Sei sulla pagina 1di 2

EVOLUZIONE DELLUNIVERSO DOPO IL BIG BANG

Negli anni 20 Edwin Hubble osserv un fenomeno relativo alle galassie in molti spettri individu uno spostamento sistematico delle righe verso il rosso. In particolare la legge di Hubble afferma che il rapporto tra la velocit di allontanamento delle galassie e la loro distanza dalla terra costante.

La legge di Hubble coerente con il modello dell'universo in espansione secondo il quale ogni oggetto nell'universo si allontana da ogni altro per il progressivo dilatarsi dello spazio a partire da un evento iniziale detto Big Bang.

Immaginate di vedersi gonfiare un palloncino di gomma sulla cui superficie siano disegnate tante galassie. Il modello dell'universo inflazionario ipotizza che all'inizio del tempo l'universo fosse concentrato in un volume pi piccolo di un atomo con densit pressoch infinita e temperatura di miliardi di gradi. Subito dopo il Big Bang inizia una fase di violenta e repentina espansione, la cosiddetta inflazione, in tempi che si misurano in frazioni infinitesime di secondo. Il volume aument enormemente e la temperatura scese rapidamente. Dopo i primi tre minuti si formarono quark, elettroni, protoni e neutroni; l'universo rimase a lungo un'impenetrabile nube di radiazioni e gas ionizzato. Col diminuire di temperatura e densit si form un gas neutro di idrogeno e in piccola parte di elio: siamo a circa 300.000 anni e da quel momento la luce pot viaggiare liberamente nello spazio. Dopo il primo miliardo di anni l'universo assunse condizioni fisiche pi familiari: la materia era costituita da idrogeno, elio, elettroni, protoni. Al procedere del espansione dell'universo si formarono le stesse galassie ricche di stelle in continua evoluzione.

Nei nuclei e nelle esplosioni delle stelle si formarono via via gli elementi chimici pi pesanti rilasciati nello spazio circostante finirono per mescolarsi alle polveri al gas delle nebulose dando origine a nuove popolazioni di stelle tra queste circa 5 miliardi di anni fa si acceso il Sole.

Quark: La materia ordinaria composta da atomi che sono a loro volta formati da un nucleo composto di protoni (p) e neutroni (n), e da elettroni (e) che circondano il nucleo. Mentre gli elettroni non sono composti da altre particelle i protoni e i neutroni contengono al loro interno particelle elementari: i quark.

protone costituito da tre quark del tipo up e down Fotone: Il fotone l'unit elementare, priva di carica elettrica e di massa, che si propaga esattamente alla velocit della luce (nel vuoto c=299.792,5 km/s) e trasmette la forza elettromagnetica, una delle quattro forze della natura.