Sei sulla pagina 1di 6

Obiettivo: far conoscere ai bambini il significato delle Beatitudini e rapportarle alla loro vita di tutti i giorni

Situazione iniziale: i bambini disposti in cerchio e l insegnante al centro che presenta il pacco regalo da scartare contenente immagini che richiamano le Beatitudini.

Prima di iniziare l attivit i bambini vengono divisi in gruppi ognuno con un ruolo specifico: discepoli, poveri, pescatori, contadini e pastori. L insegnante rivestendo il ruolo di Ges, racconta sotto forma di favola il Discorso della Montagna e successivamente invita i bambini a turno a pescare all interno del pacco regalo. Cercando di semplificare il pi possibile il linguaggio l insegnante spiega il significato di ogni singola Beatitudine ponendo l attenzione su chi saranno beati e sulla loro ricompensa. A turno vengono chiamati i gruppi e invitati a raccontare episodi ed esperienze vissute che hanno a che fare con la beatitudine pescata.

Beati i poveri in spirito perch di essi il regno dei cieli

Beati i miti perch erediteranno la terra

Beati gli afflitti perch saranno consolati

Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perch saranno saziati

Beati i puri di cuore perch vedranno Dio

Rallegratevi ed esultate
perch grande la vostra ricompensa nei cieli

Beati gli operatori di pace perch saranno chiamati figli di Dio

Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia

IL MEMORY DELLE BEATITUDINI Pensando ad una attivit che potesse rendere concreta una beatitudine abbiamo elaborato un gioco tipo memori che rappresenta immagini relative alla seconda Beatitudine: Beati gli afflitti perch saranno consolati . Abbiamo presentato ai bambini gli afflitti come persone bisognose di cure, di affetto e di attenzioni. La regola abbinare l immagine di persone bisognose con l immagine di persone pronte a consolarli ed aiutarli.. abbiamo cos disposto possibili abbinamenti.