Sei sulla pagina 1di 174

NV10P

RELE’ DI PROTEZIONE MULTIFUNZIONE


DI TENSIONE E FREQUENZA

MANUALE

Il presente documento è relativo ai relè NV10P aventi versione firmware applicativo 2.70 e successive.

NV10P - Manuale - 08 - 2012


SOMMARIO
— 1 INTRODUZIONE 5
Scopo e responsabilità...................................................................................................................................................................................5
Applicabilità......................................................................................................................................................................................................5
Conformità ........................................................................................................................................................................................................5
Supporto tecnico .............................................................................................................................................................................................5
Copyright...........................................................................................................................................................................................................5
Garanzia ............................................................................................................................................................................................................5
Raccomandazioni per la sicurezza...............................................................................................................................................................5
Prove di isolamento ........................................................................................................................................................................................5
Identificazione .................................................................................................................................................................................................6
Condizioni ambientali......................................................................................................................................................................................6
Simbologia ........................................................................................................................................................................................................6
Abbreviazioni/definizioni ................................................................................................................................................................................6
— 2 GENERALITA’ 10
Premessa ....................................................................................................................................................................................................... 10
Ingressi di misura per TV induttivi o inserzione diretta ......................................................................................................................... 10
Ingressi di misura per sensori V-Sensor .................................................................................................................................................. 10
Caratteristiche principali .............................................................................................................................................................................11
Foto ..................................................................................................................................................................................................................11
— 3 CARATTERISTICHE TECNICHE 12
3.1 GENERALI ...........................................................................................................................................................................................................12
Caratteristiche meccaniche ........................................................................................................................................................................12
Prove di isolamento ......................................................................................................................................................................................12
Immunità elettromagnetica (EMC) .............................................................................................................................................................12
Immunità ai buchi di tensione .....................................................................................................................................................................12
Prove di immunità ai disturbi .......................................................................................................................................................................12
Emissione ...................................................................................................................................................................................................... 13
Prove meccaniche ....................................................................................................................................................................................... 13
Condizioni climatiche................................................................................................................................................................................... 13
Prescrizioni per la sicurezza ...................................................................................................................................................................... 13
3.2 CIRCUITI DI INGRESSO ....................................................................................................................................................................................14
Alimentazione ausiliaria U aux .....................................................................................................................................................................14
Circuiti d’entrata voltmetrici per TV induttivi o inserzione diretta ........................................................................................................14
Circuito d’entrata di tensione residua per TV induttivi ...........................................................................................................................14
Circuiti d’entrata per sensori voltmetrici...................................................................................................................................................14
Valori primari dei sensori voltmetrici .........................................................................................................................................................14
Ingressi digitali ..............................................................................................................................................................................................14
3.3 CIRCUITI DI USCITA..........................................................................................................................................................................................14
Relè finali ........................................................................................................................................................................................................14
3.4 MMI .....................................................................................................................................................................................................................15
3.5 CIRCUITI DI COMUNICAZIONE ......................................................................................................................................................................15
Porta locale ....................................................................................................................................................................................................15
Connessione Remota ....................................................................................................................................................................................15
3.6 GRANDEZZE NOMINALI (per versioni con TV induttivi) ............................................................................................................................16
3.6.1 GRANDEZZE NOMINALI (per versioni con sensori) ...................................................................................................................................16
3.7 FUNZIONI DI PROTEZIONE .............................................................................................................................................................................16
Protezione termica con sonde termometriche - 26 .................................................................................................................................16
Minima tensione - 27 (per versioni con TV induttivi) ...............................................................................................................................16
Minima tensione - 27 (per versioni con sensori V-Sensor) ....................................................................................................................17
Minima tensione di sequenza diretta - 27V1 (per versioni con TV induttivi) .......................................................................................17
Minima tensione di sequenza diretta - 27V1 (per versioni con sensori) ..............................................................................................17
Massima tensione - 59 (per versioni con TV induttivi) ........................................................................................................................... 18
Massima tensione - 59 (per versioni con sensori).................................................................................................................................. 18
Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg (per versioni con TV induttivi)........................................................................................... 19
Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg [1] (per versioni con sensori).............................................................................................. 19
Massima tensione residua - 59N (per versioni con TV induttivi).......................................................................................................... 19
Massima tensione residua - 59N (per versioni con sensori) ................................................................................................................ 20
Massima tensione di sequenza inversa - 59V2 (versioni con TV induttivi)......................................................................................... 20
Massima tensione di sequenza inversa - 59V2 (versioni con sensori) ............................................................................................... 20
Minima frequenza (81U) .............................................................................................................................................................................. 20
Massima frequenza (81O) ............................................................................................................................................................................21
Derivata di frequenza (81R) .........................................................................................................................................................................22
Mancata apertura - BF .................................................................................................................................................................................22
3.8 FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO ........................................................................................................................................... 23
Aggancio in frequenza................................................................................................................................................................................. 23

2 NV10P - Manuale - 08 - 2012


Supervisione circuito interruttore - 74TCS .............................................................................................................................................. 23
Monitoraggio interruttore ........................................................................................................................................................................... 23
Oscillografia ................................................................................................................................................................................................. 23
PLC (Programmable Logic Controller) [2] ................................................................................................................................................. 23
3.9 MISURE...............................................................................................................................................................................................................24
— 4 CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO 25
4.1 DESCRIZIONE HARDWARE .............................................................................................................................................................................25
Scheda di alimentazione ..............................................................................................................................................................................26
Modulo CPU ...................................................................................................................................................................................................26
Modulo ingressi .............................................................................................................................................................................................26
MMI (tastiera, LED e display) ......................................................................................................................................................................26
4.2 DESCRIZIONE DEL SOFTWARE ......................................................................................................................................................................27
Software di base ...........................................................................................................................................................................................27
Sistema operativo real-time ........................................................................................................................................................................27
Processi (task) ...............................................................................................................................................................................................27
Drivers ............................................................................................................................................................................................................ 28
Software applicativo.................................................................................................................................................................................... 28
Data Base ...................................................................................................................................................................................................... 28
Self test (Applicativo) .................................................................................................................................................................................. 28
Tool di sviluppo (Builder) ............................................................................................................................................................................. 28
4.3 DESCRIZIONE INGRESSI/USCITE ................................................................................................................................................................. 29
Ingressi di misura ......................................................................................................................................................................................... 29
Elaborazione dei segnali misurati.............................................................................................................................................................. 29
Convenzioni delle misure .............................................................................................................................................................................32
Impiego dei segnali misurati ...................................................................................................................................................................... 33
Ingressi logici.................................................................................................................................................................................................34
Relè finali ....................................................................................................................................................................................................... 38
Segnalazione a LED ..................................................................................................................................................................................... 40
Interfacce di comunicazione.......................................................................................................................................................................42
4.4 FUNZIONI DI PROTEZIONE ............................................................................................................................................................................ 43
Grandezze nominali...................................................................................................................................................................................... 43
Protezione termica da sonde termometriche (26) .................................................................................................................................. 50
Minima tensione - 27 ....................................................................................................................................................................................52
Minima tensione di sequenza diretta - 27V1.............................................................................................................................................56
Massima tensione - 59 ................................................................................................................................................................................ 58
Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg ..................................................................................................................................................62
Massima tensione residua - 59N ................................................................................................................................................................64
Massima tensione di sequenza inversa - 59V2 ....................................................................................................................................... 69
Massima frequenza - 81O ............................................................................................................................................................................71
Minima frequenza - 81U .............................................................................................................................................................................. 73
Note applicative sulle protezioni di minima e massima frequenza - 81U e 81O .................................................................................77
Derivata di frequenza - 81R ........................................................................................................................................................................ 80
Mancata apertura interruttore - BF ...........................................................................................................................................................84
4.5 FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO ............................................................................................................................................86
Blocco logico - Block1 ................................................................................................................................................................................86
Ingressi ed uscite virtuali collegati con fili pilota virtuali costituiti da messaggi su rete Ethernet. ............................................... 88
Scatto remoto ................................................................................................................................................................................................92
Inseguimento in frequenza ......................................................................................................................................................................... 93
Supervisione circuito interruttore - 74TCS ...............................................................................................................................................94
Monitoraggio interruttore ............................................................................................................................................................................97
Oscillografia ................................................................................................................................................................................................. 99
— 5 MISURE, STATI LOGICI E CONTATORI 100
Misure .......................................................................................................................................................................................................... 100
Stato delle protezioni ................................................................................................................................................................................. 100
Ingressi temporizzati.................................................................................................................................................................................. 100
Stato funzioni ingresso .............................................................................................................................................................................. 100
Relè ............................................................................................................................................................................................................... 100
Contatori ...................................................................................................................................................................................................... 100
Stato diagnostico protezione ....................................................................................................................................................................101
Registrazione guasti - SFR .........................................................................................................................................................................101
Registrazione eventi - SER.........................................................................................................................................................................102
Oscillografia - DFR ......................................................................................................................................................................................102
— 6 INSTALLAZIONE 104
6.1 IMBALLAGGIO .................................................................................................................................................................................................104
6.2 MONTAGGIO ....................................................................................................................................................................................................104
6.3 COLLEGAMENTI ELETTRICI ......................................................................................................................................................................... 108
6.4 PERSONALIZZAZIONE LED ...........................................................................................................................................................................115

NV10P - Manuale - 08 - 2012 3


6.5 OPERAZIONI FINALI .......................................................................................................................................................................................115
— 7 TARATURA E MESSA IN SERVIZIO 116
7.1 SW ThySetter...................................................................................................................................................................................................116
7.2 MMI (Man Machine Interface) ....................................................................................................................................................................117
Lettura delle variabili (READ) ....................................................................................................................................................................117
Modifica delle regolazioni (SET) .............................................................................................................................................................. 118
TEST .............................................................................................................................................................................................................. 118
Comunicazione ........................................................................................................................................................................................... 119
Comandi apertura e chiusura interruttore ............................................................................................................................................. 119
7.3 STRUTTURA DEI MENU’ ............................................................................................................................................................................... 120
7.4 MANUTENZIONE ............................................................................................................................................................................................124
7.5 RIPARAZIONI ...................................................................................................................................................................................................124
7.6 MAGAZZINAGGIO...........................................................................................................................................................................................124
— 8 APPENDICE 125
8.1 APPENDICE A1 - Schema ingressi-uscite ..................................................................................................................................................125
8.2 APPENDICE A2 - Schema interfacce ..........................................................................................................................................................127
8.3 APPENDICE A3 - Funzioni di protezione .................................................................................................................................................... 128
8.4 APPENDICE A4- Schemi d’inserzione ........................................................................................................................................................ 129
8.5 APPENDICE B1 - Dimensioni NV10P ...........................................................................................................................................................134
8.6 APPENDICE B2 - Dimensioni V-Sensor .......................................................................................................................................................135
8.7 APPENDICE B3 - Dimensioni ThySensor ....................................................................................................................................................136
8.8 APPENDICE C - Tabella di taratura ..............................................................................................................................................................137
8.9 APPENDICE D - Revisioni ............................................................................................................................................................................. 173
8.10 APPENDICE E - Dichiarazione di conformità CE ........................................................................................................................................174

4 NV10P - Manuale - 08 - 2012


1 INTRODUZIONE
— Scopo e responsabilità
Il presente documento descrive le caratteristiche tecniche del relè di protezione NV10P, ne illustra le
funzioni e contiene le istruzioni necessarie per il montaggio, la regolazione e la messa in servizio.
Il contenuto è stato verificato, comunque non potendo escludere la presenza di imprecisioni nella
descrizione, non si accettano responsabilità per errori ed omissioni.
Il documento viene aggiornato periodicamente, l’informazione relativa alla revisione è rappresentata
dalla data di emissione.
Sono graditi i suggerimenti per il miglioramento e le correzioni da parte degli utilizzatori del docu-
mento.
Thytronic si riserva il diritto di eseguire modifiche a miglioramento del prodotto senza preavviso.

— Applicabilità
Il presente documento è relativo ai relè NV10P aventi versione firmware applicativo 2.70 e successi-
ve.

— Conformità
Il prodotto è conforme alle direttive CEE relative a:
• Direttiva EMC: 2004/108/EC
• Direttiva bassa tensione 2006/95/EC

— Supporto tecnico
Contatti: Service tecnico THYTRONIC www.thytronic.it

— Copyright
Tutti i diritti riservati; è vietato riprodurre documenti senza autorizzazione di Thytronic, nonché copia-
re o modificare il firmware ed il software relativo.

— Garanzia
Il prodotto è coperto da garanzia con durata di un anno.

— Raccomandazioni per la sicurezza


Si raccomanda di rispettare le indicazioni contenute nel seguente documento; in particolare occorre
riservare particolare attenzione alla simbologia di seguito elencata:

WARNING La mancata osservazione può comportare pericolo di vita oppure gravi conseguenze per l’operatore!

CAUTION La mancata osservazione comporta conseguenze per l’operatore e/o danni al dispositivo!

I dispositivi devono essere installati e messi in servizio da personale qualificato; Thytronic non assu-
me alcuna responsabilità per le conseguenze causate da uso improprio che non rispetta le racco-
mandazioni contenute nel presente documento.
In particolare si raccomanda di:
• Togliere alimentazione prima di operare all’interno del dispositivo.
• Verificare l’assenza di tensione con adatta strumentazione su tutti i terminali di ingresso/uscita, in
particolare occorre fare attenzione a tutti i circuiti che possono essere alimentati da sorgenti di
alimentazione esterna (ingressi logici, ingressi di misura, ecc..).
• Prestare attenzione nella manipolazione di parti metalliche (pannello frontale, connettori).

Le regolazioni devono essere stabilite in base ad uno studio di coordinamento.


CAUTION I valori indicati negli esempi di calcolo hanno solo scopo didattico e non devono essere, in nessun
caso, utilizzati per applicazioni reali.

— Prove di isolamento
A seguito di prove di rigidità dielettrica e/o misura di resistenza di isolamento possono prodursi ten-
sioni pericolose (carica di condensatori, ecc...), si raccomanda di non interrompere bruscamente la
tensione di prova ma bensì di ridurla gradualmente sino ad annullarla.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 5


INTRODUZIONE
— Identificazione
• Etichetta adesiva trasparente applicata sul frontale comprendente il codice completo, il valore
delle tensioni di riferimento, il campo di funzionamento della tensione ausiliaria di alimentazione
ed il marchio CE:

Un 100V UEn 100V UNP 20 kV

UAUX 110-230 Vac/dc UAUX 110-230 Vac/dc


1 1
2 2
3 3
4 4
5 5
NV10P#JA2MM00 NV10P#0A2MM02
Versione con ingressi da TV induttivi Versione con ingressi da sensori

• Etichetta di avvenuto collaudo comprendente la data, il numero di serie e la sigla dell’operatore


addetto al collaudo.

— Condizioni ambientali
Il relè NV10P deve essere impiegato nelle condizioni ambientali indicate nelle caratteristiche tecni-
che.
Per impieghi in condizioni diverse devono essere previsti opportuni provvedimenti prima della messa
in servizio (sistemi di condizionamento, regolazione della umidità, ecc...).
Nel caso di presenza di elementi inquinanti (polveri, sostanze corrosive, ecc...) occorre prevedere
opportuni filtri.

— Simbologia
Nel manuale è utilizzata la simbologia normalizzata CEI/IEC e ANSI ove disponibile:
es: 27 = codice ANSI della funzione di protezione di minima tensione.
Nel presente manuale sono utilizzati i seguenti formati tipografici:
I titoli nei menù di ThySetter[1] vengono evidenziati come nell’esempio:
Minima tensione - 27
La descrizione dei parametri (misure, soglie, ritardi,...) ed il relativo valore vengono evidenziati come
nell’esempio:
Soglia U>
Tempo indipendente
U>def

I messaggi indicati sul display (MMI) vengono evidenziati con carattere nell’esempio:
NV10P
Le note sono evidenziate con carattere corsivo all’interno di un fondo colorato

Nota: Nota ritenuta utile per la descrizione

— Abbreviazioni/definizioni
27 Codifica ANSI della protezione di minima tensione
27V1 Codifica ANSI della protezione di minima tensione di sequenza diretta
59 Codifica ANSI della protezione di massima tensione
59V2 Codifica ANSI della protezione di massima tensione di sequenza inversa
59N Codifica ANSI della protezione di massima tensione residua
59avg Codifica ANSI della protezione di massima tensione mediata
81O Codifica ANSI della protezione di massima frequenza
81U Codifica ANSI della protezione di minima frequenza
81R Codifica ANSI della protezione di derivata di frequenza
BF Protezione di mancata apertura interruttore (Breaker Failure)
TCS (Trip Circuit Supervision) - Supervisione del circuito di scatto
52 o CB (Circuit Breaker) Interruttore
52a Contatto ausiliario, assegnabile ad un ingresso digitale, utilizzato per
determinare la posizione dell’interruttore nel contesto della funzione
di diagnostica e mancata apertura. Lo stato del contatto corrisponde
alla posizione dell’interruttore (52a aperto = interruttore aperto)
52b Contatto ausiliario interruttore (vedi 52a). Lo stato del contatto è op-
posto alla posizione dell’interruttore (52b aperto = interruttore chiu-
so)
DFR Digital Fault Recorder (Oscillografia)
SER Sequential Event Recorder (Registrazione eventi)
SFR Sequential Fault Recorder (Registrazione guasti)
ANSI American National Standard Institute
Nota 1 Per la descrizione dettagliata dell’interfaccia grafica e del funzionamento del software ThySetter si rimanda al capitolo relativo

6 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INTRODUZIONE
IEEE Institute of Electrical and Electronics Engineers
IEC International Electrotechnical Commission
CENELEC Comité Européen de Normalisation Electrotechnique

K1...K6...K10 Relè finali


IMPULSIVO Relè finale programmato con uscita impulsiva
tTR Tempo minimo di permanenza in condizione di intervento dei relè
finali
MEMORIZZATO Relè finale programmato con ripristino manuale
NON MEMORIZZATO Relè finale programmato con ripristino automatico

TA Trasformatore amperometrico
CT (Current Transformer) - Trasformatore amperometrico
P1 Terminologia IEC che indica la polarità del primario dei TA (alternativa
al pallino utilizzato nella simbologia ANSI)
P2 Terminologia IEC che indica la polarità del primario dei TA (alternativa
al terminale senza pallino utilizzato nella simbologia ANSI)
S1 Terminologia IEC che indica la polarità del secondario dei TA (alterna-
tiva al pallino utilizzato nella simbologia ANSI)
S2 Terminologia IEC che indica la polarità del secondario dei TA (alterna-
tiva al terminale senza pallino utilizzato nella simbologia ANSI)

Self test Autodiagnostica


Start Avviamento di una funzione di protezione (istantaneo)
Trip Intervento o scatto di una funzione di protezione (temporizzato)

Tempo d’intervento (Operating time)Il tempo d’avviamento e d’intervento viene determinato facendo va-
riare la grandezza d’entrata in modo istantaneo (a gradino) da un
valore di riferimento di riposo prestabilito a un valore di riferimento
d’intervento prestabilito.
Tempo di ripristino (Reset time) Tempo necessario al relè per ripristinarsi, in condizioni specificate
dopo un intervento, in modo tale che il suo successivo tempo d’in-
tervento non si discosti oltre una percentuale specificata dal tempo
precedentemente misurato. Il tempo di ripristino viene determinato
mediante la variazione dal valore di riferimento d’intervento al valore
di riferimento di ripristino.
Tempo d’inerzia (Overshoot time) Il tempo d’inerzia viene determinato facendo variare la grandezza
d’entrata in modo istantaneo dal valore di riferimento di riposo al
valore di riferimento d’intervento e facendola tornare successiva-
mente, sempre in modo istantaneo, al valore di riferimento di riposo.
La differenza tra il tempo d’intervento dell’apparato in prova (come
determinato sopra) e la durata minima dell’impulso che produce un
intervento rappresenta il tempo d’inerzia.
Rapporto di ripristino Rapporto tra il valore della grandezza che determina il rilascio ed il
valore della stessa grandezza che ne aveva determinato il funziona-
mento, in condizioni specificate. Il rapporto di ripristino può risultare
minore o maggiore di 1 a seconda che si consideri un relè di massi-
ma o di minima
Ritardo di ripristino Ritardo intenzionale al ripristino, programmabile dall’utente.

MMI Pannello operatore (Man Machine Interface)

Sw Software
Fw Firmware
ThySetter Software di lettura e parametrizzazione
J2SE Java Platform Standard Edition
Log file File di testo in cui vengono registrate le operazioni eseguite da un pro-
gramma (ThySetter)
Upgrade Firmware upgrade
Subnet Mask Maschera si sottorete (Ethernet)
XML EXtensible Markup Language

NV10P - Manuale - 08 - 2012 7


INTRODUZIONE
Simbologia

Regolazione (es. soglia d’intervento U>>)


U>>
La variabile è disponibile in lettura ed è modificabile da ThySetter + MMI

U Blocco comparatore (es. soglia d’intervento U>>)


U ≥ U>>

U L1
U L2 Ma x [U L1 ,U L2 ,U L3 ] Blocco di calcolo (es. valore massimo delle tensioni d’ingresso)
U L3

Caratteristica d’intervento (indipendente/dipendente)


T 0

U>> Start Segnale logico interno (output); può essere uno stato logico (es.U>> Start) o un valore numerico
La variabile è disponibile in lettura (ThySetter + interfacce di comunicazione)

Segnale logico esterno (intput); può essere un comando proveniente da un ingresso digitale o un comando sw
IPh Block2
La variabile è disponibile in lettura (ThySetter + interfacce di comunicazione)

Segnale interno (es. stato del degnale Breaker Failure relativo alla seconda soglia della funzione 59)
U>> BF_OUT
La variabile non è disponibile in lettura (la non accessibilità è indicata dalla mancanza della freccia)

Commutatore

& & Porte logiche AND e NAND

≥1 ≥1 Porte logiche OR e NOR

=1 Porta logica EXOR

INPUT

t ON t ON t ON t ON t ON
Temporizzatore azzerabile
T 0 con ritardo alla attivazione (tempo d’intervento t ON)
RESET OUTPUT

RESET
t

INPUT
t ON Temporizzatore non azzerabile t ON t ON t ON
T 0 con ritardo alla attivazione (tempo d’intervento t ON)

OUTPUT

INPUT

t OFF Temporizzatore non azzerabile t OFF t OFF


0 T con ritardo al ripristino (tempo di ripristino t OFF)
OUTPUT
t

Symbols.ai

8 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INTRODUZIONE
INPUT

t OFF t OFF t OFF


Temporizzatore azzerabile
0 T
con ritardo al ripristino (tempo di ripristino t OFF)
RESET OUTPUT

RESET t OFF
t

INPUT
t TR
Tempo minimo di attivazione dei relè finali (t TR) t TR t TR
0 T

OUTPUT

INPUT
Modo di funzionamento memorizzato (Latched)
Latched
dei relè finali e dei LED

OUTPUT

INPUT

t TR t TR
Modo di funzionamento impulsivo (Pulse)
t TR dei relè finali
OUTPUT

Symbols1.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 9


INTRODUZIONE
2 GENER A L I TA’
— Premessa
Il relè di protezione NV10P può essere impiegato in AT, MT e BT a protezione di reti e macchine
elettriche, distacco carichi e separazione di utenti attivi dalla rete elettrica. In particolare il relè è
impiegabile come protezione di interfaccia degli Utenti allacciati alla rete di distribuzione MT in ac-
cordo ai requisiti indicati nella guida tecnica Terna allegato A.70 al Codice di Rete; inoltre la versione
con circuiti d’entrata da TV induttivi è conforme alla norma CEI 0-16. Esso comprende in un’unica
apparecchiatura tutte le protezioni che ogni Utente attivo deve installare per interrompere il fun-
zionamento in parallelo alla rete di distribuzione pubblica in occasione di guasti o di funzionamenti
anomali di quest’ultima. In tal modo viene impedito che, per mancanza di alimentazione dalla rete di
distribuzione, l’Utente attivo continui ad alimentare la rete stessa con valori di tensione e frequenza
non consentiti, che in caso di guasto sulla rete di distribuzione l’Utente attivo possa continuare ad
alimentare il guasto stesso e che in caso di richiusure automatiche o manuali di interruttori del Distri-
butore, il/i generatore/i possa/no trovarsi in discordanza di fase con la rete di distribuzione.

— Ingressi di misura per TV induttivi o inserzione diretta


Sono presenti i seguenti circuiti di misura:
• Tre tensioni di fase , con tensione nominale programmabile nel campo 50...130 V (UR=100V) o
200...520 V (UR=400V)
• Un ingresso di tensione residua, con tensione nominale programmabile nel campo 50...130 V
(UER=100 V).

— Ingressi di misura per sensori V-Sensor


Sono presenti i seguenti circuiti di misura
• Tre tensioni di fase, con tensione nominale di 20/√3 kV (primari); la misura della tensione residua è
ottenuta con calcolo vettoriale dalle misure delle tensioni di fase
Le modalità di taratura, programmazione e lettura delle misure e delle registrazioni sono attuabili at-
traverso Personal Computer con supporto Software fornito a corredo (ThySetter) oppure attraverso
bus di comunicazione RS485 o Ethernet; tutte le operazioni sopra indicate sono possibili mediante
tastiera frontale (MMI).
In funzione della configurazione hardware richiesta, il relè NV10P può essere fornito in varie custo-
die adatte al montaggio desiderato (montaggio incassato, sporgente, a rack e con pannello opera-
tore separato).
• Incassato.
• Sporgente.
• Rack.
• Con pannello operatore separato.
Altre opzioni sono:
• Campo di funzionamento dell’alimentazione ausiliaria.
• Protocolli di comunicazione.

NV10P
PROTECTION RELAY

ida tecnica
74TCS BF ARF gu
form alla

Te

2xTV
0
A7

rna al Cod

fase-fase 81O 81U 81R 59Uavg


e

to
ga
lle

27 27V1 59 59V2
onA

ice
59N rete C di

- Funzioni di protezione e controllo


DDI
27 Minima tensione
27V1 Minima tensione di sequenza diretta
NV10P 59 Massima tensione
PROTECTION RELAY
59V2 Massima tensione di sequenza inversa
59N Massima tensione residua
74TCS BF ARF 59Uavg Massima tensione mediata
81O Massima frequenza
81O 81U 81R 59Uavg 81U Minima frequenza
I 81R Derivata di frequenza
BF Mancata apertura interruttore
27 27V1 59 59V2 74TCS Monitoraggio del circuito
di apertura dell’interruttore
DDI 59N ARF Richiusura automatica per fotovoltaico
(opzionale)

10 NV10P - Manuale - 08 - 2012


GENERALITA'
— Caratteristiche principali
• Custodia metallica.
• Display LCD 4x16 caratteri retroilluminato.
• Otto led di segnalazione sul fronte della custodia di cui cinque liberamente programmabili.
• Pulsante di RESET per ripristino delle segnalazioni a led e dei relè finali programmati con ripristino
manuale.
• Due ingressi logici programmabili.
• Sei relè finali (K1...K6) indipendentemente programmabili per avviamento (Start), intervento (Trip) di
ogni soglia delle funzioni di protezione, per autodiagnostica (Self-test) e per funzioni di controllo.
Ogni relè finale può essere programmato con funzionamento normalmente eccitato o diseccitato,
a ripristino manuale o automatico.
• Interfaccia posteriore per la comunicazione con sistemi remoti di comunicazione e controllo su
rete RS485 (standard) e/o Ethernet (opzionale), operante con protocollo MODBUS TCP/IP®, con
porta RJ45 (rame) oppure FX (fibra ottica).
• Interfaccia seriale RS232 a fronte custodia, impiegabile per comunicazione locale.
• Orologio-calendario con capacità tampone.

Le caratteristiche circuitali più significative sono:


• Circuiti d’entrata e d’uscita isolati galvanicamente (compresi i circuiti di comunicazione e d’entrata
digitale).
• Misura dei segnali d’entrata mediante campionamento e conversione con 24 campioni per periodo.
• Filtraggio ottimale dei segnali d’entrata mediante l’utilizzo congiunto di filtri analogici e digitali.
• Contatti finali d’uscita di tipo elettromeccanico tradizionale.
• Alimentazione ausiliaria realizzata mediante un circuito stabilizzatore a commutazione, avente un
campo d’impiego particolarmente ampio e una dissipazione di potenza molto ridotta.
• Frequenza nominale 50 o 60 Hz.

Le caratteristiche di funzionamento più significative sono:


• Le operazioni di modifica delle programmazioni non interrompono il normale funzionamento del
relè.
• Impossibilità di programmare valori dei parametri inaccettabili, grazie alla limitazione automatica
d’inizio e fondo scala dei rispettivi campi di taratura.
• Misura del valore efficace della componente fondamentale delle tensioni mediante DFT (Discrete
Fourier Transform).
• Registrazione degli ultimi venti guasti (SFR).
• Registrazione degli ultimi trecento eventi (SER).
• Registrazione oscillografica (DFR) in formato COMTRADE.

— Foto

NV10P - Manuale - 08 - 2012 11


GENERALITA'
3 CA R AT T ERIS T ICHE T ECNICHE
3.1 GENERALI
— Caratteristiche meccaniche
Montaggio:
• Incassato.
• Sporgente.
• Rack.
• Con pannello operatore separato.
Dimensioni (Altezza x Larghezza x Profondità) 177 x 107 x 235 (Montaggio incassato)
Terminali morsetti a vite
Massa 2.0 kg (Montaggio incassato)

Grado di protezione (codice IP secondo le norme EN 60529, EN 60529/A1)


• Frontale IP52
• Terminali IP20

— Prove di isolamento
Norme di riferimento EN 60255-5, IEC 60255-5
Prova a 50Hz (per 1 min):
• Circuito di alimentazione ausiliaria 2 kV
• Circuiti d’entrata 2 kV
• Circuiti d’uscita 2 kV
• Circuiti d’uscita (tra i contatti aperti) 1 kV
• Interfacce di comunicazione RS232/RS485 500 V
Prova a impulso (1.2/50 μs):
• Circuito di alimentazione ausiliaria 5 kV
• Circuiti d’entrata 5 kV
• Circuiti d’uscita 5 kV
• Circuiti d’uscita (tra i contatti aperti) 2.5 kV
Resistenza d’isolamento >100 MΩ

— Immunità elettromagnetica (EMC)


Norme di riferimento
• Norma di Prodotto per i relè di misura ed i dispositivi di protezione
EN 50263
• Norma generica sull’immunità EN 61000-6-2
• Requisiti di compatibilità elettromagnetica per i relè di misura ed i dispositivi di protezione
EN 60255-26
• Apparati di automazione e controllo per centrali e stazioni elettriche
• Compatibilità elettromagnetica - Immunità ENEL REMC 02
• Normativa di compatibilità elettromeccanica per apparati e sistemi
ENEL REMC 01

— Immunità ai buchi di tensione


Norme di riferimento EN 61000-4-29
IEC 60255-22-11
Voltage dips, short interruptions and voltage variations on dc input power port immunity tests
Circuito di alimentazione ausiliaria a tensione continua
• Durata buchi di tensione con UT=40% 100 ms
• Durata brevi interruzioni con UT=0% 50 ms
• Durata variazione di tensione Un=80...120% 10 s

— Prove di immunità ai disturbi


Norme di riferimento EN 60255-22-1 IEC 60255-22-1
EN 61000-4-12 EN 61000-4-12
Onda oscillatoria smorzata
• 0.1 MHz and 1 MHz modo comune 2.5 kV
• 0.1 MHz and 1 MHz modo differenziale 1.0 kV
• Ring wave modo comune 2.0 kV
• Ring wave modo differenziale 1.0 kV
Norme di riferimento EN 60255-22-2 IEC 60255-22-2
EN 61000-4-2 IEC 61000-4-2
Scarica elettrostatica
• Scarica a contatto 6 kV
• Scarica in aria 8 kV
Norme di riferimento EN 60255-22-3 IEC 60255-22-3
EN 61000-4-3 IEC 61000-4-3

12 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE TECNICHE
Campi elettromagnetici irradiati
• 80...1000 MHz AM 80% 10 V/m
• 900 MHz Pulse modulated 10 V/m
Norme di riferimento EN 60255-22-4 IEC 60255-22-4
EN 61000-4-4 IEC 61000-4-4
Fast transient burst (5/50 ns)
• Alimentazione ausiliaria 2 kV
• Circuiti d’ingresso 4 kV
Norme di riferimento EN 60255-22-5 IEC 60255-22-5
EN 61000-4-5 IEC 61000-4-5
Impulsi ad alta energia
• Uaux (linea-terra 10 ohm, 9 μF) 2 kV
• Uaux (linea-linea 0 ohm, 18 μF) 1 kV
• Porte I/O (linea-terra 40 ohm, 0.5 μF) 2 kV
• I/O ports linea-linea 40 ohm, 0.5 μF) 1 kV

Norme di riferimento EN 60255-22-6 IEC 60255-22-6


EN 61000-4-6 IEC 61000-4-6
Campi elettromagnetici condotti
• 0.15...80 MHz AM 80% 1kHz 10 V
Norme di riferimento EN 60255-22-7 IEC 60255-22-7
EN 61000-4-16 IEC 61000-4-16
Tensioni a frequenza di rete
• Tensione continua 30 V
• 50 Hz continuo 30 V
• 50 Hz 1 s 300 V
• 0.015...150 kHz 30 V

Norme di riferimento EN 61000-4-8 IEC 61000-4-8


Campo magnetico 50 Hz
• 50 Hz continuo 100 A/m
• 50 Hz 1 s 1 kA/m

Norme di riferimento EN 61000-4-10 IEC 61000-4-10


Onda oscillatoria smorzata
• Onda oscillatoria smorzata 0.1 MHz 30 A/m
• Onda oscillatoria smorzata 1 MHz 30 A/m
— Emissione
Norme di riferimento EN 60255-25 IEC 60255-25
EN 61000-6-4 IEC 61000-6-4
EN 55011 CISPR 11
Emissioni elettromagnetiche
• Emissione condotta alimentazione ausiliaria 0.15...0.5 MHz 79 dB μV
• Emissione condotta alimentazione ausiliaria 0.5...30 MHz 73 dB μV
• Emissione irradiata 30...230 MHz 40 dB μV/m
• Emissione irradiata 230...1000 MHz 47 dB μV/m

— Prove meccaniche
Norme di riferimento EN 60255-21-1 EN 60255-21-2 RMEC01
Prove di vibrazione, urti e scosse e tenuta sismica applicabile ai relè di misura e ai dispositivi di
protezione
• EN 60255-21-1 Prove di vibrazione (sinusoidale) Classe 1
• EN 60255-21-2 Prove di urti e scosse Classe 1

— Condizioni climatiche
Norme di riferimento IEC 60068-x ENEL R CLI 01 CEI 50
Temperatura ambiente -25...+70 °C
Temperatura immagazzinaggio -40...+85 °C
Umidità relativa 10...95 %
Pressione atmosferica 70...110 kPa

— Prescrizioni per la sicurezza


Norme di riferimento EN 61010-1
Prescrizioni di sicurezza per apparecchi elettrici di misura, controllo e per utilizzo in laboratorio
Grado di inquinamento 3
Tensione di riferimento 250 V
Categoria di riferimento III
Certificazioni
Norma di prodotto EN 50263
Conformità CE
• Direttiva EMC 89/336/EEC
• Direttiva bassa tensione 2006/95/CE (sostituisce 73/23/CEE)
Prove di tipo IEC 60255-6
NV10P - Manuale - 08 - 2012 13
CARATTERISTICHE TECNICHE
3.2 CIRCUITI DI INGRESSO
— Alimentazione ausiliaria U aux
Tensione
• Valore (campo) nominale[1] 24...48 V~/-
115...230 V~/110...220 V-
• Campo d’impiego (per ciascuno dei valori nominali sopra indicati)
19...60 V~/-
85...265 V~/75...300 V-
Massima corrente all’inserzione (Inrush)
• 24 V- 6 A, 5 ms
• 48 V- 14 A, 5 ms
• 110 V- 20 A, 1 ms
• 230 V~ 50 A, 1 ms
Frequenza (per alimentazione con tensione alternata) 45...66 Hz
Fattore di distorsione massimo
(per alimentazione con tensione alternata) 15 %
Componente alternata massima (per alimentazione con tensione continua)
• Sinusoidale raddrizzata 100 %
• Sinusoidale 80 %
Potenza assorbita
• Massima (relè eccitati, Ethernet TX) 10 W (20 VA)
• Massima (relè eccitati, Ethernet FX) 15 W (25 VA)

— Circuiti d’entrata voltmetrici per TV induttivi o inserzione diretta


Tensione di riferimento UR 100 V o 400 V selezionabile all’ordine
Tensione nominale Un 50...130 V o 200...520 V selez. da sw
Sovraccarico permanente / termico (1 s) 1.3 UR / 2 UR
Potenza assorbita (per ogni fase) ≤ 0.5 VA

— Circuito d’entrata di tensione residua per TV induttivi


Tensione di riferimento UER 100 V
Tensione nominale UEn 50...130 V selezionabile da sw
Sovraccarico permanente/ termico (1s) 1.3 UER /2 UER
Potenza assorbita ≤ 0.5 VA

— Circuiti d’entrata per sensori voltmetrici


Tensione nominale secondaria (con Unp = 20/√3 kV) 1.0 V
Connessioni presa RJ45

— Valori primari dei sensori voltmetrici


Tensione nominale primaria Unp 20/√3 kV
Fattore di sovratensione permanente 1.8

— Ingressi digitali
Numero di ingressi: 2
Tipo di circuito: fotoaccoppiatore
Campo d’impiego 24...265 V~/-
Minima tensione di attivazione UDIGmin 18 V
Massima corrente assorbita con ingresso energizzato IDIG 3 mA

3.3 CIRCUITI DI USCITA


— Relè finali
Numero 6
Tipo di contatti K1, K2 scambio (SPDT, type C)
Tipo di contatti K3, K4, K5 chiusura (SPST-NO, type A)
Tipo di contatti K6 apertura (SPST-NC, type B)
Corrente nominale 8A
Tensione nominale/massima tensione commutabile 250 V/400 V
Potere d’interruzione:
• In corrente continua (L/R = 40 ms) 50 W
• In corrente alternata (λ= 0.4) 1250 VA
Potere di chiusura (MAKE) 1000 W/VA
Massima corrente istantanea (0.5 s) 30 A
Carico minimo commutabile 300 mW (5 V/ 5 mA)
Durata meccanica 106
Durata elettrica 105

Nota 1 I valori indicati sono relativi a versioni differenti del relè, da specificare all’ordine

14 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE TECNICHE
3.4 MMI
Display LCD 16x4 retroilluminato

LEDs
Numero 8
• ON/fail (verde) 1
• Start (giallo) 1
• Trip (rosso) 1
• Programmabili (rosso) 5

Tastiera 8 pulsanti

3.5 CIRCUITI DI COMUNICAZIONE


— Porta locale
Connessione RJ10
Velocità 19200 bps
Parità None
Protocollo Modbus RTU®

— Connessione Remota
RS485
• Connessione morsetti a vite
• Velocità 1200...57600 bps
• Protocollo[1] ModBus®RTU
IEC 60870-5-103
DNP3

Ethernet 100BaseT
• Connessione[2] Fibra ottica 1300 nm, ST
100 Base TX, RJ45
• Velocità 100 Mbps
• Protocollo ModBus®TCP/IP
IEC 61850

Nota 1 I protocolli indicati sono relativi a versioni differenti del relè, da specificare all’ordine
Nota 2 I tipi indicati sono relativi a versioni differenti del relè, da specificare all’ordine

NV10P - Manuale - 08 - 2012 15


CARATTERISTICHE TECNICHE
3.6 GRANDEZZE NOMINALI (PER VERSIONI CON TV INDUTTIVI)
Frequenza nominale del relè (fn) 50, 60 Hz
Tensione nominale del relè (Un) 50...130 V [1] (risoluzione 1 V)
200...520 V [1] (risoluzione 1 V)
Tensione nominale residua del relè con misura diretta (UEn) 50...130 V (risoluzione 1 V)
Tensione nominale residua del relè con misura calcolata (UECn) UECn = √3Un
Tensione nominale primaria TV di linea (Unp) 50 V...500 kV
50...499 V (risoluzione 1 V)
500...4990 V (risoluzione 10 V)
5000...49900 V (risoluzione 100 V)
50000...500000 V (risoluzione 1000 V)
Tensione nominale primaria concatenata TV residua∙√3 (UEnp) 50 V...500 kV
50...499 V (risoluzione 1 V)
500...4990 V (risoluzione 10 V)
5000...49900 V (risoluzione 100 V)
50000...500000 V (risoluzione 1000 V)

3.6.1 GRANDEZZE NOMINALI (PER VERSIONI CON SENSORI)


Frequenza nominale del relè (fn) 50, 60 Hz
Tensione nominale concatenata del relè (Un) 50...130 V[2] (risoluzione 1 V)
Tensione nominale di fase del relè con misura calcolata (En) En = Un /√3
Tensione nominale residua del relè con misura calcolata (UECn) UECn = √3Un = 3 En
Tensione nominale primaria TV di linea (Unp) 50 V...500 kV
50...499 V (risoluzione 1 V)
500...4990 V (risoluzione 10 V)
5000...49900 V (risoluzione 100 V)
50000...500000 V (risoluzione 1000 V)

3.7 FUNZIONI DI PROTEZIONE

— Protezione termica con sonde termometriche - 26 [3]


Allarme ThAL1...8:
Soglia allarme 26 PT1...PT8 (ThAL1...8) 0...200 °C
Tempo intervento ThAL1...8 (tThAL1...8) 0....100 s
Intervento Th>1...8:
Soglia intervento 26 PT1...PT8 (Th>1...8) 0...200 °C
Tempo intervento ThAL1...8 (tTh>1...8) 0....100 s

— Minima tensione - 27 (per versioni con TV induttivi)


Configurazioni comuni:
Logica di funzionamento 27 (Logic27) AND/OR
Soglia U<
Tipo di caratteristica U< (U<Curve) DIPENDENTE[4]/INDIPENDENTE
Tempo indipendente
Prima soglia 27 tempo indipendente (U <def) 0.05...1.10 Un (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U<def (t U<def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 27 tempo dipendente (U <inv) 0.05...1.10 Un (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U<inv (t U<inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U<<
Tempo indipendente
Seconda soglia 27 tempo indipendente (U<<def) 0.05...1.10 Un (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U<<def (t U<<def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 1.03...1.05
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s

Nota 1 I campi di regolazione della tensione nominale Un del relè corrispondono alle versioni di relè (da selezionare all’acquisto), con valori della ten-
sione di riferimento UR (100 V oppure 400 V).
Nota 2 Nel caso in cui la tensione nominale della rete elettrica divisa per √3 corrisponda al valore di tensione nominale primaria dei sensori (20000 / √3),
allora la tensione nominale del relè deve essere regolata a Un = 100 V (impostazione di fabbrica).
Nota 3 La funzione 26 è disponibile nel momento in cui viene abilitato il modulo MPT collegato al relè su Thybus.
Nota 4 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t= (0.75 ∙ t U< inv) / [1 - (U/U< inv)]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tU<inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
U = tensione misurata
U<inv = regolazione soglia d’intervento

16 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE TECNICHE
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi d’intervento 5% o ± 10 ms

— Minima tensione - 27 (per versioni con sensori V-Sensor)


Configurazioni comuni:
Tipo di misura tensione per 27 (Utype27) U ph-ph /U ph-n
Logica di funzionamento 27 (Logic27) AND/OR
Soglia U<
Tipo di caratteristica U< (U<Curve) DIPENDENTE[1]/INDIPENDENTE
Tempo indipendente
Prima soglia 27 tempo indipendente (U <def) 0.05...1.10 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U<def (t U<def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 27 tempo dipendente (U <inv) 0.05...1.10 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U<inv (t U<inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U<<
Tempo indipendente
Seconda soglia 27 tempo indipendente (U<<def) 0.05...1.10 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U<<def (t U<<def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 1.03...1.05
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi d’intervento 5% o ± 10 ms

— Minima tensione di sequenza diretta - 27V1 (per versioni con TV induttivi)


Soglia U1<
Tempo indipendente
Prima soglia 27V1 tempo indipendente (U1<def) 0.05...1.10 Un (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U1<def (t U1<def ) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 1.03...1.05
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi d’intervento 5% o ± 10 ms

— Minima tensione di sequenza diretta - 27V1 (per versioni con sensori)


Soglia U1<
Tempo indipendente
Prima soglia 27V1 tempo indipendente (U1<def) 0.05...1.10 En (risoluzione 0.01 En)
Tempo intervento U1<def (t U1<def ) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 1.03...1.05
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% En
Precisione tempi d’intervento 5% o ± 10 ms

Nota 1 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t= (0.75 ∙ t U< inv) / [1 - (U/U< inv)]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tU<inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
U = tensione misurata
U<inv = regolazione soglia d’intervento

NV10P - Manuale - 08 - 2012 17


CARATTERISTICHE TECNICHE
— Massima tensione - 59 (per versioni con TV induttivi)
Configurazioni comuni:
Logica di funzionamento 59 (Logic59) AND/OR
Soglia U>
Tipo di caratteristica U> (U>Curve) DIPENDENTE[1]/INDIPENDENTE

Tempo indipendente
Prima soglia 59 tempo indipendente (U >def) 0.50...1.50 Un /En (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U>def (t U> def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 59 tempo dipendente (U >inv) 0.50...1.50 Un /En (risoluzione 0.01
Un)Tempo intervento U>inv (t U>inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U>>
Tempo indipendente
Seconda soglia 59 tempo indipendente (U>>def) 0.50...1.50 Un /En (risoluzione 0.01 Un)
Tempo intervento U>>def (t U>> def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms

— Massima tensione - 59 (per versioni con sensori)


Configurazioni comuni:
Logica di funzionamento 59 (Logic59) AND/OR
Tipo di misura tensione (Utype59) U ph-ph /U ph-n
Soglia U>
Tipo di caratteristica U> (U>Curve) DIPENDENTE/INDIPENDENTE[2]
Tempo indipendente
Prima soglia 59 tempo indipendente (U >def) 0.50...1.50 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U>def (t U> def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 59 tempo dipendente (U >inv) 0.50...1.50 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U>inv (t U>inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U>>
Tempo indipendente
Seconda soglia 59 tempo indipendente (U>>def) 0.50...1.50 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Tempo intervento U>>def (t U>> def ) 0.03...100.0 s
0.03...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un/En
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms

Nota 1 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t = (0.5 ∙ t U> inv) / [(U/U> inv) - 1]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tU>inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
U = tensione misurata
U>inv= regolazione soglia d’intervento
Nota 2 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t = (0.5 ∙ t U> inv) / [(U/U> inv) - 1]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tU>inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
U = tensione misurata
U>inv= regolazione soglia d’intervento
18 NV10P - Manuale - 08 - 2012
CARATTERISTICHE TECNICHE
— Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg [1] (per versioni con TV induttivi)
Configurazioni comuni:
Logica di funzionamento (Logic59Uavg) AND/OR
Soglia Uavg>
Tempo indipendente
Prima soglia tempo indipendente (U avg >def) 0.50...1.50 U n (risoluzione 0.01 Un)
Ritardo intervento (t Uavg> def ) 0...1000 s (risoluzione 1 s)
Tempo di avviamento dipende dalle condiz. di riferimento[2]
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi[3] 5% ± 3 s

— Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg [1] (per versioni con sensori)


Configurazioni comuni:
Tipo di misura tensione (Utype59Uavg) U ph-ph /U ph-n
Logica di funzionamento (Logic59Uavg) AND/OR
Soglia Uavg>
Tempo indipendente
Prima soglia tempo indipendente (U avg>def) 0.50...1.50 U n /E n (risoluzione 0.01 Un/En)
Ritardo intervento (t Uavg> def ) 0...1000 s (risoluzione 1 s)
Tempo di avviamento dipende dalle condiz. di riferimento[2]
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un / En
Precisione tempi[3] 5% ± 3 s

— Massima tensione residua - 59N (per versioni con TV induttivi)


Configurazioni comuni:
Tipo di misura tensione residua per 59N- diretta/calcolata (3 VoType59N) U E /U EC
Funzionamento 59N da 74VT esterna (74VText59N) OFF /Block
Soglia U E >
Tipo di caratteristica U E > (U E >Curve) DIPENDENTE/INDIPENDENTE[4]
Ritardo di ripristino U E> (t UE>RES) 0.00...100.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo indipendente
Prima soglia 59N tempo indipendente (U E >def) 0.01...0.70 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>def (t UE >def) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 59N tempo dipendente (U E >inv) 0.01...0.50 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>inv (t UE >inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U E >>
Ritardo di ripristino U E>> (t UE>>RES) 0.00...100.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo indipendente
Seconda soglia 59N tempo indipendente (UE>>def) 0.01...0.70 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>>def (t UE >>def) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% U En
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms

Nota 1 La funzione si basa sulla misura delle tre tensioni concatenate su 10 minuti con aggiornamento ogni tre secondi
Nota 2 Il tempo di avviamento dipende dal valore iniziale e finale della tensione d’ingresso; esempio con una regolazione di soglia pari a 1.10 Un:
- con valore iniziale 0 e valore finale 1.1 Uavg>def (1.1x1.1 = 1.21 Un) il tempo di avviamento risulta uguale a 498 s
- con valore iniziale 0.9 Uavg>def (0.9x1.1 = 0.99 Un) e valore finale 1.1 Uavg>def (1.1x1.1 = 1.21 Un) il tempo di avviamento risulta uguale a 285 s
Nota 3 Poiché il valore aggregato è aggiornato ogni 3 s i tempi sono significativi solo per multipli di 3 s
Nota 4 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t= (0.5 ∙ t UE> inv) / [(UE(EC)/UE> inv) - 1]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tUE>inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
UE, UEC = tensione residua (misura diretta oppure misura calcolata in base alla impostazione del tipo di misura)
UE>inv = regolazione soglia d’intervento
NV10P - Manuale - 08 - 2012 19
CARATTERISTICHE TECNICHE
— Massima tensione residua - 59N (per versioni con sensori)
Configurazioni comuni:
Tipo di misura tensione residua per 59N- diretta/calcolata (3 VoType59N) U EC
Funzionamento 59N da 74VT esterna (74VText59N) OFF /Block
Soglia U E >
Tipo di caratteristica U E > (U E >Curve) DIPENDENTE[1]/INDIPENDENTE
Ritardo di ripristino U E> (t UE>RES) 0.00...100.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo indipendente
Prima soglia 59N tempo indipendente (U E >def) 0.01...0.70 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>def (t UE >def) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo dipendente
Prima soglia 59N tempo dipendente (U E >inv) 0.01...0.50 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>inv (t UE >inv) 0.10...100.0 s
0.10...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia U E >>
Ritardo di ripristino U E>> (t UE>>RES) 0.00...100.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo indipendente
Seconda soglia 59N tempo indipendente (UE>>def) 0.01...0.70 U En (risoluzione 0.01 U En)
Tempo intervento U E>>def (t UE >>def) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% U En
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms

— Massima tensione di sequenza inversa - 59V2 (versioni con TV induttivi)


Soglia U2>
Tempo indipendente
• Prima soglia 59V2 tempo indipendente (U2 >def) 0.01...0.50 Un (risoluzione 0.01 U n)
• Tempo intervento U2>def (t U2> def ) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% Un
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms
— Massima tensione di sequenza inversa - 59V2 (versioni con sensori)
Soglia U2>
Tempo indipendente
• Prima soglia 59V2 tempo indipendente (U2 >def) 0.01...0.50 En (risoluzione 0.01 E n)
• Tempo intervento U2>def (t U2> def ) 0.07...100.0 s
0.07...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.04 s
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.03 s
Precisione soglie ± 1% ± 1% En
Precisione tempi d’intervento 5% or ± 10 ms
— Minima frequenza (81U)
Soglia f<
Tempo indipendente
Prima soglia 81U tempo indipendente (f<def) 0.800...1.000 fn (risoluzione 0.001 fn)
Tempo intervento f<def (t f<def ) 0.05...100.0 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)

Nota 1 La formula generale relativa alle curve a tempo inverso è: t= (0.5 ∙ t UE> inv) / [(UEC/UE> inv) - 1]
t = tempo d’intervento (in secondi)
tUE>inv = regolazione tempo d’intervento (in secondi)
UEC = tensione residua (misura calcolata)
UE>inv = regolazione soglia d’intervento
20 NV10P - Manuale - 08 - 2012
CARATTERISTICHE TECNICHE
Consenso voltmetrico
• Abilitazione consenso voltmetrico f< (f<&) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento UE>> (f<&UE>>) ON/OFF
• Consenso f< da ingresso digitale (f<&DIGIN) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U1< (f<&27V1) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U2> (f<&59V2) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U< (f<&U<) ON/OFF
• Consenso f< da rete non connessa (f<&rete61850-KO) ON/OFF
• Ritardo di ripristino f<& (f<&res) 0.00...200.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...200.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia f<<
Tempo indipendente
Seconda soglia 81U tempo indipendente (f<<def) 0.800...1.000 fn (risoluzione 0.001 fn)
Tempo intervento f<<def (t f<<def ) 0.05...100.0 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia f<<<
Tempo indipendente
Terza soglia 81U tempo indipendente (f<<<def) 0.800...1.000 fn (risoluzione 0.001 fn)
Tempo intervento f<<<def (t f<<<def ) 0.05...100.0 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia f<<<<
Tempo indipendente
Quarta soglia 81U tempo indipendente (f<<<<def) 0.800...1.000 fn (risoluzione 0.001 fn)
Tempo intervento f<<<<def (t f<<<<def ) 0.05...100.0 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)

Tempo di avviamento ≤ 0.03 s


Rapporto di ripristino ≤ 1.002
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.04 s
Valori di riferimento riposo 1 fn
intervento f N -25 mHz (rampa: -2 Hz/s)
Precisione soglie ± 20 mHz
Precisione tempi di intervento 1.5% ± 10 ms [1]

— Massima frequenza (81O)


Soglia f>
Tempo indipendente
Prima soglia 81O tempo indipendente (f>def) 1.000....1.200 fn (risoluzione 0.002 fn)
Tempo intervento f>def (t f> def ) 0.05...100.00 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Consenso voltmetrico
• Abilitazione consenso voltmetrico f> (f>&) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento UE>> (f>&UE>>) ON/OFF
• Consenso f< da ingresso digitale (f>&DIGIN) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U1< (f>&27V1) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U2> (f>&59V2) ON/OFF
• Consenso f< da avviamento U< (f>&U<) ON/OFF
• Consenso f< da rete non connessa (f>&rete61850-KO) ON/OFF
• Ritardo di ripristino f<& (f>&res) 0.00...200.0 s
0.00...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...200.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia f>>
Tempo indipendente
Seconda soglia 81O tempo indipendente (f>>def) 1.000....1.200 fn (risoluzione 0.002 fn)
Tempo intervento f>>def (t f>> def ) 0.05...100.00 s
0.05...9.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.03 s
Rapporto di ripristino ≥ 0.998
Tempo di ripristino ≤ 0.04 s
Tempo d’inerzia 0.04 s
Valori di riferimento riposo 1 fn
intervento fn+25 mHz (rampa: +2 Hz/s)
Precisione soglie ± 20 mHz
Precisione tempi d’intervento 1.5% o ± 10 ms[1]

Nota 1: 1.5% ± 15 ms con impostazione tempi d’intervento = 0.05 s

NV10P - Manuale - 08 - 2012 21


CARATTERISTICHE TECNICHE
— Derivata di frequenza (81R)
Soglia df>
Modo di funzionamento (Mode-df>) Modulo/Positiva/Negativa
Tempo indipendente
Prima soglia 81R tempo indipendente (df > def) 0.1...10.0 Hz/s (risoluzione 0.1 Hz/s)
Tempo intervento df > def (tdf > def) [1] 0.00...100.0 s
0.00...0.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia df>>
Modo di funzionamento (Mode-df>>) Modulo/Positiva/Negativa

Tempo indipendente
Seconda soglia 81R tempo indipendente (df >> def) 0.1...10.0 Hz/s (risoluzione 0.1 Hz/s)
Tempo intervento df >> def (tdf >> def) [1] 0.00...100.0 s
0.00...0.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia df>>>
Modo di funzionamento (Mode-df>>>) Modulo/Positiva/Negativa
Tempo indipendente
Terza soglia 81R tempo indipendente (df >>> def) 0.1...10.0 Hz/s (risoluzione 0.1 Hz/s)
Tempo intervento df >>> def (tdf >>> def) [1] 0.00...100.0 s
0.00...0.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Soglia df>>>>
Modo di funzionamento (Mode-df>>>>) Modulo/Positiva/Negativa
Tempo indipendente
Terza soglia 81R tempo indipendente (df >>>> def) 0.1...10.0 Hz/s (risoluzione 0.1 Hz/s)
Tempo intervento df >>>> def (tdf >>>> def) [1] 0.00...100.0 s
0.00...0.99 s (risoluzione 0.01 s)
10.0...100.0 s (risoluzione 0.1 s)
Tempo di avviamento ≤ 0.3 s con soglia d f: 0.1...0.9 Hz/s
≤ 0.2 s con soglia d f: 1.0...4.9 Hz/s
≤ 0.1 s con soglia d f: 4.9...10.0 Hz/s
Tempo di ripristino ≤ 0.05 s
Valori di riferimento riposo 0 d f
intervento 1.5 d f
Precisione soglie ± 20 mHz/s con soglia d f: 0.1...0.9 Hz/s
± 50 mHz/s con soglia d f: 1.0...4.9 Hz/s
± 200 mHz/s con soglia d f: 4.9...10.0 Hz/s
Precisione tempi di intervento 3% ± 20 ms

— Mancata apertura - BF
Tempo intervento BF (tBF) 0.06...10.00 s (risoluzione 0.01 s)
Rapporto di ripristino 0.95...0.98
Tempo di ripristino ≤ 0.05 s
Precisione tempo d’intervento 5% or ± 10 ms

Nota 1: Il tempo d’intervento è uguale al valore impostato a cui va sommato il tempo di avviamento

22 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE TECNICHE
3.8 FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO
— Aggancio in frequenza
Campo di funzionamento[1]
• Frequenza nominale (f n ) 50 Hz 20...63 Hz
Tempo di risposta (per variazione istantanea) 5 Hz/s
Tensione minima di funzionamento 0.015 E n

— Supervisione circuito interruttore - 74TCS


Tempo d’intervento:
Supervisione con un ingresso logico 40 s
Supervisione con due ingressi logici 2s
Ritardo di ripristino:
Supervisione con un ingresso logico 6s
Supervisione con due ingressi logici 0.6 s

— Monitoraggio interruttore
Diagnostica interruttore
Soglia conteggio aperture (N.Open) 0...10000 (risoluzione 1)
Massimo tempo di apertura ammesso per interruttore (t break >) 0.05...1.00 s (risoluzione 0.01 s)

— Oscillografia [2]
Formato COMTRADE
Modo di registrazione circolare
Frequenza di campionamento 24 campioni per periodo
Set trigger:
Tempo pre-trigger 0.05...1.00 s (risoluzione 0.01 s)
Tempo post-trigger 0.05...60.00 s (risoluzione 0.05 s)
Set canali campionati:
uL1, uL2 , uL3, uE
Set canali di misura:
Grandezze registrabili nei canali Analog 1...Analog 12 f, UL1, UL2, UL3, UE, UEC, U1, U2, df/dt
Set canali digitali:
Grandezze registrabili nei canali Digital 1...Digital 12 K1, K2, K3, K4, K5, K6, IN1, IN2

— PLC (Programmable Logic Controller) [2]


Norme di riferimento IEC 61131-3
Linguaggio[3] IL (Instruction List)
Ingressi:
Ingressi logici IN1, IN2 a bordo del relè
IN8...IN10 con modulo MRI
IN11...IN26 con un modulo MID16
IN27...IN42 con due moduli MID16
Ingressi logici temporizzati[4] IN1, IN2 a bordo del relè
IN8...IN10 con modulo MRI
IN11...IN26 con un modulo MID16
IN27...IN42 con due moduli MID16
Avviamento di tutte le funzioni Start U<, Start U<<,...ecc
Intervento di tutte le funzioni Trip U<, Trip U<<,...ecc
Misure UL1, UL2,...ecc
Temperatura Pt100

Uscite:
Relè finali K1...K6 a bordo del relè
K7...K10 con modulo MRI

LEDs START, TRIP, L1...L6 a bordo del relè


L7...L10 con modulo MRI
Convertitore di corrente DAC

Nota 1 Se la frequenza risulta inferiore oppure superiore al campo di funzionamento, il sistema si aggancia sulla frequenza nominale (50 o 60 Hz)
Nota 2 Per l’attivazione della funzione è necessaria la relativa licenza; contattare Thytronic per l’acquisto
Nota 3 Con versione ThySetter V3.4.3 e versione compilatore IEC 61131-3 V1.2.7 attualmente è previsto solo il linguaggio IL (Instruction List);
altri linguaggi, definiti nella parte 3 dello standard IEC 61131 (ST (Structured Text)), LD (Ladder Diagram), FBD (Function Block Diagram), SFC
(Sequential Functional Chart), saranno disponibili in futuro
Nota 4 Viene acquisito lo stato dell’ingresso a valle dei temporizzatori tON e tOFF

NV10P - Manuale - 08 - 2012 23


CARATTERISTICHE TECNICHE
3.9 MISURE
Dirette
• Frequenza (f )
• Valore RMS della fondamentale delle tensioni d’ingresso (U L1, U L 2 , U L 3 )
• Valore RMS della fondamentale della tensione residua (U E )

Calcolate:
• Tensioni concatenate calcolate (U12 , U23 , U31)
• Tensione residua calcolata (UEC)
• Tensione massima tra UL1-UL2-UL3 (ULmax )
• Tensione media tra UL1-UL2-UL3 (UL )
• Tensione di sequenza diretta (U1)
• Tensione di sequenza inversa (U2 )
• Terza armonica di tensione residua (UE-3rd)
• Derivata di frequenza (df/dt)
Medie:
• Tensioni aggregate su 10 minuti (UL1avg, UL2avg, UL3avg)
• Tensione massima tra UL1avg, UL2avg, UL3avg (ULavgmax )

PT100 [1]
Temperatura PT1 (T1)
Temperatura PT2 (T2 )
Temperatura PT3 (T3 )
Temperatura PT4 (T4 )
Temperatura PT5 (T5 )
Temperatura PT6 (T6 )
Temperatura PT7 (T7 )
Temperatura PT8 (T8 )

Nota 1 Le misure di temperatura T1...T8 sono significative solo in presenza di modulo MPT collegato al Thybus e abilitato

24 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE TECNICHE
4 CA R AT T ERIS T ICHE DI F UNZION A MEN TO
4.1 DESCRIZIONE HARDWARE
Lo schema di principio sotto riportato illustra i blocchi significativi che compongono il relè.

MMI
LCD
LEDs
ETHERNET
RS232

RS485
EEprom EEprom SRam INPUT MODULE
Flash SRam

SPI

CPU DSP ≈
Thybus

DUAL
PORT ≈ VTs

RTC

CPU BOARD
POWER FAIL
RESET
+10 V

+24 V
-10 V
+5 V

0V

BINARY INPUTS
IN1
POWER SUPPLY Input
IN2

BLOCK I/O
BLKIN
Input
BLKOUT

Uaux
RELAYS

K1...K6 Output contacts

POWER SUPPLY BOARD

hw.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 25


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Scheda di alimentazione
La scheda comprende i componenti necessari per la funzione di conversione e stabilizzazione, rea-
lizzata con lo schema circuitale a commutazione, con modulazione della durata d’impulso.
Sono previste due versioni adatte per dinamiche di ingresso 24...48 V e 115...230 V.
Il circuito fornisce in uscita le tensioni stabilizzate necessarie per i circuiti analogici di misura e
comando e +5 V per l’alimentazione dei circuiti digitali.
La scheda comprende inoltre:
• Due ingressi logici fotoaccoppiati per garantire l’isolamento galvanico.
• Sei relè finali (K1...K6).

— Modulo CPU
Questa scheda comprende tutti i circuiti necessari per l’elaborazione analogica e numerica dei se-
gnali.
Elaborazione analogica
Sono presenti:
• Circuiti di filtraggio anti aliasing.
• Circuiti di amplificazione per il condizionamento dei segnali d’ingresso.
• Circuiti di regolazione per le tensioni di riferimento del convertitore A/D.
I relè di protezione PRO_N utilizzano un processore DSP per l’elaborazione numerica dei segnali.
Le correnti in ingresso vengono campionate con 24 campioni al periodo.
Il criterio di misura consente di acquisire con precisione anche segnali contenete una componente
unidirezionale, tipicamente presente durante alcuni tipi di guasto.
La scheda comprende i relè finali con i relativi circuiti di comando.
CPU
E’ utilizzata una CPU a 32 bit che gestisce le periferiche relative a:
• Real Time Clock don condensatore tampone.
• Porta di comunicazione locale RS232.
• Porta di comunicazione RS485.
• Porta di comunicazione Thybus per il collegamento a moduli esterni e scheda MMI.
• Circuiti di comunicazione su rete ethernet (opzionali).
Memorie:
• SRam: RAM statica utilizzata per dati e cache, nonché per il fw.
• Memoria flash: utilizzata per la memorizzazione del fw ed i relativi aggiornamenti (upgrades).
• Memoria EEprom: utilizzata per i dati di calibrazione e la memorizzazione delle registrazioni dei
guasti.
• Dual port RAM: utilizzata per il trasferimento dei dati tra CPU e DSP.

— Modulo ingressi
• Tre TV per la misura delle tensioni d’entrata.
• Un TV per la misura della tensione residua.

— MMI (tastiera, LED e display)


Il modulo MMI (Man Machine Interface) include:
• Una tastiera con otto tasti.
• Un display LCD alfanumerico con retroilluminazione.
• Otto LED di segnalazione.
Il modulo è collegato alla scheda CPU mediante un cavo dotato di connettore tipo RJ allo scopo di
poter accedere alla scheda CPU per l’eventuale programmazione dei DIP-switch relativi all’imposta-
zione della corrente nominale.
Nelle versioni con pannello operatore separato, la medesima connessione consente di svincolare il
modulo dalla base.

26 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
4.2 DESCRIZIONE DEL SOFTWARE
Il software che gestisce il funzionamento dei relè Pro_N è composto dagli elementi fondamentali
illustrati nello schema a blocchi sotto riportato.

Ethernet RS485 RS232


TIMER I/O boards

RTOS timer KEYS


PC com
Sync +
RTOS timer RTC refresh
Messages
EEPROM Binary inputs
RTOS timer update

Output relays
RAM/EPROM Diagnostic
memory check
LEDs
I/O
Data Base DATA BASE Thybus
Fast devices
Counters
EEPROM
Events
MMI Slow devices
sampling Measures
DSP
RTOS timer
Oscillography
KEYS
SIMBOLOGIA

task Processo (task)

Drivers Libreria funzionale (Drivers)

RTOS timer Timer del sistema operativo


Interrupt sw.ai

— Software di base
E’ composto dai moduli di base che risultano indipendenti dalle applicazioni specifiche. La struttura
è modulare e scalabile in modo da adattarsi automaticamente all’impiego su applicativi diversi.
Il sistema è assimilabile al BIOS (Basic Input-Output System) presente nel personal Computer ed ha
tre funzioni principali:
• Eseguire una serie di test diagnostici all’avvio;
• Localizzare il sistema operativo e caricarlo nella RAM;
• Fornire una interfaccia software per l’accesso all’hardware del relè

— Sistema operativo real-time


Il sistema impiega un sistema operativo specializzato per il supporto di applicazioni software
real-time (RTOS).
Il sistema operativo in “tempo reale” possiede una architettura “multithread preemptive” in grado
di gestire molteplici sottoprocessi
Il kernel rappresenta il nucleo del sistema e comprende le funzioni di elaborazione più vicine ai
circuiti elettronici.
Il software è vincolato ad una struttura a task con interruzioni operanti con diversi livelli di priorità.

— Processi (task)
I task (processi e thread) sono i componenti base che costituiscono il sistema.
Esempi di task sono:
• Gestione dei pulsanti
• Aggiornamento RTC (Real Time Clock)
• Aggiornamento RAM/EEPROM
• Diagnostica dei processi
• Lettura ingressi
• Comando relè finali
• Gestione MMI

NV10P - Manuale - 08 - 2012 27


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
• Gestione periferiche
• Elaborazione misure DSP

Firmware DSP
Mediante il calcolo della trasformata discreta di Fourier (DFT), sulla base di 24 campioni/periodo
si estrae l’informazione di ampiezza e fase di tutte le misure di tensione e di corrente; esse sono
costantemente aggiornate a disposizione di tutti gli algoritmi applicativi di protezione e controllo. Gli
algoritmi provvedono a generare i sincronismi (timers) per il campionamento dei segnali analogici e
l’elaborazione numerica.

— Drivers
La libreria dei drivers contiene tutti i moduli specializzati per le funzioni di comando e controllo che
costituiscono l’anello di collegamento tra il kernel e l’applicativo. Esempi di drivers sono:
• Gestione del data base
• Gestione messaggi PC
• Gestione messaggi TCP/IP
• Gestione protocollo di base (Basic Protocol)
• Gestione contatori
• Gestione eventi
• Gestione misure
• Gestione oscilloperturbografia

— Software applicativo
Il software applicativo rappresenta la specializzazione del sistema basato sui moduli costituenti il
software di base; esso contiene tutti gli elementi che realizzano le funzioni di protezione e controllo.
I moduli fondamentali sono:
• Funzione diagnostica di livello applicativo,
• Gestione ingressi (ingressi logici),
• Funzioni di protezione,
• Registrazione eventi,
• Gestione uscite (relè finali e LED)
Ogni elemento (Kernel, Drivers e Applicativo) può essere, a sua volta diviso in moduli:
Protocollo di base (kernel)
Il driver Basic Protocol (BP) gestisce la comunicazione di servizio tra l’unità DSP e la CPU attraverso
un canale di comunicazione dedicato con i seguenti servizi:
• Scambio dati ed informazioni,
• Calibrazione,
• Upgrade fw DSP,
Upgrade fw applicativo.
Comunicazione (drivers)
La protezione implementa il protocollo MODBUS TCP/IP per il dialogo con interfaccia di rete, i pro-
tocolli ModBus RTU, IEC 60870-5-103 e DNP3 su RS485 ed il protocollo MODBUS RTU RS232 verso il
sw di parametrizzazione ThySetter.
Sono previsti tutti i codici principali secondo lo standard corrispondente; per la descrizione comple-
ta e la mappa degli indirizzi occorre fare riferimento ai manuali di programmazione remota.
MMI (drivers)
Si occupa della gestione dei menù, disponibili sia sul pannello sia mediante messaggi, che possono
essere percorsi mediante comandi che utilizzano la tastiera, i led ed il display LCD.

— Data Base
Il data base è strutturato con criteri di modularità in tre sezioni:
• RAM contenente i dati volatili,
• REE e PAR contenenti i dati registrati in memoria non volatile.

— Self test (Applicativo)


La funzione controlla ciclicamente il funzionamento delle principali funzioni hw e sw senza interve-
nire con ritardi significativi sul ciclo di elaborazione.
In particolare sono verificate le seguenti funzioni:
• I livelli delle tensioni di riferimento;
• La continuità delle bobine dei relè finali;
• Il controllo del flusso del programma mediante monitoraggio dei tempi di esecuzione e della occu-
pazione dell’area di stack;
• La congruenza dei dati nei blocchi REE e PAR duplicati in EEPROM.

— Tool di sviluppo (Builder)


Per lo sviluppo del progetto è stato sviluppato uno strumento CASE addetto alla produzione otti-
mizzata di codice sw per la gestione della calibrazione, del data base e dei files Xml utilizzati per la
comunicazione. Il criterio di produzione automatica del codice garantisce la qualità del risultato in
termini di riusabilità, verificabilità e manutenibilità del ciclo di vita del sw.

28 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
4.3 DESCRIZIONE INGRESSI/USCITE
— Ingressi di misura
Versioni con ingressi da TV
induttivi
Sono disponibili i seguenti ingressi:
• Tre ingressi voltmetrici di linea con tensione nominale di riferimento di 100V oppure 400V da sele-
zionare all’acquisto. Il valore nominale delle tensioni d’entrata è assegnabile dall’utente entro un
ampio intervallo di taratura, per cui la protezione si adatta ai diversi valori di tensione nominale
secondaria dei TV o di un impianto (50...130 V per le versioni con tensione di riferimento U R = 100V
e 200...520 V per le versioni con tensione di riferimento U R = 400 V). La versione del relè U R = 400V
permette la misura diretta delle tensioni, senza l’impiego di TV, su impianti di tensione nominale
200...520 V. Nelle applicazioni in cui è richiesta la conformità alla Norma CEI 0-16 gli ingressi volt-
metrici di linea devono essere collegati in modo da effettuare la misura delle tensioni concatena-
te[1].
• Un ingresso voltmetrico di tensione residua con tensione nominale di riferimento di 100V;

NV10P

1 ingresso di tensione residua


3 ingressi di tensioni di linea

sensori.ai

Versioni con ingressi da


Sensori
Sono disponibili tre ingressi voltmetrici; il relè misura le tensioni di fase U L1 , U L2 , U L3 e ricava inter-
namente le tensioni concatenate U 12 , U 23 , U 31 e la tensione residua U EC .

NV10P

3 ingressi di tensione di fase

V-sensor1.ai

— Elaborazione dei segnali misurati


Il sistema comprende diversi livelli di elaborazione:
• Acquisizione (livello base).
• Misure dirette dei segnali fisici (primo livello).
• Misure calcolate (secondo livello).
• Misure derivate (terzo livello).
Le misure elaborate in un determinato livello sono basate su dati elaborati nel livello precedente.
Ad ogni livello trovano corrispondenza le relative allocazioni di risorse in termini di priorità dei pro-
cessi di elaborazione relativi (circuiti di condizionamento e conversione, DSP e CPU).

ACQUISIZIONE (livello base)


Sui segnali d’ingresso, opportunamente condizionati, il relè effettua il campionamento delle seguenti
grandezza elettriche 24 volte a periodo:

ACQUISIZIONE

≈ VALORI ISTANTANEI

acquisizione.ai

- uL1...uL3 valore istantaneo delle tre tensioni d’ingresso


- uE valore istantaneo della tensione residua (versioni con ingressi da TV)
A partire dai valori campionati delle grandezze elettriche di cui sopra, il relè elabora una serie di
misure, di cui alcune vengono impiegate per le funzioni di protezione-monitoraggio-controllo e/o
per visualizzazione a display o alle interfacce di comunicazione seriale e/o per registrazione oscil-
lografica.
Nota 1 L’inserzione dei TV indicata negli schemi (TV stella-stella) non è ammessa nelle applicazioni in cui è richiesta la conformità alla Norma CEI 0-16

NV10P - Manuale - 08 - 2012 29


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Le misure elaborate dal relè, a partire dai valori campionati delle grandezze d’ingresso sono rag-
gruppate nelle seguenti classificazioni:

• Dirette
• Calcolate
• Medie

Dirette
• Frequenza di rete. La misura di periodo viene effettuata sulle tre tensioni d’ingresso.[1]

VT ACQUISITION
uL1
UL1 ≈

uL2 f
UL2 ≈ (Hz)
T

uL3
UL3 ≈
F. a i

I valori istantanei dei segnali d’ingresso sono elaborati mediante algoritmo DFT (Discrete Fourier
Transform) allo scopo di calcolarne l’ampiezza e la fase della componente fondamentale per:

• Tensioni d’ingresso UL1, UL2, UL3

ACQUISIZIONE
TV
u L1, u L2 , u L3 U L1, U L2 , U L3
≈ DFT (En)

UL 1 . a i

• Tensione residua UE (misura solo per le versioni con ingressi da TV induttivi)

ACQUISIZIONE UE
TV DFT (fondamentale) (UEn)
uE

U E-3rd
DFT (3a armonica) (UEn)
UE . a i

Calcolate
Le misure fisiche sono composte vettorialmente; per ognuna delle grandezze sotto elencate viene
restituita la misura in valore efficace (RMS) della componente fondamentale:

• Componente fondamentale della tensione residua calcolata UEC

UL1
UL2 UEC
UEC = UL1 + UL2 + UL3 (UEn)
UL3
UE C . a i

• Componente fondamentale della tensione di sequenza diretta ed inversa: U1, U2[2]

U2 . a i
UL1 U1
U1 = (U L1 + e+j120°U L 2 + e-j120°U L 3 )/3 (Un)
UL2
U2
UL3 (Un)
U 2 = (U L1 + e-j120°U L 2 + e+j120°U L 3 )/3
-j120° 1 √3 +j120° 1 √3
e =- -j e =- +j
2 2 2 2

Nota 1 Misura sulle tre tensioni concatenate con TV induttivi (da n. 2 TV fase-fase oppure inserzione diretta in BT sulle tensioni concatenate)
Misura sulle tre tensioni di fase con sensori voltmetrici (da n. 3 sensori voltmetrici con inserzione fase-terra)
Nota 2 Calcolate sulle tre tensioni concatenate con TV induttivi
Calcolate sulle tre tensioni di fase con sensori voltmetrici

30 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
- componente fondamentale di ognuna delle tre tensioni concatenate: U12, U23, U31

UL1
U12
UL2 U12 = UL1 - UL2 (Un)

UL2 U31 UL1 U12


U23
UL3 U23 = UL2 - UL3 (Un)
UL3 UL2
UL1
U 31
UL3 U 31 = UL3 - UL1 (Un)
U23
U1 2 . a i

Valore efficace su 10 minuti


Viene calcolata l’aggregazione di 10 minuti dei valori delle tensioni d’ingresso U12, U23, U31 acquisiti
ogni 0.2 secondi:
• Si acquisiscono i valori efficaci delle tensioni ogni 0.2 secondi;
• Separatamente per ciascuna fase, i valori acquisiti vengono aggregati su 10 minuti (600 s) ese-
guendo la radice quadrata della media aritmetica degli ultimi 600/0,2 = 3000 valori al quadrato. L’ag-
gregazione su 10 minuti è aggiornata ogni 3 s.
3000
1
Um = ¥(Ui)2
3000 i=1

A fronte di una variazione a gradino della tensione d’ingresso U (con tensione inizialmente già sta-
bilizzata), la tensione Um ha un andamento transitorio con legge quadratica come evidenziato nella
figura seguente.

1.3
U

1.1

0.9

Um
0.7

0.5

0.3

0.1

200 100 100 200 300 400 500 600

Funzione di massima tensione su 10 minuti (59Uavg)

Le grandezze misurate sopra descritte sono impiegate nelle unità di elaborazione indicate nelle ta-
belle riportate nelle pagine seguenti.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 31


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Convenzioni delle misure
Senso di rotazione dei fasori
Il senso di rotazione convenzionale assunto per i fasori di tensione è quello antiorario.

fasori.ai

Successione ciclica delle fasi


Per una terna di fasori di tensione ruotante in senso antiorario, si assume convenzionalmente un
senso ciclico diretto se le tre fasi si susseguono nell’ordine L1, L2, L3 ed un senso ciclico inverso se
le tre fasi si susseguono nell’ordine L1, L3, L2.

UL1 UL1

UL3 UL2 UL2 UL3

Te rn a d i s e n s o ci cl i co di retto Terna di s ens o ci cl i co i nv ers o


fasori1.ai

32 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Impiego dei segnali misurati
L’impiego delle grandezze per le funzioni di protezione, monitoraggio e controllo, è elencato nella
tabella sotto riportata.

Mancata apertura interruttore (BF)


Avviamento (START) Relè K1...K6

Avviamento (START) LEDs L1...L5


Intervento (TRIP) Relè K1...K6

Intervento (TRIP) LEDs L1...L5


Temperatura (PT1....PT8)
Ingresso logico IN1, IN2

Blocco logico (Block1)


UL1, UL2 , UL3
U12, U23 , U 31
uL1, uL2 , uL3

UEC
UE
U1
U2
uE
f
PROTEZIONI
Termica da sonde termometriche (26) g g g g g
Minima tensione (27) g g g g g g g g
Minima tensione di sequenza diretta (27V1) g g g g g g g
Massima tensione (59) g g g g g g g g
Massima tensione di sequenza inversa (59V2) g g g g g g g
Massima tensione residua (59N) g g g g g g g g
Massima tensione mediata (59Uavg) g g g g g g g
Minima/Massima frequenza (81U/81O) g g g g g g g
Derivata di frequenza (81R) g g g g g g g
Mancata apertura interruttore (BF) g g g g g g g
MONITORAGGIO e CONTROLLO
Richiusura automatica per fotovoltaico (ARF) g g g g g
Supervisione del circuito di scatto (TCS) g
MISURE
Frequenza g
Tensione di fase (versioni con ingressi da sensori) g
Tensione concatenata g
Tensione residua g g
Tensione di sequenza diretta g
Tensione di sequenza inversa g
Derivata di frequenza g
Temperatura (Pt100 con modulo MPT) g
REGISTRAZIONE EVENTI
Event 0 g g g g g
Event ... g g g g g
Event 299 g g g g g
REGISTRAZIONE GUASTI
Fault 0 g g g g g g g g g g g g
Fault 1 g g g g g g g g g g g g
Fault ... g g g g g g g g g g g g
Fault 19 g g g g g g g g g g g g
OSCILLOGRAFIA
Record 1 g g g g g g g g g g g g g g
Record 2 g g g g g g g g g g g g g g
Record ... g g g g g g g g g g g g g g

NV10P - Manuale - 08 - 2012 33


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Ingressi logici
Sono disponibili due ingressi logici.
Gli ingressi, liberi da tensione, devono essere pilotati applicando una tensione esterna, (solitamente
la tensione ausiliaria di alimentazione).
Per i collegamenti occorre far riferimento agli schemi d’inserzione.
Per ciascun ingresso sono impostabili i seguenti parametri:
• Logica DIRETTA (attivo quando l’ingresso risulta alimentato), oppure INVERSA (attivo senza ten-
sione in ingresso).
• Ritardo alla attivazione (IN1 tON, IN2 tON) e Ritardo alla ricaduta (IN1 tOFF, IN2 tOFF) ).
• Associazione funzioni agli ingressi.

L’impostazione dei temporizzatori di Attivazione e Disattivazione consente di inserire un ritardo di


durata programmabile sulle transizioni dei segnali di ingresso; in particolare la transizione positiva
viene considerata valida solo se il rispettivo ingresso rimane stabilmente attivo per un tempo mag-
giore oppure uguale al ritardo t ON impostato; analogamente, per le transizioni negative, l’ingresso
deve rimanere nello stato di riposo per un tempo maggiore oppure uguale al ritardo t OFF impostato.

BINARY INPUT

t ON t ON t OFF t OFF

INTERNAL STATE

t
binary-timers.ai

Nel diagramma sopra riportato il segnale INTERNAL STATE rappresenta lo stato del segnale logico
utilizzato nelle elaborazioni successive.

Ogni ingresso logico può essere associato ad una tra le funzioni predefinite elencate nella tabella
sotto riportata.

Ingressi logici
FUNZIONI
IN1 IN2

Reset segnalazioni g g
Selezione configurazione (commutazione tra banco A e B) g g
Trigger Guasto (memorizzazione guasto) g g
Blocco logico g g
TCS1 (supervisione circuito di scatto) g g
TCS2 (supervisione circuito di scatto) g g
Scatto ProtExt (intervento protezioni esterne) g g
Reset contatori g g
Reset CB Monitor (azzeramento dati monitoraggio interruttore) g g
52a (acquisizione contatto ausiliario) g g
52b (acquisizione contatto ausiliario) g g
Apertura interruttore g g
Chiusura interruttore g g
Remote trip (telescatto) g g
74VT ext. (acquisizione di 74VT proveniente da un circuito esterno) g g
Consenso f<-f> g g

34 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Reset segnalazioni
Se la funzione che ha prodotto l’intervento è tornata in condizione di riposo, l’attivazione dell’ingresso
produce il ripristino dei relè finali programmati con modo di funzionamento memorizzato e dei LED.

Set-Reset latch

TRIPPING M ATRIX
(LED+REL AYS)
S
Set (ON≡turn on LED/relay)

Reset LEDs Logic INx t O N INx t O F F


&
R ≥
n.c. INx t ON INx t OFF Reset (ON≡turn off LED/relay) &
n.o. T 0 0 T
Binary input INx

Reset segnalazioni da ingresso logico Reset-led.ai

Selezione configurazione
I relè di protezione PRO_N dispongono di due configurazioni di taratura indipendentemente program-
mabili (Configurazione A e B) L’attivazione dell’ingresso produce la commutazione del banco di tara-
tura abilitando i parametri di configurazione relativi al banco B alternativo a quello corrente A.[1]

Profile B Profile A Profile selection


Profile B Profile A (A, B, from binary input)

Set profile Logic INx t O N INx t O F F

n.c. INx t ON INx t OFF OFF≡Profile A, ON≡Profile B


n.o. T 0 0 T
Binary input INx
Commutazione configurazioni di taratura da ingresso logico Switch-profile.ai

Trigger Guasto
L’attivazione dell’ingresso produce la memorizzazione delle grandezze d’entrata nella registrazione
dei guasti (SFR); la memorizzazione avviene con procedura analoga a quella messa in atto automati-
camente nel caso di intervento di una funzione di protezione.

Fault recording
UL1->UL1r
Fault trigger Logic INx t O N INx t O F F Protection UL2 ->UL2r
element .....
n.c. INx t ON INx t OFF ≥1
Inputs
n.o. T 0 0 T Outputs
Fault cause info
Binary input INx
Trigger registrazione guasti da ingresso logico Trigger-faults.ai

Blocco logico
L’attivazione dell’ingresso produce un blocco per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingres-
so medesimo[2]; l’abilitazione di ogni soglia di blocco logico avviene nel menù di programmazione
relativo alla funzione che si intende bloccare.[3]
Il disegno sotto riportato illustra l’impiego dell’ingresso logico IN1 per l’acquisizione del blocco lo-
gico (Block1) generato da un segnale esterno; nell’esempio il segnale di blocco logico concorre
(logica OR) insieme al blocco selettivo (Block2) a bloccare la funzione relativa (xxx).

Enable (ON≡Enable) Blocking


Block1
& xxxx Block1

Block1 Logic INx t O N INx t O F F

n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)


Block1
n.o. T 0 0 T
Binary input INx

Assegnazione ingresso logico alla acquisizione del segnale di blocco logico (Block1) Block1.ai

Nota 1 Affinché la commutazione di configurazione sia abilitata, occorre programmare “da INPUT” il parametro presente nel menù “Configurazione
selezionata”
Nota 2 L’attivazione produce il blocco della protezione per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso medesimo.
Negli schemi il blocco logico è rappresentato da “Block1” (simbologia utilizzata nella versione in lingua inglese e su MMI)
Nota 3 L’attivazione di un ingresso digitale produce il blocco di tutte le soglie delle funzioni programmate per essere bloccate dal blocco logico

NV10P - Manuale - 08 - 2012 35


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
TCS1 e TCS2
Supervisione del circuito di apertura dell’interruttore (TCS “Trip Circuit Supervision”).
La funzione può essere realizzata utilizzando uno oppure due ingressi logici.
Per una completa descrizione occorre far riferimento al paragrafo corrispondente.

+UAUX
Logic INx t O N INx t O F F
TCS1
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. 74TCS logic
T 0 0
TRIP Binary input INx

TCS2
Logic INx t O N INx t O F F

52 n.c. INx t ON IN1 t OFF


52a 52b 74TCS logic
n.o. T 0 0
Binary input INx

-UAUX
Monitoraggio del circuito di scatto - 74TCS con impiego di due ingressi logici TCS2.ai

Scatto ProtExt
L’acquisizione dell’ingresso consente di rilevare l’intervento di una protezione esterna: l’informazio-
ne viene utilizzata nella funzione di mancata apertura interruttore (Breaker Failure).

+UAUX

Trip ProtExt Logic INx t O N INx t O F F


IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. Breaker failure (BF)
T 0 0 T
Binary input INx
-UAUX
Assegnazione ingresso logico alla acquisizione del segnale d’intervento di una protezione esterna ExtProt.ai

Reset Contatori
L’attivazione dell’ingresso produce l’azzeramento di tutti i contatori parziali del numero di interventi/
avviamenti di ciascuna soglia.[1]
Reset conteggi monitoraggio
interruttore (Reset CB Monitor)
L’attivazione dell’ingresso produce l’azzeramento del conteggio relativo alla diagnostica dell’inter-
ruttore.
52a 52b
L’acquisizione degli ingressi, collegati rispettivamente ai contatti ausiliari dell’interruttore,[2] consen-
te di rilevare lo stato dell’interruttore stesso; l’informazione viene utilizzata nelle seguenti funzioni:
• Controllo dello stato dell’interruttore (aperto-chiuso).
• Diagnostica interruttore (conteggio del numero e della durata delle manovre di apertura e chiu-
sura).
• Mancata apertura interruttore (BF).

+UAUX
52a Logic INx t O N INx t O F F
IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. T 0 0 T
52 Binary input INx
52a 52b CB position
CB diagnostic
52b Logic INx t O N INx t O F F Breaker failure (BF)
IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. T 0 0 T
Binary input INx
-UAUX
Assegnazione ingressi logici alla acquisizione dello stato dei contatti ausiliari dell’interruttore CB-pos.ai

Nota 1 L’azzeramento dei contatori totali è fattibile solo mediante ThySetter con sessione a Livello 1 (accessibile con password)
Nota 2 Convenzionalmente 52a rappresenta il contatto ausiliario che risulta nella medesima posizione dei contatti di potenza, mentre 52b rappresenta
il contatto ausiliario che risulta nella posizione opposta rispetto ai contatti di potenza

36 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Apertura interruttore
Chiusura interruttore
L’acquisizione dei segnali esterni consente di comandare l’apertura e la chiusura dell’interruttore.

+UAUX Comando +UAUX


Apertura Apertura interruttore Logic INx t O N INx t O F F
IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. T 0 0 T

TRIPPING M ATRIX
52a O -UAUX

(LED+REL AYS)
Binary input INx 52 52b

Comando
Chiusura Chiusura interruttore Logic INx t O N INx t O F F -UAUX I
IN+

IN- n.c. INx t ON INx t OFF


n.o. T 0 0 T
-UAUX Binary input INx

Assegnazione ingressi logici alla acquisizione dei segnali di comando apertura e chiusura dell’interruttore CB-com.ai

Telescatto (Remote trip)


L’attivazione dell’ingresso produce la commutazione di un relè finale programmato per telescatto e
l’accensione del LED relativo.

+UAUX
Remote trip

TRIPPING M ATRIX
Remote trip Logic INx t O N INx t O F F

(LED+REL AYS)
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. T 0 0 T
Binary input INx

-UAUX
Assegnazione ingresso logico alla acquisizione del segnale d’ingresso di telescatto Remote-trip.ai

Blocco da 74TV ext


L’informazione di 74VT (monitoraggio TV), acquisita da un circuito esterno, consente di bloccare il
funzionamento delle protezioni che impiegano la misura di tensione residua (protezioni 59N), allo
scopo di evitare interventi intempestivi causati da una errata misura di UE .

Consenso f<-f>
Mentre la seconda soglia di ciascuna protezione di frequenza è sempre attiva, la prima soglia viene
attivata/disattivata rispettivamente in assenza/presenza del segnale di integrità della rete di comu-
nicazione del Distributore (da ingresso digitale impostato con logica invertita e funzione Consenso
f<-f> oppure da interfaccia di comunicazione con protocollo IEC 61850).

f > def t f>def


f>&DIGIN t f>def
&
f ≥ f> def T 0

f< def t f<def

Logic INx t O N INx t O F F f<&DIGIN t f<def


Consenso f<-f> &
f < f< def T 0
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. T 0 0
Binary input INx

Abilitazione soglie restrittive da ingresso logico Consenso 81O-81U.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 37


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Relè finali
Sono disponibili sei relè finali (K1...K6):[1]
• K1 e K2 aventi un contatto di scambio (SPDT, type C).
• K3, K4 and K5 aventi un contatto in chiusura (SPST-NO, type A).[2]
• K6 aventi un contatto in apertura (SPST-NC, type B).[3]
Ciascun relè finale è indipendentemente programmabile con modalità di funzionamento normalmen-
te eccitato o diseccitato (Logica ECCITATO/DISECCITATO) e con funzionamento non memoriz-
zato, impulsivo o memorizzato (Modo di funzionamento NON MEMORIZZATO/IMPULSIVO/
MEMORIZZATO).
E’ regolabile un temporizzatore per ciascun relè finale, avente funzione di durata minima impulso del
relè finale. I parametri sono impostabili nel menù Set\Uscite.

INPUT

tTR

OUTPUT NON MEMORIZZATO

OUTPUT MEMORIZZATO

OUTPUT IMPULSIVO

Tempo minimo di attivazione t


tTR
Modalità di funzionamento dei relè finali Relay-timers.ai

La programmazione e la modifica della configurazione può essere eseguita in qualsiasi momento,


anche con il relè in servizio, separatamente per ciascuno dei relè finali.
Precisazioni:
• In caso di predisposizione di un relè finale normalmente diseccitato, esso si mantiene in condizio-
ne di riposo con grandezze d’entrata corrispondenti alla condizione di non intervento
• In caso di predisposizione di un relè finale normalmente eccitato, esso si mantiene in condizione
di lavoro in presenza di alimentazione e con grandezze d’entrata corrispondenti alla condizione di
non intervento
• In caso di predisposizione con ripristino automatico (Modo di funzionamento NON MEMORIZ-
ZATO) il relè finale passa nello stato di riposo al cessare della condizione anomala delle grandezze
d’entrata. E’ regolabile un temporizzatore per ciascun relè finale, avente funzione di tempo minimo
di permanenza in condizione di intervento del relè finale (Tempo minimo di attivazione)
• In caso di predisposizione con ripristino manuale (Modo di funzionamento MEMORIZZATO)
il relè finale rimane memorizzato in condizione d’intervento fino a che venga azionato il pulsante
RESET oppure venga impartito il medesimo comando mediante sw (ThySetter oppure bus di comu-
nicazione)
• In caso di predisposizione con funzionamento impulsivo (Modo di funzionamento IMPULSIVO)
il relè finale passa nello stato di riposo dopo un ritardo programmabile (Tempo minimo di attivazio-
ne) a prescindere dalla condizione delle grandezze d’entrata
• Si raccomanda di verificare che le caratteristiche dei contatti di uscita dei relè finali siano adegua-
te per il carico, in termini di corrente nominale, tensione nominale, potere di chiusura e potere di
interruzione facendo riferimento ai dati riportati nelle caratteristiche tecniche.

L’assegnazione di ciascun relè finale è indipendentemente programmabile all’interno del menù rela-
tivo alle singole funzioni di protezione, secondo la matrice descritta nella pagina seguente (Tripping
Matrix).[4][5]

Nota 1 Per i collegamenti occorre far riferimento allo Schema ingressi-uscite riportato nell’APPENDICE B1 del presente documento.
Nota 2 K3 e K4 hanno un terminale comune (A10).
Note 3 K5 e K6 hanno un terminale comune (A13).
Nota 4 L’assegnazione delle funzioni ai relè finali deve essere definita dall’utente in modo da evitare conflitti tra funzioni diverse.
La configurazione di fabbrica (default) prevede la disattivazione di tutti i relè finali.
Nota 5 Nel caso di predisposizione di un relè finale per la funzione autodiagnostica (Self test), è consigliabile programmare la modalità normalmente
eccitato, ripristino automatico (Logica ECCITATO, Modo di funzionamento NON MEMORIZZATO) in modo che esso si mantenga in
condizione di lavoro e si disecciti al mancare della tensione ausiliaria o comunque in caso di guasto dei circuiti interni del relè
(logica a sicurezza positiva).

38 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
RELE’
FUNZIONI
K1 K2 K3 K4 K5 K6

Anomalia g g g g g g

Soglia allarme protezione 26 (Pt1AL-K...Pt8AL-K) g g g g g g

Soglia intervento protezione 26 (Pt1TR-K...Pt8TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 27 (U< ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 27 (U< TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 27 (U<< ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 27 (U<< TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 27V1 (U1<ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 27V1 (U1< TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59 (U> ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59 (U> TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 59 (U>> ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 59 (U>>TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59Uavg (Uavg> ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59Uavg (Uavg> TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59N (UE> ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59N (UE> TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 59N (UE>> ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 59N (UE>>TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59V2 (U2> ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59V2 (U2> TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81O (f>ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81O (f>TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81O (f>>ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81O (f>>TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81U (f<ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81U (f<TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81U (f<<ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81U (f<<TR-K) g g g g g g

Avviamento terza soglia protezione 81U (f<<<ST-K) g g g g g g

Intervento terza soglia protezione 81U (f<<<TR-K) g g g g g g

Avviamento quarta soglia protezione 81U (f<<<<ST-K) g g g g g g

Intervento quarta soglia protezione 81U (f<<<<TR-K) g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81R (df>ST-K) g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81R (df>TR-K) g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81R (df>>ST-K) g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81R (df>>TR-K) g g g g g g

Avviamento terza soglia protezione 81R (df>>>ST-K) g g g g g g

Intervento terza soglia protezione 81R (df>>>TR-K) g g g g g g

Avviamento quarta soglia protezione 81R (df>>>>ST-K) g g g g g g

Intervento quarta soglia protezione 81R (df>>>>TR-K) g g g g g g

Avviamento funzione di supervisione circuito di scatto (74TCS-ST-K) g g g g g g

Intervento funzione di supervisione circuito di scatto (74TCS-TR-K) g g g g g g

Avviamento protezione mancata apertura (BF-ST-K) g g g g g g

Intervento protezione mancata apertura (BF-TR-K) g g g g g g

Diagnostica conteggio aperture (N.Open-K) g g g g g g

Diagnostica tempo di apertura interruttore (tbreak-K) g g g g g g

Comando apertura interruttore (CBopen-K) g g g g g g

Comando chiusura interruttore (CBclose-K) g g g g g g

Scatto remoto (RemTrip-K) g g g g g g

NV10P - Manuale - 08 - 2012 39


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Segnalazione a LED
Sono disponibili otto LED:
• Un LED verde “ON”, indicante se acceso la corretta alimentazione ausiliaria del relè e se lampeg-
giante il verificarsi di un’anomalia rilevata dalla funzione di autodiagnostica interna.
• Un LED di colore giallo “START” , indicante se acceso l’avviamento di una o più funzione di protezione .[1]
• Un LED di colore rosso “TRIP” , indicante se acceso l’intervento di una o più funzione di protezione. [1]
• Cinque LED di colore rosso “1...5” , indicanti se accesi, l’intervento di una o più funzione assegna-
bile dall’utente.
Ciascun LED è indipendentemente programmabile con modalità di funzionamento:
• NON MEMORIZZATO: il LED si spegne automaticamente al cessare della causa che ne ha pro-
dotto l’accensione.
• MEMORIZZATO: il LED non si spegne automaticamente ma deve essere ripristinato manualmen-
te (mediante il pulsante RESET, ThySetter o comunicazione).
La programmazione e/o la modifica della configurazione può essere effettuata in qualsiasi momento,
anche con il relè in servizio, separatamente per ogni LED impostando i parametri presenti nel menù
Set \ Led.

LEDs

L’assegnazione di ogni LED a qualsiasi funzione di protezione o controllo è liberamente programma-


bile all’interno del menù della funzione, secondo la matrice descritta nella pagina seguente.[2]

Note 1 I LED START e TRIP LED possono essere assegnati a qualsiasi funzione; essi possono essere assegnati anche a funzioni diverse da avviamento
ed intervento esattamente come per i LED L1...L5
Nota 2 L’assegnazione delle funzioni ai LED deve essere definita in modo da evitare conflitti tra funzioni diverse.
La configurazione di fabbrica (default) prevede la disattivazione di tutti i led.

40 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
LED
FUNZIONI
START TRIP 1 2 3 4 5
Anomalia g g g g g g g

Soglia allarme protezione 26 (Pt1AL-L...Pt8AL-L) g g g g g g g

Soglia intervento protezione 26 (Pt1TR-L...Pt8TR-L) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 27 (U< ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 27 (U< TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 27 (U<< ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 27 (U<< TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 27V1 (U1<ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 27V1 (U1<TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59 (U> ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59 (U> TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 59 (U>> ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 59 (U>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59Uavg (Uavg> ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59Uavg (Uavg> TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59N (UE> ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59N (UE> TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 59N (UE>> ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 59N (UE>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 59V2 (U2> ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 59V2 (U2> TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81O (f>ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81O (f>TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81O (f>>ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81O (f>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81U (f<ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81U (f<TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81U (f<<ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81U (f<<TR-K) g g g g g g g

Avviamento terza soglia protezione 81U (f<<<ST-K) g g g g g g g

Intervento terza soglia protezione 81U (f<<<TR-K) g g g g g g g

Avviamento quarta soglia protezione 81U (f<<<<ST-K) g g g g g g g

Intervento quarta soglia protezione 81U (f<<<<TR-K) g g g g g g g

Avviamento prima soglia protezione 81R (df>ST-K) g g g g g g g

Intervento prima soglia protezione 81R (df>TR-K) g g g g g g g

Avviamento seconda soglia protezione 81R (df>>ST-K) g g g g g g g

Intervento seconda soglia protezione 81R (df>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento terza soglia protezione 81R (df>>>ST-K) g g g g g g g

Intervento terza soglia protezione 81R (df>>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento quarta soglia protezione 81R (df>>>>ST-K) g g g g g g g

Intervento quarta soglia protezione 81R (df>>>>TR-K) g g g g g g g

Avviamento funzione di supervisione circuito di scatto (74TCS-ST-K) g g g g g g g

Intervento funzione di supervisione circuito di scatto (74TCS-TR-K) g g g g g g g

Avviamento protezione mancata apertura (BF-ST-K) g g g g g g g

Intervento protezione mancata apertura (BF-TR-K) g g g g g g g

Diagnostica conteggio aperture (N.Open-K) g g g g g g g

Diagnostica tempo di apertura interruttore (tbreak-K) g g g g g g g

Comando apertura interruttore (CBopen-K) g g g g g g g

Comando chiusura interruttore (CBclose-K) g g g g g g g

Scatto remoto (RemTrip-K) g g g g g g g

NV10P - Manuale - 08 - 2012 41


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Interfacce di comunicazione
I relè di protezione Pro_N sono dotati delle seguenti interfacce:
• Una porta RS232 frontale per collegamento locale (ThySetter).
• Una porta RS485 posta in morsettiera per collegamento a bus di campo.
• Una porta Ethernet posta in morsettiera per collegamento alla rete.

RS232
Per il collegamento alla porta locale è necessario utilizzare un adattatore DIN-RJ; il tipo Thytronic
L10041 è disponibile a richiesta.
Quando è impiegata la porta RS232 essa risulta prioritaria rispetto alla porta Ethernet.
Connettore femmina
(vista lato saldature)

Connettore RJ10 1
6
Pin1 4 2 RXD
7
3 3 TXD
8
1 4 DTR
9
2 5 GND

L10041

serial-sch.ai

Nel caso di indisponibilità di una interfaccia RS232 sul Personal Computer è necessario impiegare un
convertitore USB-RS232.[1]
La porta seriale è utilizzabile per la comunicazione con il software ThySetter le cui funzioni sono de-
scritte nel capitolo corrispondente.

RS485
Sono disponibili diversi protocolli[2]:
• ModBus RTU. Rappresenta uno standard de facto per applicazioni industriali e per impiego in reti
di comunicazione all’interno di sottostazioni e reti elettriche.
• IEC 60870-5. La suite di protocolli IEC 60870-5 è ampiamente utilizzata nelle comunicazioni all’inter-
no di sottostazioni e tra sottostazioni master; il protocollo IEC 60870-5-103 (Protection equipment) è
disponibile insieme al protocollo Modbus protocol su alcune versioni di relè (code NAxx#xxxxC x).

Ethernet
Sono disponibili versioni dotate di porta Ethernet che consente di integrare la protezione in una rete
di comunicazione Ethernet 100 Mbit con protocollo Modbus TCP/IP o IEC61850.[3]
Il protocollo Modbus TCP/IP trasporta il protocollo Modbus basato su messaggi di tipo master-sla-
ve al mondo di Ethernet incapsulando la trama Modbus all’interno di una trama TCP. Come per
il Modbus tradizionale basato su collegamenti RS485, ogni relè di protezione è individuato da un
indirizzo e la comunicazione avviene in modalità “client-server” con la richiesta di una risposta da
parte del destinatario.
La connessione diretta del relè alla rete Ethernet non richiede dispositivi di interfaccia addizionali
(gateway, convertitori di protocollo, ecc..).
Sono disponibili due modelli:
• Interfaccia TX con connettore RJ45 per rete in rame.
• Interfaccia FX con connettore FX per rete in fibra ottica.
Su entrambe le schede non sono richieste programmazioni hw.

RJ45 Ethernet+RS485 ports 8


7
FX Ethernet (no RS485 port)
6 RX-
5
4
3 RX+
2 TX- RX
1 TX+
TX
F1
F2
F3
RS485

B- F4
A+ F5

ethernet-sch.ai

Sono presenti due LED (versione RJ45):


• LINK - (verde): l’accensione del LED indica che la connessione è attiva.
• TX - (yellow): l’accensione del LED segnala la trasmissioni di dati verso la rete.

Nota 1 Dopo l’installazione del driver relativo al convertitore USB occorre selezionare la medesima porta (tipicamente COM4, COM5, ecc...) nella impo-
stazione dei parametri di comunicazione del sw ThySetter
Nota 2 La porta RS485 è assente sulle versioni Pro-N dotate di porta Ethernet FX
Nota 3 Per la descrizione del protocollo ModBus e la tabella degli indirizzi occorre far riferimento al documento “Manuale di programmazione remota”

42 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
4.4 FUNZIONI DI PROTEZIONE

— Grandezze nominali
Nel menù Base sono impostabili:
• La denominazione convenzionale del relè.
• Le grandezze nominali del relè, a cui sono riferite le regolazioni delle soglie delle diverse funzioni.
• I valori nominali primari dei trasformatori di misura, che il relè impiega per le misure con formato
di visualizzazione in valore primario.
• Il formato di visualizzazione delle misure.
Di seguito vengono indicate le istruzioni per la programmazione dei parametri di questo menù.
• Nome di riferimento del relè
Questo parametro viene programmato mediante una stringa alfanumerica di massimo 16 caratteri
per identificare la parte d’impianto protetto.

• Frequenza nominale del relè fn


Il parametro deve essere programmato alla frequenza nominale dell’impianto.
Esempio: Impianto con frequenza nominale fn = 50 Hz
Occorre programmare fn = 50 Hz

Versioni con ingressi


da TV induttivi
• Tensione nominale del relè Un
Si distinguono i casi di relè con tensione di riferimento UR = 100 V e UR = 400 V
La tensione nominale del relè Un deve essere programmata al valore di tensione che si presenta
agli ingressi voltmetrici del relè con rete elettrica alla tensione nominale.
Un si calcola quindi mediante la seguente formula generale:

Tensione nominale della rete elettrica Ung su cui sono inseriti i TV di linea [V]
Un =
Rapporto di trasformazione dei TV di linea KTV

Nel caso in cui vengano impiegati TV di linea aventi tensione nominale primaria pari alla tensione
nominale della rete elettrica divisa per √3, allora si può utilizzare il calcolo semplificato:
Un = Tensione nominale secondaria (di fase) dei TV di linea [V] x √3
Esempio 1

L1 Ung = 6.0 kV
L2
lla Norm
L3 ea

a
m

tec
Confor

nica
CEI 0-16
A
6000 / 3 V
KTV = = 60 Thy onic
100 / 3 V tr
N

NV10P
n

a B1
UL1
B2
VOLTAGE INPUTS

B3
UL2
B4
B5
UL3
B6

Es1-Un.ai

La tensione nominale del relè Un deve essere regolata come:


Un = Ung / √3 · KTV = 6000 /√3 · 60 = 100 /√3 = 58 V

NV10P - Manuale - 08 - 2012 43


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Esempio 2

L1 Ung = 6.0 kV
L2 lla Norm
ea

a
m

tec
L3

Confor

nica
CEI 0-16
A
6000 / 3 V
KTV = = 60 Thy onic
100 / 3 V tr
N

NV10P
n

a B1
UL1
B2

VOLTAGE INPUTS
B3
UL2
B4
B5
UL3
B6

Es2-Un.ai

La tensione nominale del relè Un deve essere regolata come: Un = Ung /KTV = 6000 / 60 = 100 V
Esempio 3
L1 Ung = 6.0 kV lla Norm
ea

a
m
L2

tec
Confor

nica
L3 CEI 0-16

A N N A
6000 V Thy onic
tr
KTV = = 60
100 V
a n n a
NV10P

B1
UL1
B2
VOLTAGE INPUTS

B3
UL2
B4
B5
UL3
B6

Es3-Un.ai

La tensione nominale del relè Un deve essere regolata come: Un = Ung /KTV = 6000 / 60 = 100 V
Esempio 4

L1 Ung = 400 V
L2
L3 NV10P

B1
UL1
B2
VOLTAGE INPUTS

lla Norm
ea B3
a
m

tec
Confor

UL2
B4
nica

CEI 0-16
B5
Thy onic
tr UL3
B6

Es4-Un.ai

Il parametro Un deve essere programmato come: Un = Ung = 400 V

44 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
• Tensione nominale residua del relè UEn
Si distinguono i tre casi :
A) misura di tensione residua mediante TV con secondario a triangolo aperto.
B) misura di tensione residua mediante TV monofase inserito tra centro stella e terra.
C) misura di tensione residua mediante calcolo.
Caso A
La tensione nominale residua del relè UEn si calcola mediante la seguente formula generale valida
in reti a neutro isolato oppure a terra con impedenza :
Tensione nominale della rete elettrica Ung su cui sono inseriti i TV [V] x √3
UEn =
Rapporto di trasformazione dei TV / KTV

Nel caso in cui vengano impiegati TV con secondario a triangolo aperto aventi tensione nominale
primaria pari alla tensione nominale della rete elettrica divisa per √3, allora UEn si può calcolare
più semplicemente mediante la formula:
UEn = 3 · tensione nominale secondaria dei TV con secondario a triangolo aperto [V] in reti a neutro
isolato oppure a terra con impedenza.
Esempio A1
Ung = 6.9 kV Neutro isolato oppure a terra con impedenza

NV10P
10000 / 3 V
52 KTV = = 100 · 3
100 / 3 V
UEn

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6.9 kV


10000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV / : KTV = = 100 · 3
100 / 3 V Es1-UEn.ai

La tensione nominale residua del relè UEn si calcola mediante la formula generale:
UEn = √3 · Ung /KTV = √3 · 6900 / (√3 · 100) = 69 V
Esempio A2

Unp = 6 kV Neutro isolato oppure a terra con impedenza

6000 / 3 V NV10P
52 KTV = = 60 · 3
100 / 3 V
lla Norm
ea

a
m

tec
Confor

UEn
nica
CEI 0-16

Thy onic
tr
Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6 kV
6000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV / : KTV = = 60 · 3
100 / 3 V Es2-UEn.ai

La tensione nominale residua del relè UEn si può calcolare indifferentemente mediante la formula
generale:
UEn = √3 · Ung /KTV = √3 · 6000 / (√3 · 60) = 100 V
oppure mediante la formula semplificata:
UEn = 3 · Uns = 3 · 100 / 3 = 100 V

Caso B
La tensione nominale residua del relè UEn si calcola mediante la formula generale:
Tensione nominale della rete elettrica Ung su cui è inserito il TV [V] / √3
UEn =
Rapporto di trasformazione del TV KTV

Nel caso in cui venga impiegato un TV con primario inserito tra centro stella e terra avente tensio-
ne nominale primaria coincidente con la tensione nominale della rete elettrica divisa per √3, allora
UEn si può anche calcolare più semplicemente come:
UEn = tensione nominale secondaria del TV [V]

NV10P - Manuale - 08 - 2012 45


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Esempio B1

Ung = 10 kV EsB1-UEn.ai

NV10P
11000 / 3 V
KTV = = 110 / 3
100 V UEn

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 10 kV


11000 / 3 V
Rapporto di trasformazione del TV inserito tra centro stella e terra: KTV = = 110 / 3
100 V

La tensione nominale residua del relè UEn si calcola mediante la formula generale:
UEn = (Ung /√3) /KTV = (10000 /√3) / (110/ √3) = 91 V

Esempio B2

Ung = 6 kV EsB2-UEn.ai

NV10P
6000 / 3 V
KTV = = 60 / 3
100 V UEn

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6kV


6000 / 3 V
Rapporto di trasformazione del TV inserito tra centro stella e terra: KTV = = 60 / 3
100 V

La tensione nominale residua del relè UEn si calcola mediante la formula generale:
UEn = (Ung /√3) /KTV = (6000 /√3) / (60/ √3) = 100 V

Caso C
La tensione nominale residua calcolata del relè UECn è calcolata automaticamente dal relè come:
UECn = √3∙ Un

Esempio C1

Ung = 6 kV ea
lla Norm

a
m

tec
Confor

nica
CEI 0-16

6000 / 3 V NV10
52 Thy onic
KTV = = 60 tr
100 / 3 V

Un,UECn

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6 kV


6000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV di linea KTV = Unp /Uns = = 60
100 / 3 V Es4-UEn.ai

Come da esempio 2 risulta Un = 100 V. Il relè calcola automaticamente:


UECn = Un ∙ √3 = 100 ∙ √3 = 173 V

• Tensione nominale primaria TV di linea Unp (concatenata)


Il valore programmato per questo parametro influenza unicamente la lettura delle tensioni di in-
gresso e tensione residua calcolata con formato di visualizzazione “primario”.
Se sono state rispettate le indicazioni esposte in precedenza per la programmazione della tensione
nominale del relè Un, allora il parametro Unp si programma al valore:
Unp = tensione nominale della rete elettrica in cui sono inseriti i TV di linea [V].

46 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Esempio 1
Ung = 6.0 kV

6000 / 3 V NV10P
52 KTV = = 60
100 / 3 V

Un = 58 V

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6.0 kV


6000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV di linea: KTV = = 60
Tensione nominale del relè Un = 58 V 100 / 3 V
Es1-Ung.ai

Il parametro Unp deve essere programmato come: Unp = Ung = 6.0 kV

Esempio 2

Ung = 6 kV

6000 / 3 V NV10P
52
KTV = = 60
100 / 3 V

Un = 100 V

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6 kV


6000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV di linea: KTV = = 60
Tensione nominale del relè Un = 100 V 100 / 3 V
Es2-Ung.ai

Il parametro Unp deve essere programmato come: Unp = Ung = 6 kV

Esempio 3
Ung = 400 V

NV10P
52

Un = 400 V

Es3a-Un.ai

Il parametro Unp deve essere programmato come: Unp = Ung = 400 V

• Tensione nominale primaria TV residua UEnp


Il valore programmato per questo parametro influenza unicamente la lettura della tensione residua
diretta con formato di visualizzazione “primario”.
Se sono state rispettate le indicazioni esposte in precedenza per la programmazione della tensione
nominale residua del relè UEn, allora il parametro UEnp in reti con neutro isolato oppure a terra con
impedenza si programma al valore:
UEnp = √3 ∙ tensione nominale della rete elettrica in cui sono inseriti i TV [V].

Esempio 1
Ung = 6.9 kV Neutro isolato oppure a terra con impedenza

10000 / 3 V NV10P
52 KTV = = 100 · 3
100 / 3 V

UEn = 69 V

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 6.9 kV


10000 / 3 V
Rapporto di trasformazione dei TV / : KTV = = 100 · 3
Tensione nominale del relè UEn = 69 V 100 / 3 V
Es-UEnp.ai

Il parametro UEnp deve essere programmato come: UEnp = √3 · Ung = √3 · 6900 V = 11900 V

NV10P - Manuale - 08 - 2012 47


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Esempio 2
Ung = 10 kV Es3-UEn.ai

NV10P
11000 / 3 V
KTV = = 110 / 3
100 V UEn = 91 V

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 10 kV


11000 / 3 V
Rapporto di trasformazione del TV inserito tra centro stella e terra: KTV = = 110 / 3
100 V

Il parametro UEnp deve essere programmato come: UEnp = √3 · Ung = √3 · 10000 V = 17300 V
Versioni con ingressi da
sensori
• Tensione nominale concatenata del relè Un per versioni con ingressi voltmetrici da sensori
Il sensore di tensione viene considerato equivalente ad un trasformatore di misura voltmetrico
avente tensione rapporto di trasformazione (20000 / √3) / (100 / √3).
Nel caso in cui la tensione nominale della rete elettrica divisa per √3 corrisponda al valore di
tensione nominale primaria dei sensori (20000 / √3), allora la tensione nominale del relè Un [1] deve
essere regolata a Un = 100 V (impostazione di fabbrica).

Ung = 20 kV
NV10P
KTV = 200
Un = 100 V
52

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 20 kV


Rapporto di trasformazione dei sensori KTV = Unp /Uns = (20000 / √3) / (100 / √3) = 200

Nel caso in cui la tensione nominale della rete elettrica divisa per √3 sia diversa dal valore di
tensione nominale primaria dei sensori (20000 / √3) la tensione nominale del relè Un si calcola
mediante la seguente formula generale:
Un = Ung /KTV che nell’esempio sottoriportato corrisponde a Un = 10 000 / 200 = 50 V.
Ung = 10 kV
NV10P
KTV = 200
Un = 50 V
52

Tensione nominale della rete elettrica: Ung = 10 kV


Rapporto di trasformazione dei sensori: KTV = (20000 / √3) / (100 / √3) = 200

• Tensione nominale residua del relè UEn per versioni con ingressi voltmetrici da V-Sensor
La tensione nominale residua calcolata del relè UECn è calcolata automaticamente dal relè median-
te calcolo vettoriale: UECn = √3∙ Un
Esempio
Ung = 20 kV NV10P
KTV = 200
Un = 100 V
52 UECn = 173 V

Tensione nominale della rete elettrica Ung = 20 kV


Rapporto di trasformazione dei sensori KTV = Unp /Uns = (20000 / √3) / (100 / √3) = 200

Come da esempio sopra riportato risulta Un = 100 V. Il relè calcola automaticamente:


UECn = Un ∙ √3 = 100 ∙ √3 = 173 V

Nota 1 Un rappresenta il valore di riferimento a cui sono espresse tutte le regolazioni.

48 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Se la soglia richiesta di massima tensione residua è espressa in Volt primari (59V0 nella lettera del
Distributore) il valore da inserire si calcola mediante la seguente formula generale:
UE>>def = Soglia desiderata / (Ung /√3)
che, nel caso di Ung = 20 000 e soglia desiderata 59V0 = 577 V primari corrisponde a
UE>>def = 577 / (20 000 / √3 = 5% UECn

• Modo di lettura delle misure (Formato visualizzazione)


La programmazione di questo parametro permette di rappresentare le misure delle grandezze elet-
triche secondo una delle seguenti modalità:
- con programmazione “RELATIVO” le grandezze sono rappresentate in valore relativo al rispettivo
valore nominale,
- con programmazione “PRIMARIO” le grandezze sono rappresentate in valore primario della rete
elettrica nelle rispettive unità di misura.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 49


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Protezione termica da sonde termometriche (26)
Premessa
La misura di temperatura è ottenuta dalla misura di resistenza di sonde termometriche di tipo Pt100
(RTD Resistive Temperature sensing Devices), collegate con tre conduttori al relativo modulo ausi-
liario MPT.[1]
Le sonde sono posizionate in zone della macchina suscettibili di invecchiamento prematuro o di
perdita di isolamento per sovrariscaldamento (avvolgimenti statorici, cuscinetti, ecc...); in caso di
vicinanza del trasformatore elevatore al generatore, alcune sonde possono essere posizionate in
modo da misurare la temperatura degli avvolgimenti del trasformatore e/o dell’olio isolante.

TRIP

t ThALx

t Th> x

Th > x T (°C)
Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla protezione termica
da sonde termometriche Pt100 (26) t-int-F26.ai

Per ciascuna sonda termometrica sono disponibili una soglia di allarme (ThALx , in cui x=1...8 indica
una delle otto sonde) ed una di intervento (Th>x , in cui x=1...8 indica una delle otto sonde), entrambe
regolabili e ritardabili (ritardi rispettivamente t ThALx e t Th>x > in cui x=1...8 indica una delle otto son-
de); l’allarme o l’intervento vengono emessi se la temperatura supera la rispettiva soglia regolata e
se permane al di sopra di essa per una durata pari al tempo di intervento impostato.
La regolazione delle soglie di allarme e d’intervento si effettua direttamente in °C.

ThAL x enable Th ALx t ThALx Th> x enable Th> x t Th> x


P t 10 0
Alarm Element Trip Element
T hy bus AL ARM T R IP
MP T
Th>xBF
Th>xBF
&
Trip Th>x

Schema funzionale generale della funzione termica da sonde termometriche Pt100 (26) all-F26.ai

La sonda termometica Pt100 può misurare la temperatura nell’intervallo -50 °C...+250 °C (alla tem-
peratura di 0 °C la sua resistenza è di 100 ohm); nel caso in cui la resistenza misurata non risulti nel
corrispondente intervallo di temperatura -50°C...+245 °C, la protezione genera un allarme ad indicare
l’interruzione o il corto circuito di un ingresso termometrico.
Tale informazione è disponibile nel menù Read \ PT100:
• Stato sonda Ptx ON ad indicare che resistenza misurata risulta nel campo di temperatura ammesso
• Stato sonda Ptx LOW ad indicare che resistenza misurata risulta inferiore al campo di tempera-
tura ammesso (cortocircuito della sonda e/o dei relativi collegamenti)
• Stato sonda Ptx HIGH ad indicare che resistenza misurata risulta superiore al campo di tempe-
ratura ammesso (interruzione della sonda e/o dei relativi collegamenti).
Il ripristino avviene in modo automatico alla scomparsa del guasto.
La misura di temperatura rilevata da ogni sonda viene aggiornata con un periodo di 2 s.

2.0s

Pt1 Pt2 Pt3 Pt4 Pt5 Pt6 Pt7 Pt8 Pt1

0.25s 0.25s 0.25s 0.25s 0.25s 0.25s 0.25s 0.25s t

Aggiornamento misura Pt100 t-refresh-F26.ai

Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il parame-
tro ThALx Enable e Th>x Enable presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o
B)\ Termica da sonde termometriche PT100 - 26 \ Sonda PTx \ Allarme ThALx (Intervento Th>x) dove
x = 1...8.

Nota 1 Il menù relativo alla funzione 26 è presente soltanto in presenza del modulo MPT collegato al Thybus ed abilitato

50 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Pt10 0 -xAlarm
Th ALx t ThALx

t ThALx ThALx-K

TRIPPING M ATRIX
T° > Th ALx T 0 ThALx-L

(LED+REL AYS)
Th> x t Th> x

Pt100 OK t Th> x Th>x-K


T° ≤ +2 4 5 . 0 ° C &
T° > Pt x > T 0 Th>x-L
Pt1 Pt x Pt10 0 -x Trip
Pt2 Pt100 FAULT
Pt3 & Pt x > Diagnostic TOWARDS DIAGNOSTIC
Pt4
Pt5 T° ≥ - 4 9 . 0 ° C
Pt6
Pt7 TRIP
Pt8 BF Enable (ON≡Enable) & Th>x BF_OUT TOWARDS BF LOGIC
Th>xBF

Diagramma funzionale relativo alla seconda protezione termica da sonde termometriche (26) Fun-F26.ai

Ciascuna delle soglie d’intervento Th>x può essere associata alla protezione di mancata apertura
dell’interruttore mediante impostazione ON dei parametri Th>xBF presenti all’interno del menù
Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Termica da sonde termometriche PT100 - 26 \ Sonda PTx \
Intervento Th>x dove x = 1...8..[1]

Nota 1 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 51


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Minima tensione - 27
Premessa
La protezione dispone di sue soglie indipendentemente regolabili e ritardabili .
La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente, mentre la seconda soglia
è a tempo indipendente.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione di ciascuna soglia della protezione.
E’ selezionabile l’inibizione della prima soglia per avviamento della seconda soglia.
Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni concate-
nate e tensioni di fase.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione di minima tensione misura la componente fondamentale delle tre tensioni d’entrata.
Ciascuna delle tre tensioni misurate viene confrontata con le soglie impostate (U<, U<<).
La logica di avviamento e di intervento di ciascuna soglia è selezionabile “OR” oppure “AND”; con
selezione OR, nell’istante in cui almeno una delle tre tensioni misurate scende sotto una soglia impo-
stata si ha l’avviamento (Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore.
Se la condizione permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato (t U <, t U <<)
si ha lo scatto (Trip) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
Con selezione AND, nell’istante in cui tutte le tre tensioni misurate scendono sotto una soglia impo-
stata si ha l’avviamento (Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizza-
tore. Se la condizione permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato (t U <,
t U <<) si ha lo scatto (Trip) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente secondo una caratteristica
di intervento del tipo:
t=0.75 t U<inv / [1-(U/U<inv)]
in cui t è il tempo di intervento, U è la tensione misurata, U<inv e t U<inv sono rispettivamente la soglia
ed il tempo di intervento impostati. Il tempo di intervento impostato è riferito ad una tensione pari a
1/4 della soglia impostata. La massima tensione di intervento è pari a 0.9 volte la soglia impostata. La
caratteristica è definita tra 0 e 0.9 volte la soglia impostata.
Il valore minimo del tempo di intervento t è pari a 0.1 s.
La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente mediante il parametro (U<
Curve) impostabile nel sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \
Soglia U< \ Parametri.
Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il pa-
rametro U< Enable presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima
tensione-27 \ Soglia U< \ Parametri e/o Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri confi-
gurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \ Soglia U<< \ Tempo indipendente.

TRIP
tU<

t U <<

0.9U<
U<< U< U t-int-F27.ai

Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla funzione di Minima tensione - 27

La logica di funzionamento della protezione (AND oppure OR delle tre tensioni), è selezionabile nel
sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \ Configurazioni comuni, im-
postando il parametro Logic27; le impostazioni possibili sono OR (è sufficiente che una tensione
sia inferiore alla soglia per avere avviamento) oppure AND (è necessario che tutte le tre tensioni
siano inferiori alla soglia per avere avviamento).
Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni concate-
nate e tensioni di fase: a tal fine occorre impostare il parametro Utype27 nel menù Set \ Parametri
configurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \ Configurazioni comuni. Le impostazioni possibili sono
Uph-ph (tensioni concatenate) oppure Uph-n (tensioni di fase).

L’intervento della prima soglia U< può essere inibito per intervento della seconda soglia U<<; a tal
fine occorre impostare ON il parametro U<disby<< nel menù relativo alle regolazioni della se-
conda soglia (sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \ Soglia U<< \
Parametri).

L’utente può disabilitare entrambe le soglie della protezione 27 da tastiera del relè. Durante tale co-
mando, i relè finali programmati per scatto delle soglie U< e/o U<< (a ripristino manuale o automatico,
normalmente eccitati o diseccitati) vengono forzati nello stato di riposo, a display viene visualizzato
il messaggio “Disabled 27” e tutti i LED lampeggiano fino alla conclusione del comando.

52 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Only with sensor versions

Utype27 Logic27

MMI
U12 ,U23,U31 AND
U
Disable 27 function by operator UL1,UL2 ,UL3 OR
Common configuration

State U<<def tU<< def U< Enable U< Curve U<def tU< def U< inv tU< inv

U<< Element Start U<< U< Element Start U<


Trip U<< Trip U<
& &
U U
U<<BF U<BF
U<<BF U<BF
U< disbyU<< & &
Trip U<< Trip U<
& U< inhibition
Start U<<
U<<BLK1 U<BLK1 Start U<
Start U<< BLK1U<< BLK1U<
& &
& &
Block1 Block1

Schema funzionale generale della protezione di minima tensione - 27 all-F27.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
Ciascuna delle due soglie può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’interruttore
mediante impostazione ON dei parametri U< BF e U<< BF presenti all’interno del menù Set \
Parametri configurazione A(o B) \ Minima tensione-27 \ Soglia U< e/o U<< \ Parametri).[1]
Tutti i parametri citati possono essere impostati separatamente per le due configurazioni di taratura
A e B.
ON≡Enable U< undervoltage element
U< Enable

U< def State

&
U ≤ U<def
≥1
UL1 Start U<
U< inv State

& U<ST-K

TRIPPING M ATRIX
U ≤ U< inv U<ST-L

(LED+REL AYS)
Logic27 U< Curve
t U<def t U<inv
UL2 ≥1
& t U<
T 0 U<TR-K
& T 0
UL3 U<TR-L
RESET
Trip U<
(ON≡Inhibit)
U< Inhibition
MMI
Enable (ON≡Enable)
Disable 27 function by operator
Start U<
Enable (ON≡Enable) &
U<BLK1 Trip U< & BLK1U<
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U<
BF Enable (ON≡Enable) & U< BF towards BF logic
U<BF
Diagramma funzionale relativo alla prima soglia (U<) della protezione di minima tensione (27) Fun-F27_S1.ai

Nota 1 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 53


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Blocco logico (Block1)
Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico ed una o più soglie della funzione
27 sono abilitate a tale blocco logico (U<BLK1 e/o U<<BLK1), la corrispondente soglia è bloccata
per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento
è mantenuto in condizione di reset in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla
scomparsa del segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o
B) \ Minima tensione-27 \ Soglia U< e/o U<< \ Parametri, mentre l’assegnazione della funzione di
blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1, Ingresso x.

(ON≡Inhibit)
U<disbyU<<
& U< Inhibition

U<< def State


Start U<<
&
UL1 U<<ST-K
U ≤ U<def

TRIPPING M ATRIX
U<<ST-L

(LED+REL AYS)
Logic27
UL2 ≥1 t U<<def

& t U<<
& U<<TR-K
UL3 T 0
U<<TR-L
RESET

MMI
Enable (ON≡Enable) Trip U<<
Disable 27 function by operator
Start U<<
Enable (ON≡Enable) &
U<<BLK1 Trip U<< & BLK1U<
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U<<
BF Enable (ON≡Enable) & U<< BF towards BF logic
U<<BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia (U<<) della protezione di minima tensione (27) Fun-F27_S2.ai

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

54 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
t [s]
10000 0.75
t =t U<inv ·
[1 - (U/U< inv)]

1000

t U <inv = 100 s

100

t U <inv = 10 s

10

t U <inv = 1 s

t U <inv = 0.1 s

0.1

0.01 U /U<inv
0.01 0.1 0.25 1
0.9

Nota: il tempo d’intervento impostato è riferito ad un valore di tensione U/U<inv = 0.25

Caratteristiche d’intervento a tempo dipendente relative alla prima soglia (U<) della protezione di minima tensione (27) F_27-Char.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 55


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Minima tensione di sequenza diretta - 27V1
Premessa
La protezione dispone di una soglia regolabile e ritardabile a tempo indipendente.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione della protezione da ThySetter; essa può essere tempo-
raneamente bloccata mediante comando da tastiera.
Criterio di misura
La protezione di minima tensione misura la tensione di sequenza diretta calcolata come:
U1=(UL1+e+j120°·UL2+e-j120°·UL3)/3 dove UL1, UL2 e UL3 rappresentano le tensioni di fase nel caso di
versioni con ingressi da sensori voltmetrici fase-terra in MT, oppure
U1=(U12+e+j120°·U23 +e-j120°·U31)/3 dove U12 , U23 e U31 rappresentano le tensioni concatenate nel
caso di versioni con ingressi da TV induttivi fase-fase in MT, o con misura diretta delle tensioni
concatenate con e-j120°=-1/2-j√3/2, ej120°=-1/2+j√3/2.
Nelle versioni con ingressi da sensori voltmetrici fase-terra in MT le soglie sono espresse in p.u.
En, in caso di versioni con ingressi da TV induttivi fase-fase in MT o con misura diretta delle ten-
sioni concatenate le soglie sono espresse in p.u. Un.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La tensione di sequenza diretta viene confrontata con la soglia impostata (U1<def).
Nell’istante in cui la tensione di sequenza diretta scende sotto una soglia impostata si ha l’avvia-
mento (Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore. Se la condizione
permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato (t U1<def) si ha lo scatto (Trip)
della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
La soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il parametro
Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima tensione di
sequenza diretta-27V1 \ Soglia U1< \ Tempo indipendente.

TRIP

t U1 <

U 1< U1
Caratteristica generale della protezione di minima tensione di sequenza diretta - 27V1

L’utente può disabilitare la protezione 27V1 da tastiera del relè. Durante tale comando, i relè finali
programmati per scatto (a ripristino manuale o automatico, normalmente eccitati o diseccitati) ven-
gono forzati nello stato di riposo, a display viene visualizzato il messaggio “Disabled 27-27V1” e tutti
i LED lampeggiano fino alla conclusione del comando.

MMI

Disable 27 functions by operator State U1<def tU1< def

U1< Element Start U1<


Trip U1<
&
U1
U1<BF
U1<BF
&
Trip U1<
U1<BLK1
Start U1< BLK1U<
&
&
Block1

Diagramma funzionale della protezione di minima tensione di sequenza diretta - 27V1 all-F27V1.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
La soglia U1<, può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’interruttore mediante
impostazione ON del parametro U1<BF presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazio-
ne A(o B) \ Minima tensione di sequenza diretta-27V1 \ Soglia U1< \ Parametri).[1]

Blocco logico (Block1)


Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico e la soglia della funzione 27V1 è
abilitata a tale blocco logico (U1<BLK1), la soglia è bloccata per un tempo pari alla durata di attiva-
Nota 1 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

56 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
zione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in condizione di reset in
modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o
B) \ Minima tensione di sequenza diretta-27V1 \ Soglia U1< \ Parametri, mentre l’assegnazione della
funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1,
Ingresso x.
Tutti i parametri citati possono essere impostati separatamente per le due configurazioni di taratura A e B.

Disable 27 function by operator

Start U1<

U1<ST-K

TRIPPING M ATRIX
U1<ST-L

(LED+REL AYS)
(ON≡Inhibit)
t U1<def
U1< def State
& t U1<def
U1<TR-K
& T 0
U1 U1<TR-L
U 1≤ U1<def RESET

Trip U1<

Start U1<
&
Enable (ON≡Enable) Trip U1< & BLK1U1<
U1<BLK1
&
Block1 Logic INx t ON INx t OFF
n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U1<
BF Enable (ON≡Enable) & U1< BF towards BF logic
U1<BF

Diagramma funzionale relativo alla protezione di minima tensione di sequenza diretta (27V1) Fun-F27V1_S1.ai

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 57


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Massima tensione - 59
Premessa
La funzione comprende due soglie regolabili con tempo d’intervento programmabile.
La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente, la seconda soglia è a
tempo indipendente.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione di ciascuna soglia della protezione.
E’ selezionabile l’inibizione della prima soglia per avviamento della seconda soglia.
Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni concate-
nate e tensioni di fase.

Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione di massima tensione misura la componente fondamentale delle tre tensioni d’entrata.
Ciascuna delle tre tensioni misurate viene confrontata con le soglie impostate.
La logica di avviamento e di intervento di ciascuna soglia è selezionabile “OR” oppure “AND”; con
selezione OR, nell’istante in cui almeno una delle tre tensioni misurate supera una soglia impostata
si ha l’avviamento (START) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore.
Se la condizione permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato si ha lo
scatto (Trip) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
Con selezione AND, nell’istante in cui tutte le tre tensioni misurate superano la soglia impostata si
ha l’avviamento (Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore.
Se la condizione permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato si ha lo
scatto (Trip) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.

La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente secondo una caratteristica
di intervento del tipo:
t=0.5 t U >inv / [(U/U>inv) - 1]
in cui t è il tempo di intervento, U è la tensione misurata, U>inv e t U >inv sono rispettivamente la soglia
ed il tempo di intervento impostati. Il tempo di intervento impostato è riferito ad una tensione pari a
1.5 volte la soglia impostata. La minima tensione di intervento è pari a 1.1 volte la soglia impostata.
La caratteristica è definita tra 1.1 e 4 volte la soglia impostata; se la regolazione della soglia supe-
ra 0.5 Un, l’estremo superiore del campo di misura è 2 Un.
Il valore minimo del tempo di intervento t è pari a 0.1 s.
La selezione della caratteristica a tempo indipendente oppure dipendente è attuabile mediante il
parametro U> Curve impostabile nel sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima
tensione-59 \ Soglia U> \ Parametri.
Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il para-
metro U> Enable presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima
tensione-59 \ Soglia U> \ Parametri e/o Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri confi-
gurazione A(o B) \ Massima tensione-59 \ Soglia U>> \ Tempo indipendente.

t U> TRIP

t U >>

U> U>> U t-int-F59.ai

Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla funzione di massima tensione (59)

La logica di funzionamento della protezione (AND oppure OR delle tre tensioni), è selezionabile nel
sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima tensione-59 \ Configurazioni comuni,
impostando il parametro Logic59; le impostazioni possibili sono OR (è sufficiente che una tensione
sia superiore alla soglia per avere avviamento) oppure AND (è necessario che tutte le tre tensioni
siano superiori alla soglia per avere avviamento).

Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni concate-
nate e tensioni di fase: a tal fine occorre impostare il parametro Utype59 nel menù Set \ Parametri
configurazione A(o B) \ Massima tensione - 59 \ Configurazioni comuni. Le impostazioni possibili
sono Uph-ph (tensioni concatenate) oppure Uph-n (tensioni di fase).

L’intervento della prima soglia U> può essere inibito per intervento della seconda soglia U>>; a tal
fine occorre impostare ON il parametro U>disby>> nel menù relativo alle regolazioni della se-
conda soglia (sottomenù Set\Parametri configurazione A(o B)\ Massima tensione-59 \ Soglia U>> \
Parametri).

58 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Only with sensor versions

Utype59 Logic59

U12 ,U23,U31 AND


U
UL1,UL2 ,UL3 OR
Common configuration

State U>>def tU>> def U> Enable U> Curve U>def tU> def U> inv tU> inv

U>> Element U> Element


Start U>> Start U>
U U
Trip U>> Trip U>
U>BF
U> disbyU>> U>BF
Trip U> &
& U> inhibition
Start U>>
U>>BLK1 Start U>> U>BLK1 Start U>
BLK1U>> BLK1U>
& &
Block1 & Block1 &

Schema funzionale generale della protezione di massima tensione (59) all-F59.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
Ciascuna delle due soglie U>, U>> può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’in-
terruttore mediante impostazione ON dei parametri U> BF e U>> BF presenti all’interno del menù
Set\Parametri configurazione A(o B) \ Massima tensione-59 \ Soglia U> (Soglia U>>) \ Parametri).[1]
Tutti i parametri citati possono essere impostati separatamente per le due configurazioni di taratura
A e B.

ON≡Enable U> overvoltage element


U> Enable

U> def State


Only with sensor versions
&
Utype59 U ≥ U> def
UL1 ≥1
Start U>
U12 U> inv State

& U>ST-K

TRIPPING M ATRIX
U>ST-L

(LED+REL AYS)
U ≥ U> inv
U> Curve
UL2 Logic59 t U>def t U>inv
U23 ≥1
& t U>
T 0 U>TR-K
& T 0
UL3 U>TR-L
RESET
U31
(ON≡Inhibit) Trip U>
U> Inhibition
Start U>
Enable (ON≡Enable) &
U>BLK1 Trip U> & BLK1U>
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U>
BF Enable (ON≡Enable) & U> BF towards BF logic
U>BF

Diagramma funzionale relativo alla prima soglia (U>) della protezione di massima tensione (59) Fun-F59_S1.ai

Nota 1 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 59


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Blocco logico (Block1)
Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico ed una o più soglie della funzione
59 sono abilitate a tale blocco logico (U>BLK1 e/o U>>BLK1), la corrispondente soglia è bloccata
per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento
è mantenuto in condizione di reset in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla
scomparsa del segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)
\ Massima tensione-59 \ Soglia U> (Soglia U>>) \ Parametri, mentre l’assegnazione della funzione di
blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1 (Ingresso 2).

(ON≡Inhibit)
U>disbyU>>
& U> Inhibition
Only with sensor versions
Start U>>
U>> def State
Utype59
UL1 & U>>ST-K

TRIPPING M ATRIX
U>>ST-L

(LED+REL AYS)
U12 U ≥ U>> def

UL2 Logic59 t U>>def


U23 ≥1
t U>>
U>>TR-K
& T 0
UL3 U>>TR-L
RESET
U31
Trip U>>
Start U>>
Enable (ON≡Enable) &
U>>BLK1 Trip U>> & BLK1U>
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U>>
BF Enable (ON≡Enable) & U>> BF towards BF logic
U>>BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia (U>>) della protezione di minima tensione (59) Fun-F59_S2.ai

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

60 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
t [s]
10000 0.5
t =t U>inv ·
[(U/U> inv) - 1]

1000

100

t U > inv = 100 s

10

t U > inv = 10 s

t U > inv = 1 s

0.1 t U > inv = 0.1 s

0.01 U /U >inv
1.1 1.5 2 3 4

Nota: il tempo d’intervento impostato è riferito ad un valore di tensione U/U>inv = 1.5

Caratteristiche d’intervento a tempo dipendente relative alla prima soglia della protezione di massima tensione (59) F_59-Char.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 61


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Massima tensione su 10 minuti - 59Uavg
Premessa
La funzione comprende una soglia regolabile con tempo d’intervento programmabile.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione della soglia.
Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni concate-
nate e tensioni di fase.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione misura la componente fondamentale delle tre tensioni concatenate su reti trifase op-
pure della tensione fase-neutro su reti monofase e si basa sulla misura dell’aggregazione di 10 minuti
delle tensioni, con aggiornamento ogni 3 s, come di seguito indicato:
• Si acquisiscono i valori efficaci delle tensioni (UL1 per applicazione su reti monofase oppure U12,
U23, U31 per applicazione su reti trifase) ogni 0.2 secondi;
• Separatamente per ciascuna fase, i valori acquisiti vengono aggregati su 10 minuti (600 s) ese-
guendo la radice quadrata della media aritmetica degli ultimi 600/0,2=3000 valori al quadrato. L’ag-
gregazione su 10 minuti è aggiornata ogni 3 s.
3000
1
Um = ¥(Ui)2
3000 i=1

L’avviamento del temporizzatore si verifica nell’istante in cui, in almeno una fase, la tensione come
sopra misurata eguaglia o supera la soglia regolata. Se in almeno una fase la condizione si mantiene
sempre soddisfatta per 3 s, trascorsi 3 s dall’istante di avviamento si ha lo scatto della soglia.
A fronte di una variazione a gradino della tensione d’ingresso U (con tensione inizialmente già sta-
bilizzata), la tensione Um ha un andamento transitorio con legge quadratica come evidenziato nella
figura seguente.

1.3
U

1.1

0.9

Um
0.7

0.5

0.3

0.1

200 100 100 200 300 400 500 600

Funzione di massima tensione su 10 minuti (59Uavg)


Il tempo di avviamento dipende dalle condizioni di riferimento[1]
Ciascuna delle tre medie calcolate viene confrontata con la soglia impostata.
La logica di avviamento e di intervento è selezionabile “OR” oppure “AND”; con selezione OR, nel-
l’istante in cui almeno una delle tre medie delle tensioni calcolate supera una soglia impostata si ha
l’avviamento (START) della soglia e del conteggio del temporizzatore. Se la condizione permane, allo
scadere del ritardo impostato si ha lo scatto (Trip) della soglia, viceversa (la media scende sotto la
soglia) si ha il ripristino.
Con selezione AND, nell’istante in cui tutte le tre medie delle tensioni calcolate superano la soglia
impostata si ha l’avviamento (Start) della soglia e del conteggio del temporizzatore. Se la condizione
permane, allo scadere del ritardo impostato si ha lo scatto (Trip) della soglia, viceversa (la media
scende sotto la soglia) si ha il ripristino.

TRIP

t Uavg > def

U avg > def Uavg


Caratteristica generale relativa alla funzione di massima tensione su 10 minuti (59Uavg)

Nota 1 Il tempo di avviamento dipende dal valore iniziale e finale della tensione d’ingresso; esempio con una regolazione di soglia pari a 1.10 Un:
- con valore iniziale 0 e valore finale 1.1 Uavg>def (1.1x1.1 = 1.21 Un) il tempo di avviamento risulta uguale a 498 s
- con valore iniziale 0.9 Uavg>def (0.9x1.1 = 0.99 Un) e valore finale 1.1 Uavg>def (1.1x1.1 = 1.21 Un) il tempo di avviamento risulta uguale a 285 s

62 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
La logica di funzionamento della protezione (AND oppure OR delle tre tensioni), è selezionabile nel
sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Massima tensione media - 59Uavg \ Configurazio-
ni comuni, impostando il parametro Logic59Uavg; le impostazioni possibili sono OR (è sufficiente
che una tensione sia superiore alla soglia per avere avviamento) oppure AND (è necessario che
tutte le tre tensioni siano superiori alla soglia per avere avviamento).
Nelle versioni con ingressi da sensori è possibile selezionare il tipo di misura tra tensioni conca-
tenate e tensioni di fase: a tal fine occorre impostare il parametro Utype59Uavg nel menù Set \
Parametri configurazione A(o B) \ Massima tensione media - 59Uavg \ Configurazioni comuni. Le
impostazioni possibili sono Uph-ph (tensioni concatenate) oppure Uph-n (tensioni di fase).

Only with sensor versions Uavg> Enable Uavg>def tUavg> def

Uavg> Element
Utype59Uavg Logic59Uavg Start Uavg>
Trip Uavg>
U12 ,U23,U31 AND U Uavg>BF
UL1,UL2 ,UL3
U ¥ U xxavg
Uavg>BF
OR Trip Uavg> &
Common configuration
Uavg>BLK1 Start Uavg>
BLK1Uavg>
&
Block1 &

Schema funzionale generale della protezione di massima tensione media (59Uavg) all-F59Uavg.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
La soglia Uavg> può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’interruttore mediante
impostazione ON dei parametri Uavg> BF presente all’interno del menù Set \ Parametri configura-
zione A(o B) \ Massima tensione media - 59Uavg \ Soglia Uavg> \ Parametri).

ON≡Enable Uavg> overvoltage element


Uavg> Enable

Only with sensor versions


Start Uavg>
Uavg> def State
Utype59Uavg
Uavg>ST-K
&

TRIPPING M ATRIX
UL1
Uavg>ST-L

(LED+REL AYS)
U12 U ≥ Uavg> def
t Uavg>def
UL2 Logic59Uavg
≥1
U23 & t Uavg>def
Uavg>TR-K
T 0
Uavg>TR-L
UL3 & RESET
U31 Trip Uavg>
Start Uavg>
Enable (ON≡Enable) &
Uavg>BLK1 Trip Uavg> & BLK1Uavg>
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip Uavg>
BF Enable (ON≡Enable) & Uavg> BF towards BF logic
Uavg>BF

Diagramma funzionale relativo alla soglia (Uavg>) della protezione di massima tensione media (59Uavg)

Blocco logico (Block1)


Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico e la soglia della funzione 59Uavg è
abilitata a tale blocco logico (Uavg>BLK1), la soglia è bloccata per un tempo pari alla durata di atti-
vazione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in condizione di reset
in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o
B) \ Massima tensione media - 59 Uavg \ Soglia Uavg> \ Parametri, mentre l’assegnazione della
funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1
(Ingresso x).
Tutti i parametri citati possono essere impostati separatamente per le due configurazioni di taratura A e B.
NV10P - Manuale - 08 - 2012 63
CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Massima tensione residua - 59N
Premessa
La funzione comprende due soglie regolabili con tempo d’intervento programmabile.
Essendo misurata la sola componente fondamentale di tensione residua (diretta o calcolata), la pro-
tezione di massima tensione residua risulta insensibile alle componenti di terza armonica e suoi
multipli.
La prima soglia è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente, la seconda soglia è a
tempo indipendente.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione di ciascuna soglia della protezione.
E’ selezionabile l’inibizione della prima soglia per avviamento della seconda soglia.
Criterio di misura
Nelle versioni con ingressi da TV induttivi è possibile selezionare due distinte misure della tensione
residua:
• Diretta (UE )
• Calcolata (UEC),
mentre nelle versioni con ingressi da sensori la misura è sempre calcolata (UEC).
Nel caso di misura diretta la protezione impiega la componente fondamentale di tensione residua
misurata dall’ingresso di tensione residua UE , mentre nel caso di misura calcolata impiega la com-
ponente fondamentale di tensione residua data dalla somma vettoriale dei fasori delle tre tensioni di
fase misurate agli ingressi voltmetrici di fase UEC .
UEC =|UL1+UL2 +UL3|
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione confronta la misura di tensione residua di cui sopra con le soglie impostate (UE >,
UE >>) ed il superamento di una soglia determina l’avviamento (START) della soglia stessa e del con-
teggio del corrispondente temporizzatore (t UE >, t UE >>). Se la condizione di superamento della soglia
permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato (t UE >, t UE >>) si ha lo scatto
(TRIP) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.

La prima soglia UE > è selezionabile a tempo indipendente oppure dipendente secondo una caratte-
ristica di intervento del tipo:
t=0.5 t UE >inv / [(UE /UE >inv) - 1], oppure
t=0.5 t UE >inv / [(UEC /UE >inv) - 1]
in cui t è il tempo di intervento, UE e UEC sono rispettivamente le misure diretta e calcolata della
tensione residua, UE >inv e t UE >inv sono rispettivamente la soglia ed il tempo di intervento impostati. Il
tempo di intervento impostato è riferito ad una tensione pari a 1.5 volte la soglia impostata. La minima
tensione di intervento è pari a 1.1 volte la soglia impostata. La caratteristica è definita tra 1.1 e 4 volte
la soglia impostata.
Il valore minimo del tempo di intervento t è pari a 0.1 s.
La selezione della caratteristica a tempo indipendente oppure dipendente è attuabile mediante il
parametro UE> Curve impostabile nel sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima
tensione residua-59N \ Soglia UE> \ Parametri.
Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il para-
metro UE> Enable presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima
tensione residua-59N \ Soglia UE> \ Parametri e/o Stato presente all’interno del menù Set \ Para-
metri configurazione A(o B) \ Massima tensione residua-59N \ Soglia UE>> \ Tempo indipendente.

t UE >
TRIP

t UE >>

UE> U E >> UE t-int-F59N.ai

Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla funzione di massima tensione residua (59N)

Il tipo di misura della tensione residua (tensione misurata direttamente o tensione residua calcolata)
è selezionabile nel sottomenù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Massima tensione residua
- 59N \ Configurazioni comuni, impostando il parametro 3Votype59N; le impostazioni possibili sono
UE (tensione misurata direttamente) oppure UEC (tensione residua calcolata)[1].
Con impostazione UE (tensione misurata direttamente) le soglie sono espresse in p.u. UEn, mentre
con impostazione UEC (tensione residua calcolata) le soglie sono espresse in p.u. UECn.
Nota 1 è possibile selezionare tra due distinte misure della tensione residua solo nelle versioni con ingressi da TV induttivi

64 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Con entrambi i tipi di misura, per tutte le due soglie UE > e UE >> può essere selezionato il blocco
all’attivazione della funzione monitoraggio TV di fase mediante ingresso logico programmato come
74VText. Il parametro di abilitazione del blocco 74VText59N è presente nel sottomenù Set \ Para-
metri configurazione A(o B) \ Massima tensione residua-59N \ Configurazioni comuni.[1]
E’ selezionabile l’inibizione della prima soglia UE > per avviamento della seconda soglia UE > median-
te il parametro Disattivazione UE > da start UE >> (UE>disbyUE>>) presente all’interno del menù
Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima tensione residua-59N \ Soglia UE>> \ Parametri.

Common configuration
Only with TV versions
3Votype59 N
UE (misura diretta)
UE
UEC (misura calcolata)

74VText59 N

& 74VText-Block
74VText

State tUE>>RES UE>>def tUE>> def UE> Enable UE> Curve tUE>RES UE>def tUE> def UE> inv tUE> inv

UE>> Element UE> Element


UE Start UE>> Start UE>
Trip UE>> UE Trip UE>
74VText-Block & UE>BF
74VText-Block &
UE> disbyUE>> UE>BF
Trip UE> &
& U> inhibition
Start U>>
UE>>BLK1 Start UE>> UE>BLK1 Start UE>
BLK1UE>> BLK1UE>
& &
Block1 & Block1 &

Schema funzionale generale della protezione di massima tensione residua (59N) all-F59N.ai

E’ regolabile un tempo di ripristino costante (t U>RES, t U>>RES) per ciascuna delle soglie (UE >, UE >>),
impiegabile per ridurre il tempo di eliminazione dei guasti intermittenti (aventi comunque una durata
non inferiore al tempo di avviamento della protezione).

INPUT

t UE>RES t UE>RES t UE>RES

UE> Start
t UE> t UE>

UE> Trip

RESET

t
Temporizzatori relativi alla prima soglia della protezione di massima tensione residua- 59N Timers-F59N.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
Ciascuna delle due soglie (UE >, UE >>) può essere associata alla protezione di mancata apertura
dell’interruttore mediante impostazione ON del parametro UE> BF, UE>> BF.
I parametri relativi sono presenti all’interno del menù Set\Parametri configurazione A(o B)\ Massima
tensione residua-59N\ Soglia UE> (Soglia UE>>) \ Parametri.[2]

La seconda soglia UE >> è a tempo indipendente. Per le caratteristiche di intervento a tempo indipen-
dente l’estremo superiore del campo di misura è pari a 2 UEN.

Tutti i parametri citati possono essere impostati separatamente per le due configurazioni di taratura
A e B.

Nota 1 Per poter bloccare le soglie, il tempo d’intervento deve essere regolato ad un valore superiore al tempo di attivazione della 74VT da ingresso
logico
Nota 2 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 65


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
ON≡Enable UE> residual overvoltage element Start U E >
UE> Enable

U E >ST-K

TRIPPING M ATRIX
U E>def State U E >ST-L

(LED+REL AYS)
& U E > Curve t UE>RES
t UE>def t UE>inv
UE ≥ U E>def
t UE>RES
UE ≥1 & t UE>
U E>inv T 0 0 T U E >TR-K
State T 0
U E >TR-L
RESET
&
UE ≥ U E>inv Trip U E >

(ON≡Inhibit)
U E > Inhibition
≥1

74VText. Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF
74VT ext.
n.o. T 0 0 T
Binary input INx
Start U E >
Enable (ON≡Enable) &
UE>BLK1 Trip U E > & Block1 U E >
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U E >
BF Enable (ON≡Enable) & U E > BF towards BF logic
UE>BF

Diagramma funzionale relativo alla prima soglia della protezione di massima tensione residua (59N) Fun-F59N_S1.ai

Blocco logico (Block1)


Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico ed una o più soglie della funzione
59N sono abilitate a tale blocco logico (UE>BLK1 e/o UE>>BLK1), la corrispondente soglia è
bloccata per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore
d’intervento è mantenuto in condizione di reset in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento
ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o
B) \ Massima tensione residua-59N \ Soglia UE> e/o UE>> \ Parametri, mentre l’assegnazione della
funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1,
Ingresso 2.

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

66 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
(ON≡Inhibit)
UE>disbyUE>>
& UE> Inhibition

Start U E >>

U E >>ST-K

TRIPPING M ATRIX
U E >>ST-L

(LED+REL AYS)
U E>>def State t UE>>RES
t UE>>def
UE & t UE>>RES
& t UE>>
UE ≥ U E>>def 0 T U E >>TR-K
T 0
U E >>TR-L
RESET

Trip U E >>

74VText. Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF
74VT ext.
n.o. T 0 0 T
Binary input INx
Start U E >>
Enable (ON≡Enable) &
UE>>BLK1 Trip U E >> & Block1 U E >>
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U E >>
BF Enable (ON≡Enable) & U E >> BF towards BF logic
UE>>BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia della protezione di massima tensione residua (59N) Fun-F59N_S2.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 67


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
t [s]
10000 t = t UE>inv · 0.5
[(UE /UE>inv) - 1]

t = t UE>inv · 0.5
[(UEC /UE>inv) - 1]

1000

100

t UE >= 100 s

10

t UE >= 10 s

t UE >= 1 s

0.1 t UE >= 0.1 s

UE /UE>inv
0.01
1.5 2 3 4 UEC /UE>inv
1.1

Nota: il tempo d’intervento impostato è riferito ad un valore di tensione UE /UE>inv = 1.5 oppure UEC /UE>inv = 1.5

Caratteristiche d’intervento a tempo dipendente relative alla prima soglia della protezione di massima tensione residua (59N) F_59N-Char.ai

68 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Massima tensione di sequenza inversa - 59V2
Premessa
La protezione dispone di una soglia regolabile e ritardabile a tempo indipendente.
E’ selezionabile l’abilitazione o disabilitazione della protezione da ThySetter.
Criterio di misura
La protezione misura la tensione di sequenza inversa calcolata come:
U2 = (UL1+e-j120°·UL2+e+j120°·UL3)/3 dove UL1, UL2 e UL3 rappresentano le tensioni di fase nel caso di
versioni con ingressi da sensori voltmetrici fase-terra in MT, oppure
U2 = (U12+e-j120°·U23 +e+j120°·U31)/3 dove U12 , U23 e U31 rappresentano le tensioni concatenate nel
caso di versioni con ingressi da TV induttivi fase-fase in MT, o con misura diretta delle tensioni
concatenate con e-j120°=-1/2-j√3/2, ej120°=-1/2+j√3/2.
Nelle versioni con ingressi da sensori voltmetrici fase-terra in MT le soglie sono espresse in p.u.
En, in caso di versioni con ingressi da TV induttivi fase-fase in MT o con misura diretta delle ten-
sioni concatenate le soglie sono espresse in p.u. Un.

Logica di funzionamento e
regolazioni
La tensione di sequenza inversa viene confrontata con la soglia impostata (U2>def).
Nell’istante in cui la tensione di sequenza inversa supera la soglia impostata si ha l’avviamento
(Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore. Se la condizione per-
mane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato (t U2>def) si ha lo scatto (Trip)
della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
La soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il parametro
Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima tensione di
sequenza inversa-59V2 \ Soglia U2> \ Tempo indipendente.

TRIP

t U2 > def

U 2 > def U2
Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla funzione di Massima tensione
di sequenza inversa - 59V2 t-int-F59V2.ai

State U2>def tU2> def

U2> Element Start U2>


Trip U2>
U2

U2>BF
U2>BF
&
Trip U2>
U2>BLK1
Start U2> BLK1U2>
&
&
Block1

Schema funzionale generale della protezione di massima tensione di sequenza inversa - 59V2 all-597V2.ai

Mancata apertura interruttore


(BF)
La soglia U2>, può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’interruttore mediante
impostazione ON del parametro U2>BF presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazio-
ne A(o B) \ Massima tensione di sequenza inversa-59V2 \ Soglia U2> \ Parametri).[1]

Nota 1 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 69


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Blocco logico (Block1)
Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico ed la soglia della funzione 59V2 è
abilitata a tale blocco logico (U2>BLK1), la soglia è bloccata per un tempo pari alla durata di attiva-
zione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in condizione di reset in
modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)
\ Massima tensione di sequenza invesa-59V2 \ Soglia U2> \ Parametri, mentre l’assegnazione della
funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1,
Ingresso x.

Start U2>

U2>ST-K

TRIPPING M ATRIX
U2>ST-L

(LED+REL AYS)
U 2 > def State t U2>def

& t U2>def
U2 U2>TR-K
U 2 ≥ U 2 > def T 0
U2>TR-L
RESET

Trip U2>

Start U2>
&
Enable (ON≡Enable) Trip U2> & BLK1U2>
U1<BLK1
&
Block1 Logic INx t ON INx t OFF
n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
Trip U2>
BF Enable (ON≡Enable) & U2> BF towards BF logic
U1<BF

Diagramma funzionale relativo alla soglia della protezione di minima tensione di sequenza inversa - 59V2 Fun-F59V2_S1.ai

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

70 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Massima frequenza - 81O
Premessa
La protezione dispone due soglie di intervento.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione misura la frequenza f dalle tensioni d’ingresso[1] confrontandola con le soglie impo-
state. Il superamento di una soglia della frequenza determina l’avviamento (Start) della soglia stessa
e del conteggio del corrispondente temporizzatore. Se la condizione di superamento della soglia
permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato si ha lo scatto (Trip) della
soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa. Se la frequenza di linea è fuori dai limiti di ag-
gancio, la frequenza misurata viene fissata all’estremo inferiore o superiore del campo di aggancio.
Entrambe le soglie hanno una caratteristica d’ intervento a tempo indipendente.

t fdef> TRIP

t fdef>>

f > def f >> def f t-int-F81O.ai


Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla protezione di massima frequenza (81O)

Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il pa-
rametro Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima fre-
quenza - 81O \ Soglia f> (Soglia f>>) Tempo indipendente.

State f >> def t f>>def State f > def t f>def

2nd Pickup Element 1st Pickup Element


f f >> Start f f > Start
f >> Trip f > Trip
f > disb y f >> f >> Start ON=inhibit
& f > inhibi t ion

Block1 Block1 Block1 Block1


BF BF

Schema funzionale generale della funzione di massima frequenza (81O) all-F81O.ai

La funzione di massima frequenza è abilitata solo se la massima tra le tre tensioni d’in-
gresso ULMAX =max(UL1, UL2 , UL3) è superiore a 0.2 En (versioni con ingressi da sensori), oppure
ULMAX =max(U12 , U23 , U31) è superiore a 0.2 Un (versioni con ingressi da TV induttivi) per un tempo rego-
labile tfEN.
La regolazione del tempo tfEN è disponibile operando con livello di sessione 1; il parametro è inse-
rito nel menù Set \ Base.

Max (U L1,U L1,U L3)

0.20 Un

t fEN

81O-81U Enable 81O-81U disabled 81O-81U enabled 81O-81U disabled

t
Temporizzatore relativo alla abilitazione delle protezioni di minima e massima frequenza - 81O e 81U

E’ selezionabile l’inibizione della prima soglia f> per avviamento della seconda soglia f>> mediante il
parametro Disattivazione f> da start f>> (f>disbyf>>) presente all’interno del menù Set \ Parametri
configurazione A(o B)\ Massima frequenza - 81O \ Soglia f>> \ Parametri.
Ciascuna delle due soglie (f >, f >>) può essere associata alla protezione di mancata apertura dell’in-
terruttore mediante impostazione ON del parametro f> BF, f>> BF.
I parametri relativi sono presenti all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massi-
ma frequenza - 81O \ Soglia f>, Soglia f>> \ Parametri.[2]

Nota 1 Nelle versioni con ingressi da sensori la frequenza è misurata sulle tensioni di fase (UL1, UL2 , UL3), mentre nelle versioni con ingressi da TV
induttivi la frequenza è misurata sulle tensioni concatenate (U12 , U23 , U 31).
Negli schemi UL1, UL2 , UL3 rappresentano le tensioni d’ingresso di fase oppure concatenate in base alle versioni corrispondenti
Nota 2 Le regolazioni relative alla protezione di mancata apertura interruttore sono impostabili all’interno del menù Mancata apertura - BF.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 71


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
f> Start
f>ST-K

TRIPPING M ATRIX
f>ST-L

(LED+REL AYS)
f > def

t f>def
f
f ≥ f >> def
U L1,U L2,U L3 M a x ( U L1...U L3) ≥ 2 0 % U n & t f>def
f>TR-K
(ON≡Inhibit) T 0
f> inhibition f>TR-L
RESET
f> Trip

f> Start
Enable (ON≡Enable) &
f>BLK1 f> Trip & f> Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f> Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f> BF towards BF logic
f>BF

Diagramma funzionale relativo alla prima soglia della protezione di massima frequenza (81O) Fun-F81O_S1.ai

Per ciascuna delle due soglie (f>, f>>) può essere attivato il blocco logico:
Blocco logico (Block1)
Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico ed una o più soglie della funzione
81O sono abilitate a tale blocco logico la corrispondente soglia è bloccata per un tempo pari alla
durata di attivazione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in con-
dizione di reset in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del
segnale di blocco.[1]
I parametri di abilitazione f>BLK1, f>>BLK1 sono impostabili all’interno del menù Set \ Parametri
configurazione A(o B) \ Massima frequenza - 81O \ Soglia f>, Soglia f>> \ Parametri, mentre l’asse-
gnazione della funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi
\ Ingresso 1, Ingresso x.

(ON≡Inhibit)
f>disbyf>>
& f> inhibition

f>> Start

f>>ST-K
TRIPPING M ATRIX

f>>ST-L
(LED+REL AYS)

f >> def
t f>>def
f
f ≥ f >> def & t f>>def
U L1...U L3 f>>TR-K
M a x ( U L1...U L3) ≥ 2 0 % U n T 0
f>>TR-L
RESET
f>> Trip
f>> Start
Enable (ON≡Enable) &
f>>BLK1 f>> Trip & f> Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f> Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f>> BF towards BF logic
f>>BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia della protezione di massima frequenza (81O) Fun-F81O_S2.ai

Nota 1 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

72 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Minima frequenza - 81U
Premessa
La funzione di minima frequenza dispone di quattro soglie di intervento con caratteristica d’ inter-
vento a tempo indipendente.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione misura la frequenza f dalle tensioni d’ingresso[1] confrontandola con le soglie impo-
state. Il superamento di una soglia della frequenza determina l’avviamento (Start) della soglia stessa
e del conteggio del corrispondente temporizzatore. Se la condizione di superamento della soglia
permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostatosi ha lo scatto (Trip) della
soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia stessa.
Se la frequenza di linea è fuori dai limiti di aggancio, la frequenza misurata viene fissata all’estremo
inferiore o superiore del campo di aggancio.

TRIP
t fdef <

t fdef <<

t fdef <<<

t fdef <<<<

f<<<< def f<<< def f<< def f< def f


Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla funzione di minima frequenza - 81U

Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il para-
metro Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Minima frequenza
- 81U \ Soglia f<, (Soglia f<<, Soglia f<<<, Soglia f<<<< \ Tempo indipendente.

State f<<<< t f<<<< State f<<< t f<<<

4th Pickup Element 3rd Pickup Element


f f
f<<< Start f<<< Start
f<<< disby f<<<< f<<< Trip f<<< Trip
f<<<< Start ON=inhibit
& f<<< inhibi t ion

f<< disb y f<<<< f<< disb y f<<<


f<<<< Start & f<<< Start
&
f< disby f<<<< f< disby f<<<
f<<<< Start & f<<< Start
&
Block1 Block1 Block1 Block1
BF BF

State f<< t f<< State f< t f<

2nd Pickup Element 1st Pickup Element


f f
f<< Start f< Start
f<< Trip f< Trip
f< disby f<<
ON=inhibit
f<< Start ≥ f< inhibi t ion
&
ON=inhibit
≥ f<< inhibi t ion
Block1 Block1 Block1 Block1
BF BF

Schema funzionale generale della funzione di minima frequenza (81U) all-F81U.ai

La funzione di massima frequenza è abilitata solo se la massima tra le tre tensioni d’in-
gresso ULMAX =max(UL1, UL2 , UL3) è superiore a 0.2 En (versioni con ingressi da sensori), oppure
Nota 1 Nelle versioni con ingressi da sensori la frequenza è misurata sulle tensioni di fase (UL1, UL2 , UL3), mentre nelle versioni con ingressi da TV
induttivi la frequenza è misurata sulle tensioni concatenate (U12 , U23 , U 31).
Negli schemi UL1, UL2 , UL3 rappresentano le tensioni d’ingresso di fase oppure concatenate in base alle versioni corrispondenti

NV10P - Manuale - 08 - 2012 73


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
ULMAX =max(U12 , U23 , U31) è superiore a 0.2 Un (versioni con ingressi da TV induttivi) per un tempo rego-
labile tfEN.
La regolazione del tempo tfEN è disponibile operando con livello di sessione 1; il parametro è inserito
nel menù Set \ Base.

Max (U L1,U L1,U L3)

0.20 Un

t fEN

81O-81U Enable 81O-81U disabled 81O-81U enabled 81O-81U disabled

t
Temporizzatore relativo alla abilitazione delle protezioni di minima e massima frequenza - 81O e 81U

Sono selezionabili:
• L’inibizione dell’intervento della terza soglia per avviamento della quarta soglia; a tal fine occor-
re impostare ON il parametro Disattivazione f<<< da start f<<<< (f<<<disbyf<<<<) presen-
te all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia
f<<<< \ Parametri.
• L’inibizione dell’intervento della seconda soglia per avviamento della terza e/o quarta soglia; a tal
fine occorre impostare ON il parametro Disattivazione f<< da start f<<< (f<<disbyf<<<) pre-
sente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia
f<<< \ Parametri e/o il parametro Disattivazione f<< da start f<<<< (f<<disbyf<<<<) presente
all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia f<<<<
\ Parametri.
• L’inibizione dell’intervento della prima soglia per avviamento della seconda e/o terza e/o quarta so-
glia; a tal fine occorre impostare ON il parametro Disattivazione f< da start f<< (f<disbyf<<) pre-
sente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia
f<< \ Parametri e/o il parametro Disattivazione f< da start f<<< (f<disbyf<<<) presente all’interno
del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia f<<< \ Parametri
e/o il parametro Disattivazione f< da start f<<<< (f<disbyf<<<<) presente all’interno del menù
Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia f<<<< \ Parametri.

Blocco logico (Block1)


Da un ingresso logico, per ciascuna delle quattro soglie, può essere programmato il blocco logico
(Block1). Le impostazioni sono presenti nel menù relativo alle regolazioni delle soglie: (Set \ Para-
metri configurazione A(o B)\ Minima frequenza - 81U \ Soglia f< (Soglia f<<, Soglia f<<<, Soglia
f<<<<) \ Parametri).
Impostando “ON” il parametro Blocco Logico xx (f<BLK1, f<<BLK1, f<<<BLK1, f<<<<BLK1),
se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco di una o più le soglie, la corrispondente
soglia viene bloccata per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso logico medesimo. In
particolare viene mantenuto in condizione di reset il temporizzatore d’intervento, per cui il conteggio
del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[1]

f< Start
f< def
f<ST-K
TRIPPING M ATRIX

f<ST-L
(LED+REL AYS)

f
f ≤ f< def
U L1...U L3 M a x ( U L1...U L3) ≥2 0 % U n & t f<def
(ON≡Inhibit)
From 2nd, 3rd and/or 4th element f< inhibition t f<def
f<TR-K
T 0
f<TR-L
RESET
f< Trip
f< Start
Enable (ON≡Enable) &
f<BLK1 f< Trip & Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. f< Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f< Trip
& f< BF towards BF logic
BF Enable (ON≡Enable)
f<BF
Diagramma funzionale relativo alla prima soglia della protezione di minima frequenza (81U) Fun-F81U_S1.ai

Nota 1 Per la descrizione occorre fare riferimento al paragrafo relativo alla descrizione delle FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO “Blocco
logico (Block1)”

74 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
(ON≡Inhibit)
f<disbyf<<
& f< inhibition

f<< Start
f<< def
f<<ST-K

TRIPPING M ATRIX
f<<ST-L

(LED+REL AYS)
f
f ≤ f<< def
U L1...U L3 M a x ( U L1...U L3) ≥2 0 % U n & t f<<def
(ON≡Inhibit)
From 3rd and/or 4th element f<< inhibition t f<<def
f<<TR-K
T 0
f<<TR-L
RESET
f<< Trip

f<< Start
Enable (ON≡Enable) &
f<<BLK1 f<< Trip & f<< Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f<< Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f<< BF towards BF logic
f<<BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia della protezione di minima frequenza (81U) Fun-F81U_S2.ai

(ON≡Inhibit)
f<disbyf<<<
& f< inhibition

(ON≡Inhibit)
f<<disbyf<<<
& f<< inhibition

f<<< Start
f<<< def
f<<<ST-K
TRIPPING M ATRIX
f f<<<ST-L (LED+REL AYS)
f ≤ f<<< def
U L1...U L3 M a x ( U L1...U L3) ≥2 0 % U n & t f<<< def
(ON≡Inhibit)
From 4th element f<<< inhibition t f<<< def
f<<<TR-K
T 0
f<<<TR-L
RESET
f<<< Trip

f<<< Start
Enable (ON≡Enable) &
f<<<BLK1 f<<< Trip & f<<< Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f<<< Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f<<< BF towards BF logic
f<<<BF

Diagramma funzionale relativo alla terza soglia della protezione di minima frequenza (81U) Fun-F81U_S3.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 75


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
(ON≡Inhibit)
f<disbyf<<<<
& f< inhibition

(ON≡Inhibit)
f<<disbyf<<<<
& f<< inhibition

(ON≡Inhibit)
f<<<disbyf<<<<
& f<<< inhibition

f<<<< Start

f<<<< def f<<<<ST-K

TRIPPING M ATRIX
f<<<<ST-L

(LED+REL AYS)
f
f ≤ f<<<< def & t f<<<< def
U L1...U L3 M a x ( U L1...U L3) ≥2 0 % U n
t f<<<< def
f<<<<TR-K
T 0
f<<<<TR-L
RESET
f<<<< Trip

f<<<< Start
Enable (ON≡Enable) &
f<<<<BLK1 f<<<< Trip & f<<<< Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f<<<< Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f<<<< BF towards BF logic
f<<<<BF

Diagramma funzionale relativo alla quarta soglia della protezione di minima frequenza (81U) Fun-F81U_S4.ai

76 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Note applicative sulle protezioni di minima e massima frequenza - 81U e 81O

Per garantire la conformità alla Norma CEI 0-16 ed all’allegato A70 al codice di rete Terna è presente
la funzione di consenso voltmetrico tramite cui è possibile attivare/disattivare la prima soglia rispet-
tivamente in assenza/presenza del segnale di integrità della rete di comunicazione del Distributore
(da ingresso digitale impostato con logica invertita e funzione Consenso f<-f> oppure da interfaccia
di comunicazione con protocollo IEC 61850).

Per lo scatto della prima soglia di ciascuna protezione possono essere abilitati uno o più dei seguenti
consensi:
• avviamento della seconda soglia di massima tensione residua 59N interna al relè di protezione
(programmando ON il parametro f<&UE>>, f>&UE>>)
• avviamento di massima tensione residua 59N da contatto esterno acquisito dall’ingresso digita-
le programmato con funzione Consenso f<-f> (programmando ON il parametro f<&DIGIN,
f>&DIGIN)
• perdita rete di comunicazione da contatto esterno acquisito dall’ingresso digitale programmato
con funzione Consenso f<-f> e logica invertita (programmando ON il parametro f<&DIGIN,
f>&DIGIN)
• avviamento di minima tensione di sequenza diretta 27V1 (programmando ON il parametro f<&27V1,
f>&27V1)
• avviamento di massima tensione di sequenza inversa 59V2 (programmando ON il parametro
f<&59V2, f>&59V2)
• avviamento di prima soglia di minima tensione 27 (programmando ON il parametro f<&U<,
f>&U<)
• perdita rete di comunicazione da messaggio Goose IEC 61850 programmando il parametro
f<&rete61850-KO, f>&rete61850-KO
I sopraelencati parametri sono disponibili all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)
\ Minima frequenza - 81U \ Soglia f< \ Consenso voltmetrico per i parametri relativi alla protezione
di Minima frequenza (81U) ed all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Massima
frequenza - 81O \ Soglia f> \ Consenso voltmetrico per i parametri relativi alla protezione di Massima
frequenza (81O).

t (s)
Soglie permissive

f < 47,5 Hz Scatto ritardato 4.0 s 81<<


f (Hz)
81>>
Scatto ritardato 1.0 s
4.0
f > 51,5 Hz Guasto assente
1.0

47.5 50 51.5 f (Hz)

f < 49,7 Hz t (s)


or
Soglie restrittive
f > 50,3 Hz

& Scatto ritardato 0.1 s


81>
V0> Soglia 81<

V Guasto presente
Vi > Soglia or 0.1

49.7 50 50.3 f (Hz)


Vd< Soglia
ON = Guasto (Avviamento protezione 59N e/o 27V1 e/o 59V2)

Logica di funzionamento per attivazione soglie dei relè di frequenza a sblocco voltmetrico

NV10P - Manuale - 08 - 2012 77


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
tensioni concatenate U 12, U 23, U 31
U< def t U<def
misurate direttamente nelle versioni con
ingressi da TV induttivi t U<def
o U 12ORU 23ORU 31< U< def T 0
calcolate nelle versioni con
ingressi da sensori U<< def t U<<def

t U<<def
U 12ORU 23ORU 31< U<< def T 0

U> avg t Uavg>

t Uavg>
U 12avgORU 23avgORU 31avg≥ U> avg T 0

U>> def t U>>def

t U>>def
U 12ORU 23ORU 31≥ U>> def T 0
tensioni concatenate U 12, U 23, U 31
misurate direttamente nelle versioni con f >> def t f>def
ingressi da TV induttivi t f>def
o f ≥ f>> def T 0
tensioni fase-terra U L1, U L2, U L3

COMANDO APERTUR A DDI


nelle versioni con ingressi da sensori f<< def t f<<def

t f<<def
f < f<< def T 0

f > def
t f>def

f ≥ f> def t f>def


&
T 0
f< def
t f<def

f < f< def t f<def


&
T 0

Consenso f>
tensione residua U E Logica abilitazione
misurata direttamente nelle versioni con prima soglia 81O-81U
ingressi da TV induttivi (vedi pagina seguente) Consenso f<
o
tensione residua U EC calcolata
nelle versioni con ingressi da sensori t UE>>def

t UE>>def Trip UE >>


T 0

Ingresso digitale connesso a contatto esterno di telescatto


Remo t e t r ip

Comando di telescatto (Goose IEC61850)


Remo t e t r ip

Diagramma funzionale relativo alla protezione d’interfaccia NV10P conforme alla Norma CEI 0-16 e allegato Terna A70

78 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
tensioni concatenate U 12, U 23, U 31
misurate direttamente nelle versioni con U 2 > def f>&59V2
ingressi da TV induttivi &
o U 2 ≥ U 2 def
calcolate nelle versioni con
ingressi da sensori f< & 5 9 V 2
&

59V2 f< & 5 9 V 2


&
V ir t ual inpu t

f>&59V2
&

U 1 < def f>&27V1


&
U 1 < U 1 def
f< & 2 7 V 1
&

27V1 f< & 2 7 V 1


&
V ir t ual inpu t f>&
≥ Consenso f>
f>&27V1
&
f >&RES
f>&-K
f >&RES &
U E >> f< &U E >> f>&-L
0 T

TRIPPING M ATRIX
&

(LED+REL AYS)
V ir t ual inpu t

f > &U E >> f<&RES
&
f<&RES
0 T f< & - K
U< def &
f< &U <
& f< & - L

U 12ORU 23ORU 31< U< def


f > &U <
& f< &
≥ Consenso f<
tensione residua U E
misurata direttamente nelle versioni con U E >> def t UE>>RES
ingressi da TV induttivi
o t UE>>RES
tensione residua U EC calcolata U E ≥ U E >> def 0 T
nelle versioni con ingressi da sensori
timer Trip UE >>

abilitazione soglie restrittive


per perdita rete di comunicazione
o per avviamento 59N
Logic IN2 t O N IN2 t O F F f< & DI GIN
Consenso f<-f> &
n.c. IN2 t ON IN2 t OFF
Segnale esterno
n.o. T 0 0
Binary input IN2 f > & DI GIN
&

f< & r e t e 6 18 5 0 - KO
Segnale esterno (Presenza Goose IEC61850) &
Consenso f<-f>

f > & r e t e 6 18 5 0 - KO
&

Diagramma funzionale relativo alla Logica abilitazione prima soglia 81O-81U (vedi pagina precedente)

NV10P - Manuale - 08 - 2012 79


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Derivata di frequenza - 81R
Premessa
La funzione di derivata di frequenza consente di rilevare le variazioni di frequenza e di emettere rapi-
damente il comando di scatto in base a variazioni positive/negative oppure qualsiasi (modulo) prima
dell’intervento delle protezioni di minima o massima frequenza. La funzione dispone di quattro soglie
di intervento con caratteristica d’intervento a tempo indipendente.
Logica di funzionamento e
regolazioni
La protezione misura la variazione di frequenza df sulla tensione d’ingresso UL1[1] confrontandola
con le soglie impostate (df >, df >>, df >>>, df >>>>). Il superamento di una soglia determina l’avvia-
mento (Start) della soglia stessa e del conteggio del corrispondente temporizzatore. Se la condizione
di superamento della soglia permane, allo scadere del corrispondente tempo di intervento impostato
(tdf >, tdf >>, tdf >>>, tdf >>>>) si ha lo scatto (Trip) della soglia, viceversa si ha il ripristino della soglia
stessa.

dt fdef>
TRIP

dt fdef>>

dt fdef>>>

dt fdef>>>>

df > def df >> def df >>> def df >>>> def df t-int-F81R.ai


Caratteristica generale del tempo d’intervento relativa alla protezione di derivata di frequenza (81R)

La funzione di derivata di frequenza è abilitata se la tensione d’ingresso UL1 è superiore a 0.2 Un per
un tempo regolabile tdfEN e la frequenza misurata è compresa nel campo 16...90 Hz.
La regolazione del tempo tdfEN è disponibile operando con livello di sessione 1; il parametro è
inserito nel menù Set \ Base.

U L1
0.20 Un

tdfEN

81R Enable 81R disabled 81R enabled 81R disabled

t
Temporizzatore relativo alla abilitazione della protezione di derivata di frequenza - 81R Timers-F81R.ai

Ciascuna soglia della protezione può essere abilitata o disabilitata selezionando ON o OFF il pa-
rametro Stato presente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Derivata di
frequenza - 81R \ Soglia df>, (Soglia df>>, Soglia df>>>, Soglia df>>>> \ Tempo indipendente.
Per ciascuna soglia è possibile selezionare l’intervento per derivata solo positiva (tipicamente in
occasione di accelerazione del generatore), solo negativa (rallentamento), oppure per qualsiasi
variazione (modulo); a tal fine occorre selezionare il parametro Modo di funzionamento df> (df>>,
df>>>, df>>>>) (Mode-df>, Mode-df>>, Mode-df>>>, Mode-df>>>>) presente all’interno
del menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia df>, (Soglia
df>>, Soglia df>>>, Soglia df>>>> \ Parametri.
Sono selezionabili:
• L’inibizione dell’intervento della terza soglia per avviamento della quarta soglia; a tal fine occorre
impostare ON il parametro Disattivazione df>>> da start df>>>> (df>>>disbydf>>>>) presente
all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia
df>>>> \ Parametri.
• L’inibizione dell’intervento della seconda soglia per avviamento della terza e/o quarta soglia; a
tal fine occorre impostare ON il parametro df>> da start df>>> (df>>disbydf>>>) presente
all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia
df>>> \ Parametri e/o il parametro Disattivazione df>> da start df>>>> (df>>disbydf>>>>) pre-
sente all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \
Soglia df>>>> \ Parametri.
Nota 1 Nelle versioni con ingressi da sensori la frequenza è misurata sulla tensione di fase UL1, mentre nelle versioni con ingressi da TV induttivi la
frequenza è misurata sulla tensione concatenata U12
Negli schemi UL1, UL2 , UL3 rappresentano le tensioni d’ingresso di fase oppure concatenate in base alle versioni corrispondenti

80 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
• L’inibizione dell’intervento della prima soglia per avviamento della seconda e/o terza e/o quarta
soglia; a tal fine occorre impostare ON il parametro df> da start df>> (df>disbydf>>) presente
all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia
df>> \ Parametri e/o il parametro Disattivazione df> da start df>>> (df>disbydf>>>) presente
all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia
df>>> \ Parametri e/o il parametro Disattivazione df> da start df>>>> (df>disbydf>>>>) presen-
te all’interno del menù Set \ Parametri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia
df>>>> \ Parametri.

State df >>>> t df>>>> State df >>> t df>>>

4th Pickup Element 3rd Pickup Element


f f
df >>>> Start df >>> Start
d f >>> disby d f >>>> df >>>>Trip df >>>Trip
df >>>> Start & ON=inhibit
d f >>> inhibi t ion

d f >> disbyd f >>>> d f >> disbyd f >>>


df >>>> Start & df >>> Start
&
d f > disby d f >>>
d f >> disbyd f >>>>
df >>>> Start df >>> Start
& &
Block1 Block1 Block1 Block1
BF BF

State df >> t df>> State df > t df>

2nd Pickup Element 1st Pickup Element


f f
df >> Start df > Start
df >>Trip df >Trip

d f > disby d f >>


ON=inhibit
df >> Start ≥ d f > inhibi t ion
&

ON=inhibit
≥ d f >> inhibi t ion

Block1 Block1 Block1 Block1


BF BF

Schema funzionale generale della funzione di derivata frequenza (81R) all-F81R.ai

Blocco logico (Block1)


Da un ingresso logico, per ciascuna delle quattro soglie, può essere programmato il blocco logico
(Block1). Le impostazioni sono presenti nel menù relativo alle regolazioni delle soglie: (Set \ Parame-
tri configurazione A(o B)\ Derivata di frequenza - 81R \ Soglia df> (Soglia df>>, Soglia df>>>, Soglia
df>>>>) \ Parametri).
Impostando “ON” il parametro Blocco Logico xx (df>BLK1, df>>BLK1, df>>>BLK1,
df>>>>BLK1), se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco di una o più le soglie, la
corrispondente soglia viene bloccata per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso logico
medesimo. In particolare viene mantenuto in condizione di reset il temporizzatore d’intervento, per
cui il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[1]

Nota 1 Per la descrizione occorre fare riferimento al paragrafo relativo alla descrizione delle FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO “Blocco
logico (Block1)”

NV10P - Manuale - 08 - 2012 81


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
df> Start
A Positive
df > def df>ST-K
Mode-df B Module

TRIPPING M ATRIX
df>ST-L

(LED+REL AYS)
A C Negative
df ≥ df > def B
f df ≥1 t df>def
C
& t df>def
df ≤ -df > def df>TR-K
T 0
16 ≤ f ≤ 80 Hz df>TR-L
RESET
U L1 U L1 ≥20%U n df> Trip
(ON≡Inhibit)
From 2nd, 3rd and/or 4th element df> inhibition

df> Start
Enable (ON≡Enable) &
df>BLK1 df> Trip & Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. df> Block1
T 0 0 T
Binary input INx
df> Trip
& df> BF towards BF logic
BF Enable (ON≡Enable)
df>BF

Diagramma funzionale relativo alla prima soglia della protezione di derivata di frequenza (81R) Fun-F81R_S1.ai

(ON≡Inhibit)
df>disbydf>>
& df> inhibition
A Positive
df >> def df>> Start
Mode-df B Module
A C Negative df>>ST-K
df ≥ df >> def
TRIPPING M ATRIX

B df>>ST-L
(LED+REL AYS)
f df ≥1
C
df ≤ -df >> def & tdf>>def
16 ≤ f ≤ 80 Hz
tdf>>def
U L1 df>>TR-K
U L1 ≥20%U n T 0
df>>TR-L
(ON≡Inhibit) RESET
From 3rd and/or 4th element df>> inhibition
df>> Trip

df>> Start
Enable (ON≡Enable) &
df>>BLK1 df>> Trip & df>> Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
f<< Trip
BF Enable (ON≡Enable) & df>> BF towards BF logic
df>> BF

Diagramma funzionale relativo alla seconda soglia della protezione di derivata di frequenza (81R) Fun-F81R_S2.ai

82 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
(ON≡Inhibit)
df>disbydf>>>
& df> inhibition

(ON≡Inhibit)
df>>disbydf>>>
& df>> inhibition
df >>> def A Positive df>>> Start
Mode-df
B Module
A
C Negative df>>>ST-K
df ≥ df >>> def

TRIPPING M ATRIX
f B df>>>ST-L

(LED+REL AYS)
df ≥1
C
df ≤ -df >>> def & tdf >>> def
16 ≤ f ≤ 80 Hz
tdf >>> def
U L1 df>>>TR-K
U L1 ≥20%U n T 0
df>>>TR-L
(ON≡Inhibit) RESET
From 4th element df>>> inhibition
df>>> Trip
df>>> Start
Enable (ON≡Enable) &
df>>>BLK1 df>>> Trip & df>>> Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
df>>>Trip
BF Enable (ON≡Enable) & df>>> BF towards BF logic
df>>>BF

Diagramma funzionale relativo alla terza soglia della protezione di derivata di frequenza (81R) Fun-F81R_S3.ai

(ON≡Inhibit)
df>disbydf>>>>
& df> inhibition

(ON≡Inhibit)
df>>disbydf>>>>
& df>> inhibition

(ON≡Inhibit)
df>>>disbydf>>>>
& df>>> inhibition

df >>>> def df>>>> Start


A Positive
Mode-df
B Module df>>>>ST-K
A
TRIPPING M ATRIX

C Negative df>>>>ST-L
(LED+REL AYS)

df ≥ df >>>> def B
f df ≥1
C tdf >>>> def
df ≤ -df >>>> def
16 ≤ f ≤ 80 Hz & tdf >>>> def
df>>>>TR-K
T 0
U L1 U L1 ≥ 20%U n df>>>>TR-L
RESET
df>>>> Trip

df>>>> Start
Enable (ON≡Enable) &
df>>>>BLK1 df>>>> Trip & df>>>> Block1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx
df>>>> Trip
BF Enable (ON≡Enable) & f<<<< BF towards BF logic
df>>>>BF

Diagramma funzionale relativo alla quarta soglia della protezione di derivata di frequenza (81R) Fun-F81R_S4.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 83


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Mancata apertura interruttore - BF
Premessa
Qualora a causa di un guasto si verifichi l’intervento di una protezione che comanda l’apertura del-
l’interruttore ma, a causa di un’ anomalia, tale interruttore non possa aprirsi, la protezione di man-
cata apertura interruttore BF ha lo scopo di comandare l’apertura di altro/i interruttore/i per isolare
il guasto.
La protezione di mancata apertura interruttore può essere avviata all’intervento di funzioni di prote-
zione interne al relè, purché associate alla protezione BF, oppure all’intervento di protezioni esterne
connesse ad un ingresso logico del relè.
Logica di funzionamento
L’avviamento del temporizzatore della protezione di mancata apertura dell’interruttore si verifica se
sono entrambe soddisfatte le seguenti condizioni:
1) Intervento e avviamento di funzioni di protezione interne al relè (intervento delle soglie associate
alla protezione di mancata apertura dell’interruttore) o, se abilitato, dall’intervento di protezioni
esterne associate ad un ingresso logico del relè.
2) Lo stato dei contatti ausiliari 52a e 52b dell’interruttore corrisponde allo stato di interruttore chiuso.
Se per tutta la durata del tempo di intervento impostato t BF > le due precedenti condizioni si man-
tengono soddisfatte, allo scadere del tempo stesso si ha l’intervento della protezione di mancata
apertura dell’interruttore, viceversa il temporizzatore viene azzerato e la protezione si ripristina.
Allo scopo di ripristinare il più rapidamente possibile la protezione di mancata apertura dell’inter-
ruttore, per l’avviamento della protezione stessa (condizione 1), in aggiunta all’intervento di funzioni
di protezione interne al relè è anche richiesto il loro avviamento (il ripristino dell’avviamento delle
funzioni di protezione è più rapido del ripristino del loro intervento).

La protezione può essere abilitata oppure disabilitata; a tal fine occorre impostare ON oppu-
re OFF il parametro BF Enable presente nel menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \
Mancata apertura - BF.

BF Enable t BF

52a/52b
Tr ip B F
Tr ip P ro t E x t S t ar t B F

BF-BLK1 Block1
& B L K1 B F
Block1

Schema a blocchi generale della funzione di mancata apertura interruttore (BF) all-FBF.ai

Il controllo dello stato dell’interruttore è effettuato mediante due ingressi logici con funzione di ac-
quisizione dello stato dei contatti ausiliari dell’interruttore 52a e 52b.[1]
L’assegnazione della funzione di acquisizione della posizione dell’interruttore agli ingressi logici
(52a e 52b) è impostabile all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1(x).
E’ possibile abilitare la funzione di mancata apertura su intervento di protezioni esterne che sono
sprovviste di tale funzione; a tal fine è necessario utilizzare un ingresso logico per acquisire lo stato
d’intervento della protezione esterna selezionando la funzione TripProtExt all’ingresso logico me-
desimo.
Il parametro t BF, programmabile separatamente per le due configurazioni di taratura, è presente nel
menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Mancata apertura - BF.

Blocco logico (Block1)


Se è configurato un ingresso logico con funzione di blocco logico e la funzione è abilitata a tale
blocco logico (BF-BLK1), essa è bloccata per un tempo pari alla durata di attivazione dell’ingresso
logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in condizione di reset in modo tale che il
conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di blocco.[2]
L’abilitazione del blocco logico è presente nel menù Set \ Parametri configurazione A(o B) \ Mancata
apertura - BF.

Nota 1 Con versione fw precedente a 1.60, per la corretta acquisizione dello stato dell’interruttore è indispensabile utilizzare due ingressi logici; con
versioni fw successive, rinunciando alla verifica di incongruenza, è sufficiente un ingresso logico per l’acquisizione di un contatto (52a o 52b)
Nota 2 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO.

84 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
52a Logic INx t ON INx t OFF
n.c. INx t ON INx t OFF
52a
n.o. T 0 0 T
Start BF
Binary input INx
ON≡CB Closed
&

TRIPPING M ATRIX
BF-ST-K

(LED+REL AYS)
&
52b Logic INx t ON INx t OFF BF-ST-L
t BF
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. 52b
T 0 0 T t BF
BF-TR-K
Binary input INx T 0 BF-TR-L
RESET

Trip BF
Trip ProtExt Logic INx t ON INx t OFF
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. T 0 0 T ≥1 Trip Int/Ext
Binary input INx

Trip int-prot
Start BF
Block1 enable (ON≡Enable) &
BF-BLK1 Trip BF & BLK1 BF
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx (x=1...8-16)

Schema funzionale relativo alla funzione di mancata apertura interruttore - BF Fun-BF_Pro-n.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 85


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
4.5 FUNZIONI DI MONITORAGGIO E CONTROLLO

— Blocco logico - Block1


Allo scopo di bloccare l’intervento di una determinata funzione di protezione, è possibile associare
agli ingressi logici la funzione di blocco logico.[1]
L’associazione degli ingressi logici è selezionabile nel sottomenù Set \ Ingressi \ Ingresso 1 (o x); a
tal fine occorre selezionare Blocco logico per il parametro Funzione ingresso INx (x=1 o 2)
Una determinata funzione di protezione su cui viene abilitato il blocco logico risulta bloccata quando
tale segnale risulta attivo.
Lo stato del blocco logico relativo alla funzione è disponibile in lettura (ThySetter ed interfacce di
comunicazione); esso risulta attivo se sono contemporaneamente verificate le condizioni:
• Ingresso logico attivato,
• Avviamento (Start) della funzione attivo (ON),
• Scatto (Trip) della funzione a riposo (OFF).

Generic protective element Start

TRIPPING M ATRIX
(LED+REL AYS)
Threshold
Operate time

Input Measure Operate time


Trip
T 0
RESET

Start
&
Customized Block1 info
Trip & BLK1xxx
Enable (ON≡Enable)
xxxBLK1
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


Block1 info (internal state)
n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx

Schema funzionale relativo al blocco logico - Block1 Blocco_L.ai

Il blocco logico non è soggetto a criteri di inibizione dopo un tempo programmabile, quindi la funzio-
ne di protezione associata è bloccata per tutto il tempo in cui l’ingresso permane attivo.[2]

Start
Operate time

Trip

Block1 (input)

Block1 (output)
t
Temporizzatori relativi al blocco logico (Block1) Timers-Block1.ai

L’attivazione di un ingresso logico a cui è stata assegnata la funzione di blocco logico produce
CAUTION il blocco di tutte le protezioni in cui il blocco logico è stato abilitato

Nota 1 Nel seguito della descrizione il blocco logico sarà denominato indifferentemente “Blocco logico” oppure “Block1”
Nota 2 Il segnale di blocco mantiene il temporizzatore in condizione di reset

86 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
U<BLK1 27 element
U<<BLK1 27 element
U1<BLK1 27V1 element
U>BLK1 59 element
U>>BLK1 59 element
Uavg>BLK1 59Uavg element

UE>BLK1 59N element

Reset timers UE>>BLK1 59N element


(ON≡element inhibition)
U2>BLK1 59V2 element
Start
& f>BLK1 81O element
Enable (ON≡Enable) Customized Block1 info
xxxBLK1 Trip &
& f>>BLK1 81O element
f<BLK1 81U element
Block1 Logic INx t ON INx t OFF
f<<BLK1 81U element
n.c. INx t ON INx t OFF
f<<<BLK1 81U element
n.o. T 0 0 T
Binary input INx f<<<<BLK1 81U element
df>BLK1 81R element

df>>BLK1 81R element


df>>>BLK1 81R element
df>>>>BLK1 81R element
74TCS-BLK1 74TCS element
BF-BLK1 BF element

Block1 info
Block1 (internal state)

Blocco logico -Block1 Block1_L.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 87


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Ingressi ed uscite virtuali collegati con fili pilota virtuali costituiti da messaggi su rete Ethernet.
Sono disponibili otto uscite virtuali (Virtual Output - VOUT1...8) e dieci ingressi virtuali (Virtual Inputs
- VIN1...VIN10) che possono essere collegati liberamente mediante messaggi su rete Ethernet utiliz-
zando due diversi protocolli di comunicazione: RPC utilizzato nell’esempio oppure IEC 61850.
Sui relè di tensione NV10P gli I/O virtuali possono essere utilmente impiegati per:
1) Trasmettere informazioni tra protezioni installate a distanza significativa, dove i collegamenti di
segnale risultino critici in termini di affidabilità. Come esempio viene proposta l’applicazione in cui
la misura di tensione residua, non essendo disponibile sul relè d’interfaccia a causa della elevata
distanza del relè NV10P rispetto ai TV installati in MT, viene trasmessa come avviamento ed inter-
vento da un relè appositamente previsto (S1) al relè d’interfaccia (S2).
2) Realizzare la logica OR per il comando di apertura diversi DDI (comando simultaneo di tutti i DDI
operato da ciascun SPI)
Esempio 1
Lo schema sottoriportato illustra la soluzione tradizionale che utilizza relè finali, ingressi logici e
collegamenti fili pilota.

BF (K2)

L1
L2
L3
A Protezione 59N esterna

N NV10P +UAUX

A3
dn
A4
K1 A5 TRIP - UE>>
da

(*) Raf - eventuale resistenza A6 +UAUX


antiferrorisonanza B7 A7
K2 A8 START UE>>
Raf(*) B8 UE 59N (59N)

S1

NV10P
B1
UL1 A3
B2 27 27V1 A4
B3 K1 A5 Trip - DI
B4
UL2 59 59V2 A6
Trip DI (K1) B5 A7
+UAUX 59Uavg A8
K2
UL3
DI B6
81O 81U A9
K3

81R A10
K4
-UAUX A11
Consenso f<-f>
Utenze -UAUX A19
privilegiate IN1
K5 A12
A20
A13
A1 K6
+UAUX ≅
BF (K2) -UAUX A2 UAUX A14

G~
Misura delle tensioni d’entrata fase-fase con collegamento diretto sul lato BT (versioni con UR = 400 V) con prelievo ed elaborazione 59N
mediante dispositivo distante dalla SPI e trasmissione avviamento 59N tramite un segnale digitale collegato all’ingresso IN1 di NV10P

88 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Lo schema sottoriportato illustra la soluzione che utilizza i circuiti di I/O virtuali.

NV10P
PROTECTION RELAY

VOUT1
START UE>> D1
Ethernet
VOUT2
TRIP - UE>> START - UE>>
TRIP - UE>>

Indirizzo IP: 222.2.2.100 S1

NV10P
PROTECTION RELAY
START - UE>>
DDI VIN1 TRIP - UE>>
UE>>
(Abilita f<,f>) D1
VIN2
Remote trip

Indirizzo IP: 222.2.2.101 S2

Circuiti di uscita S1
Ognuna delle otto uscite può essere programmata come:
• Avviamento (Start), utilizzato nell’esempio come segnale di avviamento della seconda soglia della
protezione 59N di S1 (Start UE>>) allo scopo di attivare la prima soglia di minima e massima frequenza
(soglie restrittive) della protezione S2.
• Intervento (Trip), utilizzato nell’esempio come segnale di intervento della seconda soglia della prote-
zione 59N di S1 (Trip UE>>) allo scopo di comandare l’apertura del Dispositivo di Interfaccia mediante
telescatto della protezione S2.
Nell’esempio viene programmato l’avviamento della soglia UE>> sull’uscita virtuale VOUT1 e l’in-
tervento della soglia UE>> sull’uscita virtuale VOUT2. Le uscite vengono attivate all’attivazione del
segnale d’ingresso (Avviamento UE>> e/o telescatto) e restano attive (anche in caso di ricaduta del
segnale d’ingresso) per tutta la durata di un tempo regolabile (t V e t Trip).

Segnale d’ingresso

Avviamento
protezioni di tensione
o telescatto
con tV e tTrip = 0

Avviamento
protezioni di tensione
o telescatto
con tV e tTrip ≠ 0 t
tV e tTrip tV e tTrip

Uscita virtuale (VOUT1...VOUT8) TF-timer.ai

Circuiti in entrata S2
Ad ognuno degli otto ingressi virtuali può essere associata la funzione che deve essere attivata
dall’ingresso selezionato; nell’esempio viene programmato il consenso alla prima soglia di minima e
massima frequenza al verificarsi di un guasto a terra in MT (avviamento UE>> attivo della protezione
S1) sull’ingresso virtuale VIN1 ed il telescatto sull’ingresso virtuale VIN2 del relè di protezione S2 che
comanda il Dispositivo di Interfaccia.

Collegamenti (fili pilota virtuali)


Dopo aver definito i circuiti di ingresso e di uscita è necessario creare i collegamenti virtuali utiliz-
zando come supporto la rete Ethernet.
Ad ogni relè deve essere assegnato un indirizzo IP univoco.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 89


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Esempio 2
Lo schema sottoriportato illustra la soluzione tradizionale che utilizza relè finali, ingressi logici e
collegamenti fili pilota per realizzare la logica OR per il comando di apertura di due DDI (comando
simultaneo di tutti i DDI operato da ciascun SPI).
La logica OR è realizzata comandando ogni DDI mediante il collegamento in serie di due finali (un
relè per ogni SPI); è facilmente intuibile la difficoltà realizzativa della logica OR su impianti ove sono
presenti ulteriori SPI, (senza considerare la necessità di implementare la logica relativa alla misura
della tensione residua descritta nell’esempio 1).

Trip - DI-A
NV10P
A3
UL1 UL2 UL3 A4
K1 A5
A6 +UAUX
A7
Trip - DI-A A8
K2

DI-A A9
RELE’ FINALI K3
A10
K4
A11
-UAUX
A19
IN1
K5 A12
A20
A13
A1 K6
+UAUX ≅
-UAUX A2 UAUX A14

NV10P
A3
UL1 UL2 UL3 A4
K1 A5 +UAUX
A6
A7
Trip - DI-B K2 A8 Trip - DI-B

DI-B A9
RELE’ FINALI

K3
A10
K4

-UAUX
A11
A19
IN1
K5 A12
A20
A13
A1 K6
~ ~ +UAUX
A2

UAUX A14
-UAUX

Schema di principio per l’apertura simultanea di due DI operata da uno od entrambi relè NV10P

90 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Lo schema sottoriportato illustra la soluzione che utilizza i circuiti di I/O virtuali.

NV10P
PROTECTION RELAY

D1
Ethernet
VOUT1
START - UE>>
START UE>>
VOUT2
TRIP - UE>>
TRIP - UE>>

Indirizzo IP: 222.2.2.100


S1

START - UE>>
TRIP - UE>>
Telescatto DDI

NV10P NV10P NV10P


PROTECTION RELAY PROTECTION RELAY PROTECTION RELAY
VIN1 VIN1 VIN1
UE>> UE>> UE>>
DDI
(Abilita f<,f>) D1 DDI
(Abilita f<,f>) D1 DDI
(Abilita f<,f>) D1
VIN2 VIN2 VIN2
Remote trip Remote trip Remote trip

VOUT2 VOUT2 VOUT2

Trip NV10P Trip NV10P Trip NV10P

Indirizzo IP: 222.2.2.101 S2 Indirizzo IP: 222.2.2.102 S3 Indirizzo IP: 222.2.2.103 S4

Circuiti di uscita S1
Le uscite VOUT1 e VOUT2 devono essere programmate come nell’esempio 1 per trasmettere le in-
formazioni relative alla protezione 59N, elaborate dal relè S1 ai relè S2, S3 e S4 che non dispongono
della misura di tensione residua:
• Avviamento (Start), utilizzato come segnale di avviamento della seconda soglia della protezione 59N di
S1 allo scopo di attivare la prima soglia di minima e massima frequenza delle protezioni S2, S3 e S4.
• Intervento (Trip), utilizzato nell’esempio come segnale di intervento della seconda soglia della pro-
tezione 59N di S1 allo scopo di comandare l’apertura del Dispositivo di Interfaccia mediante tele-
scatto delle protezioni S2, S3 e S4.
Nell’esempio viene programmato l’avviamento della soglia UE>> sull’uscita virtuale VOUT1 e l’inter-
vento della soglia UE>> sull’uscita virtuale VOUT2.

Circuiti in entrata S2, S3 e S4


Viene programmato il consenso alla prima soglia di minima e massima frequenza al verificarsi di
un guasto a terra (avviamento UE>> attivo della protezione S1) sull’ingresso virtuale VIN1 ed il tele-
scatto sull’ingresso virtuale VIN2 dei relè di protezione S2, S3 e S4 che comandano il Dispositivo di
Interfaccia.

Circuiti di uscita S2, S3 e S4


L’uscita VOUT2 deve essere programmata per realizzare la logica OR per il comando di apertura di
tutti i DDI (comando simultaneo di tutti i DDI operato da ciascun SPI):
• Intervento (Trip), utilizzato nell’esempio come segnale di intervento delle funzioni di protezione di
S1 allo scopo di comandare l’apertura del Dispositivo di Interfaccia mediante telescatto delle pro-
tezioni S2, S3 e S4.

Collegamenti (fili pilota virtuali)


Dopo aver definito i circuiti di ingresso e di uscita è necessario creare i collegamenti virtuali utiliz-
zando come supporto la rete Ethernet.
Ad ogni relè deve essere assegnato un indirizzo IP univoco;.
Per trasmettere le informazioni ad un gruppo di dispositivi è disponibile la modalità Multicast.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 91


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Scatto remoto
Premessa
Uno o più relè finali possono essere programmati per la funzione di telescatto; in tal caso essi ven-
gono comandati direttamente dall’ingresso logico associato (IN1 e/o IN2).

Logica di funzionamento
Un ingresso logico può essere associato alla funzione di telescatto Remote trip programmando il
parametro corrispondente presente all’interno del menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1 o Set \ Ingressi
\ Ingresso x.
Quando un ingresso logico è impiegato per telescatto, i temporizzatori IN1 tON, IN2 tON, IN1
tOFF and IN2 tOFF devono essere azzerati e la logica di funzionamento (parametro Logica) deve
essere impostata in modo conforme al contatto collegato al suddetto ingresso (DIRETTA/INVER-
SA).
Un relè finale può essere associato alla funzione di telescatto programmando il parametro RemTrip-
K presente all’interno del menù Set \ Scatto remoto; analogamente per la segnalazione a LED
(RemTrip-L).
Quando un relè finale è impiegato per telescatto, il temporizzatore t TR deve essere azzerato; la Lo-
gica (ECCITATO/DISECCITATO) ed il modo di funzionamento (NON MEMORIZZATO/IMPUL-
SIVO/MEMORIZZATO) devono essere impostati in modo identico all’ingresso logico collegato al
suddetto relè.
Tutte le impostazioni sono comuni alle due configurazioni di taratura.

+UAUX
Remote trip
Remote trip

TRIPPING M ATRIX
Remote trip Logic INx t O N INx t O F F

(LED+REL AYS)
n.c. INx t ON INx t OFF RemTrip-K
n.o. T 0 0 T RemTrip-L
Binary input INx

-UAUX
Schema funzionale relativo alla funzione di telescatto Fun-Remote-trip.ai

92 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Inseguimento in frequenza
Nel campo di funzionamento 20...63 Hz un algoritmo di inseguimento di frequenza (frequency tracking)
adegua la frequenza di campionamento in modo da mantenere costante il numero di campioni per
periodo.
Con 24 campioni a periodo la frequenza di campionamento varia da 480 Hz con f = 20 Hz a 1.512 kHz con
f= 63 Hz.
Per una variazione istantanea della frequenza f, l’inseguimento ha un tempo di risposta di 1 Hz/s per
NV10B e 1 Hz/s per NV10P.
La misura della frequenza di linea è effettuata utilizzando il segnale più grande tra le tensioni di
ingresso.[1]

• Se il segnale più grande tra le tensioni in ingresso risulta inferiore a 1.5 % Un la frequenza di cam-
pionamento viene fissata al valore nominale.
• Se la frequenza misurata è fuori dai limiti di aggancio, la frequenza di campionamento viene fissata
all’estremo inferiore o superiore del campo di aggancio (20 oppure 63 Hz).

U L1, U 12
U 23 Frequenza di campionamento
U 31 Max U L1...L3 > 0.015 U n

Max U L1...L3 Frequenza nominale f n = 50 Hz

16 Hz 80 Hz Valore visualizzato

20 Hz 63 Hz Frequenza di aggancio

1.5% U n
50 Hz (0 Hz) Frequenza di aggancio (Valore visualizzato)

16 20 63 80 f (Hz)
Frequency tracking IF.ai

Le funzioni di protezione risultano attive per qualunque valore dei segnali d’entrata; la precisione
delle misure è garantita per valori di frequenza dei segnali d’ingresso compresi nella banda di ag-
gancio.

Nota 1 Nelle versioni con ingressi da sensori la frequenza è misurata sulle tensioni di fase (UL1, UL2 , UL3), mentre nelle versioni con ingressi da TV
induttivi la frequenza è misurata sulle tensioni concatenate (U12 , U23 , U 31).
Negli schemi UL1, UL2 , UL3 rappresentano le tensioni d’ingresso di fase oppure concatenate in base alle versioni corrispondenti

NV10P - Manuale - 08 - 2012 93


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Supervisione circuito interruttore - 74TCS
Premessa
Il circuito di apertura dell’interruttore può essere controllato dal relè per segnalare eventuali ano-
malie che condurrebbero alla mancata apertura dell’interruttore per intervento delle protezioni o per
comando intenzionale dell’operatore.
La funzione di monitoraggio 74TCS rileva anomalie quali interruzioni del circuito o mancanza di ten-
sione ausiliaria e interruzione/corto circuito della bobina di apertura.
La supervisione può essere realizzata con uno oppure due ingressi logici; la logica di funzionamen-
to corrispondente è selezionata automaticamente dalla protezione in base alla assegnazione degli
ingressi.
A tale scopo deve essere assegnata la funzione TCS1 e TCS2 (qualora si impieghino due ingressi
logici) con l’impostazione presente nel menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1 e Set \ Ingressi \ Ingresso x.
Quando gli ingressi logici sono impiegati per la supervisione del circuito di scatto, i temporizzatori
IN1 tON, INx tON, IN1 tOFF and INx tOFF devono essere azzerati e deve essere selezionata la
logica di funzionamento DIRETTA.
Logica di funzionamento
La funzione di monitoraggio del circuito di scatto può essere abilitata oppure disabilita-
ta; a tal fine occorre impostare ON oppure OFF il parametro 74TCS Enable nel menù
Set \ Configurazione A(o B) \ Supervisione circuito interruttore - 74TCS.

Da uno o più ingressi logici può essere programmato il blocco logico (Block1).[1]
Se il parametro 74TCS-BLK1 è impostato ON ed un ingresso logico è programmato per ac-
quisire il blocco logico (Block1), la funzione è bloccata per un tempo pari alla durata di attiva-
zione dell’ingresso logico stesso. Il temporizzatore d’intervento è mantenuto in condizione di re-
set in modo tale che il conteggio del tempo d’intervento ha inizio alla scomparsa del segnale di
blocco;[2]l’assegnazione della funzione di blocco logico all’ingresso è impostabile all’interno del
menù Set \ Ingressi \ Ingresso 1(x).
Tutti i parametri possono essere programmati separatamente per le due configurazioni di taratura.

Supervisione con due ingressi logici


Il monitoraggio effettuato mediante due ingressi logici ha il vantaggio di poter rilevare anche ano-
malie meccaniche dell’interruttore.
I due ingressi logici sono collegati in parallelo rispettivamente al contatto di scatto delle protezioni
ed ad un contatto ausiliario normalmente chiuso dell’interruttore (52b).
E’ indispensabile che il valore della tensione di comando dell’interruttore sia superiore al doppio del
valore di attivazione di un ingresso logico; perciò la funzione di supervisione del circuito di scatto è
utilizzabile solo con tensione superiore a 36 V.

+UAUX
Pro-N
TCS1

Binary input IN1 Towards 74TCS logic


TRIP

TCS2

Binary input IN2 Towards 74TCS logic


52
52a 52b

-UAUX
Monitoraggio del circuito di scatto - 74TCS con impiego di due ingressi logici TCS2s.ai

La condizione di anomalia del circuito di apertura dell’interruttore viene segnalata al verificarsi della
duplice condizione:
A) La protezione è intervenuta (contatto TRIP chiuso)
B) L’interruttore è chiuso (contatto 52a chiuso e contatto 52b aperto)

Poiché tali condizioni sono possibili anche con circuito di apertura dell’interruttore sano (es: la pro-
tezione ha comandato l’apertura ma deve ancora trascorrere il tempo di apertura), allo scopo di
evitare di inviare segnalazioni intempestive, le precedenti due condizioni sono controllate ripetu-
tamente (ogni 80 ms) e la segnalazione viene emessa dopo 2 s; il ripristino avviene, dopo 0.6 s da
quando almeno una delle condizioni A e B cessa di essere vera.[3]

Nota 1 Essendo i due ingressi logici disponibili sul relè già impiegati (TCS1 e TCS2) la funzione di blocco logico (Block1) richiede l’impiego di un modulo
aggiuntivo esterno
Nota 2 Per la descrizione completa del funzionamento del blocco logico (Block 1) occorre far riferimento al paragrafo “Blocco logico” presente all’in-
terno del capitolo MONITORAGGIO E CONTROLLO..
Nota 3 Per il corretto funzionamento è necessario che gli ingressi logici siano programmati con logica Diretta, i temporizzatori di Attivazione e Disattivazione sia-
no azzerati ed il contatto (TRIP) della protezione preposta al comando di apertura dell’interruttore sia normalmente diseccitato con ripristino automatico

94 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
TCS1 Logic INx t ON INx t OFF
Start 74TCS
n.c. INx t ON INx t OFF
n.o. T 0 0 TT
Start 74TCS 74TCS-ST-K

TRIPPING M ATRIX
Binary input INx

(LED+REL AYS)
74TCS-ST-L
&
TCS2 Logic INx t ON INx t OFF
n.c. INx t ON 2s 0.6 s 74TCS-TR-K
INx t OFF &
n.o. T 0 0 T 74TCS-TR-L
T 0 0 TT
RESET
Binary input INx
Trip 74TCS
Trip 74TCS
Enable (ON≡Enable)
74TCS Enable
Start 74TCS
Enable (ON≡Enable) &
74TCS-BLK1 Trip 74TCS & BLK1 74TCS
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 TT
Binary input INx

Schema funzionale del monitoraggio del circuito di scatto - 74TCS con impiego di due ingressi logici Fun-74TCS2.ai

Supervisione con un ingresso logico


Lo schema consente, mediante il corretto dimensionamento della resistenza, di realizzare il controllo
del circuito di comando anche nel caso in cui il valore della tensione di comando dell’interruttore
sia inferiore ai 36 V necessari per attivare due ingressi logici (es: caso di alimentazione ausiliaria
UAUX = 24V).
L’ingresso logico è collegato in parallelo al contatto di scatto delle protezioni, mentre un contatto
ausiliario 52b dell’interruttore (normalmente chiuso con interruttore aperto) è collegato in serie ad
una resistenza di elevato valore.
La condizione di anomalia del circuito di apertura dell’interruttore è indicata dalla disattivazione
dell’ingresso logico.
Nella condizione di circuito di scatto sano, con contatto di scatto (TRIP) aperto della protezione,
l’ingresso logico risulta attivato essendo alimentato attraverso il contatto 52a (interruttore chiuso)
oppure attraverso il contatto 52b (interruttore aperto) ed il resistore R.
Alla chiusura del contatto di scatto (TRIP) della protezione preposta all’apertura dell’interruttore,
l’ingresso logico viene cortocircuitato, quindi, per evitare di inviare segnalazioni intempestive, la
condizione è controllata ripetutamente (ogni 80 ms) e la segnalazione viene emessa dopo 40 s in
modo da consentire l’apertura dell’interruttore e del contatto di scatto; il ripristino della segnalazio-
ne avviene, dopo 6 s dall’apertura del contatto di scatto.[1]

+UAUX

Pro-N
TCS1
TRIP
Binary input INx Towards 74TCS logic

R
52
52a 52b

-UAUX
Monitoraggio del circuito di scatto - 74TCS con impiego di un ingresso logico TCS1.ai

Nota 1 Per il corretto funzionamento è necessario che il contatto di scatto (TRIP) della protezione sia programmato a ripristino automatico.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 95


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Start 74TCS

TCS1 Logic INx t ON INx t OFF Start 74TCS 74TCS-ST-K

TRIPPING M ATRIX
(LED+REL AYS)
n.c. INx t ON INx t OFF 74TCS-ST-L
n.o. T 0 0 T
Binary input INx
40 s 6s 74TCS-TR-K
Enable (ON≡Enable) &
T 0 0 T 74TCS-TR-L
74TCS Enable
RESET
Trip 74TCS
Trip 74TCS

Start 74TCS
Enable (ON≡Enable) &
74TCS-BLK1 Trip 74TCS & BLK1 74TCS
&

Block1 Logic INx t ON INx t OFF


n.c. INx t ON INx t OFF Block1 input (ON≡Block)
n.o. Block1
T 0 0 T
Binary input INx

Schema funzionale del monitoraggio del circuito di scatto - 74TCS con impiego di un ingresso logico Fun-74TCS1.ai

Dimensionamento della resistenza


La resistenza R deve essere dimensionata in modo da soddisfare entrambe le seguenti condizioni:
1) La bobina di apertura dell’interruttore non sia eccitata quando l’interruttore è aperto e contempo-
raneamente è comandata l’apertura dell’interruttore stesso;
2) L’ingresso logico sia energizzato con contatto TRIP aperto.
1) Con interruttore aperto è necessario evitare di eccitare inutilmente la bobina; il caso più critico
si presenta nella condizione di contatto TRIP chiuso (es: test della protezione oppure comando
manuale), quindi quando la resistenza in serie alla bobina di apertura è minima. Per evitare che
la bobina sia eccitata occorre che il valore della resistenza R sia superiore ad un valore minimo
espresso dalla relazione:
Rmin = R TC · (UAUX - U TCmin) / U TCmin
dove:
U TCmin è la tensione minima di eccitazione della bobina di apertura
UAUX è la tensione ausiliaria di alimentazione del circuito di comando
R TC è la resistenza della bobina di apertura
2) Il calcolo di R per soddisfare la condizione di attivazione dell’ingresso logico viene eseguito con-
siderando la condizione di contatto TRIP aperto e interruttore aperto. Per garantire che l’ingresso
sia attivato occorre che il valore della resistenza R sia inferiore ad un valore massimo espresso
dalla relazione:
Rmax = [(UAUX - UDIGmin) / IDIG] - R TC
dove:
UDIGmin è la tensione minima di attivazione dell’ingresso logico (18 V)
UAUX è la tensione ausiliaria di alimentazione del circuito di comando
R TC è la resistenza della bobina di apertura
IDIG è il valore di corrente costante di funzionamento dell’ingresso logico (0.003 A)
Il valore di R che soddisfa le precedenti condizioni deve essere compreso tra Rmin e Rmax calcolati
come sopra descritto; esso può essere scelto come valore normalizzato più prossimo alla media
aritmetica tra Rmin e Rmax:

R = (Rmin + Rmax) / 2
La potenza dissipata dalla resistenza vale: P R = R · I 2 = R · [UAUX / (R + R TC)] 2
Esempio
UAUX = 110 Vcc (tensione ausiliaria di alimentazione del circuito di comando)
P TC = 50 W (potenza della bobina di apertura)
R TC = UAUX 2 / P TC = 242 Ω (resistenza della bobina di apertura)
U TCmin = 77 V (tensione minima di eccitazione della bobina di apertura = 70% UAUX )
UDIGmin = 18 V (tensione minima di attivazione dell’ingresso logico)
IDIG = 0.003 A (valore di corrente costante di funzionamento dell’ingresso logico)
Rmin = R TC · (UAUX - U TCmin) / U TCmin = 242 · (110 - 77) / 77 = 103.7 Ω
Rmax = [(UAUX - UDIGmin) / IDIG] - R TC = [(110 - 18) / 0.003] - 242 = 30425 Ω
R = (Rmin + Rmax) / 2 = (103.7 + 30425) / 2 = 15264 Ω ~ 15 k Ω
P R (Potenza dissipata dalla resistenza) = UAUX 2 /R = 110 2 / 15000 = 0.8 W

96 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Monitoraggio interruttore
Premessa
Sono disponibili diverse funzioni diagnostiche, misura e controllo:
• Mediante l’acquisizione dello stato dei contatti ausiliari 52a e 52b il relè determina la posizione del-
l’interruttore. In base a tale informazione l’utente può emettere i comandi di apertura o chiusura in
condizioni di sicurezza.
• Mediante l’acquisizione dello stato dei contatti ausiliari 52a e 52b il relè determina il tempo di apertu-
ra; se esso è troppo elevato viene emesso un segnale di allarme.

Opening transition Towards CB diagnostic

CB monitoring
+UAUX
52a Logic INx t O N INx t O F F 52a ON/OFF
IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. T 0 0 T

TRIPPING M ATRIX
Binary input INx
52

(LED)
52a 52b t mask

t mask
52b Logic INx t O N INx t O F F =1
T 0
IN+
n.c. INx t ON INx t OFF
IN- n.o. T 0 0 T
Binary input INx 52b ON/OFF
-UAUX
Diagramma funzionale relativo alla funzione di monitoraggio posizione dell’interruttore Fun-CB-position.ai

Logica di funzionamento
Secondo la convenzione 52a rappresenta il contatto ausiliario il cui stato corrisponde alla posizione
dell’interruttore (52a aperto = interruttore aperto), mentre 52b rappresenta il contatto ausiliario il cui
stato è opposto alla posizione dell’interruttore (52b aperto = interruttore chiuso); tali contatti ausiliari
devono essere assegnati a due ingressi logici.
A tale scopo deve essere assegnata la funzione 52a e 52b con l’impostazione presente nel menù
Set \ Ingressi \ Ingresso 1 e Set \ Ingressi \ Ingresso 2.
I suddetti ingressi logici devono essere programmati con logica Diretta ed i temporizzatori di Attivazione
e Disattivazione IN1 tON, IN2 tON, IN1 tOFF and IN2 tOFF devono essere azzerati e deve essere
selezionata la logica di funzionamento DIRETTA.

COMANDO INTERRUTTORE
Due relè finali possono essere programmati per comandare l’apertura e la chiusura dell’interruttore;
a tal fine occorre impostare i parametri CBopen-K e CBclose-K presenti all’interno del menù Set\
Monitoraggio interruttore \ Rele-Led associati; la posizione dell’interruttore può essere visualizzata
assegnandone lo stato a due LED (parametro CBopen-L e CBclosed-L).
Tutti i parametri sono comuni alle due configurazioni di taratura.

DIAGNOSTICA DELL’INTERRUTTORE
La funzione di diagnostica dell’interruttore utilizza due criteri diversi per elaborare una stima dell’usura
dell’interruttore.
1) Conteggio delle manovre di apertura (ModeN.Open ON). Al superamento della soglia impostata
(N.Open) si ha l’emissione di un segnale di allarme che può essere associato ad un relè finale e/o
ad un LED di segnalazione.
2) Durata manovra di apertura (Mode-tOpen ON). La protezione misura il tempo intercorrente tra
il comando di intervento di una funzione di protezione, selezionabile in base al relativo relè finale
associato (Ktrig-break), e l’acquisizione dell’avvenuta apertura dell’interruttore. Se tale intervallo
di tempo supera la soglia impostata (tbreak>) si ha l’emissione di un segnale di allarme che può
essere associato ad un relè finale e/o ad un LED di segnalazione.
I due criteri possono essere utilizzati separatamente oppure contemporaneamente a discrezione del-
l’utente in base al programma di manutenzione prescelto.
Tutti i suddetti parametri, nonché l’associazione delle uscite ai relè finali ed ai LED, sono presenti nel
menù Set \ Monitoraggio interruttore \ Diagnostica interruttore.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 97


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
State N.Open

TRIPPING M ATRIX
Mode- N .Open

(LED+REL AYS)
N .Open
N.Open-K
&
From CB position Opening transition N.Open-L

Diagnostica interruttore - Conteggio aperture

TRIPPING M ATRIX
Mode-tOpen

(LED+REL AYS)
State tbreak
Ktrig-break t break
tbreak-K
&
tbreak-L

From CB position Opening transition

Diagnostica interruttore - Massimo tempo d’apertura Fun-CB-diagnostic.ai

98 NV10P - Manuale - 08 - 2012


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
— Oscillografia
Set trigger
I seguenti parametri, presenti all’interno del menù Set \ Oscillografia \ Set trigger, sono programma-
bili dall’utente:
• Tempo pre-trigger e Tempo post-trigger.

Trigger

pre-trigger post-trigger Time

Trigger oscillografia trigger.ai

• Con selezione ON del parametro Abilitazione trigger da uscite la registrazione ha inizio al cam-
bio di stato di una qualsiasi soglia di protezione .
• Con selezione K1...K6 del parametro Trigger da uscite la registrazione ha inizio al cambio di
stato del relè finale selezionato.
• Con selezione ON del parametro Abilitazione trigger da ingressi la registrazione ha inizio al
cambio di stato di un ingresso logico.
• Con selezione IN1, IN2 del parametro Trigger da ingressi la registrazione ha inizio al cambio di
stato dell’ingresso logico selezionato.
• Il raggiungimento dell’80% della memoria può generare un allarme se il parametro Allarme buffer
80% è impostato ON.

Set canali campionati


Le misure istantanee (uL1, uL2 , uL3 , uE ) che si intende registrare possono essere selezionate all’inter-
no del menù Set \Oscillografia \ Set canali campionati.

Set canali di misura


Le misure analogiche (Frequenza, UL1, UL2 , UL3 , U12 , U23 , U31, UE , UEC, U1, U2 , df/dt, T1...T8[1]) che si
intende registrare possono essere selezionate all’interno del menù Set \ Oscillografia \ Set canali di
misura.
Ciascuno dei dodici canali di misura può essere associato ad una misura.

Set canali digitali


I segnali di ingresso-uscita (K1... K6, K7...K10, IN1, IN2, IN3...IN42 [2])che si intende registrare possono
essere selezionati all’interno del menù Set \ Oscillografia \ Set canali digitali.
Ciascuno dei dodici canali digitali può essere associato ad un segnale di I/O.

Nota 1 Le misure di temperatura T1...T8 sono significative solo in presenza di modulo MPT collegato al Thybus e abilitato
Nota 2 I relè K7...K10 ae gli ingressi digitali IN3...IN42 sono significativi Isolo in presenza dei moduli MRI e/o MID16 collegati al Thybus e abilitati

NV10P - Manuale - 08 - 2012 99


CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
5 MISURE , S TAT I L OGICI E CON TATORI
Tutte le variabili sono disponibili in lettura su display, ThySetter (menù Read) e protocollo di comu-
nicazione.
— Misure
Dirette
• Frequenza (f )
• Valore RMS della componente fondamentale delle tensioni d’ingresso (UL1, UL2 , UL3)
• Valore RMS della componente fondamentale della tensione residua (UE )

Calcolate
• Tensioni concatenate[1] (U 12 -U 23 -U 31)
• Tensione massima tra U L1-U L 2 -U L 3 (U Lmax )
• Tensione media tra U L1-U L 2 -U L 3 (U L )
• Tensione residua calcolata (U EC )
• Tensione di sequenza diretta (U 1)
• Tensione di sequenza inversa (U 2 )
• Terza armonica di tensione residua (U E-3rd )
• Derivata di frequenza (df/dt )

Medie
• Tensione su 10 minuti di fase (U L1avg , UL2avg , UL3avg)
• Tensione su 10 minuti concatenate (U 12avg , U23avg , U31avg)
• Tensione massima tra U L1avg , UL2avg , UL3avg (U Lavgmax )
• Tensione massima tra U 12avg , U23avg , U31avg (U avgmax )

— Stato delle protezioni


Per ciascuna soglia di protezione e per le funzioni di controllo sono disponibili, se pertinenti, le se-
guenti informazioni:
• Avviamento (Start xx ) ON/OFF
• Scatto (Trip xx ) ON/OFF
• Blocco logico (Block1) (BLK1 xx ) ON/OFF

— Ingressi temporizzati
E’ disponibile l’informazione relativa allo stato degli ingressi logici, acquisito a valle dei temporizza-
tori:
• IN1 ON/OFF
• INx ON/OFF

— Stato funzioni ingresso


E’ disponibile l’informazione relativa allo stato delle funzioni di ingresso assegnate agli ingressi logici
(Read \ Stato funzioni ingresso):
• Reset segnalazioni ON/OFF
• Configurazione tarature ON/OFF
• Trigger Guasto ON/OFF
• Blocco logico ON/OFF
• Tcs1 ON/OFF
• Tcs2 ON/OFF
• Stato protezioni esterne ON/OFF
• Reset contatori parziali ON/OFF
• Reset dati CB monitoring ON/OFF
• Ausiliario 52CC ON/OFF
• Ausiliario 52CA ON/OFF
• Apertura interruttore ON/OFF
• Chiusura interruttore ON/OFF
• Remote trip ON/OFF
• 74VT ext. ON/OFF
• f<-f> Control ON/OFF

— Relè
E’ disponibile l’informazione relativa allo stato delle uscite e lo stato diagnostico relativo a ciascun
relè finale (Read \ Rele):
• K1 Stato ON/OFF
• K1 Diagnostica OK/NOT OK
• K2 Stato ON/OFF
• K2 Diagnostica OK/NOT OK
• ......
• K6 Stato ON/OFF
• K6 Diagnostica OK/NOT OK

— Contatori
Per ciascuna soglia di protezione e per le funzioni di controllo sono disponibili due serie di conta-
tori (Parziali e Totali); i contatori parziali possono essere azzerati dall’utente, mentre l’azzeramento
dei contatori totali è possibile soltanto operando a livello 1 e richiede pertanto l’immissione di una
Nota 1 Misura disponibile su versioni con ingressi da sensori

100 NV10P - Manuale - 08 - 2012


MISURE, STATI LOGICI E CONTATORI
password. Ciascun contatore parziale si azzera automaticamente quando il conteggio raggiunge il
valore 10000.
I contatori possono essere azzerati contemporaneamente mediante il comando Reset contatori
parziali presente nel menù Comandi \ Reset.

I contatori comprendono le informazioni pertinenti; essi sono ordinati per funzioni:


• Contatori - 27
• Contatori - 27V1
• Contatori - 59
• Contatori - 59V2
• Contatori - 59Uavg
• Contatori - 59N
• Contatori - 81O
• Contatori - 81U
• Contatori - 81R
• Contatori - 74TCS
• Contatori - CB
• Contatori - BF
Contatori parziali
• Contatore P avviamenti - xx (ParStxxcnt con xx=U<, U<<...) 0...9999
• Contatore P scatti - xx (ParTrxxcnt con xx=U<, U<<...) 0...9999
• Contatore P blocchi logici - xx (ParBk1xxcnt con xx=U<, U<<...)0...9999
Contatori totali
• Contatore T avviamenti - xx (TotStxxcnt con xx=U<, U<<...) 0...9999
• Contatore T scatti - xx (TotTrxxcnt con xx=U<, U<<...) 0...9999
• Contatore T blocchi logici - xx (TotBk1xxcnt con xx=U<, U<<...) 0...9999

— Stato diagnostico protezione


Sono disponibili informazioni dettagliate di diagnostica relative alla protezione.
E’ possibile segnalare oppure ignorare le anomalie di livello inferiore; a tale scopo occorre im-
postare ON o OFF il parametro Segnala anomalia MINORE presente all’interno del menù
Set \ Rele anomalia. Le funzioni di protezione rimangono attive anche in presenza di tali anomalie
(MINOR) :
• Errori relativi alle registrazioni oscillografiche.
• Bus interno.
Le informazioni diagnostiche sono:
• Protezione e automatismi IN SERVIZIO/FUORI SERVIZIO
• Diagnostica generale OK/NOT OK
• Diagnostica dispositivo OK/NOT OK
• Diagnostica programma OK/NOT OK
• Data-base allo startup OK/NOT OK
• Data-base run-time OK/NOT OK
• Scheda DSP allo startup OK/NOT OK
• Scheda DSP run-time OK/NOT OK
• Memorie allo startup OK/NOT OK
• Memorie run-time OK/NOT OK
• BUS interno maggiore OK/NOT OK
• BUS interno minore OK/NOT OK
• Oscillografia run-time OK/NOT OK
• Scheda MMI allo startup OK/NOT OK
• Scheda MMI run-time OK/NOT OK
Le informazioni diagnostiche possono essere associate ad un relè finale che può essere selezionato
programmando il parametro presente all’interno del menù Set \ Rele anomalia.

— Registrazione guasti - SFR


Le registrazioni sono attivate da una o più delle seguenti cause (fino a otto contemporanee):
• Commutazione (transizione OFF-ON) di un relè finale associato all’intervento di una funzione di
protezione o controllo
• Attivazione ingresso logico programmato come Trigger Guasto
Il relè memorizza gli ultimi venti guasti in una memoria FIFO di tipo circolare (First In, First Out).[1][2]
Sono automaticamente registrate le seguenti informazioni:
• Data e ora
• Causa guasto (soglia intervenuta)
• Tensioni d’ingresso di fase UL1r, UL2r, UL3r
• Tensioni d’ingresso concatenate U12r, U23r, U31r
• Tensioni medie di fase UL1avgr, UL2avgr, UL3avgr
• Tensioni medie concatenate U12avgr, U23avgr, U31avgr
• Tensione residua UEr
• Tensione residua calcolata UECr
• Tensione di sequenza diretta U1r
• Tensione di sequenza inversa U2r
• Frequenza fr
Nota 1 I dati relativi al guasto più recente sono memorizzati come Guasto 0, mentre i dati relativi al guasto meno recente sono memorizzati come Guasto 19
Nota 2 I dati sono memorizzati in memoria non volatile; essi sono mantenuti anche in assenza di alimentazione

NV10P - Manuale - 08 - 2012 101


MISURE, STATI LOGICI E CONTATORI
• Derivata di frequenza dfr
• Stato ingressi IN1-IN2-...
• Stato uscite K1-K6
• Informazioni causa guasto (es. fase sede del guasto)
— Registrazione eventi - SER
Le registrazioni sono attivate da una o più delle seguenti cause:
• Avviamento e/o intervento di una funzione abilitata di protezione o controllo
• Attivazione ingresso logico (transizione OFF-ON oppure ON-OFF)
• Accensione o spegnimento alimentazione ausiliaria (Power ON o Power OFF)
• Modifica taratura.
Il relè memorizza gli ultimi trecento eventi in una memoria FIFO di tipo circolare (First In, First Out).[2][1]
Sono automaticamente registrate le seguenti informazioni:
• Contatore eventi[2]
• Date e ora
• Causa evento (ingresso logico/intervento di una funzione di protezione o controllo /modifica taratura).
— Oscillografia - DFR
Il relè comprende la funzione di registrazione oscillografica[3] dei guasti in formato COMTRADE; le
grandezze misurate vengono campionate (24 campioni al periodo) e memorizzate in un buffer di me-
moria non volatile con struttura circolare a scorrimento.
Tali informazioni rappresentano un ausilio fondamentale per l’analisi del sistema elettrico sia in pre-
senza di guasto che durante la fase di messa in servizio.
Le registrazioni vengono generate automaticamente ed archiviate in ordine sequenziale sino al-
l’esaurimento della memoria disponibile, dopodiché viene sovrascritta l’area di memoria contenente
una o più registrazioni meno recenti.
Un esempio di procedura che deve essere eseguita per utilizzare la funzione di oscilloperturbografia
dal relè è riportata nella descrizione del sw ThySetter.

La funzione di registrazione oscillografica richiede l’impostazione dei seguenti parametri:


• Abilitazione di un allarme al raggiungimento del 80% delle dimensioni del buffer. Le registrazioni
vengono generate automaticamente ed archiviate in ordine sequenziale sino all’esaurimento della
memoria disponibile; la segnalazione di allarme rappresenta un avviso in modo che l’utente possa
scaricare i dati presenti nella memoria FLASH[4] del relè e quindi azzerare tale memoria senza per-
dere le registrazioni meno recenti che sarebbero sovrascritte dalle prossime registrazioni.
• Impostazione intervallo di pre-trigger e post-trigger

Trigger

pre-trigger post-trigger Time

Trigger oscillografia trigger.ai

• Scelta delle misure campionate che si intendono registrare.


• Assegnazione dei canali di misura analogica (1...12) alle misure che si intendono registrare.
• Assegnazione dei canali di misura digitale (1...12) ai segnali che si intendono registrare (stato dei
relè finali e/ degli ingressi logici).
• Selezione dei segnali che attivano la registrazione (trigger); la memorizzazione ha luogo automa-
ticamente al cambio di stato di un segnale selezionabile dall’utente (avviamento e/o scatto di una
funzione di protezione, cambio di stato di relè finali e/o di ingressi logici).

COMTRADE
Le registrazioni sono archiviate in formato COMTRADE (Common Format for Transient Data); si tratta
di uno standard IEEE (C37.111) che definisce il formato dei files ed il criterio di archiviazione dei dati
relativi a transitori di guasto su sistemi elettrici di potenza.
Lo standard definisce inoltre la struttura dei files: header file (.HDR), configuration file (.CFG) e data
file (.DAT) necessari per l’interscambio dei dati.
Lo standard è inserito come IEC 60255-24 nella raccolta delle norme di riferimento per i relè di prote-
zione; per una trattazione completa del formato COMTRADE si rimanda alla letteratura relativa.
I files possono essere analizzati mediante il sw ThySetter oppure mediante un visualizzatore confor-
me allo standard.
Il numero di registrazioni memorizzabili (max 400) è variabile ed è determinato dall’impostazione,
definibile dall’utente dei seguenti parametri:
• Tempo di pre-trigger e di post-trigger.
• Numero di canali assegnati alle grandezze misurate.
Il numero di registrazioni può essere calcolato in base alla seguente relazione:

600 59 s 50 (Hz)
N = int · ·
24 + 24 v i + 4 v RMS + nB (tpre + tpost )(s) f (Hz)
Nota 1 I dati relativi all’evento più recente sono memorizzati come Evento 0, mentre i relativi all’evento meno recente sono memorizzati come Evento 299
Note 2 Il contatore viene incrementato ad ogni evento successivo; esso può essere azzerato mediante comando ThySetter
Nota 3 La funzione di registrazione oscillografica richiede la licenza; per la procedura d’acquisto occorre rivolgersi a Thytronic.
Nota 3 I dati sono archiviati in memoria non volatile volatile FLASH, essi vengono mantenuti anche in caso di mancanza di alimentazione ausiliaria.

102 NV10P - Manuale - 08 - 2012


MISURE, STATI LOGICI E CONTATORI
dove:
N: numero di registrazioni memorizzabili
v i: numero di grandezze istantanee
v RMS : numero di grandezze analogiche (RMS)
nB: numero di variabili logiche
tpre: intervallo di pre-trigger
tpost : intervallo di post-trigger
f : frequenza

Esempio 1
Una registrazione corrispondente alla seguente impostazione:
• Pre-trigger: 0.5 s
• Post-trigger: 0.5 s
• Grandezze campionate: uL1, uL2 , uL3 , uE
• Canali analogici: UL1, UL2 , UL3 , UE
• Canali digitali: K1, K2, K3, K4, K5, K6, IN1, IN2

sono memorizzabili 245 registrazioni se la frequenza misurata è 50 Hz, infatti:

600 59 s 50 (Hz)
N = int · · = 245
24 + 24 · 4 + 4 · 4 + 8 (0.5 + 0.5 )(s) 50 (Hz)

Esempio 2
Con la seguente impostazione:
• Pre-trigger: 0.5 s
• Post-trigger: 0.5 s
• Grandezze campionate: uL1, uL2 , uL3 , uE
• Canali analogici: UL1, UL2 , UL3 , UE
• Canali digitali: K1, K2, K3, K4, K5, K6, IN1, IN2

sono memorizzabili 204 registrazioni se la frequenza misurata è 60 Hz, infatti:

600 59 s 50 (Hz)
N = int · · = 204
24 + 24 · 4 + 4 · 4 + 8 (0.5 + 0.5 )(s) 60 (Hz)

Esempio di registrazione oscillografica relativa ad un guasto polifase oscillo-phase.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 103


MISURE, STATI LOGICI E CONTATORI
6 INS TA L L A ZIONE
6.1 IMBALLAGGIO
L’imballo è costituito da un contenitore in cartone; esso garantisce una adeguata protezione per il
trasporto e l’immagazzinaggio nelle condizioni ambientali ordinarie.
Si raccomanda di non disperdere il contenitore nell’ambiente, ma di conservarlo per un eventuale
movimentazione del relè.
I relè Pro_N devono essere immagazzinati in ambienti in cui la temperatura sia compresa nei limiti
indicati nelle caratteristiche tecniche; l’umidità relativa non deve causare condensa o formazione
di ghiaccio.

6.2 MONTAGGIO
I relè Pro_N sono disponibili con diversi tipi di custodia, da selezionare all’ordine in funzione del
montaggio desiderato:
• Montaggio ad incasso.
• Montaggio sporgente.
• Montaggio con pannello operatore (MMI) separato dalla base.
• Montaggio in armadi Rack 19”.
L’estraibilità consente la manutenzione e la rapida sostituzione della parte mobile, a garanzia di
massima disponibilità del sistema di protezione.
Montaggio ad incasso
La protezione è fissata mediante quattro viti su pannello precedentemente forato secondo la dima di
foratura indicata nei disegni di montaggio.
In caso di montaggio affiancato, la distanza minima è definita dalla dimensione del frontale, aumen-
tata di almeno 3 mm per garantire un adeguato margine di tolleranza e la possibilità di montare una
guarnizione a garanzia del grado di protezione (IP).
Per determinare la quota richiesta in profondità è necessario considerare lo spazio necessario per
il cablaggio dei collegamenti.

107 205 30 101

D1

A1
A2
C1 C2
A3 F1
A4 RX F2
A5 F3
A6 TX F4
A7 F5
A8 C3 C4
A9 B1
A10 B2
177

171
149

A11 B3
A12 B4
ON 1 2 3 4 5 START
A13 B5
TRIP A14 C5 C6 B6
A15 B7
A16 B8

A17
A18
A19
A20 C7 C8

A21
A22

E1

102.5 ±0.3
70
161
154

Montaggio ad incasso
N.4 fori ø 3,5 Flush-mount.ai

NOTA Per eseguire il montaggio non è necessario separare la parte fissa dalla parte estraibile

104 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
• Rimuovere il tegolino superiore ed aprire lo sportellino per accede alla sede delle viti di fissaggio.

Rimozione del tegolino superiore per accedere alle viti di fissaggio Remove-tile.ai

• Fissare la protezione al pannello mediante quattro viti.

Montaggio ad incasso Flush-mount1.ai

Montaggio sporgente
• Estrarre la vite di terra ed aprire lo sportellino per accede alla sede delle due viti di fissaggio.
• Eseguire i cablaggi in morsettiera e successivamente fissare la protezione alla staffa, precedente-
mente fissata alla parete, mediante le due viti frontali e la vite di terra.
In caso di montaggio affiancato, la distanza minima è definita dalla dimensione della staffa, au-
mentata orizzontalmente e/o verticalmente per garantire un adeguato margine di tolleranza ed una
ordinata disposizione dei cablaggi.

275
120

ON 1 2 3 4 5
START
80

TRIP
31

Montaggio sporgente Projecting.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 105


INSTALLAZIONE
Pannello operatore separato
Tale montaggio risulta particolarmente vantaggioso in condizioni di spazio limitato in profondità.
Il pannello operatore deve essere fissato a pannello con le medesime modalità relative al montaggio
ad incasso, mentre il corpo della protezione deve essere montato all’interno del quadro elettrico.

128.5
212.5 110
107 5 30

D1

A1
A2
C1 C2
A3 F1
A4 RX F2
A5 F3
A6 TX F4
A7 F5
A8 C3 C4
A9 B1
A10 B2

200
168
170
177

A11 B3
A12 B4
ON 1 2 3 4 5 START A13 B5
A14 C5 C6 B6
TRIP
A15 B7
A16 B8

A17
A18
A19
A20 C7 C8

A21
A22

E1

20
Montaggio con pannello operatore separato Separate-mount.ai

Per il collegamento tra i due moduli è necessario impiegare il cavo schermato di tipo diretto con
connessioni RJ45 di categoria 5 fornito in dotazione.

Montaggio con pannello operatore separato Separate-mount1.ai

106 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
Montaggio rack
Il montaggio entro telai normalizzati 19” richiede l’impiego dell’accessorio tipo MAR fornibile a
richiesta.

482.6
465
177 (4U)
101.6

ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START

TRIP TRIP TRIP TRIP

Montaggio su telaio rack Rack-mount.ai

Per consentire l’apertura dello sportellino di protezione della tastiera è necessario prevedere uno
spazio di almeno una unità nel caso di montaggio di unità rack sovrapposte.

Montaggio su telaio rack Rack-mount1.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 107


INSTALLAZIONE
6.3 COLLEGAMENTI ELETTRICI
Per l’esecuzione dei collegamenti elettrici si deve fare riferimento allo schema d’inserzione; nel caso
in cui alcuni circuiti non vengano utilizzati, i relativi collegamenti devono restare aperti.
Esempi di schemi di inserzione sono illustrati in appendice al seguente manuale.

I dispositivi devono essere installati e messi in servizio da personale qualificato.


CAUTION Thytronic non assume alcuna responsabilità per le conseguenze causate da uso improprio.

Per i collegamenti A1...A22 sono disponibili morsetti a vite aventi le seguenti caratteristiche:
• Sezione dei conduttori: da 0.14 a 2.5 mm2 (AWG 26...16) per conduttori flessibili singoli
da 0.14 a 0.75 mm2 per due conduttori flessibili di sezione identica
• Coppia di serraggio: 0.5-0.6 Nm
• Lunghezza spelatura: 8 mm
Per i collegamenti B1...B8 sono disponibili morsetti a vite aventi le seguenti caratteristiche:
• Sezione dei conduttori: da 0.2 a 2.5 mm2 (AWG 24...12) per conduttori flessibili singoli
da 0.2 a 1.5 mm2 per due conduttori flessibili di sezione identica
• Coppia di serraggio: 0.5-0.6 Nm
• Lunghezza spelatura: 7 mm
Per i collegamenti F1...F5 (RS485) sono disponibili morsetti a vite aventi le seguenti caratteristiche:
• Sezione dei conduttori: da 0.2 a 2.5 mm2 (AWG 24...12) per conduttori flessibili singoli
da 0.2 a 1.5 mm2 per due conduttori flessibili di sezione identica
• Coppia di serraggio: 0.5-0.6 Nm
• Lunghezza spelatura: 10 mm.

Ingressi da TV induttivi o colle-


gamento diretto

D1

≅ A1 A1 Connettore RJ45 Ethernet


UAUX
A2
A2 C1 C2
A3 A3 F1
K1 A4 A4 RX F2 RS485
A5 A5 F3
B-
A6 A6 TX F4
K2 A7 A7 F5 A+
A8 A8 C3 C4
K3 A9 A9 B1
A10 A10 B2
K4 A11 A11 B3
K5 A12 A12 B4
A13 A13 B5 Circuiti d’entrata voltmetrici
K6 A14 A14 C5 C6 B6
B7
A15 A15
A16 A16 B8

A17 A17
A18 A18

IN1
A19 A19
A20 A20 C7 C8

A21 A21
IN2
A22 A22 Connettore RJ45 Thybus
E1

108 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
Ingressi da sensori
I collegamenti agli ingressi di tensione sono realizzati mediante spine RJ45 precablate.

D1

≅ A1 A1 Connettore RJ45 Ethernet


UAUX
A2
A2
A3 A3 F1
K1 A4 A4 RX F2 RS485
A5 A5 F3
B-
A6 A6 TX F4
K2 A7 A7 F5 A+
A8 A8
K3 A9 A9 B1
A10 A10 B2
K4 A11 A11 B3
K5 A12 A12 B4
A13 A13 B5
K6 A14 A14 B6
L1
A15 A15 B7 Ingressi voltmetrici da sensori
A16 A16 B8
V-Sensor o ThySensor
A17 A17
L2
A18 A18

IN1
A19 A19
A20 A20
L3
A21 A21
IN2
A22 A22
Connettore RJ45 Thybus
E1

Connessioni per versioni con circuiti d’entrata voltmetrici da sensori

E’ richiesto il collegamento alla terra di protezione che deve essere attestato alla vite appositamente
prevista; la sezione del cavo di terra deve essere non inferiore a 2.5 mm2.

Vite di collegamento a terra

Collegamento di terra rear.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 109


INSTALLAZIONE
Ingressi logici
I circuiti d’entrata sono liberi da tensione e privi di polarizzazione; l’attivazione richiede che una
sorgente di alimentazione, preferibilmente la stessa tensione ausiliaria presente nel quadro.
Gli ingressi sono dimensionati per un ampio campo di funzionamento e non è richiesta alcuna pro-
grammazione hw e/o sw.

+UAUX

A B A19
IN1
A20

-UAUX A21
IN2
A22

Ingressi logici Binary-sch.ai

I circuiti d’ingresso digitali sono generalmente immuni da disturbi transitori; è comunque opportuno
osservare le seguenti raccomandazioni:
• Posizionare i cavi lontano da conduttori attraversati da elevate correnti evitando percorsi paralleli.
• Utilizzare i temporizzatori associati agli ingressi impostando un ritardo alla acquisizione del segna-
le sufficiente a consentire l’esaurimento dell’eventuale disturbo.
• Realizzare i collegamenti mediante conduttori schermati collegando lo schermo a terra soltanto ad
una estremità, preferibilmente sul relè. Collegamenti a terra multipli potrebbero dar luogo a circo-
lazione di corrente sullo schermo con conseguente disturbo sulla misura e sono perciò da evitare.

Relè finali
Sono disponibili sei relè finali:
K1 e K2 con un contatto di scambio (SPDT, type C).
K3 e K4 con un contatto in chiusura (SPST-NO, tipo A) ed un riferimento comune (terminale A10).
K5 con un contatto in chiusura (SPST-NO, tipo A) e K6, con un contatto in apertura (SPST-NC, tipo B)
ed un riferimento comune (terminale A13).

Si raccomanda di verificare che le caratteristiche dei contatti di uscita dei relè finali siano
CAUTION adeguate per il carico previsto in termini di corrente, tensione nominale, potere di chiusura
e potere di interruzione, facendo riferimento ai dati riportati nelle caratteristiche tecniche.

Per quanto concerne i contatti finali, occorre considerare che tutti gli schemi di collegamento rap-
presentano la condizione di relè non alimentato.

Porta RS232
Il collegamento tra il personal computer e la porta seriale locale deve essere eseguito mediante il
cavo adattatore RS232/RJ10 tipo L10041 compreso nella fornitura.
Quando è impiegata la porta RS232 essa risulta prioritaria rispetto alla porta Ethernet

Connettore femmina
Convertitore USB-RS232
(vista lato saldature)
L10 041
Connettore RJ10 1
6
Pin1 4 2 RXD
7
3 3 TXD
8
1 4 DTR
9
2 5 GND

(in assenza di porta seriale su PC)

serial1-sch.ai

Nel caso di indisponibilità di una interfaccia RS232 sul Personal Computer è necessario impiegare
un convertitore USB-RS232.
Dopo l’installazione del driver relativo al convertitore USB occorre selezionare la medesima por-
ta (tipicamente COM4, COM5, ecc...) nella impostazione dei parametri di comunicazione del sw
ThySetter.

110 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
Porta Ethernet[1]
I relè Pro_N possono essere forniti con interfaccia di rete con connessione RJ45 per collegamento
a rete locale in rame oppure con connessione in fibra ottica FX.
Per verifiche di laboratorio è possibile collegare direttamente il Personal Computer al relè attraverso
la porta Ethernet presente sul lato posteriore.
Nel caso di scheda di rete di tipo TX occorre utilizzare un cavo di rete di tipo incrociato, mentre nel
caso di scheda di rete di tipo FX occorre utilizzare un convertitore Ethernet-Fibra ottica adatto per
comunicazione a 100 Mb con fibra ottica dotata di connettore tipo ST per la connessione al relè.

cross cable

ethernet-wiring.ai

Per rendere operativo il collegamento, utilizzando il sw ThySetter ed attivando la connessione locale


RS232 occorre:
• Impostare gli indirizzi IP (Host IP address e IP net mask) in modo da realizzare la corrispon-
denza tra i parametri relativi al Personal Computer ed i parametri relativi al relè; i parametri sono
presenti nel sottomenù Ethernet interno al menù Parametri di comunicazione
• Impostare OFF il parametro Autonegotiation sul relè. A tal fine è necessario modificare il para-
metro Autonegoziazione presente nel sottomenù Ethernet interno al menù Parametri di comu-
nicazione

Nota 1 Su versioni fw precedenti, dopo aver eseguito le modifiche, affinché le nuove impostazioni relative alla comunicazione Ethernet siano attive, è
necessario togliere l’alimentazione ausiliaria e successivamente rialimentare il relè.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 111


INSTALLAZIONE
Porta RS485
I collegamenti devono essere realizzati mediante cavo schermato intrecciato rispettando le polarità
con lo schermo collegato ad una sola estremità.
E’ raccomandabile effettuare la terminazione della linea presso i dispositivi periferici, tipicamente
l’unità di supervisione da una parte ed il relè installato nel punto più lontano dall’altra.
A bordo del relè è disponibile un resistore previsto allo scopo; per effettuare la terminazione è suffi-
ciente collegare tra di loro i terminali F2-F3.

PRO-N PRO-N

K1 A3
A4
A5
K2 A6
C1
A7
I L1 A8

OUTPUT RELAYS
C2
C3 K3 A9

CURRENT INPUTS
C4
I L2
K4 A10
C5 A11
I L3 K5 A12
C6
K6 A13
C7
IE A14
C8
F1 F1
F2 F2
F3 F3
RS485

RS485
B- F4 B- F4
A+ F5 A+ F5
ETHERNET

A1 ≅ D1
UAUX
A2
THYBUS

SUPERVISION UNIT E1

B-
BLOCK OUT

RS485
BLOCK IN

BLOUT-
A17 A15
BLOUT+
120 Ω A18 A16
A+

A19
BINARY INPUTS

IN1 FRONT PANEL


A20
RS232

A21
IN2
A22

RS485-wiring.ai

Porta Thybus
E’ possibile di collegare vari moduli ausiliari Thytronic alla protezione per mezzo di un bus seriale ad
alta velocità; unitamente a moduli di espansione I/O sono previsti anche moduli per la misura della
temperatura e convertitori 4...20 mA.
Il collegamento deve essere realizzato utilizzando cavi schermati di tipo diretto con connessioni
RJ45 di categoria 5; la lunghezza massima del collegamento Thybus tra relè e modulo non deve
essere superiore a:
• 2 m per collegamento a moduli MRI (max un modulo con 4 relè + 8 ingressi digitali)
• 20 m per collegamento a modulo MOS-4 (max un modulo pannello operatore)
• 30 m per collegamento a modulo MID 16 (max due moduli con 16 ingressi digitali ciascuno)
• 2 m per collegamento a moduli MPT (max un modulo con 8 ingressi per termosonde Pt100)
• 2 m per collegamento a moduli MCI (max un modulo con uscita a corrente impressa).

112 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
MRI
THYBUS INTPUT THYBUS OUTPUT

Pro_N
52
IN1
51
54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28 50 K1 5
IN2
49 6
THYBUS

A1 ≅ E1 7
UAUX 48
A2 IN3
47 11
K2

OUTPUT RELAYS
43

BINARY INPUTS
IN4
12
BLOCK OUT

42 13
BLOCK IN

BLOUT-
A17 A15
BLOUT+ OUTPUT
OUTPUT INPUT
INPUT ON 41
A18 A16 IN5 16

RUN
BUS
BUS K3

ON
MID8 40

1
2
3
4
5
MODULO 4 RELE’ + 8 INGRESSI DIGITALI
MODULO INGRESSI REMOTI
4 RELAYS + 8 BINARY INPUTS MODULE
RUN MRI 15
35 14
IN6
A19 34
BINARY INPUTS

IN1 33 K4 22
FRONT PANEL
A20 IN7 21
RS232

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 32 20
A21
IN2 31
A22 IN8
30
54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28
3

PT8 MPT8 PT7 MPT7 PT6 MPT6 PT5 MPT5

MPT
THYBUS INPUT THYBUS OUTPUT
OUTPUT INPUT
RUN
BUS
ON

MODULO PT100
MPT
PT100 MODULE

PT1 MPT1 PT2 MPT2 PT3 MPT3 PT4 MPT4


6 PT1 PT8
49
7 MPT1 T1 T8 MPT8 48
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 8 47
PT2 PT7
11 44
MPT2 T2 T7 MPT7
54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28 12 43
13 42
PT3 PT6
15 40
MPT3 T3 T6 MPT6
16 39
17 38
PT4 PT5
OUTPUT INPUT ON
20 35
MPT4 T4 T5 MPT5
BUS 21 34
RUN
MODULO INGRESSI REMOTI MID-16 22 33

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27
MID16
THYBUS INTPUT THYBUS OUTPUT
54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28

52 5
IN1 IN9
51 6
50 7
IN2 IN10
49 8
OUTPUT INPUT ON
48 11
BUS IN3 IN11
MODULO INGRESSI REMOTI RUN
MID-16
47 12
43 13
BINARY INPUTS

IN4 IN12
42 14
41 15
IN5 IN13
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 40 16
35 20
IN6 IN14
34 21
33 22
IN7 IN15
32 23
31 24
IN8 IN16
30 25
3

NV10P - Manuale - 08 - 2012 113


INSTALLAZIONE
L’espansione, che può essere realizzata in qualsiasi momento, anche su protezioni in servizio com-
porta le seguenti operazioni:
• Togliere alimentazione al dispositivo.
• Collegare i moduli ausiliari alla porta Thybus rispettando la sequenza INPUT-OUTPUT.[1] Nel caso
di installazione di due MID16 (ingressi digitali), è necessario impostare l’indirizzo Thybus dei due
moduli in modo che essi non abbiano conflitti di comunicazione sul bus; a tal fine occorre modifica-
re l’impostazione di fabbrica su uno dei due moduli, tramite microinterruttori (dip-switch) presenti
sulla scheda frontale ed accessibili dopo la rimozione della targa
• Alimentare il dispositivo.
• Procedere alla configurazione sw secondo le istruzioni illustrate nel capitolo MESSA IN SERVI-
ZIO.

Indirizzo di default Indirizzo modificato per secondo modulo

8 1 8 1
OFF OFF

S1 ON S1 ON

Impostazione indirizzo hw MID16 DIP-MID16.ai

Nota 1 L’ordine in cui i vari moduli vengono inseriti nella serie non è vincolante.
La massima espansione possibile consente di collegare contemporaneamente alla porta Thybus un modulo MRI, due moduli MID16, un modulo
MPT, un modulo MCI ed eventualmente un modulo MMI nel caso di montaggio con modulo operatore separato.

114 NV10P - Manuale - 08 - 2012


INSTALLAZIONE
6.4 PERSONALIZZAZIONE LED
Sul pannello frontale sono presenti le seguenti segnalazioni luminose (LED):
• LED ON di colore verde: in assenza di anomalie il led verde acceso indica che il relè funziona cor-
rettamente, mentre in presenza di anomalia esso si accende in modo intermittente.
• LED 1...5 di colore rosso liberamente assegnabili dall’utente a funzioni di protezione e controllo.
• LED START di colore giallo dedicato alla segnalazione di avviamento.
• LED TRIP di colore rosso dedicato alla segnalazione di intervento.

Avviamento
ON e Diagnostica Intervento

LED 1...5
programmabili
da utente

LEDs Label_LED

6.5 OPERAZIONI FINALI


Prima di alimentare il dispositivo si raccomanda di verificare che:
• Il valore della tensione ausiliaria sia compreso nel campo di funzionamento del relè.
• La tensione di riferimento del relè (100 V o 400 V) corrisponda a quella applicata in ingresso al
relè.
• Tutti i collegamenti siano correttamente eseguiti.
• Tutte le viti siano correttamente avvitate.

NV10P - Manuale - 08 - 2012 115


INSTALLAZIONE
7 TA R AT UR A E MESSA IN SERV IZIO
L’impostazione delle regolazioni può essere effettuata:
• Mediante Personal Computer, dotato di software ThySetter fornito in dotazione.
• Localmente mediante pulsanti e display (MMI).

Per motivi di sicurezza, la modifica ddelle grandezze nominali richiede il reset hardware del relè.
WARNING I nuovi parametri diventano operativi dopo lo spegnimento e la rialimentazione del relè.

7.1 SW THYSETTER
Il software ThySetter è un programma “browser” dei dati (taratura, misura, ecc..) presenti nei relè;
esso implementa un motore in grado di ricostruire la struttura dei menù e le associazioni ai dati rela-
tivi per tutti i relè di protezione Thytronic mediante files in formato XML.

Installazione di ThySetter
Il sw ThySetter viene fornito da Thytronic a titolo gratuito; la versione più recente può essere prele-
vata dal sito www.thytronic.it (sezione Prodotti / Software / ThySetter - AREA DOWNLOAD).

Impiego di ThySetter
Per la descrizione completa occorre far riferimento al manuale d’istruzione di ThySetter che può può
essere prelevata dal sito www.thytronic.it (sezione Software - AREA DOWNLOAD).

116 NV10P - Manuale - 08 - 2012


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
7.2 MMI (MAN MACHINE INTERFACE)

Sul frontale del relè sono presenti otto pulsanti che permettono all’utente di effettuare le operazioni
di lettura e modifica delle impostazioni.[1]

LEDs

OPEN CB

CLOSE CB

Le modifiche alle regolazioni devono essere effettuate con il relè alimentato.


Tutte le regolazioni sono memorizzate nella memoria non volatile del relè.
I pulsanti hanno il seguente significato:

- (Up) consente di scorrere in senso verticale le voci di menù precedenti.


- (Down) consente di scorrere in senso verticale le voci di menù successive.
- (Left) consente di passare al livello di menù precedente
- (Right) consente di accedere al menù selezionato.
- (Enter) consente di entrare nel menù selezionato e di modificare un parametro.
- (Reset) comando di Reset.
- Comando apertura interruttore
- Comando chiusura interruttore

All’accensione, il display visualizza il messaggio:


THYTRONIC
Pro_NV10P-MB0-x
Data e ora (01/01/2000 00:00).
Il led verde ON segnala la presenza della tensione di alimentazione (acceso in modo fisso), e la pre-
senza di eventuali anomalie (lampeggio intermittente).
la retroilluminazione del display si spegne automaticamente dopo un minuto di inattività sulla tastie-
ra.
mediante i pulsanti (Up) o (Down) è possibile scorrere ciclicamente le voci del menù princi-
pale: READ, SET, COMMUNICATION, TEST
Una volta individuato il sottomenù di interesse, è possibile accedervi mediante l’attivazione del pul-
sante (Right) e quindi scorrere le voci relative tramite i pulsanti (Up) o (Down).
La struttura completa dei menù insieme ad alcuni esempi di navigazione è illustrata nelle pagine
seguenti del presente documento (i valori numerici e le regolazioni sono proposti come esempio e
non corrispondono a situazioni reali).

— Lettura delle variabili (READ)


Tutti i dati (misure, regolazioni, parametri, etc...) possono essere visualizzati; essi sono ordinati in
sotto menù funzionalmente omogenei:
“READ >>”
“SERIAL NUMBER >>”
“INFO >>”
“MEASURES >>”
“ACTIVE PROFILE >>”
“PROTECTIONS >>”
“PLC >>”
“CIRCUIT BREAKER SUPERVISION >>”
“DELAYED INPUTS >>”
“INTERNAL STATES >>”
“RELAYS >>”
“PARTIAL COUNTERS >>”
“TOTAL COUNTERS >>”
“SELF-TEST >>”
“FAULT RECORDING >>”
“EVENTS RECORDING >>”

La struttura completa dei menu è illustrata nelle pagine seguenti.


Nota 1 La modifica delle impostazioni è abilitata solo se risulta attivo il parametro Abilitazione modifica MMI

NV10P - Manuale - 08 - 2012 117


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
— Modifica delle regolazioni (SET)
Ai fini della sicurezza è talvolta richiesto che venga impedita la modifica dei parametri di taratura
operando localmente (tasti e display); in tal modo soltanto il personale qualificato potrà accedere
alla modifica delle impostazioni con il sw ThySetter.
Le modifiche sono effettuabili da tastiera solo se risulta attivo il parametro Abilitazione modifica
MMI; tale parametro è impostabile solo mediante sw ThySetter.
La fase di modifica di un parametro richiede la seguente sequenza di operazioni:
• Selezionare il parametro di interesse percorrendo i menù mediante i pulsanti , e
• Entrare nella fase di modifica tenendo premuto per alcuni secondi il pulsante (Enter); lo stato di
modifica in corso è evidenziato dal lampeggio dei LED START e TRIP e dalla comparsa di un cursore
sotto al parametro selezionato.
• Spostare il cursore sul parametro che si intende modificare attivando il pulsante (Enter).
• Modificare il parametro mediante i tasti (incremento) or (decremento).
• Premere il pulsante (Enter); il cursore si sposta in corrispondenza dell’ultimo parametro.
• Premere nuovamente il pulsante (Enter); il cursore scompare e si spegne il LED TRIP, mentre il
LED START continua a lampeggiare.
• Premere il pulsante (Enter) per alcuni secondi sino alla comparsa del messaggio: “Confirm
settings?”
• Rispondere alla richiesta ENTER: YES per confermare la modifica oppure RESET: NO per
abbandonare la modifica.
La conclusione del lampeggio del LED START segnala la conclusione della sequenza di modifica e
l’aggiornamento del parametro.
Il pulsante RESET può essere utilizzato per abbandonare la modifica (invece della risposta ENTER:
YES); il medesimo effetto è ottenibile togliendo l’alimentazione ausiliaria al relè.
Esempio: per impostare il funzionamento del relè K1 con logica normalmente eccitato e modo di
funzionamento memorizzato (ENERGIZED, LATCHED) occorre operare con la sequenza di operazioni
sotto descritta:
• Selezionare il menù Set “SET >>”mediante il pulsante (Down).
• Premere il pulsante (Right) per accedere al menù; viene visualizzato il messaggio:
“BASE >>”
• Scorrere i menù mediante il pulsante (Down)
“INPUTS >>”
“RELAYS >>”
“LEDS >>”
“SELF-TEST RELAY >>”
“MMI >>”
“PROFILE SELECTION >>”
“PROFILE A >>”
“PROFILE B >>”
“PLC >>”
“CIRCUIT BREAKER SUPERVISION 52 >>”
“REMOTE TRIPPING >>”

• Selezionare il menù “RELAYS >>”, viene visualizzato il messaggio “K1 relay Setpoints
>>”.
• Premere il pulsante (Right) per accedere al menù; viene visualizzato il messaggio:
“Logic DE-ENERGIZED Mode NO LATCHED”
• Premere il pulsante (Enter) per alcuni secondi; la modifica in corso è indicata dal lampeggio di
entrambi i LED START e TRIP.
• Spostare il cursore in corrispondenza del parametro che si intende modificare utilizzando il pul-
sante (Enter), (nel nostro caso sul messaggio “Logic DE-ENERGIZED”,
• Modificare il parametro mediante i pulsanti o “Logic ENERGIZED”,
• Premere il pulsante (Enter) momentaneamente per posizionare il cursore in corrispondenza
dell’ultimo parametro visualizzato sul display, “Mode NO LATCHED”,
• Modificare il parametro mediante i pulsanti o , “Mode LATCHED”,
• Premere nuovamente il pulsante (Enter); il cursore scompare ed il LED TRIP si spegne, mentre
il LED START continua a lampeggiare.
• Premere il pulsante (Enter) per alcuni secondi; viene visualizzato il nuovo messaggio: “Con-
firm settings?”
• Rispondere ENTER: YES per confermare oppure RESET: NO per abbandonare la modifica.
L’accettazione della modifica viene evidenziata dall’arresto del lampeggio dei due LED.


— TEST
E’ possibile attivare i test funzionali sui relè finali selezionati.

118 NV10P - Manuale - 08 - 2012


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
Mediante i pulsanti (Up) o (Down) è possibile scorrere i menù fino a giungere al menù
“TEST”;
Premere il pulsante (Right) per accedere al menù; viene visualizzato il messaggio: “Test
state: OFF” ad indicare lo stato di test (OFF oppure TEST in atto).[1]
Mediante il pulsante (Down) è possibile scorrere il menù per selezionare:
• Start test,
• Stop test
• Test K1
• Test K2
• Test K3
• Test K4
• Test K5
• Test K6
Ad esempio, per eseguire un test su K1 occorre operare con la sequenza di operazioni sotto
descritta:
• Selezionare il menù Start test “Start test? >>”.
• Premere il pulsante (Right) per avviare la sessione di test; l’accensione di tutti i LED indica la
condizione di test in corso.
• Premere il pulsante (Left) per accedere alla selezione del relè.
• Selezionare il relè K1 mediante il pulsante o fino a visualizzare il messaggio “Test K1 >>
• Premere il pulsante (Right) per avviare il test su K1.
• Per terminare il test occorre selezionare il messaggio “Stop test >>” e premere il pulsante
(Right). Il test viene comunque terminato automaticamente dopo un minuto.

— Comunicazione
All’interno del menù COMMUNICATION è possibile leggere e modificare i parametri relativi ai proto-
colli di comunicazione RS485 ed Ethernet.
Mediante i tasti (Up) o (Down) è possibile scorrere il menù fino alla visualizzazione dei
messaggi “RS485 Protocol >>” oppure “Ethernet parameters >>”; per entrare nel
menù desiderato occorre Premere il pulsante (Right).
Ad esempio, per impostare l’indirizzo 12 per il protocollo ModBus, occorre operare con la sequenza
di operazioni sotto descritta:
• Selezionare il menù “COMMUNICATION >>”.
• Mediante il pulsante (Down) Selezionare il menù “RS485 Protocol >>”.
• Premere il pulsante (Right) per entrare nel menù selezionato; viene visualizzato il messaggio:
“Protocol MODBUS”
“Address 1”
“9600 baud”
• Avviare la sequenza di modifica dei parametri (simile a quella descritta nel paragrafo SET):
• Entrare nella fase di modifica tenendo premuto per alcuni secondi il pulsante (Enter); lo stato di
modifica in corso è evidenziato dal lampeggio dei LED START e TRIP e dalla comparsa di un cursore
sotto al parametro selezionato.
• Spostare il cursore sul parametro che si intende modificare attivando il pulsante (Enter), nel-
l’esempio il cursore si posiziona in corrispondenza dell’indirizzo attuale (1).
• Modificare il parametro mediante i tasti (incremento) fino a raggiungere il valore desiderato (12).
• Premere il pulsante (Enter); il cursore si sposta in corrispondenza dell’ultimo parametro.
• Premere nuovamente il pulsante (Enter); il cursore scompare e si spegne il LED TRIP, mentre il
LED START continua a lampeggiare.
• Premere il pulsante (Enter) per alcuni secondi sino alla comparsa del messaggio: “Confirm
settings?”
• Rispondere alla richiesta ENTER: YES per confermare la modifica oppure RESET: NO per
abbandonare la modifica.
• La conclusione del lampeggio del LED START segnala la conclusione della sequenza di modifica e
l’aggiornamento del parametro.

— Comandi apertura e chiusura interruttore


Mediante i pulsanti (apertura) e (chiusura) è possibile comandare direttamente l’interrut-
tore. I relè finali, abilitati allo scopo, devono essere selezionati operando all’interno del sottomenù
LEDs-Relays allocation presente nel menù CIRCUIT BREAKER SUPERVISION.

Nota 1 Istantaneamente tutti i relè finali vengono posti a riposo, compresi i relè programmati con funzionamento “normalmente eccitato”

NV10P - Manuale - 08 - 2012 119


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
7.3 STRUTTURA DEI MENU’

THYTRONIC
PRO-NV10P-M00-j
DATE: 17/05/2012
TIME: 17:29:59
MMI module ON
MODULES MRI module OFF
------------------
DISABLE UL1 0.000 Un
Reset 27-27V1 ? UL2 0.000 Un
27 FUNCTION
<< No Yes >> UL3 0.000 Un
BY OPERATOR
DAY: HOUR: 14 UE 0.000 UEn
MONTH: MINUTE: 25 ULmax 0.000 Un
CLOCK ADJUST SECONDS: 0
YEAR: UL 0.000 Un
<< Confirm >> << Confirm >> UEC 0.000 UECn
UL1avg 0.000 Un
Serial number UL2avg 0.000 Un
SERIAL NUMBER 0 UL3avg 0.000 Un
ULavgmax 0.000 Un
Code NV10P-M00-j U1 0.000 Un
INFO Ver.sw 2.60 U2 0.000 Un
DSP fw Rel 2.01 UE-3rd 0.000 UEn
MEASURES f 0.000 Hz
df/dt 0.000 Hz/s
ACTIVE PROFILE Profile A
27
Start U< OFF
27 Trip U< OFF
27V1 BLK1 U< OFF
Start U<< OFF 59
Start U1< OFF Start U> OFF
27V1 Trip U<< OFF
Trip U1< OFF Trip U> OFF
BLK1 U1< OFF BLK1 U<< OFF
BLK1 U> OFF
59 Start U>> OFF
Trip U>> OFF
59Uavg BLK1 U>> OFF
59V2
Start Uavg> OFF Start U2> OFF 81U
59Uavg
Trip Uavg> OFF Trip U2> OFF State f<& OFF
BLK1 Uavg> OFF BLK1 U2> OFF Start f< OFF
59N Trip f< OFF
Start UE> OFF BLK1 f< OFF
81O Start f<< OFF
Trip UE> OFF State f>& OFF
59N BLK1 UE> OFF Trip f<< OFF
Start f> OFF BLK1 f<< OFF
Start UE>> OFF Trip f> OFF
Trip UE>> OFF Start f<<< OFF
BLK1 f> OFF Trip f<<< OFF
BLK1 UE>> OFF Start f>> OFF
59V2 BLK1 f<<< OFF
Trip f>> OFF Start f<<<< OFF
81O BLK1 f>> OFF Trip f<<<< OFF
81U BLK1 f<<<< OFF
PROTECTIONS
81R 81R
Start df> OFF
74TCS 74TCS
Trip df> OFF
BF BF Start 74TCS OFF
BLK1 df> OFF
Trip Int/Ext OFF Trip 74TCS OFF
Start df>> OFF
READ Start BF OFF BLK1 74TCS OFF
Trip df>> OFF
Trip BF OFF BLK1 df>> OFF
User SW name: xxx BLK1 BF OFF Start df>>> OFF
DATE: 10/08/2008 Trip df>>> OFF
PLC state: RESET PLC State 1: 0 BLK1 df>>> OFF
PLC version: 01.12 PLC State 2: 0 Start df>>>>OFF
PLC Trip df>>>>OFF
Error: none PLC State x: 0
Warning: none PLC State 32: 0 BLK1 df>>>>OFF
PLC STATES
CB-OPEN Cmd OFF
CB-CLOSE Cmd OFF
CB COMMANDS
CIRCUIT BREAKER
CB POSITION CB state ?
SUPERVISION
CB DIAGNOSTIC State N.Open OFF
State tbreak OFF
Binary IN1 OFF
DELAYED INPUTS Binary IN2 OFF

INTERNAL STATES
LEDs reset OFF
Prof. switch OFF
Block1: OFF
TCS1 OFF
TCS2 OFF
Ext.trip BF OFF
Remote trip OFF
INTERNAL STATES
52a OFF
52b OFF
CB OPEN Cmd OFF
CB CLOSE Cmd OFF
CB Monitor OFF
Reset count. OFF
Fault trig OFF
74VT ext OFF
f<-f>Control OFF

K1 relay OFF
K1 coil OK
K2 relay OFF
K2 coil OK
K3 relay OFF
K3 coil OK
RELAYS K4 relay OFF
K4 coil OK
K5 relay OFF
PROCEED READ MENU’ K5 coil OK
K6 relay OFF
K6 coil OK NV10P_menu1.ai

120 NV10P - Manuale - 08 - 2012


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
ParStU<cnt 0 ParStU1<cnt 0
ParTrU<cnt 0 ParTrU1<cnt 0
27 Counters ParBk1U<cnt 0 ParBk1U1<cnt 0
ParStU<<cnt 0
ParRtU<<cnt 0 ParStU>cnt 0
ParBk1U<<cnt 0 ParTrU>cnt 0
ParBk1U>cnt 0
27V1 Counters
PREVIOUS READ MENU’ ParStU>>cnt 0
59 Counters ParRtU>>cnt 0
ParStUavg>cnt 0 ParBk1U>>cnt 0
59Uavg Counters ParTrUavg>cnt 0
ParBk1Uavg>cnt 0 ParStUE>cnt 0
ParTrUE>cnt 0
ParBk1UE>cnt 0
59N Counters
ParStUE>>cnt 0
ParStU2>cnt 0 ParRtUE>>cnt 0
59V2 Counters ParTrU2>cnt 0 ParBk1UE>>cnt 0
ParBk1U2>cnt 0
ParSt-f<cnt 0
PARTIAL COUNTERS ParSt-f>cnt 0 ParTr-f<cnt 0
ParTr-f>cnt 0 ParBk1-f<cnt 0
ParBk1-f>cnt 0 ParSt-f<<cnt 0
81O Counters ParTr-f<<cnt 0
ParSt-f>>cnt 0
ParTr-f>>cnt 0 ParBk1-f<<cnt 0
ParBk1-f>>cnt 0 ParSt-f<<<cnt 0
ParTr-f<<<cnt 0
81U Counters ParBk1-f<<<cnt 0
ParSt-f<<<<cnt 0
ParTr-f<<<<cnt 0
81R Counters ParBk1-f<<<<cnt 0

ParSt-df>cnt 0
ParTr74TCScnt 0 ParTr-df>cnt 0
74TCS Counters
ParBk1-74TCScnt 0 ParBk1-df>cnt 0
ParSt-df>>cnt 0
ParStBFcnt 0 ParTr-df>>cnt 0
BF Counters ParTrTrcnt 0 ParBk1-df>>cnt 0
ParBk1BFcnt 0 ParSt-df>>>cnt 0
ParTr-df>>>cnt 0
TotStU<cnt 0 ParBk1-df>>>>cnt 0
TotTrU<cnt 0 ParSt-df>>>>cnt 0
TotBk1U<cnt 0 ParTr-df>>>>cnt 0
27 Counters ParBk1-df>>>>cnt 0
TotStU<<cnt 0
TotRtU<<cnt 0
TotBk1U<<cnt 0 TotStU1<cnt 0
TotTrU1<cnt 0
27V1 Counters
TotBk1U1<cnt 0
TotStU>cnt 0
59 Counters
TotTrU>cnt 0
TotStUavg>cnt 0 TotBk1U>cnt 0
59Uavg Counters TotTrUavg>cnt 0
TotStU>>cnt 0
TotBk1Uavg>cnt 0
TotRtU>>cnt 0
READ TotBk1U>>cnt 0

59N Counters TotStUE>cnt 0


TotStU2>cnt 0 TotTrUE>cnt 0
59V2 Counters TotTrU2>cnt 0 TotBk1UE>cnt 0
TOTAL COUNTERS TotBk1U2>cnt 0 TotStUE>>cnt 0
TotRtUE>>cnt 0
TotSt-f>cnt 0 TotBk1UE>>cnt 0
TotTr-f>cnt 0
TotSt-f<cnt 0
TotBk1-f>cnt 0
81O Counters TotTr-f<cnt 0
TotSt-f>>cnt 0 TotBk1-f<cnt 0
TotTr-f>>cnt 0
TotSt-f<<cnt 0
TotBk1-f>>cnt 0 TotTr-f<<cnt 0
81U Counters TotBk1-f<<cnt 0
81R Counters TotSt-f<<<cnt 0
TotTr-f<<<cnt 0
TotTr74TCScnt 0 TotBk1-f<<<cnt 0
74TCS Counters
TotBk1-74TCScnt 0
TotSt-f<<<<cnt 0
TotStBFcnt 0 TotTr-f<<<<cnt 0
BF Counters TotTrTrcnt 0 TotBk1-f<<<<cnt 0
TotBk1BFcnt 0 TotSt-df>cnt 0
Protections TotTr-df>cnt 0
ON SERVICE TotBk1-df>cnt 0
Global self-test
OK TotSt-df>>cnt 0
System OK TotTr-df>>cnt 0
Data-base: TotBk1-df>>cnt 0
boot OK TotSt-df>>>cnt 0
run-time OK TotTr-df>>>cnt 0
Data BUS: TotBk1-df>>>>cnt 0
heavy OK TotSt-df>>>>cnt 0
minor OK TotTr-df>>>>cnt 0
DSP: TotBk1-df>>>>cnt 0
SELF-TEST state RUN
boot OK I/O verify:
run-time RUN boot OK
major OK
Ram: minor OK
boot OK Fault 0 Cause:
run-time OK I/O verify PLC: No faults
Oscillography: boot OK Operating phase:
run-time OK major OK
minor OK Date:
PLC: Time:
boot OK MMI-board: UL1r: 0 Un
run-time OK boot OK
run-time OK UL2r: 0 Un
Program OK UL3r: 0 Un
UEr: 0 UEn
Fault 0 (last) UECr: 0 UEn
Fault 1 Fault .. cause: fr: 0 fn
FAULT RECORDING Fault 2 No faults dfr: 0 Hz/s
Fault ... Operating phase: Binary IN:
Fault 299 Date: Relay OUT:
Time:
Event0 (last):
.....: Eventxx:
IN1 on
Date .....: Settings
EVENTS RECORDING Time Relay OUT: Date
Time
PROCEED SET MENU’
NV10P_menu2.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 121


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
Plant
.................
Reading RELATIVE
Un 100 V
BASE Unp 1000 V
UEn 100 V
UEnp 1000 V Logic Active-ON
fn 50 Hz ON Delay
tIN1ON 0 s
LANGUAGE English OFF Delay
tIN1OFF 0 s
Binary input IN1 IN1 matching None
INPUTS Binary input IN2 Logic Active-ON
ON Delay
tIN2ON 0 s
OFF Delay
Binary input INx tIN2OFF 0 s
IN2 matching None
Logic DE-ENERGIZED
Mode NO LATCHED
K1 relay
Min. pulse width
K2 relay tTR1 150 ms
K3 relay
RELAYS K4 relay
Logic DE-ENERGIZED
K5 relay
Mode NO LATCHED
Kx relay
Min. pulse width
tTR6 150 ms
Start LED logic U< Enable OFF
NO LATCHED Type Characteristic
Trip LED logic U<Curve DEFINITE
NO LATCHED U<def enable OFF
LED 1 logic U<def 0.5 Un
NO LATCHED
LED 2 logic tU<def 1 s
LEDs U<inv enable OFF
NO LATCHED
LED 3 logic U<inv 0.5 Un
NO LATCHED tU<inv 10 s
LED 4 logic U<BLK1 OFF
NO LATCHED U<BF OFF
LED x logic Relays U<
NO LATCHED Logic27 OR U<ST-K -
U<TR-K -
Minor failure
alarm YES U<<def enable OFF LEDs U<
SELF-TEST RELAY
Self-test relay - U<<def 0.5 Un U<ST-L -
tU<<def 1 s U<TR-L -
Param. setting U<<BLK1 OFF U1<def enable OFF
MMI
enable ON U<disbyU<< OFF U1<def 0.5 Un
U<<BF OFF tU1<def 1 s
Active Profle Relays U<< U1<BLK1 OFF
A U<<ST-K - U1<BF OFF
U<<TR-K - Relays U1<
Common LEDs U<<
27 U1<ST-K -
U< Element U<<ST-L - U1<TR-K -
U<< Element U<<TR-L - LEDs U1<
27V1 U1< Element U1<ST-L -
U1<TR-L -
Common Logic59 OR U> Enable OFF
59 U> Element Type Characteristic
U>> Element U>>def enable OFF U>Curve DEFINITE
U>>def 1 Un U>def enable OFF
SET tU>>def 1 s U>def 1 Un
U>>BLK1 OFF tU>def 1 s
U>disbyU>> OFF U<inv enable OFF
U>>BF OFF U>inv 1 Un
Relays U>> tU>inv 10 s
U>>ST-K - U>BLK1 OFF
U>>TR-K - U>BF OFF
LEDs U>> Relays U>
U>>ST-L - U>ST-K -
U>>TR-L - U>TR-K -
LEDs U>
Common Logic59Uavg OR
59Uavg U>ST-L -
Uavg> Element Uavg> enable OFF U>TR-L -
Uavg>def enableOFF
Uavg>def 1 Un
tUavg>def 600 s UE> Enable OFF
Uavg>BLK1 OFF tUE>RES 0 s
Uavg>BF OFF Type Characteristic
UE>Curve DEFINITE
Relays Uavg>
Uavg>ST-K - UE>def enable OFF
Uavg>TR-K - UE>def 0.1 UEn
PROFILE A tUE>def 1 s
LEDs Uavg>
Uavg>ST-L - UE<inv enable OFF
Uavg>TR-L - UE>inv 0.1 UEn
tUE>inv 10 s
3Votype59N UE UE>BLK1 OFF
Common 74VText59N OFF UE>BF OFF
59N UE> Element Relays UE>
UE>> Element tUE>>RES 0 s UE>ST-K -
UE>>def enable OFF UE>TR-K -
UE>>def 0.1 UEn LEDs UE>
tUE>>def 1 s UE>ST-L -
UE>>BLK1 OFF UE>TR-L -
UE>disbyUE>> OFF
U2>def enable OFF
UE>>BF OFF
U2>def 0.1 Un
Relays UE>>
tU2>def 1 s
UE>>ST-K -
U2>BLK1 OFF
UE>>TR-K -
U2>BF OFF
LEDs UE>> Relays U2>
UE>>ST-L -
UE>>TR-L - U2>ST-K -
U2>TR-K -
LEDs U2>
59V2 U2> Element U2>ST-L -
U2>TR-L -

PROCEED SET MENU’ PROCEED PROFILE A MENU’


NV10P_menuset1.ai

122 NV10P - Manuale - 08 - 2012


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
PREVIOUS PROFILE A MENU’ f>def enable OFF
f>def 1 fn
tf>def 1 s
PREVIOUS SET MENU’ f>>def enable OFF f>BLK1 OFF
f>>def 1 fn f>BF OFF
tf>>def 1 s Relays f>
f> Element f>>BLK1 OFF f>ST-K -
81O f>disbyf>> OFF f>TR-K -
f>> Element
f>>BF OFF LEDs f>
Relays f>> f<def enable OFF f>ST-L -
f>>ST-K - f<def 1 fn f>TR-L -
f>>TR-K - tf<def 1 s f>& OFF
LEDs f>> f<BLK1 OFF f>&U>> OFF
f>>ST-L - f<BF OFF f>&DIGIN OFF
f>>TR-L - Relays f< f>&27V1 OFF
f<ST-K - f>&59V2 OFF
f< Element f<TR-K - f>&U< OFF
f<<def enable OFF LEDs f< f>&rete61850-KO OFF
f<<def 1 fn f<ST-L - f>&RES 0.1 s
f<TR-L -
tf<<def 1 s
f<& OFF
f<<BLK1 OFF
f<&U>> OFF
f<disbyf<< OFF
f<&DIGIN OFF
f<<BF OFF
f<&27V1 OFF
81U Relays f<< f<&59V2 OFF f<<<def enable OFF
f<<ST-K -
f<&U< OFF f<<<def 1 fn
f<<TR-K -
f<&rete61850-KO OFF tf<<<def 1 s
LEDs f<< f<&RES 0.1 s f<<<BLK1 OFF
f<< Element f<<ST-L -
f<<TR-L - f<disbyf<<< OFF
f<<disbyf<<< OFF
f<<< Element f<<<BF OFF
f<<<<def enableOFF Relays f<<<
f<<<< Element f<<<<def 1 fn f<<<ST-K -
tf<<<<def 1 s f<<<TR-K -
f<<<<BLK1 OFF LEDs f<<<
f<disbyf<<<< OFF f<<<ST-L -
f<<disbyf<<<< OFF f<<<TR-L -
f<<<disbyf<<<< OFF
f<<<<BF OFF
SET Mode-df> Module
Relays f<<<< Mode-df>> Module
df>def enable OFF
f<<<<ST-K - df>>def enable OFF
df>def 1 Hz/s
f<<<<TR-K - df>>def 1 Hz/s
tf>def 1 s
df>BLK1 OFF LEDs f<<< tdf>>def 1 s
f<<<<ST-L - df>>BLK1 OFF
df>BF OFF f<<<<TR-L -
df> Element df>disbydf>> OFF
Relays df>
df>ST-K - df>>BF OFF
df>TR-K - Relays df>>
df>>ST-K -
81R LEDs df>
df>ST-L - df>>TR-K -
df> Element df>TR-L - LEDs df>>
df>> Element df>>ST-L -
df>>> Element df>>TR-L -
Mode-df>>> Module
df>>> Element Mode-df>>>> Module df>>>def enableOFF
df>>>>defenableOFF df>>>def 1 Hz/s
74TCS Enable OFF df>>>>def 1 Hz/s tdf>>>def 1 s
74TCS-BLK1 OFF tdf>>>>def 1 s df>>>BLK1 OFF
Relays 74TCS df>>>>BLK1 OFF df>disbydf>>> OFF
74TCS-ST-K - df>disbydf>>>> OFF df>>disbydf>>> OFF
74TCS df>>disbydf>>>>OFF
74TCS-TR-K - df>>>BF OFF
LEDs 74TCS df>>>disbydf>>>>OFF Relays df>>>
74TCS-ST-L - df>>disbydf>>>>OFF df>>>ST-K -
74TCS-TR-L - df>>>>BF OFF df>>>TR-K -
Relays df>>>> LEDs df>>>
BF Enable OFF df>>>>ST-K - df>>>ST-L -
tBF 1 s df>>>>TR-K - df>>>TR-L -
BF-BLK1 OFF LEDs df>>>>
Relays BF df>>>>ST-L -
BF df>>>>TR-L -
BF-ST-K -
BF-TR-K -
LEDs BF
BF-ST-L -
BF-TR-L -
Switch 1: 0
Switch 2: 0
PROFILE B SAME FOR PROFILE A Switch x: 0
Switch 32: 0
Enable ON PLC Timer 1: 0
Relays K1 PLC Timer 2: 0
PLC LEDS L1 PLC Timer x: 0
PLC SWITCHES PLC Timer 24: 0
PLC TIMERS ModeN.Open OFF
CBopen-K - N.Open 10000
CBclose-K - Mode-tOpen OFF
LEDs-Relays allocation CBopen-L - Ktrig-break -
CIRCUIT BREAKER
SUPERVISION CBclose-L - tbreak 1 s
CB Diagnostic Relays
N.Open-K -
Relays tbreak-K -
REMOTE RemTrip-K - LEDs
TRIPPING LEDs N.Open-L -
RemTrip-L - tbreak-L -

Protocol MODBUS
RS485
Address 1 IP Address
Protocol 200.1.2.222
COMMUNICATION 9600 baud
Ethernet SubNet Mask
Parameters 255.255.255.0
Test state: OFF Autonegotiation ON
Stop test? >> NTP Synch. OFF
Start test? >>
Test K1 ? >>
TEST Test K2 ? >>
Test K3 ? >>
Test K4 ? >>
Test K5 ? >>
Test K6 ? >> NV10P_menuset2.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 123


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
7.4 MANUTENZIONE

I relè Pro_N non richiedono alcuna particolare manutenzione; tutti i circuiti utilizzano componenti
statici di elevata qualità ed i semilavorati vengono sottoposti a verifiche dinamiche di funzionamento
prima dell’assemblaggio dell’apparecchio completo.
I circuiti dedicati ed il firmware preposto alla funzione di autodiagnosi (Self-test) operano un control-
lo continuo sul funzionamento del relè.
La possibilità di leggere il valore delle grandezze misurate (il relè utilizzato come strumento di misura)
consente di verificare in qualsiasi momento sia i parametri dell’impianto che il funzionamento del
relè di protezione mediante il confronto con le misure restituite da strumenti esterni.
Le informazioni memorizzate in occasione di un intervento (Guasti) e le registrazioni oscillografiche
costituiscono un utile elemento di analisi per determinare il corretto funzionamento del relè; inoltre
l’assenza di messaggi di allarme costituisce garanzia sulla funzionalità per cui, in condizioni normali,
non è necessario eseguire verifiche ulteriori.

7.5 RIPARAZIONI
Non sono previsti interventi di riparazione a cura del cliente; qualora in seguito a qualsiasi anomalia
di funzionamento le verifiche sopra descritte confermassero la presenza di un guasto, occorrerà
inviare il relè in fabbrica per la riparazione e le conseguenti operazioni di calibrazione.

7.6 MAGAZZINAGGIO
L’immagazzinamento dei relè di protezione Pro_N deve essere effettuato nel rispetto delle condizioni
di temperatura previste; l’umidità relativa non deve portare a formazione di condensa o ghiaccio.
Si consiglia di conservare gli apparecchi nei propri imballaggi; in caso di un lungo periodo di imma-
gazzinamento, in special modo in condizioni climatiche critiche, si raccomanda di alimentare l’appa-
recchio per un tempo di alcune ore prima della messa in servizio allo scopo di portare in condizione
di regime i circuiti e stabilizzare il funzionamento dei componenti.

124 NV10P - Manuale - 08 - 2012


TARATURA E MESSA IN SERVIZIO
8 APPENDICE
8.1 APPENDICE A1 - SCHEMA INGRESSI-USCITE

NV10P

K1 A3
A4
A5
K2 A6
A7

OUTPUT RELAYS
A8
K3 A9

K4 A10
A11
K5 A12
D1
K6 A13
A1
A2
A14
C1 C2
A3 F1
A4 RX F2
A5 F3 B1
A6 TX F4
A7 F5 UL1
A8 C3 C4 B2
A9 B1
B3
VOLTAGE INPUTS

A10 B2
A11 B3
UL2
A12 B4
A13 B5 B4
A14 C5 C6 B6
B7
B5
A15
A16 B8 UL3
A17 B6
A18
A19 B7
A20 C7 C8
UE
A21
A22
B8

E1

A1 ≅
UAUX
A2
BINARY INPUTS

A19
IN1
A20
A21
IN2
A22

Misura delle tensioni d’entrata mediante TV induttivi NV10P-I-O.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 125


APPENDICE
L1
L2
L3

NV10P

A3
K1 A4
A5

A6
K2 A7
A8

OUTPUT RELAYS
K3 A9
P1
K4 A10
A11
P2
K5 A12

K6 A13

A14

D1

A1
A2
C1 C2
A3 F1
A4 RX F2
A5 F3
A6 TX F4

DDI A7
A8
F5

A9 B1
A10 B2
A11 B3
A12 B4
A13 B5
A14 B6
L1 B7
A15
A16 B8

A17

A1
L2
A18

A19
A20
UAUX
A21
L3 A2
A22

E1
BINARY INPUTS

A19
IN1
A20
A21
IN2
A22

Misura delle tensioni d’entrata mediante sensori

126 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
8.2 APPENDICE A2 - SCHEMA INTERFACCE

F1
F2
RS485

F3
B- F4 Supervision
A+ F5 unit
ETHERNET

D1
HUB
THYBUS

E1 54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28

OUTPUT INPUT
N.8 Pt100
RUN
BUS
ON

MODULO PT100
MPT
PT100 MODULE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28

OUTPUT INPUT
N.16 binary inputs
RUN
BUS
ON

MODULO INGRESSI REMOTI MID16

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28

N.8 binary inputs


+ 4 output relay
OUTPUT
OUTPUT INPUT
INPUT ON
RUN
BUS

BUS
ON

MID8
1
2
3
4
5

MODULO 4 RELE’ + 8 INGRESSI DIGITALI RUN MRI


MODULO INGRESSI REMOTI
4 RELAYS + 8 BINARY INPUTS MODULE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

FRONT PANEL
RS232

Interfaces.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 127


APPENDICE
8.3 APPENDICE A3 - FUNZIONI DI PROTEZIONE

NV10P

ingressi voltmetrici
da TV induttivi B7
UE 59N
B8

B1 74TCS BF ARF
U12
B2
81O 81U 81R 59Uavg
B3
U23
B4 27 27V1 59 59V2
B5
U 31
B6

ingressi voltmetrici
da sensori

27 59 59Uavg

Σ U12, U23, U31


81O 59V2
I
81U 27V1

BF ARF

UEC
59N

BF
BINARY INPUTS

A19
A20
A21
A22

128 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
8.4 APPENDICE A4- SCHEMI D’INSERZIONE
Nota: Sono illustrati alcuni schemi d’inserzione tipici.
Tutti gli schemi sono proposti come esempio e non devono essere devono essere considerati esaustivi per applicazioni reali.
In tutti gli schemi la posizione dei contatti di uscita corrisponde alla condizione di relè non alimentato.

L1
L2
L3
A

dn

da
NV10P
n

a B1
UL1 74TCS BF
B2
B3
UL2
B4 27 27V1
VOLTAGE INPUTS

B5
UL3
B6 59 59V2

81O 81R

81U 59Uavg

ARF
B7
R (*) B8 UE 59N

(*) ANTIFERRORESONANZA

lla Norm
ea
a
m

tec
Confor

nica

CEI 0-16

Thy onic
tr

Schema di collegamento dei circuiti d’entrata con tre TV a stella (collegamento fase-terra) NV10P-sch2.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 129


APPENDICE
L1
L2
L3
A

dn

da
NV10P
n

a
B1
UL1 74TCS BF
B2
B3
UL2
B4 27 27V1
B5 VOLTAGE INPUTS
UL3
B6 59 59V2

81O 81R

81U 59Uavg

ARF
B7
R (*) B8
UE 59N

(*) ANTIFERRORESONANZA

lla Norm
ea
a
m

tec
Confor

nica

CEI 0-16

Thy onic
tr

Schema di collegamento dei circuiti d’entrata con tre TV a triangolo NV10P-sch4.ai

130 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
L1
L2
L3

A B A

N N N

dn n n

da b a NV10P

B1
UL1 74TCS BF
B2
B3
UL2
B4 27 27V1
VOLTAGE INPUTS

B5
UL3
B6 59 59V2

81O 81R

81U 59Uavg

(*) ANTIFERRORESONANZA
ARF
B7
R (*) B8
UE 59N

lla Norm
ea
a
m

tec
Confor

nica

CEI 0-16

Thy onic
tr

Schema di collegamento dei circuiti d’entrata con due TV a “V” NV10P-sch7.ai

NV10P - Manuale - 08 - 2012 131


APPENDICE
BF (K2)

L1
L2
L3

N NV10P
dn

da

(*) Raf - eventuale resistenza


antiferrorisonanza B7
Raf(*) B8 UE 59N
VOLTAGE INPUTS

B1
UL1 74TCS BF
B2
B3
UL2
B4
B5 27 27V1

UL3
B6 59 59V2

81O 81R

lla Norm
ea 81U 59Uavg
a
m

tec
Confor

ARF
n ic a

CEI 0-16

Thy onic
tr

Misura delle tensioni d’entrata fase-fase con collegamento diretto sul lato BT (versioni con UR = 400 V)
Misura della tensione residua mediante trasformatore a triangolo aperto sul lato MT NV10P-sch5.ai

132 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
BF (K2)

L1
L2
L3

NV10P

27 59 59Uavg
P1
Σ U12, U23, U31

VOLTAGE INPUTS
P2 81O 59V2

81U 27V1

BF ARF

UEC
59N

lla guida
ea
te C form

te
cni
on

ca Tern

Allegato A70
re

al
Codice di

Misura delle tensioni d’entrata fase-terra mediante tre sensori V-Sensor

NV10P - Manuale - 08 - 2012 133


APPENDICE
8.5 APPENDICE B1 - DIMENSIONI NV10P

VISTE FRONTALI VISTE POSTERIORI

107 120 101

D1 D1

A1 A1
A2 A2
C1 C2 C1 C2

ø 4.5 A3
A4 RX
F1
F2
A3
A4 RX
F1
F2
A5 F3 A5 F3
A6 TX F4 A6 TX F4
A7 F5 A7 F5
A8 C3 C4 A8

A9 B1 A9 B1
A10 B2 A10
177

B2

171
149
A11 B3 A11 B3
A12 B4 A12 B4
ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START
A13 B5 A13 B5
80

TRIP TRIP A14 C5 C6 B6 A14 B6


B7 L1 B7
A15 A15
A16 B8 A16 B8

A17 A17
A18 A18
L2
A19 A19
A20 C7 C8 A20
L3
A21 A21
A22 A22
31

E1 E1

MONTAGGIO INCASSATO MONTAGGIO SPORGENTE MONTAGGIO INCASSATO MONTAGGIO INCASSATO


(ingressi daTV induttivi) (ingressi da sensori)

VISTE LATERALI
212.5 275
25 15
205 30 5 30 ø 4.5
170

MONTAGGIO INCASSATO PANNELLO MONTAGGIO SPORGENTE MONTAGGIO SPORGENTE


OPERATORE SEPARATO (Pannello operatore separato)

MONTAGGIO RACK DIMA FORATURA INCASSO


482.6 102.5 ±0.3
465 70
177 (4U)

161
101.6

154

ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START ON 1 2 3 4 5 START

TRIP TRIP TRIP TRIP

N.4 fori ø 3.5

134 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
8.6 APPENDICE B2 - DIMENSIONI V-SENSOR

80.0

10
M

10
M
50

Ø53.0
42.0
225±0.5

Designation
Electronic Voltage Transformer (EVT)

Type Made in Serial n. / year


V-Sensor#1 EU 00333/12

Electrical Characteristics EVT Characteristics


24/50/125 kV; fn = 50 Hz
Kn = 20 / √3 kV / 1.00 V; Ku=1.8
Auxiliary power supply Cl.: 0.5
Uan = ±8 -12 Vdc Ref. std.: IEC 60044-7
Ian = 10 mA
40.0

Dati di targa
Cavo uscita misura tensione
Attacco M4 uscita
partitore capacitivo

Raggio ≥ 35 mm
RJ45
Alle lampade presenza tensione
Al relè di protezione Pro-N

5000

Ø53.0
12
M

NV10P - Manuale - 08 - 2012 135


APPENDICE
8.7 APPENDICE B3 - DIMENSIONI THYSENSOR

Designation
Electronic Voltage and Current Transformer (EVT+ECT)

Type Made in Serial no. / year


ESTC24.06.16 EU SE001/11
Ø 110
Electrical Characteristics Auxiliary power supply
Ø 100 24/50/125 kV Uan = ±8 -12 Vdc
50 fn = 50 Hz Ian = 10 mA
EVT Characteristics ECT Characteristics
Kn=20/√3 kV/1V; Ku=1.8 Kra=630 A / 2 V; Ith=16 kA
Cl.: 0.5 Cl.: 0.5
Ref. std.: IEC 60044-7 Ref. std.: IEC 60044-8

Foro di fissaggio M10 Foro di fissaggio M10

Pressacavo

Distanziale esagonale 8mm M4

P2 P1
104

225
96
25

Uscita partitore capacitivo


14
Ø 110
42
62

P1

Foro di fissaggio Foro di fissaggio


20
Ø

sbarre M12 Ø sbarre M12


20

136 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
8.8 APPENDICE C - TABELLA DI TARATURA
Nota Le regolazioni relative alla funzione 26, ai relè finali K7...K10, ai led L6...L10 ed agli ingressi logici IN3...IN42 sono disponibili solo quando i circuiti
di I/O corrispondenti sono presenti (moduli ausiliari MPT, MRI e MID16 collegati al Thybus ed abilitati)

DESCRIZIONE PARAMETRO UNITÀ CAMPO DI REGOLAZIONE

Set
Base
Nome di riferimento del rele
Frequenza nominale del rele - fn Hz 50 ... 60 step = 10
50 ... 130 step = 1
Tensione nominale del rele - Un V
200 ... 520 step = 1
Tensione nominale residua del rele ( con misura diretta ) - UEn V 50 ... 130 step = 1
Tensione nominale residua del rele ( con tensione residua
calcolata ) - UECN = 1.73 * Un
50 ... 499 step = 1
500 ... 4990 step = 10
Tensione nominale primaria TV di linea - Unp V
5000 ... 49900 step = 100
50000 ... 500000 step = 1000
50 ... 499 step = 1
Tensione nominale primaria concatenata TV residua * 1.73 500 ... 4990 step = 10
V
- UEnp 5000 ... 49900 step = 100
50000 ... 500000 step = 1000
Modo di lettura delle misure RELATIVO | PRIMARIO
Linguaggio in uso English | Turkish | Russian | Espanol
Ingressi
Ingresso 1
IN1
Logica DIRETTA | INVERSA
IN1 tON
0.00 ... 9.99 step = 0.01
Valore s
10.0 ... 100.0 step = 0.1
IN1 tOFF
0.00 ... 9.99 step = 0.01
Valore s
10.0 ... 100.0 step = 0.1
Reset segnalazioni | Selezione configurazione
| Trigger Guasto | Blocco logico | TCS1 | TCS2 |
Scatto ProtExt | Reset Contatori | Reset CB Mo-
Funzione ingresso IN1
nitor | 52a | 52b | Apertura interruttore | Chiusura
interruttore | Remote trip | 74VT ext. | Consenso
f<-f> | Nessuna
Ingresso 2
IN2
Logica DIRETTA | INVERSA
IN2 tON
0.00 ... 9.99 step = 0.01
Valore s
10.0 ... 100.0 step = 0.1
IN2 tOFF
0.00 ... 9.99 step = 0.01
Valore s
10.0 ... 100.0 step = 0.1
Uscite
K1
Logica DISECCITATO | ECCITATO
NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
K2

NV10P - Manuale - 08 - 2012 137


APPENDICE
DESCRIZIONE PARAMETRO UNITÀ CAMPO DI REGOLAZIONE

Logica DISECCITATO | ECCITATO


NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
K3
Logica DISECCITATO | ECCITATO
NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
K4
Logica DISECCITATO | ECCITATO
NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
K5
Logica DISECCITATO | ECCITATO
NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
K6
Logica DISECCITATO | ECCITATO
NON MEMORIZZATO | IMPULSIVO | MEMORIZ-
Modo di funzionamento
ZATO
Durata minima impulso ms 0 ... 500 step = 5
Led
START
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
TRIP
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
L1
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
L2
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
L3
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
L4
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
L5
Tipo NON MEMORIZZATO | MEMORIZZATO
Uscite analogiche
Current loop 1
Frequenza | UL1 | UL2 | UL3 | UL1avg | UL2avg |
Loop 1 misura associata Loop1-Mis
UL3avg | UE | UL | UEC | U1 | U2 | PLC | Nessuna
Loop 1 campo di uscita Loop1-Range 0-5 mA | 0-20 mA | 4-20 mA
Loop 1 tipo di uscita Loop1-Type Unipolare | Bipolare
Loop 1 moltiplicatore di nominale Loop1-M 0.01 ... 100.00 step = 0.01
Loop 1 polarita morsetti Loop1-Polarity Normale | Invertita
Current loop 2
Frequenza | UL1 | UL2 | UL3 | UL1avg | UL2avg |
Loop 2 misura associata Loop2-Mis
UL3avg | UE | UL | UEC | U1 | U2 | PLC | Nessuna
Loop 2 campo di uscita Loop2-Range 0-5 mA | 0-20 mA | 4-20 mA

138 NV10P - Manuale - 08 - 2012


APPENDICE
DESCRIZIONE PARAMETRO UNITÀ CAMPO DI REGOLAZIONE

Loop 2 tipo di uscita Loop2-Type Unipolare | Bipolare


Loop 2 moltiplicatore di nominale Loop2-M 0.01 ... 100.00 step = 0.01
Loop 2 polarita morsetti Loop2-Polarity Normale | Invertita
Current loop 3
Frequenza | UL1 | UL2 | UL3 | UL1avg | UL2avg |
Loop 3 misura associata Loop3-Mis
UL3avg | UE | UL | UEC | U1 | U2 | PLC | Nessuna
Loop 3 campo di uscita Loop3-Range 0-5 mA | 0-20 mA | 4-20 mA
Loop 3 tipo di uscita Loop3-Type Unipolare | Bipolare
Loop 3 moltiplicatore di nominale Loop3-M 0.01 ... 100.00 step = 0.01
Loop 3 polarita morsetti Loop3-Polarity Normale | Invertita
Current loop 4
Frequenza | UL1 | UL2 | UL3 | UL1avg | UL2avg |
Loop 4 misura associata Loop4-Mis
UL3avg | UE | UL | UEC | U1 | U2 | PLC | Nessuna
Loop 4 campo di uscita Loop4-Range 0-5 mA | 0-20 mA | 4-20 mA
Loop 4 tipo di uscita Loop4-Type Unipolare | Bipolare
Loop 4 moltiplicatore di nominale Loop4-M 0.01 ... 100.00 step = 0.01
Loop 4 polarita morsetti Loop4-Polarity Normale | Invertita
Rele anomalia
Segnala anomalia MINORE NO | SI
Rele Anomalia K1 | K2 | K3 | K4 | K5
MMI
Visualizzazione dati dei moduli Solo moduli selezionati | Tutti i moduli
Selezione configurazione
Configurazione selezionata A | B | By INPUT
Parametri configurazione A
Termica da sonde termometriche PT100 - 26
Sonda PT1
Allarme ThAL1
Abilitazione ThAL1 ThAL1 Enable OFF | ON
Soglia allarme 26 PT1 ThAL1 ^C 0 ... 200 step = 1
Tempo intervento ThAL1
Valore s 0 ... 100 step = 1
Rele allarme ThAL1 ThAL1-K K1 | K2 | K3 | K4 | K5
LEDs allarme ThAL1 ThAL1-L START | TRIP | L1 | L2 | L3 | L4 | L5
Intervento Th>1
Abilitazione Th>1 Th>1 Enable OFF | ON
Soglia intervento 26 PT1 Th>1 ^C 0 ... 200 step = 1
Tempo intervento Th>1
Valore s 0 ... 100 step = 1