Sei sulla pagina 1di 27

ELEMENTI BASE DI COSMETOLOGIA

A CURA DI FRANCESCA ESPOSITO AMENDOLA

Esposito Amendola Francesca

COSMESI
[dal greco ksmesis, l'adornare]. Scienza che si occupa del miglioramento o mantenimento della bellezza del corpo attraverso lo studio e la realizzazione dei cosmetici; comprende: la chimica cosmetica, che studia dal punto di vista chimico e fisico i componenti dei cosmetici; la cosmetologia, che ha il compito di definire l'azione dei cosmetici sull'uomo; la tecnica cosmetica, che esegue la messa a punto delle forme cosmetiche e dei relativi metodi di preparazione.
Esposito Amendola Francesca 2

NORMATIVA 713\86
I cosmetici sono " le sostanze e le preparazioni, diverse dai medicinali, destinate ad essere applicate sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, denti, organi genitali esterni), oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo, esclusivo o prevalente, di pulirli, profumarli, modificarne l'aspetto, correggere gli odori corporei, proteggerli o mantenerli in buono stato." (art. 1 -L. 713/86testo integrato). Inoltre "... i prodotti cosmetici non hanno funzionalit terapeutica e non possono vantare attivit terapeutiche" (art. 2 L. 713/86- testo integrato).
Esposito Amendola Francesca 3

CLASSIFICAZIONE DEI COSMETICI


I cosmetici si dividono, in rapporto alla loro funzione, in: cosmetici igienici (saponi, bagni, latti e creme detergenti), eutrofizzanti (creme nutritive, protettive, da notte, idratanti, ecc.), estetici (deodoranti, rossetti per labbra, belletti, ecc.);

Esposito Amendola Francesca

Classificazione dei cosmetici


In rapporto alle forme di preparazione in: solidi (polveri, ciprie, talchi, ecc.), liquidi (lozioni, latti, acque, ecc.), pastosi (unguenti, creme, geles, ecc.), spray (lacche per capelli, deodoranti, ecc.).

Esposito Amendola Francesca

Riassumendo, le funzionalit cosmetiche fondamentali comprendono:


DETERGENZA PROTEZIONE MANTENIMENTO IN BUONE CONDIZIONI DEODORAZIONE PROFUMAZIONE DECORAZIONE TRATTAMENTI ESTETICI
Esposito Amendola Francesca 6

E i cosmetici sono destinati ad essere applicati su:


EPIDERMIDE SECREZIONI DELLE GHIANDOLE SEBACEE E SUDORIFERE PELI E CAPELLI UNGHIE LABBRA DENTI E CAVO ORALE MUCOSE ESTERNE FEMMINILI E MASCHILI
Esposito Amendola Francesca 7

ETICHETTATURA
Per quanto riguarda letichettatura dei prodotti cosmetici, sul contenitore a diretto contatto con il cosmetico (condizionamento primario) e sullimballaggio esterno (condizionamento secondario) devono essere riportati i seguenti elementi:

Esposito Amendola Francesca

Etichettatura
il nome o la ragione sociale e la sede legale del produttore il contenuto nominale la data di durata minima le precauzioni dimpiego il lotto di fabbricazione il Paese dorigine per i prodotti fabbricati in Paesi extra-Europei la funzione del prodotto; lelenco degli ingredienti

Esposito Amendola Francesca

Esposito Amendola Francesca

10

INCI
Le varie e numerose componenti del prodotto cosmetico finito vengono scritte secondo un linguaggio internazionale, detto INCI (acronimo che sta per INTERNATIONAL NOMENCLATURE COSMETIC INGREDIENTS), unico per tutti i paesi della UE (ma leggermente diverso, ad esempio, da quello americano). Questa nomenclatura contiene alcuni termini in latino, la maggior parte in inglese, terminologie tecniche varie (ad esempio di tipo chimico) numeri ed altri simboli. I derivati vegetali vengono riportati con il nome botanico secondo Linneo (quindi in latino) della pianta da cui sono stati estratti. Molti ingredienti chimici vengono indicati con il nome inglese; i coloranti con un numero che fa riferimento ad un elenco di sostanze chimiche ben catalogate e identificate ciascuna con un numero differente. I nomi dei vari ingredienti vengono riportati in etichetta seguendo un ordine che tiene conto della percentuale inserita nel cosmetico, cio per concentrazione decrescente: l'ingrediente pi abbondante nei cosmetici quasi sempre l'acqua, che nella nomenclatura INCI si scrive in latino aqua, ed infatti la ritroviamo quasi sempre in prima posizione. Seguono poi tutti gli altri, in base alla rispettiva concentrazione fino a raggiungere l'1%. Al di sotto di questa percentuale, i vari componenti possono essere indicati in ordine sparso, seguendo il criterio che pi piace al produttore.

Esposito Amendola Francesca

11

ESEMPIO
OLIO DI RICINO INCI Ricinus communis NOME BOTANNICO INCI hydrogenated castor oil NOME CHIMICO EMULSIONANTI INCI PEG-40 castor oil INCI PEG-40 hydrogenated castor oil
Esposito Amendola Francesca 12

DATA DI DURATA MINIMA


I prodotti cosmetici che hanno una durata inferiore ai 30 mesi devono obbligatoriamente indicare la data di scadenza. Per i cosmetici con periodo di validit superiore ai trenta mesi non obbligatorio indicare la scadenza ma deve essere indicato il periodo di tempo in cui il prodotto, una volta aperto, pu essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore. Si tratta del cosiddetto "PaO".
Esposito Amendola Francesca 13

In biologia, tutti gli organismi sono stati classificati usando un nome scientifico, nel caso delle piante meglio detto nome botanico. Il nome composto da due termini ( di qui binominale) che derivano dal latino o a volte dal greco. Il nome di ogni pianta quindi formato Da un primo nome che indica il genere(scritto in corsivo con liniziale in Maiuscola) Da un secondo nome che indica la specie( scritto in corsivo ma senza la maiuscola) Il nome del botanico che ha catalogato per primo quella pianta (non in corsivo) ESEMPIO: Glycine soja Siebold
Esposito Amendola Francesca 14

LA NOMENCLATURA BINOMINALE DELLE PIANTE

LA NOMENCLATURA BINOMINALE DELLE PIANTE


NB) in un gran numero di casi al posto del nome del botanico appare una L che sta ad indicare Linneo, il celebre naturalista svedese, a ragione considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi. Spesso, una particolare specie presenta delle variazioni , mutazioni ad esempio nel colore, nella dimensione dei fiori o delle foglie. Si ha cio una variet di una particolare pianta , scrivendo var
Esposito Amendola Francesca 15

LA NOMENCLATURA BINOMINALE DELLE PIANTE


Datura stranonium L. var. purpurescens
genere
specie

Esposito Amendola Francesca

16

A QUESTO PUNTO HAI IMPARATO CHE


A QUESTO PUNTO HAI IMPARATO CHE: La cosmetologia la chimica cosmetica si occupa la tecnica cosmetica si occupa La cosmesi funzionale si pone lobiettivo Il cosmetico I cosmetici si dividono, in rapporto alla loro funzione, in: I cosmetici si dividono in rapporto alle forme di preparazione in: Riassumendo, le funzionalit cosmetiche fondamentali comprendono: i cosmetici sono destinati ad essere applicati su: la formulazione di un prodotto cosmetico comprende tre principali categorie di sostanze: (elencale e descrivi) In Italia la produzione e la vendita di prodotti cosmetici disciplinata dalla Il ministero della Salute ha il compito di assicurare la sicurezza dei prodotti cosmetici presenti sul mercato, per questo opera su due fronti:
Esposito Amendola Francesca 17

ELEMENTI BASE DI COSMETOLOGIA NATURALE


Esposito Amendola Francesca 18

COSMESI NATURALE
COSMETICO NATURALE E COMPOSTO DA INGREDIENTI NATURALI, INGREDIENTI DI ORIGINE NATURALE

Esposito Amendola Francesca

19

INGREDIENTI NATURALI
GLI INGREDIENTI NATURALI SONO SOSTANZE DI ORIGINE VEGETALE, MINERALE O ANIMALE O LE LORO MISCELE.

Esposito Amendola Francesca

20

INGREDIENTI NATURALI
PER LOTTENIMENTO E LA SUCCESSIVA LAVORAZIONE SONO AMMESSI SOLTANTO PROCESSI FISICI COMPRESA LESTRAZIONE MEDIANTE UTILIZZO DI AGENTI ESTRATTIVI SONO INOLTRE CONSENTITI METODI ENZIMATICI E MICROBIOLOGICI PURCHE SIANO USATI ENZIMI E MICRORGANISMI PRESENTI IN NATURA. NEI COSMETICI NATURALI SI POSSONO USARE LE FRAGRANZE NATURALI (OLI ESSENZIALI) NEI COSMETICI NATURALI NON SI POSSONO USARE PROFUMI NATURAL-IDENTICI E PROFUMI CHIMICAMENTE MODIFICATI. NEL PRODOTTO FINITO MINIMO IL 10% IN PESO DEGLI INGREDIENTI DELLA FORMULAZIONE DEVE ESSERE COMPOSTO DA INGREDIENTI NATURALI

Esposito Amendola Francesca

21

PRODOTTI VEGETALI
SOSTANZE RICAVATE DA PRODUZIONE AGRICOLA O RACCOLTA SPONTANEA NON TRASFORMATI O OTTENUTI CON PROCESSI AMMESSI NELLELENCO DELLE TRASFORMAZIONI FISICHE AUTORIZZATE

Esposito Amendola Francesca

22

PRODOTTI ANIMALI (ZOOCOSMESI)


SONO AMMESSI SOLO INGREDIENTI CHE PROVENGONO DA PRODUZIONI ANIMALI SENZA CHE IL LORO OTTENIMENTO NE ABBIA COMPROMESSO IL BENESSERE E COMPORTATO LA LORO SOFFERENZA O LA SOPPRESSIONE.

Esposito Amendola Francesca

23

PRODOTTI ANIMALI (ZOOCOSMESI)


INGREDIENTI DA INTENDERSI COME NATURALI CARMINIO CI 75810 CERA DAPI GOMMA LACCA LANOLINA E I SUOI DERIVATI LATTE ED I SUOI DERIVATI PAPPA REALE PROPOLI SERICINA ( ESTRATTO DALLA SETA) UOVA E LORO DERIVATI.

Esposito Amendola Francesca

24

PRODOTTI MINERALI
MINERALI PROVENIENTI DALLESTRAZIONE UTILIZZATI TAL QUALI O MODIFICATI MEDIANTE PROCEDIMENTI FISICI. I PRODOTTI MINERALI POSSONO ESSERE IMPIEGATI PER LA PRODUZIONE DELLE MATERIE PRIME CHE VERRANNO UTILIZZATE NELLA PREPARAZIONE DEL COSMETICO FINITO
Esposito Amendola Francesca 25

PRODOTTI MINERALI
MINERALI PROVENIENTI DALLESTRAZIONE UTILIZZATI TAL QUALI O MODIFICATI MEDIANTE PROCEDIMENTI FISICI. I PRODOTTI MINERALI POSSONO ESSERE IMPIEGATI PER LA PRODUZIONE DELLE MATERIE PRIME CHE VERRANNO UTILIZZATE NELLA PREPARAZIONE DEL COSMETICO FINITO
Esposito Amendola Francesca 26

FINE PRIMA PARTE

Esposito Amendola Francesca

27