La scorza del frutto utilizzata da secoliterapeutici per le sue propriet salutistiche ed considerata un taglia-fame efficace. Dalla scorza del frutto di Garcinia si ottiene un estratto secco titolato al 60% in acido idrossicitrico. Questa molecola capace di bloccare in modo reversibile lattivit della citratoliasi presente nel citoplasma degli epatociti. Questo lenzima che catalizza la trasformazione del citrato in ossalacetato ed acetil-CoA, substrato per la sintesi degli acidi grassi e del colesterolo. Al blocco enzimatico consegue: ridotta sintesi di acidi grassi e colesterolo, riduzione del deposito di lipidi nel tessuto adiposo, stimolo della glicogenosintesi, riduzione dellappettito.

serotonina, neurotrasmettitore che oltre a svolgere un ruolo importante nella regolazione dellumore, del sonno, della temperatura corporea, della sessualit e dell appetito, determina un aumento della motilit intestinale. ben assorbito a livello intestinale, attraversa la barriera ematoencefalica senza alcuna sostanza di trasporto, incrementa i livelli di serotonina, melatonina, dopamina, betaendorfine e noradrenalina. Ricerche hanno dimostrato che utile in caso di: depressione unipolare, bipolare, fibromialgia, emicrania, obesit, ansia, insonnia. Pu ridurre anche la cosiddetta "fame nervosa" di frequente associata a stati depressivi, che si manifesta con un desiderio smodato di carboidrati che pu condurre ad un aumento di peso. Un gruppo di ricercatori italiani ha condotto uno studio su 20 pazienti obesi trattati con 900 mg/ d di 5-htp. I volontari hanno riferito una significativa riduzione degli attacchi di fame, desiderio di zuccheri, al termine dello studio tutti i 20 pazienti riportarono riduzioni del peso. Fucus (Fucus Vesicolosus L.) alga contenente fenoli, polisaccaridi (fucoiodina), uno steroide (fucosterina), minerali come potassio, silicio, ma in particolar modo iodio in combinazione organica ed inorganica (fino allo 0,5%). Particolarmente ricco di iodio favorisce la funzionalit tiroidea e laumento conseguente del metabolismo. Stimola il ricambio generale determinando condizioni favorevoli alla perdita del peso corporeo in eccesso, aiuta a mobilitare i grassi presenti nel pannicolo adiposo e stimola leliminazione dei liquidi trattenuti, attivando la circolazione sanguigna periferica. Lacai (Euterpe oleracea Mart.) una pianta i cui frutti sono costituiti da bacche ricche di antiossidanti, fibre, vitamine (A - B - C - E) e minerali in grado di contrastare efficacemente lazione dei radicali liberi prodotti in eccesso come conseguenza a stress psicofisico e ad un errato stile di vita. Oltre che allelevata propriet antiossidante le bacche sono in grado di attivare e velocizzare il metabolismo favorendo numerosi processi fisiologici e biochimici. La concentrazione di antiossidanti dellacai, gli antociani responsabili del suo colore rosso porpora, trenta volte superiore a quella rinvenibile nel vino rosso e tre volte superiore a quella contenuta nel mirtillo. A ci si aggiunge lazione sinergica di fitosteroli e acidi grassi omega 6 e omega 9, che permette di controllare i livelli di colesterolo cattivo rendendo lacai utile per preservare il benessere del cuore. La glutamina uno dei pi abbondanti aminoacidi del nostro corpo ed molto importante per il metabolismo energetico e la funzionalit del sistema immunitario. Lassunzione di glutamina pu promuovere la perdita di grasso. Ricercatori brasiliani hanno scoperto che la glutamina aggiunta a colture cellulari in laboratorio induceva insulino-resistenza nelle cellule adipose, ma non nelle cellule muscolari. Questo significa che la glutamina rende pi difficile laccumulo di grasso e pi facile per lorganismo lutilizzo dei grassi come combustibile. Inoltre, la glutamina aumenta lazione dellinsulina nel muscolo e favorisce lutilizzo dello zucchero del sangue. Luso a lungo termine della glutamina potrebbe avere un effetto significativo sulla

ControKal
30

La griffonia (Griffonia simplicifolia Baill.) semi, ricchi in triptofano e 5-idrossitriptofano precursore della

composizione corporea in quanto essa promuove lossidazione dei grassi e ne inibisce laccumulo. (Diabetologia, 58: 1949-1959, 2007). La tirosina un aminoacido utilizzato dall'organismo per produrre svariati importanti ormoni e neurotrasmettitori, compresi Norepinefrina (NE), dopamina e gli ormoni tiroidei La tiroide responsabile della produzione delle cellule-T. La L-tirosina influenza la produzione di tiroxina (cellule-T) che, a sua volta, bilancia il metabolismo basale favorendo il dimagrimento e la prontezza mentale. La ricerca conferma che, negli esseri umani, la tirosina alimentare aumenta i livelli di Norepinefrina (NE), stimolando il metabolismo e l'eliminazione del grasso; i livelli pi elevati di Norepinefrina (NE) hanno inoltre un effetto diretto sul controllo cerebrale dell'appetito. Per questa ragione la L-tirosina pu risultare efficace anche per la perdita di peso. La carnitina favorisce il trasporto dei grassi nelle cellule, dove viene bruciato per produrre energia. La ricerca mostra che migliora il dimagrimento durante l'attivit fisica e le diete povere di carboidrati. Oltre a questi amminoacidi molto importante lintero complesso di vitamine del gruppo B: B2, B3, B5, B12 e la vitamina B6 per esempio necessaria per la produzione di proteine. Senza queste vitamine, il metabolismo degli amminoacidi glutamina, tirosina e carnitina viene compromesso. La vitamina C (acido ascorbico) una vitamina idrosolubile essenziale per luomo, il che significa che deve essere obbligatoriamente fornita dall'esterno infatti gli esseri umani, come anche poche altre specie, non sono capaci di sintetizzarla autonomamente, a causa della mancanza della L-gulono-gamma-lattone ossidasi, l'ultimo enzima della catena biosintetica che dal glucosio porta appunto all'acido ascorbico. La vitamina C, ha un ruolo fondamentale nei processi ossidoriduttivi dellorganismo.

BIBLIOGRAFIA 1. 1. Rudman, D., Feller, A.G., Cohn, L., Shetty, K.R., Rudman, I.W. & Draper, M.W. (1991) Effects of human growth hormone on body composition Hormone research, Volume 36 supplement 1, (pp. 73-81). 2. Williams, J.Z., Abumrad, N. & Barbul, A. (2002) Effect of a Specialized Amino Acid Mixture on Human Collagen Deposition Annals of Surgery, Volume 236, issue 3, (pp. 369 375). 3. Merimee, T.J., Lillicrap, D.A. & Rabinowitz, D. (1965) Effect of arginine on serum-levels of human growthhormone Lancet, Volume 2, issue 7414, (pp. 668-670). 4. Welbourne, T.C. (1995) Increased plasma bicarbonate and growth hormone after an oral glutamine load The American Journal Of Clinical Nutrition, Volume 61, issue 5, (pp. 1058-1061). 5. Kasai, K., Kobayashi, M. & Shimoda, S.I. (1978) Stimulatory effect of glycine on human growth hormone secretion Metabolism, Clinical and Experimental, Volume 27, issue 2, (pp. 201-208). 6. Evangeliou, A. & Vlassopoulos, D. (2003) Carnitine Metabolism and Deficit When Supplementation is Necessary? Current Pharmaceutical Biotechnology (pp. 211-219). 7. Mller, D.M., Seim, H., Kiess, W., Lster, H. & Richter, T. (2002) Effects of Oral l-Carnitine Supplementation on In Vivo Long-Chain Fatty Acid Oxidation in Healthy Adults Metabolism, Vol. 51, issue 11, (pp. 1389-1391). 8. Wutzke, K.D. & Lorenz, H. (2004) The Effect of l-Carnitine on Fat Oxidation, Protein Turnover, and Body Composition in Slightly Overweight Subjects Metabolism, Vol. 53, issue 8, (pp. 1002-1006). 9. Reda, E., D'Iddio, S., Nicolai, R., Benatti, P. & Calvani, M. (2003) The Carnitine System and Body Composition Acta Diabetol, issue 40, (pp. 106113). 10. Luppa, D. (2004) Beteiligung von L-Carnitin an der Regulation des Fett- und Kohlenhydratstoffwechsels Klinische Sportmedizin /Clinical Sports Medicine, Volume 5, issue 1, (pp. 25-34). 11. Prada, P.O., Hirabara, S.M., de Souza, C.T., Schenka, A.A., Zecchin,H.G., Vassallo, J., Velloso, L.A., Carneiro, E., Carvalheira, J.B., Curi, R. & Saad, M.J. (2007) L-glutamine supplementation induces insulin resistance in adipose tissue and improves insulin signalling in liver and muscle with diet-induced obesity Diabetologia, Volume 50, issue 9, (pp. 149-159). 12. Bowtell, J.L., Gelly, K., Jackman, M.L., Patel, A., Simeoni, M. & Rennie, M.J. (1999) Effect of oral glutamine on whole body carbohydrate storage during recovery from exhaustive exercise Journal Of Applied Physiology, Volume 86, issue 6, (pp. 1770-1777). 13. Yamamoto M, Shimura S, Itoh Y, Ohsaka T, Egawa M, Inoue S. 14. Department of Biotechnology, Lotte Co. Ltd, 3-1-1 Numakage, Urawa-shi, Saitama, Japan. 15. Bhatt AD, Dalal DG, Sshah SJ, Joshi BA, Gajjar MN, Vaidya RA, Vaidya AB, Antarkar DS. 16. Swami Prakashananda Ayurveda Reasearch Centre, Juhu, Bombay. 17. Hoeger WW, Harris C, Long EM, Hopkins DR. 18. Department of Physical Education, Boise State University, ID 83725, USA. 19. Han LK, Takaku T, Li J, Kimura Y, Okuda H. 20. 2nd Department of Medical Biochemistry, School of Medicine, Ehime University, Japan. 21. Yoshida T, Sakane N, Wakabayashi Y, Umekawa T, Kondo M. 22. First Department of Internal Medicine, Kyoto Prefectural University of Medicine, Japan. 23. Nagasawa H, Iwabuchi T, Inatomi H. Experimental Animal Research Laboratori, Meiji University, Kanagawa, Japan. 24. Effect of a hydrophilic mucilage in the treatment of obese patients. Enzi G, Inelmen EM, Crepaldi G. 25. Cangiano C, Ceci F, Cascino A, et al. Eattting behavior and adherence to dietary prescriptions in obese subjects treated with 5-hydroxytryptophan. Am J Clin Nutr.1992 56 863-868. 26. Blundell J Pharmacological approaches to appetite suppression. Trends Pharmacol 1991 12 147-157. 27. Titus F, Davalos A, Alom J, Codina A. 5-Hydroxitryptophan versus methysergide in the prophylaxis of migraine. Randomized clinical trial. Eur neurol 1986 25 327-329. 28. Dillon JC, Phuc AP, Dubbacq JP. Nutritional value of the alga Spirulina. World Rev Nutr Diet 1995 77 32-46. 29. Becker EW, Jakober B, Luft D, et al. Clinical and biochemical evaluations of the alga Spirulina with regard to its application in the treatment of obesit. A double-blind crossover study. Nutr Rep Intl 1986 33 565-73. 30. Saner G, Yzbasiyan V, Neyzi O, et al. Alteratine of chromium metabolism and effect of chromium supplementation in Turners sindrome patients. Am J Clin Nutr 1983 38 574-78. 31. Riales R, Albrink MJ. Effect of chromium chloride supplementation on glucose tolerance and serum lipids includine high-density lipoprotein of adult men. Am J Clin Nutr 1981 34 2670-78. 32. Wang MM, Fox EZ, Stoecker BJ, et al. Serum cholesterol of adults supplemented with brewers yeast or chromium chloride. Nutr Res 1989 9 989-98. 33. Sterns DM, Belbruno JJ, Wetterhahh KE. A prediction of chromium (III) accumulation in humans from chromium dietary supplements. FASEB J 1995 9 1643-49. 34. Cerulli J, Grabe DW, Guathier I, et al. Chromium picolinate toxicity. Ann Pharmacoter 1998 32 42831. 35. George et al, J. Sci. Ind. Res, 1947,6B:42. 36. Satyavati, G.V. Ashok, K.G. and Tandon, N. eds " Medicinal Plants of India, " ICMR, New Delhi.1987,2:426. 37. Dhar et al. Ind J. Exp. Biol,1968,6:232. 38. Hashimoto K, Yasuda T, Ohsawa KJ. J Chromatogor.

ControKal
31

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

CorallVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN116
INDICAZIONI SALUTISTICHE Corallvin un integratore alimentare formulato con estratti vegetali comunemente utilizzati nell'ambito della tradizione erboristica, che in anni di utilizzo empirico hanno dimostrato i loro effetti benefici, ora confermati dalla scienza moderna. Sono state associate piante che, grazie a meccanismi di azione diversi, permettono di intervenire in modo efficace sul mantenimento del fisiologico stato di benessere dell'organismo e in particolare a livello di ossa, articolazioni, tendini, e legamenti, preservando la naturale flessibilit articolare. Questa formulazione stata studiata in modo da fornire all'organismo un'elevata biodisponibilit dei costituenti principali. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: acqua distillata, alcol etilico, miele, bamboo (Bambusa vulgaris Schrader) fusto estratto secco titolato al 70% in silicio organico, equiseto (Equisetum arvense L) pianta intera estratto secco titolato al 10% in silice. Olio essenziale di limone (Citrus Limonum) scorze. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). Minerali in quantit di oligoelementi: Ca gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato quindi di 3 - 5 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico allEstratto secco prima della miscelazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi, funge da catalizzatore e attivatore. importante tenere presente che luso di alcuni solventi come vino, alcol etilico, quando vengono sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati come l'estratto secco. Tutti i costituenti dellintegratore CORALVIN agiscono in modo sinergico a livello dei siti di azione con tropismo a livello dellapparato osteo - articolare: ossa, articolazioni, tendini, e legamenti. La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi. Bamboo - Specie: Bambusa vulgaris Schrader Famiglia: Graminaceae (Poaceae) - Droga: fusto (rami) Il Bamb una pianta perenne originaria della Cina e di tutte le regioni umide tropicali e subtropicali dellAsia, che cresce fino a 30 - 40 metri di altezza. Bamb il nome dato collettivamente a tutte le specie delle Bambusoideae che annoverano in totale circa 1200 piante. L'interesse suscitato dalla fitoterapia nei

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Bamboo fusto App. in silice Equiseto pianta intera App. in silice Limone scorze OE per 1 ml 10 mg 7 mg 10 mg 0,2 mg 1 mg

OE = olio essenziale

32

confronti del Bamb relativo all'elevatissima concentrazione di silicio, per questo possibile disporre di estratti ad alta titolazione in silicio, fino al 70%. Nel corpo umano il silicio un componente indispensabile per la formazione ossea ed il tessuto connettivo, favorisce lassimilazione di minerali come calcio, magnesio, fosforo, potassio, sodio, zolfo, alluminio, cobalto e di tanti altri elementi e una sua carenza porta all'indebolimento del tessuto connettivo. Tecnicamente parlando, il silicio indispensabile nella sintesi di collagene e del tessuto connettivo, oltre ad essere un costituente importante del tessuto osteoide. In breve lefunzioni pi importanti del silicio allinterno del nostro organismo: 1. di vitale importanza nella formazione della cartilagine e per la protezione delle articolazioni e dei legamenti; 2. il rivestimento pi interno di tessuto arterioso ha bisogno del silicio per mantenersi sano e resistente; 3. stimola il metabolismo e la formazione cellulare, ha inoltre leggere propriet disinfettanti e anti - infiammatorie; 4. fa aumentare l'elasticit dei vasi capillari. Quantit sufficienti di silicio possono ritardare il processo di invecchiamento, perch rafforzano il sistema immunitario. Man mano che il nostro corpo invecchia, utilizza quantit di silicio sempre pi elevate ed questo uno dei motivi importanti per reintegrare il silicio con la dieta. Equiseto - Specie: Equisetum arvense L. Famiglia: Equisetaceae Droga: pianta intera (rami e steli) L'Equiseto una pianta molto antica che vanta azioni diuretiche e coagulanti, il cui uso terapeutico risale ai pi antichi trattati di medicina in cui si tramandano le virt remineralizzanti, diuretiche ed emostatiche. I greci ed i latini, usavano fare un pastone che somministravano prima e dopo le campagne belliche ai cavalli in modo da assicurare agli animali, una buona riserva di ferro e di energia. Attualmente viene utilizzato soprattutto per il suo alto contenuto in silice (SiO2, biossido di silicio), sostanza che partecipa come abbiamo visto, ai processi di calcificazione delle ossa perch facilita il deposito di calcio. L'equiseto un integratore naturale di minerali utilizzato nei casi di infiammazione delle articolazioni e anche per i calcoli renali perch il silicio partecipa al legame tra proteine e mucopolisaccaridi contribuendo al mantenimento dell'integrit delle cartilagini e dei vasi sanguigni. L'azione diuretica dell'equiseto non altera l'equilibrio elettrolitico del corpo, e si dimostra molto utile nei casi di cistiti, uretriti e prostatiti e per l'espulsione di piccoli calcoli renali. Per l'azione rimineralizzante invece consigliato in caso di osteoporosi e dopo fratture o interventi chirurgici. indicato anche per i vari problemi di tipo articolare come l'artrite e l'artrosi. I flavonoidi dell'equiseto lo rendono attivo infine anche nella protezione dei vasi di cui ne riduce la permeabilit e la fragilit capillare, aumentandone la resistenza e riducendo le possibili lesioni vascolari che causano la formazione di placche arteriosclerotiche.

Calcio un macroelemento indispensabile per la crescita dellorganismo. Senza calcio non sarebbero possibili moltissimi dei processi che avvengono nel nostro organismo come per esempio, la scissione delle cellule e la sintesi delle proteine. un elemento fondamentale per il tessuto osseo, aiuta a mantenere denti, unghie e capelli sani stimolando il sistema immunitario. Una carenza nellapporto dietetico di calcio determina la demineralizzazione ossea che, se non trattata, pu portare a situazioni osteoporotiche gravi. Ci avviene pi spesso nel sesso femminile che, a causa della menopausa, va incontro ad una carenza di estrogeni, i quali sono implicati nel fenomeno di fissazione ossea del calcio. La riduzione drastica del rilascio di estrogeni influenza negativamente anche il rilascio di calcitonina, con ovvie conseguenze nefaste sulla struttura ossea. Una supplementazione di solo calcio sarebbe inefficace in egual misura, se non viene integrata con un elemento capace di fissarlo a livello osseo che appunto il silicio. Limone - Specie: Citrus limonum Famiglia: Rutacee - Droga: scorza Per il suo contenuto di vitamine, sali minerali e acidi, il limone stimola l'attivit degli organi digerenti e rivitalizza tutto l'organismo e, contrariamente a quanto si creda, ha propriet antiacide. Grazie al suo alto contenuto di glucosidi come l'esperidina e la diosmina e di flavonoidi, la cui azione risulta essere simile a quella della vitamina P, rafforza i vasi capillari e migliora la circolazione venosa; apporta inoltre un notevole giovamento se viene utilizzato in caso di gonfiore alle gambe, di edemi, di varici, di trombosi. Il limone ha propriet depurative e disintossicanti dell'organismo e la sua assunzione regolare, aiuta a regolarizzare l'intestino, e combatte addirittura la cellulite. Il limone un ottimo rimineralizzante e antianemico e un buon attivatore delle difese organiche.

BIBLIOGRAFIA 1. VerninJ., MonceauhR.H.: Prescription en Phytotherapie, n. 12, 39, 1983 Pedretti M.: "L'equiseto", Erboristeria Domani n. 9, 1986. 2. Saleh N.A.M., Majak W., Towers G.H.N.: Phytochemistry II, 1095, 1972. 3. C.S.I.R. (Council of Scientific and Industrial Research): The Wealth of India, 1948 - 1976, 11 vol., New Dehli. 4. Gohl B. : Tropical feeds. Feed information summaries and nutritive values. FAO Animal Production and Health Series 12, FAO, Rome, 1981 5. Hartwell J.L. : Plants used against cancer, A survay. Lloydia 30 - 34, 1967 - 1971. 6. Mitchell J.C., Rook A.: Botanical dermatology, Greenglass Ltd., Vancouver, 1979.

CorallVin
33

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

CoreVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV76
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di apportare effetti benefici sulla funzionalit dellapparato cardio-circolatorio. Il prodotto rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere dellindividuo. Il nostro obiettivo non infatti combattere i disturbi ma preservare il proprio stato di benessere utilizzando un apporto di nutrienti (oligoelementi e vitamine) che possa garantire un ottimale svolgimento di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare non sempre soddisfa il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di "quasi carenza", non diagnosticabili con le normali analisi, che possono portare a tutta una serie di disturbi tipici dellera moderna. Nel Corevin, alle nostre tinture spagyriche di Biancospino e Valeriana, contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali e vitamine) della pianta come MAGNESIO, CALCIO, POTASSIO , VIT D e VIT E in piccole concentrazioni, vengono aggiunte e abbinate vitamine e minerali specifici (Mg, Ca, K, Coenzima Q10, acido folico, Vit B3, Vit B6, Vit D e Vit E ) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia apportando cos benefici al funzionamento dell'apparato cardio-circolatorio: migliorare la capacit contrattile del cuore e riequilibrare il ritmo cardiaco, favorire i fisiologici livelli di colesterolo e migliorare lossigenazione sanguigna e cardiaca. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: biancospino, (Crataegus monogyna Jacquin syn. Crataegus oxyacantha (L.) Jacquin) foglie e fiori, valeriana (valeriana officinalis L.) radice, potassio gluconato, niacina, vitamina E acetato, coenzima Q10, vitamina B6 cloridrato, acido folico, vitamina D3. Minerali: magnesio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. In caso di turbe cardiache o gravi alterazioni consultare il medico prima di assumere il prodotto. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Di seguito una piccola descrizione dei vari costituenti a conferma dellefficacia.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Biancospino foglie e fiori Valeriana radice Potassio Niacina - 100% RDA Vitamina E - 100% RDA Coenzima Q10 Vitamina B6 - 100% RDA Folato - 100% RDA Vitamina D - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 1200 mg 120 mg 16 mg 12 mg 10 mg 1,4 mg 200 mcg 5 mcg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

34

Biancospino - Specie: Crataegus monogyna Jacquin syn. - Crataegus oxyacantha L. Jacquin Famiglia: Rosaceae - Droga: foglie e fiori Ha propriet, sedative, ipotensive, vasodilatatrici, Di aiuto per placare il senso di angoscia, di inquietudine, il senso di oppressione, utile per controllare le palpitazioni, nell'ipertensione e per i problemi cardiaci in genere. chiamata la valeriana del cuore, in quanto un ottimo tonico cardiaco, stimolante cardiaco, dilata le arterie coronariche, migliora l'afflusso del sangue, aumenta la forza di pompaggio del cuore, elimina le aritmie e stabilizza la pressione sanguigna, riduce i livelli di colesterolo, riduce la frequenza e la gravit degli attacchi di angina pectoris, previene le complicanze cardiache nei pazienti anziani o a rischio affetti da influenza o polmonite, aiuta nelle tachicardie, nelle extrasistoli, negli stati di ansia, agitazione, angoscia e nervosismo.Il Biancospino esplica un effetto a livello del sistema cardiocircolatorio con un reale miglioramento della resistenza allo sforzo, svolge la sua azione sui recettori b - adrenergici (come agonista parziale) e mediante inibizione della fosfodiesterasi, cui segue un aumento del tasso intracellulare di AMP ciclico legato a sua volta ad un aumento degli ioni calcio liberi. stato dimostrato che tali effetti sono sicuramente legati alla presenza di procianidine oligomere e di flavonoidi quali la vitexina (e il suo ramno side),mentre resta ancora da dimostrare il contributo dei triterpeni pentaciclici. Le principali azioni prodotte dal Biancospino sono le seguenti: 1. effetto inotropo positivo, cio aumento della forza di contrazione del muscolo cardiaco, (dovuto ai flavonoidi e alle procianidine), leggero effetto cronotropo e dromotropo positivo, batmotropo negativo; 2. effetto antiaritmico (dovuto principalmente ai flavonoidi); 3. aumento del flusso sanguigno coronarico (flavonoidi e procianidine); 4. vasodilatazione periferica (dovuto principalmente alle procianidine). Valeriana - Specie: Valeriana officinalis L. Famiglia: Valerianaceae - Droga: radici La valeriana agisce come tranquillante, sedativo, favorente il sonno, analgesico (calma il dolore), antispastico e anticonvulsivo. La sua azione interessa il sistema nervoso centrale e quello vegetativo, riducendo lansia. Inoltre abbassa la pressione arteriosa. Le sue propriet sono simili a quelle dei principali tranquillanti o neurolettici ma, a differenza di questi, non hanno effetti tossici. Questa pianta ha un effetto positivo sulla salute del cuore. Contribuisce a ritardare la tachicardia, regola le aritmia e stabilizza la pressione sanguigna. Le radice, indicata a chi si sente spesso il cuore battere irregolarmente e nervosamente, a chi stenta a prendere sonno, a chi soffre di gonfiori allo stomaco o all'intestino, a chi lamenta frequentemente emicranie, attacchi nervosi, convulsioni, alle donne, infine, per attenuare i numerosi disturbi dell'et critica. Magnesio Il magnesio fondamentale nella prevenzione degli attacchi di cuore e delle trombosi coronariche. Gli integratori di magnesio possono proteggere dalle

ischemie cardiache (mancanza di ossigeno del muscolo cardiaco causata da spasmi o restringimenti e intasamenti delle arterie coronarie). Le persone che hanno assunto integratori di magnesio dopo un attacco di cuore hanno avuto un tasso di sopravvivenza pi alto e una minore incidenza di pericolose aritmie. Esso sembra avere una certa importanza nel controllare il modo in cui le cariche elettriche vengono utilizzate dallorganismo per indurre il passaggio degli elementi nutritivi allinterno e allesterno delle cellule. Potassio Il potassio necessario per la sintesi delle proteine muscolari e delle proteine degli aminoacidi nel sangue, come pure per la sintesi degli acidi nucleici. Contribuisce a mantenere la pelle sana e a mantenere stabile la pressione sanguigna. Aiuta la trasformazione del glucosio in glicogeno, forma in cui il glucosio pu essere immagazzinato nel fegato e poi usato dal corpo per il suo funzionamento. Il metabolismo dei carboidrati e delle proteine dipende dal potassio. Stimola nei reni leliminazione dei residui tossici. Il potassio agisce insieme al sodio per normalizzare il battito cardiaco. stato usato nel trattamento e nella prevenzione dellipertensione causata direttamente da uneccessiva assunzione di sale. Una dieta vegetariana ricca di potassio utile per prevenire quei fattori che causano lipertensione. Il potassio utile nella prevenzione degli infarti. La somministrazione di potassio a pazienti con diabete leggero pu ridurre la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue. Dosi terapeutiche di potassio vengono a volte usate per rallentare il battito cardiaco in casi di lesioni gravi come le ustioni. Coenzyme Q10 Il COQ10 si trova ad alti livelli in un cuore sanissimo, non ci dovremmo sorprendere se una sua deficienza possa recargli danno. Dalla continua ricerca scientifica si evidenziato che quella con il COQ10 certamente una delle pi sicure ed efficaci terapie di supporto per una vasta gamma di patologie cardiovascolari quali: cardiomiopatia, cuore congestizio, ipertensione arteriosa, prolasso della valvola mitrale ed angina. Molti studi confermano che persone con differenti problemi cardiaci sono deficitarie di COQ10. Dal cuore al singolo capello, siamo fatti di cellule ed i circa 75 trilioni di cellule che formano il nostro corpo, necessitano di energia per le loro funzioni vitali. Senza un costante apporto di COQ10, le cellule non possono funzionare correttamente e di conseguenza viene meno l'energia per i nostri organi vitali. L'energia di cui abbiamo bisogno per la funzionalit dell'intero organismo, includendo il movimento muscolare, la trasmissione degli impulsi al nostro cervello il funzionamento del sistema nervoso, dell'apparato digerente ecc, generata a livello di ogni singola cellula. Vitamine B9 (Acido folico, Folacina) La vitamina del cuore, l' acido folico, anche conosciuta come vitamina B9, una sostanza necessaria all'organismo, grazie alle sue numerose funzioni. Ecco perch pu difendere da un fattore di rischio, almeno a giudicare dai primi risultati di una ricerca bolognese. Oggetto dello studio, condotto da un

CoreVin
35

gruppo di cardiologi, sono stati i livelli nel sangue di acido folico. L' attenzione dei ricercatori si concentrata sull' acido folico per la sua capacit di modificare la presenza nel sangue di un' altra sostanza particolare, l' omocisteina, un aminoacido solforato. "La presenza nel sangue di livelli pi elevati del normale di questo aminoacido considerata un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, che consente di spiegare alcuni fenomeni strani - spiega l' autore della ricerca, il professor Paolo Puddu del Dipartimento di Medicina Interna dell' Universit di Bologna - . Per esempio, il fatto che vi sono persone con cardiopatia ischemica che hanno un infarto anche se non hanno alcuno dei fattori di rischio noti, o che quasi un quinto dei pazienti che partecipano agli studi di prevenzione con i farmaci per ridurre il colesterolo non risponde alla cura, strano". L' eccesso di omocisteina nel sangue pu aumentare, oltre che per una rara forma ereditaria, per altre malattie, per un cattivo funzionamento dei reni, per l' uso di alcune medicine e, appunto, per una carenza di alcune vitamine. Alcune osservazioni indicano che in questi casi l' integrazione con acido folico e lintegrazione con alcune vitamine del gruppoB, permette di diminuire anche del 40% i livelli di omocisteina. e quindi di conseguenza ridurre il rischio di malattie cardiache. Cos una dieta ricca di alimenti contenenti acido folico o vitamina B6 riduce il rischio di infarto. Vitamine B3 (Niacina) Alla Vitamina B3 detta anche niacina, attribuita una importante azione di riduzione del tasso di colesterolo nel sangue che determina una fase importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Numerosi studi condotti su vari pazienti hanno dimostrato che la vitamina pu abbassare il tasso di colesterolo e di trigliceridi, causa di depositi adiposi sulle pareti interne delle arterie con loro conseguente restringimento che, a sua volta, all'origine di infarti e altre malattie cardiovascolari. Pare inoltre che la niacina Vit B3 agisca favorendo l'innalzamento dei valori di HDL che favorisce l'eliminazione del colesterolo dall'organismo. I fumatori possono trarre beneficio dalla niacina perch essa funge da vasodilatatore e rimuove i lipidi della parete delle arterie, azione opposta da quella della nicotina; grazie a queste propriet consigliata in abbondanza per chi fuma. La vitamina B3 anche preziosa per chi fa sport perch, favorendo la circolazione del sangue in tutti i tessuti, permette leliminazione delle sostanze di scarto che si accumulano nei muscoli dopo lo sforzo dell attivit fisica. Agendo da vasodilatatore, la vitamina B3 permette un nutrimento costante delle cellule. Vitamine B6 La Vitamina B6 riduce il rischio di infarto. quanto emerge da uno studio italiano, pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition, secondo cui il rischio ancora pi basso se alto il consumo anche di acido folico. Lautore, Carlo La Vecchia dellIstituto di Ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, aggiunge che acido folico e vitamina B6 riescono anche a proteggere il cuore dagli effetti nocivi dellalcol. La ricerca, finanziata dal ministero della Salute, ha coinvolto i pazienti di un ospedale milanese, in col-

laborazione con il Centro di riferimento oncologico di Aviano e luniversit degli Studi di Milano. stata studiata lalimentazione di 507 persone che avevano subito, per la prima volta, un infarto cardiaco, e di 478 ricoverati per malattie non cardiache. Le analisi hanno indicato che un alto consumo di acido folico e di vitamina B6 riducevano, rispettivamente del 44% e del 66%, la probabilit di infarto. Inoltre, se era alta lassunzione di entrambe le sostanze, le percentuali salivano ancora, fino al 71%. Leffetto era evidente a prescindere da altri fattori in grado di alterare la funzionalit` cardiaca, come il consumo di caff, il fumo di sigaretta, lipertensione e la predisposizione ereditaria agli infarti. Lazione protettiva era ancora pi marcata in chi beveva molto alcol. Infatti, rispetto ai non bevitori che assumevano quantit minime delle due sostanze, il rischio di infarto veniva ridotto del 72% dallacido folico e del 75% dalla vitamina B6. Vitamine D La Vitamina D considerata la vitamina delle ossa, la sua carenza provoca rachitismo ed osteomalacia, il metabolismo di questa vitamina complesso, e subordinato al metabolismo del calcio, del fosforo e del fluoro, l'organismo la produce attraverso la esposizione al sole. La vitamina D ha una serie di effetti sulle ossa e sui muscoli, pu migliorare la risposta alle infezioni e di reiterazione del cancro e adesso si intravede la possibilit che aiuti a mantenere anche sano il cuore! Gli autori di uno studio pubblicato nel 2008 hanno suggerito che una carenza di questa vitamina pu avere delle ripercussioni negative sul sistema cardiovascolare. Come la vitamina D pu influire sulle funzioni del cuore? Forse, a causa delle sue propriet anti - infiammatorie, la vitamina D pu ridurre l'ispessimento dei tessuti del cuore che pu portare ad una insufficienza cardiaca e pu anche equilibrare il percorso ormonale che regola la pressione del sangue, pu ridurre la calcificazione nel sistema cardiovascolare. utile per la salute delle ossa, nei nervi, regola il battito cardiaco, indicata nella sclerosi multipla, nellosteoporosi. Vitamine E La vitamina E si trova principalmente negli oli vegetali spremuti a freddo, in tutti i semi interi crudi, nelle noci e nella soia e in piccole quantit nella carne, nelle uova, nel pollame, nel pesce. Originariamente fu ottenuta per la prima volta dall'olio di germe di grano. La vitamina E un potente antiossidante, fondamentale nella lotta ai radicali liberi. Protegge la vitamina A dalla scomposizione, la vitamina C e quelle del gruppo B dall'ossidazione e migliora la trasportabilit dell'ossigeno da parte dei globuli rossi. coinvolta anche nei processi energetici, aumentando la resistenza del soggetto. Stimola il surrene a produrre ormoni antistress. Dal punto di vista cardiovascolare favorisce il flusso sanguigno arterioso,, un leggero vasodilatatore, svolge attivit antitrombotica e rinforza le pareti dei capillari. Protegge dall'ossidazione diversi ormoni e consente un corretto utilizzo da parte dell'organismo dell'acido linoleico; consente una riduzione del fabbisogno di vitamina A. Stimolando la diuresi, migliora la situazione di soggetti cardiopatici e/o ipertesi. Migliora infine la messa a fuoco della vi-

CoreVin
36

BIBLIOGRAFIA 1. Reuter H.D.: "Estratto di biancospino, un cardiotonico vegetale", Farmacia Naturale, n. 4, 1995 2. Paris M.: "Perch il biancospino fa bene al cuore", Natom - Medicina Naturale, n. 5, 1991 3. Beretz. A., Haag Berrurier M, Anton R.: "Choix de mthodes pharmacologiques pour l'tude des activits de l'Aubpine", 4. Plantes med. Phyto, 1978, XII, 'a14, 305 - 314 5. Vedat et al. Parameters of Athletes at rest and After Exercise Biological Trace Elemnt Research 2007,115, 205 - 212 6. The Nutrition Society (1997) Symposium on nutritional issues for women. Proceedings of the Nutrition Society 56 (1B), 291 - 391. 7. The Lancet (1997) Womens health. The Lancet 349 (supp. 1), 1 - 26. 8. National Dairy Council Nutrition Service (1996) Nutrition and womens health. Fact File no.13. NDC, London. Aggett, P. (1995) Iron and women in the reproductive years in British Nutrition 9. Foundation: Iron, nutritional and physiological significance. Task Force Report, 110 - 118. Chapman and Hall, London 10. EUFIC - European Food Information Council 11. Fonte: Ginde AA et al. Demographic differences and trends of vitamin D insufficiency in the US population, 1988 - 2004. Arch Intern Med 2009; 169:626 - 32. Egan KM. Vitamin D and melanoma. Ann Epidemiol 2009. doi:10.1016/j.annepidem.2009.01.005 12. Vitamin Bible di Earl Mindell.

CoreVin
37

sta nelle persone di mezza et. Da questo breve quadro si comprende come possa essere notevolmente attiva nella difesa della salute e soprattutto nella prevenzione dell'invecchiamento: contrasta laterosclerosi neutralizzando i radicali liberi che destabilizzano la parete arteriosa facilitando il deposito di grassi al suo interno. Inoltre protegge lapparato riproduttivo e disintossica lorganismo.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DepreVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV83
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale indicato per regolare il tono dell'umore soprattutto in caso di forte stress accompagnato da spossatezza e apatia, rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso un processo alchemico denominato MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere dellindividuo. Il nostro obiettivo non infatti combattere i disturbi ma preservare il proprio stato di benessere utilizzando un apporto di nutrienti (oligoelementi e vitamine) che possa garantire un ottimale svolgimento di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare non sempre soddisfa il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza, causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Nel Deprevin, alla tinture spagyriche di Iperico contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali e vitamine) della pianta come Potassio, Manganese, ferro, zinco, Vitamine B, e Vitamine C in piccole concentrazioni, vengono aggiunte e abbinate vitamine e minerali specifici (Mn, Fe, Zn, Ca, K, Vitamina C, Vitamina B1, B2, B5, B6, B12 e acido folico) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia e favorire la regolazione dellumore. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: iperico (Hypericum perforatum) sommit fiorite 20%, potassio gluconato, vitamina C, vitamina B5, ferro gluconato, zinco gluconato, vitamina B6, vitamina B2, vitamina B1, manganese gluconato, rame gluconato, acido folico e vitamina B12. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua una volta al di (due volte al di sotto consiglio medico) preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. AVVERTENZE SUPPLEMENTARI Se si assumono dei farmaci, prima di utilizzare il prodotto chiedere il parere del medico perch l'estratto di iperico pu interferire sul loro metabolismo inibendone anche l'attivit. L'estratto di iperico controindicato in et pediatrica e nell'adolescenza. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI LIperico lingrediente caratterizzante del prodotto Deprevin, grazie alla presenza di ipericina e iperforina in grado di modulare il tono dellumore. Molti sono gli studi che ne dimostrano lefficacia, l'ipericina, agisce sul metabolismo cerebrale e svolge un ruolo fondamentale nella trasmissione degli stimoli nervo-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 3 ml corrispondenti a 30 gocce
Componenti Iperico sommit fiorite Ipericina Iperforina inferiore a Potassio Vitamina C - 100% RDA Vitamina B5 - 100% RDA Ferro - 15% RDA Zinco - 15% RDA Vitamina B6 - 100% RDA Vitamina B2 - 100% RDA Vitamina B1 - 100% RDA Manganese - 15% RDA Rame - 15% RDA Acido folico - 100% RDA Vitamina B12 - 100% RDA per 3 ml 600 mg 0,180 mg 1,26 mg 120 mg 80 mg 6 mg 2,1 mg 1,5 mg 1,4 mg 1,4 mg 1,1 mg 0,3 mg 0,15 mg 200 mcg 2,5 mcg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

38

si inibendo la ricaptazione dei neuro - trasmettitori serotonina, noradrenali - na e dopamina. Il manganese essenziale per una coordinazione adeguata fra il cervello ed il corpo. Troppo poco manganese pu provocare movimenti muscolari anormali, equilibrio difettoso o contrazioni muscolari involontarie. Bassi livelli di potassio portano ad affaticamento, sbalzi d'umore, cali d'energia, ridotta resistenza alla fatica. Il potassio regola l'equilibrio dei liquidi organici, alcune funzioni del sistema nervoso centrale ed coinvolto nella regolazione del ritmo cardiaco. Il Ferro essenziale nella produzione dell'emoglobina, la sua carenza pu portare all'anemia, aumenta anche la resistenza alla fatica contrastando la stanchezza, debolezza. Bassi livelli di Rame portano ad una mancanza di risposte emozionali. Le persone con disturbi nervosi sono state aiutate con integrazioni di Vitamina C. Molti medici raccomandano e consigliano l'assunzione di sufficienti dosi di Vitamina C,soprattutto nei periodi in cui il proprio organismo sottoposto a particolare stress psico - fisico. Importantissime nei casi di sbalzi di umore, apatia, spossatezza o depressione, si sono rivelate le vitamine del gruppo B. La vitamina B1 per esempio, necessaria per il metabolismo dei nutrienti, e la sua mancanza pu causare affaticamento ed esaurimento. La vitamina B1 regola anche la pressione del sangue e l'attivit dei nervi. Volontari che hanno seguito una dieta carente in vitamina B1 hanno ben presto manifestato irritabilit e depressione assieme a insonnia, palpitazioni cardiache, costipazione, problemi digestivi e forti mal di testa. La somministrazione della vitamina B1 fece regredire tutte le sintomatologie. Una ricerca pubblicata sulla rivista "BMC Psychiatry" mostra che i pazienti che soffrono di depressione rispondono meglio alle cure se presentano alti livelli di vitamina B12 nel sangue. Alcuni ricercatori dell'ospedale dell'Universit di Kuopio, in Finlandia, hanno controllato 115 pazienti, sofferenti di depressione, per un periodo di sei mesi, e li hanno raggruppati, a seconda della risposta al trattamento, in: per niente, parzialmente, o del tutto. Misurando il livello di vitamina B12 nel sangue dei pazienti il primo giorno e durante il check - up, i ricercatori hanno potuto calcolare se il livello della vitamina influenzava la risposta alle cure. I pazienti che rispondevano completamente al trattamento avevano maggiori concentrazioni di vitamina B12 sia all'inizio che alla fine dello studio rispetto a coloro per i quali la cura fu meno efficace. L'associazione del livello di vitamina B12 con la risposta al trattamento rimaneva significativa anche se venivano presi in considerazione altri fattori, come l'abitudine a fumare o a bere, il tipo di anti - depressivi ricevuti, e se altri membri della famiglia avevano sofferto di depressione. Anche bassi livelli di acido folico nellorganismo sono correlati a una maggiore tendenza alla depressione. A rivelarlo sono stati alcuni studiosi dellUniversit di York che hanno illustrato i risultati della loro ricerca sul Journal of Epidemiology and Community Health. Iperico - Specie: Hyperici perforatum Famiglia: Hyperaceae - Droga: sommit fiorite Studi ormai decennali e sperimentazioni cliniche hanno definitivamente accertato lefficacia degli

estratti di iperico negli stati depressivi di media gravit. Recentemente apparsa sul British Medical Journal una metanalisi sulliperico che ha dimostrato che lestratto secco di iperico titolato paragonabile alleffetto antidepressivo di farmaci di sintesi come limipramina, amitriptilina, maprotilina, desipramina etc., senza per presentare gli effetti collaterali. Numerosi studi hanno dimostrato che l'Iperico in grado di inibire non solo le monoaminoossidasi (MAO), enzimi che distruggono le catecolamine, ma anche la catecol - O - metiltransferasi (COMT), enzima che catabolizza la dopamina e la serotonina. L'iperforina (altro costituente importante delliperico) funge da inibitore dellassorbimento della serotonina, della dopamina, della noradrenalina, del GABA e dell'acido glutammico, in questo modo si hanno maggiori livelli di questi neurotrasmettitori tale da favorire lazione antidepressiva. Quindi affinch lestratto di iperico possa esplicare il suo effetto importante la contemporanea presenza di tutti i suoi costituenti in particolare ipericine ed iperforina. Vitamina B6 (Piridossina) La vitamina B6 principalmente in forma di piridossal - fosfato coinvolta in unampia gamma di reazioni biochimiche, compreso il metabolismo degli aminoacidi e del glicogeno, la sintesi degi acidi nucleici, di emoglobna, di sfingomielina e di altri sfingolidi. La B6 viene utilizzata dallorganismo anche per la produzione di serotonina, melatonina e dopamina e agisce sulla produzione di molti altri neurotrasmettitori. La piridossi - na quindi un nutriente fondamentale dellalimentazione e influisce in modo marcato sullequilibrio del tono dellumore. Numerose indagini hanno stabilito che coloro che soffrono di depressione mostrano una notevole carenza di vitamina B6. Vitamina B1 (Tiamina) Enzimi che utilizzano Tiamina sono presenti in tutte le cellule del corpo, quindi, una carenza di tiamina sembra alterare tutti i sistemi organici. La dott.ssa Harrel del Dipartimento di Psicologia e Pedagogia della Columbia University dice Per vivacit mentale si intende stabilit emotiva, serenit e gusto per la vita. Per essere stabili meritiamo un po di B1. La vitamina B1 esercita un ruolo essenziale come cofattore in reazioni chiave del metabolismo degli zuccheri, favorendo la conversione del glucosio in energia, e il glucosio il combustibile per eccellenza per le nostre attivit cerebrali. Insufficienti apporti di questa vitamina possono provocare affaticamento, depressione, irritabilit, ansia e nei casi pi gravi pensieri suicidi. Luso costante di cibi raffinati e zucchero raffinato pu determinare una carenza di vitamina B1. Vitamina B2 (Riboflavina) La vitamina B2, conosciuta anche come riboflavina, una vitamina idrosolubile, presente naturalmente in quei cibi in cui troviamo altre vitamine del gruppo B. Uno degli aspetti pi interessanti della riboflavina, il suo ruolo protettivo, insieme ad un enzima chiamato glutatione reduttasi, nei confronti dei radicali liberi (sostanze responsabili dei danni cellulari). La mancanza di vitamina B2 pu essere conseguente a una grave malattia o a un intervento chirurgico. Gli effetti

DepreVin
39

sono screpolatura delle labbra, irritazioni della bocca e della lingua e fotofobia, cio difficolt di visione in piena luce; sono stati inoltre segnalati diarrea, vomito, inappetenza, debolezza muscolare, irritabilit, anemia e pseudodemenza senile (una malattia caratterizzata da perdita dellattenzione, della memoria e della capacit di ragionamento). Hanno bisogno di unintegrazione di vitamina B2 le persone che soffrono di depressione e fanno uso di farmaci antipsicotici (contenenti fenotiazine), e di farmaci antidepressivi tricidici. Anche la pillola contraccettiva riduce lassorbimento di vitamina B2, cos come il consumo elevato di alcolici. Sono da tenere sotto controllo le persone che seguono diete particolarmente rigorose e prolungate nel tempo, come per esempio gli obesi e chi soffre di diabete; il cattivo assorbimento intestinale pu rendere necessaria unintegrazione. Vitamina B5 (Acido pantotenico, Panteina) Il termine acido pantotenico deriva dal greco pantos, che significa dovunque. Lacido pantotenico largamente distribuito nelle piante e negli animali, ove si ritrova sia in forma libera che legata. Lacido pantotenico viene sintetizzato nellorganismo dalla flora batterica dellintestino. Un deficit di acido pantotenico raro nelluomo. I sintomi di tale carenza, che appaiono in condizioni di grave malnutrizione, includono una insensibilit delle dita dei piedi e una sensazione di bruciore ai piedi. Il deficit di acido pantotenico indotto sperimentalmente nelluomo causa cefalea, astenia, insonnia, disturbi intestinali, alterazioni della produzione di anticorpi. Tale vitamina agisce positivamente sulle ghiandole surrenali, specialmente in caso di stress. Labbassamento delle difese immunitarie un effetto tipico della carenza di B5, giacch tale vitamina coinvolta nel meccanismo biochimico di formazione degli anticorpi. Vitamina B12 (Cobalamina) La B12 una vitamina idrosolubile, un composto cristallino di colore rosso vivo contenente cobalto e detto quindi anche cobalamina. Durante linfanzia svolge un ruolo fondamentale nello stimolare lappetito e la crescita, in particolare quella del sistema nervoso. Anche nellet adulta, per, il suo ruolo essenziale. Interviene infatti nella sintesi del DNA durante la divisione cellulare, soprattutto nei tessuti a rapida divisione come il midollo spinale, dove si formano i globuli rossi. Svolge poi un ruolo importante nel metabolismo degli acidi grassi essenziali e ha una funzione di mantenimento nei confronti della mielina, la sostanza che avvolge le fibre nervose. Si tratta di una nuova conferma dellimportanza di questa sostanza implicata non solo nei processi metabolici finalizzati alla produzione di energia ma anche, secondo le ultime ricerche, nella produzione indiretta di serotonina e dopamina, neurotrasmettitori cerebrali coinvolti nel controllo dellumore, del sonno e di varie funzioni psicologiche. Questa circostanza pu causare oscillazioni di umore, la paranoia, la demenza, l'allucinazione, l'irritabilit, la confusione, o la mania , perdita di appetito, la debolezza, le vertigini.

B; idrosolubile e agisce come coenzima, insieme alla vitamina B12 nella sintesi del DNA, del RNA e delle proteine. Questo composto necessario, tra laltro, per la replicazione e la riparazione del DNA, per il mantenimento dellintegrit del genoma ed coinvolto nella regolazione dellespressione genica. La funzione biochimica principale dei folati quella di mediazione delle reazioni di trasferimento di un atomo di carbonio. Il folato dona un gruppo metilico allomocistina, nella conversione di questultima ad L - metionina. La L - metionina cos prodotta pu partecipare alla sintesi proteica ed anche una fonte essenziale per la sintesi di S - adenosil - L - Metionina (SAME), nota per la sua attivit antidepressiva. Lacido folico necessario per un corretto funzionamento del cervello, concentrandosi nel liquido spinale ed extracellulare. essenziale per la salute mentale ed emozionale. Un team di ricercatori dellUniversit di York ha infatti riscontrato un legame tra depressione e bassi livelli di folati prendendo in esame 11 studi clinici per un totale di oltre 15.000 pazienti coinvolti, di cui 1.769 affetti da depressione. I risultati conclusivi hanno confermato come carenze di questa vitamina aumentino il rischio di cadere vittime del male oscuro fino al 55%. Vitamina C (Acido L - Ascorbico) La vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico, un composto idrosolubile simile al glucosio. Dato che la vitamina C una vitamina da stress viene consumata ancora pi rapidamente in condizioni di stress. La vitamina C grazie al suo effetto antiossidante, cattura i radicali liberi sviluppati dal cervello, l'organo che consuma pi ossigeno. Alcuni studi hanno evidenziato come un consumo di elevate dosi di vitamina C migliori la depressione. Manganese Il manganese un catalizzatore nella sintesi degli acidi grassi, del colesterolo e dei mucopolisaccaridi. Partecipa anche alla produzione delle proteine, dei carboidrati e dei grassi ed necessario per la regolazione dello zucchero nel sangue. Il manganese viene usato anche nella cura della miastenia grave (perdita della coordinazione e della forza muscolare). Alcuni studi condotti indicano che il manganese pu essere utilizzato nel trattamento della sclerosi multipla e ha dato risultati positivi nella cura dellosteoartrite. Combinato con le vitamine del gruppo B, il manganese ha aiutato bambini e adulti affetti da grave debolezza fisica in quanto capace di riequilibrare la trasmissione degli impulsi tra nervi e muscoli. Ferro Circa la met delle risorse di ferro presenti nel corpo umano sono immagazzinate sotto forma di emoglobina che la sostanza che d al sangue il tipico colore rosso. presente nei globuli rossi ed quindi utile per la prevenzione dellanemia e rafforza le difese immunitarie dellorganismo. La carenza di ferro comporta depressione mentale, stanchezza, debolezza, pallore e predisposizione alle malattie infettive. Il ferro importante anche per le proteine muscolari ed immagazzinato in organi quali il fegato ed i reni.

DepreVin
40

Vitamina B9 (Acido folico, Folacina) Lacido folico fa parte delle vitamine del complesso

Zinco Lo zinco un minerale, presente in natura soprattutto sotto forma di composto sulfureo. Gioca un ruolo importante nel processo metabolico del corpo, perch in grado di coadiuvare la produzione dell'ormone insulina. Lo zinco indicato per chi soffre di frequenti disturbi al sistema nervoso e di stati cronici di debolezza. indispensabile per la salute dell'organismo, la crescita e il rinnovamento dei tessuti. In particolare: favorisce la guarigione di ferite e scottature, protegge il fegato e migliora l'azione dell'insulina, aiuta gli organi sessuali femminile e maschili a svilupparsi e stimola il buon funzionamento della prostata, sostiene il sistema immunitario contro le infezioni da virus e batteri, protegge gli occhi e la vista, stimola l'appetito, protegge il cervello dal piombo, minerale tossico, prevenendone l'accumulo, in caso di ansia o depressione, aiuta a stabilizzare l'umore. Rame Il rame un minerale in traccia presente in tutti i tessuti dellorganismo in quantit che vanno dai 75 ai 100 mg. Durante la crescita la percentuale pi alta si trova nei tessuti in via di sviluppo. Ha un ruolo nella respirazione perch partecipa alla sintesi dellemoglobina, la sostanza che nel sangue trasporta lossigeno. Partecipa alla produzione del collagene e del neurotrasmettitore noradrenalina. Il rame anche uno dei pi importanti antiossidanti del sangue e previene lirrancidimento degli acidi grassi polinsaturi e aiuta la membrana cellulare a rimanere sana. Carenze di rame sono responsabili di cambiamenti nel colore e nella struttura dei capelli e perdita dei capelli, disturbi al sistema nervoso, malattie dell'osso. Potassio Il potassio, molto diffuso in natura, si trova nellacqua marina sotto forma di cloruro e nei grandi giacimenti. un elemento indispensabile alla vita , essenziale per la fotosintesi e la funzione clorofilliana dei vegetali. Nelluomo il potassio presente allinterno della cellula nel liquido intracellulare. I deficit di potassio sono estremamente pericolosi.Le sue funzioni sono svolte insieme al sodio, ed entrambi regolano l'equilibrio idrico, il potassio stimola gli impulsi nervosi, e regola i muscoli ed indispensabile per la contrazione cardiaca, interviene anche nella trasformazione dello zucchero in glicogeno, che viene poi immagazzinato nel fegato e nei muscoli, quindi indispensabile per la produzione di energia. Una sua carenza pu manifestarsi in crampi e debolezza muscolare, depressione, ipotensione e tachicardia.

BIBLIOGRAFIA 1. Jukka Hintikka, Tommi Tolmunen, Antti Tanskanen, Heimo Viinamaki, High vitamin B12 level and good treatment outcome may be associated in major depressive disorder. BMC Psychiatry 2003, 3:17 (2 dicembre 2003). 2. Suzuki O. et al. Inhibition al. Reversible increase of photosensitivity by St. John's worth extract. Hautarzt 48/4, 249 - 252, 1997. 4. Woelk H. et al. Benefits and risks of the hypericum extract LI 160: drug monitoring study with 3250 patients. J. Geriatr. Psychiatry Neurol. 7, Suppl.1, 34 - 38, 1994. 5. Holzl J.: "Iperico, componenti e meccanismi dazione", Farmacia Naturale, n 3, 1994 6. Reuter H.D.: "Liperico, antidepressivo vegetale", Farmacia Naturale, n. 9, 1994 7. Bombardelli E., Morazzoni P.: "Hypericum perforatum", Fitoterapia, n. 1, 1995 8. "Almanacco della Nutrizione"di Gayla J. Kirschmann e John D. Kirshmann 9. S.S. Hendker Enciclopedia delle vitamine e dei minerali Ed. Tecniche nuove.

DepreVin
41

of monoamino oxidase by hypericin. Planta Med. 272 - 274, 1984. 3. Golsch A.U. et

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DepurVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN5
INDICAZIONI SALUTISTICHE Drenare e depurare sono due attivit funzionali fondamentali affinch il nostro organismo possa mantenere il proprio stato di salute, e comunque risultano indispensabili prima di qualunque altro e specifico trattamento. Depurvin stato realizzato con piante estratte per la maggior parte allo stato fresco, in quanto pi attive per agire contemporaneamente su tutti gli organi emuntori: fegato, rene, intestino e pelle. Un buon drenante quindi, deve favorire la funzionalit di tutti gli organi deputati alleliminazione delle tossine accumulate dallorganismo. Questo drenante nasce dallesperienza maturata nel corso degli anni, nella preparazione e nellimpiego di prodotti erboristici, ed la risultante di tutta una serie di combinazioni, che hanno portato a questa composizione utilizzando specifici estratti idroalcolici. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: bardana (Arctium lappa L.) radice, marrubio (Marrubium vulgare L.) parti aeree, crescione (Nasturtium officinale L.) parti aeree, piantaggine (Plantago major L.) foglie, crespino (Berberis vulgaris L.) corteccia, borsa del pastore (Capsella bursa-pastoris Medik.) parti aeree, genziana maggiore (Gentiana lutea L.) radice, salsapariglia (Smilax sp.) rizoma, fumaria (Fumaria officinalis L.) parti aeree. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno preferibilmente al mattino e nel pomeriggio in acqua o in una bevanda calda. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. La funzionalit drenante del Depurvin viene espletata attraverso due meccanismi di azione: azione disintossicante e azione purificante. Lazione disintossicante viene espletata principalmente dalle sostanze solforate presenti nel Crescione e Borsa pastore e dalle sostanze alcoloidee del Berberis, mentre lazione purificante tramite stimolazione degli organi emuntori. In particolare la Bardana favorisce leliminazione delle tossine attraverso la pelle, Marrubio, Crescione stimolano la funzionalit renale favorendo la diuresi, la piantaggine e genziana migliorano le funzionalit intestinali, mentre la salsapariglia e fumaria sono piante a tropismo epatico.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Bardana radice EI Marrubio parti aeree EI Crescione parti aeree EI Piantaggine foglie EI Crespino corteccia EI Borsa del pastore parti aeree EI Genziana radice EI Salsapariglia rizoma EI Fumaria parti aeree EI per 6 ml 1,2 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml

EI = estratto idroalcolico

42

Bardana - Specie: Arctium lappa L. e Arctium minus L. - Famiglia: Asteraceae - Droga: radice La bardana possiede propriet diuretiche, diaforetiche e colagoghe tali, da giustificare in pieno la sua fama di pianta depurativa atta al drenaggio. Il risultato di un buon drenaggio consiste in un blando potenziamento dellattivit epatica, della secrezione biliare, della diuresi, del transito intestinale e in una accresciuta attivit della secrezione delle ghiandole sudoripare, oltre che nella regolazione della secrezione sebacea. La bardana, che risponde a tutti questi requisiti, pu essere noverata infatti, tra le piante di drenaggio soprattutto a livello cutaneo, in virt della sua attivit globale sullorgananismo ma anche elettiva su un tessuto quale quello cutaneo, il cui funzionamento difettoso ostacola leliminazione delle tossine prodotte dallorganismo. La radice, raccolta nellinverno, ricca di inulina (fino al 50%), poliacetileni, acido caffeico, ac. clorogenico e acidi volatili, polifenoli e flavonoidi (fra cui kaempferolo), noti per esplicare unazione stimolante a livello epatico, nonch diuretica, ipoglicemizzante, ipocolesterolemizzante e antibiotica. Marrubio - Specie: Marrubium vulgare L. Famiglia: Lamiaceae - Droga: parti aeree Tutta la parte aerea aromatica e profumata, mentre il sapore decisamente amaro. Conosciuta da sempre come pianta balsamica delle vie aeree superiori, ma anche come pianta eupeptica e digestiva. Contiene un lattone diterpenico amarissimo, la marrubina che, per idrolisi, si trasforma nellacido marrubico di cui stata dimostrata una spiccata propriet coleretica. Contiene inoltre alcol diterpenici (marrubiolo, marrubenolo), responsabili insieme a monoterpeni e sesquiterpeni, del particolare aroma, e da qui il suo utilizzo anche come amaro - tonico. Per queste blande ma molteplici attivit, il marrubio una pianta adatta al drenaggio, infatti aumenta la diuresi, le secrezioni biliari e favorisce una leggera azione lassativa. Crescione - Specie: Nstrutium officinale L. Famiglia: Cruciferae - Droga: parti aeree Il crescione unerbetta simile alla rucola dorto che forma ampi tappeti nelle rocce e nei fontanili di acqua pulita. Da sempre un apprezzata erba da insalate ricca in vitamine e sali minerali e come molte crucifere contiene glucosinolati che, per idrolisi, liberano iso - tiocianati, sostanze oggi ritenute fondamentali nella prevenzione dei tumori. In effetti sono coinvolti a vari livelli e in diversi contesti biochimici, sia nella soppressione di sostanze procarcinogene, sia nella escrezione dei carcinogeni. Quindi al di l di tali effetti che richiederanno maggiori e pi approfondite verifiche e prove cliniche, sicuramente tali sostanze esplicano un potere antiossidante utile come disintossicante e per neutralizzare lazione dannosa dei radicali liberi. Tale effetto inoltre rafforzato da altre sostanze attive presenti nel crescione: vitamina C (fino a 34 mg /100 g di foglia fresca), vit. A, vitamine del gruppo B e vitamina E. La droga presenta anche circa un 10% di ceneri ricche in minerali, come il calcio, ferro, rame, etc. importante per

un azione diuretica e remineralizzante. Tutte queste propriet la rendono sicuramente adatta come pianta drenante. Piantaggine - Specie: Plantago major L. Famiglia: Plantaginaceae - Droga: le foglie Esistono pi specie di piantaggine utilizzate indifferentemente (P.major, P.lanceolata L. e P.media L.) anche se la pi usata la major. La piantaggine contiene molte sostanze biologicamente attive come polisaccaridi (mucillagini), lipidi, derivati dellacido caffeico, flavonoidi e glicosidi iridoidi e terpenoidi, inoltre contiene aucubina, vitamine (A, C e K), una saponina, zuccheri complessi (raffinosio, stachiosio) e minerali. Lazione prevalente della piantaggine di tipo antiflogistico e antinfiammatorio, leggermente diuretico e drenante. Questa pianta stata aggiunta alla composizione, in quanto capace di esplicare un effetto emolliente e leggermente lassativo grazie alla presenza di mucillagine. Crespino - Specie: Berberis vulgaris L. Famiglia: Berberidaceae - Droga: corteccia Tutti i Berberis sp. sono ricchissimi di alcaloidi isochinolinici (berberina, bernbemina, ossia cantina). Queste sostanze sono responsabili di molteplici azioni benefiche fra cui: azione battericida equiparabile ad alcuni antibiotici (cloramfenicolo), azione ipotensiva e antipiretica. Il crespino infine, usato tradizionalmente per la depurazione essendo uno stimolante dellattivit epatica e biliare, in particolare i principi attivi, agiscono a livello della muscolatura liscia modulandone la motilit. Borsa Pastore - Specie: Capsella bursa - pastoris Medik - Famiglia: Cruciferae - Droga: parti aeree La parte aerea ha odore caratteristico di brassicacea e aroma piccante (cavolo, verza, etc.) dovuta alla presenza dei composti mercaptanici e agli isosolfotiocianati (vedi crescione). Queste sostanze, come dimostrato da recenti studi scientifici, esplicano un effetto disintossicante contrastando lazione dannosa dei radicali liberi. La capsella contiene colina (0,5%), importante fattore nutrizionale noto anche come Vitamina J, fumarato di calcio, diosmina, diosmetina, che hanno azione vasoprotettrice, e saponine. La capsella ha un noto uso tradizionale come pianta emmenagoga e vasodilatatrice, mentre nelle applicazioni esterne, come astringente e vulnerario. Sicuramente agisce a livello di muscolatura liscia sia in vivo che in vitro, promuovendo e regolando la motilit, favorendo lazione emuntrice degli organi cavi preposti. Genziana - Specie: Gentiana lutea L. Famiglia: Genzianaceae - Droga: la radice Si raccoglie nellinverno la poderosa radice dalla corteccia gialla e dalla polpa fibrosa e color avorio. La radice profumata ed amarissima per via delle sostanze caratteristiche. Da sempre conosciuta ed impiegata nella fabbricazione di amari, tonici ed elisir a spiccata azione stomachica, digestiva ed eupeptica. La genziana un ingrediente irrinunciabile in tutti gli amari alcolici pi famosi. I principi amari della genziana sono lamarogentina, genziopicrina e genziopi-

DepurVin
43

croside. La radice contiene inoltre inulina, alcaloidi (genzianina, e genzialutina principalmente), xantoni (gentiseina, gentisina, isogentisina, trimetossixantone, etc.) triterpeni, zuccheri. Gli estratti di genziana hanno un duplice effetto sul sistema digerente, inducono una maggiore secrezione gastrica favorendo il processo digestivo primario e favoriscono la produzione di bile, eliminando le scorie e influenzando positivamente i processi digestivi secondari. Salsapariglia - specie: Smilax sp. Famiglia: Liliaceae - Droga: rizoma La salsapariglia officinale in genere proveniente dal centro - America, dove vengono raccolte le specie Smilax medica Schiecht, S. officinalis Humb, S. macrophylla Vers. Oltre alla fama mai dimostrata, di droga antisifilitica, la salsapariglia usata nella medicina tradizionale come depurativo, sudorifero e diuretico. I principi attivi contenuti nel rizoma sono probabilmente le saponine, fra queste la sarsaponina e la smilagenina sono le pi note. I principi attivi della salsapariglia aiutano nelleliminazione delle scorie azotate. Studi su pazienti hanno evidenziato che, mentre non aumenta il volume delle urine, aumenta notevolmente la quantit di acidi urici e nel contempo diminuisce lazotemia. Quindi una droga efficace nelleliminazione dei cataboliti azotati. Fumaria - Specie: Fumaria officinalis L. Famiglia: Fumariaceae - Droga: parti aeree La fumaria contiene diversi alcaloidi appartenenti al gruppo delle protoberberine e delle protopine. Lazione della fumaria tipicamente a carico del flusso biliare, ed di tipo anfocoleretico, ovvero regola il flusso riducendolo quando troppo e aumentandolo quando troppo scarso. Lazione anche antispasmodica (protopina) e rilas - sante della muscolatura liscia, favorendo una corretta motilit degli organi emuntori.

DepurVin
44

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 4. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 5. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995.M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 6. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 7. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 8. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 9. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 10. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 11. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 12. Lin SC, et al. J Biomed Sci 2002 Sep - Oct; 9(5):401 - 9. 13. Tyler V.E. The honest Herbal 3b0. Phrmaceutical Product Press. Brighamton N.Y. 1993. 14. Nasturtium officinale reduces oxidative stress and enhances antioxidant capacity in hypercholesterolaemic rats.1: 2008 Apr 15;172(3):176 - 84. Epub 2008 Jan 26. 15. Il - Moo C. Antiviral activity of aucubin against hepatitis B virus replication, Pag.189 - 192.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DigesVin
Integratore alimentare confezione da 60 compresse da 500 mg Cod. EN6
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di estratti vegetali che sfruttano la loro propiet sinergiche per agire favorevolmente sui fisiologici processi digestivi. Il prodotto, nello specifico, in grado di contrastare i vari sintomi provocati da digestione lenta: gonfiore addominale, stanchezza post-pandriale, che spesso provocano accumulo di grassi in eccesso, in gravi casi: obesit, ritensione idrica e dispepsie. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: carciofo (Cynara scolymus L) foglie estratto secco (al 2.5% in acido clorogenico), finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) frutti estratto secco (allo 0.5% in olio essenziale), menta (Menta piperita L.) parti aeree estratto secco, zenzero (Zingiber officinale Roscoe) rizoma estratto secco (all1% in gingeroli), ananas (Ananas comosus (L.) Merr.) gambo estratto secco (allo 0.3% in bromelina). Sostanze funzionali: papaina, lactobacillus acidophylus (10 mld/g). Vitamine: vitamina B1 cloridrato. Eccipienti: addensante: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 1 - 2 compresse dopo pranzo e di 1 - 2 compresse dopo cena. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" all'impasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi, funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. Il preparato tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti, che opportunamente combinati, agiscono in modo sinergico e fisiologico a livello dei meccanismi preposti alla digestione (metabolismo dei nutrienti, assorbimento, secrezioni pancreatiche e biliari), in tal modo lefficacia assicurata. Carciofo - Specie: Cynara scolymus L. Famiglia: Asteraceae - Droga: foglie Le foglie di carciofo contengono flavonoidi glicosilati (circa l1%), composti polifenolici (meno del 2%), lattoni sesquiterpenici (cinaropicrina) e tannini. Tra i derivati polifenolici, lacido 1, 3 - dicaffeoilchinico isomerizza in 1, 5 - dicaffeoilchinico (cinarina) nel corso dellestrazione. Questo depside viene largamente idrolizzato nel tratto
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Carciofo foglie ES apparto di ac. clorogenico Finocchio frutti ES Menta parti aeree ES Zenzero rizoma ES apporto di Gingeroli Ananas gambo ES apporto di Bromelina Papaina Lactobacillus acidophilus Vitamina B1 - 63% RDA per 4 cpr 240 mg 6 mg 200 mg 180 mg 180 mg 1,8 mg 180 mg 0,54 mg 180 mg 1 mld 0,7 mg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

45

gastro - intestinale, producendo acido caffeico che gi presente in forma libera o come acido clorogenico (3 - caffeoilchinico) nelle foglie. Ha attivit coleretica (favorisce e stimola la produzione di bile), da cui deriva luso come stimolante delle funzioni epatiche e biliari oltre che colagoga (favorisce il deflusso della bile dal fegato), inoltre agisce sul metabolismo lipidico diminuendo la produzione di colesterolo e di trigliceridi endogeni, aumentandone lescrezione o la ridistribuzione nei depositi naturali. Finocchio - Specie: Foeniculum vulgare Miller Famiglia: Apiaceae - Droga: frutti I frutti impropriamente detti semi, vengono da sempre impiegati non solo nelladulto ma anche in pediatria nei disturbi dispeptici, nel meteorismo e negli spasmi del tratto gastrointestinale. Grazie alle propriet stimolanti - aromatiche, manifesta uninfluenza positiva a livello gastroenterico migliorando il tono di tali apparati, incrementa inoltre la secrezione salivare, quella gastrica e la coleresi. Menta Piperita - Specie: Mentha piperita L. Famiglia: Lamiaceae - Droga: foglie La menta da sempre usata come rimedio nei disturbi dellapparato gastrointestinale per le propriet stomachiche, coleretiche, anti - spasmodiche e carminative. A ci si aggiunge unazione di stimolo generale a carico del sistema nervoso che determina unattivit corroborante, oltre che tonica, quella antispasmodica, analgesizzante. La menta deve le sue propriet farmacologiche e terapeutiche principalmente allolio essenziale, ma anche alla sinergia del fitocomplesso. Lolio essenziale esercita in vitro azione rilassante sulla muscolatura liscia (mentolo), e nella cavia elimina lo spasmo provocato da morfina a livello dello sfintere di Oddi. Alle foglie di Menta sono attribuite propriet tonicoeupeptiche, carminative e blandamente analgesiche, che la rendono particolarmente utile in caso di atonia del tubo digerente, specialmente se viene associata ad altre piante che ne condividono le propriet (finocchio). Zenzero - Specie: Zingiber officinale Roscoe Famiglia: Zingiberaceae - Droga: rizoma Il rizoma dello zenzero da sempre utilizzato come spezia in India e in Cina e rientra inoltre, fra le sostanze medicamentose della medicina orientale, oltre a essere un costituente dei curries. La commissione E tedesca descrive il rizoma come medicamento antiemetico, stimolante la peristalsi e il tono intestinale, stimolante le secrezioni salivare e gastrica. Lorganotropismo della pianta si situa infatti a livello gastrointestinale: il rizoma, oltre alle ben note attivit stimolantiaromatiche e stomachiche, manifesta attivit colagoga. Svariati inoltre, sono gli studi che hanno segnalato come la polvere del rizoma abbia attivit antinausea. Ananas - Specie: Ananas comosus L. Merr. Famiglia: Bromeliaceae - Droga: gambo Di questa pianta si sfrutta essenzialmente lazione proteolitica della bromelina che appunto il nome con cui si definisce la miscela enzimatica presente in questo frutto esotico il cui uso alimentare ormai completamente occidentalizzato. Questi enzimi sono contenuti nel frutto immaturo e nel gambo. Come per i principali

enzimi proteolitici (ad esempio la papaina da Carica papaya), la bromelina contiene un gruppo tiolico necessario per lattivit in grado di far digerire una quantit di proteine pari amille volte il suo peso.Oltre a questo enzima, contiene lacido citrico e malico, vitamine a, b e c. Il gambo ricco oltre di questa miscela di enzimi anche di numerosi minerali tipo: potassio e zolfo. Il potassio e un potente diuretico ed e utile nella ritenzione idrica; lo zolfo rompe i ponti sulfurei e da qui si pu intuire la sua utilit nella disgregazioni di frazioni lipidiche. Papaina La papaina si ricava direttamente dalla papaia si ricava, ottenuta dal fermento contenuto nel succo che cola dalle incisioni praticate nei rami e nel frutto immaturo e che coagula spontaneamente. Questo fermento ha propriet digestive simili alla pepsina dalla qualesi differenzia solo per il fatto che essa e attiva tanto in ambiente neutro che acido o lievemente alcalino, mentre la pepsina e attiva solo in ambiente mezzo acido. Utile nelle dispepsie, ipocloridria, nelle dilatazioni dello stomaco e quindi nei gonfiori addominali. Lactobacillus Acidophylus Laggiunta di lattobacilli acidophylus rende il prodotto un valido reiquilibratore delle funzionalit intestinali, in quanto non solo ristabilisce il fisiologico ambiente intestinale, ma ne facilita il ripopolamento della flora batterica saprofita. Vitamina B1 (Cloridrato) La tiamina una vitamina idrosolubile del gruppo B, i sali di cloridrato e di mononitrato, rappresentano le forme di tiamina normalmente utilizzate per la preparazione degli integratori nutrizionali. La vitamina B1 coinvolta nel catabolismo dei carboidrati e degli aminoacidi, infatti sotto forma di tiamina - pirofosfato, fa parte del complesso della piruvato deidrogenasi, che permette al piruvato di passare dal citoplasma al mitocondrio sotto forma di acetil - CoA, per questo motivo stata aggiunta in questo preparato in quanto capace di migliorare lappetito, la digestione e il metabolismo dei nutrienti.

DigesVin
46

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995.M. 7. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001.J. 9. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Bender A. D. Novel functions of vitamin B6 Proceedings of the Nutrition Society (1994), 53,625 - 630. 16. Pelucchi C., Galeone C., Talamini R., Negri E., Parpinel M., Franceschi S., Montella M., La Vecchia C. Dietary folate and risk of prostate cancer in Italy. Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention Vol. 14, 944 - 948, April 2005.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DismenoVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN7
INDICAZIONI SALUTISTICHE Indicato quale coadiuvante per attenuare i disturbi associati al ciclo mestruale, dismenorrea, amenorrea, mestruazioni irregolari, spasmi a livello pelvico. La combinazione con macerati glicerinati rende il prodotto adatto anche nelle adolescenti e pu essere assunto per lunghi periodi. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerati glicerici (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di: lampone (Rubus idaeus L.) giovani getti, frassino(Fraxinus excelsior L.) gemme, erica (Calluna vulgaris Hull) giovani getti, segale ( Secale cereali L.) germogli, ribes nero (Ribes nigrum L.) gemme. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce diluite in acqua o bevanda calda, 2 volte al giorno lontano dai pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. La combinazione indicata quale rimedio per i disturbi associati al ciclo mestruale in particolare dolori, spasmi a livello pelvico e mestruazioni irregolari. Lampone - Specie: Rubus idaeus L. Famiglia: Rosaceae - Droga: gemme Pianta sarmentosa, spinosa, spontanea nelle montagne, coltivata per i frutti aciduli e ricchi di sostanze benefiche. Le foglie contengono tannini, antociani, mucillagini e sono impiegate in tisane antinfiammatorie e astringenti. Il macerato glicerico dei giovani getti in gemmoterapia, indicato nella disfunzionalit e nei disturbi correlati alla sfera genitale femminile. Lazione ascrivibile a principi attivi miorilassanti. Il macerato trova impiego sia nei disturbi leggeri e i malesseri collegati al ciclo mestruale, sia nei casi di disfunzione ed irregolarit del ciclo (dismenorrea, amenorrea), nonch nella fase puberale, oltre a regolare la funzione delle gonadi in pre - menopausa e menopausa, rendendo il passaggio meno drammatico. A fianco alla sintomatologia organica, anche lo stato psichico femminile connesso con questa funzione, positivamente influenzato dal lampone.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Lampone giovani getti MG Frassino gemme MG Erica giovani getti MG Segale germogli MG Ribes nero gemme MG per 6 ml 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg

MG = macerato glicerico

47

Frassino - Specie: Fraxinus excelsior L. - Famiglia: Oleaceae - Droga: gemme Le foglie e la corteccia di questo pregiato albero delle foreste continentali, sono da secoli usate come tisana diuretica, antireumatica, antigottosa. Il gemmoderivato mantiene unazione preminente come rimedio drenante delle vie urinarie, indicato per gotta e artrite gottosa. Ma sempre secondo il medesimo principio di drenaggio e svuotamento degli organi cavi dellapparato urogenitale, espleta unazione emmenagoga e regolarizzante. Secondo alcuni testi anche fibromi e cisti ovariche, possono essere trattate con questo gemmoderivato, il quale possiede anche unazione contro le angosce che possono essere legate ad uno stato dismenorroico. Erica - Specie: Calluna vulgaris L. Famiglia: Ericaeae - Droga: gemme Lerica o brugo, un arbusto nano che popola i suoli poveri e acidi formando la caratteristica brughiera. Contiene arbutina, glucoside molto attivo sul sistema urinario sia come stimolante della diuresi che come antisettico delle vie urinarie. Ugualmente il gemmoderivato ha unazione preminente di tipo antisettica e pu risultare importante nelle dismenorree con componente infiammatoria. Segale - Specie: Secale cereale L. Famiglia: Graminacee - Droga: gemme La segale un cereale fra i pi antichi coltivato nelle montagne di tutta Europa e dellAsia, i grani sono ricchi di vitamine del gruppo B, niacina, acido pantotenico ed altre e contiene inoltre, minerali ed oligoelementi. In gemmoterapia, si usano le giovani radici nascenti dal seme che fungono da regolarizzatori a livello intestinale, epatico e ormonale. Ribes Nero - Specie: Ribes nigrum L. Famiglia: Sassifragaceae - Droga: gemme Il ribes nero un arbusto spontaneo nei boschi dellEuropa continentale ma si ritiene di origine del massiccio dellAtlante, introdotto in Europa dagli Arabi. Il ribes contiene sostanze attive praticamente in tutte le sue parti: acidi fenolici, flavonoidi e tannini sulle foglie, vitamina C e acido salicilico su foglie e frutti, acidi grassi essenziali nellolio dei semi. In gemmoterapia le gemme fresche macerate in soluzione idroalcolglicerica, agiscono sulle ghiandole surrenali stimolandole al rilascio di sostanze antinfiammatorie, importanti nei casi di infiammazioni a livello pelvico causa di dolori e spasmi.

DismenoVin
48

BIBLIOGRAFIA 1. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 2. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 3. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 4. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 5. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 6. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 7. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 8. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DissenterVin
Integratore alimentare confezione da 60 compresse da 500 mg Cod. EN118
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di estratti vegetali indicata per favorire i fisiologici processi digestivi grazie allassociazione di fibre, argilla e lieviti in grado di riequilibrare la flora batterica intestinale e regolarizzare lassorbimento dei nutrienti. La presenza di sostanze ad effetto carminativo e protettivo contrastano tutti quei fastidiosi disturbi associati ad una cattiva digestione come flatulenza e gonfiore. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: psillo (Plantago psyllium L.) semi polvere, finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) frutti estratto secco (allo 0.5% in olio essenziale), zenzero (Zingiber officinale Roscoe) rizoma estratto secco (al 5% in gingeroli), camomilla (Matricaria chamomilla L.) estratto secco (al 0,3% in apigenina), mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) estratto secco (all 1% in antocianine), curcuma (Curcuma longa L.) estratto secco (al 82% in curcuminoidi), agrimonia (Agrimonia eupatoria L.) foglie polvere. Sostanze funzionali: argilla verde ventilata in polvere, saccaromiceti di Boulardii 30 mld/g. Eccipienti: aggreganti: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 1 o 2 compresse al giorno secondo necessit da assumere con poca acqua. CONTROINDICAZIONI In gravidanza ed allattamento assumere solo dietro stretto controllo medico. Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico allimpasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi, funge da catalizzatore e attivatore. E importante tenere presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. Il preparato tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti, che opportunamente combinati, agiscono in modo sinergico e fisiologico a livello dei meccanismi digestivi ed equilibrano le funzioni intestinali in particolare lassorbimento dei nutrienti e il transito intestinale. Argilla Verde (ventilata) Largilla verde, contiene magnesio, potassio, fosforo, manganese, selenio e alluminio. Come molti altri rimedi naturali, largilla una materia molto complessa:
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 2 cpr
Componenti Argilla verde ventilata PLV Psillo semi PLV Saccaromiceti di Boulardii Zenzero ES 5% Gingeroli apporto di Gingeroli Finocchio ES 0,5% OE apporto di Oli Essenziali Agrimonia foglie ES Camomilla ES 0,3% apporto Apigenina Mirtillo nero ES 1% apporto di Antocianine Curcuma longa granulare ES 82% apporto di Curcuminoidi per 2 cpr 200 mg 120 mg 2 mld 50 mg 2,5 mg 50 mg 2,5 mg 50 mg 50 mg 0,15 mg 50 mg 0,5 mg 50 mg 41 mg

PLV = polvere ES = estratto secco

49

le sue propriet non dipendono cio da un solo elemento quanto piuttosto dallinterazione delle varie sostanze di cui composta, che ne potenziano lefficacia. Nel 1928, il prof. Laborde, docente alla Facolt di Farmacia di Strasburgo, dichiar: La terra curativa, presa regolarmente o periodicamente, il dono che purifica, vivifica, compensa e risana, propriet essenziali della natura. un potente dinamogeno che ristabilisce un equilibrio stabile risvegliando lattivit delle ghiandole. Largilla possiede le seguenti propriet: Assorbente: il suo potere assorbente pu variare dal 20 sino al 50% del suo peso. Largilla in grado di assorbire enormi quantit di liquidi, ma anche di gas, propriet che viene sfruttata in molte applicazioni terapeutiche, soprattutto in caso di intossicazioniintestinali, diarrea aumentando la capacit di riassorbimento dei liquidi da parte dell'intestino stesso con conseguente aumento di densit della massa fecale. Battericida Protettiva contro le aggressioni esterne: largilla in grado di contrastare lattivit dei batteri creando un ambiente ostile alla loro crescita senza recare alcun danno allorganismo umano.. Aiuta soprattutto a eliminare i parassiti intestinali e a ristabilire il giusto equilibrio della flora microbica compromessa dalle errate abitudini alimentari. Ecco perch spesso viene indicata nelle diarree, In uno studio della SIGEP (societ di gastroenterologia e patologia pediatrica), condotta su 804 bambini affetti da diarrea acuta, si dimostrato che utilizzando argilla verde e dei reidratanti il periodo di guarigione si riduceva sensibilemente. Psillio - Specie: Plantago psyllium L. - Famiglia: Plantaginaceae - Droga: semi, ivolucro dei semi Viene coltivata principalmente per i suoi semi. Essi, piccoli, di colore nero, insapori e inodori, contengono al loro interno della mucillagine, che a contatto con l'acqua si rigonfia e aumenta di volume. Il gel che si forma aumenta il volume della massa fecale, ne ammorbidisce il contenuto e stimola la peristalsi intestinale facilitando lo svuotamento e la defecazione. La mucillagine ha inoltre propriet emollienti e lenitive sulla mucosa, quindi indicata nelle coliti e nel colon irritabile. I semi di psillio vengono generalmente indicati per le stipsi croniche e non hanno effetti collaterali noti. Saccharomyces Boulardii Si tratta di un lievito considerato una sottospecie ben determinata dell'antichissimo e primogenito cerevisiae, in grado di sviluppare la sua azione nei confronti di numerosi problemi intestinali e non solo. La funzione probiotica del Saccharomyces Boulardii deriva dalla sua secrezione di acidi grassi a corta catena (SCFA) i quali migliorano l'ambiente intestinale o, in caso di antibiotico-terapia, ne mantengono l'idoneit favorendo velocemente il ripristino della flora batterica a terapia ultimata. L'antibiotico- esistenza deriva dalla specificit d'azione degli antibiotici stessi nei confronti dei batteri e il Saccharomyces Boulardii non appartenendo a questa famiglia, risulta immune. La presenza di Saccharomyces Boulardii ha un effetto straordinario sul sistema immunitario per l'attivazione della via alternativa e della via classica di sintesi del complemento liberandone delle frazioni C2, C3,

C3a e C5a biologicamente attive. Favorisce la produzione di anticorpi e in particolare delle IgA. Le intolleranze alimentari e numerose manifestazioni di tipo allergico sono causate da deficit di IgA, e la letteratura mostra come tale situazione decisiva, anche nei primi mesi di vita, per generare la sensibilizzazione allergica e l'intolleranza alimentare. Azione antidiarroica: il Saccharomyces Boulardii previene le diarree e in particolare quelle provocate da Clostridium difficile negli animali e nell'uomo. In vivo il Clostridium difficile esercita la sua attivit attraverso l'intermediazione di due tossine: la tossina A (enterotossina) e la tossina B (citotossina). Affezioni gastroenteriche: iI 20% dei soggetti affetti da deficit di IgA - s soffre di diarrea cronica o intermittente e circa il 10%, presenta una sindrome di malassorbimento con steatorrea (eliminazione di grassi nelle feci in quantit sensibilmente superiore alla norma). Per questi soggetti luso regolare di Saccharomices boulardi potrebbe essere estremamente utile. Finocchio - Specie: Foenniculum vulgare Miller Famiglia: Umbrellifere - Droga: frutti I frutti impropriamente detti semi, vengono da sempre impiegati, non solo nelladulto ma anche in pediatria, nei disturbi dispeptici, nel meteorismo e negli spasmi del tratto gastrointestinale. Questa pianta oltre a sali minerali e vitamine, contiene unessenza, lanetolo, che si concentra in particolar modo nei semi e favorisce la digestione agendo sulla muscolatura liscia dellintestino e regolarizzandone la motilit e la peristalsi. Grazie alle propriet stimolanti aromatiche incrementa la secrezione salivare, quella gastrica e la coleresi. Mirtillo Nero - Specie: Vaccinium myrtillus Famiglia: Ericacee - Droga: bacche Il mirtillo nero veniva consigliato da Dioscoride (il secolo d. c.) per curare la dissenteria, in realt si tratta di pianta dalle molteplici propriet: astringenti, antisettiche ed assorbenti. Risulta utile negli stati diarroici di bambini ed adulti, nonch nei processi infiammatori del tratto oro - faringeo. I mirtilli contengono molti acidi organici (malico, citrico ecc.) tonificanti dell'apparato digerente, zuccheri, tannini, pectina, mirtillina (glucoside colorante), antocianine, vitamine A, C e, in quantit minore vitamine de gruppo B. Recentemente si scoperto che gli antocianosidi del mirtillo inibiscono l'adesione dei colibacilli alla parete dell'intestino e della vescica, fornendo cos una ulteriore spiegazione del loro uso come antidiarroici e disinfettanti urinari. Camomilla - Specie: Camomilla recutita L. Famiglia: Asteraceae - Droga: fiori Un'ampia esperienza clinica e ben documentate attivit antinfiammatorie ed antispastiche rappresentano le basi dell'utilizzo salutistico di Camomilla. una pianta erbacea dalle caratteristiche infiorescenzea capolino, che ne costituiscono la droga. I suoi costituenti principali sono:l'apigenina, un glicoside flavonico, presente nella droga alla concentrazione di circa 1%,olio essenziale costituito da matricina (che poi si trasforma in camazulene durante la distillazione). Essa, esercitando un'azione spasmolitica sulla mu-

DissenterVin
50

German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. Fede A.M.: Intolleranze alimentari come cause di malattie locali o a distanza. In Atti del Convegno di Medicina Natural,Milano, 1955. 8. Harms H.K, Bertele - Harms R.M, Bruer - Kleis D. Enzyme substitution therapy with the yeast Saccharomyces cerevisiae in congenita) sucrase - isomaltase deficiency. N Engl J Med 1987; 316 :1306 - 9. 9. Kigothier M.C., Macearcio l., Wong P.N., Gayral P H. Effet des levures Saccharomyces Boulardii sur les trophozdides d'Entamoeba histolytica in et dans l'amibiase caecale dejeunes rata. Annales de Parasitologie, (1990), 65, 51 - 60. 10. Massot l., Sanchez 0., Couchy R., Astoin J., Parodi A.L. Batterio - pharmacological activity of Saccharomyces Boulardii in clindamycin induced col the hamster. Arzneimittel Forschung Drug Research, (1984), 34, 794 - 797. 11. McFarland LV, Surawicz CM, Greenberg RN, Fekety R, Elmer GW, Moyer KA, et al. A randomized placebo - controlled trial of Saccharomyces Boulardii in combination with standard antibiotica for Clostridium difficile. DAMA 1994; 271 1913 - 8. 12. McFarland, L.V, C.M. Surawicz, G.W. Elmen, K.A. Mayer, S.A. Melcher, R.N. Greenberg, K. Bowen. 1993. Multivariate Analysis of the Clinica) efficacy of a Biotherapeutic Agent, Saccharomyces Boulardii, for the Prevention ofAntibiotic Associated Diarrhea. Annua) Meeting of the Society for Epidemiologic Research, June 1993. Keystone, CO. 13. McFarland, L.V, C.M. Surawicz, R.N. Greenberg, G.W. Elmer, K.A. Moyer, S.A. Melcher, K.E. Bowen and J.L. Cox. (1995) Prevention of Beta - lactam associated diarrhea by Saccharomyces Boulardii compared with placebo. Amer. J. Gastroenterology, 90:439 - 448. 14. McFarland, L.V., C.M. Surawicz, R.N. Greenberg, R. Fekety, G.W. Elmer, K.A. Moyer, S.A. Melcher, K.E. Bowen, J.L. Cox, Z. Noorani, G. Harrington, M. Rubin, and D. Greenwald. 1994. A Randomized placebo - Controlled trial of Saccharomyces Boulardii in combination with standard antibiotica for Clostridium difficile diseases. JAMA 271: 1913 - 1918. 15. Plein K, Hotz J. Therapeutic effects of Saccharomyces Boulardii on mild residuai symptoms in a stable phase of Crohn's disease with special respect to chronic diarrhea &endash; a pilot study. Z Gastroenterol 1993; 31 : 129 - 34. 16. Saint Marc T, Rosselo - Prato L, Touraine J.L. Efficacit de Saccharomyces Boulardii dans le traitement des diarrhes du SIDA. Am. Med. Int., (1991), 142, 64 - 66. 17. Surawicz C.M. Moyens cologiques de traiter la diarrhe. Interdisciplinary World Congress on Antimicrobial and Anticancer Drugs, (1992), Gene, Mars. 18. Surawicz C.M., Elmer G.W., Spielman P, McFarland L.V, Chinn J., Van Belle G. Prevention of antibiotic - associated diarrhea by Saccharomyces Boulardii, Gastroenterology, (1989), 96, 981 - 988. 19. Surawicz C.M. Mc Farland L.V Elmer G.W., Chinn J. Treatment of recurrent Clostridium difficile colitis with vancomycin and Saccharomyces Boulardii. The American Journal of Gastroenterology, (1989), 84, 1285 - 1287. 20. Tempe LD., Steidel AL, Blehaut H., Hasselmann M. Lutun PH., Maurier F. Prvention par Saccharomyces Boulardii des diarrhes de l'alimentation intestinale continu. La semaine des hpitaux de Paria, (1993), 59, 1409 - 1412. 21. Toothaker R.D., Elmer G.W. Prevention of clindamycin - induced mortality in hamsters by Saccharomyces Boulardii. Antimicrobial Agents and Chemotherapy, (1984),26,52 - 56.

Zenzero - Specie: Zingiber officinalis Famiglia: Zinziberacee - Droga: rizoma Il rizoma dello zenzero da sempre utilizzato come spezia in India e in Cina e rientra, inoltre, fra le sostanze medicamentose della medicina orientale, oltre a essere un costituente dei curries. La commissione E tedesca descrive il rizoma come medicamento antiemetico, stimolante il peristaltismo e il tono intestinale, stimolante le secrezioni salivare e gastrica. Lorganotropismo della pianta infatti lapparato gastrointestinale. Svariati inoltre sono gli studi che hanno segnalato come la polvere del rizoma abbia attivit antinausea. Le sostanze contenute nello zenzero sono attive contro una forma di diarrea che uno dei principali fattori di mortalit infantile nelle nazioni in via di sviluppo. Lo Zingerone probabilmente il componente attivo contro l'enterotossigenica Escherichia coli, la principale causa delle diaree. Curcuma - Specie: Curcuma longa L. Famiglia: Zinziberacee - Droga: rizoma La curcuma una pianta erbacea tropicale diffusa in Asia ed Africa e coltivata da millenni come spezia. Se ne raccoglie il rizoma carnoso dallaroma caratteristico che poi il principale ingrediente della miscela di spezie nota come curry. Laroma si pu estrarre sotto forma di un olio volatile di color giallo brillante ricco in chetoni (turmerone, atlantone) e terpeni (zingiberene, fellandrene, sabinene). La pianta nota nella tradizione ayurvedica e popolare per le propriet stomachiche e digestive. La Curcumina (uno dei principali principi attivi) ha una attivit antiflogistica ed antinfiammatoria a bassa tossicit. Ha azione antiossidante, antivirale, viene consigliata come protettore del fegato, della mucosa gastrica e come antiulcera ma in piccole dosi, ha inoltre attivit battericida. Il rizoma di aiuto nei processi digestivi, per le propriet coleretiche e colagoghe, ed anche come stimolante dell'appetito. Agrimonia - Specie: Agrimonia eupatoria L. Famiglia: Rosacee - Droga: foglie e le sommit fiorite Lagrimonia un ottimo rimedio in caso di dissenteria, in particolare quando questa accompagnata da crampi intestinali. Grazie ai numerosi principi attivi e sostanze tipo olio etereo, una sostanza amara, acidi organici (salicilico, nicotinico, ascorbico, citrico, malico, palmitico, stearico, oleico, cerilico, ursolico), vit. K, vit. Bl, tannini in grado di alleviare il senso di gonfiore causato dal cattivo funzionamento epatico - biliare. Inoltre le foglie di agrimonia svolgono un benefico effetto a livello gastrico e intestinale favorendone le fisiologiche funzionalit.

DissenterVin
51

scolatura liscia gastrica, contrasta la dismotilit dello stomaco che caratterizza la "dispepsia cronica". Un altro effetto benefico della camomilla viene ascritto alle propriet ricoprenti e protettive della mucosa gastrica da parte dei polisaccaridi mucillaginosi (circa il 10%).

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003 2. The complete

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

DiurVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN8
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di piante in grado di esplicare prettamente un'azione diuretica come mais, pilosella, bardana, spaccapietre, asparago, con estratti vegetali capaci soprattutto di un effetto detossificante, grazie a cranberry e uva ursina si sviluppa unazione antiossidante in grado di contrastare i danni cellulari provocati dai radicali liberi. Inoltre al fine da favorire una pi completa azione purificante, stato aggiunto il rabarbaro, capace di migliorare il transito intestinale e il sambuco che facilita la sudorazione e leliminazione delle tossine attraverso la pelle. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: pilosella (Hyeracium pilosella L.) parti aeree fiorite, mais (Zea mays L.) stigmi, cranberry (Vaccinium macrocarpon Aiton) bacche, asparago (Asparagus officinalis L.) radice, banaba (Lagerstroemia speciosa (L.) Pers.) foglie, uva ursina (Arctostaphylos uva - ursi (L.) Spreng.) foglie, rabarbaro (Rheum palmatum L.) rizoma, spaccapietre (Ceterach officinarum DC) parti aeree, t di Giava (Orthosiphon stamineus Benth) foglie, bardana (Arctium lappa L.) radice, sambuco (Sambucus nigra L.) fiori. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce in acqua o bevanda calda. CONTROINDICAZIONI Il prodotto controindicato in caso di grave insufficienza renale. Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. Questo prodotto specifico per la ritenzione idrica, perch capace di favorire leliminazione dei liquidi in eccesso attraverso la stimolazione della funzionalit renale. Inoltre lazione risulta pi efficace in quanto, accanto ai liquidi, vengono eliminate le tossine metaboliche. pertanto consigliato in tutti quei casi in cui importante eliminare i liquidi in eccesso come cellulite, edemi agli arti inferiori, senso di gonfiore e pesantezza. Pilosella - Specie: Hyeracium pilosella L. Famiglia: Asteraceae - Droga: la parte aerea fiorita Deve il suo nome ad una intensa pelosit, con peli fogliari lunghi fino a 1cm. La pianta contiene flavonoidi luteoloside, eteroside dellapigenina (apigenolo - luteololo), cumarine (umbelliferone - 7 - glucoside), acidi polifenolici o deri-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Pilosella parti aeree fiorite EI Mais stigmi EI Asparago radice EI Banaba foglie EI Cranberry bacche EI Uva orsina foglie EI Rabarbaro rizoma EI Spaccapietre parti aeree EI T di Giava foglie EI Bardana radice EI Sambuco fiori EI per 6 ml 0,75 ml 0,75 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,4 ml 0,3 ml 0,3 ml

EI = estratto idroalcolico

52

vati idrossicinnamici (ac.caffeico, ac.clorogenico), tannini, saponosidi triterpenici, sesquiterpeni, mucillagini, resine e tracce di manganese. Per questa complessit fitochimica, non esiste un marker specifico responsabile delleffetto, ma il fitocomplesso nel suo insieme il responsabile dellefficacia di questa pianta. La pilosella non stata molto studiata nei suoi meccanismi di azione, ma lesperienza empirica e luso tradizionale, hanno dimostrato che i principi attivi decadono molto presto e la qualit dellestratto (estrazione da pianta fresca lavorata subito dopo la raccolta), fondamentale per avere un prodotto efficace. I flavonoidi sono responsabili di unazione diuretica, incrementando il volume delle urine e il tasso di escrezione delle sostanze azotate, ma anche gli altri costituenti migliorano leffetto di tali composti, come ad esempio i derivati cumarinici sicuramente responsabili di unazione batteriostatica e quindi protettiva della mucosa renale. Mais - Specie: Zea mays L. Famiglia: Graminae - Droga: stigmi Il mais un pianta coltivata originaria del centro America. La droga costituita dai lunghissimi stigmi fiorali che fuoriescono dalla pannocchia nel periodo della fioritura. Per lungo tempo sono stati utilizzati dalle popolazioni rurali come succedaneo povero del t nero, possedendo un aroma gradevole. Gli stigmi di mais contengono diverse sostanze in particolare: olio grasso ricco in acido oleico e linoleico, 0,1 - 1,2% di olio essenziale ricco in carvacrolo (18%) e altri terpeni, sostanze gommose, sostanze amare, saponine, tannini polifenolici e flavonoidi, mucillagini e fino al 4 - 5% di sali minerali, in particolare sali di potassio. Contengono anche acido salicilico in tracce, che ha azione antinfiammatoria e antisettica, mentre quella diuretica, promossa dai sali minerali potassici (v. anche tarassaco) e dai flavonoidi. Mirtillo Rosso - Specie: Vaccinium macrocarpon Aiton - Famiglia: Ericaceae - Droga: le bacche Noto anche come cranberry, i nativi lo conoscevano e lo utilizzavano da tempo , premendone il succo acidulo dei frutti, che divenuta poi una bevanda tipica della festivit del Giorno del Ringraziamento. Il succo e la polpa delle bacche contengono anto - cianine, glicosidi flavonolici (leptosina), acido citrico, malico e chinico, tracce di acido benzoico, acido ippurico (acido chinico coniugato con glicina) polimeri ad alto peso molecolare. Il succo e le preparazioni da bacca essiccata, sono utilizzati come diuretici, remineralizzanti, ma sono anche note le propriet antisettiche sulle vie urinarie. Lazione dimostrata in vivo su ceppi uropatogeni di Escherichia coli, dovuta sia allazione battericida o batteriostatica degli acidi organici (in particolare lacido chinico e il benzoico), sia allazione antiadesivante di sostanze di natura polimerica presenti nella droga, che impediscono ai batteri di colonizzare le superfici delle vie urinarie. Quindi ad un effetto diuretico associato un azione disinfettante e disintossicante. Asparago - Specie: Asparagus officinalis L. Famiglia: Liliaceae - Droga: radice Tutti conosciamo i turioni delicati ed aromatici che si

ottengono da questa pianta, anchessi possono essere apprezzati per la ricchezza di minerali e di sostanze nutritive (flavonoidi e aminoacidi) che apportano. La droga per ricavata dalla radice fascicolata e grassa dellasparago, in cui troviamo alcune interessantissime sostanze, principalmente abbiamo saponine (sarsapogenina) e ben otto altri glicosidi steroidei (asparagosidi). Lazione diuretica citata nella let - teratura riferita a tradizioni popolari, probabilmente dovuta a queste sostanze e alla loro azione stimolante sui tessuti renali e della vescica. Banaba - Specie: Lagerstroemia speciosa (L.) Pers. Famiglia: Lythracee - Droga: le foglie Le foglie della banaba contengono acido corosolico, acido maslinico, campferolo, alcuni tannini (lagertannini) ed ellagitannini (lagerstroemina, flosina B e reginina A). Lacido corosolico, stato dimostrato anche attraverso studi preclinici, in grado di controllare il metabolismo degli zuccheri allinterno della cellula animale, espletando un effetto ipoglicemizzante molto simile a quello dellinsulina specialmente a dosaggi elevati (fino a 50 mg/Kg/die). Accanto a questo specifico effetto la banaba, soprattutto sottoforma di estratto idroalcolico e grazie alla presenza delle sostanze tanniche, in grado di migliorare le funzionalit renali cos come altre piante a tannini (th verde, uva ursina). interessante notare come le piante abbiano la possibilit di agire a pi livelli, e la capacit del formulatore, proprio quella di trovare la giusta associazione. Uva Ursina - Specie: Arctostaphylos uva - ursi (L) Spreng - Famiglia: Ericaceae - Droga: le foglie Luva ursina una sorta di cranberry europeo. Le foglie delluva ursina sono ricchissime (fino al 9%) di un glucoside idrochinonico (arbutina) che considerato lagente efficace di questa pianta. Contengono inoltre flavonoidi, tannini e acidi fenolici (gallico, ellagico, protocatechico). Le foglie di uva ursina sono un rimedio conosciuto e consolidato contro le cistiti, utilissimo specialmente nelle forme ricorrenti. Sia larbutina che la forma libera di idrochinone, sono sostanze che attraverso lapparato digerente e il circolo ematico, arrivano ai reni dove, espulsi nelle vie urinarie, espletano lazione antisettica. Le sostanze tanniche favoriscono inoltre la funzione diuretica. Rabarbaro - Specie: Rheum palmatum L. Famiglia: Poligonaceae - Droga: rizoma Originaria delle montagne dellAsia, oggi coltivata per diversi impieghi. Il rabarbaro cinese, o da huang, il pi usato per impieghi officinali, mentre il rabarbaro da orto (Rheum raponticum L.) impiegato come aroma e ortaggio. La radice del rabarbaro, contiene due classi di sostanze che hanno unazione spiccata nei confronti delle mucose viscerali e della muscolatura liscia: i tannini e sostanze antrachinoniche. I tannini che sono sia ti tipo catechinico che ti tipo gallico, esercitano una lieve azione costipante ove le dosi assunte siano basse, mentre gli antraglicosidi che liberano antrachinoni come lacido crisofanico, lemodina, laloe emodina ed altri, esplicano unazione sicuramente lassativa. Tale azione quindi modulata dalla presenza del tannino.

DiurVin
53

Spaccapietre - Specie: Ceterach officinarum Lam. & DC - Famiglia: Aspleniaceae - Droga: parti aeree La sua capacit di sopravvivere su substrati poveri e difficili come le rocce madri, dove lussureggia lungo le fessure e le crepe naturali, gli ha conferito la reputazione di essere responsabile del disfacimento delle pietre stesse. La tradizione medica de la signatura ha abbinato questa capacit osservata in natura, ad una propriet fisiologica verso le formazioni litiche organiche come i calcoli. In effetti la tradizione popolare, al momento non ben confortata da studi scientifici, la riconosce come una delle piante deccellenza nelle composizioni diuretiche. Contiene sostanze amare, acidi fenolici (acido gallico) e mucillagini, tannini e flavonoidi glicosilati. Questi ultimi sono sicuramente coinvolti nello stimolo della diuresi insieme ai sali minerali, di cui questa pianta naturalmente ricca. Bardana - Specie: Arctium lappa L. e Arctium minus L. - Famiglia: Asteraceae - Droga: radice La radice di bardana, raccolta nellinverno, ricca di inulina (fino al 50%), poliacetileni, acido caffeico, ac. clorogenico e acidi volatili, polifenoli e flavonoidi (fra cui kaempferolo). La pianta ha un uso tradi - zionale come depurativo del fegato ed indirettamente come dermo - purificante. Sicuramente ha effetti antibatterici e batteriostatici dovuti allazione dei poliacetileni, si combina bene con uno stimolo diuretico facilitando leliminazione dei cataboliti tossici. Sambuco - Specie: Sambucus nigra L. Famiglia: Caprifoliaceae - Droga: fiori Nei paesi di lingua tedesca e in Sud Tirolo, i fiori si usano per preparare una bevanda rinfrescante ed energetica leggermente fermentata, e le bacche si usano per fare confetture. I fiori sono debolmente aromatici e contengono acidi grassi (palmitico, oleico), terpeni, acido ursolico, acido eleanoico, flavonoidi, glicosidi flavonici e acidi fenolici, fra cui quercetina, kaempferolo, rutina e acido clorogenico. Sono utilizzati nella fabbricazione di aromi nelle bevande alcoliche (sambuca) e nei dolciumi. La pianta nota nelluso popolare per le propriet diaforetiche e diuretiche. Il meccanismo di azione non mai stato descritto nei dettagli. Sicuramente i flavonoidi conferiscono al sambuco le propriet azoturiche e cloruriche tipiche di altre piante contenenti flavonoidi (v. pilosella). T di Giava Specie: Orthosiphon stamineus Benth Famiglia: Labiatae - Droga: foglie La droga costituita dalle foglie e sommit fiorite di Orthosiphon stamineus Benth. (fam. Labiatae), pianta erbacea di piccole dimensioni, alta da 30 a 60 cm. L'associazione di foglie e di steli di diverse piante del genere Orthosiphonis (Or. aristatus, spicatus, stamineus) raccolte prima della fioritura compongono la miscela chiamata Java Tea (T di Giava). Queste piante, chiamate in italiano genericamente Orthosiphon, sono originarie del Sud Est asiatico e dell'Australia tropicale. La pianta Orthosiphon contiene flavoni lipofilici come la sinensetina e la isosinensetina, flavonoidi glicosidici, acido rosmarinico, inositolo e

fitosteroli ed composta per lo 0,7% di un olio essenziale. L'Orthosiphon, grazie alla propriet di aumentare l'escrezione di liquidi, tradizionalmente utilizzata per facilitare la perdita di peso. Tuttavia, le indicazioni terapeutiche per le quali l'uso dell'Orthosiphon viene consigliato sono le infiammazioni del tratto urinario e, come coadiuvante, nel trattamento delle infezioni urinarie. stato suggerito che il T di Giava potrebbe essere utile nella prevenzione della formazione di calcoli a base di acido urico, ma per questa indicazione non esiste alcuna prova clinica di efficacia. Altra propriet conosciuta una debole attivit di tipo spasmolitico per la quale viene utilizzato per curare disturbi della colecisti. La somministrazione di Ortosiphon produce negli animali da laboratorio aumento della diuresi e dell'escrezione di sodio. Ma, l'efficacia dell'attivit diuretica e natriuretica non stata confermata da studi clinici controllati. In laboratorio stato anche dimostrato che i flavonoidi presenti nella pianta esercitano attivit antiossidante e che sostanze presenti nella pianta (tra queste il metilripariocromene A, isolato dalle foglie di Orthosiphon aristatus), sono in grado di ridurre la pressione arteriosa.

DiurVin
54

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. Palma L. Le Piante Medicinali d Italia - chimica, farmacodinamica, terapia. Societ Editrice Internazionale. Torino, 1964. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 13. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 14. Hayashi T, Maruyama H, Kasai R, Hattori K, et al (2002). Ellagitannins from Lagerstroemia speciosa as activators of glucose transport in Fat Cells. Planta Med 68(2):173 - 5.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

EnerVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN9
INDICAZIONI SALUTISTICHE Associazione particolarmente indicata per favorire un effetto tonico - adattogeno utile in tutti i casi in cui lorganismo necessita di un supporto energetico, come nei periodi di particolare impegno mentale e fisico, convalescenze e stress di varia natura. La combinazione unisce piante ad effetto eccitante come guaran e Kola, con piante riequilibratrici a livello umorale come Maca, e piante capaci di innalzare la resistenza alla fatica come Ginseng ed Eleuterococco. Infine la presenza di Th verde ricca di catechine ad effetto antiossidante, funge da radical scanvager, riducendo il danno cellulare provocato dai radicali liberi che in situazioni di stress psico-fisico, vengono ad accumularsi e con difficolt lorganismo in grado di neutralizzare. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: ginseng (Panax ginseng C.A. Meyer) radice, maca (Lepidium meyenii Walp) radice, th verde (Camellia sinensis (L.) Kuntze) foglie, eleuterococco (Eleutherococcus senticosus (Rupr. Et Maxim) radice, guaran (Paulinia sorbilis(L.) Mart.) frutti, noce di kola (Cola nitida (Vent.) Schott. & Endl.) noce, ginkgo (Ginkgo biloba L.) foglie. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno in acqua o bevanda calda preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. AVVERTENZE SUPPLEMENTARI Se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici consultare il medico prima di assumere il prodotto. Si sconsiglia luso del prodotto in gravidanza e durante lallattamento. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. Rimedio specifico in tutti i casi in cui necessario donare tono ed energia ad un organismo sottoposto ad intenso stress psicofisico, come ad esempio durante un esame, un periodo di superlavoro o in seguito ad una convalescenza.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Ginseng rosso radice EI Maca radice EI T verde foglie EI Guaran frutti EI Eleuterococco radice EI Noce di Kola noce EI Gingko foglie EI per 6 ml 1,2 ml 1,2 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,6 ml 0,3 ml

EI = estratto idroalcolico

55

Ginseng Cinese Specie: Panax ginseng C.A. Meyer Famiglia: Araliaceae - Droga: la radice Con la sua radice dal caratteristico aspetto antropomorfo, il ginseng una delle piante medicinali pi note e pi studiate, una pianta erbacea longeva e pu raggiungere i 100 anni, la si rinviene nelle foreste di conifere e latifoglie dellAsia orientale e centrale, dove si sviluppa nelle fertili lettiere forestali in condizioni di ombra quasi totale. Oggi il ginseng coltivato in ampie distese nelle regioni cinesi al confine con la Mongolia e in Corea. In quelle regioni il ginseng largamente consumato sia come ortaggio fresco, quindi ingrediente di zuppe e minestre, sia come energetico e tonico per affrontare condizioni di lavoro ove ne cessita superare fasi di stress e debilitazione. Luso cos tanto diffuso che potremmo essere portati a dire che il ginseng conferisce a quei popoli, la nota operosit che li contraddistingue nel mondo. Il ginseng contiene molte e ben studiate sostanze, ma sicuramente le componenti maggiormente attive sono le saponine (ginsenosidi) e i polisaccaridi. Le saponine mostrano tropismo verso il sistema nervoso sia centrale che periferico, con effetti di sistema non ben identificati ma dei quali vi ampia letteratura clinica di alto livello. Il ginseng stimola tutti gli apparati, incrementa le capacit fisiche e mentali senza essere un eccitante. I polisaccaridi invece, hanno evidenziato in studi su cavia, essere responsabili dellazione di potenziamento del sistema immunitario, la combinazione di queste due azioni rendono il ginseng una pianta energetica e adattogena per eccellenza. Maca - Specie: Lepidium meyenii Famiglia: Cruciferae - Droga: la radice Pianta erbacea biennale delle Ande peruviane, dove coltivata sin dallantichit per le sue propriet nutrizionali e medicinali. Se ne consuma lipocotile ingrossato (parte del colletto), che forma una sorta di grossa rapa ricca di sostanze nutrienti e fisiologicamente attive. Le popolazioni da secoli beneficiano dellazione adattogena, rinforzante e afrodisiaca del maca. Il maca contiene carboidrati, aminoacidi, acidi grassi e steroli, e come tutte le brassicacee, glucosinolati, dalla cui idrolisi, si liberano anche gli istiocianati contenuti. Lazione adattogena dovuta ai polisaccaridi, mentre lazione di stimolo alla funzione sessuale, che si manifesta sia come incremento del desiderio che come potenziamento della complessiva fisiologia legata alla sessualit, (es: aumento della motilit degli spermatozoi) non sembra essere legata ad un incremento degli ormoni sessuali (testosterone, prolattina, estradiolo), il cui livello ematico si mantiene costante. Si assume pertanto un meccanismo di azione di tipo mimico a livello di recettori di tali ormoni. Il maca quindi completa lazione energizzante ed adattogena del fitocomplesso nervino. Th Verde Specie: Camellia sinensis (L.) Kuntze Famiglia: Theaceae - Droga: le foglie Il th un arbusto sempreverde delle zone montuose tropicali dellAsia, una bevanda tradizionale dellantica Cina che in seguito si diffusa in tutte le zone subtropicali del globo dove adesso viene coltivato.

Essendo la pianta infusionale pi diffusa al mondo, il th noto oltre che per le propriet di bevanda nervina, anche per il suo apporto di altre sostanze utili. Oltre alla caffeina (1 - 2%) presente tanto nel th verde che nel th nero, sono presenti moltissime sostanze di natura polifenolica. Se la caffeina e gli altri alcaloidi neurotropici (teofillina, teobromina, etc.) sono responsabili dellazione eccitante del th, i polifenoli costituiscono un pool particolarmente robusto di sostanze antiossidanti e pertanto hanno unazione protettiva dallo stress ossidativo, fungendo da adattogeni e proteggendo le cellule viventi dallazione complessiva dei fattori di stress. Il th insieme uno stimolante del sistema nervoso centrale ed un adattogeno che completa la funzionalit dellEnervin. Guaran Specie: Paullinia sorbilis (L.) Mart. Famiglia: Sapindaceae - Droga: i frutti Il guaran una liana sempreverde delle foreste pluviali del Sud America. Oggi viene coltivata in Brasile a scopo commerciale per la produzione dei suoi semi simili a minuscole castagne. Il guaran deve la sua azione energetica allelevatissimo contenuto in caffeina (fino al 7%) dei suoi frutti, che pi del doppio del contenuto del caff. Questo alcaloide, ha una arcinota azione stimolante sul SNC e di potenziamento delle facolt di attenzione e di reazione, contiene anche altri alcaloidi nervini, come la teofillina e la teobromina, e sostanze polifenoliche. Il guaran nell Enervin, lingrediente tonico nervino per eccellenza. Eleuterococco Specie: Eleuterococcus senticosus (Rupr. Et Maxim) Famiglia: Araliaceae - Droga: la radice Noto come ginseng siberiano, leleuterococco ha molte somiglianze con il cugino asiatico. Nella medicina cinese un rimedio (la corteccia della radice detta ci wu jia) con indicazioni del tutto simili al ginseng cinese, ma gli studi su questa pianta, sono dovuti agli scienziati russi che ne conoscevano limpiego presso le popolazioni rurali degli Urali e degli Altai, dove veniva utilizzato come fortificante, tonico ed energetico, consentendo alle persone di lavorare e sopravvivere nelle proibitive condizioni siberiane. Gli studi hanno evidenziato la presenza di sostanze diverse (glicosidi, lignani, cumarine, saponine, etc.) denominate eleuterosidi e contraddistinte dalla A alla G. Lazione di queste sostanze complessa e avviene a diversi livelli dellorganismo. Sicuramente per quanto riguarda lapporto energetico, dovuto ad unazione corticoide - simile, la presenza dei polisaccaridi (eleuterani) invece, stimola il sistema immunitario rendendo lindividuo pi resistente allaggressione dei fattori esterni. Complessivamente leleuterococco completa e diversifica lazione tonico energetica del ginseng cinese e con meccanismi di azione diversi, dona energia e rafforza lorganismo in situazioni di stress. Noce di Kola Specie: Cola nitida (Vent.) Schott. & Endl Famiglia: Sterculiaceae - Droga: noce Sempreverde tropicale spontaneo in Africa occidentale, coltivato per la produzione delle noci in tutte

EnerVin
56

le aree intorno allEquatore dell America del Sud ed Indocina. La noce il frutto privato dellepisperma ed essiccato fino a divenire duro. La cola tradizionalmente consumata masticando le noci, dalle popolazioni native usata come energetica e amaro tonica e contro il mal di testa. Contiene caffeina come principale principio attivo, fino al 2,5% (in media il 2%), quindi contiene teobromina, catechine e tannini. Parte della caffeina legata ai tannini e le propriet della cola, sono legate allazione nervina appunto della caffeina. Ginkgo - Specie: Ginkgo biloba L. Famiglia: Gingkoaceae - Droga: le foglie Il ginkgo un albero unico esponente dellantichissima famiglia delle Ginkgoaceae, giunto a noi come un vero e proprio superstite dellera mesozoica, quasi fosse destinato a portarci i suoi preziosissimi principi attivi. I semi del ginkgo sono una prelibatezza commestibile in Cina e Giappone, ma sono le foglie ad essere vettori di studiate sostanze dallimportante azione fisiologica. I terpenoidi del ginkgo, noti come ginkgolidi (identificati dalla A alla M), sono infatti sostanze a spiccato tropismo verso lapparato circolatorio. Il ginkgo contiene anche una cospicua quantit di flavonoidi fra cui la luteolina, bilobetina, e kaempferolo, ed noto per incrementare lefficienza del flusso sanguigno a livello periferico, ed in particolare a livello del cervello, migliorando lo stato di attenzione, di concentrazione e di memoria. Insieme ai tonici nervini il ginkgo, aumenta la sensazione di benessere dovuta ad una migliore circolazione a livello cerebrale, con conseguente aumentata efficienza nella percezione e nella capacit di svolgere unattivit impegnativa.

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 9. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 10. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 11. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 15. Baranov AI. J Ethnopharmacol 1982;6:339 - 53.

EnerVin
57

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

EpaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN10
INDICAZIONI SALUTISTICHE Classica combinazione della tradizione erboristica, che abbina molte piante per potenziare leffetto drenante e disintossicante. Questa preparazione presenta un particolare tropismo a livello epatico tale da esplicare una fisiologica azione coleretica, colagoga e detossificante, quindi capace di ripristinare le fisiologiche funzionalit del fegato. Grazie ai suoi componenti pu essere utilizzato come coadiuvante in tutti i soggetti con disturbi tipo: insufficienza epatica lieve, moderata gastrite, colon irritabile, discinesie biliari (con colecisti alitisiaca). Grazie alla presenza della curcuma il rimedio utilissimo per contrastare gli effetti dovuti allassunzione di alimenti poco tollerati e quindi in tutto il vasto capitolo delle intolleranze alimentari. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: tarassaco (Taraxacum officinale Web.) radice, cardo mariano (Silybum marianum (L.) Gaertn.) semi, carciofo (Cynara scolymus L.) foglie, crespino (Berberis vulgaris L.) corteccia, boldo (Peumus boldus Mol.) foglie, ravanello nero (Raphanus sativus L.) radice, rabarbaro cinese (Rheum palmatum L.) rizoma, crisantello (Chrysantellum americanum V.) pianta, curcuma (Curcuma longa L.) rizoma, combreto (Combretum micranthum G. Don. ) foglie, oli essenziali di: menta (Mentha piperita L.) foglie, rosmarino (Rosmarinus officinalis L.) rametti fogliuti. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno in acqua o bevanda calda preferibilmente prima di pranzo e cena. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. Rimedio specifico in tutti i casi in cui necessario sorreggere e proteggere le funzionalit epatiche: uso prolungato e continuativo di farmaci di sintesi, alimentazione ricca di proteine e grassi, disfunzioni metaboliche, digestione lenta, pesantezza postprandiale.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Tarassaco radice EI Cardo mariano semi EI Carciofo foglie EI Crespino corteccia EI Boldo foglie EI Ravanello nero radice EI Rabarbaro rizoma EI Crisantello pianta EI Curcuma rizoma EI Combreto foglie EI Menta piperita foglie OE Rosmarino rametti fogliuti OE per 6 ml 0,75 ml 0,75 ml 0,75 ml 0,75 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,3 ml 0,3 ml 0,06 ml 0,06 ml

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

58

Combreto Specie: Combretum micranthum G. Don. Famiglia: Combretacee - Droga: foglie Arbusto diffuso nellAfrica Equatoriale e noto presso i popoli del Mali e del Senegal, per le sue propriet detossificanti e per trattare febbri malariche, nausee e disordini digestivi. La pianta ricca di polifenoli e di tannini, contiene inoltre triterpeni, acido botulinico e B - sitosteroli. Il meccanismo dazione alla base di questo effetto protettivo, non stato del tutto chiarito ma simile ad altri meccanismi di inibizione della morte cellulare, ad es. indotta da fattori tipo il TNf (Tumor Necrosis factor). Diversi studiosi hanno invece dimostrato il suo effetto come colagogo e coleretico e anche leggermente lassativo, caratteristica comune a molte droghe capaci di stimolare le funzionalit epato - biliari. Crisantello Specie: Chrysanthellum americanum L. Famiglia: Asteraceae - Droga: sommita fiorite Paragonato al Carduus Marianus per l'azione epatoprotettiva si dimostrato nettamente superiore, perch oltre a proteggere l'epatocita dai vari tossici metabolici pi attivo nei confronti dell'alcol etilico. L'azione epatoprotettrice nei. confronti dell'alcol si manifesta nello spazio di 12-15 giorni. Numerosi studi dimostrano che il Chrysantemum possiede una buona attivit antiossidante ; anche i flavonoidi della pianta partecipano a mantenere integra la funzione antitossica e biligenica, proteggendo il corpo dall'azione distruttiva dei radicali liberi. Ai flavonodi spetta inoltre la peculiariet di orientare il glucosio sulle vie a pi alto rendimento energetico. In tale maniera si realizza una stimolazione delle funzioni maggiori del fegato in caso di steatosi epatica. Curcuma Specie: Curcuma longa L. Famiglia: Zingiberaceae - Droga: la radice La curcuma una pianta erbacea tropicale diffusa in Asia ed Africa e coltivata da millenni come spezia. Se ne raccoglie il rizoma carnoso dallaroma caratteristico che poi il principale ingrediente della miscela di spezie nota come curry. Laroma si pu estrarre sotto forma di un olio volatile di color giallo brillante, ricco in chetoni (turmerone, atlantone) e terpeni (zingiberene, fellandrene, sabinene). La pianta nota nella tradizione ayurvedica e popolare per le propriet stomachiche e digestive. Esperimenti hanno evidenziato come lestratto di curcuma in vitro, protegge gli epatociti dai danni del tetracloruro di carbonio, in altri studi lestratto di curcuma in grado di ridurre un anomalo livello ematico degli enzimi epatici (transaminasi) dovuto a danni indotti da farmaci, alcune sostanze poi, agiscono sulla motilit della cistifellea (tolmetil carbinolo) favorendo la raccolta e lespulsione della bile. Boldo - Specie: Peumus boldus Mol. Famiglia: Monimiaceae - Droga: foglie Linfuso delle foglie da sempre utilizzato nel trattamento di disturbi gastrointestinali come spasmi e difficolt digestive. Sin dalla fine dell800 molti studi condotti sia sulluomo che su animali, hanno eviden-

ziato le propriet coleretiche e colagoghe del boldo, oltre a facilitare le funzioni di eliminazione renale e digestiva. Come tale rientra in svariate specialit proposte nel trattamento sintomatico delle turbe dispeptiche e pu essere associato a piante colagoghe come il carciofo, oppure a piante come la senna, la cascara ecc., nel trattamento della stipsi. Fra le sostanze attive del boldo vi sono alcuni alcaloidi (laurotetanina, boldina, e altri), ritenuti responsabili delle principali attivit di questa pianta. La boldina esercita un'azione elettiva sulla secrezione biliare e, in particolare, sulla fluidificazione della bile, sarebbe in grado infatti di modificarne le caratteristiche chimico fisiche, diminuendone la densit e la viscosit e aumentando il contenuto acquoso. L'aumento della secrezione biliare appare netto e il conseguente aumento dei sali biliari a livello intestinale, determina anche un leggero effetto lassativo. Tarassaco - Specie: Taraxacum officinale Web. Famiglia: Asteracee - Droga: radice Il tarassaco, noto come dente di leone, una pianticella perenne comune in tutti i prati, i pascoli e gli incolti delle regioni temperate. Tutte le parti sono ricche di minerali e molteplici sostanze, fra cui diversi flavonoidi, che conferiscono a questa pianta propriet diuretiche e depurative. Se ne utilizza la radice fittonante, che nel periodo autunnale accumula sali di potassio e inulina, uno zucchero complesso tipico delle Asteracee. Lazione coleretica dovuta ai lattoni sesquiterpenici amari che sono contenuti nelle radici, in grado secondo alcuni studi in vivo, di incrementare la secrezione biliare del 40%. Carciofo - Specie: Cynara scolymus L. Famiglia: Asteracee - Droga: foglie Il carciofo una pianta da orto nota alluomo fin dallantichit, della quale si consumano i boccioli fiorali freschi. Tutta la pianta ricca di derivati ortodifenolici (0,2%) fra cui acido caffeico, e acidi caffeoilchinici (cinarina, ac. clorogenico), contiene inoltre flavonoidi, glucosidi, guaianolidi, cinaratriolo e molte altre sostanze. Laroma di carciofo dato da un olio volatile ricco di chetoni, aldeidi e eugenolo. La pianta nota per lazione coleretica, ma anche per azioni secondarie evidenziate in animali da laboratorio, come ipocolesterolemizzante e ipolipidemizzante. sicuramente la pianta pi conosciuta e utilizzata per favorire le funzionalit epatiche e pertanto viene inserita nell'Epavin nella forma che meglio enfatizza il fitocomplesso, ovvero l'estratto idroalcolico da pianta fresca. Crespino - Specie: Berberis vulgaris L. Famiglia: Berberidacee - Droga: corteccia Il crespino un arbusto spinoso diffuso nei boschetti di pianura e nelle siepi delle regioni temperate, dove viene anche utilizzato come essenza ornamentale. Tutti i Berberis sp. sono ricchissimi di alcaloidi isochinolinici (berberina, berbemina), quali responsabili di molteplici azioni benefiche fra cui: azione battericida equiparabili ad alcuni antibiotici, azione ipotensiva, antipiretica. Il crespino infine usato tradizionalmente per la depurazione, essendo uno stimolante dellattivit epatica e biliare.

EpaVin
59

Cardo Mariano Specie: Silybum marianum (L.) Gaertn. Famiglia: asteracee - Droga: semi Il cardo mariano viene coltivato per la produzione di silimarina che uno dei pi usati principi attivi vegetali della farmacopea moderna. Le sostanze attive del cardo mariano sono concentrate nella cuticola nera dei semi. I principi attivi sono un complesso di flavanolignani (silimarina) costituito da una decina di composti diversi, sono presenti anche flavonoidi (apigenina) e acidi grassi contenuti nellolio della mandorla. I principi attivi del cardo mariano sono stati fra i pi studiati del settore, in particolare abbondano gli studi sullattivit in vitro ed in vivo, sulla protezione della cellula epatica dallazione di noti aggressivi, come il tetracloruro di carbonio, le galattosamine, le tossine di funghi, come la falloidina e lantamanide. Lazione dovuta sia ad una stimolazione attraverso la RNA polimerasi del rinnovo e della ricostruzione della cellula danneggiata, sia ad un effetto barriera a livello di membrana (silimarina) contro gli agenti tossici. Inoltre gli estratti di cardo mariano semi, mostrano unazione scavenger dei radicali liberi 10 volte maggiore della Vit. E, e pertanto lazione di protezione dei tessuti altamente potenziata. Una pianta di questo tipo non pu mancare in un preparato utile per il benessere del fegato. Rabarbaro Cinese - Specie: Rheum palmatum L. Famiglia: Poligonacee - Droga: rizoma Pianta imponente erbacea, con grandi foglie palmate e un fusto fiorifero alto fino a 2m, originaria delle montagne dellAsia, ma oggi coltivata per diversi impieghi in tutto il mondo. Il rabarbaro cinese, o da huang, il pi usato per impieghi officinali, mentre il rabarbaro da orto (Rheum raponticum L.) impiegato come aroma e ortaggio. La radice del rabarbaro contiene due classi di sostanze che hanno unazione spiccata nei confronti del tratto intestinale: i tannini e sostanze antrachinoniche. I tannini che sono sia di tipo catechinico che di tipo gallico, esercitano una lieve azione costipante ove le dosi di droga assunte siano basse, gli antraglicosidi che liberano antrachinoni come lacido crisofanico, lemodina, laloe - emodina ed altri, esplicano un effetto lassativo modulato. Il rabarbaro stato aggiunto in un preparato specifico per il fegato al fine di migliorare anche il circolo entero - epatico. Ravanello Nero - Specie: Raphanus sativus L. Famiglia: Cruciferae - Droga: radice Il ravanello nero una comunissima pianta da orto che conosciamo per il suo sapore piccante e fresco. La radice ricca di minerali, come il ferro e il potassio, e di fibre. Le sostanze attive sono i glucosinolati (sostanze solforanti) presenti su tutta la pianta, ma specialmente nei germogli noti per le attivit antiossidanti i quali aiutano a prevenire processi di carcinogenesi. Questa crucifera riconosciuta anche per lazione coleretica che stata riscontrata e dimostrata scientificamente. Oli Essenziali Le essenze di menta e rosmarino, oltre ad avere attivit antimicrobica e di stimolazione della muco-

sa gastrica facilitando i processi digestivi, agiscono direttamente sulla muscolatura liscia riducendo gli spasmi e migliorando la funzionalit degli organi cavi. Il rosmarino ha azione specifica sulla cistifellea e sulla produzione di bile, soprattutto il chemiotipo a borneolo che quello utilizzato nell'Epavin. Sull'uso sicuro ed efficace dell'olio essenziale di menta, esiste un'ampia letteratura scientifica e anche specifiche monografie riportate sia sulla Farmacopea Europea, che in monografie emesse da comitati scientifici come ESCOP ed EMEA.

EpaVin
60

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991.V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 12. Banskota A. H.; Tezuka Y.; Adnyana I. K.; Xiong Q.; Hase K.; Tran K. Q.; Tanaka K.; Saiki I.; Kadota S. Hepatoprotective effect of Combretum quadrangulare and its constituents. Biological & pharmaceutical bulletin . 2000, vol. 23, no4, pp. 456 - 460 (23 ref.) 13. Somchit M.N., Sulaiman M.R., Noratunlina R. and Ahmad Z. Hepatoprotective effects of Curcuma longa rhizomes in paracetamol - induced liver damage in rats. Proceedings of the Regional Symposium on Environment and Natural Resources 10 - 11th April 2002, Hotel Renaissance Kuala Lumpur, Malaysia. Vol 1: 698 - 702. 14. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 15. Barillari J.; Cervellati R.; Costa S.; Guerra M. C.; Speroni E.; Utan A.; Iori R. Antioxidant and choleretic properties of Raphanus sativus L. sprout (Kaiware Daikon) extract. Journal of agricultural and food chemistry 2006, vol. 54, no26, pp. 9773 - 9778.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

EpidermaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV80
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di apportare benessere alla cute e annessi cutanei, rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico definito MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Nell'Olosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nel Epidermavin, alle nostre tinture spagyriche di Ortica contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali e vitamine) della pianta come CALCIO, ZINCO , RAME, e VIT D in piccole concentrazioni, vengono aggiunte vitamine e minerali specifici (CALCIO, RAME, ZINCO, Vit D e MSM ) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia e per apportare benefici alla cute e all'epidermide sviluppando una maggiore protezione dagli agenti esterni. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%) di: ortica, (Urtica dioica) foglie, MSM (Metilsulfonilmetano), zinco gluconato, rame gluconato, vitamina D3 (colecalciferolo). Minerali: calcio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI L'Ortica una pianta erbacea infestante molto comune che si trova lungo le strade, nei boschi o tra i ruderi. La pianta coperta di peli che, in realt, sono aghi cavi contenenti sostanze irritanti: urtando la pianta si provoca la rottura dei peli e la fuoriuscita del liquido. molto ricca di minerali, oli e oligoelementi, tra cui calcio, ferro, zinco, rame, magnesio, manganese, potassio, silice e zolfo. Possiede inoltre una buona quantit di flavonoidi, di clorofilla e di carotene che contengono vitamina C. Nella pianta sono anche presenti discrete quantit di steroli sostanze simili agli ormoni. Nei peli presente istamina, la sostanza responsabile delle reazioni allergiche, proprio grazie alla presenza di istamina,

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Ortica foglie MSM Zinco - 15% RDA Rame - 15% RDA Vitamina D - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 90 mg 1,5 mg 0,15 mg 5 mcg

MSM = metilsulfenilmetano

61

viene utilizzata in omeopatia per combattere allergie ed orticaria, infatti alla base del principio omeopatico c' : "simila cum similibus curantur", ossia cura una malattia con piccole dosi della sostanza che la genera. Grazie alleffetto antinfiammatorio dello zinco presente nel fusto e nelle foglie, l'ortica esercita una valida azione benefica nella cura dellacne e di molte irritazioni cutanee come leczema, anche infantile, o leczema nervoso. I migliori risultati si ottengono assumendola per via orale e, al contempo, facendo applicazioni locali.Il calcio contribuisce a mantenere lequilibrio acido - alcalino nel sangue, necessario per una pelle sana. Il calcio stato usato nel trattamento delle scottature. Oltre a proteggere contro gli effetti dannosi del sole, come arrossamento, e successiva spellatura, protegge contro il cancro della pelle causato dal sole. Il calcio aiuta la pelle a rimanere sana. Lassorbimento del calcio dipende anche dalla presenza di quantit adeguate di vitamina D. Il vantaggio principale nell'assunzione di vitamina D per la pelle si ha nel trattamento della psoriasi. In effetti, la vitamina D ampiamente utilizzata per i disturbi causati da questa patologia svolgendo un ruolo importante nel metabolismo delle cellule della pelle e della loro crescita. Pertanto, essa ha dimostrato l'efficacia nel trattamento di alcuni disturbi come prurito e desquamazione, comuni sintomi di questa patologia. Il Rame un componente di numerosi enzimi, che catalizzano moltissime reazioni indispensabili per la vita. Un particolare enzima contenente Rame, la SuperOssidoDismutasi (S.O.D.), combatte l'ossidazione delle cellule attraverso la neutralizzazione dei radicali liberi, rallentando l'invecchiamento delle cellule stessa e quindi di tutto l'organismo. rilevante per la pelle e le ossa, poich presiede con specifici enzimi alla formazione della melanina e del collagene, proteina quest'ultima presente sia nella pelle che nelle ossa, alle quali conferisce elasticit. Lo Zinco indispensabile per la crescita corporea, per la riparazione dei tessuti e per una efficiente risposta immunitaria alle infezioni; svolge anche un'attivit antiossidante, poich riduce la formazione di radicali liberi utilizzato in caso di acne e di dermatite seborroica, poich riduce la secrezione sebacea. utile anche nel trattamento delle lesioni della pelle, in quanto aumenta la velocit di guarigione delle ferite: tipico l'uso dell'ossido di zinco nelle pomate utilizzate per prevenire le dermatiti da pannolino nei neonati e negli anziani costretti a letto. Il Metil Sulfenil Metano una forma di zolfo biologicamente attivo, in pratica lo zolfo organico nella sua forma naturale come si trova nel mare, nel suolo e nell'atmosfera. Alcuni ritengono che questa forma di zolfo sia pi adatta per l'integrazione alimentare del minerale. dimostrato che la somministrazione per via orale efficace contro l'acne, la rosacea a la pelle secca, squamosa o irritata. Ortica - Specie: Urtica dioica - Famiglia: Urticacee Droga: foglie DellUrtica dioica (la pianta dellortica che tutti conosciamo) si utilizzano il fusto, le foglie e la radice. Parti della pianta differenti manifestano propriet differenti e specifiche, in quanto ognuna di esse ricca di sostanze chimiche diverse. In particolare la parte ae-

rea dellortica racchiude numerosi principi attivi tra cui vitamine del gruppo B (B2, B5 ed acido folico), le vitamine A, C ed E e molti minerali come il magnesio, il ferro, il silicio ed alcuni oligoelementi come lo zinco ed il rame. Tutte queste sostanze agiscono in modo molto efficace per il trattamento delle unghie fragili e dei capelli deboli stimolandone la crescita. Ha un'azione depurativa, diuretica, antiinfiammatoria, usata contro le infiammazioni delle vie urinarie, malattie reumatiche, gotta, prevenzione e trattamento della litiasi renale, nella ipertrofia prostatica, un ottimo ricostituente e rimineralizzante. Calcio Il calcio il minerale con la concentrazione pi elevata, nonch la quinta sostanza pi abbondante dellorganismo. Circa il 99% del calcio nellorganismo depositato nelle ossa e nei denti. Il rimanente 1% si trova nei tessuti molli, nei fluidi cellulari e nel sangue. Si ritiene che il calcio, abbassando il colesterolo sia efficace nella cura dei disturbi cardiovascolari. Dosi di calcio sino a 1500 mg hanno diminuito la pressione sanguigna di persone normali o ipertese. Si pensa che questo fenomeno sia dovuto alla reazioni dei muscoli lisci che circondano i vasi sanguigni. Viene inoltre utilizzato nella cura dei crampi ai piedi e alle gambe. Il calcio stato usato nel trattamento delle scottature. Oltre a proteggere contro gli effetti dannosi del sole, come arrossamento, e successiva spellatura, protegge contro il cancro della pelle causato dal sole. Il calcio aiuta la pelle a rimanere sana. Preso insieme alla vitamina A, particolarmente effeciace per mantenere e proteggere la pelle. Tale combinazione pu anche essere usata come agente neutralizzante contro il veleno della vedova nera o la puntura di unape. Zinco un potente antiossidante, quindi protegge le cellule dall'invecchia - mento presente in tutte le cellule del nostro organismo ed il componente di numerosi enzimi (gli stimolatori delle reazioni biochimiche). quindi indispensabile in importanti processi quali: metabolismo delle proteine, degli acidi nucleici, e dei carboidrati. Mantiene in buona salute la vista e protegge dall'insorgere di malattie quali la cecit crepuscolare e la degenerazione maculare, uno dei regolatori dell'insulina e quindi viene utilizzato nella cura del diabete, e stimola la buona funzionalit del sistema immunitario. Lo zinco usato per ridurre la secrezione sebacea, nei processi di cicatrizzazione per lesioni interne ed esterne (aumenta la velocit di guarigione delle ferite e delle scottature), nella terapia dell'acne e della dermatite seborroica. Si ritiene che una possibile causa dellacne vulgaris (quello degli adolescenti) sia proprio la carenza di zinco. Il disturbo stato curato con successo con la somministrazione di integratori di zinco. Rame Il rame presente in molti enzimi che scompongono o costruiscono i tessuti dellorganismo. Contribuisce alla conversione dellaminoacido tirosina in un pigmento scuro (melanina) che colora i capelli e la pelle. Partecipa anche al metabolismo delle proteine

EpidermaVin
62

e ai processi di cicatrizzazione. Il rame necessario per la sintesi dei fosfolipidi, sostanze essenziali nella formazione delle membrane protettive della mielina che circondano le fibre nervose. Ha un ruolo nel processo di ossidazione della vitamina C e collabora con questa vitamina alla formazione dellelastina, una componente fondamentale delle fibre elastiche dei muscoli del corpo. Il rame necessario per la formazione di una buona struttura ossea. necessario anche per la produzione dellRNA. Ha notevole importanza per i processi di cheratinizzazione di pelle e capelli, infatti catalizza l'ossidazione della cisteina a cistina. Vitamina D La vitamina D una vitamina liposolubile e pu essere acquisita sia con lingestione che con lesposizione alla luce solare. Altri nomi sono calciferolo, ergosterolo, colecalciferolo e ergo calciferolo. Lazione del sole sulla pelle pu essere ostacolata dalla presenza di fattori come il fumo, i vetri od i vestiti. La vitamina D3, conosciuta col nome di colecalciferolo, la forma naturale e la troviamo nellolio di fegato di pesce. Supplementi di vitamina D sembrano incrementare la produzione di una proteina protettiva della pelle, la catelicidina, carente negli individui affetti da dermatite atopica. In questi pazienti tale incremento li aiuta a prevenire le infezioni batteriche che spesso li colpiscono. quanto mostra uno studio condotto dalla University of California San Diego School of Medicine, e pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology. Per valutare i benefici della vitamina D i ricercatori hanno reclutato alcuni pazienti affetti da dermatite e alcuni soggetti sani ed hanno somministrato a tutti per via orale 4000 unit di vitamina D3 (colecalciferolo) al giorno per 21 giorni. Una biopsia delle lesioni della pelle dei pazienti con eczema stata effettuata prima e dopo il trattamento. Alla fine dei 21 giorni gli scienziati di San Diego hanno osservato che il supplemento di vitamina D sembrava correggere il deficit di catelicidina nei pazienti e ne incrementava il livello anche nei soggetti sani, seppure in misura minore. Se i risultati venissero confermati e non comparissero effetti collaterali a lungo termine le persone che soffrono di questa patologia cos fastidiosa e invalidante avrebbero serie speranze di risollevare la loro qualit di vita e di interrompere la snervante convivenza con il prurito "a orologeria". Da un'analisi pubblicata dagli Archives of internal medicine che incrocia 18 vecchi studi riguardanti un campione di pi di 57000 soggetti, i ricercatori hanno visto che una sommini - strazione quotidiana di alte dosi di vitamina D riduce il tasso di mortalit del 7% rispetto a quello riscontrato nella popolazione dei Paesi sviluppati. La dose in pi circa 12mcg, pi della met della dose raccomandata dai nutrizionisti (5mcg). MSM (Metilsulfenilmetano) Il Metil Sulfenil Metano una forma di zolfo biologicamente attivo, in pratica lo zolfo organico nella sua forma naturale come si trova nel mare, nel suolo e nell'atmosfera. Lo zolfo e presente negli oceani, le alghe e varie forme di plancton assorbono grandi quantit di zolfo dall'acqua e le trasformano in una

forma elementare, con legami organici. Quando queste alghe e organismi planctonici muoiono, le loro molecole organiche vengono decomposte tramite processi enzimatici che generano dimetilsolfuro, un composto volatile e scarsamente idrosolubile. Questo viene raccolto nella stratosfera, dove, per l'azione dei raggi ultravioletti, viene ossidato e trasformato prima in DMSO (dimetilsolfossido), poi in MSM (metil - sulfonil - metano). Presenta diverse attivit che di seguito elenchiamo: 1. un analgesico naturale: blocca il trasferimento degli impulsi dolorifici attraverso le fibre nervose (fibre C); 2. blocca le infiammazioni e i processi infiammatori, intensifica l'attivit del cortisolo, un ormone antinfiammatorio naturale prodotto dall'organismo; 3. migliora la permeabilit delle membrane cellulari. Ci comporta un migliore apporto di nutrienti e vitamine, e aumenta l'efficienza dei processi di eliminazione dei rifiuti e dei fluidi in eccesso dalle cellule; 4. dilata i vasi sanguigni, migliorando la circolazione; 5. considerato un elemento sinergico per la maggior parte delle vitamine e di altri nutrienti; 6. un potente antiossidante, capace di ostacolare l'azione dei radicali liberi.

BIBLIOGRAFIA 1. Ginde AA et al. Demographic differences and trends of vitamin D insufficiency in the US population, 1988 - 2004. Arch Intern Med 2009; 169:626 - 32. 2. Egan KM. Vitamin D and melanoma. Ann Epidemiol 2009. doi:10.1016/j.annepidem. 2009.01.005 3. Lansdown A.B. et al. (2007). Zinc in wound healing: theoretical, experimental and clinical aspects. Wound Repair and Regeneration 15:2 - 16 4. Wuehler S.E. et al. (2005). Use of national food balance data to estimate the adequacy of zinc in national food supplies: methodology and regional estimates. 5. Public Health Nutrition 8:812 - 819Hata TR, Kotol P et al. Administration of oral vitamin D induces cathelicidin production in atopic individuals. The Journal of Allergy and Clinical Immunology 2008; 122(4):829 - 831. 6. Herschler, R.J.: Methylsulfonylmethane and Methods of Use. United States Patent 4,296,130: 1981. 7. Herschler, R.J.: Methylsulfonylmethane in Dietary Products. United States Patent 4,616,039: 1986. 8. Herschler, R.J.: Dietary Products and Uses Comprising Methylsulfonylmethane. Brevetto Statunitense 4.863.748: 1989. 9. Herschler, R.J.: MSM: a Nutrient for the Horse. Eq. Vet. Data, 1986. 10. Mindell, E.L.: The MSM Miracle. Enhance Your Health with Organic Sulfur. Good Health Guides, Keats Publishing, Inc, Connecticut, USA: 1997. 11. Ley, B.M.: The Forgotten Nutrient MSM: on Our Way Back to Health with Sulfur. Health Learning Handbooks, BL Publications, California: 1998. 12. Owen, B.: Ask Dr. Bob?? Why MSM?? Health Hope Publishing House, California, 1997. 13. Jacob, S.W: The Current Status of MSM in Medicine. Am. Acad. Med. Prev., 1983. 14. Jacob, S.W. and Herschler, R.J.: Introductory Remarks: Dimethylsulfoxide after Twenty Years. Ann. N.Y. Acad. Sci.: 1983. 15. Moore, R.D. and Morton, J.I.: Diminished Inflamatory Joint Disease in Mice Ingesting Dimethylsulfoxide (DMSO) or Methylsulfonylmethane (MSM). Fed. of Am. Soc. for Exp. Biol., Atti del convegno per il 69 Anniversario. 1985: 692. 16. Richmond, V.L.: Incorporation of Methylsulfonylmethane into Guinea Pig sieroproteine. Life Sciences 1986, vol. 39, pp 263 - 268. 17. Morton, J.I. and Siegel, B.V.: Effects of Oral Dimethylsufoxide (DMSO) and Dimethylsulfone (MSM) on Murine Autoimmune Lymphoproliferative Disease. Proc. Of the Soc. for Exper. Bio. and Med. 1986, vol. 183, pp. 227 - 230. 18. Munck - Khoe, L.K. de: Vitaminen, Hardware of Software? Deel 1. Ortho 14(5), 1996: 204 - 211. 19. Munck - Khoe, L.K. de: Vitaminen, Hardware of Software? Deel 2. Ortho 14(6), 1996: 252 - 261. 20. Vos, R. de: De Magie Van Het Leven Zit in De Chemie. Folia Orthica 1998 (1): 7 - 10. 21. Lamers, H.J.: Ferdinand Huneke, Ontdekker en Grondlegger van de Neuraaltherapie. Tijdschr. Voor Integr. Geneesk. 1996; 12(1): 18 - 22. 22. Nieuwenhuis, R.A.: Anti - oxidanten, De Effectieve Beschermers van Onze Gezondheid. Orthos Media, Den Haag, 1993.

EpidermaVin
63

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

FebVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV79
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale utile per favorire le fisiologiche difese dell'organismo risultando un valido coadiuvante in tutti i disturbi da raffreddamento. Il prodotto viene rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico denominato MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere per un individuo. Non si tende solo a combattere i disturbi attraverso la prevenzione, ma anche a raggiungere uno stato di maggior benessere, utilizzando un apporto di nutrienti ( oligoelementi e vitamine) che possa garantire un ottimale svolgimento di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare non sempre soddisfa il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di "quasi carenza", non diagnosticabili con le normali analisi, che possono portare a tutta una serie di disturbi tipici dell'era moderna. Nell'Olosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nel Febvin, alle nostre tinture spagyriche di zenzero, china e camomilla contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali e vitamine) della pianta come Magnesio, Zinco, Vitamine B e Vitamine C in piccole concentrazioni, vengono ulteriormente aggiunti altri e analoghe vitamine e minerali (Mg, Zn, Vitamine C, Vitamine B3 e Vitamine E) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia del prodotto in modo da risultare un valido rimedio in tutti quei casi in cui lorganismo particolarmente raffreddato. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratto idroalcolico (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: zenzero (Zingiber officinale) rizoma, camomilla (Chamomilla recutina L.) fiori, china (Cinchona succirubra Pav.) corteccia, vitamina C, niacina, vitamina E acetato (DL Tocoferil acetato), zinco gluconato. Minerali: magnesio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio.Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Combinazione studiata per favorire le fisiologiche difese dell'organismo risultando un valido coadiuvante in tutte le forme influenzali e disturbi correlati. Cosa la febbre? La febbre va considerata come parte dei meccanismi di difesa dell'organismo, in quanto a temperature corporee pi elevate della norma, viene ostacolata la replicazione dei microorganismi infettanti (specialmente virus). La febbre costituisce una ipertermia (aumento della temperatua corporea) che si distingue dalle ipertermie non febbrili per il suo particolare meccanismo patogenetico che consi-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Zenzero rizoma Camomilla fiori China corteccia Vitamina C - 100% RDA Niacina - 100% RDA Vitamina E - 100% RDA Zinco - 15% RDA per 6 ml 1200 mg 1200 mg 1200 mg 80 mg 16 mg 12 mg 1,5 mg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

64

ste in un'alterazione funzionale reversibile dei neuroni dei centri regolatori ipotalamici ovvero del cosiddetto set point ipotalamico, innescata da diverse citochine (molecole protitiche prodotte da vari tipi di cellule e secrete di solito in risposta ad uno stimolo) in numerose condizioni patologiche. L'alterazione funzionale dei centri consiste in un innalzamento della soglia di riconoscimento della temperatura di riferimento, per cui i neuroni avvertono come temperatura di riferimento non pi quella geneticamente determinata (37 C) ma una temperatura superiore a questa. Ci comporta che il suddettto slittamento determina l'innesco di risposte termoconservative e termodispersive non pi quando la temperatura corporea si abbassa al di sotto o si alza al di sopra dei 37 C, ma a temperature di grado sempre superiore ai 37 C. Il centro termoregolatore, che agisce da termostato dell'organismo umano, ora tarato non pi sui 37 ma su una temperatura superiore. L'ipotalamo quindi "istruito" a mantenere una temperatura corporea pi elevata. Questo tipo di febbre segue tre fasi: fase prodomica: coincide con l'inizio della produzione delle prostaglandine. I neuroni sono tarati ad una temperatura superiore ai 37 e innescano delle reazioni che determinano l'aumento della temperatura corporea (spasmi muscolari involontari (brividi), vasocostrizione, stimolazione della tiroide affinch venga attivato il metabolismo basale). Il soggetto ha una oggettiva sensazione di freddo; fase del fastigio: dura per tutto il periodo di produzione delle prostaglandine. I neuroni ipotalamici mantengono la temperatura sul nuovo valore. Il soggetto ha una soggettiva sensazione di caldo; fase di defervescenza: inizia con l'inattivazione della produzione delle prostaglandine. I neuroni tornano ad essere tarati al normale valore di 37 e riconoscendo l'innalzata temperatura corporea mettono in atto meccanismi affinch questa si abbassi (si ha l'attivazione del sistema colinergico che causa sudorazione e vasodilatazione). La fase di defervescenza pu essere graduale (defervescenza per lisi) o immediata (defervescenza per crisi). Il soggetto ha una oggettiva sensazione di caldo. L'osservazione cauta permette alla febbre di espletare il suo compito difensivo se il soggetto: svolge normalmente le sue attivit in casa, lucido, beve, suda, urina, non ha altri sintomi correlati come vomito, tosse, diarrea, cefalea. La febbre quindi da considerare come: 1.reazione del sistema immunitario a un infezione; 2.aumento della temperatura corporea perch i processi biochimici vanno pi veloci; 3.aumento della difesa da parte di cellule immunitarie ed enzimi; 4.aumento della temperatura avviene tramite un regolatore che si trova nel cervello; 5.per ogni grado di elevazione della temperatura corporea vi un incremento del consumo di ossigeno del 13%, e un aumento del fabbisogno di calorie e di liquidi; 6.il tessuto muscolare scheletrico viene utilizzato come produttore di energia calorica. Zenzero - Specie: Zingiber officinale Famiglia: Zingiberaceae - Droga: rizoma Lo zenzero una vera panacea per linverno. Le sue qualit piccanti e calde sono quello che ci vogliono nei mesi freddi e spesso umidi. stimolante, diaforetico (aiuta a sudare), espettorante ed antiemetico (contro il vomito). Questultimo aspetto di non poco conto, se si considera la frequenza con cui molte forme virali, soprattutto gastrointestinali, si presentano con nausea

e vomito. Per altro, anche ottimo per la diarrea. Lo zenzero pi efficace come diaforetico ed indicato in forme influenzali caratterizzate da raffreddori e febbre. Il rizoma contiene i principi attivi (gingeroli e shagaoli) della pianta. Nella medicina Cinese ed in quella Ayurvedica, il rizoma ha una lunghissima reputazione di eupeptico e coleretico. Gli esperti della medicina Ayurvedica (come Joseph Selvester in Gainesville, Florida, USA) considerano lo zenzero una medicina universale in quanto aiuta le funzioni digestive dell'organismo riducendo i gas, il gonfiore e i crampi. La sua azione antiinfiammatoria legata ad una minore produzione di composti infiammatori, e si rende cos indicato per combattere alcuni tipi di cefalee e per ridurre il dolore causato dalle influenze e dalle artriti. La Dr.ssa Jill Stansbury (assistente del professore di medicina botanica, cattedrattico del dipartimento di medicina botanica al "National College of Naturopathic Medicine" a Portland, Oregon, USA e medico naturopata a Battle Ground, Washington, USA) afferma di usare lo zenzero su pazienti incapaci di sviluppare la febbre e conseguente guarigione dell'influenza. Una o due tazze di infuso di zenzero, bevute contemporaneamente ad un bagno caldo, possono indurre un breve stato febbrile ed una pi rapida guarigione da una infezione alle prime vie respiratorie. Il Dr. William Page - Echols (assistente al professore di medicina familiare che insegna medicina alternativa al "Michigan State University College of Osteopathic Medicine" a East Lansing, Michigan, USA) consiglia l'uso dello zenzero quando vi sia anche solo un disturbo gastrico. I due pi importanti ingredienti attivi della pianta, il gingerolo e lo shogaolo, aiutano a combattere la nausea, sia essa causata da un mezzo di trasporto, dall'influenza, da febbre o da gravidanza. China - Specie: Cinchona succirubra Pav. Famiglia: Rubiaceae - Droga: corteccia La china sarebbe stata scoperta in Per, nei dintorni di Laxa. In seguito ad un sisma, alcuni alberi sarebbero caduti nel lago a cui si abbeveravano le greggi in quota, e le popolazioni indigene notarono che gli animali malati - specie di febbre - guarivano. L'albero in questione l'albero della China. Nel 1638, durante le invasioni spagnole, un soldato venne curato da un indigeno con l'acqua del lago di Laxa, alleviandone la febbre. I gesuiti, al seguito delle truppe, portarono in Europa i germogli della pianta, introducendo la china fra le piante officinali maggiori. La corteccia di questo albero fu di immenso giovamento alle popolazioni europee quando se ne diffuse luso e ne fu provata la reale efficacia nel debellare le febbri, in particolare quelle malariche. I principi attivi contenuti nella corteccia sono: Alcaloidi chinolinici (presenti anche fino al 15%, titolo minimo obbligatorio il 6%): chinina, chinidina, cinconina e cinconidina. Queste sostanze sono antipiretiche ed antimalariche. Camomilla - Specie: Matricaria recutita L. Famiglia: Asteraceae (Compositae) Droga: capolini fioriti La camomilla non mai caduta in disuso grazie alle sue propriet farmacologiche. conosciuta anche con il nome di Matricaria, dal latino matrix (femmina), proprio per l'uso che ne fanno le donne prima e dopo il

FebVin
65

parto.Grazie al camazulene (sostanza da cui derivano l'odore caratteristico e il sapore amarognolo) e al bisabololo, la camomilla ha azione antinfiammatoria, mentre le apigenine (che conferiscono il colore giallo ai fiori) sono responsabili dell'attivit antispastica. Oltre ad alleviare i disturbi gastrointestinali, i suoi fiori hanno azione sedativa sul sistema nervoso, cicatrizzante, antimicotica e antimicrobica. La camomilla quindi non serve solo per conciliare il sonno, ma pu essere utile a una serie molto ampia di malesseri: dal raffreddore ai dolori mestruali. Uno studio pubblicato sulla rivista inglese Journal of Agricultural and Food Chemistry ha registrato nei consumatori abituali un aumento considerevole di due sostanze: lippurato, che protegge il corpo dal freddo, e la glicina, che aiuta nel caso di spasmi muscolari come per esempio i crampi mestruali. Inoltre i ricercatori affermano che la camomilla pu agire come antiossidante. Febbrifugo e sudorifero: fa abbassare la temperatura e stimola la traspirazione. Analgesico: calma il mal di testa e alcune nevralgie. Antiallergico: riesce a moderare le reazioni allergiche, come l'asma, la rinite e la congiuntivite allergica. Vitamina C Sapendo che alla base della maggior parte degli stati febbrili c' un'infiammazione o un' infezione, la Vitamina C ha la capacit di colpire alla base entrambi. Questa infatti in grado di contrastare le infezioni rendendo pi forti i globuli bianchi. Queste cellule fermano linfezione facendo in modo che altri globuli bianchi circondano e distruggano lorganismo invasore tramite la produzione di anticorpi che immobilizzano questo organismo. Oltre alla forte azione antiossidante e riducente della vitamina C, il che spiega molta della sua efficacia clinica antimicrobica, si sono osservati anche molti altri effetti positivi della vitamina C: 1.aumento di produzione dell'interferone; 2.aumento della funzione fagocitica; 3.concentrazione selettiva di vitamina C nei globuli bianchi; 4.aumento della risposta immunitaria mediata da cellule; 5.aumento delle citochine prodotte dai globuli bianchi; 6.inibizione di varie forme di morte dei linfociti T; 7.aumento dell'ossido nitrico sintetizzato nei fagociti; 8.inibizione della neuraminidasi; 9.aumento della produzione degli anticorpi e di attivit complementari; 10.aumento dell'attivit delle cellule killer naturali; 11.aumento della formazione delle prostaglandine. Come disse Klenner (1974): L'acido ascorbico [vitamina C] la sostanza pi sicura e di maggior valore che il medico ha a disposizione. Il suo uso appropriato risparmierebbe molti mal di testa e molti affanni. Vitamina B3 (Niacina) Niacina o Niacinamide la vitamina che era stata chiamata al tempo della sua scoperta (1937) come PP ossia Pellagra Preventive, perch questa grave affezione era dovuta proprio alla sua carenza. la costituente degli enzimi NAD e NADP che sono fondamentali per le reazioni ossido - riduttive per la produzione di energia nel metabolismo di aminoacidi e lipidi. Subentra nella maggior parte delle reazioni metaboliche del nostro organismo, per tal motivo indispensabile per il buon funzionamento di esso e del sistema immunitario. Per questo motivo lintegrazione con Niacina aiuta ad evitare disturbi soprattutto causati da infezioni o infiam-

mazioni. Vitamina e Acetato (DL Tocofeil acetato) La vitamina E un altro potente antiossidante che aiuta l'organismo ad eliminare i radicali liberi e a contrastare l'ossidazione cllulare causa di carenze e abbassamento del sistema immunitario. La vitamina E svolge una forte azione immunostimolante oltre che antiossidante. Studi hanno evidenziato come essa sia importante per proteggere i polmoni da inquinamento da smog e da fumo. La vitamina E fondamentale per la protezione della struttura delle cellule, per il mantenimento delle attivit di alcuni enzimi e la formazione dei globuli rossi. Zinco Lo zinco un minerale presente in ogni parte del nostro corpo e svolge un'ampia gamma di funzioni. Contribuisce alla cicatrizzazione delle ferite ed un componente fondamentale in molte reazioni enzimatiche. particolarmente importante per la salute della pelle ed essenziale per mantenere in buona salute il sistema immunitario sviluppando un'azione di contrasto verso infiammazioni ed infezioni. Lo zinco necessario per lo sviluppo dei linfociti T, le cellule della serie bianca del sangue che attaccano i virus e i batteri patogeni. Degli studi mostrano che nei bambini malnutriti con bassi livelli di zinco, unintegrazione di zinco stimola linnalzamento del numero dei linfociti T e riduce la gravit e la durata delle infezioni. In seguito a questi risultati positivi, per diversi anni sono state portate avanti delle ricerche che avevano lo scopo di verificare se terapie con pastiglie o spray nasali allo zinco fossero una valida terapia alternativa per il raffreddore. Magnesio Uno stato febbrile altro non fa che depauperare progressivamente le riserve di magnesio della cellula (per cui si somministra magnesio e si supera meglio e in fretta l'infezione). L'infezione ha vita facile quando si raggiunto uno stato di impoverimento di magnesio tale che le cellule fagocitanti sono in uno stato di immunosoppressione. Il magnesio stimola anche lassorbimento e il metabolismo di altri minerali quali il calcio, il fosforo, il sodio e il potassio. Aiuta inoltre ad utilizzare le vitamine del complesso B e le vitamine C ed E. di aiuto durante la crescita ossea ed necessario per un buon funzionamento dei nervi e dei muscoli, compreso quello cardiaco. Secondo alcuni studi il magnesio anche associato alla regolazione della temperatura corporea.

FebVin
66

BIBLIOGRAFIA 1. Black R.E. (1998). Therapeutic and preventive effects of zinc on serious childhood infectious diseases in developing countries. American Journal of Clinical Nutrition 68:476S - 479S. 2. Caruso T.J. et al. (2007). Treatment of naturally acquired common colds with zinc: a structured review. Clinical Infectious Diseases 45:569 - 574. 3. Tratto dal libro: Vitamina C: la via naturale della guarigione - 21 giugno 2007. 4. Vitamin Bible di Earl Mindell. 5. Srivas KC. Effects of aqueous extracts of onion, garlic and ginger on platelet aggregation and metabolism of arachidonic acid in the blood vascular system: in vitro study. Prostaglandins Leukot Med. 1984; 13:227 - 35. 6. Bordia A et al. Effect of ginger (Zingiber officinale Rosc.) and fenugreek (Trigonella foenumgraecum L.) on blood lipids, blood sugar and platelet aggregation in patients with coronary artery disease. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 1997; 56:379 - 84. 7. Janssen PL, Meyboom S, van Staveren WA et al. Consumption of ginger (Zingiber officinale roscoe) does not affect ex vivo platelet thromboxane production in humans. Eur J Clin Nutr. 1996; 50:772 - 4. 8. Lumb AB. Effect of dried ginger on human platelet function. Thromb Haemost. 1994; 71:110 - 1.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

FerVin
Integratore alimentare flacone 10 ml Cod. EN11
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di favorire un miglior assorbimento e utilizzo di ferro e intervenire nelle diffusissime forme di anemie. Utile nelle ostruzioni del fegato, nella gonorrea, nelle sideremie, e nei processi infiammatori testicolari. Non sono molte le sostanze naturali capaci di intervenire sui processi che regolano il metabolismo del ferro, deficienze di ferro si generano infatti, non necessariamente per carenze alimentari, ma anche per alterazioni a livello di assorbimento e di distribuzione. I rimedi a base di gemme sembrano aver raggiunto tale obiettivo. In particolare le gemme di tamerice, in forma di preparato idroalcolglicerico cos come indicato da Pol Henry medico belga padre della gemmoterapia, agiscono a livello del midollo osseo e della milza, ove stimolano la formazione dei globuli rossi e delle piastrine, grazie ad una aumentata captazione di ioni ferro. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerato glicerico (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%), di tamerice ( Tamarix gallica L.) giovani getti. Olio essenziale di limone (Citrus limon (L.) Burm.) scorze. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 3 - 5 gocce da assumere 2 volte a giorno al mattino e nel primo pomeriggio, lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima delluso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli,radichette), sono ricchi di sostanze caratteristiche tipiche dei tessuti in accrescimento, come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine tale da conferire delle peculiari propriet. I macerati glicerici sono generalmente utilizzati nelle cure di terreno e di drenaggio d'organo, e le gemme di Tamarice presentano un organotropismo a livello del midollo osseo e milza ove stimolano la formazione dei globuli rossi e delle piastrine. Nel FERVIN al gemmoderivato di Tamarice sono stati aggiunti l'olio essenziale di limone, capace di stimolare il sistema immunitario e quello linfatico, e il Ferro, quale metallo alchemico, in grado di migliorare l'ossigenazione dei tessuti. In questo modo si ottiene un prodotto utile per potenziare le difese dell'organismo.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Tamerice giovani getti MG Limone scorze OE per 1 ml 20 mg 1 mg

MG = macerato glicerico OE = olio essenziale

67

Tamerice Specie: Tamarix gallica L. Famiglia: Tamaricaceae - Droga: giovani getti Albero sempreverde tipico della vegetazione retrodunale e delle foreste costiere del Continente europeo. La chioma e i rami, sono ricchissimi di soda che la pianta accumula nel processo di neutralizzazione della salsedine. Il macerato glicerico presenta un definito tropismo verso gli organi produttori di emazie, (milza e midollo) dove stimola lattivit di formazione sia di globuli rossi sia di piastrine, pertanto un rimedio di eccellenza in cui per motivi patologici o fisiologici si verificano emopenie (sia di piastrine che di globuli). Indirettamente rafforza lorganismo e rimedia lastenia derivante da anemie. Oli Essenziali Il limone in questa composizione ha uno scopo oltre che di correzione del gusto, di blando stimolante del sistema immunitario e linfatico, con stimolo degli organi deputati alla produzione dei globuli bianchi.

BIBLIOGRAFIA 1. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 2. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 3. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 4. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 5. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 6. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 7. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. 8. Piter F. Compendio di gemmoterapia clinica. Meristemoterapia. Edizione De Ferrari. 9. Camporese A., Oli essenziali e malattie infettive. Tecniche Nuove, Milano 1998. 10. Valussi M., Il grande manuale dellaromaterapia, fondamenti di scienza degli oli essenziali, Tecniche nuove.

FerVin
68

DISTRIBUZIONE DEL FERRO NELLUOMO ADULTO

Duodeno (0.5 - 2 mg/die) Ferro alimentare

Altri tessuti, Mioglobina e Citocromi (300 mg) Transferrina 3 - 4 mg

Eritrone Midollo osseo (300 mg) Eritrociti (Hb) (1800 mg)

Fegato Parenchima (1000 mg)

Sistema RE Macrofagi (600 mg)

Perdite di ferro (0.5 - 2 mg/die)

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

FluProp
Integratore alimentare flacone da 200 ml Cod. EN12
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di piante ad effetto immunomodulante opportunamente estratte e miscelate in miele di acacia, al fine da valorizzarne gli effetti benefici. Rimedio indicato nei disturbi tipici delle stagioni pi fredde. Sotto forma di sciroppo gradevole da assumere e abbina lefficacia dei principi attivi allazione benefica del miele. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: miele, acqua distillata, propoli estratto idroalcolico al 30%, barba di bosco (Usnea barbata L.) tallo estratto idroalcolico al 20%, echinacea (Echinacea angustifolia DC) radice estratto secco, astragalo (Astragalus membranaceus (Fisch.) Bunge) radice estratto secco, vitamina C (acido L - ascorbico), zinco gluconato, conservante: potassio sorbato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA 1 cucchiaio (15 ml) 2 volte al giorno tal quale preferibilmente lontano dai pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. Si sconsiglia l'uso del prodotto in gravidanza e allattamento a causa della presenza di propoli. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Combinazione di estratti di piante nelle forme che meglio valorizzano i loro principi attivi. Il preparato stato realizzato secondo procedure tradizionali che prevedono l'uso del miele come edulcorante, veicolo e sostanza attiva che rende l'assunzione gradevole. Composto indicato nei primi disturbi influenzali e in tutti i casi in cui lorganismo pi debilitato e quindi esposto a malattie da raffreddamento. Lo si pu assumere anche in concomitanza a cure antibiotiche. Miele Il miele insieme nutrimento e medicamento, e sin dallantichit cos stato percepito dalluomo. Tecnicamente la secrezione zuccherina prodotta dalle api contenente un 70% di destrosio e levulosio, acqua e polline, ma in realt una sostanza estremamente complessa in relazione anche ai luoghi e ai climi in cui si produce. Nel miele, ad una base di zuccheri estremamente assimilabili, si associano enzimi, vitamine, oligoelementi che ne fanno in pratica un alimento completo. Lazione dei componenti secondari per molto importante e riconosciuta. Quindi nel mellito il miele non solo un veicolo, ma esso stesso esplica azioni benefiche specifiche, come ad esempio lazione emolliente nei confronti delle mucose infiammate. Importante la propiet antisettica, dovuta allazione dellenzima glucosio ossidasi che si attiva quando il miele sciolto in acqua, dove libera perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Il miele contiene un'altra sostanza antibatterica che le api producono nelle loro ghiandole ipofaringee e aggiungono come conservante naturale, che il lisozima. Altra sostanza sempre con azione batteriostatica lacido formico. Il miele inoltre, contiene sempre proporzioni variabili di polline che apporta proteine e
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 30 ml corrispondenti a 2 cucchiai
Componenti Propoli EI Barba di bosco tallo EI Echinacea radice ES Astragalo radice ES Vitamina C - 300% RDA Zinco - 30% RDA per 30 ml 3 ml 1,5 ml 450 mg 450 mg 240 mg 3 mg

EI = estratto idroalcolico ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

69

vitamine (soprattutto del gruppo B), le quali esplicano unazione energizzante supplementare e aiutano a sopportare lo stress della malattia.

ta nel processo infiammatorio. Le sostanze fenoliche poi hanno mostrato sia in vivo che in vitro, attivit di antiossidazione e di inibizione della lipoperossidasi. Barba di Bosco - Specie: Usnea barbata Famiglia: Parmeliaceae - Droga: tallo Sulla corteccia degli alberi delle foreste alpine e dellEuropa centrale, crescono dei licheni dal tallo cespuglioso e filiforme che pende dai rami delle piante pi grandi. Questa la barba di bosco, lichene dal colore verde acqua e dal profumo intenso, contenente polisaccaridi, chiamati lichenina, e acidi organici. Fra di essi ne stato isolato alla met dell 800 lacido usnico, derivato furanico ritrovato in seguito anche in molti altri licheni. Contiene inoltre triterpeni e vitamine. Come nel lichene islandico, si riscontrata unazione combinata di immunostimolazione dovuta ai polisaccaridi, e unazione antimicrobica a largo spettro attribuita allacido usnico e agli altri acidi organici. La Commissione E ha validato lusnea per le infiammazioni dellalto tratto respiratorio, indicata per combattere la tosse e le infiammazioni delle vie aeree che si accompagnano allo stato influenzale. Echinacea - Specie: Echinacea angustifolia DC Famiglia: Asteraceae - Droga: radice L echinacea angustifoglia, insieme alle. pallida e all e. purpurea, una composita delle praterie nordamericane da tempo usata dai nativi, e ormai presente anche in occidente. Luso tradizionale, stato acquisito dalla medicina popolare degli occidentali e successivamente si consolidato grazie alla notevole mole di studi che hanno riguardato questa pianta. Lechinacea contiene una grande quantit di sostanze con attivit diversa. Il marker qualitativo pi spesso usato lechinacoside (presente nella specie angustifolia e pallida, ma non nella purpurea), ritenuto responsabile dellazione antiossidante e probabilmente anche coinvolto nellazione batteriostatica. Il potere di maggiore interesse di questa pianta, la stimolazione aspecifica della risposta immunitaria che stata ampiamente dimostrata nel test del carbon clearance, ovvero dellattivit fagocitaria in soggetti trattati con estratti di echinacea. I test hanno rivelato che il meccanismo complesso, ma sicuramente ad agire sono una miscela di componenti fra cui gli alchilamidi (responsabili del sapore bruciante della radice fresca), i poliacetileni e i polisaccaridi. Tutti tali costituenti, sono ampiamente rappresentati nell'estratto utilizzato nel prodotto, ottenuto per estrazione da pianta fresca con un solvente idroalcolico a gradazione opportuna, per estrarre sia l'echinacoside, sia gli alchilamidi (ancora presenti nella droga fresca) che la componente polisaccaridica. Il vino alchemico favorisce inoltre la completa estrazione e la successiva biodisponibilit. Astragalo Cinese Specie: Astragalus membranaceus (Fisch.)Bunge Famiglia: Papilionaceae - Droga: radice Questa pianta semiarbustiva delle steppe dellAsia centrale, nota nella MTC come huang chi ed usata nelle composizioni toniche e corroboranti. La radice di astragalo contiene moltissime sostanze attive, fra cui glicosidi triterpenici (saponine), flavonoidi,

70

Propoli La propoli un materiale naturale prodotto dalle api. costituito di cera d'api per almeno il 20 - 30%, mentre il rimanente, una miscela variabile di sostanze che le api prelevano ed elaborano dalle piante e in particolare dai fiori, dalle gemme, dagli essudati naturali dei tronchi degli alberi. Questa parte costituita da cere e resine vegetali molli, oli fissi, frammenti vegetali e polline. Il propoli contiene una grande variet di sostanze biologicamente attive: polifenoli, flavonoidi, sostanze aromatiche volatili, terpeni, alcoli ed altri, che la rendono profumata ed aromatica. Le api utilizzano la propoli per particolari attivit all'interno dell'alveare, come ad esempio la riparazione di pertugi nelle pareti, ma soprattutto per isolare ed imbalsamare quegli invasori che una volta uccisi dalle api stesse, non possono essere allontanati perch troppo grandi (ad. es.: grossi insetti, roditori, rettili). Osservando la propriet imbalsamatoria e la capacit della propoli di arrestare i fenomeni putrefattivi, l'uomo ha imparato ad usarla per curare se stesso. Dal punto di vista biochimico, la propoli una sostanza complessa e molto variabile da luogo a luogo ma anche da periodo a periodo. Le analisi condotte dai molti studi pi o meno recenti, hanno rivelato una grande quantit di sostanze attive che possono rappresentare fino al 20% in peso della propoli, fra questi sono stati identificati: alcol cinnamico, vanillina, isovanillina, flavoni, (dimetossiflavone 5 idrossi 7,4, dimetossiflavone 5,7 idrossi 3,4 ,dimetossiflavone), acidi fenolici (acido caffeico, acido ferulico, acido benzoico, p - cumarato di benzile), una grande variet di flavonoidi (acacetina, apigenina, crisina, betuletolo, isalpenina, isorammetina, galangina, pectorinarigenina, pinocembrina, pinostrombina, quercitina, rammocitrina, rammetina, sakuranetina). Si sono riscontrate anche altre sostanze interessanti come composti fenolici: pterostilbene e xantorreolo, o cumarine: esculetina e scopoletina.Sicuramente le sostanze pi studiate all'interno del propoli e specialmente relativamente al meccanismo di azione, sono la galangina e il fenetil estere dell'acido caffeico. La propoli universalmente riconosciuta per azioni batteriostatiche e battericide nei confronti di alcuni importanti batteri Gram+, come Escherichia coli, Mycocterium tubercolosis, Proteus vulgaris, B.subtilis, e nei confronti di alcuni Gram - come le Salmonelle: S.choloera suis, S.enteriditis, S.typhosa, ed ancora su Streptococcus faecalis, Staphylococcus sp., Streptococcus sp. batteri tipicamente infeudati alle alte vie respiratorie. La propoli risultata attiva anche nei confronti di funghi e muffe, ma proprio grazie alla ricchezza e alla diversit delle sostanze, l'azione della propoli particolarmente complessa ed integrata nei confronti di fenomeni infiammatori e infettivi topici. L'azione antibatterica sembra essere legata fondamentalmente alla presenza di composti fenolici, terpeni e acidi, che agiscono direttamente nella disgregazione della membrana cellulare del microrganismo. A questa azione si aggiunge quella antinfiammatoria dimostrata in vitro e in vivo, dovuta ai flavonoidi, principalmente galangina, che inibiscono l'attivit della cicloossigenasi (COX) coinvol-

FluProp

FluProp

polisaccaridi. Le saponine sono oltre 40, fra cui gli astragalosidi e gli acetilastragalosidi. Lazione tonica dellastragalo stata ricondotta oggi, attraverso la sperimentazione clinica al concetto pi ampio di adattogenesi, ovvero alla capacit della pianta e delle sostanze attive di indurre in un soggetto animale una maggiore resistenza allo stress di varia natura, come ad esempio quello causato dall'esposizione a vari microrganismi esogeni e all'incapacit di difendersi adeguatamente. L'astragalo aumenta le difese dell'organismo che pertanto risulta meno esposto e pi protetto da tutti gli agenti esterni. Lazione si svolge in modo complesso e aspecifico su diversi siti preposti, come la milza, il sangue, il sistema linfatico. Zinco Lo zinco un elemento chimico che si rinviene naturalmente negli alimenti e presiede all'interno dell'organismo con numerosissime funzioni vitali, infatti troviamo oltre 100 metalloenzmi che necessitano dello zinco per la funzionalit. L'importanza dello zinco stata studiata soprattutto attraverso gli stati di carenza di questo elemento. Uno dei sintomi della carenza (es. ridotto livello ematico di Zn<70 mg/dl), sono la compromessa funzione dei linfociti T, importantissime sentinelle dell'organismo, ne consegue quindi, che lo zinco rafforza il sistema immunitario e aiuta a superare pi rapidamente i sintomi influenzali. Vitamina C L'acido L - ascorbico o Vitamina C un potente antiossidante. La vitamina C, coadiuva l'organismo a prevenire le infezioni attraverso un meccanismo non noto sebbene verificato in sede clinica. In caso di infezioni in corso l'azione antiossidante, riduce la flogosi attraverso l'inibizione dei radicali ossidanti rilasciati dai leucociti nel processo di attivazione.

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier.A. The Encyclopaedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley.London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The comAmerican Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997.J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 13. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 14. Marjorie Murphy Cowan (1999) Plant products as antimicrobial agents. in Clin Microbiol Rev. 1999 October; 12(4): 564 - 582. 15. Russo A, Longo R, Vanella A. Antioxidant activity of propolis: role of caffeic acid phenethyl ester and galangin. Fitoterapia 2002 Nov; 73 Suppl 1:S21 - 9. 16. Borrelli F, Maffia P, Pinto L, Ianaro A, Russo A, Capasso F, Ialenti A. Phytochemical compounds involved in the anti - infiammatory effect of propolis extract. Fitoterapia 2002 Nov; 73 Suppl 1: S53 - 63. 17. Porter N. G., Wilkins L. A. Chemical, physical and antimicrobial properties of essential oils of Leptospermum scoparium and Kunzea ericoides. Phytochemistry Volume 50, Issue 3, 10 February 1999, Pages 407 - 415. 18. Hemila H. Vitamin C and the common cold. Br J Nutr 1992;67:3 - 16. 19. Sauberlich HE. Pharmacology of vitamin C. Annu Rev Nutr 1994;14:371 - 91. Riferimento sull zinco. plete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines,

FluProp
71

FluProp

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

GalegaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV117
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di piante della tradizione erboristica, minerali e vitamine opportunamente scelti in grado di favorire un'azione ricostituente e rimineralizzante naturale nei periodi di spossatezza e stress psicofisico. In grado di aiutare i bambini e i ragazzi nelle loro attivit quotidiane e nei cambi di stagione e, in generale, per sostenerli nella fase della crescita e dello sviluppo. Il prodotto indicato per stimolare in modo naturale l'appetito e per le donne di coadiuvare le normali funzioni della ghiandola mammaria nella produzione di latte materno. Luso tradizionale della galega e del finocchio, per favorire la produzione di latte nelle donne che hanno appena partorito, deriva dalla presenza di fitoestrogeni che sono alla base di questa sua propriet galattogena. Gli estratti vegetali idroalcolici vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino e alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. Gli estratti idroalcolici ottenuti con le parti delle piante (foglie, fiori, radice ect..), sono ricchi di sostanze e minerali tipiche dei tessuti in accrescimento e quindi in grado di apportare e favorire una rimineralizzazione in tutti i soggetti che utilizzano il prodotto. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di pianta 20%), di: galega (Galega officinalis L.) sommit fiorite, finocchio (Foeniculum Vulgare Miller.) semi, erba medica o alfa-alfa (Medicago sativa L.) pianta intera, lampone (Rubus idaeus) foglie, luppolo (Humulus lupulus L.) coni, avena (Avena sativa L.) parti aeree, olio essenziale di anice verde (Pimpinella anisum) frutti. Vitamine e minerali: potassio gluconato, vitamina C (acido ascorbico), ferro gluconato, zinco gluconato, vitamina D3 ( colecalciferolo), rame gluconato, folato. Minerali: magnesio gluconato, calcio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in poca acqua preferibilmente al mattino o al pomeriggio. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI L'uso tradizionale della galega e del finocchio, per aumentare la produzione di latte nelle donne che hanno appena partorito, deriva dalla presenza di fitoestrogeni che sono i principali responsabili della propriet galattogena. I ricercatori infatti, ritengono che i fitoestrogeni esercitino un effetto equilibrante sui livelli degli ormoni femminili, dimostrando che: se i livelli di estrogeni sono bassi i fitoestrogeni ne stimolano l'aumento, al contrario se i livelli di estrogeni sono alti, i fitoestrogeni si legano ai

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Galega sommit fiorite EI Finocchio semi EI Alfa-alfa pianta intera EI Lampone foglie EI Luppolo coni EI Avena parti aeree EI Anice verde OE Potassio Vitamina C 112.5% RDA - 100% LARN Ferro 20% RDA - 15% LARN Zinco 18% RDA - 15% LARN Vitamina D 100% RDA - 50% LARN Rame 22% RDA - 15% LARN Acido folico 100% RDA - 57% LARN 200 mcg 0,22 mcg 5 mcg 1,8 mg 2,7 mg per 6 ml 1,8 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,6 ml 0,006 ml 120 mg 90 mg

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale RDA = dosaggio alimentare raccomandato LARN = livelli di assunzione racc. di nutrienti

72

recettori degli estrogeni e bloccando il sito attivo agli estrogeni in eccesso e diminuendone quindi i livelli, che se troppo alti, possono essere dannosi. Il luppolo ha invece propriet rilassanti e sedative ed ricco di ormoni vegetali che contribuiscono non solo allaumento della produzione di latte materno ma anche al benessere psicofisico della donna. Questultimo aspetto particolarmente importante, in quanto situazioni depressive post - partum oppure malesseri di natura psicologica, inibiscono o rendono difficoltoso lallattamento. Lavena sativa indispensabile per leliminazione delle tossine indesiderate aiutando le normali funzioni depurative di fegato e reni. Ricchissima di calcio, magnesio, silicio e vitamina A, la rendono importante per il ripristino di questi oligoelementi durante questa particolare fase della maternit, infatti molte delle complicazioni della gravidanza sono da ricondursi proprio ad una dieta scarsa in nutrienti e minerali essenziali per la salute della madre e del bambino. A tal proposito il Lampone e l'Alfa alfa sono una vera miniera di minerali, oligoelementi e vitamine. A queste piante ricche di minerali stata associata una importante vitamina: la vitamina B9, pi nota come acido folico, riconosciuta dalla comunit scientifica sostanza essenziale per prevenire malformazioni neonatali, in particolare quelle a carico del tubo neurale, la struttura da cui si formano cranio, cervello, colonna vertebrale e midollo spinale. Da curare sono soprattutto i livelli di vitamina D, delle vitamine del gruppo B e della vitamina C. L' acido ascorbico o vitamina C, partecipa alla formazione e, soprattutto, alla rigenerazione del collagene delle ossa, delle cartilagini, dei legamenti e dei capillari, favorisce l'assorbimento del ferro alimentare. Le madri che allattano hanno bisogno di una quantit superiore di zinco nella loro dieta. Il latte materno contiene pi di 2mg di zinco nei primi quattro mesi dell'allattamento e le donne necessitano di altri 6 mg al giorno per soddisfare tale aumentato fabbisogno. Il rame necessario per lo sviluppo embrionale, la crescita infantile, la robustezza delle ossa, la maturazione dei globuli rossi e bianchi, il trasporto del ferro, il metabolismo del colesterolo e del glucosio, la contrazione del muscolo cardiaco e lo sviluppo del cervello. Il calcio totale nellorganismo della donna durante le fasi di allattamento, subisce una grande deplezione poich le donne che allattano perdono circa 210 mg di calcio al giorno ed importante quindi una integrazione dello stesso per riequilibrare i suddetti valori. Galega - Specie: Galega officinalis L. Famiglia: Fabacee - Droga: sommit fiorite La pianta Galega officinalis secondo la tradizione manifesta un'azione favorevole sulla secrezione lattea, per un miglioramento dello stato circolatorio della ghiandola mammaria e quindi del suo trofismo. Per questo motivo rientra nella formulazione di tisane e preparazioni galeniche atte a promuovere la secrezione lattea. I costituenti principali responsabili dellazione galattogena sono: saponine dalle quali deriva lo stimolo alla liberazione di prolattina, tannini, vitamina C, alcaloidi (galegina, idrossigalegina, galuteolina), derivati flavonici riscontrabili essenzialmente nelle sommit fiorite. Finocchio - Specie: Foeniculum Vulgare Miller Famiglia: Ombrellifere - Droga: semi I frutti impropriamente detti semi, vengono da sempre

impiegati, non solo nelladulto ma anche in pediatria e nelle donne che hanno appena partorito, per attenuare disturbi dispeptici, negli spasmi del tratto gastrointestinale e per il loro effetto galattogeno. La presenza di sostanze estrogeniche naturali, flavonoidi o "fitoestrogeni", rendono possibile quest'ultima azione. Questi composti esercitano effetti estrogenici, anche se l'attivit in confronto agli estrogeni veri e propri piuttosto blanda, solo 1/400mo della potenza degli estrogeni, rivelandosi assolutamente atossici o dannosi per l'organismo, pur rimanendo efficaci. L'uso tradizionale del finocchio per aumentare il latte nelle donne che hanno appena partorito deriva proprio dalla presenza di fitoestrogeni che sono alla base di questa sua propriet galattogena, agendo sul sistema endocrino e sulla funzione ormonale e promuovendo il flusso di latte o la secrezione lattea nelle puerpere. Alfa-Alfa - Specie: Medicago sativa L. Famiglia: Legominosae - Droga: pianta intera L'alfa alfa o erba medica una pianta erbacea perenne. Essa stata per millenni il segreto della longevit di alcuni animali per l'alto contenuto in minerali, vitamine, proteine ed enzimi. Il sistema a radici profonde dell'erba medica permette alla pianta di assorbire sostanze nutritive dal profondo del suolo. Questo sistema di nutrizione profonda fornisce alla pianta proteine (possiede il 18% di proteine, 5% in pi delle uova e 15% in pi del latte) , beta carotene, vitamine, minerali, enzimi, cumestrolo, isoflavoni e fitoestrogeni, e gli alcaloidi asparagina e trigonellina. Lerba medica regola lattivit del fegato e la funzionalit epatica; un ricostituente grazie al mix di vitamine e sali minerali; stimola lappetito; aiuta durante la menopausa per via dei fitoestrogeni; contrasta linvecchiamento; fortifica lorganismo, rendendolo resistente riguardo alle malattie; disintossicante, grazie allazione sul fegato; combatte i radicali liberi attraverso il rame, lo zinco e il manganese; stempera le infiammazioni. Risulta quindi indispensabile per lorganismo debilitato soprattutto dopo una gravidanza, perch in grado di sviluppare una duplice azione ricostituente: - Mineralizzante: per la ricca presenza di minerali come Fosforo, Silicio, Sodio, Potassio, Calcio, Magnesio, Boro, Ferro, Manganese, Rame, Cobalto. - Vitaminica e nutritiva: ricca di vitamine - contiene le vitamine A, Beta - carotene, B1, B2, B3, B5, B6, B8, B12, C, D, E, K, Acido Folico. Lampone - Specie: Rubus idaeus Famiglia: Rosacee - Droga: foglie Il suo nome scientifico Rubus Idaeus. Utilizzato a partire dai Greci e Romani, il lampone stato utile nei secoli per curare differenti patologie come influenza, disturbi di stomaco, stati febbrili, problemi mestruali, infiammazioni e molto altro, tutt'ora si rivela un prezioso alleato soprattutto durante e dopo la gravidanza grazie ai suoi numerosi costituenti: tannini, vitamina C, fitoestrogeni e fragarina, acidi organici, calcio, potassio, fosforo, sodio, ferro. I polifeni presenti conferiscono ai frutti ottime propriet antiinfiammatorie e protettrici dei capillari sanguigni che vengono sfruttate, per uso esterno, come lenitivi della pelle infiammata, delle gengive irritate e facili al sanguinamento; molto utilizzato anche nelle affezioni della gola e gastroenteriti, riten-

GalegaVin
73

zione idrica. Risulta molto efficace grazie alla sua azione miorilassante sulla muscolatura uterina, nel facilitare il parto e grazie alla quantit di fitoestrogeni in esso contenuto, sviluppa una buona stimolazione delle ghiandole mammarie nella produzione di latte materno. Avena - Specie: Avena sativa L. Famiglia: Graminacee - Droga: parti aeree LAvena sativa arriv negli Stati Uniti dalla Scozia; oltre a fornire uneccellente fonte di nutrimenti, aiuta anche a mantenere sano il sistema nervoso, e ad alleviare i casi dinsonnia. LAvena Sativa ricca di flavonoidi, minerali, saponine e degli alcaloidi necessari per mantenere un sistema ormonale sano, il che facilita la stimolazione e lo sviluppo delle ghiandole mammarie. Lavena sativa un esempio tipico di pianta, in grado di facilitare e stabilizzare le funzioni epatiche e renali, aiutando ad eliminare dal sistema le tossine indesiderate. Funzione importantissima nella donna che dopo il parto si accinge ad allattare il proprio bambino. Ricca di calcio, magnesio, silicio e vitamina A, albumina, amido, glutine, olio di gomma, sali, saponine, sostanze proteiche, zucchero, vitamine A e B, grassi, cellulosa, sostanze fondamentali per la salute della mamma e di conseguenza del bambino. Luppolo - Specie: Humulus Lupulus L. Famiglia: Cannabaceae - Droga: coni Humulus dal latino humeo = essere umido, perch la pianta preferisce il suolo umido. Lupulus: diminutivo di lupus salicarius (Plinio), perch attorcigliandosi la pianta attorno ai giovani salici, che crescono nei luoghi umidi, ne ostacola la vegetazione e li fa morire, anche perch esaurisce il terreno. Nonostante tale pianta non sia stata molto usata nell'antichit per le sue virt terapeutiche, dal dodicesimo secolo menzionata come "rimedio della melanconia" per le sue propriet aperitive, depurative, lassative e vermifughe, mentre stata precisata la veridicit di alcune attivit tradizionalmente attribuitele, in modo particolare le azioni sedative e rilassanti. Queste funzioni sono ampiamente giustificate considerando il contenuto in aminoacidi e sostanze di natura ormonosimile. I principi amari resinosi del luppolo come lumulone, il lupulone, sono responsabili dellazione amarigena, ma probabilmente sono anche coinvolti nellazione sedativa e antispasmodica. Il luppolo contiene anche flavonoidi (quercitrina e rutina) e molti altri composti come i terpeni che si ritrovano nellolio essenziale. indicato per problemi di ipoestrogenia, caldane premenopausali e menopausali e per la donna che ha appena partorito, la presenza di fitoormoni sviluppa una stimolazione della ghiandola mammaria a produrre latte contribuendo al benessere psicofisico della donna. Anice (Olio Essenziale) - Specie: Pimpinella anisum Famiglia: Apiaceae - Droga: frutti L'anice verde una pianta aromatica e come tale viene impiegata. I frutti dellanice verde vengono tradizionalmente utilizzati dallindustria alimentare e liquoristica per la presenza di un olio essenziale particolarmente ricco di trans - anetolo e di estragolo oltre che di flavonoidi e curarine. Il suo caratteristico odore dato dall'anetolo, un olio essenziale in esso contenuto dal dolce profumo. Nell'ambito della medicina popolare la

pianta stata utilizzata perch possiede propriet galattofore, ossia favorisce la secrezione lattea nelle donne in fase di allattamento ed stata considerata un rimedio per aumentare l'appetito, per il trattamento delle malattie delle vie respiratorie, per le colecistopatie, per le epatopatie.La pianta vanta anche delle propriet stomatiche digestive. Potassio Il potassio (K) ampiamente diffuso negli alimenti, in particolare nei vegetali: frutta secca, frutta fresca, cereali integrali, spinaci freschi, alga kelp e lievito di birra. Unalimentazione bilanciata apporta normalmente una quota sufficiente di tale elemento. Vi sono tuttavia situazioni o periodi della vita in cui vengono perdute o consumate notevoli quantit di Potassio: un'eccessiva sudorazione (soprattutto se legata a intensa attivit fisica), in gravidanza e durante l'allattamento, nella terza et, in situazioni di stress prolungato, diarree e vomiti prolungati, malattie debilitanti. un minerale essenziale in quanto non pu essere sostituito da altri elementi. Lenzima adenosintrifosfatasi controlla lo scambio di potassio e sodio fra linterno e lesterno della cellula (la cosiddetta pompa sodio - potassio) per mantenere correttamente idratata la cellula e permetterle di svolgere le sue funzioni vitali. Questo risulta essenziale in particolare per le cellule cardiache, nervose, muscolari e renali, inoltre mantiene un fisiologico equilibrio acido - base, la pressione osmotica e la ritenzione idrica entro valori fisiologici. Per i suddetti motivi lintegrazione di potassio, unitamente ad un basso consumo di sodio, utile per il controllo dei livelli fisiologici della pressione sanguigna interessata da sbalzi soprattutto nel periodo post - partum e di allattamento. Magnesio Giuste dosi di magnesio, possono aiutare a ridurre il tasso di colesterolo nel sangue e a mantenere le arterie in buona salute. Il magnesio stimola lassorbimento e il metabolismo di altri minerali quali il calcio, il fosforo, il sodio e il potassio. Aiuta inoltre ad utilizzare le vitamine del complesso B e le vitamine C ed E e partecipa a molti processi, tra cui quelli di comunicazione delle cellule nervose e muscolari. All'interno dell'organismo indispensabile per: il corretto funzionamento delle cellule nervose; la trasmissione degli stimoli elettrici; la contrazione muscolare; la produzione di energia, oltre a partecipare a pi di 300 reazioni enzimatiche. Ha una buona azione come modulatore dellumore e favorisce il miglioramento della sensibilit allinsulina, potendo cos intervenire nella terapia di patologie come il diabete e le malattie cardiovascolari. Calcio Grazie allaumentata efficienza nellassorbimento del calcio durante la gravidanza e lallattamento, lapporto dietetico di questo minerale potrebbe non discostarsi molto da quello delle donne coetanee in normali condizioni fisiologiche. Vista per la necessit di trasferire calcio al feto, sia durante la gravidanza che durante lallattamento, opportuno suggerire alla donna un aumento di assunzione attraverso prodotti lattiero caseari o con luso di integratori. Ci sono inoltre evidenze che indicano come unintegrazione di calcio e vitamina D possa essere particolarmente utile, in alcune fasce della popolazione: donne poco esposte al sole e donne

GalegaVin
74

che non consumano prodotti lattiero - caseari (allergiche, intolleranti o vegetariane vegane). Vitamina C (Acido Ascorbico) La vitamina C un importante antiossidante presente in molti alimenti, in particolare nei vegetali. La maggior parte degli animali pu sintetizzare direttamente la vitamina C; l'uomo una delle rare eccezioni (insieme ad alcune scimmie, pipistrelli e pesci) in cui la vitamina C risulta essere essenziale e deve quindi essere assunta con l'alimentazione. Il valore massimo consigliato dalle RDA di 240 mg al giorno. In Italia il fabbisogno di vitamina C viene solitamente coperto con la normale alimentazione. Tuttavia, alcuni ricercatori sostengono che un'integrazione di vitamina C che porti a superare le RDA possa essere utile per migliorare la salute (in particolare per contrastare pi efficacemente lo stress ossidativo), ma il dibattito ancora aperto. In gravidanza e durante l'allattamento il fabbisogno di vitamina C aumenta leggermente. bene rivolgersi al proprio medico o ginecologo per farsi spiegare come e quando assumere integratori durante la gravidanza e l'allattamento. Vitamina D3 (Colecalciferolo) I livelli di vitamina D riscontrati nel latte materno risultano bassi: perch il bambino non corra rischi di carenza vitaminica e quindi di rachitismo deve condurre fin dai primi giorni una sana vita all'aria aperta, esponendosi sufficientemente e con regolarit alla luce solare; questo deve avvenire anche nel periodo invernale, senza timori per il freddo. Se sussistono condizioni ambientali sfavorevoli, causa di poca esposizione alla luce, occorre integrare l'allattamento con vitamina D. stato dimostrato sperimentalmente che nei lattanti di et inferiore ai sei mesi sufficiente l'esposizione alla luce solare per 30 minuti alla settimana, se coperti dal solo pannolino, oppure l'esposizione per due ore alla settimana delle mani e del capo (che in un lattante circa il 15 - 20% della superficie corporea totale) per mantenere il livello di vitamina D al di sopra dei livelli minimi necessari per la prevenzione del rachitismo. Ferro Le donne in gravidanza e allattamento dovrebbero essere incoraggiate a consumare alimenti ricchi di ferro, quali carne magra, pesce, pollame, frutta a guscio e cereali arricchiti. La biodisponibilit del ferro pi elevata quando viene assunto con la carne o contemporaneamente a frutta ricca di acido ascorbico. Le linee guida consigliano un apporto di 21 mg di ferro durante la gestazione e laumentata assunzione andrebbe consigliata alla prima visita ginecologica dopo il concepimento. In pratica, tenuto conto che la carenza di ferro pu avere serie conseguenze e che, viceversa, una integrazione oculata praticamente priva di rischi, si consiglia normalmente una supplementazione che favorisca il deposito di ferro, utile sia per il periodo gravidico che per il post - partum. L'integrazione di ferro pu essere particolarmente utile nei casi di gravidanze ravvicinate. In considerazione dei livelli medi di assunzione di ferro in et adulta, una supplementazione intorno ai 10 - 15 mg al d pu considerarsi ragionevole. Assai consigliabile la contemporanea assunzione di alimenti ricchi di Vitamina C e acido citrico per lincremento dellassorbimento del ferro da essi indotta. Relativamente al periodo dellallattamento, si ritiene che

non ci sia un significativo aumento di fabbisogno rispetto alle donne in normale stato fisiologico. Zinco e Rame Lassunzione di ferro pu ridurre la biodisponibilit di zinco e rame; in caso di integrazione quindi consigliabile associare al ferro un apporto di zinco e di rame. In tutti gli integratori studiati per la gravidanza (ma anche in quelli pi comuni) i tre minerali sono comunque presenti in associazione. Acido Folico Le linee guida nazionali ed internazionali consigliano in gravidanza un apporto giornaliero di acido folico corrispondente a 400 mcg (si suggerisce cio un raddoppio dellapporto rispetto alle donne in normali condizioni fisiologiche). Le principali fonti alimentari di folati sono i vegetali a foglia larga, il fegato, gli agrumi, i legumi e il pane integrale. Per prevenire i difetti del tubo neurale (spina bifida ed anencefalia), una patologia che stata associata alla carenza di folati, la donna in gravidanza pu consumare in aggiunta alla normale dieta, alimenti arricchiti o supplementi dietetici contenenti folati opportunamente studiati. Anche nel caso dellallattamento si consiglia un apporto giornaliero superiore alla norma, ovvero di 350 mcg/die. Sugli effetti positivi dellacido folico (sui quali stata recentemente richiamata lattenzione anche dal Ministero della Salute, con uno specifico Network), opportuno tenere presente che: 1.la supplementazione deve iniziare 3 - 4 settimane prima del concepimento; 2.i livelli minimi si raggiungerebbero con un apporto giornaliero di 200 microgrammi attraverso gli alimenti pi un'integrazione di 400 microgrammi; 3.nelle donne a rischio (precedente gravidanza e/o familiarit per spina bifida, trattamento concomitante con chemioterapici o farmaci anticonvulsivanti) i livelli efficaci corrisponderebbero ad una dose giornaliera corrispondente a 4 - 5 mg di acido folico; 4.la supplementazione di acido folico sembra concorrere a ridurre anche il rischio di altre complicanze gravidiche (tra cui la pre - eclampsia ed il ritardo di crescita intrauterino), malformazioni congenite, in particolare cardiovascolari e (forse) sviluppo successivo di tumori dei tessuti nervosi.

BIBLIOGRAFIA 1. Firenzuoli F., Interazioni tra erbe alimenti e farmaci., Ed. Tecniche Nuove. 2. Campanini E., Dizionario di fitoterapia e piante medicinali., Ed. Tecniche Nuove. 3. Czygan FC. Anis (Anisi fructus DAB 10) - Pimpinella anisum L. Z Phytotherapie, 1992; 13: 101 - 106. 4. Hnsel R, keller K, Rimpler H, Schneider G. Editors., Pimpinella. In: Hagers handbuch der Pharmazeutischen Praxis, 5th ed. Volume 6, Drogen P - Z. Berlin - heidelberg: Springer, 1994; 135 - 156. 5. Steinegger E, Hnsel R., Anis und Anisl. In: Pharmakognosie., 5th Ed. Berlin - heidelberg: Springer - Verlag 1992; 304 - 306. 6. Okazaki K, et al., Antiaggregant effect of human platelets of culinary herbs., Phytother. Res. 1998;12;603 - 605. 7. Kowalak JP & Mills EJ (eds)., Professional guide to complementary & alternative therapies., Springhouse Corp, Bethlehem Pike, PA; 2001:41 - 42. 8. Heck AM, et al., Potential interactions between alternative therapies and warfarin., Am J Health Syst Pharm 2000; 57: 1221 - 1227. 9. Newall CA, et al., Herbal Medicines. A Guide for Health Care Professionals., The Pharmaceutical Press, London, England; 1996. 10. Ceska O, et al., Photoactive furocoumarins in fruits of some umbellifers., Phytochemistry 1987; 26: 165 - 169. 11. Wichtl M., Piante officinali per infusi e tisane, OEMF, Milano, 1993. 11. Rossi M., Finocchio, Erboristeria Domani, n. 11, 1992 12. Carol L. Wagner, Sarah N. Taylor, Bruce W. Hollis., Breastfeeding Medicine., December 2008, 3(4): 239 - 250. doi:10.1089/bfm.2008.9984. 12. Societ Italiana di Nutrizione Umana: LARN - Livelli di Assunzione giornalieri Raccomandati di energia e Nutrienti, Istituto Nazionale della Nutrizione, Milano, 1990 13. AA.VV., Potassio cloruro, Edra Medical Information & Comunication, 2005 13. Pandiani M., Guida al corretto utilizzo di vitamine e minerali nella nutrizione, Tecniche Nuove, Milano1991 14. Kosman M.E., Management of Potassium Problems during Long - Term Diuretic Therapy, Jama, 230:5, 1974 15. Randall H.T., Water, Electrolites and Acid - Base Balance, Modern Nutrition in Health and Disease, 8, pp 355 393, Lea & Febiger, Philadelphia, 1978. 16. LARN revisione 1996-97.

GalegaVin
75

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

GeaVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN31
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale con capacit depurative e detossificanti, rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO , conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. A piante come bardana, zenzero e salsapariglia in grado di allontanare dall'organismo sostanze tossiche, si unisce l'olio essenziale di Zenzero, ad effetto protettivo e antiossidante. La depurazione un processo fisiologico molto importante che avviene costantemente allinterno del nostro organismo e che ci permette di mantenere o di raggiungere uno stato di benessere generale. proprio quando si depura che il nostro organismo elimina le tossine. Inquinamento ambientale, conservanti ed additivi alimentari, batteri e virus sono esempi di tossine che, se non eliminate, determinano alterazioni funzionali di vario genere. Per eliminare queste sostanze nocive, l organismo si serve di particolari strutture: gli organi emuntori (fegato, intestino, pelle, reni e sistema linfatico), GEAVIN non fa altro che stimolare fisiologicamente tali organi e permettere in tal modo una risolutiva pulizia. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: bardana (Arctium lappa.) radice, zenzero (Zingiber officinale.) rizoma, salsapariglia (Smilax aspera L.) radice, miele di acacia, olio essenziale di zenzero (Zingiber officinale.) radice. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da ottenere leffetto desiderato con piccoli quantitativi, Il dosaggio consigliato quindi di 3 - 5 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. Si consiglia di agitare il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Piante come bardana, zenzero e salsapariglia essendo essenzialmente radici sono ricche di sostanze minerali proprie del terreno che le circondano e da cui sono state raccolte. La componente oligomineralica in queste preparazioni fondamentale ed resa disponibile grazie alla metodica estrattiva che permette il recupero delle sostanze inorganiche. Il nostro organismo dispone di sistemi propri di depurazione, purtroppo esistono delle situazioni di stress ossidativo (in cui spesso incorriamo per il proprio stile di vita) che mettono in tilt tali sistemi. In certe circostanze luso di rimedi naturali in particolare piante di lunga tradizione erboristica, possono risultare di grande aiuto. La bardana ad esempio attiva i processi di depurazione soprattutto attraverso la pelle, lolio essenziale

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Bardana radice EI Zenzero rizoma EI Salsapariglia radice EI Zenzero radice OE per 1 ml 283 mg 283 mg 283 mg 10 mg

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

76

nali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 4. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 5. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995.M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 6. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 7. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 8. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 9. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 10. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 11. Lin SC, et al. J Biomed Sci 2002 Sep - Oct; 9(5):401 - 9. 12. Tyler V.E. The honest Herbal 3'b0. Phrmaceutical Product Press. Brighamton N.Y. 1993. 13. Nasturtium officinale reduces oxidative stress and enhances antioxidant capacity in hypercholesterolaemic rats.1: 2008 Apr 15;172(3):176 - 84. Epub 2008 Jan 26. 14. Il - Moo C. Antiviral activity of aucubin against hepatitis B virus replication, Pag.189 - 192.

Bardana - Specie: Arctium lappa Famiglia: Asteraceae - Droga: radici La radice sviluppa una marcata azione diuretica e depurativa generale, ma anche un'azione stimolante sul fegato e sulla cistifellea, organi di depurazione per eccellenza. La bardana nota per la propriet disinfettante e antisettica su alcuni batteri patogeni della pelle e per le applicazioni contro l'acne e la foruncolosi. Zenzero - Specie: Zingiber officinale Famiglia: Zingiberacee - Droga: rizoma La radice utile, grazie ai suoi numerosi costituenti, nei disturbi digestivi. La Medicina popolare riteneva lo Zenzero come un depuratore del corpo e dello spirito. Conosciuto per le sue propriet tonico stomachiche viene da sempre utilizzato nella digestione difficile ed in caso di aerofagia, attualmente esistono numerosi studi che hanno dimostrato il suo effetto antiossidante e radical scavanger contro il danno cellulare provocato dai radicali liberi. Salsapariglia - Specie: Smilax aspera L. Famiglia: Liliacee - Droga: radici La radice ha propriet sudoripare e depurative : numerosi infatti sono i principi attivi che contiene tra cui la smilacina, la salsasaponina, l'acido salsasapinico, oli essenziali e resine, e altre saponine con propriet toniche e antireumatiche. Viene utilizzata in infusi per curare raffreddori, reumatismi e malattie della pelle. Zenzero (olio essenziale) Specie: Zingiber officinale Famiglia: Zingiberacee - Droga: radici Lolio essenziale di zenzero viene distillato in corrente di vapore, dalle radici sotterranee essiccate, senza toglierne la scorza. Questolio essenziale ha un colore ambrato che pu virare verso tonalit pi chiare o verdastre a seconda delle caratteristiche del terreno da cui viene estratto e della zona di provenienza. Ha un profumo caldo e speziato, legnoso e fresco allo stesso tempo, principalmente ascrivibile allo gingerone e alla zingiberina. Lo zenzero utilizzato come analgesico, aperitivo, antisettico, antispasmodico, carminativo e espettorante, febbrifugo, rubefacente, stimolante, tonico.

GeaVin
77

di zenzero, caratterizzato essenzialmente da zingiberene, gingerolo e lo shogaolo, favorisce la digestione, la secrezione gastrica ed epatica. Anche la radice di salsapariglia grazie al suo contenuto in saponine in grado di attivare i processi di detossificazione del fegato e dellapparato renale favorendo leliminazione delle tossine metaboliche come urea e acido urico.

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medici-

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

GlucoVin
Integratore alimentare flacone da 60 compresse da 500 mg Cod. EN13
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di estratti vegetali, tipici della tradizione erboristica del centro America e orientale con sostanze nutraceutiche, associate per agire fisiologicamente sul metabolismo degli zuccheri in maniera da normalizzare i fisiologici livelli glicemici. Il prodotto pu essere un valido coadiuvante nelle diete ipocaloriche rivolte alla riduzione del peso corporeo.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Momordica frutti ES Banaba foglie ES Gymnema foglie ES Noni succo ES Mirtillo nero bacche ES Cannella corteccia ES Cardo mariano frutti ES Zinco - 100% RDA Cromo Biotina - 100% RDA per 4 cpr 320 mg 300 mg 260 mg 200 mg 200 mg 200 mg 200 mg 15 mg 0,1 mg 0,15 mg

COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: momordica (Momordica charantia) frutti estratto secco (titolata al 3% in principi amari), banaba (Lagerstroemia speciosa) foglie estratto secco (all'1% in acido corosolico), gymnema (Gymnema silvestre) foglie estratto secco (al 25% in acido gymnemico), noni (Morinda citrifolia) succo estratto secco. Costituenti vegetali complementari: mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) bacche estratto secco (all'1% in antocianidine), cannella (Cinnamomum zeylanicum) corteccia estratto secco, cardo mariano (Sylibum marianum frutti estratto secco (all'80% in silimarina). Sostanze funzionali: cromo picolinato. Vitamine e minerali: zinco gluconato e biotina. Eccipienti: addensante: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 4 compresse al giorno da assumere prima dei pasti: preferibilmente 2 al mattino prima di colazione, 1 prima del pranzo e 1 prima di cena. In caso di livelli glicemici alti misurati al risveglio si consiglia di assumere subito 2 compresse per equilibrare i valori. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" all'impasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre invece fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. La combinazione tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti che, opportunamente combinate, agiscono in modo sinergico e fisiologico a livello dei meccanismi preposti alla regolazione della glicemia (assorbimento e digestione degli zuccheri, produzione di insulina da parte del pancreas, catabolismo ed eliminazione), tale da normalizzarne i livelli ematici.

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

78

Momordica - Specie: Momordica charantia L. Famiglia: Cucurbitaceae - Droga: frutto Il momordica charantia anche detto "balsam pear" e melone amaro, un frutto tropicale ampiamente coltivato in Asia, Africa e Sud America. Il frutto acerbo utilizzato come ortaggio. Oltre ad essere mangiato come una verdura, il Momordica charantia stato impiegato diffusamente nella medicina tradizionale come rimedio per il diabete. L'azione ipoglicemica del succo fresco o dell'estratto del frutto acerbo, stata ben documentata sia nell'uomo sia in modelli sperimentali. Il melone amaro contiene una serie di composti biologicamente attivi, quali saponine steroidee (note con il nome di charantine), alcaloidi, polipeptidi (polipeptide P simile all'insulina), oli, triterpeni (tipo cucurbitano), glicosidi, proteine e lectine (momordine). La charantina ha mostrato un effetto ipoglicemizzante maggiore del farmaco tolbutamide. Il polipepetide P, simile all'insulina, ha mostrato azione ipoglicemizzante quando iniettato sottocute nei soggetti affetti da diabete di tipo I. La somministrazione orale di preparazioni a base di Momordica, ha mostrato buoni risultati in studi clinici condotti su pazienti con diabete di tipo II. Il melone amaro inoltre ben tollerato. Banaba - Specie: Lagerstroemia speciosa Persoon Famiglia: Lytraceae - Droga: foglie La Banaba, tipica pianta del sud - est asiatico, viene tradizionalmente utilizzata sottoforma di th tramite infusione delle foglie, per le sue propriet ipoglicemizzante e nel trattamento dellobesit. Praticamente sconosciuta in occidente fino a qualche anno fa, stata presa in considerazione in seguito alla pubblicazione di alcune ricerche cliniche che dimostrano gli effetti ipoglicemizzanti. Il suo effetto a livello glicemico stato paragonato a quello dell'insulina, ovvero i principi attivi della pianta, facilitano il trasporto di glucosio dal sangue alle cellule, in tal modo l'estratto, gioca un importante ruolo nella regolazione dei livelli di zucchero e di insulina plasmatici. Nelle foglie di Banaba stato identificato un composto triterpenoide, l'acido corosolico, ritenuto il responsabile dell'efficacia terapeutica: gli studi in vitro e in vivo attribuiscono ad esso l'effetto ipoglicemizzante. I primi studi su questa pianta, sono stati effettuati da gruppi di ricerca giapponesi che furono anche i primi a riconoscere l'acido corosolico, quale principio attivo della Banaba e, successivamente, ad isolarlo. L'acido corosolico stimola il trasporto del glucosio all'interno delle cellule, per questo meccanismo gli stato attribuito il nome di 'fitoinsulin. Studi clinici su soggetti affetti da diabete di tipo II, trattati sia con placebo che con una dose orale di Banaba tre volte al giorno e dopo i pasti principali, hanno confermato l'effetto ipoglicemizzante della pianta. I risultati dei primi esperimenti clinici indicano inoltre che l'effetto farmacologico dose - dipendente, a ci si aggiunge l'ulteriore ipotesi che possa esserci un effetto memoria prodotto dall'acido corosolico, che permetterebbe il persistere dell'attivit anche per un mese dalla sospensione del trattamento. La Banaba una pianta elettiva per il controllo del tasso glicemico nei soggetti con predisposizione al diabete, questo ruolo di fitoinsulina si rivela utile inoltre nel trattamento degli stati di obesi-

Gymnema - Specie: gymnema sylvestre R. Brown Famiglia: Asclepiadaceae - Droga: foglie La gymnema una pianta originaria delle foreste tropicali dell'India, ed stata lungamente impiegata per il trattamento del diabete. Recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato la sua efficacia nel diabete essenzialmente di tipo II. I componenti della Gymnema, come ad esempio l'acido gymnemico, bloccano la sensibilit per il gusto dolce quando applicati sulla lingua, in quanto risultano degli inibitori reversibili dei recettori del glucosio. Questo aspetto ha mostrato di possedere una certa significativit dal punto di vista clinico, infatti i soggetti che avevano applicato l'estratto di gymnema sulla lingua, consumavano una minore quantit di calorie per pasto rispetto ai soggetti non trattati. Inoltre da studi su animali si concluso che la gymnema stimoli la produzione di insulina endogena, in quanto capace di rigenerare le cellule beta del pancreas. interessante notare che l'estratto di Gymnema alla dose attiva di circa 400mg al giorno, non produce effetti collaterali ed esercita l'effetto ipoglicemizzante solo in presenza di diabete. Noni - Specie: Morinda citrifolia L. Famiglia: Rubiaceae - Droga: frutto fermentato Il Noni un arbusto sempreverde diffusissimo in Polinesia dove da secoli viene utilizzato per i suoi effetti benefici sull'organismo. conosciuto con il nome di "frutto della salute" e i suoi frutti particolarissimi hanno la caratteristica di crescere tutto l'anno. Tradizionalmente il succo di noni opportunamente fermentato, stato utilizzato per contrastare gli stati di malessere, alleviare il dolore, rinvigorire, stare in forma ed avere i nervi saldi. Numerose sono infatti le sue applicazioni ma sicuramente quella pi importante che giustifica in parte tutte le altre, il suo effetto antiossidante capace di contrastare i danni cellulari provocati dai radicali liberi e, nei casi di diabete, esiste una massiccia produzione di tossine che vanno necessariamente neutralizzate ed eliminate. Inoltre, esistono studi clinici che confermano la sua influenza nel diabete di tipo II con meccanismo di azione ancora da chiarire. Cardo Mariano Specie: Silybum marianum (L.) Gaertner Famiglia: Asteraceae - Droga: frutti Di questa pianta vengono utilizzati i frutti impropriamente detti "semi", molto nota nella medicina tradizionale mediterranea e ancora oggi tra le piante pi utilizzate per le sue propriet ampiamente dimostrate e documentate. La silimarina il principio attivo noto per le sue propriet epatoprotettive, infatti dotata di sicura azione contrastante gli effetti epatolesivi di svariati agenti epatotossici. Rientra in questa preparazione in quanto capace di proteggere il fegato dai danni provocati dalla sintomatologia diabetica.

GlucoVin
79

t e sovrappeso, soprattutto in soggetti con difficolt di controllo del metabolismo degli zuccheri, nonch nel controllo della fame nervosa correlata a fluttuazioni di glicemia.

Mirtillo Nero Specie: Vaccinium myrtillus L. Famiglia: Ericaceae - Droga: frutti In questa formulazione il mirtillo nero stato aggiunto come ingrediente complementare, importante per esercitare un effetto antiossidante e proteggere le cellule dai danni indotti dai radicali liberi. Cannella - Specie: Cinnamomum zeylanicum Nees Famiglia: Lauraceae - Droga: corteccia Anche in questo caso si tratta di un rimedio complementare nel contrastare le disfunzioni glicemiche, la cannella presenta un uso tradizionale come pianta antidiabetica confermata da recenti studi clinici. Una sostanza contenuta nella cannella, un polifenolo MHCP, solubile in acqua, attiva i recettori dellinsulina e lavora in sinergia con questo ormone nelle cellule che si occupano di bruciare o metabolizzare il glucosio. Per sperimentarne il funzionamento si sono fatti test di laboratorio ed esperimenti in Pakistan con volontari affetti da diabete di tipo 2. Una somministrazione di 2 - 3 grammi al giorno di cannella in polvere dopo i pastim in poche settimane riduceva il livello di zucchero nel sangue del 20 per cento rispetto ai pazienti del gruppo controllo. Cromo Picolinato Il ruolo del cromo nellorganismo umano fondamentale nel favorire la funzione ipoglicemizzante dellinsulina. Si potuto mettere in evidenza che la carenza di cromo causa stanchezza e produzione di grassi in eccesso, oltre ad essere una delle maggiori concause per le malattie cardiache e per il diabete. Il cromo in forma attiva, liberato in piccolissima quantit dai depositi, aiuta linsulina nel suo lavoro o meglio si lega ad essa, formando un complesso cromo - insulina capace di attaccarsi ai recettori sulle membrane cellulari, modificandone la permeabilit. Un corretto utilizzo di glucosio a scopo energetico, da parte delle cellule, limita la lipogenesi e riduce il colesterolo totale a beneficio dellintero organismo. Il cromo picolinato rappresenta la forma attiva delloligoelemento, cio quella biodisponibile, ed costituito da uno ione cromo trivalente chelato da tre molecole di acido picolinico, un aminoacido naturale. Lassorbimento del cromo in forma organica pu raggiungere quote del 20 - 25% contro lo 0.5 - 1% dei sali cromo. Lintegrazione nella dieta di cromo, determina unefficace regolazione della risposta insulinica, e quindi del metabolismo degli zuccheri, riduce i livelli di glucosio ematico ottimizzandone lutilizzo da parte delle cellule come substrato , e stimola il metabolismo con effetto anabolizzante sui muscoli e le masse magre proteiche. Oltre a perdere definitivamente peso, i soggetti trattati con integratori a base di cromo, vedono incrementarsi la propria massa muscolare ed aumentare il metabolismo basale, con effetto tonico sullorganismo e aumento del dispendio calorico. Biotina La biotina, parte del gruppo delle vitamine B, un nutriente essenziale nell'uomo, essa coinvolta nella biosintesi degli acidi grassi, nella gluconeogenesi, nella produzione di energia, nel metabolismo degli aminoacidi ramificati. Vi sono studi preliminari sull'animale, i quali sugggeriscono che la bioti-

na possa essere utile nel migliorare il metabolismo glucidico, secondo modalit che potrebbero essere sfruttate in alcuni tipi di diabete. Risultati in vivo e su animali inoltre, hanno confermato che la biotina possa risultare utile in pazienti affetti da diabete mellito non insulino - dipendente (diabete di tipo II).

glicemia

GlucoVin
80

mmol/di saracinesca glucosio

Metabolismo glucosio

tempo

glucagone insulina somatostatina

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 9. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 10. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 11. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 12. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Bender A. D. Novel functions of vitamin B6 Proceedings of the Nutrition Society (1994), 53,625 - 630. 15. Pelucchi C., Galeone C., Talamini R., Negri E., Parpinel M., Franceschi S., Montella M., La Vecchia C. Dietary folate and risk of prostate cancer in Italy. 16. Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention Vol. 14, 944 - 948, April 2005.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

HermesVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN32
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale ad effetto balsamico, espettorante, antisettico e protettivo dell'apparato respiratorio, rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva. A piante come Polmonaria, Lavanda e Origano con propriet balsamiche ed espettoranti si unisce quella antisettica e protettiva dell essenza di Issopo, tale da rendere il preparato un efficace rimedio in tutti i casi in cui lorganismo piu esposto a stimoli stressogeni e quindi pi debole, andando a sviluppare un pi marcato tropismo e una maggiore azione protettiva a livello del sistema respiratorio e, nello stesso momento a livello dell'intestino crasso ad esso strettamente correlato, creando cos una sorta di comunione interna/esterna. Lintegrit e funzionalit dellintestino crasso infatti fondamentale per il corretto funzionamento dei Polmoni e dell'apparato respiratorio in genere, l' intestino crasso favorisce lassorbimento dei liquidi nel corpo, importante funzione per avere un sangue ricco di ossigeno e nutrienti. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%) di: polmonaria (Pulmonaria officinalis L.) foglie, lavanda (Lavandula angustifolia Miller) fiori, origano (Origanum vulgare L.) foglie, miele di acacia, olio essenziale di Issopo (Hyssopus officinalis L.) sommit fiorite. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi. Il dosaggio consigliato quindi di 3 - 5 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Le piante come Polmonaria, Lavanda e Origano oltre ad essere note in letteratura per i loro effetti emollienti, balsamici e antisettici, queste piante se bene estratte conservano tutti i micronutrienti fondamentali per esplicare i loro effetti benefici. Polmonaria - Specie: Pulmonaria officinalis L. Famiglia: Borraginee - Droga: foglie Dal latino pulmo: polmone, per la rassomiglianza delle foglie macchiate di bianco, agli alveoli del polmone. La pianta ha della mucillagine, una saponina, del tannino, acido silicico, fitosterina, zuccheri, alcol cerilico, nitrati di potassio

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Polmonaria foglie EI Lavanda fiori EI Origano foglie EI Issopo sommit fiorite OE per 1 ml 283 mg 283 mg 283 mg 10 mg

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

81

e di calcio, sali minerali. Emolliente, espettorante, astringente, diuretico. Ha pure unazione bechica, diaforetica, tossifuga, remineralizzante. Utilizzata nella tosse, bronchite acuta e cronica, catarri delle vie respiratorie, asma bronchiale, irritazione delle corde vocali, raucedine, bronchite purulenta. quindi la pianta dellapparato respiratorio, utile per preservarne integrit e funzionalit. Lavanda - Specie: Lavandula angustifolia Miller Famiglia: Labiate - Droga: fiori Aromatica, purificante, antisettica, balsamica, sedativa, antispasmodica, antinfiammatoria. Le infiorescenze e le foglie della lavanda sono molto ricche (1% - 5%) di un olio essenziale volatile dalla composizione molto complessa, costituito da vari alcol terpenici e dai loro esteri. Il pi importante di questi il linalolo. L' essenza responsabile delle principali propriet terapeutiche della lavanda in particolare sedativa e riequilibrante del sistema nervoso centrale e vegetativo; si raccomanda in casi di nervosismo, nevrastenia, nausea, tendenza alla lipotimia (svenimento), palpitazioni e, in generale, in tutti i casi di malattie psicosomatiche. Esercita un' azione antispastica e carminativa (antiflatulenza) e inoltre ha un effetto aperitivo, tonico stomachico facilitando la digestione. Poich l'essenza di lavanda possiede anche propriet antisettiche, d ottimi risultati in caso di coliti (infiammazioni dell' intestino crasso), specialmente in presenza di fenomeni fermentativi. Origano - Specie: Origanum vulgare Famiglia: Lamiaceae (Labiatae) - Droga: foglie Origano: dal latino origanum, dal greco origanon, di origine straniera. Taluni autori fanno derivare il nome dalle parole greche oros e gano, che significano rispettivamentemontagna ed ornamento, a significare che si tratta di pianta ad ornamento della montagna, per la naturale diffusione dellOrigano sulle pendici montane delle aree mediterranee. Pare che gli antichi Greci usassero lOrigano per curare le ferite, Plinio lo riporta come rimedio contro le punture dei ragni e degli scorpioni e Catone, per curare la dispepsia e la difficolt ad urinare, riteneva efficace un vino allorigano con incenso e miele. Niccol Lamery, chimico dellAccademia reale francese delle scienze, nel settecento scrive che lOrigano pianta cefalica, stomacale, carminativa, isterica, detersiva, facilita il respiro propria per lasma, per litterizia, per accrescere il latte alle balie, per provocare il sudore. Altre propriet che vengono attribuite ai preparati di Origano sono quelle antalgiche, espettoranti, digestive, peptiche, stimolanti, stomachiche e toniche. Contiene un olio volatile che ha funzioni antibatteriche e antifungine. Aiuta a normalizzare la flatulenza e stimola il flusso biliare. Fortemente antisettica, la si pu prendere per i problemi delle vie respiratorie quali tossi, tonsilliti, bronchiti ed asma. E sono questultime propriet che vengono sfruttate nel prodotto Hermesvin. Issopo (Olio Essenziale) Specie: Hyssopus officinalis L. - Famiglia: Lamiaceae (Labiatae) - Droga: sommit fiorite Lessenza di Issopo nota per il suo effetto tonico

- energetico, in questa preparazione si sfruttano le sue azioni antisettica ed espettorante, viene infatti usato tradizionalmente nei casi di pleurite, come raccomandava Ippocrate, e,nei casi di asma e catarro, come raccomandava Dioscoride. Ricordiamo che la Medicina popolare sosteneva che l'issopo se bevuto con vino combatte lavvelenamento da mercurio. Con lIssopo si compie la purificazione rituale dei lebbrosi. Santa Ildegarda di Bingen, badessa del convento benedettino di Disibodenberg, nei suoi testi di medicina risalenti al 1136, suggerisce una cura per luomo divenuto lebbroso a causa della libidine(!?), con bagni medicati ed unguenti a base di Issopo ed altre erbe. Dalle sommit fiorite si ricava lolio essenziale per distillazione in corrente di vapore e in questa preparazione viene aggiunto per aumentare leffetto antisettico e protettivo delle vie respiratorie.

HermesVin
82

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 16. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 17. Duo E. La gemmo terapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 18. Campanini E. Manuale pratico di gemmo terapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

ImmunVin
Integratore alimentare a base di estratti vegetali flacone da 50 ml Cod. OV85
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di rafforzare le difese immunitarie tale da proteggere l'organismo contro le aggressioni esterne. L'estrazione delle piante viene particolarmente esaltata grazie alla metodologia produttiva, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico definito MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere e salute per l'uomo. Il nostro obiettivo infatti preservare la salute del nostro organismo utilizzando un apporto di nutrienti oligoelementi e vitamine che possa garantire un ottimale svolgimento di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo.Il nostro regime alimentare non sempre soddisfa il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di "carenza", causa di tutta una serie di disturbi pi o meno gravi che non sempre facile diagno - sticare ed eliminare. Tutti i prodotti Olosvita ERBENOBILIvengono realizzati aggiungendo alla componente base vegetale minerali e vitamine. Nel prodotto IMMUNVIN ad esempio, alla tintura spagyrica di Echinacea angustifolia, gi contenente al suo interno oligoelementi naturali (sali minerali) della pianta, vengono aggiunte vitamine e minerali (Zn, VIT C, VIT B12, ACIDO FOLICO, MAITAKE (Grifola frondosa), VIT E, e TMG ) per potenziare e aumentare lefficacia e rafforzare il sistema immunitario, il cui buon funzionamento alla base di una buona salute fisica e mentale. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: echinacea (Echinacea angustifolia) radice, betaina anidra (Trimetilglicina), maitake (Grifola frondosa) fungo estratto secco, vitamina C, vitamina E acetato, zinco gluconato, folato, vitamina B12. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI L'Echinacea ha una buona azione immunostimolante aspecifica confermata da prove sperimentali quali: aumento della fagocitosi (capacit di inglobare batteri, virus e corpi estranei) da parte dei globuli bianchi, differenziazione dei globuli bianchi immaturi in globuli bianchi maturi, produzione e attivit dei macrofagi e della produzione di interferone e di interleukine, che sono sostanze molto importanti per i processi immunitari. Sono stati fatti numerosi studi clinici su pazienti con sindrome influenzale o con faringotonsilliti, che hanno dimostrato che l'estratto secco titolato di Echinacea in grado di ridurre significativamen-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Echinacea radice Betaina anidra (TMG) Maitake fungo ES Vitamina C - 100% RDA Vitamina E - 100% RDA Zinco - 15% RDA Acido folico - 100% RDA Vitamina B12 - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 250 mg 200 mg 80 mg 12 mg 1,5 mg 200 mcg 2,5 mcg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

83

84

te sia i sintomi sia la durata della malattia alla dose di 900 mg. di estratto al giorno somministrato per bocca. Studi fatti su bambini con la pertosse hanno evidenziato che l'echinacea in grado di ridurre la durata della malattia a cinque giorni, attenuandone nettamente i sintomi. Un altro studio comprendeva un gruppo di pazienti che mostravano un netto calo dei globuli bianchi e una sintomatologia di tipo influenzale, con un numero di globuli bianchi pari a 4350 prima della terapia. Dopo tre giorni di cura con estratto secco titolato di Echinacea i leucociti aumentavano a 5950 e il 55% dei pazienti non aveva pi i sintomi della malattia. Sono stati fatti 45 studi clinici per valutare lefficacia e la tollerabilit dellEchinacea sia come preventivo sia come curativo delle infezioni delle prime vie aeree. In totale sono stati coinvolti circa 4000 pazienti. Per indagare laspetto curativo sono stati condotti 20 studi, la maggior parte dei quali non ha riscontrato unefficacia dellechinacea superiore a quella del placebo. 4 studi invece hanno trovato che questa pianta era superiore al placebo. Per valutare laspetto preventivo sono stati effettuati 25 studi, i cui risultati medi sono i seguenti: nei gruppi trattati con echinacea l'incidenza di infezioni delle prime vie aeree stata del 29,3% e in quelli placebo del 36,7%. Inoltre il tempo di guarigione dei soggetti che prendevano lechinacea era significativamente pi breve rispetto a quello osservato nei gruppi placebo. Un altro studio nel ratto ha valutato se la somministrazione cronica di estratto di echinacea dalla giovinezza fino alla senescenza fosse capace di aumentare la longevit e il benessere delle cellule immunocompetenti, dal momento che noto che l'attivit di queste cellule fondamentale per la sopravvivenza e la longevit. Gli animali venivano nutriti con 2 mg al giorno di estratto di echinacea o con un placebo per tutta la loro vita ed erano tenuta e dieta libera. Dopo 10 mesi si valutava la sopravvivenza di questi animali, che era del 79% in quelli del gruppo placebo e del 100% in quelli del gruppo echinacea. Dopo 13 mesi i risultati di sopravvivenza erano del 46% nel gruppo placebo e del 74% in quello echinacea.L'azione dell'Echinacea potenziata dalla Grifola frondosa un fungo chiamato anche Maitake. Il Maitake un tipo di fungo molto raro che cresce nella regione Nord orientale del Giappone. Esso si rivela un rimedio di grande interesse soprattutto per la presenza di alcuni composti polisaccaridi quali i b - glucani. Leffetto immunostimolante dovuto alla capacit del polisaccaride di stimolare lattivit dei macrofagi, delle cellule Natural Killer, le cellule T citotossiche, linterleuichina-1, le linfochine. Tali propriet sono state documentate tramite esperimenti effettuati in pazienti affetti da AIDS, malattia di Lyme ed altri disordini del sistema immunitario. La Trimetilglicina o Betaina anidra, estratta dalle barbabietole da zucchero, un potente agente metilante; essa svolge un ruolo importante soprattutto nel processo di detossificazione dell'omocisteina (potente ossidante e generatore di radicali liberi), che come noto una delle cause principali delle malattie cardiache e vascolari. Dal punto di vista strutturale la TMG si differenzia dal DMG per la presenza di un terzo gruppo metilico (CH3); quando esso ingerito rapidamente convertito, a livello epatico, in DMG

dando tutti i benefici della Dimetilglicina. Interviene con notevole successo nel processo di metilazione o trans metilazione che quel processo per mezzo del quale i gruppi metilici (CH3) sono trasferiti da una molecola ad un'altra; esso un processo biochimico indispensabile alla vita, salute e rigenerazione delle cellule del corpo. La Trimetilglicina un agente metilante che, come detto in precedenza, svolge un ruolo importante soprattutto nel processo di detossificazione dellOmocisteina, un amminoacido che si trova nel sangue, in Metionina. Lorganismo vivente metabolizza infatti solo piccole quantit dOmocisteina ed noto che in grandi quantit essa tossica: si pu quindi affermare che lOmocisteina un ottimo indicatore biochimico dellefficienza della metilazione da parte delle cellule. La Metionina (prodotto di metilazione dellOmocisteina) produce elevate concentrazioni di SAM (S - adenosil - Metionina), un antidepressivo naturale ed un donatore di gruppi metilici; laumento di SAM utile sia nella prevenzione sia nel trattamento di diversi disordini metabolici inclusi quelli causati da gravi stati di deficit organico. uno degli aminoacidi essenziali con attivit antiossidante. molto importante per il funzionamento del fegato dove impedisce un anormale accumulo di grasso e la produzione di anticorpi. Pu essere convertita in cistina in presenza di VITAMINA B12. In combinazione con inositolo e vitamine del gruppo B aiuta il fegato che soffre. Partecipa alla formazione di carnitina, colina, creatina, adrenalina, etc. ed interagisce con altre sostanze per disintossicare da composti dannosi. La vitamina C un antinfiammatorio naturale, aumenta le capacit dellorganismo di auto - proteggersi da attacchi virali ed fondamentale per il buon funzionamento delle attivit cellulari. In altre parole, la vitamina C si comporta come coadiuvante per il nostro sistema immunitario. Essa, in realt, ha principalmente un ruolo antiossidante, quindi protettivo nei confronti dei radicali liberi. Lo zinco un potente anti ossidante, quindi protegge le cellule dall'invecchiamento presente in tutte le cellule del nostro organismo ed il componente di numerosi enzimi (gli stimolatori delle reazioni biochimiche) e stimola la buona funzionalit del sistema immunitario. La Vitamine E, (alfa - tocoferolo) anch'esso, un antiossidante di fondamentale importanza, protegge dalla ossidazione delle cellule, neutralizza i radicali liberi, ritarda i processi di invecchiamento, riduce il colesterolo, indicato per la attivit riproduttiva, per la virilit, abbassa il colesterolo, utile nell'arteriosclerosi, nelle malattie autoimmuni, nelle allergie, nell'artrite, nei disturbi mestruali, nella menopausa, e nella flebite. La Vitamine B12, cianocobalamina, cobalamina Utile per la funzionalit del sistema nervoso, interviene nella sintesi della mielina, nella formazione dei globuli rossi, nella integrit del sistema nervoso, rafforza il sistema immunitario, ed interviene nel metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. Lacido folico (o vitamina B9) deriva dal latino folium che indica i vegetali a foglia larga come gli spinaci, ricco appunto di questa vitamina. indispensabile per lassimilazione delle proteine, per la creazione dei globuli rossi e delle cellule, infatti, serve per la costruzione delle nuove cellule e del materiale genetico.

ImmunVin

Echinacea - Specie: Echinacea angustifolia Famiglia: Composite, Asteracee - Droga: radici L echinacea angustifoglia, insieme allechinacea pallida e allechinacea purpurea, una composita delle praterie nordamericane da tempo usata dai nativi e ormai presente anche in occidente. Luso tradizionale stato acquisito dalla medicina popolare degli occidentali e successivamente si consolidato grazie alla notevole mole di studi che hanno riguardato questa pianta. Lechinacea contiene una grande quantit di sostanze con attivit diversa. Il marker qualitativo pi spesso usato lechinacoside (presente nella specie angustifolia e pallida, ma non nella purpurea) ritenuto responsabile dellazione antiossidante e probabilmente anche coinvolto nellazione batteriostatica. Ma lazione di maggiore interesse di questa pianta la stimolazione aspecifica della risposta immunitaria che stata ampiamente dimostrata nel test del carbon clearance, ovvero dellattivit fagocitaria in soggetti trattati con estratti di echinacea. I test hanno rivelato che il meccanismo complesso ma sicuramente ad agire sono una miscela di componenti fra cui alchilamidi (responsabili del sapore bruciante della radice fresca) i poliacetileni e i polisaccaridi. Le azioni principali dell'Echinacea sono: - Azione antivirale, antibatterica e antifungina: legata naturalmente alle polline che hanno dimostrato una notevole capacit batteriostatica e antifungina inibendo la replicazione di batteri difficilmente controllabili come Escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa. L'azione antivirale, di tipo interferon - simile, tale da ostacolare la penetrazione del virus nelle cellule sane, sembra invece essere dovuta all'acido cicorico e all'ac. caffeico. - Azione antiinfiammatoria e cicatrizzante: dovuta in parte sicuramente alla frazione polisaccaridica e poliammidica. L'echinacea produce pure un aumento di ACTH (ormone corticotropo) e di conseguenza una incrementata attivit della corteccia surrenale con secrezione di steroidi antiinfiammatori. La combinazione di questi fenomeni si manifesta con un marcato effetto antiflogistico e cicatrizzante. - Azione immunostimolante: si esplica mediante un aumento dei leucociti, in particolare dei granulociti polimorfonucleati (o neutrofili) e dei monociti - macrofagi del sistema reticolo - endoteliale.Tali cellule sono adibite a fagocitare (mangiare) gli agenti estranei dannosi (batteri, funghi etc.). L'azione immunostimolante dovuta sia alla frazione liposolubile: poliine, alchilammidi e olio essenziale, che a quella idrosolubile: composti polifenolici derivati dell'ac. caffeico e in particolare ac. cicorico. Maitake - Specie: Grifola frondosa (Dicks) Gray Famiglia: poliporaceae - Droga: il carpoforo Maitake significa "Fungo Danzante", non si sa bene se per la sua composizione a ceppo fogliare, quasi mosso a tempo di danza, o come vuole la tradizione cinese, per il fatto che data la sua rarit a quei tempi, il raccoglitore che lo trovava si metteva a danzare per la gioia. Viene oggi coltivato e prodotto senza particolari problemi, anche perch si tratta di un fungo edule, anche se non paragonabile per intensit e aroma al sapore dello Shiitake. Spicca tra i molteplici componenti della Grifola, alcuni dei quali non ancora

completamente identificati, una frazione chiamata D - Fraction, cos efficace nel potenziare il sistema immunitario da essere stata inclusa nella Fase II, studio clinico ufficiale, dalla FDA in USA, per il trattamento del cancro alla prostata, alla mammella, per le malattie degenerative in genere, HIV compreso. La frazione D della Grifola un composto polisaccaridico unico nel suo genere, capace di contenere nel contempo due molecole attive, l1,3 BetaGlucano e l1,6 BetaGlucano, con molte pi diramazioni e catene laterali. Sembra che queste catene laterali siano capaci di molti e pi complessi legami biochimici. Di esso vengono riportate le seguenti propriet generali: - Normalizzatore della pressione sanguigna Normalizzatore del metabolismo glucidico - Normaliz - zatore del metabolismo lipidico - Immunostimolante generale. Pi specificatamente sono riportate le seguenti sperimentazioni scientifiche: - Prevenzione e salvaguardia delle T - Cells dall'azione del virus HIV - Azione risolutiva nel Sarcoma di Kaposi - Spiccata azione antidiabetica - Spiccata azione antipertensiva - Spiccata azione sui trigliceridi sanguigni. Si inoltre dato particolare importanza all'azione di sostegno, che la frazione D pu avere in caso di trattamento tumorale chemioterapico e radiante, evitando gran parte degli effetti collaterali normalmente connessi a queste forme di terapia, riducendo sia l'entit del dolore, che la perdita di capelli, l'insorgere di nausea, disturbi digestivi, ecc. Utilizzati da centinaia di anni dalle popolazioni cinesi e giapponesi ma solo recentemente sono state scoperte le notevoli propriet curative. Sono un forte stimolante del sistema immunitario ritenuto un prezioso ed efficace tonico ed adattogeno, utile per la sua azione a livello immunitario e metabolico. Il Maitake contiene: ergosterolo sotto forma di pro Vitamina D2, varie vitamine del gruppo B, magnesio, calcio, potassio, acidi grassi insaturi, fosfatidilserina, vari Fosfolipidi, aminoacidi. TMG (N,N,N - Trimetilglicina) La Trimetilglicina, estratta dalle barbabietole da zucchero, un potente agente metilante; essa svolge un ruolo importante soprattutto nel processo di detossificazione dell'omocisteina (potente ossidante e generatore di radicali liberi), che com' noto una delle cause principali delle malattie cardiache e vascolari. Recenti studi americani hanno dimostrato il valore e l'efficacia del TMG come integratore alimentare in grado di dare i seguenti benefici: Aiutante nelle affezioni cardiovascolari - Migliorante il metabolismo del glucosio - Migliorante l'utilizzo dell'ossigeno Alleviante l'affaticamento cronico - Aiutante ideale per competizioni sportive - Aiutante nelle affezioni apatiche - Aiutante nel processo artrosico. Dal punto di vista strutturale il TMG si differenzia dal DMG per la presenza di un terzo gruppo metilico (CH3); quando esso ingerito rapidamente convertito, a livello epatico, in DMG dando tutti i benefici della Dimetilglicina e molto di pi. Interviene con notevole successo nel processo di metilazione o transmetilazione che quel processo per mezzo del quale i gruppi metilici (CH3) sono trasferiti da una molecola ad un'altra; esso un processo biochimico indispensabile alla vita, salute e rigenerazione delle cellule del corpo.

ImmunVin
85

Vitamina B12 (Cianocobalamina) La Vitamina B12 (cianocobalamina), idrosolubile, necessaria per la formazione dei globuli rossi utile nella prevenzione delle anemie. Favorisce la formazione e la longevit cellulare. inoltre necessaria per una corretta digestione, per lassimilazione degli alimenti, per la sintesi proteica e per il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. Utile nella prevenzione delle lesioni ai nervi, mantiene la fertilit e favorisce la crescita e lo sviluppo ormonali. Vitamina C (Acido L - Ascorbico) L'acido L - ascorbico (o vitamina C) una vitamina idrosolubile antiossidante che svolge nell'organismo molteplici funzioni. Per la scarsit di vitamina C nell'organismo, si instaurano situazioni come la progressiva crescita dell'azione devastante dello stress ossidativo e dei radicali liberi sulle pareti cellulari vascolari e/o il progressivo impoverimento e cedimento di collagene nelle pareti cellulari vascolari che venendo tamponato da derivati di alfa lipoproteine produce, col progressivo accumulo, l'aterosclerosi e, di conseguenza, tutte le altre pericolosissime sue patologie derivate a cascata. La vitamina C un antinfiammatorio naturale, aumenta le capacit dellorganismo di auto - proteggersi da attacchi virali ed fondamentale per il buon funzionamento delle attivit cellulari. In altre parole, la vitamina C si comporta come coadiuvante per il nostro sistema immunitario. La vitamina C innalza il numero dei globuli bianchi che combattono i virus del raffreddore. Nei primi tre giorni dallinsorgere di un raffreddore, i virus si replicano pi velocemente di quanto il sistema immunitario possa produrre globuli bianchi e il sistema immunitario messo in inferiorit. E per questo che sono necessarie ripetizioni di dosi massicce di vitamina C per reprimere le infezioni virali, altrimenti il virus svuota rapidamente le riserve corporee di vitamina C. Vitamina B9 (Acido folico, Folato) Lacido folico una vitamina presente nei cereali nel lievito di birra, nel fegato, nelle foglie (da cui l'attributo "folico") ed in particolar modo negli spinaci. Dopo essere stato assorbito a livello intestinale, l'acido folico viene attivato dal fegato, che lo trasforma in acido folinico, lo distribuisce ai vari tessuti o, eventualmente, lo deposita come riserva.Pi che di acido folico sarebbe corretto parlare di folati, dal momento che esiste un'intera famiglia di sostanze con struttura ed attivit biologica analoga a quella della classica vitamina B9. Durante l'assorbimento intestinale queste provitamine vengono ridotte nella loro forma pi semplice, chiamata, appunto, acido folico. La vitamina B9 essenziale alla vita dell'uomo e di molti altri organismi, anche particolarmente semplici come i batteri. Questa sostanza, intervenendo nella sintesi degli acidi nucleici, infatti molto importante per la crescita e la riproduzione cellulare. Vitamina E La Vitamina E un potente antiossidante che lavora per proteggere le cellule nel corpo da danni provocati da radicali liberi. Radicali liberi sono sostanze altamente reattive che derivano dal metabolismo

normale cos come l'esposizione a fattori ambientali come il fumo di sigaretta e la luce ultravioletta. La vitamina E evita che gli acidi grassi saturi e la vitamina A si scompongano e si combinino con altre sostanze diventando cos nocivi allorganismo. Lossidazione del grasso d origine a radicali liberi. I radicali liberi sono molecole altamente aggressive che possono causare estesi danni allorganismo, dal cancro alle trombosi, ai danni al DNA. Le vitamine del complesso B e lacido ascorbico sono entrambi protetti contro lossidazione, quando la vitamina E presente nel tratto digerente. I grassi e gli oli contenenti vitamina E sono meno suscettibili alla rancidit di quelli che ne sono privi. La vitamina E in grado di unirsi allossigeno ed impedirne la trasformazione in perossido, tossico; ci permette ai globuli rossi di essere pi riforniti di ossigeno, che viene poi trasportato dal sangue al cuore ed agli altri organi. La vitamina E non solo un antiossidante, ma ha anche una funzione molto importante nella produzione di energia. La vitamina E svolge un ruolo importante nella respirazione cellulare di tutti i muscoli, specialmente quelli cardiaci e scheletrici. Inoltre, mette in grado i muscoli ed i nervi di funzionare con meno ossigeno, aumentando cos la loro capacit di resistere agli sforzi per lungo tempo. Essa causa anche una dilatazione dei vasi sanguigni, permettendo cos un maggior afflusso di sangue al cuore. unantitrombina altamente efficace nella corrente sanguigna, poich inibisce la coagulazione del sangue e cos previene la formazione di trombi. Contribuisce inoltre ad apportare nutrimento alle cellule, rinforza le pareti dei capillari e protegge i globuli rossi dalla distruzione causata da veleni come il perossido idrogenato (un radicale libero) nel sangue. La vitamina E impedisce che avvenga lossidazione dellormone pituitario e surrenale e stimola un perfetto funzionamento dellacido linoleico, un acido grasso insaturo. Poich lossidazione provoca linvecchiamento delle cellule, la vitamina E ne ritarda il processo. La convinzione che la vitamina E allunghi la vita non mai stata dimostrata, ma si ritiene potrebbe essere fondata. Zinco Lo zinco conosciuto per le sue propriet protettive nei confronti delle malattie e del sistema immunitario. favorisce le difese immunitarie attraverso un' azione sul timo (ghiandola presente durante la crescita, ma che si atrofizza nell' adulto ed responsabile della produzione di cellule importanti per il sistema immunitario) ed assicura difese non specifiche proteggendo l' integrit della cute. Lo zinco utile sia nella prevenzione delle infezioni respiratorie, in quanto stimola le funzioni del sistema immunitario, sia nel loro trattamento poich ha dimostrato di ridurre la durata dei sintomi: se in media un raffreddore dura 8 giorni, l' integrazione con zinco limita i disturbi a 4 - 5 giorni, purch l' assunzione sia precoce, possibilmente entro le 24 dall' esordio dei sintomi.Lo zinco facilita la riparazione del DNA e migliora lattivit del sistema immunitario e del sistema ormonale e vascolare. Partecipa al ciclo di Krebs e alla produzione di energia. Recentemente stato scoperto che lo zinco ferma la progressiva diminuzione della vista negli anziani. Si

ImmunVin
86

pensa anche che aumenti la potenza sessuale negli uomini grazie alla sua abilit di regolare il testosterone nella prostata.

lity in US adults. American Journal of Clinical Nutrition 2000; 72 (1): 139 - 145 37. Knekt P et al. Antioxidant vitamins and coronary heart disease risk: a pooled analysis of 9 cohorts. American Journal of Clinical Nutrition 2004; 80 (6): 1508 - 20 38. Joshiase. Annals of Internal Medicine 2001; 134 (12): 1106 - 14 39. Chen Q et al. Pharmacologic doses of ascorbate act as a prooxidant and decrease growth of aggressive pura KJ et al. The effect of fruit and vegetable intake on risk for coronary heart dise-

BIBLIOGRAFIA 1. Adachi K, Nanba H, Otsuka M, Kuroda H. Blood pressure - lowering activity present in the fruit body of Grifola frondosa (maitake):I. Chem Pharm Bull 1988; 36:1000 1006. 2. Adachi Y, Ohno N, Yadomae T. Activation of murine kupffer cells by administration with gel - forming (1 - - > 3) - beta - D - glucan from Grifola frondosa. Biol Pharm Bull 1998; 21:278 - 283. 3. Adachi Y, Okazaki M, Ohno N, Yadomae T. Enhancement of cytokine production by macrophages stimulated with (1 - - > 3) - beta - D glucan, grifolan (GRN), isolated from Grifola frondosa. Biol Pharm Bull 1994;17:1554 - 1560. 4. Adachi K, Nanba H, Kuroda H. Potentiation of hostmediated antitumor activity in mice by beta - glucan obtained from Grifola frondosa (maitake). Chem Pharm Bull 1987; 35:262 - 270. 5. Borchers AT, Stern JS, Hackman RM, et al. Mushrooms, tumors, and immunity. Proc Soc Exp Biol Med 1999; 221:281 - 293. 6. Christens R, Schar D, Turner D. An evaluative study of the effectiveness of a strain of Grifola frondosa (maitake) against persistent vaginal Candida albicans proliferation (thrush). Unpublished; posted at planetbotanic. com/thrushtrial.htm. 7. Chichoke A. Maitake - - the king of mushrooms. Townsend Lener for Doctors 1994; 130:432 - 433. 8. Fukushima M, Ohashi T, Fujiwara Y, Sonoyama K, Nakano M. Cholesterollowering effects of maitake (Grifola frondosa) fiber, shiitake (Lentinus edodes) fiber, and enokitake (Flammulina velutipes) fiber in rats. Exp Biol Med (Maywood) 2001 Sep; 226(8):758 - 65. 9. Hishida I, Nanba H, Kuroda H. Antitumor activity exhibited by oral administered extract from fruit body of Grifola frondosa (maitake). Chem Pharm Bull 1988; 36:1819 - 1827. 10. Hobbs C. Grifola frondosa monograph. Santa Cruz, CA: Botanica Press; 1995:110 - 115. 11. Horio H, Ohtsuru M. Maitake (Grifola frondosa) improve glucose tolerance of experimental diabetic rats. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo) 2001 Feb; 47(1):57 - 63. 12. Jones K. Maitake: a potent medicinal food. Alt Comp Ther 1998;4:420 - 429. 13. Kabir Y, Kimura S. Dietary mushrooms reduce blood pressure in spontaneously hypertensive rats (SHR). J Nutr Sci Vitaminol 1989; 35:9194. 14. Kabir Y, Hoshino T, Komai M, Kimura S. Histopathological changes in spontaneously hypertensive rats after feeding shiitake (Lentinus edodes) and maitake (Grifola frondosa) mushroom diets. J Clin Biochem Nutr 1989; 6:187 - 193. 15. Kabir Y, Yamaguchi M, Kimura S. Effect of shiitake (Lentinus edodes) and maitake (Grifola frondosa) mushrooms on blood pressure and plasma lipids of spontaneously hypertensive rats. J Nutr Sci Vitaminol 1987;33:341 - 346. 16. Kubo K, Aoki H, Nanba H. Anti - diabetic activity present in the fruit body of Grifola frondosa (maitake).I. Biol Pharm Bull 1994; 17:1106 - 1110. 17. Kubo K, Nanba H. Antidiabetic mechanism of maitake (Grifola frondosa). In: Royse DJ, ed. Mushroom Biology and Mushroom Products. University Park, PA: Penn State University; 1996:215 - 221. 18. Kubo K, Nanba H. The effect of maitake mushrooms on liver and serum lipids. Altern Ther Health Med 1996;2:62 66. Kubo K, Nanba H. Anti - hyperliposis effect of maitake fruit body (Grifola frondosa).I. Biol Pharm Bull 1997; 20:781 - 785. 19. Kurashige S, Akuzawa Y, Endo F. Effects of Lentinus edodes, Grifola frondosa and Pleurotus ostreatus administration on cancer outbreak, and activities of macrophages and lymphocytes in mice treated with a carcinogen, Nbutyl - N - butanolnitrosoamine. Immunopharmacol Immunotoxicol 1997May; 19(2):175 - 83. 20. Mizuno T, Zhuang C. Maitake, Grifola frondosa: pharmacological effects. Food Rev Int 1995; 11:135 - 149. 21. Nanba H, Kubo K. Antitumor substance extracted from Grifola. U.S. Patent 5,854,404, issued December 29, 1998. 22. Nanba H. Antitumor activity of orally administered D - Fraction from maitake mushroom (Grifola frondosa). J Naturopathic Med 1993; 1:10 - 15. 23. Nanba H. Maitake D - fraction: healing and preventive potential for cancer. J Orthomol Med 1997; 12:43 - 49. 24. Nanba H, Kodama N, Schar D, Turner D. Effects of maitake (Grifola frondosa) glucan in HIV - infected patients. Mycoscience 2000; 41:293 - 295. 25. Ohno N, Asada N, Adachi Y, Yadomae T. Enhancement of LPS triggered TNF - alpha (tumor necrosis factor - alpha) production by (1 - - > 3) - beta - Dglucans in mice. Biol Pharm Bull 1995; 18:126 - 133. 26. Ohno N, Egawa Y, Hashimoto T, et al. Effect of betaglucans on the nitric oxide synthesis by peritoneal macrophage in mice. Biol Pharm Bull 1996; 19:608 - 612. 27. Okamura M. Distribution of ascorbic acid analogs and associated glycosides in mushrooms. J Nutr Sci Vitaminol 1994; 40:81 - 94. 28. Suzuki I, Itani T, Ohno N, et al. Effect of a polysaccharide fraction from Grifola frondosa on immune response in mice. J Pharmacobiodyn 1985; 8:217 - 226. 29. Suzuki I, Hashimoto K, Oikawa S, et al. Antitumor and immunomodulating activities of a beta - glucan obtained from liquid - cultured Grifola frondosa. Chem Pharm Bull 1989; 37:410 - 413. 30. Takama F, Ninomiya S, Yoda R, et al. Parenchyma cells, chemical components of maitake mushroom (Grifola). Yamada Y, Nanba H, Kuroda H. Antitumor effect of orally administered extracts from fruit body of Grifola frondosa (maitake). Chemotherapy 1990; 38:790 - 796. 31. Audera C et al. Mega - dose vitamin C in treatment of the common cold: a randomised controlled trial. 2001; 175 (7): 359 - 62. 32. Douglas RM Vitamin C for preventing and treating the common cold. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007; (3): CD000980. 33. Peterkofsky B. Ascorbate requirement for hydroxylation and secretion of procollagen: relationship to inhibition of collagen synthesis in scurvy. American Journal of Clinical Nutrition 1991; 54 (6 Suppl): 1135 - 40. 34. Fain Q. Musculoskeletal manifestations of scurvy. 2005; 72 (2): 124 - 8. 35. Fairfield KM et al. Vitamins for chronic diseases prevention in adults. Journal of the American Medical Association 2002; 287 (23): 3116 - 3126 36. Li Y et al. New developments and novel therapeutic perspectives for vitamin C. Journal of Nutrition 2007; 137 (10): 2171 - 218437. Loria CM et al. Vitamin C status and morta-

tumor xenografts in mice. Proceeding of the National Academy of Sciences 2008; 105 (32): 11037 - 8. 40. Traxer O. et al. Vitamin C and stone risk. Review of the literature. Progrs en Urologie 2003; 13 (6): 1290 - 4 41. Urivetzky M et al. Ascorbic acid overdosing: a risk factor for calcium oxalate nephrolithiasis. Journal of Urology 1992; 147 (5): 1215 - 8 42. Serafini M et al. Effect of acute ingestion of fresh and stored lettuce (Lactuca sativa) on plasma total antioxidant capacity and antioxidant levels in human subjects. British Journal of Nutrition 2002; 88 (6): 615 - 23. 43. Williams PG Vitamin retention in cook/chill and cook/hot - hold hospital food - services. 1996; 96 (5): 490 - 8. 44. S.I.N.U. Societ Italiana di Nutrizione Umana. Livelli di Assunzione. 45. Raccomandati di Energia e Nutrienti per la Popolazione Italiana. Revisione 1996. 46. Klose P.K.: "Prove di efficacia degli estratti di echinacea", L'erborista, n.3, 1992. 47. Giusti E.: "Echinacea, botanica, chimica, farmacologia, terapia", Erboristeria Domani, n. 11, 1992. 48. Grimm W. et al. A randomized controlled trial of the effect of fluid extract of Echinacea purpurea on the incidence and severity of colds and respiratory infections. Am. J. Med. 106, 138 - 143, 1999. Melchart D. et al. Echinacea root extracts for the prevention of upper respiratory tract infections: a double - blind, placebo - controlled randomized trial. Arch. Fam. Med. 7, 541 - 545, 1998.

ImmunVin
87

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

InfiaVin
Integratore alimentare flacone da 60 compresse da 500 mg Cod. EN16
INDICAZIONI SALUTISTICHE In questo composto sono state associate piante che, grazie a meccanismi di azione diversi ma complementari, permettono di intervenire in modo fisiologico nei processi infiammatori, facilitandone la riduzione e il loro riequilibrio. Sono state abbinate piante della tradizione africana come artiglio del diavolo, di quella indiana come lincenso e piante europee come salice e partenio, tutti rimedi ampiamente utilizzati nellambito della tradizione erboristica che in anni di utilizzo empirico, hanno dimostrato i loro benefici effetti ora confermati dalla scienza moderna. Rimedio utile per favorire il benessere dellapparato osteo - articolare e delle mucose in genere. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti secchi di: artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens DC) radice (al 2,5% arpagoside), olibano indiano (Boswellia serrata Roxb.) resina in grani (90% di acido boswellico), salice bianco (Salix alba L.) corteccia (15% salicina), partenio (Tanacetum parthenium L.) parti aeree (allo 0.5% parteniolidi). Minerali: selenio come seleniometionina. Eccipienti: addensante: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 2 - 4 compresse, a seconda della necessit, al giorno da assumere preferibilmente dopo i pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON FARMACI A causa della presenza di salicina contenuta nel Salix alba si potrebbe registrare uninterazione con farmaci anticoagulanti come farfari, farmaci antiaritmici. Pertanto si sconsiglia luso in concomitanza con gli stessi farmaci e in gravidanza, se non sotto consiglio medico. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" all'impasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. In questo modo le sostanze caratterizzanti, non solo vengono meglio estratte ma, veicolate in solventi attivati, sono in grado di

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Artiglio del diavolo radice ES apporto di arpagoside Boswellia resina ES apporto di acidi boswellici Salice bianco corteccia ES apporto di salicina Partenio parti aeree ES apporto di partenolidi Selenio per 4 cpr 360 mg 9 mg 300 mg 270 mg 300 mg 45 mg 200 mg 1 mg 55 mcg

ES = estratto secco

88

Artiglio del Diavolo Specie: Harpagophytum procumbens - Famiglia: Pedaliaceae - Droga: radice una pianta erbacea strisciante che vive nel deserto del Kalahari, dove i popoli boscimani hanno imparato ad usarla da millenni come panacea, ma principalmente per le propriet antinfiammatorie e antidolorifiche e deve il suo nome ai frutti ricoperti da lunghi uncini. Fu lo studioso tedesco dr. G.H.Menert a riportare le notizie degli usi di questa pianta allinizio del secolo scorso in Germania, poi le propriet sono state studiate a fondo fino ai giorni nostri. I principi attivi che sono ritenuti responsabili dellazione terapeutica, sono dei glicosidi iridoidi (arpagoside, arpagide e procumbide), che si trovano nei tessuti della radice carnosa. Contiene anche fitosteroli (b - sitosterolo e acido eleanoico), flavonoidi (kaempferolo e luteolina), acidi fenolici e esteri fenilpropanoici. Lazione antinfiammatoria stata verificata in numerosi studi condotti su animali di confronto con lindometacina (antinfiammatorio di sintesi), rivelando un effetto significativo dellestratto secco rispetto al farmaco a dose dipendente. Il meccanismo di azione ipotizzato non stato ancora ben chiarito, di sicuro gli studi in vitro e in vivo hanno evidenziato che lefficacia non legata ad un gruppo di sostanze particolari come gli iridoidi pur risultando questi degli inibitori della sintesi delle prostaglandine, ma ai numerosi principi presenti nel fitocomplesso. Olibano Indiano Specie: Boswellia serrata Roxb. Famiglia: burseracee - Droga: resina essiccata Lolibano indiano la resina di un alberello delle foreste asciutte dellIndia e del Pakistan. una pianta ayurvedica, utilizzata tradizionalmente per un ampia gamma di disturbi come lartrite, la colite ulcerosa e lasma. La ricerca ha messo in evidenza che in animali di laboratorio lestratto alcolico di resina di boswellia, riduce considerevolmente linfiammazione da edema indotto chimicamente. I modelli in vitro hanno evidenziato che lacido boswellico inibisce in modo selettivo la 5 - lipoossigenasi, esplicando unazione antinfiammatoria, antiartritica e antiproliferativa. Sembra comunque che lazione antiinfiammatoria di questa droga opera per vie diverse dalla sintesi delle prostaglandine, tanto da essere utilizzata anche nei processi infiammatori caratteristici della gastrite e dellulcera gastrica. A differenza dei comuni antinfiammatori, la Boswellia funge anche da protettore delle mucose gastro - intestinali. Salice Bianco - Specie: Salix alba L. Famiglia: Salicaceae - Droga: corteccia Il salice un grande albero dei climi temperati, e vive vicino ai corsi dacqua. La sua corteccia contiene la salicina, glicoside che per idrolisi, libera il saligenolo o alcol salicilico, molecola precursore dellacido acetilsalicilico, nonch noto antifiammatorio e anti-

Partenio Specie: Tanacetum partenium (L.) Schultz Famiglia: Astyeraceae - Droga: parti aeree Pianta erbacea perenne delle regioni temperate divenuta cosmopolita per opera delluomo. Tradizionalmente veniva usata per ridurre il malessere dovuto alla febbre (donde in nome anglosassone fever = febbre), attualmente invece, viene proposto come sollievo nelle emicranie. Se ne utilizzano le foglie che contengono diversi sesquiterpenoidi, fra cui il maggior componente (fino all85% dei terpeni) dato dal partenolide, che un lattone sesquiterpenico. Contiene un olio volatile con borneolo, farnesene e diversi esteri, oltre anche a flavonoli e piretrine. Il meccanismo di azione non ben compreso, ma studi recenti hanno evidenziato che il partenolide rallenta lattivazione dei fattori di trascrizione delle proteine dellinfiammazione. Altre ricerche invece hanno ipotizzato unazione dipendente dai flavonoli. probabile che tutto il complesso delle sostanze sia attivo nel contrastare i processi infiammatori. Selenio Il selenio un elemento chimico oligonutriente per luomo. La sua azione si esplica maggiormente contro i radicali liberi operando in sinergia con la Vitamina E, e come cofattore in molti enzimi antiossidanti. Nel funzionamento della ghiandola tiroidea, un co - fattore necessario al funzionamento dell'enzima 5 - deiodinasi, responsabile della conversione della T4 in T3. In clinica medica, il selenio viene usato in patologie a livello del sistema cardiovascolare, soprattutto come integratore per il controllo della pressione arteriosa. Una carenza di selenio in persone sane relativamente rara, tuttavia alcuni studi hanno evidenziato che la sua carenza provoca degenerazione articolare (morbo di Keshan - Beck) e una depressione dell'attivit immunitaria dei neutrofili. Recentemente il selenio stato studiato per le propriet antinfiammatorie in malati di artrite reumatoide, infatti il trattamento al selenio migliorava notevolmente lo stato delle articolazioni riducendo il fabbisogno in trattamenti cortisonici. Secondo studi recenti il selenio sembra che inibisca a livello di macrofagi, la produzione di prostaglandine modulando lazione dellenzima 15 - prostaglandina deossigenasi.

InfiaVin
89

esplicare in modo pi completo il loro effetto. In questo caso la sinergia di azione tale da disporre di un rimedio che contemporaneamente esplica unazione antinfiammatoria, analgesica e protettiva delle mucose gastro - intestinali.

piretico. Contiene inoltre altri glicosidi fenolici (salicortina, populina, piceina) con meccanismo di azione simile. Sono presenti anche tannini, catechine e flavonoidi. Nella medicina tradizionale dellarea mediterranea, la corteccia del salice impiegata nelle infiammazioni reumatiche, nelle febbri influenzali e nei dolori articolari come naturale antinfiammatorio privo degli effetti collaterali dei comuni FANS, in quanto le concentrazioni degli attivi non raggiungono mai quelle potenzialmente tossiche, e lassorbimento, la farmacocinetica e la biodisponibilit, graduale e differenziata fra i vari metaboliti dellacido salicilico.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998.3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale; Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 15. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 16. Dietary Reference Intakes for Vitamin C, Vitamin E, Selenium, and Carotenoids. Washington (DC): National Academy Press; 2000. 18. Singh GB, et al.. Agents Actions 1986;18:407 - 12. 19. Kimmatkar N, et al. Phytomedicine 2003 Jan;10(1):3 - 7. 20. Johnson ES, et al.. BMJ 1985;291:183 - 92. 21. Reuter U, et al.. Ann Neurol 2002;51:507 - 16. 22. Hema V., Faith D., Umamaheswari D. P., Deepa B., Ryan J. A., Jerry T. T., Devin G. Peterson C., Channa R., and K. Sandeep P. The Anti - inflammatory Effects of Selenium Are Mediated through 15 - Deoxy - 12,14 - prostaglandin J2 in Macrophages. Biol. Chem., Vol. 282, Issue 25, 17964 - 17973, June 22, 2007. 23. Selenium concentration in erythrocytes of patients with rheumatoid arthritis. Clinical and laboratory chemistry infection markers during administration of selenium. 1997 Sep 15;92 Suppl 3:29 - 31.

InfiaVin
90

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

InfluVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN15
INDICAZIONI SALUTISTICHE Associazione originale di piante che con meccanismi diversi ma complementari sono capaci di rafforzare il sistema immunitario: Echinacea, Astragalo e Andrographis sono notoriamente immunostimolanti, piante come mirra e oli essenziali di timo, origano e cannella risultano ottimi antisettici e antibatterici. Grazie a questo duplice e sinergico effetto, il preparato risulta un valido coadiuvante in tutte le forme influenzali con componente infettiva. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: echinacea (Echinacea angustifolia DC) radice, astragalo (Astragalus membranaceus (Fisch.) Bunge) radice, andrographis (Andrographis paniculata Nees) parti aeree, barba di bosco (Usnea barbata L.) tallo, mirra (Commifora molmol Engl.) grani. Con oli essenziali di cannella (Cinnamomum zeylanicum L.), origano (Origanum vulgare L.), timo (Thymus vulgaris L.). Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno in acqua o bevanda calda preferibilmente lontano dai pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. La combinazione indicata quale rimedio per i disturbi da raffreddamento sia come preventivo che nella fase acuta, in quest'ultimo caso i dosaggi possono essere aumentati fino a 3 volte il dosaggio consigliato, eventualmente dietro consiglio di uno esperto. Echinacea - Specie: Echinacea angustifolia DC Famiglia: Asteraceae - Droga: radice L echinacea angustifolia, insieme alle.pallida e all e.purpurea, una composita delle praterie nordamericane da tempo usata dai nativi, e ormai presente anche in occidente. Luso tradizionale, stato acquisito dalla medicina popolare degli occidentali e succes - sivamente si consolidato grazie alla notevole mole di studi che hanno riguardato questa pianta. Lechinacea contiene una grande quantit di sostanze con attivit diversa. Il marker qualitativo pi spesso usato lechinacoside (presente nella specie angustifolia e pallida, ma non nella purpu-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Echinacea radice EI Astragalo radice EI Andrographis parti aeree EI Barba di bosco tallo EI Mirra grani EI Cannella di ceylon OE Origano OE Timo OE per 6 ml 1,7 ml 1,2 ml 1,2 ml 1,2 ml 0,6 ml 0,06 ml 0,06 ml 0,06 ml

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

91

rea), ritenuto responsabile dellazione antiossidante e probabilmente anche coinvolto nellazione batteriostatica. Ma il potere di maggiore interesse di questa pianta, la stimolazione aspecifica della risposta immunitaria che stata ampiamente dimostrata nel test del carbon clearance, ovvero dellattivit fagocitaria in soggetti trattati con estratti di echinacea. I test hanno rivelato che il meccanismo complesso, ma sicuramente ad agire sono una miscela di componenti fra cui gli alchilamidi (responsabili del sapore bruciante della radice fresca), i poliacetileni e i polisaccaridi. Tutti tali costituenti, sono ampiamente rappresentati nell'estratto utilizzato nel prodotto Influvin, ottenuto per estrazione da pianta fresca con un solvente idroalcolico a gradazione opportuna, per estrarre sia l'echinacoside, sia gli alchilamidi (ancora presenti nella droga fresca) che la componente polisaccaridica. Il vino alchemico favorisce inoltre la completa estrazione e la successiva biodisponibilit. Astragalo Cinese Specie: Astragalus membranaceus (Fisch.) Bunge Famiglia: Papilionaceae - Droga: radice Questa pianta semiarbustiva delle steppe dellAsia centrale, nota nella MTC come huang chi ed usata nelle composizioni toniche e corroboranti. La radice di astragalo contiene moltissime sostanze attive, fra cui glicosidi triterpenici (saponine), flavonoidi, polisaccaridi. Le saponine sono oltre 40, fra cui gli astragalosidi e gli acetilastra - galosidi. Lazione tonica dellastragalo stata ricondotta oggi, attraverso la sperimentazione clinica al concetto pi ampio di adat - togenesi, ovvero alla capacit della pianta e delle sostanze attive, di indurre in un soggetto animale una maggiore resistenza allo stress di varia natura, come ad esempio quello causato dall'esposizione a vari microrganismi esogeni e all'incapacit di difendersi adeguatamente. L'astragalo aumenta le difese dell'organismo che pertanto risulta meno esposto e pi protetto da tutti gli agenti esterni. Lazione si svolge in modo complesso e aspecifico su diversi siti preposti, come la milza, il sangue, il sistema linfatico. Andrografis Specie: Andrographis paniculata Nees - Famiglia: Acantaceae - Droga: parti aeree Pianta perenne originaria dellIndia da cui stata poi diffusa a tutta lAsia, dove trova uso nelle diverse medicine tradizionali in particolare nellayurvedica e nella MTC (medicina tradizionale cinese). una pianta impiegata tradizionalmente contro le sindromi febbrili derivanti da stati influenzali, raffreddamento e malaria. La pianta contiene come costituenti caratteristici diversi lattoni diterpenici (andrografolidi), che si ritiene siano coinvolti nellazione farmacologica. Gli studi in vitro hanno rivelato che landrografis manifesta una molteplicit di azioni sia indirette (stimolo ai linfociti T, inibizione del fattore NT, riduzione dellattivit della ciclossigenasi) sia dirette, antibatteriche e antivirali. Pertanto un ingrediente principe nei preparati antinfluenzali, in quanto riduce la sintomatologia potenziando la reazione e le difese dellorganismo, ed agendo direttamente sui microrganismi responsabili.

Barba Di Bosco - Specie: Usnea barbata Famiglia: Parmeliaceae - Droga: tallo Sulla corteccia degli alberi delle foreste alpine e dellEuropa centrale, crescono dei licheni dal tallo cespuglioso e filiforme che pende dai rami delle piante pi grandi. Questa la barba di bosco, lichene dal colore verde acqua e dal profumo intenso contenente polisaccaridi, chiamati lichenina, e acidi organici. Fra di essi ne stato isolato alla met dell 800, lacido usnico, derivato furanico ritrovato in seguito anche in molti altri licheni. Contiene inoltre triterpeni e vitamine. Come nel lichene islandico, si riscontrata unazione combinata di immuno - stimolazione dovuta ai polisaccaridi, e unazione antimicrobica a largo spettro attribuita allacido usnico e agli altri acidi organici. La commissione E ha validato lusnea per le infiammazioni dellalto tratto respiratorio. Mirra - Specie: Commifora molmol Eng. Famiglia: Burseraceae - Droga: grani La mirra una gommo - oleoresina che si raccoglie naturalmente o per azione delluomo sul tronco di piccoli alberi spinosi. Queste piante, ne esistono diverse specie, si trovano nel Corno dAfrica, in Arabia e nellAsia occidentale. La mirra vanta millenni di impiego e di citazioni letterarie come essenza sacra e benefica, impiegata nei riti di molte religioni. La resina si presenta come delle masserelle vetrose e profumate e contiene una parte volatile (10 - 20%) e una parte concreta, formata da cere, gomme e resine ad alto peso molecolare. La parte volatile contiene una grande variet di composti, fra cui terpeni, esteri, aldeidi e fenoli, fra queste sostanze il limonene, leugenolo, la cinnamaldeide, il curzerene, il curzerenone, lm - cresolo, sono i pi abbondanti. La mirra stata dimostrata avere azioni antisettiche e una azione antinfiammatoria, dovuta ad una non meglio identificata induzione delle prostaglandine. La mirra ha anche un effetto anti - radicali liberi. La commissione E ne approva luso come anti infiammatorio oro - faringeo. Oli Essenziali Gli oli essenziali di timo, origano e cannella, espletano unazione sinergica antisettica e balsamica. Origano e timo sono piante balsamiche consolidate nelluso tradizionale per trattare tossi e bronchiti, in particolare timolo e carvacrolo, fenoli caratteristici del timo e dellorigano (presenti entrambi nelle piante ma in proporzioni diverse), hanno una dimostrata azione antibatterica. La cannella combina alla precedente azione antibatterica citata, unazione anestetica locale riducendo la sensazione di congestione delle mucose infiammate.

InfluVin
92

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke,

PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 10. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 11. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995.World Health Organization. 12. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 15. Tang W, et al. Chinese Drugs of Plant Origin. Berlin: Springer - Verlag; 1992. 16. Spasov AA, Ostrovskij OV, Chernikov MV, Wikman G. HYPERLINK "javascript:openPMID(14750201)" Comparative controlled study of Andrographis paniculata fixed combination, Kan Jang and an Echinacea preparation as adjuvant, in the treatment of uncomplicated respiratory disease in children. Phytother Res 2004;18(1):47 - 53. 17. Dobrescu, D. et al. 1993. Contributions to the complex study of some lichens Usnea genus. Pharmacological studies on Usnea barbata and Usnea hirta species. Rom J Physiol 30(12):101107. 18. Cansaran D.; Kahya D.; Yurdakulol E.; Atakol O. Identification and quantitation of usnic acid from the lichen Usnea species of anatolia and antimicrobial activity. Zeitschrift f'fcr Naturforschung. C. A journal of biosciences. 2006, vol. 61, no11 12, pp. 773 - 776. 19. Tariq M, et al. HYPERLINK "javascript:openPMID(3485893)" Anti - inflammatory activity of Commiphora molmol. Agents Actions 1986;17:381 - 2. 20. Senatore F. Oli essenziali. EMSI - Roma. 2000. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 9. V. Schulz, R. Hansel,

InfluVin
93

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

InfluVin - T
Integratore alimentare flacone da 60 compresse da 500 mg Cod. EN142
INDICAZIONI SALUTISTICHE Associazione originale di piante che con meccanismi diversi ma complementari sono capaci di rafforzare il sistema immunitario: Echinacea, Astragalo e Uncaria sono notoriamente immunostimolanti, piante come mirra e oli essenziali di timo, origano e cannella risultano ottimi antisettici e antibatterici. Grazie a questo duplice e sinergico effetto, il preparato risulta un valido coadiuvante in tutte le forme influenzali con componente infettiva. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: echinacea (Echinacea angustifolia DC) radice estratto secco, astragalo (Astragalus membranaceus (Fisch.) Bungel) radice estratto secco, uncaria (Uncaria tormentosa W.) radice estratto secco , lichene islandico (Vetraria islandica Ach.) tallo estratto secco, mirra (Commifora molmol Engl.) grani polvere, sambuco (Sambucus nigra L.) fiori estratto secco. Con oli essenziali di cannella (Cinnamomum zeylanicum L.), origano (Origanum vulgare L.), timo (Thymus vulgaris L.). Vitamine e minerali: vitamina C (acido ascorbico), zinco gluconato, rame gluconato, vitamina D3 (Colecalciferolo). Eccipienti: addensante: addensante: cellulosa microcristallina; antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 2 compresse al giorno da assumere preferibilmente prima dei pasti principali. Nella fase acuta dei disturbi, i dosaggi possono essere aumentati eventualmente dietro consiglio di un esperto. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede laggiunta di vino alchemico allimpasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagiriche esistono delle spiegazioni scientifiche sulluso di certi solventi come vino, alcol etilico che sottoposti a processi di distillazione vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre invece fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. In questo modo le sostanze caratterizzanti, non solo vengono meglio estratte, ma, veicolate in solventi attivati, sono in grado di esplicare in modo pi completo il loro effetto. Il preparato tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti, La combinazione indicata quale rimedio per i disturbi da raffreddamento sia come preventivo che nella fase acuta, in questa ultimo caso i dosaggi possono essere aumentati eventualmente dietro consiglio di un esperto.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 2 cpr
Componenti Echinacea radice ES apporto di echinacoside Astragalo radice ES apporto di polisaccaridi Uncariaradice ES apporto di alcaloidi Lichene Islandico tallo ES Mirra grani PLV Sambuco fiori ES apporto di isoquercitroside Vitamina C - 100% RDA Zinco - 100% RDA Cannella OE Timo rosso OE Origano OE Rame - 100% RDA Vitamina D3 - 100% RDA per 2 cpr 200 mg 1,2 mg 100 mg 16 mg 100 mg 3 mg 100 mg 100 mg 100 mg 1,8 mg 80 mg 10 mg 10 ml 10 ml 10 ml 1 mg 5 mcg

ES = estratto secco PLV = polvere OE = olio essenziale RDA = dosaggio alimentare raccomandato

94

Echinacea - Specie: Echinacea angustifolia DC Famiglia: Asteraceae - Droga: radice Lechinacea angustifolia, insieme alle.pallida e all e.purpurea, una composita delle praterie nordamericane da tempo usata dai nativi, e ormai presente anche in occidente. Luso tradizionale, stato acquisito dalla medicina popolare degli occidentali e succes - sivamente si consolidato grazie alla notevole mole di studi che hanno riguardato questa pianta. Lechinacea contiene una grande quantit di sostanze con attivit diversa. Il marker qualitativo pi spesso usato lechinacoside (presente nella specie angustifolia e pallida, ma non nella purpurea), ritenuto responsabile dellazione antiossidante e probabilmente anche coinvolto nellazione batteriostatica. Ma il potere di maggiore interesse di questa pianta, la stimolazione aspecifica della risposta immunitaria che stata ampiamente dimostrata nel test del carbon clearance, ovvero dellattivit fagocitaria in soggetti trattati con estratti di echinacea. I test hanno rivelato che il meccanismo complesso, ma sicuramente ad agire sono una miscela di componenti fra cui gli alchilamidi (responsabili del sapore bruciante della radice fresca), i poliacetileni e i polisaccaridi. Tutti tali costituenti, sono ampiamente rappresentati nell'estratto utilizzato nel prodotto Influvin - T. Astragalo Cinese Specie: Astragalus membranaceus (Fisch.) Bunge Famiglia: Papilionaceae - Droga: radice Pianta semiarbustiva delle steppe dellAsia centrale, nota nella MTC come huang chi ed usata nelle composizioni toniche e corroboranti. La radice di astragalo contiene moltissime sostanze attive, fra cui glicosidi triterpenici, flavonoidi, polisaccaridi. Le saponine sono oltre 40, fra cui gli astragalosidi e gli acetilastra - galosidi. Lazione tonica dellastragalo stata ricondotta oggi, attraverso la sperimentazione clinica al concetto pi ampio di adat - togenesi, ovvero alla capacit della pianta e delle sostanze attive, di indurre in un soggetto animale una maggiore resistenza allo stress di varia natura, come ad esempio quello causato dall'esposizione a vari microrganismi esogeni e all'incapacit di difendersi adeguatamente. L'astragalo aumenta le difese dell'organismo che pertanto risulta meno esposto e pi protetto da tutti gli agenti esterni. Lazione si svolge in modo complesso e aspecifico su diversi siti preposti, come la milza, il sangue, il sistema linfatico. Uncaria - Specie: Uncaria tormentosa W. Famiglia: Rubiacee - Droga: radice una pianta della famiglia delle Rubiaceee le parti usate sono: corteccia, radici. La pianta cresce nelle selve tropicali del Sud America, utile per le patologie degenerative e nei processi flogistici di varia natura, nelle algie, nei dolori osteoarticolari, nei dolori post partum. Ha una azione immunomodulante ed immunostimolante, ha una spiccata azione antivirale, antinfiammatoria, antidolorifica, cicatrizzante, un ottimo antiossidante ed antibatterico, vermifuga. Ricca di alcaloidi del gruppo delloxindolo tetra e pentaciclici, in particolare rincofillina, isorincofillina. Ritroviamo anche epicatechina, delle procianidine dimere e dei fitosteroli. Luncaria potenzia lattivit delle cellule natural killer (NK) e dei linfociti T citotossici, che sono

cellule del sistema immunitario capaci di distruggere le cellule diventate anormali come quelle tumorali, anche se tale effetto richiede, per manifestarsi appieno, tempi da 2 a 3 giorni per le cellule NK e di circa 3 settimane per i linfociti T citotossici. Pertanto lUncaria tomentosa ha come bersaglio principale le cellule ad azione citotossica, con un effetto simile a quello di alcuni interferoni umani, capaci di potenziare lattivit dei linfociti T citotossici e delle cellule natural killer (NK). Questi risultati sono stati confermati in uno studio clinico controllato fatto in un gruppo di 20 volontari sani, che ricevevano per bocca un estratto secco titolato di uncaria per 8 settimane. Nei pazienti trattati con lestratto rispetto a quelli che ricevevano il placebo vi era un evidente aumento dellindice di fagocitosi, cio della capacit dei globuli bianchi di inglobare e distruggere batteri, virus e funghi, e dellattivit delle cellule natural killer (NK). Lichene dislanda - Specie: Cetraria islandica Ach. Famiglia: Parmeliaceae - Droga: il tallo o fronda La tundra, la formazione vegetale bassa tipica del circolo polare artico, formata da praterie di licheni, fra cui il lichene islandico che una delle specie pi comuni. Lo troviamo anche nei nostri boschi e sulle montagne delle Alpi e degli Appennini. Il tallo costituito fino al 70% da lichenina, una miscela di polisaccaridi ad alto peso molecolare, contiene inoltre una grande variet di metaboliti e sostanze attive come gli acidi lichenici (lattoni di acidi grassi, derivati dellorcinolo, derivati furanici), fra cui acido usnico e lamarissimo acido cetrarico, sono presenti anche vitamine (folato, vitamine del gruppo B) e mucillagini. La sua attivit legata sia allazione fluidificante dei polisaccaridi, sia allazione antibiotica dimostrata in vitro degli acidi lichenici, in particolare acido usnico. Di recente ne stata anche proposta, e dimostrata in vitro, unazione di modulazione immunitaria. Mirra - Specie: Commifora molmol Eng. Famiglia: Burseraceae - Droga: grani La mirra una gommo - oleoresina che si raccoglie naturalmente o per azione delluomo sul tronco di piccoli alberi spinosi. Queste piante, ne esistono diverse specie, si trovano nel Corno dAfrica, in Arabia e nellAsia occidentale. La mirra vanta millenni di impiego e di citazioni letterarie come essenza sacra e benefica, impiegata nei riti di molte religioni. La resina si presenta come delle masserelle vetrose e profumate e contiene una parte volatile (10 - 20%) e una parte concreta, formata da cere, gomme e resine ad alto peso molecolare. La parte volatile contiene una grande variet di composti, fra cui terpeni, esteri, aldeidi e fenoli, fra queste sostanze il limonene, leugenolo, la cinnamaldeide, il curzerene, il curzerenone, lm - cresolo, sono i pi abbondanti. La mirra stata dimostrata avere azioni antisettiche e una azione antinfiammatoria, dovuta ad una non meglio identificata induzione delle prostaglandine. La mirra ha anche un effetto anti - radicali liberi. La commissione E ne approva luso come anti infiammatorio oro - faringeo. Sambuco - Specie: Sambucus nigra L. Famiglia: Caprifoliacee - Droga: fiori Il sambuco, originariamente dellEuropa e del Cauca-

InfluVin - T
95

so, oggi una pianta cosmopolita: diffusa in tutte le zone temperate dei continenti. Le foglie sono caratterizzate da un odore alquanto sgradevole, tuttavia possiede diverse propriet benefiche. I principi attivi che contraddistinguono questa pianta sono: astragalina, quercitina, acido p - cumarico, acido caffeico, acido ferulico, triterpeni afla e beta - amirina, acido ursolico, acido oleanolico, acido ascorbico, alcido palmitico, acido linoleico, acido clorogenico,steroli, mucillagini, tannini, pectine, lalcaloide sambucina, il glucoside cianogenetico sambunigrina, mucillagini e nei frutti, acido malico e valerianico. La pianta di Sambuco ha diverse propriet diuretiche, sudorifere, lassative, antireumatiche, antinevralgiche, emollienti, con i fiori del sambuco, usati anche per i liquori, si fa una tisana che serve come rimedio popolare per raffreddore, influenza, tosse, asma reumatismi. I fiori sono depurativi, emollienti e sudoriferi, ovvero provocano abbondante sudorazione indicata negli stati febbrili e nelle infiammazioni dellapparato respiratorio. Vitamina C Lacido L - ascorbico o Vitamina C un potente antiossidante. La vitamina C, coadiuva lorganismo a prevenire le infezioni attraverso un meccanismo non noto sebbene verificato in sede clinica. In caso di infezioni in corso lazione antiossidante riduce la flogosi attraverso linibizione dei radicali ossidanti rilasciati dai leucociti nel processo di attivazione. Zinco Lo zinco un elemento chimico che si rinviene naturalmente negli alimenti e presiede allinterno dellorganismo a numerosissime funzioni vitali. Troviamo oltre 100 metalloenzmi che necessitano dello zinco per la funzionalit. Limportanza dello zinco stata studiata soprattutto attraverso gli stati di carenza di questo elemento. Uno dei sintomi della carenza (es. ridotto livello ematico di Zn <70 mg/dl) sono la compromessa funzione dei linfociti T, importantissime sentinelle dellorganismo. Ne consegue che lo zinco rafforza il sistema immunitario e aiuta a superare pi rapidamente i sintomi influenzali. Rame Il Rame un minerale di estrema importanza nellequilibrio dellorganismo. Va precisato che il Rame di cui parliamo una forma organica di Rame a basso dosaggio, che viene usato come oligoelemento sottoforma di sale e precisamente vine utilizzato Rame gluconato. Ha azioni importanti su una vasta parte delle reazioni enzimatiche umane. Azione potente antinfettiva, di regolazione ormonale (soprattutto per la tiroide e la regolazione mestruale), antiallergica, una forte azione antidegenerativa e antitumorale. Per contro la carenza di rame pu comportare alcuni problemi per la salute quali: anemia, problemi cardiaci e circolatori anomalie ossee, complicazioni nel funzionamento del sistema nervoso ed immunitario, dei polmoni e dei reni, della tiroide e del pancreas. Vitamina D3 (Colecalciferolo) La Vitamina D chesvolge proprio un ruolo fondamentale nellattivazione delle difese immunitarie contro le malattie infettive come linfluenza. Lattivazione

delle cellule T che combattono le infezioni, infatti, necessita di un sostegno che pu essere dato solamente con la giusta e corretta assunzione di Vitamina D, in cui possono giocare un ruolo importante gli integratori alimentari. Lo dichiara lOsservatorio FederSalus, la Federazione Nazionale Produttori di Prodotti Salutistici, che rende noto uno studio elaborato dal Dipartimento di Immunologia dellUniversit di Copenaghen e pubblicato sullultimo numero di Nature Immunology. A guidare lo studio del Dipartimento di Immunologia dellUniversit di Copenaghen il Professor Carsten Geisler che ha illustrato il ruolo che svolge la Vitamina D in termini di risposte immunitarie: quando la cellula T riconosce i batteri o i virus con il recettore delle cellule T, invia segnali di attivazione al gene recettore della Vitamina D. Il gene VDR inizia, quindi, la produzione di proteine DVR, le quali legano la Vitamina D nelle cellule T e diventano attive. Poi la Vitamina D e le proteine attivate DVR entrano nel nucleo delle cellule e attivano, a loro volta, il gene per il PLC - gammal per la produzione delle proteine. Una lunga concatenazione di eventi scatenata dalla Vitamina D e che permette, in conclusione, di attivare le cellule T per combattere le infezioni. Oli Essenziali Gli oli essenziali di timo, origano e cannella, espletano unazione sinergica antisettica e balsamica. Origano e timo sono piante balsamiche consolidate nelluso tradizionale per trattare tossi e bronchiti, in particolare timolo e carvacrolo, fenoli caratteristici del timo e dellorigano (presenti entrambi nelle piante ma in proporzioni diverse), hanno una dimostrata azione antibatterica. La cannella combina alla precedente azione antibatterica citata, unazione anestetica locale riducendo la sensazione di congestione delle mucose infiammate.

InfluVin - T
96

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 9. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 10. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 11. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 15. Tang W, et al. Chinese Drugs of Plant Origin. Berlin: Springer - Verlag; 1992. 16. Spasov AA, Ostrovskij OV, Chernikov MV, Wikman G. Comparative controlled study of Andrographis paniculata fixed combination, Kan Jang and an Echinacea preparation as adjuvant, in the treatment of uncomplicated respiratory disease in children. Phytother Res 2004;18(1):47 - 53. 17. Tariq M, et al. Anti - inflammatory activity of Commiphora molmol. Agents Actions 1986;17:381 - 2. 18. Senatore F. Oli essenziali. EMSI - Roma. 2000. 19. LOsservatorio FederSalus rende noto uno studio condotto dal Dipartimento di Immunologia dellUniversit di Copenaghen e pubblicato sul Nature Immunology salute, nuova ricerca: la vitamina d puo prevenire i sintomi influenzali - www.federsalus.it.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

IpertenVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV75
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di mantenere i fisiologici valori della pressione arteriosa e controllare i livelli di colesterolo ematico. Rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva, rende i principi attivi e i nutrienti aggiunti altamente biodisponibili. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere per un individuo. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non sempre soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di "quasi di carenza" causa di diversi disturbi spesso non, non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. NellOlosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nell'Ipertenvin, alla nostra tintura spagyrica di ulivo (Olea europea), di Aglio (Allium sativum) e Biancospino (Crategus oxyacantha) contenente al suo interno oligoelementi naturali (sali minerali) della pianta come Magnesio, Calcio, Potassio e Vitamina C, vengono aggiunte e abbinate vitamine e minerali (Mg, Ca, K , CoQ10, e Vitamina C) per potenziare e aumentarne sinergicamente lefficacia apportando benefici effetti a livello dellapparato circolatorio, il cui buon funzionamento fondamentale per assicurare il benessere psico - fisico. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: ulivo (Olea europea) foglie, biancospino (Crataegus monogyna Jacquin syn. Crataegus oxyacantha (L.) Jacquin) foglie e fiori, aglio (Allium sativum L.) bulbo, potassio gluconato, vitamina C, coenzimaQ10. Minerali: magnesio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. Si sconsiglia l'assunzione del prodotto in soggetti con pressione arteriosa bassa. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Combinazione studiata per favorire la funzionalit cardio - circolatoria, utile in tutte quelle situazioni in cui richiesto un equilibrio dellattivit cardio - circolatoria e un ripristino dei fisiologici livelli di pressione arteriosa.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Biancospino foglie e fiori Ulivo foglie Aglio bulbi Potassio Vitamina C - 100% RDA Coenzima Q10 per 6 ml 1200 mg 1200 mg 600 mg 120 mg 80 mg 10 mg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

97

Ulivo - Specie: Olea europea Famiglia: Oleacee - Droga: foglie L'olivo o ulivo una pianta da frutto. Originario del Medioriente, utilizzato fin dall'antichit per l'alimentazione. I suoi frutti, sono impiegati per l'estrazione di olio e in misura minore per l'impiego diretto nell'alimentazione. A causa del sapore amaro dovuto al contenuto, l'uso delle olive nell'alimentazione richiede per trattamenti specifici finalizzati alla deamarizzazione, realizzata con metodi vari. Ricco di glucosidi lattonici come lellenolide e loleuropeina contenuti nelle foglie agisce, ormai certo, come ipotensivo vasodilatatore localizzando la sua azione prevalentemente nelle arterie e nelle coronarie. Questazione che valutabile nei casi di tachicardia supraventricolare associata ad ipertensione, fa dei preparati dolivo degli apprezzabili ipotensivi e protettori coronarici. Tale azione sarebbe coadiuvata e potenziata dai flavonoidi quali il luteolin - 4 - glucoside e lapigenina, anchessi contenuti nelle foglie. Il fatto che lazione vasodilatatrice della pianta si manifesti anchesulle coronarie ha indotto alcuni autori a supporre che si tratti di unazione muscolare anzich nervosa; vale a dire che lazione ipotensiva sarebbe conseguente ad una vasodilatazione per un effetto miolitico dei principi attivi dellolivo sulle fibre muscolari. Il suo olio ha propriet febbrifughe, astringenti, antinfiammatorie. Biancospino - Specie: Crataegus monogyna Jacquin syn. - Crataegus oxyacantha L. Jacquin Famiglia: Rosacee - Droga: foglie e fiori una delle piante pi note e studiate per i suoi effetti benefici sullapparato cardiovascolare. I suoi principi attivi pi interessanti ai fini della diminuzione della pressione arteriosa sono alcuni flavonoidi come liperoside e la vitexina e le procianidine. Lazione ipotensiva dovuta allabbassamento delle resistenze vascolari periferiche, ma anche alleffetto sedativo che esplica lestratto di biancospino. Per tali ragioni, questo rimedio particolarmente indicato nellipertensione del giovane adulto e delle persone con ipertono simpatico, ovvero con pressione alta e contrazioni della muscolatura liscia delle arterie dovute a iperattivit del sistema nervoso. Pi in generale, Il biancospino un buon equilibratore del sistema cardiovascolare, aiuta a regolarizzare la pulsazione cardiaca e a normalizzare la pressione sanguigna, riducendo anche la tensione nervosa spesso presente nei soggetti affetti da disturbi dellapparato cardiocircolatorio. Per queste sua propriet il biancospino viene impiegato nella cura di palpitazioni cardiache, aritmie, tachicardie, spasmi vascolari, angina pectoris, nellipertensione, e associato al magnesio aiuta a controllare vertigini, debolezza e spasmi muscolari, cardiopatie e ipertensione e instaura un giusto equilibrio del pH. Aglio - Specie: Allium sativum L. Famiglia: Alliaceae - Droga: bulbo L'aglio esplica un effetto benefico a livello del sistema cardiocircolatorio ed , in particolare conosciuto per la sua capacit ipotensiva. Quest'azione legata alla capacit dell'aglio di causare vasodilatazione, in particolare nei piccoli vasi sanguigni del distretto cutaneo. Negli studi sinora effettuati si notato un calo della pressione arteriosa sistolica (massima) da 176 mm/

Hg (valore medio globale) a 154 mm/Hg (valore medio globale) dopo 3 mesi con 600 mg. al giorno di estratto secco di aglio, oltre che della pressione arteriosa diastolica (minima) da 99 mm/Hg (valore medio globale) a 85 mm/Hg (valore medio globale) nelle stesse condizioni sperimentali. I ricercatori australiani hanno riesaminato i dati di 11 studi, che avevano analizzato con criteri scientifici gli effetti dell' sulla pressione alta, condotti dal 1994 ad oggi. Dall'analisi, emerso che i supplementi di aglio sarebbero in grado di abbassare la pressione arteriosa con la stessa efficacia dei farmaci utilizzati contro l'ipertensione. Tra le numerose sostanze contenute nell'aglio (vitamine e minerali), si evidenziano elevate quantit di fosforo, potassio, zolfo, e zinco; moderate quantit di selenio, vitamine A e C, minori quantit di calcio, magnesio, sodio, ferro, manganese e vitamine B. Laglio contiene anche flavonoidi e altri antiossidanti, oli essenziali e acidi grassi, aminoacidi, pectina, carboidrati, e composti solforati ( specialmente allicina). L allicina reagisce con lossigeno producendo piu di 70 composti solforati! Queste sono le sostanze che si ritiene possiedano propriet salutistiche naturali, dice David Roser, direttore del Garlic Research Bureau in Bury Saint Edmunds, Inghilterra. Magnesio Il magnesio ha unefficace azione ipotensiva, stimola le cellule endoteliali a produrre prostaglandine I2 con azione vasodilatatrice ( rilassa le pareti arteriose e incrementa il flusso del sangue). Il suo effetto lieve, ma significativo. Un gruppo di ricercatori ha misurato la pressione a 60 adulti che assumevano 480 milligrammi di magnesio al giorno. Dopo otto settimane stata osservata una lieve diminuzione dei valori (in media 2,5 millimetri di mercurio per la "massima"), con una riduzione maggiore in chi soffriva di pressione alta. Il magnesio, ipotizzano i ricercatori americani, potrebbe agire aumentando il diametro dei vasi sanguigni. Giuste dosi di magnesio quindi, possono aiutare a ridurre il tasso di colesterolo nel sangue e a mantenere le arterie in buona salute. Il magnesio stimola lassorbimento e il metabolismo di altri minerali quali il calcio, il fosforo, il sodio e il potassio. Aiuta inoltre ad utilizzare le vitamine del complesso B e le vitamine C ed E. Il calcio il minerale pi abbondante e la quinta sostanza pi abbondante dellorganismo bassi livelli di calcio aumentano il rischio di ipertensione (alta pressione del sangue). Potassio Il potassio nella dieta pu proteggere l'apparato cardio - circolatorio diminuendo i rischi di ipertensione e migliorare il controllo della pressione in pazienti ipertesi. Perci una adeguata introduzione di potassio (50 - 90 mmoli al d) pu mantenerla a valori normali. Se si verifica ipokaliemia durante una terapia dietetica, si rende necessaria una piccola somministrazione di potassio. quanto emerge da uno studio condotto allUniversit del Texas che ha identificato un gene che influenza gli effetti del potassio sulla pressione del sangue. A giocare un ruolo fondamentale sarebbe il gene WNK1, responsabile degli effetti del potassio sulla pressione del sangue. E il legame tra basso consumo di potassio e ipertensione esiste persino di fronte ad

IpertenVin
98

Vitamina C La vitamina C una delle vitamine solubili pi importanti per il nostro organismo. Uno studio condotto dai ricercatori dellUniversit della California di Berkeley e pubblicato sulla rivista Nutrition Journal, segnala che i livelli di vitamina C nel plasma sono collegati in modo inversamente proporzionale alla pressione. I ricercatori hanno analizzato la relazione tra i livelli di acido ascorbico (vitamina C) nel sangue e la pressione sanguigna in 242 ragazze di et compresa tra i 18 e i 21 anni: le misurazioni, effettuate per 10 anni, mostrano che nelle donne che presentavano livelli maggiori di vitamina C nel plasma, si assisteva a una riduzione della pressione. La vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico, un composto idrosolubile simile al glucosio. Bench abbastanza stabile in soluzione acida, di norma la vitamina meno stabile ed molto sensibile alla luce, al calore e allaria. La vitamina C aiuta a mantenere sani i vasi sanguigni messi sotto sforzo dalla maggior pressione esercitata su di loro dallipertensione. Elevata concentrazione di vitamina C si trova nelle ghiandole surrenali, che rilasciano epinefrina e norepinefrina nei momenti di stress. Ricerche scientifiche e studi clinici hanno dimostrato limportanza della vitamina C, del magnesio, del coenzima Q10, del calcio e di potassio nel favorire la normalizzazione dei livelli pressori. La sinergia di certi nutrienti fondamentale per il buon funzionamento delle cellule delle pareti arteriose e, di conseguenza contribuisce al benessere cardio - circolatorio. importante ricordare che gli oligoelementi presenti nell'organismo umano in piccolissima quantit, hanno la capacit di catalizzare (cio di facilitare e rendere pi veloci) tutte le reazioni chimiche all'interno dell'organismo. Come le vitamine, anche queste sostanze sono insostituibili e la loro carenza pu provocare alterazioni strutturali e fisiologiche favorendo le malattie. Tutte le civilt umane (soprattutto egizi, romani e caldei) hanno fatto ricorso agli elementi minerali presenti in natura utilizzandoli, in modo empirico, per scopi terapeutici. Fu tuttavia il medico francese Jacques Menetrier che, negli anni Trenta, osserv che le carenze di oligoelementi e vitamine nel corpo umano possono essere favorite da situazioni di stress, inquinamento ambientale, abuso di farmaci, assunzione di cibi poveri di elementi minerali a causa anche dell'impiego massiccio di pesticidi e prodotti chimici. Queste condizioni sfavorevoli possono provocare nell'uomo stati di stress e ipertensione. Coenzima Q10 Il Coenzima Q10 coinvolto nella produzione di unimportante molecola conosciuta come adenosina trifosfato (ATP).L'ATP funge per le cellule daprincipale fonte di energia indispensabile peri processi biologici tra cui la contrazione muscolare e la produzione di proteine. Il CoQ10 sviluppa anche una potente azione antiossidante e induce una significativa diminuzione

BIBLIOGRAFIA 1. Reuter H.D.: "Estratto di biancospino, un cardiotonico vegetale", Farmacia Naturale, n. 4, 1995. 2. Paris M.: "Perch il biancospino fa bene al cuore", Natom - Medicina Naturale, n. 5, 1991. 3. Beretz. A., Haag Berrurier M, Anton R.: "Choix de mthodes pharmacologiques pour l'etude des activits de l'Aubpine" 4. Plantes med. Phyto, 1978, XII, 14, 305 - 314. 5. "L'Adese" anno III n.1. 6. Kabir Y, Kimura S. Dietary mushrooms reduce blood pressure in spontaneously hypertensive rats (SHR). J Nutr Sci Vitaminol 1989; 35:9194. 7. Vitamin Bible di Earl Mindell 8. Audera C et al. Mega - dose vitamin C in treatment of the common cold: a randomised controlled trial. 2001; 175 (7): 359 - 62 Douglas RM Vitamin C for preventing and treating the common cold. Cochrane Database of Systematic Reviews 2007; (3): CD000980. 9. Peterkofsky B. Ascorbate requirement for hydroxylation and secretion of procollagen: relationship to inhibition of collagen synthesis in scurvy. American Journal of Clinical Nutrition 1991; 54 (6 Suppl): 1135 - 40. 10. Fain Q. Musculoskeletal manifestations of scurvy. 2005; 72 (2): 124 - 8 11. Fairfield KM et al. Vitamins for chronic diseases prevention in adults. Journal of the American Medical Association 2002; 287 (23): 3116 - 3126. 12. Li Y et al. New developments and novel therapeutic perspectives for vitamin C. Journal of Nutrition 2007; 137 (10): 2171 - 2184. 13. Loria CM et al.Vitamin C status and mortality in US adults. American Journal of Clinical Nutrition 2000; 72 (1): 139 - 145. 14. Knekt P et al. Antioxidant vitamins and coronary heart disease risk: a pooled analysis of 9 cohorts. American Journal of Clinical Nutrition 2004; 80 Jellin JM et al., eds. Pharmacist's letter/ prescriber's letter natural medicines comprehensive database. 15. Spigset O. Reduced effect of warfarin caused by ubidecarenone. Lancet. 1994; 344:1372 - 3. 16. Landbo C, Almdal TP. [Interaction between warfarin and coenzyme Q10]. Ugeskr Laeger. 1998; 160:3226 - 7. In Danish. 17. Combs Ab et al. Anticoagulant activity of a naphthoquinone analog of vitamin K and an inhibitor of coenzyme Q10 - enzyme systems. Res Commun Chem Pathol Pharmacol. 1976; 13:109 - 14. 18. Spigset O. Reduced effect of warfarin caused by ubidecarenone. Lancet. 1994; 344:1372 - 3. 19. Landbo C, Almdal TP. [Interaction between warfarin and coenzyme Q10]. Ugeskr Laeger. 1998; 160:3226 - 7. In Danish. 20. Combs Ab et al. Anticoagulant activity of a naphthoquinone analog of vitamin K and an inhibitor of coenzyme Q10 - enzyme systems. Res Commun Chem Pathol Pharmacol. 1976; 13:109 - 14.

IpertenVin
99

altri fattori di rischio quali let, la razza, il colesterolo, il fumo e il diabete. Il potassio necessario per la sintesi delle proteine muscolari e delle proteine degli aminoacidi nel sangue, come pure per la sintesi degli acidi nucleici. Contribuisce a mantenere la pelle sana e a mantenere stabile la pressione sanguigna.

della pressione arteriosa dimostrata da studi clinici. L'uomo sintetizza naturalmente CoQ10, ma in certe condizioni come diabete o nel caso di utilizzo di farmaci ipocolesterolemizzanti, stato dimostrato che i livelli ematici di CoQ10 si abbassano sensibilmente rispetto al resto della popolazione e quindi auspicabile una supplementazione di questo nutriente

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

M-Dmg
Integratore alimentare fluido in gocce flacone da 50ml Cod. EN18
INDICAZIONI SALUTISTICHE Interessante combinazione di sostanze nutraceutiche con estratti tipici della tradizione giapponese provenienti da funghi. Luso dei funghi e in particolare il Maitake (Grifola frondosa) come immunomodulatore ormai confermato dalla ricerca scientifica, grazie alla presenza di polisaccaridi ad alto peso molecolare che sembrano giocare un ruolo fondamentale nella regolazione del sistema immunitario. La presenza di DIMETILGLICINA e altre sostanze vitaminiche rafforzano e migliorano questa attivit di sostegno e rinforzo del sistema immunitario tale da rendere il prodotto un efficace rimedio per favorire le difese dellorganismo. La DMG responsabile di alcuni processi di metilazione fondamentali per il processo di rinnovamento delle cellule. Vitamine, ormoni, neurotrasmettitori, enzimi, acidi nucleici (RNA, DNA) e anticorpi sono spesso attivati e completati grazie allinserimento di gruppi metilici. Come dimostrato dai miglioramenti degli indicatori biochimici e biofisici, dai valori ottenuti su sangue, saliva ed urine, dei pazienti sottoposti allesame di Bioelettronica di Vincent e al dosaggio dell8OH2DG (8 idrossi 2 desossi guanosina), lM-DMG il rimedio da utilizzare sempre, come base per la sua potente azione antiossidante quindi utile per tutte le patologie del disordine dellapparato epato - biliare e del sistema Milza - Pancreas, del sistema Cardiovascolare, delle strutture muscolo - scheletriche, per tutte le alterazioni del sistema immunitario. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: maitake (Grifola frondosa) carpoforo estratto secco. Vitamine: folato, vitamina B12. Altri fattori nutrizionali: dimetilglicina (DMG) Altri costituenti: acqua, miele, aroma di ciliegia; conservante: potassio sorbato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce da assumere in acqua o in una bevanda calda due volte al giorno. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON FARMACI Nessuna conosciuta. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Luso dei funghi e in particolare il maitake (Grifola frondosa)come immunomodulatore ormai confermato dalla ricerca scientifica, grazie alla presenza di polisaccaridi ad alto peso molecolare che giocano un ruolo fondamentale nella regolazione del sistema immunitario. La presenza di dimetiliglicina e altre sostanze vitaminiche rafforzano e migliorano questa attivit di sostegno e rinforzo del sistema immunitario tale da rendere il prodotto un efficace rimedio per favorire le difese dellorganismo. La DMG responsabile di alcuni processi di metilazione fondamentali per il processo di rinnovamento delle cellule. Vitamine, ormoni, neurotrasmettitori, enzimi, acidi nucleici (RNA, DNA) e anticorpi sono

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Dimetilglicina Maitake carpoforo ES Folato - 40% RDA Vitamina B12 - 100% RDA per 6 ml 200 mg 160 mg 80 mcg 0,8 mcg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

100

spesso attivati e completati grazie allinserimento di gruppi metilici. Lestratto del fungo con la N, N - Dimetilglicina DMG (aminoacido usato per rinforzare il sistema immunitario), spiegano gli studiosi, la combinazione vincente capace di attivare un enzima che controlla la crescita delle cellule in stato degenerativo riuscendo a bloccare la diffusione di questultime. Altri studi hanno anche dimostrato che questo connubio pu contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache, agendo e migliorando il metabolismo del glucosio, favorendo l'utilizzazione dell'ossigeno e stimolando la risposta immunitaria migliorando la performance fisica e mentale di individui sotto stress consentendo un rapido recupero. Nel frattempo pi di 200.000 uomini ne fanno regolarmente uso in Germania, Austria e Svizzera e sempre pi dottori di medicina alternativa sperimentano e ne consigliano l'uso con incredibili successi.

timo midollo osseo noduli linfatici molteplici vie milza

macchie di prayer

Maitake - Specie: Grifola frondosa (Dicks) Gray Famiglia: poliporaceae - Droga: il carpoforo un fungo basidiomicete che cresce sui tronchi del castagno nelle zone temperate. un buon commestibile se raccolto da giovane ma pi interessante per le sue propriet salutistiche. La parte aerea sporifera (carpoforo) ricca di polisaccaridi (soprattutto 1,3 e 1,6 betaglucani) responsabili di attivit immunostimolanti attraverso un meccanismo di attivazione dei macrofagi, dei linfociti T e di altri fattori immunitari, stimola la maturazione, la differenziazione e la proliferazione delle cellule linfoidi e attiva le cellule natural Killer, tramite la modulazione dei livelli di TNF (tumor necrosis factor) e interleuchine. Questi composti hanno spinto molti studiosi a valutarne lattivit nella prevenzione e come coadiuvante delle neoplasie. Contiene anche lipidi (acido decanoico e ottadecanoico) e fosfolipidi probabilmente coinvolti nei processi di adattogenesi dellorganismo. I betaglucani sono anche coinvolti nel metabolismo del glucosio nel sangue conferendo un azione ipoglicemizzante. Dimetilglicina (DMG) La dimetilglicina un composto naturale che si trova in basse quantit allinterno di alcuni cibi e nel corpo umano. In pratica non altro che laminoacido glicina dimetilato. Essa viene sintetizzata a livello cellulare come intermedio nel metabolismo della

colina a glicina. Assunta oralmente, viene assorbita dal piccolo intestino e trasportata dalla circolazione portale al fegato. Qui viene metabolizzata a monometilglicina o sarcosina la quale, a sua volta viene convertita a glicina. La DMG responsabile di alcuni processi di metilazione fondamentali per il processo di rinnovamento delle cellule, vitamine, ormoni, neurotrasmettitori, enzimi, acidi nucleici (RNA, DNA) e anticorpi sono spesso attivati e completati grazie allinserimento di gruppi metilici. Ci sono pi di 41 reazioni di transmetilazione conosciute nell'organismo. Studi recenti hanno dimostrato come la DMG sia coinvolta nella biosintesi di fattori essenziali dellorganismo, come la metionina e la colina. La dimetilglicina perci agisce come donatore di metile e funziona come un'efficiente "pompa di metionina" in modo da convertire le molecole di omocisteina in eccesso in metionina. Un patologo, il Dr. Kilmer Mc Cully, ha rilevato che nell'uomo un elevato livello di omocisteina una delle cause di aterosclerosi ed una causa di malattie cardiovascolari. La dimetilglicina pu quindi giocare un ruolo importante nel mantenere l'omocisteina a livelli normali. Infine la DMG sembra promuovere in modo specifico il numero delle cellule anticorpali, rinforzando la reazione immunitaria sia a livello umorale che cellulare. In particolare il numero di linfociti T e B e di macrofagi appaiono aumentati in soggetti trattati con DMG. In America e anche in Europa la DMG la troviamo in integratori alimentari indicati come antistress grazie ai suoi molteplici effetti a livello umorale e circolatorio. Anche i sovietici hanno effettuato numerose ricerche sulle propriet benefiche della DMG e hanno dimostrato che la somministrazione di DMG efficace nel trattamento di alcune forme di dermatiti, disfunzioni cardiovascolari e nella dissintossicazione da alcol e droga. Interessante sono stati i loro studi in ambito sportivo, in quanto sembra che la somministrazione di DMG nei soggetti che svolgono intensa attivit fisica, conferisca una maggiore resistenza alla fatica e riduzione dei tempi di recupero. Quindi riassumendo lassunzione di DMG potrebbe essere indicata come coadiuvante nel trattamento di: 1. Affezioni cardiovascolari; 2. Affaticamento cronico; 3. Affezioni epatiche; 4. Allergie; 5. Artriti; 6. Diabete; 7. Ipoglicemia; 8. Medicina dello sport (energizzante e importante nel recupero fisico); 9. Problemi respiratori; 10. Risposte immuno - deficenti; 11. Stimolazione nellapprendimento e nella comunicazione in soggetti Autistici (Bernard Rimland La DIMETILGLICINA (DMG) un metabolita non tossico e l'autismo tratto dall' Autism Research Review International, Vol4 , N 2. La somministrazione di DMG risulta sicura in quanto numerosi studi effettuati numerosi studi effettuati su animali da laboratorio , condotti dallUniversit Medica della California, hanno dimostrato che si tratta di sostanza non tossica, infatti il cloridrato di dimetilglicina presenta un LD50 (dose letale sul 50% della

M-Dmg
101

popolazione animale trattata) di 7,4g per Kg di peso dellanimale. La dimetilglicina inoltre ipoallergenica e non - mutagenica.

102

M-Dmg

Vitamine Il folato (acido folico) una vitamina necessaria al processo di rinnovamento dei tessuti cellulari e pertanto favorisce la produzione di nuove cellule e lautoriparazione dei tessuti danneggiati dagli agenti esterni. La vitamina B12 un coenzima che in sinergia con il folato presiede alla formazione delle cellule del sangue. tipicamente presente negli alimenti di origine animale e pu essere scarsa in una dieta vegana. Miele Il miele insieme nutrimento e medicamento, e sin dallantichit cos stato percepito dalluomo. Tecnicamente la secrezione zuccherina prodotta dalle api contenente un 70% destrosio e levulosio, acqua e polline. Ma in realt una sostanza estremamente complessa in relazione anche ai luoghi e ai climi in cui si produce. Nel miele, ad una base di zuccheri estremamente assimilabili, si associano enzimi, vitamine, oligoelementi che ne fanno in pratica un alimento completo. Lazione dei componenti secondari per molto importante e riconosciuta. Importante lazione antisettica dovuta allazione dellenzima glucosio - ossidasi che si attiva quando il miele e sciolto in acqua liberando perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Il miele contiene un'altra sostanza antibatterica che le api producono nelle loro ghiandole ipofaringee e aggiungono come conservante naturale, che il lisozima. Altra sostanza sempre con azione batteriostatica lacido formico. Il miele poi contiene sempre proporzioni variabili di polline che apporta proteine e vitamine (soprattutto del gruppo B) che esplicano unazione energizzante supplementare e aiutano a sopportare lo stress della malattia.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster, B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 6. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 7. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol.2. 8. Hobbs C. Medicinal Mushrooms, 3rd ed. Loveland (CO): Interweave Press; 1996. 9. Adachi K, Nanba H, Kuroda H. Potentiation of host - mediated antitumor activity in mice by beta glucan obtained from Grifola frondosa (maitake). Chem Pharm Bull 1987;35:262 - 70. 10. Konno S, et al. A possible hypoglycaemic effect of maitake mushroom on Type 2 diabetic patients. Diabet Med 2001 Dec;18(12):1010. 11. Hariganesh K.; Prathiba J. Effect of Dimethylglycine on Gastric Ulcers in Rats Journal of Pharmacy and Pharmacology, Volume 52, Number 12, 1 December 2000, pp. 1519 - 1522.(4). 12. Bernard Rimland, La Dimitilglicina (DMG) un metabolita non tossico lautismo tratto dal Autism Research Review International, Vol 4 N2. 13. New England journal of medicine 2/10/82 pg. 1081 - 1082.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

MenopaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV84
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio a base di estratti vegetali e sostanze nutraceutiche indicato per favorire il benessere della donna durante il periodo della menopausa. La metodologia estrattiva capace di sfruttare lenergia dellalcol spagyrico rosso conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente, rende i principi attivi e i nutrienti aggiunti altamente biodisponibili. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Tutti i prodotti Olosvita ERBENOBILIvengono realizzati aggiungendo alla componente base vegetale minerali e vitamine. Nel prodotto MENOPAVIN ad esempio, alla tintura spagyrica di Cimicifuga(Cimicifuga racemosa) e di Salvia (Salvia officinalis), gi contenente al suo interno oligoelementi naturali (sali minerali), vengono aggiunte vitamine e minerali (Zn, Mn, Cu, K, Vitamina C, Vitamina D3, Vitamina E,) al fine da poteziarne leffetto e ottenere un prodotto in grado di attenuare quei fastidiosi disturbi associati al periodo della menopausa. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratto idroalcolico (acqua distillata, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: cimicifuga (Cimicifuga racemosa L.) rizoma, salvia (Salvia officinalis L.) foglie, potassio gluconato, vitamina C, vitamina E acetato (DL tocoferil acetato), zinco gluconato, manganese gluconato, rame gluconato, vitamina D3 (colecalciferolo). Minerali: Magnesio gluconato, Calcio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. AVVERTENZE SUPPLEMENTARI Non superare le quantit di assunzione indicate. Il prodotto contiene cimicifuga pertanto preferibile consultare il medico per la durata e comunque non va utilizzato in disfunzioni o malattie epatiche. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI La menopausa una tappa obbligata nella vita di ogni donna. Indica un periodo di tempo variabile che inizia quando il ciclo mestruale comincia a farsi irregolare e poi scompare. In questa fase si assiste ad una progressiva diminuizione della

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Cimicifuga rizoma Salvia foglie Potassio Vitamina C - 100% RDA Vitamina E - 100% RDA Zinco - 15% RDA Manganese - 15% RDA Rame - 15% RDA Vitamina D - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 1200 mg 120 mg 80 mg 12 mg 1,5 mg 0,3 mg 0,15 mg 5 mcg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

103

produzione di ormoni femminili in particolare estrogeni e questo comporta inevitabilmente delle modificazioni che talvolta possono essere fastidiose, la pelle pu diventare pi secca e la lubrificazione delle mucose diminuisce, si avvertono le cosidette "vampate " e talvolta sono presenti sbalzi di umore, tutti disturbi che possono variare molto nella loro intensit. Molte donne infatti non avvertono nessun disturbo oppure sono cos lievi da non richiederenessun trattamento. Nei casi in cui si manifestano disturbi importanti, se non ci sono controindicazioni, spesso si interviene con una cura a base di ormoni., ma prima di arrivare alluso di terapie sostitutive si pu iniziare con rimedi naturali che vedono lutilizzo di fitoestrogeni, sostanze presenti in alcune piante. Nel Menopavin abbiamo scelto come piante fonte di fitoestrogeni la salvia e la cimicifuga in quanto quelle pi studiate e che presentano studi clinici a conferma dei loro benefici durante il periodo della menopausa. Essenziale anche integrare lalimentazione con oligoelemnti e vitamine spcifiche come: il Calcio in quanto un effetto della carenza ormonale, proprio la perdita di calcio, che nei casi pi gravi pu condurre all'osteoporosi; il Potassio che interviene nella maggior parte delle funzioni vitali e contribuisce a regolare l'equilibrio osmotico cellulare. Una eccessiva integrazione di calcio potrebbe portare a delle carenze di Rame e Zinco che quindi sono stati aggiunti nel nostro preparato. Altro oligoelemento importantissimo in questa fase della vita il Manganese adatto alle donne che in pre - menopausa hanno dolori mestruali con cicli ravvicinati. Utile anche per chi soffre di concomitanti disturbi digestivi, artrosici e mal di testa. Infine il Magnesio, considerato il minerale miracoloso, tranquillante, anti - depressivo naturale. Insieme al calcio regola il battito cardiaco ed aiuta in caso di fibrillazione ventricolare, aritmie, che frequentemente si verificano in menopausa. Accanto ai minerali importantissimo l'ausiliodi vitamine specifiche quali: la Vitamina D3 che favorisce l'assorbimento intestinale del calcio e la sua fissazione nelle ossa, la Vitamina C, essenziale per la sintesi del collagene e svolge un importante ruolo nella formazione delle cellule ossee, infine la Vitamine E, (alfa - tocoferolo) anch'esso, un antiossidante di fondamentale importanza, protegge le cellule dalla ossidazione, neutralizza i radicali liberi, ritarda i processi di invecchiamento e riduce il colesterolo. Cimicifuga - Specie: Cimicifuga racemosa Famiglia: Ranunculaceae - Droga: rizoma La Cimicifuga racemosa una pianta originaria del Nord America utilizzata dai nativi americani per la cura dei disturbi ginecologici e nei casi di morsi di serpente. Nei tempi moderni, le radici ed i rizomi della pianta hanno trovato ampio utilizzo per il trattamento dei sintomi menopausali e dei disturbi mestruali. Ha una forte azione estrogenica, ben inserendosi in tutti quei disturbi, quali appunto la menopausa, ove ci sia un calo di questi ormoni. efficace nel trattamento di vampate di calore, turbe d'umore e secchezza della mucosa vaginale. Contiene un certo numero di glicosidi, flavonoidi e terpeni, oltre che tannini e salicilati. Anche se le sostanze attive non sono ancora state identificate completamente, la forma pi popolare di cimicifuga standardizzata in triterpeni espressi come

27 - deossiacetina. Nel corso degli ultimi qurantanni varie ricerche hanno tentato di studiare gli effetti della cimicifuga sui sintomi della menopausa. Uno studio Tedesco ha valutato I suoi benefici su un campione di 600 donne in menopausa, riscontrando come almeno l80% di queste notasse segni di miglioramento della propria sintomatologia, con effetti collaterali molto rari. Altri lavori hanno rivelato che migliora le condizioni sia fisiche sia psicologiche delle donne in menopausa gi un mese dopo linizio dellassunzione. Unindagine tedesca condotta su 80 donne ha rilevato come quelle trattate con cimicifuga mostrassero una quantit inferiore di attacchi dansia e di vampate di calore, e uno stato di conservazione migliore del tessuto vaginale. La maggior parte dei lavori evidenzia la sicurezza della cimicifuga, soprattutto in confronto alle normali terapie sostitutive a base di ormoni. Unica contronindicazioni riguarda possibili effetti tossici a carico del fegato, pertanto importante in caso di epatopatie consultare il medico. Salvia - Specie: Salvia officinalis L. Famiglia: Labiate - Droga: foglie un erba cos importante che, grazie al suo nome i romani hanno coniato il verbo salviare cio salvare. Ha i fiori Blu - violetto, Ippocrate ne consigliava luso nelle piaghe, il nome deriva da Salvere "godere di buona salute", gli egiziani la usavano per imbalsamare i morti, considerata una panacea, veniva impiegata dai Romani per conservare la carne, capace di potenziare la memoria, si credeva che rendesse immortali. Ricchissima di pincipi attivi flavonoidi (5 - metossisalvigenina), terpeni (abietani come lacido carnosico e carnasolo, lacido oleanolico, ecc) tannini (3 - 8%; idrolizzabili e condensati), derivati dellacido caffeico (ad es. lacido rosmarinico) e un olio essenziale (1 - 2,8%) I cui componenti principali (35 - 50%) sono costituiti dallalfa e beta - tujone. La salvia presenta unindubbia azione antispasmodica e colagoga - coleretica, ma conosciuta anche come antiidrotica e emenagoga. Vitamine C (Acido L - ascorbico) Si osservato che i livelli plasmatici ed eritrocitari della vitamina C nelle donne post - menopausa sono inferiori a quelli delle donne in et fertile. Questo pu compromettere le funzioni del tessuto connettivo (pelle, vasi, ossa) e del sistema immunitario, perch la vitamina C presiede ai processi di formazione del collagene (tessuto connettivo) e delle proteine del complemento (sistema immunitario). In questo particolare periodo integrare lalimentazione con vitamina C molto importante. Vitamine D3 La vitamina D fa parte di quel gruppo di sostanze nutritive che sostengono la crescita e la salute delle ossa. La sua funzione soprattutto quella di promuovere la mineralizzazione delle ossa. Essa aiuta a sintetizzare quegli enzimi presenti nelle mucose preposti al trasporto attivo del calcio disponibile. La vitamina D essenziale per le donne durante e dopo la menopausa. Due studi internazionali presentati al Congresso europeo annuale di reumatologia di Vienna, che hanno coinvolto 1.536 donne statunitesi intorno ai 70 anni e 1.244 coetanee di altri 18 Paesi, rivelano che pi della

104

MenopaVin

met delle donne in menopausa ha livelli insufficienti di vitamina D. Vitamine E La Vitamina E un potente antiossidante che protegge le cellule del corpo dai danni provocati da radicali liberi. Inoltre svolge un ruolo importante nella respirazione cellulare di tutti i muscoli, specialmente quelli cardiaci e scheletrici. Calcio Il calcio il minerale pi abbondante, infatti la quinta sostanza pi abbondante dellorganismo. Circa il 99% del calcio nellorganismo depositato nelle ossa e nei denti. Il rimanente 1% si trova nei tessuti molli, nei fluidi cellulari e nel sangue. Partecipa al processo di coagulazione del sangue, di stimolazione dei nervi e dei muscoli, al funzionamento dellormone paratiroideo e al metabolismo della vitamina D e ha un ruolo fondamentale in menopausa in quanto una conseguenza della carenza ormonale proprio la perdita di calcio, che nei casi pi gravi pu condurre all'osteoporosi. Il rapporto calcio - fosforo nelle ossa di 2,5:1. Perch il calcio possa espletare al meglio la sua funzione, deve essere accompagnato da magnesio, fosforo e dalle vitamine A, C, D e possibilmente dalla vitamina E. Per la stabilit ossea sono necessari la vitamina A, il magnesio e il fluoro. Unaltra funzione importante quella di creare delle riserve del minerale nelle ossa in modo che il corpo possa utilizzarle. La quantit di calcio contenuta nelle ossa varia continuamente secondo il tipo di alimentazione e i fabbisogni dellorganismo. Quando le concentrazioni sono troppo elevate (calcium rigor), gli ormoni e la vitamina D fanno s che il calcio venga depositato nel suo punto di riserva: le ossa. Quando sono troppo basse (tetania da calcio) lo squilibrio viene corretto in diversi modi: nei reni, con uneliminazione pi lenta, nelle ossa che controllano il rilascio delle quantit necessarie, e nellintestino che favorisce lassorbimento. Il calcio conservato nelle ossa, rifornisce il flusso sanguigno, che non viene influenzato dallassunzione alimentare. Tuttavia una carenza alimentare cronica diminuisce le riserve nelle ossa dopo un certo numero di anni. L'individuo assume giornalmente con gli alimenti 500 - 800 mg di calcio. L'assorbimento intestinale del calcio favorito dalla presenza della vitamina D e dai sali biliari, mentre inibito dall'acido ossalico e dall'acido fitico. Bisogna quindi fare attenzione se si introducono forti quantit di verdure ricche di ossalati (spinaci, crescione, barbabietola, pomodori, etc.) oppure cereali o farine integrali di grano, orzo, avena, mais che contengono molto acido fitico. Lassorbimento del calcio alquanto difficoltoso e di solito solo il 20 - 30% del calcio ingerito viene assorbito. Le donne dopo la menopausa possono arrivare ad assorbirne solo il 7%. Le donne in fase di pre - menopausa dovrebbero assumerne 1000 mg e quelle in post - menopausa 1500 mg. Manganese Attivatore enzimatico, indispensabile per il normale sviluppo dello scheletro e per un corretto turnover della calcificazione dell'osso. Interviene nella produzione e regolazione degli ormoni sessuali, essenziale per l'utilizzazione cellulare del glucosio ed interviene

Zinco Lo zinco conosciuto per le sue propriet protettive nei confronti delle malattie e del sistema immunitario, favorisce le difese immunitarie attraverso un' azione sul timo (ghiandola presente durante la crescita, ma che si atrofizza nell' adulto ed responsabile della produzione di cellule importanti per il sistema immunitario). Lo zinco utile sia nella prevenzione delle infezioni respiratorie, in quanto stimola le funzioni del sistema immunitario, sia nel loro trattamento poich ha dimostrato di ridurre la durata dei sintomi: se in media un raffreddore dura 8 giorni, l' integrazione con zinco limita i disturbi a 4 - 5 giorni, purch l' assunzione sia precoce, possibilmente entro le 24 dall' esordio dei sintomi. Partecipa al ciclo di Krebs e alla produzione di energia. Recentemente stato scoperto che lo zinco ferma la progressiva diminuzione della vista negli anziani. Si pensa anche che aumenti la potenza sessuale negli uomini grazie alla sua abilit di regolare il testosterone nella prostata. Rame Il Rame un minerale di estrema importanza nell'equilibrio dell'organismo. Va precisato che il Rame di cui parliamo una forma organica di Rame a basso dosaggio, che viene usato come oligoelemento sottoforma di sale e precisamente viene utilizzato Rame gluconato. Ha azione antinfettiva, di regolazione ormonale (soprattutto per la tiroide, la regolazione mestruale e la regolazione ormonale in menopausa ), antiallergica, antidegenerativa e antitumorale. Per contro la carenza di rame pu comportare alcuni problemi per la salute quali: anemia, problemi cardiaci e circolatori anomalie ossee, complicazioni nel funzionamento del sistema nervoso ed immunitario, dei polmoni e dei reni, della tiroide e del pancreas. Magnesio Il magnesio fondamentale per lattivit di tutte le cellule, per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale, dei muscoli, compreso il cuore. Stanchezza, scarsa concentrazione, ansia, irritabilit, insonnia ma anche mal di testa, dolori muscolari, mestruazioni dolorose possono segnalare la mancanza di questo minerale, costituente base del nostro organismo. La carenza pu nascere da condizioni di stress, da unalimentazione sbagliata, da diete sbilanciate, dalluso di alcuni farmaci. Spesso sottostimata e non viene affrontata. Limportanza del magnesio - ben nota in America e in molti paesi europei - trascurata in Italia, dove a volte non sempre lIstituto Italiano di Nutrizione lo cita nelle tabelle della composizione degli alimenti, come invece fa correttamente con altri sali minerali come calcio, potassio e sodio. Questa scarsa conoscenza ha pesanti ricadute sulla vita quotidiana: gli italiani, secondo gli esperti, seguono una dieta troppo povera di magnesio, un apporto di circa 260

MenopaVin
105

con un ruolo di primo piano nel biochimismo muscolare. Adatto alle donne che in pre - menopausa hanno dolori mestruali con cicli ravvicinati (soprattutto nella fase iperestrogenica). Vampate al viso, nel periodo della menopausa, raucedine cronica, grande accumulo di muco, caviglie deboli ed ossa molto sensibili sono probabilmente sintomi di carenza di manganese.

mg al giorno rispetto ai 420 consigliati. Il magnesio ha effetti benefici non solo in menopausa, ma in tutte le et della donna. Spiega la dottoressa Alessandra Graziottin, ginecologa, oncologa e direttore del centro di Ginecologia e Sessuologia Medica San Raffaele Resnati di Milano: Il magnesio contribuisce a migliorare il quadro clinico di pazienti affette da sindrome premestruale e dismenorrea, svolge un ruolo preventivo importante durante la gravidanza, perch riduce le possibilit di aborto nel primo trimestre, di parto pretermine, ipertensione, patologia fetale e neonatale. Si dimostrato efficace durante la convalescenza in oncologia, nefrologia ed epatologia. Potassio Il Potassio interviene nella maggior parte delle funzioni vitali e contribuisce a regolare l'equilibrio osmotico cellulare. Il potassio nella dieta pu proteggere l'apparato cardio circolatorio diminuendo i rischi di ipertensione e migliorare il controllo della pressione in pazienti ipertesi. Perci una adeguata introduzione di potassio (50 - 90 mmoli al d) possono mantenerla a valori normali. Se si verifica ipokaliemia durante una terapia dietetica, si rende necessaria una integrazione. Il potassio necessario per la sintesi delle proteine muscolari e delle proteine del sangue, come pure per la sintesi degli acidi nucleici.

106

MenopaVin

BIBLIOGRAFIA 1. Foster S. Black cohosh: Cimicifuga racemosa: a literature review. HerbalGram 1999; 45: 35 - 50. 2. Duker EM, Kopanski L, Jarry H, et al. Effects of extracts from Cimicifuga racemosa on gonadotropin release in menopausal women and ovariectomized rats. Planta Med 1991; 57: 420 - 4. 3. Huntley A, Ernst E. A systematic review of the safety of black cohosh. Menopause 2003; 10: 58 - 64. 4. Whiting PW, et al. Black cohosh and other herbal remedies associated with acute hepatitis. Med J Aust 2002; 177: 440 - 3. 5. Eagon PK, et al. Medicinal botanicals with hormonal activity. Proc Amer Assoc Cancer Res 1999: 40. 6. Lieberman S. A review of Cimicifuga racemosa (black cohosh) for the symptoms of menopause. Journal of Women's Health 1998; 7: 525 - 9. 7. Smolinske SC. Dietary supplement - drug interactions. JAMWA 1999; 54: 191 - 2. 8. Genazzani E, Sorrentino L. Vascular action of acteina: active constituent of Actaea racemosa L. Nature 1962; 194: 544 - 5.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

Multimagnesio
Integratore alimentare flacone da 60 compresse da 500 mg Cod. EN19
INDICAZIONI SALUTISTICHE Integratore alimentare di magnesio sottoforma di diversi sali al fine da favorire una migliore biodisponibilit ed efficacia. L'assorbimento del magnesio, cos come per altri minerali, strettamente legato al tipo di sale con cui viene somministrato. Nel Multimagnesio il Mg viene fornito sotto forma di ben 5 sali diversi in modo da ottenere un giusto e modulato assorbimento. Un apporto supplementare di Mg richiesto in molte situazioni ad esempio: osteoporosi, alcolismo, emicrania, sindrome premestruale, calcoli renali, disordini cerebrovascolari. La supplementazione del minerale necessaria anche in tutti soggetti affetti da ansia e nervosismo, negli stress prolungati come nel caso di atleti e lavoratori particolarmente impegnati. Anche nella terza et buona regola aumentare l'apporto di magnesio. COMPOSIZIONE Costituenti attivi caratterizzanti: magnesio cloruro, magnesio pidolato, magnesio solfato eptaidrato, magnesio gluconato, magnesio ossido pesante, taurina, borato di sodio. Eccipienti: Antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato vegetale. Aggreganti: cellulosa microcristallina.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Magnesio totale - 106% RDA Taurina Boro - 132% RDA per 4 cpr 400 mg 80 mg 1,32 mg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 4 compresse al giorno da assumere preferibilmente lontano dai pasti. In caso di necessit si possono raddoppiare i dosaggi sotto consiglio medico. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON FARMACI Lassunzione contemporanea di magnesio e antibiotici chinolinici o tetracicline, possono ridurre lassorbimento di tali farmaci. Magnesio Il magnesio un minerale essenziale nella nutrizione umana con un gran numero di funzioni biologiche, coinvolto in pi di 300 diverse reazioni metaboliche. Questo metallo necessario per tutti i maggiori processi biologici, come la produzione di energia cellulare e la sintesi di acidi nucleici e di proteine. Esso anche cruciale per la stabilit elettrica delle cellule, il mantenimento dellintegrit di membrana, la contrazione muscolare, la conduzione nervosa e la regolazione del tono vasale. In sintesi queste le propriet pi importanti del magnesio: 1. Trasmette gli impulsi nervosi e stimola la funzione nervosa: il magnesio un minerale essenziale per le cellule viventi. Coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio allinterno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva lesochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio - 6 - fosfato, primo gradino della glicolisi (processo attraverso il quale gli zuccheri vengono bruciati per produrre energia) necessaria per fornire energia a tutte le cellule, in particolare quelle nervose e muscolari che ne consumano una grande quantit. Lo stress tende ad esaurire le riserve di magnesio dellorgani-

107

smo, e una carenza dello stesso, produce nervosismo, ansiet, tic nervosi e insonnia di tipo I, caratterizzata da addormentamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverse ore di sonno. (Linsonnia di tipo II, caratterizzata da difficolt alladdormentarsi invece legata ad una carenza di calcio). 2. Stimola le funzioni muscolari e normalizza il ritmo cardiaco: una carenza di magnesio produce tensione muscolare e crampi muscolari diurni dopo lesercizio fisico, in particolare alle mani e ai piedi (i crampi notturni ai polpacci, durante il riposo, sono invece dovuti a carenza di calcio). Lipomagnesemia, pu produrre ipertensione arteriosa e sembrerebbe inoltre favorire linsorgenza di aterosclerosi, soprattutto in caso di dieta ricca di colesterolo. Anche il singhiozzo frequente associato a carenza di magnesio. 3. Promuove le normali funzioni metaboliche: il magnesio interviene in oltre 300 diversi processi metabolici (in particolare sul metabolismo delle proteine e degli acidi nucleici) ed indispensabile per promuovere la funzionalit di numerosi sistemi enzimatici. Anche nelle donne che soffrono di sindrome dolorosa premestruale, stata riscontrata una carenza di magnesio unitamente ad un eccesso di calcio. Altro sintomo carenziale di magnesio rappresentato da una traspirazione eccessiva e da cattivo odore corporeo generalizzato (il cattivo odore dei piedi invece caratteristico di una carenza di zinco). 4. Coopera alla crescita delle ossa e rinforza lo smalto dei denti: insieme al calcio e al fosforo partecipa alla costituzione dello scheletro, infatti circa il 70% del magnesio dellorganismo si trova nelle ossa. Riduzioni significative di magnesio nel contenuto osseo e nelle concentrazioni plasmatiche, sono state osservate in donne in post - menopausa affette da osteoporosi, rispetto a soggetti di controllo di pari et. Il contenuto osseo in minerali e la densit minerale ossea, sono stati correlati positivamente con il magnesio alimentare negli studi condotti su donne in post - menopausa. Affinch tutti questi effetti possano essere espletati, importante assumere il metallo nella forma e/o forme pi opportune. Il magnesio viene assorbito sia dallintestino tenue che dal colon, ed in particolare dal digiuno distale e dallileo. Lefficienza dellassorbimento del sale di magnesio, sembra dipendere principalmente dalla sua solubilit nei fluidi intestinali e dalla quantit ingerita. I sali con una solubilit alta come magnesio cloruro, vengono assorbiti meglio rispetto ai sali scarsamente solubili come lossido di magnesio. Sicuramente gli anioni dei sali di magnesio possono influenzare il suo assorbimento. Il magnesio aspartato ed il magnesio orotato sono le forme di magnesio maggiormente biodisponibili, una giusta combinazione di sali di magnesio, garantisce un assorbimento graduale del metallo e permette di evitare quelle carenze alla base di numerosi disturbi. Boro Il Boro un oligoelemento essenziale per la crescita delle piante e , recentemente, si sono accumulate evidenze che esso essenziale anche nell'animale e nell'uomo. Il suo principale impiego per il mantenimento fisiologico dell'osso e delle articolazioni. Inoltre viene utilizzato in ambito sportivo in quanto sembra

che favorisca lo sviluppo della massa magra. Spesso si associa con il magnesio per favorire il benessere dell'apparato muscolare e articolare. Taurina La taurina un aminoacido abbondantissimo nel nostro organismo. Recentemente oltre al ruolo svolto a livello epatico, si sono scoperti interessantissimi effetti della taurina a livello della neurotrasmissione sui recettori GABA del talamo,con conseguente miglioramento della trasmissione nervosa. Oltre a questo effetto la taurina diminuisce la frequenza cardiaca, migliora lassorbimento dei grassi riducendo la concentrazione delle LDL. Lassociazione con magnesio potenzia leffetto di questultimo soprattutto a livello muscolare, cardiaco e nervoso. Inoltre non va dimenticata la sua azione antiossidante fondamentale in certe situazioni in cui si ha un accumulo di tossine ossidanti (stress, attivit fisica, malattie croniche, ansia ecc.).

108

Multimagnesio

BIBLIOGRAFIA 1. Brigo B. Oligoelementi e litoterapici nella pratica clinica. Conoscere l'oligoterapia catalitica e la litoterapia dechelatrice. Tecniche Nuove 1999. 2. Bianchi I. Gli oligoelementi nella pratica terapeutica. Guna 1994. 3. Physicians Desk Reference, PDR Integratori Nutrizionali, editore CEC 2003. 4. N.A. Michael Eskon Snait Tamir, Dictionary of Nutraceuticals and Functional Foods, CRC Taylor & Francis 2006. 5. Murray, Guida medica agli integratori alimentari,edizioni RED 2003.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

OsseoVin
Integratore alimentare flacone da 60 compresse da 500 mg Cod. EN20
INDICAZIONI SALUTISTICHE Interessante combinazione di sostanze vegetali e nutraceutiche, in grado di favorire un miglior assorbimento e utilizzo di calcio a livello del tessuto osseo e cartilagineo, con attenuazione di tutta quella serie di disturbi che interessano lapparato osteo - articolare. Il prodotto particolarmente consigliato come coadiuvante nel trattamento dellosteoporosi, nella prevenzione dellosteoartrite e soprattutto nelle donne in menopausa, in quanto favorisce il mantenimento fisiologico delle ossa e delle articolazioni. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: equiseto (Equisetum maximum L.) fusti sterili estratto secco, amaranto (Amaranthus sp.) semi farina. Minerali: calcio carbonato, magnesio ossido, sodio borato, rame gluconato. Altri fattori nutrizionali: glucosamina solfato. Vitamine: vitamina C, folato, vitamina K, vitamina D3. Eccipienti: antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Aggregante: cellulosa microcristallina. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 2 compresse 2 volte al giorno da assumere lontano dai pasti, preferibilmente al mattino e nel pomeriggio. Il prodotto come prevenzione dellosteoartrite e osteoporosi, quindi nel periodo premenopausale e menopausale, va assunto costantemente con cicli di intervallo di circa un mese (almeno 3 - 4 volte allanno). CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON FARMACI Per la presenza di magnesio si sconsiglia lutilizzo in associazione ad antibiotici chinolonici e tetracicline, in quanto pu diminuire lassorbimento di tali sostanze. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" all'impasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. La combinazione tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti che confermano gli effetti benefici a livello del tessuto osseo. Le sostanze attive di OSSEOVIN, attraverso mec-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Equiseto fusti sterili ES Amaranto semi farina PLV Glucosamina solfato Calcio - 30% RDA Vitamina C - 200% RDA Magnesio - 30% RDA Boro - 100% RDA Rame - 100% RDA Folato - 100% RDA Vitamina K - 100% RDA Vitamina D - 100% RDA per 4 cpr 500 mg 400 mg 200 mg 240 mg 160 mg 90 mg 1 mg 1 mg 0,2 mg 7,5 mcg 5 mcg

ES = estratto secco PLV = polvere RDA = dosaggio alimentare raccomandato

109

canismi diversi, ma assolutamente complementari, sono in grado di portare sollievo in tutte le forme dolorose che coinvolgono lapparato osteo articolare che in molte situazioni risultano risolutive. RAZIONALE DELLASSOCIAZIONE Osseovin favorisce il mantenimento e lintegrit ossea in quanto apporta una remineralizzazione totale, fornendo macroelementi (calcio, magnesio), microelementi (boro, rame), la fissazione del calcio, un aumento dellattivit osteoblastica (silice dellequiseto, vitamine D e K), e consolida infine, la matrice cementante connettivale dellosseo, (cartilagine) fornendo il costituente principale (glucosamina) e sostanze ad effetto riparatore (folato, vitamina C). Equiseto - Specie: (Equisetum arvense L.) Famiglia: Equisetaceae - Droga: fusti sterili una specie comune delle zone temperate dove infesta i terreni umidi. I fusti, cavi e coperti di foglie in verticilli, sono ricchissimi di minerali che le rendono dure ed abrasive, fra questi il potassio, il calcio e persino microlementi come il manganese. Ma il minerale che rappresentativo di questa specie la silice (fino all 8% in peso), sotto forma di acido silicico e silicati, e la forma in cui si trova (acido monosilicico) lo rende prontamente biodisponibile. La silice fondamentale nei processi di ricostituzione delle cartilagini articolari, ed esplica un importante azione rafforzante del tessuto connettivo. Amaranto - Specie: (Amaranthus sp.) Famiglia: Amaranthaceae - Droga: semi farina Specie cosmopolita talora infestante ma in alcune variet coltivata per uso alimentare, impiegata sia come vegetale verde, a m di spinaci, sia per i suoi semi dai quali si ottiene una farina ricca di proteine. Contiene minerali come il calcio, fosforo, magnesio, il ferro e il manganese. La droga considerata una fonte minore di vitamine che contiene in misura significativa, fra queste la Vit. A, Vit. B6, Vit. C. Tanto la componente mineralica quanto i complementi vitaminici, favoriscono il naturale ciclo di rinnovo del tessuto osseo. Interessante rimedio proveniente dallAmerica latina, dove viene utilizzato assieme alla maca come corroborante, ricostituente e valido rivitalizzante. Vitamine La vitamina D3, colecalciferolo, indispensabile allassorbimento del calcio e del fosforo, e insieme ad uno specifico complesso ormonale, determina la concentrazione plasmatica di questi due minerali. La vitamina K previene la formazione di microemorragie ed legata al metabolismo dellosteocalcina, proteina essenziale nellomeostasi dello ione calcio a livello del tessuto osseo. La vitamina C esplica una generale azione rinforzante e antiossidante, prevenendo tutti i fenomeni degenerativi legati alla presenza di radicali liberi. Il folato una vitamina necessaria al processo di rinnovamento dei tessuti cellulari, pertanto favorisce la produzione di nuove cellule e lautoriparazione dei tessuti danneggiati.

Minerali I minerali presenti sono tutti quelli che partecipano in varia misura al processo di ossificazione, consolidamento e riparazione dei tessuti osteoarticolari, in particolare calcio e magnesio sono i maggiori minerali coinvolti nel mantenimento dellintegrit ossea e il magnesio influenza sia la matrice che il metabolismo minerale osseo. Una carenza di magnesio pu causare la cessazione della crescita ossea, una diminuita o alterata attivit osteoblastica (remineralizzazione ossea) ed osteoclastica (riassorbimento osseo), osteopenia ed aumento della fragilit ossea. Il contenuto osseo in minerali e la densit minerale ossea, sono stati correlati positivamente con il magnesio alimentare, pertanto unintegrazione di questo minerale pu risultare estremamente efficace assieme a quella indispensabile del calcio. Sono stati anche aggiunti Boro sottoforma di borato e Rame come gluconato. Il boro un metallo che si rinviene in tracce nella dieta, principalmente nei cibi vegetali che comunque con le colture intensive e i trattamenti che spesso subiscono, risultano privi di tale microelemento. Recenti studi hanno dimostrato la sua utilit per il mantenimento fisiologico dellosso e delle articolazioni, in quanto esercita una attivit estrogeno mimetica ed antiosteoporotica. Il rame un minerale in tracce essenziale per la nutrizione umana e animale, il suo deficit infatti, comporta linsorgenza di anemia, neutropenia ed osteoporosi. Spesso si pu assistere a carenze di certi minerali in quanto siamo soliti utilizzare cibi troppo raffinati, pertanto lintegrazione di questi nutrienti pu risultare in molti casi risolutiva. Glucosamina La glucosamina (qui presente sotto forma di solfato), una sostanza che non si trova comunemente negli alimenti e viene naturalmente prodotta nei tessuti animali a partire da glucosio e glutammina. notoriamente coinvolta nei processi di rinnovamento e ristrutturazione dei tessuti cartilaginei ed usata anche allinterno di terapie per la cura dellartrosi. Da un punto di vista biochimico la glucosamina coinvolta nel metabolismo delle glicoproteine, le quali note come proteoglicani, costituiscono la sostanza fondamentale della matrice del tessuto connettivo e quindi della cartilagine. In particolare i gruppi polisaccaridici contenuti nei proteoglicani, si denominano glicosaminoglicani o GAGS, e comprendono lacido ialuronico, il condroitin solfato, il dermatan solfato, il cheratan solfato, leparina e lepran solfato. Tutti i GAGS contengono derivati della glucosamina o galattosammina presenti nellacido ialuronico, nel cheratan solfato, nelleparan solfato. Lacido ialuronico contenente glucosamina, di importanza vitale per la funzionalit delle cartilagini articolari, in quanto conferiscono alle stesse, la propriet di ammortizzare gli urti. Lintegrazione di glucosamina esogena, pu risultare estremamente vantaggiosa soprattutto se assunta allinstaurarsi dei primi segnali di osteoartrite (degenerazione dellosso).

110

OsseoVin

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and coitaliana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 6. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 7. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 8. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 9. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 10. RIFERIMENTO SULLE VITAMINE: Ernst E., Vassiliou V. S., Pelletier J. - P., Clegg D. O., Reda D. J. N Engl J Med 2006; 354:2184 - 2185, May 18, 2006.

OsseoVin
111

smetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

PropGola
Integratore alimentare flacone da 15 ml spray Cod. EN21
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di propoli italiana con estratti vegetali noti per esplicare un effetto balsamico, emolliente e protettivo della cavit orale, potenziato dalla presenza degli oli essenziali fortemente balsamici. In confezione da 15 ml, in quanto la particolare estrazione rende il prodotto attivo ed efficace gi a piccole dosi.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1,5 ml corrispondenti a 9 nebulizzazioni
Componenti Propoli EI Erisimo parti aeree EI Tea tree OE Manuka OE Eucalipto OE Vitamina C - 30% RDA Zinco - 15% RDA per 1,5 ml 0,825 ml 0,3 ml 0,0015 ml 0,0045 ml 0,0045 ml 24 mg 1,5 mg

COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: propoli idroalcolica al 30%, erisimo (Sisymbrium officinale Scop.) parti aeree in estratto idroalcolico (costituito da alcol etilico e vino alchemico). Oli essenziali di tea tree (Melaleuca alternifolia (Maiden e Betche) Cheel), manuka (Leptospermum scoparium J. R. et G. Forst), eucalipto (Eucaliptus sp.), miele. Vitamine: acido L - ascorbico (Vit. C), Minerali: zinco gluconato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 3 o 4 nebulizzazioni da 3 a 4 volte al giorno preferibilmente lontano dai pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. Si sconsiglia l'uso del prodotto in gravidanza e allattamento a causa della presenza di propoli. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. In questo preparato la particolare estrazione e la presenza di oli essenziali altamente concentrati, fa si che il prodotto sia efficace gi alle prime nebulizzazioni, subito si pu avvertire un senso di sollievo e benessere sulla cavit orale se soprattutto questa, interessata da fenomeni irritativi e arrossamenti. Indicato anche dopo interventi odontoiatrici, grazie alla la sua azione antisettica e antibatterica che protegge la mucosa dagli agenti esterni. Propoli La propoli un materiale naturale prodotto dalle api costituito di cera d'api per almeno il 20 - 30%, mentre il rimanente una miscela variabile di sostanze che le api prelevano ed elaborano dalle piante, in particolare dai fiori, dalle gemme, dagli essudati naturali dei tronchi degli alberi. Questa parte costituita da cere e resine vegetali molli, oli fissi, frammenti vegetali e polline. Il propoli contiene una grande variet di sostanze biologicamente attive: polifenoli, flavonoidi, so-

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale RDA = dosaggio alimentare raccomandato

112

stanze aromatiche volatili, terpeni, alcoli ed altri, che la rendono profumata ed aromatica. Le api utilizzano la propoli per particolari attivit all'interno dell'alveare, come ad esempio la riparazione di pertugi nelle pareti, ma soprattutto per isolare ed imbalsamare quegli invasori che una volta uccisi dalle api stesse, non possono essere allontanati perch troppo grandi (ad. es.: grossi insetti, roditori, rettili). Osservando la propriet imbalsamatoria e la capacit della propoli di arrestare i fenomeni putrefattivi, l'uomo ha imparato ad usarla per curare se stesso. Dal punto di vista biochimico la propoli una sostanza complessa e molto variabile da luogo a luogo ma anche da periodo a periodo. Le analisi condotte dai molti studi pi o meno recenti, hanno rivelato una grande quantit di sostanze attive che possono rappresentare fino al 20% in peso della propoli. Fra questi sono stati identificati: alcol cinnamico, vanillina, isovanillina, flavoni, (dimetossiflavone 5 idrossi 7,4 , dimetossiflavone 5,7 idrossi 3,4 ,dimetossiflavone), acidi fenolici (acido caffeico, acido ferulico, acido benzoico, p - cumarato di benzile), una grande variet di flavonoidi (acacetina, apigenina, crisina, betuletolo, isalpenina, isorammetina, galangina, pectorinarigenina, pinocembrina, pinostrombina, quercitina, rammocitrina, rammetina, sakuranetina). Si sono riscontrate anche altre sostanze interessanti come composti fenolici: pterostilbene e xantorreolo o cumarine: esculetina e scopoletina. Sicuramente le sostanze pi studiate all'interno della propoli e specialmente relativamente al meccanismo di azione, sono la galangina e il fenetil estere dell'acido caffeico. La propoli universalmente riconosciuta per azioni batteriostatiche e battericide nei confronti di alcuni importanti batteri Gram +, come Escherichia coli, Mycocterium tubercolosis, Proteus vulgaris, B.subtilis, e nei confronti di alcuni Gram - come le Salmonelle: S. choloera suis, S. enteriditis, S.typhosa, ed ancora su Streptococcus faecalis, Staphylococcus sp., Streptococcus sp. batteri tipicamente infeudati alle alte vie respiratorie. La propoli risultata attiva anche nei confronti di funghi e muffe. Ma proprio grazie alla ricchezza e alla diversit delle sostanze, l'azione della propoli particolarmente complessa ed integrata nei confronti di fenomeni infiammatori e infettivi topici. L'azione antibatterica sembra essere legata fondamentalmente alla presenza di composti fenolici, terpeni e acidi, che agiscono direttamente nella disgregazione della membrana cellulare del microrganismo. A questa azione si aggiunge quella antinfiammatoria dimostrata in vitro e in vivo, dovuta ai flavonoidi, principalmente galangina, che inibiscono l'attivit della cicloossigenasi (COX) coinvolta nel processo infiammatorio. Le sostanze fenoliche poi, hanno mostrato sia in vivo che in vitro, attivit di antiossidazione e di inibizione della lipoperossidasi. Erisimo - Specie: Sisymbrium officinale Scop. Famiglia: Cruciferare - Droga: parti aeree Lerisimo, da sempre noto come erba dei cantanti, i quali lo usano per mantenere una voce chiara e pulita. Questa droga stata pochissimo studiata sia negli aspetti biochimici che in quelli farmacologici, mentre luso consolidato per trattare forme di infiammazione della alte vie respiratorie, il mal di

gola e la raucedine. Lerisimo, come molte crucifere, contiene le sostanze note come glucosinolati, che per idrolisi, liberano gli istiocianati, responsabili del sapore piccante di molte brassicaceae, ma anche di tutte le propriet attribuite a tale pianta. Sembra infatti, che tali costituenti solforati rivestano un ruolo importante nella fisiologica umana: antiossidante e protettori dei processi di cancerogenesi. Il fitocomplesso in toto, da qui l'utiliizzo dell'estratto idroacolico da pianta fresca, dimostrato essere coinvolto nel processo di produzione del muco e di fluidificazione delle mucoproteine. Oli Essenziali Gli oli essenziali di melaleuca e di manuka derivano da piante aromatiche arboree di origine australiana. Lolio melaleuca estratto a corrente di vapore, contiene (secondo lo standard ufficiale adottato dall'Australian Standard - Oil of Melaleuca) non meno del 30% del terpinen - 4 - olo, oltre al cineolo, responsabile della componente canforata che non deve essere superiore al 15% del totale (idealmente auspicabile meno del 4%). Gli oli di qualit superiore contengono dal 40 fino al 50% di terpinen - 4 - olo, che ritenuto la sostanza dotata di maggiore attivit biologica. L'olio essenziale utilizzato in Propgola, appartiene a questo standard di qualit che presenta circa il 45% di terpinen - 4 - olo e contiene non pi del 6% di cineolo. La manuka invece caratterizzata da una predominanza di sesquiterpeni e trichetoni, che sperimentalmente si sono dimostrati essere dotati di azione antibatterica. L'olio essenziale di eucalipto invece, contiene in gran parte (75 - 80%) eucaliptolo (1,8 cineolo), dal'odore aspro e canforato e notoriamente dotato di azione balsamica ed espettorante. Zinco Lo zinco un elemento chimico che si rinviene naturalmente negli alimenti e presiede all'interno dell'organismo a numerosissime funzioni vitali, ne troviamo oltre 100 di metalloenzmi che necessitano dello zinco per la funzionalit. L'importanza dello zinco stata studiata soprattutto attraverso gli stati di mancanza di questo elemento, uno dei sintomi della carenza (es. ridotto livelloematico di Zn < 70 mg/dl) la compromessa funzione dei linfociti T, importantissime sentinelle dell'organismo. Ne consegue che lo zinco rafforza il sistema immunitario e aiuta a superare pi rapidamente i sintomi influenzali. Vitamina C L'acido L - ascorbico o Vitamina C un potente antiossidante. La vitamina C coadiuva l'organismo a prevenire le infezioni attraverso un meccanismo non noto, sebbene verificato in sede clinica. In caso di infezioni in corso, l'azione antiossidante riduce la flogosi attraverso l'inibizione dei radicali ossidanti rilasciati dai leucociti nel processo di attivazione. Miele Il miele insieme nutrimento e medicamento, e sin dallantichit cos stato percepito dalluomo. Tecnicamente la secrezione zuccherina prodotta dalle api contenente un 70% di destrosio, levulosio, acqua e polline, ma in realt una sostanza estremamente

PropGola
113

complessa in relazione anche ai luoghi e ai climi in cui si produce. Nel miele, ad una base di zuccheri estremamente assimilabili, si associano enzimi, vitamine, oligoelementi che ne fanno un alimento completo. Lazione dei componenti secondari per molto importante e riconosciuta. Quindi nel mellito il miele non solo un veicolo, ma esso stesso esplica azioni benefiche specifiche come ad esempio lazione emolliente nei confronti delle mucose infiammate. Importante lazione antisettica dovuta al potere dellenzima glucosio ossidasi, che si attiva quando il miele viene sciolto in acqua liberando perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Il miele contiene un'altra sostanza antibatterica che le api producono nelle loro ghiandole ipofaringee e aggiungono come conservante naturale, che il lisozima. Altra sostanza sempre con azione batteriostatica lacido formico. Il miele poi, contiene proporzioni variabili di polline che apporta proteine e vitamine (soprattutto del gruppo B), le quali esplicano unazione energizzante supplementare e aiutano a sopportare lo stress della malattia.

114

PropGola

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopaedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley&Sons, New York1996; oppure la relativa versione lingua italiana, S. 5. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 6. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 7. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 8. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 9. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 10. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 11. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 12. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 13. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 16. Marjorie Murphy Cowan (1999) Plant products as antimicrobial agents. in Clin Microbiol Rev. 1999 October; 12(4): 564 - 582. 17. Russo A, Longo R, Vanella A. Antioxidant activity of propolis: role of caffeic acid phenethyl ester and galangin. Fitoterapia 2002 Nov; 73 Suppl 1:S21 - 9. 18. Borrelli F, Maffia P, Pinto L, Ianaro A, Russo A, Capasso F, Ialenti A. Phytochemical compounds involved in the anti - infiammatory effect of propolis extract. Fitoterapia 2002 Nov; 73 Suppl 1: S53 - 63. 19. Porter N. G., Wilkins L. A. Chemical, physical and antimicrobial properties of essential oils of Leptospermum scoparium and Kunzea ericoides. Phytochemistry Volume 50, Issue 3, 10 February 1999, Pages 407 - 415. 20. Hemila H. Vitamin C and the common cold. Br J Nutr 1992;67:3 - 16. 21. Sauberlich HE. Pharmacology of vitamin C. Annu Rev Nutr 1994;14:371 - 91.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

ProstVin
Integratore alimentare confezione da 30 compresse da 930 mg Cod. EN22
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di estratti vegetali con minerali e sostanze ad effetto antiossidante con tropismo a livello prostatico. Le azioni combinate e sinergiche di tutti gli ingredienti, favoriscono il benessere della ghiandola prostatica ed un azione protettiva tale, da assicurarne integrit e funzionalit. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: ortica (Urtica dioica L.) radice estratto secco (allo 0.4% in betasitosteroli), serenoa (Serenoa repens (Bart.) Small.) frutti estratto secco (al 30% in acidi grassi), uva ursina (Arctostaphylos uva - ursi (L.) Spreng.) foglie estratto secco (al 20% in arbutina), zucca (Cucurbita pepo L.) semi estratto secco, equiseto (Equisetum arvense L.) fusti sterili estratto secco. Altri costituenti caratterizzanti: polline estratto secco. Minerali: zinco gluconato. Vitamine: vitamina C, vitamina E, vitamina B6 cloridrato, acido folico Eccipienti: addensante: cellulosa microcristallina, antiagglomeranti: biossido di silicio, magnesio stearato. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 4 compresse al giorno preferibilmente lontano dai pasti. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. Importante tener presente che certi preparati, validi coadiuvanti nel trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna, sono praticamente privi degli effetti collaterali tipici dei farmaci di sintesi impiegati in questo disturbo, (Finasteride) ossia emicrania, disfunzioni erettili e riduzione del volume di eiaculazione. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali titolati, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" all'impasto prima della comprimitura. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit, in quanto il vino alchemico ricco di microelementi funge da catalizzatore e attivatore. importante tener presente che al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva se utilizzati come solventi di estrazione, mentre invece fungono da catalizzatori se aggiunti in preparati solidi. La combinazione tiene conto delle prove scientifiche dei vari costituenti capaci, attraverso meccanismi diversi ma complementari, di risolvere quelle alterazioni che interessano la ghiandola prostatica. (Prostatiti, ipertrofia prostatica, cistiti, ecc.)
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 cpr
Componenti Ortica radice ES apporto di betasitosteroli Serenoa frutti ES apporto di acidi grassi Polline ES Uva orsina foglie ES apporto di arbutina Zucca semi ES Equiseto fusti sterili ES Vitamina C - 50% RDA Zinco - 75% RDA Vitamina E - 25% RDA Vitamina B6 - 50% RDA Acido folico - 50% RDA per 4 cpr 350 mg 1,4 mg 300 mg 90 mg 300 mg 200 mg 40 mg 180 mg 160 mg 40 mg 7,50 mg 3 mg 0,7 mg 0,1 mg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato

115

Serenoa Specie: Serenoa serrulata (Hooker.) Maxim Famiglia: Palmae - Droga: frutto La pianta di origine dellovest dellIndia e del sud est degli Stati Uniti. Si utilizzano i frutti che contengono trigliceridi, fitosteroli e derivati del beta - sitosterolo. Altri costituenti sono gli acidi grassi, polisaccaridi, tannini, zuccheri, flavonodi e olio essenziale. Lattivit legata essenzialmente alla componente lipofila responsabile degli effetti benefici a livello della ghiandola prostatica, tale attivit coinvolge il metabolismo e le modalit d'azione del testosterone a livello prostatico: inibizione della 5 - a - testosterone reduttasi, enzima a cui dovuta la trasformazione del testosterone in diidrotestosterone (DHT), principale responsabile della stimolazione proliferativa sulle parti immediatamente sottocorticali della ghiandola prostatica. Inoltre a tale effetto si aggiunge un' azione di antagonismo competitivo nei confronti dei recettori prostatici per il diidrotestosterone, oltre ad un'azione spasmolitica e decongestionante, le quali favoriscono il miglioramento delle condizioni infiammatorie della mucosa vescicale e uretrale, che spesso accompagnano l'ipertrofia prostatica. Ortica - Specie: Ortica dioica L. Famiglia: Urticaceae - Droga: la radice Pianta erbacea perenne infestante degli incolti e dei ruderi, nota per essere ricoperta di una fitta peluria che a contatto con la pelle crea forte irritazione e rossore. Se ne utilizzano a vari scopi le diverse parti, le radici e le foglie. In questo preparato si sfruttano le propriet delle radici per problemi a livello della ghiandola prostatica perch ricca di polisaccaridi, lectina, composti fenolici e sostanze steroliche come b - sitosterolo. Lazione a livello prostatico legata probabilmente alla presenza di b - sitosterolo, anche se il meccanismo preciso non stato ancora chiarito. Il fitocomplesso risulta capace con tutti i suoi costituenti, di interagire con le proteine seriche deputate a legare gli androgeni, e come conseguenza vi una variazione della concentrzione di androgeni liberi. La frazione polisaccaridica manifesta inoltre, un effetto antiedemigeno importante per migliorare il quadro funzionale. Infine anche la radice di ortica (oltre alle foglie forse pi specifiche in tal senso), favorisce un azione diuretica importante per alleviare i disturbi della minzione associati ad adenoma prostatico. La pianta viene sempre associata con altri estratti vegetali come appunto la Serenoa, per meglio esplicare l'effetto benefico a livello prostatico. A tal proposito esiste uno studio che ha valutato l'efficacia della somministrazione di un preparato a base di Serenoa e Ortica versus finasteride, in soggetti affetti da ipertrofia prostatica benigna: in ambedue i gruppi vi sono stati miglioramenti, ma nel gruppo trattato con Serenoa e Ortica sono stati segnalati minori effetti collaterali, in particolare per quanto riguarda l'emicrania, le disfunzioni erettili e la riduzione del volume di eiaculazione. Uva Ursina Specie: Arctostaphylos uva - ursi (L.) Sprengel Famiglia: Ericaceae - Droga: foglie Uva orsina una droga tradizionalmente impiegata nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie. Il

principio attivo l'arbutina, idrolizzata a livello intestinale tramite enzimi con immediata liberazione di idrochinone, che viene eliminato dalle vie urinarie dopo glucuro e sulfoconiugazione. sicuramente un antisettico urinario attivo da utilizzare ogni qualvolta vi sia un'infiammazione o infezione a livello delle vie urinarie, in quanto in grado di determinare un'azione antisettica, calmante lo stimolo continuo della minzione e il dolore. Per questo motivo trova applicazione anche nell'ipertrofia prostatica con componente antinfiammatoria ed infettiva. Zucca - Specie: Cucurbita pepo L. Famiglia: Cucurbitaceae - Droga: semi La parte attiva rappresentata dai semi comunemente mangiati come piacevoli snack, ma caratterizzati da interessanti propriet salutistiche. Contengono ovviamente sostanze oleose per un 40%, sostanze steroidiche, tocoferoli, cucurbitina e sostanze mineraliche in particolare selenio, manganese, zinco e rame. Studi scientifici hanno dimostrato che i semi di zucca risultano attivi nei disturbi della minzione associati ad adenoma prostatico. Per quanto riguarda il meccanismo d'azione, viene presa in considerazione l'inibizione della degradazione ossidativa di lipidi, vitamine, ormoni, enzimi da parte dei tocoferoli e del selenio. In questo effetto sarebbero coinvolte anche le frazioni steroidali tramite una inibizione della 5 - alfa reduttasi, e diminuzione del legame del diidrotestosterone intraprostatico. opportuno segnalare che la droga agisce migliorando il quadro funzionale ma non riduce l'ipertrofia, per questo fondamentale lassociazione con altri estratti, tipo serenoa, per un effetto pi completo e risolutivo. Equiseto - Specie: Equisetum arvense L. Famiglia: Equisetaceae Droga: fusti sterili o comunemente detti cauli Usato nell'antichit per la sua azione diuretica ed emostatica, solo all'inizio del nostro secolo venne valorizzato e preso in considerazione sia dal punto di vista clinico che farmacologico, confermando la sua triplice azione diuretica - emostatica - rimineralizzante. stato aggiunto al prodotto Prostvin, per migliorare l'effetto della diuresi spesso compromessa nell'adenoma prostatico. Polline Accanto ad estratti vegetali, sono stati aggiunti altri ingredienti nutraceutici che completano l'azione delle piante.Il polline ricco di sostanze nutritive e quindi impiegato come ricostituente, ma interessanti sono le sue applicazioni nei disturbi associati alla prostata. Spesso viene consigliato un cucchiaino al giorno a colazione, soprattutto negli uomini al di sopra dei 60 anni come preventivo. Importante tener presente che i grani di polline se non polverizzati risultano inattivi, in quanto lo strato ceroso non digeribile non permette l'assorbimento dei suoi nutrienti. Si consiglia quindi di utilizzare preparati decerati oppure estratti secchi come appunto quello utilizzato in Prostvin. Vitamine Le Vitamine C ed E grazie alla loro azione antiradicalica, potenziano e migliorano gli effetti protettivo e

116

ProstVin

antiradicalico degli altri costituenti. La Vitamina B6 nota per inibire lattivit di alcuni ormoni steroidei a causa dellaffinit per i recettori, sicuramente influenza il livello ematico del diidrotestosterone e pertanto ha un effetto benefico in caso di ipertrofia prostatica benigna. L acido folico esplica unazione di modulazione nelle fasi di moltiplicazione cellulare, e la carenza di folato (insieme alla carenza di vita B6) stata messa in relazione con una pi elevata incidenza di tumore alla prostata.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Bender A. D. Novel functions of vitamin B6 Proceedings of the Nutrition Society (1994), 53,625 - 630 Pelucchi C., Galeone C., Talamini R., Negri E., Parpinel M., Franceschi S., Montella M., La Vecchia C. Dietary folate and risk of prostate cancer in Italy. Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention Vol. 14, 944 - 948, April 2005.

ProstVin
117

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

RamVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN23
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale rafforzato grazie alla particolare estrazione, che sfrutta lenergia dellalcol attivato attraverso il processo alchemico della distillazione, conferendogli una maggiore capacit estraente. Le gemme di faggio possono in tal modo esplicare in modo pi energico le lo loro propriet depurative e di modulazione dellassetto lipidico, tanto da regolarizzare i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi e fungere da coadiuvante nella riduzione del peso corporeo. Infatti il rimedio aumenta, fisiologicamente le attivit del metabolismo lipidico, soprattutto se supportato da EPAVIN che lavora bene sulla quota endogena di colesterolo dovuto allattivit epatica. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerato glicerico (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di faggio (Fagus sylvatica L.) gemme, olio essenziale di timo (Thymus vulgaris L.) parti aeree. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 3 - 5 gocce da assumere 2 volte a giorno al mattino e nel primo pomeriggio, lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli, radichette), sono ricchi di sostanze tipiche dei tessuti in accrescimento, come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine, capaci di conferire propriet peculiari. In generale i gemmoderivati trovano impiego nelle cure di terreno, nei drenaggi d'organo e le gemme di faggio presentano un organotropismo per vie urinarie, sistema reticolo - endoteliale. Nel RAMVIN al gemmoderivato di Fagus sono stati aggiunti l'olio essenziale di Timo volgare, in grado di riequilibrare la flora batterica endogena grazie al suo effetto antisettico nei confronti dei microrganismo patogeni, ed un metallo alchemico, il rame, che presenta un tropismo livello renale, favorendone la funzionalit. In questo modo si migliorano i processi digestivi e si favorisce un pi equilibrato assorbimento dei nutrienti, evitando l'accumolo di tossine e sostanze potenzialmente allergizzanti. L'effetto finale quindi di pulizia e depurazione dell'organismo. Per concludere si pu riassumere che: Il timo disintossica e neutralizza gli agenti infettanti, il faggio depura, e il rame

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Faggio gemme MG Timo parti aeree OE per 1 ml 20 mg 1 mg

MG = macerato glicerico OE = olio essenziale

118

Faggio - Specie: Fagus sylvatica L. Famiglia: Fagaceae - Droga: gemme un albero delle foreste montane dellEuropa. Delluso tradizionale si conosce solo limpiego della corteccia come febbrifugo e delle foglie come astringenti, per via della ricchezza in tannini fenoli. Le gemme fresche sono ricche di principi antinfiammatori, immunostimolanti e antistaminici, i quali aiutano lorganismo a difendersi da tutte le infezioni e a ridurre lentit di reazioni allergiche che possono essere una componente importante delle patologie legate al tratto respiratorio. Il faggio inoltre ha un tropismo sia verso le vie urinarie, sia verso il reticolo endoteliale. Lazione diuretica si accompagna ad una pi generale azione drenante, modula il metabolismo lipidico e proteico, in particolare riduce il tasso di colesterolo ematico. Per questo motivo ritenuto un rimedio da associare ad una dieta ipocalorica per favorire la riduzione del peso corporeo. Inoltre leffetto di drenaggio esplicato dal faggio, reso pi completo grazie anche alla sua azione sul sistema immunitario, in particolare sul reticolo - endoteliale e pi precisamente a livello delle cellule di Kupfer, tale da stimolare la produzione di macrofagi coinvolti nei processi di difesa dellorganismo. Per queste molteplici attivit pu risultare utile quale coadiuvante nelle reazioni allergiche, al fine da velocizzare la guarigione e soprattutto ridurre le recidive e le fasi di acutizzazione. Oli Essenziali Il timo unessenza che abbina unazione anti - infettiva contro i maggiori microrganismi patogeni con riequilibrio della flora batterica saprofita, ad unazione di stimolo del sistema immunitario. Lazione immunomodulante dimostrata con il carbon clerance test, dovuta sia alla frazione terpenica (specialmente pinene) che alla presenza di fenoli. In questo modo, si potenzia leffetto depurativo e di riequilibrio dellassetto lipidico esplicato dal Fagus sylvatica.

BIBLIOGRAFIA 1. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 2. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 3. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 4. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 5. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 6. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 7. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. 8. Piter F. Compendio di gemmoterapia clinica. Meristemoterapia. Edizione De Ferrari. 9. Camporese A., Oli essenziali e malattie infettive. Tecniche Nuove, Milano 1998. 10. Valussi M., Il grande manuale dellaromaterapia, fondamenti di scienza degli oli essenziali, Tecniche nuove.

RamVin
119

facilita leliminazione attraverso i reni. La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere una totale efficacia con piccoli quantitativi (3 - 5 gocce 2 volte al giorno).

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

RenVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV82
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di apportare benefici alle fisiologiche funzioni dell'apparato renale. Il prodotto viene rafforzato grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estraente, rende i principi attivi e i nutrienti aggiunti altamente biodisponibili. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere per un individuo. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dellera moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e lequilibrio combattere i disturbi attraverso la prevenzione, ma anche a raggiungere uno stato di maggior benessere, utilizzando un apporto di nutrienti ( oligoelmenti e vitamine)che possa garantire un ottimale svolgimento di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo. Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non sempre soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di "quasi di carenza" causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Nell'Olosvita ERBENOBILI, e nella fattispecie nel Renvin, alle nostre tinture spagyriche di Parietaria contenenti al loro interno oligoelementi naturali (sali minerali e vitamine) della pianta come Magnesio, Potassio, Vitamina B, e Vitamina C in piccole concentrazioni, vengono aggiunte e abbinate vitamine e minerali specifici (Magnesio, Potassio, Vitamina C, e Vitamina B6) per potenziare e aumentare sinergicamente lefficacia e ristabilire lequilibrio delle funzioni renali. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: parietaria (Parietaria officinalis) foglie, potassio gluconato, vitamina C, vitamina B6 cloridrata. Minerali: magnesio gluconato in quantit di oligoelementi. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio.Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI La Parietaria responsabile di unazione epato-renale tale da favorire le funzionalit epatiche e renali. In particolare lazione diuretica da attribuirsi essenzialmente ai flavonoidi e ai sali di potassio. Il suo effetto determina una maggiore eliminazione dei cloruri, dellurea e in genere dei cataboliti. I flavonoidi oltre

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Parietaria foglie Potassio Vitamina C - 100% RDA Vitamina B6 - 100% RDA per 6 ml 1200 mg 120 mg 80 mg 1,4 mg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

120

allazione antinfiammatoria esplicata a livello della pelvi e della vescica, sono epatoprotettori e antispasmodici. Secondo lo Yoga il corpo che possiede un Fegato forte ed efficiente utilizza al massimo le sue risorse, si adatta bene ai cambiamenti ambientali e vive meglio e pi a lungo. Ma il Fegato funziona bene solo se i Reni sono carichi di Energia Vitale. Spesso il Fegato sano, ma funziona a rilento perch i Reni sono scarichi e si sono raffreddati. Leccesso di calcio nellorganismo forma dei depositi quali calcoli biliari, calcoli renali e depositi di calcio nelle giunture. Il magnesio ha un ruolo importante anche per la prevenzione dei calcoli renali perch protegge lorganismo dallaccumulo di calcio nelle vie urinarie. dimostrato come tutte queste manifestazioni si attenuino con lassunzione di magnesio. Perdita di potassio pu avvenire in conseguenza a diarrea o malattie renali, in quanto il bilancio del potassio regolato dai reni. Anche la vitamina B6 previene la formazione di calcoli. Il ruolo della vitamina B6 nella prevenzione dei calcoli coinvolge una catena complessa di reazioni che ancora non stata capita, sembra che tale vitamina diminuisca la quantit di ossalato nellurina nelle persone predisposte a calcoli ossalati. Dei ricercatori in India hanno trovato che un supplemento di soli 10 milligrammi di vitamina B6 al giorno diminuisce la quantit di ossalato contenuto nellurina. La vitamina C ha un ruolo fondamentale all'interno dei meccanismi biologici: partecipa alla formazione del collagene, consente lo sviluppo e il mantenimento di ossa, denti, vasi sanguigni e tessuti connettivi, implicata nella sintesi degli ormoni corticosteroidi e degli anticorpi ed necessaria per l'assorbimento del ferro alimentare. Grazie alla sua attivit antiossidante, svolge inoltre un ruolo importante in numerosi meccanismi immunitari. Una dieta carente di vitamina C e ricca di colesterolo pu causare lo sviluppo dei calcoli biliari. Lacido ascorbico nella letteratura medica descritto come virtualmente non tossico. Un bicchiere di succo darancia al giorno potrebbe eliminare il rischio di sviluppare calcoli renali. Dai risultati di una ricerca condotta presso il centro medico universitario dellUniversit di Dallas, Texas, emerso altres che il succo darancia sarebbe assai pi efficace di altri succhi di agrumi, come per esempio la limonata. I primi risultati dello studio sono pubblicati nel "Clinical Journal of the American Society of Nephrology", ma la ricerca dovr proseguire per approfondire meglio la correlazione tra succo darancia e prevenzione dei calcoli renali. Parietaria - Specie: Parietaria officinalis L. Famiglia: Urticaceae - Droga: foglie La Parietaria pu essere utilizzata per il trattamento di ogni infiammazione del tratto urinario, specialmente quando si desideri un effetto calmante del tessuto infiammato. Essendo anche un buon diuretico generale pu essere utilizzato in cistite, pielite e per ridurre la ritenzione idrica se dovuta a problemi renali. Di particolare interesse in caso di calcoli o sabbia renali. A ci si aggiunge l'azione dei flavonoidi i quali, oltre all'azione antiinfiammatoria che vengono a svolgere a livello della pelvi e della vescica, sono epatoprotettori, antispasmodici, antibatterici e diuretici. La Parietaria anche conosciuta come

Vitamina C (Acido ascorbico) una vitamina anti - ossidante con straordinarie propriet che possono essere spiegate dal fatto che la C il "cemento delle cellule". Combatte lo stress sia fisico che mentale e disintossica; riduce il colesterolo ed i trigliceridi, aumenta la resistenza alle infezioni (cistiti, bronchiti ecc.) di aiuto agli artritici, perch il liquido lubrificante delle giunture diventa meno denso alleviando cos il dolore, ed ai diabetici (per ogni grammo di vit. C si diminuisce l'insulina di 2 unit). Rafforza i vasi sanguigni e tutto l'organismo favorendo la produzione del collagene (una sostanza fondamentale per lintegrit ed elasticit della pelle). Forma le cartilagini ossee, per cui utilissima in caso di fratture, osteoporosi ecc.. Esalta l'assorbimento del ferro e ripara i tessuti accelerando il processo di cicatrizzazione e di guarigione. Ha propriet anti - allergiche e anti - coagulanti. Indispensabile soprattutto per chi beve o fuma (per ogni sigaretta si consumano 25 mg di vitamina C). Diminuisce il rischio di calcoli biliari e renali. Migliora il funzionamento del cervello e riduce al minimo la tossicit dei farmaci. Secondo il premio Nobel Linus Pauling, l'assunzione di vitamina C nella dose appropriata per ciascuno, potrebbe allungare la vita da 12 a 18 anni!. Magnesio Il magnesio fondamentale nella prevenzione degli attacchi di cuore, delle trombosi coronariche e si dimostrato essere efficace nella riduzione dei calcoli di ossalato. A pazienti con calcoli di ossalato sono stati somministrati 200 mg al giorno di magnesio insieme a 10 mg di vitamina B6; si possono somministrare anche 300 mg di solo magnesio, ma la presenza della vitamina B6 tende a ridurre ulteriormente calcoli. Il magnesio aiuta a prevenire laccumulo di depositi di calcio nel tratto urinario. Rende solubili nelle urine il calcio e il fosforo impedendone la trasformazione in calcoli duri.Gli integratori di magnesio possono proteggere dalle ischemie cardiache (mancanza di ossigeno del muscolo cardiaco causata da spasmi o restringimenti e intasamenti delle arterie coronarie). Le persone che hanno assunto integratori di magnesio dopo un attacco di cuore hanno avuto un tasso di sopravvivenza pi alto e una minore incidenza di pericolose aritmie. Esso sembra avere una certa importanza nel controllare il modo in cui le cariche elettriche vengono utilizzate dallorganismo per indurre il passaggio degli elementi nutritivi allinterno e allesterno delle cellule. stato usato con successo per curare la poliomielite. Si rivelato efficace anche nel trattamento di disturbi neuromuscolari, nervosismo, scoppi dira, sensibilit al rumore, depressione e tremori alle mani. La sindrome pre - mestruale viene alleviata dal magnesio.

RenVin
121

"erba vetriola" che deriva dal fatto che ha la capacit di pulire perfettamente i vetri (soprattutto gli acheni pelosi), il fondo delle bottiglie, ecc. Viene anche chiamata "muraiola" per il fatto che le sue radici si ancorano tenacemente ai muri riuscendo persino a sgretolarli (per lo stesso motivo anche chiamata "spaccapietre").

Vitamina B6 (Piridossina) I calcoli possono anche essere causati da una carenza di sostanze nutritive. La carenza di magnesio porta ad un aumento dellalcalinit delle urine che favorisce la formazione di calcoli di fosfato di calcio. La carenza di vitamina B6 aumenta in misura notevole la quantit di acido ossalico contenuta nelle urine e favorisce anche laumento dellalcalinit provocando la formazione di calcoli di ossalato di calcio. Solo il 2% dellacido ossalico assunto con la dieta viene assorbito e in seguito eliminato. La maggior parte di questa sostanza viene fabbricata allinterno del corpo a partire da un aminoacido utilizzato male, la glicina. La causa di questa cattiva utilizzazione una carenza di vitamina B6. La vitamina B6 stata anche usata per curare, con ottimi risultati, scompensi sessuali maschili, eczemi, assottigliamento e perdita dei capelli, tasso di colesterolo elevato, diarrea, emorroidi, pancreatite, ulcere, debolezze muscolari, alcuni tipi di scompensi cardiaci, piedi doloranti, certi tipi di calcoli renali, (la vitamina B6 e il magnesio prevengono la formazione di nuovi calcoli) acne, carie dentaria. Individui che sono altamente fotosensibili e sono soggetti a ustioni solari sono stati trattati con successo con la vitamina B6 non riportando pi il problema. La vitamina pu anche ridurre lannebbiamento della vista tipico della cataratta. Potassio Il potassio stimola gli impulsi nervosi, nutre i muscoli ed indispensabile per la contrazione cardiaca, interviene anche nella trasformazione dello zucchero in glicogeno, che viene poi immagazzinato nel fegato e nei muscoli, quindi indispensabile per le riserve di energia. Il potassio riveste un ruolo di primaria importanza nel regolare il passaggio dei fluidi tra linterno e lesterno delle cellule e la nutrizione delle stesse, ed ha un ruolo molto importante anche per la sintesi delle proteine e degli aminoacidi. Il potassio viene assorbito dallintestino tenue e viene eliminato per la maggior parte attraverso le urine ed in minima parte attraverso le feci. Le cause che possono portare ad una carenza di potassio sono problemi legati al mal funzionamento dei reni.

BIBLIOGRAFIA 1. Correspondence with colleague from Puerto Rico. 2. Jennings & Avinoff: Wild Flowers of Western Penna. & Upper Ohio Basin, University of Pittsburgh Press, Vol. 2, Plate 156. 3. Food and Life: P. 236, 1939 Yearbook, U.S. Dept. Agriculture, U.S. Printing Office, Washington, D.C. 4. Klenner, F. R.;: Correspondence with Dr. Bauer, University of Switzerland. 5. J. J. Burns, et al.: J. Biol. Chem. 207: 679, 1954. 6. Salomon, L. L, et al.: N.Y. Acad. Science 93: 115, 1961. 7. Conney, A. H., et al.: N.Y. Acad. Science 92: 115, 1961. 8. Grollman, A. P. & Lehninger, A. L.: Arch. Biochem., 69:458, 1957. 9. Chattejee, I. B., Kar, N. C., Guha, B. C.: N.Y. Acad. Science 92:36, 1961. 10. Isherwood, F. A. & Mapson, L. W.: N.Y. Acad. Science 92:6, 1961. 11. Burns, J. J. Am. J. Med. 26: 740, 1959. 12. Stone, I.: Brief Proposal Per. Biology & Medicine, Autumn 1966. 13. Slobody, L. B.: J. Lab & Clinical Med. 29 #5, 464 - 472, 1944. 14. Ringsdore, W. M., Cheraskin, E. Sec., Oral Med., U. of Ala. Med. Center, Birmingham, Ala. 15. Klenner, F. R.: Tri - State Med. J., Feb. 1956. 16. Larson, C.: Ordnance, PP. 359 - 360, Jan. - Feb. 1967. 17. Starr, T. J.: Hospital Practice, p. 52, November 1968. 18. Kropowski, H.: Med. World News, p. 24, June 19, 1970. 19. Klenner, F. R.: J. Applied Nutrition, 1953. 20. Klenner, F. R.: Tri - State Med. Journal, June 1957. 21. Klenner, F. R.: Tri - State Med. J., Oct. 1958. 22. Klenner, F. R.: Tri - State Med. J., Feb. 1960. 23. Baker, A. B. & Noran, H. H.: Archives Int. Med. Vol. 76, 146 - 153, 1945. 24. J.I.Rodale e collaboratori "Il libro completo dei minerali per la salute" Ed Giunti Martello. 25. Staff del Prevention Magazine "Il libro completo delle vitamine" Ed Giunti Martello. 26. Sheldon Soul Hendler "Enciclopedia delle Vitamine e dei Minerali" Ed Tecniche Nuove. 27. Almanacco della Nutrizione terza edizione di L. J. Dunne - Alfa Omega editrice - Roma. 28. Come Sopravvivere con un Corpo di Bert. Schwitters - Alfa Omega editrice - Roma. 29. Vitamin Bible di Earl Mindell 30.Lets Get Well di Adelle Davis.

122

RenVin

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

RhaLax GRANI
Integratore alimentare confezione da 25 g e da 500 g Cod. EN24 - 25 g
INDICAZIONI SALUTISTICHE Classica combinazione di piante ricche in sostanze antrachinoniche in pratici granelli, arricchita con sostanze protettive della mucosa intestinale, tale da realizzare un prodotto che fisiologicamente favorisce il transito intestinale e attenua i fastidiosi gonfiori addominali. COMPOSIZIONE Costituenti attivi caratterizzanti: polvere di: senna (Senna alexandrina Mill.) foglie, aloe (Aloe ferox Miller) succo, finocchio (Foeniculum vulgare L.) frutti, coriandolo (Coriandrum sativum L.) semi, camomilla matricaria (Maricaria recutita Rausch.) fiori, rabarbaro (Rheum pamatum L.) rizoma, anice verde (Pimpinella anisum L.) frutti, frangula (Frangula alnus Miller) corteccia. Addensante: gomma arabica. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 2 o 4 granelli al giorno, nei casi pi ostinati si pu arrivare fino a 6 granelli ma dietro consiglio del medico o altro specialista. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON ALTRI FARMACI Luso concomitante di altri farmaci pu determinare una diminuizione di assorbimento, pertanto importante unassunzione separata (almeno 2 o 3 ore). DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Preparazione che si rif alla tradizione erboristica in una forma utilizzata fin dai tempi pi antichi: granuli di aspetto troncoidale, ricchi di sostanze antrachinoniche utili per regolare la funzionalit intestinale. Importante utilizzare questi integratori al bisogno e poi intervallare con drenanti e depurativi. Senna - Specie: Senna alexandrina Mill. Famiglia: Fabaceae - Droga: le foglie Originaria della regione del Nilo, la senna alessandrina una delle droghe lassative pi conosciute e studiate al mondo, usata da secoli tanto nella medicina asiatica (MTC e Ayurveda) che nella medicina occidentale (sia come senna alessandrina che come senna indiana Cassia angustifolia Vhal. Lazione lassativa della senna dovuta alla presenza di sostanze antraceniche glicosilate note, come i sennosidi (sennoside A, B, C e D). In gran parte sono di tipo diantronico (A e B), mentre in minor quantit sono di tipo reina - aloe emodina (C e D), sempre legate ad uno zucchero che ne modula lattivit rendendole meno drastiche. curioso notare che queste sostanze non sono presenti nella pianta fresca ma soltanto in quella essiccata. Le foglie contengono queste sostanze in misura minore (2 - 3%) rispetto ai baccelli o pods (3 - 5%). La senna grazie ad un quantitativo basso di sostanze antrachinoniche, esplica unazione purgante decisa ma non drastica, e per un uso non eccessivamente prolungato come per tutti i lassativi, molto ben tollerata, notizia che ci giunge da studi i quali hanno dimostrato che non lede il tessuto nervoso del plesso intestinale, e non porta a perdite importanti di elettroliti n ad assuefazione.

Cod. EN29 - 500 g

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 4 grani
Componenti Senna foglie PLV Aloe succo PLV Finocchio frutti PLV Coriandolo semi PLV Camomilla matricaria fiori PLV Rabarbaro rizoma PLV Anice verde frutti PLV Frangula corteccia PLV per 4 grani 706 mg 706 mg 110 mg 110 mg 102 mg 80 mg 43 mg 33 mg

PLV = polvere

123

Aloe Specie: Aloe ferox miller Famiglia: Liliaceae - Droga: succo Laloe una pianta grassa tipica del sub - tropico, spontanea nel Sud Africa e nellisola di Socotra. Le foglie contengono una polpa gelatinosa e sono avvolte da canalicoli scuri, ricchi di un succo giallastro che allaria imbrunisce e una volta concentrato a fuoco diventa compatto e vetroso. Questo prodotto il succo daloe, che non deve essere assolutamente confuso con il gel daloe o la polpa liquida (talora indicata come succo). Il succo secco polverizzato unaltra droga catartica di tipo antrachinonico che vanta secoli di storia. La componente principale la barbaloina, che un glicoside della aloe - emodina, e che pu arrivare a costituire il 50% del succo. Gli antrachinoni sono sostanze che agiscono a livello del colon, stimolando la peristalsi e la secrezione dellacqua dalle pareti intestinali, favorendo cos una consistenza molle delle feci. Lazione dellaloe si abbina in maniera sinergica allazione degli altri antrachinoni limitando anche lassuefazione. Finocchio Specie: Foeniculum vulgare L. Famiglia: Ombrellifere - Droga: frutti Il finocchio noto a tutti come ortaggio e come aroma da cucina. I frutti del finocchio, in realt degli acheni lunghi e costoluti, contengono allinterno importanti quantit (fino all8%) di olio essenziale responsabi - le del profumo caratteristico. Il maggior componente dellolio essenziale dato dal trans anetolo (50 - 90%), che conferisce dolcezza al sapore. Nei finocchi dolci in maggioranza e domina il gusto, nei finocchi amari accompagnato da chetoni amari (fencone, piperitone) e da fenoli (estragolo). Sono presenti anche terpeni come pinene e tujene. Lolio volatile stimola il rilassamento della muscolatura liscia favorendo leliminazione delle contrazioni spasmodiche e lespulsione di aria. Lanetolo possiede in vitro attivit batteriostatiche e battericide, e quindi riduce anche le fermentazioni allinterno dellintestino. Leffetto generale quello di diminuizione del senso di gonfiore e di malessere. Coriandolo Specie: Coriandrum sativum L. Famiglia: Ombrellifere - Droga: frutti Il coriandolo una pianta aromatica caratteristica della cucina della sponda meridionale del Mediterraneo, del Medio Oriente e dellIndia. Come il frutto del finocchio, il frutto del coriandolo contiene cavit ricche di oli essenziali. Lolio essenziale in gran parte (50 - 70%) costituito dal d - linalolo (coriandolo). Le parti verdi e il frutto immaturo, contiene invece una maggioranza di aldeidi fra cui il trans - tridecenale, responsabili dellodore caratteristico del coriandolo fresco non gradito a tutti (cimiciato). Contiene anche borneolo e anetolo e diversi terpeni che compongono laroma. Il coriandolo dotato di attivit antifermentative e carminative, dovute sia ad una azione rilassante della muscolatura liscia, sia ad unazione batteriostatica nei confronti di microrganismi generalisti che colonizzano lintestino.

Camomilla Specie: Matricaria recutita Rausch. Famiglia: Asteraceae - Droga: fiori La camomilla una pianta molto nota come blando calmante, specialmente per favorire il sonno dei bambini. Ma la camomilla oltre ad avere un effetto blandamente nervino, nota per effetti spasmolitici e rilassanti della muscolatura liscia, interviene quindi nel sedare le coliche intestinali specie se di origine nervosa. I flavonoidi (apigenina, rutina), lalfa bisabololo e il camazulene di cui ricca e lolio essenziale, sono inoltre stati studiati per gli effetti antinfiammatori sulle mucose e antiulcerativi. Lazione della camomilla quindi duplice in questo prodotto: riduce lo stato di spasmo spesso connesso alla stipsi e contrasta i processi infiammatori che si possono avere in un colon irritabile. Rabarbaro Cinese Specie: Rheum palmatum L. Famiglia: Poligonacee - Droga: rizoma originaria delle montagne dellAsia, ma oggi coltivata per diversi impieghi in tutto il mondo. Il rabarbaro cinese, o da huang, il pi usato per impieghi officinali, mentre il rabarbaro da orto (Rheum raponticum L.) impiegato come aroma e ortaggio. La radice del rabarbaro contiene due classi di sostanze che hanno unazione spiccata nei confronti del tratto intestinale: i tannini e sostanze antrachinoniche. I tannini che sono sia ti tipo catechinico che ti tipo gallico, esercitano una lieve azione costipante ove le dosi di droga assunte siano basse, gli antraglicosidi che liberano antrachinoni come lacido crisofanico, lemodina, laloe - emodina ed altri, esplicano un effetto lassativo modulato. Le due classi di sostanze si modulano e si integrano, rafforzando lazione di transito svolta dal prodotto. Anice Verde Specie: Pimpienlla anisum L. Famiglia: Umbrellifere - Droga: frutti Altra ombrellifera annuale dei climi temperati, dai frutti aromatici e ricchi di olio essenziale. Si distingue dallarbusto esotico noto come anice stellato (Illicium verum Hook). I semi costoluti e grigi sono ricchi di aroma inconfondibile. Lolio essenziale di questa pianta fra i pi ricchi di trans - anetolo (75 - 90%), contiene inoltre astragolo e cariofillene. Lanice verde nota per le sue propriet carminative dovute allanetolo. importante sottolineare che lanetolo naturale (trans - anetolo) non tossico, mentre laroma di anice (miscela di cis - e trans anetolo) meno tollerato per via della tossicit dellisomero cis - . Lanice impiegato per aromatizzare cibi e preparati e rendere gradevole anche sostanze amare, inoltre lolio essenziale si rivelato un potente antifermentativo. Frangola Specie: Alnus frangula Miller Famiglia: Ramnacee - Droga: corteccia La corteccia della frangola essiccata, completa il pool di sostanze antrachinoniche attive nel facilitare il transito intestinale. Gli antraglicosidi sono presenti fino al 7% nella droga grezza e sono glucofranguli-

124

RhaLax GRANI

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 9. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 10. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 11. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 12. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 13. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 15. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2.

RhaLax GRANI
125

ne e franguline. Come altri composti antrachinonici stimolano la motilit del colon e lidratazione della massa fecale, favorendo un corretto transito intestinale.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

RoburVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN33
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale ad effetto disintossicante e rinforzante le difese immunitarie , reso particolarmente attivo grazie alla particolare metodologia di estrazione dei principi attivi, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO , conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva. Potenziate anche dall'aggiunta di oli essenziali opportunamente scelti. A piante come Angelica, Tarassaco e Echinacea con capacit drenanti, disintossicanti e immunostimolanti si unisce, l'olio essenziale di rosmarino utile come tonico - stimolante. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della Vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: angelica (Angelica archangelica L.) radice, tarassaco (Taraxacum officinale) radice, echinacea (Echinacea angustifolia Moench.) radice, miele di acacia, olio essenziale di rosmarino (Rosmarinus officinalis L.) foglie. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi. Il dosaggio consigliato quindi di 3 - 5 gocce due volte al di preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Piante come Angelica, Tarassaco ed Echinacea, vengono estratte in maniera tale da recuperare anche gli elementi presenti in tracce, ma fondamentali per un pi completo effetto. Lestratto di Angelica. migliora e protegge il fegato dalle tossine e lintestino. il rimedio ottimale delle coliti spastiche. Il Tarassaco grazie alla presenza di triterpeni e flavonoidi, favorisce la diuresi, lechinacoside, componente fondamentale dell'echinacea, assieme alla componente polisaccaridica, stimolano per via indiretta diverse linee cellulari immunitarie (macrofagi, linfociti T e B). Angelica - Specie: Angelica sinensis oliver Famiglia: Apiaceae (Umbelliferae) - Droga: radici Pianta fitoterapica tra le pi stimate negli antichi erbari, larcangelica era usata in tutti i paesi dellEuropa settentrionale per proteggersi dal contagio, per purificare il sangue e per curare qualsiasi tipo di malattia. Lattivit fitoterapeutica essenzialmente legata al suo contenuto in cumarine e sostanze volatili. Tali sostanze sembra che esplichino un effetto calcio - antagonista responsabile della dilatazione dei vasi sanguigni e coronarici, con conseguente azione ipotensiva ed incremento del flusso di sangue a cuore, cervello ed estremit. Inoltre tali

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Angelica radice EI Tarassaco radice EI Echinacea radice EI Rosmarino foglie OE per 1 ml 283 mg 283 mg 283 mg 10 mg

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

126

composti calcio - antagonisti sono anche in grado di rilassare la muscolatura liscia degli organi viscerali. Langelica (olio essenziale) ha dimostrato unazione rilassante sulla muscolatura liscia dellintestino e dellutero. Mentre lestratto acquoso produce una iniziale contrazione e poi un rilassamento prolungato. Ci conferma luso tradizionale dellAngelica nel trattamento degli spasmi intestinali e dei crampi uterini. Tarassaco - Specie: Taraxacum officinale weber Famiglia: Asteraceae - Droga: radici Il Tarassaco trova posto come coadiuvante nel trattamento di malattie sia acute che croniche. Agisce a livello di fegato, vescica biliare, stomaco, pancreas, reni, intestino. Nessunaltra erba, tranne forse lortica, possiede unazione depurativa e vitaminizzante tanto potente. Svolge unazione depurativa molto marcata; stimola le secrezioni di fegato, pancreas e intestino; stimola la produzione e il deflusso della bile; grazie alle sue qualit depurative tonifica il fegato ed utile nelle insufficienze epatiche e nelle cure disintossicanti primaverili; regola le alterazioni del flusso biliare ed un preventivo o coadiuvante nei calcoli alla cistifellea; elimina e dissipa gli accumuli di calore; riduce il tasso di colesterolo promuovendone leliminazione attraverso la bile; stimola la diuresi grazie allelevata presenza dei sali di potassio; stimola lappetito e favorisce la digestione. Utile nellinappetenza, nelle dispepsie, per riequilibrare lapparato gastroenterico, come coadiuvante nel ridurre il sovrappeso, nei disturbi reumatici, nei problemi della pelle (in particolare se dovuti al fegato, come gli eczemi secchi). Luso regolare di tanto in tanto mantiene gli organi interni puliti e in buona salute; la sua funzione disintossicante si riflette anche sulle pelli impure e malsane rendendole fresche e luminose. Echinacea - Specie: Echinacea angustifolia DC Famiglia: Asteraceae - Droga: radici Lechinacea ha propriet batteriostatiche e virustatiche sperimentate su numerosi ceppi batterici e virali. Agiscono direttamente sui microrganismi lechinacoside e lolio essenziale; per via indiretta i polisaccaridi (come eteroxilani e gli arabinoramnogalattani), che stimolano diverse linee cellulari immunitarie (macrofagi, linfociti T e B). Lechinacoside e altre frazioni si dimostrano inibitori nei confronti dellenzima jaluronidasi, rallentando la velocit di penetrazione dei microrganismi nei tessuti. In tal modo si ha unaccelerazione della guarigione delle ferite e un diminuito rischio dinfezione. Antinfiammatorio per uso interno ed esterno. Stimolante della risposta immunitaria soprattutto nelle fasi di epidemia influenzale, stati di carente attivit del sistema immunitario (stress, ecc..). Rosmarino (Olio Essenziale) Specie: Rosmarinus officinalis Famiglia: Lamiaceae (Labiatae) - Droga: foglie Le azioni tipiche dellolio essenziale di rosmarino sono antispasmodiche, coleretiche, antiossidanti. Per questo lessenza di rosmarino viene impiegata utili quale coadiuvante nel trattamento delle turbe digestive e per facilitare le funzioni di detossificazio-

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991.V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 13. Banskota A. H.; Tezuka Y.; Adnyana I. K.; Xiong Q.; Hase K.; Tran K. Q.; Tanaka K.; Saiki I.; Kadota S. Hepatoprotective effect of Combretum quadrangulare and its constituents. Biological & pharmaceutical bulletin . 2000, vol. 23, no4, pp. 456 - 460 (23 ref.). 14. Somchit M.N., Sulaiman M.R., Noratunlina R. and Ahmad Z. Hepatoprotective effects of Curcuma longa rhizomes in paracetamol - induced liver damage in rats. Proceedings of the Regional Symposium on Environment and Natural Resources 10 - 11th April 2002, Hotel Renaissance Kuala Lumpur, Malaysia. Vol 1: 698 - 702. 15. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 16. Barillari J.; Cervellati R.; Costa S.; Guerra M.C.; Speroni E.; Utan A.; Iori R. Antioxidant and choleretic properties of Raphanus sativus L. sprout (Kaiware Daikon) extract. Journal of agricultural and food chemistry 2006, vol. 54, no26, pp. 9773 - 9778.

RoburVin
127

ne dellorganismo. Esercita unazione neurotonica e riequilibrante intestinale in quanto capace di regolare lattivit della flora batterica simbionte. ed esplicare un effetto antispasmodico.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

SedaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN25
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di macerati glicerici, noti per favorire un effetto rilassante e agire positivamente sul tono dellumore attenuando ansia e nervosismo. Il rimedio adatto in tutte quelle situazioni in cui la componente psico - somatica gioca un ruolo rilevante.
Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Tiglio gemme MG Biancospino gemme MG Fico gemme MG per 6 ml 10 mg 10 mg 10 mg

COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerati glicerici (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di: tiglio (Tilia tomentosa Moench.) gemme, biancospino (Crataegus oxyacanta Jacq.) gemme, fico (Ficus carica L.) gemme. Costituenti attivati secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e la sera prima di coricarsi. Il tipo di preparato rende il prodotto adatto a tutte le et. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. INTERAZIONI CON ALTRI FARMACI Il tipo di preparato lo rende adatto anche in combinazione con farmaci benzodiazepinici. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli, radichette), sono ricchi di sostanze caratteristiche tipiche dei tessuti in accrescimento, come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine capaci di attribuire propriiet esclusive. In generale i gemmoderivati vengono impiegati nelle cure di terreno di drenaggio dorgano. Le gemme di Tilia Tomentosa presentano un tropismo per il sistema neurovegetativo, i germogli di Crataegus Oxyacanta per lapparato cardiovascolare e le gemme di Ficus Carica per lo stomaco e anchesse per il sistema neurovegetativo. Ecco perch il SEDAVIN specifico in tutti quei disturbi (coliti, gastriti, ansia, insonnia, agitazione), in cui la componente psico somatica alla base del disturbo. Tiglio Argentato - Specie: Tilia tomentosa Moench Famiglia: Tiliaceae - Droga: gemme Albero dalto fusto di origine Nord Americana. Se ne usano i fiori per leffetto

MG = macerato glicerico

128

antitussigeno e bechico e lalburno per via dellazione diuretica. Le gemme sono impiegate nei casi di distonia neurovegetativa perch, grazie al farnesolo, terpene dalle propriet sedative, viene migliorato il tono dellumore. Lazione di questo rimedio principalmente sul livello di serotonina ematica. una pianta indicata negli stati di stress gravi associati a forme somatiche, comprese alterazioni cardiache e ipertensione connessi con il disagio psicologico. Biancospino Specie: Crataegus oxyacantha Jacq. Famiglia: Rosaceae - Droga: gemme Arbusto dei suoli calcarei, con fiori bianchi e bacche rosse. Le foglie e i fiori sono ampiamente conosciuti per le benefiche propriet a carico del sistema cardio - circolatorio. Il biancospino, grazie ai numerosi principi attivi (principal. flavonoidi), considerato una pianta fondamentale nel trattamento dellipertensione e nelle alterazioni cardiache, comportandosi contemporaneamente da vasodilatatore e sedativo. I giovani germogli in macerazione glicerica, sono indicati dalla letteratura per il trattamento di tutti gli stadi ansiosi e di stress che hanno ricadute somatiche funzionali, quali possono essere la pressione alta, langina, leretismo cardiaco e linsonnia. Lazione combinata sullequilibrio della circolazione e sullo stato dellumore, rendono questo macerato ideale per il trattamento degli stati di umore alterati con componente ansiosa. Fico - Specie: Ficus carica L. Famiglia: Moraceae - Droga: gemme Pianta domestica di cui tutti conosciamo le prelibate infruttescenze. Il macerato delle gemme manifesta un tropismo diretto allasse cortico - diencefalico, dove agisce normalizzandone la funzione. Lazione specifica del fico, trova maggior beneficio in stati nevrotici con ripercussioni psicosomatiche soprattutto a carico dellapparato digerente, ma in combinazione con le altre piante, completa lazione di sedazione e di rilassamento della muscolatura involontaria, come pu essere ad esempio quella dellapparato digerente.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, Amecommon natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 16. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 17. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 18. Campanini E. Manuale pratico di gemmo terapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. rican Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of

SedaVin
129

SedaVin

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

SenexVin
Integratore alimentare flacone da 10 ml Cod. EN34
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale formulato per apportare effetti benefici alle vie urinarie e a alla milza (preserva la funzionalit e lintegrit di questo organo). Il prodotto viene rafforzato dalla particolare metodologia estrattiva, che sfrutta lenergia dellalcol spagyrico rosso attivato attraverso il processo alchemico del cosiddetto MICROCOSMO ESTRATTIVO, conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva. In questo modo le piante Uva ursina, Salvia e Equiseto possono esplicare al meglio le loro propriet, potenziate anche dallaggiunta di oli essenziali opportunamente scelti. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della Vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%)di: uva ursina (Arctostaphylos uva - ursi.) foglie, salvia (Salvia officinalis L.) foglie, equiseto (Equisetum arvense) parti aeree, miele di acacia, olio essenziale di salvia (Salvia officinalis L.) foglie. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA La particolare preparazione rende il prodotto altamente attivo, tale da raggiungere la sua efficacia con piccoli quantitativi. Il dosaggio consigliato quindi di 3 - 5 gocce due volte al di preferibilmente al mattino prima di colazione e nel primo pomeriggio. Lasciare per qualche secondo il prodotto a livello sublinguale per favorirne lassorbimento. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Piante come l'Uva ursina, il Tarassaco e l'Equiseto vengono estratte in maniera tale da recuperare tutte le sostanze attive compresi i micronutrienti fondamentali per le attivit espletate. In questo modo si ottiene un rimedio che oltre a risultare utile nel trattamento di disturbi associati allapparato renale, presenta un tropismo per la milza. Come infatti si noter le piante utilizzate sono in generale dei diuretici, antisettici, antinfiammatori e anche disintossicanti favorendo leliminazione delle tossine metaboliche, soprattutto attraverso la stimolazione della milza le cui funzioni principali sono il filtraggio meccanico e il controllo delle infezioni. Uva Ursina - Specie: Arctostaphylos uva - ursi Famiglia: Ericacee - Droga: foglie Le foglie di questo piccolo arbusto sono state utilizzate per secoli nella Medicina Popolare come lievi diuretici, astringenti e nel trattamento di infezioni del tratto urinario, come cistite, uretrite e nefrite. Oltre a queste propriet l' Uva - Ursina contribuisce a ridurre l' accumulo di acido urico e alleviare il dolore provocato dai calcoli alla vescica. Utile per lenire, e proteggere i tessuti infiammati o irritati.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 1 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Uva ursina foglie EI Salvia foglie EI Equiseto parti aeree EI Salvia foglie OE per 1 ml 283 mg 283 mg 283 mg 10 mg

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

130

Salvia - Specie: Salvia officinalis L. Famiglia: Labiatae o Lamiaceae - Droga: foglie Le propriet digestive e anticonvulsivanti sono sicuramente tra le pi note della Salvia officinalis. Da sempre viene ampiamente impiegata per la sua azione stomachica e come rimedio nelle dispepsie (difficolt digestive) e nelle atonie gastrointestinali (digestione lenta). Ha azione carminativa, favorisce cio lespulsione dei gas intestinali, riducendo di conseguenza il gonfiore. Ha effetto coleretico, decongestionando il fegato, e quindi favorendo anche in questo modo la digestione; attribuita agli acidi fenolici e ai flavonoidi, la capacit di stimolare la produzione epatica di bile. La sua azione salutistica nei confronti di stomaco e intestino non solamente limitata a favorire i processi digestivi ma grazie alle riconosciute propriet antispastiche ed antisettiche, un efficace rimedio in molte altre affezioni dellapparato gastrointestinale: contribuisce infatti a calmare il vomito, la diarrea e allevia le coliche addominali. Sono i tannini grazie alla loro azione astringente ed antisettica, che esplicano leffetto calmante nelle forme diarroiche; nel trattamento delle affezioni del colon si dimostrata significativa in particolare lazione del borneolo nel sopprimere lespressione delle citochine pro - infiammatorie. Equiseto - Specie: Equisetum arvense Famiglia: Equisetacea - Droga: fusto sterile L'Equiseto indicato come diuretico nelle infiammazioni e nelle infezioni delle vie urinarie (cistiti, uretriti, prostatiti), nonch nella litiasi renale per la sua ricchezza in sali minerali (oltre il 15%). anche un ottimo depuratore del sangue e un buon rimedio per linfiammazione e lipertrofia prostatica. Salvia (Olio Essenziale) Specie: Salvia officinalis L. Famiglia: Labiatae o Lamiaceae - Droga: foglie Il suo olio essenziale, ottenuto per distillazione in corrente di vapore, viene utilizzato nell'affaticamento, nelle neuroastenie, nelle convalescenze e inappetenze. un potente depurativo e disintossicante generale. Viene utilizzato in tutti i disturbi del fegato, e dei reni.

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. Palma L. Le Piante Medicinali d Italia - chimica, farmacodinamica, terapia. Societ Editrice Internazionale. Torino, 1964. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 13. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 14. Hayashi T, Maruyama H, Kasai R, Hattori K, et al (2002). Ellagitannins from Lagerstroemia speciosa as activators of glucose transport in Fat Cells. Planta Med 68(2):173 - 5.

SenexVin
131

versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

SerenVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN26
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di estratti in soluzione idroalcolica sapientemente associati per favorire un fisiologico rilassamento e un sonno sereno e ristoratore. Il rimedio indicato anche per ridurre tensioni e stati ansiosi. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua, succo di uva, alcol etilico, parte di pianta 20%) di: escolzia (Eschscholtzia californica Cham) parti aeree, valeriana (Valeriana officinalis L.) radice, luppolo (Humulus lupulus L.) infiorescenze (coni), meliloto (Melilotus officinalis L.) parti aeree, papavero (Papaver rhoeas L.) petali, passiflora (Passiflora incarnata L.) parti aeree, tiglio (Tilia platiphyllos Scop.) fiori, camomilla (Matricaria recutita Rausch.) fiori, biancospino (Crataegus monogyna Jacq.) foglie e fiori, verbena odorosa (Lippia citriodora Kunth) foglie. Oli essenziali di: melissa (Melissa officinalis L.) foglie, lavanda (Lavandula angustifolia Chaix) fiori. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce 2 volte al giorno in acqua o in bevanda calda, al mattino e nel pomeriggio per un efftto rilassante e calmante, come induttore del sonno alla sera al dosaggio di 90 gocce preferibilmente in una bevanda calda. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" oltre allalcol puro, come solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. Alla miscela base di estratti idroalcolici sono state aggiunte essenze naturali di Melissa e Lavanda per donare un gradevole e rassicurante aroma oltre a potenziare leffetto rilassante. Il prodotto stato formulato per tutti coloro che soffrono di insonnia e soprattutto hanno difficolt nelladdormentarsi o si risvegliano durante la notte. Tale rimedio a dosaggi ridotti assunto durante la giornata, pu essere utile per contrastare stati di ansia e agitazione. Escolzia - Specie: Eschscholtzia californica Chamisson Famiglia: Papaveraceae - Droga: le parti aeree Questa pianta erbacea nota anche con il nome di papavero della California, stato degli USA dove spontaneo, ma anche coltivato in tutto il mondo per i suoi appariscenti fiori aranciati. Tutta la pianta contiene alcaloidi isochinolinici, che rappresentano circa lo 0,5% del peso della droga secca, di cui i pi abbondan-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Escolzia parti aeree EI Valeriana radice EI Luppolo coni EI Meliloto parti aeree EI Papavero petali EI Passiflora parti aeree EI Tiglio fiori EI Camomilla fiori EI Biancospino foglie e fiori EI Verbena foglie EI Melissa foglie OE Lavanda fiori OE per 6 ml 0,9 ml 0,9 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,6 ml 0,3 ml 0,3 ml 0,3 ml 0,06 ml 0,06 ml

EI = estratto idroalcolico OE = olio essenziale

132

ti sono le pavine, tipiche del genere Eschscholtzia, quali escolzina e californidina. La droga contiene anche eterosidi flavonolici, in particolare rutina, ed escolziaxantina, che un pigmento xantinico. Luso tradizionale dellescolzia, nel trattamento delle turbe del sonno dovute a stati tensivi da stress o da affaticamento, grazie allazione ipnoinducente di breve durata, aiuta ad addormentarsi anche in condizioni di tensione emotiva forte. Valeriana - Specie: Valeriana officinalis L. Famiglia: Valerianaceae - Droga: la radice Pianta erbacea perenne con radice fascicolata, popola i prati freschi e umidi in prossimit dei corsi dacqua. La radice raccolta nellautunno, la droga ricca in sostanze attive. La valeriana forse la droga pi nota per le sue propriet sedative spiccate dovute ad unazione depressiva diretta al SNC, collegata anche ad una attivit secondaria antispasmodica e rilassante della muscolatura involontaria. La radice di valeriana (ne esistono oltre 250 specie e sono quasi tutte officinali), sicuramente fra le droghe pi analizzate e meglio conosciute dal punto di vista chimico. Le sostanze pi caratteristiche sono gli iridoidi chiamati valepotriati, ma sicuramente altri principi attivi sono ugualmente importanti come, lacido valerenico, le componenti volatili che si rinvengono nellolio essenziale (borneolo, valerenale, cariofillene), e altre sostanze dotate sicuramente di attivit biologica. In laboratorio sono i valepotriati a dimostrare la maggior efficacia antispasmodica e depressiva del SNC, ma sicuramente tutto il fitocomplesso coinvolto. La valeriana pertanto, una droga di eccellenza quando si vuole ottenere un effetto sedativo che sia deciso ma privo di effetti collaterali, e non sia di disturbo alle fasi naturali del sonno. Luppolo - Specie: Humulus lupulus L. Famiglia: Lupulaceae Droga: le infiorescenze altrimenti detti coni Questa liana rampicante dei nostri boschi fluviali, notissima per limpiego come aroma amaricante della birra di malto. Allo scopo coltivata in maniera estensiva nei paesi dellEst dellEuropa, ma il luppolo noto anche come sedativo blando o talora anche come ipnotico da somministrare in stati di agitazione ed ansia. Le sostanze amare del luppolo, principi amari resinosi come lumulone e il lupulone, sono responsabili dellazione amarigena, ma probabilmente sono anche coinvolti nellazione sedativa e antispasmodica, esso contiene anche flavonoidi (quercitrina e rutina, altri) e molti altri composti come i terpeni che si ritrovano nellolio essenziale. Effetti spasmolitici sono stati dimostrati in vitro, mentre lazione ipnotica e sedativa riportata dalluso tradizionale, dovuta a meccanismi non ancora debitamente studiati. Lazione ipnotico - sedativa blanda, ma evidente, completa ed integra nel SERENVIN lazione delle altre droghe rilassanti. Meliloto - Specie: Melilotus officinalis L. Famiglia: Papilionaceae Droga: parti aeree essiccate Il meliloto un erba alta, diffusa nelle praterie e nei pascoli abbandonati, fiorisce a fine luglio coprendo

di giallo i campi e i bordi delle strade. La pianta ricca di cumarine e flavonoidi, specialmente quercetrina e kaempferolo. La letteratura internazionale e il parere della Commissione E, indicano il meliloto per il trattamento delle disfunzioni venose, in particolare per le sensazioni di pesantezza e crampi notturni alle gambe. La tradizione italiana vede questa pianta come blando calmante al pari della camomilla, ma entrambe le azioni sono ugualmente auspicabili in un prodotto come il SERENVIN, che ha lo scopo di favorire il benessere nella fase di rilassamento prima del sonno e prevenire le alterazioni dello stesso, dovute ad esempio a malesseri delle gambe. Papavero - Specie: Papaver rhoeas L. Famiglia: Papaveraceae - Droga: i petali Il papavero una pianticella annuale che ognuno di noi sa bene riconoscere in primavera quando colora di rosso le nostre campagne, ed diffusa in tutte le regioni temperate. I petali leggerissimi e debolmente profumati di noce, contengono piccole quantit di alcaloidi tipici delle papaveraceae. Fra essi sono stati isolati la readina, lisoreadina, la reagenina, la protopina e la sanguinarina. Lazione farmacologica non stata studiata a fondo, ma tradizionalmente il papavero ha un effetto blandamente calmante legato agli alcaloidi, in particolare la protopina, che lo rendono un ingrediente utile a diversificare e completare lazione del SERENVIN. Passiflora - Specie: Passiflora incarnata L. Famiglia: Passifloraceae - Droga: le parti aeree La passiflora una pianta rampicante diffusa ovunque in America centrale e Stati Uniti meridionali. Le foglie dallodore grave e caratteristico contengono in quantit sensibile alcaloidi armanici e flavonoidi, fra cui il pi abbondante, nonch spesso indicato come marker farmacologico, lisovitexina. Contiene, come la camomilla, anche apigenina, quercetrina e kaempferolo. La passiflora nota per le sue propriet analgesiche e sedative. Studi su cavia e clinici, hanno dimostrato che lestratto deprime lattivit motoria e riduce in modo transitorio la pressione sanguigna. Si visto in laboratorio che sia le frazioni lipofile che quelle idrofile, manifestano unattivit simile, e pertanto il fitocomplesso ad essere attivo. Lazione complessiva risulta in una depressione del SNC, nel prolungamento del sonno e diminuzione dei riflessi, siano essi volontari che involontari. La passiflora quindi un ingrediente indispensabile in questo prodotto, per ridurre la tensione nervosa e lipereccitazione dovuta a fattori esterni. Tiglio - Specie: Tilia platiphyllos Scop. Famiglia: Tiliaceae - Droga: i fiori con la brattea Albero dalto fusto diffuso in tutte le foreste temperate dell'Europa, se ne usano i fiori profumati come infuso per la tosse e lalburno per via dellazione diuretica. I fiori contengono fino all1% di flavonoidi, soprattutto glicosidi della quercetrina, oltre anche a mucillagini, acido caffeico, clorogenicoe e terpeni. Nella medicina popolare il tiglio consigliato come blando sedativo, ad esempio da accompagnare ad un trattamento per linfluenza. Lazione potrebbe essere dovuta al farnesolo, terpene dalle propriet sedati-

SerenVin
133

ve che migliora il tono dellumore. Il tiglio perci una pianta indicata negli stati di tensione e eretismo nervoso.

Camomilla - Specie: Matricaria recutita Rausch. Famiglia: Compositae - Droga: i fiori La camomilla una pianta molto nota nella tradizione italiana per luso come blando calmante e specialmente per favorire il sonno dei bambini. Ma la camomilla oltre ad avere un effetto blandamente nervino nota per effetti spasmolitici e rilassanti della muscolatura liscia, favorendo quindi uno stato di rilassamento generale. I flavonoidi, (apigenina, rutina) lalfa bisabololo e il camazulene di cui ricca la camomilla e lolio essenziale, sono sicuramente coinvolti nellazione di sedazione e di depressione del SNC come per la passiflora. Biancospino - Specie: Crataegus monogyna Jacq. Famiglia: Rosaceae - Droga: fiori e foglie Arbusto dei suoli calcarei, con fiori bianchi e bacche rosse. Le foglie e i fiori sono ampiamente conosciuti per le benefiche propriet a carico del sistema cardiocircolatorio. Il biancospino, grazie ai numerosi principi attivi (principal. flavonoidi), considerato una pianta fondamentale nel trattamento dellipertensione e nelle alterazioni cardiache, comportandosi contemporaneamente da vasodilatatore e sedativo. Lazione combinata sullequilibrio della circolazione e sullo stato dellumore, modulando i picchi e gli abbassamenti, rendono il biancospino un ingrediente indispensabile per il trattamento degli stati umorali alterati con componente ansiosa. Verbena Odorosa Specie: Lippia citriodora Kunth. Famiglia: Verbenaceae - Droga: le foglie La cedrina o lippia, un arboscello originario dellAfrica orientale e diffuso nei tropici e nellareale mediterraneo come frutto di importazione. Le foglie con caratteristico aroma di limone, sono un apprezzato ingrediente da infuso. La lippia contiene un olio essenziale ricco in aldeide nerilica, geraniolo e citrale che conferiscono laroma caratteristico a questa pianta, ma vi sono anche flavonoidi fra cui vitexina e isovitexina contenute anche in passiflora. Queste sostanze ne confortano luso tradizionale come pianta ad azione calmante nei casi di ipereccitabilit, specialmente quando questa ha risvolti nellapparato digerente (gastrite e colite). La lippia quindi integra e supporta lazione delle altre piante che compongono il SERENVIN. Oli Essenziali La combinazione di oli essenziali di lavanda e melissa,ne accresce e ne potenzia le propriet benefiche a favore di un generale benessere psicofisico e di riduzione e delleccitazione nervosa eccessiva. La melissa produce un pregiatissimo olio essenziale noto sin dallantichit nella preparazione dellAcqua anti isterica dei Carmelitani, farmaco tradizionale impiegato negli stati di ipereccitazione a sfondo ansioso delle giovani donne. Lolio essenziale usato in aromaterapia come blando sedativo e calmante, ma nel contempo con un azione tonica ed energizzante,

attiva i processi di reazione dellorganismo allo stress nervoso. La lavanda ha un aroma caratteristico dominato dal linalolo e i suoi esteri, e dal borneolo e i sui esteri. Lolio essenziale vanta una tradizione dimpiego per vari disturbi e necessit, sicuramente fra le essenze meglio note come blando calmante e tonico dellumore, contrasta anche il mal di testa di origine tensiva, e riequilibra lo stato di tensione emotiva e di ipereccitabilit. I due oli essenziali oltre a rendere maggiormente gradevole lorganolessi del prodotto, rafforzano con azione specifica lefficacia degli altri componenti.

134

SerenVin

BIBLIOGRAFIA 1. Chevallier. A. The Encyclopedia of Medicinal Plants Dorling Kindersley. London 1996. 2. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 3. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 4. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 5. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 6. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 7. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 8. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 9. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 10. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 11. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 12. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 13. World Health Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 14. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 15. Baranov AI. J Ethnopharmacol 1982;6:339 - 53. 16. Gyllenhaal C, Merritt SL, Peterson SD, Block KI, Gochenour T. . Sleep Med Rev. 2000;4:229 - 51.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

SnelS
Integratore alimentare flacone da 250 ml Cod. EN30
INDICAZIONI SALUTISTICHE Prodotto frutto del connubio fra tradizione erboristica e scienza moderna, capace di unire le conoscenze del passato con quelle pi innovative e moderne, per questo ad estratti tradizionali come cardo mariano, mirtillo nero e th verde sono stati aggiunti cassia nomame e banaba i cui effetti benefici sono stati confermati soltanto recentemente. SnelSi un prodotto capace di favorire la perdita dei chili in eccesso attraverso meccanismi di azione sinergici e complementari: diminuzione dell'assorbimento di grassi e zuccheri, effetto termogenico, azione drenante e depurativa in grado di favorire l'eliminazione dei liquidi in eccesso e delle tossine ed infine diminuizione del senso della fame grazie alla presenza di alga Klamath, ricca di sostanze ad alto valore nutritivo. Siamo sicuri di non deludere le aspettative del consumatore, la nostra esperienza e competenza ci ha portato ad abbinare materie prime frutto di un faticoso lavoro di selezione e ricerca. Importante pu essere. Lassociazione e/o lalternanza con ALLERGVIN (se sono presenti allergie e/o intolleranze alimentari) e con EPAVIN ( se presenti disturbi digestivi) con RAMVIN (se il soggetto tende allobesit). COMPOSIZIONE Ingredienti attivi caratterizzanti o primari: cassia nomame (Cassia mimosoides) parti aeree con semi estratto secco (titolato all8% in triidrossiflavancatechina), banaba (Lagerstroemia speciosa) foglie estratto secco (titolato all1% in acido colorosolico) 2%, garcinia (Garcinia cambogia) scorza del frutto estratto secco (titolato al 60% in acido idrossicitrico), th verde (Camelia sinensis) foglie estratto secco (titolato al 95% in polifenoli), microalghe klamath (Aphanizomenon flos aquae). Ingredienti attivi coadiuvanti o secondari: linfa di betulla (Betula pubescens), papaia fermentata, cardo mariano (Silybum marianum) frutti estratto secco (titolato all2% in silimarina), mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) bacche estratto secco (titolato all1% in antocianosidi), aroma di mirtillo. Vitamine e minerali a supporto dellazione salutistica: vitamina C e cromo picolinato. Eccipienti: diluenti: acqua e glicerina, conservanti: potassio sorbato, acidificante: acido citrico. POSOLOGIA Valido coadiuvante in regimi dietetici ipocalorici rivolti alla riduzione del peso corporeo, indicato per ridurre la massa grassa senza diminuire la massa magra, grazie ad un effetto termogenico e alla riduzione dellassorbimento dei grassi e zuccheri assunti con l'alimentazione. MODALIT D'USO Per una migliore efficacia si consiglia di diluire 10 ml di prodotto in un litro di acqua e assumere durante l'arco della giornata. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori.

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti perdose giornaliera pari a 10 ml corrispondenti a 10 gocce
Componenti Papaia fermentata Cassia nomame parti aeree ES app. di triidrossiflavancatechina Banaba foglie ES apporto di acido colorosolico Garcinia scorza ES apporto di acido idrossicitrico Betula linfa gemmoderivato MG Vitamina C - 150% RDA Cardo mariano frutto ES apporto di silimarina Mirtillo bacche ES apporto di antocianosidi Th verde foglie ES apporto di polifenoli Alga klamath Cromo picolinato di cui Cromo per 10 ml 200 mg 200 mg 16 mg 200 mg 2 mg 200 mg 120 mg 150 mg 120 mg 100 mg 2 mg 100 mg 1 mg 50 mg 47,5 mg 50 mg 1,6 mg 200 mcg

ES = estratto secco RDA = dosaggio alimentare raccomandato MG = macerato glicerico

135

AVVERTENZE Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni, non superare le dosi giornaliere consigliate non assumere in gravidanza. Il prodotto non sostituisce una dieta variata. Deve essere impiegato nell'ambito di una dieta ipocalorica adeguata seguendo uno stile di vita sano con un buon livello di attivit fisica. Se la dieta viene seguita per periodi prolungati, superiori alle tre settimane, si consiglia di sentire il parere del medico. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Soluzione acquosa con estratti secchi ad alto titolo e linfa di betulla, senza aggiunta di zuccheri e coloranti, di sapore gradevole, in confezione da 250 ml. Ad una formula base caratterizzata da estratti vegetali indicati per favorire la riduzione del peso corporeo (garcinia, banaba, cassia nomame) sono state aggiunte sostanze ad effetto drenante e detossificante. In particolare troviamo la Linfa di betulla seve de bouleau (dal francese), il succo cambiale di betulle giovani e forti, raccolto in primavera praticando fori nello strato cambiale dei tronchi. Una volta raccolta la linfa di betulla, cos come prevede la farmacopea francese, viene diluita in soluzione idrogliceroalcolica al fine da favorire la giusta concentrazione di principi attivi e un migliore assorbimento. Sono presenti due eterosidi: il betuloside e il monotropidoside che liberano per idrolisi enzimatica il salicilato di metile dalle propriet analgesiche, antinfiammatorie e diuretiche. Per potenziare leffetto detossificante sono stati aggiunti vitamina C e mirtillo nero ricco di antocianosidi, potenti antiossidanti capaci di ridurre il danno cellulare provocato dai radicali liberi, la papaia fermentata fortemente depurativa ed infine Il cardo mariano da sempre utilizzato come epatoprotettore e disintossicante epatico. I costituenti base della formula sono invece caratterizzate da piante in grado di limitare lassorbimento dei nutrienti: zuccheri e lipidi. La Cassia Nomame una leguminosa che cresce spontanea in molte zone della Cina e dellAfrica. Pianta particolarmente studiata in quanto capace di inibire le lipasi pancreatiche a livello intestinale tale da limitare la digestione dei grassi. Studi in vitro e in vivo effettuati da ricercatori giapponesi, hanno confermato la presenza di sostanze attive dotate di propriet inibitorie nei confronti degli enzimi deputati al catabolismo dei grassi. Le lipasi costituiscono un gruppo di enzimi caratterizzati dalla capacit di idrolizzare i grassi in glicerolo e mono - di - gliceridi. Un ruolo importante viene ricoperto dalla lipasi pancreatica, prodotta dal pancreas ed escreta nel duodeno dove grazie anche alla presenza di acidi biliari (secreti dal fegato) viene attivata ed esplica il suo effetto catalitico. I ricercatori della Facolt di Scienze Farmaceutiche della Okayama University, del Giappone, dopo aver isolato alcuni composti attivi nelle foglie della Cassia Nomame, hanno isolato nei frutti una serie di dimeri flavonici ad elevata attivit inibitoria sulla lipasi pancreatica. In particolare la molecola pi attiva risultata essere la 2(S) - 3 - 4 - 7 - triidrossi-

flavan - (4 a 8) - catechina. Lutilizzo dellestratto di Cassia Nomame nel calo ponderale stato studiato sia in soggetti normali che in soggetti obesi. A questi stata applicata una dieta contenente il 60% di grassi e contemporanemeamente stato somministrato un estratto di Cassia Nomame. Nei soggetti di peso normale la somministrazione di Nomame ha avuto come effetto una diminuzione di peso, in soggetti obesi si notata una riduzione anche dellindice di massa corporea, e della massa grassa totale. Effetti positivi sono stati riscontrati anche sulla steatosi epatica e sugli accumuli di grassi a livello renale e cardiaco, mentre si notata una diminuzione dei trigliceridi e del colesterolo totale. La cassia nomame limita lassorbimento dei grassi e quindi importante la sua assunzione prima dei pasti. Per queste propriet le feci divengono steatosiche. Leffetto sui grassi completato dalla Garcinia capace invece di agire sui grassi prodotti per via endogena. Dalla scorza del frutto di Garcinia si ottiene un estratto secco titolato al 60% in acido idrossicitrico. Questa molecola capace di bloccare in modo reversibile lattivit della citratoliasi presente nel citoplasma degli epatociti. Questo lenzima che catalizza la trasformazione del citrato in ossalacetato ed acetil - CoA, substrato per la sintesi degli acidi grassi e del colesterolo. Al blocco enzimatico consegue: ridotta sintesi di acidi grassi e colesterolo, riduzione del deposito di lipidi nel tessuto adiposo, stimolo della glicogenosintesi, riduzione dellappettito. Sinergica allazione della Cassia nomame e Garcinia la Banaba in quanto capace di influenzare il metabolismo degli zuccheri. La Banaba, tipica pianta del sud - est asiatico viene tradizionalmente utilizzata sottoforma di th, tramite infusione delle foglie, per le sue propriet ipoglicemizzante e nel trattamento dellobesit. Praticamente sconosciuta in occidente fino a qualche anno fa, stata presa in considerazione in seguito alla pubblicazione di alcune ricerche cliniche che dimostrano gli effetti ipoglicemizzanti. Il suo effetto a livello glicemico stato paragonato a quello dellinsulina, ovvero, i principi attivi della pianta facilitano il trasporto di glucosio dal sangue alle cellule. In tal modo lestratto gioca un importante ruolo nella regolazione dei livelli di zucchero e di insulina plasmatici. Nelle foglie di Banaba stato identificato un composto triterpenoide, lacido corosolico, ritenuto il responsabile dellefficacia terapeutica: gli studi in vitro e in vivo attribuiscono ad esso leffetto ipoglicemizzante. I primi studi su questa pianta sono stati effettuati da gruppi di ricerca giapponesi che furono anche i primi a riconoscere lacido corosolico quale principio attivo della Banaba e, successivamente, ad isolarlo. Lacido corosolico stimola il trasporto del glucosio allinterno delle cellule. Per questo meccanismo allacido corosolico stato attribuito il nome di fitoinsulin. Studi clinici su soggetti affetti da diabete di tipo II, trattati sia con placebo che con una dose orale di Banaba, tre volte al giorno e dopo i pasti principali, hanno confermato leffetto ipoglicemizzante della pianta. I risultati dei primi esperimenti clinici indicano inoltre che leffetto farmacologico dose - dipendente. A ci

136

SnelS

si aggiunge lulteriore ipotesi che possa esserci un effetto memoria prodotto dallacido corosolico che permetterebbe il persistere dellattivit anche per un mese dalla sospensione del trattamento. La Banaba una pianta elettiva per il controllo del tasso glicemico nei soggetti con predisposizione al diabete; questo ruolo di fitoinsulina si rivela utile inoltre nel trattamento degli stati di obesit e sovrappeso, soprattutto in soggetti con difficolt di controllo del metabolismo degli zuccheri, nonch nel controllo della fame nervosa correlata a fluttuazioni di glicemia. A rinforzare leffetto, vi unaltra pianta capace di interferire con il metabolismo dei nutrienti: il Th verde. La pianta possiede propriet snellenti dovute alla sua capacit di stimolare il metabolismo e ad un effetto depurativo e disintossicante. La presenza della caffeina esplica un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale ed inoltre stimola la lipolisi tramite inibizione della fosfodiesterasi. Linibizione della fosfodiesterasi determina un aumento di AMP ciclico (mediatore intracellulare delladrenalina) e, di conseguenza, una maggiore attivit dellenzima trigliceride - lipasi, che dallAMP ciclico stimolato. La trigliceride - lipasi favorisce la lipolisi a livello del tessuto adiposo con conseguente riduzione degli accumuli di grasso. Il Th verde anche un ottimo diuretico, facilita leliminazione di liquidi dallorganismo e pulisce i reni senza alterarne la funzionalit, pertanto completa leffetto dei costituenti secondari responsabili degli effetti depurativi e drenanti del prodotto. LAphanizomenon flos - aquae (AFA) un genere di cianoficeae, o alghe verdi azzurre che cresce allo stato spontaneo, selvatico, nel lago Upper Klamath, nellOregon meridionale (USA). Il contenuto in nutrienti delle alghe dipende da vari fattori, tra i quali laltitudine, la temperatura, e lesposizione al sole delle acque in cui si sviluppano, che possono condizionare la composizione dei lipidi e dei pigmenti contenuti. La presenza di inverni rigidi permette la sintesi di acidi grassi essenziali. Dopo essersi evolute con successo per milioni di anni, queste alghe hanno sviluppato dei sistemi enzimatici complessi e versatili, essenziali alla vita e che vengono utilizzati dagli organismi come catalizzatori per i processi biologici. Le alghe verdi - azzurre hanno la caratteristica di essere un cibo non raffinato che allo stato naturale si presenta ricco in carotenoidi, clorofilla, ficocianina e tanti altri componenti bioattivi, come acidi grassi polinsaturi della serie omega - 3 e omega - 6, proteine e aminoacidi essenziali, Phenylethylamina (PEA) e uno spettro completo di vitamine e sali minerali. Lalga stata quindi aggiunta alla preparazione quale fonte di nutrienti fondamentali per chi segue una dieta ipocalorica. Infine lo SnelSi si arricchisce di cromo picolinato capace di sinergizzare leffetto dimagrante degli altri costituenti. Il cromo un minerale essenziale nella nutrizione umana ed stato ormai dimostrato il suo fondamentale ruolo nel metabolismo dei carboidrati, tale che in carenza di cromo si sviluppa una intolleranza al glucosio. Giuste concentrazioni di cromo regolano il metabolismo di glucosio ed esplicano un

attivit ipocolosterolemizzante. Nella forma di picolinato particolarmente attivo e biodisponibile, numerosi sono gli studi effettuati utilizzando il cromo in questa forma salina.

BIBLIOGRAFIA 1. Drapeau C.; "The Cianophyta Aphanizomenon flos-aquae flos-aquae". 2. Pizzorno J., Murray M.; Trattato di medicina naturale, pag 1204, vol 2. Ed.Red. 3. Abrams K.J; Le alghe per la salute, Ed.Tecniche Nuove. 4. Reddy C.M., et al., Selective Inhibition of cyclooxygenase-2 by C- phycocyanin, in Biochem Biophys Res Commun. 2000; 277(3): 599-603. 5. Bhat V.B., et al., C-phycyanin: a potent peroxyl radical scavenger in vivo and in vitro, in Biochem Biophys Res Commun., 2000; 275(1):20-25. 6. Vadiraja B.B., et al., Hepatoprotective effects of C-phycocyanin: protection for carbon tetrachloride and R-(+)- pulegonemediated hepatotoxicity in rats, in Biochem Biophys Res Commun., 1998; 249(2):428-31. 7. Romay C., et al., Phycocyanin extract reduces leukotriene B4levels in arachidonic induced mouse-ear inflammation test, in J Pharm Pharmacol. 199951(5):641-42. 8. Gonzales R., et al., Anti-inflammatory activity of phycocyanin extract in acetic acid induced colitis in rats, in Pharmacol Res. 1999;39(1): 55-59. 9. Rafail I. Kushak, et al., Favorable Effects of Blue Green Algae Aphanizomenon flos-aquae Flos Aquae on Rat Plasma Lipid,,in Journal of the American Nutraceutical Association, Vol.2, n3, Jan 2000, pp.59-65. 10. Kushak R.I., et al., The Effect of Blue-Green Algae Aphanizomenon flos-aquae Flos Aquae on Nutrient Assimilation in Rats, in Journal of American Nutraceutical Association, Vol.3, n4, Winter 2001, pp. 35-39. 11. Kushak, R., et al., Effect of algae Aphanizomenon flos-aquae Flos Aquae on digestive enzyme activity and polyunsaturated fatty acids level in blood plasma, in Gastroenterology, 1999, 116:A559. 12. Briggs W.R, Wilson E.O, et al, La vita sulla Terra, pp 548-9, Ed Zanichelli 1973. 13. Kakuda T., Sakane I., Takikara T., Ozaki Y., Takeuchi H., Kuroyanagi M., Hipoglycemic effect of extracts from Lagerstroemia speciosa L. leaves in genetically diabetic KK-Ay mice Biosc. Biotechnol. Biochem. 1996 Feb; 60(2): 204-208. 14. Muratami, Myoga, Kasai, Ohtani, Kurokawa, Ishibashi, Dayrit, Parolina, Yamasaki, "Screening of plant constituents for effect on glucose transport activity in Erlich ascite tumoour cells" Chem. Pharm. Bull. (Tokyo) Dic. 1993; 41 (12): 2129-2131. 15. Suzuki, Unno, Ushitani, Hayashi, Kakuda, "Antiobesity activity of extracts of Lagerstroemia speciosa L. leaves on fermale KK-Ay mice" J.Nutr. Sci. Vitaminol (Tokyo) Dic. 1999; 45 (6):791-795.

SnelS
137

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

TiroVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. OV77
INDICAZIONI SALUTISTICHE Rimedio naturale capace di favorire il benessere della ghiandola tiroidea, influenzando positivamente i processi metabolici regolati dalla ghiandola stessa. La metodologia estrattiva capace di sfruttare l'energia dell'alcol spagyrico rosso conferendo allo stesso veicolo di estrazione, una maggiore capacit estrattiva, rende i principi attivi e i nutrienti aggiunti altamente biodisponibili. In questo modo i nostri OLOSVITA corrispondono al pi moderno concetto di benessere. Non si tende solo a contrastare i disturbi tipici dell'era moderna ma a preservare il proprio stato di salute attraverso il giusto apporto di nutrienti e soprattutto microelementi fondamentali per lo svolgimento e l'equilibrio di tutte le funzioni biochimiche dell'organismo.Il nostro regime alimentare fatto di cibi precotti e raffinati e i nostri ritmi di vita frenetici non soddisfano il fabbisogno ottimale di minerali e vitamine, andando cos incontro a forme di carenza causa di diversi disturbi spesso non diagnosticabili ma responsabili dei nostri malesseri. Nell' "Olosvita ERBENOBILI", e nella fattispecie nel Tirovin, alla nostra tintura spagyrica di Fucus vesiculosus, contenente al suo interno oligoelementi naturali (sali minerali) della pianta come ZINCO, RAME e IODIO, vengono aggiunte e abbinate vitamine e minerali (Zn, Cu, I, Tirosina-L e Vitamina B6) per potenziare e aumentare sinergicamente l'efficacia ovvero favorire il fisiologico funzionamento della ghiandola tiroidea fondamentale per il benessere fisico e mentale dell'organismo. Spesso infatti alcuni disturbi sono collerabili ad alterazioni funzionali della tiroide difficilmente diagnosticabili tipo: lieve depressione, infertilit, problemi della menopausa, difficolt di concentrazione, aumento di peso, emicrania, colesterolo e pressione elevati, estremit fredde, perdita di capelli e livelli d'energia bassi, per questo il riequilibrio tiroideo diventa fondamentale. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: estratti idroalcolici (acqua distillata, succo del frutto della vite (Vitis vinifera L), alcol etilico, parte di piante 20%), di: fucus (Fucus vesiculosus) tallo, tirosina-L, zinco gluconato, vitamina B6 (Cloridrato), rame gluconato, potassio Ioduro. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce diluite in poca acqua due volte al di preferibilmente al mattino e nel primo pomeriggio. Si consiglia di agitare bene il prodotto prima dell'uso. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Lo iodio, contenuto nel Fucus sia in forma inorganica che legato a proteine, viene assorbito con facilit dall'organismo e va a concentrarsi nella tiroide dove viene incorporato e utilizzato per la sintesi degli ormoni tiroidei tiroxina e triiodotironina. Il Fucus pu essere utilizzato nell'ipotiroidismo con gozzo, nell'obesit, nelle "scrofole" della pelle e nelle adenopatie, nella tradizione erboristica con-

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 60 gocce
Componenti Fucus tallo Tirosina - L Zinco - 15% RDA Vitamina B6 - 100% RDA Rame - 15% RDA Iodio - 15% RDA per 6 ml 1200 mg 200 mg 1,5 mg 1,4 mg 0,15 mg 22,5 mcg

RDA = dosaggio alimentare raccomandato

138

siderato il rimedio principe delle costituzioni "pletoriche". Lo iodio e la L-tirosina sono indispensabili per la produzione degli ormoni tiroidei; lorganismo produce naturalmente la tirosina dai rispettivi precursori, con linvecchiamento, questa produzione diventa pi rara e diventa indispensabile integrarla. Laumento di iodio eviter un ulteriore ingrossamento della ghiandola e in alcuni casi, ne ridurr le dimensioni. La tirosina non pu essere usata senza le vitamine B6 e C. La B6 utilizzata anche dal corpo nel processo di rimozione di eccesso di metalli. Ci sono due principali malattie, relative ad un malfunzionamento del sistema tiroideo. Si tratta di ipertiroidismo (la tiroide produce un eccesso di ormoni tiroidei portando ad un aumento del metabolismo e ad altri sintomi correlati) ed ipotiroidismo( la tiroide produce una quantit minima di ormoni tiroidei portando ad un rallentamento del metabolismo e ad altri sintomi correlati: spossatezza, perdita di capelli...). La vitamina E aumenta lassorbimento dello iodio. Lo zinco rinforza il funzionamento della tiroide e associato al rame funzionano come antiossidanti importanti. L'importanza dell'integrazione di oligoelementi risulta importante perch: contribuiscono alla conversione della T4 (tiroxina) in T3 (triiodotironina, ormone tiroideo pi attivo), unintegrazione di zinco previene la diminuzione dei livelli di ormoni tiroidei. Fucus - Specie: Fucus vesiculosus Famiglia: Fucacee - Droga: tallo Il fucus unalga ricca di propriet salutistiche: antibatterica, leggero stimolante del sistema immunitario e in pi contenente buone concentrazioni di iodio, elemento indispensabile per la tiroide nello svolgere le normali funzioni fisiologiche. La carenza di iodio determina quindi disturbi a livello tiroideo, ad esempio una conseguenza linsorgenza del gozzo tiroideo, cio un rigonfiamento a livello del collo. Ebbene, lalga fucus riesce in qualche modo a compensarne la mancanza e in tal senso si pone come ottimo strumento di prevenzione rispetto allinsorgenza di disturbi di questo tipo. Zinco Lo zinco un minerale di estrema importanza nell'equilibrio dell'organismo, un oligoelemento, che si trova solo in minime quantit nel corpo, pari circa a 2 g. Il 65% di questo concentrato nei muscoli e il 20% nelle ossa. presente in tutte le cellule, in particolare nelle ghiandole surrenali, nel tessuto cutaneo,nel cervello, nel pancreas e nella prostata. Lo zinco oltre ad essere un antiinfiam-matorio naturale, rinforza il funzionamento della tiroide e svolge un ruolo importante nella modulazione dello stato d'animo e nelle funzioni intellettive e di apprendimento, cos come nel gusto e nell'olfatto. Interviene nel processo di coagulazione del sangue, nella produzione di ormoni da parte della tiroide e nel metabolismo dell'insulina. Il deficit di zinco pu causare ritardo di crescita, anomalie di maturazione sessuale, disturbi al sistema immunitario, problemi alla pelle. Rame Il Rame un minerale di estrema importanza nell'equilibrio dell'organismo. Va precisato che il

Rame di cui parliamo una forma organica di Rame a basso dosaggio, che viene usato come oligoelemento sottoforma di sale e precisamente in forma di Rame gluconato. Ha azioni importanti su una vasta parte delle reazioni enzimatiche umane. Azione potente antinfettiva, di regolazione ormonale (soprattutto per la tiroide e la regolazione mestruale), antiallergica, una forte azione antidegenerativa e antitumorale. Per contro la carenza di rame pu comportare alcuni problemi per la salute quali: anemia, problemi cardiaci e circolatori anomalie ossee, complicazioni nel funzionamento del sistema nervoso ed immunitario, dei polmoni e dei reni, della tiroide e del pancreas. L - Tyrosine Amminoacido naturale, la tirosina svolge un ruolo importante nel funzionamento delle ghiandole: tiroide, adrenali, pituitarie che controllano la produzione dell'ormone. La tirosina biologicamente importante in quanto precursore di vari ormoni. Tra questi la tiroxina (un ormone tiroideo) e le catecolammine (dopamina, noradrenalina e adrenalina). La tiroide secerne un fluido, lormone tiroxina, composto da iodio e tirosina. La tiroide, attraverso lormone tiroxina, regola il metabolismo, la trasformazione del cibo, la crescita, la temperatura corporea, e influenza lequilibrio mentale e emotivo; ha una funzione anche nel sistema riproduttivo. I disturbi tiroidei sono causati da una mancanza di iodio che ostacola la produzione della tiroxina o da un disturbo in qualsiasi altra parte del corpo che richiede pi tiroxina di quanto la ghiandola possa produrne. La carenza di questo amminoacido porta al gozzo (un ingrossamento della ghiandola tiroide che si trova alla base del collo). Il gozzo pu essere causato da una sotto o sovrapproduzione di tiroxina da parte della tiroide. Uno dei primi sintomi del gozzo sono i capelli secchi. Altri sintomi sono un gonfiore alla base del collo, perdita o aumento di peso, cambiamenti nelle mestruazioni, palpitazioni, raucedine, irritabilit, occhi sporgenti. Alcuni studi suggeriscono che la tirosina pu anche stimolare la produzione dell'ormone della crescita, e riduce il grasso corporeo favorendone il catabolismo. L-tirosina funziona come antistress e favorisce le risposte dellorganismo allaffaticamento mentale, allo stress, alla stanchezza psico-fisica e pu essere un utile coadiuvante in caso di disturbi emotivi, anche quelli che accompagnano la menopausa. L-tirosina precursore della melanina, il pigmento della pelle che la protegge dai danni delle radiazioni UV. Iodio Lo iodio un minerale di estrema importanza nell'equilibrio dell'organismo. Va precisato che lo iodio di cui parliamo una forma organica di iodio a basso dosaggio, che viene usato come oligoelemento sottoforma di sale e precisamente in forma di Ioduro di Potassio. Lo iodio introdotto con l'alimentazione sotto forma di ioduro, viene trasformato nella tiroide in iodio organico ed incorporato nella tirosina dalla tireoglobulina intrafollicolare. La tirosina viene iodata in uno (monoiodotirosina) o due siti molecolari (diiodotirosina).La tirosina iodata poi condensata per formare gli ormoni tiroidei: T4 (tetraiodotirosina), T3 (triiodotirosina).Un'altra fonte di T3 (l'ormo-

TiroVin
139

ne tiroideo attivo), all'interno della ghiandola tiroidea, quello che deriva dalla deiodazione dell'anello esterno della T4 per mezzo appunto di una deiodasi che un selenio-enzima che contiene selenocisteina. Anche se le possibili interrelazioni tra iodio e selenio devono essere ancora meglio approfondite, una connessione possibile tra le carenze dei due elementi stata ipotizzata oltre che nellipotiroidismo anche nella SIDS, nella sclerosi multipla e nei tumori mammari. Vitamine B6 Vitamina B6 nota anche come piridossina, insieme ad altri nutrienti un elemento essenziale per il buon funzionamento del sistema tiroideo. Questa utilizzata anche nel processo di rimozione di un eccesso di metalli. Agirebbe in sinergia con lo zinco nell'inibire l'azione della 5 alfa reduttasi periferica (enzima che trasforma il testosterone in un' altra forma detta DHT, provocando calvizie androgenetica sintomo anche nellipotiroidismo. La vitamina B6 stata anche usata per curare, con ottimi risultati, scompensi sessuali maschili, eczemi, assottigliamento e perdita dei capelli, tasso di colesterolo elevato, diarrea, emorroidi, pancreatite, ulcere, debolezze muscolari, alcuni tipi di scompensi cardiaci, piedi doloranti, certi tipi di calcoli renali, acne, carie dentaria. Individui che sono altamente fotosensibili e sono soggetti a ustioni solari sono stati trattati con successo con la vitamina B6. La vitamina pu anche ridurre lannebbiamento della vista tipico della cataratta. Sembra essere benefica anche nel trattamento dello stress, insieme allo zinco. Ci sono stati miglioramenti nei pazienti affetti dalla malattia di Crohn ai quali stata somministrata la vitamina B6 insieme a zinco, magnesio, piridossina, niacinamide, vitamina C, vitamina E, e altri antiossidanti.

140

TiroVin

BIBLIOGRAFIA 1. Glombitza K.W. et al.: Planta Med. 32,33, 1977 2. Pedretti M.: L'erborista moderno,Studio Edizioni, Milano, 1980 3. Curro F. et al.: Arch. Med. Intern 28, 19, 1976 4. Le Tutour B, Benslimane F, Gouleau MP, et al. Antioxidant and pro-oxidant activities of the brown algae, Laminaria digitata, Himanthalia elongata, Fucus vesiculosus, Fucus serratus 5. Ascophyllum nodosum. J Applied Phycology 1998;10(2):121129. 5-Mssig K, Thamer C, Bares R, et al. Iodine-induced thyrotoxicosis after ingestion of kelp-containing tea. J Gen Intern Med 2006 Jun;21(6):C11-4. 6. Nishiyama S, Mikeda T, Okada T, et al. Transient hypothyroidism or persistent hyperthyrotropinemia in neonates born to mothers with excessive iodine intake. Thyroid 2004;14(12):10771083. 7. Picco G, de Dios-Romero A, Albanell N, et al. [Regular intake of seaweed and hyperthyroidism]. Med Clin (Barc) 2006 Jul 1;127(5):199 8. Pye KG, Kelsey SM, House IM, et al. Severe dyserythropoiesis and autoimmune thrombocytopenia associated with ingestion of kelp supplements. Lancet 1992;339(8808):1540. 9. Shilo S, Hirsch HJ. Iodine-induced hyperthyroidism in a patient with a normal thyroid gland. Postgrad Med J 1986;62(729):661-662. 10. Skibola CF, Curry JD, VandeVoort C, et al. Brown kelp modulates endocrine hormones in female sprague-dawley rats and in human luteinized granulosa cells. J Nutr 2005;135(2):296-300. 11. Teas J, Braverman LE, Kurzer MS, et al. Seaweed and soy: companion foods in Asian cuisine and their effects on thyroid function in American women. J Med Food 2007 Mar;10(1):90-100. 12. The Medical Letter 15/12/02 13. Vitamin Bible di Earl Mindel.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

TossVin
Integratore alimentare flacone da 100 ml e da 200 ml Cod. EN27 - 200 ml
INDICAZIONI SALUTISTICHE Sciroppo che si rif alla tradizione erboristica come composizione, ma realizzato attraverso moderne tecniche estrattive in modo da esaltarne gli effetti benefici. stato realizzato con miele di acacia ed estratti vegetali ricchi di sostanze ad azione emolliente, balsamicha e protettiva, indicato per attenuare rossori, bruciori e tutti i fastidi che colpiscono le vie aeree durante la stagione pi fredda. La dose giornaliera sciolta in una bevanda calda come latte o tisana balsamica, esalta i principi attivi e gli effetti di questo composto. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: miele, acqua distillata, balsamo del tol (Myroxylon balsamum (L.) Harms) resina estratto fluido, polmonaria (Pulmonaria officinalis L.) estratto idroalcolico delle parti aeree, piantaggine (Plantago major L.) estratti secchi di foglie, erisimo (Sisymbrium officinale Scop.) parti aeree, papavero (Papaver roheas L.) petali estratto idroalcolico, lichene islandico (Cetraria islandica Ach.) tallo. Acido ascorbico (Vitamina C), conservante: potassio sorbato. Oli essenziali di eucalipto (Eucaliptus sp.) e cannella (Cinnamomum zeylanicum L.). Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato 1 cucchiaio (15 ml circa) 2 volte al giorno preferibilmente lontano dai pasti, tal quale o diluito in una bevanda calda. In caso il disturbo non si plachi in breve tempo consentito arrivare a 4 cucchiai giornalieri sotto consiglio medico. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Ad una base di miele di acacia gi di per s ricco di sostanze nutritive e funzionali, sono state aggiunte piante nelle forme che meglio esaltano i loro specifici principi attivi. Del balsamo si utilizza lestratto fluido ad alta gradazione alcolica in quanto ricco di resine, la polmonaria e i petali di papavero vengono estratti in soluzione idroalcolica, mentre la piantaggine, lerisimo e il lichene vengono utilizzati in forma di estratti secchi al fine da raggiungere, con la dose giornaliera consigliata, la giusta efficacia. Miele Il miele insieme nutrimento e medicamento, e sin dallantichit cos stato percepito dalluomo. Tecnicamente la secrezione zuccherina prodotta dalle api contenente un 70% di destrosio, levulosio, acqua e polline, ma in realt una sostanza estremamente complessa in relazione anche ai luoghi e ai climi in cui si produce. Nel miele, ad una base di zuccheri estremamente assimilabili, si associano enzimi, vitamine, oligoelementi che ne fanno in pratica un alimento completo. Lazione dei componenti secondari per molto importante e riconosciuta, quindi nel mellito il miele non solo un veicolo, ma esso stesso

Cod. EN115 - 100 ml

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 30 ml corrispondenti a 2 cucchiai
Componenti Balsamo del tol resina EF Polmonaria parti aeree EI Piantaggine foglie ES Erisimo parti aeree ES Papavero petali EI Lichene dIslanda tallo ES Vitamina C - 200% RDA Eucalipto OE Cannella OE per 30 ml 2400 mg 1500 mg 900 mg 900 mg 600 mg 600 mg 160 mg 150 mg 30 mg

EF = estratto fluido EI = estratto idroalcolico ES = estratto secco OE = olio essenziale RDA = dosaggio alimentare raccomandato

141

esplica azioni benefiche specifiche, come ad esempio lazione emolliente nei confronti delle mucose infiammate. Importante lazione antisettica dovuta al potere dellenzima glucosio ossidasi, che si attiva quando il miele sciolto in acqua liberando perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Il miele contiene un'altra sostanza antibatterica che le api producono nelle loro ghiandole ipofaringee e aggiungono come conservante naturale, che il lisozima. Altra sostanza sempre con azione batteriostatica lacido formico. Il miele poi, contiene sempre proporzioni variabili di polline che apporta proteine e vitamine (soprattutto del gruppo B) esplicando unazione energizzante supplementare e aiutando a sopportare lo stress della malattia. Balsamo del Tol Specie: Myroxylon balsamum (L.) Harm. - Famiglia: Papilionaceae - Droga: resina solidificata (balsamo) Il balsamo del tol la resina che si forma per via di lesioni naturali o fatte dalluomo, sul tronco di un alberello tropicale originario della parte settentrionale del Sud America. Il balsamo ha un odore aromatico delicato ma caratteristico. Contiene acido cinnamico e benzoico liberi, esteri volatili (fra cui cinnamato di benzoile), acidi triterpenici (oleanolico, sumaresinolico) triterpenoidi, eugenolo e vanillina. Il balsamo del Tol ampiamente usato come aromatizzante e blando espettorante nei medicinali per la tosse, ed riportato anche nella nostra Farmacopea Ufficiale infatti, capace di esplicare contemporaneamente un azione antisettica (da ascriversi agli acidi liberi, benzoico e cinnamico) e unazione balsamica (data dai terpeni). Polmonaria - Specie: Pulmonaria officinalis L. Famiglia: Borraginaceae - Droga: parti aeree fiorite La polmonaria una pianta erbacea perenne che cresce nei boschi in prossimit di raccolte umide e negli angoli pi freschi. La foglia lanceolata e con una colorazione caratteristica, che alterna un verde cupo di fondo ad un grigio cenerino areolato. Al colpo docchio sembra di avere davanti una sezione di alveoli polmonari; da qui il nome. Sempre seguendo la cos detta dottrina de la signatura, questa apparenza gli fa attribuire propriet benefiche allapparato respiratorio. Le propriet della polmonaria non sono state studiate a fondo come meriterebbe questa pianta, per cui la valenza legata alluso e alle conoscenze popolari. La pianta ricca in mucillagini e fruttani, che possono essere ritenuti responsabili dellazione emolliente, contiene inoltre quantit importanti di minerali, fra cui acido silicico e diversi flavonoidi (kaempferolo, quercitina ed altri) coinvolti nellazione antinfiammatoria. Piantaggine - Specie: Plantago major L. Famiglia: Plantaginaceae - Droga: le foglie una pianta erbacea perenne dalle foglie a spatola tipicamente parallelinervie, ed comune nei prati e lungo i bordi delle strade. Ne esistono diverse specie utilizzate indifferentemente (P. major, P.lanceolata L. e P. media L.) anche se la pi usata la major. La piantaggine contiene molte sostanze biologicamente attive come polisaccaridi (mucillagini), lipidi, deriva-

ti dellacido caffeico, flavonoidi, glicosidi iridoidi e terpenoidi. Inoltre contiene aucubina, vitamine (A, C e K), una saponina, zuccheri complessi (raffinosio, stachiosio) e minerali. Nelle piante vecchie e fiorite presente acido oleanolico. Luso tradizionale la vede come un cicatrizzante e un rimedio alle punture di insetti e contusioni. Nella tradizione alpina una delle piante tipiche per le tisane invernali con propriet antitussive e bechiche, legate allelevato contenuto di mucillagini. Grazie ai flavonoidi invece, esplica anche unazione antinfiammatoria. Lestratto secco utilizzato nella preparazione, stato realizzato prendendo lacqua come solvente di estrazione, pertanto ricco di mucillagine e flavonoidi, sostanze importanti per la funzione emolliente e protettiva sulle mucose della cavit orale. Erisimo - Specie: Sisymbrium officinale Scop. Famiglia: Cruciferare - Droga: parti aeree fiorite Lerisimo, da sempre noto come erba dei cantanti, i quali lo usano per mantenere una voce chiara e pulita. Questa droga stata pochissimo studiata sia negli aspetti biochimici che in quelli farmacologici, mentre luso consolidato per trattare forme di infiammazione della alte vie respiratorie, il mal di gola e la raucedine. Lerisimo, come molte crucifere, contiene le sostanze note come glucosinolati, che per idrolisi, liberano gli istiocianati, responsabili del sapore piccante di molte brassicaceae, ma anche di tutte le propriet attribuite a tale pianta. Sembra infatti, che tali costituenti solforati rivestano un ruolo importante nella fisiologica umana: antiossidante e protettori dei processi di cancerogenesi. Il fitocomplesso in toto, da qui l'utiliizzo dell'estratto idroacolico da pianta fresca, dimostrato essere coinvolto nel processo di produzione del muco e di fluidificazione delle mucoproteine. Papavero - Specie: Papver roheas L. Famiglia: Papaveraceae - Droga: i petali Il papavero una pianticella annuale che ognuno di noi sa bene riconoscere in primavera quando colora di rosso le nostre campagne, ed diffusa in tutte le regioni temperate. I petali leggerissimi e debolmente profumati di noce, contengono piccole quantit di alcaloidi tipici delle papaveraceae. Fra essi sono stati isolati la readina, lisoreadina, la reagenina, la protopina e la sanguinaria. Sono invece ricchi di mucillagini e pigmenti antocianici (mecocianina, pelargonidina). Lazione farmaco-logica non stata studiata a fondo, ma tradizionalmente il papavero combina leffetto blandamente calmante legato agli alcaloidi, in particolare la protopina, allazione bechica ed emolliente delle mucillagini, rendendo questa droga un ingrediente tipico dei preparati per la tosse. Lichene dIslanda Specie: Cetraria islandica Ach. Famiglia: Parmeliaceae - Droga: il tallo o fronda La tundra, la formazione vegetale bassa tipica del circolo polare artico, formata da praterie di licheni, fra cui il lichene islandico che una delle specie pi comuni. Lo troviamo anche nei nostri boschi e sulle montagne delle Alpi e degli Appennini. Il tallo costituito fino al 70% da lichenina, una miscela di

142

TossVin

polisaccaridi ad alto peso molecolare, contiene inoltre una grande variet di metaboliti e sostanze attive come gli acidi lichenici (lattoni di acidi grassi, derivati dellorcinolo, derivati furanici), fra cui acido usnico e lamarissimo acido cetrarico, sono presenti anche vitamine (folato, vitamine del gruppo B) e mucillagini. La sua attivit legata sia allazione fluidificante dei polisaccaridi, sia allazione antibiotica dimostrata in vitro degli acidi lichenici, in particolare acido usnico. Di recente ne stata anche proposta, e dimostrata in vitro, unazione di modulazione immunitaria. Oli Essenziali Gli oli essenziali di eucalipto e di cannella sinergizzano lazione delle altre piante presenti nella formulazione, in quanto allazione balsamica combinano quella antisettica. Leucalipto, ricco in 1,8-cineolo, espettorante e attivo contro diversi ceppi di patogeni, fra cui diversi Streptococcus. Lolio essenziale di cannella invece noto per avere una spiccata azione antisettica sia verso betteri che funghi.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 3. Benigni R. Capra C., Cattorini P.E. Piante Medicinali: chimica, farmacologia, terapia. Inverni & della Beffa, Milano, 1982. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 6. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 7. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 8. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 9. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 10. Senatore F. Oli essenziali. Ed. EMSI - Roma, 2000. 11. Inglfsdttir K, Chung G. A. C., Skfalason V. G., Gissurarson S. and Margrt Vilhelmsdttir M. Antimycobacterial activity of lichen metabolites in vitro. , 1 April 1998, Pages 141144. 12. Freysdottir J, Omarsdottir S, Ingolfsdottir K, Vikingsson A, Olafsdottir ES. In vitro and in vivo immunomodulating effects of traditionally prepared extract and purified compounds from Cetraria islandica. International Immunopharmacology 8, 423-430 (2008).

TossVin
143

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

VenaVin
Integratore alimentare flacone da 50 ml Cod. EN28
INDICAZIONI SALUTISTICHE Combinazione di macerati glicerici noti per esplicare un benefico effetto a livello della circolazione venosa, nonch donare un piacevole senso di leggerezza agli arti inferiori. COMPOSIZIONE Costituenti vegetali caratterizzanti: macerati glicerici (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, succo di uva, parte di pianta 2%) di: sorbo (Sorbus domestica L.) gemme, castagno (Castanea vesca Gaertn.) gemme, limone (Citrus limon (L.) Burm.) giovani getti, sanguinella (Cornus sanguinea L.) gemme, ippocastano (Aesculus hippocastanum L.) gemme. Costituenti attivanti secondo la metodologia spagyrica: vino alchemico (succo di uva, alcol etilico). POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 25 - 45 gocce due volte al d preferibilmente al mattino prima di colazione e la sera prima di coricarsi, diluita in acqua o bevanda clada. CONTROINDICAZIONI Controindicato in caso di ipersensibilit accertata verso uno dei costituenti. EFFETTI COLLATERALI Non sono stati evidenziati ai normali dosaggi. Sovradosaggi possono indurre disturbi gastrointestinali minori. DESCRIZIONE E PROPRIET DEI COSTITUENTI ATTIVI Gli estratti vegetali in forma di estratti idroalcolglicerici, vengono ulteriormente attivati secondo la tecnica spagyrica che prevede l'aggiunta di vino "alchemico" come ulteriore solvente di estrazione. Tale tecnica migliora la biodisponibilit dei fitocomplessi e una loro pi completa attivit. Al di l degli aspetti intrinseci legati alle tecniche spagyriche, esistono delle spiegazioni scientifiche sull'uso di certi solventi come vino, alcol etilico che, sottoposti a processi di distillazione, vengono purificati acquisendo una maggiore capacit estrattiva. I gemmoderivati ottenuti con le parti ancora indifferenziate delle piante (gemme, germogli, radichette), sono ricchi di sostanze caratteristiche tipiche dei tessuti in accrescimento, come giberelline, fitormoni, minerali e vitamine, capaci di attribuire propriet esclusive. In generale i gemmoderivati vengono utilizzati per cure di terreno e di drenaggio dorgano, in particolare le gemme di Castanea Vesca presentano un tropismo per i vasi linfatici, le gemme di Sorbo e Aesculus Hippocastanum per i vasi venosi ed infine i giovani getti del Limone e le gemme di Cornus Sanguinea per la circolazione venosa in genere. Ecco perch il VENAVIN indicato quale rimedio nellinsufficienza venosa causa di edemi, pesantezza, malessere degli arti inferiori, fragilit capillare. Il prodotto pu essere somministrato per lunghi periodi ed capace di attenuare tutti i disturbi associati a questa sintomatologia. Sorbo - Specie: Sorbus domestica L. - Famiglia: Rosaceae - Droga: gemme Antico albero da frutta oggi poco conosciuto, che produce frutta autunnale serbevole e ricca di acido sorbico. Il macerato delle gemme un rimedio specifico per le vene, i principi attivi tonificano la parete dei vasi venosi attenuando tutta la sintomatologia a carico di questo apparato, come laumento della pressione

Tenore medio degli ingredienti caratterizzanti per dose giornaliera pari a 6 ml corrispondenti a 90 gocce
Componenti Sorbo gemme MG Castagno gemme MG Limone giovani getti MG Sanguinella gemme MG Ippocastano gemme MG per 6 ml 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg 6 mg

MG = macerato glicerico

144

common natural ingredients used in food, drugs and cosmetics, John Wiley & Sons, New York 1996; oppure la relativa versione in lingua italiana, S. Foster,B.Y Leung, Enciclopedia delle piante medicinali utilizzate negli alimenti, nei farmaci e nei cosmetici, Ed. Aporie, Roma 2000. 4. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 5. M. McGuffin, C. Hobbs, R. Upton, A. Goldberg, Botanical safety handbook, CRC Press, Boca Raton (Florida) 1997. 6. J.B. Peris, G. Stubing, B. Vanaclocha, Fitoterapia aplicada, M.I. Colegio Official de Farmaceuticos, Valencia 1995. 7. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 8. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy - A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 9. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 10. H. Wagner, M. Wiesenauer, Phytotherapie, Gustav Fischer, Stuttgart 1995. 11. M. R. Werbach, M.T. Murray, Botanical influences on Illness, Third Line Press, Tarzana (California) 1994. 12. R.F. Weiss, V. Fintelmann, Herbal Medicine, II edizione, Thieme, Stuttgart 2000. 13. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 1991, Vol. 1. 14. World Healt Organization. WHO monographs on selected medicinal plants, WHO, Ginevra 2001, Vol. 2. 15. Coccolo M.F. La gemmoterapia - curarsi con lenergia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 16. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica. San Giustino 1992. 17. Duo E. La gemmoterapia - come curarsi e sentirsi in forma con luso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 18. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000.

Castagno - Specie: Castanea vesca Gaertn. Famiglia: Fagaceae - Droga: gemme Imponente albero di origine asiatica importato dai Romani in tutta Europa per i frutti prelibati. Nella tradizione erboristica se ne usano le foglie ricche di mucillagini e resine, come astringenti e anti tussive. Se ne mettono a macerare le gemme che posseggono unintensa attivit drenante sul sistema linfatico, quindi alleviano la stasi linfatica, riducendo ledema laddove presente, e riattivando e dinamizzando tutto il processo circolatorio. Limone - Specie: Citrus limon L. Famiglia: Rutaceae - Droga: giovani getti Agrume fra i pi noti per il profumo e il gusto caratteristico, una pianta ricchissima in oli essenziali e sostanze attive, impiegate come integratori alimentari e in cosmesi. In gemmoterapia si impiegano giovani getti, anchessi ricchi di essenza e di sostanze attive. Secondo la letteratura, il limone agisce a livello di fluidit ematica riducendo il tasso ematico di fibrinogeno, e manifesta anche una attivit anticoagulante. indicato nei casi in cui vi sia una insufficienza venosa e negli stati di incipiente aterosclerosi, nonch come preventivo contro trombosi e flebiti. Sanguinella - Specie: Cornus sanguinea L. Famiglia: Cornaceae - Droga: gemme Arbusto caratteristico delle foreste temperate, deve il suo nome alla corteccia rossa che i rami assumono durante linverno, essa ricca di antociani e tannini, mentre i frutti di colore blu e coriacei contengono fenoli, acido malico, tannico e mucillagini. Le gemme macerate in glicerina sono indicate in gemmoterapia per il trattamento degli stati di insufficienza venosa acuta, accompagnata da flebite e trombosi. Insieme al limone normalizza i fattori della coagulazione e contribuisce a mantenere una buona fluidit del sangue. Ippocastano - Specie: Aesculus hippocastanum L. Famiglia: Ippocastanaceae - Droga: gemme Albero imponente impiegato come ornamentale nelle citt e nei parchi, produce frutti non commestibili e ricchi di una saponina (escina) dotata di spiccato tropismo venoso. Lescina presente in tutta la pianta in misura diversa. Le gemme sono impiegate per il trattamento delle insufficienze venose a livello di microcircolo. Lippocastano fortifica e normalizza i vasi minori e i capillari, favorendo un deflusso migliore del sangue venoso, cos tutta la sintomatologia collegata a tale insufficienza ne pu risultare alleviata. Ad es.: il senso di pesantezza degli arti inferiori, emorroidi, fragilit capillare etc. una gemma antedemigena vasculoprotettiva per eccellenza.

VenaVin
145

minima e nelle donne i disturbi da menopausa come le vampate di calore. Agisce anche su sintomi collegati ad una insufficienza circolatoria come la pesantezza degli arti inferiori e gli acufeni. Grazie allazione di protezione dellepitelio venoso, uno dei gemmoderivati per eccellenza nelle sindromi da insufficienza venosa.

BIBLIOGRAFIA 1. E/S/C/O/P MONOGRAPHS, The scientific Foundation for Herbal medicine products, Seconda edizione riveduta e ampliata, Thieme Verlag, 2003. 2. The complete German Commission E Monographs - Therapeutic guide to Herbal Medicines, American Botanical Council, Austin (Texas) 1998. 3. S. Foster,B.Y Leung, Encyclopedia of

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

FitoBlasto
Cod. FB87

Abies Pectinata
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB88

Alnus Glutinosa
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: abete bianco (Abies pectinata) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, abete bianco gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: ontano nero (Alnus glutinosa L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, ontano nero gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB35

Aesculus Hippocastanum
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB37

Betula Verrucosa Linfa


Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: ippocastano (Aesculus hippocastanum), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, ippocastano gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: betulla (Betula verrucosa), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, betulla verrucosa linfa 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB36

Betula Pubescens
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB89

Calluna Vulgaris
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: betulla (Betula pubescens), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, betulla pubescens gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: calluna (Calluna vulgaris) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, calluna giovani getti 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

146

Cod. FB38

Carpinus Betulus
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB41

Crataegus Oxyacantha
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: carpino (Carpinus betulus), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, carpino gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: biancospino (Crataegus oxyacantha), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, biancospino gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB39

Castanea Vesca
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB42

Ficus Carica
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: castagna (Castanea vesca), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, castagna gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: fico (Ficus carica), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, fico gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB40

Cedrus Libani
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB106

Fraxinus Exelsior
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: cedro del Libano (Cedrus libani), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, cedro del Libano gemme 2%), Vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: frassino (Fraxinus excelsior L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, frassino gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

147

Cod. FB86

Juglans Regia
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB101

Rosmarinus Officinalis
Flacone da 50 ml alcol 30%

148

FitoBlasto

COMPOSIZIONE Ingredienti: noce bianco (Juglans regia L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, juglans regia gemme2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: rosmarino ( Rosmarinus officinalis L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, rosmarino gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB107

Olea Europea
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB44

Rubus Idaeus
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: ulivo (Olea europea L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, ulivo giovani getti 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: lampone (Rubus idaeus), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, lampone gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB43

Ribes Nigrum
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB98

Salix Alba
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: ribes nero (Ribes nigrum), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, ribes nero gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: salice bianco (Salix alba) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, salice bianco gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB99

Rosa Canina
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB97

Sequoia Gigantea
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: rosa selvatica (Rosa canina L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, rosa canina giovani getti 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: sequoia (Sequoia gigantea) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, sequoia giovani getti 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB45

Sorbus Domestica
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB48

Vaccinium Vitis Idaea


Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: dorbo (Sorbus domestica), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, sorbo gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: mirtillo rosso (Vaccinium vitis idaea), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, mirtillo rosso gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB46

Tamarix Gallica
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB49

Viscum Album
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: tamerice (Tamarix gallica), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, tamerice gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: vischio (Viscum album), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, vischio gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB47

Tilia Tomentosa
Flacone da 50 ml alcol 30%

Cod. FB148

Vitis Vinifera
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: tiglio (Tilia tomentosa), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, tiglio gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: vite rossa (Vitis vinifera L.), macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, vite rossa gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.), frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FB100

Vaccinium Myrtillus
Flacone da 50 ml alcol 30%

COMPOSIZIONE Ingredienti: mirtillo nero (Vaccinium myrtillus L.) macerato glicerinato (acqua distillata, glicerina vegetale, alcol etilico, mirtillo nero gemme 2%), vite rossa (vitis vinifera L.) frutto succo. POSOLOGIA 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

FitoBlasto
149

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

FitoMater
Cod. FM102

Achillea
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM91

Amamelide
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere del microcircolo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di achillea (Achillea millefolium L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, achillea sommit fiorite 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere delle vene e dei capillari.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di amamelide (Hamamelis virginiana L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, amamelide foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM50

Aglio
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM92

Ananas
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire il benessere dell'apparato circolatorio.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di aglio (Allium sativum L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, aglio bulbi 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire le funzionalit digestive promuovendo il metabolismo proteico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di ananas (Ananas sativus L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, ananas gambo 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM103

Agnocasto
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM93

Angelica
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere durante il ciclo mestruale.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di agnocasto (Vitex trifolata L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, agnocasto frutti 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere dellapparato gastro-enterico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di angelica (Angelica sylvestris L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, angelica radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

150

Cod. FM59

Artiglio del Diavolo


Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM52

Biancospino
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire il benessere dellapparato osteo-articolare.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens D.C.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, artiglio del diavolo radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire il benessere cardio-circolatorio.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di biancospino (Crataegus oxyacantha L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, biancospino foglie e fiori 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM51

Bardana
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM53

Calendola
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire il benessere della pelle.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di bardana (Arctium lappa L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, bardana radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per proteggere le cellule e i tessuti da danni ossidativi.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di calendola (Calendula officinalis L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, calendola fiori 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM108

Betulla
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM72

Carciofo
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto drenante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di betulla (Betula verrucosa): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, betulla foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire le funzionalit epatiche.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di carciofo (Cynara scolymus L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, carciofo foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

151

Cod. FM54

Cardo Mariano
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM104

Equiseto
Flacone da 50 ml alcol 40%

152

FitoMater

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto protettivo a livello epatico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di cardo mariano (Silybum marianum L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, cardo mariano semi 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere dellapparato osteo-articolare.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di equiseto (Equisetum maximum): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, equiseto fusti sterili 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM94

Centella Asiatica
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM74

Erisimo
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire le funzionalit del microcircolo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di centella asiatica (Centella asiatica L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, centella asiatica parti aeree 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire il benessere delle prime vie aeree.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di erisimo (Sisymbrium officinale scop.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, erisimo parti aeree 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM73

Curcuma
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM90

Escolzia
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire le funzionalit epato-biliare.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di curcuma (Curcuma longa L.) : acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, curcuma rizoma 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire un effetto distensivo e rilassante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di escolzia (Eschscholtzia californica) : acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, escolzia sommit 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM55

Echinacea
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM112

Finocchio
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire la funzionalit del sistema immunitario.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di echinacea (Echinacea angustifolia D.C.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, echinacea radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire un effetto digestivo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di finocchio (Foeniculum vulgare M.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, finocchio semi 20% POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM56

Fucus
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM111

Luppolo
FitoMater
153
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto coadiuvante nelle diete ipocaloriche.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di fucus (Fucus vesiculosus): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, fucus TT 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire un effetto rilassante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di luppolo (Humulus lupulus L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, luppolo fiori 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM57

Ginkgo Biloba
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM61

Melissa
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire la funzionalit del microcircolo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di ginkgo biloba (Ginkgo biloba L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, ginkgo biloba foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto rilassante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di melissa (Melissa officinalis L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, melissa foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM58

Ginseng Rosso
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM105

Mirtillo Nero
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto tonico-energetico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di ginseng rosso (Panax ginseng C.A.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, ginseng rosso radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire la funzionalit del microcircolo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di mirtillo nero (Vaccinium myrtillus L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, mirtillo nero frutti 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM60

Iperico
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM114

Olivo
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un benefico effetto psicofisico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di iperico (Hipericum perforatum L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, iperico sommit fiorite 0,23%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 1 volta al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire i fisiologici livelli di trigliceridi e una regolare pressione arteriosa.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di olivo (Olea europea L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, olivo foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM110

Ortica
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM65

Propoli
Flacone da 50 ml alcol 60%

154

FitoMater

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire le fisiologiche funzioni depurative.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di ortica (Urtica dioica L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, ortica foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire il benessere delle vie respiratorie.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di propoli: acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, propoli 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM62

Passiflora
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM66

Ribes Nero
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto distensivo e rilassante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di passiflora (Passiflora incarnata L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, passiflora sommit fiorite 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire la funzionalit dellapparato muscolo scheletrico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di ribes nero (Ribes nigrum L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, ribes nero foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM63

Peperoncino
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM67

Rosa Canina
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto protettivo sullapparato gastro-enterico.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di peperoncino (Capsicum annuum L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, peperoncino frutto 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire le difese dellorganismo.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di rosa canina (Rosa canina L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, rosa canina frutti 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM64

Pilosella
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM68

Salvia
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto diuretico eliminando i liquidi in eccesso.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di pilosella (Hieracium pilosella L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, pilosella erba 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto di benessere durante il ciclo mestruale.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di salvia (Salvia officinalis L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, salvia foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM95

Spaccapietra
Flacone da 50 ml alcol 40%

Cod. FM71

Valeriana
FitoMater
155
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire leliminazione dei liquidi.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di spaccapietra (Ceterach officinarum DC): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, spaccapietra parti aeree 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un sonno rilassante.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di valeriana (Valeriana officinalis L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, valeriana radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM69

Tarassaco
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire le funzionalit epato-renali.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di tarassaco (Taraxacum officinalis D.C.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, tarassaco radice 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM96

Uncaria
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali indicati per favorire la funzionalit del sistema immunitario.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di uncaria (Uncaria tomentosa): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, uncaria corteccia 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

Cod. FM70

Uva Ursina
Flacone da 50 ml alcol 40%

Integratore alimentare a base di estratti vegetali combinati per favorire un effetto protettivo sulle vie urinarie.
COMPOSIZIONE Ingredienti: estratto idroalcolico di uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi L.): acqua distillata, alcol etilico, succo di uva, uva ursina foglie 20%. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 30 gocce 2 volte al giorno diluite in acqua preferibilmente lontano dai pasti.

AD ESCLUSIVO uso del corpo professionale

OligoCeleste
Cod. OC140

Ca
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC123

F
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, calcio gluconato, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, sodio floruro. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC120

Co
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC124

Fe
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, ferro gluconato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesica, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC121

Cu
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC125

I
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, rame gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, ioduro di potassio. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC122

Cu-Au-Ag
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml Cod. OC126

K
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, olio essenziale di cannella (Cinnamomum zeylanicum B.), olio essenziale di arancio (Citrus aurantium L.), colorante naturale: clorofilla magnesica, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, aroma naturale di ciliegia, rame gluconato.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, potassio gluconato, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

156

POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC127

Li
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC131

Mn-Cu
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, conservante: potassio sorbato, litio gluconato, correttore di acidit: acido citrico, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, manganese gluconato, rame gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC128

Mg
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC132

Mn-Cu-Co
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, magnesio gluconato, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, manganese gluconato, rame gluconato, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC129

Mn
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC142

Multiceleste
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, manganese gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, magnesio gluconato, calcio gluconato, potassio gluconato, conservante: potassio sorbato, zinco gluconato, olio essenziale di cannella (Cinnamomum zeylanicum B.), olio essenziale di arancio (Citrus aurantium L.), correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, manganese gluconato, rame gluconato, sodio floruro, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC130

Mn-Co
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC133

Ni-Co
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, manganese gluconato, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, nichel gluconato, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

157

Cod. OC134

P
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

Cod. OC139

Zn-Ni-Cu
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

158

OligoCeleste

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, sodio fosfato bibasico, correttore di acidit: acido citrico, conservante: potassio sorbato, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, zinco gluconato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, nichel gluconato, rame gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC135

S
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, tiosolfato di sodio. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC136

Zn
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, zinco gluconato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC137

Zn-Cu
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, zinco gluconato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, rame gluconato. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Cod. OC138

Zn-Ni-Co
Preparazione alimentare Flacone da 50 ml

COMPOSIZIONE Ingredienti: acqua depurata, addensante: glicerina vegetale, conservante: potassio sorbato, zinco gluconato, correttore di acidit: acido citrico, colorante naturale: clorofilla magnesiaca, aroma naturale di ciliegia, nichel gluconato, cobalamina. POSOLOGIA Il dosaggio consigliato di 20 - 40 gocce direttamente sotto la lingua al mattino appena svegli o, in caso di assunzioni ripetute durante il giorno, lontano dai pasti.

Note
................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................
159

Note
................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................ ................................................................................
160

................................................................................

Dalla secolare evoluzione della natura e dalla saggezza di antichi dettami nascono i prodotti

ERBENOBILI S.R.L. Ufficio e stabilimento di Produzione: C.Da Torre Pavone Z.I. Snc | 70033 - Corato (Ba)
TEL. SITE:

080 8723739 - FAX 080 3591580


MAIL:

www.erbenobili.com - www.erbenobili.it info@erbenobili.com